Page 1

Venerdì 29 Gennaio 2010 Anno XIII - Numero 28

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

AGRICOLTURA

IMPEDIMENTO

CALABRIA

Appello della Cia: «I supermercati ci uccidono»

In aula il ddl dell’Udc: 18 mesi di respiro per il Cavaliere

Crescita intensa dice Congiuntura Mezzogiorno

di Cab a pag » 25

di Roberto Carli a pag » 24

di Carmela Mirarchi a pag » 12

Dieci punti per sconfiggere le cosche e il lavoro nero varati nel Consiglio dei ministri straordinario di ieri mattina nella città dello Stretto

Reggio, capitale della lotta alla mafia Solo 15 giorni per rendere operativa l’Agenzia nazionale per la confisca dei beni alle mafie IL COMMENTO

Il problema “mafie” è diventato prioritario

È stato già trovato l’immobile a Reggio Calabria: ma il tutto non piace alle opposizioni. Entusiasmo, invece, è stato espresso da Confindustria. La Marcegaglia incalza: «Espulsi gli imprenditori che non denunciano il fisco» di Latella e Mutone a pag » 4 e 5

CATANZARO E COSENZA IN METRO’

Finanziamenti Ue tagli all’orizzonte di Francesco De Grano

di Vincenzo Speziali senatore Pdl

Il piano straordinario contro le mafie presentato dal Governo guidato dal premier Silvio Berlusconi durante il Consiglio dei ministri svoltosi a Reggio Calabria, sancisce la volontà dell’esecutivo di impegnarsi con forza e decisione nella lotta alla criminalità organizzata. La presenza costante e concreta che lo Stato ha voluto garantire alla nostra regione in questo periodo di forte inquietudine socialeha fatto sì che si giungesse alla predisposizione di un intervento organico ed articolato senza eguali contro le mafie. Dalla costituzione dell’Agenzia per la gestione dei beni confiscati alla realizzazione di un “testo unico” che raccoglie la legislazione antimafia; dalle misure in favore delle vittime delle estorsioni alla mappa informatica delle organizzazioni criminali, si è voluto mandare un messaggio chiaro e incontrovertibile: per combattere le mafie occorre volerle sconfiggere. Sono convinto che gli interventi messi in atto per fronteggiare gli ultimi episodi di cronaca verificatisi in Calabria, possano favorire una “nazionalizzazione delle strategie antimafia” in grado di coordinare al meglio l’attività, istituzionale e giudiziaria, degli organi prepostialcontrastodellamalavita organizzata. È un compito gravoso il cui positivo esito consentirà ai cittadini della Calabria e del Meridione di ricucire il legame di fiducia con uno Stato finalmente rispondente alle loro bisogni di legalità e di partecipazione sociale.

L’INTERVENTO

Redditi dei terreni: termini per la modifica

La Regione vara i progetti ma protesta per i fondi Soddisfazione per il prossimo avvio delle metropolitane di Catanzaro e Cosenza è stata espressa dall’assessore regionale Luigi Incarnato: é un punto di svolta nel sistema dei trasporti in Calabria. «Si tratta di due atti importantissimi - ha aggiunto - che concretizzano una parte fondamentale del programma di questa Giunta». di Luana Rocca a pag » 11

Mcc: una banca punto di riferimento per le imprese «Il credito cooperativo in Calabria rappresenta un esempio delle rispostepositive che la società calabrese ha dato per affrontare problemi gravi come l’usura e rispondere al bisogno di reti solide e forti». Lo dice Nicola Paladino, presidentedellaMediocrati,laprima Bcc della Calabria. Secondo quanto ha rivelato al Domani le imprese hanno più vantaggi ha rapportarsi a istituti di credito come il suo. di Ludovico Casaburi a pag » 7

Scade il 31 gennaio il termine per la presentazione delle denunce di variazione dei redditi. In caso di variazione del reddito dominicale ed agrario occorre procedere alla revisione del classamento dei terreni cui si riferiscono. Ai fini Irpef, i terreni che sono o devono essere iscritti in catasto producono reddito fondiario e sono dotati di apposita rendita. Scadenza è prorogata al 1 febbraio in quanto il 31 gennaio cade di domenica. di Giuseppe Tetto a pag » 6

Mentre i fondi europei 2007-2013 partono con la consueta e assodata lentezza, accumulando ritardi che verranno inevitabilmente pagati al momento della chiusura dei programmi, a Bruxelles già si pensa alla riforma dei fondi strutturali ed il quadro che si va delineando non è dei migliori per l’Italia. Le prime ipotesi di budget review della Commissione preannunciano,infatti, tagli dolorosi ai finanziamenti destinati al Sud Italia, considerato che il nostro Paese, pur avendo aree in ritardi di sviluppo, è uno dei più ricchi dell’Unione Europea. La proposta di revisione del bilancio comunitario prevede che vi sia un sistema di trasferimento dei fondi Ue solo per le aree Nuts 1 e non più per le aree Nuts 2; ciò vuol dire che a beneficiare dei finanziamenti sarebbero solo i Paesi che evidenzianoun Pil pro capite al di sotto del 75% della media comunitaria e non, come avviene oggi, le regioni. Tale scenario esclude l’Italia (anche la Spagna) dalla ricca dote dell’Unione Europea. Solo i paesi da poco entrati nell’Unione beneficerebbero degli aiuti europei. E’ vero che il rischio si dovrebbe palesare dal 2014 in poi, ma è evidente che i presupposti per la riforma vengono costruiti adesso. Accorgersenetardi potrebbeessereun errore per l’Italia, il Mezzogiorno e la Calabria. Vorrebbe dire garantire vantaggi economici e strutturali ad aree direttamente concorrenti con la nostra ed incentivare investimenti e sviluppo a favore di sistemi imprenditorialieoccupazionaliche competono direttamente con le imprese calabresi e meridionali. segue a pag » 2


2

il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA NOTA - di Dorina Bianchi Risolvere la questione dei fondi Fas

Messa in risalto, ancora una volta, la grande vulnerabilità del territorio al rischio idrogeologico

L’INTERVENTO Finanziamenti Ue, tagli all’orizzonte

Le forti piogge che in queste ultime ore stanno flagellando parte della Calabria hanno messo in risalto, ancora una volta, la grande vulnerabilità del territorio al rischio idrogeologico, a cui si aggiunge la totale inadeguatezza delle infrastrutture. Il crollo di un ponte su una linea ferroviaria, i danni sulla la autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, che dovrebbe essere uno dei nodi autostradali principali d’Italia: dobbiamo aspettare la tragedia perché cambi qualcosa? Vista l’urgenza di un intervento pubblico nel Mezzogiorno, io dico che si dovrebbe almeno risolvere la questione dello sblocco dei fondi Fas per le aree sottoutilizzate.

Dorina Bianchi

LAVORO & LAVORI

di Carlo Malfarà

Neonati e bamboccioni, famiglie sotto la lente I "bamboccioni" hanno davvero le ore contate? Dopo l’annuncio di una futura "espulsione ex-lege" dalla famiglia al raggiungimento dei 18 anni, c’è stata una "retromarche" del ministro proponente che ha garantito ai "pigroni" (bontà Sua) incentivi e sussidi. Ma la famiglia è davvero un tema caro al nostro governo, prova ne è il "prestito al neonato" inserito nella Finanziaria per il 2010. Il provvedimento prevede prestiti a tasso agevolato (fino a 5 mila euro da restituire in 5 anni) alle famiglie che devono affrontare spese per figli nati/adottati nel triennio 2009/2011. Nel frattempo il ministro Temonti assicura agli italiani che (ahinoi!) la congiuntura economica in essere non permette tagli alle tasse. E’ un Governo in confusione questo. E’ evidente che i genitori hanno il diritto-dovere di garantire ai figli una vita sufficientemente dignitosa e preferirebbero ai prestiti, qualche sussidio e/o aiuto reale, oltre che sgravi fiscali. I giovani, dal canto loro, per non rimanere degli "eterni bamboccioni" chiedono la possibilità di accedere, finiti gli studi, ad un lavoro stabile e non precario. Sussidi ai neonati e lavoro ai giovani: ecco quello che serve alla famiglia italiana.

Il tutto mentre la Corte dei Conti, nella relazione diffusa il 30 dicembre 2009, evidenzia che nel 2008 l’Europa ha trasferito all’Italia circa 10 miliardi di euro, il 9,3% in meno rispetto al 2007, mentre il bilancio italiano ha trasferito fondi per un + 9,3% all’Unione Europea. In soldoni, il nostro Paese è contribuente netto dell’Unione ed ha pagato a Bruxelles 27,1 miliardi di euro, una quota in crescita del 73,3% rispetto al 2007. Peraltro, a questa già elevata quota di partecipazione alla Unione Europea si aggiunge il fenomeno delle rettifiche finanziarie e i prelievi supplementari reclamati dalla Commissione per la famigerata Pac (Politica Agricola Comune), che, sempre nel 2008, ha raggiunto la quota di 819 milioni e porta a 4,2 miliardi di euro le perdite sopportate dal 1995. Insomma, l’Italia ha regalato un euro ogni sei versati agli altri Paesi membri, aumentandone l’efficienza e la produttività e privando di risorse preziose il nostro sistema produttivo e sociale. L’Italia sta correndo ai ripari con un documento di controproposta, elaborato da Fabrizio Barca, attuale consigliere del ministro Tremonti, e presentato al commissario Ue per la Politica Regionale. Il Rapporto "An Agenda for a Reformed Cohesion Policy", pubblicato nell’aprile 2009 e fatto proprio dal Governo italiano, propone di riformare i fondi strutturali sulla base di alcuni elementi essenziali:

concentrazione di una quota, compresa tra 55 e 65 per cento dei fondi su un limitato numero di priorità in base al territorio (place-based) ed a pochi temi prioritari (innovazione, cambiamento climatico, cura per l’infanzia e immigrazione, competenze e invecchiamento della popolazione); conferma delle regole per l’allocazione dei fondi tra Stati Membri; conclusione di un "contratto nazionale di sviluppo strategico": concernente per l’insieme delle disponibilità finanziarie di un paese la fissazione di obiettivi e di impegni verificabili per il loro raggiungimento. Dunque un progetto ampio di riforma che dia un nuovo e più efficace impulso allo sviluppo del Mezzogiorno, concentrando gli aiuti su interventi strategici e di sistema, riducendo e, magari, eliminando i ritardi e le disfunzioni nella gestione delle risorse europee. Non resta che auspicare che la nutrita schiera di nostri rappresentanti a Bruxelles, parlamentari europei, ministri, delegazioni regionali, sappiano lavorare per il bene dei nostri territori, evitando di farsi distrarre troppo da problematiche nazionali o locali. Il futuro si decide oggi, domani sarà troppo tardi.

Francesco De Grano

:: www.ildomani.it ::

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Massimo Tigani Sava (sviluppo) Orlando Rotondaro (responsabile)

Redazione

Francesco Pungitore (caposervizio) ::Reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997::

Recapiti telefonici-fax-email - Calabria Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 - Roma Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.45427172

roma@ildomani.it redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it appuntamenti@ildomani.it

Guido Talarico Amministratore

Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale) Direzione Redazione Amministrazione Loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 Roma Via Archimede 201 (Rm) Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


4

il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010

PRIMO PIANO

Dieci punti per sconfiggere le cosche e il lavoro nero

di Angela Latella

allo Stretto. Il Premier ed il suo Esecutivo, ieri mattina, ospitati nella Prefettura di Reggio, hanno REGGIO CALABRIA — Il Consi- così approvato una serie di azioni glio dei Ministri ha varato il piano incisive di contrasto alla criminaCi uniamo al grande dolore dell’amico Felice Caruso per la straordinario contro le mafie. Lo lità. Dieci i punti alla base del scomparsa della cara moglie ha fatto a Reggio Calabria, dove piano straordinario. Il primo, che LINDA CARUSO la ‘ndrangheta dall’inizio del peraltro era stato annunciato già A tutta la famiglia le nostre più sentite condoglianze. 2010 ha alzato prepotentemente nelle scorse settimane, è l’istituMagri Angelo, Magri Riccardo, Magri Luigi, Galeazzi il tiro. I recenti e gravi episodi di zione dell’Agenzia di Gestione dei Claudio cronaca avvenuti in città, primo beni sequestrati e confiscati. In Carpenedolo, 08/01/2010 su tutti l’attentato alla Procura questo contesto il Governo ha ingenerale, hanno indotto il Gover- caricato il sindaco di Reggio Giuno Berlusconi a scendere in riva seppe Scopelliti ad individuare al

La cultura del ricordo E’ mancato all’affetto dei suoi cari il Signor VITTORIO FRUSTACE I funerali saranno celebrati venerdì 29 gennaio alle ore 15.00 nella Chiesa Santa Croce di Pontepiccolo a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte della Signora CONCETTA CRISAFI sarà celebrata una messa in suffragio venerdì29 gennaioalleore 18.00 nella Chiesa Madonna di Pompei località S. Antonio a Catanzaro. In occasione del 1° anniversario della morte del Signor GIUSEPPE CRITELLI sarà celebrata una messa in suffragio venerdì29 gennaioalleore 16.30 nella Chiesa di S. Elia a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor VITALIANO FULCINITI sarà celebrata una messa in suffragio venerdì29 gennaioalleore 18.30 nella Basilica dell’Immacolata a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor TOMMASO DE IACO sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 29 alle 17.30 nella Chiesa Sacra Famiglia di Corvo a Cz.

In occasione del 1° Anniversariodella morte del Signor RAFFAELE LUIGI LEONE sarà celebrata una messa in suffragio sabato 30 gennaio alle ore 16.00 nel Duomo di Catanzaro. In occasione del 1° Anniversariodella morte della Signora FRANCESCA LUCIA sarà celebrata una messa in suffragio sabato 30 gennaio alle ore 15.30 nella Chiesa di S. Giovanni a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor SALVATORE GUERRA sarà celebrata una messa in suffragio sabato 30 gennaio alle ore 17.00 nella Chiesa Madonna di Pompei località S. Antonio a Catanzaro.

più presto una sede per ospitare l’Agenzia in modo che entro quindici giorni possa iniziare ad operare. Il nuovo organismo avrà il compito di censire ed amministrare i beni sequestrati e confiscati. «L’aggressione ai patrimoni mafiosi è la strada maestra di contrasto», ha spiegato il ministro dell’Interno Roberto Maroni, il quale ha evidenziato alcuni dati importanti sui risultati conseguiti nella lotta al crimine organizzato. Sono 12.111 i beni sequestrati, di

Quindici giorni per rendere operativa l’Agenzia nazionale per la confisca dei beni alle mafie: già trovato l’immobile a Reggio Calabria cui 2561 alla sola ‘ndrangheta, per un controvalore di 6.894 milioni di euro, mentre quelli confiscati sono stati 3122 per un valore di 1887 milioni. Significativi,inquestalegislatura, anche i dati relativi agli arresti: sono 310 i latitanti assicurati alla giustizia, di cui 21 appartengono all’elenco dei 30 più pericolosi e 21 inseriti nella lista dei 100. Il Piano straordinario prevede poi la raccolta in un "testo unico" dei principali interventi legislativi antimafia. «C’era bisogno di questo codice - ha spiegato il Premier Berlusconi -, ne sentivamo l’esigenza. Tutte le mafie sono una grave patologia per il nostro Paese, ne risente anche la nostra immagine all’estero». Adottati inoltre nuovi strumenti di aggressione ai patrimoni mafiosi, conferendo in questo contesto maggiori poteri alla DDA. Quest’ultima avrà anche competenze in or-

dine al reato di traffico illecito organizzato dei rifiuti. Il piano prevede altresì: una serie di interventi a favore delle vittime del racket e dell’usura; la realizzazione di una mappa della criminalità organizzata attraverso il sistema informatico MA.CR.O; il potenziamento dell’azione nel settore degli appalti (con l’estensione tra l’atro della "tracciabilità" dei flussi finanziari, già prevista per la ricostruzione in Abruzzo e per l’Expo 2015 di Milano); la presentazione all’Unione Europea della "best practice" italiana in materia di lotta al crimine organizzato con l’obiettivo di ottenere il riconoscimento dell’esecuzionedei sequestri dei beni in tutti i Paesi dell’UE; e alcune norme di contrasto tra cui la limitazione a 6 mesi, in caso di ricorso al giudice amministrativo, della sospensiva della revoca del programma di protezione nei confronti dei collaboratori di giustizia. Il Guardasigilli Angelino Alfano ha parlato dei vuoti in organico negli uffici giudiziari: «Il Ministero ha inviato già due settimane fa al CSM una richiesta di parere per sei nuovimagistratida inviare a Reggio Calabria, ma, ancora, non è pervenuta alcuna risposta. So bene che il CSM è impegnato a dare pareri contro le leggi di questo governo, ma se dessero i pareri su cose più urgenti noi ne saremmo grati».

In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora TERESA SANSOTTA sarà celebrata una messa in suffragio domenica 24 gennaio alle ore 11.00 nella Chiesa di Santa Teresa dell’Osservanza a Catanzaro. Nella ricorrenza del 1° Anniversario della morte del Signor CARLO CIAMBRONE sarà celebrata una messa in suffragio domenica 24 gennaio alle ore 11.30 nella Chiesa di San Giuseppe in rione Pianocasa a Catanzaro. In occasione del Trigesimo della morte della Signora MARIA TALLARICO sarà celebrata una messa in suffragio lunedì 25 gennaio alle ore 18.30 nella Chiesa di Santa Maria del Carmelo a Siano, Catanzaro. In occasione del Trigesimo della morte del Signor PASQUALE CRIALESI ESPOSITO sarà celebrata una messa in suffragio domenica 24 gennaio alle ore 17.30 nella Chiesa dell’Immacolata,GizzeriaLido.

In occasione del trigesimo della morte della Signora ROSA RUSSO sarà celebrata una messa in suffragio domenica 31 gennaio alle ore 18.00 nella Chiesa del S.S. Rosario a Gagliano (Catanzaro). In occasione del trigesimo della morte del Signor VITALIANO FAMMARTINO sarà celebrata una messa in suffragio domenica 31 gennaio alle ore 18.00 nel Conventino di S. Antonio rione San Leonardo a Catanzaro.

La cultura del ricordo

Accettazione telefono

0961 996.802 ORARIO: 9,00-13,00 | 15,00-18,00

L’avvocato Mario Casalinuovo, presidente onorario della Camera penale "Alfredo

Lamezia Terme. Per l’Anniversario della morte della Signora LIBERATA ORSO Sarà celebrata una Messa in suffragio martedì 15


Venerdì 29 Gennaio 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO

Entusiasta Confindustria e la Marcegaglia contribuisce: saranno espulsi dalla confederazione degli industriali coloro che non denunciano e pagano il pizzo

Ma il piano antimafia non piace alla opposizione: non c’è nulla di nuovo di Gaia Mutone ROMA — Tra quindici giorni si comincerà a capire se alle parole di ieri seguiranno i fatti. O almeno, ci vorranno due settimane per rendere operativa quell’Agenzia per i beni sequestrati e confiscati, che i ministri Alfano e Maroni hanno messo al centro della nuova strategia antimafia basata sulla lotta ai patrimoni delle potenti cosche e che il governo ha approvato con un decreto legge. Un’Agenzia, che dalla sede di Reggio Calabria, dovrà fungere nell’immediato futuro da centro di coordinamento per la gestione

di tutto ciò, beni immobili e non, che la magistratura e le forze dell’ordine saranno in grado di sottrarre alle mafie. Proprio il ministro Maroni, uscendo dal palazzo della Prefettura dove si è svolto il Consiglio dei ministri straordinario, ha annunciato che l’immobile che ospiterà l’Agenzia è stato già trovato e che sarà presente all’inaugurazione. Il Pd ha auspicato che l’agenzia

dei beni confiscati sia uno strumento davvero operativo: «Ci auguriamo che l’Agenzia venga pensata e realizzata come una struttura dotata di poteri reali in materia di osservazione e analisi su beni assegnati e sull’iter di quelli da assegnare», si legge in una nota di Pina Picierno, «che lavori in raccordo con le prefetture, la magistratura e le forze dell’ordine, che sappia dare impulso alla destinazione dei beni, garantendo trasparenza delle procedure e accesso all’assegnazione, fornendo un supporto concreto ad associazioni, enti e operatori che prendono in gestione i

beni attraverso appositi fondi di garanzia e rotazione per il sostegno finanziario dei progetti di riutilizzo». Adesso, ha insistito, «è sempre più urgente la rivisitazione della norma che consente la vendita dei beni non assegnati. Sul tema dell’Agenzia, vista l’importanza del provvedimento di là di ogni schieramento politico, il ministro accetti il confronto con il Parlamento e con le associazioni

Marcegaglia: «Il dato del lavoro nero al 44% è drammatico e richiede un’iniziativa forte. È un problema di civiltà e di rispetto delle persone» che si occupano da tempo e con successo di contrasto alle mafie e riutilizzo dei beni a scopo sociale». Ben altri toni quelli dell’Italia dei Valori, che con il portavoce Leoluca Orlando, accusa: «Il governo da un lato annuncia piani straordinari contro la mafia, dall’altro continua a favorirla, e irridere chi la combatte veramente». E riguardo al premier: «Dopo aver dichiarato solennemente che per combattere la mafia bisogna aggredire il patrimonio dei mafiosi, Berlusconi irride - definendoli "belli spiriti" coloro che avrebbero denunciato il rischio grave e concreto che i beni messi all’asta possano essere ricomprati dagli stessi mafiosi. E anzi scherza su questa possibilità, considerandoladunqueconcreta, annunciando che in caso di riacquisto di quei beni, essi "verranno sequestrati un’altra volta". Ma come può il Presidentedel Consiglio fare simili dichiarazioni, e schernire chi lavora ogni giorno sul territorio per combattere la mafia e denunciarne le attività illecite e i profitti?». Secondo Orlando non si comprende quali siano in concreto le novità apportati dalla costituzione dell’Agenzia e quali

siano i vantaggi reali del piano antimafia se il Governo «dietro questo scenario di carta pesta, continua concretamente a favorire gli interessi dei mafiosi, approvando leggi, come quella sullo scudo fiscale, che di fatto permettono il rientro di capitali, con il quali, appunto, eventualmente riacquistare i beni messi all’asta». Per Luigi de Magistris il Consiglio dei ministri di Reggio si è rivelato un teatrino perché l’esecutivo continua a portare avanti la distruzione del sistema giudiziario. Per l’europarlamentare dell’Idv il premier «non perde occasione per riproporre ricette razziste e vuote, che non rispondono all’esigenza di sicurezza e all’urgenza di garantire la lotta al crimine organizzato. L’autonomia dei magistrati e i fondi alle forze dell’ordine, la possibilità di disporre delle intercettazioni: questa sarebbe la strada da percorrere. La maggioranza, invece, procede con lo scudo fiscale, la vendita dei beni confiscati e il processo breve: misure che garantisco le mafie e i colletti bianchi, che fanno da ponte per la loro infiltrazione istitu-

zionale lasciando che nel paese si instauri una impunità generale». E i colletti bianchi, quelli di Confindustria però, sostengono la nuova offensiva governativa contro la criminalità e la Marcegaglia, parlando a margine dell’incontro della giunta dell’associazione riunitasi a Roma, fa sapere che non ci saranno sconti per quegli imprenditori che cedono al ricatto mafioso pagando il pizzo alle cosche e che: «l’intreccio con la criminalità è molto forte: è fondamentale lavorare in questa direzione». La presidente di Confindustria ha aprezzato l’impegno sulla questione dell’immigrazione clandestina e sul lavoro nero, la cui incidenza nel settore agricolo e in quello edilizio ha segnato quest’anno un brusco aumento. Per porvi un freno il ministro Sacconi ha disposto un piano di controlli straordinario, effettuati da 550 ispettori dellInps, da personale del ministero del Lavoro e dai carabinieri, su 20mila aziende distribuite nelle quattro regioni italiane a rischio: Calabria, Campania, Sicilia e Puglia.


6

il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010

PRIMO PIANO

Variazioni redditi dei terreni: termini per la presentazione della modifica Il 31 gennaio termine per la denuncia di variazione del reddito agrario e dominicale Scade il 31 gennaio il termine per la presentazione delle denunce di variazione dei redditi dei terreni. In caso di variazione del reddito dominicale ed agrario dei terreni occorre procedere alla revisione del classamento dei terreni cui si riferiscono. Le variazioni possono essere in aumento , e devono essere denunciate entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello in cui si sono verificati i fatti modificativi e hanno effetto da tale anno, o essere in in diminuzione, se denunciate entro il 31 gennaio dell’anno successivo hanno effetto dall’anno in cui si sono verificati i fatti modificativi, se, invece la denuncia è presentata successivamente , hanno effetto dall’anno in cui la stessa è stata presentata (la scadenza è comunque prorogata al 1 febbraio in quanto il 31 gennaio cade di domenica). Ai fini Irpef, i terreni che sono o devono essere iscritti in ca-

tasto producono reddito fondiario e sono dotati di apposita rendita. Il reddito dei terreni si distingue in: reddito dominicale , reddito che va imputato al proprietario del terreno ovvero al soggetto che possiede un diritto reale su di essi; reddito agrario , reddito che va imputato, invece, al soggetto che esercita l’impresa agricola ai sensi dell’articolo 2135 c.c.. La sostituzione di una coltura con altra di qualità superiore dà luogo a variazioni in aumento, mentre il cambiamento con una coltura di qualità inferiore che da luogo a minor reddito (che non dipenda da circostanzetransitorie) dà luogo a variazioni in diminuzione.Qualora si verifichino variazioni in aumento o in diminuzione delle variazioni del reddito dominicale, ovvero variazioni permanenti nello stato delle colture, èpossibile procedere alla revisione del classamento mediante: l’attribuzione di un’al-

tra qualità o classee la previsione di nuove quantità e classi. . Le variazioni del reddito dominicale devono essere denunciate dal contribuente agli uffici provinciali dell’Agenzia del Territorio, in conformità alla coltura in atto se difforme da quella risultante da catasto. Come già detto, il contribuente ha l’obbligo di denunciare le variazioni del reddito dominicale entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello in cui si sono verificate le predette variazioni, indicando la partita catastale e le particelle cui le variazioni si riferiscono e unendo la dimostrazione grafica del frazionamento, se le variazioni riguardano porzioni di particelle.Nell’ipotesi di circostanze che danno luogo a variazioni in aumento, l’omessa denuncia nei termini previsti è punita con la sanzione amministrativa da 258 euro a 2.065 euro. Giuseppe Tetto

Professionisti e proventi illeciti Sono assoggettabili a tassazione i proventi illeciti conseguiti dal professionista prima del 2006?

Con l’ordinanza n. 37 del 5 gennaio 2010, la Suprema Corte di Cassazione si è pronunciata in relazione alla possibilità di sottoporre a tassazione, ai sensi dell’art. 36 del D.L. n. 223/2006, i proventi illeciti conseguiti da un professionista che, incaricato dal contribuente di effettuare per suo conto il versamento delle proprie imposte, si è appropriato delle somme affidategli. Al riguardo, la Suprema Corte, dopo aver precisato che la norma in esame, alla quale va indubbiamente attribuita efficacia retroattiva, è stata espressamente emanata in deroga al principio di irretroattività delle disposizioni tributarie sancito dall’art. 3 della L. n. 212/2000 (Statuto dei diritti del contribuente), conclude rigettando il ricorso proposto. La previsione in commento, inserita nel citato provvedimento in sede di

Nuovo modello AA5/6 conversione del Decreto, prevede che "in deroga all’ articolo 3 della legge 27 luglio 2000, n. 212 , la disposizione di cui al comma 4, dell’articolo 14 della legge 24 dicembre 1993, n. 537, si interpreta nel senso che i proventi illeciti ivi indicati, qualora non siano classificabili nelle categorie di reddito di cui all’ articolo 6, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, sono comunque considerati come redditi diversi". In particolare, il citato art. 14, comma 4, della L n. 537/1993 prevede poi che nelle categorie di reddito di cui all’art. 6, comma 1, del T.U.I.R. devono intendersi ricompresi, se in esse classificabili, i proventi derivanti da fatti, atti o attività qualificabili come illecito civile, penale o amministrativo se non già sottoposti a sequestro o confisca penale. Inoltre, i relativi redditi sono determinati secondo le disposizioni riguardanti ciascuna categoria. La Cassazione si è poi anche pronunciata in relazione al contenuto dell’’art. 1, comma 2, della L. 27 luglio 2000, n. 212 (c.d. "Statuto dei diritti del contribuente") secondo cui "L’adozione di norme interpretative in materia tributaria può essere disposta soltanto in casi eccezionali e con legge ordinaria, qualificando come tali le disposizioni di interpretazione autentica".

G.T

Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 21 dicembre 2009 è stato approvato il nuovo modello da utilizzare per la richiesta del numero di codice fiscale da parte dei soggetti diversi dalle persone fisiche non tenuti alla presentazione della dichiarazione di inizio attività ai fini IVA. La nuova versione del modello, a parte la veste grafica rinnovata, presenta un inedito "quadro D" e significativi cambiamenti sia per quanto riguarda le modalità di presentazione (differenziate secondo il tipo di operazione da effettuare) sia per la compilazione stessa del modello. Tra le principali novità del nuovo modello AA5/6 segnaliamo: l’introduzione della modalità di trasmissione telematica, diretta o tramite intermediari abilitati, prevista esclusivamente per le dichiarazioni di variazione dati, di comunicazione di avvenuta estinzione, fusione, concentrazione, trasformazione; l’introduzione del quadro D per la comunicazione di avvenuta fusione, concentrazione e trasformazione, la cui trasmissione dovrà essere telematica. PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" di ANTONIO GIGLIOTTI


Venerdì 29 Gennaio 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO Sussidiarietà del credito e responsabilità sociale. Parla il dottore Nicola Paladino, presidente della Mediocrati, una realtà radicata e consolidata da anni nella regione

Mediocrati, il punto di riferimento per le attività produttive calabresi di Ludovico Casaburi COSENZA - Le banche di credito cooperativo per la Calabria rappresentano un solido e intramontabile punto di riferimento per imprese e non solo. Ne abbiamo parlato con il presidente della Mediocrati Nicola Paladino. Qual è secondo lei il ruolo delle Bcc nel tessuto economico calabrese? «Il credito cooperativo in Calabria è un soggetto attivo da oltre cento anni. Rappresenta un esempio delle risposte positive che la società calabrese è stata capace di dare per affrontare problemi gravi come l’usura, ma anche per rispondere al bisogno di reti solide e forti. Tutto ciò, si badi bene, all’interno di gruppi composti dalle persone più umili e ricche soprattutto di valori e della propria forza morale». Quali sono i vantaggi che un imprenditore locale può trarre dal rapporto con la sua Bcc rispetto a un grande istituto di credito? «L’imprenditore locale ha problemi locali. Il che non significa più piccoli, quindi meno importanti,

Paladino: «A gennaio del 2008 abbiamo abolito la commissione di massimo scoperto per le imprese, mentre di questa cosa in Italia ancora neanche se ne parlava» lo a centinaia di chilometri dal territorio, non avrà la possibilità di rispondere in tempi brevi secondo le esigenze di quest’ultimo». In cosa si traduce tale ritardo? «In uno svantaggio incalcolabile per chi deve operare, perché, spesso, anche il rinvio di un giorno può provocare danni o impedireil successodi un’attività.Inoltre bisogna considerare il grande vantaggio di conoscere e di essere conosciuti. La profonda conoscenza del territorio, che è la forza delle Bcc, è un grande vantaggio per le imprese serie, affidabili, con una storia imprenditoriale». In che modo si stanno riversando sul vostro operato gli effetti

Nicola Paladino

tori determina un allungamento dei tempi, che, a sua volta, moltiplica il numero delle domande di proroga degli affidamenti. Nel rapporto sull’economia cosentina, che pubblichiamo ogni anno da un lustro, abbiamo voluto appunto studiare i rapporti delle imprese con la Pubblica Amministrazione». Qual è il risultato? «Non è stata una novità, semmai una conferma: gli enti pubblici sono un ottimo cliente per le imprese del territorio, ma un pessimo pagatore. Se si tiene conto del peso specifico del settore pubblico sull’economia regionale, questo diventa un bel problema. Oltre il 77% delle imprese cosentine lamenta un ritardo nell’incasso delle proprie spettanze che va da 60 giorni a oltre 6 mesi, con una media di 4 mesi e mezzo di attesa».

La filiale di Rende della Bcc Mediocrati

ma che i suoi problemi, che sono rapportati alle dimensioni della sua azienda, sono immediatamente riferibili ai risultati che ottiene. Mi spiego: se un imprenditore ha bisogno di concludere un affare immediato, o deve affrontare una crisi imprevista nella conduzione di una strategia pianificata, non può aspettare a lungo per trovare la soluzione. Una banca foranea, con il cervel-

della crisi economica? «Il nostro è un territorio che non è ancora riuscito a lasciarsi alle spalle una condizione di precario sviluppo. Ciò significa che in tanti sono abituati a convivere con una situazione di difficoltà. Questa crisi, in particolare, si sta evidenziando sotto forma di ritardi nei pagamenti e di aumento del credito anomalo. Il peggioramento del rapporto fra creditori e debi-

Quali sono i vostri suggerimenti per uscire da questa crisi? «Non siamo a conoscenza di formule magiche. Questa crisi è di natura esogena, viene da lontano, per cui bisogna usarla per risistemare gli equilibri aziendali e riposizionare il proprio business, magari diversificandolo. Di certo si tratta di un’occasione importante per rilanciare l’impresa assicurandole il prossimo futuro. Penso, ad esempio, alle tante iniziative legislative emanate per arginare la crisi. Anche quelle sono una boccata d’ossigeno, ma sa-

«Questa crisi si sta manifestando sotto forma di ritardi nei pagamenti. Il peggioramento del rapporto fra creditori e debitori determina un allungamento dei tempi, che, a sua volta, moltiplica il numero delle domande di proroga degli affidamenti» rebbe un peccato mortale usarle solo per assicurarsi la sopravvivenza. La moratoria per le Pmi, ad esempio, con la sospensione dei mutui per un anno, va usata in maniera intelligente, lavorando per tagliare i costi e rafforzare il posizionamento sul mercato. Difficoltà di accesso al credito. Un tema frequentemente discusso dalle pmi calabresi». Qual è la vostra posizione? «Noi ci riteniamo un’azienda di sussidiarietà, nel senso che siamo non solo trasversali a tutti i settori produttivi e ai ceti sociali, ma complementari nella costruzione di una società più forte. Nel corso degli ultimi anni abbiamo preso decisioni importanti: a gennaio 2008 abbiamo abolito la commissione di massimo scoperto per le imprese, mentre in Italia ancora neanche se ne parlava; nel 2009

abbiamo moltiplicato gli sforzi per offrire consulenza e servizi alle aziende di ogni genere. Utilizzando le agevolazioni Artigiancassa, il consolidamento delle passività, l’accordo ABI/CDP, abbiamo finanziato, finora, 45 aziende per un totale di oltre 8 milioni di euro. Se poi consideriamo i finanziamenti alle piccole e medie imprese garantiti da Confidi il numero sale a 360 imprese, di cui 70 con convenzione antiusura, per finanziamenti pari a oltre 20 milioni di euro.Beninteso, non saremo noi a risolvere i problemi di una azienda che non sa più essere competitiva o che non riesce ad usare le leve dell’indebitamento secondo i giusti criteri. Noi siamo un punto d’appoggio, per l’appunto, che fornisce i suoi servizi per irrobustire la forza propria di ogni azienda. Ai nostri soci e clienti diamo assistenza, a tassi sempre più bassi della media regionale. L’interesse medio su finanziamenti erogati per cassa alla clientela ordinaria alla fine del 2008 era del 9,45% in Calabria (dati Banca d’Italia), mentre alla BCC Mediocrati erano del 6,29%. Nel 2009, alla fine del terzo trimestre, con la discesa dei tassi, la media degli interessi bancari in Calabria è scesa al 6,55%, mentre la media della nostra banca è arrivata al 5,15%. Un trend che è proseguito e che il 31 dicembre 2009 ha toccato quota 5%. Per i nostri giovani abbiamo anche studiato qualcosa in più: “Voglio Restare”. Si tratta di un progetto di microcredito, fino a 50.000, che concediamo a giovani fino a 40 anni sulla sola base dell’idea imprenditoriale. Abbiamo chiesto e ottenuto l’intervento della Camera di commercio di Cosenza, che si fa carico di una parte consistente degli interessi, mentre i confidi di categoria si fanno carico della garanzia al 50%. Il tasso finale per i nostri giovani è pari al tasso Bce (attualmente l’1%). Questo progetto rappresenta per noi la sintesi di un impegno verso la comunità».


8

il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' ELEZIONI COMUNALI Il candidato a sindaco del Pdl lancia pesanti strali contro la Giunta Speranza e attacca Reillo: “Non accetta di confrontarsi con me sulle cose essenziali per il futuro della città”

Lamezia, Ida D’Ippolito: le primarie sono il fallimento del centrosinistra... LAMEZIA TERME - Va all’attacco IdaD’Ippolito,candidatosindaco del Pdl a Lamezia Terme, a commento del caos primarie. «Le primarie del centrosinistra a Lamezia come in Italia - ha stigmatizzato - parlano da sole e raccontano del fallimento di questa Amministrazione. Il sindaco uscente, infatti, ha deluso le aspettative degli elettori e ha fallito nella gestione di questa città, e tutto questo il Pd lo sa bene. Per questo motivo ha indetto le primarie, vero e proprio "escamotage" per sostituirlo senza fargli perdere la faccia. Si è mascherata la ques-

tione delle primarie come prova di democrazia, quando invece si tratta di una sonora bocciatura da parte del partito democratico nei confronti del sindaco che ha fallito, perché i dirigenti del Pd sanno bene che per governare una città come Lamezia ci vuole ben altro. E ora siamo al caos totale. Anche se a dire la verità questa confusione nel centrosinistra il sindaco uscente la usa furbescamente per cercare di sostenere la tesi assolutamente fasulla di essere un uomo che non si riconosce nel centrosinistra e che sarebbe autonomo da tutto e da tutti. In realtà il punto è

un altro. E’ che la sinistra che prima lo ha sostenuto e che oggi lo vuole scaricare perché ha governato malissimo al di là della cura con cui ha gestito la sua immagine fatica a trovare un modo elegante per metterlo alla porta. Diciamo che in questo senso cercano un modo per farsi il minor male possibile. Lo stesso centrosinistra - osserva altresì la parlamentare del Pdl - lo sa e prima gli ha chiesto di farsi da parte, poi ha indetto le primarie e ora che il sindaco uscente sa di perderle contro la Reillo (e lo dicono tra le righe anche i sondaggi che si cuci-

Maltempo, tragedia sfiorata sulla linea ferroviaria a Soveria Mannelli CATANZARO - Paura ma fortunatamente nessuna conseguenza per i passeggeri di un treno delle Ferrovie della Calabria, in transito sulla linea delle Ferrovie della Calabria che da Catanzaro conduce a Soveria Mannelli, per il crollo di un ponte a causa delle forti piogge. La tragedia è stata evitata solo grazie alla prontezza del macchinista che ha evitato che il treno deargliasse. A causa dell’intensità delle precipitazioni ha ceduto il pilone di un ponte nel tratto collega le stazioni di San Pietro Apostolo e Cicala. I binari sono rimasti sospesi nell’aria. Un’altra frana ha interessato la linea ferrata tra San Pietro Apostolo e Serrastretta, nel Lametino, mentre uno smottamento di terreno si è verificato nei pressi di Cavorà alle porte del capoluogo di regione. Altri disagi hanno interessato Cropani, nell’entroterra ionico dove il sindaco, Bruno Colosimo ha disposto la chiusura per oggi degli istituti scolastici. Ancora chiusa al traffico la strada provinciale Janò-Magisano. Danni per le forti piogge anche nella zona del basso Ionio e sulla strada statale 106 nel tratto che va da Montepaone a Guardavalle con rallentamenti e disagi per gli automobilisti. «La lezione di un anno fa evidentemente non è servita - questo il commento del consiglier eregionale, Giovanni Nucera - così come avvenuto tra la fine del 2008 e nel mese di gennaio del 2009 ci ritroviamo a fare i conti con veri e propri disastri ambientali, le cui cause non sono certamente da addebitare solo alle condizioni meteorologiche particolarmente avverse.Vi è senza dubbio una responsabilità degli organi istituzionali regionali "poco attenti" alle politiche di prevenzione e tutela del territorio. Sin da allora infatti era evidente la necessità di attuare un piano programmatico di prevenzione del territorio regionale, di concerto con gli amministratori locali i quali nell’evidenziare l’esigenza improrogabile di interventi immediati, nel contem-

po avevano richiesto a viva voce che si andasse oltre la predisposizione degli interventi necessari legati all’emergenza. Ciò correlativamente all’esigenza di dover concertare con gli organi di vertice regionali, progetti relativi alla prevenzione e tutela dei propri territori, il cui adempimento avrebbe consentito di concretizzare "giorno dopo giorno" la definizione e realizzazione di piani programmatici di interventi nelle "zone a rischio" dei propri comuni di riferimento.Il dissesto idrogeologico del territorio e le condizioni particolari del litorale costiero sono di pubblico dominio, così come " le eventuali emergenze ambientali" sono facilmente individuabili se rapportate alle esigenze di prevenzione dei centri montani e costieri più esposti agli eventi atmosferici ad alta densità. Ciò che è avvenuto circa un anno fa e ciò che si sta verificando oggi avrebbe dovuto indurre gli organi istituzionali regionali ad avviare una concreta inversione di tendenza, affinché la nostra regione non possa, non debba vivere solo di "invocazioni, di richieste di stati di emergenza e calamità naturali". Nello specifico del litorale costiero reggino e di alcuni centri dell’entroterra, devastati dal maltempo che imperversa in questi giorni, da Bocale a Marina di Gioiosa a Caulonia e Monasterace, l’esigenza di consentire ai comuni la realizzazione di un programma di risanamento ambientale, idrogeologico e di messa in sicurezza del proprio territorio, di concerto con la Regione era stata da me evidenziata sin dall’anno scorso in sede di discussione della manovra di bilancio, con la presentazione di una serie di emendamenti che prevedevano lo stanziamento di somme ed altre modalità di finanziamento da impiegare per tali finalità. Esigenza più volte espressa anche attraverso interrogazioni rivolte al presidente della Giunta regionale, da me presentate nel corso di questa legislatura».

na in casa la sinistra), il sindaco si tira indietro e minaccia di non farle più. Insomma un caos totale che si traduce in una presa in giro nei confronti dei cittadini di Lamezia Terme. Chi ne esce sconfitta è la città: mentre loro litigano per le poltrone, i problemi sono tutti da risolvere». La candidata sindaco del Pdl ha inoltre, reso noto che il suo appello relativo alla richiesta di un confronto pubblico con Gabriella Reillo, non è stato raccolto. «Purtroppo la Reillo non ha risposto. E questo lo reputo un fatto gravissimo soprattutto nei confronti dei Lametini, i primi ad essere danneggiati da questo rifiuto. Il non accettare di confrontarsi con me e con la città dimostra bene un fatto: prima il Pd non ha avuto il coraggio di ammettere ufficialmente il fallimento che è davanti agli occhi di tutti della Giunta Speranza, e per coprirlo è ricorsa all’espediente mediatico delle primarie; adesso non ha il coraggio di confrontarsi con me e con il Pdl sulle cose essenziali che non hanno funzionato in questi ultimi anni e sui progetti per il futuro della città. Insomma, non solo hanno governato male con il loro sindaco uscente, ma non hanno nemmeno il coraggio di ammettere i propri errori e di confrontarsi con me e con i cittadini di Lamezia sul futuro della nostra città. Viene da pensare seriamente che il problema è che anche il Pd non abbia nessuna intenzione di cambiare Lamezia e quindi

Ida D'Ippolito

preferisca non consentire alla Reillo un confronto pubblico con me. Come il sindaco uscente scappa dalla possibile sconfitta con la Reillo alle primarie, il Pd scappa dalla possibile sconfitta con me in un faccia a faccia che agli elettori interesserebbe molto di più delle loro liti. E il fatto che la dott.ssa Reillo non abbia mai dato seguito al mio invito, che magari le sarebbe piaciuto accettare, un invito sincero e trasparente fatto attraverso i giornali, dimostra tutto questo. Storicamente le elezioni a Lamezia sono sempre state caratterizzate da una frammentazione di piccole liste a sostegno di un proprio candidato. Ma la storia - conclude l’onorevole Ida D’Ippolito - ci insegna che poi prevale sempre la logica bipolare Pd-Pdl. Ed è giusto, perche Lamezia Terme è una delle città più importanti della Calabria e per governarla bene non ci si può basare su localismi, velleità e personalismi. Dopodiché trovo vergognoso che i terzi e quarti poli facciano le "verginelle": hanno o non hanno sostenuto il sindaco, l’Amministrazione e la sinistra alle scorse elezioni comunali? Hanno sostenuto il centrosinistra alle Provinciali, sì o no? La risposta è sì e non solo, hanno avuto anche precise responsabilità nel fallimento della Giunta del sindaco uscente».

r.c.


Venerdì 29 Gennaio 2010

il Domani

9

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' Dopo la ratifica di Berlusconi, oggi alle ore 11,00 conferenza stampa dei leader calabresi dei due partiti che sostengono il candidato alla presidenza della Regione, Peppe Scopelliti

Regionali, il giorno dell’annuncio A Lamezia Terme “patto” Pdl-Udc LAMEZIA TERME - Come ampiamenteannuncianto,oggifinalmente la ratifica dell’accordo tra Pdl e Udc, in vista delle elezioni regionali della prossima primavera. Alle ore ore 11,00 presso l’Hotel Ashley di Lamezia Terme, si terrà la conferenza stampa congiunta tra i leader calabresi del Pdl e dello Scudocrociato per la presentazione dell’accordo di programma politico relativo alle prossime consultazioni. Accordo, è stato reso noto, ratificato dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Interverranno, il senatore, Antonio Gentile, vicecoord inatore vicario del Pdl, Giu-

seppeScopelliti, coordinatore regionale del Pdl e candidato a presidenedella RegioneCalabria, Francesco Talarico, segretario regionale dell’Udc e Michele Trematerra, capogruppo regionale dello Scudocrociato. Inoltre, parteciperanno, parlamentari e consiglieri regionali. «Si tratta di un accordo che è la conseguenza di un percorso lungo e condiviso- ha detto in proposito Antonio Gentile - iniziato in Calabria un anno fa .C’è un progetto comune tra i due partiti che hanno osservato un comportamento lineare e coerente nell’opposizione a questo centrosinistrauscenteeinconcluden-

Giuseppe Scopelliti, candidato alla presidenza della Regione Calabria

te e hanno individuato in Giuseppe Scopelliti la persona giusta per rappresentare le esigenze di rinnovamento e di libertà sociale ed

Corbelli ringrazia Nano che lascia la direzione del tg Rai calabrese COSENZA - Il leader del movimento Diritti civili, Franco Corbelli, dopo aver appreso del cambio alla direzione del Tg Rai Calabria, ha telefonato a Pino Nano, per esprimergli il «ringraziamento suo e del movimento Diritti civili per il grande, importante contributo dato a tutte le innumerevoli battaglie civili, le iniziative umanitarie e di solidarietà in questi otto anni di direzione della testata giornalistica regionale della Tv di Stato». Corbelli ha espresso a Pino Nano «sentimenti di stima, amicizia e gratitudine, si è detto felice per il nuovo, importante, prestigioso incarico che il popolare giornalista calabrese andrà a ricoprire a Roma alla direzione della Tgr, ma sinceramente dispiaciuto perché alla Calabria , all’informazione pubblica, all’intera regione, verrà a mancare l’apporto, diretto e quotidiano, di un grande giornalista, un amico di tutti, che sono comunque certo anche dalla capitale continuerà ad

Il giornalista, Pino Nano

aiutare, con lo stesso entusiasmo e la stessa passione, la sua regione e la sua gente. Pino Nano in questi otto anni ha rappresentato (insieme alla sua redazione) un punto di riferimento per tutti i calabresi, un giornalista che ha saputo coniugare professionalità, sensibilità e profonda umanità, diventando un punto di riferimento importante per le categorie più povere, deboli ed emarginate della società calabrese. Diritti civili in tutti questi anni ha sempre trovato in Pino Nano un amico pronto a sostenere tutte le nostre battaglie civili. Ricordo tra le tante alcune tra le più belle pagine di solidarietà scritte insieme a lui in questi anni: la vicenda di Marko e Branko, i due fratellini Rom non vedenti, nati a Cosenza, e costretti vivere in condizioni disumane e allucinanti in una tenda-vergogna a Vaglio Lise, alle porte della città bruzia. Fu lui, Pino Nano, otto anni fa, a telefonarmi una notte, poco prima di mezzanotte, per dirmi del dramma di questi due bambini e per chiedermi di intervenire. Li abbiamo salvati e da otto anni continuiamo ad aiutarli, insieme al comune di Rende e agli altri media calabresi (Il Domani della Calabria è da sempre tra questi) che ci sono vicini in questa e in tutte le altre nostre battaglie civili e iniziative di solidarietà. A Roma il 17 febbraio 2003 quando, all’aeroporto di Fiumicino, ho consegnato all’ambasciatore dell’Etiopia in Italia un aereo cargo, carico di aiuti alimentari, per i bambini etiopi poveri e malati, c’era insieme a me Pino Nano. C’era quel giorno, così come c’era sempre stato nei mesi precedenti per organizzare e allestire quell’aereo umanitario. Per far approvare la proposta di legge per l’istituzione del Garante della Salute della Calabria mi ha sostenuto, sin dal primo istante, con grande generosità e entusiasmo. Pino Nano è questo, l’amico di tutti, in particolare dei più poveri, il paladino degli ultimi».

economica. La ratifica di Berlusconi - conclude Gentile - conferisce autorevolezza a un percorso che punta a restituire ai calabresi un govenro efficiente, sano, capace di guidare una Regione ridotta dal centrosinistra a fanalino di coda dell’Europa. Una Regione che Scopelliti, con il conforto di Pdl, Udc, partiti laici e riformisti, destra , mondo catotlico, farà risplendere».

Plauso di Callipo al senatore del Pd Enzo Bianco PIZZO CALABRO - «Ringrazio il senatore Enzo Bianco per il suo apprezzatissimo riconoscimento alle mie battaglie condotte in Calabria da presidente di Confindustria». Così, Pippo Callipo, candidato alla prersidenza della Regione. «Quando il senatore Bianco sostiene che anche in Calabria molti cittadini vogliono voltare pagina - prosegue - dice una profonda verità. In questo momento, però, debbo notare che la politica tradizionale è come se fosse diventata sorda a ogni richiesta di rinnovamento che proviene con forza dalla società calabrese. Ma davvero, mi chiedo, costoro pensano di poter andare avanti chiudendosi ad ogni sollecitazione? Stranamente questi segnali di irriggidimento, di chiusura verso ogni novità, li avverto da forze come il Pd che pure hanno intelligenze, competenze, giovani, donne, amministratori, che non chiedono di meglio che essere messi alla prova».


10

il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' “Impresa legale e legalità sociale”, se n’è discusso a Catanzaro CATANZARO - “Impresa legale e legalità sociale”. E’ stato questo il tema del dibattito tenutosi nell’aula "Aldo Ferrara" della Provincia di Catanzaro. Un insieme di contributi, tra i quali quelli importanti delle associazioni antiracket, rappresentate da Maria Teresa Morano e Armando Caputo. La sintesi dei quali si è concentrata sulla necessità di una presenza sempre più capillare

dello Stato per garantire la possibilità di uno sviluppo legale non solo attraverso la presenza, pur fondamentale di tanti uomini in divisa, ma attraverso il controllo di quella burocrazia nella qualle troppo spesso l’antistato. Hanno partecipato Franco Maccari, segretario generale del Coisp, Vincenzo Albanese dirigente sindacale del Coisp, Vincenzo Falcone e Filippo Capellupo.

Conferenza stampa del presidente della Provincia di Cosenza per presentare ufficialmente la petizione popolare. Insieme a lui 200 sindaci che hanno già firmato

La battaglia di Mario Oliverio contro il listino “della vergogna” COSENZA - Un’iniziativa forte. Popolare ma non populista, democratica ma non anarchica né talebana, dai risvolti inevitabilmente politici ma niente affatto partorita da esigenze tipiche delle stanze di partito. Mario Oliverio l’ha scelto bene il time della trovata. All’ultimo secondo, con il suono della sirena a scandire l’ultima palla da giocare. A un tiro di schioppo dall’ultima seduta del Consiglio regionale prima dello scioglimento e a mezzo metro dalla scelta del candidato del centrosinistra. In mezzo lui, Oliverio, i 200 sindaci che hanno già firmato, altri che lo stanno facendo in queste ore, presidenti di Province, amministratori, la cosiddetta "gente" comune. Convitato di pietra naturalmente "lui", il listino regionale bloccato che superMario da San Giovanni in Fiore vuole fortissimamente abolire. Per chi non fosse pratico della materia trattasi di un quinto dei consiglieri regionali (10 su 50) che entrano in Aula per chiamata diciamo pure "divina", eterodiretta, senza sporcarsi la camicia nemmeno con una goccia di sudore. Senza voti e stuprando la regola democratica della rappresentanza il gruppo del listino ha un nemico giurato in più, stavolta. È Mario Oliverio che insospettito e oggettivamente preoccupato di come si sono messe le cose nel corso dell’ultima seduta dei capigruppo in Consiglio regionale ha deciso ieri di tornare all’attacco

convocando la stampa per annunciare che da oggi si ricomincia, riparte la raccolta popolare delle firme. Raccolta che era stata temporaneamente sospesa grazie all’impegno sul punto corale e unanime di tutti i capigruppo in Consiglio regionale. La "promessa" da marinaio è però durata lo spazio di pochi minuti. È bastato che Totò Borrello proponesse l’improponibile nell’impalcatura dell’insieme della riforma di legge elettorale per far proporre a Pino Gentile lo slittamento della seduta dei capigruppo. Si replica oggi, con i leader dell’aula a ritrattare la materia. Ma è l’ultima occasione.

tro l’ultima. Basterebbe, già. Gli intenti di tutti, sulla carta, non lasciano spazio a dubbi. Da Adamo a Guccione, da Gentile a Feraudo, da Tripodi a Tripodi tutti, ma proprio tutti (a parole) sono per l’abolizione del listino. Poi chissà perché qualcosa s’inceppa e prevale sottobanco quel partito trasparente che nessuno vede e che ti ritrovi poi spuntare

trasversalmente nel listino che verrà. Ma stavolta Oliverio ha alzato le barricate. È convinto di portare migliaia di firme nei pressi del portone del Consiglio regionale prima dell’ultima seduta. Si ricomincia oggi con la raccolta, dall’Unical al centro di Cosenza ma in poche ore si prevedono banchetti in tutta la regione.

Lo fa per la democrazia e la libertà dei calabresi, dice Oliverio. Infondo credergli costa solo una firma. E dieci consiglieri in meno senza prendere neanche un voto non è poi così male costringerli a sudare un po’...

CROTONE - Dalla chiusura dell’attività venatoria avvenuta a dicembre scorso, gli uomini del Nucleo investigativo di Polizia smbientale e Forestale di Crotone del Corpo forestale dello Stato, erano sulle piste di noti bracconieri del Petilino e dell’arco jonico.

E così, dopo numerosi e minuziosi appostamenti ed una oculata attività investigativa, gli uomini del Nipaf alla fine sono riusciti ad identificare gli autori. In particolare si tratta di C.S. di anni 25 di Petilia Policastro sorpreso nel mentre era intento a pulire e nei pressi della propria abitazione il cinghiale abbattuto illegalmente in località "Valle" in agro di Petilia Policastro, che dovrà comparire innanzi all’autorità giudiziaria competente, per avere abbattuto in periodo di divieto un esemplare di cinghiale (sus scrofa), in evidente violazione della legge 157/1992. A continuazione dell’attività preventiva e repressiva intrapresa, lo stesso Nipaf, semper seondo quanto reso noto nella giornata di ieri, ha proceduto a segnalare all’autorità giudiziaria M.G.M. di anni 47 di Belvedere Spinello, per avere, in località Boscarello in agro di Scandale esercitato la caccia con mezzi non consentiti e sparando per giunta da autoveicoli a motore.

Il cinghiale ucciso a Petilia Policastro

r.c.

Al via la campagna di tesseramento del Partito democratico LAMEZIA TERME - E’ partita ieri la campagna di tesseramento 2010 del Partito democratico. «L’adesione - è scritto in una nota - serve a costruire un partito fortemente radicato territorialmente e popolare. Il Pd è una grande intuizione politica e una certezza per il futuro delle nuove generazioni. E’ l’alternativa vera al Governo di centrodestra, soprattutto nel Mezzogiorno dove

Domenico Martelli

Operazione antibracconaggio del Corpo forestale Giovane di Petilia Policastro beccato subito dopo l’uccisione di un cinghiale in periodo di divieto

Si parte oggi con la raccolta: dall’Unical al centro della città bruzia e, a seguire, banchetti in tutta la regione Altre chance non ce ne sono più. C’è da preparare le carte per l’ultimoConsiglioregionaledellastagione Loiero-Bova 2005. O si abolisce l’11 in Aula il listino, o non se ne fa niente. Basterebbe, dice Oliverio, decidere di stralciare la discussione e quindi il voto sul listino dall’intero capitolo della nuova legge elettorale,oggettivamentepiùcomplessa e difficilmente modificabile in una sola seduta consiliare, peral-

Mario Oliverio

paghiamo i prezzi più alti della politica scellerata di questo Governo, che non solo non dà priorità al Sud, ma cerca di utilizzare i finanziamenti destinati per le infrastrutture e allo sviluppo del Meridione veicolandoli in altre zone del Paese. L’appello che il segretario regionale rivolge ai coordinatori di circolo è quello di avviare una forte campagna di adesione al partito e di utiliz-

zare i fine settimana (sabato e domenica) per aprire i circoli presenti in tutti i comuni della regione per farli diventare luoghi di incontro, di discussione, di confronto. Queste iniziative ci danno l’opportunità di promuovere e informare i cittadini sulle proposte del partito e sulla sua capacità progettuale di costruire una vera alternativa di governo».


Venerdì 29 Gennaio 2010

il Domani 11

TRASPORTI, ENTI LOCALI Sovrappasso pedonale tra Catanzaro Lido e l’Arena Catanzaro - Nuovo collegamento tra Catanzaro Lido e l’Arena Magna Graecia. Proprio ieri è arrivato il via libera della giunta comunale al progetto di completamento di sovrappasso pedonale che permetterà di collegare le due zone in questione «saltando» il tracciato ferroviario all’altezza della stazione ferroviaria. L’autorizzazione è stata data dall’esecutivo presieduto dal sindaco Rosario Olivo che su proposta dell’assessore alle infrastrutture Domenico Iaconantonio, ha riapprovato il progetto esecutivo del secondo lotto dell’opera, vale a dire la passerella che poggerà sui piloni già realizzati. La somma destinata per la realizzazione dei lavori è di 720 mila euro. Il sovrappasso di collegamento fa parte delle opere inserite nel Programma Urban Italia Asse I, un’iniziativa di interesse comunitario del Fondo europeo di sviluppo regionale a favore dello sviluppo sostenibile

di città e quartieri in crisi dell’Unione Europea. Il progetto consentirà di saldare il centro storico di Lido, in particolare la zona di Piazza Mercato, con l’area polifunzionale detta Magna Graecia. Un grande utilizzo si può fare di tale area pedonale soprattutto in occasione dei grandi eventi spettacolari che si svolgono nell’area polifunzionale durante tutto l’anno e in particolare modo durante i mesi estivi. È da sottolineare anche l’importanza che la passerella ha nel permettere di bypassare la trafficatissima strada dei Due Mari , riducendo così i rischi di lunghe file per coloroche dovrannoraggiungerel’Arena Magna Graecia. Dopo l’approvazione della Giunta, ora il progetto passerà agli uffici comunali competenti per l’avvio delle procedure relative al completamento dell’opera. L.R.

La Regione ha approvato i progetti per le metropolitane e dalla prossima settimana saranno avviate le gare di appalto con lo stanziamento di circa 300milioni di euro

Svolta per il trasporto calabrese: metrò a Catanzaro e Cosenza Il chiarimento della Giunta sugli avvisi per l’Ici a Catanzaro

di Luana Rocca «È un punto di svolta nel sistema de trasporti in Calabria». Queste le parole dell’assessore regionale ai lavori pubblici Luigi Incarnato al termine dell’incontro di Giunta riunitasi ieri a Palazzo Alemanni e presieduta dal presidente Agazio Loiero, in cui è stato approvato l’avvio alla realizzazione del collegamento metropolitano per le aree di Catanzaro e Germaneto,CosenzaeRende.«Si tratta di due atti importantissimi che concretizzano una parte fondamentale del programma di questa Giunta attraverso l’uso dei fondi europei e nazionali». Per la realizzazione dei due sistemi di mobilità metropolitana, la Regione ha stanziato circa 300 milioni di euro provenienti dal Por (Programma operativo regionale), Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) e dal Par-Fas ( Fondo aree sotto-utilizzate). Il presidente ha sottolineato che «le aree metropolitane sono ancora sprovviste di servizi adeguati e questi progetti appro-

vati stravolgono i sistemi di trasporto. Il trasporto locale, senza tempi e percorsi garantiti, lascia le nostre città senza una comunicazione adeguata. Quindi con l’approvazione di ieri si dà il via alle procedure e già dalla prossima settimana saranno avviate le gare di appalto». Sulla mancanza degli stessi lavori a Reggio Calabria Incarnato ha voluto chiarire «che si voleva procedere con l’avvio del sistema metropolitano anche per questa città, ma purtroppo la lentezza da parte dell’amministrazione comunale reggina, ha impedito alla Regione di inserire quello di Reg-

«I progetti stravolgono i sistemi di trasporto della nostra Regione che non aveva una comunicazione adeguata»

gio tra i progetti approvati, al contrario di Cosenza e Catanzaro che sono stati subito dsposti ad approvare i rispettivi progetti». Nella riunione di ieri alla Giunta è stata anche approvata la determinazione delle modalità di verifica delle attività dei direttori generali delle aziende sanitarie ed ospedaliere della Regioneai fini dell’integrazione del trattamento economico annuo. È stato anche approvato lo schema di Accordo quadro di cooperazione interregionale permanente per lo sviluppo di iniziative volte al rafforzamento della società dell’informazione e dell’e-government. Altri progetti, approvati sempre dalla Giunta, vengono su proposta dell’assessore all’Urbanistica Michelangelo Tripodi e riguardano la realizzazione, all’Università della Calabria, di una struttura da adibire a «Centro didattico multifunzionale» e di un capannone all’interno dell’orto botanico.Sono stati anche istituiti i «Distretti rurali ed agroalimentari di qualità» del Pollino-Versante calabro, dell’Alto Jonio cosentino e della Sila.

Catanzaro - Il sindaco Rosario Olivo espone un documento varato dalla giunta per chiarire sulla vicenda degli avvisi di accertamenti Ici 2004 (imposta comunale sugli immobili) riguardo iterreni edificabili. «Nelle scorse settimane a circa temila contribuenti catanzaresi sono stati recapitati degli avvisi di accertamento e non delle cartelle esattoriali, relativi all’Ici 2004. Questi avvisi riguardano però le aree divenute edificabili dopo l’adozione negli anni passati, del Prg vigente (Piano regolatore generale). A seguito di questa adozione, infatti, molti cittadini avevano già provveduto spontaneamente a regolarizzare la loro posizione tributaria, relativamente ad analoghe trasformazioni urbanistiche, come previsto dalla legge. La vicenda ha portato l’amministrazione comunale ad adottare questi provvedimenti che non sono il frutto di una scelta spontanea, ma li si può considerare un vero e proprio atto dovuto. In questa circostanza bisogna ricordare che la città di Catanzaro risulta il comune Capoluogo dove il prelievo per i tributi locali è tra i più bassi e a tal riguardo un aiuto è venuto anche dall’amministrazione Olivo che dall’inizio del suo mandato, non ha mai aumentato nessuna tariffa o imposta di propria competenza e anzi ha provveduto volontariamente e prima dei provvedimenti legislativi nazionali, a ridurre l’Ici sulla prima casa. Le imposte in questione riguardano l’ acquedotto, il ticket mensa scolastica, il Tosap, il Tarsu, la pubblicità, l’addizionale Irpef ecc. Nessuna preoccupazione prò per tutti coloro che riceveranno gli avvisi di accertamento Ici, anzi si assicura che l’amministrazione garantisce ai contribuenti che avanzano istanza di autotutela per tali avvisi, che le loro posizioni verranno riesaminate tenendo conto delle informazioni fornite dagli stessi destinatari dopo essere state sottoposte alle verifiche urbanistiche e contabili. Fino all’esito del’esame, gli uffici non prenderanno nessuna decisione e i contribenti conserveranno il benificio dei termini per l’adesione volontaria che permette tutte le agevolazioni di legge. La Giunta ha inoltre concesso agli uffici di adottare, nel rispetto delle disposizioni legislative, ogni iniziativa che tuteli i diritti dei contribuenti.» L.R.


12

il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010

ECONOMIA, IMPRESE, COMMERCIO È stato pubblicato il nuovo numero del rapporto “Congiuntura Mezzogiorno” È stato realizzato da Isae-Obi-Srm per l’analisi della situazione congiunturale

Sud, migliora il clima economico La crescita è intensa in Calabria di Carmela Mirarchi ROMA - E’ stato pubblicato il nuovo numero del Rapporto "Congiuntura Mezzogiorno" relativo al IV° trimestre 2009, realizzato congiuntamente da Isae-Obi-Srmperl’analisidellasituazione congiunturale del settore manifatturiero, delle costruzioni, del terziario innovativo e delle famiglie, guardando ai dati relativi al Mezzogiorno e alle regioni che ne fanno parte, viste in relazione al quadro congiunturale nazionale. Anche in Italia, il Clima Economico conferma i segni di recupero già emersi negli ultimi due trimestri, con l’indice che sale da 89 a 95,3 sui massimi dal secondo trimestre del 2008. Anche in questo caso, la fiducia recupera in modo particolarmente marcato nell’industria e nei servizi, registrando un aumento più modesto nelle costruzioni ed una sostanziale stabilità nel commercio.Iconsumatoriinfinesono più ottimisti per il quinto trimestre consecutivo, con l’indicatore che si porta sui massimi degli ultimi anni. In Italia, la ripresa del Clima Economico è diffusa su tutto il territorio, anche se con intensità diverse. In particolare, l’indicatore segna un forte balzo in avanti nel Mezzogiorno e nel Nord Ovest, registrando invece guadagni più modesti ma comunque significativi nel Nord est e al Centro. Le regioni Nord occidentali e quelle del Mezzogiornosono anche quelle che registrano una più marcata ripresa della fiducia dei consumatori, grazie soprattutto al netto miglioramento delle valutazioni circa la situazione dell’economia nazionale. Anche nell’industriae nei servizila ripre-

Aumenta la fiducia delle imprese Attese positive per la produzione

sa della fiducia, che fino allo scorso trimestre riguardava quasi esclusivamente le regioni settentrionali, si estende ora anche al Centro e al Mezzogiorno: nel manifatturiero, l’aumento dell’indice rimane comunque più forte nel Nord Ovest rispetto al resto del paese; nei servizi, invece, l’ottimismo aumenta soprattutto nelle regioni meridionali e nel Nord Est, mentre la fiducia cresce più modestamente nel Centro ed è sostanzialmente stazionaria nelle regioni del Nord Ovest. Guardando ai dati regionali del Mezzogiorno, dopo un terzo trimestre

Nel IV trimestre 2009 il Clima economico in Calabria ha recuperato la lieve flessione registrata a luglio Si è arrivati al 73,5

caratterizzato da un recupero a "macchia di leopardo" del clima di fiducia locale, nel quarto trimestre la ripresa si estende a tutte le regioni. Una crescita particolarmente intensa la registrano il Clima Economico dell’Abruzzo, della Calabria e dalla Sicilia, seguite per intensità della ripresa dalla Sardegna, dalla Puglia, dalla Basilicata e dalla Campania. L’indicatore elaborato dall’Isae risulta infine sostanzialmente stazionario in Molise, dopo il forte balzo in avanti dello scorso trimestre. Nel dettaglio regionale, l’aumento della fiducia dei consumatori non è ancora diffuso a tutto il territorio: l’indicatore Isae è ancora in calo in Abruzzo, in Molise e in Campania, è sostanzialmente stazionario in Sicilia e Basilicata ed aumenta invece in Puglia, Calabria e Sardegna. Nel settore manifatturiero invece gli andamenti sono più omogenei, con un aumento generalizzato della fiducia, che è particolarmente intenso in Basilicataed Abruzzo.

Nel corso del quarto trimestre il Clima Economico in Calabria recupera la lieve flessione registrata nel periodo luglio/settembre 2009 e passa dal 62,8 al 73,5, portandosi vicino ai valori di settembre 2008. L’incremento registrato è in linea con il dato positivo dell’intero Mezzogiorno, ma è caratterizzato da una maggiore intensità. Il risultato è ascrivibile alla crescita della Imprese manifatturiere, fiducia delle imprese e al mi- si registra una ripresa glioramento del clima di fiduciadeiconsumatoricalab- della fiducia da 84,3 a resi. Dopo un trimestre in 87,0, ben al di sopra cui l’indice di fiducia delle manifatturiere si è mantenu- dei minimi storici toccati to stabile, il periodo tra ottobre e dicembre registra una nel primo trimestre 2009 ripresa della fiducia da 84,3 a 87,0, ben al di sopra dei minimi storici toccati nel primo trimestre 2009 (78,8). L’andamento risulta in linea con la crescita registrata nel Mezzogiorno complessivamente. La ripresa del clima di fiducia delle imprese calabresi è determinata in larga misura dal miglioramento del saldo dei giudizi degli imprenditori sul livello degli ordini (da -45 a -39) e da attese più positive sulle tendenze della produzione (da 16 a 22). Lieve aumento, invece, per le scorte di magazzino: il saldo passa da 0 a 2 nel trimestre, mantenendosi sui livelli prossimi a quelli considerati normali da parte degli operatori. La fiducia migliora anche nel settore delle costruzioni dopo un calo di circa 8 punti. L’indice che esprime la fiducia degli imprenditori edili calabresi passa infatti da 90,4 a 96,1, recuperando in parte la flessione del periodo tra luglio e settembre. La crescita della fiducia degli imprenditori edili campani è in controtendenza rispetto al dato medio del Mezzogiorno. A determinare tale andamento ha contribuito il miglioramento delle attese sul portafoglio ordini.

Consumatori, peggiora la convenienza nell’acquisto di beni durevoli Continua il miglioramento del clima di fiducia dei consumatori calabresi seppur con un’intensità minore rispetto ai trimestri precedenti (il saldo passa da 106,2 a 107,1). Il quarto trimestre s’inscrive nella ripresa che prosegue ininterrotta da settembre 2008 - data del minimo storico degli ultimi cinque anni (89,9). L’incremento dell’indicatore risulta in linea rispetto a quanto registrato nella media del Mezzogiorno. Guardando alle variabili che influiscono sull’andamento del clima di fiducia dei consumatori, giudizi e previsioni sulla situazione economica italiana sono in miglioramento: il saldo passa, rispettivamente, da -103 a -80 per quanto riguarda i giudizi e da -16 a -11 per quanto concerne le previsioni. In peggioramento, invece, risultano le aspettative sul mercato del lavoro: le attese sulla

disoccupazione nell’arco dei prossimi 12 mesi passano infatti da 81 a 86, arrestando il calo registrato nei due trimestri precedenti. Ritornano a migliorare le opinioni sulla situazione economica attuale della famiglia (il saldo va da -60 a -46) che recuperano la forte contrazione registrata lo

scorso trimestre. In leggero rialzo anche le valutazioni sulla situazione finanziaria familiare con il saldo che si mantiene comunque al di sotto della media di lungo periodo. Le previsioni sulla situazione economica della famiglia registrano, invece, una leggera flessione pur mantenendosi ancora sui livelli massimi degli ultimi 3 anni. In crescita e di nuovo ai massimi storici della rilevazione risulta la convenienza attuale a risparmiare espressa dai consumatori calabresi; andamento probabilmente determinato da motivazioni di carattere precauzionale. Parallelamente, peggiora la convenienza all’acquisto di beni durevoli (da -81 a -108), in considerazione della permanenza di difficoltà nei bilanci familiari che favoriscono anche il calo delle previsioni di risparmio nell’arco dei prossimi 12 mesi.


Venerdì 29 Gennaio 2010

il Domani 13

ECONOMIA, IMPRESE, COMMERCIO Presidente Ance di Cosenza: «I costruttori pagano gli oneri»

Tecnocasa ha analizzato l’andamento del mercato dei mutui I dati si riferiscono al III trimestre 2009. Flessioni in tutta Italia

Prestiti per acquisto casa Calo del 20% in Calabria di Car.Mir. CATANZARO - Il mercato dei prestiti per l’acquisto delle abitazioni destinato a famiglie consumatrici in Calabria, nel terzo trimestre 2009, fa segnare un -20% rispetto allo stesso trimestre del 2008, i volumi erogati sono però influenzati dal mercato dei mutui di sostituzione. Il dato è in linea con l’andamento dell’area meridionale (-20%). Nel terzo trimestre sono stati erogati, nella regione, 150 milioni di euro (1,3% dei volumi italiani), un ammontare che colloca la regione al 16° posto per volumi Variazione negativa a erogati (17° lo scorso trimestre). L’imporCatanzaro, -7% to del mutuo medio Reggio Calabria, -43% nella regione è pari a 88.000euro,ilvalore e Vibo Valentia, -20%. più basso della penisola, infatti, il mutuo Segno positivo per medio nazionale è pari a 117.000 euro. Crotone (+13%) A livello provinciale si può notare una situazione omogenea, quasi tutte le province registrano una variazione negativa: Catanzaro (-7%), Reggio Calabria (-43%), e Vibo Valentia (-20%), questa è tra le ultime province per volumi erogati nel nostro Paese, con i 8 milioni di euro (0,07% dei volumi italiani). Di segno positivo Crotone (+13%) che conferma il trend

positivo già registrato lo scorso trimestre. Cosenza, prima per erogazioni nella regione, segna una variazione negativa (-9%) che la colloca al 58° posto nella classifica per erogazioni in Italia (66° lo scorso trimestre) con i 56 milioni di Euro (lo 0,5% dei volumi in Italia). Il volume di erogazioni per l’acquisto di abitazioni da parte delle famiglie italiane registra, nel terzo trimestre del 2009, una flessione rispetto allo stesso periodo 2008 (dati del 20/01/2010 fonte Banca d’Italia). La differenza negativa è pari a circa -1,2 miliardi di euro, che tradotto in termini percentuali rappresenta un calo del -10%. Il dato conferma il momento di rallentamento del mercato. L’ultima variazione (-10%) è minore rispetto alle precedenti del 2009 (-22% nel primo trimestre 2009, -13% nel secondo trimestre 2009) ed è un ulteriore segnale che indica un cambiamentopositivo da parte del mercato. Considerando il dato cumulativo del 2009 si osserva una variazione negli erogati pari a circa 6 miliardi di euro (-15% rispetto ai primi tre trimestri 2008), sul valore influiscono i volumi erogati nel primo trimestre 2009. Nel III° trimestre 2009 tutte le macroaree hanno registrato un andamento negativo, anche se in crescita rispetto ai valori del secondo trimestre. Valutando i primi 9 mesi del 2009 le variazioni maggiori vengono registrate nell’area meridionale (-22%) e insulare (-29%). Sul fronte tassi dall’ultimo trimestre 2008 si sono registrati una serie di cali significativi.

COSENZA - «Ho letto le dichiarazioni di un consigliere comunale di Rende secondo cui i costruttori non pagherebbero gli oneri di urbanizzazione dovuti». E’ quanto precisa il Presidente dell’Ance cosentina Natale Mazzuca in relazione a quanto apparso sulla stampa nei giorni scorsi in merito ai mancati pagamenti degli oneri di urbanizzazione da parte di "alcuni costruttori". «Nel chiedere allo stesso consigliere di uscire dal vago e dal generico, fornendo riferimenti precisi, credo di interpretare nella giusta maniera non solo il ruolo di Presidente dei Costruttori aderenti all’Ance ed a Confindustria ma il sentimento di quanti «Quello che serve hanno senso civico e desiderio di verità. Quello che serve non è gettare fango - continua - non è gettare fango in maniera indistinta in maniera indistinta sulla categoria dei costrutto- sulla categoria dei ri ma un’assunzione di responsabilità diversamente si costruttori ma innesca il paradosso che se un’assunzione di tutti sono colpevoli nessuno è colpevole. responsabilità» In questo modo - aggiunge si disorientano i cittadini, si fa perdere credibilità alle istituzioni, si rende vano ogni sforzo profuso da chi ogni giorno è impegnato a dare lavoro, creare ricchezza, diffondere la cultura della legalità. Per quanto mi risulta sia da imprenditore impegnato in realizzazioni sul territorio che da Presidente di Ance Cosenza posso affermare che gli oneri vengono corrisposti dai nostri costruttori. Se fosse vero quanto dichiarato dal consigliere comunale di Rende - conclude - saremmo in presenza non solo di una grave e palese violazione delle norme ma di una importante turbativa di mercato a danno dei cittadini e delle imprese sane e rispettose delle regole».

«Mancato sblocco dei Fondi Par-Fas, una manovra politica» CATANZARO - Il mancato sblocco dei Fondi Par-Fas da parte del Governo è oggetto di alcune dichiarazioni da parte del Vicepresidente della Giunta Domenico Cersosimo e dell’Assessore al Bilancio Naccari Carlizzi. Il vicepresidente Cersosimo è intervenuto sulla vicenda sottolineando che la condotta del Governo, che da mesi tiene in stallo i fondi Par-Fas, crea un danno gravissimo non soltanto alla Regione Calabria ma anche alle altre regioni. «Nell’ultima conferenza Stato-Regioni - ha detto Cersosimo - che risale a dicembre dello scorso anno, il Presidente Errani e gli altri presidenti hanno deciso di non frequentare più le riunioni col Governo fino a che non fosse arrivato lo sblocco dei fondi Par Fas da parte del Cipe. Il presidente Errani - ha aggiunto Cersosimo - ha convo-

cato la conferenza dei Presidenti ma il Cipe non si era ancora riunito; abbiamo aspettato che il Governo decidesse, alla fine è arrivata una lettera del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, nella quale si assicurava che il Cipe si sarebbe riunito in tempi rapidi. A quel punto il Presidente Errani ha chiesto di conoscere la data precisa entro la quale il Cipe avrebbe approvato lo sblocco dei fondi Par-Fas, ma nessuna risposta è ancora arrivata dal Governo. Questa è la situazione ad oggi - ha concluso il vicepresidente della Giunta Domenico Cersosimo - ed è facile comprendere quanto sia grave che il Governo blocchi in maniera inspiegabile e sospetta opere fondamentali per la Regione. Ci stiamo chiedendo se non si tratti si manovre politiche che hanno lo scopo di indebolire, anzi im-

pedire l’azione delle regioni in una fase delicata come questa, a ridosso di un appuntamento elettorale cruciale». Un commento è arrivato anche dall’Assessore al Bilancio Demetrio Naccari Carlizzi, il quale ha posto l’accento sulla necessità per la Regione Calabria di accedere immediatamente ai fondi Par-Fas. «La Regione - ha detto l’assessore regionale Naccari Carlizzi - ha opportunamente e velocemente messo in campo i fondi europei per realizzare delle opere che risolvono i problemi di mobilità e modernizzano i nostri sistemi territoriali e urbani. Ma a questo punto - ha concluso - è prioritario un intervento del Governo sui Fondi Par Fas che devono essere sbloccati al più presto se non si vuole vanificare il lavoro delle regioni a sostegno dello sviluppo dei territori».


14

il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010

AMBIENTE E AGRICOLTURA È stato presentato un pacchetto di proposte istituzionali ed uno speciale Calendario del 2010 «Vengano predisposti i Piani d’azione regionali per dare attuazione alla Strategia nazionale»

Alleanza a sostegno della biodiversità Il Wwf incontra l’assessore Greco di C.M. CATANZARO - Da lunedì scorso il Wwf ha avviato una serie di incontri con le massime cariche dello Stato e delle regioni, a partire dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per indicare una road map di interventi affinchè il nostro Paese compia tutti i passi necessari per confermare e difendere il patrimonio di biodiversità di cui l’Italia detiene il primato europeo. E’ entrata così nel vivo la campagna del Wwf per l’Anno della Biodiversità. Nel corso di un incontro tra

una delegazione del Wwf Calabria (composta dal Presidente Barillaro, dal Consigliere Gambardella e dal segretario Paolillo) e l’ AssessoreRegionaleall’Ambiente Silvio Greco , il Wwf ha presentato un pacchetto di proposte istituzionali ed uno speciale Calendario della Biodiversità che evidenzia gli appuntamenti principali che nel 2010 vedranno il nostro paese impegnato su questo tema. La delegazione degli ambientalisti ha sottolineato che la Calabria da parte sua, «nonostante la scellerata attività di sfruttamento e di distruzione perpetrata a vari livel-

li, custodisce ancora un grande patrimonionaturalisticodasalvaguardare. Lungo le coste sopravvivono tratti scampati all’oltraggio della cementificazione, ma che ancora non godono di nessuna tutela mentre la biodiversità degli habitat delle zone interne è continuamenteminacciatadanumerosi fattori quali il consumo dei suoli, l’apertura di strade, tralicci, la caccia e il bracconaggio, l’immissione di specie alloctone, gli incendi ecc». Il Wwf Calabria in particolare ha auspicato che, « la Regione nel 2010 si impegni in politiche innovative a

Impianti urbani di fitodepurazione Gestione sostenibile acque reflue di Giovanni Perri La fitodepurazione è uno strumento alternativo ed innovativo per il trattamento dei reflui derivanti da acque piovane, da scarichi fognari ed in genere da acque bianche e luride. Essa è un valido mezzo a basso impatto ambientale, caratterizzato da ridotti costi di impianto e di gestione. Rispetto agli impianti tradizionali di trattamento e di depurazione delle acque,lafitodepurazione Valido mezzo a basso consiste nello smaltimento dei residui liquiimpatto ambientale, di urbani e dei reflui da attività agricole imcaratterizzato da piegati sulle da parte di ridotti costi. piante, scelte in funzione del clima e del Si basa sul concetto luogo che caratterizza l’impianto. Il fundi coltura idroponica zionamento di un impianto di fitodepurazione è basato sul concetto di coltura idroponica: le piante si nutrono con l’azoto, fosforo e potassio, ed altri microelementi

contenuti nelle acque bianche domestiche ed in quelle di fogne e scarichi. Rispetto ad un impianto tradizionale di depurazione delle acque non vi sono opere in cemento e non c’è il rischio che l’impianto si blocchi per cause dovute al malfunzionamento di pale di areazione o altri organi meccanici. Tali interventi risultano molto efficaci ai fini della riqualificazionedelle aree urbane e periurbane per risolvere il problema dell’inquinamento delle acque dei canali e dei fossi di scolo. Sono interventi utili, soprattutto nelle zone umide ed a ridosso dei fossi e canali di scolo, le cui acque sporche ed inquinate vanno ad alimentare i vari corsi d’acqua. Alla luce di tutto ciò, invece, i fossi di scolo devono essere considerati aree a forte naturalità, con un ruolo preciso ed importante nell’ecosistemaperiurbano. Gli interventi devono essere inseriti nei programmi urbanistici per la politica di riqualificazione territoriale ed urbana. E per fare ciò il ruolo progettuale dei dottori Agronomi e dei dottori Forestali, diventa fondamentale per il rispetto della sostenibilità ambientale.

tutela della biodiversità: predisponendo i Piani d’azione regionaliper dare attuazioneconcreta alla Strategia nazionale; inserendo nei Piani Paesaggistici a pieno titolo la tutela della biodiversità prevedendo; costituendo un sistema integrato delle aree protette nazionali e regionali con obiettivi concordati e convergenti; rispettando rigorosamente le Convenzioni internazionali, le Direttive comunitarie, i principi costituzionali e le leggi statali in materia di tutela e conservazione degli habitat naturali e di gestione della fauna limitando e regolamentando più severamente, tra l’altro, l’attività venatoria; cogliere adeguatamente le opportunità offerte dall’Unione Europea per la conservazione della biodiversità e del paesaggio contemplate nella programmazione dello Sviluppo Rurale 2007 2013; tenere adeguatamente conto della biodiversità nei processi decisioni e di valutazione dei diversi interventi settoriali e nelle attività di monitoraggio e ricerca; considerare la tutela della biodiversità come elemento prioritario della pianificazione anche nei settori economici tradizionali, promuovendo anche la creazione di partnership tra i responsabili della pianificazione territoriale e della programmazione dello sviluppo economicocon i soggettiistituzionali e privati che operano per

la tutela della biodiversità». Tutte le proposte e le preoccupazioni della delegazione del Wwf sono state ampiamente apprezzare e condivise dall’Assessore Greco. Tra le specie animali che in Calabria meritano una particolare attenzione il Wwf ha ricordato la Lontra, il mammifero terrestre più raro d’Italia, la cui esistenza è minacciata dai tagli di alberi lungo i corsi d’acqua, dalle captazioni, dal prelievo di inerti, o del Lupo, ancora oggi vittima di pregiudizi, per non parlare del Capriolo di Orsomarso, oggetto di bracconaggio nella parte occidentale del Parco del Pollino. Numerose anche le specie di uccelli in pericolo nella nostra regione, a cominciare dal Capovaccaio, oltre alla rarissima Aquila del Bonelli , del Falco Lanario, o dell’imponente Gufo Reale. Inoltre nonostante il grande interesse che suscita la Tartaruga Caretta caretta continua ad essere vittima di catture accidentali lungo le nostre coste. Tagli inconsulti, apertura di piste e strade, incendi e degrado minacciano gli ecosistemi forestali e quelli importanti per la conservazionedispecieparticolari, come la Felce bulbifera Woodwardia radicans, le cui origini risalgono al periodo Terziario e presente in alcune località della regione, ma non sottoposta, insiemeall’interohabitat,anessuna forma di protezione.

«In Sila c’è la neve ma non i servizi Dare gestione impianti ai giovani» di C.M. CATANZARO - «Ha davvero dell’incredibile la vicenda che la Sila è innevata, vi è un buon riscontro di turisti ma manca il personale per far funzionare gli impianti e garantire sicurezza agli amanti dello sci e della montagna. Un’altra occasione gettata al vento per rilanciare il turismo in una montagna meravigliosa». Cosìcommentailpresidentedella Coldiretti Calabria Pietro Molinaro. «Occorre un rilancio ed una gestione efficiente di tutto il sistema del turismo "della neve" - sostiene la Ccoldiretti - perchè è innaturalecheunaattivitàattrattiva debba essere gestita dal pubblico e nel caso in specie dall’Arssa, tra

l’altro in liquidazione. L’effetto traino che questo movimento turistico può assicurare è - prosegue Molinaro - una vetrina formidabile e a costo zero del nostro patrimonio storico- culturale e paesaggistico ed enogastronomico con un impatto immediato sulla vendita dei prodotti, sulla ristorazione con benefici sull’occupazione. Non bisogna continuare a sprecare queste opportunità ed allora è necessario cambiare marcia ed affidare la gestione degli impianti di sci a società e/o cooperative di giovani preparati. Si getti il cuore oltre gli ostacoli conclude Molinaro - e si avvii un percorso rapido, nelle forme consentite e possibili per fare marciare in parallelo sviluppo e gestione efficiente».


Venerdì 29 Gennaio 2010

il Domani 15

UNIVERSITA' E SCUOLA Nell’Aula rossa gli scolari hanno posto alcune domande agli uomini della Guardia di Finanza I giovani hanno assistito a una dimostrazione presentata con l’ausilio delle unità cinofile

No alle droghe, l’iniziativa del Comune Studenti di Catanzaro incontrano la Gdf di C.M. CATANZARO - Un gruppo di studenti dell’Istituto comprensivo "Mattia Preti" di Catanzaro, accompagnato dalla dirigente scolastica Anna Carrozza, ha partecipato ieri, a un incontro organizzato dalla Presidenza del Consiglio comunale sul tema "La guardia di Finanza nel contrasto al traffico illecito di sostanze stupefacenti". Nell’Aula rossa gli scolari hanno posto numerose domande agli uomini della GdF e hanno assistito a una dimostrazione che gli stessi agenti hanno presentato con l’ausilio delle

unità cinofile del gruppo di Lamezia Terme. E’ stato il sindaco Rosario Olivo a salutare i tanti bambini intervenuti, ribadendo l’esigenza di una stretta collaborazione tra la GdF e la scuola per vincere la battaglia contro le droghe. «Si tratta - ha spiegato il primo cittadino - di sapere dire no a delle tentazioni che possono distruggere la propria vita. Per evitarlo, è necessario essere informati su quali sono i rischi delle sostanze stupefacenti e capire che scompiglio possono portare nella propria esistenza e in quella delle famiglie». Il Sindaco ha anche ricordato che il Comune, grazie a

dei progetti cofinanziati dal Ministero dell’Interno e dalla Regione Calabria, sta portando avanti delle attività di prevenzione in alcune scuole medie sia dei quartiere a nord che a sud del centro stori-

Progetto Concittadini di Pitagora Gli alunni dialogano con la Romeo CROTONE - Una numerosissima e festosa delegazione di allievi della direzione didattica statale "Rosario Bevilacqua" ha fatto visita nella mattinata di ieri all’amministrazionecomunalenell’ambitodel progetto "Concittadini di Pitagora". Il progetto, giunto al secondo anno di attuazione e promosso dall’Assessorato alla Pace e Futuro, prevede Il progetto prevede infatti, tra le iniincontro e conoscenza ziative, l’incontro e la conoscenza scoperta con le scoperta con le istituzioni nell’ambito de istituzioni nell’ambito delle "la scuola laboratorio azioni appartenenti alla macdi cittadinanza attiva" roarea "la scuola laboratorio di cittadinanza attiva". Sono state tredici le classi (sette quarte e sei quinte) che, accompagnate dai docenti, sono state ricevute dall’assessore alla Pace

Ragazzi di Crtone in visita al San Giovanni con il maestro Sacco

e Futuro, Rosa Maria Romano. Hanno incontrato i giovani cittadini anche il vicesindaco Arturo Crugliano Pantisano e l’assessore alla Produzione Domenico Mazza.A fornire supporto allo svolgimento della giornata erano presenti i professionisti dell’Ufficio Marketing Territoriale del Comune.Dopo un breve saluto degli assessori i consulenti di marketing hanno proiettato ed esposto ai piccoli cittadini presenti una presentazione dedicata al funzionamento della macchina comunale ed ai compiti di ciascun suo componente: sindaco, assessori, consiglieri, aree amministrative ed uffici. Numerosissime sono state le domande che gli alunni della direzione didattica "Rosario Bevilacqua" hanno posto all’assessore Romano ed ai suoi colleghi. Per oltre un’ora e mezzo gli assessori hanno risposto a qualsiasi tipo di quesito, spaziando dall’emergenza ambientale, al problema della disoccupazione,allaquestionedell’immigrazione,alle infrastrutture ed alle esigenze dei più

co. Il comandante regionale Calabria della GdF, generale di brigata Gaetano Giancane, ha sottolineato l’importanza che i ragazzi prendano coscienza della vita che li circonda in modo da «rifuggire dalle male tentazioni, quelle della droga, che vi tuffano in sogni artificiali i quali durano un momento e vi rovinano per sempre». A rispondere alle tante domande degli scolari il comandante provinciale della GdF, generale di brigata Salvatore Tatta e il maggiore Maurizio Gerace. Subito dopo è stata la volta della dimostrazione dell’unità cinofila. I finanziari hanno spiegato che i cani da perquisizione non lavorano ma giocano e che il loro addestramento dura circa sei mesi. A tutti i ragazzi sono stati consegnatidegliopuscolisull’attività della Guardia di finanza e dei gadget. Soddisfatto il presidente del Consiglio Passafaro che ha invitato i bambini a studiare, concedendo più tempo alla lettura di libri piuttosto che ai videogiochi.

L’economista Paolo Savona domani all’Unical di cm RENDE - Paolo Savona, uno dei più importanti economisti europei, terrà domani alle ore 15, presso l’Aula Caldora, nell’ambito del Master in Intelligence dell’Università della Calabria, una lezione sul tema: "Intelligence economica e interesse nazionale". Paolo Savona, Professore ordinario di Politica Economica alla Luiss "Guido Carli" di Roma, Ministro dell’Industria nel Governo Ciampi, è stato fino a maggio 2006 Capo del Dipartimento per le Politiche Comunitarie della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Coordinatore del Comitato Tecnico per la Strategia di Lisbona. Da ottobre 2007 è presidente di Banca di Roma (Unicredit). «La presenza al Master sull’Intelligence di Paolo Savona è motivo di grande prestigio e valore culturale per tutto l’ateneo calabrese», ha dichiarato Mario Caligiuri, direttore del Master. Il Master in Intelligence si concluderà sabato 13 febbraio 2010 presso l’ "Aula Magna" dell’ Università della Calabria a Rende, con le lezioni conclusive di Giulio Cazzella, Mario Morcellini, Stefania Magliani e con le presenze delle autorità accademiche e di quelle istituzionali del settore.

Scuole visitano il San Giovanni Gerardo Sacco fa da Cicerone di cm CATANZARO - «Ci si può ispirare a qualsiasi cosa, anche rimanendo in Calabria». E’ così che il maestro orafo Gerardo Sacco ha accolto i ragazzi dell’Istituto d’arte Santoni di Crotone che ieri mattina sono arrivati in città per visitare la mostra "D’oro e d’argento. La Calabria preziosa di Gerardo Sacco" ospitata fino al prossimo 14 febbraio dalle sale del complesso museale San Giovanni. I ragazzi delle classi III, IV e V ad indirizzo Oreficeria, hanno così potuto vantare una guida d’eccezione, quale quella del maestro orafo calabrese. Percorrendo le sale dell’esposizione, gli studenti hanno potuto sentire

dalla viva voce del loro autore, la genesi delle opere in mostra. «C’è una storia dietro ognuno di questi gioielli - ha detto - gli aneddoti sulla creazione di ogni lavoro, la tradizione in cui l’ispirazione dell’artistaaffonda a piene mani». Il maestro Sacco ha dedicato spazio anche alla propria infanzia. E se agli studenti dell’istituto d’arte ha confermato di non essere "un autodidatta", non ha potuto però nascondere una fitta conoscenza della cultura calabrese, dalle maschere apotropaiche alle leggende del mare, alla tradizione arbereshe. Nella stessa mattinata il maestro Sacco ha fatto da cicerone anche agli alunni delle classi IA e IB della scuola media Vivaldi di Catanzaro Lido nelle sale del San Giovanni.


18

il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010

LAVORO E SINDACATI PHONEMEDIA - Loiero si impegna CATANZARO - La Regione Calabria sosterrà tutte le iniziative dei lavoratori di Phonemedia (quasi 2.200 tra i call center di Catanzaro e Vibo Valentia) perchè abbiano accesso immediato alla cassa integrazione in deroga. Per tale motivo il presidente della Regione, Agazio Loiero, interverrà già oggi sulla presidenza del Consiglio dei Ministri affinchè convochi al più presto possibile un tavolo di concertazione e di confronto. Lo ha detto lo stesso presidente Loiero, attraverso una nota del portavoce, al termine di un incontro che si è svolto ieri pomeriggio a Palazzo Alemanni con una folta delegazione di sindacalisti e lavoratori dell’azienda in crisi. Questi ultimi hanno lamentato di non percepire gli stipendi da diversi mesi e hanno chiesto a Loiero un suo intervento sul governo nazionale affinchè si sblocchi la si-

tuazione e l’azienda venga richiamata alle proprie responsabilità. All’incontro hanno preso parte anche l’assessore regionale Mario Maiolo e il dirigente generale del Dipartimentolavoro,MarinellaMarino,che hanno affrontato dal punto di vista tecnico le richieste dei lavoratori. Loiero ha ricordato che fin da quando è esplosa la vertenza, nonostante l’errore di aver individuato la Regione come bersaglio, il governo regionale si è attivato con puntigliosità per sostenere le iniziative e le richieste dei lavoratori in lotta «perchè sappiamo - ha detto Loiero cosa significhi per una famiglia rimanere senza lavoro in una realtà come quella calabrese». Dopo gli interventi di Luciano Prestia, della Uil, e Giovanni Valentino e Donatella Romeo della Cgil, che hanno illustrato la vertenza e le tappe

per risolverla, il presidente Loiero si è detto totalmente disponibile a sostenere le richieste formulate dal sindacato e dai lavoratori. Loiero interverrà tra l’altro su alcune banche affinchè rilevino i crediti dei lavoratori nei confronti dell’azienda e diano così una boccata di ossigeno a bilanci familiari disastrati.

Il segretario generale del Sappe esprime soddisfazione per il coinvolgimento del Corpo tra gli organismi “interforze” per la lotta alla criminalità organizzata

Capece: «Valorizzato ruolo polizia penitenziaria nel piano antimafia»

Il Cdm a Reggio Calabria

di Oriana Tavano ROMA - Il Sappe, il Sindacato autonomo della polizia penitenziaria, esprime il suo apprezzamento riguardo al piano antimafia approvato dal Consiglio dei ministri svoltosi ieri a Reggio Calabria. Il sindacato ha voluto sottolinearel’importanteimpiego degli appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria per l’attuazione del piano straordinario per il contrasto delle mafie. Donato Capece, segretario generale del Sappe, ha accolto con soddisfazionel’intenzionedel Governo di costituire il cosiddetto “desk interforze”, un sistema di informazionesullacriminalitàorganizzata, del quale farà parte anche la polizia penitenziaria. «Riteniamo che questo - ha aggiunto Capece - debba essere il primo e importante passo per la modifica della normativa che, impedisce agli appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria di far parte di altri organismi interforze, come la Direzione investigativa antimafia, la sezione di polizia giudiziariapressoleprocuredella Repubblica e l’attività investigativa sotto copertura, per ora consentita esclusivamente agli organismi specializzati e interforze di polizia di Stato, carabinieri e guardia di finanza». Tali modifiche sono, per Capece, «urgenti e necessarie, anche alla luce della brillante attività investigativa che svolge quotidianamente il Nucleo investigativocentraledellapolizia penitenziaria». Il segretario generale del Sappe evidenzia come il patrimonio di informazioni che la polizia penitenziaria è in grado di acquisire tutti i giorni operando all’interno

Congratulazioni di Gaglioti e De Nisi al nuovo segretario Cisl Tramonti

degli istituti penitenziari debba essere necessariamente soggetto ad istituzionalizzazione e utilizzato per la lotta alla criminalità organizzata. Quindi, ruolo di primo piano delle forze dell’ordine penitenziarie che, «in quanto forza di polizia a tutti gli effetti - come precisa Capece - non può e non deve essere organismo di consultazione episodica e saltuaria, ma deve avere una propria organizzazione,inserita, al pari degli altri, negli organismi istituzionali previsti dall’ordinamento». Condivisione viene espressa, infine, dal Sappe di Ca-

«Riteniamo che questo debba essere il primo passo per la modifica della normativa che esclude il Corpo dagli organismi interforze»

pece, per la strada intrapresa dal Governo che, attraverso il piano antimafia, intende dare un forte scossone alle associzioni mafiose, ramificate in tutta Italia ma concentrate soprattutto al Sud, con la ’ndrangheta che acquista sempre più potenzatra le varieorganizzazioni criminali. Il nuovo sistema di informazione “interforze” messo a punto dal Governo servirà come strumento investigativo alle forze dell’ordine per tracciare una mappa delle concentrazioni criminali e delle cosche mafiose operanti sul territorio. Grande soddisfazione viene, quindi, espressa da Capece e da tutto il Sindacato autonomo della polizia penitenziaria, in quanto l’attuazione delle misure di contrasto alla mafia vedranno la stessa polizia penitenziaria assumere un compito difficile e delicato che, come sottolinea infine Capece, non farà altro che sortire «una ulteriore e importante valorizzazione degli uomini e delle donne del Corpo di polizia penitenziaria».

COSENZA - Il presidente della Camera di commercio di Cosenza, Giuseppe Gaglioti, a nome suo e del Consiglio e della Giunta camerale, ha voluto formulare «vive congratulazioni al nuovo segretario generale della Cisl Calabria, Paolo Tramonti, per l’unanime elezione al prestigioso incarico. Tramonti ha sempre dimostrato grande competenza, equilibrio e disponi- Gaglioti: «Tramonti ha bilità al dialogo - ha prosegui- sempre dimostrato to il presidente Gaglioti -. Tali doti consentiranno al neo se- grande competenza, gretario di assolvere al ruolo equilibrio e disponibilità con risultati che auspichiamo positivi nell’interesse dei al dialogo, doti con cui lavoratori, delle imprese e del sindacato». Gaglioti ha. infi- asolverà ai suoi compiti» ne, voluto porgere «un saluto e un sentito ringraziamento all’uscente segretario Sbarra per essersi sempre impegnato a migliorare i rapporti fra sindacato e imprese». «Alnuovosegretariogenerale della Cisl Calabria auguriamo buon lavoro, nella consapevolezza che lo aspetta un compito molto difficilee delicato, soprattutto in considerazione dell’attuale situazione economica e occupazionale». A parlare stavolta è il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Francesco Paolo Tramonti De Nisi, che, nel congratularsi con Paolo Tramonti ha sottolineato l’importanza dell’attività sindacale e la sua funzione cruciale soprattutto in periodi congiunturali negativi come quello attuale, in cui, secondo De Nisi, non bisogna mai perdere di vista «la coesione civile e solidaristica».


Venerdì 29 Gennaio 2010

il Domani 19

SANITA' E WELFARE

Federfarma: «Drammatico stato del settore in regione»

di Vania Notaro CATANZARO - «Nella mia duplice veste di farmacista titolare e di presidente dei titolari di farmacia della provincia di Catanzaro e della Calabria non posso non esprimere una profonda amarezza per la grave situazione in cui versa il settore nella nostra regione e, in particolare, nell’azienda sanitaria provinciale del capoluogo regionale».

A parlare è il presidente provinciale dei farmacisti di Catanzaro, Vincenzo De Filippo che non nasconde la propria amarezza per il momento difficile che sta attraversando la categoria professionale dei farmacisti. «Le farmacie sono cinque mesi prosegue De Filippo - che spediscono le ricette del Servizio sanitario nazionale senza ricevere i previsti pagamenti. Una situazione insostenibile che rischia di far saltare il sistema farmacia e

che ci costringerà a porre doverosamente in essere tutte le iniziative necessarie per risolverla». Come spiega, infatti, De Filippo la quota di spettanza dei farmacisti si è assottigliata ulteriormente a causa dello sconto che i medesimi sono tenuti per legge a praticare in favore delle Aziende sanitarie in base alle varie aliquote fiscali. «Le misure antideficitche l’Azienda sanitaria provinciale di Catanzarovorrebbeadottare- aggiunge De Filippo - a tutto detrimento

IN BREVE

«Situazione ormai Catanzaro ospita progetto insostenibile quella “100 città contro il dolore” in cui versa il settore CATANZARO - Si terrà oggi alle farmaceutico 11 nella sala della musica del Conella nostra regione mune di Catanzaro la conferenza stampa di presentazione del proe in particolare getto “Cento città contro il dolore”, nell’azienda sanitaria patrocinato dal Senato e dal ministero del Lavoro, della Salute e delprovinciale del le Politiche sociali e a livello locale comunale di capoluogo regionale» dell’amministrazione Catanzaro. Il progetto ha lo scopo dell’assistenza farmaceutica convenzionata al fine di risanare il bilancio dell’ente sanitario non piacciono affatto a Federfarma Provinciale». Il presidente provinciale dei farmacisti di Catanzaro ha inoltre evidenziato che «è da sottolineare ilpreziosocontributodellefarmacie a monitoraggio della spesa farmaceutica». Proprio in virtù di queste considerazioni, per De Filippo, «sarebbe opportuno e auspicabile che gli interventi volti a contenere la spesa sanitaria fossero più equilibrati e non colpissero solo e sempre la farmaceutica convenzionata che rappresentauna delle punte di eccellenza della nostra regione e della Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro».

di creare una rete tra i vari centri di terapia del dolore per rendere migliore e più fruibile il controllo del dolore da parte della popolazione. La città di Catanzaro è stata tra le prime ad aderire all’iniziativa attraverso il centro di terapia del dolore dell’Aopc. Il dolore rappresenta una triste realtà di grande impatto epidemiologico che interessa sia i pazienti oncologici sia i pazienti affetti da dolore cronico degenerativo. Il dolore, se non trattato adeguatamente, si trasforma da semplice sintomo a malattia, trasformandosi in “dolore-malattia”. L’iniziativa nasce con l’obiettivo di indagare il complesso universo del dolore e mettere a confronto le esperienze acquiste sul campo, soprattutto sotto il profilo della sicurezza clinica e dell’efficacia del trattamento.


20

il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010

IDEE E IMPRENDITORI Selezionata per partecipare all’European venture contest, il più importante concorso per progetti innovativi in Europa collanti, finiture. Inoltre la nostra tecnologia permette il più alto livello di personalizzazione al mondo del prodotto finito. La macchina da voi realizzata come è composta e, inoltre, ha altri vantaggi competitivi?

Luigi e Francesco Tassone

A Simbario, un piccolo paesino del vibonese, un progetto che può stravolgere i mercati delle malte da costruzione

Un’idea vincente che nasce nel profondo sud. E il venture capital la premia di Alessio De Grano

Un progetto partito nel 2007, coltivato con cura e passione da due fratelli di Simbario, piccolissimo comune di appena 1000 abitanti vicino Serra San Bruno, selezionato per l’European venture contest, il più importante concorso per progetti innovativi in Europa. Una sfida difficile, contro il sistema bancario del sud, contro la carenza di infrastrutture della Calabria, e anche contro il difficile ambiente di cui la Calabria è costantemente permeata, e che si nutre di cattive speranze e di cattivi presagi : "Qui non succede mai niente di buono". Questa è la frase che più spesso si sente dire da giovani calabresi. E invece qualcosa di buono c’è, e ha il volto di una piccola impresa che è riuscita ad inventare una macchina che potrebbe rivoluzionare un mercato statico e difficile come quello della lavorazione delle malte da costruzione. Il Domani è andato a trovare questi due giovanissimi imprenditori, Francesco e Luigi Tassone, di 30 e 24 anni, che il 4 dicembre 2009 sono riusciti a vendere una quota sostanziale della loro impresa attraverso fondi di venture capital. Infatti, i fondi Fondamenta Sgr (promosso da otto fondazioni bancarie e la Camera di commercio di Milano) e Vertis Sgr, di Napoli, hanno investito 1,3 milioni per rilevare il 40% di Personal factory srl e iniziare così un’avventura che li vedrà protagonisti nei mercati di tutto il mondo, che comincerà il 3 febbraio al lancio ufficiale alla rassegna Made Expo della Fiera di Milano. Di cosa si tratta, e quali vantaggi offre la vostra macchina? Abbiamo creato un sistema che rendesse i rivenditori di materiali edili direttamente produttori, di ridurre a zero il materiale trasportato sulle lunghe distanze e che permette di avere l’alta tecnologia di una grande azienda alla

portata di tutti. Il tutto attraverso una macchina che ha delle dimensioni infinitamente ridotte rispetto ad uno stabilimento tradizionale. In che modo avete trovato questa soluzione? Abbiamo radicalmente cambiato i meccanismi del mercato che prevedono grossi stabilimenti che vendono su ampie zone. I prodotti in polvere per l’edilizia sono composti per il 98% da cemento e materiale inerte (sabbia). Noi ci concentriamo sulla vendita della macchina e del servizio,cioè quel 2% di chimica che rappresenta il know how dell’azienda, mentre il rivenditore acquista le sabbie e il cemento in loco. Questo sistema permette ai rivenditori-produttori di tagliare del 95% i costi dei trasporti, e di ridurre a zero i costi logistici ed eliminare buona parte degli intermediari .

so di produzione. Diciamo che voi avete concentrato la produzione in una singola macchina che miscela da sola questi elementi?

Cioè, la maggior parte dei materiali si trova ovunque in tutto il mondo,e servonopochialtri elementi per produrre le malte, leganti chimici che rappresentano una minima parte del proces-

I prodotti in polvere per l’edilizia sono composti per il 98% da cemento e materiale inerte. Noi ci concentriamo sulla vendita della macchina e del servizio, cioè quel 2% di chimica che rappresenta il know how dell’azienda

Si, diamo i mezzi al rivenditore per produrre, rinunciamo agli utili derivanti dalla preparazione del prodotto finito e ci concentriamo sulla chimica. In questo modo rendiamo il rivenditore un produttore,aumentandoconsiderevolmente i suoi margini e allo stesso tempo tutta la produzione dei materiali per l’edilizia diviene molto più efficiente. Praticamente è stato possibile ridurre un intero stabilimento alla dimensione di una macchina di due metri per due. Il nostro sistema, il più ecologico esistente,permette di trasformare i rivenditoridi materiali edili in produttori diretti, riducendo del 95% i trasporti di materiali e permettendo la personalizzazione della produzione sulla base delle esigenze del singolo cliente finale. Il sistema è rivoluzionario in quanto prevede l’autoproduzione da parte di ogni rivenditore dei materiali, siano questi malte,

Il Venture Capital come funziona. Il Por Calabria 2007 2013 mette a disposizione 6 ml di euro, se ne occuperà Fincalabra

Il Venture Capital è l’apporto di capitale di rischio da parte di un investitore per finanziare l’avvio o la crescita di una attività in settori ad elevato potenziale di sviluppo. E’ un segmento nel settore del cosidetto ‘private equity’, caratterizzato da investitori che finanziano le fasi iniziali dello sviluppo di un’azienda fortemente orientata alla crescita e all’innovazione. Il venture capital tecnologico in particolareseguemercatied aziende che operano all’interno dei segmenti più avanzati dell’innovazione high-tech. E’ un segmento moltoimportantedell’economiain quanto motore di innovazione, sviluppo e creazione di azienda. Il venture capital ha finanziato le principali società informatiche e Internet degli ultimi anni da Mi-

crosoft a Google, così come le più importantiiniziativeneicampidelle biotecnologie, nel medicale, nanotecnologia e nel settore del ‘green tech’. Si tratta di operatori specializzatiche investono nelle fasi iniziali di un progetto imprenditoriale ritenuto particolarmente promettente. Il por 2007 2013 prevede appunto una linea di intervento sui prestiti innovativi (Venture capital e seed capital), e la giunta regionale ha destinato circa sei milioni di euro di fondi comunitari. L’attuazione di tale linea è stata affidata a Fincalabra, la società finanziaria calabrese della Regione Calabria, ed è in corso di predisposizione il regolamento attuativo.Una linea che aiuterà lo sviluppo delle imprese innovative calabresi ad affrontare le sfide del-

Il prototipo Origami 4

A.D.G.

E’ un sistema digitalizzato e totalmente tracciabile per la produzione di malte. Il sistema Personal Factory è composto dall’impianto "Origami 4", dal software Pf control 2.0 e dai Personal Factory Chemical Kit e prevede la possibilità di investimento pari a zero. La macchina viene dato in comodato d’uso e attraverso un sistema ricaricabile, si paga solo per quello che si produce. Inoltre il costo della ricarica di una miscela da 100 kg può arrivare a costare il 90% in meno rispetto al trasporto di 100 kg di prodotto finito. Il rivenditore, quindi, è in grado di produrre al momento dell’ordine tutto ciò che gli serve, questo comporta che non vi è nessuna immobilizzazione di capitali, e si traduce in rischio di invenduto pari a zero. Insomma altissimacompetitivitàdovutaall’elevatissima efficienza del sistema . Quali sono le difficoltà per un’impresa giovane come la vostra? Innanzi tutto l’accesso al credito. Se si considera che ad oggi l’unico prestito fatto da una banca è di trentamila euro, si capisce quale futuro possano avere le imprese giovani in questo territorio. Basti pensare che il nostro progetto ha avuto un anno di ritardo proprio perché non riuscivamo a trovare un istituto di credito che credesse nella nostra idea, quindi molte cose le abbiamo dovuto fare da soli, lavorando sia come artigiani che come imprenditori. Altra difficoltà è la logistica che imbriglia la crescita della Calabria. Pensi che per mandare un camion a Milano il costo è superiore che per inviarlo da Gioia Tauro alla Cina.

È un segmento molto importante dell’economia in quanto motore di innovazione e sviluppo


il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010 21

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI VAR. %

CHIUSURA

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

22.156,88 -1,60 21.603,13 -1,79 24.526,05 -0,37 23.825,21 -0,53 23.078,84 -0,67 11.119,40 -0,55

Euro

METALLI

US $

UK £

USD/on

EURO/gr

1086,35

24,92

16,36

0,378

PLATINO

1511,00

35,02

PALLADIO

428,50

10,11

¥en

1 Euro

1.0

1.3973

0.86640 125.57

ORO

1 US $

0.71530

1.0

0.61990 89.850

ARGENTO

1 UK £

1.1536

1.6124

1.0 144.87

1 ¥en

0.0079606 0.011125 0.0068977

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

A.S. Roma A2A Acea Acegas-Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm-Agam Actelios Aedes Aeffe Aegon Aeroporto Firenze Ahold Kon Aicon Alcatel-Lucent Alerion Allianz Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pellettieri Apulia Prontop Arena Arkimedica Arkimedica 2012 Cv5% Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Spa Autostrada To-Mi Autostrade Merid Axa Azimut B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers Banca Generali Banca Ifis Banca Intermobiliare Banca Italease Banco Popolare Banco Santander Basf Basicnet Bastogi Spa Bayer Bb Biotech Bca Carige Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat Bca Mps Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili Best Union Company Bialetti Industrie Biancamano Biesse Bioera Bmw Bnp Paribas Boero Bartolomeo Bolzoni Bonifiche Ferraresi Borgosesia Borgosesia R Bouty Healthcare Bp-10 Cv 4,75% Bper 12 Cv Sub 3,7% Brembo Brioschi Bulgari Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc Cad It Cairo Communication Caleffi Caltagirone Caltagirone Edit Camfin Campari Cape Live Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro Carrefour Cattolica Ass

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

0,821 1,395 7,78 3,94 61,75 1,60 0,9815 3,6225 0,2075 0,4675 4,33

+0,12 +0,22 +1,97 +2,07 -1,20 +0,00 -2,72 +0,21 -0,81 -2,60 -0,91

16.30.51 17.30.46 17.30.18 16.30.02 17.30.14 16.30.10 15.34.32 17.30.40 16.30.31 17.30.51 17.04.28

0,82 0,835 0,8205 1,388 1,416 1,406 7,525 7,845 7,68 3,90 4,00 3,9575 61,15 64,44 63,28 1,60 1,645 1,605 0,9735 0,9995 0,98 3,615 3,79 3,71 0,2075 0,2127 0,2092 0,4675 0,494 4,33 4,4525

0,2915 2,4475 0,5985 79,69 3,16 14,00 0,655 0,4335 0,0334 0,661 100,50 1,507 5,555 18,19 8,95 10,12 17,22 15,11 9,08 89,34 2,5875 7,74 6,60 3,25 0,7585 4,725 10,14 41,10 1,968 2,165 51,47 50,00 1,836 2,89

-1,52 +1,45 +1,44 -1,25 -0,94 -2,71 -1,95 +0,93 +8,09 -2,43 +0,50 +0,47 -0,71 -0,16 +0,51 +1,30 +1,41 -1,11 +1,85 +0,93 -0,38 +1,18 -5,31 -1,51 -0,20 -3,03 -0,78 +2,42 +0,31 +2,85 +0,92 +1,22 +0,00 +0,26

16.30.13 16.57.04 16.30.57 17.21.47 17.30.53 17.30.00 16.30.29 15.40.32 16.30.23 16.30.27 15.51.16 17.30.21 17.30.36 17.30.56 17.30.20 17.30.36 16.30.55 17.12.07 17.30.14 14.11.26 15.41.29 17.30.24 17.30.06 16.30.53 17.30.40 17.30.28 17.06.08 9.56.29 16.30.04 16.12.27 17.30.12 15.55.02 17.30.27 14.41.42

0,2915 2,4475 0,595 79,69 3,1275 13,97 0,655 0,4245 0,0316 0,661 99,86 1,49 5,555 18,17 8,91 10,05 16,60 15,09 9,00 89,00 2,505 7,655 6,60 3,25 0,7585 4,725 10,14 41,00 1,95 2,10 50,13 49,88 1,836 2,89

0,618 1,174 4,6475 10,71 3,9125 4,68 7,03 0,61 4,09 4,0875 10,57 0,4735 0,7065 6,18 98,37 0,6165 1,584 0,548 1,444 5,87 1,48 29,90 51,13

-0,16 -1,34 -0,75 -0,09 -1,63 -2,35 -1,82 -0,65 +0,25 -1,51 +0,57 +2,27 +1,80 +3,00 -0,38 -0,32 +0,00 -3,01 -1,63 -1,18 +0,27 +0,88 -1,29

17.30.39 17.30.45 16.18.27 17.30.26 17.30.22 17.30.25 17.30.17 16.30.02 15.46.25 16.30.09 16.30.58 15.33.16 16.30.01 17.30.14 17.23.47 17.30.09 16.13.52 16.30.22 16.06.53 17.30.16 16.30.45 16.06.28 17.30.52

1,429 32,00 1,354 1,353 1,199 101,11 105,02 4,80 0,203 5,91 1,098 10,52 6,67 5,52 3,2225 0,979 2,34 1,85 0,26 7,295 0,343 90,50 2,3125 35,51 22,18

-0,07 -1,54 +0,30 -1,67 +0,00 -0,09 +0,54 +1,05 +0,50 -2,64 -0,99 -2,23 -2,06 -1,95 +2,63 +2,94 -0,32 -1,07 -0,76 +0,55 -2,28 +0,00 +0,33 +0,00 -0,31

17.30.30 16.30.46 11.01.42 13.10.29 11.00.20 16.25.31 17.07.56 17.30.28 16.30.18 17.30.47 17.30.14 17.30.05 17.30.21 17.30.00 17.30.09 16.30.49 16.30.37 16.30.17 16.30.22 17.30.09 16.30.32 15.44.09 16.30.24 16.13.31 17.30.25

0,303 2,50 0,629 82,25 3,26 14,48 0,6975 0,4415 0,035 0,69 100,50 1,508 5,74 18,53 9,185 10,27 17,30 15,70 9,285 89,34 2,62 7,95 7,095 3,30 0,7615 4,985 10,60 41,10 1,99 2,18 51,47 50,37 1,907 2,905

0,30 0,61 3,21 14,44 0,6975 0,4415 0,0334 0,687 100,00 1,50 5,65 18,41 8,99 10,12 15,59 9,035 89,00 2,5975 7,80 6,95 0,761 4,945 10,36 2,175 49,95 1,856

0,61 0,619 1,173 1,207 1,203 4,70 4,70 4,51 10,62 11,04 10,89 3,88 4,0225 4,0225 4,68 4,89 4,8625 7,03 7,415 7,265 0,61 0,634 0,626 4,03 4,10 4,05 4,02 4,2075 4,1775 10,57 10,65 10,62 0,469 0,4735 0,70 0,756 0,70 6,01 6,39 6,035 98,36 98,93 0,608 0,626 0,625 1,544 1,60 0,548 0,569 0,5655 1,444 1,479 1,471 5,85 6,10 5,95 1,48 1,559 29,90 30,01 51,06 53,00 52,50 1,373 31,86 1,338 1,326 1,199 101,00 104,50 4,7525 0,2008 5,91 1,095 10,49 6,665 5,515 3,105 0,9675 2,33 1,835 0,26 7,24 0,343 90,50 2,265 35,51 21,91

1,44 32,55 1,354 1,353 1,199 101,30 105,39 4,87 0,2044 6,235 1,148 10,98 6,96 5,675 3,2325 0,984 2,345 1,879 0,2675 7,37 0,359 90,50 2,34 36,24 22,61

32,55 1,338

104,50 4,8025 0,2044 6,175 1,131 10,95 6,925 5,60 3,13 0,9675 1,87 0,2675 7,30 2,33 22,58

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt

2,14 0,77 4,6775 3,07 2,4375 0,50 0,1695 0,2965 0,916 1,705 0,659 1,974 0,6895 0,888 105,20 1,104 23,25 5,20 11,55 1,909 5,18 0,2053 104,02 0,7575 1,271 5,04 32,54 1,00 17,35 9,15

+4,26 +1,18 -0,48 +0,33 +1,25 -0,50 +0,47 +1,20 +1,44 -0,87 -0,15 -1,42 +0,73 -1,61 +0,05 +0,27 -0,21 -1,23 -1,62 +1,06 -1,14 -4,38 -0,21 -3,75 -3,71 -3,08 -1,99 -2,15 -5,55 -2,87

16.30.45 16.30.03 17.30.02 17.30.34 17.30.07 16.30.46 16.30.38 16.30.07 15.33.35 17.30.36 16.30.53 17.30.36 16.30.16 16.30.59 11.00.34 15.48.11 17.30.49 17.30.43 16.29.45 16.30.57 17.30.18 16.30.21 17.30.29 16.20.16 17.30.55 17.22.36 16.53.04 17.10.38 16.30.10 16.30.23

2,12 0,761 4,60 3,07 2,3725 0,49 0,1695 0,267 0,89 1,70 0,6425 1,944 0,6855 0,8875 105,20 1,07 23,13 5,20 11,53 1,881 5,175 0,2053 104,00 0,7575 1,27 5,04 32,54 0,995 17,31 9,13

4,015 3,01 1,174 43,85 9,45 25,50 2,18 5,11 14,82

-1,35 -1,55 -0,51 -0,02 -1,61 +0,95 -2,35 -1,73 +2,21

17.30.03 16.30.25 17.30.18 17.22.15 17.23.33 17.30.00 17.30.46 17.30.39 17.30.51

4,015 4,0975 3,0025 3,12 1,165 1,197 43,85 45,51 9,45 9,735 25,12 25,61 2,18 2,24 5,11 5,15 14,39 15,02

E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurofly Eurotech Eutelia Everel Group Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia

26,90 1,063 1,32 1,028 11,88 1,744 3,88 3,88 1,41 26,77 16,71 5,565 9,69 0,96 1,03 8,80 0,1434 2,73 0,346

+0,00 -0,65 +0,76 -1,06 -2,06 -3,00 +1,57 -1,71 -1,74 +0,00 -2,28 -0,98 +1,15 +0,00 +8,42 +0,29 +0,35 +0,37 +1,02

16.05.18 17.30.32 17.30.54 17.30.23 17.30.38 17.30.17 17.03.15 17.30.08 11.35.31 17.30.53 17.30.37 17.30.56 17.30.28 16.30.21 16.30.08 17.30.17 16.30.42 17.30.11 16.30.38

11,47 6,475 8,65 1,155

-2,38 -2,19 -1,76 -0,69

17.30.01 11,46 17.30.47 6,435 17.21.18 8,65 17.30.41 1,149

Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Filatura Di Pollone Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fmr Art'E' Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R Fortis France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera

18,10 8,77 5,365 5,645 4,43 4,3225 0,461 0,1898 10,42 4,6775 0,5695 11,73 8,04 2,5925 16,55 1,18 0,5485 6,255 27,90 2,19 0,6005 1,615 17,09 4,65 2,6375 2,07 3,69 6,515 4,72 4,70 1,697

+0,56 -2,56 -3,68 -3,01 +1,37 -1,76 +2,10 +0,90 -1,51 +2,69 -0,09 -0,34 -0,74 -0,48 -1,13 +0,86 -0,09 +1,71 -0,71 -1,57 +2,13 +0,06 -2,62 -3,23 -1,22 -1,55 -1,47 -11,36 +0,43 +1,95 +1,31

17.30.23 17.30.20 17.30.14 17.30.28 17.30.02 17.30.21 15.43.14 16.19.26 17.30.02 16.30.43 16.23.38 17.30.14 17.30.38 17.30.09 16.52.11 16.24.11 16.30.43 16.30.13 12.58.48 17.01.44 17.30.00 10.00.07 17.30.06 17.30.49 16.30.29 17.30.35 17.30.03 16.35.53 16.30.46 16.30.08 17.30.59

Apertura

2,155 2,155 0,773 0,77 4,71 3,14 2,4425 0,50 0,175 0,1711 0,2965 0,918 0,918 1,744 1,737 0,66 0,648 2,0325 0,6975 0,686 0,90 0,90 105,20 105,20 1,118 1,084 23,43 23,15 5,48 11,88 1,91 1,889 5,355 5,275 0,2168 104,50 104,30 0,794 0,794 1,334 5,27 33,42 1,023 18,89 18,80 9,65 9,53 3,10 1,166 45,06 25,48 5,15 14,67

26,90 27,08 1,06 1,088 1,086 1,319 1,344 1,319 1,028 1,08 1,054 11,88 12,34 1,744 1,824 3,80 3,88 3,88 3,985 3,9825 1,41 1,415 26,50 26,85 16,65 17,25 17,22 5,565 5,675 5,62 9,665 10,12 9,89 0,924 0,974 0,9305 0,978 1,09 1,004 8,795 9,15 8,885 0,143 0,1486 0,147 2,715 2,775 0,35 0,343 0,343

18,01 8,76 5,35 5,63 4,35 4,31 0,4515 0,1833 10,41 4,555 0,5555 11,71 8,015 2,5725 15,99 1,17 0,545 6,105 27,90 2,19 0,595 1,612 17,09 4,6175 2,6375 2,065 3,6575 6,515 4,71 4,45 1,68

11,99 6,73 8,995 1,205

11,92 6,70 1,18

18,30 18,05 9,19 9,15 5,675 5,645 5,945 5,945 4,4475 4,42 0,4755 0,47 0,19 0,19 10,69 10,67 4,79 0,5695 12,03 11,90 8,25 2,6775 2,6525 16,79 1,18 1,17 0,558 0,5505 6,265 27,90 2,205 0,605 0,599 1,617 1,617 17,87 17,87 4,8575 4,8375 2,76 2,1475 2,13 3,745 3,745 7,81 6,85 4,80 4,9125 4,65 1,698 1,687

AZIONI

House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridie Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Permasteelisa Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

3,40 0,9845 13,28 1,46 0,999 1,865 0,8385 2,325

+6,08 -0,56 +1,61 -1,22 -1,09 +0,59 -0,77 +0,00

17.30.58 16.01.31 17.30.23 17.30.12 15.08.01 16.30.30 16.30.03 17.30.03

3,2225 3,5975 0,9605 0,995 12,92 13,28 1,445 1,512 0,986 0,999 1,845 1,87 0,8265 0,8505 2,315 2,41

9,16 8,50 6,625 0,317 0,61 3,7525 2,7375 2,105 0,077 1,529 1,363 3,39

+1,55 +4,68 -0,82 +0,32 -1,13 -1,25 -2,41 -2,99 -4,94 -0,20 -1,23 -2,52

17.30.41 15.47.40 17.30.15 16.30.25 12.11.00 17.30.32 17.30.41 17.30.44 16.30.21 15.43.20 17.30.30 17.20.29

9,065 9,44 9,18 8,15 8,57 6,60 6,86 6,725 0,316 0,326 0,588 0,61 0,61 3,745 3,85 3,84 2,7375 2,8675 2,85 2,10 2,2275 2,2225 0,077 0,082 0,081 1,505 1,563 1,363 1,39 1,39 3,39 3,48

3,54 8,91 4,815 31,00 21,54 1,913 0,8685 0,1488 9,05 2,75 0,4805 0,879 79,49 2,22 3,815 14,46 18,85 78,80 2,4475 0,1371 1,353

-0,84 -2,09 -1,48 +1,24 +0,42 +3,07 -0,74 -1,52 -0,55 +2,23 -1,54 -1,73 +3,23 +0,34 -0,13 -0,69 -0,21 -2,98 -0,51 -0,44 -2,24

17.16.07 17.30.40 17.30.08 17.30.36 17.07.06 16.08.24 17.30.03 16.30.57 17.30.55 16.30.03 16.30.41 14.45.36 12.08.47 16.42.19 17.30.25 17.30.10 17.30.15 17.12.32 17.30.36 16.06.19 13.08.19

3,54 3,60 8,88 9,215 9,20 4,805 4,95 4,95 30,71 31,83 30,98 21,54 22,28 21,69 1,856 1,914 1,865 0,8635 0,887 0,1465 0,156 0,1533 8,93 9,23 9,15 2,74 2,79 2,60 0,4805 0,4905 0,4885 0,866 0,879 79,49 79,49 2,195 2,245 3,78 3,93 3,8475 14,44 14,69 14,59 18,75 19,20 19,06 78,80 78,80 2,4375 2,51 2,485 0,1363 0,1395 0,1363 1,351 1,353

6,39 3,20 5,49 7,87 4,045 2,4475

-0,08 -0,62 -0,54 -1,99 -2,71 +2,84

17.30.44 6,34 6,435 6,43 12.13.38 3,075 3,2175 17.30.21 5,47 5,63 5,63 17.30.55 7,87 8,125 8,125 17.30.45 4,01 4,22 4,2175 16.17.24 2,385 2,4475

2,00 -1,84 2,19 -1,24 4,06 +0,37 1,702 -0,47 2,8075 -1,23 0,1663 +2,15 7,695 +1,52 0,4645 +0,98 0,1397 +3,48 0,264 +1,54 1,409 +0,72 110,29 +0,63 5,30 +0,00 2,33 +1,30 2,52 -3,82 5,835 -0,09 9,98 +10,58

17.30.13 17.23.18 16.30.23 16.30.35 17.30.54 16.24.50 17.30.13 16.30.45 16.30.32 16.30.58 13.36.43 11.45.50 16.05.41 9.07.54 17.30.51 12.30.35 17.30.54

1,86 0,832 2,36

2,00 2,07 2,05 2,1875 2,23 3,985 4,06 3,985 1,70 1,76 1,70 2,8025 2,905 2,8725 0,1602 0,1663 0,1602 7,71 7,55 7,875 0,451 0,4645 0,1385 0,146 0,144 0,263 0,275 0,273 1,409 1,409 110,29 110,60 110,60 5,30 5,30 2,33 2,33 2,52 2,79 2,64 5,835 5,835 9,18 10,42 10,09

0,5165

+1,28 16.20.56 0,5165 0,5485

1,77 1,805 12,97 21,54 1,98 4,61 2,975 1,172 0,4185 0,459 0,454 11,61 0,4575 0,762

+2,08 -2,43 +0,00 +2,28 -1,00 -0,65 -0,17 -0,08 -0,12 +0,00 -3,40 -1,19 +0,00 -3,54

12.18.50 17.30.26 16.30.39 17.16.40 16.30.54 16.19.46 16.30.30 15.51.36 17.30.46 17.30.27 17.30.04 16.12.55 11.01.23 17.30.17

3,48 0,979 13,08 1,495

1,74 1,80 12,97 21,52 1,97 4,58 2,975 1,15 0,4165 0,4525 0,4525 11,55 0,457 0,762

0,522

1,77 1,86 1,855 12,99 12,99 22,52 22,46 2,03 2,03 4,80 4,62 3,13 3,06 1,173 0,428 0,425 0,4615 0,4765 0,476 11,99 0,4575 0,4575 0,8085

1,58 +14,41 16.30.40 1,499 1,58 1,059 +0,57 16.30.34 1,046 1,061 1,06 +1,53 16.17.36 1,044 1,06 7,80 -1,95 17.24.55 7,79 8,035 12,74 -1,92 17.30.50 12,72 13,30 0,369 +2,50 13.40.58 0,36 0,3715 0,959 -0,05 16.11.47 0,95 0,959 1,138 -1,04 17.30.39 1,117 1,169 0,741 +0,00 17.30.46 0,741 0,76 2,17 -3,12 17.30.08 2,17 2,245

1,511 1,054 8,00 13,24 0,36


22 Venerdì 29 Gennaio 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Realty Vailog Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard Ginori Axa+W Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale

Prezzo ultimo contr. Var %

2,40 5,23 34,00 0,234 15,78 0,42 0,0055 0,0889 0,406 1,19 64,30 0,359 15,70 0,486 5,90 5,25 0,5505 23,73 24,00 52,69 32,67 2,0325 10,28 6,39 0,706 0,1631 1,06 5,38 6,81 93,44 65,24 2,81 3,39 0,1229 95,50 0,1184 42,16

-1,64 -0,19 +0,00 -0,47 +0,06 -1,52 -1,79 -2,73 +0,37 +2,59 -2,01 +0,84 -4,56 -1,02 -0,08 -1,50 -0,27 +1,11 +3,00 -2,03 +0,65 -2,40 -0,19 +0,00 +0,00 -3,03 -3,64 -1,64 +0,44 -0,33 -2,89 +1,08 +0,00 +1,91 +0,00 -0,50 -1,43

Ora

Min

Max

Apertura

13.46.47 17.30.09 16.30.28 17.30.30 17.30.25 16.30.31 16.30.32 16.30.17 16.30.41 14.13.26 16.58.23 16.19.25 17.30.43 15.52.11 17.30.17 17.17.53 16.30.59 17.30.21 17.30.49 17.24.37 16.32.32 17.30.28 14.04.28 16.30.27 16.30.54 17.30.01 17.30.38 17.23.01 17.30.18 17.23.47 17.08.50 16.30.50 17.30.50 16.30.46 14.56.02 16.30.09 17.18.41

2,40 5,19 34,00 0,234 15,60 0,4185 0,0055 0,0881 0,4025 1,15 64,30 0,3485 15,70 0,486 5,85 5,10 0,5505 23,68 24,00 52,69 32,67 2,025 10,28 6,25 0,6965 0,163 1,06 5,38 6,75 93,44 65,16 2,7225 3,37 0,1206 95,50 0,1168 42,16

2,45 5,26 35,20 0,2428 15,90 0,43 0,0083 0,0955 0,413 1,19 65,31 0,362 16,51 0,491 5,90 5,37 0,56 24,02 24,00 54,14 32,73 2,14 10,28 6,39 0,71 0,1709 1,06 5,50 6,88 94,15 67,80 2,815 3,41 0,1264 95,50 0,1199 44,00

2,45 5,24

0,425 0,0078 0,0914 0,413 0,355 0,491 5,90 5,30 0,56 23,84

2,09 6,38 0,708 0,1709 6,88 94,00 2,8025 3,41 0,1212 0,1199

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Trevisan Cometal Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria

Ora

Min

Max

Apertura

1,96 3,70 68,50 1,21 0,3035

+0,00 -5,13 -1,15 +0,00 -0,49

17.30.08 16.30.03 15.42.55 16.30.56 16.30.10

1,931 2,0275 3,70 3,905 68,50 68,51 1,201 1,237 0,3025 0,318

5,92 1,40 13,89 2,635 0,0975 1,054 0,093 0,806 17,31 15,66 2,9275 4,00 0,1695 48,30 1,241 41,54 11,60

+1,37 +0,00 +2,66 +1,25 +0,00 +3,13 +2,20 +0,88 -2,15 -0,82 -0,34 +5,26 -1,05 -8,47 -0,16 -1,80 -0,09

17.30.37 16.30.44 11.42.16 17.30.47 15.14.21 17.30.15 16.30.49 17.30.08 17.22.11 17.30.11 17.30.46 16.30.09 17.30.03 17.30.23 16.30.45 17.20.10 16.30.29

5,89 6,10 5,99 1,315 1,44 1,39 13,50 13,89 13,50 2,635 2,78 0,0975 0,098 0,0975 1,033 1,065 1,037 0,0901 0,093 0,092 0,7985 0,8145 0,806 17,31 18,00 15,65 16,12 16,01 2,925 2,95 2,95 3,8525 4,3425 4,00 0,169 0,175 0,1729 47,60 52,98 48,00 1,237 1,244 41,47 42,75 11,60 11,93 11,90

6,405 10,13 110,79 0,8695 1,943 2,62

+0,87 -0,29 +0,00 -0,97 -4,05 -2,60

17.16.27 17.30.45 17.30.26 17.30.43 17.30.41 17.30.04

6,27 6,925 9,985 10,29 110,71 110,90 0,8635 0,879 1,926 2,08 2,62 2,745

0,8805 0,582 4,68

-1,07 17.30.05 0,8755 -0,77 17.30.10 0,579 +4,00 16.30.55 4,355

1,41

+0,00 11.00.01

1,41

0,904 0,596 4,68

1,234

10,28 2,065 0,901 0,592 4,50

1,41

Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Vianini Lavori Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2010 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Mid Ind C 2010 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Retelit 08-11 Warr Snia 2010 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

4,4475 3,73

Ora

+0,06 16.17.22 +2,19 17.30.50

Min

Max

Apertura

4,41 4,4475 3,66 3,78

20,27 +5,63 11.02.52 9,17 +0,00 9.35.15 0,0631 +0,32 16.30.44 0,0632 -5,10 17.30.37 4,50 -0,50 17.24.24 0,046 +2,22 15.45.54 0,332 +2,95 17.08.42 0,451 -1,31 16.56.54 0,205 +13,26 16.30.02 0,125 -3,77 16.30.04

19,54 9,17 0,0616 0,0632 4,50 0,043 0,319 0,451 0,1971 0,125

20,27 9,17 0,0658 0,0687 4,5775 0,0468 0,337 0,467 0,23 0,125

0,03 0,265 0,0121 0,0743 0,0349 0,114

0,03 0,2461 0,012 0,0743 0,0349 0,114

0,0301 0,265 0,2585 0,0121 0,0743 0,035 0,1244 0,1195

-3,23 +5,79 +0,00 -3,51 +0,00 -1,72

11.00.27 17.03.46 16.21.19 16.14.37 16.24.04 17.30.10

0,0643 0,0672 0,0441 0,324 0,4575 0,2171

0,81 -4,03 17.02.01 0,81 0,84 0,8325 0,325 +30,00 13.08.22 0,30 0,325 0,324 0,1285 -1,53 16.23.33 0,1245 0,13 0,1245 0,0046 +0,00 16.30.52 0,0044 0,0046 0,0044 0,0043 -4,44 17.30.24 0,0043 0,0046 0,0045 0,0408 -4,45 17.30.50 0,0397 0,0438 0,0429 5,61 -2,09 17.30.02 5,60 5,89 5,86 0,1604 -4,24 16.30.06 0,1604 0,172 0,1675 3,885 -0,13 17.30.18 3,8475 3,895 0,432 +1,77 16.20.53 0,424 0,433 0,4925 -6,99 16.30.50 0,4925 0,53 0,53

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Imi-Italy Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Mediolanum Risparmio Italia Crescita Nextam P. Az. Italia Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Vegagest Az. Italia A Vegagest Az. Italia B Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Caam Azioni Qeuro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa Anima Europa

-0,30 -0,07 -0,07 +0,21 +0,21 +0,19 +0,24 -0,10 +0,21 -0,04 +0,25 +0,08 +0,07 +0,44 +0,51 -1,11 -1,11 -1,11 +0,21 +0,21 -0,11 +0,13 +0,12 +0,05 +0,06 +0,15 +0,10 +0,12 +0,21 +0,30 +0,24 +0,52 +0,18 -0,11 +0,14 -1,05 -1,05 +0,13 +0,00 -0,05 +0,23 +0,30 -0,03 +0,36 +0,11 +0,11 +0,16 +0,16

+0,66 +0,00 -0,77 -0,55 -0,57 -0,85 -0,76 +0,25 +0,42 +0,42 -0,82 -0,81 -0,07 +0,39 +0,46 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06

-0,36 +0,39 +0,39 -0,64 +0,29

14,843 6,08 4,178 20,616 20,288 19,663 7,027 7,037 17,437 5,285 4,773 5,326 5,385 3,621 3,324 16,943 4,653 12,056 19,891 19,145 15,189 11,138 11,222 12,929 13,214 10,37 22,058 8,686 15,552 8,895 16,543 4,603 5,554 5,575 13,11 13,662 13,984 17,512 5,00 3,668 11,09 6,055 5,74 4,962 6,214 6,251 9,304 9,203

4,415 4,03 14,118 12,189 4,364 25,795 13,365 4,328 5,562 5,301 6,083 6,245 5,566 4,894 5,433 7,055 7,055 4,672 4,648 5,329 15,317 15,122 6,822 3,803

VARIAZ. QUOT.

+0,47 Arca Azioni Europa Bancoposta Azionario Euro +0,45 Bim Azionario Europa +0,02 Bnl Azioni Europa Crescita +0,54 Bnl Azioni Europa Dividendo +0,49 +0,57 Bpvi Azionario Europa Caam Europe Equity -0,37 Carige Azionario Europa A +0,32 Carige Azionario Europa B +0,33 Carismi Dynamic Europe A +0,19 Carismi Dynamic Europe B +0,43 +0,40 Consultinvest Azione Epsilon Qvalue -0,46 -1,63 Eurizon Az. Europa Multimanager -1,44 Eurizon Az. Pmi Europa Eurizon Focus Az. Europa -0,93 +0,56 Euromobiliare Europe Eq. Europa +0,47 Fideuram Master Sel.Equity Europe -0,59 Fondaco Eu Sri Equity Beta +0,55 Fondersel Europa +0,46 Fonditalia Eq. Europe R +0,53 Fonditalia Eq. Europe T +0,54 +0,53 Gestielle Europa A +0,53 Gestielle Europa B +0,42 Gestnord Azioni Europa Imieurope +0,43 +0,14 Iniziativa Europa Interfund Eq. Europe +0,20 Investitori Europa +0,48 +0,72 Laurin Eurostock Mc G.Fdf Europa A -0,68 Mc G.Fdf Europa B -0,67 Mediolanum Amerigo Vespucci +0,27 Mediolanum Europa 2000 +0,20 Nextam P. Az. Europa +0,48 +0,50 Optima Azionario Europa Pioneer Azionario Europa A +0,41 Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A +0,52 -1,00 Prima Geo Europa A Prima Geo Europa Pmi A -1,29 -1,29 Prima Geo Europa Pmi Y Prima Geo Europa Y -0,99 +0,51 Ras Lux Equity Europe Sai Europa +0,40 Soprarno Azioni Euro 50 +0,58 Symphonia Europa -0,15 Synergia Az. Europa +0,07 -0,50 Talento Comp. Europa +0,24 Ubi Pramerica Azioni Europa -0,92 Unibanca Azionario Europa Vegagest Az. Europa A +0,29 +0,29 Vegagest Az. Europa B AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Az. Energia E Materie Prime -1,64 AZ. SALUTE Eurizon Az. Salute E Ambiente -1,17 AZ. FINANZA -2,18 Eurizon Az. Finanza +0,12 Fonditalia Euro Financials R +0,14 Fonditalia Euro Financials T AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecnologie Avanzate -3,21 AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali +0,30 Ducato Immobiliare A +0,21 Ducato Immobiliare Y +0,22 Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources +0,35 Fonditalia Euro Cyclicals R +0,64 +0,64 Fonditalia Euro Cyclicals T +0,54 Fonditalia Euro Defensive R Fonditalia Euro Defensive T +0,54 Fonditalia Euro T.M.T. R +0,26 +0,26 Fonditalia Euro Tmt T Fonditalia Flex. Emerging Mkts R -0,04

9,017 4,272 9,571 11,074 2,877 3,728 4,033 5,296 5,515 4,189 3,96 8,324 5,022 5,378 7,538 7,924 13,375 12,401 8,463 84,668 12,566 8,753 8,818 6,696 6,83 8,208 17,554 6,409 5,595 4,848 3,636 6,252 3,548 5,50 14,302 4,769 2,81 14,076 6,438 10,365 18,537 19,023 10,648 38,485 9,938 3,806 5,177 5,99 113,419 5,397 5,795 4,499 4,537 8,737

14,571

16,628 5,808 5,838 3,684

5,777 8,432 8,662 10,316 10,246 10,334 11,357 11,454 5,31 5,34 2,426

VARIAZ. QUOT.

Fonditalia Flex. Emerging Mkts T Interfund Int.Sec.New Economy Optima Tecnologia Vegagest Mobiliare Re A Vegagest Mobiliare Re B AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Ff 1classe Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Imindustria Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Ff 1classe Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Global Asset 2 Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Prima Forza 4 A Prima Forza 4 Y Sai Bilanciato Sai Multi Fund Linea Dinamica Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato Vegagest Sintesi Dinamico BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20 Arca Te

VARIAZ. QUOT.

-0,08 2,445 Arcacinquestelle Comp.A/B 25 +0,19 30,919 Aureo Ff 1classe Valore +0,28 2,513 Azimut Scudo -0,29 4,076 Bancoposta Investimento Protetto 90 -0,29 4,076 Bnl Protezione Caam Qbalanced +0,14 2,849 Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 30 +0,14 2,917 Carige Bilanciato 30 -1,78 5,515 Carismi Dynamic Mix 15 +0,10 5,101 Carismi Dynamic Mix 30 -1,77 8,196 Euromobiliare Moderato Fonditalia Core 1 R -0,33 3,646 Fonditalia Core 1 T +0,23 3,907 Gestielle Global Asset 1 +0,23 3,961 Managers & Co. Comparto 30 +0,54 31,909 Mediolanum Elite 30 L -0,21 9,633 Mediolanum Elite 30 S -0,21 9,709 Mix -0,05 4,391 Prima Forza 2 A -0,05 4,434 Prima Forza 2 Y +0,19 12,05 Prima Forza 3 A +0,07 4,205 Prima Forza 3 Y -1,18 3,685 Symphonia Adagio -1,19 3,74 Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia +0,22 5,029 Synergia Bilanciato 30 -0,34 5,003 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. Ubi Pra. Portafoglio Moderato -0,03 17,594 Ubi Pramerica Privilege 1 +0,11 4,674 Ubi Pramerica Privilege 2 -0,16 15,31 Vegagest Sintesi Audace +0,07 30,408 Visconteo -0,09 4,451 OB. EURO GOVERNATIVI BT -0,23 3,883 Allianz Monetario +0,29 23,435 Alto Monetario +0,20 5,908 Arca Mm -0,06 21,76 Bancoposta Monetario +0,31 5,799 Bg Focus Monetario +0,32 5,891 Bim Obb.Breve Termine +0,04 4,995 Bnl Obbligazioni Euro Bt +0,16 4,273 Bpvi Breve Termine +0,16 4,329 Caam Breve Termine -0,13 6,134 Carige Monetario Euro A -0,85 34,556 Carige Monetario Euro B -0,73 6,005 Cividale Forum Iulii Prudenza A -0,99 23,396 Cividale Forum Iulii Prudenza B +0,45 26,316 Consultinvest Breve Termine +0,47 11,429 Cr Cento Monetario Plus -0,08 44,573 Cs Monetario Italia B -0,16 9,77 Cs Monetario Italia I -0,16 9,834 Ducato Fix Euro Bt A +0,04 12,065 Ducato Fix Euro Bt Y +0,26 14,714 Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine +0,11 29,975 omobiliare Prudente +0,18 11,909 Fideuram Security +0,12 4,84 Fondersel Reddito -0,12 5,95 Fonditalia Euro Bond Sh.Term R -0,14 4,421 Fonditalia Euro Bond Sh.Term T -0,02 4,94 Fonditalia Euro Currency R -0,03 9,447 Fonditalia Euro Currency T -0,05 5,938 Gestielle Bt Euro A -0,77 4,151 Gestielle Bt Euro B -0,78 4,215 Gestielle Cedola +0,15 3,437 Imi 2000 -0,19 4,289 Interfund Euro Currency -0,15 5,439 Intra Obb. Euro Bt +0,00 5,06 Laurin Money +0,22 5,58 Leonardo Monetario +0,28 5,343 Mediolanum Risparmio Corrente -0,13 5,247 Monetario +0,12 6,448 Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine -0,43 5,494 Optima Reddito B.T. Optima Riserva Euro -0,04 9,36 Passadore Monetario +0,09 5,692 Pioneer Monetario Euro A +0,18 15,886 Prima Fix Obbligazionario Bt A

+0,04 -0,12 +0,09 +0,00 -0,16 -0,09 +0,16 +0,21 +0,08 +0,15 +0,22 -0,08 -0,09 +0,05 +0,18 +0,00 +0,03 +0,12 -0,11 -0,13 -0,39 -0,39 -0,07 +0,13 +0,15 +0,14 +0,30 +0,00 -0,06 -0,26 +0,33

+0,02 +0,04 +0,01 +0,00 +0,02 +0,02 +0,04 +0,00 +0,05 +0,02 +0,02 +0,04 +0,04 +0,02 -0,02 -0,01 -0,03 -0,05 -0,05 -0,03 +0,02 +0,01 +0,04 +0,04 +0,05 +0,00 +0,00 +0,01 +0,01 +0,02 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,05 +0,04 +0,01 +0,00 +0,00 +0,00 -0,01 +0,03 -0,05

5,315 4,89 7,509 5,454 22,639 8,573 4,983 5,153 3,976 3,98 6,411 10,24 10,301 8,739 5,137 5,067 9,755 5,716 4,556 4,598 4,836 4,908 5,744 5,412 5,40 5,827 5,749 5,468 5,41 5,417 33,86

15,808 7,064 14,73 6,185 16,285 6,521 7,463 6,287 7,445 11,563 11,319 5,481 5,526 4,996 5,765 7,758 7,811 6,285 6,327 15,302 8,459 9,561 14,158 7,86 7,892 7,864 7,89 7,563 7,611 6,596 16,886 6,68 5,649 6,924 6,06 13,809 12,138 8,981 6,65 5,289 7,138 13,134 10,143

VARIAZ. QUOT.

+0,00 Soprarno Pronti Termine Synergia Obb Euro B.T. +0,00 Teodorico Monetario -0,01 Tesoreria Fondo Per Le Imprese +0,01 Ubi Pramerica Euro B.T. +0,03 -0,02 Unibanca Monetario Valori Responsabili Monetario +0,00 Vegagest Obb. Euro Breve Termine A +0,00 Vegagest Obb. Euro Breve Termine B +0,00 Zenit Monetario I +0,03 Zenit Monetario R +0,03 OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERM Allianz Reddito Euro L +0,09 +0,09 Allianz Reddito Euro T +0,00 Anfiteatro Bond Corporate Anima Obb. Euro +0,03 +0,06 Arca Rr Azimut Reddito Euro +0,01 Bancoposta Obbligazionario Euro +0,06 Bim Obb. Euro +0,09 Bnl Obbligazioni Euro M/Lt +0,10 Bpvi Obblig. Euro +0,12 Capitale Pi¿ Comparto Obbligazionario +0,04 +0,06 Carige Obbligazionario Euro A +0,06 Carige Obbligazionario Euro B Carige Obbligazionario Euro L.Termine A +0,09 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B +0,09 -0,14 Carismi Bond Euro A Carismi Bond Euro B -0,13 Ducato Fix Euro Mt A -0,13 -0,14 Ducato Fix Euro Mt Y Epsilon Qincome +0,19 Eurizon Focus Obb. Euro -0,05 Euromobiliare Reddito +0,14 Europe Bond +0,11 Fondaco Euro Gov. Beta +0,13 +0,18 Fondersel Euro Fonditalia Euro Bond Long Term R +0,32 +0,32 Fonditalia Euro Bond Long Term T Fonditalia Euro Bond Medium Term R +0,12 Fonditalia Euro Bond Medium Term T +0,12 +0,10 Gestielle Lt Euro A Gestielle Lt Euro B +0,11 +0,05 Gestielle Mt Euro A Gestielle Mt Euro B +0,05 Imirend +0,16 Interfund Euro Bond Long Term +0,32 Interfund Euro Bond Medium Term +0,12 Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 +0,03 +0,07 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 +0,10 Intra Obb. Euro Italfortune Euro Bonds +0,00 +0,04 Leonardo Obbligazionario Mediolanum Euromoney +0,25 Mediolanum Italmoney +0,14 Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine +0,08 Optima Obbligazionario Euro +0,04 -0,07 Prima Fix Obbligazionario Mlt A +0,15 Ras Lux Bond Europe +0,03 Sai Eurobbligazionario +0,06 Synergia Obb Euro M.T. Ubi Pra. Euro M/L Termine +0,10 Unibanca Obbligazionario Euro +0,00 Vegagest Obb. Euro A +0,06 Vegagest Obb. Euro B +0,06 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A -0,10 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B -0,10 +0,18 Vrg Coro Reddito OB. EURO CORPORATE INV. GRADE +0,01 Arca Bond Corporate +0,00 Caam Corporate 3 Anni Caam Corporate Giugno 2012 +0,00 Carige Corporate Euro A +0,05 +0,05 Carige Corporate Euro B Corporate Bond +0,01

5,17 5,051 7,47 6,90 6,718 5,739 5,849 5,842 5,878 7,549 7,512

32,18 31,557 4,985 7,126 8,944 15,673 6,834 6,819 6,731 6,643 5,422 10,677 10,779 5,516 5,599 5,527 5,584 7,594 7,676 7,379 13,995 15,33 7,413 118,959 7,968 7,174 7,224 10,81 10,866 8,168 8,242 15,006 15,13 9,476 8,108 8,133 6,928 11,438 5,891 8,42 7,525 6,443 6,554 17,278 6,944 5,804 56,542 12,774 5,131 6,859 5,798 6,464 6,527 6,252 6,252 5,591 6,958 104,27 5,174 6,421 6,473 7,289

VARIAZ. QUOT.

-0,08 5,313 Ducato Etico Fix Y Ducato Etico Fix A -0,06 5,26 Eurizon Focus Obb. Euro Corporate -0,16 5,57 Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine-0,09 7,476 Fonditalia Euro Corporate Bond R +0,01 8,338 +0,02 8,375 Fonditalia Euro Corporate Bond T Interfund Euro Corporate Bond +0,02 4,957 Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate +0,03 7,55 Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A +0,04 4,992 Prima Fix Imprese A -0,19 6,435 Prima Fix Imprese Y -0,18 6,505 +0,00 6,522 Sai Obbligazionario Corporate Synergia Obb Corporate +0,02 5,357 +0,01 7,717 Ubi Pramerica Euro Corporate OB. EURO HIGH YIELD Eurizon Focus Obb. Euro High Yield -0,26 7,015 -0,15 13,684 Fonditalia Bond Euro High Yield R Fonditalia Bond Euro High Yield T -0,14 13,733 Interfund Bond Euro High Yield -0,12 7,531 Prima Fix High Yield A -0,43 7,667 Prima Fix High Yield Y -0,42 7,792 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari +0,62 8,464 +0,62 5,658 Azimut Reddito Usa +0,57 5,847 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt +0,29 7,016 Ducato Fix Dollaro A Ducato Fix Dollaro Y +0,28 7,085 +0,66 7,935 Fonditalia Bond Usa R Fonditalia Bond Usa T +0,66 7,983 Gestielle Bond Dollars A +0,58 8,525 +0,57 8,624 Gestielle Bond Dollars B Interfund Bond Usa +0,66 6,89 Nordfondo Obbligazioni Dollari +0,62 13,365 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI Allianz Reddito Globale L +0,64 15,245 Allianz Reddito Globale T +0,64 14,964 +0,14 7,192 Alpi Obbligazionario Internazionale Alto Internazionale Obb. -0,12 5,989 +0,58 12,216 Arca Bond +0,09 7,987 Aureo Obbligazioni Globale Bim Obb. Globale +0,25 5,666 +0,49 5,702 Bpvi Obblig. Internazionale Carige Obbligazionario Internazionale A +0,55 5,624 Carige Obbligazionario Internazionale B +0,54 5,72 Carismi Bond Internaz. A -0,15 5,853 Carismi Bond Internaz. B -0,23 5,694 Ducato Fix Globale A +0,00 8,147 Ducato Fix Globale Y +0,01 8,218 -0,04 8,215 Eurizon Obb. Internazionali +0,38 8,441 Euromobiliare Intern. Bond +0,38 13,582 Fondersel Internazionale Gestielle Obbligazionario Intern. A +0,55 6,257 +0,54 6,336 Gestielle Obbligazionario Intern. B Imibond +0,66 15,445 Mc G.Fdf Global Bond A +0,10 5,255 Mc G.Fdf Global Bond B +0,10 5,206 Mediolanum Intermoney +0,58 6,272 +0,00 5,338 Ml Master Series Bonds +0,09 6,901 Optima Obb. Euro Global +0,61 9,283 Pianeta Prima Fix Obbligazionario Globale A +0,03 8,688 Prima Forza 1 A -0,06 5,048 Prima Forza 1 Y -0,06 5,076 Sai Obb.Internazionale +0,33 7,809 Ubi Pra. Obbligazioni Globali +0,61 5,572 Vegagest Obb. Internazionale A +0,45 5,613 Vegagest Obb. Internazionale B +0,44 5,665 OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Anfiteatro Global Bond +0,02 5,681 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate +0,03 6,65 OB. INTERNAZ. HIGH YIELD Ubi Pra. Obbl. Globali Alto Rendimento -0,05 8,327 OB. YEN -0,04 4,54 Ducato Fix Yen A Ducato Fix Yen Y -0,04 4,576


il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010 23

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Fonditalia Bond Japan R +1,26 Fonditalia Bond Japan T +1,25 Interfund Bond Japan +1,30 OB. PAESI EMERGENTI Arca Bond Paesi Emergenti -0,05 Bnl Obbligazioni Emergenti +0,45 Emerging Markets Bond +0,12 Eurizon Focus Obb. Emergenti -0,16 Euromobiliare Emerging Markets Bond +0,36 Fonditalia Bond Global Emerging Markets R-0,08 Fonditalia Bond Global Emerging Markets T-0,08 Gestielle Emerging Mkt Bond A -0,04 Gestielle Emerging Mkt Bond B -0,03 Interfund Bond Global Emerging Markets -0,09 Mc G.Fdf High Yield A -0,35 Mc G.Fdf High Yield B -0,36 Nordfondo Obbligazioni Paesi Emergenti +0,38 Optima Obb. Emergent Market +0,42 Pioneer Obb.Paesi Emergenti Dis. A +0,22 Prima Fix Emergenti A -0,25 Prima Fix Emergenti Y -0,24 Vegagest Obb. Paesi Emergenti A +0,04 Vegagest Obb. Paesi Emergenti B +0,04 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Anima Convertible +0,02 Azimut Trend Tassi +0,02 Caam Obbligazionario Euro +0,11 Consultinvest Obbligaz. Medio Termine -0,02 Consultinvest Obbligazionario -0,02 Ducato Fix Convertibili A -0,08 Ducato Fix Convertibili Y -0,07 Eurizon Focus Obb. Cedola -0,10 Eurizon Obb. Etico -0,07 Fonditalia Inflation Linked R +0,10 Fonditalia Inflation Linked T +0,10 Gestielle Obbligazionario Corporate A -0,01 Gestielle Obbligazionario Corporate B -0,03 Groupama It. Bond Sel. Fund +0,10 Interfund Inflation Linked +0,12 +0,34 Mediolanum Risparmio Reddito Mediolanum Vasco De Gama +0,09 -0,13 Nordfondo Obbligazioni Convertibili Pioneer Cim Euro Convertible Bonds -0,38 Pioneer Cim Euro Fixed Income +0,19 Pioneer Obb. Euro Dis. A +0,12 Ras Lux Short Term $ -0,04 Ras Lux Short Term Euro +0,00 Symphonia Comp.Obb. Area Europa +0,08 Ubi Pra. Obbligazioni Dollari +0,62 OB. MISTI +0,11 Alleanza Obbligazionario Alto Obbligazionario -0,07 Anima Fondimpiego -0,03 Arca Obb.Europa +0,19 -0,04 Azimut Contofondo Azimut Solidity +0,01 Bancoposta Mix 1 +0,12 +0,00 Bim Corporate Mix Bnl Telethon +0,42 Ca Multimanager Difensiva +0,00 Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 15 +0,11 +0,17 Carige Bilanciato 10 Cividale Forum Iulii Rendita A +0,16 Cividale Forum Iulii Rendita B +0,16 -0,15 Cr Cento Misto Best Eurizon Diversificato Etico -0,39 Eurizon Rendita -0,17 Eurizon Soluzione 10 -0,10 +0,16 Fucino Dynamic Gestielle Etico Per Ail A +0,14 +0,16 Gestielle Etico Per Ail B Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica -0,18 +0,05 Leonardo 80/20 Nextam P. Obbligazionario Misto +0,02 Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni+0,12 +0,22 Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A Sai Multi Fund Linea Prudente +0,00 -0,01 Sai Performance Sforzesco +0,23 +0,07 Symphonia Patr.Globale Reddito Synergia Bilanciato 15 +0,10 +0,00 Total Return Obbligazionario Ubi Pra. Portafoglio Prudente +0,12 Valori Responsabili Obbligaz. Misto +0,08 -0,11 Vegagest Sintesi Moderato Zenit Obb. I +0,04 Zenit Obb. R +0,02 OB. FLESSIBILI +0,02 Arca Cedola Corp. Bond Arca Cedola Corp. Bond Ii -0,04 Arca Cedola Gov. Euro Bond +0,08 +0,02 Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii Aureo Cash Dynamic -0,02 Bg Focus Obbligazionario -0,09 +0,02 Bnl Target Return Liquidita' +0,00 Caam Soluzioni Tassi Cividale Forum Iulii Strategia A +0,02 Cividale Forum Iulii Strategia B +0,02 +0,30 Consultinvest High Yield Consultinvest Monetario +0,00 Consultinvest Reddito +0,03 Ducato Fix Rendita A -0,02 -0,01 Ducato Fix Rendita Y Euromobiliare Tr Flex 2 +0,02 Premium +0,05 Risparmio +0,04 +0,02 Ritorni Reali Symphonia Bond Flessibile +0,02 Ubi Pra. Active Duration +0,05 Ubi Pramerica Total Return Prudente +0,04 Vegagest Obbligazionario Flessibile +0,02 +0,02 Volterra Tr Obblig. LIQUIDITA' AREA EURO Agora Cash +0,02 +0,00 Allianz Liquidita' A Allianz Liquidita' At +0,00 Allianz Liquidita' B +0,00 Anfiteatro Tesoreria +0,02 Anima Liquidita' +0,00 +0,00 Arca Bt

VARIAZ. QUOT.

VARIAZ. QUOT.

9,16 Arca Bt Tesoreria +0,02 5,772 Caam For.Gar.Eq. Recall Due 2013 +0,00 4,886 9,21 Aureo Liquidita' +0,00 5,716 Caam Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014 +0,00 5,016 5,519 Azimut Garanzia -0,02 12,325 Caam Form. Gar. Merc. Emerg. +0,00 5,667 Bnl Cash +0,01 22,18 Caam Form. Private Div. Opp. +0,00 4,949 12,938 Caam Eonia +0,01 101,925 Caam Formula Euro Eq. Option 2013 +0,00 4,553 20,95 Caam Liquidita' +0,02 8,959 Caam Formula Euro Eq. Option Due 2013 +0,00 4,585 5,899 Carige Liquidita' Euro A +0,00 6,304 Caam Formula Garantita 2012 +0,00 5,031 10,926 Carige Liquidita' Euro B -0,02 6,358 Caam Formula Garantita 2013 +0,00 4,868 6,631 Carismi Liquidita' B -0,02 5,297 Caam Formula Garantita Due - 2013 +0,00 4,878 9,982 Epsilon Cash +0,03 6,265 Caam Formula Garantita High Diver. 2014 +0,00 4,805 10,016 Eurizon Focus Tesoreria Euro A +0,00 7,656 Caam Piu -0,05 5,583 9,847 Eurizon Focus Tesoreria Euro B +0,00 7,69 Caam Premium Power -0,20 5,082 9,993 Eurizon Liquidita' A +0,00 7,301 Caam Private Alpha +0,00 4,809 10,29 Eurizon Liquidita' B +0,00 7,47 Caam Qreturn -0,38 5,546 6,909 Euromobiliare Conservativo +0,00 11,099 Caam Soluzione Azioni +0,02 4,794 5,00 Euromobiliare Contovivo +0,01 11,84 Caam Strategia 95 -0,02 4,94 8,262 Fideuram Moneta +0,00 14,619 Carige Flessibile +0,08 5,182 6,983 Fondaco Euro Cash +0,01 116,077 Carige Flessibile B +0,08 5,179 9,453 Fondo Liquidita' +0,00 7,591 Carige Flessibile Piu' A +0,13 4,524 12,584 Gestielle Cash Euro A +0,01 7,049 Carige Flessibile Piu' B +0,13 4,562 12,813 Gestielle Cash Euro B +0,01 7,082 Carismi Absolute Perf. A -0,02 4,819 7,006 Mediolanum Risparmio Monetario +0,00 5,482 Carismi Absolute Perf. B -0,02 4,897 7,089 Nextam P. Liquidita' +0,00 5,838 Carismi Pratico A +0,00 6,075 Nordfondo Liquidita' +0,00 6,206 Carismi Pratico B +0,00 6,122 6,008 Optima Money +0,00 6,157 Consultinvest Alto Dividendo -0,16 3,203 8,959 Pensplan Invest Cash Fund +0,00 5,927 Consultinvest Mercati Emerg. -0,83 4,794 5,449 Pioneer Liquidita' Euro A +0,00 5,061 Consultinvest Multi Flex +0,13 4,798 5,09 Prima Fix Monetario A -0,01 8,522 Consultinvest Plus +0,02 5,225 5,204 Prima Fix Monetario I -0,01 8,613 Cr Cento Premium +0,00 3,805 8,702 Prima Fix Monetario Y +0,00 8,595 Ducato Etico Flex Civita A -0,07 4,233 8,819 Sai Liquidita' -0,02 11,518 Ducato Etico Flex Civita Y -0,05 4,323 6,161 Symphonia Comp.Monetario +0,01 7,424 Ducato Multimanager Cash Premium A +0,00 4,733 5,484 Synergia Monetario +0,00 5,025 Ducato Multimanager Cash Premium Plus A+0,00 4,176 13,579 Synergia Tesoreria +0,00 5,046 Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y+0,00 4,25 13,643 Ubi Pramerica Euro Cash +0,00 7,287 Ducato Multimanager Cash Premium Y +0,00 4,793 7,008 Vegagest Monetario A +0,00 5,863 Edr Multigestion Trend Global -0,35 4,835 -0,38 6,297 7,096 Vegagest Monetario B +0,00 5,896 Epsilon Qreturn -0,03 460.938,814 5,73 Vrg Coro Tesoreria +0,00 5,636 Ersel Hedge Celtis Eur Ersel Hedge Ilex Eur -0,26 376.630,521 13,421 LIQUIDITA' AREA DOLLARO -0,47 11,872 Ersel Multi-Strategy High Eur +0,46 587.611,461 10,768 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro +0,05 16,773 Ersel Multi-Strategy Low Eur +0,38 361.442,822 9,958 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ +0,38 618.186,743 5,36 FLESSIBILI Ersel Multi-Strategy Medium Eur +0,06 5,169 Eurizon Focus Garantito 03/13 +0,04 5,149 5,837 8a+ Gran Paradiso +0,18 5,047 Eurizon Focus Garantito 06/12 +0,06 5,123 15,431 8a+ Latemar -0,14 5,004 Eurizon Focus Garantito 09/12 +0,06 5,096 6,591 8a+ Monviso +0,00 5,641 Eurizon Focus Garantito 12/12 +0,06 5,109 144,728 Abis Flessibile +0,02 4,655 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 -0,02 5,256 66,128 Abn Amro Expert A-Rt400 +0,05 4,086 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 -0,10 5,146 9,336 Adb Globale Quantitativo +0,16 6,881 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 -0,08 5,238 4,738 Agora Flex Agora Selection -0,04 4,825 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 -0,06 5,107 5,538 Agora Valore Protetto +0,06 6,345 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 -0,36 4,988 8,731 Akros Absolute Return (M) Eur -0,03 496.623,031 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 -0,12 5,166 19,271 Akros Equity Hedge (M) Eur +0,55 458.098,741 Eurizon Focus Profilo Dinamico -0,70 5,078 8,267 Akros Market Neutral (M) Eur +0,21 493.804,857 Eurizon Focus Profilo Moderato -0,32 5,236 5,216 Alarico Re -0,07 5,438 +0,16 4,458 Eurizon Focus Profilo Prudente 7,846 Albertini Syz Equilibrium B Eur 30/04/09 +0,51 Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni -0,15 5,477 5,806 392.284,749 Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni -0,06 5,22 5,455 Albertini Syz Innovation B Eur +0,89 482.843,925 Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni +0,00 4,904 5,805 Allianz F100 L +0,28 3,966 Eurizon Low Volatility Eur +0,76 594.132,932 5,00 Allianz F100 T +0,31 3,899 Eurizon Medium Volatility Eur +0,04 614.203,137 5,225 Allianz F15 L +0,07 5,347 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 8,055 5,454 Allianz F15 T -0,02 5,972 +0,08 5,275 Eurizon Team 1 A 5,483 Allianz F30 L +0,14 5,121 Eurizon Team 1 G -0,02 5,972 5,593 Allianz F30 T +0,14 5,052 Eurizon Team 2 A -0,12 5,619 5,844 Allianz F70 L +0,19 26,75 Eurizon Team 2 G -0,12 5,619 7,882 Allianz F70 T +0,19 26,227 Eurizon Team 3 A -0,26 4,663 6,007 Anfiteatro Bond Plus +0,38 7,365 Eurizon Team 3 G -0,26 4,675 6,902 Anfiteatro Conservative Flex -0,02 5,521 Eurizon Team 4 A -0,67 3,868 4,511 Anfiteatro Corporate Absolute Return -0,02 5,626 Eurizon Team 4 G -0,67 3,881 6,327 Anfiteatro Corporate Bt +0,02 5,154 Eurizon Team 5 A -0,94 3,70 6,37 Anfiteatro Total Return +0,00 3,217 Eurizon Team 5 G -0,93 3,713 5,659 Anima Fondattivo -0,31 13,232 Eurizon Total Return Eur +0,17 615.469,852 6,058 Aqqua +0,00 5,031 Euromobiliare A.I. Market Neutral Eur +0,16 484.354,468 5,971 Arca Capitale Garantito Dic 2013 +0,08 5,14 Euromobiliare A.I. Market Neutral Plus Eur +0,12 432.961,652 6,608 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 +0,06 5,047 Euromobiliare Real Assets -0,17 4,109 8,292 Arca Corporate Bt +0,00 5,525 Euromobiliare Strategic +0,03 3,206 4,794 Arca Rendimento Assoluto T3 -0,10 5,131 Euromobiliare Strategic Flex -0,15 13,159 17,004 Arca Rendimento Assoluto T5 +0,00 4,845 Euromobiliare Tr Flex 3 -0,07 4,567 9,79 Aureo Defensive +0,02 5,06 Euromobiliare Tr Flex 4 +0,01 6,877 7,052 Aureo Ff 1classe Flessibile -0,22 5,355 Federico Re -0,04 5,182 5,241 Aureo Finanza Etica +0,00 6,064 Fideuram Master Sel.Absolute Return -0,07 9,181 4,329 Aureo Flex Euro +0,34 9,657 Flessibile +0,43 2,776 6,001 Aureo Flex Italia +0,16 17,31 Fondaco Absolute Return -0,82 94,131 5,997 Aureo Flex Opportunity +0,04 4,816 Fondersel Duemila -0,26 93,413 5,431 Aureo Plus -0,03 5,967 Fonditalia Flexible Dynamic R -0,55 6,185 8,169 Aureo Rendimento Assoluto -0,20 5,57 Fonditalia Flexible Dynamic T -0,55 6,188 8,131 Azimut Strategic Trend +0,06 4,971 Fonditalia Flexible Growth R +0,11 8,82 Azimut Trend -0,02 18,588 Fonditalia Flexible Growth T +0,12 8,885 +0,10 8,401 Fonditalia Flexible Income R -0,01 8,497 5,272 Azimut Trend America +0,19 11,947 Fonditalia Flexible Income T -0,01 8,526 4,973 Azimut Trend Europa +0,18 15,429 Fonditalia Flexible Multimanager R -0,05 9,463 5,089 Azimut Trend Italia -0,33 6,093 Fonditalia Flexible Multimanager T -0,05 9,528 4,965 Azimut Trend Pacifico +0,04 5,277 Fonditalia Flexible Opportunity R -0,03 7,817 5,227 Bancoposta Centopiu' +0,04 5,237 Fonditalia Flexible Opportunity T -0,01 7,85 6,668 Bancoposta Centopiu' 2007 -0,02 5,217 Formula 1 Alpha Plus 20 +0,21 6,55 9,95 Bancoposta Extra -0,25 22,493 Formula 1 Conservative +0,11 6,547 4,962 Bg Focus Azionario -0,59 3,85 Formula 1 High Risk +0,06 6,967 5,584 Bim Flessibile +0,04 6,718 5,683 Bim Global Equity Eur +0,62 866.614,354 Formula 1 Low Risk +0,06 6,598 5,438 Bnl Target Return Conservativo +0,04 4,991 Formula 1 Risk +0,00 5,265 5,453 Bnl Target Return Dinamico +0,15 12,416 Gestielle Global Asset Plus -0,06 5,30 7,34 Bnpp 100% E Pi¿ Grande Asia +0,04 5,42 Gestielle Harmonia Dinamico -0,02 5,257 18,313 Bnpp 100% E Pi¿ Grande Europa +0,08 5,056 Gestielle Harmonia Moderato -0,09 5,351 18,583 Bnpp Equipe Attacco +0,29 4,448 Gestielle Harmonia Vivace 6,552 Bnpp Equipe Centrocampo +0,10 4,771 Gestielle Hedge Low Volatility Eur -0,02 571.445,707 6,495 Bnpp Equipe Difesa +0,00 5,425 Gestielle Hedge Multi-Strategy Eur -0,19 532.660,37 7,871 Caam Absolute +0,00 5,224 Gestielle Total Return +0,00 13,966 5,963 Caam Dynamic Allocation -0,29 5,155 Gestnord Asset Allocation -0,09 4,691 5,059 Caam Equipe 1 -0,02 5,232 Igm Flessibile A -0,07 4,023 5,657 Caam Equipe 2 -0,04 5,161 Igm Flessibile B -0,05 4,055 10,508 Caam Equipe 3 -0,14 5,084 Interfund System 100 +0,11 9,458 5,268 Caam Equipe 4 -0,23 4,687 Interfund System 40 +0,02 11,098 5,148 Caam Eureka China Double Wine +0,00 5,375 Interfund System Flex +0,04 10,271 Caam Eureka Double Call +0,00 5,449 Intra Assoluto -0,28 5,747 5,544 Caam Eureka Double Win +0,00 5,656 Intra Flessibile +0,10 6,112 5,595 Caam Eureka Double Win 2013 +0,00 5,103 Investitori Flessibile +0,19 6,351 +0,68 715.578,746 5,072 Caam Eureka Dragon +0,00 5,734 Kairos Equity A Fund +0,35 535.183,025 5,712 Caam Eureka Ripresa 2014 +0,00 5,24 Kairos Low Volatility Fund Ii Cl. A +0,35 724.304,738 5,68 Caam For. Gar. Em Eq. Recall 2013 +0,00 4,987 Kairos Low Volatility I Cl. A Fund +1,69 677.409,886 6,605 Caam For.Gar.Eq. Recall 2013 +0,00 4,853 Kairos Multi-Strategy Fund I A +0,87 743.860,191 8,759 Caam For.Gar.Eq. Recall 2014 +0,00 5,254 Kairos Multi-Strategy Fund Ii A

VARIAZ. QUOT.

Kairos Partners Fund -0,32 5,592 Kairos Partners Income +0,00 6,689 Kairos Partners Small Cap +0,31 9,411 Mc G.Fdf Flx Low A -0,06 5,195 Mc G.Fdf Flx Low B -0,06 5,186 Mc G.Fdf Flx.High B -0,19 3,673 Mc G.Fdf Flx.Med. A +0,13 5,531 Mc G.Fdf Flx.Med. B +0,11 3,668 Mps Alternative Defensive Ii -0,35 533.125,506 Mps Alternative Efficient Ii +0,35 551.666,435 Nextam P. Flessibile +0,06 4,691 Nordest Sicav -0,48 4,14 Ob. Rendimento +0,07 5,782 Open Fund Ritorno Assoluto Var2 -0,18 4,517 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 -0,45 3,767 Paritalia Orchestra C +0,00 72,791 Pioneer Balanced Hedge +0,79 438.927,576 Pioneer Conservative Hedge +0,71 445.086,682 Pioneer Dynamic Hedge +0,49 439.475,721 Pioneer Target Controllo A +0,04 5,302 Pioneer Target Equilibrio A -0,06 5,265 Pioneer Target Sviluppo A -0,01 22,122 Prima Strategia A-Rt 100 A -0,08 5,131 Prima Strategia A-Rt 200 A -0,08 4,906 Prima Strategia A-Rt 50 A -0,02 16,402 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A -0,54 2,19 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y -0,59 2,20 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A-0,58 13,46 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y-0,57 13,476 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A -0,38 4,72 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y -0,36 4,757 Primalternative Aggressive +0,66 661.150,656 Primalternative Defensive +0,23 642.845,949 Primalternative Efficient +0,00 661.182,282 Profilo Best Funds -0,17 5,823 Profilo Elite Flessibile +0,07 5,497 Pwm Multistrategy Fund Eur -2,17 386.013,167 Sofia Flex +0,00 0,69 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A -0,43 5,062 18/05/09 -0,08 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B 5,092 -0,31 5,121 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B -0,33 5,131 Soprarno Contrarian A -0,49 3,63 Soprarno Contrarian B -0,49 3,633 Soprarno Global Macro A -0,54 4,795 Soprarno Global Macro B -0,53 4,842 Soprarno Inflazione +1,5% A -0,15 5,441 Soprarno Inflazione +1,5% B -0,16 5,466 Soprarno Relative Value A -0,08 5,325 -0,07 5,373 Soprarno Relative Value B Symphonia Asia Flessibile -1,18 5,688 Symphonia Comp.Fortissimo -0,59 2,54 Symphonia Italia Flessibile +0,08 5,044 -0,21 5,202 Synergia Total Return Total Return +0,17 2,329 Ubi Pra. Active Beta +0,04 4,727 -0,06 5,09 Ubi Pra. Alpha Equity Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A +0,02 5,218 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B +0,04 5,234 Ubi Pra. Total Return Dinamico +0,04 4,989 -0,08 5,227 Unibanca Plus Vegagest Flessibile A -0,28 7,391 Vegagest Mb Absolut -0,06 3,104 -0,07 3,059 Vegagest Mb Strategic Vegagest Rendimento A -0,37 5,332 Volterra Dinamico -0,08 5,264 Volterra Tr Glob. +0,04 5,42 +0,08 5,336 Vrg Coro Rendimento Zenit Absolute Return I +0,05 5,602 +0,05 5,539 Zenit Absolute Return R Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 1,245 -0,30 4,599 Zenit Zero 100 ASSICURATIVI Antonveneta Vita -0,61 11,501 Antonveneta Vita Armonico Antonveneta Vita Armonico 2007 -0,51 9,841 -1,09 12,44 Antonveneta Vita Attivo Antonveneta Vita Attivo 2007 -0,78 9,47 -1,26 14,766 Antonveneta Vita Azionario Antonveneta Vita Azionario Globale +1,23 8,154 Antonveneta Vita Azionario Specializzato +2,27 9,763 Antonveneta Vita Bilanciato Euro +0,29 11,423 Antonveneta Vita Bilanciato Globale +0,87 10,811 -0,51 13,608 Antonveneta Vita Dinamico Antonveneta Vita Equilibrato +0,09 14,585 Antonveneta Vita Euromoneta +0,00 11,408 Antonveneta Vita Monetario +0,00 11,854 +0,26 11,788 Antonveneta Vita Obbligazionario Antonveneta Vita Obbligazionario Euro +0,08 13,33 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto -0,03 12,415 +0,11 12,553 Antonveneta Vita Protetto Antonveneta Vita Protetto 2007 -0,07 10,629 Antonveneta Vita Sicuro +0,13 12,847 +0,31 11,707 Antonveneta Vita Trend -0,53 8,639 Antonveneta Vita Trend Dinamico Antonveneta Vita Trend Equilibrato +0,08 10,095 Antonveneta Vita Trend Plus +0,32 7,237 +0,03 10,564 Antonveneta Vita Trend Protetto AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Aurora New Balanced +0,64 10,294 Aurora New Bond +0,45 9,988 +1,29 10,947 Aurora New Share Aurora Unietic +0,01 10,538 Aurora Unit Balanced -0,96 9,857 Aurora Unit Bond -0,02 8,717 -1,85 8,766 Aurora Unit Share Aurora Winvest Bilanciata -1,10 11,225 Aurora Winvest Dinamica -1,48 9,783 Aurora Winvest Prudente -0,59 12,324 BCC VITA +0,47 4,251 Bcc Vita Equity America Bcc Vita Equity Asia +3,69 4,86 Bcc Vita Equity Europa -0,11 4,691 +0,93 5,309 Bcc Vita World Global Bond Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 -0,68 5,82 Bpm Az 50 -1,07 5,54 Bpm Az 80 -1,91 5,13 -1,14 4,33 Bpm Az Flex

VARIAZ. QUOT.

Bpm Financial Audace -2,09 3,75 Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 +0,18 5,46 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 +0,18 5,53 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 +0,18 5,47 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 +0,18 5,44 Bpm Financial Equilibrato -1,55 4,44 Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 +0,18 5,54 Bpm Financial Geographic Areas -2,24 3,06 Bpm Financial Global Bond +0,33 6,05 Bpm Financial Industrial Sector -2,19 3,13 Bpm Financial Prudente -0,78 5,09 Bpm Financial Riserva Euro +0,00 6,45 Bpm Financial Vita Azionario -2,42 4,44 Bpm Financial Vita Bilanciato -1,46 5,41 Bpm Financial Vita Obbligazionario +0,29 6,90 BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 +0,32 10,32 Bnl Vita Capital Unit 60 +0,24 8,229 Bnl Vita Capital Unit 90 +0,16 6,239 CARDIF Assicurazioni Spa Cardif Azionario A -1,62 86,135 Cardif Azionario B -2,26 136,056 Cardif Azionario Rimini 2 -1,58 63,297 Cardif Bds Valore Azionario -2,26 96,924 Cardif Bds Valore Bilanciato -0,84 136,368 Cardif Bds Valore Obbligazionario -0,05 179,282 Cardif Bilanciato A -0,89 123,124 -1,22 189,748 Cardif Bilanciato B Cardif Flexible Profilo A -1,59 75,203 Cardif Obbligazionario A +0,07 165,472 Cardif Obbligazionario B +0,26 216,086 Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 +0,09 107,912 Cardif Pargest Globale 60 A -0,71 180,507 Cardif Spazio Effervescente -2,27 108,962 Cardif Spazio Naturale +0,29 173,009 CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G -0,02 5,19 Carige Dinamicamente Protetta +0,00 5,16 Carige Gestilink Arancione Dinamica -1,58 3,603 -0,65 5,015 Carige Gestilink Blu Moderata Carige Gestilink Verde Prudente -0,36 6,612 -0,12 102,43 Carige Protezione Attiva Cattolica Assicurazioni Cattolica Azionario +0,89 4,061 Cattolica Bilanciato +0,77 4,307 Cattolica Bpbari Freeway Country -0,47 3,421 Cattolica Bpbari Freeway Desert -0,92 3,54 Cattolica Bpbari Freeway Jungle -5,79 0,228 Cattolica Cividale Percorso Azionario +1,23 11,275 Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario+0,03 11,299 +1,14 3,366 Cattolica Ferrara Investire Azionario Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario +0,15 5,52 Cattolica Fondo Protetto -0,38 5,247 Cattolica Formula Life Azionaria -0,86 4,26 -0,36 4,644 Cattolica Formula Life Bilanciata Cattolica Fuoriclasse Balanced -0,67 4,438 Cattolica Fuoriclasse Bond +0,11 5,46 -1,54 3,069 Cattolica Fuoriclasse Equity Cattolica Fuoriclasse High Tech -2,36 1,366 Cattolica Nuove Rotte +0,20 5,543 Cattolica Obbligazionario +0,46 4,815 +0,44 4,559 Cattolica Progetto Attivo Bond Cattolica Progetto Attivo Equity +0,89 3,735 Cattolica Progetto Attivo Mix +0,75 4,323 -0,49 5,066 Cattolica Soluzione Dinamica Cattolica Soluzione Prudente +0,02 6,152 Cattolica Soluzione Vivace -1,20 3,539 CENTROVITA ASSICURAZIONI -0,07 73,082 Centrovita 6attivo-Orchestra Centrovita 6protetto Regina -0,09 105,47 -0,06 150,784 Centrovita Anni 40 Centrovita Anni 50 +0,08 163,979 -1,16 117,606 Centrovita Anni 60 Centrovita Anni 70 -2,36 118,583 Centrovita Anni 80 -3,31 94,626 -3,03 106,903 Centrovita Azionario Centrovita Azionario Blue -3,07 57,243 -3,12 57,089 Centrovita Azionario Green Centrovita Azionario Plus -3,08 130,608 -1,65 147,476 Centrovita Bilanciato Centrovita Bilanciato Plus -1,68 173,935 +0,00 1.038,80 Centrovita Eag 2005 Centrovita Eag 2006 +0,00 1.049,92 Centrovita Obbligazionario +0,17 188,025 +0,34 123,026 Centrovita Obbligazionario Blue Centrovita Obbligazionario Plus +0,17 209,164 DUOMO PREVIDENZA S.P.A. Duomo Unit Dynamic +0,96 2,111 +0,06 4,865 Unit Moderate GENERTELLIFE S.P.A. Adria Equilibrio -0,48 6,039 -0,77 5,025 Genertellife Aptus 1 Genertellife Aptus 2 -1,38 4,639 Genertellife Aptus 3 -1,84 3,889 +0,07 10,301 Genertellife Bg 2005-2015 +0,01 9,655 Genertellife Bg 2005-2020 Genertellife Bg 2005-2025 -0,17 8,826 Genertellife Bg 2005-2030 +0,08 8,44 -1,80 2,231 Genertellife Bg Azionario 1 Genertellife Bg Azionario 2 -1,66 2,554 Genertellife Bg Bilanciato 1 -1,15 3,962 Genertellife Bg Bilanciato 2 -0,68 5,149 -0,22 8,201 Genertellife Bg Dinamico Genertellife Espansione -1,58 2,868 Genertellife Espansione2000 -1,60 2,892 Genertellife Sviluppo -1,08 4,296 -1,17 3,811 Genertellife Sviluppo2000 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio -0,81 5,762 Genertellife Tirreno Unit Protezione -0,17 5,785 Genertellife Tirreno Unit Sviluppo -1,72 5,03 Genertellife Valore +0,03 6,174 Ina Ina Assitalia Ina Fondo Ina Valore Attivo +0,02 4,09 Ina Fondo Valute Estere -0,09 1,103 +0,10 7,79 Ina Nuovo Fondo Ina Intesavita Spa Intesa Vita Accumulazione -0,35 5,163 Intesa Vita Azionario America Growth -3,20 8,125 Intesa Vita Azionario America Value -2,48 8,887 -7,09 19,763 Intesa Vita Azionario Cina

VARIAZ. QUOT.

Intesa Vita Azionario Europa Growth -3,55 9,823 Intesa Vita Azionario Europa Value -3,81 10,831 Intesa Vita Crescita +0,03 5,971 Intesa Vita Dinamica -0,63 4,583 Intesa Vita Eurounit Azionario -0,50 2,97 Intesa Vita Eurounit Dinamico -0,08 4,877 Intesa Vita Eurounit Equilibrato -0,02 5,458 Intesa Vita Eurounit Prudente +0,02 6,319 +0,18 676,60 Intesa Vita Gpa Accordo Intesa Vita Gpa Accordo 2 +0,18 650,48 Intesa Vita Gpa Acuto +1,28 393,78 Intesa Vita Gpa Acuto 2 +1,28 335,20 Intesa Vita Gpa Armonia +0,70 507,91 Intesa Vita Gpa Armonia 2 +0,70 446,57 Intesa Vita Gpa Motivo +0,33 622,19 Intesa Vita Gpa Motivo 2 +0,33 584,68 Intesa Vita Monetario Dollaro +1,37 8,823 Intesa Vita Monetario Euro +0,32 10,895 Intesa Vita Obbligazionario Euro +0,10 11,179 Intesavita Gpa Private Bond +0,17 717,31 Intesavita Gpa Private Global Guar. +0,23 580,60 Intesavita Gpa Private Global High +0,51 325,45 Intesavita Gpa Private Global Low +0,25 660,21 Intesavita Gpa Private Global Medium +0,23 532,43 MEDIOLANUM VITA S.P.A. -0,21 3,37 Mediolanum Azionario Dinamismo Mediolanum Azionario Dinamismo Bis -0,21 3,87 Mediolanum Azionario Fedelt¿ +0,00 2,26 Mediolanum Azionario Lntraprendenza -0,26 3,101 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis -0,26 3,812 +0,00 5,826 Mediolanum Azionario Protezione Mediolanum Balanced -0,15 4,547 Mediolanum Balanced Bis -0,11 4,619 Mediolanum Country -0,25 3,255 Mediolanum Country Bis -0,21 3,804 Mediolanum Dynamic -0,18 3,962 Mediolanum Dynamic Bis -0,16 4,35 Mediolanum Eurobond Breve Termine +0,04 6,738 Mediolanum Eurobond Opportunita' -0,03 6,732 Mediolanum Eurobond Sviluppo +0,04 6,673 Mediolanum Euroequity Opportunita' -0,27 4,035 Mediolanum Euroequity Protezione -0,02 6,421 Mediolanum Euroequity Sviluppo -0,21 4,327 Mediolanum Moderate -0,06 5,006 Mediolanum Moderate Bis -0,08 5,005 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis +0,04 5,526 Mediolanum Obb. Crescita Bis -0,02 5,311 Mediolanum Obb. Evoluzione Bis +0,00 5,181 Mediolanum Obb. Moderazione Bis +0,04 5,435 Mediolanum Obbligazionario Crescita -0,03 6,617 Mediolanum Obbligazionario Liquidita' +0,05 6,648 Mediolanum Obbligazionario Moderazione+0,03 6,574 Mediolanum Opportunity -0,25 3,609 Mediolanum Opportunity Bis -0,28 3,95 Mediolanum Prudent +0,03 6,194 Mediolanum Prudent Bis +0,05 5,495 Mediolanum Sector -0,25 3,206 -0,25 3,99 Mediolanum Sector Bis MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario +0,17 2,881 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato +0,19 4,231 Milano Assicurazioni Previlink Monetario +0,02 6,177 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario+0,09 5,515 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. Risparmio Crfc Gentile Dinamica -2,58 3,404 -1,48 5,793 Risparmio Crfc Gentile Equilibrata Risparmio Eurolink Cv Dinamico -1,13 12,816 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato -0,66 12,969 Risparmio Eurolink Cv Risparmio -0,02 11,938 +0,24 10,744 Risparmio Formula Link In Prima Risparmio Formula Link In Seconda -0,31 9,409 Risparmio Formula Link In Terza -0,96 7,755 Risparmio Gestivita Azionario +0,02 8,453 Risparmio Gestivita Bilanciato +0,39 10,126 Risparmio Gestivita Obbligazionario +0,71 11,777 Risparmio Patavium Ul Dinamico -1,85 7,705 Risparmio Patavium Ul Equilibrato -0,80 9,076 SARA VITA S.P.A. +1,41 8,078 Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A +1,39 7,753 Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo +0,04 9,176 +0,32 9,533 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale +0,00 9,89 Sara Vita Profilo Guardian Unipol Assicurazioni Unipol Uninvest Arcosereno +0,42 119,54 -0,60 106,476 Unipol Uninvest Azioni Piu' -0,87 13,348 Unipol Uninvest Crescita Unipol Uninvest Equilibrio -0,95 12,194 Unipol Uninvest Flessibile -1,47 6,627 -0,59 106,638 Unipol Uninvest Grande7 -0,52 102,145 Unipol Uninvest Grandevita Unipol Uninvest Mach 7 -0,54 110,839 Unipol Uninvest Otto&Mezzo -0,64 103,387 -3,70 7,343 Unipol Uninvest Performance Europa Unipol Uninvest Risparmio +0,13 13,389 Unipol Uninvest Valore -1,88 11,928 ZURICH LIFE AND PENSION -0,02 5,271 Zlap Controllo Zlap Crescita -0,70 6,257 Zlap Equilibrio -0,24 7,354 Zlap Evoluzione -0,24 4,659 Zlap Protezione +0,08 7,785 Zlap Prudenza -0,07 5,613 Zlap Sicurezza +0,07 5,433 Zlap Sviluppo -0,70 3,54


24

il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE

Ddl impedimento in aula già la settimana prossima: 18 mesi di respiro per il Cav Grandi imprese: L’ha chiesta Casini con l’Udc per dare il tempo di preparare provvedimenti di respiro costituzionale di Roberto Carli ROMA - La proposta di legge sul legittimo impedimento, che serve al premier Silvio Berlusconi per sospendere i suoi processi, sarà votata la prossima settimana dalla Camera, prima di passare al Senato. Lo ha decisoieri mattina la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. «Si vota la prossima settimana ed entro mercoledì la maggioranza conta di ottenere il via libera, grazie ai tempi contingentati», ha detto il capogruppo del Pd Dario Franceschini al terminedellariunione,lamentando che la precedenza venga data a un provvedimento "ad personam" e non a tre decreti legge in attesa di conversione. L’idea che muove la proposta è di fornire al premier uno strumento per ottenere il rinvio dei suoi processi, in attesa che il Parlamento approvi una legge di rango costi-

tuzionale che gli fornisca uno scudo dalla giustizia penale. Il progetto di legge dice che il pre-

sidente del Consiglio è legittimamente impedito a presentarsi alle udienze dei suoi processi, di qualsiasi grado, quando svolge atti tipici della sua funzione; in questo caso il giudice, su richiesta di parte, è tenuto a rinviare il processo ad altra udienza -- tempo massimo per ciascun rinvio, sei mesi -mentre si sospende il corso della prescrizione. Lo stesso vale per i ministri. Finora è il giudice che decide se accordare all’imputato il rinvio dell’udienza, valutando caso per caso se il motivo dell’impedimento avanzato dalla difesa sia "legittimo". «Il relatore presenterà alcuni emendamenti per meglio definire l’ambito di applicazione della norma nei riguardi del presidente del Consiglio ed eliminerà l’obbligo della sospensioneper legittimo

impedimento nei processi in cui il premier è parte offesa, come invece è previsto dall’attuale versione del progetto», ha detto una fonte della maggioranza. La maggiornanza ha rinunciato invece all’idea di allargare la norma ai viceministri e ai coimputati del premier, ha aggiunto la fonte. Il centrosinistra ha detto che il progetto di legge è incostituzionale, perché sancirebbe attraverso una legge ordinaria una nuovaprerogativaperilpresidente del Consiglio, dopo che la Corte costituzionaleha bocciatolo scorso anno il Lodo Alfano sull’immunità dai processi per il premier. Questa legge -- dice il suo articolo 1 -- non potrà valere per oltre 18 mesi dall’entrata in vigore e trova applicazione in attesa di una legge costituzionale sulle prerogative del presidente del Consiglio.

L’idea di una "legge ponte" era venutaall’Udc,che l’avevaproposta come alternativa al ddl sul "processo breve", contestato da tutta l’opposizione, proprio nelle more di una legge costituzionale sull’immunità. Il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini, secondo il quale Berlusconi è vittima di una persecuzione giudiziaria, ha proposto di "partire dal legittimo impedimento" per risolvere per via legislativa il braccio di ferro tra il premier e i giudici, in attesa di una legge costituzionale sull’immunità a prova di Consulta. ll governo non ha rinunciato a percorrere anche la strada del "processo breve", la legge che manda prosciolti gli imputati dei processi che superano i limiti della "ragionevole durata", tra cui il presidente del Consiglio.

In questo modo è possibile (previo accordo) votare fra due mesi

Ufficiali le dimissioni di Flavio Delbono BOLOGNA - Il sindaco di Bologna Flavio Delbono ha rassegnato ufficialmente le proprie dimissioni ieri in Consiglio comunale. Le dimissioni del primo cittadino emiliano al centro di uno scandalo erotico finanziario sono immediatamente operative. Da oggi, quindi, decorrono i venti giorni in cui Delbono rimarrà in carica, un termine che può però essere interrotto da un decreto d’urgenza del ministero dell’Interno. E proprio tre giorni addietro, come ha riferito il Domani il ministro Roberto Maroni aveva annunciato che se tutti sono d’accordo sarebbe possibile una deroga e far tenere le nuove elezioni in concomitanza con le regionali il 28

marzo. Il sindaco del Pd è indagato nell’ambito di un’inchiesta sull’uso improprio di fondi pubblici nei viaggi all’estero con la sua ex compagna e segretaria Cinzia Cracchi, quando era vicepresidente della Regione Emilia-Romagna. Il sindaco sostiene, invece, che si tratta di un errore.L’inchiesta è partita lo scorso giugno -- durante la campagna elettorale per le comunali in cui Delbono è stato eletto primo cittadino -- dopo una serie di accuserivolteglidal rivaleAlfredo Cazzola, candidato del centrodestra. Il Consiglio comunale, in una mozionebipartisan,avevachiesto

ieri di evitare una fase di commissariamento lunga per la città e il ministro dell’Interno Roberto Maroni aveva fatto sapere di essere disponibile, con un vasto consenso, a emanare un decreto per far votare Bologna a fine marzo, nelle stesso turno delle regionali.

Roberto Maroni aveva annunciato che se tutti sono d’accordo sarebbe possibile deroga ed elezioni il 28 marzo.

cala occupazione con minor forza ROMA - Nel mese di novembre 2009, l’indice dell’occupazione nelle grandi imprese, depurato dagli effetti della stagionalità, ha registrato una variazione di meno 0,1 per cento rispetto al mese precedente sia al lordo, sia al netto dei dipendenti in Cig. Lo rende noto l’Istat sottolineando che nel confronto tra la media degli ultimi tre mesi (periodo settembre-novembre) e quella dei tre mesi precedenti si è registrato un calo dello 0,4 al lordo della Cig e dello 0,2 per cento al netto dei dipendenti in Cig. Rispetto a novembre 2008 sono state registrate variazioni negative dell’1,9 per cento per l’occupazione al lordo della Cig e del 2,9 per cento per quella al netto. Nei primi undici mesi del 2009 la variazionemedia dell’occupazione, rispetto allo stesso periodo del 2008, è stata di meno 1,5 per cento al lordo della Cig e di meno 3,8 per cento al netto. Sempre a novembre l’indice destagionalizzatonellegrandiim-

prese dell’industria ha registrato una diminuzione congiunturale dello 0,2 per cento al lordo della Cig e un aumento dello 0,1 per cento al netto. Nel confronto tra la media degli ultimi tre mesi (periodo settembre-novembre) e quella dei tre mesi precedenti vi è stato un calo dell’1,0 per cento al lordo della Cig e dello 0,3 per cento al netto. In termini tendenziali, cioè anno su anno, l’occupazione nelle grandi imprese dell’industria ha segnato, diminuzioni del 3,6 per cento al lordo dei dipendenti in Cig e del 5,7 per cento al netto. Complessivamente, nella media dei primi undici mesi del 2009 l’occupazione è diminuita, rispetto al 2008 del 2,8 per cento al lordo della Cig e dell’8,4 netto. Cab


Venerdì 29 Gennaio 2010

il Domani 25

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE

L’Europa è in convalescenza, con una ripresa ancora debole, fragile È il monito del presidente della Bce Jean Claude Trichet: e Zapatero rassicura: nessuno lascia l’euro, anzi cresceremo

Carlo Bassi ROMA - «Nessuno sta per lasciare l’euro». Lo ha affermato il premier spagnolo, Jose Louis Zapatero in un dibattito con il presidente della Bce, Jean Claude Trichet e il premier greco George Papandreu a Davos. «Al contrario - ha detto Zapatero - saremo sempre più Paesi nell’euro anche perché è un club forte, di reciproco supporto». Zapatero ha anche ribadito l’impegno del Paese a rimettere in ordine i conti pubblici e a portare avanti le riforme: «Siamo anche uno dei paesi di un certo spessore in cui il sistema bancario non ha subito troppo cambiamenti». L’entusiasmo di Zapatero per l’euro è stato ovviamente condiviso dal presidente della Banca centrale europea Jean Claude Trichet nella prima giornata piena del Forum economico mondiale di Davos, forse il più importante incontro economico finanziario del mondo cui partecipano capi di Stato e di Governo, ma anche grandi imprenditori, un’occasione di contatto in realtà unica. Per Trichet tutti siamo ancora sotto stress e abbiamo ancora lezioni da

imparare dalla crisi. Ma il sistema dell’eurozona ha tenuto e questo è motivo di orgoglio.Trichet ha ricordato che per il Fmi il deficit della zona euro sarà del 6 per cento e negli Usa del 10. «Quindi abbiamo tutti grossi problemi. Ma il Patto di stabilità e crescita ha funzionato, anche se facciamo sempre richiami al suo rispetto. Abbiamo avuto la capacità di resistere alla destabilizzazionerne delle finanze pubbliche», ha aggiunto. Ha sottolineato che bisogna considerare l’Unione europea come una cornice che contiene diversità all’interno di una economia molto ampia e differenziata. Ogni Paese ha avuto i suoi problemi che deve risolvere individualmente, ma il "club" è for-

te, di reciproco supporto. Chiaro il riferimento alla Grecia che per il premier greco, George Papandreu, è sotto attacco speculativo per ragioni finanziarie o politiche come anello debole del sistema Eurozona. Ieri il inistero delle Finanze tedesco ha smentito le indiscrezioni secondo le quali diversi Governi dell’Unione europea, compresi quelli di Francia e Germania, starebbero studiando un meccanismo per fornire sostegno finanziario alla Grecia in cambio di un cammino più rapido da parte di Atene verso il risanamento dei conti pubblici. Intanto, però, lo spread richiesto sui titoli di Stato greci, rispetto al benchmark tedesco (Bund decennale), è balzato a un nuovo massimo di 405 punti base.

Trichet tuona: banche più trasparenti, bilanci da ristrutturare e farlo con tutti i mezzi possibili

Agricoltura allo sfascio per la politica aggressiva dei prezzi nei supermarket Concorrenza aggressiva che costringerà gli agricoltori ad abbandonare limita la scelta dei consumatori e causa turbative nella produzione dei di prodotti stagionali come gli ortofrutticoli di Cab

ROMA - Non bastavano il crollo dei prezzi sui campi (meno 13 per cento), l’aumento continuo (più 10 per cento) dei costi produttivi contributivi e burocratici e la caduta verticale dei redditi (meno 25,3 per cento). Ora a mettere in difficoltà gli agricoltori italiani c’è anche la "guerra" degli sconti in campo alimentare scatenata da molte catene della grande distribuzione. Una concorrenza aggressiva che provoca, soprattutto

nel caso degli ortofrutticoli, gravi turbative di mercato e danneggia inevitabilmente i produttori che vedono scendere sempre di più i loro listini. Una situazione estremamente difficile alla quale occorre porre immediato riparo. A lanciare l’allarme è la Cia-Confederazione italiana agricoltori che si trova d’accordo con l’analisidel Copa e del Cogeca (i Comitati delle organizzazione agricole e cooperative comunitarie) le quali

affermano che gli imprenditori agricoli europei stanno diventando vittime di questa selvaggia corsa alla promozione e al ribasso e ha sollecitato i politici dell’Ue ad intervenire al più presto. La Cia condivide le affermazioni del segretario generale del Copa-Cogeca, Pekka Pesonen, per il quale l’attuale situazione è diventata inaccettabile. "La pressione al ribasso sui prezzi esercitata dalla distribuzione -ha affermato- mette alle strette tutta quanta la catena alimentare". Infatti, il calo dei prezzi alla produzione, non accompagnato da una diminuzione dei costi di produzione, esercita un peso insostenibile sui redditi dei produttori, che, in Europa, sono crollati in media del 12,2 per cento nel 2009. Un quadro che nel nostro Paese è divenuto ancora più grave, viste le enormi difficoltà che incontrano i produttori e la mancanza di validi sostegni e di una politica orientata allo sviluppo e alla competitività.

Fiat: polemica su Cig senza ragioni ROMA - La polemica sulla riapertura della cassa integrazione, secondo Luca Cordero di Montezemolo non ha ragione di esistere. L’avvio della richiesta della Cassa integrazione guadagni per l’ultima settimana di febbraio e la prima di marzo è, semplicemente (per così dire), la «diretta conseguenza» del crollo degli ordini subito da Fiat a gennaio, quando il mercato è caduto al di sotto dei livelli di un anno fa, quando era già stato toccato il punto più basso. Per il numero uno del Lingotto, che parlava alla presentazione della Ferrari F10, «il governo ha dimostrato in questi mesi una grande attenzione alla filiera dell’auto» e «la posizione di Fiat è sempre stata chiara, sia sul progetto industriale per l’Italia, che abbiamo illustrato a dicembre, sia sul ricorso alla cassa integrazione». Quanto alla programmazione della chiusura dello stabilimento siciliano di Termini Imerese, Montezemolo ha ribadito che «le condizioni di svantaggio competitivo dell’impianto e la non-economicità rendono impossibile» proseguire la produzione oltre il 2011. Del resto, come a voler sostenere una forma di compensazione, «portare a Pomigliano ha concluso il presidente della Fiat - una vettura di grandi volumi e per noi fondamentale come la Panda è una decisione molto impegnativa e coraggiosa che dimostra che la Fiat ha a cuore lo sviluppo industriale del Paese». Cab


Venerdì 29 Gennaio 2010

il Domani 27

LIBRI E RECENSIONI

ALCIBIADE

Jacqueline de Romilly di Elvira Barbuto La biografia di Alcibiade, carismatico leader ateniese del V secolo a. C., pare uno straordinario romanzo d’avventure, intessuto di vagabondaggi e peripezie, promesse e delusioni, successi sfolgoranti e rovinose sconfitte. Pupillo di Socrate e amico di Pericle, il giovane e seducente Alcibiade sembrava destinato a dominare la vita politica della sua città. All’inizio soddisfò ogni attesa, grazie anche al suo sfrontato opportunismo. Ma era troppo ambizioso e imprudente. Braccato da scandali finanziari e sessuali e da complotti politici, fu esiliato, condannato a morte, richiamato in patria, nuovamente esiliato. Cercò di consolidare ed espandere la potenza ateniese, ma si trovò a dirigere la politica estera dei nemici della sua patria. Dopo la battaglia di Egospotami e la sconfitta definitiva degli ateniesi, attraversò l’Ellesponto e si rifugiò con Farnabazo in Frigia, con l’obiettivo di assicurare l’aiuto di Artaserse contro Sparta. Gli spartani però indussero Farnabazo a metterlo fuori strada; in procinto di partire per la corte persiana la casa di quest’ultimo fu data alle fiamme, e Alcibiade, nell’inseguire i sicari con il pugnale in mano, fu ucciso da una pioggia di frecce (404 a.C.). Jacqueline de Romilly (Garzanti, 2001) ricostruisce una storia ricca di colpi di scena, appassionante e originale nello stile. L’autrice rilegge le fonti antiche per raccontarci una biografia ricca di colpi di scena. La vita di Alcibiade ha dato l’avvio a due problemi di politica che ancora oggi sono attuali. In primo luogo ha incarnato l’imperialismo ateniese nella sua forma estrema di conquista e nelle imprudenze che portarono alla sua rovina. Ogni riflessione sullo spirito di conquista trae beneficio, quindi, dalla meditazione sul suo esempio. Inoltre, ha incarnato, e portato all’estremo, l’immagine delle ambizioni personali che prendono il sopravvento

Uno straordinario romanzo d’avventure, intessuto di vagabondaggi e peripezie, promesse e delusioni, successi sfolgoranti e rovinose sconfitte sull’interesse comune. Ogni riflessione sui problemi della democrazia può quindi trarre beneficio da uno studio delle rocambolesche avventure di Alcibiade. L’autrice, Jacqueline Worms de Romilly (Chartres, 26 marzo 1913), è una filologa e scrittrice francese naturalizzata greca, membro dell’Académie française. Si formò al liceo Molière, nel quale vinse nel 1930 il Concours général di latino e ottenne il secondo posto in quello di greco. Si preparò per l’accesso all’École Normale Supérieure, nella quale entrò nel 1933, al lycée Louis-le-Grand. Poi superò l’agrégation, il concorso pubblico francese per l’insegnamento, di Lettere classiche nel 1936 e nel 1947 divenne dottore in Lettere. Nel frattempo, nel 1941, fu sospesa dalle sue funzioni dal regime di Vichy perché di origini ebraiche. Dopo aver insegnato per qualche tempo in una scuola, passò all’Lille e poi alla Sorbonne, dove insegnò dal 1957 al 1973). Poi ottenne la cattedra di Greco ed evoluzione del pensiero politico e morale al Collège de France: fu la prima donna a insegnare in questa prestigiosa istituzione. Nel 1988 fu la seconda donna, dopo Marguerite Yourcenar, a entrare all’Académie française, dove occupò il seggio numero 7, subentrando ad André Roussin. Nel 1995 ottenne la nazionalità greca e nel 2000 fu nominata Ambasciatore dell’ellenismo.

All’inizio soddisfece ogni attesa, grazie anche al suo sfrontato opportunismo. Ma era troppo ambizioso e imprudente

Jacqueline de Romilly (Garzanti, 2001) ricostruisce una storia ricca di colpi di scena, appassionante e originale nello stile

La vita di Alcibiade ha dato l’avvio a problemi di politica che ancora oggi sono attuali. In primo luogo ha incarnato l’imperialismo ateniese nella sua forma estrema di conquista


28

il Domani Venerdì 29 Gennaio 2010

CULTURA E ASSOCIAZIONI «Quando egli lasciò Napoli, non venne meno in lui la nostalgia per la sua città: si sentiva un napoletano in esilio a Milano»

Il Teatro Politeama di Catanzaro

La visione napoletana di Giuseppe Marotta al centro di una conferenza stampa svoltasi a Catanzaro

Gli Amici del Teatro Politeama discutono dell’ “Oro di Napoli” di Franco Brescia

CATANZARO - In vista dello spettacolo "L’oro di Napoli", in programma al Politeama di Catanzaro, l’Associazione "Amici del Teatro Politeama" ne ha tratto una conferenza - svoltasi poi allo stesso Teatro - proponendo il tema: "La visione napoletana di Marotta: L’oro di Napoli". Molte opere letterarie sono percepibili nei contenuti pur non conoscendo a fondo i loro autori. Non accade ciò, invece, quando si tratta de "L’oro di Napoli ". Di quest’opera di Giuseppe Marotta i cui significati diventano di difficile comprensione se non si conosce la "visione" della vita e la biografia dello scrittore. Marotta veniva da una condizione precaria; e specie dopo la morte del vecchio padre, un avvocato, rimase senza mezzi, e perciò condivise la povertà dei «bassi». Della cui frequentazione maggiormente si alimenterà la sua "visione" della vita napoletana. In questi luoghi, i bassi, conosce di più Napoli, città splendida e miserabile, amorosa e spietata, con i suoi abitanti, di-

A Catanzaro un laboratorio sperimentale di musica moderna curato dall’Ardis

sperati, poveri, ricchi di fantasia, magnifici, capaci d’inventarsi la vita giorno per giorno. Da questa "visione", poi, si forma la sua malinconia, il sentimentalismo, il carattere, il senso del fatalismo, dell’accettazione dei fatti che accadono ma con l’interpretazione accomodante dettata dall’intelligenza e dalla fantasia napoletana. Non aveva ragione, Marotta, di amare Napoli che gli ricordava gli anni della sua vita grama, della disperazione. Eppure, quando egli la lasciò non venne meno in lui la nostalgia per la sua città, il suoinnamoramento:sisentivaun napoletano in esilio a Milano. In questa città, pur divenendo affermato giornalista - scrisse per "Il Corriere della sera, per la Rizzoli" - tuttavia incentrò le sue opere nei confronti della città natale, amata e mai abbandonata completamente. Il suo primo romanzo fu "Tutte a me", edito nel 1932. Da allora la sua carriera si dividerà fra giornalismo e scrittura. A partire dal 1940 la sua produzione letteraria è folta e continua. "L’oro di Napoli", l’opera che gli diede la maggiore notorietà an-

Un libro di Giuseppe Marotta

Il primo romanzo scritto da Marotta fu "Tutte a me", edito nel 1932. Da allora la sua carriera si dividerà fra giornalismo e scrittura. A partire dal 1940 la sua produzione è continua

CATANZARO - E’ attivo, ogni martedì dalle ore 16,00 alle ore 18,00, nell’Oratorio del Carmine, in via Fiorentino, il Laboratorio sperimentale di musica moderna. Gli appuntamenti rientrano nelle attività culturali 2009/10 dell’Agenzia Regionale Diritto allo Studio Universitario A.R.DI.S. di Catanzaro e sono indirizzati agli allievi iscritti all’Accademia de Belle Arti di Catanzaro, dell’Università della Magna Grecia e del Conservatorio di Musica di Vibo Valentia, promossi e organizzati dall’Associazione "Promocultura" presieduta dal M° Tommaso Rotella. I laboratori prevedono una serie di incontri di formazione musicale di canto moderno tenuti dalla Prof. ssa Velia Ricciardi e di chitarra e basso elettrico tenuti dal M° Vittorio Accorinti, "L’Associazione - ha spiegato Rotella - ha creduto fortemente in tale attività formativo -didattico -musicale, che risulta rispondente alle necessità di programmazione e valorizzazione della realtà nella quale si intende operare, tenendo conto della specificità dei soggetti a cui è indirizzata tale tipologia d’intervento, con particolare riferimento alla loro formazione culturale, promuovendo un’innovazione dal punto di vista anche musicale. Si è

che con il famoso film di De Sica, è del 1947. L’oro di Napoli è una raccolta di una ventina di racconti che racchiudono tutto il senso della visione napoletana dell’autore. Ed è a questo punto, quindi, che l’opera marottiana diviene universale, che prende valenza autenticamenteletteraria e, perciò, diventa intramontabile. Ecco, allora i personaggi autenticamente napoletani diventano quelli di ogni giorno, che vivono nel mondo. Giuseppe Marotta è divenuto un nome noto, di valore, inserito nella storia recente della letteratura italiana. Ma, avrebbe meritato in vita, e meriterebbero ora dopo la morte, molto, molto di più. Sanguigno e fantasioso, non solo come scrittore ma anche quale giornalista e formidabile critico cinematografico,originaleeatipico. Come è stato scritto, "la prosa di Marotta è grandiosa, limpida: vola, si alza con ironia dalla vita vera, dalla sofferenza, dal dolore, dai sacrifici, e arriva direttamente al cuore." Basta citare forse solo due righe per comprenderla nella sua consistenza, tratte dal suo li-

pensato quindi di dare vita ad un Laboratorio sperimentale di Musica moderna, con lo scopo di fornire un efficace strumento didattico attraverso il quale esercitare una azione formativa qualificata. Il corso prevede un confronto e una riflessione sulle esperienze personali dei corsisti, seguito da un momento in cui riportare le difficoltà riscontrate nell’applicazione delle metodologie utilizzate. I docenti illustrerannoai corsisti piste di lavoro da applicare in modo da metterli in condizione di aumentare la propria formazione musicale attraverso programmi didattici completi, finalizzati ad una corretta formazione musicale. Gli obiettivi - ha aggiunto il professore - principali sono il mettere in pratica ciò che gli allievi hanno imparato dalle lezioni di strumento o, che hanno già acquisito da precedenti studi musicali, socializzando, suonando insieme e avendo poi la soddisfazione di esibirsi di fronte ad un pubblico". Appuntamento,quindi, al martedì pomeriggio, nell’Oratorio del Carmine, in via Fiorentino, dove è già attivo il laboratorio sperimentale di musica moderna.

bro "A Milano non fa freddo" ( già il titolo dice tutto): "Abitavo in viale Umbria da sei mesi, una camera e una cucinetta sul cui tavolo, dopo aver sparecchiato, mia moglie appoggiava i suoi rammendi ed io i miei fogli; dalla finestra alta e stretta, una feritoia, si vedevano alberi grigi, si fiutava un odore di ferrovia:così affacciato aspettai una mattina che mi nascesse un figlio, quel bambino sembrò arrivarmi da Porta Romana col treno, era nero e contuso proprio come alla fine di un viaggio in terza classe." Per tenere la conferenza su "La visione napoletana di Marotta:L’oro di Napoli" è stato invitato lui, dall’Associazione Amici del Politeama: "Gigi il Magnico" ( così l’ho impunemente ribattezzato), Luigi La Rosa, il professore, l’eccellente conferenziere certamente notissimo almeno in tutta Catanzaro, in Calabria e oltre. Per Gigi è’stato come un invito a nozze! Ne è venuta fuori un’altra lezione magistrale per un pubblico entusiasta. Il compendio me l’ha scritto lui stesso: " Marotta è un autore trascurato della letteratura italiana. Certamente, della Letteratura. Perché per questo aveva lottato tutta la vita, per avere il riconoscimento dalla critica ufficiale che, al contrario, lo snobbava. Vita difficile, cultura da autodidatta, lavori saltuari, caratterizzavano questo napoletano emigrato a Milano che nel giornalismo trova il campo ideale per la sua affermazione. E giornalistici sono i suoi romanzi. Romanzi per modo di dire, perché, in genere, si tratta di quadri attaccati alle pareti della vita, uno diverso dall’altro. A tenerli insieme è solo lo sguardo dell’autore che riprende il doppio binario delle vicende private e di quelle popolari. Scorre in questa direzione L’oro di Napoli, il romanzo più famoso di Marotta, nel quale si scopre gradualmente la grande ricchezza di questa città : la sua pazienza, la sua capacità di sopportazione, l’abilità di inventarsi la vita giorno per giorno.

L’appuntamento è ogni martedì pomeriggio, presso l’oratorio del Carmine, in via Fiorentino


Venerdì 29 Gennaio 2010

il Domani 29

CULTURA E ASSOCIAZIONI Nella giornata di oggi saranno presentati i volumi: "E anche questa è America" di Oscar Bartoli e "Il liberismo e la società americana nell’età della destra" di Lucio Avagliano

Artes e Fondazione Rubbettino presentano due nuovi lavori COSENZA - Doppio appuntamento per oggi. Artes / Strumenti perl’innovazione(istitutodiricerca multidisciplinare) e Fondazione Rubbettino Cosenza promuovono la presentazione dei volumi "E anche questa è America" (ed. Luiss University Press) di Oscar Bartoli e "Il liberismo e la società americana nell’età della destra" (ed. Franco Angeli) di Lucio Avagliano. Gli autori verranno in Calabria, rispettivamente da Washington e da Salerno, non solo per condividere i loro punti di vista, ma soprattutto per dialogare e confrontarsi con quanti parteciperanno ai due eventi. Oggi, alle ore 11.00, presso la Sala Stampa dell’Università della Calabria, sarà presentato il libro di Oscar Bartoli "E anche questa è America". Dopo il saluto di Giacinto Marra (Segretario generale di Rubbettino), introdurrà e coordinerà il dibattito Lilia Infelise (Presidente Artes). Presente l’autore. Nel pomeriggio, ci si sposterà al Castello Ducale di Corigliano Calabro. Alle 15.30, la visita del Castello. Alle 17.00, dopo il saluto di Giacinto Marra (Rubbettino),

Gli autori verranno in Calabria, rispettivamente da Washington e da Salerno, per dialogare con chi parteciperà ai due eventi Lilia Infelise (Artes) introdurrà il dibattito su "DEMOCRAZIA e SVILUPPO: tra liberismo sconfitto e statalismo, quali modelli di democrazia?". Alla presenza degli autori, saranno introdotti e discussi "E anche questa è America" di Oscar Bartoli e "Il liberismo e la società americana nell’età della destra" di Lucio Avagliano. L’evento è realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Salerno. Avvocato e giornalista pubblicista (collabora con i principali quotidiani italiani e con Radio RaiTv), Oscar Bartoli [oscarb1.blogspot.com] è una voce autorevole che da Washington osserva la società contempo-

che. E aprire finalmente le porte a una Calabria che va sulle prime pagine dei giornali per la qualità del suo sistema educativo e formativo, della ricerca, dei servizi socio sanitari, per la capacità di dare vita a imprese della economia "verde",che sappianoconquistare nuovi mercati grazie a una imprenditoria sana, coraggiosa, e a una pubblica amministrazione che, invece di perpetuare assistenzialismo, sappia utilizzare le leve della domanda pubblica per incentivare innovazione di processi e prodotti»

ranea e le sue dinamiche. "E anche questa è America" racconta le storie di quanti sono riusciti a farsi strada negli Stati Uniti e raccoglie gli interventi di Bartoli sul tema. Un barlume di speranza e uno strumento per i giovani nel periodo di crisi che stiamo attraversando. Ordinario di Storia economica presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Salerno, Lucio Avagliano ha studiato e lavorato presso le migliori università americane diventando un punto di riferimento per quanti vogliano approfondire la storia economica americana. In "Il liberismo e la società americana nell’età della destra" l’autore legge, attraverso la prospettiva economica, politica e sociale, le ragioni dell’arrivo della destra texana al potere. Per Avagliano il calo della democrazia, che ha avvio con l’aumento abnorme dei finanziamentiaipolitici,dientrambi i partiti, è alle origini della crisi del partito democratico e della stessa grave crisi finanziaria. «Occorre un’energia straordinaria in questo momento che potrebbe essere di straordinaria rinascita per la Calabria - dichiara Lilia Infelise - ma dobbiamo liberare, dare respiro a quel capitale sociale che c’è, benché indebolito dalle troppe ferite, inferte da lunghi anni di occupazione delle istituzioni da parte di una classe politica, a sua volta logorata da un’assoluta assenza di ricambio». Secondo l’economista calabrese, come per gli Stati Uniti, anche per la Calabria occorre il coraggio della speranza. «La nostra gente - prosegue - deve ricominciare a credere che la nostra regione possa riconquistare la capacità di costruire, insieme a tutti gli attori, un grande programma di riforma delle istituzioni economiche e politi-

Tre spettacoli al teatro Le Fontane Partite le prevendite dei biglietti CATANZARO - Sono ufficialmente partite le prevendite dei biglietti per i prossimi tre spettacoli in programma al GranTeatro Le Fontane, l’imponente struttura allestita presso il Parco commerciale Le Fontane dalla Esse Emme Musica di Maurizio Senese insieme alla Icom srl proprietaria del Parco. Il primo in ordine di tempo è quello del 27 febbraio, con lo spettacolo dell’attore romano Enrico Brignano. I biglietti avranno i seguenti prezzi: 35,00 euro la poltronissima, 30,00 euro la poltrona e 25,00 euro la tribuna. I costi dei biglietti sono da considerarsi comprensivi di prevendita. Poi ci sarà l’appuntamento con Sabina Guzzanti, con la data del Vilipendio tour, che arriverà a Catanzaro il 17 marzo per recuperare quella prevista inizialmente a novembre. I biglietti avranno due prezzi a seconda degli ordini stabili: 25,00 euro la

poltronissima e 20,00 la poltrona. Per quanto riguarda le prevendite per lo spettacolo di Renzo Arbore e la sua Orchestra previsto per il prossimo 9 aprile, i biglietti avranno i seguenti prezzi: 50,00 euro la poltronissima, 40,00 euro la poltrona e 30,00 euro la tribuna. Tutti i costi dei biglietti, acquistabili presso le prevendite abituali oltre che presso gli uffici della Esse Emme Musica e della Ticket Service, fin qui illustrati sono da considerarsi comprensivi di prevendita. Per le prenotazioni e per qualsiasi informazione è possibile telefonare al numero 0961.726313 per la Ticket Service, oppure ai numeri 0961. 872883-761471 e 327.7705335 per la Esse Emme Musica; è possibile inoltre visitare il sito www.essemmemusica.it.

Renzo Arbore

Nel tempo libero, l’aspirante reginetta, si diletta a cantare. Le piace ballare e ama fare lunghe passeggiate con le amiche. Per lei si tratta della I esperienza in questo campo

Sabrina Guzzanti


Venerdì 29 Gennaio 2010

il Domani 31

APPUNTAMENTI Si terrà nei prossimi giorni a Parigi la presentazione della sedicesima edizione della rassegna canora

“Premio Mia Martini 2010” Un premio dedicato alla narrativa e alla saggistica nella Città dei Tre Colli • BAGNARA C. (Cs) "PremioMia Martini" Nei prossimi giorni a Parigi conferenza stampa di presentazione della 16 edizione del Premio Mia Martini. Da Bagnara Calabra, quartier generale del prestigioso Premio, in questi giorni stanno giungendo notizie di grande fermento e di incessanteattività. Tutto in funzione dell’organizzazione della prossima edizione del rinomato evento, che anno dopo anno acquista una rilevanza sempre più importante per il pubblico e gli addetti ai lavori. Ad ascoltare le aspiranti “Nuove Proposte per l’Europa” nei prossimi mesi, sarà una commissione artistica nominata direttamente dal patron Nino Romeo, composta dall’eccellente musicista Mario Rosini (presidente della commissione),dall’ormaistoricogiornalistamusicaleAndreaDirenzo(coordinatoredella commissione), da Giovanna Gilda Severino e dalla già preannunciata vocalist deiMatiaBazar,RobertaFaccani,dasubito entusiasta di far parte della grande famigliadel Premio Mia Martini. Infatti, sia il patron che la responsabile organizzativa Silvana Bonadonna sono sicuri che la preziosa esperienza di un’artista del calibro della Faccani apporterà un grandissimo valore alla nuova edizione e a tutti i giovani artisti. La responsabile organizzativa Silvana Bonadonna, come nel suo stile, non svela nulla di ciò che saranno le sorprese della prossima edizione; preannuncia, però, che nel corso della conferenza stampa di Parigi saranno rese note le novitàchevedrannoprotagonistile“Nuove Proposte per l’Europa”. Il Premio Mia Martini è patrocinato dalla Regione Calabria,dall’Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria e Calabria e dal Comune di Bagnara Calabra. Adesso tocca a te! in palio il tuo sogno. • CATANZARO Laboratoriodi musica E’attivo,ognimartedìdalleore16,00alle ore 18,00, nell’Oratorio del Carmine, in via Fiorentino, il Laboratorio sperimentale di musica moderna . Gli appuntamenti rientrano nelle attività culturali 2009/10 dell’Agenzia Regionale Diritto allo Studio Universitario Ardis di Catanzaro e sono indirizzati agli allievi iscritti all’Accademia de Belle Arti di Catanzaro, dell’Università della Magna Grecia e del Conservatorio di Musica di Vibo Valentia, promossi e organizzati dall’Associazione "Promocultura" presieduta dal M° Tommaso Rotella. I laboratori prevedono una serie di incontri di formazione musicale di canto moderno tenuti dalla Prof. ssa Velia Ricciardi e di chitarra e basso elettrico tenuti dal M° Vittorio Accorinti. • CATANZARO Premio Vivarium L’Associazioneculturale“Accademiadei Bronzi”, in collaborazione con le Edizioni Ursini di Catanzaro e Radio Squillace, promuove e organizza la 2ª edizione del premio “Vivarium”di poesia, saggistica e narrativa. La partecipazione è gratuita e il montepremi totale è di

6.000euro.AllasezioneA,dedicataaS.S. Giovanni Paolo II, si partecipa inviando trepoesieinediteinlinguaitaliana,contenute nei 35 versi, di cui almeno una a tema religioso o ispirata ad argomenti di carattere sociale.Alla sezione B, dedicata a Flavio Magno Aurelio Cassiodoro (Squillace,490circa–MonasterodiVivarium 583 circa), si partecipa con un saggioineditodiargomentoreligioso,storico o sociale, oppure con un testo inedito di narrativa (romanzo o racconti). I lavori non dovranno superare le 200 cartelle dattiloscritteformato A4. Gli elaborati dovranno essere spediti in duplice copia, con firma ed indirizzo dell’autore,entroil31marzo2010,unitamente alla scheda di partecipazione che potrà essere scaricata dal sito www.ursiniedizioni.it o richiesta via fax al n. 0961.782980. L’invio dei testi dovrà avvenire solo con posta prioritaria, intestando il plico a “Nuova Accademia dei Bronzi”, Via Sicilia 26 – 88100 Catanzaro. Per eventuali informazioni scrivere a premiovivarium@gmail.com. • CATANZARO Mostra di Antoni Tàpies A una settimana dall’inaugurazione, al Museo Marca è stata inaugurata nella giornata la mostra di Antoni Tàpies, figura centrale nella storiadell’arte contemporanea internazionale, che potrà essere visitatefinoal15marzo. Cinquantaleopereesposteneglispazidel Marca, un gruppo di lavori monumentali, in gran partemai visti in Italia, focalizzati sull’indagine degli ultimi tredecenni: dipinti, sculture, muri, disegni, composizioni grafiche e libri illustrati provenienti da importanti collezioni pubbliche e private italiane e straniere, a testimoniare la straordinaria vitalità dell’artista e l’attualità di una ricerca che ha attraversato tutta l’arte del dopoguerra ponendosi come elemento di costanteautocoscienza. All’inaugurazione ha partecipato, tra gli altri, Juan Manuel Bonet uno dei maggiori esperti internazionali di Antoni Tàpies,storicoe criticod’artecheharicoperto importanti incarichi come la direzionedell’Ivam di Valencia e del Reina Sofia di Madrid. Numerosi sono statii segnalidi un interessamentoe di un forte consenso a questa nuova iniziativa del Marca. Dagli articoli già apparsi su diverse riviste nazionali come Dove e Inside ai ripetuti contatti già avviati dalle maggioritestate italiane. • CATANZARO Adol, stagione2009/2010 Adol,AmiciDell’OperaLirica"JussiBjorling" presenta il programma 2009/2010: 13 febbraio 2010, introduzione alla "Lucia di Lammermoor", presso Circolo Unione, ore 17.30; 27 febbraio 2010 , concerto in ricordo del Maestro Florida Cilurzo, presso Circolo Unione, ore 17.30; 27 marzo 2010, da definire; 24 aprile 2010, Grandi scene d’Opera "La pazzia" presso Circolo Unione ore 17.30; 22 maggio 2010, 2° incontro su Mozart-Da Ponte "Le Nozze di Figaro"

presso Circolo Unione ore 17.30. • CATANZARO Festival di Pontegrande L’Emmeti associazione comunica che si terrà giorno 17 aprile 2010, la VIII edizione del festival canoro di Pontegrande. Quest’annolamanifestazionesisvolgerà presso l’auditorium "Casalinuovo". La quotadi iscrizioneè di euro40,00.Come ogni anno, ad ogni partecipantesarà fornito un dvd del festival e n. 2 fotografie (a scelta). Leiscrizionidovrannopervenire,improrogabilmente, entro e non oltre, il 31 marzo 2010. Al vincitore verrà consegnato il trofeo del festival di Pontegrande. Inoltre, i primi tre classificati parteciperanno di diritto alle semifinali nazionalidelfestivalestivo2010organizzato dall’Asi di Piombino. Per il modulo d’iscrizione, il regolamento ed ulteriori informazioni rivolgersi ai seguenti numeri: 333/3926440 - 328/8103948 334/5825185. • CHIARAVALLE Stagione teatrale L’associazione culturale Tempo Nuovo presenta la stagione teatrale 2010. sabato 6 febbraio , "Rumori fuori scena" di Michael Frayn; regia di Claudio Rombolà con la Compagnia del Grillo; sabato 27 febbraio, "Prova d’attore" da Cechov e Pirandello; regia di Remo Girone conRemoGirone;sabato13marzo,"La guerra spiegata ai poveri" di Ennio Flaiano; regia di Francesco Frangipane con Massimiliano Benvenuto, Vanessa Scalera; venerdì 19 marzo, "Vogliamoci tanto bene" testo e regia di Carlo Buccirosso, con Carlo Buccirosso, Maria del Monte;domenica28 marzo , "Roma ore 11" di Elio Petri; regia di Anna Damiani conManuelaMandracchia,Mariàngeles Torres; sabato 17aprile, "Il rompiballe", di Francis Veber; regia di Franco Procopio con la Compagnia Tempo Nuovo.

• LAMEZIA T. (Cz) Stagione di prosa ProgrammaTeatrocomunalePoliteama di Lamezia Terme, stagione di prosa 2009/2010, direzione artistica Angela Dal Piaz: mercoledì 27, giovedì 28 gennaio 2010 , in esclusiva per laCalabria, produzioni teatrali Paolo Poli culturale con il contributo di Regione Toscana sistema regionale dello spettacolo - Ministero per i beni e le attività culturali direzione generale per lo spettacolo dal vivo,Sillabari,duetempidiPaoloPoli,liberamente tratti da Goffredo Parise con Paolo Poli, e con Luca Altavilla, Alfonso De Filippis, Alberto Gamberini, Giovanni Siniscalco, scene Emanuele Luzzati, costumi Santuzza CalÏ, consulenza musicale Jazqueline Perrotin, coreografie Alfonso De Filippis, regia Paolo Poli; sabato 6, domenica 7 febbraio 201 0, artisti riuniti, Il giuoco delle parti, di Luigi Pirandello con Geppy Gleijeses, Marianella Bargigli, e con Leandro

Amato, Massimo Cimaglia, Antonio Ferrante,FrancoRavera,FerruccioFerrante, Antonella Familiari, Francesco Pupa, Francesco Sgrò, regia Elisabetta Courir. giovedì 18, venerdì 19 febbraio 2010, il teatroEliseo-ArcaAzzurrateatro-Ministero dei beni e delle attività culturali Regione Toscana - teatro comunale Niccolini - Comunedi San Casciano Val di Pesa,LeconversazionidiAnnaK,liberamente ispirato a La metamorfosi di Franz Kafka, con Giuliana Lojodice, e con Massimo Salvianti, Giuliana Colzi, Lucia Socci, Dimitri Frosali, Andrea Costagli, Alessio Venturini, scene Daniele Spisa, costumi Giuliana Colzi, luci Marco Messeri, musica originale e adattamento Vanni Cassori e Jonathan Chiti, testoeregiaUgoChiti;sabato27,domenica 28 febbraio , nuovo allestimento, produzione teatroe società, La strana coppia, di Neil Simon, con mariangela D’Abbraccio,Elisabetta Pozzi, e con SilvanaDeSantisealtri4attori,sceneAlessandroChiti,musicheDanieleD’Angelo, luci Luigi Ascione, costumi Maria Rosaria Donadio, regia Francesco Tavassi.

• LAMEZIA TERME Programma Uniter Uniter università della terza età e del tempo libero presenta il programma del XXI anno accademico novembre 2009, dicembre-gennaio2010. Programma: venerdì 29 : prof.ssa Maria Josè De Santis, "Simone Weil, umanista europea che ha difeso i bisognidell’anima, nel centenariodella morte".

• REGGIO CALABRIA Reggio Film Fest Il Reggio Calabria Film Fest aprirà mercoledì 3 febbraio 2010, con l’anteprima mondiale del nuovo film di Kevin Spacey, la commedia "Father of invention" con la regia di Trent Cooper. La sesta edizione del festival voluto dal Comune di Reggio Calabria ed organizzato dalla Minerva Pictures, diretta da Gianluca Curti, si terrà dal 3 al 6 febbraio 2010 .

• SOVERATO (Cz) "Incontriamocia teatro" “IncontriAmOci a teatro” è il titolo della rassegna 2009/2010 del “Teatro comunale di Soverato”, diretta da Gregorio Calabretta. Di seguito il programmacompleto delle due rassegne: 5 febbraio ,“L’ebreo”conOrnellaMutiePinoQuartullo,ore21.00;11febbraio,“Fioredicatus” con Eleonora Giorgi, ore 21.00; 22 febbraio , “Vogliamoci tanto bene” con Carlo Buccirosso, ore21.00; 3 marzo , “Dal Derby al Nuovo” con TeoTeocoli, ore 21.00; 12 marzo , “Le Nozze diFigaro” di Gregorio Calabretta, ore 21.00; 19 marzo , “Ciak si suona” del Classic MoviesQuartetconKatiaRicciarelli,ore

21.00. Primi passi a teatro: 23 gennaio , Don Chisciotte, ore 18.30; 13 febbraio , Odissea, ore 18.30; 13marzo , La favola dell’amore, ore 18.30; 17 aprile, Il magodi OZ, ore 18.30. • TIRIOLO (Cz) Concorso "Forbicid’oro" Il Comune di Tiriolo, la Provincia di Catanzaro,laRegioneCalabria,laConfartigianato,Coser,laCameradiCommercio di Catanzaro, presentano il concorso nazionale "Forbici d’oro". finali regionali calabresi, che si terranno presso la sala del consiglio comunale di Tiriolo, il 31 gennaio , alle ore 9.00. • VIBO VALENTIA Seminario sul cinema Il Sistema Bibliotecario Vibonese presentaL’Itala,ilCinematografoAutobiografiadiunanazione:1861-2010,seminario di storia e critica del cinema. Il seminario, che prevede la proiezione di 10 film, oltre a 11 sedute, avrà la durata di 4 mesi,finoagiugno.L’inizioèfissatoper il giorno 12 febbraio , quando, alle ore 16.00, si terrà il primo incontro e, alle ore 20.30, verrà proiettato Il Gattopardo di Luchino Visconti. Gli altri film proiettati saranno: La grande guerra di Mario Monicelli, Roma città aperta di Roberto Rossellini, Ladri di biciclette di Vittorio De Sica, Un maledetto imbroglio di Pietro Germi, I pugni in tasca di Marco Bellocchio, Todo modo di Elio Petri, Bianca diNanniMoretti,L’uomoin piùdiPaolo Sorrentino, Biutiful cauntri di Esmeralda Calabria, Andrea D’Ambrosio e Peppe Ruggiero. Le proiezioni avranno luogo nei seguenti giorni e ai seguenti orari: il 13 febbraio, alle ore 15.00; il 15 febbraio, alle ore 21.00; il 26 marzo, alle ore 21.00; il 27 marzo, alle 18.00; il 29 marzo, alle 21.00; il 29 aprile, alle ore 21.00; il 30 aprile, alle ore 21.00; il 3 maggio, alle 21.00; il 14 maggio, alle ore 21.00. Gli altri incontri sono invece previsti nei seguenti giorni e ai seguenti orari: il 15 febbraio, alle ore 16.00; il 16 febbraio, alle ore 16.00;il 26 marzo,alle ore 16.00;il 29marzo,alleore16.00;il30marzo,alle ore 18.00; il 30 aprile, alle ore 16.00; il 3 maggio, alle ore 16.00; il 4 maggio, alle ore 18.00; il 15 maggio, alle ore 21.00; il 17 maggio alle ore 17.00. Tutte le sedute avranno come relatore Antonio Tricomi,fatta eccezioneper l’ultima,chevedràl’interventodellosceneggiatore cinematografico e televisivo Leonardo Marini. Il seminario è aperto a tutti. Ledomandediammissionealseminario dovranno pervenire entro il 31 gennaio 2010 alla segreteria del seminario di storia e critica del cinema, Sistema BibliotecarioVibonese,ViaAbatePignatari89900, Vibo Valentia. La partecipazione al seminario è gratuita. Al termine del seminario, a chi avrà assistito alla proiezione di almeno 6 film eabbiapresoparteadalmeno6incontri, verràrilasciatounattestatodifrequenza, comprensivodelle firme dei relatori.


il domani  

Edizione del 29 Gennaio 2010

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you