Page 1

S e t t i m a n a l e g r a t u i t o d i i n f o r m a z i o n e e d i t o d a A l s a b a G r a f i c h e • A n n o I • n u m e r o 1 3 • R e g i s t r a z i o n e n . 7 d e l Tr i b u n a l e d i S i e n a d e l l ’ 8 a p r i l e 2 0 0 8 • w w w. a l s a b a . i t C h i u s o i n r e d a z i o n e l ’ 1 1 g i u g n o 2 0 0 8 • Ti ra t u ra 7 . 0 0 0 c o p i e • S t a m p a t o s u c a r t a 1 0 0 % r i c i c l a t a c o n m a r c h i o e c o l o g i c o “A n g e l o B lu ”

Dove vola

il falco

UNA RICOGNIZIONE SULLA FAUNA DELLA PROVINCIA ALLE PAGINE 10 E 11


POLITICA



venerdì 13 giugno 2008

Franco Ceccuzzi alla testa del Partito Democratico cittadino CON OLTRE IL NOVANTA PER CENTO DEI VOTI, FRANCO CECCUZZI È STATO ELETTO SEGRETARIO DEL PARTITO DEMOCRATICO DI SIENA. UN “PLEBISCITO” CHE APRE UNA FASE MOLTO DELICATA DEL PD A SIENA. ALESSANDRO LORENZINI LO HA INTERVISTATO Come sarà la guida Ceccuzzi del Pd di Siena? Il Pd rappresenta un senese su due. Un consenso che vogliamo meritare, spendendo la nostra forza al servizio della città. Il Pd deve essere un partito aperto, flessibile, plurale nelle sue culture, valorizzando le caratteristiche che sono proprie di un partito: l’organizzazione, il pensiero politico, l’autonomia. Perchè la scelta di accettare la candidatura a segretario del Pd di Siena? Ho messo a disposizione molte idee per trovare altre soluzioni che andassero di più in direzione del rinnovamento ed incontro altre culture del Pd. Quando mi sono reso conto che una

mia indisponibilità sarebbe stata una scelta solo personale, ho vinto le resistenze ed ho accettato con spirito di servizio. Sono sereno perché non ho cercato questa responsabilità, ma voglio bene, molto bene, a Siena e credo nel progetto del Pd. Farò il segretario con passione. Quale sarà il ruolo dei due vicesegretari che l’affiancheranno alla guida del partito? Alessandro Trapassi ed Alessandro Starnini sono un segno tangibile ed autorevole di quanto il Pd sia ricco di esperienze e di capacità politiche. Si è scelto un segretario di esperienza e si è proseguito con coerenza con due vice che hanno le stesse caratteristiche alle quali aggiungo conoscenza e radicamento in città. Che tipo di Partito Democratico vuole costruire, per Siena, Franco Ceccuzzi? La città ci deve percepire come “un partito di prossimità” che incontro quando esco di casa. Questo deve valere per chiunque di noi. Un partito è popolare se tutti hanno nella testa la voglia di vivere in mezzo alle persone. Un partito è vita comunitaria. Chi vuole stare chiuso in casa non è obbligato a iscriversi ad un partito, né a sacrificarsi in ruoli di governo.





03

INCONTRI CENNI-CECCUZZI DURANTE L’ASSEMBLEA CITTADINA DEL PD, I GIORNALI HANNO RIFERITO DI “ SCHERMAGLIE DIALETTICHE” O DI VERI E PROPRI “SCONTRI POLITICI” CHE SI SAREBBERO CONSUMATI TRA IL NEO SEGRETARI OCITTADINO E IL SINDACO DI SIENA. IL LUNEDÌ E IL MARTEDÌ SUCCESSIVI ALL’ASSEMBLEA, CENNI E CECCUZZI SI SONO INCONTRATI PIÙ VOLTE PER RAGIONARE, A FARI SPENTI, SULLE QUESTIONI CHE ERANO STATE MESSE IN AGENDA DURANTE IL DIBATTITO ASSEMBLEARE. HANNO CIOÈ DISCUSSO SU COME PROCEDERE ALLA NOMINA DEL CAPOGRUPPO CONSILIARE DEL PD E SE E COME PROCEDERE AD UN’EVENTUALE REDISTRIBUZIONE DEGLI INCARICHI ALL’INTERNO DELLA GIUNTA COMUNALE.

TUTTI GLI UOMINI DEL SEGRETARIO Il Partito Democratico di Siena comincia a prendere forma. La prima assemblea comunale, che si è svolta venerdì 6 e sabato 7 giugno presso l’Auditorium della Confesercenti di Siena, ha eletto Franco Ceccuzzi alla guida del partito della città con oltre il 91 per cento dei consensi. Il nuovo segretario comunale, Franco Ceccuzzi, ha nominato Alessandro Starnini e Alessandro Trapassi vicesegretari del Pd che, come ha detto Ceccuzzi nella sua relazione, avranno “ampia facoltà di delega”. Starnini, attualmente vicepresidente del consiglio Regionale, ha una lunga esperienza come amministratore e come dirigente di partito, attivo nella direzione regionale dei Ds, prima e nella fase costituente del PD, poi. Alessandro Trapassi, capogruppo de La Margherita in consiglio comunale, è il secondo vicesegretario che affiancherà Ceccuzzi alla guida del Pd cittadino. Il neosegretario ha elogiato il lavoro di Trapassi per la serietà, l’impegno e la lealtà con la quale ha lavorato in questi anni in sede consiliare. Nel corso dell’assemblea comunale, inoltre, è stato eletto il tesoriere del partito, Giulio Carli e il collegio dei garanti che sarà costituito da: Anna Carli, Grazia Valenzano e Gabriele Chiappi.


04





venerdì 13 giugno 2008



34 2 Riabilitazione a Le Bollicine

1

Il Gruppo Micologico “Terre di Siena” compie 10 anni

NOTIZIE IN BREVE

In occasione dei dieci anni dalla propria nascita, il Gruppo Micologico “Terre di Siena”, ha unito le proprie energie con l’Accademia dei Fiosiocritici. Da questo connubio è scaturita un’opera di riclassificazione del lavoro di Valenti Serini (studioso di micologia noto per essere stato tra i primi divulgatori della materia) e un convegno in cui il presidente del gruppo Mario Feroci –responsabile anche dell’Ufficio Micologico della USL – ha ripercorso i dieci anni di attività dell’associazione. Tra le tante iniziative, meritano una menzione le lezioni teoriche, aperte a tutti, volte ad illustrare le corrette modalità della raccolta dei funghi e le tecniche per il loro riconoscimento, e le mostre a carattere divulgativo concepite come strumenti concreti di informazione mediante la visione delle diverse specie di funghi esposti. Chiunque fosse interessato ad iscriversi al Gruppo può recarsi presso la sede in Via Tolomei ogni lunedì dalle 21.00 alle 23.00.

Il Centro “Tosca delle Bollicine” ha festeggiato venerdì 6 giugno il primo anno di attività. Il Centro si occupa della riabilitazione equestre e dello sviluppo di progetti di recupero per le persone diversamente abili. Oltre 30 solo gli iscritti ai corsi di riabilitazione equestre, tenuti ovviamente da personale qualificato. Molte le iniziative, come il laboratorio di cucina o le manifestazioni sportive, svolte dall’Associazione delle Bollicine, tutte rivolte a migliorare la qualità della vita delle persone. Fra queste il progetto innovativo che ha fatto si che i bambini potessero scoprire il mondo naturale del cavallo grazie a incontri organizzati con i ragazzi dell’Associazione.

Mensa take away

Festa a Castellina Scalo

L’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario di Siena offre a tutti gli studenti la possibilità di poter usufruire del servizio di take away presso il ristorante universitario Bandini con il preciso scopo di offrire agli studenti un servizio più flessibile che vada incontro alle loro esigenze. Attraverso “La Gastronomia” – questo il nome del nuovo servizio in vigore da martedì 3 giugno – gli universitari potranno infatti comporsi il proprio menù da asporto prelevando dalla mensa studentesca primi e secondi piatti, contorni, formaggi e salumi secondo le modalità e le tariffe in vigore. Il servizio è attivo soltanto per quello che riguarda la cena con orario dal lunedì al venerdì dalle 16.30 alle 19.00.

La festa dello sport di Castellina Scalo giunge quest’anno alla sua ventiduesima edizione. La manifestazione si svolge nei centri sportivi di Gabbricce. L’associazione Sportiva che, sotto la guida del presidente Roberto Monotomoli, organizza l’evento, è riuscita negli ultimi anni ad includere oltre al calcio numerose altre attività sportive come la ginnastica, il basket, la pallavolo o il judo. La festa proseguirà fino a domenica 22 giugno alternando vari eventi sportivi tra cui la gara ciclistica Lasa di sabato 14, ed i torneo di triathlon di lunedì 16. Ogni sera è possibile cenare al ristornate della festa, allo stand gastronomico o alla pizzeria dove sarà anche possibile vedere le foto del concorso fotografico.


VITA ECONOMIA DI CONTRADA



venerdì 13 giugno 2008

Turismo yo yo Il direttore di Confesercenti: i dati della nostra provincia sono confortanti ma restano alcune questioni da risolvere Sono stati presentati in questi giorni i dati di Confesercenti sulla stagione turistica 2007. “Il dato complessivo appare confortante” commenta il direttore Valter Fucecchi. In leggera crescita, infatti, risultano i numeri degli arrivi, delle presenze e anche della permanenza, uno dei principali limiti del turismo a Siena, da sempre considerato “mordi e fuggi”. L’analisi registra poi alcuni cambiamenti relativi a mete e periodi di villeggiatura: in aumento le vacanze invernali, con una forte crescita in novembre, contro la diminuzione, se epure lieve, di quelle effettuate in agosto. San Gimignano si conferma meta prediletta dai turisti, mantre la città di Siena avverte un piccolissimo calo di presenze. In difficoltà l’Amiata, abbandonata dal 16%

dei turisti abituali. Nonostante la sostanziale tenuta di quasi tutte le località della provincia, il direttore Fucecchi mette in guardia rispetto ad alcune problematiche, come quella legata alle strutture di accoglienza. Il rapporto sullo stato del turismo evidenzia uno squilibrio tra il grande numero dei posti letto presenti nelle strutture alberghiere, o comunque ricettive, della provincia e il loro reale utilizzo da parte dei turisti. Questo, allerta Confesercenti, crea un effetto boomerang sull’economia e produce, alla lunga, effetti negativi sul paesaggio. Occorre quindi armonizzare le presenze sul territorio, il numero delle strutture che vi si rivolgono e le necessità che emergono dalla tutela del nostro bellissimo paesaggio.

GIUSEPPE MUSSARI ALLA GUIDA DI SYMBOLA Alessandro Profumo lascia il vertice del forum di Symbola, Fondazione per le qualità italiane presieduta da Ermete Realacci che raccoglie oltre 130 realtà tra imprese, associazioni e reti territoriali. Giuseppe Mussari, appena nominato, è l’uomo designato a portare avanti il lavoro di promozione delle qualità e dei talenti nazionali.





05

Prosegue la protesta contro il taglio dei treni operato da Matteoli Anche Legambiente si mobilita, insieme al ministro ombra per l’ambiente, Ermete Realacci, e Franco Ceccuzzi, primo firmatario dell’appello, per fermare la soppressione dei 17 inetrcity della Toscana proposta dal ministro dei trasporti, Altero Matteoli. “I tagli ai treni sono uno schiaffo alla sostenibilità ambientale e se il Governo decide di non intervenire nella copertura dei costi, lasciando a Trenitalia la scelta di tagliare i servizi meno remunerativi, saranno i meno abbienti a rimetterci di più”. Queste le parole del presidente regionale di Legambiente, piero Baronti, che prosegue: “Il 15 giugno, con il nuovo orario, Prato perderà 14 treni, Chiusi e Arezzo saranno tagliate fuori dalle linee nazionali, 2 treni in meno a Firenze, 4 in meno a Pisa e a Livorno. Massa perderà la biglietterie. Tutta la Toscana sarà penalizzata”. È aperta una petizione e, a settembre, è prevista una manifestazione con presidi in tutta la regione. Ai parlamentari sarà chiesto di passare una giornta sui treni locali dei pendolari per toccare con mano la situazione.


06





venerdì 13 giugno 2008



NOTIZIE IN ECONOMIA BREVE

Brunello: Nominato il comitato di controllo

Cinzano si dimette LE PAROLE DELL’ECONOMIA a cura di Frustalampi

ASIMMETRIE INFORMATIVE, SELEZIONE AVVERSA, AZZARDO MORALE, TRASPARENZA

Due settimane fa Luca Zaia, ministro per le politiche agricole, aveva annunciato l’istituzione di un comitato di garanzia sul Brunello di cui avrebbero dovuto far parte un membro del ministero, uno della camera di commercio e uno proprio del Consorzio. Ma, a sorpresa, dal comitato sono stati esclusi proprio i produttori. “Sono abituato a prendere decisioni senza perdere tempo” commenta il ministro. “Ho nominato i tre saggi proprio per salvare la nostra immagine a livello internazionale. (…) Non voglio complicare la vita a nessuno, ma ho dovuto agire così per curare un malato eccellente ma grave, ed evitare di farlo arrivare in sala operatoria”. Immediatamento dopo sono arrivate le dimissioni di Francesco Marone Cinzano, presidente del consorzio produttori di Montalcino e l’autosospensione di Luca Gattavecchi, presidente del Nobile di Montepulciano la cui azienda è indagata per l’utilizzo di uvaggi estranei ai confini geografici fissati dal disciplinare. Il mi-

nistro dichiara comunque di attendere una proposta da parte degli agricoltori proprio per il cambiamento del disciplinare in questione. Ormai unico responsabile del controllo sul Brunello, il comitato, con alla testa Zaia, affronta ora la delicata questione del possibile blocco delle importazioni negli USA che richiedono una certificazione sul 100% di sangiovese utilizzato. Martedì 10, comunque, Patrizio Cencioni, presidente vicario del Consorzio dei produttori di Brunello, ha incontrato la delegazione americana dell’Alcohol and tabacco tax and trade Bureau in quanto l’appuntamento, di ordinaria amministrazione, era già stato precedentemente fissato. Visto il caso apertosi sul Brunello, gli ispettori USA hanno chiesto di sapere i nomi degli inquisiti, ma Cencioni, pur avendo fatto chiarezza sui fatti, non ha voluto puntare il dito contro nessuno in attesa di maggiori informazioni. Contenti comunque gli ispettori americani che hanno apprezzato la precisione delle indagini.

“Divorzia senza informare il marito” (titolo de Il Cittadino Oggi, 6 giugno 2004). Ecco un caso tipico di asimmetria informativa. A parte gli scherzi, le asimmetrie informative sono situazioni in cui informazioni importanti non sono condivise fra soggetti economici e non possono essere comunicate credibilmente fra le parti. Se le informazioni a disposizione dei soggetti sono diverse prima della stipula di un contratto (a.i. ex ante) c’è il rischio di una “selezione avversa”. Può verificarsi, cioè, una situazione nella quale una variazione delle condizioni del contratto provochi una selezione dei contraenti sfavorevole per la parte che ha modificato il contratto stesso. Ad esempio, la decisione di una banca di aumentare il tasso sui prestiti può spingere i clienti meno rischiosi, perché meno bisognosi, a non richiedere più credito, facendo aumentare la percentuale dei clienti più rischiosi. Se, invece, le informazioni sono diverse dopo la stipula di un contratto (a.i. ex post) si corre il rischio di “azzardo morale”. Si parla di azzardo morale nelle relazioni tra “principale” e “agente”, vale a dire nelle relazioni tra due soggetti nelle quali l’agente opera per conto del principale, compiendo azioni che influenzano non solo i propri profitti, ma anche quelli del principale. Si ha “azzardo morale” quando il principale ha informazioni imperfette e non è in grado di impedire comportamenti rischiosi dell’agente. Nei rapporti economici, dunque, la trasparenza è un bene meritevole della massima tutela, ma è anche una condizione difficile da ottenere perché spesso qualcuno fa da sordo – fa orecchio da mercante – e alla domanda “Dove vai?” risponde “Son cipolle”.




PALIO

venerdì 13 giugno 2008





07

Elezioni in Fontebranda

I cavalli provano al canapo

Manganelli Governatore

Mociano sempre più Piazza

I lavori della commissione elettorale della contrada di Fontebranda si sono conclusi con la nomina a Governatore di Giuliano Manganelli, dopo l’annuncio di Lorenzo Fondelli di non ripresentarsi. L’elezione del vicario, che, se non ci saranno colpi di scena all’ultimo minuto, sarà Vittorio Pagni, si terrà invece sabato 21 e domenica 22 giugno a causa dei tempi tecnici per la preparazione delle schede. Nei giorni scorsi è stato eletto poi Sergio Vizia come presidente della società Trieste. Tale votazione ha visto la partecipazione anche delle donne (vi prendono infatti parte dagli anni ’70) lasciando forse intravedere qualche segno di rasserenamento per il lungo braccio di ferro per il diritto di voto alle donne di Fontebranda.

Mercoledì 11 giugno si sono tenute le corse di Mociano, ultima occasione per saggiare le condizioni dei cavalli che mirano a partecipare al Palio. La novità più rilevante è stato il cambiamento delle modalità di allenamento dei cavalli. A differenza di prima infatti quando i cavalli sono entrati in pista il canapo era già tirato. Questo non ha dato modo di provare “in libertà” ma soltanto dopo la partenza regolare della batteria. In questo modo la pista di Mociano si è notevolmente adeguata al tufo di Piazza in modo tale da dare agli addetti ai lavori un’idea ulteriormente più chiara di cavalli e fantini. Un’impressione positiva è stata data sia da Far West che da Ganosu, oltre che da Encantado e Elfo di Montalbo, molto preciso nelle traiettorie.

GLI APPUNTAMENTI DELLA SETTIMANA AQUILA Venerdì 13 giugno cenino in società dopo la partita dell’Italia. Corsi per alfieri e tamburini martedì e giovedì dalle 18 davanti all’economato di Costa Larga. BRUCO Venerdì 13 cena con premiazione dei vincitori della gara di pesca. Ogni venerdì cenino in società. CHIOCCIOLA Corsi per alfieri e tamburini. Alfieri: mercoledì dalle 17.30 e sabato dalle 16. Tamburini: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 17.30. CIVETTA Festa titolare dall’11 al 15 giugno. Programma dei festeggiamenti: venerdì 13 Castellare degli Ugurgieri, ore 18.30 cerimonia dei sedicenni “Ingresso in contrada”; via Cecco Angiolieri, ore 20.30 cena del braciere; Castellare degli Ugurgieri, ore 22 “Ti ripiglio in Tolomei” replica della commedia della compagnia di Cecco. Sabato 14 chiesa di San Cristoforo, ore 16 benedizione fiori per onoranze, ore 16.30 onoranze funebri ai cimiteri cittadini; Castellare degli Ugurgieri, ore 18.30 battesimo contradaiolo, ore 19.30 ricognizione dei confini; piazza Tolomei, ore 20 ricevimento della signoria; oratorio di contrada ore 20.15 solenne Mattutino; Castellare degli Ugurgieri, ore 20.30 palio dei Cittini; Castellare degli Ugurgieri ore 21 cena; Castellare degli Ugurgieri ore 22 canti e cori di contrada. Domenica 15 via Cecco Angiolieri ore 7 ritrovo e vestizione della comparsa, partenza della comparsa; chiesa di San Cristoforo ore 8 “Maria Mater Gratiae”; oratorio di contrada ore 10 messa in suffragio dei contradaioli defunti; ore 13 rientro della comparsa; via Cecco Angiolieri, ore 15.30 ritrovo e vestizione della comparsa, ore 16.30 partenza della comparsa; Castellare degli Ugurgieri, ore 19 ritrovo di tutti i contradaioli; Il Campo, bocca del Casato ore 19.45 ingresso della comparsa, corteo di rientro; oratorio di contrada ore 20.15 “Maria Mater Gratiae”; via Cecco Angiolieri ore 21 cena di chiusura festeggiamenti. Martedì e venerdì dalle 18.30 nel Castellare corsi per alfieri e tamburini.

DRAGO GIRAFFA ISTRICE Venerdì 13 nella sede Storica della contrada assemblea generale ordinaria. Corsi per alfieri e tamburini Campino di Fontegiusta: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 18.15 alle 19.30. Ritrovo presso l’economato. LEOCORNO Martedì e venerdì alle 18 presso i giardini della contrada, corsi per alfieri e tamburini. LUPA Venerdì 13 giugno alle 21.45 assemblea generale della congrega femminile. La commissione novizi organizza per i giorni di sabato 21, domenica 22 e lunedì 23 il tradizionale campo scuola presso il camping Le Soline di Casciano di Murlo. Per informazioni e prenotazioni telefonare a Michela Bucci o Elisabetta Saccone entro il 18 giugno. È possibile visualizzare e prenotarsi per le cene ed eventi della società online sul sito della contrada. Corsi per alfieri e tamburini lunedì, mercoledì e venerdì alle 18 in piazza di Fontenova. Tutti i martedì alle 21 nel cappellone corso di teoria e pittura araldica tenuto dal professor Pierluigi Olla. Per informazioni contattare i provveditori. NICCHIO Venerdì 13 inaugurazione sala Vasai; ore 18 concerto sull’antico organo, alle 19 inaugurazione; alle 20 cena in società. Tutte le domeniche mattina dalle 9 alle 12.30 colazione in società. Lunedì, mercoledì e venerdì dalle 18 corso per alfieri e tamburini. OCA Sono ripresi gli appuntamenti mensili con il burraco; ogni primo lunedì del mese con inizio alle 21 presso la società Trieste. Consueto appuntamento con la pizza in società il sabato. ONDA Venerdì 13 giugno alle 21.30 presso Fonte Serena concerto con musiche di Fabrizio De Andrè; suona il complesso Faber. Caposcuola estivo per i Piccoli

Delfini dal 29 al 31 Agosto presso la struttura di Campiglia Marittima. Quota comprendente viaggio in treno a/r, pensione completa e gita al mare, di 115 euro a partecipante. Per iscriversi segnarsi in società o contattare Antonio S. al 339 2325813 o al 346 6148506. Presso il piazzale Santa Croce corsi per alfieri e tamburini: martedì e giovedì dalle 18, sabato dalle 16.30. È ripresa l’iniziativa del “Sabato alla Duprè” PANTERA Si comunica a tutte le donne interessate che è possibile prenotare la borsa personalizzata che sarà venduta prima del Palio di Luglio; segnarsi nel cartello in società o rivolgersi a Manu, Sandra o Lalla. SELVA Venerdì 13 giugno alla presenza dei soli selvaioli e dei dirigenti di allora e di oggi verrà aperta la busta con relazione del Palio vittorioso del 16 agosto 1974 con il fantino Andrea De Gortes detto Aceto e il cavallo Panezio, capitano era Fabio Rugani, onorando priore Alessandro Fabbri. Sabato 21 e domenica 22 giugno tradizionale giro di onoranze ai protettori residenti extra moenia. Prenotare il saluto della comparsa telefonando agli economi Gabriele B. al 347 1606522 o Luca G. al 347 1822386. lunedì 23 giungo “Cena della Stalla”, prenotazioni obbligatorie entro venerdì 21 giugno in società. TARTUCA Sabato 14 giugno tradizionale “Caccia al tesoro” nell’ambito della festa titolare. Appuntamento per tutti i bambini alle 18.30 alla fontanina. Ogni martedì e venerdì cenino in società. TORRE Martedì 17 giugno cenino presso la Chicca del Sole. Segnarsi in società. Lunedì, mercoledì e venerdì dalle 18 corsi per alfieri e tamburini in Salicotto. Per informazioni contattare Riccardo M. al 338 4831908, Andrea M. al 329 3644019, o Andrea S. al 348 3140698. Tutti i martedì cenino in società. VALDIMONTONE


08





venerdì 13 giugno 2008

Grazie ad un finanziamento della Regione Toscana e della Fondazione Monte dei Paschi, dopo oltre tre anni di lavoro di restauro, condotto con criteri e tecniche innovative, come l’uso del laser, riapre al pubblico la Cappella del Manto del Santa Maria della Scala. Si tratta di uno degli ambienti più suggestivi e importanti del millenario complesso, posto alla base del Palazzo del Rettore, proprio di fronte alla cattedrale. Le prime notizie documentarie della Cappella risalgono alla metà del Duecento e già da allora in questo vasto ambiente voltato, diviso in tre campate, venivano svolte le principali cerimonie riguardanti la vita dell’ospedale. Dopo circa un secolo venne ristrutturata per ospitare un vero e proprio tesoro, costituito da un gruppo importantissimo di reliquie di origine bizantina, acquistato dal Santa Maria della Scala per tremila fiorini d’oro da un mercante fiorentino che aveva un fondaco a Costantinopoli. In origine la Cappella era collegata, tramite un’arcata, alla Chiesa della Santissima Annunziata, mentre le decorazioni furono affidate, nella seconda metà del Trecento, a due pittori senesi: Meo di Pero e Cristoforo di Bindoccio i quali, attorno al 1370, realizzarono figure di Santi e Dottori della chiesa, di cui, grazie ai restauri, sono oggi visibili nella parete destra Sant’Ambrogio, Sant’Agostino, San Gregorio Magno e San Girolamo, e i santi Antonio, Domenico, Crescenzio, Savino, Ansano, Vittore, Francesco e Giorgio nel sottarco e forse San Benedetto nella parete sinistra. Nella seconda campata sono state invece riportate alla luce due figure di sante, Santa Caterina d’Alessandria, avvicinata al pittore Lippo Vanni e una Santa Martire, accostata al pittore Jacopo di Mino del Pellicciaio. Agli inizi del Cinquecento la Cappella subì ulteriori modifiche che dovevano interessare, nel progetto iniziale, tutto l'ambiente, ma che di fatto si limitarono, forse per la morte di Pandolfo Petrucci, a interventi nella prima campata. Qui fu chiamato ad operare Domenico Beccafumi, che realizzò tra 1512 e il 1518 la decorazione delle volte e, su una lunetta, L’incontro tra Giovacchino e Anna. Durante i restauri è stata inoltre messa in luce una grande lunetta affrescata, da riferire anch’essa al rinnovamento decorativo cinquecentesco della Cappella. Si tratta di una veduta di una città, che la precisa indicazione dei monumenti permette di riconoscere come l’antica Roma. Si tratta dell’opera pagata a Bartolomeo di David, collaboratore del Beccafumi, che fu dipinta come fondale per un perduto gruppo scultoreo rappresentante il Presepe, di cui abbiamo notizia nei documenti del 1513. Ulteriori profondi cambiamenti intervennero nella Cappella agli inizi del Seicento quando, staccato l’affresco della Madonna del Manto, fu realizzato il grande portone ancora esistente, che permetteva l’accesso alla corsia retrostante posto in corrispondenza con la porta che apriva sul lato opposto, sulla piazza del Duomo. Sempre nel Seicento furono realizzate le due aperture ancora oggi visibili sotto la lunetta del Beccafumi. Perduta l’originaria funzione, la Cappella fu destinata, con una delibera del 1608 del rettore Agostino Chigi, a vestibolo dell’ospedale, fino all’ultimo utilizzo (pronto soccorso dell’ospedale cittadino), all’inizio degli anni Ottanta del secolo scorso, prima della definitiva destinazione museale. Gli interventi di restauro sono stati condotti dalla ditta “Arte Restauro e Conservazione” di Giuseppe e Massimo Gavazzi di Pistoia e dal “Centro Restauri Piacenti” di Prato, con la direzione generale del cantiere di Guido Canali e la direzione storico-artistica di Alessandro Bagnoli della Soprintendenza per i Beni Storico Artistici di Siena e Grosseto. Oltre ad Alessandro Bagnoli, un gruppo di autorevoli studiosi, tra cui Gabriella Piccinni, Fabio Gabbrielli, Beatrice Sordini, Giuseppe Sabatini, Giovanni Guasparri e Andrea Scala dell’Università di Siena, stanno preparando una pubblicazione in cui verranno illustrati gli studi e le tecniche innovative (Andrea Sbardellati, Massimo Gavazzi, Nadia Montevecchi e Anna Brunetto) adottate per il restauro di questo importantissimo ciclo, apporto fondamentale per la rilettura di una vicenda storico-artistica di grande complessità e suggestione ma soprattutto di grande rilevanza per l’intera civiltà figurativa senese. Enrico Toti



ARTE

TERMINATI I LAVORI DI RESTAURO AL SANTA MARIA DELLA SCALA

Riaperta al pubb




venerdĂŹ 13 giugno 2008



blico la Cappella del Manto


10



Il territorio provinciale è uno dei più ricchi in specie di tutta la Toscana, grazie alla presenza di differenti ambienti che vanno dai boschi, ai corsi d'acqua, al particolare ambiente delle “crete” fino alle zone umide dei laghi di Chiusi e Montepulciano. Solo considerando le specie animali rare, protette o comunque di interesse conservazionistico censite all'interno delle Riserve Naturali provinciali, si arriva a 300 differenti specie. Per fare qualche esempio, i mammiferi sono presenti con oltre 30 specie fra le quali citiamo fra quelle più rare: il lupo (presente con coppie o piccoli gruppi familiari erratici), il gatto selvatico, la martora e ben 20 specie di pipistrelli. La lontra, mammifero dalle abitudine acquatiche segnalato un tempo per l'Ombrone, il Merse e il Farma, sembra ormai definitivamente estinta a causa delle persecuzioni subite nei decenni scorsi e delle modifiche del suo habitat.



venerdì 13 giugno 2008



Gli Uccelli sono molto ben rappresentati in provincia: se ne contano oltre 200 specie tra nidificanti, svernanti e migratori. Molti di essi, come gli aironi e le anatre, sono legati alle zone umide per la nidificazione e per le soste durante le migrazioni, il che fa capire quanto sia importante tutelare questi particolari habitat. Il gruppo degli Anfibi è presente con 12 specie, delle quali 6 endemiche, cioè presenti solo in Italia (ad esempio la salamandrina dagli occhiali e la rana appenninica); quello dei Rettili con circa 15 specie: oltre alla ingiustamente perseguitata vipera, unico rettile velenoso del nostro territorio, vi sono infatti serpenti molto belli e rari quali il cervone e il saettone, oltre alla ben conosciuta testuggine di Herman. Per i Pesci va fatto un discorso a parte: nei laghi e nei corsi d'acqua del territorio provinciale se ne contano infatti oltre 30 specie, ma di queste solo una decina si pos-

FAUNA sono considerare “autoctone”, cioè originarie del nostro territorio, mentre le altre sono state immesse in seguito alle “semine” per la pesca sportiva, causando molti danni per competizione alle popolazioni di pesci originarie. Per quanto riguarda gli Invertebrati ci sono molte meno conoscenze rispetto ai Vertebrati, ma i dati disponibili indicano un'elevata presenza di specie rare (diverse decine) fra i Molluschi, i Crostacei e gli Insetti, i gruppi finora maggiormente studiati. Il livello di urbanizzazione del territorio ha senz'altro influenzato e influenza ancora la distribuzione della fauna nel territorio senese, anche se in modo molto minore rispetto ad altre zone d'Italia. La presenza sempre maggiore di reticoli di strade ed edifici porta infatti alla cosiddetta “frammentazione” del territorio, cioè all'interruzione o all'ostacolo delle naturali vie di collegamento tra habitat, necessarie alle diverse specie per

La provincia Ricognizione sulla fauna FINITI I TEMPI BUI IN CUI I LUPI VENIVANO CACCIATI CON VERE E PROPRIE “BATTUTE” DI STERMINIO CHE LI AVEVANO SPINTI AD ISOLARSI QUASI ESCLUSIVAMENTE NEI PARCHI DELL’ABRUZZO, QUESTI SPLENDIDI ESEMPLARI TORNANO A MOBILITARSI E A RIPOPOLARE ANCHE L’APPENNINO TOSCO ROMAGNOLO. PROTETTI ORMAI DAL 1977 STANNO ESPANDENDO IL LORO TERRITORIO ANCHE GRAZIE ALLA LORO ALTA MOBILITÀ (POSSONO PERCORRERE INFATTI MOLTISSIMI CHILOMETRI PER NOTTE). QUALCHE AVVISTAMENTO SI È AVUTO NEGLI ULTIMI ANNI ANCHE NELLA NOSTRA PROVINCIA.

ESEMPLARI DI FALCO PELLEGRINO SONO SPESSO AVVISTATI NELLA NOSTRA PROVINCIA. UNA SPECIE OGGI PROTETTA, ESPOSTA A RISCHIO NEGLI ANNI ‘50/’60 DALL’USO INDISCRIMINATO DI PESTICIDI. DI STRUTTURA PERFETTA, LA SUA TECNICA DI ATTACCO IN VOLO AD ALTRI VOLATILI LO RENDE SPETTACOLARE. TUTTO IL TERRITORIO INTORNO A SIENA È POPOLATO DI FALCHETTI COMUNI.

ANCHE CAPRIOLI E DAINI SI SONO RIPRODOTTI, RECENTEMENTE, OLTRE MISURA, COME MOSTRANO ORMAI I FREQUENTI INCIDENTI CAUSATI ALLE AUTO ANCHE VICINO AI CENTRI URBANI.


SELVATICA trovare cibo, nuovi territori e partner per riprodursi. Più il territorio è frammentato più la fauna, e specialmente quella che ha minori possibilità di spostamento, rimane isolata in nuclei sempre più piccoli, che con il tempo tenderanno ad estinguersi per mancato scambio con altre popolazioni. Uno dei problemi dati dalla frammentazione del territorio lo vediamo ad esempio con i rospi, che nel periodo riproduttivo, quando necessitano si spostarsi per dirigersi verso stagni e laghetti, vengono uccisi in massa dal passaggio delle auto. Per quanto riguarda i cambiamenti climatici, gli Anfibi sembrano essere un gruppo particolarmente colpito a livello mondiale e anche nel nostro territorio. Risentono infatti molto della diminuzione della piovosità che comporta una sempre più scarsa disponibilità di acqua in ruscelli, stagni e pozze durante il periodo di sviluppo di uova e larve, situazione peggiorata anche all'au-



venerdì 13 giugno 2008



mentato prelievo idrico da parte dell'uomo. Inoltre sempre gli anfibi, ma anche altri gruppi animali, sembrano maggiormente vulnerabili a patologie infettive in seguito all'aumento di temperatura. Un'altra conseguenza dei cambiamenti climatici sembra comportare anche una rapida espansione delle cosidette “specie aliene”, cioè tutte quelle specie non originarie di una particolare area ma introdotte dall'uomo; queste specie infatti (ne è un esempio la zanzara tigre e il gambero della Louisiana) spesso provengono da zone con clima più caldo del nostro e, se una volta venivano eliminate dagli inverni freddi che caratterizzavano il nostro clima, oggi trovano molti meno ostacoli. La tendenza all'aumento della temperatura ha portato comunque anche all'espansione naturale di alcune specie nel territorio senese e all'aumento di altre prima pre-

animata selvatica locale LA LEPRE È UN ANIMALE DALLE ABITUDINI CREPUSCOLARI E NOTTURNE; PUÒ ESSERE OSSERVATA, DI RADO, ANCHE DI GIORNO, ESCLUSIVAMENTE NEI LUOGHI POCO DISTURBATI.

L’ISTRICE È UNO DEGLI ANIMALI PIÙ RAPPRESENTATIVI DELLA PROVINCIA.

IL FAGIANO UNO DEGLI ANIMALI PIÙ COMUNI NELLA NOSTRA PROVINCIA. A CAUSA DELLE NUMEROSE ZONE DI RIPOPOLAMENTO NATE NEL NOSTRO TERRITORIO PER FAVORIRE UNA GESTIONE PROGRAMMATA DELL’ATTIVITÀ VENATORIA, OGGI I FAGIANI SI POSSONO INCONTRARE ANCHE IN PROSSIMITÀ DEI CENTRI URBANI.



11

senti solo in modo localizzato: basti pensare all'airone guardabuoi, fino a pochi anni fa presente in Europa solo in Spagna, e al gruccione, che dalla costa si è diffuso in modo consistente nell'interno di tutta la Toscana. Per quanto riguarda le specie oggetto di caccia, esistono dei problemi di popolazioni troppo numerose fra gli ungulati: cinghiale soprattutto, oltre a capriolo, daino e cervo (queste ultime due specie, ricordiamo, non sono originarie del territorio senese ma sono state introdotte decenni fa a scopo venatorio), che causano talvolta danni alle colture agricole e agli ecosistemi forestali. Per quanto riguarda la pesca, il problema della scomparsa delle specie originarie è dovuto almeno in gran parte alla presenza di pesci introdotti e alla diminuita qualità degli habitat, e solo in minor misura alla pesca. Da una conversazione con gli agenti della Polizia Provinciale

IL CINGHIALE, UN ESEMPLARE TIPICO DELLA FAUNA DEI BOSCHI DELLA NOSTRA PROVINCIA, SI È RIPRODOTTO, IN QUESTI ULTIMI ANNI, A TAL PUNTO DA CREARE UN ECCESSO DI POPOLAZIONE SUL TERRITORIO APPORTANDO DANNI AL PAESAGGIO E ALL’AGRICOLTURA. L’ANIMALE, ONNIVORO, SI AVVICINA SEMPRE PIÙ SPESSO AI LUOGHI ABITATI, IN PARTICOLARE FATTORIE IN CUI PUÒ TROVARE CIBO GIÀ DISPONIBILE (MAIS, TUBERI, RADICI…) O CACCIARE PICCOLE PREDE. DI RECENTE, SULL’AMIATA È STATO INDIVIDUATO UN BRANCO COMPOSTO DA MOLTI ESEMPLARI. POCHI GIORNI FA UNA PROPRIETÀ NELLA ZONA DI ABBADIA SAN SALVATORE È STATA LETTERALMENTE ASSEDIATA DAL BRANCO CHE SI È SPINTO OLTRE LA RECINSIONE DOVE I CANI PASTORI HANNO DOVUTO LOTTARE PER QUASI UN’ORA CON UNO DEI CINGHIALI. LA FAMIGLIA, IMPAURITA, SI È RIVOLTA ALLE AUTORITÀ. IL SINDACO, LORENZO AVANZATI, HA ESPRESSO L’ESIGENZA DI ABBATTERE GLI ANIMALI CHE SI AGGIRANO INTORNO AL PAESE IN MODO DA EVITARE RISCHI PER LE ABITAZIONI CHE SI TROVANO NELLE ZONE PIÙ ISOLATE.


12





Ogm

venerdì 13 giugno 2008



SCIENZA

o non Ogm

SU UNO DEGLI ARGOMENTI PIÙ CONTROVERSI AFFRONTATI DI RECENTE IN AMBITO SCIENTIFICO, OSPITIAMO IL PARERE DEL PROFESSOR MAURO CRESTI, DOCENTE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI “G. SARFATTI” DELL’UNIVERSITÀ DI SIENA In Italia si è recentemente riacceso il dibattito sui cibi provenienti o contenenti OGM e subito si sono fatti vivi i favorevoli e i contrari che con varie motivazioni portano avanti le rispettive teorie. Questo argomento, in Italia e non solo, attende risposte concrete da ormai troppo tempo: il tema è stato affrontato purtroppo in termini di mera disputa ideologica che è riuscita a mettere insieme un vasto fronte di interessi economici conservatori e di movimenti pregiudizionalmente contrastanti e contrari a qualunque innovazione scientifica e tecnologica disegnando il cibo Ogm come “cibo Frankenstein” cavalcando, verso l’opinione pubblica e i consumatori il tema della sicurezza alimentare. Sono sempre vivi nei consumatori i problemi portati dalla mucca pazza (problema originatosi in Inghilterra e via via allargato ad altri Paesi fra i quali, in misura minore, anche in Italia) o con i polli alla diossina (scandalo scoppiato recentemente in Belgio). Quanto riportato da questi fatti, comunque, non ha niente a che a vedere con gli Ogm, in quanto i cibi ottenuti o contenenti questi organismi sono fra i più controllati e quindi fra i più sicuri. La valutazione della sicurezza alimentare e per l’ambiente è sempre stata ed è una priorità assoluta per le Istituzioni, il cardine intorno al quale ruota tutta la ricerca sull’agro-alimentare. In Europa l’Autorità Europea sulla Sicurezza Alimentare (Efsa) che ha sede a Parma, ha il compito di garantire l’applicazione di un sistema di garazie fra i più avanzati al mondo. In ogni caso esiste una quantità rilevante di studi nazionali e internazionali che affermano che gli Ogm sono sicuri. Negli ultimi anni l’Unione Europea ha investi più di 70 milioni di Euro per ricerche nel settore. Queste ricerche offrono dati che possono essere comparati con quelli dei cibi tradizionali e ci possono far capire quali benefici ci possono essere

per l’agricoltura Italiana. Pensiamo in particolare alla tracciabilità dei prodotti, alla salvaguardia dei prodotti tipici, all’applicazione alle biomasse per la produzione di energia e al miglioramento della produttività de terreni grazie ad una più razionale uso ed efficienza delle risorse idriche. In questo quadro vanno considerate le biotecnologie come mezzo per promuovere la crescita e l’occupazione e quindi anche come mezzo per aumentare la competitività. È di pochi giorni fa la presa di posizione del Presidente della Commissione Europea Barroso che promuove gli OGM anche per cercare di contrastare l’aumento della richiesta di cibo proveniente dalla Cina e India e per vincere la sfida per i bio-carburanti. Per far decollare la ricerca italiana del settore e dare respiro all’industria agro-alimentare occorre rimuovere quei divieti posti dal precedente ministro Pecoraio Scanio che impediva la sperimentazione in campo nonostante il parere positivo dato da una commissione di tecnici ed esperti di due Ministeri e delle Regioni. Speriamo che i tanti danni fatti all’Italia con veti incrociati di questo o di quello non permettendo la risoluzione di problemi vitali per l’economia non continuino anche sugli OGM mentre altri Paesi stanno tranquillamente andando avanti nelle coltivazioni e quindi nei consumi. Proseguire una politica anti OGM danneggerebbe ulteriormente il sistema produttivo agricolo con un aggravio di costi e diseconomie sempre meno sostenibile per l’intero Paese. C’è solo da augurarsi che il nuovo governo voglia, in questo settore, voltare pagina e avviare una politica agricola moderna, avanzata e innovativa che abbia come primo obbiettivo la sicurezza dei cittadini consumatori. Mauro Cresti


BIANCOVERDE



venerdì 13 giugno 2008



13

La forza dell’umiltà Ore decisive per lo scudetto La Montepaschi con la storica finale scudetto di questi giorni ha scritto pagine di vera e propria “epica” della palla a spicchi senese e italiana. Al momento in cui troverete il Gazzettino Senese in edicola sarà già stata giocata la quinta partita della serie. Esigenze di stampa ci obbligano a chiudere il giornale prima che la partita stessa sia iniziata. Comunque sia andato il match, non avrà spostato di un solo centimetro tutto quello che di buono e di storico abbiamo fatto in questa stagione. Una palla può girare sul ferro, poi entrare o uscire: il lavoro fatto in tanti mesi no, non è frutto della fortuna o del caso, ma di tanti piccoli mattoncini che giorno dopo giorno la società e l a sq u a d r a h a n n o m e s s o i n s i e m e , f i n o a d a r r i v a r e a c o s t r u i r e un vero e proprio palazzo, solido, robusto, con fondamenta certe. Aver perso una partita a Roma ci stava, anzi ha riportato sulla terra tutti coloro che pensavano che la meravigliosa Montepaschi di questi anni fosse imbattibile e che ogni risul tato sarebbe arrivato giocando e basta a prescindere dagli av versari. Lo scudetto avremmo potuto vincerlo o perderlo in modo clamoroso, ma mai dobbiamo perdere la nostra umiltà, quella della “Piccola Siena” che sfida le capitali del basket, quella umiltà che hanno coloro che hanno visto Kramer e Batton, poi l’infermo della serie B a Vigna di Valle. Simone Pianigiani è sempre stato chiaro, rispettando al massimo gli av versari, così come i giocatori e la società. Qualche tifoso invece si è un poco “imborghesito”, dando per scontato tutto: andare sul due a zero, vincere a Roma, poi rivincere anche. Non è così, non è questo lo sport, non è questo il nostro dna. A ricordarcelo ci pensano i ragazzi del terrazzino che seguo no sempre la squadra in ogni campo, tifando a cuore aperto per 40 minuti. Martedì sera a fine partita, durante il collega mento audio di Canale 3 con il Palalottomatica si sentivano sullo sfondo i cori dei tifosi, cori di gioia, come testimoniava no anche le immagini delle bandiere sventolanti a Sky. Non erano però giallo-rosse, ma bianche e verdi. È questo lo spiri to che ci deve sempre animare, l’esempio che dobbiamo seguire sempre: tifare con il sorriso, tanto cuore e tanta umiltà. Il giorno che penseremo di vincere le partite a tavolino o giù di lì… di certo perderemo in ogni campo. Di sicuro ieri sera ci sarà stato un tifo incredibile al PalaMensana, una bolgia bellissima che avrà accompagnato la squadra tutta la partita, a prescindere dal risultato. Vamos Mensanina! Lello Ginanneschi


14





venerdì 13 giugno 2008



IL MAGO DI OZ

ARIETE Cercate l’estate tutto l’anno e all’improvviso lei non c’è più: l’umido delle ultime settimane non vi ha aiutati e le previsioni non sono delle migliori ma voi cercherete di approfittare comunque degli sprazzi di sole dei prossimi giorni. Forse però per la protezione solare 50 è presto. SOLARI.

TORO La vacanza al mare incombe, voi, i suoceri, i bambini, i passeggini, le palette, tutti pronti. Non sarà il massimo del relax ma è gratis. Se sarete così bravi da riuscire a convincere tutti del fatto che avete tanto bisogno di relax e silenzio, forse riuscirete a ricavarvi qualche ora solo per voi. STRESSATI.

GEMELLI Lei non sopporta la montagna, lui il mare, i vostri partner vi daranno da penare quest’estate con le vecanze. L’idea dell’ennesima città d’arte non vi appassiona? I voli low-cost vi hanno stufato? Gli astri consigliano: mollateli, fingete una crisi almeno fino ad ottobre. SEPARATISTI.

CANCRO La settimana scorsa non avete fatto una gran figura in piscina con amici e amiche. Il costume è sembrato andarvi un po’ stretto. Come rimediare in così poco tempo? Correte, nuotate, fatevi massaggiare ma soprattutto state alla larga dal braciere della Festa di Quercegrossa. APPESANTITI.

LEONE L’idea del raduno della classe ’75 non è un granché ma ormai hanno organizzato tutto e voi non potrete mancare. Le compagne si porteranno dietro figli e mariti e vi restano pochi giorni per trovare un’accompagnatrice che vi faccia fare un figurone. NOSTALGICI.

VERGINE Noccioline, birre, gelati, cocomeri no, è presto, siete preparatissimi per questi Europei. E, nel caso le cose dovessero andare male, voi potrete sempre consolarvi mangiando e bevendo. Saturno consiglia: attenti agli attaccanti francesi e al colesterolo. CALCIOFILI.

BILANCIA Alla festa della classe ’75 forse ci sarà anche il ragazzo del Leone che vi piaceva tanto e oi non riuscite a pensare ad altro? La Luna consiglia: con la scusa degli Europei liberatevi - per una sera, s’intende - di vostro marito e ricordate in pace i bei vecchi tempi. NOSTALGICHE.

SCORPIONE Il nuovo cane vi fa correre? Il nuovo gatto è un po’ troppo vivace e alle 5.00 salta nel letto per giocare? Quando avete pensato ad un animale domestico forse avreste dovuto fare un’altra scelta, pesci rossi o tartarughe, ad esempio. Ormai non vi resta che correre e giocare. ANIMALI(STI).

SAGITTARIO La settimana enigmistica è ormai la vostra sola lettura e, se continua così, potreste finire con il fare solo “Unite i puntini”. Le stelle consigliano: cercate l’ultimo libro del vostro autore preferito e cercate di ricominciare. Anche se si tratta di Luciana Litizzetto. PIGRI.

CAPRICORNO Il tipo con cui chattate su msn vi chiederà un appuntamento, è venuto il momento di conoscersi di persona dopo tutte queste settimane di chiacchiere. Andate all’appuntamento ma state in guardia: se doveste scoprire che si tratta del vicino calco e un po’ troppo attempato per voi dileguatevi. ROMANTICHE.

ACQUARIO Stufi di medicine, di diete e di controlli? Ma sì, avete ragione voi, dopo tutto si vive una volta sola, cercate di farlo al meglio. Concedetevi anche qualche sano diversivo e, perché no?, anche qualche lusso. Il mega televisore per le partite, ad esempio. EDONISTI.

PESCI Con le pinne, il fucile e gli occhiali… come faceva la canzone? Vi sentite già in vacanza anche se ci andrete solo ad agosto. Se ne accorgeranno anche colleghi, familiari ed amici e c’è da sperare che siano comprensivi con voi. Voi, in compenso, sarete da un’altra parte. RILASSATI.

È UTILE SAPERE NUMERI UTILI Prefettura 0577 201111 Questura 0577 201111 Comune di Siena 0577 292111 Polizia municipale 0577 292550 Ospedale Siena 0577 585111 CUP 0577 0577 382222 Pubblica Assistenza0577 46180 Misericordia 0577 280028 Train Siena 0577 204111 Stazione F.S. 0577 280115 Radiotaxi 0577 49222 MUSEI E BIBLIOTECHE Biblioteca Intronati 0577 280704 S. M. della Scala 0577 224811 Museo Civico 0577 41169 Archivio di Stato 0577 247145 Pinacoteca 0577 286143 Opera del Duomo 0577 283048

Fisiocritici 0577 47002 Chigiana 0577 22091 FARMACIE E BENZINAI DI TURNO domenica 08/06/2008 Farmacia Vigni Via Quinto Settano, 1 Tel. 0577 50551 orario continuato diurno Farmacia San Giorgio Via Pantaneto, 75 Tel. 0577 226830 orario continuato diurno e notturno Q8 Via B. Peruzzi Agip Tangenziale S. Marco Aci (Icm) Via Massetana Romana Total Viale A. Sclavo Total (gpl) Str. Pescaia Esso Tangenziale Ruffolo Api S.S. Senese Aretina (Ruffolo)

Inviate le vostre domande e le vostre proposte alla nostra redazione: gazzettinosenese@alsaba.it IL GAZZETTINO SENESE Editore Alsaba Grafiche, Siena Direttore responsabile Fabio Di Pietro Capo redattore Monica Granchi Hanno scritto: Franco Belli, Sonia Boldrini, Mauro Cresti, Anna Maria Di Battista, Claudia Gasparri, Lello Ginanneschi, Riccardo Greco, Alessandro Lorenzini, Martina Rusconi, Enrico Toti. Fotografie Progetto grafico Pubblicità Stampa

Fabio Di Pietro Paolo Rubei RS Service, Siena Tel. 0577 531053/247533 AL.SA.BA. Grafiche, Siena

Registrazione n. 7 del Tribunale di Siena dell’8 aprile 2008


PROPOSTE E CURIOSITÀ



venerdì 13 giugno 2008



Hai mai visto Hai Visto Mai? È nuovamente a Siena l’appuntamento con il festival Hai visto mai?, dedicato ai documentari italiani inediti, che si terrà al Santa Maria della Scala da venerdì 13 a domenica 15 giugno. L’evento è promosso dall’Associazione culturale “Hai visto mai?”, patrocinato dalla Regione Toscana, dalla Provincia e il Comune di Siena, dalla Comunità Montana Val di Merse, l’Università di Siena, il Sindacato Giornalisti Cinematografici Italiani e ha il sostegno della Fondazione Monte dei Paschi. Durante la rassegna verranno proiettati documentari incentrati su temi sociali e di costume. Luca Zingaretti, direttore artistico del festival, forte del successo della scorsa edizione, ha ribadito l’obiettivo principale dell’iniziativa che vuole essere prima di tutto un momento di incontro, riflessione e scambio di idee.

Scoperta coltivazione di papaveri da oppio Scoperta a Siena una coltivazione di papaveri da oppio. Grazie all’operazione condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Siena sono state scoperte 500 piante e 1000 capsule in un appezzamento di terreno di circa mille metri quadrati nei pressi di Porta Camollia, mentre sono ancora in corso le indagini per identificare i coltivatori della “singolare” piantagione. Il caratteristico colore violaceo dei petali e l’altezza considerevole del fusto hanno permesso di identificarle in quelle comunemente conosciute come papavero da oppio. da www.sienanews.it

Benjamin non vuole più essere un randagio Bellissimo pelosone siciliano di 2 anni, a pelo lungo. È stato abbandonato e ha vissuto randagio in strada per 5 lunghi mesi dove è stato anche investito. È stato soccorso, curato e sterilizzato. È molto gentile, affettuoso e tranquillo; cerca una casa e una famiglia che gli voglia bene e lo tenga con sé per sempre. Ricambierà con tanto affetto e dedizione. Contattare Laura 339-8111506 anpanasiena@gmail.com



15

ANNUNCI CONFESERCENTI LICENZE&LAVORO Vendesi attività artigianale di panificio pasticceria in San Casciano dei Bagni (SI). Ubicazione strategica e fatturato interessante. Contattare il 328 9687884. Vendesi per motivi familiari videoteca storica, ottimo avviamento, specializzata nel noleggio e vendita dvd, dal 1986 nel centro storico di Siena. Si esamina anche proposta societaria. Tel: 347 5842558. Vendesi in zona strategica di Monteroni d’Arbia avviata attività pluridecennale di bar e pizzeria al taglio e da asporto, con saletta interna. Affitto locale recentemente rinnovato. Tel: 393 9955875. Laureata in Scienze dell'Amministrazione con buona conoscenza del pacchetto office e buone capacità relazionali ricerca lavoro in settore amministrativo. Tel: 328 8936519. Cedesi avviata attività di videonoleggio, sviluppo foto (unico in zona), vendita cd/dvd, personalizzazioni varie. Zona Uncinello/Acquacalda, canone di affitto basso, prezzo molto interessante. Tel: 328 9043249. Laureata in Lingue Straniere con ottima conoscenza dell'inglese e del francese e varie esperienze lavorative (receptionist, organizzazione convegni, servizio civile come bibliotecario, comunicazione radiofonica) cerca lavoro a Siena e dintorni, anche stagionale. Non automunita. Tel: 333 6160781.

Palazzo Sansedoni apre le porte In arrivo l’VIII edizione della Giornata delle Fondazioni che permetterà l’accesso, sabato 14 giugno dalle ore 10 alle 18, nella parte monumentale di Palazzo Sansedoni, sede della Fondazione Monte dei Paschi di Siena. Questa struttura rappresenta un episodio eccezionale nel contesto storico artistico senese, infatti la facciata su Piazza del Campo è l’esempio perfetto dello stile gotico dell’età barocca che ha avuto molto peso sull’immagine medievale della nostra città. In occasione dell’apertura saranno esposti numerosi capolavori della “Collezione Opere d’Arte”, progetto della Fondazione Mps, avviato nel 2004, con l’obiettivo di riportare a Siena le opere più significative per il panorama artistico della città.


Gazzettino 13 b  

Dove vola UNA RICOGNIZIONE SULLA FAUNA DELLA PROVINCIA Settimanale gratuito di informazione edito da Alsaba Grafiche • Anno I • numero 13 •...

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you