Page 1

il Grillo Parlante

il Grillo Parlante

Scuola dell’Infanzia, Primaria & Secondaria 1°

Anno XVI, numero 5 - 5 febbraio 2013

Istituto Comprensivo Statale via Tolstoj scuola dell’Infanzia - Primaria - Secondaria di 1°g Desio

Scuola: istruzioni per l’uso

Ooh!! Consegna pagelle in corso ...

C

F

edeli lettori, 5 febbraio, data temuta da tutti gli alunni, come ogni anno siamo agli sgoccioli e le pagelle stanno per essere consegnate … In questo periodo ci siamo impegnati molto, chi per recuperare voti insufficienti, chi per ottenere un voto decoroso, insomma, pur con obiettivi diversi, abbiamo tutti lavorato sodo. Nelle ultime settimane sono state programmate miriadi di verifiche e interrogazioni, per cui, molti di noi hanno dovuto rinunciare a pomeriggi con gli amici o ad allenamenti sportivi. I genitori, che vogliono essere orgogliosi dei figli, ripetevano quotidianamente di darsi da fare per riuscire a ottenere buoni risultati. L'impegno e la fatica ce l'abbiamo messa tutta: avremo raggiunto gli obiettivi fissati? (Continua a pagina 3)

pagina 1

Attualità

Scuola aperta alla xTni L'atrio

stuzzichini gestito da genitori disponibili;  davanti all'aula di musica c'era una bancarella dove si vendevano sciarpe fatte a mano dalle mamme e i dvd dello spettacolo di canto

iao a tutti, siamo di nuovo qui. Le vacanze, come sempre sono volate e adesso ricomincia il lavoro duro. No, non vogliamo farvi arrivare il morale a 0. Siamo qui per aiutarvi. La scuola è come un elettrodomestico: devi capire come funziona e saper “montare ogni componente”. E' importante che tutti i ragazzi conoscano le “istruzioni” e crediamo che il grillo sia il mezzo più facile per divulgarle.

In occasione dell'Open day del 15 dicembre scorso l'atrio della scuola è stato addobbato in grande stile:  al centro troneggiava il maestoso albero ideato dalla prof Tra(continua a pagina 5) (continua a pagina 2) battoni e realizzato con la collaborazione di noi ALL'INTERNO ragazzi, composto da palle di carta di giornale 4 Torneo di lettura ricoperte da uno strato di carta stagnola colora5 La Giornata della Memoria ta di azzurro e blu, disposte una sopra l'altra 6 Professore e atleta a formare una piramide rivestita da un tulle; 8 Dalla moda alle tradizioni  sul lato sinistro è stato allestito un tavolo 11 Intelligenza (Continua a pagina 2)a rischio? -snack con bibite e


pagina 2

Istituto Comprensivo Statale v ia Tol stoj - Desio

il Grillo Parlante

scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla

Scuola aperta alla xTni

Abbiamo poi chiesto loro qualche impressione:  per me questo laboratorio è interessante e divertente anche perché a volte lavoriamo in gruppo;  io ho scelto questo laboratorio per il piacere di leggere;  non vedo l'ora di andare in aula di lettura dove ognuno potrà leggere un libro di Dahl che poi racconterà alla classe. È un laboratorio che abbiamo sperimentato sulla nostra pelle e che ci ha appassionato molto, perché a molti ragazzi a cui non piaceva affatto leggere si sono divertiti!

Abbiamo raccolto anche alcuni dell'anno scorso: il ricavato ser- commenti dei visitatori: virà per acquistare nuovi mate-  la scuola è bella, peccato che riali scolastici; non funzioni bene il riscaldamento; l'albero è particolare, forse ci sono poche luci; complimenti ai ragazzi che si sono dati da fare!  la scuola, il personale e l'organizzazione sono ottime;  bella, non c'è niente da migliorare;  il clima è accogliente, ma ci sono poche sedie, siamo costrette a sederci sui gradini;  ottimi il cibo e l'esposizione E. Cottini, L. De Rosa & V. Medda - 2^C dei lavori, la professoressa di musica è una grande! Matemagica  la mia impressione è positiva. In questo laboratorio, gestito E. Cottini, L. De Rosa & V. Medda - 2^C dalla prof. Corti, gli alunni eseguono: Lettura  esercizi di matematica sotto  a destra alcuni nostri Al laboratorio di lettura organiz- forma di gioco; “colleghi” vendevano il numero zato dalla prof Morandi parteci-  permutazioni cioè tutti i monatalizio del Grillo; pano solo le prime. di per disporre un insieme di og all'entrata alcuni alunni aveI ragazzi presenti ci hanno spie- getti; vano il compito di accogliere le gato che:  esercizi sulla probabilità cioè famiglie in visita, guidarle nel  nella prima parte dell'anno la possibilità che accada qualcogiro della scuola dando tutte le hanno letto brevi racconti gialli sa. informazioni possibili sul nostro e risolto degli indovinelli per svi- Giocano anche al Tangram: un istituto e distribuire il POF. luppare la capacità di osserva- rompicapo cinese quadrato diviso Abbiamo ascoltato le opinioni zione e di intuizione; in sette parti, il cui scopo è fordello Staff di genitori che hanno  nella seconda parte dell'anno mare figure di senso compiuto collaborato alla realizzazione di approfondiranno la conoscenza di rispettando due regole: questa giornata: un famoso autore della narrativa  non sovrapporre i pezzi;  organizzare questo Open day per ragazzi, Roald Dahl, attra-  utilizzarli tutti. è stato impegnativo, ma coinvol- verso i suoi libri e la storia della I ragazzi con cui abbiamo parlagente; sua vita; to hanno affermato che a loro  siamo soddisfatti del lavoro  l'attività si svolge interapiace molto questo laboratorio svolto; mente a scuola quindi non ci sono perché è un modo divertente di  è stato interessante vedere compiti, perché la prof è convinallenarsi in matematica, il che la partecipazione di molti genito- ta che i laboratori siano fatti non guasta sia per migliorare il ri. per divertirsi e stare insieme. (Continua da pagina 1)

(Continua a pagina 3)


il Grillo Parlante

Scuola dell’Infanzia, Primaria & Secondaria 1°

pagina 3

scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla (Continua da pagina 2)

proprio rendimento scolastico che per risolvere problemi della vita quotidiana. Durante questo laboratorio abbiamo osservato i ragazzi di Matemagica e dobbiamo ammettere che ci siamo lasciate coinvolgere dai giochini che ci hanno trattenuto per un po' nella 2^B. E. Cottini, L. De Rosa & V. Medda - 2^C

Scienze motorie Tra gli alunni impegnati in attività di laboratorio alcuni si sono ritrovati nella palestra della scuola con il prof. Figini Qui si è svolto un torneo di baseball a cui hanno partecipato i ragazzi di prima e terza media. Noi redattori del Grillo abbiamo chiesto qualche parere ai giocatori delle squadre. Andrea e a Stefano di terza non sono molto appassionati di baseball, mentre per Sharoz, Johan ed Alberto è uno dei loro giochi preferiti. A Sharoz, in particolare, piace questo sport perché in Pakistan era abituato al cricket nel quale si usa la mazza come nel baseball. Su una cosa però sono tutti d'accordo: amano fare educazione fisica con il prof. Figini. E. Catena, 2^ C & S. Galimberti, 3^ D

Scuola aperta alla xTni Arte Sono sceso nel laboratorio di arte, dove ogni ragazzo ha estratto il proprio materiale e ha cominciato il proprio lavoro, che consisteva nel disegnare e colorare un'opera d'arte di un pittore famoso con diverse tecniche, tra cui il pastello o il pennarello; più avanti saranno introdotte le tecniche della tempera, dell'acquarello e molte altre. Alcuni alunni di 3^ E si sono cimentati con vari capolavori: da “Natura morta” e “Cesto di frutta” di Caravaggio (Federico e Arianna) a “Notte stellata” di Van Gogh (Sergiu), da ”Dopo il bagno” di Degas (Sara) a “L'urlo” di Munch (Olga) Il prof. Lauria ha anche suggerito come non sbavare con il pennarello: occorre mettere un foglietto sotto la mano con cui si colora. Successivamente ho chiesto agli allievi qualche commento sul laboratorio:  è davvero molto interessante;  è molto bello;  è proprio “artistico” e divertente;  non solo divertente, ma an-

Ooh!! Consegna pagelle in corso ... (Continua da pagina 1)

Ci siamo guadagnati l'orgoglio di mamma e papà? Domani sapremo la risposta a queste domande, ma ora scusateci, dobbiamo andare a vedere la nostra pagella … Ciao!!! Arosio C. 3^D & Colombo E. 3^E

che reso più semplice dalle indicazioni del professore;  il prof è molto bravo e simpatico, ci dà molte indicazioni. Il prof. Lauria, infine, ha spiegato che il laboratorio espressivo è un'opportunità che viene data agli alunni per imparare bene le tecniche pittoriche che alle elementari sono svolte velocemente. S. Cannarozzi, 2^B

Il Grillo Parlante sostiene progetti in Camerun


pagina 4

Istituto Comprensivo Statale v ia Tol stoj - Desio

il Grillo Parlante

scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla

Torneo di lettura

N

on molti amano leggere ma, quest'anno i prof. “hanno trovato uno stratagemma” per avvicinare i loro alunni ai libri: un torneo di lettura, organizzato dalla biblioteca civica di Desio. Le classi 3^ A-C-D della nostra scuola si sono scontrate con classi della scuola “Pirotta”: è nata una sentita ma leale competizione tra studenti. Nel mese di ottobre ci sono stati consegnati 10 libri che dovevamo leggere entro gennaio; ogni classe si è organizzata come meglio credeva: noi, di 3^D, sotto lo sguardo supervisore della prof. Marzorati, siamo riusciti a coordinare con successo gli scambi all'interno della classe. Per quanto riguarda la nostra scuola i partecipanti “sono scesi in campo” i giorni 15/01 (sezioni A-D) e il 16/01 (sezione C) ottenendo risultati soddisfacenti.

M

MMA

MA vuol dire “Mixed Martial Arts”, in italiano “Arti marziali miste”. E’ uno sport da combattimento, a contatto pieno, il cui regolamento consente l'utilizzo sia di tecniche di percussione sia di tecniche di lotta. Una competizione di MMA inizia con il combattimento in piedi che può proseguire a terra: gli atleti possono vincere ai punti, per KO o per sottomissione. Attualmente nel mondo esistono di-

T

Come sempre le bibliotecarie hanno ideato dei giochi molto coinvolgenti come quiz, vero-falso, la scoperta dell'incipit, l'intruso e un difficilissimo cruciverba finale. Le classi A e D sono uscite vittoriose, purtroppo la sezione C ha solo sfiorato la vittoria! Intanto tutti noi siamo curiosi ed ansiosi di scoprire i vincitori ma ...dovremo aspettare fino alla fine dell'anno, quando tutte le classi avranno gareggiato e sarà stilata la classifica finale. Intanto, se vi piace leggere, vi proponiamo alcuni libri tra quelli che ci sono piaciuti maggiormente: 1) Il maestro nuovo (Rob Buyea – Ed.Rizzoli) 2) Il mistero del London Eye (Down Siobhan – Ed. Uovonero) 3) La ragazza che leggeva le nuvole (Elisa Castiglioni Giudici – Ed. Il castoro) 4) Ero cattivo (Antonio Ferrara – Ed. Rizzoli) Congratulazioni a tutti i partecipanti e ... buona lettura agli altri!!! G. Lissoni, G. Sironi-A. & Zazzarini 3^D

verse organizzazioni professionistiche di MMA, la più famosa delle quali è l'americana Ultimate Fighting Championship(UFC); oggi i campioni di questa federazione sono Cain Velasquez, per i pesi massimi, John Jones per i pesi mediomassimi, Anderson Silva, per i pesi medi. E' uno sport bellissimo e appassionante. Io lo pratico da settembre e ve lo consiglio solo se vi piacciono le attività sportive che richiedono scontro fisico, tipo wrestling o boxe. Frequento una palestra di Seregno, che si chiama Accademia Kama, dove mi alleno con un ottimo istruttore e una

“GIUNGLA”

ra le iniziative proposte dalla scuola quest'anno mi ha colpito lo spettacolo ”Giungla”, che è stato rappresentato da Roberto Anglisani. Un solo narratore, nessuna scenografia, una storia che richiede soltanto di viaggiare con la mente. Uno spettacolo che ha catturato l'attenzione e ha coinvolto tutti quanti. E' una vicenda molto toccante che parla di un problema attuale e molto grave: lo sfruttamento e il maltrattamento dei bambini, bambini come anche noi siamo stati, bambini i cui diritti vengono però calpestati. Il protagonista è Muli, un ragazzino straniero venduto dai suoi genitori a Sherekhan, un aguzzino che costringe i bambini a rubare denaro per lui. Spesso Muli viene picchiato perché non porta abbastanza soldi; in realtà parte della sua refurtiva la dà a Nina, una sua compagna

decina di altri ragazzi. Da questo sport ho imparato a controllare la rabbia, avere disciplina, coordinare i movimenti e difendermi in caso di aggressione. D. Dessì, 2^ B

di sventura che gli fa tenerezza perché Sherekhan se la prende sempre con lei. Una notte Muli scappa e, cercando un rifugio, incontra Baloon, un senzatetto che si prende cura di lui e, quando non potrà più tenerlo con sé, lo affiderà a Bagheera, una sua amica immigrata che gestisce un bar e per la quale Muli lavorerà. Muli poi cercherà di salvare Nina e gli altri bambini, rimanendo ucciso in un ultimo scontro con Sherekhan. Il piccolo, quindi, sacrifica la sua vita per liberare i suoi compagni, dimostrando di essere generoso e molto coraggioso. Questa storia ci insegna a non ignorare le ingiustizie e i soprusi che ci circondano, perché l'indifferenza verso chi soffre contribuisce ad aggravare i problemi dei deboli e degli indifesi. S. Salvadori, 2^ B


il Grillo Parlante

Scuola dell’Infanzia, Primaria & Secondaria 1°

pagina 5

scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla scuola DALLA SCUOLA dalla

La giornata della Memoria

N

ella nostra scuola , il 25 gennaio, si è tenuto un incontro tra tutti i ragazzi delle classi terze di Desio in occasione della Giornata della Memoria. Per renderci più partecipi, sono state invitate alcune persone che hanno reso testimonianza del loro vissuto durante il periodo del regime fascista.

crediamo che non molti abbiano avuto il coraggio di compiere gesti come questo sapendo il rischio che correvano. Questa giornata è stata molto toccante perché oltre alla testimonianza della prof. Tagliabue erano presenti dei sopravvissuti dei campi di concentramento e un partigiano che ci ha rac- giornata al ricordo della Shoah, lo contato la sua storia durante la secon- sterminio del popolo ebraico. da guerra mondiale. Una giornata per ricordare che tanti anni fa, durante la seconda guerra Inoltre lunedì 28 gennaio tutte le clas- mondiale, milioni di uomini, donne e si della nostra scuola si sono riunite in bambini sono stati perseguitati con le auditorium per la visione del film leggi razziali e poi strappati alla loro “Jakob il bugiardo” un film molto vita e portati nei lager da dove, solo particolare ambientato nel ghetto di in pochi, sono tornati. Varsavia . È un pezzo agghiacciante della nostra In questo modo abbiamo dedicato una storia ed è importante non dimenticarDopo un'introduzione dei professori la. Brioschi e Gianpaglia, c 'è stata la G. Sironi, 3^D - L. D'Onofrio, 3^ E testimonianza della prof. Tagliabue (un ex insegnante della Rodari) i cui nonni hanno nascosto in casa una famiglia di ebrei nonostante avessero Il Grillo Parlante un parente all'interno della gerarchia sostiene progetti fascista. Questo è un grande esempio in Camerun di coraggio e amore per il prossimo;

Scuola. Istruzioni per l’uso (Continua da pagina 1)

Ricordate: - ingresso a scuola bisogna cercare di arrivare sempre in orario, per non alterare , in prima mattina, i docenti. - utilizzo bagni si deve cercare di evitare le ore vicine agli intervalli. Le ore più giuste, per evitare di essere rimproverati, sono: la 2^ ora del mattino, l'inizio della 5^ e l’inizio della 2^ ora del pomeriggio (cioè le ore lontane dagli intervalli). - organizzazione dei compiti occorre imparare ad organizzare bene il tempo a disposizione in modo da riuscire ad evitare eventuali note. Ad esempio si può occupare un po' di tempo in più nei pomeriggi liberi o in quelli in cui si ha poco da fare per “portarsi avanti”. Può sembrare una cosa inutile, ma in realtà non lo è! - comportamento con gli insegnanti non si deve mai sottovalutare nessuno dei propri professori, perché quando meno te lo aspetti potrebbero svelare

un lato nascosto che non conosciamo. Ad esempio i professori che sembrano tranquilli e gentili possono, tutto ad un tratto, diventare irrequieti e rifilarvi una nota o anche di peggio. - comportamento con i compagni non ci si deve focalizzare sulle amicizie fatte in prima; col tempo i gusti possono cambiare e così anche gli amici. Non ci si deve abbattere se l'amico o l'amica di un tempo non ci considera più, siate positivi e troverete sicuramente un‘altra persona di cui si potrete fidarvi. - comportamento durante le lezioni stare attenti durante le spiegazioni è un grosso vantaggio perché riduce i tempi di studio a casa e, quindi, avrete più tempo libero nei pomeriggi. Ovviamente, cari lettori, siete liberi di seguire o non seguire queste istruzioni, ma noi vi consigliamo di prenderle in considerazione perché sono frutto di tre anni di esperienza e, ormai, noi siamo esperte in questi problemi. Per il resto imparerete a risolvere i vostri problemi col tempo, direttamente sul campo. Vi auguriamo tanta fortuna e buon anno!! Colombo E. 3^E & Lissoni G. 3^D


pagina 6

Istituto Comprensivo Statale v ia Tol stoj - Desio

il Grillo Parlante

& oltre DESIO &OLTRE desio & oltre DESIO & OLTRE desio & oltre DESIO & OLTRE desio & oltre DESIO &OLTRE desio

Professore e … atleta

G

iovanni Casuccio, prof. d'inglese della nostra scuola, dedica molto tempo all'attività sportiva. Ha partecipato a 5 maratone, ognuna lunga 42,195 km; la prima a Reggio Emilia nel 1998; la seconda a Colonia (Germania) nel 2007; le tre successive a Vercelli nel 2008/2010/2011. Preferisce le maratone a Vercelli perché si svolgono ogni 1° maggio intorno alle risaie. Lo scorso anno, a Milano si è svolta una maratona nella quale l'insegnante ha gareggiato per beneficenza: il ricavato è stato devoluto per la costruzione di una scuola a Zanzibar. Durante la maratona a Reggio Emilia e a Colonia gareggiava

accompagnando un ragazzo cieco, entrambi tenevano tra le mani gli estremi di un laccio. Il nostro docente preferisce la corsa al ciclismo perché è meno impegnativa. La passione per lo sport gli è stata tramandata dal padre, ciclista. Pratica questo sport, non solo per tenersi in forma, ma per trascorrere molto tempo all'aria aperta e quando si allena in montagna, scoprire e osservare svariate specie di animali come picchi, serpenti, aquile e camosci. Vorrebbe trasmettere a tutti noi alunni la passione per lo sport che per lui è diventata fondamentale per questo spesso, durante le sue lezioni, ritaglia del tempo per raccontare le sue

esperienze e, nel frattempo, arricchire il nostro lessico in inglese. Inoltre, sostiene che trascorrere del tempo in mezzo alla natura è meglio che passare molte ore davanti alla televisione o allo schermo del computer: voi cosa pensate a proposito? Il nostro professore ci esorta: spegnete la vostra console e indossate le scarpe da ginnastica che avete riposto in cantina molto tempo fa!!! Arosio C., Colombo E. & Zazzarini A. 3^D

Games Week 2012

I

OROSCOPO

l “Games Week” è una fiera di videogiochi che si svolge ogni anno a Milano ed è una tra le più importanti di questo settore. Quest'anno si è svolta il 9-10-11 novembre e sono stati presentati i nuovi prototipi di videogame, i più gettonati sono stati : “Call of Duty Black Ops II”, “God of War Ascension”, “Zombi U” e “Dead Space 3”. Invece in campo di consolle la “Wii U” (nuova console Nintendo di cui la sorella maggiore è la famosissima Wii) l'ha fatta da padrona .

Durante la giornata si sono svolti molti show e alla fine c'è stato anche un concerto RAP di Mondo Marcio, famoso rapper italiano. Naturalmente vi era un negozio che praticava sconti su molti prodotti e vendeva alcuni gadget. Era presente anche uno stand legato a “Il signore degli anelli” con un maxi schermo dove si poteva assistere alla proiezione del nuovo film della saga “Lo Hobbit: un viaggio inaspettato”. Questa esposizione è molto gettonata fra i ragazzi, dato che nella loro vita i

I FEBBRAIO: ACQUARIO

l vostro pianeta è Urano, l'elemento è l'aria, il colore che vi si addice è il blu, la vostra pietra portafortuna è lo zaffiro e i vostri metalli sono lo zinco e l'argento. Siete molto socievoli, infatti adorate comunicare e fare amicizia.

“game” hanno un valore molto importante e al giorno d'oggi ci sono moltissime varietà di videogiochi per accontentare tutti: da quelli di calcio a quelli di guerra , auto etc. È per questo che consigliamo vivamente agli amanti del genere di visitare il “Games Week” dove, ricordiamo, sono presenti postazioni in cui provare i giochi in anteprima. G. Fumagalli & S. Galimberti, 3^D L. D'Onofrio, 3^E

Sapete anche essere disponibili, sinceri, aperti ai cambiamenti e cercate sempre di aiutare il prossimo. Siete anche originali e indipendenti, non a caso una delle vostre passioni sono i viaggi. A. Chelariu, 2^ A


il Grillo Parlante

Scuola dell’Infanzia, Primaria & Secondaria 1°

pagina 7

& oltre DESIO &OLTRE desio & oltre DESIO & OLTRE desio & oltre DESIO & OLTRE desio & oltre DESIO &OLTRE desio

TROPPA TV FA MALE? e si vede troppa televisione, può accadere che da bambini snelli ci si ritrovi adolescenti “over”, maxi, sovrappeso. Secondo gli esperti ogni ora di televisione in più nell’infanzia rischia di provocare un aumento di peso dopo, quando si cresce. I bambini tra i quattro e gli otto anni che guardano per ore la tv, hanno il 75% di probabilità in più di diventare grassi rispetto ai loro coetanei che si limitano ad un’ora soltanto. Non basta: se il piccolo schermo è “purtroppo”, dicono i pediatri, in camera da letto, il telespettatore nel 60% dei casi diventerà un teenager costretto a stare a dieta … Il rimedio non è quello di rinunciare totalmente alla televisione che, in realtà, svolge una vasta gamma di funzioni utili:  informare attraverso i telegiornali su che cosa accade nel mondo;

S

trasmettere programmi molto divertenti come in questo periodo su canale 5 “Avanti un altro” con Paolo Bonolis;  mandare in onda dei film che ci tengono compagnia la sera prima di andare a letto;  proporre documentari istruttivi, che però i giovani non seguono frequentemente;  produrre fiction intriganti come “i Cesaroni”. L’importante è, invece, limitare il tempo trascorso davanti alla Tv e fare delle scelte sia riguardo i contenuti sia riguardo il momento della giornata e per questo dovremmo ascoltare i consigli e rispettare i limiti imposti dei nostri genitori. S. Cannarozzi, 2^B, G. Quartarella & A. Marcassa 2^A

FACEBOOK-DIPENDENTI? hi è il “genio” che ha creato facebook, il nostro social network preferito? Mark Zuckerberg, ex studente di Harvard. Facebook venne reso accessibile a tutto il mondo solo nel 2004. Perché tutti usano Facebook? Perché è un modo veloce per comunicare con i propri amici che permette di inserire foto e link facendo divertire. Ormai moltissimi sono iscritti a questo sito, anche coloro che non dovrebbero esserci perché troppo piccoli. Infatti, purtroppo, si trovano ragazzini immaturi che cercano di apparire più grandi e si iscrivono mettendo foto e link non adatti alla loro età. Per questi “bambini” è molto pericoloso, perché non sanno chi o che cosa si può nascondere dietro lo schermo, chi è veramente la persona con cui “chattano” e corrono il rischio di “incontrare” malintenzionati adulti che si spacciano

C

pagine ispirate a personaggi famosi e di stringere amicizia con molte persone … il limite è di 5.000 amici. Ricordatevi ragazzi, solo se usato in modo corretto può essere un per ragazzi comuni. buon sistema di comunicazione In realtà Facebook offre il modo di gratis! proteggere gli utenti: impostando il Camnasio A., 3^D - 'Onofrio L., 3^E servizio della privacy foto, post e & Marone D., 2^B link pubblicati possono essere visionati solo dalle persone che si conoscono ... peccato che non tutti ne siano a conoscenza e lo utilizzino. Molti ragazzi, addirittura, si iscrivoIl Grillo Parlante no di nascosto perché i genitori sostiene progetti sanno di questo “pericolo” e non in Camerun acconsentirebbero. Il Grillo Parlante Questo è l’aspetto negativo di fb, sostiene progetti in realtà, vogliamo mettere in luce in Camerun anche la sua positività, cioè la possibilità di mettere in comunicazione tante persone, di sentirle e vederle attraverso la “web” anche se che sono lontane. Fb, inoltre, consente di creare


pagina 8

Istituto Comprensivo Statale v ia Tol stoj - Desio

il Grillo Parlante

cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA

DALLA MODA ALLE TRADIZIONI

N

ella nostra rubrica “Fashion & Style” abbiamo presentato nuove tendenze, ma ora ci concentreremo sulle origini delle mode. Ad esempio nello scorso numero vi abbiamo parlato di rasta: questo stile, in realtà, ha una sua tradizione, come i piercing e i dilatatori. Presso popoli dove è nata la tradizione rasta, infatti, le persone professano, come Bob Marley, la religione rastafariana, nata intorno al 1930 in Etiopia. Il rastafarianesimo è collegato all'uso della marijuana che non viene considerata propriamente una droga, ma viene utilizzata per altri scopi: erba medicinale e meditativa, apportatrice di saggezza e ausilio alla preghiera. La maggior parte dei giovani di oggi che si fa i rasta non pensa neanche che possano essere collegati con una religione, quindi è meglio chiamarli con un nome più generico ad esempio dread o dreadlock. Un’altra tendenza molto comune è il piercing, che ormai è entrato a far parte della nostra moda. In realtà i piercing hanno origini antichissime, si pensa addirittura preistoriche, e si sono sviluppati in Africa, India settentrionale, Australia, tra gli Aborigeni, e in America centrale, tra gli Aztechi, dove avevano fi-

Mai Stati Uniti Regista: Carlo Vanzina Produzione: Italia 2013 Genere: commedia Interpreti: Vincenzo Salemme, Ricky Memphis, Anna Foglietta, Ambra Angiolini, Giovanni Vernia Cinque fratelli e sorelle, ignari di essere nati nella stessa famiglia, alla morte del padre vengono convocati dal notaio e, dopo aver scoperto chi sono, ricevono un incarico: devono portare le ceneri del padre in America per incassare un milione

nalità religiose e spirituali. Nelle tribù di questi paesi i piercing hanno lo scopo di distinguere i ruoli assunti da ogni membro, ad esempio i sacerdoti hanno i piercing sulla lingua per comunicare con le divinità. Gli stretching, comunemente chiamati dilatatori, sono anch'essi molto antichi, i primi popoli che li hanno indossati sono stati i Maya, alcune tribù africane e gli antichi Egizi. Adesso sono molto diffusi sopratutto tra i ragazzi: si inizia a dilatare il buco dell'orecchio con delle spirali, per poi arrivare ad avere lobi dilatati fino a circa cinque centimetri, a questo punto non si useranno più le spirali, ma dei bulloni che possono essere vuoti o pieni. Se volete seguire queste mode, nessuno ve lo impedisce (ci mancherebbe altro!), però vi consigliamo caldamente di andare fino in fondo nelle vostre scelte e scoprirne l'origine, così potrete fare nuove ed interessanti scoperte. E chissà se, continuando a copiare culture diverse, arriveremo a metterci degli anelli al collo per allungarlo come fanno alcune popolazioni africane e asiatiche!!! M. Burgio & G. Quartarella 2^ A

di euro ciascuno di eredità. Vengono consegnati loro una busta con i biglietti del volo e dei soldi per poter sopravvivere negli Stati Uniti. Dopo aver affrontato tante peripezie, riescono a tornare in Italia per riscuotere l'eredità, ma il notaio è scomparso.... Per i protagonisti, Nino, Angela, Michele, Carmen e Antonio, l'avventura ricomincia. Consiglio questo film alle persone a cui piace la commedia e che vogliono trascorrere un’ora e mezza di risate: le battute non mancano e gli attori sono piuttosto bravi. E. Catena 2^C


il Grillo Parlante

Scuola dell’Infanzia, Primaria & Secondaria 1°

pagina 9

cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA

film nasce una grande amicizia tra due coetanei, il figlio dell'ufficiale e un ebreo, che però, finisce drammaticamente. Le tematiche affrontate sono diverse: il razzismo, l’intolleranza ma anche l'amicizia che può aiutare a superare ogni differenza. Vorremmo consigliarlo a voi, cari lettori, perché mostra, in modo drammatico, come la realtà possa essere terribile, quali errori può compiere un campo di concentramento dove l’uomo: la coscienza di ciò dovrebbe sono rinchiusi gli ebrei maltrattati e aiutare tutti a non ripetere quanto è ritenuti “diversi e inferiori” dal resto accaduto nel passato. della comunità tedesca. Durante il

Il bambino con il pigiama a righe passato da poco la giornata della

È memoria, tenutasi il 27 gennaio.

Ogni anno la nostra scuola ci propone dei film relativi alla Shoah, tra quelli visti quello che più ci ha impressionato è stato: “Il bambino con il pigiama a righe”. Questo film mette a confronto classi sociali diverse, una famiglia ricca in cui il padre è l'ufficiale nazista che si è trasferito con la famiglia vicino ad

Camnasio A. & Colombo E., 3^D

Il mistero del London eye

P

er tutti gli amanti del genere giallo … un libro appassionante e avvincente che vi coinvolgerà moltissimo ... AUTORE: Siobhan Down ANNO PUBBLICAZIONE: 2011 CASA EDITRICE: Uovo Nero PERSONAGGI: Ted, Kat e Salim Salim decide di recarsi a Londra con

la madre per trascorrere qualche giorno a casa dei cugini Ted e Kat, i quali molto emozionati per questa visita, lo vogliono portare tra le vie londinesi e sul London Eye, grande ruota panoramica dalla quale è possibile ammirare tutta la città. Mentre sono in fila per l'acquisto dei biglietti si avvicina a loro un uomo che gliene offre uno. (Continua a pagina 11)

La chiave dell’alchimista AUTORE: Cristina Brambilla EDITORE: Mondadori a storia parla di Lucilla, un'adolescente come noi, che all'improvviso si deve trasferire con il padre da Milano a Venezia. Appena arrivata nella nuova città, a Lucilla non piace l'ambiente in cui si trova, si fa subito nemico il vicino di casa, però stringe amicizia con sua sorella. Il padre è sempre impegnato a lavorare e così una notte nella camera di Lucilla, mentre il papà non è ancora rientrato, dalla finestra entra un'incredibile

L

creatura: un gargoyle .... Il gargoyle, dal carattere scontroso, racconterà a Lucilla segreti riguardanti suo padre e tra i due nascerà una strana amicizia . Lucilla scoprirà che suo padre è un alchimista e pian piano si troverà coinvolta in eventi sempre più magici e strambi. Il libro è narrato in prima persona e racconta le varie avventure dai punti di vista di Lucilla e del gargoyle. La storia è ricca di a- persone che amano storie dalle mori, colpi di scena,vicende inte- svariate sfumature e che credoressanti . no nella magia. A. Chelariu 2^A Consiglio questo libro a tutte le


pagina 10

Istituto Comprensivo Statale v ia Tol stoj - Desio

il Grillo Parlante

cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA

Anche loro hanno bisogno di affetto gni anno milioni di cani e gatti vengono abbandonati a se stessi e a un crudele destino. Dopo le festività, canili e gattili si riempiono di nuovi ospiti: molti di loro sono regali indesiderati... Esistono delle associazioni, come l'E.N.P.A. (Ente Nazionale Protezione Animali), che si prendono cura di animali in difficoltà. Queste organizzazioni vanno avanti grazie all'aiuto di volontari e di persone che donano cibo, ma

O

I VERI AMICI

L

'amicizia è un sentimento fondamentale che ci accompagna fin da piccoli. Nell'adolescenza in particolare, ma anche nei momenti più difficili a ogni età gli amici ci aiutano a risolvere problemi e a sfogarci e sanno come consolarci. Le vere amicizie durano molto tempo, se non tutta la vita, a differenza delle storie d'amore

che alla nostra età durano pochissimo. Certo non sempre tutto può andare a meraviglia, perché ciascuno di noi ha gusti o pareri diversi e allora ci si trova a litigare, anche per i motivi più banali. Per fortuna tutto si risolve come se non fosse accaduto nulla, cosa molto strana, ma spesso vera, a meno che non si abbia un amico testardo. Per noi adolescenti è impossibile stare Leggimi a colori, clicca senza amici e li dividiamo in due categorie: quelli che ci stanno veramente a per inviare i tuoi articoli cuore e di cui ci icviatolstoj.desio@katamail.com fidiamo e quelli ai quali diamo poca fiducia e

“xTni’s blog”

anche coperte, maglioni e pile da cui si ricavano delle cuccette per la stagione fredda. Inoltre si occupano anche di adozioni. Adottare un animale richiede molte responsabilità, vuol dire impegnarsi al massimo per garantirgli una vita felice e sana. Occorre essere sicuri della propria scelta ed essere in grado di conviverci, ma significa anche fare qualcosa di grande per lui: dargli speranza e un futuro. S. Salvadori 2^ B

nascondiamo dei segreti, ma che allo stesso tempo ci stanno simpatici. Di solito la prima è molto ristretta, formata da persone che conosciamo benissimo e che hanno più o meno i nostri stessi gusti e passioni e, solo guardandoci, capiscono come ci sentiamo. La seconda è formata da persone che conosciamo più superficialmente, di cui ci fidiamo, ma molto di meno. Alcuni nostri coetanei per piacere a un gruppetto diventano qualcun altro, non sono più se stessi e magari, dopo essere stati accettati, capiscono di aver sbagliato e si pentono. Perciò è importante imparare riconoscere gli amici veri, quelli a cui piacete per quello che siete e non per quello che vogliono gli altri, che hanno il coraggio di dirvi quando sbagliate e di essere contenti per voi se siete felici. A. Chelariu 2^ A


il Grillo Parlante

Scuola dell’Infanzia, Primaria & Secondaria 1°

pagina 11

cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA cultura CULTURA

visamente in mezzo a noi, potrebbe essere più brillante e intellettualmente più vivo/a dei nostri colleghi e compagni, con una buona memoria, una vasta gamma di idee e INTELLIGENZA A RISCHIO? una chiara visione delle questioni importanti”. Sarà vero? Noi abbiamo qualche dubbio, infatti la storia ci ha insebbiamo trovato un articolo che ci ha molto incurio- gnato che nei momenti più drammatici c'è sempre stato sito ... speriamo sia lo stesso per voi! qualcuno con idee rivoluzionarie grazie al quale si è potuLo scienziato Gerald Crabtree della Stanford University ta superare una crisi. Perchè non potrebbe esserci uno di sostiene che l'uomo del futuro sarà meno intelligente. quei geni anche tra noi? Il motivo? L'uomo della preistoria aveva bisogno di svi- Mai dire mai...sta a noi provare che... Gerald Crabtree ha luppare l'intelligenza per costruire un riparo, per caccia- torto! Dobbiamo dimostrare che siamo più intelligenti dei re ... insomma per sopravvivere. L'uomo del presente, nostri avi e potremmo cominciare anche subito tra le muinvece, con tutte le comodità di oggi, si sta adagiando e il ra scolastiche a stupire i nostri insegnanti. Forza ragazzi biologo pensa che, con il passare del tempo, perderà in tocca a noi questa volta dare “una lezione”! parte la sua intelligenza. E. Cottini & L. De Rosa 2^C Crabtree afferma: “Scommetto che se un/a cittadino/a medio/a di Atene del 1000 a.C. dovesse apparire improv-

A

NO AI CIRCHI CON GLI ANIMALI

S

aprete sicuramente che tra i mesi di dicembre e gennaio c'è stato il circo a Desio. Magari vi siete anche divertiti ad assistere agli spettacoli, non dimenticate però che alcuni circhi presentano anche aspetti negativi. Proviamo a ripercorrere l'evoluzione del circo, fino ad arrivare ad oggi. Il circo ha origini nell'antica Roma, ma già da prima anche gli Egizi praticavano questo tipo di esibizione. Nell'antichità i circhi non avevano la forma circolare come la conosciamo oggi, ma erano costituiti da due rettilinei separati da una balaustra e collegati da due curve a 180°; il circo moderno è nato circa 150 anni fa, in Inghilterra. Nel circo non possono mancare i clown, i mimi, i giocolieri, gli acrobati, i contorsionisti e i numeri con gli Il mistero del London eye (Continua da pagina 9)

Ted e Kat avevano già contemplato il paesaggio dal London Eye, cedono quindi il biglietto a Salim. I due fratelli seguono con lo sguardo la capsula sulla quale è salito il cugi-

animali. Sono proprio questi ultimi a preoccupare noi e a preoccupare anche molti ambientalisti. Il problema non è solamente che gli animali vengono tenuti in cattività, ma anche il fatto che vengono maltrattati: picchiati, frustati, incatenati e rinchiusi in gabbie piccolissime. Esistono circhi, invece, che rispettano gli animali, perciò non li usano e non li sfruttano. Uno di questi è il “CIRQUE DU SOLEIL”: nato nel 1984 in Canada, è molto grande e infatti ci lavorano ben 3.800 dipendenti, ma è noto soprattutto perché presenta numeri circensi che non utilizzano gli animali. L'obiettivo, a nostro avviso, è che tutti prendano spunto da questo circo e che l'uomo non si serva più degli animali per il proprio

divertimento. Abbiamo saputo che nel circo di Desio non sono stati utilizzati animali, ma questa sarà una scelta animalista o solo un problema economico? Quello di cui siamo sicuri è che gli animali preferiscono restare nel loro habitat piuttosto che essere rinchiusi in gabbia e maltratti, dunque per essere davvero dalla loro parte è necessario che vengano banditi dai circhi per principio e non semplicemente per ragioni economiche. D'ora in poi, prima di assistere a uno spettacolo circense, ricordatevi delle nostre considerazioni! 6

no e dopo 30 minuti la cabina completa il giro, ma … Salim non scende. Aspettano la fine del giro di ogni capsula, ma Salim non c’è. Decidono di far luce sul mistero grazie, anche, all'aiuto della polizia. Ted, giovane autistico con idee originali, si mostra subito attivamente partecipe all'indagine insieme alla sorella

Kat per ritrovare il cugino scomparso. Grazie alle sue intuizioni e alle sue capacità, che fino a quel momento erano state sempre ritenute da tutti un pretesto per allontanarsi dal resto del mondo, riuscirà a capire come si sono svolti i fatti e a trovare Salim.

M. Burgio, A. Marcassa & G. Quartarella, 2^A

Arosio C. & Lissoni G., 3^D


pagina 12

Istituto Comprensivo Statale v ia Tol stoj - Desio

il Grillo Parlante

relax RELAX relax RELAX relax RELAX relax RELAX relax RELAX relax RELAX relax RELAX relax RELAX relax

TROVA LA FRASE NASCOSTA! Cerchiate i nomi dei giocatori presenti nell'elenco ….. con le lettere rimaste comporrete una frase nascosta. Buon lavoro!! V O H N I B O R V E D N A P O G B A

A Z I T O M E A R B E L O A B D E J

Guarin Prince Gargano Doumbia Hazard Ozil Ilicic Ayew Cacia Mexes Sansone

N A B O D R O C P A T O A L O E S U

P N N I C N O S E D O E R A D S S L

E E A B A O G O P U T L E C O S I I

R T N A C N I O E P T I L I C I C O

Aogo Kompany Maicon Higuain Rooney Palacio Gomez Soncin Cavalli Hora Badu

S T D R M A I C O N I S A O A N A C

I I O B O G L E L I A E M Z V S C E

E I M O R R O O N E Y U E I A I I S

Neuer Lavezzi Samuel Nani Oscar Pogba Eliseu Lamela Milito Nando Pirlo

B L E U M A S C P O X E L A L G A A

R A X O R G U A R I N L A O L N T R

A H E D O U M B I A M A T R I E C A

V M S D E E G O N S I M M O B I L E

Roisi Zuniga Lahm Young Arbeloa Pato Totti Dessì Robinho Hulk Insigne

E A E R T N I I C T O H N I T U O C

S V S A N S O N E U E R N D O S D U

O Z A Z A T S N E I J D E R N S I A

L E C A P E C E R O D R U B I N I D

Elia Morosini Oddo Obodo Immobile El Shraawy Capece Cordoba Couthino Handanovic Julio Cesar

K L U H I G U A I N K O M P A N Y R

A T O L M O R O S I N I O D D O O A

G R R T T M I L I T O S S O N G N D

Rubin Alex Cissè Miccoli Van Persie Kagawa Zaza Pandev Cudrado Ibarbo

A O I A Y E W P O A G I N U Z O N O

W B S O A Z C A S I L L A S E R G O

A I H A N D A N O V I C A P I R L O

E L S H A A R A W Y A L V A R G A S

Casillas Song Lodi Vargas Klose Zito Zanetti Toni Obi Matri

D. Marone & D. Dessì 2^B

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE via Tolstoj – DESIO

Elisa COLOMBO

Elisa COTTINI Gaia QUARTARELLA Giorgia SIRONI Giulia CATTAZZO anno XVI^ numero 5 Giulia LISSONI Glauco FUMAGALLI redazione presso Letizia DE ROSA scuola secondaria di 1° grado - Sandro Pertini Lorenzo D’ONOFRIO 2^ A - B - C & 3^ D - E Margherita BURGIO Marta CAMAGNA composta da Samuel ARCURI Alessandro CARPINTERI Aurora ZAZZARINI Sara D’ONOFRIO Alessia PIZZUTO Chiara AROSIO Simone CANNAROZZI Alexandra CHELARIU Davide MARONE FASSOLO Stefano GALIMBERTI Alice BELLASIA Diego DESSÌ Stefano SALVADORI Ambra MARCASSA Eleonora COLOMBO Veronica MEDDA Aurora CAMNASIO Elisa CATENA scuola dell’Infanzia, Primaria & Secondaria 1° grado

IL GRILLO PARLANTE

numero 5, anno XVI - ilGrilloParlante  

Il giornale della scuola secondaria di primo grado "Sandro Pertini" - Istituto Comprensivo Statale via Tolstoj, Desio

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you