Page 1


www.sischiglia.it

SOMMARIO Istorias de zente balente, de Gavino Maieli

pag. 67

Sa lotta de Pratobello, de Peppino Marotto

» 69

A s’annu benit sabudu una dì…, de Giovanni Bellisai

» 71

Sonnios de poeta, de Giovanni Fiori » 72 Luxi di Amori, de Dante Erriu Copertina: Valentina Cocco

III EDIZIONE ANNO II - NUMERO 3 - 2013 Rassegna di cultura regionale, di ricerche tecnico-scientifiche sulla lingua sarda, di valorizzazione e conservazione di essa. Direttore Responsabile: GAVINO MAIELI Redattori: GIOVANNI FIORI GIANFRANCO GARRUCCIU GIANNETTO LAPIA GIOVANNI PIGA CRISTOFORO PUDDU ANNA CRISTINA SERRA M. ANTONIETTA SEU Direzione e Amministrazione: Via S’arrulloni 28 - 09126, Cagliari c/o Ilienses srl Telefono: 339.8847966 Email: sischiglia@ilienses.com Progetto grafico, Stampa e Pubblicità: Ilienses srl - Cagliari Telefono: 349.2265243 Email: ilienses@ilienses.com Pubblicazione registrata presso il Tribunale di Cagliari, N. 1/12 del 03.01.2012 - ROC n° 22679 Arretrati e Abbonamenti: COPIA SINGOLA € 4,00 ABBONAMENTO ANNUALE € 24,00 Per abbonamenti inviare il pagamento al c/c postale n° 1007464652 intestato a: Ilienses srl Via S’arrulloni 28 - 09126, Cagliari Tutte le collaborazioni alla rivista, ad ogni livello, avvengono a titolo di gratuito volontariato. Il materiale ricevuto, pubblicato o no, non verrà restituito.

» 73

» 74

Seu benniu po si ‘ettìri su soli, de Giovanni Manconi

» 74

Cantigu de pizzinnos in gherra, de Antonio Piras

» 75

Notti chena luna, de Salvatore Mossa

» 75

Sa mere mala, de Antonio Brundu

» 76

Bos hapo dadu, de Giovanni Soro

Is andalas de sa vida, de Rosanna Podda

» 80

Cherjo semenare, de Angelo Maria Mingioni

» 81

Fiamaridas, de Franco Piga » 82 Bagamunda senza domu, de Angelica Piras Che feminas in dolu, de Vittorio Sella

» 83

» 84

Aggi’iscioltu li ‘eli, de Gianfranco Garrucciu

» 85

Aggiu zuccaddu, de Gigi Noce » 86 Sposo promesso, di M. Pina Demontis

» 87

Su soli in prazza, de Giancarlo Secci

» 88

Notte nemiga, de Stefano Arru » 92 Su pasu, de Fabio Angius » 93 Hapo dolu, de Nanni Brundu

» 93

Dia cherrer rier, de Mario Canu » 94 No ispareis, de Enea Danese » 95 Su coro, de Teresa Campus » 95 Misteru, de Mimmia Soro » 96 Ploaghe piaghet, Plaghe non piaghet!, de Paolo Pulina

» 96


Pinuccio Sciola “Le tre pietre” Cagliari (1986/2013)


EDITORIALE

Istorias de zente balente de Gavino Maieli

Medas e sempre importantes sun sas paginas chi ogni populu iscriet in s’istoria sua. A boltas sun cosas minores, chi restan in sa memoria e in su coro de-i cussu populu, ma non pro cussu chena significados e sinnos de tennere a contu; ateras boltas sun cosas mannas, chi restan imprimìdas in sas roccas pro sempre e sempre las contat su ‘entu a chie hat gana e coraggiu de intendere. E de cumprendere. Gai est pro sos mortos de Buggerru o pro sos mortos in gherra, giustu pro ammentare momentos de dolore ma finas, si si podet narrere, de gloria. E gai est bistadu cando han serradu sas tancas e in medas biddas sa zente s’est movida pro si difendere da-e ingiustiscias chi ancora oe semus paghende. Chie contat calchi annu in pius in sa vida sua e hat hapidu in sorte de b’essere, o nessi de sighire die cun die cussu chi est suzzessu in Orgosolo in su sessantotto, ammentat de seguru cantas emoziones sa zente de-i cussa ‘idda est resessida a movere in sa zente de Sardigna, cantas isperanzias si sun abertas sas dies in Pratobello pro una terra cun bases militares e ordinzos de gherra in totue, cando sa zente orgolesa hat dezisu chi sos terrinos comunales non devian bider creschere alvures de morte ma alvures de vida e de paghe. Sa paghe de su tribagliu. Orgosolo est sempre istada fentomada pro istorias de odiu e de sambene. Terra de bandidos, naraian, puru in annos in sos cales propriu da-e cussa ‘idda sun partidos signales de ziviltade, de su dirittu a sos dirittos, de su dovere de narrer de no a sas prepotenzias. Signales fortes chi ateras bidda no haian sa forza de imbolare a su mundu. Cuss’ammentu vivet ancora in su coro

‘e sos sardos, ca sun cussas sas paginas da-e sas cales leare runcu pro abbaidare ainnantis, pro faeddare de giustiscia cherfida e chircada da-e sa zente, non falada da-e sos altos chelos pro sighire a coglionare chie da-e sempre est istadu pesadu a vivere de sas limosinas de sos don e de sos potentes. E finzas oe in medas sighin a vivere de limosinas ca non si resessit a cumprendere chi ebbìa cun su coraggiu de sas bideas, cun su coraggiu de sas cosas giustas, est possibile essere padronos de sa propria vida e de sa propria sorte. S’occasione de ammentare sos fattos de Pratobello nos est dada da-e una poesia de Peppino Marotto chi pubblicamus in custu numeru. Fin annos de cambiamentos, de tentativos de agatare sa dignidade e sa forza de narrer de no a unu modu de vivere chena isperanzias, chena esser custrintos a vivere che canes de isterzu chi su bisonzu ispinghiat a azzettare cussu pagu chi sos padronos de sas terras cunzedian e chi azigu bastaiat a muntennere in pês una familia, su tantu giustu pro non morrer de famine e pro non dever bolare sutta chelos anzenos pro resesser a prendere una die fattu ‘e s’atera. E comente sempre, fin sas poesias, sos cantos, sos testimonzos pius fideles de s’istoria de sos poveros, e sa ‘oghe de Peppino Marotto fit una de sas pius importantes e de sas pius bellas. Tali erano le condizioni, allora. Erano anni di forti emigrazioni, ma anche di grandi fermenti sociali, di grandi attese e di forti speranze in un mondo migliore. Ma soprattutto v’era una diffusa presa di coscienza sui propri diritti, sul diritto allo studio, sul diritto alla salute, sul diritto

- 67 -


al lavoro. Seppure con molte contraddizioni si cercavano nuove forme di vita e di partecipazione, maturava pian piano una nuova coscienza civile e la consapevolezza che tutto ciò che di buono veniva dalla storia era frutto di lotta, era frutto di impegno, e che la rassegnazione non avrebbe mai potuto cambiare le cose. Orgosolo diede in quei giorni esempi grandi di determinazione, di fierezza, di unità, di solidarietà, di coraggio, di civiltà. Parlarne oggi ha senso, visto che certe condizioni di malessere non solo si ripetono, ma si manifestano con maggiore gravità e più forte angoscia, con tassi umilianti di disoccupazione e nuove ondate di emigrazione, ad indicare che le cose non sono cambiate di molto. Ricordare oggi quelle giornate significa capire che soltanto con quello spirito, con la stessa unità, con le stessa determinazione, con la stessa forza d’animo, con la stessa dignità, con la stessa coscienza del proprio diritto ad esserci in modo pacifico ma non per questo meno convinto, si possono modificare le sorti di una terra che non può continuare a vivere con le promesse e le elemosine dei potenti di turno. Le lotte del Sulcis son lì a segnalare la stessa volontà, la stessa disperazione: una disperazione che non può e non deve più essere la colonna sonora della storia di un popolo. Peppino Marotto… Qui si apre un capitolo a parte, per ricordare una delle voci più incisive e più care della poesia sarda. In quegli anni i gruppi a tenores portavano in giro nelle piazze della Sardegna i suoi versi, i racconti poetici della sua terra e della sua gente, della voglia di riscatto dalla miseria senza rinunciare alla dignità, anzi, difendendola con forza, impedendo a chiunque di ferirla se non di sottometterla. Quella voce continuò sino a tarda età a farsi sentire con la sua delicatezza e con la sua saggezza, e forte fu sino all’ultimo il suo impegno sindacale dalla parte del più debole. Parlare di poeta balente riferendoci alla sua opera e alla sua vita sembra più che adeguato e opportuno, basta rileggere le pagine a lui dedicate in “La società del malessere” di Peppino Fiori per

scoprire quanta ricchezza in quella vita, in quel pensiero, quanta “balentìa” (sì, balentìa, una parola alla quale si continua a dare una connotazione negativa, ma ne riparleremo…) nella sua storia, nell’esempio fiero e senza tentennamenti di un’esistenza vissuta fino in fondo per la sua gente. Venne ucciso in un agguato da mani ignote nel 2007. Ma non è morto il suo canto, non è morta la sua poesia. Ha collaborato a S’ISCHIGLIA, e S’ISCHIGLIA qui lo ricorda per non perderne l’insegnamento. Un grande poeta diceva: “Misera la terra che ha bisogno di eroi”. Ma è ancora più sventurata la terra che i suoi eroi li dimentica e li seppellisce per sempre nei cimiteri della rassegnazione. Ecco perché è giusto ricordare Peppino Marotto insieme ai coraggiosi eroi di Pratobello.

- 68 -


S'ISCHIGLIA n° 3 - 2013  

ANTEPRIMA S'ISCHIGLIA n° 3 - 2013 - III Edizione - Editrice Ilienses