Page 1

Mercoledì 30 Marzo 2011

Anno XIV - Numero 88

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

REGIONE

REGIONE

Dibattito sui nuovi ospedali Scopelliti: nulla era stato fatto

REGIONE Caridi: grave “sparata” di Castelli la ndrangheta problema nazionale

Accordo Calabria-Germania per sostegno alle imprese

a pag » 9

a pag » 10

a pag » 10

Dati molto preoccupanti sono emersi dal Dossier di Legambiente "Acque Nere" presentato a Catanzaro

La Calabria depurata poco e male Dei circa 700 impianti tra grandi, medi e piccoli sparsi in tutta la regione la maggior parte non funziona L’INTERVENTO

Gigantesco spot elettorale della Lega

Grave situazione nella regione: depuratori vecchi e malandati, senza manutenzione o IL COMMENTO in stato di completo abbandono, allacci alla rete fognaria abusivi e scarichi che vanno direttamente nei fiumi fino al mare a pag » 3

POLITICA

CAOS IMMIGRATI

di Riccardo Nencini

Dorina Bianchi affila le armi e replica a Giusy Regalino

segretario nazionale Psi

Quanto sta avvenendo a Lampedusa rafforza il sospetto che siamo di fronteaunadeliberata drammatizzazione del problema. Stiamo assistendo a un gigantesco spot elettorale della Lega. Non è possibile immaginare, difatti, la ragione per cui si sia scelto di stipare l’isola alla vigilia della stagione turistica provocando una comprensibile rivolta, nonostante lo stesso ministro leghista degli interni, Maroni, avesse previsto un’invasione biblica in seguito ai primi sconvolgimenti nel maghreb. Come mai non si sono trovate soluzioni alternative? La verità è che sono vent’anni che la Lega coltiva il suo elettorato esasperando le paure e le difficoltà dell’integrazione degli immigrati. Piuttosto dovremmo imparare a comportarci come una nazione civile anziché immaginare di risolvere il problema con navi piombate o cannonate sui barconi.

Napolitano: situazione inaccettabile ROMA - A Lampedusa è caos immigrati. Gli sbarchi proseguono e la politica si interroga su come affrontare l’emergenza. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano parla di «situazione inaccettabile» e fa appello a tutte le Regioni affinchè aiutino Lampedusa accogliendo gran parte degli immigrati sbarcati nei giorni scorsi in nome «di un spirito di coesione e solidarietà». La convinzione che emerge da più parti è che il problema non sia solo italiano.

«Un chiarimento ci dovrà essere», la senatrice Dorina Bianchi replica così all’iniziativa di Giusy Regalino, sua avversaria, nell’alveo del centrodestra, alla corsa per il comune di Crotone. Tuttavia non mostra segni di debolezza. E attacca: «Lei non ha quella esperienza nel campo legislativo eamministrativocherappresenta il bagaglio con cui scendo in campo io». Tuttavia il problema di carattere politico resta e la Bianchi lo fa notare: «Dal Pdl ci aspettiamo la stessa coerenza e serietà che l’Udc ha dimostrato in questi anni e dimostra tuttora nell’alleanza. Come noi sosteniamo i candidati del Pdl nelle competizioni elettorali è giusto che avvenga lo stesso nelle amministrazioni dove ci sono candidati dell’Unione di centro». di Alessandro Caruso a pag » 8

COSENZA Confindustria aderisce al protocollo di legalità sottoscritto dal Ministero a pag » 20

CATANZARO Wanda Ferro: formazione e lavoro, la Regione trasferisca deleghe alla Provincia a pag » 14

REGGIO CALABRIA Latitante coinvolto nel blitz "Crimine" arrestato dalla polizia a Siderno a pag » 22

Le misure Ue per risollevare il Mezzogiorno di Aldo Patriciello parlamentare europeo

Il Mezzogiorno d’Italia è al centro dell’interesse dell’Europa che insieme alla Polonia ed alla Germania dell’Est vengono considerate come una macroregione caratterizzata da un lento sviluppo economico ed occupazionale. Le regioni del Sud Italia in particolare possono rialzarsi da una condizione derivante soprattutto dalla loro storia ed avviarsi così verso uno sviluppo concreto. In loro aiuto va il lavoro dell’Unione Europea grazie alla promozione di interventi mirati quali il sostegno alle Piccole e Medie Imprese, alle famiglie, ai giovani che vogliono intraprendere la strada imprenditoriale. Un pensiero non può non andare alla questione Libica ed in generale alla crisi politica e sociale che sta interessando il nord dell’Africa generando conseguenze dirette ed indirette a tutti i paesi del bacino del Mediterraneo e dunque per le regioni meridionali italiane, già fortemente penalizzate. Primo fra tutti l’emergenza immigrazione. Le migliaia di clandestini che arrivano sulle nostre coste stanno mettendo in ginocchio il Sud. Anche in tale ambito l’Europa interviene tramite il Partenariato Euromediterraneo. L’Italia è uno dei Paesi più direttamente coinvolti e la sua influenza potrà essere molto importante nel ridisegnare le politiche europee in tale ambito. Il nostro Paese ha fatto sapere che intende sostenere con decisione in ambito Ue una ridefinizione delle risorse e degli strumenti a disposizione per il Mediterraneo.


2

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA NOTA L’onda nera che non puoi fermare L’onda nera. Non la possiamo fermare. Sono solo chiacchiere quelle di chi si fa pubblicità sui respingimenti. Non la possiamo fermare quest’onda nera, questa onda africana che si riversa potente e disperata sulla porta di un occidente spaventato, su un’isola-porta, avamposto di uno squilibrio economico che segna i nostri tempi. Ed è per questo squilibrio che non possiamo fermarla, è la legge dell’entropia, della disperazione che muove gli uomini e le storie e della speranza che li guida. Ancora sbarchi, a migliaia. Ancora tragedia, ancora gabbie. Si, gabbie. Come se si potesse contenere un cambiamento dietro a sbarre di ferro o l’onda potente del mediterraneo in un catino. Eppure dentro a quelle gabbie ci sono volti, storie: ci sono persone e speranze. Sono nomi, occhi, cuori, carne, ossa, anime; sono dolore e speranza. L’oltraggio di un passato incapace di garantire un futuro, la speranza disperata di un presente che possa restituire il futuro rubato. E noi, la nostra Italia, il nostro Sud, costretto a vestire la mas-

chera di quella speranza, costretto ad essere una speranza nella quale non crediamo. Noi Europa.. già, ma quale Europa? Dov’è l’Europa... se non nell’Euro, nell’economia, in qualche banchetto a Bruxelles. È l’unica Europa che riusciamo a vedere. Altro non abbiamo, se non la possibilità di inseguire una Francia assetata di petrolio, di scontrarci sui nazionalismi, di costatare l’assenza di una visione comune: dov’è l’Europa in Libia, dove a Lampedusa? Ci muove la sete di oro nero, il mantenimento dei nostri privilegi, l’oro nero che non è mai stato fonte di speranza per i popoli dei paesi produttori, sempre diviso tra tiranni e mercanti occi-

Dov’è l’Europa... se non nell’Euro, nell’economia, in qualche banchetto a Bruxelles

PUNTI DI VISTA

dentali. E noi? Tu, io, voi, gente comune? Gente che conosce la fatica e il sacrifico, i sogni e la speranza, che spera ancora nella giustizia sociale? Dove siamo noi? Possiamo accettare questo in nome dei nostri privilegi? Della nostra tranquillità? Siamo poveri, molto meno poveri certo, ma quello che abbiamo da offrire sono solo le nostre case. È per questo che dichiaro aperte le porte della mia comunità, quei pochi posti a disposizione, per accogliere qualcuna di queste vite partite dall’Africa. È per questo che, come presidente di una federazione nazionale, invito tutti i presidenti dei centri Fict di fare lo stesso. Gesti e risposte, prima che parole. E come prete, come cristiano, chiedo la stessa cosa ai miei fratelli sacerdoti: ero forestiero e mi avete accolto, non mi avete lasciato a soffrire in un lager da cinquemila posti a Lampedusa. Apriamo le nostre canoniche e le nostre sacrestie, è l’unica risposta che, per ora , possiamo dare. Per ora, perché abbiamo l’impegno di altre risposte, più serie e a lungo termine, stacca-

ta dall’emergenza e capaci di una lettura profetica del nostro tempo: dobbiamo leggere il cambiamento dei tempi, in un mondo sempre più collegato. Se da una parte del nostro mediterraneo c’è bisogno di democrazia e di pane, dall’altra sponda dello stesso mare c’è bisogno di etica e di una decrescita consapevole, di una riduzione dei consumi, del pane di un mondo che non è solo nostro. E scopriremo che quest’onda nera non è uno tsunami devastatore, ma una carezza salvifica del mare, che queste donne e questi uomini, sorelle e fratelli della grande madre Africa non sono venuti solo a prendere, ma a restituirci qualcosa: il senso della vita. di questa vita, talmente più forte di noi e delle nostre disperazioni, che anche oggi, in un barcone sudicio, ha celebrato la sua potenza con la Speranza più grande di sempre: un suo nuovo figlio che nasce. Che sia un messaggio ed un augurio per ciascuno di noi. Sac. Mimmo Battaglia

di Emanuele Fiano*

Emergenza e confusione Di fronte all’emergenza spaventosa il cui centro è Lampedusa, il governo è in stato confusionale e propone al Paese due linee politiche completamente opposte. Mentre il ministro Maroni chiede alle Regioni di accogliere migliaia di profughi, l’asse Bossi-Tremonti propone di rispedirli al mittente senza tanti complimenti ed eventualmente di aiutarli a casa loro. In più, di fronte alle richieste di Maroni, i primi amministratori locali a dirsi indisponibili sono stati i sindaci di destra Alemanno e Moratti, mentre i governatori di centrosinistra hanno dichiarato la loro disponibilità e chiesto, però, al governo di esprimere una linea politica chiara. La situazione sull’isola dei Lampedusa è già esplosiva e le tensioni si stanno trasferendo nei territori dove si stanno realizzando le prime tendopoli. Le notizie che arrivano da Manduria sulle presenza di ronde di cittadini che si sostituiscono alle forze dell’ordine sono gravissime e richiedono l’immediato intervento dell’autorità di governo e di polizia. Nessuna caccia all’uomo può essere consentita, così come contemporaneamente va garantito il controllo delle entrate e delle uscite dai campi profughi. Chiederemo al ministro Maroni di riferire in Parlamento sulla stato di attuazione del piano di distribuzione degli immigrati sul territorio nazionale e sulle problematiche che stanno emergendo. *responsabile Sicurezza del Pd

La bellissima e sensuale showgirl argentina Belen Rodriguez ha dichiarato domenica scorsa durante il programma televisivo “Domenica Cinque” di avere un rapporto litigarello con Fabrizio Corona. Belen Rodriguez ha affermato di aver sempre avuto rapporti così perché non si accontenta e se non le va bene chiude la porta, esagera e pretende tanto


Mercoledì 30 Marzo 2011 il Domani

3

PRIMO PIANO

Allarme maladepurazione denuncia di Legambiente

CATANZARO - Solo poco più di un terzo della popolazione residente in Calabria (37%) è servita da impianti di depurazione con trattamento secondario e terziario. E’ uno dei dati più preoccupanti che emergono dal Dossier di Legambiente sulla maladepurazioneinCalabria"Acque Nere" presentato a Catanzaro. La ricognizione compiuta dall’associazione ambientalista non lascia margini di dubbio sulla gra-

vità situazione nella regione: depuratori vecchi e malandati, senza manutenzione o in stato di completo abbandono, allacci alla rete fognaria abusivi e scarichi che vanno direttamente nei fiumi fino al mare. Dei circa 700 impianti tra grandi, medi e piccoli sparsi in tutta la Calabria - documenta Legambiente - la maggior parte non funziona o funziona male. A far crescere attenzioni e preoccupazionisonoidatirelativi agli ultimi cinque anni di attività

Solo poco più di un terzo della popolazione residente in Calabria (37%) è servita da impianti di depurazione con trattamento secondario e terziario

delle forze dell’ordine e della magistratura che inchiodano le istituzioni calabresi ad una realtà fatta, secondo il dossier dell’associazione ambientalista, di manutenzione degli impianti inesistente, scarichi non allacciati perché all’interno di lottizzazioni abusive senza rete fognaria, versamenti illegali di fanghi di lavorazione industriale nei corsi d’acqua. Tra il 2006 e il 2010, i carabinieri del Nucleo tutela ambientale, la Guardia di finanza, il Corpo forestale dello Stato e le capitanerie di porto hanno accertato 1.689 reati legati alla depurazione e agli scarichi illegali in mare e la provincia di Reggio con 694 infrazioni accertate (41% del totale) detiene il record regionale dei reati. Nel solo 2010 le infrazioni sono state 358, quasi una al giorno, e sono state denunciate, e in alcuni casi arrestate, 440 persone ed effettuati 224 sequestri di impianti. Il settore è stato al centro di molte vicende giudiziarie la più nota delle quali è quella denominata Poseidone condotta dalla procura della Repubblica di Catanzaro. «Questi numeri - ha detto il vicepresidente nazionale di Legambiente, Sebastiano Venneri illustrando il dossier - rappresentano purtroppo solo la punta dell’iceberg o, se si preferisce, una goccia nel mare. Noi, adesso, vogliamo descrivere la situazione, che è drammatica e che ci restituisce

una realtà in ginocchio, in un periodo fuori stagione per evitare di essere accusati di sciacallaggio o di fare il male del paese». «La nostra non è solo un’azione di denuncia - ha aggiunto Venneri ma anche e soprattutto di proposta rivolta agli amministratori locali e alla Regione che sono stati mortificati da dieci anni di commissariamento. Adesso questi enti devono riassumere su di loro la responsabilità e, per questo, diamo una serie di indicazioni perché facciano la loro parte anche con azioni molto tecniche a costo zero o a costo molto, molto contenuto. Non è una questione di fondi ma di volontà politica se la vicenda della depurazione deve diventare una priorità politica oppure no. Noi riteniamo che sia arrivato il momento che la questione diventi ua priorità politica». «I dieci anni di commissariamento - ha detto il direttore regionale Francesco Falcone - hanno deresponsabilizzato gli amministratori e favorito gli appetiti di criminalità e piccoli e grandi truffatori che hanno reso il sistema della depurazione regionale un malaffare da 900 milioni di euro». Della realtà di Catanzaro ha parlato Andrea Dominijanni della segreteria regionale di Legambiente secondo cui «per migliorare le acque di balneazione del golfo di Squillace è prioritaria la costruzione di un nuovo impianto di depurazione a lido».


4

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

ITALIA Altri tre arrivi nella notte tra lunedì e martedì. Il sindaco: «Sono 6.200. Abbiamo cibo per sfamarne solo 4mila»

Lampedusa, sbarchi non stop, rischio di rivolte di Filippo Mammì LAMPEDUSA (AG) - Il dato è ufficiale: a Lampedusa, secondo l’ufficio della Regione Siciliana sull’isola, sono presenti oltre 6.200 extracomunitari, tra Cie, tendopoli e accampamenti di fortuna. Oggi pomeriggio arriveranno le sei navi promesse dal governo che provvederanno immediatamente a svuotare mano a mano l’isola che ormai scoppia non solo di persone, ma anche di rabbia da parte dei residenti: «Se l’isola non si svuoterà subito perché non arriveranno le navi, avremo una bomba pronta ad esplodere» ha dichiarato con toni apocalittici l’assessore alla Salute della Regione Siciliana Massimo Russo in una conferenza stampa organizzata ieri a Lampedusa con gli ispettori sanitari. Non sono previsioni campate per aria, visto che ieri gruppi di cittadini hanno occupato per protesta anche il consiglio comunale, dopo il presidio messo all’entrata del porto l’altro ieri, il quale è stato poi rimosso nella mattinata di ieri. E nella notte tra lunedì e martedì sono continuati gli sbarchi di carrette del mare: verso mezzanotte è giunto un barcone con a bordo 190 immigrati, risultati essere eritrei, tra cui donne e bambini,

mentre, intorno alle 03.25, sono arrivati 149 tunisini a bordo di un secondo barcone e, subito dopo, altri 115 sono stati soccorsi dalle motovedette della Guardia Costiera. Rifocillati, tutti i migranti, tra cui dei minori ed anche alcune donne incinte, sono stati trasferiti all’ex base Nato di Loran. La situazione, con questo andamento, non migliorerà di certo; è notizia di ieri che vengono distribuiti, per gli immigrati, circa 4.200 pasti al giorno a fronte di 6.200 unità di profughi. L’allarme è stato lanciato dal sindaco dell’isola, Bernardino De Rubeis, che ha dichiarato che questo è quanto l’amministrazione comunale può offrire non avendo altri fondi per viveri e mezzi di sostentamento e, quindi, 2mila clandestini restano senza cibo. Intanto, bisogna segnalare almeno una buona notizia: sono

Oggi arriveranno sull’isola le sei navi promesse dal governo per trasferire i profughi verso altri centri di accoglienza

arrivati ieri nella tendopoli allestita a Manduria, in provincia di Taranto, i primi dodici pullman con a bordo gli immigrati, tutti tunisini, trasferiti da Lampedusa a Taranto a bordo della nave militare "Catania" della flotta Grimaldi. La tendopoli, in parte, resta un cantiere aperto, con ancora molte tende da montare ed un veloce smaltimento del terreno per evitare che, in caso di pioggia, il campo si allaghi. Per il momento, la tendopoli è sorvegliata dalle forze dell’ordine, coadiuvate dal Corpo Forestale dello Stato e pattuglie stanno controllando anche tutto il territorio di Manduria. Si è avuta comunque notizia di tre clandestini che sarebbero riusciti a fuggire durante la notte. E un’altra buona notizia arriva dal settore salute: Santino Severoni, rappresentante speciale del direttore generale dell’Oms Europa, ha escluso categoricamente il rischio di epidemie a Lampedusa ed ha asserito che non vi sono state segnalazioni di infezioni tra i migranti: «La nostra è stata una missione di ricognizione - ha specificato - e torneremo con consigli di attuazione pratica. Il nostro lavoro come Oms sarà concentrato sulla sorveglianza delle malattie infettive e il controllo della sicurezza sull’acqua».

Il ministro Carfagna: «Io e Bocchino? Sono solo chiacchiere al vento» ROMA - Un video comparso sul suo blog, e successivamentesuYoutube,perraccontare che quelle voci sulla sua presunta relazione col deputato futurista Italo Bocchino sono solo «chiacchiere al vento». Così, il ministro delle Pari Opportunità Mara Carfagna ha voluto rompere il silenzio che da giorni ha comun«Di queste cose devo que sconquassato il rendere conto solo mondo politico italiano e usa acutamente il web al mio fidanzato Marco per dichiarare il proprio punto di vista e la soliMezzaroma. Anzi, è dità della sua relazione l’ultima volta che parlo col fidanzato Marco Mezzaroma. Pur non dei miei fatti privati» ammettendo né negando nulla sull’argomento centrale, il ministro Carfagna ha detto: «Mi hanno chiesto di confermare o smentire questo gossip che, da un po’ di tempo, impazza sui giornali - ha sostenuto - ma di queste cose devo rendere conto ad una sola persona, però la faccenda è molto imbarazzante perché riguarda la mia vita privata. Ma io - ha proseguito - ne dovrò parlare solo col mio fidanzato, Marco Mezzaroma, l’unica persona che amo veramente da tre anni, la persona che vorrò sposare nei

prossimi mesi». Dopo aver parlato anche dei suoi impegni al ministero, la Carfagna ha espresso poche parole sulla sua presunta storia con Bocchino: «Sono solo chiacchiere al vento. Anzi, è l’ultima volta che parlo delle mie vicende personali, da ora in poi parlerò solo del mio lavoro». Le chiacchiere erano nate qualche settimana fa, quando Graziella Buontempo, moglie di Italo Bocchino, aveva rilasciato un intervista su Vanity Fair in cui sosteneva di sapere che il marito e il ministro Carfagna tenevano da tempo una relazione clandestina. Un’intervista che aveva sollevato un polverone, tanto da spingere il deputato di Fli a partecipare a Che tempo che fa ? condotto da Fabio Fazio, in cui chiedeva pubblicamente scusa alla moglie «per gli errori commessi», lasciando così intendere che fosse tutto vero. Ma la Carfagna non ha parlato nel videomessaggio dell’uscita di Bocchino e non ha voluto neppure chiedere scusa, come consigliatole invece da Alessandra Mussolini. Ma lo stesso Bocchino è ritornato ieri sull’argomento: «Sarebbe molto giusto per il Paese lasciare lo scontro politico solo ai valori, ai programmi e a tutto ciò che riguarda la politica». f.m.

Citati 132 testimoni Ruby testimone al processo: la vogliono sia accusa che difesa ROMA - La Procura di Milano ieri ha depositato nella cancelleria della quarta sezione la lista dei testimoni che saranno ascoltati al processo sul caso Ruby, che vede coinvolto il presidente del Consiglio con l’accusa di concussione e prostituzione minorile. Si è appreso che il nome della ragazza, Karima El Mahroug in arte Ruby Rubacuori, minorenne coinvolta nei presunti festini a luci rosse, è presente nella lista dei testimoni dell’accusa ma anche in quella della difesa. I testimoni citati per il processo, la cui prima udienza è prevista il 6 aprile, sono in tutto 132. Nella lista depositata oggi dai procuratori aggiunti Ilda Boccassini, Pietro Forno e dal pm Antonio Sangermano compaiono i nomi delle altre 32 ragazze maggiorenni che, secondo l’accusa, sarebbero coinvolte nei festini che animavano le notti ad Arcore. In aula saranno inoltre convocati anche l’ex questore di Milano Vincenzo Indolfi, il capo di gabinetto Pietro Ostuni e gli altri funzionari e agenti (anche Giorgia Iafrate) presenti negli uffici di via Fatebenefratelli nella notte tra il 27 e il 28 maggio scorsi. La notte in questione diede il via allo scandalo Ruby: la ragazza venne, infatti, fermata in seguito ad un furto e poi, dopo le telefonate del presidente del Consiglio e del suo caposcorta, affidata al consigliere regionale del Pdl Nicole Minetti, il cui nome compare nella lista dei testimoni. Convocato anche l’agente dei vip Lele Mora, il direttore del Tg4 Emilio Fede ed i genitori di Karima El Mahroug. All’avanzare delle indagini corrisponde l’azione politica. Questa mattina a Roma il presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha convocato la riunione dell’ufficio di presidenza della Camera chiamato ad esaminare la richiesta dei capigruppo della maggioranza di rimettere all’aula di Montecitorio la decisione di sollevare o meno conflitto di attribuzione. M.M.


Mercoledì 30 Marzo 2011 il Domani

ITALIA Vietti difende il diritto di parola del Csm, il premier si difende nel processo Mediatrade

Berlusconi: «accuse false» Polemiche anche in Csm di Maria Teresa Squillaci ROMA- Berlusconi vs Magistratura. Questa volta al centro delle polemiche il processo Mediatrade, che vede il premier imputato per frode fiscale e concorso in appropriazione indebita. «L’accusa è totalmente falsa e i miei avvocati lo hanno dimostrato, così falsa che c’è da chiedersi con quale coraggio la procura di Milano abbia insistito a spenderci sopra tra consulenze, rogatorie e atti processuali solo qualcosa come una ventina di milioni di euro tolti dalle tasche dei contribuenti». ha affermato il presidente del Consiglio. Si dichiara dunque totalmente estraneo ai fatti e aggiunge: «ho deciso di partecipare a queste nuove udienze per dimostrare a tutti che le accuse sono non solo infondate, ma anche ridicole. I fatti di questo processo risalgono addirittura a 15 anni fa, alla prima metà degli anni ’90. Due osservazioni preliminari - continua è una realtà incontestabile confermata categoricamente da tutti i testimoni, che in Mediaset io non mi sono mai occupato

dell’acquisto di diritti televisivi. «È una realtà incontestabile, confermata da tutti i testimoni, che dal gennaio 1994, data della mia discesa in campo nella politica, dopo essermi dimesso da ogni carica, mi sono allontanato dalle aziende che avevo fondato, per dedicarmi solo ed esclusivamente al bene del mio Paese». Infine attacca i nemici di sempre: « Purtroppo il comunismo in Italia non si è mai arreso», ma «nonostante tutto, anche questa volta l’attacco fallirà, la verità sarà riconosciuta e noi ne verremo fuori più forti di prima come è sempre accaduto. L’attacco contro Silvio Berlusconi continua sempre - spiega il premier - perché bisogna continuare a tenere sotto una spada di Damocle giudiziaria e mediatica il nemico ideologico, il nemico politico Silvio Berlusconi. Il vero e unico ostacolo che impedisce alla sinistra di tornare al potere». Quello con il premier non è l’unico campo di scontro in cui è impe-

Michele Vietti

gnata la magistratura. I membri laici del Csm infatti hanno espresso «radicale dissenso» con la decisione di discutere nella riunione straordinaria di domani dell’emendamento alla legge comunitaria che estende la responsabilità civile dei giudici. In una lettera inviata al vicepresidente del Csm Michele Vietti e al presidente della sesta commissione Vittorio Borraccetti (togato di Magistratura de-

«Il comunismo in Italia non si è mai arreso. Ma nonostante tutto anche questa volta l’attacco fallirà e noi ne verremo fuori più forti di prima come accade sempre»

Di 31 processi avviati contro Berlusconi in 17 anni, 24 si sono conclusi con assoluzioni con formula piena o con archiviazione. Ne restano 6 nel penale e uno nel civile

mocratica) i consiglieri Marini, Palumbo, Romano e Zanon hanno criticato una mossa, secondo loro «palesemente finalizzata ad incidere - con un giudizio prevedibilmente demolitorio - sugli esiti di un dibattito parlamentare, su un emendamento a un disegno di legge presentato nella sede istituzionalmente a ciò preposta». Secondo i quattro consiglieri del Pdl «non spetta al consiglio discutere le proposte di legge all’esame del Parlamento né dare su di esse pareri senza che questi siano richiesti dal ministro della Giustizia». I quattro laici avvertono poi che se la Commissione si spingesse sino a affermare l’incostituzionalità del provvedimento, si avrebbe una "grave lesione" alle prerogative del capo dello Stato e della Consulta. Dura la replica di Vietti che ribadisce il diritto del Consiglio Superiore della Magistratura di esprimersi sulle iniziative di legge all’esame del Parlamento. «Nessuno stupore, che la commissione consiliare abbia chiesto e ottenuto dal comitato di presidenza di discutere un tema tanto rilevante quanto urgente» ha dichiarato il vicepresidente. Riguardo alle polemiche circa lo svolgersi della seduta straordinaria nel corso della "settimana bianca" risponde: «La cosiddetta "settimana bianca" non è una settimana di vacanza ma è l’astensione dall’attività ordinaria del Consiglio e può essere dedicata a questioni di particolare urgenza o a questioni ordinarie arretrate». Conclude poi affermando: «Il diritto del consiglio di esprimersi in queste circostanze è perfettamente conforme alla prassi finora seguita».

Il Tar si era già espresso l’anno scorso: distinguere tra politica e informazione

Maggioranza: par condicio nei talk show. È polemica di Michela Mancini ROMA - In vista delle elezioni amministrative, previste per il 15 e 16 maggio, Pdl, Lega e Responsabili hanno presentato un emendamento alla bozza di regolamento del presidente della commissione di Vigilanza sulla Rai Sergio Zavoli in cui, di fatto, i talk show vengono equiparati alle tribune elettorali. I programmi di intrattenimento politico sono così obbligati, per par condicio, e fornire spazi uguali per i candidati sindaci o presidenti provinciali di tutti gli schieramenti:unprovvedimentoimpossibile da applicare al format di programmi come Annozero, Porte a Porta e Ballarò. Conclusione: la sospensione dei talk show d’informazione politica. Il testo di Sergio Zavoli tiene conto della frammentazione del voto - essendo elezioni che in quanto amministrative coinvolgono meno di un quarto dell’elettorato nazionale - e dunque affida alle testate regionali Rai i programmi di comunicazione politica. Indiscre-

zioni riferiscono che l’intervento della maggioranza prevede di "trasferire" in chiave nazionale l’intera materia. La voce dei talk show era stata zittita già un anno fa, in vista delle elezioni regionali, e a proposito si era espresso il Tar dichiarando che la legge non permette di considerare le trasmissioni di approfondimento alla stregua di tribune elettorali. A ricordarlo Michele Santoro, giornalista e conduttore di Annozero, che lancia un appello a Sergio Zavoli affinché faccia di tutto perché l’emendamento venga messo al voto, dichiarando che la normativa in questione viola «lo spirito delle legge sulla par condicio, ribadito da sentenze della Corte costituzionale e del Tar, che impone di distinguere tra comunicazione politica e informazione». Il giornalista, giudicando questi provvedimenti "liberticidi", ha aggiunto: «Di fronte ad un’emergenza nucleare, ad una guerra che ci vede impegnati in prima fila e alle vicende giudiziarie del presidente del Consiglio si agisce per chiudere gli spazi critici, restituendo così ai telegiornali di proprietà di Silvio

Berlusconi e a quelli pubblici da lui direttamente condizionati un primato che hanno perso sul campo. Noi reagiremo in tutti i modi ma chi oggi fa finta di non vedere non può non essere ritenuto complice». La polemica infuria nel panorama giornalistico. A parlare sono la Federazione nazionale della stampa italiana e l’Unione sindacale giornalisti Rai, che senza remore bocciano l’eventuale provvedimento: «Il pluralismo nel nostro Paese, già incluso dal Parlamento europeo tra le nazioni da monitorare con attenzione, ne risulterebbe ulteriormente sfregiato» sottolineano Fnsi e Usigrai in una nota congiunta, chiedendo alla «commissione di Vigilanza di avere rispetto del diritto dei cittadini ad essere informati e a poter scegliere tra offerte giornalistiche differenziate. Il servizio pubblico può definirsi tale soltanto se è il luogo nel quale convivono stili informativi anche radicalmente diversi tra loro». Il Sindacato ha garantito che si impegnerà affinché venga tutelata «quella parte del Paese che non è disposta a farsi sequestrare la possibilità

di conoscere e capire». Il coro di opposizione al provvedimento coinvolge anche i politici. Il segretario Pieluigi Bersani parla di «black out dei talk show, altro che par condicio». Non si risparmia l’Idv rappresentato in commissione da Pancho Pardi: «Se la maggioranza andrà avanti su questa strada, noi siamo pronti a una battaglia strenua e convinta, perché questa idea serve solo ad impedire il contraddittorio». Quello stesso Marco Beltrandi, esponente dei Radicali, che l’anno scorso ha permesso l’applicazione del provvedimento, si è questa volto schierato contro: «Ove mai la maggioranza presentasse un testo analogo a quello mio dello scorso anno voterei contro perché è stato fatto di quel testo un uso assolutamente distorto per finalità politiche che assolutamente non condivido». In attesa di capire quale sarà l’iter che seguirà in commissione questo provvedimento ci si domanda se i contratti, prossimi alla scadenza, di autorevoli giornalisti della televisione di Stato - ad esempio quello di Milena Gabanelli - saranno riconfermati.

5


6

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

ECONOMIA Oltre 10,6 miliardi di euro incassati dal Fisco nel 2010 con la lotta all’evasione ROMA – L’Agenzia delle entrate ha recuperato nel 2010 oltre 10,6 miliardi, contro i 9,1 del 2009. Ad annunciarlo è stata la stessa Agenzia precisando anche che mentre la lotta antifrode ha portato a galla 6,4 miliardi, il contrasto agli illeciti internazionali ha permesso di incassarne ulteriori 7,6 (tra attività estere e trasferimenti non dichiarati). Se poi alle somme incassate direttamente

dall’attività di accertamento e di liquidazione delle dichiarazioni si aggiungono anche i 480 milioni di riscossioni da ruolo relative a interessi di mora e maggiori rateazioni, il consuntivo finale delle somme sottratte all’evasione e ricondotte nella disponibilità dei conti pubblici oltrepassa il muro degli 11 miliardi di euro, facendo così registrare un doppio primato. E non solo: per com-

pletezza, si legge ancora nella nota, a questa cifra si dovrebbero aggregare anche i 6,6 miliardi di minori compensazioni registrate nel corso del 2010. Funziona bene il redditometro, il meccanismo di controlli incrociati utilizzato per risalire al reddito dei contribuenti partendo dal loro tenore di vita. Record di accertamenti su persone fisiche: 30.443 per oltre 500 milioni di euro.

I°Trim. 2011: invariati i giudizi sul fatturato dell’export, mentre migliorano le aspettative

Sale la fiducia nel manifatturiero, Quasi fermi commercio e servizi di Gaia Mutone ROMA – Dopo la battuta d’arresto del mese di febbraio, a marzo 2011 torna a crescere il clima di fiducia del settore manifatturiero: l’indice destagionalizzato, comunica l’Istat, sale a 103,8 dal 103,1 del mese di febbraio. Il maggior ottimismo delle imprese tuttavia non sembra essere legato agli attuali livelli degli ordinativi, che, anzi, sono peggiorati, né alle scorte di magazzino sulle quali il giudizio è rimasto invariato; la rinnovata fiducia è piuttosto legata alle attese di produzione. A livello settoriale, si registra un miglioramento per i beni strumentali (da 96,8 a 99,1) e per i be-

ni di consumo (da 99,7 a 100,3), mentre resta sostanzialmente stabile nei beni intermedi (in questo caso infatti scende da 107,2 a 107,1). Secondo la consueta indagine trimestrale sull’attività delle imprese esportatrici , nel primo trimestre i giudizi sul fatturato delle esportazioni rimangono invariati, mentre le aspettative migliorano. Sale da 7 a 8 il saldo destagionalizzato relativo al rapporto fra prezzi all’export e interni. Cresce al 38% la quota delle imprese che lamentano la presenza di significativi ostacoli all’attività di esportazione: tra questi, diminuiscono quelli legati alle difficoltà a reperire finanziamenti e a quelle di ordine burocratico, mentre aumentano gli "altri moti-

vi". Le esportazioni sono indirizzate, in percentuali maggiori rispetto al periodo precedente, verso i paesi diversi da quelli europei e dagli Stati Uniti, aspetto da ricollegare al buon andamento dei beni strumentali: essendo, questi, dei beni che vengono acquistati

Effetto Giappone: rallenta la crescita globale e il settore auto ROMA – La già debole crescita economica europea potrebbe subire un rallentamento che potrà oscillare tra lo 0,2 e lo 0,5% a causa degli effetti della catastrofe naturale e nucleare che ha colpito il Giappone. È quanto emerge dalle prime valutazioni della Commissione europea sul possibile impatto economico del terremoto. «A causa degli eventi nel Paese del Sol levante», si legge in una nota informativa del commissario Ue per gli Affari economici e monetari Per gli esperti della Olli Rehn, «la ripresa «non dovrebbe deraCommissione Ue la gliare,mal’aumentodel crescita economica Pil giapponese, nel 2011, sarà prossimo aleuropea subirà un lo zero e la crescita si inrallentamento tra lo 0,2 debolirà» sia in Europa che nel resto del mondo. e lo 0,5% del Pil Gli esperti di Bruxelles, però, sono molto cauti in questa fase e segnalano che si tratta solo di «prime stime grezze» sull’impatto economico della catastrofe. Secondo lo scenario ritenuto al momento «più probabile» dagli esperti della Commissione, l’effetto Giappone porterà una riduzione del ritmo di crescita del Pil Ue dello 0,2% quest’anno e dello 0,27% nel 2012. Nell’ipotesi peggiore formulata da Bruxelles, il calo arriverà invece ad essere dello 0,34% nel 2011 e di quasi mezzo punto

dall’imprenditore e che sono destinati ad essere utilizzati per più esercizi, (attrezzature, i macchinari, il computer ed i suoi accessori, etc.) è ragionevole pensare che siano maggiormente richiesti dai paesi emergenti e non dai mercati tradizionali. Cina e Germania, invece, rimangono i maggiori concorrenti sui mercati interni ed internazionali. Rimangono al palo commercio e servizi. La fiducia diminuisce per le imprese dei servizi (da 99,6 di febbraio a 97,9 a marzo) e in misura più limitata per le imprese del commercio (da 100,9 a 100,4). Luci e ombre per il settore delle costruzioni: l’indice della fi-

ducia cala da 75,2 a 70,5 nella costruzione di edifici, ma sale da 67,9 a 73,6 nell’ingegneria civile e da 82,3 a 86,4 nei lavori di costruzione specializzati. Nella costruzione di edifici peggiorano sia i giudizi sugli ordini e/o i piani di costruzione, sia le attese sull’occupazione. Nell’ingegneria civile migliorano le valutazioni su entrambe, mentre nei lavori di costruzione specializzati peggiorano i giudizi sugli ordini e/o i piani di costruzione e migliorano le attese sull’occupazione. Nel dettaglio della ripartizione geo-

A livello territoriale si registra un leggero aumento del clima di fiducia nel Nordest, nel Centro e al Sud, mentre cala nel Nordovest grafica, l’indice aumenta leggermente nel Nordest (da 102,7 a 103,5), nel Centro (da 101,2 a 101,6) e nel Mezzogiorno (da 91,6 a 92,0), mentre cala nel Nordovest (da 107,3 a 103,8). I giudizi sugli ordini migliorano nel Nordest e nel Centro, peggiorano nel Nordovest e restano stabili nel Mezzogiorno; positivi quelli sulle scorte di magazzino nel Nordovest e nel Mezzogiorno. Le attese di produzione migliorano in tutte le ripartizioni ad eccezione del Centro.

Moody’s, per gli enti locali prospettive stabili (0,47%) nel 2012. Nella rassegna stampa dell’effetto Giappone entra di diritto anche l’ultimo dato sul settore automotive diffuso ieri dall’agenzia Bloomberg. Secondo la società di ricerca Ihs se gli impianti di componentistica colpiti dal terremoto non torneranno a essere operativi nelle prossime sei settimane, la produzione di auto mondiale potrebbe scendere a 100mila unità al giorno. «Molti produttori di auto saranno colpiti, sarà difficili scappare al disastro». Lo stop del Giappone potrebbe infatti portare a interruzioni dei flussi produttivi di alcuni impianti in Europa o negli Usa, ad esempio per una carenza di forniture di componenti quali le batterie al momento prodotte quasi esclusivamente da gruppi giapponesi. Mentre potrebbe, per contro, avvantaggiare rivali diretti come i produttori coreani (sia di auto sia di componenti).

di Sofia Ricciardi MILANO – Secondo l’agenzia di ratingMoody’s Regioni, Province e Comuni, a differenza di altri enti locali in Europa, non hanno sofferto eccessivamente per la crisi. Per questa ragione il giudizio sugli enti locali rimane stabile nella fascia Aa-A. Secondo Mauro Crisafulli, Senior vice president del team Finanza pubblica di Moody’s, «le entrate locali poco sensibili all’andamento dell’economia e l’assenza di politiche anticicliche hanno limitato l’impatto della crisi sui bilanci degli enti». Qualche incertezza però rimane per gli anni a venire, con

l’entrata a regime del federalismo fiscale. Il taglio atteso dei trasferimenti statali, previsto nella manovra per il risanamento dei conti pubblici 2011-2013, limita fortemente la capacità di programmazione degli enti e rappresenta il principale elemento di pressione finanziaria per il settore. L’impatto è gravoso in particolare per i comuni, che riportano margini correnti ridotti. Tuttavia, con il decreto sul fisco municipale approvato di recente, i comuni già a partire dal 2011 guadagneranno margini di manovrabilità tributaria, in particolare con l’addizionale Irpef.


Mercoledì 30 Marzo 2011 il Domani

ESTERI Attacco del colonnello e pronta replica della Clinton e di Cameron

Gheddafi: siete come Hitler Usa: avanti finché non cedi di Carlo Bassi ROMA - Giornata intensa per la Libia su entrambi i fronti, quello diplomatico con la riunione del Gruppo di contatto a Londra e quello militare, caratterizzato da una continua altalena di sviluppi sul terreno, con i ribelli in avanzata e poi respinta e, purtroppo, nuove carneficine. Le truppe di Muammar Gheddafi, meglio equipaggiate e organizzate, hanno bloccato l’avanzata verso ovest degli insorti, che dopo essere arrivati ad una settantina di chilometri appena da Sirte, la città natale del colonnello Gheddafi, sarebbero stati respinti fino a 150 chlometri. Sono stati necessari cinque giorni di attacchi aerei per annientare i carri armati del governo libico attorno alla città di Ajdabiyah prima che le truppe di Gheddafi si ritirassero e i ribelli cominciassero l’avanzata, due giorni di marcia su un percorso di 300 chilometri nel deserto, per fermarsi a 80 chilometri da Sirte, la roccaforte delle truppe fedeli a Gheddafi. Poi però i ribelli sono stati prima oggetto

di un’imboscata e poi accerchiati dalle truppe di Gheddafi. La loro avanzata si è fermata e le forze del governo hanno riconquistato la cittadina di Nawfaliyah, 120 chilometri a est di Sirte.E si combatte con violenza a Misurata dove secondo la Cnn è proprio in corso una carneficina con le forze fedeli a Gheddafi in chiara poreponderanza. Nuovi attacchi delle forze pro-Gheddafi sono stati sferrati a Misurata e i rivoltosi hanno tentato di respingerle, dando vita a una battaglia che sarebbe ancora in corso, nel momento in cui scriviamo, secondo un portavoce dei ribelli. E da questo punto di vista notevole valenza assume la dichiarazione dell’ambasciatrice degli Stati Uniti all’Onu, Susan Rice secondo la quale l’amministrazione Obama non esclude la possibilità di armare i ribelli. Il ruolo degli Stati Uniti sta per essere ridimensionato a quello di "supporto" per permettere alla Nato, domani, di rilevare il

pieno controllo delle operazioni dalle forze Usa, anche se gli attacchi di aerei statunitensi, francesi e britannici restano fondamentali per disarmare la forze di Gheddafi e facilitare l’avanzata dei ribelli. Sul piano diplomatico, come si è detto, riflettori puntati sul palcoscenico di Londra, per la riunione del Gruppo di contatto destinato a fare il punto sulla situazione. Alla vigilia della conferenza, il

L’ambasciatrice degli Usa all’Onu, Susan Rice dice che l’amministrazione Obama non esclude la possibilità di armare i ribelli per ovviare alla superiorità del regime

Si combatte con violenza a Misurata dove secondo la Cnn è proprio in corso una carneficina con le forze fedeli a Gheddafi in chiara propenderanza di mezzi

presidente Barack Obama ha detto agli americani, in un discorso in tv, che le forze statunitensi non resteranno impantanate nel tentativo di rovesciare Gheddafi, ma non ha spiegato come finirà la campagna di Libia. Prima della riunione vera e propria numerosi incontro bilaterali, primo su tutti quello del segretario di Stato Hillary Clinton con il premier britannico David Cameron. Ma poco prima dell’inizio, doccia fredda: l’annuncio dell’assenza del rappresentante dell’Unione africana nel cui intervento molto si sperava, Lo stesso Gheddafi, in un furioso attacco all’Occidente, paragonato a Hitler, aveva chiesto ieri mattina l’intervento dell’Ua come mediatore super partes. Ma il primo vertice internazionale sulla Libia organizzato a Londra è partito senza il presidente della Commissione dell’Unione africana. Jean Ping ha deciso all’ultimo minuto di non partecipare. Alla Conferenza, come ha sottolineato il Foreign Office, partecipano comunque una quarantina di delegazioni. Per le organizzazioni internazionali, oltre al segretario generale delle Nazioni Unite Ban ki-Moon, assistono il segretario generale dell’Organizzazione della conferenza islamica Ekmeleddin Ihsanoglu, il segretario della Nato Andres Fogh Rasmussen, l’Alto rappresentante per la politica estera dell’Ue, Catherine Ashton, l’ambasciatore della Lega Araba Hesham Youssef. Al tavolo siedono i ministri degli Esteri delle nazioni a vario titolo coinvolte nelle operazioni militari in applicazione della risoluzione 1973.

Governo giapponese: per la ricostruzione punteremo sulle energie pulite

Fukushima, possibile fuoriuscita di plutonio dai reattori di Bruno Tosatti ROMA - Nuovo allarme a Fukushima, dove è «possibile» che si sia verificata una fuoriuscita di plutonio dalla centrale nucleare. Lo ha dichiarato in conferenza stampa il portavoce del governo giapponese Yukio Edano, annunciando che da oggi saranno svolti «più controlli anche nelle aree intorno all’impianto». Le parole di Edano confermano quanto già reso noto dalla società che gestisce la centrale, la Tepco, ovvero che in cinque punti del suolo nei pressi di FukushimaDaiichi è stata rilevata la presenza di plutonio 238, 239 e 240, e c’è una «forte probabilità che almeno due campioni abbiano un legame diretto con gli incidenti presso la centrale». Questa è ovviamente l’ipotesi più logica e plausibile, nonostante le tracce di plutonio - ha ricordato il vicepresidente della Tepco Sakae Muto per ridimensionare l’allarme - siano in linea con i livelli rinvenuti in Giappone in passato per via delle particelle atmosferiche de-

rivate dai test nucleari svolti nei Paesi vicini come la Corea del Nord. Tra l’altro «non è ancora noto quale reattore lo abbia rilasciato», ha spiegato l’ Agenzia giapponese per la sicurezza nucleare e industriale, e questo rende necessaria una«vigilanzasull’impiantorafforzata». Non è detto che provenga dal reattore 3, dove è impiegato direttamente come combustibile in una miscela con uranio ( mixed oxide fuel , o mox ): nei restanti reattori, ad uranio, un terzo dell’energia è infatti generata proprio dalla conversione di quest’ultimo in plutonio. E per quanto i livelli rinvenuti non siano tali da costituire un pericolo per la salute umana, la presenza di plutonio nel terreno al di fuori degli edifici dei reattori sarebbe conseguenza di due gravi fattori. Lo ha spiegato chiaramente il vicepresidente dell’Agenzia Hidehiko Nishiyama: «Il plutonio è una sostanza che viene emessa ad alte temperature, ed è anche pesante, perciò non fuoriesce facilmente: se è fuoriuscito dal reattore, questo ci dice qualcosa del danno al combustibile. E se ha rotto il sistema di

contenimento originale, questo mette in evidenza la gravità e la serietà di questo incidente». In sostanza, in almeno uno dei reattori le barre di combustibile si sarebbero parzialmente fuse, e la gabbia di contenimento del nocciolo, danneggiato dopo il sisma, probabilmente a causa delle esplosioni e degli incendi verificatisi nei primi giorni della crisi, potrebbe non essere più a tenuta stagna. Quello di ieri è l’ennesimo problema che i tecnici sono chiamati a risolvere dal giorno del sisma alla centrale di Fukushima: appena due giorni fa erano state scoperte due pozze d’acqua contaminata estremamente radioattiva, nel seminterrato della turbina del reattore 2 e poco fuori dallo stesso edificio. Così ieri gli ingegneri della Tepco hanno deciso di ridurre la quantità di acqua iniettata nel sistema di raffreddamento del secondo reattore, per alleviare la pressione sui serbatoi e contenere le perdite. Conseguenza immediata, però, è stato l’aumento della temperatura, e la priorità assoluta va al raffreddamento del combustibile, che ha la precedenza

sui problemi di fuoriuscita di liquido contaminato. Insomma, quella dei 580 uomini impegnati nella centrale è una battaglia estenuante, ed ogni giorno che passa, nonostante i loro progressi (sono riusciti a ripristinare parzialmente i sistemi di raffreddamento di tutti e sei reattori), la soluzione della crisi appare sempre più lontana, distante non settimane, ma mesi, forse anni. E l’esperienza di questi giorni non consentono di ritenere che il peggio sia passato: quella della centrale è ancora una «situazione imprevedibile», come l’ha definita il premier giapponese Naoto Kan. Ma almeno una certezza al Giappone questa crisi nucleare l’ha data, come testimonia l’intenzione manifestata ieri dal governo di porre l’uso dell’energia pulita alla base dei piani per la ricostruzione delle aree devastate dal sisma e dallo tsunami. Non si reputi però quella di Fukushima una lezione: un terremoto come quello dell’11 marzo non ha nulla da insegnare, e il Giappone in tema di nucleare non aveva nulla da imparare.

7


8

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

APPROFONDIMENTI I democrats approvano il codice etico, alle donne il 40% delle giunte del Pd

La senatrice Dorina Bianchi

La senatrice dell’Udc, dopo la visita di Casini in Calabria, risponde all’avversaria accusata di aver diviso il centrodestra crotonese

Dorina Bianchi affila le armi e replica a Giusy Regalino di Alessandro Caruso ROMA - «Un chiarimento ci dovrà essere», la senatrice Dorina Bianchi replica così all’iniziativa di Giusy Regalino, sua avversaria, nell’alveo del centrodestra, alla corsa per il comune di Crotone. Tuttavia non mostra segni di debolezza. E attacca: «Lei non ha quella esperienza nel campo legislativo e amministrativo che rappresenta il bagaglio con cui scendo in campo io». Tuttavia il problema di carattere politico resta e la Bianchi lo fa notare: «Dal Pdl ci aspettiamo la stessa coerenza e serietà che l’Udc ha dimostrato in questi anni e dimostra tuttora nell’alleanza. Come noi sosteniamo i candidati del Pdl nelle competizioni elettorali è giusto che avvenga lo stesso nelle amministrazioni dove ci sono candidati dell’Udc». Ed evidentemente proprio la condivisione di tale ragionamento ha spinto Scopelliti lunedì scorso a dichiarare che chi ha preso tale iniziativa se ne assumerà le responsabilità. Il riferimento era all’assessore regionale con delega all’ambiente

Francesco Pugliano. Non solo. La Bianchi punta il dito anche contro i due assessori provinciali che sostengono quella candidatura (Praticò e Lentini): «Quella era nata come una giunta tecnica mentre ora assume una posizione politica e questo genera un certo disappunto, contando anche sull’appoggio dei Demokratici di Enzo Sculco (condannato in via definitiva a quattro anni per concussione, ndr)». Dorina Bianchi dopo la visita di Pierferdinando Casini a Crotone si mostra sicura delle proprie potenzialità nella campagna elettorale che la aspetta. Forte dell’appoggio, come spiega lei stessa al Domani , «del Pdl e dell’Udc al completo. Vado

«La Regalino non ha quella esperienza nel campo legislativo e amministrativo che rappresenta il bagaglio con cui scendo in campo»

con quella parte del Pdl che sta lavorando molto bene a livello regionale. Credo di essere un’alternativa seria per guidare il comune di Crotone, non per occupare una poltrona ma per portare qualcosa di concreto a questa città che in questi anni ha aumentato il suo degrado». Bonifica e riqualificazione energetica restano due capisaldi del suo programma. Ma gli occhi sono anche puntati verso il fenomeno in crescita dell’immigrazione. Dopo la crisi libica gli sbarchi sono aumentati anche nel Cie crotonese di Sant’Anna, a Isola Capo Rizzuto. La Bianchi ricorda di avere presentato in proposito un disegno di legge anni fa con cui chiedeva all’Europa di riconoscere alle zone preposte all’accoglienza degli immigrati la concesisone di risorse aggiuntive, proprio in funzione dello sforzo che viene sopportato. Quello di Crotone è il più grande Centrodiaccoglienzaeidentificazione d’Europa e al momento contiene 1600 immigrati a fronte dei 1200 per cui è predisposto: «L’Europa - conclude la Bianchi non deve abbandonare il Sud dell’Italia».

ROMA - Le giunte comunali e provinciali a guida Pd dovranno avere almeno il 40% di assessori donna. È quanto prevede un codice che tutti i candidati del partito dovranno sottoscrivere. Si tratta di un documento approvato ieri dalla direzione nazionale. Il codice impone degli impegni sia per l’attività politica del singolo eletto, sia perl’attivitàdell’amministrazione che egli guiderà. Tra gli È inposto anche impegni quelli di non ricorrere a consulenze esterne e di il divieto di attivare puntareallatrasparenza,con contratti precari prima la pubblicazione su internet del patrimonio dell’eletto. I dell’esaurimento delle primi a cui sarà rivolto il documento sono i candidati alle assunzioni di vincitori prossime amministrative di e idonei nei concorsi maggio, che lo dovranno sottoscrivere al momento dell’accettazione della candidatura stessa. I sindaci e gli altri amministratori in carica hanno 60 giorni per aderire. Il codice chiede una serie di impegni per garantire la trasparenza dell’attività durante il mandato. Sindaci e assessori dovranno assumere standard di massima trasparenza su bandi, contratti, nonché nell’affidamento di lavori, servizi e forniture. Per tutta la durata del mandato saranno esclusi da incarichi, anche senza compenso, tutte le persone che lavorano nelle segreterie, negli uffici di diretta collaborazione. Poi c’è il delicato capitolo delle nomine dei dirigenti. Le assunzioni andranno fatte sempre per concorso, e per l’assunzione di personale a tem-

Il segretario del Pd Bersani con un militante

po determinato o sotto forma di collaborazione professionale serviranno procedure pubbliche trasparenti e aperte. E per finire il divieto di attivare contratti precari prima dell’esaurimento delle assunzioni di vincitori e idonei nei concorsi. A.C


Mercoledì 30 Marzo 2011 il Domani

9

IN CALABRIA Approvata a larghissima maggioranza una proposta di legge con cui si proroga il funzionamento della Fondazione Campanella

Nuovi ospedali, dibattito in consiglio regionale di Sonia Crispo REGGIO CALABRIA - Il consiglio regionale, dopo una breve relazione introduttiva del presidente della terza Commissione consiliare, Nazzareno Salerno, ha approvato a larghissima maggioranza e con il voto di significativi settori della minoranza di centrosinistra una proposta di legge di iniziativa della giunta regionale con cui si prorogano i termini di funzionamento al prossimo settembre della Fondazione Campanella di Catanzaro. Successivamente, il consiglio ha discusso una proposta di legge, sempre di iniziativa della Giunta e presentata da Nazzareno Salerno, con cui si aumenta di 80 milioni di euro l’originale stanziamento di 100 milioni di euro per la costruzione dei nuovi quattro ospedali in Calabria. Su questo argomento, il capogruppo Sandro Principe, ha proposto che vengano stanziati ulteriori cinque milioni di euro per avviare la progettazione anche per un nuovo ospedale a Cosenza. Nella discussione è intervenuto anche l’ex presidente della giunta regionale Agazio Loiero, il quale ha chiesto al presidente Scopelliti il reale ridimensionamento dei posti letto nella sanità pubblica, e «una parola definitiva sulla chiusura degli ospedali». Il consiglio regionale ha concluso i lavori approvando l’intero ordine del giorno della seduta. L’Assemblea ha votato l’acquisizione dello quote societarie della Sial servizi, detenute da Italia Lavoro; i bilanci di previsione 2011 delle Aterp di Crotone, Reggio Calabria e Catanzaro; l’istituzione del Bollettino ufficiale telematico della Regione. Inoltre, il

Consiglio ha approvato una proposta di legge, relatore il capogruppo del PdL Luigi Fedele, con cui si riducono gli emolumenti ai rappresentanti dell’ente in organismi ed istituzioni, ed ha licenziato con una votazione bipartisan un ordine del giorno a firma dei consiglieri Dattolo (UdC) e Domenico Talarico (IdV), per impegnare la Giunta ad intervenire su Terna spa «per quanto di sua competenza, sull’attraversamento dell’elettrodotto Laino - Feroleto - Rizziconi, nel territorio e nel centro abitato di Montalto Uffugo, per ragioni ingegneristiche, biologiche,sanitarieedambientali». Il dibattito, in particolare, è stato animato dalle questioni inerenti la realizzazione dei quattro nuovi ospedali calabresi. A tutti ha risposto con il suo intervento che ha chiuso il dibattito, il governatore Giuseppe Scopelliti. «Dal 2007 fino al mio insediamento ha ribadito Scopelliti - nulla era stato fatto o deciso sugli ospedali obsoleti. In pochi mesi, questa Giunta è riuscita, di converso, ad attivare le giuste sinergie con la regione Lombardia per procedere in maniera spedita alla formulazione degli studi preventivi e delle gare d’appalto per i nuovi ospedali, dopo che la Stazione unica appaltante ci aveva dato co-

A tutti ha risposto con il suo intervento che ha chiuso il consiglio il governatore Giuseppe Scopelliti

municazionedell’impossibilità,al momento, di avviare le procedure. Inoltre, grazie ad una serie di incontri con il prefetto Gabrielli e con i dirigenti della Protezione civile, e dopo una serie di colloqui con gli operatori sanitari ed il mondo accademico catanzaresi ha proseguito Scopelliti - siano riusciti a modificare gli orientamenti nazionali secondo cui l’ospedale di Catanzaro ed il Policlinico dovevano realizzarsi come un’unica struttura. Invece, abbiamo raggiunto l’obiettivo di realizzare due strutture separate, seppure vicinissime ed integrate sul piano fisico, a Germaneto, e sulla specialistica. Capisco che siamo in campagna elettorale - ha detto ancora Scopelliti rivolto all’opposizione - ma è sempre necessario ristabilire la verità dei fatti». Il presidente della Giunta regionale, sul futuro degli ospedali hub di Reggio Calabria, Cosenza e Crotone, ha detto che «si tratta di opere che sono tenute in grande conto, così come una eventuale loro nuova realizzazione, che al momento non può trovare realistico riscontro per i limiti imposti dal piano di rientro». Scopelliti non si è neppure sottratto dal rispondere sulla chiusura dei vecchi ospedali: «Non appena saranno operativi i nuovi ospedali della Sibaritide e della Piana di Gioia Tauro - ha sottolineato - gli ospedali di Rossano, Corigliano, Gioia Tauro, Polistena e Taurianova, non avranno alcuna funzione ulteriore». Infine, sul ridimensionamento dei posti letto, il presidente della Giunta regionale ha ricordato che «la diminuzione dei posti riservati agli acuti, sarà compensata dai circa 1300 posti in più che saranno implementati».

Avviso per direttore artistico del "Magna Grecia Teatro Festival" CATANZARO - È stato pubblicato l’avviso pubblico per individuare il direttore artistico del "Magna Grecia Teatro Festival" per il triennio 2011-2013. L’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri - informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta regionale - nel commentare la pubblicazione del bando ha dichiarato: «Valorizzando il grande patrimonio archeologico «Diventerà una delle regionale abbiamo programmato per tre anni il "Magna manifestazioni di punta Grecia Teatro Festival" per della Calabria. Pertanto farlo diventare una delle manifestazioni di punta della diventa strategica la Calabria. Pertanto diventa strategica la nomina del nomina del direttore artistico». direttore artistico» La Giunta guidata dal presidente Giuseppe Scopelliti ha approvato, nei mesi scorsi, l’impegno complessivo di 2 milioni e 400 milioni di euro per la realizzazione del festival fino al 2013. Successivamente l’assessore Caligiuri ha sottoscritto il protocollo d’intesa con i rappresentanti dei tredici comuni che ospitano la manifestazione. L’avviso per la selezione del direttore artistico del festival è stato pubblicato sul sito istituzionale della Regione Calabria www.regione.calabria.it nell’Area d’interesse "Cultura", sul sito del Ministero per i Beni e le Attività culturali beniculturali.it e sul sito della direzione regionale

del Mibac. La scadenza per la presentazione delle domande è prevista per giovedì 14 aprile 2011.

A cura: M ediatag Spa coord. area C alabria

E nti Pubblici e Istituzioni G li annunci sono presenti sul sito w w w.aste.eugenius.it

Tramonti (Cisl): un modello di politiche industriali CATANZARO - «Per la Calabria necessario un nuovo modello di politiche industriali». A sostenerlo, in una dichiarazione, è il segretario generale della Cisl Paolo Tramonti secondo il quale «il depauperamento del tessuto economico-produttivo della regione che si è verificato in questi anni, con la cancellazione di intere filiere di comparti e la perdita di migliaia di posti di lavoro, impone scelte chiare e strutturali in materia di politiche industriali». «Tutto ciò - prosegue Tramonti - anche a causa del fallimento di alcune delle più importanti leggi di incentivazione (488 in primis) che poco o nulla hanno lasciato nei nostri territori in termini di ricadute economiche ed occupazionali, costituendo al contrario spesso occasione per generare ulteriori drammi sociali».

«E’ necessario il varo - sostiene ancora Tramonti - di una nuova legislazione regionale, coerente con il quadro di riferimento nazionale, mirata al superamento dell’attuale modello ancora basato sui Consorzi di Sviluppo Industriali, strumenti che finora si sono dimostrati inadeguati a svolgere un efficace ruolo di supporto e sostegno al sistema delle imprese e poco incisivi per le politiche di sviluppo dei nostri territori. A questo proposito la Cisl chiede all’assessore regionale alle Attività produttive la convocazione del partenariato economico e sociale per l’avvio di un confronto di merito finalizzato a rilanciare, attraverso la concertazione, politiche industriali in grado di innescare processi di crescita e di sviluppo dei nostri territori». re. s.

U N IO N E E U RO P E A

R E G IO N E C A L A B R IA

R E P U B B L IC A ITA L IA N A

P O R CA LA B R IA FE S R 2007/2013 D IPA R TIM E N TO N .11 “C U LTU R A , ISTR U Z IO N E, R IC E R CA S C IE N TIF ICA E B E N I C U LTU R A LI” AVVIS O D I S E LE Z IO N E D IR ETTO R E A R TISTICO D E L PR O G R A M M A “M AG N A G R A E CIA TEATR O FE STIVA L 2011-2013”

Si inform a che è stato pubblicato sul B U R della R egione C alabria n. 12 del 25 m arzo 2011, Parte III, l’A vviso di selezione per il conferim ento dell’incarico di D irettore A rtistico della m anifestazione “M agna G raecia Teatro Festival 2011-20 13”. Tutte le inform azioni relative all’A vviso di selezione sono disponibili e consultabili sul citato B U R e sul sito w w w .regione.calabria.it , A rea di interesse “C ultura, Istruzione e R icerca”. IL D IR IG EN TE D E L S ETTO RE D r. A rm a ndo Pa gliaro


10

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

IN CALABRIA

Accordo Calabria-Germania per dare sostegno alle imprese CATANZARO - È stata siglata, nella sede della Presidenza della Giunta regionale, la convenzione tra la Regione Calabria, Assessorato alla Internazionalizzazione, Cooperazione e Politiche di sviluppo Euro-mediterranee, e la Camera di Commercio italo-tedesca, che prevede una serie di attività a sostegno delle imprese calabresi in un’ottica di promozione e attrazione degli investimenti. Firmatario per la Regione Calabria è stato il Dirigente Generale del Dipartimento Presidenza, Franco Zoccali, mentre la Camera di Commercio italo-tedesca è stata rappresentata dal suo Segretario Generale, Claudia Nikolai. La Convenzione è stata firmata alla presenza dell’Assessore alla Internazionalizzazione, Cooperazione e Politiche di sviluppo Euro-mediterranee, Fabrizio Capua e del Presidente di Unioncamere Calabria, Fortunato Salerno, che ha garantito il pieno sostegno al progetto da parte di Unioncamere Calabria. Nel documento si prevede che verrà attivato, per il periodo di decorrenza del protocollo d’intesa, un desk Calabria presso la sede di Francoforte e gli uffici di Berlino, Lipsia e Colonia della Ccig, con lo scopo generale di fornire agli operatori calabresi sia servizi informativi, promozionali e consulenziali sul mercato tedesco, sia azioni di promozione del territorio calabrese che incentivino le imprese tedesche ad investire in Calabria. Il desk Calabria verrà gestito in tutti e quattro gli uffici summenzionati da qualificato personale bilingue (tedesco-italiano) facente parte dell’organico "senior" della Ccig, con presenza ininterrotta durante le ore di ufficio (9 - 18). Il personale dedicato al desk Calabria metterà a disposizione il proprio know-how, la propria esperienza e la propria

rete di contatti, per implementare con professionalità servizi ed attività a favore della Regione Calabria e del suo tessuto imprenditoriale. Per dare visibilità alla presenza stabile del desk Calabria, verrà attivato un link con la sezione "partner" del sito web della Ccig (www.itkam. org). Inoltre la Ccig si prenderà cura che il nome e il logo della Regione Calabria vengano riportati su targa affissa all’ingresso degli uffici di Francoforte, Berlino, Lipisa e Colonia. Per facilitare la comunicazione diretta tra le imprese calabresi e il desk Calabria, verrà creato un indirizzo di posta elettronica dedicato. Il desk Calabria verrà registrato nei vari elenchi di competenze (elenco telefonico, banche dati aziendali, etc.) e sarà disponibile presso gli uffici delle varie associazioni di categoria e camerali, presso l’Ambasciata e i Consolati Italiani e le associazioni italo-tedesche.Il desk operante presso gli uffici della Ccig di Francoforte, Berlino, Colonia e Lipsia svolgerà per conto della Regione

La Convenzione è stata firmata alla presenza dell’assessore alla Internazionalizzazione e Politiche di sviluppo Fabrizio Capua

Calabria i seguenti compiti principali: rappresentanza istituzionale della Regione Calabria e promozione del territorio calabrese, servizi alle imprese, realizzazione di progetti di cooperazioneeconomica/contatti d’affari. Il desk Calabria presso gli uffici della Ccig fungerà da interlocutore qualificato sia per le imprese calabresi, sia per le imprese tedesche interessate a notizie riguardanti la Regione Calabria, fornirà alle imprese calabresi servizi di prima assistenza per avviare o intensificare i rapporti d’affari in Germania. I servizi saranno offerti a condizioni agevolate. Quale partner della Regione Calabria, il desk Calabria realizzerà in collaborazione con la Regione Calabria progetti di promozione commerciale, con l’obiettivo primario di: orientare e formare le imprese calabresi alle caratteristiche e peculiarità del mercato tedesco; creare contatti d’affari tra le aziende calabresi e imprese tedesche ed aumentare il volume d’affari delle imprese calabresi già operanti in Germania; contribuire ad un posizionamento qualificato ed adeguato dei prodotti calabresi in Germania; aumentare gli investimenti tedeschi in Calabria.Tra gli altri servizi offerti, la Ccig si attiverà nell’elaborare testi e materiale di presentazione della Regione, in stretto accordo con la Regione stessa, a selezionare testate economiche a larga diffusione, con particolare attenzione alle testate del mondo economico, e del mondo camerale e istituzionale tedesco, e a diffondere nel corso dell’anno 3 comunicati stampasullaCalabria,motivando le testate alla pubblicazione, tramite contatto telefonico con le principali testate, in particolare quelle del mondo camerale ed associazionistico tedesco.

Caridi: la “sparata” di Castelli è grave la ndrangheta è un problema nazionale CATANZARO - In riferimento al recente intervento del sottosegretario Roberto Castelli sugli appalti per Expo 2015 (da blindare escludendo le aziende calabresi), l’assessore regionale alle Attività produttive Antonio Caridi ha rilasciato una dura dichiarazione di commento. «E’ perlomeno singolare - scrive - per non usare altri termini, che un esponente di spicco di un partito di governo, già Ministro della Giustizia, suggerisca soluzioni suggestive per evitare le infiltrazioni mafiose nel ricco ed opulento nord-est.- «Escludere le ditte Sarebbe già preoccupante se questa "sparata" provenisse calabresi dall’Expo 2015 da altre fonti, ma diventa non sarebbe una grave quando parla un autorevole rappresentante soluzione ma solamente delle istituzioni, con toni ed intenti inequivocabili. Signi- un espediente dal chiaro fica soprattutto non aver intento discriminatorio» compreso affatto la reale dimensione del fenomeno se si pensa, come sembrerebbe nel caso specifico dell’on. Castelli, di poterlo limitare ad una questione meramente calabrese. La ndrangheta è un problema nazionale ed ha una portata che ormai supera anche i confini, come confermano sempre più ampiamente le cronache giudiziarie ed il rischio delle infiltrazioni è diffuso e reale.Vietare la partecipazione delle ditte calabresi all’Expo 2015 non sarebbe una soluzione ma solamente un espediente dal chiaro intento discriminatorio verso una Regione che sta dimostrando di volersi affrancare da certe etichettature. Resta la consapevolezza che il percorso non sarà facile né breve ma siamo convinti che serve investire nella scuola, valorizzare la cultura ed infondere fiducia nei giovani. Un impegno che deve riguardare tutti, dal legislatore agli amministratori locali, alle istituzioni, alla società civile, all’imprenditoria sana, alla Chiesa.Quello di cui siamo certi è

che non sono utili alla causa certe uscite come quella del sottosegretario Castelli, secondo cui la Calabria sarebbe una terra da ghettizzare e non un patrimonio di risorse naturali, storiche, culturali ed anche umane da valorizzare, anche nell’ottica di una crescita civile e sociale che potrà portarci a combattere la mafia con ragionevoli speranze di successo».

Liste di mobilità per lavoratori di studi professionali REGGIO CALABRIA - L’assessore regionale al Lavoro Francescantonio Stillitani ha presieduto, a Reggio Calabria, l’incontro della Commissione regionale tripartita. Durante la riunione, alla quale hanno, tra l’altro, partecipato i rappresentanti dei sindacati, delle Province, dei datori di lavoro, sono stati deliberati - informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta regionale - vari provvedimenti riguardanti il mondo del lavoro, gli Lsu ed i lavoratori in mobilità. Tra i provvedimenti adottati, particolare rilevanza assume la delibera con cui la Commissione, nell’esercizio della propria discrezionalità concessagli dalla legge, ha deciso di estendere la possibilità di iscrizione ai fini collocativi nelle liste di mobilità anche ai lavoratori subordinati licenziati da studi professionali. «Sinora - ha dichiarato l’assessore

Stillitani - vi era una palese disparità di trattamento per questi lavoratori. Infatti, una volta licenziati, non potevano iscriversi nelle liste di mobilità e quindi, in caso di nuova assunzione da parte di nuovi datori di lavoro, non potevano usufruire delle agevolazioni contributive previste dalle norme per incentivare il ricollocamento dei lavoratori licenziati. Tutto questo comportava una forte discriminazione ed una difficoltà per la loro riassunzione». Il ministero del Lavoro e delle politiche sociali, in data 8 marzo 2011, rispondendo ad un apposito quesito, ha ritenuto che anche i datori di lavoro qualificabili come studi professionali siano considerati imprese e, quindi, i lavoratori da questi dipendenti, licenziati per riduzione di personale, hanno diritto ad iscriversi nelle liste di mobilità. Pertanto, la Commissione

regionale tripartita ha deliberato di estendere l’iscrizione ai fini collocativi nelle liste di mobilità della Regione Calabria a tutti i lavoratori subordinati licenziati da qualunque soggetto che svolge attività economica e anche ai dipendenti degli studi professionali.


12

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

CRONACHE CATANZARO - «Negli scorsi giorni Michela Traversa, candidato a sindaco di Catanzaro, ha elencato fra le priorità del suo programma, la conclusione della quarantennale vicenda porto Casciolino con la sua completa realizzazione nonché la creazione di un altro porto canale turistico da realizzare in località Bellino e l’intera ristrutturazione del patrimonio scolastico (mai messa quale vera priorità da nessuna amministrazione ed al contrario di natura fondamentale) inerente le scuole elementari e materne del capoluogo in condizioni disastrose». Si legge in una nota di Massimo Gualtieri del Movimento Civico Civico Catanzaro Marina. «Ci permettiamo di "suggerire" a Traversa un’altra priorità quella relativa alla completa riqualificazione della Pineta di Giovino con la sua illuminazione

«Traversa, un impegno forte per il porto» notturna, della realizzazione delle opere viarie e delle strutture (lungomare, parcheggi e servizi) a corredo della stessa. Una volta riqualificata poi occorre l’affidamento completo della stessa a cooperative di ragazzi e giovani e/o ad associazione turistica di imprenditori con l’ausilio delle Guardie provinciali per ciò che riguarda l’aspetto della sorveglianza. Più volte - conclude - abbiamo suggerito, di attuare con la minima spesa, apposita

convenzione con il Corpo Forestale dello Stato e con l’Afor che metterebbe al servizio il prezioso ausilio dei suoi capaci operai, che siamo sicuri in breve tempo tirerebbero a lucido il parco prima con un oculato taglio e completa pulizia degli alberi con il reimpianto e messa a dimora di nuovi, poi realizzando, aree ristoro, barbecue, aree picnic, aree relax e percorsi sportivi». C.M.

Finiti in manette ad opera dei carabinieri che li avevano fermati ad un posto di blocco

Condannati 2 giovani rom sorpresi in auto con eroina CATANZARO - Si è concluso con la condanna a due anni e otto mesi di reclusione ciascuno il giudizio per direttissima a carico di Cosimo Passalacqua, 34 anni, e Pino Passalacqua, 23, entrambi di etnia rom, arrestati nel catanzarese perchè sorpresi in auto, sulla strada statale 106 in località Bellino, con circa 20 grammi di eroina. Il giudice Antonio Battaglia ha emesso ieri la sentenza a carico dei due uomini, finiti in manette lo scorso dicembre, per i quali nei giorni scorsi aveva alleggerito le misure cautelari, concedendogli arresti domiciliari a Cosimo Passalacqua, inizialmente sottoposto a custodia in carcere, ed il solo obbligo di firma per Pino Passalacqua, prima ristretto agli arresti a casa - sono difesi dagli avvocati Piero Chiodo e Anselmo Mancuso -. I due erano finiti in manette ad opera dei

carabinieri che li avevano fermati ad un posto di blocco. Alla vista dei militari, secondo quanto contestato, i due uomini avrebberomostratonervosismo,tantoda indurre i primi a perquisirli rinvenendo così all’interno dell’auto 20 grammi di eroina.

Carmelo Morise

Il giudizio per direttissima è stato a carico di Cosimo Passalacqua, 34 anni, e Pino Passalacqua, 23 anni

Luca Beatrice alla Accademia delle Arti CATANZARO - Il critico Luca Beatrice, è intervenuto ieri mattina presso l’Accademia di Belle Arti per presentare il suo volume "Da che arte stai?" in cui viene raccontata la storia dell’arte italiana dalle rivoluzioni degli anni ’60 ad oggi. Nel suo intervento il critico torinese ha raccontato l’evoluzione dell’arte italiana con particolare riferimento al periodo a cavallo tra gli anni ’70 e gli anni ’80 che ha segnato la definitiva emancipazione del processo creativo da ogni etichetta sociale. «La pittura non è mai scomparsa, il problema semmai è quello di definire cosa è contemporaneo e cosa non lo è».

Sissi, il sei aprile la requisitoria CATANZARO - E’ concluso il dibattimento del processo a carico degli otto imputati coinvolti nell’inchiesta antidroga nome in codice "Sissì", su una presunta associazione per delinquere catanzarese finalizzata al traffico di stupefacenti. Il processo si concluderà secondo un calendario fissato dai giudici del collegio penale di Catanzaro, che prevede il 6 aprile la requisitoria del pubblico ministero, e poi il 13 ed il 20 aprile le arringhe dei difensori e la sentenza.


Mercoledì 30 Marzo 2011 il Domani 13

CRONACHE Ieri la firma per la concessione di agevolazioni fiscali sul lavoro straordinario

Detassazone salari, accordo tra sindacati e Confindustria di Carmela Mirarchi CATANZARO - Recependo il dettato dell’accordo fra la Confindustria e la Cgil, la Cisl e l’Uil - finalizzato alla concessione di agevolazioni fiscali sul lavoro straordinario, in turni o effettuato durante i periodi festivi nonché in forma aggiuntiva più in generale - anche la Confederazione degli Industriali provinciale ha reso attuativo a carattere locale il contenuto del medesimo documento. Di questo importante tema si è discusso ieri nella sede di Confindustria Catanzaro. Al’incontro erano presenti: il presidente Giuseppe Gatto, il direttore Dario Lamanna, il rappresentantedella Cgil Giuseppe Valentino, l’esponente della Cisl Domenico Cubello e quello dell’ Uil Giuseppe Mungo. Confindustria e le più importanti sigle sindacali hannosottoscritto un accardo in virtù della Circolare emenata nel mese scorso (il 14 febbraio nello specifico) dall’Agenzia delle Entrate e dal ministero del Lavoro in tema di "imposta sostitutiva del 10% sulle componenti accesorie della retribuzione corrisposte a incrementi della produttività" . Nell’intesa si legge che: "Sono regolate in base a quanto si rinviene nel testo dell’accordo le disposizioni di tutti i Ccnl applicati alle imprese aderenti al sistema di rappresentanza della Confedarazione

di Anna Bolle

degli Industriali per gli istituti che sono riconducibili a incrementi di produttività, qualità, reddititvità, innovazione, ed efficienza in relazione ai risultati riferibili all’andamento finanziario o agli utili dell’azienda ovvero a ogni altro elemento rilevante per il miglioramento della competitività imprenditoriale". Grazie a questo accordo si è creata una convergenza di interessi fra gli esponenti della categoria datoriale e quelli dei lavoratori, che permetterà di aumentare la produttività non andando a discapito dei dipendenti i quali non vedranno annullati dalla cre-

«Quando non ci si divide pregiudizialmente, perseguendo invece un obiettivo comune, si possono raggiungere risultati significativi»

scita degli oneri fiscali gli incrementi in bustapaga derivanti dall’aumento delle ore di attività svolta. Soddisfazione è stata espressa dai sindacalisti Valentino, Cubello e Mungo, che ieri hanno firmato il Protocollo: «Quando non ci si divide pregiudizialmente, perseguendo invece un obiettivo comune, si possono raggiungere risultati significativi, come quello odierno, i cui positivi effetti si riverberano sugli imprenditori e soprattutto, per noi, sul personale impiegato a vario titolo nelle aziende». Gatto ha dichiarato invece : «In politica il tasso di conflittualità attuale è troppo alto. Questo clima di polemica permanente lo ritroviamo, ormai sempre più spesso, anche fra i rappresentanti di altri settori. Una tendenza da invertire, altrimenti si continuerà a fare grande fatica ad elaborare delle strategie efficaci al fine di fronteggiare una crisi dagli esiti negativissimi per l’economia globale».

Gatto: «In politica il tasso di conflittualità attuale è troppo alto. Questo clima di polemica lo ritroviamo anche fra i rappresentanti di altri settori»

CATANZARO - «Occorre trovare una soluzione definitiva per l’Accademia di belle arti di Catanzaro. Non si può più tergiversare perché c’è il rischio concreto di perdere questa importantissima e prestigiosa istituzione. Oggi è arrivato il momento che tutto ciò avvenga senza strumentalizzazioni politiche». Lo afferma Pierpaolo Voci del direttivo Catanzaro Nel Cuore. «L’Accademia di Belle Arti istituita nel 1972, ha un bacino d’utenza che abbraccia le provincie di Catanzaro, Cosenza, Crotone e Vibo Valentia - prosegue la nota -. C’è bisogno di scelte mirate e concrete. L’Accademia di belle arti, così come l’istituzione di nuove facoltà dell’Università Magna Grecia, devono essere ubicate nel centro storico. Uno dei luoghi deputati ad ospitare l’Accademia potrebbe essere il Palazzo dell’ex albergo Centrale su corso Mazzini. Qualora questa soluzione non possa essere perseguita ci sono altre soluzioni che possono e devono essere trovate per dare finalmente all’Accademia di Belle Arti di Catanzaro la sede definitiva. Ovviamente ciò che viene prospettato nell’immediatezza è da cogliere come soluzione di emergenza per consentire il prosieguo delle attività didattiche. Ma a questo punto riteniamo che la risposta definitiva bisogna richiederla ai Ministeri competenti in modo da ottenere l’acquisto di un immobile di pregio nel centro storico».

Ventura replica a Tallini: vuole lo scontro

Nisticò: «Perdite d’acqua a Gagliano» CATANZARO - «Quello che sta accadendo in contrada Casello, nel quartiere Gagliano di Catanzaro, è al limite della decenza. Mi riferisco ad una strana perdita d’acqua che da mesi interessa la zona con evidenti disagi e pericoli per tutti i residenti che, ad oggi, nonostante le segnalazioni avanzate all’ amministrazione comunale non conoscono le cause di tale copiosa perdita di liquido». Lo afferma in una nota Lanfranco Nisticò, consigliere di circoscrizione. «Per di più, a causa del tantissimo tempo, in alcuni punti del muro di sostegno si è formato materiale muscoso e che sta a testimoniare l’inutilità di tutta l’acqua che si va a perdere -

Belle arti, Cnc: trovare soluzioni senza strumentalizzazioni

continua la nota -. Pertanto, in qualità di consigliere di circoscrizione, mi sento di prendere posizione a difesa dei residenti lanciando un pubblico appello all’amministrazione comunale affinchè ci si attivi al più presto per la soluzione della vicenda. Chiedo, quindi, sia all’assessore plurideleghe Nicola Ventura che all’arch. Carolina Ritrovato di voler disporre un sopralluogo per rendersi conto di persona della serietà della situazione».

r.c.

CATANZARO - «Sono dell’avviso che la campagna elettorale si deve svolgere in un clima e con contenuti di civiltà. Il candidato a sindaco del Centro-Destra, On. Michele Traversa ha dichiarato tale proposito, ma l’Assessore Regionale e Consigliere Comunale Domenico Tallini è di altro avviso: cerca lo scontro». Lo sostiene in una nota l’assessore comunale Sabatino Nicola Ventura. «Si abbandona a esternazioni d’informazione, nella più totale scorrettezza. Non può essere consentito a nessuno utilizzare la mistificazione per ingenerare dubbi e sospetti sul comportamento del Sindaco On. Olivo e della Sua Giunta. Tallini stia tranquillo, per come sa, non

ci sono abusi - prosegue la nota -. Comunque, avendo cose serie da fare, non m’interessa proseguire nella querelle. Mi limito a rinnovargli l’invito a rivolgersi alla magistratura qualora fosse a conoscenza di episodi di non correttezza amministrativa da parte della Giunta comunale. Tutto il resto delle sue argomentazioni è penosa ’’aria fritta’. Salvo che a recepire l’ennesima constatazione che per il Consigliere Tallini la politica è solo una snodata ricerca di occupazione di posti, tant’è che evidentemente avrebbe preteso di avere incarichi di consulenze anche stando all’opposizione. Mi dispiace, si studi meglio la legge comunale».


14

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

CRONACHE

Giovane arrestato per furto torna in libertà CATANZARO - E’ stato rimesso in libertà il giovane Francesco Iannuzzi, catanzarese di 31 anni, arrestato lunedì dalla Polizia per furto con destrezza per avere, secondo le accuse, rubato la borsa di una donna da un’automobile. Il giudice monocratico di Catanzaro, Antonio Battaglia, ha convalidato l’arresto e poi scarcerato il giovane, per il qualec omunque il pubblico ministero non aveva chiesto alcuna misura cautelare. Infine il giudizio per direttissima è stato rinviato al 5 aprile, poiche’ l’avvocato Luigi Tommaso

Ciambrone ha chiesto un termine a difesa. In aula la tesi difensiva riferita al giudice e’ stata che Iannuzzi aveva la borsa rubata non perchè l’avesse sottratta lui, ma perchè egli avrebbe inseguito il ladro che l’aveva presa recuperandola. Una cosa che i poliziotti non potevano sapere, sempre stando alla versione dell’imputato, poiche’ sono giunti sul posto quando tutto era ormai finito.

r.c.

Il Presidente dell’Ente Intermedio, Wanda Ferro fa il punto sui temi trattati a E- Labora

«Formazione e lavoro, Regione dia le deleghe alla Provincia» CATANZARO - «Sui temi del lavoro e della formazione la Regione deve dare piena attuazione al processo di trasferimento delle deleghe e delle funzioni alle Province previsto dalla legge 34». Lo afferma Wanda Ferro, presidente dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro, facendo il punto sui temi discussi nel corso del forum "e-Labora" sulla formazione e l’orientamento al lavoro. «Tutti i rappresentanti istituzionali presenti - ha spiegato Wanda Ferro - hanno rilevato la necessità di affidare compiutamente le politiche del lavoro e della formazione agli enti intermedi, che per loro stessa natura conoscono meglio la realtà del territorio, le sue peculiarità, le vocazioni, i bisogni, i punti deboli e i punti di forza. Soprattutto nell’ottica di favorire quella rete virtuosa tra istituzioni, scuola, università, professioni e imprese, che deve servire a orientare la formazione verso le necessità del mondo produttivo: un’esigenza imprescindibile, questa, per aumentare le opportunità occupazionali

sul territorio e migliorare la competitività delle imprese. Un ruolo - spiega Wanda Ferro - che oggi è interpretato in maniera efficace da servizi per l’impiego, che possono diventare l’asse intorno a cui far ruotare lo sviluppo locale. Partendo dal confronto con le tante piccole imprese che rappresentano il tessuto economico del nostro territorio, e con tutti gli altri attori locali, si può fare rete con il sistema dell’orientamento per migliorare i processi formativi e fare seguire ad essi immediate opportunità nel mercato del lavoro, offrendo percorsi didattici mirati, integrati con attività di tirocinio e apprendistato, supportati con incentivi all’inserimento. Una potenzialità che nella nostra regione va colta e valorizzata, trasferendo alle province non solo risorse economiche, ma anche strumentali e professionali, e soprattutto coinvolgendo gli enti intermedi a monte della programmazione delle politiche attive e della formazione. Solo così - con-

clude Wanda Ferro - si potranno evitare sprechi, inutili duplicazioni, trasferimenti di risorse verso imprese che interpretano la formazione come una occasione per sfruttare un lavoro precario e a basso costo. Un sistema che non favorisce l’integrazione dei giovani nel mondo del lavoro e penalizza il nostro sistema produttivo, che non riesce a tenere il passo del mercato e mette in crisi anche l’occupazione temporanea. Bisogna invece premiare i più bravi e investire sulle eccellenze, sull’innovazione, sulla ricerca, soprattutto nei settori trainanti per l’economia del nostro territorio - l’agricoltura e il turismo - mettendo in moto un sistema virtuoso che offra opportunità di lavoro concrete e freni finalmente l’emigrazione dei nostri giovani».

Anna Bolle

Una catanzarese all’Eredità su Rai 1 CATANZARO - Lunedì sera una catanzarese ha preso parte al programma ’L’Eredità, il quiz condotto tutti giorni alle ore 18.50 da Carlo Conti, su Rai1. Angela Piserchia, si è subito definita catanzarese doc. Angela si è presentata vestita di rosso, come il peperoncino, ha detto, ed è stata sprintosa. Per farsi conoscere meglio, si è cimentata in un suo cavallo di battaglia: gli indovinelli. Laureata in giurisprudenza, il suo sogno, ha spiegato il conduttore, è diventare notaio. Ma purtroppo la nostra concittadina non ce l’ha fatta nel secondo round. r.c.

Popoli in cammino giornata conclusiva CATANZARO - Oggi alle ore 9 nell’Aula Magna "Il Cenacolo" dell’Istituto Tecnico Industriale "Scalfaro" si svolgerà la giornata conclusiva del progetto "Popoli in cammino" promosso dall’Unità Operativa di Pediatria di Comunità dell’Asp di Catanzaro e la Commissione Pari Opportunità della Provincia di Catanzaro. Nell’occasione è stato promosso l’incontro-convegno "Giovani - Immigrazione - Istituzioni" alla presenza, tra gli altri, della presidente dell’Ente Wanda Ferro e del Commissario Straordinario Asp Catanzaro, Gerardo Mancuso. Dopo la tavola rotonda saranno premiati gli studenti che hanno preso parte al progetto.


Mercoledì 30 Marzo 2011 il Domani 15

CRONACHE

Scarcerato studente arrestato per droga SATRIANO - E’ stato scarcerato Llunedì il giovane Luca Bruno, 23 anni, di Satriano, studente, arrestato con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giudice monocratico di Catanzaro, Adriana Pezzo, davanti al quale Bruno è comparso per il rito direttissimo, ha convalidato l’arresto del giovane, che è incensurato, e poi lo ha rimesso in libertà senza alcuna misura cautelare a suo carico, come richiesto dall’avvocato Danila

Gullì. Il pubblico ministero aveva invece chiesto la custodia in carcere. Il giudizio è stato infine rinviato al 25 maggio, quando sarà celebrato il rito è sabbreviato chiesto dalla difesa. Bruno è stato arrestato dai carabinieri della Stazione di Davoli. Nell’abitazione del sospettato hanno trovato e sequestrato 123 grammi di marijuana, già suddivisi in dosi e nascosti in casa.

ILl 55enne era stata arrestato in flagranza di reato. Era tornato in libertà a gennaio

Detenzione di fucile e di droga assolto uomo di Vallefiorita VALLEFIORITA - E’ stato assolto da tutte le accuse a suo carico Franco Buttiglieri, 55 anni, di Vallefiorita arrestato in flagranza di reato lo scorso agosto per detenzione illegale di fucile e di sostanze stupefacenti. Le contestazioni sono cadute davanti al giudice di Catanzaro, come richiesto dai difensori dell’uomo, gli avvocati Arturo Bova ed Emilio Vitaliano. Buttiglieri era stato arrestato dai carabinieri perchè nella sua abitazione e nell’annesso fondo, che si trovano alla periferia di Vallefiorita, erano stati rinvenuti un fucile, diverse munizioni calibro 20 e quindici piante di cannabis indica. Dopo la convalida dell’arresto il giudice per le indagini preliminari aveva disposto a carico dell’uomo la custodia cautelare in carcere, poi confermata anche dal tribunale del riesame. Lo scorso gennaio, infine, su istanza dei difensori, Buttiglieri era tornato in libertà.

r.c.

SOVERATO- E’ stato inaugurato la sede elettorale del Psi a Soverato nei pressi dell’hotel "Gli Ulivi" alla presenza del segretario locale Michele Casciano, di Pino Nucera, di Franco Tropea, componente del direttivo provinciale, del componente del direttivo nazionale Fabio Guerriero. Il segretario Casciano ha parlato del lavoro che il partito sta svolgendo sul territorio in vista delle elezioni con rinnovato sprint «Stiamo lavorando bene e con entusiasmo - ha detto - é una partenza azzeccata e ci sono persone affidate». r.c.

Celebrati i funerali del 33enne ucciso GUARDAVALLE - Sono stati celebrati domenica i funerali di Agostino Gerace, l’operaio 33enne ucciso mercoledì scorso in località "Faggio grande" di Elce della Vecchia, frazione montana di Guardavalle. Le esequie sono state celebrate nella chiesa parrocchiale di "Maria Santissima del Carmine", proprio a Elce, dove Gerace era tornato da circa sei anni, dopo aver abitato in Lombardia assieme alla famiglia in seguito a dei tragici fatti di sangue (l’omicidio del fratello 14enne e, successivamente, il ferimento del padre) risalenti agli anni Ottanta. Gerace sarà sepolto nel cimitero cittadino di Bulciago (in provincia di Lecco).

Carmela Mirarchi

A Sant’Andrea furto in una villa isolata SANT’ANDREA JONIO - I ladri si sono introdotti nei giorni scorsi in una casa di Sant’Andrea Jonio. Qui hanno sottratto ai propietari gioielli e altri oggetti in oro per un valore di circa 10.000 euro. La villa si trovava in un’area piuttosto isolata del centro storico andreolese ed era ad una certa distanza, dunque, dalle altre abitazioni del centro collinare. I ladri avranno con certezza studiato per qualche tempo quella casa, osservando i movimenti degli inquilini e appuntandosi orari e abitudini. Domenica constatato che l’abitazione era vuota visto che gli inquilini erano usciti, i malviventi hanno deciso che il colpo poteva essere portato a segno e ne han-

Soverato, inaugurata la nuova sede del Psi

no approfittato per introdursi nella villa e portar via il più possibile senza che nessuno potesse accorgersene, visto che non ci sono altre case abitate nelle immediate vicinanze. Una brutta sorpresa per il proprietario, un noto commerciante di Sant’Andrea, che si è subito recato dai carabinieri della stazione cittadina per sporgere denuncia, facendo subito attivare le ricerche e indagini dei militari guidati dal maresciallo Camillo Privitera.

r.c.


il Domani

|

AsteInfoappalti

16

Mercoledì 30 Marzo 2011

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME R.G.C. n 1905/2010 IL GIUDICE ISTRUTTORE letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all'udienza del 10 febbraio 2011; rilevato che, con ordinanza del 10 febbraio 2011, è stato dichiarato lo scioglimento della comunione sussistente tra M.G., M.G. M.A, M.N. e L.S.S., in relazione al compendio immobiliare di seguito descritto ed identificato; rilevato che, con tale provvedimento, è stata, altresì, disposta la vendita dei beni; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura di divisione le conclusioni della relazione redatta dall'esperto, arch. Maria Procopio, in sede esecutiva, in ordine sia all'individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 788, 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 34.720,00, per il lotto n. 2, di euro 114.102,00 per il lotto n. 3, di euro 53.550,00 per il lotto n. 4, di euro 136.400,00 per il lotto n. 5, di euro 43.325,00 per il lotto n. 6, di euro 34.519,00 per il lotto n. 7, di euro 9.600,00 per il lotto n. 8, alla vendita coattiva dei seguenti beni: lotto due - "appezzamento di terreno di mq 4340 sito in Lamezia Terme, contrada Bosco Amatello, riportato nel NCT di detto comune al foglio2, p.lla 230"; lotto tre - "appartamento per civile abitazione sito in Lamezia Terme, via Marconi, n. 126 - piano terra - seminterrato, costituito da ampio ingresso, cucina, pranzo-soggiorno, salotto, due camere da letto e bagno, oltre al locale cantina, per una superficie commerciale di mq. 167, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 77, p.lla 978"; lotto quattro - "appartamento per civile abitazione sito in Lamezia Terme, via Marconi, n. 128 - piano primo avente una superficie commerciale di mq. 153, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 77, p.lla 859, sub 4, in corso di costruzione"; lotto cinque - "appartamento per civile abitazione sito in Lamezia Terme, via Marconi, n. 128 piano secondo, avente una superficie commerciale di mq. 170,75, costituito da ingresso, cucina, soggiorno-pranzo, studio, due camere da letto, bagno, servizio e ripostiglio, oltre a un locale sottotetto in corso di costruzione, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 77, p.lla 859, sub 5"; lotto sei - "magazzino sito in Lamezia Terme, via Marconi, avente una superficie commerciale di mq. 70, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 77, p.lla 859, sub 3"; lotto sette - "magazzino sito in Lamezia Terme, via Marconi, avente una superficie commerciale di mq. 79, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 77, p.lla 859, sub 2"; lotto otto - "appezzamento di terreno di mq 1920 sito in Gizzeria, località Limagria, riportato nel NCT al foglio 30, p.lla 170"; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l'esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d'ora la data per gli incanti; EVIDENZIATO, QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO CHE: - ciascun offerente, ai sensi dell'art. 571, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l'acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.), presentando presso la Cancelleria degli Affari Contenziosi Civili, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.c. della procedura, del bene (e del lotto) cui l'offerta si riferisce, del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge

non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - l'offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme; - in caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta; - L'OFFERTA È IRREVOCABILE, SALVO CHE: 1. il giudice ordini l'incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - L'OFFERTA NON È EFFICACE: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell'articolo 568 e più sopra ricordato; c) se l'offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane spa", in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; - all'offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l'assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice istruttore e la data dell'udienza fissata per l'esame delle offerte; le buste saranno aperte all'udienza fissata per l'esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; nel caso di mancata comparizione dell'offerente o degli offerenti l'aggiudicazione sarà comunque disposta, fatta salva l'applicazione delle previsioni di cui all'art. 572, commi 2 e 3, c.p.c.; in caso di più offerte valide, si procederà a gara sull'offerta più alta secondo il sistema delle schede o buste segrete, fatta salva l'applicazione dell'art. 573, comma 2, c.p.c.; - in alternativa alle modalità di cui sopra, la presentazione delle offerte di acquisto può avvenire anche mediante l'accredito, a mezzo di bonifico o deposito su conto postale o bancario intestato alla procedura esecutiva ed acceso o da accendersi, nel secondo caso, presso il "Monte dei Paschi di Siena S.p.A." - filiale di Lamezia Terme, di una somma pari ad un decimo del prezzo che si intende offrire e mediante la comunicazione, a mezzo telefax o posta elettronica, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi, di una dichiarazione contenente le indicazioni di cui allo stesso art. 571 c.p.c.; detto accredito deve avere luogo non oltre cinque giorni prima della scadenza del termine entro il quale possono essere proposte le offerte d'acquisto; fin d'ora si prevede che, quando l'offerta è presentata con le modalità alternative, il termine per il versamento del prezzo e di ogni altra somma è di novanta giorni; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; EVIDENZIATO, QUANTO ALL'EVENTUALE, SUCCESSIVA VENDITA AGLI INCANTI, CHE: - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro euro 34.720,00, per il lotto n. 2, di euro 114.102,00 per il lotto n. 3, di euro 53.550,00 per il lotto n. 4, di euro 136.400,00 per il lotto n. 5, di euro 43.325,00 per il lotto n. 6, di euro 34.519,00 per il lotto n. 7, di euro 9.600,00 per il lotto n. 8, - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori ad euro 1.500,00 per il lotto n. 2, ad euro 5.500,00 per il lotto n. 3, ad euro 2.400,00 per il lotto n. 4, ad euro 6.000,00 per il lotto n. 5, ad euro 1.800,00 per il lotto n. 6, ad euro 1.500,00 per il lotto n. 7, ad euro 450,00 per il lotto n. 8; - ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.c. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice istruttore e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; - le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; - a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; FISSA IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO, - per la presentazione presso la Cancelleria degli Affari Contenziosi Civili delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria

richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del giorno 23 maggio 2011, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; - per l'esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell'art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, ai sensi dell'art. 573 c.p.c., l'udienza del giorno 24 maggio 2011, ore 12.00 e segg.; FISSA NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, - per la presentazione presso la Cancelleria degli Affari Contenziosi Civili delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del giorno 27 giugno 2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 28 giugno 2011, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE ALTRESI', CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.i.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; DISPONE, QUANTO ALLA PUBBLICITÀ IN FUNZIONE DELLA VENDITA, CHE: - su impulso del procedente, sia predisposto l'avviso di vendita, da pubblicare all'albo dell'Ufficio; - a cura, rischio e spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.) del medesimo soggetto, sia data pubblicità: - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su di un quotidiano di informazione a diffusione locale a scelta del creditore, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su una rivista periodica, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, e della relazione di stima dell'esperto su un sito Internet individuato ai sensi dell'art. 173 ter disp. att. c.p.c. e di cui è data notizia in Cancelleria, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - il creditore procedente possa, inoltre, dare pubblicità della presente ordinanza, a sua cura ed ove lo ritenga opportuno: - a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod.

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it

17

www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Mercoledì 30 Marzo 2011 civ.), con pubblicità muraria, da effettuarsi nei Comuni di Lamezia Terme e di ubicazione degli immobili, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), a ulteriori forme di pubblicità dal medesimo prescelte, da eseguirsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - la pubblicità muraria e l'ulteriore pubblicità prescelta sono dichiarate sin d'ora non necessarie ai fini dell'esperibilità della vendita; - della prova della pubblicità elettronica e a mezzo stampa - da depositarsi in cancelleria almeno dieci giorni prima delle vendite - sia fatto carico al creditore procedente o surrogante. AVVERTE fin d'ora le parti che, ove all'udienza fissata per la celebrazione dell'incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, si riserva di applicare immediatamente - e cioè a quella stessa udienza - l'articolo 591 cod. proc. civ., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, in quello stesso contesto sentendo le parti e provvedendo sulla disposizione dell'amministrazione giudiziaria o sulla fissazione di una nuova vendita. ONERA il creditore procedente di notificare entro il 20 aprile 2011 la presente ordinanza agli eventuali creditori di cui all'art. 498 che non sono comparsi. Lamezia Terme, lì 10 febbraio 2011 Il Giudice Istruttore f.to Dott. Alessandro Brancaccio TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME Depositato in Cancelleria il 18 febbraio 2011 Il Direttore Amministrativo Dr. Basilio Burgo

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'Esecuzione Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 27/2006 promossa da B.N.L. DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell'allegata ordinanza di vendita del 22.06.07 alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO n. 1: "Diritto di piena proprietà su un terreno, attualmente in condizioni di abbandono, sito in Roccella Jonica (RC) loc. Scinà, di ettari 1 e mq. 9610, riportato in catasto terreni al foglio 19, part.n. 32, partita 975" PREZZO BASE: Euro 39.220,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO n. 2: "Diritto di piena proprietà su una abitazione di tipo civile, composta da n. 7 vani, sita in Marina di Gioiosa Jonica (RC), contrada Spilinga, riportata nel NCEU al foglio 12, part. n. 748, sub 2" PREZZO BASE: Euro 203.000,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l'ordinanza di vendita del 22.06.2007 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all'udienza del 27.05.2011, con il prezzo riportato nell'ordinanza di vendita alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente l'incanto, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall'art. 580 cpc; - l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E' PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it - Custode Giudiziario: Dr.ssa NELLA FERRARO (Tel. 0964.381296). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Locri, 11 marzo 2011 - ORDINANZA DI VENDITA DEL 22.06.2007 TRIBUNALE DI LOCRI Sezione Civile - Esecuzioni R.Es. Imm.: 27/2006 IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE,

… OMISSIS … , ORDINA ai debitori di fornire al nuovo custode il rendiconto dell'attività svolta fino ad oggi, nonché ogni documento necessario al fine di adempiere compiutamente l'incarico affidatogli; - DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI SU DESCRITTI; - STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell'art. 569 cpc, con il metodo dell'incanto, alle seguenti condizioni: 1) L'immobile pignorato sarà posto in vendita, a corpo, nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell'Arch. G. Tropiano) da intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579 cpc, ultimo comma); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l'indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore al prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l'indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento e ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull'apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell'immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l'offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l'esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l'effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l'autorizzazione del giudice tutelare ove l'offerente sia un minore; 4) l'offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; 5) l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che a cura dell'offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) l'offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l'offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) l'offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l'incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8) l'offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all'esame delle offerte; 9) l'udienza di vendita è fissata per il giorno 26.10.2007, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all'esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l'ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10) in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all'art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11) in caso di mancata aggiudicazione, l'importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; 12) in caso di aggiudicazione, l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazio-

13)

14)

15) 16)

17)

18)

19)

20)

21)

22)

23)

ne, depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l'offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'esecuzione), e nello stesso termine, l'importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co., cpc); maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all'Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell'art. 555 cpc; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l'avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Siderno, Marina di Gioiosa Jonica e Roccella Jonica (invitanto all'uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura di uno dei creditori, del debitore o del custode se diverso; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all'udienza di vendita; B) l'attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; ove si debba procedere all'incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell'art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall'art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d'ora per l'udienza del 28.03.2008 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale e, nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l'acquisto della prima casa; le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell'incanto; se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria

di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 cpc) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all'art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell'esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l'incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all'art. 591 cpc (amministrazione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. … OMISSIS … Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 22 giugno 2007 F.to IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 178/1989 promossa da CARICAL, O R D I N A la vendita con incanto dei seguenti beni immobili: ORDINANZA DEL 24.10.2008 LOTTO UNICO: "piena proprietà di un complesso edilizio in Siderno, loc. A. di Maio, composto da un fabbricato a due piani fuori terra più lastrico solare, un manufatto destinato a garages, 2 piccole costruzioni in muratura ed una corte comune, identificato in catasto al foglio 16: - particella 790: sub 1 (vano scala), sub 2 (corte del fabbricato) sub 3 (appartamento piano terra), sub 4 (appartamento primo piano) sub 5 (lastrico solare) sub 6 (locali di deposito); - particella 791: sub 1 (vano scala) e sub 2 (corte comune); particella 792: sub 2 (posto auto coperto) e sub 3 (posto auto coperto)" PREZZO BASE D'ASTA: Euro 262.000,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo Deposito per spese: 15% del prezzo L'incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5, all'udienza del 27.05.2011, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato. Ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare sino alle ore 12,00 del giorno anteriore all'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 25% del prezzo base d'asta da imputarsi per il 10% a titolo di cauzione e per il 15% a titolo di spese presuntive di vendita, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari di assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. L'aggiudicatario, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, dovrà depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: dr.ssa Fausta Aprigliano (Tel. 0964.20643). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 27.05.2011. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 16 MARZO 2011 IL CANCELLIERE

Info 0961 996802


18

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

CRONACHE L’articolo-intervista al sindaco di Lamezia Gianni Speranza realizzato domenica 27 marzo dal giornalista Danilo Chirico sulle pagine del quotidiano nazionale "Terra". È il primo quotidiano ecologista d’Italia

Speranza: un primo cittadino con idee e voglia di fare di Carmela Mirarchi LAMEZIA TERME - "Un primo cittadino con idee e voglia di fare". E’ il titolo dell’articolo-intervista al sindaco di Lamezia Terme Gianni Speranza realizzata domenica 27 marzo dal giornalista Danilo Chiricosullepaginedelquotidiano nazionale "Terra". "Terra", il primo quotidiano ecologista d’Italia, noto in passato come "Notizie verdi", che si occupa di ambiente, politica, cultura e informazione pulita, ha dedicato un’intera pagina al sindaco, inaugurando proprio con lui una nuova rubrica. «Riprende con Gianni Speranza - si legge - il ciclo di incontri con intellettuali, artisti, politici, semplici cittadini meridionali che hanno esperienze da raccontare alla ricerca di idee, memorie disperse e buon pratiche. "Creatività quotidiane" è il tentativo di fare un racconto autentico del Mezzogiorno scrivendo parole inedite del Sud». Chirico ripercorre le vicende della città di Lamezia Terme da quando è sindaco Gianni Speranza, partendo da quella che è l’emergenza odierna: la questione

Rom. «Cerchi Gianni Speranza scrive Chirico - per l’intervista e lo trovi indaffaratissimo. Sta gestendo un’emergenza di quelle che rischiano di tagliare le gambe a qualsiasi amministratore: un’ordinanza della magistratura ha disposto lo sgombero entro un mese del campo rom di Lamezia Terme, il più grande della Calabria. «Impossibile», dice subito. «È una questione di buonsenso spiega - non si può intervenire con questi tempi nei confronti di quasi 800 persone senza un euro da parte del governo». E polemizza: «Al Comune di Roma sono stati dati 40 milioni per 500 rom. Tantissimi soldi e Alemanno ha pure protestato - commenta - io con 40 milioni farei le abitazioni prefabbricate e tutti i servizi». Non è un ragionamento improvvisato. Si capisce da come parla dei costi dell’operazione. Lo ha anche scritto in una lettera inviata al governo in cui chiede - anche che il prefetto venga dotato di poteri di protezione civile per intervenire efficacemente. «È una situazione tragica - dice - su cui lavoriamo da anni». Dopo questa

parentesi Chirico si sofferma sul profilo politico di Gianni Speranza: «Un amministratore molto amato dai suoi concittadini, un uomo semplice con un’idea della complessità delle cose, del Sud, dote non troppo diffusa nella classe dirigente meridionale. Così oggi il sindaco può dire: «In questi anni l’immagine della città è cambiata. Sento una sensazione molto bella quando vado in giro per le università italiane per incontrare i giovani lametini e mi presentano dicendo "questo è il nostro sindaco". C’è orgoglio - rimarca - non c’è più vergogna. E in questo senso importanti riconoscimenti sono venuti dalla visita del capo dello Stato Giorgio Napolitano e con quella prevista per l’autunno del Papa».

«Sta gestendo un’emergenza di quelle che rischiano di tagliare le gambe»

Arrestati due fratelli per furto aggravato LAMEZIA TERME - Un’operazione congiunta è stata portata a termine nel territorio di Lamezia Terme, dalla Polizia di Stato e dai Carabinieri, nell’ambito di un’attività di prevenzione e repressione del fenomeno, che negli ultimi tempi ha avuto una leggera recrudescenza, dei furti ai danni di attività commerciali quali bar e ristoranti. Erano circa le 3 quando una telefonata anonima, pervenuta sul 113 del Commissariato lametino, segnalava dei rumori sospetti all’interno di un bar ubicato nella zona di Sambiase. La segnalazione è stata tempestivamente comunicata anche al 112 e sul posto sono giunte le pattuglie della Polizia e dei

Carabinieri in servizio di prevenzione e controllo del territorio. Il personale è entrato nei locali da dove provenivano i rumori. All’interno venivano sorpresi i fratelli, Salvatore Villella classe 76 e Angelo Villella classe 82, lametini con precedenti per reati specifici ed in atto sottoposti alla misura dell’avviso orale di Pubblica Sicurezza. I due avevano forzato alcune macchinette del videopoker, dalle quali avevano asportato la somma di circa 800 euro. Sottoposti a perquisizione, sono stati trovati in possesso di attrezzi atti allo scasso. I fratelli sono stati dichiarati in stato di arresto per furto aggravato. r.c.

Rom, 4 aprile convocato il consiglio comunale LAMEZIA TERME - I Capigruppo del Consiglio Comunale di Lamezia hanno deciso di convocare per lunedì 4 aprile alle ore 15 il Consiglio Comunale per discutere la questione Rom, Consiglio al quale parteciperà il Prefetto di Catanzaro. Il dato politico emerso nel corso della riunione è stato la volontà di intraprendere un percorso condiviso sulla base di un indirizzo programmatico dell’Amministrazione che tenga conto sia della situazione di emergenza venutasi a determinare per effetto dell’ordinanza della Procura della Repubblica, sia del lavoro svolto dalla Terza Commissione consiliare. Si è inoltre stabilito che, a partire da oggi, i Capigruppo continueranno a svolgere il loro impegno in una serie di incontri per entrare nel merito e per addivenire ad eventuali determinazioni da riportare nelle sedi politiche di riferimento.

La Destra: rom, le case popolari vadano prima agli italiani! LAMEZIA TERME - «Il tempo scorre veloce, si avvicina la fatidica data, ma a quasi venti giorni dall’ obbligo dello sgombero del campo nomadi, la politica brancola nel buio» si leggee in una nota de La Destra. «Il sindaco Speranza ha convocato un incontro tra la sua giunta, i parlamentari, consiglieri provinciali e regionali eletti a Lamezia , senza essere in grado di presentare neanche una bozza di piano operativo. Noi de La Destra, siamo convinti che per distogliere gli zingari dalle ruberie e della piccola delinquenza è necessario offrire loro una prospettiva di lavoro. Diciamo un no secco a qualsiasi proposta di assegnare alloggi popolari a famiglie rom».

Idv: caserma, la grande incompiuta LAMEZIA TERME - «Vogliamo riporre l’attenzione su un’altra importante incompiuta che si annovera nella nostra regione:la caserma dei carabinieri di Lamezia Terme». E’ quanto dichiara il coordinatore cittadino Idv Lamezia Giuseppe Gigliotti. «Come può essere credibile un governo che fa della sicurezza una delle sue campagne principali ma poi a conti i fatti lascia i Carabinieri di Lamezia Terme da molti anni ormai in uno stabile fatiscente come l’ex ospedale ed in una zona in cui mezzi e uomini dovrebbero essere ben equipaggiati visto i gravi problemi che le forze dell’ordine devono affrontare quotidianamente dalla criminalità or-

ganizzata all ’ndrangheta - continua -. Ci piace sottolineare tra l’altro che l’opera fu voluta dall’allora ministro Di Pietro e che nessuna energia fu risparmiata per la realizzazione dell’opera medesima. Il tema della sicurezza,sotto molteplici aspetti, è di scottante attualità nel lametino. Non ultima e non secondaria la stessa vicenda rom. Si sollecitano pertanto tutte le forze politiche e tutte le autorità competenti per compiere uno sforzo in maniera tale che la Caserma dei Carabinieri di Lamezia Terme diventi finalmente una realtà. Noi - conclude - faremo tutto quanto è nelle nostre possibilità». Carmelo Morise


Mercoledì 30 Marzo 2011 il Domani 19

CRONACHE Tra i diversi punti all’ordine del giorno anche quello del capogruppo dei Verdi

Il consiglio provinciale dice no all’energia nucleare di Carmela Mirarchi COSENZA - Ieri mattina è tornato a riunirsi il Consiglio Provinciale di Cosenza presieduto dall’Ing. Orlandino Greco. Quindici i punti all’ordine del giorno. Prima di aprire i lavori il presidente Greco ha rivolto un breve saluto, anche a nome dell’intero Consiglio Provinciale, ad alcune classi dell’Istituto onnicomprensivo Bianchi -Scigliano accompagnate dalla Dirigente Scolastica, prof.ssa Fernanda Petrisano, che hanno assistito ai lavori dell’Assemblea. Subito dopo, approvato il verbale della seduta consiliare del 9 novembre 2010, il consigliere del Pdl, Ernesto Rapani ha chiesto una breve sospensione dei lavori al fine di verificare i contenuti dell’Ordine del Giorno presentato dal capogruppo provinciale dei Verdi Mario Giordano sulla dichiarazione di "territorio provinciale denuclearizzato" della provincia di Cosenza. Alla ripresa, lo stesso consigliere Giordano ha illustrato i contenuti dell’ordine del giorno con cui si chiedeva al Consiglio Provinciale di dichiarare il territorio provinciale denuclearizzato e contrario, quindi, alla produzione di energia nucleare; di vietare su tutto il territorio pro-

«La sostenibilità allo sviluppo deve essere assunta ormai da ogni impostazione che voglia guardare con fiducia e speranza all’avanzamento e allo sviluppo dei nostri paesi. La vicenda del Giappone non può essere considerata un incidente»

vinciale l’installazione di centrali che sfruttano l’energia atomica; di chiedere al Consiglio Regionale di confermare formalmente il parere negativo già espresso sulla stampa dal Presidente Scopelliti nei giorni scorsi sulla realizzazione di centrali nucleari in Calabria; di garantire la massima trasparenza e partecipazione al processo di individuazione dei siti di stoccaggio per i rifiuti radioattivi. Le conclusioni sono toccate al Presidente della Provincia di Cosenza, on. Mario Oliverio il quale, dopo aver espresso plauso e apprezzamento all’iniziativa dei Verdi, ha evidenziato la necessità di un nuovo approccio alle problematiche del rifornimento energetico che non può limitarsi solo alla ricerca di parametri esclusivamente economicistici, ma che deve garantire soprattutto la salvaguardia e la tutela delle condizioni di vita degli uomini. «La sostenibilità allo sviluppo - ha det-

Protesta dei dipendenti delle cooperative COSENZA - Un centinaio di lavoratori delle cooperative sociali che si occupano di lavori per conto del comune di Cosenza, hanno assediato ieri mattina il palazzo di città. La protesta era motivata dal fatto che ieri sarebbero dovute essere pagate due mensilità arretrate. Ma dal municipio bruzio hanno fatto sapere di non avere disponibilita’ finanziarie, rimandando a dopo Pasqua i pagamenti. Da qui la manifestazione dei lavoratori, che potrebbe continuare anche nei prossimi giorni.

r.c.

to Oliverio - deve essere assunta ormai da ogni impostazione che voglia guardare con fiducia e speranza all’avanzamento e allo sviluppo dei nostri paesi. La vicenda del Giappone non può essere considerata solo un incidente di percorso. A partire da essa sarebbe opportuno porre uno stop al nucleare, rimettendo in discussione il Piano Energetico Nazionale e investendo con decisione in direzione delle fonti rinnovabili. La Calabria - ha proseguito il presidente della Provincia- non può essere terra di siti per l’allocazione di impianti nucleari non per ragioni ideologiche, ma per le vocazioni e le condizioni di forte rischio sismico ed idrogeologico che caratterizzano il nostro territorio». L’on. Oliverio ha concluso il proprio intervento chiedendo al Consiglio Provinciale di approvare il documento presentato dai Verdi, di inviarlo ai consigli comunali perché lo facciano loro ed ha accolto la proposta del Presidente Greco di preparare una nuova riunione del Consiglio Provinciale per discutere degli investimenti possibili e necessari in direzione della ricerca, dell’innovazione e delle fonti rinnovabili. Messo ai voti, il documento è stato approvato all’unanimità. Il Presidente ha illustrato poi il terzo punto all’Odg che prevedeva l’adesione dell’ente - in qualità di socio alla costituenda "Banca di Garanzia Collettiva Fidi di Cosenza", proposta dalla Giunta Provinciale. Nel dibattito sono intervenuti il capogruppo di Calabria Riformista Giuseppe Carotenuto e il consigliere del Pdl Gianluca Grisolia. Posto ai voti anche questo punto è stato approvato all’unanimità. A questo punto il Presidente Oliverio ha relazionato al Consiglio Provinciale sul servizio di integrazione scolastica. L’assemblea Provinciale ha poi approvato la convalida della Deliberazione: "Progetto di riuso denominato Cret@".

Stato di agitazione dei lavoratori della "Alto Tirreno Cosentino" COSENZA - Continua lo stato di agitazione dei lavoratori della "Alto Tirreno Cosentino" che svolgono l’attività di igiene ambientale presso il Comune di Cerisano. "A tutt’oggi ai lavoratori, - spiega Alessandro Calabrese dell’Uiltucs di Cosenza - che stanno affrontando enormi difficoltà economiche, devono essere ancora corrisposte 2 mensilità piene ed una terza sta per maturare sotto i peggiori auspici. A seguito dell’ennesima riunione con azienda e comune, dove appariva la volontà di entrambi di far si che la situazione dei pagamenti ritornasse alla normalità, dobbiamo constatare prosegue - che purtroppo l’impegno è stato mantenuto solo a metà, in quanto è stata corrisposta soltanto una mensilità da parte dell’azienda il 25 marzo scorso. La situazione di stallo persiste e i lavoratori - continua il sindacalista - sono allo stremo . Alla luce di tutta questa incresciosa situazione che lede profondamente un diritto fondamentale dei lavoratori, invitiamo il comune a fare la propria parte così come chiediamo all’azienda di saldare le mensilità arretrate e di regolarizzare i pagamenti futuri. Qualora non arrivino entro poche ore garanzie di una celere soluzione per i pagamenti nei termini stabiliti giorniaddietro, ci vedremo costretti - continua - a proclamare lo sciopero che, teniamo a sottolineare, ad oggi non è stato ancora dichiarato per non provocare disagi alla collettività».

Campionato Italiano di rafting LAINO BORGO - Si è conclusa domenica scorsa, nelle rapide del fiume Lao, nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, la seconda prova del Campionato Italiano di Rafting, edizione 2011, indetta dalla Federrafting, con il patrocinio del Centro Canoa Club Lao Pollino, Lao Canyon Rafting e Rafting Adventure Lao. Quindici equipaggi, provenienti da tutta Italia, si sono sfidati, sotto un sole splendente, nelle discipline di sprint e discesa classica. Hanno trionfato, come da previsioni, i due equipaggi dell’Indomita Valtellina River, per le squadre maschili, ed il team delle ragazze della Ferrino Sesia Rafting, per quelle femminili, squadre a cui va,

tra l’altro, l’onore, ed il merito, soprattutto per la costanza nelle presenze al Campionato, oltre che per i risultati, sempre vincenti, ottenuti. Uno speciale riconoscimento anche alle ragazze di Gabriela Vargas, capaci di battere, nella Discesa Classica, la squadra locale femminile del Lao Canyon Rafting Balsa de Gioia ed il Centro Sport Avventura Kinexia. In ogni caso le calabresi (Lao Canyon Rafting maschile e femminile e il Canoa Club Lao Pollino) hanno ben figurato conseguendo buoni piazzamenti e ottimi tempi.

r.c.


20

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

CRONACHE Lo ha deliberato il Consiglio direttivo dell’Associazione presieduto da Mazzuca

Confindustria aderisce al Protocollo di legalità di Carmela Mirarchi COSENZA - Confindustria Cosenza aderisce al Protocollo di Legalità sottoscritto dal Ministero dell’Interno e da Confindustria inteso a «porre in essere una stretta collaborazione fra imprese e pubbliche autorità, per rendere efficaci i controlli e il monitoraggio, assicurando adeguati strumenti di prevenzione, in materia di appalti per lavori, servizi e forniture, al fine di contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nell’economia». Lo ha deliberato alla unanimità il Consiglio Direttivo dell’Associazione presieduto dal vice Presidente Natale Mazzuca che ha sostituito il Presidente Renato Pastore assente per una improvvisa indisposizione.Con l’adesione al Protocollo di Legalità, Confindustria Cosenza rafforza la propria azione e quella delle imprese associate «di denuncia di reati che ne limitino direttamente o indirettamente la libertà economica a vantaggio di imprese o persone riconducibili a organizzazioni criminali». In questa ottica, l’Associazione degli Industriali della Provincia di Cosenza avvierà iniziative di informazione e formazione sui temi della sicurezza e della legalità, in modo da favorire la più ampia adesione da parte delle imprese associate al Protocollo di Legalità.

Sarà così possibile rendere attuative le modalità operative che definiscono regole e adempimenti da rispettare, da parte delle imprese aderenti, «nelle fasi di selezione dei propri partner, subappaltatori e fornitori, al fine di realizzare una scelta responsabile e qualificata, nonché procedure volte a rafforzare i livelli di sicuezza sul lavoro e le misure per la prevenzione del cosiddetto lavoro nero». La creazione di uno specifico marchio di legalità, che le imprese che aderiranno al Protocollo potranno utilizzare nella propria attività economica, può rappresentare un segno distintivo di partecipazione ad un progetto che si pone traguardi am-

Con l’adesione al Protocollo di legalità, Confindustria Cosenza rafforza la propria azione e quella delle imprese associate “di denuncia di reati che ne limitino la libertà economica"

biziosi in termini di trasparenza e legalità. Potrebbe rappresentare una risposta forte, ancorchè simbolica, sul modo di affrontare con efficacia le problematiche sollevate in questi giorni in Lombardia circa la leggittimazione a partecipare alle gare d’appalto. Una regola per tutti, senza etichette territoriali appiccicate in maniera gratuita. «Con l’adesione al Protocollo di Legalità il sistema delle imprese aderenti a Confindustria manifesta, ancora una volta, la propria ferma e decisa opposizione nei confronti di qualsiasi forma di contiguità tra le imprese e le organizzazioni criminali- hanno commentato i vertici di Confindustria Cosenza-. Il Protocollo, in uno con le linee guida operative appena emanate, contiene misure importanti che tendono ad innalzare i livelli di legalità e trasparenza in tutti i contesti in cui operano le nostre imprese e si pone il linea con le tante iniziative assunte negli ultimi anni dal sistema di Confindustria, anche a livello locale, per contrastare i comportamenti illeciti e spingere le imprse associate a denunciare i tentativi di pressioni e di infiltrazioni criminali».

La creazione di uno specifico marchio di legalità può rappresentare un segno distintivo di partecipazione ad un progetto che si pone traguardi ambiziosi

COSENZA - Il laboratorio chimico del Dipartimento provinciale di Cosenza dell’Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente della Calabria (Arpacal) ha partecipato con ottimi risultati al circuito di interconfronto internazionale che l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (Aiea) promuove annualmente per verificare la correttezza metodologica che devono garantire i laboratori, sparsi in tutto il mondo, che si occupano di analisi ambientali. Nello specifico, la prova che ha interessato il laboratorio chimico cosentino dell’Arpacal ha riguardato l’analisi di metalli pesanti. Il laboratorio chimico diretto dalla dr.ssa Chiappetta è stato giudicato non solo per l’analisi strumentale realizzata sul materiale contaminato, ma anche nel grado di dispersione delle misure eseguite, nel trattamento del campione e nella restituzione dei dati. Il tutto, rigorosamente su un campione incognito che viene inviato, identico, a tutti i laboratori partecipanti. Una volta restituiti i dati, l’Iaea ha proceduto all’elaborazione dei dati attribuendo dei criteri per valutare la qualità dei dati che in questo caso è il cosiddetto punteggio "Z-score", cioè un valore che valuta quanto il valore determinato è lontano dal valore reale. Tanto più il punteggio Z-score è grande, tanto peggiore è la qualità del dato.

r.c.

Incontro sul Fondo di garanzia

Perrelli, centrosinistra: serve il dialogo COSENZA - «Mi rivolgo a tutti gli amici del centrosinistra per chiedere che ci sia dialogo in modo da poter capire, parlare e trovare equilibri di giudizi e di libertà per questa nostra terra». Lo afferma in una nota il segretario nazionale del Patto per il Sud e le Riforme, Tonino Perrelli. «E’ giunto il momento - aggiunge - di pensare con robustezza politica ad un’idea di sviluppo a Cosenza basato sulle sue specificità geofisiche e territoriali. Ci vuole un progetto radicale che consenta di risollevare la nostra Cosenza dalla palude in cui sembra condannata. Da qui il mio appello alla nostra base

Arpacal al circuito dell’Agenzia per l’energia atomica

popolare perché faccia valere le sue aspirazioni e dica la sua ad intese per questa nuova Cosenza che deve cambiare. Bisogna assicurare freschezza ed autenticità - conclude Perrelli - al patrimonio delle nostre idee. Non bisogna cambiare lo spirito di ieri e nemmeno cambiare casacca. Accompagnerò questa nuova esperienza con profonda comprensione e con un sincero augurio di successo».

r.c.

COSENZA - L’Assessore all’Immigrazione del Comune di Cosenza Francesca Bozzo ha tenuto a Palazzo dei Bruzi un incontro informativo, presenti i rappresentanti di alcune associazioni di volontariato e di mediazione culturale, per illustrare le modalità di accesso al Fondo di garanzia regionale per le operazioni di microcredito, finanziato dal Por Calabria Fse 2007-2013, e contenute sul Burc della Regione Calabria n.41 del 15 ottobre 2010. All’incontro ha preso parte anche il dott. Eugenio Mercuri di Fincalabra che è l’ente che gestisce il fondo di garanzia. Mercuri ha illustrato le modalità di utilizzo dei finanziamenti attraverso l’avvio di mi-

croiniziative imprenditoriali con la formula del prestito a tasso zero. «La possibilità di accedere al microcredito - ha detto nel corso dell’incontro l’Assessore Bozzo - è una importante opportunità che il Fondo di garanzia regionale apre per l’avvio al lavoro di immigrati, cittadini di etnìa rom, ma anche per tutta una serie di categorie svantaggiate come coloro che dimostrino di essere disoccupati o che abbiano perso il lavoro da più di sei mesi o, comunque, soggetti che abbiano difficoltà ad entrare o rientrare nel mondo del lavoro».

r.c.


Mercoledì 30 Marzo 2011 il Domani 21

CRONACHE Il comandante della Capitaneria ha sottolineato le priorità del Piano regolatore

Porto, riunito il tavolo tecnico per gli interventi infrastrutturali di Vania Notaro VIBO VALENTIA - Nella mattinata di lunedì scorso, si è svolto un tavolo tecnico presso la sede della Capitaneria di porto di Vibo Valentia Marina al quale hanno partecipato, oltre al comandante Luigi Piccioli,l’ing.GiovanniLaganà,direttore generale del Dipartimento Infrastrutture e LL.PP. della Regione Calabria, l’ing. Franca Vampo, dirigente capo dell’Ufficio del Genio civile Opere marittime di Reggio Calabria. La riunione scaturisce dagli incontri tenuti dal Comando regionale della Direzione Marittima di Reggio Calabria, nell’ambito del cd. "Documento Programmatico ed. 2011", con i vertici della Regione Calabria, nel corso dei quali il direttore marittimo della Calabria, il capitano di vascello Vincenzo De Luca, aveva rappresentato al presidente della Giunta regionale Giuseppe Scopelliti, le prioritarie esigenze infrastrutturali dei porti calabresi e, in particolare, del porto di Vibo Marina. Il tavolo tecnico, dunque, verteva sulla disponibilità di fondi che la Regione Calabria, attraverso le assegnazioni Por Fesr Calabria 2007/2013 e Par Fas Calabria 2007/2013 - circa 20 milioni di euro - ha destinato per l’adeguamento ed il potenziamento del porto vibonese. Nel corso

dei lavori, il comandante della Capitaneria di porto ha sottolineato le priorità infrastrutturali, già fissate ormai da 29 anni nel Piano regolatore del porto di Vibo Valentia, approvato nel 1982, necessarie per lo sviluppo della portualità vibonese, riguardanti il prolungamento del molo foraneo per la mitigazione del moto ondoso nel bacino portuale e il consolidamento delle banchine portuali e dragaggio dei fondali. Tali imprescindibili interventi tecnici consentiranno di rendere più competitivo il porto, anche per l’in-

Il com. Piccioli e l’ing. Laganà hanno riferito sugli esiti al presidente Scopelliti che ha espresso l’auspicio che i progetti fissati possano giungere a rapida attuazione

gresso di navi passeggeri di maggiori dimensioni e con alto pescaggio. Con i lavori pianificati si potrà anche dedicare alla nautica da diporto un’ampia parte del bacino portuale, oggi non utilizzata a causa del moto ondoso che ancora affligge il sorgitore vibonese. Le priorità indicate sono state pienamente condivise dal tavolo tecnico, che ha invitato il dirigente dell’Ufficio del Genio Civile Opere marittime di Reggio Calabria a proseguire, tenuto conto della immediata fruibilità dei fondi, nella progettazione del prolungamento del molo foraneo del porto nonché nei rilievi batimetrici dei fondali. Contestualmente, è stata concordata un’ulteriore riunione del tavolo tecnico per il 29 aprile, sempre presso la sede dell’Autorità marittima. Al termine dell’incontro, il comandante Piccioli e l’ing. Laganà hanno riferito telefonicamente sugli esiti direttamente al presidente della Giunta regionale Scopelliti, il quale ha espresso l’auspicio che i progetti fissati possano giungere alla più rapida attuazione.

Al centro della riunione la disponibilità di fondi - circa 20 milioni di euro che la Regione ha destinato per l’adeguamento e il potenziamento del Porto

In cella sorvegliato speciale per aver violato gli obblighi di Francesco Zaccaro CESSANITI - Solo pochi giorni fa, i militari dell’Arma avevano sorpreso Antonino Barbieri, cl. ’59 e residente a Cessaniti, sottoposto dal giudice alla misura di pubblica sicurezza della sorveglianza speciale, all’interno dell’ospedale di Vibo Valentia mentre stava tranquillamente parlando con la propria madre ricoverata. Non sono passati che pochi giorni e, di nuovo, Barbieri è finito in manette sempre con l’accusa di violazione delle prescrizioni imposte dalla misura di prevenzione. Questa volta a farlo finire in cella è stata la sua passione per la guida. Infatti l’uomo è stato sorpreso dai militari della Stazione di Cessaniti mentre stava tranquillamente gironzolando per il paese alla guida della propria autovettura. Appena ha visto i Carabinieri il pregiudicato ha tentato di allontanarsi sperando che gli uomini della Benemerita non l’avessero riconosciuto. Speranza rivalatasi vana, poiché i militari hanno fatto immediatamente convergere sul posto altre pattuglie in servizio nella zona che sono riuscite a rintracciare l’uomo che si trovava poco distante e ad ammanettarlo con l’accusa di violazione delle prescrizioni della sorveglianza speciale di p.s. con obbligo di soggiorno. L’uomo, dopo gli atti di rito, è stato quindi tradotto presso il carcere di Vibo Valentia in attesa del processo per direttissima e delle decisioni del Tribunale del capoluogo.

La riunione del tavolo tecnico presso la Capitaneria di porto

Il Corpo forestale dello Stato sequestra oltre 500 tonnellate di rifiuti zootecnici

SPILINGA - Gli Agenti del Corpo forestale dello Stato della Stazione di Spilinga hanno concluso l’operazionedenominata"BlackWater" che ha permesso di accertare la causa di un consistente inquinamento di un canale di scolo delle acque, a seguito dell’abbandono incontrollato di ingentiquantitatividirefluizootecnici. Le indagini sono state avviate nel mese di gennaio scorso, sulla scorta di numerose segnalazioni di proprietari di fondi agricoli che lamentavano la presenza di acqua scura mista a liquido melmoso sui propri terreni. Traendo spunto da ciò, i militari della Stazione del Cfs di Spilinga hanno percorso a ritroso tutto il tratto del canale dove si sono imbattuti in una tubazione dalla quale

fuoriuscivano liquami fetidi, che li ha portati dritti dritti all’interno di un’azienda zootecnica, ubicata in loc. Marrana del comune di Spilinga. Proprio all’interno dell’insediamento aziendale, esteso su una vasta superficie e con una consistenza di oltre trecento capi della specie bovina, gli Agenti operanti hanno notato che le deiezioni animali venivano convogliate in una grossa vasca di stoccaggio a cielo aperto capace di contenere quasi mille metri cubi di materiale fecale. Dalla cisterna, i liquami melmosi defluivano in una condotta a cielo aperto per poi immettersi in un pozzetto poco distante e tramite una tubazione sotterranea in PVC, le sostanze venivano sversate in corrispondenza del

canale di scolo demaniale denominato "Fosso dello Schiavo", finendo con l’invadere i terreni sottostanti, contigui all’azienda agricola incriminata. In seguito a tali accertamenti, gli Agenti hanno prontamente posto sotto sequestro penale circa 500 tonnellate di rifiuti zootecnici, la vasca dove venivano stoccati e la condotta abusiva, utilizzata per far disperdere le deiezioni animali. La titolare dell’azienda, residente nel comune di Spilinga, a carico della quale è stato operato il provvedimento di sequestro, è stata deferita in stato di libertà presso la Procura della Repubblica di Vibo Valentia. Dovrà ora rispondere del reato di "abbandono incontrollato di rifiuti speciali sul suolo e nel sottosuolo".


22

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

CRONACHE La riqualificazione del centro, ma anche delle periferie, al centro dei lavori

La giunta comunale a pieno regime: numerosi atti varati REGGIO CALABRIA - La Giunta comunale, presieduta dal sindaco Giuseppe Raffa, nell’ultima seduta, ha approvato una serie di importanti delibere. Numerosi gli atti ratificati che riguardano, non soltanto la riqualificazione del centro cittadino, ma anche le periferie, il supporto alle fasce deboli di cittadini, il diritto allo studio, l’assegnazione di beni confiscati. Una dimostrazione tangibile del lavoro e dell’attenzione che l’esecutivo sta mettendo in atto. Nel dettaglio sono stati approvati: il progetto definitivo di "riqualificazione del Corso Garibaldi - arredo urbano", su proposta di Raffa, inserito nel Pisu; il progetto esecutivo di ampliamento della strada di via Caserma Borracce e collegamento con via Melissari; il progetto definitivo di "riqualificazione della zona commerciale, per la creazione di un centro commerciale naturale e per il contestuale recupero della struttura mercatale comunale di via Filippini", anche questo progetto inserito nel Pisu; il progetto preliminare per la "realizzazione di un ponte nel tratto antistante la foce del torrente Calopinace"; il "programma decennale 2011 - 2020 per l’edilizia sociale, il canone sostenibile, la riqualificazione urbana" e "il sottoprogramma pluriennale sperimentale per il triennio 2011-2013".Per quanto riguarda l’aiuto le famiglie è stata approvata una

delibera sulla "sperimentazione di iniziative per l’abbattimento dei costi dei servizi delle famiglie con un numero di figli pari o superiore a quattro", è stato approvato il "progetto sperimentale per la qualificazione del lavoro degli assistenti familiari, di cui al piano regionale di interventi a favore delle famiglie calabresi"; un piano di interventi sul "diritto studio", attraverso una richiesta di fondi alla provincia; è stata, inoltre, deliberata la richiesta alla Provincia di Reggio Calabria di un finanziamento per l’acquisto di sei scuolabus da destinare al trasporto degli alunni che abitano nelle contrade e delle

Deliberata la richiesta alla Provincia di Reggio Calabria di un finanziamento per l’acquisto di sei scuolabus per le frazioni

frazioni dell’entroterra del Comune Reggino, per garantire loro la frequenza scolastica nelle zone sprovviste di servizi di trasporto, assumendo, il Comune stesso, gli oneri di gestione di manutenzione degli scuolabus. Per quanto riguarda i beni confiscati la Giunta ha deliberato l’assegnazione di uno dei beni confiscati, sito nella zona di San Gregorio, all’Agedi, associazione operante nell’ambito della disabilità, che lavora per i portatori di handicap, bambini, ragazzi ed adulti che, ormai esclusi dal circuito scolastico ed estranei al percorso lavorativo, sono soggetti a rischio di esclusione sociale, e che ha come scopo quello di offrire occasioni di crescita e di maturazione attraverso percorso di integrazione sociale lavorativa. È stato, poi, approvato il progetto esecutivo per le opere di riqualificazione della "Scuola regionale dello sport"; è stata deliberata la conferma delle tariffe per la concessione del Teatro Cilea; l’adesione al progetto "I luoghi della memoria", con il restauro conservativo del Monumento d’Italia e l’adesione al progetto "Magna Grecia: radici, oggi e futuro".

Progetto esecutivo di ampliamento della strada di via Caserma Borracce e collegamento con via Melissari

Latitante coinvolto nel blitz "Crimine" arrestato dalla polizia a Siderno

che in Lombardia. Antonio Galea è stato sorpreso dalla Squadra mobile di Reggio Calabria in un appartamento nel centro di Siderno. I dettagli dell’operazione e gli esiti della SIDERNO - La polizia ha arrestato a Siderno un affiliato alla ’ndrangheta, Antonio Galea, di 49 anni, latitante dal luglio del 2010, accusato di associazione per delinquere di tipo mafioso. Galea si era sottratto all’arresto nell’ambito dell’operazione "Crimine", condotta dalle Dda di Reggio Calabria e Milano, che nel luglio del 2010 aveva portato all’arresto di oltre trecento persone tra la Calabria e la Lombardia. Galea, in particolare, è accusato di essere un affiliato alla cosca Commisso di Siderno per conto della quale avrebbe gestito affari illeciti sia in Calabria

Modello Locride per l’accoglienza ai profughi di Pino Fiore REGGIO CALABRIA - La segreteria provinciale del Prc appoggia l’iniziativa dei sindaci della Locride che si sono dichiarati disponibili ad accogliere i profughi nordafricani. «Questa è la nostra Calabria - è scritto in una nota terra d’accoglienza, di solidarietà reale, di apertura al mondo. Questa è la nostra Calabria, quella che rinnova la sua secolare storia di incontro con tutti i popoli del mediterraneo, quella che costruisce ponti d’amicizia verso i nostri fratelli nordafricani. La disponibilità ad accogliere i migranti provenienti dalla costa sud del Mediterraneo, manifestata dai sindaci della Locride con una dichiarazione del Comitato Direttivo della loro Associazione e con l’indicazione di misure facilmente attivabili, è un gesto politico-culturale di straordinaria rilevanza, che esalta ed ingigantisce la Locride dinanzi allo spettacolo imbarazzante offerto dal Governo italiano a Lampedusa. Tendopoli da costruire, immobili dimessi da riutilizzare, fabbricati confiscati alla ‘ndrangheta da mettere a disposizione: le comunità della Locride sono pronte a fare la loro parte, sono pronte a guardare al futuro piuttosto che appiattirsi su un presente che ci parla di un’Italia troppo spessa egoista, cattiva, para-razzista. Siamo d’accordo con Ilario Ammendolia, sindaco di Caulonia: "la Locride non è solo terra di mafia, è prima di tutto ed innanzitutto una terra di civiltà antica, di gente generosa, di naturale ospitalità". L’apertura alle genti del Nord Africa è una grande operazione politica anche perché i migranti possono rappresentare un’autentica rinascita per i nostri borghi sempre più spopolati».

stessa sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nel pomeriggio di ieri presso gli uffici della Questura di Reggio Calabria.


Mercoledì 30 Marzo 2011 il Domani 23

CRONACHE Prosegue l’impegno del consiglio regionale a sostegno degli ammalati di Sla

Il reggino Maurizio Casadidio ieri a Palazzo Campanella di Rocco Celia REGGIOCALABRIAProseguel’impegno del consiglio regionale a sostegno degli ammalati di Sclerosi Laterale Amiotrofica (Sla). Ieri mattina, a Palazzo Campanella, il reggino Maurizio Casadidio - che ha migliorato la propria comunicazione con l’esterno grazie ad un puntatore oculare donato dalla Presidenza del Consiglio regionale- è stato, con i propri familiari, a Palazzo Campanella per promuovere l’ultimo progetto della sezione reggina dell’Aisla, (presente la presidente Saveria Fontana): l’acquisto di un pulmino di servizio agli ammalati. Progetto che i dipendenti del Consiglio hanno sostenuto, acquistando le colombe e le uova di Pasqua artigianali dell’Apar (Associazione pasticceri reggini). «Sono molto contento di ritrovarti qui e di vederti bene». Così il presidente Francesco Talarico ha salutato Maurizio Casadidio, confermando come la massima Assemblea legislativa della Calabria «sia sempre in prima linea per quella che considera una battaglia di alto senso sociale e civile. Molti passi sono stati fatti e di questo siamo soddisfatti, ma certamente tanto resta ancora da fare- ha aggiunto Talarico -. Soprattutto, ci batteremo perché una equipe medica possa prestare assi-

stenza domiciliare, dando così un ulteriore, e fondamentale, supporto ai vostri bisogni». Maurizio Casadidio e la presidente Fontana hanno ringraziato Talarico «per la sensibilità dimostrata che ha permesso di smuovere le acque, dopo tanto silenzio» e lo hanno sollecitato a ripristinare il tavolo tecnico tra Regione e Aisla. La sclerosi laterale amiotrofica, chiamata SLA, o anche morbo di Lou

Casadidio ha migliorato la propria comunicazione con l’esterno grazie ad un puntatore oculare donato dalla presidenza del consiglio regionale

Gehrig, (dal nome del giocatore statunitense di baseball che fu la prima vittima accertata di questa patologia), malattia di Charcot o malattia dei motoneuroni, è una malattia degenerativa e progressiva del sistema nervoso che colpisce selettivamente i cosiddetti neuroni di moto (motoneuroni), sia centrali - 1º motoneurone a livello della corteccia cerebrale, sia periferici - 2º motoneurone, a livello del tronco encefalico e del midollo spinale. Fu descritta per la prima volta nel 1860 dal neurologo francese Jean-Martin Charcot, ed attualmente le sue cause sono ancora ignote. L’inizio della Sla può essere così subdolo che i sintomi vengono spesso trascurati. I sintomi iniziali includono brevi contrazioni (mioclonie), crampi oppure una certa rigidità dei muscoli; debolezza dei muscoli che influisce sul funzionamento di un braccio o di una gamba; e/o voce indistinta o tono nasale.

«Ci batteremo perché una équipe medica possa prestare assistenza domiciliare, dando così un ulteriore supporto ai vostri bisogni»

Seminario: azioni informative sulla qualità del miele

GIOIA TAURO - Giovedì 31 marzo, con inizio alle ore 15, presso il Centro Sperimentale Dimostrativo dell’Agenzia Regionale per lo Sviluppo e per i Servizi in Agricoltura (Arssa) di Gioia Tauro, sito in C.da Bettina (strada provinciale Gioia Tauro - Rizziconi), si terrà il seminario "Azioni informative sulla qualità del miele, fattore condizionante nella commercializzazione e importanzadell’analisisensorialenellacertificazione di qualità".Ai lavori, aperti dal dr. Benito Scazziota dell’Arssa, parteciperanno i dottori Arssa Vincenzo Cilona, Mimmo Turiano ed il dr. Pino Orrico (Presidente Associazione Regionale Allevatori) che parleranno di: qualità del miele, fattori condizionanti, presentazione

dei servizi offerti dall’Arssa (smielatura, analisi sensoriale e certificazione di qualità). L’interessante iniziativa sarà conclusa da una degustazione guidata a cura di Raffaele Denami dell’Arssa.Il seminario è organizzato dall’Arssa in attuazione

Italia dei valori candida a sindaco Aldo De Caridi REGGIO CALABRIA - Italia dei valori candida a sindaco di Reggio Calabria Aldo De Caridi, segretario cittadino del partito. Lo riferisce, in una dichiarazione, il responsabile nazionale Enti locali del partito, Ignazio Messina, ex commissario regionale di Idv. «I direttivi cittadino e provinciale dell’Italia dei valori riunitisi congiuntamente a Reggio Calabria - aggiunge Messina all’unanimità deliberano che si approva il documento politico programmatico già sottoscritto dai Verdi, Idv e Sel che prevede la candidatura di un esponente di Idv a sindaco di Reggio Calabria e di un esponente di Sel alla Presidenza della Provincia. Si auspica che la proposta venga condivisa da tutte le forze del centrosinistra reggino con le quali si spera di continuare a dialogare in una logica di totale discontinuità rispetto alle esperienze amministrative precedenti. Si impegnano inoltre tutte le forze politiche che aderiranno alla nostra proposta a comporre le liste nel pieno rispetto del codice etico approvato all’unanimità dai componenti dei direttivi». «Sono soddisfatto - ha detto, da parte sua, il segretario regionale del partito, Maurizio Feraudo - dell’esito della riunione che ha ricondotto a sintesi le posizioni del partito sancendone l’unità. Da oggi Idv a Reggio Calabria è ancora più forte e diventerà ancora più protagonista di un centrosinistra che, se capace di raccogliere l’appello auspicato potrà giocarsi un ruolo importante e determinante. La scelta del candidato sindaco ci riempie di orgoglio».

del Progetto "Azioni informative di accompagnamento al processo di modernizzazione dell’agricoltura calabrese dirette a imprenditori agricoli", finanziato con fondi Feasr sulla misura 111 (azione 3) del Piano di Sviluppo Rurale 2007-13. In tale ambito, l’Arssa ha pianificato una campagna informativa su tutto il territorio calabrese allo scopo di informare il mondo produttivo agricolo sulle molteplici novità ed opportunità interessanti il settore.L’iniziativa è gestita dall’Arssa, in collaborazione con le principali Oo.Pp.Aa. a livello regionale, in un’ottica di integrazione tra Ente pubblico e privato, al fine di contribuire al miglioramento dell’agricoltura calabrese.


24

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

CRONACHE La casa cirotana rappresenta la Calabria al concorso che si inaugura giovedì 7

Senatore approda alla 45esima edizione del Vinitaly di Verona di Cecilia Bartoli CIRÒ MARINA - Dopo il successo fatto registrare nelle recenti partecipazioni a Casa Sanremo, alla Bit di Milano e Citta Slow in Festival, i vini Senatore ritornano protagonisti su scala nazionale, approdando alla 45°edizione del Vinitaly di Verona. La più importante manifestazione nazionale dedicata al vino e una delle più importanti e prestigiose a livello internazionale aprirà i battenti giovedì 7 e proseguirà fino a lunedì 11 aprile. Ancora una volta, la migliore tradizione vitivinicola della nota casa cirotana rappresenta la Calabria di qualità in Italia e nel mondo. Il management della Senatore Vini parteciperà anche venerdí prossimo, a Palazzo Alemanni, alla conferenza stampa di presentazione della Calabria al Vinitaly 2011, che sarà tenuta dal presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, insieme agli assessori all’Agricoltura e alle Attività Produttive, Luigi Trematerra ed Antonio Caridi, e al presidente di Unioncamere Calabria Roberto Salerno. Protagonista della cinque giorni, sarà l’Eukè bianco frizzante naturale, ottenuto da uve Greco bianco, incrocio Manzoni, Chardonnay coltivate nei vigneti di proprietà, con il quale, a Casa Sanremo, brindò il Ministro della Gioventù Giorgia

Meloni.Grandieventi,degustazioni,convegni, forum, seminari, presentazioni in grado di attrarre 153.000 professionisti del settore. Una delle novità di quest’anno è l’inserimento di Vinitaly nel calendario ufficiale delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia grazie alla "Bottiglia dell’Unità d’Italia", iniziativa proposta da Veronafiere e subito accolta dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. La Bottiglia n°1 è stata consegnata al Presidente Domenica 27 Marzo. Il Vino dell’Unità d’Italia nas-

Protagonista sarà l’Eukè bianco frizzante naturale ottenuto da uve Greco bianco incrocio Manzoni Chardonnay coltivate nei vigneti di proprietà

ce da un blend di 20 vini in purezza rossi e da 20 in purezza bianchi, rappresentativi di una varietà di ognuna delle Regioni italiane. Da questa miscela sono stati creati due vini, un rosso e un bianco, simbolo della varietà e anche dell’Unità del Belpaese. Tra le aree espositive speciali si segnalano Sparkling Italy, Trendy Oggi Big Domani, Vinitaly For You. Sparkling Italy è l’ultima novità firmata Vinitaly fatta di territori di produzione e cantine, metodi di vinificazione e degustazioni curate da sommeliers professionisti. Un’area è destinata alla degustazione dei migliori vini italiani ottenuti secondo il metodo classico e secondo il metodo charmat. In mostra a Vinitaly tutto l’universo enologico, in rappresentanza di un settore che vale complessivamente per il nostro Paese 13,5 miliardi di euro di fatturato (2010), a cui si aggiungono ulteriori 2 miliardi di indotto, e che occupa 1,2 milioni di addetti nelle 770 mila aziende sparse su tutto il territorio nazionale.

Il management dell’azienda vinicola parteciperà anche venerdí prossimo a Palazzo Alemanni alla conferenza stampa del presidente della Regione Scopelliti Stand di degustazione al Vinitaly

Provincia, il presidente Proto ha fissato per lunedì prossimo la riunione del Consiglio

CROTONE - Il presidente del Consiglio provinciale di Crotone, Benedetto Proto, così come stabilito nella conferenza dei capigruppo del 25 marzo scorso, ha convocato l’assise per lunedì 4 aprile alle 9, nell’l’Auditorium dell’Istituto "S. Pertini". All’ordine del giorno sono iscritti i seguentipunti:approvazioneverbali sedute precedenti; Giunta provinciale: Variazioni. Comunicazioni del Presidente della Provincia; Rettifica deliberazione di Consiglio nr. 5 del 10 febbraio 2011 avente adoggetto "Variazione della composizione delle Commissioni permanenti delibe-

ra di Consiglio provinciale num. 47 del 18/10/2010. Modifica"; Variazione gruppi consiliari. Comunicazioni; Composizione commissioniconsiliaripermanenti.Ricognizioni e modifica. Approvazione regolamento per l’iscrizione e la tenuta dell’albo delle associazioni giovanili della provincia di Crotone; Fondo europeo per la pesca (Fep) 2007/2013 asse prioritario IV: sviluppo sostenibile delle zone di pesca. Promozione costituzione associazione temporanea di scopo finalizzata all’istituzione di un gruppo di azione costiera (Gac); Osservazione della Corte dei Conti - Sezione regionaledicontrollodellaCalabria. (Deliberazione nr. 187/2000 648/2009 572/2010) Provvedimenti; Regolamento Commissione provin-

Operazione Heracles, concluso il dibattimento di Cristiano Gualtieri CATANZARO - Con l’audizione di quattro degli imputati e degli ultimi testimoni, si è concluso, davanti alla corte d’assise di Catanzaro, il dibattimento nel processo per i due omicidi di Gianfranco Gallo e Domenico Covelli assassinati il 19 maggio 2000 il primo, ed il 2 novembre 2000 il secondo -, di cui sono chiamati a rispondere nove persone coinvolte nella maxi operazione antimafia battezzata "Heracles", e diretta contro i clan di ’ndrangheta del crotonese. I giudici (presidente Giuseppe Neri) hanno fissato un calendario fino alla sentenza, che prevede udienza anzitutto il 14 aprile, giorno dedicato alla requisitoria del pm Salvatore Curcio ed alle discussioni dei legali delle parti civili, tra cui figura anche la Regione Calabria rappresentata dagli avvocati Luigi Gullo e Antonella Canino -, assieme ai familiari delle due vittime - rappresentati dai legali Borelli e Iedà. Poi le udienze del 26 e 28 aprile per le arringhe dei difensori degli imputati e la decisione finale. Alla sbarra si trovano Antonio Basile, Antonio Comberiati, Antonio Macrì, Salvatore Macrì, Francesco Murgeri, Massimo Murgeri, Gianluca Pennisi, Luca Policastrese, FrancescoVallone. Tutti sono stati rinviati a giudizio il 6 aprile del 2009 dal giudice per l’udienza preliminare distrettuale di Catanzaro, il quale ha mandato sotto processo altre 33 persone davanti al tribunale collegiale di Crotone, ne ha prosciolte due, e ne ha ammesse 93 al giudizio abbreviato, conclusosi con 63 condanne e 30 assoluzioni e rispetto a cui è in corso il giudizio d’appello.

ciale Pari opportunità. Modifiche. Qualora non venisse raggiunto il numero legale in prima convocazione ovenisse a mancare nel corso della seduta, la seduta di secondaconvocazione si terrà mercoledì 6 aprile alle ore 9, per la discussione ed eventuale votazione degli argomenti posti all’ordine del giorno.

Il Palazzo della Provincia


26

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

CARTELLONE Manifestazione “Girogustando nell’Alto Ionio” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari

Le Associazioni Pro Loco Rossano ed Artur, rappresentate da Federico Smurra e Luigi Marino Vice Presidente di quest’ultima, hanno partecipato in qualità di rappresentanti del Comune di Rossano Assessorato al Turismo, all’iniziativa organizzata presso il Centro Commerciale I Portali di

Corigliano (Cs) dalla Società Mediavideo di San Marco Argentano diretta dal responsabile Nicola Campagna, nella gestione dello stand messo a disposizione per l’occasione dagli organizzatori.Lamanifestazionedenominata “Girogustando nell’Alto Ionio”, nella quale si sono effettuate espo-

sizioni gastronomiche, convegni e mostre, da precisare quello molto importante organizzato dal Cotaj diretto da Natale Falsetta sul tema aereoporto e sviluppo, alla quale hanno preso parte numerosi Enti, Aziende ricettive, Produttori del comparto turistico locale. Durante l’evento del convegno è stato presentato il progetto associativo " La Strada dei 2 Mari ". L’idea sarà quella di far interagire le istituzioni e gli imprenditori, su un unico e virtuale tracciato che congiunge idealmente la Costa Jonica alla Tirrenica attraversando il Parco del Pollino. La finalità del progetto è la creazione di eventi per la messa in evidenza delle Identità territoriali e una serie di altri servizi. Soddisfatti Smurra e Marino per la partecipazione al progetto nel quale le due associazioni in simbiosi hanno rappresentato il territorio rossanese, che sta a dimostrare come si possa collaborare per raggiungere un fine comune, ovvero la promozione del territorio.

Mobilitazione “Il nostro tempo è adesso, la vita non aspetta” Il 9 aprile in ogni capoluogo di regione ci sarà una mobilitazione generazionale contro la precarietà. L’iniziativa dal nome “Il nostro tempo è adesso, la vita non aspetta”. Anche Catanzaro scenderà in piazza il 9 aprile perché rappresenta una realtà dilaniata oltremodo dalla precarietà, così tanto interiorizzata in ogni singola persona d’aver creato uno stato di torpore apatico. Sabato 9 aprile , ore 17.30, in piazza Prefettura.

al Comune di Cosenza, alle ore 18.00, presso la sala di rappresentanza del Comune con il convegno; ore19.30,inaugurazionenuovasede deLaDestra–ViaCaloprese(angolo P.zza Fera).

puto e Giuseppe Pignatone. I lavori del convegno sarnno coordinati da Mario Nasone. La mostra LiberArchitettura sarà inauguarata presso il foyer dell’Aula Magna della Facoltà di Architettura alle ore 13.00.

LAMEZIA TERME Seminario nuove opportunità per i giovani rom Oggi , alle ore 8.30/13.30, 15.30/18.30, presso la Biblioteca Comunale, Palazzo Nicotera, Piazza Campanella, si terrà il progetto chance: nuove opportunità per i giovani rom. Seminario: "Buone pratiche di integrazione socio-culturale della minoranza rom". Relatrice: Carla Osella.

Conferenza manifestazione “Banca Generali Un Campione per Amico” Banca Generali con Adriano Panatta, Jury Chechi, Andrea Lucchetta e Ciccio Graziani invitano alla conferenza stampa della manifestazione “Banca Generali Un Campione per Amico” che si terrà giovedì 31 marzo , alle ore 15.30, presso Palazzo San Giorgio, nel Salone dei Lampadari in Piazza Italia a Reggio Calabria. La conferenza stampa presenterà la prima tappa del tour nazionale“BancaGeneraliUnCampione per Amico” che avrà luogo il 1 aprile, a Reggio Calabria, LungomareFalcomatàpressoPiazzaIndipendenza.

CAMPO CALABRO Conferenza su "Aspromonte" Giovedì 31 marzo , si svolgerà a Campo Calabro, presso la sala conferenze del centro sociale "Don Gaetano Cotroneo" (sito in Via Sant’Angelo 9 / F), la prima di cinque conferenze tenute dall’associazione ambientale accademia Kronos - Calabria nell’ambito del Progetto Tepir (promosso dal Tavolo Tematico della "Terza Età" a beneficio delle persone che hanno oltre i 65 anni di età). Conproiezionedivideo-documentari. Questa prima conferenza si svilupperà sul tema "Aspromonte". Il relatore principale sarà Alberto Gioffrè. CATANZARO Salvatore Scalzo incontra le associazioni catanzaresi Da giorni, Salvatore Scalzo, ha iniziato il suo personalissimo tour elettorale che lo sta portando in giro per la città. L’appuntamento è fissato per oggi , presso la sede del comitato elettorale di via Cirimele (nei pressi del liceo scientifico “L. Siciliani”, sede di via Turco), alle ore 18.00. Progetto "Popoli in Cammino" Oggi , alle ore 9.00, presso l’aula magna dell’istituto tecnico industriale "E. Scalfaro", si terrà un incontro-convegno, quale giornata conclusiva del progetto "Popoli in Cammino", promosso dall’Uo pediatria di comunità dell’azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, e dalla commissione pari opportunità della provincia di Catanzaro. Apriranno i lavori il presidente della provincia di Catanzaro on.le Wanda Ferro ed il commissario straordinario dell’azienda sanitaria provinciale di Catanzaro dr. Gerardo Mancuso. Conferenza stampa di Giuseppe Scopelliti e degli assessori Trematerra e Caridi Venerdì 1 aprile , alle ore 11.30, nella sede di pal. “Alemanni”, il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti e gli assessori all’agricoltura, Luigi Trematerra, ed alle attività produttive, Antonio Caridi, ed il presidente di Unioncamere Calabria Roberto Salerno terranno un conferenza stampa. Verrà presentato l’evento “Vinitaly” 2011 che si terrà a Verona dal sette al dodici aprile. Seminari di diritto costituzionale sulla responsabilità Il dipartimento di studi giuridici della facoltà di giurisprudenza dell’Università “Magna Graecia” di Catanzaro, organizza un ciclo di “Seminari sul tema della responsabilità”. Le conferenze si terranno presso l’aula “Giovanni Paolo II” dell’edificio dell’area giuridica del campus Salvatore Venuta (Loc. Germaneto). Giovedì 31 marzo , alle ore 11.00, il prof. Paolo Caretti, parlerà di “Responsabilità del Governo”. Mercoledì 13 aprile , alle ore 11.00, ilprof.GaetanoSilvestri,relazionerà su “Responsabilità e separazione dei poteri”.

COSENZA Presentazione campagna valorizzazione isola pedonale Sarà presentata oggi , alle ore 11.00, nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, la campagna di promozione e valorizzazione dell’isola pedonale e dintorni voluta dall’assessorato alle attività economiche e produttive del Comune di Cosenza. Alla conferenza stampa parteciperanno l’assessore alle attività economiche e produttive Marco Ambrogio e l’ideatore della campagna di promozione Andrea Vulpitta. VII convegno scientifico della fondazione Lilli La Fondazione “Lilli Funaro” rinnova l’appuntamento annuale con il convegno scientifico, arrivato alla sua settima edizione. Quest’anno si svolgerà nei giorni 1 e 2 di aprile , pressolaBibliotecaNazionalediCosenza. Il tema su cui verterà la due giorni di lavori, affronta una questione di grande attualità: “Ricerca e servizi in oncologia: approfondimenti di alcuni servizi innovativi”. Francesco Storace a Cosenza Venerdì 1 aprile , Francesco Storace segretario nazionale La Destra, sarà

REGGIO CALABRIA “LiberArchitettura” Organizzatadall’UniversitàMediterranea di Reggio Calabria, da Libera, Associazioni nomi e numeri contro le mafie, dall’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati e dal Centro Servizi al Volontariato dei Due Mari, si terrà oggi , a Reggio Calabria “LiberArchitettura”, una giornata di riflessione sul riutilizzo a fini sociali dei beni confiscati alla criminalità organizzata e sulla formazioneediffusionediunasolidacultura della legalità. L’evento, che si avvale del patrocinio del Comune di Reggio Calabria sarà ospitato presso i locali della Facoltà di Architettura. Sul tema del “Riutilizzo a fini sociali dei beni confiscati alla criminalità organizzata”, ci si confronterà in un convegno a partire dalle ore 9.30 presso l’Aula Magna della Facoltà di Architettura. Dopo i saluti istituzionali di Massimo Giovannini, Francesca Fatta, Luigi Varratta, e Giuseppe Raffa, relazioneranno DavidePati,RosaQuattrone,DarioCa-

Convegnoconoscereeprevenirele calamità naturali La Cooperativa Capo Sud e l’AssociazioneMeteoWebOnlushannoorganizzato un incontro di informazione e formazione che si terrà a Reggio Calabria presso l’auditorium “Centro Civico” di Ravagnese giovedì 31 marzo , a partire dalle ore 15.30. Il titolo del convegno è “Conoscere e prevenire le calamità naturali in caso di eventi sismici, alluvioni, terremoti e maremoti” dove relazioneranno docenti dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria. L’incontro, sarà moderato da Peppe Caridi, saluti delle autorità GiuseppeRaffa,GiuseppeMorabito. Interverrà poi Franco Torchia. Gli interventi tecnici vedranno protagonisti Giuseppe Bombino e Vinceno Barrile. I lavori saranno conclusi

dall’interventodelGovernatoredella Calabria, on. Giuseppe Scopelliti. Iniziativa sulla filiera del sapere Venerdì 1 aprile , alle ore 17.00, presso la sala consiglio provinciale di Reggio Calabria si terrà un’iniziativa pubblica scuola e università di qualità per costruire il futuro in Calabria e in Italia. Intervengono: Giovanni Crotti; Francesco Barillà; Daniela Iacopino; Domenico Marino; Roberto Vinci; Ercole Nucera; Nino Spezzano; Leo Stilo; Nino Zumbo. Workshop “Stop ‘ndrangheta - La meglio Gioventù” Il workshop di 3 giorni, presso l’aula magna di ateneo A. Quistelli prosegue giorno 13 e 21 aprile . Il Workshop è denominato “Stop ‘Ndrangheta realizzato con il finanziamento dell’agenzia nazionale giovani all’interno del programma della Commissione Europea “Gioventù in Azione” ed il Forum Nazionale dei Giovani. Tavola rotonda: educazione, speranza, città: in ascolto per servire Il 13 aprile , alle ore 18.00, presso l’aula magna "Quistelli" dell’Università "Mediterranea" di Reggio Calabria, si terrà la tavola rotonda "Educazione, Speranza, Città: in ascolto per servire. Presentazione di “Educare alla vita buona del Vangelo” - Orientamenti Pastorali dell’Episcopato Italiano per il decennio 2010-2020" organizzata dall’ufficio Diocesano Educazione, scuola, Università. RENDE Convocazione assemblea dei soci Cus Cosenza Si terrà il 13 aprile , in doppia convocazione, l’elezione del Consiglio Direttivo del Cus Cosenza, alla scadenza del mandato triennale. Il consiglio direttivo del Cus, ha convocato l’assemblea per giorno 13 aprile, alle ore 17.00, in prima convocazione, e alle ore 18.00 in seconda convocazione. L’Assemblea si svolgerà presso la sede sociale, sita in via Pietro Bucci a Rende. CALABRIA Campagna “Fiori d’Azzurro 2011” Sabato 16 e domenica 17 aprile , contro l’abuso, la violenza fisica, sessualeepsicologicasuibambini,Telefono Azzurro sarà nelle piazze calabresi con le ortensie, simbolo della tradizionale campagna “Fiori d’Azzurro” che vedrà 10.000 volontari impegnati in oltre 2200 piazze italiane per raccogliere i fondi necessari al sostegno delle Linee d’Ascolto. Per conoscere le piazze di Fiori d’Azzurro: www.azzurro.it - 800.090.335


Mercoledì 30 Marzo 2011 il Domani 27

CARTELLONE Rappresentazione Teatrale “Eresia” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari 10.00/13.00; 16.00/19.00. Vernissage 9 aprile 2011, alle ore 19.00, presso Spazio Culturale Nonsense, Via Pio XI. Introduce: Katia Colica.

CARDETO "Saperi e sapori della nostra arte bianca" La Comunità del Grano in Aspromonte della Condotta Slow Food Reggio Calabria, Area Grecanica invita a partecipare ad un nuovo evento conviviale che avrà luogo a Cardeto domenica 3 aprile 2011 , “Saperi e sapori della nostra arte bianca”. Info: 0965/343696 - 329/3436179 iltipicocalabrese@libero.it CASTROVILLARI XII Stagione Teatrale Comunale "A’ Ciarra" Sabato 2 e domenica 3 aprile , alle ore 21.00, al Teatro Sybaris di Castrovillari, il Teatro Della Sirena presenta “A’ Ciarra”, libera elaborazione drammaturgica e regia di Giuseppe M. Maradei, con Rosario Rummolo e Fabio Pellicori. CATANZARO Spettacolo teatrale di Stefano Nosei Lo spettacolo teatrale di Stefano Nosei, è stato rinviato a giovedì 31 marzo 2011 , alle ore 21.00, al Teatro Masciari.Perqualsiasiinformazione si può contattare il teatro Masciari al numero 0961721490 I corso regionale per Musicalizadores di Tango Argentino L’associazione culturale "Humus Vitae" sita a Catanzaro Lido, in via Nazionale,propone il progetto dal titolo: Primo concorso regionale a premi per musicalizadores, al fine di promuovere in Calabria, attraverso lamusica,laculturadeltangoargentino. Presidente di giuria Felix Picherna. La data di realizzazione del corso è il 9 aprile . Info: 338/1480684 Torna al Marca la grande pittura Torna al Museo Marca di Catanzaro la grande pittura internazionale, con “Berlino anni 80”. E’ su l’irrepetibile fase vissuta dall’arte a Berlino che si concentra l’esposizione proposta dal Marca. La rassegna, a cura di Alberto Fiz, s’inaugura il 30 aprile per rimanere aperta sino al 9 ottobre ed è promossa dalla Provincia di Catanzaro – assessorato alla cultura con il sostegno della Regione Calabria, del Ministeroperibenieleattivitàculturali e della direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Calabria. La mostra sarà accompagnata da un’ampia monografia in italiano e inglese curata da Alberto Fiz. Mostra "Sensazioni" Fino al 30 aprile , sarà possibile ammirare le opere dell’artista Radu Vincenzo Chiarella in arte Harceus, presso il Cafè Ine tutti i giorni, con il patrocinio dell’agenzia Cantelmi Network. COSENZA “Motion” Oggi , ore 21.00, al Teatro dell’Acquario, Scenari Visibili (Lamezia T. Catanzaro) presenta “Motion” liberamente ispirato a “Il gioco della memoria” di A. Camilleri, di e con

Maratona Antimafia

L’Amministrazione, grazie al finanziamento della Regione Calabria, nella ricorrenza dei 450 anni dall’eccidio dei Valdesi di Guardia Piemontese (5 giugno 1561), porterà in scena le più significative lettere dal carcere del protagonista della storia dei Valdesi di Calabria, G. L. Pascale, scritte durante la sua prigionia nel carcere di Fuscaldo prima, e di Cosenza poi. La rappresentazione teatrale "Eresia" - Atto unico tratto dall’epistolario dal carcere di G. L. Pascale, si terrà il 31 marzo , alle ore 20.00, presso il Cinema- Teatro “La Sirenetta” di Guardia Piemontese Terme. L’ingresso è gratuito. L’opera teatrale è stata curata dalla Compagnia Teatrale “La Buffa” - Agitatori Culturali di Amantea. Il regista, Virgilio Gallo, parlando dell’opera precisa che

“a partire dalla cinquecentesca lingua aulica delle lettere dell’intellettuale Occitano, fedelmente riportata nel testo teatrale, si materializzano sulla scena figure di volta in volta concrete o surreali, nelle quali traspaiono lo stesso Gian Luigi, la sua amata Camilla, il popolo Valdese, i suoi aguzzini, il "narratore" della tragica vicenda, per finire alle fiamme che lo hanno consumato. In alcuni momenti anche una sorta di "Angeli custodi" e "pensieri" coagulano per prendere forma in una composizionedrammaturgicanella quale si intersecano una sorta di "inquadrature" che rimandano ad una regia di tipo cinematografico.” Le apparizionedeipersonaggi,inframmezzate a suggestive musiche di scena, descrivono l’intrecciarsi di avvenimenti che hanno segnato la

storia della piccola minoranza linguistica occitana di Calabria di fede valdese nel secolo XVI. In una lettera scritta il 10 maggio 1560, il pastore valdese, consapevole dell’ormai prossima morte, così scriveva agli “agli amici di Ginevra”: “desidero che le mie lettere siano stampate a spese mie e, dopo che il Signore mi avrà chiamato a sé, vengano sparse in questo paese...” Nessuna preoccupazione di vanità personale lo muoveva, desiderava definire le ragioni di questo suo desiderio, che sono “l’edificazione del Regno di Cristo e la rovina dell’Anticristo”. Questa opera teatrale certamente contribuirà a diffondere ancor di più la conoscenza di un’importante micro storia della Comunità Guardiola, nel panorama della macro storia della Nazione Italia.

Dario Natale. Documenti fotografici Angelo Maggio; luci e fonica Maria Teresa Guzzo; tecnica Gianluca Vetromilo.

retrospettiva-tributo, fortemente voluta dal Presidente del Consiglio comunale Antonio Ciacco, e dedicata dall’Amministrazione comunale di Cosenza al grande regista, in programma fino al 21 aprile al Cinema Italia-Tieri e alla Casa delle Culture.

e Qualità Ospedale “Giovanni Paolo II” -Viale Perugini,siterrà lapresentazione del progetto Pic, Prevenzione Ictus Cerebrale. Ore 10.30, inizio lavori. Saluti di benvenuto Antonio Giacobbe; Gianni Speranza; Gerardo Mancuso. Interventi Antonio Giacobbe; Francesco Esposito; Giovanni Paola. Dibattito. Conclusioni Michelangelo Ambrosio.

Commedia "Una volta nella vita" L’associazione culturale Arte Senza Tempo in collaborazione con Teatro della Luna Storta presenta "Una volta nella vita" di Giovanni Clementi, regia di Francesco Tosti presso il teatroCinemaItaliasabato2aprile,alle ore 21.00. Ingresso euro 10,00 (parte del ricavato viene devoluto in beneficenza) "La Divina Commedia" al Teatro Rendano A Cosenza e in tutta la provincia è esplosa una vera "dantemania". Continua, la corsa al biglietto per la colossale Opera Musicale "La Divina Commedia" che andrà in scena il 5 e 6 aprile al Teatro Rendano di Cosenza, organizzata dalla Show Net di Ruggero Pegna con il Patrocinio del Comune di Cosenza. Verso il tutto esaurito le due repliche mattutine riservate agli studenti, mentre prosegue a gran ritmo la vendita dei biglietti per le repliche serali delle ore 21.00, per le quali l’organizzazione ha previsto anche sconti per gruppi cattolici e comitive. (Per informazioni: 0968441888, fax 0968449005, oppure email info:ruggeropegna.it). Inprimafila (tel. 0984795699). Retrospettiva dedicata a Mario Monicelli “Mario Monicelli. La Storia in forma di Commedia”. E’ il titolo della

CROTONE “Volare - Omaggio a Domenico Modugno” Gennaro Cannavacciuolo sarà al Teatro Apollo di Crotone, in data 1 aprile , ore 20.30, nel recital “Volare - Omaggio a Domenico Modugno”, Regia: Marco Mete; Trio Bucci. Organizzata da Rete Imprese Italia, dall’Aeroporto Sant’Anna e patrocinata dalla Camera di Commercio di Crotone, la serata andrà a sostegno dell’orfanotrofio di Crotone. Il prezzo del biglietto è stato fissato a euro 10 e può essere ritirare presso il botteghino stesso del “Teatro Apollo”. LAMEZIA TERME Presentazioneromanzo“Lamarea umana” Oggi , alle ore 10.00, nella sala della biblioteca del liceo classico “F.Fiorentino” lo scrittore e saggista Franco Cordelli presenterà il suo ultimo romanzo “La marea umana” ed. Rizzoli. Cordelli incontrerà gli alunni delle terze classi del liceo con interventi degli insegnanti De Bartolo,Chierchia,Colistra,Mercuri,Milano. Progetto Pic Sabato 2 aprile 2011 , alle ore 10.30, presso la sala convegni Formazione

MORANO CALABRO La commedia “Il Medico dei pazzi” Continua con successo e senza sosta la stagione di Teatromusica 2010-2011. Il nuovo spettacolo, in programma per domenica 3 aprile , alle 19.00, all’Auditorium comunale è “Il Medico dei pazzi”, commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta nella rivisitazione della compagnia Aprustum di Castrovillari. La stagione di TeatroMusica è ideata e organizzata dalla compagnia moranese “L’Allegra Ribalta”, presieduta da Massimo Celiberto, sotto la direzione artistica di Franco Guaragna REGGIO CALABRIA Spettacolo teatrale "Gli innamorati" Oggi e 31 marzo , alle ore 21.00 presso il Teatro Odeon di Reggio Calabria sarà in scena "Gli innamorati" di Carlo Goldoni, produzione scena nudacompagniateatrale(Rc).Regia di Filippo Gessi. Personale pittorica di Kreszenzia Gehrer Die Erde la terra e il cemento. Personale pittorica di Kreszenzia Gehrer, 9 - 17 aprile 2011 . Orari di apertura:

Nell’ambito della giornata della "Gerbera Gialla 2011" organizzata dal Coordinamento Nazionale Antimafia "Riferimenti", istituzionalizzatacomeGiornataRegionaleAntimafia e prevista per il 3 maggio , a Reggio Calabria con la partecipazione del Procuratore Nazionale Antimafia Piero Grasso, si comunica che sono aperte le iscrizioni per la maratona contro la mafia che si correrà dal rione Archi attraversando le vie del Centro di Reggio.Tutti potranno comunicare la propria adesione a correre contro la mia mafia tutte le mattine dalle 9.00 alle 13.00, alla sede di "Riferimenti" in Via XXV Luglio 1/A, al numero di telefono 0965-312841 segreteria@riferimenti.org Premio Internazionale d’arte e cultura “Omaggio a Cilea” Venerdì 6, sabato 7 e domenica 8 maggio , il Teatro Comunale Francesco Cilea di Reggio Calabria, ospita la XVII edizione del Concorso Internazionale per cantanti lirici “Francesco Cilea”, organizzato dall’associazioneGrandiEventiTeatrali . RENDE Unical Via Crucis Sarà S.e. Rev.ma Mons. Giuseppe Fiorini Morosini, vescovo di Locri-Gerace, e delegato della Conferenza Episcopale Calabra per la Pastorale Giovanile, a presiedere la Via Crucis in programma per venerdì 15 aprile , sul ponte "Pietro Bucci" del Campus Universitario di Arcavacata di Rende. L’evento è organizzato dai sacerdoti del Sacro Cuore di Gesù Dehoniani e dalle suoremaestrediS.Dorotea.IlSacro RitochesisvolgerànelCampus,presieduto dal vescovo Morosini, avrà inizio esattamente nell’area delle pensiline universitarie, dalle quali si procederà lungo tutto il ponte dell’Ateneo, dove verranno collocate le quattordici "Stazioni". SIDERNO Premio letterario Città di Siderno Emanato il bando dell’ottava edizione del Premio Letterario Città di Siderno “Armando La Torre”.Il concorso quest’anno prevede un’unica sezione di narrativa e saggistica, aperta ad autori ed editori italiani e stranieri, con opere scritte in lingua italiana e pubblicate negli ultimi due anni. Le opere dovranno pervenire alla segreteria del Premio entro la data del 30 aprile .La giuria, sarà presieduta da Walter Pedullà.


28

il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011

IL DOMANI DELLA CULTURA

Barbara Bloom, "High res original", s. d.

Alla galleria Raffaella Cortese di Milano va in scena fino al 14 maggio l’indagine sugli oggetti fatta dall’artista statunitense

Il dono del presente nelle opere della Bloom Gianmarco Volpe Ci sono posti nel pianeta che si conosco grazie alle interpretazioni di artisti e intellettuali che, seppur capaci di regalare uno squarcio su un mondo lontano, tendono a omologare il tutto in una visione comune. E poi ci sono altre parti, dello stesso mondo, che vengono indagate con occhio critico da artisti come Barbara Bloom, in mostra alla galleria Raffaella Cortese di Milano dallo scorso 24 marzo. "Present" arriva da lontano. A spiegarcelo è l’artista stessa: «In Birmania abbiamo visitato Bagan e il suo vasto altopiano con centinaia di pagode e templi. L’arida bellezza del posto e il caldo dell’estate ci avevano tolto il fiato. Mentre andavamo da un tempio all’altro, i bambini ci salutavano urlando: "Present, present". La parola risuonava come richiesta di un piccolo dono e come il travolgente annuncio che erava-

mo lì, insieme, a condividere quel singolare momento, "The present"». Barbara Bloom riflette da sempre sul valore, sul significato, sull’essenza degli oggetti; la sua arte testimonia un’attività di profonda ricerca concettuale oltre che di perfetta rappresentazione estetica. La sua seconda monografica alla galleria Raffaella Cortese di Milano pensa al regalo come messaggio tra due esseri umani, in tutti gli aspetti, positivi e negativi, che ne racchiudono al contempo fascino e mistero. Perché se da un lato il dono è in sé una piccola opera d’arte, testimone di due mondi, quello del donatore e quello del destinatario, che vengono a contatto e si fanno oggetto, dall’altro va tenuto a mente che in tedesco "gift" sta per "veleno". La Bloom, artista nata a Los Angeles nel 1951, ci porta a riflettere, con ironia e acutezza, sui riferimenti sottotraccia che stanno al di là dell’oggetto-regalo, in un continuo gioco di allusioni. Inter"The secret garden" è il progetto di Marco Colletti esposto al Margutta ristorarte, a cura di Francesca Barbi Marinetti. Vengono esposti tre cicli di opere: i giardini, la teogonia degli abissi e i ritratti. La tecnica si compone di fotografia e pittura digitale in una stratificazione che crea un mondo fantastico. Punto di partenza l’immagine fotografica su cui poi l’artista interviene con la pittura digitale. La sensazione che si prova di fronte a queste opere riporta a un’essenza mistica, alla ricerca del divino. Figure antropomorfe, elementi vegetali, architetture sognate, giardini isolati, sono il fulcro di un immaginario ricco e surreale. Lo stesso artista dichiara: «Devo fare opere che mi danno il piacere di stare al mondo

Il giardino segreto Roma, Marco Colletti al Margutta ristorarte fino al 6 aprile Claudia Quintieri

Barbara Bloom, "Shanghai pigment street", 2001

Una profonda ricerca concettuale frutto di una continua riflessione sul valore, sul senso sull’essenza delle cose anche a costo di immaginarne un altro». Ed è proprio questa visione parallela che viene esternata. C’è, nell’artista, un approccio lirico nel modo di esprimere sensazioni, emozioni, ma anche universi e luoghi della fantasia. La poesia trapela fra le figure lievi nel loro dialogare con ciò che le circonda, spesso foriere di solitudine. Colpisce l’eleganza delle opere. La realizzazione finale dei lavori ci conduce ad una epifania dove l’estetica raffinata è punto di partenza per il piacere di guardare. C’è una componente di preziosità che capovolge la fruizione del quotidiano in una conturbante sensualità. La figura femminile, stravolta e reinventata, oggetto di trasformazioni, è spesso protagonista delle divagazioni formali che adescano lo spettatore portandolo in un contesto altro. Il mondo di Marco Col-

pretare il dono, d’altronde, è attività cui siamo già avvezzi senza probabilmente essercene mai accorti: "Present" ci accompagna nella lettura dell’oggetto e delle relazioni che si stagliano dietro di esso, quei due mondi che nel venire a contatto diventano testimoni di un’umanità che vive, per l’appunto, il suo presente. letti ha una radice classica che viene poi rivisitata attraverso il digitale. C’è la continua ricerca di rendere attuale antri segreti che spesso rimangono imbrigliati nelle maglie della interiorizzazione. Fino 6 aprile Info: 0632650577.

Marco Colletti, "The burning bush", s. d.

La mostra, inaugurata il 24 marzo dalla Bloom e dal curatore Andrea Viliani, resterà aperta alla galleria Cortese di Milano (via Stradella, 7) fino al 14 maggio prossimo. L’ingresso è libero dal martedì al sabato, dalle 15 alle 19.30. Info: 022043555; www.galleriaraffaellacortese-

Tra fotografia e pittura digitale in una stratificazione che crea un altro mondo


Mercoledì 30 Marzo 2011 il Domani 29

IL DOMANI DELLA CULTURA

Mimmo Centonze davanti all'opera Capannone, foto Manuela Giusto

Mimmo Centonze, dipingere la vita Il talento lucano: «Dai capannoni industriali al boss Totò Riina tutto merita di essere immortalato sulla tela» Maria Luisa Prete Un talento del contemporaneo, plasmato dalla tradizione. Mimmo Centonze, lucano, classe 1979, ha vinto il premio speciale Fondazione Roma per la terza edizione del Talent prize e si prepara a una personale al palazzo delle Esposizioni. Una promessa del contemporaneo italiano che verrà consacrata alla prossima Biennale firmata Sgarbi: è infatti nella lista ufficiosa degli artisti chiamati a rappresentare il Belpaese. Formatosi da autodidatta, studiando i grandi autori del passato, Centonze mixa con maestria e grande sensibilità tradizione e modernità, riuscendo a creare opere suggestive, nel solco della migliore figurazione italiana. «Le sue grandi tele ci disorientano e ci attraggono come la luce sul fondo di una caverna», dice di lui il critico ferrarese, suo mentore fin dagli esordi. L’artista racconta gli inizi e le tappe fondamentali della sua carriera. Come sei approdato alla pittura? «A 14 anni sono andato a Roma con le mie due sorelle. Siamo andati a salutare un caro amico, un ingegnere informatico che aveva l’hobby della pittura e riproduceva opere d’arte del passato. Al ritorno, mentre dormicchiavo sui sedili posteriori dell’auto, mi sono detto: questo lo so fare anch’io». Quali maestri ti hanno influenzato sia del passato che contemporanei? «Appena tornato da quel viaggio, mi sono dedicato allo studio dei trattati di pittura, antichi e moderni. Per sette anni non ho fatto altro che studiare le tecniche e poi applicarle copiando le opere dei maestri del passato. Ho iniziato con Leonardo, che mi ha attirato per il suo eclettismo, per l’interesse scientifico con il quale si rapportava sia al mondo che alla pittura e soprattutto per lo studio dell’anatomia. Ne ero talmente attratto che, per studiarle e disegnarle, ho portato nel mio studio un sacco pieno di ossa umane trovate in una fornitissima e segreta fossa comune nei

La potenza plastica nelle opere di Michelangelo mi ha sbalordito e quando ho afferrato la grandezza della personalità artistica di Tiziano qualcosa mi ha toccato nel profondo Sassi di Matera. La potenza plastica nelle opere di Michelangelo mi ha sbalordito. Quando ho afferrato la grandezza della personalità artistica di Tiziano e lo stregante uso che faceva del colore, qualcosa mi ha toccato profondamente. Gli ultimi autoritratti di Rembrandt mi hanno insegnato la sincerità. E poi Velasquez, Van Dyck e Frans Hals, che con quel suo immenso genio ha dato vita a pennellate taglienti e indipendenti, John Constable, per l’uso materico del colore e per i forti contrasti tonali nei suoi paesaggi, fino a Giorgio de Chirico e Lucian Freud. Anche Emilio Vedova mi ha stimolato: dipingere opere astratte è stata una parte importante del mio percorso che mi ha portato, dopo le figure, a realizzare con sicurezza di segno i capannoni di ferro vecchio e i monocromi. E poi maestri come Vivaldi e Mozart hanno rappresentato un grande nutrimento spirituale per la mia arte». Cosa vuoi raccontare nelle tue opere? «Mi interessa tutto ciò che è anche solo sfiorato dalla vita. Quando ho presentato il ritratto di Totò Riina, conservato nel museo della Mafia di Salemi, molti hanno chiesto quale bisogno c’era di ritrarre un boss mafioso. Per me, invece, ogni volto è adatto a un ritratto. Non esiste uno più meritevole di un altro. Ciascuno è un universo pieno di vita in continua trasformazione. Se fossi eterno ritrarrei più volte tutta l’umanità. Anche i resti di ferro vecchio, abbandonati nei capannoni, sono come degli oggetti di una natura morta doppiamente sfiorata dalla vita: prima co-

me frammenti già vissuti e poi risuscitati dalla luce che li invade». Cosa riesce a ispirarti? «Lo studio della Bibbia mi ha sempre ispirato. Sono anni che la leggo ogni giorno e la rileggo per intero ogni anno. Studiarla mi dà equilibrio emotivo e un vero scopo nella vita perché mi avvicina al creatore, che considero il più grande artista dell’universo visto che ha creato tutto ciò che ci circonda dal niente. Proprio come quando un artista crea un’opera straordinaria da una tela completamente bianca». Oltre che artista, sei anche curatore. Come vivi questo doppio ruolo? «Come una cosa normalissima. È naturale che chiunque si dedichi con molte energie e attitudine all’arte, poi possa avere la libertà e la competenza di discuterne, se interpellato. Fin dal 1500, un caso emblematico di un artista non già curatore, vista l’epoca, ma storico dell’arte fu quello di Giorgio Vasari, pittore e architetto che conosceva a fondo le tecniche artistiche delle opere delle quali parlava. Un esempio più recente è stato quello di Lucian Freud, considerato da molti "il più grande artista vivente", curatore di una grande retrospettiva sul pittore inglese John Constable». Vincitore di numerosi premi, non ultimo quello della fondazione Roma all’interno del Talent prize. Come vivi questi riconoscimenti del tuo lavoro? «È sempre un grande privilegio veder riconosciuto il proprio lavoro quando si è molto giovani e soprattutto ancora in vita.

Totò Riina, 2010

La storia ci insegna che non capita sempre e perciò lo apprezzo e cerco di non prenderlo mai per scontato. Sotto questo aspetto, devo moltissimo a Vittorio Sgarbi che, da quando mi ha conosciuto, è stato il mio vero padre artistico. Con lui non ho mai parlato espressamente delle mie opere ma quando ne ha scritto o riferito in pubblico è stato come se fosse entrato nella mia mente e nel mio cuore e avesse letto, semplicemente come in un libro, i miei pensieri più reconditi. C’è stata sempre una grande affinità reciproca. Sgarbi è un essere irripetibile e la sua sensibilità per le cose dell’arte è geniale. È rassicurante sentire l’appoggio di persone così energiche e piene di vitalità, così come lo è stato anche Emmanuele Emanuele, presidente della fondazione Roma e dell’azienda speciale Palaexpo, che assegnandomi il premio all’ultima edizione del Talent prize è come se mi avesse dato una paterna stretta di mano, incoraggiandomi a proseguire. Lui è davvero un moderno mecenate oltre che possente poeta, e attraverso la fondazione svolge una vigorosa attività di supporto all’arte, alla cultura e agli artisti. Sono immensamente grato e onorato di avere incontrato persone così speciali».


il Domani Mercoledì 30 Marzo 2011 31

SPETTACOLI-TV CANALE

06:10 - Sabrina, vita da strega 06:35 - TELEVENDITA Media shopping 06:55 - CARTONI ANIMATI Pixie e Dixie 07:05 - CARTONI ANIMATI Pixie e Dixie 07:15 - Le avventure di Piggley Winks 07:35 - Marco dagli Appennini alle Ande 08:00 - CARTONI ANIMATI Doraemon 08:20 - CARTONI ANIMATI C'era volta... Pollon 08:45 - TALK SHOW Fenomenal - 2a puntata 12:25 - TELEGIORNALE Studio aperto 12:58 - NEWS Meteo 13:00 - NEWS Studio sport - Anticipazioni 13:02 - NEWS Studio sport 13:40 - Cotto e mangiato - Il menù del giorno 13:50 - TELEFILM I Simpson 14:15 - TELEFILM I Simpson 14:40 - How I met your mother 15:05 - SITUATION COMEDY Camera café 15:35 - Camera café ristretto 15:45 - CARTONI ANIMATI Naruto Shippuden 16:15 - CARTONI ANIMATI Sailor Moon e il mistero dei sogni 16:45 - TELEFILM Merlin 17:35 - TELEFILM Smallville 18:28 - Studio aperto - Anticipazioni 18:30 - TELEGIORNALE Studio aperto 18:58 - NEWS Meteo 19:00 - NEWS Studio sport - Anticipazioni 19:02 - NEWS Studio sport 19:30 - TELEFILM C.S.I. Miami 20:30 - GIOCO Trasformat 21:10 - SHOW Le iene show 00:00 - SHOW Saturday night live 01:20 - SHOW Poker1mania 02:10 - Studio aperto - La giornata 02:25 - TELEFILM Beverly Hills, 90210 03:05 - TELEVENDITA Media shopping 03:20 - TELEFILM Beverly Hills, 90210 04:00 - FILM La scorta - con Claudio Amendola, Enrico Lo Verso, Carlo Cecchi - regia di Ricky Tognazzi (Italia) - 1993 05:35 - TELEVENDITA Media shopping 05:50 - SITUATION COMEDY Sabrina, vita da strega

06:00 - ATTUALITÀ Rai News - Morning News 06:30 - ATTUALITÀ Il caffè di Corradino Mineo 07:00 - RUBRICA TGR Buongiorno Italia 07:30 - RUBRICA TGR Buongiorno Regione 08:00 - Rai 150 anni. La Storia siamo noi 09:00 - Dieci minuti di... programmi dell'accesso 09:10 - RUBRICA Agorà - di attualità 11:00 - RUBRICA Apprescindere 11:10 - TELEGIORNALE TG 3 Minuti 12:00 - TELEGIORNALE TG3 12:25 - TELEGIORNALE TG3 Fuori TG 12:45 - RUBRICA Le Storie - Diario italiano 13:10 - TELEFILM La strada per la felicità 14:00 - TELEGIORNALE TG Regione 14:20 - TELEGIORNALE TG 3 14:50 - RUBRICA TGR Leonardo 15:00 - TELEGIORNALE TG3 L.I.S. 15:05 - TELEFILM Wind at my Back 15:50 - RUBRICA TG3 GT Ragazzi - per ragazzi 16:00 - RUBRICA Cose dell'altro Geo 17:40 - RUBRICA Geo & Geo 18:10 - PREVISIONI DEL TEMPO Meteo 3 19:00 - TELEGIORNALE TG 3 19:30 - TELEGIORNALE TG Regione 20:00 - ATTUALITÀ Blob 20:10 - RUBRICA Cotti e mangiati 20:35 - SOAP OPERA Un posto al sole 21:05 - RUBRICA Chi l'ha visto?

23:15 - TALK SHOW Parla con me 00:00 - TELEGIORNALE TG3 Linea notte 00:10 - TELEGIORNALE TG Regione 01:00 - RUBRICA Appuntamento al cinema 01:10 - RUBRICA Rai Educational - Gate C 02:10 - RUBRICA Fuori Orario. Cose (mai) viste 02:15 - NEWS RAInews 03:40 - RUBRICA Riflettendo con... 03:45 - ATTUALITÀ Usa 24 H 04:10 - ATTUALITÀ Dentro la notizia

06:00 - TELEGIORNALE Prima pagina 07:55 - NEWS Traffico 07:57 - NEWS Meteo 5 07:58 - NEWS Borse e monete 08:00 - TELEGIORNALE Tg5 - Mattina 08:40 - SHOW Mattino cinque 09:57 - REALITY SHOW Grande fratello pillole 10:00 - TELEGIORNALE Tg5 - Ore 10 Federica Panicucci e 10:05 - Mattino cinque Claudio Brachino condu11:00 - RUBRICA Forum cono la terza e dizione di “Mattino cinque” 13:00 - Tg5 13:39 - NEWS Meteo 5 13:41 - SOAP OPERA Beautiful 14:07 - REALITY SHOW Grande fratello pillole 14:10 - SOAP OPERA Centovetrine 14:45 - TALK SHOW Uomini e donne 16:15 - SHOW Pomeriggio cinque 18:05 - TELEGIORNALE Tg5 - 5 minuti 18:10 - SHOW Pomeriggio cinque 18:50 - GIOCO Chi vuol essere milionario 19:44 - TELEGIORNALE Tg5 - Anticipazione 19:45 - GIOCO Chi vuol essere milionario 20:00 - TELEGIORNALE Tg5 20:30 - NEWS Meteo 5 20:31 - SHOW Striscia la notizia - La voce dell'improvvidenza 21:11 - Riassunto - Non smettere di sognare 21:12 - Non smettere di sognare - 3ª puntata 23:30 - NEWS Matrix 01:00 - Tg5 - Notte 01:30 - NEWS Meteo 5 notte 01:31 - Striscia la notizia Il conduttore del 01:51 - TELEFILM Telefilm programma, Alessio Vinci 03:48 - Uomini e donne 05:18 - REALITY SHOW Grande fratello 05:31 - TELEGIORNALE Tg5-notte-replica 05:44 - NEWS Meteo 5 notte

06:00 - Tg La7/meteo/oroscopo/traffico 06:55 - RUBRICA Movie Flash - di cinema 07:00 - RUBRICA Omnibus - di attualità 07:30 - NEWS Tg La7 09:55 - RUBRICA (ah)iPiroso 10:50 - ROTOCALCO Life 11:25 - TELEFILM L'ispettore Tibbs 12:30 - TELEFILM Due South 13:30 - TELEGIORNALE Tg La7 13:55 - FILM La lunga ombra gialla - con Gregory Peck, Anne Heywood, Arthur Hill - regia di Jack Lee Thompson (USA) - 1969 15:55 - DOCUMENTI Atlantide 17:40 - RUBRICA Movie Flash - di cinema 17:45 - TELEFILM Mac Gyver 18:45 - TELEFILM Jag - Avvocati in divisa 19:40 - RUBRICA G Day 20:00 - TELEGIORNALE Tg La7 20:30 - RUBRICA Otto e mezzo 21:10 - RUBRICA Exit - Uscita di sicurezza 00:00 - TELEGIORNALE Tg La7 00:10 - RUBRICA Movie Flash - di cinema 00:15 - TELEFILM NYPD Blue 01:15 - RUBRICA Prossima fermata 01:30 - TELEFILM Cold Squad 02:25 - TELEFILM Mac Gyver 04:40 - RUBRICA Otto e mezzo 05:25 - RUBRICA Life

07:00 - TELEGIORNALE News 07:05 - MUSICALE Only Hits 08:00 - TELEFILM Ninas Mal 09:00 - SHOW Made 10:00 - MUSICALE Only Hits 12:00 - NEWS MTV News - Attualità 12:05 - MUSICALE Only Hits 13:00 - NEWS MTV News - Attualità 13:05 - SHOW Disaster Date 14:00 - NEWS Mtv News 14:05 - SHOW Made 15:00 - NEWS MTV News - Attualità 15:05 - TELEFILM Ninas Mal 16:00 - SHOW If You Really Knew Me 17:00 - SHOW Teen Cribs 18:00 - MUSICA TRL The Battle 19:00 - NEWS MTV News - Attualità 19:05 - SHOW Flight Of The Conchords 19:30 - NEWS Speciale MTV News 20:00 - TELEFILM Ninas Mal 21:00 - Vita segreta di una teenager americana 22:00 - SHOW 16 And Pregnant 23:00 - CARTONI ANIMATI South Park 00:00 - NEWS Speciale MTV News 00:30 - SHOW I Soliti Idioti 01:30 - SHOW My Super Sweet World Class 02:30 - RUBRICA Only Hits 04:00 - MUSICA Only Hits

Una nuova puntata del programma di Rai Tre che riceve una media di 40 mila telefonate l'anno e ha risolto finora numerosi casi internazionali. Anche questa sera lo staff sarà sulle tracce degli italiani scomparsi per aiutare i loro cari a ritrovarli. Quest'anno il programma avrà per la prima volta il pubblico in studio.

RETE 06:25 - TELEVENDITA Media shopping 06:40 - TELEVENDITA Media shopping 06:55 - TELEFILM Charlie's angels 07:55 - TELEFILM Nash bridges I 08:50 - TELEFILM Hunter 10:15 - TELEFILM Carabinieri 11:25 - TELEGIORNALE Anteprima tg4 11:30 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 11:54 - NEWS Meteo 11:58 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 12:00 - NEWS Vie d'Italia - Notizie sul traffico 12:02 - TELEFILM Wolff un poliziotto a Berlino 12:50 - TELEFILM Distretto di polizia 13:50 - RUBRICA Il tribunale di forum - Anteprima 14:05 - RUBRICA Sessione pomeridiana: il tribunale di forum 15:10 - TELEFILM Flikken coppia in giallo 16:15 - SOAP OPERA Sentieri 16:45 - FILM Dimmi la Verità - con Sandra Dee, John Gavin, Virginia Gray - regia di Harry Keller (USA) - 1961 18:50 - TELEGIORNALE Anteprima tg4 18:55 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 19:19 - NEWS Meteo 19:23 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 19:35 - TELEFILM Tempesta d'amore 20:30 - TELEFILM Walker Texas ranger 21:10 - FILM Attacco al potere - con Denzel Washington, Annette Bening, Bruce Willis regia di Edward Zwick (USA) - 1998 23:35 - SHOW I bellissimi di r4 23:40 - FILM Secret window - con Johnny Depp, John Turturro, Maria Bello - regia di David Koepp (USA) - 2003 01:35 - TELEGIORNALE Tg4 night news 02:00 - FILM Afyon Oppio - con Ben Gazzara, Fausto Tozzi, Jess Hahn - regia di Ferdinando Baldi (Francia) - 1972 03:40 - TELEVENDITA Media shopping 03:55 - SHOW Peste e corna e gocce di storia 04:02 - SHOW Come eravamo 05:15 - TELEGIORNALE Tg4 night news 05:35 - SHOW Peste e corna e gocce di storia 05:40 - TELEFILM Questa casa non è un albergo

1

ITALIA

06:00 - Prove Tecniche di Trasmissione 06:30 - RUBRICA Secondo canale 07:00 - RUBRICA Cartoon Flakes - per ragazzi 07:01 - CARTONI ANIMATI Stitch! 07:25 - CARTONI ANIMATI Il libro della giungla 07:35 - CARTONI ANIMATI Pop Pixie 07:50 - CARTONI ANIMATI Larva 07:55 - RUBRICA L'Albero Azzurro - per ragazzi 08:15 - CARTONI ANIMATI Pocoyo 08:20 - CARTONI ANIMATI La casa di Topolino 08:45 - Le principesse del mare 09:10 - Le nuove avventure di Braccio di Ferro 09:20 - CARTONI ANIMATI Billy The Cat 09:45 - RUBRICA Rai Educational - Crash files 10:00 - RUBRICA Tg2punto.it - di attualità 11:00 - SHOW I Fatti Vostri 13:00 - NEWS TG 2 - GIORNO 13:30 - RUBRICA TG 2 Costume e Società 13:50 - RUBRICA Medicina 33 14:00 - RUBRICA Pomeriggio sul 2 - di attualità 16:10 - TELEFILM La signora in giallo 17:00 - TELEFILM Top Secret 17:45 - TELEGIORNALE TG 2 Flash L.I.S. 17:50 - NEWS Rai TG Sport - Sport 18:15 - NEWS TG 2 18:45 - TALK SHOW Maurizio Costanzo Talk 19:40 - REALITY SHOW L'Isola dei Famosi 20:30 - NEWS TG2 - 20.30 21:05 - Herbie il super maggiolino - con L. Lohan, M.Keaton, M. Dillon - regia di A. Robinson 22:50 - NEWS TG 2 23:05 - SHOW Base Luna 00:05 - RUBRICA Rai 150 anni. La storia siamo noi 00:55 - RUBRICA TG Parlamento - di politica 01:05 - REALITY SHOW L'isola dei Famosi 01:40 - PREVISIONI DEL TEMPO Meteo 2 01:45 - RUBRICA Appuntamento al cinema 01:50 - RUBRICA Rai Sport - Reparto corse 02:20 - RUBRICA Sereno Variabile 04:00 - RUBRICA Secondo canale 04:15 - RUBRICA Università Telematica Internazionale UniNettuno - di didattica 04:16 - RUBRICA Diritto dell'Unione Europea

CINEMA

06:00 - NEWS Euronews 06:10 - RUBRICA Aspettando Unomattina - di attualità 06:30 - TELEGIORNALE TG 1 06:45 - RUBRICA Unomattina 07:00 - TELEGIORNALE TG 1 07:30 - TELEGIORNALE TG 1 L.I.S. 07:35 - NEWS TG Parlamento 08:00 - TELEGIORNALE TG 1 08:20 - RUBRICA Tg1 Focus di attualità 09:00 - TELEGIORNALE TG 1 Eleonora Daniele conduce 09:30 - TELEGIORNALE TG 1 - Unomattina e da quest’anno sarà FLASH coadiuvata da 09:35 - PREVISIONI DEL Michele Cucuzza TEMPO Linea Verde che così torna in tv dopo 10 anni Meteo Verde 10:00 - SHOW Verdetto Finale 10:50 - RUBRICA Appuntamento al cinema 11:00 - TELEGIORNALE TG 1 11:05 - RUBRICA Occhio alla spesa 12:00 - GIOCO La prova del cuoco 13:30 - TELEGIORNALE TELEGIORNALE 14:00 - RUBRICA TG1 Economia - di economia 14:10 - RUBRICA Se...a casa di Paola - di attualità 16:10 - RUBRICA La vita in diretta 16:50 - RUBRICA TG Parlamento - di politica 17:00 - TELEGIORNALE TG 1 17:10 - PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 18:50 - GIOCO L'Eredità 20:00 - TELEGIORNALE TELEGIORNALE 20:30 - RUBRICA Qui Radio Londra 20:35 - GIOCO Affari Tuoi 21:10 - EVENTO Centocinquanta 23:10 - GIORNALE RADIO TG1 60 Secondi 00:45 - TELEGIORNALE TG 1 - NOTTE 01:15 - PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 01:20 - RUBRICA Qui Radio Londra 01:25 - RUBRICA Appuntamento al cinema 01:30 - SHOW Sottovoce 02:00 - RUBRICA Rai Educational - Art News 02:30 - RUBRICA Mille e una notte - Musica 05:00 - VIDEOFRAMMENTI DA DA DA 05:45 - NEWS Euronews

06:30 Sesso, bugie e... difetti di fabbrica 08:00 Grey Gardens - Dive per sempre 09:45 Boris - Il film - Speciale 10:00 Operazione Spy sitter 11:35 La vita e' una cosa meravigliosa 13:20 Genitori e figli - Speciale 13:40 Bangkok Dangerous - Il codice... 15:25 Mission: Impossible 17:20 Senza apparente motivo 19:10 Genitori & figli - Agitare bene prima... 20:55 Sky Cine News - Boris 21:10 Io sono l'amore 23:05 Codice Genesi - Extra 23:20 Green Zone 01:15 The road

03:10 Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo 03:30 Il silenzio degli innocenti 05:30 Genitori e figli - Speciale 05:45 Bangkok Dangerous - Il codice... IO SONO L’AMORE Un film di Luca Guadagnino. Con Tilda Swinton, Flavio Parenti, Edoardo Gabbriellini, Alba Rohrwacher, Pippo Delbono Genere: Drammatico Durata 116 min. Italia 2009. Emma è la moglie "straniera" e composta di Tancredi Recchi, influente esponente dell’alta borghesia industriale lombarda. Sposati senza amore, Emma e Tancredi vivono tra agi e ipocrisie in una grande villa nel cuore di Milano insieme ai loro tre figli: Elisabetta, Edoardo e Gianluca. Prossimo al padre per cinismo e concretezza, Gianluca si distingue dai suoi fratelli, sensibili e idealisti come Emma, che veglia amorevole sulla loro felicità precaria. Edoardo, orgoglio della madre, delude invece le aspettative del padre ripiegando sulla gestione di un ristorante bucolico in società con Antonio, un giovane chef di talento e di bassa estrazione sociale. L’ingresso in scena di Antonio sovvertirà equilibri e destini con la forza e la "portata" dell’amore.


il domani  

Edizione del 30 Marzo 2011

Advertisement