Issuu on Google+

ANNO 1 NUMERO 23 - 18 Ottobre 2012 - Editrice Il Gazzettino di Sesto San Giovanni srl Piazza F. Caltagirone, 75 - Sesto San Giovanni (Mi) - email: redazionegazzettino@gmail.com Tel. 02.83.41.32.90 Fax. 02.83.41.32.92

LA GIUNTA DEL SINDACO CHITTÒ PRESENTA IL PIANO CHE SARÀ DISCUSSO IN CONSIGLIO

Imu a Sesto: ecco quanto aumenta

Il Gazzettino di Sesto San Giovanni sta crescendo anche su Facebook. La nostra pagina ufficiale ha sempre più iscritti; con questi crescono anche i commenti e le interazioni. Continuate a seguirci anche su Facebook: cliccate ‘mi piace’ sulla nostra pagina ufficiale.

Non si tocca la prima casa ma per altre categorie l’aliquota diventa massima. La giunta sestese ha anticipato alla stampa gli aumenti che saranno presentati alla discussione in consiglio. La minoranza promette battaglia A PAG 3

Nel 2011 si sono celebrati 202 matrimoni e 833 funerali. A Sesto sposarsi non va più di moda. Cerchiamo di capire il perché insieme ad alcuni esperti

:: GIALLO

Alle pagine 4 e 5

Investe un ciclista (che poi muore) e scappa. A Sesto San Giovanni è caccia al pirata della strada A pagina 6

:: SPORT

SOS NOZZE

La Pro Sesto esonera mister Manari dopo l’ultima roboante sconfitta. In panchina Umberto Cortelazzi A pagina 18

Scopri il distributore di benzina più conveniente della città con il ‘Benzinometro’ del Gazzettino pubblicato a pagina 15


2

|

Attualità

18 ottobre 2012

Dillo con un click

Tanti auguri a nonna Amelia nuova cittadina centenaria Amelia Mangiarotti ha spento le sue prime cento candeline e va ad ingrossare la già lunga lista dei centenari sestesi. Nonna Amelia, nata a Stradella in provincia di Pavia, faceva la ricamatrice; si è trasferita a Sesto nel 1935 e qui in città ha lavorato fino al 1967 alla Valigeria Valaguzza di via XX Settembre. Alla sua festa di compleanno erano presenti il figlio Luigi, i nipoti , amici e parenti. A portare gli omaggi e gli auguri dell’amministrazione comunale ci ha pensato la consigliera comunale Loredana Pastorino.

EDITORIALE

L’ultimo regalo, un vitalizio Non bisogna essere Batman per meritare un vitalizio regionale. L’ultimo ‘regalo’ che i consiglieri della regione Lombardia potrebbero farsi prima delle dimissioni anticipate che ormai sembrano irreversibili, è proprio un vitalizio. Una pensioncina con un minimo di 1300 euro al mese, che - se varrà la vecchia legge regionale 12 del 1995 - sarà assegnata a tutti i consiglieri che avranno compiuto 2 anni e mezzo di mandato al momento delle dimissioni. I due anni e mezzo scatteranno il 21 ottobre prossimo e c’è da giurarci che i consiglieri si dimetteranno almeno un giorno dopo. Il loro vitalizio è però appeso a un filo. Un cappio lasciato dal Governo Monti che nel suo ultimo decreto ‘taglia sprechi’ ha previsto l’innalzamento della soglia da 2 anni e mezzo a 10 anni di mandato e con un’età di almeno 66 anni. La nuova regola, per essere applicata deve essere convertita in legge dal Parlamento... il che è tutto dire. Basterebbe il ricorso di un consigliere regionale a sospendere tutto. L’unico ad aver rinunciato con chiarezza al vitalizio è stato il consigliere dell’Idv Gabriele Sola che ha chiuso con questo mandato dimettendosi lunedì scorso, prima della fatidica scadenza del 21 ottobre. Il Pd ha fatto sapere che nessuno dei suoi esponenti è nella condizione prevista dal decreto Monti... ma se quel decreto sarà affossato dal Parlamento, i singoli consiglieri cosa faranno?

L’OPINIONE :: I CASI FIORITO E ZAMBETTI METTONO IN CRISI IL VOTO CON PREFERENZE

Votare per cambiare

di Stefano Bini Meglio il vecchio Porcellum o il nuovo ‘ndranghetellum’? Dopo mesi, per non dire anni, in cui ci avevano convinti della antidemocraticità del sistema elettorale per l’elezione dei parlamentari, basato sulla nomina decisa solamente dai vertici di partito e dai ‘capi’ delle diverse correnti politiche, ora il caso ‘Batman’ Fiorito della regione Lazio e ancora di più quello dell’assessore Domenico Zambetti in Lombardia arrivano a demolire quei giudizi che sembravano consolidati. Il sistema elettorale delle Regioni è basato sulle preferenze, ossia si fonda sulla facoltà dei cittadini di scegliere il candidato con il loro voto. Questo non ha impedito l’elezione di fannulloni, ladruncoli e persino assessori nelle mani delle cosche mafiose. Gentaglia che però ha avuto la capacità di dimostrarsi campione di preferenze.Qualsiasi cittadino non può che rimanere esterrefatto dinanzi a tutto questo. Se a decidere sono i partiti, in Parlamento finiscono solamente portaborse, donnine, autisti e parenti dei più potenti; se a decidere sono i cittadini con il loro voto, gli eletti sono i prepotenti e i mafiosi. Cosa

c’è che non va? Il problema è nella cultura di un popolo dove una minoranza sempre più ampia e disinibita esercita il potere senza alcun ritegno e regola, utilizzando tutti i rivoli che gli vengono offerti per imporsi. A questo punto rinunciare all’atto democratico del voto con le preferenze per paura di far eleggere i mafiosi, sarebbe un nuovo delitto, l’ennesima concessione che si fa ai prepotenti. In questi giorni è parsa chiara una cosa: di-

nanzi ai danni prodotti dal Parlamento non eletto ma nominato dai partiti, i cittadini non possono che esprimere un’indignata impotenza. Di fronte all’idea di aver votato per un politico che si è rivelato collegato alla ‘ndrangheta, i suoi elettori, che pure sono stati tanti anche a Sesto, hanno avuto un moto di ribellione che ha preso le mosse dalla sensazione di essere stati ingannati. Forse questo è un buon inizio per essere più accorti e non continuare a delegare.

Lettere alla redazione

Raccontateci il vostro punto di vista, i vostri dubbi sul futuro della città e i ricordi della Sesto che fu. Scrivete messaggi brevi a: redazionegazzettino@gmail.com Oppure all’indirizzo: piazza F. Caltagirone 75.

Scrivo per esprimere la mia opinione in merito ad un tema che sta animando la politica milanese in questi giorni: l’insuccesso delle domeniche senz’auto. Il fallimento di questa iniziativa è sotto gli occhi di tutti. Ma come sempre accade in questi casi l’istituzione rischia di sprecare un’iniziativa che nella sua filosofia originaria ha un senso e un valore. Costringere tutti i cittadini a lasciare a casa l’auto non è certo un esercizio di

democrazia, tuttavia penso che per i cittadini approfittare di una giornata senza traff ico rappresenti un’opportunità unica per vivere la città. Forse il problema è che siamo talmente disabituati a vivere il tempo libero e gli spazi del nostro territorio, che in pochi sanno approfittarne. Spetta alle istituzioni riempire di contenuti queste domeniche. Un conto è girare a piedi in una città deserta e priva di attrazioni. Un altro

conto è lasciare l’auto a casa per partecipare a una bella camminata, a una corsa oppure a una biciclettata. Trovare negozi aperti e bancarelle. Insomma, vivere in modo diverso e più attivo questo scorcio di città che ci viene regalato senza traffico. Lettera firmata Al tema della DomenicAspasso dedichiamo un approfondimento a pagina 10.


Attualità

IMPOSTE ::

18 ottobre 2012

|

3

LA GIUNTA PRESENTA LA VARIAZIONE DELLE ALIQUOTE DA INSERIRE IN BILANCIO

Imu, ‘stangatina’ sulla seconda casa

Nessun aumento su prime case e negozi, più tassate fabbriche e case affittate SOCIALE

di Niccolò Villa

“la manovra”

Nessun aumento dell’aliquota sulla prima casa. A Sesto San Giovanni si smonta lo spauracchio della lievitazione della nuova imposta comunale dopo che la giunta del sindaco Monica Chittò ha deliberato una nuova manovra economica, con tanto di spending review, che sarà presentata e quindi approvata dal consiglio comunale il prossimo 25 ottobre. Manovra che contiene anche i tanto attesi aumenti Imu sui quali erano circolate svariate e contrastanti voci in città. L’aliquoTREND TRASFERIMENTI ERARIALI TREND PATTO DI STABILITA’ ta sulla prima casa resterà, in base alla proposta del governo sestese, a quota 0,4 per cento (la stessa decisa per le unità immobiliari delle cooperative a proprietà indivisa e per le abitazioni possedute da anziani o disabili che sono al momento ricoverati). Nessun ritocco anche per negozi, laboratori artigianali e per i locali delle imprese in fase di start-up che continueranno a pagare lo 0,76 per cen::::::::::: to. Nel grafico di sinistra sono indicati i trasferimenti economici dello Stato al Comune. Lievitano le aliquote delle altre categoNel 2008 ammontavano a 22 milioni di euro, nel 2012 sono scesi a 11,7 milioni. rie: in primis per le fabbriche (unità imNella tabella di destra è indicato il sacrificio richiesto dal Patto di stabilità. Nel 2008 si chiedeva al mobiliari di categoria catastale D/1, deComune di bloccare risorse per 2,2 milioni di euro. Nel 2012 si è arrivati a 7,5 milioni di euro. finite opifici) per cui l’aliquota sale all’1 per cento; stessa soglia per le seconde case date in affitto mentre si scende allo 0,96 per cento per le abitazioni che vengono affittate a canone concordato. Razionalizzazione della spesa interna, ade- vece liberato 538mila euro. CinquantamiAliquota massima, cioè 1,06 per cento, sione al patto di stabilità verticale, correzio- la euro andranno per l’istituzione del fonper tutte le altre categorie abitative (ecni delle aliquote Imu. Tre interventi che do lavoro e altrettanti andranno a increcezion fatta per i fabbricati rurali che rehanno fatto recuperare risorse al Comune per mentare il contributo per il sostegno agli alunsteranno tassati allo 0,2 per cento), conon sforare i vincoli del Patto di stabilità (7,5 ni disabili per l’anno scolastico in corso. Un me ad esempio gli alloggi sfitti su cui si milioni di euro la somma che Sesto deve ri- impegno ‘di civiltà’ l’ha definito il sindaco abbatte il pugno di ferro della giunta sparmiare per contribuire al risanamento Monica Chittò «a fronte del disimpegno sestese. Aumenti ‘necessari’, secondo del debito pubblico nazionale), realizzare l’equi- costante di risorse da parte degli enti supele parole d Monica Chittò, che aggiunlibrio di bilancio e rispondere a bisogni del riori». Inoltre, l’azione di revisione della spege che «ne avremmo fatto volentieri a meterritorio. L’operazione estiva ha concesso sa si riverserà a copertura di alcuni servizi: no, ma ci siamo mossi comunque con equial Comune 4 milioni di euro: non soldi li- refezione (123mila euro), scuole materne autà e guardando al futuro». quidi, versati dal Pirellone nelle casse seste- tonome (38mila euro), diritto allo studio I tagli delle risorse girate ai Comuni dal si, ma una somma aritmetica che consente (37mila euro), sostegno handicap (63mila Governo si fanno sentire (vedi grafici) all’amministrazione di rispettare il Patto. Un’ac- euro), assistenza farmaceutica (10mila eue così l’amministrazione deve correre ai curata revisione della spesa corrente ha in- ro), ricovero adulti (31mila euro). ripari per far quadrare il bilancio e rispettare il Patto di stabilità.

SPENDING REVIEW IN SALSA SESTESE

50mila euro a favore dei disoccupati

Un impegno che vuole guardare lontano, con una rete di solidarietà da attivare perché la comunità sestese si prenda cura delle persone più fragili. Lo strumento è ancora in fase di studio, ma l’idea è di istituire un fondo comunale per disoccupati e cassintegrati, già sperimentato in altre città, chiamando a concorrere anche gli altri attori del territorio. Una prima bozza sarà elaborata entro il 30 novembre, così da confrontare la proposta con le parti sociali e andare in consiglio comunale per la fine dell’anno. Inizierà il Comune, mettendo 50mila euro. L’auspicio è che altri soggetti contribuiscano, facendo così in modo che il fondo possa alimentarsi da solo e dare una prima risposta a chi si trova senza un lavoro oppure il suo impiego è stato temporaneamente sospeso. (V. B.)


4

|

Attualità

18 ottobre 2012

I giovani e le nozze

202

I matrimoni celebrati nel 2011 a Sesto San Giovanni

I sestesi si sposano sempre meno. Nel 2011 si sono celebrate in città 202 nozze; nello stesso anno il numero dei funerali (cioé dei morti) è stato di 833. Un rapporto di 1 a 4 a cui abbiamo dedicato il titolo di copertina e questa nostra inchiesta.

IL PREVOSTO

C’è grande fragilità psicologica «L’unione dell’uomo e della donna, il loro diventare ‘un’unica carne’ nella carità, nell’amore fecondo e indissolubile, è segno che parla di Dio con forza, con una eloquenza che ai nostri giorni è diventata maggiore, perché il matrimonio sta attraversando una crisi profonda». Così si è espresso Papa Benedetto XVI pochi giorni fa, per la celebrazione d’apertura del Sinodo. Di crisi profonda parla anche don Giovanni Brigatti, prevosto di Sesto: «Purtroppo, anche nella nostra città il matrimonio è in decadenza. Senza dubbio i giovani devono fare i conti con la precarietà economica e la mancanza di lavoro». Tuttavia, le motivazioni che oggi allontanano le coppie dal matrimonio, sono ben più profonde: «C’è una grande fragilità psicologica. E’ come se i ragazzi non sapessero cosa vogliono davvero dalla loro vita, mentre forte è la paura del ‘sì’ per sempre, e delle scelte di lunga durata» sostiene don Brigatti. «Tutto questo - continua - insieme alla diseducazione affettiva, porta i giovani a rifugiarsi in esperienze fugaci, e a vivere l’amore come se fosse usa e getta». Sommando questi elementi, non c’è da stupirsi di fronte al calo dei matrimoni religiosi, che don Brigatti descrive come «gli unici in grado di trasmettere i doni e i valori della fede».

FUGA DAL MATRIMONIO In città le cerimonie si sono ridotte di un terzo in 7 anni Crollo verticale delle nozze celebrate in chiesa di Monica De Astis Sarà colpa della crisi. Sarà colpa della sfiducia nel futuro che monta tra i giovani e delle incertezze abitative e lavorative che rendono difficile costruire una famiglia. Sarà pure perché, più semplicemente, ‘il matrimonio non va più di moda’. Quel che è certo è che a Sesto San Giovanni i matrimoni sono in caduta libera. Se il calo delle unioni religiose potrebbe portare i più a pensare a una certa laicizzazione della nostra società, deve essere ben altra la spiegazione per il calo di quelle civili che negli ultimi 7 anni sono scese di oltre il 40 per cento. Dopo che nelle scorse settimane il Corriere della Sera aveva pubblicato una statistica riferita agli sposi milanesi nella quale si affermava che tra i nuovi sposi gli uomini hanno un’età media di 40 anni (39,8), e tra le donne sfiora i 36 e mezzo (36,4), ora a Sesto si scoprono dati ben più difficili da digerire. Se è abbastanza assodato che ci si sposa in età più matura, appare ancora piuttosto duro accettare il fatto che non ci si sposi più. Dal 2005 ad oggi il numero dei matrimoni è calato praticamente di un terzo. Il 30 per cento in meno in una situazione che era già considerata difficile. Lo scorso anno a Sesto San Giovanni si erano sposate solamente 202 coppie e l’anno prima erano state 201. Nel 2005 il numero era di 296 matrimoni. Altra storia è quella dei matrimoni religiosi. Qui, il calo è più netto, ma la tendenza alla riduzione delle nozze in Chiesa è ben più antica. Dal 2005 ad oggi si è passati da 150 a 87 cerimonie, mentre tra quelle civili si è passati da 146 a 115. Proprio nel

2005 c’era stata l’inversione, ossia le cerimonie civili erano state più di quelle religiose. Da quel momento la distanza è sempre cresciuta, tanto che lo scorso anno le civili sono state 115 e le religiose 87 appena. «Il desiderio di un rapporto stabile e duraturo, nelle coppie c’è ancora». Una visione ottimistica quella di Anna Maria Franco, direttrice del centro per la Famiglia di via Fogagnolo. Tuttavia, non basta a far fronte alle difficoltà che hanno le coppie di oggi, nell’affrontare il matrimonio. Perché di questo si tratta, difficoltà. Innanzitutto va considerato il fattore economico. Secondo Anna Maria: «Oggi le coppie si avvicinano di meno al matrimonio, anche per problemi economici. Che tra l’altro, quando si presentano, possono interferire negativamente sul legame stesso». Tuttavia, secondo la direttrice del Centro per la Famiglia: «Un matrimonio non finisce solo per ‘questioni di soldi». «Un’altra difficoltà attuale, è l’incapacità di gestire i problemi», sostiene la dottoressa. Questo pare pesare molto di più, in un momento di crisi economica come quello attuale, poiché le difficoltà naturali del percorso sono viste dalla coppia come una conferma della tanto temuta rottura. Un’incapacità che spesso non si riesce a contrastare nemmeno con un periodo di convivenza. Come spiega Anna Maria Franco, infatti, molti giovani pensano che il periodo di ‘prova’ sia sufficiente e necessario per capire se il rapporto può funzionare. Spesso però, è proprio il contrario: «Con la convivenza le coppie, giudicano il loro rapporto per quello che è stato, in un dato periodo di tempo,

e non in base ai cambiamenti che il partner compie durante la vita», afferma. Accanto a motivi più pragmatici, ce ne sono altri sociologici e storico-culturali. «Oggi l’uomo, attraversa un periodo di confusione e di politeismo di valori, dando troppo peso all’emotività». La causa di tutto ciò, va ricercata sia nelle nuove generazioni, che in quelle più vecchie, secondo Anna Maria: «Negli ultimi decenni si è dato tantissimo ai figli, spesso trascurando la vita coniugale vera e propria. Ciò può causare difficoltà nei giovani, che non si sentono pienamente liberi di prendere le redini in mano, ma piuttosto dipendenti a vita dai genitori». Ma Anna Maria ha una grande speranza: la presa di coscienza. «Ogni coppia, deve sempre tener conto che è libera di vivere il proprio rapporto, determinandone la direzione - sostiene -. Bisogna aiutare i giovani a vedere gli ostacoli come modo per fortificare l’unione. Così avviene già al Centro per la Famiglia».


Attualità

43% ANNO

Le nozze religiose celebrate in città nel corso del 2011. Nel 2005 i matrimoni in chiesa rappresentavano la maggioranza

DIVORZI :: L’OPINIONE

CIVILI RELIGIOSI TOTALE

2005

146

150

296

2010

104

97

201

2011

115

87

202

O

30%

di Monica De Astis

L’amore non è bello se non è litigarello. Così vuole la tradizione, in fatto di coppie. Quando però i litigi prendono il sopravvento, si arriva a un punto di non ritorno. Un po’ quello che sta succedendo oggi: meno matrimoni e più separazioni. Ce lo conferma l’avvocato Gianpaolo Caponi, specializzato in diritto familiare: «Così come in tutta Italia, anche nella nostra città stiamo assistendo a un progressivo calo del numero dei matrimoni da un lato, e dall’altro a un incremento delle crisi di coppia». Il trend non presenta sostanziali differenze in base a fascia d’età, o ceto

18 ottobre 2012 Il calo delle celebrazioni registrato negli ultimi 7 anni.

!

|

5

La crisi sta riducendo anche il numero delle separazioni e dei divorzi.

DELL’AVVOCATO MATRIMONIALISTA GIANPAOLO CAPONI

La coppia scoppia per soldi Non ci si separa per tradimenti, ma per la perdita del lavoro sociale delle coppie. Rispetto al passato però, i motivi che allontanano le coppie sia a contrarre il matrimonio, che a portarlo avanti, sono cambiati. «Si sono drasticamente ridotte le separazioni e i divorzi per motivi strettamente legati alla coppia, come gelosia o tradimento - spiega l’avvocato -. Oggi il problema principale sta nella precarietà economica». Oltre che a oscurare gli orizzonti dei giovani, scoraggiandoli ad affrontare i costi del matrimonio, la crisi dà il colpo di grazia a matrimoni con basi poco solide. «Mi capita di assistere a crisi scaturite dalla precarietà dei posti di lavoro, e i protagonisti sono spesso uomini di mezza età - afferma Caponi -. La dinamica è questa: uomini preparati sul loro lavoro, vengono lasciati a casa dalle aziende in difficoltà, e quando cercano lavoro altrove, non vengono più assunti, perché le aziende, prediligono i giovani. Molte mogli non capiscono le difficoltà dei mariti, e spesso li colpevolizzano. E poi una cosa tira l’altra finché ci si accorge di non esse-

re in grado di continuare la relazione». Ma se la crisi economica mette i ‘bastoni fra le ruote’ ai matrimoni, a volte fa lo stesso anche con i divorzi. Ci sono diverse coppie che non si possono permettere di affrontare le pratiche di separazione e divorzio: si gestiscono la questione da sé, spesso in modo deleterio per l’equilibrio psicologico dei figli. E sul tema del divorzio, si va ben oltre i confini sestesi. Pochi mesi fa infatti, è stato discusso alla Camera il disegno di legge sul ‘divorzio abbreviato’. «Forse è un po’ prematura questa scelta in Italia - sostiene l’avvocato sestese -. Prima di abbreviare i tempi del divorzio bisognerebbe garantire l’affido condiviso. Per molti padri, con il divorzio si realizza l’incubo di perdere i figli».

Auspicabile è anche una politica di sostegno alle coppie giovani, secondo l’avvocato: «Sgravi fiscali e appartamenti a prezzi agevolati, potrebbero dare ai ragazzi degli input positivi».


6

Attualità | 18 ottobre 2012 CRONACA :: CICLISTA UCCISO LUNGO VIALE FULVIO TESTI

Notizie

Investito da un pirata

IN BREVE

L’automobilista ha anche ‘rubato’ la bici della vittima E’ stato investito mentre percorreva viale Fulvio Testi in sella alla sua bicicletta. Falciato da un’auto alle 4 e mezza del mattino e lasciato, forse ancora agonizzante, sull’asfalto da un pirata della strada senza scrupoli. E’ un egiziano di 40 anni, l’uomo morto all’alba di lunedì scorso lungo il tratto sestese del viale. Stava pedalando nella zona del distributore Eni, quando un’auto, una Fiat ‘Stilo’, lo ha colpito frontalmente. L’incidente è stato ripreso da una telecamera di sicurezza dalla quale gli agenti della polizia locale hanno potuto riconoscere la vettura del pirata. Ora è scattata la ricerca. L’uomo, forse per evitare di lasciare prove, dopo l’investimento avrebbe preso la bicicletta caricandola sull’auto.

::

Quattrocento gatti di razza in esposizione al PalaSesto. Numeri da record per la manifestazione, organizzata da Anfi Lombardia che ha visto un vero e proprio red carpet nel palazzetto di piazza Primo Maggio. Perché i mici più belli del mondo hanno sfilato in passerella e sono pure stati giudicati da una giuria speciale, composta da dieci esperti internazionali. Certosini, birmani, siamesi, persiani, le razze non si contavano. La due giorni di Anfi ha coinvolto anche il gattile di Rho, esperti nutrizionalisti a cui chiedere consigli e altre associazioni.

Il saluto al decano del tennis sestese Si è spento a 90 anni Giuseppe Intini, ex presidente del Circolo Tennis Sesto e personalità di spicco del movimento sportivo cittadino per oltre 35 anni. Intini è stato tra i fondatori dello storico club tennistico di via XX Settembre che ha presieduto per molti anni. Aveva lasciato la carica alcuni mesi fa. Subito dopo è subentratta la malattia. La notizia ha destato commozione tra i tanti tennisti sestesi che lo hanno conosciuto e che anche grazie a lui hanno imparato ad amare questo sport.

AGGRESSIONE :: PIZZAIOLO COLPITO MENTRE TORNAVA DA LAVORO

Rapinato e accoltellato sotto casa Ferito con quindici fendenti per un bottino di soli 500 euro

Aleggia un giallo sulla rapina consumata lunedì sera ai danni di un commerciante sestese. L’uomo, di 35 anni, stava rincasando dopo aver trascorso la giornata al lavoro in una pizzeria da asporto. Arrivato davanti al box, sotto la sua casa di via Boccaccio, è stato aggredito da due uomini incappucciati che gli hanno portato via l’incasso, circa 500 euro. I malviventi lo hanno ferito con un coltello infliggendogli ben 15 coltellate. Sebbene l’indagine condot-

ta dalla polizia di Sesto sia prevalentemente improntata su un movente di rapina, la dinamica dell’aggressione lascia aperti diversi dubbi, poiché l’aggressione pare troppo cruenta. Troppe quelle coltellate inflitte per una banale rapina che, si doveva immaginare, avrebbe fruttato poche centinaia di euro. Gli investigatori del commissariato di Sesto San Giovanni stanno cercando di capire cosa possa aver spinto due malviventi così determi-

::

nati a mettere a segno un piano rischioso per un bottino che sicuramente non poteva essere alto. La vittima, 35 anni, gestisce una pizzeria da asporto all’interno di un centro commerciale sestese.

Mici da favola al PalaSesto

Solidarietà a Malala Gli assessori ai Diritti Umani Elena Iannizzi, alle Pari Opportunità Rita Innocenti, all’Educazione Roberta Perego, insieme al sindaco Monica Chittò, hanno deplorato il vile attentato a Malala Yousafzai, la bambina pakistana di 14 anni ferita dai talebani mentre usciva da scuola.

CONGRESSO

Candidato unico per il Pd Un uomo solo si è fatto avanti per trainare il Partito Democratico sestese. Al congresso, che si aprirà domani, c’è un’unica candidatura: il segretario sarà così Carlo Rapetti, docente classe 1952, già coordinatore del circolo Iotti e del comitato primarie. Il Pd Rapetti lo vuole trasparente, con incontri a cadenza fissa con gli iscritti, i sestesi, i consiglieri regionali e i senatori che saranno chiamati a relazionare sulla loro attività e a raccogliere le richieste della città. Ma soprattutto l’obiettivo è quello di rilanciare un partito che nell’ultimo anno ha vissuto non poche difficoltà tra l’inchiesta giudiziaria, la faida interna per le primarie e per la leadership, lo scollamento tra cittadini e partiti tradizionali e istituzioni. Tanto che oggi il Pd a Sesto conta meno di 400 iscritti. Sicuramente si cercherà di recuperare l’affezione alla politica e di colmare un dialogo che negli ultimi tempi si è un po’ interrotto. Rapetti fa parte del comitato che si è costituito a sostegno di Bersani. Il congresso cittadino si svolgerà nell’ex sede di circoscrizione di piazza Oldrini. Domani dalle 21 alle 23.30 ci sarà l’apertura dei lavori con il discorso del coordinatore del partito Felice Cagliani, che era stato chiamato a traghettare il Pd dopo le dimissioni di Mirko Mejetta. Sabato si inizierà alle 9.30 e si concluderà alle 13.30: dibattito, votazione, proclamazione del nuovo segretario con il suo intervento conclusivo.

A MILANO SOCIETÀ IMPIEGA 3 AMBOSESSI PER CONTROLLO ALLINEAMENTO ANAGRAFICHE PUNTI DI PRELIEVO, GESTIONE CLIENTI, INVENTARIO. IMPIEGO FULL- TIME

02/24302851


PubblicitĂ 

18 ottobre 2012

|

7


8

Attualità | 18 ottobre 2012 PREMIO :: I DUE DIRIGENTI, OGGI IN PENSIONE, SONO STATI INSIGNITI CON IL LINGOTTINO D’ORO

Brisci e Valentino presidi d’oro

La benemerenza consegnata dal Sindaco te per quelli che venivano dal Sud - racconta Brisci, fino a giugno preside dell’Istituto Breda -. Ero consideHanno scelto di lavorare nel rato un emigrante. E ora Semondo della scuola, di fare sto mi dà questo riconoscimeni presidi e di farlo a Sesto. Con to». Proprio Valentino una fatica, con orgoglio e anche volta lo difese durante una becon soddisfazione. Parola di ga sindacale, dove il collega Domenico Brisci e Antonio era stato messo in difficoltà Valentino, i due superdiri«per essere un meridionale». «Sesto l’ho scelta nei primi anni ‘70 - ricorda Valentino, fino a due anni fa Inauguriamo questa nuova rubrica de ‘Il Gazzettino’ dedicata a Facebook con una storia alla guida dello Spinelli che prende spunto da una lettera pubblicata da un sestese sul più noto dei social forum. -. Perché era casa mia, ma anche perché viveAd ogni numero torneremo per raccontarvi le voci della piazza virtuale di Sesto. va una stagione di gran‘Sesto San Giovanni è una città attenta’. A definir- cazione e alle politiche sociali, Roberta Perego, in quan- che la rimozione delle barriere architettoniche che de fermento culturale la tale, è Francesco Paganini, presidente dell’Asso- to: «Migliorare la qualità della vita alle persone impediscono o rendono molto difficile l’accessibi- e politico: si prestava a ciazione sestese Persone Disabili (ASPED), nella disabili equivale a migliorarla per tutti, anche ai fu- lità agli studi medici, da parte delle persone disabi- una crescita personale». lettera al Sindaco Monica Chittò. Tuttavia, la vita turi disabili e ai fortunati che mai lo saranno». li. Solo poche settimane fa, lo stesso Paganini, in car- Un premio importante delle persone disabili della città, ha ancora bisogno Senza dubbio, vanno introdotti a Sesto alcuni impor- rozzella, ha girato tutti i 55 studi medici della citquello conferito ai due di grandi miglioramenti. L’ASPED, i cui membri tanti miglioramenti, proposti del resto, dalla lette- tà, facendo i conti con diversi ostacoli. Nuovi stupresidi: «Sesto decide sono disabili, familiari e persone che si interes- ra dell’ASPED. Prima di tutto, un forte segnale di, nuove tecniche e nuovi approcci, potrebbero ancora una volta di metsano da sempre del delicato tema, si dichia- politico: Sesto dovrebbe ratificare la Convenzione infine migliorare la qualità di vita di bambitere al centro l’istrura completamente aperta a collaborare ONU sulla Disabilità, come diverse città, tra cui ni, giovani, adulti e anziani, affetti dalle vazione - dice Valentino con il sindaco e con l’assessore all’edu- Milano, hanno già fatto. Di grande importanza è an- rie patologie. , riconoscendo che la scuola e l’educazione sono punto di riferimento e traino di Monica De Astis della comunità». di Viola Bai

genti scolastici oggi in pensione che hanno ricevuto dal sindaco Monica Chittò il Lingottino d’Oro, massimo riconoscimento della città. «Quando sono arrivato a Sesto nel 1985, ho incontrato una città in crisi dopo la chiusura delle grandi fabbriche. Una città non così accoglien-

Migliorare la vita dei disabili con le proposte ASPED


PubblicitĂ 

18 ottobre 2012

|

9


Attualità 10 | 18 ottobre 2012 INIZIATIVA :: IL BLOCCO DEL TRAFFICO DOMENICALE NON METTE D’ACCORDO I CITTADINI DI SESTO

DomenicAspasso Non a tutti piace

“lo spettacolo”

Domeniche a piedi sì, domeniche a piedi no. Il popolo della provincia di Milano, compreso quello di Sesto San Giovanni che è stato uno dei Comuni che ha scelto di aderire alla proposta meneghina, si divide. C’è

chi vede i blocchi domenicali come un’occasione per vivere diversamente la città; magari percorrendola in lungo e in largo su due ruote senza dover badare alle automobili. C’è chi invece non ama il divieto e lo vive co-

me un peso. Due schieramenti che si sono confrontati anche in occasione dell’ultima ‘DomenicAspasso’ andata in scena lo scorso 14 ottobre. Vedere per credere il social forum più famoso del mondo: il sondaggio lan-

A RITMO DI BREAKDANCE PER RICORDARE L’AMICO ROBERTO E’ stata apprezzata da più parti l’iniziativa degli amici di Roberto Pignatelli (morto in un incidente stradale a fine luglio) che in suo ricordo hanno ballato a ritmo di breakdance sotto i portici degli edifici di Sesto Marelli. «Non vogliamo ricordarlo per il suo triste destino, ma per quella grande amicizia che ci unirà per sempre. Roberto amava la breakdance e ha trasmesso la sua passione a tantissimi ragazzi».

Milano ripensa al prossimo stop in programma il 18 novembre Il Comune di Milano ci pensa, anzi, ci ripensa. Il blocco così non va. O meglio, andrebbe modificato. La ‘DomenicAspasso’ del 14 ottobre è stata un mezzo flop e così la giunta Pisapia sarebbe al lavoro per ripensare alla prossima, prevista per il 18 novembre. Non è escluso che gli amministratori meneghini stiano studiando il modo per isolare il blocco alla sola Area C (la discussione è anche legata allo sciopero del trasporto pubblico in programma il 16 novembre). ciato sulla nostra pagina ufficiale (‘Il Gazzettino di Sesto’) ha decretato che i sestesi sarebbero anche a favore del blocco qualora quest’ultimo fosse rivisto nelle sue modalità. Facebook è specchio della città reale; e così anche sulla pagina del comune di Sesto si leggono commenti divergenti. «Complimenti per la perseveranza nel promuovere manifestazioni totalmente inutili» è il commento più colorito del fronte anti blocco; «Senza auto i servizi sono tutti a portata», ribatte chi ha apprezzato la manifestazione. La quadra sulla questione è difficile da trovare. Il comune di Sesto ha organizzato una domenica ricca di iniziative che hanno avuto apprezzamenti dal pubblico, non lo si può negare. Ma moltissime vetrine, per esempio, sono rimaste chiuse: i commercianti di via Picardi e della Rondinella, per esempio, non han-

no tenuto alzate le loro saracinesche perché lo avevano già fatto la domenica prima in occasione della festa del rione. I controlli dei ghisa non sono mancati: 90 in totale, con 45 multe strappate e firmate davanti agli occhi dei trasgressori. Panorama nebbioso, a tinte fosche e contrastanti. Restano i dubbi sulla scelta di Sesto di ‘correre’ da solo al fianco di Milano senza cioè condividere la decisione con gli altri Comuni del Nordmilano come era accaduto invece a più riprese prima dell’estate, quando anche la giunta dell’ex sindaco Oldrini aveva fatto fronte comune con i colleghi contro al decisione della Provincia e in assenza di decisioni condivise. Molti infatti degli automobilisti multati erano cittadini dei Comuni limitrofi che passavano da una città all’altra (per esempio Cinisello e Cologno).


PubblicitĂ 

18 ottobre 2012

| 11


Attualità 12 | 18 ottobre 2012 TEMPO LIBERO :: A GUIDARE CENTINAIA DI CAMMINATORI È IL CAMPIONE DI MARCIA RAFFAELLO DUCCESCHI

Camminare per vivere meglio

Compie un anno il movimento di Fitwalking nato tra Sesto e il Parco Nord tornare a far sport per la salute». Quali i vantaggi più importanti ? «Il Fitwalking permette di bruciare la massima quantità di grassi senza far fatica. Allenare il cuore senza il rischio di sforzarlo troppo, di allenare circolazione e muscoli senza traumi per tendini ed articolazioni. Aiuta ad abbassare glicemia e colesterolo, combatte l’osteoporosi, aumenta le endorfine e la serotonina e combatte stress e depressione». E i rischi? Il Fitwalking è la camminata veloce. «Nessun rischio. L’unico Quando si passeggia si va dai 2 ai 5 km rischio: la noia. Per queorari, con la tecnica corretta del Fitwalking sto organizziamo uscite derivata dall’esperienza dei marciatori italiani e corsi di gruppo, per ane spagnoli, i camminatori possono dare a camminare in arrivare fino a 8 o addirittura 11 km orari. modo stimolante e diverA Sesto è possibile avvicinarsi a questa tente». specialità rivolgendosi alla Scuola Quanto bisognerebbe del Cammino di Sesto. farne ogni settimana? http://scuoladelcammino.wordpress.com «Anche una sola volta. E’ oppure chiamando il trolmeglio di niente. Il minimo numero 335.7067535 lare la per avere dei benefici permanenwww.fitnesswalking.it linea; ai ti sulla salute e sul peso corporeo diabetici per è almeno 3 uscite di minimo mezz’ora abbassare la glicemia, ai cara passo veloce, il massimo raccodiopatici per allenare il cuore senza mandato 6 uscite di un’ora. Ma anche rischi, a chi ha corso troppo e ha camminare tutti giorni 15 o venti miconsumato troppo le articolazioni, a nuti per andare in ufficio, saltare chi deve controllare il colesterolo, qualche stazione di metropolitana, per chi deve combattere l’osteoporo- hanno un beneficio importante. Si si, a chi non ama correre, per tutti co- Tratta di cambiare stile di vita: camlori che dopo tanto tempo vogliono miniamo!»

la curiosità

di Rosario Palazzolo Festeggia un anno di presenza sul territorio di Sesto San Giovnani il movimento del Fitwalking, che in pochi mesi ha conquistato tanti camminatori di ogni età. Guidato dall’olimpionico Raffaello Ducceschi e da poco anche da un altro campione più giovane della marcia come Ivano Brugnetti, il Fitwalking si propone come attività sportiva per il benessere. In occasione del primo anno di attività, tutti gli appassio-

nati si danno appuntamento domenca 21 ottobre al Parco Sempione di Milano. Ritrovo alle 10.30 all’Arena di Milano in viale Elvezia in compagnia anche degli olimpionici Giorgio Damilano e Raffaello Ducceschi. Quanto è grande il movimento di Fitwalking che è nato nel milanese? «In questo anno in cui abbiamo lanciato il Fitwalking a Sesto e dintorni sono state centinaia le persone venute a camminare con noi al Parco Nord». A chi è adatto? «E’ adatto a tutti. Ma in particolare a chi da anni non pratica più sport, a chi vuole perdere peso o anche solo con-


| 13 OPPORTUNITÀ :: SECONDA PUNTATA DEL NOSTRO SERVIZIO PER RIMETTERSI IN FORMA DOPO L’ESTATE Attualità

18 ottobre 2012

Voglia di sport per tutti i gusti

Non solo calcio: ecco l’offerta delle associazioni

Prosegue il nostro viaggio alla scoperta di tutte le opportunità per rimettersi in forma dopo l’estate. Dopo le palestre e le realtà del fitness, ecco che vi proponiamo una carrellata delle principali associazioni sportive che offrono occasioni di sport e aggregazione. Il tutto, con un occhio di riguardo per i più giovani. In-

fatti, ricominciata la scuola, il quesito che molti genitori tornano a porsi è: «Che sport faccio praticare a mio figlio?». Generalmente, si tende a far praticare uno sport che veda i propri figli coinvolti con i loro coetanei, affinché imparino a socializzare e a collaborare con gli altri. In questo caso, possiamo subito parlare dello sport più in

“Il pubbliredazionale”

di Sarah Ferrante

voga in Italia: il gioco del calcio. Sesto vanta importanti società calcistiche a partire dalla Pro Sesto e dal Geas Artemisia (dedicata esclusivamente alle ragazze), fino a toccare tutte le società calcistiche che giocano nei campionati Ficg e tutti club che sono legati agli oratori e alle parrocchie. Voglia di sport di squadra? Parliamo di basket: le ragazze possono rivolgersi al Geas Basket, mentre per gli aspiranti Kobe Bryant alla Posal Basket (via Falck 110, 02.2401232). Sta predendo piede in città anche il rugby, praticabile con il Rugby Sesto di via Manin 110. Per gli amanti delle schiacciate Sesto offre un vasto panorama di club di volley come la Libertas Volley (02.2421136 ) o alla Geas Pallavolo. Ma non dimentichiamoci nemmeno delle arti marziali che si stanno diffondendo capillarmente: alcuni punti di interessi sono lo Sport Club Sesto di via Fratelli Bandiera (02.22476768) o alla Bono Academy di via Mazzini (02.26265246). Per un elenco completo di tutte le società sportive di Sesto si può consultare il sito del comune (www.sestosg.net).

DOVE :: OLTRE I CONFINI DI SESTO

Hockey e danza: rimettetevi in forma Gli sport più popolari si sa, sono quelli che attirano la maggior parte degli iscritti. Ma se ci si vuole distinguere dalla massa le attività fisiche da praticare sono comunque moltissime e non meno interessanti. Sempre più di moda, non solo a livello femminile, la ginnastica artistica (Geas, viale Marelli 79, tel. 02-2421018. Di voga anche la ginnastica ritmica, sport prettamente femminile: l’insegnante Elena Nikolaenkova tiene le sue lezioni alla SestoRitmic (via Leopardi 132, 392.6581165). Non meno fortuna sta avendo uno sport su ghiaccio come l’hockey: al PalaSesto di piazza Primo Maggio oltre ai corsi di hockey su ghiaccio si possono anche praticare il curling e lo stock, a anche pattinaggio artistico e sincronizzato. Se la danza è la vostra passione, oltre ai numerosi corsi di danza classica e moderna, abbiamo voluto indicarvi i corsi più particolari per coltivare il piacere del ballo. Al PalaSesto, si tengono corsi di danza irlandese, di flamenco e di danza del ventre e tribal. Corsi di ballo esistono anche alla Bonsai Ki (via Baracca 17, 331.8626105), che propone salsa cubana e portoricana, bachata. Per gli amanti della montagna, si può contattare il Cai di Sesto (www.caisestosg.it) e godersi escursioni nella natura sia per adulti che per ragazzi e corsi di arrampicata serali in via Giardini. Validi insegnanti di sci, si possono trovare presso Geas Sci (http://www.poligeas.it/) e Libertas. Chi ama gli ambienti acquatici può rivolgersi sempre alla Geas per corsi di vela sia al mare che al lago. Per il mare (www.geasvela.it/), i corsi si svolgono da maggio a ottobre. Il corso di vela al lago, si svolge invece a Colico (www.geasvelacolico.it), in 3 week end nel mese di giugno.

PERCHÉ ANDARE ALL’ESTERO DAL DENTISTA? Molti cittadini di Sesto San Giovanni si recano all’estero o ricercano dentisti ‘low cost’ lontani dalla propria città per un semplice motivo: il risparmio! La Smile Factory, studio dentistico in Piazza Don Mapelli 75 (Coop),è stato selezionato per una eccezionale convenzione da una compagnia, la Best Dental Warranty (BDW), che permette ai pazienti di sottoporsi a una visita dentistica accurata, compresa implantologia. L’odontoiatra, spiegato al paziente il piano di cura, gli sottoporrà un preventivo dettagliato e una volta approvato da esperti odontoiatri BDW, sarà ‘trasformato’ in Bdwsystem (preventivo bdw) con un risparmio reale dal 40% al 60% rispetto al listino dentistico medio. Smile Factory di Piazza Don Mapelli si prefigge, con BDW di far

felici i pazienti che per i costi elevati, rinuncerebbero al miglior lavoro odontoiatrico possibile . Il paziente, con BDW, avrà diritto ad un controllo per cinque anni compresa igiene orale. Questa nuova concezione ‘sociale’ dell’odontoiatria di qualità è resa possibile da Bdw e dagli studi convenzionati dopo anni di ricerche e da protocolli di qualità interna molto rigidi. Dentalsmiles Srl affiliato The Smile Factory Piazza Don Mapelli 75 Sesto San Giovanni (MI) 0283422585


14 |

18 ottobre 2012

Cultura & tempo libero EVENTI ::

SABATO

Segnalateci gli appuntamenti e le iniziative sestesi all’indirizzo mail redazionegazzettino@gmail.com

20 OTTOBRE UNA SERATA DEDICATA AGLI ‘HOME MOVIES’

Notizie

Storia di una città in video Pellicole private e pubbliche per raccontare la Sesto di ieri

di Aurora Dupin C’è la Sesto delle fabbriche, quella in cui passava ancora il tram e nelle cui strade la mattina si riversavano centinaia di operai in sella alla loro bici. Ma anche quella più ‘intima’, immortalata nelle case private, nelle chiese addobbate per i matrimoni e negli eventi pubblici. E’ un patrimonio di oltre 60 ore di filmati quello raccolto in questi mesi grazie all’iniziativa Metro_polis promossa dall’Ecomuseo Urbano metropolitano di Milano Nord. L’immenso lavoro di raccolta e catagolazione digitale è ora stato concluso, pronto per essere presentato alla città. L’appuntamento sabato 20 ottobre è allo Spazio Mil di via Granelli a partire dalle ore 18.30 con una serata interamente dedicata ai film dei ricordi. Si apre con il documentario ‘I muri di Sesto San Giovanni’ di Libero Biz-

zarri, realizzato con la consulenza fotografica di Tranquillo Casiraghi e a cura di Fondazione ISEC. Alle 19 aperitivo e, a seguire, la riconsegna ai proprietari dei film digitalizzati. Alle 20 saranno presentati i risultati del progetto TUaSESTO e, a seguire, la proiezione di ‘Villa Torretta’ nei film di Ezio Seveso e ‘Marcia del 1° Maggio’ di Beppe Sordi, tutti su pellicole 16mm. Alle 21 ‘Antologia TUaSESTO, selezione dei film raccolti, a cura di Home Movies con accompagnamento musicale dal vivo di Beppe Sordi. Alle 21.30 la lunga serata di eventi si concluderà con ‘Formato Ridotto. Libere riscritture del cinema amatoriale di Home Movies’, con testi originali di Enrico Brizzi, Ermanno Cavazzoni, Emidio Clementi, Ugo Cornia, Wu Ming 2. Tutta l’iniziativa ::::::::::: rientra nel programma dell’Home Movie Day 2012 - Giornata internazionale del film di Una delle immagini storiche della Sesto operaia, consegnate in occasione dell’iniziativa famiglia. Per info: 02.22476745.

ANNIVERSARIO :: CELEBRAZIONI NEL WEEK END CON UNA MOSTRA, CANTI E UN PREMIO PER L’AVIS

Alpini sestesi in festa

BREVI ::

::

Un pezzo di storia del nostro paese custodito nel Museo Nazionale Storico degli Alpini di Trento in trasferta a Sesto. Si apre sabato 20 ottobre alle ore 16.30 nella Sala Talamucci in Villa Visconti D’Aragona in via Dante la mostra organizzata dagli Alpini sestesi in occasione del 140esimo anniversario di fondazione degli Alpini. I reperti originali della Grande Guerra e le testimonianze dei due conflitti mondiali e della Resistenza accompagneranno i visitatori in un viaggio affascinante e formativo (visite: domenica 21 dalle 9.30 alle 19.30 e da lunedì a giovedì 9.30-12.30 e 1418.30). Sabato sera continua la festa alle 20.45 al teatro Manzoni con la XXXII Rassegna Corale e la XXV edizione ‘Premio della Solidarietà Alpina’ che sarà consegnato all’Avis di Sesto.

Escursioni fuori porta Al via le iscrizioni per la gita organizzata dallo Sci Club Libertas di Sesto ‘Camminando nella storia’ che domenica 28 ottobre porterà i visitatori tra la Valtellina e la Valsassina, sulle tracce degli antichi percorsi della transumanza stagionale. Quota di partecipazione 27 euro; iscrizioni entro giovedì 25 ottobre.

Sabato creativo

Idee regalo e oggetti fatti a mano: torna l’appuntamento con i Creativi di Casa nostra. Le bancarelle degli hobbisti saranno presenti in piazza Trento e Trieste sabato 20 ottobre dalle 8.30 alle 18.30.

MUSICA

KERMESSE

DIBATTITO

Piccole ugole in gara al Sestino

I volontari Avo incontrano la città

Giovani e lavoro quali prospettive

Piccoli talenti sul palco a Villa Torretta. Domenica 21 ottobre dalle 15.30 alle 18.30 andrà in scena la quarta edizione del ‘Sestino d’oro’, concorso canoro per bambini organizzato dalla ProLoco di Sesto con il patrocinio del comune di Sesto, del Lions Club e dell’Unicef. Per partecipare alla gara i piccoli talenti dovranno avere l’autorizzazione di mamma e papà; per info: 02. 2440100.

Incontrare il volontariato AVO fuori dall’ospedale è possibile? Sì, grazie al week end organizzato dalla sezione sestese Avo. Sabato 20 ottobre, in occasione della Giornata Nazionale dell’Avo, dalle 15 alle 18, a SpazioArte, si terrà per i più piccoli la kermesse ‘Amici Cuccioli’. I bambini, potranno divertirsi con truccabimbi, pasta di sale, disegni da colorare e storie animate. Per partecipare, bisogna portare foto o disegni dei propri cani e gatti: una giuria premierà i migliori. Domenica 21 dalle 15 alle 18, invece, è fissata la tavola rotonda ‘La solitudine, una condizione socio-sanitaria’ presso la Sala Consiliare interverranno Emilio Longhini, fondatore dell’Avo. Lorenzo Todeschini, presidente Avo di Sesto, Valentino Lembo, direttore sanitario dell’ospedale di Sesto e il prevosto don Giovanni Brigatti.

Quali sono le politiche a favore dell’occupazione giovanile, che ruolo hanno le Istituzioni e quali sono i vantaggi per le imprese che assumono giovani. Sono questi alcuni dei temi che saranno affrontati nell’incontro pubblico ‘Buon lavoro’ organizzato per mercoledì 24 ottobre alle 21 in Villa Puricelli Guerra. Parteciperanno, tra gli altri, rappresentanti di Provincia, Afol, Centro per l’impiego e il sindaco Monica Chittò.

::

‘Trucchi’ di gioventù ‘Come invecchiare in salute’ è il tema dell’incontro organizzato dal Centro ricreativo Bulgarelli di via Boccaccio rivolto agli anziani sestesi. Obiettivo: trattare le tematiche legate all’invecchiamento e offrire conoscenze e strategie per rimanere attivi. L’appuntamento è per mercoledì 24 ottobre dalle 14.30 alle 18 nella sala del centro insieme a volontari e operatori del settore.


18 ottobre 2012

Cinema Rondinella "" "" "

$

!"

%

info@cinemarondinella.it www.cinemarondinella.it

GIOVEDÌ 18 OTTOBRE IL COMANDANTE E LA CICOGNA PRIMA VISIONE - Regia: Silvio Soldini con Valerio Mastandrea, Alba Rohrwacher ORE: 21.15 Proiezione unica PREZZI: intero euro 7,00 ridotto euro 5,00/4,50

SABATO 20 OTTOBRE

LUNEDÌ 22 OTTOBRE

IL CASTELLO NEL CIELO UN CINEMA PER AMICO Regia: Hayao Miyazaki - Età consigliata: dagli 8 anni - ORE: 15.30 Proiezione unica - PREZZI: biglietto unico euro 3,50

BELLA ADDORMENTATA CINEFESTIVAL RONDINELLA Regia: Marco Bellocchio con Toni Servillo, Isabelle Huppert - ORE: 21.15 - Proiezione unica - PREZZI: Biglietto x 1 film euro 4,00 - Tessera valida per 4 film euro 12 - Tessera valida x 10 film euro 27 - Tessera valida x 20 film euro 48

IL COMANDANTE E LA CICOGNA PRIMA VISIONE - Regia: Silvio Soldini con Valerio Mastandrea, Alba Rohrwacher - ORARI: 17.30 - 20.30 - 22.30 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

MARTEDÌ 23 OTTOBRE IL COMANDANTE E LA CICOGNA PRIMA VISIONE - Regia: Silvio Soldini con Valerio Mastandrea, Alba Rohrwacher - ORE: 21.15 Proiezione unica - PREZZI: intero euro 5,00 - ridotto euro 4,00

A Cinisello il Mercato ha un gusto europeo

Cinema Teatro Pax

# ! ! " eventi@cineteatropax.it iniziative@cineteatropax.it http://www.cineteatropax.com

Le bancarelle colorate e profumate del Mercato Europeo tornano a invadere piazza Gramsci a Cinisello Balsamo. Da giovedì 18 a domenica 21 ottobre 80 operatori ambulanti di 10 paesi europei esporranno le loro specialità artigianali e culinarie. Dalle 9 del mattino alle 10 di sera, i banchi dei diversi operatori proporranno specialità gastronomiche, oggettistica, abbigliamento e altre curiosità di paesi lontani. Dalle ceramiche austriache ai tessuti e cappelli francesi, dai minerali della Germania alle porcellane e orologi inglesi ai prodotti tipici alimentari della Spagna.

MERCOLEDÌ 24 OTTOBRE

VENERDÌ 19 OTTOBRE IL COMANDANTE E LA CICOGNA PRIMA VISIONE - Regia: Silvio Soldini con Valerio Mastandrea, Alba Rohrwacher - ORARI: 15.30* - 21.15 - PREZZI:*alle 15.30 prezzo speciale euro 4,00 - intero euro7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

Soldini con Valerio Mastandrea, Alba Rohrwacher - ORE: 21.15 Proiezione unica - PREZZI: intero euro 5,00 - ridotto euro 4,00

DOMENICA 21 OTTOBRE IL COMANDANTE E LA CICOGNA PRIMA VISIONE - Regia: Silvio Soldini con Valerio Mastandrea, Alba Rohrwacher - ORARI: 15.30 - 17.30 - 20.30 22.30 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

BELLA ADDORMENTATA POMERIGGI AL CINEMA Regia: Marco Bellocchio con Toni Servillo, Isabelle Huppert - ORE: 15.30 Proiezione unica - PREZZI: biglietto unico euro3,00 IL COMANDANTE E LA CICOGNA PRIMA VISIONE - Regia: Silvio

| 15

SABATO 20 OTTOBRE DOMENICA 21 OTTOBRE L’ERA GLACIALE 4 Regia: Steve Martino, Mike Thurmeier - ORARI: Sabato 20 ottobre ore 21.15; domenica 21 ottobre ore17.00 - 21.15 PREZZO: 5,50 euro intero e 3,50 ridotto (under 11 e over 60)

Prezzi aggiornati a mercoledì 17/10/2012. I gestori di stazioni di servizio e i lettori possono comunicarci i prezzi più convenienti scrivendo a redazione@ilgazzettinodisesto.it

BENZINA DIESEL

Eni Q8 Agip Q8 Shell Q8 ex Tamoil Shell v.le Matteotti v.le F. Testi v.le F. Testi v.le Gramsci via Di Vittorio via Grandi via Partigiani v.le F. Testi (Cinisello)

1.798

1.799

1.795

1.815

1.892

1.829

1.799

1.799

1.699

1.699

1.690

1.726

1.732

1.729

1.709

1.699

CULTURA/MOSTRE

DAL 17 AL 19 OTTOBRE SMAU Esposizione Internazionale di Information & Communications Technology www.smau.it Milano - Fiera Milano City.

DAL 19 AL 21 OTTOBRE LA FESTA DELLA BIRRA Una grande festa dove gustare 12 diverse birre artigianali (inglesi, tedesche, belghe), musica dal vivo e cucina popolare. Tre Band musicali al giorno, cucina sfiziosa e di qualità, nonché, domenica a

FESTE/SAGRE

pranzo, America Car Show! Ingresso gratuito. Il padiglione è coperto e riscaldato: in caso di maltempo la festa continua Lainate (MI) - Padiglione Delle Feste Di Villa Litta -via Mengato 22 info: 392 1954862

DAL 19 AL 21 OTTOBRE MERCATINO REGIONALE FRANCESE Rho (MI) - tel. 02.333.014.33 www.promeceventi.com/

21 OTTOBRE CORSA - GREEN RACE Milano - Corsa agonistica e non agonistica di 2 e 10 km. Nel Parco delle Cave di Milano via Cancano. Partenza ore 11. tel. 02.72.09.37.31 http://www.greenrace.it

CONCERTI/SPETTACOLI

FINO AL 02 DICEMBRE 2015 I DISEGNI DI LEONARDO ESPOSTI TRA BIBLIOTECA AMBROSIANA E SACRESTIA DEL BRAMANTE Lunedì: dalle ore 9.30 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 18.00; da martedì a domenica: dalle ore 8.30 alle ore 19.00. Ambrosiana: da martedì a domenica, dalle ore 10.00 alle ore 18.00 PREZZI: Sacrestia del Bramante: Euro 10; Ambrosiana: Euro 15; per entrambe le sedi: Euro 20 Milano - Piazza Santa Maria delle Grazie, 2 (Zona Magenta) - www.ambrosiana.eu

DAL 25 OTTOBRE AL 17 MARZO 2013 MOSTRA COSTANTINO 313 D.C.

TEMPO LIBERO

Un percorso dedicato all’imperatore romano. Lunedì: dalle ore 14.30 alle ore 19.30; martedì, mercoledì, venerdì e domenica: dalle ore 9.30 alle ore 19.30; giovedì e sabato: dalle ore 9.30 alle ore 22.30 (la biglietteria chiude un'ora prima) Milano - Piazza del Duomo, 12 (Zona Centro)

FINO ALL’11 NOVEMBRE 2012 MUSICAL - SHREK Da martedì a venerdì: ore 20.45; sabato e domenica: ore 16 - INGRESSO Da Euro 49 a Euro 86 www.teatronuovo.it Milano - Teatro Nuovo - Piazza San Babila (Zona Centro)


16 |

18 ottobre 2012

PubblicitĂ 


18 ottobre 2012

Sport BLACK WIDOWS ::

|

17

Segnalateci gli avvenimenti sportivi e le storie delle associazioni sestesi all’indirizzo mail redazionegazzettino@gmail.com

MILANO RITROVA LA MASSIMA SERIE CON UNA SQUADRA DI HOCKEY FEMMINILE

Vedove Nere all’attacco della Serie A

La compagine gioca al PalaSesto di Sarah Ferrante Si accendono le luci della ribalta sull’hockey femminile di Sesto San Giovanni: le Black Widows (unica compagine lombarda), nome della squadra ‘rosa’ dell’H.C Diavoli Rossoneri, sono pronte a scendere sul ghiaccio per affrontare il campionato FISG di serie A. La squadra, formata da venti ragazze diverse tra loro - mamme, manager o studentesse - ma con in comune la passione per l’hockey, è stata presentata mercoledì 10 ottobre nella conferenza stampa che ha visto la partecipazione del sindaco Monica Chittò, l’assessore allo Sport Felice Cagliani, Fabio Punzo, presidente della società Diavoli Rossoneri e il direttore sportivo Davide Martoscia. «Da donna - si è complimentato il sindaco -, sono orgogliosa di questa squadra, che è un vanto per la Lombardia. Avete scardinato il tabù che vede l’hockey come uno sport esclusivamente maschile». Nella formazione sestese militano alcune delle migliori giocatrici italiane: l’attaccante Alice Beretta, selezionata dalla Nazionale per partecipare ai mondiali, come il difensore Rebecca Fiorese; Valeria

Ghirimoldi, portiere, ha disputato la Coppa dei Campioni 2012 con le Eagles Bolzano, mentre l’attaccante Ivana Gimigliano è l’unica donna in Italia ad avere il patentino per allenare. Il presidente Punzo, precisando di essere un ‘Diavolo Rossonero’ da ben 60 anni, si è detto lieto che l’hockey sia finalmente diventato uno sport accessibile anche alle donne poiché non è violento ma insegna grazia e unicità. Le venti giocatrici invitano anche le ragazze più giovani ad avvicinarsi a questo sport. La team manager e giocatrice Elisabetta Cella, ha parlato dei numerosi impegni che attendono la squadra: radunare tante bambine, ragazze e donne, pubblicizzarsi nelle scuole con degli open day ma soprattutto, vincere il campionato. La prima sfida di campionato andrà in scena il 21 ottobre al PalaSesto: Black Widows - Bozen Eagles.

CALCIO E CEMENTO :: LE AREE EX FALCK AL VAGLIO DEI DIRIGENTI NERAZZURRI

Stadio dell’Inter: via ai sopralluoghi

Lo stadio dell’Inter a Sesto San Giovanni? Non solo un sogno di tanti ma un’ipotesi concreta. Sono cominciati i sopralluoghi dei dirigenti del club nerazzurro sui cinque luoghi dove la società vorrebbe realizzare il nuovo stadio di proprietà (seguendo l’esempio di altre squadre europee e della nostra Juventus): tra queste cinque location, lo si apprende da un articolo pubblicato sulla Gazzetta dello Sport, ci sarebbe anche Sesto San Giovanni, che rientra tra le ipotesi che sono attualmente al vaglio del direttore generale del club nerazzuro, Marco Fassone. Non esiste un luogo preciso ma è chiaro che la nuova casa dell’Inter potrebbe trovare spazio all’interno delle aree ex Falck, oggi di proprietà del gruppo Bizzi. Idee e sogni: secondo la più ro-

Il club cerca una nuova casa Sesto è tra le ipotesi allo studio

sea ipotesi, ci vorranno mesi prima che si arrivi a definire un progetto concreto che dovrà comunque passare da un accordo di massima con l’amministrazone comunale. La necessità di un nuovo stadio di proprietà era nell’aria da anni,

ma sarebbe all’ordine del giorno dell’assemblea dei soci convocata a fine mese per approvare il bilancio 2011-2012 della squadra del patron Moratti. L’idea di portare a Sesto la casa dell’Inter era stata sposata a

più riprese dai Giovani Sestesi che su questo spunto avevano giocato una buona fetta del loro programma elettorale sulla città del futuro: «No al maxi centro commerciale, sì allo stadio nerazzurro», spingevano Vino e compagni sotto elezioni. Non è escluso che l’opzione Sesto possa essere di interesse dello stesso operatore Bizzi. Anche perché a quanto pare vi sarebbe un ripensamento generale sulle volumetrie da dedicare al settore commerciale, ritenuto in parte già saturo a Sesto. Soprattutto appare difficile trovare operatori disposti ad investire in una nuova realtà di grande commercio. A questo punto la soluzione sportiva risulterebbe più percorribile, anche se non è chiaro se Sesto possa sopportare una una struttura di queste dimensioni a ridosso del centro. Niccolò Villa

Scatti e pose sexy per presentarsi al grande pubblico Un sexy calendario: così le black widows avevano catturato l’attenzione dei media e del pubblico lo scorso anno. Dodici scatti mozzafiato per dodici mesi: le ragazze avevano auto prodotto il calendario per finanziare le attività del club. L’anno scorso la squadra aveva vinto il campionato promozionale e sognava la Serie A: ora questo sogno è realtà.

Direttore responsabile: Rosario Palazzolo Società Editrice: Il Gazzettino di Sesto San Giovanni s.r.l. R.E.A. 1980638 Tiratura: 30.000 copie Redazione: Piazza F. Caltagirone, 75 20099 Sesto San Giovanni Tel. 02.83413290 fax. 02.83413292 e-mail: redazionegazzettino@gmail.com Registrazione n° 6 del 26.03.2012 al Tribunale di Monza Stampa: Monza Stampa s.r.l. via Buonarroti, 153 - 20052 Monza


Sport 18 | 18 ottobre 2012 SERIE D :: IL PONTISOLA VINCE 0-3 AL BREDA E LA SOCIETÀ BIANCOCELESTE ESONERA IL TECNICO

Sconfitta fatale a mister Manari Cambio sulla panchina della Pro Arriva Umberto Cortelazzi di Niccolò Villa

“nuova sconfitta”

Il Pontisola è fatale a mister Manari. Dopo la brutta batosta sul campo del Lecco, dopo le parole dure della dirigenza biancoceleste che aveva chiesto alla squadra una inversione di rotta, la storia della Pro Sesto si arricchisce di due nuovi dolenti capitoli: la sconfitta, in casa, contro il Pontisola (un sonoro 0-3), e l’esonero del tecnico Giuseppe Manari sostituito da un volto noto, Umberto Cortelazzi. A far scattare la miccia dell’esonero dell’allenatore della prima squadra è proprio lo scivolone andato in scena al Breda: la Pro è assente dal gioco e gli ospiti bergamaschi hanno carta bianca. Il primo tempo si apre senza grandi emozioni nonostante gli avversari vadano al doppio della velocità dei sestesi: negli ultimi dieci minuti della prima frazione il Pontisola trova un doppio vantaggio che

taglia le gambe ai padroni di casa. Le sostituzioni operate da mister Manari non modificano le forze in campo. E così nel finale di gara il Pontisola mette a segno anche la terza rete, senza che la Pro Sesto cerchi mai la porta avversaria. La reazione che non si è vista in campo avviene in ufficio: così in serata (la partita si è giocata sabato) circola già la notizia dell’esonero di Manari. Si avviano i primi contatti alla ricerca di un sostituto il cui nome viene poi confermato lunedì mattina. Il gioco della Pro Sesto passa sotto le cure di Umberto Cortellazzi: vecchia conoscenza del calcio locale, Cortellazzi vanta un curriculum di tutto rispetto. A partire dalle prime esperienze nelle giovanili della Pro Sesto, per finire con una vittoria, in panchina, del campionato di Eccellenza (nella stagione passata) con il Sant’Angelo. La firma e poi gli allenamenti, con i primi fred-

di autunnali, sul campo. «Mi spiace moltissimo per mister Manari. E’ una sconfitta per tutti, presidenza, società e giocatori - spiega il vice presidente esecutivo Nicola Radici in un comunicato stampa -. Si impone un cambio di rotta. Non è colpa del mister. E’ innanzi tutto responsabilità della società. E’ un brutto momento, che temevo sarebbe arrivato, considerato che siamo una neopromossa con tanti giocatori nuovi. Dobbiamo tener botta. Certo è che giudicando prestazione e capacità di reagire nelle ultime due partite abbiamo fatto veramente poco».

SELECAO ANCORA KO: I CANARINI NON VOLANO IN CLASSIFICA Terza gara di campionato, terza sconfitta per la Libertas Selecao di calcio a 5 che è impegnata nel campionato di Serie C2. I canarini non hanno ancora ingranato la marcia esatta e, dopo un inizio di gara esaltante, perdono anche contro i Beretta Boys, compagine capolista del giro-

Terzo stop in campionato Meglio gli Juniores: 3 punti ne. Il match inizia con il gol dei sestesi che dopo quattro minuti trovano il vantaggio con Bruno: poi, solito black-out e gli avversari pareggiano e sorpassano. Tre a uno. E’ solo l’ini-

BASKET FEMMINILE ::

zio, perché i Beretta Boys prendono il comando del gioco e non mollano le redini della gara fino a fine match. Finisce 6-4; grazie alle segnature dei canarini il risultato non è così scottante

ma la Selecao è ancora bloccata a zero in classifica. Bisogna cominciare a macinare punti, già dalla gara di giovedì 18 quando a Sesto arriva il Futsal Chiuduno. Buone notizie dai giovani: gli Juniores superano per tre reti a uno i pari età del Ticinia e ottengono così la prima vittoria in campionato.

NEWS

Montella eletto presidente onorario della Fin E’ stato eletto per acclamazione: Tore Montella, già presidente onorario della Polisportiva Geas e presidente della Sezione Nuoto, è il nuovo presidente nazionale onorario della Fin, la Federazione italiana nuoto. L’elezione si è svolta nel corso della quarantesima edizione dell’Assemblea Ordinaria della federazione. Da anni Montella era dirigente nazionale Fin, con diversi incarichi tra cui anche quello di vice presidente responsabile del settore Fondo, l’unico che ha portato a casa una medaglia alle recenti Olimpiadi di Londra (grazie al terzo posto sulla 10K di Martina Grimaldi). A Montella i complimenti e gli ‘in bocca al lupo’ per questo nuovo incarico, da parte della città e anche della nostra redazione.

LE PADDY POWER GIRLS STRAPPANO I PRIMI DUE PUNTI IN SERIE A3 AL PALANAT

Geas Basket, buona la prima Le rossonere vincono su Sassari Parte col piede giusto l’avventura del Geas Basket nel nuovo campionato di Serie A3. L’armata rossonera di Sesto, da quest’anno firmata Paddy Power (il nuovo main sponsor della prima squadra, un bookmaker di origine irlandese, leader del mercato globale e da poco entrato anche in quello italiano), vince in casa la primissima gara di campionato contro Sassari. Un esordio fortunato bagnato da un successo importante avvenuto tra le mura amiche del PalaNat di Sesto San Giovanni che sarà la nuova casa della prima squadra sestese. Il punteggio finale dice tutto della gara messa in campo dalle ragazze di coach Bacchini: grinta, corsa e talento lasciano anche spazio a pause e ingenuità difensive. Finisce 69-58 per le giovanissime padrone di casa. Una vittoria che

suona, in un certo modo, come un riscatto: dopo le note vicende societarie, dopo l’addio alla massima serie e le conseguenti squalifiche, il Geas ha messo da subito le cose in chiaro. La partita si apre con un super parziale (+ 10) su cui pesa, e non poco, il gioco fantasioso della giovanissima Gambarini (nella foto di Paolo Zampieri), playmaker classe 1995 chiamata a sostituire Giulia Arturi (ancora alle prese con un guaio fisico) alla guida delle compagne in questa rima uscita ufficiale. «Siamo destinati a crescere - commenta coach Filippo Bacchini a fine gara -. La squadra è giovanissima, quindi ci saranno molti alti e bassi. L’importante è non mollare mai, come abbiamo fatto oggi». Niccolò Villa


| 19 ATLETICA :: IL MARCIATORE SESTESE PORTA A CASA IL TITOLO ITALIANO ALLIEVI SULLA 10 KM Sport

18 ottobre 2012

Todisco in assolo stravince a Firenze L’atleta Geas raccoglie il testimone di una tradizione di campioni di Niccolò Villa La scuola sestese di marcia colpisce ancora: e ha generato un nuovo campione. Daniele Todisco, marciatore della nostra città che veste i colori del Geas Atletica, ha vinto la 10 km di marcia ai Campionati Italiani di categoria Allievi che si sono svolti a Firenze sa-

bato 29 settembre. Non una novità: il giovane Todico portava già al collo la medaglia di primo della classe sui 5 km indoor, dato che si era imposto nella gara di Ancona dello scor-

MUAY THAI :: IL COMBATTENTE DELLA DE GYM VINCE GLI EUROPEI

Lasiri veste l’oro in Bulgaria

E’ il ventunenne Lasiri Joseph a tornare dalla Bulgaria con la medaglia d’oro. Membro per la seconda volta della Nazionale Italiana FIKBMS, l’allievo della De Gym di Sesto, ha battuto l’atleta di casa in finale, aggiudicandosi la vittoria dei Campionati Europei WMF di Varna. «E’ stata una grande emozione - afferma Lasiri -. Questo successo mi ha dato una forte carica per affrontare i duri allenamenti e il prossimo ostacolo: il combattimento a Birmingham, il 27 ottobre». Del resto, non è una novità che i combat-

tenti dell’ASD Team Muay Thai Diego Calzolari, tengano alto l’onore della palestra di via Fiorani. Ma i successi del team ai Campionati Europei, si sono spinti ben più in là. Ad aggiudicarsi l’oro è anche Christian Lusabio della Muay Thai Novara, mentre conquista il bronzo Andrea Roberti, della Lottatori Milano. Entrambe le palestre sono sotto la direzione tecnica del maestro Calzolari. (M. D. A.)

so febbraio. Nel capoluogo è andato in scena il bis, in un completo assolo: «La gara ha avuto un solo protagonista, Daniele commenta entusiasta Roberto Vanzillotta, tecnico e presidente dell’Asd Geas Atletica -. Il secondo classificato è giunto al traguardo distanziato di 1’30” e tutti gli altri sono stati doppiati. Daniele ha stabilito anche il record sociale sulla distanza portandolo a 46’13” contro il precedente di 46’35’’». Dopo Gandellini, Ducceschi e l’iridato Brugnetti, la scuola sestese si conferma una vera e propria fucina di talenti. A Firenze si è ben comportato anche Luca Magnani, velocista allenato da Elena Sordelli, che si è classificato 13° con il tempo di 11”26, suo nuovo primato personale.


20 |

18 ottobre 2012

PubblicitĂ 


Il Gazzettino di Sesto San Giovanni n. 23