Page 1

ANNO 6 NUMERO 5 - 9 Febbraio 2017 - Editrice Il Gazzettino di Sesto San Giovanni srl Piazza F. Caltagirone, 75 - Sesto San Giovanni (Mi) - email: redazionegazzettino@gmail.com :::::: DISTRIBUITO a SESTO, CINISELLO, BRESSO e CUSANO :::::

Editoriale

Case popolari I diritti legittimi e gli abusi

Emergenza casa o emergenza culturale? Il Nordmilano è da sempre un’area ad ‘alta tensione abitativa’. Fin dagli anni ‘60, in piena epoca di espansione urbanistica, i Comuni sono stati costretti a rincorrere l’emergenza casa. Ci sono stati anni in cui i fondi ‘Gescal’ arrivavano letteralmente a pioggia. L’epoca dei grandi quartieri popolari, che oggi sono il simbolo di degrado e insicurezza. Dai primi anni 2000, la borsa dello Stato si è progressivamente chiusa. L’emergenza abitativa è rimasta, e se possibile si è amplificata. Ma in più sono emerse una serie di questioni culturali che stanno trasformando il tema sociale dell’abitazione alle categorie più deboli, in una questione sociale diffusa, di cui parliamo a pagina 3. Avete mai visto un inquilino delle case popolari sfrattato perché il suo reddito è troppo elevato? E ancora, avete mai sentito parlare di forme di turnover per far sì che le case pubbliche siano davvero a disposizione di chi è in difficoltà?

continua a pagina 2

LE GRADUATORIE PREMIANO SOPRATTUTTO GLI STRANIERI

Edilizia popolare Si rischia il Bronx Servono politiche che favoriscano il mix etnico

SESTO

Parte la raccolta differenziata dei rifiuti, ma nessuno avverte i cittadini. Nuova polemica A pagina 7

CINISELLO

Pressing della politica per salvare le linee bus Z. Chiesto l’intervento di Regione e Ministero A pagina 11

BRESSO

Le graduatorie per l’edilizia sociale favoriscono soprattutto i richiedenti stranieri. Nel giro di pochi anni, i quartieri di edilizia residenziale pubblica del Nordmilano potrebbero diventare a maggioranza straniera, con enormi problemi di integrazione. L’allarme è stato lanciato dal

sindaco di Sesto San Giovanni. Ma la situazione è simile in tutta l’area. A Sesto, nell’ultimo anno, tra gli assegnatari di case pubbliche c’è solamente il 45 per cento di italiani. Sono invece il 30 per cento gli assegnatari di nazionalità egiziana. Esplode il caso. A pagina 3

Approvato il Piano urbanistico. Meno abitanti, più verde. Nuovi progetti per le aree dismesse A pagina 15

CUSANO

Nuova organizzazione in Comune. La giunta accelera, ma i dipendenti tornano in agitazione A pagina 17


2

|

Attualità

9 febbraio 2017

Dillo con un click

L’Albero della Vita in Lego Il sogno di Fabrizio dopo Expo Il milanese Fabrizio Pastori, già giocatore di hockey su ghiaccio in una delle squadre che trovano casa al PalaSesto, insegue un sogno: fare in modo che il ‘suo’ Albero della Vita in Lego diventi un set ufficiale, vendibile in tutto il mondo, della multinazionale danese. Fabrizio ha realizzato il modellino in quasi due mesi e la Lego ha inserito la sua scultura nel concorso internazionale: se il simbolo di Expo 2015 (presso il quale Fabrizio ha fatto il volontario per 6 mesi) riceverà 10mila voti, diventerà un gioco Lego ufficiale. Info sul sito http://www.treeoflifeexpo2015inlego.it.

Editoriale

Case popolari I diritti legittimi e gli abusi dalla prima pagina

Le regole attualmente in vigore per l'Edilizia Residenziale Pubblica, hanno affermato in modo deciso la consuetudine che “una casa popolare è per sempre”. Per alcuni, ricevere l'assegnazione di un alloggio è come vincere al Gratta e Vinci. Ciò, ha indotto una vasta categoria di persone a pensare che la casa pubblica sia un diritto per tutti e che sia legittimo usare ogni espediente per ottenerla. Compreso quello che spinge sempre più inquilini di case private a pretendere dal proprietario lo sfratto per morosità, in modo da ottenere un punteggio maggiorato in graduatoria. C'è un dato, tra quelli diffusi dal Comune di Sesto San Giovanni, che fa impressione: nel 2016 le assegnazioni di case popolari a Sesto sono andate per il 55 per cento a cittadini stranieri. Sebbene è abbastanza scontato che i cittadini stranieri siano più svantaggiati, questa percentuale appare comunque enorme rispetto al fatto che gli stranieri a Sesto sono solamente il 17 per cento della popolazione totale. Tra loro è consolidata l'idea che la casa pubblica sia un diritto da acquisire e da difendere per tutta la vita, perdendo di vista un principio: che quelle case andrebbero assegnate a chi ha bisogno e per lo stretto periodo in cui sussiste lo stato di bisogno. Di questo passo, Stato, regioni e comuni dovrebbero garantire una casa pubblica ad ogni famiglia.

IL CASO ::

IL SINDACO LEGHISTA ANGELO ROCCHI MANTIENE LA PROMESSA

Lo strappo di Cologno Secessione dal Nordmilano La città ‘trasloca’ nell’Area Omogenea dell’Adda Martesana di Andrea Guerra Detto, fatto. Cologno Monzese fa i bagagli, saluta il Nordmilano e trasloca nell’area dell’Adda e della Martesana. Come promesso dal sindaco Angelo Rocchi, primo cittadino leghista che aveva messo nero su bianco questo impegno con gli elettori. Nei giorni scorsi a Palazzo Isimbardi a Milano, sede dell’ex Provincia, si è tenuta la conferenza dei sindaci di Città Metropolitana e l’assemblea dei primi cittadini che ha approvato (con 84 voti favorevoli e una sola astensione) la proposta di costituzione e delimitazione delle zone omogenee, così come previsto dalla legge Delrio (l.56/2014), secondo la quale costituiscono l’articolazione territoriale dell’area metropolitana. Sette sono le zone omogenee come da proposta elaborata d’intesa con Palazzo Lombardia, anche se rispetto al disegno iniziale Cologno Monzese è stato inserito nell’ambito dell’Adda Martesana. Estremamente soddisfatto il sindaco Rocchi

che pensa alla sua città come ‘cerniera’ tra due territori e il capoluogo: «Un risultato che è il coronamento di un complesso iter amministrativo. Si tratta, in sintesi, del logico adeguamento di questo importante aspetto amministrativo all’evoluzione che negli scorsi decenni ha condotto i nostri territori in una profonda trasformazione».

Il Nordmilano perde i pezzi, dunque. Ma la scelta politica di Rocchi, pur contestabile, ha un suo ‘disegno’ che guarda al futuro della città e del territorio. ‘Disegno’ che forse, al di là degli accorpamenti e delle aree di Città Metropolitana, manca ad altri Comuni del Nordmilano che ancora arrancano alla ricerca della propria vocazione.

Lettere alla redazione Passo quotidianamente per viale Edison, vicino a via Parpagliona, nel tratto asfaltato di recente che, quando sarà aperto, andrà a congiungersi con viale Italia. Osservandolo non posso non notare come questo punto rappresenti bene Raccontateci il vostro il nostro Paese. L’asfalto, dopo anni di progetti, punto di vista, gare e fallimenti, sospensioni i vostri dubbi sul futuro e riprese, è ora steso, anche della città e i ricordi se mancano alcuni tratti e la della Sesto che fu. segnaletica orizzontale non è Scrivete messaggi brevi a: finita. La strada nuova ancora redazionegazzettino@gmail.com non è aperta al traffico ma Oppure all’indirizzo: già i passaggi di camion hanno piazza F. Caltagirone 75 provocato cedimenti e buche.

Non serve molta immaginazione per intuire cosa succederà alle prime piogge. E’ stata anche deturpata da interventi di manutenzione (gas, luce, fogne) che forse potevano essere programmati prima per non rovinare la asfaltatura. Alcuni marmetti sul fianco del marciapiede non aderiscono bene all’asfalto. Alcuni si sono staccati completamente ma per fortuna sono stati ricementati, nelle fessure degli altri marmetti, invece, hanno trovato rifugio tante erbacce che nell’ultima manutenzione del verde sono state ignorate. Il marciapiede,

non so perché, è solo da un lato. Sopra giacciono cartacce, bottiglie e cacca dei cani di tanti bravissimi concittadini. Al martedì vengono puliti, anche se parzialmente, da Area Sud ma subito si ricomincia. L’altro lato, forse perché dà l’impressione di essere abbandonato, è diventato una discarica dove chiunque si sente libero di portare ogni genere di cosa. Visto che già esiste a Sesto un viale Italia, potremmo sostituire il nome di viale Edison in viale Povera Italia! lettera firmata


Attualità

9 febbraio 2017

|

3

CASA :: SOLO IL 45 PER CENTO DEGLI ALLOGGI PUBBLICI ASSEGNATI A ITALIANI. APPELLO DEL SINDACO ALLA REGIONE

Troppi stranieri nei rioni popolari Per evitare le ‘banlieue’ occorrono regole di accesso che favoriscano il mix etnico di Stefano Bini Nuove regole per l’assegnazione delle case di edilizia sociale per evitare che i quartieri popolari si trasformino in banlieue. A lanciare l’allarme nei giorni scorsi è stato il sindaco di Sesto San Giovanni, Monica Chittò, che dalle colonne del quotidiano Il Giorno è intervenuta in modo forte sul tema dell’emergenza casa, lanciando un appello alla giunta regionale di Roberto Maroni e al consiglio regionale affinché siano modificate le regole di accesso alle cosiddette ‘case popolari’. Lo spunto arriva da una doppia considerazione, che lo stesso Gazzettino Metropolitano aveva evidenziato nei mesi scorsi: le attuali graduatorie di accesso agli alloggi pubblici sembrano premiare soprattutto i cittadini stranieri, che hanno condizioni economiche più precarie e molto spesso nuclei familiari più numerosi. Non è un caso che nell’ultima graduatoria dell’autunno scorso, nella lista dei primi 100 assegnatari ben 60 erano stranieri. L’altro elemento è che le attuali regole stano dando vita a dinamiche che il Comune non ha esitato a definire ‘anomale’. Tra gli assegnatari di case popolari nell’ultimo anno il 30 per cento sono stati egiziani. Sebbene questa comunità sia la più numerosa in città, con oltre 3mila re-

sidenti, c’è un evidente squilibrio che fa pensare ad anomalie, o quanto meno a una perfetta organizzazione degli egiziani nel richiedere l’accesso ai ‘servizi sociali’. Non è un mistero che da qualche anno tra gli inquilini (italiani e stranieri) si sia diffusa la cattiva abitudine di sollecitare lo sfratto ai padroni di casa per poter ottenere punteggi più elevati nelle graduatorie dell’edilizia residenziale pubblica. Proprio per mettere in guardia da eventuali abusi, il sindaco Monica Chittò e l’assessore alla Casa Andrea Rivolta, nelle scorse settimane, avevano incontrato le autorità del consolato egiziano e i vertici delle comunità straniere per chiedere loro di vegliare affinché gli accesi ai servizi sociali avvengano in modo trasparente. Le anomalie nelle procedure di assegnazione, decise sulla base di leggi regionali, fanno da sfondo a un altro fenomeno sul quale il sindaco Chittò invita a prestare massima attenzione. «Dobbiamo guardare in là nel tempo - afferma -. Con queste dinamiche di assegnazione, nei prossimi anni ci troveremo ad avere una netta preminenza delle comunità straniere nei quartieri, con il rischio che si creino delle concentrazioni che renderanno più difficile l’integrazione».

Il difficile turnover nelle case erp

Le reazioni

Pioggia di critiche dalla politica La presa di posizione forte e inattesa del sindaco sul tema casa ha di certo sorpreso la politica cittadina, perché va fuori dai canoni istituzionali, ma denuncia una questione vera e scottante. Tuttavia non sono mancate le polemiche. A cominciare dal Comitato Popolare che per bocca di Alessandro Piano bolla come ‘pianto greco’, sottolineando che il rischio di trasformare i quartieri popolari in banlieue è concreto, ma è frutto di una mancanza di visione che parte prima di tutto dai ritardi del Comune. «Al prossimo consiglio comunale speciale dedicato al problema abitativo non faremo mancare la nostra decisa critica e la nostra puntuale proposta». Critica anche Sesto nel Cuore che da mesi chiede più chiarezza sulle graduatorie per l’accesso alle case pubbliche e denuncia la mancanza di strumenti reali per la lotta alle emergenze abitative. Il candidato del centrodestra Roberto Di Stefano prende le difese di Regione Lombardia e accusa la giunta di non aver saputo cogliere le opportunità venute dalla Regione.

Nel 2016 a Sesto sono stati assegnati 47 appartamenti pubblici, di cui 21 comunali. Ben 23 sono serviti a tamponare emergenze abitative. Inoltre, il 55 per cento delle assegnazioni è andato a nuclei di stranieri. Sono i numeri di un’emergenza che cresce costantemente negli anni e che nel 2016 ha visto in carico al Comune 67 nuclei, per un totale di quasi 300 persone. Per far fronte ai casi giudicati di reale emergenza, il Comune ha dovuto mettere mano al portafogli e spendere oltre 120mila euro per il pagamento degli alberghi, oltre a quanto viene speso per le sublocazioni e per i progetti che, sempre di più, hanno come obiettivo quello di rendere autonome le famiglie. Oltre alla ridefinizione delle regole di accesso alle case di edilizia sociale, è necessario rivedere le regole di uscita. Ancora troppo spesso la casa popolare è reputata una ‘casa a vita’. Invece, per far fronte all’emergenza è necessario avviare un turnover che tenga conto delle famiglie che hanno redditi stabili e capaci di far fronte ad affitti concordati e di mercato.

CINISELLO :: OTTO FAMIGLIE AVEVANO OCCUPATO L’EX CIME DI VIA FILZI

Sgombero lampo per gli occupanti Movimento Casa: «Comune insensibile». Trezzi: «Fatto molto» Otto famiglie da più di una settimana hanno dormito e vissuto nei locali dell’ex Cime, azienda dismessa del centro di Cinisello Balsamo: una ventina di persone, con l’appoggio degli attivisti di Movimento per la Casa e Unione Inquilini, hanno occupato lo stabile di via Fabio Filzi, rivendicando il diritto a un tetto e un giaciglio. «Ci sono circa 30 famiglie che sono costrette a vivere in auto e in strada», hanno detto dal Movimento per la Casa, che da anni coordina l’occupazione di un altro stabile abbandonato in via Cremona (Spazio 20092). «E quello che fin qui ha fatto il Comune è poco o niente. E’ una vera emergenza e nessuno se ne accorge». A fronte di tante situazioni emergenziali, a Cinisello, secondo quanto dichiarato dall’Unione Inquilini, ci sono circa 5mila appartamenti sfitti, in un certo senso abbandonati.

Il Comune ha voluto rispondere all’occupazione snocciolando i numeri delle azioni dell’Agenzia per la Casa. «Abbiamo fatto molto, e l’occupazione non può essere una risposta», ha detto seccamente il sindaco Trezzi. «Sono i dati a dimostrare quante azioni sono state messe in campo dall’amministrazione comunale per rispondere al problema delle tante famiglie in difficoltà», ha ribadito il primo cittadino. Nel 2016 si sono registrati 2.619 accessi allo Sportello Casa; sul fronte dell’Edilizia Residenziale Pubblica, le assegnazioni sono state 20 a cui si sommano le 29 del 2015 su 734 presenti in graduatoria. «Ed è pronto un nuovo bando per la morosità incolpevole», chiosa la Trezzi per ribadire l’impegno dell’amministrazione sul fronte casa. Mercoledì mattina però le forze dell’ordine hanno sgomberato la palazzina, dopo che

la proprietà aveva fatto esposto già la scorsa settimana. Gli occupanti sono stati allontanati per poi tornare a manifestare davanti al Municipio poco dopo. Domenica in programma una nuova manifestazione. (A. G.)


4

|

Focus

9 febbraio 2017

270

Le città che cambiano

Il saldo positivo di Sesto San Giovanni. Negli ultimi 2 anni i residenti sono cresciuti

STATISTICHE :: IL BILANCIO DELL’ANAGRAFE FOTOGRAFA L’EVOLUZIONE SOCIALE

Il Nordmilano si scopre ancora più anziano Calano le nascite e i morti, un terzo dei bebè ha genitori stranieri Cusano Milanino

Sesto San Giovanni

Cinisello Balsamo

Bresso

Popolazione

2015

2016

dif

2015

2016

dif

2015

2016

RESIDENTI NATI MORTI STRANIERI OVER 65 CENTENARI

18.886 129 231 1.369 5.025 4

18.768 115 219 1.336 5.078 3

- 118 - 14 - 12 - 33 53 -1

81.608 687 847 14.212 -

82.420 680 742 14.274 19.520 20

812 -7 - 105 62 -

26.263 201 290 3.148 7.619 12

26.285 189 243 3.173 7.362 11

Sarà l’effetto della crisi che rende tutto più immobile; sarà che le nostre città, dopo anni di trasformazioni imposte dalla chiusura dell’era delle grandi industrie, oggi stanno lentamente consolidando il loro nuovo equilibrio sociale e antropologico. Qualunque sia la ragione, le città del Nordmilano nell’ultimo anno paiono non aver subìto grandi scossoni dal punto di vista demografico. Il dato che balza all’occhio è che pare essere finita la fuga dalle grandi città. A Sesto il saldo degli ultimi due anni è positivo, con 270 residenti in più; a Cinisello è positivo di oltre 500 residenti, quando nel 2015 era stato ancora negativo; stabile Bresso, mentre Cusano è l’unico a registrare una riduzione della popolazione. Il dato più preoccupante è quello riferito alle nascite. Il trend in calo è ormai una costante da molti anni. Ma in alcuni casi ha raggiunto livelli davvero impressionanti, come a Cusano Milanino dove la riduzione delle nascite è di oltre il 10 per cento nell’ultimo anno. Più contenuta negli altri Comuni. A Sesto un terzo dei

dif

2015

22 75.078 12 618 - 47 713 25 13.033 257 17.488 -1 17

2016

dif

75.658 618 654 13.624 16.890 17

580 = - 59 591 - 598 =

nati (220 su 680) hanno genitori stranieri. La popolazione straniera è quella che negli ultimi tempi offre sempre maggiori spunti di analisi. Gli stranieri residenti nelle città del Nordmilano sono essenzialmente stabili, con una crescita moderata in quasi tutti i Comuni, a eccezione di Cusano Milanino. Cinisello si conferma la più multietnica con oltre il 18 per cento della cittadinanza di origine straniera. Tuttavia a differenza della popolazione italiana, quella proveniente dall’estero è sempre più giovane e soprattutto è quella più propensa a fare figli. A Bresso gli stranieri con più di 65 anni sono 57 a fronte di una popolazione straniera residente di 7.362 persone. Già, gli anziani. Questo indice rappresenta non soltanto un elemento antropologico, ma soprattuto sociale e socio economico. Bresso e Cusano sono le città più anziane, rispettivamente con il 28 per cento e il 27 per cento della popolazione di oltre 65 anni. Cinisello è la più giovane con un 22 per cento della popolazione in età di pensione. Sesto la segue con un 24 per cento. Segno che nei Comuni è sempre più necessario attuare politiche di assistenza per la terza età.

LA DENATALITÀ :: LE STATISTICHE PRESENTANO UN’EUROPA INTIMORITA DA CRISI E PERDITA DI POTERE D’ACQUISTO

Italia: ‘È un Paese per vecchi’ Stranieri all’8,3% della popolazione. Sono i più fecondi di Francesco De Vito Il bassissimo numero di nascite del 2016 in Italia, tra i 450.000 e i 470.000 neonati, segna il sesto anno consecutivo di riduzione della fecondità con un tasso di 1,35 figli per donna. Gli stranieri sono 5 milioni 54mila e rappresentano l’8,3 per cento della popolazione totale, più 39mila rispetto all’anno precedente; elementi entrambi preoccupanti ma che forniscono ancora una volta l’immagine di un Paese nel quale l’immigrazione ha effettivamente sopperito al continuo calo di nascite, essendo l’elemento trainante nel controbilanciare i dati record di denatalità delle coppie italiane. Ed è per questo che gli analisti

reputano una ‘Europa a porte chiuse’ una catastrofe: infatti nel 2050 la popolazione diminuirebbe del 10 per cento circa (da 738 a 665 milioni). Apparentemente non un declino catastrofico, ma preoccupante perché determinerebbe una riduzione del 22 per cento della popolazione in età attiva, tra i 20 e i 70 anni e un incremento del 62 per cento per gli ultrasettantenni; nel 2050 la terza età sarebbe molto più numerosa dei giovani sotto i 20 anni, con ovvie implicazioni economico-sociali. La fotografia dell’Italia è dunque quella di un Paese abbattuto dalla crisi, con un tasso di natalità tra i più bassi del continente e oltretutto sempre meno attrattivo, sia per i nostri connazionali che per gli stessi stranieri. L’andamento degli stranieri residenti in Italia, che nel 2015 sono incrementati di ‘39 mila unità’, si

associa a una riduzione della popolazione di cittadinanza italiana: 179mila residenti in meno nell’ultimo anno. L’emigrazione dei nostri connazionali sta diventando un fattore sempre più influente nell’inesorabile calo demografico Italiano, considerando che la maggior parte degli espatriati sono giovani con un influenza diretta sul calo della popolazione più attiva. I dati relativi all’indice di denatalità denotano la crisi di un intero modello di vita, quali ad esempio la mancanza di una politica di sostentamento economico per i giovani (asili nido, scarsi sussidi alle coppie più giovani e l’assenza del quoziente familiare). La denatalità record può, quindi, essere arginata da politiche effettive di welfare. Nella società italiana ed europea, la sicurezza di un’agiatezza economica è diventato un obiettivo irrinunciabile ma, allo stesso tempo, sempre più difficile da raggiungere. La libertà individuale quindi entra di prepotenza nella scelta della coppia di privilegiare un certo benessere economico a scapito degli stessi figli.


Focus

10%

Il calo delle nascite a Cusano Milanino. Sono sempre meno, in Italia come nel Nordmilano, le coppie che decidono di avere un figlio

L’incentivo

Bonus Bebè Come fare la richiesta Per i nuovi nati sono molte le agevolazioni. Riconfermato anche per il 2017 il Bonus Bebè, che consiste in un assegno mensile dal valore di 80 euro. Che diventano 960 euro all’anno. Il bonus può essere richiesto per ogni figlio nato o adottato dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017, per la durata massima di 3 anni di età. Possono farne richiesta le famiglie con Isee al di sotto dei 25mila euro. Mentre per le famiglie a basso reddito, fino a 7mila euro, l’importo dell’assegno è raddoppiato e passa da 80 a 160 euro. Se in possesso dei requisiti, si può fare richiesta attraverso i patronati, o presentando domanda all’Inps (dopo aver richiesto il pin personale, collegarsi al sito www.inps.it). Oppure si può chiamare il numero verde 803.164 (numero gratuito da rete fissa) o il numero 06.164164 (numero per cellulari).

18%

9 febbraio 2017 La percentuale di popolazione straniera a Cinisello, la città più multietnica

OK!

|

5

Cinisello è anche la città più giovane: solo il 22% della popolazione è in età da pensione

LA STORIA :: ANNITA MORA E LUIGINA BEVILACQUA HANNO SUPERATO IL SECOLO

Le ultracentenarie ‘from’ Cinisello I segreti per vivere più a lungo sono autonomia, indipendenza e grinta

Il segreto della longevità? Nel Nordmilano è la voglia di indipendenza e di autonomia. Lo sanno bene Annita Mora e Luigina Bevilacqua, cittadine cinisellesi, che hanno superato la soglia dei cento. Luigina ha compiuto il secolo di vita l’anno scorso. Emigrata a Cinisello dal Veneto, ha aperto in città una calzoleria, insieme al marito. Ha avuto due figlie e, ormai 17 anni fa, è rimasta vedova. «Grandissima lavoratrice, si

è fatta da sola e si è sempre mantenuta attiva», racconta la nipote Simonetta Vergani. Luigina è autonoma, in salute e provvede da sé alle faccende domestiche. Cucina e ama preparare la polenta sul fuoco a legna. Stira, fa le pulizie, sistema il giardino, nel tempo libero gioca a carte, legge il giornale e va al mercato. Ogni tanto si concede anche un pranzo al ristorante. La sua longevità è forse un po’ questione di genetica,

perché anche la sorella di Luigina è arrivata a 103 anni. Una famiglia longeva anche quella di Annita Mora. I suoi due fratelli sono arrivati, rispettivamente, a 90 e 95 anni. Ma Annita ha superato ogni record, perché ha compiuto ne ha compiuti l’anno scorso 103. Il suo segreto è sicuramente la continua ricerca di indipendenza. «Ha sempre rifiutato ogni aiuto, soltanto di recente ha accettato un piccolo supporto da parte di una badante», dicono il figlio e la nuora, Michela e Giancarlo Cazzaniga. Annita, rimasta vedova all’età di 63 anni, è sempre stata molto metodica. Pranzo a mezzogiorno in punto e cena alle 18. Ama la buona cucina, non disdegna un bicchiere di vino durante i pasti e il caffè leggermente allungato con il nocino. Conduce una vita serena, senza pensieri. Non rinuncia al rituale del tè con le vicine, che da sempre le danno supporto. Va a fare la spesa, utilizza il suo cellulare e non perde mai il telegiornale. È informata sulle questioni d’attualità e ci tiene ad andare a votare. «Ha grinta da vendere e ci mette in riga tutti. Guai a contraddirla, se no tira fuori gli artigli», concludono i familiari. (M.A.)


6

|

9 febbraio 2017

PubblicitĂ


Sesto San Giovanni

RIFIUTI ::

IN VIALE EDISON IL PROBLEMA DURA DA DUE MESI

Sacchi non conformi Area Sud non li ritira I residenti non erano stati avvisati delle novità di Margherita Abis Sacchi dei rifiuti non ritirati, lasciati in strada con un’etichetta che riporta ‘Giorno non consentito’. È quanto avvenuto in una vasta zona di viale Edison, a Cascina Gatti. Dal 25 novembre è stata avviata la raccolta differenziata dell’umido nel quartiere 5. Le modalità del ritiro sono quindi cambiate. Per i sacchi neri dell’indifferenziata, ritirati prima trisettimanalmente (il martedì, il giovedì e il sabato), è prevista ora una cadenza monosettimanale, limitata al sabato. Negli altri due giorni invece viene ritirata la frazione umida. Peccato che di questa variazione nulla sapessero gli abitanti di una delle zone interessate. Un vero flop, per la campagna di informazione che puntava a raggiungere tutti i sestesi e su cui l’investimento era stato altissimo. I residenti di viale Edison hanno continuato per oltre due mesi a esporre i sacchi neri in modo errato, con cadenza trisettimanale. Non avevano ricevuto nessuna indicazione,

9 febbraio 2017

|

7

Allagamento all’asilo Corridoni Genitori informati in ritardo Chiudono il rubinetto centrale, poi eseguono dei lavori di ristrutturazione. Quando escono, sabato sera, riattivano l’acqua ma uno dei lavandini dell’aula di arte è aperto e così allaga anche le due stanze del piano di sotto. È successo all’asilo Corridoni. Per un giorno e mezzo l’acqua ha continuato a defluire, rendendo così inagibili le tre aule. Per fortuna, nessun danno strutturale. Ma le polemiche infuriano perché il Comune ha dato informazione sull’accaduto dopo 2 giorni. I bambini di due classi sono così restati a casa per due giorni, senza lezioni, con diversi disagi.

Casa del Volontariato: donazione dalla famiglia Fantini La passione di Loris Fantini per la sua città continua a farsi sentire anche dopo la sua scomparsa. I suoi familiari hanno infatti deciso di donare un nuovo impianto voce e complementi d’arredo per la Casa delle Associazioni di piazza Oldrini. Una donazione fatta insieme alla Sesto Pro Loco. A Loris Fantini,già assessore e presidente della Pro Loco sestese, è stata recentemente dedicata la sala principale della Casa delle Associazioni. «Loris Fantini ha dedicato con passione gran parte della propria vita a favore dell’associazionismo ha commentato il Sindaco Monica Chittò -. Penso che questa donazione onori nel miglior modo la sua memoria».

Il futuro di Bcc Sesto è nella maxi Bcc Milano né da parte del Comune, né da parte di Area Sud, la società che gestisce lo smaltimento rifiuti. L’unico segnale che qualcosa non quadrasse è stato l’adesivo apposto sui sacchi, che indicava ‘Giorno non consentito’. Ma nessuno si era accorto che una buona fetta del quartiere fosse stata dimenticata. Quando è esploso il caso, alcuni

residenti hanno telefonato per chiedere informazioni. Ma la risposta è stata poco incoraggiante: «Passate al deposito di Area Sud, in via Manin, per il ritiro del materiale». Ma per questo, in realtà, era stata pagata una cooperativa sestese che doveva provvedere alla campagna informativa e alla distribuzione del materiale.

Si chiamerà Bcc Milano e punterà a conquistare la leadership tra le banche locali lombarde. Si fanno sempre più concrete le indiscrezioni sul futuro della Bcc di Sesto San Giovanni che dal primo luglio sarà fusa alla sorella maggiore Bcc di Carugate e Inzago. Smentito chi pensava che quest’ultima avrebbe divorato la banca sestese. Il progetto punta a dare vita a una banca milanese che potrà contare da subito su 50 filiali, 428 dipendenti, 74mila clienti e 14.600 soci. Avrà un patrimonio di 290 milioni e impieghi per quasi 5 miliardi. Avrà da subito un indice di solidità tra i più alti.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

PUNTI A SESTO • Il pane di Christian Due - Via Monte Grappa 259 • Hair Ripoli Candida - Via Vincenzo Monti 12 • Milano senza glutine - Viale Gramsci 538 • Distributore Q8 - Via Grandi • Biblioteca civica Sesto S. G. - Via Dante • I love Shopping - Via Cesare da Sesto 134 • Palestra spazio fitness - Via Pisa 134 • Paninoteca Bass - Piazza Trento Trieste 32 • Shell - Viale dei Partigiani 83 • Bar tabacchi Maria - Viale Italia 1010 • Total Erg - Viale Fulvio Testi 196 • Palestra Fit - Galleria Dante 49 • Bonta' più - Via Picardi 4/16 • Mezzo di' - Piazza Don Mapelli 22 • Baby Bazar - Viale Marelli angolo 24 Maggio 1 • Centro sportivo il Cigno - Via Domenico Fiorani 74 • Centro Olistico - Via Marsala 69 • G&G - Via fratelli Picardi 28 • Panificio pasticceria San Mina - Via Giovanna d'Arco 176 • Buon pane di S. Giorgio - Via per Crescenzago 176 • Bar Chez Toi - Via Grandi 31 • Bar latteria Rogliano Salvatore - Via Pisa 190 • Distributore Q8 - Viale Matteotti 104 • Agip - Viale Antonio Gramsci angolo via Montenero • Spaccio dolciario Dolce Bonta' - Via Rovani 199 • Dolce Gelato - Via Rovani 291 • Bar Break Point di Lamboglia Giuseppe & C. - Via Pisacane 1 • Kebab Magdy 2 - Via Rovani 102

• Studio Foto Express - Via Roma 23 • Gina - Via fratelli Picardi 78 • Piccolo Bar - Via XX Settembre 93 • Mi-wheels - Via Rovani 6 • Splash - Via Firenze 52 • Piadina Insalatina - Piazza Don Mapelli 4 • Affare fatto - Mercatino dell'usato - Via Livorno 47/49 • Ristorante Gastone - Via Alberto Falck 15 • Ospedale di Sesto San Giovanni Istituti Clinici di Perfezionamento - Via Matteotti 83 • Parrucchiera Vanità di Genchi Donatella - Via Migliorini 22 • Palasesto - Piazza 1° Maggio • Bottega del Caffè - Via General Cantore 206 • Pasticceria artigianale Croissant D'Or - Viale Rimembranze 93 • Centro Carni Sestese - Via Boccaccio 192 • Bar Metropolis - Via Oslavia 6 • Trattoria Pizzeria Villa Gualdina - Via Ernesto Breda 196 • Edison Caffè di Rizzelli Matteo & C. - Viale Edison 71 • Vestri Dolce Risparmio - Via Montegrappa 32 • Il Forno di Arianna di Vento Arianna - Via Rovani 234 • Anna Abbigliamento - Via Don Minzoni 100 • C'era una volta il pane - Viale Casiraghi 223 • Immobiliare Stella - Via Cesare da Sesto 13 • Copy & Print di Tura De Marco Valentino - Via C. Battisti 16 • Sestocopy Snc - Via Giuseppe di Vittorio 167

• Farmacia Lamiranda - Via F. Petrarca 111 • Associazione AVIS - Via Giardini 32 • Piscina Olimpia - Via Marzabotto 179 • Ortopedia Roll Star Italia (S. R. L.) Ausili Ortopedici - Via Carlo Marx 593 • Bar 77 Sas di Maciel Dias Telma & C. - Via Saint Denis 77 • Piscina Comunale De Gregorio - Via Saint Denis 101 • Panetteria Pasticceria Enzo E Daniela Snc - Via Saint Denis 185 • Remember Bar - Viale Matteotti 168 • Bar Civico 44 - Via Padre Ravasi 44 • Mio Cafe' - Via Puricelli Guerra 14 • Farmacia Comunale - Via Saint Denis 85 • Farmacia Comunale n° 10 Marx - Via C. Marx 495 • Eurospin - Via C. Marx 495 • Il giardino dei tigli - Via Risorgimento angolo F.lli Bandiera • Tabaccheria riv. 15 di Recalcati Enrico - Via Risorgimento 39/41 • Esso di Gobbi Paolo - V.le Rimembranze angolo via F.lli Di Dio • Farmacia Padre Pio - Via Fratelli Di Dio 79 • Bar Mela Verde di Carluccio Domenico - Via Fratelli Di Dio 77 • M.D.B. sas di A. Mura & C. - Viale Rimembranze 175 • Biglietteria e tabaccheria Sergio - Via Cesare Battisti 47 • Bar Marzini - Viale Gramsci 42 • Percin Ayasofya Doner Kebab - Piazza IV Novembre 37

• Cartofollia di Brambilla Orietta - Via F.lli Bandiera 65 • Ristorante Pentola d'oro - Via F.lli Bandiera 25 • Bar Decio Snc di Agati Davide e Fontanini Matteo - Via F.lli Bandiera 8 • Bar dello Sport di Molinari Luca - Via Padre Ravasi 108 • CAF - UCI - Centro Assistenza Fiscale - Via Puricelli Guerra 21 • Lu Rong - Via Puccini 60 • Farmacia 777 - Viale Marelli 79 • Tabaccheria De Palma Margherita - Viale Marelli 22 • Bread And Coffee - Viale Marelli 138 • Marelli 79 Bar Ristorante - Viale Marelli 138 • Bar Barico di Borsa Alessio - Viale Marelli 79 • Farmacia Giannice snc - Viale Matteotti 382 • Paradise Cafe' - Via Corridoni 159 • Cartoleria il Pellicano - Viale Matteotti 302 • Star Flex fabbrica materassi - Via Carducci 221 • Dolci - Sapori di Sicilia - Via La Fratta 46 • Non solo pane - Via Cavallotti 127 • Bar tabacchi True Blood - Via Cavallotti 297 • L'isola dei bimbi - Via Cavallotti 242 • Torti Pasticceria - Via XX Settembre 45 • Bar Farina - Via Oslavia 29 • Sesto Fitness - Via Po 26 • Il Forno Di Penati - Via Rovani 143 • Ambrostore - Via Carducci ang. via S. Francesco D'Assisi • La Nostra Casa - Via Di Vittorio 43 ang. Via dei Partigiani • D & B Cars carrozzeria -Via Pisa 198


8

Sesto San Giovanni | 9 febbraio 2017 POLITICA :: CAPONI E SESTO NEL CUORE APRONO LA CAMPAGNA ELETTORALE E SFIDANO IL PD

«Il polo civico è pronto a governare» Coalizione con Cittadini di Sesto e i giovani studenti di Sestoqua di Niccolò Villa L’unione fa la forza, anche quando si tratta di politica, anche quando si sta per affrontare una campagna elettorale per altro già accesa, nei toni e negli annunci. Sesto nel Cuore, lista civica che 5 anni fa ‘rubò’ consensi ai partiti tradizionali e riuscì a fare il suo ingresso in consiglio comunale come uno degli interlocutori più forti dell’opposizione, rilancia: continuare la sfida per puntare al governo della città di Sesto San Giovanni coinvolgendo altre forze ‘nate dal basso’. Così è nato il ‘polo civico’ che rinnova la sfida ai partiti e che mira a raggiungere il ballottaggio. La coalizione, che lega Sesto nel Cuore, Cittadini di Sesto (civica creata da Alessandra Aiosa) e Sestoqua (formazione di giovani, studenti e lavoratori, tra cui spunta anche l’ex grillino Matteo Cremonesi), si è presentata al pubblico mercoledì sera, aprendo di fatto la campagna elettorale verso le amministrative. Gianpaolo Caponi è stato acclamato nuovamente leader di questo movimento. A lui abbiamo chiesto di raccontare i passi che hanno portato a questa nuova ‘discesa in campo’. Caponi, partiamo da un bilancio dei cinque anni di Sesto nel Cuore.

IL CASO ::

RICHIAMO DA

«In consiglio comunale abbiamo riscontrato una mancanza di idee e soluzioni ai problemi che si vedono camminando per le strade della città. Abbiamo sempre fatto un’opposizione ferma ma propositiva, riuscendo a raggiungere obiettivi concreti. Per esempio abbiamo smascherato il bilancio falso delle Farmacie Comunali e promosso l’apertura della Casa del Volontariato o ancora creato i gruppi Whatsapp per la sicurezza. Molte proposte sono state rigettate solo perché venivano da noi. Un peccato». Ora rilanciate la sfida. Da dove è nata l’idea del polo civico? «Insieme ai Cittadini di Sesto di Alessandra Aiosa, vorremmo restituire la città ai cittadini che invece non hanno più fiducia nelle istituzioni. Il polo civico nasce quindi dalla voglia di creare un raggruppamento sociale, capace di risolvere in modo concreto i problemi del nostro territorio, riportando nei sestesi il desiderio di impegnarsi nuovamente per il bene della collettività». Cosa guiderà la vostra campagna elettorale? «Per disegnare il programma abbiamo preso spunto dagli incontri con i cittadini

72 CENTESIMI DI EURO

Se la cartella esattoriale costa più delle tasse Di Stefano: «Raschiano il fondo del barile ma hanno accumulato milioni di debiti»

Una cartella esattoriale da 72 centesimi. È il debito residuo della tassa dei rifiuti, relativa all’anno 2012, che si è vista contestare una sestese attraverso l’arrivo della famigerata missiva di Equitalia. La cittadina, nei giorni scorsi,

si è vista recapitare dall’ufficio tributi del Comune, tramite Equitalia, il richiamo da ben 72 centesimi. «Per anni sono stati accumulati debiti che nessuno ha controllato, soprattutto per quanto riguarda i mancati introiti dagli affitti

delle case comunali e dal pagamento della tassa rifiuti, che vede percentuali di evasioni sempre alte ha commentato Roberto Di Stefano, capogruppo e candidato sindaco di Forza Italia -. Non è ammissibile che si recapitino cartelle di questo genere. A meno che il Comune non stia raschiando il fondo del barile». Di Stefano ha protocollato un’interrogazione, indirizzata al sindaco Monica Chittò, per richiedere l’ammontare del credito totale dell’ente nei confronti di cittadini che, a oggi, non hanno pagato le tasse e sui quali pendono cartelle di riscossione, che sono state trasmesse ad agenzie di recupero crediti. Viola Bai

fatti in questi 5 anni. Noi abbiamo dialogato coi sestesi, nelle piazze e non solo; i partiti no. Punti centrali del programma saranno le proposte per risolvere i problemi del degrado urbano, ridare sicurezza e tranquillità ai residenti e innovare riportando la città dove le compete. Amiamo Sesto San Giovanni ed è un dispiacere vederla così in difficoltà» I movimenti civici hanno una marcia in più rispetto ai partiti? «Sì. Riportano un senso di comunità ormai perso, rimettono l’individuo e le

piccole e medie aziende locali al centro della città». Si considera un outsider rispetto agli altri candidati? «E’ nostra convinzione che saremo in tre a competere per la vittoria in queste prossime elezioni amministrative. Noi siamo la sintesi di quel civismo, ultimamente anche da altri evocato, che siamo riusciti a costruire elettoralmente alla scorse elezioni con un ottimo consenso allargandolo in questi anni tra i cittadini, coinvolgendo persone portatrici di valori aggiuntivi e competenze».


Sesto San Giovanni

9 febbraio 2017

|

9

BILANCIO :: AUMENTANO TUTTE LE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE ANCHE GRAZIE AI VIGILI DI QUARTIERE

Polizia locale Un anno di primati Tornano a crescere gli incidenti, ma senza morti di Laura Lana

Cronaca

Pirata della strada per 24 ore E’ durata meno di 24 ore la fuga di un pirata della strada che mercoledì della scorsa settimana aveva provocato un incidente nel quale era rimasto ferito un motociclista. L’uomo, di 52 anni, residente a Reggio Emilia ma a Sesto in trasferta per lavoro, non aveva dato la precedenza al motociclista lungo via Giovanna D’Arco, provocandone una rovinosa caduta. Era fuggito, ma alcuni testimoni avevano memorizzato modello e targa dell’auto. La sua Fiat Punto apparteneva alla ditta emiliana che ha fornito alla polizia di Sesto tutte le indicazioni per fermarlo. Sull’auto c’erano ancora i segni dell’incidente. Dovrà rispondere della violazione del Codice della Strada e di omissione di soccorso.

Il 2016 è stato l’anno della riorganizzazione per il corpo della polizia locale con l’introduzione dei ‘security point’ e dei servizi a piedi e in coppia dei vigili nei quartieri. Una attività che ha dato da subito un bilancio positivo, secondo il comandante Pietro Curcio, che per il 2017 vede come obiettivo «il consolidamento di questi dati, per offrire ai cittadini una presenza più vicina e costante». I servizi di controllo del territorio effettuati nei quartieri sono aumentati del 25 per cento, passando dai 1.721 del 2015 ai 2.148 del 2016. In aumento anche i servizi di pronto intervento (più 14,7 per cento) e le persone identificate e controllate (più 21,9 per cento). Positivo anche il dato de servizi coordinati con le altre forze dell’ordine (più 3,8 per cento) e i controlli a seguito di

esposti e segnalazioni dei cittadini (più 8,7 per cento). «Il metodo dei security point, secondo il quale gli agenti posteggiano il veicolo di servizio e poi effettuano un controllo a piedi della zona circostante - ha ricordato Curcio - risulta essere efficace, permettendo di raccogliere un maggior numero di segnalazioni e aumentando gli interventi. Le risorse sono utilizzate in maniera più efficiente, consentendo di aumentare il numero di servizi di pronto intervento e i controlli su commercio e in materie ambientali, per salvaguardare la salute dei cittadini e la libertà di impresa dei commercianti onesti». Anche il 2016, come il 2015, ha visto l’assenza di incidenti mortali sulle strade di Sesto. Tuttavia, i sinistri sono aumentati dell’8,3 per cento, così come sono in incremento del 4,6 per cento le violazioni accertate e i controlli dei veicoli inquinanti (più 23,9

per cento). Le infrazioni al codice della strada sono state 42.597, per un importo complessivo incassabile di 2.353.958,98 euro. Tra gli automobilisti sono stati decurtati 5.765 punti dalle patenti in seguito a violazioni. Viale Italia si conferma di gran lunga la strada più pericolosa con 76 incidenti registrati lo scorso anno, seguito da viale Casiraghi con 39 e viale Marelli con 37 sinistri. Numero record di verbali effettuati ai padroni incivili, che non hanno raccolto le deiezioni canine nei parchi pubblici o sulle strade cittadine: sono stati ben 100. Questo servizio vede impegnati gli agenti anche insieme alle guardie ecologiche volontarie del Parco della Media Valle del Lambro. Per il futuro, si sta lavorando per partecipare a un nuovo bando di Regione Lombardia per incrementare il sistema di videosorveglianza e la strumentazione in dotazione ai vigili.


10

Cinisello Balsamo | 9 febbraio 2017 URBANISTICA :: FIRMATO IL PROGRAMMA CON REGIONE PER LE OPERE ATTORNO ALL’AREA AUCHAN

Bettola-M1, c’è l’accordo sul parcheggio Entro l’estate via ai lavori sul centro commerciale di Andrea Guerra Le indagini dei magistrati di Monza sul Pgt di Cinisello Balsamo proseguono, così come prosegue l’iter urbanistico del Pii Bettola, il più importante progetto cinisellese, quello che prevede l’ingrandimento del centro commerciale Auchan, su cui si sono posate le lenti dei pm. La scorsa settimana infatti è stato sottoscritto dal Comune l’Accordo di Programma con Regione Lombardia e gli operatori privati finalizzato alla realizzazione del parcheggio di interscambio a servizio del nuovo capolinea della

NOVITÀ ::

M1 Cinisello-Monza e alla trasformazione e riqualificazione urbanistica dell’area. «Con un investimento di circa 31 milioni di euro gli operatori privati realizzeranno un parcheggio di interscambio a servizio del capolinea M1 e, in prospettiva della futura stazione della M5, con circa 2.500 posti auto», ha commentato la Trezzi. Rientrano nell’accordo anche la costruzione di ciclabili, la trasformazione della viabilità (compresa una nuova strada di collegamento con Monza) e numerose altre opere.

INVESTIMENTO DI

«Questo accordo rappresenta un ulteriore passo verso la definizione del complessivo intervento della variante al Piano - ha aggiunto il sindaco -. Una tappa importante per lo sviluppo della rete dei trasporti e viabilistica per Cinisello Balsamo e tutta l’area metropolitana». Ora l’operatore dovrà ripresentare il progetto che passerà ancora dal vaglio degli uff ici comunali. Secondo l’assessore all’Urbanistica Cabras, i lavori dovrebbero partire entro l’estate e dovrebbero durare 2 anni.

3 MILIONI DI EURO DA PARTE DI ATM

Linea 31, in arrivo i semafori intelligenti

Polemiche

M5S all’attacco «Firma assurda» Secondo il Movimento 5 Stelle di Cinisello, la firma dell’Accordo di programma sul Pii Bettola sarebbe un «azzardo assurdo e pericoloso». Ha usato proprio queste parole Giancarlo Dalla Costa, portavoce dei grillini cinisellesi. «Una firma assurda perché arriva nel pieno delle indagini della magistratura di Monza: l’amministrazione ancora una volta spinge su un progetto che è all’attenzione dei giudici. Per altro i magistrati hanno voluto ascoltare anche i funzionari e i tecnici comunali. Questo la dice lunga sullo stato delle indagini e sulla profondità dell’inchiesta. Se l’inchiesta dovesse portare a galla qualche illecito allora la firma di questi giorni, in questo momento storico, apparirà ancor più assurda», aggiunge Dalla Costa.

Il nuovo Piano di esercizio per i mezzi di Atm del 2017 prevede la ristrutturazione di alcune fermate ma anche gli interventi di ‘preferenziazione semaforica’ a favore del passaggio dei tram. Nei piani di Atm ci sarebbe anche la 31, la linea che parte dal centro storico di Cinisello e conduce fino alla fermata Bicocca M5. L’investimento è di 3 milioni di euro (non solo per la 31 ma per tutte le linee coinvolte) e verrà perfezionato anche il sistema di comunicazione fra centrale operativa Atm e centrale di controllo del traffico.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE

Se vuoi ospitare un punto PUNTI A distribuzione CINISELLO de Il Gazzettino telefonaci allo

02.83.41.32.90

GRATUITA

ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

• Oil one - Via San Denis 1 • Pasticceria Pan Bar Andrea - Via XX Settembre • Sala Assicurazioni - Piazza Gramsci 31 • Tabaccheria De' Tre Pozzi - Piazza Costa 43 • Pasticceria Costa - Piazza Costa 20 • Bar Gelateria Crema & Cioccolato - Via Frova 34 • Panificio Colombo - Via Libertà 13 • Caffè I Portici - Piazza Gramsci 19 • Bar Dolce Amaro - Piazza Gramsci 58/A • Colors Solarium Estetica Tatoo - Via Dante 40 • Independent Smoke - Via Garibaldi 79 • Parrucchiera Nadia e Lorena - Via Baracca 11 • Nuovo Mercatino - Viale Matteotti 27 • Studio Musto Caf e Amministrazioni condominiali - Via Monte Santo 3/5 • Bar Milanino - Via I° Maggio, 25 • Think Independent per la tua casa - Via Liberta' 68 ang. Via Dante • Sara Assicurazioni - Via Aurora 9 • Tigella Bella - Via Manzoni 42 • Bar Tabacchi Ribot - Via Risorgimento 6 • Bar Garibaldi - Via Garibaldi 39 • Bar Tabacchi - Via Garibaldi 20 • Colo's Cafè - Via XXV Aprile 20 • Bottega del Gelato - Via XXV Aprile 38

• Da Vito - Via Risorgimento 90 • Nuovo Forno sas - Via Risorgimento 6 • Farmacia Risorgimento - Via Risorgimento 90 • Bar Marilyn - Via Risorgimento 51 • Automobile Club D'Italia - Via Appiani 2 angolo Via Risorgimento • Farmacia - Via Libertà 71 • Bar Gioia sas - Via Libertà 45 • Panificio Colombo - Via Libertà 13 • Tropical Cafe' - Via Libertà 86 • Il Caffè della Piazza - Piazza Gramsci 42 • Nevada snc - Via Frova 24 • 45 Studio Arch. Daniele Digiuni - Via Frova 5 • Cooperativa la Nostra Casa - Via Garibaldi 21 • RM Gomme - Via Abramo Lincoln 129 • AMF Farmacia Comunale 4 - Via Gran Sasso 30 • Planet Bar Pizzeria - Via Gran Sasso 21 • AMF Farmacia Comunale 3 - Via Guglielmo Marconi 121 • Bar Tre Stelle - Via per Robecco 94 • Airone 2 Bar e Caffe - Viale Fulvio Testi 140 • Cafè Carducci Virzi Salvatore - Via Carducci 2 • Bar Freddi - Via Beato Carino 5 • Centro Ortopedico Rinascita - Via Lincoln 1 • Grantaglio - Via Colleoni 12 • La bottega del vino - Enoteca - Via per Bresso 236


Cinisello Balsamo

Notizie FLASH Incidente: muore 30enne

:: Una ragazza di 30 anni re-

::

Il Gruppo Cap offre un contributo sulla bolletta dell’acqua. Il bonus prevede uno sconto di importo minimo di 50 euro da destinare ai cittadini e alle famiglie in difficoltà. Al Comune di Cinisello Balsamo è stata riservata una cifra pari a 80mila euro. Per info: 02.66023381.

Agriconnessi Tavoli a tema

:: Il progetto Agriconnessi fa un passo avanti. Gli enti coinvolti (Comune di Cinisello Balsamo, Parco del Grugnotorto Villoresi e Parco Nord Milano) hanno lavorato all’individuazione di possibili sviluppi e per le aree agricole o libere da edificazione. «A completamento del lavoro dei tecnici, è stato pensato un processo partecipativo articolato in tre tavoli tematici, gli incontri prenderanno il via a partire dal 16 febbraio 2017 presso la sede di Legambiente in via Cilea angolo via Giolitti», spiegano i responsabili del progetto. Agriconnessi intende rafforzare la connessione tra il Parco del Grugnotorto e il Parco Nord realizzando aree verdi e agricole entro i confini di Cinisello Balsamo. Andrea Guerra

| 11

MOBILITÀ :: COMUNE E CITTÀ METROPOLITANA CHIEDONO INTERVENTO REGIONALE

«Salvate gli autobus Z» Linee prorogate fino a fine mese I pendolari temono i tagli

sidente a Cinisello è morta in un incidente stradale avvenuto nei giorni scorsi sul raccordo della A1 a Milano, nei pressi di Rogoredo. Tiziana Mangano era alla guida della sua Fiat 500 che si è poi andata a schiantare contro il guard rail (probabilmente ha perso il controllo del mezzo). E’ stata trasportata d’urgenza al pronto soccorso con l’elicottero, ma i medici non sono riusciti a salvarla.

Contributo del Cap

9 febbraio 2017

Prima il Comune, poi la Città Metropolitana: tutti contro i tagli alle linee di trasporto pubblico Z225 e Z227. Il consiglio comunale di Cinisello Balsamo e la Conferenza metropolitana dei sindaci hanno votato due mozioni che si assomigliano molto e che in pratica chiedono un impegno politico, alla giunta cinisellese, a quella meneghina e al sindaco metropolitano Sala, ad avviare un confronto con la Regione per scongiurare qualsiasi taglio al trasporto pubblico locale e ad attivarsi affinché il Governo riassegni risorse e finanziamenti statali funzionali

CRONACA ::

allo svolgimento dei servizi di trasporto pubblico locale metropolitano. «Il tema del trasporto pubblico locale rappresenta la chiave di volta per la gestione metropolitana di problemi come l’inquinamento e la mobilità che sono, per loro natura, di area vasta. La Città Metropolitana è dunque il luogo dove affrontare, discutere e decidere su questi problemi, cercando una soluzione condivisa con tutti i Comuni del territorio. Non solo non possiamo più tagliare ma bisogna aumentare in maniera consistente i finanziamenti al trasporto pubblico locale»,

DUE ARRESTI

Ricatti online In manette due truffatori Ricattavano uomini che rispondevano agli annunci pubblicati su un sito internet, chiedendo loro denaro e minacciandoli di avvisare moglie o fidanzata. Con questo meccanismo due cinisellesi hanno raccolto un bel bottino: in un anno i malviventi hanno raggranellato oltre 50mila euro che venivano però utilizzati per acquistare droga, soprattutto cocaina. Le indagini sono iniziate a seguito della denuncia di un 18enne di Milano ad agosto 2016; il ragazzo si è rivolto alla polizia molto spaventato per il ricatto subìto. I due truffatori sono finiti in manette: si tratta di una donna di 28 anni e di un uomo di 29 anni che vivevano insieme a Cinisello.

ha detto il vice sindaco metropolitano, Arianna Censi, commentando il voto della Conferenza dei sindaci. «Quello votato oggi è un atto di indirizzo politico molto importante, poiché si chiede di permettere all’Agenzia per il Tpl metropolitano di avere il tempo necessario a elaborare proposte coerenti e ragionate di riorganizzazione del trasporto pubblico locale senza fare tagli indiscriminati», ha aggiunto Siria Trezzi, sindaco di Cinisello e consigliere delegato alla Mobilità di Città Metropolitana. Dopo l’annuncio dei tagli, voluto dalla provincia di Monza, era stato raggiunto un accordo che proroga il funzionamento degli autobus in questione fino al 28 febbraio. Ora i pendolari attendono nuove risposte. Da più parti c’è ottimismo: circolano voci di un possibile salvataggio di entrambe le linee che dalla Brianza portano a Sesto San Giovanni.


Cinisello Balsamo 12 | 9 febbraio 2017 POLITICA :: MOZIONE DEL CONSIGLIERE DI LOMBARDIA POPOLARE

Accoglienza migranti «Serve più chiarezza» sollevato le solite polemiche che in realtà nascono dal fraintendimento della parola ‘volontariato’. In ogni L’arrivo dei richiedenti asilo sul caso, proprio per evitare polemiche territorio ha sempre fatto discutere, e per fare in modo che le iniziative politici e cittadini. E allo stesso per i migranti siano messe a sistema, modo le iniziative messe in atto per il consiglio comunale ha votato una cercare di integrare i migranti, o di mozione urgente presentata dal conoccupargli le giornate, hanno spesso sigliere Riccardo Visentin. lo stesso effetto. Si veda il nuovo Il documento chiede alla giunta di ‘bando’ varato dall’amministrazione mettere in atto azioni che facilitino per far fare attività di volontariato l’incontro tra gli enti gestori delle ai profughi che risiedono in città: strutture denominate Cas (Centro un avviso pubblico rivolto ad as- Accoglienza Straordinaria) e il sociazioni, gruppi di volontariato consiglio comunale, al f ine di e società sportive, perché ‘sfruttino’ accrescere la conoscenza e l’approla forza lavoro dei giovani stranieri fondimento delle tematiche connesse a Cinisello. Una proposta che ha all’accoglienza delle persone richiedenti di Niccolò Villa

asilo, secondo tempi e modalità da concordare. Ma anche di relazionare al consiglio comunale, con cadenza almeno semestrale, in merito all’andamento dei progetti di accoglienza territoriali. «Molto spesso un’informazione non completa suscita legittime richieste di chiarezza da parte dei cittadini, sulle azioni intraprese dai Comuni», spiega Visentin, portavoce di Lombardia Popolare. «Ritengo che questa sia l’unica strada percorribile, ovvero quella di approfondire il tema dell’immigrazione, piuttosto che agire per pregiudizi a causa della scarsa informazione», chiosa il consigliere.

Il cardinale Scola a San Martino E si attende papa Francesco Ha risposto alle domande che gli sono state poste dai portavoce del consiglio pastorale decanale, indicando ‘la via’ che dovrà seguire la chiesa locale nel futuro. Il cardinale Angelo Scola, Arcivescovo di Milano, ha incontrato il decanato di Cinisello: il Cardinale (ormai prossimo all’addio alla guida della Diocesi meneghina), dopo una cena con i sacerdoti e le religiose della città, ha dialogato con tutti i fedeli nella chiesa di San Martino, in Balsamo. Intanto nelle parrocchie proseguono le iniziative per organizzare la partecipazione alla visita pastorale di papa Francesco a Milano e Monza.

Ghisa come maestri negli asili per ‘spiegare’ la sicurezza stradale Agenti a scuola, non per i ‘soliti’ controlli ma per fare gli insegnanti. La polizia locale di Cinisello Balsamo torna in aula per le lezioni sulla sicurezza stradale. L’iniziativa si inserisce nel contesto delle politiche di prevenzione e di educazione delle giovani generazioni e ha come finalità l’acquisizione da parte dei bambini di atteggiamenti corretti e rispettosi delle regole della circolazione sulla strada. Questa volta i ghisa del comando di via Gozzano vestiranno i panni dei maestri nelle scuole dell’infanzia. In ogni classe si terranno 3 incontri.

Centro di aiuto alla vita in festa Primule per sostenere i progetti Domenica scorsa, Cinisello ha festeggiato la Giornata nazionale per la vita con il Centro di Aiuto alla Vita. Il Cav ha organizzato i banchetti per la vendita di primule, sul sagrato di tutte le chiese della città, all’ospedale Bassini e anche nella piazza della chiesa sestese Resurrezione di Gesù, in via Pisa. Il centro offre supporto alle madri in difficoltà, in gravidanza o con figli da 0 a 2 anni, con donazioni di prodotti per la prima infanzia. Ha da pochi mesi trasferito la sua sede, da via Gramsci a via Trieste, e ha festeggiato a dicembre i primi quindici anni di attività.


PubblicitĂ

9 febbraio 2017

|

13


14 |

Bresso

9 febbraio 2017

SICUREZZA ::

IL COMANDANTE BRUNATI GIUDICA POSITIVO IL BILANCIO DELLA POLIZIA LOCALE

L’elettronica tiene a bada le strade Gli autovelox e i sistemi digitali migliorano i controlli sui trasgressori di Gaia Caracciolo Un anno decisamente positivo il 2016, almeno sulle strade di Bresso. I dati della polizia locale raccontano di una sostanziale inversione di tendenza rispetto all’anno precedente: nonostante l’aumento di infrazioni come il divieto di sosta o la mancanza di copertura assicurativa, scende ancora il numero degli incidenti, dimezzati negli ultimi 5 anni, e delle sanzioni per guida pericolosa. «In questo ultimo periodo sono aumentate le infrazioni che causano allarme sociale, come la guida senza patente o la mancanza di revisione e assicurazione, ma lo stile di guida dei cittadini è sicuramente migliorato», ha commentato il comandante Riccardo Brunati. Le ‘multe’ per eccesso di velocità sono passate dalle 10.664 del 2015 alle 8.613 del 2016, le infrazioni per guida in stato di ebbrezza si sono ridotte da 4 a 2, così come gli incidenti da 98 a 83. Molte infrazioni sono state scoperte grazie al sistema elettronico di rilevazione montato sulla pattuglia ‘Renault’ entrata in funzione a inizio 2016. «L’impianto è dotato di una

telecamera che riprende le targhe ed è in grado di analizzare in tempo reale i dati di revisioni, assicurazioni e furti. Ci permette di svolgere lo stesso lavoro di stazioni che hanno il doppio dei nostri agenti». Le sanzioni per mancata revisione quest’anno sono state 436, mentre l’anno prima 78. Sostanzialmente simile invece il numero delle auto senza copertura assicurativa e sequestrate: 85 nel 2015 e 87 nel 2016. Anche la guida senza patente si attesta su livelli simili, 35 e 33, a cui però si aggiungono alcune sanzioni sulle patenti straniere. Il dato più elevato è sicuramente quello delle soste durante la pulizia delle strade, che sono passate dalle 1.742 del 2015 alle 2.957 dell’anno scorso, così come quelle della sosta in luoghi vietati, tra cui marciapiedi e attraversamenti pedonali, aumentate da 1.252 a 1.519. Sono molto composite le sanzioni emesse dalla polizia locale: non solo divieti di sosta e velocità, ma anche l’analisi dei veicoli che circolano pur essendo sottoposti a

Divieto di sosta durante la pulizia stradale

2015

2016

1.742

2.957

Auto senza revisione

78

436

Auto senza assicurazione

85

87

10.664

8.613

35

33

Eccesso di velocità Guida senza patente/sospesa/scaduta fermo o sequestro (aumentati da 2 a 6), controlli sul commercio e sui rifiuti. «Il bilancio è sicuramente positivo, perché siamo passati da 16.130 sanzioni totali a 16.069, per un valore di circa 60.000 euro in meno», ha concluso Brunati.

In casa coltivava e vendeva droga Arrestato commerciante di Bresso

Nuovo pirata della strada Si cerca un’auto scura Un nuovo pirata della strada a Bresso nella serata dello scorso martedì 31 gennaio. Lo scontro, che fortunatamente non ha avuto conseguenze fisiche gravi per le persone coinvolte, è avvenuto all’incrocio tra via Vittorio Veneto e via Cadorna. Un’auto scura, poco dopo le 20, ha tagliato la strada a una Golf, fuggendo poi dal luogo dello scontro. Nonostante ciò, alcuni testimoni sono riusciti a leggere parte della targa. Ora si leggono diversi appelli sui social per trovare il responsabile dello scontro, che ha provocato spavento e danni.

DATI a CONFRONTO

Un altro caso di droga sul territorio bressese si è verificato nei giorni scorsi. Grazie agli attenti controlli dei carabinieri, uno spacciatore di sostanze stupefacenti è stato controllato e arrestato dai militari di Bresso e della compagnia di Sesto San Giovanni. L’uomo, un quarantacinquenne incensurato noto in città come commerciante, ha ricevuto una visita dei carabinieri nella propria abitazione. Ai militari era giunta segnalazione di movimenti strani davanti al condominio. Nel controllo sono state trovare 7 buste di marijuana, alcuni grammi di hascisc e 8 piantine di cannabis, oltre ad alcuni contanti probabilmente provenienti dall’attività illegale. L’uomo è stato dunque arrestato con l’accusa di detenzione di droga a scopo di spaccio.

CANTIERE TRANVIA NUOVI LAVORI Ancora disagi in via Veneto Tra i progetti futuri per Bresso, quello della metrotranvia sembra il più atteso, sicuramente quello che sta creando più problemi e delusioni a causa dei suoi ritardi. I lavori preliminari stanno proseguendo sulle strade cittadine, non senza disagi. L’impegno incrociato di diverse imprese al lavoro ha permesso di aprire in anticipo via Carolina Romani, mentre continuano i rifacimenti degli impianti di telecomunicazione con la fibra ottica. Fino al 20 febbraio alcune zone saranno interessate da lavori sotterranei con tecniche di ‘microtunnelling’ che non creeranno disagi al traffico, mentre in altre zone saranno realizzati sensi unici alternati, che comunque non limiteranno il transito in via Veneto. Dal 6 febbraio inoltre sono partiti i cantieri per la posa dei tubi del gas, che proseguiranno per quindici giorni. In questo caso, via Veneto resterà chiusa all’intersezione con via Papa Giovanni e Don Gnocchi: quest’ultima sarà percorribile solo per i residenti, mentre Papa Giovanni sarà chiusa in direzione Milano e Cusano Milanino.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

Se vuoi ospitare un punto distribuzione de Il Gazzettino telefonaci allo

02.83.41.32.90

PUNTI A BRESSO

• Pescheria Catanese - Via Roma 55 • Piscina Paolo Foglia - Via Luigi Strada • Cafe' Portici - Via XXV Aprile 41 • Lavanderia Non Solo Bolle - Via Marconi 24 (c/o City Center) • Antigua Caffe' - Via A. Villa 10 • Bar Madama cafe' di Roda snc - Via dalla Chiesa 1 angolo V. Veneto • Fioraio Signorelli - Via Cavour 7 • Panificio pasticceria caffetteria Mana - Via Vittorio Veneto 24 • Bar pizzeria Eden - Via Centurelli 18/a • Lav@sciuga - Via Manzoni 17

• Il pane per tradizione - Via Manzoni 19 • Aquiloni Park - Parco giochi al coperto - Via Carolina Romani, 1 • Fratelli Li - La fabbrica dei sapori - Via Vittorio Veneto,109 • Panificio Villoresi di Turturro Francesco - Via Villoresi • Panetteria Mariani - Via De Amicis 8 • Associazione Funny Time - Via Marconi 44 • Supercarni - Via Roma 16 (Fronte Comune) • Il Tabaccaio di Bisi Luigi - Via Papa Giovanni XXIII, 14 • Wang bar ristorante italo cinese - Via Ambrogio Strada, 56 • Lavanderia Dacor - Via L. Da Vinci, 21


Bresso

POLITICA :: IL DOCUMENTO PREVEDE LA RIDUZIONE DEI RESIDENTI

Approvato il nuovo Pgt per una città più verde Piani commerciali per le aree Villa e Mariani di Gaia Caracciolo Una Bresso più verde, più attrattiva e commerciale, con nuove strutture di vendita, collegamenti ciclabili tra i parchi e una minore capacità residenziale. Questa è la città che emerge almeno nei desideri e nelle intenzioni del nuovo Piano di governo del territorio e del Piano di urbanistica commerciale, def initivamente approvati dal consiglio comunale lo scorso 31 gennaio. Un tema chiave per il cambiamento sarà l’aumento degli spazi verdi per abitante: si passerà dai 29,6 metri quadrati pro capite a 32,7. Per rendere Bresso sempre più connessa al Parco Nord inoltre, verranno introdotte nuove piste ciclabili e collegamenti tra i parchi cittadini. L’aumento del verde diminuirà anche la capacità residenziale: il Pgt del 2008 prevedeva 28.000 abitanti; ora il tetto è di 26.791, un cambiamento radicale per la cittadina del Nordmilano che negli anni ‘80 era nota per essere la più densamente popolata d’Italia, pari a Napoli. «Pensiamo di rideterminare la destinazione di alcune zone cittadine,

9 febbraio 2017

| 15

Adottare un’aiuola o un’area verde Al via il bando del Comune Le aree verdi diventano sempre più importanti per Bresso, tanto che il Comune ha aperto un bando che permette ai bressesi di adottare e prendersi cura di alcuni parchetti cittadini. Le aree adottabili, da singoli, aziende o condomini, sono in via Toselli, via Piave, via San Francesco, via Don Minzoni, via Corridoni, via Bologna, via Patellani e via Allende. L’adozione durerà due anni e, in caso di più proposte per la stessa zona, verrà favorito chi avrà un progetto più interessante. Le domande dovranno pervenire agli uffici comunali entro il 28 febbraio 2017.

Nozioni di primo soccorso con la Croce Rossa di Bresso Nuovo corso dal comitato locale bressese della Croce Rossa. Negli incontri di febbraio e marzo i partecipanti potranno apprendere le basi del primo soccorso. L’appuntamento è il mercoledì e il venerdì, dal 22 febbraio al 13 marzo, nella sede di via Allende 15. Per informazioni e prenotazioni del corso, del costo di 36 euro, si può contattare lo 02.6107368. Fino all’11 febbraio inoltre, i membri dei comitati potranno iscriversi al corso per Specialisti in telecomunicazioni che si terrà da marzo al Centro formativo nazionale di via Clerici. Informazioni all’indirizzo segreteriacorsi.bresso@cri.it.

per migliorare l’urbanistica, con grande attenzione alle aree commerciali», ha commentato il sindaco Ugo Vecchiarelli. Una grossa novità viene proprio dal settore del commercio: le due aree ex Mariani di via Bologna e la ex fonderia Villa di fianco al Gigante verranno riqualificate. Nel tanto criticato buco tra via Veneto e via Papa Giovanni, dei 5.500mq edificabili, 1.880 verranno destinati al commercio di vicinato e 3.500 a tre strutture di media distribuzione; 150 mq andranno invece alla farmacia

4, del quartiere Papa Giovanni. La vocazione di commercio di vicinato verrà mantenuta anche nella zona di via Bologna, con 800mq di attività di vendita e 3.000 di palazzine, oltre che spazi pedonali. Alla base del progetto resta il principio dell’invarianza idraulica, che impedisce di modificare l’equilibrio e la portata dell’acqua nel sottosuolo. «Le strutture previste hanno un terzo dei volumi precedenti: il progetto agisce in direzione di un minor consumo del suolo», ha concluso il primo cittadino.

Questa casa non è un albergo Un incontro per genitori Un incontro in Comune per educare e aiutare i genitori alle prese con i figli adolescenti. Il prossimo sabato 25 febbraio gli psicologi psicoterapeuti Hermes Piacentini e Francesca Tasselli dialogheranno con i cittadini su questo tema complicato. L’incontro si terrà nella Sala del consiglio comunale di via Roma alle 16. L’obiettivo del convegno è di riflettere insieme sui rapporti difficili che spesso si innescano tra genitori e figli soprattutto ora che ci si confronta con mondi diversi, quello digitale e quello reale.


16 |

9 febbraio 2017

PubblicitĂ


Cusano Milanino

9 febbraio 2017

POLITICA :: OPERATIVA LA NUOVA ORGANIZZAZIONE DEI DIPENDENTI

Rivoluzione burocratica Il Comune cambia pelle

Gaiani conferma la rinuncia ai dirigenti di Nicolò Gelao Dall’inizio di questo mese a Cusano Milanino è entrata ufficialmente in vigore la riorganizzazione degli uffici comunali voluta da Lorenzo Gaiani, il sindaco della Città Giardino. Una scelta dettata dalla necessità di tagliare costi e ridurre le inefficienze, ma obbligata, probabilmente, anche dalla necessità di superare alcune criticità che sono emerse nel corso dei primi due anni di mandato della Giunta Gaiani. Una rivoluzione che cambia poco o nulla in fatto di suddivisione dei settori, ma che a dire del sindaco influirà sul funzionamento dei singoli servizi. E’ stata confermata dal primo cittadino la volontà di rinunciare ai dirigenti, già assunta lo scorso anno con un risparmio di circa 200mila euro sul bilancio 2017. Dunque sono stati chiamati ad assumere responsabilità di gestione i funzionari messi a capo dei 7 settori in cui, a partire da febbraio, si articolerà la struttura comunale. Cambiano alcuni nomi, soprattutto a causa dell’uscita di scena di funzionari che hanno chiesto di trasferirsi in altri enti. La vera grande novità di questa riorganizzazione comunale

è l’introduzione del settore dei Servizi al cittadino, che comprenderà al suo interno i servizi demografici, l’Urp, i messi e la portineria, il protocollo e l’archivio. A capo di questo insieme di servizi è stata scelta Francesca Spreggiaro. Al Bilancio è stata inserita Paola Bruzzone (in arrivo dal settore Tributi), in quanto la precedente funzionaria si è trasferita ad altro Comune; il Personale, settore delicato, non è più diretto dal comandante della polizia locale Ezio Villa, ma affidato a Simona Pulici, che viene dai Servizi sociali; questi ultimi sono stati invece accorpati a Cultura e Sport e aff idati a Maristella Ruggeri; al settore Pianificazione territoriale è stato confermato Carmine Natale; al Territorio, invece, c’è Marco Iachelini; Ezio Villa è confermato al settore Polizia locale. A tutti i nuovi responsabili spetterà quindi il compito di coordinare l’attività dei dipendenti della rispettive aree, in modo da poter garantire una migliore qualità dei servizi ai cittadini. La funzione di coordinamento generale della struttura tecnica della macchina comunale è stata invece assegnata

al segretario generale, l’avvocato Nicola Sorgente, arrivato dopo l’uscita di scena di due segretari comunali che lo hanno preceduto negli ultimi due anni. «Questa è la struttura definitiva del Comune di Cusano Milanino», ha tenuto a precisare il sindaco Gaiani, che ha poi spiegato le motivazioni di questa seconda riorganizzazione arrivata a un anno esatto dai primi provvedimenti: «Era necessario puntualizzare le responsabilità di ognuno e imprimere una struttura più efficace ed efficiente alla macchina comunale. Noi riteniamo che questa riorganizzazione possa essere più snella, più capace di eseguire le indicazioni che arrivano dal livello politico e anche più capace di dare una risposta concreta ai bisogni espressi dai cittadini». Dall’opposizione il consigliere leghista Ivan Cordini esprime preoccupazione: «Si tratta del secondo atto di riorganizzazione in due anni, ma la città è paralizzata ha detto -. Il cambio delle responsabilità comporterà nuovi rallentamenti, mentre la città ha bisogno di lavori urgenti nelle scuole e nelle strade».

SINDACATI

Comunali a rischio agitazione Rimane difficile il rapporto tra l’amministrazione e i dipendenti comunali. Sono stati fatti nuovamente dei passi indietro quando lo scorso 31 gennaio, con un solo giorno di preavviso, l’amministrazione ha annullato l’incontro con il nuovo segretario comunale, che doveva servire a sbloccare il pagamento dei premi di produzione dell’anno 2015. La convocazione è stata rinviata a giovedì 9 febbraio. Inevitabile il disappunto dei lavoratori che il 7 febbraio si sono riuniti in assemblea generale per discutere un nuovo stato di agitazione. I 100 dipendenti del Comune di Cusano attendono dal 2015 che gli vengano attribuiti gli incentivi, una cifra di circa 250mila euro che non è stata mai assegnata a causa di intoppi procedurali e di un folle rimpallo tra l’amministrazione comunale e i revisori dei conti. La giunta ora ha garantito che i soldi saranno pagati, ma non c’è una data. Nel frattempo la riorganizzazione dei settori comunali è diventata operativa dal primo febbraio, ma non convince a pieno. Dalla Rsu fanno sapere che sulla carta potrebbe funzionare, ma ancora una volta è stata gestita senza consultare i lavoratori. In ogni caso la nota più dolente è che anche in presenza di un buon piano di riorganizzazione, il Comune di Cusano continua a essere carente di numerosi lavoratori a causa di congedi, malattia e di mobilità. In alcuni settori è presente un solo dipendente. Ciò significa che in caso di sua assenza il servizio rimane bloccato. Negli ultimi mesi è accaduto che, in assenza del centralinista, era impossibile mettersi in contatto con gli uffici.

|

17

CRONACA

Uccise la ex Chiesto rito abbreviato per Perseo

Lo scorso aprile un omicidio efferato aveva turbato la quiete di Cusano Milanino: Liliana Mimou, giovane di Limbiate, era stata trovata morta nel parcheggio del cimitero. A strangolarla era stato l’ex fidanzato, Davide Perseo, residente a Cusano. L’uomo non era riuscito ad accettare la fine della loro storia d’amore e aveva chiesto alla donna un incontro per chiarirsi. Un appuntamento che è costato la vita alla donna, ignara delle reali intenzioni dell’ex compagno. A mesi di distanza da quella tragedia, è stato chiesto il rito abbreviato per il cusanese, anche se c’è disaccordo sulla sua capacità di intendere e di volere. Diverso il risultato delle perizie commissionate dal procuratore titolare dell’inchiesta, Emma Gambardella, e dalla difesa: capace per la prima, incapace per la seconda. L’udienza per Davide Perseo riprenderà in aprile e questa questione continuerà a tenere banco.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

Se vuoi ospitare un punto distribuzione de Il Gazzettino telefonaci allo 02.83.41.32.90

PUNTI A CUSANO

• Bar Cristallo - Via Matteotti 7/B • Size Cafe' - Viale Matteotti 43 • Mondo Gelato - Via D'azeglio 4 • Bar 28 - Via Cooperazione 2 • Ristorante Il Gabbiano - Via M. D'Azeglio 4 • Senza Fondo Cafe' - Via Sormani 57 • Elettrodomestici Maino - V.le Cooperazione 9 • Civico 41 - Via Alessandrina 41 • Barissimo - Via Mazzini 17 • Sale e Zucchero - V.le Matteotti, 39/C • Prestige - V.le Matteotti 18 • Bar Caffetteria Hu - Via Sormani 24 • Foto Digital Discount Cusano - Via Sormani 24 • Gran Cafe' Gi.L.Gi.Sas - Via Mazzini 11

• Di..Vino Bar - Via Monte Cervino 1 • Punto Simply - Viale Buffoli, 35 • Q8 - Via Seveso • Co.Mat.Ed Srl - Via Zucchi 39/G • Locanda Caffe' - Via Zucchi, 20 • Milu' Caffe' - V.Le Marconi, 2 • Tintoria Arcadi Giuseppe - V.le Cooperazione, 43 • Panificio Oliva - Via Matteotti, 27/D • Farmacia Paltrinieri - Viale Cooperazione, 20 • Il mondo senza glutine - Viale Cooperazione, 20 • Colo's Restaurant - Via Sormani, 119 • Ambulatorio medici associati - Viale Matteotti 28/a • Bar Motta di Mazzoran A. & C. - Viale Cooperazione 3 • Studio Roentgen - Via Sormani, 67


Cusano Milanino 18 | 9 febbraio 2017 CRONACA :: ANNUNCIATO UN PIANO DI LAVORI PER L’AREA DI PALAZZO OMODEI, GLI ESERCENTI DIFFIDANO

Piazza Cavour, sarà la volta buona? Abbandonati tra cantieri e degrado i cittadini chiedono di fare presto di Nicolò Gelao I lavori nell’area di palazzo Omodei sono partiti; l’obiettivo finale è quello di ridare vita, entro il prossimo autunno, a piazza Cavour e al parcheggio sotterraneo. Parola del sindaco Lorenzo Gaiani, che nei giorni scorsi ha annunciato il cronoprogramma dei lavori per il 2017. Ma cosa ne pensano i commercianti che quotidianamente sono costretti a convivere con un cantiere abbandonato da tempo? «Lavoro in questa zona da 8 anni e da allora non è mai cambiato niente. La strada è a doppio senso, ma di fatto è ridotta a una sola carreggiata di circolazione», ha commentato Carmen Capraro, dell’asilo nido La casa di Topolino. Lavorando con i bambini spesso anche i loro genitori si lamentano della situazione: «Almeno speriamo che Palazzo Omodei sia utilizzato come biblioteca, così potremmo far partire qualche laboratorio per i più piccoli». Ma a tener banco è la questione riguardante il piccolo passaggio pedonale che attraversa piazza Cavour in attesa

{

che venga liberato dai cantieri: con l’arrivo dell’inverno e delle piogge la strada è spesso allagata e inagibile. «Una volta - ha commentato Rosa Martimucci di Linea 2 - quando le persone uscivano dalla vecchia stazione passavano da questa via per tornare a casa. Ora piuttosto che attraversare quel passaggio pedonale fanno il giro largo: da qui non passa più nessuno. Abbiamo chiesto più volte di rifare il fondo per evitare l’allagamento, sperando che qualche persona in più torni a fare questo giro, ma nessuno ha mai fatto nulla. Siamo arrabbiatissimi: dal Comune prima ci chiedono di cosa abbiamo bisogno, poi fanno quello che vogliono». Dopo tutti questi anni, ai commercianti della zona le promesse dell’amministrazione non bastano più, come sottolinea Magda Norri di Anni Luce: «Siamo tutti penalizzati: i lavori dovevano durare due anni e invece da nove viviamo in questo degrado. Finché non vedrò le ruspe che smantellano tutto questo cantiere, non crederò più alla riapertura di piazza Cavour».

Tornano ‘I mercoledì della salute’ Si parla di Yoga e Alzheimer

Nel 2017 non si correrà la Milanino sotto le Stelle

Lavori urgenti alle scuole Chiesto un consiglio aperto

Tornano a Cusano Milanino ‘I mercoledì della salute’, la fortunata programmazione di incontri pubblici che ha come obiettivo quello di informare e educare la cittadinanza alla prevenzione sulle principali tematiche sanitarie. Il primo ciclo di incontri del 2017 prenderà il via dal prossimo 15 febbraio: dalle 15 al Centro polivalente anziani di via Alemanni si parlerà dello Yoga e dei suoi benefici, con il relatore Nicola Bianchi. Il primo marzo verrà invece trattato il tema dell’Alzheimer; saranno illustrati i principali sintomi e le strategie per provare a prevenirlo. Per maggiori informazioni si può contattare il servizio Cultura, sport e tempo libero al numero 02.61903327 o all’indirizzo e-mail culturasport@comune.cusano-milanino.mi.it.

Nel 2017 non si svolgerà la tradizionale ‘Milanino Sotto le Stelle’. Ad annunciarlo il sindaco di Cusano Milanino Lorenzo Gaiani con un post su Facebook che recita così: «L’Asd Atletica Cinisello ha informato l’amministrazione comunale che, per motivi organizzativi e logistici, per l’anno 2017 non realizzerà l’evento. Ci spiace che questo evento, così importante per il nostro Comune e fonte di aggregazione e promozione dello sport, non si possa svolgere». Alla base della rinuncia vi sarebbero motivi organizzativi interni all’associazione, ma anche la crescente burocrazia che rende difficile lo svolgimento di eventi cittadini. Non è da escludere, però, che la manifestazione venga nuovamente organizzata a partire dal prossimo anno con una nuova formula.

Troppi disagi anche quest’anno nelle scuole della Città Giardino, afflitte da problemi di vecchiaia e da scarsa manutenzione. L’opposizione cusanese ha scelto di uscire allo scoperto. Dopo l’approvazione del bilancio 2017, ritenuto insufficiente per gli interventi urgenti alle scuole, si è deciso di chiedere un consiglio comunale aperto in cui anche i genitori potranno esprimere la loro opinione. A presentare la richiesta è stato il gruppo del Movimento 5 Stelle, ma è stato subito appoggiato da tutti i gruppi di opposizione che hanno raccolto le firme per la richiesta. Non resta che fissare la data. Sarà sicuramente un appuntamento ad alta tensione, come già successo negli ultimi due consigli comunali aperti convocati in Comune.

}

VERDE :: È POLEMICA PER LA MANCATA CHIUSURA NOTTURNA DEL GIARDINO TIRELLI

Più controlli per i parchi cittadini Plauso a Esselunga per la gestione dell’area verde di via Sormani Mentre in città monta la polemica per la cattiva gestione di alcuni parchi comunali, è tempo di fare un primo bilancio sul nuovo giardino pubblico di via Sormani, nato insieme all’Esselunga, e gestito interamente dal colosso dei supermercati. Da giorni, molti cittadini hanno segnalato che nei parchi pubblici recintati, in particolare il parco Tirelli, della centralissima via Matteotti, non vengono rispettati gli orari di apertura e chiusura. Di fatto il parco è aperto ai vandali, nonostante pare che il Comune paghi un servizio di vigilanza per la chiusura. Non è ciò che accade nel nuovo parchetto di via Sormani, che per essere più preservato è gestito direttamente

dall’operatore con una cura maniacale. «Eravamo scettici all’inizio - racconta uno dei residenti della zona - ma ci sbagliavamo. Avevamo paura per esempio che di notte potesse riempirsi causando schiamazzi. Invece non è così: ogni giorno alle 20 viene regolarmente chiuso e c’è sempre controllo». La vigilanza di Esselunga garantisce infatti anche il pattugliamento notturno della zona. Ma tra i tanti che dichiarano con piacere l’ottimo lavoro svolto dalla società, c’è anche chi muove le prime critiche: «Il verde è molto bello, ma non capisco l’idea di mettere la sabbia sui sentieri in salita. E’ sbagliata: con le piogge si formano delle grosse pozzanghere che rendono difficile il passaggio».


MADE in NORDMILANO SALUTE

9 febbraio 2017

| 19

Il caso Boom di richieste nel primo mese

Vaccinazioni: ambulatori presi d’assalto Milano ha triplicato l’offerta, con 560 appuntamenti a settimana

di Margherita Abis

li ambulatori lombardi delle Ats sono stati presi ormai d’assalto. Sono duemila al giorno le prenotazioni per il vaccino anti meningococco. In meno di un mese, si è arrivati a 50mila prenotazioni. Tanto che bisogna arrivare a fine 2017 per le prossime date disponibili. Per il vaccino contro il meningococco C si slitta addirittura fino a dicembre. E per quelle contro il meningococco B si arriva a ottobre. Il boom ha costretto Ats Città Metropolitana a trovare una soluzione per far fronte alle richieste. E a Milano l’offerta è stata infatti triplicata. Dai 160 appuntamenti a settimana, che venivano fissati inizialmente, si è

G

passati a 560. «Un risultato inatteso, che da un lato ci rende soddisfatti - il commento dell’assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera -, ma da un altro ci impone di inviare ancora una volta un messaggio chiaro alla cittadinanza, affinché non continui a dilagare la psicosi meningite che sembra alla base della corsa al vaccino che sta saturando in qualche caso le agende degli ambulatori ad hoc messi a disposizione per le vaccinazioni: ribadiamo che non c’è alcuna emergenza, alcuna epidemia». Nonostante questo, i cittadini hanno preso d’assalto gli ambulatori, arrivando a mandare in tilt i sistemi.

È diventata un’opportunità da cogliere, quella del nuovo meccanismo del co-pagamento, entrato in vigore a gennaio, che ha cambiato le vecchie modalità di vaccinazione. Alla prestazione ora può accedere chiunque e, inoltre, non è più necessario

essere in possesso della prescrizione medica. Il costo è di 20,07 euro per il vaccino contro il meningococco C, 44,27 euro per quello quadrivalente (che copre contro i ceppi A, C, Y e W135), 83,28 euro per quello contro il ceppo C.

il Pubbliredazionale

Gestalt: aver cura di sé senza aspettare di star male

Non bisogna arrivare a sentirsi male, per dedicarsi al proprio benessere. È questo l’insegnamento della psicologa e psicoterapeuta Samanta Artico, libera professionista che collabora anche con il centro Bios di Sesto San Giovanni. «La psicoterapia non è la cura del matto, ma vuol dire riconoscere le risorse per vivere nel migliore dei modi», spiega la dottoressa. Al centro del suo lavoro c’è il metodo Gestalt: una visione integrata della persona, che comprende sia il corpo che la mente. «L’obiettivo è prendersi cura della persona in tutte le sue sfaccettature, perché non siamo soltanto mente o soltanto corpo. Ma il benessere si manifesta quando c’è integrazione». Un lavoro importante viene fatto con la bioenergetica, con un’attenzione particolare ai blocchi energetici del corpo. «Il mio interesse è accompagnare la persona in un viaggio, per arrivare alla consapevolezza

- continua -. È questa la missione della Gestalt. Non è importante definire o etichettare un sintomo, ma comprendere cosa quel sintomo vuole comunicare al mondo esterno. Ogni sintomo è un nodo, ci sono dei momenti in cui viviamo bloccati e abbiamo bisogno di qualcuno che ci aiuti a riconoscere quei nodi». La dottoressa Artico lavora anche con il metodo psicoterapico Emdr, che facilita il trattamento di diverse psicopatologie. Utilizza poi alcune tecniche di rilassamento, tra cui l’ipnosi. Per informazioni: 389.0297678.


20 |

MADE in NORDMILANO SALUTE

9 febbraio 2017

Riposare Il parere della National Sleep Foundation

Insonnia, i consigli per vivere meglio

Per una notte serena, bisogna evitare di guardare l’orologio di Gaia Caracciolo

ormite 8 ore, ma la mattina vi sentite comunque stanchi e indolenziti? Secondo gli studiosi, seguire la solita regola del dormire almeno un certo numero di ore non basta più. Nel sonno è infatti importante non solo la quantità, ma anche il modo in cui ci relazioniamo con il letto e il tempo che vi trascorriamo, e quindi la qualità del nostro dormire. Spesso ci mettiamo a letto a guardare la tv o a leggere, trascorrendo buona parte della serata, o anche la nottata per i più attivi, a stare nel luogo del sonno, senza effettivamente dormire. La National Sleep Foundation però, fondazione americana impegnata nel campo dell’educazione sociale, raccomanda di dormire per almeno l’85 per cento del tempo che si trascorre nel letto. D’altra parte questo è il luogo che

D

dovremmo associare al riposo, ma se ci trascorriamo del tempo, a volte anche durante la giornata, facendo altro, secondo gli psicologi avremo più problemi di insonnia una volta giunto il momento di addormentarsi. L’associazione dunque consiglia che per un buon sonno, bisognerebbe riuscire ad addormentarsi entro 30 minuti dal momento in cui ci si mette sotto le lenzuola. Per far questo, è sicuramente una buona idea quella di non dormire durante il giorno, o almeno farlo subito dopo il pranzo, in modo da arrivare a sera con la stanchezza della giornata addosso e non avere mancanza di sonno. Questi consigli possono aiutare anche chi soffre di insonnia cronica, o ha problemi nel dormire da qualche tempo. Un grande problema per queste persone è sicuramente quello dei risvegli notturni.

Per combattere questa situazione, sarebbe meglio alzarsi, camminare e cercare di stancarsi per riaddormentarsi entro i 20 minuti. Se riuscissimo ad arrivare a un solo risveglio per notte, allora forse staremo combattendo l’insonnia. Valido consiglio è anche quello di non guardare l’orologio durante la notte: è vero che 7/8 ore di riposo fanno bene al corpo, ma è importante anche che siano momenti di qualità, in modo da riuscire ad affrontare la giornata con un buon rendimento. Oltre a questi semplici consigli, bisogna aggiungere anche una sana ed equilibrata alimentazione e un buon stile di vita, evitando di fare sport nei momenti serali. Se si rendessero necessarie, anche le medicine possono aiutare a far riprendere un buon ritmo al nostro corpo, e quindi a dormire di più, e meglio.

il Pubbliredazionale

Incontrare la riflessologia con Daniele Amoruso

Da vent’anni a questa parte, non si è mai fermata la formazione di Daniele Amoruso. Da quando, nel 1996, ha seguito il primo corso di riflessologia corporea vertebrale, che studia come il sistema nervoso interagisce con organi e tessuti esterni. È terapista craniosacrale, riflessologo, professionista abilitato all’esercizio dell’arte ausiliaria delle professioni sanitarie di massoterapia e insegnante di terapie manuali, in enti di formazione di eccellenza accreditate da Regione Lombardia. «Svolgo un lavoro personalizzato, in base al paziente che ho davanti spiega Amoruso -. Non esiste una sola tecnica valida per chiunque». L’idea centrale della sua attività è la prevenzione. «Proprio per questo lavoro molto anche con i bambini o con le donne in gravidanza - prosegue -. Ormai è dimostrata l’esistenza di energie emozionali, immagazzinate in organi, tessuti e anche all’interno di ogni singola cellula. Attraverso la mia esperienza personale ed eseguendo

centinaia di trattamenti, posso confermare che le più comuni disfunzioni fisiche (dolori, sciatiche, mal di testa e problematiche psicogene o fisiologiche) derivino dalle conseguenze di traumi, che il nostro organismo trattiene e trasforma in tensione, che a sua volta si evolve in contratture o blocchi. Solo lavorando su corpo e mente potremo avere risultati duraturi nel tempo». Daniele Amoruso riceve nel suo studio in viale Repubblica 56, a Paderno Dugnano e nel centro pediatrico Itaca di via Pellico 11/B (Bollate). Telefono: 339.5925081


MADE in NORDMILANO SALUTE

9 febbraio 2017

|

21

il Pubbliredazionale

Centro Metodo Antifumo C.M.A. di Monza Oggi parliamo con Biagio Gioia, titolare e operatore del Centro Metodo Anti Tabagismo, per farci spiegare in che cosa consiste questo metodo. «Il mio metodo agisce sulla dipendenza fisica, mediante una elettrostimolazione praticata ai Padiglioni Auricolari, stimolando vari punti sugli stessi e anche del naso; questo trattamento si pratica una sola volta, e fa si che la persona non soffra di astinenze da subito, grazie a un processo fisico naturale che rimette in circolo una quantità di endorfine (sostanze che ci danno sensazioni di benessere) che ovviano all’assenza di nicotina nelle ore e nei giorni successivi al trattamento. Nella seduta pratichiamo anche il test sul monossido di carbonio presente nel sangue e nei polmoni (attraverso un apparecchiatura Elettromedicale Smokerlyzer che ci dà un esito immediato), e spieghiamo così che smettendo di fumare aumenta l’ossigenazione nel corpo e fa sì che dopo solo pochi giorni, il corpo diventa più sano e il cuore si regolarizza. «I miei numerosi anni di esperienza - continua Biagio Gioia -, e la formazione ricevuta dagli esperti del settore, fanno sì che io possa fornire agli ex fumatori delle tecniche molto semplici che, una volta messe in pratica, li aiutano a liberarsi dalle vecchie abitudini e

dalla routine del gesto di fumare». Il metodo non ha controindicazioni, è indolore, non è invasivo ed è sufficiente una sola seduta. Possono praticarlo tutti, esclusi i portatori di pacemaker e donne in gravidanza. Sottoponendosi al Metodo C.M.A. non si ingrassa come possono testimoniare le tante persone soddisfatte dai risultati, soprattutto donne che hanno una sensibilità maggiore sull’argomento ‘linea’. «Questo perché normalmente chi smette da solo attraversa una fase molto impegnativa di astinenza e si conforta con il cibo, mentre con il Metodo C.M.A. non c’è crisi di astinenza perché il trattamento fa rilasciare le endorfine ed evita che il corpo entri in crisi per mancanza della nicotina contenuta nelle sigarette».

Per chi volesse approfondire e fissare un incontro: C.M.A. Centro Metodo Antitabagismo - Monza Sig. Biagio GIOIA cell. 333/2040050 www.metodoantifumo.net

Fino a fine aprile citando questo articolo otterrete uno sconto del 10% sul costo del trattamento


22 |

9 febbraio 2017

MADE in NORDMILANO SALUTE

In forma Nati diversi gruppi per fare sport in sicurezza

Correre fa bene soprattutto alle donne

orrere, una medicina per il benessere psicofisico. Soprattutto per le donne, che troppo spesso rinunciano agli sport all’aperto per motivi di sicurezza. E’ ormai scientificamente provato che correre è utile per tonificare il corpo e perdere peso, ma soprattutto per migliorare la condizione cardiovascolare e l’umore. Un’attività sportiva costante è in grado di aumentare i meccanismi di difesa dell’organismo. Tuttavia un’attività fisica intensa come la corsa non deve essere presa sotto gamba, soprattutto nei periodi di cambio stagionale, quando magari ci si rimette in moto senza preparazione e senza un programma

C

adeguato. Per non correre rischi, nel Nordmilano esistono molti gruppi di running che si prefiggono la missione di accompagnare i runners a svolgere un’attività sportiva equilibrata, senza esagerare. A Cinisello è nata ‘La Corsa delle Donne’, iniziativa dedicata alle donne che vogliono cominciare a correre e camminare in compagnia, in sicurezza. L’iniziativa organizzata dalla Cba Atletica, patrocinata dal Comune di Cinisello e dalla Fondazione Comunitaria Nordmilano, si tiene ogni venerdì con partenza alle ore 18 dallo stadio di via Cilea. Appuntamento per una corsa con istruttori e accompagnatori. Info tel. 347.0898068.

Il pubbliredazionale

I principi della dieta Gift per uno stile di vita più sano

Il dottor Francesco Garritano propone da anni la dieta GIFT, un acronimo che indica i principi sui quali si basa il rimedio. Non significa ‘regalo’ come si potrebbe pensare, anche se è uno stile di vita che ci regala la salute. Il regime alimentare GIFT è un po’ diverso rispetto a quello delle altre diete diffuse, innanzitutto perché non è ipocalorico, inoltre, non usa grammature. Si agisce con gradualità, poiché tempo e costanza sono fondamentali per raggiungere l’obiettivo; individualità, poiché ogni paziente ha la sua dieta personalizzata; flessibilità, in quanto il medico nel dare consigli alimentari deve essere in grado di adeguarsi al modo di vivere di ogni paziente; e privilegia il tono muscolare, che deve essere preservato durante il dimagrimento. La dieta GIFT prevede una colazione abbondante, un pranzo intermedio e una cena leggera, perché le calorie che introduciamo nelle prime ore del giorno vengono consumate tramite l’azione degli ormoni del catabolismo, mentre quelle della sera vengono accumulate sotto forma di adipe da quelli anabolici. I vantaggi sono diversi. Oltre a riequilibrare l’assetto ormonale, questo garantisce anche la perdita di massa grassa, mantenendo tonici i muscoli, grazie all’attività fisica costante prevista dallo schema alimentare. Più che dieta potrebbe essere definita come uno stile da seguire per rimanere in salute, poiché è semplice e ci insegna come scegliere i cibi qualitativamente migliori. Per dimagrire bisogna mangiare, ma farlo bene! Si può prenotare la visita in via Cadorna 17 a Cinisello Balsamo. Info: www.studionutrilab.com.


PubblicitĂ

9 febbraio 2017

| 23


24 |

9 febbraio 2017 EVENTI

IN PRIMO PIANO 15.30 prezzo speciale euro 5,00 - intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 - Sesto San Giovanni (MI) tel 02.22.47.81.83 - fax 02.24.41.07.09 info@cinemarondinella.it www.cinemarondinella.it

GIOVEDÌ 9 FEBBRAIO LA LA LAND - CINEMAMME Regia: Damien Chazelle con Ryan Gosling, Emma Stone. Principalmente rivolto a donne in gravidanza e con bambini della fascia 0-18 mesi ORE: 11.00 - PREZZI: biglietto unico euro 4,00 IL DISPREZZO - IL CINEMA RITROVATO Regia: Jean-Luc Godard con Brigitte Bardot, Gustav Michel Piccoli ORE: 15.30 - 21.15 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00

VENERDÌ 10 FEBBRAIO LA LA LAND - PRIMA VISIONE Regia: Damien Chazelle con Ryan Gosling, Emma Stone - ORE: 15.30* - 21.15 - PREZZI: *alle

DOPO L'AMORE - PROIEZIONE SPECIALE Regia: Joachim Lafosse con Bérénice Bejo, Cédric Kahn - ORE: 19.30 - PREZZI: intero euro 7,50 ridotto euro 5,50

LUNEDÌ 13 FEBBRAIO IL CLIENTE CINEFESTIVAL RONDINELLA Regia: Asghar Farhadi con Shahab Hosseini, Taraneh Alidoosti - ORE: 21.15 - PREZZI: x 1 film euro 4,00 - Abbonamenti: x 4 film euro 12; x 10 film euro 25; x 20 film euro 40

SABATO 11 FEBBRAIO UNA VITA DA GATTO UN CINEMA PER AMICO Regia: Barry Sonnenfeld . Età consigliata: dai 10 anni - ORE: 15.30 - PREZZI: intero euro 4,00 ridotto euro 3,50 (fino a 14 anni) LA LA LAND - PRIMA VISIONE Regia: Damien Chazelle con Ryan Gosling, Emma Stone - ORE: 17.30 - 20.00 - 22.10 - PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

DOMENICA 12 FEBBRAIO LA LA LAND - PRIMA VISIONE Regia: Damien Chazelle con Ryan Gosling, Emma Stone - ORE: 15.00 - 17.15 - 19.30 - 21.40 - PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

MARTEDÌ 14 FEBBRAIO DOPO L'AMORE - PROIEZIONE SPECIALE Regia: Joachim Lafosse con Bérénice Bejo, Cédric Kahn - ORE: 21.15 - PREZZI: intero euro 5,50 ridotto euro 5,00

MERCOLEDÌ 15 FEBBRAIO IL MEDICO DI CAMPAGNA POMERIGGI AL CINEMA Regia: Thomas Lilti con François Cluzet, Marianne Denicourt - ORE: 15.30 - PREZZI: biglietto unico euro 3,00 DOPO L'AMORE - PROIEZIONE SPECIALE Regia: Joachim Lafosse con Bérénice Bejo, Cédric Kahn - ORE: 21.15 PREZZI: intero euro 5,50 - ridotto euro 5,00

Cinema Teatro Pax Vicolo Fiume, 4 - Cinisello Balsamo (MI) tel 02 6600102 - eventi@cineteatropax.it iniziative@cineteatropax.it http://www.cineteatropax.com

VENERDÌ 10 FEBBRAIO QUA LA ZAMPA! Regia: Lasse Hallström con Dennis Quaid, Britt Robertson, K.J. Apa, Peggy Lipton, Bryce Gheisar - ORE: 17.00 - 20.30 - PREZZO: 6,00 euro intero e 4,50 ridotto (under 11 e over 60)

SABATO 11 E DOMENICA 12 FEBBRAIO L'ORA LEGALE Regia: Salvatore Ficarra, Valentino Picone con Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Leo Gullotta, Vincenzo Amato - ORARI: sabato alle 17 e alle 21.15 - domenica alle 17 e alle 20.30 - PREZZO: 6,00 euro intero e 4,50 ridotto (under 11 e over 60)

Prezzi aggiornati a mercoledì 08/02/2017. I gestori di stazioni di servizio e i lettori possono comunicarci i prezzi più convenienti scrivendo a redazione@ilgazzettinodisesto.it

Q8

Q8

Q8

viale Gramsci

v.le Matteotti

via Grandi

1.499 1.369

1.559 1.429

BENZINA 1.499 DIESEL 1.369

Te

Q8

ex Tamoil

via Saint Denis

v.le F. Testi

via Partigiani

v.le F. Testi (Cinisello)

1.499 1.359

1.498 1.365

1.559 1.429

1.499 1.355

Oilone

Domenica il Vulcano festeggia l’amore Per festeggiare San Valentino, c’è un evento speciale al Centro Commerciale Vulcano. Tutti gli innamorati che vorranno dedicare un pensiero alla loro amata potranno scegliere una canzone e farla cantare dal vivo. Il ‘Juke Box dell’amore’ è al Vulcano domenica 12 febbraio, dalle 16. Sempre il 12 febbraio, per festeggiare gli innamorati, per tutte le donne ci sarà un omaggio floreale. Nel frattempo, c’è ancora il trenino di Peppa Pig, che rimarrà al Vulcano fino a domenica 26 febbraio. Info: www.centrocommercialevulcano.com.


9 febbraio 2017

|

25

Parte la rassegna di Oneiros

C

ultura & Tempo libero

Sarà venerdì 10 febbraio il primo appuntamento della rassegna di Oneiros Teatro, in via Cornaggia a Cinisello. Si parte con ‘Io sono il mare’, lo spettacolo di Stefano Massini, che racconta l’incontro in carcere tra un cappellano e un secondino, sostenitore della pena di morte.

APPUNTAMENTI ::

VIA AI FESTEGGIAMENTI GIÀ DAL PROSSIMO WEEKEND

Eventi

IN BREVE Leggere la Woolf Parlare delle difficoltà di essere donna, partendo dalle parole della scrittrice Virginia Woolf. A Sesto è partito il progetto ‘Bisogni, desideri, opportunità. Leggere Virginia Woolf per scrivere il futuro’. Fino al 15 febbraio, in diverse zone della città (biblioteca centrale; biblioteca dei ragazzi; atrio delle civiche scuole di danza e musica; Casa delle Associazioni) è possibile trovare le scatole in cui lasciare un messaggio, bisogno o desiderio. I pensieri potranno essere letti durante lo spettacolo del 7 marzo alle 21, allo spazio contemporaneo Talamucci.

L’Opera a Cinisello

Nella cornice cinisellese di Villa Ghirlanda, arrivano tanti spettacoli teatrali, proposti dalla Compagnia del BelCanto per conoscere l’opera lirica. Si parte sabato 18 febbraio con ‘Il barbiere di Siviglia’. Poi l’11 marzo c’è ‘Cavalleria Rusticana’. Sabato 1 aprile, uno spettacolo d’operetta, con cantanti solisti, comici e balletti: ‘Sylvia, la principessa di Maxim’. Infine il 6 maggio si conclude con ‘Il flauto magico’.

Alla Scala con I Tigli Tanti appuntamenti culturali a Cusano Milanino. L’associazione I Tigli ha già in programma due iniziative. Il 22 febbraio la visione al Teatro alla Scala di ‘Serata Stravinskij ‘. Mentre domenica 5 marzo si va a vedere ‘Notre Dame de Paris’, al Teatro Linear Ciack. Partenza con il pullman da via Marconi alle 14.30 (lo spettacolo inizierà alle 16).

San Valentino colora di rosa il Nordmilano Al Mic il film coreano su un matrimonio lungo 76 anni di Margherita Abis È arrivato il periodo dell’anno più amato dagli innamorati. San Valentino è alle porte ed è tempo di iniziare a organizzarsi. Alternativa sempre valida è quella di una serata al cinema e le sale del Nordmilano propongono una programmazione varia. A cominciare dal cineteatro Pax di Cinisello. Il 14 alle 20.45 la proiezione di ‘The Crow’s Egg’, la commedia drammatica scritta, diretta e girata da Manikandan. La trama si snoda in India e il film è presentato all’interno della rassegna ‘Il Formacinema’, per andare alla scoperta delle culture attraverso l’arte cinematografica. Anche le coppie cusanesi possono trascorrere una serata al cinema. Alle 21, al cinema San Giovanni Bosco di via Lauro l’appuntamento è con ‘La famiglia Fang’. Un’altra commedia drammatica, con protagonisti Nicole Kidman, Christopher Walken e lo stesso regista Jason Bateman. A pochi passi dal confine sestese invece, c’è la programmazione offerta dal Mic, il Museo interattivo del cinema, di viale Fulvio Testi 121. Per San Valentino il Mic ha pensato a un film romantico con una marcia in più. E per le coppie che si

EVENTO ::

scambieranno un bacio davanti alle biglietterie, l’ingresso è gratuito. Il documentario sudcoreano dal titolo ‘My Love don’t cross that River’. Al centro della narrazione una coppia di coniugi che vive insieme da ben 76 anni. Byongman Jo e sua moglie Gyeyeul Kang hanno 98 anni e 89 anni e ancora moltissima energia. Il segreto della longevità? L’amore e la voglia di continuare a giocare insieme. Trasportano legna, vanno a fare provviste al mercato, cucinano a pieno ritmo, ballano e organizzano pic nic, conducendo uno stile di vita all’insegna delle tradizioni coreane. Ma un giorno le energie cominciano a venir meno e la narrazione prende una piega malinconica. I più romantici, che vogliono anticipare i festeggiamenti al weekend precedente, possono optare per una visita al tradizionale Salon du Chocolat, che sarà a Milano dal 9 al 12 febbraio. Quattro giorni interamente dedicati al cioccolato e ai Paesi che lo producono. Il tutto sarà condito da lezioni, degustazioni e dimostrazioni culinarie, anche alla presenza di chef come Ernst Knam, divenuto famoso per essere un ‘maître chocolatier’. Poi Carlo Cracco, Iginio Massari, Davide Oldani e tanti altri. Questa volta l’appuntamento sarà al MiCo - Milano congressi, in viale Eginardo. Dal Nordmilano, si arriva con la metro Lilla, scendendo alla fermata Portello.

DOMENICA SCORSA IN CITTÀ LA FASE FINALE DE ‘LE VIE DEL PRESEPE’

Premiate le migliori natività sestesi Un riconoscimento è andato anche alla scuola materna Collodi Fantasia e creatività sono stati gli ingredienti principali dell’evento. Domenica scorsa si è tenuta la cerimonia di premiazione della manifestazione ‘Le vie del Presepe’. All’interno della cornice del Grand Hotel Villa Torretta, sono stati consegnati i riconoscimenti per la decima edizione dell’iniziativa tutta sestese. Prima è stato consegnato il premio Torretta Città di Sesto San Giovanni, dedicato ai commercianti.

Il primo premio è andato alla Farmacia De Carli, per il presepe tradizionale e a Calzature Cesati per il presepe innovativo. Il secondo gradino del podio è stato occupato da Autonoleggio Alsa per il presepe tradizionale, da Itaca Tende per il presepe innovativo. Mentre il terzo posto l’ha ottenuto la Pescheria Stefani per il presepe tradizionale e Ferramenta Cavallotti per il presepe in-

novativo. Poi le parrocchie. Il primo premio è stato consegnato alla chiesa San Giuseppe. Il secondo alla San Giovanni Battista, mentre il terzo alla San Giovanni Bosco. Infine i premi consegnati alle scuole. Tra le scuole dell’infanzia, è stata scelta la Collodi. Per le elementari la Luini e per le medie la scuola Breda. Margherita Abis


26 |

9 febbraio 2017

A tutto

Futsal, Bresso passa su Monza Vittoria nel derby contro San Biagio Monza della Domus Bresso nel campionato di calcio a 5 (Serie B): una buona partita disputata dai bressesi che portano a casa 3 punti importanti per la classifica con il risultato finale di 7 a 3.

Sport

CALCIO :: CHRISTIAN IN CAMPO AL BREDA

Maldini junior Esordio speciale e la Pro vince Eurogol di Di Renzo, sestesi al quinto posto in Serie D di Andrea Guerra Non poteva esserci giorno più azzeccato per il suo esordio: Christian Maldini ha messo il piede in campo allo stadio Breda, con la maglia della Pro Sesto, nel giorno in cui si sarebbe festeggiato il compleanno di nonno Cesare, recentemente scomparso. Un giorno speciale dunque, per un esordio speciale: il figlio di Paolo, ex Primavera del Milan, è arrivato a Sesto con una ‘trattativa lampo’ che si è chiusa nel giro di una settimana; e domenica, nella partita contro il Verbania, ha giocato i suoi primi minuti in Serie D. Uno scorcio di gara, sul finale di partita,

CANESTRO ::

ma al giovane Maldini è bastato poco per far vedere di che pasta è fatto. Un esordio speciale, bagnato e fortunato: la Pro Sesto ha vinto contro i piemontesi per 2-1, grazie alla rete di Scapuzzi e all’eurogol allo scadere di Di Renzo, che ha girato in porta una palla vagante con una splendida mezza rovesciata che ha scatenato la gioia dei tifosi sestesi. «Christian è con noi solo da un paio di settimane e si sta ambientando benissimo. Oggi c’è stato l’esordio, ma per noi, quello iniziato alla Pro Sesto vuole essere l’avvio di un percorso

comune, che ci auguriamo sia proficuo e duraturo», sono state le parole a fine gara del presidente della Pro Sesto, Gabriele Albertini (fratello di un altro grande ex Milan come Demetrio). Il club festeggia Maldini e la vittoria dunque: i tre punti fanno fare alla squadra di Delpiano un bel balzo in classifica, quinti a soli 5 punti dalla vetta (Cuneo e Varese si contendono il primo posto). Domenica è in programma la trasferta sul campo del Gozzano: la dirigenza vuole una prova di forza e chiede una nuova vittoria.

ROSSONERE IN TRIONFO AL PALANAT CONTRO IL SANGA MILANO

Derby al Geas Basket con super Ercoli Elisa, 20 punti e 14 rimbalzi Domenica c’è Orvieto

Scatto fisso

Ciclismo: ripartono le gare ‘illegali’ al Parco Lambro Il prossimo 15 marzo riparte la stagione delle gare ‘illegali’ al Parco Lambro, a due passi dal Nordmilano. Gli amanti delle biciclette a scatto fisso si danno appuntamento il mercoledì sera nel cuore del polmone verde meneghino per le gare con le biciclette senza cambio e senza freni. Il 15 marzo in programma anche una gara per bici da corsa ‘normali’. Info sul Facebook ‘Lambro Crit’.

Una gran difesa e una grande Ercoli. Così il Geas Basket si mette in tasca anche il secondo derby meneghino contro le rivali del Sanga Milano: la partita si è giocata sabato sera al PalaNat e ha visto le rossonere trionfare per 65-46, con un decollo in progressione dalla metà del secondo quarto. «Non era affatto scontato: il Sanga arrivava in striscia vincente, terzo in classifica, convinto di poter sfatare il tabù storico che l’ha sempre visto sconfitto dal Geas», dicono dalla società. La difesa rossonera ha fatto la differenza ancora una volta, in particolare la zona. Più a corrente alternata l’attacco (era febbricitante la cannoniera Galbiati, peraltro autrice di 14 punti), che però fa registrare un buon 51 per cento da 2 con 14 assist, di cui 9 per la coppia Gambarini-Arturi. Miglior realizzatrice Ercoli, con 20 punti più 14 rimbalzi per un ottimo 30 di valutazione. E’ la vittoria numero 16 in 17 giornate e primato in classifica ancora più solido. C’è anche il ‘record nel record’: quest’anno in casa il Geas ha vinto 9 partite su 9, con uno scarto medio di 22 punti, chiudendo in vantaggio 34 quarti di gioco su 36. Domenica altro big match: le ragazze di Cinzia Zanotti se la vedranno con Orvieto.

Seleçao a secco Venerdì match al PalaNat La Seleçao Libertas Calcetto, targata ‘Bet 1128 - Sesto San Giovanni’, rientra dalla trasferta di Cesana ancora una volta a secco di punti e con un pesante passivo. La partita del campionato di Serie C2 contro il San Fermo si è chiusa con un imponente 9-4 a favore dei padroni di casa (nonostante il primo tempo fosse terminato sul 2-2). Prossimo impegno, venerdì 10 febbraio alle 21.30: difficile gara casalinga contro l’Aurora Cantalupo, unica squadra a cadere contro i canarini quest’anno, ma reduce da 9 vittorie consecutive e fresca di impresa contro il Futsal Tubo Rosso. A causa dell’inagibilità della palestra Ferraris, la gara si giocherà nella cornice della palestra Dante-Falck (PalaNat, ‘in prestito’ grazie alla disponibilità della Posal Basket): «Speriamo che il palcoscenico da grande squadra consenta ai verde-oro di tornare a esserlo, almeno per una sera», dicono dalla dirigenza. Andrea Guerra

Direttore responsabile: Rosario Palazzolo Società Editrice: Il Gazzettino di Sesto San Giovanni s.r.l. R.E.A. 1980638 Redazione: Piazza F. Caltagirone, 75 20099 Sesto San Giovanni Tel. 02.83413290 fax. 02.83413292 e-mail: redazionegazzettino@gmail.com Registrazione n° 6 del 26.03.2012 al Tribunale di Monza Stampa: Monza Stampa s.r.l. via Buonarroti, 153 - 20052 Monza


Sport

MUAY THAI ::

IL

9 febbraio 2017

| 27

18 FEBBRAIO A MONZA VA IN SCENA LA QUARTA EDIZIONE DI RING WAR

Joseph insegue il titolo Wbc L’allievo di Calzolari tenterà di conquistare la cintura che fu di Cassius Clay di Andrea Guerra La cintura verde, quella della Wbc, è un vero e proprio sogno per chi ama la boxe e gli sport da ring. Basti pensare che è stata sul petto di un grande sportivo del calibro di Muhammad Ali. Proverà ora a conquistarla Joseph Lasiri, sestese adottivo che fa parte del team di combattenti del maestro Diego Calzolari: Joseph si batterà infatti nel corso di Ring War 2017 per cercare di conquistare il titolo mondiale Muay Thai. E Sesto, non solo gli allievi della palestra De Gym, farà il tifo per lui. «La Wbc non riconosce solo la boxe ma anche la Muay Thai. E mette in palio le cinture verdi, le più importanti di tutto il mondo per chi ama gli sport da ring», spiega Diego Calzolari, che oltre a essere il tecnico di Lasiri è anche l’organizzatore di Ring War, di scena il 18 febbraio a Monza (al PalaSport). Il gran galà di

Spring Cup, spettacolo al PalaSesto

Muay Thai è giunto alla sua quarta edizione. Sul ring brianzolo saliranno i maestri thailandesi e i più forti atleti italiani ed europei. Tra questi anche un altro sestese, Luca Roma, che gareggerà in un torneo a 4 che si svolgerà tutto nella stessa sera. Tutte le informazioni su Ring War sono disponibili sul sito ufficiale (ringwar.it) o sulla pagina Facebook.

Il match

Luca Tagliarino ‘Cutter’ perde il titolo europeo Wbc Luca Tagliarino, classe 1984, è uno degli atleti di punta di Sesto San Giovanni e del team di Diego Calzolari (nonché della nazionale italiana). Nel fine settimana si è battuto in Francia contro il rivale Kaiss Najm: in palio c’era la cintura verde Wbc Muay Thai e il titolo europeo. Cutter, come è soprannominato sul ring, ha perso ai punti, ma si è meritato i complimenti del maestro Calzolari.

Il 25 e 26 febbraio al PalaSesto si rinnova il tradizionale appuntamento con la Spring Cup, competizione internazionale di pattinaggio sincronizzato che richiama in città team provenienti da tutto il mondo e che vede scendere sempre in pista le campionesse italiane Hot Shivers (di casa al Palasesto). «In questa ventitreesima edizione gareggeranno 23 squadre provenienti da 10 nazioni : Australia, Francia, Georgia, Germania, Italia, Lettonia, Russia, Spagna, Svizzera ed Ungheria», dicono gli organizzatori. Informazioni sul sito www.springcup.it.


28 |

9 febbraio 2017

PubblicitĂ

5 gazzettino 9 2 17  

Settimanale di informazione del Nordmilano

Advertisement