Issuu on Google+

ANNO 3 NUMERO 15 - 17 Aprile 2014 - Editrice Il Gazzettino di Sesto San Giovanni srl Piazza F. Caltagirone, 75 - Sesto San Giovanni (Mi) - email: redazionegazzettino@gmail.com Tel. 02.83.41.32.90 www.ilgazzettinodisesto.it

ENTRO L’ANNO PARTIRANNO I LAVORI PER RENDERE LE ACQUE BALNEABILI

Sei milioni per ripulire il Lambro

:: CRONACA

Solo quattro anni fa fu teatro di un disastro ambientale di grande portata. Oggi è il corso d’acqua più inquinato d’Europa. Stiamo parlando del Lambro, il fiume che passa dal Nordmilano per tuffarsi nel Po. Il consorzio Parco Valle del Lambro ha pronto un piano di riqualificazione da 6 milioni (finanziato da Europa e Regione) per ripulire le sue acque e renderle balneabili A pagina 2

Un’area riservata ai cani esaspera i residenti di un

Secondo il Tar il Co.Re deve restituire 8 milioni di euro per aver percepito incentivi che non gli spettavano A pagina 3

quartiere del centro. Gli animali abbaiano

:: INTERVISTA

e nelle case vicine è impossibile tenere le finestre aperte A pagina 4

Annamaria De Giorgi, ‘maestra Montessori’: «Con il nostro metodo mettiamo i bambini al centro della didattica» A pagina 6

:: CULTURA

CAN CHE ABBAIA

DISTURBA

Quattro nuove fotografie dei ragazzi e delle ragazze del corso Buskerschool che si sono misurati col design A pagina 10

:: SPORT

Lutto nel mondo dello sport: è morto Ferdinando Terruzzi, campione sestese, il re della Sei Giorni A pagina 11


2

|

Attualità

17 aprile 2014

Dillo con un click

Sessant’anni di successi firmati Polisportiva Geas E’ stata la prima di una lunga serie di feste di compleanno che la Polisportiva Geas ha in programma per il 2014, l’anno in cui cade il 60esimo anniversario della fondazione della società sportiva. Nella sala coppe di via Marelli è andata in scena la premiazione dei ‘soci fondatori’ che diedero vita al gruppo sportivo. Tra loro anche Tore Montella, primo presidente del Geas e oggi presidente onorario della Federazione Italiana nuoto.

EDITORIALE

Co.Re, svolta non rinviabile Il campanello era suonato tanto tempo fa, ma nessuno nell’amministrazione comunale sembra lo abbia sentito. Ora, anche il Co.Re di Sesto rischia di ‘precipitare’ e di portare con sé, insieme alla credibilità dei nostri politici, anche i soldi dei sestesi. La notizia è quella che pubblichiamo ampiamente a pagina 3. Il Co.Re, società pubblica che si occupa di raccolta rifiuti e igiene urbana, di proprietà del comune di Sesto (in quota minore di altri comuni), deve restituire allo Stato la bellezza di 8 milioni di euro di contributi che, dice l’Autority per l’Energia, sono stati erogati e poi utilizzati in modo illegittimo. Otto milioni che ancora una volta dovranno uscire dalle tasche dei cittadini i quali, con la loro ‘tassa rifiuti’, alimentano il bilancio della società. Non possiamo che ripetere la domanda che da mesi poniamo alla politica e per la quale non abbiamo mai ottenuto risposta: che ci fa il Comune in società che generano costi superiori a quelli del mercato e che non garantiscono più (se mai l’avessero fatto prima) servizi di valenza sociale? Il caso delle farmacie è emblematico. La malagestione politica perseverata per anni costerà ai sestesi 5 milioni di euro. Il prezzo sociale del Co.Re non è nemmeno calcolabile, in quanto non sappiamo quanto costerebbe appaltare gli stessi servizi di igiene urbana a un privato. Una cosa è certa: la città è sporca e i servizi risultano di qualità scadente, ma costano cari. Si sappia che Sesto è ormai tra i pochi comuni italiani nei quali non si pratica una raccolta differenziata dell’umido.

IL PROGETTO :: C’È UN PIANO PER RENDERE BALNEABILE IL CORSO D’ACQUA

Un tuffo nel Lambro

Lavori entro l’anno: oggi è il fiume più inquinato d’Europa di Niccolò Villa E’ uno dei corsi d’acqua più inquinati d’Europa, se non addirittura ‘il’ più inquinato di tutto il Vecchio Continente. E adesso c’è un progetto, non poco ambizioso, per renderlo balneabile. Stiamo parlando del Lambro che passa anche dal Nordmilano e da Sesto San Giovanni. Come annunciato dal Corriere della Sera la scorsa settimana, il Consorzio Parco Valle del Lambro ha pronto nel cassetto un piano di riqualificazione (per un totale di oltre 6 milioni di euro finanziati da Europa, Regione e Fondazione Cariplo) che dovrebbe rendere balneabili le acque del corso che passa da Lecco, Monza, Milano e Lodi. Alcuni lavori sono già partiti e ne avevamo già raccontato dalle colonne de Il Gazzettino: per esempio l’adeguamento idraulico del Cavo Diotti, la diga sul lago di Pusiano che regola le piene del fiume. L’elenco completo comprende la realizzazione di una vasca di laminazione a Inverigo e di due nuovi siti di depurazione a Sud di Meroni e Nibionno. Per la loro progettazione i tecnici del Consorzio si sono ispirati a Israele, terra che in tema di risorse idriche non è secon-

da a nessuno. «Realizzeremo due grandi vasche all’interno delle quali sarà coltivata una speciale qualità di vegetazione acquatica che è in grado di pulire e ossigenare le acque del fiume - ha dichiarato Eleonora Frigerio, presidente del Consorzio, al Corriere -. Per la progettazione ci siamo avvalsi della consulenza di tecnici israeliani. Dovremmo riuscire ad appalta-

re i lavori entro la fine del 2014». Secondo il Corsera alcuni progetti rischiano di non andare in porto per mancanza di fondi. Il Lambro, solo 4 anni, fu teatro di uno dei più grandi disastri ambientali d’Italia: quasi 2 milioni e mezzo di litri di idrocarburi contenuti nelle cisterne dell’ex Raffineria Lombarda Petroli di Villasanta vennero riversati nel fiume.

Avviso per la propaganda elettorale in vista delle elezioni europee IL GAZZETTINO DI SESTO SAN GIOVANNI periodico di informazione settimanale del Nord Milano, ospiterà nel periodo elettorale per le ELEZIONI EUROPEE DEL 25 MAGGIO, i messaggi politici elettorali secondo le forme ammesse dalla legge 22 febbraio 2000, n. 28 che regolamenta la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali. Le tariffe istituzionali vengono fissate secondo il tariffario visibile sotto. La società editrice Il Gazzettino di Sesto San Giovanni Srl si impegna a dare pari opportunità a tutti i candidati e a regola-

mentare la pubblicazione dei messaggi di propaganda politico elettorale seguendo una programmazione che fa riferimento in modo stretto alla data di prenotazione degli spazi promozionali. Saranno disponibili i numeri del giornale del 25 aprile, 1 maggio, 8 maggio, 15 maggio e 22 maggio. La prenotazione si intende definita nel momento in cui viene eseguito il pagamento per bonifico bancario.

CARATTERISTICHE DEL MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE (Articolo 20 - Pubblicazione di messaggi politici elettorali su quo-

tidiani e periodici - della Delibera N. 80/11/Csp Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione 1. I messaggi politici elettorali di cui all'articolo 7 della legge 22 febbraio 2000, n. 28, devono essere riconoscibili, anche mediante specifica impaginazione in spazi chiaramente evidenziati, secondo modalità uniformi per ciascuna testata, e devono recare la dicitura "messaggio elettorale" con l’indicazione del soggetto politico committente. 2. Sono vietate forme di messaggio politico elettorale diverse da quelle elencate al comma

2 dell’articolo 7 della legge 22 febbraio 2000, n. 28. (Comma 2 art. 7 legge 22 febbraio 2000 n 28) Sono ammesse soltanto le seguenti forme di messaggio politico elettorale: a. annunci di dibattiti, tavole rotonde, conferenze, discorsi; b. pubblicazioni destinate alla presentazione dei programmi delle liste, dei gruppi di candidati e dei candidati.

FORMATI E TARIFFE PREVISTI 1/4 DI PAGINA.............200 € MEZZA PAGINA...........400 € PAGINA INTERA..........700 €


Attualità

17 aprile 2014

|

3

SENTENZA :: DA VIA MANIN ARRIVA L’ANNUNCIO DI CIPRIANO: «RICORREREMO AL CONSIGLIO DI STATO»

Il Tar chiede il conto al Co.Re

Secondo il Tribunale la partecipata sestese deve restituire 8 milioni di euro di Aurora Dupin

I grillini di Sesto vogliono chiarezza

le che non tiene conto di molti particolari che abbiamo fornito ma che non sono stati presi in considerazione. Siamo tranquilli perché gli incentivi percepiti sono serviti non per guadagnare ma per abbassare le tariffe agli utenti. In attesa che il Consiglio di Stato si pronunci (possono passare anche anni), chiederemo la sospensione dell’istanza».

INCENTIVI SOTTO LA LENTE “il punto”

Otto milioni, euro più, euro meno. Questa l’esorbitante cifra che secondo il Tribunale amministrativo regionale di Milano il Consorzio di recuperi energetici di Sesto San Giovanni deve restituire per aver percepito tra il 2001 e il 2010 incentivi per la produzione di energia. Una tegola che si abbatte sul Consorzio e che potrebbe avere conseguenze non di poco conto sui bilanci dei comuni soci, quali Sesto, Cologno, Pioltello, Segrate e Cormano. Perché se effettivamente quegli otto milioni dovranno essere restituiti come chiede l’Autorità garante per l’energia elettrica e il gas, per molti anni gli utili della raccolta e dello smaltimento rifiuti finiranno proprio lì, a ripianare quel debito. Ma non è ancora detta l’ultima parola: «Abbiamo già predisposto con il nostro legale tutti i documenti per il ricorso al Consiglio di Stato - spiega l’amministratore di Co.Re Marco Cipriano -. Non siamo l’unico consorzio in questa situazione: la sentenza del Tar riguarda altri 12 impianti in tutta Italia. Crediamo che sia un pronunciamento pregiudizia-

Una vertenza vecchia di anni

La sentenza del Tar dello scorso 4 aprile è solo l’ultimo capitolo di una vicenda lunga anni. Secondo l’Autorità garante per l’energia elettrica e il gas, il Consorzio avrebbe percepito incentivi dal 2001 al 2010 per la produzione e la cessione di energia da fonti rinnovabili senza utilizzarli nel modo corretto. Il Cor.Re, secondo quanto confermato dal Tar, avrebbe incassato altri utili rivendendo il calore per il teleriscaldamento ad A2A. Un passaggio, quest’ultimo, smentito da Cipriano: «Le pretese dell’Autorità non si fondano né sull’accertamento della violazione della normativa all’epoca vigente, né sull’accertamento tecnico di minori quantità di energia elettrica prodotta rispetto a quella incentivata, ma sono solo su una diversa interpretazione postuma e del tutto opinabile della nozione di ‘servizi ausiliari’ per la produzione di energia elettrica, la cui determinazione, non essendo all’epoca specificamente disciplinata, era espressamente rimessa dalla normativa agli accordi contrattuali con il Gestore della Rete».

Il Movimento 5 Stelle di Sesto San Giovanni chiede che siano date in modo trasparente le informazioni circa le consulenze messe in atto per gestire la vertenza, i fondi utilizzati per pagarle e le modalità che si intendono attuare per fare fronte ai futuri impegni economici, compresa la probabile multa. I grillini lo chiedono all’indomani della sentenza del Tar che impone la restituzione degli 8 milioni di euro percepiti attraverso incentivi. «Il ricorso al Consiglio di Stato costerà soldi: presenteremo un’interrogazione al sindaco Chittò per avere chiarimenti in merito - fanno sapere i grillini -. Non vorremmo che, dopo l’affare delle farmacie, la cittadinanza debba ancora metter mano al portafoglio per pagare un’altra mala gestione. E che oltre al danno si presenti anche la beffa di consulenze inutili».

IL CASO :: CHITTÒ E PISAPIA SCRIVONO AD ARPA E ASL PER NUOVI CONTROLLI

Salute sotto esame in via Sottocorno Deluse le attese degli abitanti che chiedono l’interramento subito

Lo scorso autunno era intervenuta più volte anche la Rai, con i suoi programmi in diretta, per denunciare la situazione di via Sottocorno e di via Adriano, dove un enorme elettrodotto attraversa i quartieri residenziali e dove i residenti lamentano una situazione allarmante per la diffusione di tumori. La risposta della politica era stata immediata, poi a telecamere spente, tutto

è tornato a fermarsi di nuovo. Fino a qualche giorno fa, quando i sindaci di Milano Giuliano Pisapia e di Sesto Monica Chittò hanno scritto ad Arpa Lombardia e all’Asl Milano per chiedere uno studio approfondito sui campi elettromagnetici e uno studio epidemiologico sugli abitanti delle vie Sottocorno, Lombardia e per Crescenzago. Un passo positivo, anche se assolutamente lontano da quella concretezza che i cittadini chiedono da tempo: interrare l’elettrodotto per rendere inerti i suoi campi elettromagnetici. In seguito ad esposti dell’associazione di abitanti Sottocorno, nel 2011 sono stati compiuti due rilievi in me-

rito alle emissioni elettromagnetiche e recentemente Terna, gestore delle linee elettriche, ha presentato una studio di fattibilità dell’interramento e un progetto di massima chiesto dai due comuni. Si pensava che in pochi mesi si sarebbe potuto mettere mano ai lavori, invece i sindaci sembrano fare ‘melina’, chiedendo un quadro della situazione il più possibile chiaro. Chiedono all’Asl uno studio epidemiologico sistematico sugli abitanti delle vie Sottocorno, Lombardia e per Crescenzago per verificare «la presenza o meno di un’incidenza, di valore superiore alle medie, di problematiche di salute nei residenti del quartiere».


4

| 17 aprile 2014 SEGNALAZIONI ::

Attualità I RESIDENTI DI VIA CORRIDONI CHIEDONO AL COMUNE UNA SOLUZIONE

Cani giorno e notte Quartiere senza pace Notti insonni e liti all’ordine del giorno per l’area cani ricavata tra i palazzi

di Aurora Dupin Un fazzoletto di terra, chiuso da una recinzione, dedicato agli amici a quattro zampe per farli scorrazzare in libertà. Che sta però creando non pochi problemi ai residenti le cui finestre affacciano proprio sul parchetto in cui è ricavata l’area cani. Succede tra via Padovani e via Corridoni, pieno centro città, a pochi passi dalla nuova piazza Oldrini e nel bel mezzo di una zona in cui si affacciano diversi palazzi abitati da centinaia di famiglie. Che ormai da qualche anno devono convivere, sopratutto nel periodo estivo, con i guaiti e l’abbaiare dei cani a ogni ora del giorno e della sera. Perché i palazzi, costruiti proprio intorno al parchetto, creano una sorta di effetto ‘anfiteatro’ che amplifica i suoni e che rende impossibile tenere aperte le finestre senza sentire i cani abbaiare.

REGOLE ::

«L’area cani in un primo momento era stata creata a ridosso della scuola Corridoni, poi per motivi igienici è stata spostata in un’altra zona del parco, proprio sotto i palazzi - spiegano i residenti che si sono uniti in un comitato -. Abbiamo segnalato i nostri disagi più volte al Comune e promosso una petizione con oltre cento firme raccolte. La risposta? Un’assemblea pubblica in cui i padroni dei cani sono stati messi contro i residenti. Senza alcuna soluzione. Quando gli abbiamo proposto di spostarla altrove, per esempio nel parchetto delle residenze Campari, l’assessore Elena Iannizzi ci ha risposto che quella è un’area residenziale. Come se la nostra non lo fosse». Dopo l’assemblea pubblica, in realtà qualcosa il Comune lo ha fatto: il recinto dell’area cani è stato spostato, di poche centinaia di metri. Ma il risultato, non è cambiato: gli ululati dei cani continuano a ‘entrare’ prepo-

tente nelle case. «Tanto che in estate pur tenendo il volume della tv alto, spesso non riusciamo a sentirlo» dicono i residenti esasperati. «C’è un problema di igiene (l’area cani viene usata come ‘defecatoio’ senza essere pulito, ndr), di sicurezza (spesso ci sono state liti furibonde, anche filmate, ndr) e di convivenza. Se il Comune non prenderà provvedimenti, non ci rimangono che le vie legali».

CORSO :: CINQUE LEZIONI CON IL VETERINARIO DAL 22 APRILE

Dal Comune un patentino per i padroni

POCA PULIZIA E RISPETTO DELLE NORME

Proprietari poco attenti

L’assessore Iannizzi: «Manca il senso civico»

I problemi di convivenza tra ‘animali’ e umani in città non nascono solo dalle scelte dei Comuni. Non sono pochi, infatti, i cittadini che, mancando di senso civico, utilizzano le risorse comuni in modo scorretto e irrispettoso. A Sesto, questo lo si vede facendo un giro per le aree cani. Tra il pomeriggio e la se-

ra, è facile notare come le aree verdi siano piene di escrementi, sporcizia e rifiuti non propriamente legati agli animali. Così come si vedono padroni che ‘dimenticano’ di raccogliere le deiezioni o ancora, persone che si riforniscono in abbondanza dei sacchettini disponibili nei dispenser della città. Ogni mese, nonostante i padro-

ni debbano già esserne muniti, i 34 dispenser vengono riempiti con 250 sacchetti. Più di 8000 sacchetti, dunque, spesso non sono però utilizzati per lo scopo per il quale sono stati pensati. Un problema cruciale è anche quello della pulizia delle aree. Dal Comune assicurano che le aree vengono ripulite ogni mattina e in modo più capillare una volta alla settimana. Ma puntualmente vengono poi lasciate in stato pietoso da chi le utilizza. «Non devono essere scambiate per bagni pubblici - afferma l’assessora all’Ambiente Elena Iannizzi -. Diversi padroni si comportano come se nemmeno volessero tutelare il proprio cane, che anziché avere uno spazio per correre libero, si ritrova in un luogo sporco con tutti i rischi per la salute annessi». Monica De Astis

Insieme ad Animare Onlus e l’associazione Tambra, il Comune organizza un corso per i proprietari degli amici a quattro zampe. In cinque lezioni serali dal 22 aprile alla Circoscrizione dei Parchi di Cascina Gatti, in via Campestre 250, la veterinaria comportamentista Catia Galbiati fornirà agli iscritti le competenze di base per instaurare una corretta relazione uomo-cane e per favorire l’integrazione dell’animale nel contesto sociale, con tanto di test finale. Iscrizione 40 euro come offerta all’associazione; info: animareonlus@gmail.com.


Attualità

17 aprile 2014

|

5

CRONACA :: BRUTTO INCIDENTE PER UNA PATTUGLIA DELLA LOCALE CHE INSEGUIVA UNO SCOOTER RUBATO

Inseguimento a Milano: ghisa in ospedale

Paura per due agenti rimasti feriti di Niccolò Villa Erano in servizio di pattugliamento in piazza della Repubblica quando hanno notato uno scooter con a bordo due ragazzi sfrecciare sulle strisce pedonali quasi investendo i passanti. Intimare l’alt non è servito, così i due agenti della polizia locale si sono lanciati all’inseguimento del due ruote, poi risultato essere rubato. Un inseguimento rapido e per certi versi mozzafiato: dalla piazza i due fuggitivi hanno imboccato viale Monza in contromano e hanno proseguito la fuga fino a Precotto. La pattuglia è rimasta alle calcagna dello scooter fino all’incrocio con via Guanella, quando una Bmw che arrivava lungo la strada non si è accorta della pattuglia, nonostante le sirene spiegate, e ha attraversato senza rallentare, finendo contro l’auto dei ghisa. Lo schianto, avvenuto intorno alle 23, è stato violentissimo: la macchina della polizia locale completamente distrutta; dentro i due agenti incastrati. Immediatamente si è attivata la macchina dei soccorsi,

allertati dai presenti. Sul posto i volontari del 118, che hanno però dovuto attendere l’arrivo dei vigili del fuoco per poter estrarre dalle lamiere i due. L’agente di 41 anni che viaggiava al posto del passeggero è stato portato in codice giallo al Policlinico: ha riportato una frattura alle costole, al braccio e al polso. Il vigile di 33 anni alla guida è stato invece trasportato al nosocomio milanese Città Studi sempre in codice giallo: se l’è cavata con la frattura di alcune costole. I due agenti hanno ricevuto in ospedale la visita del sindaco Monica Chittò e dell’assessore alla Polizia locale Alessandro Piano, insieme al comandante dei vigili Pietro Curcio, già sul posto subito dopo l’incidente. «Li ho trovati lucidi ma doloranti - ha detto l’assessore Piano -. Abbiamo testimoniato la vicinanza dell’amministrazione senza affrontare la dinamica dell’incidente. Volevamo solo far sapere loro che gli siamo vicini e augurargli una pronta guarigione». I due fuggitivi non sono stati presi ma hanno abbandonato il mezzo che è poi risultato rubato.

PIUMONI LETTO SINGOLO/MATRIMONIALE

LAVATO E ASCIUGATO

IN 1 ORA A PARTIRE DA 9,50€

SOCIALE

Nuovi alloggi pubblici alla ex Casa di plastica Si torna a lavorare nel cantiere della ex ‘Casa di plastica’ in via Catania 126. Aler ha assegnato il progetto per la costruzione di 46 alloggi, la cui costruzione sarà garantita da un finanziamento di Regione Lombardia. La ‘Casa di plastica’, edificio sperimentale degli anni ‘70 ritenuto da tempo inidoneo dal punto di vista alloggiativo, era stata demolita nel 2010 in attesa della costruzione, al suo posto, di uno stabile di edilizia pubblica con 46 alloggi. L’assegnazione dei lavori da parte di Aler, però, è stata più volte rinviata a causa della crisi finanziaria dell’agenzia regionale. E’ stato grazie all’intervento del Comune sulla Regione che si è riusciti a garantire i fondi per partire. «Per raggiungere questo risultato - ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Edoardo Marini - ci siamo fatti carico di una serie di impegni insieme alla Regione che, tecnicamente, sarebbero spettati ad Aler. Ci siamo, infatti, resi disponibili ad affiancare Aler in tutti i passaggi tecnici e ci siamo fatti garanti del rispetto dei tempi di realizzazione. Siamo estremamente soddisfatti del risultato. Devo ringraziare la Regione e gli uffici tecnici di Sesto per l’ostinazione con la quale hanno lavorato».

ECONOMIA

Averna e Braulio comprati da Campari La Campari ha confermato l’acquisto della Fratelli Averna. La storica azienda di Caltanissetta produttrice dell’omonimo amaro e titolare dei marchi Braulio, Limoncetta e Frattina, è passata in settimana sotto lo storico marchio ‘rosso’ di Sesto San Giovanni. Il controvalore dell’operazione è di 103,75 milioni di euro, composto da un prezzo di 98 milioni e da un debito finanziario netto di 5,75 milioni di euro.

COMMERCIO

Festa in centro per la primavera

Musica, colori, giochi e tanto divertimento hanno caratterizzato la festa ‘Benvenuta Primavera’ con la quale i commercianti del centro di Sesto sabato scorso hanno accolto i visitatori. Per l’intera giornata si sono susseguiti artisti di strada, mostre d’arte, laboratori di creatività per i più piccini e gli spettacoli dell’associazione Arte e Danza del Palasesto. Grande interesse ha riscosso ‘ViaH24’ che ha promosso un nuovo sistema di commercio virtuale. La manifestazione è stata organizzata dalla Confcommercio con la collaborazione del comune di Sesto per offrire un volto accogliente e colorato nel centro cittadino


6

AttualitĂ  | 17 aprile 2014 INTERVISTA :: ANNAMARIA DE GIORGI, MAESTRA FEDELE AL METODO DELLA PEDAGOGISTA DELLE MILLE LIRE

Montessori, bambini al centro Per noi insegnare è partecipare alla riforma dell’umanità

di Jacopo Altobelli ÂŤLa differenza tra la maestra ‘Montessori’ e le altre persone è che queste si orientano verso i grandi del passato e quella verso i piccoli del presenteÂť. Si legge cosĂŹ nella prima pagina della raccolta di appunti di una delle ultime ‘maestre Montessori’ di Sesto. Annamaria De Giorgi ha insegnato per quasi dieci anni alle scuole volute dai Falck con il metodo di insegnamento della famosa pedagogista, il cui volto è stato per anni stampato sulla banconota delle ‘mille lire’. Un convegno organizzato nei giorni scorsi da un gruppo di genitori per riportare in auge questo stile educativo ha offerto lo spunto per rispolverare il passato. ÂŤMi ero diplomata all’istituto magistrale e volevo insegnare, cosĂŹ decisi di formarmi al metodo insegnato da Maria Montessori, all’avanguardia in quel periodo - racconta Anna, mostrando la raccolta di tutti i suoi appunti di lezione -. Dal ‘77 all’83 insegnai alla scuola elementare del villaggio Falck e poi altri quattro anni alle vicine scuole materneÂť. Erano gli ultimi anni di vita di quelle scuole che, con la fine delle Falck a Sesto, vennero chiuse. ÂŤMi viene da piangere a guardare com’è ridotta questa struttura - aggiunge, passando davanti al vecchio asilo di via De Candia -. Questo è stato un pezzo di storia importante e sarebbe un sogno riportarlo in vitaÂť. La maestra sestese continua a credere nella superioritĂ  del metodo da lei insegnato all’epoca e poi preferito per l’istruzione di sua figlia. Ma qual è la caratteristica che lo rende speciale? ÂŤNel metodo Montessori è il bambino al centro, non la maestra. Non siamo noi a dover dire ‘fai questo, fai quello’ ma dob-

biamo lasciare che sia lui a scoprire e sviluppare le capacitĂ , con i suoi tempiÂť. ÂŤPer questo - continua la maestra - la classe era attrezzata con tantissimi materiali con cui imparare toccando e maneggiando, molti dovevamo costruirli noi stesse: dall’erbario per la botanica ai continenti ritagliati nel legno per la geografiaÂť. Lo sviluppo del senso pratico era al centro del percorso educativo. Non solo con l’utilizzo di materiali specifici come la ‘tavola del liscio e del ruvido’ o le ‘carte smerigliate’, oppure con giochi atti a sviluppare i vari sensi: il gusto, l’olfatto, persino materiali ad hoc per imparare il senso ‘barico’, cioè il peso degli oggetti, o quello ‘stereognostico’ per comprenderne la forma. A scuola si dovevano fare le pulizie e apparecchiare la tavola. Si imparava a salutare e ad accogliere le persone. Il lavoro nell’orto,

ora tanto in voga in tutti gli istituti, alla Montessori era già allora realtà. Noi insegnanti - sottolinea Annamaria - dovevamo osservare e guidare, ma lasciare spazio ai bambini, accorrere se chiamati, rispettare anche chi si riposava o guardava gli altri lavorare, senza richiamarli e obbligarli al lavoro. Gli errori erano rispettati e non corretti, in modo che il bambino potesse accorgersene da solo. Dovevamo essere gentili e mai alzare la voce. Questo senso di dolcezza di fondo nel rapporto educativo è uno degli elementi piÚ belli che ricordo, e spero che il metodo Montessori possa tornare vivo: per noi insegnare era partecipare alla riforma dell’umanità.

LA PROPOSTA

91<:7@/@< H=>7/:<A;/ ?3F7<;3/&3?@<J ÂŤGuardare il passato, disegnare il futuroÂť. Era questo il doppio obiettivo del convegno â&#x20AC;&#x2DC;Montessori a Sestoâ&#x20AC;&#x2122;, organizzato pochi giorni fa da un gruppo di genitori della cittĂ  per far conoscere il metodo pedagogico di Maria Montessori. La proposta si è dimostrata un successo, con oltre 150 partecipanti. ÂŤCi siamo chiesti qual è la formazione migliore per i nostri figli - spiega il gruppo â&#x20AC;&#x2DC;Montessori a Sestoâ&#x20AC;&#x2122; -, e la risposta che ci siamo dati è il metodo Montessori dove la base per lâ&#x20AC;&#x2122;apprendimento diventa la curiositĂ  del bambinoÂť. Il gruppo ha giĂ  organizzato una nuova tappa: un corso di formazione per genitori dal titolo â&#x20AC;&#x2DC;Essere genitori oggi: a scuola da Maria Montessoriâ&#x20AC;&#x2122;, che si terrĂ  tra Sesto e Cinisello nei lunedĂŹ 5, 12, 19 e 26 maggio (iscrizioni: montessoriasesto@gmail.com). ÂŤIl percorso è lungo - ha detto lâ&#x20AC;&#x2122;assessore allâ&#x20AC;&#x2122;Educazione Roberta Perego -. Ma il convegno è un ottimo punto di partenza. Una sezione Montessori a Sesto sarebbe un ulteriore elemento di prestigio per la cittĂ . Per prima cosa si dovrĂ  verificare la fattibilitĂ  con gli insegnanti e con il Ministero, poi capire qual è lâ&#x20AC;&#x2122;interesse dei genitori, infine formare gli insegnanti. Penso che se si prosegue su questa strada, si riuscirĂ  a far partire una classe per lâ&#x20AC;&#x2122;anno scolastico 2015-16Âť.

IL GIORNALE PIĂ&#x2122; LETTO DEL NORDMILANO DA OGGI Eâ&#x20AC;&#x2122; IN DISTRIBUZIONE GRATUITA ANCHE NEI NEGOZI DELLA TUA CITTĂ&#x20AC; PUNTI A SESTO

IN DISTRIBUZIONE GRATUITA â&#x20AC;&#x2DC;CON INCASELLAMENTOâ&#x20AC;&#x2122;, ALLE STAZIONI DEL METRĂ&#x2019; DI SESTO SAN GIOVANNI E IN DECINE DI ATTIVITĂ&#x20AC; COMMERCIALI

I9=/;3276>7?@7/;A3 )7/ <;@3>/==/  I/7>%7=<97/;272/)7/)7;13;F< <;@7 I 79/;<?3;F/59A@7;3)7/93>/:?17  I7?@>70A@<>3$)7/>/;27 I7097<@31/17B71/&3?@<&)7//;@3 I9<B3&6<==7;5)7/3?/>32/&3?@<

I#/93?@>/?=/F7<47@;3??)7/#7?/

I#/;7;<@31//??#7/FF/'>3;@<'>73?@3 I&6399)7/93237#/>@757/;7

I/>@/0/1167 />7/)7/93@/97/ I'<@/9>5)7/93A9B7<'3?@7  I#/93?@>/7@/993>7//;@3  I<;@/G=7O)7/#71/>27   I 3FF<27G#7/FF/<; /=3997

I/0E/F/>)7/93 />3997/;5<9<  /557<  I3;@><?=<>@7B<7975;<)7/<:3;71<7<>/;7 I3;@><"97?@71<)7/ />?/9/ I)7/4>/@3997#71/>27  I#/;74717<=/?@7113>7/&/; 7;/

I30/0 /52E )7/%<B/;7 I&@A27<<@<D=>3??)7/%<:/

I44/>34/@@< 3>1/@7;<2399GA?/@< )7/7B<>;<   I7;/)7/4>/@3997#71/>27 I#711<9</>)7/++&3@@3:0>3

I/>63F'<7)7/>/;27

I/>9/@@3>7/%<597/;<&/9B/@<>3)7/#7?/  I&A=3>#)7/ />F/0<@@<  ?<@@<7=<>@717B717;</99/=7?17;/ I/B/#7O)7/3;3>/9/;@<>3 I7?@>70A@<>3$)7/93 /@@3<@@7 I57=)7/93;@<;7<>/:?17 /;5<9< B7/ <;@3;3>< I&=/117<2<917/>7<<913<;@/G)7/%<B/;7  I<91339/@<)7/%<B/;7 

I/>>3/8#<7;@27/:0<597/7A?3==3

PUNTI A CINISELLO

)7/7<B/;;/2G>1< 

)7/#7?/1/;3

I"79<;3)7/&/;3;7?

I#/93?@>/3;347@)7/3:717? I#/?@7113>7/#/;/>;2>3/)7/++&3@@3:0>3 I&/9/??71A>/F7<;7#7/FF/>/:?17

 I>3:3>7/!3C-3;#7/FF/>/:?17

PUNTI A BRESSO I#3?163>7//@/;3?3)7/%<:/ I#7?17;/#/<9<<597/)7/A757&@>/2/


PubblicitĂ 

17 aprile 2014

|

7


8

|

17 aprile 2014

VENERDÌ 18 APRILE

Cinema Rondinella Viale Matteotti 425 - Sesto San Giovanni (MI) tel 02.22.47.81.83 - fax 02.24.41.07.09 info@cinemarondinella.it www.cinemarondinella.it

GIGOLÒ PER CASO PRIMA VISIONE Regia: John Turturro con Woody Allen, John Turturro - ORE: 15.30 - PREZZI: prezzo speciale euro 4,00 SU RE CINEMA E SACRO

GIOVEDÌ 17 APRILE

- 17.30 - 20.30 - 22.15 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

DOMENICA 20 APRILE GIGOLÒ PER CASO PRIMA VISIONE Regia: John Turturro con Woody Allen, John Turturro - ORE: 15.30 - 17.30 - 20.30 - 22.15 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

C'ERA UNA VOLTA A NEW YORK CINEFESTIVAL RONDINELLA Regia: James Gray con Marion Cotillard, Joaquin Phoenix - ORE: 21.15 proiezione unica - PREZZI: biglietto x 1 film 4,00 euro - tessera valida per 4 film 12 euro - tessera valida x 10 film 25 euro tessera valida x 20 film 40 euro

LUNEDÌ 21 APRILE

GIGOLÒ PER CASO PRIMA VISIONE Regia: John Turturro con Woody Allen, John Turturro - ORE: 21.15 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

GIGOLÒ PER CASO PRIMA VISIONE Regia: John Turturro con Woody Allen, John Turturro - ORE: 15.30 - 17.30 - 20.30 - 22.15 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00/4,50

MARTEDÌ 22 APRILE

Regia: Giovanni Columbu con Fiorenzo Mattu, Pietrina Menneas - ORE: 22.30 - PREZZI: intero euro 7,00 - ridotto euro 5,00

SABATO 19 APRILE GIGOLÒ PER CASO PRIMA VISIONE Regia: John Turturro con Woody Allen, John Turturro - ORE: 15.30

GIGOLÒ PER CASO PRIMA VISIONE Regia: John Turturro con Woody Allen, John Turturro - ORE: 21.15 - PREZZI: intero euro 5,00 - ridotto euro 4,00

MERCOLEDÌ 23 APRILE SOTTO UNA BUONA STELLA POMERIGGI AL CINEMA Regia: Carlo Verdone con Carlo Verdone, Paola Cortellesi - ORE: 15.30 - PREZZI: biglietto unico euro 3,00

Cinema Teatro Pax Vicolo Fiume, 4 - Cinisello Balsamo (MI) - tel 02 6600102 eventi@cineteatropax.it iniziative@cineteatropax.it http://www.cineteatropax.com

DIESEL

STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI Regia: Brian Percival con Geoffrey Rush, Emily Watson, Sophie Nélisse, Ben Schnetzer, Nico Liersch - ORARI: domenica e lunedì 21.15 - PREZZO: 5,50 euro intero e 3,50 ridotto (under 11 e over 60) MR. PEABODY E SHERMAN Regia: Rob Minkoff - ORARI: lunedì 17.00 - PREZZO: 5,50 euro intero e 3,50 ridotto (under 11 e over 60)

Q8 v.le Matteotti

Q8 Oilone Te Agip Shell ex Tamoil via Grandi via Saint Denis v.le F. Testi via Gramsci via Partigiani v.le F. Testi (Cinisello)

1.689

1.694

1.684

1.658

1.685

1.699

1.699

1.579

1.592

1.579

1.579

1.587

1.599

1.569

CULTURA/MOSTRE

DAL 22 AL 27 APRILE ELECTRICITY

Il risultato della contaminazione di varie discipline: danza, teatro fisico, acrobatica, video art, con in più il ricorso alle più aggiornate macchine sceniche. Questo è Evolution Dance Theater, gruppo artistico guidato da Anthony Heinl, coreografo di origini statunitense, che grazie alla sua ampia educazione e formazione in chimica e scienze tecnologiche sperimenta nuovi materiali e la combinazione degli elementi che in scena danno il cosiddetto ‘effetto hollywoodiano’. Tra colori e luci fluo in movimento, prendono vita su pal-

FESTE/SAGRE

co creature mai viste che slittano nello spazio, si elevano dal suolo, si snodano e si riuniscono con movimenti misurati. Per un’idea di futuro e di precisa sinergia, per un concetto onirico di ElectriCity. Orario: da martedì a sabato alle 20.45; domenicaalle15.30 - Ingresso: da 34,50 a 44,50 euro Milano - Teatro Nuovo, Milano Piazza San Babila

DAL 23 APRILE AL 4 MAGGIO SLAVA'S SNOWSHOW Applaudito in più di ottanta città nel mondo, visto in dieci anni da oltre quattro milioni di persone, Slava’s Snowshow, lo spettacolo di Slava Polunin, torna al Piccolo Teatro per regalare ancora attimi di pura poesia ed emozione. Gag e momenti comici si alternano ad attimi di magia e di struggente malinconia. Sospeso tra sogno e realtà, lo show coin-

CONCERTI/SPETTACOLI

volge lo spettatore in una performance in divenire. Con la sua tuta gialla, le pantofole rosse e la sciarpa al collo, Slava (mimo e clown russo) dirige una compagnia di artisti provenienti da tutto il globo. - Orario: martedì e sabato alle 19.30; da mercoledì a venerdì alle 20.30; domenica alle 16.00 Ingresso: da 32,00 a 40,00 euro Milano - Teatro Strehler - Largo Antonio Greppi

FINO AL 27 APRILE 100% ORIGINAL DESIGN

A Palazzo Reale, un viaggio attraverso le icone che hanno cambiato il panorama domestico.

Torta alle fragole

DOMENICA 20 E LUNEDÌ 21 APRILE

Prezzi aggiornati a mercoledì 16/04/2013. I gestori di stazioni di servizio e i lettori possono comunicarci i prezzi più convenienti scrivendo a redazione@ilgazzettinodisesto.it

BENZINA

Ricette da Sesto ...ricette dal mondo

TEMPO LIBERO

Si apre alla creatività internazionale con 100% Original Design, una coinvolgente mostra multimediale che propone un viaggio nel tempo attraverso 100 indiscusse icone di design. Pezzi indimenticabili che dal 1945 a oggi si sono ritagliati uno spazio nel nostro quotidiano, modificandolo e migliorandolo grazie a una miscela vincente di ricerca e sperimentazione. Tra i pezzi proposti, anche la lampada da tavolo Atollo di Vico Magistretti per Oluce. Vincitrice del Compasso d’Oro nel 1979, è un oggetto senza tempo basato sull’equilibrio geometrico delle sue forme: il cono sul cilindro e la semisfera sovrastante. - Orario: lunedì dalle 14.30 alle 19.30; martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle ore 9.30 alle 19.30; giovedì e sabato aperto fino alle 22.30 - Ingresso: libero Milano - Palazzo Reale- Piazza del Duomo, 12

Una torta fresca ed estiva con le regine della stagione: le fragole.

INGREDIENTI: latte 200 ml, fragole 250 gr, burro 100 gr, granella di nocciole 100 gr, zucchero 150 gr, 4 uova, 1 cucchiaio di acqua PREPARAZIONE: Lavare e tagliare le fragole a pezzetti quindi metterle in una pentola capiente insieme al latte e portare a ebolizione mescolando; lasciare intiepidire. Prendere la granella di nocciole e il burro e farlo sciogliere a fuoco lento. In una ciotola mettere i tuorli d’uovo con lo zucchero sbattendoli fino a ottenere un composto denso.Aggiungere il burro e il cucchiaio d’acqua. Versare quindi la farina a poco a poco, mescolando. Nel frattempo frullare il composto di fragole e aggiungere all’impasto. Quindi versare il composto in una teglia (meglio se silicone) e cuocere in forno a 180° per 40 minuti, o comunque fino a quando l’impasto sarà asciutto. Lasciare raffreddare, quindi impiattare e servire a fette con fragole fresche.

Una nuova rubrica. Scriveteci, inviateci le vostre ricette e le vostre foto ai fornelli da condividere con i nostri lettori


PubblicitĂ 

17 aprile 2014

|

9


10

|

17 aprile 2014

Cultura & tempo libero

Segnalateci gli appuntamenti e le iniziative sestesi all’indirizzo mail redazionegazzettino@gmail.com

Fotografi in erba alla prova sul campo l’Archivio Sacchi per il FuoriSalone apre le sue porte Prosegue l’appuntamento con gli scatti delle ragazze e dei ragazzi che stanno seguendo le lezioni organizzate nell’ambito del progetto Buskerschool. Questa volta le nozioni imparate durante il corso sono state messe in pratica allo spazio Archivio Sacchi, dove nei giorni scorsi si sono svolti laboratori ed eventi in occasione del FuoriSalone.

e n o i z a r e ib L a l l e e i n Festa d o m i cer

IONI :: Z A R B E L CE

LI ITUZIONA T IS I T N ME R T AI MO O P S O L DAL

Chiara Militello 20 anni Titolo: Tornio

e i t n e v tra e

Mara Fumagalli

17 anni Titolo: Arte dal mondo

di Aurora Dupin Non solo una giornata di festa per celebrare il 25 aprile, anniversario della Liberazione. Anche quest’anno il comune di Sesto, in collaborazione con associazioni e commercianti del territorio, ha elaborato un ricco programma di eventi culturali, sportivi e di intrattenimento che hanno avuto il via già nei giorni scorsi e che proseguiranno fino alla fine del mese. Come ogni anno, protagonisti saranno i giovani, a cui sono rivol-

ti diversi appuntamenti nell’ambito dei progetti ‘Timelapse 1944/2014’ promosso da Archivio del Lavoro e Fondazione Isec, e ‘Pane e pace!’, realizzato e coordinato da Extramondo che hanno coinvolto gli studenti degli istituti ‘Erasmo’ di Sesto e ‘Casiraghi’ del centro scolastico del Parco Nord. In entrambi i casi si è trattato di un lavoro di ricerca storica e di preparazione condotta con gli studenti che ha portato alla creazione di eventi e spettacoli teatrali. Il prossimo fine settimana, da venerdì 25 a domenica 27, Villa Zorn si colorerà

grazie alle bancarelle della tradizionale edizione di ‘Sesto in fiore’, mostra mercato di fiori e piante. A partire da mercoledì 23 e fino a venerdì 25 dalle 9.30 del mattino saranno poi depositate le corone commemorative in tutti i luoghi simbolo della città. Sempre il 25 aprile spazio allo sport, con diverse gare e manifestazioni, dal pattinaggio sul ghiaccio al calcio tra il PalaSesto e il campo via Marx. Il programma completo delle iniziative è scaricabile dal sito del comune all’indirizzo www.sestosg.net.

MOSTRE :: PERSONALE DI CARLA SANTOMAURO ALLA CASCINA DI VIA CLERICI

La natura del Parco Nord su tela Anche un parco ‘metropolitano’ può diventare fonte di ispirazione, luogo in cui liberare fantasia e creatività. E’ quello che ha tradotto in dipinti Carla Santomauro, pittrice che ha voluto ‘ascoltare’ la natura del Parco Nord e fermare emozioni e immagini sulle sue tele. ‘Il magico incanto del Parco Nord’ è la personale dell’artista che sarà inaugurata giovedì 24 aprile alle 17 nella Cascina Centro Parco di via Clerici, all’interno dello

stesso ‘bosco di città’ che ha ispirato i 17 dipinti dell’artista. «Nelle mie passeggiate, in estate come d’inverno, sentivo il suono della natura e la città ormai lontana - racconta l’artista nel presentare la sua mostra -. Sensazioni che ho cercato di trasformare attraverso il segno e il colore». Mostra visitabile dal 25 al 27 aprile e dall’1 al 4 maggio dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle18.30 (il 2 maggio dalle 15 alle 18.30).

Sara Uboldi Titolo:

Sogno una casetta nel cassetto

Valentina Maron

19 anni Titolo: Passione


17 aprile 2014

Sport Notizia FLASH ::

Pro sconfitta fuori casa

RICORDO ::

| 11

Segnalateci gli avvenimenti sportivi e le storie delle associazioni sestesi all’indirizzo mail redazionegazzettino@gmail.com

SCOMPARSO A

90 ANNI NANDO TERRUZZI, CAMPIONE SESTESE

Addio al re della Sei Giorni

Su 149 edizioni ne vinse 25. Fu anche oro olimpico nel ‘48 di Niccolò Villa

La Pro Sesto torna sconfitta dalla trasferta sul campo del Pontisola. Di Salandra il gol partita al minuto 25 del primo tempo a coronamento di una prima fase del match dominata dai padroni di casa. L’occasione più nitida capita sui piedi di Spampatti al nono minuto: ma il tiro del re del gol è deviato in angolo dal numero 1 del Pontisola, Mora. Allo stesso Spampatti è stato anche annullato un gol. Ma nel calcio non contano le occasioni mancate, solo quelle realizzate. E il Pontisola riesce a passare e poi a difendersi per tutta la partita dagli attacchi dei sestesi. Che tornano a casa senza punti: l’occasione per tornare a smuovere la classifica in ottica playoff si presenta già giovedì 17 aprile. Alle 15 al Breda arriva il Piacenza.

La prima vittoria a quattro anni e quattro mesi: il Trofeo Velodromo Sempione a Milano. Fu solo l’inizio della grande anzi immensa carriera di Nando Teruzzi, sestese, portabandiera in tutto il mondo del ciclismo italiano, morto la scorsa settimana a 90 anni. Fu medaglia d’oro nel tandem all’Olimpiade di Londra nel 1948, con Renato Perona: ma il suo nome è senza dubbio legato alla Sei Giorni, la kermesse meneghina di cui è stato vincitore per ben 25 volte. Prese parte a 149 edizioni, e collezionò anche 32 secondi posti e 19 bronzi. «Una volta disputò anche la Milano-Sanremo (era il 1949), ma solo per andare in caccia dei premi dei primi traguardi volanti, e infatti a Casteggio, dopo una cinquantina di chilometri, esaurito, si ritirò», ricorda Marco Pastonesi, firma della Gazzetta dello Sport che lo ha celebrato sulla rosea. «Solo poche settimane fa - ha dichiarato il vicesindaco e assessore allo Sport Felice Cagliani - avevamo

ricordato i novant’anni di Ferdinando Terruzzi e oggi, con tristezza, ne piangiamo la scomparsa. Alla famiglia e agli amici rivolgiamo le più sentite condoglianze della Giunta comunale e di tutta la città di Sesto San Giovanni».

L’EVENTO :: LEGROTTAGLIE E COMPAGNI SUL CAMPO DELL’OSA

Catania, allenamento in via XX Settembre

SERIE A2 ::

Non si sono sottratti ai flash dei tifosi e dei curiosi e nemmeno al rito degli autografi i giocatori del Catania Calcio che domenica mattina erano a Sesto San Giovanni. Risveglio muscolare, in vista della partita contro il Milan (giocata e persa a San Siro, in serata), sul campo dell’Osa della parrocchia San Giuseppe di via XX Settembre. Oltre 300 le persone, soprattutto bambini, accorse per l’occasione. Per cercare di ‘rubare’ uno scatto o magari anche un autografo e Legrottaglie e compagni. La ‘trasferta’ catanese a Sesto è stata frutto di una serie di contatti personali tra la dirigenza del club siciliano e quella del Città di Sesto. Che non potendo utilizzare però il campetto dell’oratorio San Carlo ha chiesto disponibilità e ospitalità ai ‘cugini’ dell’Osa, ben contenti di ‘assaporare’ un pizzico di clima da Serie A.

ROSSONERE SCONFITTE NEI PLAYOFF

Al PalaNat passa Torino Il Geas fallisce gara 1 Male la prima. Il Geas Basket, che fin qui ha frantumato un record dopo l’altro nell’attuale stagione in Serie A2, ha fallito gara 1 delle semifinali playoff contro Torino. Al PalaNat le piemontesi sono riuscite a passare e a piegare le ‘invincibili’ padrone di casa del Paddy Power. Il match si è chiu-

so sul punteggio di 63-55 per le ospiti che hanno messo così un tassello importate per il passaggio del turno. Gara 2 si gioca mercoledì sera a Torino, proprio nel momento in cui Il Gazzettino andrà in stampa (palla a due alle 21). Il Geas di coach Bacchini è costretto a vincere. Solo così potrà sperare di giocarsi il tutto per tutto nell’ultima gara (che si disputerebbe il 24 aprile a Sesto).

Direttore responsabile: Rosario Palazzolo Società Editrice: Il Gazzettino di Sesto San Giovanni s.r.l. R.E.A. 1980638 Redazione: Piazza F. Caltagirone, 75 20099 Sesto San Giovanni Tel. 02.83413290 fax. 02.83413292 e-mail: redazionegazzettino@gmail.com Registrazione n° 6 del 26.03.2012 al Tribunale di Monza Stampa: Monza Stampa s.r.l. via Buonarroti, 153 - 20052 Monza


12

|

17 aprile 2014

PubblicitĂ 


Il Gazzettino di Sesto S.G. - Ed. 15 del 17-04-2014