Issuu on Google+

ANNO 1 NUMERO 33 - 28 Dicembre 2012 - Editrice Il Gazzettino di Sesto San Giovanni srl Piazza F. Caltagirone, 75 - Sesto San Giovanni (Mi) - email: redazionegazzettino@gmail.com Tel. 02.83.41.32.90 www.ilgazzettinodisesto.it

AL CONCORSO ‘GIALLO MILANO ’ TRIONFA

Il risotto più buono nasce a Sesto

LA RICETTA DEL GIOVANE CHEF ANGELO NASTA DEL RISTORANTE VICO DELLA TORRETTA Angelo Nasta, chef 33enne del ristorante di Villa Torretta di via Milanese, ha sbaragliato la concorrenza meneghina. E’ suo il risotto allo zafferano più buono di tutto il capoluogo lombardo. Il cuoco ha vinto la nuova edizione della rassegna gastronomica ‘Giallo Milano’ A PAGINA 8

un MILIONE di queste COPIE Il Gazzettino festeggia il primo ambito traguardo. Raccontiamo dieci mesi vissuti intensamente

:: L’INTERVISTA

Ascolto e partecipazione: la ricetta dei primi sei mesi da primo cittadino di Monica Chittò A pagina 5

1.000.000 di copie

:: PERSONAGGIO

IL RITO :: IL TRADIZIONALE FUOCO

Alberto Bruno, fondatore del comitato Cri di Sesto, si candida alla presidenza regionale A pagina 10

DEL 26 DICEMBRE TRA

:: SPORT SACRO E PRESAGI PAGANI

La fiamma di Santo Stefano divide i sestesi Si sono divisi i fedeli sestesi che anche quest’anno hanno assistito alla tradizionale celebrazione liturgica per la ricorrenza di Santo Stefano nella basilica di piazza Petazzi. Il rito del faro, meglio conosciuto come il rogo del pallone, non ha convinto del tutto chi si affida a questa ritualità anticamente legata al culto dei martiri. Per qualcuno la fiamma viva è portatrice di buoni presagi per il 2013, altri hanno commentato «poteva bruciare meglio». Anche quest’anno la basilica è sta-

ta gremita. A fine messa tutti col naso all’insù per scrutare il rogo del pallone di ovatta. Fiamma alta, ma non troppo. Il pubblico, i fedeli, sono combattuti: secondo la tradizione l’altezza e la ‘consistenza’ delle fiamme sarebbero un segnale per il futuro. Cosa aspettarsi dunque dal 2013? Auspici di fiducia o segnali nefasti? Forse l’unica cosa da fare è pensare positivo e rimboccarsi le maniche. A tutti i sestesi la redazione de Il Gazzettino augura un 2013 ricco di novità e successi.

Dodici mesi mozzafiato: le Black Widows hanno prodotto un nuovo sexi calendario per il 2013 A pagina 15


2

|

Attualità

28 dicembre 2012

0 0 0 ie . 0 p 0 0 co . 1 di

VIAGGIO ::

1.000.000 di copie

Traguardo oltre un milione di copie stampate

Un riconoscimento al milionesimo lettore Il 2013 si aprirà con una sorpresa. Dalla tipografia, nel corso della stampa del numero 33 del Il Gazzettino, uscirà anche la copia numero 1 milione. Un traguardo importante perché in tutti questi mesi il nostro giornale è stato presente in città con 30mila copie distribuite ogni settimana. Un traguardo che noi della redazione vogliamo festeggiare con chi è il vero protagonista del nostro giornale: il pubblico, i lettori. Ecco perché chi troverà la copia numero 1 milione, che sarà distinguibile con un timbro e le firme dei redattori, riceverà un riconoscimento speciale. Il fortunato lettore contatti subito la redazione via mail (redazionegazzettino@gmail.com) oppure chiamando allo 02.83413290.

I PRIMI MESI DEL NOSTRO GAZZETTINO

Il 2012 di Sesto sulle nostre pagine Ecco come vi abbiamo raccontato la città di Niccolò Villa Era il 22 marzo 2012. Il Gazzettino di Sesto San Giovanni entrava per la prima volta, in grande stile, nelle case dei sestesi. Sono passati quasi dieci mesi dall’inizio di questa bella avventura: e ora il nostro giornale supera il traguardo del milione di copie. «Perché un nuovo giornale?», si chiedeva l’editore in marzo: «Per aprire una nuova finestra di comunicazione con la città». Una scommessa vinta. Lo possiamo ben dire, non solo per lodarci col rischio di ‘imbrodarci’: lo possiamo affermare per il ritorno che Il Gazzettino ha avuto in questi primi mesi di vita. L’affetto e il feed back dei sestesi è stato fondamentale per portare avanti il nostro lavoro. Un’occasione di incontro, di La nostra prima scambio reciproco: ecco cocopertina s’è, per noi, Il Gazzettino di SeEra dedicata al prezzo della sto San Giovanni. Da marzo ad benzina e in particolar modo oggi vi abbiamo raccontato agli aumenti. Era il 22 mar(quasi) tutto il 2012 della nozo 2012: «C’hanno accise» stra città e del territorio nel compariva sul primo numequale è inserita. Nelle nostre (e ro de Il Gazzettino di Sesto vostre) pagine abbiamo tocSan Giovanni. All’interno, cato i temi più importanti delun ricco servizio. la vita pubblica di Sesto: a partire dalla politica, passando per il mondo delle imprese e del lavoro, tra crisi, fatiche, isole felici ed esempi virtuosi. Abbiamo raccontato la vita dei personaggi sestesi che rendono grande la loro città giorno dopo giorno. Abbiamo descritto l’operato delle associazioni di volontariato, spiegato i grandi temi di rilevanza nazionale che hanno toccato da vicino il comune di Sesto. Vi abbiamo portato sui campi delle squadre che vincono (e perdono), raccontando anche gli alti e bassi del mondo sportivo locale. Vi abbiamo organizzato i weekend con gli appuntamenti del territorio e vi abbiamo proposto notizie culturali di primo piano. Abbiamo fatto viaggi nelle scuole, nelle parrocchie, negli ospedali e negli studi medici. E poi storie, anche comuni, lettere: per non parlare dei commenti, delle critiche, delle segnalazioni, delle lotte e dei problemi che hanno trovato voce sul Gazzettino. Vi abbiamo narrato gli episodi di cronaca e il lavoro delle forze dell’ordine.

Abbiamo cominciato in marzo, con l’appuntamento delle elezioni comunali. La corsa dei partiti e delle liste civiche, la sfida tutta in rosa al ballottaggio, la vittoria della Chittò. In marzo abbiamo cominciato a raccontarvi il lungo e insidioso iter della Città della Salute, di cui ancora oggi vi diamo aggiornamenti. In aprile vi abbiamo proposto un servizio, apprezzato e discusso, sulle scuole, a seguito della classifica stilata dalla Fondazione Agnelli. In quello stesso mese abbiamo dato il là al nostro viaggio, in tre tappe, alla scoperta dei pregi e dei difetti delle fermate della metro di Sesto. Un’inchiesta tra le più apprezzate e seguite, dato il seguito di lettere ricevute in redazione. A maggio abbiamo anticipato l’arrivo del Papa per il Family Day 2012. Non ci siamo dimenticati delle vicende giudiziarie che ancora oggi incombono sulla nostra città. A giugno ci siamo salutati per le vacanze estive parlando dei ghisa e dei possibili problemi sul quarto turno. Abbiamo scritto degli orti in città (speciale sul numero 14 del 28 giugno). A settembre ci siamo ritrovati con il racconto dell’estate, con la vicenda eroica del poliziotto Crisafulli. A ottobre vi abbiamo propoL’inchiesta sto un viaggio negli studi medici ‘in carrozzina’, grazie Pericoli dietro l’angolo, insidie all’aiuto del nostro amico nascoste: ‘Near miss’ è stato uno dei servizi più apprezzati dai Francesco Paganini. Nello nostri lettori, almeno a giudistesso mese è scoppiata ‘la bomcare dal feed back di lettere e seba’ della Bcc, mentre in nognalazioni giunte in redazione. vembre si sono accesi i casi La proposta di Carlo Perretta di MultiMedica e Milano Metroscovare i rischi in città ha fatto poli, ampiamente trattati nelcentro nel cuore dei sestesi. le nostre pagine. Sempre a novembre abbiamo lanciato sul Gazzettino l’inchiesta ‘Near miss’ che ha riscosso un inatteso e sorprendente successo tra i lettori. Piazza Oldrini è stata presentata ai sestesi anche grazie ai contributi dei nostri giornalisti. Da un cantiere, di successo, a quelli lumaca: il 22 novembre abbiamo raccontato i ritardi e i disagi delle opere pubbliche presenti sul territorio. L’ultimo caso scoppiato e raccontato nelle nostre pagine è quello del Parco Nord che si è ritrovato con le casse vuote. Negli ultimi numeri vi abbiamo introdotto e preparato al Natale, con un ricco piatto di appuntamenti.

INTERNET

Sfogliateci anche on line

Il Gazzettino è stato una presenza fissa e ricercata in città, un compagno di viaggio per i sestesi, una voce narrante in sottofondo. Non ci fermiamo qui: da quel 22 marzo le cose sono cambiate, anzi, cresciute. Il Gazzettino di Sesto si è modificato, è cresciuto, si è strutturato. E ha trovato anche spazio oltre la carta: siamo andati on line. Su Facebook in primis, con un profilo e una pagina che cerchiamo di aggiornare e che rappresenta un’ulteriore bacheca di dialogo con cittadini e lettori. E poi è arrivato il sito (www.ilgazzettinodisesto.it) dove si possono ‘sfogliare’ tutti i numeri del nostro giornale. Siamo stati, permetteteci di dirlo, sul pezzo. E lo saremo ancora e sempre di più, anche grazie ai vostri preziosi contributi.


Attualità

28 dicembre 2012

|

3

DENARO :: ECCO COME SI PREPARANO I COMMERCIANTI ALLE NUOVE REGOLE

Dall’avvocato col bancomat Italiani primi in Europa per l’utilizzo di contanti

Chi si attendeva dal Governo Monti una vera e propria riforma nelle metodologie di pagamento di beni e servizi per sconffigere l’evasione fiscale, rimarrà piuttosto deluso. Dopo gli annunci dei mesi scorsi, il Decreto Sviluppo 2, da poco diventato effettivo, risulta piuttosto annacquato, anche se prevede una significativa spinta all’utilizzo degli strumenti di pagamento elettronico sia per i negozi che per i professionisti. Nessuna soglia oltre la quale diventa obbligatorio pagare con carta di credito o Pos (bancomat). Ma stabilisce l’obbligo per tutti dal primo gennaio 2014 di possedere in apparecchio per il pagamento elettronico e di accettare senza alcuna riserva anche questa forma di pagamento. La rivoluzione vera sta nel fatto che il cliente che voglia effettuare il pagamento con bancomat dei suoi acquisti o di una parcella di un professionista, per qualunque cifra, non può sentire un rifiuto da parte del commerciante che è obbligato ad accettarlo. Per professionisti, avvocati, notai, medici e architetti sarà una novità assoluta. Per i commercianti rappresenta il consolidamento di un processo che è già cominciato, non

senza qualche polemica, visto che gli strumenti per il pagamento elettronico sono gestiti dalle banche e pagati a caro prezzo dai clienti. Lo testimoniano Valerio Licini e Maria Giovanna Corongiu del colorificio Idrofix: «Con questo decreto l’economia viene frenata. I costi di commissione per i pagamenti elettronici sono troppo alti. I disagi ci sarebbero sia per noi che per il consumatore». Rassegnato Stefano Boscia commerciante di frutta e verdura, del negozio Delizia e Sa-

pori del Sud: «Mi sembra un decreto eccessivo. Non sono ancora attrezzato con il Pos ma se la legge entrerà in vigore mi adeguerò». In generale, gli italiani sono abituati a usare il denaro contante il 50 per cento in più rispetto agli altri Paesi europei. L’uso del contante - scrive la Bce in un rapporto diffuso nel 2012 - viaggia attorno ai livelli massimi in Italia, Spagna e Austria e minimi in Francia e nei Paesi Bassi. Il contante stravince ovunque sulle spese infe-

INNOVAZIONE ::

“il commento/1”

Pos e a volte ci è capitato di accettare pagamenti elettronici con spese minime, ma tale decreto ci sembra esagerato». Così come Danelli Davide dell’Eco Store di via Pogdora: «Le spese minime vengono quasi sempre pagate in contanti, ma non ho alcun problema ad accettare pagamenti con le carte qualunque sia la spesa».

IL FUTURO PASSA DAI PAGAMENTI CON LO SMARTPHONE

Alle Poste si paga già ‘sfiorando’ il telefonino I LIMITI COMPLICANO L’USCITA DALLA CRISI

Il segretario dell’Unione Commercio «Il decreto sviluppo non aiuta l’economia e allo stesso tempo non è in grado di combattere l’evasione». Così si esprime Alessandro Fede Pellone, segretario della Confcommercio di Sesto. Nel mirino la soglia massima di spesa in contanti fissata a 50 euro (oggi sospesa): «Quando un consumatore paga con carta di credito vi sono dei costi di commissione che il commerciante dovrà sostenere con la banca». Dunque se una spesa minima venisse pagata elettronicamente

riori ai 20 euro. Ma il nostro Paese (77%), insieme a Germania (69%) e Spagna (64%), domina anche per gli importi superiori, fino a 100 euro. In Francia siamo al 15%. Ivana Domenicali della cartoleria Il Pellicano è più possibilista: «Siamo dotati di

Salta il limite a 50 euro per i pagamenti in denaro, ma nessuno potrà rifiutare bancomat e carte di credito

il commerciante ci rimette del denaro. La conseguenza è l’inevitabile innalzamento dei prezzi che di certo «non giova né al negoziante né al consumatore». Il decreto potrebbe assumere valore, aggiunge «se si eliminassero le commissioni e i costi che vi sono con le banche». In ogni caso Fede Pellone sottolinea come quasi tutti i commercianti siano dotati di Pos. (P. T.)

Parte da Sesto San Giovanni la sperimentazione di Poste Italiane dedicata a chi vuole effettuare pagamenti con il telefonino al posto della carta di credito. Grazie alla SIM PosteMobile di nuova generazione, i clienti che possiedono un cellulare NFC, potranno fare acquisti presso tutti i punti vendita in Italia abilitati al circuito MasterCard Paypass. La commercializzazione delle nuove SIM NFC viene avviata sul territorio milanese presso i corner PosteMobile allestiti negli uffici postali di Sesto San Giovanni (Viale Marelli 165), Cologno Monzese (Viale Emilia, 64), Monza (Corso Milano, 56). Il meccanismo per gli acquisti ‘in prossimità’ è molto semplice: con la SIM NFC di PosteMobile, nella quale è già integrata una carta prepagata Postepay NewGift ‘smaterializzata’, il cellulare dialoga con i nuovi POS abilitati ai pagamenti contactless.

“il commento/2”

di Pietro Tampieri

I PICCOLI ESERCENTI NON SONO PRONTI

Il presidente di Assocommercio «Lo slittamento di qualche mese dei provvedimenti non risolverà i problemi». Ne è convinto Paolo Vino, presidente di Assocommercio, che non vede in tale decreto il modo corretto per risolvere i problemi legati all’evasione. Vino si era già espresso negativamente quando l’obbligo di accettare i pagamenti elettronici era fissato sopra la soglia minima di euro 50. Ora questa soglia sarebbe addirittura destinata a scomparire: anche un espresso al bar potrebbe essere pagato con la carta. In

ogni caso, sottolinea, come «i commercianti abituati a grosse cifre sono tutti dotati di POS, ma i bar e le edicole non sono pronti. Per questi non è proponibile accettare un tale decreto». In Italia il denaro contante è utilizzato circa il 50% in più rispetto agli altri paesi europei. Ma per il presidente di Assocommercio non è facile che il denaro possa scomparire dalle tasche degli italiani. (P. T.)


4

| 28 dicembre 2012 LAVORO :: SALVATORE

Attualità BELCASTRO, NUOVO PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE IMPRENDITORI

«Ripartire facendo squadra» Più scambi tra imprese e collaborazione con i Comuni i suoi organi sociali. A raccogliere il testimone di Massimo Milos è stato Salvatore Belcastro, 48 anni, imprenditore del settoSe è vero che nella crisi si dà il re edile, presente in Ainm fin dalla sua nameglio di sé, allora per l’Associa- scita nel 2001. zione Imprenditori Nordmilano Un cambio che non è soltanto di facciata. (Ainm) è arrivato il momento di tor- Ma che, vista la situazione di crisi nel tessuto economico locale e nazionale, vuole nare protagonista. Nei giorni scorsi la realtà che riu- sperimentare nuovi strumenti per raffornisce oltre 250 imprese del territo- zare le imprese e salvaguardare un patrimorio nordmilanese, ha nio, quello del lavoro, che fa del Nordmirinnovato lano una realtà unica a livello economico e sociale. Obiettivo dichiarato è quello di valorizzare le imprese che fanno parte dell’associazione e più in generale rappresentare le istanze del mondo imprenditoriale su tutti i tavoli istituzionali per far sentire esigenze, ma anche valorizzare risorse e poAssociazione Imprenditori è nata nel tenzialità che vengono da questo mondo. 2001 nella realtà del Nord milanese, «Sto già lavorando insieme a tutti dove esistono circa 22mila imprese gli amici per aumentare l’operativisu una popolazione di circa 300mila tà dell’associazione, perché mai coabitanti. Oggi conta oltre 250 soci, tra me ora è necessario stare accanto ai i quali figurano grandi industrie, ma sonostri soci e a chi fa impresa - spiega Belcastro -. Crediamo che un’assoprattutto un tessuto che per l’80% è ciazione come la nostra rappresenti composto di imprese medio piccoprima di tutto un’opportunità per il Norle, vera risorsa del territorio perdmilano, dunque vogliamo mettere a diché danno lavoro a miglia sposizione tutte le nostre risorse». Da qui la proposta di collaborare con i Codi persone. muni per istituire lo Sportello Unico per l’Impresa in tutte le realtà locali. di Stefano Bini

le curiosità e i numeri

«Il nostro gruppo racchiude in sé tante professionalità utili all’impresa e ai Comuni per orientarsi - spiega il nuovo presidente - Per questo ci offriamo ai comuni per gestire insieme a loro lo Sportello. E’ un’esperienza che abbiamo già provato a Cormano con grande successo. Di fatto i Comuni hanno l’obbligo di dotarsi di questo servizio di orientamento per l’impresa. Noi mettiamo a disposizione gratuitamente il lavoro di professionisti, in grado di sgravare le amministrazioni di costi e di consulenze». La parola d’ordine è operatività: «Sto prendendo contatto con tutti i sindaci per dire loro che noi siamo presenti e desiderosi di moltiplicare la nostra collaborazione, svolgendo ruoli di formazione, di aggiornamento e di promozione del nostro territorio. Sono convinto che per rilanciare il territorio dal punto di vista del lavoro occorra essere sempre più moderni e attrattivi. Noi siamo pronti a fare la nostra parte». Ainm amplierà sempre di più anche la rete di contatti tra le imprese socie. «Chiediamo a tutti i soci di guardare a collaborazioni e ad acquisti prima di tutto nella rete dell’associazione, per valorizzare l’enorme patrimonio rappresentato dalle 250 imprese associate - continua il presidente -. A questo proposito, stiamo già lavorando da tempo a un progetto di messa in rete della nostra associazione con altre simili, perché il segreto della forza sta nel lavoro di squadra e oggi più che mai è necessario stare uniti».


Attualità

INTERVISTA ::

28 dicembre 2012

|

5

SEI MESI VISSUTI DA PRIMO CITTADINO, IL PRIMO BILANCIO DI MONICA CHITTÒ

Ascolto e partecipazione, la mia impronta di Sindaco

La discussa riorganizzazione dei vigili sarà il banco di prova per il 2013 di Rosario Palazzolo Dalla difficile tornata elettorale del giugno scorso, che ha eletto Monica Chittò nuovo sindaco, sono trascorsi appena sei mesi. Un periodo breve, ma intenso, soprattutto per una città che dai nuovi amministratori attende uno scatto in avanti per superare sospetti e incertezze lasciati dal passato. Abbiamo sentito il sindaco Monica Chittò. Il termine dell’anno è il momento ideale per tracciare un primo bilancio. Il suo si riferisce a un periodo breve, ma significativo per l’avvio della nuova giunta... «Un primissimo bilancio dice di una giunta giovane che sta facendo esperienza, e che ha cominciato a realizzare gli obiettivi del programma: nuovi criteri di nomina per le società comunali, Isee istantaneo, nuovo regolamento nidi, conseguimento del Patto di stabilità, delibere urbanistiche importanti, festa del volontariato, potenziamento dell’assistenza scolastica ai disabili. Accanto al grande impegno per la Città della Salute e della Ricerca. Certo, siamo ai primi passi». Se dovesse darsi un voto, come si giudicherebbe? «Lascio che siano i seste-

si a valutarmi. Comunque, pur essendo severa con me stessa, non sono scontenta di quel che ho fatto». Molti non perdono occasione di ricordarle che rappresenta la continuità con la passata amministrazione della quale era assessore. Si riconosce un’impronta diversa? E concretamente come lo sta dimostrando? «La maggioranza politica rimane uguale, la giunta è quasi completamente rinnovata: molte donne, molte figure giovani, nuove presenze (segretario generale, dirigente dell’urbanistica) nella macchina comunale. La mia impronta è quella dell’ascolto, della partecipazione, e poi della decisione che va presa senza indugiare troppo». Indagini ancora aperte, ma anche scambi di accuse e veleni. La città non riesce a mettere la parola fine al cosiddetto ‘Si-

INFORMAZIONE PUBBLIREDAZIONALE

Un incontro diabolico La nuova fatica di Gianfranco Carpine E’ con vero piacere che segnaliamo all’attenzione dei lettori e appassionati di romanzi gialli e ‘Noir’, questo lavoro scritto con efficacia. ‘Un incontro diabolico’. romanzo che ti prende, pagina dopo pagina, e ti conduce alla scoperta della protagonista, che dedica la sua vita nel combattere la criminalità. Lei si impegna, con la sua squadra in indagini serrate, che la vedono muoversi in varie regioni d’Italia, partendo dalla sua terra d’origine, la Puglia. Ma scopriamo anche il lato umano, privato, di una donna che pur provata da cocenti delusioni, non ha rinunciato alla sessualità e all’amore. E che trovandolo, scopre quanto sia crudo il destino nei suoi confronti. Dovrà quindi rinunciare a un rapporto che sembrava nato con le migliori aspettative.

Il romanzo, il secondo di questo scrittore che ha scoperto (e riscoperto) il piacere dello scrivere in età non più verde, scorre con facilità. Il narrato è stringato ma efficace, e il finale davvero sorprendente. Gianfranco Carpine avrebbe avuto un buon avvenire, come scrittore, se solo ci avesse creduto in tempi passati. Il primo suo, ‘Ucciderò a settembre’, uscito nel novembre 2011 per Amazon, è reperibile sui siti IBS, Google libri e Feltrinelli. A breve darà alle stampe il terzo e ultimo della serie di Marta, ‘La misura dell’odio’, che completa così la trilogia. Ci piace segnalare inoltre che Gianfranco Carpine è da qualche anno, un nostro concittadino. Il suo romanzo lo potrete trovare alla storica libreria Tarantola, e nella non meno qualificata Presenza. Il trailer del suo ‘Un incontro diabolico’ è visibile su Youtube.

stema Sesto’. Come far uscire la città a testa alta da questo incubo?

Sul tema del lavoro, a gennaio apriremo un tavolo con le parti sociali. Stiamo sostenendo il commercio di vicinato e con il 2013 partirà il fondo disoccupazione

«Sesto è anche un modello di eccellenza. Dalle difficoltà si esce lavorando molto, in trasparenza, soprattutto nel rapporto con gli operatori economici: trattiamo alla luce del sole, questa è buona politica. E poi, bisogna sempre avere l’occhio al futuro, costruire prospettive e speranza collettiva per la città». Il 2012 è stato un anno terribile per la crisi. La città sente sempre di più l’affanno. I negozi chiudono e le imprese faticano, lasciando a casa molti cittadini senza lavoro. Un quadro difficile per qualsiasi sindaco. Quali iniziative pensate di mettere in atto nel 2013 per dare sostegno ai cittadini e alle imprese? «L’avvio della Città della Salute e della Ricerca porterà lavoro, a breve apriremo un tavolo con le parti sociali sul lavoro, stiamo sostenendo il commercio di vicinato, a gennaio istituiamo il Fondo per i Disoccupati. Lavoreremo per una città che aiuti anche con servizi ed efficienza amministrativa chi vuole intraprendere nuove iniziative». L’anno si chiude con la riorganizzazione del servizio di Polizia locale che segna anche la rinuncia al turno di pattugliamento notturno. Non si corre il rischio di indebolire la rete di sicurezza soprattutto in un momento di grande difficoltà che sta ridando spazio ai fenomeni di criminalità comune? «Non credo proprio, la vigilanza nelle ore e nelle aree più critiche è stata rafforzata e lo sarà ancora di più, così come la

collaborazione fra la Polizia locale e le Forze dell’ordine che sta dando buoni risultati. E poi, dalla riorganizzazione della Polizia Locale a partire dall’1 febbraio arriveranno i vigili di quartiere». L’anno nuovo si apre all’insegna della Città della Salute, i cui tempi di realizzazione sono però molto lunghi. Ci dica altre 5 novità che secondo lei sono prioritarie per il governo di Sesto San Giovanni «Pannelli fotovoltaici ed energie rinnovabili in tutta la città, potenziamento della rete informatica e dell’accessibilità ai servizi comunali, un nuovo modo di gestire l’igiene urbana e il verde pubblico, spazi e progetti per l’imprenditoria giovanile, nuovi interventi per il diritto all’abitazione». Il suo sogno nel cassetto? «Creare coesione, rafforzare il senso di comunità, non lasciare mai solo nessuno ed insieme portare sempre di più Sesto San Giovanni in Europa». Un rammarico per questi primi sei mesi di amministrazione? «Non aver tempo (e risorse economiche) per fare di più, pur avendone una voglia enorme». Se dovesse rivolgere un appello a qualcuno per sostenere il suo lavoro. A chi lo rivolgerebbe e cosa chiederebbe? «A tutte e tutti i sestesi, dicendo loro: la città amica, forte e coraggiosa la costruiamo insieme, non lasciatemi sola, accompagnate con presenza, critiche e idee il mio lavoro. Con un sorriso e i migliori auguri a tutti».


6

|

Attualità

28 dicembre 2012

POLITICA ::

I COMUNI SOCI DECAPITANO IL CONSIGLIO, E SCELGONO UN POLITICO... IN GRAN SEGRETO

Cambio dei vertici ‘riservato’ al Core

Da un mese il nuovo amministratore è l’esponente Sel Marco Cipriano Definirla una nomina a sorpresa, forse non rende a pieno l’idea. Da circa un mese il Core (Consorzio Recuperi Energetici), l’azienda sovracomunale che gestisce la raccolta dei rifiuti a Sesto, ha un nuovo amministratore unico... ma nessuno lo sa. Il Comune di Sesto e gli altri comuni soci (Cologno Monzese, Pioltello, Segrate, Cormano) hanno nominato Marco Cipriano, ex consigliere regionale di Sinistra Ecologia e Libertà, quale amministratore unico, in sostituzione del vecchio consiglio di amministrazione che era presieduto da Valentino Mejetta, volto storico del Pci di Sesto e fedele sostenitore di Oldrini. Di fatto i soci hanno

L’EVENTO ::

decapitato i vertici, protagonisti di una gestione incolore e ondivaga, sostituendoli con un altro esponente politico che fa riferimento all’ala più di sinistra della maggioranza sestese. La sua nomina si inserisce in un dibattito interno al centrosinistra del Nordmilano, dove Sel rivendicava anche la presenza di un assessore nella giunta di Cologno, che non gli è stato mai concesso. Insomma, qualcuno lo considera uno scambio di poltrone. La notizia ha cominciato a circolare soltanto qualche giorno fa, a causa dei mal di pancia di tanti esponenti del Pd che non hanno preso bene il metodo di nomina e che anche sul merito hanno qualche riserva.

I RAGAZZI DELLA

IV P

«Era tempo di nominare un supertecnico per far decollare questa società», hanno fatto sapere. Il Core nell’ultimo anno è parso sull’orlo dello scioglimento. Il vecchio presidente Mejetta un anno fa aveva annunciato che la società non avrebbe più gestito i servizi di igiene urbana a Sesto. Il contratto è scaduto da più di un anno, ma il Comune ha già rinviato due volte il bando per riassegnarlo.

SI SONO ESIBITI IN PIAZZA PETAZZI E NELLA LORO SCUOLA

Viaggio all’inferno per la gita di classe L’idea degli alunni del De Nicola per autofinanziarsi il viaggio a Firenze Vigili, continua l’agitazione

Fuochi artificiali vietati Multe salate per i trasgressori Il Comune ha deciso di utilizzare le maniere forti contro gli abusi che ogni anno vengono compiuti nei festeggiamenti di fine anno. Le innocue miccette, così come i mortaretti più rumorosi, sono stati completamente banditi dal territorio cittadino. Dal 26 dicembre al 2 gennaio in tutta la città sarà vietato far esplodere mortaretti e prodotti pirotecnici, anche se di libera vendita. Il Comune ha emesso un’ordinanza nella quale accoglie le preoccupazioni di quanti lamentano un aumento eccessivo del numero e della potenza dei botti di capodanno. «Sono consapevole - ha dichiarato il Sindaco Monica Chittò - che il solo utilizzo di strumenti repressivi non sia sufficiente a moderare l’utilizzo dei botti ed è per questo che rivolgo anche un appello al senso di responsabilità». L’ordinanza prevede, oltre alla confisca dei materiali, una sanzione pecuniaria per chi utilizza prodotti, anche in libera vendita. Così, insieme ai botti più rumorosi e pericolosi, dovrebbero dunque sparire anche quelli più innocui. Anche se allo scoccare della mezzanotte di fine anno sarà davvero difficile controllare e reprimere usi e abusi.

di Aurora Dupin Il sagrato della basilica di Santo Stefano si trasforma in un palcoscenico. Gli attori sono i giovani studenti del De Nicola, che per finanziarsi un viaggio alla scoperta di Dante imparano a memoria la sua Divina Commedia e la proclamano al pubblico come antichi cantori. Non è fantasia, ma la realtà andata in scena nei giorni scorsi in piazza Petazzi. L’idea è delle ragazze e dei ragazzi della IV P del liceo e istituto tecnico De Nicola che, sorprendendo un po’ i passanti diventati pubblico, hanno recitato i canti della Divina Commedia per raccogliere fondi. Obiettivo: auto finanziarsi un viaggio scolastico e culturale che vogliono realizzare il prossimo anno tra Firenze, Siena e Pisa. «In tempi di crisi e di risorse scolastiche e personali che mancano,

bisogna inventarsi qualcosa per riuscire comunque a proporre progetti educativi come le visite didattiche - spiegano i professori -. I ragazzi hanno deciso di fare la loro parte unendo l’utile al dilettevole: grazie a questa idea ora sanno destreggiarsi nei canti della Divina Commedia e hanno anche imparato ad apprezzarla». Successo anche per la rappresentazione andata in scena all’interno dell’istituto in occasione dell’Open Day dei giorni scorsi. Oltre un centinaio i visitatori anche in questo caso diventati spettatori che hanno assistito alla rappresentazione del ventiseiesimo Canto dedicato a Ulisse. Per aiutare i ragazzi a realizzare il loro sogno, c’è anche un conto corrente su cui versare il proprio contributo facendo un bonifico intestato: a IIS De Nicola, Iban IT97N088652070300000015166 con causale ‘viaggio Firenze dantesca ragazzi IV P’.

La riorganizzazione del lavoro della polizia locale ha scatenato lo stato di agitazione tra gli agenti. Prima del Natale, i lavoratori aderenti alle sigle sindacali (Cisl, Usb, Sulpm, Uil Fpl e Csa tranne la Cgil), hanno tenuto due assemblee in orario di lavoro sospendendo le attività per discutere dei tanti punti rimasti sospesi nella trattativa con l’amministrazione comunale, seccamente chiusa dalla giunta con l’annuncio di voler sospendere il turno notturno. Tra i punti in discussione ci sono: il monte ore in addebito, corsi di formazione e aggiornamento, nuova strumentazione. Per la prima settimana di gennaio amministrazione e sindacati dovrebbero essere convocati in prefettura per cercare di riaprire un dialogo e trovare soluzioni condivise alla riorganizzazione del settore. E’ stato richiesto un nuovo incontro al sindaco, che però qualche giorno fa aveva chiuso le porte ritenendo infruttuose le trattative. A gennaio, la prima commissione consiliare dovrà sentire lavoratori, dirigenti e Giunta per un’audizione.


PubblicitĂ 

28 dicembre 2012

|

7


8

|

28 dicembre 2012

Attualità La Confraternita e le profezie Maya

Il presepe ecologico di viale Rimembranze

La fine del mondo? Per godersela fino in fondo, i soci della 'Confraternita della Cappella', associazione benefica che unisce la solidarietà al buon gusto, ha deciso di esorcizzare la profezia Maya, con una colazione alla Torrefazione Moka Zaniba, con champagne e panettone. Insomma una colazione da fine del mondo...

Come ogni anno viale Rimembranze si è vestita a festa con un presepe. Quest’anno gli attivissimi residenti lo hanno realizzato interamente con materiale di riciclo come carta, cartone da imballaggi e assi per cantiere. L’idea è stata di Massimo Rava; la realizzazione fisica di Giorgio Quagliato e Tullio Comirri che hanno sfidato il freddo in queste giornate.

GUSTO :: DUE RISTORANTI SESTESI IN CIMA ALLA CLASSIFICA DI ‘GIALLO MILANO’

Politica

Il re dei risotti è sestese

IN BREVE

La crema di midollo di Angelo Nasta vince su tutti ::

di Stefano Bini Il risotto alla milanese più buono di tutta Milano lo fanno a Sesto San Giovanni, a dispetto di vecchi campanilismi di chi ancora vorrebbe racchiudere tradizioni e storia di Milano dentro i bastioni del capoluogo. La scorsa settimana la rassegna gastronomica ‘Giallo Milano’, che celebra il più tradizionale tra i piatti nostrani, ossia il risotto alla milanese, ha designato quale risotto più buono di Milano quello realizzato dal giovane chef Angelo Nasta, 33 anni, del ristorante Vico della Torretta. Nella rassegna che ogni anno vede la presenza dei migliori ristoranti e chef di Milano, questa volta Sesto San Giovanni ha fatto il pieno di premi. Oltre al risotto giallo servito nelle sale cinquecentesche del ristorante di villa Torretta di via Milanese, è stata premiata anche l’Osteria del Riccio di via Del Riccio, approdata alla finale tra ben 41 agguerriti concorrenti. Un terzo premio della giuria ha un sapore sestese, perchè il ‘Premio creatività’ è stato assegnato allo chef stellato Claudio Sadler, da sempre un sestese di residenza. Il risotto di Angelo Nasta ha fatto la differenza per la sua ricetta complessa e finemente gustosa che tra le altre cose prevede l’utilizzo di una speciale ‘crema di midollo’ nella mantecatura. Il risotto viene servito accompagnato da un osso dal quale gustare il midollo al cucchiaino. Per i buongustai, il piatto viene servito al prezzo di 14 euro o in uno speciale menù degustazione a 35 euro con vini abbinati.

Primarie per la ‘nomina’ dei futuri parlamentari anche per Sinistra Ecologia e Libertà. Il 29 dicembre (in contemporanea con quelle del Pd) si terrà la consultazione in tutta Italia. A Sesto potranno votare tutti i cittadini registrati per le primarie del centrosinistra. Tra i candidati di zona ci sono l’ex vicesindaco di Cinisello Balsamo Roberto Imberti e Tino Magni (già segretario regionale FIOM). Si potrà votare: nella sede Sinistra Ecologia Libertà Via XX Settembre 45; Caffè Corretto Bar Trattoria Via Podgora 114; Circolo Cooperativo Progresso Via E. Falck 72; Sede Unione Inquilini Via C. Marx 495.

EDUCAZIONE :: CONFERMATO IL PROGETTO CREATO E DIRETTO DA GERARDINA STRINO

Insegnare ai bimbi a lavorare la terra Il progetto ‘Giardino prezioso’ tornerà anche nel 2013 in 14 scuole Per un altro anno bambini e ragazzi delle scuole sestesi continueranno a mettere le mani nella terra, coltivare frutta e verdura e studiare semenze rare. Lo faranno sempre con Geraldina Strino, l’esperta giardiniera che già da quattro anni ha portato l’orto nelle scuole e nel resto della città. L’altro giorno è stato così rilanciato ‘Giardino Prezioso’, il progetto di ortodidattica a Sesto che coinvolge ben 14 scuole tra primarie e secondarie. «Questo progetto per noi è un investimento ambientale, culturale e sociale ha spiegato Elena Iannizzi, assessore all’Ambiente -. Favorisce aggregazione, si tramandano saperi tra generazioni e ristabilisce un contatto con la natura». Ad aprire la nuova stagione di ‘Giardino Prezioso’ è arrivata Emanuela Bus-

solati, scrittrice e illustratrice per bambini, diventata la guest star di una festa che è stata organizzata allo Spazio Contemporaneo. Una merenda naturale a base di pane e miele, succhi di frutta, tutti per terra ad ascoltare l’ultimo racconto dell’autrice milanese. Oltre a ‘Giardino prezioso’ c’è poi ‘Orti in rete’, altro progetto ‘by Geraldina Strino’ a cui aderiscono otto scuole sestesi. «Le novità non mancheranno - annuncia la giardiniera -. Pensiamo a momenti conviviali, scuole aperte e merende con frutta e verdura presa dagli appezzamenti curati dai bimbi». Inoltre, sarà introdotto un principio di rotazione per permettere a tutti gli istituti di sperimentare il progetto. L’obiettivo è rendere le scuole autonome,

attraverso consigli, kit e piccole incursioni dell’esperta, che potrà concentrarsi nelle classi, rimaste fino a oggi senza lezioni sull’orto. Viola Bai

Il 29 dicembre le primarie Sel

::

Anche il Pd vota per i parlamentari Il 29 dicembre si terranno le Primarie per i Parlamentari del Pd. A Sesto si voterà dalle ore 8 alle 21. Possono votare gli iscritti al Pd e le persone che hanno partecipato alle Primarie nazionali del 25 novembre e 2 dicembre 2012. Si vota esprimendo una o due preferenze. Nel caso di due preferenze, una deve essere attribuita ad una donna. I candidati di Sesto sono Fiorenza Bassoli, Lorena Croatto e Luigi Vimercati. I seggi aperti sono: Circolo PD Rondò Torretta,Via Saint Denis 102; Sporting Cafè, via Boccaccio 285; Circolo PD Nilde Iotti, via Gorizia 24; Circolo PD Turoldo, via Fermi 19; Circolo PD Bierlinguer, via Grandi 11.


Attualità

28 dicembre 2012

|

9

CULTURA FUORIPORTA :: 25 ARTISTI INTERNAZIONALI HANNO INTERPRETATO IL MITO DEL MERISI

Alcune OPERE David LaChappelle

Caravaggio inedito nella Capitale Emmanuel as angel 1985, stampa cromo genica, New York.

Vik Muniz

Narcisus afther Caravaggio (Serie Pictures of Junk), 2005, stampa digitale, Parigi

Matteo Basilè

La mostra nelle Scuderie Aldobrandini Una mostra eccezionale, val bene una visita ‘fuoriporta’. Se poi la meta del viaggio è Roma, allora la ‘fuga dalla città’ vale doppio, perché fino al 7 aprile prossimo unirà la visita alla città più ricca al mondo di opere d’arte e testimonianze storiche, ad un appuntamento con l’arte davvero d’eccezione: la mostra ‘About Caravaggio. Visioni & illusioni contemporanee’. Venticinque artisti internazionali contemporanei interpretano il Caravaggio con una selezione di trenta lavori che pongono l’accento sulla ‘ricezione’ delle opere di Caravaggio nell’immaginario collettivo, filtrata da alcuni protagonisti della pittura moderna e della migliore sperimentazione contemporanea di ambito internazionale. Curata da Anna Imponente, è stata inaugurata l’1 dicembre scorso negli spazi delle Scuderie Aldobrandini - Museo Tuscolano, ed è subito diventata uno degli

INIZIATIVA ::

appuntamenti di maggior successo nell’ambito dell’arte contemporanea. Il ‘mito’ caravaggesco, generato dalla travagliata biografia dell’artista del Seicento e dalla percezione del tratto rivoluzionario del suo lavoro, ha determinato la tra-

sformazione delle sue opere in vere e proprie icone globali. Dipinti come il Narciso (15971598), il Bacchino malato (15931594), la Canestra di frutta (1595-1596), la Medusa (15971598) e la Deposizione nel sepolcro (1602-1603)

TRA

INVITO ALLA MOS

pagina Presentando questa gratuito sso si ha diritto all’ingre che nei

a tutti i lettori Il Gazzettino regala no Roma, l’opportunità eran prossimi mesi visit tamente alla mostra at di entrare gr ui questa . Basterà presentare atuito. ’ io gg va ra Ca t ou gr Ab r ottenere l’ingresso pagina alle casse pe 22480; www.munus.com Per info tel. 06.885 ate su prenotazione Per le visite guid rale ‘IncontrArte’, Associazione cultu 15092; tel. 339.26 lcione@virgilio.it e-mail: valentina.fa

LA FESTA DI ASSOCOMMERCIO CON I BAMBINI

Natale in piazza con i pompieri

Apparition_5 2007, stampa lambda su carta silver montata su alluminio, Milano

E’ stata una grande festa quella organizzata il 21 dicembre scorso da Assocommercio in piazza Petazzi, nell’ambito delle iniziative per il Natale. Centinaia di bambini insieme ai loro genitori si sono divertiti sui gonfiabili; gli animatori circensi poi, con la loro simpatia, hanno trasformato un freddo pomeriggio in un caldo momento di allegria e divertimento. Particolarmente significativa è stata la presenza dei Vigili del Fuoco di Sesto che hanno accompagnato con l’autoscala i bambini sull’albero di Natale per addobbarlo con i loro pensierini.

sono opere divenute parte di un patrimonio visivo conosciuto anche dal grande pubblico. In alcuni casi le opere sono citazioni dirette, in altri spunti tematici e in altri ancora accostamenti proposti da una rilettura critica tra passato e presente, la cui fruizione è accompagnata in parallelo dalle proiezioni dei capolavori del grande maestro lombardo. L’evento è patrocinato dalla Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio, in collaborazione con la Provincia di Roma, il Comune di Frascati e Munus. Sono in mostra, tra gli altri, il Bacco all’osteria, esposto alla Biennale di Venezia del 1936, di Gregorio Sciltian, fin dagli esordi ‘orientato verso la pittura di Michelangelo da Caravaggio’; Renato Guttuso, creatore di un realismo pervaso di critica sociale, con la Stiratrice e ragazzo di Caravaggio, considerato ‘il maggior dipinto di figura’ dell’artista siciliano: le iper-realistiche nature morte di Luciano Ventrone, quelle del pittore cinese Zhang Wei Guang detto Mirror; Vik Muniz, il più celebre artista brasiliano, con le Pictures of Junk e Pictures of Magazine; Renato Meneghetti, con una grande installazione-radiografia che ‘guarda dentro e oltre’; le dissacranti creazioni ‘neo-pop’ di Marco Perego e quelle preziose in vetro soffiato dell’artista francese Christelle Familiari. La mostra è occasione di partecipazione attiva anche per il pubblico più giovane: per le classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado sono previste alcune attività didattiche tenute dall’Associazione culturale ‘IncontrArte’, ambientate in un set che vuole ricreare l’atmosfera dell’atelier del Caravaggio. Una valida attività per tutte quelle scolaresche che intendono organizzare le loro gite a Roma entro il 7 aprile.


10 |

Attualità

28 dicembre 2012

IL PERSONAGGIO :: IL SESTESE LUCA GUARNIERI COORDINA IL PROGETTO DEDICATO AI SENZATETTO

«Aiutateci ad aiutare i clochard» I volontari della Croce Rossa pattugliano il territorio e consegnano coperte e viveri

di Sarah Ferrante «Sono convinto che la città di Sesto conosca una piccola parte di ciò che accade di notte». Esordisce così Luca Guarnieri, 29 anni, dal 2010 coordinatore provinciale del progetto della Croce Rossa Italiana per i clochard. «Ogni notte - ci racconta - due ambulanze ben equipaggiate fanno il giro della città di Sesto e poi si dirigono verso il Nord-Est di Milano: distribuiscono coperte, vestiti e tanto té. Ogni notte ne prepariamo 8-15 litri». I comitati della Cri che svolgono il servizio di assistenza ai clochard sono Sesto, Bresso, Opera e a breve Cinisello Balsamo: una trentina di volontari pattugliano a turni di 4, le notti milanesi. «Il nostro turno - continua Luca -, dura dalle 21 alla 1 del mattino: 4 ore in cui assistiamo 60 persone per notte. La crisi ha inciso profondamente su questo fenomeno: alcuni clochard li conosciamo da anni, altri sono giovani nordafricani e qualche meridionale. Molti lavorano e non possono più permettersi una casa, altri sono separati, disoccupati. Certamente non troviamo mai clochard sestesi a Sesto: si vergognano e preferiscono nascondersi a Milano, perché la città è più grande e hanno più possibilità di non farsi riconoscere. A Sesto, molti si nascondono a Marelli e nelle nuove vie come via Falck». Luca invita i cittadini ad aiutare nel-

Pasquale Crisci è presidente

l’equipaggiare ulteriormente le ambulanze: «Stiamo cercando qualcuno che possa donarci dell’intimo nuovo e dei sacchi a pelo, che servono sempre: basta contattarci al numero 02.2405603». Intanto, la Croce Rossa è supportata sia dai volontari che dalle aziende esterne: ad esempio da Ikea, dove nel mese di ottobre, i clienti che portano delle coperte nel negozio ricevono in cambio un buono acquisto.

Ma i servizi continuano: grazie agli aiuti AGEA dalla Comunità Europea, una volta al mese si distribuiscono pacchi di viveri alla famiglie più bisognose segnalate dagli assistenti sociali. «Le persone si preoccupano quando nevica - dice Luca -. Ma io mi preoccupo per i nostri clochard anche quando non nevica: la temperatura scende e il rischio decessi per ipotermia diventa una vera realtà».

::::::::::::::::: Un’immagine del lavoro notturno compiuto dai volontari Cri nelle strade milanesi

Cambio della guardia ai vertici della Croce Rossa. Si sono svolte domenica 16 dicembre le elezioni per rinnovare i presidenti dei comitati locali e del comitato provinciale. Il posto di Alberto Bruno come presidente provinciale è stato preso da Antonio Arosio, brianzolo, già a capo della Divem, la Divisione emergenze e Protezione civile. Rinnovata anche la carica nel comitato di Sesto San Giovanni: il nuovo presidente della Cri sestese è Pasquale Crisci volontario che fin qui ha ricoperto il ruolo di responsabile amministrativo del gruppo locale. A lui il compito di traghettare l’associazione nella nuova sede di piazza Oldrini.

L’INTERVISTA :: ALBERTO BRUNO, EX PRESIDENTE PROVINCIALE E FONDATORE DEL COMITATO SESTESE

«Quante soddisfazioni nella mia città»

Il suo non è un addio, ma un arrivederci. Giusto il tempo per prepararsi ad affrontare una nuova sfida. Dopo tredici anni come presidente del Comitato Provinciale di Milano della Croce Rossa, Alberto Bruno, dipendente del comune di Sesto, dalla scorsa settimana ha lasciato la poltrona in vista delle elezioni che decreteranno i nuovi vertici. Neanche il tempo di un respiro, per lui inizia una nuova avventura: la candidatura alla presidenza del comitato regionale. Alberto, cosa ti ha portato a entrare per la prima volta in Cri? «Avevo 20 anni e un giorno, il 23 novembre 1980, è arrivato il terremoto, quello dell’Irpinia. Con un gruppo di Radio Popolare composto da giovanissimi, partimmo con l’idea di costruire una piccola cucina da campo. L’esperienza fu educativa ma fu chiaro che la buona volontà, se non si unisce a capacità e conoscenza, è inutile e forse anche dannosa. Per que-

sto dopo alcuni giorni a Forino mi resi conto che senza arte né parte non si può essere utili. Così nel 1981 provai per alcuni mesi prima l’esperienza in una Croce Anpas di Milano, poi a novembre entrai a far parte della Croce Rossa a Bresso». Che cosa ti aspettavi? «Una organizzazione e una formazione per fare bene e non trovarmi più in difficoltà». Per tanti anni sei stato presidente del comitato provinciale: quale il ricordo più difficile e quale quello più felice? «Prima ancora di essere eletto presidente provinciale, la prima grande soddisfazione arrivò nel 1987 quando fui incaricato di fondare la Croce Rossa a Sesto San Giovanni. Da Presidente e poi Commissario provinciale (esperienza iniziata nel ‘99) sono state molte le soddisfazioni: dall’essere riusciti a spostare l’attenzione associativa della Croce Rossa dal semplice soccorso a qualcosa di diverso, con il progetto diventato modello nazionale ‘La Cri per i Clochard’; l’aver sviluppato un forte coordinamento del sistema per le macro emergenze, attraverso la realizzazione del Centro Polivalente d’Emergenze Cri di Bresso; la possibilità di operare per missioni internazio-

nali come la guerra del Kosovo. Tante cose insieme, ricordi felici legati anche a situazioni difficili». Se dovessi usare una sola parola per descrivere la tua esperienza in Cri, quale useresti? «Totalizzante». Ora ti candiderai nuovamente: quali gli obiettivi? «Il prossimo gennaio sarò candidato alla presidenza regionale della Cri. Sarà un mandato molto breve di un solo anno, ma con una road map che ne vale cinque. A novembre il Governo Monti ha stabilito per la Croce Rossa il programma di riforma di sostanza tanto atteso, che pone fine a tre anni di Commissariamento, disposto dall’ultimo governo Berlusconi. A fine 2013 da Ente pubblico non economico, come negli indirizzi del Movimento mondiale di Croce rossa e Mezzaluna rossa, anche la Cri tornerà ad essere un associazione privata d’interesse pubblico, nel rispetto del principio di indipendenza del movimento. Sarà quindi un lavoro inteso, che tutti insieme, come volontari e dipendenti, dovremo compiere per portare a successo e garantire alla Cri altri 148 anni di opera a favore dei più vulnerabili». Aurora Dupin


PubblicitĂ 

28 dicembre 2012

| 11


12 |

28 dicembre 2012

Cultura & tempo libero

Segnalateci gli appuntamenti e le iniziative sestesi all’indirizzo mail redazionegazzettino@gmail.com

IL CONCORSO :: UN PERCORSO PROPOSTO DA CONSORZIO CS&L, ARCHIVIO SACCHI E MAGUTDESIGN

Design a portata di cittadino Prende il via il progetto ‘Designabile’ Creativi al lavoro per l’inclusione

Notizie FLASH Piccoli Passi dopo Natale

I MONDI FANTASTICI DEL RONDINELLA Filastrocche e storie per bambini

Un sabato all’insegna delle favole quello che propone il cinema teatro Rondinella il 12 gennaio. A partire dalle 15.30 sul palco ci saranno Guido Castiglia e Marina Giacometto per uno spettacolo che accompagnerà i bambini (dai 5 anni) in un viaggio nel tempo e nello spazio alla scoperta di mondi fantastici raccontati attraverso storie e filastrocche. Ingresso: 6 euro.

Chiudono le scuole, apre lo spazio Piccoli Passi. Un’ occasione per i bambini sestesi di stare insieme, una ‘salvezza’ per i genitori che devono lavorare. Dal 2 al 4 gennaio Spazio Arte in via Maestri del Lavoro si trasformerà in un luogo di giochi e laboratori dalle 8.30 alle 16.30. Costi contenuti, a partire da 15 euro al giorno. Per info e prenotazioni: 02.24412450.

::

Esplorando Tarantino

CINEMA

“sul palco”

Creazioni di design per tutti, che riescano a coniugare funzionalità ed estetica rispondendo alle esigenze di coloro che devono fare i conti con la disabilità. Si chiama ‘Designabile’ il concorso-percorso di ricerca rivolto ai designer under 32 lanciato dal Consorzio CS&L, Archivio Sacchi e Magutdesign, con finanziamento della Fondazione Nord Milano. La prima fase del progetto prevede la raccolta delle opinioni dei designer sulla disabilità in relazione al progettare per tutti e superare le barriere, anche mentali, verso l’inclusione. Attraverso un’apposita pagina sul sito ww.designabile.org entro l’11 gennaio si può inviare una frase, uno schizzo e una fotografia che esplicitino il pensiero del progettista sui temi proposti. Questo materiale andrà

a costituire un allestimento presso l’Archivio Giovanni Sacchi durante la settimana del Salone del Mobile 2013. Nella seconda fase del progetto si chiederà a una selezione dei designer, scelti perché ritenuti particolarmente interessanti nella loro visione, un concept per un oggetto o uno spazio che sia pensato nell’ottica del ‘Design for All’. Le proposte saranno valutate da una giuria e due di queste saranno scelte per la terza fase: i designer saranno ospiti durante i giorni del Salone del Mobile 2013 presso l’officina dell’Archivio Giovanni Sacchi dove, insieme ad un designer (tutor) e un modellista, realizzeranno il modello del loro progetto. Info sulla partecipazione alla selezione e sull’accesso alle fasi successive si possono trovare su www.designabile.org oppure sul sito del Comune (www.sestosg.net) nella sezione dedicata all’Archivio Sacchi.

STARE INSIEME

di Aurora Dupin

Nuovo appuntamento con ‘Pianeta cinema’ proposto dal Cgs Rondinella per inaugurare il 2013. Primo appuntamento dedicato a Quentin Tarantino, il corso esplora la filmografia del regista da ‘Le iene’, ‘Bastardi senza gloria’, passando per ‘Pulp Fiction’e i due volumi di ‘Kill Bill’. Prima lezione venerdì 11 gennaio alle 21 (costo 40 euro, prenotazioni al numero 02.22478183).

::

MEMORIA :: LA CREATIVITÀ DIVENTA STRUMENTO DIDATTICO PER NON DIMENTICARE IL PASSATO

Quando la storia diventa arte ‘Memoria Futuro day’, la mostra del De Nicola

Le stragi della seconda guer ra mondiale. Quelle dimenticate, di cui raramente si parla e che i libri spesso dimenticano di citare. Un aspetto particolare e poco esplorato della storia: gli alunni del liceo artistico De Nicola di Sesto hanno deciso di raccontare l’arte

imparata sui banchi e la loro personale creatività, attraverso una mostra che rimarrà aperta fino al 6 gennaio. La raccolta di opere realizzate dai ragazzi è stata allestita in Comune e inaugurata venerdì 14 dicembre in occasione di un convegno sull’ ‘Armadio della vergogna e le stragi dimenticate della seconda guerra’ a cui hanno partecipato anche gli studenti e organizzato grazie alla collaborazione tra

l’istituto scolastico sestese e la Fondazione Europea di partecipazione Cefalonia-Corfù 1941/1944. ‘Memoria Futuro day’ il nome scelto per la mostra divisa in due sezioni: una fotografica sulla Divisione Acqui, sterminata dai nazisti sull’isola di Cefalonia, e una mostra delle opere realizzate dagli studenti (visite fino al 6 gennaio, dal lunedì al venerdì 9 - 20, sabato 9 -13).

::

Sui pattini al PalaSesto Gli under 10 pattinano gratis fino al 6 gennaio. Anche quest’anno il PalaSesto vuole festeggiare in modo speciale le festività natalizie. Fino all’Epifania infatti i bambini fino ai 10 anni non pagano il noleggio dei pattini e l’ingresso in pista.

Saldi al via il 5 gennaio Saldi e sconti, anche in anticipo. Prenderanno il via il 5 gennaio le vendite promozionali di stagione. I negozi che vorranno potranno anticipare alcune promozioni. Per tutte le info visitare il sito del comune, www.sestosg.net.

Una firma per la vita E’ possibile firmare contro la pena di morte anche a Sesto. Il consiglio comunale del 4 dicembre scorso ha deliberato l’adesione alla campagna di Sant’Egidio. Le info sono pubblicate sulla home page del portale comunale.


28 dicembre 2012

Cinema Rondinella "

!"

""

"" $

% info@cinemarondinella.it www.cinemarondinella.it VENERDÌ 28 DICEMBRE LOVE IS ALL YOU NEED PRIMA VISIONE Regia: Susanne Bier con Pierce Brosnan, Trine Dyrholm ORARI: 15.30* - 21.15 PREZZI: *alle 15.30 prezzo speciale euro 4,00 - intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50 SABATO 29 DICEMBRE LE 5 LEGGENDE

PRIMA VISIONE - PROIEZIONE SPECIALE

Regia:Peter Ramsey - ORE: 14.40 Proiezione unica - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50 LOVE IS ALL YOU NEED PRIMA VISIONE Regia: Susanne Bier con Pierce Brosnan, Trine Dyrholm -

ORARI: 16.15 - 18.20 - 20.25 - 22.30 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

LA PARTE DEGLI ANGELI PRIMA VISIONE Regia: Ken Loach con John Henshaw, William Ruane - ORARI: 16.30 - 21.15 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

LE 5 LEGGENDE

PRIMA VISIONE - PROIEZIONE SPECIALE

Regia:Peter Ramsey - ORE: 15.00 Proiezione unica - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

DOMENICA 30 DICEMBRE LE 5 LEGGENDE

LA PARTE DEGLI ANGELI PRIMA VISIONE Regia: Ken Loach con John Henshaw, William Ruane ORARI: 16.30 -18.30 - 20.30 - 22.30 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

PRIMA VISIONE - PROIEZIONE SPECIALE

Regia:Peter Ramsey - ORE: 14.40 Proiezione unica PREZZI: intero euro 7,00 ridotto euro 5,00/4,50 LOVE IS ALL YOU NEED PRIMA VISIONE Regia: Susanne Bier con Pierce Brosnan, Trine Dyrholm ORARI: 16.15 - 18.20 - 20.25 - 22.30 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

VENERDÌ 4 GENNAIO LE 5 LEGGENDE

PRIMA VISIONE - PROIEZIONE SPECIALE

Regia:Peter Ramsey - ORE: 15.00 Proiezione unica - PREZZI: prezzo speciale: 4,00

MERCOLEDÌ 2 GENNAIO

LA PARTE DEGLI ANGELI PRIMA VISIONE Regia: Ken Loach con John Henshaw, William Ruane - ORARI: 16.30* - 21.15 - *alle 16.30 prezzo speciale euro 4,00 - intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

LE 5 LEGGENDE

PRIMA VISIONE - PROIEZIONE SPECIALE

Regia:Peter Ramsey - ORE: 15.00 Proiezione unica PREZZI: intero euro 5,00 ridotto euro 4,00

LUNEDÌ 31 DICEMBRE LE 5 LEGGENDE

SABATO 5 GENNAIO GLADIATORI DI ROMA

LA PARTE DEGLI ANGELI PRIMA VISIONE Regia: Ken Loach con John Henshaw, William Ruane - ORARI: 16.30 - 21.15 - PREZZI: intero euro 5,00 - ridotto euro 4,00

PRIMA VISIONE - PROIEZIONE SPECIALE

Regia:Peter Ramsey - ORE: 15.00 Proiezione unica - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50 LA PARTE DEGLI ANGELI PRIMA VISIONE Regia: Ken Loach con John Henshaw, William Ruane - ORARI: 16.30 - 21.15 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

UN CINEMA PER AMICO

Regia: di Iginio Straffi. Età consigliata: dai 7 anni - ORE: 15.30 Proiezione unica - PREZZI:biglietto unico 3,50 LA PARTE DEGLI ANGELI PRIMA VISIONE Regia: Ken Loach con John Henshaw, William Ruane - ORARI: 17.30 - 20.30 - 22.30 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

GIOVEDÌ 3 GENNAIO LE 5 LEGGENDE

PRIMA VISIONE - PROIEZIONE SPECIALE

Regia:Peter Ramsey - ORE: 15.00 Proiezione unica - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

MARTEDÌ 1 GENNAIO

|

13

DOMENICA 6 GENNAIO LE 5 LEGGENDE

PRIMA VISIONE - PROIEZIONE SPECIALE

Regia:Peter Ramsey - ORE: 15.00 Proiezione unica - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50 LA PARTE DEGLI ANGELI PRIMA VISIONE Regia: Ken Loach con John Henshaw, William Ruane ORARI: 16.30 -18.30 - 20.30 - 22.30 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

Cinema Teatro Pax # ! ! " eventi@cineteatropax.it iniziative@cineteatropax.it http://www.cineteatropax.com DAL 2 AL 6 GENNAIO LO HOBBIT - Regia: Peter Jackson. Con Ian McKellen, Martin Freeman, Richard Armitage, Ken Stott - ORARI: 21.15 - domenica 6 - 17.00 - 21.15 - PREZZI: 5,50 euro intero e 3,50 ridotto (under 11 e over 60)

Prezzi aggiornati a mercoledì 27/12/2012. I gestori di stazioni di servizio e i lettori possono comunicarci i prezzi più convenienti scrivendo a redazione@ilgazzettinodisesto.it

BENZINA DIESEL

Eni Q8 Agip Shell v.le Matteotti v.le F. Testi v.le F. Testi v.le Gramsci

HARLEM GOSPEL CHOIR

Fondato nel 1986 da Allen Bailey, l’Harlem Gospel Choir è uno dei più importanti cori del mondo e riunisce i migliori cantanti e musicisti delle diverse Black Church di Harlem. Dopo la consacrazione avvenuta nel 1988, con l’incisione del brano ‘I Still Haven’t Found What I’m Looking For’ degli U2, la formazione ha collezionato successi in patria e all’estero. prezzo: 32 euro Ore 21 e ore 23; giovedì e venerdì: ore 21 e ore 23.30; 31/12: ore 19.30 e ore 23

Shell Q8 ex Tamoil via Grandi via Partigiani v.le F. Testi (Cinisello)

1.678

1.785

1.685

1.705

1.668

1.711

1.704

1.669

1.636

1.641

1.641

1.671

1.628

1.659

1.655

1.629

CULTURA/MOSTRE

DAL 26 AL 30 DICEMBRE

Te v.le F. Testi

FESTE/SAGRE

www.harlemgospelchoir.com Milano - Blue Note - Via Pietro Borsieri, 37 (Zona Isola) PATTINAGGIO SU GHIACCIO AL PALASESTO 24 e 25: CHIUSO 26: 15.00 - 17.45 27:10.00/11.45-15.00/17.45-21.30/23.30 28:10.00/11.45-15.00/17.45-21.30/23.30 29 e 30: Pattinaggio regolare sab./dom. 31 e 1: CHIUSO 02:10.00/11.45-15.00/17.45-21.30/23.30 03:10.00/11.45-15.00/17.45-21.30/23.30 04:10.00/11.45-15.00/17.45-21.30/23.30 05 e 06: Pattinaggio regolare sab./dom. www.palasesto.com/palaghiaccioSesto San Giovanni (Mi) - Palasesto Piazza 1° Maggio

31 DICEMBRE SAN SILVESTRO CON L'OPERETTA Aspettiamo la mezzanotte in compagnia delle scene più belle di operette famose:

CONCERTI/SPETTACOLI

‘La Vedova Allegra’ ‘Il Paese dei Campanelli’ ‘Cin-Ci-Là’ ‘Il Paese del Sorriso’ Buona musica, magnifici costumi, e a Mezzanotte grande brindisi con simpatico buffet, tutti insieme! Poi ancora un po’ di musica, e all’1,30, tutti a casa! Costo: 45 euro - www.compagniadelbelcanto.it La serata è organizzata dalla Compagnia del BelCanto di Milano, con il patrocinio del comune di Sesto. Sesto San Giovanni - Ex Teatrino Villa Visconti D’Aragona, via Dante 6

DAL 7 AL 28 GENNAIO 2013 PROVE GRATUITE DI PSICOMOTRICITÀ A ....PICCOLI PASSI! La psicomotricità considera ogni bambino come unico al mondo. L’obiettivo principale è sostenere e aiutare la crescita psicofisica di ognuno. E’ possibile prenotare una prova gratuita per il 2° ciclo laboratorio di psicomotricità

TEMPO LIBERO

educativa di gruppo, per bambini da 2 a 5 anni, suddivisi in gruppi omogenei per età. Le sedute hanno cadenza settimanale della durata di 60 minuti con orario pomeridiano. La psicomotricista che conduce le sedute ha una formazione specifica ed esperienza con bambini/e di queste fasce d’età. www.piccolipassi.net Sesto San Giovanni - Piccoli Passi, via Andrea Costa 24, Sesto San Giovanni

1 GENNAIO 2013 CONCERTO DI CAPODANNO Al Cineteatro Pax di via Fiume a Cinisello Balsamo va in scena, il primo giorno dell’anno, il tradizionale Concerto di Capodanno della Filarmonica Paganelli ‘79 che proporrà al suo pubblico uno spettacolo musicale nuovo e divertente. Cinisello - Cineteatro Pax - ore 17 Per informazioni: Filarmonica Paganelli – Tel 0266018084


14 |

28 dicembre 2012

Sport

Segnalateci gli avvenimenti sportivi e le storie delle associazioni sestesi all’indirizzo mail redazionegazzettino@gmail.com

CALCIO :: SQUADRE CITTADINE NELLE POSIZIONI DI VETTA DEI CAMPIONATI DI I, II E III CATEGORIA

Le sestesi in volata

Unico neo, la Rondò Dinamo Biancoverdi ultimi del girone di Pietro Tampieri I campionati di calcio FIGC sono ormai giunti al giro di boa; nonostante i numerosi rinvii causati dalla neve, i gironi si sono fermati per le festività natalizie. E il classico panettone potrà essere mangiato con tranquillità da quasi tutti i mister sestesi. Le squadre di seconda e terza categoria infatti stanno ottenendo ottimi risultati e navigano in alta classifica. L’unica nota negativa arriva dalla Rondò Dinamo che milita nel campionato di prima categoria. I bianco-verdi hanno ottenuto solo 5 punti e si trovano all’ultimo posto in classifica. La zona play out dista 5 pun-

ti. Il girone di andata della Rondò, così avaro di punti e di soddisfazioni, si concluderà il 13 gennaio con la sfida contro il Villa, formazione che si trova a metà classifica. Ben altro è il clima nella sede della nuova squadra cittadina, il Football Sesto 2012, che con i suoi 24 punti conquistati in 10 partite è la capolista del suo girone di terza categoria. Ma la società non può permettersi passi falsi: la Novese infatti insegue ad un solo punto di distanza. Al terzo posto si trova poi una delle maggiori sorprese del campionato, il San Giorgio, altra formazione sestese, che con 22 punti in 11 partite giocate si trova in piena zona playoff. Soddisfazioni arrivano anche dal

PRO SESTO

girone di seconda categoria che vede impegnate tre nostre squadre. Il Città di Sesto si trova al quarto posto con 28 punti conquistati. Il primo posto in classifica però, che vuol dire promozione diretta, dista 7 punti. Ancora migliori, rispetto alle dichiarazioni di inizio anno, sono i campionati di Rondinella e Atletico Dominante che si trovano rispettivamente al quinto e sesto posto, con ampie possibilità di giocarsi un posto nei playoff.

:::::::::::: I ragazzi del Città di Sesto tra le squadre più in forma della stagione arrivata al giro di boa

GHIACCIO :: OTTIMI RISULTATI AI CAMPIONATI ITALIANI DI PATTINAGGIO DI FIGURA

All’Agorà hanno brillato le stelle di Sesto Adrien Bannister piccolo talento Berton-Hotarek ancora d’oro

Paddy Power a 20 punti Ripartirà il 12 gennaio il campionato di basket femminile di Serie A3 fin qui dominato dal Geas Basket di Sesto San Giovanni targato Paddy Power. Le rossonere hanno chiuso il girone di andata vincendo il derby lombardo contro il Castel Carugate: decima vittoria su undici gare. E primo posto in solitaria (20 punti), con 4 lunghezze di vantaggio sulla coppia di inseguitrici, Torino e Moncalieri. Il 12 gennaio 2013 il Geas sarà impegnato in trasferta in terra sarda contro il Sant’Orsola Sassari (che rincorre le sestesi con 12 punti).

Ottimi risultati ai Campionati Italiani di Pattinaggio di Figura andati in scena dal 19 al 22 dicembre all’Agorà di Milano per gli atleti ‘sestesi’. I pattinatori del Sesto Ice Skate e quelli che si allenano al PalaSesto hanno strappato applausi e medaglie. L’apertura spetta di diritto alle Hot Shivers che hanno da poco festeggiato i vent’anni di vita. Il regalo, le atlete sestesi, se lo sono fatte da sole, riconfermandosi per l’ennesima volta come regine della specialità. Un titolo italiano quasi senza rivali, dato che la seconda compagine classificata si è piazzata a diversi punti di distanza. Per la categoria Junior Men il nuovo campione italiano è il piccolo Adrien Bannister: ragazzo prodigio del Sesto Ice Skate, Adrien aggiunge un nuovo trofeo alla sua già decorata bacheca personale. Secondo posto per la coppia Junior del Sesto Ice Skate: Bianca Manacorda e Niccolò Macii si sono posizionati sul secondo gradino del podio nella loro categoria. Applausi, oltre che medaglie, anche per Valentina Marchei e Roberta Rodeghiero, rispettivamente seconda e terza classificata nella categoria Senior Ladies, alle spalle della regina della specialità, Carolina Kostner. Confermano la loro supremazia sul ghiaccio anche Stefania Berton e Ondrej Hotarek, campioni italiani della categoria Coppia Senior.

Biancocelesti in piena zona retrocessione

Non è di certo da incorniciare il girone di andata della Pro Sesto che nel campionato di Serie D perde ancora: contro l’Olginatese, lo scorso 22 dicembre, i biancocelesti hanno perso con un solo gol di scarto (1-0). Serve la tanto attesa scossa: la Pro con 19 punti è in piena zona play out, ben distante dagli obiettivi dichiarati dalla società a inizio stagione. Per farsi un’idea, la zona playoff si apre solo a quota 35 punti: un vero abisso che per ora sembra incolmabile. Prossimo impegno il 6 gennaio: al Breda arriva Trento.

Direttore responsabile: Rosario Palazzolo Società Editrice: Il Gazzettino di Sesto San Giovanni s.r.l. R.E.A. 1980638 Tiratura: 30.000 copie Redazione: Piazza F. Caltagirone, 75 20099 Sesto San Giovanni Tel. 02.83413290 fax. 02.83413292 e-mail: redazionegazzettino@gmail.com Registrazione n° 6 del 26.03.2012 al Tribunale di Monza Stampa: Monza Stampa s.r.l. via Buonarroti, 153 - 20052 Monza


Sport

HOCKEY ::

IL NUOVO CALENDARIO DELLE ‘VEDOVE NERE’ DI SESTO

Black Widows mozzafiato Dodici scatti autoprodotti per il 2013 di Niccolò Villa Le Black Widows l’hanno rifatto. Dopo il successo del calendario 2012, le ‘vedove nere’ dell’hockey di Sesto San Giovanni si sono spogliate ancora per augurare ai tifosi e ai fan un 2013 da urlo. Dodici scatti mozzafiato che sono stati presentati ufficialmente domenica 23 dicembre in occasione dell’ultima gara del campionato di Serie A, giocata al Pa-

laSesto. Un calendario autoprodotto, fatto in casa, ma ben riuscito: con il quale la società intende raccogliere fondi utili per la squadra. «L’anno scorso abbiamo venduto 350 copie - spiega il direttore sportivo Davide Martoscia -. I fondi che raccoglieremo per l’edizione 2013 li useremo per iscriverci a un torneo oppure per realizzare un campo di allenamento estivo». Il calendario costa 10 euro: per info www.diavolirossoneri.org.

28 dicembre 2012

| 15


16 |

28 dicembre 2012

PubblicitĂ 


Il Gazzettino di Sesto San Giovanni Ed. 33