Page 1

ANNO 5 NUMERO 42 - 1 Dicembre 2016 - Editrice Il Gazzettino di Sesto San Giovanni srl Piazza F. Caltagirone, 75 - Sesto San Giovanni (Mi) - email: redazionegazzettino@gmail.com :::::: DISTRIBUITO a SESTO, CINISELLO, BRESSO e CUSANO :::::

Editoriale

Facciamo i conti con l’avanzata della criminalità

Il sanguinoso agguato consumato lunedì notte a Cinisello spalanca le porte a un mondo che il Nordmilano pensava di aver archiviato da decenni: quello della criminalità organizzata. Il fatto che un commando possa sparare a un uomo in strada fa venire la pelle d’oca. Soprattutto porta sul nostro territorio un livello di violenza che pensavamo fosse scomparso per sempre, dopo le sanguinose faide degli anni ‘70 e ‘80. Non è così. Evidentemente la crisi, i nuovi equilibri (o per meglio dire squilibri) sociali ed economici che caratterizzano i nostri quartieri, stanno facendo ripiombare il Nordmilano nel ventre oscuro di una bestia assai famelica e difficile da sconfiggere. La criminalità organizzata, quella che muove montagne di droga ogni giorno, che accumula arsenali di armi da guerra e che non si fa scrupoli a sparare per riaffermare il suo potere, è tra noi. Ciò che la rende ancora più perfida e difficile da individuare è il fatto che oggi non siamo più di fronte a una criminalità locale, che risponde ai canoni classici del malaffare nostrano.

continua a pagina 2

IL 4 DICEMBRE ALLE URNE PER IL REFERENDUM

Tra il Sì e il No che vinca il voto Questa volta astenersi è un inutile peccato

CRONACA

Droga, armi e terrorismo. Si torna anche a sparare in strada e nel Nordmilano scatta l’allarme Alle pagine 2 e 15

SCUOLA

Il rapporto Eduscopio mette in luce pregi e difetti degli istituti superiori del Nordmilano A pagina 3

NATALE Un inserto di 16 pagine tutto dedicato alle feste con consigli utili per regali, pranzi e viaggi Alle pagine 4 e 5

All’interno


2

|

Attualità

1 dicembre 2016

Dillo con un click

Premiati i Maestri del Lavoro Maria Amelia De Min, Natale Perego e Andrea Curatolo sono i tre nuovi Maestri del Lavoro di Sesto San Giovanni: l’altro giorno a loro è stata consegnata la benemerenza civica nella sala del consiglio comunale. Premiati anche gli studenti lavoratori: Luca Silvestrini, Barbara Breviario, Rodriguez Palomino Kelly Yassemie, Antonio Perrone, Romero Raymondi Mijael Aurelio, Sabrina Burgisi, Eugenia Linda Gregorio, Fabrizio Gavezzoni, Roberto Striani, Consilia Maria Guastamacchia, Chiara Dinnella, Andrea Michele Loprieno, Igor Bacco, Simone Giofrè, Paolo Penzo, Alessio Sonny Santi, Nicolò Grillo, Christian Scorza, Alessandro Sipala e Daniele Bellini.

Editoriale

Facciamo i conti con l’avanzata della criminalità dalla prima pagina

Ci troviamo dinanzi a un mondo criminale nuovo e globale. Dove gli italiani fanno patti con i peruviani delle gang di viale Padova e dove i piccoli spacciatori egiziani e marocchini tentano la scalata facendo le scarpe ai boss italiani. Uno scenario inedito che le forze dell’ordine hanno letto e in gran parte compreso. Tuttavia i numerosissimi arresti compiuti negli ultimi mesi a Cinisello come a Sesto, a Cusano come a Bresso, non sono altro che la fotografia fedele di una situazione che sta rapidamente scivolando verso l’abisso. Se ci dicessero che hanno arrestato un giovane arabo con un kalashnikov da guerra, scatterebbe l’allarme rosso. Se ci raccontano, come è accaduto pochi giorni fa a Cusano, che due giovani detengono in casa un arsenale con numerose armi da guerra, nessuno si scandalizza. Questa è la forza della criminalità. La nostra incapacità di allarmarci. Negli ultimi anni, la politica locale ha utilizzato più volte l’allarme sicurezza come una spada da brandire per attaccare chi governa; sul fronte opposto, sindaci e amministratori comunali hanno sempre avuto buon gioco ad affermare che le città sono sicure e che i reati sono in costante calo. I tanti fatti di cronaca delle ultime settimane ci insegnano che i numeri non vanno letti solamente in modo algebrico e scolastico, ma ci dicono soprattutto che la società del Nordmilano sta cambiando e si sta incattivendo. E’ vero, faraonici progetti di videosorveglianza e fantasiose strategie contro i ladri possono davvero poco dinanzi a uno scenario così complesso. Ma forse dalla politica ci si aspetterebbe un progetto sociale più ampio e lungimirante che non si basi sulla speranza che le annuali statistiche sulla criminalità continuino a segnare un banale segno meno.

CRONACA :: IL NORDMILANO NELLE MANI DEI NUOVI TRAFFICANTI DI DROGA

Nella morsa della ‘mala’ La sparatoria di Cinisello potrebbe aprire un’altra faida di Stefano Bini Droga a chili, ma anche armi e un esercito di manovali a basso costo che vengono da Paesi poveri, dove sparare per rispondere a uno sgarro o per dare un avvertimento è una consuetudine. Il Nordmilano torna a trasformarsi in una polveriera per le nuove criminalità. Chi pensava che le guerre tra bande degli anni ‘80 fossero finite per sempre deve rivedere le sue considerazioni, perché la sparatoria avvenuta in strada, nella serata di lunedì a Cinisello, ha tutte le sembianze di un regolamento di conti tra bande criminali che si contendono il mercato della droga. Un egiziano di 28 anni, con precedenti per droga, è stato ferito con 2 colpi di arma da fuoco esplosi da un’auto con tre persone a bordo. Ma non è solo Cinisello a ribollire di nuova criminalità,

legata al mondo della droga. Nei giorni scorsi a Cusano Milanino i carabinieri hanno sequestrato un vero arsenale che era nascosto in un magazzino di via Zucchi, nel quartiere artigianale. Ad accompagnarlo, anche 3 chili di droga che 2 giovani italiani custodivano per poterlo spacciare. A Bresso e Cusano, la Squadra mobile della polizia una decina di giorni fa aveva eseguito perquisizioni e sequestri in due diversi covi, nell’ambito di una operazione contro le attività criminali di una banda di peruviani con base in viale Padova a Milano. Ma a creare preoccupazione è soprattutto Cinisello dove i quartieri della droga sono tornati a funzionare quasi ai regimi degli anni ‘90, quando Sant’Eusebio era considerato un inespugnabile fortino della droga. I numerosi arresti

compiuti da polizia e carabinieri possono essere incoraggianti. Ma l’altra faccia della medaglia è rappresentata dal fatto che più arresti ci sono, più è elevato il numero di spacciatori presenti sul territorio. Il regolamento dei conti dell’altra sera, avvenuto in una strada importante come via Lincoln, testimonia che i gruppi criminali sono in fermento. Da un lato gli egiziani, che rappresentano la mano-

valanza in continua ascesa. Dall’altro le famiglie storiche che non tollerano la crescita di potere dei nuovi arrivati. Già nel mese di luglio del 2015 il rione di Sant’Eusebio era stato al centro di un’altra sparatoria. Un senegalese di 36 anni era stato gambizzato. Il sindaco Siria Trezzi ha scritto al Prefetto Alessandro Marangoni per chiedere un tavolo sulla sicurezza.

Lettere alla redazione

Raccontateci il vostro punto di vista, i vostri dubbi sul futuro della città e i ricordi della Sesto che fu. Scrivete messaggi brevi a: redazionegazzettino@gmail.com Oppure all’indirizzo: piazza F. Caltagirone 75.

A proposito di salute... Ho letto con attenzione l’articolo ‘Il tour nella città del futuro’. Se ho ben capito la bonifica dei terreni ex Falck consiste nell’asportazione di un certo quantitativo di terreno inquinato e la sua sostituzione con materiale inerte, privo di ogni sostanza nociva. In parole povere, si toglie il veleno da un luogo per metterlo in un altro, perché la terra inquinata non può essere bonificata e finirà per avvelenare i luoghi dove verra scaricata. Dove viene

portata la terra che quotidianamente esce dalla ex Falck? Risposta: in un altro luogo. Tante grazie per l’esauriente risposta. sarebbe molto interessante invece sapere con esattezza dov’è questo luogo. C’è qualcuno che può rispondere? lettera firmata I parcheggi non ci sono, le città muoiono Hanno aperto un nuovo centro commerciale nelle aree ex Alfa Romeo di Arese. Prima però

hanno fatto 15mila posti auto per i parcheggi. Oggi nelle città i negozi chiudono. Le autorità fanno di tutto per togliere i parcheggi e così si vedono auto che girano avanti e indietro in cerca di un posto libero per parcheggiare. La domanda di parcheggi c’è, ma la risposta è: andate nei centri commerciali, oppure la spesa fatela a piedi. Anche per prendere la metropolitana i parcheggi non li trovi mai! Speriamo per il futuro. lettera firmata


Attualità

ISTRUZIONE ::

NELLA CLASSIFICA

1 dicembre 2016

|

3

2016 PUBBLICATA DA EDUSCOPIO TANTI RISULTATI MEDIOCRI

Scuola, Nordmilano senza eccellenze Si conferma tra i migliori il De Nicola di Sesto, ma non in tutti i settori di Margherita Abis Per migliaia di famiglie milanesi è il dilemma di queste settimane. Quale scuola superiore scegliere per i propri figli? Un interrogativo complesso, che deve tenere conto da un lato delle propensioni dei figli adolescenti, ma anche delle opportunità che la preparazione scolastica potrà offrire al giovane, una volta diplomato. Soprattutto deve tenere conto del panorama scolastico, non sempre ricco di proposte di qualità. A fare da spartiacque è anche quest’anno la classif ica di Eduscopio, una vera panoramica degli istituti scolastici di tutta Italia che, se pure tra mille polemiche e discussioni, offre un punto di vista ‘scientifico’ sulla qualità degli istituti, anche quelli del Nordmilano. Per la verità il 2016 ha riservato pochi numeri da capogiro, ma tanti aspetti mediocri per le scuole del territorio. Bene il settore tecnico tecnologico. In un raggio di 10 chilometri dal capoluogo meneghino, si piazzano sul podio due istituti nordmilanesi: al secondo posto il De Nicola di Sesto San Giovanni e al terzo il Cartesio di Cinisello, con uno scarto di pochi punti dal Giulio Natta di Milano, che detiene il primato. Si nota però che anche le scuole al top non lo sono a 360 gradi. Gli stessi istituti hanno risultati differenti, se si considerano settori diversi. In un raggio di 10 chilometri da Milano, il cinisellese Cartesio, ben piazzato tra i tecnici tecnologici, è in 36esima posizione tra i licei scientifici. E addirittura agli ultimi posti (al 76esimo) se si considera un raggio di 30 chilometri. Qui il podio è totalmente milanese: ai primi posti gli istituti Volta, Sacro Cuore e Leonardo da Vinci. «Probabilmente questa disparità tra i due settori è dovuta al fatto che le competenze che gli alunni sviluppano vengono fuori più nel tecnico che nello scientifico - ha commentato Marina Rossi, dirigente scolastica del Cartesio -. C’è indubbiamente una grande gioia per il risultato del settore tecnico, dove stanno decollando diversi progetti. Stiamo puntando all’innovazione e stiamo mettendo a punto anche la sezione delle biotecnologie. Mentre siamo dispiaciuti, ovviamente, per lo scientifico. Lavoriamo continuamente per implementarlo, con laboratori ed esercitazioni. Sicuramente

Si valutano università e professione

dovremo analizzare questi dati». Un discorso piuttosto simile si può fare per il De Nicola di Sesto, che non risulta ‘da record’ per la sezione economica. Dove è 12esimo, e scende alla 32esima casella se si valuta un raggio di 30 km da Milano. «Il settore tecnologico è molto ben seguito, perché abbiamo soltanto due sezioni - ha sottolineato Vincenzo Chieppa, dirigente scolastico del De Nicola -. E bisogna considerare che le scuole del settore economico con cui ‘competere’ sono molte di più. L’organizzazione e l’attenzione che poniamo ai due indirizzi sono le stesse. Il

risultato molto positivo ottenuto negli anni dal tecnologico è dovuto anche a un altro aspetto. Per questo settore abbiamo un unico indirizzo, quello di ‘Costruzione ambiente e territorio’. Se a volte i ragazzi arrivano con una preparazione non adeguata, dalla terza superiore in poi sono più inseriti, vengono seguiti con laboratori ad hoc e gli viene offerta una preparazione sia tecnica che culturale. La formazione che ricevono li rende in grado di affrontare l’università. Il nostro obiettivo è proprio quello di aumentare il numero di chi, dopo le superiori, decide di proseguire gli studi».

I numeri

Messi a confronto 4.378 istituti La classifica di Eduscopio può essere consultata scegliendo tra un raggio di 10, 20 o 30 chilometri dall’area di Milano. Variando la distanza dal capoluogo, i dati cambiano e di molto. Considerando i 10 km di raggio, qualche istituto nordmilanese spicca in classifica. Ma se si estende la ricerca ai 30 km di raggio sono ben poche le scuole che ‘resistono’. Qui entrano in gioco molti istituti delle province di Como e di Monza Brianza, che risultano migliori. Valutando con una distanza di 30 km, nel settore tecnico tecnologico il De Nicola, con 70,86 punti, mantiene un buon quinto posto. Mentre il Cartesio con 60,55 scende al diciassettesimo. L’istituto Breda di Sesto, con 46,87 punti, ottiene una trentesima posizione. Tra gli economici invece compare il Montale al 39esimo posto. Tra i licei scientifici bisogna scorrere fino alla 16esima casella per trovare una scuola del Nordmilano: il Breda, con 79,72 punti. Mentre il cinisellese Casiraghi è in 28esima posizione con 74,51 e lo Spinelli di Sesto è addirittura 81esimo con 52,35. Non è un successo nemmeno per gli altri licei del territorio: tra i classici compare soltanto il Casiraghi, 23esimo in classica, e tra gli artistici nessuno.

Il progetto Eduscopio della Fondazione Agnelli mette a confronto la qualità didattica degli istituti superiori. Per calcolare i punteggi delle scuole, vengono presi in considerazione diversi aspetti. Dai risultati conseguiti durante il percorso universitario (per i licei e per gli istituti tecnici) agli sbocchi professionali (per gli istituti tecnici e professionali). Viene presa in considerazione la carriera universitaria degli anni dal 2011 fino alla primavera del 2015 e si valutano gli esiti universitari e gli esami svolti nel primo anno di corso. Si guarda sia al risultato qualitativo che a quello quantitativo. Le scuole professionali vengono invece valutate secondo due criteri: l’indice occupazionale dei diplomati e la coerenza tra il percorso di studi e l’impiego lavorativo. Per il Nordmilano, compaiono in classifica le scuole Falck di Sesto (al 25esimo posto), il Montale di Cinisello (al decimo) e il Molaschi di Cusano.


4

|

1 dicembre 2016

Focus

Verso il referendum

7-23

Si vota il 4 dicembre dalle 7 alle 23 nei seggi abituali, muniti di documento di identità e scheda elettorale.

AL VOTO :: IL 4 DICEMBRE GLI ITALIANI ALLE URNE: IL PAESE È DIVISO, MA ASTENERSI NON SERVE

Le ragioni del Sì e quelle del No La riforma vista dal Nordmilano Belcastro, presidente Ainm: «Avere il coraggio di cambiare»

L’avvocato Polastri: «Un sistema di regole che complicherà la vita»

«Se un imprenditore vede la sua azienda in difficoltà o in situazione di stallo, deve avere il coraggio di cambiare qualcosa, il coraggio di attuare qualche modifica. Ecco, io applico quest’ottica imprenditoriale al prossimo voto: l’Italia arriva da una lunga situazione di stallo, bisogna provare a cambiare qualcosa per affermare definitivamente il rilancio». Salvatore Belcastro, presidente di Ainm, l’Associazione imprenditori del Nord Milano, si schiera nelle fila del Sì alla riforma costituzionale. Quale motivo, più degli altri, l’ha spinta a questa decisione? «Sono fermamente convinto che il Sì possa dare una svolta al Paese. Le modifiche paventate dalla legge renderebbero l’Italia più veloce, meno burocratica e burocratizzata, al pari degli altri Stati europei in termini legislativi e decisionali. La velocizzazione delle procedure legislative sarà una marcia in più. E poi c’è il taglio dei costi della politica: ne parliamo da anni, dobbiamo avere il coraggio di farlo. Pensiamo al Cnel, il suo taglio è solo un bene per il Paese». Dice che il Paese deve uscire dallo stallo. Pensa sia la ricetta migliore? «Dico che in realtà lo stallo, in parte, ce lo siamo già lasciato alle spalle. Ci sono segnali positivi in termini di produttività. Il Governo, nel bene e nel male, ha dato un po’ di stabilità alla nostra Italia. Sono convinto che il Sì possa completare questo processo». E gli altri imprenditori cosa pensano? «In realtà in Italia noi abbiamo un brutto vizio, quello di non andare a votare e di lamentarci. Il voto è lo strumento democratico più potente che abbiamo tra le mani. Spero non ci sia troppo astensionismo. Quello che più mi turba quando parlo ad altri imprenditori è la mancanza della cultura del rispetto, che per anni ha bloccato il Paese. Il Governo Renzi va lasciato lavorare: alla fine della legislatura si tireranno le somme e solo a quel punto chi vorrà cambiare avrà la possibilità, tramite il voto, di dare forza a questo suo desiderio».

Lo schieramento del No alla riforma costituzionale si è presentato molto ampio e variegato, soprattuto dal punto di vista politico, abbracciando le ragioni dei movimenti di Sinistra, come di quelli della Destra e dei 5 Stelle. Abbiamo deciso di parlarne con l’avvocato Gianluca Polastri, 33 anni, specializzato nel settore del Diritto Commerciale e Societario, sia in ambito civile che penale, che nelle ultime settimane ha deciso di rendere pubblici i motivi del suo No alla riforma, anche prendendo parte in veste di relatore a diversi incontri pubblici dedicati all’informazione sul Referendum. Quale la principale ragione per votare no? «Perché ho constatato che è un falso che semplifichi. Si sono scelte come parole d’ordine di questa riforma la semplificazione e il cambiamento. E sebbene da una lettura superficiale si può avere una parvenza di cambiamento rispetto a ciò cui siamo abituati oggi, una lettura più organica delle modifiche mostra un sistema di regole che complicherà la vita degli italiani». Quale secondo lei il punto debole della riforma? «Indubbiamente è la modifica del Titolo quinto della Costituzione che aveva attribuito le competenze alle Regioni. Oggi si cerca di togliere competenze alle Regioni riportandole in seno allo Stato con la scusa che in questo modo sono più controllabili e che viene garantita l’unità dello Stato. In realtà si cerca di riportare i soldi nello Stato centrale, in questo modo si ritiene più semplice governare i conti statali, ma a spese delle Regioni e dei territori». Sta girando molto per parlare del referendum e sta sentendo molti cittadini. Che opinione si è fatto delle loro aspettative? «L’impressione che è ci sia una gran voglia di cambiamento, dunque si bada poco alla sostanza. Mi permetta una metafora: è come se i cittadini vivessero in una casa che puzza di muffa e dinanzi alla proposta di una casa apparentemente nuova, non stiano a pensare al fatto che è carente nelle fondamenta. Si rischia di rincorrere i nuovo senza guardare con attenzione a cosa viene proposto».

Il referendum non ha quorum, ma è importante esprimere una preferenza Vincerà chi riuscirà a prendere un voto in più La storia politica degli ultimi anni ci ha abituati ai tanto bistrattati referendum abrogativi, falliti quasi sempre per la scarsità di elettori, dunque per non aver raggiunto il quorum del 50 per cento degli aventi diritto più uno. Il prossimo 4 dicembre, la scelta di non andare a votare non servirà a determinare la bocciatura del quesito, perché in questo caso l’affluenza alle urne non avrà alcun effetto sull’esito referendario. Trattandosi di un referendum costituzionale, ossia confermativo. Il legislatore chiede ai cittadini di confermare con un Sì o un No la riforma proposta; indipendentemente dal numero dei votanti, vincerà chi prende un voto in più. Se per assurdo a votare fossero solo Renzi e la Boschi, vincerebbe il Sì. Dunque è chiaro che se si vuole incidere sull’esito del referendum bisogna andare a votare, sia che si sia favorevoli alla riforma che se la si voglia bocciare.

AFFITTASI SPAZI ARTIGIANALI DA 25 A 150 mq in viale Casiraghi Sesto San Giovanni a 200 metri dalla fermata della metropolitana Rondò PER INFORMAZIONI 335/6025532


Focus

!

IL TESTO: ‘Approvate il testo della legge costituzionale concernente «Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione» approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?’

Dal territorio

In 146mila chiamati al voto

1 dicembre 2016

146.520

|

5

E’ il numero degli elettori chiamati alle urne nei quattro comuni del Nordmilano.

AL VOTO :: BREVE EXCURSUS TRA LE PRINCIPALI MODIFICHE INTRODOTTE DALLA VITTORIA DEL SÌ

La nuova Costituzione in dieci punti Si tratta della riforma più vasta di sempre Previste novità su oltre 40 articoli

Si vota solamente domenica dalle 7 alle 23. Lo spoglio delle schede avverrà dal momento della chiusura dei seggi. Nel Nordmilano sono chiamati al voto 146.520 cittadini. A Sesto gli aventi diritto sono 58.357, a Cinisello 52.881, a Bresso 19.786, a Cusano 15.496. Gli elettori dovranno recarsi ai seggi abituali. Sono infatti confermate 73 sezioni a Sesto, 65 a Cinisello, 27 a Bresso e 17 a Cusano.

La riforma costituzionale che sarà sottoposta a referendum il 4 dicembre è la più vasta mai intrapresa in Italia e prevede la modifica di oltre 40 articoli. Il referendum costituzionale chiama gli elettori a esprimersi su novità che riguardano il Senato, con la fine del bicameralismo perfetto, il taglio dei costi della politica, l’equilibrio di rappresentanza uomini-donne, il rapporto Stato-Regioni. Ecco le modifiche se vincerà il Sì: Una sola Camera per legiferare La Camera dei deputati sarà l’unica assemblea legislativa. L’unica a votare la fiducia al Governo. Una rivoluzione che crea più di una critica tra quanti sostengono che affida troppi poteri ai futuri Governi. Nuovo Senato Il numero dei senatori sarà ridotto a 100 (oggi sono 315): 5 scelti dal Presidente della Repubblica e 5 dalle Regioni (naturalmente in base agli orientamenti politici). Si tratta di parlamentari privi di indennità, ma godranno dell’immunità parlamentare. Gli ex Presidenti della Repubblica saranno i senatori a vita.

Il Senato e le leggi Il Senato manterrà competenza legislativa in materia di riforme costituzionali, ratifiche dei trattati internazionali relative all’appartenenza dell’Italia all’Unione europea, leggi elettorali degli enti locali e sui referendum popolari. Potrà disporre l’esame su disegni di legge approvati dalla Camera. Si esprimerà sulle leggi di bilancio con la maggioranza assoluta. Elezione Presidente della Repubblica Il capo dello Stato sarà eletto da deputati e senatori. Referendum e iniziativa popolare Più difficile chiedere referendum: serviranno 800mila firme (oggi 500mila). Ne serviranno 150mila (oggi 50mila) firme per la presentazione di progetti di legge di iniziativa popolare. Nomine Corte Costituzionale I 5 giudici della Consulta non saranno più eletti dal Parlamento riunito in seduta comune ma verranno scelti separatamente dalle 2 Camere. Al Senato ne spetteranno 2 e alla Camera 2.

Abolizione Province e Cnel E’ prevista la cancellazione immediata del Cnel, il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro. Dalla Costituzione scompaiono anche le Province. Regioni ed enti locali Sono previsti indicatori di costi e fabbisogni per rendere più efficienti le funzioni pubbliche di Comuni, Città Metropolitane e Regioni. Legge elettorale La legge elettorale non è di competenza costituzionale, ma la riforma prevede che prima della promulgazione le leggi che disciplinano l’elezione dei parlamentari potranno essere sottoposte al giudizio preventivo di legittimità costituzionale. Le quote rosa Un nuovo comma viene inserito nell’articolo 55 per promuovere l’equilibrio di genere tra donne e uomini nella rappresentanza parlamentare.


6

|

1 dicembre 2016

PubblicitĂ 


Sesto San Giovanni

AMBIENTE :: DOPO MESI DI POLEMICHE CAMBIA IL SERVIZIO DI IGIENE

Le spazzatrici in attività Niente più alibi sulla pulizia per il Comune di Laura Lana Sono entrate in servizio lunedì mattina le prime cinque nuove spazzatrici di Area Sud Milano, il gestore del servizio di igiene urbana che ha sostituito CoRe, dopo averne assorbito dipendenti e parco mezzi. Le spazzatrici sono dotate di lancia per la pulizia ad acqua delle strade e consentiranno, dopo un periodo di sperimentazione necessario a verificare i tempi di percorrenza in fase di pulizia, di limitare il divieto di sosta delle auto. «Abbiamo deciso di fare prima un test per due settimane per riscontrare eventuali criticità e porvi rimedio

- spiega l’assessore all’Ambiente Elena Iannizzi -. Poi potremo eliminare il divieto di sosta ed estendere il servizio anche ad altre vie». Per ora, infatti, la sperimentazione partirà solo su alcune strade più adatte al passaggio delle nuove spazzatrici e dell’operatore a piedi. «Si tratta di un’operazione più lenta. Dobbiamo tarare i nuovi tempi».

In totale le spazzatrici con lancia saranno 7: le due mancanti arriveranno nei prossimi giorni. Sono entrati in servizio anche 10 porter e 3 costipatori per la raccolta della frazione umida. Nel complesso i mezzi nuovi in attività sono 21 sui 76 complessivi in forza ad Area Sud. Entro metà gennaio entreranno gradualmente in servizio anche i rimanenti 55.

Il caso

1 dicembre 2016

|

7

Salvini a Sesto per il referendum pensa già al voto di giugno SpazioArte gremito per l’arrivo di Matteo Salvini, segretario federale della Lega, che ha aperto la campagna elettorale del centrodestra. «Volere è potere, basta avere le idee chiare. Quindi, anche a Sesto si può cambiare. Cascina e Monfalcone, due città operaie e di Sinistra da sempre proprio come questa, hanno scelto per la prima volta nella loro storia di voltare pagina con un sindaco donna della Lega». Salvini lancia così la sfida per conquistare piazza della Resistenza, sicuro dell’alternativa che può assicurare il centrodestra. «C’è chi risponde al padrone Matteo Renzi e si prende i clandestini profughi, come Monica Chittò. E c’è il nostro sindaco di Cologno Monzese, Angelo Rocchi, che al Prefetto e al Governo ha detto no ormai da mesi. I sestesi in primavera potranno scegliere quale tipo di sindaco vogliono».

Nutria in viale Rimembranze Intervengono Enpa e vigili È stata trovata una grossa nutria aggressiva nel cortile di viale Rimembranze 92. Alcuni residenti della zona, dopo averla avvistata, hanno contattato la polizia locale. Riuscire a intervenire è stato complicato. Come hanno riferito gli agenti giunti sul posto, il veterinario non aveva riferimenti di un accalappiatore di nutrie e la polizia provinciale non era attrezzata. È poi intervenuta l’Enpa, l’Ente Nazionale di Protezione Animali, con una sua volontaria. Che ha preso la nutria e l’ha visitata. L’ha poi trasportata in un contenitore fino al suo habitat naturale, dove è stata liberata. Sul Naviglio Martesana, in via Idro all’angolo con via Padova.

Strada dissestata, chiusa per lavori via Di Dio Inaugurata di recente, è già chiusa al traffico il nuovo tratto di via Di Dio che transita dal centro del borgo di Cascina Gatti. ‘Urgenti e improrogabili interventi di messa in sicurezza e ripristino del fondo stradale’ hanno imposto la chiusura alle auto per almeno 12 giorni lavorativi, salvo avverse condizioni meteo.

I blocchetti di autobloccanti di cui è costituita la carreggiata risultano inadatti al passaggio di auto e camion che sollevano la pavimentazione. Le opere di messa in sicurezza saranno compiute dall’operatore che sta eseguendo i lavori nel nuovo quartiere della Bergamella.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

PUNTI A SESTO • Il pane di Christian Due - Via Monte Grappa 259 • Hair Ripoli Candida - Via Vincenzo Monti 12 • Milano senza glutine - Viale Gramsci 538 • Distributore Q8 - Via Grandi • Biblioteca civica Sesto S. G. - Via Dante • I love Shopping - Via Cesare da Sesto 134 • Palestra spazio fitness - Via Pisa 134 • Paninoteca Bass - Piazza Trento Trieste 32 • Shell - Viale dei Partigiani 83 • Bar tabacchi Maria - Viale Italia 1010 • Total Erg - Viale Fulvio Testi 196 • Palestra Fit - Galleria Dante 49 • Bonta' più - Via Picardi 4/16 • Mezzo di' - Piazza Don Mapelli 22 • Baby Bazar - Viale Marelli angolo 24 Maggio 1 • Centro sportivo il Cigno - Via Domenico Fiorani 74 • Centro Olistico - Via Marsala 69 • G&G - Via fratelli Picardi 28 • Panificio pasticceria San Mina - Via Giovanna d'Arco 176 • Buon pane di S. Giorgio - Via per Crescenzago 176 • Bar Chez Toi - Via Grandi 31 • Bar latteria Rogliano Salvatore - Via Pisa 190 • Distributore Q8 - Viale Matteotti 104 • Agip - Viale Antonio Gramsci angolo via Montenero • Spaccio dolciario Dolce Bonta' - Via Rovani 199 • Dolce Gelato - Via Rovani 291 • Bar Break Point di Lamboglia Giuseppe & C. - Via Pisacane 1

• Kebab Magdy 2 - Via Rovani 102 • Studio Foto Express - Via Roma 23 • Gina - Via fratelli Picardi 78 • Piccolo Bar - Via XX Settembre 93 • Mi-wheels - Via Rovani 6 • Splash - Via Firenze 52 • Piadina Insalatina - Piazza Don Mapelli 4 • Affare fatto - Mercatino dell'usato - Via Livorno 47/49 • Ristorante Gastone - Via Alberto Falck 15 • Ospedale di Sesto San Giovanni Istituti Clinici di Perfezionamento - Via Matteotti 83 • Parrucchiera Vanità di Genchi Donatella - Via Migliorini 22 • Palasesto - Piazza 1° Maggio • Bottega del Caffè - Via General Cantore 206 • Pasticceria artigianale Croissant D'Or - Viale Rimembranze 93 • Centro Carni Sestese - Via Boccaccio 192 • Bar Metropolis - Via Oslavia 6 • Trattoria Pizzeria Villa Gualdina - Via Ernesto Breda 196 • Edison Caffè di Rizzelli Matteo & C. - Viale Edison 71 • Vestri Dolce Risparmio - Via Montegrappa 32 • Il Forno di Arianna di Vento Arianna - Via Rovani 234 • Anna Abbigliamento - Via Don Minzoni 100 • C'era una volta il pane - Viale Casiraghi 223 • Immobiliare Stella - Via Cesare da Sesto 13 • Copy & Print di Tura De Marco Valentino

- Via C. Battisti 16 • Sestocopy Snc - Via Giuseppe di Vittorio 167 • Farmacia Lamiranda - Via F. Petrarca 111 • Associazione AVIS - Via Giardini 32 • Piscina Olimpia - Via Marzabotto 179 • Ortopedia Roll Star Italia (S. R. L.) Ausili Ortopedici - Via Carlo Marx 593 • Bar 77 Sas di Maciel Dias Telma & C. - Via Saint Denis 77 • Piscina Comunale De Gregorio - Via Saint Denis 101 • Panetteria Pasticceria Enzo E Daniela Snc - Via Saint Denis 185 • Remember Bar - Viale Matteotti 168 • Bar Civico 44 - Via Padre Ravasi 44 • Mio Cafe' - Via Puricelli Guerra 14 • Farmacia Comunale - Via Saint Denis 85 • Farmacia Comunale n° 10 Marx - Via C. Marx 495 • Eurospin - Via C. Marx 495 • Il giardino dei tigli - Via Risorgimento angolo F.lli Bandiera • Tabaccheria riv. 15 di Recalcati Enrico - Via Risorgimento 39/41 • Esso di Gobbi Paolo - V.le Rimembranze angolo via F.lli Di Dio • Farmacia Padre Pio - Via Fratelli Di Dio 79 • Bar Mela Verde di Carluccio Domenico - Via Fratelli Di Dio 77 • M.D.B. sas di A. Mura & C. - Viale Rimembranze 175 • Biglietteria e tabaccheria Sergio - Via Cesare Battisti 47

• Bar Marzini - Viale Gramsci 42 • Percin Ayasofya Doner Kebab - Piazza IV Novembre 37 • Cartofollia di Brambilla Orietta - Via F.lli Bandiera 65 • Ristorante Pentola d'oro - Via F.lli Bandiera 25 • Bar Decio Snc di Agati Davide e Fontanini Matteo - Via F.lli Bandiera 8 • Bar dello Sport di Molinari Luca - Via Padre Ravasi 108 • CAF - UCI - Centro Assistenza Fiscale - Via Puricelli Guerra 21 • Lu Rong - Via Puccini 60 • Farmacia 777 - Viale Marelli 79 • Tabaccheria De Palma Margherita - Viale Marelli 22 • Bread And Coffee - Viale Marelli 138 • Marelli 79 Bar Ristorante - Viale Marelli 138 • Bar Barico di Borsa Alessio - Viale Marelli 79 • Farmacia Giannice snc - Viale Matteotti 382 • Paradise Cafe' - Via Corridoni 159 • Cartoleria il Pellicano - Viale Matteotti 302 • Star Flex fabbrica materassi - Via Carducci 221 • Dolci - Sapori di Sicilia - Via La Fratta 46 • Non solo pane - Via Cavallotti 127 • Bar tabacchi True Blood - Via Cavallotti 297 • L'isola dei bimbi - Via Cavallotti 242 • Torti Pasticceria - Via XX Settembre 45 • Bar Farina - Via Oslavia 29 • Sesto Fitnees - Via Po 26 • Il Forno Di Penati - Via Rovani 143


8

Sesto San Giovanni | 1 dicembre 2016 SANITÀ :: NUOVE FUNZIONI PER LA RESIDENZA DISABILI

Pelucca, un aiuto dalla Regione L’assessore Gallera bacchetta i vertici della onlus di Stefano Bini La Residenza Sanitaria per Disabili potrebbe essere trasformata in un Presidio Socio Sanitario Territoriale (Presst) o in un centro per l’autismo. E’ questa una delle proposte avanzate al tavolo regionale dell’assessorato alla Sanità per tentare di salvare la nuova struttura aperta all’interno del centro Pelucca e oggi gravata da enormi costi che la rendono insostenibile. «Le criticità che sta affrontando la Residenza Sanitaria per Disabili (Rsd) di Sesto purtroppo sono frutto di scelte compiute senza tenere presente le concrete possibilità di sviluppo della struttura - ha affermato l’assessore regionale alla Sanità Giulio Gallera, che venerdì scorso ha incontrato i vertici di Pelucca . Regione Lombardia si rende comunque disponibile ad avviare un tavolo di confronto per riflettere sul futuro del servizio e della struttura in questione». Nell’incontro che si è tenuto in

Regione i vertici della onlus ‘La Pelucca’ hanno esposto all’assessore le criticità dell Rsd sita a Sesto, struttura accreditata dalla Regione nel maggio 2016 ma non contrattualizzata. «Le attuali Regole di esercizio - ha spiegato Gallera -, non consentono la messa a contratto di nuovi posti o di nuove unità d’offerta. L’apertura ai contratti nel settore disabili è avvenuta con le regole di esercizio del 2014, anno in cui abbiamo contrattua-

lizzato 5 nuove Rsd. Attualmente l’offerta regionale vede a contratto 3.986 posti letto di Rsd, 6.553 posti di Cdd e 1.508 posti letto di Css. Tuttavia, a fronte delle difficoltà economiche che la Fondazione sta affrontando, Regione Lombardia si è resa disponibile a riflettere sulle proposte messe in campo dal presidente Nino Berti, tra cui la realizzazione di attività legate all’autismo o la realizzazione di un Presst.

ALLARME BOMBA IN METRÒ DISAGI PER I PENDOLARI Un pacco dimenticato su un convoglio ha causato il blocco delle stazioni L’incessante allarme terrorismo continua a rendere difficile la vita dei pendolari del Nordmilano. Lunedì scorso l’ennesimo black out della linea metropolitana sestese ha lasciato a piedi migliaia di persone nelle ore di punta del mattino. Il ritrovamento di un pacco sospetto ha fatto scattare l’allerta lungo la linea 1 del metrò, tra Sesto Marelli e Sesto Rondò, bloccando la circolazione dei treni per circa un’ora, prima delle 9 del mattino. Si tratta del quarto allarme nell'ultimo mese. L’ennesimo di una difficile stagione di ‘allerta terrorismo’ che impone controlli da parte del personale di Atm e delle forze dell’ordine. Il momento così delicato impone ad Atm di tenere gli occhi aperti su tutto ciò che circola sui convogli. Impone soprattutto l’avvio di una complessa procedura di verifica sul campo quando si scoprono bagagli abbandonati. Questo comporta la chiusura delle stazioni e gli inevitabili disagi ai pendolari. Anche lunedì mattina, in molti hanno dovuto raggiungere a piedi la prima stazione disponibile verso Milano. Altri hanno dovuto prendere gli autobus delle linee di superficie. Per fortuna il pacco che era stato trovato su un convoglio si è rivelato innocuo. Un falso allarme. Le verifiche erano state affidate agli agenti del commissariato di Sesto che da via Marelli hanno immediatamente raggiunto il convoglio fermo in stazione e hanno eseguito gli accertamenti.


Sesto San Giovanni

ECONOMIA :: SESTO E CINISELLO FIRMANO L’ACCORDO CON CONFCOMMERCIO

Insieme per il commercio Saranno 5 le aree di intervento per favorire il marketing di Margherita Abis Un protocollo di cinque anni, per valorizzare il commercio di vicinato. Il programma è stato firmato lunedì mattina dai Comuni di Sesto San Giovanni e di Cinisello Balsamo, insieme a ConfCommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza. L’obiettivo è istituire una cabina di regia e una consulta di area vasta, per favorire le azioni di marketing e la promozione dell’attrattività commerciale. «Avviamo oggi un percorso sperimentale che non ha eguali in Lombardia mettendo insieme le competenze dei Comuni e quelle del privato - ha dichiarato il sindaco di Cinisello Balsamo Siria Trezzi -. Dobbiamo essere consapevoli che il rilancio del commercio e con esso dello sviluppo economico locale non può che passare dallo sviluppo di strategie di carattere sovracomunale». Si opererà su cinque diverse aree. Gli incentivi per l’apertura di nuove attività di vicinato, recuperando zone depresse, iniziative di promo-comunicazione coordinata con eventi e manifestazioni, innovazione attraverso la gestione di servizi in comune, formazione e fundraising con il coinvolgimento di possibili sponsor e la partecipazione a bandi. «L’impegno dei nostri Comuni per la promozione del commercio di vicinato non nasce oggi - ha commentato il primo cittadino sestese Monica Chittò -. Ma oggi facciamo un passo in più, ragioniamo in ottica metropolitana, mettendo in comune esperienze e risorse a favore del commercio di vicinato come leva di vivibilità e benessere delle nostre città».

L’iniziativa

Abete in via XXIV Maggio Un’occasione di festa, condivisione e incontro. Il comitato Isola del Bosco ha organizzato un’iniziativa natalizia la mattina di giovedì 8 dicembre. Appuntamento nel giardino di via XXIV Maggio/Cavallotti, dove verrà collocato un piccolo abete. Ci si riunirà per addobbarlo con oggetti di recupero: vecchi addobbi natalizi, lucine colorate o piccoli giocattoli. Oggetti che ognuno potrà portare da condividere con i cittadini. Al termine verranno offerti dal comitato anche pandoro e panettone.

1 dicembre 2016

|

9

Nidi: al via i progetti per la qualità «Dal primo dicembre, nei nidi comunali partiranno le prime 4 stabilizzazioni del personale educativo». Lo annuncia il sindaco Monica Chittò insieme alla firma di un protocollo d’intesa che guarda al prossimo biennio. Vengono confermati fino alla fine dell’anno scolastico tutti i contratti a tempo determinato, circa una ventina che scadevano questa settimana. Entro il primo trimestre 2017, anche tenendo conto dei pensionamenti previsti e di una puntuale rilevazione delle presenze effettive dei bambini, si definirà il fabbisogno di personale dei nidi, che contano 422 bambini: su questa base entro il 2018 il Comune si impegna a stabilizzare le educatrici precarie che hanno i requisiti previsti dalla normativa. «L’intesa firmata con Rsu e sindacati tiene saldamente uniti i diritti dei bambini e delle famiglie con quelli del personale educativo, valorizzando l’elevato livello degli asili nido sestesi», commentano il sindaco Monica Chittò e l’assessore all’Educazione Roberta Perego. Nei giorni scorsi le educatrici precarie avevano incontrato i capigruppo in consiglio comunale, insieme a Usb, Sulpm e Uil, e le famiglie in un gazebo al mercato del centro storico. La richiesta delle sigle guarda infatti al futuro: a un piano straordinario sul personale dei servizi all’infanzia, dopo che il Governo ha concesso la possibilità di assunzioni in deroga. Laura Lana


10

Sesto San Giovanni | 1 dicembre 2016 SALUTE :: CONSIGLIERA REGIONALE VALMAGGI A CONFRONTO CON L’ASSESSORE GALLERA

La riforma procede a rilento

Un giorno senza barriere

Copertura dei primariati a rischio a Sesto e a Cinisello di Stefano Bini

In ospedale Nuove sale parto

Qualche passo avanti nella riorganizzazione dei servizi, ma è rinviato al 2017 il destino dei servizi sanitari territoriali. Si può sintetizzare così l’intervento dell’assessore alla Sanità Giulio In Italia cala il numero dei nuovi nati, ma Sesto punta tutto Gallera, in risposta all’interrogazione sul suo reparto neonatale, convinti che possa diventare il presentata dalla consigliera regionale principale centro per le nascite del Nordmilano. Già oggi sestese, Sara Valmaggi sul riassetto nascono oltre mille bambini ogni anno. Lunedì prossimo saranno dei presidi e dei servizi dell’Asst inaugurate le nuove sale parto. La ristrutturazione era attesa Nord Milano. da tempo, ma ora arriva a completamento di un piano che «Per le posizioni apicali vacanti in pochi anni ha portato al rinnovo dell’intero reparto (primariati) - spiega Valmaggi -, solo pediatrico sestese. Le nuove sale parto saranno presentate quella di Anestesia all’ospedale di lunedì pomeriggio nel corso di una cerimonia Sesto sarà effettivamente coperta dal alla quale interverranno le autorità locali 16 dicembre prossimo. Per Pediatria a e l’assessore regionale alla Sanità Sesto, Medicina, Urologia, Anestesia e Giulio Gallera. Neurologia al Bassini di Cinisello, sono state espletate le procedure concorsuali ma non sono state concluse. Per Medicina e Chirurgia a Sesto, sono state attivate di forte attualità con la decisione della solo ora le richieste per la copertura degli Regione di procedere anche nel Nordmilano incarichi, che però saranno vacanti già con la riorganizzazione decisa con la dal gennaio prossimo». riforma sanitaria dello scorso anno. Il tema del riassetto sanitario è tornato «Gallera - continua Sara Valmaggi - ha

SOCIALE

anche parlato della necessità di sinergie e ottimizzazione, in particolare per quanto riguarda i reparti di Cardiologia e Subacuti di Sesto e Cinisello. A questo proposito ho voluto evidenziare che le sinergie, pur necessarie, non devono andare a depauperare i servizi erogati direttamente ai cittadini e devono garantire una presa in carico omogenea su tutto il territorio». Il destino dei servizi territoriali, come i consultori e i progetti sperimentali (quali quello di sostegno agli adolescenti in difficoltà e alle loro famiglie, attivo dal 2004 al Bassini) è affidato al Poas, il Piano organizzativo aziendale strategico. Che è ancora in fase di valutazione da parte della giunta e che, comunque, a detta dell’assessore regionale, sarà ridefinito nel 2017. Quando i servizi sociosanitari, oggi in campo alle Asl (Ats), saranno gestiti interamente dagli ospedali, come già accade da un anno nel resto della Regione.

Sesto celebra la Giornata Internazionale delle persone con disabilità. Sabato 3 dicembre torna ‘Io non creo barriere’, seconda giornata di sensibilizzazione culturale su disabilità e qualità della vita in città. Il progetto nasce da un’idea dell’assessorato alle Pari opportunità con la partecipazione attiva delle associazioni che si occupano di disabilità. Tante le iniziative in programma sabato sotto i portici di piazza della Resistenza e via Cesare da Sesto: dalle 10 alle 17 ‘Nel mezzo/12 linee’, laboratorio artistico, a cura di Fondazione Wurmkos onlus; ‘Io non creo barriere’, mostra di lavori dei ragazzi e delle ragazze delle scuole primarie e secondarie di Sesto. Alle 15, alla libreria Presenza, ‘Le parole che vorrei dirvi’, laboratorio di esperienza narrativa familiare a cura dell’associazione In Sesto. E inoltre: performance canore della Corale Ponchielli alla Libreria Presenza (alle 15.15 e alle 16). Mentre il bar Golosissimo me (alle 15.30) offrirà tè e merenda per bimbi e bimbe. Nel corso del pomeriggio è previsto l’intervento delle autorità.


Cinisello Balsamo

1 dicembre 2016

| 11

LAVORO :: NASCE LA SARTORIA SOCIALE

Trame solidali nel quartiere Crocetta Impiegate undici persone che non avevano occupazione di Andrea Guerra Si chiama Trame la prima sartoria sociale di Cinisello Balsamo, nata in Crocetta e battezzata la scorsa settimana. Il progetto prende vita dalla collaborazione di BPer Banca (che ha sviluppato il programma di social business BeAtlas), le cooperative sociali Sammamet e Il Torpedone, l’Associazione Scuole Professionali Mazzini e l’azienda di produzione di maglierie Am Srl. Al lavoro ci sono 11 persone di 8 diverse nazionalità: non solo donne, non solo migranti e stranieri,

IL PROGETTO ::

ma anche italiani che ora hanno trovato un lavoro. «Al momento si sta facendo formazione. Ma da gennaio 2017 arriveranno i primi ordini che la società Am Srl girerà a Trame, per cominciare la produzione», fanno sapere dal Torpedone. «Noi abbiamo in qualche modo raccolto la richiesta di aiuto della comunità a cui ci riferiamo, cioè la Crocetta: qui le persone hanno sopratutto bisogno di lavoro. E Trame risponde a questo bisogno con un inedito modello di business economicamente sostenibile, so-

cialmente utile e altamente inclusivo». Trame apre i battenti allo Spazio Albatros di via Lombardia e rappresenta un’opportunità di lavoro concreta: «Abbiamo l’ambizione di diventare un’impresa d’eccellenza, sostenibile in termini economici e attenta alla qualità della vita dei propri lavoratori e lavoratrici», dicono in coro i partner. Alla cerimonia erano presenti il sindaco di Cinisello Balsamo Siria Trezzi e gli assessori Gianfranca Duca, Andrea Catania e Patrizia Bartolomeo.

GRUGNOTORTO E PARCO NORD SEMPRE PIÙ UNITI

Due parchi ‘agriconnessi’

Street art

Murales ‘svedese’ alla Fontegrafica Porta la firma di due writers svedesi il murales realizzato sulla facciata di via Prati della Fontegrafica, azienda cinisellese che ha deciso di arruolare i due giovani artisti per colorare uno dei propri muri. «La Società Fontegrafica, oltre a coinvolgere i due artisti, ha messo a disposizione tutti i materiali e le attrezzature necessarie per l’esecuzione dell’opera. Il Comune di Cinisello Balsamo, dal canto suo, ha agevolato la procedura autorizzatoria e si è mosso per dare opportuno risalto all’adesione dell’azienda al progetto», fanno sapere dal Municipio. L’opera è dedicata al padre del titolare, Giuseppe Musmeci, a 5 anni dalla sua morte.

Collegare Parco Nord e Grugnotorto è l’obiettivo del progetto ‘Agriconnessi’, presentato in città la scorsa settimana e cofinanziato da Fondazione Cariplo. L’idea di fondo è quella di creare corridoi verdi, dove si pratichi anche agricoltura, per unire i due grandi parchi che si trovano agli estremi opposti della città di Cinisello. Il Comune è partner del progetto insieme all’amministrazione di Nova e ai consorzi di gestione dei due parchi.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE

Se vuoi ospitare un punto PUNTI A distribuzione CINISELLO de Il Gazzettino telefonaci allo

02.83.41.32.90

GRATUITA

ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

• Oil one - Via San Denis 1 • Pasticceria Pan Bar Andrea - Via XX Settembre • Sala Assicurazioni - Piazza Gramsci 31 • Tabaccheria De' Tre Pozzi - Piazza Costa 43 • Pasticceria Costa - Piazza Costa 20 • Bar Gelateria Crema & Cioccolato - Via Frova 34 • Panificio Colombo - Via Libertà 13 • Caffè I Portici - Piazza Gramsci 19 • Bar Dolce Amaro - Piazza Gramsci 58/A • Colors Solarium Estetica Tatoo - Via Dante 40 • Independent Smoke - Via Garibaldi 79 • Parrucchiera Nadia e Lorena - Via Baracca 11 • Nuovo Mercatino - Viale Matteotti 27 • Studio Musto Caf e Amministrazioni condominiali - Via 4 Novembre, 24 • Bar Milanino - Via I° Maggio, 25 • Think Independent per la tua casa - Via Liberta' 68 ang. Via Dante • Sara Assicurazioni - Via Aurora 9 • Tigella Bella - Via Manzoni 42 • Bar Tabacchi Ribot - Via Risorgimento 6 • Bar Garibaldi - Via Garibaldi 39 • Bar Tabacchi - Via Garibaldi 20 • Colo's Cafè - Via XXV Aprile 20 • Bottega del Gelato - Via XXV Aprile 38

• Da Vito - Via Risorgimento 90 • Nuovo Forno sas - Via Risorgimento 6 • Farmacia Risorgimento - Via Risorgimento 90 • Bar Marilyn - Via Risorgimento 51 • Automobile Club D'Italia - Via Appiani 2 angolo Via Risorgimento • Farmacia - Via Libertà 71 • Bar Gioia sas - Via Libertà 45 • Panificio Colombo - Via Libertà 13 • Tropical Cafe' - Via Libertà 86 • Il Caffè della Piazza - Piazza Gramsci 42 • Nevada snc - Via Frova 24 • 45 Studio Arch. Daniele Digiuni - Via Frova 5 • Cooperativa la Nostra Casa - Via Garibaldi 21 • RM Gomme - Via Abramo Lincoln 129 • AMF Farmacia Comunale 4 - Via Gran Sasso 30 • Planet Bar Pizzeria - Via Gran Sasso 21 • AMF Farmacia Comunale 3 - Via Guglielmo Marconi 121 • Bar Tre Stelle - Via per Robecco 94 • Airone 2 Bar e Caffe - Viale Fulvio Testi 140 • Cafè Carducci Virzi Salvatore - Via Carducci 2 • Bar Freddi - Via Beato Carino 5 • Centro Ortopedico Rinascita - Via Lincoln 1 • Grantaglio - Via Colleoni 12


12

|

1 dicembre 2016

Cinisello Balsamo

OPERE PUBBLICHE :: QUASI COMPLETA LA ROTONDA TRA VIA DEI LAVORATORI E VIA BRODOLINI

Cantieri SS36: ultimi interventi Anas ha realizzato anche il parcheggio in via Poma di Niccolò Villa Tra pochi giorni sarà completata la nuova rotonda di via dei Lavoratori, opera inserita nel progetto di riqualificazione della SS36. Chi pensava infatti che il pacchetto di interventi collegato al restyling della ‘statalona’ fosse stato portato a termine, si sbaglia: le piogge incessanti di questi giorni hanno in parte rallentato i lavori, ma ormai la rotatoria è stata disegnata e si trova all’incrocio tra via dei Lavoratori e via Brodolini. «Questa rotonda era prevista tra i lavori di riqualificazione del territorio inseriti negli interventi per la risistemazione della statale 36: è il completamento delle opere accessorie che Anas aveva promesso alla città di Cinisello. I lavori infatti sono realizzati da una ditta incaricata da Anas», commenta l’assessore ai Lavori pubblici, Ivano Ruffa. Che aggiunge: «In realtà, oltre alla rotonda, Anas ha anche completato la realizzazione del nuovo parcheggio di via Poma al servizio dei cittadini. E poi resta ancora da sistemare l’area di via De Vizzi a lato del sottopasso: anche lì sarà realizzato un parcheggio che poi sarà ceduto al Comune». Permane un punto di domanda sulla rotatoria tra via De Vizzi e via Mornerina e via Pizzi: su quell’intervento ci sono ancora criticità legate al parere di Serravalle, che non è stato ancora concesso in via favorevole perché l’opera andrebbe a insistere su una infrastruttura di proprietà della società.

IMPIANTI ::

UN QUESTIONARIO DI GRADIMENTO TRA I CITTADINI

La giunta pensa alla nuova piscina

Un questionario per sondare il gradimento delle nuove piscine Costa e Paganelli è in realtà il ‘cavallo di Troia’ per chiedere ai cittadini di Cinisello, e agli utenti degli impianti natatori comunali, se in città potrebbe servire una nuova struttura, più all’avanguardia. In questi giorni l’amministrazione comunale ha diffuso un questionario per capire se gli interventi alla Costa e alla Paganelli hanno riscontrato successo: in realtà tra le domande si nasconde anche la richiesta sulla nuova piscina, progetto preparato dalla giunta Gasparini ma poi, dopo l’opposizione di alcuni partiti e soprattutto di comitati di cittadini, stoppato dal sindaco Trezzi e dai suoi assessori. «Questa veloce ricognizione aiuterà, se necessario, a programmare una più mirata, attenta e ampia politica di intervento», si legge infatti sul sito comunale.

GENNAIO 2017


PubblicitĂ 

1 dicembre 2016

|

13


Cinisello Balsamo 14 | 1 dicembre 2016 IL CASO :: SALE LA RABBIA DEI RESIDENTI IN VIA LIBERTÀ

Degrado in centro «E noi paghiamo»

Notizie FLASH Morto 34enne a Concorezzo

:: Un 34enne di Cinisello è morto a Concorezzo mentre era al lavoro in un palazzo di via Libertà. Il giovane è stato trovato dai condomini in condizioni disperate: probabilmente colpito da un malore mentre stava facendo le pulizie nella palazzina. Sul posto sono arrivati i soccorritori, ma i tentativi di rianimazione non sono andati a buon fine. Il magistrato ha disposto un’autopsia per accertare le cause del decesso.

di Andrea Guerra Un portico che diventa un ‘vespasiano a cielo aperto’; le bottiglie di birra lasciate la notte di fronte al portone del condominio; le aiuole che si trasformano in un contenitore di spazzatura e si riempiono di deiezioni canine. Ancora una volta sono immagini che non arrivano dai più sperduti angoli di periferia ma dal centro di Cinisello Balsamo. A lanciare l’Sos sono i residenti di via Libertà che vivono nei condomini che si trovano sopra il portico ‘ex Millepiedi’. «Abbiamo visto l’intervento avvenuto dall’altro lato della via, nello spazio verde vicino alla banca. Chiediamo che il Comune intervenga anche qui: serve maggior controllo da parte delle forze dell’ordine», dicono i cittadini.

Alla base di tutto c’è la maleducazione di chi giornalmente frequenta quel luogo, che è privato (e quindi la sua pulizia è a carico degli inquilini) ma a uso pubblico. «Si trovano qui la sera e la notte: bevono, fanno pipì senza nemmeno nascondersi troppo. E guai a dire qualcosa. Basterebbe qualche passaggio in più da parte delle forze dell’ordine. Perché noi paghiamo le pulizie e la manutenzione ma siamo stufi di trovarci il porcile fuori dalla porta ogni mattina». Gli inquilini hanno raccolto alcune immagini che testimoniano la situazione di degrado. «Lo stesso succede nelle vie limitrofe: via Filzi è una discarica».

Ladra croata in manette

:: Una ladra professionista è stata arrestata dagli agenti della polizia in centro a Cinisello mentre con una complice tentava un furto in un appartamento nella centralissima via Garibaldi. Dai controlli è emerso che la giovane di origini croate, di appena 26 anni, aveva compiuto reati in tutta Italia. Una vera e propria ladra di professione che ora dovrà scontare una pena di 19 anni di carcere: insieme alla complice è stata condotta a San Vittore.

L’ARRESTO

Dieci chili di hashish nello zaino Le forze dell’ordine continuano la loro dura battaglia contro lo spaccio a Cinisello, soprattutto nei rioni di periferia. La scorsa settimana i carabinieri hanno messo le manette ai polsi di un pusher che girava tranquillamente in macchina con uno zaino pieno zeppo di droga: oltre 10 chili di stupefacenti che doveva poi spacciare. Il 37enne, cittadino marocchino con precedenti, è stato fermato in via dei Gracchi mentre si trovava alla guida della sua auto. All’interno di uno zaino, riposto nel bagagliaio dell’auto, i carabinieri hanno rinvenuto 10,5 kg di hashish suddivisi in panetti. In una successiva ispezione della sua abitazione i militari della stazione di Cinisello hanno trovato ulteriori 2,5 kg della medesima sostanza, 40 grammi di cocaina e il materiale per il confezionamento delle dosi. L’arrestato è stato condotto al carcere di Monza a disposizione dell’autorità giudiziaria.


Speciale Natale

1 Dicembre 2016

Natale DI TENDENZA

4

Eventi e mercatini

12

Sport e fitness

6

Idee Hi-Tech

14

Per chi ama viaggiare

8

I nostri presepi

1


2

1 Dicembre 2016

La storia

Speciale Natale

La tradizione dei regali non è soltanto un ritrovato consumistico

Il miglior dono di Natale è un sorriso contagioso N atale è conosciuto in tutto il mondo come la principale celebrazione cristiana. Ma, forse, oggi è diventato soprattutto la festa in cui amici e parenti si incontrano per scambiarsi doni. Si tratta indubbiamente del principale momento di fratellanza e di solidarietà che lega gran parte del mondo e delle culture, superando ormai gli stessi confini religiosi, in una festa universale. Tuttavia per molti versi è divenuto anche il più grande evento ‘consumistico’ d’Occidente, scatenando una corsa ai regali che ormai dura più di un mese e che spesso finisce per mettere a dura prova chi porge e chi riceve i regali. Forse vale la pena ricordare che la tradizione dello scambio dei doni risale proprio alla cultura e alla religione cristiana. Un rito non antichissimo, che si celebra a partire dalla tradizione cristiana europea in un periodo che si stima sia riferito alla fine del Medioevo. A quell’epoca si cominciò a fare dei doni ai bambini perché ricordassero la nascita di Gesù come un momento di gioia. Un gesto semplice e che, soprattutto nel caso dei meno abbienti, si limitava a cose semplici e a volte simboliche. Non è dunque sbagliato affermare che la nascita della cultura del dono ha origine nella tradizione religiosa, anche se nel corso dei secoli si è modificata e ha raggiunto dimensioni e dinamiche completamente

diverse rispetto alle origini. Se nella tradizione italiana, fino agli anni ‘70 e ‘80, la tradizione voleva che a portare i doni fosse Gesù Bambino al Nord, e la Befana al Sud. Oggi è preminente la figura di Babbo Natale, che ha anch’essa origini religiose, ma che nel corso della storia ha assunto caratteri più legati alla cultura dei popoli del Nord e più recentemente alle esigenze del commercio. Sono stati i coloni olandesi d’America i primi ad affidare a Babbo Natale il compito di portare i doni ai bambini. Poi è stato il boom del Babbo Natale ridisegnato da Coca Cola a lanciare in modo globale questa figura nordica, trasformandolo nel portatorte di messaggi di speranza e di tanti doni per tutti i bambini. Il regalo è dunque un elemento importante all’interno della tradizione del Natale. Ma proprio per questo, per non finire banalizzato dagli eccessi consumistici, va accompagnato da una ritualità che aiuti a ricordarne l’unicità. A cominciare dall’assumere uno spirito più aperto verso le persone che ci stanno intorno. Provate l’effetto che fa camminare a testa alta per strada e salutare guardando negli occhi le persone che ci vengono incontro, augurando loro Buon Natale. Potreste stupirvi del risultato. E magari convincereste qualche altra persona a essere più aperta, come voi. Perché in fondo il bene è contagioso. Molto più che il male.


Speciale Natale

1 Dicembre 2016

DATE SPAZIO ALLA CREATIVITÀ PER I VOSTRI ALBERI E PRESEPI Il Natale è alle porte, ma non è veramente festa senza un bell’albero addobbato. I più tradizionalisti sanno che il momento giusto per attaccare palline e addobbi è l’8 dicembre. Ognuno si può sbizzarrire, cercando alberi, colori e luci che gli sembrano più adatti. Ormai si trovano veramente tantissime possibilità diverse. Ma com’è fatto un vero albero di Natale, secondo la tradizione? Ovviamente la regola vuole che si utilizzi una pianta delle conifere, come abeti o pini. L’effetto migliore si ottiene se le piante sono vere, ma in molti casi si preferisce utilizzare gli abeti finti, più facili da gestire. Gli alberi, arredati con luci, dolciumi, festoni, palline colorate, devono avere in cima alla punta una stella cometa. Sotto vanno riposti i regali. L’albero ha un significato prevalentemente pagano ed era in usanza già nel Medioevo, ma la tradizione si è poi rafforzata nei primi anni del Novecento. Il presepe invece ha una simbologia cristiana e rappresenta i momenti centrali della nascita di Gesù. Viene allestito sempre l’8 dicembre, ma è un’opera in continuo movimento. Il 25 dicembre entra a far parte della scena anche la statuetta di Gesù bambino, mentre quelle dei Re Magi raggiungono la capanna il 6 gennaio. Contrariamente all’albero, che viene smontato all’Epifania, il presepe dovrebbe rimanere esposto fino al 2 febbraio, giorno in cui la Chiesa Cattolica celebra la Presentazione di Gesù al Tempio di Gerusalemme. Margherita Abis

3


4

1 Dicembre 2016

Speciale Natale

I Mercatini di Cinisello e Sesto danno il via agli eventi delle Feste Spopolano le piste di pattinaggio

S

ono le città più popolose del Nordmilano e, in occasione della festività di fine anno, si sono mostrate all’altezza del ruolo di Comuni capofila della provincia Nord. Nonostante mancasse più di un mese al Natale, un pino di 13 metri ha fatto il suo ingresso in piazza Petazzi martedì 22 novembre. Svariate realtà cittadine (aziende, associazioni, vigili del fuoco) si sono mobilitate per ottenere l’imponente albero, che verrà agghindato con addobbi offerti dai commercianti sestesi. Non è da meno Cinisello, che già dal 21 novembre

ha predisposto in piazza Gramsci, nel cuore della città, una pista di pattinaggio su ghiaccio e una giostra per i più piccoli. Non mancheranno poi i tradizionali mercati cinisellesi e le rassegne natalizie. Per pattinare sul ghiaccio, c’è una pista anche in piazza Oldrini a Sesto e nei padiglioni Iso Rivolta a Bresso. Che verrà inaugurata il 7 dicembre da un gruppo di giovani atleti di Desio e rimarrà aperta fino al 15 gennaio. Il giorno dell’inaugurazione (e nel weekend del 17-18) verrà allestito anche un mercatino natalizio. Sempre a Bresso,

l’associazione Amici del Tempo Libero organizza dal 3 al 5 dicembre una gita ai mercatini di Natale in Svizzera, compresi trasporto e pernottamento in hotel a 4 stelle. A Cusano sabato 17 dicembre la Grotta di Sale verrà adibita a Grotta di Babbo Natale, nella quale i bambini potranno scrivere e inviare la loro lettera. In più, oltre ai mercati domenicali che dureranno fino al 18 dicembre, la biblioteca civica ha in programma spettacoli teatrali a tema per i piccoli, curati dalla compagnia La Ditta Gioco Fiaba. Noemi Tediosi


Speciale Natale

Natale

Milano

1 Dicembre 2016

Valtellina

Fiera degli Oh Bej! Oh Bej!

Mercatini a Morbegno

La Fiera di Sant’Ambrogio conosciuta anche come la ‘Fiera degli Oh Bej! Oh Bej!’, è la tradizionale festa dell’Avvento milanese, che celebra anche il santo patrono della città. Se le sue origini storiche risalgono al 1288, la fiera è ancora frequentatissima. Quest’anno saranno circa 400 le bancarelle che animeranno piazza Castello e via Minghetti dal 7 al 10 dicembre, dalle 9 di mattino fino alle 21. Un tour di profumi, colori e suggestioni che non può lasciare indifferenti. Fra rigattieri, piccoli artigiani, venditori di zucchero filato e ‘Firunatt’ (filoni di castagne affumicate), gli ‘Oh Bej! Oh Bej!’ rappresentano il cuore pulsante della città.

Per chi si dedica alla solidarietà, l’appuntamento con i mercatini della provincia di Sondrio è imperdibile. Fianco a fianco, associazioni no-profit ed espositori privati mostrano oggetti prodotti in ferro, argento e rame assieme a decorazioni di tutti i tipi: dal patchwork ai tessuti, dalla ceramica allo stamping. Morbegno rappresenta da sempre la porta della Valtellina e il luogo più importante per i milanesi che vogliono incontrare la montagna. A partire dall’8 dicembre, presso il polo fieristico della città, Morbegno rivive la tradizione dei mercatini nordici, realizzando un unicum tra i mercatini natalizi della Lombardia.

Gli imperdibili ‘fuori porta’ In vetta

Il Natale di Montagna a Bormio Il fascino dell’Alta Valtellina non risparmia le bancarelle di Bormio: seppure siano solo alla terza edizione, sembrano destinate a guadagnare un gradino nel podio dei migliori mercatini natalizi regionali. Seguendo una modalità itinerante, le bancarelle si sposteranno in tre piazze diverse a seconda del giorno ma sempre esponendo prodotti e oggetti tipici della meravigliosa località montana. Dal 7 dicembre Bormio festeggia il Natale, nella cornice di un paesaggio innevato.

Nei padiglioni

Torna L’Artigiano in Fiera

Si accendono anche quest’anno i riflettori sui padiglioni di Rho-Fiera, che ospiteranno l’annuale kermesse pre-natalizia dall’8 all’11 dicembre, dalle 10 alle 22.30, con più di 10mila prodotti da tutto il mondo. Divisi nei vari padiglioni, gli espositori arrivano ogni anno dalle regioni della Penisola, dagli Stati europei e da Africa, America, Asia e Medio Oriente. Non solo, in fiera è possibile assistere a numerosi eventi musicali che rappresentano il folklore locale e degustare piatti delle migliori tradizioni. Il giro del mondo in appena dodici ore.

5


6

1 Dicembre 2016

Speciale Natale

Tecnologia Cuffie senza fili, tablet, e-reader e fitness band dominano la classifica dei prodotti acquistati online

Le ultime tendenze hi-tech sotto l’albero B lack Friday, Cyber Monday. Chi più ne ha più ne metta. Di occasioni per fare un po’ di shopping e per approfittare dei primi sconti invernali per fare i regali di Natale ne abbiamo avute abbastanza. A dominare la classifica degli acquisti online ci sono i prodotti hi-tech, oggetti tecnologici all’ultimo grido: un regalo sempre gradito da mettere sotto l’albero per il prossimo 25 dicembre. Ecco allora qualche spunto per chi fosse rimasto a corto di idee e fosse alla ricerca di ispirazione. Una fortuna crescente, nei gusti degli italiani, non per forza sportivi instancabili, la stanno avendo i cosiddetti ‘smart band’, orologi e braccialetti intelligenti, connessi allo smartphone, che tengono traccia dell’attività fisica, dei movimenti giornalieri e registrano anche il sonno e le sue fasi. Tra le novità per il 2017 c’è il nuovo Fitbit Charge 2, che legge anche il battito cardiaco al polso. Gli amanti della

musica hanno pane per i loro denti: in commercio spopolano ormai le cuffie wireless, con le quali ascoltare la musica riprodotta dal proprio smartphone (ma non solo) senza collegamento a filo. Tra i modelli top di gamma si annoverano le cuffie Bose QuietComfort 35 o le Beats Studio Wireless. Per i lettori più accaniti ormai i libri sono diventati e-book: si può regalare un e-reader come il Kindle spendendo poco più di 50 euro. Ma ancora c’è tanta tecnologia anche negli strumenti per la mobilità. Se siete temerari, l’hoverboard è diventato un mezzo di trasporto personale per milioni di persone nel mondo, ma attenti all’equilibrio e al traffico. Infine un’ottima idea regalo è un caricatore wireless per smartphone, che consente di caricare gli apparecchi semplicemente appoggiandoli su una superficie, senza più usare cavi.

La nostra 1 1- Fitbit Charge 2: conta i passi giornalieri, monitora il sonno, legge il battito cardiaco e permette di registrare diverse attività sportive come corsa, bicicletta e molto altro ancora.

2

2- E-reader Kindle: il nuovo e-reader Kindle ha uno schermo touch da 6 pollici (15,2 cm) anti riflesso e offre anche la connessione wifi. A differenza dei tablet, lo schermo è senza riflessi anche alla luce diretta del sole: perfetto per leggere un e-book.


Speciale Natale

top 3

5 3 - Cuffie Bose QuietComfort 35: garantiscono un ottimo isolamento acustico e hanno un design all’avanguardia, che piace tanto ai giovani. La connessione Bluetooth offre una altissima qualità del suono.

4 4 - Hoverboard V2: i mezzi di trasporto personali a due ruote (in inglese ‘hoverboard’) sono in continua crescita. Si trovano a 1 e a 2 ruote. Veloci, e per alcuni pericolosi. Diffusissimi negli Usa, sono arrivati anche in Italia prima con l’e-commerce e ora anche nei negozi.

5

5 - Ricarica wireless: basta cavi, la ricarica del telefonino può avvenire a induzione (wireless) grazie a semplici apparecchi che seguono lo standard di ricarica Qi. Sono molte le aziende che hanno aderito allo standard. Tra i più famosi nel design è il Vinsic. www.vinsic.com

1 Dicembre 2016

7

In movimento con le e-bike U n piede sul pedale per sentire subito la spinta. Le e-bike sono la vera moda di questi ultimi tempi. Perché consentono al ciclista di raggiungere obiettivi che mai avrebbe pensato, e perché trasformano la bicicletta in un vero mezzo di trasporto quotidiano. L’evoluzione dei prodotti sta facendo passi da gigante, complice un mercato in continua crescita. Ci sono e-bike che sono la perfetta copia delle mountainbike più prestigiose e competitive. Altre che sono delle vere bici da città, o addirittura delle due ruote da viaggio. Le bici elettroassistite più moderne e

avanzate consentono di minimizzare lo sforzo offrendo una elevata velocità (fino addirittura a 48 km l’ora per i modelli più avanzati), potenza e durata. Ma attenzione, le e-bike non sono tutte uguali. Grande importanza rivestono il motore e l’elettronica. La Charger Gx di Riese & Muller, dotata di motore Bosch Performance Line CX, è tra i modelli più avanzati. Il motore consente una grande versatilità di utilizzo e una velocità di 25 km l’ora con punte di 80 km di autonomia. La sua dotazione la rende ideale gli spostamenti con il massimo comfort. (www.r-m.de/it)


8

Speciale Natale

1 Dicembre 2016

A Sant’Ambrogio: Il presepe preparato dai nonni e dai volontari della parrocchia del centro di Cinisello è un vero spettacolo. Cliccando il bottone rosso la natività si anima: le statuine prendono magicamente vita e sarete accompagnati in un viaggio che vi porterà indietro di 2mila anni.

Mostra Presepi: dal 4 dicembre all’8 gennaio alla Sacra Famiglia di Cinisello. Per gruppi è possibile visitare la mostra previo appuntamento chiamando il 333.4669357. Info: www.presepicinisello.altervista.org.

Natività

Le vie del presepe: partecipare al concorso è completamente gratuito. Basta inviare la conferma di adesione al ‘Comitato per il Presepe’ via e-mail all’indirizzo leviedelpresepe@gmail.com oppure inviando un fax al numero 02.2440100.

I presepi più belli del Nordmilano N on solo alberi e addobbi. Natale, per molti, fa rima anche con presepe. A Cinisello Balsamo, nei locali della parrocchia Sacra Famiglia, domenica 4 dicembre si inaugura la 15esima edizione della Mostra Presepi. «Ci saranno circa 60 presepi in arrivo da varie località d’Italia ma anche del mondo», assicurano gli organizzatori. La mostra è aperta tutti i giorni con i seguenti orari: giorni feriali dalle 15 alle 18.30; giorni festivi dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. Sempre a Cinisello, se amate i presepi non potete non programmare una visita al presepe della parrocchia Sant’Ambrogio: esposto nella chiesa di

piazza Gramsci, visibile negli orari di apertura ma non durante le celebrazioni, è stato realizzato dai nonni della parrocchia e lascia a bocca aperta grandi e piccini con le sue luci, le sue musiche, le sue statuine che si muovono e si animano. A Sesto San Giovanni invece si apre la decima edizione del concorso ‘Le vie del presepe’. Negozianti, scuole, oratori: chiunque può allestire la propria natività e partecipare al concorso che quest’anno è dedicato a Maria, madre di speranza. Le premiazioni saranno il 5 febbraio. Andrea Guerra


Speciale Natale

1 Dicembre 2016

9


10

1 Dicembre 2016

Speciale Natale

Cucina Tra regole di bon ton e piccoli trucchi, ecco alcuni consigli utili per ricevere gli ospiti al pranzo o alla cena delle Feste

Come apparecchiare la tavola di Natale N ei giorni di festa, si aprono le porte di casa ai parenti e agli amici più intimi. Per la cena della vigilia, così come per il pranzo del 25, è importante apparecchiare la tavola in modo elegante e seguendo qualche regola del bon ton. Per prima cosa bisognerebbe scegliere un unico colore e cercare di stare su quello, in modo che non risulti un effetto eccessivamente ‘arcobaleno’. I più gettonati per il Natale sono rosso, verde, oro, argento o bianco. Non dovrebbe mancare poi il sottopiatto, che dà un tocco di eleganza in più alla tavola. Quando la tavolata è grande e gli ospiti sono molti, è buona regola aggiungere alla tavola anche i segnaposto, per rendere più semplice la gestione dei convitati e non creare troppa confusione tra le tante persone. Un segnaposto non è solamente un cartellino con il nome, ma può diventare esso stesso un elemento di arredo della tavola. Ci si può veramente sbizzarrire, con decorazioni floreali o piccole candele. Si possono utilizzare anche

alcuni piccoli addobbi natalizi per rendere più personali e a tema le indicazioni. Un grande classico rimane il ‘gingerbread’, il famoso ‘omino biscottino’ allo zenzero, a cui può essere legato un cartoncino con il nome. L’assegnazione dei posti, infine, dovrebbe essere fatta seguendo la logica del buonsenso, cercando di non creare gruppi che finiscono per isolarsi e non dialogare con il resto della tavola. Se si vuole strizzar l’occhio al galateo, bisogna tener conto del fatto che il posto d’onore della tavola è quello alla destra della padrona di casa, dove dovrebbe sedere l’uomo più importante. Mentre a destra del padrone di casa siederà la donna più importante. Naturalmente il Natale è dei bambini. Come fare? Ideale sarebbe farli sedere in un tavolo dedicato. Se invece si tratta di bambini piccoli o neonati, devono essere sistemati di fianco alla mamma o al papà. Margherita Abis

Curiosità

LA CORONA DELL’AVVENTO Sempre più spesso le tavole del Natale ospitano uno splendido e profumato centrotavola creato incrociando rami di abete. La Corona d’Avvento è da collegarsi a un’antica consuetudine germanicoprecristiana che ricorre nel mese di Yule (dicembre). Era un cerchio realizzato con foglie di alloro o rametti di abete (il loro colore verde simboleggia la speranza, la vita) con quattro ceri, oggi dedicati uno per ogni settimana dell’Avvento. Può essere acquistata o realizzata intrecciando i rami e addobbandoli con ceri, candele e piccoli addobbi natalizi che la rendono più ricca e personale.


Speciale Natale

Profumi alla spina di qualita`,

MADE IN ITALY

Veressenze è il primo marchio italiano di alta profumeria di equivalenza alla spina, una nuova forma di cultura basata sul risparmio e sulla qualità dei prodotti. I nostri profumi sono di altissima qualità per fragranza, fissazione e durata (superiore alle 10 ore) e sono offerti al pubblico ad un prezzo competitivo, grazie al sistema di vendita alla spina, che riduce i costi di trasporto e imbottigliamento, ed ai risparmi sui costi inutili come il packaging e la pubblicità che pesano invece sui prodotti "di marca". I nostri negozi sono innovativi per format e per tipologia di offerta al pubblico basata su ciò che è davvero importante in un profumo le essenze, combinate in oltre 150 profumi di equivalenza made in Italy. L’eccellente qualità della materia prima utilizzata e la sapiente formulazione dei nostri maestri profumieri permettono a Veressenze di eccellere nell'innovativo settore della profumeria di equivalenza.

PROFUMO 30ml €

9

,90

PROFUMO 50ml €

14

,90

PROFUMO 100ml €

24,90

L orario del negozio e` il seguente: da martedi` a venerdi` 9.00-12.30 14.30-19.00 sabato orario continuato 9.00-18.00 - lunedi` chiuso

1 Dicembre 2016

11


12

1 Dicembre 2016

Speciale Natale

I doni Le feste sono spesso occasione per tenersi in forma e cambiare il proprio stile di vita. Qualche idea a tema

Il regalo giusto per gli ‘sport addicted’

S

port e tecnologia sono sempre di più gli ingredienti per il benessere. Anche per questo sono in cima alla lista dei regali natalizi, soprattutto tra gli adulti. Le mode di quest’anno sono decisamente ispirate al running e al ciclismo. Discipline assolutamente semplici e quotidiane, e forse proprio per questo in cima alle preferenze anche quando si tratta di pensare a un regalo natalizio. Una novità assolutamente inedita e altamente tecnologia è stata presentata da Oakley, leader mondiale nelle tecnologie per gli occhiali da sole, che ha realizzato un vero coach d’allenamento da indossare. Come Siri per i dispositivi Apple, anche Radar Pace dialoga con l’atleta fornendo consigli e informazioni in tempo reale durante l’allenamento. Per chi si muove nella ‘giungla urbana’, può essere utile lo zaino Quasar di Osprey, brand americano che coniuga qualità con dettagli tecnici insuperabili per l’uso quotidiano. Un regalo sicuramente utile per un runner? E’ la calza compressiva Rohner,

offerta dal negozio La42Runstation di viale Suzzani (Parco Nord) che aiuta a migliorare l’ossigenazione dei polpacci in fase di allenamento e recupero. La42 è la prima ‘run base’ del Nordmilano: oltre a essere un negozio offre docce e spogliatoi per chi vuole correre nel Parco Nord. Il punto vendita di viale Suzzani è anche il punto di ritrovo per le Runpark, le corse cronometrate che si svolgono tutti i sabati mattina nel grande polmone verde del Nordmilano. Correre e andare in bicicletta d’inverno significa anche freddo e pioggia. Quale momento migliore per desiderare un ‘guscio’ come la One Gore Active Jacket, una giacca in una nuovo tessuto Gore più leggero e traspirante che mai. Se si parla di sport e Natale, regali perfetti da mettere sotto l’albero sono quelli che hanno a che vedere con la montagna e la neve. Sci, scarponi, giacche a vento: Alpina propone la maschera Big Horn MM, adatta soprattutto a chi ama lo snowboard e il freeride.

La nostra 1 1 Oakley Radar Pace: il top della tecnologia di Oakley si combina con la tecnologia di Intel per dare vita a un vero coach d’allenamento per runners e ciclisti. Negli occhiali è inserito un sistema di allenamento vocale in tempo reale, che dialoga con l’atleta e tiene sotto controllo il battito cardiaco la velocità e il ritmo di allenamento. www.oakley.com/it

3 3 One Gore Active jacket: è una giacca rivoluzionaria che Gore-Tex ha realizzato sia in versione running che bike. E’ creata in un nuovo tessuto leggero come mai prima d’ora. La lamina è assolutamente impermeabile ma più traspirante, senza bisogno di manutenzione. www.goreapparel.eu/it


Speciale Natale

top

5 2

2 Zaino Osprey Quasar: una city bag da 28 litri per le avventure di ogni giorno, versatile, di qualità e resistente. Uno scompartimento ad accesso rapido per il notebook e il tablet, poi una moltitudine di tasche, scompartimenti. Elastico frontale per la giacca o il casco della bicicletta. www.ospreyeurope.it

4 4 Alpina Big Horn MM: opportuni fori di ventilazione nella calotte garantiscono un passaggio d’aria mirato e la retroventilazione della lente degli occhiali, evitandone l’appannamento. Una lente panoramica di grandi dimensioni garantisce una vista di oltre 180 gradi. Perfetta per il freeride.

5 5 Compression Socks r-power: per chi corre a lungo questa cala ad alta tecnologia migliora la circolazione e offre il massimo di ossigeno ed energia per i muscoli sotto stress. Il Rohner Air Channel system migliora la circolazione dell’aria, assorbe l’umidità, respinge l'odore. www.la42.it

1 Dicembre 2016

13


14

Speciale Natale

1 Dicembre 2016

Per chi ama viaggiare La celeberrima guida propone le migliori destinazioni da visitare il prossimo anno: ci sono anche Venezia e Pistoia

Da Lonely Planet

le top ten 2017 E’

forse la guida di viaggi più famosa e diffusa al mondo, una vera e propria Bibbia del turismo per molti viaggiatori solitari che non amano i tour guidati e preferiscono esplorare il mondo da soli. Stiamo parlando di Lonely Planet che il mese scorso, come vuole ormai la tradizione degli ultimi anni, ha pubblicato la guida ‘Best in Travel 2017’ che contiene i migliori consigli per il nuovo anno: le destinazioni top, divise per categorie, sono raccontate nella guida che indica quali sono le città e i Paesi su cui puntare per il 2017. Ecco allora i consigli di Lonely Planet per chi sta già programmando le vacanze estive o semplicemente il prossimo weekend fuori porta. Al primo posto della classifica delle destinazioni internazionali c’è il Canada, il secondo Paese più grande del

mondo, che il prossimo anno festeggerà il suo 150esimo anniversario nel 2017. In questa speciale categoria ci sono anche la Colombia, la più vicina Finlandia, o perle asiatiche come Nepal, Mongolia e Myanmar. Molto più a portata di mano, per noi italiani, Bordeaux, che guida la classifica delle migliori 10 città da visitare nel 2017. Una volta la chiamavano ‘la Bella Addormentata’, ma oggi è una città viva e frenetica. Nel 2017 sarà completata la rete ferroviaria ad alta velocità che collegherà Bordeaux a Parigi in sole 2 ore. Spuntano in questo ‘girone’ anche l’italianissima Pistoia, che nel 2017 sarà Capitale italiana della Cultura, e Lisbona, raramente citata tra le mete di maggiore richiamo dell’Europa meridionale invece è un vero gioiello da scoprire con calma. Nel 2017 verrà inaugurato nel quartiere dell’Alfama un

museo dedicato alla storia dell’ebraismo in Portogallo. Si parla di Portogallo anche nella classifica delle Top Regioni: qui spuntano le Azzorre che sono un connubio perfetto tra una natura sensazionale e la fantastica cultura iberica (negli ultimi 12 mesi il flusso turistico alle Azzorre ha registrato un incremento del 31 per cento). Per tornare all’Italia, Best in Travel 2017 propone anche la classifica delle mete più convenienti, o meglio low cost: e qui troviamo Venezia, raggiunta ogni giorno da migliaia di viaggiatori che sperano di poterla visitare senza ridursi sul lastrico grazie alle proposte di affitto di case e appartamenti offerte dai veneziani. Per info su Best in Travel visitate www.lonelyplanetitaia.it. (A. G.)


Speciale Natale

Il nostro consiglio Un mercatino speciale al Trenatale del Renon I mercatini di Natale spesso si accompagnano con gite fuoriporta caotiche e stressanti. Per chi quest’anno desidera immergersi nell’atmosfera natalizia, lasciandosi alle spalle l’opulenza dei mercatini dei luoghi più turistici, c’è una proposta che non delude. Il Trenatale del Renon. Il Renon è un altopiano che sovrasta la città di Bolzano, in Alto Adige. Immerso tra vigneti e meleti, questa area (posta a mille metri di altitudine) è celebre anche per il suo storico trenino che collega il confine di Soprabolzano a quello di Collalbo, transitando tra boschi, prati e paesaggi pittoreschi. E’ in questi due paesi che il Renon celebra il Natale con

due mercatini piccoli, ma molto speciali. Dagli originali capanni a forma del trenino storico, fuoriescono prelibati profumi di pandolce e vin brulé, di minestre e dolci tradizionali. I banchi propongono prodotti tipici fatti a mano. I mercatini, nostalgici, ma raffinati sono allestiti vicino alle stazioni di Soprabolzano e Collalbo, lontano dalla confusione e dal rumore delle grandi città. Il Renon è inoltre meta per splendide camminate, grandi mangiate nei ristoranti tipici e nei ‘masi’. Per chi non vuole rinunciare alla città, grazie a una moderna cabinovia, in 20 minuti si è nel centro di Bolzano.

1 Dicembre 2016

15


16

1 Dicembre 2016

Speciale Natale


Bresso

CRONACA ::

1 dicembre 2016

| 15

HANNO VISSUTO PER DUE ANNI IN CITTÀ. ORA CON L’ISIS MINACCIANO L’ITALIA

Il terrorista della porta accanto I figli frequentavano le scuole comunali e la squadra dell’oratorio di Gaia Caracciolo E’ una storia che fa paura quella del terrorismo. Lo è ancora di più quando il terrorista è un concittadino o un compagno di classe dei propri figli o nipoti. Ahmed Taskour, marocchino residente a Bresso, da circa due anni se ne è andato e si è affiliato allo Stato Islamico: in un video dello scorso novembre insieme al figlio di 10 anni, che frequentava le scuole bressesi, è stato identificato mentre minacciava l’Occidente. Una storia che ha destato paura e sgomento tra i bressesi. «Sembravano ben integrati, marito e moglie con i due figli: la ragazza frequentava la scuola media Benzi, il giovane giocava a calcio nella squadra dell’oratorio - ha raccontato il sindaco Ugo Vecchiarelli -. Vivevano in una casa dell’Aler e non erano particolarmente praticanti». Durante le vacanze di Natale del 2014 la famiglia ha lasciato l’Italia apparentemente per tornare in Marocco a visitare i parenti: gli armadietti nelle scuole sono stati svuotati e Taskour ha chiesto al datore di lavoro

l’anticipo del Tfr. A gennaio 2015 è partita una denuncia per abbandono scolastico dei ragazzi: Taskour si era spostato prima in Turchia e poi in Iraq e oggi, dopo le immagini circolate sui social, che lo riprendono insieme al figlio in veste di terrorista affiliato all’Isis, su di lui pende un mandato di arresto per terrorismo internazionale. In questi giorni a Bresso non si è parlato d’altro. Del rischio del ‘terrorista della porta accanto’. Del fatto che quegli stranieri potevano essere arrivati nel campo profughi di via Clerici. Elemento che poi è stato immediatamente smentito dalle autorità. Perché quella famiglia era arrivata a Bresso in tempi non sospetti e fino al 2014 aveva condotto una vita assolutamente normale, con la volontà di integrarsi. «I ragazzi non avevano problemi, lui era molto silenzioso e serio; la ragazzina stava entrando nell’adolescenza», ha commentato l’ex dirigente scolastico degli istituti dei ragazzi, Gaetana Cannatelli. Preoccupanti

le parole del sindaco: «Non c’erano atti riconducibili a questo tipo di pensiero. Sono spaventato come genitore, perché se un figlio è stato utilizzato in questo modo, dobbiamo vigilare sempre più sui nostri minori». Il gip di Milano, su richiesta del pm Enrico Pavone, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare che potrà essere eseguita nel momento in cui l’uomo verrà fermato (se si troverà ancora all’estero, scatterà la procedura di estradizione).

Bresso cerca il suo ‘Teseo’ tra gli imprenditori più giovani

Nuovi casi di truffe agli anziani Rosa ha respinto l’aggressore

Nuova opportunità per le aziende bressesi che creano innovazione con la competenza dei giovani. Il Comune aderisce al premio ‘Teseo’ di ConfCommercio di Milano, dedicato all’imprenditoria giovanile innovativa, per dare merito alle aziende del settore terziario che abbiano titolari o soci con meno di 42 anni. Per partecipare al bando c’è tempo fino al 13 dicembre: a gennaio le Confcommercio territoriali sceglieranno il proprio finalista, che sfiderà gli altri per vincere un pacchetto dal valore di circa 7 mila euro. Info www.confcommerciomilano.it.

Un tentativo di truffa a una anziana con la scusa della beneficenza: ecco la brutta storia capitata a una cittadina bressese. La signora Rosa, dopo aver sentito suonare il campanello di casa, ha aperto convinta che fosse la vicina. Davanti alla settantenne si è presentato un uomo con un volantino in mano che chiedeva offerte; ma la donna, insospettita dal continuo guardare verso la camera da letto e vedendolo avanzare nel corridoio, l’ha spinto e chiuso fuori dalla porta e ha chiamato i carabinieri. La signora, grazie al suo coraggio e all’intervento tempestivo delle forze dell’ordine, è riuscita a fare arrestare il malintenzionato, un 56enne originario di Cusano Milanino, mentre tentava di allontanarsi.

UCCISA DAL BUS IN VIA CLERICI Vittima, una pensionata di Sesto

Ancora un morto lungo via Clerici, tra Bresso e Sesto San Giovanni. Poco prima delle 7 del mattino di venerdì Antonietta L., sestese, pensionata di 65 anni, è stata investita da un autobus di linea mentre stava attraversando il viale con l’ombrello aperto. La donna è morta sul colpo, a causa del violento urto con il mezzo. Secondo le ricostruzioni di Atm, che sta indagando sulla dinamica dell’incidente, la donna avrebbe attraversato fuori dalle strisce pedonali oltrepassando lo spartitraffico all’altezza del centro profughi e non avrebbe notato l’arrivo dell’autobus a causa dell’abbondante pioggia. I soccorsi sono stati inutili per la donna, mentre il conducente trentenne del mezzo della linea 708 è stato portato in ospedale per lo shock. L’incidente ha causato la chiusura della strada per oltre due ore.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

Se vuoi ospitare un punto distribuzione de Il Gazzettino telefonaci allo

02.83.41.32.90

PUNTI A BRESSO

• Pescheria Catanese - Via Roma 55 • Piscina Paolo Foglia - Via Luigi Strada • Cafe' Portici - Via XXV Aprile 41 • Lavanderia Non Solo Bolle - Via Marconi 24 (c/o City Center) • Antigua Caffe' - Via A. Villa 10 • Bar Madama cafe' di Roda snc - Via dalla Chiesa 1 angolo V. Veneto • Fioraio Signorelli - Via Cavour 7 • Panificio pasticceria caffetteria Mana - Via Vittorio Veneto 24 • Bar pizzeria Eden - Via Centurelli 18/a • Lav@sciuga - Via Manzoni 17

• Il pane per tradizione - Via Manzoni 19 • Aquiloni Park - Parco giochi al coperto - Via Carolina Romani, 1 • Fratelli Li - La fabbrica dei sapori - Via Vittorio Veneto,109 • Panificio Villoresi di Turturro Francesco - Via Villoresi • Panetteria Mariani - Via De Amicis 8 • Associazione Funny Time - Via Marconi 44 • Supercarni - Via Roma 16 (Fronte Comune) • Il Tabaccaio di Bisi Luigi - Via Papa Giovanni XXIII, 14 • Wang bar ristorante italo cinese - Via Ambrogio Strada, 56 • Lavanderia Dacor - Via L. Da Vinci, 21


16 |

1 dicembre 2016

PubblicitĂ 


Bresso

1 dicembre 2016

|

17

CRONACA :: LA POLIZIA LOCALE RENDE NOTE LE ATTIVITÀ COMPIUTE CON LA TELECAMERA MOBILE ‘ANTI PIRATI’

Emergenza in strada per le auto irregolari Boom di bressesi che guidano senza patente di Gaia Caracciolo

{

Il ‘falco’, l’occhio elettronico montato sulla pattuglia della polizia locale, continua a macinare nuovi risultati di prevenzione e repressione delle violazioni al Codice della Strada. Il comando dei vigili di via Lurani ha diffuso i dati relativi ai controlli eseguiti proprio grazie alla telecamera che controlla in tempo reale le targhe, verificando se sono assicurate e in regola. Un dato

Nuova collocazione per il mercato del mercoledì

Un elemento tradizionale della vita bressese come il Mercato Sud ha trovato una nuova e stabile collocazione. Le bancarelle commerciali dallo scorso 16 novembre si sono spostate nell’area di via Villoresi. La nuova posizione del mercato del mercoledì occuperà la parte iniziale di via Martiri delle Fosse Ardeatine e il relativo parcheggio, che si trova accanto alla parrocchia della Madonna della Misericordia. La nuova posizione permetterà alle auto di passare lungo la via Villoresi nel tratto tra via Micca e piazza Italia.

molto interessante, ma anche molto preoccupante, riguarda il fatto che molti automobilisti in questo 2016 non hanno revisionato le loro auto. Se nel 2015 erano 80 le vetture a non aver effettuato il controllo, quest’anno sono ben 360 le auto incappate in questa infrazione. «C’è stata una crescita esponenziale del fenomeno, di oltre un 400 per cento - ha commentato il comandante Riccardo Brunati -. Anche a causa della crisi economica i cittadini non effettuano la revisione, non prestando at-

Il corso di pronto intervento organizzato dalla Croce Rossa Torna l’appuntamento organizzato dalla Croce Rossa bressese dedicato alle manovre per salvare la vita ai più piccoli. Il prossimo 10 dicembre, dalle 9 alle 13, nell’aula didattica di via Allende 15, gli istruttori insegneranno le manovre salvavita pediatriche a tutti i partecipanti. In questo appuntamento si parlerà di rianimazione cardiopolmonare e disostruzione delle vie aeree. Info allo 02.6107368.

tenzione al fatto che è obbligatorio». Resta invece simile a quello del 2015 il numero di veicoli che non possiedono una copertura assicurativa: da gennaio a metà novembre sono state trovate 80 auto prive di copertura. Tra gli elementi statistici comunicati dalla polizia locale ce n’è uno preoccupante: 16 conducenti sono stati trovati al volante senza aver mai sostenuto l’esame di guida, 20 sono stati trovati in auto pur avendo il documento scaduto, mentre 3 avevano la patente sospesa.

La pista di pattinaggio all’Iso Rivolta

}

Mercoledì 7 dicembre si inaugura la pista di pattinaggio, su ghiaccio all’interno della galleria Iso Rivolta. L’iniziativa è resa possibile grazie alla collaborazione dell’Associazione Commercianti che ha pensato a una serie di iniziative per l’inaugurazione della pista. Ci saranno anche gli atleti della Scuola di pattinaggio Asd Club del Ghiaccio di Desio, che si esibiranno sulle note delle canzoni natalizie. Dopo l’esibizione, entreranno in pista due insegnanti di pattinaggio che saranno a disposizione di grandi e piccini con una lezione aperta e gratuita.


18 |

1 dicembre 2016

PubblicitĂ 


Cusano Milanino

1 dicembre 2016

POLITICA :: NECESSARI TRE ANNI PER COMPLETARE IL RESTAURO

Palazzo Omodei Il futuro è incerto

Notizie FLASH Bilancio partecipato

:: Dopo mesi di discussioni, il

Al tramonto l’idea di trasferire la biblioteca

di Nicolò Gelao Nessuna idea concreta per il futuro di Palazzo Omodei. A un anno esatto di distanza dall’infuocato consiglio comunale del 2015 in cui l’amministrazione aveva spiegato alla cittadinanza le ragioni che avevano portato alla sospensione dei lavori di restauro dell’antico palazzo, simbolo di Cusano, il sindaco Lorenzo Gaiani e la sua giunta sono tornati a parlare direttamente alla cittadinanza. È stato proprio il primo cittadino ad aprire e chiudere l’incontro

di lunedì 21 novembre: «Avevo già inserito nel mio programma elettorale di destinare Palazzo Omodei a sede della biblioteca per via del suo prestigio». L’idea però non convince e nell’ultimo anno il gruppo di lavoro si è quindi concentrato sulla ricerca di alternative. Ma di concreto ancora nulla, al punto che i cittadini hanno a più riprese chiesto di poter vedere il palazzo per poter valutare con mano la situazione. Una voglia di fare che ha portato il sindaco a far promesse ai cusanesi: «Mi impegno per valutare le condizioni e far partire

nel 2017 visite guidate». Nel corso della serata una prima alternativa è stata avanzata da Andrea Spiriti, docente di Storia dell’Arte all’Università degli Studi dell’Insubria: «Dobbiamo concentrarci sul futuro uso degli spazi di Palazzo Omodei. Esistono al suo interno tre tipi di ambienti che consentono di immaginare una poli-funzionalità della struttura. Palazzo Omodei ha al suo interno una pluralità d’usi: l’intelligenza è di provare esigenze diversificate». Al momento i lavori sono tutt’ora sospesi. Il Comune ha eseguito le prime opere di messa in sicurezza e ora è in attesa dell’approvazione di un secondo progetto che non sarà il conclusivo. Sono stati stanziati circa 2 milioni di euro da spendere in 3 anni. Il secondo lotto dovrebbe riguardare la riqualificazione del parco adiacente e del piazzale. Tuttavia, per intervenire sul palazzo (oggi ristrutturato per quasi l’80 per cento) occorrerà attendere un altro anno. Viste le tempistiche lunghe e incerte, la Lega Nord, per bocca del consigliere Ivan Cordini, ha chiesto di poter proteggere gli affreschi e le opere storiche presenti nell’edificio.

CRONACA :: DUE CRIMINALI MILANESI AVEVANO LA LORO BASE IN CITTÀ

Armi e droga nel covo di via Zucchi

Un laboratorio della droga è stato scoperto la scorsa settimana a Cusano: due uomini pregiudicati, con precedenti per droga, di 22 e 27 anni, residenti nel quartiere Bruzzano a Milano, usavano un edificio in via Zucchi per produrre le dosi da vendere. Le forze dell’ordine hanno trovato all’interno del laboratorio cusanese oltre 3 chili di droga, per un totale di quasi 300mila euro di valore. Nascondevano inoltre un arsenale di armi: un kalashnikov, un uzi con silenziatore, un fucile da caccia, una pistola a canne mozze, proiettili, un giubbotto antiproiettile e quattro divise complete da carabiniere. Da tempo i carabinieri erano sulle loro tracce.

bilancio partecipativo è ormai pronto a fare il suo ingresso definitivo a Cusano Milanino. Dal 2017 dovrebbe infatti essere introdotta questa nuova modalità, fortemente voluta dal Movimento 5 Stelle. Giovedì 1 dicembre è convocata la commissione consiliare referente: si tratta del primo incontro ufficiale in cui verranno programmate le attività preparatorie all’avvio del bilancio partecipativo. Di fatto una quota del bilancio sarà dedicata alla realizzazione di progetti decisi e voluti dagli stessi cittadini. Interverrà per informare la commissione anche l’assessore del Comune di Cormano Marco Pilotti.

::

Il mercato domenicale

Con il mese di dicembre torna il tradizionale appuntamento con il mercato domenicale per lo shopping natalizio. Le bancarelle saranno a Cusano nelle domeniche 4, 11 e 18 dicembre dalle 8 alle 13. I banchi saranno allestiti in via D’Azzeglio come consuetudine. Il mercato domenicale si aggiunge al classico mercato del giovedì. A tal proposito l’amministrazione ha reso noto che giovedì 8 dicembre, festa dell’Immacolata Concezione, il mercato si svolgerà regolarmente. Nelle domeniche mattina di dicembre, di conseguenza, la circolazione non sarà consentita nelle vie interessate dal mercato.

| 19 SPOR T

Destro: «Bene la consulta, ma si faccia in fretta»

Nello scorso numero del Gazzettino Metropolitano il nuovo assessore allo sport Caterina Lamanna in un’intervista aveva dichiarato il suo sogno di creare una consulta delle associazioni sportive. L’obiettivo è offrire alle società la possibilità di collaborare con l’amministrazione per condividere alcune delle decisioni in campo sportivo. Ma cosa ne pensano le associazioni? Lo abbiamo chiesto a Davide Destro, vice presidente del Csc Basket Cusano e tra i fondatori della Festa dello Sport: «Menomale che arrivano idee come queste: resta solo da sperare che sia vero e che non venga poi usata questa consulta (come spesso accade) solo come espediente politico per dare vantaggi a società più o meno amiche». Chi dovrebbe sedersi a un tavolo con l’amministrazione? «Non importa chi andrà, quello che conta è che chiunque vada a lavorare lo faccia per un bene comune e non per interessi propri. Speriamo che vada in porto con un filo comune».

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ • Bar Cristallo - Via Matteotti 7/B Size Cafe' - Viale Matteotti 43 Mondo Gelato - Via D'azeglio 4 Bar 28 - Via Cooperazione 2 Ristorante Il Gabbiano - Via M. D'Azeglio 4 Senza Fondo Cafe' - Via Sormani 57 Elettrodomestici Maino - V.le Cooperazione 9 Civico 41 - Via Alessandrina 41 Barissimo - Via Mazzini 17 Sale e Zucchero - V.le Matteotti, 39/C • Prestige - V.le Matteotti 18

• Se vuoi ospitare • un punto distribuzione • PUNTI • de Il Gazzettino A CUSANO •• telefonaci • • • allo 02.83.41.32.90

• Bar Caffetteria Hu - Via Sormani 24 • Foto Digital Discount Cusano - Via Sormani 24 • Gran Cafe' Gi.L.Gi.Sas - Via Mazzini 11 • Di..Vino Bar - Via Monte Cervino 1 • Punto Simply - Viale Buffoli, 35 • Q8 - Via Seveso • Co.Mat.Ed Srl - Via Zucchi 39/G • Locanda Caffe' - Via Zucchi, 20 • Milu' Caffe' - V.Le Marconi, 2 • Tintoria Arcadi Giuseppe - V.le Cooperazione, 43 • Panificio Oliva - Via Matteotti, 27/D


20 |

1 dicembre 2016

Artisti e artigiani locali in piazza sabato 10 Sabato 10 dicembre torna in piazza il mercato degli hobbisti. La giornata viene organizzata dall’Associazione Elaboratorio Sociale, con l’intento di creare una rete sociale sul territorio di Cusano Milanino, stimolando contemporaneamente la creatività come qualità e innovazione. «In un momento di crisi, riteniamo fondamentale avere sul territorio uno spazio che ospiti le creazioni fatte artigianalmente da artisti ed hobbisti». Nelle scorse edizioni l’iniziativa ha sempre riscosso grande successo: in questa occasione l’appuntamento è confermato in piazza Salvador Allende, dalle 10 alle 18.

Cusano Milanino

LA STORIA :: CORRE PER LA RICERCA SCIENTIFICA

Rachele la regina dei rally nazionali

I giocatori di Bridge costituiscono un circolo

di Nicolò Gelao

A Cusano Milanino è nato un vero e proprio circolo del Bridge, dopo che la pratica ha iniziato a diffondersi nella città giardino oltre 50 anni fa quando si giocava nella biblioteca Ferruccio Maraspin. Il gioco di carte viene considerato una sorta di ‘sport della mente’, perché aiuta a mantenerla viva il più a lungo possibile, sollecitando la memoria, le capacità deduttive, il pensiero critico, oltre a favorire la socializzazione. Per tutti gli amanti del bridge, le informazioni sul nuovo club sono disponibili contattando il numero 346.8473370 oppure il 335.241805.

Giovedì la festa con i fan a Milano Rachele Somaschini, 22enne di Cusano Milanino, si è laureata campionessa italiana nel Campionato di Velocità in Montagna. Dopo 12 gare in giro per tutta Italia, la certezza del titolo è arrivata a Pedavena, in una gara difficile in cui la cusanese ha fortemente sentito la tensione. Ma l’appetito vien mangiando e allora Rachele in pochi giorni ha messo in bacheca un secondo titolo: il Mini Challenge Cooper S, vinto al Mugello. Rachele Somaschini corre il suo rally non soltanto in pista, ma anche quotidianamente nella

sua battaglia contro la fibrosi cistica, di cui è malata: il suo impegno in macchina ha dato il via alla campagna ‘A bordo con Rachele’, nata proprio per sensibilizzare su questa malattia. Per questo motivo giovedì sera nel locale milanese ‘The Room’, in via Giulio Romano 8 in zona Porta Romana, ci saranno i festeggiamenti della vittoria del campionato aperti ai tifosi: l’intero ricavato della serata verrà devoluto a Fondazione Fibrosi Cistica. Info sulla pagina Facebook Rachele Somaschini.

Donne, violenza continua E’ stato fermato nella Giornata internazionale dedicata alla lotta alla violenza sulle donne, il 41enne cusanese, già noto alla Giustizia, che venerdì scorso ha messo a rischio la vita della sua ex convivente. Ubriaco e fuori controllo, si trovava a casa della donna, una 46enne, per ritirare alcuni oggetti di sua proprietà dopo che i due si erano separati. L’uomo ha dato in escandescenze e ha cominciato ad accanirsi sugli arredi e sulle suppellettili. Su segnalazione di alcuni vicini spaventati, sono intervenuti i carabinieri di Cusano che lo hanno prontamente immobilizzato e tratto in arresto. L’uomo ha cercato di resistere all’arresto insultando e minacciando i militari che hanno faticato a bloccarlo. Il rapido intervento dell’Arma probabilmente ha evitato che l’arrestato aggredisse la donna.


PubblicitĂ 

1 dicembre 2016

|

21


22 |

1 dicembre 2016

MADE

ILANO M in N ORD

Milano Senza Glutine Tutto il buono del Natale senza rinunciare al gusto Nel negozio di viale Gramsci 583 si possono comporre i tradizionali cesti natalizi i avvicinano le feste natalizie e anche per chi soffre di celiachia o solo per chi, e sono tanti, ama mangiare sano e in modo dietetico, la catena di negozi ‘Milano Senza Glutine’ che a Sesto san Giovanni ha sede in viale Gramsci 583, propone tante idee regalo. Solo per fare un esempio, da Milano Senza Glutine si possono comporre i tradizionali cesti natalizi con panettoni, pandori e dolci delle feste natalizie. Questo è sicuramente di grande aiuto per chi, dovendo affrontare questa patologia, lo può fare alimentandosi, soprattutto in questo periodo di festeggiamenti, in modo corretto e naturale senza per questo

S

dover rinunciare al gusto. Marco Fico, il titolare del centro, ci conferma che questi cesti regalo sono sicuramente graditi e apprezzati da chi li riceve e oltretutto non sono il solito regalo. Ricordiamo inoltre che Milano Senza Glutine è lo specialista delle intolleranze alimentari, oltre a essere la prima catena in Lombardia per la distribuzione di questi prodotti alimentari specifici. Inoltre, ci ricorda Marco Fico che durante tutto l’anno, per venire incontro alla clientela, il punto vendita di Sesto San Giovanni (in viale Gramsci 583) propone prodotti in promozione con vantaggiosissime super offerte.


1 dicembre 2016

| 23

SALUTE


24 |

1 dicembre 2016 EVENTI

IN PRIMO PIANO Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 - Sesto San Giovanni (MI) tel 02.22.47.81.83 - fax 02.24.41.07.09 info@cinemarondinella.it www.cinemarondinella.it

GIOVEDÌ 1 DICEMBRE PELÉ - CINEMA&SPORT Regia: Michael e Jeff Zimbalist con Leonardo Lima Carvalho, Kevin de Paula. Precede la proiezione il cortometraggio "DUE PIEDI SINISTRI" di Isabella Salvetti - ORE: 21.00 - PREZZI: intero euro 4,00 - per tesserati alla Polisportiva Rondinella euro 2,00

VENERDÌ 2 DICEMBRE ANIMALI NOTTURNI - PRIMA VISIONE Regia: Tom Ford con Amy Adams, Jake Gyllenhaal - ORE: 15.30*21.15 - PREZZI: *alle 15.30 prezzo speciale euro 5,00 - intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

LA MIA VITA DA ZUCCHINA - PRIMA VISIONE Regia: Claude Barras e Celine Sciamma - ORE: 18.30 - 20.00 PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

ANIMALI NOTTURNI - PRIMA VISIONE Regia: Tom Ford con Amy Adams, Jake Gyllenhaal - ORE: 16.15 18.30 - 21.15 - PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

SABATO 3 DICEMBRE

LUNEDÌ 5 DICEMBRE

ANGRY BIRDS - UN CINEMA PER AMICO Regia: Clay Kaytis, Fergal Reilly. Età consigliata dai 8 anni - ORE: 15.30 - PREZZI: intero euro 4,00 - ridotto euro 3,50 euro (fino a 14 anni)

PIUMA - POMERIGGI AL CINEMA Regia: Roan Johnson con Luigi Fedele, Blu Yoshimi - ORE: 15.30 PREZZI: biglietto unico euro 3,00

ANIMALI NOTTURNI - PRIMA VISIONE Regia: Tom Ford con Amy Adams, Jake Gyllenhaal - ORE: 17.30 21.15 - PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50 LA MIA VITA DA ZUCCHINA - PRIMA VISIONE Regia: Claude Barras e Celine Sciamma - ORE: 20.00 - PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

NERUDA - CINEFESTIVAL RONDINELLA Regia: Pablo Larraín con Gael Garcia Bernal, Alfredo Castro ORE: 21.15 - PREZZI: x 1 film euro 4,00 - Abbonamenti: x 4 film euro 12; x 10 film euro 25; x 20 film euro 40

MARTEDÌ 6 DICEMBRE

DOMENICA 4 DICEMBRE

LA MIA VITA DA ZUCCHINA - PRIMA VISIONE Regia: Claude Barras e Celine Sciamma - ORE: 20.00 - PREZZI: intero euro 5,50 - ridotto euro 5,00

LA MIA VITA DA ZUCCHINA - PRIMA VISIONE Regia: Claude Barras e Celine Sciamma - ORE: 15.00 - PREZZI: intero euro 7,50 - ridotto euro 5,50

ANIMALI NOTTURNI - PRIMA VISIONE Regia: Tom Ford con Amy Adams, Jake Gyllenhaal - ORE: 21.15 PREZZI: intero euro 5,50 - ridotto euro 5,00

Cinema Teatro Pax Vicolo Fiume, 4 - Cinisello Balsamo (MI) tel 02 6600102 eventi@cineteatropax.it iniziative@cineteatropax.it http://www.cineteatropax.com

SABATO 3 E DOMENICA 4 DICEMBRE PALLE DI NEVE Regia: Jean-François Pouliot, François Brisson - ORE: sabato e domenica 17 - PREZZO: 6,00 euro intero e 4,50 ridotto (under 11 e over 60) LA RAGAZZA DEL TRENO Regia: Tate Taylor con Emily Blunt, Haley Bennett, Rebecca Ferguson, Justin Theroux, Luke Evans - ORE: sabato 21.15 - domenica 20.30 PREZZO: 6,00 euro intero e 4,50 ridotto (under 11 e over 60)

Prezzi aggiornati a mercoledì 30/11/2016. I gestori di stazioni di servizio e i lettori possono comunicarci i prezzi più convenienti scrivendo a redazione@ilgazzettinodisesto.it

Q8

Q8

Q8

Oilone

Te

viale Gramsci

v.le Matteotti

via Grandi

via Saint Denis

v.le F. Testi

Q8

ex Tamoil

Q8

via Partigiani v.le F. Testi (Cinisello) v.le Matteotti (Bresso)

BENZINA 1.429 1.429 1.499 1.409 1.399 1.499 1.419 1.489 DIESEL 1.299 1.299 1.359 1.279 1.279 1.359 1.289 1.359

Abbiamo anche I NOSTRI SERVIZI COMPRENDONO: articoli da regalo • Duplicazione chiavi con garanzia sulle chiavi originali • Duplicazione chiavi codificate con chip elettronico • Duplicazione telecomandi universali per cancelli, serrande e box • Trasporto gratuito presso Vostra sede • Ordinazione prodotti non disponibili a magazzino con tempi di consegna brevissimi • Sostituzione/Conversione serrature su porte blindate per aumentare il livello di sicurezza (IVA agevolata per privati e possibilità detrazione fiscale) • Motorizzazione tapparelle e serrande • Installazione di grate di sicurezza • Casalinghi delle migliori marche

SERVIZIO FABBRO, IDRAULICO, ELETTRICISTA

Ca’ Nostra torna in scena

‘Tredici a tavola’ è il titolo del nuovo spettacolo portato in scena dalla compagnia Ca’ Nostra, gruppo teatrale di Milanino. Appuntamento al teatro San Giovanni Bosco di via Lauro nelle seguenti giornate: sabato 3 dicembre alle 21, domenica 4 alle 15, venerdì 16 alle 21, sabato 17 alle 21. Lo spettacolo sarà proposto anche sabato 31 dicembre per festeggiare insieme l’arrivo del nuovo anno con un rinfresco. Info: www.compagniacanostra.it. (A. G.)


1 dicembre 2016

Cultura &

In festa per Sant’Ambrogio

TEATRO :: ALLA SCALA DI MILANO

Sul palco con Alice

Natura e scienza

Il sacro in musica Fino al 18 settembre va in scena la rassegna musicale sestese. In occasione delle festività natalizie, è in programma musica di ispirazione religiosa, da quella classica e dei canti popolari, fino al gospel e spiritual. Prossimo appuntamento il 3 dicembre, con un concerto della Corale Ponchielli e di Sesto Sound Gospel. Info sul sito comunale.

DEBUTTO

112 anni dopo

Si parte da Cusano Milanino per un incontro tutto culturale nel capoluogo meneghino. Questa volta si va al teatro nazionale di Milano. Sabato 10 dicembre l’appuntamento è con una favola musicale moderna ‘Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie’. È la proposta dell’associazione di promozione sociale I Tigli. Si parte da via Marconi alle 14.30. Il costo è di 28 euro per i soci, 29 per i non soci. Per informazioni e iscrizioni è possibile contattare il numero 02.61359364 nei giorni di martedì, mercoledì e venerdì dalle 9.30 alle 11.30.

Continuano gli appuntamenti all’insegna della scienza e degli animali nella Cascina Centro Parco del Parco Nord. Ogni domenica pomeriggio, da qui a Natale, le famiglie e i bambini potranno scoprire la natura divertendosi. Il prossimo appuntamento, domenica 4, sarà dedicato agli ‘Antropodi, dominatori del pianeta’. Nelle giornate successive si scopriranno le ‘Bolle di scienza’ e i ‘River monsters’. Per la prenotazione, obbligatoria, contattare il 393.0837918.

IN SCENA PER LA PRIMA VOLTA DAL

Madama Butterfly

IN BREVE

25

A Cinisello proseguono fino al 10 dicembre le iniziative culturali dedicate ai festeggiamenti di Sant’Ambrogio. Prossimo appuntamento, sabato 3 dicembre con l’apertura del mercatino ‘Hobbisti in Costa’. Per informazioni consultare il sito istituzionale.

Tempo libero Eventi

|

di Margherita Abis

Torna nel teatro milanese per la prima volta dal 1904, la data del suo debutto. Madama Butterfly, l’opera di Giacomo Puccini, va in scena al Teatro alla Scala di Milano, in apertura alla stagione. Il sipario si aprirà il 7 dicembre e verrà rappresentata la prima versione originale. Ben diversa da quella che conosciamo oggi e forse più audace e moderna. Due atti, per due ore e quaranta minuti di durata. È la ricostruzione della versione di Julian Smith, quella voluta dallo stesso Puccini. Quella che, quando fu presentata per la prima volta il 17 febbraio 1904, sempre al Teatro alla Scala, fu duramente criticata. Molti tagli, modifiche e aggiustamenti dopo, prese vita un nuovo adattamento, che invece ottenne grande seguito. La proposta di questa nuova stagione scaligera vuole essere un omaggio a Puccini. Con la direzione di Riccardo Chailly (che ha già riportato sul palco le opere pucciniane ‘Turandot’ e ‘La fanciulla del West’) e la regia firmata da Alvis Hermanis. Il coro e l’orchestra sono a cura del Teatro alla Scala. Nei panni di Ciò Ciò-San, in arte Madama Butterfly, comparirà l’attrice Maria José Siri. La data della Prima è già sold out, ma lo spettacolo proseguirà fino all’8 gennaio (il 10, 13, 16, 18 e 23 dicembre; 3 e 8 gennaio). Prenotazioni sul sito www.teatroallascala.org. La sera della Prima verrà trasmessa in diretta televisiva su Rai Uno per celebrare il 40esimo anniversario della collaborazione tra la Rai e il Teatro alla Scala, permettendo anche a chi non sarà in teatro di assistere allo spettacolo. In occasione di questo grande ritorno sul palco, nel capoluogo meneghino è stata allestita la mostra ‘Madama Butterfly, l’Oriente ritrovato. Foujita e Asari per Puccini’, a cura di Vittoria Maria Crespi Morbio, in collaborazione con l’archivio storico Ricordi, al Museo Teatrale alla Scala. L’esposizione, che sarà visitabile fino al 26 febbraio, ripercorre la storia dell’opera attraverso costumi, bozzetti e carteggi.

APPUNTAMENTO :: ‘IL BELLO DELL’INCLUSIONE’ AL PERTINI DALL’1 AL 4 DICEMBRE

Una kermesse per l’integrazione Tanti incontri per riflettere sulla disabilità Una kermesse in occasione della giornata mondiale sulla disabilità. Il Pertini di Cinisello apre le porte a ‘Il bello dell’inclusione’, per offrire spazio, visibilità e promozione alle realtà che operano sul tema. Iniziative dall’1 al 4 dicembre. Le prime attività partono dal mattino di giovedì 1. Alle 10 un laboratorio teatrale a cura di Anffas e dell’istituto tecnico cinisellese Montale. E dalle 18 alle 20, sempre il giorno dell’inaugurazione, c’è un seminario tecnico sul baskin, la nuova disciplina sportiva che permette a normodotati e disabili di giocare nella stessa squadra. Il 2 dicembre (a partire dalle 10) invece un laboratorio narrativo interattivo, che vede la collaborazione di Anffas e della scuola primaria Parco dei Fiori. Il 3 dicembre giornata all’insegna della musica. Un laboratorio musicale con strumenti a percussione, a cura dell’Associazione Sorriso di Cusano Milanino. Poi si prosegue con banchetti, mostre, esposizioni e arte. Il 2 e 3 dicembre, manufatti e proiezioni video a cura del Centri Diurni Disabili dell’azienda Ipis. Mentre dall’1 al 4 proiezioni sul baskin, installazioni e la mostra fotografica ‘Pubbliche relazioni’. Il 2 dicembre va in scena poi lo spettacolo teatrale al Pax ‘Inno alla vita’ (alle 21), realizzato da persone con disabilità. Per ulteriori informazioni sulla rassegna, contattare Il Pertini al numero 02.66023542. Margherita Abis


26 |

1 dicembre 2016

A tutto

La Pro non vince più

La Pro Sesto sbatte anche contro la Caronnese. Il match di Serie D è finito 1-1 (gol su rigore di Cristofoli). I biancocelesti così scivolano all’ottavo posto nel girone e domenica è in programma la gara contro l’Oltrepovoghera (inizio 14.30).

Sport

LA STORIA ::

CITATO ANCHE DA DI MARZIO

Tifoso e speaker Matteo, amuleto del Cinisello La voce dello stadio Scirea che ‘gasa’ anche la squadra di Gianluca Drammis Entusiasmo, gioia, emozione: sono queste le ricette per un buono speaker, affinché possa dare la giusta carica alla propria squadra prima dell’ingresso in campo o durante il match. Questo e altro è quello che Matteo Tragni compie ogni maledetta domenica per le partite casalinghe del suo Fc Cinisello e poco interessa se ci si trovi su un campo di Promozione e non a San Siro, bisogna sempre tenere fede a quello che è e rappresenta uno speaker. Matteo e la sua passione sono finiti persino sul sito di Gianluca Di Marzio, giornalista di Sky, volto del calcio

L’EVENTO ::

mercato italiano: «Fondamentalmente sin dall’infanzia sono milanista e frequento lo stadio da sempre, ma mai nella mia vita avrei pensato, fino a qualche anno fa, di affrontare questa esperienza». La prima volta non si scorda mai: «E’ passato esattamente un anno, era novembre, faceva freddo ed ero euforico. Il Cinisello è riuscito a vincere e da lì sono diventato un amuleto per i ragazzi». Di gol ne ha annunciati tanti, ma ce ne è uno che gli è rimasto impresso: «Purtroppo la realizzazione più bella bomber Lovece l’ha siglata in trasferta e lì esultai soltanto come tifoso: fu un

vero peccato non poter annunciare quello straordinario gol». Matteo fa emozionare gli spettatori dello Scirea: «Anche i giocatori mi hanno confidato di essere ulteriormente ‘gasati’ dal mio timbro di voce». Matteo lo fa per passione, ma poniamo il caso dovesse arrivare l’offerta di una squadra più importante del Cinisello, non avrebbe il minimo dubbio: «Se devo essere sincero non aspiro a qualcosa di meglio, qui mi sento in famiglia. Certo, se mi arrivasse un’offerta dal Milan, di cui sono tifoso, non potrei dire di no».

NEL WEEKEND LA SECONDA EDIZIONE DEL TORNEO SESTESE

Il PalaSesto chiude il 2016 col curling Lo Jass Club ha invitato 12 squadre da tutta Italia

Basket

Geas, settimo sigillo Il Geas Basket suda ma comunque vince. E contro Bolzano inanella il settimo successo consecutivo. La gara è finita 55-58 dopo una battaglia senza quartiere durata per tutti i 40 minuti. Galbiati con 21 punti, Barberis con 14 ed Ercoli con 13 hanno fatto la parte del leone in fase realizzativa. Ora le geassine giocheranno 3 partite in 7 giorni. La prima sarà sabato 3 in casa contro Albino, galvanizzata dal successo sul Sanga Milano. L’8 dicembre, sempre al PalaNat, il Geas sfida Empoli mentre l’11 è in programma la partita contro Costa Masnaga.

Un grande appuntamento sportivo per chiudere i 2016: il PalaSesto fa cadere il sipario sulla stagione agonistica 2016 con la seconda edizione del Torneo Internazionale di Curling, competizione maschile e femminile su ghiaccio, aperta al pubblico con ingresso gratuito. La manifestazione è organizzata dalla società sportiva sestese Jass Curling Club, una tra le prime a diffondere il curling in Italia, con il supporto della Fisg (Federazione Italiana Sport Ghiaccio) e con il patrocinio della città di Sesto San Giovanni. Il Torneo Internazionale Jass Curling Club si svolgerà a Sesto San Giovanni al Palazzo del Ghiaccio di piazza Primo Maggio da sabato 3 a domenica 4 dicembre e parteciperanno 48 atleti suddivisi in 12 squadre. I giocatori in competizione, tutti tra i 15 e i 60 anni, arriveranno al PalaSesto da tutta Italia ma soprattutto dall’estero, con atleti provenienti da 6 diverse nazioni europee: Svizzera, Finlandia, Spagna, Ungheria, Croazia e Polonia. «Dopo il grande successo del 2015, abbiamo deciso di proseguire con una seconda edizione del Torneo - afferma Alberto Caniatti, presidente del Jass Curling Club -. L’interesse per questo sport, in grado di offrire un grande spettacolo a tutti gli appassionati di ghiaccio e non solo, è in crescita». (A. G.)

Bresso Calcio: una carezza alle popolazioni terremotate Chi l’ha detto che il calcio è soltanto un mondo corrotto, fatto di persone poco sensibili e che pensano soltanto ai soldi? La società Bresso Calcio ha insegnato che il calcio può rappresentare anche valori molto più nobili. La dirigenza bressese ha infatti deciso di destinare parte dei propri ricavati alle popolazioni devastate dal terremoto: sono infatti 375 gli euro che il Bresso Calcio è riuscito a raccogliere, destinandoli alle città del Centro Italia, distrutte dal sisma qualche settimana fa. Il bonifico è stato recapitato il 14 novembre, mentre i soldi sono stati raccolti tramite l’incasso del match di Coppa Italia della prima squadra e una colletta tra i genitori e i giocatori della squadra dei Giovanissimi B. Questa è la dimostrazione che il calcio ha ancora molto da dare e il Bresso ne è un esempio. (G. D.)

Direttore responsabile: Rosario Palazzolo Società Editrice: Il Gazzettino di Sesto San Giovanni s.r.l. R.E.A. 1980638 Redazione: Piazza F. Caltagirone, 75 20099 Sesto San Giovanni Tel. 02.83413290 fax. 02.83413292 e-mail: redazionegazzettino@gmail.com Registrazione n° 6 del 26.03.2012 al Tribunale di Monza Stampa: Monza Stampa s.r.l. via Buonarroti, 153 - 20052 Monza


Sport

IN AZIENDA ::

1 dicembre 2016

GIÙ IL VELO DALLA NUOVA BICI DA CORSA

TEAM DI CHEERLEADERS

De Rosa, ecco la Protos

PER I DIAVOLI SESTO “l’iniziativa”

La prima di Ugo nel 1956 di Andrea Guerra La prima bici, progettata e realizzata da nonno Ugo nel 1956. E la nuova Protos, ultima nata nella ‘factory’ di Milanino, un gioiello di carbonio dalle forme sinuose. Entrambe le biciclette erano ammirabili, a poche metri di distanza l’una dall’altra, quando settimana scorsa, a Cusano, Cristiano De Rosa ha presentato l’ultimo modello uscito dalla sua azienda. E’ stata una grande festa del ciclismo e dello sport: per l’occasione, a togliere il velo dalla Protos, c’erano gli atleti del Team Nippo Vini Fantini, squadra di professionisti che gareggia nelle più importanti corse su due ruote di

tutto il mondo e che da qualche anno utilizza i ‘gioielli’ di Milanino. De Rosa è una delle imprese di punta del ‘Made in Italy’ e dell’industria del ciclismo, capace di vendere i suoi prodotti dagli Stati Uniti fino al Giappone dove ormai il marchio è una presenza storica ed è riconosciuto per il suo altissimo prestigio. Un viaggio nell’azienda ‘di famiglia’ è anche un viaggio nei ricordi: nel capannone sono esposte alcune delle biciclette prodotte a Milanino che hanno fatto la storia del ciclismo moderno e che sono state ‘cavalcate’ da grandissimi campioni capaci di imporsi nelle più importanti competizioni internazionali.

CINISELLO :: I CLUB RICCARDI E BRACCO IN RITIRO

Allenamento da campioni sulla pista dello Scirea Ospiti nella nuova struttura della Cba

Sabato si sono allenate le atlete della Bracco, domenica è toccato a quelli della Riccardi. I due club di atletica leggera, tra i più prestigiosi d’Italia, hanno scelto Cinisello e il centro Scirea per i loro raduni invernali. La pista, che in settembre è stata teatro degli ultimi Campionati Italiani Societari di Atletica, si è confermata

un luogo interessante per l’allenamento di tanti giovani campioni. Approf ittando di due splendide e calde giornate di sole, i tecnici dei due club hanno condotto allenamenti di gruppo con tanti giovani campioni, alcuni dei quali vestono la maglia della Nazionale. Ad accompagnare i club blasonati sono stati presenti

anche alcuni tecnici e atleti dei due team cinisellesi. L’Atletica Cinisello ha accompagnato le atlete della Bracco, mentre la Cba Atletica si è allenata con i campioni della Riccardi. La pista di Cinisello è stata scelta perché è considerata una delle più adeguate dal punto di vista manutentivo nel panorama degli impianti sportivi milanesi. Inoltre, il centro sportivo di via Cilea è dallo scorso anno dotato di una palazzina con spogliatoi e palestra, gestita dal club sportivo cinisellese Cba Atletica, che offre servizi moderni e adeguati per chiunque voglia praticare l’atletica leggera, sia a livello giovanile che tra gli adulti e i master.

| 27

Ballano sul ghiaccio, si esibiscono sfoggiando acrobazie e un sorriso smagliante durante le pause degli incontri di hockey. Sono le cheerleader dei Diavoli Sesto. La squadra giovanile di hockey che ha trovato casa al PalaSesto da quest’anno può contare anche su una tifoseria molto speciale, quella di alcune giovani che si sono offerte di diventare le cheerleader ufficiali del team. «Da qualche sera notavo a bordo pista la presenza di alcune ragazze durante i nostri allenamenti racconta Antonio Romeo, presidente dei Diavoli -. La loro freschezza, il loro entusiasmo, mi hanno immediatamente portato con la mente alla mia vacanza americana, alle partite studentesche, alla gioia delle ragazze. Così mi sono avvicinato e con un poco di timore ho proposto loro di essere le nostre cheerleader». Il gruppo di ragazze si è subito messo al lavoro per trasformare il tifo dei Diavoli di Sesto in una esperienza che sia di stimolo per i giocatori e il pubblico. Il 17 dicembre, in occasione dell’iniziativa Open Ice in programma alle 10,30 si presenteranno ufficialmente. Ci saranno le autorità cittadine, ma soprattutto i giocatori dei Diavoli Sesto, pronti per una dimostrazione di questo sport.


28 |

1 dicembre 2016

PubblicitĂ 


42 gazzettino 1 12 16  

Settimanale di informazione del Nordmilano

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you