Page 1

Il Grillo Parlante

Istituto Comprensivo via Tolstoj

pagina 1

Il Grillo Parlante

Anno 12, Numero 3 - 6 febbraio 2009 Speciale Primaria

Istituto Comprensivo via Tolstoj scuola secondaria di 1° grado “S. Pertini” Desio

Appuntamento col raccordo!

C

he settimana! Tanti ragazzini in visita alla media Pertini per la tradizionale giornata di Raccordo. Ad accoglierli compagni solo un po’ più grandi desiderosi di ospitare, conoscere e stare insieme ai nuovi amici e mostrare loro attività e spazi della scuola. Lo scopo vero è farvi sentire protagonisti e aiutare i più giovani a capire per scegliere. Cosa ne dite, hanno avuto una bella idea i vostri insegnanti? Con la guida del vostro Tutor vi abbiamo chiesto di collaborare ed impegnarvi in lezioni di grammatica, matematica, arte. Il lavoro in aula è momento di apprendimento delle discipline, è momento significativo e irrinunciabile facilitato dalla mediazione dei prof. Il laboratorio certo è luogo privilegiato in cui si realizza una situazione di apprendimento che coniuga conoscenze e abilità specifiche. Le attività di laboratorio hanno una dimensione operativa e progettuale; sono occasione per scoprire, il gruppo classe deve agire non solo ascoltare. I prof. vi hanno chiesto di interagire nelle varie situazioni proposte, vi hanno invitato a ricercare, raccogliere, rielaborare utilizzando in modo efficace

Attualità

Le attività del

Progetto RACCORDO

V

enerdì 21 novembre, ci siamo recati, con le nostre insegnanti, presso la scuola secondaria di primo grado ―Sandro Pertini ― per visitare l’edificio scolastico e svolgere alcune attività laboratoriali previste dal ―Progetto Raccordo‖. Giunti alla scuola media, ci hanno accolto i ragazzi della classe II D, con le insegnanti De Notaris e Di Santo. A ciascuno di noi è stato abbinato un compagno con il ruolo di tutor e abbiamo visitato gli spazi della scuola; gli alunni più grandi, di volta in volta, ci hanno spiegato le modalità di utilizzo dei vari ambienti. Durante la mattinata, siamo stati divisi in tre gruppi cia-

scuno dei quali ha svolto due delle tre attività proposte: dei giochi linguistici, degli esperimenti scientifici e delle produzioni pittoriche realizzate con la tecnica della stampa.

linguaggi verbali, iconici, sonori. E’ stata per tutti una giornata intensa, forse per certi aspetti è sembrata un bel gioco. Ma dobbiamo capire che il ―Gioco‖ è piacere e immersione, il gioco è conoscenza e il piacere è accumulo di energie. Nel divertimento c’è serenità. Speriamo di essere riusciti nell’intento e di essere riusciti con questa piccola esperienza ad incrementare la vostra curiosità e la voglia di conoscere. E voi alunni della Pertini, avete compreso l’importanza della vostra collaborazione? Ciascuno di voi è stato posto in condizione di valorizzare appieno le proprie capacità e potenzialità. Siete stati bravissimi, avete con semplicità, abilità e competenza aiutato gli insegnanti e siete stati guida preziosa per i ragazzi di quinta. Grazie a tutti … e ai più piccoli un arrivederci a presto. Adriana Trabattoni vicaria

(continua a pagina 3

ALL'INTERNO

2

Puliamo il mondo

3

V^A – 2^D: impressioni

8-9 Progetto Gerusalemme 10 11

In classe con la Pigotta Ricordi dalla “Pertini”

(Continua a pagina 3)


pagina 2

Istituto Comprensivo via Tolstoj

Il Grillo Parlante

primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj

PULIAMO IL MONDO … COMINCIA DA DESIO

L

a maggior parte degli alunni della nostra classe e alcuni ne considerazioni.

scolari di quarta si sono dati appuntamento alle ore 9.00 di sabato 27 settembre davanti all’ingresso principale del parco che circonda la Villa Tittoni per partecipare all’iniziativa ―Puliamo il mondo‖ promossa da Legambiente

Il sindaco, che ha apprezzato questa iniziativa, ha voluto scattare una foto ricordo con la nostra scolaresca. In seguito, accompagnati da genitori e insegnanti, siamo entrati nel parco e, a piccoli gruppi, abbiamo iniziato la raccolta. Il parco non era eccessivamente sporco, ma abbiamo trovato tantissimi mozziconi di sigarette, parecchie cartacce, numerosi tappi di bottiglia e dei cocci di vetro. Accanto al muro di cinta che separa il parco dalla miniera di Pio Mariani, Valeria ha rinvenuto un frammento di minerale; l’attenzione di Sofia è stata, invece, catturata dal calco di un’arcata dentaria tra i ciuffi d’erba; Matteo ha raccolto la lente di un paio di occhiali e anche quest’anno sono stati rinvenuti dei calzini, due felpe, la visiera di un cappello e una scarpa. Purtroppo abbiamo recuperato anche dei rifiuti tossici e pericolosi come alcune pile usate e una siringa. Nel corso della mattinata, la mamma di un nostro compagno ha scattato alcune foto con le quali abbiamo realizzato un cartellone per documentare la nostra partecipazione all'iniziativa. A metà mattina, abbiamo fatto una pausa e abbiamo consumato una bevanda, a base di latte e cacao, offerta, come ogni anno,

con la collaborazione dell’amministrazione comunale di Desio. Ad accoglierci c’erano le nostre insegnanti, il sindaco, Giampiero Mariani, e l’assessore all’Ecologia e Ambiente, Biagio La Spada. Abbiamo indossato una maglietta con la scritta ―Puliamo il mondo …. cominciamo da Desio‖, abbiamo infilato i guanti per proteggerci le mani durante la raccolta e ci siamo dotati di attrezzi e sacchetti per raccogliere i rifiuti in modo differenziato. La mamma di un nostro compagno, che svolge la funzione di rappresentante di classe, ha informato il sindaco che le nostre insegnanti, per quel fine settimana,ci avevano assegnato il compito di rileggere, con i genitori, la lettera che il primo cittadino ha inviato a tutti gli studenti di Desio e di esprimere alcu-

da una delle ditte che hanno sponsorizzato l’iniziativa. Al termine della raccolta, abbiamo ammucchiato sacchi e contenitori vicino al cancello dell’ingresso principale del parco. Dalla primo anno della scuola primaria, noi abbiamo sempre aderito numerosi a questa giornata di volontariato che riteniamo valida in quanto consente di unire l’attenzione e il rispetto per l’ambiente con la gioia di stare insieme in un contesto diverso dall’ambiente scolastico. Purtroppo, abbiamo constatato che molte scuole non partecipano a questa importante iniziativa. Speriamo che in futuro la situazione possa cambiare! alunni classe V^A scuola primaria via Tolstoj


Il Grillo Parlante

Istituto Comprensivo via Tolstoj

pagina 3

primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj

Le attività del PROGETTO RACCORDO

Nel pomeriggio, si costituiti due gruppi che hanno partecipato ad una lezione di musica e ad un’altra di lingua straniera. Tutte le attività laboratoriali a cui abbiamo preso parte sono state condotte dai professori delle medie, gli insegnanti De Notaris, di lettere, Margaritora, di matematica e scienze, Trezzi, di arte, Godino, di musica e Casuccio, di inglese e tedesco. Durante l’intera giornata, siamo stati affiancati dai nostri tutor che ci hanno guidato ed aiutato.

Il Grillo Prlante sostiene progetti in Camerun

classe V^ A - scuola primaria di via Tolstoj

Ciascuno di noi ha poi scritto le propri considerazioni sull’ esperienza svolta

Q

uando la maestra mi ha dato la notizia che saremmo andati a visitare la scuola media, ero preoccupata perché ho pensato che ci avrebbero proposto delle attività difficili che io non sarei stata in grado di affrontare. La mia tutor si chiama Mileny; io pensavo che non mi spiegasse niente, invece giunti in ogni aula, mi diceva quali attività vi si svolgevano ed era molto simpatica. L’insegnante di lettere, De Notarsi, è molto disponibile e, quando ero in difficoltà, mi dava spiegazioni. La professoressa Margaritora è più seria, ma risulta ugualmente simpatica. La professoressa Godino mi ha insegnato a cantare tenendo il tono di voce alto ed è stata molto gentile. Ho svolto anche un esperimento di scienze relativo alla fermentazione ed un gioco di parole con dei cruciverba. Queste attività mi sono sembrate semplici, ma interessanti. La scuola è bellissima; l’aula che mi è piaciuta di più è la camera oscura del laboratorio di fotografia Questa esperienza mi ha divertito ed è stata entusiasmante. Valeria

I

l giorno in cui ci siamo recati alla scuola media,mi sentivo emozionato perché non conoscevo né la scuola né gli insegnanti. Il mio tutor si chiama Alessandro Riva e mi è parso simpatico e disponibile; infatti mi ha aiutato ad eseguire i lavori proposti e mi ha spiegato le attività che si svolgono nei luoghi dove il mio gruppo si recava. I professori mi sembrano preparati e simpatici. Tra le attività che abbiamo svolto, mi è parsa interessante soprattutto quella di lingua straniera con il professor Casuccio. La scuola è mi è piaciuta; le aule sono molto belle, spaziose e luminose. Questa esperienza è stata molto positiva; inoltre, durante gli intervalli, ho incontrato molti amici che l’anno scorso erano in quinta e mi sono divertito con loro. Matteo C

uando la maestra ci ha dato l’avviso della visita alla scuola media, io ero entusiasta di affrontare questa esperienza. Arrivati a destinazione, non vedevo l’ora di conoscere la mia tutor. Sono stata affiancata da una ragazzina che si chiama Roberta ed è molto simpatica e carina. All’inizio ero nervosissima e agitata, ma la sua presenza mi ha rassicurato. Nel laboratorio di arte mi sentivo intimidita e, per questo non parlavo molto e non chiedevo spiegazioni; in quello di scienze, quando ero interpellata, tenevo un tono di voce basso; così, se avessi sbagliato, non se ne sarebbe accorto nessuno. Quando mi sono offerta di soffiare dentro una pipetta di vetro, per un esperimento, ero ancora molto nervosa perché temevo di non riuscire. Durante la lezione di musica, ero un po’ più tranquilla e mi sono divertita anche durante la lezione di inglese. La scuola mi è piaciuta molto, in particolare la camera oscura del laboratorio di fotografia.

Q

(Continua a pagina 4)


pagina 4

Istituto Comprensivo via Tolstoj

Il Grillo Parlante

primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj Gianluca

(Continua da pagina 3)

E’ stata una bella esperienza e mi sono divertita molto.

Q

Sofia

uando dovevo andare alle medie, mi sentivo felice di affrontare una nuova esperienza e, allo stesso tempo,preoccupato perché non conoscevo nessuno e avevo pura che il mio tutor fosse antipatico. Inoltre temevo che mi facessero fare attività difficili, invece non è stato così. Il mio tutor si chiama Manuel, mi sembrava simpatico, anche se spesso gli insegnanti lo richiamavano perché faceva lo sciocco. Avevo paura anche dei professori perché non sapevo chi fossero, però quando li ho conosciuti, mi sono parsi gentili, disponibili e competenti. Appartenevo ad un gruppo che ha svolto le attività di stampa e di scienze oltre a musica e inglese. Queste attività mi sono piaciute molto: le ho trovate interessanti e divertenti. La scuola mi è sembrata bella e accogliente. Mi è piaciuta molto la palestra e un po’ meno l’aula di scienze. Questa nuova esperienza mi è parsa interessante e coinvolgente e spero che anche mia sorella possa farla tra qualche anno, quando frequenterà la quinta.

lla scuola media ho svolto delle attività che mi hanno divertito. Sono state abbastanza semplici, tranne le esercitazioni di inglese. La mia tutor si chiama Andrea, come me, e la coincidenza mi ha fatto sorridere. Anche se mi ha aiutato, non l’ho trovata né simpatica né antipatica perché era timida e si vergognava. Gli insegnanti mi sono parsi preparati e disponibili. La scuola è molto attrezzata e grande. Questa esperienza mi è sembrata divertente.

Federico

A

Andrea

I

l giorno in cui siamo andati alla scuola media, mi sentivo spaventato perché non conoscevo quasi nessuno e temevo di fare brutta figura. Il mio tutor si chiama Alessandro Medda ed è un bambino simpatico. I professori mi sono sembrati preparati e gentili perché , se non sapevo qualcosa, mi aiutavano. Le attività che ho svolto erano divertenti; quella che ho preferito è stata musica con la professoressa Godino che mi ha insegnato la canzone ―Se sei felice‖ La scuola mi è sembrata bella; lo spazio che mi è piaciuto di più è l’aula di scienze perché è molto attrezzata. E’ stata una bella esperienza e spero di avere questi insegnanti anche l’anno prossimo.

uando la maestra ci ha dato l’avviso che dovevamo andare a visitare le scuola media, mi sono sentita emozionata perché non conoscevo la scuola e gli insegnanti con cui avrei lavorato; temevo inoltre di fare brutta figura. Il mio tutor si chiama Sara; all’inizio io ero molto timida e non le parlavo; in seguito, però mi sono aperta e ho stabilito con lei un buon rapporto. Gli insegnanti sono preparati: alcuni li conoscevo già perché mio fratello frequentava quella sezione. Le attività mi sono piaciute tantissimo e mi sono sembrate molto divertenti, soprattutto la lezione di canto con la professoressa Godino. La scuola mi è sembrata bella, però è talmente grande che temevo di perdermi. Spero comunque di potermi iscrivere in questo istituto.

Q

Debora

Davide

V

enerdì 21 novembre, quando mi stavo incamminando per andare alle a medie, mi sentivo felice, ma anche un po’ teso : mi aspettavo una giornata divertente, ma piena di sorprese . Ero guidato da un tutor che si chiama Marco Vezzola ; era gentile e disponibile e mi aiutava in modo non pedante, ma scherzoso .Ho conosciuto alcuni insegnanti che mi sono sembrati tutti molto preparati .. L’attività di stampa e i ―giochi con le parole‖ mi sono sembrati molto interessanti, come le esperienze che ho affrontato nel pomeriggio: musica e inglese. La scuola mi è parsa molto grande, l’aula che mi è sembrata più attrezzata è quella di scienze La giornata mi è piaciuta molto e si è svolta come me l’aspettavo.

Q

uando ci stavamo preparando per andare alle medie, ero preoccupata perché pensavo che gli insegnanti fossero severi. (Continua a pagina 5)


Il Grillo Parlante

Istituto Comprensivo via Tolstoj

pagina 5

primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj

vità mi sono parse interessanti. Il mio tutor si chiama Yasmine ed è una bambina straniera che L’esperienza è stata stupenda!!! però parla bene l’italiano e che mi ha aiutato nelle varie attività. La scuola mi è sembrata molto attrezzata e gli insegnanti preparati e pazienti. Sono molti gli spazi che mi sono piaciuti . Nell’aula d’inglese abbiamo imparato cose nuove. Il laboratorio di scienze è molto attrezzato e vi abbiamo svolto un interessante esperimento sulla presenza di CO2. Nell’aula di musica abbiamo cantato e nel laboratorio di stampa abbiamo realizzato il disegno di un bambino utilizzando un tubetto di tempera come se fosse un pennello. Questa esperienza mi è sembrata molto interessante ed educativa. Spero che anche noi, quando saremo in seconda media, accoglieremo i bambini delle elementari e faremo loro da tutor. (Continua da pagina 4)

Anita

Elena

I

o mi sentivo a disagio il giorno in cui mi sono recato alla scuola media perché non conoscevo il luogo in cui sarei andato e perché temevo di fare brutta figura. Il mio tutor si chiama Riccardo e mi è sembrato buono e gentile. Gli insegnanti mi sono parsi simpatici e disponibili. Io appartenevo ad un gruppo che prima ha eseguito un esperimento di scienze e poi dei giochi linguistici. Al pomeriggio abbiamo svolto attività di musica e inglese che mi sono sembrate semplici e simpatiche. All’ultima ora, ho fatto lo sciocco con l’insegnante Godino perché non volevo cantare. La scuola è molto bella e accogliente; mi è piaciuto soprattutto il laboratorio di scienze.

I

l giorno 21 novembre ero molto emozionato perché avrei incontrato delle persone che non conoscevo. Mi aspettavo lavori più lunghi e difficili, ma poi le attività che ho svolto mi sono parse abbastanza semplici, ma interessanti. Mi è piaciuto soprattutto lavorare nel laboratorio di arte e di scienze. Ho conosciuto molti insegnanti che mi sono sembrati simpatici e preparati. La scuola è molto attrezzata e ben organizzata. Le attività del Cleverton Progetto Raccordo sono state, nel complesso, molto divertenti e non vedo l’ora di frequentare la scuola media. Emiliano

Q

uando sono andato alle scuole medie, ero molto agitato perché mi aspettavo attività molto difficili e temevo di non capire. Il mio tutor è un ragazzo di none Giuseppe Giotto; era molto simpatico e mi ha aiutato molto spiegandomi ciò che non sapevo. Io credevo che gli insegnanti fossero severi,ma in realtà sono stati molto simpatici. Le attività erano molto divertenti e la scuola è molto grande; i locali più attrezzati sono la palestra, l’aula d’inglese e le aule di informatica 1 e 2. Mi aspettavo di svolgere una lezione di educazione motoria, d’informatica, d’inglese nel laboratorio dove si ascoltano i dialoghi usando le cuffie. Marco

Q

I

l giorno in cui siamo andati alla scuola media, ero curiosa di sapere come fosse questo edificio e come fossero organizzate le attività, ma, nello stesso tempo,mi sentivo agitata e intimidita. Il mio tutor, che si chiama Claudio, era molto simpatico. All’inizio non parlava molto, ma, quando ero in difficoltà, mi aiutava; mi è stato d’aiuto soprattutto nelle esercitazioni di lingua italiana. Le professoresse De Notarsi, di lettere, e Godino, di canto, sono molto simpatiche, ma altrettanto bravi sono gli insegnanti di lingua inglese e tedesca e di scienze. Ho partecipato ai laboratori di scienze e di lettere e queste atti-

uando la maestra mi ha avvisato che dovevamo fare una visita alle scuole medie, mi sono messo a piangere dalla paura perché non conoscevo il luogo e le persone ed avevo timore di sbagliare ad eseguire le attività proposte. Non sapevo anche che tutor mi sarebbe stato affiancato e temevo di avere a che fare con un bullo che mi facesse i dispetti. Tre giorni dopo, ci siamo recati, di mattina, alla scuola media e, come tutor, ho avuto un bambino che si chiama Gabriel; era gentile e tranquillo perciò sbagliavo quando pensavo male della mia guida. Io ho svolto con piacere tutte le attività soprattutto i giochi di parole e ho ricevuto anche i complimenti dell’insegnante perché ho dato prontamente le risposte esatte. (Continua a pagina 6)


pagina 6

Istituto Comprensivo via Tolstoj

Il Grillo Parlante

primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj

pra, sono riuscita a disegnare un volto: che bello!! Dopo aver cantato, nell’aula di musica, ho svolto delle esercitazioni di lingua inglese che mi sono sembrate più difficili. La scuola è fantastica, però è anche un piccolo labirinto di aule e laboratori. Questa esperienza mi ha permesso di capire che la scuola media non è terribile, ma divertente; frequentarla mi permetterà di fare un passo avanti nella mia vita. Monica

(Continua da pagina 5)

Mi sono divertito anche a cantare con la professoressa Godino. Gli insegnanti mi sono sembrati simpatici e gentili, ma la professoressa Margaritora è stata un po’ severa e mi ha rimproverato perché ho lanciato il palloncino, che stavamo utilizzando, ad una alunna anziché porgerglielo più educatamente. La scuola mi è sembrata molto grande e con tanti spazi attrezzati. Io però l’anno prossimo vorrei restare alla scuola elementare. Samuele

I

l giorno prima della ―grande‖ esperienza della visita della scuola media, di cui le maestre ci avevano già parlato, mi sentivo ansiosa di scoprire qualcosa di nuovo, ma anche preoccupata di fare delle figuracce con le ―severe figure‖ chiamate professori. Allo stesso tempo però, speravo di poter svolgere delle attività divertenti e così è stato. Per fortuna, c’era la mia tutor che si chiama Clara e che mi ha aiutato. Lei è molto timida, ma gentile e simpatica e mi ha dato una mano ad ambientarmi parlandomi di ciò che si fa in ogni aula, ma senza diventare una specie di ―maestrina‖. Gli insegnanti poi non mi sono sembrati assolutamente terribili, ma, al contrario, si sono rivelati simpatici e ci hanno guidato in tutte le attività anch’esse divertentissime!! Erano previste molte esperienze però, purtroppo, non ho potuto farle tutte, ma solo alcune. Ricordo i fantastici esperimenti di scienze tra cui uno con un reagente con uno strano nome: idrossido di bario! Ho partecipato poi anche al laboratorio di stampa e, con un tubetto di tem-

Atmosfera: questa sconosciuta

I

l giorno in cui si sono svolte le attività del ― Progetto Raccordo‖, mi faceva male lo stomaco per l’emozione, ma ero contento di visitare una scuola nuova. Il mio tutor era simpatico; si chiama Andrea Mattavelli e mi ha aiutato molto, in arte, in scienze, in inglese e in musica. Gli insegnanti li conoscevo di già perché mio fratello ha frequentato la scuola media Pertini nella stessa sezione che ci ha accolto. Mi sono sembrati bravi a insegnare, gentili e simpatici. L’attività di stampa con la Trezzi mi è parsa fantastica; ho realizzato una figura umana : con le conchiglie ho fattola faccia e i capelli , con la spugna le scarpe, col pennello il corpo. La professoressa mi ha riconosciuto perché sono simile ad Andrea. Gli esperimenti di scienze mi sono piaciuti: li ho trovati interessanti. La professoressa Margaritora è molto brava e spiega in modo chiaro ed esauriente. L’insegnante d’inglese e di tedesco, il professor Casaccio, è anche lui competente e spiega bene: inoltre le attività che ci ha proposto erano semplici. Musica è una materia molto coinvolgente e la professoressa Godino è bravissima a suonare il pianoforte. La scuola è molto grande con aule che non sapevo esistessero. Mi aspettavo di svolgere delle attività in palestra o di andare nel laboratorio d’inglese, con le cuffie. Matteo M

I

l giorno in cui ci siamo recati alla scuola media, ero molto preoccupata perché temevo di non essere in grado di eseguire i lavori proposti dai professori. Il mio tutor si chiama Martina, una ragazza estroversa molto simpatica della classe 2D che mi dava spiegazioni e rispondeva alle mie domande mostrandomi i vari spazi dell’istituto. La professoressa De Notarsi ci ha spiegato che è stata molto stupita dalla disponibilità dei suoi alunni che le hanno proposto di mostrare ai ―futuri studenti‖ le aree riservate alle varie materie. (Continua a pagina 7)


Il Grillo Parlante

Istituto Comprensivo via Tolstoj

pagina 7

primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj (Continua da pagina 6)

Dopo una breve visita, ci siamo suddivisi in tre gruppi per svolgere alcune attività laboratoriali; il mio gruppo si è recato nell’aula di scienze insieme alla professoressa Margaritora per fare un esperimento:è stato molto divertente scoprire che il lievito è un piccolo fungo che si nutre di zucchero. In seguito, insieme all’insegnante De Notaris, ho partecipato ad un laboratorio chiamato ―giochi con le parole‖ e mi sono divertita ad eseguire cruciverba e parole crociate e a creare parole di senso compiuto, cambiando una lettera ad alcuni termini riportati su una scheda. Nel pomeriggio, abbiamo svolto attività di canto con la professoressa Godino e, per un laboratorio di lingua inglese, con il professor Casaccio. Purtroppo l’ora d’inglese è finita troppo in fretta: mi stavo proprio divertendo! I professori sono molto bravi e simpatici e spero di rincontrarli l’anno prossimo. In quanto ai laboratori, vorrei utilizzare il laboratorio di fotografia ed entrare nella camera oscura. Federica

I

l giorno in cui mi sono recato alle medie, mi sentivo agitato ed emozionato perché entravo in una nuova scuola e avevo paura di fare brutta figura; inoltre temevo di essere affiancato da un pessimo tutor. Il mio‖angelo custode‖, Alberto,invece era molto bravo e mi aiutava quando ero in difficoltà. I professori che mi sono parsi più simpatici sono la professoressa De Notaris, il professor Casuccio e la professoressa Trezzi, Comunque anche gli altri mi sono sembrati preparati. L’attività ―giochi con le parole‖mi è sembrata facile; il lavoro con la tecnica della stampa è risultato molto divertente, mentre le esercitazioni di lingua straniera mi sono parse difficili; infine mi è

piaciuto molto fare musica con la professoressa Godino che ci ha insegnato un canto. La scuola mi è piaciuta molto perché le aule sono ben attrezzate. Questa esperienza mi ha entusiasmato e le attività mi sono sembrate interessanti e divertenti. Sono sicuro che mi piacerà molto frequentare, il prossimo anno, la scuola secondaria di primo grado S. Pertini. Luca classe V^ A scuola primaria di via Tolstoj

Tante novità sul sito de “Il Grillo Parlante on line” Per leggerci devi cliccare su http://scuola.repubblica.it/ scegliere scuole medie inferiori Lombardia — Milano e cercarci tra le scuole segnate oppure http://scuola.repubblica.it/lombardiamilano-icviatolstojmediapertini/


pagina 8

Istituto Comprensivo via Tolstoj

Il Grillo Parlante

primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj

Progetto Gerusalemme unedì 1 dicembre, la signora Adriana Sigilli con l’aiuto di un filmato ci ha illustrato il ‖PROGETTO GERUSALEMME‖ sostenuto dai comuni di Desio, Agrate Brianza, Besana in Brianza, Bovisio Masciago, Cesano Maderno, Nova Milanese, Varedo e Vimercate e dall’Associazione ―Oasi di pace‖ La signora ci ha spiegato che la popolazione di Gerusalemme è formata da israeliani, palestinesi, drusi … che professano diverse religioni e che cercano di convivere e coesistere nonostante le differenze. Inoltre i bambini in Terra Santa sono protagonisti inconsapevoli del conflitto mediorientale e vivono costantemente in un clima di tensione e di paura. La città di Gerusalemme è separata dalle città palestinesi dalla costruzione di un muro che sta dividendo famiglie, separando le abitazioni dalle scuole, dagli ospedali, dalle parrocchie e ciò non contribuisce a creare relazioni di amicizia.

L

In alcuni quartieri i giovani vivono, con le famiglie , in vecchie case cadenti in un grave degrado fisico e sociale e trascorrono molto tempo per strada spesso vittime dalla tossicodipendenza e dell’alcolismo. Il progetto prevede la realizzazione, presso la parrocchia San Salvatore di Gerusalemme, nel quartiere di Bethanina, di un centro di aggregazione giovanile, una struttura al coperto dove i bambini potranno svolgere attività ricreative , praticare degli sport ed essere educati alla conoscenza e al dialogo, nel rispetto della propria religione e provenienza. Al termine del suo intervento, la signora Adriana ha chiesto a ciascuno di noi di scrivere un breve messaggio di pace da inviare, tramite email, l’associazione ―Oasi di Pace‖, che lo farà poi pervenire ai ragazzi Ecco i nostri scritti

Io auguro ai bambini della terra santa e alle loro famiglie di ritrovare la serenità e la speranza nel futuro che solo la Pace può dare. Vorrei che la venuta del Signore portasse l’amore nel cuore di tutti gli uomini.

Gerusalemme è la città santa, il luogo “dove tutto è cominciato”, il punto che accomuna diverse religioni, la terra di culto per antonomasia, ma è anche la terra dei conflitti e della convivenza difficile. Mi chiamo Federica e sono una bambina occidentale che ha la fortuna di vivere in modo dignitoso, lontano da guerre e conflitti sociali. Sono felice che qualcuno prenda a cuore i problemi dei bambini di Gerusalemme e spero che l’ attuazione di questo progetto favorisca il dialogo e la civile convivenza tra i popoli che professano religioni diverse. La pace si costruisce anche promuovendo l’aggregazione giovanile attraverso lo sport e le attività ricreative che diventano così un modo per creare il dialogo e l’amicizia tra i popoli, dando l’opportunità di conoscere per non discriminare. Spero che tutto il mondo riconosca la pace come unico valore profondo

Andrea

Spero che Gesù aiuti tutti i governanti ad impegnarsi per costruire la pace.

Samuele

Sono un bambino che vive in una cittadina europea; l’augurio che voglio fare ai bambini di Gerusalemme è quello che non ci siamo più guerre e che tutti i bambini possano essere sereni, gioiosi ed avere tutto l’affetto ci cui si ha bisogno.

Gianluca

Vorrei che tutti i ragazzi di ogni religione potessero vivere in ogni parte del mondo senza alcun ostacolo. CIAO

Federica

Debora Cari bambini e ragazzi di Gerusalemme a noi tutti di-

spiace molto ciò che sta accadendo nella vostra città. Con lo sport impariamo a stare insieme, a volerci bene, Io posso solo dirvi di andare avanti e di aiutarvi gli uni a rispettare gli altri e soprattutto a sentirci tutti u- gli altri finché questo bruttissimo momento cesserà. Sofia guali. Valeria

La pace è … andare oltre il muro che vi divide e scopriCiao amici di Gerusalemme ! re le vostre diversità come valore accettandole amiAuguro a tutti di saper coltivare la pace nei vostri cuo- chevolmente e creando una convivenza pacifica. Anita ri perché cessino le divisioni e tutti possano vivere in pace. Elena Bambini di Gerusalemme, mi dispiace per la vostra con(Continua a pagina 9)


Il Grillo Parlante

Istituto Comprensivo via Tolstoj

pagina 9

primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj

Progetto Gerusalemme dere in un paese dove regna la pace, vivo da cinque anni dizione, ma pensate al futuro quando potrete giocare l’esperienza bellissima di giocare a calcio nel gruppo felici e beati nel centro di aggregazione giovanile dove sportivo del mio oratorio dove mi diverto e imparo cosa potrete anche studiare e pregare. significano l’amicizia e il gioco di squadra. Luca Auguri di pace! (Continua da pagina 8)

Matteo

Auguro a tutti i bambini che, a Gerusalemme, vivono il dramma della guerra, di trascorrere un Natale sereno L’amore e la pace fanno l’unione!!! Daniele e senza conflitti. Spero, infine, che possiate presto giocare e trascorrere le giornate praticando sport. Marco Vorrei che a Gerusalemme ci fosse tanta pace e che adulti e bambini andassero d’accordo e facessero tutte Mi piacerebbe che ci fosse la pace tra le popolazioni. le cose che faccio io. Daniele Vorrei che ogni bambino avesse cure adeguate per le malattie, una casa dove vivere con la propria famiglia e una scuola dove possa imparare e giocare con gli altri. Agli abitanti di Gerusalemme, di qualsiasi razza o reliCleverton gione, auguro di creare uno stato fondato sulla pace, affinché questo possa essere d’esempio alle altre poCari ragazzi di Gerusalemme, polazioni, nel resto del mondo, che non hanno ancora vi scrivo per augurarvi che un giorno, finalmente, il mu- raggiunto questo obiettivo. Federico ro che vi divide possa crollare. Un’ altra mia grande speranza è che tutti voi possiate vivere insieme con amore e soprattutto in pace. Anche se c’è la guerra nel vostro paese, ragazzi di GeMatteo C rusalemme, io spero, anzi credo, che presto quella brutta cosa che chiamano conflitto, possa essere sconAbbasso il muro! Più gioia ed amore tra le persone di- fitta e che il muro che vi separa possa essere abbattuverse per colore, rango, religione ed età. Viva la vita e to; non vi saranno più confini in Gerusalemme, poiché la la pace!!! pace non ne ha! Emiliano

Ciao! Sono un bambino fortunato perché oltre a risie-

Per leggerci devi cliccare su http://scuola.repubblica.it/ scegliere scuole medie inferiori Lombardia — Milano e cercarci oppure http://scuola.repubblica.it/lombardiamilano-icviatolstojmediapertini/

Monica

classe V^ A scuola primaria di via Tolstoj

Gli articoli di questo numero li troverai alla rubrica

Primaria - via Tolstoj Per poter collaborare on line: chiedi informazioni alla tua maestra potrai diventerai un redattore


pagina 10

Istituto Comprensivo via Tolstoj

Il Grillo Parlante

primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj

In classe con la pigotta

I

n classe con la Pigotta è il nome di un coinvolgente progetto a cui hanno aderito le classi quinte della scuola primaria di via Tolstoj. Mercoledì 5 novembre, abbiamo incontrato la signora Jo Garceau, insegnante di origine americana, in Italia da molti anni, ideatrice e attuale responsabile nazionale per il “Progetto Pigotta” che ha lo scopo di raccogliere fondi per le vaccinazioni dei bambini del Terzo Mondo. Servendosi anche di alcuni filmati, la relatrice ci ha parlato dell’associazione di cui fa parte e dei diritti dei bambini spesso violati nel mondo. Con l’aiuto le nostre insegnanti, abbiamo poi ricercato delle informazioni relative alla storia dell’UNICEF e agli obiettivi che questa organizzazione internazionale persegue ed abbiamo approfondito la conoscenza della “Convenzione sui diritti dell' Infanzia”. Successivamente, ciascuno di noi ha iniziato a realizzare la sua bigotta utilizzando le sagome e il materiale per l’imbottitura forniti dal comitato di Cinisello Balsamo; ognuno ha portato da casa un po’ del materiale necessario a confezionare i vestiti, a preparare la capigliatura e a disegnare le parti del viso (stoffe, nastri pennarelli per la stoffa, occorrente per cucire …). Per eseguire il lavoro, è stata estremamente preziosa la collaborazione dei un gruppo di mamme e nonne: alcune hanno operato direttamente a scuola, affiancandoci nell’attività laboratoriale, altre hanno fornito il proprio

c o n t r i b u t o ”esterno” nella preparazione degli abiti delle bambole. Sempre con l’aiuto dei genitori, è stato organizzato un “Pigotta party” per la vendita dei manufatti. L’iniziativa è stata realizzata mercoledì 17 dicembre, in occasione dell’open day, giornata dedicata all’accoglienza dei bambini della scuola materna che frequenteranno la prima elementare il prossimo anno. Per l’occasione, essendo prossima la festività del Natale, abbiamo preparato un albero natalizio abbellito da addobbi in cartoncino che riproducono le sagome delle bigotte e con esso abbiamo abbellito il piano delle classi quinte. La vendita delle bigotte ha permesso di raccogliere ben 1.410 euro che sono stati consegnati ad una responsabile del comitato dell’UNICEF di Cinisello Balsamo classe V^ A scuola primaria di via Tolstoj

Il Grillo Prlante sostiene progetti in Camerun


Il Grillo Parlante

Istituto Comprensivo via Tolstoj

pagina 11

primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj

Una giornata alla Pertini


pagina 12

Istituto Comprensivo via Tolstoj

Il Grillo Parlante

primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj PRIMARIA VIA TOLSTOJ primaria via tolstoj

Una giornata alla Pertini

Alex Byron TIZON Andrea DE VITA via Tolstoj – DESIO Andrès RIVERA Elisa SOMASCHINI Scuola secondaria 1° grado Francesca SALVAGNO Giulia ZURLO “S. Pertini” Greta PASSIGNANI Kristina BASTIOVA IL GRILLO PARLANTE Marco Casazza Rita CASATI anno XII^ numero 3 Sara CARENZA Sara LEVI redazione presso 3^ A - C Sara PALAZZESI Vittoria PETECCHI Ylenia SEGATO composta da ISTITUTO COMPRENSIVO

Scrivi più che puoi! Presto uscirà un nuovo numero tutto per te

numero 3, anno XII - IlGrilloParlante  

Il giornale della scuola secondaria di primo grado "Sandro Pertini" - Istituto Comprensivo via Tolstoj, Desio