Page 1

Gallo

“Niente pale ai Paduli!” il

Anno 17, numero 12 (485) - 2/15 giugno 2012 - www.ilgallo.it - info@ilgallo.it

Ambientalisti in rivolta. Il Tar accoglie il ricorso per l’installazione di un mega parco eolico. Pronti i ricorsi a Consiglio di Stato e Corte di Giustizia Europea

AVVENTURA AZZURRA

Eppure l’altissimo valore ambientale storico e paesaggistico del “Parco naturale dei Paduli-Foresta Belvedere”, è riconosciuto e tutelato dagli appositi strumenti istituzionali. Unica è infatti la zona oggetto dell’intervento, compresa tra i Comuni di Miggiano e Nociglia, Ruffano, Montesano, Supersano, Specchia, Taurisano, San Cassiano, Botrugno, Scorrano, Poggiardo, Surano, Spongano, ecc.

17

Europei di calcio

Venerdì 8 giugno prende il via il torneo continentale per Nazioni. Spagna, Eire e Croazia nel girone dell’Italia. All’interno il calendario completo degli europei INSERTO DA PAGINA 11

CERCHI LAVORO? LEGGI A PAGINA 5

Casarano: il cluster? che

TROVA I GALLETTI fregatura! 17 E VINCI

23


2 ilgallo.it

pubblicitĂ

2/15 GIUGNO 2012


2/15 GIUGNO 2012

pubblicitĂ

ilgallo.it

3


4

ilgallo.it

Senza rem - appunti di un libro mai scritto

V

iene dal XXV Salone Internazionale del Libro di Torino una delle più interessanti novità del panorama letterario Salentino. È il romanzo “Senza rem – appunti di un libro mai scritto” di Daniele Luciano, edizioni “Leucotea”. Il romanzo è una combinazione di prosa e poesia, che sconfinano l’una nell’altra, con le funzioni, come spiega lo stesso Daniele Luciano “di avvicinare il lettore alla magia della poesia e fornire uno scudo alle malattie esistenziali che spesso ci affliggono”. Il protagonista del romanzo è “Da”, diminutivo di Daniele. Dopo molto tempo Da tira fuori dal cassetto una bozza di libro che gli fa rivisitare il passato, “capire” il presente e costruire il futuro. Nel rileggere quanto ha scritto e nello scrivere quanto accade, Da si rivolge alla propria madre defunta. E la madre diventa l’unica “reale” interlocutrice cui confidare le proprie paure e disillusioni. Attraverso la lettura di racconti e poesie alla propria madre e il dialogo con lei, l’autore porta sulle pagine una storia che sa smuovere il cuore del lettore. “Senza rem” è un romanzo fuori dagli schemi, “difficile riassumerne la storia”, riconosce lo stesso autore. Da racconta il suo unico grande amore, Giulia-Cristel, che va in conflitto con un altro amore, quello per Giulien. Giacomo, il suo unico amico, informa Giulia-Cristel della situazione. Da crede che Giacomo voglia metterlo in difficoltà con Giulia e lo uccide inscenando un suicidio. Poi, però, rimuove tutto e per sfuggire al dolore che lo attanaglia, crea un mondo e personaggi paralleli. Sarà uno di questi personaggi-alter ego a mettergli davanti, con lo stile dei dialoghi, la cruda verità. A questo punto la storia sembra finita, ma sorprendentemente la verità rimbalza in un’altra verità, a mo’ di scatole cinesi.... La versione integrale dell’articolo su www.ilgallo.it, sezione “Libri”. Cesario Ratano

Luciano Daniele

attualità

Taviano: Mercaflor bye bye

N

2/15 GIUGNO 2012

La svolta. Lo scioglimento prevede l’azzeramento delle cariche societarie con un notevole risparmio in termini economici ei giorni scorsi, come da tempo paventato, si è consumato l’atto finale per Mercaflor, la società che gestivail grande Mercato dei Fiori di Taviano. La Provincia di Lecce, guidata dal Presidente Antonio Gabellone, ha deliberato in Consiglio Provinciale, sentita la relazione dell’assessore provinciale all’agricoltura Francesco Pacella, la messa in liquidazione e lo scioglimento di Mercaflor srl, inserendosi così nello stesso solco tracciato dall’Amministrazione comunale di Taviano, guidata dal sindaco Carlo Portaccio. In questo modo la maggioranza assoluta dei soci, sulla stessa volontà di liquidare la società, porterà a superare la fase Mercaflor del Mercato dei Fiori di Taviano, sotteso che anche il mercato dei Fiori di Leverano ha visto l’emanazione di un bando di gara per la relativa gestione. L’assessore all’agricoltura – floricoltura e ai rapporti con Mercaflor, Eliano Olive così spiega la storica decisone: “La delibera della Provincia di Lecce arriva come elemento chiarificatore in una fase gestionale problematica e delicata, vista anche l’assenza della figura del Direttore nel Marcato dei Fiori, e in una fase in cui la cittadinanza e gli operatori stavano iniziando a chiedere risposte in merito al rilancio del settore. L’amministrazione Comunale di Taviano è già pronta

alla gestione diretta avendo individuato e nominato le figure professionali da impiegare presso il mercato dei fiori. Il Direttore sarà Antonio Tenuzzo, già funzionario del nostro Comune. Nei prossimi giorni fisseremo una serie di date alle quali mettere in campo i percorsi amministrativi più adeguati al passaggio di consegne tra Mercaflor e il Comune e daremo i necessari indirizzi amministrativi per adeguare l’attuale gestione alle esigenze degli operatori”.

Bisogna precisare, ad onor di cronaca, che nonostante i proclami della sua fondazione, in questi anni passati Mercaflor spesso ha rappresentato per la politica tavianese una riserva privilegiata per incarichi e collaborazioni, che nel tempo ha finito per depauperare le disponibilità economiche e finanziarie delle casse societarie. Questo scioglimento prevede l’azzeramento delle cariche societarie previste con un notevole risparmio in termini economici, in un periodo nel quale la gente aspetta risposte concrete dalla politica. Dopo tanti anni sarà di nuovo il comune di Taviano l’unico gestore del Mercato dei Fiori, rinomato per le sue produzioni e l’abilità dei suoi operatori, in tutti i mercati italiani ed europei, con l’intento di fare bene di fronte ai tanti processi di concorrenza provenienti da tutti i mercati si settore. Giuseppe Aquila


Parcheggi a Tricase: strisce civetta? 2/15 GIUGNO 2012

ora parlo io

ilgallo.it

5

G

Lettera aperta. Un lettore scrive al nuovo Sindaco

entile Sindaco, Le scrivo perché non riesco ad accettare l’idea che un Ente Pubblico possa, né, tanto meno, debba, ricorrere a balzelli più o meno sofisticati per rimpinguare, in questi tempi di crisi, le sue casse: come cittadino e soprattutto come genitore-educatore, non accetto nemmeno che si possa anche solo pensarlo! Mi riferisco ai parcheggi a pagamento “aboliti” di via Pio X, nel tratto tra l’incrocio con piazza Panico ed il bar, prospiciente l’ospedale omonimo. Credo che come è successo a me, possa succedere a chiunque abbia urgenza di accompagnare la sua bambina al pronto soccorso, di vedere in questi parcheggi (poco importa che siano a pagamento!) un posto “ideale” dove parcheggiare la propria auto per il tempo che sarà necessario; in quelle situazioni si è persino indotti a pensare che quei parcheggi siano stati sistemati lì proprio per agevolare l’accesso al pronto soccorso! Che sorpresa, all’uscita dall’ospedale, scoprire di essere stati multati per aver parcheggiato in divieto di sosta! Divieto di sosta? Ma allora le strisce azzurre che delimitano l’area parcheggio …? “No! Le strisce azzurre sono cancellate, proprio ad indicare che il parcheggio non c’è più!”, mi ha risposto il vigile scrivendo il verbale. Ora lascio a Lei decidere, ed ai suoi elettori, se dalla foto, sia possibile dedurre in modo inequivocabile, che quelle strisce siano state cancellate ad indicare che il parcheggio non c’è più!? Non può trattarsi di uno “scarabocchiamento” delle strisce fatto da un vandalo armato di bomboletta spry che si è improvvisato autore di opinabili murales “orizzontali”?

Se l’intenzione fosse stata quella di “cancellare” le strisce non si sarebbe potuto spruzzarci sopra, in modo più ovvio, ragionevole ed efficace, un po’ di catrame liquido, o di altra vernice nera!? Per quale inspiegabile motivo, del resto, si sarebbe cercato di cancellare delle strisce azzurre usando vernice dello stesso colore? Sono tante le risposte possibili a questo dubbio legittimo: forse la vernice nera era finita e non si avevano i soldi per comprarne altra; forse chi ha eseguito i lavori era daltonico o ha fatto il lavoro in condizioni di luce che non gli consentivano di distinguere il nero dall’azzurro; …! Ma tra queste ce n’è anche una che non riesco e non voglio accettare: non sopporto nemmeno di poterla ragionevolmente collocare tra quelle semplicemente possibili! Gentile sindaco, 39 euro di multa: “si pagano e basta”! Ma quando tua figlia con la mano appena ingessata ti chiede: “Papà, perché ti hanno fatto la multa?” è davvero duro rispondere: “Perché papà ha sbagliato e se lo merita!” pensando che forse si sta mentendo! Ed è ancora più duro dover sostenere quella, seppur probabile, menzogna quando lei replica con aria innocente: “Ma quale sbaglio papà? Quelle strisce non indicano parcheggio?” Antonio Santoro

Doppia

Destra o sinistra per me pari sono...

Z et a

La

sinistra è l’idea che se guardi il mondo con gli occhi dei più deboli, puoi fare davvero un mondo migliore per tutti. Nessuno può stare bene da solo. Stai bene se anche gli altri stanno un po’ bene. Se pochi hanno troppo e troppi hanno poco, l’economia non gira perché l’ingiustizia fa male all’economia. Ci vuole un mercato che funzioni senza monopoli, corporazioni e posizioni di dominio. Ma ci sono beni che non si possono affidare al mercato: la salute, l’istruzione, la sicurezza. Il lavoro è la dignità di una persona. Indebolire la scuola pubblica vuol dire rubare il futuro ai più deboli. Per guidare un’automobile, che è un fatto pubblico, ci vuole la patente, che è un fatto privato. Per governare, che è un fatto pubblico, bisogna essere persone perbene, che è un fatto privato. Essere di destra vuol dire essere orgogliosi di essere italiani, amare l’Italia e avere fiducia negli italiani: per gli italiani che si sacrificano, che lavorano duramente, sono solidali e generosi. Per la destra sono meritevoli le tante imprese che danno lavoro agli immigrati onesti. Gli italiani hanno bisogno di istituzioni giuste: serve senso dello Stato, serve la cultura dei doveri. Abbiamo bisogno di uno stato efficiente ma non invadente. Per la destra è lo Stato che deve garantire che la legge sia davvero uguale per tutti. La destra sa che senza autorevolezza delle istituzioni non c’è libertà ma solo anarchia: prevalenza dell’arroganza e della furbizia. Essere di destra significa sostenere l’uguaglianza dei cittadini. Conclusione: i nostri politici, a tutti i livelli, non sono né di destra né di sinistra…

llllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll


6

ilgallo.it

di Giuseppe Cerfeda

il caso

2/15 GIUGNO 2012

Tricase: la Sanità

“PERCHÈ TRASFERISCONO IL CENTRO RIABILITATIVO A GAGLIANO DEL CAPO?”

Da

lunedì 4 giugno tutti i servizi riabilitativi a livello neurologico fino ad oggi erogati dal Villaggio Arcobaleno saranno trasferiti presso l’Ospedale di Gagliano del Capo. Per ora, ma solo per ora, resterà il centro diurno per disabili che, pare, sarà trasferito tra non molto. La notizia ha gettato nello sconforto molte famiglie di Tricase e dell’hinterland (in totale sono almeno un centinaio) che usufruiscono del servizio.

L’Ospedale di Gagliano del Capo

“Ci scombussolano la vita” E.A. di Lucugnano è papà di una bimba di 5 anni che sta svolgendo riabilitazione logopedica. “Con la nostra bimba è stato fatto un gran lavoro ed i progressi sono evidenti. Ora, però, con questo trasferimento, ci scombussolano la vita. La bimba, dovendo andare fino a Gagliano, perderà parecchie ore di scuola. Le difficoltà saranno enormi, per il tempo, il trasporto. Proprio non si capisce come mai si chiuda un Centro come il Villaggio Arcobaleno così ben organizzato ed efficiente”.

L’altra anomalia la sottolineiamo noi: il Centro dei Padri Trinitari, regolarmente convenzionato e l’Ospedale di Gagliano distano tra loro un centinaio di metri: cosa centrano con la razionalizzazione dei servizi sanitari due strutture una di fronte all’altra? Sarà…

“I bambini non sono pacchi postali!”

“Ed ora come faremo?”

G.S. di Depressa è arrabbiatissima: “Così come altre famiglie con disabile, abbiamo avuto la brutta notizia che il servizio sarà spostato. Il mio ragazzo per andare a Gagliano non farà più in tempo ad andare a scuola. E poi: ci sarà un servizio per il trasporto? E un assistente a bordo? Per averlo sul pulmino che utilizziamo oggi per Tricase abbiamo dovuto penare…”. Ma la cosa che fa arrabbiare di più la signora è che “nessuno ci ha avvertito di nulla fino a cose fatte: questi bambini non sono pacchi postali! Ora, insieme ai loro disagi, dovranno subire pure l’aggravio della trasferta”. Ma c’è un’altra cosa che non convince la signora: “Qualcuno dovrebbe spiegarmi come mai alcuni dei pazienti saranno indirizzati presso la struttura del Padri Trinitari ed altri presso l’Ospedale. Anche per la riabilitazione esistono cittadini di serie A e cittadini di serie B?”.

G.P. di Tricase non trova pace e non ha soluzioni: “Ho una figlia di 20 anni che fa terapia al Villaggio Arcobaleno. Tra lavoro e famiglia come faremo ad accompagnarla a Gagliano? Siamo stati avvertiti a cose fatte, non ci hanno dato neanche il tempo di organizzarci. I nostri figli sono stati trattati come pacchi postali”.

“Ma non ci sono altre possibilità?” E.A. di Tiggiano porta il suo bimbo di tre anni per svolgere attività psicometrica. “All’improvviso”, racconta, “ci hanno detto che dal 4 giugno ci toccherà all’Ospedale di Gagliano. Ho un’altra bimba piccola e non so proprio come farò. Mi hanno detto che forse ci sarà un pulmino ma il bimbo è piccolo e ci vorrebbe almeno un assistente. Possibile che non ci sia un’altra possibilità?”.

FARÌ (ASL): “FINORA FATTO PIÙ QUESTE DI PRESTAZIONI SONO

D

opo aver accolto gli sfoghi di alcune delle famiglie coinvolte abbiamo chiesto spiegazioni al dott. Francesco Farì, responsabile del Dipartimento di Riabilitazione dell’Asl di Lecce. Farì fa una premessa, indispensabile a comprendere anche il resto del discorso: “Noi come Asl siamo obbligati ad erogare prestazioni sanitarie. Assistenza, sorveglianza, sollievo alle famiglie sono prestazioni nobili, ma le norme (Regolamento Regionale nr. 4 del 2007) prevedono siano a carico dei Comuni e degli ambiti di Zona, in questo caso quello di Gagliano del Capo”. “L’Asl”, continua il dott. Farì, “ha compensato carenze organizzative e di prestazioni altrui, continuando ad erogare prestazioni non prettamente sanitarie proprio per non


dai Comuni

2/15 GIUGNO 2012

con le valigie

IL SINDACO: “ABBIAMO CHIESTO RINVIO PER STUDIARE SOLUZIONE”

D

ella vicenda se ne è già occupato il neoeletto sindaco di Tricase, Antonio Coppola. Con discrezione, perché si era in campagna elettorale e si volevano evitare strumentalizzazioni di ogni tipo. “Abbiamo chiesto”, ci ha detto Coppola, “un rinvio, un periodo di tempo, una pausa di riflessione necessaria per studiare la riorganizzazione di tutto l’Ambito. Contiamo ci diano questa possibilità”.

Anche perché “a rischio non c’è solo la Riabilitazione ma l’intero servizio sociosanitario, visto Antonio Coppola che già è stato spostato il Centro di Igiene Mentale ed è in programma lo spoDI QUANTO CI COMPETEVA. stamento dell’ambulatorio per le vaccinazioni così A CARICO DI COMUNI E AMBITO” come quello dell’ufficio per i certificati, di veterinaria, ecc. Noi ovviamente non siamo d’accordo. La nostra non vuole essere una guerra di campanile ma semplicemente una forma di rispetto per tutte quelle persone (“e le loro famiglie”) che devono convivere con patologie non ospedalizzabili che sono anche le più diffuse. Il blocco del tetto di spesa dell’Ospedale, poi, fa sì che, per le patologie non ritenute principali o urgenti, i tempi di attesa lasciare per strada le famiglie”. Poi Farì si lasiano lunghi e, mancando i servizi pubblici, si coscia andare ad uno sfogo: “Il denaro pubblico stringono i cittadini a continui andirivieni con va amministrato con correttezza e legalità. conseguenti disagi ed aggravi di costi. Non facSia chiaro, il rispetto per i disabili al sottociamo barricate, ma non possiamo non tenere scritto non lo insegna nessuno. Se, però, si conto delle esigenze di un paese di 18.000 abitanti deve veicolare sulle persone con disabilità il e di quelle dei cittadini dell’hinterland che fino ad disappunto di alcuni operatori che non accetoggi hanno sempre fatto riferimento a Tricase. tano di spostare la sede della timbratura del Ecco perché abbiamo richiesto un rinvio delle loro cartellino di una decina di chilometri, operazioni: per studiare una soluzione che vada allora non ci sto più!”. bene a tutti”. Farì si congeda con un’ultima stoccata: “È “Nel frattempo”, conclude Coppola, “proseguono singolare come le istituzioni si sveglino solgli incontri con gli altri Sindaci, l’Asl, ecc., per tanto ora dopo anni di segnalazioni e solleciconcordare un’azione comune”. tazioni da parte dell’Asl”.

ilgallo.it

7

TRICASE - DOPO LE ELEZIONI

Coppola già al lavoro

Il

neoeletto sindaco Antonio Coppola è operativo dal 22 maggio anche se dovrà aspettare ancora qualche giorno per la nomina ufficiale degli eletti e quindi per poter ufficializzare la squadra che lo affiancherà. “In attesa che il Consiglio comunale abbia il crisma dell’ufficialità, abbiamo aperto, all’interno della coalizione, una consultazione per la composizione della Giunta che mi affiancherà. Nel frattempo abbiamo avviato tutta l’attività di programmazione, a partire dal Piano Urbanistico Generale (PUG), per proseguire con un progetto per incrementare la raccolta differenziata e raggiungere il 40% per evitare aggravi di costo”. In questi giorni Coppola ha già avuto incontri a tutti i livelli con rappresentanti regionali “per questo mi scuso con i cittadini se non sono stato molto presente. Ma sono certo che con l’aiuto di Assessori e Consiglieri presto le cose andranno meglio”.

Sant’Eufemia: a che punto è il restauro del mosaico? Martedì 5 giugno dalle ore 18 alle ore 21 la chiesa di Sant’Eufemia rimarrà aperta al pubblico e ai fedeli, per poter prendere visione dei lavori finora svolti e delle opere di restauro del mosaico di ottima fattura e inestimabile valore storico e culturale. Un tecnico della ditta responsabile dei lavori sarà a disposizione per eventuali chiarimenti


8

ilgallo.it

in evidenza

2/15 GIUGNO 2012

Leva: le 4 elle del mobile Il made in Italy ancora sinonimo di garanzia. Reduce dal prestigioso Salone Internazionale del Mobile di Milano il Mobilificio Leva presenta le nuove collezioni che tanto successo hanno riscosso parla di LEVA, si parla di mobili. Colpisce il loro logo, quelle 4 elle minuscole di lllleva sono immediatamente identificabili, funzionano. Visitare il loro show rooms, adiacente alla fabbrica, sulla S.S. Maglie – Leuca a Surano, è qualcosa di straordinariamente emozionante. Si possono ammirare tutte le collezioni del marchio Leva nelle varie fasi di lavorazione, rigorosamente artigianali e quindi personalizzate alle richieste del cliente. Attività collaterali, ma fortemente integrate con la produzione di mobili, sono i due negozi a Ruffano: “Il Mobiliere” (classico), Corso Margherita di Savoia, n.5 – “Luce e Solidi” (moderno) via Vittorio Emanuele, n. 80. Tutto ciò viene supportato da una consulenza, progettuale, fornita da validi esperti.

Si

TUTTO INIZIÒ CON CARMINE LEVA, MAESTRO EBANISTA

mobilificio d’Arte llleva ha origini datate a inizio secolo grazie al maestro ebanista Carmine Leva, il quale diede inizio all’attività in una piccola bottega realizzando mobili ancora presenti nelle più belle dimore del Salento. Dopo di lui il figlio, Tonino con la sua abilità imprenditoriale diede vita a un’importante fabbrica nel Comune di Ruffano. L’azienda col nome di Mobilificio LEMAR ebbe importanti riconoscimenti per il prodotto che proponeva sul mercato nazionale. Ed ecco che arriviamo alle 4 elle, i 4 fratelli: Franco, Roberto, Lino e Luigi, i quali ognuno nei diversi settori dell’azienda offrono il loro contributo professionale, e rappresentano la 3° generazione che ha dato vita alla nuova grazie all’apporto valido dei nipoti.

Il

Che successo al Salone Internazionale di Milano! azienda negli ultimi anni ha varcato i confini nazionali presentandosi con successo in quelli esteri proponendo il made in Italy ancora sinonimo di garanzia e ribadendo con forza che, rappresentando il Salento con tanto orgoglio si pone traguardi sempre più ambiziosi.Il Mobilificio Leva reduce dal prestigioso Salone Internazionale del Mobile di Milano è lieto di invitare la gentile clientela nel proprio show rooms e presentare le nuove collezioni che tanto successo hanno riscosso in una manifestazione così importante.

L’

PRODUZIONE ED ESPOSIZIONE: S.S. Maglie - Leuca, Surano; tel. 0836/936743; fax 0836/936907; www.levamobili.com; info@levamobili.it SHOW ROOMS, IL MOBILIERE: C.so Margherita di Savoia, 5 a Ruffano; tel./fax 0833/691844; il-mobiliere@tiscali.it LUCE E SOLIDI: Via V. Emanuele, 80 a Ruffano; Tel. 0833/692384; fax 0833/691844


dai Comuni

Supersano si veste di fiori, aromi e colori 2/15 GIUGNO 2012

N

ilgallo.it

9

Aria di festa. Allestimenti floreali e una settimana di iniziative coloreranno il paese ella settimana dei “Borghi Fioriti” in Puglia, dal 1° al 6 giugno, Supersano si veste di fiori, aromi e colori. Allestimenti floreali adorneranno il Castello Manfredi nel cui interno è ospitato il Museo del Bosco BelvedereMUBO, che ricostruisce antichissime memorie e identità di Supersano. Le manifestazioni interesseranno il centro abitato, l’Istituto Comprensivo “E. Frascaro” ; la Via Francigena che si snoda dai piedi del Santuario della Coelimanna fino alle antiche masserie; i Percorsi naturalistici della Serra Mucurone. “Nel giugno 2011” ricorda il Consigliere alla Cultura e Istruzione, Maria Bondanese, “alla presenza dell’Assessore regionale al Turismo Silvia Godelli abbiamo sottoscritto a Bari il Protocollo di Intesa con la Regione Puglia, aderendo con entusiasmo al circuito “Borghi Fioriti”, convinti della validità di questa iniziativa che mira alla la valorizzazione dei piccoli borghi collocati in itinerari tematici di tipo storico-culturale, naturalistico e dei prodotti tipici”. A sua volta il Sindaco, Roberto De Vitis, rileva come “l’Amministrazione Comunale di Supersano, è impegnata nello sforzo di riqualificazione del proprio territorio nella persuasione che ambiente e cultura siano valori aggiunti e forti attrattori turistici. Ai viaggiatori di oggi è necessario poter offrire un’accoglienza a misura d’uomo, nello spirito del “camminare dolce”, alla scoperta di antiche vie e di ambienti lontani dal caos urbano”. Non a caso, nel nutrito calendario di eventi previsto, la mattinata di domenica 3 giugno è riservata alla Passeggiata lungo la Via Francigena, alla scoperta della chiesetta rurale

di San Giacomo di Sombrino e delle antiche masserie che costellano il tragitto. La partenza sarà alle 8,30, ai piedi del Santuario della Madonna di Coelimanna e prevede, tra l’altro, l’inaugurazione dei Percorsi Naturalistici della Serra Mucorone, di grande fascino e transitabili anche a cavallo. Il Programma della settimana dall’1 al 6 giugno: venerdi 1 giugno, dalle 9 alle 13 presso l’Istituto Comprensivo “E. Frascaro” di Supersano, Presentazione del Progetto di Educazione Ambientale/Inaugurazione delle aiuole piantumate dai bambini della Scuola Primaria (Classi VA- VB) e dell’Infanzia/Mostra dei manufatti realizzati dagli alunni della Scuola Primaria (Classi IIIA-IIIB)/Corteo pro Ambiente e Legalità Al Castello Comunale Manfredi, Conclusione del Progetto “Biciglotta”, promosso dal Comune in collaborazione con la Scuola Media e Premiazione del Concorso per ragazzi “Supersano …che Belvedere”. Sabato 2 presso l’Aula consiliare “O.Cavalera”, alle 18.30: Presentazione dei volumi: “Via Francigena. Cammini di Fede e Turismo Culturale” (ed. Congedo) e “In transito verso l’Oriente. Le Vie Francigene tra arte, culture e territori” (ed. Esperidi). Partecipano: Anna Trono, dell’Università del Salento e curatrice dei volumi; Massimo Tedeschi, Presidente Associazione Europea delle Vie Francigene; Giovanni Caselli del Mediterranean Institute University of Malta; Nunzio Fiore dell’Accademia Belle Arti di Lecce; Federico Massimo Ceschin, Coordinatore della Borsa Internazionale del Turismo Religioso.

Ai Giardini di Supersano, alle 20,30: “Sapori, profumi e colori del Salento”, serata a cura dell’Associazione “Salute Donna” di Supersano con mostra personale di pittura di Amedeo Cianci “Natura, luci e colori di Puglia”. Domenica 3, Passeggiata lungo la Via Francigena, dalle 8,30 alle 13. Raduno alle 8,30 presso il Santuario della Madonna di Coelimanna. Visita della Cripta del XII secolo ricca di pregevoli affreschi. Passeggiata lungo la Via Francigena alla scoperta della chiesetta rurale di San Giacomo di Sombrino e delle antiche masserie che costellano il tragitto. Inaugurazione dei percorsi naturalistici sulla Serra con i Cavalieri Antini - Federazione Italiana Turismo Equestre e la partecipazione di Cristina Rugge, Presidente regionale Fitetrec- Ante e Michela Rugge, Responsabile regionale FitetrecAnte Al Cortile di Casa Ferrazzi alle 20, “Il giardino della settima arte”, Serata dedicata ai giovani registi del cinema salentino. Intervengono: Mattia De Pascali, Giuseppe Cristaldi, Carlo Michele Schirinzi; presenta: Michele De Vitis. Mercoledi 6 visita al “Centro Naturalistico Serra di Coelimanna” e laboratorio di pittura per ragazzi “Sprazzi di gioia” a cura dell’Associazione “Il campo delle fragole”(dalle 16 alle 19,30) In Piazza IV Novembre esibizione del gruppo di Rope Skipping della Palestra “Wellness Center” di Supersano e, alle 20, Premiazione del Concorso aperto alla cittadinanza “Supersano …che Belvedere”. Infine dal 2 al 9 giugno presso il Castello Comunale Manfredi esposizione di grafica e artigianato artistico della Via Francigena Salentina, realizzata dagli studenti del Corso di grafica dell’Accademia di Belle Arti di Lecce e dall’Artigianato Artistico Tradizionale e di Qualità di Confartigianato Imprese Lecce, risultato di una collaborazione avviata con i ricercatori e gli studiosi dell’Associazione Via Francigena Pugliese.


La fregatura del… cluster lavoro

10 ilgallo.it

A

2/15 GIUGNO 2012

di Antonio Memmi

La trovata. Dalle nostre parti altro non è che un accozzaglia di nomi fantasiosi di piccole aziende come se fossero tante scatole tutte riconducibili ad uno stesso proprietario...

rchiviato l’argomento elezioni amministrative, le facce dei nuovi consiglieri, il toto-giunta, e la presentazione della stessa, finalmente tra le colonne dei giornali comincia ad esserci lo spazio necessario per parlare di lavoro e lavoratori o meglio, purtroppo, di mancanza di lavoro ed ex-lavoratori. La crisi del calzaturiero non è certo una novità di questi ultimi giorni né tantomeno un fenomeno circoscritto a Casarano o al Salento. Trovare quindi un colpevole è un esercizio piuttosto arduo ma anche abbastanza inutile perché oggi le priorità sono sicuramente altre. Qualche giorno fa fece capolino una piccola notizia riguardante la protesta di alcuni operai cassintegrati del cosiddetto “cluster” Filanto. Cosa e chi sia la Filanto lo sanno più o meno tutti ma cosa sia un “cluster” è un argomento piuttosto complesso. In teoria questo termine così tecnico indica un gruppo di aziende che lavorano nello stesso ambito o magari all’ombra di un’azienda più grande che fa da capofila. In realtà, dalle nostre parti il “cluster” altro non è se non un accozzaglia di nomi fantasiosi di piccole aziende come se fossero tante scatole, tutte comunque riconducibili ad uno stesso proprietario, quasi sempre vuote di operai ma pronte per essere riempite di soldi che lo Stato tira fuori sotto forma di finanziamenti (e non certo spiccioli visto che l’accordo di programma riconosceva 40milioni di euro nell’area PIT9). Prendiamo ad esempio la “Leo Shoes”; è l’ennesima azienda (forse la sesta) creata apposta per assorbire gli operai senza lavoro della “Zodiaco” e della “Tecnosuole” (altre due scatole del “cluster”). Gli accordi

«

Gli accordi erano di assumere 309 operai entro il 2013 al ritmo di 100 all’anno. Siamo a metà del 2012 e le assunzioni sono solo un centinaio e tra esse c’è un certo numero di quelli che comunemente vengono definiti “colletti bianchi”...

erano di assumere 309 operai entro il 2013 al ritmo di 100 all’anno. Siamo a metà del 2012 e le assunzioni sono solo un centinaio e tra esse c’è un certo numero di quelli che comunemente vengono definiti “colletti bianchi” cioè quei personaggi chiave che sono indispensabili per la gestione di un’azienda. Il fatto “curioso” però è che questi lavoratori sono stati assunti prelevandoli dalla scatola “Filanto S.p.a.” che, negli accordi iniziali, neanche figurava ma che da più parti viene indicata come prossimo oggetto di chissà quale altra diavoleria di ingegneria contabile.

Una sorta di carta vince carta perde. L’altra curiosità poco spiegabile della “Leo Shoes” è che, mentre da un lato sembra un’azienda in espansione che assume personale chiave ed addirittura giovani apprendisti, dall’altra mette in Cassa integrazione almeno 35 operai (legge di mercato o paraculaggine?). Quando si fanno degli accordi, generalmente quegli accordi dovrebbero essere rispettati ed in quest’accordo era anche prevista una sorta di “verifica” del rispetto delle clausule dell’accordo stesso; verifica che sarebbe dovuta avvenire in questi giorni. Ma il giorno precedente l’azienda manda un fax dicendo che adesso ha da fare e che la verifica la si potrebbe fare magari il 31 luglio (il giorno prima delle ferie per chi può permettersele). Da qui la manifestazione di protesta spontanea degli operai “veri” di tutte queste scatole invece “vuote”; scatole che nascono, si sviluppano e muoiono sulle scrivanie dei commercialisti, che dicono di voler creare posti lavoro ma che in realtà attirano solo finanziamenti. Tutti questi lavoratori, oltre al fatto di sentirsi presi in giro, hanno anche il non certo trascurabile problema che non ricevono un euro da oltre 5 mesi. Quasi 500 famiglie da 5 mesi hanno problemi di “sopravvivenza” ed a molti di essi non è stata pagata la buonuscita ne tantomeno la tredicesima. E sapete qual è l’aspetto che fa ancora più male? L’indifferenza! Quella delle Istituzioni, di chi fa finta di non vederli, quella di chi potrebbe fare ma ha altri impegni, quella di chi (la più triste) gli chiude il telefono in faccia quando chiamano in azienda per avere delle informazioni. Perché “lu binchiatu nu crite all’affamatu”.


Europei 2012 P o l o n i a / U c ra i n a

Voglia di sognare ancora: provateci!

il Gallo (485) - 2/15 giugno 2012 - www.ilgallo.it - info@ilgallo.it

Il calendario degli europei

12/13


12 ilgallo.it

Europei di calcio

2/15 GIUGNO 2012

Un mese di Girone A

grecia

polonia

Rep. Ceca

Girone B

Russia

danimarca germania

QUANDO

DOVE

PARTITA

RISULTATO

QUANDO

8/6 ore 18

Varsavia (Polonia)

Polonia - Grecia

-

9/6 ore 18

8/6 ore 20,45

Breslavia (Polonia)

Russia - Rep. Ceca

-

12/6 ore 18

Breslavia (Polonia)

Polonia - Russia

12/6 ore 20,45

Varsavia (Polonia)

16/6 ore 20,45 16/6 ore 20,45

portogallo

PARTITA

RISULTATO

Kharkiv Olanda - Danimarca (Ucraina)

-

9/6 ore 20,45

Leopoli (Ucraina)

Germania - Portogallo

-

-

13/6 ore 18

Leopoli (Ucraina)

Polonia - Russia

-

Grecia - Rep. Ceca

-

13/6 ore 20,45

Kharkiv (Ucraina)

Grecia - Rep. Ceca

-

Varsavia (Polonia)

Grecia - Russia

-

17/6 ore 20,45

Kharkiv (Ucraina)

Grecia - Russia

-

Breslavia (Polonia)

Rep. Ceca - Polonia

-

17/6 ore 20,45

Leopoli (Ucraina)

Rep. Ceca - Polonia

-

Girone C

croazia

DOVE

olanda

eire

italia

Girone D

spagna

francia inghilterra

QUANDO

DOVE

PARTITA

RISULTATO

QUANDO

10/6 ore 18

Danzica (Polonia)

ITALIA - Spagna

-

11/6 ore 18

10/6 ore 20,45

Poznan (Polonia)

Eire - Croazia

-

14/6 ore 18

Poznan (Ucraina)

ITALIA - Croazia

14/6 ore 20,45

Danzica (Ucraina)

18/6 ore 20,45 18/6 ore 20,45

DOVE

svezia PARTITA

ucraina RISULTATO

Kiev Francia - Inghilterra (Ucraina)

-

11/6 ore 20,45

Donetsk (Polonia)

Ucraina - Svezia

-

-

15/6 ore 18

Donetsk (Ucraina)

Ucraina - Francia

-

Eire - Spagna

-

15/6 ore 20,45

Kiev (Ucraina)

Svezia - Inghilterra

-

Danzica (Polonia)

Croazia - Spagna

-

19/6 ore 20,45

Kiev (Ucraina)

Svezia - Francia

-

Poznan (Polonia)

ITALIA - Eire

-

19/6 ore 20,45

Donetsk Inghilterra - Ucraina (Polonia)

-


Polonia / Ucraina 2012

2/15 GIUGNO 2012

passione Quarti di finale QUANDO

DOVE

PARTITA

RISULTATO

QUALIFICATA

21/6 ore 20,45

Varsavia (Polonia)

A1................ - B2................

-

Q1.........

22/6 ore 20,45

Gdansk (Polonia)

B1................ - A2................

-

Q2.........

23/6 ore 20,45

Donetsk (Ucraina)

C1................ - D2................

-

Q3.........

24/6 ore 20,45

Kiev (Ucraina)

D1................ - C2................

-

Q4.........

Semifinali QUANDO

DOVE

PARTITA

RISULTATO

QUALIFICATA

27/6 ore 20,45

Varsavia (Polonia)

Q1................ - Q3................

-

S1..........

28/6 ore 20,45

Varsavia (Polonia)

Q2................ - Q4................

-

S2..........

Finale QUANDO

DOVE

PARTITA

RISULTATO

1/7 ore 20,45

Kiev (Ucraina)

S1...................... - S2......................

-

CAMPIONE D’EUROPA 2012 ------------------------------------Successi nel torneo

Danimarca - 1 (1992)

Germania - 3 (1972 - 1980 - 1996)

Grecia - 1 (2004)

Francia - 2 (1984 - 2000)

Italia 1 (1968)

Spagna - 2 (1964 - 2008)

Olanda 1 - (1988)

Repubblica Ceca - 1 (1976)

Russia 1 - (1960)

ilgallo.it

13


La spedizione azzurra Europei di calcio

14 ilgallo.it

2/15 GIUGNO 2012

Gianluigi BUFFON

Morgan DE SANCTIS

Salvatore SIRIGU

Ignazio ABATE

Federico BALZARETTI

Andrea BARZAGLI

Leonardo BONUCCI

Giorgio CHIELLINI

Christian MAGGIO

Angelo OGBONNA

Daniele DE ROSSI

Alessandro DIAMANTI

Emanuele GIACCHERINI

Claudio MARCHISIO

Riccardo MONTOLIVO

Thiago MOTTA

Antonio NOCERINO

Andrea PIRLO

Mario BALOTELLI

Fabio BORINI

Antonio CASSANO

Antonio DI NATALE

Sebastian GIOVINCO

Cesare PRANDELLI


Tricase Porto: una rosa per la Santa 2/15 GIUGNO 2012

attualità

ilgallo.it

15

Festa di Santa Teresa. Domenica 3 giugno la festa con la suggestiva Processione in mare.

T

Presentato, intanto, il libro “La Cappella e la Parrocchia di Can Nicola a Tricase Porto” ricase Porto prepara la festa per Santa Teresa e in suo onore ci sarà la solita pioggia di petali di rose. Il rito si rifà all’usanza delle mogli dei pescatori di un tempo di confezionare rose di carta per addobbare la chiesa e le strade del paese. Nell’occasione le stradine che saranno attraversate dalla processione e che conducono al porto, saranno decorate con reti da pesca proprio per sottolineare il forte legame e la devozione degli uomini di mare per la Santa delle rose. Il programma religioso, dopo il triduo di preghiera di preparazione alla festa (dal 30 maggio al 2 giugno, ore 18,30, Vespro e Santa Messa) prevede per domenica 3 giugno alle 11 la Santa Messa del mattino. Alle 18, la Santa Messa Solenne con il Vescovo di Ugento S.M. di Leuca Mons. Vito Angiuli; a seguire la tradizionale e suggestiva Processione in mare.

È stato intanto presentato il libro di Francesco Accogli (Edizioni dell’Iride) “La Cappella e la Parrocchia di Can Nicola a Tricase Porto (Storia – Documenti - Foto)”. La pubblicazione ha ovviamente reso felice Don Luigi Mele “storico” parroco di Tricase Porto: “L’autore ha voluto dare un contributo per colmare un vuoto storico. Non esisteva, infatti, uno studio riguardante la nostra Parrocchia. Ogni pagina”, continua Don Luigi, “è un appassionato racconto di quanto possa incidere nella vita l’amore per la “propria” chiesa, per il luogo in cui è raccontata la vita della Comunità (…). Sono felice di accogliere questa pubblicazione che con larghe pennellate attinte da una tavolozza di colori diversi vuole presentare la nostra chiesa vista col cuore di un popolo che l’ama profondamente”. g.c.

Giornata dell’Ambiente a Poggiardo

Da quest’anno Poggiardo avrà una sua Giornata dell’Ambiente: si terrà ogni 1° giugno e vedrà coinvolti tutti i cittadini che hanno a cuore il rispetto della natura. L’evento, voluto dall’Amministrazione Comunale e realizzato in collaborazione con l’Istituto Comprensivo e la Pro Loco di Poggiardo, avrà come protagonisti principali i ragazzi della I classe della Scuola Secondaria di Primo Grado i quali, muniti di berretti, cappellini, magliette, pinzette e guanti forniti dalla Pro Loco (con lo slogan pro loco – pro eco) saranno impegnati sin dalle 8,30 in una pulizia dell’area archeologica a partire dalla porta di accesso al Parco dei Guerrieri. Alle 11,30 è previsto poi il trasferimento presso l’impianto di biostabilizzazione dove fino alle 14 vi sarà una visita guidata all’impianto e una lezione didattica per la raccolta differenziata tenuta da responsabili della Lombardi Ecologia. Infine, alle 19 presso il Palazzo della Cultura si terrà l’incontro dal titolo “Il ciclo ed il riciclo dei rifiuti” nel corso del quale, alla presenza del sindaco Giuseppe Colafati, del presidente della Pro Loco Fernando Tarantino, del preside dell’Istituto Comprensivo Ubaldo Cursano, dell’assessore alla Pubblica Istruzione Giuseppe Orsi, dell’assessore all’Ambiente Alessandro De Santis e di tecnici esperti del settore, gli alunni affronteranno un tema che, con l’aiuto dei loro docenti, approfondiranno nell’anno scolastico successivo e sul quale

presenteranno i loro lavori ed i loro progetti nel corso della Giornata “Pro – Eco” del 1° giugno 2013. L’Assessore all’Ambiente Alessandro De Santis. “Lo scopo di Poggiardo Pro-Eco è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle molteplici tematiche ecologiche. A tal fine quel giorno verrà siglato un Protocollo d’Intesa tra Comune, Istituto Comprensivo e Pro Loco che prevede lo sviluppo dell’iniziativa negli anni successivi. L’idea è quella di cambiare ogni anno il tema della giornata e di far sì che i ragazzi approfondiscano l’argomento trattato nell’anno scolastico. Ci terrei peraltro a sottolineare che quest’iniziativa non riguarda esclusivamente i ragazzi ma si estende ad associazioni e cittadini i quali possono dare in via preventiva la loro disponibilità a partecipare alle attività di pulizia ed alla visita dell’impianto in modo da creare sinergia tra ragazzi e popolazione”. Anche il sindaco Colafati ci tiene a sottolineare come “in questi tempi in cui bisogna investire delle risorse per la pulizia e la fruibilità del territorio, occorre interloquire con i ragazzi e i cittadini per sentirci tutti gelosi custodi dell’ambiente che viviamo ,respingendo ogni forma di aggressione quale ad esempio l’abbandono indiscriminato di rifiuti ed isolando comportamenti scorretti. Fare sistema a presidio del proprio patrimonio è la risposta migliore che una comunità possa dare”. Carlo Quaranta

Depressa, frazione... ecologica

L’

Ade lf ia Soc.Coop.Soc. Comunità Villa Fiorile in collaborazione con Pro Loco, “Voci Frazionate” e Circolo Cittadino organizzano la prima Giornata Ecologica a Depressa. L’appuntamento è per sabato 2 giugno. Il programma pre vede: il raduno dei partecipanti alle ore 8,30; alle 9 il coordiname nto de i capi gruppo e l’avvio della manifestazione; alle 12 la conclusione delle operazioni; alle 12,30 il ritrovo dei partecipanti presso l’Oratorio Giovanni Paolo II per il rinfresco. Info e adesioni: 349/7885195


16 ilgallo.it Salve: Festa della Marina

S

abato 3 Giugno con inizio alle ore 18 presso Piazza Matteotti in Salve, l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia sezione di Salve in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Salve, ha organizzato la “ Festa della Marina Militare“, per tale occasione, oltre a ricordare l’impresa di Luigi Rizzo, saranno ricordati tutti i Concittadini che, con il loro contributo, hanno dato libertà all’Italia con grandi sacrifici ed in alcuni casi anche con la propria vita. Saranno presenti, tra l’altro, due Marinai rispettivamente di anni 89 ed uno di anni 100, reduci della seconda guerra mondiale e pluridecorati al Valor di Marina. Nella stessa manifestazione avverrà la premiazione del concorso di disegno riservato ai ragazzi della scuola primaria di Salve ed inoltre sarà dato risalto all’impresa della ASD Pallavolo Salve under 12 che recentemente ha conquistato il campionato provinciale di volley. Al termine della serata rinfresco per tutti i partecipanti.

Tricase: il 2012 della Pupazza

attualità

Morciano: Fuci Ca Chiove, tutti in moto!

L’

associazione Motociclistica “Fuci Ca Chiove” apre per il Capo di Leuca la stagione dedicata al mondo delle due ruote con il primo Motoraduno che si terrà a Morciano di Leuca sabato 9 giugno. Sarà una serata dedicata alle moto ma non solo: saranno presenti diverse auto da rally,ci sarà l’animazione a cura delle Ombrelline Gir, musica dal vivo, ecc. L’obiettivo che gli organizzatori vogliono raggiungere con l’iniziativa è quello di avvicinare al mondo delle due ruote il pubblico dei più giovani, che iniziano con le prime esperienze per strada, attraverso percorsi dedicati al divertimento in tutta sicurezza. All’interno della manifestazione e nel corso dell’anno, infatti, non mancheranno gli appuntamenti dedicati alla sicurezza e atte a promuovere lo spirito di aggregazione e di conoscenza della moto. I “Fuci ca Chiove”, sono un’Associazione Motociclistica del Capo di Leuca che fonda la propria ragione nella condivisione della passione per le due ruote. “Il No-

E

leonora De Giuseppe è un’artista che non conosce soste, perché la necessità di espressione, la voglia di sognare fra bolle e città lontane, fra occhi dalle lunghe ciglia e onde magnetiche, solari e stellari è così prorompente che non può fermarsi. Nel suo bel laboratorio nel centro storico di Tricase, non si ferma davanti alla contingenza del tempo, alla difficoltà del momento, alla necessità economica. Continua a dipingere con velocità e voracità sempre maggiori, e in definitiva lo spray è solo un mezzo, usato ormai come un pennello, per essere più rapida, più incisiva, più vicina alla propria anima colorata. Questi dati di fondo Eleonora ha tentato di trasferirli nella sua “Pupazza con l’occhio” che è un misto fra un fumetto per bambini e l’espressione gioiosa delle vicende umane nello svolgersi della loro banalità quotidiana. Spesso la firma sulle sue opere è “La pupazza”, che gioca fra l’autoironia e la timidezza, fra la sensazione di inadeguatezza e una gratificazione sempre complessa. L’apprezzamento per quest’artista atipica nel panorama salentino, (ancora chiuso in un ambito spesso agiografico), che piace ai critici e al pubblico si denota dagli inviti che riceve nelle più importanti capitali europee. Nel gennaio del 2012 ha esposto alla Vibe Gallery di Londra (dopo l’importante esperienza della Personale alla Fiumano

2/15 GIUGNO 2012

stro impegno”, fanno sapere, “è quello di promuovere e valorizzare il nostro territorio attraverso giornate dedicate alla scoperta dei luoghi più belli del Salento e della nostra Italia, dove la moto diventa strumento per la scoperta di luoghi e di avventura”. Il gruppo è impegnato anche sul fronte della Solidarietà, difatti, quest’anno per la seconda edizione del “Babbo Natale in Moto” l’Associazione ha portato dei doni a bambini orfani di Squinzano. E ancora, offre la possibilità attraverso il proprio mercatino Compro/Vendo di pubblicare gratuitamente le proprie inserzioni inerenti il mondo dei motori. Inoltre, sono previsti sconti sino al -40% su abbigliamento ed accessori, riservati ai tesserati. L’associazione è presente con i suoi responsabili in diversi Comuni del Capo di Leuca: Acquarica del Capo, Presicce, Salve, Morciano di Leuca, Patù, Giuliano, Castrignano del Capo, Gagliano del Capo, Santa Maria di Leuca. Ulteriori informazioni su: www.fucicachiove.it

Gallery nell’aprile del 2010). Il Comune di Lecce in febbraio le ha offerto lo spazio dell’ex Convento dei Teatini dove ha esposto i suoi lavori più recenti. A marzo di nuovo a Londra alla Galleria Dolcevita, gestita da un’organizzazione di promoter italiani. In quest’occasione ha ricevuto l’invito a dipingere un grande muro interno del complesso Business Center. Dal 5 al 29 maggio al Castello Carlo V di Lecce è presente alla “Biennale dell’arte internazionale 2012” essendo stata selezionata con l’opera “Salento e New York”, dove appare con maggiore evidenza il suo tentativo di unire la sua terra con l’immaginario della massima modernità. Dal 29 maggio al 10 giugno sarà a Pisa, alla Mostra di Arte Internazionale presso Villa Bondi in Piazza delle Baleari. In esclusiva le è stato offerto di dipingere in estemporanea un pannello lungo 12 metri. In fine in questi giorni è stata selezionata fra centinaia di autori per partecipare dal 15 al 22 settembre alla “Biennale dell’arte di Chianciano”, importante appuntamento ripreso dalla RAI, alla presenza del direttore del New York Times e di moltissimi critici di tutto il mondo. Un 2012 pieno di impegni, che potrebbe rappresentare per la ventisettenne Eleonora l’anno della maturità artistica e della definitiva consacrazione.


“Salviamo il Parco dei Paduli” ambiente

2/15 GIUGNO 2012

A

ilgallo.it

17

di Donatella Valente

Il Mega Eolico. Dieci torri da 70 metri l’una: per il TAR di Lecce si può fare. Gli ambientalisti

non ci stanno e promettono ricorsi a Consiglio di Stato e Corte di Giustizia Europea....

ccolto il ricorso della società interessata alla realizzazione di un mega impianto eolico industriale da realizzarsi nel “Parco naturale dei Paduli – Foresta Belvedere”. È proprio in questo meraviglioso angolo del Salento infatti che potrebbe sorgere il mega impianto eolico di 10 aerogeneratori alti più di 70 metri, in grado di produrre energia elettrica con una potenza complessiva di 20 MW, dopo che il Tar di Lecce ha espresso parere positivo alla sua realizzazione accogliendo il ricorso della ditta eolica interessata alla realizzazione dell’impianto. Non basta produrre energia pulita per essere promossi sul fronte dell’ambiente. Pulita a scapito di cosa? Dell’integrità di posti unici dal punto di vista paesaggistico-ambientale? Unica è infatti la zona oggetto dell’intervento, compresa tra i Comuni di Miggiano e Nociglia, Ruffano, Montesano, Supersano, Specchia, Taurisano, San Cassiano, Botrugno, Scorrano, Poggiardo, Surano, Spongano, ecc., nota con il nome di “Paduli” che conta una superficie di 5.500 ettari quasi totalmente destinati a oliveti e attraversati da una fitta rete di sentieri e canali. L’altissimo valore ambientale storico e paesaggistico del “Parco naturale dei Paduli-Foresta Belvedere”, è riconosciuto e tutelato dagli appositi strumenti istituzionali tanto a livello provinciale che regionale. Nel PTCP, Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, del 2008, infatti, la Provincia di Lecce ha ipotizzato l’istituzione del “Salento come parco” e ha individuato l’area dei “Paduli” come la “casa”, il “cuore” del Salento, un grande parco culturale e naturale con elementi di forte tipicità ed interesse; una vera e propria “Stanza del parco”, ovvero la “parte del territorio fortemente connotata, tanto da dar luogo a specifici ambienti naturali e artificiali fortemente radicati nella cultura locale”. In aggiunta, nel PPTR, Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, la Regione riconosce l’importanza storica, naturale e paesaggistica dell’area Parco Paduli, quale “patrimonio territoriale collettivo”, di elevato pregio naturalisticoambientale, da promuovere a parco regionale. Il coro dei “no”. In ragione della tutela e della salvaguardia di questo incontaminato e fragile territorio si è alzato un accorato coro di “no”. La stessa Regione Puglia aveva espresso parere sfavorevole alla compatibilità del progetto in virtù della presenza di estesi e pregiatissimi uliveti nella zona di Miggiano. I motivi del disappunto. Il mega impianto eolico, vero e proprio impianto industriale, dovrebbe essere ubicato in un’area finora molto ben conservata del nostro territorio. L’oggettivo dissenso alla sua realizzazione riguarda in primo luogo il fatto che l’area interessata dal progetto è stata dichiarata “Parco Paduli” ed è divenuta così oggetto di tutela dalle “Linee

Ga l l o

PERIODICO

stato, poi, ampiamente e scientificamente dimostrato come gli impianti eolici producano seri effetti negativi sulle biocenosi e in particolare sugli uccelli e sui chirotteri. Tali effetti consistono essenzialmente in due tipologie d’intervento: quello diretto, dovuto alla collisione degli animali con parti dell’impianto, in particolare il rotore; quello indiretto, dovuto all’aumento del disturbo antropico con conseguente allontanamento e/o scomparsa degli individui, modificazione di ambienti (aree di riproduzione e di alimentazione), frammentazione degli habitat e delle popolazioni, ecc.. Entrambi gli effetti riguardano un ampio spettro di specie, dai piccoli passeriformi ai grandi veleggiatori (cicogne, rapaci, aironi, ecc.), ai chirotteri, agli invertebrati, ecc. In molti casi le specie più esposte agli effetti negativi causati dagli impianti eolici, risultano già minacciate da altri fattori derivanti dalle attività dell’uomo. È evidente che la misurazione della mortalità dà valori molto approssimati per difetto. Infatti molte carcasse non vengono ritrovate in quanto pos-

installazione di mega turbine eoliche, inoltre, può determinare inquinamento acustico, visivo ed elettromagnetico con conseguenze significative su chi lavora ogni giorno nei propri terreni agricoli, ma anche su chi abita le numerose masserie presenti nella zona dei paduli o nei centri abitati limitrofi. Altra importante conseguenza dell’inquinamento visivo provocato da queste mega installazione è l’interdizione dell’area a divenire uno dei “Parchi delle Stelle” italiani, per lo studio dell’astronomia, parchi a basso inquinamento luminoso: l’intera zona, infatti, è già teatro di importanti studi astronomici proprio in virtù del bassissimo inquinamento luminoso che permette una visione tersa del cielo stellato. Ovviamente resta viva la protesta delle associazioni ambientaliste: dal “Coordinamento Civico per la Tutela del Territorio e della Salute del Cittadino” di Maglie al “Forum Ambiente e Salute del Grande Salento” al “Comitato Nazionale contro fotovoltaico ed eolico nelle aree verdi”. Tutti promettono battaglia per la salvaguardia dei Paduli. E, ne siamo certi, il pronunciamento del Tar non sarà l’ultimo atto di questa storia. Già preannunciati, infatti, ricorsi al Consiglio di Stato e Corte di Giustizia europea.

È

QUANTE SPECIE A RISCHIO!

Direttore Responsabile

CORRISPONDENTI

L UIGI Z ITO _ liz@ilgallo.it

Massimo Alligri Giuseppe Aquila Giorgio Coluccia Antonella Corvino Gianluca Eremita Vito Lecci Fiorella Mastria Antonio Memmi Carlo Quaranta Donatella Valente Stefano Verri Pierangelo Tempesta

Coordinatore di Redazione

INDIPENDENTE

DI CULTURA, SERVIZIO ED INFORMAZIONE DEL

SALENTO

REDAZIONE TRICASE

Associati

G IUSEPPE C ERFEDA _ gicer@ilgallo.it In Redazione E LISA B RAMATO _ elisa@ilgallo.it

via Aldo Moro, 7 Tel. 0833/545 777 fax 0833/545 800 328/1063910 www.ilgallo.it info@ilgallo.it

Unione Stampa Periodici Italiani TESSERA N. 14582

Il Gallo su Facebook: “Redazione il Gallo” Il Gallo su Twitter: il Gallo @RedazilGallo

L’

CONSEGUENZE ANCHE SULL’UOMO

La collaborazione sotto qualsiasi forma è Gratuita. La Direzione si riserva di rifiutare insindacabilmente qualsiasi testo e qualsiasi inserzione. Foto e manoscritti, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Riproduzione vietata. Stampa: MASTER PRINTING Srl 080/5857439 via delle Margherite 22 70026 Zona Ind. Modugno - Bari Iscritto al N° 648 Registro Nazionale Stampa Autorizzazione Tribunale Lecce del 9.12.1996

D I S T R I B U Z I O N E G R AT U I T A P O R T A A P O R T A IN T U T TA LA P R O V I N C I A DI LE C C E

il

Guida in materia di istallazione di impianti di energia rinnovabile” contenute nel Regolamento Regionale n. 24 del 30 dicembre 2010, entrato in vigore il 1° gennaio 2011, che impediscono la presenza di tali installazioni. Non di secondaria importanza è, inoltre, la difesa dei maestosi ulivi, patrimonio di indiscutibile valore naturalistico della zona, vere e proprie roccaforti che da secoli identificano e caratterizzano il territorio a cui appartengono, tutelati da leggi nazionali e regionali, il cui possibile espianto-trapianto previsto dal progetto potrebbe minare in maniera significativa la sopravvivenza stessa delle piante, così come la configurazione dell’intera zona.

sono essere spostate e divorate da altri animali quali topi, volpi o cani randagi. Per quanto riguarda la perdita di habitat e gli effetti sulla densità delle specie è stato calcolato che gli impatti indiretti determinano una riduzione della densità di alcune specie di uccelli, nell’area circostante gli aerogeneratori, fino ad una distanza di 500 metri. Anche se altri autori hanno rilevato effetti di disturbo fino a 800 metri ed una riduzione degli uccelli presenti in migrazione o in svernamento. L’area dei Paduli è un ecosistema ricco di biodiversità e di specie della flora e della fauna molto rare e per questo protette. È il caso ad esempio delle cicogne bianche (Ciconia ciconia) e nere (Ciconia nigra), l’aquila minore (Hieraaetus pennatus), numerose specie di aironi, i fenicotteri rosa (Phoenicopterus roseus) protetti dalla Direttiva europea Uccelli 79/409/CEE, il grande serpente Cervone, il Rospo smeraldino (Bufo viridis), la Raganella e il Tritone italico (Triturus italicus), protetti dalla Direttiva Habitat 92/43/CEE. Tra le specie vegetali rarissime si può citare il Salicone (Salix caprea), presente negli uliveti e seminativi acquitrinosi nei dintorni di Miggiano, unica stazione ad oggi nella Puglia meridionale protetto dalla stessa Direttiva Habitat 92/43/CEE e il Frassino meridionale (Fraxinus angustifolia), ormai in pochissimi esemplari, lì ancora diffusi e per questo gli habitat di questa specie, quale i Paduli salentini appunto, sono protetti espressamente dalla Direttiva Habitat 92/43/CEE.

MARKETING E PUBBLICITÀ Tel 0833/545 777 Fax 0833/545 800 e-mail: info@ilgallo.it DIRETTORE PUBBLICITÀ Luigi G. Zito tel. 328/2329515 Savio Accoto 349/1430334


Pellets: l’ulivo conviene! A tutti...

18 ilgallo.it

S

energia e ambiente

tudiando un piano d’investimenti, su come produrre energia dagli “scarti”, che tali non sono! in quanto rappresentano una Risorsa Energetica= Combustibile, derivante dalla potatura periodica, dei nostri millenari alberi di ulivo, che rappresentano, le nostre autoctone foreste. In Italia, sperperiamo il 70% delle risorse energetiche, per la maggiorparte importate, solo per generare energia termica, per poterci scaldare, pazzesco vero! – potremmo quasi azzerare i costi della bolletta energetica, senza bisogno di utilizzare, energia elettrica, gasolio, gpl, metano – con un risparmio notevole. Siamo partiti con i consigli preziosi di salentini come noi, Mario e Alessandro Prete e di Antonio e Daniele Ponzetta di Taurisano – l’azienda Paisian di Sogliano Cavour, l’insuperabile Massimiliano De Padova e famiglia) - poi, abbiamo cominciato a farci supportare dalla scienza, l’università, di Hannover in Germania, (per il pellet e il motore Stirling a combustione esterna inventato da Robert Stirling nel 1816), dall’università di Sidney (per la combustione pirolitica) – dall’università di Trento (per l’esperienza nella produzione di pellet nazionale).

Grazie all’amico Francesco Stefano, un contadino, grande lavoratore, prestato all’ingegneria e a Massimiliano De Padova e famiglia abbiamo costruito a dicembre scorso, il primo prototipo per la produzione di pellet da ulivo. Abbiamo allora capito che non era per nulla facile lavorare il cippato d’ulivo. Si è cominciato a fare innumerevoli prove, dal sistema di raccolta in campo, alla cippatura, al controllo dell’umidità, al controllo delle varietà di piante d’ulivo (oiarola leccese-salentina-baresegarganica-del vulture, cellina di Nardò…) ed abbiamo notato che struttura, la consistenza, variava a seconda delle piante, anche in ragione al numero di anni della stessa. Siamo giunti alla conclusione che occorreva fare un mix di varietà in percentuali ben definite per produrre un buon prodotto.

Noi qui nel Salento, a differenza del resto del mondo, non abbattiamo nessun albero (importiamo il 78% del pellet utilizzato in Italia, in quanto la produzione nazionale non riesce a soddisfare tutta la domanda interna) in quanto utilizziamo la biomassa selezionata derivante dalla potatura periodica a cui sono sottoposti gli uliveti della nostra Puglia – che non va assolutamente bruciata in campagna, come molte norme nazionali e regionali ci ricordano a partire dal 1945 (D.Lgs. Lgt 27-7-1945 n.475)…quando si parlava ancora di Regno d’Italia – ma va riconvertita in energia. (Tra circa 1 anno saremo in grado di mettere sul mercato una stufa che oltre a scaldare l’ambiente e produrre acqua calda sanitaria, sarà in grado di generare energia elettrica che soddisfi un’abitazione – ormai manca poco, stiamo trovando delle soluzioni innovative anche in altri campi delle energie rinnovabili).

Ognuno di noi, ogni famiglia, ogni azienda pubblica o privata, dovrebbe essere un piccolo “autoproduttore”, con una piccola macchina cippatrice, può au-

2/15 GIUGNO 2012

toprodurre il “combustibile”, altrimenti lo potremmo fare noi per tutti. Esiste un sistema che si chiama “combustione pirolitica”, che permette di ridare alla Terra, il carbonio, che abbiamo sottratto con la combustione della legna/biomasse, semplicemente, sfruttando i gas presenti all’interno di ogni biomassa – cioè, anziché come nel modo classico in cui siamo abituati a bruciare la legna, che alla fine del processo di combustione si ottiene solo cenere, con questo processo otterremo “biochar”- carbone vegetale, che può avere molteplici usi, tra gli altri, utilizzato per i filtri dell’acqua, anche per autofiltrare la propria (al posto delle fatidiche caraffe..di vario genere, che spesso eliminano i preziosi minerali di cui l’acqua è composta, qualcuno dirà, ma nell’acqua del rubinetto c’è il cloro…basta lasciarla per poche ore in una normale caraffa di vetro e il gioco è fatto, essendo volatile, dopo poche ore evapora) e se reinterrato vicino agli alberi d’ulivo, insieme al “compost” prodotto tra l’altro dalla separazione del fogliame d’ulivo e terriccio della nostra Terra, chiudono il ciclo biologico perfettamente, ridando alla natura e al pianeta, ciò che gli abbiamo tolto e senza danneggiare falde acquifere, alberi, olive e noi essere umani che ci cibiamo dei frutti utilizzando fertilizzanti, concimi e ogni altro pesticida in commercio…ma ci siamo mai chiesti come facevano in passato??? – risolvevano moltissimo con le lotte integrate, gli innesti, lo scambio si semi e piante, utilizzando piante accanto all’orto che richiamavano gli “insetti dannosi” alle colture con i rimedi della “nonna ecc…- non dobbiamo proprio inventarci nulla…infine per cortesia non utilizziamo piu’ i vari secca tutto, per eliminare le erbe, i fantastici lombrichi nei nostri campi, tra poco “seccheranno” in tutti i sensi anche noi e il futuro delle generazioni a venire, basta “frullarle” prima che mettano fiore e ripeterlo per un paio di volte nell’arco del cambio di stagione. Massimiliano Felline (Socio AIEL –Associazione Italiana Energie Agroforestali)- www.ail.cia.it


2/15 GIUGNO 2012

LE ULTIME DAL CIELO

Venere passa davanti al sole

P

attualità

er la seconda ed ultima volta in questo secolo il pianeta Venere transiterà davanti al Sole, accadrà il prossimo 6 giugno 2012. Da terrà non sarà affatto difficile assistere al fenomeno, a patto di utilizzare anche solo un piccolo binocolo e tutte le accortezze necessarie per proteggere la nostra vista. Come illustrato nell’immagine vedremo il minuscolo dischetto nero del pianeta, che ha un diametro quasi uguale a quello terrestre, stagliarsi dinnanzi all’enormità della nostra stella. Sarà come vedere la Terra perdersi quasi al cospetto del Sole. L’evento inizierà verso la mezzanotte (tra il 5 ed il 6 giugno) e proseguirà fino alle 6:49, quando Venere abbandonerà il disco solare. Questo purtroppo ci suggerisce che la maggior parte del fenomeno non sarà visibile dall’Italia. Tuttavia potremo goderci tutta la fase che va dall’alba del 6 giugno (le 5:16 dal

ilgallo.it

19

Salento) fino all’egresso del pianeta dal disco solare, quindi assisteremo a più di un’ora e mezza di transito. L’ultima volta accadde lo scorso 8 giugno 2004, la prossima solo nel dicembre 2117, quindi credo proprio che, nonostante l’ora mattutina, valga la pena di approfittare di quest’ultima occasione per noi. E’ possibile trovare la descrizione di tutte le singole fasi dell’evento ed i consigli per osservarlo in sicurezza, sul sito www.sidereus.info In questa occasione, insieme ad i miei collaboratori del Parco Sidereus, riprenderemo tutte le varie fasi dell’evento visibili dall’Italia, con la strumentazione astronomica che installeremo accanto al Santuario di S.M. di Leuca. Se qualcuno fosse interessato a dare una sbirciatina (veloce) attraverso i nostri telescopi sarà il benvenuto. Buona osservazione! Vito Lecci (www.sidereus.info

Un’Assicurazione contro... l’effetto serra

L’UGF dei fratelli Stefano, Sergio e Simone Lupo. “Parte da Taviano un grande

P

progetto ambientale per combattere le conseguenze dell’effetto serra”

resentato il progetto ambientale “ Piantumazione verde urbano”, fortemente voluto dal gruppo assicurativo UGF dei fratelli Stefano, Sergio e Simone Lupo e dall’assessorato all’urbanistica del comune di Taviano il vicesindaco Giuseppe Tanisi. Obiettivi del progetto sono quelli di contribuire all’abbattimento della CO 2 emessa dalle auto dei Clienti di UGF Assicurazioni attraverso la piantumazione di alberi in aree urbane e periurbane delle nostre città. La Struttura del progetto prevede di stipulare accordi con due province/comuni per regione in cui effettuare la piantumazione. Delle modalità del progetto ci parlano gli stesi interessati i fratelli Lupo Stefano, Sergio e Simone “In effetti si tratta di proporre ai nostri “Clienti auto” di acconsentire a ricevere le comunicazioni riguardanti la propria polizza RCA attraverso la posta elettronica. UGF in cambio verserà un contributo di 1 € alle province/comuni che avranno aderito all’iniziativa”. Poi spiegano i ruoli di ognuno: “Le province e i Comuni: mettono a disposizione le aree e curano il mantenimento delle stesse; promuovono il progetto assieme a UGF ed

oltre ad avere un’ovvia ricaduta di immagine, avranno l’opportunità di inserirsi maggiormente nel tessuto cittadino sia attraverso le istituzioni, con cui collaboreranno, che attraverso la risonanza che il progetto avrà sulla popolazione.

Simone Lupo presenta il progetto dell’UGF

ai suoi Agenti; si rendono garanti dell’avvenuta piantumazione. UGF Assicurazioni: eroga le somme raccolte ai fornitori delle province/comuni; promuove il progetto in ogni città coinvolta attraverso le proprie agenzie; si rende garante dell’operatività del progetto. Sarà un ente terzo riconosciuto che certifica l’avvenuta piantumazione”. Obiettivo è quello di fare di UGF la prima Compagnia italiana che ha realizzato un programma che contribuisce alla lotta all’effetto serra. Gli agenti,

Il gruppo assicurativo UGF ha mostrato viva soddisfazione per la collaborazione con l’Amministrazione tavianese “Siamo convinti che questo sia il modo migliore per garantire alle nostre città”, spiegano Stefano, Sergio e Simone Lupo, “un maggior rispetto dell’ ambiente dando nuove cornici di verde in molte zone abbandonate della nostra provincia e dei nostri comuni singoli. Vogliamo ringraziare l’amministrazione comunale di Taviano per la sua sensibilità che da subito ha creduto fortemente nella realizzazione di questo progetto. Solo rispettando il verde si rispetta noi stessi. Siamo felici soprattutto per la mole di adesioni già pervenutaci ai nostri terminali, questo dimostra che anche in tempo di cresi la gente vuole bene al suo territorio”. Giuseppe Aquila


Ristrutturazioni: detrazioni al 50%! edilizia

20 ilgallo.it

2/15 GIUGNO 2012

Boccata d’ossigeno. Detrazione fiscale per le ristrutturazioni edilizie dal 36%

D

al 50% e stabilizzazione del bonus del 55% per la riqualificazione energetica etrazione fiscale per le ristrutturazioni edilizie dal 36% al 50%, con contestuale aumento da 48.000 a 96.000 euro del tetto di spesa agevolabile, e stabilizzazione del bonus del 55% per la riqualificazione energetica. Sono queste le due (belle) novità contenute nella bozza del “Provvedimento di urgenza in materia di infrastrutture e trasporti” messo a punto dal Ministero delle Infrastrutture ed ora all’esame del Governo che dovrebbe inserirlo nel Decreto Incentivi di prossima emanazione. Per quanto riguarda le ristrutturazioni, nel provvedimento si legge che “dall’imposta lorda si detrae un importo pari al 50% delle spese documentate, fino ad un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 96.000 euro. Finora la detrazione era stata del 36% e con un tetto massimo di 48mila euro. La detrazione per le ristrutturazioni edilizie era appena stata resa stabile dalla recente Manovra Salva Italia, mettendo fine alle continue scadenze e proroghe. Ma con il nuovo decreto allo studio del Governo, il bonus, incrementato fino al 50%, diventerebbe molto più conveniente, potrebbe essere determinanate per una ripresa del settore delle costruzioni, che risente pesantemente della crisi economica mondiale. La misura, come riferisce edilportale.com, “è volta, attraverso l’innalzamento delle soglie di detrazione IRPEF, a favorire interventi di ristrutturazione edilizia,

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Il nuovo decreto confermerebbe l’aliquota del 55% per sempre. Il bonus sarebbe in scadenza alla fine del 2012

Dall’imposta lorda si detrae un importo pari al 50% delle spese documentate. Finora la detrazione era stata del 36%

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA

con lo scopo di incentivare la ripresa del mercato delle costruzioni, che da sempre rappresenta uno dei comparti produttivi più importanti per la crescita del PIL nazionale”. Anche sul fronte della detrazione per la riqualificazione energetica degli edifici, il nuovo decreto, se confermato, porterebbe un’attesissima e importante novità, ovvero l’aliquota del 55% confermata per sempre. Allo stato attuale della legge, invece, il bonus 55% sarebbe in scadenza alla fine del 2012 e dal 2013 gli interventi beneficerebbero di uno sconto fiscale ridotto al solo 36%, come previsto dalla Manovra Salva Italia. Negli ultimi mesi sono state tantissime le richieste di proroga o di messa a regime della detrazione fiscale del 55%, arrivate dal Parlamento e dagli operatori dei settori produttivi interessati, supportate dai dati relativi all’applicazione dell’agevolazione: secondo l’Enea, il bonus del 55% ha generato investimenti complessivi superiori a 4.600 milioni di euro, risparmio medio per intervento pari a circa 5 MWh/anno, per un valore totale della detrazione oltre 2.500 milioni di euro. Questa apertura del Governo confermerebbe dunque la linea espressa dal Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, che aveva proposto di prorogare la detrazione del 55% fino al 2020. Successivamente, la Commissione Ambiente e Lavori Pubblici della Camera aveva chiesto di inserire la stabilizzazione della detrazione del 55% nel DEF, Documento di economia e finanza.


2/15 GIUGNO 2012

attualitĂ

ilgallo.it

21


lo

Sport

Salento sempre più al centro dei motori

il Gallo (484) - 2/15 giugno 2012 - www.ilgallo.it - info@ilgallo.it

Sullo Ionio. Partenza ed arrivo a Torre San Giovanni e prove speciali a Torre Vado e Specchia.

È

La “solita” Pista Salentina farà da logistica alla 46ma edizione del Rally del Salento... Collepasso: una mostra dedicata alle vittime del doping

Da

lunedì 4 a sabato 9 giugno, presso le Sale del Castello Baronale di Collepasso, si svolgerà la “Mostra dedicata alle vittime del doping”, organizzata dal giovane Agente FIFA Angelo Gianfreda, dal vicepresidente dell’USD Collepasso e della Vilù Casarani Massimiliano Piscopo, dal vicecapitano dell’USD Collepasso Bruno Beatrice Andrea Ria, con la collaborazione di USD Collepasso, Vilù Casarani, e col Patrocinio del Comune di Collepasso. Saranno presentate 148 storie di personaggi sportivi che hanno avuto a che fare col doping, volontariamente e non: si parte da grandi giocatori del calcio odierno come Jonathan Bachini e Rio Ferdinand, fino ad arrivare a calciatori del passato come Bruno Beatrice e Carlo Petrini; inoltre, saranno trattate diverse storie inerenti a vicende accadute in altri sport, come atletica e nuoto. La mostra sarà liberamente visitabile dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 20. L’ingresso sarà gratuito e verranno, solo, raccolte delle libere offerte che saranno devolute in beneficenza. Congiuntamente, sempre dal 4 al 9 giugno, al Circolo CSI, si svolgerà un torneo di calcio a 5 intitolato “VII° Memorial Elio Miggiano“, dedicato alla memoria di un ex giocatore collepassese, morto in Germania dopo aver giocato una partita di calcio.

iniziata, con l’apertura delle iscrizioni, la marcia di avvicinamento alla 46esima edizione del Rally del Salento, gara in programma dal 21 al 23 giugno. La manifestazione indetta dall’Automobile Club di Lecce ed organizzata “Scuderia Piloti Salentini” di Lecce è valida per il “Trofeo Rally Asfalto” (Girone A), la serie riservata ai piloti esperti dei fondi catramati che corrono a bordo delle stesse spettacolari auto protagoniste del campionato mondiale rally: le WRC, acronimo di World Rally Car. Il Rally del Salento 2012 è molto “compatto” ed interessa l’area a ridosso del Mar Jonio, con partenza e arrivo sul lungomare di Torre San Giovanni di Ugento e Prove Speciali a “Palombara”, “Torre Vado” e “Specchia”. Tutta la logistica è stata ubicata all’interno della “Pista Salentina” che, al venerdì sera, ospita anche la prima P.S., quella “spettacolo”, in notturna (a partire dalle ore 20:49). Come per tutti gli eventi motoristici del Salento, anche il “46° Rally del Salento” verrà seguito in diretta dall’emittente radiofonica “MondoRa-

dio” di Tricase mentre sul prossimo numero de “Il Gallo” potrete trovare tutti gli orari e le ultime novità dal “Rally del Salento”. Novità provengono anche dalla costa adriatica, più esattamente da Tricase, dove gli uomini della A.S.D. “SalentoMotori” hanno iniziato a lavorare alla messa in campo del “2° Rally del Barocco Salentino”. Quest’anno l’associazione tricasina può contare sulla preziosa esperienza della celeberrima “Scuderia Piloti Salentini” di Lecce e cercherà di ripetere il successo di partecipanti e pubblico fatto registrare nel 2011. La gara è in programma il 4 novembre e manterrà la configurazione “Ronde”: una sola Prova Speciale da ripetere quattro volte. Gianluca Eremita


tempo libero

2/15 GIUGNO 2012

ilgallo.it

mazione m a r g o i n pr iugno dal 1° g

LECCE - MULTISALA MASSIMO TEL. 0832/307433 Sala 1 17 (fest.)-18,50-20,40-22,30

Al cinema

SURBO - THE SPACE CINEMA TEL. 0832/812111

GALLIPOLI - CINEMA ITALIA TEL. 0833/568653 Sala 1

Sala 1

attack the block

23

18,30 - 20,30 - 22,30

lorax: il guardiano della foresta

NON PERVENUTO

Sala 2 17 (fest.)-18,50-20,40-22,30

Sala 3

Sala 3

18,30 - 20,30 - 22,35

GALLIPOLI - CINEMA SCHIPA TEL. 0833/568653

Sala 4 NON PERVENUTO

Sala 5 17 (fest.)-18,50-20,40-22,30 Marylin

18: cosmopolis 20,45: viaggio in paradiso

Sala 5 NON PERVENUTO

TRICASE - CINEMA MODERNO TEL. 0833/545855

Sala 6 NON PERVENUTO

lo dic ono l e ste l le

di Eugenio Musarò (www.eugeniomusa.com)

TRICASE - CINEMA AURORA TEL. 0833/544113

NON PERVENUTO NON PERVENUTO

Toro

Plutone e nettuno favoriscono la prima decade che può ancora sperare in qualcosa di buono sul piano pratico. Marte regala una buona forma fisica a tutti gli altri.

Leone

Gemelli

Saturno in trigono, urano in sestile ed ora anche giove congiunto, sono transiti straordinari, ottimi per dare una svolta decisiva alle vostre aspirazioni.

Vergine

Plutone in opposizione, saturno e urano in quadratura, sono transiti pesanti. Probabilmente vi sentite stanchi e demotivati e ne avete tutte le ragioni.

Ai transiti positivi che già avete da tempo, ora si aggiunge anche il sestile di giove. È il momento di sfruttare il vento a favore: datevi da fare .

Giove si pone in quadratura, pertanto cercate di limitare le spese solo alle cose essenziali. Questo transito in genere comporta lievi perdite in denaro

Bilancia

Scorpione

Sagittario

Prima decade sempre sotto pressione, a causa di urano e plutone: deve fare i conti con problemi legali e tributari. Gli altri più lucidi grazie a saturno.

Finita l’opposizione di giove durata molti mesi e che non ha giovato sul umore e neanche su questioni economiche. Finita la salita comincia la discesa...

Capricorno

Acquario

Il bel trigono di giove è terminato. E’ servito a qualcosa? Con urano e saturno in quadratura non credo che giove abbia fatto miracoli. Occorre pazientare ancora.

NON PERVENUTO

Sala 1

Oltre a urano e saturno già in splendido trigono da mesi, ora ci si mette anche il trigono di giove. Il cielo continua a volervi bene.

Giove, il vostro pianeta guida, si pone in opposizione. Non è un pianeta che provoca grandi stragi, ma potrebbe interferire sulle questioni economiche.

Pesci

Incomincia anche per voi la quadratura di giove, che potrebbe rendere il vostro umore un po’ altalenante e influire negativamente sulla vostra economia.

19,30 - 21,30

Sala 9 Sala 2

attack the block

NON PERVENUTO NON PERVENUTO

TRICASE - CINEMA PARADISO TEL. 0833/545386

GALATINA - CINEMA TARTARO TEL. 0836/568653

Sala 3 NON PERVENUTO

19,30 - 21,30

Sala 4

lavori in corso

viaggio in Paradiso

NON PERVENUTO

sabato 2 mattina

Cancro

man in black 3 (3D)

Sala 8

pomeriggio

Giove in sestile vi aiuta ad alleviare la pesantezza della quadratura di plutone e dell’opposizione di saturno. Non aspettatevi miracoli però!

dal 2 al 15 012 giugno 2

sera

Ariete

19,30 - 21,45

Sala 7

LECCE - CITY PLEX SANTA LUCIA TEL. 0832/343479

18,30- 20,30 - 22,30

man in black 3

NON PERVENUTO

man in black 3

18,30 - 20,30 - 22,30

attack the block

NON PERVENUTO

Sala 3 18,30: lorax... (3D) 21: Molto forte... Sala 4

Sala 2

Sala 2

lorax - il guardiano della foresta

domenica 3

lunedì 4

- settegiorni

martedì 5

mercoledì 6

giovedì 7

venerdì 8

19°

19°

19°

19°

20°

20°

20°

20°

20°

20°

21°

21°

21°

21°

16°

19°

19°

20°

20°

20°

20°

TROVA I GALLETTI,

IL REGOLAMENTO

Cerca tra le pubblicità e individua i 3 galletti “mimetizzati”. Telefona lunedì 4 giugno dalle ore 9. In palio: i BIGLIETTI per i CINEMA di GALLIPOLI, GALATINA e TRICASE; un TRATTAMENTO MODA CAPELLI COMPLETO UNISEX da MARCO CUT in Viale Stazione a TRICASE; una CONFEZIONE DI VINI offerta da ENOTECA VANTAGGIATO a TRICASE; due aperitivi al BAR MAL GLEF a MIGGIANO; un PANINO + BIRRA A SCELTA da COTTA E MANGIATA in via Alto Adige a CASARANO; PIZZA E BEVANDA da BORGO VECCHIO a MIGGIANO; un PUPAZZO DI PALLONCINI da BALLOON SHOP a RUFFANO; DUE APERITIVI presso DOLCI FANTASIE di SAN CASSIANO; BUONO SCONTO DI EURO 50 da applicare sull’acquisto di occhiali da sole o da vista presso OTTICA MORCIANO di TRICASE, ANDRANO, TIGGIANO e CASTRO; una BOTTIGLIA DI VINO offerta da LE VIGNE DEL SALENTO di SALVE; UNA PIZZA presso LA BELLA VITA di CARMIANO; CORNETTO E CAPPUCCIO al BAR LEVANTE di TRICASE; 2 PIZZETTE presso LA PIZZETTERIA di Piazza Pisanelli a TRICASE. NON SONO AMMESSI GLI STESSI VINCITORI PER ALMENO 3 CONCORSI CONSECUTIVI. NON SI ACCETTANO NOMINATIVI DELLA STESSA FAMIGLIA TELEFONA LUNEDÌ 4 GIUGNO DALLE ORE 9: 0833/545 777


24 ilgallo.it

ultima

2/15 GIUGNO 2012

ilGalloNumero12EdizioneSud  

magazine,freepress

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you