Issuu on Google+

S e t t i m a n a l e g r a t u i t o d i i n f o r m a z i o n e e d i t o d a A l s a b a G r a f i c h e • A n n o I • n u m e r o 2 7 • R e g i s t r a z i o n e n . 7 d e l Tr i b u n a l e d i S i e n a d e l l ’ 8 a p r i l e 2 0 0 8 • w w w. a l s a b a . i t C h i u s o i n r e d a z i o n e l ’ 8 o t t o b r e 2 0 0 8 • Ti ra t u ra 7 . 0 0 0 c o p i e • S t a m p a t o s u c a r t a 1 0 0 % r i c i c l a t a c o n m a r c h i o e c o l o g i c o “A n g e l o B lu ”

SARANNO MOLTI I PRECARI CHE PERDERANNO IL POSTO DI LAVORO. ANCHE A SIENA PROTESTA SINDACALE CONTRO I PROVVEDIMENTI DEL MINISTRO GELMINI. INTANTO ALL’UNIVERSITÀ… A PAGINA 3

Se la scuola

chiude le porte


FORMAZIONE



venerdì 10 ottobre 2008





03

Scuola, la protesta arriva anche a Siena L’abito non fa lo scolaro

Il vento del precariato soffia anche su Siena. Per questo motivo si stanno organizzando alcune manifestazioni per protestare contro i provvedimenti proposti dal Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini sulla scuola. Dopo l’ordine del giorno approvato il 29 settembre per dire no a tali provvedimenti del ministro dell’istruzione, nella giornata di martedì 7 ottobre anche a Siena, come nel resto della Toscana, sono state organizzate azioni di protesta. I provvedimenti del ministro Gelmini sulla scuola riguardano infatti l’abbattimento di un modello fino ad oggi in vigore, con misure che creerebbero scontento tra i dipendenti della scuola. Per questo motivo nel pomeriggio del 7 ottobre si sono riuniti in un sit-in di circa un’ora, di fronte al Provveditorato in Piazza Amendola, circa una sessantina di persone tra sindacati, docenti e personale tecnico-amministrativo della scuola di Siena e provincia. Il principale motivo di timore riguarda quello dei tagli, a danno del precariato, previsti entro il 2010: si parlerebbe infatti di circa 130mila persone, in tutta Italia, che potrebbero trovarsi, nei prossimi anni, senza un lavoro. “Chi ha cominciato 10-15 anni fa – commenta Stefano Stella, insegnante alle scuole primarie dell’Istituto Comprensivo di Monteriggioni – ha iniziato con la speranza di poter arrivare ad una cattedra stabile. Quelli che si trovano nella mia condizione, cioè precari, cosa devono fare, cambiare lavoro? Io in questi anni ho fatto una sorta di investimento professionale e ora, di punto in bianco, mi dicono che non sono più utile. Una cosa così è inaccettabile.” Il consigliere comunale del Partito Democratico senese, Massimiliano Perugini, si era già detto molto preoccupato, in occasione della ratifica dell’ordine del giorno del 29 settembre, dichiarando che l’approvazione, da parte del Governo, dei decreti del Ministro dell’Istruzione Gelmini, equivarrebbe ad una svendita della scuola pubblica non attribuendogli così il reale valore educativo, culturale e di formazione che essa ha. “Il Pd – ha dichiarato Perugini – ha colto il disagio che sta vivendo il mondo della scuola, basato sul rischio reale di soppressione di molti complessi scolastici delle realtà più piccole; sulla difficoltà della riorganizzazione del trasporto scolastico per gli enti locali; sul taglio di un gran numero di insegnanti di sostegno; sulla quasi totale scomparsa del tempo pieno; sulla convinzione che il voto in condotta può, si, servire come deterrente contro il bullismo, ma solo se accompagnato da un intervento massiccio di sensibilizzazione dei ragazzi e delle famiglie ai valori civici, di rispetto e fiducia nelle istituzioni; sull’idea che la soluzione del maestro unico non è congeniale ai nuovi metodi di insegnamento necessari per le scuole elementari di oggi e domani.” Il movimento di protesta continuerà anche nei prossimi giorni, come nel resto d’Italia. Previsto a breve da Cgil, Cisl e Uil un corteo-fiaccolata per le vie del centro. Intanto per oggi, venerdì 10 ottobre è programmata un’iniziativa organizzata dai Comunisti Italiani dal titolo “La scienza e l’arte sono libere? Modelli di sviluppo dell’industria culturale italiana: scuola e università”. L’iniziativa avrà luogo nella saletta dei mutilati in via Maccari alle ore 21.

ATENEO: I DOCENTI DI LETTERE FANNO SENTIRE LA LORO VOCE Mentre la protesta contro la Legge 133 dell'agosto scorso cresce in tutto il Paese (a Firenze, ad esempio, nei giorni scorsi gli studenti e molti docenti hanno protestato esponendo striscioni sui lungarni e distribuendo volantini ai mercati) nella nostra città l'attenzione e la discussione si è tutta incentrata – e questo è più che comprensibile vista l'entità delle cifre – sui conti in rosso dell'Ateneo. Poco si è discusso del contesto nazionale in cui anche questa nostra vicenda va inserita. Un gruppo di docenti della Facoltà di Lettere ci invita, ora, a collegare la vicenda locale e quella nazionale e propone di attuare anche nella nostra università una serie di iniziative contro i provvedimenti governativi e per la difesa della natura pubblica della scuola e dell'Università. I docenti sostengono che “la legge 133 è di fatto una manovra che si accinge a realizzare la più radicale riforma dell’Università mai effettuata nel nostro Paese e a stravolgere il sistema italiano dell’alta educazione.” E così lo spiegano:“I tagli al Fondo di finanziamento ordinario delle università di 1 miliardo e 443 milioni da qui al 2013, aggiunti al sostanziale blocco del turn-over (per ogni 10 docenti in uscita solo 2 potranno essere sostituiti; per la prima volta questo avverrà peraltro sulla base dell’unità e non del costo, con l’abbandono evidente di ogni politica volta a favorire la ricerca), configurano un’ipotesi a dir poco preoccupante: la trasformazione degli atenei pubblici in fondazioni private attraverso un semplice voto del senato accademico. L’idea è chiara. Lo Stato si ritira progressivamente dal settore dell’alta educazione e lascia le università italiane libere di attingere sul mercato i fondi di cui hanno bisogno, mentre la progettata sostanziale riduzione del corpo docente configura il ritorno ad un modello ottocentesco di università d’élite. E’ l’idea del disimpegno totale, della rinuncia storica da parte dello Stato al ruolo di formazione collettiva: per qualche verso è la fine di quel rito antropologico che è la messa in mani comuni, collettive appunto, dell’educazione dei figli della società.” A questo progetto disastroso – sostengono i docenti – “si somma la pesante crisi del nostro Ateneo, i cui ingenti debiti costituiscono un’ulteriore spada di Damocle sulla testa della nostra comunità e del nostro patrimonio.” Di fronte a tutto questo i docenti annunciano la messa in atto, da lunedì 13 ottobre, di un intervento attivo sulla didattica per creare negli spazi didattici momenti di informazione e dibattito, con gli studenti e le studentesse. Gli stessi docenti invitano i colleghi e gli studenti a sottoscrivere l’appello rivolto ai Magnifici Rettori delle università italiane lanciato dalle colonne di Repubblica il 2 ottobre scorso.

ORE DECISIVE PER CONOSCERE I VERI CONTI Ancora non è chiara l’entità dei debiti dell’Ateneo senese, né si conoscono in maniera precisa le azioni che i vertici universitari intendono compiere per risanare la situazione. Si sa che per stamani, venerdì 10 ottobre, è fissato il consiglio di amministrazione per ascoltare la relazione della commissione appositamente nominata dal Rettore e presieduta dal pro-Rettore Vittorio Santoro. In questa stessa riunione sarà poi discussa anche la posizione dei revisori dei conti, in particolar modo dopo le dichiarazioni rilasciate alla stampa da uno dei membri. Infine nella stessa riunione dovrebbe essere discusso anche il documento presentato dai sindacati e quindi, di conseguenza, sarà dato conoscere le posizioni del Rettore e del Direttore Amministrativo sulla ventilata trasformazione dell’Università in Fondazione. Intanto si è appreso anche che il Senato Accademico, che era stato indetto in primo momento per il 10 ottobre, è stato spostato di qualche giorno al 13 ottobre.


04



PROGRAMMA DEI CENINI A TEMA PER I FESTEGGIAMENTI DELLA VITTORIA DEL PALIO DI AGOSTO 2008. DOMENICA 12 OTTOBRE ORE 20.30 LA CENA DEL RINZILLO LUNEDÌ 13 OTTOBRE ORE 20,30 CENA DEGLI UOMINI MARTEDÌ 14 OTTOBRE ORE 20,30 CENA DEI BAMBINI MERCOLEDÌ 15 OTTOBRE ORE 20,30 CENA DELLE DONNE GIOVEDÌ 16 OTTOBRE ORE 20,30 SERATA OLIMPICA SIAMO DA MEDAGLIA D’ORO VENERDÌ 17 OTTOBRE ORE 20,30 MA CHE BANDA È (OGNUNO PORTA UNO STRUMENTO) SABATO 18 OTTOBRE ORE 20,30 LA VIA DELLA SETA PER I “CENINI” DA LUNEDÌ 13 A SABATO 18 È OBBLIGATORIO SEGNARSI IN SOCIETÀ IL GIORNO PRECEDENTE O ACQUISTARE UN ABBONAMENTO CUMULATIVO PRESSO LA TABACCHERIA PONCI, L’EDICOLA BOLDRINI ED IN SOCIETÀ.

La banda

VIA DEL COMUNE IN FESTA. IL IL NUMERO UNICO. SABATO I MOMENTI E PARTICOLARI DELLA




del Bruco

PROGRAMMA DEI CENINI A TEMA. 11 LA CENA DELLA VITTORIA.

FESTA NEGLI SCATTI DI FABIO DI PIETRO

05


06



1

2008: per il vino è una buona annata



venerdì 10 ottobre 2008



NOTIZIE IN BREVE

23

Sembra proprio che questa, come avevano preannunciato le ultime previsioni, sarà una buona annata per la vendemmia, soprattutto nei vini bianchi e in quelli rossi giovani o di medio invecchiamento. Le condizioni meteo degli ultimi giorni stanno infatti favorendo la maturazione degli acini. Siamo ormai nel vivo della vendemmia, soprattutto per quello che riguarda il Sangiovese le cui uve saranno portate, entro i primi 10 giorni di ottobre, nelle cantine. Confermate anche le previsioni quantitative: le quantità di prodotto saranno mediamente le stesse dell’anno scorso, tra i 2 milioni e 400mila e i 2 milioni e 700mila ettolitri di vino. Viene pronosticata una leggera flessione del 5% sulla media, ma tutto dipenderà dalle condizioni meteo dei prossimi giorni, che, se buone, oltre a consentire di produrre vino in quantità nella media, permetterebbero di vendemmiare in condizioni migliori.

Castelnuovo: www.50vinitop.it: “Cine a Teatro” un portale per gli amatori Ettore Scola é il protagonista dell’iniziativa cinematografica organizzata dal Comune di Castelnuovo Berardenga, in programma fino a domenica 12 ottobre. La manifestazione prevede una rassegna di proiezioni gratuite, che spazieranno da “C’eravamo tanto amati” a “La terrazza”, e la mostra “Omaggio a Ettore Scola” dedicata ad uno dei registi che più ha segnato il cinema italiano. L’evento si inserisce all’interno di un programma di progetti legati al mondo cinematografico e che hanno già visto il Comune protagonista, come “Cine e Chianti” o “Cine e musica”. L’ingresso alle proiezioni è libero. Per maggiori informazioni è possibile contattare l’ufficio servizi, turismo e cultura ai numeri telefonici 0577.351302 0577.351335 oppure scrivere una e-mail all’indirizzo di posta elettronica: cultura@comune.castelnuovo-berardenga.si.it.

Milc, agenzia di comunicazione, e Federico Pieri, sommelier e titolare della “Cantina del Brunello”, lanciano in rete un nuovo progetto di e-commerce del vino. www.50vinitop.it non è però soltanto un sito di commercio elettronico del vino, ma un’accurata selezione delle etichette nazionali di prestigio, spaziando dalle cantine emergenti alle realtà ormai affermate, con prezzi per tutte le possibilità. La selezione dei ‘50vinitop’ conta un totale di 50 bottiglie di vini rossi e 50 tra bianchi, passiti e bollicine. “Diciamo che www.50vinitop - spiega Giampiero Cito, direttore creativo di Milc – è un’alternativa sicura per acquistare on line e far bella figura con gli amici, inviando direttamente a casa loro un regalo dal sapore inebriante”. Un sito semplice con una grande vetrina virtuale in cui vengono mostrate tutte le etichette con la relativa scheda tecnica e il prezzo, una struttura di navigazione minimale ideata per compiere scelta e acquisto con pochi semplici passaggi. “Acquistare è facilissimo – spiega Pieri –. Al momento dell’ordine, le bottiglie partono dalla cantina e nell’arco di quarantotto ore arrivano a destinazione con la garanzia dell’esperienza firmata da Mail Boxes”.




VITA NOTIZIE DI IN CONTRADA BREVE

4

Lilac, una piattaforma per la formazione

venerdì 10 ottobre 2008



56

Una migliore formazione del lavoro per mantenere e migliorare le qualificazioni e competenze nell’industria del mobile, e non solo, in Europa, con la costruzione di una piattaforma digitale. Queste le finalità di Lilac, Lifelong Learning and Competence Management for the Furniture Industry, il progetto di cui il Csm è capofila che ha ricevuto il finanziamento di circa 500.000 Euro tra i progetti Europei Leonardo. Partecipano insieme al Centro Sperimentale, Grifo multimedia Srl, società della Regione Puglia che ha il ruolo di coordinamento e organizzazione, e poi la società inglese Webs Training Ltd, l’istituto francese Institut Technologique Foret Cellulose Construction Ameublement e l’istituto spagnolo Centro Tecnológico del Mueble y la Madera. L’obiettivo è quello di affrontare sfide significative nella competizione del mercato globale, implementando e testando una piattaforma web che integri competenze di management ed e-learning a vantaggio dei dipendenti di una organizzazione. La partnership del progetto include organizzazioni con una forte esperienza sulla fornitura di servizi di formazione per le imprese del mobile e assicura che un ampio numero di utilizzatori sarà raggiunto in ogni Stato. Il sistema sarà tarato sul settore del mobile, ma sarà facilmente adattabile per essere utilizzato attraverso la più grande varietà possibile di imprese di settori differenti. Il sistema dovrà agire come strumento di supporto formativo per consentire agli utilizzatori di identificare vuoti di competenze e relativi fabbisogni e rendere possibile ottenere risorse appropriate.



07

Scuola di Infanzia

Lavori ai Rinnovati, siamo alle decorazioni

Sono riaperte le iscrizioni alla scuola dell’infanzia del policlinico Santa Maria alle Scotte. Si sono resi disponibili 2 posti per i figli dei dipendenti, ospedalieri e universitari con inizio presumibile dell’attività didattica il 17 novembre. Il servizio è curato dal Consorzio Archè, titolare della gestione, e la retta è di 200 euro. Possono presentare la domanda i dipendenti a tempo indeterminato dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, coloro che lavorano per l’Università degli Studi di Siena e sono convenzionati con il policlinico o sono in servizio presso il policlinico, i titolari di contratto a tempo determinato, di collaborazione o libero professionale e i dipendenti a tempo indeterminato delle aziende sanitarie afferenti all’ESTAV.

Il Comune di Siena ha affidato i lavori per il IV stralcio della rifunzionalizzazione e dell’adeguamento normativo del Teatro dei Rinnovati, che prevede il restauro delle superfici decorate. La gara, che si è svolta a Palazzo Berlinghieri, ha visto la partecipazione di due raggruppamenti di imprese e cinque ditte ed è stata affidata con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa a partire dall’importo posto a base di gara di 333.876,54 euro oltre 6.755,57 euro di oneri per la sicurezza, non soggetti a ribasso. Ad aggiudicarsi il bando è stato il raggruppamento di imprese composto dalle aziende Ger-So Srl, nella veste di capogruppo, e Piacenti Srl, come mandante, entrambe di Monte San Pietro in provincia di Bologna, con il ribasso del 21,20% sulla cifra posta a base di gara. Tutti i dettagli sul bando assegnato e maggiori informazioni sono disponibili sul sito del Comune www.comune.siena.it.


08



venerdì 10 ottobre 2008



NATURA

I TANTI BENEFICI DI UN FRUTTO CHIAMATO CASTAGNA La grande stagione delle castagne è senza dubbio l’autunno. La prima immagine che questo frutto suggerisce infatti è solitamente quella di un camino in cui si possono arrostire le castagne raccolte. È nei mesi autunnali infatti che si raggiunge quel clima temperato che viene prediletto dalle piante di castagno. Prediligendo soprattutto il bacino mediterraneo, il castagno si concentra soprattutto nelle zone boschive di montagna intorno ai 1000 metri. Nell’ambito delle castagne esistono frutti differenziati nella forma, nel colore e nella consistenza della buccia. Il frutto della castagna, comunque, si distingue principalmente in due varietà: quella piccola, cuoriforme e ricca di sapore, ovvero il frutto del castagno selvatico di cui ogni riccio ne contiene tre (la castagna è quella che sta nel mezzo) e il marrone particolarmente gustoso, di forma tondeggiante con dimensioni maggiori, dalla buccia striata verticalmente, generalmente prodotto da alberi coltivati di cui i ricci contengono un solo frutto. Non va dimenticato inoltre che alcune specie di castagne si differenziano per la loro maturazione precoce, mentre altre per una maturazione tardiva. Grande e molto antico è l’utilizzo che l’uomo ha sempre fatto delle castagne: ce ne parla già Virgilio che nelle Egloghe ricorda le castagne cucinate nel latte e mangiate con il formaggio. Frutto di élite nel 1700, quando i marrons glacé venivano serviti solamente nei banchetti dei nobili, tornò a diffondersi insieme alla tradizione di offrirli la notte di Capodanno come augurio di felicità e di abbondanza. Un frutto che ha sempre rappresentato un nutrimento prezioso; in passato veniva infatti spesso utilizzata come surrogato del pane e delle patate. Utilizzata da sempre anche come colorante naturale e come decotto, la castagna presenta un valore energetico piuttosto alto: cento grammi di castagne fresche hanno infatti un apporto calorico intorno alle 250 calorie. Ricca di carboidrati e di sali minerali – come il fosforo, il potassio o il calcio –, la castagna è anche un frutto con molte vitamine fra cui la B1, utile per l’azione benefica sul sistema nervoso. Famosa per i suoi innumerevoli utilizzi, dal salato al dolce senza eccezioni, la castagna si conserva per qualche settimana dopo l’acquisto e diventa pressoché irreperibile nelle altre stagioni. Ci sono però degli ottimi sistemi di conservazione per non rinunciare a questo frutto d’autunno: i marroni canditi (glacés), la marronata (una specie di marmellata molto più densa e compatta) e i marroni sciroppati in soluzioni alcoliche o sciroppose sono sostanzialmente le forme più comuni di conservazione sul mercato. A questi si aggiungono ovviamente la farina di castagne e le castagne secche che sono reperibili in ogni momento dell’anno. Solitamente per poter essere usata fresca in cucina necessita di una cottura preliminare. Tre essenzialmente sono i metodi più conosciuti e usati: un’incisione lungo tutta la buccia e la conseguente immersione in acqua bollente salata per qualche minuto; l’immersione in olio bollente, dopo aver praticato la medesima incisione sulla buccia, che consente, una volta raffreddate, di eliminare le bucce e infine, una volta incise, si possono passare anche in forno adagiate su di una teglia per una decina di minuti a temperatura elevata. Claudia Gasparri

Il marrone re del bosco


NATURA

DALLE CALDARROSTE AL CASTAGNACCIO I MILLE DIVERSI MODI DI CUCINARLE La versatilità delle castagne ha consentito a questo frutto di potersi accompagnare a numerose preparazioni che spaziano dal salato al dolce. Utilizzate in ogni forma, dalle castagne pure ai marroni, dalle castagne secche alla farina, è possibile preparare primi, secondi e dolci per un menù completamente a base di tale frutto. Per quello che riguarda i primi senza dubbio un posto di primo piano viene ricoperto dalle zuppe – generalmente di marroni – per la cui preparazione solitamente si usa aggiungere alla bollitura preliminare qualche aroma e del prosciutto a dadini. Un risultato ottimale lo si raggiunge se si decide di passare solo una metà dei marroni lasciando interi i restanti e i dadini di prosciutto. Nei secondi invece la castagna può ricoprire molti ruoli: da quello di co-protagonista se si preparano, per esempio, delle polpettine in cui alla carne si è amalgamata anche delle castagne lessate e passate, a quello di gregario se usate per preparare una sorta di ragù – in cui la polpa delle castagne viene utilizzata in sostituzione della carne – che risulta essere molto indicata

come accompagnamento per carni arrostite di pollo e di tacchino, a quello di “ospite a sorpresa” quando, unita ad altri sapori – come per esempio una salsiccia –, costituisce un ripieno per un arrosto. Ma è probabilmente nei dolci che tale frutto autunnale riesce ad esprimere meglio le sue caratteristiche. È in queste preparazioni dove infatti trova i suoi più numerosi usi in cucina. Con la purea di castagne si prepara per esempio il celebre “Montebianco”, un dolce molto famoso che oltre alle castagne prevede anche l’impiego di zucchero, latte, cioccolato e panna montata. Con la farina di castagne si possono invece ottenere delle focacce (e delle polente ovviamente) e il tipico dolce toscano “castagnaccio” arricchito con pinoli, uvetta e rosmarino. Dolci tipici sono divenuti anche i marrons glacés, ovvero le castagne candite che un tempo erano riservate solo ai rappresentanti della nobiltà. Ma come spesso accade, la preparazione più semplice è forse quella che ha più successo: le caldarroste, arrostite sul fuoco del camino nella loro particolare padella forata

AMIATA, TERRA DI FESTE E DI MARRONI La zona di produzione della castagna si concentra soprattutto nelle zone boschive di montagna intorno ai 100 metri. Per questo motivo, nella nostra zona, il Monte Amiata rappresenta il luogo migliore dove poter andare a raccogliere castagne. Nel Monte Amiata è possibile trovare questo frutto nell’intera circoscrizione comunale dei comuni di Arcidosso, Casteldelpiano, Santa Fiora e Seggiano in provincia di Grosseto e parte del territorio dei comuni di Cinigiano e Roccalbegna in provincia di Grosseto e dei comuni di Castiglione d'Orcia, Abbadia San Salvatore e Piancastagnaio. Numerose sono le feste o le sagre di paese che vengono dedicate in questo periodo alla castagna. Una è per l’appunto la “Festa d’autunno” di Abbadia San Salvatore che si tiene dal 10 al 12 ottobre e ancora dal 17 al 19 ottobre. Stand gastronomici, mostre, esposizioni e caldarroste animano tutte le vie del paese dove il sabato viene prevista sia il “Mercatino sotto le mura” che una passeggiata nel castagneto con visita al Seccatoio, mentre la domenica è possibile partecipare ad un’escursione in mountain bike tra castagni e faggeti. Sempre per domenica 19 ottobre è prevista a Colle Val d’Elsa la degustazione a base di prodotti di castagne e abbinamenti con il vino novello “Castagne e Vin Novo”. La festa, a ingresso libero, è prevista anche per domenica 26 ottobre. Il 27 di ottobre – e il 1 novembre – inizia a Piancastagnaio il Crastatone, la più antica manifestazione sulla castagna che il Monte Amiata dedica a questo frutto. Una manifestazione ovviamente gastronomica dove è possibile gustare i piatti tipici della tradizione locale e specialità: dai suggioli delle nonna (castagne lessate), alle crastate (caldarroste), alle brodolose (arrostite e lessate), al castagnaccio. A tutto ciò si aggiungono mostre d’arte e artigianato nel centro storico.


10





venerdì 10 ottobre 2008



CULTURA

“Nazirock” al Santa Maria della Scala UN FILM DOCUMENTARIO DI CLAUDIO LAZZARO CONTRO IL RAZZISMO E LA XENOFOBIA Un film contro il razzismo e la xenofobia, un reportage nel mondo del neonazismo italiano. È questo il tema di “Nazirock”, film documentario di Claudio Lazzaro che sarà proiettato a Siena venerdì 10 ottobre alle 20,30 nella Sala San Pio del complesso museale Santa Maria della Scala. Il Comune di Siena ha deciso infatti di continuare l’appro-

fondimento sui temi della xenofobia e del razzismo e del loro radicamento nel mondo giovanile, organizzando la presentazione del film distribuito da Feltrinelli Real Cinema. L’iniziativa rientra nelle attività organizzate nell'ambito dell'edizione 2008 di Salaam Pace Shalom "Percorso di Educazione alla Pace e alla Differenza" ed ha il patrocinio della Provincia di Siena ed il contributo della Fondazione Monte dei Paschi. La prima proiezione, la mattina del 10 ottobre, è riservata alle classi quinte del Liceo Scientifico e Tecnologico Tito Sarrocchi. La seconda, alle 20,30 al Santa Maria della Scala, è invece aperta a tutta la cittadinanza. Alle due proiezioni sarà presente il regista dell’opera che si confronterà con i partecipanti. “Nazirock” racconta il mondo neofascista italiano attraverso la musica, i raduni, gli scontri, il look dei giovani che fanno parte della costellazione di gruppi che si rifanno alle ideologie e simboli fascisti. Per questo motivo l’intento della pellicola è invitare alla riflessione e al dialogo. Claudio Lazzaro è un giornalista della carta stampata, autore di programmi televisivi e sceneggiatore. Ha cominciato all’Europeo, quando era il settimanale delle grandi inchieste. Gli ultimi dieci anni li ha passati al Corriere della Sera, dove si è occupato prevalentemente di cronaca e di esteri (inviato di guerra in Kossovo e Iraq). Ha diretto “Camicie verdi”, film dedicato alla Lega Nord che ha ricevuto il Premio della critica indipendente come “Film civilmente più significativo” al Festival di Locarno 2006. Recentemente ha fondato “Nobu” una casa di distribuzione indipendente, dove il nome è l’acronimo di no-budget.

ENSARTE A TEATRO, UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DI SÉ “Il teatro come viaggio alla scoperta di sé, delle proprie capacità espressive, delle dinamiche comunicative di gruppo, delle tecniche di interpretazione”, così Martina Guideri, direzione artistica dell'associazione Ensarte Ensemble Artisti&Tecnici, presenta la linea delle attività dell'associazione per la stagione. A partire da ottobre fino a maggio, Ensarte propone tre diversi corsi negli spazi della Corte dei Miracoli. Un laboratorio di livello base per chi sia avvicina per la prima volta all'esperienza teatrale e un secondo livello per gli allievi dello scorso anno o per chi ha già esperienza nel campo. Una sezione specifica del programma di lavoro sarà dedicata alle tecniche teatrali e all'arte scenica per cantanti e musicisti: gestire la scena e rivestire un ruolo sul palcoscenico. Da quest'anno sarà attivo anche un corso specifico per bambini e adolescenti condotto da Rita Ceccarelli. Ma l'attività formativa di Ensarte passa anche attraverso gli spettacoli e gli incontri con le compagnie di diversi generi e percorsi artistici: nel 2009, infatti, nel comune di Castelnuovo Berardenga, in cui ha residenza artistica, Ensarte presenta la stagione teatrale Libero Circuito, un progetto regionale che avvicina il pubblico all'affascinante mondo del teatro e della danza. Sono in cantiere, poi alcune nuove produzioni e collaborazioni con altre realtà artistiche e professionali del territorio, i laboratori teatrali diventano anche un bacino privilegiato per l’inserimento di giovani professionisti nell’ambito di tali produzioni. Per informazioni su costi e orari: 335 6645771 o ensarteteatro@yahoo.it.

A “OTTOBRE PIOVONO LIBRI” PER FAR SCOPRIRE I LUOGHI DELLA LETTURA AI RAGAZZI DELLA VALDICHIANA È iniziata sabato 4 ottobre la manifestazione che vedrà nel cuore della Val di Chiana protagonisti, per tutto il mese, i libri. La terza edizione di “Ottobre piovono libri. I luoghi della lettura” prevede anche quest’anno incontri con gli autori, laboratori di lettura per i più piccoli, serate a tema e curiosi abbinamenti tra parola e gusto nei ristoranti. Gli appuntamenti coinvolgeranno i comuni di Sinalunga, Trequanda e Torrita di Siena che hanno aderito alla manifestazione promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali al fine di incentivare la lettura, grazie anche al coinvolgimento delle biblioteche comunali chiamate in causa. Sabato 11 ottobre sarà la volta di Torrita di Siena la cui biblioteca, a partire dalle ore 16, dedicherà una giornata ai più piccoli grazie al laboratorio di letture e costruzione del libro nell’ambito dell’iniziativa “Pagine di fantasia”, mentre gli incontri con gli autori avranno inizio venerdì 10 a Sinalunga. Il ricco programma della manifestazione propone inoltre una serie di appuntamenti dedicati agli abbinamenti tra cibo e letteratura con l’iniziativa “Bocconi di libri, sulle tracce dei personaggi”. A questa si aggiungerà anche “Libri e storie. Emozioni per curar(si) – progetto di lettura in ospedale” che promuove la lettura come strumento per permettere di migliorare la degenza dei più piccoli. Previste anche delle letture in notturna grazie all’apertura straordinaria, ogni venerdì, della biblioteca di Sinalunga dalla 20.30 alle 23. Per maggiori informazioni sull’iniziativa è possibile contattare la biblioteca comunale di Sinalunga al 0577 631200 o all’indirizzo e-mail biblioteca.comune.sinalunga@inwind.it.


ECONOMIA



venerdì 10 ottobre 2008





11

Siena e il vivere bene con la cultura SOLE24ORE DICE CHE LA NOSTRA CITTÀ È UNO DEI CAPOLUOGHI DOVE SI INVESTE DI PIÙ IN QUALITÀ DELLA VITA Secondo un’indagine pubblicata dal Sole 24 Ore lunedì 29 settembre sui dati relativi alle spese dei Comuni capoluogo di provincia, Siena risulterebbe una delle città in cui si vive meglio. «Siena – questo il commento del sindaco Maurizio Cenni alla pubblicazione del quotidiano – si conferma una delle città migliori in cui vivere. La sfida del federalismo fiscale ci permette di verificare quanto spendiamo per nostri cittadini e, a quanto pare, oltre a non avere sprechi, investiamo in servizi, istruzione, cultura ed assistenza. In una parola investiamo nel sociale». Siena, sempre secondo le classifiche stilate dal Sole 24 Ore, avrebbe guadagnato il primo posto per la cultura. L’impegno della nostra città infatti è di massimo livello in questo settore arrivando a un totale di 149 euro a persona. Siena si trova invece al quarto posto della graduatoria riguardante le funzioni fondamentali che il Comune garantisce ai cittadini, con un investimento di 450 euro pro-capite; continuano invece a confermarsi i dati secondo cui Siena sarebbe ai primi posti per il welfare e il welfare allargato. “Un percorso che continua da diversi anni oramai – commenta Cenni – la nostra priorità è da sempre il cittadino, soddisfare le sue esigenze, migliorare e diversificare i servizi che possiamo offrire”. Per quello che riguarda questo ambito, nella classifica dell’assistenza per ogni abitante, per esempio, la città si colloca in un’ottima posizione: il diciottesimo posto con 237 euro a persona, così come per il campo dell’istruzione in cui Siena si trova al diciannovesimo posto con 136 euro a persona. Discreto anche il piazzamento nella graduatoria che riguarda il costo del personale in cui Siena si colloca al sessantunesimo posto con un costo di 38.416 euro contro i 55.713 euro di Ragusa, al primo posto, e i 20.452 euro di Lodi che si trova all’ultimo posto della classifica. Una posizione di classifica dovuta anche al fatto che l’amministrazione senese ha un numero considerevole di dipendenti in rapporto ai residenti vista la centralità del Comune nella fornitura dei servizi e la complessita delle tematiche che competono allo stesso Comune. “A questo punto – osserva il Sindaco Maurizio Cenni – non possiamo che aspettare le decisioni del governo sul federalismo fiscale per capire come i proclami si tradurranno in pratica, perché se non abbiamo un certo livello di entrate, non potremo mantenere un certo livello di spesa per il cittadino. Noi continuiamo, come si vede, ad investire per il bene dei senesi. Ma se non ci sarà il rimborso Ici, i tagli del governo al Comune di Siena saranno di oltre 900.000 euro, cifra di cui lo stesso Sole 24 Ore di lunedì scorso, 29 set-

tembre, dava conto». «Il gap che rischiamo – continua il sindaco – crescerà del 30% circa nel 2009, da una prima stima. Tutto questo se viene confermato il taglio di ulteriori 200 milioni di euro al fondo ordinario dei Comuni, che è già legge ed è contenuto nell'articolo 61 comma 11 della L.133/2008. Nuovi tagli che inciderebbero nel 2009 per circa 50 euro medi su ogni famiglia senese. Nel bilancio consuntivo del 2007, l’11% del bilancio corrente è legato ai trasferimento statali, che si traducono in 175 euro ad abitante. Questo ci dà il senso del problema”. “Insomma – osserva Cenni – per il momento il federalismo sta funzionando al contrario: lo stato taglia le risorse proprie dei Comuni e le sostituisce con trasferimenti statali più scarsi e non dinamici nel tempo e, se non regolamentati, più bassi. Berlusconi colpisce l'autonomia e fruisce nel contempo del ‘prestigio’ di aver abolito l'ICI sulla prima casa. Questo è uno dei peggiori centralismi, una operazione simile ad altre che il governo sta mettendo in atto: fa proprio il risultato positivo e invece scarica le perdite”. “Chiarisca presto il governo di centro destra come si concretizzerà il federalismo – conclude Cenni – e individui velocemente le risorse per queste tre voci: rimborsi prima casa ICI ai Comuni, gettito immobili rurali, costi della politica”.

Investimenti per l’innovazione nel camper Il camper si veste a nuovo con il progetto REICA che ha ricevuto il finanziamento regionale per un valore di 399.000 euro. È stata infatti approvata la proposta presentata da Eurobic sul bando regionale 1.7.1 Docup. Gli elementi cardine su cui impiegare concretamente i contributi ottenuti sono l’assemblaggio della scocca del camper, il design di interni, lo sviluppo di sistemi intelligenti di gestione interna. L’obiettivo è l’innovazione nel settore Camperistica. ?Continuano dunque le azioni di Eu-

robic Toscana Sud per favorire la ricerca e l’innovazione nella filiera del camper e continua il lavoro di tessitura al fine di realizzare una rete che si proponga come “polo” permanente di competitività e di progettazione per il camper. ?“Si tratta di un finanziamento – spiega Mauro Mariotti assessore alle attività produttive della Provincia di Siena – che rappresenta il conseguimento di un primo risultato positivo raggiunto grazie alla buona collaborazione instaurata tra Eurobic Toscana Sud e le aziende

della camperistica sulla scia dell’accordo sulla filiera del camper. Un risultato che va nella direzione dell’innovazione del processo di prodotto e si caratterizza, in un momento di difficoltà del settore, come un’importante strada da seguire. Questo riteniamo possa essere un primo intervento e auspichiamo che da parte delle imprese giungano altri progetti finanziabili in grado realmente di trasferire la ricerca nel processo produttivo”. ? Da www.sienanews.it


12



venerdì 10 ottobre 2008



BIANCONERO

Quanto sei bella Siena NON È LA PRIMA VOLTA CHE I BIANCONERI BATTONO LA ROMA, MA QUESTA VITTORIA È PARTICOLARMENTE BELLA Non fanno più notizia, ormai, le vittorie del Siena sulla Roma: quella di domenica scorsa era la quinta, tra campionato e coppa, negli ultimi anni. La scena si è spostata al Rastrello: all'inizio l'impresa era riuscita più volte all'Olimpico, grazie alle prodezze di Flo, alla grinta di Tudor e alla beneficiata degli ex laziali Chiesa, Negro e Colonnese. Dall'anno scorso, però, ai romanisti è fatale la gita a Siena, e dopo il rotondo, indimenticabile 3-0 dell'anno scorso è arrivata una vittoria di misura, non per questo meno meritata. In molti sono andati a cercare motivi “speciali” per questa sconfitta, tirando in ballo presunte avversioni dei giallorossi per le squadre toscane, incantesimi e sortilegi vari. La spiegazione è semplice: quando una squadra gioca male come ha fatto la Roma e trova sulla sua strada una squadra forte e concentrata come il Siena, il risultato è facile da prevedere. Se poi ci aggiungiamo che Frick segna sempre ai giallorossi... Il paradosso è che il Siena è società amica della Roma,

vista la grande quantità di scambi effettuata sul mercato e l'ammirazione per i giallorossi mai nascosta dal presidente Lombardi Stronati, che segue alla stima più volte espressa dall'indimenticato predecessore Paolo De Luca. Proprio la presenza di molti ex in maglia bianconera potrebbe essere la chiave di lettura di questa scia di vittorie che sta diventando tradizione. L'abbraccio forte tra Curci e Galloppa prima del fischio d'inizio della partita non ci è sfuggito: magari qualcosa è sfuggito al club capitolino, che ha fatto incetta di costosi pseudocampioni sul mercato internazionale liquidando con sufficienza qualche ragazzo di belle speranze che ha trovato consacrazione proprio a Siena: il pensiero corre anche a Kharja. Non va dimenticato, infine, l'attrito perdurante tra le tifoserie, nato e proseguito nelle assurde circostanze che si producono negli ambienti ultras più "caldi", quelli che per fortuna non esistono a Siena. Pancrazio Anfuso

I SOLITI ATTI SCELLERATI DI ALCUNI TIFOSI ROMANISTI I comportamenti negativi della parte degenere della tifoseria giallorossa non sono mancati neanche quest'anno: ci sono stati diversi arresti dopo la partita, uno dei quali addirittura per il tentato omicidio di un poliziotto, che l'intrepido ultras ha tentato di travolgere con la macchina. Un appuntamento che impensierisce, insomma, più fuori dal campo che in campo, dove la Robur ha avuto ancora una volta gioco facile, mettendo in grandi difficoltà i giallorossi, avvezzi alle strade d'Europa ma ancora incapaci di tornare indenni dopo una gita nella vicina Siena.

A PARER DI LEO

Una domenica speciale. Speciale non solo perché abbiamo nuovamente piegato la Roma (è una delle grandi – o ex grandi – con la quale ci riesce più facile vincere) ma perché abbiamo visto una bella squadra in campo, abbiamo visto finalmente schemi riuscendo così a capire il lungo lavoro svolto da Giampaolo. Complimenti. Tutto è filato liscio dunque. La difesa ha retto il piccolo urto dell’attacco romano, il centrocampo ha piegato quello giallorosso e in attacco si sono visti il Maccarone e il Frick dei bei tempi, vogliosi non solo di tirarla dentro ma anche di giocarla. Ma un elogio particolare voglio dedicarlo a Portanova, vero portabandiera bianconero, vero pilastro della difesa. È da notare come in questi anni tutti quelli che hanno fatto coppia con lui ne abbiano tratto gran giovamento e siano andati a giocare in grandi squadre. I nomi li conoscete: Gastaldello, Legrottaglie, Loria. In questo periodo di vacche magre per Lippi, viene automatico chiedersi: perché non convoca come centrale proprio Portanova? Sarebbe non solo un grande riconoscimento ad un giocatore bravo e serio, ma sarebbe forse una delle più serie soddisfazioni per i tifosi e per la dirigenza bianconera. Leo Salvietti


BIANCOVERDE



venerdì 10 ottobre 2008



13

LA MENS SANA MPS INIZIA GIOCANDO SULL’OSTICO PARQUET DI CANTÙ. L’ESORDIO IN CASA È FISSATO PER DOMENICA 19 CONTRO LA RINNOVATA BENETTON

Il campionato, finalmente!

Finalmente domenica prossima inizierà il campionato di basket, dopo la crisi che ha portato alle dimissioni del presidente della Federazione e soprattutto l’esclusione di Capo d’Orlando e Napoli. Il movimento della pallacanestro è tutt’altro che in crisi, con grandi gruppi come Armani a Milano, Toti a Roma ecc, che stanno investendo molti soldi, ultima la nuova e stellare Fortitudo che ha reingaggiato il pivottone Bagaric. Purtroppo il caos di queste settimane non ha portato molto di buono alla crescita del movimento. Ma così è. Andiamo avanti, cercando di guardare in positivo, come ad esempio agli oltre 500 ragazzi di Toscana ed Umbria che hanno preso parte all’ultimo raduno di Basketball Generation a Foligno. La Mens Sana inizierà il suo cammino in campionato da un parquet assolutamente ostico come quello di Cantù. Dalla Brianza già annunciano il tutto esaurito, il che significa tifo infernale e clima caldissimo. Il tutto sarà ripreso dalle telecamere di Sky, che trasmetterà in diretta l’incontro con inizio alle 21. Lavrinovic dovrebbe aver superato i problemi fisici emersi nel finale dell’ultima amichevole. Anche McIntyre si è allenato poco e presumibilmente non sarà impegnato in modo massiccio, dando spazio a Finley che si è integrato già molto bene nella chimica della squadra. Per la prima volta troveremo da ex il nostro Berti, andato a fare esperienza in maglia canterina: “Sono molto felice di poter avere questa opportunità – ha detto Berti – Per me non si tratterà più solamente di essere utile in allenamento ma anche di potermi giocare le mie carte e provare a guadagnare minuti”. Ma diamo uno sguardo anche agli impegni delle prossime settimane, con il nuovo calendario stilato dalla Lega che prevede per domenica 19 a Siena il big match contro la rinnovata e ambiziosa Benetton, quindi il 26 la trasferta a Teramo. Oltre alla partita casalinga contro Treviso, da segnare bene in agenda anche il match contro la Fortitudo al PalaMensana, in programma il 9 novembre, che precederà di soli sette giorni la trasferta a Roma contro la Lottomatica. Nel mezzo ovviamente l’Euroleague, che riprenderà il 22 ottobre contro i polacchi del Prokom. La settimana successiva la trasferta a Kaunas contro lo Zalgiris, quindi il 6 novembre la superpartita casalinga contro il Barcellona, che già si annuncia come un grandissimo evento, sia mediatico, che di spettacolo. Lello Ginanneschi


14





venerdì 10 ottobre 2008



IL MAGO DI OZ

ARIETE Lo yogurt anti-colesterolo non ha funzionato, gli omega 3 sono stati inutili, la dieta a zona vi sembra impraticabile, non resta che abbandonare davvero i vizi (fumo, alcool e grassi). Sarà dura ma è in gioco la vostra salute. Per quella mentale, invece, sarà un colpo terribile. SOVRAPPESO.

TORO I rumori che sentite provenire dal cofano della vostra macchina già da settimane riveleranno nei prossimi giorni la loro vera natura: frizione, freni, batterie, è tutto da rifare. Potrebbe essere l’occasione per un cambio di vita: a piedi e con i mezzi pubblici. È o non è crisi? APPIEDATI.

GEMELLI Gli amici che ridevano di voi tra poco riceveranno le vostre cartoline dalle località delle più prestigiose maratone del mondo: New York, Boston, Parigi, Londra, Venezia… Qualcuno non resisterà e vi chiederà come avete fatto. Non rivelate a nessuno il vostro segreto. MARATONETI.

CANCRO Il desiderio vi consuma ma non osate chiedere: l’ultimo modello di cellulare, l’abito che avete visto in vetrina, l’offerta last minute per un week end romantico. Pensate a tutto quello a cui rinunciate ogni giorno e lanciatevi, tutt’al più vi diranno di no. DESIDEROSE.

LEONE Il cane è il miglior amico dell’uomo, il dentista il peggiore. Ma se proprio non potete più rimandare, cercate almeno di addomesticarlo, con continui elogi alla sua bravura e regalini di piccola taglia. Sperando che questo basti a salvarvi al momento del trapano e del conto. ADDENTATI.

VERGINE La soluzione che avete trovato, niente più tv e niente più estratti conto, non vi salverà in eterno, prima o poi verrete a sapere anche voi a quanto è schizzato l’euribor e che ne è stato del vostro mutuo a tasso variabile. Se non altro quando vi verrà a cercare direttamente la banca. SOVRAESPOSTI.

BILANCIA Pronti per le follie d’autunno? Pan coi santi, castagne - e dolci a base di -, noci, funghi se usciranno -, sarà tutto un magna magna. E bevi, non appena arriveranno i novelli. Insomma, se la crisi impazza mangiamoci e beviamoci su, questa è la vostra linea. SCONSOLATI.

SCORPIONE Da quando avete scoperto facebook, tra chat, messenger, blog e posta elettronica parlare con voi dal vivo è diventata impresa ardua. Va bene che il virtuale a volte è meglio del reale, ma provate a spiegarlo a vostra nonna che non vi vede da 2 mesi. INFORMATIZZATI.

SAGITTARIO Lo sciopero dei consumi che avete deciso di intraprendere per protestare contro il caro-tutto non potrà durare in eterno. Le mutande mostrano i primi segni di cedimento e lavare i piatti ogni sera a mano stanca. Pensate ad una forma di lotta intermedia, lo diciamo per il vostro bene. COMBATTIVI.

CAPRICORNO Il fiuto per gli affari non è il vostro forte, ammettetelo. La casa comprata nel momento di massima ascesa dei prezzi e messa in vendita nel momento del crollo è lì a testimoniarlo. Riflettete, dunque, prima di acquistare quell’auto ‘usata ma in ottimo stato’, come dice il rivenditore. AFFARISTI.

ACQUARIO Le beghe condominiali in cui rimarrete invischiato potrebbero distogliervi da più importanti questioni. Nanetti sì o nanetti no in giardino? Cancello ritinteggiato di bianco o di un più elegante color oro? La luna consiglia: per le prossime riunioni delegate il vicino, se vi riesce. CIRCONDATI.

PESCI L’amore, si sa, è cieco, forse anche sordo, ma rimane il problema dell’olfatto. Dovrete trovare il modo, cari amici/che dei Pesci, di dire a lei/lui che un po’ più di cura non guasterebbe. Ma attenti a non offendere la sua suscettibilità. Meglio che resti offeso solo il vostro naso al limite. PROFUMATI.

È UTILE SAPERE NUMERI UTILI Prefettura 0577 201111 Questura 0577 201111 Comune di Siena 0577 292111 Polizia municipale 0577 292550 Ospedale Siena 0577 585111 CUP 0577 0577 382222 Pubblica Assistenza0577 46180 Misericordia 0577 280028 Train Siena 0577 204111 Stazione F.S. 0577 280115 Radiotaxi 0577 49222 MUSEI E BIBLIOTECHE Biblioteca Intronati 0577 280704 S. M. della Scala 0577 224811 Museo Civico 0577 41169 Archivio di Stato 0577 247145 Pinacoteca 0577 286143 Opera del Duomo 0577 283048 Fisiocritici 0577 47002

FARMACIE DI TURNO 12 OTTOBRE 2008: Farmacia Parenti, Via Banchi di Sopra, 39/43, tel. 0577 282233 diurno e notturno a chiamata Farmacia Comunale 2, Strada di Santa Eugenia, 31, tel. 0577 285378 continuato DISTRIBUTORI DI TURNO: ESSO Viale Mazzini AGIP Via Cassia Sud TAMOIL Str. del Petriccio AGIP Tempori Str. di Pescaia API (GPL) Viale Toselli AGIP Via Principale (Loc. Taverne d'Arbia)

Inviate le vostre domande e le vostre proposte alla nostra redazione: gazzettinosenese@alsaba.it IL GAZZETTINO SENESE Editore Alsaba Grafiche, Siena Direttore responsabile Fabio Di Pietro Capo redattore Monica Granchi Hanno scritto: Pancrazio Anfuso, Sonia Boldrini, Claudia Gasparri, Lello Ginanneschi, Riccardo Greco, Martina Rusconi, Leo Salvietti. Fotografie Progetto grafico Pubblicità Stampa

Fabio Di Pietro Paolo Rubei RS Service, Siena Tel. 0577 531053/247533 AL.SA.BA. Grafiche, Siena

Registrazione n. 7 del Tribunale di Siena dell’8 aprile 2008


ANNUNCI



venerdì 10 ottobre 2008

CONFESERCENTI SIENA LICENZE&LAVORO • Vendesi attività di commercio al dettaglio di abbigliamento a Sarteano. posizione centrale, ben avviata. Tel: 0578 266479 • Per cause familiari, vendesi edicola avviatissima, situata a pochi metri da Piazza del Campo, in zona con numerosi uffici, Università e passaggio studenti. Richiesti 65.000 euro trattabili. Tel: 347 5152372 • Vendesi/affittasi attività di commercio al dettaglio di generi alimentari in Siena con buon giro d'affari. Tel: 0577 309401 • 33enne impiegata amministrativa, con esperienza contabile e tributaria pluriennale superiore ai 10 anni, cerca impiego in zona della valdelsa. Tel: 393 0437343 • Diplomata maturità scientifica, conoscenza windows XP, bilingue di 36 anni cerca lavoro come aiuto pasticcere, banco alimentare, commessa, impiegata generica, operaia.Mi urge il lavoro perché mi sono appena licenziata da una pasticceria di sovicille per mobbyng. Sono interesata nelle zone di Siena città, Sovicile, Montarioso. Tel: 331 8458658.

Adotta Giobbe Giobbe è un bassottolino tedesco mix, bellissimo, di nove mesi, sano, già vaccinato, chippato e castrato. Per informazioni: Laura 339.8111506 anpanasiena@gmail.com





15



Gazzettino 27 b