Page 1

Chi cerca qualità e servizio prima o poi ci incontra

Gi-tre Vasto-San Salvo-Lanciano

Corso Mazzini, 627/9 - 66054 VASTO (Ch) -

Tel. 0873.391378-43

Anno 06 - numero 05 - 4000 copie in distribuzione gratuita - web: www.periodicoilgrillo.com - mail: redazione@periodicoilgrillo.com - 3 marzo 2012 S. Marino

“Bisogna aver rinunciato al buon senso per non convenire che non conosciamo nulla se non attraverso l’esperienza.” Voltaire

Bomba carta in pescheria, la politica chiede risposte VASTO - A pagina 3

Pallamano, vittoria sfuggita di un soffio Michele Del Piano - A pagina 6

San Salvo, tutto pronto per le primarie: ecco la sfida a tre

TERRITORIO

di Orazio Di Stefano SAN SALVO. Si svolgeranno domenica 4 marzo le elezioni primarie del Nuovo centrosinistra, che a San Salvo è composto da San Salvo

democratica, Italia dei valori, Sinistra Ecologia e Libertà e Partito socialista italiano. segue a pagina 4

«Sono altri quelli che violano le leggi» Puccioni: «A Vasto vale un principio: centrali, zone industriali? Sì, ma non davanti casa mia» VASTO - “Ora basta, si supera la misura, vado in procura con l’elenco di chi, a mio avviso, ha violato la legge”. Cesare Puccioni, presidente nazionale di Federchimica, passa al contrattacco. Da incudine a martello contro altri imprenditori, quelli che unitamente ai movimenti civici ed ambientalisti hanno detto no alle centrali elettriche ed affini. Il presidente di Federchimica nonché titolare dell’impresa che produce fertilizzanti esce allo scoperto affidando le sue critiche al quotidiano il Messaggero. segue a pagina 2

TERRITORIO

Asl, entro marzo il concorso per 17 medici La Asl Lanciano Vasto Chieti torna ad assumere medici: entro la fine di marzo, infatti, saranno pubblicati in Gazzetta Ufficiale i bandi per assumere diciassette specialisti a tempo indeterminato. segue a pagina 4

Finto medico derubava anziani, arrestata vastese Si spacciava per un medico al fine di avvicinare gli anziani in strada e sottrargli il portafogli.

segue a pagina 4

SPORT

Ottima ripresa per la San Paolo Calcio di Tiziana Smargiassi

Dopo la lunga sosta forzata è ripreso domenica il campionato di serie C di calcio femminile. segue a pagina 6

vatura o nuper a

Corso Mazzini, 10 Tel. 0873/362712 - 66054 Vasto (Ch) -

impaginato 8 pagine.indd 1

1-03-2012 20:36:30


www.periodicoilgrillo.com

2

VASTO

«Sono altri quelli che violano le leggi» Puccioni: «A Vasto vale un principio: centrali, zone industriali? Sì, ma non davanti casa mia» VASTO - “Ora basta, si supera la misura, vado in procura con l’elenco di chi, a mio avviso, ha violato la legge”. Cesare Puccioni, presidente nazionale di Federchimica, passa al contrattacco. Da incudine a martello contro altri imprenditori, quelli che unitamente ai movimenti civici ed ambientalisti hanno detto no alle centrali elettriche ed affini. Il presidente di Federchimica nonché titolare dell’impresa che produce fertilizzanti esce allo scoperto affidando le sue critiche ad una intervista rilasciata al quotidiano il Messaggero. L’intervento dell’imprenditore toscano è successivo al tanto discusso incontro tenutosi lo scorso mercoledì 22 febbraio presso l’oleificio Di Vito dove numerosi imprenditori ed associazioni locali hanno infatti sottoscritto un documento nel quale si richiede di «sospendere qualsiasi ipotesi di nuovi insediamenti ad elevato impatto ambientale all’interno dell’area industriale di Punta Penna e di modificare la destinazione d’uso dell’agglomerato in Punta Penna in area artigianale e commerciale, cosa peraltro prevista dalla variante al piano territoriale del consorzio». Quello stesso incontro, poi, fu animato da presunti racconti di minacce ed intimidazioni subite da imprenditori contrari alle centrali a biomasse da parte di membri di Confindustria. “Senta – risponde Puccioni al giornalista che chiedeva spiegazioni sulla fase B di questa articolata vicenda – che vuole che dica a chi, in riunioni e a mezzo stampa ci dà dei mafiosi? A Punta Penna c’è un’area industriale, nessuno l’ha cancellata né potrebbe farlo. Piuttosto è sorprendente constatare che a strillare di più sono alcuni operatori economici. Nell’area produttiva di Vasto era stata

data la possibilità di vendita all’ingrosso per un massimo del dieci per cento della superficie: quel limite, invece, è stato sforato di dieci volte. E succede ora che chi è fuori legge pretende di buttar fuori chi opera secondo legge”. Un’accusa pesante che sottolinea una frattura difficilmente ricomponibile tra gli operatori dell’area industriale di Punta Penna. Sulla centrale biomasse Cesare Puccioni evidenzia che l’iter “è fermo da dicembre alla Regione Abruzzo, ma tutto è in regola.” Nel frattempo il Comitato cittadino per la Tutela del Territorio di Vasto ha segnalato la richiesta della Vastocem: la ditta per la produzione di leganti idraulici (cemento sfuso e insaccato) avrebbe chiesto alla Provincia di Chieti l’indizione di una Conferenza di Servizi per il rilascio dell’autorizzazione per le

emissioni in atmosfera legate allo scarico e trasporto materie prime, ai bilanci e nastri trasportatori delle materie prime, alla macinazione delle materie prime, al trasporto e carico del cemento nei siti di stoccaggio, al trasporto e carico del cemento sugli autotreni, all’insaccaggio del cemento. “Lì vogliono solo triturare il klinker e metterlo in sacchetti – ha commentato l’imprenditore Puccioni - altro che cementificio. Mi spiace verificare – ha concluso - che anche qui vale un principio: centrali, zone industriali? Sì, ma non davanti casa mia. Io faccio l’industriale e fino a quando posso lo farò. Anche a Punta Penna”. Ambientalisti contro imprenditori, imprenditori contro altri imprenditori, comitati contro imprenditori. Il tutto si consuma a

causa di quelle attività da realizzarsi nella cornice di Punta Penna, a poca distanza dalla riserva di Punta Aderci e dall’istituendo parco della costa teatina. Pochi, però, sono coloro che riflettono sulle responsabilità, enormi, della politica locale che, nel corso di alcuni decenni, non è stata capace di uscire dall’ambiguità nella destinazione da imporre a quella zona. Qualcuno dovrà anche prendersi la responsabilità di una scelta, anche se fosse non condivisa da tutti. Nel frattempo, la politica espone le sue mezze verità per nascondere le proprie colpe e gli imprenditori fanno gli imprenditori. Con i fatti. Quei fatti che la politica potrebbe disciplinare soltanto con altrettanti fatti. Non con le chiacchiere o con i vergognosi silenzi. Giuseppe La Rana

Uso indebito Carte di credito, denunciati due romeni VASTO. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Vasto, diretti dal Sottotenente Loredana Lenoci (nella foto), a conclusione delle indagini avviate per rintracciare due individui, hanno fermato e denunciato per possesso illecito e uso indebito di carte di pagamento, un uomo ed una donna di origini romene. Si tratta di F. C. M., 32enne, pregiudicato per reati analoghi, domiciliato a San Salvo e I. M. C., 26enne, ospite del suddetto.

I due denunciati il giorno precedente avevano tentano di acquistare costosi telefonini ed altro materiale elettronico in due esercizi commerciali della città, pagando con carte di credito verosimilmente clonate. I carabinieri, a seguito di perquisizione personale e domiciliare, hanno recuperato e sequestrato tre carte di credito e due PC portatili. Il materiale sarà affidato agli organi competenti per le conseguenti verifiche

Direttore responsabile: Giuseppe La Rana Autorizzazione del Tribunale di Vasto n. 115 del 17.04.2007 web: www.periodicoilgrillo.com mail: redazione@periodicoilgrillo.com tel: 0873. 670388 - 393.1239090

Via Argentieri, 88 Montenero di Bisaccia (CB) www.indexsrl.it

Editore: Il Grillo s.r.l Stampa: Offset Point Via Tito Livio, 9 - Vasto (CH)

Contatti: redazione@periodicoilgrillo.com - Tel: 0873.670388 - 393.1239090 impaginato 8 pagine.indd 2

1-03-2012 20:36:35


www.periodicoilgrillo.com

3

VASTO

Sicurezza, la politica chiede risposte UdC: «L’amministrazione dia un segnale forte», Ivo Menna: «Subito un Forum», Bischia: «Problema sociale» zioni di volontariato, la dirigenza scolastica di ogni ordine, i sindacati, i rappresentanti della stampa, il responsabile del SERT, il Procuratore capo, il Prefetto di Chieti.”

VASTO. L'allarme sicurezza non sembra certo affievolirsi nel vastese dove continuano episodi di criminalità. L'ultimo grave gesto è stato compiuto ai danni di una pescheria di Vasto dove, la notte tra domenica e lunedì scorsi, una bomba carta ha danneggiato il locale commerciale sito nel centro storico. La politica interviene e sollecita segnali che possano restituire maggiore controllo alla nostra zona e tranquillizzare i cittadini. Il consigliere comunale Massimiliano Montemurro (UdC), unitamente al segretario Angelo Bernardone sottolinea che “l'escalation di reati contro il patrimonio e contro la persona potrebbe rappresentare quell'humus per far attecchire e riprodurre forme di criminalità più organizzata. La percezione di insicurezza – affermano - va a minare la qualità della vita dei cittadini. La percezione di vivere in una comunità che non è in grado di proteggerli e difenderli dai pericoli derivanti dalla criminalità suscita un sentimento di disagio, di paura e di sfiducia. Esortiamo l'amministrazione comunale a

LIONS, CONVEGNO SUL MICROCREDITO. Per iniziativa dei Circoli del Lions Club “Vasto Host”, “Vasto Vittoria Colonna”, San Salvo e “Vasto New Century”, e con il patrocinio dei Comuni di Vasto e San Salvo, sabato 3 marzo ore 17 nella Pinacoteca di Palazzo d’Avalos è in programma un interessante Convegno Dibattito sul tema “Microcredito: quale risposta alle istanze sociali”.

dare subito un forte segnale” – concludono gli esponenti dell'UdC. Ivo Menna, responsabile del movimento 'La Nuova Terra' sostiene che per ricercare le cause di questo “crescente fenomeno deviante sarebbe opportuno che il Sindaco, si attivi urgentemente per la convocazione di un incontro Forum al quale dovranno partecipare tutti gli amministratori locali, provinciali, regionali (i rappresentanti vastesi), tutte le forze dell’ordine, le Chiese locali, le associa-

“Non sono sufficienti le telecamere e l’aumento delle forze dell’ordine – spiega invece Andrea Bischia, consigliere comunale di Progetto per Vasto - questi sono solo espedienti che possono fungere da deterrente, il problema a mio avviso sta a monte, e rientra più nella sfera del sociale, nella famiglia, nel senso di frustrazione che sono costretti a vivere gli immigrati, nelle difficoltà che oggi hanno le famiglie ad arrivare a fine mese. Ecco l’importanza di un servizio, quello dei Servizi Sociali, che rivolge attenzione nei confronti di giovani con atteggiamenti bulleschi, seguendoli con attenzione, ma anche per ciò che concerne le difficoltà di relazioni all’interno delle famiglie, così come l’aiuto all’integrazione per gli immigrati, così come la difesa delle donne che subiscono violenze di varia natura.”

San Gabriele, crescono i tesserati al tennistavolo Per la specialità tennis tavolo sono più di 30 i tesserati alla Polisportiva San Gabriele: tanti ragazzi, grazie all’impegno profuso da fratel Michele Ciaffi si avvicinano con curiosità a questa disciplina. Il primo torneo sociale della stagione è stato l’occasione per ritrovarsi tutti insieme, in sfide all’ultimo colpo, anche per valutare i progressi fatti negli allenamenti. Si è rivelata vincente anche la partecipazione al Progetto Scuola, che coinvolge gli studenti della Media Paolucci durante le di educazione fisica. In molti hanno deciso di proseguire nella pratica del tennistavolo.

MenuPizzaBianca.pdf

1

22/02/12

19.17

IDRAULICA SERVICE riscaldamento e condizionamento C

M

Zinni Antonio

Y

CM

MY

CY

CMY

K

PRONTO INTERVENTO 360.25 44 92 - 333.92 34 080 Il Grillo è a Vasto, San Salvo, Lanciano, Cupello, Casalbordino, Pollutri, Scerni, T. di Sangro, Monteodorisio, Gissi, Castiglione M.M., Schiavi d’Abruzzo, Torrebruna e Celenza sul Trigno

impaginato 8 pagine.indd 3

1-03-2012 20:36:40


www.periodicoilgrillo.com

4

TERRITORIO

Finto medico derubava anziani, arrestata vastese Si spacciava per un medico al fine di avvicinare gli anziani in strada e, approfittando della buona fede delle vittime, le derubava del portafogli. Sono almeno 6 gli episodi su cui hanno indagato i carabinieri della Procura di Lanciano e che hanno portato all’arresto giovedì mattina della presunta responsabile, M.S. 38 anni, di Vasto, già nota alle forze dell’ordine per aver avuto precedenti penali.

I fatti sarebbero avvenuti tra il 16 dicembre e il 3 gennaio scorso nei comuni di Santa Maria Imbaro, Rocca San Giovanni, Fossacesia e Castel Frentano, centri del chietino che la donna raggiungeva da Vasto alla guida di automobili di sua proprietà nonostante la patente di guida le fosse stata revocata dal prefetto di Chieti per mancanza di requisiti morali. Le auto che la donna utilizzava per spostarsi erano una Mini Co-

oper (di proprietà del figlio) e una Volkswagen Golf (di sua proprietà), entrambi sequestrati preventivamente come richiesto dal pubblico ministero titolare dell’inchiesta, Francesco Menditto. La misura cautelare della custodia in carcere è stata eseguita giovedì mattina dai carabinieri di Lanciano e disposta dal gip, Massimo Canosa, che ha accolto la richiesta del pm Menditto.

Ospedale Renzetti, Valente: «Occorrono interventi» LANCIANO. «Dopo la boutade del nuovo ospedale tutto tace in merito ai progetti di rilancio del presidio sanitario frentano». Ad affermarlo è il vicesindaco di Lanciano Pino Valente. «Ciò che infatti temevamo sta accadendo», afferma Valente, «con la scusa del nuovo ospedale non si investe sull’attuale con la conseguenza che le criticità si moltiplicano nonostante l’impegno encomiabile del personale medico e paramedico». «La situazione delle liste di attesa sta diventando insostenibile ed è paradossale la situazione della risonanza magnetica, inaugurata in pompa magna il 5 luglio 2011 ma utilizzata solo per i ricoverati e preclusa agli esterni». Preoccupazione per le condizioni dell’ospedale è stata espressa anche dalle liste civiche Progetto Lanciano e Rinnoviamo Lanciano.

ASL: concorso per 17 medici La Asl Lanciano Vasto Chieti torna ad assumere medici: entro la fine di marzo, infatti, saranno pubblicati in Gazzetta Ufficiale i bandi per assumere diciassette specialisti a tempo indeterminato. Si tratta di quattro dirigenti medici di oncologia, due di malattie infettive, due di medicina trasfusionale, due di pediatria, due di medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza, due di radiodiagnostica, due di anestesia e rianimazione e uno di medicina del lavoro. I nuovi assunti saranno dislocati nelle varie strutture ospedaliere e territoriali dell’Azienda. La scelta dei profili da mettere a concorso è stata motivata dalla necessità di risolvere le situazioni di maggiore criticità createsi nel corso degli anni, prima per l’immobilismo del passato e poi a causa del blocco delle assunzioni motivato dalla necessità di rispettare i vincoli imposti dal piano di rientro dal deficit sanitario. «Un programma di concorsi pubblici per medici così ambizioso - sottolinea il Direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Francesco Zavattaro - è frutto del duro lavoro di “messa in sicurezza” dei conti che ci ha impegnato per quasi due anni. Oggi, grazie al risanamento del bilancio della Asl è possibile, finalmente, avviare una nuova fase di investimenti e di sviluppo centrata soprattutto sul capitale umano e sulla volontà di offrire servizi di qualità, potenziando alcuni settori strategici per la cura dei cittadini e riducendo in tal modo anche la mobilità passiva e le liste d’attesa».

Tutto pronto per le primarie, ecco la sfida a tre SAN SALVO – Si svolgeranno domenica 4 marzo le elezioni primarie del Nuovo centrosinistra, che a San Salvo è composto da San Salvo democratica, Italia dei valori, Sinistra Ecologia e Libertà e Partito socialista italiano. Solo quest’ultimo non ha indicato un proprio esponente e quindi i cittadini che compiranno la maggiore età entro il prossimo 6 maggio e che volessero votare per uno dei candidati in lizza potranno scegliere fra: Domenico Di Stefano (Ssd), Antonio Cilli (Idv) e Giovanni Mariotti (Sel). Saranno allestiti tre seggi aperti dalle 8 alle 22. I residenti delle zone Ripalta, Stingi e 167 potranno votare in Via Tosti. I residenti di tutte le altre zone della città al Centro culturale. I residenti nel Rione Marina al palasport della Marina. Lo sfoglio ci sarà subito dopo la chiusura dei seggi. Prima delle mezzanotte molto probabilmente sapremo chi sarà il vincitore, che sarà chiamato a rappresentare come sindaco designato la coalizione del Nuovo centrosinistra contro: Tiziana Magnacca (centrodestra), Arnaldo Mariotti (Pd), Fabio Travaglini (Idv) e uno non ancora scelto dagli aderenti al Movimento 5 stelle. Tornando ai candidati alle primarie, tracciamo di seguito una breve biografia di ciascuno. Domenico Di Stefano è un sociologo, impiegato come cancelliere nel Tribunale Ecclesiastico Interdiocesano d’Abruzzo e Molise. Quarantenne, è stato eletto consigliere comunale nel 1998 e nel 2002 è entrato in Giunta

come assessore all’urbanistica, poi è passato alla cultura e ha terminato il suo mandato nell’ultima Amministrazione Marchese nuovamente all’urbanistica. Di formazione cattolica, è amico personale del Vescovo di Avezzano. Dopo l’esperienza nel Ppi - Margherita è entrato nel Pd, uscendo insieme al gruppo che ha fondato il laboratorio politico culturale San Salvo democratica, ora lista civica. E’ sposato e padre di due figlie. Antonio Cilli esercita la libera professione di avvocato, ma è anche editore del portale cittadino www.sansalvo. net. Non ha mai avuto esperienze elettive, ma ha fatto parte del direttivo locale del Partito socialista. L’estate scorsa ha accolto la proposta del consigliere regionale Paolo Palomba di candidarsi a sindaco con l’Italia dei valori. E’ celibe e coetaneo di Di Stefano. Gianni Mariotti, medico, lavora come aiuto primario nel reparto di chirurgia all’ospedale di Vasto. Da giovane è stato calciatore in serie D ed è entrato in politica nel 1994, eletto nella lista del Pds. E’ stato prima presidente del Consiglio comunale e poi ininterrottamente assessore per più mandati, fino al 14 luglio del 2009. Non ha aderito al Pd ed alle ultime elezioni provinciali è stato eletto consigliere. Attualmente è capogruppo di Sinistra Ecologia e Libertà alla provincia di Chieti. E’ sposato e padre di due figlie.

Parco della costa, rinviata la costituzione Costituente Parco: «Interdetti e delusi. Basta teatrini» Il Parco della costa teatina deve aspettare un altro anno. La sua istituzione, la sua estensione, la nomina e l’arrivo del commissario: tutto rinviato alla fine del 2012 a causa di un emendamento passato sottotono nel decreto Milleprororghe e inserito dal senatore del Pdl Antonio D’Alì, presidente della commissione ambiente e più noto come “senatore anti-Kyoto” per aver chiesto al governo di dichiarare decaduto il pacchetto clima dell’Unione Europea. Per via di questo emendamento il Parco, per il quale si sono scontrati ambientalisti, amministratori locali e l’assessore regionale del Pdl Mauro Febbo (in qualità di coordinatore del tavolo degli Enti locali) compirà il suo 12º anno “sulla carta”, da Francavilla a San Salvo, malgrado ci sia una legge nazionale che lo voleva entro settembre 2011. «Questa incredibile nuova proroga - si legge in una nota della Costituente Parco - danneggia profondamente la Costa Teatina e i suoi migliori progetti. Sono passati 12 anni dalla legge istitutiva del Parco, un tempo lunghissimo che non ha precedenti nella storia delle Aree Protette Italiane, e probabilmente europee e mondiali. Il rinviare continuamente l’istituzione del Parco Nazionale è ancor più grave alla luce di tante minacce che incombono sull’integrità della Costa Teatina: industrie insalubri, piattaforme petrolifere, nuove cementificazione e altro. Chiediamo a tutta la classe politica abruzzese di difendere la propria terra, e i veri interessi di chi li ha eletti. La proroga è deleteria, ma è comunque soltanto un rinvio. Basta teatrini, basta menzogne. “Si abbia il coraggio di scelte forti e lungimiranti per la vita del nostro Abruzzo”.»

Orazio Di Stefano

Contatti: redazione@periodicoilgrillo.com - Tel: 0873.670388 - 393.1239090 impaginato 8 pagine.indd 4

1-03-2012 20:36:41


Periodico Il Grillo - anno 6 - numero 5 - 13 marzo 2012  

Periodico Il Grillo - anno 6 - numero 5 - 13 marzo 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you