Page 1

Venerdì 30 Ottobre 2009 Anno XII - Numero 299

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

FISCO

ENTI LOCALI

La polemica dopo il blitz nelle banche Ostellino: sono metodi fascisti

Legautonomie sul Patto di Stabilità: manca la cabina di regia unitaria

CONSUMI

Anche dalla stampa estera parte una raffica di accuse dopo la discussa operazione dell’Agenzia delle Entrate

Il problema della ricerca delle forme di finanziamento analizzato in uno studio che si concentra sulle criticità

Non piacciono le carte revolving ma ci si indebita tre volte di più rispetto al 2001

La maggioranza degli italiani nonostante tutto vede positivo a pag » 27

a pag » 27

di Carlo Bassi a pag » 26

EMERGENZA CREDITO Le difficoltà economiche fanno precipitare la nostra regione agli ultimi posti delle classifiche europee

Gli indici di ricchezza condannano la Calabria Un’indagine del Domani conferma che la crescita economica è l’unico modo per migliorare la qualità della vita

IL PUNTO

Zone Franche fattore strategico

I numeri non mentono. Quelli della Calabria, oltre a essere brutalmente sinceri, mettono in evidenza L’INTERVENTO che la vivibilità della regione è tra le ultime in Europa di Alessio De Grano segue a pag » 5

CLAMOROSO

IN BREVE

Lo scenario è scoraggiante di Fortunato Roberto Salerno Presidente Unioncamere Calabria

di Giuseppe Gatto Presidente Confindustria Catanzaro

La moda è in crisi Versace lancia un piano ROMA - Anche il luccicante mondo della moda è in difficoltà a causa della attuale congiuntura economica. Versace lancia un piano d’emergenza. di Ludovico Casaburi a pag » 10

Finalmenteci siamo:esprimoparticolaresoddisfazioneperlasottoscrizione del contratto relativo alla Zona Franca Urbana di Lamezia Terme. E’ stata una giornata importante perché registriamo, indubbiamente, un segnale concreto di attenzione e di opportunità offerta al nostro territorio. Le risorse finanziarie a disposizione nei prossimi due anni, rappresentano infatti,unaghiottaoccasionedisviluppo per il rilancio del comprensorio favorendo l’attrazione di nuovi investimenti e quel necessario clima di fiduciafondamentaleperguardarealfuturo con più ottimismo. L’esenzione, o comunque, una fiscalità di vantaggio, è, certamente, uno dei fattori più strategici di competitività di un territorio ed è per questo che Confindustria, in più occasioni, guardando l’esperienza di altre zone dell’Europa, ha ribadito la necessità di una politica di sviluppo che metta al centro delle sue azioni la leva fiscale. Auspichiamo a questo punto che, dopo la firma, vengano velocizzati tutti gli adempimenti amministrativi conseguenti per l’operatività dei provvedimenti; in tale direzione, Confindustria Catanzaro è come sempre disponibile ad un confronto proficuo, con tutti gli attori istituzionali, per valorizzare tale opportunità con azioni ed investimenti capaci di assicurare una positiva ricaduta in termini occupazionali.

Beni per 20 milioni sequestrati dalla GdF REGGIO CALABRIA - Un fabbricato a Trastevere, ville sulla costa partenopea ed altri beni per venti milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza. di Antonio Latella a pag » 12

La nave dei veleni non esiste Ieri conferenza stampa a Roma Prestigiacomo: il relitto è del 1917 ROMA - «La nave di Cetraro non è la nave dei veleni, è una nave passeggeri, la Catania, affondata durante le prima guerra mondiale, nel 1917». Lo ha annunciato ieri il ministro dell’ambiene Stefania Prestigiacomo in una conferenza stampa congiunta con il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso. di Carmela Mirarchi a pag » 6 e 7

La questione del credito ricorre sulle prime pagine delle principali testate giornalistiche nazionali e regionali ormai da mesi ed è soprattutto una controversa esperienza quotidiana per la maggiorpartedegliimprenditoridella nostraRegione.E’proprioilpanorama creditizio nazionale a restituirci scenari indubbiamente scoraggianti, basti pensare alle stime di Confindustria e Bankitalia che vedono il Pil del 2009contrarsidel2,5-2,6percentoed ai criteri dell’ erogazione dei mutui che hanno registrato un modesto inasprimento. Il Governo centrale ed il Ministro Tremonti stanno intervenendo con forza rispetto a questa incresciosa problematica nazionale attraverso decreti mirati come ad esempio quello che ha portato il tasso di interesse per il massimo scoperto allo 0,5%. Segue a pag » 2

Assenteismo, Brunetta riparte dal Sud ROMA - Sulla base delle ultime rilevazioni del ministero pubblicate ieri è evidente un sensibile aumento dell’assenteismo negli uffici pubblici rispetto a un anno fa. E così il ministro Brunetta riapre la sua battaglia. A cominciare dal Sud. di Alessandro Caruso a pag » 15

Spadare, la condanna della Corte di Giustizia BRUXELLES - La Corte di Giustizia europea ieri ha emesso una sentenza di condanna nei confronti dell’Italia per il mancato esercizio dei controlli necessari ad evitare l’uso delle cosiddette spadare. di Giuseppe Tetto a pag » 13


2

il Domani

Venerdì 30 Ottobre 2009

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI Lo scenario è scoraggiante Ciò mentre gli Istituti di credito avevano cercato di aggirare l’ostacolo sostituendo lo stesso con una commissione di 2 euro ogni 1.000 euro di scoperto. E’ pur vero però che la stretta creditizia assume tratti ancora più penalizzanti soprattutto per le imprese della nostra Regione che già sono costrette a scontare i numerosi disagi legati alla deficitaria rete infrastrutturale, alla soffocante vessazione usuraia ed al fenomeno del racket ed in più subiscono, come se non bastasse, anche la morsa di un sistema bancario che le mette in ginocchio attraverso l’applicazione di interessi troppo elevati che contribuiscono alla distorsione del libero mercato. In questo particolare momento storico la crisi finanziaria colpisce sia le imprese strutturalmente deboli che quelle portatrici di una improvvisa carenza o indisponibilità di credito. Pertanto, risulta essere necessario mettere in campo nuovi interventi per favorire la ripresa dell’economia, sostenere gli investimenti delle imprese in difficoltà e promuovere ulteriormente l’accesso ai finanziamenti. Inoltre, condivido pienamente la linea strategica ed operativa che la Regione Calabria, in particolare il Dipartimento alle Attività Produttive ha messo in campo sulla tematica del

credito con i fondi destinati alle imprese (Legge 598/94, Legge 949/52, credito agevolato, capitale di rischio, finanza innovativa, garanzia) e rendendosi disponibile ad effettuare eventuali modifiche necessarie ai relativi Programmi Operativi Regionali laddove le misure precedentemente illustrate, dopo il confronto con il Partenariato e gli istituti di credito e finanziari, si ritenga possano avere effetti positivi per combattere l’attuale stato di crisi e favorire il rilancio dell’economia regionale. Tuttavia, occorre assolutamente indirizzare gli sforzi di tutti verso la velocizzazione dell’espletamento delle pratiche poiché gli aiuti alle imprese sono validi se vengono erogati in uno spazio temporale di 60-120 giorni, decorsi i quali l’aiuto potrebbe risultare meno efficace. Il Sistema camerale nazionale, avendo messo a disposizione un plafond di circa 30 milioni di euro, ha dimostrato di non avere certo intenzione di rimanere inerme, il nostro obiettivo è convocare un tavolo di lavoro che veda presenti le Associazioni di Categoria, gli esponenti della Commissione regionale ABI, gli osservatori regionali sul credito al fine di avviare procedure congiunte e tutelare gli in-

LA CALABRIA SUL WEB

di Ludovico Casaburi

Perché partire è sempre un po’ come morire

teressi della classe imprenditoriale regionale. Ribadisco anche la mia solidarietà personale e soprattutto il mio impegno istituzionale che sposa in pieno le segnalazioni che pervengono da imprese ed associazioni di categoria dei tanti imprenditori calabresi e giovani aspiranti tali che quotidianamente si scontrano con la difficoltà di accesso al credito. Penso ad esempio al caso della denuncia del Gruppo De Masi, finita per la prima volta persino nell’aula di un Tribunale, contro Bnl, Antonveneta e Banca di Roma, che ha confermato i capi di imputazione formulati dalla Procura e quindi l’applicazione di tassi usurari su tutti i conti correnti oggetto di procedimento penale. E’ necessario cambiare rotta: gli istituti bancari devono essere catalizzatori di sviluppo nella nostra regione, soprattutto in relazione alla gestione dei fondi strutturali. Infatti, i fondi strutturali a poco servono, (se non ad arricchire ulteriormente le banche stesse che ne trattengono ingente parte per spese, interessi e costi) se gli imprenditori locali non riescono ad accedervi a causa di controversi rapporti con gli istituti di credito. Finanziamenti e contributi non avranno alcun esito sull’occupazione e sulla creazione di

CAMERE CON VISTA

sviluppo se non vengono gestiti in maniera responsabile. Tuttavia, un fatto rimane valido su tutti, il credito può e deve giocare un ruolo importante in questa Regione rappresentando una spinta propulsiva per l’economia e l’impresa made in Calabria. Non si mette certamente in dubbio la finalità imprenditoriale degli Istituti di credito e la loro giusta ricerca del profitto ma si richiama, piuttosto, al rispetto del principio di aderenza al ruolo stesso delle banche, soprattutto quelle locali, che dovrebbero investire maggiormente sulle idee progetto degli imprenditori. In Calabria, il denaro ha un costo altissimo e l’accesso al credito che, dovrebbe essere un fatto normale così come avviene al nord, è una speranza vana. Operare correttamente - ha specificato Salerno - significa saper stare al fianco degli imprenditori. E’ necessario ripristinare il clima di collaborazione tra istituti di credito ed imprese attraverso incontri sistematici, approfittando dell’importante ruolo degli Osservatori sul credito, con la piena disponibilità da parte nostra, rappresentanti degli interessi del mondo economico e produttivo, per giungere ad un equilibrio tra domanda ed offerta che è prima regola dell’economia per un mercato in crescita.

di Alessandro Caruso

La "bagarre" al gruppo Pd del Senato

Una rapida presentazione della rubrica che vi apprestate a leggere. Anche in Calabria, e chi l’avrebbe detto, esistono gli "smanettoni", ovvero coloro che passano gran parte del tempo al computer a caccia di... cose. Molti di questi sono blogger - titolari dunque di un blog o semplici collaboratori - e capita spesso che tirino fuori dal cilindro elettronico cose interessanti. Oggi, per esempio, per la serie "come stanno mesi male i trasporti in Calabria", segnaliamo ferrovieincalabria.blogspot.com , curiosa e intelligente rassegna degli ob-

brobri di fronte ai quali i cittadini si ritrovano quando prendono un treno per andare da qui a lì. Ogni tanto - come dice lo stesso amministratore del blog Roberto Galati nell’ultimo post pubblicato - «mettiamo da parte le critiche per i sottopassaggi fatiscenti o per i soliti demenziali graffiti sui muri delle stazioni, e ci occupiamo anche dei lavori fatti bene, e mirati a migliorare e rendere più gradevoli gli ambienti ferroviari destinati ai viaggiatori». È il caso della rinnovata stazione di Roccella Jonica, che il blog promuove a pieni voti.

Dopo la sbornia dei bersaniani per la vittoria delle primarie è iniziata la fase più delicata: ridisegnare gli equilibri interni, a cominciare dai gruppi parlamentari. L’impressione dall’esterno è che ci siano molte spinte centrifughe dell’anima più moderata. La bagarre più movimentata è certamente quella che si sta svolgendo al gruppo del Senato, la cui presidentessa, Anna Finocchiaro, si è dimessa, come previsto dal regolamento. Ora si dovrà procedere all’elezione di un nuovo presidente (e non è scluso che si sia già fatto nelle poche ore precedenti alla pubblica-

zione di quest’articolo). Le candidature sono quelle della stessa Finocchiaro e quella del franceschiniano Paolo Giaretta. La questione è resa più delicata di quanto si possa pensare per via della tentazione rappresentata dal centro di Casini, che potrebbe essere lo sbocco naturale di quanti saranno insoddisfatti delle scelte di Bersani. L’aria che tira è descritta molto bene dalla battuta del moderato Franco Marini, ex presidente del Senato, che avrebbe detto alla Finocchiaro: «Vi farò morire tutti democristiani».

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Massimo Tigani Sava (sviluppo) Orlando Rotondaro (responsabile)

Redazione

Francesco Pungitore (caposervizio)

redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it roma@ildomani.it appuntamenti@ildomani.it Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801

:: www.ildomani.it ::

Guido Talarico Amministratore Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (marketing) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale) Direzione Redazione Amministrazione loc. Serramonda - Zona Industriale Marcellinara (Cz) Roma Via archimede 201 (Rm) reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


4

il Domani

Venerdì 30 Ottobre 2009

PRIMO PIANO

Progetto Zone franche urbane, dopo la firma ecco i dettagli Massimo delle agevolazioni riservato alle imprese di nuovo insediamento Ludovico Casaburi ROMA - Messe le firme del ministro Scajola e dei Sindaci sugli accordi che sanciscono la creazione delle 22 Zone Franche Urbane in tutta la Penisola, è tempo di commenti e di approfondimenti. Resta per esempio da chiarire quale sia il criterio che regola la scelta delle imprese che potranno, a partire dal 1° gennaio 2010, usufruire degli incentivi fiscali e previdenziali. Il ministero dello Sviluppo economico perfezionerà a breve un decreto che avrà l’obiettivo di chiarire tutti i dettagli operativi. Per le associazioni di categoria, uno dei nodi più grossi da sciogliere è quelo che riguarda l’eventuale ricorso al metodo del "click day", sistema telematico che si basa sulla velocità di prenotazione, utilizzato (e contestato) già per il credito di imposta per l’innovazione. Altro dubbio riguarda il funzionamento del tetto degli incentivi complessivamente fruibili, che è stato stabilito in 50 milioni di euro annui nel primo biennio

Scajola con Vallone, sindaco di Crotone

di sperimentazione. A godere delle agevolazioni fiscali e contributive (sull’Imposta sul reddito delle società, sull’Imposta regionale sulle attività produttive, sull’Ici e sui contributi previdenziali) saranno piccole aziende, dunque con meno di 50 unità e fatturato

Per le imprese già esistenti limite del "de minimis". Il dubbio è sul click day ma il ministero promette semplificazioni

annuo non superiore a 2 milioni; secondo le stime del ministero saranno in tutto tra 500 e 1.000 le imprese che nel primo bienio avranno accesso agli incentivi. I tipi di accesso saranno due: agevolazioni più sostanziose per le imprese di nuovo insediamento; tetto del "de minimis" - come l’Ue definisci gli aiuti di piccola entità - per quelle già attive nella zona franca urbana. Per le nuove attività economiche, dopo il primo quinquennio gli incentivi avranno un’intensità decrescente fino a 14 annualità. Nel dettaglio: l’esenzione totale dall’Ires vale per i primi 5 periodi d’imposta, quindi decresce dal 60% al 20%. L’esenzione totale dall’Irap vale per i primi 5 periodi fino a concorrenza di euro 300 mila del valore della produzione netta per ciascun periodo di imposta. L’esenzione Ici per i primi 5 anni nei limiti di un massimale di retribuzione definito con decreto dal ministero e solo a condizione che almeno il 30% degli occupati risieda nellarea delimitata comezona franca urbana.

I COMMENTI DEL GIORNO DOPO

Loiero: «Zfu fattore trainante per economia regione» CATANZARO – «Le Zone franche urbane, non c’è dubbio, diventeranno un fattore di sviluppo trainante per l’economia regionale». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria Agazio Loiero, dopo la firma dei contratti d’avvio tra i sindaci di Crotone,LameziaTermee Rossano e il ministro per lo Sviluppo economico Claudio Scajola. «Per

la Regione è un successo - ha aggiunto il Governatore - in quanto il Ministero ha confermato la nostra graduatoria. Lavoreremo, ora, affinché sia approvata anche la quarta Zfu da noi proposta, quella di Vibo Valentia e perché il Governo si impegni con l’Unione europea per la zona franca al Porto di Gioia Tauro che è ben altra cosa rispetto alle Zfu». «Ora - ha concluso Loiero - possono partire processi di rivitalizzazione sociale, urbana e fiscale, ci saranno nuovi insediamenti produttivi, ma anche strutture esistenti otterranno agevolazioni fiscali e previdenziali grazie alla dote prevista per le Zfu e ciò rappresenta un volano per l’intera Calabria». Lu.Cas.

Confartigianato, Mostaccioli: «Zfu con Por grandi occasioni di sviluppo» CATANZARO - «Un provvedimentoestremamenteimportantesucui le piccole e medie imprese puntano per accrescere la loro capacità di crearenuoveoccasionidi sviluppo e occupazione»: così il segretario della Confartigianato provinciale di Catanzaro, Raffaele Mostaccioli, commenta la firma del contratto per l’istituzione della zona franca urbana a Lamezia Terme. «Si tratta - dice - di un elemento che, aggiuntoalle misure del Por

Calabria, migliorerà le prospettive di una delle aree più dinamiche della regione, sulla quale Confartigianato e il sistema delle piccole e medie imprese puntano con decisione. Ci sono margini per una crescita ulteriore e siamo disponibili ad aprire una fase di collaborazione istituzioni e organizzazioni di categoria nella consapevolezza che uno sviluppo basato sulle piccole aziende è per la Calabria obiettivo senza alternative».


Venerdì 30 Ottobre 2009

il Domani

5

PRIMO PIANO

Da tutti gli indicatori economici condanna dura per la Calabria Un’analisi comparativa del Domani rivela che la nostra regione è ultima in tutte le classifiche socioeconomiche di Alessio De Grano Per capire come sta realmente la Calabria in termini economici e sociali, fuori di ogni retorica di parte, la strada migliore è quella dei numeri. Puntando ad avere una risposta rigorsa sugli indici di ricchezza della nostra regione. Il Domani ha dunque provato a fare un’analisi comparativa dei vari indicatori statistici. Il risultato che ne è emerso è impietoso. Vediamo come e perché. La più recente statistica sulla ricchezza della Regioni europee pubblicata da Eurostat (2006) colloca la Calabria al 220° posto tra le Regioni con più alto PIL per abitante su un totale di 275. Il suo dato percentuale di ricchezza, fatta 100 la media nell’Unione, è pari a 67,8. Vicino alla Calabria, troviamo al 219° posto la Puglia (67,4), al 221° la Sicilia (66,9) ed al 222° la Campania (66,1). Un po’ meglio della Calabria stanno le due regioni greche di Vorejo Aigaio (67,4) e della Tessaglia (68,1); la Gaudalupa, territorio francese nei Caraibi (68,4) e la Região Autónoma dos Açores

ritorio in un certo intervallo di tempo (solitamente l’anno) e destinati ad usi finali (consumi finali, investimenti, esportazioni nette), è evidente che la nostra regione mostra una certa difficoltà nella crescita.Eppure è noto che il PIL tratta tutte le transazioni come positive, cosicché entrano a farne parte i danni provocati dai crimini, dall’inquinamento, dalle catastrofi naturali, tutte situazioni di cui è piena la Calab-

ria. Ad esempio non solo l’acquisto di un auto fa crescere il PIL, ma anche lo stare in coda senza muoversi di un metro - la Salerno-Reggio Calabria fa oramai scuola per questo -fa crescere il PIL, grazie al fatto che comunque si consuma benzina; e se si ha un incidente, magari sulla SS 106. il PIL cresce , se si è ospedalizzati il PIL cresce e così via. In questo modo il PIL non fa distinzione tra le attività che contribui-

220°

La posizione, in una classifica stilata dall’Eurostat, della Calabria tra le regioni con più alto PIL per abitante su un totale di 275 portoghese(68,6). Un po’ peggio, le regioni ceche del Severovýchod e del Moravskoslezsko (64,7 e 64,6), nonché la Região Centro in Portogallo (64,7). Abissale è la distanza che ci separa dalle prime 10 regioni più ricche nell’Unione Europea. La prima in classifica è la regione dell’Inner London con un dato percentuale rispetto alla media europea pari al 335,9%; segue il Lussemburgo (267,1) e la Regione di Bruxelles-Capitale (233,3). In Italia, è la Provincia Autonoma di Bolzano la regione più ricca (25° posto) con un PIL per abitante pari a 135,5% seguita dalla Lombardia, il cui PIL è pari al 135,1%, 26° posto tra le regioni più ricche dell’UE. Come si vede non siamo tra i peggiori (molte le regioni rumene e bulgare agli ultimi posti) ma siamo molto distanti dalla ricchezza media europea.Poiché il PIL è il valore complessivo dei beni e servizi prodotti all’interno di un ter-

Relativamente ai sette indicatori considerati nell’inchiesta, la cui media dà l’indice QUASR, la Calabria risulta essere la peggiore tra tutte le Regioni italiane nell’Economia e Lavoro

scono al benessere e quelle che lo diminuiscono: persino morire, con i servizi connessi ai funerali, fa crescere il PIL. Qualcosa però non torna. Il PIL è un indicatore economico che sembra non essere in grado di misurare l’effettiva ricchezza di un territorio. il 19 e 20 novembre 2007 si è tenuta a Bruxelles la conferenza internazionale "Beyond GDP" ("Oltre il PIL") organizzata dalla Commissione europea, dal Parlamento Europeo, dall’OCSE e dal WWF. La conferenza ha richiamato leader politici, rappresentanti di governo ed esponenti di istituzioni chiave come la Banca Mondiale e le Nazioni unite con l’obiettivo di chiarire quali possano essere gli indicatori più appropriati per misurare il progresso. In Olanda e Canada sono stati già adottati metodi di misurazione della ricchezza alternativi, che tengono conto anche di sport, mobilità, salute e vivacitàsociale dei cittadini; Sarkozi ha incaricato due premi Nobel per l’economia, l’americano Joseph Stiglitz e l’indiano Amartya Sen, di riflettere su come cambiare gli indicatori della crescita in Francia. Ne è derivato un nuovo indicatore denominato "PIL del Benessere", la cui formula si compone di otto indicatori: condizioni di vita materiale; salute; istruzione; attività personali; partecipazione alla vita poltica; rapporti sociali; ambiente ed insicurezza economica e fisica. I risultati dell’applicazione di tale indice - pubblicati sul Sole 24 Ore del 21 settembre 2009 - hanno ancora una volta evidenziato che il BIL, Benessere interno Lordo, rimane basso nelle province calabresi, al di sotto della media italiana.Cosenza è al 63° posto (su 103 province), Crotone al 73°, Catanzaro e Reggio rispettivamente all’82° e 84 posto, Vibo al 93°. E’ interessante notare che anche l’Italia, da sette anni, può contare su un nuovo indicatore denominato Quars (Indice di qualità di sviluppo regionale). Il Quars, pubblicato sul sito www.sbilanciamoci.org, è un indicatore che prova ad individuare e collegare tra di loro le componenti di uno sviluppo fondato sulla sostenibilità, la qualità, l’equità, la solidarietà e basa la scelta degli indicatori - oltre 200 - suddivisi in 7 categorie: Ambiente, Economia e lavoro, Diritti e cittadinanza,

Salute, Istruzione, Pari Opportunità e Partecipazione- che concorrono a formare la classifica finale delle regioni.Il recente rapporto QUARS "Come si vive in Italia?", presentato il 3 ottobre 2009, porta alle seguenti conclusioni: Puglia, Calabria Sicilia e Campania, non hanno alcun macro-indicatore sopra la media (V. grafico), andando così ad occupare, nell’ordine, le ultime quattro posizioni dell’indice. Dei 40 indicatori utilizzati per la costruzionedel QUARS 2009 si contano sulle dita della mano i casi in cui queste regioni mostrano delle performance positive nel panorama italiano. Rispetto alla regione con il più alto standard di vita, il Trentino Alto Adige con un valore pari a 0,77 (media italiana pari a 0), la Calabria ottiene un valore pari a -0,75 preceduta ancora una volta da Campania e Si-

L’Italia, da sette anni, può contare su un nuovo indicatore denominato Quars (Indice di qualità di sviluppo regionale) cilia con un valore pari a -0,92.Relativamente ai sette indicatori considerati, la cui media dà l’indice QUASR, la Calabria risulta essere la peggiore tra tutte le Regioni italiane nell’Economia e Lavoro (-1,56) e nella Partecipazione ossia nel protagonismo attivo dei cittadini nella sfera pubblica della propria comunità di riferimento. (-1,12) E comunque i valori della la Calabria sono tutti negativi. Dunque, i sintomi di una Calabria gravemente malata sono evidenti per tutti gli indicatori presi in considerazione. Non cambia il risultato della gerarchia della nostra regione pur variando gli indicatori considerati. Ciò dimostra una semplice verità: per quanto il benessere derivi certamenteda molti elementi, la crescita economica e sociale è di certo la strada principale da intraprendere per migliorare le condizioni di vita della Calabria.


6

il Domani

Venerdì 30 Ottobre 2009

PRIMO PIANO

Si tratta di una nave passeggeri del 1917 silurata nel corso della Prima guerra mondiale

Conferenza stampa a Roma con il procuratore Piero Grasso e il ministro Prestigiacomo. Vittima della vicenda sono stati gli operatori del turismo che guardano con timore all’estate

Non è la Cunsky ma la Catania Non c’è contaminazione radioattiva di Carmela Mirarchi ROMA - La nave di Cetraro non è la quella dei veleni ma é una nave passeggeri, la Catania, affondata durante le prima guerra mondiale, nel 1917. Lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo in una conferenza stampa congiunta con il procura-

Prestigiacomo: «Vicende come questa vanno seguite con maggiore prudenza e responsabilità» tore nazionale antimafia Piero Grasso. Lo ha detto il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso parlando nella sede della Dna di via Giulia. Grasso ha aggiunto che f ino a «300 metri di profondità e per un raggio di 7 chilometri sono da escludere tracce di contaminazione radioattiva». Il procuratore ha detto che si possono dare «le prime rassicurazionisugliesitidegliaccertamenti attorno al relitto a largo di Cetraro, ma certo queste non possono bastare per rassicurare la popolazione calabrese, quella italiana, e i turisti che così numerosi vengonoinquestaregione».Grasso ha aggiunto che il suo ufficio «darà impulso ad un necessario recuperare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni e nella magistratura». Tuttavia il procuratore ha sottolineato che finora «si è certamente causata una vittima: l’area di Cetraro e la Calabria. Perché gli operatori turistici guardano con timore alla prossima stagione, perché la popolazione si sente in pericolo temendo per le condizioni di salute, perché i pescatorihanno smessodi pescare». Anche il viceprocuratore di Ca-

tanzaro Borrelli ha rassicurato che nella nave ritrovata a Cetraro non ci sono rifiuti tossici perché «la stiva è vuota». Riferendosi alle notizie circolate sulle dichiarazioni del pentito Francesco Fonti, che hanno dato avvio all’indagine, il magistrato ha chiarito che «in nessuna circostanza Fonti ha detto che i rifiuti siano stati seppelliti nel greto del fiume Oliva». La nave passeggeri che si trova nel mare di Cetraro è la Catania e risulta dell’armatore Societa marittima italianà di Genova. Costruita a Palermo nel 1906 è stata silurata nel corso della Prima Guerra Mondiale da un sommergibile tedesco il 16 marzo 1917 a largo di Cetraro nel viaggio di ritorno sulla tratta Bombay-Napoli. Non è, è scritto sul dossier del ministero dell’Ambiente,delladirezionedistrettuale antimafia di Catanzaro e del reparto ambientale marino del corpo delle capitanerie di porto, "una nave dei veleni e non contiene bidoni". «Vicende come queste vanno seguite con più prudenza e responsabilità. Abbiamo registrato un tentativo di soffiare su questa vicenda da parte di chi, amministratori e sindaci, avrebbero dovuto agire con più cautela» ha detto il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo durante la conferenza stampa congiunta con il procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso. «Abbiamo registrato - ha sottolineato ancora il ministro ostilità a tutti costi delle autorità regionali verso il Governo. Oggi è

Borrelli: «In nessuna circostanza Fonti ha detto che i rifiuti sono stati seppelliti nel greto del fiume Oliva»

giusto rassicurare al più presto l’opinione pubblica e la popolazione calabrese». La nave a largo di Cetraro non è dunque la Cunsky ma un relitto risalente alla prima guerra mondiale. Ad identificarlo sarebbero stati gli esperti della Geolab e del Ministero dell’Ambiente e le immagini girate. A fornire importanti indicazioni sarebbe stata anche una vecchia mappa dell’esercito tedesco, che riporterebbe il punto dell’affondamento, sulle mappe italiane non ci sarebbero tracce. Le prime indiscrezioni sono state fornite dai ricercatori impegnati sulla nave di ricerca "Mare Oceano" che ieri ha concluso la sua missione nelle acque del Tirreno Cosentino. A dare le prime indiscrezioni è stato Federico Crescenzi, Capo del reparto ambientale marino delle Capitanerie di Porto, che si trova a bordo della "Oceano mare" che sta ultimando i prelievi dei sedimenti marini. Crescenzi ha rilasciato ieri, prima della conferenza stampa ufficiale, importanti dichiarazioni in cui si sottolinea che: « Dai campioni presi in esame pare che non ci sia nessuna contaminazione, come risulta dalle prime analisi radiometriche effettuate». Crescenzi è stato cauto precisando che devono essere effettuate le analisi sulle particelle alfa e beta. Ieri, secondo quanto dichiarato da Crescenzi, è stato consegnato all’Agenzia regionale per la prote-

A identificare il relitto sono stati gli esperti della Geolab. Le prime indiscrezioni sono state rilasciate dai ricercatori zione ambientale della Calabria che dovrà analizzarli. Da protocollo tutti i reperti ottenuti grazie all’utilizzo del rov posto in contenitori schermati saranno sottoposti a verifiche da parte del nucleo Nbc dei vigili del fuoco. Già nel primo pomeriggio di ieri era stata constata una situazione di tranquillità alla Procura di Catanzaro dopo l’esito degli accertamenti fatti nella zona dove è stato ritrovato il relitto. Ieri infatti durante una pausa dei lavori il procuratore della repubblica Lombardo e il procuratore aggiunto Borrelli hanno fatto intuire che in merito ai dati emersi dalle rilevazioni effettuati dalla Oceano mare ci sarebbe una situazione di serenità. Il punto fondamentale ora sarà non far scemare l’attenzione verso la grave situazione che comunque permane in Calabria e spingere per un’analisi dei siti sospetti che sarebbero stati già individuati sulla terra ferma, per procedere alla mappatura dei siti.

Rifiuti tossici Itc Lucifero chiesta riapertura riapertura Itc CROTONE- Adottare le misure necessarie per una sollecita riapertura dell’Istituto tecnico commerciale Lucifero dove le lezioni sono sospese da oltre un mese a seguito dell’operazione "Black mountains". E’ quanto chiede il neo costituito comitato genitori degli alunni che ha approvato il proprio statuto ed eletto un presidente, Roberto Sapienza e due vice, Antonella Scida e Antonio De Fazio. «Dal dibattito - riporta una nota - è emersa la volontà del Comitato dei genitori di diventare punto di riferimento ed elemento di stimolo per istituzioni locali ed autorità scolastiche per la risoluzione delle problematiche riguardanti l’Istituto Lucifero. In particolare i genitori chiedono l’adozione di tutte le misure necessarie ed opportune al fine di una sollecita riapertura dell’Istituto e della ripresa delle lezioni, anche attraverso l’affitto di locali idonei; la collaborazione del dirigente scolastico con l’Azienda sanitaria locale al fine di poter effettuare gli esami sanitari previsti sugli studenti dell’Istituto; la bonifica delle aree inquinate dell’Istituto qualora si decida di riaprire l’attuale edificio scolastico». La scuola fu chiusa perchè dalle analisi su un campione di 290 studenti sono emerse tracce di metalli pesanti. Scuole, parcheggi, strade, case e opere pubbliche costruite con materiale di scarto industriale, rifiuti tossici e sostanze cancerogene. Questo emerse da Black Mountains che portò al sequestro di 18 aree disseminate lungo tutto il territorio crotonese fino a Cutro e Isola Capo Rizzuto, aree ad alta densità mafiosa nell’entroterra. Sarebbero state almeno 350 mila le tonnellate di materiali tossico utilizzate per costruire tre cortili di altrettante scuole. La chiusura dell’istituto Lucifero era stata chiesta anche dalla Provincia di Crotone.


Venerdì 30 Ottobre 2009

il Domani

7

PRIMO PIANO

Parlano i sindaci del Tirreno «Ora riabilitare il territorio» Nave dei veleni, dopo due mesi di polemiche in Calabria si respira di Antonello Troya COSENZA- Riabilitare l’immagine di un territorio, di una regione uscita in ginocchio solo da voci che davano per certa la presenza di un relitto contenente fusti radioattivi al largo della costa. Concluse le indagini della "Mare Oceano" i campionamenti sono passati al vaglio degli inquirenti. Campioni che non hanno fatto registrare alcuna contaminazione. I responsabili della Geolab hanno poi refertato i risultati al procuratore della Dda di Catanzaro, Vincenzo Lombardo. La conferma sembra arrivare anche dalle parole di Giovanni Ranieri, managing director della Geolab. «Escludo che la nave trovata nei fondali di Cetraro sia la Cunski». E dopo due mesi la Calabria ricomincia a respirare. Una voce unanime, quella dei sindaci del tirreno cosentino pronti a presentare le giuste motivazioni per tutelare la costa tirrenica. Enrico Granata è il sindaco di Belvedere Marittimo. «Ovviamentela notiziache l’imbarca-

Enrico Granata

zione ritrovata non è la nave dei veleni ci fa piacere e ci solleva da una serie di problemi che si sono avvicendati dal suo ritrovamento, ovvero da metà settembre. Ma non possiamo e non dobbiamo fermare la nostra battaglia adesso. Ora più che mai è necessario rimettere in sesto un mercato ittico in caduta libera, l’indotto che ne sta subendo le conseguenze e

la credibilità turistica agli occhi del mondo intero. Per cui si rende necessaria una forza comune: Sindaci, Provincia e Regione insieme sinergicamente per ricostruire l’immagine della nostra terra così violentemente depredata agli occhi dell’opinione pubblica». Sulla stessa linea Ernesto Magorno, sindaco di Diamante e consigliere provinciale. «È una buona notizia di cui avevamo già avuto sentore nei giorni scorsi. È un primo passo in avanti verso la verità. Più dell’interesse di come si chiama la nave, ci interessa sapere cosa c’è dentro. Poi saremo soddisfatti, e potremmo dire alla gente che non c’è nulla. Le agenzie di stampa parlano di un possibile mercantile affondato durante la prima guerra mondiale, notizie che si accavallano: un motivo in più per andare nei fondali di Cetraro, togliere quella nave e rassicurare la gente». AncheMagornoèfortementepreoccupato per il mercato ittico: «Il mercato è in ginocchio, come tutto ciò che ruota attorno alla risto-

razione. In questo momento sono in ginocchio le prospettive della prossima stagione turistica. Se è una grande bufala, e mi auguro che sia così, dobbiamo far partire una grande campagna stampa di controinformazione». A pagarne maggiormente le conseguenze la città di Cetraro. «Sa-

di ogni verifica che si potrà fare, io chiedo che quella nave sia rimossa da fondali. Lo sto chiedendo da quando si è diffusa la notizia. Lo chiedo ancor di più adesso, perché con quel relitto noi vogliamo costruire un museo all’aperto nel porto di Cetraro. Abbiamo chiesto e continueremo

Ernesto Magorno

Giuseppe Aieta

lutiamo con soddisfazione la notizia che non è la Cunsky, circostanza che diffonde un po’ di serenità», dice il primo cittadino di Cetraro, Giuseppe Aieta. «Noi aspettiamo che ci dicano cosa c’è nella nave, non intorno alla nave, dopo di che è chiaro che inizierà una controinformazione che dirà che il mare non è inquinato, non è tossico, non è radioattivo. Al di là

a chiedere lo stato di emergenza per andare incontro ai pescatori: il danno è stato fatto, non è facile recuperare». Intanto i primi cittadini si preparano per la riunione prevista per l’8 novembre tra i rappresentanti istituzionali del territorio, nel corso del quale verrà chiesto un forte intervento da parte del governo nazionale.


8

il Domani

Venerdì 30 Ottobre 2009

POLITICA REGIONALE Arlacchi a Pechino

Su facebook i giovani del Nuovo Psi LAMEZIA TERME - «Cresce sempre di più il consenso tra i giovani per il Nuovo Psi». E’ quanto sostiene Bruno Raso, coordinatore cittadino soddisfatto per l’impegno di tanti giovani che «partecipano in modo alle periodiche riunioni grazie anche all’utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione come il noto social network facebook».

CATANZARO - Pino Arlacchi è stato nominato vicepresidente dell’International Forum on Crime and Criminal Law, una associazione internazionale formata dai maggiori criminologi di dieci Paesi, promossa ed ospitata dall’Università di Pechino.

L’assessore regionale all’Agricoltura rimarca il successo del governatore Agazio Loiero e attacca il compagno di partito: esternazioni incomprensibili alle quali siamo abituati

Pd, scontro dopo le primarie Amato contro Amendola... di SaVis CATANZARO - All’indomani del voto del 25 ottobre scorso, non mancano le polemiche e gli atti d’accusa all’interno del Partito democratico. «Si sperava che, finita la fase congressuale, ognuno, con senso di responsabilità, si apprestasse a contribuire a superare le contrapposizioni interne, fermo restando che comunque sarebbe stato necessario dare una lettura seria ai risultati delle primarie». Così, l’assessore regionale, Pietro Amato a seguito delle affermazioni rilasciate ai media dal consigliere regionale del suo steso partito, Franco Amendola. «Purtroppo - ha aggiunto Amato siamo ormai abituati a leggere le esternazioni di Franco Amendo-

E il consigliere lametino: pensiamo alle prossime elezioni della città senza presentarci divisi a questa importante scadenza

la, molto spesso incomprensibili. Ricordo un attacco a sorpresa ed inaspettato contro di me quando da coordinatore provinciale, insieme ad altri dirigenti, siamo riusciti a costituire 85 circoli su tutto il territorioche rappresentanooggi la spina dorsale del Pd. Non si capisce perché Amendola non si sia sorpreso delle diverse riunioni organizzate da Franceschini o delle riunioni convocate da Marco Minniti a sostegno del candidato Pino Caminiti, mentre ha

reputato scandaloso che la Corea, ribadisco da candidata, partecipasse a riunioni della propria lista. Quello che è peggio - ha proseguito Amato - è il fatto che lui sostenga di essere l’unico ad aver lavorato con spirito unitario. Se si legge con attenzione il dato che emerge è che il 61% dei consensi è stato conseguito dalla lista capeggiata dall’onorevole Loiero. Solo 15% dei voti è andato alla lista a cui fa riferimento l’onorevole Amendola ed il 16%

alla lista che fa riferimento all’onorevole Franceschini. I dati che emergono ed ai quali bisogna dare credito - ha concluso Amato - poiché espressi democraticamente dal congresso sono quelli prima richiamati e che riconoscono la leadership a livello regionale al presidente Loiero e a livello provinciale al segretario Caterina Corea». E Amendola dal canto suo, è tornato a parle del dopo-primarie, in riferimento alla città di Lamezia Terme. «Dopo la conclusione delle primarie, il Partito democratico deve ritornare ad occuparsi con maggiore vigore anche delle prossime consultazioni amministrative di una città importante come Lamezia Terme. E’ necessario, quindi, - ha detto Amendola -che si dia avvi ad un tavolo del centrosinistra in cui definire le alleanzenecessarie,la programmazione e le strategie elettorali future e che chiarisca definitivamente se esistano le condizioni per individuare in maniera condivisa il prossimo candidato a sindaco o se si deve ricorrere alle primarie di coalizione. Non possiamo arrivare impreparati, o peggio ancora divisi, a quest’appuntamento elettorale».

Il commento alle primarie del segretario regionale dei giovani Democratici, Lugi Guglielmelli

«Il voto del 25 ottobre? Segnale importante e straordinario» CATANZARO - «Il Pd, con le primarie dello scorso 25 ottobre, ha dato un segnale importante e straordinario».Ad affermarlo è il segretario dei giovani democratici calabresi, Luigi Guglielmelli. «Il progetto del Pd, nato per rispondere alle nuove domande di liberazione ed emancipazione degli italiani e delle italiane prosegue - è forte ed è pronto a riprendere il proprio percorso di crescita e maturazione. In un momento in cui l’antipolitica sembra essere predominante, ben tre milioni di cittadini hanno voluto scegliere il proprio segretario nazionale e hanno scelto Pier Luigi Bersani. Per la prima volta nella seconda

Repubblica elettori ed iscritti non sono entità diverse e distinte, per la prima volta chi vince tra gli elettori vince anche tra gli iscritti, segno che l’apparato non esiste ma che esistono le buone idee e i buoni propositi. Ora occorre avviare un percorso unitario che sappia tenere insieme le diverse opzioni politiche presenti nel Partito e che allo stesso tempo sappia fare chiarezza su molti temi che per il Pd appaiono ancora indefiniti come i diritti civili, il merito ed il ricambiogenerazionalenella politica e nella società. In Calabria, inoltre, il risultato delle primarie si legge in una duplice accezione. Da una parte i calabresi

hanno riaffermato la volontà ferma di non volere riconsegnare la Regione Calabria alle destre. Una destra che in questa regione ha fatto danni gravissimi che ancora oggi tutti noi paghiamo a caro prezzo. Il secondo dato che emer-

ge è la forte unitarietà che si è registrata sul candidato alla segreteria regionale Carlo Guccione. Oltre settemila calabresi hanno scelto Franceschini e Marino sulla scheda nazionale ed allo stesso tempo hanno dato fiducia a Carlo Guccione per la guida del partito regionale. Questo è un dato significativo che testimonia la forte richiesta di unità che il nostro elettorato ci richiede soprattutto in vista delle elezioni regionali di Marzo. Allo stesso tempo il neo-segretario ha un importante responsabilità, ovvero quella di costruire un partito rinnovato nelle sue pratiche e nelle sue classi dirigenti».

Poche risorse L’Anci attacca il Governo di Ezio Gimmelli ROMA - I Comuni scendono sul piede di guerra: strozzati dalle risorse che si assottigliano sempre più. Oggi in Conferenza unificata non esprimeranno alcun parere sia sulla legge Finanziaria sia sul codice delle autonomie ed anche sul decreto sui servizi pubblici locali (23 bis) e minacciano di non partecipare più alle conferenze, interrompendo le relazioni istituzionali con il governo, se non saranno ricevuti dal premier Silvio Berlusconi «in tempi ragionevolmente brevi», cioé prima che sia convocata la prossima Conferenza unificata. Lo ha annunciato il presidente dell’Anci, Sergio Chiamparino, prima di prendere parte alla Conferenza in programma nella sede del ministero degli Affari regionali questo pomeriggio. «Non esprimeremo alcun parere su questi tre punti - ha detto il presidente dell’Anci - ma consegneremo al governo un documento approvato questa mattina nel corso di una seduta straordinaria dell’Ufficio di presidenza nel quale ribadiamo la nostra richieste di un incontro con il presidente del Consiglio e tutta una serie di emendamenti ai provvedimenti in questione». Il sindaco Chiamparino ha precisato che i Comuni ieri hanno deciso di partecipare alla riunione per «senso di responsabilità, ma non potranno ignorare una mancata convocazione del premier in tempi brevi: dopo l’accordo raggiunto con le regioni, i comuni si aspettano lo stesso percorso: noi poniamo una questione di pari dignità istituzionale e di merito. Non si scambi la nostra presenza oggi alla Conferenza unificata per un atto di debolezza». Insomma, si annuncia un lungo ed estenuante braccio di ferro istituzionale, con gli Enti periferici sempre più costretti a fare “salti mortali” per far quadrare i conti dei propri bilanci. Spesso impossibilitati a programmare per mancanza di risorse finanziarie che non consentono la crescita sociale ed economica dei singoli territori.


Venerdì 30 Ottobre 2009

il Domani

9

POLITICA REGIONALE Scuola di magistratura, sinergia istituzionale CATANZARO - "Sono particolarmente felice per la città e la provincia di Catanzaro per il riconoscimento della scuola di magistratura che ripristina quando aveva deciso nel passato il governo

Berlusconi e che poi, inopinatamente, era stato modificato dal governo Prodi". Lo afferma il coordinatoreregionale del Pdl, Giuseppe Scopelliti. "A poche settimane di distanza dall’incontro

con il ministro Alfano - prosegue Scopelliti - registro la conferma di un impegno preciso che arricchisce la Calabria di un presidio prestigioso e che premia la sinergia istituzionale".

Il ministero dello Sviluppo Economico si esprime sull’intesa siglata dall’assessore regionale Silvio Greco con Mike Rann

Accordo Calabria e Australia «Valutazione molto positiva» di Francesco Pungitore CATANZARO- E’ positivala valutazione del ministero dello Sviluppo economico in merito all’accordo sottoscritto dall’assessore regionale Silvio Greco, in rappresentanza del presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, e il premier del Sud Australia, Mike Rann. «L’intesa, siglata nei giorni scorsi ad Adelaide - riferisce una nota dell’ufficio del portavoce del presidente Loiero -, è finalizzata a promuovere iniziative congiunte imprenditoriali, culturali e formative». Al riguardo, in una lettera inviata dal dirigente del ministero dello Sviluppo economico, Giorgio Giovagnoli, al presidente Loiero, si sottolinea l’importanza di tale collaborazione istituzionale in funzione di potenziale traino dell’internazionalizzazione del sistema economico regionale. Il protocollo ha come tema dominante i parchi marini e la sostenibilità delle risorse rinnovabili, ma anche lo scambio di ricercatori e di studenti tra le Università e i Centri di ricerca della Calabria e del South Auastralia. Ciò permetterà di sviluppare una capacità di governance ambientale strategica per unosvilupporealmentesostenibile. Prevista nell’intesa anche la costituzione di politiche comuni per la promozione dell’innovazione e della collaborazione trale piccole e medie imprese nei settori industriali chiave, attraverso lo

Il protocollo ha come tema dominante i parchi marini e la sostenibilità delle risorse rinnovabili scambio delle buone prassi e lo sviluppo di iniziative congiunte per assistenza tecnica e formazione professionale, inclusi i trasferimenti tecnologici. Il progetto rappresenta una piattaforma di riferimento anche per ulteriori iniziative di carattere analogo poste sull’agenda della Regione Calabria. La sfida decisi-

di Antonio Latella

va dell’internazionalizzazione passa anche attraverso questi protocolli d’intesa rispetto ai quali appare sempre più decisiva la funzione di raccordo che gli enti locali possono svolgere a supporto delle imprese private, in un territorio che necessita di stimoli di portata così ampia.

Nuove fonti energetiche alternative Tripodi: un parco solare sulla A3 di Antonio Latella REGGIO CALABRIA - La questione delle politiche energetiche continua a rappresentare uno dei paradossi della Calabria. In questa regione, in cui le risorse naturali costituiscono una straordinaria ricchezza da esportare ad altre aree del Mezzogiorno, solo nell’ultimo anno si è iniziato a investire seriamente sul settore delle fonti alternative. Nasce in questo contesto la proposta di realizzare un parco solare in alcuni dei tratti in dismissione dell’autostrada Salerno - Reggio. La proposta, avanzata dalla Giunta regionale e, nella fattispecie, dall’assessoreall’Urbanistica Michelangelo Tripodi, riguarda la zona compresa tra Scilla e Bagnara. Il progetto finalmente inizia a prendere corpo. Se ne parlò per la prima volta durante i lavori del forum "Open space technology" che si svolse a Reggio nel febbraio 2007. Un anno e mezzo dopo sono stati attivati il tavolo tecnico e il relativo gruppo di coordinamento. Quest’ultimo organismo ha messo a punto uno studio di pre-fattibilità sull’ambizioso programma intitolato "Parco solare sud - Austrada solare". Adesso si entra nel vivo. Nonostante le difficoltà legate ai lavori di ammodernamento

Il progetto prevede il riuso delle parti in dismissione della principale dorsale viaria calabrese

dell’A3, la Regione vuole accelerare per farsi trovare pronta nel momento in cui verranno "mandati in pensione" i vecchi tratti (quasi completamente realizzati su viadotti) della Salerno - Reggio. In particolare, il progetto prevede il riuso delle parti in dismissione della principale arteria di comunicazione calabrese, attraverso la loro destinazione a funzioni innovative. Sulla corsia nord sarà creato "uno spazio di sperimentazione per la produzione di energia da fonti rinnovabili, la ricerca e successiva applicazione di nuove tecnologie sostenibili", con il contestuale "avvio di misure d’integrazione dello stesso Parco con il territorio attraverso azioni di fruizione e valorizzazione del paesaggio". Il tratto autostradale sud, invece, come richiesto dai Comuni dell’area, servirà per il collegamento tra i centri tirrenici in alternativa alla Statale 18. Tutto questo, spiega l’assessorato, "consentirebbe la produzione di energia pulita, la riduzione dell’inquinamento ambientale causato dalla demolizione dei tratti stradali dimessi, l’utilizzo delle gallerie per la sperimentazione di tecnologie amichedell’ambientee a emissioni zero,un risparmioeconomico-ambientale e, infine, la possibilità di utilizzo del parco solare come luogo per attività a scopo didattico-sperimentaleeludico-naturalistico". Come già sottolineato, la proposta, avanzata dalla Giunta regionale e, nella fattispecie, dall’assessore all’Urbanistica Michelangelo Tripodi, riguarda la zona compresa tra Scilla e Bagnara e sicuramente rappresenta un progetto particolarmente ambizioso e innovativo in tutto il panorama nazionale.


10

il Domani

Venerdì 30 Ottobre 2009

INDUSTRIA E COMMERCIO Il gruppo chiude il 2009 con un passivo di 30 mln prima delle tasse. Già pronta, dunque, la riorganizzazione: tagli al personale per un totale di 350 unità, revisione della rete di boutique e bilancio di nuovo in attivo nel 2011

La crisi attacca anche la moda, Versace passa al piano d’emergenza Ludovico Casaburi ROMA - Anche il luccicante mondo della moda è in difficoltà a causa della attuale congiuntura economica. E anche un gruppo forte come Versace deve fare i conti con il bilancio, che per quest’anno chiuderà in rosso. Necessario dunque un piano riorganizzativo destinato a riportare redditività in azienda nel 2011. Gian Giacomo Ferraris, dal 15 lu-

Gian Giacomo Ferraris, dal 15 luglio scorso amministratore delegato del gruppo Versace

glio scorso amministratore delegato del gruppo, è però fiducioso, come si intuisce dalle dichiarazioni rilasciate al Sole24ore. «Già dall’anno prossimo - ha dichiarato al quotidiano economico - si tornerà ad avere un margine operativo lordo positivo». Non però senza difficoltà, c’è da aggiungere: a fronte di un bilancio consolidato che per il 2009 prevede ricavi fermi a 273 milioni (nel 2008 erano 336,3) e un risultato prima delle tasse in perdita per 30 milioni (nel 2008 in attivo di 25,6), è risultato infatti inevitabile operare tagli importanti ai costi per rivedere la luce. Ne faranno così le spese circa 350 dipendenti sparsi in tutto il mondo (il totale ammonta a circa 1300), la maggiorparte di questi in Italia. «I tagli verranno effettuati in tutti i settori tranne la parte creativa, il product development e il brand management. Dunque non verrà

Donatella Versace

intaccata in alcun modola qualità del prodotto o il servizio al cliente», spiega Ferraris.

Al contempo il piano di riorganizzazione approvato nei giorni scorsi all’unanimità dal consiglio

d’amministrazione prevede una razionalizzazione dell’assetto organizzativo (più flessibilità), la revisione della rete dei negozi («per alcune boutique cercheremo location più adeguate mentre ne apriremo altre a Las Vegas, a Mumbai e a Dubai), e infine la riduzione degli investimenti in conto capitale nel 2010. Il piano d’emergenza partirà nei primi mesi del prossimo anno, e Ferraris è convinto che così facendo il bilancio si ricolorerà di verde. La strategia è precisa: «Il nostro marchio deve essere cool, young e trendsetter (fico, giovane e che detta le mode) tanto più che abbiamo il vantaggio di avre una stilista competente come Donatella, che condivide a pieno la mia visione e che è anche capace di introdurre giovani talenti come Christopher Kane senza paura di esserne offuscata».


Venerdì 30 Ottobre 2009

il Domani 11

INDUSTRIA E COMMERCIO Ha un esecutivo l’azienda speciale della Camera di Commercio per il porto di Vibo Valentia

Già al lavoro l’appena costituito CdA dell’Aspo di Vibo Valentia

Il consiglio d’amministrazione sarà presieduto dal commissario della Cdc Michele Lico

Ettore Zonno VIBO VALENTIA - A poco meno di due settimane dalla sua costituzione, l’azienda speciale della Camera di Commercio per il porto di Vibo Valentia (Aspo) è diventata subito operativa. Già martedi scorso si è infatti insediato il consiglio di amministrazione dell’azienda. Presidente è, come da statuto, il commissario della Camera di Commercio Michele Lico. Ne fanno poi parte la Regione Calabria con la dott.ssa Franca Ricioppo, dirigente del dipartimento Attività Produttive; l’amministrazione provinciale di Vibo Valentia con l’assessore Francesco Marcianò, il consorzio per lo Sviluppo Industriale con il direttore Giuseppe Augurusa; il presidente della Consulta economico-portuale Santa Venere Giuseppe Lo Preiato e, su

designazione diretta della Camera di Commercio, Domenico Arena, imprenditore, per il settore Metalmeccanico; Raffaele Greco, presidente della Nautilus, per il settore Pesca e Maricultura; Antonio Viscomi, docente universitario, per il settore Università e Ricerca. Prossima anche l’adesione delle organizzazioni Sindacali Cgil, Cisl e Uil con la designazione del delegato in rappresentanzaunita-

Obiettivo dell’Aspo è «la programmazione di sviluppo dell’infrastruttura portuale e del sistema economico di riferimento»

Il consiglio d'amministrazione dell'Aspo di Vibo Valentia al lavoro

ria delle parti sociali. La capitaneria di porto di Vibo Marina, con funzioni consultive, ha partecipato inoltre alla riunione con il tenente di vascello Giuseppe Notte. Lo Statuto dell’Aspo prevede, inoltre, la presenza nel cda del Sindaco di Vibo Valentia. A tal proposito, il presidente Lico auspica l’adesione a breve del primo

cittadinoin modo da procederein sintonia e unitariamente con l’amministrazionecomunale«per il raggiungimento di comuni finalità legate alla programmazione di sviluppo dell’infrastruttura portuale e del sistema economico di riferimento».Come da statuto e per precisa volontà di Lico i componenti del cda non percepiranno alcun emolumento.

Centro storico di Catanzaro fulcro di attività «Il centro storico - dice Tassone consente ai cittadini di riappropriarsi dei propri spazi»

Tassone: «Più servizi al commercio» CATANZARO - «Il successo tributato all’Expo al femminile, seguito al successo della Notte Piccante, deve imporredelleriflessioniachièprotagonista attivo di una programmazione di sviluppo». Sono queste le parole di Pietro Tassone, presidente della Confcommercio di Catanzaro. «Il centro storicodiCatanzarosiprestaaospitare manifestazioni ad ampio respiro, perché queste consentono ai cittadini di riappropriarsi dei propri spazi. Ec-

co perché è necessario adoperare al meglio gli strumenti che già esistono comeilconsorzio"Ilcorso"».Secondo Tassone «è fondamentale che i commerciantidiCorsoMazzinisianoparteattivadelledecisionicheliriguardano.Senzatrascurarecheèfondamentale ridisegnare il Centro storico in funzionidellenuovegenerazioniedella presenzadi un ateneotantoimportante,quantoalmomento,pocoincisivonellavitadellacittà».

«È fondamentale - dice Tassone che gli esercenti siano attivi nelle decisioni che li riguardano»

Sempre più vicina la Metropolitana del mare Antonio Latella REGGIO CALABRIA - I pendolari dello Stretto sono più che fiduciosi. La "Metropolitana del mare", adesso, appare più realistica, grazie alla decisione del Consiglio di Stato che "ha chiuso la querelle giudiziaria riguardante l’appalto relativo all’affidamento del servizio triennale di trasporto marittimo" tra le due sponde dello Stretto. Il Consiglio di Stato, infatti, ha dato il via libera all’attuazione del servizio da parte del consorzio "Metromare dello Stretto, costituito da Bluvia ( società di navigazione delle Ferrovie dello Stato) e da Ustica Lines. Adesso, si può entrare nella fase esecutiva. Attenzione, però, a non partire col piede sbagliato e far pesare costi e servizio sulle spalle dei pendolari che, nell’ultimo anno, non solo sono stati costretti a sopportare enormi disagi, ma a scegliere i traghetti privati di Villa San Giovanni, allungando i tempi di percorrenza ed i costi, per portarsi nella città peloritana e viceversa. Il comitato dei pendolari, che ha accolto con sollievo la decisione della Corte dei Conti, adesso chiede una politica delle tariffe in grado di non incidere, in questo momento di grande crisi, sui bilanci di famiglie". E, come sostiene Ivan Tripodi (segretario del PdCI reggini) , non dovrà essere assolutamente realizzato un trasporto "circolare dell’area dello stretto" , come inizialmente previsto dal progetto. "Questa opzione avrà come unico risultato il fatto che per raggiungere Messina da Reggio o viceversa ci vorranno oltre sessanta minuti e questo significherà il totale fallimento prima dell’inizio del progetto".


12

il Domani

Venerdì 30 Ottobre 2009

ATTUALITA'

Ergastolano si suicida in carcere

Ponte, Matteoli: «Allo Stato non costa nulla» ROMA - Il Ponte sullo Stretto «alle casse pubbliche non costa una lira». Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Altero

Matteoli nel corso di un dibattito sul piano di mobilità. «A parte i lavori a terra l’opera è costruita attraverso il project financing».

PARMA - Un presunto affiliato alla ’ndrangheta, Francesco Gozzi, esponente della cosca Latella di Reggio, si è suicidato nel carcere di Parma dove stava scontando la condanna all’ergastolo.

Il provvedimento, eseguito ieri dalla Finanza, è stato chiesto dalla Dda di Reggio Calabria. I patrimoni sarebbero stati acquistati con i proventi del traffico internazionale di droga

Sequestrati alla ‘ndrangheta beni per 20 milioni di euro Antonio Latella REGGIO CALABRIA - Un fabbricato a Trastevere, ville sulla costa partenopea ed altri beni per quasi venti milioni di euro sono stati sequestrati ieri dalla Guardia di finanza. Il provvedimento, chiesto dalla Dda di Reggio e firmato dal gip Tommasina Cotroneo, è stato eseguito nella Locride, in Campania, nel Lazio ed in Piemonte. Il tesoretto è riconducibile a presunti appartenenti alle ‘ndrine Commisso e Nazzaferro di Marina di Gioiosa Ionica, Cataldo di Locri ed al clan camorristico Baratto-Bianco di Napoli Fuorigrotta. Beni che, secondo l’attività di polizia giudiziaria, sarebbero stati acquistati con i proventi del traffico di droga. Oltre al fabbricato trasteverino ed alle due signorili residenze costruire in note località balneari della costa napoletana, il sequestro, tra l’altro, ha riguardato anche locali adibiti ad attività commerciali ubicati a Napoli; una tenuta con annessa abitazione, masseria e terreni agricoli situata nella Locride; uno studio medico specializzato nella fisioterapia a Marina di Gioiosa Ionica, autovetture e

di una cinquantina di persone. In quella circostanza venne confermato come in questo business, che i snodava lungo l’asse Spagna, Perù, Francia e Italia, erano direttamente coinvolti narcotrafficanti colombiani, spagnoli e nordafricani.

motocicli. Le indagini dei finanziari della compagnia di Locri e dei loro colleghi del comando provinciale hanno ricostruito la provenienza dei patrimoni acquisiti da molti degli indagati dell’operazione "Perpignan" che, nel giugno di quest’anno, ha registrato il sequestro di una tonnellatadisostanzastupefacente(cocaina e hashish) ed il coinvolgimento

Il tesoretto sequestrato dai finanzieri è riconducibile a presunti appartenenti alle ’ndrine Commisso e Nazzaferro di Gioiosa Ionica, Cataldo di Locri ed al clan camorristico Baratto - Bianco di Napoli Fuorigrotta

Morti da amianto chiuse le indagini su Montedison Ma. Te. Fo. CROTONE - Otto persone, tra direttori e responsabili della sicurezza e della sanità del vecchio stabilimento chimico Montedison di Crotone, succedutesi negli anni, hanno ricevuto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone un avviso di conclusione delle indagini circa i gravi danni alla salute provocati dall’utilizzo dell’amianto all’interno dello stabilimento. La Procura sostiene che le 8 persone, accusate di omicidio colposo plurimo e disastro colposo, sono responsabili del decesso, causato da mesotelioma pleurico, di cinque lavoratori dello stabilimento e delle mogli di altri due operai, venute in contatto con le polveri d’amianto attraverso gli indumenti di lavoro dei mariti. Le morti sono avvenute tra il 1998 e il 2006. Secondo gli inquirenti, le otto persone erano a conoscenza dei gravi danni provocati dall’amianto ai lavoratori che non sarebbero stati informati e sottoposti a controlli sanitari. Né ai lavoratori sarebbero stati forniti efficaci mezzi di protezione e sistemi idonei per impedire la diffusione delle polveri d’amianto. Il procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Crotone, Raffaele Mazzotta, durante un incontro con i giornalisti, ha detto che «quella che abbiamo accertato e’ solo la punta dell’iceberg. Un’indagine - ha aggiunto - troppo complessa e lunga per concludersi oggi».

L’iniziativa dell’Arma dei carabinieri si svolgerà dal 4 al 7 novembre

Le missioni internazionali, mostra fotografica La Legione carabinieri “Calabria” ospiterà una mostra del fotoreporter Alessandro Digaetano ed un incontro con gli studenti

Maria Teresa Folino CATANZARO - “Le missioni internazionali all’estero”. E’ questo il tema scelto dal Ministero della Difesa per celebrare la Festa dell’Unità Nazionale e la Giornata delle Forze Armate che si celebrerà il prossimo 4 novembre. Un tema scottante ed attuale quello delle missioni perchè fa affiorare alla memoria il tragico attentato di Kabul, nel quale hanno perso la vita i militari italiani. Un avvenimento attuale che però, alcune volte, rischia di essere considerato estraneo alla vita di tutti i giorni e per questo motivo, in tutta Italia e anche in Calabria, si è deciso di

La presentazione dell'iniziativa

renderlo più vicino alla quotidianità. A Catanzaro, dal 4 al 7 novembre, presso la Legione carabinieri “Calabria” si terrà, infatti, una mostra del fotoreporter Alessandro Digaetano ed un incontro a più voci con gli studenti dei licei e delle scuole che già dai primi di ottobre sono stati coinvolti in questo tema dagli ufficiali e sottufficiali dei carabinieri in un

percorso di avvicinamento tra l’Arma e la società, con particolare riguardo alle nuove generazioni. A spiegare le finalità di questa iniziativa sono stati il generale comandante di Legione carabinieri Calabria, Marcello Mazzuca , il presidente della Provincia, Wanda Ferro e il giornalista e coordinatore dell’evento, Raffaele Gaetano. Un evento che mira a far capire l’operato dei militari impegnati all’esetero e «l’approccio cordiale ed umano ha sottolineato Mazzuca - utilizzato dai nostri uomini quando si recano in un Paese straniero». Giorno 7, a discutere di questi temi ci sarà anche il giornalista del Tg5,ToniCapuozzo.

Il 7 novembre a discutere di questi temi ci saranno anche il giornalista Toni Capuozzo e testimonianze di esperienze di militari delle Forze Armate


Venerdì 30 Ottobre 2009

il Domani 13

AGRICOLTURA E PESCA Secondo la Ue, il nostro Paese ha poco sorvegliato i pescherecci che utilizzano reti derivanti

L’enorme quantità di pesce era conservata all’interno dei locali climatizzati completamente sfusa senza documenti di origine

La Corte di giustizia europea Vibo Valentia, sequestrati condanna l’Italia per le spadare 1.500 kg di prodotti ittici Giuseppe Tetto BRUXELLES - La Corte di Giustizia Europeaierihaemessounasentenza di condanna nei confronti dell’Italia per il mancato esercizio dei controlli necessariad evitarel’uso delle"retida postaderivanti",lecosiddettespadare. Dal primo gennaio 2002 l’Unione vieta infatti l’impiego di "reti da posta derivanti" e un regolamento impone agliStatimembridiesercitareidovuti controlli. Igiudici,secondoilcomunicato,hannoriscontratochetrail1993(quando erano vietate reti superiori ai 2,5 chilometri)eil2005"lasorveglianzae il controllo delle attività di pesca non erano efficacemente garantiti dalle autorità italiane" e hanno stabilito che l’Italianonha"provvedutoacontrollare, ispezionare e sorvegliare in modo adeguato,sulproprioterritorioenelle acquemarittimesoggetteallapropria sovranità o giurisdizione l’esercizio dellapesca,segnatamenteperquanto riguarda il rispetto delle disposizioni chedisciplinanoladetenzioneabordo el’impiegodelleretidapostaderivanti", ed è dunque venuta meno ai suoi obblighi.

Le spadare, va ricordato, sono reti a maglia molto grande - con un lato di circa 15 centimetri -e galleggianti. Vengonocalateinmaredisolitolaseraeazig-zag,perfarsìcheipescirestano avvolti in esse mentre nuotano percercareunaviad’uscita.Chiamate anche "muri della morte", finiscono per uccidere oltre ai pesci spada anchecetaceiealtrespecielacuipescaè vietata. «Questa condanna rappresenta il coronamento di un successo per una battaglia condotta personalmente da anni e grazie alla collaborazione dell’Avv.Stefutti,deiricercatoriedelle associazioni internazionali come OceanaeGreenpeace».Èquantodichiarato da Ilaria Ferri, Direttore

Imprese, insediato a Crotone comitato “Distretto agroalimentare di qualità” Domenico Isnaghi CROTONE - Si è insediato nella giornatadel28ottobreilcomitatodel"Distrettoagroalimentarediqualità"della Provincia di Crotone con lo scopo di determinare politiche, proposte, progettifinalizzatiagarantireungenerale quadrodiconvenienzaeproficuaagibilità alle imprese agricole, agrituristiche, agro-alimentari, agroindustriali deldistretto.Questoancheincentivando l’infrastrutturazione del distretto

coerentemente con le esigenze di qualitàdelleproduzioni,di salvaguardiaambientaleepaesaggistica. Nel corso dell’assemblea odierna il Presidente della Provincia, Stanislao Zurlo,èstatonominatoPresidentedel ComitatodiDistretto.«Questodistretto -ha dichiarato Zurlo - è uno strumento importante che dobbiamo sapere utilizzare. Si tratta ora di creare uno strumento snello, agile, in stretto

Pirillo: «Maggiori risorse per crisi nave dei veleni» Mario Pirillo

BRUXELLES - «Il ritrovamento del relitto a largo di Cetraro indicato dal pentitodi‘ndrangheta,FrancescoFonti, come una delle cosiddette "navi dei veleni"hainvestitoinpienoilcomparto ittico soprattutto del Tirreno cosentino. Un’area che, senza alcun dubbio, è divenutalaprimaveravittimadiunavicenda che interessa complessivamente la Calabria intera». Così l’eurodeputato del Partito Democratico nonché membro della Commissione per l’ambiente, lasanitàpubblicaelasicurezzaalimen-

tare,MarioPirillo,valutairiflessinegativi della vicenda delle "navi dei veleni" sull’economia del settore ittico locale. «Adunmeseemezzocircadalrinvenimentodelrelitto-aggiunge-lemarineriedelTirrenocosentinosisonopraticamente fermate, denunciando una perdita sulle vendite del pescato di oltre l’80%. A fronte di queste enormi difficoltàchestannovivendo,inquest’area, glioperatoridelsettoreoccorreintervenire con risorse adeguate ed adottare provvedimenti che tengano conto del

Scientifico e Responsabile campagne internazionali dell’Ente Nazionale ProtezioneAnimali. «La sentenza - continua Ilaria Ferri chiariscedefinitivamentechel’Italiaè responsabile per aver permesso l’utilizzo indiscriminato di reti spadare checatturanooltrel’80%dispecieaccessorie e sono causa della morte di migliaia di cetacei e tartarughe ogni anno.Ilnostrolavoroèfinalmentestato premiato, ma siamo solo al primo passodiunavittoriacheperesseretale,devevedereilsequestrodefinitivodi ogni spadara e il controllo quotidiano sullosbarcodelpescato.Purtropposarannodinuovoicittadini,contribuenti italiani, a pagare per un Governo assente.Nelluglioscorso,infatti,ilsottosegretariodelMinisterodellePolitiche Agricole e forestali con delega alla pescaBuonfiglioèstatocostrettodalTar del Lazio a ritirare il suo decreto sull’usodelleferrettare». «Comecittadini-prosegueFerri-non soloabbiamogiàpagatoilpianodiriconversione sull’uso delle spadare a suo tempo, ed oggi siamo costretti di nuovo ad assumere oneri intollerabili percolpadipescatoridifrodoediuna politicaassentesenonaddiritturaconnivente». contatto con il mondo universitario e dellaricercascientifica.Sonocertoche questostrumento,se si lavoreràbene, daràbuonifrutti». Sulla nascita del distretto di qualità Umberto Lorecchio, consigliere provincialechesegueattentamentelepolitiche agricole, ha dichiarato che «la nascita del distretto rappresenta uno strumento importantissimo per tutte le aziende e l’imprenditoria di tutto il territorioprovinciale.Maaffinchétale strutturadiairisultatiattesiènecessarioattuareunapoliticadiinnovazione e cooperazione produttiva per la creazione di filiere e attività agroalimentari, il tutto nel rispetto delle tipicità dei singoli territori e della sostenibilitàdelleproduzioni». realedannosubitodaiterritori». E a questo proposito l’eurodeputato affermachepurvalutandopositivamente l’ultima delibera adottata dalla Giunta regionale calabrese la risposta sulla questionecisembraancoradebole.«Le risorse previste dalla Regione - sostiene Pirillo-perfronteggiareildrammache stavivendoilsettoreitticoinquestigiornimortificanoquantioperanonelcomparto con grandi sacrifici. Inoltre la decisione di escludere alcune marinerie oggettivamente colpite da questa crisi, comeintereareedellostessoTirrenocosentino, creerebbe sperequazioni difficilmente comprensibili». Da qui la richiestaformulatadall’europarlamentare. «Occorre procedere speditamente conclude Pirillo - con l’avvio di un programma organico di interventi, sostenutodarisorseadeguate,cheaiutitutto il comparto ittico calabrese colpito gravementedaquestavicenda»

Ernesto Baldini VIBOVALENTIA-L’attivitàcoordinata tra Carabinieridella Compagnia di Vibo Valentia e uomini della Guardia Costiera di Vibo Marina ha effettuato un controllo sulla conservazione dei prodotti ittici all’interno di un noto ingrossodellazona. Un controllo approfondito e mirato che ha portato al sequestro di oltre 1.500 kg di prodotti ittici conservati all’interno delle celle frigorifere della ditta,tuttiprividellaobbligatoriadocumentazione attestante la provenienza delpescato. L’enorme quantità di pesce era infatti conservataall’internodeilocaliclimatizzati completamente sfusa, senza che le confezioni indicanti la provenienza,oaltrotipodidocumentoatte-

stante l’origine dei prodotti, fossero stateconservate. Cosìl’interocaricoèstatosottopostoa sequestroamministrativoedichiarato inidoneo al consumo umano e destinatoalladistruzione.Inoltrelatitolare della ditta si è vista elevare oltre 1.100 eurodisanzioniamministrativeperle proprieinadempienze.


Venerdì 30 Ottobre 2009

il Domani 15

LAVORO E SINDACATI Le rilevazioni del ministero della Pubblica amministrazione fotografano un bilancio negativo: aumento degli assenti per malattia in molte Regioni. Il ministro annuncia nuove regole più severe per arginare il fenomeno

Assenteismo, il Mezzogiorno meglio del Nord. Brunetta torna all’attacco di Alessandro Caruso Il tanto temuto effetto della legge 133/2008, quella del ministro Renato Brunetta contro l’assenteismo nella Pubblica amministrazione sembra essere scemato a distanza di un anno. Sulla base delle ultime rilevazioni del ministero pubblicate ieri è evidente un sensibile aumento dell’assenteismo negli uffici pubblici rispetto a un anno fa. I numeri parlano chiaro: un incremento del 24,2% delle assenze per malattiarispetto a settembre 2008. Nelle diverse macro-aree del Paese le assenze per malattia registrano variazioni percentuali comprese tra il +28,8% delle Regioni del Nord Ovest e il +22,4% di quelle del

Il ministro Renato Brunetta

Co.co.co delle scuole incontrano il Prefetto di Reggio Calabria di Francesco Bruno Dopo l’assemblea sindacale dei Co.Co.Co impegnati nelle scuole della Calabria, tenutasi nei giorni scorsi a Reggio Calabria presso l’Istituto Tecnico Piria, si è tenuto ieri un incontro di una delegazione dei lavoratori con il Prefetto di Reggio, per rendere partecipe il massimo rappresentante del Governo delle condizioni di estrema difficoltà economica in cui si trovano visti i ritardi nei pagamenti degli stipendi, la preoccupazione per il loro futuro, e del crescente disagio sociale che sta montando in questi giorni, per una situazione di incertezza che attanaglia i lavoratori e le loro famiglie. Al Prefetto è stata illustrata la situazione e consegnata la documentazione

sugli incontri tenutasi a Roma negli ultimi mesi con il ministero della Pubblica istruzione e il ministero dell’Economia, ed è stata avanzata la richiesta di far pervenire alle massime Istituzioni interessate le ri-

Al Prefetto è stata data la documentazione sugli incontri romani con le istituzioni vendicazioni dei lavoratori e della Cgil, manifestando, fra le altre, la possibilità di attivare procedure di mobilità verso altre amministrazioni dello Stato.

Mezzogiorno. In Calabria la maglia nera dell’assenteismo è stata data all’amministrazione provinciale di Cosenza (+90,5%), al comune di Polistena (+67,9%) e all’amministrazione provinciale di Reggio (+64,2%). Promossi invece il comune di Bagnara (-63,6%) e di Cosenza (-61,1%). Drastici i provvedimenti in arrivo da parte del ministero: in arrivo novita come l’invio dei certificati medici on line, l’obbligo di ulteriori certificati rilasciati da strutture convenzionate col Servizio sanitario nazionale, in caso di assenze prolungate oltre 10 giorni, l’attribuzione al ministero per la Pubblica amministrazione e l’Innovazione del compito di fissare le fasce orarie di reperibilità, l’introduzione di sanzioni disciplina-

Il rapporto fatto dal Ministero parla di un incremento del 24,2% delle assenze per malattia rispetto a settembre 2008. ri, amministrative e penali e l’applicazione al medico che attesta il falso di sanzioni disciplinari, penali e amministrative come la radiazione dall’albo, il licenziamento (se dipendente di struttura sanitaria pubblica) o decadenza della convenzione con il Ssn, la reclusione e la multa.

Lavoratori Phonemedia, è ancora protesta per gli stipendi arretrati di Cesare Giraldi Lavoratori della Phonemedia ancora in movimento per dare forza alla loro richiesta: pagamento degli stipendi arretrati e informazioni sul loro futuro occupazionale. La location della protesta ieri è stato il comune e una delegazione è stata anche ricevuta in prefettura. A Catanzaro sono complessivamente 2.400 i lavoratori che operano nel call center e che da tre mesi attendono il pagamento degli stipendi. I lavoratori si domandano che fine hanno fatto i fondi che la Regione Calabria ha stanziato per l’azienda. Sono senza stipendi da tre mesi e non hanno nessuna certezza sul futuro occupazionale. «Una condizione davvero inaccettabile, quella che stanno vivendo i

dipendenti della Phonemedia, call center che opera per conto di diverse importanti società di servizi, che non percepiscono retribuzione ormai da luglio e che si sono mobilitati negli ultimi giorni per un intervento tempestivo da parte del Governo». È quanto afferma, in una nota, Stefano Perri. Il membro dell’esecutivo nazionale della Figc ha aggiunto: «Sono ben 7.000 in tutta Italia gli operatori di Phonemedia, messi sulla strada dalla decisione di vendere l’azienda alla multinazionale Omega, che ad oggi non accenna a voler risolvere la vertenza in senso positivo e che sta assumendo un comportamento assolutamente irresponsabile e arrogante. In Calabria chiedono l’attenzione delle istituzioni per questa gravissima situazione»


AsteInfoappalti

18

il Domani

Venerdì 30 Ottobre 2009 TRIBUNALE DI CATANZARO Ufficio esecuzioni immobiliari Procedura esecutiva n. 125/2007 promossa da “Gazzola Maria” c/omissis Avviso di vendita immobiliare senza incanto Con provvedimento, reso all’udienza del 23.09.2009, il Giudice delle esecuzioni del Tribunale di Catanzaro ha disposto la vendita senza incanto del diritto di proprietà del seguente bene immobile pignorato: LOTTO UNICO: fabbricato residenziale con area circostante in Cropani Via Milano n. 1, in catasto al fg. 31, mapp. 960, sub 1101, 1102, 1103, 1104; fg 31 part. 485, 486, 1349, 1350. Prezzo base d’asta (già ridotto di 1/4): euro 261.000,00 L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria o sul sito internet “www.aste.eugenius.it”, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazioni energetica. La vendita senza incanto, avrà luogo il giorno 16 dicembre 2009, ore 9.00 con seguito, dinanzi al Giudice delle Esecuzioni del Tribunale di Catanzaro. Offerte in aumento non inferiore ad euro 5.000,00. Ammissione all’incanto subordinata al versamento, il giorno prima della data fissata per la vendita, della somma del 10% del prezzo base d’asta a titolo di cauzione, presentata in busta chiusa unitamente ad assegno circolare intestato a “Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 125/2007”. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; spese di trasferimento a carico della procedura esecutiva. Maggiori informazioni presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Catanzaro. °°°°°°°°°° Procedura esecutiva imm. n.R.G.E. 84/98 - SEZ. ES. IMM. IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Visti gli artt. 569 e ss. c.p.c., vista la richiesta di vendita formulata dal creditore procedente all’udienza del 3 giugno 2009; Dispone procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: lotto unico: “Quota ideale di 1/2 della piena proprietà di un immobile sito in Squillace (CZ) identificato in Catasto al foglio 36, part. 273, sub. 11” prezzo base: euro 8.791,87 Fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 15 dicembre 2009, ore 12,00. Fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad euro 500,00 l’udienza del 16 dicembre 2009, ore 9.30. Dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare “Non trasferibile” intestato a “Cancelleria - Tribunale di Catanzaro proc. N. 84/98” di un importo pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in Cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione -, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione; Le spese di trasferimento relative all’immobile aggiudicato saranno a carico dell’aggiudicatario. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza al comproprietario, ai creditori iscritti non comparsi ex artt. 498 e 569 c.p.c., nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserzione sul sito Internet www.aste.eugenius.it. E diffusione sul quotidiano”Il Domani”. Manda alla Cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c.. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro, 23 settembre 2009 Il Cancelliere Il Giudice dell’Esecuzione TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME R.E. n.12/2003 Il Giudice dell’Esecuzione letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all’udienza del 4/10/2007; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode del bene pignorato è la ditta debitrice; considerato che la natura di tale bene, costituito da un opificio industriale, induce a ritenere indefettibile la nomina del custode giudiziario esterno, ex art. 559, comma 4, c.p.c., come novellato dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006,

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

fermo restando l’obbligo dell’esecutata di rendere il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c.; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell’esperto, in ordine sia alla individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 2.442.712,50 risultante dalla riduzione, nella misura di 1/4, del prezzo base originario stante la precedente vendita andata deserta, alla vendita coattiva del seguente bene: lotto unico - “opificio industriale sito in Lamezia Terme, fraz. S. Pietro Lamentino, loc. Annitelli, zona industriale, lotto n. 43, composto da un capannone con uffici, laboratori e relativa corte, riportato nel N.C.E.U. di detto Comune, sez. S. Eufemia Lamezia, al foglio 51, p.lla 198, sub 1, corte, sub 2, ZC1, cat. D/7”; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l’esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d’ora la data per gli incanti; EVIDENZIATO, QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO ED A NORMA DEL VIGENTE TESTO DELL’ART. 571 C.P.C., CHE: - ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; - L’OFFERTA È IRREVOCABILE, SALVO CHE: 1. il Giudice ordini l’incanto; siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta: - L’OFFERTA NON È EFFICACE: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’art. 568 e più sopra ricordato; 3) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane spa”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; - l’offerta deve contenere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente, (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia la esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità: EVIDENZIATO, QUANTO ALL’EVENTUALE, SUCCESSIVA VENDITA AGLI INCANTI, CHE: - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 2.442.712,50 - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori ad euro 150.000,00; - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene e il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circola-

A CURA DELLA

MEDIATAG

re non trasferibile intestato a “Poste Italiane spa”, in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - all’esterno, della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fino alle ore 13.00 del giorno 1° dicembre 2009, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; - per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 2 dicembre 2009, ore 9.30 e segg.; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13.00 del giorno 15 dicembre 2009, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 16 dicembre 2009, ore 9.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE, ALTRESI, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOG CON INCANTO - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, cosi come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo: Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere, ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni: - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 gg. dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane spa”; in mancanza si provvederà a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; DISPONE, QUANTO ALLA PUBBLICITA’ IN FUNZIONE DELLA VENDITA, CHE: - su impulso del procedente, sia predisposto l’avviso di vendita, da pubblicare all’albo dell’Ufficio; - a cura, rischio e spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.) del medesimo soggetto, sia data pubblicità: - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su di un quotidiano di informazione a diffusione locale a scelta del creditore, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, sulla rivista periodica “Aste Info Appalti”, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, e della relazione di stima dell’esperto sul sito Internet www.aste.eugenius.it, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; - il creditore procedente possa, inoltre, dare pubblicità della presente ordinanza, a sua cura ed ove lo ritenga opportuno: - a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), con pubblicità muraria, da effettuarsi nei comuni di Lamezia Terme e di ubicazione degli immobili, almeno quarantacinque giorni prima

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; -la pubblicità muraria e l’ulteriore pubblicità prescelta sono dichiarate sin d’ora non necessarie ai fini della esperibilità della vendita; - della prova della pubblicità elettronica e a mezzo stampa - da depositare in cancelleria almeno dieci giorni prima delle vendite - sia fatto carico al creditore procedente o surrogante; AVVISA fin d’ora le parti che, ove all’udienza fissata per la celebrazione dell’incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, si riserva di applicare immediatamente - e cioè a quella stessa udienza - l’art. 591 c.p.c., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, in quello stesso contesto sentendo le parti e provvedendo sulla disposizione dell’amministrazione giudiziaria o sulla fissazione di una nuova vendita. Lamezia Terme, li 10 giugno 2009 Il Giudice dell’Esecuzione Dott. Alessandro Brancaccio Depositato nella Cancelleria del Tribunale di Lamezia Terme Oggi, li 10 giugno 2009 Il Cancelliere (C1) Bruna Bernardi TRIBUNALE DI LOCRI Avviso di Vendita all’incanto Fallimento 366 R.F./1966 Il giorno 16 dicembre 2009 alle ore 9,30, presso il Tribunale di Locri avanti al Giudice Delegato Dr. Malgeri, giusta ordinanza del 12.10.2009 saranno posti in vendita all’incanto, in due lotti, i seguenti beni immobili, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano anche in riferimento alla legge n. 47/85 e meglio descritti nella consulenza estimativa del 18.01.2006 del C.T.U. Dr. Ezio Lo Schiavo. Lotto N. 1 - Appezzamento di terreno sito in Ardore Marina, Località Schiavo di Mq 7.750 in catasto al foglio di mappa n. 36, particelle n. 99 - 100 - 695 - 697 Prezzo base del lotto euro 40.000,00 Deposito per cauzione 10% del prezzo Aumento minimo euro 600,00. Lotto N. 2 Appezzamento di terreno sito in Locri, località Canforato e S. Ignazio, in catasto al foglio di mappa n. 22 particelle nn. 10-11-1213-14-15-16-17-18-19-20-21-22-23-24-2589-90-9192-93-94 Prezzo base del lotto euro 13.400,00 Deposito per cauzione 10% del prezzo Aumento minimo euro 200,00 La vendita avverrà alle seguenti condizioni: - coloro che intendono partecipare all’incanto dovranno in Cancelleria - nel termine perentorio sino alle ore 13,00 del giorno precedente l’udienza di vendita - personalmente o a mezzo di mandatario munito di procura speciale: - depositare apposita domanda in carta semplice; - versare la somma sopra determinata per cauzione a mezzo di assegni circolari intrasferibili intestati all’offerente. Il Cancelliere incaricato avrà cura di: - ricevere le domande e i versamenti depositati sino alle ore 13,00 del giorno precedente l’udienza di vendita; - annotare su tali domande e versamenti l’ora, il giorno, il mese e l’anno di deposito - allegare al fascicolo d’ufficio - prime dell’inizio dell’incanto - tutte le domande presentate e la prova dei versamenti effettuati. Se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione. L’aggiudicatario entro il termine perentorio di giorni 60 dalla provvisoria aggiudicazione dovrà versare il residuo prezzo, detratta la cauzione già corrisposta, su un libretto di deposito giudiziario vincolato al fallimento; dovrà, inoltre, versare nel medesimo libretto di deposito e nello stesso termine, l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento. Il mancato versamento nel suddetto termine perentorio del prezzo residuo comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e l’incameramento della cauzione da parte del curatore. Tutte le spese relative alla vendita, comprese quelle inerenti la cancellazione di trascrizioni ed iscrizioni gravanti sul bene, sono a carico dell’aggiudicatario. In caso di asta deserta avrà luogo altro esperimento d’incanto il giorno 21 dicembre 2009 - ore 9,30 con riduzione di 1/4 del prezzo base (e dell’aumento minimo) fissato per ogni lotto al 1° incanto. Maggiori informazioni possono essere fornite dalla Cancelleria Fallimentare del Tribunale di Locri o dal Curatore (0964-61438; 65120). Bovalino lì 21.10.2009 Il Curatore Fallimentare Dott. Domenicantonio Triveri


Venerdì 30 Ottobre 2009

il Domani 19

UNIVERSITA' E SCUOLA

Approvata la riforma Gelmini Ecco cosa accadrà negli atenei Tra i punti nodali: rettori e ricercatori a termine e maggiore autonomia di Carmela Mirarchi CATANZARO- L’Università che riqualificherà i nostri atenei sprofondati negli inferi delle classifiche mondiali è già cominciata. Il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge della Riforma dell’Università presentato dal ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini che, si spera, farà uscire il nostro Paese dalla crisi rendendolo nuovamente competitivo. Il ministro l’ha definito un provvedimento «corposo, organico» in grado di «affrontare in maniera seria e coraggiosa i problemi che esistono all’interno dell’università». I punti nodali del disegno di legge sono semplici e risolutivie le conseguenze per le università calabresi potrebberoe essere diverse. 1) Sì all’autonomia ma con una forte responsabilità finanziaria, scientifica e didattica. 2)Modifica dello statuto delle Università che dovranno ridurre a 12 i numeri delle Facoltà e dei dipartimenti. Per la Calabria da questo punto di vista non dovrebbe cambiare nul-

la. Sono infatti sei le facoltà attive all’Unical, tre quelle dell’Università Magna Graecia, quattro quelle dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria . 3) Per evitare gli sdoppiamenti le università vicine potranno federarsi. In Calabria questo potrebbe provocare diversi disagi. Nella nostra regione si sono creati negli anni diverse sedi distaccate (come quelle della Mediterrane a Lamezia o dell’Unical a Catanzaro), che sono servite da un lato ad evitare lo spopolamento di alcune aree della Calabria ma che dall’altro hanno portato a costo aggiuntivi. 4) Snellimento dei componenti del Senato accademico e dei Cda. Se la governance non verrà rivista, tre mesi di deroga. Poi scatta il

commissariamento. 5) La vita sarà di certo più difficile per i rettori che potranno rimanere in carica al massimo 8 anni (per due mandati al massimo) e scelti con voto ponderato dai professori. In Calabria dunque via La Torre dall’Unical (in carica dal 1999 sinoal2011).Costanzodell’Università Magna Graecia di Catanzaro eletto per la prima volta nel 2007 ha ancora, se rieletto, diversi anni di rettorato davanti. Stessa situazione per Giovannini dell’Università Mediterranea di Reggio, eletto per la prima volta nel 2006. 6)Importati modifiche anche nel Cda che sarà aperto al territorio, enti locali e mondo produttivo il consiglio di amministrazione. 7) Presso il ministero per l’Economia, e non presso quello dell’Istruzione, sarà istituito il fondo per sviluppare l’eccellenza e il merito dei migliori studenti. 8)Per i docenti arriva l’abilitazione nazionale. 9)Stop anche a parentopoli: ci sarà un codice etico per evitare incompatibilità, conflitti di interessi legati a parentele.

Corsi di laurea in ben 226 comuni. Oggi in totale sono state 5.500

Università, in Italia crescono le sedi distaccate Di C.M. ROMA- Cinquantamila abitanti, serbatoio di candidate a Miss Italia, zona di influenze mafiose, Barcellona Pozzo di Gotto (provincia di Messina) è pure sede, distaccata, di università. E non è l’unica impensabile "location" per un ateneo. Spezzoni di università si trovano pure a Ozzano nell’Emilia e San Giovanni Valdarno (dal 2001 sede distaccata dell’università di Siena e di un pezzetto dell’ateneo fiorentino). I

comuni dove ha sede almeno un corso di laurea triennale sono 226, inclusi Tempio Pausania in Gallura con 5 studenti, Petralia Sottana (Palermo) con 6, e Colle Val d’Elsa (Siena) con 8. Ci sono 37 corsi di laurea con un solo studente e ben 327 facoltà non superano i 15 iscritti. Una moltiplicazione di sedi e corsi - ha più volte denunciato il ministero dell’Istruzione - che in molti casi non ha tenuto conto delle reali esigenze dei ragazzi, delle richieste del mercato del lavoro, aumentando la spesa in maniera inaccettabile. Per questo, anche con il ddl di riforma, si è voluto dare un giro di vite con il duplice scopo di evitare sovrapposizioni di corsi e di razionalizzare le spese. Nel 2001 i corsi di laurea erano 2444, oggi 5500: in Europa, in alcuni casi, sono la metà.

Scuola, la manifestazione della Cisl Ben 500 precari alla protesta romana ROMA- Si prevede però un altro autunno caldo per il mondo della scuola. le manifestazioni anti Gelmini partiranno già domani con una manifestazionedella Cisl e della Cisl scuola che si svolgerà a Roma e alla quale parteciperà anche la rappresentanza calabrese. Alla base della protesta la rivendi-

cazione di maggiori risorse ed investimenti per il mondo dell’istruzione. A dare notizia della partecipazione alla manifestazione da parte di Cisl Calabria è stato ieri il segretario regionale Luigi Sbarra. In 500 arriveranno a Roma, saranno tutti lavoratori e precari del personale Ata.


20

il Domani

Venerdì 30 Ottobre 2009

TURISMO

L’iniziativa andrà ad analizzare e ad approfondire le questioni e i problemi che ostacolano il corretto sviluppo delle attività

Nasce il coordinamento Fiavet per il Mezzogiorno Giuseppe Tetto ROMA - Ecco nuovo ossigeno per il turismo della Calabria. Come? Con la nuova iniziativa della Federazione Italiana Associazioni Imprese di Viaggi e Turismo che punta lo sguardo verso un maggiore sviluppo delle regioni del Sud. Nasce, infatti, il "Coordinamento Fiavet per il Mezzogiorno" che andrà ad analizzare e ad approfondire le questioni e i problemi che da sempre hanno ostacolano il corretto sviluppo delle attività turistiche. L’Associazione di categoria per

«Occorre pervenire - dice De Sario ad un’analisi dei problemi che ritardano lo sviluppo del turismo nel Mezzogiorno»

antonomasia delle Agenzie di Viaggio e più in generale delle imprese del turismo, grazie a questo nuovo strumento metterà in campo tutti i mezzi che renderanno possibile la crescita delle aree meridionali fissando come obbiettivi cardine gli interventi per il sostegno della marginalità geografica di molte zone, specialmente quelle calabresi, l’ammodernamento degli impianti e delle infrastrutture; ma anche la destagionalizzazione dei flussi turistici verso il sud, intensificare la centralità del Mezzogiorno lavorando per creare un’adeguata politica nel bacino del Mediterraneo e, infine, nuovo ruolo delle agenzie di viaggio. Del coordinamento interregionale fanno parte le associazioni Fiavet di Sicilia, Sardegna , Calabria, Campania e Basilicata e Puglia, i quali hanno eletto come vertice della nuova iniziativa Francesco De Sario, già Presidente di Fiavet Puglia: «Occorre rapidamente pervenire ad un’analisi dei problemi specifici

che ritardano lo sviluppo del turismo nel Mezzogiorno - dichiara De Sario -, con particolare riguardo all’incoming. È necessario un incontro urgente con i colleghi delle organizzazioni omologhe dei Paesi del Mediterraneo per concordare razionalmente una politica di sviluppo dell’area» Una buona boccata d’aria per la Calabria appunto. Sopratutto in una fase in cui il settore turistico affronta una fase delicata per la vicenda della "nave dei veleni", che certo non è una buona pubblicità per la regione. Va in questo senso sottolineato

Il turismo dal 2000 al 2007 ha avuto un ritmo di crescita delle presenze di oltre il 4,8% medio annuo

come in questi mesi grazie alle iniziative intraprese dal Consiglio e dalla Giunta Regionale si sia riscontrato una certa "tenuta" del comparto turistico. Confortanti, infatti, i dati emersi dal IX rapporto sul turismo in Calabria 2008, dai risultato è risultato che, dal 2000 al 2007 il ritmo dicrescita delle presenze è stato del 4,8% medio annuo. Nel 2008 si èregistrata una contrazione in termine di presenze dell’1,9%soprattutto in funzione della componente estera. Tutto questo anche grazie a progetti come la campagna "Noi ci mettiamo il cuore, iniziativa nata con l’intento di unire tutti i calabresi nella promozione della loro terra e nell’ospitalità riservata ai

turisti; ma anche la "Carta dei Diritti" con la quale la regione si è impegnata a evidenziare i diritti che il turista acquisisce nel momento in cui stipula un contratto con l’agenzia di viaggi ma è anche una forma di tutela nei riguardi degli operatori turistici. Perché oggi, il vero valoreaggiunto è determinato non solo dalle bellezze naturali, artistiche di un territorio, ma sempre più dalla cordialità e dal lavoro della gente nei luoghi di vacanza. Certo i problemi rimango e si deve lavorare parecchio per affrontare a 360° le difficoltà, ma grazie a quelle già intraprese e all’iniziativa di oggi dell Fiavet, si va nella direzione giusta per migliorare lo sviluppo della Calabria.

La cultura del ricordo

Nasce il blog ufficiale del Parco della Sila CATANZARO - Il Parco della Sila da sempre un’attrazione dalle più visitate per la sua bellezza e la sua unicità da adesso è anche online. E’ nato, infatti, il primo blog ufficiale del Parco della Sila.Sotto forma di giornale web si potrà accedere dirittamente a tutte le novità e le curiosità relative all’intera area naturale. A darne notizia dell’entrata in rete è un comunicato dell’ente. "Il Blog - prosegue la nota - si configura come la testata giornalistica virtuale dell’ente ed è costantemente aggiornato con tutte le ultimissime novità; per gli amanti dei Social Network, poi, il Blog riserva uno spazio dedicato e aggiornato nei portali internazionali Facebook e Twitter, all’interno dei quali ogni amante del meraviglioso altopiano calabrese può intervenire direttamente inserendo i propri contenuti, votando le notizie o aprendo interessanti discussioni". Unabellainiziativachepermetterà di valorizzare dei luoghi importanti unici nel loro genere per la loro

Il Parco della Sila

rara bellezza in modo da incrementare l’afflusso turistico per un sempre maggiore svillupo del settore. "Inoltre, l’Ente Parco nazionale della Sila - prosegue la nota - ha realizzato una sezione dal titolo info turismo all’interno del proprio sito internet parcosila.it, nella quale è possibile trovare un importante elenco di strutture ricettive: ristoranti, agriturismi, hotel, B&B, agenzie di servizi. Nell’ottica condivisa di promuovere il territorio silano, gli operatori turistici della Sila sono invitati a fornire all’Ente indicazioni e contenuti relativi a strutture, pacchetti, servizi, da poter inserire all’interno del sito del Parco". Si delinea cosi un progetto accattivante che permetterà all’utente di divertirsi imparando tutto cio che riguarda il Parco della Silla, conivlgendolo con iniziative atte a

valorizzare la creatività del sigolo ma allo stesso tempo pubblicizzare gli splendidi luoghi. "L’Ente informa anche che su Facebook, nella pagina di Fan del Parco - conclude il comunicato - è stato appena indetto il Concorso Vota la Foto più Bella: il concorso è dedicato a tutti gli appassionati di fotografia e si concluderà il 29 febbraio 2010". In quella data una giuria di esperti selezionerà la foto più bella che verrà utilizzata per la campagna pubblicitaria web del Parco Nazionale della Sila, Stagione Primaverile 2010". G.T

E’ venuta a mancare all’affetto dei suoi cari la Signora ANTONIA MULEO Le esequie avranno luogo oggi 30 ottobre alle ore 15.30 nella Basilica dell’Immacolatain Catanzaro

Nella ricorrenza dell’Anniversario della Signora RITA DONATO sarà celebrata una Messa a suffragio oggi 30 ottobre alle ore 18.30 nella Cattedraledi Lamezia Terme.

E’ venuta a mancare all’affetto dei suoi cari la Signora FILOMENA MINGRONE I funerali si svolgeranno oggi 30 ottobre alle ore 15.30 nella Chiesa Santissimo Salvatoredi Catanzaro.

Nella ricorrenza del trigesimo del Signor PINO MORELLO sarà celebrata una Messa a suffragio oggi 30 ottobre alle ore 18.00 nella Chiesa della Pietà di Lamezia Terme.

Ilgiorno31ottobrealleore15.30presso la Basilica dell’Immacolata di Catanzaro si svolgeranno i funerali del Signor DOTT. ANTONELLOBUFFA E’ venuta a mancare all’affetto dei suoi cari la Signora CECILIA MERCURIO Le esequie avranno luogo oggi 30 ottobre alle ore 15.30 in Materdomini (Catanzaro) Nella ricorrenza del trigesimo del Signor ROCCO RICCIO sarà celebrata una Messa a suffragio giorno 31 ottobre alle ore 17.00 nella Chiesa Matrice Santa Maria delle Nevi in Girifalco.

E’ venuto a mancare all’affetto dei suoi cari il Signor GIULIO PIETRO TAVANO di anni 69. I funerali si svolgeranno oggi 30 ottobre alle ore 14.45 nella Chiesa Matrice di Borgia. Nella ricorrenza dell’Anniversario della Signora CONCETTA CHIARELLA sarà celebrata una Messa a suffragio oggi 30 ottobre alle ore 15.30 nella Chiesa del cimitero di Borgia. In occasione dell’Anniversario del Signor PASQUALE CUGLIARI sarà celebrata una Messa a suffragio oggi 30 ottobre alle ore 18.00 nella Chiesa San Domenico di Lamezia


22

il Domani

Venerdì 30 Ottobre 2009

PROFESSIONI

Un parco per la produzione di energia solare

Le professioni sociali...

Questa mattina alle ore 10.30, nella sala biblioteca della Provincia di Reggio Calabria, sarà illustrata l’idea progettuale per la realizzazione, sui tratti in dismissione dell’autostrada A3 tra Scilla e Bagnara. di un parco per la produzionedienergiasolareelasperimentazionescientifica.

Un decreto del dipartimento Urbanistica e governo del territorio della Regione Calabria per l’affidamento di incarichi di collaudo

Albo dei collaudatori geometri e dei periti tecnici, la selezione Claudia Vellone CATANZARO - Un avviso pubblico di selezione per la costituzione di un albo dei collaudatori geometri e periti tecnici. Un decreto del dipartimento Urbanistica e governo del territorio della Regione Calabria per l’affidamento di incarichi di collaudo nei limiti delle opere e degli interventi rientranti nella relativa

L’albo sarà suddiviso in due distinte sezioni: la prima aperta a tutti mentre la seconda sarà riservata ai dipendenti regionali competenza professionale secondo la normativa vigente in materia - di importo stimato inferiore a 100mila euro. L’albo sarà suddiviso in due distinte sezioni: una aperta a tutti e l’altra riservata ai dipendenti regionali. La "Sezione A" è destinatata a tutti coloro che sono in possesso di diploma di scuola media superiore per geometra o perito tecnico;iscrizione al relativo ordine o collegio professionale da almeno 5 anni e assenza di condizioni di incompatibilità normativamente previste.

All’Università della Calabria il prossimo 5 novembre seminario di studio dal titolo "Riflessioni e scelte per il futuro delle professioni sociali in Calabria".

A Cosenza parte il ciclo di convegni dedicati alla Psicologia Giuridica COSENZA - Il "I ciclo di Convegni di Psicologia Giuridica" è stato organizzato dall’Associazione Italiana di Psicoterapia Strategica Integrata presenta, con il patrocinio del Comune di Cosenza - assessorato alle Pari opportunità, la Regione Calabria - Asp Cosenza e l’Ordine degli Psicologi della Calabria. Un approfondimento, in memoria del Prof. Gaetano De Leo che si terrà il prossimo venerdì 11 dicembre dalle ore 08.30 presso il Salone di Rappresentanza del Comune di Cosenza. Nel primo appuntamento si parlerà di "Abusi sessuali su minori:prospettive attuali e modelli d’intervento a confronto". Nel pomeriggio, dalle 14 alle 17, si terrà il seminario (accreditato Ordine Avvocati Cosenza) su " Tecniche di ascolto del minore", tenuto dalla Dott.ssa Maria Claudia Bis-

cione. Saranno presenti l’Avv. Salvatore Perugini Sindaco di Cosenza; Francesca Bozzo - Assessore Pari OpportunitàdelComunedi Cosenza ; Dott. Franco Petramala Direttore Generale Asp Cosenza ; Dott. Antonio Scalzo Direttore Sanitario Asp Cosenza; Dott. Armodio Lombardo - Presidente dell’Ordine der.p.

Crotone, carenza personale medico al Servizio per le tossicodipendenze Nella "Sezione B" possono essere iscritti i dipendenti regionali che siano in possesso di diploma di scuola media superiore per geometra o perito tecnico nonché assenza di condizioni di incompatibilità normativamente previste. La richiesta di iscrizione all’albo dei collaudatori geometri, da redigere in carta libera e debitamente sottoscritta, corredata dei documenti richiesti - copia fotostatica di un documento valido di riconoscimento;curriculumvitae informatoeuropeo;autocertificazione attestante: di non essere isc-

ritto in albi di appaltatori, o di non essere comunque appaltatore di opere pubbliche od interessato negli stessi appalti; l’anzianità di servizio o di iscrizione al relativo albo professionale; di non essere stato destinatario da parte dell’amministrazione procedente di incarichi di collaudo nei sei mesi antecedenti - , dovrà essere trasmessa al seguente indirizzo: dipartimento urbanistica e governo del Territorio, viale Isonzo, 414, località Corvo, 88063 Santa Maria di Catanzaro.

CROTONE - La denuncia della associazioni di categoria è partita sovrana. Perché il SerT (Servizio per le tossicodipendende) di Crotone lavora da tempo, con poco personale. Solo 4 medici per un bacino di utenza a tre cifre. E se il SerT di Crotone lavora con le dipendenze da droga e alcol, quelle che presentano numeri e percentuali elevate, il personale medico dovrebbe essere maggiore. Come afferma lo stesso responsabile del servizio Giuseppe Paluccio, il quale gestisce una struttura caratterizzata dalla quasi totale mancanza di finanziamenti da parte del governo centrale. Ed è proprio questa mancanza a veicolare l’allontanamento di

due medici interni, che ha portato la Uil-Fpl ad opporsi al ridimensionamento del personale del SerT crotonese. Secondo infatti le associazioni di categoria questa scelta implicherebbe la riduzione del servizio offerto all’utenza del territorio. Accuse che non sembrano trovare alcun fondamento, dal momento che per due medici trasferiti uno sarebbe in dirittura d’arrivo. Dovrebbe infatti prendere servizio a giorni, dice Paluccio. Mentre l’Azienda sanitaria provinciale avrebbe già attivato le procedure per l’assunzione di altri due medici.Assunzionichetuttavianon risolverebbero l’annoso problema del sottorganico dei SerT.


il Domani VenerdĂŹ 30 Ottobre 2009 23

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

23.239,93 22.772,56 24.912,82 25.054,32 23.674,29 11.233,43

+2,10 +2,05 +3,12 +2,64 +0,45 +2,49

METALLI

VAL. ACQUIST

VAL. VENDITA

Euro/Dollaro

1,4841

1,4843

ORO

Euro/Sterlina

0,8961

0,8964

ARGENTO

Euro/Yen

135,65

135,75

Euro/Franco Sv. 1,5099

1,5106

VAR. %

CHIUSURA

EURO/gr

USD/on

1 048,20

22,66

16,82

0,366

PLATINO

1343,50

29,38

PALLADIO

336,50

7,,55

I TITOLI DI BORSA AZIONI

A.S. Roma A2A Acea Acegas-Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm-Agam Actelios Aedes Aeffe Aegon Aeroporto Firenze Ahold Kon Aicon Alcatel-Lucent Alerion Allianz Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pellettieri Apulia Prontop Arena Arkimedica Arkimedica 2012 Cv5% Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Spa Autostrada To-Mi Autostrade Merid Axa Azimut B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers Banca Generali Banca Ifis Banca Intermobiliare Banca Italease Banco Popolare Banco Santander Basf Basicnet Bastogi Spa Bayer Bb Biotech Bca Carige Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat Bca Mps Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili Best Union Company Bialetti Industrie Biancamano Biesse Bioera Bmw Bnp Paribas Boero Bartolomeo Bolzoni Bonifiche Ferraresi Borgosesia Borgosesia R Bouty Healthcare Bp-10 Cv 4,75% Bper 12 Cv Sub 3,7% Bprofilo Axa Brembo Brioschi Bulgari Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc Cad It Cairo Communication Caleffi Caltagirone Caltagirone Edit Camfin Campari Cape Live Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro

Prezzo ultimo contr. Var %

0,79 1,295 8,135 4,115 61,28 1,391 1,15 4,0625 0,2221 0,565 5,225 14,48

-0,38 +1,41 +0,74 +1,36 +0,76 +5,86 +3,98 -0,18 +4,27 +0,89 +7,02 +0,00

Ora

16.30.06 17.30.06 17.30.29 16.19.55 17.30.53 16.30.02 16.20.21 17.30.57 16.30.49 17.18.43 16.29.05 15.40.02

Min

Max

Apertura

0,771 0,828 0,771 1,23 1,295 1,272 8,00 8,18 8,07 4,06 4,115 4,06 58,25 62,95 58,51 1,25 1,43 1,43 1,10 1,15 1,10 3,9875 4,12 4,09 0,2161 0,2239 0,2161 0,5505 0,57 0,56 4,83 5,245 4,83 14,47 14,48 14,48

0,349 +2,65 16.30.01 0,335 0,35 0,34 2,875 +4,93 17.13.27 2,64 2,88 0,53 +0,95 16.30.26 0,5175 0,53 81,80 +3,28 17.13.06 75,22 81,80 79,00 2,7825 +3,44 17.30.34 2,6425 2,8225 2,675 13,09 +2,59 17.30.41 12,61 13,09 12,77 0,821 +10,65 16.30.06 0,7155 0,821 0,785 0,459 +4,08 16.16.24 0,43 0,459 0,4355 0,0526 +3,75 16.30.31 0,0508 0,0548 0,0536 0,635 -2,01 16.30.03 0,6295 0,648 0,6305 97,00 +0,05 14.28.50 96,50 97,00 96,78 1,657 +0,67 17.30.35 1,618 1,659 1,618 6,555 +2,50 17.30.28 6,30 6,575 6,385 16,67 +3,03 17.30.04 16,11 16,67 16,17 8,05 +2,74 17.30.19 7,77 8,05 7,81 8,62 +4,80 17.30.48 8,01 8,62 8,13 15,30 -0,06 16.30.13 14,81 15,50 15,00 17,47 +2,52 16.53.19 16,71 17,60 8,54 +7,22 17.30.13 7,58 8,59 8,57 88,00 +0,57 16.17.06 88,00 88,00 2,60 +0,10 14.47.27 2,54 2,60 8,085 +5,27 17.30.18 7,41 8,16 8,16 7,95 +3,38 17.30.39 7,65 7,95 3,6225 +1,40 16.18.34 3,54 3,69 3,54 2,165 +16,27 17.30.29 1,79 2,20 2,14 6,245 +4,26 17.30.26 5,765 6,245 5,875 11,39 +4,98 16.37.17 10,89 11,39 37,16 +0,54 16.26.56 36,33 37,25 1,915 -0,26 16.30.02 1,885 1,946 1,885 2,22 +2,30 16.30.50 2,16 2,22 48,21 +0,31 16.57.11 47,80 48,50 46,99 -1,94 17.20.00 46,39 47,25 1,94 +1,57 17.30.14 1,902 1,95 1,907 2,90 +0,00 16.25.45 2,90 3,035 121,00 +0,57 11.48.47 120,28 121,00 0,62 +1,56 17.30.47 0,60 0,638 0,602 1,335 +2,30 17.30.41 1,285 1,337 1,296 4,82 +0,00 15.42.14 4,72 4,945 9,84 9,20 9,55 +2,74 17.30.06 9,14 4,50 4,305 4,50 +3,69 17.30.00 4,305 5,02 5,315 +5,04 17.30.54 5,00 5,315 6,57 +3,63 17.30.15 6,31 6,70 6,45 0,64 0,617 0,635 +4,96 16.30.58 0,616 4,5575 +2,53 16.20.37 4,445 4,5575 4,565 +1,44 16.30.20 4,46 4,5775 4,48 10,45 +1,85 16.23.45 10,24 10,63 10,25 0,41 +2,50 16.30.23 0,3925 0,4195 0,4175 0,688 +1,93 16.30.30 0,671 0,6885 0,675 6,81 +4,77 17.30.54 6,50 6,865 6,50 97,80 +0,03 17.05.57 97,50 97,86 97,69 0,627 +4,50 17.30.52 0,584 0,627 0,584 1,501 +0,00 11.00.17 1,501 1,501 1,501 0,5155 +1,08 16.30.35 0,50 0,533 0,505 1,40 1,306 1,375 +3,38 16.30.35 1,306 6,44 +8,33 17.30.04 5,805 6,46 5,90 1,703 -0,99 16.30.02 1,703 1,795 34,04 +2,93 14.44.13 32,79 34,09 32,94 53,94 +4,01 17.30.55 51,68 54,00 51,70 1,65 37,35 1,468 1,38 0,76 101,50 105,00 0,475 5,23 0,2167 5,80 1,235 11,95 6,88 6,00 2,55 0,958 2,435 1,99 0,4645 6,705 0,335 91,00 2,70

-1,08 +0,43 +0,07 +0,00 -1,30 -0,07 +0,23 +1,06 +5,87 +5,76 +6,52 +7,77 +3,64 +2,53 +5,36 +0,00 +0,21 -2,21 +2,05 +7,28 +3,47 +4,69 +1,11 +0,75

16.34.05 16.30.38 15.06.16 16.03.30 16.30.42 16.37.17 16.46.44 11.00.12 17.30.02 16.30.53 17.30.49 17.30.41 17.30.58 17.30.43 17.30.33 17.30.22 16.30.20 16.30.07 16.30.36 16.30.19 17.30.20 16.21.30 16.18.23 16.30.29

1,63 1,702 37,00 37,60 37,00 1,45 1,468 1,45 1,38 1,38 0,76 0,76 101,49 101,58 104,76 105,45 0,475 0,475 4,805 5,325 4,94 0,204 0,22 0,2175 5,44 5,80 5,44 1,11 1,238 1,14 11,34 11,95 11,40 6,52 6,95 6,56 5,51 6,00 5,615 2,52 2,5825 2,55 0,94 0,977 2,4275 2,52 2,43 1,94 2,12 1,999 0,44 0,465 0,44 6,48 6,40 6,705 0,322 0,338 0,335 90,00 91,00 90,00 2,6225 2,70 2,6275

AZIONI

Carrefour Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Comune Mi-A2A 09 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurofly Eurotech Eutelia Everel Group Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Filatura Di Pollone Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fmr Art'E' Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R Fortis France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

29,00 -2,36 12.15.21 29,00 29,00 23,01 +5,79 17.30.49 21,60 23,38 21,70 2,2625 +5,97 16.03.39 2,1025 2,27 2,2175 0,685 +5,14 16.30.26 0,64 0,695 0,644 4,5975 +4,49 16.29.37 4,35 4,5975 3,215 +1,82 17.30.36 3,07 3,245 3,10 2,3825 +0,85 14.40.43 2,35 2,3825 0,63 +0,64 16.07.56 0,615 0,633 0,2094 +2,35 16.30.15 0,206 0,22 0,206 0,3365 -2,18 16.30.33 0,3365 0,3365 0,998 +5,00 16.21.57 0,95 0,998 0,95 1,59 +2,52 17.30.16 1,52 1,608 1,542 0,7305 +4,36 16.17.38 0,695 0,7645 0,6975 2,145 +9,72 17.30.24 1,90 2,175 1,934 0,612 +2,00 16.30.03 0,589 0,619 0,589 1,02 +0,99 16.30.42 1,01 1,049 105,00 -0,48 16.30.01 105,00 105,60 99,97 -0,03 17.30.37 99,97 99,99 1,20 +7,14 15.36.49 1,14 1,217 1,14 25,28 +1,12 16.24.11 24,75 25,88 24,75 4,6575 +7,81 17.30.05 4,26 4,7225 4,30 13,42 +4,27 17.21.34 12,23 13,60 13,18 1,85 +0,54 16.30.13 1,816 1,86 1,84 6,40 +1,67 17.30.27 6,195 6,40 6,29 0,217 -0,46 16.30.22 0,2101 0,217 0,215 0,772 +7,90 16.13.24 0,725 0,772 0,73 1,19 -1,49 17.30.16 1,162 1,229 1,192 7,40 +3,50 17.30.55 6,91 7,45 7,04 34,50 +4,04 17.06.50 33,09 34,69 1,09 +0,46 16.56.42 1,064 1,098 1,085 17,19 +6,77 16.30.10 16,30 17,19 16,30 8,925 +8,97 16.30.20 8,33 8,94 8,38 40,77 -0,34 14.59.49 40,77 40,91 4,18 +0,00 17.30.08 4,115 4,1875 4,115 2,8975 -0,85 16.30.19 2,7575 2,915 2,90 1,399 +4,87 17.30.44 1,305 1,399 1,305 51,53 +5,12 17.21.08 46,10 51,60 9,60 -0,67 16.33.20 9,54 9,685 9,58 25,33 +0,36 17.30.14 24,95 25,47 25,27 2,215 -0,22 17.30.38 2,075 2,2775 2,1875 5,465 +1,02 17.30.30 5,375 5,60 15,47 +5,10 17.30.24 13,95 15,47 14,52 26,56 -2,14 16.45.11 26,25 26,82 1,085 +3,33 17.30.43 1,04 1,088 1,04 1,30 +1,96 15.28.15 1,21 1,325 0,84 +5,40 17.30.30 0,763 0,8455 0,79 13,55 +4,23 17.30.46 12,75 13,67 13,00 2,00 +14,88 17.30.51 1,662 2,00 1,915 3,335 +2,62 15.31.22 3,30 3,335 4,1425 +1,35 17.30.40 4,045 4,1425 4,0825 1,37 1,419 +3,58 14.02.09 1,37 1,419 24,48 -0,08 17.30.34 24,00 24,50 24,45 17,58 +0,11 17.30.41 16,80 17,58 17,16 4,93 5,12 5,00 +1,32 17.30.55 4,91 10,13 +1,30 17.30.16 9,78 10,13 9,90 0,788 -2,66 16.30.47 0,785 0,8195 0,8195 0,51 0,5175 +0,00 15.49.33 0,50 0,5175 6,98 +4,02 17.30.48 6,54 6,99 6,63 0,159 +7,07 16.30.08 0,155 0,1699 0,155 2,91 3,08 3,08 +3,01 17.30.09 2,91 0,431 -0,92 16.22.02 0,431 0,457 0,4495 14,21 13,29 7,65 7,01 10,42 1,209 19,64 19,26 10,56 9,76 6,355 5,78 6,67 6,065 4,7475 4,8725 0,508 0,493 0,205 0,2002 11,84 11,65 5,03 5,03 0,5935 13,16 12,45 8,685 8,245 2,9775 2,7075 17,87 1,41 1,36

14,21 7,65 10,42 1,196 19,28 10,54 6,335 6,61 4,745 4,86 0,508 0,1976 11,81 5,00 0,5935 13,11 8,655 2,9775 17,37 1,409

+5,65 +6,77 +8,09 +2,57 -0,72 +5,88 +7,56 +5,42 +4,98 +1,25 -0,97 +0,31 +0,51 +0,00 -0,08 +4,88 +4,40 +7,49 -2,91 +3,60

17.30.20 17.30.01 16.41.34 17.23.56 17.30.26 17.30.30 17.30.20 17.30.28 17.03.22 16.56.29 14.53.02 16.30.35 17.30.28 14.24.28 14.53.19 17.30.58 17.30.09 17.01.58 15.02.28 15.56.44

13,13 6,96 9,50 1,16 19,11 9,56 5,635 5,995 4,4425 4,735 0,493 0,1941 11,55 5,00 0,585 12,41 8,225 2,69 17,37 1,36

0,719 6,895 29,06 2,24 0,592 1,85 17,92 5,20 2,855 1,955 3,655 10,40 4,60

+4,51 +0,22 +2,29 -1,43 +4,78 +2,21 +1,59 +1,46 -2,31 +4,27 +1,88 +4,00 +0,00

16.13.37 16.30.50 17.22.35 17.17.56 17.30.26 15.38.55 17.30.31 17.30.48 16.30.35 17.30.54 17.20.04 16.30.56 13.44.42

0,692 0,7225 0,6945 6,78 6,895 6,80 28,46 29,06 2,2125 2,28 0,55 0,5985 0,57 1,772 1,85 1,772 17,51 18,02 17,52 5,10 5,28 5,12 2,82 2,99 2,93 1,96 1,82 1,82 3,53 3,66 3,60 10,10 10,40 10,15 4,60 4,70

AZIONI

Gruppo Coin Hera I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridie Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mirato Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Permasteelisa Philips Piaggio Pierrel Pierrel Axa Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

4,00 1,592 1,012 13,00 1,532 1,00 2,15 0,9245 2,4475

+4,03 +4,60 -0,10 +0,78 +9,51 -0,30 +0,47 +3,30 +1,87

16.30.01 17.30.16 16.30.45 17.30.13 17.30.25 10.15.47 16.30.15 16.30.18 17.30.27

3,8025 4,00 1,509 1,592 0,9815 1,018 12,43 13,10 1,376 1,532 0,983 1,00 2,115 2,2175 0,8965 0,925 2,36 2,4625

7,75 7,985 9,205 0,2985 0,6035 4,185 2,945 2,26 0,0815 1,678 1,25 3,8275

+6,53 +5,07 +7,72 -1,48 -6,14 -0,24 +2,17 +2,61 +0,74 +0,24 +1,54 +0,33

17.30.58 17.30.25 17.22.50 16.30.05 14.26.11 17.30.23 17.30.28 17.30.45 16.30.41 17.21.25 17.30.48 17.30.45

7,055 7,38 8,225 0,298 0,589 3,9275 2,8525 2,15 0,08 1,628 1,214 3,7575

7,875 7,195 7,985 9,28 9,145 0,3045 0,2995 0,6035 0,589 4,19 4,185 2,9725 2,8775 2,26 2,18 0,082 0,0802 1,693 1,262 1,214 3,9075

Sospensione 4,28 10,13 5,305 34,08 23,10 2,085 0,9525 0,1797 9,18 2,02 0,486 0,875 68,38 2,265 2,845 15,06 17,15 72,77 2,945 0,148 1,69

+0,94 +1,40 +2,02 +3,71 +2,26 +1,09 +1,12 +3,87 +2,00 +2,54 +1,04 +0,40 -2,31 +4,38 +0,98 +1,01 +3,56 +4,62 +5,84 +5,71 +0,36

16.12.00 17.30.36 17.30.06 17.30.20 17.30.39 16.09.04 17.30.27 16.30.30 17.30.59 16.24.32 16.30.31 16.15.31 17.17.56 17.30.59 17.30.16 17.30.25 17.30.16 16.15.38 17.30.00 16.30.37 16.30.55

4,1475 9,84 5,065 31,75 21,41 2,04 0,9315 0,1711 8,895 1,94 0,471 0,87 68,38 2,0725 2,71 14,63 16,44 72,77 2,695 0,1424 1,631

4,28 10,15 9,885 5,35 5,245 34,08 32,49 23,30 21,94 2,09 2,04 0,9555 0,955 0,1844 0,1711 9,18 9,00 2,02 1,945 0,4865 0,48 0,88 0,87 71,65 2,27 2,135 2,8725 2,79 15,13 14,85 17,29 16,56 72,77 2,945 2,75 0,15 0,1479 1,69

5,875 3,29 4,525 8,865 4,415 2,20 0,644 14,99 2,325 2,435 5,38 3,38 1,755 3,22 0,1733 7,76 0,41 0,15 0,239 1,605

-0,42 +2,17 +1,69 +1,31 +5,31 +2,68 -3,16 -0,07 +2,42 +3,29 +0,00 +2,89 +1,56 +2,88 +4,71 +0,65 +0,00 +0,07 -2,45 -0,99

17.30.28 11.01.42 17.30.26 17.30.44 17.30.53 16.30.32 16.30.30 11.00.09 17.30.03 17.30.58 16.03.20 16.30.59 16.30.51 17.30.13 16.03.35 17.14.37 16.30.05 16.30.33 16.30.10 16.24.19

5,86 5,91 5,90 3,29 3,29 4,4125 4,525 4,415 8,60 8,995 8,695 4,12 4,415 4,18 2,1425 2,20 2,1425 0,644 0,644 14,99 14,99 2,215 2,3425 2,2475 2,3125 2,46 5,38 5,38 3,29 3,42 3,3025 1,722 1,798 1,722 3,10 3,22 3,1025 0,1645 0,175 0,1699 7,46 7,775 0,41 0,4245 0,41 0,145 0,15 0,15 0,2303 0,2467 0,2355 1,605 1,64

5,30 2,49 3,1375 6,00 8,86

+1,44 -0,70 +0,00 +0,00 +0,85

17.30.03 5,05 5,375 5,21 17.36.03 2,215 2,49 2,26 17.30.15 3,0225 3,1375 3,0225 16.30.52 5,84 6,00 17.21.09 8,725 8,915 8,725

0,542

+1,98 16.30.46 0,5355

3,845 1,522 12,83 1,376 2,15 0,90 2,385

0,569 0,5355

1,98 +0,00 17.30.25 1,942 1,99 1,871 +0,81 17.30.17 1,838 1,874 1,838 12,93 +0,00 16.30.16 12,90 12,93 12,90 17,30 +0,82 11.32.12 17,14 17,30 1,718 +6,05 16.30.48 1,64 1,729 1,64 5,03 +3,66 15.40.32 4,82 5,03 0,0066 -48,84 16.30.31 0,0066 0,0105 0,0068 3,14 +1,62 16.30.14 3,08 3,19 3,10 1,189 +4,39 16.30.43 1,121 1,189 1,121 0,3995 +4,72 17.30.39 0,372 0,40 0,376 0,414 +2,99 17.30.58 0,395 0,4145 0,5775 +3,68 17.30.58 0,5405 0,579 0,55 12,10 +0,83 16.23.50 11,76 12,17 11,90 0,444 -1,33 15.42.07 0,4335 0,45 0,879 +3,41 17.30.46 0,853 0,879 74,56 -1,24 10.47.56 74,56 74,56 1,08 1,087 +10,02 16.30.38 0,99 1,088 1,113 +0,82 16.30.56 1,101 1,116 1,101 0,94 +0,54 16.30.03 0,94 0,964 0,9595 9,58 +3,57 17.30.12 8,95 9,58 9,14 12,33 +3,01 17.30.34 11,89 12,33 11,93


24 Venerdì 30 Ottobre 2009 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Realty Vailog Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

0,43 +3,37 16.20.02 0,4005 1,064 +0,00 14.10.51 1,064 1,297 +7,64 17.30.59 1,16 0,759 +4,19 17.02.59 0,73 2,39 -0,42 15.50.21 2,3425 2,4875 +0,10 16.30.49 2,48 5,18 +1,37 17.30.16 5,115 31,20 +3,97 17.23.39 30,00 0,26 +7,00 17.30.55 0,2333 16,28 +2,20 17.30.37 15,90 0,502 +2,45 16.30.55 0,4925 0,101 +0,90 16.30.01 0,095 0,406 +4,24 16.30.50 0,39 1,393 +2,43 15.40.23 1,36 60,76 -1,84 16.04.47 60,20 0,3585 -0,42 14.22.20 0,345 15,28 -2,05 17.20.16 15,20 0,4955 +5,76 16.30.42 0,46 7,10 +5,19 17.30.16 6,47 6,15 +7,05 17.23.02 5,56 0,54 +8,65 16.30.54 0,502 20,56 +1,13 17.30.59 19,80 21,50 +1,13 17.30.17 21,50 50,85 -2,92 17.22.34 50,75 31,38 -1,41 16.18.00 31,25 2,2625 +3,08 17.30.29 2,15 10,30 +0,29 14.49.23 10,26 5,29 +0,95 16.30.49 5,025 0,65 +4,84 16.30.33 0,621 0,2066 +11,62 17.30.19 0,18 1,28 +0,00 17.30.01 1,28 5,79 +1,58 17.30.46 5,605 6,065 +2,80 17.30.38 5,77 91,73 +0,25 17.23.48 91,70 64,43 +1,82 17.07.41 62,35 3,19 -1,85 16.30.16 3,16

Max

Apertura

0,438 0,42 1,064 1,064 1,304 1,191 0,788 0,75 2,3975 2,4875 2,48 5,21 5,15 31,97 0,26 0,237 16,29 15,90 0,53 0,493 0,103 0,10 0,419 0,40 1,45 1,36 61,45 0,36 0,3505 15,83 15,37 0,499 0,463 7,20 7,11 6,185 6,015 0,54 0,508 20,63 20,03 21,50 52,11 31,38 2,2925 2,165 10,30 5,30 5,10 0,66 0,621 0,2075 0,20 1,28 5,79 6,085 5,825 92,00 92,00 64,50 3,265 3,265

AZIONI

Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Telecom It Media R Telecom It-10 Cv1,5% Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Trevisan Cometal Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

3,3075 0,1285 89,79 0,149 46,31

+0,23 +5,33 -0,78 +0,40 +6,24

17.30.24 16.30.47 16.30.01 16.19.00 17.16.01

3,255 0,122 89,79 0,1432 44,09

3,315 3,275 0,131 0,124 89,79 0,153 0,1432 46,31

1,525 4,00 74,90 1,26 0,38

+8,70 -0,50 +0,34 +5,88 +1,88

17.30.17 1,364 16.30.41 3,92 16.10.27 74,50 16.30.42 1,20 16.11.29 0,3685

1,538 1,519 4,04 3,92 74,90 74,65 1,26 1,20 0,389 0,3685

5,70 1,35 14,00 0,1181 118,05 1,124 0,1201 0,772 19,05 12,57 2,7075 1,579 0,236 47,68 1,255 42,06 11,84

+2,24 +0,00 +0,00 +0,94 -0,04 +1,17 +1,27 +0,59 -0,42 +3,20 +0,46 +0,57 +4,89 +1,64 -0,40 +0,50 +2,07

17.30.07 12.01.11 12.40.10 16.19.45 17.17.48 17.30.19 16.30.13 17.30.38 16.50.21 17.30.10 17.30.42 16.30.33 17.30.41 17.30.20 14.04.54 15.37.31 16.30.43

8,00 10,15 111,14 0,963 2,37 2,79

+2,56 +1,75 +0,46 +2,67 +4,06 +5,28

16.37.23 7,80 8,00 17.30.08 9,78 10,18 17.30.12 110,48 111,17 17.24.22 0,925 0,971 17.30.57 2,17 2,385 17.09.44 2,65 2,855

5,53 5,745 5,53 1,35 1,35 14,00 14,00 0,115 0,1199 118,00 118,10 1,095 1,124 1,11 0,1171 0,122 0,1186 0,757 0,7765 0,765 18,93 19,20 11,65 12,57 12,00 2,6825 2,715 2,6975 1,579 1,60 0,2301 0,253 0,2383 46,30 48,28 46,85 1,255 1,275 41,06 42,06 11,74 12,00 11,74 9,975 2,24 2,65

Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Uniland Axa Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009 Warr Meridie 11 Warr Mid Ind C 2010 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Retelit 08-11 Warr Snia 2010 Warr Ubi 09-11 Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Ora

Max

-40,00 -1,46 +5,62 +4,93 +0,00

1,52 4,97 3,9925

+0,66 16.30.47 1,518 1,52 +0,05 16.30.32 4,86 4,995 +2,37 17.30.30 3,78 3,9925

19,84

+4,31

17.30.14 9.22.47 17.30.42 17.30.00 11.16.10

Min

0,0039 20,30 1,024 0,67 4,225

Apertura

0,0039 0,0075 0,0047 20,30 20,30 0,9535 1,024 0,96 0,631 0,67 0,633 4,225 4,225

9.47.08 19,84

4,86

19,84

0,074 +8,35 16.30.27 0,069 0,0748 0,07 0,0956 +2,80 17.24.46 0,09 0,0989 0,095 5,645 +12,34 17.22.48 5,00 5,645 5,00 0,1348 -3,64 15.22.44 0,13 0,135 0,13 0,2093 +7,00 16.30.54 0,197 0,2234 0,2058 0,0948 -0,10 15.35.44 0,0948 0,095 0,0398 +4,74 16.17.41 0,0398 0,0398 0,014 +0,00 16.21.59 0,014 0,014 0,014 0,13 +4,84 12.21.54 0,126 0,13 0,13 0,0309 -7,76 12.09.21 0,0306 0,031 0,0306 0,0271 -4,91 16.30.02 0,0271 0,0271 0,872 +1,28 17.15.04 0,8545 0,8785 0,87 0,33 +17,86 16.30.02 0,33 0,34 0,33 0,1412 +0,50 16.30.06 0,1401 0,1589 0,1455 0,0079 +9,72 16.30.38 0,0071 0,008 0,0079 0,0675 +5,97 17.30.41 0,0615 0,0695 0,0615 0,1781 +1,02 16.30.18 0,1764 0,1869 0,177 3,88 -0,51 17.20.13 3,845 3,93 3,90 0,4595 +2,57 16.12.10 0,4465 0,468 0,4495 1,255 -1,88 16.21.57 1,20 1,255 1,22

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Az. Italia Cl. L Allianz Az. Italia Cl. T Allianz Azioni Italia All Stars Arca Azioni Italia Bim Az. Italia Bim Az. Small Cap Italia Bipiemme Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Az. Italia Carige Az. Italia Cl. A Carige Az. Italia Cl. B Carismi Dynamic Italia Cl. A Carismi Dynamic Italia Cl. B Ducato Geo Italia Cl. A Ducato Geo Italia Cl. Y Eurizon Azioni Italia 130/30 Eurizon Azioni Pmi Italia Eurizon Focus Azioni Italia Eurom. Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel Pmi Fondit. Eq. Italy Cl. R Fondit. Eq. Italy Cl. T Gestielle Italia Cl. A Gestielle Italia Cl. B Gestnord Azioni Italia Imi Italy Interf. Eq. Italy Leonardo Italian Opportunity Mediolanum Risparmio Italia Crescita Nextam Partners Az. Italia Optima Az. Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Az. Crescita Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia C.To Az. Italia Symphonia C.To Az. Italia Small Cap Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pramerica Azioni Italia Vegagest Az. Italia Cl. A Vegagest Az. Italia Cl. B Zenit Azionario Cl. I Zenit Azionario Cl. R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Bancoposta Az. Euro Bipiemme Euroland Caam Azioni Qeuro Ducato Geo Euro Blue Chips Cl. A Ducato Geo Euro Blue Chips Cl. Y Epsilon Qeq. Eurizon Azioni Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Azioni Euro Fondo Alto Az. Intra Az. Area Euro Leonardo Euro Symphonia C.To Az. Euro Ubi Pramerica Azionario Etico Ubi Pramerica Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro Cl. A Vegagest Az. Area Euro Cl. B Zenit Eurostoxx 50 Plus Cl. I Zenit Eurostoxx 50 Plus Cl. R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa

-0,47 -1,06 -0,49 -0,46 -0,43 -0,58 -0,28 -0,79 -0,68 -0,56 -1,36 -0,44 -0,48 -0,48 -0,94 -0,96 -0,49 -0,48 -0,64 -0,70 -0,63 -0,56 -0,58 -1,15 -0,59 -0,59 -0,60 -0,58 -0,64 -0,74 -0,59 -0,59 -0,76 -0,64 -0,59 -0,80 -0,82 -0,96 +0,00 -0,30 -0,82 -0,29 -0,85 -0,52 -0,79 -0,79 -0,95 -0,95 -0,14 -0,84 +0,07 -0,35 -0,36 -0,03 -0,02 -0,37 -0,48 -0,33 -0,11 -0,09 +0,00 -0,55 -0,25 -0,24 -0,18 -0,14 -1,06 -1,06 +0,19

14,587 6,275 20,717 20,397 4,161 19,691 7,227 7,168 15,55 17,451 5,213 4,79 5,372 5,419 3,702 3,394 13,641 13,966 16,975 4,69 12,074 20,002 19,106 14,798 11,136 11,204 13,04 13,292 10,447 22,004 8,66 9,004 16,721 4,655 5,566 5,57 13,189 17,703 5,00 11,393 3,734 6,226 5,845 4,957 6,367 6,426 9,476 9,383 4,357 4,002 4,206 4,297 12,128 6,093 6,237 4,339 25,714 13,381 14,425 5,619 5,236 5,568 4,815 5,357 7,153 7,272 4,672 4,648 5,145

VARIAZ. QUOT.

+0,12 Allianz Az. Europa Cl. L Allianz Az. Europa Cl. T +0,15 Allianz Multieuropa -0,93 Anima Europa -0,08 Arca Azioni Europa +0,26 +0,18 Bim Az. Europa Bipiemme Europa -0,03 -0,85 Bipiemme Iniziativa Europa Bnl Azioni Europa Crescita +0,41 Bnl Azioni Europa Dividendo +0,54 Bpvi Az. Europa +0,44 Caam Europe Eq. -0,81 +0,17 Carige Az. Europa Cl. A +0,25 Carige Az. Europa Cl. B Carismi Dynamic Europe Cl. A -0,07 Carismi Dynamic Europe Cl. B +0,05 Consultinvest Azione -0,63 Ducato Geo Europa Cl. A +0,26 +0,26 Ducato Geo Europa Cl. Y -0,75 Ducato Geo Europa Pmi Cl. A Ducato Geo Europa Pmi Cl. Y -0,75 Epsilon Qvalue -0,12 Eurizon Azioni Europa Multimanager -0,82 -0,81 Eurizon Azioni Pmi Europa Eurizon Focus Azioni Europa +0,26 Eurom. Europe Eq. F. +0,32 Fms - Equity Europe -0,92 Fondaco Eu Sri Eq. Beta +0,39 +0,24 Fondersel Europa Fondit. Eq. Europe Cl. R +0,40 +0,40 Fondit. Eq. Europe Cl. T Gestielle Europa Cl. A +0,18 Gestielle Europa Cl. B +0,21 Gestnord Azioni Europa +0,09 Imi Europe +0,29 Interf. Eq. Europe -0,34 +0,15 Investitori Europa Laurin Eurostock +0,20 Mc Fdf Europa Cl. A -1,49 -1,43 Mc Fdf Europa Cl. B Mediolanum Amerigo Vespucci +0,24 -0,04 Mediolanum Europa 2000 Nextam Partners Az. Europa +0,02 Optima Az. Europa +0,47 +0,16 Pioneer Az. Europa Pioneer Az. Valore Europa A Dist. +0,54 +0,42 Ras Lux Eq. Europe Sai Europa +0,30 +0,03 Soprarno Dj Euro Stoxx 50 Symphonia Multi S. Europa -0,92 Synergia Az. Europa +0,02 Talento Comp. Europa -1,20 +0,06 Ubi Pramerica Az. Europa +0,07 Unibanca Az. Europa Vegagest Az. Europa Cl. A +0,27 +0,29 Vegagest Az. Europa Cl. B AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Azioni Energia E Materie Prime +0,37 AZ. SALUTE Eurizon Azioni Salute E Ambiente +1,29 AZ. FINANZA -0,54 Eurizon Azioni Finanza -1,06 Fondit. Euro Finan. Cl. R Fondit. Euro Finan. Cl. T -1,05 AZ. INFORMATICA Eurizon Azioni Tecnologie Avanzate -0,23 AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali -0,16 -1,17 Ducato Immobiliare Cl. A Ducato Immobiliare Cl. Y -1,15 Fms - Equity Gl. Resources -0,98 -0,95 Fondit. Euro Cycl. Cl. R

14,795 14,597 6,781 3,792 8,859 9,531 12,041 6,162 10,712 2,798 3,639 3,912 5,158 5,264 4,217 3,985 8,267 10,06 10,303 17,499 17,905 4,931 5,198 7,228 7,692 13,168 8,272 82,805 12,296 8,58 8,632 6,573 6,69 8,021 17,196 5,515 4,771 3,555 6,168 3,508 5,35 14,139 4,664 2,77 13,923 6,329 37,673 9,737 3,813 5,065 5,939 112,78 5,286 5,616 4,398 4,42 8,369

13,012

16,694 6,169 6,19 3,443

5,562 8,053 8,253 9,905 9,942

VARIAZ. QUOT.

-0,94 Fondit. Euro Cycl. Cl. T Fondit. Euro Defen. Cl. R +0,59 Fondit. Euro Defen. Cl. T +0,60 Fondit. Euro Tmt Cl. R +0,08 Fondit. Euro Tmt Cl. T +0,08 -0,04 Fondit. U.S. Tmt Cl. R Fondit. U.S. Tmt Cl. T -0,04 Interf. Inter. Securities New Economy +0,06 Optima Tecnologia +0,09 Vegagest Mobiliare Re Cl. A -0,45 Vegagest Mobiliare Re Cl. B -0,45 AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI +0,00 Ducato Etico Geo Cl. A +0,00 Ducato Etico Geo Cl. Y Eurizon Azionario Internazionale Etico +0,02 Pioneer C.I.M. - Global Gold And Mining -1,59 BIL. AZIONARI Aureo Primaclasse Crescita -0,58 -0,32 Bipiemme&Co - Comp. 70 -0,64 Ducato Mix 50-100 Cl. A Ducato Mix 50-100 Cl. Y -0,66 Ducato Mm Equity 50-100 Cl. A -0,35 Ducato Mm Equity 50-100 Cl. Y -0,34 +0,30 Eurom. Dinamico Igm Fdf Bilanciato Az. Cl. A -0,37 Igm Fdf Bilanciato Az. Cl. B -0,36 Imindustria -0,05 Ubi Pramerica Portafoglio Aggressivo -0,06 -0,93 Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI -0,22 Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multi50 -0,07 Arca Bb +0,11 Arcacinquestelle Comp. C 50 -0,64 Aureo Primaclasse Dinamico -0,26 Azimut Bilanciato -0,10 +0,42 Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato +0,22 Bipiemme Inter. +0,18 -0,36 Bipiemme&Co - Comp. 50 Carige Bilanciato 50 Cl. A +0,02 +0,02 Carige Bilanciato 50 Cl. B Consultinvest Bilanciato -0,21 Ducato Mix 30-70 Cl. A -0,47 -0,44 Ducato Mix 30-70 Cl. Y Ducato Mm Equity 30-70 Cl. A -0,22 -0,22 Ducato Mm Equity 30-70 Cl. Y Epsilon Dlongrun +0,03 Eurizon Bilanciato Euro Multimanager -0,27 Eurizon Soluzione 40 +0,19 Eurizon Soluzione 60 +0,10 Eurom. Bilanciato +0,03 +0,40 Fideuram Performance -0,41 Fondersel Fondit. Core 1 Cl. R +0,00 +0,00 Fondit. Core 1 Cl. T Fondit. Core 2 Cl. R -0,14 Fondit. Core 2 Cl. T -0,13 Fondit. Core 3 Cl. R -0,15 Fondit. Core 3 Cl. T -0,15 Fondo Alto Bilanciato +0,05 +0,05 Gestielle Global Asset 2 +0,29 Gestnord Bilanciato Euro Imi Capital -0,12 Mc Fdf Bilanciato Cl. A -0,39 Mc Fdf Bilanciato Cl. B -0,38 Mediolanum Elite 60 L -0,29 Mediolanum Elite 60 S -0,30 -0,05 Nextam Partners Bilanciato Sai Bilanciato +0,52 Sai M. L. Din. -0,48 +0,24 Symphonia C.To Patrim. Globale

10,012 11,022 11,098 5,307 5,328 2,387 2,403 29,001 2,349 3,983 3,983

2,676 2,734 5,222 7,817

3,575 4,004 3,567 3,612 3,751 3,798 31,474 4,354 4,389 11,738 4,922 4,911

17,117 4,536 30,061 4,336 3,826 23,374 5,803 21,527 11,378 4,693 5,764 5,841 4,865 4,038 4,092 4,127 4,176 6,042 33,913 5,877 22,722 26,284 10,867 43,572 10,074 10,124 9,58 9,63 9,389 9,451 15,129 11,783 14,671 29,497 5,937 4,418 4,80 9,201 5,855 3,296 4,185 4,972

VARIAZ. QUOT.

-0,38 Symphonia Multi S. Largo Synergia Bilanciato 50 +0,35 Ubi Pramerica Portafoglio Dinamico +0,08 Ubi Pramerica Privilege 3 -0,58 Val. Resp. Bilanciato -0,46 -0,57 Vegagest Sintesi Dinamico BIL. OBBLIGAZIONARI -0,03 Abn Amro Master Bilanciato Obbl. Allianz Multi20 +0,07 Arca Te - Titoli Esteri +0,30 Arcacinquestelle Comp. A/B 25 -0,13 Aureo Primaclasse Valore -0,12 +0,19 Azimut Scudo +0,15 Bancoposta Inv. Protetto 90 Bipiemme Mix -0,02 Bipiemme Pià Bilanciato 30 -0,04 Bipiemme Visconteo +0,05 Bipiemme&Co - Comp. 30 -0,04 -0,02 Bnl Protezione -0,01 Caam Qbalanced Carige Bilanciato 30 +0,04 Carismi Dynamic Mix 15 +0,23 Carismi Dynamic Mix 30 +0,20 -0,11 Ducato Mix 10-50 Cl. A Ducato Mix 10-50 Cl. Y -0,10 Ducato Mm Equity 10-50 Cl. A +0,04 Ducato Mm Equity 10-50 Cl. Y +0,04 Eurom. Moderato +0,53 +0,06 Gestielle Global Asset 1 Mediolanum Elite 30 L -0,06 -0,04 Mediolanum Elite 30 S Symphonia C.To Bilanciato Equilibrato Italia -0,04 Symphonia Multi S. Adagio -0,16 Synergia Bilanciato 30 +0,26 Ubi Pramerica Bilanciato Euro A Rischio Contr. +0,00 Ubi Pramerica Portafoglio Moderato +0,18 -0,22 Ubi Pramerica Privilege 1 Ubi Pramerica Privilege 2 -0,43 Vegagest Sintesi Audace -0,32 OB. EURO GOVERNATIVI BT Abn Amro Master Monetario +0,07 +0,08 Allianz Monetario Arca Mm - Monetario +0,12 Bancoposta Monetario +0,03 +0,10 Bg Focus Monetario Bim Obbl. Bt +0,05 +0,02 Bipiemme Monetario Bipiemme Tesoreria Fondo Per Le Imprese+0,01 +0,11 Bnl Obbl. Euro Bt Bpvi Bt +0,05 Caam Breve Termine +0,12 Carige Monetario Euro Cl. A +0,03 +0,04 Carige Monetario Euro Cl. B +0,04 Civ. Forum Iulii Prudenza Cl. A Civ. Forum Iulii Prudenza Cl. B +0,05 +0,00 Consultinvest Bt Cr Cento Monetario Plus +0,05 Credit Suisse Monetario Cl. B +0,03 Credit Suisse Monetario Cl. I +0,03 Ducato Fix Euro Bt Cl. A +0,05 Ducato Fix Euro Bt Cl. Y +0,06 +0,07 Eurizon Focus Obbl. Euro Bt +0,05 Eurom. Prudente Fideuram Security +0,01 Fondersel Reddito +0,05 Fondit. Euro Bond St Cl. R +0,17 Fondit. Euro Bond St Cl. T +0,18 Fondit. Euro Currency Cl. R +0,01 +0,00 Fondit. Euro Currency Cl. T Fondo Alto Monetario +0,03 Gestielle Bt Euro Cl. A +0,11 +0,11 Gestielle Bt Euro Cl. B

5,292 5,506 5,204 5,135 6,219 5,386

9,228 5,587 15,492 5,19 4,848 7,44 5,427 5,646 4,903 33,20 4,998 22,479 8,474 5,114 3,96 3,958 4,742 4,804 4,447 4,483 6,315 8,631 4,98 9,618 5,431 5,652 5,346 5,786 5,619 5,387 5,313 5,336 10,143 15,786 14,764 6,174 16,242 6,498 12,085 6,873 7,417 6,281 7,45 11,518 11,256 5,449 5,486 4,995 5,762 7,74 7,787 6,289 6,328 15,333 8,441 9,555 14,162 7,827 7,853 7,863 7,884 7,065 7,539 7,582

VARIAZ. QUOT.

+0,14 Gestielle Cedola Imi 2000 +0,00 Interf. Euro Currency +0,00 Intra Obbl. Euro Bt +0,04 Laurin Money +0,09 +0,05 Leonardo Monetario Mediolanum Risparmio Corrente +0,05 +0,06 Nordfondo Obbl. Euro Bt Optima Reddito B.T. +0,11 Optima Riserva Euro +0,02 Passadore Monetario +0,03 Pioneer Monetario Euro +0,05 +0,02 Soprarno Pronti Termine Synergia Obbl. Euro Breve Termine +0,06 Teodorico Monetario +0,04 Ubi Pramerica Euro Bt +0,10 Unibanca Monetario +0,05 Val. Resp. Monetario +0,03 +0,05 Vegagest Obbl. Euro Bt Cl. A +0,07 Vegagest Obbl. Euro Bt Cl. B Zenit Monetario Cl. I +0,04 Zenit Monetario Cl. R +0,03 OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERM +0,22 Abn Amro Master Obbl. Euro M-Lt Allianz Reddito Euro Cl. L +0,36 Allianz Reddito Euro Cl. T +0,36 Anima Obbl. Euro +0,11 Arca Rr +0,32 +0,08 Azimut Reddito Euro Bancoposta Obbl. Euro +0,30 +0,27 Bim Obbl. Euro Bipiemme Europe Bond +0,16 Bipiemme Pi¿ Obbligazionario +0,07 Bnl Obbligazioni Euro M-L T +0,26 Bpvi Obbl. Euro +0,27 Carige Obbl. Euro Cl. A +0,17 +0,23 Carige Obbl. Euro Cl. B Carige Obbl. Euro Lt Cl. A +0,43 Carige Obbl. Euro Lt Cl. B +0,42 +0,31 Carismi Bond Euro Cl. A Carismi Bond Euro Cl. B +0,31 +0,16 Consultinvest Obbl. Consultinvest Obbl. Mt +0,10 Ducato Fix Euro Mt Cl. A +0,28 +0,30 Ducato Fix Euro Mt Cl. Y Epsilon Qincome +0,34 +0,27 Eurizon Focus Obbl. Euro Eurom. Reddito +0,29 +0,38 Fondaco Euro Gov Beta Fondersel Euro +0,27 Fondit. Euro Bond Lt Cl. R +0,68 Fondit. Euro Bond Lt Cl. T +0,68 +0,36 Fondit. Euro Bond Mt Cl. R +0,37 Fondit. Euro Bond Mt Cl. T Gestielle Lt Euro Cl. A +0,54 +0,54 Gestielle Lt Euro Cl. B Gestielle Mt Euro Cl. A +0,27 Gestielle Mt Euro Cl. B +0,27 Imi Rend +0,19 Interf. Euro Bond Lt +0,66 Interf. Euro Bond Mt +0,37 +0,10 Interf. Euro Bond St 1-3 +0,25 Interf. Euro Bond St 3-5 Intra Obbl. Euro +0,38 Italfortune Euro Bond +0,24 Leonardo Obbl. +0,13 Mediolanum Euromoney +0,35 Mediolanum Italmoney +0,28 +0,26 Nordfondo Obbl. Euro Mt Optima Obbl. Euro +0,26 Pioneer C.I.M. - Euro Fixed Income +0,67 +0,45 Ras Lux Bond Europe

6,578 16,898 6,676 5,604 6,911 6,046 13,761 8,992 6,672 5,279 7,13 13,094 5,156 5,034 7,466 6,68 5,737 5,827 5,824 5,853 7,496 7,464

5,799 31,916 31,319 7,031 8,895 15,739 6,778 6,746 7,303 5,366 6,654 6,631 10,565 10,652 5,433 5,506 5,505 5,555 5,127 5,057 7,598 7,674 7,375 13,95 15,228 118,155 7,942 7,109 7,152 10,763 10,81 8,072 8,136 14,936 15,045 9,403 8,027 8,095 6,908 11,361 5,844 8,47 7,524 6,394 6,534 17,202 6,916 14,845 55,956

VARIAZ. QUOT.

+0,09 12,741 Sai Eurobbligazionario Synergia Obbl. Euro Medio Termine +0,30 5,072 Ubi Pramerica Euro M-Lt +0,34 6,779 Unibanca Obbl. Euro +0,17 5,79 Vegagest Obbl. Euro Cl. A +0,30 6,417 +0,29 6,472 Vegagest Obbl. Euro Cl. B Vegagest Obbl. Euro Lt Cl. A +0,49 6,197 +0,49 6,197 Vegagest Obbl. Euro Lt Cl. B Vgr Coro Obiettivo Reddito +0,43 5,596 OB. EURO CORPORATE INV. GRADE Arca Anfiteatro Bond Corporate +0,00 4,994 Arca Bond Corporate +0,31 6,826 +0,18 7,15 Bipiemme Corporate Bond +0,24 104,167 Caam Corporate 3 Anni Caam Corporate Giugno 2012 +0,25 5,181 Carige Corporate Euro Cl. A +0,19 6,321 Carige Corporate Euro Cl. B +0,19 6,361 Ducato Etico Fix Cl. A +0,29 5,23 +0,28 5,279 Ducato Etico Fix Cl. Y +0,32 6,329 Ducato Fix Imprese Cl. A Ducato Fix Imprese Cl. Y +0,33 6,39 Eurizon Focus Obbl. Euro Corporate +0,27 5,481 Eurizon Obbl. Euro Corporate Bt +0,11 7,414 +0,28 8,186 Fondit. Euro Corporate Bond Cl. R Fondit. Euro Corporate Bond Cl. T +0,27 8,214 Interf. Euro Corporate Bond +0,29 4,865 Nordfondo Obbl. Euro Corporate +0,33 7,401 Pioneer Obbl. Euro Corporate Etico A Dist.+0,33 4,891 +0,20 6,405 Sai Obbl. Corporate Synergia Obbl. Corporate +0,23 5,28 +0,28 7,556 Ubi Pramerica Euro Corporate OB. EURO HIGH YIELD Ducato Fix High Yield Cl. A +0,15 7,313 Ducato Fix High Yield Cl. Y +0,15 7,417 Eurizon Focus Obbl. Euro High Yield -0,04 6,812 Fondit. Bond Euro High Yield Cl. R -0,02 13,311 -0,02 13,35 Fondit. Bond Euro High Yield Cl. T Interf. Bond Euro High Yield -0,03 7,332 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM +1,08 8,072 Arca Bond Dollari Azimut Reddito Usa +1,12 5,431 +1,03 5,592 Bnl Obbl. Dollaro M-L T Ducato Fix Dollaro Cl. A +1,01 6,878 Ducato Fix Dollaro Cl. Y +1,02 6,94 +1,19 7,564 Fondit. Bond Usa Cl. R Fondit. Bond Usa Cl. T +1,18 7,601 +1,20 8,155 Gestielle Bond Dollars Cl. A Gestielle Bond Dollars Cl. B +1,22 8,236 +1,19 6,565 Interf. Bond Usa Nordfondo Obbl. Dollari +1,05 12,756 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI Abn Amro Master Obbl. Inter. +0,61 8,412 +0,82 14,582 Allianz Redd. Gl. Cl. L +0,82 14,322 Allianz Redd. Gl. Cl. T Alpi Obbl. Inter. +0,51 7,091 -0,02 5,676 Arca Anfiteatro Global Bond Arca Bond - Obbl. Estere +0,64 11,763 Aureo Obbligazioni Globale +0,32 7,935 Bim Obbl. Globale +0,42 5,515 Bipiemme Pianeta +0,51 8,881 Bpvi Obbl. Inter. +0,53 5,532 +0,79 5,384 Carige Obbl. Inter. Cl. A +0,85 5,449 Carige Obbl. Inter. Cl. B Carismi Bond Internaz. Cl. A +0,79 5,738 Carismi Bond Internaz. Cl. B +0,79 5,581 Ducato Fix Globale Cl. A +0,52 8,096 Ducato Fix Globale Cl. Y +0,52 8,16 Ducato Mm Global Bond Cl. A +0,30 4,96 +0,30 4,983 Ducato Mm Global Bond Cl. Y Eurizon Obbl. Internazionali +0,62 7,961 Eurom. Inter. Bond +0,22 8,15 +0,20 12,984 Fondersel Inter.


il Domani Venerdì 30 Ottobre 2009 25

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Fondo Alto Inter. Obbl. +0,66 5,802 Gestielle Obbl. Inter. Cl. A +0,65 6,037 Gestielle Obbl. Inter. Cl. B +0,63 6,101 Imi Bond +0,63 14,80 Mc Fdf Global Bond Cl. A +0,21 5,225 Mc Fdf Global Bond Cl. B +0,23 5,18 Mediolanum Intermoney +0,63 6,041 Optima Obbl. Euro Glob. +0,26 6,876 +0,61 7,558 Sai Obbl. Inter. Ubi Pramerica Obbl. Globali +0,70 5,345 Vegagest Obbl. Inter. Cl. A +0,75 5,399 Vegagest Obbl. Inter. Cl. B +0,76 5,45 OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Arca Anfiteatro Corporate Breve Termine +0,06 5,111 Ubi Pramerica Obbl. Globali Corporate +0,42 6,501 OB. INTERNAZ. HIGH YIELD Ducato Fix High Yield Cl. A +0,15 7,313 Ducato Fix High Yield Cl. Y +0,15 7,417 Eurizon Focus Obbl. Euro High Yield -0,04 6,812 Fondit. Bond Euro High Yield Cl. R -0,02 13,311 Fondit. Bond Euro High Yield Cl. T -0,02 13,35 Interf. Bond Euro High Yield -0,03 7,332 OB. YEN Ducato Fix Yen Cl. A +0,55 4,427 Ducato Fix Yen Cl. Y +0,54 4,464 Fondit. Bond Japan Cl. R +0,58 8,514 Fondit. Bond Japan Cl. T +0,59 8,552 Interf. Bond Japan +0,59 5,119 OB. PAESI EMERGENTI Arca Bond Paesi Emerg. -0,41 12,755 -0,22 5,792 Bipiemme Em. Markets Bond Bnl Obbl. Emerg. +0,20 19,892 Ducato Fix Emerg. Cl. A -0,43 12,438 Ducato Fix Emerg. Cl. Y -0,43 12,638 Eurizon Focus Obbl. Emergenti -0,37 10,715 Eurom. Emerg. Mkts Bond -0,11 6,384 Fondit. Bond Global Emerg. Mkts Cl. R -0,48 9,825 Fondit. Bond Global Emerg. Mkts Cl. T -0,47 9,852 Gestielle Emerging Markets Bond Cl. A -0,40 9,669 Gestielle Emerging Markets Bond Cl. B -0,41 9,789 Interf. Bond Global Emerg. Mkts -0,50 10,127 Nordfondo Obbl. Paesi Emerg. +0,15 7,894 Optima Obbl. Emerg. Mkts +0,12 6,655 Pioneer Obbl. Paesi Emerg. A Dist. +0,14 8,898 Vegagest Obbl. Paesi Emergenti Cl. A -0,03 6,798 Vegagest Obbl. Paesi Emergenti Cl. B -0,03 6,864 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI +0,13 6,205 Anima Conv. +0,11 9,016 Azimut Trend Tassi Caam Obbligazionario Euro +0,33 5,483 +0,02 8,565 Ducato Fix Conv. Cl. A +0,02 8,67 Ducato Fix Conv. Cl. Y +0,10 6,111 Eurizon Focus Obbl. Cedola Eurizon Obbligazionario Etico +0,35 5,432 Fondit. Inflation Link. Cl. R +0,51 13,464 +0,51 13,516 Fondit. Inflation Link. Cl. T Gestielle Obbl. Corporate Cl. A +0,16 6,836 Gestielle Obbl. Corporate Cl. B +0,16 6,909 Groupama Italia Bond Sel. Fund +0,09 5,703 +0,55 13,279 Interf. Inflation Linked Mediolanum Risparmio Reddito +0,24 11,036 Mediolanum Vasco De Gama +0,04 10,067 Nordfondo Obbl. Conv. -0,19 5,279 -0,12 5,831 Pioneer C.I.M. - Euro Conv. Bonds Pioneer Obbl. Euro A Dist. +0,39 6,491 Ras Lux St Dollar -0,02 145,069 Ras Lux St Europe +0,01 65,722 Symphonia C.To Obbl. Area Europa +0,34 9,203 Ubi Pramerica Obbl. Dollari +1,20 4,475 OB. MISTI Anima Fondimpiego +0,06 18,879 Arca Obbl. Europa +0,45 8,21 -0,04 5,201 Azimut Contofondo 7,841 +0,03 Azimut Solidity +0,28 5,737 Bancoposta Mix 1 Bim Corporate Mix +0,19 5,385 5,155 +0,04 Bipiemme Pià Bilanciato 15 +0,22 9,579 Bipiemme Sforzesco +0,37 5,654 Bnl Per Telethon Carige Bilanciato 10 +0,11 5,387 +0,26 5,424 Civ. Forum Iulii Rendita Cl. A +0,29 5,53 Civ. Forum Iulii Rendita Cl. B +0,38 5,798 Cr Cento Misto Best Eurizon Diversificato Etico +0,18 7,778 Eurizon Rendita +0,00 5,992 +0,06 6,888 Eurizon Soluzione 10 Fondo Alleanza Obbl. +0,29 5,606 Fondo Alto Obbl. +0,10 8,757 Fucino Dynamic +0,07 4,39 +0,24 6,28 Gestielle Etico Per Ail Cl. A Gestielle Etico Per Ail Cl. B +0,25 6,315 Intesa Casse Del Centro Prot. Din. +0,02 5,633 Leonardo 80/20 +0,03 6,063 +0,15 5,914 Nextam Partners Obbl. Misto Nordfondo Etico Obbl. Misto Max 20% Az.+0,29 6,578 Pioneer Obbl. Pi¿ A Dist. +0,45 8,093 Sai M. L. Prud. -0,13 4,70 +0,15 16,843 Sai Performance 7,032 Symphonia C.To Patrim. Glob. Reddito +0,09 Synergia Bilanciato 15 +0,19 5,201 -0,13 4,547 Total Return Obbl. Ubi Pramerica Portafoglio Prudente +0,14 5,933 Val. Resp. Obbl. Misto +0,00 5,902 Vegagest Sintesi Moderato -0,17 5,368 Zenit Obbligazionario Cl. I +0,12 8,058 Zenit Obbligazionario Cl. R +0,14 8,031 OB. FLESSIBILI Arca Cedola Corporate Bond +0,25 5,261 Arca Cedola Corporate Bond Ii +0,00 4,999 Arca Cedola Governativo Euro Bond +0,25 5,166 Arca Cedola Governativo Euro Bond Ii +0,00 5,00 Aureo Cash Dynamic +0,08 5,217 Bg Focus Obbligazionario +0,15 6,692 Bipiemme Premium +0,05 6,488 Bipiemme Risparmio +0,14 7,789

VARIAZ. QUOT.

Bnl Target Return Liquidità +0,05 Caam Liquidità +0,01 Civ. Forum Iulii Strategia Cl. A +0,17 Civ. Forum Iulii Strategia Cl. B +0,18 Consultinvest High Yield -0,02 Consultinvest Monetario +0,07 Consultinvest Reddito +0,04 Ducato Fix Rendita Cl. A +0,01 +0,01 Ducato Fix Rendita Cl. Y Eurom. Total Return Flex 2 +0,02 Ritorni Reali +0,12 Ubi Pra. Total Ret. Moderato Cl. A +0,12 Ubi Pra. Total Ret. Moderato Cl. B +0,12 Ubi Pramerica Active Duration +0,27 Ubi Pramerica Total Ret. Prudente +0,13 Vegagest Obbl. Flessibile +0,13 Vgr Coro Obiettivo Rendimento +0,04 Volterra Total Return Obbl. +0,00 LIQUIDITA' AREA EURO Agora Cash +0,04 Allianz Liquidità Cl. A +0,00 Allianz Liquidità Cl. At -0,02 Allianz Liquidità Cl. B +0,00 Anima Liquidità +0,00 Arca Anfiteatro Tesoreria +0,00 Arca Bt - Breve Termine +0,00 Arca Bt - Tesoreria +0,02 Aureo Liquidità +0,02 Azimut Garanzia +0,01 Bnl Cash +0,00 +0,00 Caam Eonia Carige Liquidita' Euro Cl. B +0,02 Carige Liquidit¿ Euro Cl. A +0,02 Carismi Liquidita' Cl. A -0,02 Carismi Liquidita' Cl. B +0,00 Ducato Fix Monetario Cl. A +0,01 Ducato Fix Monetario Cl. I +0,01 Ducato Fix Monetario Cl. Y +0,01 Epsilon Cash -0,08 +0,01 Eurizon Focus Tesoreria Euro Cl. A Eurizon Focus Tesoreria Euro Cl. B +0,01 Eurizon Liquidità Cl. A +0,01 Eurizon Liquidità Cl. B +0,01 Eurom. Conservativo +0,00 +0,01 Eurom. Contovivo Fideuram Moneta +0,00 +0,02 Fondaco Euro Cash +0,00 Fondo Liquidità +0,01 Gestielle Cash Euro Cl. A Gestielle Cash Euro Cl. B +0,01 +0,02 Mediolanum Risparmio Monetario +0,02 Nextam Partners Liquidità +0,02 Nordfondo Liquidità Optima Money +0,00 Pensplan Invest Cash +0,00 +0,00 Pioneer Liquidità Euro Sai Liquidità +0,00 Symphonia C.To Monetario +0,01 Synergia Monetario +0,02 +0,02 Synergia Tesoreria Ubi Pramerica Euro Cash +0,01 Vegagest Monetario Cl. A +0,00 Vegagest Monetario Cl. B +0,00 +0,02 Vgr Coro Tesoreria LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro +0,72 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro ($) -0,10 FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso -0,10 8a+ Latemar -0,08 8a+ Monviso -0,16 Abis Flessibile +0,00 +0,08 Abn Amro Expert A-Rt100 +0,00 Abn Amro Expert A-Rt200 +0,00 Abn Amro Expert A-Rt400 Abn Amro Expert A-Rt50 +0,02 -0,12 Adb Globale Quantitativo -0,27 Agora Selection +0,10 Agora Valore Protetto Agoraflex +0,12 -1,22 Alarico Re +0,11 Allianz F100 Cl. L +0,11 Allianz F100 Cl. T Allianz F15 Cl. L +0,21 Allianz F15 Cl. T +0,21 +0,28 Allianz F30 Cl. L Allianz F30 Cl. T +0,26 Allianz F70 Cl. L +0,17 Allianz F70 Cl. T +0,17 -0,17 Anima Fondattivo Aqqua +0,00 Arca Anfiteatro Bond Plus +0,05 Arca Anfiteatro Conservative Flex -0,07 Arca Anfiteatro Corporate Absolute Return+0,02 Arca Anfiteatro Total Return +0,00 Arca Capitale Gar. Dicembre 2013 +0,04 Arca Capitale Gar. Giugno 2013 +0,08 +0,04 Arca Corporate Bt -0,16 Arca Rendimento Assol T3 Arca Rendimento Assol T5 +0,00 +0,16 Aureo Defensive Aureo Finanza Etica +0,08 Aureo Flex Euro +0,00 Aureo Flex Italia -0,31 Aureo Flex Opportunity +0,15 Aureo Plus +0,12 Aureo Primaclasse Flessibile -0,06 Aureo Rendimento Assoluto -0,91 Azimut Strategic Trend +0,08 Azimut Trend +0,12 Azimut Trend America -0,18 Azimut Trend Europa +0,18 Azimut Trend Italia -0,52 Azimut Trend Pacific -0,58 Bancoposta Centopiu' 2007 +0,08

9,905 8,951 5,385 5,464 5,233 5,404 7,203 18,337 18,584 6,512 5,87 5,19 5,204 5,605 10,447 5,281 5,332 5,14

5,548 5,593 5,073 5,705 6,587 5,671 8,757 5,766 5,712 12,318 22,124 101,862 6,338 6,296 5,28 5,296 8,508 8,592 8,572 6,243 7,649 7,678 7,299 7,463 11,09 11,836 14,619 115,691 7,576 7,037 7,068 5,494 5,824 6,201 6,155 5,911 5,058 11,532 7,41 5,026 5,043 7,294 5,862 5,894 5,629 11,394 16,886

5,117 5,033 5,01 5,597 5,168 4,926 4,669 16,389 4,139 4,75 6,318 6,873 4,525 3,788 3,725 5,273 5,205 5,001 4,936 25,635 25,15 13,044 5,014 5,878 5,516 5,595 3,136 5,139 5,15 5,482 5,104 4,794 5,044 6,029 9,694 17,424 4,803 5,955 5,331 5,534 4,849 17,761 7,883 11,852 15,655 5,781 5,22

VARIAZ. QUOT.

Bancoposta Centopi¿ +0,00 Bancoposta Extra +0,00 Bg Focus Azionario -0,25 Bim Flessibile -0,63 Bipiemme Flessibile +0,60 Bipiemme Obiettivo Rendimento +0,12 Bnl Target Return Conservativo +0,06 Bnl Target Return Dinamico -0,15 -0,13 Bnp Pa. 100% E Pià - Grande Asia Bnp Pa. 100% E Pià - Grande Europa +0,12 Bnp Pa. Equipe Attacco -0,27 Bnp Pa. Equipe Centrocampo -0,13 Bnp Pa. Equipe Difesa +0,06 Caam Absolute -0,33 Caam Dynamic Allocation -0,23 Caam Equipe 1 -0,02 Caam Equipe 2 -0,10 Caam Equipe 3 -0,12 Caam Equipe 4 -0,22 Caam Eureka China Double Win -8,03 Caam Eureka Double Call -0,73 Caam Eureka Double Win -0,95 Caam Eureka Double Win 2013 -1,19 Caam Eureka Dragon -0,24 Caam Eureka Ripresa 2014 -0,73 Caam Formula Euro Eq. Option 2013 -1,29 Caam Formula Euro Eq. Option Due 2013 -1,36 Caam Formula Gar. 2012 -0,04 Caam Formula Gar. 2013 +0,00 Caam Formula Gar. Due 2013 -0,14 Caam Formula Gar. Emerg. Mkt Eq. Recall 2013-0,60 Caam Formula Gar. Emerg. Mkt Eq. Recall 2014-0,64 Caam Formula Gar. Eq. Recall 2013 -0,51 Caam Formula Gar. Eq. Recall 2014 -0,65 Caam Formula Gar. Eq. Recall Due 2013 -0,43 Caam Formula Gar. High Diversification 2014 -0,29 Caam Formula Gar. Mercati Emerg. +0,27 Caam Formula Private Dividend Opp. +0,06 Caam Pià -0,02 -0,20 Caam Premium Power Caam Private Alfa -0,59 Caam Qreturn +0,07 Caam Strategia 95 -0,04 Carige Flessibile Cl. A +0,00 +0,02 Carige Flessibile Cl. B Carige Flessibile Piu' Cl. B +0,15 +0,16 Carige Flessibile Pi¿ Cl. A +0,04 Carismi Absolute Perf. Cl. A +0,04 Carismi Absolute Perf. Cl. B Carismi Pratico Cl. A -0,10 -0,10 Carismi Pratico Cl. B -0,25 Consultinvest Alto Dividendo -0,43 Consultinvest Mercati Emergenti Consultinvest Multimanager Flex -0,28 Consultinvest Plus +0,12 -0,08 Cr Cento Premium Ducato Etico Flex Civita Cl .A -0,02 Ducato Etico Flex Civita Cl. Y -0,02 Ducato Geo Europa Alto Pot. Cl. A -0,23 -0,28 Ducato Geo Europa Alto Pot. Cl. Y Ducato Geo Europa Pmi Alto Pot. Cl. A -0,32 Ducato Geo Europa Pmi Alto Pot. Cl. Y -0,32 Ducato Geo Italia Alto Pot. Cl. A -0,02 -0,02 Ducato Geo Italia Alto Pot. Cl. Y Ducato Mm Cash Premium Cl. A -0,21 Ducato Mm Cash Premium Cl. Y -0,21 Ducato Mm Cash Premium Plus Cl. A -0,22 Ducato Mm Cash Premium Plus Cl. Y -0,24 Ed. De Roth. Multigestion - Trend Global -0,25 Epsilon Qreturn +0,03 Eurizon Focus Gar. Dicembre 2012 +0,10 Eurizon Focus Gar. Giugno 2012 +0,08 +0,06 Eurizon Focus Gar. I Sem. 2006 -0,02 Eurizon Focus Gar. I Trim. 2007 +0,00 Eurizon Focus Gar. Ii Sem. 2006 Eurizon Focus Gar. Ii Trim. 2007 +0,04 +0,06 Eurizon Focus Gar. Iii Trim. 2007 -0,04 Eurizon Focus Gar. Iv Trim. 2007 +0,08 Eurizon Focus Gar. Marzo 2013 Eurizon Focus Gar. Settembre 2012 +0,12 -0,06 Eurizon Focus Profilo Dinamico +0,06 Eurizon Focus Profilo Moderato +0,00 Eurizon Focus Profilo Prudente Eurizon Focus Rend. Ass. 2 Anni +0,00 Eurizon Focus Rend. Ass. 3 Anni -0,04 +0,00 Eurizon Focus Rend. Ass. 5 Anni Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 Eurizon Team 1 Cl. A +0,05 Eurizon Team 1 Cl. G +0,05 +0,11 Eurizon Team 2 Cl. A Eurizon Team 2 Cl. G +0,11 Eurizon Team 3 Cl. A +0,02 Eurizon Team 3 Cl. G +0,04 -0,13 Eurizon Team 4 Cl. A Eurizon Team 4 Cl. G -0,11 Eurizon Team 5 Cl. A -0,11 Eurizon Team 5 Cl. G -0,11 +0,28 Eurom. Flex Dividend -0,24 Eurom. Real Assets Eurom. Strategic -0,67 -0,11 Eurom. Total Return Flex 3 Eurom. Total Return Flex 4 -0,12 Federico Re +0,04 Fms - Absolute Return -0,11 Fondaco Absolute Return +0,04 Fondersel Duemila -0,08 Fondit. Flexible Dynamic Cl. R -0,93 Fondit. Flexible Dynamic Cl. T -0,88 Fondit. Flexible Growth Cl. R -0,26 Fondit. Flexible Growth Cl. T -0,33 Fondit. Flexible Income Cl. R +0,02 Fondit. Flexible Income Cl. T +0,02 Fondit. Flexible Multimanager Cl. R -0,16 Fondit. Flexible Multimanager Cl. T -0,16 Fondit. Flexible Opportunity Cl. R +0,01

5,286 5,184 22,727 3,945 2,705 5,703 4,954 12,318 5,475 5,046 4,392 4,727 5,397 5,173 5,142 5,199 5,127 5,025 4,609 4,972 5,338 5,521 4,976 5,738 5,065 4,453 4,502 4,997 4,875 4,863 4,967 4,968 4,872 5,179 4,90 4,789 5,638 4,954 5,55 5,048 4,754 5,549 4,989 5,151 5,132 4,543 4,518 4,821 4,892 6,165 6,205 3,13 4,847 4,703 5,13 3,801 4,204 4,285 2,162 2,169 13,237 13,266 4,672 4,703 4,729 4,784 4,172 4,239 4,79 6,293 5,076 5,095 5,239 5,147 5,238 5,102 5,081 5,16 5,113 5,07 4,919 5,151 5,413 5,209 5,453 4,884 8,024 5,961 5,961 5,573 5,573 4,587 4,595 3,775 3,784 3,584 3,592 13,089 4,084 3,129 4,539 6,808 5,152 9,231 92,521 92,745 6,295 6,294 8,843 8,889 8,497 8,518 9,529 9,58 7,821

VARIAZ. QUOT.

Fondit. Flexible Opportunity Cl. T +0,01 7,846 Bcc Vita World Global Bond Formula 1 Balanced +0,02 6,504 BNL VITA S.P.A. Formula 1 Conserv. -0,02 6,501 Bnl Vita Capital Unit 30 Formula 1 High Risk -0,12 6,825 Bnl Vita Capital Unit 60 Formula 1 Low Risk +0,00 6,701 Bnl Vita Capital Unit 90 Formula 1 Risk -0,09 6,548 B.P.V. VITA S.P.A. Gestielle Global Asset Plus +0,00 5,273 Aletti Linked Difensivo 15 Gestielle Harmonia Dinamico -0,17 5,229 Aletti Linked Fondi Azionario -0,12 5,206 Aletti Linked Moderato 40 Gestielle Harmonia Moderato Gestielle Harmonia Vivace -0,27 5,257 Bpv Vita - Bilanciato Gestielle Total Return -0,07 14,041 Bpv Vita - Dinamico Gestnord Asset Allocation -0,24 4,657 Bpv Vita - Prudente Igm Fdf Flessibile Cl. A -0,10 3,999 Creberg Sim Life Brillante Igm Fdf Flessibile Cl. B -0,10 4,026 Creberg Sim Life Moderato Interf. System 100 +0,05 9,33 Multicrescita Bilanciato Interf. System 40 +0,02 11,052 Multicrescita Conservativo Interf. System Flex +0,00 10,309 Multicrescita Dinamico Intra Assoluto +0,00 5,729 Multicrescita Global Equities Intra Flessibile -0,18 6,124 Multicrescita Sicura Settembre Investitori Flessibile +0,06 6,347 Risposta Dinamica Plus Kairos Partners -0,27 5,587 Risposta Pronta Dinamica Kairos Partners Income +0,00 6,686 Risposta Pronta Monetaria Kairos Partners Small Cap -0,22 9,266 Risposta Pronta Prudente Mc Fdf Flex High Volatility Cl. A -0,85 4,196 Risposta Pronta Vivace Mc Fdf Flex High Volatility Cl. B -0,86 3,575 Risposta Prudente Plus Mc Fdf Flex Low Volatility Cl. A -0,08 5,208 Risposta Sicura Mc Fdf Flex Low Volatility Cl. B -0,10 5,199 Risposta Vivace Plus Mc Fdf Flex Medium Volatility Cl. A -0,35 5,456 Scegliere Conservativo Mc Fdf Flex Medium Volatility Cl. B -0,36 3,624 Scegliere Dinamico Nextam Partners Flessibile -0,21 4,661 Scegliere Prudente -0,94 4,20 Scegliere Vivace Obiettivo Nordest Sicav Open Fund Ritorno Assoluto Var 2 +0,00 4,546 Spazio Protetto Maggio 2004 Open Fund Ritorno Assoluto Var 4 +0,05 3,79 CARDIF Assicurazioni S.P.A. Paritalia Orchestra +0,00 72,871 Azionario Rimini 2 Pioneer Target Controllo +0,06 5,287 Bds Valore Azionario Pioneer Target Equilibrio -0,04 5,203 Bds Valore Bilanciato Pioneer Target Sviluppo -0,02 22,047 Bds Valore Obbligazionario Profilo Best Funds -0,19 5,74 Cardif Azionario Cl. A Profilo Elite Flessibile +0,17 5,365 Cardif Azionario Cl. B +0,00 0,684 Cardif Bilanciato Cl. A Sofia Flex Soprarno 0 Ritorno Assol 6 Cl. A -0,22 5,047 Cardif Bilanciato Cl. B Soprarno 0 Ritorno Assol 6 Cl. B -0,08 5,092 Cardif Obbligazionario Cl. A Soprarno 1 Ritorno Assol 5 Cl. A -0,10 5,084 Cardif Obbligazionario Cl. B Soprarno 1 Ritorno Assol 5 Cl. B -0,10 5,087 Flexible Profilo Cl. A -0,47 3,571 Obbligazionario Misto Rimini 2 Soprarno Contrarian Cl. A Soprarno Contrarian Cl. B +0,64 3,145 Pargest Globale 60 Cl. A -0,29 4,753 Spazio Effervescente Soprarno Global Macro Cl. A -0,29 4,794 Spazio Naturale Soprarno Global Macro Cl. B +0,04 5,372 DUOMO PREVIDENZA S.P.A. Soprarno Inflazione +1,5% Cl. A Soprarno Inflazione +1,5% Cl. B +0,04 5,395 Duomo Unit Dynamic -0,09 5,277 Duomo Unit Moderate Soprarno Relative Value Cl. A -0,09 5,318 GENERTELLIFE S.P.A. Soprarno Relative Value Cl. B +0,02 5,522 Adria Equilibrio Symphonia C.To Asia Flessibile Symphonia C.To Bond Flessibile +0,16 5,02 Aptus I Symphonia C.To Fortissimo +0,24 2,479 Aptus Ii -0,14 5,092 Aptus Iii Symphonia C.To Italia Flessibile Synergia Total Return +0,23 5,258 Bg 2005- 2015 Total Return -0,18 2,757 Bg 2005- 2020 Ubi Pramerica Active Beta -0,13 4,733 Bg 2005- 2025 -0,16 5,056 Bg 2005- 2030 Ubi Pramerica Alpha Equity Ubi Pramerica Total Ret. Dinamico -0,02 4,964 Bg Azionario I Unibanca Plus -0,06 5,194 Bg Azionario Ii Vegagest Flessibile +0,01 7,348 Bg Bilanciato I -0,06 3,272 Bg Bilanciato Ii Vegagest Mb Absolut Vegagest Mb Strategic -0,06 3,221 Bg Dinamico Vegagest Rendimento -0,15 5,316 Espansione Volterra Dinamico -0,17 5,188 Espansione 2000 Volterra Total Return Globale +0,04 5,483 Sviluppo Zenit Absolute Return Cl. I -0,57 5,542 Sviluppo 2000 Zenit Absolute Return Cl. R -0,58 5,492 Tirreno Unit Equilibrio Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 1,245 Tirreno Unit Protezione Zenit Zerocento Fdf -0,13 4,625 Tirreno Unit Sviluppo Valore ASSICURATIVI INA VITA Allianz Ras S.P.A. +0,04 10,718 Fondo Ina Valore Attivo Allianz Conservativo Allianz Conservativo Gold +0,04 107,455 Fondo Valute Estere 9,58 Nuovo Fondo Ina -0,95 Allianz Flessibile -0,94 96,353 INTESA VITA S.P.A. Allianz Flessibile Gold +0,00 10,27 Accumulazione Allianz Monetario Allianz Rifugio +0,03 10,569 Crescita +0,10 10,158 Dinamica Allianz Sviluppo -0,34 2,937 Eurounit Azionario Ras America -0,57 4,221 Eurounit Dinamico Ras Azionario Europa Ras Azionario Globale -0,39 3,334 Eurounit Equilibrato Ras Bilanciato Europa -0,26 5,758 Eurounit Prudente -0,18 4,963 Gpa Accordo Ras Bilanciato Globale Ras Commodity -1,06 3,645 Gpa Accordo 2 Ras Equilibrato -0,28 4,332 Gpa Acuto Ras Europa -0,33 3,974 Gpa Acuto 2 +0,00 5,813 Gpa Armonia Ras Formula Dinamica Ras Gestione Attiva -0,15 5,486 Gpa Armonia 2 Ras Globale -0,36 4,175 Gpa Motivo Ras Obbligazionario -0,14 5,061 Gpa Motivo 2 +0,06 7,748 Gpa Private Bond Ras Obbligazionario Europa Ras Obbligazionario Plus Europa -0,07 6,842 Gpa Private Global Guaranteed Ras Obbligazionario Protetto +0,03 5,921 Gpa Private Global High Ras Oriente +0,15 4,776 Gpa Private Global Low +0,02 5,321 Gpa Private Global Medium Ras Quota Attiva +0,00 5,258 Intesa Vita Azionario America Growth Ras Quota Protetta Ras Technology & Research -0,84 2,254 Intesa Vita Azionario America Value Intesa Vita Azionario Cina AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Meieaurora Balanced +1,46 9,544 Intesa Vita Azionario Europa Growth Meieaurora Bond -0,49 8,614 Intesa Vita Azionario Europa Value Meieaurora Unit Share +2,77 8,455 Intesa Vita Monetario Dollaro New Balanced +0,75 9,945 Intesa Vita Monetario Euro New Bond -0,03 9,788 Intesa Vita Obbligazionario Euro New Share +1,22 10,368 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Unietic -0,10 10,502 Az. Dinamismo Winvest Linea Bilanciata -0,68 10,987 Az. Dinamismo Bis Winvest Linea Dinamica -0,87 9,463 Az. Fedeltà Winvest Linea Prudente -0,51 12,167 Az. Intraprendenza BCC VITA S.P.A. Comp. Assic. Vita Az. Intraprendenza Bis Bcc Vita Equity America -0,56 3,932 Az. Protezione Bcc Vita Equity Asia -1,35 4,598 Balanced Bcc Vita Equity Europa +1,04 4,586 Balanced Bis

VARIAZ. QUOT.

-0,31

-0,20 -0,45 -0,62

-0,08 +0,00 +0,00 +0,69 +1,46 +0,33 +0,94 -0,59 +0,29 -0,13 +0,37 +0,85 -0,01 -0,18 -0,01 +0,02 +0,10 -0,09 +0,01 -0,05 -0,34 -0,02 +0,71 +0,19 +1,27 +0,00 +0,25 +0,29 -0,06 -0,36 +0,19 +0,28 -0,10 -0,04 -0,45 -0,46 +0,22 -0,43 +0,27 +0,28 -0,44 +1,43 +0,02

-0,22 -0,30 -0,97 -1,40 +0,14 +0,24 +0,10 -0,15 -1,36 -1,23 -0,64 -0,21 -0,92 -1,18 -0,89 -0,56 -0,65 -0,41 -0,21 -0,56 +0,11 -0,07 -0,19 -0,27

-0,39 -0,24 -0,54 -0,17 -0,23 -0,15 -0,11 -0,13 -0,13 +0,02 +0,03 -0,16 -0,16 -0,10 -0,10 -0,07 +0,35 +3,01 +0,42 +1,06 +1,58 +1,77 +3,39 +2,05 +1,55 -0,39 +0,00 -0,13

-0,70 -0,77 +0,00 -0,73 -0,73 -0,14 -0,43 -0,47

VARIAZ. QUOT.

5,211 Country -0,83 3,114 Country Bis -0,84 3,642 9,96 Dinamic -0,62 3,822 7,892 Dynamic Bis -0,59 4,199 5,909 Eurobond Breve Termine -0,01 6,729 Eurobond Opportunità -0,14 6,633 9,63 Eurobond Sviluppo -0,06 6,648 6,612 Euroequity Opportunità -0,72 3,876 11,275 Euroequity Protezione -0,16 6,37 9,168 Euroequity Sviluppo -0,74 4,165 7,664 -0,28 4,912 9,947 Moderate -0,30 4,906 7,38 Moderate Bis -0,02 5,523 8,604 Obbligazionario Breve Termine Bis -0,14 6,522 9,732 Obbligazionario Crescita -0,13 5,238 11,166 Obbligazionario Crescita Bis -0,14 5,149 8,516 Obbligazionario Evoluzione Bis -0,02 6,641 6,769 Obbligazionario Liquidit¿ -0,06 6,55 10,882 Obbligazionario Moderazione 11,26 Obbligazionario Moderazione Bis -0,09 5,401 9,829 Opportunity -0,66 3,458 10,808 Opportunity Bis -0,66 3,79 11,372 Prudent -0,02 6,187 7,725 Prudent Bis -0,02 5,49 11,054 Sector -0,84 3,07 10,454 Sector Bis -0,86 3,821 11,147 MILANO ASSICURAZIONI 5,249 Previlink Azionario -0,69 2,743 4,823 Previlink Bilanciato -0,36 4,097 5,33 +0,00 6,173 4,24 Previlink Monetario +0,15 5,463 9,855 Previlink Obbligazionario POPOLARE VITA S.P.A. -0,09 10,52 65,361 Bpn Poseidon +0,69 8,79 96,534 Bpn Unit Blue -0,37 2,71 134,685 Bpn Unit Futura +0,31 9,74 176,981 Bpn Unit Green -0,57 5,19 89,223 Bpn Unit Overland +1,48 7,56 135,556 Bpn Unit Red 125,594 Bpn Unit Technology -1,47 1,34 188,414 Glob. Unit Bpn Allegro -0,67 4,45 165,279 Glob. Unit Bpn Andante +0,00 4,98 214,414 Glob. Unit Bpn Brioso -0,76 5,25 77,73 Glob. Unit Bpn Vivace -0,56 3,56 107,653 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. 180,025 Crfc Gentile Dinamico -1,48 3,45 108,474 Crfc Gentile Equilibrato -0,70 5,807 171,668 -1,03 12,585 Eurolink - C.V. Dinamico -0,76 12,855 2,053 Eurolink - C.V. Equilibrato -0,35 11,869 4,863 Eurolink - C.V. Risparmio Formula Link In Prima -0,52 10,15 -0,57 8,85 6,008 Formula Link In Seconda -0,57 7,271 5,02 Formula Link In Terza -0,59 8,024 4,602 Gestivita Azionario -0,51 9,625 3,861 Gestivita Bilanciato -0,33 11,493 10,195 Gestivita Obbligazionario -0,72 7,439 9,486 U.L. Patavium Dinamico 8,634 U.L. Patavium Equilibrato -0,38 9,088 8,17 SARA VITA S.P.A. 2,177 Multistrategy Az. Intern. -0,40 7,238 2,497 Multistrategy Az. Intern. G.A. 7,541 -0,54 3,908 Multistrategy Obbl. Europeo -0,40 9,248 5,125 Multistrategy Obbl. Globale -0,41 9,517 7,935 Profilo Guardian 9,97 +0,00 2,838 Società Cattolica di Assicurazione Coop. a R.L. 2,881 -1,58 3,726 Bpbari Freeway Country 4,288 -0,75 3,565 3,818 Bpbari Freeway Desert -0,39 0,254 5,563 Bpbari Freeway Jungle +0,41 3,911 5,686 Cattolica Azionario +0,00 4,168 4,809 Cattolica Bilanciato -0,06 5,258 6,158 Cattolica Fondo Protetto -0,11 4,714 Cattolica Obbligazionario +1,55 10,602 4,048 Cividale Percorso Azionario -0,07 11,145 1,053 Cividale Percorso Obbligazionario 7,66 Creberg Sim Formula Life Azionario -0,93 4,056 Creberg Sim Formula Life Bilanciato -0,96 4,439 5,052 Ferrara Investire Azionario +1,06 3,155 5,896 Ferrara Investire Obbligazionario -0,15 5,485 4,456 Fuoriclasse Balanced -0,23 4,331 2,858 Fuoriclasse Bond -0,20 5,451 4,773 Fuoriclasse Equity +0,27 2,945 5,39 Fuoriclasse High Tech -0,30 1,349 6,275 Nuove Rotte -0,05 5,484 673,47 Progetto Attivo Bond -0,13 4,475 647,67 +0,39 3,606 371,55 Progetto Attivo Equity +0,00 4,195 316,60 Progetto Attivo Mix -0,34 4,934 490,38 Soluzione Dinamica -0,13 6,056 431,45 Soluzione Prudente -0,50 3,414 614,53 Soluzione Vivace 577,80 Unipol - Compagnia Assicuratrice S.P.A. -0,26 118,69 712,28 Uninvest Arcosereno +0,15 105,071 572,69 Uninvest Azioni Pi¿ +0,30 13,284 309,46 Uninvest Crescita 650,75 Uninvest Equilibrio +0,34 11,916 519,32 Uninvest Flessibile +0,47 6,435 7,71 Uninvest Grande 7 +0,15 105,22 8,336 Uninvest Grande Vita +0,24 100,866 20,003 Uninvest Mach 7 +0,23 110,799 9,812 Uninvest Otto&Mezzo +0,25 103,899 11,027 Uninvest Performance Europa +1,61 7,432 8,341 Uninvest Risparmio -0,43 13,302 10,869 +0,89 11,626 Uninvest Valore 10,957 ZURICH LIFE AND PENSION +0,10 5,147 3,251 Dws Controllo -1,23 6,111 3,729 Dws Crescita -0,33 7,15 2,371 Dws Equilibrio -0,09 4,527 2,981 Dws Evoluzione +0,26 7,64 3,659 Dws Protezione -0,05 5,481 5,788 Dws Prudenza +0,26 5,358 4,417 Dws Sicurezza -0,69 3,444 4,489 Dws Sviluppo


26

il Domani

Venerdì 30 Ottobre 2009

ECONOMIA E POLITICA NAZIONALE Imprese agricole sempre più rosa

Lascerai la vecchia Tv comprando la nuova Presto potremo liberarci del vecchio elettrodomestico rifilandolo al venditore. A Rimini, al salone Ecomondo, Luigi Pelaggi, capo segreteria tecnica del ministro dell’Ambiente, ha detto che il Decreto sulla semplificazione è alla firma del ministro: verrà emanato entro fine anno, per entrare in vigore a inizio 2010.

Ci sono sempre più donne al timone delle aziende agricole, una su tre è infatti a conduzione rosa, con una forte concentrazione al Sud (il 44%), seguito dal Nord (32%) e Centro (24%). In agriturismo (sono ’rosa’ il 35% delle imprese).

Non solo Financial Times e Wall Street Journal si chiedono il perché ma anche molti italiani a cominciare dall’editorialista Piero Ostellino

Scoppia la polemica sul blitz: metodi fascisti dice Ostellino Carlo Bassi ROMA—Stamani nella Versione di Oscar (Giannino), rubrica fissa di Radio 24, l’emittente del Sole 24 Ore che è un must per chi vuole seguire l’economia (e raccomandiamo anche Focus economia, alle cinque del pomeriggio), molti autorevoli personaggi e numerosi radioascoltatori hanno animato un dibattito acceso e, a dir poco, a senso unico. Ma non è colpa di nessuno se era pressoché unilaterale la visione d’insieme: il tema infatti era quello del reclamizzatissimo raid dell’Agenzia delle entrate con centinaia di agenti della Guardia di Finanza, quello, per intenderci, che ha provocato anche l’annunciata convocazione del nostro ambasciatore a Berna. E sullo

Les Echos e Le Monde parlano di "pugno duro" degli italiani

legata alla disputa familiare sull’esistenzadi un miliardodi euro di beni non dichiarati fuori dall’Italia.La crisi finanziaria globale - continua Ft - ha spinto il governo italiano a cercare «modi alternativi» di raccogliere fondi, come lo scudo che impone «pene minime» per chi rimpatria soldi dall’estero. Ma in Svizzera, osserva il Ft, «c’è crescente irritazione per il modo in cui è stata introdotta l’amnistia», specialmente per il modo in cui le guardie di frontiera italiane hanno rafforzato i controlli sulla gente che attraversa la frontiera dall’Italia alla Svizzera .Il Wall Street Journal nel titolo parla di «visita» alle filiali delle banche svizzere, e dà spazio alla reazione dell’Abs. stesso argomento (ancorché non arrivato a questi livelli di drammaticità) c’era stata anche una nota ufficiale del presidente elvetico Hans Rudolf Merz. Piero Ostellino, ospite della trasmissione, ha parlato fuori dei denti di "metodi fascisti" dichiarando la totale illegittimità dell’azione per di più tanto pubblicizzata. Ma tutti i partecipanti al dibattito si sono chiesti il motivo di cotanta operazione. A dire la verità se lo chiedono anche i più

importanti giornali stranieri. Il Financial Times nota che la stretta all’evasione fiscale sta creando frizioni tra i governi svizzero e italiano.«È l’azione antievasione di più alto profilo dallo scorso agosto, quando le autorità fiscali dissero che stavano indagando sugli affari finanziari di 170mila cittadini sospettati di nascondere asset in conti di banche svizzere», scrive il Ft, ricordando che l’annuncio coincise con l’inchiesta sull’eredità di Gianni Agnelli,

Oscar Giannino

La banca (parte del gruppo Banca popolare dell’Emilia Romagna) in lieve flessione nei conti

Banca popolare del Mezzogiorno: quasi 21 milioni di utili CROTONE — Utili per 20,9 milioni di euro per la Banca popolare del Mezzogiorno al 30 settembre. A darne notizia, un comunicato nel quale si precisa che il Cda dell’istituto, che fa parte del Gruppo Banca popolare dell’Emilia Romagna, ha approvato il rendiconto intermedio di gestione chiuso al 30 settembre 2009. Di seguito le principali grandezze patrimoniali rilevate al 30 settembre poste tutte a raffronto con i dati del bilancio della Banca al 31 dicembre 2008. Per la raccolta diretta il rendiconto indica una somma pari a 2.787,6 milioni di euro (-3,25% sul dato puntuale,

+11,09% sulla media liquida); raccolta indiretta 1.126,3 milioni di euro (-1,51%); raccolta complessiva da clientela 3.913,9 milioni di euro (-2,75%); crediti verso clientela 2.266,6 milioni (+2,78% sul dato puntuale, +8,37% sulla media liquida); rapporto sofferenze nette/ impieghi 1,36% e patrimonio netto incluso il risultato di esercizio euro 345,4 milioni. La BP del Mezzogiorno è nata il 3 novembre 2008 dalla fusione per unione della Banca Popolare di Crotone e della Banca Popolare del Materano, opera con 115 sportelli e 959 dipendenti.

Se Montecitorio sta con le mani in mano... Cab Poco lavoro per colpa del governo o la Camera non ha niente e resta con le mani in mano perché il presidente Gianfranco Fini aveva espressamente previsto un periodo di pausa per permettere ai deputati di fare attività sul territorio nella loro circoscrizione? Difficile dirlo: nel clima di litigiosità perenne, a oltranza, a qualsiasi costo è difficile raccapezzarsi per chi voglia sapere la verità. Se senti l’opposizione, è naturalmente tutta colpa di Silvio Berlusconi che ha svuotato il Parlamento di ogni competenza Ma ci sarebbe una novità: l’aula non può discutere progetti di legge di iniziativa parlamentare, poiché questi "non possono essere licenziati dalle commissioni per mancanza di copertura finanziaria" spiega il presidente della Camera, Gianfranco Fini. Definendo la questione "un problema oggettivo". Sottolineando come in questo modo possano di fatto essere esaminati soltanto i decreti governativi. Durante la conferenza dei capigruppo rivolto al ministro per i Rapporti con il Parlamento, Elio Vito, Fini ribadisce una critica già fatta in passato. Di cui Vito si limita a prendere atto. "È la scarsità di proposte da esaminare in Aula - afferma il vicepresidente dell’Udc alla Camera, Michele Vietti - a essere il reale motivo dello stop. Anche se Fini ha motivato la decisione con l’organizzazione dei lavori di Montecitorio che prevede una settimana ’bianca’ ogni mese da dedicare all’attività politica sul territorio". Nei giorni scorsi era stato il leader, Pier Ferdinando Casini, a denunciare la scarsa produttività legislativa di Montecitorio. "Non si può non notare che la prossima settimana - insiste il vicecapogruppo Udc - il Parlamento non aveva niente da esaminare. Il governo strangola l’iniziativa parlamentare, non solo delle opposizioni, ma anche della maggioranza. L’unica cosa da votare era la ratifica della convenzione sulla protezione degli animali da compagnia. Francamente...". Nel dubbio vi abbiamo fornito le varie versioni. Ma sapere la verità sembra alquanto difficile.


Venerdì 30 Ottobre 2009

il Domani 27

ECONOMIA E POLITICA NAZIONALE Messaggio di Berlusconi: crisi forse alle spalle ma Draghi è cauto

Pace banche Tremonti e nuovi aiuti per piccole medie aziende «La fenomenologia della crisi, la patologia sono in continuo divenire come in un videogame». È l’immagine usata dal ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, nel suo intervento alla Giornata mondiale del risparmio: «La crisi si è bloccata, è vero, ma solo per l’intervento degli stati che ha trasmesso un messaggio di fiducia» ha continuato il ministro che per la prima volta dopo molti mesi ha lanciato un messaggio di distensione alle banche: «Lavoriamo tutti insieme senza conflittio riducendo al massimo i conflitti nella prospettiva di un’azione comune per il bene comune, per il bene dei nostri figli e del nostro paese». Il Domani aveva anticipato questa apertura parlando nei giorni scorsi del "patto dell’arrosto". Il Tesoro sta lavorando con le banche per mettere a punto un sistema di uno o più fondi per assistere le piccole e medie imprese sul territorio, ha detto Tremonti, sottolineando che «occorre fare di più sull’economia reale». Si tratterà, ha spiegato il ministro, di uno o più fondi per i quali «avremo fra 2-3 settimane un primo schema di lavoro. Che dovrà essere una struttura compatibile con il mercato. La Cassa Depositi e Prestiti avrà un ruolo di regia, non è escluso un adattamento del regime fiscale, più dal lato delle imprese che delle banche. Questo aiuterà le Pmi sui territori»: la moratoria sui debiti alle imprese «è stata necessaria ma non è più sufficiente». "Il peggio della crisi finanziaria sembra sia alle nostre spalle, e sembra sia iniziata, sia pure lentamente, la ripresa". Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, lo ha scritto in un

fronti della crisi".E alla Giornata del Risparmio è giunto anche un altro messaggio istituzionale: quello del presidente della Repubblica. La manifestazione, spiega Giorgio Napolitano, "si svolge in un momento nel quale il Paese è chiamato ad un impegno straordinario per il superamento degli effetti della crisi globale e per il contenimento delle difficoltà e delle tensioni. Dal canto suo Mario Draghi ha invitato tutti alla cautela.

Sorpresa per l’aumento del Pil Usa Usa: il Pil in salita del 3, 5 per cento sorprende anche gli analisti. Ma restano grandi incognite sul futuro della ripresa economica americana per l’aumento del debito pubblico dopo gli esborsi per i salvataggi.

Patto di stabilità, manca cabina di regia perché non siamo tutti uguali ROMA —Legautonomie e Sda Bocconi bocciano senza mezzi termini il patto di stabilità interno e chiedono che sia reso più flessibile ed adattabile alle diverse realtà territoriali, alle quali va riconosciuta piena autonomia e responsabilità; dovrebbe avere validità pluriennale, come minimo triennale. È quanto è emerso da una ricerca fatta dalla Bocconi in collaborazione con l’associazione dal titolo, Le scelte finanziariee degli enti locali presentata ieri a Roma.Lo studio evidenzia che il problema della ricerca di forme diverse di finanziamento dipende in gran parte dalla struttura del Patto di stabilità, pensato su una logica di uniformità: si considerano gli enti locali simili, mentre nella realtà sono profondamente diversi. E questo genera l’introduzione di vincoli che ingessano gli stessi enti, impedendone una gestione flessibile e coerente con un momento di grande variabilità ambientale legato alla difficoltà di spingersi, nelle previsioni, oltre un orizzonte temporale di pochi mesi. Questa forzatura induce gli enti a for-

messaggio in occasione della Giornata.Il premier esprime l’apprezzamento del governo per "il comportamento del sistema bancario italiano che ha affrontato la crisi in condizioni migliori rispetto a quelle di tanti altri". E sottolineacome "la rete di protezione predisposta tempestivamente dal governo abbia rafforzato l’immunità delle banche italiane nei con-

me di aggiramento dei vincoli che difficilmente si riesce a cogliere ed a frenare, anche per la scarsa efficacia dei sistemi di controllo. Infatti, ogni problema si pensa di risolverlo con nuove leggi, inasprendoquelleesistentio introducendo nuovi organi di controllo, ma non ponendosi mai veramente l’obiettivo di verificare il loro reale grado di rispetto. " È tempo di cambiare un’impostazione che si è rivelata rovinosa per il Paese e generato un Patto di stabilità perverso secondo cui gli enti locali sono solo centri di spesa da controllare ossessivamente. Gli enti locali non vogliono più soldi ma esigono la certezza delle proprie basi imponibili, la certezza di entrate proprie, l’efficacia e la giustezza di riscossione. Di questo possono e debbono rispondere ai cittadini, non di un Patto di stabilità che si risolve in una manovra di risanamento tutta sulle loro spalle". Manca la cabina di regia "La formulazione annuale del Patto di stabilità indica che manca una vera cabina di regia della nostra finanza pubblica. Si pensi solo al fatto che alcuni provvedimenti del governo o proposte di riforma come quella della contabilità pubblica spesso si sovrappongono o addirittura confliggono con la legge delega sul federalismo fiscale". Lo ha detto il direttore di Legautonomie, Loreto Del Cimmuto, alla presentazione della ricerca realizzata dalla Bocconi.

Ma sanno anche che la crisi non finirà tanto presto

Italiani più contenti degli altri europei Il 34% degli italiani non riesce a risparmiare, chi spende fino all’ultimo euro è sceso dal 39 al 38 per cento

ROMA —Sembra che gli italiani si siano "abituati" alla crisi e che guardino al futuro con maggiore fiducia rispetto ai loro vicini europei. I dati forniti dall’Ipsos in occasione dell’85ma edizione della GiornataMondialedelRisparmio ci dicono che nonostante prevalga ancora una maggioranza di pessimisti (49% contro un 24% di ottimisti) è diffusa la convinzione che l’Italia, a differenza di altri paesi europei,abbia retto meglio al crollo globale delle economie e che la ripresa sia effettivamente cominciata. Addirittura, rispetto alla propria situazione economica, l’ottimismoprevale, soprattut-

to nel nord est e nel nord ovest,con uno scarto positivo di ben sette punti percentuali rispetto al 2007 evidenziando un 28% di fiduciosi contro un 21% di pessimisti, più concentrati a sud e nelle isole, a fronte di un 51% ancora incerto. In generale il 54% degli italiani è soddisfatto della personale situazione economica.

Ben diversa la situazione quando si parla di economia europea e di contesto internazionale: rispettivamente, tra le rilevazioni fatte nel 2007 e quelle recenti, si evidenzia un crollo tra cinque e dieci punti percentuali.Nel complesso, tuttavia, la proporzione tra ottimisti e pessimisti non subisce variazioni di rilievo mentre è significativamente diffusa l’opinione che i tempi di uscita dalla crisi siano piuttosto lunghi.Discorso a parte meritano i dati sulla fiducia dei consumatori: se nel 2007 l’indice Isae si attestava a 107, ora si colloca a 102. Gaia Mutone

Non piacciono le carte revolving (solo il 15%) ma ci si indebita tre volte più del 2001 e più del doppio rispetto al 2004


28

il Domani

Venerdì 30 Ottobre 2009

CULTURA

Sarà “Uomo e galantuomo” di Eduardo De Filippo lo spettacolo inaugurale della stagione di prosa di Lamezia Terme

Un'immagine della commedia che andrà in scena il 14 e il 15 novembre a Lamezia Terme

Il direttore generale dell’Usr, Francesco Mercurio, commenta l’inaugurazione dell’anno scolastico 2009/2010

«Un momento molto importante per la scuola della nostra regione» CATANZARO —Si svolge oggi, a partire dalle ore 10.00, l’inaugurazione ufficiale per l’Anno scolastico 2009/2010 della scuola calabrese organizzato dall’Ufficio Scolastico Regionale. Per la cerimonia, alla quale sono invitati i massimi rappresentanti della Città, della Provincia e della Regione, autorità giudiziarie, accademiche,sportive,amministrative e militari, si è scelta la splendida cornice del Teatro Politeama di Catanzaro. Il programma prevede la relazione del Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale Francesco Mercurio, gli interventi di saluto del Presidente della Regione Agazio Loiero, del Presidente della Provincia Wanda Ferro, del Sindaco della Città Rosario Olivo e dell’ arcivescovo metropolitadiCatanzaro-Squillace, mons. Antonio Ciliberti. Seguiranno gli interventi della rappresentante dei dirigenti

Conferenza di illustrazione del II corso di formazione in Oncologia diretto da 60 medici stamattina in programma a Catanzaro Mario Mirabello

Teatro Politeama

CATANZARO — Prevista per oggi alle ore 11.00, presso la sede dell’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi di Catanzaro, la conferenza stampa di presentazione del “II corsorso di formazione in Oncologia”.Sarannopresenti:ildr. Stefano Molica, Direttore S.O.C. Oncologia Medica Aopc e Coordinatore Scientifico del Corso, il dr. Giuseppe Perri, Direttore Generale AOPC Catanzaro, il dr. Vincenzo Ciconte, Presidente Ordine Provinciale Medici Chirurghi di Catanzaro, la dr.ssa Mariella Greco, Direttore Sanitario Presidio De Lellis, la dr.ssa Pia De Vito, responsabile Ufficio Formazione AOPC Catanzaro, il sig. Pietro Comi, responsabile provinciale IPASVI. L’evento, giunto alla sua seconda edizione ed articolato in 4 moduli per un totale di 30 ore, è diretto a 60 medici di oncologia medica, radioterapia, ematologia, chirurgia e medicina generale, 10 farmacisti ospedalieri e del territorio, 30 infermieri professionali di discipli-

ne attinenti. «Anche in questa seconda edizione del corso – ha evidenziato il dr. Stefano Molica - si è ritenuto di dover privilegiare gli aspetti della formazione di differenti figure professionali che operano nell’ambito delle strutture di oncologia medicaattraversoun approccio integrato.Infatti, unitamente a lezioni magistrali di esperti di levatura nazionale, sono stati inseriti una serie di argomenti gestionali come la continuità della cura in oncologia. Il paziente oncologico, per la particolarità della malattia tumorale, si avvantaggia notevolmente se forte è l’integrazione fra cure specialistiche e cure primarie.Verranno affrontate anche le tematiche relative all’impiego nella pratica clinica di farmaci innovativi di recente generazione in grado di modificare la storia naturaledi alcuni tumori». «Uno spazio specifico – ha proseguito il coordinatore scientifico del corso - è stato poi riservato,nell’ultimo modulo, alla qualità di vita del paziente. L’utilizzazione

sempre maggiore di terapie di supporto consente oggi a molti pazienti di mantenere inalterata, in tutte le fasi della malattia tumorale,la propria vita lavorativa con positive ricadute di natura psicologica».

scolastici , Concetta Carrozza, dell’Ass.Genitori,MariaConcetta Strangis e delle Consulte studentesche, Alessia Covello. Nell’ambito dell’Inaugurazione si assisterà alle performance artistiche e sportive di Studenti di Scuole della regione, e Cori scolastici intoneranno gli Inni Nazionale ed Europeo. Inoltre, partecipano Maria Perrusi, studentessa di un istituto di Paola, da poco eletta miss Italia e i ragazzi sezione danza dell’associazione“La fabbrica dei sogni”con Domenico Gareri. Concluderanno la cerimonia il Vice Presidente della Regione Calabria con delega all’Istruzione Domenico Cersosimo ed il Direttore Generale Mercurio. «Si tratta di un momento importante per la Scuola della nostra regione – sottolinea il Direttore Mercurio - per fare il punto sullo stato della scuola calabrese nel contesto complessivo del sistema dell’istruzione nazionale e delle nuove iniziative di riforma recentemente proposte.Questo è un anno di mutamenti significativi per l’organizzazione strutturale, per la programmazionedi una crescita su basi solide garantendo, così, nel tempo lo sviluppo di una propria, qualificata categoria di docenti e dirigenti che operino in sinergia verso un processo di qualità totale del sistema dell’istruzione. L’idea – continua il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico - , che ha ispirato questa inaugurazione, richiama la volontà di intraprendere un percorso, già avviato, di riflessione sui valori qualificanti per la scuola, al fine di costruire un futuro certo per la cultura e lo studio, per la formazione, per il tessuto sociale della scuola regionale”. Per noi – ha concluso il direttore Francesco Mercurio – la Scuola deve restituire ai giovani fiducia nel futuro».

L’evento è articolato in quattro moduli per un totale di 30 ore


Venerdì 30 Ottobre 2009

il Domani 29

ASSOCIAZIONI

Oltre quattordicimila le presenze registrate nella zona della Sila Piccola. Soddisfazione per gli ideatori dell’evento Giovanni Leonardi e Massimiliano Capalbo: «Questo posto ora è diventato una destinazione montana attraente»

“Orme nel Parco” a Zagarise Triplicato il numero di visitatori di Vincenzo Bubbo

ZAGARISE — Ci sono i numeri e non si prestano a confutazioni. Orme nel Parco, il più grande Parco Avventura del Sud Italia, si appresta a concludere la stagione 2009 conquistando un record: è quellodellepresenze.Quasitriplicati, infatti, rispetto allo scorso annoi visitatoriche hannoaffollato i percorsi acrobatici sospesi tra gli alberi dei boschi di Tirivolo, nel comune di Zagarise. Una scommessa vinta grazie all’impegno, alla professionalità e alla passione dei suoi ideatori Giovanni Leonardi e Massimiliano Capalbo che sono riusciti a trasformare quello che era un sogno in una realtà di successo. «Siamo riusciti in poco più di due anni – spiega Massimiliano Capalbo - a trasformare un posto tanto bello quanto sconosciuto, come Tirivolo, in una delle destinazioni montane più attraenti del Sud Italia, ravvivando l’economia locale ma allo stesso tempo preservando i luoghi e riducendo al minimo l’impatto ambientale. Questo significa che rispetto per l’ambiente e imprenditoria responsabile possono andare di pari passo. Le oltre 14.000 presenze registrate quest’annoconfermanochequesta zona della Sila Piccola ha le potenzialità per trasformarsi in una delle destinazioni turistiche montanepiù attraentidel Sud Italia». I due giovani imprenditori ci tengono a condividere l’importante traguardo raggiunto con tutti quelli che hanno scelto il par-

CATANZARO — Sabato 31 ottobre alle ore 10,00, presso la cima 4 del Monte San Michele (Sagrado-Gorizia), sarà inaugurato il monumento commemorativo alla Brigata di Fanteria “Brescia”. L’iniziativa di restaurare il monumento è stata promossa dall’associazione “Gruppo Speleologico Carsico” di San Martino del Carso, col patrocinio della provincia di Gorizia e del comune di Sagrato e con il contributo della Fondazione della Cassa di Risparmio di Gorizia. La sede dell’evento non è casuale visto che i fanti, d’origine prevalentementecalabrese,appartenenti alle brigate Brescia, Ferrara e Catanzaro (sotto il comando della 22a divisione), nell’agosto del 1916 conquistarono, dopo strenua battaglia, le quattro cime del San Michele, aprendo così la strada per la conquista di Gorizia, città assurta ad uno dei simboli della Grande

REGGIO Tutti i vincitori del “Rhegium”

Massimiliano Capalbo: «Il nostro lavoro non si ferma mai. Siamo sempre attenti ad incontrare i gusti dei nostri clienti» co come meta o luogo di relax e svago quest’anno. «Il risultato raggiunto è sicuramente frutto di tanti sacrifici, di tante scelte responsabili e della grande dose di passione che mettiamo in tutto quello che facciamo – sottolinea Giovanni Leonardi – ma non possiamo dimenticare e non ringraziare i veri artefici di questo successo, in primis i nostri affezionati clienti e poi anche tutti quelli che a vario titolo hanno interagitocon noi collaborando, sostenendoci, promuovendoci,dimostrandociil loro affetto e la loro stima, i fornitori, le associazioni, le guide, i gruppi scout, le scuole». Il Parco Avventura si appresta a chiudere i battenti e per salutare i propri clienti e festeggiare insieme l’autunno ha organizzato per domenica 1 novembre, “Briganti al Parco”, manifestazione giunta alla seconda edizione che chiude la fortunata stagione 2009. Durante la manifestazione si potranno degustare caldarroste a volontà, ammirare la mostra micologica del gruppo micologico della Sila

Alcune immagini dell'iniziativa nella Sila Piccola

Catanzarese e conoscere le numerose specie di funghi che popolanoinostriboschi,ammirare la mostra di fotografie naturalistiche di Luigi Pingitore su Tirivolo, leggere i racconti del Gariglione di Orsola Marrazzo, degustare il formaggio, le crespelle e la fagiolata del brigante e innaffiare il tutto con un buon bicchiere di vino rosso locale. La giornata sarà allietata dal gruppo musicale dei Bashkim di Rende che intonerannomusichetradizionalicalabresi e filastrocche sui briganti. Anche se la stagione sta per concludersi i responsabili di Orme nel Parco sono già al lavoro per programmare la prossima stagione che si preannuncia come al solito ricca di novità.

Inaugurazione, sabato 31, di un monumento commemorativo

Il gruppo Carsico omaggia la “Brescia” Guerra. Le stesse unità militari in quella zona e poche settimane prima, erano state falcidiate dai gas asfissianti che avevano provocato, tra le loro fila, migliaia di morti in un solo giorno.La Brescia, dopo aver operato nella zona del Carso, fu inviata sul fronte francese, battendosi egregiamentefino al termine delle ostilità. Questo eroico reparto militare è strettamente legato a Catanzaro, visto che, fino al 1939, la città fu sede del suo comando (elevato poi a livello di divisione). Oltretutto al 19° reggimento di fanteria, che, assieme al 20°, costituiva la brigata Brescia, appartennero la Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria Ercolino Scalfaro ed

il capitano Nazzareno Cremona di Vibo Valentia, la cui esemplare figura di uomo e soldato fu narrata in versi da Giuseppe Ungaretti, anch’ egli arruolato nello stesso

Caserma Pepe di Catanzaro

reparto. All’interno poi della Caserma Pepe-Bettoja, sede del Comando Militare Esercito “Calabria”, è presente un cippo commemorativo a ricordo della brigata, nelle cui fila operò il maggiore Edoardo Bettoja, decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria ed al cui nome è intitolata una parte della stessa caserma. L’associazione “Calabria in Armi”, sempre attenta alle iniziative finalizzate al recupero della memoria e della tradizione militare, con una delegazione guidata dal presidente Saccà, sarà presente in Friuli il giorno dell’inaugurazione, per rendere omaggio alla “Brescia” e a tutti i caduti».

REGGIO CALABRIA —Valeria Montaldi con il romanzo Il manoscritto dell’impera-tore (Rizzoli), per la narrativa; Corrado Augias con Disputa su Dio e dintorni (Mondadori) e Riccardo Chiaberge con La variabile Dio (Garzanti) per la saggistica; Aldo Forbice con Assassini di Stato (Longanesi), per il giornalismo; Nicola Vitale con Condominio delle sorprese (Mondadori), per la poesia e Orazio Cancila con I Florio (Bompiani), per un saggio sul Mezzogiorno; sono i vincitori dei Premi Rhegium Julii 2009. Inoltre due premi speciali, sono stati attribuiti a Luigi Tivelli per Un candido nel palazzo e a Luigi Ambrosi per La rivolta di Reggio (editi da Rubbettino). Con l’occasione sarà consegnata alla poetessa Elisabetta Viti la prima copia della silloge poetica Dintorni lontani, premio Gilda Trisolini per l’Inedito. La cerimonia di premiazione della quarantaduesima edizione del Premio "Rhegium Julii 2009", presentata da Livia Azzariti, si terrà sabato 7 novembre (ore 20,45) presso il Teatro Comunale “F. Cilea” di Reggio Calabria, introdotta da un concerto di parole, suoni ed immagini su Reggio Calabria:Controverso (a cura di Fran-cesco Idotta e Orsola Toscano) e si concluderà con uno spettacolo di danza che vedrà protagonisti i primi ballerini dell’Opèra de Paris, Karl Paquette e Valentine Collasante, con la partecipazione degli allievi del Centro Studio Danza, diretto da Gabriella Cutrupi. Le opere prescelte per l’assegnazione dei premi Rhegium Julii, sono state selezionate dalle giurie presiedute da Corrado Calabrò con segretario Giuseppe Casile.

Teatro Cilea


Venerdì 30 Ottobre 2009

il Domani 31

APPUNTAMENTI Prosegue con il concerto di Ambrogio Sparagna il Festival d’Autunno nella città di Catanzaro

Idv, forum a Reggio Calabria La decima edizione di “Prim’Olio” fino a sabato 31 ottobre a Stilo • CATANZARO "Intersezioni4" Intersezioni 4Dennis Oppenheim Splashbuildingfinoal 3 novembre , presso il parco di Scolacium, e presso il Marca a Catanzaro, a cura di Alberto Fiz, catalogo Electa. • CATANZARO Festivald’Autunno Si è conclusa con successo la prima settimana della campagna abbonamenti della VII Edizione del "Festival d’Autunno". Abbonamento ai 6spettacoli: platea: euro 160 anziché euro 180;Primo e secondo ordine di palco: euro 140 anziché euo 160; prezzi singolospettacolo: Noa primo settore: euro 30; secondo settore: euro 20;Ambrogio Sparagna & Orchestra Pizzicata biglietto unico: euro 30; Stefano Bollani, Shel Shapiro Uomini in Frac Alex Britti - Neffa, platea: euro 30;primo e secondo ordine di palco: euro 25; terzo ordine di palco: euro 20; quarto ordine di palco euro 15; quinto ordine di palco euro 10; unica biglietteria autorizzata: C.so Mazzini - Catanzaro; info e vendita on line: www.festivaldautunno.com 389.0931362. Ingresso ore 20.30. Inizio spettacoli ore 21.00. Concerto di Noa: ingresso ore 19.30; inizio spettacolo ore 20.00. Programmafino al 5 dicembre : "Sud e tradizioni", sabato 7 novembre ,presso Museo S. Giovanni, ore 18.00, incontro con AmbrogioSparagna su: "La musica popolare nel Sud Italia"; "Sud e tradizioni", sabato 7 novembre , presso Auditorium "A. Casalinuovo", ore 21.00, Ambrogio Sparagna & Orchestra Pizzicata "Taranta in festa"; "Sud e tradizioni" domenica 8 novembre , presso il Conservatorio Popolare di Isca, visita guidata al Museo degli Strumenti e della Musica Popolare di IscasulloIonio,ore12.00;"Ilgrandejazz dalmondo"sabato14novembre,presso il Teatro Politeama, ore 21.00, Stefano Bollani trio "Stone in the water", Stefano Bollani pianoforte; Jesper Bodilsen contrabbasso; Marten Lund batteria;"Gliannidellabeatgeneration"sabato 21 novembre , presso il Teatro Politeama, ore 21.00, prima rappresentazione assoluta in Calabria Shel Shapiro"Saràunabellasocietà";"Gliannidella beat generation" domenica 22 novembre, ore 11.30, presso Museo S. GiovanniI‘60attraversolavocedeiprotagonisti dell’epoca; "Mostra di Antoni Tàpies"acuradiAlbertoFizpressoMuseoMarcadal21novembre;"I50anni di volare" sabato 28 novembre , presso il Teatro Politeamaore 21.00, "Uomini in frac - Omaggio a Domenico Modugno"; "Chitarra, parole e soul" sabato 5 dicembre , presso Teatro Politeama ore 21.00, Alex Britti - Neffa.

l’attesissimo recital di Charles Aznavour, in programmail 6 novembre. La vendita dei biglietti per Aznavour è stata aperta a quasi due mesi dall’evento in considerazione delle numerose richiestechesonoarrivatedatutteleprovince calabresi e anche dalla Sicilia. Il recital di Aznavour, come è noto, chiuderà la rassegna internazionale “La grande musica per il cinema” che si svolgerà al Politeama di Catanzaro fino al 6 novembre e che vedrà la partecipazione di quattro tra i più grandi compositori di tutti i tempi (Morricone, Sakamoto, Piovani e Ortolani), nonché dei registi Giuseppe Tornatore e Pupi Avati, oltre che della testimonialJo Champa. • CATANZARO Adol, stagione2009/2010 Adol, Amici Dell’Opera Lirica "Jussi Bjorling" presenta il programma 2009/2010: 31 ottobre , Storia del Melodramma (3°incontro) presso il Circolo Unione, ore 17.30; 28 novembre , Schegge d’Opera "La Cabaletta", pressoCircoloUnione,ore17.30;12dicembre , introduzione al "Nabucco", presso Circolo Unione, ore 17.30; 13 febbraio 2010, introduzione alla "Lucia di Lammermoor", presso Circolo Unione, ore 17.30;27febbraio2010,concertoinricordo del Maestro Florida Cilurzo, presso Circolo Unione, ore 17.30; 27 marzo 2010, da definire; 24 aprile 2010, Grandi scene d’Opera "La pazzia" presso Circolo Unione ore 17.30; 22 maggio 2010, 2° incontro su Mozart-Da Ponte "Le Nozze di Figaro" presso Circolo Unione ore 17.30. • CATANZARO Diagonal Jazz 2009 Diagonal Jazz 2009, 16esima edizione, Il Contemporaneo Sub/lime, presenta New York renaissance. Forms of sonic diasporas2-8-16novembre,acuradi Riccardo Maria Mottola, presso il Complesso Monumantale del San Giovanni, con il contributo di Regione Calabria, assessorato turismo, Provincia di Catanzaro, assessorato cultura, Comune di Catanzaro,assessoratocultura.Inizio concerti ore 21.00. Ingresso 10.00 euro, abbonamentoaitreconcerti25euro.Info: 333/5622110 vivariumupc@tiscali.it.IlProgramma:lunedì 2 novembre, Mary Halvorson/Jessica Pavone duo, in Elegies for Dead Poets, Mary Halvorson (chitarra, voce) Jessica Pavone (viola, voce); domenica 8 novembre, Eri Yamamoto Trio plays The Cinema Of Ozu, dal vivo le musiche appositamentecomposteperilfilmmuto "I was born, but..." (1932) di Yasujiro Ozu, Eri Yamamoto, pianoforte, David Ambrosio, contrabbasso, Ikuo Takeuchi, batteria; lunedì 16 novembre, Pyramid Trio, Roy Campbell, tromba, William Parker, contrabbasso, Michael Wimberly,batteria.

• CATANZARO Recital Aznavour E’partita,albotteghinodelPoliteama,la • CATANZARO campagna abbonamenti 2009-2010, Canto per te Franco ma soprattutto la vendita dei biglietti per Domenica 29 novembre , ore 17.00,

pressoilTeatroPoliteamadiCatanzaro, si terrà Canto per te Franco ( memorial Franco Franconieri) 3°edizione. Canteranno tutti gli artisti di Catanzaro fra cui: Ulisse, Mimmo Mancini, Tony Schito, Michele Tosi, Mimmo Cristina, il tenore Francesco Carmine Fera e il soprano Anna Maria Bagnato, Anna laura, Rosalba Chiarella, Anna Folino, Lucrezia, Adriano Fasano, Stefano Greco, Pino Colao, Gino Celli, Giovanna Dardano, Ilaria & Giuliana Grande, Valentina Ciarlo, Alberto Barbuto, Mara Franconieri, Carmine Canino, Tonino La Salvia, Antonella Ranieri, Salvatore Chiefalo, Ettore Capicotto, Gianfranco e Pino Monterosso, Sarino Libico, Tonino Angeletti, Serena Cristofalo. Gli artisti canteranno tutti dal vivo e saranno accompagnati dalla gdl band: al basso Piero Dardano, alla chitarra Sergio Turcomanni, alla tastiera Antonio Gallelli e alla batteria GianfrancoCaroleo. Presenta Giagià Rubino. Ospite d’onore, direttamente dal Bagaglino, il noto attore cabarettista ed imitatore Gabriele Marconi. Costo del biglietto 5,00. Incasso devoluto in beneficenza a favore delle vittime di Messina. Per informazione: associazione Franco Franconieri, 328/9192363 - 338/2993213 www.francofranconieri.it caroleomusica@libero.it. • LAMEZIA T. (Cz) Stagione di prosa Programma Teatro comunale PoliteamadiLameziaTerme,stagionediprosa 2009/2010, direzione artistica Angela DalPiaz:sabato14edomenica15novembre 2009 , nuovo allestimento, Komiko production in collaborazionecon Augusteo produzioni Uomo e Galantuomo di Eduardo De Filippo, con Francesco Paolantoni, Nando Paone e con Fulvia Carotenuto,Patrizia Spinosi, Tonino Taiuti e la partecipazione di Mimmo Esposito, musichePaolo Coletta, costumi Silvia Pollidori, regia Armando Pugliese; sabato 28, domenica 29 novembre 2009 , in esclusiva per la Calabria,compagniaBustricsncdiSergio Bini Nuvolo scritto da Sergio Bini con la collaborazione di Gianfilippo Pedote, con Sergio Bini in arte Bustric,sonorizzazioneBenniAtria,musicheacura di Roberto secchi,organizzazione Alda Vanzini; sabato 28 (matinèe), domenica 29 (pomeridiana) novembre 2009 , in esclusiva per la Calabria, cartellone stagione teatro ragazzi 2009-2010, compagnia Bustric snc di Sergio Bini, Pierinoeillupo,musicadiSergioProkofiev, con Sergio Bini in arte Bustric, ideazione scenica Bustric; lunedì 7, martedì 8 dicembre 2009 , Teatro de Gli Incamminati, Vita di Galileo di Bertolt con Franco Branciaroli e con Giancarlo Cortesi, Nicola Ciulla, Daniele Griggio, Giorgio Lanza, Dora Romano, Alessandro Albertin, Giulia Beraldo, Tommaso Cardarelli, Emanuele Fortunati, Jacopo Venturiero, Nicole Vignola, scene Pier Paolo Bisleri, costumi Elena Mannini, musiche Germano Mazzocchetti, luci

Gigi Saccomandi, regia Antonio Calenda;sabato12,domenica13dicembre 2009 , Khora srl Amleto di William Shakespeare traduzione di Eugenio Montale con Alessandro Preziosi e con Mino Manni, Francesco Biscione, GiovanniCarta, Ugo Maria Morosi, CarlaCassola,SilviaSiravo,MarcoTrebian, Simone Ciampi, Marco Zingaro,Marco Trebian,YaserMohamed,VitoFacciola, Giovanni Carta, Yaser Mohamed, scene Andrea Taddei, costumi Silvia Polidori, disegno luci Valerio Tiberi, musiche Massive attack e Zero Pm, riduzione, adattamento e regia Armando Pugliese; Sabato 19,domenica 20 dicembre2009 , nuovo allestimento, produzione Idue della città delsole srl Lafortunaconl’effemaiuscola,commedia in 2 parti diEduardo De Filippo e Armando Curcio, con Luigi De Filippo e conStefania Ventura, MicheleSibilio, MarisaCarluccio,FelicianaTufano,Paolo Pietrantonio,Marianna Mercurio, Giorgio Pinto, LucaNeuroni, Alberto Pagliarulo,Flavio Furno, scene Salvatore Michelino, costumi Maria Laura di Monterosi, regia di Luigi De Filippo; sabato 16, domenica 17 gennaio 2010, produzione Indie Occidentali srl, Col piede giusto, una commedia di Angelo Longoni, con Amanda Sandrelli, Blas Roca Rey, Eleonora Ivone, Simone Colombari, scene Alessandra Panconi e Leonardo Conte, costumi Marco Maria della Vecchia, disegno luci Stefano Stacchini, regia Angelo Longoni; mercoledì27,giovedì28gennaio2010,in esclusiva per la Calabria, produzioni teatrali Paolo Poli culturale con il contributo di Regione Toscana sistema regionale dello spettacolo - Ministero per i beni e le attività culturali - direzione generaleperlospettacolodalvivo,Sillabari, due tempi di Paolo Poli, liberamente tratti da Goffredo Parise con Paolo Poli, e con Luca Altavilla, Alfonso De Filippis, Alberto Gamberini, Giovanni Siniscalco, scene Emanuele Luzzati, costumi Santuzza CalÏ, consulenza musicale JazquelinePerrotin,coreografieAlfonso De Filippis, regia Paolo Poli; sabato 6, domenica 7 febbraio 201 0, artisti riuniti,Ilgiuocodelleparti,diLuigiPirandello con Geppy Gleijeses, Marianella Bargigli, e con Leandro Amato, Massimo Cimaglia, Antonio Ferrante, Franco Ravera, Ferruccio Ferrante, Antonella Familiari, Francesco Pupa, Francesco Sgrò, regia Elisabetta Courir. giovedì 18, venerdì 19 febbraio 2010, il teatro Eliseo - Arca Azzurra teatro - Ministero dei beni e delle attività culturali Regione Toscana - teatro comunale Niccolini Comunedi San Casciano Val di Pesa, LeconversazionidiAnnaK,liberamente ispirato a La metamorfosi di Franz Kafka, con Giuliana Lojodice, e con Massimo Salvianti, Giuliana Colzi, Lucia Socci, Dimitri Frosali, Andrea Costagli, Alessio Venturini, scene Daniele Spisa, costumi Giuliana Colzi, luci Marco Messeri,musicaoriginaleeadattamentoVanni Cassori e Jonathan Chiti, testo e regia Ugo Chiti; sabato 27, domenica 28

febbraio , nuovo allestimento, produzione teatroe società, La strana coppia, di Neil Simon, con mariangela D’Abbraccio,Elisabetta Pozzi, e con Silvana De Santis e altri 4 attori, scene Alessandro Chiti, musiche Daniele D’Angelo, luci Luigi Ascione, costumi Maria Rosaria Donadio, regia Francesco Tavassi. • REGGIO CALABRIA Forum Idv Si svolgerà a Reggio Calabria, il prossimo sabato 31 ottobre , alle ore 18,30 nella sala dell’Hotel Excelsior, l’incontro “La Calabria che vogliamo”: un forum sul programma regionale al quale prenderà parte l’imprenditore Pippo Callipo, candidatoallapresidenzadellaRegione come espressionedella società civile. L’incontro-dibattito,alqualeinterverranno anche l’editore Eduardo Lamberti Castronuovo e l’europarlamentare Idv Pino Arlacchi, sarà introdotto da Giovanna La Terra, portavoce di Italia dei Valori della provincia di Reggio Calabria. • CALABRIA Prim’olio,decima edizione Prim’Olio, alla sua decima edizione, è diventata in Italia una delle manifestazioni di punta del settore oleicolo-elaiotecnico, con l’obiettivo prioritario di valorizzare e promuovere le produzionioleicole tipiche e di qualità. Eventi previsti in PrimOlio 2009. Fino al 31 ottobre , Comune di Stilo, corso teorico-pratico assaggiatore di olio vergine d’oliva, in collaborazione con Apor soc. coop. e Cno Scarl; 4 novembre , ore 15.30, convegno enogastronomia calabrese"Lamedicinadelcuore"direttorescientificodelconvegnodr.Vincenzo Montemurro; 7 novembre , festa dell’olionuovo,neifrantoicalabresigastronomia, antiche tradizioni, artigianato, cultura e musica popolare ; 8-15 novembre, 3° edizione di frantoi aperti. Visite guidate negli oleifici regionali con possibilità di degustazione e acquisto degli oli extra vergini d’oliva di nuova produzione; 23-30 novembre , l’olio di Calabria nella grande ristorazione di Milano; dicembre, San Giorgio Morgeto, presso la Biblioteca comunale, tavola rotonda L’olio dei Castelli, premiazione delle migliori aziende olivicole calabresi, mostra fotografica sulla civiltà contadina, rappresentazione teatrale. Intervengono: on. Nicola Gargano, sindaco di San Giorgio Morgeto; dr. Enzo Perri, centro di ricerca per l’olivicoltura e l’industriaoleariaRendeCosenza;dr.Marco Oreggia, curatore della guida mondiale "L’Extravergine"; prof. Giuseppe Zimbalatti, dipartimento Distafa università MediterraneaReggio Calabria. • CALABRIA Rassegna Urbanistica L’Inu informa della prima Rassegna Urbanistica Regionale della Calabria (Rur) in programma dal 23 al 27 novembre 2009 .


il domani  

Edizione del 30 Ottobre 2009

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you