Page 1

ANNO 7 NUMERO 19 - 17 Maggio 2018 - Editrice Il Gazzettino di Sesto San Giovanni srl Piazza F. Caltagirone, 75 - Sesto San Giovanni (Mi) - email: redazionegazzettino@gmail.com :::::: DISTRIBUITO a SESTO, CINISELLO, BRESSO e CUSANO :::::

VISITA DEL NEO PRESIDENTE BOERI AL MUSEO CINISELLESE

Accordo Mufoco e Triennale La città si mette in mostra Patto tra la galleria e l’istituzione culturale internazionale

POLITICA

La Corte dei Conti si esprime in merito alle irregolarità sui bilanci dell’ex giunta Chittò A pagina 3

ELEZIONI

Le interviste ai candidati sindaco dei Comuni di Cinisello Balsamo e Bresso Da pagina 6 a 9

CULTURA

Stefano Boeri, archistar di fama nazionale, ha fatto visita al Museo della Fotografia Contemporanea di Cinisello. Un’occasione per sancire il patto di collaborazione tra Mufoco e Triennale.

A pagina 16

A Milano prende il via ‘Piano City’. Appuntamenti anche nel Nordmilano A pagina 29

SPECIALE CERIMONIE

Ecco come scegliere l’abito e il look giusto per gli sposi o pianificare le nozze solidali Da pagina 24 a 27


2

|

17 maggio 2018

Attualità Dillo con un click

Alla scuola Kennedy maratona con Brugnetti Una ‘maratonina’ per diffondere la cultura dello sport tra i piccoli. Si è svolta la scorsa settimana, nella scuola elementare Kennedy di Bresso, la manifestazione che ha coinvolto 300 alunni. Ad accompagnarli e a fare da ‘padrino’ all’evento c’era un ospite d’eccezione: Ivano Brugnetti, il bressese medaglia d’oro alle Olimpiadi di Atene 2004 ed ex alunno della Kennedy. Dopo la gara, sono stati premiati tutti i piccoli partecipanti.

L’IDEA ::

A CINISELLO LA NIDEC HA BREVETTATO UNA SOLUZIONE PER LA RICARICA IN

15 MINUTI

Auto elettriche: il futuro è ora Progettate anche le colonnine ‘ecologiche’ di ultima generazione di Elia Fabio Silvestri Da diverso tempo circola il ritornello secondo il quale il futuro dell’automobile è totalmente elettrico. Non a caso, sempre più italiani stanno scegliendo negli ultimi anni una soluzione ibrida, capace di ridurre costi e consumi. A ulteriore conferma del successo dell’elettrico, il boom della Formula E, la nuova serie voluta dal massimo organismo mondiale di automobilismo e riservata a motori completamente elettrici. In quest’ottica di crescita planetaria si inserisce il lavoro svolto da una società di Cinisello Balsamo, la Nidec, una delle multinazionale più importanti nel settore dei motori elettrici. Gli ingegneri che lavorano negli uffici di Cinisello hanno messo a punto e immediatamente brevettato una soluzione che permetterà di ricaricare fino all’80 per cento della batteria dell’automobile in appena 15 minuti. Una vera e propria rivoluzione per il mondo delle automobili elettriche che potrebbe portare in breve a una rapida crescita delle vendite, con incredibili benefici per l’ambiente. Nidec ha progettato delle colonnine di ricarica di ultima generazione, le ‘Ultra Fast Charger’. A differenza di quelli già sul mercato, questi punti di ricarica possono offrire prestazioni decisamente più elevate.

La richiesta di ideazione e sviluppo del sistema è arrivata da un’importante casa automobilistica tedesca, che ha messo nelle mani della Nidec il futuro dell’elettrico. Il progetto è ancora da perfezionare, ma da Cinisello parte il cambiamento del mercato dell’automobile.

TRASPORTI ::

Abbiamo scelto di disaccoppiare la colonnina dalla rete - spiega Gianluca Postiglione, ingegnere del progetto sviluppato a Cinisello Balsamo - collegando delle batterie innovative, che riescono ad accumulare energia e poi a restituirla ad una velocità molto più elevata».

GIÀ INSTALLATI I PRIMI DISPOSITIVI ALL’AVANGUARDIA

La metropolitana si paga con la carta di credito La sperimentazione inizierà entro la fine di giugno Installati i primi dispositivi per il pagamento elettronico, ai tornelli della metropolitana di Milano. La sperimentazione, che partirà entro la fine di giugno, coinvolge per ora solo la rete metropolitana urbana e interurbana. Un sistema di pagamento innovativo, offerto solamente dalle società di trasporto di Londra, Chicago e Singapore. Il nuovo apparato, che Atm sta installando in questi giorni in tutte le 113 stazioni, consentirà

ai clienti di appoggiare semplicemente la carta di credito per far scattare il tornello. «Il nuovo sistema di pagamento - spiega Atm - migliorerà l’esperienza di viaggio dei nostri clienti non solo per la facilità di acquisto ‘real-time’, ma consentirà di evitare di sbagliare tariffa per le tratte extra-urbane. Il nuovo sistema sarà inizialmente attivato sulla sola rete della metropolitana, anche se il biglietto avrà validità di 90 minuti anche sui mezzi di

superficie. In attesa della tecnologia 5G, per ora, sui mezzi di superficie, il nuovo sistema non sarà disponibile». In questi giorni, Atm sta montando il ‘pos’ su un tornello per stazione sia in entrata sia in uscita. Per poter calcolare la tariffa corretta è necessario che tutte le stazioni siano dotate del nuovo dispositivo, un lavoro che Atm concluderà a fine giugno. M.A.


Attualità

ECONOMIA ::

17 maggio 2018

|

3

ACCERTATE ALCUNE IRREGOLARITÀ SUI BILANCI DELL’EX GIUNTA CHITTÒ

La Corte dei Conti fa chiarezza Il sindaco Roberto Di Stefano annuncia lo studio di un piano di rientro di Nicolò Gelao La Corte dei Conti si è espressa in favore dall’attuale amministrazione comunale di Sesto, in merito alle segnalazioni avanzate a partire dal mese di marzo. Nel concreto, si tratta della verifica di una lunga serie di manovre contabili ed errori nei bilanci comunali, a partire dal 2014. «La Corte dei Conti ha confermato ciò che il centrodestra ha sempre sostenuto», ha annunciato il primo cittadino sestese Roberto Di Stefano, che ha poi puntato il dito contro l’operato dell’ex sindaco Monica Chittò e la sua giunta: «La sinistra ha colpevolmente determinato in maniera irregolare il fondo crediti e ha lasciato in eredità all’intera città un disavanzo complessivo di 21 milioni di euro». Ma non è tutto. Nella sua risposta, la Corte dei Conti ha sottolineato come il Comune abbia un debito pari a 14 milioni di euro nei confronti dei fornitori. «Una situazione decisamente drammatica per le casse comunali, a cui ora bisognerà porre rimedio nell’immediato». L’organo di rilievo costituzionale ha infatti previsto che l’attuale amministrazione comunale debba sanare la situazione, chiedendo un intervento da parte dell’ente. Non c’è altro da fare dunque che correre il più velocemente possibile ai ripari. Il sindaco Di Stefano ha già annunciato

LA RISPOSTA ::

lo studio di un piano di rientro da sottoporre quanto prima all’approvazione del consiglio comunale. E a tal proposito la situazione diventa ancora più delicata, perché secondo quanto dichiarato dal primo cittadino forzista, tra i banchi dell’opposizione siedono i responsabili del ‘disastro’ politico. «Errare è umano, ma perseverare è diabolico - continua Di Stefano -. Hanno fatto di tutto per tenere al sicuro le loro poltrone. Dicono di averlo fatto per il bene della città, senza rendersi conto che così l’hanno messa in ginocchio. Credo che da parte loro, in questo momento, l’unica cosa giusta da fare sarebbe chiedere scusa alla città e dimettersi. Agli altri consiglieri del Partito Democratico chiedo invece responsabilità, non possono più negare l’innegabile». L’obiettivo dell’amministrazione comunale è quello di cercare di evitare nel piano di rientro una manovra che preveda l’innalzamento delle tasse. Ma il risultato più importante da raggiungere sarà quello di evitare il dissesto finanziario dell’ente. Uno scenario che di fatto creerebbe una frattura tra la precedente amministrazione e l’amministrazione controllata, permettendo al Comune di ripartire libero dai debiti, ma privo anche di crediti e del suo patrimonio, che verrebbero ceduti per consentire la liquidazione. Ipotesi da

SUL CASO PD E LISTA POPOLARE

Disponibili a manovra di risanamento «Ma non si tratta di falso in bilancio»

Il Partito Democratico chiarisce un punto: «Con il pronunciamento della Corte dei Conti non si parla di nessun falso, nessun taroccamento e nessun dissesto». I rappresentanti Dem, Nicola Lombardo e Roberta Perego, aggiungono poi: «Come da sollecitazione dello stesso sindaco, la magistratura contabile ha chiesto al Comune di Sesto, come a tanti altri Comuni in Italia di ogni colore politico, di rideterminare con una diversa modalità di conteggio il fondo crediti di dubbia esigibilità. A quanto sembrerebbe la Corte aggiorna il proprio orientamento rispetto al fondo del 2014 sul quale, a suo tempo, non aveva avuto nulla da eccepire e quindi lo stesso criterio era stato applicato anche agli anni successivi. Alla luce del pronunciamento, riconosciamo che è necessario agire per eseguire quanto richiesto. Ricordiamo per prima cosa al sindaco che la Finanziaria 2018, varata dal Governo di centrosinistra,

dà la possibilità ai Comuni nella stessa situazione del nostro, di rateizzare il fondo fino al 2044: ci auguriamo che si utilizzi questa possibilità per non gravare sui cittadini». Dall’opposizione si esprime anche Sandro Piano, capogruppo della lista Popolare X Sesto, che si dichiara «disponibile a sostenere nuove misure volte a valutare l’utilizzo dei recenti provvedimenti normativi che consentono ai Comuni di sanare le situazioni create negli anni per i crediti non riscossi, ma propone prioritariamente di privatizzare e quindi vendere le farmacie comunali e di contenere la spesa dei dirigenti non rimpiazzando quelli che in questi mesi si sono collocati altrove. Siamo davanti a una crisi finanziaria che coinvolge gran parte dei comuni italiani. Noi siamo stati gli unici ad aver proposto ai cittadini la riduzione dei dirigenti e delle società partecipate». M.A.

scartare, come precisato dall’assessore al Bilancio Nicoletta Pini: «Faremo di tutto per non dover arrivare a gravare sui cittadini. Il nostro compito è quello di stare al fianco di chi una mattina si è svegliato dal nulla con un debito spropositato di 21 milioni sulla testa. Non vogliamo essere considerati complici di nessuno, avremmo potuto evitare di autodenunciarci ma saremmo stati un’amministrazione scellerata se avessimo deciso anche noi

di non applicare i princìpi di contabilità». Dalla ex giunta Chittò resta quindi una pesante eredità all’attuale squadra di governo, ma la questione non è destinata a chiudersi a breve. «La Corte dei Conti - conclude Di Stefano - ci ha chiesto di trasmettere tutti gli atti al Ministero. Noi invieremo il tutto anche alla Procura. Le colpe di questo disastro politico sono gravissime, gli organi competenti accerteranno le responsabilità».


4

|

Attualità

17 maggio 2018

28

Unioni civili Servizio a cura di Noemi Tediosi

FOCUS :: LA NORMATIVA ERA STATA APPROVATA L’11 MAGGIO 2016

Due anni di Cirinnà Storie e numeri dal Nordmilano I racconti Manuela e Valentina Hanno 38 e 41 anni e hanno celebrato l’unione civile a Sesto, l’1 luglio 2017. «Ci siamo conosciute sul lavoro - racconta Valentina e siamo assieme da 4 anni. Con l’unione civile abbiamo potuto formalizzare la promessa di passare la vita assieme». Proprio al lavoro, Manuela e Valentina hanno ricevuto grandissimo appoggio ed entusiasmo per la loro scelta. «L’unione è stata l’occasione per dichiararsi proprio a tutti in ufficio - dice Manuela - e l’azienda farmaceutica da cui eravamo assunte ci ha riconosciuto tutte le agevolazioni aziendali riservate alle coppie sposate, come il congedo matrimoniale». Alla loro unione ha partecipato una folla di amici e parenti, anche loro felici e commossi. «Non siamo attiviste precisa Valentina - e viviamo il nostro essere una coppia di donne in modo veramente naturale: questo ha aiutato amici, parenti e colleghi a essere altrettanto tranquilli nei nostri confronti». Per la coppia sestese la legge sulle unioni civili è stata un grande passo per i diritti delle persone Lgbt: « I diritti che garantisce sono gli stessi delle coppie etero sposate - afferma Valentina - tranne il riconoscimento dei figli, la cosiddetta ‘stepchild adoption’. È un peccato, ma comunque siamo contente della legge: si è sulla strada giusta».

Enrico e Marco La legge che ha permesso di formalizzare la loro unione è arrivata dopo anni di convivenza e così, per Enrico e Marco, il ‘matrimonio’ è stato più un oscar alla carriera, che l’inizio di una vita assieme. «Devo dire la verità - racconta Marco - la cerimonia non ha cambiato molto per noi: tutti ci consideravano praticamente già sposati. Attendevamo questo momento da anni ed è stato emozionante festeggiare assieme ad amici e parenti». Stanno assieme da 20 anni e convivono da 17 a Cinisello Balsamo. Enrico, 69 anni, ha un negozio di abbigliamento in città e Marco, 49, è un tecnico informatico e lavora in Università. «Questa legge è stata un piccolo passo e manca di alcune cose, come il riconoscimento del figlio del coniuge - ammette Enrico -, noi siamo anziani e non adotteremo, ma per le coppie giovani si tratta di diritti indispensabili. Comunque l’Europa e il mondo ci portano verso leggi più egualitarie, che prima o poi arriveranno anche in Italia». Ora, secondo la coppia, è il momento di dare priorità assoluta a un’altra legge, quella contro l’omofobia: «Noi viviamo in un’isola felice - dice Marco -. A Cinisello siamo sempre stati rispettati e anche Milano è una città tutto sommato sicura, ma in tutta Italia le storie di persone prese di mira per la loro omosessualità sono all’ordine del giorno».

Nei nostri Comuni si sono sposate 53 coppie Sono passati ormai due anni da quell’11 maggio 2016, quando le unioni civili sono diventate legge e anche le coppie dello stesso sesso hanno potuto celebrare formalmente la propria unione. I dati raccolti a dicembre 2017 mostrano che sono state 6.073 le coppie a dire ‘sì’ nei Comuni italiani, altre 1.000 hanno contratto l’unione all’estero e poi l’hanno trascritta. Si tratta di oltre 14mila persone che attendevano con ansia un riconoscimento da parte dello Stato. Sono rimasti solo sei i Paesi europei che non hanno introdotto alcun tipo di legge sulle unioni omosessuali. E quella ‘made in Italy’ va a garantire alle coppie gay e lesbiche la maggior parte dei diritti di cui godono gli etero, con qualche eccezione: nessun obbligo di fedeltà per la coppia e soprattutto è esclusa l’adozione del figlio del partner, anche detta ‘stepchild adoption’. Questa scelta, frutto dell’accordo fra Pd e Nuovo Centro Destra per far approvare la legge in Senato, è la più grande lacuna lasciata dal ddl, come denunciano diverse associazioni. La legge norma anche le convivenze di fatto, sia eterosessuali che omosessuali ma, a differenza dell’unione civile, per le convivenze non è prevista cerimonia ufficiale e le tutele sono molto più leggere. I conviventi, in caso di malattia o di ricovero, hanno il diritto reciproco di visita, di assistenza e di accesso alle informazioni personali, possono regolare la gestione economica della casa stipulando un ‘contratto di convivenza’, ma non vi sono tutele per quanto riguarda l’eredità o la pensione di reversibilità. Nonostante queste lacune, la Cirinnà è stata comunque considerata una svolta. Nel Nordmilano, sono 53 le coppie unite civilmente dal 2016 a oggi. In particolare, Sesto è in prima posizione con 28 unioni e Cinisello ne ha

celebrate 18. Mentre in Comuni più piccoli come Bresso e Cusano, sono state rispettivamente 5 e 2. I numeri mostrano che le coppie di uomini rappresentano la percentuale più alta, sia a livello locale che nazionale. A Sesto sono state 10, 9 a Cinisello, 3 a Bresso ed entrambe le coppie ‘sposate’ a Cusano erano formate da uomini. «In fondo, la legge arriva un po’ in ritardo rispetto a un’esigenza sentita, un bisogno che i Comuni hanno cercato di colmare in questi anni con l’istituzione del registro delle coppie di fatto». A parlare è Monica Chittò, ex sindaco Pd di Sesto San Giovanni, che da sempre si è dichiarata favorevole alla legge, sostenendo che rappresenti: «Un ottimo passo avanti, nonostante tutto sia migliorabile».

Il numero di unioni civili celebrate a Sesto San Giovanni. Tra loro, 10 donne e 18 uomini


Attualità

Il punto

La legge in pillole Il ddl Cirinnà prende il nome dalla senatrice del Pd Monica Cirinnà, promotrice della legge. Il disegno di legge è stato approvato l’11 maggio 2016. La normativa prevede l’introduzione delle unioni civili per le coppie dello stesso sesso e regolamenta le convivenze di fatto, sia nelle coppie etero che omosessuali. Per contrarre l’unione bisogna essere ‘due persone maggiorenni dello stesso sesso’. La legge pone alcune differenze con il matrimonio eterosessuale: non c’è l’obbligo di fedeltà, quello di usare il cognome comune dell’uomo, per sciogliere l’unione è necessario un periodo di separazione di 3 mesi (invece dei 6 previsti dal matrimonio) e non è possibile adottare il figlio biologico del partner, la cosiddetta ‘stepchild adoption’. Le tutele previste per le convivenze di fatto invece sono più leggere e non prevedono alcuni diritti chiave come la pensione di reversibilità.

5

Il numero di unioni civili celebrate a Bresso. Tra loro, 3 donne e 2 uomini. A queste si aggiungono due unioni al di fuori dal Comune

L’OPINIONE::

2

|

5

Il numero di unioni civili celebrate a Cusano. Entrambe le coppie sono composte da uomini

DAVIDE VERONESE DELL’ASSOCIAZIONE LGBT

«Abbiamo bisogno di politiche di inclusione» La norma è un primo passo, ma ancora molte lacune

Se molte coppie la considerano un punto di arrivo nella conquista dei propri diritti, la legge sulle unioni civili presenta diverse lacune, almeno secondo Davide Veronese di GayMiN Out, associazione Lgbt (a sostegno di lesbiche, gay, bisessuali, transgender) del Nordmilano. «Il legislatore - spiega Davide - ha deciso di catalogare le unioni fra persone dello stesso sesso come un matrimonio di serie B. Sono state eliminate delle caratteristiche tipiche del contratto matrimoniale, come l’obbligo di fedeltà, che non rendono le unioni comparabili con i matrimoni. Inoltre, l’esclusione della stepchild adoption è stata una grande mancanza». GayMiN Out è l’unica associazione che si occupa di tematiche Lgbt nell’area del Nordmilano, dove la percezione delle coppie omosessuali è diversa rispetto al cuore delle grandi città: «Vivere la vita di coppia nell’hinterland è molto diverso

che abitare al centro di una città grande e anonima come Milano - chiosa Veronese -. Qui sono ancora vive dinamiche tradizionaliste che nelle metropoli si sono ormai perse». La legge va quindi accompagnata da un cambiamento culturale da parte della popolazione. «Il passo più im-

portante da fare è la normalizzazione delle persone gay, lesbiche e trans - afferma -, la legge è un primo passo, ora ci vogliono politiche di inclusione in periferia e in città, che aiutino a capire che le persone Lgbt conducono una vita uguale a quella di tutti gli altri».

PRONTORTOPEDIA.COM

“Il pubbliredazionale”

18

Il numero di unioni civili celebrate a Cinisello Balsamo. Tra loro, 9 donne e 9 uomini

17 maggio 2018

L’ORTOPEDIA A PORTATA DI CLICK. VELOCE, SICURA, PUNTUALE A Sesto San Giovanni presso il Centro Ortopedico del Dott. Marco Caldironi Via G. Marconi 45 - (MM1 Sesto Rondò) ProntOrtopedia.com nasce per offrire un servizio moderno e competente. Siamo aperti 7 giorni su 7 e proponiamo consegne celeri, anche entro 4 ore, a Sesto San Giovanni, Milano, Monza e altri Comuni. «Inoltre è possibile ritirare gli acquisti su appuntamento dalle 7 alle 24 presso il Centro Ortopedico del dottor Marco Caldironi», spiega il dottor Luis Fresco, titolare di ProntOrtopedia. «L’offerta dei prodotti è facilmente consultabile sul nostro sito internet www.prontortopedia.com. Proponiamo un vasto assortimento di ausili ortopedici, sanitari e prodotti di primo soccorso. I clienti possono comodamente fare acquisti in modo semplice, sicuro e veloce grazie a una

navigazione intuitiva. Inoltre siamo raggiungibili anche telefonicamente al numero 333.28.78.636. Il servizio clienti è disponibile in quattro lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo ed è accessibile anche tramite WhatsApp». In vendita si trovano tutori post infortuni, a uso preventivo, sportivo e ausili per la vita quotidiana. L’offerta di ProntOrtopedia include servizi come il collaudo degli ausili, esami baropodometrici, la produzione su misura di ortesi e plantari ortopedici. Info e WhatsApp: 333 287 8636 e-mail:info@prontortopedia.com www.prontortopedia.com


6

|

Speciale elezioni

17 maggio 2018

Candidati a

Cinisello Balsamo

Candidati a CONFRONTO Candidati a CONFRON

Le interviste ai quattro Giacomo Ghilardi Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, La tua città, Cittadini insieme Età

32

Titolo di studio e professione

Ragioniere Programmatore Laureando in Economia e Commercio Funzionario presso il Consiglio Regionale della Lombardia Precedenti in politica

Consigliere comunale Lega a Cinisello dal 2013

Perché si candida? «Perché credo fortemente che la città in cui sono nato, cresciuto e in cui vorrei continuare a vivere possa essere amministrata con più attenzione nei confronti delle reali necessità degli abitanti e più rispetto verso il territorio in cui risiediamo. Le scelte politiche attuate dall’amministrazione uscente purtroppo non hanno dato risposte ai bisogni dei cittadini creando disagi e sofferenza. Emerge quindi l’obbligo di avere un’amministrazione comunale più vicina al cittadino e che sia di supporto alle concrete esigenze della nostra città». Il punto di forza della sua proposta? «La nostra proposta risponde alle molte domande che ci pongono i cittadini. Non ha un unico punto di forza, ma si tratta di un intervento globale. La vera novità di cui siamo particolarmente orgogliosi è di avere strutturato un programma serio e attuabile. Abbiamo rimesso al centro il cittadino e le sue esigenze. Abbiamo messo da parte le ideologie che per anni hanno contraddistinto l’amministrazione di Cinisello Balsamo. Abbiamo posto come priorità la sicurezza della nostra gente, la viabilità cittadina, la lotta al degrado e il rilancio del commercio di vicinato.

Le presentazioni che correranno per le elezioni

Non vogliamo fare propaganda politica ma proporre soluzioni chiare, concrete e realizzabili». Quali sono le emergenze della sua città? «Più che di emergenze sarebbe meglio parlare di esigenze. Non sarebbe lungimirante rispondere alle problematiche cittadine con politiche dell’emergenza che fino a oggi si sono rivelate inutili e dannose. Vogliamo proporre soluzioni concrete e razionali, rimettendo al centro la quotidianità, ripartendo dalle radici e dal buonsenso. Penso alle esigenze delle famiglie e dei lavoratori. Queste passano dalla risposta alle molte richieste che ogni giorno i cittadini ci fanno: il contrasto al degrado che contribuisce a generare sacche di criminalità e devianze di ogni tipo; una maggiore attenzione verso i quartieri periferici; più giustizia nelle politiche abitative; sostegno alle famiglie e all’accesso agli asili nido; una proposta educativa migliore; controllo effettivo del territorio e contrasto severo all’illegalità; una viabilità razionale; maggiore attenzione nei confronti delle persone che vivono la disabilità e sono più fragili. E anche più bellezza: la nostra città, complici le amministrazioni passate, si è progressivamente imbruttita. I cittadini, invece, no. I problemi della città sono molti. Non possiamo certo promettere di risolverli tutti, però siamo certi di avere soluzioni realizzabili per rispondere in modo incisivo e concreto a ognuno di essi».

Luigi Marsiglia

I candidati sono in ordine alfabetico

Alternativa Civica, Aria Pulita e #lasvolta Perché si candida? «Credo nel cambiamento e che, in politica, l’impegno concreto e i valori delle persone (più della vacuità dispersiva dei partiti) possano fare la differenza. Ho sempre inteso l’agire politico come spirito di servizio, un mettersi a disposizione della collettività; non ho velleità di ‘carrierismo’: la mia professione è nell’ambito della cultura e penso che questa stia alla radice della buona amministrazione». Il punto di forza della sua proposta? «Ripartire dalle potenzialità di Cinisello Balsamo per disegnare un futuro migliore rispetto al presente. Dobbiamo ritornare a prenderci cura di strade e piazze, del verde, dell’illuminazione, dei marciapiedi e di quanto possa rendere più vivibile, funzionale e bella la città. Non si tratta solo di tutelare, ma di avere una visione complessiva di Cinisello Balsamo, dal centro alle periferie, ridandole la dignità e il decoro che merita. Avere cura significa anche avere una città più sicura. Le associazioni culturali e sportive, i gruppi di volontariato e i cittadini devono diventare di nuovo protagonisti, devono essere ascoltati e coinvolti nelle scelte (piccole e grandi) da affrontare insieme, senza calarle dall’alto». Quali sono le emergenze della sua città? «Innanzitutto occorre rimettere mano al sistema dei

parcheggi e alla viabilità, in maniera concatenata e ragionata, vista la situazione caotica delle strade cittadine altamente trafficate. Senza tralasciare le difficoltà di chi proviene da fuori a raggiungere in auto il centro. Urge avviare un piano industriale e del commercio, che si occupi dei capannoni dismessi, sostenga le realtà artigianali, attiri nuove aziende sul territorio e rilanci il commercio di vicinato, fortemente penalizzato dalla grande distribuzione. E tutto ciò per creare posti di lavoro, una delle massime priorità cittadine e nazionali. Occorre puntare maggiormente sull’offerta culturale, coinvolgendo le associazioni e gli artisti locali, oltre a organizzare eventi che possano richiamare spettatori dalle città limitrofe e da Milano. Pertini, Mufoco e Villa Ghirlanda sono delle splendide vetrine in tal senso: e pensiamo anche al recupero del cinema Marconi. Sarà importante concentrare su questo fronte sia risorse pubbliche che investimenti privati e una rete virtuosa di sponsor. Questo è il nostro impegno per la città».

Età

55

Titolo di studio e professione

Laurea in Storia e Critica dell’arte Critico e storico dell’arte. Giornalista Precedenti in politica

Coordinatore del Partito Democratico di Cinisello Balsamo dal 2014 al 2017


Speciale elezioni

17 maggio 2018

|

CONFRONTO

NTO

Candidati a CONFRONTO Candidati a CONFRONTO

Pagine a cura di Margherita Abis

candidati sindaco dei politici alla carica del 10 giugno

Siria Trezzi Pd, La Città giusta, Civica Siria Trezzi Cinisello Balsamo

Perché si candida? «Mi candido per amore verso la mia città. Cinisello Balsamo è il luogo nel quale ho scelto di trascorrere la mia vita, il posto che sento come casa mia. Sono riconoscente verso questa città e i suoi abitanti perché qui ho passato i momenti migliori della mia vita e voglio restituire ciò che mi è stato dato. Cinisello Balsamo è una città con tante risorse e persone fantastiche, che non smetterà mai di sorprendermi; per questo ho messo e metterò al suo servizio il mio impegno, la mia passione, i miei pensieri migliori, senza risparmiarmi». Il punto di forza della sua proposta? «Guardo al futuro di Cinisello Balsamo, alla sua trasformazione, alla sua dimensione metropolitana: l’arrivo della M1 e della M5, le opere delle periferie, la riqualificazione delle piazze storiche. Le grandi opere, ma anche attenzione al miglioramento e all’adeguato utilizzo degli spazi pubblici. I parchi, i giardini, le aree verdi saranno oggetto di uno studio puntuale per renderli più funzionali e fruibili: parchi dedicati allo sport, al benessere e al fitness, alle attività di strada e ai bambini, ai ragazzi, al tempo libero con strutture e dotazioni specifiche. In questo modo si contrastano il vandalismo e lo scorretto utilizzo degli spazi. Le strutture sportive saranno oggetto di un programma di efficientamento energetico per dimi-

nuire i costi di gestione e migliorarne la qualità, inoltre verranno migliorate le dotazioni interne alle strutture per renderle più funzionali». Quali sono le emergenze della sua città? «A Cinisello Balsamo non ci sono emergenze, ci sono problemi aperti da risolvere. Il tema dei trasporti e i suoi costi è centrale: come consigliera metropolitana ho ottenuto la rivisitazione del sistema tariffario dei trasporti, affinché possa diventare più equo per i nostri cittadini. Una tariffazione adeguata alle aree è la soluzione a molti problemi legati alla mobilità. Occorre realizzare un piano della sosta cittadino che introduca il parcheggio per i residenti in alcune zone e renda più accessibile la sosta a pagamento presente. Il tema dell’abitare, seppur affrontato con tanti interventi, resta sempre attuale: è necessario continuare a sostenere e diffondere lo strumento dell’affitto a canone concordato per dare una risposta alle difficoltà abitative di molte persone e rendere gli affitti più contenuti. Infine occorre sostenere il commercio di vicinato con incentivi economici e interventi di promozione che facilitino l’apertura di nuove attività e sostengano quelle già presenti in città».

Età

54

Titolo di studio e professione

Laurea in Lettere Moderne Funzionario del Comune di Milano Precedenti in politica

Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Cinisello Balsamo Sindaco del Comune di Cinisello Balsamo dal 2013

Maurizio Zinesi Movimento 5 Stelle Età

66

Titolo di studio e professione

Istruzione secondaria superiore. Pensionato Consulente Precedenti in politica

Aiuto ai portavoce comunali del M5S

Perché si candida? «Negli ultimi dieci anni, al seguito dei portavoce del Movimento, mi sono reso conto che non basta essere in consiglio comunale per cambiare le cose, in minoranza non sussistono le possibilità per attuare il cambiamento. È necessario governare per realizzarlo tutti assieme. Il Movimento 5 Stelle di Cinisello Balsamo ha votato per un candidato sindaco e deciso per la mia persona. Sono grato a tutti per questa mia possibilità̀ di migliorare la città̀ in cui vivo da diversi anni, che mi ha accolto con affetto e dato la possibilità̀ di vivere nel verde, a contatto con ambientalisti di provenienza nazionale. È ̀ germogliata la voglia di contribuire al miglioramento del nostro ambiente e della nostra qualità̀ di vita, nel quotidiano della città̀, assieme». Il punto di forza della sua proposta? «Il mio è un programma nuovo, molto realistico e improntato ad aumentare la qualità̀ della vita dei residenti. Affronteremo come migliorare la trasparenza di bilancio, la sicurezza cittadina, l’informazione e la de-

mocrazia partecipata. Proseguiremo con la lotta agli sprechi con equità̀ e rigore. Ci occuperemo del commercio, delle piccole e medie imprese e dei servizi ai cittadini. Bloccheremo il consumo in misura irragionevole di suolo e ci occuperemo della sostenibilità̀ ambientale. L’ente Nord Milano Ambiente ci aiuterà̀ a raggiungere l’obiettivo rifiuti zero. Riorganizzeremo la mobilità e il trasporto pubblico, entrambi molto critici, in una città̀ che si ̀e sviluppata negli anni senza criteri urbanistici e dove transitano ogni giorno oltre 300mila veicoli con tutto l’inquinamento che ne consegue. Completeremo il nostro percorso con i beni comuni, la salute pubblica e dell’ambiente. Collaboreremo con la consulta animali per migliorare la convivenza con i nostri amici nel rispetto delle regole di convivenza civile e naturale». Quali sono le emergenze della sua città? «Lavoro per i giovani, ambiente, sicurezza e salvaguardia della salute. Il prossimo futuro dovrà̀ essere concreto, teso al coinvolgimento della fascia giovane, che non ̀e attirata dalla politica oppure che non può ̀ preoccuparsene a causa delle condizioni attuali di lavoro precario e irrispettoso delle regole e delle persone».

7


8

|

Speciale elezioni

17 maggio 2018

Candidati

Candidati a CONFRONTO Candidati a CONF Bresso

Le interviste ai tre Simone Cairo Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Liste civica Insieme per Bresso e il Parco Nord, Lista Civica Bresso è nel cuore Età

49

Titolo di studio e professione

Laurea in Ingegneria Elettronica Responsabile dei Sistemi Informativi di un’azienda di 250 dipendenti.

Precedenti in politica

Consigliere Comunale a Bresso

Perché si candida? «Mi metto al servizio dei miei concittadini perché voglio cambiare la nostra città, Bresso, in meglio, rendendola più sicura, ordinata e moderna, un luogo dove sia piacevole vivere. Abbiamo bisogno di un’amministrazione che non sprechi le risorse economiche, che scelga sempre di realizzare bene i progetti per i suoi abitanti, in ascolto e attenta ai bisogni di tutti i suoi cittadini». Il punto di forza della sua proposta? «Abbiamo un programma concreto, con priorità chiare. Per la sicurezza, negli ultimi anni è stato fatto poco. Vogliamo migliorare la gestione della Polizia Municipale e sviluppare il sistema di videosorveglianza per il controllo del territorio, della viabilità e delle strutture comunali. Alcune associazioni svolgeranno il ruolo di ‘sentinelle’ del territorio. Importantissimi, poi, sono i temi dei servizi alla persona e dei bisogni socio sanitari, su cui questa amministrazione ha speso molto con risultati poco significativi. Affronteremo il tema dell’invecchiamento della popolazione. Applicheremo, dove possibile, il principio della sussidiarietà per recuperare efficacia ed efficienza nell’aiutare le persone e le

Le presentazioni che correranno per le elezioni del

famiglie più fragili. È indispensabile agire per un’accurata e costante manutenzione del patrimonio comunale: scuole e palestre, verde pubblico, edifici, strade, marciapiedi e cimitero devono ritornare a essere una priorità. Siamo contrari alla metrotranvia perché è un progetto datato e non risponde più ai bisogni di mobilità del nostro territorio e dei Comuni del Nordmilano. Invece siamo stati promotori del progetto della metropolitana Linea 5 a Bresso: ci impegneremo perché sia valutato attentamente e sosterremo la sua necessità. Vogliamo valorizzare il ruolo educativo dello sport, le eccellenze che ci sono a Bresso e incentivare la collaborazione tra le scuole e le società. Bresso avrebbe bisogno di un palazzetto dello sport». Quali sono le emergenze della sua città? «Impedire che si realizzi la vasca di laminazione nel Parco Nord, meglio investire sulla qualità delle acque del Seveso così che le stesse possano defluire nel Ticino. Questa amministrazione non ha fatto nulla per le persone anziane di Bresso, è necessario progettare nuovi servizi. Se non si interviene diventerà l’emergenza dei prossimi anni. Aggiungo anche la prevenzione del disagio giovanile. Il trasporto pubblico e i collegamenti verso Milano, ancora poco efficaci. Le strutture sportive, al collasso perché insufficienti, mal gestite e bisognose di forti manutenzioni straordinarie, pensiamo ad esempio al centro sportivo».

Adriano Longo

I candidati sono in ordine alfabetico

Movimento 5 Stelle Perché si candida? «Mi candido per portare il cittadino al centro dell’azione dell’amministrazione pubblica, favorendo la partecipazione democratica e diretta alle proposte e alle votazioni sulle strategie e scelte politiche che determinano il futuro dell’assetto naturale, sociale, economico e culturale del territorio in cui vivono. Tra le ragioni che mi hanno spinto a candidarmi, sottolineo anche che nel mio lavoro ho ricoperto diversi incarichi, che mi hanno portato a lavorare e visitare molti paesi e a confrontarmi con tante culture. Penso che questo confronto sia essenziale nella politica. Inoltre sono nel direttivo dell’associazione Amici del Parco Nord». Qual è il punto di forza della sua proposta? «La nostra proposta si distingue dalle altre, perché si basa sopratutto sul buonsenso, abbracciando tutti i temi del vivere quotidiano, rispettando l’ambiente circostante. Stop al consumo di suolo, sì a una diversa gestione dei rifiuti, con l’introduzione della ‘tariffa puntuale’, sì a una mobilità sostenibile, sì al riassetto urbanistico complessivo, sì a un bilancio comunale chiaro a tutti, sì alla semplificazione ammini-

strativa, sì al recupero degli immobili comunali dismessi, sì alla casa comune per tutte le associazioni operanti sul territorio. No alla vasca di laminazione nel Parco Nord, no alla metrotranvia dai costi inaccettabili per le casse comunali, che dividerà materialmente la città in due». Quali sono le emergenze della sua città? «Purtroppo sono parecchie le emergenze della nostra città e alcune sono sotto gli occhi di tutti, come il degrado delle infrastrutture comunali (capannoni ex Iso, ghiacciaia, centro sportivo comunale). Bisogna poi far emergere tutta una serie di urgenze che in questi anni le ultime amministrazioni di centrosinistra hanno tenuto ben nascoste, come l’eccessivo ricorso a mutui per le motivazioni più disperate (rifacimento aiuole, palazzina nel centro sportivo mai costruita) che hanno portato l’indebitamento a circa 1.000 euro per cittadino».

Età

61

Titolo di studio e professione

Diploma di Disegnatore Meccanico. Impiegato nel settore siderurgico Pensionato Precedenti in politica

Iscritto al M5S dal 2012. Collaborazione con il gruppo locale di attivisti


Speciale elezioni

17 maggio 2018

|

a CONFRONTO

Candidati a CONFRONTO FRONTO Candidati a CONFRONTO

Pagine a cura di Margherita Abis

candidati sindaco dei politici alla carica 10 giugno Perché si candida? «Ho ereditato la passione politica da mio padre e ho sempre vissuto l’impegno con profonda tensione per l’interesse pubblico, animato dall’amore per la mia città. Quello che in questi anni di sfide mi ha dato la forza di amministrare è stato il contatto costante con i cittadini, con le scuole e le forze dell’ordine, con le associazioni, le parrocchie, le cooperative, i comitati che sviluppano e gestiscono progetti, fanno sport e cultura, aiutano a migliorare l’ambiente, la sicurezza e la convivenza e accompagnano la crescita dei più piccoli. Certo, c’è ancora molto da fare: una comunità è sempre in movimento, ci sono sempre nuove necessità e nuove sfide, che devono trovare un’amministrazione attenta e capace di progettare ancora. È questo lo spirito con cui continuiamo il cammino per il governo della nostra città. È questo il senso del nostro impegno, che viviamo come servizio e che poi, alla fine, è il nostro valore aggiunto». Il punto di forza della sua proposta? «Abbiamo progettato e iniziato un percorso di ammodernamento dell’impianto sportivo di via Grazia Deledda. Un impegno volto a migliorare, a mantenere e a mettere in sicurezza il più grande impianto della nostra città, dando anche la possibilità alle società sportive di aumentare il monte ore. La nostra priorità sarà, quindi, il completamento di questo progetto attraverso il rifacimento di due campi da calcio, il rifacimento della pista di atletica, della pavimentazione della tensostruttura e la sostituzione

Ugo Vecchiarelli Pd, Bresso c’è, Lista Manni, Sinistra Unita dell’illuminazione con lampade a led. Fondazione Cariplo ha riconosciuto al Comune di Bresso un finanziamento di 350.000 euro sul bando ‘Patrimonio culturale per lo sviluppo’. L’idea è quella di dar vita, nel Capannone Nord, a un incubatore sociale, capace di intercettare quella fascia di giovani che grazie a questo progetto, possono impegnarsi nel creare nuova imprenditoria giovanile. Sarà uno spazio polifunzionale, dove l’arte sarà protagonista». Quali sono le emergenze della sua città? «Da alcuni anni siamo impegnati a difendere la nostra città da progetti che sono fortemente orientati a condizionarne l’identità, ovvero quella di essere sempre più la città del Parco Nord. Mentre noi continuiamo a lavorare per una città riqualificata, con nuovi parchi e piste ciclopedonali che la rendano sempre più integrata e connessa con il parco, sembrano non volersi fermare quei progetti che hanno come unico obiettivo il consumo del suolo e il potenziamento dell’aeroporto. Da quasi tre anni stiamo contrastando la realizzazione di una vasca di laminazione nel Parco Nord. Un’altra grande preoccupazione per la nostra città, ma anche di tutte quelle dei Comuni interessati, è la volontà di aprire la pista dell’aeroporto di Bresso al decollo e all’atterraggio dei cosiddetti aerotaxi».

Età 52 Titolo di studio e professione Diploma di Geometra. Funzionario aziendale (Cassa Edile di Milano) Precedenti in politica Consigliere comunale e presidente di commissione (1998-2002). Assessore all’Urbanistica (20022008). Capogruppo del Pd (2008-2013). Sindaco di Bresso (2013-attualmente in carica)

9


10

Sesto San Giovanni | 17 maggio 2018 ISTRUZIONE :: DA FINE MAGGIO L’UTE DI SESTO APRE LE PORTE A UN MESE DI ‘CORSI ESTIVI’

Un’estate in compagnia di libri e quaderni «Parole d’ordine socializzazione e apprendimento» di Noemi Tediosi Non si smette mai di imparare. È questo il motto dell’Università della Terza Età di Sesto San Giovanni, che da lunedì 7 maggio ha aperto le iscrizioni per chi vuole seguire i seminari estivi. «È il secondo anno che lanciamo questa proposta - racconta il rettore Savino Bonfanti -, l’estate scorsa abbiamo raccolto 107 adesioni, quest’anno puntiamo almeno a una cinquantina in più». E con i numeri dell’Ute, quello pronosticato dal rettore è un traguardo possibile: l’Università conta un centinaio di professori e 921 iscritti ai corsi annuali. I corsi estivi si svolgeranno in due tranche, la prima da fine maggio a fine giugno e la seconda durante il mese di settembre. Si spazia dai seminari di comunicazione a quelli di musica, passando per la letteratura, la storia e i corsi di latino. «Quest’anno - chiosa la presidente del consiglio di amministrazione e professoressa BiancaMaria

Magini - i corsi di lingua e letteratura latina si terranno nel tardo pomeriggio, dalle 18.30, per avvicinare anche gli adulti che ancora lavorano ma vogliono rispolverare i propri studi». Non è necessario essere iscritti all’Ute per seguire i seminari: basta recarsi di persona alla segreteria di via Risorgimento 90, da lunedì a venerdì dalle 15 alle 18, e pagare una quota di 30 euro per poter frequentare qualsiasi lezione di ‘Utestate’. Quella di Sesto è una delle prime sedi Ute d’Italia a proporre l’iniziativa, andando a colmare un grande vuoto: «La società è impreparata all’allungamento dell’età - osserva Claudio Gazzoli, del comitato scientifico - e per i pensionati c’è poca offerta, soprattutto durante il periodo estivo, è dimostrato che combinare socializzazione e apprendimento mantiene attive anche le persone più anziane».

Studenti univ e docenti degli rsitari anziani Dal 2009, l’U

niversità della Te rza Età di via Risorgimento ha accolto nel prop rio corpo docente gli stude nti del polo unive rsitario di Mediazone lin guistica e cultu rale. «I ragazzi - raccon ta Biancamaria Magini, presidente del co nsiglio di ammin istrazione Ute - vengono da noi a svolgere il lo ro stage curricolare, abbiam o notato subito ch e sono enusiasti di avere autonomia e resp onsabilità della gestione de lla classe». Sono 15 i corsi di lingua dell’Ut e tenuti dagli st udenti universitari, che hanno la possib ilità di misurarsi con un programma inte ramente preparato e svol to da loro. N.T.

i La ricerca analizza i sogn dei malati di Parkinsonon?

lata di Parkins Cosa sogna una persona ma nerative come ege rod neu ie latt In sè, ma incidono imParkinson e Alzheimer non del malato, scio con mediatamente sul sub i farmaci ece inv o son uire ciò che può infl da questo tipo somministrati a chi è affetto sviluppa una si o di malattie. Sull’argoment di Milano, in a occ Bic à ricerca dell’Universit à della Terza rsit ive l’Un con collaborazione anche con la Età di Sesto. L’Ute collabora ducono una con Statale e la Cattolica, che iani, e con anz li deg ità ricerca sulla creativ ttore della dire bo, Cor o ssim il neurologo Ma Milano. N.T. Casa di Cura Policlinico di


PubblicitĂ

17 maggio 2018

| 11


12

Sesto San Giovanni | 17 maggio 2018 SICUREZZA :: TECNICI TOYOTA IN VISITA ALLA CASERMA DEI VF

A scuola di ibridi con i pompieri Due ore di formazione sui motori del futuro di Noemi Tediosi Una due giorni ‘educativa’ per il comando dei vigili del fuoco di via Rovani. Le mattine di martedì 8 e mercoledì 9 maggio, il tecnico Vito Pinto, del concessionario Toyota Spotorno Car di Sesto San Giovanni, ha formato i pompieri sul funzionamento delle macchine a motore ibrido, per metà elettrico e per metà benzina. Una scelta, quella del concessionario giapponese, non casuale: «La maggior parte dei mezzi in circolazione a Milano, come i taxi e persino la nostra macchina amministrativa, sono prodotti proprio dalla Toyota», chiarisce il capo distretto dei Vigili del Fuoco Massimo Botta. E il corpo dei pompieri ha bisogno di rimanere aggiornato sulle macchine del futuro, che funzionano in modo differente dai veicoli ‘tradizionali’. «In caso di incendio o incidente stradale - chiosa Botta - dobbiamo essere preparati al meglio per intervenire su questo tipo di mezzi, in modo da garantire la sicurezza degli automobilisti

e dei pompieri stessi». Così, il capo distretto si è rivolto direttamente al concessionario, disponibile a formare gratuitamente il personale della caserma. «In qualità di tecnico e meccanico - racconta Vito Pinto, della Toyota - è stata un’occasione formativa: stimolato dalle domande dei pompieri, mi sono trovato a riflettere su come può reagire la macchina in situazioni di pericolo, cosa che non avviene

in una giornata di lavoro normale». Fondamentale per la realizzazione delle giornate è stata la buona volontà dei Vigili del Fuoco e il contatto diretto con il concessionario. Se l’organizzazione fosse dovuta passare dal Ministero, infatti, l’attesa di autorizzazioni e permessi avrebbe impedito l’intervento tempestivo dei tecnici del concessionario, per due sole ore di formazione.

LA PIZZERIA SESTESE È ECO-FRIENDLY I titolari hanno adottato quattro aiuole davanti al loro locale L’attenzione all’ambiente, alla qualità dei prodotti e al sostegno delle aziende locali: sono questi gli elementi che stanno alla base del lavoro della pizzeria Odissea 21 che, dopo vent’anni di attività a Cinisello, è arrivata anche a Sesto San Giovanni, in via Cesare da Sesto 90. I titolari della pizzeria, aperta proprio un anno fa, nel maggio 2017, hanno da poco fatto un bel gesto nei confronti della città di Sesto, diventando parte attiva nella cura della città e del verde. Luca Parlagreco e Alessandro Lasorella hanno adottato dal Comune quattro aiuole che si trovavano davanti al locale e gli hanno ridato vita. «Era uno spazio abbandonato, ma per noi è importante rendere la zona più bella e abbiamo deciso di prendercene cura», ha raccontato Parlagreco. Anche se ancora il Comune non ha piantato i cartelli che indicano chi gestisce quelle aiuole, i cittadini hanno apprezzato quest’attenzione particolare per il verde cittadino e il colore dato dalle viole piantate nelle aiuole. La decisione di prendere in adozione questi spazi è coerente con lo stile della pizzeria: «Utilizziamo per le consegne solamente motorini elettrici e offriamo ai clienti prodotti a km zero, lavorando con aziende del territorio, perché è importante che ciò che facciamo non abbia alcun impatto sull’ambiente», ha concluso Parlagreco. Il posto è costruito secondo una nuova concezione della ristorazione, quella del laboratorio a vista. Una vista ancora più bella, ora che ci sono delle aiuole curate davanti al locale.


PubblicitĂ

17 maggio 2018

|

13


Sesto San Giovanni

17 maggio 2018

SCUOLA ::

CONCORSO NAZIONALE PER GLI ISTITUTI DON BOSCO

Capolavori

professionali

Eccellenze valutate da una giuria di aziende di Noemi Tediosi Una sfida a suon di elettronica, informatica e meccanica. È la prova a cui sono stati chiamati i ragazzi del terzo anno degli istituti professionali Don Bosco di tutta Italia. Non si tratta dei classici esami di fine ciclo, ma un vera e propria competizione, dal titolo ‘Concorso Nazionale dei Capolavori dei Settori Professionali’. Le prove del settore ‘Elettrico’ e ‘Informatico digitale’ si sono tenute a Sesto San Giovanni mentre ad Arese quelle del ‘Meccanico’. Elaborate dai professori, le prove sono state decise in concerto con le imprese del settore. Una sfida che ha testato

{

i ragazzi sulle competenze acquisite nei tre anni ma anche sulle problematiche che si troveranno ad affrontare in un ambiente lavorativo. In palio un assegno di borsa di studio, che potranno utilizzare per investire

sugli studi futuri o per avviarsi al lavoro. Al termine della settimana di concorso, la giuria, formata dalle aziende che tradizionalmente collaborano con i Salesiani, ha decretato tre vincitori: Lorenzo Cargnelli di Udine, Nicolae Bubuioc da Torno Valdocco e Chiara Padovani, da Verona. «Per i ragazzi - affermano gli insegnanti - essere qui è già una soddisfazione, ogni istituto infatti sceglie solo gli alunni più meritevoli. La capacità di mettersi alla prova su materie pratiche e misurarsi con il mondo del lavoro è perfettamente in linea con l’impostazione educativa salesiana: già Don Bosco aprì, fra gli anni cinquanta e sessanta dell’ottocento, ben sei laboratori».

Manutenzione delle strade Via agli interventi

Un giardino in città intitolato a Don Luigi Sturzo

Alcune strade cittadine subiranno nelle prossime settimane alcuni interventi di manutenzione. Ad annunciarlo è stata l’amministrazione comunale, comunicando che i lavori sono partiti lo scorso 14 maggio. L’obiettivo è quello di eliminare dalle strade cittadine potenziali pericoli derivati dall’avanzato stato di usura dei manti stradali. Ingenti i fondi stanziati, di cui 200mila euro per gli interventi urgenti (a cui se ne sommeranno a breve altri 380mila dopo l’approvazione del rendiconto) e 400mila euro per altri interventi e per i marciapiedi.

Un giardino cittadino, fino a qualche giorno fa privo di una specifica denominazione, è stato intitolato a Don Luigi Sturzo. Si tratta dell’area verde posta tra le vie Magenta, Matteotti e Leopardi. La decisione di intitolarlo al sacerdote è stata proposta dall’assessore alle Attività produttive Maurizio Torresani, riconoscendo in lui la figura di un italiano che ha sempre difeso l’Italia. Lo scorso novembre a Roma si è chiusa la fase diocesana della sua causa di beatificazione. Proprio nella capitale il prete siciliano morì l’8 agosto del 1959.

}

‘DOMENICA IN GUERRA’

“il pubbliredazionale”

14 |

PER I NEGOZI DI VICINATO Scendere in strada e giocare. Non è un ricordo del passato, ma ciò che potranno fare i bambini domenica 20 a Sesto San Giovanni, nella festa ‘Domenica in Puricelli Guerra’. I commercianti della via hanno infatti organizzato una giornata all’insegna del divertimento e del gioco. «Con questo evento gratuito vogliamo vivacizzare il territorio. Si tratta di una festa a km zero, perché porteremo su strada i nostri negozi per offrire ai partecipanti laboratori e incontri interessanti», racconta Enza Lucchese del Caffè Matto. Sono tantissime e diverse tra loro le attività che si terranno lungo la via domenica, dalle 10 alle 22. Natura Bio organizzerà un evento sulle api; Vinintavola terrà un laboratorio

di riciclo e un incontro con il produttore per i genitori; Farina, che ha pensato anche a un laboratorio di biscotti, e Caffè Matto proporranno caffè a 0,50 centesimi; Bioandfood offrirà ai partecipanti un laboratorio di pasta, mentre Stefano sarà presente per fare barba, trucco e tatuaggi. Durante tutto l’arco della giornata inoltre i bambini potranno partecipare a Pompieropoli. «Abbiamo offerto ai pompieri di organizzare la loro festa nel nostro quartiere e così hanno organizzato percorsi per i bambini», continua Lucchese. A coronare la festa ci sarà lo street food e la musica, sia durante il giorno con Dj Steve che in serata. In caso di piogga la festa verrà rinviata a data da definirsi.


Cinisello Balsamo

17 maggio 2018

SALUTE :: AMF PRESENTA IL CONTO

Gli studenti in visita ai campi di sterminio

Farmacie Bilancio positivo

Nelle scorse settimane gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Cinisello Balsamo sono andati in visita ai campi di sterminio nazisti in Germania. Il pellegrinaggio in alcuni dei luoghi simbolo del nazismo, tra cui Gusen, Mauthausen e il Castello di Artheim dove sono state uccise migliaia di persone disabili, è stato organizzato nell’ambito delle iniziative dedicate alla Memoria, in una collaborazione tra il Comune e l’associazione nazionale degli ex deportati di Sesto San Giovanni e Monza (Aned) e Ventimila Leghe di Sesto San Giovanni.

+3,7% rispetto al 2016 di Noemi Tediosi I numeri parlano chiaro: le farmacie comunali di Cinisello sono in gran forma. La Multiservizi Farmacie SpA è l’azienda partecipata dal Comune di Cinisello, che gestisce 9 delle 19 farmacie presenti sul territorio. A differenza delle private, la particolarità delle farmacie comunali è la distribuzione degli utili al Municipio e l’investimento nelle attività del territorio che riguardano la salute degli abitanti. Il bilancio 2017, presentato martedì 15 maggio, mostra un’azienda sana, con un fatturato finale di 13,2 milioni di euro e un utile netto di 501mila euro. La crescita, di oltre

L’INIZIATIVA ::

3,7 punti percentuali rispetto al 2016, è dipesa soprattutto dalla fidelizzazione dei clienti: «In realtà la spesa specifica per i farmaci è diminuita - afferma Lino Lacagnina, amministratore unico dell’azienda - mentre ad aumentare è stata la clientela: al momento abbiamo 7mila famiglie ‘fedeli’ alle nostre farmacie». L’utile in crescita ha permesso anche di assumere quattro farmacisti e inserire in azienda due persone con disabilità. Inoltre, da giugno le farmacie 1 e 6 (rispettivamente in viale Rinascita e via Monte Grappa) testeranno l’orario estivo, rimanendo aperte fino alle 20,

quella di viale Rinascita poi, inizierà a sperimentare anche l’apertura domenicale. E le novità annunciate non finiscono qui: l’azienda aprirà uno shop online, dove si troveranno a prezzi ribassati alcuni tipi di farmaci e la farmacia 5, su viale Fulvio Testi, verrà completamente ristrutturata. «Il bilancio delle farmacie comunali - chiosa Sebastiano Di Guardo, direttore generale - mostra che anche le aziende pubbliche, se gestite in modo attento, non devono per forza ‘galleggiare’ ma possono raggiungere eccellenti risultati, anche se soggette a restrizioni maggiori».

3 GIUGNO, VIA ALLE ISCRIZIONI

IN PROGRAMMA IL

| 15

‘Ciny Hunter’ A caccia del tesoro Le vie di Cinisello sono pronte a ospitare una grande caccia al tesoro che coinvolgerà tutta la città. L’iniziativa, in programma domenica 3 giugno a partire dalle 14, è stata organizzata da Arci La Quercia ed è riservata a squadre da un minimo di 2 a un massimo di 4 persone. Per partecipare a ‘Ciny Hunter’ è necessario semplicemente avere uno smartphone con connessione internet. La quota di partecipazione è di 20 euro a squadra, se versata entro il 27 maggio, 25 se pagata direttamente il 3 giugno.

Svedesi e bulgari a Cinisello Balsamo

Il programma europeo Erasmus+ colpisce ancora. Non solo permette agli studenti universitari di viaggiare in tutta Europa, ma a Cinisello Balsamo ha portato persino 6 operatori giovanili provenienti dal comune di Södertälje (in Svezia) e da quello di Stara Zagora (Bulgaria). Gli operatori sono arrivati il 14 maggio e rimarranno fino a domenica 20. Accompagnati da Elisa Scardoni, operatrice giovanile della città, i ragazzi visiteranno le principali realtà imprenditoriali giovanili di Cinisello e Milano, oltre a prendere parte alle attività di alternanza scuola lavoro condotte da Eurodesk, a conoscere gli assessori del comune e le associazioni attive sul territorio. N.T.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE

Se vuoi ospitare un punto PUNTI A distribuzione CINISELLO de Il Gazzettino telefonaci allo

02.83.41.32.90

GRATUITA

ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

• Oil one - Via San Denis 1 • Pasticceria Pan Bar Andrea - Via XX Settembre • Sala Assicurazioni - Piazza Gramsci 31 • Tabaccheria De' Tre Pozzi - Piazza Costa 43 • Pasticceria Costa - Piazza Costa 20 • Bar Gelateria Crema & Cioccolato - Via Frova 34 • Panificio Colombo - Via Libertà 13 • Caffè I Portici - Piazza Gramsci 19 • Bar Zem - Piazza Gramsci 58/A • Colors Solarium Estetica Tatoo - Via Dante 40 • Independent Smoke - Piazza Italia • Parrucchiera Nadia e Lorena - Via Baracca 11 • Studio Musto Caf e Amministrazioni condominiali - Via Monte Santo 3/5 • Bar Milanino - Via I° Maggio, 25 • Think Independent per la tua casa - Via Liberta' 68 ang. Via Dante • Sara Assicurazioni - Via Aurora 9 • Tigella Bella - Via Manzoni 42 • Bar Tabacchi Ribot - Via Risorgimento 6 • Bar Garibaldi - Via Garibaldi 39 • Bar Tabacchi - Via Garibaldi 20 • Colo's Cafè - Via XXV Aprile 20 • Bottega del Gelato - Via XXV Aprile 38 • Da Vito - Via Risorgimento 90 • Nuovo Forno sas - Via Risorgimento 6 • Farmacia Risorgimento - Via Risorgimento 90 • Bar Marilyn - Via Risorgimento 51 • Automobile Club D'Italia - Via Appiani 2 angolo Via Risorgimento

• Farmacia - Via Libertà 71 • Bar Gioia sas - Via Libertà 45 • Panificio Colombo - Via Libertà 13 • Tropical Cafe' - Via Libertà 86 • Il Caffè della Piazza - Piazza Gramsci 42 • Nevada snc - Via Frova 24 • 45 Studio Arch. Daniele Digiuni - Via Frova 5 • Cooperativa la Nostra Casa - Via Garibaldi 21 • RM Gomme - Via Abramo Lincoln 129 • AMF Farmacia Comunale 4 - Via Gran Sasso 30 • Planet Bar Pizzeria - Via Gran Sasso 21 • AMF Farmacia Comunale 3 - Via Guglielmo Marconi 121 • Bar Tre Stelle - Via per Robecco 94 • Airone 2 Bar e Caffe - Viale Fulvio Testi 140 • Cafè Carducci Virzi Salvatore - Via Carducci 2 • Bar Freddi - Via Beato Carino 5 • Centro Ortopedico Rinascita - Via Lincoln 1 • La bottega del vino - Enoteca - Via per Bresso 236 • VG Estetica - Via XXV Aprile 51 • Ristorante Fratelli d'Italia - Via G. Matteotti 72 • Pizzeria Odissea 21 - Piazza Andrea Costa 37 • Gran Brianza s.n.c. - Via Monte Grappa 129 • Unipolsai Assicurazione - Via Frova 1 • Matteotti ristorazione-pizzeria-self service - Via Matteotti 27/29 • TAG - Via Matteotti 27/29 • Piscina Costa - Via Meroni Pietro, 32


16 |

17 maggio 2018

Notizie

Cinisello Balsamo

ATTUALITÀ :: STEFANO BOERI IN VISITA AL MUSEO

BUON COMPLEANNO ROSE’N GOLD

Centri estivi Iscrizioni aperte

:: Fino al 20 maggio sarà possibile presentare la domanda per l’iscrizione ai centri ricreativi estivi organizzati dal Comune. La proposta è dedicata alla fascia d’età che va dai 3 ai 14 anni. A partire da quest’anno per usufruire di tariffe agevolate le famiglie potranno acquistare fino a 4 voucher settimanali per ogni minore, spendibili presso i centri stessi. Le informazioni sul periodo e sui costi sono disponibili sul sito del Comune.

::

Casiraghi ‘Fuoriclasse’

C’era anche il liceo Casiraghi di Cinisello Balsamo tra i finalisti di ‘Fuoriclasse’, il quiz letterario iniziato a novembre e conclusosi a Milano, alla fondazione Feltrinelli. In totale sette classi provenienti da tutta Italia che si sono sfidate su diversi argomenti per vincere libri e buoni d’acquisto di libri.

Un patto per la cultura Mufoco e Triennale confermano l’accordo di collaborazione È stata una visita a sorpresa, quella dell’archistar Stefano Boeri, che lunedì 14 maggio è arrivato al Museo della Fotografia Contemporanea. Boeri, architetto di fama mondiale e ‘padre’ del celebre Bosco Verticale, è il neo presidente della Triennale di Milano. L’incontro era volto ad accertare che l’accordo stipulato nel 2016 con l’istituzione milanese fosse ratificato. All’arrivo di Boeri infatti è seguita una riorganizzaione interna che ha portato anche un nuovo direttore: Carlo Morfini. Da due

anni, Triennale è entrata nella compagine della fondazione ed è socia a tutti gli effetti del museo. Ciò significa che i due hanno lo stesso direttore, il Mufoco collabora con Triennale nell’organizzazione e allestimento di alcune mostre fotografiche e lo spazio milanese versa come contributo al Mufoco 200mila euro all’anno. E Boeri è stato ottimista: «Il Mufoco non è una scatola chiusa ma un polo attivo cruciale per la metropoli - ha sottolineato -. La relazione è fra le due realtà deve continuare e migliorare il più possibile». Noemi Tediosi

“il pubbliredazionale”

FLASH

È sul territorio di Cinisello Balsamo da poco, ma ha già conquistato la clientela con abbigliamento di qualità e scarpe e accessori alla moda: il negozio Rose’n Gold di piazza Turati 12, angolo via Dante Alighieri, sta per compiere un anno. «Abbiamo deciso di intraprendere quest’avventura perché volevamo fare un lavoro per il quale alzarci motivate ogni giorno», raccontano le due titolari, Gaia Galbiati e Sasika Moschetti. Amiche sin da piccole, le due ragazze di Cinisello hanno aperto il negozio lo scorso maggio e la sinergia tra loro ha conquistato i clienti, come confermano le molte e positive recensioni. «La nostra clientela, affezionata o occasionale, non viene solo da Cinisello ma anche da fuori città». Ad attrarre è anche la collezione di costumi Sontèn, disegnata dall’influencer Oscar Branzani, che è stato anche ospite dell’attività. Rose’n Gold infatti è l’unico negozio della zona a vendere questa marca di costumi. In questi primi mesi Gaia e Sasika hanno saputo accogliere la clientela con la loro cortesia e la qualità dei prodotti. «Di questo primo anno, nonostante le normali difficoltà, non possiamo che tracciare un bilancio positivo, e siamo pronte a festeggiare con tutte le nostre clienti il nostro compleanno», hanno concluso le proprietarie.


PubblicitĂ

17 maggio 2018

|

17


Bresso 18 | 17 maggio 2018 SCIENZA :: IL VIA ALLA TERZA EDIZIONE DI OPEN ACCELERATOR, IL PROGRAMMA PER LE STARTUP

Una ‘bolla’ in aiuto della ricerca Il bando di Zambon scade il 10 giugno di Gaia Caracciolo Nel territorio bressese e nel Nordmilano è già considerata una realtà di primaria importanza, quella del campus Open Zone di Zambon. Con la recente approvazione del progetto che porterà il campus a raddoppiare le proprie dimensioni, Bresso si propone sempre più come centro nevralgico per la scienza e la ricerca in campo scientifico. La ‘bolla’ Oxy.gen, con i percorsi didattici e gli appuntamenti all’insegna della divulgazione scientifica che vi vengono realizzati. Ma presto, a Bresso, potranno arrivare molte altre eccellenze, quelle che parteciperanno alla terza edizione di Open Accelerator, il cui bando scade il prossimo 10 giugno. Attraverso la sua divisione Zcube, Zambon infatti ha appena lanciato un programma

internazionale per startup dedicato alle aree terapeutiche del sistema nervoso centrale e respiratorio. «Il progetto si delinea come una ‘palestra’ per aiutare i ricercatori a portare le loro idee fuori dai laboratori affinché diventino opportunità per migliorare la vita dei pazienti», ha commentato Elena Zambon, presidente di Zambon Spa. Open Accelerator si svolgerà proprio all’interno del campus bressese, dove ricercatori e scienziati di tutto il mondo potranno sviluppare il loro progetto e ottenere fino a 100mila euro di fondi. Un’iniziativa internazionale che rende Bresso una città nota non solo per il grande Parco Nord, ma anche per l’alto livello di tecnologia e scienza che si respira tra le sue strade.

Iso Rivolta, via agli eventi E iniziano anche i cantieri È finalmente arrivato il momento dell’inizio dei lavori che trasformeranno i capannoni Iso in un centro di aggregazione sociale e di cultura. Il cantiere sta partendo proprio in questi giorni e i lavori si protrarranno per circa 300 giorni, finanziati dal bando Cariplo e dai fondi stanziati dal Comune. A inizio mese intanto i muri della galleria sono stati decorati da murales e disegni che illustrano la riconversione degli spazi. Nel frattempo continuano i workshop artistici organizzati dalle scuole civiche di Bresso: il prossimo appuntamento sarà domenica 27 maggio, con un evento dedicato alla danza e all’Aikido, nella palestra della scuola di danza.

Si rifiuta di pagare al bar Minacciata con un coltello Una spiacevole vicenda che avrebbe potuto trasformarsi in una tragedia. Settimana scorsa a Bresso una donna è stata rinchiusa in un bar del centro e minacciata con un coltello dal gestore dell’attività. A scatenare la reazione dell’uomo il fatto che la donna, dopo aver consumato delle bevande, si era rifiutata di pagarle. È risultato che la cliente lo avesse già fatto in passato ed era anche stata denunciata per truffa. Il gestore è stato denunciato per minacce e lesioni, mentre la donna è stata medicata all’ospedale Bassini per le contusioni riportate.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

Se vuoi ospitare un punto distribuzione de Il Gazzettino telefonaci allo

02.83.41.32.90

PUNTI A BRESSO

• Pescheria Catanese - Via Roma 55 • Piscina Paolo Foglia - Via Luigi Strada • Cafe' Portici - Via XXV Aprile 41 • Lavanderia Non Solo Bolle - Via Marconi 24 (c/o City Center) • Antigua Caffe' - Via A. Villa 10 • Bar Madama cafe' di Roda snc - Via dalla Chiesa 1 angolo V. Veneto • Fioraio Signorelli - Via Cavour 7 • Panificio pasticceria caffetteria Mana - Via Vittorio Veneto 24 • Bar pizzeria Eden - Via Centurelli 18/a • Lav@sciuga - Via Manzoni 17 • Il pane per tradizione - Via Manzoni 19 • Aquiloni Park - Parco giochi al coperto

- Via Carolina Romani, 1 • Fratelli Li - La fabbrica dei sapori - Via Vittorio Veneto,109 • Panificio Villoresi di Turturro Francesco - Via Villoresi • Panetteria Mariani - Via De Amicis 8 • Associazione Funny Time - Via Marconi 44 • Supercarni - Via Roma 16 (Fronte Comune) • Bresso Tabacchi - Via Papa Giovanni XXIII, 14 • Wang bar ristorante italo cinese - Via Ambrogio Strada, 56 •Lavanderia Dacor - Via L. Da Vinci, 21 • Aero Club Milano Lounge Coffe & Restaurant - Via A. Gramsci, 1 • Piscina Gestisport - Via Luigi Strada • Paticceria Dolce Mania - Via San Giacomo, 10


Bresso

17 maggio 2018

| 19

Bresso Giovani: i tornei in oratorio Torna in città un appuntamento amato dai giovani e dalle famiglie: ‘Bresso Giovani’, il torneo sportivo di calcio, basket e pallavolo che ogni estate viene organizzato dagli oratori cittadini. Il 15 e 16 giugno nell’oratorio Madonna della Misericordia

IL PROGETTO ::

si terranno i tornei di calcio femminile e di basket, più contenuti nei tempi rispetto al passato ma con l’oratorio interamente dedicato a queste attività; durante tutto il mese invece ci saranno invece i tornei di pallavolo misto, pallavolo e

calcio maschile per le medie. Ogni torneo ha diverse indicazioni per l’età degli iscritti, così da creare squadre e partite equilibrate. Le iscrizioni saranno aperte fino al 3 giugno nel bar dell’oratorio San Giuseppe.

ALLA SCUOLA ELEMENTARE KENNEDY LA TECNOLOGIA MIXED VIRTUAL REALITY

La realtà virtuale approda in classe

Permette un metodo innovativo di apprendimento di Gaia Caracciolo Alla scuola elementare Kennedy, che fa parte del complesso di via Don Sturzo, è da poco apparsa un’aula speciale, dedicata alla Mixed Virtual Reality. Si tratta di una realtà simulata che differisce dalla classica realtà virtuale in cui lo spettatore assiste allo spettacolo, ma anzi permette di interagire, esplorare e modificare la realtà che si visualizza attraverso un visore: un progetto innovativo che arriva per la prima volta nelle classi elementari. «La Mvr permette agli alunni di trovarsi in una realtà in tre dimensioni. Ad esempio, con i programmi che sono stati acquistati, i bambini possono sezionare il cuore, studiare il meccanismo della respirazione, dipingere e visitare la galassia avvicinandosi ai pianeti», racconta Emanuela Salamina, docente responsabile delle tecnologie e

promotrice del progetto. Ogni anno il comitato genitori mette a disposizione alcuni fondi per i progetti didattici proposti dalle insegnanti. E quest’anno ha finanziato interamente anche questa tecnologia, acquistando il computer, il visore e ristrutturando l’aula, permettendone così l’utilizzo come metodo di apprendimento. «È un’integrazione al tradizionale metodo didattico - ha spiegato Alessandro Bruno, presidente dell’associazione Genitori -. Il bambino che indossa il visore e utilizza i telecomandi può esplorare il mondo in 3D, ma anche gli altri sono coinvolti grazie al proiettore che mostra luoghi come i monumenti di Roma o sulle cime del Machu Pichu». In questa prima fase sperimentale, fino a giugno, sono

gli studenti più grandi a utilizzare la Mvr, ma da settembre il progetto verrà ampliato a tutte le classi. «I bambini sono entusiasti di quello che sembra un gioco, ma è di fatto un modo innovativo e coinvolgente di fare lezione. La docente Salamina sta tenendo dei corsi di aggiornamento agli altri insegnanti, perché vogliamo che presto tutti i professori la utilizzino», ha concluso Maria Angela Mollica, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo.


20 |

17 maggio 2018

PubblicitĂ


Cusano Milanino

17 maggio 2018

ECONOMIA :: 100MILA EURO PER IL BILANCIO PARTECIPATO

Cusano cerca progetti ‘dal basso’

Un mese per le proposte, a settembre il voto

Notizie FLASH Erba: ritardi sui tagli

:: Con le allergie primaverili che imperversano, i problemi nel taglio dell’erba a Cusano non sono una buona notizia, ma lasituazione èin via di risoluzione. Le temperature delle ultime settimane, calde e umide, hanno fatto crescere rapidamente l’erba, che è in corso di taglio dal 20 aprile e ha subìto un rallentamento. Una volta terminato il primo taglio, in questa settimana, l’amministrazione comunale ha predisposto l’immediato inizio del taglio successivo (ne sono previsti sette all’anno), per evitare che l’erba cresca eccessivamente e provi disagi ai cittadini.

di Noemi Tediosi Debutta per la prima volta nel 1989, a Porto Alegre, l’idea del bilancio partecipato, che chiama i cittadini a collaborare attivamente allo sviluppo della politica municipale. Dal Brasile è arrivata a Cusano Milanino, che da ora mette 100mila euro a disposizione del proprio bilancio, per realizzare idee proposte dai residenti. «Durante la prima fase dell’iniziativa spiega Mario Zanco, assessore al Bilancio -, si ascolteranno i progetti dei cittadini, per questo abbiamo fissato tre appuntamenti:

CULTURA ::

il 23 maggio a Milanino, il 24 a Cusano e il 4 giugno nel quartiere Monte Grappa». Il 30 giugno si conclude la fase di ascolto, e le mozioni che passano il filtro dei tecnici comunali saranno sottoposte al voto. «Solitamente - afferma Erica Melloni, dell’istituto Ricerca Sociale - le proposte che riceviamo riguardano la messa in sicurezza di aree verdi e giochi per i bambini». I progetti possono essere relativi solamente a beni di proprietà del Comune e puntano a evidenziare i bisogni dei cittadini: «In una

fase successiva - precisa Melloni - si organizza una giornata di discussione aperta a tutti per modulare i progetti in modo che rispondano alle esigenze emerse». Si vota a settembre, in modalità elettronica oppure direttamente ai banchetti disposti in città. In questa prima fase invece, gli sviluppi sono pubblicati sul sito: www.cusanomilaninopartecipa.it. Inoltre, gli abitanti hanno l’opportunità di organizzare autonomamente assemblee per consultarsi e decidere i progetti da presentare.

IN BIBLIOTECA IL CONCORSO LETTERARIO

Io scrittore Il contest cusanese

Una giornata dedicata alla scrittura, che darà spazio agli autori di racconti, saggi e romanzi scritti dai cusanesi e non. Il prossimo 26 maggio la biblioteca Maraspin ospiterà la nuova edizione della maratona letteraria ‘Io Scrittore’, in cui gli autori leggeranno i loro scritti, presentati dai bibliotecari. La maratona di lettura sarà intervallata dalla rappresentazione di brani musicali. In questa edizione spazio anche ai più piccoli, che il 18 maggio alle 17 potranno partecipare allo spettacolo ‘Incanti! Storie di libri e altre magie’.

::

Visita guidata al Bunker

In visita a un luogo particolare che rappresenta la nostra storia e il nostro passato: l’associazione Amici del Milanino ha organizzato per sabato 19 maggio una visita guidata nell’ex Bunker Breda che si trova all’interno del Parco Nord. I soci partecipanti potranno conoscere gli avvenimenti della Seconda Guerra Mondiale che hanno toccato da vicino il Nordmilano grazie alla guida e alle spiegazioni della dottoressa Alessandra Miccoli. Il Bunker Breda è un luogo storico della zona che viene aperto periodicamente per incontri di questo tipo.

|

21

LA GARA

Stramilanino Grande festa dello sport nelle scuole È l’appuntamento più atteso dell’anno a Cusano Milanino, da sempre organizzato con cura e attenzione. La Stramilanino è il tradizionale evento sportivo dedicato aragazzi, genitori e insegnanti che ogni anno viene organizzata dal Comitato Genitori. Per la più grande festa dedicata alle scuole, il Comitato quest’anno ha scelto la data di domenica 3 giugno. La manifestazione è una gara non competitiva a passo libero che si svolge tra le vie della città ed è da sempre un appuntamento volto a stimolare la condivisione e il divertimento, oltre che a diffondere la cultura dello sport. Sono i giovani i veri protagonisti della Stramilanino, ma anche quest’anno l’invito è esteso ad amici, parenti, insegnanti e appassionati di sport. Nessun agonismo, solamente l’occasione per stare insieme e partecipare a un appuntamento diventato storico e che negli ultimi anni ha attratto più di mille partecipanti. Per essere della partita, si può contattare la mail info@genitoricusanomilanino.it. G.C.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

Se vuoi ospitare un punto distribuzione de Il Gazzettino telefonaci allo 02.83.41.32.90

PUNTI A CUSANO

• Bar Cristallo - Via Matteotti 7/B • Size Cafe' - Viale Matteotti 43 • Mondo Gelato - Via D'azeglio 4 • Bar 28 - Via Cooperazione 2 • Ristorante Il Gabbiano - Via M. D'Azeglio 4 • Senza Fondo Cafe' - Via Sormani 57 • Civico 41 - Via Alessandrina 41 • Barissimo - Via Mazzini 17 • Sale e Zucchero - V.le Matteotti, 39/C • Prestige - V.le Matteotti 18 • Bar Brothers - Via Sormani 24 • Fotodigital Discount - Via Sormani 24 • Gran Cafe' Gi.L.Gi.Sas - Via Mazzini 11 • Punto Simply - Viale Buffoli, 35 • Q8 - Via Seveso • Locanda Caffe' - Via Zucchi, 20 • Milu' Caffe' - V.Le Marconi, 2

• Tintoria Arcadi Giuseppe - V.le Cooperazione, 43 • Panificio Oliva - Via Matteotti, 27/D • Farmacia Paltrinieri - Viale Cooperazione, 20 • Il mondo senza glutine - Viale Cooperazione, 20 • Colo's Restaurant - Via Sormani, 119 • Ambulatorio medici associati - Viale Matteotti 28/a • Bar Motta di Mazzoran A. & C. - Viale Cooperazione 3 • Studio Roentgen - Via Sormani, 67 • Mino Bistrot - Via Sacco e Vanzetti (Stazione Nord Cusano)

• Panificio la briciola - Via Manzoni, 5 • Ghezzi cicli - Via Marconi, 68 • Il Cafferino - Via Omodei, 5 • Centro estetico Donna Chic - Via Isonzo, 8 • Beauty Lu - Via Marconi,16 • Fattoria degli Animali - Viale Cooperazione, 54 • Agenzia Mazzini 17 Re - Via Mazzini 17


22 |

17 maggio 2018

I campus estivi di basket e tennis Si terrà a Cusano Milanino dall’11 al 29 giugno un camp dedicato interamente ai giovani e a due sport molto amati: il tennis e il basket. Il corso di tre settimane, organizzato dal Csc Sporting Milanino, sarà aperto a tutti i ragazzi nati dal 2004 al 2011. L’obiettivo di questo camp ad alta specializzazione è quello di aiutare i partecipanti a migliorare tecnicamente nello sport, ma favorendo sempre la parte di divertimento e gioco, attraverso attività mirate e divertenti. Nel programma, oltre agli allenamenti con i coach e i preparatori fisici, ci saranno anche camminate quotidiane. Le iscrizioni sono aperte e attendono giovani appassionati.

Cusano Milanino

L’EVENTO :: APPUNTAMENTO DAL 25 AL 28 MAGGIO

Giochi e show Milanino è in festa Ipsia: Alunno minaccia il professore

Una gita a Verona per assistere alla Turandot

di Gaia Caracciolo

Il comune di Cusano promuove una bella iniziativa per gli amanti dell’opera e dell’arte, organizzando insieme all’associazione I Tigli un viaggio a Verona in occasione della rappresentazione dell’opera lirica ‘Turandot’. Per assistere all’opera di Giacomo Puccini, composta nel 1924, alla storia di Turandot e della ricerca di un marito che sappia risolvere i suoi indovinelli, in programma all’Arena di Verona il prossimo 30 giugno, i cittadini interessati potranno contattare l’associazione al numero 0261359364 o il Comune. La partecipazione prevede il viaggio in pullman e i biglietti per lo spettacolo sulle gradinate del grande teatro.

Lunedì lo spettacolo pirotecnico Si terrà dal 25 al 28 maggio la tradizionale ‘Festa del Milanino’, organizzata dalla comunità pastorale Madonna della Cintura e quest’anno patrocinata dall’assessorato alla Cultura. Le celebrazioni religiose si terranno nei quattro giorni e culmineranno con la processione di lunedì 28 maggio alle 19.15 lungo viale Buffoli. Ma i cusanesi potranno anche assistere a concerti, curiosare tra le bancarelle e mangiare ai food truck parcheggiati nell’oratorio San Giovanni Bosco, sede degli eventi. Si comincia la sera del 25 con musica dal

vivo; sabato 26 alle 16.30 si terrà il laboratorio creativo ‘Atelier Sotto Sopra’, alle 20 si esibiranno i ‘Wild 4’ e in seguito ci sarà musica per i più giovani. Domenica 27 lungo viale Buffoli saranno installate le bancarelle della Fiera di Milanino, mentre nel pomeriggio si terranno laboratori di gioco, spettacoli di magia e altra buona musica. Il 28 ci sarà l’estrazione della lotteria e, dopo il concerto ‘Rock and Blues’, il grande spettacolo pirotecnico che chiuderà queste celebrazioni tanto attese dai cusanesi.

Tra video diventati virali e racconti di studenti, il bullismo è ormai un tema dibattuto e purtroppo molto attuale. Un episodio increscioso si è verificato nelle scorse settimane anche a Cusano Milanino, nella scuola Ipsia Carlo Molaschi, tra uno studente diciannovenne tornato a scuola dopo una lunga assenza e uno dei suoi docenti. Il professore, dopo aver chiesto al ragazzo un certificato che giustificasse l’assenza, è stato minacciato davanti ai colleghi e ad altri alunni. Come provvedimento disciplinare il ragazzo è stato sospeso per 15 giorni, mentre in un secondo momento ha ricevuto una denuncia per minaccia e oltraggio a pubblico ufficiale. Un atto dovuto, come ha spiegato il professore, per far capire la gravità del fatto al ragazzo, che ha anche aggiunto che il docente fuori da scuola non sarebbe stato protetto.


PubblicitĂ

17 maggio 2018

| 23


24 |

17 maggio 2018

MADE in NORDMILANO CERIMONIE

Le dritte Il modello e il colore ideale per ogni sposa

L’abito dei sogni perfetto per le nozze

Per chi ha un fisico a clessidra meglio lo stile ‘sirena’. Chi invece ha un corpo a rettangolo dovrebbe prediligere ricami e volant di Gaia Caracciolo

o sogniamo sin da piccole, ci proviamo quello della mamma e ci immaginiamo danzare tutto il giorno come in un sogno: l’abito da sposa è uno degli elementi più speciali del matrimonio, ma sceglierlo non è così semplice. Oltre alle tendenze del periodo, l’abito va scelto in base alla propria fisicità e personalità. Il giorno del matrimonio è unico ed è fondamentale che la sposa si senta bene con se stessa. Per questo l’abito deve rispecchiarne il carattere. Se si è tradizionaliste l’ideale è il classico bianco con strascico e velo; se ci si sente più romantiche, si potrebbe optare per l’abito da principessa, con corpetto stretto in vita e gonna ampia, realizzato con tessuti preziosi, come pizzo e tulle. Le più riservate potrebbero invece indossare un vestito aderente o stile impero, meno appariscente ma elegante, in seta o raso. I colori, per gli inserti o per l’intero capo sono adatti alle spose più eclettiche e estroverse, mentre per quelle che vogliono essere più sensuali, al momento fanno tendenza gli inserti trasparenti nel bustino. E parlando di colore, le spose sanno che non esiste un’unica tonalità di bianco. Il più utilizzato per gli abiti da sposa è il bianco avorio, che tende al panna, mentre chi preferisce il banco vero e proprio deve optare per il bianco ottico. Per quanto riguarda il

L

modello invece, va tenuta in considerazione anche la forma del proprio corpo. L’abito adatto per un fisico a clessidra, con la vita sottile, è quello a sirena, che mostra la forma sinuosa del corpo; se accompagnato da una cintura, ancora meglio. Per chi invece ha forme più rotonde sui fianchi e le gambe, è meglio scegliere un abito dal corpetto aderente ma lavorato, che attiri l’attenzione, con una gonna ampia e scivolata. Se invece non volete porre l’accento sul busto e sulla pancia, la scelta migliore è lo stile impero, con il taglio sotto il seno, che camuffa il fisico e mostra il décolleté. Per chi ha un fisico a rettangolo, e cioè privo di curve, l’obiettivo dell’abito è crearle, attraverso ricami e volant sulla gonna o gonne che si allargano sotto la vita; da evitare vestiti sottili e aderenti. Lo stesso vale per i corpi muscolosi, in questo caso si dovrebbe optare per abiti scivolati e tubolari. Valorizzare la gonna può essere la soluzione anche per chi vuole distogliere l’attenzione dalle spalle ampie. Infine per le donne di statura più piccola, meglio evitare abiti pomposi e optare invece per quelli asciutti ma con scolli particolari, oppure a sirena, stando attente che lo strascico non sia troppo lungo e schiacci la figura. Le più sbarazzine, infine, potranno scegliere anche un abito corto.

look

Aacconciatura e makeup per prepararsi al grande giorno


MADE in NORDMILANO CERIMONIE

17 maggio 2018

|

25

Per lui Abbigliamento per lo sposo

Smoking o tight Ecco come decidere di Gaia Caracciolo

a scelta dell’abito dello sposo non è semplice come si potrebbe pensare. Ci sono infatti norme del galateo che indicano come deve vestirsi nel giorno del matrimonio: con un abito adatto al proprio stile, alla propria fisicità, al tipo di cerimonia e coordinato ai gusti e quindi, presumibilmente, al vestito della sposa. Per quanto riguarda la corporatura, i vestiti slim sono adatti ai fisici asciutti; per i fisici esili, meglio le giacche a doppio petto, mentre i più robusti dovrebbero evitare i colori chiari; per slanciare la figura invece si possono utilizzare giacche a due o tre bottoni. L’abito più utilizzato è quello classico, grigio, per l’inverno, o blu, per la primavera e l’estate, o il nero da accompagnarsi con una camicia bianca. Il tight si può utilizzare

L

Per completare il look della sposa, il trucco e l’acconciatura sono fondamentali e vanno studiati con cura, ma non prima di aver acquistato l’abito, perché devono adattarsi allo stile del vestito. La pelle deve essere idratata e curata, già prima del grande giorno, con scrub e maschere purificanti. È necessario fare una prova trucco, per verificare l’effetto finale e testare i prodotti. Che decidiate di truccarvi da sole o con l’aiuto di un makeup artist, non create mai effetti lucidi sulla pelle, che risulterebbero innaturali nelle fotografie. I colori da utilizzare per labbra e occhi sono quelli neutri, come bronzo, rosa e malva, ma le spose che indossano abiti colorati possono optare anche per tonalità più accese. Da non dimenticare il romantico tocco di blush sulle guance e il mascara nero. Per i capelli invece, bisogna partire dalla forma del volto: se è ovale, potete spaziare, ma se il viso è tondo meglio optare per chignon morbidi o un semi raccolto che dia verticalità; per i visi allungati, ottimo il capello sciolto; il mosso è adatto per i visi quadrati, la frangia per chi ha la mascella più ampia e i tagli pieni che coprono le guance per chi ha fronte ampia e mento appuntito. Per chi ama i raccolti inoltre, il classico è sempre lo chignon elegante, ma ultimamente piacciono molto anche le teste ‘libere’: onde morbide impreziosite da qualche ciocca più chiara, trecce utilizzate come cerchietto oppure code basse dal finto effetto spettinato, con inserti floreali, sono le acconciature più diffuse tra le spose di oggi. G.C.

solamente per cerimonie formali di giorno, fino alle 18, e se lo indossa lo sposo, devono farlo anche padre, fratelli e testimoni. Per i più estrosi, una soluzione è il damascato. Il frac, adatto per eventi prestigiosi di sera, e lo smoking, per eventi mondani, sono sconsigliabili per i matrimoni. Per quanto riguarda i colori, il bianco è adatto solo per le cerimonie in spiaggia (rigorosamente senza scarpe), mentre i colori pastello sono di moda per le location esterne in estate. Le scarpe devono essere sempre nere. Per risaltare tra tutti gli uomini inoltre lo sposo può arricchire l’outfit con un fazzoletto da taschino personalizzato, una butonnière abbinata ai fiori del bouquet della sposa oppure una cravatta, allacciata con un nodo particolare.


26 |

MADE in NORDMILANO CERIMONIE

17 maggio 2018

L’idea Bomboniere e partecipazioni ‘equo’

Il matrimonio in formato ‘solidale’ Circuiti come NozzEtiche creano un network tra sposi e fornitori, valorizzando il concetto di sostenibilità

di Gaia Caracciolo

rganizzare un matrimonio è un grosso impegno, seppur molto felice ed emozionante: tra abiti, ristorante e bomboniere gli elementi sono tantissimi e sempre più sposi si rivolgono a wedding planner e agenzie affinché li aiutino a rendere perfetto il loro giorno. L’organizzazione delle nozze rappresenta, tra l’altro, anche una grossa spesa. Per questo, sta prendendo piede l’idea di trasformare quell’investimento in un’opera solidale. Ci sono le bomboniere e le partecipazioni realizzate a mano da ragazzi con disabilità, quelle che offrono la possibilità di devolvere la spesa a realtà no profit. Poi gli abiti da sposa che diventano ‘equo’, utilizzando tessuti naturali. La solidarietà oggi non è solo aiutare direttamente chi è più svantaggiato, ma compiere quotidianamente scelte consapevoli e il momento del matrimonio

O

è quello più adatto per condividere la propria felicità con il prossimo e con l’ambiente. In questo contesto si inserisce ad esempio il circuito ‘NozzEtiche’, un network che mette in contatto gli sposi con diversi fornitori, valorizzando il concetto di matrimonio sostenibile. Tutto questo, attraverso la relazione con società attente ai valori etici. Una delle aziende che fanno parte di ‘NozzEtiche’ si trova sul territorio sestese ed è Il Cantilabo, negozio di via Curiel, specializzato in bomboniere, gioielli d’artigianato, piccolo arredo e oggettistica. Le due titolari, Vincenza e Monica, operano nella onlus sestese La grande casa, attiva sul territorio da trent’anni, e diffondono la cultura della solidarietà. «Facciamo parte di un sistema che offre agli sposi un pacchetto completo, grazie a società accomunate dall’attenzione

verso il prossimo - spiega Vincenza -. Alcune aziende vendono fedi in oro da miniere che non sfruttano i lavoratori, o fotografi che utilizzano carte per la stampa che non danneggiano l’ambiente». Al Cantilabo, un progetto nato in una cantina-laboratorio, vengono realizzati articoli fatti a mano, tra cui bomboniere con elementi di riciclo. Tutto il ricavato viene devoluto alla onlus La Grande Casa. Le bomboniere sono realizzate a km zero, e sostengono progetti legati al territorio: il ricavato è stato utilizzato ad esempio per offrire ai giovani ospiti della cooperativa una piccola vacanza o per una raccolta fondi per le donne vittime di violenza. «I clienti che si rivolgono a noi possono scegliere a quale progetto della cooperativa destinare i soldi e possono ricevere foto del progetto a cui hanno contribuito, perché la nostra attività è concreta», conclude la titolare.


MADE in NORDMILANO CERIMONIE

17 maggio 2018

| 27


28 |

17 maggio 2018

PubblicitĂ


17 maggio 2018

29

Festa culturale a Bresso

Cultura &

Laboratori, giochi e tanto altro. Bresso si prepara a un pomeriggio di festa, in programma venerdì 18 maggio dalle 16.30 alle 18.30. L’appuntamento è al centro specialistico Iris, in via Mattei 2 a Bresso. L’evento è organizzato dall’amministrazione in collaborazione con Ipis.

Tempo libero KERMESSE ::

|

DAL

18 MAGGIO PRENDE IL VIA LA RASSEGNA ‘PIANO CITY’

Eventi

IN BREVE

Milano si racconta sugli ottantotto tasti

Supermamme al Vulcano Una giornata tutta dedicata ai bambini, quella di domenica 20 maggio al Centro Commerciale Vulcano. Organizzata dal gruppo Supermamme di Sesto, si terranno dalle 9 alle 21, 12 ore di spettacoli, esibizioni e animazione per tutta la famiglia. Faranno la loro parte anche 10 piccoli commercianti di Sesto, che saranno presenti con gli stand all’interno del centro. «I genitori che fanno la tessera Supermamme - spiega Chiara Di Canio, del gruppo sestese possono usufruire degli sconti nei negozi della città, e stiamo lavorando per una collaborazione anche con i negozi del centro commerciale». N.T.

Gli Astrofili a Cinisello

Il Gruppo Astrofili di Cinisello Balsamo ha reso note le date degli appuntamenti di maggio e giugno. Primo appuntamento il 18 maggio alle 21.30 nella sede di via Beato Carino 4. Il titolo sarà ‘L’astronomia islamica’. Si prosegue il 25 maggio nell’auditorium del Pertini con la conferenza: ‘Luna, stelle e druidi, la scienza Archeoastronomica’. Il calendario degli eventi è disponibile sul sito internet del gruppo.

Scuola sotto le stelle L’assessorato alla Cultura di Cusano, in collaborazione con gli istituti comprensivi Fermi, Papa Giovanni XXIII e il comitato genitori, organizzano uno spettacolo che vedrà esibirsi gli alunni delle stesse scuole. Sono previste performance musicali e teatrali. Appuntamento il 25 maggio a partire dalle 18 al Parco della Bressanella di Cusano Milanino.

«Portiamo la musica fuori dai teatri e diffondiamola» di Margherita Abis Oltre 50 ore di musica e 470 concerti itineranti nei luoghi storici del festival e spazi sempre nuovi, simbolo di una metropoli dalle diverse identità̀ e caratterizzata dal continuo cambiamento. Per tre giorni interi, Milano si trasformerà in una sala da concerto con la settima edizione di Piano City. Dal 18 al 20 maggio le performance si svolgono in tutta la città e si allargano anche oltre i confini meneghini. Alcuni eventi si svoleranno infatti nel Nordmilano, a Sesto e Cinisello. Con la direzione artistica di Ricciarda Belgiojoso e Titti Santini, questa edizione è la prima di un nuovo corso: la neo-nata associazione Pianocity Milano ha infatti stretto con il Comune di Milano un accordo di collaborazione per la realizzazione dell’iniziativa nei prossimi tre anni all’interno del palinsesto ‘Yesmilano’, che riunisce sotto lo stesso format di comunicazione tutte le più importanti manifestazioni e iniziative promosse dal Comune e diffuse in tutta l’area metropolitana. Piano City

L’EVENTO ::

IL

Milano si apre con Aziza Mustafa Zadeh, star internazionale capace di offrire al mondo una raffinata rielaborazione della tradizione musicale del suo paese, l’Azerbaijan. «La nostra idea è portare la musica fuori dai teatri e diffonderla tra il grande pubblico, bambini e famiglie - spiega il direttore artistico Ricciarda Belgiojoso -. Si tratta di un progetto importante per la geografia della città, che mira a valorizzare anche le periferie». Nel Nordmilano invece l’appuntamento è a Cinisello, in piazza Gramsci, sabato 19 maggio alle 23, con il ‘Concerto stellare’ un’esibizione per pianoforte a quattro mani, con musica dell’astrocompositore estone Urmas Sisask e un’ouverture dedicata alla Gravità del geniale David Lang. Sabato 19 un appuntamento speciale anche a Sesto San Giovanni, sempre per la rassegna Piano City. All’interno della festa della Casa delle Associazioni e del Volontariato di piazza Oldrini, un concerto pianistico organizzato dalla civica scuola di musica Donizetti, a partire dalle 19 (è richiesta la prenotazione alla mail civica.musica@sestosg.net). Per il calendario completo degli eventi www.pianocitymilano.it.

19 E 20 MAGGIO IN PIAZZA OLDRINI ‘IO, TU, NOI. INCONTRIAMOCI’

Le associazioni sestesi fanno festa Un fitto programma di iniziative. Sabato la grigliata ‘social’ Nel weekend del 19 e 20 maggio oltre 50 associazioni saranno protagoniste dell’evento ‘Io, tu, noi. Incontriamoci’ che si terrà in piazza Oldrini, nella Casa delle Associazioni, prossima a festeggiare il suo secondo compleanno. Ad animare la due giorni ci sarà un fitto programma di eventi per grandi e piccoli: dimostrazioni, esibizioni ludico-sportive, performance teatrali e musicali, laboratori, giochi,

gazebo e banchetti informativi. Nella giornata di sabato la presenza di una griglieria ‘social’ permetterà a tutti di pranzare o cenare all’aria aperta in un’atmosfera conviviale. «Le associazioni del territorio sono linfa vitale per la comunità, la casa delle associazioni è oggi il luogo che consente a queste realtà di fare rete e di contribuire al benessere dei cittadini - dichiara

l’assessore ai Servizi socio-educativi e all’Associazionismo Roberta Pizzochera -. È un luogo dove trovano spazio associazioni di varia natura e dimensione, divenendo partner chiave dell’amministrazione. È allo studio la valorizzazione di questi apporti nella rete territoriale del welfare di cui le associazioni sono attori fondamentali». Il programma completo è consultabile su www.sestosg.net. M.A.


30 |

17 maggio 2018

Il ‘Mundial de Marinera’

A tutto

Cinisello Balsamo è pronta a ospitare un importante appuntamento dedicato alla danza nazionale del Perù, la ‘Marinera’. Al palazzetto dello sport è in programma il 20 maggio dalle 10 il mondiale a cui parteciperanno oltre 80 coppie da tutto il pianeta.

Sport

SERIE D ::

SCONFITTA DI MISURA A COMO, FINISCE LA CORSA

Brevi

DI SPORT La Milanino sotto le stelle

Pareggio

Non basta per passare

di Nicolò Gelao

Playoff amari La Pro Sesto ko in trasferta

Non c’è gioia neanche per le donne della Pro Sesto. Le ragazze biancocelesti sognavano una storica promozione in Serie C2 al loro primo anno di attività, ma purtroppo così non è stato. Dopo aver centrato i playoff proprio all’ultima giornata, nel primo turno il pareggio esterno, sul 2-2, contro il Calcio Femminile Tabiago vale come una sconfitta. Ad accedere alla finale sono le lecchesi, in virtù del miglior piazzamento in classifica durante la regular season. A segnare per le sestesi Ingegneri e Colamonaco.

I biancocelesti mancano l’obiettivo promozione Doveva essere un ‘buona la prima’, ma così non è stato. E non è bastato il pullman gratuito messo a disposizione dalla società per i tifosi, desiderosi di sostenere la squadra nella gara fuori casa contro la più quotata Como. Ci ha provato fino all’ultimo la Pro Sesto, ma ad accedere al turno successivo è la formazione di casa, che dovrà adesso affrontare la vincente tra Caronnese e Calcio Chieri. A onor del vero, restano diversi rimpianti per la formazione biancoceleste, obbligata a vincere per via della peggior classifica nei confronti dei comaschi. Una chiave di lettura interessante, che spiegherebbe

come mai il Como sia sceso in campo con la paura di sbagliare e fallire il ritorno tra i professionisti, il minimo per una società che appena due stagioni fa militava in Serie B. Forse un pizzico di inesperienza in questo tipo di gare, ma la sensazione è che i sestesi abbiano sprecato una ghiotta occasione: dopo un buon primo tempo a livello di intensità, i comaschi si ritrovano in 10 uomini a inizio secondo tempo per l’espulsione di Adobati. Doveva essere questo il momento di spingere il piede sull’acceleratore, invece come spesso accade nel mondo del calcio la luce è spenta. Il Como

Calcio

passa in vantaggio al 63’ con un gol di Gentile, abile a concretizzare su calcio d’angolo. La Pro Sesto perde così la tranquillità e (soprattutto) i nervi, rimanendo in 9 uomini per l’espulsione di capitan Corti prima e di bomber Di Renzo poi, miglior marcatore del girone ma a secco domenica scorsa. Al termine di questa gara non si può che constatare un semplice dato: i rimpianti non possono cancellare la grande stagione della Pro Sesto, mai così vicina alla Serie C come quest’anno, dal fallimento del 2010. I biancocelesti hanno un conto aperto con il destino.

È arrivata alla 22esima edizione ‘Milanino sotto le stelle’, la tradizionale gara podistica competitiva che si tiene lungo le strade di Milanino. Quest’anno la gara si terrà sabato 19 maggio e a differenza della scorsa edizione non partirà dalla sede dell’associazione Sorriso ma dal sagrato della Chiesa. Appuntamento organizzato dalla società sportiva Atletica Cinisello, con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura e in collaborazione con associazione Sorriso e Cai di Cusano, la gara inizierà alle 18 e durerà fino alle 22.30. Le premiazioni si terranno subito dopo, sotto il cielo stellato che dà nome alla manifestazione.

Famiglie di corsa al Parco Nord

Tutto pronto per l’arrivo in città di una delle manifestazioni podistiche non competitive più attese dell’anno: la ‘Famiglie di corsa’, giunta quest’anno alla sua undicesima edizione. La manifestazione avrà un percorso di 5 km ed è stata organizzata e promossa dall’associazione Idea SestoPiù con il patrocinio del Comune di Cinisello Balsamo. Appuntamento è al Parco Nord di Cinisello, al bocciodromo dall’entrata da via Clerici alle 11 di domenica 20 maggio. Da lì la partenza, con arrivo previsto intorno alle 13.45 a cui seguiranno le premiazioni e un grande pic nic. Informazioni per l’iscrizione sul sito del Comune.

L’evento

Il Cinisello si salva Due vittorie ai playout

Torneo Cesarano Domenica la finale

La stagione sportiva del Cinisello era partita con ben altre attese, ma il bello del calcio è che niente va dato per scontato. Dopo aver perso la finale di Coppa Italia, la storica società cinisellese era chiamata a prendere l’ultimo treno per restare in Promozione. E così è stato. Due vittorie tra andata e ritorno hanno assicurato la permanenza nella divisione. Il successo in trasferta per 1-0 sul campo del Real Milano è stato bissato dal 2-1 del ‘Gaetano Scirea’. Adesso spetterà alla dirigenza il compito di ricostruire la squadra durante l’estate.

Si avvia alla conclusione il secondo torneo dedicato alla memoria di Ciro Cesarano, vicepresidente del consiglio comunale di Cinisello Balsamo, scomparso nel novembre 2016 dopo una lunga malattia. La seconda edizione della manifestazione calcistica ha visto scendere in campo diverse squadre delle forze dell’ordine, oltre ai ragazzi dell’Oratorio Pio X, la Cesarano Ciro e i colleghi del consiglio comunale di Cinisello Balsamo. Domenica 27 dalle 16.30 alla San Pio X la finale del torneo, con ospite l’ex portiere della Juventus Stefano Tacconi.

Direttore responsabile: Marco Fabriani Società Editrice: Il Gazzettino di Sesto San Giovanni s.r.l. R.E.A. 1980638 Redazione: Piazza F. Caltagirone, 75 20099 Sesto San Giovanni Tel. 02.83413290 fax. 02.83413292 e-mail: redazionegazzettino@gmail.com Registrazione n° 6 del 26.03.2012 al Tribunale di Monza Stampa: Monza Stampa s.r.l. via Buonarroti, 153 - 20052 Monza


Sport

SECONDA CATEGORIA ::

17 maggio 2018

| 31

LA STORICA PROMOZIONE È VICINISSIMA PER LA SOCIETÀ SESTESE

La Rondinella spicca il volo di Elia Fabio Silvestri

Grande tifo e colore: il gol di Tonello fa partire la festa del pubblico

‘Un oratorio tra le ‘grandi’ della Prima Categoria. Ci siamo quasi. La Rondinella a un passo brevissimo dal centrare una storica promozione, al termine di un campionato giocato ad altissimi livelli, cercando di realizzare il sogno un pezzettino alla volta. Il tassello più importante per coronarlo è arrivato domenica scorsa, in un clima che di solito si incontra in ben altri palcoscenici. Ma andiamo con ordine. Il girone Q della Seconda Categoria lombarda parte a inizio settembre con un pareggio esterno per i sestesi. Il momento chiave della stagione della Rondinella è tra la quarta e la quattordicesima giornata. Nel periodo che va da inizio ottobre a metà dicembre, la squadra guidata da mister Davide Mosconi è in grado di raccogliere 23 punti, frutto di 7 vittorie e 2 pareggi. La seconda edizione di ‘Fair Play’ è andata in scena lo scorso Remo Conti. Alla Rondinella Un importante bottino che li fine settimana a Cinisello Balsamo. L’iniziativa solidale, organizzata è bastato nella delicata e porta a candidarsi di diritto anche dall’associazione ‘Bresso a misura di’, è giunta alla sua seconda decisiva sfida contro l’Afper un’eventuale promozione edizione con un’attenzione particolare a ‘United for sport’, un progetto forese un gol del terzino diretta. A metà marzo la Rondinella sportivo che ha portato alla creazione di ‘Panafrica United’, una squadra Tonello per far esplodere si trova al terzo posto. L’obiettivo di soli richiedenti asilo. La formazione ha partecipato al torneo, di gioia l’intera città. Adesso è dunque chiaro e concreto: insieme a una rappresentativa del Comune di Cinisello Balsamo e serve vincere nel terzo turno blindare i playoff, per giocarsi due squadre di ‘Play More’, progetto sportivo operativo nel Comune dei playoff per avere la tutte le proprie possibilità al di Milano. «A vincere ancor più che lo sport è stato lo stare certezza della promozione termine della regular season. E insieme» hanno commentato gli organizzatori. Prossimo in Prima Categoria. Ma il così è stato, chiudendo il girone appuntamento il 27 maggio all’Arena di Milano, grosso è stato fatto: anche con al secondo posto, centrato proprio quando la squadra ‘bressese’ giocherà l’atto un’eventuale sconfitta domenica all’ultima giornata. Il resto è già stato conclusivo di un torneo organizzato con il Fissiragariozzese, la Rondinella consegnato alla storia della società dal Csi. avrebbe un’ottima probabilità di risestese, tra fumogeni e cori che hanno pescaggio. riempito di colore il centro sportivo Don

Torneo Fair Play

Solidarietà in campo

Ginnastica La notte degli Oscar ‘La notte degli oscar’ è in arrivo a Cinisello. L’iniziativa è organizzata dall’Asa Cinisello che ha deciso di intitolare così il saggio di ginnastica artistica attraverso la realizzazione dello spettacolo. Le bambine e i bambini dai 3 ai 12 anni si esibiranno a turno in appassionanti coreografie che interpretano il tema musicale di colonne sonore di film famosi, quali ad esempio ‘Avatar’, ‘La La Land’, ‘Grease’ e molti altri, dando modo di mostrare gli obiettivi raggiunti e vivendo una esperienza formativa indimenticabile. Gli intermezzi tra una esibizione e l'altra saranno poi l’occasione per le ragazze e i ragazzi più grandi di mostrare le loro abilità. L’appuntamento è sabato 26 maggio dalle 20 alle 23 al palazzetto dello sport.

IL GIORNALE PIÙ LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI E’ IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTÀ

PUNTI A SESTO • Il pane di Christian Due - Via Monte Grappa 259 • Milano senza glutine - Viale Gramsci 538 • Distributore Q8 - Via Grandi • Biblioteca civica Sesto S. G. - Via Dante • I love Shopping - Via Cesare da Sesto 134 • Palestra spazio fitness - Via Pisa 134 • Paninoteca Bass - Piazza Trento Trieste 32 • Shell - Viale dei Partigiani 83 • Bar tabacchi Maria - Viale Italia 1010 • Total Erg - Viale Fulvio Testi 196 • Palestra Fit - Galleria Dante 49 • Bonta' più - Via Picardi 4/16 • Baby Bazar - Viale Marelli angolo 24 Maggio 1 • Centro sportivo il Cigno - Via Domenico Fiorani 74 • G&G - Via fratelli Picardi 28 • Panificio pasticceria San Mina - Via Giovanna d'Arco 176 • Buon pane di S. Giorgio - Via per Crescenzago 176 • Bar Chez Toi - Via Grandi 31 • Bar latteria Rogliano Salvatore - Via Pisa 190 • Agip - Viale Antonio Gramsci angolo via Montenero • Spaccio dolciario Dolce Bontà - Via Rovani 199 • Dolce Gelato - Via Rovani 291 • Bar Break Point di Lamboglia

Giuseppe & C. - Via Pisacane 1 • Kebab Magdy 2 - Via Rovani 102 • Studio Foto Express - Via Roma 23 • Gina - Via fratelli Picardi 78 • Piccolo Bar - Via XX Settembre 93 • Splash - Via Firenze 52 • Piadina Insalatina - Piazza Don Mapelli 4 • Ospedale di Sesto San Giovanni Istituti Clinici di Perfezionamento - Via Matteotti 83 • Parrucchiera Vanità di Genchi Donatella - Via Migliorini 22 • Palasesto - Piazza 1° Maggio • Bottega del Caffè - Via General Cantore 206 • Pasticceria artigianale Croissant D'Or - Viale Rimembranze 93 • Centro Carni Sestese - Via Boccaccio 192 • Bar Metropolis - Via Oslavia 6 • Edison Caffè di Rizzelli Matteo & C. - Viale Edison 71 • Vestri Dolce Risparmio - Via Montegrappa 32 • Il Forno di Arianna di Vento Arianna - Via Rovani 234 • Anna Abbigliamento - Via Don Minzoni 100 • C'era una volta il pane - Viale Casiraghi 223 • Copy & Print di Tura De Marco Valentino - Via C. Battisti 16 • Sestocopy Snc - Via Giuseppe di Vittorio 167 • Farmacia Lamiranda - Via F. Petrarca 111 • Associazione AVIS - Via Giardini 32 • Piscina Olimpia - Via Marzabotto 179 • Ortopedia Roll Star Italia (S. R. L.) Ausili Ortopedici - Via Carlo Marx 593

• Piscina Comunale De Gregorio - Via Saint Denis 101 • Panetteria Pasticceria Enzo E Daniela Snc - Via Saint Denis 185 • Bar Civico 44 - Via Padre Ravasi 44 • Mio Cafe' - Via Puricelli Guerra 14 • Farmacia Comunale - Via Saint Denis 85 • Farmacia Comunale n° 10 Marx - Via C. Marx 495 • Il giardino dei tigli - Via Risorgimento angolo F.lli Bandiera • Tabaccheria riv. 15 di Recalcati Enrico - Via Risorgimento 39/41 • Esso di Gobbi Paolo - V.le Rimembranze angolo via F.lli Di Dio • Farmacia Padre Pio - Via Fratelli Di Dio 79 • Bar Mela Verde di Carluccio Domenico - Via Fratelli Di Dio 77 • M.D.B. sas di A. Mura & C. - Viale Rimembranze 175 • Biglietteria e tabaccheria Sergio - Via Cesare Battisti 47 • Bar Marzini - Viale Gramsci 42 • Percin Ayasofya Doner Kebab - Piazza IV Novembre 37 • Cartofollia di Brambilla Orietta - Via F.lli Bandiera 65 • Ristorante Pentola d'oro - Via F.lli Bandiera 25 • Bar Decio Snc di Agati Davide e Fontanini Matteo - Via F.lli Bandiera 8 • Bar dello Sport di Molinari Luca - Via Padre Ravasi 108

• CAF - UCI - Centro Assistenza Fiscale - Via Puricelli Guerra 21 • Lu Rong - Via Puccini 60 • Farmacia 777 - Viale Marelli 79 • Tabaccheria De Palma Margherita - Viale Marelli 22 • Bread And Coffee - Viale Marelli 138 • Marelli 79 Bar Ristorante - Viale Marelli 138 • Bar Barico di Borsa Alessio - Viale Marelli 79 • Farmacia Giannice snc - Viale Matteotti 382 • Paradise Cafe' - Via Corridoni 159 • Cartoleria il Pellicano - Viale Matteotti 302 • Non solo pane - Via Cavallotti 127 • Bar tabacchi True Blood - Via Cavallotti 297 • L'isola dei bimbi - Via Cavallotti 242 • Torti Pasticceria - Via XX Settembre 45 • Bar Farina - Via Oslavia 29 • Sesto Fitness - Via Po 26 • Il Forno Di Penati - Via Rovani 143 • Ambrostore - Via Carducci angolo via S. Francesco D'Assisi • La Nostra Casa - Via Di Vittorio 43 angolo Via dei Partigiani • D & B Cars carrozzeria - Via Pisa 198 • Romolo Revisioni - Via F.lli Casiraghi 393 • Il forno sas di Roberto Cappelluti - Via Petrarca 123 • Elle pasticceria - Viale G.Matteotti 184 • Pasticceria Farina - Via Puricelli Guerra 131 • Farmacia Sanitas Snc - Via Gorizia 15 • Biblioteca Marx - Via Curie 18 • Pratiche CAF - Via Rovani 171


32 |

17 maggio 2018

PubblicitĂ

19 gazzettino 17 5 18  

Settimanale di informazione del Nordmilano

19 gazzettino 17 5 18  

Settimanale di informazione del Nordmilano

Advertisement