Issuu on Google+

Mercoledì 1 Luglio 2009 Anno XII - Numero 179 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

FUSCALDO

CORIGLIANO

LAMEZIA TERME

SOVERATO

GAGLIATO

Colpito da malore muore annegato

Video sorveglianza per l’ordine pubblico

Maxi sequestro di merce contraffatta

Immigrazione, 3 arresti dei carabinieri

Il neo sindaco Fodaro punta sul turismo

Un 45enne di Cosenza caduto sulla battigia

Nelle zone a rischio aumentano i controlli

Imitazioni delle migliori marche internazionali

Deferiti i proprietari delle case in affitto

Forum nella sede comunale dopo la vittoria elettorale

di Emilia Manco > Pag 33

di Vincenzo Longo > Pag 34

di Antonella Bruno > Pag 26

di Carmela Mirarchi > Pag 22

di F. Pungitore > Pag 24

Sono tutti concentrati sulla fascia tirrenica cosentina gli impianti sequestrati ieri su disposizione della Procura di Paola

Affondiamo nella melma, sequestrati 5 depuratori Avvisi di garanzia nei confronti di sindaci, funzionari e responsabili delle società di gestione COSENZA — Sono concentrati in cinque comuni della fascia tirrenica cosentina, i depuratori sequestrati ieri su disposizione della Procura di Paola che sta verificando anche gli impianti di altri tre comuni. Nell'ambito dell'inchiesta sono stati emessi anche avvisi di garanzia nei confronti dei sindaci sui cui territori ricadono gli impianti, funzionari comunali e responsabili delle società di gestione degli impianti.

ELEZIONI REGIONALI L’idea De Magistris raccoglie consensi CATANZARO — «La Calabria sana chiede a De Magi-

stris, un gesto d'amore: candidarsi a presidente della Regione». Così il movimento "Calabrialibre" promotore dell'iniziativa "De Magistris governatore". di Caruso e Martelli > Pag 12 e 29

di Antonello Troya > Pag 32

SANITA’ La Regione contro il Governo sul Piano di rientro

L’IDEA

CATANZARO — La Giunta regionale ha deciso di costituirsi nel giudizio davanti alla Corte Costituzionale, promosso dal Consiglio dei ministri. Il ricorso del Governo concerne l’accordo con lo Stato per il rientro dai disavanzi del servizio sanitario regionale.

Freedom for Iran di Fiamma Nirenstein

Fra poco, se da Teheran promanerà solo il silenzioeiragazzispariranno dai tetti e dalle piazze, sarà colpa nostra. Perché avremo fatto mancare loro la bandiera con la nostra mancanza di coraggio. Il leader di quei giovani non è Moussavi, né chiunque altro dal 12 giugno si sia atteggiato a difensore della loro libertà. Il loro leader, ovvero l’icona libertaria in cui essi si rispecchiano, su cui proiettano i loro desideri, la parte da cui deve venire lo squillo di tromba, siamo noi. È il nostro modo di vivere arioso che li guida, i luoghi di lavoro misti, energici e frenetici, le serate dell’estate cittadina al concerto, i ragazzi e le ragazze che camminano allacciati, le palestre, le donne con le maniche corte e la gonna al ginocchio, l’aperitivo, le letture, i film, la musica. La libertà di andare per la strada preferita, di «leggere Lolita a Teheran». Siamo anche, ai loro occhi carichi di utopia, quelli che sanno far funzionare l’economia, redistribuire la ricchezza, buttar giù inflazione che là è al 30 per cento e la disoccupazione, a più del20percento.Moussavinonèmai stato per la rivolta democratica e liberale. La sua storia di clerico promotore del programma atomico è nota. Semmai Zahra, sua moglie, una voce femminile nel buio di una società in cui la donna non ha volto, ha fatto la differenza. Ma se noi occidentali siamo l’idealtipo della rivoluzione iraniana, siamo anche responsabili del suo andamento: e in queste ore di ripiegamento i ragazzi di Teheran devono essere molto tristi, anzi, disperati e anche stupiti perché siamo un leader in stato di choc, arreso, impaurito. Sanno che Ahmadinejad e Khatami ci vedono già piegati, e sentono piegarsi anch’essi le ginocchia. > Pag 2

di Alessandro Caruso > Pag 12

IL FATTO DEL GIORNO La tragedia di Viareggio Il treno esploso era carico di Gpl

‘NDRANGHETA

VIAREGGIO — E' di 14 morti, 3 dispersi e 40 feriti di cui 15 in pericolo di

MILANO — I carabinieri lo hanno bloccato e ammanettato mentre era intento a cucinare. E' finita così la latitanza di Rocco Zagari, 47 anni, nativo di Rosarno (Reggio Calabria).

Latitante beccato a Forlì

vita, il bilancio della tragedia di Viareggio. Dati resi noti dalla questura di Lucca, e ripresi dal premier Silvio Berlusconi durante una conferenza stampa. E poi migliaia di sfollati, gente in stato di shock, due palazzine distrutte e altre tre evacuate. Lutti e devastazione a causa di un treno merci carico di Gpl che a mezzanotte deraglia in stazione e innesca l'apocalisse.

di Alessandro Caruso > Pag 14

APPUNTAMENTI / SOVERATO

CRONACA GIUDIZIARIA

Concerto del premio Oscar Nicola Piovani

Paninoteca incendiata, 31enne rinviato a giudizio

SOVERATO — Nicola Piovani a Soverato. Sarà il grande premio Oscar l’ospite d’onore di questa edizione del Magna Graecia Film Festival. Un eccezionale concerto della durata di 2 ore chiuderà, a fine luglio, la kermesse diretta da Gianvito e Alessandro Casadonte. La notizia è stata ufficializzata ieri.

CATANZARO — Le fiamme che distrussero il locale che gestiva non convin-

di Francesco Pungitore > Pag 43

di Francesco Ciampa > Pag 18

GIOIA TAURO

Sequestrati ai Piromalli oltre 10 milioni di beni REGGIO CALABRIA — Ammonta ad oltre dieci milioni di euro il valo-

re dei beni sequestrati dalla polizia, a Gioia Tauro e Milano, e riconducibili a Giuseppe Piromalli, di 64 anni, ed al figlio Antonio, di 37. In particolare, gli agenti dell'Ufficio misure di prevenzione della Questura reggina, hanno sequestrato terreni, appartamenti, imprese, immobili, e quote societarie. Nel capoluogo lombardo Antonio Piromalli possedeva due immobili ed una attività di commercio all'ingrosso di frutta e verdura nel mercato ortofrutticolo dove operava tramite la ditta "Sunkist". Giuseppe Piromalli, conosciuto come "Facciazza", attualmente detenuto, è considerato il capo della famiglia operante nella provincia reggina ma con diramazioni al Nord Italia ed Oltreoceano ed è il nipote del boss storico della 'ndrangheta, don Mommo Piromalli. Antonio, residente a Milano, è anche lui detenuto in regime di carcere duro dopo essere stato arrestato nell'ambito dell'operazione "Cent'anni di storia". Dopo l'arresto del padre, secondo gli investigatori Antonio ha accresciuto il proprio prestigio. di Antonio Latella > Pag 36

sero gli inquirenti, per i quali Santino Guzzetti, 31 anni, di Andali, potrebbe essere stato l’artefice del fatto allo scopo di ottenere risarcimento dalla propria compagnia assicurativa. Il commerciante è stato rinviato a giudizio.


Giovedì 2 Luglio 2009 Anno XII - Numero 180 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

SCALEA

PAOLA

COSENZA

COSENZA

CHIARAVALLE C.LE

Furto e armi, operazione dei carabinieri

Il giudice Greco a Lagonegro

Le ricette della Cgil contro la crisi

Comune, Pdl all’attacco concorso illegittimo

Allarme ospedale il sindaco tuona

Una persona arrestata e cinque denunciate

Lascia la Calabria dopo 25 anni di servizio

Un convegno regionale sui sistemi produttivi

Il gruppo di centrodestra solleva dubbi inquietanti

E’ sempre emergenza al presidio San Biagio

di Emilia Manco > Pag 32

di Emilia Manco > Pag 33

di Saverio Paletta > Pag 30

di Saverio Paletta > Pag 30

di Carmela Mirarchi > Pag 23

La richiesta che i parlamentari calabresi formulano, attraverso una lettera inviata dal coordinatore regionale del Popolo della Libertà

Scopelliti chiede a Berlusconi di commissariare la Sanità «Stop immediato alla gestione scadente e irresponsabile del comparto in Calabria» CATANZARO — «Il commissariamento della sanità in Calabria: un'esigenza impellente ed irrinunciabile». E' la richiesta che i parlamentari calabresi formulano, attraverso una lettera inviata dal coordinatore regionale del Popolo della Libertà, Giuseppe Scopelliti, al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e al ministro della Salute, Maurizio Sacconi. Nella missiva si chiede lo stop immediato alla gestione scadente e irresponsabile del comparto sanitario in Calabria.

REGIONE Galati: socialisti contro De Magistris CATANZARO — «La sola ipotesi della candidatura

alla presidenza della Regione dell'ex Pm di Catanzaro dovrebbe fare inorridire tutti i socialisti». Lo ha dichiarato Francesco Galati, del Nuovo Psi. di Alessandro Caruso > Pag 12

LAMEZIA TERME

di Ludovico Casaburi > Pag 13

Omicidio Torchia, 30 anni per tutti LAMEZIA TERME — Trent’anni di reclusione per tutti. La Corte d’assise d’appello ha confermato la sentenza di primo grado per le quattro persone ritenute responsabili dell’omicidio di Domenico Torchia, il ventiduenne che, tre anni fa, venne trovato carbonizzato sul greto del torrente Cardolo, a Feroleto.

L’IDEA

Una montagna di rifiuti di Giuseppe Candido

I titoli dei quotidiani non lasciano dubbi: i rifiuti in Calabria sono un bel guaio. Soprattutto con l'avvicinarsi dell'estate, il problema dei rifiuti e della depurazione tornano d'attualità in maniera preponderante. “Quella discarica dimenticata: un vergognoso sipario che deturpa la città” è il titolo di un articolo sul caso di una (ennesima) discarica abusiva a Rossano; “Rifiuti pericolosi a cielo aperto” è invece il titolo utilizzato per la notizia del sequestro, a San Gregorio d'Ippona nel vibonese, di una discarica di 300 mila metri cubi in cui venivano abusivamente, manco a dirlo, smaltiti rifiuti pericolosi provenienti dalla demolizione di edifici. Discariche abusive, siti di stoccaggio provvisorio che diventano definitivi e a cui la Regione non riesce a stare dietro con le bonifiche. Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 settembre del 1997 dichiarò lo stato di emergenza nella Regione Calabria in ordine alla situazione di crisi socioeconomico-ambientale determinatasi nel settore dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Stato di emergenza ambientale che con successivi decreti è stato prorogato sino ad oggi ed allargato anche per la questione della depurazione. Un'emergenza che dura da circa dodici anni e che ancora non vede una soluzione definitiva. > Pag 2

di Francesco Ciampa > Pag 25

IL FATTO DEL GIORNO Aeroporti, protocollo d’intesa a Roma Investimenti per Lamezia, Reggio e Crotone

SOVERATO

CATANZARO — Modernizzare e far crescere gli aeroporti di Lamezia Terme, Reggio Calabria e Crotone per affrontare la sfida del mercato dei prossimi anni. Protocollo di intesa sottoscritto ieri a Roma nella sede della Delegazione della Regione Calabria.

SOVERATO — Mini rimpasto di Giunta all’orizzonte.

di Alessandro Caruso > Pag 12

di Francesco Pungitore > Pag 24

Comune, Munizzi vice sindaco? Nessun terremoto politico, per carità... Ma il sindaco Mancini sta ragionando seriamente sul suo futuro e su quello dell’intera amministrazione comunale.

APPUNTAMENTI / LAMEZIA

REGGIO CALABRIA

Demofest, un grande evento

Elettricista ucciso, un arresto

LAMEZIA TERME — Al via la 4ª edizione del Lamezia Demofest “The best of the year 2009”. Il Festival Fiera della nuova musica del Mediterraneo, promosso ed organizzato dall’Amministrazione comunale e dalla Show Net di Ruggero Pegna, con partner ufficiale Rai Radio Uno.

REGGIO CALABRIA — Un fermato ed un ricercato per l’omicidio dell’elettricista Giovanni Casile, 36 anni, ferito a pistolettate la sera del 14 giugno e morto il 23 successivo agli Ospedali Riuniti di Reggio. Un episodio di sangue che sarebbe maturato nel mondo dello spaccio di sostanze stupefacenti.

di Antonella Bruno > Pag 43

di Antonio Latella > Pag 37

BOTRICELLO

Minorenne prostituta condannate mamma e zia CATANZARO — Sarebbe finita nella ragnatela della prostituzione a tredici anni.

A spingerla nella trappola sarebbero state due donne, due figure importanti per la sua vita: la madre e la zia, che avrebbero favorito incontri sessuali con due anziani in cambio di pochi soldi. Con queste ipotesi d’accusa, le due donne - due sorelle, L. S. e R. S., di Botricello - sono finite sotto processo e ieri il Tribunale collegiale di Catanzaro ha inflitto a entrambe la pena di 13 anni e 6 mesi di reclusione con la condanna a pagare 50 mila euro di multa. Il reato contestato è lo sfruttamento della prostituzione minorile aggravato dal fatto che la vittima non ha superato i quattordici anni e dallo stretto legame di parentela che unisce le tre protagoniste della storia. Le indagini - coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica Simona Rossi, che ha chiesto 15 anni di carcere più 50 mila euro di multa - hanno per contesto il paese di Botricello, centro disteso lungo il litorale jonico catanzarese. Qui, con la regia delle familiari, si sarebbero consumati gli atti sessuali tra la ragazzina oggi quattordicenne e uno dei due anziani, G. M., condannato a 4 anni di reclusione a conclusione del processo celebrato con rito abbreviato (a giorni prenderà il via il processo d’appello). di Francesco Ciampa > Pag 18


Venerdì 3 Luglio 2009 Anno XII - Numero 181

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

Euro 1,00

PAOLA

PRAIA

COSENZA

REGGIO CALABRIA

SPORT / CALCIO

Il Procuratore Giordano sul fronte depurazione

Lancia un tubo contro un camion

Sanità, lettera a Loiero di Oliverio e Perugini

Rifiuti speciali all’aeroporto

2ª DIVISIONE Aquile da ricapitalizzare

Attivate delle sinergie con Provincia e Regione

L’episodio ad uno svincolo e scatta la denuncia

Dopo la nomina del dg scoppia la polemica

Il tutto su un’area di 800 metri quadri

Occorrono 500mila euro per andare avanti

di Antonello Troya > Pag 34

di Emilia Manco > Pag 34

di Maurizio Bonanno > Pag 29

di Antonio Latella > Pag 37

di Vittorio Ranieri > Pag 40

Nella guerra calabrese tra il correntone reggino che spinge per Scopelliti e quello cosentino che punta su Gentile potrebbe spuntare una soluzione super partes

Regionali, Berlusconi indica Saccà L’ex direttore generale della Rai ha le carte in regola per porre fine alle beghe interne al Pdl CATANZARO — Potrebbero di qui a po-

co smetterla di “scannarsi”, dentro il Pdl alla calabrese. O quantomeno trovarlo poco conveniente se non del tutto inutile in prospettiva. Al tavolo “azzurro” berlusconiano, è questa non è certo una novità, sono altre infatti le logiche che contano davvero e il peso specifico dei “nostri” non è mai andato oltre il due a briscola. Chi mastica un po’ le carte sa di cosa stiamo parlando e rende bene l’idea da quale portone dal retro del Palazzo devono passare i conterranei quando trattano di futuro a Roma. Spaccati quotidianamente in due tra cordate, quella che porta in spalla Scopelliti e quella capitanata da Pino Gentile da Cosenza che minaccia altre “vie” se lo scettro rimane invece lungo lo Stretto, ecco la possibile terza via berlusconiana per la presidenza della Regione che verrà, quella del 2010. Si chiama Agostino Saccà il jolly del Cavaliere e non c’è bisogno d’aver seguito le vicende di “Rai fiction” per inquadrarne l’identikit. Calabrese pure lui, da un bel pezzo nell’entourage che staziona nell’orbita satellitare del premier, è in cerca di rivincite da palcoscenico perché così, probabilmente, gli è stato fatto credere. E allora quale migliore occasione della corsa per la poltrona più alta della Calabria per l’ex numero uno della rete pubblica.

VIBO VALENTIA In manette Leone Soriano VIBO VALENTIA — I Carabinieri hanno tratto in arresto Leone Soriano, ritenuto esponente di spicco dell'omonima famiglia mafiosa di Filandari, centro agricolo poco distante da Vibo Valentia.

di Maurizio Bonanno > Pag 35

CATANZARO Operazione Falcos, chieste quattro scarcerazioni CATANZARO — E’ attesa per lunedì la decisione del Tribunale del Riesame di

Catanzaro per quattro delle dieci persone arrestate la settimana scorsa su ordinanza del gip distrettuale Tiziana Macrì nell’ambito dell’operazione “Falcos”, concentrata su un presunto sodalizio criminale di Borgia e dintorni. di Francesco Ciampa > Pag 18

IL FATTO DEL GIORNO Forum con Pino Commodari Sanità, non c’è speranza in Calabria

SOVERATO

CATANZARO — Ospite della redazione centrale del “Domani”, a Marcelli-

SOVERATO — Agazio Loiero a Soverato il prossimo

nara, il componente del comitato politico nazionale di Rifondazione comunista Pino Commodari. Sulla Sanità: «Niente da fare. E’ un sistema affaristico e trasversale».

11 luglio. Il Governatore sarà l’ospite clou della Festa del Pd, in programma sul Lungomare Europa. Previsto un confronto con i sindaci del comprensorio.

di Carmela Mirarchi > Pag 14 e 15

di Francesco Pungitore > Pag 24

Loiero alla Festa del Pd

di Domenico Martelli > Pag 11

APPUNTAMENTI/TROPEA

CATANZARO

L’IDEA

Moda e bellezza al Medel Fashion

Calabrialibre: De Magistris, lo vuole la gente

La Serracchiani e il significato dell’amore

CATANZARO — La Service Data Bank, agenzia di spettacolo, organizza la IV

CATANZARO — «Dopo anni di battaglie e di messaggi alla politica, le rea-

edizione della sfilata di moda “Medel Fashion” che si terrà nella splendida cornice del porto di Tropea il prossimo 1 agosto 2009. Molti i personaggi del mondo dello spettacolo. Madrina della manifestazione sarà Daniela Fazzolari.

zioni alla nostra proposta di candidatura di Luigi de Magistris a Governatore della Calabria, ci fanno pensare che si vuol far finta di non capire». Inizia così la nota di Calabrialibre.

> Pag 54

di Carmela Mirarchi > Pag 16

di Metilparaben

Innumerevoli autori si sono cimentati nell'operazione di mettere nero su bianco le frasi che l'amore dovrebbe impedire di pronunciare: parlo di quegli aforismi che iniziano immancabilmente con le parole "Amare significa non dirsi mai... ", e che spesso e volentieri (talora in modo irriverente, giacché partoriti da grandi scrittori e quindi meritevoli di ben altra collocazione) vengono stampati negli incarti dei Baci Perugina o nei foglietti dentro i biscotti della felicità dei ristoranti cinesi. "Embe', che c'entrano gli aforismi sull'amore con la Serracchiani? ", direte voi avendo letto il titolo del post, animati da una curiosità un po' perplessa per la quale, finché non vi spiego, non posso certo biasimarvi. Il fatto, amici, è che quelle frasi... > Pag 2

REGGIO CALABRIA

Operazione anti pedofili arresti e perquisizioni REGGIO CALABRIA — La Polizia Postale di Reggio Calabria ha eseguito

un'operazione contro il fenomeno della pedofilia su Internet che ha portato all'arresto di 2 persone in Emilia Romagna e Basilicata, 34 perquisizioni eseguite in 10 regioni italiane (Calabria, Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Campania, Toscana, Marche, Campobasso) e al sequestro di 2 siti web, a contenuto pedo-pornografico, allocati su server tedeschi, gestiti da due italiani. I 2 arresti sono stati eseguiti in flagranza di reato a seguito delle perquisizioni in quanto le immediate attività di analisi effettuate sul posto hanno permesso di accertare la detenzione di migliaia di files di natura pedo-pornografica. L'attività investigativa svolta dalla Polizia postale - spiegano gli inquirenti - nasce da attività d'iniziativa e dalla collaborazione internazionale tra le forze di polizia in tema di pedofilia on line, resa ancora più efficace, grazie all'impegno di molti stati di contrastare il fenomeno. In particolare, 8 degli attuali indagati italiani sono stati individuati nell'ambito della collaborazione con i paralleli organismi investigativi tedeschi, austriaci ed americani. di Antonio Latella > Pag 36


Sabato 4 Luglio 2009 Anno XII - Numero 182 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

COSENZA

DIAMANTE

SCALEA

GIRIFALCO

REGGIO CALABRIA

Sanità, Loiero risponde ad Oliverio e Perugini

Tenta il suicidio per un accesso al mare

I massaggi cinesi diventano illegali

Droga e munizioni obbligo di dimora

Nasce il comitato contro l’invio dei Bronzi al G8

A proposito della nomina del manager dell’Annunziata

Momenti di paura, ieri mattina, al municipio per un 40enne

Lotta all’abusivismo sulle spiaggie tirreniche

Per Stranieri il processo slitta al mese di ottobre

“I Bronzi risultano troppo fragili e provati per il trasporto”

di Saverio Paletta > Pag 29

di Antonello Troya > Pag 32

di Emilia Manco > Pag 33

di Francesco Ciampa > Pag 16

di Antonio Latella> Pag 36

Iniziativa della procura di Crotone nell’ambito dell’inchiesta su presunte irregolarità negli appalti per la fornitura di materiale

Ciclone sulla scuola, perquisito il provveditorato L’operazione segue le indagini che hanno coinvolto Luigi Leone, responsabile del Csa, e suo figlio Giuseppe CATANZARO — Il direttore dell'Ufficio scolastico regionale, Francesco Mercurio, è indagato dalla Procura di Crotone nell’ambito dell'inchiesta su presunte irregolarità negli appalti per la fornitura di materiale ad alcune scuole della provincia. La Procura ha emesso nei suoi confronti e di altre tre persone un provvedimento di perquisizione e sequestro che ha interessato, a Catanzaro, anche la sede dell'Ufficio scolastico regionale e dell'associazione onlus Movimento Solidarietà e Lavoro.

L’INTERVENTO L’on. Versace: Ora occorre un Pdl unito e propositivo di Santo Versace

di Carmela Mirarchi > Pag 15

L’IDEA

Nudi alla meta di Doug French

Gli strip-club sono la creatura estrema dei tempi del boom. Dopo tutto, il modello aziendale si basa su masse di uomini che strapagano dei cocktail mentre strapagano delle giovani donne sensuali perché si strofinino su di loro, tutto questo dopo aver pagato un prezzo esorbitante solo per entrare nel locale. Prima del grande boom del passato decennio, il business del nudo era localizzato. Essendo politicamente impopolari, le zone per tali attività erano limitate alle aree industriali, nascoste alle mamme e ai bambini. I finanziamenti per costruire tali locali erano difficili da ottenere dacché le direzioni di molte banche dubitavano della moralità dell'attività, chiudendo gli occhi davanti all'abbondante flusso di denaro. Le trattative pubbliche per stripclub erano una cosa sconosciuta. Naturalmente data la loro impopolarità tra i benefattori locali, gli imprenditori che aprono un'attività per adulti diventano per i politici locali obiettivo di estorsione. Poiché il governo esercita uno stretto controllo su quanti possono aprire - e sulle regole una volta aperti - i padroni di locali per adulti sono spesso costretti a corrompere i funzionari comunali prima per ottenere l'approvazione per aprire i loro locali, e poi per rimanere aperti. Questa appena descritta, ad esempio, era la situazione in una delle aree più fertili al mondo per il business dello spogliarello, Las Vegas.

LA FOTO DEL GIORNO Reperti archeologici e droga, docente in manette Arrestato Fulvio Libero Tomeo, insegnante vibonese VIBO VALENTIA — Detenzione illegale di droga e reperti archeologici, con questa accusa è stato arrestato Fulvio Libero Tomeo, insegnate del ’56 residente da anni nel capoluogo. In casa ben 34 grammi di marijuana, 23 di hashish e ben 20 reperti archeologici di epoca ellenica risalenti al IV secolo A. C.

di Claudia Vellone > Pag 35

Egr. Direttore, Guido Talarico, nell’intervista che mi è stata fatta da “Il Domani” è riportata una frase, riferita a Scopelliti, che desidero sviluppare ulteriormente. Riguardo alla sua possibilità di rappresentare un cambiamento, tengo a precisare che la questione non è generazionale e la giovane età non può essere da sola la scriminante tra la nuova politica e il vecchio ordine costituito. In altre parole, l’essere giovani non è di per sè una garanzia di buona politica. Scopelliti ha fatto bene come sindaco di Reggio e questo indipendentemente dall’età anagrafica. La scelta del candidato alla guida della Regione non deve essere influenzata dall’età dei candidabili. Per quanto mi riguarda, non è mio costume attribuire pagelle alle persone e credo che in politica l’unico criterio di valutazione deve essere quello dei consensi elettorali raccolti, dei voti espressi nelle sedi elettive e dei risultati ottenuti concretamente nell’attività di governo. Ogni altro metro di giudizio rischia di essere ideologico o pregiudiziale. Per le prossime elezioni regionali, a prescindere dai nomi che circolano, io sono per una persona che incarni la rottura con la cattiva politica che ha oppresso la Calabria in questi decenni. Il disastro della giunta Loiero, che peserà sulle tasche dei calabresi per anni, deve essere affrontato con un progetto di rinascita politica ed economica severo e concreto. Il populismo ha fatto pagare un prezzo troppo alto. Ora occorre un PDL unito e propositivo e se vi sono divisioni personalistiche che rischiano di penalizzarlo, chi le alimenta si faccia da parte e lasci spazio a chi vuole davvero modernizzare la nostra terra.

SCONTRI TRA TIFOSI AD AREZZO

LAMEZIA TERME

Chiesti due anni di reclusione per i 9 imputati catanzaresi

Abusi sessuali

CATANZARO — Il sostituto procuratore della repubblica di Arezzo Iannelli, ha

LAMEZIA TERME — Francesco Cimino è stato tratto

chiesto due anni di reclusione per i nove giallorossi imputati al processo chiamato a stabilire la verità giudiziaria sugli scontri tra tifosi del Catanzaro e tifosi aretini avvenuti a maggio del 2004 in occasione della finale di Supercoppa.

in arresto dai Carabinieri di Lamezia in esecuzione a un ordine per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rovereto.

di Francesco Ciampa > Pag 16

di Antonietta Bruno > Pag 26

SOVERATO

Sinopoli: Per questa stagione i giochi di Eutimo non si faranno SOVERATO — E' polemica sui giochi di Eutimo a Soverato. L'assessore comunale al turismo, Teo Sinopoli, ha messo una pietra sopra la manifestazione. La tradizionale sfida estiva tra i rioni della città non si farà. La motivazione ufficiale è che i quartieri si stanno sfaldando. Non c’è più lo spirito partecipativo ed unitario di un tempo. Insomma, i giochi di Eutimo sono morti per cause endogene. Ma c’è chi non è d'accordo e contesta la decisione. Il malumore serpeggia tra i protagonisti di tante stagioni di festa che hanno segnato, in positivo, la bella stagione a Soverato. Interpellato sull'argomento, Sinopoli ha affermato di aver tentato di tenere in piedi i giochi, allargando l'evento su base regionale. Una sorta di palio delle Calabrie. Ma in pochi hanno accettato la proposta. C'è poi l'eterna questione dei fondi che non arrivano. Il Comune, anche quest'anno, critica la scarsa attenzione della Regione rispetto alle politiche di sviluppo turistico della Perla dello Jonio. Niente soldi, dunque. Ma anche in questo caso c'è chi contesta. Perché altri eventi sono comunque finanziati? In questo complicato fritto misto di situazioni negative resta molto difficile trovare una soluzione.

di Francesco Pungitore > Pag 23


Domenica 5 Luglio 2009 Anno XII - Numero 183 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

PAOLA

TORTORA

SPEZZANO A.

CASSANO

S. GIOVANNI IN FIORE

Malabalneazione, j’accuse di Italia Nostra

Furto e violenza privata un arresto

Incendio doloso negozio in fiamme

Droga nella lavatrice, in manette

Sequestrata parte dell’Abbazia

La madre di tutti i mali che fa scappare i turisti

Trentenne ucraino beccato dai carabinieri

Terrore in piena notte per gli abitanti di Via Fera

Presunto spacciatore trovato con eroina

Denunciate quattro persone rilevate gravi lesioni all’edificio

di Silvia Navarra > Pag 28

di Emilia Manco > Pag 28

di Antonello Troya > Pag 32

di Saverio Paletta > Pag 26

di Emilia Manco > Pag 32

Vincenzo Varano, 52 anni, operaio già noto alle forze dell’ordine, è rimasto vittima di un agguato a Isca sullo Ionio, sulla costa ionica catanzarese

Barbaro omicidio nel Soveratese Secondo i carabinieri che indagano sul delitto la matrice mafiosa è la pista più accreditata CATANZARO — Un agguato di chiaro stampo mafioso, sia per le modalità che per il personaggio rimasto vittima. E’ questa la pista seguita dai carabinieri della Compagnia di Soverato e dai colleghi del Comando provinciale di Catanzaro per l’omicidio di Vincenzo Varano, 52 anni, operaio già noto alle forze dell’ordine, ucciso nella tarda serata di venerdì a Isca sullo Ionio, sulla costa ionica catanzarese. Varano stava passeggiando sul lungomare.

POLITICA Italia dei Valori si ricompatta CATANZARO — «L'Italia dei Valori in Calabria é un partito che fa della sua unità la forza». A sostenerlo è un documento del coordinamento regionale. Sono venute meno le dimissioni di Misiti.

di Caruso e Martelli > Pag 13 e 25

CATANZARO

di Claudia Vellone > Pag 20

Vasta operazione di controllo dell’Arma CATANZARO — Una persona deferita per uso di sostanze stupefacenti, 23

autovetture sequestrate perché sprovviste di regolare assicurazione e 40 contravvenzioni al Codice della strada. E' il bilancio di una vasta operazione dei carabinieri della Compagnia di Catanzaro.

L’IDEA

Dio, Patria e Famiglia non è un progetto... di Benedetto Della Vedova Nella difficoltà di dare risposte alla società in momenti così complessi, la tentazione della politica è quella di “buttare la palla in tribuna”, di cominciare a parlare d’altro e discorrere dei massimi sistemi. Sostenere che per uscire dalla crisi occorra “dar voce al valore della persona umana” e che “la vitalità economica si alimenta anche con una strenua difesa della vita, dal concepimento alla morte naturale” (come si legge nella presentazione del convegno “La persona prima di tutto” previsto per oggi - due giorni fa ndr. - all’Auditorium di Roma, con la partecipazione di alcuni dei massimi esponenti del Pdl), significa proprio “buttare la palla in tribuna”, cercare di cambiare gioco quando il gioco si fa duro. E significa anche giocare su di un equivoco, che sarebbe bene dissipare e non alimentare. I fatti della storia degli ultimi decenni, anche in Italia, ci dicono che mai come oggi le singole persone sono centrali nella vita sociale ed economica. Se si guarda in profondità, infatti, diventa difficile negare quanto la soggettività individuale trovi oggi, come mai in passato, la possibilità di esprimersi e di realizzarsi in un libero e originale progetto di vita. > Pag 2

di Claudia Vellone > Pag 15

IL FATTO DEL GIORNO Vicenza, scontri con la polizia Corteo contro l’ampliamento della base militare

SOVERATO

VICENZA — Tafferugli tra polizia e manifestanti al corteo contro l'amplia-

SOVERATO — Troppa confusione nel Pdl e troppi

mento della base militare di Vicenza. Dapprima sono volati sassi, lacrimogeni e qualche manganellata. Poi il corteo, composto da circa 10mila persone, ha ripreso la sua marcia con alla testa le donne del presidio con le striscione "No Dal Molin, yes we can" con disegnata la basilica palladiana.

attacchi concentrici contro Soverato. Il sindaco, Raffaele Mancini, medita su quanto sta accadendo a livello politico regionale.

ULTIM’ORA

REGGIO CALABRIA

Pensionato assassinato a San Ferdinando

Usava la carta di credito del collega d’ufficio

S.FERDINANDO — Un pensionato, Giuseppe Rombolà, 70 anni, è stato

REGGIO CALABRIA — Mai fidarsi del collega della scrivania accanto. Mai,

ucciso in un agguato mentre si trovava in un terreno di sua proprietà nelle campagne di S.Ferdinando, nel Reggino. L'uomo è stato raggiunto da diversi colpi di fucile. Sull’omicidio indagano i carabinieri.

perché potrebbe riservarvi brutte sorprese. Come quella di usare la vostra carta di credito per scommettere via Internet. Dalla messa in guardia alla realtà c’è di mezzo un impiegato trentenne di Reggio Calabria...

> Pag 35

di Antonio Latella > Pag 35

Mancini: chi rema contro la città?

ROMBIOLO

Scoperta e sequestrata una discarica abusiva ROMBIOLO — La Polizia provinciale ha proceduto al sequestro di una vasta area adibita da tempo a discarica abusiva, nel territorio del Comune di Rombiolo. Particolare inquietante quanto scoperto dagli agenti della polizia provinciale: numerosi rifiuti classificati come speciali e pericolosi erano stati abbandonati nel letto del torrente Mammella, un affluente del fiume Mesima. La discarica, estesa su circa 2500 mq di terreno, si trovava in località “Cesini” e “Amato”, delimitate dal torrente. L’operazione s’inquadra in una serie di servizi disposti e coordinati dal comandante Filippo Nesci, su preciso input del presidente della Provincia Francesco De Nisi che in un suo recente atto d’indirizzo, ribadendo la volontà di agire sistematicamente per la tutela del territorio, ha dato direttive per l’immediata istituzione del “Nucleo di vigilanza ambientale”, servizio guidato dal tenente Angelo Sorace. E così, gli agenti, guidati sul posto dal tenente Sorace, sono entrati in azione dopo che ripetuti servizi di osservazione, finalizzati all’individuazione dei responsabili dello scempio ambientale, avevano dato esito negativo.

di Maurizio Bonanno > Pag 33

di Francesco Pungitore > Pag 21


Lunedì 6 Luglio 2009 Anno XII - Numero 184 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

SCALEA

CASSANO

CALCIO/2ª divisione

Depositavano rifiuti In quattro ai domiciliari

Istituire il pro-sindaco all’Ente cosentino

Catanzaro, Provenza ora vuole rescindere

Sorpresi dai carabinieri in un deposito incontrollato

La proposta arriva dal sodalizio “Sibari-Comune”

Annuncio a sorpresa del tecnico giallorosso

di Antonello Troya> Pag 25

> Pag 27

di Vittorio Ranieri> Pag 38

I FORUM DEL DOMANI Il coordinatore calabrese del Pdl e sindaco di Reggio parla a vasto raggio sui temi politici del momento

Scopelliti per le Regionali apre a Udc e Callipo «Occore una sfida generazionale da mettere in campo con i centristi. Per questo serve una nuova classe dirigente» REGGIO CALABRIA — «Bisogna avere il

coraggio di cambiare, contro la politica vecchia, clientelare e di potere di Agazio Loiero». Giuseppe Scopelliti non usa mezzi termini nel definire gli obiettivi della imminente sfida delle Regionali. Proprio lui, che oggi è coordinatore calabrese del Pdl oltre a tenere ben salde in mano le redini di sindaco di Reggio, potrebbe opporsi in prima persona al governatore uscente per la conquista di Palazzo Campanella. Una investitura che non è ancora ufficiale e che è oggetto di discussione all’interno del Pdl. «Ma non è su questo che mi preme soffermarmi sottolinea. - Bisogna fare emergere la ferma volontà del centrodestra di vincere per costruire un progetto ambizioso da sviluppare nell’arco dei prossimi 1015 anni». Concetti ribaditi nel corso di un forum, svoltosi a Palazzo San Giorgio, alla presenza dei colleghi giornalisti Antonio e Angela Latella. Nella sfida per il rinnovamento, il Pdl non può fare a meno del contributo decisivo e importante dell’Udc. Scopelliti ne è convinto. «Sono felice di aver visto una classe dirigente dell’Udc, qui in Calabria, che ha scelto con chiarezza la strada da seguire insieme a noi. C’è una sintonia sui valori evidente. E poi c’è una scelta generazionale. Noi e l’Udc abbiamo messo in campo una classe dirigente giovane, di 40enni, che si propone in maniera ambiziosa di cambiare la Calabria». Quando fa riferimento al dialogo necessario con la parte positiva della Calabria, il sindaco di Reggio pensa anche pensa a Pippo Callipo. «Io ho parlato con Pippo e gli ho detto che noi abbiamo il desiderio di coinvolgere tutte le persone che vogliano creare qualcosa di importante per la Calabria. Credo che Callipo sia un validissimo imprenditore, una persona valida, una risorsa importante...».

LAMEZIA TERME Sanità, Grandinetti attacca Loiero LAMEZIA TERME — «Il presidente della Giunta regio-

nale, Loiero, ha nominato Luzzo, come consulente per “salvare Gianni Speranza”. Così, Fracesco Grandinetti che lancia contro il governatore in tema di sanità. > Pag 21

CATANZARO Giovino, un lungomare senza accessi! CATANZARO — «A Giovino il lungomare è senza accessi!». A sottoli-

neare questo stato di disagio, sono i componenti del Movimento civico “Catanzaro Marina” insieme ai dirigenti del Coordinamento cittadino dell’Mpa. di Maria Teresa Folino > Pag 17

LA FOTO DEL GIORNO Gianfranco Fini in barca Le vacanze del presidente della Camera a Porto Ercole PORTO ERCOLE — Il presidente della Camera dei deputati, Gian-

franco Fini in vacanza a Porto Ercole. Nella foto è in barca insieme al fratello. Fini durante le vacanze si cimenta anche in alcune immersioni nei pressi di Giannutri.

REGGIO CALABRIA Solidarietà ad Angela Napoli REGGIO CALABRIA — I giovani calabresi espri-

mono solidarietà alla parlamentare reggina Angela Napoli, per le recenti minacce ricevute dalla parlamentare del centrodestra. > Pag 31

APPUNTAMENTI/CATANZARO

VIBO VALENTIA

Il successo dell’X-factor village

Busta con proiettile a dirigente dell’Asl

CATANZARO — L’X Factor Village ha lasciato il segno. I tantissimi aspiranti

VIBO VALENTIA — Una busta con all’interno alcuni proiettili è stata lasciata

alle selezioni per il noto programma di Rai2 hanno preso di mira il lungomare di Catanzaro Lido a partire dalle 10.30 di venerdì scorso per ritirare il numero adesivo che dava accesso alle sale d’ascolto.

da sconosciuti nei pressi di un ufficio di consulenza del dirigente dell’ufficio ragioneria dell'Azienda sanitaria di Vibo Valentia, Sandro Cortese, a Tropea. Indaga la polizia.

di Maria Teresa Folino > Pag 42

> Pag 11

Francesco Pungitore > Pagg. 14-15

CATANZARO

CATANZARO

Viablità, controlli dell’Arma Ritirate venti patenti

Il Pse: politica lontana dai bisogni dei cittadini

CATANZARO — Venti patenti sono state ritirate e i titolari sono stati denunciati dagli agenti della polizia stradale per guida in stato di alterazione da sostanze alcoliche. Questo è il bilancio dello scorso fine settimana in Calabria in cui gli agenti della polizia stradale e dei carabinieri hanno intensificato i controlli ed hanno sottoposto 358 automobilisti a controlli etilometrici. Le persone controllate sono state complessivamente 404. I controlli sono stati svolti principalmente nei capoluoghi di provincia e nelle zone delle principali località turistiche. Per quanto riguarda la provincia di Catanzaro, i controlli si sono snodati soprattutto lungo la fascia jonica, per via dell’intensificarsi del traffico estivo rivolto verso le località turistiche per eccellenza. I carabinieri della di Soverato si sono dotati di ben dodici pattuglie per controllare il territorio jonico.

CATANZARO — «In questo periodo di crisi che interes-

> Pag 18

sa sempre di più gli strati sociali una volta considerati intermedi, la politica e le Amministrazioni pubbliche, dovrebbero stare più vicino con i fatti e non solo con le parole, ai piccoli imprenditori e artigiani del nostro Paese che stanno divenendo, loro malgrado, i nuovi poveri vittime di un sistema iniquo». Ad affermarlo è Massimiliano Giglio del Pse. «Un aiuto reale e molto utile scrive Giglio - sarebbe quello che le Amministrazioni pubbliche iniziassero a pagare nei tempi previsti, le forniture di materiali o di servizi, che molto spesso, per un eccesso di burocratizzazione della “cosa” pubblica, vengono ritardati di svariati mesi. Considerato, inoltre, che in questo periodo di crisi le banche anziché aiutare le imprese, rendono sempre più difficile l’accesso al credito». > Pag 18


Martedì 7 Luglio 2009 Anno XII - Numero 185

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

Euro 1,00

AMANTEA

SCALEA

LAMEZIA TERME

COSENZA

COSENZA

Investiti 3 pedoni una donna è grave

Finiscono intossicati piccoli atleti

Occulta eternit arrestato 47enne

Oliverio: entro fine mese la Giunta

Carnevale entra nella società calcistica

Il fatto si è verificato in via Staccia

Trasferta sfortunata per i pulcini di Brindisi

L’operazione è stata condotta dai carabinieri di Sambiase

Il presidente conferma Bevacqua come vice

Ormai è ufficiale, il 30 % all’imprenditore

di Emilia Manco > Pag 34

di Emilia Manco > Pag 34

di Antonella Bruno > Pag 27

di Domenico Martelli > Pag 29

di Saverio Paletta > Pag 29

CATANZARO L’auto sulla quale viaggiava è sbandata invadendo la corsia opposta e finendo contro il muro di un negozio

Drammatico incidente, muore Valeria Salerno La donna era stata ricoverata subito in prognosi riservata assieme al marito CATANZARO — E' morta nel primo po-

AMBIENTE/1

meriggio di ieri in ospedale, Valeria Salerno, di 46 anni, la donna ferita la notte scorsa in un incidente stradale avvenuto nella zona sud della città. La donna era stata ricoverata in prognosi riservata assieme ad un'altra persona, R. F., risultata poi essere il marito. L'uomo non sarebbe in pericolo di vita. L'auto sulla quale viaggiava la coppia è sbandata, per cause che sono in corso di accertamento, invadendo la corsia opposta e finendo contro il muro di un negozio.

Greco: basta allarmismi CATANZARO — «Non ci sono problemi di inquina-

mento che originano dal mare». Per l'assessore regionale Silvio Greco la parola d'ordine è corresponsabilità. di Alessandro Caruso > Pag 14

AMBIENTE/2

di Carmela Mirarchi > Pag 18

Divieti di balneazione, basterebbe bonificare LAMEZIA TERME — Sul Tirreno e sullo Jonio della Calabria i tratti di costa dove è possibile fare i bagni sono lunghi complessivamente 616,31 Km, una lunghezza pari ad un quinto della costa balneabile dell’intera penisola, e superiore a quella disponibile nell’insieme di sette regioni.

L’IDEA

Exit strategy e global rules al G8

di Mario Pileggi > Pag 28

di Giuseppe Pennisi

IL FATTO DEL GIORNO

Il “vertice” dei Capi di Stato e di Governo, presieduto dall’Italia ed in programma a L’Aquila (8-10 luglio) è l”ultimo G8”. Non l’”ultimo” presieduto dall’Italia, ma l’ultimo in senso assoluto. Ciò non vuole dire che non si terranno altre riunioni annuali con il logo “G8”- saranno però di importanza ed impatto molto limitato. Interesseranno sherpas, barracuda-esperti e la variopinta schiera di anti-globalizzatori costantemente in viaggio in comitiva. Sarà l’ "ultimo G8" perché la struttura di produzione è cambiata: dopo due secoli in cui l’innovazione tecnologica ha avuto come suo centro l’Europa, prima, e gli Usa poi, ed il mondo atlantico è cresciuto a tassi molto più rapidi del resto dell’economia internazionale, l’annullamento delle distanze di spazio e di tempo - conseguenza della tecnologia della conoscenza e dell’informazione - sta riportando la distribuzione del pil mondiale a quella del 1820 (la più antica che si sia riusciti a calcolare) quando India e Cina, insieme, erano responsabili del 43% dell’output del globo. Dato che siamo all’ "ultimo G8" è specialmente importante - come ha sottolineato Carlo Lottieri su l’Occidentale che l’assise abbia qualche risultato concreto - ossia che il ciclo iniziato nel Castello di Rambuoillet nel 1975 si concluda in bellezza. O quanto meno, che dia l’impressione di terminare portando qualcosa a casa.

Arsenali atomici, impegno congiunto Stati Uniti e Russia firmano un accordo storico

> Pag 2

POLITICA Minniti: vinceremo. Ma il Pd si spacca

MOSCA — Stati Uniti e Russia si impegnano a ridurre gli arsenali atomici

a 1.500-1675 testate e sino a 500-1.100 vettori balistici, per ciascun paese, entro sette anni. L'accordo storico è stato firmato a Mosca dal presidente russo Dmitri Medvedev e dal presidente americano Barack Obama, insieme ad altri sette documenti, a conclusione di un vertice bilaterale.

LAMEZIA TERME — «Nel 2010, in occasione delle elezioni regionali, ci sono le condizioni per continuare a vincere». Lo ha affermato il segretario regionale del Pd, Marco Minniti.

di Casaburi e Pungitore > Pag 15 e 17

APPUNTAMENTI/CHIARAVALLE

CRONACA

La seconda edizione del Campo di Flora

Catanzaro, rumeno condannato per violenza sessuale

CHIARAVALLE — Dal 9 al 16 agosto la seconda edizione del Campo di Flora a Chiaravalle. L’iniziativa, a carattere nazionale, richiama gli usi, i costumi, i valori e le tradizioni della civiltà classica. Vedrà la presenza di centinaia di villeggianti che usufruiranno dell’area attrezzata della Villa Comunale.

CATANZARO — E' stato condannato a cinque anni di reclusione il cittadino rumeno di 38 anni arrestato il 16 gennaio scorso per maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale aggravata e atti sessuali con la figlia minorenne.

> Pag 54

di Francesco Ciampa > Pag 20

CRIMINALITA’

’Ndrangheta nel Lazio arresti eccellenti a Fondi LATINA — Undici persone arrestate (sei in carcere e cinque ai domiciliari) e un

maxi sequestro di beni per svariati milioni di euro. E' il bilancio di due distinte operazioni condotte dalla Dda di Roma e dai carabinieri del Nucleo operativo provinciale di Latina, per reati che vanno dall'associazione a delinquere di stampo mafioso a reati contro la pubblica amministrazione e favoreggiamento. Le indagini, che hanno riguardato le infiltrazioni malavitose all'interno del mercato ortofrutticolo di Fondi e nel Comune della cittadina ciociara, hanno portato ad arresti clamorosi. Tra le persone finite in manette, infatti, un noto esponente delle 'ndrine calabresi e un ex assessore di Forza Italia di Fondi. Insieme a loro agli arresti anche dirigenti dei Vigili urbani e comunali. E’ l'esito dell'operazione Damasco che dal 2005 sta tentanto di svelare gli intrecci e le commistioni tra le 'ndrine calabresi, il Mof e il Comune di Fondi. La stessa operazione nell'ambito della quale si è inserito il procedimento che ha portato nel Comune pontino la commissione di accesso agli atti nominata dal Prefetto Bruno Frattasi il quale da quasi un anno ha sottoposto al Ministro Maroni una richiesta di scioglimento del Consiglio comunale di Fondi per infiltrazioni mafiose. di Alessandro Caruso > Pag 14


Mercoledì 8 Luglio 2009 Anno XII - Numero 186 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

CORIGLIANO

SCALA COELI

MARZI

SCALEA

COSENZA

Pronta la squadra della Straface

Un consiglio contro la discarica consortile

Boscaiolo trovato morto Disposta l’autopsia

Bretella via Neghelli atti sequestrati

Vallecrati, il consiglio pronto alla resa

Tra le indiscrezioni il ruolo di vicesindaco a Giorgio Miceli

Dai Sindaci netta contrarietà ai due impianti prospettati

L’esame sul corpo di Vincenzo Antonio Cusimani

Un’operazione effettuata dalla Guardia di Finanza

Il nuovo CdA è ormai vicino al tramonto

> Pag 32

> Pag 33

> Pag 33

di Emilia Manco > Pag 34

di Oreste Parise > Pag 31

L’esponente cosentino del PdL, già candidato alle ultime elezioni europee, scende in campo in vista delle prossime regionali

Mancini: nessuna alternativa a Scopelliti «La strada è in discesa perché dall’altra parte voleranno gli stracci tra Pd e Idv» COSENZA — «Il futuro del Pdl è solo Scopelliti». Parla Giacomo Mancini dopo il voto amministrativo ed europeo. «Non abbiamo fatto benissimo, lo dico subito. Possiamo dare di più, aprendo per esempio con più forza alla Chiesa. Ma la strada è in discesa perché dall’altra parte voleranno gli stracci tra Pd e Idv. A patto che a guidare il centrodestra sia il sindaco di Reggio Calabria…».

LAMEZIA TERME Ferrovia, sui binari regna il degrado LAMEZIA TERME — A poche ore dalla verifica sul cam-

po dell’assessore regionale ai Trasporti Carlizzi, i pendolari si chiedono se gli interventi riguarderanno anche la manutenzione ordinaria di binari e treni. di Antonietta Bruno > Pag 26

BOTRICELLO

di Domenico Martelli > Pag 29

Sesso con 13enne, sconto pena per ottantenne CATANZARO — Si è concluso con uno sconto di pena il giudizio di secondo grado a carico di Gregorio Marasci, pensionato di Botricello di 80 anni, finito in manette agli inizi di marzo 2008 dopo essere stato trovato a letto con una minorenne.

CROTONE Abusivismo edilizio CROTONE — Nei giorni scorsi segnalate alla competente autorità giudiziaria due persone: M. T. M. di 53 anni e M. S. di 29.

di Francesco Ciampa > Pag 22

LA FOTO DEL GIORNO Viareggio, funerali solenni per le vittime Presenti anche il capo dello Stato, Fini e Schifani

SELLIA MARINA

VIAREGGIO — Oltre 10 mila persone hanno partecipato alle esequie di 15 del-

SELLIA MARINA — Un uomo, Giuseppe Candido, di

le 22 vittime della strage di Viareggio. Cittadini, amici e parenti delle persone che hanno perso la vita a causa del tragico incidente avvenuto in stazione hanno riempito lo stadio Dei Pini, tributando un lungo applauso all'ingresso delle bare: tra queste, anche le bare bianche di Luca e Lorenzo Piagentini.

49 anni, è stato arrestato dai carabinieri a Sellia Marina per coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti. Trovate due piante e 41 grammi di marijuana.

REGGIO C.

REGGIO CALABRIA

BORGIA

In manette due stranieri

Violenza sull’ex ragazza, arrestati due fratelli

Due giovani beccati ad innaffiare una piantagione

REGGIO CALABRIA — Un rume-

REGGIO CALABRIA — Segue l’ex fidanzata e con l’aiuto del fratello la bloc-

BORGIA — I carabinieri della compagnia di Girifalco hanno arrestato Giu-

ca e prende a calci l’auto della malcapitata. Per Luca Leonardo Bonfitto, 35 anni, ed il fratello Fabio di 32 sono scattate le manette: il primo è accusato di violenza privata e minacce, il secondo di concorso per gli stessi reati.

seppe Pittelli, 23 anni, e Vincenzo Palleria, 22, entrambi di Borgia, con l'accusa di coltivazione di sostanze stupefacenti. I due erano finiti in manette domenica. Sorpresi mentre innaffiavano 57 piante di canapa indiana.

di Antonio Latella > Pag 37

di Francesco Ciampa > Pag 20

> Pag 35

SQUILLACE Depuratori abbandonati SQUILLACE — «Il mare pulito è

un diritto da garantire», questo quanto dichiarato dal gruppo di minoranza Squillace Nuova.

Coltivava marijuana nell'agrumeto

di Francesco Ciampa > Pag 20

> Pag 25

no ed un marocchino tentano di rubare in un ipermercato e finiscono in cella. di Antonio Latella > Pag 36

CHIARAVALLE

VIBO VALENTIA

Seminario giuridico su “La riforma Maxi truffa ai danni dell’Inps del processo civile, luci e ombre” ben 92 le persone indagate CHIARAVALLE CENTRALE — “La riforma del processo civile, luci e ombre”. Questo il tema del seminario giuridico che si è tenuto a Chiaravalle Centrale nel pomeriggio di lunedì, su iniziativa dell'Associazione Calabrese delle Scienze Giuridiche. Il convegno, patrocinato dal consiglio dell'ordine degli avvocati di Catanzaro, è stato ospitato presso i locali dell'Imperial Hotel. Ai numerosi partecipanti (oltre 200) è stato assegnato un credito, valido ai fini della formazione professionale. I lavori sono stati introdotti dal presidente del sodalizio organizzatore, avvocato Francesco Squillace, il quale ha posto in evidenza il ruolo e le finalità dell'associazione, costituita da meno di un anno ma già in grado di promuovere iniziative di alto spessore culturale. > Pag 25

VIBO VALENTIA — Una maxi truffa ai danni dell’Inps è stata scoperta dai Carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia. Denunciate ben 92 persone ritenute responsabili di truffa aggravata e continuata ai danni dell’ente pubblico. Denunce che arrivano alla fine di una complessa attività di indagine avviata alcuni mesi fa gli uomini della Stazione Carabinieri di Vibo Valentia. Qualche mese fa i militari della Benemerita si sono accorti di alcune anomalie nella redazione dei moduli per il conteggio delle giornate lavorative di diversi braccianti agricoli e nei contratti di affitto di alcuni appezzamenti di terreno. Tutta la documentazione sospetta è riconducibile, in vario modo, ad un imprenditore agricolo di Maierato che sembra l’intermediatore di decine di braccianti desiderosi di coltivare un pezzo di terra.

di Claudia Vellone > Pag 35


Giovedì 9 Luglio 2009 Anno XII - Numero 187 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

DIAMANTE

CASSANO

CORIGLIANO

CATANZARO

SPORT / CALCIO

Porto, gli ambientalisti vanno in Procura

Tromba d’aria agricoltura in ginocchio

Ricercato in Germania beccato in Calabria

Parco Romani protesta dei commercianti

SERIE B Reggina al via

E’ duro Mauro Di Marco nei confronti degli enti locali

Un violento nubifragio si è abbattuto sulla Sibaritide

Per il 47enne Antonio Mollo l’accusa è di lesioni gravi

A Palazzo De Nobili sit in e contestazione

Parte la campagna degli abbonamenti

di Tania Paolino > Pag 32

> Pag 34

> Pag 34

di Claudia Vellone > Pag 19

di Angela Latella > Pag 40

Le ordinanze di fermo eseguite ieri mattina dalla Guardia di Finanza su mandato della procura della repubblica del Tribunale di Paola

Maxi truffa 39 arresti, Cosenza trema Secretati i nomi delle persone coinvolte. Gli indagati sono in tutto una settantina COSENZA — Sono 39 le ordinanze

REGGIO CALABRIA

di fermo, di cui 27 in carcere, eseguite ieri mattina dalla Guardia di Finanza del comando provinciale di Cosenza su mandato della procura della repubblica del Tribunale di Paola, nell'ambito di un'operazione, chiamata in codice "coffee breack", su un'organizzazione, operante nel comprensorio tirrenico cosentino e con collegamenti in diverse regioni, dedita all'usura ed alle truffe, oltre che al riciclaggio di denaro. I nomi degli arrestati e degli indagati sono stati secretati.

Blitz contro gruppo criminale rom REGGIO CALABRIA — Eseguite una serie di ordi-

nanze di custodia cautelare contro una associazione per delinquere finalizzata a compiere furti, estorsioni e traffico illecito di sostanze stupefacenti. di Antonio Latella > Pag 36

VIBO VALENTIA Sequestrato capannone industriale VIBO VALENTIA — Importante operazione della polizia municipale di Vi-

di Paletta e Troya > Pag 31 e 33

bo Valentia - settore “Edilizia” che, nell’ambito di servizi predisposti per il controllo del territorio comunale, ha posto sotto sequestro un capannone industriale in costruzione nella frazione industriale di Portosalvo.

L’IDEA

di Maurizio Bonanno > Pag 35

Berlusconi e il declino del Pd di Politicus

Il via alla battaglia congressuale del prossimo ottobre del Pd e la tempesta dei pettegolezzi baypassata vittoriosamente fino ad ora da Berlusconi. E poi le nuove "minacce" di gossip a ridosso del G8 e l’atteggiamento recidivo di parte del Pd che trova in Massimo D’Alema la sua punta migliore ad annunciare nuove scosse per il Cavaliere creduto in declino contro la scienza dei numeri fino a lambire il confine del ridicolo. Se mai il declino lo sta vivendo proprio il suo partito. Comunque sia cambieranno rapidamente gli scenari politici del Paese. Dove chi dovrà raccogliere le macerie è probabilmente la fallita classe dirigente del Partito Democratico. Naturalmente se restano ossessionati da Berlusconi e se vincerà la linea radicale - e questa è l’unica novità in vista del congresso "democratico" - di Ignazio Marino con il supporto morale attivo di Beppino Englaro che è ormai uscito da un silenzio "rumoroso" a dire il vero, per stare a fianco del medico del Pd-un cattolico adulto non come intende Benedetto XVI ma come lo dice Romano Prodi sostenitore dell’eutanasia "pietosa" e forte dell’appoggio dei circoli pannelliani e laicisti di sinistra. > Pag 2

IL FATTO DEL GIORNO La preoccupazione dei Grandi della Terra G8 a L’Aquila, incertezza sulla situazione economica

CATANZARO

L'AQUILA — I segnali positivi ci sono. Ma la situazione economica mondiale rimane «incerta» con «rischi significativi per la stabilità». Per questo i Paesi si impegnano a fare «tutti i passi necessari». È questo il messaggio principale contenuto nella dichiarazione economica approvata durante la prima giornata del G8 in corso di svoélgimento a L'Aquila. Nuove regole globali.

CATANZARO — La Corte d’appello di Catanzaro ha

APPUNTAMENTI/SOVERATO

CATANZARO

Grandi opere al Magna Graecia Film Festival

Armi e droga, sette anni ad un 28enne

SOVERATO — Dal 18 al 26 luglio si terrà a Soverato il “Magna Graecia Film Festival”, giunto alla sua 6ª edizione. Il festival ospita opere prime, con la direzione artistica di Gianvito e Alessandro Casadonte. Presieduto da Ettore Scola, avrà in cartellone anche “La siciliana ribelle” di Marco Amenta.

CATANZARO — Sette anni di carcere. E’ la pena inflitta ad Antonio Mancuso,

> Pag 43

di Francesco Ciampa > Pag 20

LAMEZIA

Condanna a 6 anni e otto mesi per il killer di Francesco Caruso LAMEZIA TERME — Paul Apetrei, rumeno di 25 anni accusato di aver

ucciso il lametino Francesco Caruso il 23 maggio del 2007, in una zona isolata, a pochi passi dallo stadio "Antonio Carlei" di Lamezia Terme, è stato condannato a sei anni e otto mesi di reclusione. La Corte d'assise di Catanzaro ieri, al termine del processo, ha riconosciuto l'uomo colpevole non di omicidio volontario, come voleva il pubblico ministero Marianna Valvo - che aveva chiesto una condanna a 16 anni -, ed anche le parti civili, bensì di omicidio preterintenzionale (Apetrei era difeso da Giancarlo Nicotera). La concessione delle attenuanti generiche ha fatto poi in modo che la pena scendesse a sei anni e otto mesi, dai dieci da cui partiva. I giudici hanno condannato infine Apetrei a risarcire il danno alle parti civili (la madre, la moglie, il figlio e le due figlie di Caruso erano rappresentati dagli avvocati Francesco Iacopino, Massimo Scuteri, Giuseppe Pizzonia e Franco Giampà) cui, in attesa della liquidazione in sede civile, sono state riconosciute provvisionali da 30.000 e 40.000 euro ciascuna. > Pag 27

Facevano prostituire una minorenne confermato ieri le due condanne inflitte in primo grado ai fidanzati accusati di aver indotto, favorito e sfruttato la prostituzione di una sedicenne catanzarese. > Pag 20

28 anni, di Catanzaro, finito sotto processo con rito abbreviato davanti al gup con l’accusa di spaccio di droga e di detenzione illegale di arma da fuoco e munizioni. Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a dodici anni.


Venerdì 10 Luglio 2009 Anno XII - Numero 188 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

PAOLA

PRAIA

PAOLA

COSENZA

COSENZA

Coffee Break nuovi elementi

Violenza a pubblico ufficiale, in manette

Depuratore, sigilli anche ad Aieta

L’ultimo affondo di Sandro Principe

Patenti false in due in carcere

Pronti a collaborare molti degli arrestati

E’ andato in escandescenze nel nosocomio cittadino

Posto sotto sequestro un nuovo impianto

L’ex assessore regionale contro Loiero e Cersosimo

Proprietario di autoscuole coinvolto nell’inchiesta

di Antonello Troya > Pag 33

di Antonello Troya > Pag 33

di Emilia Manco > Pag 32

di Domenico Martelli > Pag 29

di Saverio Paletta > Pag 30

CATANZARO E' rimasto coinvolto in un incidente stradale, ha avuto un diverbio con i carabinieri intervenuti per i rilievi e ha perso le staffe

Magistrato arrestato per resistenza e lesioni Federico Sergi, attualmente in aspettativa, nella serata di ieri è stato rimesso in libertà CATANZARO — E' rimasto coinvolto in un incidente stradale, ha avuto un diverbio coi carabinieri intervenuti per i rilievi e ha perso le staffe prendendo a calci e pugni l'auto dei militari. Così un magistrato di Catanzaro, Federico Sergi, attualmente in aspettativa, è stato arrestato la scorsa notte con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. L'arresto è avvenuto dopo che il magistrato era rimasto coinvolto in un incidente stradale.

POLITICA Caso De Masi in Parlamento ROMA — L’onorevole Franco Laratta ha presentato ieri un’interpellanza parlamentare in cui presenta ai ministri dell’Interno e dell’Economia il caso dell’imprenditore calabrese Antonino De Masi.

di Alessandro Caruso > Pag 14

di Francesco Ciampa > Pag 21

AMBIENTE Mare sporco nel Lametino

L’IDEA

GIZZERIA LIDO — Ormai è difficile anche per il cronista cercare di parlare dell’annoso problema del mare inquinato e delle spiagge sporche. L’unico concetto da ribadire è quello dell’indifferenza delle istituzioni preposti che nulla fanno per cercare almeno di tenere pulita la battigia.

Dio, Patria e Famiglia... di Giuseppe Candido

C’è senz’altro da essere d’accordo coll’Onorevole Benedetto Della Vedova, deputato del PdL, quando, su tocqueville. it e poi ripreso su “il Domani della Calabria”, scrive che il futuro del nostro paese passa per l’innovazione, la ricerca, la tecnologia, la libertà, il mercato, la responsabilità, il merito e non certo attraverso il “Dio, Patria e famiglia” che, egli stesso da liberale dice non essere un progetto. Il riferimento critico di Della Vedova è esplicitamente diretto al convegno “La persona prima di tutto” organizzato qualche giorno addietro presso l’auditorium della Camera dei Deputati e cui hanno partecipato massimi esponenti del PdL tra cui il ministro del Welfare e della Salute, Maurizio Saconi. E c’è senz’altro da essere d’accordo pure quando Della Vedova afferma la sua contrarietà alla formula secondo cui, per uscire dalla crisi occorre “dare voce al valore della persona umana” e che “la vitalità economica si alimenta anche con una strenua difesa della vita, dal concepimento alla morte naturale”. Della Vedova, senza mezzi termini, li definisce slogan per “buttare la palla in tribuna”. Siamo d’accordo specialmente se si considera che essendo ripreso l’esame in Commissione affari sociali del ddl sul testamento biologico ci piacerebbe sentir parlare di autodeterminazione e responsabilità nelle scelte di fine vita piuttosto che di difesa ad oltranza della vita. Ma Sacconi si è detto contrario: idratazione e alimentazione artificiali devono rimanere irrinunciabili come nel testo licenziato lo scorso marzo in prima lettura dal Senato. Il problema (per Della Vedova) è che nel PdL a pensarla come lui sono davvero pochini. L’autodeterminazione nelle scelte di fine vita è destinata a rimanere “utopia”, un’isola che non c’è con il testo licenziato in Senato dalla maggioranza, votando un emendamento proposto all’ultimo minuto dall’UdC, perché ha reso non vincolanti, per il medico, le dichiarazioni anticipate di trattamento, i così detti testamenti biologici.

di Antonio Cannone > Pag 27

IL FATTO DEL GIORNO George Clooney girerà un film a L’Aquila Ieri il grande attore ha visitato Piazza Duomo

REGIONALI

L’AQUILA — «Gireremo un film qui alla fine di settembre». Lo ha annun-

SOVERATO — «Non esistono alternative alla ricandidatura di Loiero». Lo sottolinea a chiare note il sindaco di Satriano e presidente regionale Anci piccoli comuni, Michele Drosi.

ciato George Clooney nel corso della sua visita a piazza Duomo all'Aquila, sottolineando che nel film lui stesso avrà una parte. Accolto da fotografi e giornalisti, Clooney era accompagnato da Walter Veltroni e Bill Murray. «Avevamo esaminato le location già prima del terremoto» ha spiegato.

Drosi: nessuna alternativa a Loiero

di Francesco Pungitore > Pag 25

ULTIM’ORA/CROTONE

TURISMO

Per cercare funghi muore cadendo in una scarpata

Pro Loco e Sistemi turistici locali

CROTONE — Un uomo, Michele Mazzei, di 36 anni, di Mesoraca è morto precipitando rovinosamente in una scarpata in località Macchia del Forno mentre era intento a cercare funghi. I familiari avevano denunciato la scomparsa di Mazzei ai carabinieri dopo che l'uomo non aveva fatto rientro a casa. Il cadavere è stato recuperato non senza difficoltà nel fondo della scarpata.

CATANZARO — Uno stimolo verso un mondo estremamente dinamico e attivo,

l’universo delle Pro Loco, e un’introduzione al convegno previsto per domani, a Villaggio Mancuso, nella Sala Convegni centro visite “Antonio Garcea”, dal titolo “Promozione e accoglienza: le Pro Loco nei Sistemi turistici locali”. di Oriana Tavano > Pag 24


Sabato 11 Luglio 2009 Anno XII - Numero 189 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

ROGLIANO

COSENZA

SOVERATO

FUSCALDO

LAMEZIA TERME

Trovati resti umani forse di una donna

Compagni coltelli sotto la sede del Pd

Coordinamento Pdl c’è Peronace

Altri depuratori sotto sequestro

Cambio di comandante al Reggimento Sirio

Potrebbe trattarsi di una anziana scomparsa

Lancio di uova e semi rissa tra un gruppo di militanti

Fuori dai giochi i Popolari Europei

Otto gli impianti sigillati dalla Procura

Ieri la cerimonia di fronte ai reparti schierati

di Oreste Parise > Pag 32

di Saverio Paletta > Pag 32

di F. Pungitore > Pag 25

di Antonello Troya > Pag 33

di Antonella Bruno > Pag 27

’NDRANGHETA E' accusato di omicidio il presunto boss di 36 anni beccato nella notte dalla polizia nel centro abitato di Grisolia

Arrestato il super latitante Bruni Era ricercato dal 22 maggio scorso. Nei suoi confronti un'ordinanza di custodia cautelare richiesta dalla Dda COSENZA — E' accusato di omici-

CATANZARO

dio Michele Bruni, 36 anni, di Cosenza, il presunto boss della 'ndrangheta arrestato nella notte dalla polizia a Grisolia. Bruni era ricercato dal 22 maggio scorso, giorno in cui il gip di Catanzaro, su richiesta della Dda, aveva emesso nei suoi confronti un'ordinanza di custodia cautelare per l'omicidio di Antonio Paese, avvenuto a Cosenza nel 1991. Il presunto boss è stato sorpreso in un'abitazione di Grisolia.

Tentata rapina al bar CATANZARO — Un uomo, Gianfranco Monterosso, è finito in manette, nella notte, per tentata rapina, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale dopo aver cercato di farsi dare da bere gratis nel bar “Il Cremino”, a Lido. L'uomo, che pare avesse già bevuto parecchio, è entrato nel locale pretendendo che gli venissero offerti degli amari.

di Saverio Paletta > Pag 30

di F. Ciampa > Pag 20

L’IDEA

Per non dimenticare Srebrenica di Giuseppe Candido

11 luglio 1995. I soldati serbo bosniaci comandati da Ratko Mladic uccidono più di 7000 mussulmani, traditi dalle Nazioni Unite e dall'Europa. Nel luglio di 40 anni fa l'uomo metteva piede sulla luna. Una ricorrenza che tutti si affrettano a ricordare. Ma l’11 luglio dovrebbe poter essere occasione anche per non dimenticare quel genocidio che 14 anni fa nel 1995, fu compiuto a Srebrenica nella Repubblica Serba della ex Jugoslavia. La città in teoria era stata dichiarata area protetta dall'Onu ma diventò il teatro dell'unico caso legalmente provato di genocidio verificatosi sul suolo europeo dopo la seconda guerra mondiale. Nel 1993, un rapporto dei volontari dell'Unhcr, l'alto commissariato per i rifuggiati delle Nazioni Unite, descrisse l'inferno di Srebrenica: “I profughi erano accampati nelle strade bloccate dalla neve. Intere famiglie soffrivano la fame e sopravvivevano masticando radici e mangiando foglie. La scabbia e i pidocchi imperversavano”. Per proteggere la popolazione civile, Srebrenica era stata designata come area protetta dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu, che aveva anche chiesto la proclamazione del cessate il fuoco e il disarmo delle unità bosniaco-mussulmane. Unapromessadiprotezioneeunpiano che convinse molti civili a rimanere e che, invece, avrebbero potuto lasciare Srebrenica. Le forze di pace dell'Onu avevano un mandato limitato, ma i bosniaci affamati guardavano a quelle truppe coi loro giubbotti antiproiettili, i caschi blu e i blindati, come ad un protettore. Ma, come avrebbero scoperto, vivere in un'area protetta non comportava alcuna garanzia di protezione. > Pag 2

CATANZARO Il 50° di Ciliberti CATANZARO — Oggi alle ore

IL FATTO DEL GIORNO Preso il violentatore seriale di Roma Fermato in ufficio, è un 32enne contabile ROMA — Trentadue anni; una fidanzata; laureando in Legge; contabile in

una ditta della capitale. Sarebbe lui lo stupratore seriale che ha colpito almeno tre volte alla periferia di Roma. Luca Bianchini è stato fermato nell'ufficio in cui lavora. Il suo Dna è compatibile con quello rilevato dalle tracce organiche che avevano macchiato gli abiti delle ultime tre vittime.

17.30, nella Cattedrale di Catanzaro sarà un giorno di festa per i fedeli ed il clero della Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace che ricorderanno, con una solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal Cardinale De Giorgi, il 50° di sacerdozio e il 20° di episcopato dell'Arcivescovo Mons. Antonio Ciliberti.

L’INTERVENTO

G8 ed etica dell’economia di Dorina Bianchi Gentile Direttore, il G8 che si è conclusoieriaL’Aquila è stato certamente una grande opportunità. Sia per il nostro Paese, che ha avuto l’onoredipresiederlo,cheperilmondointero. Questa opportunità è oltretutto giunta durante un periodo di crisi globale che richiede una risposta altrettanto globale, attraverso un coinvolgimento di tutti: dalle grandi potenze industriali ai Paesi emergenti. Per questo la presenza di Cina, India, Brasile, Messico, Egitto e Sudafrica è stata importante, come quella degli altri Paesi del G20. Fondamentale però, dal mio punto di vista, è e deve essere il richiamo all’etica nell’economia. Un richiamo oggi più che mai particolarmente sentito nel mondo, di cui si è fatto portatorePapaBenedettoXVInell’enciclica “Caritas in Veritate”. > Pag 16

di Carmela Mirarchi > Pag 20

APPUNTAMENTI/SOVERATO

SPORT/CALCIO

Una mostra di Ettore Scola

Fc Catanzaro, ricapitalizzazione ok

SOVERATO — Non solo Cinema al Magna Graecia Film Festival che prende

CATANZARO — Tutto è bene quel che finisce bene. Il cuore del malato chia-

ufficialmente il via sabato 18 luglio. Da lunedì 20 luglio a domenica 26, presso la Lega Navale, sarà possibile ammirare anche una splendida mostra di disegni di Ettore Scola. Il grande maestro propone “Il lato buffo dell'esistente”.

mato Catanzaro, da ieri, ha ripreso a battere in maniera costante. Come dire, è stato scongiurato il pericolo della scomparsa del calcio sui tre colli e, quindi, di un nuovo fallimento societario nell’arco di pochi anni.

> Pag 43

di Vittorio Ranieri > Pag 40

PAOLA

Beni per 11 milioni di euro sequestrati dall’Antimafia PAOLA — Beni per 11 milioni di euro sono stati confiscati dalla Direzione Investigativa Antimafia di Catanzaro nel corso di distinte operazioni. In particolare, la Dia ha eseguito un decreto di confisca, emesso dalla Corte di Appello su conforme richiesta della Procura Generale di Catanzaro, nei confronti di Piero Spensierato, 49 anni, nato a Paola (Cosenza). Spensierato, al termine di una complessa vicenda giudiziaria che aveva visto sul banco degli imputati molti esponenti della criminalità organizzata cosentina, era stato condannato per il reato di usura, con sentenza emessa il 6 dicembre 2007 dalla Corte di Appello di Catanzaro, passata in giudicato il 3 marzo scorso. Gli specialisti della Dia di Catanzaro, attraverso un lungo e meticoloso lavoro di intelligence, con puntuali ricostruzioni delle complesse movimentazioni bancarie e patrimoniali, hanno confiscato, a Paola, un patrimonio di oltre 10 milioni di euro che, a parte svariati beni mobili ed immobili, ricomprende il noto complesso residenziale "Blumetag" (struttura recettiva a tre stelle con 40 stanze).

di Antonello Troya > Pag 33


Domenica 12 Luglio 2009 Anno XII - Numero 190 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

COSENTINO

ROSSANO

CORIGLIANO

CORIGLIANO

PIZZO

Operazione antidroga “Mandeo”

Bucita, vigili e discarica, attacco a Filareto

Confezionava hashish: in manette

Provinciali, Antoniotti ricorre al Tar

Due auto incendiate e una rubata

Duro affondo dell’opposizione consiliare al sindaco

Blitz dei Carabinieri in casa di un giovane

Il candidato del Pdl denuncia errori grossolani

L’indagine su Mandarano si avvia alla conclusione di Emilia Manco> Pag 31

> Pag 28

> Pag 28

I tre mezzi appartenevano a dei turisti > Pag 33

> Pag 28

POLITICA L’ex eurodeputato di Idv da qualche mese s’è rimesso in moto in giro per la regione, iniziando il tour della costituzione dei “comitati per la Calabria”

Donnici, mina vagante della sinistra Farà mucchio nel “partito del Sud” o farà invece un giro largo prima di farsi accreditare nel Pdl? COSENZA — L’ex eurodeputato di Idv da qualche mese s’è rimesso in moto in giro per la regione, iniziando il tour della costituzione dei “comitati per la Calabria”. Parte da lontano, il primo assessore al Turismo dell’era Loiero, ma è del tutto evidente che tempi e modi dell’ultima sortita fanno pensare che non starà a guardare dalla finestra il cortile delle prossime elezioni regionali previste per la primavera 2010.

CATANZARO Festeggiamenti per Mons. Ciliberti CATANZARO — Ieri nella chiesa Cattedrale di Catanzaro solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal Cardinale Salvatore De Giorgi per il 50° di sacerdozio dell’Arcivescovo Mons. Antonio Ciliberti.

di Carmela Mirarchi > Pag 16

CATANZARO

di Domenico Martelli > Pag 26

Spaccio di droga, in manette una donna CATANZARO — Una vasta attività di controllo del territorio è stata eseguita dalla Polizia di Stato. In particolare sono state effettuate 20 perquisizioni domiciliari per ricerche di armi e droga. Arrestata Maria Passalacqua classe 1981 per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’IDEA

La Cina, gli uiguri e la cricca separatista del Dalai Lama di Giuseppe Candido

Primo arrivato, lo scorso 6 luglio per il G8, il Presidente cinese Hu Jintau ha incontrato a Roma Giorgio Napolitano: «Col Presidente Hu Jintau - ha detto Napolitano - abbiamo anche potuto concordare sul fatto che lo stesso sviluppo e progresso economico e sociale che si sta realizzando in Cina apre nuove prospettive e pone nuove esigenze in materia dei diritti umani. Questioni che l'Italia ha sempre affrontato e intende affrontare nel massimo rispetto delle ragioni cinesi, delle ragioni dell'unità, dell'integrità e quelle di autonomia di decisione della Cina e delle sue Istituzioni rappresentative». Ma, mentre si apprendeva questa notizia, a proposito di diritti umani, contemporaneamente ne rimbalzava un'altra, dalla Cina, di agenzia in agenzia. Una manifestazione di protesta della minoranza uigura a Urumqi, in Cina, viene repressa dalle forze dell'ordine: 140 morti e 800 feriti. Un massacro, con un numero di vittime nettamente più alto delle rivolte del marzo 2008 in Tibet. Alessandro Ursic su PeaceReporter. it dice che «il bilancio provvisorio, fornito dall'agenzia Nuova Cina, è di 140 morti, oltre 800 feriti e 300 persone arrestate. Almeno un migliaio di persone (alcune stime dicono tremila) sono scese in piazza nel quartiere uiguro di Urumqi, protestando contro l'uccisione di due uiguri in una fabbrica di giocattoli nella provincia del Guangdong, nel sudest del Paese, il 26 giugno».

di Carmela Mirarchi > Pag 18

IL FATTO DEL GIORNO Bagno di folla in Ghana per il presidente Obama Appello a mettere fine a corruzione e guerre intestine

REGGIO CALABRIA

GHANA —Il presidente degli Stati Uniti d’America è stato accolto in

REGGIO CALABRIA — Ad arrestare Domenico Mollica

Africa con uno striscione: “Welcome to home”. Rivolgendosi alla popolazione Obama ha affermato: «Potete cambiare tutto. La storia sta voltando pagina». Poi la visita a Cape Coast, il luogo simbolo della tratta degli schiavi.

(nella foto), 47 anni, già noto alle forze dell’ordine, sono stati i Carabinieri delle stazioni di Locri e Ciminà, nel corso di un servizio di controllo del territorio

APPUNTAMENTI/MAMMOLA

VIBO VALENTIA

L’intervista al fondatore del MuSaBa Nik Spatari

Frodi alimentari, scattano le sanzioni amministrative

MAMMOLA — Dopo anni di “battaglie”, il Parco Museo Santa Barbara di

Mammola è diventato realtà. Un sito in cui oggi si respira aria internazionale; un tesoro della nostra regione che molti calabresi devono ancora scoprire.

VIBO VALENTIA — Passati al setaccio due noti ristoranti della provincia ed ancora una volta sono state accertate infrazioni alle norme che disciplinano il particolare settore: sanzioni per 2mila euro ai titolari di due attività.

> Pag 43

> Pag 33

FORUM

Gallippi (Mpa): «A Catanzaro mancano progetti di sviluppo» MARCELLINARA — Abbiamo incontrato nella nostra redazione due giovani esponenti del Movimento per le autonomie: Carmine Gallippi, coordinatore del capoluogo e Armando Conforto, coordinatore Mpa Giovani di Catanzaro. Diversi i temi affrontati soprattutto riguardanti i problemi fondamentali della città. Il commissario Gallippi ha inoltre espresso un giudizio sull’amministrazione guidata dal sindaco Rosario Olivo indicando quali sono al momento gli obiettivi e le posizioni dell’Mpa, a livello cittadino, dopo l’ottimo risultato delle elezioni europee. «Catanzaro per la sua conformazione territoriale ha delle problematiche non indifferenti infatti la città si struttura in due parti: il centro storico e la parte a mare. Fondamentalmente sono questi i due punti principali. L’Mpa in quanto movimento territoriale basa i propri ragionamenti sulle istanze dei cittadini. Sicuramente ci sono diversi problemi che ci portiamo avanti da molti anni. Nel centro storico c’è sicuramente la questione dei parcheggi, che crediamo sia il più importante in quanto ha implicitamente dei risvolti.»

di Carmela Mirarchi > Pag 14 e 15

Detenzione di armi, un arresto

di Antonio Latella > Pag 35


Lunedì 13 Luglio 2009 Anno XII - Numero 191 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

PAOLA

DIAMANTE

PAOLA

SPORT/CALCIO

SPORT/CALCIO

I depuratori finiscono su Rai Uno

Il Mat: salviamo la Guardiola

Viagra, l’elisir e i suoi effetti...

SERIE B Reggina, si fa sul serio

2ª DIVISIONE Vibonese, sogni di gloria

Anche la televisione di Stato si occupa dei sequestri

Il grido lanciato dagli ambientalisti

Occhio all’estate e alla libido

Diramato l’elenco con tutti i convocati

Si cercano accordi con società quotate

di Emilia Manco > Pag 27

di Tania Paolino > Pag 26

di Mariella Veneruso > Pag 26

di Angela Latella > Pag 38

di Maurizio Bonanno > Pag 38

IL FATTO Il presidente della Regione ospite alla Festa del Pd di Soverato. Sulla Sanità: «Commissariamento inaccettabile»

Loiero: non chiuderemo ospedali «Polarità Urbane: il Soveratese c’è. Il vero problema, oggi, è questo Governo tutto lombardo-veneto...» SOVERATO — «Non chiuderemo

ospedali. Non chiuderà il Polo oncologico, non chiuderà il presidio di Soverato, non chiuderà quello di Chiaravalle. Tutti gli impegni assunti in questo senso saranno rispettati». Sono i concetti espressi a chiare note dal Governatore Agazio Loiero nel corso della Festa del Pd che si è svolta sabato sera sul lungomare di Soverato. Sul palco della riuscita kermesse politica promossa dal locale circolo di partito, alla presenza di un numeroso pubblico, anche il consigliere regionale Piero Amato e i sindaci di Soverato, Satriano, Davoli, Guardavalle, Gasperina, Gagliato e Chiaravalle. Il presidente della Giunta Regionale ha affrontato di petto il tema della Sanità. «La minaccia del commissariamento da parte del Governo è inaccettabile ha tuonato. - A parte i rilievi costituzionali da muovere rispetto ad una materia che è di esclusiva competenza delle Regioni, è chiaro che il presidente del consiglio sta utilizzando l’argomento solo scopi di carattere elettorale. Ma noi ci sapremo difendere con tutti i mezzi». Una difesa che si allarga dal tema specifico della Sanità alla questione più generale del Sud e della sua crescente emarginazione. «Un Governo con 8/9 ministri lombardi - ha sottolineato Loiero - non si era mai visto. Il risultato è che dobbiamo lottare quotidianamente per difendere i nostri diritti». E dopo lo scippo dei fondi Fas, ecco l’emergenza alluvionale: due tranche, da 9 e 15 milioni di euro, mai corrisposte. «Come spesso ultimamente accade - ha spiegato - dovremo far fronte alle spese sostenute per la somma urgenza con i soldi della Regione. Oggi il Governo nazionale non ci aiuta».

POLITICA/1 Intrieri: sì al partito del sud CATANZARO — «Credo siano veramente maturi i tempi per un partito del sud». E' quanto afferma, in una nota, l'ex parlamentare Marilina Intrieri, presidente del Consiglio nazionale dei Popolari Udeur. > Pag 11

POLITICA/2 Feraudo: l’Udeur è un problema CATANZARO — «Il comunicato diramato dalla direzione regionale dell'Udeur

ripropone in termini ancora più gravi la questione della permanenza dell'Udeur nella maggioranza di centrosinistra che governa la Calabria». E' quanto afferma, in una nota il capogruppo dell'Italia dei Valori Maurizio Feraudo. > Pag 11

IL FATTO DEL GIORNO Tonino Di Pietro torna all’attacco L’opposizione si fa solo dura e pura

TURISMO

Accende il dibattito politico l'ennesimo appello del presidente della repubblica Giorgio Napolitano alla creazione di "un clima più civile" fra gli opposti schieramenti. Se dal Pdl le parole del capo dello Stato vengono accolte con soddisfazione e interpretate come un monito all'opposizione, Antonio Di Pietro respinge l'invito. «Mi dispiace, signor presidente della Repubblica, Napolitano, ma noi dell'Italia dei Valori sentiamo il dovere di declinare il suo nuovo appello», dice l'ex pm.

Promozione e accoglienza TAVERNA — Ripensare il modello di sviluppo turistico della Calabria. Uno sviluppo sostenibile basato sui principi della promozione e dell'accoglienza. Il dibattito si è sviluppato sabato scorso a Villaggio Mancuso.

di Francesco Pungitore > Pag 14

APPUNTAMENTI/CORTALE

ISCA SULLO JONIO

La sesta edizione di Jazz & Vento

Due arresti per tentato furto aggravato

CORTALE — Dal 5 agosto 2009 “Jazz & Vento” VI edizione, a Cortale, con Ludovico Einaudi e Francesco Bearzatti. Sale l���attesa per l’appuntamento con il primo festival jazz italiano interamente dedicato ai giovani, forte dei riconoscimenti ricevuti a livello nazionale.

ISCA JONIO — Nel pomeriggio di sabato a Isca, nell’ambito di un servizio teso a contrastare i reati in materia ambientale, i militari della locale Stazione hanno tratto in arresto due fratelli del posto Luciano Bonelli 33enne, e Francesco Bonelli 59enne, con l’accusa di tentato furto aggravato in concorso.

> Pag 42

di Carmela Mirarchi > Pag 19

di Francesco Pungitore > Pag 15

VIBO VALENTIA

GIOIA TAURO

Scovato dai carabinieri un piccolo arsenale

Crotonesi in trasferta beccati con cocaina

VIBO VALENTIA — Nonostante il caldo e la stagione estiva ormai avviata i militari della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia continuano senza sosta l’azione di controllo del territorio che ha portato nella notte di ieri al ritrovamento di altre armi e munizioni, che si vanno ad aggiungere alle decine già sequestrate nelle ultime settimane. Questa volta ad entrare in azione sono stati i militari della Stazione Carabinieri di Briatico con il supporto dei loro colleghi delle unità cinofile del Goc del capoluogo. I militari dell’Arma, infatti, nel corso di una vasta azione di rastrellamento delle campagne e dei casolari che circondano l’abitato di Briatico hanno rinvenuto, all’interno di un edificio abbandonato, una grossa busta di plastica nascosta in un angolo quasi invisibile della casa.

GIOIA TAURO — Quattro giovani di Crotone in “gita” a

di Carmela Mirarchi > Pag 30

Gioia Tauro sono stati arrestati per possesso di droga dai poliziotti del commissariato della cittadina tirrenica. Si tratta di Francesco Ruggero, 26 anni, pluripregiudicato; Alessandro Perini (25), con precedenti per furto; Giuseppe Arcuri (25), proprietario dell’ autovettura su cui viaggiava il quartetto, con precedenti per reati in materia di stupefacenti; ed un minore, anch’egli con precedenti per violazione delle legge sulla droga. I quattro pitagorici, mentre transitavano in macchina sulla via Marina di Gioia Tauro, sono stati notati dal personale della polizia di Stato, che, insospettito per l’ora, il lento procedere dell’autovettura ed il posto, notoriamente zona di spaccio locale, ha effettuato un primo controllo attraverso la targa dell’autovettura, che è risultata intestata a persona con precedenti specifici in materia di stupefacenti. di Antonio Latella > Pag 33


Martedì 14 Luglio 2009 Anno XII - Numero 192 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

CORIGLIANO

CASTROVILLARI

SCALEA

BELVEDERE

SCALEA

Varata la giunta, avanti con il programma

Riconosciuto marocchino per furto

L’acqua marrone continua a fare paura

Colto da infarto mentre lavora. Muore 47enne

Spiaggia sporca sit-in dinanzi al Comune

Recuperare subito il centro storico

Arrestato in carcere perchè detenuto

Nessun bagnante fa un tuffo in mare

Operatore ecologico deceduto in servizio

Scatta la protesta di alcuni villeggianti

di Vincenzo Longo> Pag 33

> Pag 33

di Tania Paolinoo > Pag 34

> Pag 34

di Emilia Manco > Pag 34

Ancora una clamorosa inchiesta della procura della Repubblica di Crotone e del pm Pierpaolo Bruni: 16 avvisi di garanzia emessi ieri

Energia e mazzette, politica nei guai Tra gli indagati Chiaravalloti, Pino Galati, Pecoraro Scanio e Diego Tommasi CROTONE — Ancora una clamorosa

LAMEZIA TERME

inchiesta della procura della Repubblica di Crotone e del pm Pierpaolo Bruni. 16 avvisi di garanzia emessi ieri per la costruzione della centrale elettrica di Scandale e per quella di Rizziconi. Ipotesi di reato quella dell’associazione a delinquere finalizzata alla truffa, all’indebito percepimento di erogazioni pubbliche, alla concessione di autorizzazioni previo pagamento di ingenti tangenti Tra gli indagati l’ex presidente della giunta Chiaravalloti, l’ex sottosegretario Pino Galati, l’ex ministro Pecoraio Scanio, l’ex assessore regionale Diego Tommasi, il giudice del Tar Calabria Tannini. Nell’ordinanza anche un ruolo “sospetto” per gli ex ministri Matteoli e Marzano e dell’ex sottosegretario calabrese Francesco Nucara.

Topo d’appartamento in manette LAMEZIA TERME — Topo d'appartamento in ma-

nette. I Carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme, hanno tratto in arresto il serbo ventinovenne Miftar Ramiz. di Antonietta Bruno > Pag 26

CATANZARO Personale Ata, gli atti tornano in Procura CATANZARO — Tornano alla procura della Repubblica gli atti dell'inchiesta che ha coinvolto 202 persone per presunti illeciti connessi alla gestione delle graduatorie del personale Ata da parte del Csa (Centro servizi amministrativi - ora Ufficio scolastico provinciale) del capoluogo.

di Francesco Ciampa > Pag 20

di Domenico Martelli > Pag 17

LA FOTO DEL GIORNO L’IDEA

Discorso di Obama in Ghana, assai ispirato ma poco concreto di Drew Hinshaw

Nella sua visita di 24 ore in Ghana, sabato scorso, il Presidente Obama ha tenuto il suo primo e più importante discorso in Africa, durante il quale ha chiesto agli africani di essere i migliori custodi sui propri governi. "Lo sviluppo dipende dal buon governo - ha detto rivolgendosi al parlamento del Ghana - E' questo il cambiamento che può sbloccare le potenzialità dell'Africa. Ed è questa una responsabilità che possono prendersi soltanto gli africani". Il viaggio inaugurale della presidenza Obama nel Sud del Sahara è stato seguito attentamente in tutta l'Africa, come il primo test di quale potere potrà esercitare il figlio di questa terra - diventato una "stella" nel firmamento internazionale - a favore dei luoghi da cui proviene. Con una sola domenica da utilizzare, Obama si è lanciato in un tour fra reparti di maternità, incontri bilaterali, una visita in una grotta dove centinaia di schiavi venivano imprigionati prima del viaggio finale, per mare, verso il Nuovo Mondo. Rivolgendosi al parlamento, il presidente ha sottolineato i quattro punti chiave della sua agenda politica per l'Africa - diffondere la democrazia, diversificare le economie monoproduttive, estendere la sanità pubblica e mediare i conflitti etnici. Per alcuni analisti, tuttavia, il discorso è stato un po' vuoto di dettagli politici concreti.

Nuova influenza, è pandemia L’allarme dell’Oms: non si ferma, serve il vaccino

VIBO VALENTIA

La pandemia di nuova influenza “non si può fermare e tutti i Paesi avranno bisogno del vaccino”. Marie-Paule Kieny, direttore Initiative for Vaccine Research dell'Oms, fotografa così la prima conclusione raggiunta dal comitato di esperti di vaccini dell'Oms e da un nuovo comitato di specialisti dell'influenza, creato dopo la notizia della comparsa dei primi focolai.

VIBO VALENTIA — Nadia Bax da ieri sera è il nuovo vi-

APPUNTAMENTI/CROTONE

CATANZARO

Successo per il tour di Amici di Maria De Filippi

Partiti i festeggiamenti per San Vitaliano

CROTONE — Un vero e proprio delirio quello che ha travolto domenica sera Piazzale Ultras e l'intero lungomare di Crotone. Erano da poco passate le 21 e all'inizio dello spettacolo c'erano ben 30.000 persone accorse per i giovani protagonisti della trasmissione di Maria De Filippi.

CATANZARO — Ieri sera sono partiti i festeggiamenti in onore del patrono di Catanzaro, San Vitaliano. La quattro giorni, da affiancare alla programmazione religiosa, si è aperta ieri sera con l’esibizione in piazza Duomo, della Original Wind Orchestra.

> Pag 43

> Pag 22

Bax vicepresidente vicario del Consiglio

FC CATANZARO

Cimino: «Ora occorre una dirigenza ambiziosa» CATANZARO — «Bene, bene bene: il Catanzaro si è salvato. Il prossimo anno giocherà ancora in C2. In verità avrebbe potuto giocare nella categoria superire, a fianco del rinato Cosenza, se il campo avesse dato ragione alle ambizioni e al rango della squadra». E’ quanto si legge in una nota del capogruppo di Nuova Alleanza, Franco Cimino sull’operazione di salvataggio del Fc Catanzaro. «C’è una lunga storia intorno alle sofferenze amministrative della società di calcio - cotinua Cimino -, e tante domande ancora sospese sul perché non si è voluto salvare quella società dal nome storico Us, che invece si è lasciata rovinare, nel fallimento, tre anni fa. Forse, le risposte non arriveranno mai. Intanto, tifosi e cittadini possono tirare un sospiro di sollievo e nuovamente riprendere la speranza di vedere il Catanzaro vincere come un tempo. Sudando, soffrendo, sull’epica battaglia che vedeva un tempo Nicola Ceravolo, re dei poveri e del calcio pulito, scontrarsi alla pari con i padroni del vapore, dai quali è partorito il calcio di oggi, gravido di arricchimenti spudorati e facili corruzioni». > Pag 23

cepresidente vicario del Consiglio comunale di Vibo Valentia. Una nomina dal forte valore politico, dopo le subite minacce di morte e l’incendio della sua auto. di Maurizio Bonanno > Pag 35


Mercoledì 15 Luglio 2009 Anno XII - Numero 193 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

PAOLA

SCALEA

BISIGNANO

COSENZA

SOVERATO

Mare inquinato l’ira di Italia Nostra

Camorra, arrestato il cognato del boss

Operazione dell’Arma Emilio Lento in manette

Provincia, toni bassi del Pd con Oliverio

Polarità Urbane ancora scontro

La necessità di trovare soluzioni urgenti

Latitante napoletano beccato dalla Mobile

Provvedimento eseguito ieri mattina

Dopo l’affondo di Adamo rientrano le polemiche

Chiarella plaude a Loiero ma nel Pdl si polemizza

di Silvia Navarra > Pag 32

> Pag 33

> Pag 34

di Domenico Martelli > Pag 29

di Carmela Mirarchi > Pag 26

ENERGIA E TANGENTI Il sistema delle autorizzazioni per la costruzione delle centrali in Calabria spiegato dal super teste dell’accusa

«I partiti finanziati con le consulenze» De Magistris: «Fermato prima di arrivare alle stesse conclusioni». L’avvocato Larussa: «Mi difenderò in tutte le sedi» CROTONE — Il sistema delle autorizzazioni per la costruzione delle centrali in Calabria «era un circolo chiuso, accessibile soltanto ai soggetti ed alle società di gradimento dei politici» e «del relativo gruppo di potere». E' quanto afferma l'imprenditore che ha denunciato agli inquirenti di aver ricevuto richieste di denaro per ottenere l'autorizzazione alla costruzione di una centrale elettrica a Scandale. Le sue denunce sono state raccolte dal sostituto procuratore della repubblica Pierpaolo Bruni. Con riferimento all'indagine in corso da parte della Procura di Crotone, intanto, l'avvocato Claudio Larussa si dichiara «sconcertato per le infamanti accuse rivoltegli, rispetto alle quali afferma, da subito, la sua totale estraneità. Nel ribadire di avere sempre improntato la propria attività professionale alla massima trasparenza e legalità, dichiara che si difenderà in tutte le sedi, sperando nei tempi più solleciti della giustizia, anche a salvaguardia della propria onorabilità e dignità professionale».

di Alessandro Caruso > Pag 16

L’IDEA

ECONOMIA Sbarra: si rafforza la concertazione CATANZARO — «Si rafforza la concertazione e si con-

trasta la crisi in Calabria». Lo ha detto Luigi Sbarra aprendo i lavori del Comitato Esecutivo Regionale Cisl a proposito dell’accordo sul partenariato. di Francesco Pungitore > Pag 18

VIBO VALENTIA Sequestri e multe a carico del clan Mancuso VIBO VALENTIA — Sequestri e multe a carico della Famiglia Mancuso. I carabinieri della Compagnia di Tropea, unitamente al Noe di Reggio Calabria e ai Nas di Catanzaro, nel corso di alcuni servizi di controllo nelle aziende del clan Mancuso, hanno elevato una serie di contravvenzioni.

di Claudia Vellone > Pag 35

IL FATTO DEL GIORNO Ucciso un militare italiano L’artificiere della Folgore colpito da una bomba

REGGIO CALABRIA

KABUL — Un militare italiano è rimasto ucciso e altri tre sono stati

REGGIO CALABRIA — L’erba del vicino non è sem-

Piantagioni di marijuana ovunque

feriti nell'esplosione di una bomba in Afghanistan. I tre paracadutisti sono fuori pericolo. La vittima è il primo caporal maggiore Alessandro Di Lisio, di Campobasso, classe 1984, in missione da 4 mesi, esperto artificiere dell'Ottavo genio guastatori della Folgore; lascia i genitori e due sorelle.

Censura? di Grendel

Continua la telenovela del decreto Alfano, che si arrichisce di nuovi emozionanti (sono tutto un fremito...) colpi di scena. Sembra che il comma dedicato all'obbligo di rettifica finisca per colpire anche chi giornalista non è. Con la solita squisita competenza il legislatore avrebbe (il condizionale è d'obbligo) parificato la pagina di un quotidiano nazionale con la la homepage di un qualsiasi blog, come questo. Chiariamoci, penso che un obbligo di rettifica debba esistere, troppe volte si è visto il "mostro sbattuto in prima pagina" finire assolto nell'indifferenza di una certa stampa che, al pari di certa magistratura, crede fermamente nel principio della condanna preventiva. Troppe volte le responsabilità che gli organi di informazione hanno verso l'opinione pubblica viene "cattolicamente" (un "mea culpa", un pateravegloria e via, la coscienza è linda e pulita!) liquidata... Non penso tuttavia che un blogger possa essere equiparato ad un giornalista solo dal punto di vista della responsabilità penale e non del privilegio di casta. > Pag 2

pre più buona. Soprattutto quando si tratta di marijuana, coltivata non dal proprietario del campo ma da chi tenta di allontanare da lui il sospetto... di Antonio Latella > Pag 37

GIOIA TAURO

APPUNTAMENTI/SOVERATO Pietro Taricone al Magna Graecia Film Festival

‘Ndrangheta, ex sindaco a processo

SOVERATO — Fans del gossip e del Grande Fratello, appuntatevi questa data: lunedì 20 luglio. E sì perché chi ha voglia di farsi immortalare al fianco dell’inossidabile Pietro Taricone, il macho del big brother di casa nostra, potrà approfittare della sua presenza al Magna Graecia Film Festival di Soverato.

GIOIA TAURO — Il gup di Reggio Calabria, Tommasina Cotroneo, ha disposto il rinvio a giudizio dell'ex sindaco di Gioia Tauro, Giorgio Dal Torrione e di altre 14 persone tra le quali alcuni boss delle cosche Piromalli e Molé di Gioia Tauro, considerate tra le più potenti della ’ndrangheta.

> Pag 42

> Pag 37

CATANZARO

Usura, estorsione e truffa in sette rinviati a giudizio CATANZARO — Tutti rinviati a giudizio i sette imputati finiti coinvolti nella operazione di Polizia e Guardia di finanza denominata “Cravatta spezzata”, incentrata su un presunto giro di usura, con interessi fino al 20 per cento mensili, ai danni di imprenditori, commercianti e liberi professionisti ritenuti vittime di vicende di “strozzinaggio” e di estorsione che sarebbero state consumate negli anni tra il 2000 e il 2007. Il Gup distrettuale Antonio Rizzuti, all’udienza di ieri, ha emesso ordinanza di rinvio a giudizio per tutti, quasi in linea con le richieste del sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia Gerardo Dominijanni: il Giudice dell’udienza preliminare ha infatti deciso per il proscioglimento nei confronti di Santino Talarico per due accuse di estorsione su tre contestate e per Riccardo Garcea e Mario Falcone solo per un’accusa di estorsione su tre contestate dal pm. Il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro ipotizza, a vario titolo, i reati di estorsione e usura aggravati dalla metodologia mafiosa, e il il reato di truffa per due dei sette imputati.

di Francesco Ciampa > Pag 22


Giovedì 16 Luglio 2009 Anno XII - Numero 194 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

COSENZA

CORIGLIANO

CETRARO

COSENZA

SPORT/CALCIO

Confiscati beni al clan Forastefano

Inps truffata per un milione di euro

Pesca di novellame controlli in mare

Provincia, Greco presidente del consiglio

Lamezia, anche la Vigor chiede sostegno

Tre milioni di euro il valore del sequestro

Tre distinte indagini contro aziende agricole

Oltre 70 kg di triglie recuperati dalle motovedette

Quasi fatta per il sindaco di Castrolibero

Per restare in 2ª divisione servono soldi pubblici

di Emillia Manco > Pag 32

di Antonello Troya > Pag 33

di Antonello Troya > Pag 34

di Domenico Martelli > Pag 29

di Antonio Cannone > Pag 40

Un duplice omicidio è stato commesso davanti al cancello dell’acquedotto di Scilla al quale si arriva percorrendo una piccola strada che sale dalla statale 18

Drammatica esecuzione di mafia Due giovani, uno dei quali minorenne, uccisi a colpi di pistola sparati da distanza ravvicinata REGGIO CALABRIA — E’ stata un’e-

secuzione di chiaro stampo mafioso, secondo i primi accertamenti degli investigatori, quella che è costata la vita a Vincenzo La Torre e ad un altro giovane, probabilmente minorenne. I due, infatti, sono stati uccisi nella serata di ieri con due colpi di pistola calibro 7.65 ciascuno sparati alla testa e da distanza ravvicinata. Il duplice omicidio è stato commesso davanti al cancello dell'acquedotto di Scilla al quale si arriva percorrendo una piccola strada che sale dalla statale 18. L'auto con la quale le due vittime sono giunte sul posto è una Fiat Panda di colore bianco intestata al padre di La Torre. La vettura era parcheggiata, chiusa e con i fari accesi. Insieme ai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria che conducono le indagini, è giunto anche il sostituto procuratore Francesco Tripodi. I corpi sono stati portati nell'obitorio dell'ospedale d Reggio Calabria. di Antonio Latella > Pag 37

L’IDEA

Dodici anni fa moriva Gianni Versace

COSENZA Conferenza stampa di Padre Fedele COSENZA — Il frate francescano davanti al tribu-

nale continua a motivare la sua difesa dichiarandosi innocente nel processo che lo vede coinvolto per presunte violenze. di Saverio Paletta > Pag 31

CROTONE Avvocato arrestato per favoreggiamento CROTONE — Un avvocato di Isola C. Rizzuto, Domenico Magnolia, è sta-

to arrestato su ordine della Dda di Catanzaro per favoreggiamento aggravato. Il 21 aprile scorso, secondo l'acusa, avrebbe aiutato due persone a sfuggire all'operazione "Ghibli". di Giuseppe Tetto > Pag 17

IL FATTO DEL GIORNO Sicurezza, Napolitano perplesso Lettera del Capo dello Stato ai ministri

SOVERATO

ROMA — Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha promulgato la legge sulla sicurezza approvata dal Parlamento il 2 luglio scorso, ma ha inviato al premier e ai ministri interessati una lettera in cui esprime «perplessità e preoccupazioni». Palazzo Chigi esprime «soddisfazione» e in un comunicato sottolinea che «le considerazioni del capo dello Stato saranno valutate attentamente».

SOVERATO — «Non sono attaccato alla poltrona». Il

Sinopoli: non sono incollato alla poltrona vicesindaco Teo Sinopoli ostenta tranquillità. Le voci su un imminente rimpasto di Giunta si fanno sempre più insistenti. Ma la notizia non lo scuote più di tanto. di Francesco Pungitore > Pag 26

APPUNTAMENTI/LAMEZIA TERME

CATANZARO

di Giuseppe Tetto

Grandi ospiti al Demofest

Fc Catanzaro, la Camera di Commercio replica

Ci sono personaggi che sono icone già da vivi e diventano vere e proprie leggende al momento della loro scomparsa. Poi se la morte risulta avere un qualcosa di inaspettato, controverso, misterioso si innesca un meccanismo strano, una miscela di vari elementi contrastanti che vanno a creare un cocktail esplosivo fino a ergere questi personaggi a veri e propri monumenti della storia. James Dean, Marilyn Monroe, Jim Morrison, (e la lista sarebbe ancora lunga) con le loro vite e poi con la loro dipartita sono un esempio lampante di questo. Ieri ricorreva il dodicesimo anniversario di uno di “loro”, uno dei miti, anche se a noi potrebbe risultare più caro e più vicino: parliamo di Gianni Versace. Ritenuto uno dei più grandi nomi della moda internazionale e italiana, lo stilista nato a Reggio Calabria il 2 dicembre 1946, a soli 51 anni venne assassinato sulla scalinata d’ingresso della sua villa di Miami il 15 luglio 1997 da Andrew Cunanan, un “prostituto” e presunto serial killer, accusato di aver ucciso alcuni suoi ex clienti, e per questo da tempo ricercato.

LAMEZIA — Dopo Rosa Martirano e la star cubana Augusto Enriquez, la

CATANZARO — «La Camera di Commercio di Catanzaro respinge con sde-

quarta edizione del "Lamezia Demofest" che si svolgerà a Lamezia Terme nei prossimi 23, 24 e 25 luglio condotta da Michael Pergolani e Renato Marengo, ospiterà anche Malika Ayane, Arisa e Roy Paci con gli Aretuska.

gno il tentativo di alcuni settori politici di strumentalizzare la questione del contributo alla Società Catanzaro Calcio». E’ quanto si legge in un comunicato della Camera di Commercio di Catanzaro.

> Pag 42

di Carmela Mirarchi > Pag 19

> Pag 2

SOVERATO

Arriva la prova del Dna quel corpo è di Bonifacio CATANZARO — La prova regina c’è. Il Dna riscontrato con l’esame sul cada-

vere carbonizzato rinvenuto nelle Preserre un anno fa, corrisponde a quello di Vincenzo Bonifacio, la guardia giurata scomparsa a febbraio del 2008. Dopo il responso della clinica universitaria “Umberto I” di Napoli, la scienza cede il passo alla fede e alla compassione. Oggi, alle 16, i funerali a Soverato, dove vivono moglie e figlio della vittima. Dopo più di un anno, i familiari ritrovano ciò che resta di questo padre, marito, figlio e fratello. La scomparsa di Vincenzo Bonifacio, guardia giurata originaria di Stalettì, risale al 15 febbraio del 2008. I carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro furono impegnati nelle ricerche dell’uomo, di cui si persero le tracce nella zona del Soveratese: Bonifacio, dipendente di un istituto di vigilanza di Catanzaro, quel giorno fece la raccolta di denaro in due istituti di credito di Montepaone e Soverato, poi si recò in un altro istituto a Chiaravalle. Da quel momento di lui non si seppe più nulla, fino al 24 febbraio, quando resti umani carbonizzati a lui poi ricondotti furono trovati fra le lamiere annerite di una Fiat Punto in località “Gionti”, nelle Preserre, tra Cardinale e Satriano. di Francesco Ciampa > Pag 22


Venerdì 17 Luglio 2009 Anno XII - Numero 195 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

S. N. ARCELLA

BELVEDERE

DIAMANTE

Chiuso il depuratore di Vannefora

Mare sicuro sigilli ad un lido

Truffa ed estorsione avvocato condannato

Nuovo sequestro della Procura della Repubblica

Provvedimento emesso dalla Procura di Paola

In Corte d’Appello 3 anni e 8 mesi di reclusione

di Emilia Manco > Pag 33

di Antonello Troya > Pag 33

di Emilia Manco > Pag 33

Un’inchiesta della Dda di Catanzaro condotta dai carabinieri del Ros che ha portato al sequestro di beni per 20 milioni di euro

Blitz del Ros, venti arresti a Cosenza Utilizzavano una strategia stragista finalizzata ad imporre il proprio predominio i componenti del “clan degli zingari” COSENZA — Utilizzavano una strategia

RAPPORTO SVIMEZ

stragista i componenti del “clan degli zingari”. Una strategia finalizzata ad imporre il proprio predominio sul territorio dell'Alto Ionio Cosentino, eliminando chiunque rappresentasse un ostacolo o per evitare pentimenti che avrebbero minato la solidità del clan. E poco importava se a cadere era un ragazzino di 16 anni. A fare luce sull'attività del clan e su una decina di omicidi è stata un'inchiesta della Dda di Catanzaro condotta dai carabinieri del Ros che ha portato all'arresto di 20 persone ed al sequestro di beni per 20 milioni di euro nell'ambito dell'operazione "Timpone rosso".

Loiero: drammatica questione meridionale ROMA — «Il divario tra Sud e Nord è aumentato e conferma il trend negativo degli ultimi dieci anni» è questo il dato ripreso da Loiero dopo la presentazione del rapporto annuale Svimez.

di Ludovico Casaburi > Pag 15

REGGIO CALABRIA Liberati 45 immobili sequestrati REGGIO CALABRIA — L’ultimo sfratto forzato, in ordine di tempo, è quello a carico di Antonio Cordì, 66 anni, di Locri: un fabbricato a quattro piani fuori terra di località “Calvi”, confiscato il 15 dicembre del 2006 ed assegnato alla locale amministrazione comunale.

di Antonello Troya > Pag 34 e 35

L’IDEA

Il caso Calabria, la resistenza di Loiero e le regionali del 2010 di Giuseppe Candido

“I partiti finanziati con le consulenze. De Magistris: fermato prima di arrivare alle stesse conclusioni”. “Politica e mazzette”. Con questi titoli sulla prima pagina di questo giornale, Alessandro Caruso ha sviscerato l'ultima inchiesta della Procura della Repubblica di Crotone sulle autorizzazioni alla costruzione di due centrali elettriche a turbo gas a Scandale e a Rizziconi. Sedici gli avvisi di garanzia e tra gli indagati figurano nomi eccellenti: l'ex ministro dell'ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, il parlamentare del PdL ex sottosegretario al ministero delle attività produttive Pino Galati, l'ex governatore della Calabria Giuseppe Chiaravalloti, l'ex assessore regionale al turismo Diego Tommasi. E così, di agenzia in agenzia, la notizia ha conquistato le pagine dei quotidiani nazionali. In una parola: il “caso Calabria”. Da “Why Not” passando per “Poseidone”e“Puma”sinoall'ultima inchiesta “elettrica” della procura crotonese, in Calabria non c'è politico locale che si rispetti senza almeno un avviso di garanzia o un rinvio a giudizio. A dicembre deflagrava il “casoDeMagistris”conloscontrotra le procure di Catanzaro e di Salerno con quest'ultima che sequestrava gli atti di Why Not. Poi il Csm mise “tutto a posto” con il trasferimento di molti magistrati. L'ex pm, oggi parlamentare europeo dell'Italia dei Valori venne pure lui trasferito con cambio di funzione. Oggi, quello stesso pm fa notare come “l'inchiesta di Crotone sta disvelando intrecci criminali già individuati nell'inchiesta Poseidone” da lui iniziata. Come dire: prima o poi i nodi vengono al pettine.

di Antonio Latella > Pag 36

IL FATTO DEL GIORNO Picchetto d’onore per Di Lisio La salma del militare è arrivata dall’Afghanistan

CATANZARO

ROMA — È atterrato alle 8.50 a Ciampino il C-130 dell’Aeronautica militare, che ha trasferito in Italia la salma di Alessandro Di Lisio. Il feretro del primo caporal maggiore ucciso martedì in un attentato nell’ovest dell'Afghanistan, è stato accolto tra gli altri dal presidente della Camera Gianfranco Fini, dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta e dal ministro della Difesa Ignazio La Russa.

CATANZARO — Grandi festeggiamenti ieri in onore

APPUNTAMENTI/SOVERATO

LAMEZIA TERME

Magna Graecia Film Festival, domani si parte

Insediato il nuovo CdA di Lameziaeuropa spa

SOVERATO — Sarà Valeria Marini a presentare la serata finale delle premiazioni, il prossimo 26 luglio, al Magna Graecia Film Festival. Lo ha annunciato ufficialmente il direttore artistico della kermesse, Gianvito Casadonte, nel corso della conferenza stampa che si è svolta ieri presso il Palazzo di Città.

LAMEZIA TERME — Presieduto da Marcello Gaglioti si è insediato il nuovo Consiglio di Amministrazione della società Lameziaeuropa spa nominato all’unanimità in occasione dell’ultima Assemblea degli Azionisti.

> Pag 43

di Carmela Mirarchi > Pag 27

S. Vitaliano, il messaggio del vescovo

POLITICA

De Magistris corregge Misiti partita aperta per le Regionali CATANZARO — Qualcuno: il coordinatore regionale di Idv, Aurelio Misiti, lo dà come prossimo a tornare in terra d’origine per la corsa alla presidenza della Regione Campania. Ma la smentita arriva tempestiva dal diretto interessato: è ancora Luigi De Magistris ad “arginare” Misiti. L’ex pm, in una nota, chiarisce che la guida della Campania non è nei suoi progetti: «Ho già detto che non mi candido», è la replica a Misiti, che ieri, in un comunicato, sosteneva la possibile corsa dell’eurodeputato per la presidenza campana. Il parlamentare europeo precisa anche altro: rinunciare alla corsa non significa stare a guardare. Al contrario, si è già al lavoro per la scelta di candidati lontani da “vecchie logiche”: «Non mi candido per le regionali in nessuna parte d’Italia, ma sto lavorando alacremente affinché - avverte De Magistris - l’Italia dei Valori impegni, per questa importante scadenza istituzionale, persone che hanno dimostrato con i fatti da che parte stare: donne ed uomini di assoluta valenza, capacità, onestà e trasparenza e che nulla devono avere a che fare con vecchie logiche di potere». Il messaggio sembra non lasciare spazio a dubbi: l’asse Di Pietro - De Magistris farà la voce grossa.

di Francesco Ciampa > Pag 17

del patrono di Catanzaro, San Vitaliano. La parte più importante della festa è stata come ogni anno la processione del Santo patrono per le vie del centro. di Carmela Mirarchi > Pag 20 e 21


Saba o 18 Lug o 2009 Anno X Numero 196 Euro 1 00

?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@

?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@ ?@@@@@@?f?@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@@

?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@ ?@@@@@g@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@

@@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@ @@@@@@

@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@ @@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@f?@@@@@g?@@@@@g?@@@@@hf@@@@@@@@@@@@@@@@@@g@@@@@@

@@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@?f@@@@@@@@@@@@hf?@@@@@@@@@@@@@@@@@hf@@@@@@@?f@@@@@?he?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@?g@@@@@?he?@@@@@

W2@@@@@@@@@6K? O2@@@@@@@@6Khf?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?hf?O2@@@@? ?O2@@@@@@@@@@6K? ?O&@@@0MeI4@@@@6X O2@@@@0M?I'@@@6Khe?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?h?@@@@@@@@@@@@? ?O2@@@@@@0MI4@@@@@6X ?@@@@@@?g?@@@@1hf?@@@@@@?fN@@@@@@?h?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?h?N@@@@@@@@@@@? @@@@@@@?g?@@@@1 J@@@@@@?g?3@@@@L?heJ@@@@@@?f?@@@@@@Lh?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@?he@@@@@@@@@@@? ?J@@@@@@5?g?3@@@@ 7@@@@?h?V'@@@1?he7@@@@?hI'@@@)X?gJ@@(M? ?@@@5? @@@@@? ?7@@@@@@H?g?N@@@@@@ ?J@@@@5?heN@@@@?h?J@@@@@?h?N@@@@1?g7@0Y ?@@@H? @@@@@? J@@@@@@@he@@@@@@ ?7@@@@H?he?@@@@@@?g?7@@@@@?he@@@@@?g@? ?@@@ @@@@@? 7@@@@@@@he@@@@@@ ?@@@@@hf?@@@@@@?g?@@@@@5?he@@@@@?g@? J@@5 @@@@@? @@@@@@@@he@@@@@@L? ?@@@@@hf?@@@@@@?g?@@@@@H?he@@@@@@@? 7@@H @@@@@? @@@@@@hf@@@@@@1? ?@@@@@ ?@@@@?g?@@@@@hf3@@@@@@? ?J@@@? @@@@@? @@@@@@hf@@@@@@5? ?@@@@@ ?@@@@?g?@@@@@hfN@@@@@@? ?7@? @@@@@? @@@@@@@@he@@@@@@H? ?@@@@@ ?@@@@Lg?@@@@@hf?@@@@@@? ?@@? @@@@@? 3@@@@@@@he@@@@@@ ?@@@@@ ?@@@@1f?@@@@@@@hf?@@@@@@? ?@5? @@@@@? N@@@@@@@he@@@@@@ ?@@@@@L?hf?@@@@@f?@@@@@@@hf?@@@@@@? W2@(Y? @@@@@? ?@@@@@@@L?g?J@@@@@@ ?@@@@@1?he?@@@@@@@f?@@@@@@@hf?@@@@@@? 7@@H @@@@@? @@@@1?g?7@@@@ ?@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@5hf?@@@@@@L @@@? @@@@@? 3@@@@?g?@@@@5 ?3@@@@@?heJ@@@@@@@f?@@@@@@Hhf?@@@@@@1 ?J@@@? @@@@@? V'@@@@@6KO2@@@@@(Y ?V'@@@@@6Kg?O&@@@@@@@f?@@@@@@?hf?@@@@@@@ O&@? @@@@@? ?V@@@@@@@@@@@@@@Y? N@@@@@@@@@@??@@@@??@@@@@f?@@@@@@?hf?@@@@@@@ ?@@@@? @@@@@? @@@@@@g@@@@@@ ?@@@@@@@@@@??@@@5??@@@@@f?@@@@@@?hf?@@@@@@@ J@@@5? @@@@@? @@@@@5g@@@@@@ I4@@@@@@@@@@@0Y??@@@@@f?@@@@@@?hf?@@@@@@@ 7@@@H? @@@@@? ?W2@@@@@(Yh@@@@@@ I4@@@@@@0Mf?@@@@@f?@@@@@@Lhf?@@@@@@5 ?J@@@5 @@@@@? ?7@@@@@0Y?h@@@@@@L? ?@@@@@f?@@@@@@1hf?@@@@@@H ?7@@@H @@@@@? ?@@@@@ @@@@1? ?@@@@@f?@@@@@@@hf?@@@@@@? ?@@@@? @@@@@? ?@@@@@ @@@@@? ?@@@@5f?@@@@@@@hf?@@@@@@? ?@@@@? @@@@@? J@@@@@ @@@@@? ?@@@@@@Hf?@@@@@@@hf?@@@@@@?hf?@@@@@@? @@@@@? 7@@@@@ @@@@@L ?@@@@@@?g?@@@@@hf?@@@@@@?hf?@@@@@@? @@@@@? @@@@@@ @@@@@1 ?@@@@@@?g?@@@@@hfJ@@@@@@?hf?@@@@@@? @@@@@? @@@@@@ @@@@@@ ?@@@@@@?g?@@@@@hf7@@@@@@?hfJ@@@@? @@@@@? @@@@@@ @@@@@5 ?W2@@?hfJ@@@@?h?3@@@@L?he@@@@@? 7@@@@? @@@@@? 3@@@@@ @@@@@H ?7@@@?hf7@@@@?h?N@@@@1?he@@@@@? @@@@@? @@@@@? N@@@@@ @@@@@? ?@@@@Lhf@@@@5?he@@@@@?h?J@@@@@? @@@@@? @@@@@? ?@@@@@ @@@@@? ?@@@@)X?h?J@@@@H?he3@@@@?h?7@@@@5? @@@@@? @@@@@? ?3@@@@ @@@@5? ?3@@@@1?hO&@@@5hfN@@@@@@?g?@@@@(Y? @@@@@? @@@@@? ?V4@@@@6X?g?W2@@@@0Y? ?N@@@@@?g?@@@@@@Hhf?@@@@@@?f?@@@@@@H @@@@@? @@@@@? @@@@1?g?7@@@@ 3@@@@?g?@@@@@@?hf?@@@@@@?f?@@@@@@? @@@@@? @@@@@? 3@@@@?g?@@@@5 V4@@@@@@@@@@@@@@0M ?I4@@@@@@@@@@@0M @@@@5? ?O2@@@@@@@@@@@@6K?hfV4@@@@@@@@@@@@@@0Y ?I4@@@@@@@0M I4@@@@@@0M @@@0Y? ?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ I4@@@@@@0M ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@ ?@@@@@g?@@@@@@@@@@?he?@@@@@@@f?@@@@@@@@@@@@@@@@@@@f?@@@@@@@

?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@? ?@@@@@@@@@@@@?f?@@@@@@?f?@@@@@hf@@@@@@@?

@@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@ @@@@@@g@@@@@@hf@@@@@@@@@@@@hf@@@@@?g@@@@@?g@@@@@@@@@@g?@@@@@@@@@@@@@@@@@

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

IONIO COSENTINO

BELVEDERE

COSENZA

SCALEA

COSENZA

La consorteria in mano agli Abruzzese

Mistorni: “Ugolino? Vecchia nomenklatura”

Giovane studente in manette per spaccio

Mare sporco “è un problema politico”

Nel Pd lotta per i posizionamenti

Trova o n possesso d 2 ch e mezzo d umo

rreno cosen no area or emen e co p a

n v s a de congresso b g s sch erano

Decap a o p ù po en e c an de a s bar de d An one o Troya > Pag 33

Un az one dec sa que a d G useppe M s orn d An one o Troya > Pag 34

d Saver o Pa e a > Pag 32

> Pag 35

d Domen co Mar e > Pag 30

Sgominato dalle Fiamme Gialle un traffico di cocaina che partiva dal quartiere Scampia di Napoli per giungere nella città del Catanzarese

Blitz antidroga a Reggio e Lamezia In riva allo Stretto un maxi carico di 46 chili di hashish bloccato prima di arrivare a Messina LAMEZIA TERME — Un traffico di co-

VIBO VALENTIA

caina che partiva dal quartiere Scampia di Napoli per giungere a Lamezia Terme, è stato sgominato dal Nucleo mobile della Guardia di finanza di Lamezia Terme, che ha arrestato quattro persone. Mentre a Reggio Calabria un carico di droga è stato bloccato dai Carabinieri prima che oltrepassasse lo Stretto per la dirimpettaia Messina. In tre sono finiti in carcere: il custode di 46 chili di hashish e di 12 grammi di cocaina e la staffetta che avrebbe dovuto precedere l’imbarco del “prezioso” carico.

Sequestri per 5 mln di euro V BO VALENT A — Con sche per 5 m on d euro

e nove denunce sono s a e e e ua e dag uom n de Comando Prov nc a e de a Guard a d F nanza d V bo Va en a d C aud a Ve one > Pag 18

STALETTI’ La protesta: «Copanello versa in pessime condizioni» STALETT — Esa az on ma eodoran a Copane o L do e s a o d degrado

di Bruno e Latella> Pag 27 e 36

de e s rade Una e era d denunc a che avvoca o Dan o Sorren a no me d numeros res den e v egg an d Copane o d S a e ha nv a o a s ndaco a Pre e o a aprocurade aRepubb ca a Aspea Arpaca

L’IDEA

Obama, il Darfur e il genocidio nel deserto d G useppe Cand do

Dopo G8 de Aqu a pas sagg o n A r ca d Barack Oba ma è s a o sa u a o come un mo men o s or co Un d scorso que o enu o ad Accra cap a e de o s a o de Ghana d cu g a r can sen vano b sogno an che se non sono s a a ron a em cruc a come genoc d o ches s aperpe uando nDar ur o come esodo de pro ugh so ma che n ques g orn a ar ma a o comm ssar a o per r ug a de e Naz on Un e Co me aceva no are Drew Hun shaw su ocquev e suo un co passagg o a e v o enze n Dar ur è s a o que o d a er mare che «quando c è un geno c d o ques o non è semp ce men e un prob ema amer ca no» Un passagg o roppo scar no che non ch ar sce a pos z o ne amer cana su emergenza n Dar ur e su es s enza o meno d un genoc d o n corso C s po eva aspe are d p ù da un pres den e amer cano e cu or g n r sa gono propr o a con nen e nero Era ec o sperare n qua che paro a n p ù sopra u o se s cons derano g scar n a u econom c s anz a da g o o grand duran e ver ce de Aqu a che come aceva no are G an An on o S e a sono veramen e una m ser a «C n que euro e 18 cen es m a anno per c ascun a r cano 43 cen e s m a mese» che se annunc a con a c ra d 20 m ard n re ann sembrano nvece una grande cosa Poco per c ma poch g a u econom c e po che anche e paro e su genoc d e su massacr a r can n corso

d Carme a M rarch > Pag 25

LA FOTO DEL GIORNO Indonesia, bombe negli hotel; 9 morti e 50 feriti Tra r coverat c sarebbero deg ta an

CROTONE

G ACARTA — L ombra de terror smo ha co p to d nuovo er

In dones a a meno 9 persone ra cu a cun stran er sono state uc c se e a meno 50 sono r maste er te da una dopp a esp os one n due grand hote d usso de a cap ta e G acarta Tra er t se condo a po z a oca e c sarebbero deg ta an La Farnes na prec sa F nora nu a d u c a e”

CROTONE — Un grande s r sc one con a scr a

IL CASO/ASSENZE PER MALATTIA

BORGIA

In netto calo l’assenteismo dei dipendenti pubblici

Agguato ai Cossari, chiesto il rito alternativo

Sono s a res no da a Pres denza de Cons g o de M n s r da re a v a ar ve az onesu eassenzeperma a ade d penden pubb c d g u gno 2009 In Ca abr a a var az one r spe o a o s esso mese de o scorso anno è r evan e Par endo da Comune d Pe a Po cas ro n cu s reg s ra un record d 84 9% no ad arr vare a e c à capo uogo Ca anzaro 40 6 Regg o 44 6 Cosenza 51 8 V bo 49 3 Cro one 24 9

CATANZARO — Per a d esa G useppe Cosco e Rober o Va eo non c en ra

DAVOLI

Inchiesta su paese albergo rito abbreviato per diciotto CATANZARO — Saranno u e g ud ca e con r o abbrev a o e 18 per sone co nvo e ne nch es a su presun ec conness a a rea z zaz one de Paese a bergo a Davo ne ca anzarese ne con ron de e qua a ora pm Lu g de Mag s r s avanzò una r ch es a d r n v o a g ud z o per rea che comp ess vamen e vanno da concorso n due d s n e po es d abuso d u c o v o az on ed z e concor so n una ru a aggrava a da 4 m on d euro ne amb o de Pro gramma opera vo reg ona e Por 2000 2006 I g p d Ca anzaro Cam o Fa vo ha ammesso er r a erna v che s erranno 19 novembre L nch es a condo a da Carab n er comprende no m na v d d c o o ndaga ra cu Cos mo Fem a ne a sua qua à d s ndaco de cen ro on co responsab e de u c o ecn co de o s esso Comune Carme o D Iorg c nque assessor de a sua g un a a cun unz onar reg ona e due d r gen che s sono succedu a a gu da de d par men o A v à produ ve Gug e mo Gr o e Ferd nando Bar aro > Pag 24

Legambiente lancia l’allarme “G ù e man da a cos a ” È gr do d a arme che Legamb en ehavo u or anc are noccas onede a appa ca abrese d Go e a Verde > Pag 18

no nu a con aggua o a cug n Cossar avvenu o a Borg a un anno a Per ra orzare a oro es g avvoca produrranno documen az one con re a ve per z e med che a g ud z o abbrev a o che avrà n z o 25 se embre d Francesco C ampa > Pag 24


Domenica 19 Luglio 2009 Anno XII - Numero 197 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

COSENZA

CARIATI

TREBISACCE

COSENZA

SOVERATO

Timpone Rosso intricati intrecci

Spiaggia sporca tolleranza zero

Gentile: sull’ospedale gravi responsabilità

I socialisti confermano: dissidenti su Oliverio

Il Comune adesso rischia il dissesto

Pepe e Abbruzzese al comando del “locale”

Un servizio a piedi di controllo del litorale

La chiusura dei reparti dopo l’intervento dei Nas

Il direttivo provinciale: non entriamo in giunta

L’opposizione attacca sui debiti per gli espropri

di Antonello Troya > Pag 28

di Antonello Troya > Pag 30

di Antonello Troya > Pag 30

di Saverio Paletta > Pag 25

di Gianni Calabretta > Pag 20

Giuseppe Mangone, presidente della Cia calabrese, commenta con amarezza i recenti dati della relazione Svimez sul Mezzogiorno

«Regione e banche frenano lo sviluppo» «Bilanci assorbiti da Sanità, Arssa e Afor. E per i giovani l’accesso al credito è un miraggio» CATANZARO — «Regione e banche

VIBO VALENTIA

bloccano lo sviluppo in Calabria». E’ la sintesi dell’analisi svolta da Giuseppe Mangone, presidente regionale della Cia, la confederazione italiana agricoltori, nel corso di una intervista che ha avuto come oggetto i recenti dati della relazione Svimez sul crollo economico, occupazionale e produttivo del Mezzogiorno. «Nessuna meraviglia da parte mia. Cosa si è fatto in questi anni per impedire che si arrivasse a tanto? Nulla! Purtroppo non si sono visti meccanismi di sviluppo tali da bloccare l’esodo delle nostre migliori intelligenze verso il Nord. D'altra parte, dal punto di vista degli investimenti, abbiamo una Regione che non destina nulla in tal senso».

Rapina e lesioni, in manette VIBO VALENTIA — I Carabinieri hanno arrestato a S. Costantino Calabro Fabio Antonio Buttafuoco, 20 anni. Il giovane è accusato dei reati di rapina e lesioni in concorso.

di Antonella Bruno > Pag 33

LOCRI Marijuana, servizio straordinario dell’Arma REGGIO CALABRIA — Una persona è stata arrestata e tre grosse piantagioni di marijuana sono state scoperte dai carabinieri della compagnia di Locri, nel corso di un vasto servizio straordinario finalizzato proprio ad individuare appezzamenti di terreno su cui viene coltivato lo stupefacente.

di Francesco Pungitore > Pag 15

di Antonio Latella > Pag 34

IL FATTO DEL GIORNO L’IDEA

In Cecenia chi racconta verità continua a morire di Giuseppe Candido

Il 7 ottobre del 2006 veniva assassinata a Mosca Anna Politkovskaya, la giornalista russa famosa in tutto il mondo per i suoi reportage sugli orrori della guerra in Cecenia e gli abusi compiuti dalle truppe federali. Putin aveva commentato l'omicidio di Anna con un freddo «non la conosceva nessuno». Oggi che fa notizia in tutto il mondo l'uccisione a Grozny, in Cecenia, di Natalia Estemirova, giornalista impegnata nella lotta alla repressione russa e a criticare la violazione dei diritti umani compiuti dalle forze dell'ordine del regime filorusso di Grozny del Presidente ceceno Kadyrov, le parole del nuovo Presidente Medvedev forse suonano meno fredde ai familiari, agli amici, alla stampa internazionale: si è dichiarato «indignato» Medvedev e ha dichiarato di voler punire i colpevoli «il più duramente possibile, visto che è evidente che l'omicidio è legato all'attività di difesa dei diritti umani della Estemirova». Anna Politkovskaya l'hanno uccisa sparandole prima al cuore e poi alla testa davanti casa sua alla periferia di Mosca, Natalia è stata freddata a Grzny con le stesse modalità: «ferite d'arma da fuoco al torace e alla testa». Come fosse questo il metodo “predisposto” per la strage di verità; un metodo che ricorda quello mafioso. > Pag 2

Influenza messicana, allarme in Italia Due casi sospetti anche a Lamezia Terme

LAMEZIA TERME

ROMA — Mentre i 50 studenti italiani contagiati dal virus della

LAMEZIA TERME — «Non può calare la notte sul cal-

nuova influenza a Londra, rientreranno oggi a Milano guariti, altri nove alunni di una scuola media di Pistoia, ritornati a casa dopo una vacanza studio in Inghilterra, sono stati trattenuti in ospedale perché affetti dal virus dell'H1N1. Due casi sospetti anche a Lamezia Terme.

cio professionistico a Lamezia Terme». La segreteria dell’Udc di Lamezia Terme interviene sul delicato tema della prima squadra calcistica cittadina.

APPUNTAMENTI/SOVERATO

PIZZO

Magna Graecia Film Festival, la colonna di Affidato

Guida contromano in Autostrada

SOVERATO — Al grande maestro crotonese Michele Affidato l'onore di rea-

lizzare la Colonna d'Oro del Magna Graecia Film Festival edizione 2009. «Una collaborazione - spiega lo stesso artista - nata sulla base di un rapporto di immensa stima con il direttore artistico della rassegna, Gianvito Casadonte».

VIBO VALENTIA — Pericolo scampato la notte scorsa in autostrada. Intorno alle 3.30, un giovane veniva segnalato da alcuni automobilisti in transito lungo l’autostrada A3 Salerno - Reggio Calabria, percorrere la stessa arteria tra gli svincoli di Serre e Pizzo contromano.

di Francesco Pungitore > Pag 42 e 43

di Antonella Bruno > Pag 33

VILLA SAN GIOVANNI

Albanesi corrieri della droga bloccati dopo un inseguimento REGGIO CALABRIA — Due presunti corrieri della droga albanesi sono stati arrestati dai carabinieri a Villa San Giovanni. I due, Osmani Julian, 27 anni, e Dedja Kodlan, di 26, viaggiavano a bordo di una berlina di grossa cilindrata a bordo della quale è stato rinvenuto, avvolto in un asciugamano, un panetto di mezzo chilo di eroina purissima. Il comportamento dei due giovani ha insospettito una pattuglia dei militari dell'Arma che ha imposto loro l'alt. Ma l'auto non si è fermata, accelerando improvvisamente per evitare il controllo. Ne è scaturito un inseguimento lungo le strade della cittadina dello Stretto affollate dai mezzi dei turisti diretti in Sicilia. I malviventi sono rimasti imbottigliati nel traffico nei pressi della stazione ferroviaria. Uno dei due ha immediatamente desistito, l'altro ha cercato di fuggire a piedi verso gli imbarchi per Messina ma, caduto a terra, è stato bloccato da un carabiniere. Julian e Kodlan sono stati arrestati per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente e messi a disposizione dell'autorità giudiziaria.

di Antonio Latella > Pag 35

L’Udc: salviamo la Vigor

di Claudia Vellone > Pag 23


Lunedì 20 Luglio 2009 Anno XII - Numero 198 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

AMANTEA

SCALEA

S. MARIA DEL CEDRO

CARIATI

ROSSANO

Rischia di annegare Salvata da un carabiniere

La Sorical taglia l’acqua al comune

La minoranza boccia il proprio bilancio

Pd, chieste le dimissioni di Fausto Sero

Disagi di ogni tipo sulla tratta ferroviaria

Tragedia sfiorata ieri mattina in località Coreca

La società vanta crediti per oltre 120 milioni di euro

Consiglio comunale con colpo di scena

Presa d’atto della sconfitta personale del segretario

Circa 200 persone stipate in condizioni incivili

di Antonello Troya > Pag 27

di Emilia Manco > Pag 27

di Tania Paolino > Pag 27

> Pag 25

> Pag 25

I dati della ricerca “Mare Monstrum 2009” sono stati resi noti in occasione del passaggio di Goletta verde a Crotone

Calabria, una terra di ecomostri «Il programma di demolizioni della Regione rappresenta un’importante presa di posizione» CATANZARO — «La Calabria è una re-

gione di ecomostri». E' quanto si afferma in una nota di Legambiente in cui si fa riferimento al dossier “Mare Monstrum 2009”. I dati della ricerca riguardanti la Calabria sono stati resi noti in occasione del passaggio a Crotone di Goletta verde. «Il cemento - si afferma nel dossier - continua a fare scempio delle coste calabresi. Con 461 infrazioni accertate, 517 persone denunciate e 169 sequestri effettuati, la Calabria conquista il terzo gradino del podio, confermandosi nel terzetto di punta della classifica delle regioni per abusivismo sul demanio marittimo. Una piaga che non risparmia nessuna delle province calabresi». Secondo Legambiente, «il primo passo annunciato dalla Regione Calabria per il ripristino della legalità è la demolizione “immediata” di nove ecomostri. Solo in due casi, però, sono effettivamente iniziate le demolizioni: il primo riguarda il cosiddetto ecomostro di Copanello di Stalettì, abbattuto per circa due terzi ed il secondo sono le villette di Rossano, demolite al 50%. Il programma di demolizioni messo in cantiere dalla Regione Calabria rappresenta un'importante presa di posizione a favore della legalità, in una regione dove nella gestione illegale del cemento spopolano le famiglie mafiose». di Claudia Vellone > Pag 12

L’INTERVENTO

Difendere Israele per difendere la libertà

LAMEZIA TERME Legge Lazzati, prosegue la discussione LAMEZIA TERME — Il giudice onorario di Cassazione, Romano De Grazia, ha approfondito la proposta di “legge Lazzati” ideata e proposta, sedici anni fa dallo stesso.

di Antonietta Bruno > Pag 20

REGIONE Pd, come si schierano i big di Calabria COSENZA — L’asse Minniti, Adamo, Bruno e Laratta da una parte contro

Loiero, Bova, Oliverio e Guccione dall’altra. Senza contare ancora Pirillo e Principe che stentano a prendere posizione e che potrebbero fare del tutto la differenza. È questa la griglia di partenza per il congresso nazionale del Pd. di Domenico Martelli > Pag 23

LA FOTO DEL GIORNO Borsellino, anniversario polemico In via D’Amelio cerimonia deserta e senza autorità

VIBO VALENTIA

PALERMO — Amarezza per il 17º anniversario dell'attentato a Paolo Bor-

VIBO VALENTIA — La sezione della polizia Stradale di

sellino. Commozione e tristezza alla manifestazione organizzata per rendere omaggio al giudice e alla scorta uccisi nella strage di 17 anni fa, ma anche l'amarezza della famiglia che ieri mattina non ha avuto vicini il calore dei cittadini e ha notato l'assenza dello Stato, di fatto rappresentato dal procuratore antimafia Piero Grasso e dalle autorità locali.

Vibo, ha rafforzato i servizi di controllo della circolazione stradale, ponendo attenzione agli incidenti causati dall’abuso di alcol e sostanze stupefaceni.

CALCIO/SERIE B

CATANZARO

Pagano, ultimo acquisto degli Amaranto

Giovino, una petizione per la strada della polvere

REGGIO CALABRIA — Biagio Pagano ha raggiunto il ritiro di Roccaporena sabato notte. Il centrocampista, prelevato dal Rimini, una volta conclusa la trattativa si è aggregato ai compagni ed oggi sosterrà la sua prima seduta di allenamento. L’operazione che lo ha portato in amaranto è stata piuttosto veloce.

CATANZARO — La petizione sulla strada della polvere di Giovino ha raccolte oltre 600 consensi in due ore e mezzo. La raccolta firme organizzata dal Movimento Catanzaro Marina e daal Coordinamento Cittadino Mpa, si è svolta ieri mattina lungo la spiaggia di Giovino.

di Angela Latella > Pag 38

> Pag 17

di Fiamma Nirenstein

La minaccia basilare che l'Iran pone al mondo non è solo quella nucleare, bensì quella di un rivolgimento ideologico che corrompe gradualmente, ma con rapidità, tutti i rapporti internazionali: nel linguaggio, nella narrativa storica adottata da molti paesi, nella idea stessa del destino di un mondo non più costruito sul rispetto della cultura dei diritti umani. Quando Ahmadinejad, il 20 aprile scorso, ha tenuto a Ginevra il suo discorso alla conferenza contro il razzismo detta Durban 2, tutti i paesi dell'Onu riuniti sapevano già benissimo cosa avrebbe detto, tanto che la protesta successiva di Ban Ki Moon e l'uscita dalla sala delle delegazioni europee (esclusa l'Italia, laGermania, la Polonia, l'Olanda che avevano giustamente rifiutato di partecipare alla conferenza) è risultata patetica. continua a pag. 13

CATANZARO

Discoteche, niente musica dopo le quattro di mattina CATANZARO — Niente più musica dopo le quattro del mattino su tutta la costa jonica catanzarese. Ieri mattina il mega blitz delle forze dell’ordine in molte discoteche delle provincia ha letteralmente paralizzato la movida calabrese. Polizia, Guardia di Finanza e Carabinieri in un’azione congiunta e mirata a far rispettare le regole hanno fatto irruzione in alcuni locali notturni del comune di Stalettì e di Soverato, sedi dei più frequentati club, ponendo fine alla nottata di sabato 18 luglio. Non senza proteste, però. Il popolo della notte, dall’assordante silenzio che la chiusura ha provocato, ha iniziato in maniera pacifica ad intonare cori per manifestare il proprio disappunto. Una decisione che, di fatto, mira a risolvere l’annosa questione delle stragi del sabato sera, che miete numerose vittime sulle strade italiane e calabresi. In molti, però, non la pensano così. Delusi, amareggiati e contro la propria volontà i giovani del Catanzarese hanno abbandonato i locali notturni prima dell’alba di ieri. Si potrebbe, dunque, parlare di provvedimenti restrittivi che limitano la libertà del cittadino?

di Claudia Vellone > Pag 16

Estate, aumentano i controlli

> Pag 30


Martedì 21 Luglio 2009 Anno XII - Numero 199 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

COSENZA

SCALEA

ROSSANO

COSENZA

SPORT/CALCIO

Timpone Rosso l’ascesa criminale

Rapinato un uomo nei pressi della Carime

Acquascooter impazzito fermato in mare

Orlandino Greco presidente del Consiglio

La nuova era del Catanzaro

Il ruolo di capi e reggenti del territorio di ’ndrangheta

Era intento a depositare l’incasso della giornata

La Guardia Costiera allertata dai bagnanti

Provincia, votato ieri l’esponente dell’Mpa

Dubbi e interrogativi di una svolta annunciata

di Antonello Troya > Pag 31

di Emilia Manco > Pag 33

di Antonello Troya > Pag 31

di Domenico Martelli > Pag 27

di Orlando Rotondaro > Pag 40

ALLARME SANITA’ Risultate positive al virus la ragazza proveniente dall’Inghilterra e sua madre, in ospedale da sabato scorso a Lamezia Terme

Sbarca in Calabria l’influenza suina Un altro giovane presenterebbe lo stesso quadro sintomatologico delle due ricoverate LAMEZIA TERME — E' risultata positiva al virus della nuova influenza la ragazza proveniente dall'Inghilterra ricoverata sabato scorso nel Reparto malattie infettive dell'ospedale di Lamezia Terme. Anche la madre della giovane donna, che si è presentata domenica mattina nel nosocomio, è risultata positiva ai test di laboratorio. La situazione, per ora, non viene giudicata critica.

REGIONE Scende in campo Occhiuto? COSENZA — Casini dal quotidiano “la Stampa”

manda a dire che in Calabria (col Pdl) l'Udc vuole correre direttamente per la presidenza della Regione. E la candidatura di Scopelliti? di Domenico Martelli > Pag 29

di Alessandro Caruso > Pag 15

AGROALIMENTARE

L’IDEA

Coldiretti: polveri al posto del latte

Un drappo verde per l’Iran

LAMEZIA TERME — «Una gran parte di latte che proviene dall'estero è rea-

lizzato con polveri bianche, che ovviamente non è latte appena munto». L'allarme è stato lanciato dal presidente della Coldiretti Calabria Pietro Molinaro in difesa della filiera agricola tutta italiana.

di Giuseppe Candido

“Ricordateilnostromartirio”.Èquesto ciò che ha scritto sul suo blog un giornalista iraniano prima che venisse cancellato, prima di scomparire tra le fosse del regime. Uno dei tanti blogger, uno dei tanti giornalisti arrestati dopo lecontestazionidelvotopresidenzialea Theran. Lo scorso 12 giugno, dopo quattro anni di dittatura, di usura del potere ed un bilancio economico fallimentare, Ahmadinejad è riuscito a farsi rieleggere con circa il 63% dei consensi. Oltre 24 milioni di voti che significa aver moltiplicato per cinque i 751.000 voti ottenuti nel 2005. Karrubi, uno dei suoi oppositori alle ultime presidenziali, avrebbe invece ottenuto, con i 330.000 voti che gli sono stati accreditati, un risultato 15 volte inferiore alla precedente tornata del 2005. Dopo il voto le manifestazioni di protesta della gente che è scesa in piazza al grido “dove è finito il mio voto” oscurate dal regime a dalle televisioni di stato, sono rimbalzate nel mondo mediante internet. Milioni di manifestanti a Theran e inprovinciahannourlatolapropriaindignazione per quello che considerano un furto dei propri voti. Ovviamente la mano del regime è stata dura: feriti, morti e dissidenti “desaparecidos” il bilancio. Sono molti, in effetti, gli elementi oggettivi che lasciano il dubbio che si sia di fronte ad un'imponente frode elettorale. “Il potere stesso – scrive Ahmad Salamation, ex deputato iraniano oggi in esilio – suppone ci siano stateirregolaritàsu3milionidivoti”.E ancora: “In base ad uno studio di Chathon House (Londra), in due province ci sarebbe stato più del 100% dei votanti”. Come dire che, per Ahmadinejad, hanno dato il loro voto pure i morti. Hachemi Rafsandjani, ex presidente iraniano dal 1989 al 1997 e oggi membrodelConsigliodeiguardiani,loscorso17luglio,durantelapreghieradelvenerdì alla quale erano presenti centinaia di migliaia di persone, ha attaccatoduramenteilregimediAhmadinejad conundiscorsochesorprendeglieloabbiano lasciato fare, da un palco e con un ruolo istituzionale così importante.

di Claudia Vellone > Pag 26

IL FATTO DEL GIORNO Nuova ondata di caldo Da oggi picchi di oltre 40 gradi

AMBIENTE

ROMA — Da oggi l’Italia sarà colpita da una nuova ondata di caldo con tem-

CATANZARO — «Ci risiamo, si apre in Calabria la questione “mare” e il governatore della Regione scarica le responsabilità». Ad affermarlo, in una nota, è la parlamentare del Pdl Angela Napoli.

Napoli: ci risiamo col mare sporco

perature che raggiungeranno picchi di oltre 40 gradi. L’alta pressione, spiega Andrea Giuliacci del Centro Meteo Epson, tornerà sulla nostra Penisola, e ci rimarrà per tutta la settimana. Almeno fino a sabato, quando splenderà il sole in gran parte dell'Italia, con temperature e afa che cresceranno.

di Ludovico Casaburi > Pag 16

APPUNTAMENTI/SOVERATO

ULTIM’ORA

Emanuele Bosi si racconta

Fusto sospetto rinvenuto in mare a Lamezia

SOVERATO — Emanuele Bosi. Domenica e lunedì è stato lui il protagonista del Magna Graecia Film Festival di Soverato. Prima sul palco dell’anfiteatro, dopo la proiezione del film di Riccardo Donna “Questo piccolo grande amore”. Poi, in conferenza stampa.

LAMEZIA TERME — Un fusto contenente rifiuti è stato avvistato sulla spiaggia di Gizzeria Lido, all'altezza di Capo Suvero. Inizialmente si è sospettato che il fusto di 200 litri contenesse del materiale altamente inquinate, poi, in base alle analisi spettroscopiche, eseguite del nucleo speciale dei Vigili del Fuoco, si è scoperto che all'interno del fusto erano stati stipati dei rifiuti.

di Francesco Pungitore > Pag 43

REGIONE

Giustizia, 2 milioni di euro per procure e tribunali CATANZARO — Avvicinare i cittadini alla giustizia, migliorando la comu-

nicazione e in generale l'efficienza degli uffici giudiziari. E' questo l'obiettivo del progetto interregionale e transnazionale "Diffusione di best practices presso gli uffici giudiziari italiani", che seguendo il modello e la strada intrapresa dalla Procura di Bolzano mira appunto a diffondere e trasferire le buone pratiche alle Procure e agli Uffici Giudiziari italiani. La Regione Calabria - informa una nota dell'Ufficio stampa della Giunta regionale partecipa all'iniziativa con un finanziamento complessivo di oltre due milioni di euro, provenienti dal Programma Operativo Regionale del Fondo Sociale Europeo 2007-2013, e ha già sottoscritto un protocollo d'intesa col Ministero della Giustizia, in attesa dei bandi per la messa a punto dei servizi che dovrebbero arrivare in autunno. Sono otto gli uffici calabresi che parteciperanno al progetto individuati dal Ministero della Giustizia: la Corte di Appello e il Tribunale di Reggio Calabria e la Corte di Appello di Catanzaro, le Procure della Repubblica di Palmi e di Catanzaro e il Tribunale di Castrovillari. di Ludovico Casaburi > Pag 16


Mercoledì 22 Luglio 2009 Anno XII - Numero 200 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

ROSSANO

COSENZA

TIRRENO COSENTINO

COSENZA

COSENZA

Ospedale sibaritide, incontro tra sindaci

Greco neo presidente del consiglio provinciale

Praia e Scalea regine di ecomostri

Caso Licursi, ambigua la deposizione in aula

Perugini e Bernaudo contro Naccari

Preoccupazione sui ritardi nell’accensione dei mutui

Il plauso dei circoli del Tirreno al sindaco di Castrolibero

Le reazioni ai dati della ricerca diramata da Legambiente

Appuntamento dell’udienza sulla morte del dirigente

I due sindaci scrivono all’assessore ai Trasporti

> Pag 31

> Pag 33

di Emilia Manco > Pag 33

di Domenico Martelli > Pag 29

di Oreste Parise > Pag 27

La ’ndrangheta del basso ionio reggino importava notevoli quantitativi di cocaina dal Sudamerica, attraverso la Spagna, e la piazzava sui mercati nazionali

Sgominata la cupola della droga Le 49 ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state eseguite nel nord Italia ed all’estero REGGIO CALABRIA — Un'organizza-

zione di trafficanti di droga legati alla ’ndrangheta reggina è stata sgominata nel corso della notte di ieri dalla Squadra Mobile della questura di Reggio Calabria che ha eseguito, in varie regioni d'Italia, 49 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip del tribunale della città calabrese. L'attività investigativa, durata alcuni mesi con il coordinamento dalla Dda, ha accertato il coinvolgimento di alcune cosche della 'ndrangheta che operano sul versante ionico della provincia reggina. La 'ndrangheta del basso ionio reggino importata notevoli quantitativi di cocaina dal Sudamerica, attraverso la Spagna, e la piazzava sui mercati italiani. L'operazione "Trovador" della Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria, che ha portato all'emissione di 49 ordinanze di custodia cautelare da parte de Gip del tribunale della città dello Stretto, ha confermato come la malavita organizzata del reggino, soprattutto nel settore del narcotraffico, riesce a consorziarsi per gestire questo milionario business. A controllare il traffico erano le famiglie Sergi - Marando - Triboli e Barbaro e quelle riconducibili al cartello Maesano - Pangallo - Paviglianiti, che già in passato, erano entrate al centro di indagini sul traffico di droga condotte dalla Direzione Dstrettuale Antimafia. di Antonio Latela > Pag 36 e 37

L’IDEA

Il Sud paralizzato si svuota delle sue migliori energie di Salvatore Barresi*

Avrei voluto scrivere il contrario, ma è chiaro che il Mezzogiorno stia scivolando nelle ultime posizioni della classifica europea e non riesca a recuperare terreno nei confronti delle regioni più sviluppate dell'Italia. Se le altre aree deboli dell’Unione Europea sono cresciute mediamente del 3% annuo dal 1999 al 2005, il Sud si è fermato a +0,3%, e in dieci anni dal 1995 al 2005 le regioni meridionali sono sprofondate nella classifica europea, situandosi in posizione comprese tra 165 e 200 su un totale di 208. Tutto questo ormai è scritto nel Rapporto sull'economia del Mezzogiorno elaborato dalla Svimez dove emerge che la dinamica dell'economia meridionale mostra un andamento stagnante rispetto a quella del Centro-Nord con un gap che non si riduce.

CATANZARO Irrompe in casa di anziani, arrestato CATANZARO — Vuole entrare a tutti i costi nella casa in cui lavora la donna a cui è legato sentimentalmente. Prima forza la saracinesca di un garage, poi fa lo stesso con la porta che collega il garage all’abitazione.

di Francesco Ciampa > Pag 20

VIBO VALENTIA Artigianato, in arrivo 46 milioni di euro VIBO VALENTIA — Quarantasei milioni di euro a sostegno dell’artigianato calabrese. Questa l’entità dei nuovi fondi regionali destinati al settore produttivo e che ha fatto sì che provincia di Vibo e le associazioni locali si mobilitassero per dare divulgazione alle opportunità di finanziamento.

di Antonietta Bruno > Pag 34

LA FOTO DEL GIORNO Coldiretti in piazza per la filiera agricola Almeno duemila persone nella manifestazione di Catanzaro

REGGIO CALABRIA

CATANZARO — Almeno duemila persone, secondo gli organizzatori, han-

no risposto all’appello dei vertici dell’organizzazione agricola Coldiretti che ieri mattina ha organizzato una manifestazione a sostegno della filiera agricola.

REGGIO CALABRIA — Sottoposto a confisca l’impero di Alfredo Ionetti, 76 anni, che già nell’aprile del 2008 aveva portato al sequestro del patrimonio, stimato 50 milioni di euro.

di Maria Teresa Folino > Pag 18

di Antonio Latella > Pag 35

Sequestri per 50 milioni di euro

APPUNTAMENTI CALABRIA

LAMEZIA TERME

“Una Voce per lo Jonio”, si parte

La protesta: stanchi del mare sporco

ISCA SULLO IONIO — Riapre le porte il Festival “Una Voce per lo Jonio”. Sabato 25 luglio taglierà il nastro il Tour 2009 da Nardodipace, in occasione della Festa della Madonnina. La serata vedrà in gara circa 12 concorrenti, 9 per la categoria Interpreti e 3 per la categoria Nuove Proposte.

LAMEZIA TERME — «Signor Loiero and Company, venite a tuffarvi nelle

di Claudia Vellone > Pag 42

> Pag 25

STALETTI’

A Copanallo un nuovo sistema di depurazione STALETTI’ — «Stalettì è nella Guida Blu del Touring Club e di Legambiente da

anni, perché l’amministrazione sta facendo tanto per questo territorio». Lo ha affermato il sindaco di Stalettì Narciso che ha convocato una conferenza stampa ieri per rispondere alle accuse rivolte alla sua amministrazione dai residenti e villeggianti di Copanello. «Anzitutto abbiamo abbattuto l’ecomostro di Copanello - ha esordito Narciso - che è stato demolito al 100% e non per i due terzi come ancora si suole leggere sulla stampa. Assisto poi ad una serie di articoli che mettono in risalto presunte negatività del territorio. Ma noi rispondiamo con i fatti. Stiamo realizzando a Copanello Lido un nuovo sistema di depurazione, laddove mancava la rete fognaria e stiamo potenziando il depuratore, perché possa sopportare un carico per una popolazione di 12 mila abitanti. Sempre a Copanello Lido abbiamo realizzato la raccolta delle acque bianche. Molte case ancora hanno gli scarichi fognari collegati ad una grossa vasca di collettamento, un vero e proprio enorme pozzo nero, che svuotiamo con autospurgo. E molti hanno i pluviali collegati alla rete fognaria. Questo non può succedere e dovrò certamente emettere un’ordinanza in questo senso». di Salvatore Taverniti > Pag 24

acque limpide del Sinus Lametinus della Calabria!». E’ questo l’invito provocatorio lanciato da Luigi Saladino, componente del Consiglio Nazionale Nuovo Psi.


Giovedì 23 Luglio 2009 Anno XII - Numero 201 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

CETRARO

FUSCALDO

ROSSANO

COSENZA

SPORT/CALCIO

Piantagioni di marijuana

Il sindaco: boicottano l’ente montano

Discarica Traforo l’opposizione attacca

Vallecrati, punto di non ritorno

La Reggina si carica con l’entusiasmo

Ben 1.517 virgulti sono stati estirpati

Chiesta la convocazione dell’assise consiliare

I sinonimi di degrado messi in evidenza

Assemblea dei sindaci del consorzio

I carichi di lavoro non frenano la voglia di A

di Antonello Troya > Pag 30

di Antonello Troya > Pag 30

di Antonello Troya > Pag 31

di Oreste Parise > Pag 27

di Angela Latella > Pag 38

Clamorosa operazione coordinata dalle Procure di Roma e Reggio Calabria. I locali della dolce vita romana di proprietà della potente cosca Alvaro

Le mani della ’ndrangheta sopra Via Veneto Nel blitz posti sotto sequestro beni per un valore di oltre 200 milioni di euro ROMA — Ai tempi della Dolce Vita era la meta privilegiata di star del cinema e paparazzi. Oggi il Café de Paris, locale storico di via Veneto, a Roma, torna in prima pagina ma per motivi che con il glamour non hanno nulla a che vedere. Secondo quanto accertato dalle Procure di Roma e Reggio Calabria il bar, così come molti altri locali del centro storico della Capitale, era di proprietà della ’ndrangheta e in particolare della potente cosca che fa capo a Vincenzo Alvaro. Nel blitz posti sotto sequestro beni per un valore di 200 milioni di euro.

SANITA’ Iorno: stabilizzazioni clientelari CATANZARO — «Si sono innescati elementi di abuso degli strumenti legislativi e si sono adottate forme opinabili di stabilizzazioni». L’accusa arriva dal segretario generale Fp Cgil Calabria, Alfredo Iorno.

di Francesco Pungitore > Pag 15

TAURIANOVA Bimba muore schiacciata da un cancello

di Antonio Latella > Pag 33

TAURIANOVA — Tragedia ieri mattina nel Reggino dove una bambina di 5

anni, Maria Carmela Astuto, è morta dopo essere stata travolta e schiacciata da un cancello di un’abitazione privata a Taurianova. La disgrazia è accaduta poco prima delle 11 in una zona vicina al locale ospedale.

L’IDEA

La lezione di Al Capone

di Carmela Mirarchi > Pag 34

IL FATTO DEL GIORNO

di Giuseppe Candido

“Le mani della 'ndrangheta sul Café de Paris”. “Sequestrati beni per oltre 300 milioni di euro alle cosche calabresi”. Sono solo le notizie più recenti. Fa notizia anche quella dei 49 arresti, in tutta Italia, operati dalla polizia di Reggio Calabria: “la droga della 'ndrangheta arrivava dal Sud America passando dalla Spagna; associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti i reati contestati agli affiliati alle famiglie calabresi”. Mike Gray, lo scorso aprile su “The Washington post”, analizzava il problema del traffico di sostanze stupefacenti: “Negli anni venti – scrive Gray – gli Stati Uniti hanno vietato il consumo di alcol. Il contrabbando è fiorito e la violenza è esplosa. Come oggi sulla droga”. Il messaggio è chiaro: il proibizionismo ha fallito allora come oggi risultano essere fallite tutte le politiche proibizioniste adottate a livello mondiale sulle droghe. E che il business di Al Capone fosse il frutto di una sciagurata politica proibizionista oggi non sfugge più a nessuno. Quello che resta ancora da assimilare è la seconda parte del messaggio: la stessa cosa accade con le droghe illegali che alimentano le mafie in tutto il mondo. > Pag 2

Retata anti cocaina, si attendono sviluppi Traffico Calabria-Lombardia gestito dai rom

REGIONE

CATANZARO — La droga veniva acquistata a Milano, nella Locride, nel Vibonese e veniva smerciata nelle piazze più “quotate” della città capoluogo giungendovi con svariati mezzi, anche con autobus di linea. Venti le misure cautelari emesse dal gip del Tribunale di Catanzaro.

CATANZARO — Oltre 5.300 nuovi assunti grazie al

di Francesco Ciampa > Pag 18 e 19

di Alessandro Caruso > Pag 13

Lavoro: 5.300 nuovi assunti programma regionale di “Sostegno all'incremento occupazionale”. E' questo il bilancio dei bandi predisposti dalla Regione Calabria.

APPUNTAMENTI/SOVERATO

LOCRI

Breve ma emozionante apparizione di Piovani

Utilizzava facebook per minacciare uomini in vista

SOVERATO — Sono bastati pochi minuti di esibizione per incantare il pubblico del Magna Graecia Film Festival, accorso numeroso martedì scorso per assistere alla consegna della Colonna d’Oro per la promozione del cinema italiano nel mondo al Premio Oscar Nicola Piovani.

REGGIO CALABRIA — Nel social network si spacciava Nicolas Sarkozy. Il Presidente della Repubblica francese, però, non c’entra con questa trovata di un uomo della Locride che, come ha accertato la polizia postale, utilizzava la piattaforma di facebook per minacciare personalità pubbliche.

di Oriana Tavano > Pag 41

di Antonio Latella > Pag 33

ROSARNO

Duro colpo al clan Bellocco evitata una guerra di mafia REGGIO CALABRIA — “Rosarno è nostro e deve essere sempre nostro… sennò

non è di nessuno”. Quando le ha pronunciate, Umberto Bellocco, diciotto anni lo scorso 11 maggio, non avrebbe mai immaginato che queste sue parole, tutt’altro che famose, sarebbero rimaste indelebili su un nastro inciso della polizia. Una frase che ha dato lo spunto per lumeggiare su una situazione pericolosa e prodromica ad uno scontro armato nell’ambito della ‘ndrangheta che opera a Rosarno e nelle sue articolazioni emiliano romagnole. L’attento orecchio delle Squadre Mobili delle Questure di Reggio e Bologna e del commissariato di Gioia Tauro, ha impedito una nuova mattanza chiedendo ed ottenendo un fermo di polizia giudiziaria nei confronti di otto persone. L’indagine, coordinata dalle direzioni distrettuali di Reggio e Bologna, ha messo in evidenza come il presunto capo di questo potente clan di Rosarno, in affidamento ai servizi sociali, sfruttasse questo suo status per coordinare dalla città felsinea l’attività dei suoi sodali. Le persone sottoposte a fermo sono Rocco Bellocco, 57 anni, Domenico Bellocco (32), Domenico Bellocco (29), Umberto Bellocco (18), Rocco Gaetano Gallo (56), Maria Teresa D’Agostino (50). di Antonio Latella > Pag 32


Venerdì 24 Luglio 2009 Anno XII - Numero 202 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

BELMONTE

AMANTEA

SCALEA

COSENZA

ROSSANO

Sigilli a 4 strutture sul demanio marittimo

Pericoloso incendio in un appartamento

Sostegno ai bisognosi e i soldi del Comune?

Adamo e Pirillo: giù le mani da Petramala

Sequestrata droga tre in manette

Controlli mirati in materia ambientale

L’intervento della Forestale ha limitato i danni

Denunciato il disagio dei cittadini richiedenti

Il direttore dell’Asp difeso dagli esponenti Pd

Attività condotta dai finanzieri

di Antonello Troya > Pag 30

di Antonello Troya > Pag 30

di Emilia Manco > Pag 31

di Saverio Paletta > Pag 27

di Antonello Troya > Pag 32

OMICIDIO NEL CATANZARESE Si sentiva perseguitato Alessandro Olivo, 32 anni, giovane disoccupato di Sellia Marina

Ammazza il vicino con 26 coltellate La vittima è Santo Scumace, pensionato di 72 anni. «Non lo sopportavo più» CATANZARO — Lo ha colpito con 26

VIBO VALENTIA

coltellate. Ha scaricato contro di lui la rabbia che avrebbe covato dentro. Si sentiva perseguitato Alessandro Olivo, 32 anni, giovane disoccupato di Sellia Marina, in provincia di Catanzaro. Per questo ha deciso di uccidere Santo Scumace, pensionato di 72 anni. I due abitavano in uno stabile di alloggi popolari di località Calabricata. Ed è qui che Olivo è entrato in azione. La scorsa notte, poco prima delle 3, il giovane ha raccontato di aver sfondato una porta secondaria dello stabile dove l'anziano dormiva. Si è scagliato con rabbia e ha inferto le 26 coltellate.

Droga, brillante operazione VIBO VALENTIA — Una persona arrestata, oltre quattro chilogrammi di droga sequestrati: è il frutto di un'operazione dei carabinieri della compagnia di Tropea tesa a reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti.

di Carmela Mirarchi > Pag 33

CAULONIA Evade per curare l’orticello di marijuana REGGIO CALABRIA — Evade dai domiciliari per prendersi cura di una piccola piantagione di canapa indiana. Ma la sua “fuga” si è conclusa in modo inaspettato. In contrada “Migliuso” di Caulonia, Guglielmo Dimasi, 42 anni, è stato “pizzicato” proprio mentre era impegnato ad accudire le sue piantine...

di Carmela Mirarchi > Pag 16

di Antonio Latella > Pag 35

L’IDEA

L’Italia e il nucleare obbligatorio di Giuseppe Candido

Dopo l'accordo italo francese del febbraio scorso sull'acquisto di centrali atomiche, il mega pacchetto “anti crisi” varato dal Governo nei giorni scorsi, ha confermato il “ritorno alla grande” dell'Italia al nucleare. E dopo l'ultima lettura in Senato possiamo metterci una pietra sopra: il nostro paese torna a “giocare” con l'atomica e coi rifiuti radioattivi. Alla faccia del referendum del 1987 e delle scritte “Paese denuclearizzato” sui cartelloni stradali di alcuni comuni. I siti di stoccaggio delle scorie probabilmente saranno “militari e segreti”. Il governo avrà sei mesi per predisporre la normativa tecnica necessaria alla localizzazione dei siti su cui sorgeranno le cinque centrali nucleari che l'Italia costruirà nei prossimi due decenni. E fanno preoccupare le dichiarazioni di Adolfo Durso, vice ministro allo Sviluppo Economico e fervido sostenitore del ritorno al nucleare, quando afferma che «le strutture potrebbero sorgere negli stessi luoghi dove già esistevano in passato». Nel pacchetto è contenuto infatti un mandato che dà il potere al governo di ribaltare la scelta referendaria degli italiani e illuderli che il nucleare risolverà tutti i nostri problemi di dipendenza energetica. > Pag 2

IL FATTO DEL GIORNO Regione, i risultati del Por in un manifesto Campagna di comunicazione sui fondi Ue già spesi

SOVERATO

CATANZARO — Parte l’operazione trasparenza della Regione sui fondi europei. Per sapere come questi soldi sono stati spesi o quali ricadute hanno avuto per il nostro territorio basterà guardarsi un po’ intorno. La risposta la troveremo in una serie di mega manifesti murali che inonderanno strade e piazze.

SOVERATO — Una task force di intervento per superare l’emergenza idrica a Soverato. Dopo le proteste adesso il sindaco Raffaele Mancini si è dato una scadenza ben precisa: 48 ore.

di Francesco Pungitore > Pag 15

di Francesco Pungitore > Pag 23

Emergenza idrica, lavori straordinari

APPUNTAMENTI/SOVERATO

REGGIO CALABRIA

E ora al Festival arriva Valeria Marini

Nascondeva armi in casa

SOVERATO — Continua il successo del Magna Graecia Film Festival. L’avvicendarsi di attori e attrici sul palcoscenico della Villa Comunale è accompagnato da una crescente partecipazione di pubblico. Grande attesa in vista della consegna dei premi, prevista per domenica. Presenterà Valeria Marini.

REGGIO CALABRIA — Un giovane di trentadue anni è finito in carcere per de-

> Pag 41

di Antonio Latella > Pag 35

CROPANI

Violenza sessuale a medico L’indagato non risponde CATANZARO — Si è avvalso della facoltà di non rispondere l’uomo accusato di violenza sessuale e lesioni personali ai danni di una guardia medica in servizio a Cropani. Ieri mattina l’indagato - P. S., 45 anni, di Sersale residente a Cropani - è stato sottoposto all’interrogatorio di garanzia davanti al gip del Tribunale di Catanzaro e la difesa (l’avvocato Domenico Pasceri) ha scelto la via del silenzio in attesa che il giudice fissi (forse la prossima settimana) l’incidente probatorio - già richiesto dal pubblico ministero - per stabilire se sussiste lo stato di infermità mentale: ipotesi, quest’ultima, che se avallata aprirebbe le porte alla non imputabilità. I fatti contestati si sarebbero consumati la notte del 12 giugno nello studio di guardia medica attivo a Cropani (Cz). Secondo la ricostruzione degli investigatori, l’uomo ha bussato alla porta dell’ambulatorio dicendo che doveva farsi misurare la pressione e non appena entrato si è scaraventato contro la dottoressa che si trovava di turno. Il presunto abusante ha trattenuto con la forza la donna facendola cadere a terra, poi si è lanciato sulla malcapitata costringendola a subire baci sul viso e sul collo, mordendola su una guancia e cercando di sollevargli la maglia.

di Francesco Ciampa > Pag 18

tenzione di arma clandestina. L’arreso di Alessandro Granato, operato dalla polizia, è giunto nel contesto di uno dei tanti servizi disposti dal questore Carmelo Casabona ed eseguito delle varie articolazioni della questura reggina.


Sabato 25 Luglio 2009 Anno XII - Numero 203 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

COSENZA

S. DEMETRIO

SQUILLACE

COSENZA

COSENZA

Depuratori, ipotesi di disastro ambientale

Notte d’incendi nel comprensorio

Archeologia, scoperta una città sommersa

Franco Bruno diffida: ecco la lettera

Vallecrati, intervengono Adamo e Principe

L’emergenza sul Tirreno diventa un caso penale

Lunga notte di fuoco e scatta la mobilitazione

I fondali nascondono manufatti e lapidi

Il segretario provinciale Pd sospende chi non si è candidato

La situazione del consorzio al centro del dibattito

di Emilia Manco > Pag 34

di Antonello Troya > Pag 32

di Salvatore Taverniti > Pag 25

di Domenico Martelli > Pag 29

di Oreste Parise > Pag 30

OMICIDIO NEL SOVERATESE Agguato contro un 35enne caduto sotto numerosi colpi d’arma da fuoco che non gli hanno lasciato scampo

Massacrato a colpi di fucile Qualcosa potrebbe essersi spezzato negli equilibri interni delle cosche del Basso Jonio catanzarese CATANZARO — Qualcosa potrebbe essersi spezzato negli equilibri interni delle cosche del Soveratese. Venti giorni fa l'omicidio di Vincenzo Varano, sorvegliato speciale freddato a Isca sullo Jonio, la scorsa notte quello del nipote, Luciano Bonelli, 35 anni, anch'egli noto alle forze dell'ordine. Due omicidi sui quali i carabinieri della Compagnia di Soverato e del Reparto operativo provinciale di Catanzaro stanno verificando ogni possibile collegamento. Bonelli è stato ucciso la scorsa notte, dopo la mezzanotte, mentre rientrava in casa nel centro abitato di Sant'Andrea sullo Jonio, un paese a pochi chilometri di distanza da quello dove è stato ucciso lo zio. Contro il giovane sono stati esplosi alcuni colpi di fucile, che non gli hanno lasciato scampo. Un agguato in piena regola, compiuto da uno o più killer pronti a tutto. Bonelli era noto alle forze dell'ordine, che solo pochi giorni fa lo avevano arrestato con l'accusa di furto di legname. Un piccolo episodio, sul quale i militari dell'Arma hanno escluso eventuali collegamenti con l'omicidio. Nella giornata di ieri, intanto, le forze dell'ordine hanno ascoltato parenti e amici della vittima, sia per ricostruire i rapporti tra zio e nipote, sia per comprendere i rapporti che la vittima aveva con alcuni personaggi della zona. Per ora nessuna pista è stata esclusa dagli inquirenti, ma quel che appare certo è che l'ambiente in cui è maturato questo omicidio è assolutamente legato con quello della criminalità organizzata, con Bonelli che potrebbe avere compiuto qualche sgarro pagato con la morte.

LAMEZIA TERME Colpo alla cosca Giampà La Polizia di Stato e la Guardia di Finanza hanno proceduto al sequestro dei beni dei confronti di soggetti pregiudicati, uno dei quali ritenuto vicino alla cosca “Giampà” di Lamezia Terme. di Carmela Mirarchi > Pag 27

SELLIA MARINA Quale movente dietro le coltellate? CATANZARO — Quale movente dietro le 26 coltellate al vicino di casa, amico, compagno di tante serate insieme a cena? Oggi il trentaduenne Alessandro Olivo (difeso da Piero Chiodo) comparirà davanti al gip per l’udienza di convalida del fermo.

di Francesco Ciampa > Pag 23

IL FATTO DEL GIORNO Incidente stradale nel Catanzarese, un morto Tre feriti gravi sono stati trasportati in ospedale

CATANZARO

BORGIA — E' di un morto e tre feriti molto gravi il bilancio di un incidente stradale che si è verificato ieri sera sulla provinciale che dalla statale 106 conduce a Borgia, un centro alle porte di Catanzaro. Sul posto sono intervenute le ambulanze del 118, i Vigili del fuoco e i carabinieri della Compagnia di Girifalco.

CATANZARO — Il dirigente generale del Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria, Rocco Leonetti, é stato aggredito da un gruppo di operai forestali provenienti da Africo ed altri centri della Locride.

di Carmela Mirarchi > Pag 19

di Carmela Mirarchi > Pag 18

Dirigente regionale aggredito

APPUNTAMENTI/CATANZARO

SOVERATO

La stagione del Politeama

Garko e Scamarcio in città

CATANZARO — Si accendono i riflettori su una straordinaria programmazione del teatro Politeama di Catanzaro. Nella conferenza stampa di ieri per la presentazione della nuova stagione artistica 2009 - 2010, si è aperto il sipario su un programma di reale prestigio, che nobilita l’anima culturale della città.

SOVERATO — Gabriel Garko e Riccardo Scamarcio star del Magna Graecia Film Festival di Soverato. Per tutta la giornata di oggi riflettori puntati sulla graziosa croisette calabrese, dove arriveranno i due “belloni” del cinema di casa nostra. La corsa all’autografo è garantita.

di Alessandro Caruso > Pag 53

di Francesco Pungitore > Pag 54

di Carmela Mirarchi > Pag 19

COSENZA

FABRIZIA

Sequestro di beni per 25 milioni di euro

Consiglio comunale sciolto per mafia

COSENZA — La Guardia di Finanza ha sequestrato, nel Cosentino, beni per un ammontare stimato in oltre 25 milioni di euro. L'operazione scaturisce da una vasta attività investigativa, delegata al Gico della Guardia di Finanza di Catanzaro ed al Servizio centrale investigazioni sulla criminalità organizzata di Roma dal procuratore della Repubblica di Catanzaro, Vincenzo Lombardo, e dal pubblico ministero della Ddda Vincenzo Luberto. Le attività e i beni sequestrati sarebbero riconducibili a due noti esponenti di 'ndrangheta del coriglianese, Maurizio Barilari, 40 anni, e Fabio Falbo, 37 anni, entrambi recentemente arrestati per concorso in omicidio volontario ed associazione per delinquere di stampo mafioso nell'ambito dell'operazione Timpone Rosso, eseguita dal Ros dei Carabinieri.

FABRIZIA — Il Consiglio dei Ministri ha deliberato ieri, su proposta del ministro dell’Interno, Roberto Maroni, lo scioglimento per infiltrazioni mafiose, del consiglio comunale di Fabrizia. Sul civico consesso, secondo quanto appurato dal Consiglio dei Ministri, penderebbero accertate forme di condizionamento malavitoso da parte della locale criminalità organizzata. Un’informazione di garanzia in cui si ipotizzava il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, era stata notificata al sindaco di Fabrizia già nel 2008. Il provvedimento all’epoca, era stato emesso dal pm della Dda di Catanzaro, Marisa Manzini, nell’ambito delle indagini condotte dai carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno, che nel giugno precedente portarono all’esecuzione di sette fermi, poi convalidati e trasformati in ordinanze di custodia cautelare.

di Saverio Paletta > Pag 30

di Antonella Bruno > Pag 35


Domenica 26 Luglio 2009 Anno XII - Numero 204 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

SCALEA

TREBISACCE

CROTONE

REGGIO CALABRIA

SPORT/CALCIO

La violentano e filmano la scena

Incidente stradale muore un 29enne

Minorenne ferito arrestato lo zio

Mega piantagione di marijuana

La Reggina attende i nuovi acquisti

In vacanza in Calabria un giovane coinvolto nel caso

Sulla statale 106 scontro tra camion e furgone

Avrebbe ferito il nipote per cause accidentali

Brillante operazione dei militari dell’Arma

La saracinesca amaranto si chiama Cassano

di Emilia Manco > Pag 28

di Antonello Troya > Pag 30

di Antonella Bruno > Pag 34

di Antonio Latella > Pag 33

di Angela Latella > Pag 38

EMERGENZA INFLUENZA SUINA Ragazzi calabresi contagiati dal virus in un college nel Sud Ovest dell’Inghilterra

Venti 15enni di Vibo bloccati a Bristol In isolamento e sotto stretto controllo medico, gli studenti stanno reagendo positivamente alla terapia VIBO VALENTIA — Venti ragazzi di Vi-

bo Valentia tra i 14 e i 15 anni sono bloccati da alcuni giorni in un college di Bristol, nel Sud Ovest dell’Inghilterra. Per tutti loro si sospetta un contagio da virus H1N1, la famigerata influenza suina. Il condizionale, però, è d’obbligo. Secondo fonti più che attendibili, la patologia sarebbe stata accertata solo presuntivamente sui giovani vibonesi, senza effettuare il tradizionale prelievo di secrezioni respiratorie con il tampone. I sintomi manifestati, però, hanno evidentemente indotto le autorità sanitarie del luogo a non correre rischi e ad attivare comunque i rigidi protocolli previsti dalla pandemia. Sei ragazzi sono stati immediatamente sottoposti alla terapia con il Tamiflu, il principale farmaco utilizzato nel trattamento e nella profilassi dell’influenza A e B. Una 15enne è stata ricoverata in ospedale per un controllo medico più approfondito. Ma, a quanto pare, sarebbe tornata a Bristol dopo poche ore. Altri undici ospiti del college non hanno, per ora, manifestato febbre, mentre per gli altri soggetti cui è stata riscontrata una certa alterazione della temperatura corporea non si è reso necessario il trattamento con l’antivirale. Al momento, tutti sono tenuti in isolamento nelle stanze dell’istituto dove si erano recati per un soggiorno-vacanza a scopo di studio. Solo pochi giorni fa, a Lamezia Terme, erano stati accertati due casi di contagio da nuova influenza: una ragazza appena rientrata dall’Inghilterra e sua madre. In Calabria, del resto, così come in ogni altra regione, lo stato d’allerta è alto fin da quando, nel giugno scorso, l’Organizzazione mondiale della sanità ha proclamato lo stato di “pandemia”.

CATANZARO Zimatore traghetta la As Roma CATANZARO — Sarà il prof. catanzarese Attilio Zi-

matore, Ordinario di Diritto Privato presso la Facoltà di Giurisprudenza della Luiss, il traghettatore della Roma dalla gestione Sensi alla nuova proprietà. di Carmela Miraarchi > Pag 17

LAMEZIA TERME Arrestati due marocchini LAMEZIA TERME — Continua l’attività di controllo sul territorio da parte

delle forze dell’ordine e in particolar modo, quella operata dai militari dell’Arma per reprimere il crescente fenomeno dell’immigrazione clandestina e dei reati contro il patrimonio. di Antonella Bruno > Pag 24

IL FATTO DEL GIORNO Il Pdl: la Regione chieda scusa Il mare sporco al centro del dibattito politico

BADOLATO

CATANZARO — «Dopo quattro anni di gestione commissariale di governo della Regione la situazione del mare calabrese è ancora peggiorata». Lo affermano in una nota congiunta il coordinatore regionale e il vicario del Pdl calabrese, Giuseppe Scopelliti e Antonio Gentile.

BADOLATO — Un ragazzo di 15 anni ha perso la vita

di Carmela Mirarchi > Pag 14

di Carmela Mirarchi > Pag 14

Muore a 15 anni ieri in un incidente stradale che si è verificato sul lungomare di Badolato Marina, in provincia di Catanzaro. Il giovane si trovava alla guida di uno scooter.

APPUNTAMENTI/L’INTERVISTA

REGIONE

Alessia, dalle sfilate alla laurea in Chimica

Senza volerlo Franco Bruno ricandida Loiero

CATANZARO — Bella, simpatica, solare, intelligente. Alessia Ca-

massa è una modella calabrese dalle mille qualità. Ha tanti sogni e tre solide certezze: laurea, lavoro e famiglia. In una intervista si racconta per “il Domani”.

COSENZA — Il segretario provinciale di Cosenza del Pd, alzando la posta in gioco sul congresso nazionale di ottobre, ha finito per rendere imbattibile il Governatore se dovesse vincere Bersani.

di Francesco Pungitore > Pag 54

di Domenico Martelli > Pag 27

di Francesco Pungitore > Pag 15

LAMEZIA TERME

SOVERATO

Beni per 500 mila euro sequestrati ai clan

In città manca l’acqua Mancini: mi dimetto!

LAMEZIA TERME — Gli uomini dell'ufficio misure di prevenzione della questura di Catanzaro, assieme ai militari della Guardia di Finanza del gruppo di Lamezia Terme, hanno sequestrato beni mobili ed immobili per un valore complessivo di oltre 500 mila euro, sulla base di due decreti emessi dalla sezione misure di prevenzione, presieduta dal giudice Pietro Scuteri, del tribunale di Catanzaro, su richiesta del questore di Catanzaro, Arturo De Felice. Il sequestro è stato eseguito nei confronti di Antonio Salatino, 43 anni, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, e di Vincenzo Tino Giampà, alias "Camacho", 41 anni, attualmente detenuto nella casa circondariale di Melfi. Del sequestro dei beni è stata data notizia nel corso di una conferenza stampa.

SOVERATO — A Soverato manca l’acqua. Da giorni. Un problema che non si riesce a risolvere. Ed allora ecco che il sindaco, Raffaele Mancini, annuncia a sorpresa le sue dimissioni «per protesta». Una decisione clamorosa che il primo cittadino intende formalizzare domani. «Da quando il servizio idrico è stato privatizzato - sottolinea Mancini - sono iniziati i problemi. La Sorical ci chiede soldi in continuazione, ma che risposte dà, in cambio, ai cittadini? La situazione - continua il sindaco - oggi come oggi è molto difficile in città. Abbiamo richiesto l’ausilio di autobotti perchè i rubinetti restano a secco un po’ in tutti i quartieri, con qualche piccola eccezione. C’è stato un tentativo di aumentare la portata dai pozzi dell’Ancinale ma il quadro elettrico non ha retto ed è saltato. Dunque, invece di migliorare la situazione è peggiorata».

di Antonella Bruno > Pag 23

di Francesco Pungitore > Pag 22


Lunedì 27 Luglio 2009 Anno XII - Numero 205 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

COSENZA

TORTORA

S. N. ARCELLA

S. G. IN FIORE

RENDE

Jonio pulito lo dice l’Arpacal

Blocchi di cemento sul lungomare

Mare e servizi l’ira della consulta

Abbazia, manovre oscure per l’appalto?

Nasce il sindacato dei Forestali

Realizzato il rapporto sui campioni ambientali

Si ironizza in paese sui nuovi manufatti

Lettera aperta dei non residenti

Sull’argomento interviene Sonia Alfano (Idv)

Per la prima volta un simile organismo

di Antonello Troya > Pag 28

di Martino Ciano > Pag 27

di Emilia Manco > Pag 27

di Saverio Paletta > Pag 24

di Oreste Parise > Pag 23

Il sottosegretario leghista alla Salute Francesca Martini spara a zero contro la Calabria dalle colonne della “Padania”

«Sanità, conti che gridano vendetta» Secondo le ultime indicazioni del Welfare la Regione sarà sicuramente commissariata in autunno CATANZARO — L’autunno “nero” della Sanità calabrese. Molto più di una semplice ipotesi. Dopo Lazio, Abruzzo, Campania e Molise, anche la nostra regione si unirà al gruppo dei “commissariamenti” disposti dal Governo. Lo si capisce subito leggendo le indiscrezioni emerse dal documento riservato che il Ministero del Welfare ha elaborato per analizzare i buchi dei sistemi sanitari del Belpaese. E la Calabria ne esce con le ossa rotte. «Dal punto di vista finanziario - scrive Luisa Grion su Repubblica - risultano non coperti 156 milioni di euro, ma la battuta che circola al Welfare è che in Calabria i conti si tramandano per tradizione orale». Insomma, a parere dei funzionari ministeriali, la situazione reale è peggiore di quella contabilizzata. Ultima per la qualità dell’assistenza e per i pagamenti alle imprese fornitrici (il saldo avviene dopo 661 giorni, ovvero due anni), la nostra regione “vanta” una situazione «che grida vendetta». Parole del sottosegretario alla Salute Francesca Martini in una intervista alla Padania. «Mi aspetto un commissariamento in tempi brevissimi anche della Sanità in Calabria» ha detto l’esponente leghista. «Le carte parlano più di ogni altra cosa - ha continuato. - Il Sud ha zone con una criticità pazzesca, altri interventi sono imminenti». E per la serie «basta alibi» ci ha pensato Gian Antonio Stella, sul Corriere della Sera, a stroncare definitivamente le speranze di Loiero & Co. di evitare la scure berlusconiana. ««Lo sfascio della Sanità al Sud ha scritto - va messo in carico soprattutto ai politici, agli amministratori ed ai tecnici meridionali». Tra i casi emblematici evidenziati dal Corsera, spicca Vibo Valentia.

SOVERIA MANNELLI Caligiuri: auguri, Cossiga! SOVERIA MANNELLI — «Pensare oggi a Cossiga signi-

fica volere bene all’Italia». E’ quanto ha dichiarato Mario Caligiuri, Sindaco di Soveria Mannelli, in occasione dell’81°compleanno del Presidente Emerito. > Pag 12

CATANZARO Tallini: parliamo della metropolitana? CATANZARO — Il consigliere comunale Tallini rinnova al sindaco e al presi-

dente del consiglio Passafaro la richiesta di convocazione straordinaria ed urgente del Consiglio Comunale per discutere del nuovo collegamento ferroviario metropolitano tra la nuova stazione di Germaneto e Catanzaro Sala. di Carmela Mirarchi > Pag 17

IL FATTO DEL GIORNO

LAMEZIA TERME

Federica Pellegrini sul tetto del mondo Oro e record ai campionati di Roma

La città multietnica

ROMA — Entusiasmo alle stelle al Foro Italico: Federica Pellegrini è

campionessa del mondo dei 400 stile libero. La ventenne veneta, già primatista del mondo della specialità e quinta a Pechino, ha regalato all'Italia il secondo oro, dopo quello di Cleri nel fondo, della rassegna iridata. Ieri lo show in tribuna dei tantissimi tifosi presenti.

LAMEZIA TERME — Lamezia città multietnica oltre che attenta alle esigenze delle centinaia di cittadini stranieri che scelgono la terza città della Calabria per vivere. Centinaia tra uomini, donne e bambini.

di Antonietta Bruno > Pag 15

APPUNTAMENTI/SOVERATO

VIBO VALENTIA

La grande chiusura del Film Festival

La stradale ritira 13 patenti

SOVERATO — Al film la “La sicliana ribelle” il premio del Magna Graecia Film Festival edizione 2009. L’opera prima di Marco Amenta è stata valutata come la migliore in concorso dalla giuria d’eccezione della kermsse, presieduta dal maestro Ettore Scola.

VIBO VALENTIA — Diverse pattuglie della Sezione di Polizia Stradale di Vibo Valentia sono state impegnate nella nottata di sabato nella vigilanza stradale con particolare riferimento alla strada provinciale 522 litoranea Pizzo - Tropea, maggiormente toccata dall’esodo vacanziero.

> Pag 41

di Carmela Mirarchi > Pag 30

di Francesco Pungitore > Pag 12

REGGIO CALABRIA

SPORT/CALCIO

Torna dalla Spagna con l’influenza suina

Volpi lancia la sfida «Reggina vincente»

REGGIO CALABRIA — Torna dalla Spagna con i sintomi del virus H1 N1. Si tratta di una giovane di 31 anni che da giovedì si trova ricoverata nel reparto di malattie infettive degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria perché contagiata dal virus dell’influenza che sta colpendo tutto il pianeta. Rientrata da una vacanza nella penisola Iberica, la giovane si è recata in ospedale dove i sanitari l’hanno sottoposta alle cure del caso. Il risultato delle analisi del centro regionale diagnostico di Cosenza ha evidenziato che la giovane, è affetta proprio da questa patologia. Le sue condizioni come ha riferito il direttore sanitario dell’Azienda “Bianchi - Melacrino - Morelli”, Domenico Mannino - non destano preoccupazioni e, secondo previsioni, potrebbe essere dimessa entro domani.

ROCCAPORENA — «Sono qua per un obiettivo importante e lo raggiungeremo». Il neo capitano della Reggina Sergio Volpi lancia la sfida alle altre formazioni della cadetteria e senza mezzi termini afferma: «Abbiamo un’ottima squadra e ci toglieremo grosse soddisfazioni. E’ vero, la serie B è un campionato ricco di difficoltà, ma se seguiremo le indicazioni del mister, che è molto esperto del torneo, sono sicuro che vinceremo il campionato». Proprio di Novellino, che lo ha fortemente voluto portare anche in amaranto, Volpi esalta la professionalità. «E’ uno che non si accontenta mai, cerca di trarre il massimo da qualsiasi cosa. D'altronde i risultati parlano per lui», dice ancora il centrocampista il qualche spiega ancora di avere con l’allenatore «un rapporto che va al di là del calcio».

di Antonio Latella > Pag 32

di Angela Latella > Pag 37


Martedì 28 Luglio 2009 Anno XII - Numero 206 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

ROSSANO

SCALA COELI

CATANZARO

SCALEA

COSENZA

Stl, poca sinergia pubblico-privato

Discarica, revocato il procedimento

Call Center, estate rovente per i lavoratori

Balneari contro il porto di Torre Talao

Più carabinieri e meno ronde

Nessuna considerazione delle realtà imprenditoriali?

Progetto per la realizzazione di un termovalorizzatore

La protesta dei lavoratori di Viale Magna Grecia

Potrebbero partire i lavori per la costruzione della struttura

Il generale dell’Arma durante una manifestazione

> Pag 29

> Pag 29

> Pag 17

> Pag 28

di Saverio Paletta > Pag 25

IL CASO L’eurodeputato di IdV in un forum su You Tube invoca chiarimenti al vicepresidente del Csm sullo stato delle inchieste di mafia

De Magistris attacca Mancino «E’ impensabile che si possano attribuire questi omicidi solo a Riina e Provenzano» — «Trovo che l'atteggiamento di Mancino (vicepresidente del Csm, ndr) in merito a una delle pagine più buie della storia della Repubblica sia stato inquietante. Il suo atteggiamento è molto ambiguo». Lo dichiara Luigi De Magistris, eurodeputato dell'Idv, intervistato a Klauscondicio su You Tube. Secondo l'ex magistrato, infatti: «E’ impensabile che si possa attribuire questi omicidi solo a Riina e Provenzano».

ROMA

ROMA Omnia, interrogazione dell’on. Napoli ROMA — Interrogazione a risposta scritta al Ministro

della Giustizia da parte della parlamentare Angela Napoli sul caso Lo Vato. La parlamentare del PdL interroga il ministro Alfano sull’operazione “Omnia”. di Alessandro Caruso > Pag 12

SOVERATO

> Pag 15

Per pagare il parcheggio basta un sms SOVERATO — Da oggi a Soverato con un sms sarà possibile pagare la so-

CATANZARO

sta, acquistare e ricaricare la tessera del parcheggio. Il servizio esclusivo viene introdotto per la prima volta in Italia da PosteMobile grazie alla nuova tecnologia applicata sulla Sim del cellulare.

Violenza sessuale CATANZARO — Dovrà affrontare il

processo per difendersi dall’accusa di violenza sessuale. L’imputato, P. C., 36 anni, di Catanzaro, è un militare dell’Esercito italiano. di Francesco Ciampa > Pag 18

BOTRICELLO Hashish nel bar CATANZARO — Nel suo bar di Botricello, non c’erano solo bevande e gelati. Nel corso di una perquisizione all’interno del locale gestito da Carmelo Pisano, 27 anni, di Botricello, i militari della Guardia di finanza di Sellia marina hanno infatti trovato circa cento grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish. La scoperta è avvenuta venerdì scorso ed è valsa l’arresto del giovane.

> Pag 20

LA FOTO DEL GIORNO Massa, occhio ferito e carriera a rischio I medici cercano di capire se il nervo ottico ha subito dei danni

LAMEZIA TERME

BUDAPEST — Il pilota della Ferrari Felipe Massa, ferito sabato scorso in un incidente nelle prove ufficiali del Gp d'Ungheria, potrebbe aver subito lievi danni al nervo ottico dell'occhio sinistro. Bisognerà aspettare comunque che sia in grado di aprire gli occhi completamente e di dire se avverte fastidi e di quale tipo. Lo ha detto ai giornalisti il professor Peter Bazlo, uno dei medici che hanno partecipato all'operazione.

LAMEZIA TERME — «Anche quest’anno, lungo il litorale lametino, il mare è sporco e i bagnanti soffrono continui disagi». Come già messo in evidenza nei giorni scorsi anche i coordinatori cittadini del Pdl, Luigi Muraca, Francesco Chirillo e Franco Mastroianni, stigmatizzano le pessime condizioni del mare.

SPETTACOLI / SOVERATO

GAGLIATO

Al Mgff ‘09 vince La siciliana ribelle

I cittadini e il sindaco spengono il fuoco

SOVERATO — Trionfo domenica sera nella serata conclusiva del Magna Grae-

GAGLIATO — I vigili del fuoco non erano disponibili così il sindaco é inter-

cia Film Festival per “La Siciliana ribelle”. Un premio che giunge nel giorno del compleanno di Rita Atria, la diciassettenne che, grazie all’aiuto di Borsellino, trova il coraggio di denunciare gli assassini del padre e del fratello.

venuto in prima persona, con l’ausilio di alcuni volontari, nell’intento di circoscrivere le fiamme di un violento incendio sviluppatosi in un podere situato a Gagliato.

di Oriana Tavano > Pag 53

di Carmela Mirarchi > Pag 21

di Francesco Ciampa > Pag 18

REGGIO CALABRIA

CASSANO

Agguato nel Cosentino Una trentina di immigrati sbarcati in Calabria Ucciso un operaio CASSANO — Tre colpi di pistola sono stati sparati contro Fazio Cirolla, l'operaio di 42 anni ucciso in un autosalone tra le frazioni di Sibari e Lauropola a Cassano allo Jonio. L'uomo, secondo quanto hanno ricostruito i carabinieri, nel corso della mattinata di ieri aveva lavorato in una azienda agricola dove svolgeva l'attività di bracciante. Nel pomeriggio si è recato negli uffici dell'autosalone, posti sul piano rialzato dell'esercizio commerciale, dove stava parlando con due persone per il disbrigo di alcune pratiche. Improvvisamente sono comparse due persone con il volto coperto da passamontagna che hanno sparato i colpi di pistola che hanno raggiunto Cirolla uccidendolo all'istante. I due sono poi fuggiti a piedi facendo perdere le loro tracce. Le persone che erano nell'autosalone hanno denunciato l'accaduto ai carabinieri che sono intervenuti sul posto. > Pag 29

AFRICO — Una trentina di immigrati di etnia curda, tra i quali quattro donne e due bambini, sono giunti ieri mattina sulle coste calabresi a bordo di un motopeschereccio che si è arenato nelle vicinanze di Bianco, nella Locride. I 24 immigrati stanno tutti bene ed hanno detto di provenire da Iraq ed Iran. Il battello su cui sono giunti in Calabria, denominato "Istambul", batte bandiera greca. Sul luogo dello sbarco sono intervenuti carabinieri, polizia e guardia di finanza. Alcuni di loro si sarebbero allontanati prima di essere rintracciati dalle forze dell'ordine. I clandestini sono stati condotti nel centro operativo misto della protezione civile di Bianco per le prime cure e l'assistenza del caso, in attesa di essere portati nel centro di identificazione ed espulsione di Crotone. Solo alcuni, tra cui i minori, sono stati condotti nell'ospedale di Locri per normali controlli. > Pag 33

Mare sporco, j’accuse del Pdl

di Antonio Cannone > Pag 23


Mercoledì 29 Luglio 2009 Anno XII - Numero 207 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

CASSANO

DIAMANTE

CASSANO

COSENZA

COSENZA

Non era Cirolla l’obiettivo dei killer

In cerca di una casa, rom occupano immobile

Clan Forastefano, altro sequestro di beni

Il palazzo di via Simonetta non verrà costruito

I crediti cooperativi in aiuto Banca di garanzia

Ucciso per errore. E’ l’ipotesi che prende sempre più corpo

Due donne con due bambini in una proprietà comunale

Un’operazione del valore di cinquemila euro

Sentenza del consiglio di Stato La spuntano gli ambientalisti

Il sistema del credito locale disponibile a partecipare

di Antonello Troya > Pag 28

di Emilia Manco > Pag 27

di Emilia Manco > Pag 29

di Oreste Parise > Pag 25

di Oreste Parise > Pag 25

CATANZARO La Ford Fiesta di Bruno Arcuri si è scontrata con un autocarro ieri mattina alle 6 sulla strada provinciale che attraversa Germaneto

Incidente stradale, muore il sindaco di Carlopoli Il primo cittadino di appena 30 anni era stato eletto nel 2008 con una lista civica di centrosinistra CATANZARO — Ha perso la vita in un tragico incidente avvenuto ieri mattina lungo la strada provinciale che attraversa Germaneto il sindaco di Carlopoli, Bruno Arcuri, di 30 anni. Il primo cittadino del noto paese del Lametino è morto per cause in corso d’accertamento, intorno alle ore 6 a causa di uno scontro con un autocarro. La vittima viaggiava su una Ford Fiesta che si è scontrata con un camion, il cui conducente è rimasto ferito lievemente. Arcuri è invece deceduto sul colpo. Il primo cittadino di Carlopoli di appena 30 anni era stato eletto nel 2008, alla guida di una lista civica di centro-sinistra. Sul luogo del sinistro sono accorsi i Carabinieri, i Vigili del Fuoco e il personale del 118.

di Carmela Mirarchi > Pag 15

LAMEZIA TERME Tenta il suicidio, salvato dalla Polizia LAMEZIA TERME — Clamorosa protesta di un pesca-

tore, Antonio Russo dopo il sequestro del porto di Gizzeria. Determinante l’intervento del dirigente del commissariato, Giuseppe Cannizzaro (nella foto). di Antonio Cannone > Pag 23

CATANZARO Banche, tassi esorbitanti

L’auto del sindaco di Carlopoli dopo l’incidente. Nel riquadro, Arcuri (foto da costanzoscuole.it)

CATANZARO — Per De Masi «la banca è il primo front office dove si decide il futuro delle aziende, per questo è necessario che ci sia uguale accesso al credito e uguale costo del denaro». L’imprenditore, che ha esibito grafici e tabelle, ha spiegato come nel corso degli ultimi anni siano triplicati i costi. > Pag 19

CATANZARO Protesta Call Center CATANZARO — Ieri protesta nel

call center di viale Magna Graecia dove sono impiegati circa 2 mila cittadini catanzaresi. di Carmela Mirarchi > Pag 16

CATANZARO Traffico di droga dai Balcani: concluse indagini “Anje” CATANZARO — Il pm della Dda di Catanzaro Raffaela Sforza ha (di

nuovo) concluso le indagini su “Anje”, l’inchiesta che a novembre del 2002 stroncò un consistente traffico di stupefacenti provenienti da Afghanistan e Balcani e smistati nell’Italia meridionale attraverso l’Albania e il canale d’Otranto. di Francesco Ciampa > Pag 18

CROTONE

REGGIO CALABRIA Stalking, in manette 57enne GIOIOSA JONICA — Non si rassegna Vincenzo De

Lucia. Il cinquantasettenne di Marina di Gioiosa Jonica accusato è di stalking da una ucraina trentaquattrenne. di Antonio Latella > Pag 33

Acqua avvelenata CROTONE — La Procura della

Repubblica di Crotone ha aperto un fascicolo nel quale si ipotizza il reato di avvelenamento di acque destinate al consumo umano. Quanto è avvenuto nei giorni scorsi in un villaggio turistico di Le Castella.

SPETTACOLI

CATANZARO

Tutto pronto per “Cortale Jazz & Vento” CATANZARO — E’ tutto pronto per la grande giornata di “Cortale

Arrestato immigrato contento di tornare in Senegal

Jazz & Vento”, il primo festival jazz italiano interamente dedicato ai giovani. Il Festival proporrà il 5 agosto, una giornata per gustarsi dal vivo una serie di performance di assoluto rilievo, tutte ad ingresso gratuito con offerta libera.

CATANZARO — Il sogno americano da realizzare in Italia si è infranto. «Sono contento di tornare in Senegal», così il 32enne Ndiaye Baboucar avrebbe detto al giudice del Tribunale di Catanzaro che ieri ne ha convalidato l’arresto. Il giovane senegalese non aveva abbastanza soldi per tornare nel suo paese.

di Claudia Vellone > Pag 42

di Francesco Ciampa > Pag 18

> Pag 30

CATANZARO

MILETO

Infrastrutture, 2 miliardi Scoperta in un casolare in arrivo dalla Regione piantagione di canapa CATANZARO — Infrastrutture e fondi Por, vertice

MILETO — I carabinieri della Compagnia di Vibo Va-

alla regione. L’analisi sullo stato di attuazione dei fondi Por, per la parte che riguarda il settore infrastrutturale calabrese, è stata presentata ieri mattina nella sede regionale di Palazzo Alemanni. Al tavolo, coordinato dal presidente della Regione Calabria Agazio Loiero, sono stati discussi i principali progetti legati al territorio catanzarese. Tra gli argomenti trattati particolare rilievo hanno avuto i collegamenti ferroviari all’interno del Capoluogo, la mobilità interna, le infrastrutture di servizio e la logistica della città. Un incontro che è servito principalmente a monitorare la situazione delle opere infrastrutturali dalla Regione e del Catanzarese, i relativi tempi d’attuazione e l’impegno di spesa.

lentia, e dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, hanno scoperto una piantagione all’interno di un casolare abbandonato, nel bel mezzo delle campagne di Mileto, fuori dal centro cittadino. Nel corso di servizi organizzati al controllo del territorio, i militari della Stazione Carabinieri di Mileto, hanno fatto una vera e propria battuta di caccia per le campagne militasi, imbattendosi anche in numerosi casolari, alcuni abbandonati. Le piante, tutte contenute all’interno di alcuni vasetti, erano oltre 70, dell’altezza di 2 metri. Si trovavano ben occultate all’interno del casolare, ma soprattutto non a vista di chiunque passasse dalla strada circostante. Non sono sfuggite però all’occhio attento dei carabinieri, che le hanno trovate, sequestrate, e successivamente distrutte.

di Claudia Vellone > Pag 14

> Pag 30


Giovedì 30 Luglio 2009 Anno XII - Numero 208 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

CARIATI

CASSANO

ROSSANO

COSENZA

RENDE

L’Asp chiude la sala operatoria

Cirolla, somiglianza pagata con la vita

Incidente mortale tra un’auto e una moto

Rapina a mano armata alle poste centrali

L’Università della Calabria critica con Principe

Interruzione dell’attività presso il nosocomio cittadino

Morire per sbaglio. Gli orrori della Sibaritide

E’ deceduto Nicola Odoardi 34enne di Trebisacce

In tre con passamontagna e pistola, furto di 1.300 euro

Ricerca, il senato accademico non vede bene la legge

di Antonello Troya > Pag 28

di Emilio V. Panio > Pag 28

> Pag 28

di Saverio Paletta > Pag 24

di Oreste Parise > Pag 25

La Conferenza delle Regioni svoltasi ieri mattina a Roma ha fatto registrare l’acuirsi dell’attrito istituzionale tra gli enti locali e il Governo

Scontro Stato-Regioni, insorge il Sud La denuncia del Meridione relativamente ai fondi Fas nazionali, di cui si è persa traccia ROMA — La Conferenza delle Regioni di ieri mattina ha fatto registrare l’acuirsi dello scontro istituzionale tra le Regioni e il Governo. Uno dei principali di attrito è relativo ai fondi Fas nazionali, di cui si è persa traccia. Le regioni del Sud denunciano la situazione. Dalla Calabria, con Cersosimo, alla Puglia, con il presidente Vendola, è tutta una denuncia. Roberto Castelli replica: «Non si accontentano mai. Il Sud gode di un trattamento privilegiato».

LAMEZIA TERME Cantafora ai politici: lavoriamo insieme LAMEZIA TERME — Appello del vescovo di Lame-

zia, monsignor Antonio Cantafora (nella foto) alla classe politica cittadina al fine di lavorare insieme per il bene comune. > Pag 21

CATANZARO

di Alessandro Caruso > Pag 12

Sedici chili di droga in auto, condannato CATANZARO — Stefano Rubino, 30 anni, di Catanzaro condannato a cinque anni di reclusione. Il giovane, il 27 febbraio scorso, fu trovato con un borsone carico di droga proveniente da Napoli: sedici i chili di hashish custoditi all’interno di un’auto.

LAMEZIA TERME Ubriaco dai Carabinieri LAMEZIA TERME — Chiede

informazioni a un carabiniere e viene denunciato a piede libero per guida in stato di ebbrezza. > Pag 22

CHIARAVALLE Campo di Flora CHIARAVALLE CENTRALE — La set-

timana scelta per la 2ª edizione del Campo di Flora. Dal 9 al 16 agosto l’archeologia protagonista.

di Francesco Ciampa > Pag 17

LA FOTO DEL GIORNO Nuoto, Pellegrini da sogno Ancora oro e record mondiale per l’atleta azzurra

REGIONE

ROMA — Federica Pellegrini si concede il bis vincendo l'oro nei 200 stile li-

CATANZARO — Aggregazione, trasparenza, legalità e risparmio. Sono queste le parole chiave del primo bando di gara indetto dalla Stazione Unica Appaltante della Regione Calabria in campo sanitario pubblicato sul Bollettino ufficiale della Comunità Europea (Guce).

Al via la Stazione Unica Appaltante

bero dopo quello conquistato nei 400. La veneziana oltre a centrare il successo abbassa nuovamente il record del mondo, impresa che le era già riuscita nella semifinale di due giorni fa. La gara dei 200 metri stile libero non ha più storia, la Pellegrini prende un vantaggio incolmabile con l'unico obiettivo di centrare il record del mondo, traguardo poi prontamente raggiunto.

di Alessandro Caruso > Pag 13

> Pag 19

LOCRI

SAN VITO SULLO IONIO

CATANZARO

Scoperta piantagione

Vivere insieme, da sette mesi senza stipendio

Scuola di Magistratura, Tassone richiama il Governo

LOCRI — Sequestrata una pian-

tagione di canapa indiana ed arrestato il bracciante che si prendeva cura del campo di droga.

SAN VITO — «I lavoratori della struttura sanitaria “Vivere Insieme” non percepiscono la retribuzione da sette mesi». A denunciarlo la Fp Cgil Catanzaro/Lamezia, la Fp Cgil Regionale, la Segretaria Provinciale, Marisa Palasciano e il Segretario Generale Comparto Sanità Alfredo Iorno.

CATANZARO — Nella seduta della Camera dei Deputati del 28 luglio, nel

di Antonio Latella > Pag 33

> Pag 20

di Carmela Mirarchi > Pag 14

CATANZARO

VIBO VALENTIA

Caso Salerno, tutti assolti funzionari ed ex assessori

Ospedale, la Procura dissequestra i locali

CATANZARO — Assolti “perché il fatto non sussiste”. An-

VIBO VALENTIA — Il Sostituto Procuratore della Repubblica di Vibo Valentia, Simona Cangiano, ha disposto il dissequestro del Sit, il servizio di immunotrasfusione esterno e dei locali della caldaia della centrale termica del presidio ospedaliero Jazzolino, sottoposti a sequestro preventivo il 3 marzo scorso. Lo rende noto il direttore generale dell’azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia, Rubens Curia. La Procura ha deciso il dissequestro perché si è conclusa l'opera di messa in sicurezza delle strutture e risulta eliminato, per l'avvenuta esecuzione dei lavori di bonifica, il pericolo di dispersione delle fibre di amianto a causa dello sfaldamento delle guarnizioni delle tubature della caldaia centrale.

che gli ex assessori comunali Emilio Verrengia e Vincenzo Andracchio e i due ex funzionari del Comune Luigi Ambrosio e Antonio Pescatore escono indenni dalla vicenda giudiziaria che - partita dalle denunce dall’allora comandante dei Vigili Giuseppe Antonio Salerno travolse in prima battuta l’ex sindaco di Catanzaro Sergio Abramo, poi assolto dal Tribunale collegiale insieme all’ex funzionario del Comune Domenico Vasapollo. A seguito delle accuse del comandante Salerno, il 19 gennaio 2004 Abramo fu rinviato a giudizio per le ipotesi di concussione, falso ideologico, turbativa di libertà degli incanti e abuso d’ufficio. Il sindaco fu sospettato di aver tentato di costringere il comandante dei Vigili urbani ad affidare l’appalto del servizio di notifica delle contravvenzioni ad una società del suo gruppo. di Francesco Ciampa > Pag 17

> Pag 30

corso della discussione sul Documento di Programmazione EconomicoFinanziaria, l’on. Mario Tassone ha richiamato l’attenzione del Governo su un tema che riguarda direttamente la città di Catanzaro.


Venerdì 31 Luglio 2009 Anno XII - Numero 209 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

CORIGLIANO

AMANTEA

S. DOMENICA T.

COSENZA

COSENZA

Scoperto un quintale di pesce avariato

Scomparsi all’Ipg, controllate le tombe

Sigilli al depuratore oggetto dell’inchiesta

Frana Sa-Rc, 8 avvisi di conclusione indagini

Sequestro per 4 milioni di euro per reati tributari

Cattivo stato di conservazione all’ingresso dell’area portuale

I loculi ispezionati ieri mattina dai Carabinieri

La polizia provinciale all’impianto della costa tirrenica

Terminata l’attività investigativa sul disastro del 25 gennaio

Montalto, imprenditore colpito provvedimento Fiamme Gialle

> Pag 25

> Pag 27

> Pag 27

di Saverio Paletta > Pag 22

di Emilia Manco > Pag 24

La Dia di Catanzaro su disposizione del Tribunale di Vibo Valentia ha pignorato imprese riconducibili a Giuseppe Prestanicola

’Ndrangheta, sequestrato il tesoro dell’A3 L’uomo di Soriano Calabro risulta essere l’imprenditore di riferimento della cosca Mancuso di Limbadi CATANZARO — La Dia di Catanzaro, su disposizione del Tribunale di Vibo Valentia, ha sottoposto a sequestro società, beni mobili ed immobili e risorse finanziarie riconducibili a Giuseppe Prestanicola, 52 anni di Soriano Calabro. L’uomo è ritenuto l’imprenditore di riferimento della cosca mafiosa dei Mancuso di Limbadi. Dal 1998 in avanti Prestanicola risulta aver dichiarato al fisco, grazie ai lavori pubblici che si era assicurato, un fatturato assai elevato, vantando un parco macchine da cantiere di oltre 100 mezzi, grazie anche ai lavori acquisiti in subappalto per l’ammodernamento dell’A3, vantando anche i certificati antimafia di cui le sue imprese godevano fino al 2007.

CROTONE Comune, presentata la nuova Giunta CROTONE — Il sindaco Peppino Vallone ha presenta-

to la nuova Giunta Comunale. Una Giunta che nasce con novità come gli assessorati alla Pace ed al Futuro, alla Qualità della vita, all’Economia Partecipata. > Pag 33

LAMEZIA TERME Sanità, protesta contro l’azienda provinciale LAMEZIA TERME — Cresce il malcontento tra i circa 1.300 operatori del comparto sanitario lametino che già nei giorni scorsi avevano denunciato a mezzo stampa, “il non rispetto del canonico 27 del mese per il pagamento degli stipendi”.

di Carmela Mirarchi > Pag 14

di Antonietta Bruno > Pag 20

PALIZZI Piantagione in terrazza PALIZZI — Un 19enne di Palizzi è

finito in carcere perché aveva trasformato il terrazzo di casa in una piccola serra per la coltivazione di canapa indiana. La scoperta è stata fatta dai militari della GdF. > Pag 33

BOTRICELLO Uccise il cugino, 14 anni di reclusione CATANZARO — Il colpo mortale al cugino sferrato con una piccozza

al petto, gli è costato la condanna a quattordici anni di reclusione. La sentenza nei confronti di Antonio Scumaci, 47 anni, di Botricello, è stata emessa ieri dal gup di Catanzaro Antonio Giglio a conclusione del processo celebrato con rito abbreviato. L’accusa gravata sull’uomo è di omicidio volontario. Il pm aveva chiesto trent’anni.

FALERNA Ambiente, chiusa una discarica FALERNA — Il Comando provinciale di Catanzaro del Corpo delle Guardie ecozoofile, con sede a Lamezia Terme, ha diramato una nota nella quale si evidenzia il sequestro di una discarica in territorio di Falerna.

di Francesco Ciampa > Pag 15

REGGIO C.

> Pag 21

In manette latitante REGGIO CALABRIA — Si era sot-

tratto alla cattura lo scorso 21 luglio, quando venne portata a termine la maxi-operazione denominata “Trovador”. Ma la latitanza di Manuele Dantone, 31 anni si è conclusa ieri a Cesenatico. di Antonio Latella > Pag 30

CATANZARO

CHIARAVALLE

Confindustria e Carime firmano l’intesa

San Biagio, i Nas mettono i lucchetti a due reparti

CATANZARO — Ieri presso la sede dell’Associazione Provinciale Industriali è stato sottoscritto un importante protocollo d’intesa tra Confindustria Catanzaro e Banca Carime. Alla firma del protocollo d’intesa erano presenti: Giuseppe Bevilacqua e Giovanni Battista Meluso.

CHIARAVALLE CENTRALE — I carabinieri del Nas nel corso di un’ispezione pres-

> Pag 16

di Carmela Mirarchi > Pag 19

REGIONE

CUTRO

La denuncia di Lega pesca: «Recuperare i ritardi sui porti»

Tragico incidente stradale 2 morti e 6 feriti sulla 106

CATANZARO — «Ancora una volta lo stato cronico di

CROTONE — Una violenta collisione, due morti e sei feriti, quattro dei quali con prognosi riservata, è il bilancio di un grave incidente stradale avvenuto la notte scorsa lungo la statale 106 jonica, in località Steccato di Cutro. A scontrarsi, mezz’ora dopo la mezzanotte, sono state due autovetture che viaggiavano in direzioni opposte. Le vittime sono i conducenti dei due mezzi, una Renault Clio e un’Alfa 156; si tratta di Giuseppe Cordua, 34 anni, di Crotone, che era alla guida della Renault Clio diretta verso nord e che è deceduto sul colpo mentre è rimasta ferita la persona che viaggiava in sua compagnia. L’altra vittima è Cesare Mazza, 23 anni, di Mesoraca, che è spirato durante il trasporto all’ospedale. Il giovane era alla guida dell’Alfa 156 sulla quale si trovavano altre cinque persone. Sul luogo dell’incidente nella notte sono intervenute tre pattuglie della Sezione di Crotone della Polizia stradale.

emergenza in cui versano i porti calabresi -- afferma preoccupato Ettore Ianì presidente di Lega Pesca - torna alla ribalta della cronaca attraverso un episodio drammatico come la protesta di un pescatore di Gizzeria Lido che ha minacciato di togliersi la vita dopo 4 mesi in cui la sua barca è dovuta rimanere ferma». Oltre al sequestro da parte dell'autorità giudiziaria il porticciolo di Gizzeria è stato investito a giugno scorso da una forte mareggiata che ha provocato la chiusura del varco del porto e il conseguente reclusione delle imbarcazioni. Una situazione che ha messo in ginocchio i pescatori di Gizzeria che chiedono, almeno, la rimozione del varco per poter uscire con la barca e praticare l'unica forma di sostentamento che hanno per loro stessi e per le loro famiglie. di Giuseppe Tetto > Pag 13

di Maria Teresa Folino > Pag 33

so l’ospedale San Biagio di Chiaravalle Centrale hanno riscontrato nella struttura sanitaria gravi mancanze. Con provvedimento assunto con carattere d’urgenza, sospesi i servizi di “Day Surgery” e di “Endoscopia Digestiva”.


il Domani: prime pagine Luglio 2009