Issuu on Google+

Gallo

il

Anno 15, n. 21 (435) - 4/17 sett 2010 - www.ilgallo.it - info@ilgallo.it

Anno d’oro

La nostra provincia tra le mete più ambite per le vacanze. Che si allungano...

Salento

BOOM

Malati cronici

Liste d’attesa: “La soluzione” S.O.S. Per la Vita: “Formare tanti volontari per costituire uno sportello in ogni Comune”

4

Casarano fuoco e fiamme

Divampano le polemiche Niente più distaccamento dei pompieri: dopo l’incendio alla Vora la decisione di rinunciare alle sede in loco pesa ancora di più

13

Il cinema indipendente Nuova location per il Siff Per la prima volta il Festival salentino a Casarano. Il Messico protagonista della settima edizione

22/23

Cena e cinema con i galletti TELEFONA LUNEDÌ

6

DALLE ORE

9

328/1063910 e 348/7145839 regolamento a pagina 30

Estate Salentina. Gli appuntamenti giorno per giorno

Serie A

apre a Casarano - 10/11

il calendario


2

ilgallo.it

pubblicitĂ 

4/17 SETT 2010


4/17 SETT 2010

ora parlo io

ilgallo.it

3

(Quasi) Tutti vogliono la Secessione...

Basta incidenti tra Galatone e Nardò W

Alla Conquista della Vita. La richiesta: “Costruite delle rotatorie” alter Gabellone, presidente dell’Associazione No Profit “Alla Conquista della Vita” per le Vittime della strada di Nardò, dopo gli ennesimi incidenti stradali che hanno riguardato le strade di Nardò e Galatone ha scritto al Presidente della Provincia Antonio Gabellone. “Incidenti”, ha scritto Walter Gabellone, “abbastanza seri, solo su uno le conseguenze per l’utente della strada sono state purtroppo molto serie, avendo subito fratture multiple su una gamba a causa di una imprudenza dettata dalla fretta di arrivare sempre prima, ma purtroppo così poi non è stato perché sono dovuti intervenire i sanitari del 118 e i vigili del fuoco per sedare un inizio di incendio addirittura dei mezzi, questo accadeva sulla strada provinciale 112 alle ore 20 all’altezza della Contrada denominata Torre Mozza, in agro di Nardò. Il primo accaduto sulla SP 17 alle ore 19, ha visto coinvolte due auto e tre giovani e solo la fortuna ha evitato il peggio per i ragazzi altrimenti avremmo avuto un ennesima strage, si strage, perché su questo incrocio non è la prima volta che accadono questo tipi di incidenti causati da una scarsa visibilità dovuto ad un disli-

vello del tratto stradale per chi proviene da Nardò diretto a Gallipoli e l’immediata vicinanza dell’incrocio a T che incrocia la SP 112. Su questo incrocio”, sostiene il presidente dell’ACV, “l’unica soluzione sarebbe una rotatoria visti anche gli ampi spazi adatti per consentirne la realizzazione”. E poi la richiesta. “Pregiatissimo Presidente, invii un suo tecnico a fare un sopralluogo e all’occorrenza chieda alle forze di Polizia che ogni giorno rilevano incidenti stradali su questi incroci e si renderà conto che qui va fatto un intervento urgente come del resto anche su altre strade del nostro Salento, in particolare anche sul territorio di Porto Cesareo, dandole atto che lei egregiamente sta portando avanti con una certa rapidità la realizzazione di molte opere per rendere sicure le nostre strade provinciali, per questo le dico a nome di tanti Leccesi grazie di cuore, per la sua sensibilità. Signor Presidente” l’appello di Walter Gabellone al suo quasi omonimo Antonio Gabellone, “faccia fare presto queste rotatorie, o altri ragazzi rischiano di morire per la loro stupida voglia di correre e noi con le rotatorie li possiamo fermare e salvare la vita”.

D’estate sui giornali tra un gossip ed una spiaggia esotica si è ridacchiato sui “comaschi che vorrebbero diventare svizzeri”. Purtroppo c’è poco da ridere, di tutta questa faccenda. Non si tratta di folklore, e la sensazione è che il Centrosud del Paese non l’abbia ancora del tutto chiaro, o che preferisca non vedere come stiano le cose. A tal proposito è stato illuminante un editoriale di Angelo Panebianco sul Corriere della Sera: forse la Padania non esiste, ma da 150 anni esiste una questione meridionale, e sono arrivati al pettine “i nodi di un fallimento storico, dell’incapacità delle classi dirigenti di risolvere il problema del Sud”. Quindi non è della Padania, ma “è del Sud che ci si deve occupare. Perché se non si creano, e in fretta, le condizioni per uno sviluppo autonomo del Sud, saranno guai”. Ma al Sud, continua Panebianco parlando dell’economia, della politica, delle istituzioni, del disastro della scuola, segni di mutamento non se ne vedono. Forse al Sud il cambiamento non conviene. Mentre il Nord non vuole più aspettare. Altro che federalismo: attenzione, ormai la secessione è diventata un sogno di molti…


SOS per la Vita: “Liste d’attesa, la soluzione c’è” 4

l’idea

ilgallo.it

L’

4/17 SETT 2010

L’obiettivo. Formare tanti volontari e poter

costituire uno sportello in ogni Comune

Associazione di volontariato “SOS per la vita” è nata tredici anni fa con l’intento di fornire un valido aiuto ai malati di cancro e per sostenere, aiutare ed informare tutti quei cittadini affetti da malattie altamente invalidanti. In tutto questo tempo l’impegno dell’Associazione è stato quello di promuovere una politica di prevenzione ed informazione adeguata ponendo il cittadino al centro del sistema sanità. E con queste finalità lo scorso anno si è istituito lo sportello SOS Sanità, parte integrante di “Informare è Prevenire” – dal nome del progetto ideato dalla VicePresidentessa Provinciale Rita Tarantino – gestito interamente da cittadini volontari formati attraverso dei corsi specifici ed al quale tutti possono rivolgersi per avere informazioni relative ai servizi sanitari della ASL LE ed ai Centri di Eccellenza, per poter avere assistenza nel disbrigo delle pratiche sanitarie, per le prenotazioni e per denunciare eventuali criticità del sistema sanitario. In questo modo i cittadini

MALATI

dell’Ambito-zona di Poggiardo che comprende i 15 Comuni del Distretto Socio-Sanitario e presentato in una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il presidente del Consorzio Giuseppe Colafati, il Presidente Provinciale di “SOS per la vita” Ilio Palmariggi, la VicePresidentessa Provinciale Rita Tarantino, il Presidente della sezione di Poggiardo Giuseppe Maggio, l’Assessore Provinciale alle Politiche Sociali Filomena D’Antini, il Direttore Sanitario della ASL LE Franco Sanapo. L’obiettivo possibile è quello di poter formare tanti volontari e poter costituire uno sportello in ciascuno dei 15 Comuni dell’Ambito riprendendo la positiva esperienza dello sportello di Otranto che dal momento in cui è stato attivato è riuscito a dare ai cittadini le risposte che cercavano ed al contempo a recepire le loro istanze aiutando in questo modo gli operatori sanitari a calibrare la loro attività in funzione delle esigenze degli stessi utenti. Ed i risultati ottenuti in tal senso sono davvero soddisfacenti

giornata tutte le visite di cui necessita la sua patologia evitando di dover compiere i vari esami specialistici in giorni differenti e di sostenere snervanti peregrinazioni fra diversi specialisti e diverse strutture. In questo modo, dunque, non solo si rende un servizio al paziente che viene segnalato dal medico di base o dallo specialista ed “arruolato” in una lista speciale di persone che necessitano di un approfondimento diagnostico ma si ottiene anche una cospicua riduzione della spesa sanitaria per il mancato costo di un posto-letto ospedaliero attraverso la conversione dei “Day-hospital” in percorsi integrati di prestazioni specialistiche ambulatoriali, oltre che una sensibile diminuzione di esami specialistici inappropriati e

CRONICI: TUTTE LE VISITE NELLA STESSA GIORNATA

prendono coscienza del proprio ruolo e cominciano a collaborare con le Istituzioni divenendo per queste una risorsa e non più un “problema”. Questo esperimento avviato con successo circa un anno fa con il Comune di Otranto (il cui sportello è diventato CUP dell’ASL LE 1) ha funzionato al punto che recentemente, nell’ottica di una sempre crescente umanizzazione dei servizi, è stato condiviso dal Consorzio per i Servizi Sociali

Attraverso questo servizio ciascun malato cronico (ad es. un diabetico o un iperteso) per il quale il ricovero ospedaliero risulta inappropriato può espletare presso gli ambulatori nell’arco della stessa giornata tutte le visite di cui necessita la sua patologia

se si considera che proprio grazie alle segnalazioni dei cittadini è stato potenziato il servizio di pediatria ad Otranto ed evidenziato come centro di eccellenza il servizio APSI (ambulatori plurispecialistici integrati) nel distretto di Maglie. Attraverso questo servizio ciascun malato cronico (ad es. un diabetico o un iperteso) per il quale il ricovero ospedaliero risulta inappropriato può espletare presso gli ambulatori nell’arco della stessa

soprattutto un significativo abbattimento delle liste di attesa in alcune branche specialistiche. Ed il tutto a servizio del paziente posto finalmente al centro del sistema ed al quale, al termine dei controlli effettuati, viene aggiornata la scheda clinica individuale nella quale vengono riportati l’esito degli esami diagnostici e la prenotazione per il controllo successivo che può prevedere il coinvolgimento di uno o più specialisti in rapporto alla va-

lutazione clinica emersa dagli approfondimenti. Finora, grazie ad uno spirito volontaristico e ad una sinergica collaborazione tra medici specialisti e personale infermieristico nonché alla possibilità di avvalersi di un operatore CUP specificatamente dedicato ed addestrato nella organizzazione e gestione della tempistica degli appuntamenti in sequenza, sono state effettuate circa 400 APSI a favore di pazienti affetti da diabete mellito, scompenso cardiaco, cardiopatie ischemiche, broncopatie croniche ostruttive e restrittive, malattie reumatiche ed endocrinopatie. Il progetto APSI avviato, in via sperimentale un anno fa nel distretto socio-sanitario di Maglie dal Dirigente dott. Pierluigi Camboa, è inserito in un più ampio progetto nazionale che vede la collaborazione del dott. Giuliano Mariotti, ideatore dei RAO (urgenze richieste per priorità cliniche scientificamente oggettivate) ed il coordinamento scientifico a cura del prof. Walter Ricciardi, direttore dell’Istituto di Igiene dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, il quale ha delegato alla supervisione dello stesso progetto il prof. Antonio Giulio De Belvis. Ora, vista l’approvazione degli esperti e degli utenti, sarebbe auspicabile che il sevizio APSI venisse istituzionalizzato dalla ASL LE per una estensione a livello aziendale ed eventualmente esportato in altri distretti affinché, anche grazie agli sportelli istituiti da “SOS per la vita”, i cittadini possano riuscire a far sentire sempre più la propria voce ed a sentirsi determinanti per cambiare le cose in funzione delle loro legittime aspettative ed esigenze. Carlo Quaranta


la svolta

4/17 SETT 2010

“SITUAZIONE DI STALLO”

Il Partito Democratico: “Si attendeva e si attende ancora che il Sindaco proponga una soluzione complessiva e definitiva ai problemi posti dal PD”

È

“È GIÀ CAMPAGNA ELETTORALE”

La Puglia Prima di Tutto: “Già pronti con altre tre liste civiche e un candidato sindaco a chiedere ai cittadini di Nardò un forte cambio di passo”

giunta al capolinea la crisi amministrativa che da un mese a questa parte ha coinvolto Nardò. Dopo lunghe, estenuanti ed infruttuose trattative alla ricerca di nuove alleanze politiche, il sindaco Antonio Vaglio, resosi conto dell’impossibilità di dar vita ad un nuovo governo cittadino, ha formalizzato le proprie dimissioni. “I giorni trascorsi dall’apertura della crisi con le dimissioni di alcuni Assessori”, ha scritto Vaglio nella lettera alla cittadinanza, “sono stati destinati unicamente al tentativo di ricucire lo strappo, ma, resomi conto della situazione agonizzante della città, ho tentato di dare alla stessa un governo che rappresentasse un ritorno a maggioranze più ampie in funzione dell’interesse della città. Sorvolando sulle inconsistenti voci di ribaltoni, ho tentato di ricucire i rapporti tra le forze presenti in Consiglio che si sono dimostrate disponibili verso la mia persona nell’alveo dell’originale maggioranza. Ho dovuto però constatare che le pregiudiziali reciproche, poste dalle varie forze presenti in Consiglio, impediscono la ricostituzione di una maggioranza forte in grado di governare. Rassegno, pertanto, le mie dimissioni da Sindaco, ringraziando tutti quelli che con me hanno collaborato all’interesse della città”. A questo punto al primo cittadino restano i canonici venti giorni di tempo previsti dalle normative vigenti per il ritiro della dimissioni, altrimenti si dovrà procedere con il commissariamento e la successiva chiamata alle urne che presumibilmente avverrà nella prossima primavera. Le diverse manovre per ricucire lo strappo con il PD non hanno portato ad alcuna via d’uscita, così come i tentativi di alleanze trasversali con “Nuovo Corso per Nardò”, PdL e “La Puglia Prima di Tutto”. A vuoto anche il riavvicinamento con “Città Nuova” e la via di conciliazione con “Io Sud”. Venendo a mancare le condizioni minime per governare la città, a Vaglio non è rimasta alcuna scelta se non

ilgallo.it

5

“ORA ELEZIONI ANTICIPATE!”

Nuovo Corso per Nardò: “Le dimissioni di Vaglio sono la logica conseguenza del marasma politico-amministrativo in cui è precipitata la città”

Nardò, crisi senza fine

Vaglio bye bye

La motivazione. “Pregiudiziali

reciproche, poste dalle varie forze presenti in Consiglio, impediscono la ricostituzione di una maggioranza forte in grado di governare” quella delle inevitabili dimissioni. Concordi le posizioni dei vari schieramenti. Il PD, tramite la segretaria cittadina Vanessa Giannuzzi, ha ribadito: “Non si è ricevuta dal sindaco Vaglio una risposta politica concreta sulla questione economico-finanziaria e quindi di Bilancio comunale. Si ritiene che la città necessiti di una risoluzione urgente alle tematiche sollevate, per uscire dallo stallo in cui si trova. Pertanto, si attendeva e si attende ancora che il Sindaco proponga una soluzione complessiva e definitiva ai problemi posti dal PD, condizione essenziale per continuare l’esperienza amministrativa”. “La Puglia Prima di Tutto”, per bocca del segretario cittadino Maurizio Sanasi, e del capogruppo consiliare Antonio Sabato, ha precisato: “Per il ruolo che ci compete, “La Puglia Prima di Tutto” proprio in previsione della preparazione della campagna elettorale, per noi già partita, è già pronta con altre tre liste civiche a chiedere ai cittadini di Nardò un forte cambio di passo e lo farà con una assemblea aperta, entro la fine del prossimo ottobre, in struttura che sarà comunicata, ufficializzando

in tale sede la propria proposta di candidato Sindaco”. Sulla stessa lunghezza d’onda i Consiglieri della lista civica “Nuovo Corso per Nardò”, Salvatore Donadei, Adriano Muci, Oronzo Capoti e Pippi Mellone, che commentano con una nota politica congiunta: “Le ultime ore di cronaca politico-amministrativa cittadina sono state caratterizzate, tra l’altro, dalla decisione, tardiva, ma inevitabile, e speriamo definitiva, del Sindaco di dimettersi. Le dimissioni di Vaglio appaiono, anzi sono, la logica conseguenza del marasma politico-amministrativo in cui è precipitata la città da qualche mese a questa parte e l’auspicio da parte nostra è quello che, davvero, stavolta, le stesse siano definitive e portino la città ad elezioni anticipate”. A meno di clamorosi risvolti, appare oramai chiaro e ben definito il quadro politico ed è altrettanto chiaro che la cittadinanza neretina sarà chiamata ad esprimere nuovamente le proprie preferenze elettorali. Come direbbe Plutarco, “Il tempo è il più saggio dei consiglieri”. Massimo Alligri


6

ilgallo.it

estate ok

4/17 SETT 2010

Flussi turistici 2010:

I numeri. Anche il dopo Ferragosto promuove il Salento: +5 per cento di arrivi

C’è

chi ha indicato il Salento come “La nuova Costa Smeralda”, chi è arrivato a dire che anche Lele Mora con il suo codazzo di veline e tronisti si è stabilito qui (ma di questo potremmo anche farne a meno), fatto sta che mai a memoria d’uomo abbiao visto il Salento così invaso dai turisti. Solo una sensazione? Solo i numeri in questo caso dicono la verità ed i primi dati diffusi dall’Azienda di Promozione Turistica sembrerebbero confermare questa nostra sensazione. Ed anche il dopo Ferragosto promuove il Salento tra le mete turistiche preferite dagli italiani. Così come si evince dal Progetto Monitor dell’Apt di Lecce che osserva la domanda tendenziale dei flussi nelle diverse tipologie di strutture ricettive in prossimità dei periodi di particolare rilevanza turistica durante tutto l’anno. Nel mese di agosto il dato medio registra infatti un aumento del 5 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e evidenzia il trend di crescita costante che ha caratterizzato anche le prime tre settimane di agosto e tutto il mese di luglio (+4/5 %), contribuendo a collocare il Salento ai vertici della classifica nazionale, come ha dimostrato anche la ricerca di Federalberghi che vede la Puglia al primo posto tra le regioni più gettonate dagli italiani per le vacanze estive del 2010, con il 10,6 per cento di gradimento, insieme ad altri osservatori pubblici e privati. Il Salento, dunque, conferma il suo appeal e afferma le peculiarità territoriali grazie a un’offerta in grado di rispondere a target differenti, sia rispetto alla capacità di spesa, sia in riferimento alla domanda specifica: Monitor, infatti, mette in rilievo l’andamento dei flussi incoming sull’intero territorio (non solo su quello costiero), grazie a un panel di 80 strutture ricettive suddivise in alberghi, campeggi, agriturismi, bed & breakfast,

case vacanze per un totale di 6.206 posti letto pari al 10% della ricettività del Salento. Quattro le aree oggetto dell’indagine: Lecce e hinterland; Porto Cesareo-Gallipoli-Ugento-Nardò (area jonica); Salve-Leuca-Tricase-Santa Cesarea Terme (Sud Salento); Otranto-MelendugnoVernole-Maglie-Grecìa Salentina (area adriatica).

La Notte della Taranta proprio su quest’area la quarta settimana di Ecedenti, agosto è stata la più positiva rispetto alle pregrazie ad una crescita superiore al 5% rispetto allo stesso periodo del 2009, individuando nella Notte della Taranta (Concertone ed intero festival) un significativo catalizzatore di flussi, come peraltro mette in rilievo la ricerca condotta dalla Toulouse School of Economics e dall’Università Bocconi di Milano che accende i riflettori tra l’altro su costi, spese soggiorni, istruzione e gusti di coloro i quali partecipano all’evento.

Cresce l’entroterra

elle prime tre settimane del mese clou della N stagione, le strutture ricettive hanno registrato il 90% di riempimento dei posti letto. Ciò vale per le varie tipologie di ricettività e per i diversi ambiti territoriali: sicuramente per le aree marine, ma è interessante sottolineare la crescita delle presenze nei Comuni dell’entroterra, capaci di valorizzare, con le loro peculiarità ambientali, il ricco patrimonio culturale, le bellezze artistiche e le eccellenze territoriali e di offrire un’accoglienza più autentica e sicuramente a prezzi competitivi.

Lecce superstar ell’ultima settimana di agosto l’occupazione N media dei posti letto si è attestata intorno all’80 per cento, con punte che, come nell’area di Lecce e della Grecìa, superano il 90 per cento. Lecce si dimostra essere una città di riferimento nei flussi turistici non solo come città d’arte, ma anche come città di mare, scelta sia perché centrale rispetto alla collocazione geografica delle località balneari salentine e comunque più economica di queste, sia perché vivacissima durante le serate estive, grazie alla sua nota movida e al ricco cartellone di eventi predisposto da vari enti e associazioni culturali.

Vacanze più brevi

ontinua la tendenza ad accorciare la durata C del soggiorno (6 giorni di media) e a diminuire la spesa media procapite, grazie anche alla


turismo

4/17 SETT 2010

Salento boom Che traino. Notte della Taranta attrattore turistico Lido San Giovanni a Gallipoli

vece, ottima sembra essere la presenza dei lombardi, toscani e piemontesi, emiliano-romagnoli, che si affiancano ai tradizionali campani, laziali e ai conterranei delle altre province pugliesi. La richiesta è principalmente di individuali (coppie o famiglie), ma sono presenti anche dei gruppi. Circa provenienza, permanenza e tipologia di ricettività, non ci sono sostanziali differenze tra i due periodi, con un lieve accorciamento del soggiorno (preferenza per il long weekend) per gli ospiti della quarta settimana .

Gallipoli: che agosto!

nche nell’area jonica la quarta setArivitimana registra una crescita di arrispetto al 2009: in particolare

capacità degli operatori di esercitare politiche di prezzo elastiche, e quindi al ribasso di fronte a richieste di mercato in tal senso. Lecce viene preferita dai visitatori soprattutto nei week-end o comunque per soggiorni in media di 4 giorni, a differenza delle località di mare per le quali si prevedono soggiorni in media lunghi 7 giorni. Non solo, Lecce è anche la città preferita dagli stranieri, per quanto questi ultimi siano in aumento rispetto alla media stagionale e presenti un po’ in tutte le strutture e in tutte le aree geografiche.

Inglesi, francesi e tedeschi

proposito di provenienza il panel della rileEpiù avazione vede tedeschi, francesi ed inglesi tra i affezionati alle nostre località, ma non mancano gli svizzeri, i belgi, gli americani, gli olandesi, gli spagnoli, gli austriaci e alcune presenze cinesi, brasiliane e canadesi. Tra gli italiani, in-

l’area gallipolina sembra aver avuto il maggior incremento di presenze nelle due settimane centrali di agosto. Il Sud Salento dichiara un + 2% per l’ultima settimana, testimoniando un’occupazione dei posti letto ad agosto intorno all’80% ed una interessante crescita di stranieri.

“Salento crocevia nuove tendenze” settore turistico nel Sa“Il lento è in buona salute”, commenta Stefania Mandurino, commissaria dell’APT di Lecce, “il mercato quest’anno ha dalla sua parte anche le politiche di prezzo degli operatori e lo sforzo costante di tutti noi di rendere prodotto turistico ogni emozione. Questa terra” conclude la Mandurino, “sta vivendo un momento magico, infatti, non solo dal punto di vista turistico, ma anche dal punto di vista della vivacità creativa che la caratterizza e che rafforza il suo appeal di crocevia di nuove tendenze culturali, artistiche e comunicative”. Giuseppe Cerfeda

ilgallo.it

7

Gli operatori: si può fare di più Salento: è vero boom? Secondo Gianni Mazzeo, presidente dell’Associazione Commercianti del Centro Storico di Otranto, “il vero motivo per essere felici è che non abbiamo lavorato solo per i soliti 20 giorni di agosto così come accaduto negli ultimi anni. Quest’anno infatti abbiamo goduto del flusso turistico da giugno Gianni Mazzeo fino ad oggi e non sembra proprio essere ancora finita”. E già, perché da quello che si “avverte” dalle prenotazioni già effettuate nelle strutture ricettive pare che il trend per le prossime settimane sia proprio positivo: “Certo alberghi, villaggi ed altre strutture si sono in parte svuotati, comunque anche senza il pienone del pieno agosto il movimento continua ad esserci. E poi, da quello che mi risulta, per i fine settimana tornerà ancora ad esserci il tutto esaurito. E comunque c’è da essere contenti, basti pensare che l’anno scorso il 22 agosto era praticamente tutto finito…”. Attilio Caputo, direttore del Gruppo Caroli Hotels (Gallipoli e Santa Maria di Leuca), ritiene invece che il boom sia “soprattutto mediatico. Dai numeri a disposizione e da quello che ho visto, mi pare che l’affluenza sia stata e continui ad essere Attilio Caputo quella degli anni passati. E la mia considerazione vale per il periodo aprile-ottobre”. E il trend? “Credo che anche per le prossime settimane andremo a confermare i numeri dello scorso anno, anche perché stanno per ricominciare le scuole e quindi sarà difficile alimentare ancora il settore. Si era detto di posticipare la data d’inizio della scuola al sud, ma poi non se n’è fatto nulla. Per questi motivi”, insiste Caputo “il boom è soprattutto psicologico perché il Salento ormai è sulla bocca di tutti e gode di una forte spinta mediatica. Se nel periodo “caldo” abbiamo visto più gente”, ammette però, “è anche perché sono aumentati i posti letto”. Per il futuro Caputo conta sul miglioramento dei collegamenti aerei: “E’ partito un Roma-Ciampino-Brindisi della Ryan Air che potrebbe consentirci di intercettare un nuovo flusso. La speranza è che anche altri collegamenti ci favoriscano e ci diano ulteriore linfa per allungare la stagione”.


8

ilgallo.it

dai Comuni

Lecce: nonni in vacanza 4/17 SETT 2010

Si parte. Soggiorni a carico del comune, parti-

T

ranno tutti gli anziani che hanno fatto domanda

utti i 520 anziani di Lecce che hanno fatto domanda andranno in vacanza a settembre grazie al Comune. Il sindaco Paolo Perrone, per accontentare 170 persone rimaste fuori dalla graduatoria redatta alla scadenza del relativo bando, ha infatti deciso di estendere la copertura finanziaria dei soggiorni a carico di Palazzo Carafa, recuperando tra l’altro alcune economie di gara, e dunque di aumentare i posti di-

E alla fine Nardò restò senza musica

sponibili per i soggiorni. I primi 350 aventi diritto in base alla graduatoria (cioè gli anziani a reddito zero e quelli che tra i primi hanno presentato la domanda), saranno dunque suddivisi, quanto a destinazione, tra Montecatini, Riccione e Cattolica, mentre per gli altri 170, spiega il direttore del Comune Tonio Carpentieri, si stanno valutando le opzioni ancora disponibili con le ditte che hanno partecipato alla gara.

Perchè? Saltati l’appuntamento con la tromba di

Nello Salza e tutti gli altri che, sulle pagine di questo giornale, erano stati illustrati come l’occasione per ridare un po’ d’ossigeno al borgo antico, provato da anni di lavori interminabili

U

na scelta che mortifica il centro storico. Direi di più, una scelta che mortifica un’intera città prima illusa da un dignitoso e originale cartellone estivo di concerti (“Nardò in musica”) e poi subito disillusa. Sì, perché, dopo la bella “prima” del 21 luglio che aveva suscitato unanimi apprezzamenti e riportato nel cuore antico della città un certo movimento, il sindaco Antonio Vaglio ha pensato bene di annullare tutto! Son saltati l’attesissimo appuntamento con la tromba di Nello Salza e tutti gli altri che, sulle pagine di questo giornale, erano stati illustrati come l’occasione per ridare un po’ d’ossigeno al borgo antico, provato da anni di lavori interminabili. La motivazione ufficiale del Comune è presto detta. E si fa presto a dirla perché si tratta solo di poche parole all’interno di uno scarno comunicato di tre righe: la rassegna viene sospesa “per motivi connessi alla situazione di crisi politico-amministrativa”. Quali sono questi motivi? Sono tali da giustificare la soppressione (perché nessuno crede davvero che si tratti di una sospensione) di un evento – l’unico dell’estate 2010 a Nardò – pubblicizzato da 6x3, annunci stampa, spot e brochure? Non è dato sapere, nel perfetto stile poco (e mal) comunicativo a cui il primo cittadino ci ha abituati. Questa è la beffa delle beffe in una stagione estiva avara per gli operatori commerciali. La città che si fregia delle ambitissime Cinque Vele di Legambiente sta vivendo

un calo delle presenze turistiche da far spavento, se addirittura ne stanno risentendo pure le marine. Sabato 31 luglio, data in cui si sarebbe dovuto tenere il concerto di Salza, chi era venuto da fuori per assistere all’evento si aggirava per le strade del centro storico, chiedendo ai commercianti indicazioni su dove si stesse svolgendo. “Non potete immaginare – racconta Maria Rosaria, proprietaria di un delizioso ristorante nei pressi di piazza Salandra – quanto sia stato umiliante dover spiegare a tanta gente (e tanti venivano da fuori) che il concerto previsto per quella sera per la rassegna ‘Nardò in Musica’ era stato annullato con tutta la manifestazione!”. “Tagliare la rassegna”, dice Gregorio, che con il suo locale dedicato al buon bere e alla buona musica live ha portato nuova e sofisticata linfa vitale alle serate neretine, “equivale per me ad un suicidio politico. Io faccio l’ imprenditore e non mi sognerei mai di non rispettare le regole e la parola data. Pur nelle mille difficoltà farei e faccio sempre di tutto

LA DELUSIONE DELLA GENTE Tagliare la rassegna equivale ad un suicidio politico. Non rispettate regole e parola data

per onorarla, che si tratti di pagare un fornitore o un semplice debito. In questo caso si è andati oltre, si è ‘raggirata’ la fiducia dei propri cittadini ma, cosa ancor più grave, si è ‘raggirata’ quella dei turisti, di coloro che, pur non conoscendoci, ci onorano della loro presenza”. Bisogna dirlo senza giri di parole: è stato un clamoroso autogol per l’ex portiere Vaglio. Un autogol dal quale è apparso chiaro e cristallino, una volta di più, un concetto: chi davvero si preoccupa delle sorti del borgo antico non sta sopra il Palazzo, ma sotto, sta per strada, sta soprattutto fra tutti quegli imprenditori che ci credono nelle potenzialità perennemente frustrate di questa città e ci investono. Nonostante tutto. A dispetto, persino, del Comune e delle sue azioni volte a darsi la zappa sui piedi. Sono loro, gli operatori commerciali che continuano a lavorare e non gettano la spugna, sono loro gli unici ad avere un’idea di futuro per il cuore antico della città. Tutto il resto, direbbe Califano appropriatamente, è noia. E non solo noia. i.m.


Nardò: soldi persi? 4/17 SETT 2010

la rivelazione

123456789,00

ilgallo.it

9

L’accusa. “Noi per Nardò” attacca: “Persi i finanziamenti

per gli insediamenti produttivi”. Dito puntato sull’ex vice sindaco De Vitis che per ora preferisce non replicare

Il

movimento Noi per Nardò, che fa capo all’ex consigliere eletto con AN, Giuseppe Spenga, e all’ex assessore di Città Nuova, Mino Natalizio, punta il dito, una volta di più, contro il cattivo operato dell’Amministrazione Comunale guidata da Antonio Vaglio, ma ancora orfana di assessori e consiglieri del Partito Democratico. Lo fa denunciando la perdita di importanti finanziamenti europei destinati alle zone industriali e tirando in ballo proprio l’ex vice sindaco del PD, Salvatore De Vitis. “Dopo i flop della ormai agonizzante fase 2”, affermano, “che vanno dal mercato coperto di S. Maria al Bagno al piano commerciale su aree pubbliche, alle manifestazione estive, alla disinfestazione e derattizzazione, al verde pubblico, alla diversa idea di gestione del Parco di Portoselvaggio, al centro storico, ai ripristini del manto stradale dopo il passaggio dei sottoservizi, ai sussidi alle persone bisognose, e via discorrendo, pensavamo di aver toccato il fondo. Invece dobbiamo ricrederci. Abbiamo appreso, infatti, che, mentre numerosissimi comuni salentini hanno avuto accesso a finanziamenti per centinaia di migliaia, e in alcuni casi milioni di euro, attraverso il bando di Iniziative per le infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi, di cui ai POR FERS 2007 - 2013. Asse VI. Linea di intervento 6.2 -

Azione 6.2.1., il Comune di Nardò non ne ha beneficiato”. Come è potuto succedere? “Mentre altre Amministrazioni potranno realizzare importanti progetti”, spiegano, “per potenziare, attraverso le necessarie infrastrutture, le aree produttive, consentendo alle aziende di crescere e sviluppare l’indotto per creare nuove opportunità di lavoro, il nostro governo cittadino ha pensato bene di seguire una via che si è dimostrata sbagliata. C‘è chi nell’Amministrazione comunale ha ritenuto di affidarsi al Consorzio ASI di Lecce, il cui progetto è stato respinto. Insomma, grazie all’ennesima scelta strategica sbagliata, pare riconducibile all’ex vice sindaco De Vitis, Nardò è rimasta all’asciutto, anzi è il caso di dire al buio visto che il progetto presentato riguardava appunto la pubblica illuminazione. Quello che più ci allarma”, concludono Spenga e Natalizio, “è che la perdita di questo importante finanziamento possa essere la prima di una lunga serie, visto che, date le disastrose condizioni di bilancio, il Comune non è in grado di garantire la necessaria quota di cofinanziamento, ormai richiesta in quasi tutti i bandi della programmazione 2007 – 2013”. Problema indubbiamente spinoso quello sollevato da Noi per Nardò. De Vitis, mantenendo fede al silenzio stampa che sta perseguendo in

questa fase, dopo le dimissioni e in attesa di capire se la crisi rientrerà, ha preferito non rilasciare dichiarazioni in merito, riservandosi di parlare anche di questo argomento una volta chiarita definitivamente, in un senso o nell’altro, la disputa con il primo cittadino. Fonti interne al Comune, però, ci tengono a precisare che, l’autunno scorso, il consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale di Lecce convocò i Comuni più rappresentativi che lo compongono per proporre loro di partecipare al bando con un unico progetto, dove l’ASI fosse il soggetto proponente e i comuni figurassero come partner. E così avvenne. Salvo, poi, che il progetto presentato non è stato, infine, giudicato idoneo per ottenere il finanziamento. In sostanza, si vuol dire che il Comune ha percorso la strada che riteneva più opportuna, visto anche che si tende a privilegiare in questo tipo di bandi l’unione fra diverse realtà all’interno di uno stesso territorio, ma non sempre la partecipazione, come che sia effettuata, è coronata da successo. Ilaria Marinaci


10 ilgallo.it

salute & benessere

4/17 SETT 2010

Cleopatra, dopo Corsano apre a Casarano L’Istituto di Bellezza più “in” del Salento, dopo il successo nella sede di Corsano, ne apre una nuova a Casarano, in via Roma, fronte Calvario

“La

grossa novità di questa settimana è l’apertura del nuovo Centro di Casarano, in via Roma, fronte Calvario. Come per gli altri Istituti di Bellezza Cleopatra, quello di Maglie e quello di Corsano, saranno praticati gli stessi particolari trattamenti che hanno reso famoso il nostro Istituto nel Salento”. Tradendo una certa emozione per la nuova apertura, Antonella Greco, direttrice dell’Istituto di Bellezza Cleopatra (con sede a Maglie, in via Ospedale, 30, ed a Corsano, in via Don Minzoni, 51), ci rende partecipi di quello che sarà il prossimo evento. “Mi auguro che il nuovo Centro possa essere apprezzato come quello storico di Maglie e quello di Corsano. Anche nel nuovo Centro sarà possibile usufruire dei trattamenti rivoluzionari che, grazie alla loro efficienza, riducono le sedute e le prestazioni, garantendo grandi soddisfazioni alle clienti: parlo dei trattamenti all’ossigeno puro, Re Age e Re Oxy. Iniziamo con Re Oxy, un potente sistema che grazie all’ossigeno puro concentrato, combinato con l’ozono, garantisce risposte appropriate ad ogni tipologia di trattameno della pelle, senza i limiti dei classici antirughe, naturali al 100%, migliora l’ossigenazione, la microcircolazione, la vitalità ed il nutrimento dei tessuti. Sono tutti preparati capaci di ridurre la produzione di radicali liberi, in costante aumento con l’avanzare dell’età”. Antonella, senza accennare ad una sosta, prosegue spedita: “L’ossigeno è in grado di rallentare i processi di invecchiamento cutaneo, di combattere stress e stanchezza, di aumentare i livelli di energia e rafforzare il sistema immunitario; è un elemento fondamentale per il corpo umano. Per questo è decantato come l’alternativa estetica ai trattamenti medici con utilizzo di aghi (botox e mesoterapia), garantisce ottimi risultati ed una pelle ben vascolarizzata, ossigenata e nutrita, una pelle più sana, più resistente e naturalmente più bella, tonica, luminosa e morbida. Una volta aperti i pori, l’ossigeno viene irrorato sulla pelle assieme al cocktail scelto tramite l’infusore. Ogni cocktail é fluidificato nell’estratto di erba di CL EO PAT RA CO SME SI MA G LIE ,

V IA

più forte, più tonificato e rimodellato. Se utilizzato sul corpo, svolge un’azione anticellulite e modellante: elimina le tossine, stimola la circolazione venosa e linfatica e riduce le smagliature, dà vitalità alle cellule responsabili della produzione degli elementi plastici della pelle: fibrina, elastina, collagene, glicosaminoglicani. Grazie all’ozono si attiva la circolazione e prepara la pelle a ricevere qualsiasi trattamento cosmetico. Scioglie i grassi presenti nelle cellule adipose e le riduce. Ha un’azione battericida, funghicida e viruscida, ideale per trattamenti antiacne e antisebo; infine ha un’azione disinfiammante e cicatrizzante. Per restare giovani, dimagrire, rimanere in forma e grano ed 1 cl di erba di grano nti a T rimettersi a nuovo, vieni contiene la stessa quantità di i g g a presso gli Istituti di vitamine e sali minerali om i t a z Bellezza Cleopatra, ti presenti in 1kg di verdure naliz o s aspettano tanti partir fresche. Quattro i proe p tti u t colarissimi omaggi. r grammi viso (rigenerante, anpe i Anni di esperienza, t tirughe, antiacne e i clien trattamenti all’avanguarcoadiuvante nella cura della coudia, continui aggiornaperose) e tre i programmi corpo menti e tante novità nel campo (tonificante seno, rassodante antiestetico ci permettono di gridare la cellulite, anti gambe gonfie e pesanti) studiati da Re-Age. Re Oxy”, conclude la nostra assoluta serietà e offrire una garanzia direttrice dell’Istituto, “non usa alcun pro- sui trattamenti eseguiti presso il nostro Istidotto di sintesi, agisce con programmi speci- tuto. Testate l’alta qualità dei nostri prodotti fici non solo sulle rughe, ma anche su acne, e dei trattamenti, unici nel mondo dell’estecouperose e pelli sensibili. I risultati del si- tica. Metteteci alla prova, basta una telefostema sono tanto naturali quanto sorpren- nata! E ricordate: solo noi siamo l’Istituto denti. Il viso diventa più luminoso, il derma per Regine, Principesse e Fate”.

L’ULTRACAVITAZIONE, UN CORPO SCOLPITO E PERFETTO

“C

on Body Age Evo è facile avere un fisico scolpito, perfetto e da mettere in mostra. Riduce i trattamenti in pochi passaggi e triplica i risultati per ritrovarsi con un corpo da fare invidia. Lavora a 360 gradi perché abbatte la microcellula del grasso ed ha incorporati alcuni trattamenti come i raggi infrarossi e L’ULTRACAVITAZIONE; legge il grasso e i liquidi adiposi, senza traccia di effetti collaterali. Il tutto con effetti immediati e garantiti: Dimagrimento; Rassodamento; Sviluppo Addome; Rimodellamento; Anti Cellulite; Drenaggio Avanzato; Tonificazione. Tutto questo in poche sedute. E’ l’ideale per avere un addome super scolpito, la famosa “tartaruga" per gli uomini, ed una pancia piatta e creste iliache in evidenza per le donne”.

O S PE D AL E , 3 0 , 0 8 3 6 / 4 8 4 7 4 0 - C O R SA N O , V I A D O N M I N Z O N I , 5 1 , 0 8 3 3 / 5 3 1 1 7 1 - C AS A R A N O , V I A R O M A , 3 3 9 / 1 29 2 6 5 7


4/17 SETT 2010

salute & benessere

ilgallo.it

11


12

ilgallo.it

attualità

4/17 SETT 2010

Melendugno, il festival: Lo sguardo di Omero “Lo

sguardo di Omero” è il 1° Festival di narrazioni filmiche dedicate a luoghi, culture e identità. E’ in programma nelle marine di Melendugno dal 3 al 5 settembre ed è realizzato da Zane Editrice Lecce, promosso e sostenuto dal Comune di Melendugno (Assessorato Turismo e Spettacolo), cofinanziato dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale e dalla Regione Puglia (Assessorato Turismo e Spettacolo). Le prime due serate, venerdì 3 e sabato 4, saranno dedicate alle proiezioni presso l’area portuale di San Foca, a partire dalle 21. Domenica 5 avrà luogo la serata di premiazione a Torre dell’Orso, nell’Anfiteatro, condotta da Mingo (inviato di “Striscia La Notizia”) e che prevede il concerto di Vincenzo Tommasi (chitarra acustica), degli “Avleddha” e de “The Police Songbook”.

Noha sacrificata al fotovoltaico?

Marcello D’Acquarica. “Appena avranno coperto di specchi luccicanti 200 ettari delle nostre compagne e dopo che avranno riempito la cava De Pascalis con materiali “inerti”, qui non ci verranno nemmeno i topi”

C

orreva l’anno 2007 quando il governo cittadino, guidato dal sindaco Sandra Antonica, dava indirizzo alla Giunta ed ai Settori Tecnici comunali affinché il Comune di Galatina, sulla scia di altri salentini, si dotasse di un apposito Piano regolatore generale energetico “finalizzato alla identificazione di aree non idonee alla allocazione di impianti di produzione dell’energia, al fine di preservare le zone di maggior pregio ambientale e paesaggistico ed il patrimonio edilizio a forte valenza storico-architettonico-ambientale”. Decisione scaturita - si legge nel testo della Delibera - dalla constatazione di un numero sempre crescente di proposte di installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili sul territorio comunale e dal fatto che l’energia alternativa rappresenta una svolta nel settore produttivo a scala regionale e comunale. L’Amministrazione comunale, ben consapevole che nessun territorio può reggere indefinitamente l’impatto determinato dall’installazione di impianti per la produzione di energia, a meno di non compromettere irreversibilmente valori e peculiarità paesaggisticoambientali, al fine di regolamentare il fenomeno e di conoscerne le implicazioni in rapporto ai reali consumi di energia del territorio cittadino, ha dato incarico ad un professionista esperto, Rosario Ligori, per la redazione di un PEC (Piano Energetico Comunale) con

annesso regolamento per il fotovoltaico. Tale piano, redatto tra la fine del 2009 e gli inizi di quest’anno, stabilisce nel 4,7% la percentuale di copertura del territorio comunale da destinare agli impianti di energia rinnovabile. E proprio qui sta il problema. Pare che la quasi totalità di questa percentuale ricada in una ampia area a destinazione agricola che si trova nel territorio della frazione di Noha, in contrada Roncella. Questo è quello che denuncia Marcello D’Acquarica del Comitato “I Dialoghi di Noha”, che contesta le scelte del fotovoltaico: “Se oggi il territorio di Noha vale ancora qualcosa, appena avranno coperto di specchi luccicanti 200 ettari delle nostre bellissime compagne e dopo che avranno riempito la cava De Pascalis con materiali “inerti”, qui non ci verranno nemmeno i topi. Vada per il centro storico, trascuratissimo, che tanto si dice non valga niente, dimenticando che Noha ha un pezzo di storia che forse a Galatina manca (“basti pensare alle tracce messapiche”). E va bene che con la 167 abbiano costruito una Noha “nuova” che dal punto di vista urbanistico non c’entra un bel niente con il resto, deturpando un bellissimo promontorio. E va bene anche che non ci siano marciapiedi, piste ciclabili, strisce pedonali, che ci prendano in giro da decenni con orologio e strutture pubbliche fatiscenti. Insomma, va bene tutto, ma questa volta hanno

proprio esagerato!”. Il megaimpianto denominato “Ganascia 1”, la cui costruzione è già cominciata lo scorso luglio a cura della Società Fotowatio srl, si estende per circa 30 ettari ed avrà una potenza pari a 9,69 megawatt (guarda caso quanto basta per non essere sottoposto a Valutazione di Impatto Ambientale); si andrà ad affiancare ad altri dieci impianti in progetto. Dal Comitato ci tengono a ribadire di non essere assolutamente contrari all’utilizzo delle fonti rinnovabili ma di essere contro quello che è diventato “un sistema di speculazione che sta portando alla distruzione delle campagne salentine e che potrebbe essere evitato soltanto spostando queste distese di silicio in tanti impianti installati su luoghi già cementificati come i tetti degli edifici pubblici e privati, ma anche creando nuove strutture architettoniche”. Altre anomalie contestate sono la mancata valutazione dell’effetto abbaglio da riverbero di questi impianti sulle strade provinciali adiacenti e le autorizzazioni concesse su suoli rocciosi di pseudo-steppa mediterranea tutelati dalla Comunità Europea. L’opinione pubblica cittadina, interpellata attraverso un sondaggio condotto su un blog, si è dichiarata favorevole al fotovoltaico come sistema di produzione alternativo di energia, ma con regole certe. I cittadini chiedono alla politica di stabilire delle regole condivise che impediscano ai soliti speculatori di trasformare una risorsa come l’energia prodotta dal sistema fotovoltaico, in una minaccia che sta sconvolgendo il territorio galatinese e salentino. Massimo Alligri


Casarano ed il bluff dei pompieri 4/17 SETT 2010

il caso

ilgallo.it

13

Fuoco alla Vora. Dovendo limitare le emorragie di spesa, si

decide di eliminare i fitti passivi e quindi di non pagare più l’affitto stabilendo che i pompieri in loco non servono più...

La

Vora ha preso fuoco! Certo, per chi ha conosciuto questo poco invitante ma molto caratteristico luogo di Casarano, può sembrare una sorta di contraddizione in termini, un po’come dire che ha preso fuoco il lago di Garda o quello di Bracciano. Per anni infatti questo luogo è stato caratterizzato da un certo numero di laghetti artificiali nella loro costituzione ma molto… naturali nel loro contenuto visto che accoglievano le putride acque delle fogne casaranesi. A molti però sarà sfuggito il fatto che, in pochi mesi di attività, il nuovo depuratore ha svuotato questi invasi prosciugandone la parte “liquida” ma lasciandone, ahimé, la ben più consistente parte “solida” alla quale, in un caldo pomeriggio di mezza estate, qualche buontempone ha provveduto a dar fuoco, movimentando così le noiose giornate d’agosto con aerei, elicotteri e pompieri. A seguire, puntuali come le cambiali, le polemiche. Da quelle (legittime) sulla pericolosità dei fumi a quelle addirittura divertenti sui pompieri. Come spesso, infatti, accade un attimo dopo che sono scappati i buoi, si cerca sempre di chiudere tempestivamente e bene tutti i cancelli. Fumavano infatti ancora i mucchietti “organici” della Vora, quando il vice sindaco Francesca Fersino concordava (vivaddio) con l’ing. Angelo Miglietta dei Vigili del Fuoco “sulla necessità di ripristinare il Distaccamento di Casarano”. Neanche il tempo di concordare una cosa piuttosto ovvia come l’avere almeno un misero Distaccamento che dovrebbe poi coprire ben quattro Comuni per un totale di 50mila abitanti, che il CONAPO (il Sindacato dei pompieri) interveniva in maniera anche abbastanza dura affermando che “Casarano non ha bisogno di una squadra di volontari che sarebbero inattivi, dispendiosi e destinati ad un’altra chiusura, ma di un vero e proprio Distaccamento di professionisti, integrati magari dal supporto dei volontari”. Sempre molto diplomatica e politically correct la risposta del sindaco Ivan De Masi, che rinviava ad un bel tavolo di concertazione con la Regione ed il Ministero e… anche questa volta è andata… Sì, perché l’impressione è che, passata l’agitazione per l’incendio, non si

abbia la concreta voglia di risolvere l’annosa questione dei Vigili del Fuoco a Casarano e che per farlo ci si nasconda dietro una serie di motivazioni condivisibili sì, ma fino ad un certo punto. Per spiegare, facciamo un passo indietro. Alcuni anni fa (Amministrazione Venuti) si fa un bando di gara per individuare un locale idoneo e far tornare, dopo 30 anni di assenza, i pompieri a Casarano. Le aziende che hanno i requisiti sono due e tra esse si procede all’apertura delle buste. La Ditta Pefranflex fa l’offerta migliore con un non irrisorio scarto rispetto alla concorrente di quasi 20mila euro. Ora, il fatto che l’ex assessore (solo omonimo di chi scrive) sia un parente molto prossimo dei titolari della Pefranflex fa discutere non poco ma a ben vedere, se si fosse trattato di un qualcosa di “pilotato”, lo scarto sarebbe stato certamente ben più esiguo, garantendo di conseguenza guadagni migliori. Ma tant’è. La Ditta si impegna a rendere idonei ed a norma i propri locali ed il Comune di contro si impegna con la Ditta in un contratto di locazione della durata di nove anni per l’annuale canone d’affitto di 32mila euro circa. I lavori vengono seguiti passo passo dall’allora Comandante dei Vigili del Fuoco provinciale, tal ing. Antonio Tuzzolo, ora Comandante ad Avellino, e fanno dei locali della Pefranflex un vero e proprio gioiello come neanche a Lecce i pompieri hanno: ambienti interamente climatizzati, dieci camere con bagno in camera, sala lettura, sala relax, mensa, cucine, ecc.; il tutto per la modica cifra di 200mila euro per ottenere i quali la Pefranflex accende un mutuo veicolando poi direttamente in banca il canone per estinguerlo. Come spesso accade, dopo l’inaugurazione in pompa magna, il Distaccamento, composto solo da volontari, stenta a decollare (forse anche per mancanza di serie pressioni politiche per renderlo effettivamente operativo) e, come tutti sanno, chiude mestamente i battenti. Cambia l’inquilino a Palazzo dei Domenicani e, dovendo limitare le emorragie di spesa, si decide di eliminare i fitti passivi e quindi, come se nulla fosse, si decide di non pagare più l’affitto alla Pefranflex stabilendo (di conseguenza) che i pompieri a Casarano non ser-

vono più. Una nota di colore: la decisione è presa anche in considerazione del fatto che lo stesso ing. Tuzzolo, 15 giorni prima di esser trasferito, in un documento a sorpresa giudica “sovradimensionata” la struttura da lui stesso voluta. Ora, tralasciando il fatto che c’è un’Azienda con oltre 50 anni di attività che, per far fronte alla sua esposizione verso tutte le banche (che nel frattempo hanno chiesto di rientrare) per un non onorato contratto da parte dell’Amministrazione, dovrà lasciare a casa 7 o 8 operai; tralasciando anche il fatto che difficilmente i Giudici sorvoleranno sull’annullamento unilaterale del contratto (costringendo quindi comunque, prima o poi, al pagamento del canone dovuto), quel che fa sorridere è la soluzione che la Giunta ha proposto ai Vigili del Fuoco: la creazione di una stazione in locali non in affitto ma di proprietà; un po’ come nella trasmissione “Quelli della notte” dove un certo Massimo Catalano, divenuto famoso per dire delle lapalissiani verità, avrebbe affermato: “E’ meglio avere una casa di proprietà piuttosto che una in affitto”. Dopo gli applausi per la trovata, però i primi dubbi: dove troveremo questi locali? E soprattutto dove troveremo le centinaia di migliaia di euro per renderli prima agibili e poi idonei ad ospitare una stazione come quella che in fondo già abbiamo pagando un semplice canone? La risposta (forse) al prossimo incendio, dopo aver ancora una volta convenuto tutti insieme e davanti ai giornalisti “sulla necessità di ripristinare il Distaccamento di Casarano”. Antonio Memmi


14 ilgallo.it

pubblicitĂ 

4/17 SETT 2010


Serie A

ROMA, MILAN, JUVE

Anno 15, n. 21 (435) - 4/17 settembre 2010 - www.ilgallo.it - info@ilgallo.it

Caccia all’Inter

Si riparte. Alle spalle il fallimento azzurro ai Mondiali torniamo ad appassionarci al calcio di casa nostra

Il Lecce con Cheva vuole un posto fisso tra le grandi


16 ilgallo.it

calcio, Serie A

4/17 SETT 2010

La maratona

22/09/10

4a giornata

-

Brescia-Roma Cagliari-Samp Catania-Cesena Genoa-Fiorentina Inter-Bari Juventus-Palermo Lazio-Milan LECCE-Parma Bologna-Udinese Napoli-Chievo

7/11/10

10a giornata

-

Bari-Milan Inter-Brescia Juventus-Cesena Lazio-Roma Samp-Catania Udinese-Cagliari Palermo-Genoa Bologna-LECCE Fiorentina-Chievo Napoli-Parma

12/12/10

16a giornata

-

Bologna-Milan Brescia-Samp Cagliari-Catania Genoa-Napoli Inter-Cesena Juventus-Lazio LECCE-Chievo Palermo-Parma Roma-Bari Udinese-Fiorentina

02/02/11 26/09/10

-

-

13/03/11 10/11/10

-

-

1/05/11 19/12/10

-

-

29/08/10

1a giornata

16/01/11

-

Bari-Juventus Chievo-Catania Milan-LECCE Parma-Brescia Roma-Cesena Sampdoria-Lazio Udinese-Genoa Palermo-Cagliari Bologna-Inter Fiorentina-Napoli

-

5a giornata

06/02/11

3/10/10

6a giornata

13/02/11

Bari-Brescia Chievo-Lazio Catania-Bologna Cesena-Napoli Juventus-Cagliari Milan-Genoa Roma-Inter Samp-Udinese Palermo-LECCE Fiorentina-Parma

-

-

Chievo-Cagliari Genoa-Bari Inter-Juventus Lazio-Brescia LECCE-Catania Parma-Milan Udinese-Cesena Bologna-Samp Fiorentina-Palermo Napoli-Roma

-

12a giornata

3/04/11

-

11a giornata

20/03/11 14/11/10

Brescia-Juventus Cagliari-Napoli Catania-Udinese Cesena-Lazio Chievo-Bari Genoa-Bologna LECCE-Inter Milan-Palermo Parma-Sampdoria Roma-Fiorentina

-

-

Bari-Parma Bologna-Brescia Cagliari-Genoa Fiorentina-Cesena Inter-Milan Juventus-Roma Lazio-Napoli Palermo-Catania Sampdoria-Chievo Udinese-LECCE

17a giornata

8/05/11

6/01/11

18a giornata

15/05/11

Bari-Palermo Chievo-Juventus Catania-Brescia Cesena-Cagliari Lazio-Udinese Milan-Roma Parma-Bologna Sampdoria-Genoa Fiorentina-Inter Napoli-LECCE

-

-

Brescia-Cesena Cagliari-Milan Genoa-Lazio Inter-Napoli Juventus-Parma LECCE-Bari Roma-Catania Udinese-Chievo Bologna-Fiorentina Palermo-Samp

-


il calendario

4/17 SETT 2010

ilgallo.it

del pallone 12/09/10

2a giornata

-

Brescia - Palermo Cagliari-Roma Catania-Parma Cesena-Milan Genoa-Chievo Inter-Udinese Juventus-Samp Lazio-Bologna LECCE-Fiorentina Napoli-Bari

17/10/10

7a giornata

23/01/11 19/09/10

-

-

20/02/11 24/10/10

-

-

Bari-Lazio Brescia-Udinese Cagliari-Inter Catania-Napoli Cesena-Parma Juventus-LECCE Milan-Chievo Palermo-Bologna Roma-Genoa Samp-Fiorentina

21/11/10

13a giornata

-

Brescia-Cagliari Catania-Bari Cesena-Palermo Chievo-Inter Genoa-Juventus LECCE-Samp Milan-Fiorentina Napoli-Bologna Parma-Lazio Roma-Udinese

-

9/01/11

19a giornata

22/05/11

-

Bari-Bologna Chievo-Palermo Catania-Inter Cesena-Genoa Fiorentina-Brescia Lazio-LECCE Milan-Udinese Parma-Cagliari Sampdoria-Roma Napoli-Juventus

-

-

10/04/11 28/11/10

-

3a giornata

30/01/11

Bari-Cagliari Chievo-Brescia Cesena-LECCE Milan-Catania Parma-Genoa Roma-Bologna Sampdoria-Napoli Udinese-Juventus Palermo-Inter Fiorentina-Lazio

-

8a giornata Bologna-Juventus Chievo-Cesena Fiorentina-Bari Genoa-Catania Inter-Sampdoria Lazio-Cagliari LECCE-Brescia Napoli-Milan Parma-Roma Udinese-Palermo

14a giornata Bari-Cesena Bologna-Chievo Brescia-Genoa Cagliari-LECCE Inter-Parma Juve-Fiorentina Lazio-Catania Palermo-Roma Sampdoria-Milan Udinese-Napoli

27/02/10 31/10/10

-

-

17/04/11 5/12/10

-

Da 5 anni lo scudetto si dipinge di nerazzurro. Roma, Milan e Juve: sfida all’Inter

-

9a giornata

6/03/11

Bari-Udinese Brescia-Napoli Cagliari-Bologna Catania-Fiorentina Cesena-Samp Genoa-Inter Milan-Juventus Parma-Chievo Roma-LECCE Palermo-Lazio

-

15a giornata

23/04/11

Catania-Juventus Cesena-Bologna Chievo-Roma Fiorentina-Cagliari Lazio-Inter LECCE-Genoa Milan-Brescia Napoli-Palermo Parma-Udinese Sampdoria-Bari

-

Il pallone ufficiale della Serie A

17


18 ilgallo.it

Passione giallorossa

calcio, Serie A

4/17 SETT 2010

Esordio choc. Non è a Milano che si con-

quista la salvezza ma presentarsi da vittima sacrificale è sempre poco onorevole e, soprattutto, poco rispettoso nei confronti dei tifosi

Le nuove maglie del Lecce dal sito uslecce.it

A

ccantonato lo smacco mondiale del Sud Africa torniamo ad appassionarci delle cose pallonare di casa nostra. Con la novità più importante: il ritorno in Serie A del Lecce. A dire il vero dopo aver visto l’esordio al “Meazza” contro il Milan c’è poco da stare allegri. A parte l’evidente bisogno di ulteriori rinforzi ha colpito l’assenza di ardore agonistico (dopo 27’ il Milan vinceva 3-0 e non ricordiamo un fallo, un tackle deciso di Giacomazzi & Co.) con i rossoneri lasciati liberi di giochicchiare senza la minima pres-

sione. È vero: non è a Milano che si conquista la salvezza ma presentarsi da vittima sacrificale è sempre poco onorevole e, soprattutto, poco rispettosa nei confronti dei tanti appassionati presenti al Meazza. Ora c’è la sosta e ci sarà il tempo di rimediare purchè cambi l’atteggiamento e i giallorossi capiscano che la serie A è un’altra cosa. Sperando che il Lecce imbocchi la via che a maggio condurrà alla salvezza, diamo uno sguardo alle cosiddette grandi: l’Inter resta un paio di spanne sopra le altre. Forse solo il

Gigi De Canio avrà molto da lavorare

Milan con l’arrivo di Ibrahimovic si è avvicinato, ma se i nerazzurri non avranno la pancia piena re-

stano i favoriti. La Roma difficilmente ripeterà il campionato dell’anno scorso a meno che Adriano non convinca quelli che come noi non lo vedono più in grado di fare la differenza. Capitolo a parte merita la Juve: ha cambiato praticamente tutto, dirigenza, staff tecnico e squadra, l’unica cosa che non è riuscita a cambiare è il risultato visto l’esordio con figuraccia di Bari. Certo, c’è un progetto che ha bisogno di tempo e pazienza. Ma quanta pazienza potranno mai avere i tifosi bianconeri?


Percorsi archeologici subacquei 4/17 SETT 2010

attualità

ilgallo.it

19

Turismo alternativo. Legambiente: “Si punti a valorizzare

La

il patrimonio archeologico custodito nei nostri mari”

notizia del recente ritrovamento di una nave romana nelle acque di San Pietro in Bevagna deve indurre a pensare con maggior forza, a come valorizzare queste scoperte come una forma di turismo alternativo, innovativo e sostenibile. Lo fanno sapere Maurizio Manna e Mino Natalizio, Consiglieri Nazionali di Legambiente. E’ noto, infatti, che altri importanti rinvenimenti archeologici si sono verificati nel corso degli anni a Santa Caterina e Porto Cesareo, solo per citare i territori dove sono avvenuti gli ultimi ritrovamenti. Secondo gli esponenti di Legambiente, “sarebbe a questo punto opportuno creare una sinergia tra enti e istituzioni interessati, quali Regione, Provincie, Enti Locali, Sopraintendenza, Università del Salento, Associazioni Ambientaliste e Forze dell’Ordine, nonché operatori turistici, al fine di redigere un ambizioso progetto di musealizzazione in situ delle importanti scoperte, reperendo attraverso la programmazione europea i necessari strumenti finanziari per attuarlo. La logica di intervento dovrebbe prevedere la creazione di veri e propri percorsi archeologici

subacquei, fruibili a turisti e non solo, che consentano di visitare le meravigliose navi romane e/o i loro carichi, con cartelli riportanti le didascalie che ne spieghino la storia, nel tempo stesso puntando, magari, al recupero di immobili nei Comuni rivieraschi, da trasformare in “contenitori culturali” dove effettuare proiezioni, esporre fotografie, e musealizzare parte dei ritrovamenti che per ragioni tecniche non possono essere lasciate sui fondali. Una filosofia progettuale, quindi, capace di implementare forme di turismo alternativo e sostenibile quale quello subacqueo e marino, lontano dai circuiti di turismo di massa, su cui tanto la Puglia sta investendo, che punti a valorizzare il patrimonio archeologico custodito nei nostri mari. Lo sviluppo di questa forma di turismo alternativo”, concludono Manna e Natalizio, “potrebbe avere anche un impattonon trascurabile sotto il profilo occupazionale, basti pensare alle numerose figure professionali che ne sarebbero coinvolte, e dell’indotto tutto, e potrebbe servire anche a puntare con forza alla “destagionalizzazione” del turismo, da tutti auspicata”.

Truffe telefoniche: non ingoiate il rospo

Codacons Maglie. “Sempre maggiore il numero di con-

sumatori che cadono nel tranello delle truffe telefoniche messe in atto da centralinisti che contattano gli utenti”

S

econdo numerose segnalazioni ricevute negli ultimi mesi dagli Avv.ti Alessandra Cancelli e Annalisa Nuzzaci dello sportello Codacons di Maglie, risulta essere “sempre maggiore il numero di consumatori che cadono nel tranello delle truffe telefoniche messe in atto da centralinisti che contattano gli utenti attivando loro illecitamente e arbitrariamente contratti di utenza di vario genere. Il sistema congeniato al fine di carpire il consenso del consumatore si struttura in una “innocente” telefonata durante la quale gli operatori dei call center illustrano vantaggiose offerte agli effetti inesistenti o parzialmente reali, promettendo la spedizione a casa di una scheda di valutazione dell’offerta al fine di una fu-

tura eventuale e coscienziosa sottoscrizione della stessa. A seguito di ciò, inaspettatamente il consumatore si vede recapitare a casa, invece, un vero e proprio contratto già attivato e con su apposta la sua firma evidentemente falsificata! L’effetto di questa scorretta pratica commerciale che negli ultimi tempi caratterizza la politica di accaparramento della clientela da parte di numerose società è l’indignazione dei consumatori traditi dal sistema commerciale e il dilagare nelle aule di giustizia di battaglie legali inerenti la trasparenza contrattuale e la violazione della privacy a garanzia delle quali si muovono le associazioni dei consumatori!!! Codacons… non ingoiate il rospo! Info: codacons.maglie@tin.it; tel/fax 0836.311183 ven. 17.30/19.30”.

Riservato e distinto 69enne cerca signora, anche vedova, per trascorrere paicevoli momenti, eventuale convivenza. 338/3446666

Ugo Lisi: “Lo strano caso del dottor Enel e Mr Green” RICEVIAMO & PUBBLICHIAMO

Una cosa è certa: il nuovo ambientalismo ideologico travestito da affettuoso amante del territorio in realtà rischia di diventare un vero e proprio business. Lo conferma l’ipotesi ormai accreditata della imminente realizzazione di una mega centrale per la produzione di energia solare nell’area adiacente la centrale Federico II di Brindisi, in agro di Cerano. Dal carbone alla luce, Enel è sempre in prima linea, ma questa volta con la sua società controllata Green Power è pronta ad entrare nel guinness dei primati della velocità di costruzione di un impianto industriale. Roba da Flash, il personaggio dei fumetti veloce come un fulmine, salvo poi diventare talvolta una tartaruga o una lumaca quando c’è da venire incontro alle richieste degli agricoltori, quando c’è bisogno di tempestività nel rispondere ai diritti del cittadino utente. Una contraddizione sospetta, come ha già rilevato il collega Saccomanno, uno stridente ossimoro che rischia di produrre disagi e malcontento in tutti tranne che in Enel ben contenta evidentemente di continuare su questa strada. Lo strano caso di Enel e di Green in barba agli agricoltori che attendono una vita per l’allaccio della corrente elettrica, che invocano udienze inutili e che vedono all’improvviso sorgere un nuovo gigante industriale per produrre energia. Un fatto di cui tutti dovrebbero interessarsi e che l’opinione dovrebbe prendere a cuore. Ugo Lisi


Otranto: l’alba del 1840

20 ilgallo.it

“O

tranto, l’alba del 1480” è un libro scritto da G iuseppe Mari ano. Il libro che ha venduto tantissimo quest’estate, presso l’Universita’ di Bari , è stato insignito del terzo premio – sezio ne marrat iva – de lla IX Edizione de l premio i nternazi onale di cultura “Il Via ggio Infinito”. Ideato dallo scrittore e critico letterario Toe Mercurio, fondatore dell’Associazione Culturale “Artisti Uniti”, il Premio Nazionale “Il Viaggio Infinito” è nato nel 1997 a Firenze. Dopo sette edizioni di successo, il Premio da quest’anno ha come location Bari ed è organizzato in sinergia con La Gaia Scienza Editrice di Tiberio & d’Alonzo. Destinato a soggetti cinematografici, testi teatrali, programmi culturali per la radio e la televisione, opere edite ed inedite di filosofia, storia, narrativa, poesia, scienze esoteriche, è nato “pe r promuovere o gni iniziativa artistica, culturale e so ciale che possa favorire lo scambio e il confronto tra i vari soggetti del mo ndo dell a comunicazio ne contemporanea per una crescita comune e la tutela della libertà creativa e della libertà di espressione”. L’autore di Otranto 1840, Giuseppe Mariano, ha sempre coltivato una passione giornalistica: nel 2000 è stato corrispondente per la Gazzetta del Mezzogiorno, nel 2003 autore del libro “La Sconfitta della SCU ed il pericolo Albania”, molto apprezzato dalla critica e dai lettori. L’Associazione Libera, insieme a Magistratura De mo cra tica nel giugno 2005, parlando delle varie mafie d’Italia in un suo documento riassuntivo di una serie di convegni tenuti in sei città italiane, cita come

attualità

4/17 SETT 2010

libro più attendibile della mafia della Puglia proprio il libro di Giuseppe Mariano e nella bibliografia cita il nome dell’autore insieme con quello di Giovanni Falcone, Arlacchi, Ciconte. Con “Otranto, l’alba del 1480” l’autore ha invece voluto indagare un altro settore a lui molto gradito, quello del romanzo storico con venature filosofiche. Nella trama un uomo racconta al figlio Francesco la storia della propria vita che è indissolubilmente legata alla vicenda otrantina dell’invasione turca. Questa è narrata attraverso i personaggi dell’epoca, da Idrusa all’arcivescovo Pendinelli, dai capitani Delli Falconi e Zurlo al governatore spagnolo Don Felice Sancio Ayerbo D’Aragona per finire con Grimaldo poi divenuto il martire Primaldo perché rimasto in piedi fino a quando anche l’ultimo degli otrantini non fu decapitato. La vicenda e’ narrata con stile giornalistico ed e’ un’analisi storica e filosofica, ma anche illustrazione dei luoghi, delle coste del Salento, dei suoi odori, della fauna e della flora e delle leggende. Non manca l’analisi storica del modo di vita e delle abitudini della fine del medioevo - inizio rinascimento. Cosi’ come vengono descritte le case a corte dell’epoca e il modo di vestire. Nelle presentazioni l’autore ha dimostrato che nel 1480 nel Salento (grazie al convento bizantino di San Nicola di Casole) si conoscevano i testi di Aristotele e Platone mentre nel resto d’Italia tale conoscenza era lacunosa, ed anche come nel Salento convivevano la cultura bizantina, quella ebrea e quella cristiana occidentale.

Il Salento che suona la Finlandia

L’intervista. Francesco Maggio, compositore, originario di Tricase, è direttore artistico del Festival di Turku

menticare che noi compositori prima di essere più o meno grandi artisti siamo dei semplici artigiani della musica. In questo momento in Finlandia sto effettuando una residenza compositiva. Imposterò un concerto per chitarra ed In Finlandia orchestra sinfoesiste un vero e nica che andrà proprio listino prezzi: cosa ci fa un composiin scena nel il committente tore salentino in Fin2011 in Italia. richiede al compositore, landia? “Purtroppo Poi svolgo come fosse dal falegname, oggi in Italia le possibilità che venanche l’ attività un metro di musica che gono riservate ad un giovane ridi consulente costa un tot, o due cercatore sono sempre molto artistico presso il metri che costano poche e con scarsa possibilità di fare Brinkhall Summer il doppio carriera. All’estero si punta di più alla Concerts di Turku in ricerca e alla cultura e noi compositori collaborazione con l’ Istiitaliani d’oggi veniamo considerati testimoni tuto Italiano di Cultura di Helsinki, l’ di un’antichissima tradizione musicale… basti pensare a Vivaldi, Corelli, Pergolesi e Ambasciata e il Consolato Italiano”. poi Rossini e tutti gli altri. In Italia un com- Quali sono i tuoi progetti per il futuro? positore ha sempre poche possibilità di essere “Nel 2011 le miei prime più rappresentative ascoltato nei teatri di tradizione e la musica sono, oltre al Concerto per chitarra e orcheche ci viene commissionata non è quasi mai stra sinfonica, un Orfeo su libretto di Ennio ben retribuita nemmeno dal punto di vista Speranza per i Teatri di Reggio Emilia e economico. In Finlandia, per esempio esiste un’Operetta per Turku 2011 (Capitale Euroun vero e proprio listino prezzi: il commit- pea della Cultura). Un’ importante occasione tente richiede al compositore, come se an- è la commissione per il 2011 delle musiche dasse da un falegname un metro di musica per lo spettacolo teatrale della giornalista Roche costa un tot, oppure due metri che co- berta Spinelli “L’Emozione di un’Aquila” stano il doppio. E’ un sistema simpatico, ma tratto dal suo stesso libro, edito da Lupo Edimolto funzionale… e poi non bisogna di- tore di Copertino, che sarà pubblicato nei Francesco Maggio, per coronare il suo sogno ha dovuto salutare il natio Salento

Ma

prossimi mesi e che vedrà un’ ampia tournèe nei principali teatri italiani e con nomi illustri della musica, del cinema e del teatro. Il progetto non può esser ancora reso noto... magari daremo ai lettori de “il Gallo”, assieme alla scrittrice Roberta Spinelli e all’editore Cosimo Lupo, un’anticipazione in esclusiva! Oltre ciò non mancheranno per il prossimo anno tournee in America Latina, Usa, Canada, Europa ed Asia”. Perché hai lasciato la tua terra e quanto è difficile, al Sud e nel Salento in particolare, la vita di un artista impegnato, come te? “Ho lasciato la mia terra per necessità; le occasioni mi sono state da subito presentate all’estero e non ho potuto non seguirle. D’altra parte, se qualcuno mi avesse offerto all’ inizio le stesse opportunità qui in Italia non avrei avuto nessuna difficoltà a restare nella mia adorata terra”. Cosa pensi dei tuoi coetanei appena usciti dal noto programma tv Amici, conosciuti in tutta Italia e su cui si sono accesi, grazie al mezzo tv, i riflettori? “Alessandra Amoroso prima ed Emma quest’anno sono state le vincitrici di Amici per una sola ragione: per merito. Hanno entrambe delle voci bellissime!”. Torneresti a vivere nel Salento? “Il Salento ce l’ho nel cuore e in ogni parte del mondo lo porto sempre con me assieme alla mia salentinità. Ci ritornerei molto volentieri, ma soltanto dopo aver conseguito i miei obiettivi professionali”.


48 milioni di euro per il settore vitivinicolo 4/17 SETT 2010

“ Da

attualità

ilgallo.it

21

La novità. Fondi per la promozione del vino all’estero Assessore con delega all’Agricoltura della Provincia di Lecce informo che il Ministero delle Politiche Agricole alimentari e forestali ha immesso nuove risorse economiche nel settore vitivinicolo da intercettare nel breve periodo, 48 milioni di euro di fondi per la promozione del vino italiano all’estero (Decreto ministeriale n. 4123 del 22 luglio 2010 relativo a “OCM Vino – Modalità attuative della misura “Promozione sui mercati dei Paesi terzi” – Campagne 2010-2011 e seguenti”)”. E’ quanto dichiarato dall’assessore Francesco Pacella. I progetti possono essere presentati da aziende e consorzi per un valore minimo di spesa pari a 100mila euro; il termine ultimo di presentazione delle proposte

è il prossimo 15 settembre. “Il Ministero delle Politiche agricole assegnerà alla Regione Puglia ed al Salento una buona fetta di tali somme”, spiega Pacella, “tutto ciò seguendo le indicazioni scaturenti dallo schedario vitivinicolo. Si tratta di un’importante e concreta possibilità che le nostre cantine, ed a monte di tutto ciò naturalmente i singoli produttori, potranno cogliere, certo che il contributo ministeriale legato alla presentazione di progetti di esportazione delle nostre produzioni enologiche possa permettere alle aziende agricole salentine di continuare nel processo di investimento nella diffusione della conoscenza dei propri prodotti verso i consumatori. I vini sono sinonimo di vanto e qualità del nostro territorio”.

Copertino: il Palazzetto dei fantasmi

La denuncia. “A distanza di sette anni dalla sua inaugurazione, il Palazzetto dello sport,

È

per negligenza o burocrazia, continua ad essere dimenticato”

opinione comune che la cultura dello sport giochi un ruolo fondamentale nelle istituzioni, nelle interazioni sociali e nella vita di ciascuno. Se il professor Hermann Bausinger, il più autorevole esponente del Volkskunde (folclore) tedesco e sostenitore dello sport come elemento portante di ogni sfera sociale, facesse una passeggiata per le vie di Copertino sarebbe ben lieto di vedere il fiore all’occhiello della cultura sportiva cittadina: il Palazzetto del Centenario. Questa mega struttura di 15mila metri quadrati, costata alle casse della Provincia di Lecce ben 11 miliardi di vecchie lire, fu inaugurata il 14 giugno 2003 in occasione del quarto centenario della nascita di San Giuseppe da Copertino. Ebbene, questa immensa costruzione, utilizzata solo in maniera saltuaria, rischia di andare verso il declino in quanto da diverso tempo versa in condizioni di degrado strutturale, non consentendo di fatto lo svolgimento delle attività sportive. Un appello al presidente della Provincia, Antonio Gabellone, ed all’assessore pro-

vinciale al ramo, Pierluigi Pando, è stato lanciato dal consigliere comunale di opposizione Mauro Valentino: “A distanza di sette anni dalla sua inaugurazione, il Palazzetto dello sport, per negligenza o burocrazia, continua ad essere dimenticato. Così l’imponente parallelepipedo appare la classica cattedrale nel deserto. Le strutture poco curate cominciano a cedere e dopo tanti anni pare che ancora manchi l’agibilità che potrebbe permettere un utilizzo appropriato e più proporzionato al denaro investito. Il senso di tale struttura doveva essere quello di incitare giovani e meno giovani copertinesi a seguire sport nuovi, con la certezza di avere una sede importante dove praticarli”. Eppure, nonostante i disagi, a Copertino ci sono delle realtà sportive che ottengono dei risultati promettenti nella boxe, nella pesistica e nel basket. “Credo che una volta resa agibile la struttura”, continua Valentino, “sarebbe opportuno studiare una nuova forma di

gestione (attualmente affidata al dirigente dell’Istituto superiore di cui è parte integrante, Ndc), più snella e da fruire con maggiore facilità”. Non si è fatta attendere la risposta dell’assessore provinciale Pando, il quale ha dichiarato che la problematica è già da diverso tempo all’attenzione dell’Amministrazione di Palazzo dei Celestini: “La Provincia, con l’ausilio degli uffici competenti, ha già eseguito alcuni interventi di manutenzione sia ordinaria che straordinaria ed ha già attivato tutte le procedure necessarie per raggiungere i seguenti obiettivi: utilizzo del Palazzetto per uso didattico con il coinvolgimento dei Dirigenti Scolastici; intervento di manutenzione straordinaria, già inserito nel piano triennale delle opere pubbliche, su tutto il complesso scolastico; fruizione della struttura durante l’orario extrascolastico con il coinvolgimento diretto del Comune di Copertino, che sarà garante e regolamenterà, di concerto con l’Assessorato competente della Provincia di Lecce, l’utilizzo del campo da gioco, degli spogliatoi e delle attrezzature esistenti, da parte di Associazioni e Società sportive del territorio; acquisizione definitiva di tutte le certificazioni e autorizzazioni necessarie affinché il Palasport di Copertino ritorni ad essere riferimento sportivo e di aggregazione sociale di tutto il territorio provinciale”. Ad ascoltare queste incoraggianti parole, il professor Bausinger e tutti gli sportivi copertinesi sarebbero contenti… Massimo Alligri


22 ilgallo.it

il festival

4/17 SETT 2010

Il Cinema fa festa a Casarano Mexico e Nuvole. Messico protagonista alla settima edizione del Salento International Film Festival

P

er la prima volta a Casarano dopo sei edizioni a Tricase, Il Salento International Film Festival Enrico Lo Verso (SIFF), la rassegna internazionale di Cinema sin dalla prima consacrata alla produzione indipendente: una edizione formula innovativa che si caratterizza per l’alta quahabituè lità dei contenuti e un attento lavoro di ricerca sulle del Salento espressioni culturali contemporanee. In pochissimi International anni, il SIFF, è riuscito a farsi spazio nel panorama Film delle rassegne dedicate alla “decima musa”, segnalandosi come “talent scout” attento all’opera dei Festival giovani artisti provenienti da ambiti culturali lontani dalle logiche di mercato dei Block Buster, e che nel Salento possono presentare i loro lungometraggi, corSabato 4 tometraggi e documentari davanti il concerto dei a una giuria specializzata e a un pubblico che ha saputo dimoFluido Ligno: la Quinn, figli del leggendario attore strare il proprio interesse nei Anthony Quinn, che presenteranno giusta via di mezzo confronti della produzione moni loro ultimi lavori: un cortometra la musica diale indipendente. Protagonitraggio “The Tonto Woman” e un dosta come Paese ospite sarà il partenopea e cumentario in anteprima mondiale, Messico, celebrato in occasione “In the Hands of Lorenzo Quinn” sulsalentina del Bicentenario dell’indipendenza l’arte scultoria di Lorenzo. A concluMessicana dalla Spagna 1810 – 2010 e sione della seconda giornata in Piazza del Centenario della rivoluzione Messicana Mercato concerto dei Fluido Ligno (“la giusta via 1910 – 2010. Ad aprire la kermesse venerdì 3 set- di mezzo tra la musica partenopea e quella Salentembre alle 20,30 in anteprima italiana sarà il film tina”) e degustazione di prodotti tipici con “Sapori messicano diretto da Sebastian Silva “El Viaje del la di Puglia”. Nonna” (“il viaggio della nonna) che ci offre una pia- Domenica 5, alle 17, 30, Al Cinema Manzoni, fuori cevole opportunità per osservare alcuni aspetti del programma l’intervento di Silvano Agosti, regista, Messico: una commedia brillante in cui s’inventa l’Ita- scrittore, produttore cinematografico e poeta italia… in Messico. Subito dopo il film, in Piazza Mer- liano che parlerà di “Guccini & Nomadi - un’inconcato si svolgerà una vera Fiesta: Mexican Party, cucina tro”. Alle 18,30, “Cori italiani” serie di cortometraggi messicana, margarita, tequila e tanto piccante con italiani, alle 21, “The Museum of Wonders” – Il Museo la musica dei Mariachi Romatitlan (gruppo musicale delle Meraviglie – (Italia 2010), per via del suo stile tipico messicano) per la prima volta nel Salento. Sa- registico libero da retoriche e convenzioni, si preanbato 4, sarà dedicato ai fratelli Lorenzo e Francesco nuncia come uno dei film più discussi dell’anno.

Diretto da Domiziano Cristopharo e interpretato da Maria Grazia Cucinotta, Francesco Venditti, Giampiero Ingrassia, Venantino Venantini e Maria Rosaria Omaggio. Incontro con il regista e il cast dopo il film. Alle 23, presso il cortile di Palazzo De Donatis in via Roma, serata di gala, “ Notte Onirica”, una cena mediterranea in un’atmosfera surreale ed elegante (a cura del Ristorante Sorriso). Durante la serata sarà presentato il Burlesque Show con la splendida Roxy Rose. Attenzione, però…Burlesque non è solo striptease, ma soprattutto non è solo strip, ha un contesto estremamente ironico, stuzzicante e provocante! Lunedì 6 alle 19 si inizia con “Alle Donne Piace Corto” il primo programma di una serie di cortometraggi realizzati da donne. Seguirà alle 21,30 il secondo appuntamento con il Cinema Mexico con il film, in Anteprima Italiana “Il Viaggio di Teo”, diretto da Walter Doehner Pecanins. Con semplicità e poesia, ma anche con crudo realismo, viene presentata l’odissea violenta non solo dei clandestini, ma anche quella di chi deve vivere senza lavoro, costretto a sottomettersi alle angherie di violenti boss locali. Martedì 7 alle 18,30, il secondo appuntamento con “Alle Donne Piace Corto”. Alle 21,30 il Film indiano “ Road to Sangam” diretto da Amit Rai, un appello al laicismo e al liberalismo. Alle 23,30, in Piazza Mercato, direttamente dall’India per la prima volta in Italia il gruppo di “Bhangra Dance”, Nachda Punjab Cultural Mirror of India, composto da 14 elementi, 5 donne e 9 uomini. Bhangra Dance, stile di musica e danza originaria del Panjab, la regione settentrionale del subcontinente indiano (oggi divisa fra India e Pakistan). Negli anni Novanta il bhangra cominciò a diffondersi come stile musicale a Londra, mixan-


siff

4/17 SETT 2010

ilgallo.it

23

Produzione indipendente e vincente Talent Scout. Il SIFF è riuscito a farsi spazio segnalandosi come una

rassegna sempre attenta all’opera dei giovani artisti dosi con la dance e riscuotendo grande successo fra i giovani in tutta Europa grazie ad artisti come Punjabi Mc (che si esibì anche al Festival di San Remo). Mercoledì 8 Maria Rosaria Omaggio alle 19,30, “Il Mondo in Corto” serie di cortometraggi Internazionali. Alle 21,00 in anteprima italiana il film americano opera prima di Michael J. Weithorn “A Little Help” dove una giovane vedova si infila in un ginepraio di bizzarre bugie per prendersi cura del figlio dodicenne. Il film è interpretato da Jenna Fischer e Chris O’Donnell. Alle 23,00 direttamente dagli Stati Uniti Stace England and the Salt Kings in uno show di notevole spessore artistico, 90 minuti di intrattenimento musicale tra rock, blues e pop americano mentre scorrono le immagini tratte dai film di Micheaux. Giovedì 9 alle 19, Alfredo De Giuseppe presenta in anteprima fuori concorso il suo documentario “Ballerini”. Le antiche sagre del maiale nei paesini del Salento, dove gruppi di ballerini di tutte le età ballano al ritmo di liscio e pizzica. Alcuni ballerini, ormai in pensione, seguono tutte le sagre, vivono le giornate in funzione del ballo, confessando tutte le loro debolezze e passioni. Paesi e sagre, personaggi e inconvenienti meteorologici fanno da sfondo a una storia di oggi, condita di venature nostalgiche, ma anche di voglia di vivere. Incontro con Alfredo De Giuseppe e i ballerini protagonisti del documentario dopo il film. A seguire, alle 20,30 Stefania Casini presenta “Schiaffo alla Mafia” il documentario racconta l’avventura della cooperativa Pio La Torre che coltiva da due anni, con fatica e sacrifici le terre confiscate alla mafia. Incontro con

Stefania Casini dopo il film. Alle 22, il film di Valerio film dedicati ai giovani autori: alle 17,30 il film coD’Annunzio “Aria” che affronta il tema dell’identità raggioso di Marco Luca Cattaneo sulla porno dipensessuale. La storia di un uomo nato nel corpo sba- denza, “Amore Liquido”. Alle 20, in anteprima gliato. Dopo il film incontro con Agnese Nano una mondiale, l’opera prima di Andrea Mugnaini “ Non delle interpreti. Venerdì 10 alle 19,30 è la volta di c’è Tempo per gli Eroi”. Il film è ambientato a Fi“Colpa Nostra”. Questo è il primo vero film-docu- renze, ai giorni nostri… Dietro alle apparenze, Dromentario d’inchiesta sui fatti del terremoto e delle ghe, alcool, sesso e ogni tipo di divertimento tangenti in Abruzzo. Un viaggio straordinario, con la sfrenato... Alle 22, in anteprima mondiale “La Soluregia di Walter Nanni, attraverso un’importante in- zione Migliore” un film sul disagio mentale diretto chiesta giornalistica di Giuseppe Caporale (La Re- da Luca Mazzieri. Del cast fanno parte: Christo Jivkov pubblica), un film documentario che racconta, in (“The Passion of the Christ” di Mel Gibson), Enrico Lo maniera equilibrata e senza censure, i fatti e le in- Verso (“Hannibal” di Ridley Scott) e Dorotheea Petre chieste giudiziarie in corso. Alla fine della proie- (“Come ho trascorso il finimondo”). zione, incontro con Giuseppe Caporale Walter Nanni. Domenica 12 ultima giornata della kermesse che Alle 22 in anteprima italiana il film Russo diretto vede alle 20 il film di Felice Farina “La Fisica da Alyona Semerenova e Alexander Smirnov “ dell’Acqua” (eccezionale thriller psicoloThe Rowan Waltz”: ambientato nella Russia gico con Claudio Amendola, Paola Corpost seconda guerra mondiale, narra la tellesi, Stefano Dionisi e Lorenzo Domenica 5 storia di un gruppo di giovani ragazze Vavassori) e subito dopo la cericostrette a bonificare campi minati. monia di premiazione. A chiuNotte Onirica e Incontro con il produttore Vladimir dere la 7a edizione del Siff, alle Burlesque: non solo Esinov dopo il film. Sabato 11, due 23, il recital della cantante strip, ma un contesto francese Eva Lopez “Sur le ciel de Paris”. Il Salento InternatioStefania ironico, stuzzicante nal Film Festival 2010 è realizCasini e provocante! zato dall’Associazione Culturale presenta CineSalento sostenuto dalla Re“Schiaffo gione Puglia e con il Patrocinio della alla Città di Casarano, Enit-Agenzia Nazionale del mafia” Turismo, Istituto Italiano di Cultura di Londra, Amcon la basciata del Messico in Italia, Ente della Promozione Cooperativa Turistica del Messico, Ambasciata dell’India in Italia, Pio La Torre Indian Council for Cultural Relations e dall’Ente del impegnata Turismo Indiano. Direzione Artistica ed Esecutiva: a coltivare Gigi Campanile Project Manager & Sviluppo Territoi terreni riale: Andrea Antonaci. Production manager: Patrizia confiscati Scarascia. Per informazioni e approfondimenti sulalla mafia l’evento: www.salentofilmfestival.com


24

San Cataldo: Suoni a Sud “S

ilgallo.it

Il Residence Campo Verde, location della Residenza Artistica

S

sere d’estate

uoni a Sud” - Residenza Artistica, dal 4 al 10 settembre presso Residence Campo Verde a San Cataldo di Lecce. Una settimana, un gruppo di artisti immersi nel lavoro di gruppo, tra musica, danza e teatro, per sperimentare, attorno alla creazione di uno spettacolo, uno spazio aperto alla condivisione e alla congiunzione tra il pensare e l’agire culturale. Un nuovo modo di usufruire della cultura, un nuovo modo per vivere da vicino la quotidianità di un luogo, il villaggio Campo Verde adiacente all’Oasi WWF in località “Le Cesine”, luogo, fisico e non, di incontro e aggregazione attorno ad interessi culturali comuni. Artisti in Residenza: Emanuele Coluccia, Eduardo Guedes, Redi Hasa, Claudio Prima ed Irene Scardia (mu-

4/17 SETT 2010

sicisti); Elia Sabato (scultore); Stefania Mariano (danzatrice); Tiziana Dollorenzo Solari (psicointerprete d’arte). Martedì 7 la Residenza si aprirà al pubblico per una serata dai toni conviviali, densa di incontri con significativi ospiti, all’insegna del confronto e dello scambio culturale, aperta alla ricezione di qualsivoglia forma di suggestione che contribuisca ad arricchire il lavoro residenziale. Venerdì 10, a conclusione della settimana di lavoro in Residenza, verrà proposta una “prima” della creazione. La “Residenza Suoni a Sud” è organizzata dalle Associazioni culturali “L’Orchestrina”, “Manigold” e “La fabbrica dei gesti” in collaborazione con il Residence Campo Verde e con il Patrocinio di Comune, Provincia e Apt di Lecce.

La 3a dimensione del Salento in vetrina anche a Copertino

arà possibile visitare la Mostra Fotografica a colori in tecnica 3D, “La Terza Dimensione Del Salento” (organizzata dal Comune di Specchia), in occasione della XXIV Mostra D’Antiquariato che si svolgerà presso la suggestiva cornice del Castello di Copertino fino al 5 settembre prossimi con orario d’apertura dalle 18 alle 22,30. Ad ogni edizione, la Mostra richiama migliaia di visitatori che giunti a Copertino apprezzano le bellezze dell’imponente Castello, che nei giorni della mostra torna a rivivere gli antichi fasti. La mostra è stata aperta presso il Castello Risolo a Specchia dal 1 al 22 agosto scorsi ed è stata ammirata da circa 4.000 visitatori, quantificati dal numero di occhiali utilizzati per la visione. L’approvazione più importante per “La Terza Dimensione del Salento”, è giunto dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che oltre a riconoscere il suo Alto Patronato,ha voluto assegnare al progetto, quale suo premio di rappresentanza, una medaglia, riconoscendo pienamente l’importanza dell’iniziativa. La mostra vanta, inoltre, i patrocini della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Regione Puglia, della Provincia di Lecce, dell’APT di Lecce e della Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Nell’ambito degli eventi dell’”Estate Specchiese 2010”, l’Amministrazione Comunale

Il riconoscimento. Il Presi-

dente della Repubblica oltre a riconoscere l’Alto Patronato, ha voluto assegnare alla mostra in 3D, quale suo premio di rappresentanza, una medaglia di Specchia ha organizzato, prima volta assoluta in Italia, un’esposizione di foto tridimensionali, realizzate con un originale sistema tecnologico: i più importanti siti d’interesse storico, culturale e artistico della provincia di Lecce sono stati ripresi con un particolare metodo fotografico e, attraverso un software implementato ad hoc, riprodotti in una particolarissima mostra, unica nel suo genere e visionabile per mezzo di speciali occhiali (lenti rosso-ciano), in grado di suscitare nel

visitatore sensazioni straordinarie. L’innovativa esposizione permette di ottenere particolari fotografie, nelle quali, vengono sovrapposti due differenti punti di vista; l’utilizzo degli speciali occhialini favorisce la composizione delle due immagini a livello celebrale, con la conseguente ricostruzione tridimensionale del soggetto ripreso in foto. Tema dell’esposizione è l’architettura salentina, dalle origini al XX secolo; per la prima volta, infatti, si ha la possibilità di osservare l’intera penisola salentina, attraverso le sue bellezze, come mai è stato possibile fino a oggi: tutti gli edifici, tutte le chiese, tutte le piazze, tutti i monumenti, ricostruiti in un 3D fotografico. Sono trentanove località del Salento, scelte tra quelle in cui hanno sede i più importanti siti architettonici della provincia di Lecce. Ottantaquattro fotografie tridimensionali, divise su cinquanta pannelli. Due pannelli contenenti ciascuno una foto, mostrano le differenze tra una normale foto bidimensionale (2D) e una tridimensionale (3D). Per ciascuna delle ottantaquattro foto vi è una dettagliata didascalia che ripercorre la storia del soggetto ripreso, dalla costruzione sino al presente. Il catalogo dell’esposizione è un innovativo e sensazionale album fotografico della provincia di Lecce e a disposizione di quanti vorranno conservare, per sempre, un emozionante ricordo del Salento.


Salice: jazz e vino, l’accoppiata è ok sere d’estate

4/17 SETT 2010

L’evento. Esclusivo nel suo genere,

D

segna l’unione tra musica, cultura ed enogastronomia

opo il grande successo riscosso nelle tre precedenti edizioni, torna il “Salice Jazzwine Festival”, evento esclusivo nel suo genere, dove l’unione tra musica, cultura ed enogastronomia si realizza nella cornice di Piazza Plebiscito, dal 10 al 12 settembre, con la direzione artistica del Maestro Andrea Sabatino. Una “tre giorni” nel paesello del vino collocato nel cuore delle terre del Negramaro e nel mese dedicato alla tradizione della vendemmia. L’evento intende esplorare la relazione tra jazz d’autore e vino anche attraverso una serie di appuntamenti culturali che promuoveranno il territorio salicese nelle sue peculiarità. Tra i numerosi nomi del jazz che interverranno, la straordinaria partecipazione di Fabrizio Bosso Quartet ed i Berardi Jazz Connection feat special guest Kelly Joyce. La manifestazione, promossa da Associazione Culturale Musicale “Suonjmprovvisi”, Comune di Salice Salentino, Regione Puglia, Azienda Vitivinicola “Leone De Castris” e “Plaza Cafè”, verrà trasmetto in diretta televisiva web streaming su www.telateatro.eu/teladoc, in collaborazione con

l’Associazione Culturale “Telateatro”. Il via venerdì 10, alle 21,30, con “Vince Abbracciante Trio” (Vince Abbracciante, fisarmonica; Juini Booth, contrabbasso; Antonio Di Lorenzo, batteria); alle 22,30, “Berardi Jazz Connection special guest Kelly Joyce”: Andrea Sabatino, tromba; Vincenzo Presta, sax tenore; Camillo Pace, contrabbasso; Ettore Carucci, piano-fender; Francesco Lomagistro, batteria; special guest Kelly Joyce, voce. Si proseguirà sabato 11, alle 21,30, con “Michele Colaci Trio”: Michele Colaci, contrabbasso; Francesco Pennetta, batteria; Francesco Palmitessa, chitarra; poi, dalle 22,30, il concerto evento “Fabrizio Bosso Quartet”: Fabrizio Bosso, tromba e flicorno; Roberto Tarenzi, pianoforte; Luca Bulgarelli, contrabbasso; Marcello di Leonardo, batteria. Ultima serata quella di domenica 12: alle 21,30 “Eneri Trio” con Irene Bello, voce-piano; Leonardo Colazzo, basso; Roberto Fedele, batteria; infine, dalle 22,30, il “Renato D’Aiello Trio”: Renato D’Aiello, sax tenore; Giuseppe Bassi, contrabbasso; Marcello Nisi, batteria.

ilgallo.it

25

Tuglie e Neviano: calcetto di fine estate

Organizzato dalla Cooperativa Sociale di servizi “La Madonnina” di Tuglie, con il patrocinio del Comune di Neviano e l’Assessorato allo Sport ed alle Politiche giovanili, si disputerà dal 6 all’11 settembre la prima edizione del “Torneo di calcetto di fine estate Neviano-Tuglie” sul terreno in erba sintetica del campo sportivo comunale “Dottor Imperiale” di Neviano. Vi parteciperanno sei squadre: la selezione amministratori comunali (una mista Neviano-Tuglie); la rappresentativa dei sacerdoti della Diocesi Nardò-Gallipoli; la rappresentativa Fidas di Tuglie; la rappresentativa Pro Loco di Neviano; la rappresentativa dei cittadini di Neviano; la rappresentativa dei cittadini di Tuglie. Si partirà lunedì 6 con i gironi eliminatori (alle 19,30 la prima partita, alle 21 la seconda), poi sabato 11, alle 18, semifinali e finali. La premiazione è fissata per do me ni ca 12, alle 20, presso il Circolo Tennis degli Ulivi a Tuglie. “Lo scopo della manifestazione è quello di intensificare i rapporti tra le due Ammi nistrazioni”, spiega l’assessore alle Politiche giovanili del Comune di Neviano, Antonluca Iasi, “attraverso il co involgimento di giovani ed adulti per una maggiore attenzione allo sport ed al gioco del calcio”. Oltre alla promozione della disciplina sportiva, l’occasione consentirà un interessante scambio culturale e di conoscenza del territorio. Fiorella Mastria


26 ilgallo.it

estate salentina

4/17 SETT 2010

Aggrappati

sabato 4 settembre

domenica 5

ALEZIO: Parco Don Tonino Bello, ore 18,30, festa a Pane e Nutella CARPIGNANO: Sagra del maiale (anche il 5) CASALABATE: Addio all’estate 2010, Festa 10° anniversario Pro Loco CASTROMEDIANO (Cavallino): Piazza Mater Ecclesiae, ore 21, Compagnia Ti Santi Luca, Milioni e crisantemi COCUMOLA (Minervino): Premio Vittorio Bodini (anche il 5) COLLEPASSO: Palazzo Baronale, Mostra fotografica, Salento in 3D (anche domenica 5) CUTROFIANO: Festa della Pizzica GALATONE: Via Pacifico Nico, ore 10, Tra note e colori, Murallegria – Contest Regional Mural LECCE: Chiostro dell’ex Convento dei Teatini, ore 20,30, Premio Il Sallentino: Concerto di musica lirica Core mio, omaggio a Tito Schipa; Concerto di musica sinfonico-strumentale; gli artisti del gruppo vocale Vanna Camassa LEVERANO: Piazza Roma, ore 21, Rassegna gruppi locali musica popolare MIGGIANO: Piazza Giovanni Paolo II, ore 21,30, Teatro in Piazza, Picasso ha dormito qui MURO LECCESE: Palazzo del Principe, presentaz. libro Monografia Tesoretto Muro Leccese – Tornesi, Gigliati… di Giuseppe Libero Mangieri NOHA (Galatina): Piazza Madonna delle Grazie, ore 21, Teatro La Busacca, Il tuono di marzo NOVOLI: Summer Fest (dal 3 e fino al 12) PRESICCE: Piazza del Popolo, ore 20,30, Cinema sotto le stelle SAN DONATO: Piazza Greco Luceri, ore 20, Il Mercato dei sogni, Ridere aiuta a ridere (dal 3 e fino al 4) SQUINZANO: Villa Cleopazzo, Compagnia Teatrale Maria Regina, Oh che famiglia! TAURISANO: Centro storico, Arte in terra (anche il 4) TORRE VADO (Morciano): Area a Servizi, ore 21, Serata di Pizzica TRICASE PORTO: Ore 10,30 e 24, Meet and fish, Cultura, arte, pesca e ambiente (anche il 5) VILLA BALDASSARRI (Guagnano): Sagra del maiale

CALIMERA: Piazza del Sole, 20,30, Premio teknè CORSANO: Piazza San Bartolo, ore 21, Ti racconto… Corsano, Nel cuore del Racconto, spettacolo teatrale, degustazione gastronomica GALATONE: Palazzo Marchesale, ore 20,30, Festival Tribute, Miglori Cover e Tribute Band LEVERANO: Piazza Roma, 21, film, Mine vaganti MAGLIANO (Carmiano): Ore 21,30, musica folk con Enzo Petrachi MIGGIANO: Fontana Palco, ore 21,30, Finale Sudincanto, concorso canoro MONTERONI: Teatro comunale, ore 21, Compagnia La Busacca, Non ti pago MONTESARDO (Alessano): Teatro, Bidi Bidoni Bidù chi salva l’ambiente sei proprio tu PRESICCE: Palazzo Adamo, ore 20,30, Musica a Palazzo Adamo, concerto allievi corso estivo musica da camera TORRE VADO (Morciano): Area a Servizi, ore 21, Iuri e la sua Fisarmonica, serata folkloristica TREPUZZI: Piazzetta Chiesa Madre, ore 20, raduno September Fest in Trepuzziland VILLA BALDASSARRI (Guagnano): Sagra del maiale, Piazza dante, Sazzicapieti e I Calanti in concerto

domenica 5 LECCE: Chiostro dell’ex Convento dei Teatini, ore 20,30, Premio Il Sallentino, Dance performance di Tonino Piccinno e Marilena Martina, finalisti mondiali di tango argentino; Concerto musica lirica; Moda e bellezza in passerella e Miss Mondo Italia 2010; Consegna attestati e premi Settimana della cultura salentina ed euromediterranea e riconoscimenti d’onore il Sallentino CASALABATE: Balli in piazza con Valentina Prato CASARANO: Giardini Ingrosso, ore 19, Laboratori creativi per bambini e giocoleria

lunedì 6 GALATONE: Festa Madonna delle Grazie (fino all’8) MATINO: Ore 18, Festa senza età, corse nei sacchi, tiro alla fune, mangiate di spaghetti con le mani legate dietro la schiena, ecc.. SANARICA: Festa Madonna delle Grazie (fino al 9) e Sagra de lu lacciu SPECCHIA: Palazzo Risolo, Università della Terza Età, esposizione lavori (fino al 9) SQUINZANO: Villa Cleopazzo, Compagnia Teatrale I Filodrammatici, La vita è nu tiraturu ca...

martedì 7

GALATONE: Festa della pagnotta e del vino MAGLIANO (Carmiano): Ore 21,30, Sagra della friseddha ‘ncapunata, pizzica con Alema SQUINZANO: Villa Cleopazzo, ore 20,30, Koreoproject, Nina TREPUZZI: Zona Catena, 21, cabaret, Valdo e Cino.

mercoledì 8

SANNICOLA: Festa Madonna delle Grazie, Piazza della Repubblica, ore 20, Concerti Bandistici Città di Squinzano e Città di Conversano SPECCHIA: Festa Madonna del Passo (anche il 9) TORRE DELL’ORSO (Melendugno): Anfiteatro comunale, ore 20,30, spettacolo per bambini, Scarabicchio, scarabocchio TREPUZZI: Zona Catena, ore 21, cabaret, Centro diurno TRICASE: Contrada Donna, Festa Madonna del Loreto


4/17 SETT 2010

all’estate giovedì 9 ALEZIO: Parco Don T. Bello, 19,30, inaugurazione mostra fotografica Il lavoro delle donne nel salento e cabaret con I MalfAttori CALIMERA: Villa com., 20,30, Compagnia Ist. tecnico Olivetti, Non sparate sul pianista COLLEPASSO: Festa Madonna della Grazie, Santo California in concerto SANARICA: Festa Madonna della Grazie, Aleandro Baldi in concerto SANNICOLA: Festa Madonna delle Grazie, Piazza della Repubblica, ore 21, Mango in concerto TAURISANO: Santuario Santa Maria della Strada, ore 19,30, presentazione libro Benefici e opere devopzionali a Taurisano - Miscellanea ecclesiastica di Salvatore Antonio Rocca TREPUZZI: Nuovi Impainti sportivi, ore 21, Compagnia teatarle La Calandra, Se... Renata

venerdì 10 CASARANO: Giardini Ingrosso, ore 19, Laboratori creativi per bambini e giocoleria COCUMOLA (Minervino): Festa Madonna dell’Uragano e Sagra della puccia (fino al 12) DISO: Festa Madonna dell’Uragano (anche l’11) GALATONE: Campo Sportivo Polivalente, ore 17, Nel Blu dipinto di Blu, Gara di Aquiloni. Circolo cittadino, ore 18,30, Paolo Mieli (dir. Corriere della Sera) incontra Eugenio Scalfari LECCE: Via Pacifico Nico, ore 10, Tra note e colori, Murallegria – Contest Regional Mural MAGLIANO (Carmiano): Ore 21,30, cabaret, I Fichi d’India PRESICCE: Campo sportivo, ore 20, Finale torneo di calcio rionale SALICE SAL.: Salice JazzWine Festival (fino al 12) SPECCHIA: Piazza del Popolo e Piazza Aldo Moro, Motoraduno Salentino SQUINZANO: Villa Cleopazzo, 20,30, Circolo Jazz N. Arigliano con Tiziana Ghiglioni in concerto

appuntamenti

domenica 12 CASARANO: Giardini Ingrosso, 19, Laboratori per bambini e giocoleria COPERTINO:Piazza del Popolo, ore 8,30, Raduno Fiat 500 GALATONE: Campo Sportivo Polivalente, ore 17, Nel Blu dipinto di Blu, Gara di Aquiloni GALUGNANO (San Donato): Piazza V. Emanuele, ore 20,30, Festival delle stelle, serata dedicata alla danza LECCE: Via Pacifico Nico, ore 10, Tra note e colori, Murallegria – Contest Regional Mural NOHA (Galatina): Festival dei Cavalli PRESICCE: Campo sportivo, ore 20, Finale torneo di calcio rionale RUFFANO: Piazz San Framncesco, ore 21, Valeria Vetruccio (pianista) in concerto SANTA MARIA AL BAGNO (Nardò): Festa Maria Santissima Assunta SPECCHIA: Piazza del Popolo e Piazza Aldo Moro, Motoraduno Salentino SQUINZANO: Quartiere Madonna di Fatima, ore 20,30, musica folk, Enzo Petrachi

lunedì 13 LECCE: Piazza Carmelo Bene (ex Foro Boario), Compagnia teatrale Giaccure Stritte, Gemelli si nasce PRESICCE: Settimana della cultura, incontri per la tutela e la valorizzazione del territorio (fino al 20) SQUINZANO: Villa Cleopazzo, ore 20,30, Milonga Clandestina, One Zac Project

martedì 14 MATINO: Festa Maria Santissima Addolorata (fino al 16) TAVIANO: Festa Beata Vergine Maria Addolorata e Sagra della mennula bbrustulita (fino al 16)

mercoledì 15 sabato 11 CASALABATE: Sun Beach, Stage internazionale Karate-Juts-Kravmaga-Mga (anche il 12) LEQUILE:Festa Madonna della Consolazione (fino al 13) Sagra de la Fucazza (anche il 12) MAGLIANO (Carmiano): Ore 21,30, Fausto Leali in concerto MURO LECCESE: Parco SS. Crocifisso, Festa della Famiglia a cura della Parrocchia SS. Annunziata SANTA CESAREA: Festa Santa Cesarea Vergine (anche il 12) SQUINZANO: Villa Cleopazzo, ore 20,30, Compagnia Teatro Tre, Lu mbriacu SUPERSANO: Festa del maiale, Ore 21,30, I Calanti in concerto UGGIANO LA CHIESA: Gran Festa del Pane e dell’Olio (anche il 12)

MELENDUGNO: Festa San Niceta (fino al 16) LECCE: Piazza Carmelo Bene, ore 20,30, Filodrammatica Lupiae, Cholera Morbus TRICASE: Sant’Eufemia, Festa Festa Sant’Eufemia (anche giovedì 16)

giovedì 16

COPERTINO: Festa S. Giuseppe (fino al 19) LECCE: Piazza Carmelo Bene, ore 20,30, Filodrammatica Lupiae, Cholera Morbus MATINO: Ore 21, Mudù Show TAVIANO: Riccardo Fogli in concerto

venerdì 17

LUCUGNANO (Tricase): Festa Madonna Addolorata (fino al 19)

ilgallo.it

27


Il Salento nel Parco

28 ilgallo.it

attualità

4/17 SETT 2010

L’iniziativa. Una serie di attività ludiche, formative e sportive selezionate all’interno dei parchi e delle riserve naturali

N

ell’anno europeo della biodiversità e dell’attenzione alle tematiche legate alla salvaguardia ambientale, la Regione Puglia e l’APT di Lecce rafforzano il loro impegno volto alla tutela delle risorse naturalistiche territoriali con “Salento nel Parco”, la sezione che, fino a domenica 5 settembre, promuove il turismo sostenibile e responsabile del programma di accoglienza turistica “Città Aperte 2010” della Regione Puglia. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con la Provincia di Lecce, gli Enti Gestori dei Parchi e dell’Area Marina della provincia di Lecce, Legambiente e UISP provinciali e le imprese e le associazioni partner di “Città Aperte”. “Salento nel Parco” raccoglie una serie di attività ludiche, formative e sportive selezionate all’interno dei parchi e delle riserve naturali, iniziative che permettono a turisti e residenti di fruire del prodotto turistico naturalistico e che sono organizzate al fine di tutelarlo, attraverso pratiche sostenibili e comportamenti virtuosi, favorendo la cultura del parco come risorsa e non come vincolo. “Salento nel Parco” permette l’accessibilità attiva, coordinata e responsabile a queste aree, secondo un calendario di attività ed eventi: passeggiate naturalistiche diurne e notturne, escursioni, trekking, snorkeling, percorsi ippoturistici e in bici, diving, vela, canoa e surf, osservazione della fauna e della flora, ma anche momenti di approfondimento e conoscenza, at-

traverso mostre, presentazioni di tesi di laurea a carattere scientifico-ambientale e progetti di valorizzazione della produzione locale di qualità realizzata dalle comunità del cibo dei parchi. Gli spazi “verdi” interessati sono sei Parchi Naturali Regionali (“Bosco e Paludi di Rauccio”, “Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase”, “Litorale di Ugento”, “Punta Pizzo e Isola di San’Andrea”, “Porto Selvaggio e Palude del Capitano” e “Palude del Conte e Duna Costiera Porto Cesareo”); una Riserva Naturale dello Stato (“Le Cesine”); un’Area Marina Protetta (“Porto Cesareo”); l’Area Rurale dei “Paduli”: tutte aree caratterizzate da un’eccezionale bellezza paesaggistica e da un grande valore naturalistico (vista la presenza di rarità botaniche e numerose specie faunistiche endemiche), che rendono la provincia di Lecce uno dei “santuari” della biodiversità del Mediterraneo, nonostante la capillare e antichissima presenza dell’uomo. Tre delle aree protette salentine coinvolte (“Le Cesine”, il “Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase” e il “Punta Pizzo e Isola di Sant’Andrea”) hanno anche selezionato percorsi accessibili a turisti e visitatori con disabilità motoria e sensoriale. “Parchi per Tutti” e “Immersioni per tutti” sono le sezioni specifiche del progetto che, tra i mosaici della macchia mediterranea e le profondità marine, permettono anche ai disabili di cogliere la bellezza naturali-

Interessati i Parchi Naturali “Bosco e Paludi di Rauccio”, “Costa OtrantoSanta Maria di Leuca e Bosco di Tricase”, “Litorale di Ugento”, “Punta Pizzo e Isola di San’Andrea”, “Porto Selvaggio e Palude del Capitano” e “Palude del Conte e Duna Costiera Porto Cesareo”; la Riserva Naturale “Le Cesine”; l’Area Marina Protetta di Porto Cesareo” e l’Area Rurale dei “Paduli”

Cutrofiano: festa per i... pizzicati L’Associazione Culturale “Origo” di Cutrofiano, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Cutrofiano (Assessorato alla Cultura), organizza la 4a edizione della Festa della Pizzica, in programma sabato 4 settembre con inizio alle 21,30 in Piazza Municipio. La serata sarà allietata dal noto gruppo di musica po-

polare salentina “I Cardisanti”. In contemporanea si svolgerà una gara di pizzica a coppia: le prime tre classificate (a giudicare sarà un’apposita giuria) saranno premiate con dei piatti in ceramica lavorati da Ditte del posto. Inoltre quest’anno sarà dato un premio speciale ai due ballerini più “pizzicati” del Salento.

Fenicotteri Rosa alla Palude del Conte di Porto Cesareo

stica del Salento e di vivere le sensazioni irripetibili che questo territorio è in grado di suscitare. Oltre che offrire occasioni di scoperta, avventura e svago, questa iniziativa intende anche sensibilizzare operatori e cittadinanza alla fruizione corretta e responsabile delle risorse ambientali e paesaggistiche e alla loro salvaguardia, secondo i principi alla base del progetto APT “Custodi del Paesaggio”, che vuole trasmettere il valore dell’ambiente come risorsa non riproducibile e far assumere l’impegno costante e collettivo a tutelarlo, promuovendo buone pratiche quotidiane e piccoli gesti di attenzione e sensibilità. L’esperienza di “Salento nel Parco” sarà raccolta, attraverso le foto, i video e i racconti dei partecipanti, e diffusa in rete, oltre che sui siti sopraindicati, anche sul sito www.tourparler.org, grazie al progetto “TOURparler”, nato in collaborazione con l’APT di Lecce, al fine di creare dialogo e rete tra soggetti interessati al tema del turismo sostenibile. “Sostenibilità ambientale e valorizzazione dell’importanza naturalistica del territorio salentino”, commenta la commissaria dell’APT di Lecce, Stefania Mandurino, “sono elementi su cui è necessario puntare per creare un proficuo e forte legame tra ambiente e turismo, che permette, al primo, di migliorare nella logica di un impegno collettivo culturale, etico e morale volto alla tutela e alla custodia delle risorse naturali e paesaggistiche, e al secondo di accrescere un’offerta che caratterizza ancora di più il nostro territorio come meta unica, vitale e ricca di opportunità, sostenibile temporalmente ed economicamente”.


4/17 SETT 2010

il Gallo Dj

T

ilgallo.it

29

Maestro del rumore. Proprio come John Bonham, che da di Antonella Marchisella

ra i nomi che firmano la movida salentina abbiamo scelto questa volta quello di un percussionista: Julian Mc Cain. Parlando di percussionismo probabilmente tornano alla memoria le sonorità eclettiche di Massimo Carrano o gli indimenticabili Mike Portnoy e Terry Bozzio, tutti grandi nomi della musica con alle spalle un percorso di studio in materia. Ma il nostro Julian Mc Cain si avvicina di più a un John Bonham in quanto a stile di vita e caparbietà. Proprio a quel Bonham che da bambino aveva il ritmo nel sangue così tanto da spingere il padre a costruirgli una batteria con lattine e fili di ferro, e che cresciuto in ambiente rurale e tra mille difficoltà, divenne il “rumore” nel mondo delle percussioni facendosi la pelle in vari gruppi e serate. Come nasce Julian Mc Cain? “Marino Giuliano in arte Julian Mc Cain, nasce professionalmente nel 1998 all’età di 14 anni, quando in una serata tra amici, vide per la prima volta un uomo che si aggirava tra strumentazione varia… il famoso DJ, il quale mi insegnò a mixare con i noti giradischi dell’epoca BST semi-professionali. Da li in poi la passione per la musica è stata sempre presente, e la voglia di fare il DJ aumentava a dismisura, iniziarono cosi le prime feste, o meglio la gavetta, interi pomeriggi passati a montare tutto l’occorrente per la serata e poi alla fine non ballava nessuno, quindi pista vuota e tutta la gente fuori. Tuttavia, serate ed esperienze indimenticabili... era l’epoca della Dance! Passarono gli anni e iniziai a suonare in vari locali tra cui lo Chalet de mar di Gallipoli, il Mamanu’s di San Cassiano, il Galliano di Tricase, I Giardini sul mare di S.M di Leuca. Nel 2004 la famosa chiamata alle armi (il militare) mi allontanò per un pò da quel mondo che tanto amavo, costringendomi tra virgolette a mollare tutto e cercare di dare un senso alla mia vita, perché come diceva mio padre, quello

bambino aveva il ritmo nel sangue così tanto da spingere il padre a costruirgli una batteria con lattine e fili di ferro, e che divenne il “rumore” nel mondo delle percussioni del Deejay non è un lavoro stabile. Tuttavia non accettai questo e allo scadere dell’anno militare mi avvicinai nuovamente al mondo delle discoteche, questa volta come percussionista. Fu la volta del KAIBO di Pescoluse, il Blubay di Castro, il Mamma li Turchi di Tricase Porto,il Living di Maglie, il Lido Azzurro di S.M.di Leuca, il Calaluna di Andrano, il Lido Venere di Posto vecchio. Mi sta a cuore precisare che il mio successo nell’universo del ritmo tribale e delle percussioni mi ha sorpreso ancor di più, per il fatto che non ho studiato percussionismo”. Tra tutte queste collaborazioni, quale la più significativa? “Quella iniziata un giorno per gioco nel Lido Azzurro di S.M.di Leuca, del mio caro amico Marco Galati, il quale mi spronò a mettermi in consolle improvvisando, e la serata fu un successone tanto da farmi diventare ufficialmente il Dj Resident del locale in questione e soprattutto farmi affermare nel cuore della gente”. La tua musica arrivò così nel bolognese... “Esatto. Ho iniziato ad esibirmi a Bologna in prima pista accanto al DJ Fabrizio Aspromonte al 2TO BE, dove feci scatenare la gente a ritmo di una musica groove Funky& Deep e al ritmo delle mie percussioni. Approdai così al Bononia di Bologna, ed in contemporanea mi avvicinai al mondo della produzione, sperimentando nuovi accostamenti sonori, accostando ritmo e sonorità classiche come violino, pianoforte altri strumenti classici a beat decisi e marcati. E fondai la Doubledeep Movement, facendo conoscere cosi il mondo della Deep House all’interno dei miei Set”. Che cos’è la musica per te? “Ossigeno!” Il tuo motto... “Virtute Duce, Comite Fortuna” … Con la virtù come guida e la fortuna come compagna, spero di continuare a fare ciò che ho sempre amato e regalare alla gente che balla la mia musica emozioni e situazioni sempre nuove”.

Miss Capo di Leuca

É Giulia Vincenti di Ruffano

Si è svolta a Torre Mozza (Ugento) la 23a edizione del festival della canzone “Capo di Leuca“ a cui erano abbinati i concorsi di bellezza: “Miss Capo di Leuca”, “Miss Teenager”, “Miss e Mister Baby” e “Miss Mamma”. Hanno condotto Michele Placì, Gigi Show e Samantha Scarlino. Da registrare la presenza di Antonietta Manto vani, talent scout e collaboratrice Mediaset. Eletta Miss Capo di Leuca Giulia Vincenti, 23 anni di Ruffano. Seconda classificata, Virginia Felline, 26 anni, di Uggiano la Chiesa; terza, Elvira Bramato, 23 anni, di Presicce. Miss Teenager 2010 è Stefania Toma, 17 anni, di Modena; Miss Baby, Margherita Ciardo, 9 anni, di Corsano; Mister Baby, Diego De Marco, 5 anni di Morciano; Miss Mamma, Marta Warchol Martella, 32 anni, di Corsano. Per il Concorso Canoro, Valentina Urso (10 anni, Ugento) si è aggiudicata il primo premio della categoria esordienti; Marianna Potenza (19 anni di Acquarica del Capo) ha vinto la categoria Novità e Roberto Treglia (Taurisano) quella dei Big.

CORRISPONDENTI

La collaborazione sotto qualsiasi forma Massimo Alligri è Gratuita. La Direzione si riserva di Giuseppe Aquila rifiutare insindacabilmente qualsiasi Giorgio Coluccia testo e qualsiasi inserzione. PERIODICO Coordinatore di Redazione INDIPENDENTE DI Antonella Corvino Foto e manoscritti, anche se non gicer@ilgallo.it Unione Stampa G IUSEPPE C ERFEDA _ CULTURA, SERVIZIO Vito Lecci pubblicati, non si restituiscono. Periodici Italiani ED INFORMAZIONE TESSERA N. 14582 Vincenzo Longo DEL SALENTO Redazione & Internet: Riproduzione vietata. F EDERICO S CARASCIA _ feder@ilgallo.it Ilaria Marinaci REDAZIONE TRICASE Stampa: MASTER PRINTING Srl Fiorella Mastria In Redazione 080/5857439 via Aldo Moro, 7 Antonio Memmi via delle Margherite 22 Tel. 0833/545 777 M ARIA C ONSIGLIA P ODO Cristina Pacella fax 0833/545 800 FRANCESCA CAPARROTTI _ francesca@ilgallo.it Vito Palanga 70026 Zona Industriale Modugno - Bari REDAZIONE LECCE Sandra Papa Iscritto al N° 648 E LISA B RAMATO _ elisa@ilgallo.it Carlo Quaranta via Fazzi Registro Nazionale Stampa Responsabile Distribuzione Stefano Tanisi Tel. 0832/307 369 Autorizzazione Tribunale Lecce PASQUALE Z ITO Pierangelo Tempesta del 9.12.1996 www.ilgallo.it/info@ilgallo.it

Ga l l o

Associati

Direttore Responsabile L UIGI Z ITO _ liz@ilgallo.it

DISTRIBUZIONE GRATUITA PORTA A PORTA IN TUTTA LA PROVINCIA DI LECCE

il

Le percussioni e il ritmo tribale di Julian Mc Cain musica

MARKETING E PUBBLICITÀ Tel 0833/545 777 Fax 0833/545 800 e-mail: info@ilgallo.it

DIRETTORE PUBBLICITÀ Luigi G. Zito tel. 328/2329515 Savio Accoto 349/1430334 Ada Meraglia 348/1044753


30 ilgallo.it

tempo libero

4/17 SETT 2010

mazione m a r g o r in p tembre dal 3 set LECCE - MULTISALA MASSIMO TEL. 0832/307433 Sala 1

18,30 - 20,30 - 22,30

Al cinema

SURBO - THE SPACE CINEMA TEL. 0832/254411 Sala 1

17,30 - 18,45 - 22

GALLIPOLI - CINEMA ITALIA TEL. 0833/568653 Sala 1

Shrek - l’ultimo capitolo (3D)

Shrek - l’ultimo capitolo

i mercenari

Sala 2

Sala 2

Sala 2

18,35 - 20,35 - 22,35

i mercenari Sala 3

17,30 - 19,15 - 21

Shrek - l’ultimo capitolo Sala 4

18,45 - 20,40 - 22,35

amore a mille miglia Sala 5

16,35 - 19,10 - 21,45

apprendista stregone

somewhere

Sala 3

Sala 3

16 - 18,15 - 20,30 - 22,45

Shrek - l’ultimo capitolo (3D) Sala 4

17,20 - 20 - 22,30

giustizia privata

19 - 21 - 23

19 - 21 - 23

18,30 - 21

the karate kid GALLIPOLI - CINEMA SCHIPA TEL. 0833/568653

18,50 - 20,45 - 22,35 Sala 5

somewhere

17,40 - 20,05 - 22,25

amore a mille miglia Sala 6

18,20 - 20,35 - 22,50

nightmare Sala 7

16,30 - 18,45 - 21

LECCE - CITY PLEX SANTA LUCIA TEL. 0832/343479

Shrek - l’ultimo capitolo

Sala 1

the karate kid

18,30 - 21,30

Sala 8

16,10 - 19,10 - 22,10

19 - 21 - 23

Shrek - l’ultimo capitolo TRICASE - CINEMA MODERNO TEL. 0833/568653 17,45 - 19,45 - 22

Shrek - l’ultimo capitolo (3D) TRICASE - CINEMA AURORA TEL. 0833/568653

the karate kid Sala 2

18,20 - 20,20 - 22,20

letters to Juliet Sala 3

18,25 - 20,25 - 22,25

miral Sala 4

Sala 9

17,45 - 20,10 - 22,35

somewhere GALATINA - CINEMA TARTARO TEL. 0836/568653

18,20 - 20,20 - 22,20

giustizia privata

il Gallo consiglia “Come quando ascoltiamo le partite alla radio. Storie di sport minuto per minuto” di Giovanni Scaramuzzino

pagg. 210 - € 12,00

TRICASE - CINEMA PARADISO TEL. 0833/568653 19,30 - 21,30

19 - 21

toy story

o Il libr

17,45 (domenica) - 19,45 - 22

i mercenari

nightmare

Radiocronista, ma non solo. In diretta dai campi di serie A e B o dagli stadi mondiali del Sudafrica, in collegamento dal Giro d’Italia o dal Tour de France su Radio Uno Rai, Giovanni Scaramuzzino, una delle voci di “Tutto il calcio minuto per minuto”, ha pubblicato questo romanzo sportivo: decine di storie si intrecciano con i protagonisti che ruotano attorno al mondo dello sport attuale con richiami al passato in un raccordo armonicamente legato all’ascolto di una partita o di un avvenimento sportivo trasmesso alla radio. I piccoli particolari all’apparenza secondari costituiscono le colonne portanti delle singole vicende costrette, più o meno casualmente, a confrontarsi tra loro.

TROVA I GALLETTI,

IL REGOLAMENTO

T ra i primi 50 che prenderanno la linea saranno sorteggiati: UNA CENA presso Ristorante LA TERRAZZA a SAN CATALDO. Cerca tra le pubblicità e individua i 3 galletti “mimetizzati”. Telefona venerdì 6 settembre dalle ore 9. In palio anche: i BIGLIETTI per i CINEMA di GALLIPOLI e TRICASE; due consumazioni di 5 CONI GELATO presso ROXY BAr di LECCE; una CREMA CORPO IDRATANTE ALL’ALOE VERA offerta da ACCOTO COSMESI ad Andrano; 5 SORBETTI SU STECCO ALLA FRUTTA da DOLCE ARTE a CUTROFIANO; due aperitivi al BAR MAL GLEF a MIGGIANO; Pizza e bevanda da BORGO VECCHIO a MIGGIANO; un PUPAZZO DI PALLONCINI da BALLOON SHOP a RUFFANO; un paio di occhiali per presbite offerti da Ottica Moderna di Tricase; DUE APERITIVI presso DOLCI FANTASIE di SAN CASSIANO; BUONO SCONTO DI EURO 50 da applicare sull’acquisto di occhiali da sole o da vista presso OTTICA MORCIANO TRICASE, TIGGIANO E CASTRO; una BOTTIGLIA DI VINO offerta da LE VIGNE DEL SALENTO di SALVE; una PIZZA presso RISTORANTE PIZZERIA LA BELLA VITA di CARMIANO; DUE PIZZE + BIRRA offerte da DIETRO L’ANGOLO a TORRE DELL’ORSO. NON SONO AMMESSI GLI STESSI VINCITORI PER ALMENO 3 CONCORSI CONSECUTIVI. NON SI ACCETTANO NOMINATIVI DELLA STESSA FAMIGLIA TELEFONA

VENERDÌ

6

SETTEMBRE DALLE ORE

9: 328/1063910 e 348/7145839


4/17 SETT 2010

tempo libero

ilgallo.it

31

sù la cresta - il personaggio NOME E COGNOME: IL LAVORO: “Male necessario” LA POLITICA: “Repubblicano, Ruggero Dambra democratico e socialista” NATO A: Milano LA DONNA: “Una sola?” VIVI A: Milano SEGNO ZOD.: A LETTO: “Se non si dorme...” Sagittario LA PRIMA VOLTA: “In albergo tantissimo tempo fa. E fu la prima cosa che L’ingegnere traumatico...” ti salta in mente in vacanza IN CUCINA: “Mangio soltanto” se parliamo di... ALLO STADIO: “Solo per i concerti” MATRIMONIO: “Unione...” IN UN INCUBO: “Non riuscire a DIO: “Non m’interessa” parlare nel sonno” ALCOL: “Solo in compagnia” IN UN SOGNO: “Più di una donna” SIGARETTA: “Mi fa ribrezzo” VUOI ESSERE IL PERSONAGGIO DEL PROSSIMO NUMERO? CHIAMACI:

lo dicono le stelle

di Eugenio Musarò (www.myspace.com/eugeniomusaro)

Ariete Saturno ricomincia il suo transito in opposizione ed a questo si aggiunge anche l’opposizione di Venere per qualche settimana. Occorre pazienza.

Cancro La prima decade subisce la lunga opposizione di Plutone. Pertanto evitate per ora di fare progetti. Gli altri godono ancora del trigono di Urano e Giove. Ottimo.

Bilancia La prima decade non è al top già da tempo a causa di plutone in quadratura. Pazientate. Nettuno, invece, favorisce molti altri Bilancia.

Capricorno Plutone rivoluziona sempre la prima decade e vi stimola a cambiare qualcosa in meglio. Anche gli altri sono favoriti da Urano e Giove. Ottimo

Toro La prima decade è sempre favorita alla grande da Plutone in trigono. E’ il momento di osare, darsi da fare. Gli altri sono ancora bloccati da Nettuno.

Leone

0833/545777

dal 4 al 17 settembre

Gemelli Ricomincia il bel trigono di Saturno alla prima decade. Non durerà molto: è bene approfittarne. Gli altri sono ancora bloccati da Urano e Giove.

Vergine

Saturno ritorna in sestile alla prima decade. Ottimo. Molti altri leoni subiscono ancora l’opposizione di Nettuno, che vi rende svogliati e poco lucidi.

Plutone favorisce in trigono sempre la prima decade. Sotto con i progetti, è il momento giusto. Molti altri, invece, sono bloccati da Giove e Urano.

Scorpione

Sagittario

Prosegue Plutone in sestile alla prima decade. Datevi da fare e approfittatene sia in amore sia nel lavoro. Gli altri sono invece favoriti da Urano e Giove.

Saturno ritorna in sestile positivo alla prima decade regalandovi qualche occasione in amore e nel lavoro. Gli altri sono bloccati da Urano e Giove...

Acquario Ritorna il bel trigono di Saturno alla prima decade: ottimo momento per il lavoro e l’amore. Gli altri sono meno favoriti ma non sono messi male.

Pesci Continua il potente sestile di Plutone per la prima decade: impegnatevi pertanto sia nel lavoro sia in amore. Gli altri sono meno favoriti, ma senza transiti cattivi.


32 ilgallo.it

ultima

4/17 SETT 2010


il Gallo Numero 21 Edizione Nord