Issuu on Google+

FONDATO NEL 1971

Anno XLIII - Numero 23

13 settembre 2013

www.ilgazzettinovesuviano.com

SETTIMANALE GRATUITO

Scavi di Pompei: controllate due società e venti persone per prevenire infiltrazioni camorristiche

L’antimafia sui cantieri Gpp Obiettivo del blitz, la verifica del rispetto del protocollo di legalità siglato zione locale dei carabinieri. È diPersonale del Centro operativo nei mesi scorsi tra Mibac e aziende appaltanti ventato obbligatorio per le bidella Direzione investigativa antiglietterie consegnare ad “ogni guida accreditata e per ogni singolo ingresso nel sito, un biglietto gratuito sul quale dovrà essere segnato inderogabilmente il numero di tesserino della guida”. Inoltre “l'ingresso al sito da parte della guida sarà consentito esclusivamente con il biglietto gratuito e la prescritta annotazione da parte dell'addetto alla biglietteria; tale operazione dovrà essere ripetuta ad ogni successivo passaggio”. La stessa società è tenuta ad “annotare tali passaggi, rendendoli disponibili al comando dei carabinieri del posto fisso interno agli Scavi”, note che vanno tenute in un prospetto appositamente fornito. Il profumo della legalità sembra aleggiare su Pompei in risposta alle stilettate dell'Unesco su un possibile declassamento. Così, dai grandi numeri del Grande Progetto Pompei ai piccoli abusivismi quotidiani di cui vivacchia la nostra triste regione, traspare un'aria di pulizia e ordine. La speranza è che non si tratti del rigore di un giorno, ma della premessa per un agire ordinario all'insegna delle regole e della loro applicazione. Claudia Malafronte

mafia di Napoli, insieme a Carabinieri, Guardia di Finanza e della Polizia di Stato, componenti del Gruppo Interforze costituito presso la Prefettura di Napoli, ha effettuato un accesso ispettivo ai fini antimafia presso i cantieri siti nell'area archeologia degli scavi di Pompei, in particolare presso quelli presenti nella Casa delle Pareti Rosse, di Sirico e del Marinaio. Una vera e propria task force invase gli Scavi di Pompei già a luglio e ancora prima ad aprile. Dopo le polemiche con l'Unesco nel mirino degli investigatori torna il Grande Progetto Pompei. Obiettivo del blitz, la verifica del rispetto del protocollo di legalità siglato nei mesi scorsi tra Mibac e aziende appaltanti per prevenire infiltrazioni della criminalità organizzata nei progetti dei 105 milioni cofinanziati dall'Ue. Nei mesi scorsi fu effettuato anche un giro di vite sull'attività delle guide turistiche operanti a Pompei, a seguito della circolare della Soprintendente Teresa Elena Cinquantaquattro indirizzata alla società “Civita Musea” (aggiudicataria dei servizi di biglietteria, ufficio informazioni e controllo accessi) e per conoscenza alla sta-

Alla Reggia di Quisisana di Castellammare di Stabia

Audizione per l’indagine conoscitiva

In 40 per Miss Ondina Sport

La “Terra dei fuochi” arriva in Senato

A Roma l’oncologo Marfella e il dott. Rivetti Sabato sarà eletta la nuova reginetta del concorso di bellezza, sport e salute Servizi a pag. 2 Servizio a pag. 8

otte tti di N 4 e n r o C H2 aperto

Pastai... dal 1939

di Ernesto Grosso

ANGRI (Sa) - Via dei Goti, 205 334.9553707

(uscita autostrada Angri)


2 Napoli/Regione

13 settembre 2013

Dramma ambientale in Campania Le parole del pentito di camorra Carmine Schiavone hanno richiamato l’attenzione verso una questione nota da sempre Venticinque milioni di tonnellate di rifiuti industriali smaltite in Campania

Audizione in senato su inquinamento ambientale ed incidenza Tumori. A Roma l’oncologo Marfella e il dott. Rivetti

Mai come in queste settimane l’attenzione sul dramma ambientale in Campania è stata così forte: le parole del pentito Carmine Schiavone hanno richiamato l’attenzione verso una questione nota da tempo. Sentire le parole di un pentito di camorra fa però molto più effetto e clamore, anche se ha soltanto confermato quello che da anni comitati, medici e scienziati affermano. Il 10 settembre si è tenuta l’ audizione in Senato per l' indagine conoscitiva su inquinamento ambientale ed incidenza tumori: a Roma sono sbarcati l’ oncologo Antonio Marfella, il dott. Rivetti e Don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano. La prima parte del lungo e importante intervento del dott. Marfella si è concentrato non solo sull’aumento di tumori nelle zone tra Napoli e Caserta, ma ha anche puntualizzato che occorre tenere sotto controllo altre patologie come infertilità ed autismo: “In Italia, per il sistema di smaltimento dei rifiuti, abbiamo due “buchi” in cui la criminalità organizzata si è infilata: l’assenza di tracciabilità e la legislazione penale per disastro ambientale. Abbiamo 35 milioni di tonnellate di rifiuti tossici di cui si perde la tracciabilità (con il meccanismo del cambio del bollo) di cui almeno 10 milioni sono rifiuti tossici nocivi. E questa è terra dei fuochi.” Poi parla approfonditamente della questione dell’inquinamento dei prodotti agricoli: “La cosa grave che ha detto De Biase (il commissario per le bonifiche della Regione Campania), è che i prodotti che nascono su quelle terre sono buoni. E allora com’è possibile? Il meccanismo è studiato: è documentato che si tratta di “bancamento profondo”, meccanismo “a biscotto”: cioè non si mettono solo i rifiuti nel buco (come si pensava), ma si sbanca il terreno dai 4 ai 18 metri (come confessa Schiavone). E questo vuol dire che lo sbancamento è stato fatto talmente in profondità (e con la copertura di terreno normale) che gli ortaggi escono puliti dalle analisi. La domanda da porre allora è un’altra: si può coltivare su terreno di copertura di discarica non a norma di rifiuto tossico? Per legge non è possibile. Oggi sappiamo che sono 25 milioni le tonnellate di rifiuti industriali smaltite in Campania, che però si concentrano sul 3% del territorio campano: ebbene sono inibiti alla coltivazione ad uso umano zero metri quadrati di terreno.” La regione Campania e la CommissioneAmbiente al Senato sono tenute ad espreimersi sul nesso di casualità: ma come si spiega? Anche su questo punto l’oncologo Marfella ha dibattuto con perizia e passione. “Per primo abbiamo selezionato le diossine e i Pcb, perché hanno il tempo di dimezzamento più lungo e quindi rimangono più a lungo nei terreni. IL Pcb 118 è stato dichiarato cancerogeno certo: ufficialmente all’interno dei Comuni a rischio si riscontrano concentrazioni elevatissime di Pcb, come il caso Caffaro di Brescia. Pcb 118 e diossina li abbiamo riscontrati in misura di 50 volte oltre la norma nelle pecore diAcerra. La certificazione del nesso di casualità me l’ha data il tribunale di Nola: adesso perché in Campania non si ragiona su questo? Perché è stato fatto uno studio Sebiorec (dell’Istituto Superiore Sanità) per cui a fronte di 3 milioni di persone che vivono su una discarica, sono state fatte 84 analisi di diossina fatte a gruppi di 10 sieri, uno studio che nella metodologia medica è utilizzato per il latte o per le mucche. Questa è stata l’offesa della mia Regione: noi continuamo a non avere biomonitoraggi adeguati a poter stabilire il nesso di casualità tra sversamenti e malattie. Affermo quindi che fin’ora il nes-

so di casualità non si è trovato perché non si è voluto cercare.” Il senatore Romano di Scelta Civica obbietta nel corso della seduta: “Per quanto riguarda il nesso di casualità, il rischio è che da una dimensione descrittiva non ne consegui una oggettiva e quindi normativa”. L’indagine conoscitiva non si esaurisce con questa prima audizione e anzi si preannuncia molto dura: il confronto diretto e fattivo con le istituzioni non può e non deve risolversi in un nulla di fatto: probabilmente oggi è l’ultima occasione che si ha per non condannare completamente i nostri territori a una morte sicura. Correre ai ripari, intervenendo laddove è possibile con le bonifiche, appare come una corsa contro il tempo. Mario De Angelis

Terra dei fuochi arriva in Senato: audizione per l’indagine conoscitiva

Evidenziati dati di mortalità in eccesso per le malattie degli apparati digerenti e genitourinari in uomini e donne Ancora dati allarmanti che confermano il rischio ambientale nell’area vesuviana. Il rapporto, per ora ancora non ufficializzato dal Ministero della Salute (chissà quando avverrà trattandosi di dati epidemiologici relativi al 2012), ma riportato da blog indipendenti, confermano, purtroppo, quanto rilevato nell’ultimo studio SENTIERI e precedenti: i Comuni dell’area vesuviana di Boscoreale, Boscotrecase, Castellammare di Stabia, Ercolano, Napoli, Pompei, Portici, San Giorgio a Cremano, Terzigno, Torre Annunziata, Torre del Greco e Trecase compresi nel SIN area del litorale vesuviano e sue sub-perimetrazioni, declassato di recente dall’ex Ministro dell’Ambiente Clini a Sito di Interesse Regionale, causa la presenza delle fonti di esposizione (amianto e discariche), evidenziano dati di mortalità in eccesso per le malattie degli apparati digerente e genitourinario negli uomini e nelle donne. In assenza di correzione per indice di deprivazione (vale a dire la valutazione della condizione socio economi-

ca, ecc.), nelle donne vi è un eccesso per tutte le cause e per tutti i tumori. Negli uomini tantissimi i casi di tumore alla pleura. Per tutti un’incremento delle malformazioni genito-urinarie. Da tempo sono tante le denunce a tutte i

livelli per le tante discariche abusive di cui è pieno il Parco nazionale del Vesuvio. Soprattutto discariche di amianto, a seguito della dismissione dei tanti capannoni industriali del litorale e contenuto nelle lastre di Ethernit, re-

sponsabile delle patologie pleuriche. Le stesse falde acquifere risultano, da più rilievi, inquinate da percolati e metalli pesante dovute alle tante discariche vecchie e nuove non ultima la stessa ex Sari di Terzigno col suo milione

Rapporto choc, amianto e discariche Allarmanti i dati che confermano il rischio ambientale nell’area vesuviana. Il Parco Nazionale pieno di discariche abusive

Assemblea per il lavoro dei dipendenti “Ales” I 300 lavoratori si ritroveranno presso l’Hotel Oriente di Napoli Richiesta precisa al Ministro Bray Un volantino unitario, una richiesta precisa al Ministro Bray. Una denuncia per una mancata spending review. Sono sul piede di guerra i lavoratori della Ales spa che con le rappresentanze sindacali della Filcams-Cigl, della Uiltucs e la Ugl Terziario hanno sottoscritto un documento che denuncia sprechi e mancati tagli per i vertici mentre per i lavoratori che ogni giorno lavorano in siti di importanza culturale per la nostra città la cinghia deve per forza di cose stringersi. L’ esempio lampante è legato ai buoni pasto ridotti da 8,10 euro a 7,50. L’altra faccia della medaglia invece sono i passaggi di livello, le attribuzioni di superminimi e di quote una tantum che hanno coinvolto gli staff di Roma e Napoli dell’azienda nel mese di agosto. Così come fu nel Luglio 2012 dove ci furono nomine dirigenziali e passaggi di livello e riconoscimenti economici di varia natura che risultarono già a quel tempo

e passa di tonnellate di rifiuti tal quale e speciali. Gli stessi dati dell’AslNa3sud relativi all’ incremento delle certificazioni di esenzione per patologie tumorali, marcano un costante aumento negli anni, soprattutto nei di-

incomprensibili anche per la mancanza totale di un definito piano industriale. “Ci sono lavoratori impiegati in tutta la regione Campania in diversi siti archeologici e di interesse nazionale del Ministero dei

Beni Culturali – dichiara Giuseppe Pinto della Uiltucs – che percepiscono lo stesso stipendio di quando furono assunti e qui parliamo del 2000 e non esiste, per ora, nessun segnale da parte dell’azienda che possa far spera-

Gennaro Cirillo DIRETTORE RESPONSABILE Pasquale Cirillo DIRETTORE EDITORIALE CAPOREDATTORE centrale Francesco Ferrigno CAPOREDATTORE vicario Dario Sautto REDATTORI Raffaele Cava - Marianna Di Nola Claudia Malafronte - Marianna Di Paolo - Cosimo Silva GRAFICA Catello Ferrigno per JKJGraphic

www.ilgazzettinovesuviano.com

re in un percorso di valorizzazione e riqualificazione”. I lavoratori si incontreranno giovedi 12 settembre presso l’Hotel Oriente a Napoli dalle 12:30 in assemblea generale cui parteciperanno tutti i 300 lavoratoriAles.

stretti sanitari che fanno capo ai comuni dell’area SIN. Dato questo non utilizzabile per valutazioni epidemiologiche ma indicatore satellite dell’incremento esponenziale dei malati di tumore nell’Asl di riferimento. Per questo abbiamo chiesto conferme al Registro tumori di popolazione che l’Asl Na3 sud ha attivato da tempo. Per questo insistiamo affinchè la Regione Campania riapprovi la legge istitutiva del Registro dei tumori regionale accogliendo le motivazioni della Corte Costituzionale che ha bocciato la precedente normativa. Per questo saremo in audizione, in lista tra i tanti soggetti convocati, presso la XII Commissione Sanità del Senato per l‘indagine conoscitiva sugli effetti dell’ inquinamento ambientale sull’incidenza dei tumori, delle malformazioni feto-neonatali ed epigenetica a spiegare il nostro punto di vista sullo stato del disastro ambientale in Campania e in particolare quello che viviamo quotidianamente nell’area vesuviana. Per questo, con forza, chiediamo alle istituzioni regionali e ministeriali di attuare da subito le indagini tossicologiche sulle matrici ambientali e sui campioni di popolazione, per determinare la noxa responsabile delle patologie rilevate. Per questo infine chiediamo di mettere in pratica da subito le azioni di messa in sicurezza dei siti localizzati e programmare e finanziare le bonifiche. Non c’è più tempo per le chiacchiere e le polemiche. E’necessario agire e subito per tentare di arginare un disastro che si preannuncia di proporzioni bibliche. Poi accertare e punire i responsabili di tale scempio.

Aut. Tribunale Torre Annunziata n° 22 del 06/10/2004 Iscritto al Registro degli Operatori di Comunicazione n° 20703 DIREZIONE: Via Messigno,174 - 80045 Pompei 339 23 46 458 REDAZIONE: Via Messigno, 174 - 80045 Pompei 081 3442598 AMM.zione: Via C. Alberto, 34 - 80042 Boscotrecase 081858 1529

PUBBLICITÀ: marketing@ilgazzettinovesuviano.com - 320 7147 223 PUBBLICITÀ

redazione@ilgazzettinovesuviano.com

Informazione, politica, cultura, sport e tempo libero delle provincie di Napoli e Salerno, nonché argomenti attinenti al patrimonio storico, artistico, socio economico e scientifico della Regione Campania. La collaborazione al nostro giornale è aperta a tutti ma non retribuita. La direzione si riserva di controllare le notizie e la loro veridicità. Si privilegiano gli articoli inviati per posta elettronica. Il materiale inviato non sarà restituito. STAMPA - Arti Grafiche Boccia S.p.A.


Eventi 3 La medaglia d’oro di Chunju, si racconta al Gazzettino Vesuviano

Abbagnale è d’oro La dinastia sportiva degli Abbagnale ha un nuovo erede, Vincenzo, che ha tutte le carte in regola per rinnovare le imprese di papà Giuseppe e degli zii Carmine ed Agostino

con il primo mondiale nella categoria “juniores”. Mio padre ha sempre sperato che io provassi, ma mi ha lasciato libero di fare il mio corso, tanto sapeva che chi nasce maschio nella mia famiglia è difficile che non provi almeno una volta a remare. Ai mondiali in Corea del Sud hai guadagnato la medaglia d’oro. Dopo 25 anni unAbbagnale è tornato a conquistare il gradino più alto del podio. Quali sono state le tue emozioni nell’istante immediatamente dopo che avevi capito, assieme ai tuoi compagni Enrico D’aniello e Luca Parlato, di aver vinto? Le emozioni per me, come anche per Luca ed Enrico, sono state fortissime ed indescrivibili. Io e Luca eravamo già riusciti a salire sul gradino più alto del podio ai mondiali “under 23? un mese prima a Linz sul “4 con”. Riuscire a riconfermarci in Corea a livello assoluto è stato fantastico. A tutalto del podio. I giovani atleti alla famigliaAbbagnale. hanno conquistato la medaglia Vincenzo quando è iniziata la tua to questo s’ aggiungeva un pò di d’oro nella specialità “2 con” sba- passione per il canottaggio e pressione per la storia della mia ragliando la concorrenza. La vit- quanto è stato determinante famiglia che non avvertivo solo toria conquistata e l’Italia che ha l’esempio di tuo padre Giuseppe io ma veniva trasmessa ovviaper far crescere in te l’amore per mente anche a loro due. Al taglio esultato. del traguardo ci siamo liberati di La dinastia sportiva degli Abba- questo sport? gnale ha un nuovo erede ed ha gli La mia passione per il canottag- tutto e sono cominciati i festegocchi di un giovane atleta dal fu- gio è nata a circa 11 anni, quando giamenti. turo tutto in ascesa. Abbiamo in- debuttai con la prima gara nella Dopo l’oro di Chungju quali sacontrato Vincenzo al suo rientro categoria “allievi” e arrivai se- ranno i tuoi prossimi impegni in Italia. Un ’intervista per rico- condo. Mi entusiasmai a tal pun- agonistici? struire attimi unici di una gioia to da continuare per riuscire a vin- Accantonata la stagione internaimmensa. Una vittoria accolta cere e senza accorgermene mi so- zionale di quest’ anno, adesso si con grande entusiasmo dalla cit- no appassionato! Poi a 16 anni ga- pensa già all’anno prossimo. A tà di Pompei che ha dato i natali reggiai in ambito internazionale settembre ci saranno i campionati italiani assoluti e non so in che barca li faremo. Poi si parte di nuovo con tutti i ritiri per i mondiali 2014. La città di Pompei, che ha dato i natali alla tua famiglia, è orgogliosa di te come all’epoca lo fu per tuo padre e tuo zio. Come hai accolto la notizia dell’ esultanza della cittadinanza tutta per la vostra vittoria? Sono stato davvero felice di aver saputo che per le strade parecchia gente aveva gioito per la nostra vittoria.Aparte la soddisfazione personale, m’ inorgoglisce dare allo sport che la visibilità che merita. Il sibile ammirare alcune riprodu- azionare le macchine e testarne pratico è ancora poco conozioni delle macchine, (suddivise con mano il funzionamento. La canottaggio da molti. Ma sono fiducionelle categorie di Acqua, Aria, mostra potrà essere visitata tutti sciuto del fatto che in futuro le cose Terra e Fuoco), progettate da Leo- i giorni, per tre mesi, dalle ore so cambieranno. nardo da Vinci fra le quali un pa- 09.30 alle 18.30. Un’occasione Un’ultima domanda Vincenzo. racadute, una pala idraulica, un da non perdere per quanti vor- Tu sei un ragazzo giovane e di ponte girevole, una centrifuga, ranno apprezzare la versatilità successo. I fatti lo testimoniano. una macchina per la stampa ecc. del genio vinciano. Un’artista Passione, impegno e dedizione Particolarmente suggestivi la poliedrico le cui intuizioni tro- possono riassumere al meglio la Stanza degli specchi, l’Orologio vano perfetta collocazione nella tua carriera sportiva tutta in ascee l’imponente Carro Armato. E il società contemporanea, a di- sa? tutto contraddistinto dall’interat- stanza di due secoli. mi piace definirmi un ragaztività. I visitatori potranno infatti Marianna Di Paolo Non zo di successo, perchè il succes-

Vincenzo Abbagnale con i due compagni di squadra Parlato e D’Aniello

La tradizione che si rinnova e il sangue, quello buono, che non mente. A 25 anni di distanza Abbagnale è ancora oro ed ha il volto del giovanissimo Vincenzo, primogenito di Giuseppe Abbagnale, campione di sempre del canottaggio e attuale presidente della Federazione Italiana Canottaggio (FIC). Una sfida importante quella dei mondiali 2013 a Chungju (Corea del Sud) che ha visto Vincenzo Abbagnale e i suoi due compagni di squadra, Luca Parlato ed Enrico D’aniello, salire sul gradino più

Il neo campione del mondo con il papà Giuseppe, pluricampione Mondiale ed olimpico di canottaggio oltre venticinque anni orsono. Oggi Giuseppe è presidente della Federazione (FIC)

so mi dà l’idea di un punto d’arrivo. Questo per me è solamente un punto di partenza. Non abbiamo ancora fatto niente, l’impegno e la dedizione per questo sport per ora ci hanno ripagato di quest’annata quasi interamente fuori casa, ma ancora non basta.

Ci vorrà tanto impegno perchè i traguardi che spero di raggiungere, sono parecchio più in alto. Ha le idee chiarissime Abbagnale jr. E la verve è quella dell’atleta che sa bene che i traguardi, quelli che contano, si raggiungono con il sudore della fronte. Marianna Di Paolo

Pompei, la genialità di Leonardo raccontata in una mostra Per tre mesi sarà possibile ammirare in una mostra temporanea la genialità vinciana. Il percorso espositivo è stato allestito presso il Camping Pompei in via Plinio

Leonardo da Vinci, poliedrico precursore di tutti i tempi, raccontato in una mostra temporanea. E’ questa la brillante intuizione dell’associazione culturale fiorentina “Il Genio di Leonardo” che ha allestito un percorso espositivo nella città mariana, nell’area museale messa a disposizione dal Camping Pompei in via Plinio. La preparazione degli spazi è stata curata da Di Paolo Allestimenti. Sarà pos-

MACELLERIA SANTA MARIA Continuano le... o n ell e br m o ’ l o t t o s e t r e f f O Salumi di Produzione Propria dal 1978 10 Panini

€ 1,00

ette 4 vaschato di Gel ti vari gus

La nostra qualità sulle vostre tavole

€ 4,99

MACELLERIA SANTA MARIA di Abagnale Andrea S. - via Polveriera, 19 - Santa Maria la Carità (Na)

2 bottiglie Coca Cola 2 litri

€ 3,00

tel. 081 874 2045


4 Vesuvio Sud

13 settembre 2013

Boscoreale: amministrazione comunale L’Ente è senza euro perché il Tesoro stanzia fondi col contagocce già in fase di stallo? e per il mancato incasso dell'Imu. Se ne discuterà nel prossimo consiglio comunale

Boscoreale: il Comune con l’acqua alla gola Presidenti di commissioni, Sul tavolo anche i problemi delle pianta organica e delle costituende commissioni

“Bambole non c'è una lira!”: il titolo di una rivista teatrale degli anni Ottanta del secolo passato in cui gli attori squattrinati era sempre alla ricerca di finanziamenti, evidenzia come non altri la pessima situazione finanziaria dell'ente di Piazza Pace. Non ci sono soldi in cassa, a Boscoreale. Anzi, qualcosa c'è. Ma si tratta di briciole. A fronte dei quattro milioni di euro che l'anno scorso il 2013 per intendersi erano arrivati dallo Stato centrale, adesso, a malapena, sono arrivati 1300 milioni, circa. Così dicono i bene introdotti nella situazione finanziaria dell'ente comune. Bruscolini, quel fondo cassa, se si considera la situazione asfittica del comune che esce da un commissariamento arrivato in seguito al voto di sfiducia che i consiglieri inflissero al vecchio sindaco Gennaro Langella. Una situazione che, per questo motivo, non consente di accedere a prestiti, che vengono erogati solo se coperti da presunte, future, entrate. Se a questo si aggiunge il mancato incasso delle somme che sarebbero dovute arrivare dalla riscossione dell'Imu, allora ben si comprende come e quanto sia al limite la situazione economico amministrativa della cittadina vesuviana. E, dunque, non è certamente un inizio da “rose e fiori” per il sindaco Giuseppe Balzano che in questi giorni sta cominciando a muoversi, dopo la pausa estiva e i primissimi adempimenti del dopoelezioni. Ovviamente, il regime di ristrettezza economica im-

pone la massima attenzione e l'obbligo ad essere accorti nell'evitare spese superflue e sprechi. In tutto questo Balzano dovrà darsi da fare per ricostruire l'immagine del comune troppe volte finito sulle prime pagine per scandali presunti o reali. A questo servirà, almeno in parte, il prossimo consiglio comunale, previsto prima della fine di questo mese. Il plenum settembrino servirà a mettere anche dei punti fermi sulla pianta organica e a rivedere incarichi e carichi di lavoro. Altra situazione che dovrà essere affrontata è quella della definitiva destinazione dell'area prossima al cimitero ad area mercatale, con conseguente sblocco, il martedì, dell'importante arteria parallela a via Giovanni della Rocca. E, così di seguito, si do-

to avrebbero una sicura ricaduta sulla riduzione degli inquinanti e sull'impatto ambientale causato da produzione e passaggio di energia elettrica, ottenuta con metodi convenzionali. Su tutto, però, c'è da tenere presente la situazione politica che potrebbe cambiare: con il passaggio di un consigliere che dallo schieramento dell'ex sindaco Gennaro Langella (che così resterebbe quasi solo) al gruppo di Carmine Sodano, vicesindaco, e “punta di diamante” politica del senatore Pietro Langella e del “suo” Mpc, Movimento Popolare Campano. In questo modo i due schieramenti principali della “coalizione Balzano”: Pd e Mpc potrebbero contare sullo stesso numero di vrà discutere dell'area Pip alla pe- eletti e quindi non ci sarebbe più riferia est; si provvederà a uno quella sorta di rapporto di forza sbocco su via Panoramica del di quattro a tre del Pd sull'Mpc. Parco Pubblico; bisognerà inter- Insomma, ci potrebbero essere venire per la funzionalizzazione dei problemi di rappresentanze e della Biblioteca comunale che, fi- visibilità politica. Fermo restannalmente (e per opera del passato te, tuttavia, che anche senza il commissario Capomacchia), ha Movimento, Balzano e i suoi gotrovato una collocazione degna e vernerebbero senza problemi, goaccessibile in piazza Vargas. Infi- dendo comunque di una forza ne, si è iniziato a discutere anche schiacciante e di una più che amdel risparmio energetico (che in pia maggioranza capace di metuna situazione di crisi e carenze terli al riparo da eventuali idee di fondi è sicuramente importan- “strambe” che potessero venire te) attraverso la realizzazione di agli alleati arrivati con il ballotimpianti fotovoltaici sui lastrici taggio. Il tutto, su uno sfondo iposolai degli edifici scolastici citta- tetico di situazioni di “sofferendini. Le installazioni, se da un la- za”, come suggeriscono i bene into consentirebbero un risparmio formati della politica locale. Ma consistente sulle spese sostenute questa, come dicono gli stessi beper fruire dell'energia elettrica, si- ne informati, sono scenari di fanno a ripagare gli investimenti per tapolitica. la loro realizzazione, d'altro canEnrico Guastafierro

Era stato gettato via dal finestrino di un’auto

salta la votazione

Martedì i gruppi di opposizione erano pronti per l’elezione ma la maggioranza non si sono presentati Consiglieri di maggioranza non si presentano alla votazione dei presidenti delle prime due commissioni consiliari. Martedì pomeriggio, alle ore 17 circa, i gruppi di opposizione erano pronti per l'elezione, e quelli di maggioranza non sono entrati al Comune, rendendo così impossibile la votazione. “Quest'amministrazione è già in stallo - afferma Gennaro Langella, consigliere di minoranza - eppure si è insediata solo da pochi mesi. Noi intanto abbiamo presentato una serie di proposte, che non verranno affrontate fino a che non si formeranno le commissioni consiliari”. Secondo i gruppi di opposizione, alcune bagarre interne avrebbero spinto i consiglieri a non presentarsi alla votazione. L'eterogeneità della megacoalizione del sindaco Giuseppe Balzano comincerebbe già a manifestare le prime contraddizioni. “Non riescono a spartirsi ancora le nomine, perché ognuno ha i propri interessi e per mettere insieme tutti i gruppi in campagna elettorale affermano i consiglieri di opposizione - sono state fatte promesse su promesse, che ora devono essere mantenute”. Un'amministrazione gracile, un castello di sabbia, costruito in campagna elettorale per mandare a casa l'ex sindaco Gennaro Langella, ma senza una storia politica forte alle spalle. È questo il quadro che l'opposizione dipinge, del nuovo governo cittadino, fin dalla campagna elettorale. A far cadere, almeno apparentemente il sentore dei gruppi di minoranza c'è il fatto che ieri mattina al Palazzo Municipale sono stati eletti i presidenti della III e della IV commissione, Francesco D'Aquino e Gaetano Crifò. Mentre la terza si occuperà dell' urbanistica, dell'edilizia privata, dei lavori pubblici, dell'ambiente, delle società partecipate, la quarta avrà il compito di vegliare sui mercati, la programmazione museale e culturale, i rapporti con le altre istituzioni e i gemellaggi. “C'è stato solo un errore di trascrizione dei nomi nella lettera che i capigruppo hanno presentato” afferma Luca Giordano, capogruppo del PD. “Niente di preoccupante, ed anzi non c'è nessun problema interno alla maggioranza, a differenza di quanto si crede”. Così smentiscono i democratici, provenienti da un'esperienza consiliare all' opposizione. Gli stessi che all'inizio della campagna elettorale dovevano candidarsi dalla parte opposta al sindaco Giuseppe Balzano, e che oggi lo appoggiano e sono il partito più forte. Giovanna Sorrento

Dallo scorso 23 luglio l’area di Boscotrecase è chiusa

Boscoreale: non ce l’ha fatta Birillo. Mercato Boscotrecase, al dissenso Era stato affidato ad una cooperativa dei cittadini si aggiunge l’Eav

Non ce l'ha fatta Birillo, il cane che nei giorni scorsi era stato abbandonato a Boscoreale. Un ragazzo 18enne residente a Scafati lo aveva buttato dal finestrino in una busta di plastica a via Aquini, ma era stato colto sul fatto dall'aliquota radiomobile di Torre Annunziata. I carabinieri lo avevano denunciato e il cagnolino era stato messo al sicuro, dapprima nelle mani del personale veterinario dell'Asl NA3, poi al canile di Ottaviano Dog Park. Birillo era un meticcio di circa un anno, e quando era stato portato in salvo dalle forze dell'Arma sembrava in buona salute. Il personale del canile aveva pensato di inserirlo in un progetto di recupero con i veterinari e gli allevatori, nel tentativo di fargli superare il trauma. Il giudice del Tribunale di Torre Annunziata però, aveva deciso di affidarlo alla cooperativa sociale Aida, che aveva richiesto di adottare il cucciolo.

Ma il secondo trauma è stato troppo per Birillo, che è morto martedì scorso. Secondo i veterinari dell'ASL NA3, il cane avrebbe vissuto l'affidamento ai volontari come un altro abbandono, e non è riuscito a sopportarlo. Giunge così a termine la storia dell'ennesimo animale domestico che viene abbandonato. Un gesto purtroppo, che viene conti-

nuamente ripetuto dalle persone, nonostante ogni estate si promuovano campagne di sensibilizzazione per reprimere il fenomeno. “Quando la società arriva alla deriva, a pagarne il prezzo sono sempre i più deboli- afferma il responsabile regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli-. Stiamo vivendo esattamente quello che si apprende dai libri di storia e ne è la prova non solo l'abbandono di questo cagnolino, ma anche quello del feto abbandonato in un cassonetto a Napoli nei giorni scorsi. Vorrei una punizione esemplare- continua Borrelli-, per questo ragazzo che ha abbandonato il cane e spero che non dorma la notte per il gesto che ha fatto. Birillo è morto a causa dei troppi traumi subiti per l'abbandono, a riprova che questi animali hanno una coscienza, sono sensibili, e soffrono quanto gli esseri umani”. GioSor

TRECASE

Venerdì 13 settembre il via alla Festa Azzurra

Da venerdì 13 Settembre 2013 a domenica 15 settembre 2013 la villa comunale di Trecase, sita in via Nuova Cirillo, farà da cornice alla prima Festa Azzurra. Promossa dal Popolo della libertà, il cui delegato territoriale è Raffaele De Luca, la kermesse segna una tappa importante per affrontare ad ampio raggio tematiche di imponente attualità nella scena nazionale e in quella locale, in particolare. “Giovani, Politica ed Impegno Sociale”: questo il fulcro argomentale della prima serata (inizio previsto alle ore 19.30), con la partecipazione dell'onorevole Mara Carfagna, dell'avv. Antonio Pentangelo (Presidente della Provincia di Napoli), del senatore Pietro Langella, del sindaco di Scafati, dott. Pasquale Aliberti e del vice coordinatore nazionale di Giovane Italia,Armando Cesaro. Tratteranno specificamente di “Sviluppo del territorio” (sabato, 14 ore 19.30), invece, il Ministro del-

le Politiche agricole, Nunzia De Girolamo, il viceministro alla Difesa GioacchinoAlfano. Saranno altresì presenti Luigi Cesaro, il senatore Antonio Milo, Paolo Russo e Fulvio Martusciello (Assessore delleAttività Produttive della regione Campania). Nella serata conclusiva, previsti dibattiti in materia di “Emergenza abbattimenti, tensioni sociali e proposte politiche”. Presiederanno Nitto Palma (presidente della commissione Giustizia al Senato della Repubblica), Ciro Falanga e Carlo Sarro. Durante la tre giorni saranno allestiti stand gastronomici, mostre fotografiche e di pittura. Previsti, inoltre, momenti musicali e di spettacolo per giovani e bambini. Degna di nota la Pedalata azzurra (in sinergia con G.S. Umberto Granato) con raduno in villa comunale previsto alle 10.30 di domenica 15 settembre: un modo per conoscere il territorio in bicicletta.

“Il mercato è d’intralcio ai viaggiatori che si recano alla stazione, deve essere sgomberato”

Dallo scorso 23 luglio l'area mercatale di Boscotrecase è chiusa e il mercato è stato spostato a via Calabrese, nei pressi della Circumvesuviana. L'Eav non è d'accordo e ha chiesto al Comune lo sgombero immediato perché crea disagi ai viaggiatori che si recano a prendere il treno. Nel mese di luglio i vigili urbani, a seguito di alcune segnalazioni di cittadini, avevano ordinato l'immediata chiusura dell'area mercatale perché inagibile. Da allora il mercato si svolge di fronte alla Circum, e fino a che non verrà approvato il bilancio, i lavori di riqualificazione dell'area non inizieranno. Intanto quindi, da ora in poi probabilmente a Boscotrecase non si svolgerà più il mercato settimanale, a meno che il Comune non deciderà di spostarlo di nuovo nell'area mercatale inagibile, oppure da un'altra parte. Per accelerare i tempi dei lavori, alcuni operatori mercatali a luglio si erano offerti di svolgere da soli la manutenzione. La richiesta dell'Eav rappresenta una vittoria per i cittadini, per i commercianti e per i gruppi consiliari di opposizione. Questi infatti, si erano ribellati alla decisione dell'amministrazione Borrelli e dei vigili urbani di spostare il mercato di fronte alla Circum. Il gruppo Piazzapulita Boscotrecase nei giorni scorsi si era rivolto all'amministrazione con un'interrogazione, per sapere quali erano state le urgenze, quali lavori sarebbero stati fatti e i tempi necessari per portarli a termine. “Siamo felicissimi di questa presa di posizione, perché il Comune non si può amministrare come se fosse casa propria- afferma Alberto Menichini, di Piazzapulita Boscotrecase-. Esistono delle priorità ed il trasporto pubblico deve tornare ad essere un baluardo delle nostre zone. Ora l'area mercatale deve essere ria-

perta immediatamente consentendo agli operatori di avviare le necessarie opere di messa in sicurezza igienico-sanitaria. Stavolta però, l'amministrazione non dovrà dimenticarsi della manutenzione ordinaria, come quella dei bagni pubblici”. L'area mercatale non ha un piano antincendio, le scale sono pericolose, i bagni fatiscenti e il sindaco Agnese Borrelli ha annunciato che resterà chiusa fino a che non verrà ap-

provato il bilancio. “E' fuori norma- ha affermato il primo cittadino-. Le grate sono pericolose, ci sono molti disservizi, tra cui i bagni pubblici. Non appena approveremo il bilancio, avvieremo tutto l'iter per iniziare i lavori. Una delle novità saranno le fontanelle che installeremo vicino ai banchi alimentari. L'area era degradata, e anche i commercianti si lamentavano spesso”. GS

Tutto pronto per la X edizione della Festa del Piennolo

Dopo il successo di presenze registrato nelle passate edizioni, anche quest'anno viene riproposta nel borgo Torretta a Boscotrecase, la “Festa del Piennolo” ed il percorso espositivo e degli antichi e nuovi mestieri. La vetrina della cultura e della tradizione artigianale ed enogastronomica dell´area boschese avrà luogo nei giorni 13 14 e 15 Settembre 2013. L´evento, arrivato alla sua decima edizione, si terrà presso il Cortile della Parrocchia SS. Addolorata, in via Cardinale Giuseppe Prisco e in via Lepanto, meglio conosciuta come vico Borzacchini, che si trasformerà in un piccolo percorso espositivo. La “Festa del Piennolo” punta da sempre alla valorizzazione delle produzioni agricole locali di pomodorino vesuviano. Detto comunemente “piennolo”, oppure “spongillo”, per via della tradizionale tecnica di appenderli, uniti a grandi grappoli, per conservarli fino all´inverno, il pomodorino del Vesuvio cresce sui terreni più impervi delle pendici del vulcano. Il pomodorino, conservato al “piennolo”, rappresenta una delle produzioni più antiche e tipiche dell'area vesuviana. Le prime testimonianze documentate, e tecnicamente dettagliate, sulla presenza e sull'uso del pomodorino nel comprensorio vesuviano risalgono a pubblicazioni della fine del 1800 e dell´inizio del 1900.


Pompei 5 Giallo sulla sfiducia siglata da dieci consiglieri. Cipriano e Arpaia: “L’atto non c’è. Pronti a sottoscriverlo”

D’Alessio cade? La verità dall’assise Il documento di sfiducia nei confronti del sindaco, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe già pronto. A mancare sarebbe solo l’undicesimo uomo

“Alcuni amministratori, per partecipare alle tornate elettorali, si lasciano andare a fantasie non consone alla veste che indossano. Se decidono di mandarmi a casa me lo facciano sapere. Un po’ di riposo è gradito dopo nove anni e più”. Eppure ad augurare a D’Alessio un riposo anticipato sono in molti dentro e fuori PaIl sindaco D’Alessio lazzo De Fusco. Dure le critiche D’Alessio appeso a un filo, anzi di due esponenti dell’ opposizioa una firma. Il documento di sfi- ne che smentiscono l’esistenza ducia nei confronti del sindaco del documento pur dichiarandosi di Pompei, secondo alcune indi- disposti a firmarlo. “Per ora non screzioni, sarebbe già pronto. A mi hanno proposto nulla – affermancare è solo un uomo, ma il consigliere Maurizio Cil’undicesimo consigliere che fa- priano – ma sottoscriverei rà la differenza tra la salvezza e senz’altro la sfiducia a D’ Alesla caduta del primo cittadino. sio. Parlo da imprenditore e riGià due “dissidenti” dell’area da- tengo vergognoso che una città lessiana sarebbero disposti ad ap- da quattro milioni di turisti l’ anpoggiare la mozione degli otto no si trovi in queste condizioni consiglieri di minoranza contro pietose. Pompei è una Ferrari ma il sindaco. Ferventi incontri e trat- chi guida è bravo a fare eventi tative si starebbero tenendo in non ad affrontare la guerra della queste ore per ricucire la mag- crisi”. Sulla stessa lunghezza gioranza, da un lato, e per sot- d’onda la posizione di Giorgio trarle il tassello decisivo Arpaia (PdL): “Sarei pronto a firdall’altro. Piccata la replica del mare la mozione ma, per ora, non primo cittadino in un’ intervista: c’è. Confermo il mio netto dis-

cano. Il PUC in fase di approvazione su cui associazioni di commercianti e architetti hanno già manifestato il loro dissenso. Senza contare il bilancio che la gestione D’ Alessio deve portare a casa entro fine anno. Una gestione funestata, del resto, da guai giudiziari che non accennano a finire: dopo la sentenza sul presunto abusivismo della Cartiera è attesa la pronuncia di primo grado sui lavori nella Fonte Salutare. Non sarebbe inverosimile, dunque, immaginare qualche consigliere pronto a defilarsi da un esecutivo ormai scomodo a pochi mesi dalle elezioni, fregiandosi del titolo di salvatore. O di traditore. Nel prossimo consiglio comunale, in ogni caso, sarà sciolto l’arcano sull’esistenza di questo documento e sugli undici “cospire del degrado in cui questa ammi- ratori”. Un dato per ora è certo: a nistrazione ha ridotto il centro ol- Palazzo De Fusco la poltrona di tre che le periferie o la questione primo cittadino scricchiola semdella gestione del cimitero”. Ven- pre più forte sotto il peso di una to di crisi, quindi, a Palazzo De maggioranza che nelle intenzioFusco tra voci che si rincorrono e ni, se non nei fatti, già non c’è maggioranze che si rattoppano. I più. Claudia Malafronte temi scottanti, del resto, non mansenso verso l’operato del sindaco che verrà ricordato per La Cartiera che non ha ridotto la disoccupazione a Pompei. Per non parla-

Il sindaco verrà ricordato per la Cartiera che non ha ridotto la disoccupazione. Per il degrado in cui è stato ridotto il centro oltre che le periferie nonché per la gestione del cimitero. Inoltre il PUC, in fase di approvazione, ha scatenato il dissenso delle associazioni dei commercianti

A partire dal 29 settembre

“Nuove Speranze” al Museo Gracco

Dopo la sentenza del Tribunale Amministrativo si attende il prossimo consiglio comunale

Super Plastik, manca solo l’ok del Comune dopo il sì del Tar

Il Municipio dovrà anche pagare all’azienda di via Casone una sanzione di 3mila euro Il prossimo consiglio comunale si annuncia insolitamente atteso. Non solo dai detrattori di D’Alessio che tramano la sfiducia. Anche i vertici della Super Plastik, impresa di imballaggi in plastica con sede in via Casone, aspettano con ansia che si riunisca l’assise cittadina. Dopo la vittoria del ricorso al TAR campano (sent. 03649/2013 del 12 luglio 2013) per la riqualificazione dell’opificio, manca la sola ratifica da parte del consiglio comunale. Una ratifica che dovrebbe essere solo formale dopo la sentenza favorevole che ha condannato il comune al pagamento delle spese per una somma di tremila euro. Un caso emblematico e paradossale di burocrazia che ostacola, invece di favorire, l’imprenditoria. Già nel maggio 2010, a ben tre anni dalla richiesta, l’impresa pompeiana aveva incassato il parere favorevole unanime della conferenza dei servizi. E qui inizia il calvario della Super Plastik. L’ok della provincia arriva dopo soli quindici giorni, quello del comune arranca. La corte parla di “immotivato stallo”. Inserita nell’ordine del giorno del dicembre 2010 e rinviata al gennaio 2011, la proposta di variante non viene più esaminata dal consiglio comunale, nonostante le numerose diffide. Nel mezzo una serie di consulenze che il comune ha richiesto per vagliare la questione. Dopo i primi pareri favorevoli, si prospetta la necessità di un’integrazione documentale, per cui il dirigente chiede il rinvio degli atti alla conferenza dei servizi. Tutto da rifare, quindi, per la Super Plastik che non ci sta e ricorre al TAR che le dà ragione. Secondo i giudici della terza sezione “si è assistito ad un confuso percorso istruttorio caratterizzato da un difetto di coordinamento degli organi dirigenziali dell’ente, da volizioni contraddittorie, oltre che da una sostanziale spoliazione del consiglio comunale della competenza ad approvare o meno la variante allo strumento urbanistico regionale”. Ora la parola torna all’assise cittadina che dopo tanti ordini del giorno su feste, cittadinanze e vacuità varie può decidere sulla città e per la città. Perché porre ulteriori osta-

coli a una delle poche attività produttive ancora rimaste a Pompei confermerebbe la vulgata ormai diffusa tra i cittadini: che questa

amministrazione vada contro e non a favore dello sviluppo della città. ClaMal

Sul palco de “Le Lune”

Gene Jackson apre la nuova stagione jazz

Con l'esperienza internazionale del batterista statunitense Gene Jackson, accompagnato da Mino Lanzieri alla chitarra e da Daniele Sorrentino al contrabbasso, si aprirà la nuova stagione jazzistica a Pompei, sul palco de «Le Lune Wine Music». L'esibizione dell'inedito trio è in programma lunedì 16 settembre a partire dalle ore 21:30. L'ingresso al concerto è gratuito. Nato a Philadelphia nel 1961, Gene Jackson è considerato dalla critica specializzata un batterista eclettico e completo, in grado di scivolare dal sound africano a quello latino, passando per i ritmi più vellutati del jazz. Tra le sue collaborazioni internazionali spiccano le registrazioni e i tour realizzati al fianco di Wayne Shorter, Herbie Hancock e Dave Holland. Il concerto sarà preceduto, a partire dalle ore 17:00 (e fino alle ore 20:00), da un «Jazz Workshop»: si tratta di un particolare momento di formazione musicale (peraltro già sperimentata con successo nelle metropoli europee e americane) che offrirà la possibilità a tutti, aspiranti musicisti o semplici appassionati, di svolgere una sessione di studio della batteria, di apprenderne i fondamentali e di suonarla direttamente sotto la guida di un percussionista professionista e un grande talento del jazz come Gene Jackson. Il seminario è però aperto a tutti gli strumenti: oltre a due batterie, sul palco saranno presenti anche un pianoforte e un basso per rendere possibile l'interazione e l'esecuzione di brani dal vivo. La partecipazione al gruppo di studio con Jackson ha un costo di 25,00 euro.

“Nuove Speranze” è il titolo della mostra collettiva che raccoglie alcuni lavori realizzati dagli allievi del primo e del secondo anno del Corso di Pittura (anni 2011-2013) diretto dal M° Franco Gracco. La nuova edizione sarà allestita al Museo Gracco di Pompei, Villa dei Misteri, a partire dal 29 settembre 2013, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2013. Madrina della serata inaugurale, che si terrà sabato 28 settembre, sarà Anna Maria Paia, Presidente del Club Inner Wheel “Pompei Oplonti Vesuvio Est”, associazione filantropica patrocinante la manifestazione. Espongono: 1° ANNO: Harriette Beugré, Rosa Caiazzo, Marianna Tessito, Marinella Veropalumbo, Luigi Vitiello; 2° ANNO: Vera Akimova, Umberto Carotenuto, Carmela D'Amora, Genoveffa Lepre, Grazia Nieddu, Stefania Scardone.

Ogni nuovo anno del Corso di Pittura si presenta ricco di nuove emozioni e sorprese. Da assistente al corso, ricordo bene i commenti degli allievi alla prima lezione, quando erano mossi dai sentimenti più disparati, dal desiderio di imparare ed esprimersi attraverso la pittura e il timore di non essere all'altezza dell'impegno richiesto. Tuttavia ben presto, per tutti loro, ha prevalso la voglia di farcela, perseverando nonostante le normali difficoltà nell'apprendmento delle varie tecniche permettendo loro di raccoglierne i frutti. Anche chi non era particolarmente "dotato" dal punto di vista artistico ha dimostrato di poter imparare, raggiungendo un livello di competenza oltre ogni aspettativa. Alcuni di loro che hanno appena completato il secondo anno sono ora in grado di esporre il meglio della propria espressione artistica.


6 Torre Annunziata

13 settembre 2013

Sversamento abusivo di liquami sulla spiaggia della “Salera” Il tutto è stato ripreso dalle telecamere di un abitante del posto, Vincenzo Marasco. Il video integrale è disponibile sul sito del nostro giornale www.ilgazzettinovesuviano.com

Il lido torrese versa nel degrado più assoluto

Scambio culturale con Emmendigen promosso da “Torresi nel Mondo” Il Fashon Style torrese ospite in Germania

Da sinistra: Michele Gallo, Orazio Spisto, Paolo e Luigi Forestiero

Scambio culturale tra Torre Annunziata e la cittadina tedesca Emmendingen. Il fashion style torrese sbarca in Germania e la band tedesca Black Forest Tigers approda nella città oplontina, grazie all' associazione “Torresi nel mondo”. I parrucchieri Forestiero di Torre Annunziata saranno in scena ad Emmendingen, in occasione di una kermesse mondiale targata moda, capelli, cultura e spettacolo. L'evento si terrà il prossimo 6 ottobre e vi parteciperanno Paolo e Luigi Forestiero, padre e figlio, Michele Gallo e Orazio Spisto, anch'essi noti parrucchieri di TorreAnnunziata. L'idea è stata di Oscar Guidone, presidente dell' associazione Torresi nel mondo e assessore alla cultura ad Emmendigen dal 1999. Guidone è di origini torresi, ed è emigrato in Germania nel 1968. Nonostante l'assessore sia a tutti gli effetti un cittadino tedesco da tanti anni, non ha mai dimenticato le sue origini e ricorda sempre il suo borgo natio con nostalgia. Il fashion style torrese sarà celebrato in Germania attraverso un percorso di acconciature maschili e femminili. Emmendigen ricambierà Torre Annunziata con la band tedesca Black Forest Tigers, che si esibirà in città il 27 ottobre alle ore 19,30 nella basilica della Madonna della Neve. Per l'occasione anche il sindaco della città tedesca farà visita a Torre Annunziata e si incontrerà con il primo cittadino torrese Giosuè Starita. I due si conosceranno a Palazzo Criscuolo il 28 ottobre, per consolidare i rapporti tra la città oplontina ed Emmendigen.

“Amare gli animali significa anche rispettare l’ambiente” Partita una nuova campagna di sensibilizzazione da Palazzo Criscuolo “Amare gli animali significa anche rispettare l'ambiente”. È questo il nuovo slogan che Palazzo Criscuolo ha scelto per sensibilizzare i cittadini a raccogliere dalle strade i bisogni dei loro animali domestici. “Io non posso… tu hai le mani, usale!”, continua il manifesto che in questi giorni tappezza i muri della città. Un altro passo verso la civiltà, e un'abitudine degna di tante capitali europee, ma poco diffusa nelle maggiori città italiane. Su Facebook già

girano i commenti dei cittadini, in particolare sul fatto che non ci sono appositi bidoni dove lasciare gli escrementi degli cani. “Il problema sono i contenitori: non se ne trovano”, scrivono alcuni utenti torresi, mentre altri propongono di estendere la campagna di comunicazione anche sensibilizzando i cittadini a “non buttare le cicche, bottiglie, lattine, carte di merendine, chewingum, scontrini e non sputare a terra”. GioSor

Ha destato scalpore un video postato su Facebook sulle condizioni in cui versa la spiaggia della Salera a TorreAnnunziata.Apubblicarlo è stato un cittadino indignato, Vincenzo Marasco, ed ha subito fatto il giro del web. Non è una novità che quella sponda sia una delle più degradate della città, ed è diventata nel corso degli anni una vera e propria discarica a cielo aperto. Il video è eloquente e il ragazzo non lo commenta, perché “le immagini si commentano da sole”, come scrive. Si vedono i rifiuti sparsi qua e là, oltre che scarichi provenienti probabilmente dal fiume, oppure dalle fogne, che si riversano in mare. Eppure a pochi metri di distanza, nello stesso mare i bagnanti passano le loro giornate estive, ora che il mare è tornato balneabile. L’indignazione non è solo di Vincenzo Marasco, ed ora che il video si è diffuso, in tanti hanno discusso dell’abbandono e del degrado di quella spiaggia. C’è chi dà la colpa alla camorra che sversava materiale inquinante, veleni di ogni sorta, o a chi allenava i cavalli negli anni ’70, o imparava a sparare proprio lì, dove ora serve una bonifica. Intanto venerdì, i membri della commissione trasparenza, con il capogruppo del PD della città, Raffaele Ricciardi, il capo dell’Ufficio tecnico e il comandante dei vigili urbani si recheranno alla spiaggia per verificare la provenienza degli scarichi. Un altro cittadino, Francesco Alessandrella ha proposto di portare il video in Procura per denunciare la condizione della spiaggia: “Finché pubblichiamo e commentiamo non succede niente. Bisogna portare il video in Procura e chiedere l’apertura di un fascicolo o l’inserimento del video in uno già aperto”. Tutti gli altri, compreso Vincenzo Marasco, sembrano d’accordo a denunciare il degrado della Salera. Proprio nei giorni scorsi su quel lido abbandonato è scoppiato il terzo incendio degli ultimi mesi. A niente sono servite le segnalazioni dei cittadini e delle associazioni, affinché la spiaggia venisse bonificata. Il Comune nei mesi scorsi è intervenuto ripulendo dai rifiuti solo il lato destro della Salera, che affaccia sul mare. Il lato sinistro invece è rimasto colmo di scarichi illegali: eternit, meglio conosciuto come cemento-amianto, lavandini, pietre, rifiuti industriali, vetro, plastica, vestiti. Gli stessi vigili del fuoco di Castellammare di Stabia, giunti sul posto a domare le fiamme, hanno protocollato un’informativa per incendio doloso e per reato di scarico di materiale inquinante. Inoltre i pompieri hanno presentato una richiesta al Comune e alla Capitaneria di Porto, affinché l’area venga definitivamente bonificata. Nei mesi scorsi una delegazione di parlamentari del PD aveva incontrato il sindaco Giosuè Starita per discutere del futuro della spiaggia. I deputati avevano sottolineato l’urgenza di azioni immediate per rafforzare la sorveglianza e la repressione degli sversamenti abusivi e illegali, sia per risanare l’area, sia per rilanciare il porto di TorreAnnunziata. Starito si era impegnato a disinfestare e a derattizzare la zona, ma gli scarichi abusivi sono rimasti dov’erano. Giovanna Sorrentino

MAGICAMENTE MUSICAL

Pubblicità

foto Rino Galantuomo

20

settembre Ore 20.00

Piazza Schettini

POMPEI

Alessandro D'Auria, Diletta Acanfora, Dario Acanfora, Angela Rosa D'Auria, Pietro Bicezio, Catello Donnarumma, Gennaro Sansone, Mario Mascia, Angela Mascia, Nunzia Nasto, Sara Gargiulo, Danilo Luciano, Mario Amatista, Michela Orofino, Flavia Annunziata, Paola Amato, Angela Matrone, Bianca Verdoliva, Annarita La Rocca


Castellammare di Stabia 7 Vertenza Terme di Stabia

Operai sui tetti: sarà protesta ad oltranza fino alla riapertura dell’azienda partecipata

Da mesi i termali sono in cassa integrazione (degli ammortizzatori sociali stanno usufruendo solo i dipendenti a tempo indeterminato a differenza degli oltre cento “stagionali”) e la struttura versa nel totale degrado e abbandono Dipendenti delle Terme di Stabia sulle barricate, i termali annunciano iniziative di protesta ad oltranza fino a quando non riceveranno soluzioni concrete per la pronta riapertura dello stabilimento. Ieri mattina circa 20 operai sono saliti sui tetti dello stabilimento del Solaro per spingere l'amministrazione comunale del sindaco Nicola Cuomo ed il management aziendale a trovare la strada per la riapertura dei battenti.Aseguire il blocco della statale sorrentina arriva la protesta in azienda. Da mesi i termali sono in cassa integrazione (degli ammortizzatori sociali stanno usufruendo solo i dipendenti a tempo indeterminato a differenza degli oltre cento “stagionali”) e la struttura versa nel totale degrado e abbandono. Senza servizio di guardiania i continui raid vandalici hanno deturpato gli arredi. Ora i termali sono stufi di assistere inermi al fallimento dell'azienda e chiedono risposte in merito a vari punti della vertenza che dura ormai da 3 anni e si sta complicando non poco nelle ultime settimane. In particolare rappresentanti sindacali e dipendenti fanno pressing sull'amministrazione di palazzo Farnese in merito alle convenzioni Asl. La preoccupazione ed

Missiva indirizzata al governatore Caldoro

“La giunta regionale intervenga subito per salvare Terme” I capigruppo consiliari di Palazzo Santa Lucia hanno inviato una lettera anche all’assessore Martusciello il rischio è concreto è quella di perdere l'erogazione delle cure che arrivano direttamente dall'azienda sanitaria pubblica. Nel periodo in cui le Terme di Stabia sono rimaste chiuse a sopperire alla mancanza ci hanno pensato altri centri, come lo stabilimento dello Scrajo e le Terme vesuviane. Le convenzioni Asl (dopo il tetto di 900mila euro imposto per le cure fkt nel 2009 dalla stessa azienda sanitaria) sono la maggiore fonte di guadagno per la partecipata comunale ed ora il

rischio è quello di un ulteriore taglio. Tra i rappresentanti sindacali, in particolare la Uiltucs, la proposta è quella di avviare l'apertura parziale dello stabilimento attraverso gruppi elettrogeni in mancanza della fornitura di energia elettrica. L'obiettivo comune è quello di arrivare alla riapertura per non perdere definitivamente le convenzioniAsl. Nelle ultime ore, dopo il blocco della statale sorrentina effettuato ieri mattina, le Rsa dei termali

hanno inviato una lettera ai sindaci dei comuni della penisola sorrentina per invitarli a partecipare ai tavoli di trattativa che riguardano lo stabilimento termale e la galassia del suo indotto. Intanto altra tappa della vertenza è fissata il prossimo 24 settembre, appuntamento a Roma presso la sede dello Sviluppo economico dove prenderanno parte al tavolo le istituzioni locali e l'assessore regionale Fulvio Martusciello. Raffaele Cava

“Su nostra richiesta, i presidenti dei gruppi consiliari della Regione Campania hanno chiesto alla giunta regionale di intervenire urgentemente per Terme di Stabia”. Lo annuncia il sindaco di Castellammare di Stabia, Nicola Cuomo. La missiva, indirizzata al presidente della giunta Stefano Caldoro e all'assessore alle attività produttive (con delega anche alle acque termali) Fulvio Martusciello, porta le firme dei capigruppo di Pd, Pdl, Caldoro Presidente, Centro democratico, Udc, Psi e Udeur. In particolare si chiede un intervento urgente per il parco idropinico del complesso termale e quindi per le sorgenti, quest'ultime di diretta competenza della Regione. “Ci hanno accusato di immobilismo, quest'atto però è la dimostrazione che stiamo facendo il possibile per riaprire le Terme - prosegue il sindaco Nicola Cuomo - Ho ringraziato personalmente i capigruppo del consiglio regionale, che hanno risposto prontamente alla nostra richiesta, con l'augurio che al più presto la giunta regionale possa deliberare l'intervento auspicato”.

La discarica a cielo aperto di via Varano

Monte Faito, il Pd: Prosegue la rovina dell’Antica Stabia è tempo di scalare le difficoltà Una miscela esplosiva, cancerogena oltre misura: è possibile ammirarla nel vicoletto di accesso di Villa Arianna Direste mai che l'immondizia, gli scarti delle attività umane, possano fare da ingresso a un complesso archeologico tra i più antichi del mediterraneo? La domanda è assolutamente retorica. Un individuo dotato di un minimo di buon senso darebbe una risposta negativa a un simile interrogativo. Non si può conciliare in alcun modo, infatti, la bellezza, il fascino del passato con il degrado e l'abbandono moderno. Eppure, questa miscela esplosiva, cancerogena oltre misura, è possibile ammirarla nel vicoletto di accesso a una delle ville dell'antica Stabia, quella di Arianna. Questa stradina Via Varano per la precisione serviva da collegamento tra la parte bassa di Castellammare, viale delle Puglie e centro storico, e quella alta della città, dove come è noto si sviluppava in epoca romana l'antico insediamento di Varano. Dico serviva, perché da tempo immemore questa strada è chiusa al traffico. E non si capisce bene il perché. Lavori di adeguamento fognario, gineprai di erbacce, smottamenti delle colline circostanti. Alcuni dei motivi addotti alla chiusura. Nel frattempo, latitando interventi seri e definitivi, il selciato è regredito allo stato di letamaio, ricoperto di materassi, mobili, scarti di costruzioni, senza considerare il puzzo nauseabondo di animali in decomposizione. Esempi negativi naturalmente come questo di villa Arianna inducono a dire sempre le stesse cose. Cose ritrite, consumate, avvilenti. Cose che cadono da anni nel vuoto. Nella voragine delle connivenze istituzionali, delle attività truffa di fondazioni e associazioni di promozione del territorio, dell'inciviltà della società cosiddetta civile stabiese. È mortificante cercare il meglio sempre da un'altra parte. Dire, per esempio, che i paesi stranieri sanno valorizzare il patrimonio artistico e culturale in maniera

più adeguata della nostra. Dire che i fondi vanno a finire sempre da un'altra parte. L'Italia è il paese delle proteste. Il paese delle lagnanze. Un paese gonfio di retorica e magro d'azione. In Italia si chiacchiera, ci si indigna contro

il proprio avversario, ma poi ci si va a cena tranquillamente. I beni culturali, ho sentito dire, sono il petrolio di questo paese. Un'immagine orrenda, viscida, detta tempo fa da un ministro democristiano. Cosa che non sor-

prende, visto che lo scempio artistico e culturale del paese si è drammaticamente consumato sotto i colpi di coda della balena bianca. La chiave per cancellare scempi come quello di Villa Arianna passa inevitabilmente attraverso la selezione di una classe dirigente virtuosa. Sindaci, assessori, funzionari, soprintendenti. Un ricambio di qualità da garantire fissando regole nuove: trasparenza e approccio manageriale ai beni culturali. Non esiste strada diversa. Anche perché, continuando a malversare in questo modo la ricchezza ricevuta in eredità dai nostri antenati, entro lo spazio di una generazione tutto sarà finito. Tutto dimenticato. Tutto irrimediabilmente perduto. E noi sempre più poveri, più bruti, e inevitabilmente meno uomini. Angelo Mascolo

Procedure anticorruzione: via libera dall’Asl Na3 Sud

Chiunque potrà vigilare con lo strumento dell’Accesso Civico Con l'entrata in vigore del decreto legislativo 14 marzo 2013 n. 33 (riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni), il legislatore riconosce un ruolo attivo al cittadino in materia di prevenzione della corruzione. Con lo strumento dell'Accesso Civico (art. 5 dello stesso decreto legislativo) chiunque può vigilare, attraverso il sito web istituzionale (www.aslnapoli3sud.it link accesso civico), sul corretto adempimento formale degli obblighi di pubblicazione e sul corretto utilizzo delle risorse da parte delle pubbliche amministrazioni. La richiesta di accesso civico non è sottoposta ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente non deve essere motivata, è gratuita e va presentata al responsabile della trasparenza (Uoc Relazioni con il pubblico)

dell'amministrazione obbligata alla pubblicazione che si pronuncia sulla stessa. L'Asl Napoli 3 Sud si impegna: Alla pubblicazione sul sito del documento, dell'informazione o del dato richiesto entro un tempo massimo di venti giorni, individuando questo tempo di attesa quale standard aziendale (la normativa prevede un tempo massimo di trenta giorni), nel caso il documento richiesto non sia pubblicato. Se il documento, l'informazione o il dato richiesti risultano già pubblicati nel rispetto della normativa vigente, l'Asl Napoli 3 Sud, per il tramite della Uoc Relazioni con il Pubblico/Responsabile della Trasparenza, si impegna entro 7 giorni lavorativi (la normativa non prevede nessun tempo) ad indicare al richiedente il relativo collegamento ipertestuale. Questo standard è obiettivo dell'Uoc Relazioni con il Pubblico/Trasparenza.

“Una strategia per la rinascita”

L'incontro di lavoro svoltosi martedì scorso promosso dai circoli del Pd a Castellammare per affrontare le questioni del rilancio e della tutela del Monte Faito è servito a mettere a fuoco le principali criticità. Il quadro che è emerso è molto preoccupante, ma al tempo stesso si confermano le enormi potenzialità dell'area e i possibili filoni d'intervento. I parlamentari del Pd chiederanno un incontro ai responsabili del corpo forestale dello stato per attivare tutte le possibili iniziative per migliorare la sorveglianza dell'area e la prevenzione di reati ambientali e attività illecite. In secondo luogo i democratici solleciteranno azioni concrete per migliorare le condizioni di accessibilità. “La funivia del Faito rappresenta un patrimonio hanno fatto sapere dal Pd che rischia di essere distrutto per l'ignavia dell'Assessorato regionale ai Trasporti che sottovaluta, pesantemente, il valore di questa struttura per tutto il comparto turistico e per la qualità del territorio. È necessario reperire le risorse per l'adeguamento alle normative antisismiche delle due stazioni e contemporaneamente riformulare il piano di esercizio,-

ma ci si deve porre l'obiettivo di rimetterla in esercizio per la prossima stagione. Su questo va incalzata la Regione da subito, cosi me vanno verificate e procedure e il cronoprogramma delle opere per mettere in sicurezza il versante di Castellammare del Faito e riaprire la strada di collegamento oggi abbandonata e ricettacolo di rifiuti utilizzando il finanziamento disponibile di 10 milioni di euro. Va rilanciato il ruolo del Parco dei Monti Lattari e della sua comunità che non dà segni di efficacia e di presenza da anni”. Oltre a chiedere e lavorare per un rinnovato ed efficace lavoro delle istituzioni il Pd dialogherà con associazioni e cittadini per raccogliere indicazioni e suggerimenti e per stimolare forme di collaborazione ,in rete,tra i soggetti che vivono e operano per il Faito. In questi anni anche da parte del Pd vi è stata una sottovalutazione delle questioni che riguardavano questo pezzo di territorio, oggi c'è un diversa consapevolezza del valore che può avere il Faito e il sistema dei Monti lattari per lo sviluppo, la sicurezza, la tutela di un patrimonio di cultura e natura.

Minerva attracca al porto di via Bonito

Il sindaco Nicola Cuomo ha atteso sul molo l'arrivo della nave da crociera Minerva, attraccata alle 7,30 di martedì scorso al porto di Castellammare di Stabia, con a bordo circa 300 passeggeri. Il primo cittadino ha dato il benvenuto ai passeggeri dell'imbarcazione, augurando una buona permanenza in città ai turisti che hanno scelto di trascorrere qualche ora per le vie del centro cittadino. “Sono convinto che si troveranno bene nella nostra città” ha esordito il sindaco Nicola Cuomo. “Il turismo è una delle tre attività principali della nostra città e va potenziato continua il primo cittadino Lavoriamo proprio in questo senso, per migliorare sempre di più l'accoglienza, curare tutto nei minimi particolari e non lasciarsi scoraggiare dal momento molto critico che sta attraversando la città di Castellammare di Stabia. Si possono raggiungere ottimi risultati utilizzando bene le poche risorse disponibili, lavorando anche insieme ai cittadini” ha concluso il sindaco.


8 Lattari\Costiera

13 settembre 2013

Promessa dall’Assessorato alle Politiche Giovanili

Santa Maria la Carità

Nuovo “rimpasto” in giunta, A Sorrento, l’iniziativa Biblioteca con i giovani per i giovani fuori l’MPC Il senatore Langella: “Cascone lontano dagli equilibri politici del territorio”

Ancora un rimpasto, una nuova giunta per Santa Maria la Carità. Quello di tre mesi fa era stato salutato come “il rimpasto di fine mandato” e invece ci eravamo tutti sbagliati. La storia si è ripetuta, storia forse è una parola troppo impegnativa, forse parlare di “teatrino della politica” tratteggia meglio il momento politico che attraversa l'amministrazione guidata da Francesco Cascone. Ma non volendo entrare nei particolari di tutta l'operazione non possiamo non rivelare un dato fin troppo chiaro. Quella attuata dal primo cittadino sammaritano, più che rimpasto, avvicendamento, cambio di testimone, non può che definirsi un defenestra mento. Una operazione prettamente politica, infatti la fascia tricolore non ha fatto altro che “asportare”, quasi chirurgicamente, i due assessori Elefante e Del Sorbo solo pochi mesi fa entrati nella stanza dei bottoni. Una operazione di allontanamento di due elementi che, forse, anche visto il repentino dietrofront, poco si erano adattati ad avallare alcune linee politiche, alcune scelte amministrative fortemente caldeggiate dal primo cittadino e dalla sua parte politica. Il fatto politicamente rilevante, comunque, è anche un altro: i due assessori defenestrati sono entrambi esponenti del Movimento Popolare Campano, la nuova formazione politica ideata, fondata e guidata dal senatore Pietro Langella, gruppo PdL a Palazzo Madama, e quindi anche senatore di Francesco Cascone, sindaco con l'hobby del rimpasto. Qualcosa chiaramente deve essersi inceppato, qualche ingranaggio che ha lasciato con l'amaro in bocca gli esponenti dell'MPC. Proprio alla massima carica istituzionale del Movimento Popolare Campano, appunto il senatore Langella, abbiamo chiesto un commento a questa situazione che ha seguito molto da vicino. “Il buon sindaco Cascone, che si avvia alla conclusione del suo secondo mandato, forse sta pensando al suo futuro e non guarda a quelli che sono gli equilibri politici sul territorio essendo legati sia io che lui al presidente della provincia Pentangelo e al coordinatore regionale del PdL Cesaro. Oggi, a fronte di quanto accaduto, devo dire che spero vivamente che non ci sia dietro anche l'avallo dei citati politici PdL. Certamente a concluso Langella la revoca delle deleghe ai nostri due esponenti ci ha colto di sorpresa. Entrambi stavano operando in piena lealtà con la coalizione che amministra Santa Maria la Carità e con spirito di servizio per la propria comunità. Da oggi continueranno certamente a servire la loro cittadina nelle vesti di consiglieri comunali con ancora più dedizione, attenzione e soprattutto spirito costruttivo tenendo ben fissi davanti a sé due fondamentali principi, quello di una politica costruttiva che parta dalle esigente dei cittadini e quello che è parte fondante del nostro Movimento e che recita: “servi di nessuno”. Ivan di Napoli

E’ partita nei giorni scorsi presso la biblioteca comunale Bartolommeo Capasso di Sorrento, l'iniziativa denominata "Biblioteca con i giovani per i giovani", promossa dall’assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Sorrento in collaborazione con il forum dei giovani e con varie associazioni giovanili presenti sul territorio. Grazie a questo progetto la biblioteca comunale resterà aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 20 ed il sabato dalle ore 9 alle ore 13 ospitando eventi e manifestazioni dedicate alla lettura, alla presentazione di libri, cineforum con dibattiti, incontri di formazione politica, appuntamenti enogastronomici e musicali ed esposizioni artistiche. L’iniziativa si propone di promuovere "la partecipazione attiva dei giovani alla vita della città e di avvicinare gli stessi alla biblioteca comunale ed al mondo della cultura, attraverso l’organizzazione di una serie di eventi", si legge nel documento di presentazione, e prevede anche la catalogazione di numerosi testi e riviste specializzate al fine di renderli meglio fruibili agli utenti. "L’intero progetto, che in via sperimentale durerà fino a fine anno, sarà realizzato interamente dai giovani sorrentini - spiega il consigliere comunale Massimo Coppola, promotore dell'iniziativa - "Biblioteca con i giovani per i giovani" è un progetto

ambizioso che si propone di rilanciare la biblioteca comun a l e p o t e nziandone i servizi e facendo di essa il fulcro del fermento culturale giovanile nella nostra città. L’aspetto più significativo è che al centro ci sono i giovani, non solo quali destinatari dei servizi offerti ma anche co- Il consigliere Coppola me protagonisti attivi dell’ organizzazione del programma. E’un traguardo importante, raggiunto grazie al grande lavoro degli uffici comunali preposti. Ma è soprattutto un punto di partenza al fine di creare sempre più luoghi e momenti di aggregazione per i giovani”.

Nella splendida cornice della Reggia di Quisisana di Castellammare di Stabia

In 40 per il titolo di Miss Ondina Sport Successo della semifinale da 96 selezionate in 40. La manifestazione di patron Geremia Schiavo ha festeggiato la ventesima edizione

Un clima mite e una serata splendida ha salutato la prima delle due serate finali del concorso di bellezza di Miss Ondina Sport 2013. La manifestazione, che quest’anno è giunta alla sua ventesima edizione, è stata, per la prima volta, ospitata nella splendida cornice della Reggia di Quisisana a Castellammare di Stabia, contornata dal panorama mozzafiato delle luci del Golfo partenopeo. Notevole il successo di pubblico che anche per questa serata di semifinale ha voluto premiare l’organizzazione del patron Geremia Schiavo e la bravura di tutto lo staff delle “Ondine” a partire dal coreografo Antonio Esposito che, ogni estate dal 1994, ripropongono uno spettacolo itinerante che settimana dopo settimana regala musica, divertimento e bellezza a tante piazze nostrane. La serata di sabato scorso che è stato il preludio alla finalissima del prossimo sabato è stata presentata dallo storico presentatore Il Conte Max che si è poi alternato con il bravissimo Enzo Gueriglia, artista a tutto tondo che spazia dal cabaret, alle imitazioni per approdare alla canzone e alla conduzione. Accanto ai due presentatori due bellezze prodotte proprio da Miss Ondina Sport, l’elegante e bellissima Letizia Gandy e una giovanissima, fresca e simpatica Paola Chen, Miss Ondina Sport 2012. Per le due esordienti conduttrici una prova nuova ed entusiasmante dopo le affermazioni sulle passerelle di moda in tutta Italia. Compito più che arduo quello della giuria che ha dovuto concentrarsi e scremare un gruppo di ben novantasei fanciulle, tutte bellissime, in forma, come richiede il concorso che appunto abbina bellezza e sport. Una variegata rappresentanza di colori e caratteri mediterranei e non solo. Giurati qualificati, scelti dal mondo dell’imprenditoria dello spettacolo, della moda e del giornali-

smo: Mattia Vanacore, Campione Italiano di PasticceriaCioccolato; Giuseppe Barbato, imprenditore; Ciro Balestra, imprenditore; Emilio Immobile, titolare Mr Free Moda; Francesco Nicotra, attore, cantante e sosia ufficiale di Bud Spencer, che nel corso della serata, inoltre, ha deli-

Meta: per ora “No al Piano Sociale di zona”

Il comune di Meta non sottoscriverà entro il termine del 15 settembre prossimo la Convenzione per la gestione in forma associata del Piano Sociale di Zona dell’Ambito Territoriale Napoli Trentarè. La decisione è stata formalizzata dal primo cittadino Paolo Trapani in una nota indirizzata ai sindaci degli altri comuni della Penisola Sorrentina. Tra le motivazioni alla base della «impossibilità temporanea» ad aderire al Piano c’è il mancato superamento delle criticità sollevate nel corso dell’ultimo consiglio comunale e riguardanti la composizione dell’ufficio di Piano e la condizione del Nido d’Infanzia di Montemare. E proprio in merito a quest’ultima vicenda, a testimonianza che ci sono aspetti da chiarire sia in relazione al servizio erogato sia per quanto concerne i rapporti tra la gestione e il Piano Sociale di Zona, lo stesso Ufficio di Piano, su richiesta del comune di Meta ha convocato per il giorno 23 settembre una Conferenza di Servizi tra tutti gli enti coinvolti.

ziato il folto pubblico intervenuto con alcuni brani internazionali del suo repertorio. A completare la giuria anche Antonia Severino, public relation; Francesco Esposito, Vice Console I°Ambasciata Bambini nel Mondo; Luca Zingone, giornalista; Antonella Capasso, dottoressa; Angela Cimmino, vice presidente Associazione Culturale Marylin;Agostino Coppola, hair stylist; Giuseppe D’Antuono, direttore artistico Mousikè. Dietro le quinte l’esperienza della professoressa Virgilia Varone e di Antonino Di Giacomo. Selezione musicale di Vincenzo Schiavo, acconciature effettuate dall’equipe di Anna

Maria Piacente, mentre gli addobbi floreali sono stati curati da Garden Oasi Verde di Brigida Massa.Acompletare la serata, intervallando le sfilate delle aspiranti “Ondine”,lo spettacolo ha visto la presenza dell’attrice e cantante Anna Capasso, che tra tv e teatro riesce sempre ad essere presente alle serate di Miss Ondina, la bravura di Marika Somma e la grande voce di Brigida Manna. Grande allegria con la performance di Enzo Gueriglia, che è riuscito a ritagliarsi un momento tutto suo regalando risate e buon umore e per concludere il suggestivo balletto, ispirato ai venti di guerra che spirano

dal Medio Oriente, verso i quali si è provato a mandare un messaggio di pace, portato sulle tavole del palco stabile della Ballet Studio coordinata da Massimo Rogatis. Quaranta le finaliste che si sfideranno a colpi di passerella, simpatia e spigliatezza, sabato prossimo in una serata che si preannuncia magica, sempre nel cortile della Reggia di Quisisana: Sofia Muzia, Chiara De Simone, Luna Gandy, Federica Cirillo, Mariagrazia Golino, Maria Somma, Giovanna Di Luca, Alessandra Buono, Martina Pontedoro, Giovanna Spiezio, Simona Di Vita, Giusy Festoso, Gaia Pietropaolo, Mary Silvestri, Greta Di Fonzo, Giusy Sorrentino, Lisa Pagano, Elvira Oliva, Valeria Cirillo, Annarita Di Somma, Serena Cuomo, Martina Messina, Anna Pellegrino, Marika Panico, Ilaria Rossi, Yudith Ramonsvaldes, CarmelaAiello, Valentina Di Martino, Gina Di Dato, Mariarita De Cesare, Rita Masolo, Caterina Festinese, Virginia Cuozzo, Valentina Olero, Lucia Celentano, Marianna Gautieri, Anna Santovito, Federica Fonzo, Michela Cimmino, Mirea Sorrentino.Appuntamento allora, per un’altra serata all’ insegna della bellezza e dello spettacolo, sabato 14 settembre alla Reggia di Quisisana, piccolo e suggestivo gioiello architettonico della città città delle acque.


Monti Lattari 9 Cittadini considerati morosi, ma non hanno mai ricevuto le bollette

Il provvedimento notificato nei giorni scorsi

Gragnano: il postino non consegna, Sant’Antonio Abate: sospeso utenti senza corrente e telefono dal Prefetto il consigliere arrestato Presentato un esposto in Procura

Utenze telefoniche e fornitura di energia elettrica improvvisamente staccate per "morosità" senza che i titolari ne sapessero nulla. "Tutta colpa del postino" che non recapita più le missive ai residenti di via Casa dei Miri, zona periferica di Gragnano. "Da diverse settimane - spiegano alcuni residenti - effettivamente non riceviamo la posta, ma pensavamo che questo disagio fosse legato alle ferie estive. Invece, recandoci all'ufficio postale, abbiamo scoperto che era un problema proprio con la nostra zona, e dai dipendenti della Posta abbiamo avuto poca collaborazione". In pratica - come spiegato ad alcune persone che sono andate a lamentarsi - ormai da luglio, il portalettere si rifiuterebbe di consegnare la posta in quelle zone, ma non si conosce il motivo. Tutto questo ha scatenato una serie di ritardi nei pagamenti, che nella prima settimana di settembre ha portato già al distacco di due utenze Enel e di una Telecom per morosità. Chi si è trovato senza corrente e senza linea telefonica, ha scoperto sulla sua pelle il problema, e ne ha anche pagato le conseguenze, suo malgrado. I cittadini che hanno subito il danno, si sono rivolti immediatamente all'associazione Dimen-

sione Civica che ha già preparato un esposto da presentare alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata. "Qui siamo davanti ad una palese interruzione di pubblico servizio - spiega Terenzio Morgone, responsabile dell'associazione di tutela del consumatore - che ha causato notevoli danni economici ai nostri associati. Adesso vogliamo capire di chi sono le responsabilità e, contestualmente, chiederemo a Poste Italiane i danni per quanto accaduto. Non è possibile che un utente diligente e pagatore puntuale debba essere definito moroso solo per un capriccio del postino o una mancata osservanza delle norme da par-

te delle Poste". Sempre a Gragnano, in estate ci sono stati notevoli disagi con l'ufficio postale centrale e gli orari di chiusura estivi molto "ballerini" che hanno costretto Dimensione Civica ad inoltrare un reclamo alla sede regionale. "Questa situazione in via Casa dei Miri è diventata insostenibile perché molte persone non possono neanche spostarsi da casa e sono in attesa di comunicazioni importantissime, non solo delle bollette da pagare. Adesso - conclude Terenzio Morgone - vogliamo capire se ci sono state delle violazioni che hanno causato questi disagi ai cittadini, e chi sia il responsabile di tutto".

Santa Maria la Carità, complesso della Madonna del Carmine

Per la progettazione al via un concorso nazionale di idee L’iniziativa messa a punto dall’Arcidiocesi Castellammare-Sorrento

Un concorso nazionale di idee per la progettazione di un nuovo complesso parrocchiale della Madonna del Carmine. È l'iniziativa messa a punto dall'arcidiocesi Castellammare Sorrento e dal vescovo Francesco Alfano, con la collaborazione del Comune di Santa Maria la Carità, aperta a tutti i liberi professionisti e ingegneri iscritti ai rispettivi Ordini professionali. Il nuovo complesso parrocchiale sorgerà nella zona di via Petraro, al confine tra Castellammare e la cittadina dei Lattari. “Con quest'iniziativa fanno sapere dalla Curia puntiamo ad ottenere un confronto con vari professionisti per la realizzazione di un nuovo complesso parrocchiale al passo con i tempi”. Il bando sarà pubblicato per 20 giorni, a partire dal giorno 10 settembre fino al 30 settembre, sui siti web dell'Arcidiocesi (http://www.diocesisorrentocmare.it/), del Comune di Santa Maria la Carità (http://www.comune.santamarialacarita.na.it/) e degli Ordini degli architetti e degli ingegneri. La segreteria del concor-

so è istituita presso l'ufficio edilizia di culto dell'Arcidiocesi. La partecipazione è invece subordinata all'invio della domanda di iscrizione, che deve avvenire esclusivamente via mail entro le ore 12 del 30 settembre all'indirizzo a.cioffi@sorrento.chiesacattolica.it. Sul sito diocesano si trovano il bando integrale e la scheda da compilare per partecipare al concorso di idee. Si prospetta dunque un futuro importante per la realtà parrocchiale di via Petraro. Già in passato, del resto, i parroci che si sono succediti si sono adoperati con impegno, per dotare la comunità di una chiesa più accogliente e di un minimo di strutture, bisognose oggi di incremento e di sviluppo. Ed oggi il concorso indetto dall'Arcidiocesi punta a rivalutare l'intero complesso della Madonna del Carmine, che amministrativamente rientra nei comuni di Castellammare e Santa Maria la Carità. FraFus

Gennaro Staiano, nel frattempo scarcerato con all'obbligo di firma. E’ accusato di truffa e appropriazione indebita

Il prefetto di Napoli Francesco Antonio Musolino ha firmato ieri mattina un provvedimento, nei riguardi del consigliere comunale di maggioranza Gennaro Staiano (Federazione Abatese), “di sospensione di diritto dalla carica conseguente all'applicazione delle misure coercitive disposte dall'autorità giudiziaria”. La nota del Prefetto è stata recapitata al presidente del consiglio comunale abatese, che ha provveduto poi a notificare la sospensione a Staiano. L'esponente di Federazione Abatese fu arrestato due settimane fa (insieme ad altri due soci) dai carabinieri del nucleo operativo stabiese, in esecuzione di un mandato di arresto europeo emesso dalla magistratura francese. Gennaro Staiano, nel frattempo scarcerato e sottoposto all'obbligo di firma, è accusato di truffa e appropriazione indebita. La richiesta d'arresto è provenuta

Gennaro Staiano

dalla Francia. In particolare a Limoges, un Comune della Francia centro occidentale, i tre si sarebbero appropriati di un grosso carico di carni per un totale di 66 quintali. Merce che sarebbe sparita nel nulla, anche grazie ad un giro di fatture false, dopo essere

stata affidata alla ditta di Staiano. A seguito delle indagini delle autorità d'oltralpe, il consigliere comunale della maggioranza guidata dal sindaco Antonio Varone dovrà rispondere (insieme ai due soci) delle accuse di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e all'appropriazione indebita. La vicenda intanto apre nuovi scenari politici nella città dei Lattari. In attesa che si chiarisca la vicenda giudiziaria infatti, il consiglio comunale potrebbe essere chiamato a votare la surroga di Staiano a favore di Pietro Savarese (oggi assessore allo Spettacolo e al Turismo), primo dei non eletti della civica Federazione Abatese. A quel punto, si aprirebbero anche le porte per un mini rimpasto per l'esecutivo che dovrà traghettare la città alle prossime elezioni amministrative della primavera 2014. Francesco Fusco

la Pulce nell’Orecchio di Giuseppe D’Apolito

Intanto...

Nella sua intervista a un quotidiano locale dei giorni scorsi, Nicola Corrado, esponente di spicco della nuova giunta a Castellammare di Stabia dichiara: "Nei prossimi giorni lanceremo le nostre officine democratiche per Renzi in tutta la provincia di Napoli, da fuori lavoreremo per costruire un partito davvero nuovo, un partito 2.0". Che cosa è un partito 2.0 ? Risposta da parte di Corrado: "E’ un partito dove non contano i pacchetti di tessere ma le intelligenze, dove non viene premiata la cieca fedeltà al capo ma il talento; un partito 2.0 per tornare(?, Ndr) ad essere utili alla crescita civile ed economica del Paese...". Una voce in più per la speranza, intanto...


10 Vesuvio Sud

13 settembre 2013

Questo è il consuntivo dell’estate 2013

Tracollo di immagine per la comunità ercolanese Troppe le inefficienze e le disfunzioni amministrative

Tracollo di immagine per la comunità ercolanese: questo il triste dato che sembra emergere dall’analisi del dopo estate effettuata dal settore ricettivoturistico di una delle perle più rappresentative del palinsesto turistico campano, o almeno tale “sulla carta”. Troppe le inefficienze e le disfunzioni amministrative per proiettare Ercolano nel circuito internazionale che competerebbe di diritto ad un paese che vanta duemila anni di storia. Purtroppo a fare la differenza in negativo decenni di mala amministrazione comunale caratterizzati da politiche clientelari, approssimazione gestionale e lassismo estremo all’interno del palazzo di città. L’attuale assise locale guidata dal sindaco Vincenzo Strazzullo si sarebbe rivelata ad oggi all’altezza “negativa” delle precedenti: ormai si usano pseudonimi per identificare consiglieri comunali indigeni e non i corrispettivi dati anagrafici. Con singolare destrezza la classe politica ercolanese scompare in occasione delle ferie estive e in prossimità del periodo natalizio per poi ricomparire guadagnando tempo sino al successivo turno di “riposo”. In questo stallo assoluto le associazioni di volontariato “tengono duro” ma il sia pur mirabile impegno di chi ancora spontaneamente crede in Ercolano non basta a limitare i danni di un‘approssimazione gestionale senza precedenti. Per anni dalle pagine del giornale abbiamo denunciato atti di violenza perpe-

Il sindaco Marrone

trati sul territorio (furti, scippi, rapine) soprattutto nelle aree periferiche della cittadina vesuviana eppure solo oggi la classe politica sembrerebbe prendere atto di un’emergenza che penalizza notevolmente la qualità di vita dei residenti.

Cosa attenda chi governa la città prima di agire è incomprensibile: inequivocabile è invece costatare lo stato di agonia socioeconomico in cui versa Ercolano, oppressa e umiliata dai propri stessi “illustri figli”. Alfonso Maria Liguori

Conclusa ad Ercolano le celebrazioni della Madonna del subaqueo Ricordate le vittime di due tra le maggiori tragedie che hanno interessato la marina locale Domenica 8 settembre, presso il Molo Borbonico della Favorita, è stata celebrata la Santa Messa officiata da don Rosario Accardo, parroco della Chiesa Santa Maria di Loreto, nell’ambito del-

Torre del Greco, cimitero: ultimata una prima parte della riqualificazione L’area ultimata tra viale dei Pioppi e Viale dei Cedri. I lavori erano iniziati nel mese di gennaio scorso

Procedono a ritmo serrato i lavori di ristrutturazione del cimitero di Torre del Greco. È stata ultimata la riqualificazione dell’area compresa tra Viale dei Pioppi e Viale dei Cedri. Gli intereventi, avviati nello scorso mese di gennaio, hanno riguardato la pavimentazione dei viali e dei marciapiedi (questi ultimi con cubetti di pietra lavica, conformemente a quanto previsto dal Piano Paesaggistico, e con annesso ripristino delle cordolature, sempre in pietra lavica), l’adeguamento dell’ illuminazione e la realizzazione dei sotto- L’assessore Ciro Sorrentino servizi (reti fognarie, idriche ed di ristrutturazione del compreso elettriche). nicchiario “Margherita” e che, a “I lavori completati in data partire dallo scorso mese di luodierna hanno interessato una zo- glio, è stata pienamente ripristina del cimitero che versava ciro nata l’operatività del compreso sorrentino torre del grecoda pa- nicchiario “Ciclamino”. Sono recchi anni in condizioni di pale- inoltre già pronti i progetti esese degrado – spiega l’Assessore cutivi per il restauro del portale Ciro Sorrentino – Con questi in- di ingresso di Via San Giuseppe terventi abbiamo finalmente re- alle Paludi, per la manutenzione stituito funzionalità e decoro a ordinaria e straordinaria dei serquest’area. Naturalmente il no- vizi igienici e per la riqualificastro impegno non finisce qui. Ri- zione dei altri compresi nicchiacordo, infatti, che stanno proce- ri. Tutti interventi che partiranno dendo, nello scrupoloso rispetto non appena sarà approvato il Bidei tempi programmati, i lavori lancio”.

nislao Taglialatela e Michela Consiglio, questi ultimi due entrambi dipendenti comunali, che entrano nel Cda così come prevede la nuova normativa in materia a seguito della spending review. Per la Leucopetra, società che gestisce i servizi di igiene urbana

“Un problema da non sottovalutare. Al più presto faremo una riunione con le forze dell’ ordine e i gestori dei locali che svolgono la propria attività nel porto del Granatello per studiare risposte adeguate”. Lo afferma il sindaco di Portici Nicola Marrone dopo gli episodi avvenuti sabato notte all’esterno di un locale al Granatello. In quell’ occasione sei giovani, tra i 19 e i 26 anni, sono stati arrestati per una rissa scaturita per futili motivi. L'episodio, su cui sono intervenuti i carabinieri, è avvenuto la scorsa notte all'esterno di un pub in località Granatello. Avvertiti di una rissa in corso, i carabinieri giunti sul posto sono riusciti a bloccare i sei giovani (tre residenti a Portici e i restanti ad Acerra) mentre, insieme a complici in via di identificazione, si colpivano a calci e pugni. Durante l'operazione un 24enne porticese, nel tentativo di divincolarsi, ha colpito con un pugno un militare dell'Arma provocandogli lesioni al braccio destro: dovrà rispondere anche di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. I sei arrestati sono stati medicati per lesioni guaribili dai 3 agli 8 giorni.

Olii esausti record assoluto per San Giorgio a Cremano

Un premio per chi consegnava più olio, un biglietto per una partita del Napoli Servizio sperimentale della raccolta degli olii esausti: è record per il Comune di San Giorgio a Cremano guidato dal sindaco Mimmo Giorgiano. La Projeco srl, alla quale è stato affidato gratuitamente il servizio, questa settimana ha messo in palio un biglietto per la partita del Napoli: se lo è aggiudicato il primo sangiorgiese che è riuscito a consegnare 20 litri di olio usato allo stand adibito per la raccolta a piazza Troisi. Il cittadino che ha vinto il biglietto per la partita del Napoli si chiama Silvio Grieco che ha consegnato ben 30 litri di olii ma ha deciso di donarlo a chi non può permettersi di andare allo stadio tramite la trasmissione la Radiazza di Gianni Simioli. Nell' ultima giornata di raccolta sono pervenuti oltre 200 litri di oli esausti dalla cittadinanza."Noi amiamo l'ambiente - spiegano Fabio e Luigi Milone della Projeco srl - ma siamo anche tifosissimi del Napoli. Quindi abbiamo pensato perchè non unire le nostre passioni? Così è nata questa iniziativa che ci auguriamo altri vogliano imitare. Sarebbe bello che anche il Napoli sostenesse le campagne per la raccolta differenziata e la riduzione dei rifiuti sui nostri territori".“Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto fino ad ora e dei riconoscimenti che stiamo ottenendo – dice il primo cittadino Mimmo Giorgiano che ha effettuato personalmente la raccolta degli olii assieme all' assessore Giampaolo Il sindaco Giorgiano Scognamiglio - anche se tra mille difficoltà. I nostri concittadini stanno rispondendo benissimo. Adesso oltre a svolgere un’ attività utile all’ ambiente e alla collettività possono anche vincere un biglietto per la partita. Tra l' altro proprio in questi giorni il Comieco, Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi a base cellulosica, ha inserito il Comune di San Giorgio a Cremano nel club dei comuni virtuosi della Campania che si distinguono per la raccolta di carta e cartone. Un altro bel riconoscimento per il nostro lavoro e del dirigente al settore Giovanni Vitale".

Nell’ultima giornata sono stati raccolti più di 200 litri di oli esausti. Una risposta dei cittadini degna di nota. La soddisfazione del sindaco Giorgiano

Domani consiglio comunale a Torre del Greco le cerimonie dedicate alla Madonna del subaqueo e dei pescatori, giunta alla XXXIII edizione. Nelle toccanti parole di don Rosario sono state ricordate le vittime di due tra le maggiori tragedie che hanno interessato la marineria ercolanese: il disastro della Moby Prince, avvenuto 22 anni orsono, e l’affondamento, nel 2011, del peschereccio Giovanni Padre, ad opera della motonave Jolly Grigio, a largo di Ischia nel quale trovarono la morte Vincenzo e Alfonso Guida, padre e figlio. Sono stati anche ricordati il fioraio suicida nel giugno scorso, Antonio Formicola, e la professoressa Susy Romino, curatrice della manifestazione per cinque lustri. Subito dopo, con i mezzi della società Ercotrans, i partecipanti si sono recati al Granatello di Portici per imbarcarsi e così raggiungere il punto dov’è immersa la Madonna, ovvero a 150 metri dalla riva a 20 metri di profondità. Qui, alla presenza degli amministratori, tra i quali il sindaco di Ercolano Vincenzo Strazzullo e il primo cittadino di Torre del Greco Gennaro Malinconico, e le autorità civili e militari, con una commovente cerimonia è stata deposta una corona d’alloro alla statua. Le sirene dei motopescherecci ed altri scafi pubblici e privati, che ne sono seguite, hanno chiuso di fatto la manifestazione. CF

Portici, Leucopetra: Marrone nomina il nuovo cda

Rinnovato il CdA della Leucopetra. Il sindaco Nicola Marrone, nella riunione tenutasi questa mattina nella sede della società, fissata per il rinnovo della governance aziendale, ha nominato i nuovi componenti del Cda: si tratta diAlessandro Fatatis, che assume la presidenza del Cda, di Sta-

Portici, il sindaco Marrone: risposte adeguate per garantire l’ordine pubblico

sul territorio di Portici e ha come socio di maggioranza il Comune di Portici, il primo passo dell’Amministrazione Marrone è stato compiuto, adesso si attende la nomina, che avverrà in tempi brevi, del direttore tecnico che avrà il compito di assicurare il management aziendale.

L’assise sarà chiamata a discutere importanti punti all’odg

Diverse anche le interrogaazioni tra le quali quella relativa all’assistenza domiciliare agli anziani ed ai disabili, Nuove elezioni del Forum e l’organizzazione del mercatino del libro

Il

sindaco Si informa che il consiglio comudi nale di Torre del Greco è convoTorre cato, in sessione straordinaria, del per il prossimo venerdì 13 settemGreco bre, alle ore 10:30, con eventuale Gennaro seconda convocazione fissata per Malinconico il giorno successivo alla medesima ora. Dopo l’approvazione del verbale relativo alla seduta dello scorso 5 agosto, l’Assise sarà chiamata a discutere le interrogazioni promosse dai consiglieri Rosario Rivieccio, avente ad oggetto “Assistenza domiciliare agli anziani, disabili e disabili gravi”, e Salvatore Romano (”Organizzazione del Mercatino del Libro e nuove elezioni del Forum della Gioventù”). Seguiranno due interpellanze proposte dal consigliere Luigi Mele (“Bilancio di un anno di amministrazione” e “Richiesta determinazione al Sindaco Gennaro Malinconico”). Il consiglio sarà quindi chiamato a discutere due ordini del giorno richiesti dal consigliere Ciro Accardo, aventi ad oggetto “Introduzione di una sanzione ridotta per le violazioni alla sosta dei veicoli in spazio a pagamento, in assenza di contrassegni o con contrassegni scaduti” e “Modifica dell’art. 10 comma 3 del Regolamento Tares”. Aseguire, il consiglio valuterà l’approvazione delle Delibere di Giunta n. 304 del 27/05/2013 (istituzione del Registro delle Unioni Civili), n. 345 del 17/06/2013 (sostituzione di un componente della Commissione per il paesaggio), n. 346 del 17/06/2013 (provvedimenti in materia di adeguamento e aggiornamento degli oneri di urbanizzazione) n. 348 del 17/06/2013 (integrazione e revi-

sione dei diritti di segreteria relativi alla gestione dei procedimenti in materia urbanistico - edilizia), n. 420 del 22/07/2013 (riconoscimento di debiti fuori bilancio), n. 428 del 05/08/2013 (Regolamento per lo svolgimento delle funzioni e dei compiti amministrativi in materia di concessioni di beni del demanio marittimo rientranti nel territorio comunale), n. 429 del 05/08/2013 (Regolamento per l’affidamento a professionisti esterni di prestazioni relative alla progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva di lavori, nonché alla direzione di lavori, agli incarichi di supporto tecnicoamministrativo, alle attività del responsabile del procedimento, in materia di lavori pubblici, per importi inferiori a 100mila euro, IVA esclusa) e n. 452 del 05/09/2013 (Regolamento per la disciplina di accesso ai Servizi Sociali e agli interventi sociali). Il Consiglio si terrà presso l’Aula Consiliare di Palazzo Baronale e sarà trasmesso in differita dall’emittente televisiva Metropolis Tv in date ed orari che saranno comunicati dall’Ufficio Stampa dell’Ente attraverso il sito web www.comune.torredelgreco.na.it.


Vesuvio Nord 11 Come annunciato durante la campagna elettorale del sindaco Capasso

Per la riqualificazione del centro storico

Ottaviano: consiglio comunale in parrocchia Oltre 2 milioni di euro Il consesso civico si svolgerà anche in altri sedi della periferia. Riportiamo tutte le commissioni consiliari Un evento storico ha accompagnato il terzo consiglio comunale di Ottaviano da quando è guidato dal sindaco Capasso. La pubblica assise, infatti, ha lasciato la sede abituale dell’ aula consiliare del palazzo comunale e trasferita per una speciale occasione nel salone parrocchiale di San Gennarello, messo a disposizione dal Parroco Don Raffaele Rianna. “Ci saranno altri consigli comunali in frazioni di Ottaviano: in campagna elettorale abbiamo preso attenzione e considerazione per tutta la città, senza alcuna distinzione. Siamo intenzionati a mantenere la promessa, anche con atti concreti”, ha spiegato il sindaco, Luca Capasso.

Il sindaco Capasso

Un consiglio comunale iniziato alle 19 e terminato quasi a mezzanotte, con molti argomenti interessanti. Sono state istituite le commissioni consiliari permanenti e quella speciale per la modifica dello statuto comunale. Ed inoltre sono state discusse e approvate le linee programmatiche di mandato della nuova amministrazione per il quinquennio 2013-2018 (già approvate dalla giunta e disponibili per la consultazione sul sito internet del Comune vesuviano). Di seguito i nomi dei componenti delle commissioni.Prima Commissione Permanente “Tecnica”, (Affari Istituzionali, Tecnici ed Economici): Vincenzo Caldarel-

Ottaviano, percorsi di luce e visite guidate ai mercatini Percorsi di luce, visite guidate e mercatini di Natale: ecco “Le strade del Veseri”. Valorizzazione del patrimonio culturale e artistico della città, percorsi di luce su tutto il territorio comunale, ma anche messa in sicurezza e abbattimento delle barriere architettoniche delle Chiese presenti a Ottaviano. È un progetto imponente “Le strade del Veseri”, realizzato dall’amministrazione co-

San Gennaro Vesuviano

Fiera vesuviana monumento commemorativo in piazza Margherita Con l’inaugurazione di un monumento alla Fiera e a Scipione Pignatelli, realizzato dall’ artista Michele Letizia, sarà inaugurata venerdì 14 settembre la 400esima edizione della Fiera Vesuviana a San Gennaro Vesuviano. Marchese di Lauro e Signore di Palma, nel 1613 Scipione Pignatelli istituì la Fiera nello spazio aderente all’antica Cavallerizza, proprio davanti al Convento Francescano, donando ben 20 moggi di terreno. La nuova istituzione, anche per il privilegio di essere Fiera franca, ben presto divenne una delle più importanti fiere dei cavalli nel territorio campano e meridionale, perché le competenze acquisite dai cavallerizzi si conservarono e furono trasferite nell’ abilità commerciale. La tradizione della Fiera di San Gennaro Vesuviano prosegue da allora e si rinnova anno dopo anno. La 400esima edizione si presenta, infatti, ricchissima di eventi e novità. Il 14, dalle 17 in piazza Margherita sarà allestita l’ accoglienza degli ospiti, alla quale farà seguito la messa solenne celebrata dal vescovo della Diocesi di Nola, monsignor Beniamino Depalma. Seguiranno: la cerimonia di investitura del “Catapano”, il corteo storico e l’inaugurazione del monumento. Al corteo storico parteciperanno anche i rappresentanti dei 23 Comuni che hanno sottoscritto il protocollo d’intesa per la valorizzazione e la tutela della Fiera Vesuviana. La Fiera avrà luogo all' interno dell' istituto scolastico "Caravaggio" di via Poggiomarino e proseguirà fino al 22 Settembre, dalle ore 17.30 alle 23.30 a San Gennaro Vesuviano. L’ingresso è gratuito.

munale guidata dal sindaco Luca Capasso e approvato dalla Regione Campania con finanziamenti Por.Il progetto prevede la valorizzazione e la promozione di tutte le bellezze d’arte e delle risorse naturali e culturali di Ottaviano. In particolare, il percorso “Armonia delle Luci” sarà una passeggiata, accompagnata da suggestive illuminazioni, attraverso tutte le Chiese di Ottaviano e si concluderà presso il Castello medico, simbolo della cittadina vesuviana. Non mancheranno stand dedicati agli antichi mestieri e punti di degustazione

dei prodotti tipici del territorio. Previste anche visite guidate al Parco Nazionale del Vesuvio e mercatini nel periodo natalizio ed in occasione di altre feste. Il progetto partirà entro la fine dell’anno e proseguirà per i primi sei mesi del 2014. “Le strade del Veseri è una manifestazione importantissima, destinata a lasciare un segno nel nostro territorio. Per la prima volta viene realizzato un progetto di valorizzazione complessiva della città di Ottaviano, attraverso una serie di eventi straordinari”, dice il sindaco Luca Capasso.

li (maggioranza), Giorgio Marigliano (maggioranza), Emanuele Ragosta (minoranza). Seconda Commissione Permanente (Politiche Giovanili, Associazionismo): Giuseppe Ruotolo (maggioranza), Vincenzo Ranieri (maggioranza), Raffaele Annunziata (minoranza). Terza Commissione Permanente (Servizi Sanitari e Sociali): Elena Picariello (maggioranza), Felice Picariello (maggioranza), FrancescaAmbrosio (minoranza). Quarta Commissione Permanente (Pubblica istruzione, Turismo, Cultura): Carmela Aliperti (maggioranza), Rosa Maria Autorino (minoranza), Ferdinando Federico (maggioranza). Quinta Commissione Permanente (Valorizzazione delle Frazioni): Paolo Iovino (maggioranza), Olimpia Cozzolino (maggioranza), Francesca Ambrosio (minoranza). Sesta Commissione Permanente (Sport e Spettacolo): Vincenzo Ranieri (maggioranza), Ferdinando Federico (maggioranza), RaffaeleAnnunziata (minoranza). Settima Commissione Permanente (Controllo e Garanzia): Andrea Nocerino (minoranza), Emanuele Ragosta (minoranza), Felice Picariello (maggioranza). Pasquale Annunziata

per la città di Livieri Ritorna il Premio Città di Ottaviano

Ritorna il Premio “Città di Ottaviano”. Giunta ormai alla terza edizione, la kermesse si svolgerà venerdì 13 settembre alle ore 19 nella straordinaria e suggestiva location del Palazzo Mediceo. Il Premio, fortemente voluto dal Presidente del Premio, Gennaro Barbato, quest’anno sarà assegnato a Pino Aprile (Giornalista e Scrittore), Mario Fabbrocini (Medico Cardio Chirurgo), Raffaello Converso (Musicista). Il Galà con la cerimonia di premiazione sarà condotto dalla giornalista Giovanna Salvati, e sarà allietato dall’ esibizione dei Leslie 122 Cover Quintett. DirettoreArtistico della Manifestazione, il M° Raffaele Iervolino. L’evento è patrocinato dal Comune di Ottaviano, Ente Parco Nazionale del Vesuvio, Unione Province d’Italia. P. A.

Ben 2,2 milioni di euro saranno stanziati per la riqualificazione del centro storico di Liveri, unico comune del napoletano (fra i 54 che hanno presentato un programma unitario di interventi) a ricevere l’accesso ai fondi regionali PSR, grazie al progetto “La luce del Borgo”. L’intenzione è quella di recuperare gli spazi aperti, migliorare la viabilità ottimizzando l’arredo urbano e l’illuminazione. La novità vera e propria però riguarda la creazione di una Via Lucis e l’ investimento di parte dei fondi nell’ incentivazione di attività commerciali come ristoranti e Bed&Breakfast. Il sindaco Raffaele Coppola, soddisfatto del primato raggiunto ha così commentato: “Ci siamo sempre battuti per valorizzare la nostra terra, e pur essendo un comune piccolo siamo stati gli unici ad ottenere il finanziamento. Questo ci permette di vantare un risultato lusinghiero, premio dell’impegno che ogni giorno riversiamo nel nostro lavoro. In tal modo difendiamo la nostra identità sociale e culturale, camminando verso la Liveri che ho sempre sognato per i miei cittadini”. Francesca Coppola


12 Vesuvio Nord

13 settembre 2013

Dal 13 al 15 settembre a Pomigliano d’Arco

ACERRA

Ambiente, “Programma organico” Pizza Village 2013. Tre giorni di sostegno il sindaco incontra l’assessore Romano al commercio e per socializzare Effettuato un esame complessivo delle criticità locali

Si è tenuto martedì mattina presso la Regione Campania l’incontro richiesto dal Sindaco di Acerra Raffaele Lettieri con l’ Assessore regionale all’ ambiente Prof. Giovanni Romano. Il primo cittadino acerrano e l’Assessore regionale hanno effettuato un esame complessivo delle criticità che riguardano l’area segnalate dal Comune di Acerra e dai soggetti istituzionali interessati.Al termine della riunione si è concordato di costruire in tempi celeri un “Programma organico per la città di Acerra” che tenga conto di tutte le tipologie di criticità e problematiche, e che contenga le azioni concrete da realizzarsi immediatamente. Per l’Assessore Romano ed il Sindaco Lettieri il “Progetto Acerra” dovrà approfondire tutte le emergenze ambientali e stabilire competenze e azioni da mettere in campo su più livelli, al fine della messa in sicurezza la città e della tutela del diritto alla salute dei cittadini. Tra gli obiettivi prioritari del “Programma organico per la città di Acerra” vi è: • la verifica sugli interventi previsti nell’ambito dell’accordo per le compensazioni ambientali. • L’assessorato regionale all’ ambiente verificherà la possibilità giuridica di inserire gli interventi

di bonifica del territorio nella delibera di accelerazione della spesa, in fase di definizione dalla Giunta regionale della Campania, finanziando così gli interventi ricompresi nel citato programma non ancora finanziati. • Con il commissario dell’Asi la Regione Campania si è impegnata a monitorare la situazione dei rifiuti bancati all’interno dello stesso agglomerato industriale ricadente nel perimetro urbano. • Altro obiettivo del “Programma” sarà l’implementazione di centraline per il monitoraggio di tutte le matrici ambientali da collocarsi nel centro abitato della città. • Nonché l’individuazione delle modalità attraverso le quali la Regione Campania si farà carico

di gestire o compartecipare alla spesa relativa dei due pozzi pilota. “Obiettivo comune di Regione e Comune – hanno dichiarato l’assessore all’Ambiente Romano ed il Sindaco di Acerra Lettieri – è delineare un programma organico e complessivo, che contenga azioni e risorse economiche, dentro una visione di insieme di emergenze e possibilità di sviluppo del territorio, in quanto incertezza sugli investimenti per la tutela dell’ambiente e per la salute esasperano le crisi sociali, economiche e sanitarie. Il “Programma organico per la città di Acerra” deve diventare un modello di intervento territoriale da duplicare e proporre poi negli altri comuni”.

Pollena Trocchia: torna la festa in onore di San Giacomo Numerose iniziative durante i tre giorni della festa

Utenze telefoniche e fornitura di energia elettrica improvvisamente staccate per "morosità" senza che i titolari ne sapessero nulla. "Tutta colpa del postino" che non recapita più le missive ai residenti di via Casa dei Miri, zona periferica di Gragnano. "Da diverse settimane - spiegano alcuni residenti - effettivamente non riceviamo la posta, ma pensavamo che questo disagio fosse legato alle ferie estive. Invece, recandoci all'ufficio postale, abbiamo scoperto che era un problema proprio con la nostra zona, e dai dipendenti della Posta abbiamo avuto poca collaborazione". In pratica - come spiegato ad alcune persone che sono andate a lamentarsi - ormai da luglio, il portalettere si rifiuterebbe di consegnare la posta in quelle zone, ma non si conosce il motivo. Tutto questo ha scatenato una serie di ritardi nei pagamenti, che nella prima settimana di settembre ha portato già al distacco di due utenze Enel e di una Telecom per morosità. Chi si è trovato senza corrente e senza linea telefoni-

ca, ha scoperto sulla sua pelle il problema, e ne ha anche pagato le conseguenze, suo malgrado. I cittadini che hanno subito il danno, si sono rivolti immediatamente all'associazione Dimensione Civica che ha già preparato un esposto da presentare alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata. "Qui siamo davanti ad una palese interruzione di pubblico servizio - spiega Terenzio Morgone, responsabile dell'associazione di tutela del consumatore - che ha

causato notevoli danni economici ai nostri associati. Adesso vogliamo capire di chi sono le responsabilità e, contestualmente, chiederemo a Poste Italiane i danni per quanto accaduto. Non è possibile che un utente diligente e pagatore puntuale debba essere definito moroso solo per un capriccio del postino o una mancata osservanza delle norme da parte delle Poste". Sempre a Gragnano, in estate ci sono stati notevoli disagi con l'ufficio postale centrale e gli orari di chiusura estivi molto "ballerini" che hanno costretto Dimensione Civica ad inoltrare un reclamo alla sede regionale. "Questa situazione in via Casa dei Miri è diventata insostenibile perché molte persone non possono neanche spostarsi da casa e sono in attesa di comunicazioni importantissime, non solo delle bollette da pagare. Adesso - conclude Terenzio Morgone - vogliamo capire se ci sono state delle violazioni che hanno causato questi disagi ai cittadini, e chi sia il responsabile di tutto".

Sant’Anastasia, dopo il successo dell’incendio del campanile

In scena Storia e Attualità della “Mamma dell’Arco” La festa dell’incoronazione della Madonna dell’Arco quest’anno è stata caratterizzata dall’ampia partecipazione agli eventi religiosi e civili, ben distinti e diluiti in due settimane, e… dagli applausi. Applausi spontanei e sentiti, infatti, hanno sottolineato l’apprezzamento per lo spettacolo pirotecnico dell’incendio simulato del campanile del Santuario Mariano, l’inaugurazione del restauro degli affreschi della Cappella del Rosario del Santuario, il musical “Il gobbo di Notre Dame”, la processione accompagnata dal Corpo Bandistico “Città di Sant’Anastasia”. “Il successo degli eventi – dice il sindaco Carmine Esposito – seppure prevedibile, ha superato le aspettative e c’è da esserne soddisfatti. Abbiamo fatto la nostra parte ed anche le misure adottate per la sicurezza e l’ordine pubblico hanno contribuito positivamente. Spero che fedeli e turisti con la loro presenza numerosa portino al successo gli ultimi due eventi in programma”. A cura, infatti, dell’Associazione Culturale “Giocondi”, in occasione del trentenna-

le delle attività associative, sarà presentato un lavoro di Luigi De Simone “sorè .. Mamma ‘e ll’Arco”, evento patrocinato dall’Ente, che andrà in scena alle ore 20,30 di venerdì 13 settembre nel complesso del Santuario, mentre il 14 settembre andrà in scena al Cine-teatro Metropolitan la commedia dei giovani della parrocchia “E’ asciuto pazzo ‘o parrucchiano”. Lo spettacolo gratuito all’aperto di venerdì prossimo è inedito, un lavoro che è quasi una sfida per il regista-autore e per i 20 attori ed artisti locali coinvolti.

L’evento è stato curato dall’assessore Raffaele Esposito. Il sindaco Russo: “Continueremo a dare supporto alle associazioni dei commercianti Tre giorni per valorizzare il commercio, per socializzare, per dare spazio a giochi e divertimento. Alla prima edizione, il «Pizza Village 2013» Pomigliano è promosso dalla Fondazione «Vittorio Imbriani» con le associazioni di commercianti Aicast- Caip e «Associazione Pizzaioli Napoletani», il patrocinio del Comune di Pomigliano d’Arco e l’ausilio di «Arte@Colori» con mercatini su tutto il percorso e Gam Group Salacabula Animation. All’ evento, fortemente voluto dal sindaco di Pomigliano, Lello Russo, ha lavorato insieme ai commercianti l’assessore Raffaele Esposito (fondazioni e partecipate), valutando le proposte e accogliendo poi il progetto artistico. I forni delle pizzerie partecipanti saranno concentrati in piazza Primavera, mentre il palco per le kermesse musicali sarà allestito in via Ercole Cantone angolo via Felice Terracciano. Su piazza Municipio sarà invece allestita un’area giochi con gonfiabili gratis per i bambini, su corso Vittorio Emanuele ci sarà animazione con artisti da strada. «Un ulteriore sforzo economico fatto dall’amministrazione comunale in difesa del commercio di Pomigliano che, a pari di altre realtà industriali, soffre una crisi economica di grandi dimensioni – dice il sindaco Russo- e continueremo a dare supporto alle associazioni dei commercianti che fino ad oggi hanno dato un valido contributo mirato alla risoluzione dei problemi che affliggono il settore». Le pizzerie che prenderanno parte alla prima edizione della kermesse sono: «Paolo e Paola», «La Campanina», «Addò Abramo», «Il Torrione» al cui stand si potranno trovare anche pizze senza glutine, «Pulcinella», «Pronto Pizza», «Fratelli Cuorvo», «Bufalina», «Italia» e «Regno della Pizza». L’evento si aprirà venerdì 13 alle 19.00 con la sfilata degli sbandieratori cavensi per le strade cittadine e di seguito via all’animazione per le strade: area gonfiabili (piazza Municipio) a cura di Salacabula, artisti di strada a cura della Compagnia dei Saltimbanchi (corso Vittorio Emanuele), animazione itinerante a cura di Margot eventi (via Terracciano). Alle 21, in via Ercole Cantone, concerto degli «Effetti Collaterali» e, alle 23, in scena la perfor-

Il sindaco Russo

L’assessore Esposito

mance del Mago Elite con vocalist Gigy Giroxi. Sabato 14 alle 21, in corso Vittorio Emanuele, «Family Jolly» mentre in piazza Primavera (alle 20.00) sarà proiettato il sesto concerto degli allievi dell’ associazione culturale «The Guitar School» di Pomigliano d’Arco. Una serata piena di eventi in attesa della guest star, l’artista Sal Da Vinci, che si esibirà in concerto alle 23, 30 in via Ercole Cantone. La chiusura in villa comunale, con uno spettacolo pirotecnico a cura di Fireworks events. Ma il Pizza Village 2013 continuerà anche domenica 15 con l’esibizione della scuola Pomigliano Danza alle 19 (via Ercole Cantone) e con l’arrivo, alle 20, 30 di Gianni Simioli che presenterà la sfilata di moda con Cannella, Pignatiello Kid’s, Over the top, Zinzi, Sacco Store, Legea, accessori di Meeting Shoes, Gianni occhiali, parrucchiere Ipnotic, istituto di bellezza Charme, allestimento fiori di LucaAntignani.Alle 23, piano bar live con i «Sotto Sopra» e Rocky Robert’s. Le foto e le riprese saranno curate da Angillotti.

Volla, Pipolo: “L’impegno di tutti ci ha portato al 58% della raccolta differenziata” Per chi non ne fosse ancora al corrente, oggi Volla è al settimo posto dei Comuni Ricicloni dell’area vesuviana, iniziativa di Legambiente che premia i paesi aderenti in cui la raccolta differenziata raggiunge i migliori risultati. A Volla la percentuale di raccolta differenziata è arrivata al 58% e, a detta dell’assessore all’ ecologia Gianluca Pipolo, per la fine di settembre supererà il 60%. “Oltre a questo – ha aggiunto Pipolo – i Comuni Ricicloni si distinguono anche per la presenza di centri di raccolta e la trasparenza nelle attività di gestione dei rifiuti. Infatti la nostra amministrazione proprio in questo periodo si sta adoperando per attrezzare alcune aree di Volla quali via De Carolis, via Gramsci, piazzale S. Michele e il Cimi-

Cercola rientra nei limiti del Patto di Stabilità Rideterminati i compensi per gli assessori Il Comune di Cercola rientra nei limiti dettati dal Patto di Stabilità e così, oltre ad essere un bene per le casse comunali, gli amministratori di palazzo potranno ricevere l’adeguato compenso per l’attività svolta. Dal 2011, i costi per gli amministratori locali, erano stati tagliati a causa dello sforamento del patto di stabilirà che impone determinati paletti agli enti. Sotto la gestione dell’ex sindaco Tammaro l’”obolo” per sindaco e assessori era stato dimezzato. Con la delibera di giunta n. 8, pubblicata sul sito web del Comune di Cercola, vengono rideterminati i compensi per il sindaco, il vicesindaco e i membri della giunta. Il primo cittadino Vincenzo Fiengo percepirà 2.788 euro mentre il suo vice Luigi Di Dato 1.533 euro, si ferma a 1254 euro lo “stipendio” degli assessori.

tero in tal senso. Inoltre stiamo lavorando per la sistemazione e la potatura dei pini in via S. Giorgio e via Michelangelo e la disposizione di centri di raccolta nelle scuole”. Martina Scognamiglio

Volla aderisce al “Cliclavoro” Progetto per l’inserimento dei giovani promosso dal ministero del Lavoro

L’Amministrazione comunale al fine di favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro ha aderito a “Cliclavoro”, progetto promosso dal Ministero del Lavoro mediante l’ agenzia Italia Lavoro Spa nell’ ambito del Pon “Governance regionale e sviluppo dei servizi per il lavoro” 20122014. “Cliclavoro” è il nuovo portale pubblico realizzato per migliorare l’ intermediazione tra domanda ed offerta di lavoro ed il raccordo tra i sistemi delle imprese, dell’ istruzione e della formazione. Il punto “Cliclavoro” a Volla è situato presso lo sportello Informagiovani (piano superiore dell’edificio comunale di via Einaudi n°29 – sede della Biblioteca comunale). Tutti i cittadini potranno recarsi presso il punto “Cliclavoro” ogni lunedì e mercoledì dalle ore 16.00 alle ore 18.00.


Salerno Provincia 13 Nella capitale degli Stati Uniti anche pompeiani e torresi

Da Scafati agli Usa per dire “No” alla guerra in Siria Lo scopo comunale, di persone di diverse razze, etnie e religione, è quello di scongiurare un conflitto a fuoco e a far recedere Obama dalle sue decisioni

In questi ultimi giorni sono state innumerevoli le iniziative promulgate un po’ ovunque per impedire la guerra in Siria. Sono tante le istituzioni e gli attivisti che stanno svolgendo diverse proteste in tutto il globo. Nella capitale degli Stati Uniti d’America, Washington D.C., è da sabato scorso che diversi manifestanti, provenienti dalle più disparate località degli States e da diversi luoghi del globo, stanno convergendo lungo le strade della città per prestare la loro presenza e le loro voci alla causa che cerca disperatamente di evitare il conflitto a fuoco in Siria. Lo scopo comune unisce persone di diverse etnie, razze e religioni sotto i cartelli gialli con scritti a lettere cubitali diversi slogan per far sì che il Congresso non dia il via libera all’intervento armato in Siria e che magari il presidente Barack Obama torni sui suoi passi. Proprio in queste ore i cancelli

e il circondario della casa bianca sono la zona dove tutti i dimostranti stanno convergendo per far sentire le proprie voci sperando di scongiurare la guerra. Tra loro anche un piccolo gruppo di persone provenienti dai comuni di Pompei, Torre Annunziata e

Era doveroso per noi partecipare a quest’ importante manifestazione e l’emozione tra le centinaia di persone a cui ci siamo uniti è stata indescrivibile. Speriamo col cuore che il Congresso degli U.S.A. non dia il via libera agli scontri armati”.

Scafati. “Anche noi abbiamo voluto dare il nostro contributo,” ci spiega in videochiamata uno dei giovani campani che ha preso parte alle proteste a Washington, “non possiamo rimanere impassibili di fronte a tutto ciò e rimanere immobili di fronte alla possibilità di una nuova guerra all’orizzonte.

Anche solo virtualmente ci uniamo anche noi ai cori e alle preghiere di solidarietà dei tanti pacifisti in tutto il mondo e ci auguriamo che la situazione possa essere risolta evitando un nuovo ed enorme conflitto a fuoco. ‘they say more war, we say no war’. Raffaele Cirillo

Pagani: “Chiesta l’istituzione di una commissione mensa” Il presidente dell’associazione No Aids Onlus di Pagani Giuseppe Barone ha scritto ai commissari straordinari per istituire un’apposita commissione “Mensa” per verificare nelle scuole, tra le altre cose, il rispetto delle norme igienico-sanitarie. Di seguito il testo della lettera: Egregi Commissari, al fine di assicurare un servizio mensa ottimale con l’apertura delle scuole della città di Pagani, nell’interesse degli utenti, e nel rispetto delle norme contrattuale dell’ente appaltante, ritengo doveroso proporre all’interaAmministrazione Comunale della città di Pagani; l’istituzione di un organismo di controllo per il servizio di refezione scolastica che dovrà essere curato dall’ Amministrazione Comunale: “ La Commissione Mensa”. Essa dovrà coinvolgere tutte le componenti della scuola nell’ organizzazione e nel controllo del servizio, dovrà provvedere alla verifica della qualità dei prodotti per quanto riguarda sia le materie prime sia il pasto finito, dovrà inoltre verificare la qualità del servizio, assicurare la stagionalità del menù. In concreto la Commissione Mensa dovrà avere il compito di effettuare sopralluoghi per verificare le condizioni igienico – sanitarie e come viene custodito il pasto. Controllare l’igiene e la pulizia dei locali, delle attrezzature e la funzionalità per il trasporto pasti. Verificare il personale addetto alla distribuzione pasti, indossi ca-

mice, cuffie, guanti cosa che purtroppo non avveniva prima. Di

fondamentale importanza bisogna curare meticolosamente il coinvolgimento delle famiglie dei piccoli allievi, con un relativo questionario sul servizio di ristorazione scolastica da sottoporre ai genitori già elaborato dallo scrivente. Per la realizzazione della Commissione Mensa, con relativo regolamento e manuale, questa Associazione, si rende disponibile gratuitamente nella realizzazione della stessa. Giuseppe Barone

Scafati: servizi sociali, pronto un nuovo bando

Il sindaco Pasquale Aliberti, in qualità di Presidente del Piano di Zona e il dirigente del settore Assistenza sociale, Programmazione e Vigilanza sui servizi sociali Antonio Oddati, questa mattina, hanno preso parte alla commissione Trasparenza in Regione Campania convocata su invito dei sindacati, sul tema ‘Stato dei Servizi Sociali e assetti organizzativi istituzionali del Piano di Zona ambito S1’. “Oggetto di discussione nella commissione di questa mattina – ha dichiarato il Sindaco Pasquale Aliberti – è stato il problema dei mancati pagamenti al personale del Piano di Zona e il futuro del personale. Ai sindacati ho rappresentato le ragioni della carenza di liquidità, determinata, in parte dal mancato versamento delle imposte comunali da parte dei contribuenti e, in parte dal buco di circa 1 milione di euro dovuto al mancato trasferimento da parte dello Stato dell’Imu sulla prima casa e il differimento della Tares ex Tarsu. Ne consegue una difficoltà di cassa generale, che interessa non solo Scafati e l’Agro ma l’intero Paese. Ho chiarito, inoltre, di aver informato i sindaci del Piano, tramite missiva, dell’intenzione di dare la massima priorità al pagamento delle determine di liquidazione degli operatori e delle cooperative che hanno prestato servizio per tutto il 2012 e parte del 2013, grazie allo sblocco della prima annualità (1.527.000,00 euro) da parte della Regione Campania; in sinergia con la dott.ssa Zampetti, responsabile Ufficio di Piano, stiamo, inoltre, lavorando a una nuova programmazione dei servizi sociali per il prossimo triennio, considerando i fondi Pac ministeriali, le risorse regionali e le quote di compartecipazione dei comuni. Per quanto riguarda, invece, la prospettiva occupazionale, ho ribadito che il Piano di Zona non potrà assicurare momenti di garanzia agli operatori che hanno lavorato fino ad oggi in quanto la norma non lo consente, ma si dovrà, invece, procedere ad un bando ex novo con una legittima procedura di selezione”.

“Istituire un commissariato di polizia per fronteggiare la crescente criminalità” Missiva al Prefetto per informarlo della brutta realtà locale

Da quando si è insediata fra i banchi dell’opposizione Fratelli D’Italia sta conducendo una capillare attività di proposta e vigilanza. In ultimo ci sono le idee dei consiglieri FDI, Salvati, Santocchio e Matrone, sull’emergenza sicurezza e criminalità che tanto sta attanagliando Scafati. Anche su questo argomento si deve rilevare l’estrema sensibilità dell’opposizione di centro destra sulle questioni sociali della città. “Stiamo assistendo ad un escalation della criminalità organizzata a Scafati – ha detto Salvati – . Furti nelle abitazioni, teppisti nelle zone di via Cesare Battisti,via Vittorio Veneto e al Plaza. Credo che alla luce di tutto questo bisogna fare un intervento per l’istituzione di un commissariato di polizia. Ho chiesto al presidente del consiglio comunale di mettere all’ordine del giorno la questione sicurezza. Sperando di ottenere un atto deliberativo da parte di questa maggioranza nell’ottica dell’ordine pubblico e della sicurezza. Ci aspettiamo su questo una presa d’atto. Inoltre assieme a tutti gli amici di Fratelli d’Italia abbiamo inviato una missiva al prefetto sul tema”. “Spesso si danno delle risposte evasive sull’argomento sicurezza – ha continuato Salvati – sostenendo che il comune non abbia risorse economiche per fronteggiarla. Alla luce di questo bisogna interessare le autorità che hanno magari maggiori disponibilità e competenze. Soprattutto in situazioni di emergenza. Ad esempio il prefetto,il ministro dell’interno. Sul bilancio noi comunque possiamo provare a chiedere un aumento numerico dei carabinieri o della guardia di finanza Scafati. La questione è seria. Perciò quando la politica ha difficoltà,si deve demandare ad altri organismi per estirpare i grattacapi”. “Ci sarà il 16 settembre la riunione dei capigruppo, nella quale discuteremo per arrivare ad un orientamento di indirizzo per l’attività di controllo e vigilanza sul territorio. Se non ci saranno risposta dalla maggioranza ci regoleremo di conseguenza”. Aniello Danilo Memoli

ANGRI

Riqualificazione urbana e alloggi popolari Importanti provvedimenti della Giunta presidente da Mauri

Il sindaco Mauri

Da quando si è insediata fra i banchi dell’opposizione Fratelli D’Italia sta conducendo una capillare attività di proposta e vigilanza. In ultimo ci sono le idee dei consiglieri FDI, Salvati, Santocchio e Matrone, sull’ emergenza sicurezza e criminalità che tanto sta attanagliando Scafati. Anche su questo argomento si deve rilevare l’estrema sensibilità mentre nell’ambito dello spazio circostante l’ Isti- dell’opposizione di centro destra tuto Tecnico verrà realizzato un complesso poli- sulle questioni sociali della città. funzionale comprendente due campetti di calcio, “Stiamo assistendo ad un escalaun campo da tennis e un campo polivalente. Gli in- tion della criminalità organizzata terventi sono stati inseriti nel Piano triennale delle a Scafati – ha detto Salvati – . FurOpere Pubbliche 2013-2015 della Provincia di Sa- ti nelle abitazioni, teppisti nelle lerno, attraverso la creazione di project financing. zone di via Cesare Battisti,via er il consigliere Luigi De Vivo il ricorso all’ autofi- Vittorio Veneto e al Plaza. Credo nanziamento per la creazione di strutture sportive e che alla luce di tutto questo bisodi utilità sociale è la soluzione ideale per risolvere gna fare un intervento per la crisi in cui versano gli enti locali. “Troppo spesso l’istituzione di un commissariato gli amministratori locali non considerano o sotto- di polizia. Ho chiesto al presivalutano l’importanza del ricorso a risorse finan- dente del consiglio comunale di ziarie esogene. Bisogna incentivare l’iniziativa pri- mettere all’ordine del giorno la vata e favorire la creazione di strutture polifunzio- questione sicurezza. Sperando di nali e lo sviluppo di attività che promuovano l’occu- ottenere un atto deliberativo da pazione quali centri sportivi polivalenti, sale poli parte di questa maggioranza funzionali, teatri e auditorium, parchi divertimento nell’ottica dell’ordine pubblico e ed acquatici, aree per il tempo libero”. della sicurezza. Ci aspettiamo su

Strutture polifunzionali per Nocera Inferiore Con delibera di Giunta Provinciale è stato approvato un progetto che prevede la creazione di strutture polifunzionali nel territorio comunale della città di Nocera Inferiore ed in quello provinciale. “Promuovere l’aggregazione giovanile ed offrire ai giovani nuovi spazi destinati ad attività educative, sportive e culturali nella città di Nocera Inferiore” - è la finalità perseguita dal progetto, sottolinea il Consigliere provinciale Luigi De Vivo, che ne è promotore.Ne sono interessati gli spazi attualmente inutilizzati di due istituti storici della città: il Liceo Scientifico “Sensale”in via S. D’ Alessandro e lo spazio comune al Liceo Classico “G.B. Vico” e l’Itis “G. Marconi” in via Totò De Curtis . Nel primo, sito nel cuore del quartiere Cicalesi, nodo strategico interessato da un notevole flusso di traffico automobilistico- spiega De Vivo- verrà realizzato un parcheggio pubblico interrato, con lo spazio sovrastante destinato a verde pubblico attrezzato;

Le iniziative di “Fratelli d’Italia” a Scafati

questo una presa d’atto. Inoltre assieme a tutti gli amici di Fratelli d’Italia abbiamo inviato una missiva al prefetto sul tema”. “Spesso si danno delle risposte evasive sull’argomento sicurezza – ha continuato Salvati – sostenendo che il comune non abbia risorse economiche per fronteggiarla. Alla luce di questo bisogna interessare le autorità che hanno magari maggiori disponibilità e competenze. Soprattutto in situazioni di emergenza. Ad esempio il prefetto,il ministro dell’interno. Sul bilancio noi comunque possiamo provare a chiedere un aumento numerico dei ca-

Sarà realizzato un mega parcheggio a Fondo Caiazzo e riqualificata la piazza Annunziata rabinieri o della guardia di finanza Scafati. La questione è seria. Perciò quando la politica ha difficoltà,si deve demandare ad altri organismi per estirpare i grattacapi”. “Ci sarà il 16 settembre la riunione dei capigruppo, nella quale discuteremo per arrivare ad un orientamento di indirizzo per l’attività di controllo e vigilanza sul territorio. Se non ci saranno risposta dalla maggioranza ci regoleremo di conseguenza”. AnDaMe


13 settembre 2013

Atalanta - Napoli: un tango argentino Sabato 14 il Napoli sarà a Bergamo per misurarsi contro la ostica Atalanta. Intanto sono 9 gli anni con il patron Aurelio Lo stop dedicato alla nazionale è finito. Anche senza i giocatori impegnati con le rispettive nazionali, il Napoli ha ripreso già da qualche giorno gli allenamenti presso Castel Volturno. Gli azzurri preparano il match con l’Atalanta, anticipo della terza giornata di Serie A di sabato 14 settembre alle ore 20,45 al San Paolo. Occasionissima per Uvini e Zapata di mettersi in mostra e guadagnare una convocazione per la gara contro l’Atalanta. ci sarà il primo vero incontro fra Rafa benitez e Duvan Zapata, ultimo acquisto del Napoli: Da domani Rafa Benitez comincerà finalmente a studiare, dal vivo, Duvan Zapata. In pratica, infatti, il tecnico azzurro e l’ultimo acquisto del Napoli non hanno ancora avuto modo di lavorare insieme perché Zapata è arrivato il giorno della sfida con il Bologna e quando si è allenato con il preparatore De Miguel gli altri compagni si godevano un paio di giorni di riposo. Poi, il colombiano ha fatto ritorno in Sudamerica per questioni legate al visto ed alle ultime pendenze da risolvere con l’Estudiantes (a proposito, il contenzioso è ancora in corso), ma quando è nuovamente sbarcato a Castelvolturno, Benitez è volato a Nyon per il forum con i migliori tecnici europei. Già al momento delle visite mediche, Zapata ha impressionato tutti per la sua potenza, ma a Castelvolturno, dopo che Vargas ha fallito in Italia, sono tutti molto prudenti nel dare giudizi. «Fisicamente è una bestia», si limitano a raccontare le voci di dentro. In effetti, nelle partitelle a campo ridotto degli ultimi giorni ha fatto un po’ fatica a sprigionare la sua corsa, ma quando ha potuto allungare il passo ha fatto vedere tutta la potenza di cui dispone. In patria lo paragonano ad Asprilla, dopo i primi allena-

menti sotto lo sguardo di Pecchia si è capito che ha caratteristiche diverse dall’ex parmense. A Benitez il compito di renderlo meno grezzo. L'Atalanta è la "bestia nera" per i napoletani, l’ultima vittoria degli azzurri è datata il 17 Marzo 2013. In campo sarà tango argentino con Higuain e l’ex di turno Denis! Sono stati tanti i nazionali assenti all’allenamento in questi giorni a Castel Volturno: si sono rivisti Mertens e Armeno, poi Mister Benitez ha avutoil gruppo al completo solo a da giovedì. Il tecnico spagnolo neoimpianta-

to a Napoli, è proiettato all’impegno contro i bergamaschi, nel quale dovrebbe esserci la prima convocazione per l’attaccante colombiano Zapata. Però non bisogna dimenticare che Mercoledì è giorno di Champions ed arriva il Borussia Dortmund al San Paolo, quindi probabile turn over per i partenopei. Al contrario sponda Bergamo pausa utile per Colantuono per recuperare gli acciaccati: Migliaccio e Bellini corrono verso il recupero, invece ne avranno ancora per qualche tempo Giorgi e Cazzola. In avanti Livaja non

ha brillato contro il Torino e potrebbe essere spodestato nel tridente da Moralez. L’ultima vittoria dell’Atalanta al San Paolo risale all’ 11 marzo 2012. Tutti i presupposti sono presenti per definire fondamentale quello che sarà il primo importante incontro del Napoli della stagione. Primo senza Cavani. Formazioni: Napoli (4-2-3-1) : Reina; Mesto – Cannavaro – Britos – Armero; Behrami – Inler – Hamsik – Callejon – Mertens – Higuain . In Panchina a disposizione: Rafael – Colombo – Maggio – Fernandez – Albiol –

Zuniga – Radosevic – Dzemaili – Insigne – Pandev – Zapata . Allenatore: Rafa Benitez . Indisponibili: (Nessuno). Atalanta (4-3-3): Consigli, Bellini – Yepes – Stendardo – Del Grosso, Migliaccio – Cigarini – Carmona - Bonaventura – Livaja – Denis. In Panchina a disposizione: Polito – Nica – Canini – Lucchini – Brivio – Raimondi – Kone – Baselli – Brienza – Moralez – De Luca – Marilungo .Allenatore : Stefano Colantuno .Restano indisponibili: ( Cazzola – Giorgi) . Cosimo Silva

Take Away Friggitoria Degustazione specialità marinare

Son passati già nove anni da quando Aurelio de Laurentiis pagò 30 milioni in assegni circolari alla curatela fallimentare che deteneva il titolo della squadra napoletana, in fallimento. Dovette ricominciare dalla serie C, con un nome nuovo, Napoli Soccer e che ormai fa parte della storia azzurra ormai. Il Presidente salvò il Napoli dal dimenticatoio dai Gaucci e dagli avvoltoi pronti a sbranare la preda agonizzante. Oggi il Napoli dell’era De laurentiis compie nove anni. La crescita degli ingaggi è passata da 19,8 del 2005-2006 agli 80mln attuali. Anche i calciatori più pagati della storia del club sono cambiati: si è passati da Sosa a 200mila euro, fino ai 5.5 di Higuain. Le prime parole diDe Laurentiis furono: “Si vince se si semina, se si costruisce. Cinque anni per ricostruire la società. I secondi cinque anni per vincere”: Oggi queste dichiarazioni tuonano nella mente di chi troppo facilmente dimentica, Il Napoli in nove anni dalla C alla Champions League.Si è passati da un Napoli di provincia ad un Napoli internazionale.La mentalità imprenditoriale che già nove anni fa gli faceva parlare di Cina e di nuove frontiere da esplorare. Poi la rivoluzione in Serie A con il doppio sponsor sulle maglie, spendendo ciò che si guadagna, rispettando le leggi dell’economia e del mercato, osservando alla lettera il Fair Play finanziario. Prossimo passo? Far diventare il San Paolo il modello degli stadi. ” In 10 anni il Napoli sarà ai vertici del calcio italiano ed europeo! E quel “Voglio vincere” all’ultima giornata dello scorso campionato, riecheggia ancora nelle pareti del stadio, i giocatori lo hanno bene in mente come Benitez, ingaggiato per vincere. CoSil

Boscotrecase via Cardinal Prisco

081 8587726


Sport 15

Serie B

Juve Stabia, big match: arriva il Siena Dopo tre sconfitte consecutive, le Vespe ci riprovano con i bianconeri tra le mura di casa

E’la Juve Stabia che non ti aspetti a Reggio Calabria : la terza giornata non arride ai giallo-blu che collezionano la sconfitta numero tre di questo campionato. Si pensava che contro la Reggina le Vespe avrebbero potuto invertire il trend negativo ma così non e’stato: la Reggina vince per 3 a 1 dopo che la Juve Stabia era passata in vantaggio per prima nella ripresa grazie ad un gol di Suciu. I giallo-blu hanno anche avuto il colpo del k.o. in un paio di occasioni ma come al solito si è fatta sentire la mancanza di personalità in trasferta, dove gli stabiesi beccano almeno una rete da 23 turni consecutivi. Di Michele e una doppietta del neo entrato Gerardi hanno consentito il ribaltone dei calabresi: c’è da dire che ancora una volta i campani sono stati penalizzati da un’errata interpretazione arbitrale del sig. Di Paolo in occasione del pari della

Reggina. Infatti la rete è stata inficiata da una posizione di off side proprio di Di Michele. In ogni caso c’è da rimarcare la cattiva tenuta della difesa in occasione dei due gol di Gerardi, quando le Vespe non sono sembrate inappuntabili nelle chiusure. La Juve Stabia e’sicuramente calata negli ultimi 25 minuti della ripresa come ha rimarcato lo stesso mister Braglia, mentre l’inserimento immediato dei nuovi (Contini, Scozzarella, Doukara) può essere una parziale scusante visto che comunque c’è ancora molto da lavorare per trovare il giusto amalgama, considerando che i nuovi calciatori sono arrivati da appena una settimana. Lanzaro, difensore ancora non al top, sta ancora lavorando e potrà essere utile la sua esperienza in un settore alquanto ballerino (8 reti subite) nel prosieguo del torneo così come il pronto recupero di Caserta

alla ricerca ancora della forma migliore. In attacco c’è stata la querelle Diop che non ha gradito la sostituzione nel primo tempo contro la Reggina: alla sua uscita non ha stretto la mano al suo compagno Murolo entrato sul terreno di gioco al suo posto per scelta

tecnica di mister Braglia, ed inoltre in panchina si è fatto prendere un po’ dal nervosismo prendendosela con una…bottiglietta di acqua! Mister Braglia dovrà anche lavorare su questo aspetto di tenuta psicologica della squadra nonché nella capacità di gestione

Pessimo inizio per il Sorrento Se il “buongiorno” si vede dal mattino, tanto vale augurarsi la “buonanotte” e sperare nell’alba del domani. Decisamente male l’inizio del Sorrento quest’anno, nonostante la pessima annata terminata a giugno, nonostante la retrocessione e l’annessa esperienza nuova nella Seconda Divisione della LegaPro. E’ vero che commentiamo solo la seconda giornata, è vero che tante son le partite da giocare. Già lo scorso anno si partiva con la cronaca giustificatrice che ha poi portato si sa dove, alla retrocessione, dopo un’annata oscillante tra il pessimo e il non buono affatto con timidi tentativi di orgoglio pronunciati solo nelle ultimissime partite. L’allenatore è nuovo, Chiappino, e generalmente un nuovo mister va a dare una scarica nuova alla squadra molliccia. Ma anche la rosa è nuova, di im-

pronta giovane e fresca. Sarà proprio questa poca empatia reciproca degli undici a non aver saputo dare a questo Sorrento 2013/14 quell’aspetto (ma anche sostanza) vincente che ci si aspettava? Scriviamo che “vedremo…”; Aspettiamo ancora prima di trarre conclusioni, ovvio. Intanto si è consumata un’altra sconfitta, la seconda in campionato, dopo il 2-3 rimediato in casa contro il Vigor Lamezia. Avversario sul campo, stavolta, la Aprilia. Ma i tifosi contano tre sconfitte susseguenti, ricordando anche la competizione contro Ischia in Coppa Italia. Ad oggi il Sorrento è solo soletto in coda alla classifica. Che quest’anno non sia la fotocopia dell’ultimo passato, stesso ultimo posto per mesi e mesi conteso solo con la Carrarese della signora Buffon.

tro la corazzata Siena, guidata da mister Beretta, ci vorrà la migliore Juve Stabia che sappia affrontare il match con cattiveria agonistica e determinazione, ripetendo la prova offerta contro lo Spezia senza confermare però lo stesso risultato. I toscani hanno un ottimo organico dove spiccano il difensore Angelo, il centrocampista D’ Agostino, micidiale sulle punizioni, gli attaccanti sguscianti e manovrieri Paolucci e Giannetti. Nel match contro il Siena c’e’ da valutare il recupero di Mezavilla e Ciancio, mentre potrebbe essere l’ora dell’esordio di Lanzaro in difesa. Tre punti fondamentali questi per la Juve Stabia per esorcizzare lo “zero” in classifica che comincia a pesare considerando che le concorrenti per la salvezza stanno comunque muovendosi in graduatoria. Domenico Ferraro

Basket / Div. Naz. B

Calcio / Lega Pro II div. Nell’ultimo incontro i ragazzi di Chiappino hanno iniziato l’incontro con il piede giusto passando in vantaggio grazie a un calcio di rigore e trasformato da Maiorino. Su copia/incolla di quanto accaduto, il primo tempo è corso via senza eccessivi pericoli per la porta di Polizzi, notevole il proporsi continuo dei rossoneri. Nell’inizio del secondo tempo, arriva il pareggio seguito dalla rete definitiva. Tutto sommato, il Sorrento non sta giocando male da meritare le sconfitte. C’è, però, da aggiungere che i “però, se, ma” non fanno punti. Meglio giocare una partita dalla mediocre prestazione tecnica e tattica e portare a casa 3 punti che non sfoderare grinta e comunque lasciare sul campo punti. Per soccorrere il reparto difensivo perché incapace di riaprire una partita, pare che il Sorrento stia mettendo sotto contratto il centrale difensivo Francesco Lettieri, che non è imparentato con il centrocampista già in rossonero Manuel. il nuovo Lettieri è nato a Castellammare di Stabia il 9 marzo del 1994 ed è cresciuto nel settore giovanile della Juve Stabia. Anna Di Nola

del match quando si è in vantaggio in trasferta, quando si può giostrare sul contropiede con i vari Di Carmine e Doukara senza farsi sorprendere dagli avversari che non sono sembrati dei “mostri”. La squadra deve ancora trovare una propria quadratura e fisionomia: probabilmente la posizione di Vitale si addice più a quella di un esterno altro piuttosto che a mera controllo della fascia mancina di propria competenza. A centrocampo sarà fondamentale il fosforo che Scozzarella saprà mettere nelle proprie giocate quando raggiungerà una forma adeguata. In attacco si confida molto in Doukara che a Reggio Calabria ha fatto il suo esordio nella ripresa e che probabilmente sarà ancora della partita contro il Siena sabato prossimo, visto che per Diop si preannuncia una giornata in tribuna dopo la “sceneggiata” del Granillo. Con-

Givova Scafati: l’obiettivo è vincere il campionato La franchezza e la schiettezza non gli sono mai mancate. Ma stavolta non ha usato mezzi termini ed è stato diretto come non mai. Il presidente dello Scafati Basket, Alessandro Rossano, è stato chiaro: «Vogliamo vincere il campionato. Abbiamo allestito un organico competitivo. Speriamo solo che la gente di Scafati ci sia vicina e ci mostri tutto quell'affetto di cui abbiamo bisogno». In occasione della presentazione ufficiale dell'evento “Un canestro di solidarietà”, presso la sala stampa del Comune di Scafati, il massimo dirigente gialloblù non nasconde le ambizioni della sua società e spiega i motivi della dolorosa scelta di abbandonare la Legadue Gold e compiere due passi indietro. «Nonostante i costi di gestione più bassi ha detto non potevamo più continuare ad avere una squadra di basket a questi livelli I costi del secondo campionato nazionale non erano più sopportabili per le nostre casse, dopo i sacrifici degli ultimi anni. Abbiamo approfittato della possibilità di effettuare lo scambio di titoli con Trapani e così siamo ripartiti dalla Div. Naz. B, con l'obiettivo di ritornare subito grandi, ma anche di creare quella aggregazione e quell'entusiasmo in-

torno alla squadra, che si è andato perdendo nelle ultime stagioni. Siamo felici del sostegno delle istituzioni cittadine, con le quali quest'anno cercheremo di rinnovare il contratto di concessione del PalaMangano, prossimo alla scadenza». Lunedì sera, ore 20:30, nel piazzale antistante il centro “Scafati Solidale” di via Enrico Berlinguer, si terrà l'evento “Un canestro di solidarietà”, nel corso del quale la squadra sarà presentata ai tifosi. L'evento e la sua idea è stata spiegata dall'assessore allo sport Espedito De Marino. «Trovare fondi per acquistare libri scolastici ai bambini e ai ragazzi che non hanno la possibilità di farlo, perché in famiglie con enormi difficoltà economiche: è questo l'obiettivo che ci siamo prefissati con questa iniziativa di solidarietà. Il bilancio comunale ha spiegato è già ridotto ai minimi termini e, per riuscire ad aiutare le famiglie meno abbienti, non avevamo altra alternativa che realizzare un simile evento, che precede l'inizio dell'anno scolastico. Sarà apposta nel piazzale una grande anfora, nella quale saranno raccolte le libere offerte della cittadinanza. Sarà poi aperta a fine serata ed il ricavato sarà destinato alle famiglie degenti che ne avranno fatto preventiva richiesta». Antonio Pollioso

Rubriche Rubriche Rubriche Rubriche Rubriche Rubriche Rubriche Rubriche Rubriche Tra gli ospiti il tenore Giuseppe gambi e gli “Alma Rumbera” che hanno coronato l’ultima serata

Trecase: chiusura alla grande di “Estate in villetta” Bravi i componenti del Coro Polifonico Parrocchia Sant’Antonio di Padova. Ad esibirsi nel corso delle serate anche Salvatore Napodano

“Estate in Villetta”, questo il nome della manifestazione, cinque giorni di spettacolo, danza e festa popolare, realizzata a Treecase grazie al grande impegno di Salvatore Napodano, già consigliere comunale nel comune vesuviano ed esponente del Movimento Popolare Campano, che si è avvalso dell'insostituibile collaborazione dell'associazione dei commercianti trecasesi “Assimprendo” presieduta da Salvatore Manzo e del patrocinio morale concesso dalla locale Civica Amministrazione retta dal commissario prefettizio Massimo di Stefano. Cinque splendide serate agostane per tutti coloro che sono rimasti in città e per i tanti accorsi da tutti i comuni del circondario. E così, con gli allestimenti di Biagio D'Alessio, il 4; l'11; il 15; il 18 ed il 25 agosto dalle ore 18,00 in poi la villa comunale trecasese in via Nuova Cirillo si è vestita di luce, tra arte, musica ed enogastronomia locale, allietando i numerosi convenuti nelle trascorse serate estive. Veramente un grande successo per una manifestazione, partita alla chetichella, domenica 4 agosto registrando un primo lusinghiero successo con la calda voce dello stesso Sasà Napodano diffusa dalla cassa armonica centrale. Sicuramente indispensabile anche la preziosa collaborazione dei numerosi espositori e le degustazioni prelibate di corposi panini ai mille gusti preparati dallo chef Aniello di “Qui si Mangia” ben coadiuvato da Giorgio Tarallo di “Antichi Sapori” e da Gennaro Saulle della lavanderia “Aurora”; con le sostanziose portate di “Pere e 'o musso” affettato dal presidente Salvatore Manzo. La friggitoria di krapfen messa su dalla pasticceria Magi e dello stand allestito dalle aziende agricole Ingenito e Serpe con prodotti ortofrutticoli e vini prelibati tutti di produzione locale. E dulcis in fundo… una interessante mostra pitto-

rica ordinata dal maestro Gennaro Panariello. Ad esibirsi nel corso delle serate oltre, appunto, allo stesso Salvatore Napodano, il tutto fare della riuscitissima iniziativa trecasese, anche Antonio Saulle con variegate esibizioni accompagnato dalla sua chitarra. Ed ancora le brave protagoniste di “Ballet studio dance project” di Massimo de Rogatis e Barbara Castellano, i nostalgici e graditi Zampognari del Vesuvio che con il suono profuso dai legni da Vincenzo Marasca, Antonio Giordano e Antonio Catapano, la ciaramella del Vesuvio, hanno deliziato il pubblico presente in villa domenica 18 agosto ed è stato, come prevedibile, un successo. Altro momento coinvolgente quello con il Gruppo Folk dell' Associazione Culturale “Aequana” di Vico Equense che si è esibito direttamente tra il pubblico. Bravi i componenti del Coro Polifonico Parrocchia Sant'Antonio di Padova di Trecase che hanno interpretato alcuni brani scelti dal repertorio classico napoletano. Possente ed accattivante il maestro tenore Giuseppe Gambi che come sempre ha incantato i presenti regalando un tuffo nel bel canto e nella suggestione di sonorità affascinanti e coinvolgenti. Esilaranti ed applauditissimi gli “Alma Rumbera” della maestra Virginia, pluricampionessa italiana di balli caraibici, che hanno marcato l'Evento con una chiusura alla grande presentando due struggenti coreografie: Will u still love Tomorrow e Tirso duarte y la mecanica loka. A questo punto possiamo ben dire che “Estate in Villetta” se ne va in archivio con il più lusinghiero dei successi e con l'appuntamento consolidato per la prossima edizione.

Un libro sulla cucina vesuviana Presentazione e assaggio gastronomico

Domenica, 15 settembre, alle ore 19.30 presso il Complesso Turistico Alberghiero Hotel Imperiale, via Panoramica (di fronte al cimitero di Boscoreale) avverrà la presentazione del libro di Luigi Bolzano: "La cucina vesuviana: storia, tradizioni e ricette". Le nuove pagine del nuovo libro dell'amico Luigi sono dedicate alla gastronomia dell'antica Pompei con un vasto ricettario caratterizzante l'alimentazione dei cittadini pompeiani di oltre duemila anni fa, prima dell'eruzione del 79 a. C. Un capitolo è dedicato ai napoletani maccaronari a partire dal diciassettesimo secolo.. Si citano anche famosi pastifici da Torre Annunziata a Gragnano. Altro capitolo approfondisce il pastificio torrese Setaro, fondato nel lontano 1939 da Nunziato Setaro. successivamente l'opificio fu condotto dal

Schedina per sabato Tottenham-Norwich 1 Boruss D.-Ambur over 2,5 Tolosa-Marsiglia 1X Inter-Juventus X2 Carpi-Empoli 2 Lanciano-Avell under 2,5 Werder B.-Eintrac over 2,5

figlio Vincenzo. Oggi se ne occupa la terza generazione con Nunziato, Vincenzo e Giovanni. La pasta Setaro è esportata in molti paesi del mondo, compresi quelli arabi. A proposito di pasta Setaro, durante la presentazione di domenica, verrà offerta a tutti i presenti un assaggio di tale prelibatezza. Giuseppina Cirillo

Schedina per domenica Messina-Arzanese 1 Cosenza-Sorrento 1 Lione-Rennes 1 Nocerina-Grosseto X2 Lille-Nizza 1 San Marino-Como X2 Livorno-Catania X2 Catanzaro-Frosinone 1X


BUE MARLIN CLUB sas di Vitulano Pasquale & C. - Via Ugo Foscolo, 56 - Boscotrecase (NA) - ITALY - Tel. (+39) 081 5374181 www.bluemarlinclub.it - info@bluemarlinclub.it


Gazzettino23 2013