Issuu on Google+

Catanzaro il Domani dello Sport

Edizione Il domani dello sport

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

www.ildomanidellosport.it

Domenica 29 Aprile 2012 > euro 1,00 > Anno XV - Nr. 105

Dopo Roma-Napoli altro spareggio per il terzo posto tra Udinese e Lazio

IL PARI NON SERVE CRONACA

UDINESE-LAZIO

All’interno supplemento GIOCHI E SCOMMESSE del 29/4/2012

CATANZARO

Finalmente è giunto il grande giorno. Con un pareggio sul campo del Fondi il Catanzaro sale matematicamente in Iª Divisione a pag. 4

1

Consiglia

REGGINA Vittoria di rigore per la Reggina sull’AlbinoLeffe al Granillo. Belardi para un rigore, poi Ceravolo dal dischetto segna il gol da 3 punti a pag. 5

X

2.20

2.20

3.25

Padre e figlia uccisi a Villapiana a colpi di fucile. Escluso l’omicidioa pag. 2 suicidio

3.30

MILAN Allegri non si fa illusioni: «Noi possiamo sempre vincere ma se la Juventus non rallenta lo scudetto è suo. Sulle tre stelle no-comment» da pag. 7

2

3.25

3.20


2 il Domani dello Sport

Domenica 29 Aprile 2012

CRONACA CALABRIA

IL MISTERO DI VILLAPIANA

Uccisi padre e figlia di 26 anni. Sulla vicenda indagano i Carabinieri. Esclusi i suicidi

L’

Felice Stanca

unica certezza che si può riferire è che si è trattato di una mattanza, con due vittime devastate da colpi di fucile ed un ferito, testimone oculare dell'accaduto e interrogata dai carabinieri, nell'ospedale di Rossano dove è ricoverata. Le due vittime del grave fatto di sangue sono Vincenzo Genovese, 67 anni, di Villapiana, e la figlia Rosa, di 26 anni. In prognosi riservata ma, pare, non in pericolo di vita, Domenica Rugiano, 54 anni, moglie di Vincenzo e madre di Rosa. Lo scenario della mattanza è una casa colonica in aperta campagna, in un'area scarsamente abitata, lungo la provinciale che collega lo Scalo al centro cittadino di Villapiana, in contrada Ficara del Rosario, poco distante dal campo di calcio “San Francesco”. Al momento, gli investigatori non escludono alcuna ipotesi, compresa quella che l'accaduto possa essersi verificato nella mattinata di ieri, anche se l'allarme è scattato solo nel tardo pomeriggio, tra le 19 e 30 e le 20, allorquando un cercatore di asparagi, sentendo abbaiare il

Le due vittime raggiunte da colpi di fucile che hanno causato ferite devastanti. Un ferito ricoverato a Rosarno

cane nel cortile della casa, si è avvicinato e vedendo un uomo riverso per terra ha avvisato i carabinieri. Da lì a poco, quella casa di campagna si è trasformata in una sorta di quartier generale dell'Arma con il progressivo arrivo sul posto dei carabinieri della Stazione di Villapiana Scalo, poi del capitano Pierpaolo Rubbo, comandante della Compagnia di Corigliano, del colonnello Francesco Ferace, comandante provinciale dell'Arma, accompagnato dal tenente colonnello Franzese, responsabile del nucleo operativo. Nell'immediatezza della scoper-

ta dei due cadaveri, l'ipotesi più accredita è stata quella dell'omicidio - suicidio. Il padre litiga con la figlia, perde la testa e le spara un colpo di fucile alla coscia. La ragazza, riversa in pozza di sangue, è stata trovata nella prima stanza della casa. La madre, siamo sempre nel campo delle primissime ipotesi, si interpone tra il marito e la figlia e viene attinta da una fucilata che, per sua fortuna, non si rivela mortale. La donna viene attinta al femore, alla parte pelvica ed al torace e viene trasferita, con un'ambulanza del 118 partita da Trebisacce, presso l'ospedale di Rossano. L'uomo, disperato per il gesto omicida compiuto, si toglie la vita sparandosi una fucilata al volto. Questa la prima ipotesi, accreditata fino a quando un attento sopralluogo l’ha fatta vacillare. Sulla scena di quello che sembrava un omicidio - suicidio, i tasselli del puzzle non combaciavano. E, quello che sembrava un caso risolto in un baleno, assume le tinte del giallo. Perché. La ragazza, Rosa, è stata trovata nella prima stanza

L’ipotesi iniziale di omicidio-suicidio è stata protamente accantonata. La ragazza ritrovata in casa, il padre su una panchina

della casa; la madre, Domenica, era riversa sul letto, nella camera accanto. L'uomo, come detto devastato da una fucilata in viso, è stato trovato inginocchiato, con la testa poggiata su una panchina, distante dalla casa, sul marciapiedi di un altro fabbricato rurale usato come magazzino. L'arma del delitto, probabilmente un fucile da caccia, è stato rinvenuto nel corridoio della casa colonica, distante circa quaranta metri dall'uomo che lo avrebbe imbracciato per sparare contro la figlia e la moglie, prima di suicidarsi con la stessa arma. Un uomo, colpito in volto da una fucilata spara-

ta a bruciapelo, difficilmente è in grado di percorrere quaranta metri prima di crollare. Da qui, l'ipotesi che potrebbe non trattarsi di omicidio - suicidio. Come detto, le forze dell'ordine non scartano alcuna ipotesi, compresa quella che possa essere stata presente una quarta persona sulla scena del delitto alla quale attribuire la mattanza. Un ruolo chiave, per dipanare una matassa che al momento sembra alquanto ingarbugliata, lo ha Domenica Rugiano la quale, essendo lucida nonostante le ferite, sta rispondendo alle domande degli inquirenti. Dalle sue risposte, dovrebbe essere accertata la verità su quello che sembra essere un efferato duplice omicidio. La donna, dalle poche indiscrezioni raccolte, pare sia entrata in contraddizione o, forse perché sotto choc, avrebbe riferito di una persona che è entrata in casa sua e avrebbe sparato alla figlia, a lei ed al marito che, soffrendo di crisi d'asma, sarebbe uscito fuori dalla casa per respirare meglio. Un giallo con ipotesi tutte da verificare per venire a capo di un brutto fatto di sangue che ha fatto scalpore.

E’ un giallo apparentemente incapibile con ipotesi tutte da verificare, ma è comunque un grave fatto di sangue

il Domani dello Sport Direttore GUIDO TALARICO Direttore responsabile ORLANDO ROTONDARO Caporedattore FRANCESCO PUNGITORE Redazione Calabria Tel. 0961.023922 Loc. Serramonda 88044 Marcellinara (CZ) redazione@ildomani.it EDITORE T&P Editori SRL - Tel. 0961.023922 Loc. Serramonda 88044 Marcellinara (CZ) Testata reg. - trib. Cz n. 64 del 15/7/1997 R.O.C. Numero 5606 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990 n. 250 e seguenti modifiche

già il Domani

PUBBLICITÀ Nazionale, locale e giudiziaria MEDIATAG SPA SEDE CALABRIA LOC. SERRAMONDA 88044 MARCELLINARA (CZ) Tel. 0961.023922 Fax 0961.903421 Tariffa a modulo 46x19 mm h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 129,00 - Corsi di formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologio euro 77,00 cad. - Economici euro 0,62 a parola. Supplemento colore: 40% Distribuzione Media Services (Calabria) CENTRO STAMPA Stabilimento tipografico DE ROSE C/da Pantoni Marinella 87040 MONTALTO U. (CS) Tel. 0984.934382 Responsabile del trattamento dati Dlgs 96/2003 ORLANDO ROTONDARO


Domenica 29 Aprile 2012 il Domani dello Sport

3

CRONACA CALABRIA GIUSTIZIA Il grande intrigo del malaffare

LA VERITÀ NELLE 2900 PAGINE DELLA «TELA DEL RAGNO»

I

Felice Stanca

l grande intrigo del malaffare svelato dall’inchiesta “Tela del ragno” è contenuto nelle duemila e novecento pagine dell’ordinanza del gip distrettuale Tiziana Macrì che in questi giorni viene sottoposta al vaglio dal Tribunale della libertà. Un esame attento di tutte le accuse, di tutte le trame, dei legami tra la mafia e la politica locale che il pg Eugenio Facciolla ha faticosamente ricostruito con la collaborazione dei detective del Ros e del Reparto provinciale dell’Arma. I giudici del riesame si sono riaffacciati su quel pozzo nero esplorato per anni dalla Dda ricavando impressioni talvolta concordanti e altre volte no. E così dalla fisionomia dell’inchiesta, che nel complesso non appare modificata, sono stati esclusi alcuni degl’indagati arrestati. Nella sua valutazione complessiva, il Tdl ha dato valore solo ai racconti dei pentiti riscontrati dalle indagini o incrociati da altre dichiarazioni di fonti collaborative. Seguendo questo canovaccio, nelle ultime ore, i provvedimenti cautelari sono stati annullati nei confronti di: Natale Alessio, 38 anni, di Paola; Daniele Lamanna, 38, di Cosenza; Pier Mannarino, 32, di Amantea; Giovanni Neve, 40, di Cetraro; Alfredo Palermo, 29, di Paola; e Fabrizio Rametta, 40, di Paola. Le loro ragioni sono state esposte in dibattimento da un qualificato collegio difensivo (formato, tra gli altri, dagli avvocati: Giuseppe Bruno, Marcello Manna,

Gianluca Garritano, Aldo Cribari, Gaetano Morrone e Roberto Loscerbo). Dissequestrata, pure, l’attività commerciale “N.S. di Nucera Meri”, con sede a Cancello Magdalone di Rende. Confermato, invece, la gravità del quadro indiziario tracciato attorno alle posizioni di: Carlo Lamanna, 45 anni, di Cosenza; Ettore Lanzino, 57, di Cosenza, latitante di lungo corso; e Mario Serpa, 52, di Paola. Lanzino e Serpa sono con-

L’impianto accusatorio è stato puntellato, nei giorni scorsi, con le dichiarazioni di un nuovo pentito: Gennaro Bruni siderati rispettivamente i capi delle ‘ndrine di Cosenza e Paola. L’impianto accusatorio è stato puntellato, nei giorni scorsi, con le dichiarazioni d’un nuovo collaboratore di giustizia, Gennaro Bruni, pure lui tra i destinatari dell’ordinanza cautelare del gip Macrì. Bruni ha fornito particolari sull’agguato a Luciano Martello, il boss di San Lucido trucidato nel parcheggio d’una pizzeria a Fuscaldo nell’estate del 2003. Un delitto che, secondo il nuovo collaboratore di giustizia, sarebbe stato eseguito da Giovanni Abbruzzese, da Luca Bruni e da un terzo sicario del quale non ha saputo indicare il nome.

GIUSTIZIA

«L

Nessun gesto eclatante nella lotta alla ‘Ndrangheta a battaglia contro la ''ndrangheta non ha bisogno di gesti eclatanti, ne' di polemiche sterili e pretestuose. E' invece importante fare rete, nel doppio senso di rimanere in contatto congiungendo gli sforzi e di fare gol. Nel senso che sul tema della lotta alla criminalita' l'unita' delle forze politiche e' un valore da non disperdere''. Lo afferma Salvatore Magaro', Presidente della Commissione contro la ''ndrangheta della Calabria. ''In questi due anni abbiamo affermato e contraddistinto il nostro impegno contro la ''ndrangheta di segni e sogni positivi, - dice Magaro' - intorno ai quali

radunarsi per affermare coralmente il valore della legalita'. Gli interventi di sostegno alle imprese vittime della ''ndrangheta, le agevolazioni in favore delle vittime, dei testimoni di giustizia e delle loro famiglie, la tracciabilita' informatica del procedimento amministrativo e misure per la trasparenza, i maggiori finanziamenti ai comuni ed alle associazioni da investire nel recupero di beni confiscati, il codice etico di autoregolamentazione sulla trasparenza dei candidati alle elezioni, degli eletti e amministratori pubblici, i criteri che definiscono l'attribuzione degli incarichi.


4 il Domani dello Sport

Domenica 29 Aprile 2012

SPORT CALABRIA E’ ARRIVATO IL GRANDE GIORNO DELLA SALITA CATANZARO I giallorossi sono da due giorni nel ritiro di Formia

L

a precisazione del tecnico giallorosso dopo le polemiche scatenate dai dirigenti della Vigor Lamezia circa un presunto interessamento per l'attaccante «Smentisco che il Catanzaro sia interessato all'acquisto di Mancosu». Con questa dichiarazione, diramata attraverso una nota stampa dalla società giallorossa,

mister Cozza ha risposto alle pesanti accuse piovute da Lamezia, circa un presunto contatto tra il Catanzaro e il bomber lametino Matteo Mancosu. Semplici parole di apprezzamento per l'attaccante, niente di più, secondo Cozza, nell'immediata vigilia della partenza per il ritiro di Formia che ospiterà in questi due giorni la truppa gial-

Tutte le informazioni per la partita di oggi Vigor-Perugia

L

a società Vigor Lamezia Calcio comunica che è iniziata la prevendita dei tagliandi per assistere alla gara "Vigor Lamezia - Perugia" in programma domenica 29 aprile prossimo alle ore 15.00 presso lo Stadio Guido D'Ippolito di Lamezia Terme. I tagliandi, in vendita a mezzo del circuito Bookingshow, sono acquistabili presso i punti vendita abituali che sono: Bar Tabacchi Corapi Massimiliano - Via G. Marconi (adiacente allo Stadio D'Ippolito) e Bar Tabacchi Torcasio Michele - Via Del Progresso (di fronte concessionaria Peugeot). La società comunica che, al fine di consentire un afflusso tranquillo ed evitare lunghe code e disagi il giorno della gara, i botteghini dello Stadio saranno aperti oggi giovedì 26 aprile dalle 15.00 alle 19.30, venerdì 27 e sabato 28 aprile dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.30 mentre il giorno dell'incontro saranno aperti dalle ore 9.00. Si raccomanda di recarsi allo Stadio muniti di un documento di identità valido da esibire sia al momento dell'acquisto del biglietto che all'ingresso a richiesta del personale addetto ai varchi di accesso. Si confida nella consueta collaborazione da parte di tutti al fine di ridurre al minimo gli inevitabili disagi. Sarà il Sig. MINELLI Daniele da Varese a dirigere l'incontro tra Perugia e Vigor Lamezia. Assistenti LIBERTI Stefano da Pisa e ALASSIO Stefano da Imperia. La gara valevole per la quarantunesima giornata di Campionato avrà luogo domenica 29 aprile, alle ore 15:00, presso lo Stadio Guido D'Ippolito di Lamezia Terme. Sono 18 i calciatori convocati dal Mister Costantino per la sfida contro il Perugia in programma domani presso lo Stadio Guido D'Ippolito di Lamezia Terme e valevole per la 41^ Giornata di Campionato. Indisponibili: Franchino, Mangiapane per infortunio. Portieri: Forte, Calderoni Difensori: Bonasia, Cane, Gattari, Marchetti, Mercurio Centrocampisti: Cerchia, Giuffrida, Martino Rondinelli, Visone Attaccanti: De Luca, Erbini, Lattanzio, Mancosu, Romero, Sbravati

lorossa prima della sfida di Fondi. «Andremo a Fondi a giocarci la nostra partita, senza far calcoli, anche perché il nostro sogno è quello di agganciare ancora il primo posto», ha detto Cozza prima di salire sul pullman. C’è massima concentrazione tra i calciatori giallorossi e la voglia, come ha sottolineato il tecnico,

«di chiudere il discorso promozione quanto prima, pur con qualche elemento acciaccato e infortunato». Nella partita con l'Arzanese, infatti, sono usciti malconci Squillace, Bugatti, Masini e Bruzzese. Da valutare anche le condizioni di Alberto Quadri che dovrebbe recuperare al fianco di Maisto (al rientro dalla squalifica) dopo aver saltato l'impegno infrasettimanale. Intorno alle 10, dunque, la comitiva giallorossa è salita sul pullman alla volta del quartier generale fissato al Centro di Preparazione Olimpica di Formia, a circa 25 chilometri da Fondi. Domani mattina è prevista la rifinitura che sarà anche l’occasione per valutare attentamente le condizioni degli acciaccati e scegliere la formazione che domenica pomeriggio allo stadio "Purificato" affronterà la squadra di Capuano. La partenza per Fondi è prevista subito dopo il pranzo di domenica, dove ad attendere i giallorossi ci saranno i tantissimi tifosi in arrivo da tutta Italia. La dichiarazione integrale di Cozza sul caso-Mancosu “Domenica scorsa, in sala stam-

pa, al termine del match, in seguito ad una precisa domanda di un cronista, ho solo espresso un’opinione, un elogio, come si fa tra addetti ai lavori, nei confronti di due giocatori importanti per la categoria, ovvero Sandomenico dell’Arzanese e Mancosu della Vigor Lamezia. Tutto qua! In sala stampa, come si può rilevare chiaramente anche dalle riprese televisive, ho soltanto dichiarato, ribadisco su precisa domanda dei giornalisti presenti, che Mancosu è un ottimo elemento, precisando che attualmente è legato contrattualmente alla Vigor Lamezia, squadra tra l’altro in lizza col Catanzaro per il salto di categoria, e che pertanto non si pone alcuna questione rispetto ad un eventuale interessamento per l’immediato futuro. Certo, come sa bene chi fa calcio, le vie del mercato sono infinite, ma allo stato smentisco che il Catanzaro sia interessato all'acquisto di Mancosu. Sono davvero dispiaciuto che si sia ingenerata una polemica su quello che voleva essere un semplice apprezzamento sulle qualità del calciatore”.

DI MARIA: «NON DORMO PIÙ»

HINTERREGGIO Oggi pomeriggio con la Nissa

A

d un passo dalla storia. L'Hinterreggio ha in mano il proprio destino, dopo aver riscritto quello del calcio reggino. Mai un'altra squadra, oltre ovviamente la Reggina, ha avuto l'opportunità di approdare nei campionati Professionistici. Adesso, la società biancoceleste, ha l'incredibile occasione di affiancare gli amaranto nel football che conta. Senza contare che la promozione arriva in un momento difficilissimo per il calcio minore, con la concreta possibilità di poter prendere parte ad una Lega Pro ridotta a pochi gironi, anticamera della serie B. Ma la storia va ancora riscritta e il Nissa, che appare una vittima sacrificale al gran banchetto biancoazzurro, deve necessariamente guadagnare punti preziosi per evitare la retrocessione diretta. Quali possono essere gli ostacoli

Oggi oltre al Catanzaro in Iª Divisione potrebbe essere il giorno della promozione dell’Hinterreggio

verso il trionfo? Apparentemente pochi, visto che la squadra pare godere di buona salute e ha trovato proprio nel decisivo finale, l'ottima verve realizzativa degli attaccanti, sopratutto Impallari e Palumbo. Prima di fare qualsiasi progetto per il futuro dunque, va battuto il Nissa, in una sorta di scontro passato-presente e probabilmente futuro, del tecnico Gaetano Di Maria, che potrebbe condannare proprio la squadra che ha fatto grande nello scorso campionato di serie D. Domenica ci si attende il pubblico

delle grandi occasioni, con la città che proverà a lanciare Franceschini e compagni. Poi potrà iniziare la festa e sarà già il futuro. Domani la partita dell'anno contro la Nissa, che potrebbe valere la promozione in Lega Pro. Mister Di Maria attende con impazienza l'appuntamento e non vede l'ora di festeggiare insieme ai suoi ragazzi. Pur mostrando la solita calma e tranquillità, il tecnico dei reggini ha confessato in conferenza stampa la sua attesa per la sfida di domani: «Sono tre notti che non dormo...»


Domenica 29 Aprile 2012 il Domani dello Sport

5

SPORT CALABRIA

BELARDI E CERAVOLO OK

REGGINA La vittoria nel finale contro l’AlbinoLeffe rilancia in pieno la squadra amaranto

A

l Granillo, per la sedicesima giornata di ritorno, di fronte Reggina e Albinoleffe. Sei turni al termine del campionato: per gli amaranto quella con i seriani è la prima di quattro gara di fronte al proprio pubblico. Martedì 1 maggio alle 20:45, infatti, ospite in riva allo Stretto l'Hellas Verona, undici anni dopo lo spareggio del 2001. La Reggina soffre, sbatte contro il muro alzato dall'avversario, giunto in riva allo Stretto con l'unico obiettivo di strappare un solo punto. Con orgoglio e determinazione, gli amaranto superano l'ostacolo. Decisivo Belardi che respinge un rigore di Regonesi, poi il guizzo di Ceravolo che guadagna e trasforma il rigore che decide il match! 94' - E' FINITA! LA REGGINA VINCE GRAZIE A DUE RIGORI: UNO PARATO DA BELARDI, L'ALTRO SEGNATO DA CERAVOLO. 93' - Si attende solo il fischio finale. 92' - Angolo per la Reggina, ma gioco fermo. Campagnacci in preda

ai crampi, portato fuori dallo staff medico. 90' - Tre minuti di recupero. 88' - OCCASIONE REGGINA Freddi regala il pallone all'Albinoleffe, che non approfitta. Ripartenza amaranto, Melara manda in porta Campagnacci, che rientra sul destro e calcia in curva. 87' - OCCASIONE REGGINA Barillà va sul fondo e crossa al centro: palla che attraversa tutta l'area piccola senza essere deviata in rete da nessun giocatore amaranto. 84' - Dopo essere stato soccorso dallo staff medico, Belardi si rialza. 83' - Punizione di Regonesi, Belardi esce di pugno e resta a terra. 82' - La Reggina amministra il vantaggio, Albinoleffe molto falloso. 77' - GOL DI CERAVOLO! 76' - Ceravolo sul dischetto. 75' - RIGORE PER LA REGGINA! Ceravolo steso sulla linea di fondo. 73' - SOSTITUZIONE ALBINOLEFFE - Fuori Foglio, dentro Torri. 71' - Il Granillo si infiamma, Belardi

Belardi il pararigori, dalle sue mani è passata la vittoria

E

manuele Belardi è raggiante in Sala Stampa dopo la vittria sull’AlbinoLeffe che è passata anche dalla sue mani che hanno parato il rigore seriano sullo 0-0. «Io dico che la B è lunghissima. Finché c'è una minima speranza, bisogna lottare sino all'ultimo. La Reggina è squadra importante, che non deve mollare mai. La difesa ha disputato una grande partita, alla fine erano stremati. I ragazzi sono stati bravissimi, sopratutto i tre centrali. Sono tutti rgazzi giovani che ci stanno dando una grossa mano. Quando si è giovani, si è istintivi. Con il tempo si migliora, si matura. Magari le batoste ti aiutano a crescere. Ho avuto la fortuna ad andare in una squadra importante poi sono stato bravo anche io ad apprendere qualcosa da grandi campioni. Probabilmente l'esperienza conta e poi sono stato sempre così da bambino. Gli altri non è che non ce l'hanno: con il tempo matureranno anche questo. Il rigore parato è stato importante. Subire quel gol sarebbe stata la fine della nostra speranza.

riaccende l'entusiasmo. 70' - BELARDI RESPINGE IL RIGORE!! 70' - Regonesi sul dischetto. 70' - AMMONIZIONE REGGINA Giallo per Freddi. 69' - Freddi stende Foglio, appena entrato in area. 69' - CALCIO DI RIGORE PER L'ALBINOLEFFE 65' - AMMONIZIONE ALBINOLEFFE - Giallo per Foglio dopo una trattenuta ai danni di Emerson. 64' - SOSTITUZIONE ALBINOLEFFE - Dentro Germinale, fuori Cocco. 61' - Ci prova Emerson, respinge la barriera. 61' - SOSTITUZIONE REGGINA Dentor Colombo, fuori Armellino. 60' - AMMONIZIONE ALBINOLEFFE - Piccinni stende Melara, buon impatto nel match dell'ex Spal. 59' - Punizione battuta a sorpresa dall'Albinoleffe, Belardi esce di piede ed evita la beffa. 57' - SOSTITUZIONE ALBINO-

LEFFE - Fuori Corradi, dentro Hetemaj. 55' - AMMONIZIONE ALBINOLEFFE - Giallo per Cocco, fallo su Angella. 54' - La Reggina insiste sulle fasce, ma il peso in area di rigore è nullo. 50' - OCCASIONE REGGINA Punizione amaranto, la palla arriva a Ceravolo che, in girata, calcia in porta: bravissimo Tomasig a respingere sulla sua sinistra. 49' - OCCASIONE REGGINA Colpo di tacco di Melara, respinto da un avversario. Sulla ribattuta, destro di Ceravolo di poco a lato. 49' - Buono spunto di Melara, che trova il fondo e crossa per Ceravolo: angolo. 47' - Punizione dalla distanza di Emerson, tutto facile per Tomasig. 46' - Reggina subito in avanti: tiro cross insidioso di Barillà, che taglia tutta l'area ma non viene raccolto da nessuno. 16.02 - SI RIPARTE 16.00 - DOPPIA SOSTITUZIONE REGGINA: fuori D'Alessandro e Ragusa, dentro Melara e Ceravolo. 15.59 - Le squadre stanno rientrando in campo in questo momento. 15.55 - Melara e Ceravolo a colloquoio con Saffioti, preparatore atletico della Reggina: rispetto al resto della panchina, sono loro due a scaldarsi con maggior insistenza. INTERVALLO 45' - Nessun minuto di recupero, squadre negli spogliatoi. Qualche fischio. 45' - La barriera respinge. 45' - Punizione per l'Albinoleffe dal limite. 44' - Cross teso di Barillà, Tomasig smanaccia. Armellino, dal limite, serve Rizzo: destro rasoterra impreci-

so, ma apprezzato dal pubblico. 43' - Ennesimo corner per gli amaranto. Libera la difesa dell'Albinoleffe. 42' - Si scaldano Nicolas Viola, Melara e Ceravolo. 40' - Tiraccio sul fondo di Emerson. 37' - Calcia Regonesi, che prova a sorprendere Belardi: palla sul fondo. 36' - Punizione in zona pericolosa per l'Albinoleffe. 34' - Altro corner conquistato dalla Reggina. 33' - OCCASIONE REGGINA Punizione di Emerson, Freddi in spaccata non trova la porta. 30' - OCCASIONE REGGINA Armellino si libera in area e, di destro, cerca il tiro liftato invece della soluzione di potenza. Blocca Tomasig. 29' - Accelerazione di Ragusa, corner per gli amaranto. 25' - Fuorigioco di Ragusa, che su un lancio delle retrovie è al di là della linea seriana: il suo destro batte Tomasig, ma a gioco fermo. 25' - OCCASIONE REGGINA Cross rasoterra di D'Alessandro, che pesca Ragusa: l'ex Salernitana, però, cerca un dribbling di troppo nel cuore dell'area di rigore ospite. L'occasione sfuma, 21' - OCCASIONE REGGINA Sugli sviluppi del corner, Rizzo calcia da fuori: gran destro, che si spegne di poco sul fondo. 20' - Primo buono spunto di Campagnacci: serpentina in area, secondo corner guadagnato. 17' - Angolo per la Reggina, il colpo di testa di Angella finisce altissimo. 16' - La Reggina prova a fare la partita, Albinoleffe raccolto pronto a partire in contropiede. 14' - Non succede assolutamente nulla.

GRAN SECONDO TEMPO

DOPOPARTITA Roberto Breda spiega la vittoria

B

reda spiega velocemente la difficile vittoria contro l’Albi noLeffe partendo da Barillà: «Barillà? Non ho mai avuto problemi con lui. Gli ho detto che ha lavorato bene durante la mia assenza e sta tuttora facendo bene. Lo sto anche provando in altre posizioni, tipo a Nocera. Sta facendo il meglio. Gli si possono fare solo i complimenti, ha dimostarto di essere un grande professionista. Cosenza e Bonazzoli fanno parte del gruppo. Sono finite le squalifiche e valuteremo con calma le loro situazioni. La nostra filosofia è quella di vivere alla giornata e non è una frase fatta. Non dobbiamo avere battute d'arresto, mentre gli altri le devono avere. Dobbiamo fare più punti possibile e sfruttare gli scontri diretti. Dobbiamo crederci e non dare di scontato. Provarci bisogna nascere da una condizione interna. I ragazzi ci credono. In questo momento non si possono fare tabelle o calcoli. Condizione fisica? Qualcuno è in difficoltà, tipo Freddi e Campagnacci, che vengono da infortuni. Stanno recuperando, ma a questo punto della stagione c'è poco da lavorare e molte partite da giocare". Spero che nell'arco di queste poche giornate, di motivarli al meglio. Con il caldo, chi entra può fare la differenza. Le partite, in questo punto della stagione, si vincono in 14. Con il caldo, i valori valgono, ma fino ad un certo punto.

Conta la condizione fisica e le gambe. Nel primo tempo non avevamo una gamba brillantissima, sia Campagnacci e Ragusa erano poco brillanti. Gli altri non hanno fatto male, pur senza tirare mai in porta. Le giocate dovrebbero essere di tutti. Siamo stati poco incisivi. Qualcuno rifiaterà la prossima. Ci apsetterà una gara diversa, perché il Verona è forte fisicmente. Dobbiamo capire come sfruttare al meglio le risorse che abbiamo. Perché no Nicolas Viola? Sono scelte tecniche. Nelle ultime due partite ho preferito un incontrista, per controllare meglio gli avversari. Colombo ha più dinamismo ed energia. Nicolas ci poteva stare in questa gara, ma vedevo poca energia e poca gamba. Nel secondo tempo siamo partiti con il 3-4-3. Dopo il vantaggio, ho messo Colombo esterno difensivo e Melara più interno e lui le stesse percussioni le può fare anche in quella zona. Il rigore? Emanuele ci ha dato una mano. Non siamo andati sotto e abbiamo preso entusiasmo. Abbiamo fatto molta fatica nel primo tempo. Alcuni ragazzi avevano bisogno di fare minuti, non siamo molti brillantissimi. Nel secondo tempo siamo stati più pericolosi. Abbiamo creato due-tre occasioni. Nel finale è stata una lotta di nervi e molti giocatori erano in debito. Abbiamo superato due o tre squadre, dobbiamo tenere viva la speranza.


6 il Domani dello Sport

Domenica 29 Aprile 2012

SPORT NAZIONALE Conte non ci sta: «Sento troppa euforia intorno alla squadra» ento troppa euforia «S intorno a noi, non tanto da parte dei miei giocato-

IL FRIULANO REJA A CACCIA DEI 3 PUNTI LAZIO Il tecnico laziale cerca la gloria a casa sua

«U

Carlo Liguori

dinese-Lazio? Considerando che gli scontri diretti sono determinati, questo lo è. Può decidere le sorti di una o dell'altra compagine. Veniamo da un momento non positivo, quindi è una gara importante e determinante. Dobbiamo affrontarla nella maniera giusta». Il tecnico della Lazio, Edy Reja, dalla sala stampa di Formello, presenta la trasferta del 'Friulì. «Dopo Udine abbiamo altre tre partite, con punti a disposizione. Però, per quanto ci riguarda fare punti a Udine potrebbe cambiare la nostra prospettiva futura. Anche l'Udinese non è brillante come in altre situazioni, mi auguro che da qui alla fine del campionato la Lazio possa ritrovare condizione e spirito giusto. Mi piacerebbe arrivare all'ultima con l'Inter con ancora in gioco la Champions». La Lazio ha perso una gara molto importante a Novara e Reja prova a motivare

«Questa è la chiave del nostro campionato. Con l’Udinese in caso di vittoria resteremmo certamente al terzo posto»

il momento negativo: «Ci sta girando male. Con la Juve abbiamo perso nei minuti finali, poi abbiamo avuto l'altra partita in casa con il Lecce in cui abbiamo sottolineato demeriti e difficoltà, a Novara due tiri in porta e due gol. Noi invece 4-5 opportunità da rete. Sono convinto che le compensazioni nel calcio ci sono e adesso la Lazio si aspetta un pò di buona sorte da qui alla fine del campionato». Sull'umore della squadra, il tecnico biancoceleste non si nasconde: «La squadra è un pò condizionata dagli ultimi risultati, ma subito dopo c'è la voglia di rivincita. Dopo ogni sconfitta bisogna guardare avanti ed essere propositivi. Questa è una squadra che può andare avanti a testa alta sotto il punto di vista di impegno e volontà. Abbiamo avuto delle difficoltà, spero siano finite per affrontare queste 4 partite con il piglio giusto». Nonostante la poca brillantezza dell'Udinese, nel'ultimo periodo, Reja non si fida: «Dal punto di vista dei risultati ci sono un pò di difficoltà, ma dal punto di vista del gioco, chi ha visto la partita contro l'Inter sa che l'Udinese non è in crisi». Infine, una battuta sull'addio di Pep Guardiola alla panchina del Barca: «Vedere giocare il Barcellona di questi anni è stato qualcosa di straordinario -commenta

Reja-. Guardiola lo capisco perfettamente, sto da 2-3 anni qui alla Lazio, so cosa significa preparare la gara. A volte si ha la necessità di staccare veramente. Lo capisco e lo ammiro, anche la società. Mi ha commosso, e ho apprezzato questo sistema per chiudere una parentesi e aprirne un'altra, anche per non dare l'opportunità di chiacchierare. Nel calcio meno si chiacchiera e meglio è». E a chi gli chiede se a fine stagione emulerà il collega catalano, Reja replica: «Le esigenze mie nell'allenare la Lazio sono comunque alte, perchè c'è pressione e tutto. Io però riesco a farcela e voglio continuare a fare questo lavoro. Non so se qua o da altra parte. Adesso sono concentrato solo su questo obiettivo, vogliamo raggiungere il 'paradisò. Siamo terzi, ne abbiamo parlato anche ieri con i ragazzi, siamo concentratissimi per dare il 110% da qui fino alla fine del campionato».

«Siamo concentrati a dare il 100%. Non so ancora se resterò alla Lazio. L’importante è continuare a lavorare»

ri quanto dei tifosi e dell'ambiente in generale. Ma non dobbiamo dimenticare che non abbiamo vinto nulla: è vero, abbiamo fatto qualcosa di straordinario, ricordando da dove siamo partiti, ma mancano ancora quattro giornate. E può accadere di tutto». Antonio Conte è perentorio: niente sirene esterne, solo campo e basta, solo concentrazione ossessiva, il messaggio parte come un siluro. La partita di Novara diventa all'improvviso delicatissima, per l'enorme pressione psicologica, l'insidia del sintetico, il caldo, la mente sgombra degli azzurri, che non hanno più nulla da perdere e vogliono onorare un pubblico che Tesser ha definito «meraviglioso». Nella squadra, arrivata a Novara in ritiro un giorno prima, a testimoniare la delicatezza dell'evento, resta il dubbio, in casa Juve, sull'attaccante che affiancherà Vucinic: Quagliarella o Borriello? Il primo si è allenato poco per un problema agli adduttori. Il secondo ha il morale alle stelle. Anche Del Piero è acciaccato (sono tutti postumi del sintetico di Cesena), ma Conte spera di recuperarlo. In ogni caso, non si parla di turn-over: «Siamo alla fase decisiva della stagione - spiega Conte - e prima di decidere voglio parlare e guardare in faccia tutti i ragazzi: se mi dicono che se la sentono, che non sono stanchi, allora la formazione è per gran parte fatta. La squadra di Tesser la conosco molto bene, prova sempre a far gioco e così è arrivata dalla C alla A. E

anche nel massimo campionato ha provato a continuare su questa strada e quasi sempre ha disputato belle partite. Provo molta simpatia per il Novara». Conte ritorna sul grande obiettivo stagionale: «Pretendo che se il nostro sogno debba interrompersi, che sia per il merito degli avversari e non per colpa nostra. Ma la squadra mi pare che abbia raggiunto una grande maturità, che abbia dimostrato di saper gestire tutte le situazioni. Dunque, anche il fatto che domani ci saranno in tribuna Platini e Boniperti non va inteso come una festa anticipata, anche perchè Michel l'aveva già preannunciato in autunno. Al massimo, la loro presenza deve essere un stimolo in più a far bene». Ma dopo una simile annata, Conte è ancora convinto che il Milan l'abbia l'organico più forte? «Questo giudizio non è cambiato - risponde l'allenatore bianconero - Poi si tratta di tradurre sul campo questa maggior qualità. Quello che mi pare che abbiamo dimostrato è che a livello di organizzazione di gioco possiamo dirci praticamente alla pari. Il campionato è una strada molto lunga e complicata: chi vincerà, è perchè se lo è meritato. Noi, in ogni caso, abbiamo già fatto molto e se anche non dovessimo farcela comunque abbiamo costruito ottime basi». Scontato il 3-5-2, con Lichtsteiner probabilmente al posto di Caceres. Domani, oltre a Platini e Boniperti, a Novara è annunciato il caldo afoso con qualche nuvolone. Tutto potrebbe accadere anche dal punto di vista meteorologico.


Domenica 29 Aprile 2012 il Domani dello Sport

7

SPORT NAZIONALE

GRAZIE DI TUTTO GUARDIOLA MONDO GOL La Spagna calcistica saluta Pep e dà il benvenuto al nuovo tecnico Vilanova

«S

Carlo Liguori

e Pep Guardiola se ne va via, il Barcellona resta». L'addio del tecnico del Barcellona dopo quattro anni di trionfi e spettacolo tra Liga e Champions League, che invade le prime pagine di giornali iberici sportivi e non, è accolto come un epilogo inevitabile e fisiologico. Mentre alcuni puntano sulle ragioni della fine dell'idillio, altri, sempre con parole di grande rispetto, si proiettano già al futuro targato Tito Vola-

nova. «Le ragioni della fine di una lunga relazione». È il titolo che campeggia sul quotidiano spagnolo Marca nella sua edizione online per spiegare la fine dopo quattro anni del trionfale 'matrimoniò tra Pep Guardiola e il Barcellona. Un epilogo come ricorda il giornale vicino alla squadra catalana dovuto «alla mancanza di energia» ed al fatto che per l'ex giocatore di Roma e Brescia «era arrivato ormai il momento di lasciare». Una decisione meditata come ricorda Marca e «maturata già lo scorso mese di ottobre». Poi

il giornale spagnolo passa a parlare «dell'erede di Guardiola: Tito Vilanova». All'allenatore in seconda, ora promosso, spetterà l'arduo compito «di dare continuazione ad una idea di calcio». As, quotidiano sportivo iberico più vicino alle vicende del Real Madrid, avvisa che Guardiola è ormai «nella storia del Barcellona, mentre Vilanova è il futuro», mentre l'editoriale titola «Pep se ne va via, ma il Barcellona resta». Mundo Deportivo si chiede il perchè e analizza le ragioni che hanno portato alla scelta di

Vilanova come sostituto di Pep Guardiola: «È un allenatore 'Made in La Masià (La Masia de Can Planes semplicemente conosciuta come La Masia è il nome dato alla struttura di formazione della cantera del Barcellona, situata vicino al Camp Nou, ndr). Tra i quotidiani spagnoli generalisti El Mundo parla di »gratitudine dell'addio« per raccontare la fine del rapporto tra Guardiola ed il Barcellona sparando la foto del tecnico spagnolo che bacia la coppa della Champions League. El Pais invece saluta l'ormai ex allenatore del Bar‡a definendolo »un signore del calcio«. La Vanguardia infine sintetizza l'addio di Guardiola con un titolo dettato dalle stesse parole del tecnico spagnolo nella conferenza stampa di commiato di ieri: «devo riassaporare la gioia del primo giorno». L'argentino Marcelo Bielsa è dispiaciuto dell'addio al Barcellona di Pep Guardiola. Secondo il tecnico dell'Athletic Bilbao è una «grande perdita» per il calcio ed ha qualificato come «indimenticabile» il lavoro dell'allenatore catalano nel club azulgrana. «È una decisione personale che ovviamente non spetta a me interpretare, ma la sua perdita è grande, perchè la sua presenza ha dato lustro a questo sport», ha spiegato l'ar-

gentino in conferenza stampa. Guardiola ha annunciato ieri la sua decisione di non continuare a guidare il Barcellona il prossimo anno, club con il quale è riuscito a conquistare 13 titoli in quattro anni e potrebbe fare 14 se riuscirà a vincere la Coppa del Re di quest'anno, dove è in finale proprio con l'Athletic Bilbao. «Quello che ha fatto è indimenticabile», ha riflettuto l 'Locò. Inoltre, Bielsa ha evitato di fare della valutazioni sulla possibile influenza che potrebbe avere l'uscita di scena di «Pep» nella finale di Coppa del Re del 25 maggio, quella che sarà l'ultima partita di Guardiola sulla panchina blaugrana.

LA JUVE DEVE RALLENTARE SFIDA SCUDETTO Il tecnico rossonero non si fa molte illusioni sulla lotta per il tricolore

«L

a Juve deve rallentare e noi dobbiamo fare qualcosa di straordinario. Siamo ancora in ballo, mi piace pensare che abbiamo ancora buone possibilità. Dobbiamo fare il massimo per tenere vivo il campionato fino alla fine». Massimiliano Allegri e il Milan non hanno nessuna intenzione di alzare bandiera bianca. I rossoneri, impegnati domani a Siena, sono staccati di 3 punti dalla Juventus capolista. «Senza scudetto sarebbe una stagione fallimentare? Non mi piace dare giudizi su quello che faccio. Toccherà alla società e ai media: il mio pensiero fisso è affrontare nel modo migliore le ultime 4 giornate del campionato», dice il tecnico campione d'Italia. «Il 13 maggio tireremo una riga e valuteremo tutta la stagione. Le voci

sulla panchina non mi infastidiscono e non mi preoccupano. Non voglio essere ripetitivo: presidente e società scelgono l'allenatore», aggiunge prima di concentrarsi sull'impegno imminente. «Il Siena ha un'ottima organizzazione e ha giocato un buon calcio quest'anno, la corsa e l'intensità sono le sue caratteristiche migliori. Non possiamo concedere spazi, dovremo giocare una gara buona a livello tecnico. E soprattutto dobbiamo vincere», dice Allegri. «La Juventus sta facendo cose importanti: non ha mai perso, ha segnato 19 reti subendone una sola nelle ultime 7 partite. Noi abbiamo lasciato punti importanti in casa a Bologna e Fiorentina. Quando dicevo che sarebbero serviti 86 punti per vincere lo scudetto, dicevo la verità: la Juve viaggia su questa media, noi dob-

biamo fare qualcosa di straordinario», aggiunge.«Abbiamo l'obbligo di provarci, dobbiamo mettere la Juventus nelle condizioni di non poter sbagliare», ribadisce. «Se si vedono i bianconeri in

questo momento -osserva- è difficile pensare che possa perdere punti. Ma può succedere di tutto e la condizione psicologia può cambiare».

A Siena, nel cuore della difesa, mancherà ancora Thiago Silva, reduce da un infortunio muscolare. «Non si sente ancora sicuro. Una ricaduta? No, assolutamente. Non ho voluto rischiarlo», spiega Allegri, che dovrà rinunciare ad una serie di pedine anche nella metà campo offensiva: «Emanuelson ha avuto un problema alla schiena e si è dovuto fermare durante l'allenamento. Seedorf è alle prese con una botta al polpaccio. Robinho non è in un momento particolarmente brillante, ho preferito dargli un altro turno di riposo». In attacco, fino alla fine della stagione con ogni probabilità non si rivedrà Alexandre Pato: «Difficile, andare a rischiare un altro infortunio sarebbe deleterio». In attacco, si profila un ballottaggio: «Dovrò valutare se far partire titolare Cassano o El Shaarawy».


8 TRIBUNALE DI CASTROVILLARI Esecuzioni Imm. n. 42/05 R.G.E. G.E. Dr.ssa Teresa Reggio Professionista Delegato: Dr. Lucio Gioffrè Lotto Uno: Fabbricato sito in Cassano Allo Ionio, frazione Doria, via Vico III di via Sibari, censito in catasto al fg. 61 p.lla 156 sub 1 Prezzo base: €. 49.195,00 Vendita senza incanto: 19/06/2012 Vendita con incanto: 26/06/2012 Le vendite saranno effettuate presso lo studio del professionista Delegato: Dr. Lucio Gioffrè alla via XX Settembre 65/a - Castrovillari (CS) Presentare le offerte entro h.13.00 del giorno precedente la vendita presso lo studio del Professionista delegato Maggiori informazioni presso lo studio sito in Castrovillari (CS) - via XX Settembre 65/a ***** Esecuzioni Imm. n. 24/00 R.G.E. G.E. Dr.ssa Teresa Reggio Professionista Delegato: Avv. Maria C. Raffa Lotto unico: N. 4 locali intercomunicanti tra loro posti al piano terra di un fabbricato condominiale sito in Castrovillari alla via C.so Garibaldi n. 142, 144 , 146 , di cui due con accesso diretto dal Corso Garibaldi e due retrostanti aventi superficie totale mq. 102,02. Gli immobili risultano censiti nel N.C.E.U. del comune di Castrovillari al foglio n. 35 p.lla n. 1209 sub. 3 e sub. 4. Prezzo base: €.71.718,75 Rilancio: 2 % del prezzo base Vendita senza incanto: 22/06/2012 Vendita con incanto: 29/06/2012 Le vendite saranno effettuate presso lo studio del professionista Delegato: Avv. Maria C. Raffa con studio in Castrovillari alla via Domenico Anselmi, 37. Presentare le offerte entro h 13.00 del giorno precedente la vendita presso lo studio del Professionista delegato. Maggiori informazioni presso lo studio sito in Castrovillari alla via Domenico Anselmi, 37. tel. 0981/489627 ***** Esecuzioni Imm. n. 30/2005 R.G.E. G.E. Dr.ssa Teresa Reggio Professionista Delegato: Dott. Fabio Gioffrè Lotto Uno: Diritti pari ad 1/2 della piena proprietà di un terreno sito in Sant'Agata D'Esaro. Prezzo base: €. 24.080,00 Lotto Due: Diritti pari ad 1/2 della piena proprietà di un terreno sito in Sant'Agata D'Esaro. Prezzo base: €. 37.260,00 Lotto Tre: Diritti pari ad 1/2 della piena proprietà di un terreno sito in Sant'Agata D'Esaro. Prezzo base: €. 11.618,00 Lotto Quattro: Diritti pari ad 1/2 della piena proprietà di un fabbricato sito in Sant'Agata D'Esaro. Prezzo base: €. 26.266,00 Vendita senza incanto: 19/06/2012 Vendita con incanto: 07/07/2012 Le vendite saranno effettuate presso lo studio del professionista Delegato: Dott. Fabio Gioffrè Presentare le offerte entro h.13:00 dei giorni precedenti le vendite presso lo studio del Professionista delegato Dott. Fabio Gioffrè. Maggiori informazioni presso lo studio sito in Castrovillari (CS) alla Via XX Settembre 65/a. Tel e fax 0981/26066 - e-mail: fabiogff@yahoo.it

TRIBUNALE DI CROTONE Fallimento n. 16/05 G.D.: Dr. ssa Antonia Mussa Lotto Unico: Piena proprietà per la quota di 1000/1000 relativa a locale adibito a laboratorio per arti e mestieri sito nel comune di Crotone, alla via Giovanni Paolo II n° 246 (ex Via Cutro n° 423). E' composto da locale adibito ad ufficio, sala laboratorio, sala esposizione, spogliatoi e bagni uomini e donne posto al piano seminterrato; sviluppa una superficie lorda di mq. 440 in catasto al fg. 33A mappale 136 subalterno 3, categoria C/3, classe 2 Prezzo base: € 245.000,00 Rilancio: € 3.000,00 Vendita con incanto: 07/06/2012 In caso di asta deserta altri incanti avranno luogo il 21/06/2012 - 28/06/2012 - 04/07/2012 19/07/2012 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone . Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita. Per maggiori informazioni rivolgersi al Curatore

Domenica 29 Aprile 2012

Fallimentare Dr. Aldo Luigi Siniscalchi - Via Torino, 97 crotone - tel 0962/20565 o consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.46/2004 R.G.E., SI RENDE NOTO che il giorno 20.06.2012 alle ore 9:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita con incanto del seguente bene immobile, alle seguenti condizioni: prezzo base lotto unico: € 29.657,00 Elenco beni immobili lotto unico: immobile per civile abitazione sito in Lamezia Terme, località Ginepri, con superficie utile di 112 mq, riportato al NCEU di Lamezia Terme al foglio 23, part.lla 183 sub 24, posto nel corpo di fabbrica 1/C, piano 1° scala B, interno 3 b. è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 19.06.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato

motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, ***** AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.31/05 R.G.E., SI RENDE NOTO che il giorno 20.06.2012 alle ore 9:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita con incanto del seguente bene immobile, alle seguenti condizioni: prezzo base lotto unico: € 27.379,69 Elenco beni immobili lotto unico: immobile per civile abitazione sito

Info - 0961.023931

in Lamezia Terme, località Ginepri, residence Lamezia Golfo, riportato al NCEU di Lamezia Terme al foglio 23, part.lla 184 sub 52, cat A/3, vani 4, superficie 75,09 mq circa. le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 19.06.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui innanzi; ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione


9 all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, ***** AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.26/04 R.G.E., SI RENDE NOTO che il giorno 20.06.2012 alle ore 9:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita con incanto del seguente bene immobile, alle seguenti condizioni: prezzo base lotto unico: € 20.000,00 Elenco beni immobili lotto unico: immobile per civile abitazione sito in Lamezia Terme, località Ginepri, con superficie utile di 60,79 mq, oltre 13,60 mq di balcone; riportato al NCEU di Lamezia Terme al foglio 23, part.lla 184 sub 13, cat A/3, vani 3,5, posto nel corpo di fabbrica 1/B, piano 1° scala A, interno 2. è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 19.06.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c.,

Domenica 29 Aprile 2012

tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo

“ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, il Giudice dell’Esecuzione Dott. Alessandro Brancaccio ***** AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 CPC NELLA PROC. ESEC.IMM. N. 1/98 RE Si rende noto che il G.E. con ordinanza del 28.3.2012 ha disposto la vendita dei seguenti beni immobili nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano: LOTTO 3 Abitazione al primo piano costituita da cucina,soggiorno,camera da letto e bagno sita in Lamezia Terme-Nicasto Via Conforti riportata al NCEU di detto Comune al fg. 19 p.lla 100 sub 2 con superf. comm. di mq. 69. Prezzo base € 21.600,00 LOTTO 4 Abitazione su due piani, precisamente terzo e quarto,collegati da una scala in-terna, superf. comm. di mq 150 sita in Lamezia Terme- Nicastro Via Conforti riportata al NCEU di detto comune al fg 19 p.lla 100 sub 4. Prezzo base € 35.000,00 FISSANDO la vendita all’ incanto per il giorno 20.06.2012, ore 12,00 e segg. presso il Tribuna-le Ordinario di Lamezia Terme, al prezzo base d’asta così come sopra indicato. Le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non possono essere inferiori ad € 1.261,00 per il lotto 3 e ad € 2.134.00 per il lotto 4. ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il man-dato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipa-

Info - 0961.023931

zione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimonia-le fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolar-mente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di parteci-pazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione ; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; Il termine ultimo per depositare l’istanza di partecipazione nella cancelleria delle esecuzione immobiliari del Tribunale di Lamezia Terme è fissato entro e non oltre le ore 13.00 del giorno 19.6.2012. gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad


10 alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forza-ta non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di even-tuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventua-le necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel con-tratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azio-nato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Il creditore procedente dovrà provvedere ad inserire l’avviso di vendita un sito Internet individuato ai sensi dell’art. 173 ter disp. att. c.p.c, per una sola volta su un quotidiano di informazione a diffusione locale a scelta, per una sola volta su una rivista periodica, pubblicità da effettuarsi almeno quaratacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data di vendita. Il creditore procedente o surrogante dovrà depositare almeno dieci giorni prima della vendita la prova dell’avvenuta pubblicità elettronica ed a mezzo stampa. Maggiori informazioni in cancelleria. Lamezia TermE 28.3.12 Il Cancelliere f.to L.Bonaddio ***** SI RENDE NOTO Che il GE nella procedura esecutiva immobiliare n.110/95 ha disposto la vendita del seguente immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: lotto unico: quota pari a 2/3 della nuda proprietà di un immobile ad uso deposito sito nel comune di Lamezia Terme, loc. Scinà, riportato nel NCEU al fg. 34, p.lla 547, sub 7, cat. C/1, cl. I, consistenza mq 860. Prezzo base € 113.611,76 Fissa in relazione alla vendita con incanto: - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari delle offerte di acquisto dell’ immobile sopra descritto, termine fino alle ore 13,00 del giorno 12.06.2012, con le modalità del prezzo base di cui sopra; - per l’esame delle offerte di acquisto, ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 13.06.2012 ore 9,30 e segg. Ciascun offerente, tranne il debitore è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta;l’offerta è irrevocabile, salvo che: il giudice ordini l’incanto; siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta. L’offerta non è efficace: 1)se perviene oltre il termine stabilito; 2)se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’art.568 cpc; se l’offerente non presta cauzione a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane Spa”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene e del lotto cui si riferisce l’offerta ed ogni altro ele-

Domenica 29 Aprile 2012

mento utile alla valutazione di questa; detta dichiarazione deve altresì recare le generalità dell’offerente (nome,cognome,luogo e data di nascita,codice fiscale,residenza,stato civile e,se coniugato,regime patrimoniale tra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri e la legittimazione dello stesso (es. procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti ove comparsi; le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; evidenziato, quanto alla vendita agli incanti che: essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di € 113.611,76; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a € 30.000,00 Stabilisce, altresì, che la vendita avviene alle seguenti condizioni – gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; - la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per i vizi o mancanza di qualità, nè potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o di difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere – ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti da eventuali necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore – per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiani spa”, in mancanza,si provvederà a norma dell’art. 587 cpc; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonchè del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento ai sensi dell’art. 586 c.p.c. Lamezia Terme, 11 ottobre 2008 Il GE Dott.Alessandro Brancaccio ***** UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Nella procedura n. RGE. 81/2010 vista la pubblicazione del 27 gennaio 2012 relativa alla vendita senza incanto del 14 marzo 2012 e con incanto del 28 marzo 2012; visto il verbale di vendita del 28 marzo 2012, con il quale il Giudice dell’Esecuzione, Dott.ssa Adele Foresta, stante l’assenza di offerte, ha dichiarato l’asta deserta, fissando nuova vendita all’incanto, alle stesse condizioni odierne, per l’udienza del 20 giugno 2012. Tutto ciò premesso si richiama, per stralcio, l’ordinanza del 23 novembre 2011, depositata in cancelleria in data 25 novembre 2011: IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE (OMISSIS) ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 328.000,00 alla vendita coattiva dei seguenti beni: lotto unico – “ terreno della complessiva estensione di 4.945 mq., sito in località Capizzaglie del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, censito nel NCT del predetto Comune al foglio 42 p.lle 529 (uliveto, 1434 mq), 530 (uliveto, 2830 mq), e 531 (uliveto, 681 mq); il terreno nel vigente PRG ha destinazione “CR” – residenziale con assenza di piani di lottizzazione si presenta pianeggiante e dotato all’interno di stradina di accesso asfaltata, piazzale di deposito ed una tettoia aperta per ricovero di mezzi della di-

mensione di mt 50x18 abusiva ma condonabile e attualmente non accatastata; l’accatastamento sarà a carico dell’aggiudicatario, il quale dovrà provvedervi prima dell’emissione del decreto di trasferimento; nella determinazione del prezzo di vendita sono già stati detratti i costi di oblazione, stimati in euro 16.565,87 e le spese tecniche per l’accatastamento ed il condono, stimati in euro 22.565,87”; (OMISSIS) evidenziato, quanto all’eventuale successiva vendita agli incanti che essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 328.000,00; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 5%; ognuno, ai sensi dell’art. 579 comma 1 c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579 comma 3 c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti: nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.); ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del n. di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179 comma 1 lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.” tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c., la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali of-

Info - 0961.023931

ferte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo), la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; (OMISSIS) FISSA per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alla ore 13 del giorno 19.06.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; per il giorno 20.06.2012 ore 9,00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE, ALTRESI’, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere – ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore – per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione su un libretto postale di deposito giudiziario intestato al debitore e recante il numero della presente procedura esecutiva (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs 1 settembre 1993 n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese, con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; (OMISSIS) AVVERTE fin d’ora le parti che, ove all’udienza fissata per la celebrazione dell’incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, si riserva di applicare immediatamente – e cioè a quella stessa udienza – l’art. 591 cod. proc. civ., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, in quello stesso contesto sentendo le parti e provvedendo sulla disposizione dell’amministrazione giudiziaria o sulla fissazione di una nuova vendita; (OMISSIS) Lamezia Terme, 23.11.2011 Il Giudice dell’Esecuzione Dott.ssa Adele Foresta


Domenica 29 aprile 2012 il Domani dello Sport 11

TOTOGUIDA SCOMMESSE Feyenord-AZ Alkmaar

Bologna - Genoa

«1»

«X»

2.10

2.90

ITALIA

Classifica 1ª Divisione Girone A

La Ternana in B con 2 giornate di anticipo l 1° posto è della Ternana che torna in serie B dopo 6 anni: il Foggia potrebbe anche strappare un pari. Il Taranto che, senza penalizzazioni per problemi amministrativi, ora sarebbe primo, deve vincere contro la Reggiana battuta dalla capolista. Il Carpi è condannato a decretare la retrocessione del Foligno che anche senza decurtazioni sarebbe ultimo. Sorrento e Pro Vercelli affrontano una

I

sfida nella quale potrebbe far comodo il pareggio ma con l’occhio puntato a Viareggio da dove il Benevento potrebbe fare lo sgambetto, almeno a una delle due.

Il pronostico di TS Carpi-Foligno 1/Over Pavia-Tritium X/Under Ternana-Foggia X/Goal Viareggio-Benevento 2/Over

La possibile sorpresa Monza-Pisa

1/Under

I nostri consigli di gioco MISTA VINCITA GLOBALE:

9 GARE 1748.37 Euro

8

Correzione di 0-1-2 errori sulle 9 partite 0 err.=8 cinquine; 1 err.=3/4 cinquine; 2 err.=1 cinquina

CINQUINE

Bologna - Genoa Atalanta - Fiorentina Inter - Cesena Siena - Milan Udinese - Lazio Saragozza-Ath. Bilbao Celtics - Rangers Valenciennes - Nizza Feyenoord-AZ Alkmaar

2.90 2.40 1.20 1.60 2.20 2.20 1.70 2.00 2.10

Bologna - Genoa Atalanta - Fiorentina Inter - Cesena Siena - Milan Udinese - Lazio

X 1 1 2 1

2.90 2.40 1.20 1.60 2.20

X 1 1 2 1 2 1 1 1

Bologna - Genoa Atalanta - Fiorentina Inter - Cesena Saragozza-Ath. Bilbao Feyenoord-AZ Alkmaar

X 1 1 2 1

2.90 2.40 1.20 2.20 2.10

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

194.03 Euro

254.67 Euro

Bologna - Genoa Atalanta - Fiorentina Saragozza-Ath. Bilbao Celtics - Rangers Valenciennes - Nizza

X 1 2 1 1

2.90 2.40 2.20 1.70 2.00

Con 6 euro puntati la vincita è di

343.60 Euro Bologna - Genoa Siena - Milan Udinese - Lazio Saragozza-Ath. Bilbao Feyenoord-AZ Alkmaar

X 2 1 2 1

Bologna - Genoa Inter - Cesena Celtics - Rangers Valenciennes - Nizza Feyenoord-AZ Alkmaar

X 1 1 1 1

2.90 1.20 1.70 2.00 2.10

Con 6 euro puntati la vincita è di

163.99 Euro 2.90 1.60 2.20 2.20 2.10

Atalanta - Fiorentina Inter - Cesena Siena - Milan Valenciennes - Nizza Feyenoord-AZ Alkmaar

1 1 2 1 1

2.40 1.20 1.60 2.00 2.10

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

311.26 Euro

127.73 Euro

Atalanta - Fiorentina Udinese - Lazio Celtics - Rangers Valenciennes - Nizza Feyenoord-AZ Alkmaar

1 1 1 1 1

2.40 2.20 1.70 2.00 2.10

Con 6 euro puntati la vincita è di

248.81 Euro

Inter - Cesena Siena - Milan Udinese - Lazio Saragozza-Ath. Bilbao Celtics - Rangers

1 2 1 2 1

1.20 1.60 2.20 2.20 1.70

Con 6 euro puntati la vincita è di

104.27 Euro

TERNANA TARANTO (-7) CARPI PRO VERCELLI SORRENTO (-2) BENEVENTO (-2) PISA LUMEZZANE AVELLINO REGGIANA (-2) FOGGIA (-4) TRITIUM COMO (-3) MONZA VIAREGGIO PAVIA SPAL (-8) FOLIGNO (-3)

PT G

PARTITE V N P

RETI F S

IN CASA V N P

RETI F S

63 57 57 56 54 53 42 42 40 38 37 36 34 33 30 29 28 22

17 17 16 15 15 16 10 12 11 11 11 9 10 7 8 6 9 6

39 38 45 39 39 44 33 26 37 35 31 24 37 27 27 33 28 24

11 11 11 9 10 10 8 6 9 6 5 3 6 3 5 3 5 4

22 21 29 22 24 25 23 13 26 19 15 12 18 13 16 13 17 15

32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32

12 13 9 11 11 7 12 6 7 7 8 9 7 12 6 11 9 7

3 2 7 6 6 9 10 14 14 14 13 14 15 13 18 15 14 19

18 15 26 17 23 32 33 32 41 41 35 36 45 39 46 47 35 45

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

(32ª GIORNATA)

(33ª GIORNATA) Carpi - Foligno 29-04 Lumezzane - Como “ “ Monza - Pisa “ “ Pavia - Tritium “ “ Sorrento - Pro Vercelli “ “ Spal - Avellino “ “ Taranto - Reggiana “ “ Ternana - Foggia “ “ Viareggio - Benevento “ “

Carpi -PARTITE Benevento DEL 25-04 Lumezzane - Avellino Monza - Foligno Pavia - Como Sorrento - Foggia Spal - Pro Vercelli Taranto - Tritium Ternana - Reggiana Viareggio - Pisa

42 COMO

LUMEZZANE PAVIA VIAREGGIO MONZA SORRENTO PRO VERCELLI FOGGIA AVELLINO COMO REGGIANA

1-2 ▼ 0-4 ▼ 1-0 ▲ 0-1 ▼ 0-1 ▼ 0-1 ▼ 2-1 ▲ . .

2-1 ▲ 0-0 = 1-0 ▲ 1-1 = 0-2 ▼ 1-1 = 2-1 ▲ . .

1-1 = 0-0 = 1-0 ▲ 0-1 ▼ 2-0 ▲ 0-2 ▼ 1-1 = . .

PRO VERCELLI COMO BENEVENTO FOLIGNO REGGIANA SORRENTO TARANTO PAVIA VIAREGGIO

TERNANA FOGGIA REGGIANA BENEVENTO COMO PAVIA LUMEZZANE SPAL TARANTO

2-1 0-0 0-1 1-1 0-0 0-0 2-0

▲ = ▼ = = = ▲ . .

FOLIGNO AVELLINO CARPI TARANTO SPAL LUMEZZANE SORRENTO TERNANA PAVIA

1 1 1 2 1 3 4 5 4 6 7 5 6 8 8 8 5 6

9 7 11 4 8 11 18 12 16 20 17 14 19 23 20 20 16 18

REGGIANA SORRENTO FOGGIA COMO MONZA PISA BENEVENTO FOLIGNO PRO VERCELLI

MONZA

TARANTO SPAL LUMEZZANE TERNANA CARPI COMO FOLIGNO PISA BENEVENTO

= ▼ ▲ = ▼ ▼ .

36 0-2 ▼ 1-1 = 0-1 ▼ 0-1 ▼ 1-3 ▼ 0-0 = 0-2 ▼ . .

SPAL CARPI VIAREGGIO LUMEZZANE TERNANA TRITIUM FOGGIA PRO VERCELLI PISA

40

TARANTO MONZA BENEVENTO FOGGIA PISA COMO FOLIGNO TRITIUM REGGIANA AVELLINO

37

VIAREGGIO

COMO LUMEZZANE SORRENTO PRO VERCELLI FOLIGNO REGGIANA PISA BENEVENTO TRITIUM

▼ ▼ ▼ ▼ ▲ ▼ . .

6 6 5 6 5 6 2 6 2 5 6 6 4 4 3 3 4 2

RETI F S

8 2 17 9 9 1 17 8 5 6 16 15 6 4 17 13 6 5 15 15 4 6 19 21 8 6 10 15 1 9 13 20 4 10 11 25 3 8 16 21 4 6 16 18 1 9 12 22 3 9 19 26 7 5 14 16 3 10 11 26 6 7 20 27 3 9 11 19 1 13 9 27

REGOLAMENTO Promossa direttamente la 1ª. Dalla 2ª alla 5ª ammesse ai play-off per il 2° posto promozione. Retrocede direttamente l'ultima. Dalla 14ª alla 17ª al playout per stabilire le altre 2 squadre retrocesse. In caso di arrivo a pari punti vale lo scontro diretto

22

57 FOLIGNO 1-1 = 1-0 ▲ 2-1 ▲ 1-0 ▲ 1-0 ▲ 1-2 ▼ 1-1 = . .

FOGGIA PRO VERCELLI PISA TRITIUM VIAREGGIO TARANTO MONZA CARPI SPAL

0-2 ▼ 0-0 = 0-2 ▼ 1-0 ▲ 1-1 = 1-2 ▼ 1-2 ▼ . .

42

33 PISA 0-0 0-0 0-1 1-1 0-1 1-0 2-1

= = ▼ = ▼ ▲ ▲ . .

BENEVENTO REGGIANA FOLIGNO PAVIA TARANTO CARPI VIAREGGIO MONZA SORRENTO

0-2 2-1 2-0 1-1 2-2 2-1 0-2

1-1 0-1 2-0 1-0 0-0 0-0 2-0

= ▼ ▲ ▲ = = ▲ . .

TRITIUM FOLIGNO PAVIA VIAREGGIO LUMEZZANE TERNANA SPAL SORRENTO CARPI

CARPI PISA AVELLINO SPAL TRITIUM VIAREGGIO TERNANA TARANTO LUMEZZANE

PISA TARANTO TRITIUM AVELLINO PAVIA SPAL CARPI VIAREGGIO MONZA

▼ .

▲ = ▼ ▲ ▲ = = . .

38 1-1 1-2 1-0 1-0 3-1 1-1 0-2

=

24 24 24 24 23 23 23 22 21 20 20 20 20 19 18 18 15 14

(13-11) (12-12) (11-13) (13-11) (12-11) (9-14) (12-11) (10-12) (12-9) (11-9) (9-11) (10-10) (9-11) (10-9) (8-10) (8-10) (10-5) (7-7)

«OVER» Como Pavia Avellino Carpi Foligno Benevento Monza Reggiana Viareggio Lumezzane Spal Foggia Pisa Sorrento Pro Vercelli Taranto Ternana Tritium

18 (9-9) 17 (6-11) 14 (8-6) 14 (8-6) 13 (6-7) 12 (5-7) 12 (7-5) 12 (6-6) 12 (7-5) 11 (4-7) 10 (6-4) 9 (4-5) 9 (7-2) 9 (4-5) 8 (3-5) 8 (4-4) 8 (5-3) 8 (3-5)

«GOAL» Como Pavia Reggiana Avellino Monza Carpi Benevento Foggia Foligno Pisa Tritium Spal Taranto Ternana Pro Vercelli Sorrento Viareggio Lumezzane

21 (10-11) 19 (7-12) 17 (9-8) 16 (9-7) 16 (8-8) 15 (7-8) 14 (5-9) 14 (8-6) 14 (9-5) 14 (8-6) 13 (8-5) 12 (7-5) 12 (6-6) 12 (7-5) 11 (2-9) 11 (6-5) 11 (5-6) 8 (4-4)

▼ ▲ ▲ = ▼ .

53 2-0 1-1 1-0 1-1 2-0 2-0 1-1

«UNDER» Pro Vercelli Taranto Ternana Tritium Foggia Pisa Sorrento Spal Lumezzane Benevento Monza Reggiana Viareggio Foligno Avellino Carpi Pavia Como

.

30 BENEVENTO 2-1 ▲ 4-0 ▲ 0-2 ▼ 0-1 ▼ 1-1 = 1-1 = 2-0 ▲ . .

= = ▲

56 2-0 0-0 0-1 1-0 1-0 0-0 1-1

57 REGGIANA 0-0 = 1-1 = 2-1 ▲ 2-2 = 1-1 = 2-1 ▲ 2-0 ▲ . .

▼ ▲ ▲

.

54 PRO VERCELLI

SORRENTO

1-2 ▼ 4-0 ▲ 0-1 ▼ 1-1 = 0-1 ▼ 1-1 = 1-2 ▼ . .

2-0 0-4 1-2 1-2 0-2 1-0 0-2

FUORI N P

CARPI

34

.

63 FOGGIA

TERNANA AVELLINO PAVIA SPAL MONZA SORRENTO PRO VERCELLI REGGIANA FOGGIA COMO

1-2 1-1 0-1 1-0 1-1 0-1 1-2

28 AVELLINO

SPAL SORRENTO MONZA TERNANA REGGIANA FOGGIA BENEVENTO PRO VERCELLI AVELLINO FOLIGNO

VIAREGGIO TRITIUM CARPI AVELLINO TARANTO MONZA PAVIA LUMEZZANE TERNANA

29 TRITIUM

PAVIA LUMEZZANE TERNANA PRO VERCELLI PISA BENEVENTO AVELLINO COMO TRITIUM FOGGIA

1-1 2-1 2-1 2-1 2-0 1-1 2-0 2-0 2-0

4 4 4 5 5 3 4 5 3 4 4 8 4 5 3 5 6 6

V

▲ = ▲ = ▲ ▲ = . .

«NO GOAL» Lumezzane Pro Vercelli Sorrento Viareggio Spal Taranto Ternana Tritium Benevento Foggia Foligno Pisa Carpi Avellino Monza Reggiana Pavia Como

24 21 21 21 20 20 20 19 18 18 18 18 17 16 16 15 13 11

(12-12) (14-7) (10-11) (11-10) (9-11) (10-10) (9-11) (8-11) (11-7) (8-10) (7-11) (8-10) (9-8) (7-9) (8-8) (7-8) (9-4) (6-5)


12 il Domani dello Sport Domenica 29 aprile 2012

TOTOGUIDA SCOMMESSE ITALIA 1ª Divisione Girone B IL TURNO SUCCESSIVO

Il pronostico di TS

(33ª GIORNATA)

Barletta-Carrarese 1/Over Bassano-Piacenza X/Under Sudtirol-Trapani 2/Under Triestina-Spezia 2/No Goal

Barletta - Carrarese 29-04 Bassano - Piacenza “ “ Feralpisalo’ - Frosinone “ “ Latina - Cremonese “ “ Pergocrema - Andria “ “ Portogruaro - Prato “ “ Siracusa - Virtus Lanciano “ “ La possibile sorpresa Sudtirol - Trapani “ “ Siracusa-V. Lanciano 2/Goal Triestina - Spezia “ “

BARLETTA TRAPANI FERALPISALO’ PORTOGRUARO PERGOCREMA SIRACUSA CREMONESE SPEZIA CARRARESE PIACENZA

LATINA FROSINONE ANDRIA VIRTUS LANCIANO PORTOGRUARO SUDTIROL PIACENZA TRAPANI CREMONESE SPEZIA

42

44 CARRARESE 1-1 = 0-1 ▼ 1-1 = 2-0 ▲ 3-2 ▲ 2-2 = 0-1 ▼ . .

SPEZIA PIACENZA PRATO SIRACUSA VIRTUS LANCIANO FERALPISALO’ SUDTIROL BARLETTA PERGOCREMA

1-1 2-2 0-0 1-3 1-3 0-0 1-1

PRATO VIRTUS LANCIANO FROSINONE FERALPISALO’ TRIESTINA BARLETTA PERGOCREMA LATINA SUDTIROL

PARTITE V N P

RETI F S

TRAPANI SPEZIA VIRTUS LANCIANO SIRACUSA (-5) CREMONESE (-6) SUDTIROL BARLETTA (-1) CARRARESE FROSINONE PORTOGRUARO PERGOCREMA (-5) ANDRIA TRIESTINA FERALPISALO’ LATINA PIACENZA (-9) PRATO BASSANO

58 56 54 52 47 44 44 42 42 41 39 35 35 35 34 32 31 30

17 15 15 16 15 11 11 10 12 10 12 8 9 8 8 10 7 7

53 43 39 44 45 37 39 39 38 39 32 32 42 23 36 37 29 24

= = ▼ ▼ = = .

PIACENZA TRIESTINA TRAPANI BARLETTA FROSINONE VIRTUS LANCIANO CREMONESE ANDRIA CARRARESE

▼ ▲ ▼ = = ▲ . .

7 11 9 9 8 11 12 12 6 11 8 11 8 11 10 11 10 9

8 6 8 7 9 10 9 10 14 11 12 13 15 13 14 11 15 16

5 6 7 3 4 6 6 6 2 8 4 3 3 6 3 8 4 3

32

PERGOCREMA CARRARESE SIRACUSA FROSINONE ANDRIA LATINA TRIESTINA BASSANO BARLETTA

0-0 2-2 1-1 0-2 0-0 1-1 3-1

VIRTUS LANCIANO LATINA BASSANO SUDTIROL PIACENZA SIRACUSA FERALPISALO’ PERGOCREMA PORTOGRUARO

3 1 2 2 3 3 3 2 4 4 7 6 6 6 7 5 8 9

RETI F S 22 23 17 28 28 20 21 23 28 19 16 19 26 12 24 16 17 9

V

17 8 12 10 16 12 16 11 17 20 24 16 22 16 20 22 23 21

FERALPISALO’

=

BASSANO BARLETTA SPEZIA CREMONESE PRATO CARRARESE ANDRIA FROSINONE VIRTUS LANCIANO

= = ▼ = = ▲ . .

39 ANDRIA 0-0 = 0-0 = 0-0 = 0-2 ▼ 1-5 ▼ 0-0 = 1-3 ▼ . .

IN CASA V N P

38 8 28 9 32 7 31 11 28 9 32 7 36 7 36 8 39 10 38 4 42 5 38 7 48 7 34 4 41 6 45 3 42 4 43 4

30 PIACENZA

PERGOCREMA

=

32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32 32

1-2 ▼ 2-2 = 0-2 ▼ 2-2 = 0-3 ▼ 2-0 ▲ 2-1 ▲ . .

FERALPISALO’ SIRACUSA ANDRIA TRIESTINA SPEZIA PRATO FROSINONE PIACENZA TRAPANI

47 0-0 1-2 2-0 0-1 1-1 2-2 3-1

PT G

BASSANO

=

.

34 CREMONESE 2-0 ▲ 1-0 ▲ 1-3 ▼ 1-1 = 0-2 ▼ 1-1 = 3-0 ▲ . .

Classifica

FUORI N P

9 6 8 5 6 4 4 2 2 6 7 1 2 4 2 7 3 3

RETI F S

2 5 31 21 5 5 20 20 2 6 22 20 6 5 16 21 4 6 17 12 5 7 17 20 6 6 18 20 6 8 16 25 4 10 10 22 3 7 20 18 4 5 16 18 8 7 13 22 5 9 16 26 5 7 11 18 7 7 12 21 3 6 21 23 6 7 12 19 6 7 15 22

LATINA TRAPANI CREMONESE PIACENZA PERGOCREMA PORTOGRUARO BASSANO FERALPISALO’ SIRACUSA

PORTOGRUARO 41 PRATO

▼ ▼

TRIESTINA SPEZIA BARLETTA LATINA TRAPANI FROSINONE VIRTUS LANCIANO PRATO ANDRIA

▲ ▲ = ▲ = . .

42

35 FROSINONE 2-1 ▲ 1-0 ▲ 0-3 ▼ 1-0 ▲ 3-2 ▲ 0-0 = 0-0 = . .

35 0-1 0-1 2-0 3-1 0-0 1-0 0-0

REGOLAMENTO Promossa direttamente la 1ª. Dalla 2ª alla 5ª ammesse ai play-off per il 2° posto promozione. Retrocede direttamente l’ultima. Dalla 14ª alla 17ª al play-out per stabilire le altre 2 squadre retrocesse. In caso di arrivo a pari punti vale lo scontro diretto.

0-1 ▼ 1-1 = 1-1 = 1-1 = 5-1 ▲ 1-2 ▼ 2-3 ▼ . .

0-2 1-2 0-2 2-0 5-1 2-1 1-2

▼ ▼ ▼ ▲ ▲ ▲ .

0-0 2-3 0-0 2-2 2-3 0-2 0-3

= ▼ = = ▼ ▼ ▼ .

23 21 21 20 20 20 19 19 19 18 18 18 18

(11-12) (11-10) (10-11) (9-11) (11-9) (8-12) (9-10) (9-10) (12-7) (9-9) (8-10) (8-10) (11-7)

«OVER» Trapani Piacenza Triestina Frosinone Virtus Lanciano Carrarese Prato Siracusa Spezia Cremonese Pergocrema Sudtirol Andria

▼ .

31

CREMONESE SUDTIROL CARRARESE SPEZIA FERALPISALO’ BASSANO SIRACUSA PORTOGRUARO TRIESTINA

«UNDER» Feralpisalo’ Bassano Portogruaro Andria Barletta Latina Cremonese Pergocrema Sudtirol Carrarese Prato Siracusa Spezia

19 18 18 16 15 14 14 14 14 13 13 13 12

(7-12) (7-11) (11-7) (10-6) (7-8) (7-7) (8-6) (8-6) (5-9) (7-6) (7-6) (4-9) (7-5)

«GOAL» Barletta Triestina Andria Frosinone Latina Sudtirol Portogruaro Spezia Virtus Lanciano Carrarese Siracusa Trapani Piacenza

20 19 18 18 18 18 17 17 17 16 16 16 15

(9-11) (10-9) (9-9) (12-6) (9-9) (7-11) (10-7) (6-11) (9-8) (7-9) (6-10) (8-8) (8-7)

.

«NO GOAL»

SIRACUSA SUDTIROL BASSANO PIACENZA CARRARESE BARLETTA ANDRIA PRATO VIRTUS LANCIANO FROSINONE

52 VIRTUS LANCIANO 54

SUDTIROL

1-0 ▲ 2-1 ▲ 3-1 ▲ 0-0 = 3-1 ▲ 0-0 = 3-2 ▲ . .

SIRACUSA PRATO TRIESTINA ANDRIA LATINA SPEZIA CARRARESE TRAPANI CREMONESE

0-0 = 2-2 = 1-1 = 3-1 ▲ 2-3 ▼ 0-1 ▼ 3-0 ▲ . .

ANDRIA CREMONESE LATINA TRAPANI CARRARESE PERGOCREMA PORTOGRUARO SIRACUSA FERALPISALO’

58

44 TRAPANI 0-0 3-2 1-1 1-3 2-0 1-2 1-1

= ▲ = ▼ ▲ ▼ = . .

BARLETTA FROSINONE PERGOCREMA VIRTUS LANCIANO PORTOGRUARO TRIESTINA LATINA SUDTIROL BASSANO

1-1 2-1 0-0 0-0 1-5 3-2 0-3

TRIESTINA

=

PORTOGRUARO PERGOCREMA SUDTIROL BASSANO CREMONESE TRAPANI PIACENZA SPEZIA PRATO

▲ = = ▼ ▲ ▼ . .

56

35 SPEZIA 1-0 ▲ 0-0 = 1-1 = 2-2 = 1-1 = 2-3 ▼ 1-3 ▼ . .

CARRARESE PORTOGRUARO FERALPISALO’ PRATO BASSANO SUDTIROL BARLETTA TRIESTINA LATINA

1-1 1-1 3-0 2-2 3-0 2-1 1-0

= = ▲ = ▲ ▲ ▲ . .

Bassano Feralpisalo’ Pergocrema Cremonese Prato Piacenza Carrarese Siracusa Trapani Portogruaro Spezia Virtus Lanciano Andria

21 21 20 19 18 17 16 16 16 15 15 15 14

(12-9) (10-11) (10-10) (8-11) (7-11) (8-9) (9-7) (10-6) (8-8) (6-9) (10-5) (7-8) (7-7)

Pron.

1

X

2

X 1 1 2 2X1 1X X1 1 1 1X 1 1X X1 X

29 79 40 23 26 37 34 41 41 39 40 36 33 33

40 14 31 26 33 35 36 31 32 37 31 36 39 39

31 7 29 51 41 28 30 28 27 24 29 28 28 28

Pron. 0-2 3

N. Partite 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Atalanta-Fiorentina Inter-Cesena Lecce-Parma Novara-Juventus Siena-Milan Monza-Pisa Viareggio-Benevento Portogruaro-Prato Sudtirol-Trapani Sorrento-Pro Vercelli Spal-Avellino Barletta-Carrarese Siracusa-Lanciano Udinese-Lazio

I SISTEMI INTEGRALI E RIDOTTI N. Partite 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Atalanta-Fiorentina Inter-Cesena Lecce-Parma Novara-Juventus Siena-Milan Monza-Pisa Viareggio-Benevento Portogruaro-Prato Sudtirol-Trapani Sorrento-Pro Vercelli Spal-Avellino Barletta-Carrarese Siracusa-Lanciano Udinese-Lazio

11 1 6 4 9 14 7 5 13 8 2 12 3 10

35 15 25 30 30 45 25 30 45 30 15 45 15 35

35 20 30 30 40 33 30 30 35 40 35 35 35 35

4

5+

25 35 35 25 25 20 35 25 15 25 30 15 30 25

5 30 10 15 5 2 10 15 5 5 20 5 20 5

Inter-Cesena Novara-Juventus Siena-Milan Viareggio-Benevento Latina-Cremonese Sudtirol-Trapani

1 2 X2

Atalanta-Fiorentina Lecce-Parma Monza-Pisa Sorrento-Pro Vercelli Spal-Avellino Siracusa-Virtus Lanciano

X 1X

X2 1

X2

1

1

1

Udinese-Lazio Barletta-Carrarese Portogruaro-Prato

GRUPPO 1

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Atalanta-Fiorentina Inter-Cesena Lecce-Parma Novara-Juventus Siena-Milan Monza-Pisa Viareggio-Benevento Portogruaro-Prato Sudtirol-Trapani Sorrento-Pro Vercelli Spal-Avellino Barletta-Carrarese Siracusa-Lanciano Udinese-Lazio

GRUPPO 2

N. Partite

GRUPPO 3

CONCORSO N. 40 DEL 29/4/2012

1 2

1 2

X2 1X

1-0; 0-0; 1-1

IL SISTEMA RIDOTTO - 3 tr, 5 dp - col. 82 - e 41,00

6 DOPPIE Col. 32 Rid. 7

7 DOPPIE Col. 128 Rid. 16

9 DOPPIE Col. 512 Rid. 64

1 TR-4 DP Col. 48 Rid. 8

X 1 1 2 X2 1X 1X 1 1 1X 1 1X 1X X

2 1 1 2 X2 1X 1X 1 1 1X 1X 1X 1X X

X2 1 1 2 X2 1X 1X 1 1X 1X 1X 1X 1X X

X 1 1 2 1X2 1X 1X 1 1 1X 1 1 1X X

1 TR-6 DP 3 TR 5 DP Col. 192 Rid. 24 Col. 864

X 1 1 2 X2 1X 1X 1 1 1X 1X 1 1X 1X2

Rid. 0-5 errori - Garanzia 1 “13”

X21 X X 1X2 1 1 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2X1 2 1X2 2 1X 1X 1 1 X1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1X X X 1 1 1 1 1 1X X 1 X X1 X 1 1 X12 X X X

X 1 1 2 2 1 X 1 1 1 1 1 X X

12 12 12 1X2 12 X X 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 1X 1X2 2 2 2 1X 1X2 X X 1 1 1 1 1 X 1 X 1 X X 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 X X 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 X X X X X X X 1 X X X X 12 12 X 12 12

X X 1 1 1 1 2 2 1X 2 1 X X 1X 1 1 1 1 X 1 1 1 1 1 1 1 X 12

X 1 1 2 2 X X 1 1 X 1 X X X

12 12 12 12 X X X 12 X X 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 1X 1X 2 2 1X 1X 2 1X 1X 2 1 1 X X X X 1 1 X 1 X X X X X X X 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 X 1 X X 1 X 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 X X 1 1 X X 1 1 1 1 X X 1 X 1 1 X X 1 12 X 12 X 12 X 12 X X 12


Domenica 29 aprile 2012 il Domani dello Sport 13

TOTOGUIDA SCOMMESSE ITALIA 2ª Divisione Girone A

Treviso costretto a battere la Virtus E. e prime 6 raccolte in soli 4 punti, la 7ª che sarebbe davanti a tutte senza la penalizzazione di 6 punti. L’ultimo atto ha visto cadere di misura Casale, Cuneo e San Marino per mano di Virtus Entella, Rimini e di una Pro Patria che ora dista solo 2 punti dalla zona-playoff. Il Treviso ha rifilato una pesante sestina alla già retrocessa Sambonifacese, balzando in questo modo da solo in vetta alla classifica con un punto di vantaggio su San Marino e Rimini. Il prossimo turno offre facili occasioni di riscatto a Casale e San Marino che ospitano Valenzana e Sambonifacese. Proprio a spese dei rossoblù si è guadagnata la salvezza l’Alessandria che quindi dovrebbe cedere strada alla lanciatissima Pro Patria. Il Cuneo deve far punti in casa di un

L

POGGIBONSI SAN MARINO RIMINI ALESSANDRIA CASALE BELLARIA IGEA VALENZANA B. A BUGGIANO CUNEO GIACOMENSE

SAN MARINO POGGIBONSI GIACOMENSE MONTICHIARI VALENZANA VIRTUS ENTELLA SANTARCANGELO PRO PATRIA SAMBONIFACESE B. A BUGGIANO

Poggibonsi in pratica fuori gioco («X2»), il Rimini, invece, deve vincere la resistenza di una Giacomense ancora per nulla salva («1X»). Su tutti Treviso-Virtus Entella: ospiti costretti al colpaccio, veneti favoriti («1X»).

Il pronostico di TS Alessandria-Pro Patria 2/Under Bellaria-Montichiari X/Under Casale-Valenzana 1/Over S. Marino-Sambonifacese 1 La possibile sorpresa Mantova-Santarcangelo 1

IL TURNO SUCCESSIVO (37ª GIORNATA) Alessandria - Pro Patria 29-04 Bellaria Igea - Montichiari “ “ Casale - Valenzana “ “ Mantova - Santarcangelo “ “ Poggibonsi - Cuneo “ “ Renate - B. a Buggiano “ “ Rimini - Giacomense “ “ San Marino - Sambonifacese “ “ Savona - Lecco “ “ Treviso - Virtus Entella “ “

59

53 CUNEO 1-3 ▼ 0-3 ▼ 2-1 ▲ 0-1 ▼ 0-0 = 1-0 ▲ 1-1 = . .

MONTICHIARI VIRTUS ENTELLA RENATE MANTOVA CASALE TREVISO RIMINI POGGIBONSI SAVONA

0-0 1-0 1-1 1-2 2-0 0-0 0-1

= ▲ = ▼ ▲ = ▼ . .

60 SAMBONIFACESE 26 3-1 ▲ 0-0 = 1-1 = 2-0 ▲ 1-2 ▼ 1-1 = 0-1 ▼ . .

VALENZANA GIACOMENSE SANTARCANGELO VIRTUS ENTELLA B. A BUGGIANO ALESSANDRIA TREVISO SAN MARINO BELLARIA IGEA

2-3 ▼ 0-4 ▼ 1-2 ▼ 0-5 ▼ 0-1 ▼ 3-3 = 0-6 ▼ . .

Classifica

PT G

PARTITE V N P

RETI F S

IN CASA V N P

RETI F S

TREVISO (-2) SAN MARINO RIMINI CUNEO VIRTUS ENTELLA CASALE PRO PATRIA (-11) SANTARCANGELO POGGIBONSI ALESSANDRIA (-3) B. A BUGGIANO RENATE SAVONA (-7) GIACOMENSE BELLARIA IGEA MANTOVA MONTICHIARI (-5) LECCO SAMBONIFACESE VALENZANA

61 60 60 59 58 58 56 53 53 48 48 47 46 43 41 41 34 31 26 23

17 17 17 17 16 16 18 16 15 13 13 11 13 10 9 9 9 7 6 5

55 60 44 52 54 43 54 45 47 43 42 37 44 43 36 39 43 31 36 26

9 6 13 4 11 2 9 5 12 4 9 4 8 7 11 1 10 5 9 4 8 2 9 6 10 6 7 7 5 10 5 9 4 8 4 6 4 5 5 5

29 40 26 23 37 22 25 28 25 25 20 23 25 23 19 22 20 20 21 21

ALESSANDRIA BELLARIA IGEA SAVONA POGGIBONSI MONTICHIARI GIACOMENSE SAMBONIFACESE VALENZANA PRO PATRIA LECCO

CASALE B. A BUGGIANO MANTOVA SAVONA POGGIBONSI CUNEO PRO PATRIA VIRTUS ENTELLA VALENZANA SANTARCANGELO

RENATE SAVONA RIMINI CUNEO LECCO MONTICHIARI VIRTUS ENTELLA GIACOMENSE B. A BUGGIANO VALENZANA

SAVONA RENATE ALESSANDRIA CASALE BELLARIA IGEA PRO PATRIA B. A BUGGIANO SANTARCANGELO LECCO CUNEO

36 36 36 36 36 36 36 36 36 36 36 36 36 36 36 36 36 36 36 36

12 9 9 8 10 10 13 5 8 12 9 14 14 13 14 14 12 10 8 8

7 10 10 11 10 10 5 15 13 11 14 11 9 13 13 13 15 19 22 23

30 39 37 43 33 31 33 38 44 42 42 39 36 50 43 46 53 65 75 55

48 PRO PATRIA 2-1 ▲ 2-0 ▲ 1-2 ▼ 2-1 ▲ 0-1 ▼ 3-3 = 1-0 ▲ . .

VIRTUS ENTELLA MONTICHIARI BELLARIA IGEA RIMINI SAVONA CASALE SAN MARINO ALESSANDRIA MANTOVA

4-2 1-0 0-0 3-2 1-1 1-0 1-0

B. A BUGGIANO TREVISO VIRTUS ENTELLA SAN MARINO MANTOVA POGGIBONSI ALESSANDRIA CASALE RENATE

BELLARIA IGEA

TREVISO MANTOVA PRO PATRIA SAVONA POGGIBONSI GIACOMENSE LECCO MONTICHIARI SAMBONIFACESE

▲ = ▲ = ▲ ▲ .

23 0-3 ▼ 1-2 ▼ 1-1 = 0-2 ▼ 0-2 ▼ 0-1 ▼ 0-1 ▼ . .

47 B. A BUGGIANO 48 1-1 = 1-1 = 1-1 = 1-1 = 1-1 = 0-3 ▼ 3-1 ▲ . .

CASALE VALENZANA GIACOMENSE SANTARCANGELO SAMBONIFACESE SAVONA POGGIBONSI RENATE SAN MARINO

2-0 ▲ 3-0 ▲ 0-0 = 0-2 ▼ 1-0 ▲ 0-1 ▼ 1-1 = . .

46 LECCO 1-1 = 0-2 ▼ 1-0 ▲ 1-1 = 1-1 = 1-0 ▲ 2-0 ▲ . .

SAN MARINO SANTARCANGELO TREVISO RENATE RIMINI MANTOVA BELLARIA IGEA SAVONA ALESSANDRIA

2-1 2-1 0-2 1-1 1-2 3-2 1-1

CASALE BELLARIA IGEA RIMINI CUNEO VALENZANA LECCO MONTICHIARI SANTARCANGELO PRO PATRIA

TREVISO

BELLARIA IGEA VALENZANA LECCO GIACOMENSE SANTARCANGELO CUNEO SAMBONIFACESE VIRTUS ENTELLA MONTICHIARI

▼ = ▼ ▲ = . .

4 9 5 7 8 5 2 9 10 6 6 8 7 9 10 9 9 11 13 15

RETI F S 26 20 18 29 17 21 29 17 22 18 22 14 19 20 17 17 23 11 15 5

15 22 21 26 21 16 18 18 31 20 24 25 24 30 25 26 31 31 44 26

REGOLAMENTO Promosse direttamente le prime 2. Dalla 3ª alla 6ª ammesse ai play-off per il 3° posto promozione. Retrocedono direttamente le ultime 3. La quart'ultima e la quint'ultima disputano un play-out per stabilere la 4ª retrocessa. La vincente del play-out disputerà un ulteriore spareggio con la vincente del play-out del girone B per stabilire l'ultima retrocessa in serie D. A pari punti vale lo scontro diretto

34

41 MONTICHIARI CUNEO PRO PATRIA SAN MARINO ALESSANDRIA RENATE RIMINI MANTOVA BELLARIA IGEA TREVISO

0-0 0-1 1-1 1-2 1-1 3-3 2-2

= ▼ = ▼ = = = . .

41 SANTARCANGELO 53 0-0 = 1-2 ▼ 0-0 = 2-1 ▲ 2-0 ▲ 2-3 ▼ 2-2 = . .

GIACOMENSE LECCO SAMBONIFACESE B. A BUGGIANO TREVISO SAN MARINO SAVONA MANTOVA CASALE

4-0 1-2 2-1 2-0 1-0 1-1 0-2

1-1 3-0 0-0 2-3 2-1 3-3 1-0

= ▲ = ▼ ▲ = ▲ . .

SAMBONIFACESE SAN MARINO B. A BUGGIANO TREVISO ALESSANDRIA BELLARIA IGEA RENATE RIMINI POGGIBONSI

▲ ▼ ▲ ▲ ▲ = ▼ . .

43

60 GIACOMENSE

RIMINI RENATE POGGIBONSI MANTOVA PRO PATRIA LECCO MONTICHIARI CUNEO GIACOMENSE VIRTUS ENTELLA

6 5 7 3 6 6 6 4 3 8 7 8 8 6 4 5 4 4 3 3

1-1 = 2-1 ▲ 0-0 = 1-1 = 0-0 = 0-2 ▼ 1-1 = . .

MANTOVA

31 ▲

FUORI N P

15 8 17 4 16 6 17 8 12 4 15 7 15 10 20 5 13 5 22 4 18 5 14 2 12 3 20 3 18 4 20 4 22 5 34 3 31 2 29 0

56

.

58 VALENZANA 0-2 ▼ 0-0 = 0-1 ▼ 1-0 ▲ 0-2 ▼ 0-1 ▼ 0-1 ▼ . .

3 1 5 4 2 5 3 6 3 5 8 3 2 4 3 4 6 8 9 8

V

4-0 0-0 0-0 0-1 1-0 2-0 1-3

▲ = = ▼ ▲ ▲ ▼ . .

61 VIRTUS ENTELLA 58 1-1 2-1 2-0 1-0 0-1 0-0 6-0

= ▲ ▲ ▲ ▼ = ▲ . .

PRO PATRIA CUNEO VALENZANA SAMBONIFACESE SAN MARINO RENATE CASALE TREVISO RIMINI

2-4 0-1 1-1 5-0 2-1 3-0 1-0

▼ ▼ = ▲ ▲ ▲ ▲ . .

Statistiche 2ª Div/A «UNDER» Casale Renate Savona B. a Buggiano Bellaria Igea Santarcangelo Treviso Valenzana Alessandria Poggibonsi Pro Patria Giacomense Mantova Montichiari Rimini

25 25 25 24 23 22 21 21 20 20 20 19 19 19 19

(13-12) (13-12) (13-12) (12-12) (12-11) (10-12) (10-11) (9-12) (8-12) (13-7) (11-9) (10-9) (10-9) (12-7) (9-10)

«OVER» Lecco Sambonifacese San Marino Cuneo Virtus Entella Giacomense Mantova Montichiari Rimini Alessandria Poggibonsi Pro Patria Treviso Valenzana Santarcangelo

21 20 19 18 18 17 17 17 17 16 16 16 15 15 14

(13-8) (9-11) (10-9) (8-10) (12-6) (8-9) (8-9) (6-11) (9-8) (10-6) (5-11) (7-9) (8-7) (9-6) (8-6)

«GOAL» Alessandria Montichiari Bellaria Igea San Marino Savona Cuneo Lecco Renate Mantova Poggibonsi B. a Buggiano Giacomense Rimini Sambonifacese Treviso

23 22 21 21 21 20 20 18 17 17 16 16 16 16 16

(12-11) (11-11) (14-7) (11-10) (10-11) (9-11) (12-8) (7-11) (9-8) (8-9) (6-10) (6-10) (7-9) (7-9) (10-6)

«NO GOAL» Casale Santarcangelo Valenzana Pro Patria Virtus Entella B. a Buggiano Giacomense Rimini Sambonifacese Treviso Mantova Poggibonsi Renate Cuneo Lecco

25 24 23 21 21 20 20 20 20 20 19 19 18 16 16

(13-12) (10-14) (10-13) (12-9) (11-10) (12-8) (12-8) (11-9) (11-9) (8-12) (9-10) (10-9) (11-7) (9-7) (6-10)


14 il Domani dello Sport Domenica 29 aprile 2012

TOTOGUIDA SCOMMESSE ITALIA 2ª Divisione Girone B

Adesso festeggia anche il Catanzaro opo il Perugia è il turno del Catanzaro. Vincendo la 5ª gara consecutiva a Fano, la squadra umbra si è guadagnata la promozione in 1ªDivisione. Al penultimo tocca ai calabresi che fanno visita a un Fondi reduce dal pareggio di Giulianova che gli ha regalato la matematica conferma nella categoria: sarà quindi festa per tutti e la sensazione è che possa finire in «Goal», con l’«X/1° tempo» da tentare (insieme all’«X» finale) e da gestire in base anche a come si svilupperà la sfida “clou” di giornata tra la Vigor Lamezia e il Perugia stesso. I biancoverdi hanno accusato contro il Melfi il colpo della bocciatura ricevuta dal Catanzaro nello scontro diretto e, consapevoli che ormai non possono far più nulla per recuperare, potrebbero anche risparmiare energie in vista dei playoff che li vedono favoriti ai blocchi di partenza: «Over». L’Aquila e Aprilia

D

ISOLA LIRI FANO CELANO CATANZARO EBOLITANA MILAZZO CAMPOBASSO APRILIA VIBONESE PERUGIA

NEAPOLIS GIULIANOVA MILAZZO L’AQUILA MELFI FANO APRILIA RIPOSA CELANO GAVORRANO

spareggiano: abruzzesi in crisi, laziali in gran forma, «X2». Il Chieti sfida un Campobasso con pochi stimoli: «1». Ne ha ancora meno il Fano e molti più la Paganese che non ha alternative per rientrare nella corsa-playoff: «1». Occasione «1» per il Neapolis sul Celano. Chieti-Campobasso 1/No Goal Fondi-Catanzaro X/1° tempo L’Aquila-Aprilia X2 Paganese-Fano 1 Vigor Lamezia-Perugia Over

La possibile sorpresa Giulianova-Ebolitana X/Under

PARTITE V N P

RETI F S

IN CASA V N P

PERUGIA 84 38 25 9 4 63 26 12 CATANZARO 81 38 23 12 3 62 25 16 VIGOR LAMEZIA 76 38 22 10 6 55 27 15 CHIETI 63 38 18 9 11 52 38 11 APRILIA 61 38 17 10 11 58 43 11 GAVORRANO 61 39 16 13 10 67 52 8 L’AQUILA 60 38 15 15 8 37 28 8 PAGANESE 59 38 15 14 9 42 35 10 ARZANESE 52 38 13 13 12 48 52 9 FANO (-5) 50 38 15 10 13 45 45 7 A. NORMANNA (-1) 46 38 12 11 15 28 33 10 FONDI 44 38 11 11 16 39 46 8 MILAZZO 43 39 9 16 14 42 44 6 MELFI (-3) 42 38 11 12 15 45 48 7 CAMPOBASSO (-1) 41 38 10 12 16 36 44 6 GIULIANOVA (-2) 40 38 11 9 18 35 48 7 NEAPOLIS (-2) 36 38 9 11 18 38 56 3 VIBONESE (-1) 35 38 7 15 16 37 50 5 ISOLA LIRI (-2) 32 38 8 10 20 38 58 6 EBOLITANA (-3) 30 38 7 12 19 34 61 5 CELANO 25 38 7 4 27 30 72 6 Ogni settimana una squadra RIPOSA -99 0osserverà 0 0un turno 0 0di riposo 0 0

5 2 3 0 4 0 5 3 5 3 8 3 8 3 6 3 4 6 6 6 4 5 6 5 9 5 7 5 5 8 4 8 7 9 7 7 6 7 7 7 3 10 0 0

RETI F S 34 36 33 27 35 32 21 26 24 20 20 28 23 21 19 17 20 16 24 22 17 0

V

FUORI N P

17 13 8 7 11 7 15 7 20 6 22 8 13 7 17 5 24 4 20 8 15 2 21 3 21 3 17 4 23 4 19 4 29 6 20 2 24 2 29 2 31 1 0 0

4 9 6 4 5 5 7 8 9 4 7 5 7 5 7 5 4 8 4 5 1 0

2 3 6 8 8 7 5 6 6 7 10 11 9 10 8 10 9 9 13 12 17 0

RETI F S 29 26 22 25 23 35 16 16 24 25 8 11 19 24 17 18 18 21 14 12 13 0

9 17 16 23 23 30 15 18 28 25 18 25 23 31 21 29 27 30 34 32 41 0

REGOLAMENTO Promosse direttamente le prime 2. Dalla 3ª alla 6ª ammesse ai playoff per il 3° posto promozione. Retrocedono direttamente le ultime 3. La quart’ultima e la quint’ultima disputano un playout per stabilere la 4ª retrocessa. La vincente del play-out disputerà un ulteriore spareggio con la vincente del play-out del girone A per stabilire l’ultima retrocessa in serie D. A pari punti vale lo scontro diretto.

VIGOR LAMEZIA EBOLITANA ARZANESE FONDI CHIETI GAVORRANO PAGANESE MILAZZO VIBONESE

43

46 MILAZZO

A. NORMANNA 0-4 1-1 0-1 0-1 2-0 0-1 1-0

▼ = ▼ ▼ ▲ ▼ ▲ . .

ARZANESE 2-2 NEAPOLIS 1-1 VIBONESE 1-1 PERUGIA 1-2 ISOLA LIRI 5-0 FONDI 1-1 CELANO 2-1 AVERSA NORMANNA RIPOSA

= = = ▼ ▲ = ▲ . .

CHIETI

41

63 CAMPOBASSO

APRILIA 2-2 = PAGANESE 2-1 ▲ FANO 2-0 ▲ GIULIANOVA 2-0 ▲ AVERSA NORMANNA0-2 ▼ VIBONESE 1-1 = EBOLITANA 1-1 = CAMPOBASSO . CELANO .

CELANO ARZANESE MELFI PAGANESE VIGOR LAMEZIA ISOLA LIRI VIBONESE CHIETI FONDI

(41ª GIORNATA) Aversa Normanna - Milazzo 29-04 Chieti - Campobasso “ “ Fondi - Catanzaro “ “ Giulianova - Ebolitana “ “ Isola Liri - Vibonese “ “ L’Aquila - Aprilia “ “ Melfi - Arzanese “ “ Neapolis - Celano “ “ Paganese - Fano “ “ Vigor Lamezia - Perugia “ “ RIPOSA - Gavorrano “ “

35

RIPOSA Rin. CATANZARO 0-2 ▼ MILAZZO 1-1 FANO 1-2 ▼ GIULIANOVA 0-0 = CHIETI 1-1 = CAMPOBASSO 0-0 ISOLA LIRI AVERSA NORMANNA .

CAMPOBASSO ISOLA LIRI FONDI RIPOSA PERUGIA EBOLITANA MILAZZO NEAPOLIS CHIETI

. =

= .

25 1-0 ▲ 1-4 ▼ 2-0 ▲ Rin. . 0-4 ▼ 1-3 ▼ 1-2 ▼ . .

FONDI

L’AQUILA CATANZARO MELFI NEAPOLIS VIGOR LAMEZIA RIPOSA PERUGIA GAVORRANO APRILIA FANO

PAGANESE

81

44 CATANZARO

PERUGIA 1-1 = FANO 1-1 = CELANO 0-2 ▼ AVERSA NORMANNA1-0 ▲ APRILIA 2-3 ▼ MILAZZO 1-1 = GIULIANOVA 1-1 = CATANZARO . CAMPOBASSO .

L’AQUILA VIBONESE ISOLA LIRI GAVORRANO PAGANESE VIGOR LAMEZIA ARZANESE FONDI GIULIANOVA

0-0 2-0 5-0 2-2 1-1 1-0 3-1

CHIETI VIGOR LAMEZIA GAVORRANO ARZANESE FONDI NEAPOLIS ISOLA LIRI L’AQUILA MELFI

ISOLA LIRI FONDI CHIETI VIBONESE NEAPOLIS ARZANESE PERUGIA PAGANESE L’AQUILA

= = ▲ ▲ .

61 2-2 0-1 2-1 2-0 3-2 2-0 2-1

= ▼ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ . .

50

59 FANO

EBOLITANA 1-1 = CHIETI 1-2 ▼ RIPOSA Rin. . CAMPOBASSO 1-0 ▲ CATANZARO 1-1 = MELFI 1-1 = AVERSA NORMANNA0-1 ▼ FANO . ARZANESE .

▲ ▲

.

60 APRILIA 0-0 = 0-0 = 1-2 ▼ 1-3 ▼ Rin. . 1-2 ▼ 1-4 ▼ . .

=

0-0 1-1 0-2 2-1 2-1 2-1 1-3

= = ▼ ▲ ▲ ▲ ▼ . .

GIULIANOVA NEAPOLIS GAVORRANO VIGOR LAMEZIA CHIETI VIBONESE RIPOSA FONDI EBOLITANA CATANZARO

MELFI L’AQUILA RIPOSA CAMPOBASSO NEAPOLIS GAVORRANO PAGANESE VIGOR LAMEZIA ARZANESE APRILIA

40 EBOLITANA 0-1 ▼ 0-3 ▼ 0-0 = 0-2 ▼ 0-0 = Rin. . 1-1 = . .

0-1 0-2 0-2 0-1 0-1 2-1 0-0

▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▲ = . .

1-0 ▲ Rin. . 0-0 = 3-1 ▲ 1-0 ▲ 0-1 ▼ 0-1 ▼ . .

52

MILAZZO 2-2 = CAMPOBASSO 2-0 ▲ AVERSA NORMANNA1-0 ▲ APRILIA 0-2 ▼ EBOLITANA 3-2 ▲ FANO 1-2 ▼ CATANZARO 1-3 ▼ MELFI . PAGANESE .

VIGOR LAMEZIA 76 PERUGIA APRILIA RIPOSA GIULIANOVA L’AQUILA CAMPOBASSO CATANZARO MELFI PERUGIA EBOLITANA

30

PAGANESE 1-1 = AVERSA NORMANNA1-1 = PERUGIA 1-3 ▼ ISOLA LIRI 1-1 = ARZANESE 2-3 ▼ CELANO 3-1 ▲ CHIETI 1-1 = GIULIANOVA . VIGOR LAMEZIA .

42 ARZANESE 0-0 = Rin. . 2-0 ▲ 3-0 ▲ 2-2 = 1-1 = 1-0 ▲ . .

FONDI RIPOSA EBOLITANA MILAZZO CELANO L’AQUILA FANO VIGOR LAMEZIA ISOLA LIRI

Statistiche «UNDER» A. Normanna Fondi L’Aquila Paganese Campobasso Giulianova Milazzo Vigor Lamezia Perugia Vibonese Catanzaro Celano Ebolitana Aprilia Chieti Arzanese Fano

30 27 27 27 25 25 24 24 23 23 22 22 22 21 21 20 20

(14-16) (12-15) (13-14) (13-14) (10-15) (14-11) (12-12) (11-13) (10-13) (14-9) (11-11) (12-10) (11-11) (7-14) (11-10) (12-8) (12-8)

«OVER»

IL TURNO SUCCESSIVO

36 CELANO 1-0 ▲ 1-1 = 2-1 ▲ 0-3 ▼ 1-2 ▼ 0-2 ▼ Rin. . . .

PT G

Il pronostico di TS

32 VIBONESE 0-0 = 4-1 ▲ 0-5 ▼ 1-1 = 0-5 ▼ 1-2 ▼ 1-2 ▼ . .

Classifica

84 1-1 = Pos. . 3-1 ▲ 2-1 ▲ 4-0 ▲ 2-1 ▲ 3-1 ▲ . .

Gavorrano Isola Liri Neapolis Arzanese Fano Melfi Aprilia Chieti Catanzaro Celano Ebolitana Milazzo Perugia Vibonese Vigor Lamezia Campobasso Giulianova

22 19 19 18 18 18 17 17 16 16 16 15 15 15 14 13 13

(11-11) (9-10) (9-10) (7-11) (7-11) (7-11) (12-5) (8-9) (8-8) (7-9) (8-8) (8-7) (9-6) (5-10) (8-6) (9-4) (5-8)

«GOAL» Gavorrano Fano Arzanese Milazzo Neapolis Vibonese Chieti Ebolitana Paganese Aprilia Isola Liri Melfi Perugia Catanzaro Campobasso Giulianova Fondi

25 24 23 23 21 21 20 20 20 19 19 19 19 18 17 17 16

(13-12) (11-13) (8-15) (13-10) (11-10) (8-13) (10-10) (12-8) (11-9) (11-8) (9-10) (8-11) (12-7) (7-11) (8-9) (7-10) (11-5)

«NO GOAL» Aversa Normanna 29 L’Aquila 24 Celano 23 Vigor Lamezia 23 Fondi 22 Campobasso 21 Giulianova 21 Catanzaro 20 Aprilia 19 Isola Liri 19 Melfi 19 Perugia 19 Chieti 18 Ebolitana 18 Paganese 18 Neapolis 17 Vibonese 17

(14-15) (12-12) (13-10) (10-13) (8-14) (11-10) (12-9) (12-8) (8-11) (10-9) (11-8) (7-12) (9-9) (7-11) (8-10) (8-9) (11-6)


Informazione pubblicitaria



il domani