Page 1

I.I.S. EUROPA UNITA

Il Maggiolino A cura del Gruppo Integrazione

Numero 5

Dicembre 2013

Disabilità…una parte del mondo, non un mondo a parte

UN MONDO SENZA BARRIERE Si è tenuta il 5 dicembre al PalaRuffini la giornata delle scuole, l’evento clou della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità. Quest’anno la partecipazione ha superato ogni previsione; infatti ben 3500 studenti piemontesi di ogni ordine e grado, hanno partecipato con gioia ed entusiasmo a questo evento che ormai da anni coniuga il divertimento e la riflessione sui temi della disabilità. Il nostro Istituto ha partecipato con le classi 1°A SU, 1°B SU e un altro gruppo di alunni di diverse classi sia della sede che della succursale. La 1A/su, sotto la guida della prof.ssa Ventura, ha preparato una dinamica performance, tratta dal Musical Pinocchio, con Chiara ed Alessia protagoniste. La mattinata è stata un susseguirsi di momenti di spettacolo, musica, sport e divertimento. Tutto è cominciato con i ragazzi di Animaclown ed il gruppo musicale LIBERI DENTRO che con allegria e ritmo hanno accolto gli studenti. Numerosi sono stati i momenti dedicati alla danza della Scuola Fall in Dance di Moncalieri e dell’associazione Ballo Anch’io di Torino. I momenti sportivi sono stati invece gestiti da associazioni che si occupano di avvicinare le persone con disabilità al mondo dello sport: scuola Yoshin Ryu con un’esibizione di Jutaijutsu, antica arte marziale giapponese, HB Torino Uicep (basket) e In questo numero del Maggiolino: Un mondo senza barriere p 1 L’Italia si ferma p 2 Voci di corridoio p 2

Redazione: V. Marconi 6 CHIVASSO Chiara Daniele

Elisa Francesco

Margherita Giada

Roberta Valentina

Ospite d’onore della mattinata è stata CIXI, la giovane rivelazione di XFACTOR 2012 che si è esibita in alcuni brani, di fronte al giovane pubblico portando allegria, freschezza ed una buona dose di energia, letteralmente circondata dai fans per i quali ha firmato centinaia di autografi. Durante tutta la mattina il Dipartimento educazione del castello di Rivoli museo di arte contemporanea ha organizzato sezioni di pittura collettiva a cui hanno partecipato con entusiasmo molte delle classi presenti tra gli spalti. Nel corso della giornata sono stati premiati i lavori del concorso multidisciplinare “TUTTI DIVERSI … TUTTI PROTAGONISTI” che ha permesso ai ragazzi di esprimersi, con fantasia e creatività sui temi del protagonismo individuale, dell’autonomia decisionale e della diversità. Valentina e Giada

Teatro in inglese Sport e fascismo Infanzia rubata Intervista ad Alfredo

CIXI E I SUOI FAN

p3 p3 p4 p4

1


I.I.S. EUROPA UNITA

L’ITALIA SI FERMA Intervista a Valentina

VOCI DI CORRIDOIO…per ridere un po’ I riferimenti a fatti e persone sono puramente voluti

Cosa hai deciso di fare in merito alla mobilitazione di questi giorni? Ho deciso di andare, partecipa un buon numero di studenti della mia classe. Pensi che questo sia il contesto adeguato per una mobilitazione in massa degli studenti? Si, penso che sia proprio il contesto giusto. Non ti sembra che nell’insieme di proteste la richiesta degli studenti possa rimanere inascoltata? Secondo me daranno maggiore ascolto agli studenti rispetto agli altri. Cosa ti aspetti che succeda? Mi aspetto che la nostra voce venga ascoltata e che cambi qualcosa.

La professoressa Libanoro agli alunni: - Svolgete un tema con il seguente titolo: "Se fossi milionario..." Tutti si mettono al lavoro, tranne Emanuele, che comincia a guardare fuori dalla finestra. Dopo un'ora tutti consegnano il loro tema eccetto Emanuele. Allora la prof gli domanda: “ Emanuele, perché non hai fatto niente?” E lui: - Perché è proprio quello che farei se fossi milionario.La professoressa Quiri chiede a Ilaria: - Bene, adesso dimmi come si traduce 'asciugare' Ilaria: - To phon – La professoressa Pinton:- Bene Francesco, devi iniziare una conversazione con GiuliaFrancesco:- Bene prof... allora... ehm... sì, certo: GIULIA WHAT'S YOUR NAME? La professoressa Marangoni a Giada : - Dimmi le preposizioni semplici. - E Giada :- Di , da , in , con ,su, per ,tra,fra.Una compagna le da’ una gomitata nel fianco: – Aaaaaaah!E la prof.ssa Marangoni:- Brava, era proprio quella la preposizione mancante.Il professor Colloca a Francesco in 4B/su: “Quali sono le condizioni indispensabili per la sopravvivenza della razza umana?” Francesco: “Cibo, acqua e senso dell’umorismo” Il prof. Colloca:”E le donne? “ Francesco: ”E’ li che ci vuole senso dell’umorismo.”

2


I.I.S. EUROPA UNITA

Teatro in inglese Il 15 novembre le classi 4A/su e 4B/su hanno assistito, presso il teatro Don Bosco di Torino, allo spettacolo teatrale in lingua inglese : “Grease” .

Il 22 novembre le classi del nostro Liceo sportivo 3^E, 4^E, 4^F e 5^E hanno visitato un’interessante Numerosi cambi di scenografia, costumi mostra a Torino dedicata allo sport nel periodo variopinti e allegre coreografie hanno fascista. Un po’ di storia…..: Con l'avvento del caratterizzato questo musical cantato e recitato fascismo e con la salita al potere di Mussolini interamente in lingua Nonostante i dialoghi nell'ottobre del 1922, inglese. maggiore importanza venne fossero difficili da capire, gli attori/cantanti sono riusciti a coinvolgere il quanto pubblicoloche alla fine dello spettacolo ha potuto intervenire direttamente con riservata allo sport, in stesso movimento fascista nasceva da un bisogno di azione. domande e curiosità. Elisa Mussolini fu il primo politico a dare di sè Mostra “Sport e fascismo” un'immagine di uomo sportivo. L'educazione fisica divenne nel regime fascista strumento di propaganda, poiché agli studenti che conseguivano successi nello sport venivano attribuiti meriti pari, se non superiori, alle altre discipline. Nel 1923 era nata la FIAF, Federazione Italiana Atletica Femminile. Nel frattempo il successo riscosso dallo sport aumentava, la donna sportiva piaceva ed era ammirata, anche se ciò era soggetto a critiche da parte della Chiesa, contraria alla pratica dell'attività sportiva Fisica, fu il primo ente ad occuparsi realmente femminile. La donna sportiva era appoggiata da dell'educazione fisica nelle scuole. alcuni intellettuali fascisti che vedevano Successivamente nacquero l'Opera Nazionale importante per la crescita dello Stato non solo Balilla, che si occupava dell'educazione sportiva l'uomo forte, ma anche la donna forte. dei bambini dai cinque ai diciotto anni, e il GUF, A partire dal 1925 il regime fascista avviò un vasto che riguardava i giovani universitari fascisti. Gli programma di nazionalizzazione del tempo libero, sport fondamentali che venivano praticati erano dai divertimenti agli sport e il primo passo fu la l'atletica leggera, gli sport invernali, il ciclismo, il creazione dell'Opera Nazionale del Lavoro. Nel nuoto, il pugilato, il tiro a segno. In tutta Italia 1936 l'Italia partecipò alle Olimpiadi e conseguì vennero costruiti stadi, piscine e palestre. Dalle ottimi risultati nell'atletica. Tale successo si immagini si è colto come spesso le masse trasformò in un momento di propaganda politica, venissero inquadrate allo scopo di propagandare il in quanto il primato nello sport dava lustro all'Italia regime, senza veicolare quelli che sono i veri e pertanto al regime fascista che era al governo. valori dello sport. 3 L'ENEF, Ente Nazionale dell'Educazione Roberta


I.I.S. EUROPA UNITA

“Infanzia rubata”: le immagini di Lewis Hine

Dal 5 ottobre al 3 novembre le sale di Palazzo Einaudi si sono riempite di fotografie di eccezionale valore storico e artistico scattate da Lewis Hine, per denunciare l’aspetto drammatico del lavoro minorile nell’America dei primi decenni del Novecento. Alcune classi del nostro Istituto hanno visitato questa mostra che documenta il massacrante lavoro dei bambini, sfruttati nelle campagne, nelle industrie e nelle case. Alcuni studenti delle classi 3 e 4A del liceo delle scienze umane hanno inoltre partecipato al relativo concorso indetto dal Comune di Chivasso con elaborati scritti sulle nuove forme di sfruttamento minorile. Il titolo “Infanzia rubata” significa che ai piccoli lavoratori viene tolta la possibilità di imparare a leggere e a scrivere, ma viene anche negato il diritto di giocare ed esprimere le proprie idee. Il lavoro massacrante, tuttavia , non toglie ai bambini il sorriso sulle labbra nei rari momenti di pausa, nonostante sguardi spenti e visi stanchi e sporchi. Il 20 novembre 1989, con l'approvazione da parte dell'ONU della Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia, vi è un tentativo di arginare il fenomeno dello sfruttamento del lavoro minorile. Viene infatti stabilito che i bambini hanno il diritto "di essere tutelati da tutte le forme di sfruttamento e di abuso". Per fermare lo sfruttamento minorile sono state promosse iniziative come la promozione di marchi commerciali (Fair Trade) che garantiscano che un determinato prodotto non sia stato fabbricato utilizzando manodopera infantile. Questi programmi, pur essendo mossi da buone intenzioni, non creano alternative ai bambini attualmente occupati, che si ritrovano così costretti a indirizzarsi verso altre attività produttive, nella maggior parte dei casi più pericolose. Questa mostra ha avvicinato il pubblico e soprattutto i giovani studenti alla riflessione su questa realtà, fondamentale per il futuro delle nuove generazioni e per la società in cui viviamo.

Elisa e Chiara

IL PERSONAGGIO DIETRO LE QUINTE: IL TECNICO ALFREDO

Da quanto tempo lavora nella scuola di questa in particolare? Lavoro nella scuola da 11 anni ed in questa da 3 anni. Di questi 11 anni, 4 anni ho lavorato allo Zerboni, 2 al Giordano Bruno, 1 anno all’Albert di Lanzo Torinese, 1 anno al Newton di Chivasso e 3 anni all’Europa Unita . In questi anni ha notato cambiamenti in ambito tecnologico? Sì, ho notato dei grandi cambiamenti, si utilizzano molto di più i computer sia in ambito tecnologico, sia in quello umanistico. Si usano le lim, lavagne interattive, si trova molto materiale su internet, si iniziano ad usare i tablet e poi si inizia ad usare il registro elettronico. Quali miglioramenti si potrebbero apportare in futuro in questa scuola? Si potrebbero utilizzare di più chat o strumenti come Skipe per aumentare i rapporti tra studenti e docenti. Si potrebbero usare delle piattaforme informatiche per archiviare materiale didattico per gli studenti. Quali sono gli aspetti positivi e negativi nel suo lavoro? Gli aspetti positivi sono il potersi confrontare con i ragazzi e i docenti sia dal punto di vista delle relazioni sia in ambito professionale, mentre gli aspetti negativi sono riferiti soprattutto alla poca attenzione che c’è da parte del ministero e delle altre istituzioni. Viste le tante difficoltà riguardo la linea wifi con relativi problemi di collegamento ad internet quale soluzione adotterebbe? La prima misura adottata è stata quella di potenziare la linea, ma problemi legati a Telecom ci stano impedendo di fornire il servizio. Quali supporti audiovisivi per la redazione può consigliarci? Un programma che posso consigliarvi si chiama Scribus che serve a creare delle riviste e altro materiale editoriale; consente di utilizzare tutti gli standard per accessibilità. E’ un programma che rispetta il concetto di software libero ed è a disposizione di tutti. Serve un monitor di almeno 1920 x 1028 e con un refresh di 80 hertz in modo da non avere fastidi ottici, visivi durante il lavoro. Con il continuo aggravarsi della situazione finanziaria in Italia, sono diminuiti i fondi da destinare alla tecnologia? In ambito pubblico sono diminuiti i fondi mentre in ambito privato sono aumentati. La necessità sarebbe invece quella di investire 4 sulla tecnologia per risparmiare tempo e materiali. Alessia Francesco Roberta

Maggiolino dicembre 2013 doc  

Giornalino scolastico I.I.S. "Europa Unita" - Chivasso

Maggiolino dicembre 2013 doc  

Giornalino scolastico I.I.S. "Europa Unita" - Chivasso

Advertisement