Page 1

Settimanale gratuito di informazione edito da Alsaba Grafiche • Anno III • numero 114 • Registrazione n. 7 del Tribunale di Siena dell’8 aprile 2008 • www.alsaba.it Chiuso in redazione il 19 luglio 2010 • Tiratura 9.000 copie • Stampato su carta 100% riciclata con marchio ecologico “Angelo Blu”

Siena si svuota, tutti al mare


NOTIZIE IN BREVE


ul

tu r

a

4 mercoledì 21 luglio 2010 4

4

3

L’estate è Chigiana

Dopo la solenne apertura sono previsti una serie di grandi concerti nelle principali abbazie senesi, nei paesi della provincia e nei teatri e piazze della nostra città E sta t e

c

Si è aperta domenica 18 la 79° Estate Musicale Chigiana. Si è aperta con uno splendido concerto al Teatro dei Rozzi della Sofia Festival Orchestra, seguito martedì 20 da “Rigore e fantasia. I maestri della sonata italiana nel XVIII secolo”. Il prossimo appuntamento in programma, sabato 24, è all’Abbazia di Sant’Antimo, con un concerto che

vedrà protagonisti il violoncello di Antonio Menenses e il clavicembalo di Rosana Lanzelote, accompagnati da un allievo dell’Accademia. In programma sonate di Bach, Vivaldi e Haydn. Martedì 27 all’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore di terrà il concerto di Joaquin Achucarro, che si esibirà sulle note di Albeniz, Granados, Debussy, De Falla e Ravel. Grandi appuntamenti anche ad Agosto, che si apre con l’esibizione di mercoledì 4 del grande Jurij Bashmet con la sua viola (accompagnato stavolta dal piano di Mikhail Muntjan), vero e proprio “aficionado” dei palcoscenici senesi. Venerdì 7 toccherà a Salvatore Accardo, Bruno Giuranna e Antonio Menenses esibirsi al teatro dei Rozzi, accompagnati da allievi chigiani, sulle note di Schubert e Schonberg. Sabato 7 replica per la Sofia Festival Orchestra, diretta da Alipi Naydenov e con il violino solista di Boris Belkin, al Teatro dei Rinnovati. Domenica 8 al Teatro dei Rozzi spazio al “Baires Concerto” per pianoforte solo di Luis Bacalov, pianista

e compositore di fama mondiale. Martedì 10 Salvatore Accardo, Bruno Giuranna, Antony Pay, Franco Petracchi e Stefania Redaelli saranno di scena al Teatro dei Rinnovati, esibendosi sulle note di Mozart, Rossini e Schumann. Si riprende mercoledì 18 con gli “Studi e preludi” di Debussy interpretati dal pianoforte di Maurizio Pollini (Teatro dei Rinnovati), mentre venerdì 20 sarà di scena ancora Salvatore Accardo al Teatro dei Rozzi. Domenica 22 l’appuntamento è con il pianoforte di Michele Campanella, prima della grande chiusura, mercoledì 25 al teatro dei Rinnovati, con il concerto degli Allievi del Corso di Direzione d’Orchestra, con il docente Gianluigi Gelmetti, il maestro assistente Maurizio Dones, il direttore stabile Alipi Naydenov e la Sofia Festival Orchestra che si esibiranno nella celeberrima “Traviata” di Verdi.

Montepulciano, giovani talenti in Cantiere Si è aperto nei giorni scorsi il 35° Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano. Un’edizione ambiziosa quella di quest’anno, iniziata il 15 luglio e che durerà fino al 1° agosto, che s’inserisce nel cartellone dei festival in Terre di Siena. Dopo il sorprendente successo della scorsa edizione, Detlev Glanert (direttore artistico) e Roland Böer (direttore musicale) sono più che mai confermati alla guida della manifestazione, ideata nel 1976 da Hans Werner Henze. Si rafforza così l’incontro tra professionisti e giovani talenti: italiani e internazionali, adulti e bambini. Grazie al contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Montepulciano continua nella sua ricerca di proposte originali che si muovono tra opera lirica e teatro sperimentale, concerti sinfonici e musica da camera: un Cantiere aperto, dove gli artisti lavorano abitualmente senza cachet. L’architettura artistica è strutturata con il sostegno ideale ed estetico della “Divina Commedia” di Dante: quest’anno il legame è con il Purgatorio, mentre il 2011 sarà ispirato al Paradiso. Sono ben tre le opere liriche prodotte dalla Fondazione Cantiere, alle quali si aggiunge la novità di un’operina tascabile: in un contesto falcidiato dai tagli, Montepulciano va controcorrente e cerca di razionalizzare le pur limitate risorse per realizzare allestimenti curati. “Albert Herring”, in particolare, è un’opera da camera firmata da Britten. Sono 13 i cantanti che interpretano una vicenda pensata come specchio satirico di una piccola comunità intenta a festeggiare il 1° Maggio: un messaggio autoironico su Montepulciano. La notizia è che il regista sarà Keith Warner, una star internazionale che arricchisce la storia del Cantiere. Per la parte musicale saranno impegnati Roland Böer e l’orchestra di Manchester. In programmazione il 24 e il 25 luglio. In programma anche un’opera di Salvatore Sciarrino che, dopo numerose rappresenta-

zioni all’estero, arriva al Cantiere in prima italiana: “Luci mie traditrici”, composta nel 1998, sarà allestita in coproduzione con l’Opera di Francoforte. L’orchestra è l’Ensemble Algoritmo diretto da Marco Angius, mentre la regia è di Christian Pade. Sarà possibile assistere all’opera nei giorni 31 luglio-1 agosto. “La cattiva vita di Truculentus” è l’azione teatrale che rilancia il legame con i giovani del territorio. Uno spettacolo liberamente tratto da Plauto che coinvolge più di 50 elementi. È ancora possibile vedere delle repliche, nei giardini della Fortezza Medicea dove gli spazi saranno costruiti alludendo al teatro di strada, il 24 e il 25 luglio. Due appuntamenti con i concerti agli Ex Macelli, il 21 luglio e il 27 luglio: una prima italiana di Rolf Rudin sarà arricchita dal virtuoso dell’euphonium Steven Mead, poi i tre solisti in residence per il pezzo con cui Richard Strauss entra nella storia e per il “Fandango” di Henze in prima italiana. Colossale il Concerto di Chiusura (il 1 agosto) in Piazza Grande per un esperimento shock: contrapporre la Nona di Beethoven a “Un sopravvissuto di Varsavia”, brano di Arnold Schönberg che racconta (con voce recitante) la strage del ghetto di Varsavia. Un contrasto tra la violenza nazista e il desiderio di fratellanza espresso dalla Nona: l’esecuzione, diretta da Böer, conterà sul palco 160 coristi che si aggiungono all’orchestra di Manchester. Più di 230 elementi per un epilogo ambizioso. Si chiama invece “What’s happening?!” la performance multimediale che innoverà l’approccio artistico nel contesto di Piazza Grande. Sui palazzi rinascimentali saranno proiettate immagini e suggestioni di Philipp Geist, guru internazionale della video-arte. L’interazione tra le proiezioni e la musica è garantita dall’elettronica di Fabrizio Nocci e dalla percussioni incalzanti dell’ensemble Tetraktis (23 luglio).


4 mercoledì 21 luglio 2010 4

NOTIZIE IN

La terra di Siena si addice agli incontri A La Foce i tradizionali appuntamenti estivi con concerti e artisti di fama internazionale Otto appuntamenti da non mancare i concerti degli “Incontri in terra di Siena”, che si aprono venerdì 23 luglio alle 21, nel Cortile della villa rinascimentale La Foce a Castelluccio di Pienza con tre musicisti di fama internazionale sul palco: Mark Padmore, tenore, Julius Drake, pianoforte e Richard Watkins, corno. Il programma offre i lieder di Beethoven, Britten e Schubert per corno e pianoforte. Il concerto sarà preceduto, per chi desidera, da una cena nel giardino della villa. Il Festival segue il filo rosso dell’avventura artistica della pianista Kathryn Stott, direttore musicale per il 2010 e 2011: «Il mio desiderio per gli Incontri è seguire la ricerca di un’eccellenza artistica, invitando in questo territorio paradisiaco un favoloso gruppo di artisti internazionali, con un vasto e variegato repertorio musicale». La stessa Stott, dopo la formazione alla Yehudi Menuhin School e al Royal College of Music, ha avuto riconoscimenti su diversi fronti musicali. Accompagnatrice abituale di Yo-Yo Ma con il disco Soul of the tango ha contribuito alla vittoria del Grammy. Da Fauré alla Dance Music per solo pianoforte: la sua versatilità la porta a varcare ogni confine. E i suoi molteplici interessi la hanno spinta a percor-

rere tutta la Grande Muraglia per raccogliere fondi per la lotta al cancro. Per il secondo concerto di sabato 24 luglio a Castelluccio il Quartetto Doric – una delle migliori formazioni inglesi che ha vinto, tra l’altro, il primo premio al Concorso internazionale di musica da camera di Osaka nel 2008 – si esibisce in tre brani “romantici”. Dal romanticissimo Quartetto n.2 per archi Lettere intime di Janacek, che lo scrisse nell’ultimo periodo della sua vita, colpito da un innamoramento per una giovane donna, alla Sonata per violoncello e pianoforte di Rachmaninov, con Kathryn Stott, pianoforte e Antonio Lysy, violoncello, ­ e per conclucere il Quintetto per pianoforte e archi di Dvorak. Domenica 25 luglio, il Cortile della villa La Foce ospiterà un concerto con musicisti d’oltre oceano: il cubano Paquito d’Rivera, al clarinetto, in compagnia di un originale duo il “Synchronicity” di Garah Landes al pianoforte e Gregory Landes alle percussioni. Il maestro d’Rivera, un mix esplosivo di jazz, rock e sound cubano, spazierà da Stravinsky a Bernstein, da Pat Metheny a Ginastera ed eseguirà alcune sue composizioni e di Garah Landes.

Synchronicity è il nome del duo americano che lo accompagna in varie occasioni. Il duo, nato dieci anni fa, compone, trascrive e commissiona musica per i loro strumenti – pianoforte e percussioni – eseguendo molti brani per la prima volta. Martedì 27 luglio si torna a Castelluccio per il secondo concerto del Quartetto Doric, ancora in compagnia di Kathryn Stott al pianoforte e Antonio Lysy al violoncello. Due capolavori della musica da camera: il Quintetto per pianoforte e archi di Brahms, e il Quintetto per archi di Schubert. Gli "Incontri in terra di Siena" sono nati ventidue anni fa per ricordare la figura di Iris Origo, la scrittrice anglo-americana, moglie del marchese Origo che, oltre a bonificare la Val d’Orcia, svolse una preziosa attività umanitaria durante l’ultima guerra. Tra i suoi libri più famosi: Guerra in Val d’Orcia e Immagini e ombre. La direzione è affidata dalla fondazione a Antonio Lysy, violoncellista, che ha saputo arricchire il paesaggio unico della Val d’Orcia con la musica eseguita dai più grandi interpreti internazionali ospiti abituali della preziosa rassegna, come Vladimir Askenazy, solo per citare un nome.

E sta


ate

ul

tu r

a

4

c

Libere come l’acqua

Il jazz è di rito Sta per aprirsi la 40° edizione di SienaJazz

Mancano pochi giorni all’apertura di uno degli eventi più attesi dell’anno, la 40esima edizione dei Seminari Estivi promossi dalla Fondazione Siena Jazz. Un ricco calendario di eventi in programma dal 23 luglio al 7 agosto che prevede concerti gratuiti e jam session con i più grandi musicisti del jazz americano ed europeo. Il primo appuntamento è previsto, venerdì 23 luglio alle ore 21,45 all’Enoteca Italiana (Fortezza Medicea – ingresso libero). Suoneranno artisti del calibro di John Riley, Roberto Cecchetto, Kenny Werner, Riccardo del Fra e John Taylor con in scaletta le produzioni svolte nei gruppi di musica d’insieme da loro diretti assieme ai migliori allievi che hanno seguito l’InJaM, l’International Jazz Master in Tecniche dell’improvvisazione, il corso biennale di specializzazione, considerato il più importante in Italia e in Europa per l’alta qualità dei docenti e per la qualità dei programmi, realizzato con il contributo della Fondazione Monte dei Paschi di Siena e il sostegno del Comune di Siena, Provincia di Siena e dell’Associazione jazzistica senese. John Riley è uno dei grandi batteristi del jazz di oggi: ha suonato con Miles Davis e Dizzy Gillespie, tenendo master class in tutto il mondo e insegnando nelle grandi scuole statunitensi. Roberto Cecchetto è un ecletti-

5

co chitarrista già componente dello storico “Elettric Five” di Enrico Rava. È un musicista che ha sempre prediletto l’esplorazione. Ha suonato e studiato elaborando, senza mai uniformarsi come dimostrano le sue performance dal vivo. Kenny Werner e il suo pianoforte: un connubio perfetto per chi ha alle spalle una carriera di prim’ordine, avendo suonato soprattutto con la Mel Lewis Orchestra (oggi Vanguard Jazz Orchestra) e poi con Joe Lovano, Tom Harrell, Toots Thielemans e tanti altri. Sul palco dell’Enoteca Italiana anche Riccardo Del Fra, raffinato contrabbassista che, fra gli ultimi lavori, ha realizzato un album con il pianista Michel Graillier e successivamente “Roses and Roots”, che testimonia il suo piacere di lavorare e di sperimentare con giovani musicisti come il già rinomato batterista Joey Baron. Il quintetto dei grandi comprende anche John Taylor, pianista inglese sotto i riflettori dall’inizio degli anni settanta, caposcuola indiscusso del jazz nord europeo. Esibizioni di altissimo valore, un concentrato di personaggi dal curriculum prestigioso che hanno fatto la storia della musica mondiale. La loro presenza a Siena è segno dell’importanza dell’International Jazz Master e della credibilità raggiunta dalla Fondazione Siena Jazz.

Spesso capita di dare per scontato beni indispensabili per la nostra vita, uno di questi è l’acqua. Così, arriva a Siena una mostra tutta dedicata a questo elemento: “H2Opere – Libere come l’acqua”. Inaugurata il 16 luglio scorso la mostra collettiva visiva di opere d’arte sarà aperta al pubblico fin al 28 luglio alla Galleria Didee. Il tema principale è l’importanza vitale dell’acqua come risorsa pubblica da valorizzare e salvaguardare e si inserisce in un percorso promosso per gli artisti soci della Didee, organizzatrice dell’evento, al fine di coniugare la loro attività artistica in un progetto associativo di impegno civile, di partecipazione e solidarietà. Lo scorso anno, con lo stesso spirito, l’associazione ha realizzato una mostra collettiva sul tema della lotta al razzismo e a ogni forma di discriminazione, a testimonianza di come le varie forme di espressività nel campo artistico giovanile possano contribuire a costruire un impegno civile, un senso di comunità, ma anche legami sociali e solidali. L’iniziativa è patrocinata dal Cesvot, in collaborazione con Arci Siena, Arcisolidarietà provinciale di Siena e con il contributo di Art Store Ruffoli.

Teatro e laboratori al Festival di Montalcino Al via la trentunesima edizione del Festival Internazionale di Montalcino, iniziato il 19 luglio e che si chiuderà l’1 agosto 2010 e animerà gli spazi del borgo senese. Il festival è aperto dalla compagnia “Teatro de los sentidos” di Enrique Vargas. Il tema di questa edizione è la Memoria. Memoria declinata nelle sue varie sfumature: memoria della terra, come nel laboratorio Il viaggio dell’uva di Vargas che si concluderà con rappresentazione aperta al pubblico; memoria della parola in “Delirio amoroso” di Licia Maglietta che riporta in scena le poesie dell’indimenticata Alda Merini; memoria della diversità nella residenza artistica affidata a Benedetto Sicca per lo studio “Il principe Iorgos” su Katzelmacher di R. W. Fassbinder; e memoria del teatro con il workshop “Commedia” tenuto da Giorgio Barberio Corsetti. Momento centrale della kermesse sarà il laboratorio. Luogo di apprendimento, di confronto, di tradizione di esperienze, di ideazione di progetti futuri, il modello di workshop si arricchisce trasformandosi in residenza, in virtù della splendida cornice paesaggistica e strutturale di Montalcino, rinomata località di soggiorno nel cuore della campagna senese, nota nel mondo per il patrimonio

naturalistico ed enogastronomico. Gli attori saranno ospiti, a prezzi di convenzione, degli alberghi del borgo montalcinese per creare quella comunione con il territorio che è elemento cardine di ogni momento culturale. Gli workshops attivi sono: Il viaggio dell’uva, attivo dal 20 al 31 luglio, un workshop propedeutico alla costruzione di una esperienza ludico-sensoriale aperta al pubblico diretto dalla compagnia Teatro de los Sentidos di Enrique Vargas. Dal 26 luglio al 1 agosto sarà aperto “Commedia”, uno studio sulla commedia a partire dal repertorio classico e contemporaneo. Tra i testi oggetto dello studio, la Lisistrata di Aristofane, il Don Giovanni di Moliere, Il Panico di Spregelburd e testi vari di Giorgio Barberio Corsetti. Il costo di iscrizione al laboratorio di Vargas è di 600 euro comprensivi di alloggio con prima colazione e pranzo o cena. Quello del laboratorio di Corsetti è di 500 euro, sempre comprensivi di alloggio con prima colazione e pranzo o cena. La richiesta di ammissione alle audizioni, corredata degli allegati, dovrà essere inviata via e-mail entro il 7 luglio 2010 all’indirizzo interno5. workshop@libero.it.


6

3

4 mercoledì 21 luglio 2010 4

NOTIZIE IN cittÀ BREVE

Service Tax, «invenzione» del Governo La tassa che unisce imposte prima diversificate ma non risponde agli iniqui tagli della Finanziaria «La Service Tax che il Governo ha paventato riunisce imposte attualmente diversificate che riguardano la casa, ma non rappresenta una tassa comunale aggiuntiva. A fronte di questo rimangono invariati i tagli e rimane invariata la nostra preoccupazione e la nostra richiesta di revisione di una manovra che scarica in modo iniquo il peso sugli enti locali: sulle Regioni, sui Comuni e sulle Province. Per questo l’accordo firmato da Upi-Anci e Governo è sbagliato». Spiega così il sindaco di Siena, Maurizio Cenni, l’introduzione della Service Tax e la manovra finanziaria al vaglio delle Camere in questi giorni. «Questo accordo è un errore strategico, che da una parte divide enti che invece si trovano sulla stessa barca e dall’altra non incide su una manovra che rimane scellerata – continua Cenni – Il problema vero è che non si superano i tagli ai trasferimenti. Se mai arriverà, il federalismo rischia di non trovare più nessun servizio offerto ai cittadini».

«Va anche sottolineato – osserva Massimo Bianchi, assessore al Bilancio del comune di Siena – che il Decreto Legge 78 prevede per il Comune di Siena ben 4.734.000 euro di minori trasferimenti nel 2011 e 6.284.000 sul 2012, per un totale di 11.018.000 euro. In questo modo si mettono in ginocchio i cittadini e la Service Tax non risolve il problema.

Lanterne restaurate: il via dalla Stufa Secca Come previsto, dopo un mese dal primo invio di 40 “lanterne Siena” alla rigenerazione, in questi giorni è iniziata la posa del primo lotto di lanterne restaurate. A partire da via della Stufa Secca vengono installate le prime, mentre inizia il sistema di illuminazione conforme al prototipo provato in Camporegio. Le lanterne (con lampade tipo Cosmopolis e alimentatore biregime potenza 60W) hanno le caratteristiche previste dal progetto già presentate: vengono sabbiate, con telaio zincato per maggiore durevolezza e, quindi, verniciato in color grafite; vetri esterni sostituiti con schermi di materiale isolante, ghiacciato, in grado di restituire un’illuminazione adeguata al centro storico. Modificata – si potrebbe dire rovesciata – la posizione della lampada collocata in alto (più luce in strada e inquinamento luminoso assai ridotto). «La nuova tecnologia utilizzata – sottolinea l’Assessore per i Servizi a Rete, Pier Paolo Fiorenzani – consentirà di avere una resa molto

migliore impiegando potenze minori con accensione a tutta notte. Sarà possibile un risparmio energetico di circa il 40% avendo, comunque, un’illuminazione più capillare». Le lampade attuali hanno un costo anno di 77 euro, mentre le nuove avranno un costo annuo di 34 euro. Di notevole importanza anche il risparmio “ambientale” per il consumo di Co2. «Ognuna delle lampade attuali – dice l’Assessore – ha un consumo di 391 kg. di Co2, mentre le nuove di 175 kg. /anno». Tutto questo “disegno”, che impegna grossi investimenti (1.4 milioni di euro; col secondo lotto, saliranno a 4) vuole rafforzare anche la percezione di sicurezza nel centro storico, come richiedono cittadini, giornali e associazioni. «Da questo fine settimana – conclude Fiorenzani – meglio da lunedì 19 prossimo, sarà possibile apprezzare la nuova tipologia di illuminazione che, progressivamente, verrà estesa a tutte le porzioni del centro storico dove sono installate le lanterne Siena».

Inoltre, alla Toscana giungeranno 320 milioni di euro in meno dallo stato centrale. Di questi, ben 200 milioni ricadranno sul trasporto pubblico locale e quindi andranno a cadere su Comuni e Province». «Con 11 milioni di euro di minori trasferimenti in due anni l’amministrazione non potrà mantenere i livelli attuali di servizi – conclude Cenni – Se il Governo vuole cancellare lo stato sociale, noi a questo gioco non ci stiamo. La nostra speranza è che almeno in Toscana ci possa essere coesione. Solo insieme potremo riuscire a raggiungere gli obiettivi che ci prefiggiamo a tutela dei cittadini e dei servizi a loro rivolti. È necessario sostenere la crescita, allentando il patto di stabilità per far ripartire gli investimenti nelle infrastrutture e aprire migliaia di piccoli cantieri. È necessario rafforzare la lotta all’evasione, fare una politica di riorganizzazione della pubblica amministrazione e ripartire i tagli in modo più equo tra enti e stato centrale». Elena Mugnaini

A Siena piacciono i Pos La provincia di Siena è tra le prime province italiane, assieme a Rimini, Aosta e Sondrio, per numero di Pos (gli apparecchi per effettuare acquisti con carte di pagamento) in rapporto agli abitanti. Lo rivela una ricerca della C pp Italia, divisione della multinazionale inglese specializzata nella protezione delle carte di pagamento. La Toscana è la seconda regione d’Italia per diffusione con un Pos ogni 29,8 abitanti. Leader della speciale classifica la Valle d’Aosta, dove c’è un Pos ogni 24,7 abitanti, al terzo posto il Trentino-Alto Adige con uno ogni 33,1 abitanti. La media nazionale è di un Pos ogni 44,4 abitanti. In regioni come Sicilia, Molise, Puglia, Campania la disponibilità di postazioni per pagare con le plastic cards è di oltre due volte inferiore rispetto alle prime regioni. La punta minima si registra in Calabria a Basilicata: tre volte in meno della Valle d’Aosta.


economia

4 mercoledì 21 luglio 2010 4

4

7

Abi, è iniziata l’era Mussari Grande soddisfazione per l’elezione del Presidente di Banca Mps al vertice dell’Associazione Bancaria Italiana Grande soddisfazione ed entusiasmo ha suscitato l’elezione di Giuseppe Mussari alla presidenza dell’Abi. Numerosi i messaggi inviati dalle istituzioni di Siena al neo presidente, al termine della 50esima Assemblea che lo ha designato al vertice di Palazzo Altieri, in sostituzione dell’uscente Corrado Faissola. Ai lavori ha partecipato anche il Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano. Gabriello Mancini considera il nuovo incarico di Mussari motivo di orgoglio per tutta la città di Siena ed ulteriore conferma del rilievo assunto dal Monte nel panorama bancario nazionale. «In questo momento di grandi difficoltà economiche e finanziarie – ha affermato Mancini – c’è bisogno di grande coesione e di presone in grado di creare consensi e che favoriscano il consolidamento e il rilancio degli istituti di credito». La scelta di Mussari risponde pienamente a queste esigenze, grazie alle professionalità che ha maturato sul campo e alla sua capacità di equilibrio, che ne hanno caratterizzato l’impegno prima come presidente della Fondazione Mps ed ora ai vertici del Monte. Anche le dichiarazioni di Franco Ceccuzzi, deputato Pd e membro della commissione Finanze della Camera, lasciano trapelare un forte apprezzamento per la scelta effettuata dall’Abi . Un riconoscimento meritato per il lavoro che Mussari ha saputo condurre a Siena, anche in un fase economica delicata come quella attuale. Ceccuzzi ha ricordato la fitta agenda che attende il neo presidente, con tanti temi sul tap-

peto tra i quali le nuove regole previste da Basilea 3, la vigilanza euopea, la leva fiscale per attenuare le perdite sui crediti deteriorati, la crescita delle sofferenze del sistema, il rapporto con le imprese. Plausi anche dalle istituzioni nazionali e locali (cordialissimo l’augurio rivolto a Mussari dal Presidente della Provincia Simone Bezzini) e dalle associazioni dei consumatori, che in una lettera congiunta si sono detti certi della collaborazione che il neo presidente saprà rafforzare, e da numerosi rappresentanti delle istituzioni nazionali, tra i quali il Governatore di Bankitalia Mario Draghi e il ministro dell’economia Giulio Tremonti. Per il presidente di Confindustria Emma Mercegagalia Mussari «è una persona molto capace e di grande esperienza bancaria». Con l’Abi Confindustria ha sempre avuto un ottimo dialogo e «con Mussari potrà diventare ancora più stretto». Per il prossimo biennio Mussari guiderà a Palazzo Altieri una squadra composta dai 4 vice presidenti Antonio Patuelli, che avrà la delega di vicario alle riforme statutarie, Guido Rosa, alle relazioni internazionali, Corrado Sforza Fogliani, al processo per l’innovazione normativa e Giovanni Pirovano, con delega alla modernizzazione tecnologica. Parteciperanno al comitato di presidenza anche Francesco Micheli, in qualità di responsabile del comitato per le relazioni sindacali e Camillo Venesio, responsabile del comitato per le banche. «Sarà una squadra unita, coerente e non ci sarà un uomo solo al comando» ha affermato il pre-

sidente a margine dell’assemblea, evidenziando l’aspetto collegiale della gestione targata Mussari, annunciando anche che i contenuti dettagliati del programma saranno illustrati durante il comitato esecutivo del 28 luglio.

Sei milioni della Regione per la formazione al lavoro La Regione tende una mano alle imprese per andare oltre la crisi e rilanciare l’economia toscana. Sono infatti stati stanziati dall’istituzione altri 6 milioni con un bando che scadrà il prossimo 29 ottobre e di cui Gianfranco Simoncini, assessore alle attività produttive, al lavoro e alla formazione, ha dato conto venerdì 16 luglio in una conferenza stampa a Firenze. «In questa fase ancora caratterizzata da forti difficoltà per le nostre imprese – ha detto Simoncini – è più che mai necessario investire sul capitale umano,

sulle competenze dei lavoratori e degli imprenditori. L’economia sta cambiando e il nostro sistema produttivo deve potersi adeguare a questi cambiamenti per non restare indietro e reggere la concorrenze sui mercati mondiali». È questa l’idea che ha ispirato la scelta di individuare e puntare su precisi settori chiave. «A cominciare – ricorda l’assessore – da quello, cruciale, dell’energia e dell’ambiente, sul quale la giunta intende investire per attrarre e creare nuova impresa e sulla quale si concentrano risorse per quasi 2 milioni di euro».

I sei milioni di euro sono destinati a cinque grandi ambiti di intervento, individuati, appunto, sulla base di specifici criteri: o perché particolarmente in affanno, o perché di interesse per una migliore sostenibilità dell’intero sistema e per questo meritevoli di maggiore attenzione. Si sosterranno così i settori delle energie e dell’economia verde, come anche il manifatturiero o la nautica da diporto. Senza dimenticare il settore delle professioni dello spettacolo e la valorizzazione degli antichi mestieri, che richiamano la storia e le tradizioni toscane.


8

3

4 mercoledì 21 luglio 2010 4

NOTIZIE IN palio BREVE

Agosto, è già toto monte Accoppiate certe (Nicchio e Trecciolino, Gingillo e Bruco), riconferme e punti interrogativi

Definito il campo dei partecipanti alla Carriera di agosto, tra i senesi si scatena il toto-monte. Si parte, ovviamente, dalle certezze. In primo luogo il Nicchio e Trecciolino, binomio in cerca di riscatto dopo la corsa di luglio. Altra accoppiata fresca di ufficializzazione è Bruco-Gingillo. In entrambi i casi, rimane ovviamente la possibilità che le due dirigenze in caso di cavallo non competitivo si privino dei loro fantini per non penalizzarne le possibilità di vittoria. Anche l’Oca ha trovato nell’inverno il suo fantino di contrada nella persona di Giovanni Atzeni, che proprio nella contrada di Fontebranda aveva trovato l’habitat ideale per cogliere il suo unico. Capitan Toti ha confermato dopo il Palio di luglio la fiducia del Drago nel proprio fantino Alessio Migheli, autore di una prestazione non esaltante, condizionata dalle scarse potenzialità del barbero. È comunque probabile che in caso di primo cavallo la dirigenza dragaiola decida di affidarsi ad una monta più esperta come potrebbe essere Luca Minisini. Situazione un po’ più complicata nel Montone, dove la presenza di Trecciolino nel Nicchio potrebbe consigliare a capitan Morandi e i suoi collaboratori una monta in grado di “disturbare” la rivale. In caso di primo cavallo nei Servi, si fanno i nomi di Bartoletti e Mari. La presenza in campo della Civetta potrebbe però dirottare Brio proprio verso il Castellare, dove

il fantino senese verrebbe di certo accolto trionfalmente dopo la vittoria dello scorso agosto. La Selva vittoriosa insegue il sogno del cappotto con la tranquillità tipica di chi ha la pancia piena. I rapporti con il vincitore di luglio Silvano Mulas sono ovviamente ottimi, ma capitan Barabino potrebbe optare anche per il ritorno sul tufo di Alberto Ricceri o di Ygor Argomenni. Torna in Piazza dopo la vittoria dello scorso anno anche la Tartuca di capitan Sportelli. I riferimenti di Castelvecchio non possono che essere i due fantini con i quali i tartuchini hanno vinto i loro ultimi tre palii, ovvero Luigi Bruschelli e Giuseppe Zedde, entrambi però già impegnati con una contrada. In alternativa in Castelvecchio potrebbe arrivare Virginio Zedde o anche Francesco Caria e, perché no, Jonathan Bartoletti. La Giraffa, desiderosa di vittoria, potrebbe far fruttare i buoni rapporti con Silvano Mulas o tentare anche lei la carta-Bartoletti. Il popolo e la dirigenza ondaiola sono ovviamente rimasti più che soddisfatti della prestazione offerta da Scompiglio per il palio di luglio e ovviamente la prima scelta sarebbe quella di riportare in via Dupré il partente fantino pistoiese, tenendo presenti anche Luca Minisini e Silvano Mulas. Appaiono piuttosto scarse le possibilità di rientro per Mureddu e Villella, così come quelle dei due esordienti di luglio Siri e Ghiani.

Da uno Zedde all’altro. Dopo l’esperienza di luglio con il fratello maggiore Virginio il Bruco decide di affidare ai propri colori al fratello Giuseppe, meglio conosciuto con il nome di battaglia di Gingillo. E lo fa in maniera pesante, annunciando, in una affollata assemblea tenutasi lo scorso mercoledì, il legame con il giovane fantino senese, che sarà il “fantino di contrada” del Bruco. Se per la contrada di capitan Falciani assicurarsi le prestazioni di un fantino già due volte vittorioso sul tufo è un gran colpo, per Gingillo si tratta in pratica di un ritorno a casa. Proprio per i colori di via del Comune infatti il giovane figlio d’arte ( il padre Antonio si è aggiudicato due Carriere negli anni ’70 con il soprannome di Valente) aveva debuttato nel 2002, e sempre per il Bruco aveva ottenuto la prima vittoria sul Campo due anni fa. Per Gingillo si tratta della prima esperienza come fantino ufficiale di una contrada, mentre per il Bruco si tratta di un ritorno all’antico, pochi anni dopo lo scioglimento consensuale del proficuo legame con Trecciolino.


4

9

Ed ora tutti a tavola Periodo denso di appuntamenti contradaioli: è il tempo delle grandi e storiche sagre contradaiole. Si stanno chiudendo le edizioni 2010 con il “Mangia e Bevi” nella Torre e il “Bao Bello Chef” nel Bruco (per entrambe la data conclusiva è il 23 luglio). Nel rione di Salicotto è quindi ancora possibile scegliere tra Osteria, Pizzeria, Braceria, il Chiassino, la Sosta, l’Enoteca, la Birreria, la Friggitoria e per i palati più sfiziosi il nuovo stand “La Taverna del Sole” con salumi e affettati gustosi. Come di consueto per i più piccoli, ma non solo, i torraioli organizzano giochi vari in piazzetta. Per prenotarsi è necessario chiamare la custode sig.ra Gabriella Falchi al seguente numero 349 7372342.

Nella Selva festa continua

Nel “Bao Bello Chef” invece tutte le sere happy hour e appuntamento con osteria “dal Minelli”, pizzeria, ristorante, braciere, stand dei vini, american bar, birreria, gelateria, crepes e hot dog, rhumeria “Le Chicche Brille”. Inoltre ogni sera intrattenimento con gioco dei barberi, musica dal vivo o discoteca. Si aprirà domani 24 luglio invece la 46° edizione della Fiera Gastronomica organizzata dalla Società La Pania, nella contrada del Nicchio. Chi fosse interessato potrà scoprire fino al 5 agosto l’“Orto di Ottaviano”, dove si potranno trovare crudité di verdure, filetti di pesce o carne e serate a tema; oppure “L’angolo dell’Unto”, con carbonara, primi e fritti del giorno e affettati; per i più giovani da non perdere le serate dell’Osteria, cene a tema con intrattenimento musicale, mentre per i palati fini varrà sicuramente la pena prenotare una serata al ristorante, dove si alterneranno in cucina cuochi e chef di provata maestria. Oltre all’intrattenimento (discoteca, giochi, ecc.) e agli stand dove si potranno gustare bevande di tuttii tipi, da segnalare le iniziative organizzarte. Particolarmente interessante la serata di mercoledì 24, una degustazione di vini con buffet di assaggi, una vera e propria educazione al consumo, come suggerisce il titolo della serata: “Vino e contrade, più sai e meno rischi: per un consumo consapevole e responsabile”.


vacanze NOTIZIE IN BREVE

Un tuffo nel blu

Le nostre spiagge si confermano tra le migliori del Bel Paese La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale, istituito nel 1987 (Anno Europeo dell’Ambiente), che viene assegnato ogni anno in 41 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei, con il supporto e la partecipazione delle due agenzie dell’ONU: UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo) con cui la FEE ha sottoscritto un Protocollo di partnership globale. L’ambito riconoscimento quest’anno è stato conquistato da ben 231 spiagge italiane per 117 Comuni italiani, 4 in più rispetto allo scorso anno. Non bisogna però lasciarsi trarre in inganno dai numeri, contrariamente a quanto pensano in molti i criteri in base ai quali una spiaggia riceve questo prestigioso riconoscimento non riguardano solo la qualità dell’acqua, bensì una serie di fattori che includono i servizi offerti, la gestione ambientale e la sicurezza. Un mare cristallino e spiagge pulite sono certamente condizioni necessarie ma non sufficienti di per sé, perché poi pesano altri parametri di ecocompatibilità: perfetta depurazione delle acque ed efficiente rete fognaria, aree pedonali,

piste ciclabili, aree verdi, divieto assoluto d’accesso alle spiagge per gli autoveicoli, arredo urbano curato, stabilimenti balneari curati, aree protette. In questa particolare classifica si comporta bene la Toscana, che in campo nazionale con le sue 16 bandiere si vede superata solo dalla Liguria, che può contarne una in più. Questo è l’elenco delle “bandiere blu” toscane: Forte dei Marmi, Pietrasanta, Camaiore, Viareggio (Lucca); Marina di Pisa, Tirrenia, Calambrone (Pisa), Antignano, Quercianella, Castiglioncello e Vada di Rosignano Marittimo, Cecina, Marina di Bibbona, Castagneto Carducci, San Vincenzo, Riotorto, Piombino, Parco naturale della Sterpaia (Livorno), Follonica, Castiglione della Pescaia, Marina e Principina di Grosseto, Monte Argentario (Grosseto). Anche noi possiamo essere particolarmente felici di questa classifica, visto che le località del grossetano che tradizionalmente costituiscono il “mare dei senesi” (Follonica e Castiglione della Pescaia in primis) hanno tutte raggiunto questo ambito traguardo.

Merse, fiume di casa mia La crisi economica vi consiglia l’austerity ma non volete rinunciare al classico tuffo per rinfrescarvi? Non preoccupatevi, il territorio senese offre un’alternativa economica alla spiaggia: il fiume. Due sono in particolare i corsi d’acqua che con le loro fresche acque costituiscono una valida scappatoia dal caldo cittadino: parliamo della Farma e della

Merse (con alcuni torrenti loro affluenti: Ricausa, Rosia e La Gonna). In molti decidono di trascorrere una giornata a mollo nelle pozze e facendo un pic-nic all’ombra della macchia mediterranea. A questo scopo occore però ricordare a tutti certe regole per rispettare la fauna e la flora locali. Oltre a non accendere fuochi, campeggiare e gettare spazzatura, si dovrebbe evitare di fare confusione con radio o tv portatili, cercare di stanare animali, raccogliere piante e fiori e, ovviamente, sciacquare i nostri utensili da pic-nic nelle acque del fiume. Ricordando che molte infrazioni sono punibili per legge e contestabili da parte delle Guardie Forestali, teniamo ben presente che la salvaguardia di questo straordinario patrimonio naturale e di questi “parchi di divertimento” naturali dipende proprio dal nostro rispetto e senso civico.


il mago di oz

4 mercoledì 21 luglio 2010 4

toro

Ariete Cercate l’estate tutto l’anno e all’improvviso eccola qua: l’umido delle ultime settimane non vi soffoca cercate di approfittare comunque del sole dei prossimi giorni. Forse però per meglio usare la protezione solare 50. Solari.

Gemelli Lei non vuole venire in montagna, lui non sopporta il mare, i vostri partner vi daranno da penare con le vacanze. L’idea dell’ennesima città d’arte non vi appassiona? I voli low-cost vi hanno stufato? Gli astri consigliano: mollateli, fingete una crisi almeno fino a ottobre. Separatisti.

La vacanza al mare incombe, voi, i suoceri, i bambini, i passeggini, le palette... Non sarà il massimo del relax ma è gratis. Se sarete così bravi da riuscire a convincere tutti del bisogno di relax e silenzio, forse riuscirete a ricavarvi qualche ora per voi. Stressati.

Cancro La settimana scorsa non avete fatto una gran figura in piscina con amici e amiche. Il costume è sembrato andarvi un po’ stretto. Come rimediare in così poco tempo? Correte, nuotate, fatevi massaggiare ma soprattutto state alla larga dal “Pania” nel Nicchio. Appesantiti.

Vergine

Leone L’idea del raduno della classe ’78 non è un granché ma ormai hanno organizzato tutto. Le compagne si porteranno dietro figli e mariti (anche la biondina che vi piaceva) e non vi restano pochi giorni per trovare un’accompagnatrice per fare un figurone. Nostalgici.

Bilancia

Siete finalmente usciti dal tunnel delle serate al circolo con gli amici, l’estate vi consentirà di godervi un po’ l’aria aperta e di fare un po’ di sana attività sportiva. Ma ascolta i consigli dei tg, non è il caso di fare sport nelle ore più calde de giorno. Sportivi.

Scorpione

Alla festa della classe ’75 forse ci sarà anche il ragazzo del Leone che vi piaceva tanto e poi non riuscite a pensare ad altro? La Luna consiglia: con una scusa per una sera, s’intende - liberatevi di vostro marito e ricordate in pace i bei vecchi tempi. Nostalgiche.

Sagittario

Il nuovo cane vi fa correre più del dovuto? Il nuovo gatto è un po’ troppo vivace? Quando avete pensato a un animale domestico forse avreste dovuto fare un’altra scelta, pesci rossi o tartarughe, ad esempio. Ormai non vi resta che correre e giocare. Animali(sti).

Capricorno

La settimana enigmistica è ormai la vostra sola lettura e, se continua così, potreste finire con il fare solo “Unite i puntini”. Le stelle consigliano: cercate l’ultimo libro del vostro autore preferito e cercate di ricominciare. Anche se si tratta di Luciana Litizzetto. Pigri.

Il tipo con cui chattate su facebook vi chiederà un appuntamento, è venuto il momento di conoscersi di persona. Andate all’appuntamento ma state in guardia: se doveste scoprire che si tratta del vicino calvo e un po’ troppo attempato per voi dileguatevi. Romantiche.

Pesci

Acquario Stufi di medicine, di diete e di controlli? Ma sì, avete ragione voi, dopo tutto si vive una volta sola, cercate di farlo al meglio. Concedetevi anche qualche sano diversivo e, perché no anche qualche lusso. Il mega televisore per le partite, ad esempio. Edonisti.

Con le pinne, il fucile e gli occhiali… come faceva la canzone? Vi sentite già in vacanza anche se ci andrete solo ad agosto. Se ne accorgeranno anche colleghi, familiari e amici e c’è da sperare che siano comprensivi. Voi, in compenso, sarete da un’altra parte. Rilassati.

Da adottare Tempesta Tre anni, sterilizzato. Ha vissuto anche in casa, ma poi, essendo stato tolto alla proprietaria, è stato due mesi in canile. Ora è in un terreno dove si può muovere, ma è solo. Tempesta cerca la compagnia delle persone. È affettuoso e riservato, abituato a vivere anche con i gatti. Va d’accordo con cani maschi, purché non troppo invadenti. È di taglia medio/piccola, pesa 13 Kg. Vive a Siena. Per informazioni: Cinzia 349 3228057 anpana.siena.adozioni@gmail.com http://www.adottaunpelosino.it/index.html http://www.adottaunpelosino.myblog.it

4

11

Annunci Confesercenti Licenze&Lavoro Cedesi attività di pizzeria al taglio ed asporto, yogurteria, creperia e kebab, nel centro storico di S. Fiora (GR). Trattative riservate. Rivolgersi tramite e-mail, telefono e/o confesercenti Abbadia S.S. (SI). Tel: 328 3025230. Cedesi attività di abbigliamento in centro storico a Siena . Ottimo giro d’affari con brands esclusive. Ottima posizione. Affitto modesto. Locale recentemente ristrutturato. Tel 339 3238988. Pizzaiolo grande esperienza, veloce, affidabile, libero da subito: tutti tipi di cottura forno, specializzato cottura a legna. Tel: 320 9549960. Vendesi attività di commercio al dettaglio di prodotti tipici in zona Val d’ Orcia. Prezzo interessantissimo. Tel: 335 6866079. Cedesi attività parrucchiere unisex e/o estetica zona 1 di grande passaggio. Ottimo contratto d’affitto. Per informazioni tel 339 3238988. Cedesi piadineria artigianale nel centro commerciale PortaSiena accanto risalita meccanica Stazione-Antiporto Camollia. Posizione unica, ottimo avviamento e grandi prospettive di sviluppo. Ottima opportunità per raggiungere la propria indipendenza economica. Possibilità di finanziare l’acquisto. Tel: 339 1613561. Cercasi in Valdelsa Add. ALLA RECEPTION richiesta: Ottima conoscenza della Lingua Inglese Flessibilità Oraria e Lavoro su Festivi. Flessibilità nella mansione. Missione di Lungo Periodo. Tel: 0577 983800. Diplomato in ragioneria, con esperienza lavorativa maturata presso studi di commercialisti ed aziende da piu di 10 anni, cerco lavoro come impiegato contabile e/o responsabile amministrativo, full time su Siena e provincia. Iscritto nella lista di mobilità (MOBILITA’ L.223/91 art. 24). Tel: 328 2521351. Operaio lithoimpressore con 20 anni di esperienza su macchinari litografici,tipografici e rotative cerca lavoro in zona Siena come aiuto macchinista terzo di macchina o altro disponibilità a trasferimento in luogo con un bagedt mensile intorno ai 1200-1300 euro mensili e con disponibilità a fare turni contattarmi per eventuale settimana o periodo di prova valutativo. Tel: 339 5326149. Inserimenti ed altri annunci su www.licenzelavoro.it.

Inviate le vostre domande e le vostre proposte alla nostra redazione: graficaredazione@alsaba.it

Il Gazzettino Editore

Alsaba Grafiche, Siena

Direttore responsabile

Fabio Di Pietro

Hanno scritto: Pancrazio Anfuso, Sonia Boldrini, Vanessa David, Anna Maria Di Battista, Claudia Gasparri, Elena Mugnaini, Nicola Panzieri, Elena Vannucci. Fotografie Grafica di

Fabio Di Pietro Claudia Gasparri

Pubblicità

RS Service, Siena Tel. 0577 531053/247533

Stampa

AL.SA.BA. Grafiche, Siena

Registrazione n. 7 del Tribunale di Siena dell’8 aprile 2008


12

3

4 mercoledì 21 luglio 2010 4

Sato se ne va La candidatura più naturale alla sostituzione è quella di David Moss. Qualcuno ipotizza il romantico ritorno di Kaukenas Si è conclusa l’avventura senese di Romain Sato. L’ala centrafricana ha firmato infatti un ricchissimo triennale con i greci del Panathinaikos (si parla di 7,5 milioni di euro in totale). Il nome di Romain Sato rimarrà comunque scolpito nei cuori dei tifosi, poiché il giocatore nativo di Bimbo ha lasciato un segno indelebile nella storia del basket biancoverde. Quattro anni con quattro scudetti non sono roba da tutti, quattro anni in costante crescita tecnica, con un progressivo allargamento delle armi a disposizione in attacco e uniti ad un’applicazione difensiva ferrea sono roba da campioni. Purtroppo, le prestazioni di Romain non sono passate inosservate e tutti i maggiori club europei erano già da anni sulle sue tracce; il giocatore di fronte alla faraonica offerta dei greci e soprattutto di

fronte alla possibilità di giocarsi seriamente la possibilità di vincere l’Eurolega, non se l’è sentita di rinunciare. Per la sua sostituzione si candida naturalmente David Moss, già di proprietà della Mens Sana e impiegato nelle fila della Virtus Bologna la stagione scorsa. Il ritardo nell’acquisizione del passaporto comunitario da parte del giocatore sta però bloccando la situazione. Qualora nel ruolo di ala dovesse essere scelto un giocatore extracomunitario, favorito appare il talentuoso Alan Anderson, che ha già fatto vedere i sorci verdi alla Mens Sana con le maglie di Cibona e Maccabi. In stallo anche la questione Hawkins. Al “Falco” è stato proposta un’estensione contrattuale che il giocatore sta ancora valutando. Nel caso dovesse scegliere di andare, forse il suo posto sarà preso da un comunitario. Pare sia stato offerto il bomber Rakocevic, altri invece parlano di un possibile quanto romantico ritorno di Rimas Kaukenas. Nicola Panzieri

basket

Virtus, ancora Billeri Dopo la conferma di coach Billeri, la Consum.it Virtus Siena comunica che Davide Andreaus, ala padovana di 202 cm. del 1986, vestirà la maglia rossoblu anche nella prossima stagione. La volontà del giocatore, che ha rinunciato anche ad offerte superiori pur di rimanere a Siena, ha fatto la differenza. Andreaus è stato fortemente voluto dall’allenatore Marcello Billeri, che confidava molto nella sua conferma, in quanto nella scorsa stagione ha rappresentato uno dei punti fermi del quintetto della Consum.it. Davide Andreaus, giocatore dal rendimento costante e di sicura affidabilità sia in attacco che in difesa, ha accettato l’offerta della società del presidente Fabio Bruttini, prolungando il suo contratto di un anno. La conferma del giocatore nativo di Padova, dopo quella di Casadei, rappresenta la seconda importantissima pedina nello scacchiere a disposizione di coach Marcello Billeri per la prossima stagione sportiva 20102011, andando a riempire la prima casella per quanto riguarda la posizione di 3. Davide Andreaus ha chiuso lo scorso campionato con 9,3 punti di media a partita in 27.1 minuti di utilizzo per ogni gara, con il 57% totale nel tiro da 2 ed un ottimo 49% nelle conclusioni dall’arco dei 6,25. Conferma anche per Manuel Diomede, playmaker classe 1990 di 188 cm, che vestirà ancora la maglia della Virtus nella prossima stagione. Diomede, cresciuto nel vivaio virtussino e di proprietà della società senese, dopo aver giocato una grande annata in prestito a Montevarchi in serie B Dilettanti nel 20082009, lo scorso anno è diventato un elemento importantissimo della rosa virtussina, conquistandosi, nel corso della stagione, uno spazio sempre maggiore, fino a diventare il play titolare della squadra. Il giocatore nativo di Benevento proseguirà dunque il suo percorso di crescita in rossoblu, confermando la bontà del lavoro della Virtus sul settore giovanile. Manuel Diomede, nella scorsa stagione ha messo a segno 5,9 punti per gara, rimanendo sul parquet per 22.9 minuti e piazzandosi al 38° posto assoluto nella speciale classifica degli assistmen. Nei playoff ha aumentato esponenzialmente il suo rendimento mettendo a segno 10 punti di media a partita in 33.5 minuti di utilizzo.


le nozze di sneijder

Castelnuovo Berardenga e la fiaba del calciatore olandese Nelle foto di Fabio Di Pietro il paese del Chianti mentre partecipa alle nozze di Sneijder


14

3

4 mercoledì 21 luglio 2010 4

bianconero

Un Siena a trazione anteriore A Dimaro sta nascendo un modulo che privilegia l’attacco. L’allenatore Conte adotta due esterni offensivi e due punte Il Siena che sta nascendo a Dimaro è una squadra a trazione anteriore. Il modulo di Conte adotta due esterni offensivi, oltre a due punte e a due centrocampisti in grado di sostenere l’attacco. L’assortimento di attaccanti è di prim’ordine, nonostante il Siena si sia privato, sul mercato, di elementi come Maccarone e Ghezzal. La punta di diamante è sicuramente Salvatore Mastronunzio, arrivato da Ancona con un curriculum di tutto rispetto. Il bomber empolese è un animale da area di rigore: rigorista implacabile, opportunista, dotato di un gran fiuto del gol e di un buon destro, Mastronunzio si propone di mantenere l’importante media realizzativa tenuta negli ultimi anni. Altro giocatore da 20 gol è Calaiò. Emanuele è ben conosciuto: dotato tecnicamente, sa farsi valere anche nel gioco aereo e ha portato a casa un discreto bottino di gol nelle due stagioni senesi, nonostante sia stato utilizzato in turnover con gli altri attaccanti. Vanta un buon credito con la fortuna, visti i pali, le traverse e i gol mancati per un soffio nei due anni precedenti. Il terzo incomodo è Larrondo: l’argentino avrà una grande occasione per mettersi in mostra. L’anno scorso ha giocato spesso, ma aveva precisi compiti tattici nello spregiudicato modulo di Malesani. Ha offerto un importante contributo all’equilibrio tattico, insomma, rinunciando a qualche gol. In ritiro si sta mettendo sempre più in evidenza, proponendosi a gran voce per una maglia. Poi c’è Ciro Immobile, il ragazzino scuola-Juve che a livello giovanile ha già dimostrato grandi doti. Un bel potenziale, a disposizione di Conte per tentare la risalita in serie A. Intanto la prima amichevole con Genova International, squadra composta prevalentemente da giovani australiani e canadesi, è finita 2-0 per i bianconeri. In rete sono andati Calaiò su rigore e Larrondo. Pancrazio Anfuso


Tutti i mercoledì è possibile leggere il settimanale free Il Gazzettino Senese nella versione scaricabile in pdf grazie a Siena News. Nella home page del giornale elettronico più letto di Siena e provincia troverete infatti un link che vi permetterà questa operazione.

www.sienanews.it


Gazzettino 114 b  

Gazzettino 114 b

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you