Issuu on Google+

Mercoledì 28 Luglio 2010

Anno XIII - Numero 205

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

POLITICA

FIAT

Per il Csm si vota ad oltranza hanno deciso Fini e Schifani

CALIGIURI

Crea la newco per Pomigliano Sindacati in stato d’allarme rosso

a pag » 19

Pronto un milione di euro per favorire l’occupazione dei giovani

a pag » 22

a pag » 6

La relazione del Cipe avverte che gli interventi finanziati con i fondi comunitari hanno uno stato di avanzamento critico in fase di attuazione

A rischio 7 miliardi di Fas alle regioni

Pronto un apposito programma di verifiche da parte dell’unità di verifica degli investimenti pubblici IL COMMENTO

Possiamo farcela: ci vuole responsabilità da parte di tutti

Su quasi 20 miliardi di euro di Fas assegnati alle Regioni ci sono 557,7 milioni di risorse non programmate. La situazione è stata inquadrata dai tecnici del Cipe, che giovedi si confronteranno con la Conferenza Stato Regioni. di Andrea Morrone a pag » 4

MICROCREDITO

di Dario Lamanna

L’INTERVENTO

Lo fanno Camera e Senato, mille euro, ma i nostri no di Franco Corbelli

Direttore Confindustria Catanzaro

Movimento per i Diritti Civili

Sul piano regionale, come evinciamo dall’ analisi congiunturale predisposta in occasione della Giornata dell’Economia dalla CCIAA di Catanzaro, in collaborazione con l’Istituto Tagliacarne, il Pil regionale a prezzi costanti è sceso del 3,6% (-3,3% secondo dati Svimez, -5,6% secondo Prometeia), mentre quello a prezzi correnti registra una flessione dello 0,5%. Il Pil procapite è stato pari a 16.741 euro. Il tasso di occupazione è aumentato da 41,9 a 43,2%, probabilmente a causa di un complessivo invecchiamento della popolazione. La flessione delle esportazioni si attesta intorno al 18,2%. Il livello delle importazioni rispetto al Pil registra un valore estremamente contenuto 1%. segue a pag » 2

Esenzione imposta sulle successioni

Firmato il protocollo d’intesa con Unioncamere ROMA - È stato siglato ieri a Palazzo Chigi un memorandum d’intesa tra il Comitato nazionale per il microcredito, ente della Presidenza del Consiglio dei ministri presieduto dall’onorevole Mario Baccini, e Unioncamere, presieduto da Ferruccio Dardanello, alla presenza del Sottosegretario di stato alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta.

Dopo aver proposto un interpello concernete il trattamento fiscale ai trasferimenti di azienda e partecipazioni sociali ai fini dell’imposta sulle successioni, l’Agenzia delle entrate afferma che per il trasferimento di quote sociali e azioni non soggette all’imposta di successione, la verifica del requisito dell’acquisizione del controllo per la fruizione delregimeagevolatodeveeffettuarsi anche con riferimento ai voti spettanti alle società controllate.

a pag » 22

a pag » 16

REGGIO CALABRIA «Non esiste il Modello Reggio. È ora della vera alternativa», Tramontana a pag » 33

CATANZARO Omicidio Pavone, sedici anni di carcere a Scalzo a pag » 29

COSENZA Unical, presentato in anticipo il bando di ammissione 2010/11 a pag » 31

Denuncio lo scandalo della mancata riduzione della ricchissima indennità dei consiglieri, assessori regionali calabresi e dei due presidenti, Consiglio e Giunta, che percepiscono quasi il triplo dei loro colleghidellaLombardia,addirittura più del Premier spagnolo Zapatero e quasi il doppio di quanto incassa il presidente della Francia, Sarkozy. Il mancato taglio delle (ricchissime) indennità dei consiglieri, degli assessori regionali calabresi e dei presidenti della Giunta e del Consiglio rappresenta una beffa e uno schiaffo ai cittadini calabresi, chiamati a nuovi sacrifici. Mentre la Camera dei Deputati dà un primo segnale (anche se ancora insufficiente) per la riduzione dei costi della Politica, tagliando di mille euro netti mensili l’indennità dei deputati, e la stessa cosa si appresta a fare il Senato, il Consiglio regionale non tocca minimamente lo stipendio dei consiglieri, degli assessori e dei due Presidenti. L’Assemblea di Palazzo Campanella ha anzi di recente votato e aumentato di molto le spese di gestione. Uno scandalo nello scandalo. Reso ancora più inaccettabile in una regione, come la Calabria, alle prese con una crisi gravissima. Diritti Civili chiede al Consiglio regionale un gesto di dignità, responsabilità e rispetto dei calabresi, chiamati a fare nuovi sacrifici, soprattutto dei tanti disoccupati e di chi sopravvive con una pensione sociale-vergogna di 250 euro al mese: la riduzione del cinquanta per cento delle indennità dei consiglieri, degli assessori e dei presidenti del Consiglio e della Giunta.


2

il Domani Mercoledì 14 Luglio 2010

2

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI IL COMMENTO di Luigi Bulotta Riorganizzare la rete ospedaliera: scelta ineludibile IL COMMENTO di Dario Lamanna Possiamo farcela: ci vuole a di comitati, sindaci si mobilitano over delle assunzioni del difesa di questo o quell’altro ospedaresponsabilità da parte di tutti personale ospedaliero, in le ed ogni processo di razionalizzaI tassianche d’interesse sono del zione della praticati rete ospedaliera 7,4%. Le imprese che risultano iscritviene interrotto, perché subentrano te sono 179.648, di cui nuove regialtre logiche ed altri interessi. Ciò strate 11.894, mentre sono 13.105 le succede ed è successo in Calabria, cessate, per un saldo negativo dello ma anche in tante altre regioni. Tutto 0,2%.Se ai dati suddetti, che evidenciò ostacola, ritarda e rischia di imziano la deficitaria crescita economipedire processo di camca ed ililnecessario livello occupazionale che biamento e la programmazione ed complessivamente stagna, aggiunattuazione di tutte quelle urgenti migiamo le endemiche criticità del tersure chel’assenza occorronodi per restituire ritorio, competitività credibilità alla regione Calabria ed delle nostre imprese, una pubblica assicurare ai calabresi un sistema saamministrazione lenta ed inefficiennitario adeguato. Siamo all’ini-il te, servizi pubblici che solo segnano zio di un processo, ormai inevitabile, passo, sistema infrastrutturale inadi razionalizzazione deguato, l’oppressionedella della sanità crimicalabrese dapossiamo effettuareche con osservare coraggio nalità, non ed onestà intellettuale e con senso di come la situazione risulti oltremodo responsabilità da parte degli attori di critica e preoccupante. tale processo, ma anche da parte di Tuttavia, non tutto può essere perduto, altrimenti perde coindi situtti coloro cheogni sonocosa comunque gnificato. ancora la possibivolti od Abbiamo interessati al problema. lità di trasformare crisi in le opportuSembra doveroso laridurre spese nità, ma dobbiamo scelte farmaceutiche, cosìpretendere come sembra di governo coraggiose, una strategia azione preventiva bloccare il turn di sviluppo condivisa, risposte chiare e trasparenti.

attesa del riordino della Se vogliamo uscire rete ospedaliera, e conteveramente dalla crisi ocnere il tasso di ospedalizcorre che tutti insieme si zazione, a vantaggio del potenfaccia una autentica rivoziamento dell’assistenza domiciliare. luzione culturale. Un camLa Calabria ha un sistema sanitario biamento radicale che rompa lo staincentrato su una serie di ospedali ed tus quo, il lassismo, il gattopardismo. ospedaletti, ereditati da anni in cui, Siamo stanchi delle promesse e dei grazie a finanziamenti facili, spuntaproclami. Politica, Istituzioni, forze vano come funghi in zone ed aree ansindacali e produttive, l’intera colletche limitrofe, i cosiddetti "ospedali tività devono essere consapevoli che fotocopia", un periodo in cuioccasi rinon ci saràin data una ulteriore teneva che bastasse costruire un sione. È necessaria, pertanto, una osaspedale perdirisolvere i problemi sunzione responsabilità per i saniruoli tari della popolazione, e non siormai penda ciascuno rivestiti. Siamo sava ad una rete di assistenza territoassuefatti alle crisi ed alle emergenriale, alla medicina di base, alla preze, nonostante l’impatto globale di quella attuale, viviamo da decenni venzione, ecc.; così si costruiva, si asnell’incuriamedici, e nell’abbandono, ma sumevano infermieri, persosiamo davvero giuntiamministrativo, ad un punto di nale ausiliario, non ritorno. possiamo più temmagari ancheNon senza concorso e tutta poreggiare o rimandare domani. questa pletora di personeacostituiva Oggi è già tardi perché bisognava bacino elettorale dei vari politici farlo ieri ! Le recenti elezioni locali. Cosi a pochi chilometri si troregionali hannocondato una magvano ospedali le stesse spegioranza chiara e netta alla coalizione di centro destra guidata dal

FUORI DAL FUORI COMUNE DAL COMUNE

di Carmela Mirarchi

Turisti, ecco i vostri diritti in spiaggia di Carmela Mirarchi L’impegno del Cai con i giovani “a rischio” L’estate è arrivata e i furbetti che cercano di truffare i turisti sono già all’opera. Per combattere Adiconsumilhaprossimo messo a ottobre, punto unl’iniziativa vademecum che Dopo unquesto anno fenomeno si avvia conclusione, riassume tutte le regole sull’accesso alle spiag"Scoprimontagna" che la Sezione Aspromonte - Reggio Calabria del ge.Club L’associazione ha scritto anche ai Alpino Italiano ha proposto al PresiDipartimento Giustizia Minorile denti della Conferenza delle Regioni e all’AnCentro di Prima Accoglienza / Comunità per minori di Reggio Calabria. ci, perché facciano rispettare i diritti dei conIl progetto ha avuto inizio nell’ottobre sumatori. I turisti devono comunque sapere 2009 e vede coinvolti diverse associazioni che:giovanili l’accesso alla spiaggia è libero e gratuito. e di volontariato. In 11 mesi ben Gli660 stabilimenti balneari devono consentire ragazzi hanno partecipato alle escur-il transito alla battigia.dalla La battigia è a disposisioni organizzate locale Sezione Cai. zione di tutti. Lasono pulizia delle spiagge libere èa Destinatari i minori con alle spalle carico del"difficili": Comune.giovani E’ stabilito, per legge, un storie che hanno avuto problemi la giustizia, senza famiglia, equilibrio tracon spiagge in concessione e spiagge oppure chesono versano inecondizioni diessere disalibere. I prezzi liberi dovrebbero gio sociale. questodei modo il CaiIn hacaso perserapportati allaIn qualità servizi. di guito obiettivi l’educazione al rispetviolazioni gravi èquali prevista anche la revoca to dell’ambiente; In farcaso scoprire la diversità dell’autorizzazione. di violazione dei tra dei un bagnanti ambienterivolgersi collinare alla e montano, far diritti Polizia Muadottare comportamenti adeguati di per nicipale, ai Carabinieri, alla Capitaneria porto e alle sedi di Adiconsum. In vista muoversi in sicurezza, fornire nozioni di dunque delle partenze di luglio e agosto i consumatori devono conoscere i loro diritcirca diventata l’utilizzo di cartine topografiche bussole. a questi sono ti inbase spiaggia, ormai "terreno privato".eVisti i costiInoltre, che i consumatori ragazzi durante le escursioni si accompagnano coetanei facenti parte costretti a sostenere per godersi un po’ di vacanza è giusto che facciano valere fino dell’associazionismo giovanile al fine creare momenti positivi di in fondo i loro diritti. Così come è loro diritto / dovere denunciare ogniconsopruso che fronto e crescita sociale. possa ledere le bellezze delle nostre spiagge.

cialità, con personale a volPresidente Scopelliti. Tocca te più numeroso dei ricoveora alsenza neo Governatore ed ai rati, apparecchiatusuoi uomini di governo porre adeguate, spesso obsolere in essere con fermezza te, non in grado di assicu- e chiarezza decisioni, atti,ma derare servizi di qualità, creti e provvedimenti per la cui gestione, manutenmetterehain un pratica prozione costoil che gramma enunciato nella diventa sempre più alto rispetto ai elettorale. soservizi ed campagna ai benefici in termini diCiasno tutte le premesse per avsistenza erogata. Tutto ciò risente di viare un nuovosanitario percorso, per rendere un modello alquanto possibile il sogno della Calabria superato, distante, com’è, dalla "Nord del Mediterraneo". È necessamoderna concezione di tale servizio, rio, tuttavia, iniziare, da subito, a basato su pochi ospedali, contornati gestire nella massima trasparenza la da reti territoriali di prevenzione e Regione evitando ogni sperpero delle filtro. Abbiamo in sostanza un sisterisorse pubbliche. Non è impossibile. ma sanitario che costa molto proÈ necessario. Nessuna voce èe intocduce servizi, a parte le dovute eccecabile. Non è più accettabile il ritorzioni, nonè incomcerto nello complessivamente che la spesa pubblica eccelsi (l’alto di emigrazione primibile. Latasso via prioritaria al risasanitaria testimonia). Anchedelle in namentolodeve essere il taglio questo settore si è badato a moltiplispese. Ci sono argomenti scottanti, care personale piùpartecipazione che ad assicurare dalla sanità alla della servizi utili per la comunità.La rete e Regione in Enti che perdono soldi ospedaliera ha asvolto, più la e servono solo tenerequindi, consulenze funzione di struttura di veicolazione incarichi, che esigono decisioni imdel consenso elettorale, che dipassi servimediate e tranchant, i primi del zio sanitario vero esembrerebbero proprio. In non neo Governatore inpochi casi, gliMa ospedali sonolaserviti coraggianti. non è solo dimensione della spesa a preoccuparci. per alimentare i medici-politici (ba-È anche la sualainefficienza. Sarà, persta guardare corposa rappresentanto,diprioritario interveniredella sulla tanza medici all’interno semplificazione delle procedure amregione, delle province e dei comuministrative sul rapporto con la ni). Oggi è deletutto antieconomico struttura burocratica regionale, sul mantenere aperte modeste strutture modo in cuiche l’amministrazione pubospedaliere sopravvivono, aliblica è organizzata e intervieneossia sistementando "ricoveri impropri", maticamente nell’ostacolare la vita non giustificati da esigenze sanitarie, delle imprese, rendendo quasi imma utili per documentare statisticapossibile ottenere in tempi certi mente la validità di un ospedale. La autorizzazioni e licenze, gravando riduzione a cinque delle Asl, ricon-le aziende di mille adempimenti ducendole a livello provinciale,inutili non e costosi. Basti pensare al problema ha risolto il problema, perché non si dei problemi, il ritardo nei pagamenè voluto affrontare il vero nodo della ti alle imprese. Ritardi che non sono sanità regionale che riguarda l’abpiù solo di mesi, ma di anni. In tal norme numero di ospedali. E’ lì che si annida tanta spesa. E’ lì che prima o poi si dovrà fare i conti per rispettare i vincoli finanziari, attualmente molto elevati. Ma qui sorge il problema legato all’insorgere di campanilismi e, purtroppo, di personalismi in quanto si innescano crociate per mero populismo, clientelismo, per difendere strutture inutili ed a volte fonte di rischi, non per garantire il diritto alla salute dei cittadini, ma magari per garantire il posto di lavoro vicino casa al personale, ignorando le vere necessità ed il bisogno di una reale ed efficiente assistenza sanitaria. Da qui l’irresponsabilità di politici che a vari livelli di governo si ergono a paladini della salute dei cit-

tadini ma che, di fatto, sono solo senso considero positivo il federalipaladini di loro stessi. Occorre invesmo, ritengo che sindacali, da esso posce cheperché le forze politiche, le sano venire soluzioni di rottura riduvarie formazioni sociali collaborino, cendo risorse destinate a spregli addetti ai oggi lavori dialoghino, si chi e inefficienze. confrontino con unicità di intenti, Sarà necessario, altresì, epuntare mettendo da parte perverse persomaggiormente sull’innovazione nalistiche logiche, mirando all’unicoe sulla ricerca alle necessarie siobiettivo digrazie risanare la sanità nergie con le Università ed alla nasregionale. Occorre fare un monitocita di poli di eccellenza. ipotizraggio approfondito sullaPer distribuzare uno scenario di sviluppo del terzione della rete ospedaliera ritorio è imprescindibile una sua regionale, sul suo funzionamento, messa in sicurezza adeguata, dal sulle ragioni dei risultati negativi fipunto di vista strutturale ed idronora conseguiti. Dovremo smettere geologico, un intervento massiccio di pensare che sia giusto avere sotto per il miglioramento delle infrastrutcasa un ospedale; occorre fare i conti ture, ad oggi frenato dalla lentezza e con risorse disponibili, con l’utendallalefarraginosità dei processi deciza realmente mobilitabile, la sionali e realizzativi, oltre che dalla managerialità da garantire. Nella samancata stabilizzazione del quadro nità, dovremo a breve (c’è una comfinanziario pubblico. Soltanto così missione al dare lavoroun a supporto operandotecnica si potrà sostegno della Conferenza in concreto all’intero Stato-regioni, sistema produttiquesta direzione) misurarci con punvo calabrese ed innalzarne la competuali percorsi convergenza cotitività. Comedidimostrato, in dei positisti e dei fabbisogni standard, avendo vo, dall’esperienza aeroportuale di come riferimento performance Lamezia Terme cheleagendo in una delle regioni più efficienti (Lombarlogica aperta di competizione di dia, Emilia, ecc.), i una condizione mercato, ha posto presupposti per molto distante da quellaecalabrese, al lo sviluppo di soluzioni strategie innovative; i risultati - in termini di netto delleeautoreferenzialità sempre aumento del trasporto aereoaltri passegforti in questo come in tanti setgeri di e merci - confermano la carattevalidità tori attività pubblica che di questa Fondamentale è, tal rizzano lascelta. regione. Si dovranno pesaproposito, una sostenute idonea utilizzazione re tutte le spese e dovranno dei fondi comunitari 2007-2013 che essere previsti seri controlli. Lo spredevono essereessere finalizzati, in coerenco non dovrà più tollerato, anza con gli essere obiettivi della politica zi dovrà sanzionato, ed di è coesione comunitaria, a promuovere augurabile che ciò possa rappresenlo sviluppo socio-economico del neltertare una delle occasioni di svolta ritorio. Sarebbe veramente da condila spesa pubblica che abbatta la spevidere l’accusa cialtroneriaecoda sa "facile" quantodiimproduttiva parte del Ministro Tremonti, qualora nomicamente, ma proficua politicaperdessimo, per incapacità o peggio mente e accresca quella finalizzata a per negligenza della nostra politica o creare un contesto positivo per lo svidella nostra burocrazia, anche solo luppo sociale ed economico, condiun centesimo di quanto la Comunità zioni entrambe, di cui la Calabria e europea per l’ultima volta ci offre. più in generale l’intero Paese hanno Dobbiamo pertanto pretendere estremamente bisogno. La sfida oggi nell’ambito di un programma strateper ogni organizzazione è ottimizzagico di sviluppo del territorio, una rire le risorse per valore e rimodulazione edprodurre una concertazione durre lo spreco. La sola efficienza delle azioni già definite e di quelledei da processi non serve, questa non programmare. Infine,se prioritario, riproduce efficacia nell’azione dell’orsulta essere la lotta alla criminalità ganizzazione. Il cambiamento organizzata che costituisce un efficavincoce nel tempo implica un cambiamenlo alla libera espressione dell’imto della mentalità della cultura orprenditorialità e eprecondizione ad ganizzativa che, a sua modifica ogni idea di crescita volta, economico-soiciale comportamenti anche tenendo di un territorio.La stradaconche to delle aspettative deièdiversi pubbliabbiamo davanti non delle più semci interni, esterni. Il cambiamento plici, ma ed non dobbiamo, né possiamo, tirarci indietro. Noi la non lo faproduce valore e accresce licenza remo. Mai in noi è balenata l’idea di operare dell’organizzazione. E di arrenderci. Auspichiamo che da parquesto cambiamento la Calabria ne te un deienorme, nostri interlocutori vi sia lo ha urgente bisogno. stesso senso di responsabilità.

www.ildomani.it

::Reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997::

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Orlando Rotondaro (responsabile)

Guido Talarico Amministratore

Redazione

Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale)

Francesco Pungitore (caposervizio)

Recapiti telefonici-fax-email Calabria Tel. 0961.996802 | Fax 0961.3098239

calabria@ildomani.it

Roma Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.45427172

roma@ildomani.it

appuntamenti@ildomani.it arretrati@ildomani.it redazione@ildomani.it

Direzione Redazione Amministrazione Loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 Roma Via Archimede 201 (Rm) Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani

3

PRIMO PIANO

La Regione allarga le mire della formazione professionale di Pietro Monaco CATANZARO - Le Agenzie formative accreditate per la formazione iniziale, obbligo formativo o diritto/dovere nella regione Calabria prendono atto con estrema soddisfazione della adozione della delibera della Giunta regionale proposta dall’assessore Francescantonio Stillitani per l’attivazione dei percorsi di istruzione e formazione professionale

Francescantonio Stillitani

nella Regione a partire dall’anno scolastico/formativo 2010/2011. Adesso, sostengono, la Calabria è tra le poche regioni ad aver non solo deliberato sull’argomento ma anche non aver abdicato al ruolo preminente e strategico che la Costituzione e la legislazione affida all’amministrazione regionale. La Regione, di fatto, ha dato seguito all’accordo Stato Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano del 29 aprile 2010 per la realizzazione dei per-

corsi finalizzati all’assolvimento dell’obbligo di istruzione e del diritto - dovere all’istruzione e alla formazione professionale attraverso il conseguimento di una qualifica di II livello europeo e si è appoggiata alle Agenzie formative accreditate per l’obbligo formativo in partenariato con Istituti professionali. Cosa cambierà? La Regione Calabria, adesso, consentirà ai giovani calabresi, nel sistema dell’Istruzione e formazioneprofessionalediconseguire,

dal prossimo anno scolastico 2010/2011, una delle 21 figure professionali di durata triennale (qualifiche) e quadriennale (diplomi professionali) che costituiscono i percorsi di istruzione e formazione professionale definiti in sede di Conferenza Stato Regioni. A detta della Forqual, l’associazione delle Agenzie di formazione delle province calabresi, la Calabria ha così posto in essere, ovviamente con l’impegno di definirne meglio norme e linee guida, il quarto asse del sistema istruzione disegnato, in adesione alle direttive comunitarie. «Le Agenzie formative della Regione - spiegano dalla Forqual - grazie all’impegno assunto dall’assessore Stillitani, sono consapevoli che la delibera della Giunta sancisce l’inizio di una stagionedecisamentenuovaperil sistema regionale di formazione professionale al fine di consentire allo stesso pari dignità rispetto ai percorsi scolastici sia liceali che di istruzione tecnica e professionale, spendibili a livello nazionale ed europeo, in una condizione di maggiore trasparenza ma anche di migliore efficacia». La Regione Calabria, quindi, finanzierà i progetti formativi finalizzati alla formazione di figure professionali con probabili sbocchi occupazionali in riferimento alle 21 figure professionali approvate nell’accordo Stato Regioni e

Province autonome del 29 aprile 2010 e tali progetti, predisposti dalle Agenzie formative, sono strutturati per concorrere a sviluppare le capacità, le conoscenze, le abilità e le competenze, in una visione integrale della persona umana, che consentano l’effettiva partecipazione della stessa all’organizzazione economica, sociale e politica con particolare

Le Agenzie: «La delibera della Giunta sancisce l’inizio di una stagione decisamente nuova per il sistema regionale di formazione professionale» riferimento ai saperi e le competenze previste per l’assolvimento dell’obbligo di Istruzione. In particolare si opererà affinché ogni giovane giunga a possedere una rappresentazione adeguata della realtà anche nei suoi connotati culturali e scientifici e i requisiti per intervenire nella realtà in cui vive, assumendo un ruolo lavorativo attivo e consapevole, dotato delle competenze necessarie al presidio autonomo delle aree di responsabilità previste, sapendo utilizzare le tecniche e metodologie relative.


4

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

PRIMO PIANO

Alla Conferenza Stato Regioni di giovedi interverranno i tecnici del Cipe

Fondi Fas, 7 miliardi di interventi sono a rischio, allerta delle Regioni di Andrea Morrone ROMA - Su quasi 20 miliardi di euro di Fondi Fas assegnati alle Regioni e Province autonome nel periodo 2000-2006, di cui poco più di 16 milioni al Mezzogiorno, oltre 19 miliardi sono stati programmati, il 43% sono in stato d’avanzamento ma ci sono 557,7 milioni risorse non programmate e, soprattutto, risorse pari a 6.870 miliardi di euro assegnate ma legate a interventi che hanno un avanzamento economico inferiore al 10% e dunGiovedi la que sono "potenzialmente critici". Questo è quanto conterrebbe una Conferenza bozza sulla ricognizione dello staStato - Regioni to di attuazione degli interventi finanziati dal Fondo per le aree sotincontrerà toutilizzate e delle risorse liberate dei programmi comunitari per il i tecnici del periodo 2000-2006, alla quale Cipe in merito stanno lavorando tecnici del Cipe e che giovedì prossimo sarà sottoai Fas posta al parere della Conferenza Stato - Regioni. La relazione avverte che gli interventi finanziati con risorse Fas il cui stato di avanzamento rilevato dal monitoraggio evidenzi criticità in fase di attuazione saranno oggetto di un apposito programma di verifiche da parte dell’unità di verifi-

ca degli investimenti pubblici del dipartimento per lo sviluppo del ministero dell’Economia. Tra le Regioni del Mezzogiorno, secondo il rilevamento, quella che evidenzia ritardi maggiori è la Sicilia, con il 23,9% dell’avanzamento economico delle opere. Meglio di tutte quelle del Centro Sud si comporta l’Abruzzo, con il 61% dello stato di avanzamento economico dei lavori. Tra le altre Regioni, ai primi posti si pongono la Provincia di Trento (87,8%), quella di Bolzano (84%) e la Lombardia (82,8%); bene anche la Liguria (79,6%) e la Valle d’Aosta (79%). Entro settembre - chiarisce infine il documento - saranno definiti obiettivi, criteri e modalità per la riprogrammazione delle risorse Fas non utilizzate o non ancora programmate.

Tra le regioni del Sud è la Sicilia quella che soffre i ritardi più preoccupanti

Oreste Morcavallo aderisce al nuovo partito della Nazione CATANZARO - Il partito della Nazione, il nuovo progetto nazionale intrapreso dall’Unione di Centro di Pierferdinando Casini, continua a registrare adesioni. E a Cosenza si è consumata un’adesione eccellente, quella di Oreste Morcavallo, presidente dell’Ordine degli avvocati della provincia di Cosenza, che ha sciolto ogni indugio e ha ufficializzato la sua partecipazione alla costruzione del nuovo soggetto politico, che proprio sulle regioni del SUd sta puntando molto. La decisione, riferisce una nota dell’ufficio stampa del partito, è stata resa nota a conclusione di un incontro alla Camera tra lo stesso Morcavallo e il segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa, alla presenza del vicesegretario nazionale Mario Tassone, del parlamentare Roberto Occhiuto e dell’ex parlamentare Gino Trematerra. «Nel corso dell’incontro, Morcavallo - è scritto nel comunicato - ha espresso a Cesa e ai dirigenti calabresi la sua grande vicinanza e attenzione al progetto del partito della Nazione e la volontà di un forte impegno e coinvolgimento all’interno del partito in vista della costituzione del nuovo soggetto politico». A.C


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO

I dubbi del parlamentare sulla selezione sono nati osservando la tempistica ristretta per le domande

La Regione cerca personale con un bando, ma Laratta: è un complotto Cesare Giraldi ROMA - Luci e ombre sul bando regionale per la ricerca di perosnale. L’onorevole Franco Laratta, Pd, vuole vederci chiaro. I suoi sospetti che si tratti di una sorta di "lottizzazione"sononatiosservando le tempistiche: «La regione Calabria cerca personale. Ma entro 5 giorni dalla data di pubblicazione del bando, gli interessati devono far pervenire la domanda. Perché solo 5 giorni? E poi, in pieno mese di luglio». Nella sua

nota diffusa ieri, Laratta ha fatto presente il suo disappunto: «In pieno mese di luglio - aggiunge la Regione cerca personale qualificato all’interno della sua stessa struttura». Precisamente: tre esperti in possesso della professionalità tecnica richiesta dalla legge per lo svolgimento di attività di collaudo in corso d’opera e collaudo finale delle forniture e dei servizi del sistema informativo unitario regionale; cinque coordinatori tecnici per poter avviare l’attività dei laboratori territoriali di progettazione, uno per

ciascuna provincia calabrese, previsti per la realizzazione dei progetti integrati di sviluppo locale; 20 agenti di sviluppo per poter avviare l’attività dei laboratori territoriali di progettazione, uno per ciascuna provincia calabrese, previsti per la realizzazione dei progetti integrati di sviluppo locale. I dipendenti regionali, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato o determinato, in possesso dei requisiti richiesti dai bandi, erano tenuti far pervenire ai competenti dipartimenti regionali, entro e non oltre cinque

Riforma universitaria, per Speziali è stata introdotta la meritocrazia CATANZARO - Il processo di riforma del mondo accademico avviato dal ministro Maria Stella Gelmini sta facendo discutere gli addetti ai lavori e, ovviamente, anche gli studenti. Le mezze misure non sono ancora pervenute. C’è chi la approva in toto e chi la contesta radicalmente. Il senatore Vincenzo Speziali è sicuramente tra i primi. In una nota ha fatto arrivare ieri la sua opinione sul dibattito iniziato in Senato in merito al ddl Gelmini: «La riforma universitaria in procinto di approvazione rappresenta la prima vera riorganizzazione degli atenei italiani». Lo afferma in una nota il senatore del Pdl e segretario della commissione Speziali: «Dall’adozione finanze e Tesoro, Vincenzo Speziali. di un codice etico alla «Dall’adozione di un codice etico - aggiunge - al riduzione del numero mandato a tempo dei delle facoltà, la Gelmini rettori e alla riduzione del numero delle faha saputo rilanciare il coltà, il ministro Mariastella Gelmini ha sistema universitario» saputo individuare le giuste misure per un rilancio del sistema universitario italiano. Una menzione particolare meritano le misure a favore dei giovani ricercatori che vedranno agevolato il percorso di carriera accademica grazie anche all’abbassamento dell’età necessaria per entrare in ruolo, da 36 a 30 anni, e all’abolizione delle borse post-dottorali che rendevano il ricercatore sottopagato e senza tutela dei propri diritti». Ma la punta di diamante della riforma,

Vincenzo Speziali

secondo Speziali, è senza dubbio l’introduzione del concetto meritocratico che determinerà la fine dei finanziamenti a pioggia. Autonomia e responsabilità, adesso, viaggeranno su di un unico binario. «Non sarà più possibile la proliferazione dei corsi di laurea con quattro o cinque iscritti, così come il mantenimento di settori improduttivi che sottraggono preziose risorse alle parti sanedel sistema. Verranno elargiti soldi soltanto in base alla qualità degli istituti universitari e sarà riformato il metodo di reclutamento del personale e quello della governance in base a criteri meritocratici e di trasparenza». Si tratta, in sostanza, secondo Speziali, di una riforma vera ed efficace che consentirà al sistema universitario italiano di competere con le migliori eccellenze europee.

giorni dalla data di pubblicazione, una manifestazione di interesse, corredata da curriculum professionale. Le date di pubblicazione dei bandi risultano tutte attorno al 9 luglio, cioè di venerdi e in pieno periodo di ferie per il personale pubblico. Il 21 luglio scorso il dipartimento Bilancio e Patrimonio ha evindenziato la necessità di reperire, per far fronte a una serie di adempimenti, le seguenti figure professionali: 5 funzionari, in possesso di laurea magistrale o specialistica in Economia e Commercio; 1 fun-

zionario con competenze, almeno triennali, in possesso di laurea magistrale o specialistica e in materie economiche. La manifestazione d’interesse corredata dal curriculum professionale, dovrà pervenire al dipartimento entro e non oltre dieci giorni dalla pubblicazione del bando. «Ora - si chiede Laratta - è legittimo fare un bando per chiedere la disponibilità al personale di assumere altri incarichi, ma il tempo necessario e opportuno dovrebbe essere più lungo: 15-20 giorni almeno. Soprattutto in piena estate. Dare solo cinque giorni di tempo - conclude Laratta - ad iniziare da venerdi, potrebbe sembrare un mancato coinvolgimento di tutto il personale interessato, per favorire qualcuno? Non desta forse qualche sospetto questo modo di agire? Perché non riaprire questi termini, al fine di evitarei dubbi e i sospetti che girano in questi giorni nel personale della Regione?».


6

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

PRIMO PIANO

Firmata l’intesa tra Regione, Ufficio scolastico, Camere di Commercio e Confindustria Calabria

Pronto un milione di euro per favorire l’occupazione dei giovani di Mario Greco CATANZARO - Un milione di euro per avviare all’interno degli istituti scolastici calabresi percorsi in grado di favorire l’occupabilità dei giovani. Sono le risorse messe in campo dal prossimo 13 settembre, in concomitanza con l’avvio dell’anno scolastico, attraverso un protocollo d’intesa sottoscritto oggi a Catanzaro tra l’assessorato regionale all’Istruzione, l’Ufficio scolastico regionale, l’Unione regionale delle Camere di Commercio e Confindustria Calabria. L’intesa è stata illustrata ai giornalisti dall’assessore regionale all’Istruzione Mario Caligiuri, dal presidente degli industriali Umberto De Rose, dal presidente di Unioncamere Calabria Fortunato Roberto Salerno e dal direttore scolastico regionale, Francesco Mercurio. Obiettivo dell’accordo è quello di agire strutturalmente per favorire un raccordo sempre più stretto tra le istituzioni scolastiche (in Calabria ci sono 181 istituti superiori e 66 mila studenti) e il mondo del lavoro. A breve sarà istituito un comitato tecnico-scientifico e saranno formati dei tutor che consentiranno l’attuazione pratica dei contenuti dell’intesa attraverso stages nelle aziende. «La scuola come punto d’incontro della società ha un senso - ha detto Caligiuri se prepara alla democrazia e all’economia. Per questo abbiamo moltiplicato e

Caligiuri ha annunciato la stipula di un accordo tra Regione e Fondazione Agnelli per individuare gli istituti superiori che, in Calabria, preparano meglio all’Università

Pucci è stato confermato alla guida della Destra di Storace a Cosenza

ottimizzato gli investimenti in questo settore strategico a partire dall’anno scolastico 2010 - 2011. L’alternanza scuola lavoro in questo senso diventa un metodo per lo sviluppo dello spirito d’intrapresa». Il presidente Scopelliti e la Giunta, ha detto ancora Caligiuri «sono impegnati a costruire oggi la Calabria di domani con interventi strutturali e sviluppando utili sinergie». A detta di Mercurio con questo protocollo, attraverso cui si mettono a disposizione risorse significative, vengono create le condizioni affinché i ragazzi possano avere la possibilità di fare espe-

A breve sarà istituito un comitato tecnico-scientifico e saranno formati dei tutor che consentiranno l’attuazione pratica dei contenuti dell’intesa attraverso stages

rienze concrete in fabbrica. Unanime l’apprezzamento per l’iniziativa: per il presidente Salerno il metodo dell’alternanza scuola - lavoro è utile per creare nuova occupazione ma anche per preparare alle sfide del federalismo che verrà. Apprezzamento per il metodo delle sinergie e del confronto dal basso è stato espresso dal presidente De Rose secondo cui «la valenza strategica dell’operazione è quella di implementare la cultura d’impresa che manca nella nostra regione. La scuola incontrerà le imprese ma le imprese potranno anche entrare nelle scuole mettendo in comunicazione questi due mondi». Caligiuri ha annunciato, sempre nello stesso ambito, la stipula di un accordo tra la Regione e la Fondazione Agnelli per individuare gli istituti superiori che, in Calabria, preparano meglio per l’accesso all’Università e la costituzione di un comitato presieduto dal professore Giuseppe Longo dell’università di Trieste per verificare l’impatto delle nuove tecnologie sui processi di apprendimento. Non ultima, come ha anticipato l’assessore, l’idea di realizzare un libro verde

Reina tranquillizza tutti sui costi del Ponte sullo Stretto MESSINA - Il Ponte sullo Stretto continua a fare discutere. Dopo essersi interrogati per mesi sull’opportunità di realizzare questa imponente opera pubblica, politici e tecnici si stanno domandando adesso quali saranno i costi. E una possibile teoria in risposta ai dubbi sollevati da più parti è arrivata ieri da Pippo Reina: «Bisogna sfatare i luoghi comuni sui costi del Ponte, inferiori per lo Stato a quelli per una sola linea della metropolitana di Roma». Il sottosegretario alle Infrastrutture, del Movimento per le autonomie, ha ridotto la questione a un efficace esempio per provare a mettere a tacere le polemiche sulle spese eccessive. Lo ha fatto nel corso di un incontro, organizzato dal gruppo consiliare alla Provincia di Messina del suo movimento, con i dirigenti e gli amministratori locali. Reina ha anche sottolineato come «ormai siamo nella fase esecutiva della grande opera, attraverso la definizione del progetto definitivo da parte del consorzio che ha vinto la gara per la realizzazione, Eurolink». Filo conduttore dell’incontro è stato l’esigenza di legare il Ponte agli interessi del territorio. In primo luogo, si legge nel documento elaborato alla fine dell’incontro, si collocano lavoro e sviluppo economico, contrastando in particolar modo miraggi e promesse elettoralistiche che volgarmente vengono dispensati, con il rilancio dell’idea del Ponte sullo Stretto di Mesisna quale opera di sistema in ottica euromediterranea.

C.G

Mario Caligiuri

COSENZA - Aperta la stagione dei congressi provinciali, Antonio Pucci è stato confermato segretario provinciale di Cosenza de "La Destra", il partito politico fondato tre anni fa da Francesco Storace. La decisione è stata assunta a conclusione del secondo congresso cosentino, presieduto dall’Ing. Francesco Stinà della federazione di Vibo, tenutosi in un Hotel di Rende. All’assise hanno preso parte tra gli altri il segretario regionale del movimento, Gabriele Limido, il segretario della città di Cosenza, Michele Arnoni, il segretario regionale del movimento giovanile, Domenico Avolio e un considerevole numero di iscritti, i quali hanno anche eletto i nove delegati al congresso regionale che si

terrà nel prossimo settembre: Michele Arnoni, Domenico Avorio, M. Teresa Bonofiglio, Saverio Cimino, Graziano De Bonis, Gianfranco Fazzinga, Mario Perfetti, Francesco Rizzo e Bernardo Spadafora. Il congresso si è svolto all’insegna dell’unità: tutti concordi sull’unica mozione, votata per acclamazione, che ha confermato Pucci alla guida del partito. «Un impegno – ha dichiarato il neo eletto – che assolverò con maggiore entusiasmo per far conoscere le nostre tesi, i nostri progetti e per far crescere il partito in tutti i comuni». Sulla base dei principi dettati da Gabriele Limido. «Occorre – ha spiegato il segretario regionale – innanzitutto diffondere il senso di legalità, a cui tutti noi dobbiamo

appellarci. Bisogna avere il coraggio di denunciare eventuali casi in cui la politica entra in contatto con il malaffare, che oggi è fortemente radicato». A fargli eco Michele Arnoni, il quale ha sottolineato «l’importanza del prossimo appuntamento elettorale, le comunali a Cosenza nel 2011, dove saremo “sentinella” e promotori di un radicale processo di cambiamento, anche nel modo di intendere e fare politica. Una convinzione che ci giunge dall’essere l’unico partito con una reale collocazione a destra, che porta avanti quei principi di giustizia, socialità e meritocrazia fondamentali per un reale progresso». M.G


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO

Intervento a tuttotondo del presidente del Consiglio regionale all’incontro con la stampa

Talarico: «Con i 6 milioni risparmiati sulle indennità aiuteremo le famiglie» di Antonio Latella REGGIO CALABRIA - Aria nuova a palazzo Campanella. Il metodo del confronto voluto dal presidente del Consiglio regionale apre inimmaginabili scenari nei rapporti tra la maggiore assise elettiva e i calabresi. I principi enunciati ieri da Franco Talarico, nel corso della conferenza stampa per illustrare i primi ottanta giorni di attività legislativa, non lasciano spazio a dubbi di sorta. Niente politichese ed il lessico usato è apparso la migliore garanzia per istaurare un nuovo e proficuo rapporto tra chi governa e chi invece viene governato. Ieri Talarico ha fatto la sintesi di quello che fin qui è stato fatto. Ma ha anche tracciato gli argomenti che, a breve e medio termine, saranno affrontati dal Consiglio. Talarico ha parlato di confronto con i mezzi d’informazione per ricostruire il rapporto di fiducia tra cittadini ed istituzioni. Ed in questo è fondamentale il ruolo della stampa. «Periodicamente convocherò questi incontri per parlare delle cose fatte e per pianificare il

lavoro futuro». Parole sfrondate dal politichese, con un linguaggio accessibile, quello del presidente del Consiglio che non ha lasciato il benché minimo spazio ad equivoci. Ad affiancarlo, in conferenza stampa, c’erano il Capo di gabinetto Pasquale Crupi, il Segretario generale del Consiglio Nuccio Lopez, i vertici dell’ufficio stampa Gianfranco Manfredi e Romano Pitaro. L’elencazione dei provvedimenti assunti è avvenuta senza enfasi. Tra questi la

cancellazione della norma sui consiglieri supplenti; la riduzione del 10% del finanziamento ai gruppi ed altre indennità che in sei anni faranno risparmiare all’ente 6 milioni di euro che serviranno per finanziare la legge sulla famiglia. Nella seduta del prossimo 4 agosto, il Consiglio poi approverà la legge sul “Piano casa”. In agenda anche alcune variazioni di bilancio con un ulteriore risparmio di 15 milioni di euro; l’abrogazione di almeno

duecento leggi: iniziando da quelle emanate nel periodo compreso tra il 1971 ed il 1991 fino alle più recenti. «Prima la semplificazione, poi saranno varati dei testi unici» ha sottolineato Talarico il quale si è soffermato anche sulle nuove assunzioni, sui 350 stagisti, sulla prosecuzione delle manifestazioni per i 40 anni dell’istituzione della Regione e su quelli per i 150 dell’Unità d’Italia. Grande attenzione sarà riservata dal Consiglio regionale al passaggio al digitale terrestre del sistema televisivo calabrese. «Nel mese di settembre – ha sostenuto Talarico non appena ci sarà la nomina dei vertici del Corecom, organizzere-

Talarico ha parlato di confronto con i mezzi d’informazione per ricostruire il rapporto di fiducia tra cittadini ed istituzioni Francesco Talarico

Venerdi il centrosinistra reggino si raduna per rilanciare la candidatura di Canale

REGGIO CALABRIA - La tornata elettorale amministrativa della città e della provincia reggine stanno facendo agitare a diversi mesi di distanza le parti in causa. I candidati sono già usciti allo scoperto e sono già in campagna elettorale. A questo scopo i segretari provinciali e comunali dei partiti del centrosinistra che sostengono la candidatura a sindaco di Reggio Calabria di Massimo Canale, le associazioni Ethos e Patto etico per la Calabria, esponenti del mondo politico e culturale della città, terranno venerdi mattina una conferenza stampa. L’entusiasmo la fa da padrone anche per le forze alternative al centrodestra e i toni della nota diffusa lo testimoniano. L’incontro, che si svolgerà nel ristorante "La Luna Ribelle" di Reggio Calabria, sarà, secondo quanto è sta-

to spiegato dagli organizzatori della manifestazione, l’occasione per confrontarsi con tutti i soggetti politici che in questi mesi si sono uniti attorno al progetto di una nuova idea di città; un percorso che gli organizzatori definiscono entusiasmante e innovativo, che ha visto sempre più partecipi tanti cittadini con idee e

mo un incontro con i rappresentanti delle emittenti televisive calabresi per un confronto di merito. È un argomento importante sul quale il Consiglio regionale vuole essere protagonista. Nel senso che vogliamo incontrare tutte le emittenti televisive calabresi impegnate in urgenti investimenti per la trasformazionediquestatecnologia.Quindi sarà un momento di confronto cercando – analogamente con quanto è stato fatto in altre regioni come il Piemonte e la Campania – di non lasciare al proprio destino le televisioni, ma cercare di essere presenti per individuare le possibili strade per sostenerle ed aiutarle. Su questo, naturalmente, coinvolgeremo anche il presidente della Giunta e lavoreremo assieme per individuare la soluzione migliore per stare vicino a queste realtà, che significano anche posti di lavoro da tutelare e proteggere». Federalismo fiscale e finanziaria sono temi che provocano preoccupazione anche al Presidente del Consiglio regionale. «Nei prossimi mesi, soprattutto quando avremo le cifre chiare per individuare quale sarà il taglio, lavoreremo per cercare di trovare le giuste attenzioni, le giuste contromisure – e lo stiamo già facendo in questi primi mesi di governo regionale – con la razionalizzazione della spesa, la riduzione degli sprechi cercando di utilizzare i fondi comunitari». E sulla querelle in casa del Pdl reggino che rischia di provocare lo scioglimento del consiglio comunale della più grande città della Calabria, Talarico ha espresso l’auspicio che si possa andare avanti fino alla scadenza, anche perché bisogna decidere su importanti finanziamenti. «Mi auguro che ci si sieda attorno ad un tavolo, ci si confronti e si eviti lo scioglimento: circostanza che provocherebbe anche dei traumi in vista delle prossime elezioni amministrative, che devono vedere compatto lo schieramento che ha vinto le elezioni regionali e che dovrebbe richiedere la fiducia degli elettori di Reggio Calabria».

proposte e che «proprio per questo, si è arricchito di un nutrito consenso da parte della società civile reggina. Alla luce di tutto ciò - recita la nota sarà dunque rilanciata la sfida al rinnovamento della città, forte anche dell’appoggio di importanti forze politiche e sociali reggine, con Massimo Canale sindaco di Reggio Calabria».


8

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

PRIMO PIANO

Consorzi: al via la collaborazione tra Urbi e la facoltà di Agraria di Reggio Manno, presidente Urbi: «Un progetto concreto volto a migliorare i servizi dei consorzi di bonifica» di Ettore Zonno

REGGIO CALABRIA - Dopo una serie di incontri tecnici, con il coinvolgimento di alcune aziende di proprietà dei consorzi, è stato approntato un programma definito di interazione fra l’Urbi Calabria (l’unione regionale bonifiche e irrigazioni) e la facoltà di Agrariadell’universitàMediterranea di Reggio Calabria. Alcuni collaboratori per la facoltà di Agraria dell’università Mediterranea, assieme al dottor Antonio Rotella per l’Urbi Calabria, stanno dunque dando piena attuazione al Protocollo di intesa sottoscritto dai due enti. A breve saranno costituiti corsi di formazione, attività di ricerca e di sperimentazione finalizzate a migliorare lo stato di conoscenza

e ricerca con progetti concreti rivolti a migliorare i servizi dei consorzi di bonifica: ad esempio potremo migliorare le prestazioni dei sistemi irrigui, migliorare lo stato di conoscenza delle opere di sistemazione dei corsi d’acqua per programmare i necessari interventi di manutenzione e moltissime altre cose ancora che presenteremo anche in sede di bilancio. Siamo veramente grati a tutta la struttura della facoltà di Agraria dell’università di Reggio Calabria per il grande lavoro di preparazione di attività scientifiche che tracceranno un solco fondamentale rispetto alle capacità di miglioramento dei servizi dei consorzi». «Al preside, il professor Zimbone - ha concluso il presidente del’Urbi, Grazioso Manno - rivolgo pubbliche complimentazioni per l’energia e la concretezza con cui

A breve saranno costituiti corsi di formazione, attività di ricerca e di sperimentazione finalizzate a migliorare lo stato di conoscenza delle risorse superficiali e sotterranee e della utilizzazione dell’acqua irrigua

delle risorse superficiali e sotterranee e della utilizzazione dell’acqua irrigua, a migliorare l’efficienza dell’uso dell’acqua, ad esempio favorendo la riabilitazione o l’ammodernamento delle reti nonché l’impiego della microirrigazione e valorizzando, altresì, le possibilità di produzione di energia. «Gli aspetti che ci sono stati più a cuore - ha detto il presidente dell’Urbi Calabria, Grazioso Manno - sono quelli di caratterizzare attività di studio, formazione

La facoltà di Agraria dell'università Mediterranea

caratterizza tutte le attività scientifiche di altissimo livello; assieme a lui ed alle nostre strutture tecniche presenteremo il dettaglio di ogni singola iniziativa, così come faremo con i seminari che, a breve, i consorzi realizzeranno assieme all’università».

Lo scopo del progetto è di migliorare l’efficienza dell’uso dell’acqua, favorendo la riabilitazione o l’ammodernamento delle reti nonché l’impiego della microirrigazione e valorizzando le possibilità di produzione di energia


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani

9

PRIMO PIANO

In Calabria c’è un’officina ogni 461 autoveicoli: settore a rischio? La capillarità è un punto di forza per la categoria ma in tempo di crisi può essere controproducente di Ettore Zonno

CATANZARO - Sono 2.828 le aziende calabresi di autoriparazione che operano al servizio dei 1.305.045 autoveicoli (divise tra autovetture, veicoli commerciali e veicoli industriali) che circolano sulle strade dell’intera regione. Ciò significa che per ogni officina meccanica in Calabria ci sono 461 autoveicoli. Se dunque la percentuale di possibilità di trovare "facilmente" un’autofficina è più che buona per gli utenti, il rischio per gli esercenti è il poco lavoro. La competitività dei prezzi è più difficilmente attuabile, sopratutto in tempo di crisi. Questi dati emergono da una elaborazione su dati ufficiali svolta in collaborazione tra Cna servizi alla comunità, Confartigianato autoriparazione e l’osservatorio Autopromotec, che è la struttura

«Questi dati - sottolinea Mario Turco, segretario nazionale Cna servizi alla comunità - evidenziano la correlazione diretta tra la distribuzione del parco circolante e la distribuzione delle imprese di riparazione sul territorio» di ricerca della più specializzata manifestazione fieristica internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, la cui prossima edizione biennale, la 24esima, si terrà nel quartiere fieristico di Bologna dal 25 al 29 maggio 2011. «Questi dati - sottolinea Mario Turco, segretario nazionale Cna servizi alla comunità - eviden-

ziano la correlazione diretta tra la distribuzione del parco circolante e la distribuzione delle imprese di autoriparazione sul territorio, tanto che in alcuni casi la quota del parco circolante e delle impresediautoriparazionenellesingole realtà regionali risultano pressoché coincidenti. E questo significa che - prosegue Turco - là dove sono presenti automobili, lì ci sono anche le imprese di assistenza e riparazione». «La capillarità sul territorio - affermaRobertoAnsaldo,presidente Confartigianato autoriparazione - è certamente un punto di forza, ma non trova riscontro in un adeguato numero di potenziali veicoli/clienti da gestire e molte micro imprese del settore stentano in questa fase a sopravvivere e ad affrontare con successo le sfide poste dalla crisi. Se nel passato erano sufficienti capacità manuale e buona volontà, oggi l’autoriparatore deve essere un professionista altamente qualifi-

cato, in grado di operare in un mercato di forte complessità e competitività». «Una dinamica - dice Renzo Servadei, ad di Autopromotec - che stimola la qualità dei servizi e, di fatto, amplifica la possibilità di scelta degli automobilisti mettendo a loro disposizione un numero maggiore di punti di assistenza sul territorio nazionale».

«La capillarità sul territorio afferma Roberto Ansaldo, presidente Confartigianato autoriparazione - è certamente un punto di forza, ma non trova riscontro in un adeguato numero di potenziali veicoli/clienti da gestire

In occasione del Trigesimo della morte del Signor GIUSEPPE PUZZONIA sarà celebrata una messa in suffragio della sua anima benedetta mercoledì 28 luglio alle ore 16.30 nella Chiesa di S. Pio X a Catanzaro.

in suffragio della sua anima benedetta mercoledì 28 luglio alle ore 8.00 nella Chiesa di S. Pio X a Catanzaro.

In occasione del Trigesimo della morte dell’Ing. CARMINE ROTA sarà celebrata una messa in suffragio della sua anima In occasione del 1° Anni- benedetta mercoledì 28 luversario della morte della glio alle ore 17.30 nella Chiesa di S. Giuseppe rione Signora Pianocasa a Catanzaro. CAROLINA BALESTRA sarà celebrata una messa

In occ morte G sarà ce fragio 18.30 n


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 11

IMPRESE E LAVORO Presentato il rapporto sull’economia calabrese con i dati del I trimestre 2010

Confindustria Cosenza: cala l’occupazione in tutti i settori di Marcella Rotundo COSENZA - Segnali contrastanti per la Calabria nell’attuale fase congiunturale: se da un lato l’indicatore di attività economica elaborato dall’Isae mostra non soltanto un andamento in risalita ma assume, a differenza della gran parte delle regioni italiane, anche valori positivi, attestandosi a dicembre 2009 a +1,2% grazie ad una tenuta della domanda interna, la domanda estera è in netto calo, evidenziando una preoccupante perdita di competitività e una sempre più esigua presenza delle produzioni locali sui mercati esteri. E’ quanto emerge dallo studio "Attraversando la crisi", il rapporto sull’economia calabrese di Confindustria Cosenza, con i dati congiunturali del 2009 e del primo trimestre 2010, realizzato da Rosanna Nisticò dell’Università della Calab«La doman- ria e presentato oggi a Cosenza. Lo studio, con la prefazione del da estera direttore di Confindustria Cosenza Rosario Branda, è stato illuè in strato a Cosenza alla presenza, netto calo. tra gli altri, del governatore GiuScopelliti. «Se nel primo Questo dato seppe trimestre 2010 tutti i settori produttivi, adeccezione dei servizi, evidenzia perdono occupati rispetto allo una preoccu- stesso periodo dell’anno precedente - ha spiegato - per il 2009 pante alcuni settori sono riusciti a contrastare le tendenze recessive faperdita cendo registrare un andamento di competiti- positivo dell’occupazione, in controtendenza al dato meridionale e vità» nazionale: l’agricoltura (+2,9% su base annua), il manifatturiero (+1,9%) e il commercio (+2,1%)». Al dibattito sono intervenuti il presidente degli industriali cosentini Pastore, il presidente di Confindustria Calabria Umberto De Rose secondo cui "é urgente accendere i riflettori dell’interesse nazionale sulla Calabria in modo da farla uscire dall’isolamento in cui è, diventando una opportunità per il Paese".e il presidente della Camera di Commercio di Cosenza Giuseppe Gaglioti. Dal rapporto è emerso che l’annata agricola ha risentito del rallentamento e delle perdite causate dalle alluvioni e dalle avversità atmosferiche del 2009. L’industria registra complessivamente una tenuta degli addetti nel corso del 2009 (+0,4%) e, al contrario di quanto avviene in altre aree del Paese, disaggregando i dati per settore è

Economia 2010: Scopelliti si dice ottimista COSENZA - Il presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti, intervenendo al convegno di presentazione del Rapporto sull’economia regionale "Attraversando la crisi" di Confindustria Cosenza ha concluso i lavori dichiarando di essere ottimista rispetto alla situazione attuale perchè «mi rendo conto della determinazione da parte di tutti gli attori che stanno sul territorio a voler affrontare la sfida». «E’ in corso una crisi che investe non solo la Calabria ma tuttal’Italia. Oggi abbiamo la possibilità di impegnare importanti risorse efondi comunitari per dare il nostro contributo alla ripresa, ma serveun’azione condivisa da parte di tutti, a partire dalla Confindustria. Pianificando investimenti mirati, siamo convinti di poter dare segnali impor-

possibile notare una leggera diminuzione dell’occupazione nel settore delle costruzioni (-0,7%) a causa di una riduzione delle opere pubbliche con un conseguente contrazione della produzione, ed un aumento, sebbene contenuto, nel manifatturiero (+1,9%). Le esportazioni La Calabria contribuisce per lo 0,1% alle esportazioni nazionali, il peso più basso insieme al Molise, tra le economie regionali. L’andamento dell’occupazione, secondo il rapporto, evidenzia una situazione di difficoltà, caratterizzata dalla riduzione di 9 mila unità lavorative (-1,5%) nel 2009. Una vistosa caduta caratterizza, inoltre, il primo trimestre 2010, quando i posti di lavoro nella regione scendono addirittura al di sotto del minimo storico del primo trimestre 2008. La caduta dell’occupazione nel sistema economico calabrese è generalizzata: investe sia gli uomini (-1,68% nel corso dell’intero anno e -1,3% relativamente al primo trimestre 2010) che le donne (rispettivamente, -1,22% e -4,7%). L’ulteriore declino del tasso di occupazione è l’aspetto più preoccupante dell’andamento del mercato del lavoro regionale nel 2009. La discesa del tasso di occupazione in Calabria è stata incalzante già a partire dal quarto trimestre del 2007 e nell’ultimo anno ha segnato una riduzione di un punto percentuale raggiungendo il 42% a marzo 2010 (contro il 57% del Paese). Sia nel 2009 che nel primo trimestre 2010 si conferma una drastica riduzione delle forze lavoro in Calabria che passano da 677 mila occupati in media nel 2008 a 661 mila in media per l’anno 2009 e facendo registrare 11 mila posti di lavoro in meno nel primo trimestre 2010 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Scopelliti: alcuni settori hanno contrastato le tendenze recessive facendo registrare un andamento positivo dell’occupazione

tanti di cambiamento. Il Mediterraneo come ricchezza da sfruttare e come area che pone laCalabria al centro di tutti i ragionamenti, l’alta formazione per i giovani calabresi sui temi della sanità e della pubblica amministrazione «perchèquesta regione ha bisogno di classe dirigente che sappia risolvere i problemi dei calabresi, un turismo che sappia valorizzare le bellezzedella regione ma che sia collegato a buone infrastrutture»: questi i temi dell’intervento del presidente Scopelliti che ha aggiunto «con i taglidella manovre finanziaria le Regioni rischiano di diventare aziendesanitarie che destinano l’80% dei loro bilanci a ripianare i debiti della sanità senza incidere sullo sviluppo dell’economia». Il Presidente ha anticipato che nelle prossime ore incontrerà il MinistroTremonti per parlare di sanità calabrese, «tema sul quale ho riscontrato l’interesse del Governo».

Maria Manica


12

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

IMPRESE E LAVORO Il presidente dell’ente si sofferma sul particolare momento di crisi economica

Giuseppe Gatto: «Per Confindustria Catanzaro un anno di attività intenso» di Mario Belmonte CATANZARO - «L’anno di crisi appena trascorso è stato, per Confindustria Catanzaro, un anno intenso di fervore e di vitalità per cercare di attenuarne gli effetti». Lo ha detto il presidente di Confindustria di Catanzaro, Giuseppe Gatto, nel corso dell’assemblea generale dell’associazione. «L’impresa - ha aggiunto - è tornata al centro dellaconsiderazione sociale e l’associazionismo, di conseguenza, a fronte di nuove responsabilità, accresce il ruolo di attore di sviluppo. In questo anno abbiamo lavorato in aperta, efficace e schietta «L’impresa è tor- collaborazione in un dialogo quotidiano con la Politinata al centro ca e le Istituzioni (basti ricordare da ultimo, gli indella consideracontri con il Presidente delzione sociale e la Provincia Wanda Ferro con l’Assessore Regionale l’associazionismo, eall’Urbanistica Pietro Aieldi conseguenza, a lo), cercando di suscitare confronto e dialettica cofronte di nuove struttiva, nei diversi comparti produttivi, valorizresponsabilità, zando una reciproca capaaccresce il ruolo cità di ascolto: il dialogo alimenta le idee e crea di attore di gioco di squadra, per condividere informazioni, sviluppo» idee, progetti, scambiarsi proposte e favorire un percorso che possa superare ostacoli e cogliere occasioni di sviluppo ed opportunità di crescita. Si è rafforzata in tutti noi la convinzione che, proprio nei momenti di difficoltà economico-sociale, è il sistema di rapporti a creare sostegno, sviluppo e attrattività. A tal proposito, due sono state le tematiche che abbiamo affrontato con maggiore vigore ed energia nel corso dell’anno appena trascorso e di cui,

credo dovremo occuparci, sensibilmente, anche per l’avvenire: ’credito’ e ’formazione’». «Il credito, in tutte le sue sfaccettature, rappresenta - haproseguito Gatto - un fattore strategico per la competitività delle im- «In questo anno prese ed il benessere di una comunità, lo è ancora di più, in un contesto di crisi abbiamo lavorato economica che trae la sua origine, so- in aperta, effiprattutto, da una crisi finanziaria. In tal senso, abbiamo cercato di rafforzare cace, schietta una concreta sinergia con il mondo delle e costante banche, individuando strumenti e soluzioni capaci di soddisfare i bisogni finan- collaborazione ziari delle imprese del territorio: attraverso il rafforzamento del fondo di in un dialogo garanzia, la moratoria sui mutui, i tavoli quotidiano con territoriali con il sistema bancario, il fondo per la capitalizzazione delle Pmi (co- la politica medimostranoleconvenzionisottoscritte con Carime, Banca Popolare del Mez- e con le zogiorno, Banca di Credito Cooperativo istituzioni» di Montepaone e Banca di Credito Cooperativo del Lamentino). Considerevole è stata, inoltre, la nostra azione a sostegno e per lo sviluppo dei Consorzi Fidi. Rite-

niamo, infatti, che la politica della garanzia è per sua natura quella che più di ogni altra produce effetti volano e quindi rende massimamente produttive le risorse che vengono stanziate». Gatto ha poi affermato che «al tema ’formazione’ abbiamodedicato e continueremo a dedicare impegno e passione, sia per migliorare la produttività e la qualità complessiva del sistema dell’education e per far crescere il ruolo delle imprese, sia come utilizzatrici, sia come partner formativi. Abbiamo creato, infatti, un sistema efficace e strutturato di aggiornamento e crescita delle professionalità, di tutti coloro che già sono inseriti nel mondo del lavoro, è evidente l’impulso straordinario alla diffusione della cultura della formazione continua determinato dalla nascita di Fondimpresa e Fondirigenti, un successo che non sarebbe stato possibile senza il ruolo fondamentale svolto da Confindustria, a supporto delle imprese utilizzatrici, sia come impulso e valutazione della qualità dell’offerta formativa. Confindustria Catanzaro, tramite Fondimpresa e Fondirigenti, in particolare, ha mobilitato circa 4 milioni di euro, coinvolgendo in attività formative quasi 90 imprese e 2.700 lavoratori, per più di 15.000 ore di formazione erogate: programmi che proseguono quest’anno con pari intensità». «La nostra azione, inoltre, ha scommesso molto ha concluso- sulla modernizzazione della scuola, sullo sviluppo delle competenze dei giovani che escono dal sistema educativo e sul rafforzamento e sulla qualificazione del sistema di relazioni e dialogo delle imprese con il mondo della scuola e dell’università, partner essenziali delle aziende per le strategie di sviluppo fondate sulla conoscenza e sull’innovazione (basti evidenziare i vari incontri con l’Università Magna Grecia ’Percorsi di Management’ e con gli Istituti d’istruzione secondaria ed i Protocolli d’intesa sottoscritti con alcuni di essi».

«Cinque Asp sono sufficienti» CATANZARO - Il presidente Scopelliti è intervenuto lunedì all’incontro, organizzato dalla Cgil a Lamezia Terme, sul tema "Emergenza sanità in primo piano: il diritto di cura ed il governo della spesa al centro di un nuovo sistema di qualità". Il Governatore - informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta - ha tracciato le linee guida della sua maggioranza sul tema in discussione,

spiegando che il tempo delle attese è ormai praticamente scaduto. «Abbiamo la necessità - ha affermato Scopelliti - di riorganizzare il sistema sanitario in Calabria. Bisogna ripartire da una sanità che riesca ad essere vicina al bisogno dei cittadini. Tutti noi dobbiamo fare sinergia creando un unico gioco di squadra mettendo da parte gli interessi personali.

Cinque Asp - ha proseguito Scopelliti - sono sufficienti per governare il territorio. E’ giunto il momento di uscire dai provincialismi che, in passato, hanno generato solo divisioni. In questa direzione, s’inquadra la scelta dei nuovi managercherappresentanoun primo segnale di discontinuità con il passato». Il presidente Scopelliti si è, quindi, soffermato sulle nuove strutture ospedaliere. «Istituiremo - ha detto - ospedaliefficienti, anche perché in Calabria c’é un personale sanitario di grande qualità che non va assolutamente disperso. Si può e si deve, perciò, invertire la tendenza, facendo delle scelte coraggiose, partendo da alcuni servizi essenziali: non è ammissibile che si debba pagare seicentotrenta euro per

un posto letto all’ospedale di Palmi. Ad esempio, l’ospedale unico della Piana dovrà essere necessariamente realizzato per consentire ai cittadini di quel territorio di usufruire di una sanità di qualità». Scopelliti ha, infine, fatto un rife-

rimento all’advisor Kpmg: «I due miliardi e duecento milioni di euro di perdite - conclude il Governatore della Calabria - non sono stati mai certificati da Kpmg». r. c.


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 13

IMPRESE E LAVORO Il sindacato chiede chiarezza sul delicato momento attraversato dal settore

Trasporti, Ugl: «Ognuno ha le proprie responsabilità» di Monica Griffo REGGIO CALABRIA - «Non vogliamo ritornare, per l’ennesima volta, a denunciare quanto è ormai da tempo scontato, servirebbe solo adottenere facile pubblicità», si legge in un comunicato a firma dei segretari regionali Fast/Ferrovie/Confsal, Vincenzo Rogolino, Orsa Francesco, e Piazza/Ugl/Ferrovie Angelo Chirico. «Di denunce pubbliche - prosegue la nota -, di azioni forti il sindacato calabrese ne ha fatte tante unitariamente e anche singolarmente ma dirisultati neanche a parlarne. Potremmo dire che sulla jonica è impossibile viaggiare, che il servizio di metropolitana è inefficace , che i mezzi sonoobsoleti , che i treni a lunga percorrenza ( quei pochi rimasti ) offrono un servizio da terzo mondo; non faremmo altroche ripetere una litania ormai consolidata. Al «Di denunce sindacato calabrese non serve facile pubblicità. Il sindacato, sconpubbliche tati i propri doveri statutari, deve e può rappresentare il pungolo e forti per le istituzioni, a prescindere il sindacato dal colore politico di chi amminidiversamente finirebbe per calabrese ne stra; essere omologato agli umori di ha fatte tan- questo o quel politico di turno. Le responsabilità sono di tutti. Del tissime, vecchio modo di fare sindacato, più interessato ai privilegi persoma di nali che a quelli collettivi ma soprattutto della classe politica, la risultati stessa che a seconda degli interesneanche a si di cordata viene criticata o osannata. La Fast/Ferrovie/ Confparlarne» sal, l’Orsa e l’Ugl Ferrovie non accettano più questo modo suicida di rapportarsi. Ribadiamo di non condividere il sistema a pioggia di finanziamenti mal gestiti e con risultati più che discutibili e per questo siamo chiaramente sulle posizioni del neo Governatore Scopelliti, ( vedi finanziamenti alla Srl Ferrovie della Calabria e la levata di scudi della dr.ssa Ricozzi e di alcune sigle sindacali ) ma siamo alla stessa maniera critici con il Governo Nazionale ( Matteoli ) quando consente di scorporare i fondi destinati al mantenimento di quei servizi ferroviari a lunga percorrenza che riteniamo indispensabili per la Calabria e soprattutto per la linea jonica. Un Governo serio non può giustificare con la logica del profitto la cancellazione di servizi che rappresentano uno spaccato sociale. Non si tratta di assistenzialismo, si tratta solo di ca-

Castagna: la diga del Melito deve essere completata «Una infrastruttura peraltro già finanziata, e che può dare più di 100milioni di metri cubi d’acqua alla nostra regione, non può esseredefinita strategica e poi abbandonata alle dispute di competenze», sostiene il segretario generale Roberto Castagna. «Siamo consapevoli - ha aggiunto - che molte zone della Calabria soffrono diapprovvigionamento idrico anche di prima necessità, conosciamole difficoltà che incontra il settore agricolo e siamo consapevolidelle mille possibilità che "l’oro blu" offre in termini diproduttività. Se a questo, poi, aggiungiamo la ricaduta occupazionale diretta eindotta, credo che si produrrebbe un danno incalcolabile se dovessimo continuare a subire ulteriori ri-

pire se una parte del territorio nazionale debba essere collegata o meno con il resto dell’Italia. Non stiamo parlando di servizi metropolitani, che pure hanno la loro importanza, stiamo evidenziando il diritto alla mobilità su tutto il territorio nazionale. Trenitalia giustifica le proprie scelte con il fatto che il Governo non eroga i fondi necessari per il mantenimento dei servizi universali (a lunga percorrenza), RFI investe poco o nulla per realizzare una infrastruttura idonea a far circolare agevolmente i treni ad alta velocità e noi dovremmo continuare a sostenere investimenti che sono serviti solo ad offrire all’utenza servizi da terzo mondo come quelle delle Ferrovie della Calabria o peggio intervenire su falsi problemi ? Basta pensare che il costo del trasporto ferroviario in Calabria a carico della Regione prevede una spesa di 64 milioni di euro a favore di Trenitalia e ben 41,6 milioni per le Ferrovie della Calabria (fonte Sole 24ore di oggi). Nella vertenza trasporti in Calabria tutti devono rispondere all’appello, dalle Istituzioni che ci governano fino alla classe costituita dai mass-media. Per questo Rogolino, Piazza e Chirico non ci stanno ed esortano la nuova Giunta regionale ad andare avanti sulla scelta di oculatezza della spesa pubblica in Calabria ma anche ad intervenire, rimanendo nel tema trattato, pesantemente sul Gruppo FS e sul Ministero dei Trasporti affinché il mal tolto venga restituito. Su queste basi FAST/Confsal , Orsa e UGL saranno aperti ad ogni dialogo, mentre ogni attore (Sindacato, Politica eSocietà di Servizi del trasporto pubblico ) sarà chiamato ad assumersi le rispettive responsabilità».

«Potremmo dire che sulla Jonica è impossibile viaggiare, che il servizio di metropolitana è inefficace, e lo stesso i mezzi»

tardi nel completamento dell’opera. Pertanto, dobbiamo pretendere che un opera di questa portata, interamente finanziata, abbia finalmente tempi certi di esecuzione. Come UIL, solleciteremo il neo Assessore ai Lavori Pubblici, Pino Gentile, affinché una vicenda complessa e combattuta, come la Diga del Melito, possa trovare il giusto percorso per proseguire e definire un’opera finanziata da più di trenta anni».

Marco Conte

«Siamo consapevoli che molte zone soffrono di approvvigionamento idrico anche di prima necessità e conosciamo le difficoltà che incontra il settore agricolo»


14

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

IMPRESE E LAVORO Il Presidente della Coldiretti Calabria vuole la piena efficacia dei provvedimenti

Molinaro chiede di razionalizzare le strutture sanitarie anche veterinarie CATANZARO - Molinaro presidente della Coldiretti calabrese lo dice a chiare note: «"Ora o sarà troppo tardi". Lo dico con la responsabilità di una grande organizzazione e forza sociale - aggiunge -che mai si sottrae a temi importanti che riguardano direttamente tutti i cittadini. Per la sanità compresa quella veterinaria, i rimborsi a "piè di lista" molto simili alla spesa storica non ci saranno più. Certamente è una patata bollente ma è necessario concretizzare al più presto con una giusta dose di coraggio le politiche che servono a rilanciare la sanità calabrese non però con interventi straordinari e temporanei ma con misure strutturali adeguate che «Per la sanità incidano direttamente su compresa quella una vera e propria emorragia della spesa sanitaria. Se veterinaria, i non si interviene vi sarà quello che in questi anni è rimborsi a “piè accaduto, cioè un effetto trascinamento , che asdi lista” molto sieme agli effetti della crisi, simili alla spesa lascerà pesanti eredità per gli anni a venire. Il profilo storica non che dobbiamo assumere deve essere di grande resci saranno più. ponsabilità altrimenti le E’ necessario prospettive possono essere nere ed a pagarne le conseconcretizzare guenze saranno in al più presto» generale i cittadini, i giovani, le fasce deboli e il sistema produttivo. La zootecnia, segmento importante dell’agroalimentare calabrese ha necessità nell’ambito della razionalizzazione di avere una sanità veterinaria all’altezza della situazione poiché indispensabile per dare continuità alla valorizzazione delle produzioni zootecniche. Fare quello che è giusto fare per la sanità, libererà tra l’altro i decisori politici da una problematica asfissiante che impegna energie e risorse e ci costringe a confrontar-

ci con il governo e con l’Europa sempre "con il cappello in mano" facendo sempre la figura degli spreconi. Abbiamo bisogno invece prosegue Molinaro - di innestare una marcia alta per far viaggiare a ritmo so- «Fare quello che è stenuto l’economia regionale approfittando dei barlumi di ripresa che si intra- giusto fare per la vedono. Per l’organizzazione agricola sanità, libererà insomma al di la del debito accertato i fattori in discussione sono ormai chiari e i decisori politici non vanno sicuramente interpretati ma dalla problematica occorre ridurre la spesa in eccesso e porre argine con soluzioni adeguate all’inef- che ci costringe a ficienza strutturale ed ai campanilismi perchè ragionevolmente si potrà rispar- confrontarci con miare anche di più. Sono convinto conil governo e con clude il presidente dell’organizzazione che le professionalità di indubbio valore l’Europa facendo che abbiamo- devono sempre distinguersi per merito - anche perché questo la figura settore può diventare punto di eccellendegli spreconi» za almeno nel sud d’Italia e contribuire a ridurre "i viaggi della speranza" che costano moltissimo al sistema sanitario regionale».

Contributi consegnati alle cooperative CATANZARO - Si è svolta negli uffici dell’assessorato alle Attività Produttive della Regione Calabria la cerimonia ufficiale di consegna alle cooperative dei contributi previsti dal bando Promocoop e finalizzati alla costituzione di nuove imprese cooperative e consorzi di cooperative. All’iniziativa ha partecipato l’assessore regionale Antonio Caridi, per indicare in modo

tangibile il forte impegno dell’assessorato rispetto alla creazione di nuove cooperative edalla loro crescita nell’intero territorio regionale. Presenti i rappresentanti legali delle cooperative premiate, Serafino Nucera, Presidente Unci Calabria, Lidia Chiriatti, Segretario Generale Unci Calabria, Pasquale Amico dell’Unci nazionale. Nucera, per l’Unci, ha dato atto

all’assessore Caridi di essersi dimostrato un interlocutore autorevole ed attento ad ogni esigenza di questo importante settore. L’Assessore, in un breve saluto, ha voluto confermare il pieno e costante impegno nei confronti delle problematiche connesse alla cooperazione, di cui è un convinto sostenitore, assicurando l’avvio di un tavolo di concertazione, per specifiche questioni poste, ed una maggioreattenzionenellapredisposizione dei bandi nonché lo studio di possibili agevolazioni per l’accesso al credito. Caridi ha plaudito all’iniziativa dell’Unci, che non solo finanzia la costituzione di nuove cooperative ma fornisceassistenza continua, dalla stesura degli statuti all’analisidelle attività, al supporto per le procedu-

re burocratiche fino all’avvio dell’attività vera e propria. Nel corso della cerimonia le cooperativehanno ricevutomaterialmente il rimborso delle spese connesse alla costituzione grazie al bando di concorso finanziato dal fondo mutualistico Promocoop. In conclusione l’assessore

L'assessore Antonio Caridi

Caridi ha voluto riconoscere il ruolo della cooperazione quale strumento di solidarietà e di promozione umana e civile, nonché il valore etico della cooperazione sociale, impegnandosi ad attuare tutte le azioni necessarie a promuoverne lo sviluppo.


16

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

APPUNTAMENTI CON IL FISCO

Esenzione imposta sulle successioni Validi anche i voti spettanti alle fiduciarie per poter beneficiare delle agevolazioni L’interpello viene posto a seguito di una successione di azioni del capitale sociale della società ALFA (43.50%), gli eredi, fratello e sorella, detenevano già partecipazioni indirette (9%) della società ALFA tramite la società BETA. Quest’ultima società è posseduta interamente dai due fratelli. In pratica viene chiesto all’ Agenzia delle Entrate se, a seguito del trasferimento di azioni, si possa beneficiare dell’agevolazione dell’art. 3 comma 4-ter del Testo Unico concernenti l’imposta di successione e donazioni.Per verificare l’accesso al regime di favore, bisogna controllare se, con il trasferimento si sia realizzata la condizione prevista dallo stesso articolo 3. A seguito dell’inserimento del comma 4-ter nell’articolo 3, del Testo Unico sulle successioni e donazioni, i trasferimenti di aziende, di quotesociali e azioni a favore dei discendenti e del coniuge non sono soggetti all’imposta sulle successioni e dona-

zioni. In caso di trasferimento di quote sociali e azioni emesse da soggetti di cui all’articolo 73, comma 1, lettera a), del Tuir, tale beneficio si applicalimitatamente alle partecipazioni mediante le quali è acquisito o integrato il controllo ai sensi dell’art. 2359, primo comma, numero 1), del codice civile. Il trattamento agevolativo spetta esclusivamente ai beneficiari che siano discendenti o al coniuge del disponente, con la condizione che detengano ilcontrollo per un periodo non inferiore a cinque anni dalla data del trasferimento, tale requisito deve essere attestato con apposita dichiarazione, contestualmente alla presentazione della dichiarazione di successione o all’atto di donazione. Secondo la circolare n. 3/2008, nell’ipotesi in cui oggetto del trasferimento siano quote o azioni emesse da società per azioni e in accomandita per azioni,società a responsabilità limitata, società cooperative e società di mu-

tua assicurazione residenti nel territorio dello Stato del Tuir, l’esenzione spetta per il solo trasferimento di partecipazioni che consente agli aventi causa di acquisire oppure integrare il controllo. Secondo l’Agenzia, la verifica del requisito dell’acquisizione o integrazione del controllo ai fini agevolativi va effettuata anche in considerazione delladisposizione del secondo comma dell’articolo 2359 del codice civile, in base al quale "ai fini dell’applicazione dei numeri 1) e 2) del primo comma si computano anche i voti spettanti a società controllate, a società fiduciarie e a persona interposta: non si computano i voti spettanti per conto di terzi". In definitiva per l’Agenzia il regime agevolativo spetta anche nel caso in cui il controllo della società sia acquistato dall’avente causa per effetto dellasommatoria delle partecipazioni avute per successione e quelle che io beneficiario già possedeva anche indirettamente.

Immobili: registrazione telematica delle locazioni

Fanghi agricoli L’uso di fanghi di depurazione in agricoltura, nonostante aumenti la fertilità del terreno, non è una fase propria della coltivazione

L’uso di fanghi di depurazione in agricoltura, nonostante abbia come conseguenza l’aumento della fertilità del terreno, non è una fase propria della coltivazione. Ne discende, che i compensi erogati al proprietario del fondo, per il solo fatto di avere acconsentito a spargere tali sostanze sull’appezzamento, non confluiscono nel reddito agrario, bensì sono redditi diversi ed eventualmente anche d’impresa.La risoluzione n. 74/E del 26 luglio ha per oggetto un contribuente che dichiara di aver stipulato in data 1° dicembre 2009 un contratto di spandimento fanghi di depurazione in agricoltura con la società ALFA s.r.l. in applicazione del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 99, emanato in attuazione della Direttiva CEE n. 86/278. Ciò premesso, il contratto stipulato dalle parti prevede che il con-

tribuente istante acconsenta allo spandimento dei fanghi sul proprio terreno, nelle quantità previste dal d. lgs.vo n. 99 del 1992 e nel rispetto di un piano culturale specifico, e che la ALFA srl corrisponda all’azienda agricola determinate somme: 1) a titolo di incentivo per l’utilizzo dei fanghi di depurazione, parametrate alle quantità di fatto smaltite; 2) quale compenso per le eventuali lavorazioni di distribuzione sul terreno e interramento dei fanghi, effettuate a cura dell’azienda agricola e parametrate alla quantità di fango effettivamente lavora.L’istante chiede di sapere se tali compensi costituiscano o meno una componente del reddito agrario ai sensi dell’art. 32 del D.P.R. n. 917 del 1986.Secondo l’Agenzia delle Entrate i fanghi sono gestiti da soggetti deputati, i quali corrispondono somme incentivanti alle aziende agricole che ne accettano losmaltimento. L’operazione avviene sulla base di specifici contratti, i cui punti riguardano sempre un obbligo di fare, non fare o permettere. Si tratta, in sostanza, di una: prestazione di servizi ed è solo marginale il fatto che l’effettuazione della prestazione, coincida con un momento fondamentale della lavorazione delterreno. Per la fattispecie oggetto dell’interpello nelle casse dell’azienda agricola: •uno sicuro (incentivo), relativo ad una prestazione di servizio riconducibile ad un obbligo di fare non fare o permettere che costituisce reddito diverso; •l’altro eventuale (compenso) rientrante tra le attività della previsione di cui alla seconda parte del terzo comma dell’articolo 2135 del codice civile che costituisce reddito d’impresa.

Con il Provvedimento del Direttore delle Entrate del 23/07/2010 sono state modificate: le specifiche tecniche per la registrazione telematica dei contratti di locazione e di affitto di beni immobili e per il versamento delle relative imposte in via telematica; le specifiche tecniche per il pagamento delle imposte e per lacomunicazione per via telematica dei dati catastali degli immobili in caso di cessioni, risoluzioni e proroghe di contratti di locazione e di affitto. La decorrenza è fissata al 10 agosto 2010. L’entrata in vigore, il 1° luglio 2010, delle nuove norme della Manovra sull’indicazione obbligatoria dei dati catastalialla registrazione dei contratti di locazione e affitto di immobili siti in Italia, nonché degli atti di cessione, risoluzione e proroga dei medesimi, hanno reso necessaria l’approvazione di nuovi modelli per la trasmissione telematica dei dati. Fino al 10 agosto 2010, la comunicazione dei dati catastali degli immobili oggetto di contratti di locazione o affitto oggetto di cessione, risoluzione e proroga, può avvenire mediante la presentazione del modello CDC in forma cartacea presso qualunque ufficio dell’Agenzia delle Entrate, entro 20 giorni dalla data del versamento dell’imposta dovuta per la cessione,risoluzioneoproroga. PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 17

BANDI & AVVISI DI GARA

Lavori di ristrutturazione, adeguamento statico ed igienico della scuola media statale Ente appaltante: Comune di Mammola Scadenza per la presentazione offerte: 04/08/2010 ore 12,00 Contatti: per informazioni di carattere tecnico - Comune di Mammola - 0964/ 414025 fax 0964/414003 - per informazioni in ordine alla gara - SUAP 0965 364125-169-153 Fax: 0965 364148 - e-mail: suap@provincia.rc.it

Oggetto: "Lavori di ristrutturazione, adeguamento statico ed igienico della scuola media statale" 1.2 Indirizzo al quale inviare le offerte e le domande di partecipazione: Denominazione: Stazione Unica Appaltante Provinciale Servizio Responsabile: Indirizzo: Via Cimino 1 Cap: 89127 Località/Città: Reggio Calabria Telefono: 0965/364125-169-179 Fax:0965/364125-148 Posta elettronica (e-mail): suap@provincia.rc.it Indirizzo internet: www.provincia.rc.it Punti di contatto per informazione in ordine alla gara: 0965/364125-169-179 3. Oggetto dell’appalto Codici appalto C.I.G.: 0507592E27 C.U.P.: I26E08000200007 Luogo di esecuzione dei lavori Località: Mammola Lavori (breve descrizione dell’appalto) Realizzazione delle opere, delle somministrazioni e delle prestazioni occorrenti per la sistemazione della scuola media statale. In particolare: adeguamento statico e copertura a tetto dei primi due blocchi, realizzazione dell’ascensore, sostituzione dei pavimenti, realizzazione di parte di intonaci, sostituzione della caldaia, pitturazione esterna ed altre opere di sistemazione esterna Importo complessivo dell’appalto 524.216,33 euro Importo soggetto a ribasso 514.754,76 euro Oneri di sicurezza 9.461,57 euro Cauzione provvisoria 2% € 10.484,33 euro 4. Termine di esecuzione: Il termine per l’esecuzione dei lavori è di 240 giorni naturali consecutivi decorrenti dalla data del verbale di consegna dei lavori. 6.1 Termine di scadenza presentazione offerte: entro e non oltre le ore 12,00 del 05/08/2010 Il recapito tempestivo dei plichi rimane ad esclusivo rischio dei concorrenti ove, per qualsiasi motivo, lo stesso non giunga a destinazione in tempo utile. Oltre il termine stabilito nel bando di gara non sarà ritenuta valida alcun’altra offerta anche se sostitutiva o aggiuntiva di offerta precedente. 6.3 Apertura delle offerte: in seduta pubblica il giorno 06/08/2010 alle ore 9,30 presso la S.U.A.P. di Reggio Calabria - Via Cimino n.1 - 89127 Reggio Calabria. 7. Soggetti ammessi all’apertura delle offerte: Rappresentanti dei concorrenti, in numero massimo di due persone ciascuno. I soggetti muniti di delega o procura, o dotati di rappresentanza legale o direttori tecnici dei concorrenti, come risultanti dalla documentazione presentata, possono chiedere di verbalizzare le proprie osservazioni 8. Cauzione: L’offerta dei concorrenti deve essere corredata da una cauzione provvisoria pari al 2% dell’importo complessivo dell’appalto, ai sensi dell’art. 75 del D.Lgs n. 163/2006 e s.m.i

9. Finanziamento e Modalità di pagamento: Finanziamento: Fondi Regione Calabria e Mutuo Cassa Depositi e Prestiti Spa Corrispettivo: a misuraModalità di pagamento: come previsto dall’art. 20 e segg. del Capitolato Speciale d’appalto 11. Soggetti ammessi alla gara: Sono ammessi alla gara i concorrenti di cui agli artt. 34, 35, 36, 37 del D. Lgs. n. 163/06 e s.m.i., costituiti da imprese singole, riunite o consorziate ai sensi degli artt. 95 (commi 1, 2, 3 e 4) e 97 del DPR 554/1999 e s.m.i., ovvero da imprese che intendano riunirsi o consorziarsi ai sensi dell’art. 37 (comma 8) del D. Lgs. 163/2006, nonché concorrenti con sede in altri Stati membri dell’Unione europea alle condizioni di cui all’art. 47 del D. Lgs 163/206, che non si trovino nelle cause di esclusione di cui all’art. 38 del D. Lgs. n. 163/2006 e s.m.i. 12. Condizioni minime di carattere economico e tecnico necessarie per la partecipazione: Per la partecipazione è richiesto il possesso di attestazione Soa, in corso di validità, rilasciata da società di attestazione di cui al Dpr 34/2000 e s.m. regolarmente autorizzata, per la categoria OG1 con classifica III^, nonché della certificazione del sistema di qualità aziendale del concorrente, in conformità al Dpr. n. 34/2000 e s. m. i. Possono, inoltre, partecipare alla procedura le imprese in possesso di attestazione rilasciata da società di attestazione (Soa) di cui al Dpr n. 34/2000 e s. m. regolarmente autorizzata, in corso di validità, per categoria OG1 class. II^ , usufruendo del beneficio dell’incremento di cui all’art. 3, comma 2, del Dpr n. 34/2000 3 s.m. 13. Termine di validità dell’offerta: 180 giorni dalla scadenza fissata per la ricezione delle offerte. 14. Criterio di aggiudicazione: L’appalto sarà aggiudicato con il criterio del prezzo più basso, determinato mediante ribasso sull’elenco prezzi, ai sensi dell’art.82, comma 2, lett. a) del D. Lgs. 163/06. Ai sensi dell’art. 122,comma 9, del D.Lgs n. 163/2006 e s.m.i., la Stazione Appaltante procederà all’esclusione automatica delle offerte che presentano una percentuale pari o superiore alla soglia di anomalia individuata ai sensi dell’art. 86,comma 1, del D.Lgs n. 163/2006 e s.m.i. Nel caso di offerte in numero inferiore a dieci non si procederà ad esclusione automatica, ma la Stazione appaltante ha comunque la facoltà di sottoporre a verifica le offerte che presentino un carattere anormalmente basso rispetto alla prestazione (art. 86, c. 4 D. Lgs n. 163/2006 e successive modificazioni del D.Lgs n. 152/2008). 16. Norme per la gara 16.1 Modalità di presentazione e criteri di ammissibilità delle offerte: Il plico contenente la documentazione (Busta "A") e l’offerta (Busta "B") a pena di esclusione dalla gara, deve essere idoneamente sigillato, controfirmato su tutti i lembi di chiusura (compresi quelli già predisposti chiusi dal fabbricante della busta), e deve pervenire, a mezzo raccomandata del servizio postale, oppure mediante agenzia di recapito autorizzata, entro le ore 12,00 del giorno 05/08/2010, esclusivamente all’indirizzo indicato al punto I.2). A tal fine farà fede il timbro e l’orario apposti dall’ufficio protocollo della S.U.A.P. Oggetto: "Lavori di ristrutturazione, adeguamento statico ed igienico della scuola media statale" - Comune di Mammola Non si darà corso all’apertura del plico non conforme a quanto sopra.

*Su richiesta di alcuni lettori, oggi ripubblichiamo. Il testo integrale del bando è disponibile su www.regione.calabria.it nella sezione "Bandi e avvisi di gara" alla voce "Amministrazioni Varie"


18

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

ENTI LOCALI & PA

di Giuseppe Tetto

Sciopero dipendenti Ministero Esteri: ha aderito il 22,19% del personale in servizio in Italia e nelle sedi estere Il Dipartimento della Funzione pubblica, che in base all’articolo 5 della legge 146/1990 riceve dalle singole amministrazioni i dati sulla partecipazione effettiva dei loro dipendenti agli scioperi, comunica che il 22,19% del personale del Ministero degli Affari Esteri (in servizio sia in Italia sia presso le sedi estere) ha aderito allo sciopero indetto per tutta la giornata di ieri dall’organizza-

zione sindacale Sndmae. La percentuale è stata calcolata sul personale assegnato, escluso - ove comunicato - quello assente per motivi diversi dallo sciopero (ferie, malattia, ecc.). In particolare, si sono astenuti dal lavoro 142 dipendenti su 869. Le trattenute sulle retribuzioni ammontano a 5.565,70 euro. DT

L’associazione no-profit Concreta-Mente, con il supporto di Italtel e ADitech, ha avviato, nel VI Municipio di Roma, il primo progetto pilota di teleassistenza che permette la raccolta e l’analisi in tempo reale delle informazioni sullo stato di salute degli utenti collegati e la segnalazione ai famigliari di eventuali problematiche. I dati vengono registrati da un braccialetto della dimensione di un orologio che li confronta periodicamente con dei valori di riferimento, facendo scattare un allarme in presenza di situazioni fuori dalla norma. A raccogliere le segnalazioni e a trasformarle in chiamate al 118 o verso i familiari, a seconda dei casi, un apposito centro servizi gestito da Italtel. «Oltre al caldo, nei mesi estivi le persone meno forti hanno anche il problema di rimanere a casa da sole senza i familiari che vanno in vacanza - ha detto Antonio Vannisanti, Assessore alle Politiche Sociali del Municipio sulla Prenestina - c’era quindi bisogno di una soluzione che non fosse un semplice numero verde per gli anziani». Il Presidente del VI Municipio, Gianmarco Palmieri, ha in-

Telesoccorso: a Roma si testa il braccialetto per i dati biometrici

vece sottolineato la fase sperimentale del progetto: «Il Municipio VI è il primo ad aver realizzato a Roma un presidio simile. Il passo successivo sarà quello di proporre l’idea e questo modello tecnologico al Comune di Roma affinché possa estenderlo ai cittadini dell’intera area metropolitana».

Leonardo Bertini, anima dell’associazione e inventore del progetto, spiega: «La sperimentazione, partita a luglio, durerà fino a fine agosto. Dopo i due mesi di test, i dati raccolti saranno presentati in un seminario a cui parteciperanno anche le Università partner del progetto.».

Online le linee guida per i siti web delle Pubbliche amministrazioni di Daniele Tosatti Online le linee guida per i siti web delle pubbliche amministrazioni. Il loro obiettivo è quello di suggerire criteri e strumenti utili alla razionalizzazione dei contenuti online, riducendo al tempo stesso il numero dei siti web pubblici ormai obsoleti. Obbiettvo principale la crezione di una Pa di qualità vi è infatti anche l’esigenza di fornire tramite web informaObiettivo principale è zioni corrette, puntuali e semla crezione di una Pa pre aggiornate nonché di erogadi qualità. Vi è infatti reservizisempre anche l’esigenza di più fruibili a cittadini e imprese. fornire tramite web Il documento da un lato illustra i informazioni corrette, principali criteri puntuali e sempre generali per accompagnare le aggiornate nonché di pubblicheammierogare servizi sempre nistrazioni nell’attuazione più fruibili a degli indirizzi contenuti nella cittadini e imprese direttiva Brunetta n. 8 del 2009 (descrivendo gli interventi da realizzare ai fini del miglioramento della qualità del web), dall’altro definisce le modalità e i passi necessari per l’iscri-

Renato Brunetta

zione al dominio ".gov.it". Una particolare attenzione è stata prestata nella definizione di una mappa di contenuti minimi che per legge i siti web istituzionali devono includere, di fatto semplificando il rispetto dei diversi adempimenti vigenti. Oltre a un inquadramento generale sui criteri e sugli strumenti per il trattamento dei dati e della documentazione pubblica, le Linee guida forni-

scono i principi generali per le pubbliche amministrazioni che vorranno confrontarsi su temi innovativi quali la customer satisfaction, le rilevazioni di qualità attraverso il benchmark tra amministrazioni, il confronto e l’interazione dei cittadini. Completano il documento una serie di approfondite appendici tecniche. Linee guida inoltre vanno in sincronia con le iniziative

di innovazione delle amministrazioni pubbliche promosse da Brunetta per realizzare un rapporto aperto e trasparente con i propri clienti e avviano un processo di "miglioramento continuo" della qualità dei siti web pubblici. Il documento, elaborato in via preliminare da un gruppo di lavoro interno è stato successivamente pubblicato online nell’aprile di quest’anno per una consultazione telematica durata due mesi e che ha registrato circa 17.000 accessi Linee guida vanno in alle diverse se- sincronia con le iniziative zioni del forum di discussione. di innovazione delle I cittadini, le pubbliche am- Pa promosse da Brunetta ministrazioni, per realizzare un rapporto le associazioni di categoria e i aperto e trasparente con i fornitori Ict propri clienti e avviano hanno così potutoesprime- un processo di re liberamente laloroopinione "miglioramento continuo" sui principali della qualità dei contenuti e temi trattati. I ri- siti web pubblici scontrieleindicazioni pervenuti durante questa fase di condivisione e confronto sono stati poi utilizzati in sede di revisione del documento iniziale.


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 19

POLITICA NAZIONALE Si voterà a oltranza nel Parlamento in riunione congiunta per gli 8 membri laici

Inchiesta P3 intrecciata con l’elezione di parte del Csm di Daniele Tosatti ROMA - Dopo l’interrogatorio del coordinatore del Pdl Denis Verdini, ascoltato dai pm della Procura di Roma nell’ambito dell’inchiesta sulla cosiddetta P3, prosegue l’attività istruttoria dei magistrati. Ieri è avvenuto l’interrogatorio di Marcello Dell’Utri, anche lui indagato assieme a Verdini, Flavio Carboni e Massimo Lombardi per violazione della legge sulla costituzione di società segrete. Il senatore del Pdl Dell’Utri ha trascorso una quarantina di minuti in Procura a Roma prima di annunciare ai magistrati, che indagano su una presunta associazione segreta, che si avvaleva della facoltà di non rispondere. «È una mia regola fissa da 15 anni, quand’ero imputato a Palermo. Allora parlai 17 ore, e con quello che dissi mi ritrovai rinviato a giudizio», ha detto Dell’Utri ai cronisti uscendo. Il parlamentare, insieme al coordinatore nazionale del Pdl Denis Verdini e al deputato ed ex sottosegretario all’Econo-

mia Nicola Cosentino, deve rispondere del reato di associazione per delinquere e violazione degli articoli 1 e 2 della Legge Anselmi sulla ricostituzione di associazioni segrete. Il senatore era accompagnato dagli avvocati Pietro Federico e Giuseppe Di Peri. Intanto il plenum del Csm ha deciso all’unanimità, con la sola astensione del vicepresidente Nicola Mancino, il trasferimento d’ufficio a Napoli, per incompatibilità ambientale, del presidente della Corte d’Appello di Salerno Umberto Marconi, coinvolto nell’inchiesta sulla P3. Lunedì la terza Commissione di Palazzo dei Marescialli aveva accettato la richiesta dello stesso Marconi di essere trasferito a Napoli. Dunque il magistrato ricoprirà le funzioni di consigliere presso la Corte d’appello partenopea. Marconi, coinvolto nell’inchiesta per la presunta attività di

dossieraggio ai danni del presidente della Campania Stefano Caldoro, aveva inviato alla terza Commissione la richiesta di trasferirlo subito presso la Corte d’appello napoletana, pur ricordando la sua «estraneità ai fatti», e parlando di una «macchinazione peraltro grossolana» che aveva infangato la sua persona e denunciata tra l’altro alla stampa. Marconi parlava anche di un «complotto

Dell’Utri con Denis Verdini e Nicola Cosentino, deve rispondere del reato di associazione per delinquere e violazione degli art 1 e 2 della legge sulle associazioni segrete

«È una mia regola fissa da 15 anni, quand’ero imputato a Palermo. Allora parlai 17 ore, e con quello che dissi mi ritrovai rinviato a giudizio»

che affonda le sue radici in altre vicende, connesse alla mia ben nota trentennale milizia associativa (Anm)». Infine l’ex presidente della Corte d’appello di Salerno chiedeva una convocazione da parte della terza Commissione per spiegare meglio le sue ragioni, ma la stessa Commissione ha ritenuto di doversi procedere subito al trasferimento. Anche la prima commissione aveva avviato nei confronti di Marconi la pratica di trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale. Intanto, si è deciso che procederanno a oltranza le sedute comuni del Parlamento per eleggere gli otto membri laici del Csm: lo hanno stabilito i presidenti delle Camere, Renato Schifani e Gianfranco Fini. È quanto emerso dalla conferenza dei capigruppo di Montecitorio. Secondo l’accordo tra la seconda e la terza carica dello Stato, dunque, se si registrerà una nuova fumata nera la seduta comune del Parlamento sarà nuovamente convocata mercoledì mattina (l’orario è ancora da stabilire) e poi giovedì. «Si deve procedere in modo serrato - è il ragionamento dei due - per giungere all’elezione entro questa settimana». L’elezione degli otto membri laici blocca anche ogni decisione sul prosieguo dei lavori a Montecitorio, ogni decisione cioè sul nodo politico del ddl intercettazioni che il Pdl chiede venga approvato prima dei due decreti su energia e Tirrenia. .

Denis Verdini

Lotta contro il tempo per la scadenza dei 60 giorni del decreto a fine luglio

Chiesta la fiducia alla Camera per la manovra di Valentina Lavalle ROMA - Il ministro per i Rapporti col Parlamento, Elio Vito, ha posto nell’aula della Camera la questione di fiducia sul decreto-legge contenente la manovra finanziaria, spiegando che il governo attribuisce «particolare importanza alla definitiva approvazione del provvedimento, che è in scadenza». Il testo blindato - ha puntualizzato Vito è quello approvato dalla commissione Bilancio, identico alla versione uscita dal Senato. La conferenza dei capigruppo convocata alle 13,30 definirà le modalità del voto di fiducia e delle successive fasi di approvazione del provvedimento (che dovrebbe essere approvato domani, un giorno prima della scadenza del decreto). Nel giorno della blindatura della manovra, ha acquistato particolare significato la presenza di Silvio Berlusconi a Montecitorio. Il premier ha avuto un colloquio col presidente dei deputati del Pdl Fabrizio

Cicchitto e col sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti. Nella sala è poi giunto il ministro dell’Economia Giulio Tremonti per uno scambio di idee con Berlusconi. Al termine del confronto col titolare di Via XX Settembre, il Cavaliere ha lasciato Montecitorio per raggiungere Palazzo Grazioli. Nei giorni scorsi Berlusconi aveva lanciato alla maggioranza più di un invito alla compattezza. Messaggio rafforzato dal suo passaggio a Montecitorio. In mattinata la Camera ha prima deciso - con 299 voti favorevoli e 262 contrari lo stop anticipato alla discussione generale in aula, poi bocciato - con 304 no e 259 sì - le pregiudiziali di costituzionalità presentate da Pd, Udc Italia dei valori. Intanto la Camera si appresta ad adottare uno dei punti fondamentali della manovra, ma i tagli agli stipendi non sono quei 500 e rotti euro di cui si parlava, ma mille euro netti in meno al mese. E tagli fra il cinque e il dieci per cento agli stipendi dei dipendenti. E l’impegno a

risparmiare, complessivamente, 60 milioni di euro per i prossimi tre anni. Sono queste le misure di contenimento delle spese della Camera dei deputati, per il triennio 2012-3013, approvate dall’ufficio di presidenza in occasione dell’adozione della manovra finanziaria. Il taglio di mille euro netti agli emolumenti dei parlamentari è suddiviso in una riduzione di 500 euro della diaria di soggiorno e nella riduzione di 500 euro sulle spese per il "rapporto eletto/elettori", le cosiddette spese per i portaborse. Quanto ai tagli per i dipendenti, la riduzione è del 5 per cento per gli stipendi compresi fra i 90 e i 150 mila euro annui e del 10 per cento sugli stipendi che superano i 150 mila euro. Prevista anche la sospensione nel triennio dei meccanismi di adeguamento automatico delle retribuzione. L’ufficio di presidenza ha inoltre stabilito che la Camera "sarà in grado di restituire al Bilancio dello Stato nel triennio 2011-2013 una somma complessiva di 60 milioni di euro. Tale somma, si precisa, va ad aggiungersi ai risparmi, stimati

in oltre 300 milioni di euro, conseguiti dalla Camera, in termini di riduzione della dinamica di crescita della dotazione, nel quinquennio 2006-2010.


20

il Domani MercoledĂŹ 28 Luglio 2010

SPECIALE ESTATE

Il martirio di S.Lorenzo bello ma non Caravaggio Dopo il direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paolucci, che ha negato una possibile attribuzione, anche altri autorevoli esperti, convocati a Roma dalla soprintendente del Polo museale Rossella Vodret, non hanno dubbi: non è un Caravaggio.


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 21

SPECIALE ESTATE

Torna Jesus Christ Superstar, il musical Il gran finale del Jesus Christ Superstar di Massimo Romeo Piparo è dedicato a Falcone e Borsellino. Ne ha parlato il regista messinese nel corso della conferenza stampa di lancio del musical che, a partire dal 31 luglio, quando debutterà al Teatro Greco di Tindari, arriverà poi sul placoscenico dei principali teatri italiani.


22

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

ECONOMIA NAZIONALE La nuova società per gestire la fabbrica di Pomigliano mette paura alla Fiom

La Fiat crea una newco col nome Fabbrica Italia, sindacati all’erta di Roberto Carli MILANO - Si chiama Fabbrica Italia Pomigliano ed è stata iscritta al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Torino il 19 luglio. È controllata al 100% da Fiat Partecipazioni, ha un capitale di 50mila euro e il presidente è Sergio Marchionne. Si tratta di un atto formale previsto dal piano di rilancio dello stabilimento e che consente di superare l’impasse creata dalla mancata firma da parte della Fiom. L’oggetto sociale della newco è «l’attività di produzione, assemblaggio e vendita di autoveicoli e loro parti. A tal fine può costruire, acquistare, vendere, prendere e dare in affitto o in locazione finanziaria, trasformare e gestire stabilimenti, immobili e aziende». Inoltre la società «può compiere le operazioni commerciali, industriali, immobiliari e finanziarie, queste ultime non nei confronti del pubblico, necessarie o utili per il conseguimento dell’oggetto sociale, ivi comprese l’assunzione e la dismissione di partecipazioni ed interessenze in enti o società, anche intervenendo alla loro costituzione». La nascita di Fabbrica Italia Pomigliano è un passo preliminare per la costituzione di una nuova società, una new company in cui riassumere, con un nuovo contratto, i 5mila lavoratori attuali della fabbrica campana. Si tratta del progetto Futura Panda a Pomigliano, per il quale la Fiat ha raggiunto un accordo

con i sindacati il 15 giugno, non firmato dalla Fiom. La Fiat ha intanto convocato i sindacati metalmeccanici giovedì all’Unione Industriale di Torino, alle 9,30. All’ordine del giorno - secondo i sindacati - dovrebbe essere la comunicazione della disdetta degli accordi vigenti e, in particolare, del contratto nazionale di lavoro. Si parlerà inoltre di Pomigliano con i sindacati che hanno firmato l’intesa del 15 giugno. A questa seconda parte dell’incontro non dovrebbe quindi partecipare la Fiom. "Vedo la possibilità di una convergenza tra le parti, mi auguro fra tutte le parti. In

La Fiat ha convocato i sindacati giovedì all’Unione Industriale di Torino, alle 9,30 All’ordine del giorno dovrebbe essere la comunicazione della disdetta degli accordi vigenti

ogni caso non è possibile che una parte sola metta il veto". Lo ha detto il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi, intervenendo a Radio Anch’io, a proposito del tavolo convocato domattina a Torino alle 10 tra la Fiat e i sindacati. Sul tavolo, il destino dello stabilimento di Mirafiori. L’incontro segue l’annuncio dato dall’ad di Fiat Sergio Marchionne, del trasferimento della produzione delle monovolume L0 in Serbia. "Per la Cgil - ha proseguito Sacconi - sarà l’occasione per rientrare in gioco e per riflettere sull’auto isolamento nella vicenda Fiat. Sono ottimista perché ho fiducia nella responsabilità delle parti e nella consapevolezza di quanto sia alta la posta in gioco". Domani, ha sottolineato il titolare del Welfare, "dovremo verificare l’impegno di Fiat per realizzare investimenti negli stabilimenti italiani, il progetto ’Fabbrica Italia’, e dall’altra parte la disponibilità delle organizzazioni sindacali a sostenere questi investimenti con una buona utilizzazione degli impianti, come è accaduto a Pomigliano e come deve accadere in tutti gli stabilimenti. Questa è la convergenza di interessi tra lavoratori e azienda».

«Vedo la possibilità di una convergenza tra le parti, mi auguro fra tutte le parti. In ogni caso non è possibile che una parte sola metta il veto».

Come la pensano le varie sigle: sfumature importanti

ROMA - La parola d’ordine dei sindacati, su questo tema, torna a essere unitaria: il contratto nazionale non si tocca. L’ipotesi secondo cui la Fiat, dopo la nascita di Fabbrica Italia, avrebbe intenzione di uscire da Federmeccanica e disdire il contratto nazionale di lavoro che regola il rapporto con i suoi dipendenti ha messo in allarme i sindacati di categoria. Non solo la Fiom ma anche la Fim e la Uilm che invece quell’intesa l’hanno sostenuta, negoziata e firmata. La vigilia del tavolo a Torino tra le parti diventa quindi sempre più tesa. E mentre dalle tute blu della Cgil già si grida al «più grave attacco ai diritti dei lavoratori dal 1945 a oggi», la linea dei "colleghi" resta più equilibra-

ta ma ugualmente chiara: vanno bene le richieste contenute nell’accordo su Pomigliano, passi anche la creazione di una newco - è il senso del discorso di Fim e Uilm - ma assolutamente non si può prescindere dall’intesa che regola il lavoro di tutte le fabbriche metalmeccaniche. Comunque, secondo il leader della Uilm, Rocco Palombella la costituzione di una newco per lo stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco «non significa che c’è un percorso automatico secondo il quale l’azienda deciderà di disdettare il contratto nazionale di categoria". Di diverso avviso la Fiom: «È in atto il tentativo di cancellare e superare il contratto nazionale, il diritto alla contrattazione collettiva in fabbri-

Di nuovo in rialzo i prezzi di benzina e diesel alla pompa di Carlin ROMA - È durata poco l’inversione di rotta sulla rete carburanti. Dopo la tregua degli ultimi giorni preceduta da una lunga serie di ribassi, tornano di nuovo gli aumenti e ovviamente in pieno esodo estivo. Dal consueto monitoraggio di quotidianoenergia.it risulta infatti che da ieri Agip ha rialzato di 1,5 centesimi benzina e diesel. Pertanto la forchetta di prezzi di riferimento rilevata sulla verde va da 1,384 a 1,426 euro/litro, mentre sul diesel si passa da 1,233 a 1,275 euro/litro. Stando alla consueta rilevazione della Staffetta Quotidiana, da ieri mattina Eni ha deciso di aumentare i prezzi di benzina e gasolio di 1,5 centesimi al litro. I prezzi medi Agip calcolati dalla Staffetta sono così di 1,398 euro al litro per la benzina e di 1,247 euro al litro per il gasolio. I prezzi consigliati nei diversi cluster in cui è divisa la rete Agip vanno da 1,38 a 1,428 euro al litro per la benzina, e da 1,229 a 1,277 euro al litro per il gasolio. L’andamento dei prezzi è solo remotamente legato all’andamento del prezzo del greggio, che incide sì e no per il 30 per cento del prezzo finale alla pompa.

ca».È la denuncia del segretario generale della Fiom-Cgil, Maurizio Landini, che all’assemblea nazionale dei delegati di Unionmeccanica-Confapi a Reggio Emilia ha sottolineato: «Siamo di fronte a un’accelerazione di questo processo, si deciderà nei prossimi mesi».


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 23

BANCHE Lo rivela un’analisi del Sole 24 Ore che ha interpellato vari esperti secondo i quali i test non rendono giustizia

Stress test buoni per noi ma non generosi il giusto di Daniele Tosatti ROMA - Le banche italiane hanno passato lo stress test, ma hanno ricevuto "voti" più bassi rispetto a quelli ottenuti dagli istituti di credito di altri paesi. Ipotizzando scenari negativi, UniCredit, Intesa Sanpaolo, Monte dei Paschi di Siena, Banco Popolare e Ubi hanno infatti mantenuto il coefficiente patrimoniale "Tier 1 ratio" sopra la soglia del 6%, dimostrando di avere sufficiente capitale per stare in piedi anche in situazioni difficili. Ma il loro 7,2% medio dopo lo stress test appare risicato rispetto all’8,19% delle banche tedesche, all’11% di quelle inglesi, al 9,2% di quelle francesi e al 7,5% di quelle spagnole. Eppure, a ben guardare, l’apparenza inganna. Il Sole 24 Ore , la cui analisi è stata pubblicata ieri, ha interpellato vari analisti e il responso, pur distinguendo caso per caso, è unanime: la realtà italiana è mediamente migliore di quella che appare nella fotografia degli stress test. Innanzitutto gli istituiti di credito italiani hanno usufruito in modo marginale di aiuti di stato. Secondo i calcoli di Banca Leonardo, delle 91 banche europee su cui è stato realizzato lo stress

test, 34 hanno ottenuto dai governi ben 197 miliardi di euro: cifra che costituisce il 14% del Tier 1 capital aggregato. In Italia, invece, solo Montepaschi e il Banco popolare hanno usato i cosiddetti Tremonti-bond: ma hanno ricevuto poco più di 3 miliardi, il che costituisce appena il 3,6% del Tier 1 aggregato. Questo significa che i risultati dello stress test all’estero sono, rispetto a quelli italiani, maggiormente "drogati" dagli aiuti di stato. E questo abbellisce i coefficienti di solidità patrimoniale. Oggi. Ma domani, quando le banche dovranno restituire i soldi ai governi, lo scenario forse si capovolgerà. A favore dell’Italia. Non è un caso che nel nostro paese i due istituti che appaiono più deboli agli analisti sono proprio il

La realtà italiana è mediamente migliore di quella che appare nella fotografia degli stress test: le nostre hanno avuto pochi aiuti di stato

Monte dei Paschi e il Banco Popolare: sono infatti le due banche che dovranno rimborsare nel 2013 i Tremonti bond. «Stimando una crescita moderata degli utili, pari al 6-7% tra il 2009 e il 2013, e ipotizzando dividendi accettabili nei prossimi anni - calcola un analista che preferisce restare anonimo - sarà dura per loro rimborsare i Tremonti bond solo usando gli utili». In futuro - è l’opinione di più di un analista queste banche potrebbero insomma avere bisogno di capitali freschi o di proseguire, come sta già accadendo, in piani di dismissioni. Ma rispetto alle necessità di altri paesi si tratta comunque di poca cosa. L’altro elemento che zavorra i risultati dello stress test delle banche italiane è il peso dei titoli di stato nel portafoglio di trading. Secondo gli analisti, questo va a penalizzare eccessivamente l’Italia. I dati di Banca Leonardo aiutano a capire perché. I BTp e i CcT rappresentano nelle cinque banche mediamente l’84% del portafoglio di trading sui titoli governativi. Dato che negli scenari dello stress test i BTp sono stati svalutati del 7,4% (più dei titoli francesi e tedeschi), è ovvio che i risultati sulle banche italiane siano stati peggiori.

La Regione Toscana garantisce per Lucchini per un funanziamento di 5 mln FIRENZE - Una moratoria per i debiti che le imprese dell’indotto Lucchini hanno contratto con le banche, con la possibilità di slittamento delle rate di pagamento. È quanto la Regione Toscana chiederà agli istituti di credito del territorio nel corso dell’incontro in programma per la mattina del 3 agosto. La vicenda si è riaperta Ad annunciare l’intenanche a livello nazionale, si zione della Regione di avanzare questa richieè superato l’isolamento sta è stato l’assessore aldella Lucchini, perché i due le attività produttive lavoro e formazione governi, italiano e russo, Gianfranco Simoncini, ieri a Piomhanno affrontato il problema intervenuto bino (Livorno) all’incontro organizzato dal Pmi Unite, l’associazione livornese che raggruppa le piccole imprese aderenti a Confapi e Cna. Proprio l’altro ieri la giunta regionale aveva varato un fondo da 5 milioni di euro affinché le banche possano concedere fidi e prestiti alle imprese dell’indotto, che impiegano circa 800 persone. «Innanzitutto - ha detto Rossi - la vicenda si è riaperta anche a livello nazionale, si è superato l’isolamento della Lucchini, per-

ché i due governi, italiano e russo, hanno dichiarato pubblicamente di volersi interessare del problema. Ieri ho avuto conferma che il presidente Medvedev sollecitera’ il magnate Mordashov. Nel frattempo però, mentre questo fatto ha riaperto una prospettiva per la Lucchini, ieri abbiamo preso una decisione di grande peso perche’é con Fidi Toscana abbiamo preso impegno a conferire 5 milioni che serviranno a sostenere la domanda di liquidità». Fondi che attiveranno fino a 60milioni e che potranno coprire la fase transitoria in attesa che la vicenda della Lucchini possa avere un esito positivo».

Appena sotto i massimi Banche ancora forti trascinano le borse Milano più 1,62% MILANO - Piazza Affari chiude con un rialzo consistente ma lontano dai massimi di giornata, avendo leggermente accusato l’indebolimento di Wall Street dopo la pubblicazione del calo oltre le attese dell’indice di fiducia dei consumatori del Conference Board a metà pomeriggio. La giornata ha evidenziato il rally di titoli legati al comparto finanziario in senso lato, con le banche in grande spolvero insieme ad assicuratori e gestori del risparmio. In fondo al benchmark milanese si è invece portata Ansaldo Sts, che ha deluso con i dati. «L’indice di fiducia degli Stati Uniti sotto le attese è stato l’unica nota stonata della giornata", commenta un trader. «E’ un buon segno che la Borsa abbia comunque retto sopra al punto e mezzo percentuale di rialzo». L’indice Ftse Mib capace di superare i due punti percentuali a metà giornata, finisce per chiudere con un rialzo dell’1,62%, l’AllShare chiude a +1,49% e il Mid Cap a +1,14%. I volumi valgon circa 3,1 miliardi di euro. Strappo dei titoli bancari, che sembrano beneficiare, osserva un dealer, della "crescente convinzione che con gli stress test potrebbe essersi chiuso un periodo di fibrillazione per il settore". Lo stoxx europeo sale del 4,7%, mentre a Milano Unicredit chiude a +5,62%, Banca popolare di Milano e Intesa San Paolo arrivano tra il 4 e il 5% di rialzo. Guadagni intorno al 3% per Mediobanca e Ubi, più contenuti quelli delle altre banche. Banca Akros mette in evidenza anche l’impatto positivo della decisione del Comitato di Basilea di ridimensionare alcune proposte per rafforzare il capitale e la liquidità degli istituti. Buona giornata anche per gli assicurativi, i cui rialzi sono associati da un trader all’ottimismo sul mondo finanziario in generale. Fonsai supera 4%, Mediolanum sfiora il +2%.


24

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

POLITICA ED ECONOMIA INTERNAZIONALE Era accusato anche di avere venduto le sue azioni Bp prima della perdita

Povero Hayward: 1,045 milioni di sterline per andarsene... di Carlo Bassi ROMA - La notizia che l’ad della British Petroleum Tony Hayward paga con il posto la crisi della marea nera nel Golfo del Messico e riceverà un anno di stipendio come buonuscita, pari a 1,045 milioni di sterline con dimissioni effettive dal primo ottobre, ha lasciato sdi stucco molta gente comune. Ma sono solo quisquilie: Hayward, cui subentrerà il direttore esecutivo Robert Dudley, non è nemmeno un nababbo, a giudicare dai dati pubblicati oggi. Dai quali risulta che è Larry Ellison, 66 anni, il re dei database, fondatore e amministratore delegato di Oracle e vincitore dell’ultima America’s Cup, fra i manager di aziende quotate il Paperone del decennio, avendo ricevuto in compensi fra il 1999 e il 2009 circa 1,84 miliardi di dollari. Segue Barry Diller, che ha incassato da IAC/Interactive ed Expedia.com (il sito di viaggi di cui Iac ha effettuato lo spin off nel 2005) 1,14 miliardi di dollari. La terza posizione spetta al numero uno di Occidental Petroleum, Ray Irani, con 857 milioni di dollari. Steve Jobs, l’amministratore delegato di Apple, guru dell’iWorld e , con i suoi 749 milioni di dollari conquista il quarto posto. La classifica dei 25 a.d. paperoni dell’ultimo decennio è stata compilata dal Wall Street Journal , che ha analizzato i salari, i bonus, i benefit e i guadagni realizzati su

Segue Barry Diller, che ha incassato da IAC/ Interactive ed Expedia.com (il sito di viaggi) 1,14 miliardi di dollari. Terzo Ray Irani di Occidental

titoli e stock option dei manager delle maggiori aziende. Fanno parte della top-25 anche i numeri uno di quattro società finanziarie: Richard Fairbank di Capital One Financial (quinto posto con 569 milioni di dollari), Angelo Mozilo di Countrywide Financial (sesto posto con 528,6 milioni di dollari), Richard Fuld di Lehman Brothers (11mo posto con 457 milioni di dollari) e Sandy Weill di Citigroup (19mo con 361 milioni di dollari). «Lo studio evidenzia come solo alcuni degli amministratori delegati più pagati sono riusciti a ottenere gli stessi successi

1,84

Miliardi di dollari in dieci anni lo stipendio dell’ad più pagato del mondo, Larry Ellison

per gli azionisti» osserva il Wall Street Journal , precisando come, negli ultimi 10 anni il valore dei titoli Oracle è triplicato, quello delle azioni Apple è aumentato di ben 12 volte. Gli azionisti Dell hanno invece visto scendere il valore dei loro titoli del 66 per cento «mentre l’amministratore delegato di Dell si è portato a casa 454 milioni di dollari». «La dispartità fra le fortune accumulate dagli amministratori delegati e quelle degli azionisti è abbastanza deprimente e suggerisce che c’è un buon ammontare del compenso che non è legato alla performance» dell’azienda, commenta Jesse Fried, professore dell’università di Harvard. I compensi dei manager sono finiti anche nel pacchetto della riforma finanziaria firmata dal presidente Barack Obama la scorsa settimana concedendo agli azionisti un voto, sia pure non vincolante, sull’approvazione dei loro stipendi e premi. Chissà quanto dovremmo attendere per vedere l’impatto delle 2.319 pagine della legge sul conto in banca dei ceo, come osservava ieri Il Sole 24 Ore.

Dall’analisi del Wall Street Journal sono comunque esclusi alcuni degli uomini più ricchi degli Usa , fra i quali Bill Gates e Warren Buffett (secondo la classifica di Forbes rispettivamente al secondo e terzo posto). Il primo riceve dalla Berkshire Hathaway un compenso solo nominale. Gates si è dimesso da amministratore delegato di Microsoft nel genaio 2000 e ha lasciato Microsoft nel 2008. Quanto al povero ad della Bp, che opare giocasse a golf mentre il petrolio usciva a fiotti (e i tecnici avevano staccato l’allarme sonoro perché "disturbava", gli è anda ancora bene, sotto tutti i punti di vista.

Unioncamere firma con Microcredito ROMA - Arriva un fondo di garanzia di 10 milioni di euro per promuovere progetti di microcredito e microfinanza. Lo prevede un protocollo d’intesa firmato ieri a Palazzo Chigi dal Comitato nazionale per il microcredito e Unioncamere, presente il sottosegretario Gianni Letta. Il senso dell’iniziativa, ha spiegato Mario Baccini, presidente del Comitato nazionale per il microcredito, è«interloquire con il sistema bancario per aiutare quelle persone, che altrimenti non ne avrebbero la possibilità, a realizzare imprese». L’accordo, ha sottolineato il numero uno di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, rappresenta, anche, un’opportunità «per lo sviluppo dell’auto impiego e il rilancio delle piccole e medie imprese, le più colpite dalla crisi internazionale». Dardanello ha evidenziato come i tassi dei prestiti erogati in base a quest’accordo, saranno «accessibili» e che il tetto massimo per progetto «dovrebbe aggirarsi attorno ai 25mila euro». Il premier Berlusconi, ha ricordato Baccini, ha firmato nei giorni scorsi una direttiva con indicazioni a tutte le amministrazioni affinché si confrontino con il Comitato


il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010 25

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI VAR. %

CHIUSURA

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

21.601,27 1,49 21.158,08 1,62 23.488,97 1,15 21.545,94 0,38 21.925,24 0,73 10.581,69 -0,94

Euro

METALLI

US $

UK £

1 Euro

1.0

1.2984

1 US $

0.76980

1.0

1 UK £

1.1985

1.5566

1 ¥en

¥en

USD/on

EURO/gr

1162,55

28,76

17,80

0,443

PLATINO

1544,15

38,56

PALLADIO

478,85

12,13

0.83390 114.10

ORO

0.64210

ARGENTO

87.850

1.0 136.76

0.0087611 0.011377 0.0073065

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

A.S. Roma 0,977 -1,26 17.30.33 0,9735 1,006 A2A 1,161 -0,17 17.30.27 1,159 1,168 Acea 8,665 +0,99 17.30.24 8,57 8,675 Acegas-Aps 4,18 -0,12 17.30.22 4,175 4,37 Acotel Group 50,96 -0,04 17.30.22 50,76 51,29 Acque Potabili 1,669 +2,33 17.30.02 1,622 1,67 Acsm-Agam 0,945 +1,61 16.14.42 0,933 0,96 Actelios 2,79 -2,62 17.30.51 2,79 2,915 Aedes 0,203 +1,00 17.30.43 0,2011 0,203 Aeffe 0,325 -0,31 17.30.17 0,325 0,33 Aegon 4,75 +5,09 15.02.21 4,545 4,75 Aeroporto Firenze Ageas 2,16 +3,47 17.14.18 2,0975 2,18 Ahold Kon Aicon 0,269 -1,28 16.07.55 0,261 0,274 Alcatel-Lucent 2,1475 +0,82 16.42.27 2,1475 2,1875 Alerion 0,595 +0,85 17.30.38 0,585 0,595 89,60 +1,93 17.30.12 87,80 89,93 Allianz Amplifon 3,81 -0,78 17.30.05 3,80 3,885 10,77 -8,26 17.30.24 10,61 11,94 Ansaldo Sts Antichi Pellettieri 0,5705 -1,64 17.21.31 0,552 0,576 Apulia Prontop 0,418 +0,84 17.30.23 0,4085 0,4245 Arena 0,0289 +3,21 17.30.15 0,0276 0,0296 Arkimedica 0,49 +0,82 17.30.28 0,486 0,4965 Arkimedica 2012 Cv5% 98,79 +0,24 17.11.09 98,60 98,79 Ascopiave 1,545 -0,32 17.30.01 1,529 1,549 Astaldi 4,645 +0,60 17.30.07 4,6175 4,71 Atlantia 15,08 -1,18 17.30.02 15,06 15,28 9,975 -1,82 17.30.46 9,95 10,25 Autogrill Spa 10,50 -0,28 17.30.14 10,44 10,59 Autostrada To-Mi Autostrade Merid 22,49 -0,40 17.30.33 22,26 22,59 Axa 14,30 +7,52 17.07.51 13,40 14,57 7,43 7,405 +5,04 17.30.06 7,005 Azimut B Interm-15 Cv 1,5% 90,45 -0,05 13.36.29 90,36 90,45 B&C Speakers 3,05 +4,10 16.10.23 2,90 3,05 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 107,00 +0,75 17.23.58 106,55 107,00 Banca Generali 8,435 +2,00 17.30.39 8,27 8,45 Banca Ifis 5,095 -0,29 17.30.42 5,07 5,165 Banca Intermobiliare 4,1575 -0,06 12.50.05 4,1575 4,16 Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 106,80 +0,19 15.26.45 106,50 4,98 4,8775 +1,93 17.30.49 4,8025 Banco Popolare Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 105,87 +0,55 17.23.49 105,20 105,95 Banco Santander 10,45 +2,45 16.54.14 10,20 10,48 Basf Basicnet 2,84 -0,70 17.30.07 2,8375 2,8775 Bastogi Spa 1,79 -0,56 12.10.06 1,745 1,79 Bayer 44,45 -2,52 17.06.19 44,32 45,38 Bb Biotech 41,20 +0,00 17.30.13 40,67 41,82 Bca Carige 1,747 +3,56 17.30.57 1,69 1,754 Bca Carige R 109,52 +0,00 12.46.33 109,52 109,52 Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat 0,525 +0,96 17.30.03 0,522 0,537 Bca Mps 1,00 +2,20 17.30.41 0,9805 1,015 Bca Pop Di Spoleto 4,13 -1,20 17.30.47 4,1125 4,18 9,525 +5,37 17.30.31 9,06 9,525 Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio 3,29 +0,61 17.30.52 3,2625 3,3475 Bca Pop Milano 4,0975 +4,80 17.30.50 3,9125 4,1175 Bca Pop Sondrio 7,04 +1,00 17.30.27 6,935 7,045 0,5015 +0,10 17.30.26 0,5015 0,517 Bca Profilo 3,73 +0,74 17.24.06 3,715 3,7475 Bco Desio Bria Rnc 3,905 +1,69 17.30.13 3,785 3,935 Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp 9,77 +0,67 16.29.19 9,70 9,795 0,364 +0,97 17.24.24 0,363 0,379 Bee Team 0,661 +0,84 17.30.02 0,6515 0,665 Beghelli Benetton Group 5,435 -2,42 17.30.57 5,40 5,625 Beni Sta 2011 Cv2,5% 99,86 +0,00 17.30.29 99,80 99,89 Beni Stabili 0,6425 +0,78 17.30.08 0,628 0,645 Best Union Company 1,197 -3,39 17.30.56 1,196 1,248 Bialetti Industrie 0,42 +4,22 17.30.18 0,402 0,425 1,394 +0,94 17.21.55 1,385 1,409 Biancamano Biesse 5,41 +0,00 17.30.34 5,355 5,54 Sosp. Bioera Bmw Bnp Paribas 53,81 +5,51 17.30.41 51,01 54,92 Boero Bartolomeo Bolzoni 1,98 -0,15 17.30.15 1,94 1,999 Bonifiche Ferraresi 28,93 +4,07 17.30.14 28,08 29,18 Borgosesia 0,99 +0,00 13.27.33 0,9665 0,99 Borgosesia R Bper 12 Cv Sub 3,7% 102,60 +0,39 17.17.21 102,01 102,60 5,285 -0,75 17.30.49 5,27 5,39 Brembo Brioschi 0,1734 +1,40 17.30.52 0,17 0,174 6,49 6,37 -1,24 17.30.35 6,325 Bulgari Buongiorno 0,93 +0,81 17.30.14 0,9175 0,9425 8,26 +2,10 17.30.03 8,09 8,375 Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc 4,79 +0,95 17.30.54 4,79 4,88 Cad It 4,1875 +2,07 17.10.39 4,10 4,19 2,4725 +0,71 17.30.16 2,4125 2,50 Cairo Communication Caleffi 1,02 +0,59 16.29.03 1,005 1,025 2,14 +3,01 17.30.10 2,09 2,1725 Caltagirone Caltagirone Edit 1,86 +2,76 17.30.39 1,81 1,88 Camfin 0,319 +3,57 17.30.39 0,31 0,326 Campari 4,18 -1,53 17.30.55 4,17 4,27 Cape Live 88,50 +0,28 16.59.36 88,50 88,50 Cape Live Cv 5% 2009-2014 2,37 +0,85 17.24.37 2,35 2,3775 Carraro Carrefour 36,89 -0,73 12.42.41 35,80 36,89

Apertura

0,9805 1,163 8,585 1,625 2,825

2,105

0,586 3,8725 11,01 0,0281

4,6475 15,26 10,18 10,51 13,40 7,055

8,275 107,98 4,8025

40,67 1,69 0,522 0,981 4,1125 3,28 3,92 6,97 0,5025 3,87 0,656 5,60 0,6345 0,4195

51,71 28,65

5,39 6,445 8,13 4,86 2,4125 1,83 0,31 4,235

AZIONI

Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

AZIONI

20,62 1,87 0,314

Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iren Isagro It Holding It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridiana Fly Axa Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Molmed Axa Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp

21,18 1,83 0,3155 4,89 2,3675

+2,47 -1,08 +0,80 +4,71 +5,22

17.30.55 17.30.53 17.30.14 17.30.03 17.30.01

20,60 21,19 1,83 1,87 0,3105 0,324 4,6825 4,89 2,2525 2,4775

0,3175 0,1289 0,3045 0,734 1,444 0,498 1,344 0,675 0,5295 100,45 0,836 22,47 5,07 10,58 1,474 3,835

+4,61 -0,08 +1,50 -1,94 -0,76 +3,11 +2,21 +0,60 -3,81 +0,24 -0,48 +1,26 +3,05 +9,98 +2,86 +2,34

17.30.58 17.30.34 16.49.07 17.30.49 17.30.23 17.30.58 17.30.33 17.30.25 17.30.44 16.53.25 17.30.12 14.47.48 17.30.18 17.23.48 17.30.42 17.30.22

0,3005 0,1265 0,296 0,734 1,442 0,475 1,321 0,661 0,5295 100,15 0,8205 22,03 4,87 10,05 1,414 3,755

0,32 0,1292 0,3045 0,758 0,7425 1,469 1,456 0,502 0,48 1,375 0,678 0,6705 0,55 101,00 0,87 22,47 5,08 4,9275 10,81 10,43 1,474 3,8675 3,76

102,50 0,95 1,112 4,2975 41,07 0,9095 15,18 8,515 45,35 4,02 3,695 1,209 52,83 10,29 29,10 1,33 4,035 13,77 23,05 0,9165 1,27 1,46 11,40 1,701 4,12 3,725 1,26 19,92 15,84 10,25 0,817 0,5595 7,45 2,07 Sosp. 14,75 11,29 12,16 0,94 12,12 9,81 5,70 6,095 3,58 4,16 0,12 8,78 2,30 0,521 8,08 4,94 15,10 1,143 0,363 5,22 25,34 2,45 0,515 1,271 15,79 4,005 4,285 1,605 2,995 5,895 4,7225 6,225 1,418 Sosp. 0,845 13,85 1,185 0,84 1,32

+0,31 +0,00 +0,63 -3,21 -4,31 +1,68 +0,00 -0,35 -2,45 +1,01 +2,36 +1,77 +5,13 +0,69 -1,56 +2,15 +0,88 -1,43 +2,44 -0,05 -0,63 +1,04 +0,00 +1,37 +1,23 +0,47 +5,00 -0,25 +0,70 +0,20 +0,86 +1,73 +0,40 -0,12

17.13.28 17.11.19 17.30.05 17.30.22 17.11.02 17.30.51 17.30.26 17.30.51 16.11.37 17.30.43 17.30.23 17.30.21 17.23.12 17.12.07 17.30.20 17.02.37 16.01.51 17.30.27 17.11.49 17.30.51 16.42.36 17.30.03 17.19.43 17.30.45 16.42.24 17.30.16 10.00.15 17.30.33 17.30.19 17.30.47 17.30.49 17.23.10 17.30.23 17.30.54

102,17 0,9495 1,11 4,0525 41,07 0,876 15,13 8,445 44,00 3,92 3,57 1,173 50,59 10,22 28,93 1,295 3,9275 13,51 21,64 0,9165 1,243 1,436 11,20 1,678 4,08 3,7025 1,26 19,85 15,72 10,18 0,8055 0,544 7,395 2,0425

102,50 102,17 0,95 1,128 1,11 4,44 43,21 0,91 15,41 15,30 8,65 8,49 46,74 44,00 4,02 3,695 3,60 1,213 1,19 53,74 50,59 10,38 10,22 29,62 29,60 1,332 4,0625 14,30 14,07 23,14 22,70 0,928 0,92 1,272 1,498 1,45 11,40 11,40 1,714 1,678 4,12 3,7475 3,72 1,26 1,26 20,10 15,95 15,79 10,33 10,23 0,8275 0,81 0,568 0,546 7,565 7,465 2,0975 2,07

-1,14 +1,07 -1,93 +0,21 -0,08 -1,26 -0,70 -1,37 -1,24 +2,21 +0,84 +0,06 +2,22 +0,97 +4,39 +4,00 +1,34 +0,71 +0,14 +0,19 +0,64 +0,00 -1,43 +4,01 +1,54 -1,11 +2,33 -1,17 +0,17 -0,08 -3,62 -0,40 +0,21

17.30.21 17.30.21 17.30.48 17.30.00 17.30.02 17.30.33 17.30.34 17.30.33 17.02.24 16.43.29 17.06.56 17.30.28 11.21.49 17.30.13 17.30.31 17.30.48 17.14.31 15.15.26 17.30.39 15.17.47 17.08.55 14.40.44 17.30.35 16.19.43 17.30.25 17.30.30 17.30.42 17.30.51 17.30.35 17.30.57 17.17.17 17.30.33 17.30.42

14,75 11,18 12,16 0,92 12,03 9,765 5,67 6,095 3,58 4,1025 0,1161 8,72 2,30 0,5115 7,755 4,7875 15,09 1,101 0,36 5,22 24,30 2,395 0,5065 1,222 15,60 3,9925 4,135 1,596 2,9625 5,725 4,71 6,13 1,402

15,00 14,98 11,53 11,26 12,58 0,9475 12,18 12,07 9,985 9,985 5,76 5,74 6,205 6,18 3,64 4,17 0,1234 8,865 8,785 2,30 0,521 8,13 7,775 4,9625 4,815 15,20 1,143 0,365 5,22 26,40 2,45 0,53 0,528 1,338 1,225 16,01 15,60 4,09 4,06 4,30 1,638 1,622 3,0975 2,9625 5,985 4,8875 6,315 6,27 1,425 1,412

-1,69 -0,29 +2,51 +0,00 +0,00

17.30.27 0,845 17.30.48 13,81 17.30.58 1,16 17.12.15 0,8345 17.30.21 1,31

0,872 13,95 1,20 0,84 1,35

2,45

1,16 1,32

Prezzo ultimo contr. Var %

0,808 2,02 8,08 9,11 7,50 2,05 7,57 0,4435 0,725 4,3725 2,60 2,00 0,0532 1,377 1,26 2,8225 Sosp. 3,2875 6,455 3,5975 24,84 16,74 1,523 0,821 0,0746 4,54 2,32 0,2855 0,51

Ora

Min

Max

+1,00 +0,25 -0,86 -1,83 +1,97 -1,80 +5,51 +0,80 +6,70 -0,28 +4,00 +5,37 -4,14 -0,07 +1,53 +0,71

17.30.56 17.30.04 15.37.55 17.30.19 9.00.29 17.17.58 17.23.10 17.30.03 11.38.45 17.30.06 17.30.42 17.30.15 17.30.08 15.21.34 17.30.04 15.38.45

0,796 0,809 0,799 2,015 2,055 2,0225 7,865 8,08 8,08 9,04 9,295 9,295 7,35 7,50 7,35 2,00 2,10 2,10 7,24 7,71 7,245 0,4315 0,4455 0,725 0,73 0,73 4,3525 4,42 4,355 2,5125 2,6025 2,515 1,90 2,00 1,901 0,0529 0,0565 0,0565 1,35 1,377 1,243 1,275 1,243 2,7125 2,84

-0,38 +1,18 +0,70 +5,25 +3,02 -0,59 +0,67 +2,05 +0,78 +0,00 +1,96 +2,00

17.18.37 17.30.26 17.30.47 17.30.10 17.30.09 17.30.44 17.30.21 17.30.04 17.30.42 15.33.00 17.30.07 16.27.31

3,24 3,29 6,38 6,545 3,58 3,64 23,50 24,90 16,07 16,74 1,522 1,549 0,813 0,8225 0,0712 0,081 4,4575 4,60 2,275 2,32 0,281 0,2875 0,51 0,511

1,932 -0,92 17.30.19 1,906 1,95 3,4075 -0,51 17.30.56 3,38 3,4475 0,47 +0,00 16.11.59 0,47 0,49 11,35 -1,13 17.30.05 11,31 11,57 20,10 -2,43 17.30.33 20,02 20,75 93,74 -1,33 15.23.50 93,74 95,01 2,755 +0,46 17.30.20 2,7025 2,78 0,1661 +0,67 17.30.30 0,164 0,1688 2,90 -3,09 17.30.56 2,8825 2,98 Sosp. 6,65 -2,21 17.30.53 6,65 6,80 3,09 3,0875 +6,10 13.25.50 2,85 5,055 +2,22 17.30.09 4,94 5,145 6,875 +3,38 17.30.36 6,66 6,925 3,4225 +1,94 17.30.48 3,345 3,44 2,9925 -0,08 15.37.18 2,9925 2,9975 0,078 -4,29 17.30.34 0,0773 0,083 0,0071 -8,97 17.23.52 0,0069 0,0081 0,357 +2,00 16.13.46 0,353 0,357 1,18 +4,61 13.47.22 1,127 1,18 11,70 +4,46 16.32.32 11,20 11,70 1,487 +3,26 17.30.53 1,432 1,498 1,629 +3,49 14.56.27 1,567 1,629 3,32 3,32 +2,15 17.30.10 3,20 0,56 +0,00 17.30.15 0,5585 0,574 0,0027 +440,00 9.00.24 0,0027 0,0027 2,5675 -0,58 17.30.40 2,555 2,5925 0,1341 -1,25 17.30.59 0,1329 0,1442 6,91 -0,58 16.55.29 6,705 7,195 0,421 +1,08 17.13.33 0,417 0,4295 0,163 -0,91 12.59.11 0,163 0,1649 0,33 -1,49 11.01.29 0,3195 0,33 1,09 -0,37 16.58.23 1,089 1,117 107,00 -0,93 11.37.52 107,00 107,00 5,335 +2,60 17.30.35 5,20 5,335 3,06 5,91 7,17 0,342 Sosp. 1,788 1,981 24,39 2,00 3,63 1,646 1,50 5,45 5,115 0,3685 10,10 0,49 0,662 0,763 1,268 0,875 0,743 7,39 13,18 0,181 0,75 1,047 0,6395

Apertura

+0,66 14.20.20 3,015 +1,20 17.20.37 5,84 -1,38 17.16.26 7,16

3,06 5,91 7,30

6,385 3,59 23,74 16,25

4,53

3,4475 11,50 20,62 2,78 0,164 6,80 2,85 4,945 6,67 3,3675 0,0815 0,0076 11,50 1,44 0,56 2,585 0,144

5,20

7,295

-0,58 16.01.28 0,3335 0,3475 +1,02 -0,60 -2,40 +2,04 -0,55 +0,98 +2,53 -0,46 -0,10 +0,68

11.51.29 17.30.10 16.44.07 17.30.51 17.30.55 16.12.16 17.30.52 17.30.44 17.30.35 17.30.28

1,788 1,788 1,977 2,005 2,0025 24,39 25,86 24,50 1,97 1,935 2,0175 3,61 3,75 1,621 1,67 1,65 1,46 1,60 1,54 5,44 5,53 5,485 5,07 5,215 5,14 0,3645 0,3735 0,3675

-1,17 15.00.45 10,10 10,21 -0,91 17.12.25 0,4775 0,495 +0,15 9.42.55 0,662 0,662 +0,26 17.30.11 0,7625 0,7875 +0,08 +0,06 +1,78 +4,23 -2,08 +4,08 +2,60 +3,15 +2,40

17.30.24 17.30.44 17.30.33 17.30.22 17.30.23 17.30.11 17.19.37 17.30.46 17.30.18

1,25 1,279 0,8645 0,876 0,731 0,745 6,82 7,45 13,10 13,49 0,1719 0,1815 0,737 0,759 1,005 1,075 0,615 0,6405

1,25

13,47 1,015


26 Mercoledì 28 Luglio 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Rdb Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm

Prezzo ultimo contr. Var %

1,84 5,735 35,47 0,191 15,55 0,341 0,0505 0,329 1,555 56,49 0,31 16,78 0,4175 5,735 4,23 8,40 27,50

-2,59 -1,71 +2,81 -1,24 -0,38 -2,15 +0,00 -0,60 -2,51 +5,59 -0,32 -0,12 +1,58 -0,17 +0,71 +0,18 +0,55

Ora

17.24.12 17.30.12 15.39.57 17.30.42 17.30.03 17.30.59 17.30.16 17.30.16 17.30.36 11.57.17 16.50.20 17.30.51 14.00.22 17.30.36 17.30.19 17.30.24 17.30.43

Min

Max

Apertura

1,84 1,881 5,725 5,90 33,75 35,50 0,1876 0,191 15,21 15,66 0,341 0,358 0,05 0,0507 0,32 0,331 1,55 1,598 54,20 56,49 0,307 0,315 16,45 17,15 0,41 0,4175 5,735 5,825 4,175 4,2725 8,35 8,555 27,20 27,84

5,835

0,329 0,307 16,51 4,26 8,35 27,31

45,05

-1,21 16.25.35 44,92

46,20

46,20

1,568

+0,64 17.30.54 1,563

1,59

1,563

7,07 +1,29 0,6095 +0,83 0,1355 +2,50 1,07 +1,91 5,21 +0,58 7,315 +0,07 94,50 +0,48 77,12 +0,42 2,865 +3,24 3,5225 -0,84 Sosp. Sosp. 0,0674 +3,85 44,80 +11,39 Sosp.

17.30.39 17.30.07 17.30.45 17.30.44 17.30.01 17.30.52 14.55.01 16.42.49 17.30.09 17.30.29

7,045 7,09 0,6005 0,6155 0,6155 0,1324 0,138 0,1324 1,07 1,07 5,18 5,21 7,25 7,485 7,325 94,05 94,57 77,00 77,69 2,74 2,91 3,515 3,58 3,5575

17.30.05 0,0636 0,0698 17.30.31 41,57 44,80

41,57

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori

Ora

Min

Max

Apertura

1,996 4,8425 52,69 1,488 0,657

-0,05 -0,56 +1,58 +1,22 -2,52

17.30.32 17.30.36 15.14.39 17.30.34 17.30.50

6,27 1,281 10,60 1,90 0,385 0,975 0,185 0,7845 16,93 15,17 3,1325 3,42 0,639 0,1112 58,45 1,476 38,32 12,21 5,425 8,275 107,55 0,6305 2,1625 2,38

-0,79 -1,00 +0,00 -0,52 +0,00 +0,78 +0,22 +1,69 +0,71 -1,17 -0,79 +1,33 +1,59 -0,63 -0,98 +0,00 -0,05 -0,65 -0,18 +2,92 -0,12 +1,69 +5,62 +1,71

17.30.30 17.22.54 17.12.33 16.45.09 17.30.38 17.30.56 17.30.38 17.30.13 16.58.49 17.30.40 17.30.45 17.30.48 17.30.05 17.30.07 17.30.43 16.33.39 17.14.01 17.30.03 17.15.41 17.30.43 17.15.00 17.30.54 17.30.41 17.30.02

0,569 0,3715 3,86 Sosp. 1,374 4,36

+1,43 17.30.19 0,554 0,576 0,5625 +2,06 17.30.38 0,3615 0,3725 0,3625 +0,33 17.30.59 3,8125 3,925 +1,40 17.20.08 +2,35 17.30.21

1,991 2,025 4,75 4,85 52,05 52,74 1,467 1,499 0,645 0,6845 6,265 1,281 10,60 1,90 0,385 0,965 0,1825 0,7685 16,81 15,13 3,125 3,36 0,6185 0,1112 58,02 1,476 38,25 11,71 5,28 8,05 107,27 0,6105 2,0525 2,30

1,35 4,22

6,41 1,297 10,60 1,95 0,385 0,9825 0,1862 0,788 16,95 15,40 3,1675 3,42 0,639 0,1134 60,70 1,476 38,78 12,38 5,43 8,355 107,81 0,6385 2,175 2,39

2,02 1,481 0,675 6,35

0,9675 0,1862 0,7705 15,36 3,1675 0,63 0,1122 59,63 12,24 8,055 107,40 0,6305 2,055 2,30

1,374 4,39

4,22

Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Warr Unipol 2013 Warr Unipol Prv 2013 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

3,625

Ora

Min

-0,62 17.30.13 3,5975

Max

Apertura

3,77 3,6475

0,0581 0,0175 3,04 0,048 0,3145 0,0801 0,0899

+0,35 -18,60 +3,05 +4,80 -0,63 -2,44 -14,71

17.01.42 17.22.34 17.18.14 16.39.08 17.18.40 17.19.11 17.30.16

0,0577 0,0583 0,0165 0,023 0,0183 2,7725 3,09 3,04 0,0462 0,0486 0,311 0,318 0,312 0,0781 0,083 0,085 0,0899 0,085

0,679 0,0072 0,029 0,0104 0,0111 0,0309 0,0155 0,9795

+2,88 -12,19 +0,00 -7,14 -0,89 +3,00 -7,19 +0,36

17.30.40 17.30.12 12.52.44 12.22.34 16.26.51 17.18.03 11.34.56 17.18.36

0,648 0,0072 0,029 0,0104 0,0107 0,03 0,015 0,974

1,902 0,0789 0,0185 Sosp. 0,0027 0,0151 0,0219 0,0189 6,21 0,0873 4,10

+2,81 17.30.30 1,902 1,97 1,97 +2,47 17.30.59 0,0735 0,0789 +2,78 16.43.54 0,0185 0,02 0,0185 +0,00 +2,72 +9,50 +7,39 -1,58 +0,35 -1,09

17.07.52 17.21.26 17.30.27 17.30.33 17.30.47 17.30.04 17.30.36

0,0026 0,014 0,02 0,0173 6,20 0,085 4,10

0,69 0,68 0,0076 0,0073 0,0295 0,0104 0,0104 0,013 0,0111 0,0317 0,0155 0,015 0,995 0,974

0,0028 0,0168 0,0225 0,019 6,43 0,0893 4,17

0,0026 0,0159 0,0204 0,0173 6,30 0,0873

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia A Bpvi Azionario Italia B Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Imi-Italy Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Nextam P. Az. Italia Norvega Az. Italia A Norvega Az. Italia B Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni Qeuro Bancoposta Azionario Euro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa Amundi Europe Equity

-0,30 -0,35 -0,17 -0,29 -0,29 -0,27 -0,23 -0,21 -0,21 -0,02 -0,30 -0,30 -0,24 -0,23 +0,44 +0,51 -0,27 -0,18 -0,24 -0,17 -0,37 -0,12 -0,36 -0,35 -0,23 -0,23 -0,18 -0,33 -0,31 -0,21 -0,41 +0,47 -0,17 -0,20 -0,22 -0,22 -0,23 -0,23 -0,23 -0,24 +0,00 -0,20 -0,23 -0,27 -0,16 -0,25 -0,02 -0,02

+0,40 +0,13 +0,34 +0,20 +0,02 +0,18 +0,22 +0,25 +0,18 -0,07 -0,02 +0,28 +0,27 +0,13 +0,31 +0,17 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06

-0,36 +0,62 +0,62 +1,05 +0,97

14,843 5,471 4,047 19,653 19,321 18,964 6,591 6,736 16,729 5,053 4,582 4,59 5,062 5,149 3,621 3,324 16,036 4,461 11,446 18,939 17,925 14,918 10,661 10,771 12,089 12,433 9,86 21,22 8,316 14,891 8,404 4,506 6,007 6,059 5,343 5,374 12,541 13,021 13,416 16,378 5,00 3,506 10,243 5,605 5,46 4,752 8,859 8,729 4,492 3,996 13,918 12,207 4,322 4,383 24,74 13,013 4,336 5,477 5,191 6,085 6,288 5,378 4,883 5,441 7,055 7,055 4,672 4,648

5,329 16,193 15,989 6,938 4,168

VARIAZ. QUOT.

+0,33 Anima Europa +0,49 Arca Azioni Europa Bim Azionario Europa +0,08 Bnl Azioni Europa Crescita +0,59 Bnl Azioni Europa Dividendo +0,51 Bpvi Azionario Europa A +0,13 Bpvi Azionario Europa B +0,16 Carige Azionario Europa A +0,17 Carige Azionario Europa B +0,18 +0,19 Carismi Dynamic Europe A +0,43 Carismi Dynamic Europe B +0,61 Consultinvest Azione Epsilon Qvalue +0,29 Eurizon Az. Europa Multimanager +0,58 Eurizon Az. Pmi Europa +1,11 Eurizon Focus Az. Europa +0,62 +0,47 Euromobiliare Europe Eq. Europa +0,37 Fideuram Master Sel.Equity Europe +0,74 +0,46 Fondaco Eu Sri Equity Beta +0,51 Fondersel Europa Fonditalia Eq. Europe R +0,31 +0,31 Fonditalia Eq. Europe T Gestielle Europa A +0,43 Gestielle Europa B +0,43 +0,48 Gestnord Azioni Europa Imieurope +0,53 Iniziativa Europa +0,53 Interfund Eq. Europe +0,84 +0,27 Investitori Europa +0,00 Laurin Eurostock Mc G.Fdf Europa A +0,46 +0,48 Mc G.Fdf Europa B Mediolanum Amerigo Vespucci +0,98 Mediolanum Europa 2000 +0,99 +0,12 Nextam P. Az. Europa Norvega Az. Europa A +0,04 Norvega Az. Europa B +0,07 +0,49 Optima Azionario Europa +0,25 Pioneer Azionario Europa A Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A +0,32 Prima Geo Europa A +0,40 +0,92 Prima Geo Europa Pmi A Prima Geo Europa Pmi Y +0,93 Prima Geo Europa Y +0,39 Ras Lux Equity Europe +0,31 Sai Europa +0,14 Sofid Sim Blue Chips 28/04/08+1,56 +0,19 Soprarno Azioni Euro 50 +0,71 Symphonia Europa Synergia Az. Europa +0,10 Talento Comp. Europa +1,05 +0,82 Ubi Pramerica Azioni Europa +0,64 Unibanca Azionario Europa AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Az. Energia E Materie Prime +1,09 AZ. SALUTE -0,10 Eurizon Az. Salute E Ambiente AZ. FINANZA Eurizon Az. Finanza +1,08 Fonditalia Euro Financials R +0,09 +0,09 Fonditalia Euro Financials T AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecnologie Avanzate +1,12 AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali +0,86 +0,21 Ducato Immobiliare A Ducato Immobiliare Y +0,22 Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources +1,81 Fonditalia Euro Cyclicals R +0,89 Fonditalia Euro Cyclicals T +0,89 Fonditalia Euro Defensive R -0,27 Fonditalia Euro Defensive T -0,26 -0,11 Fonditalia Euro T.M.T. R Fonditalia Euro Tmt T -0,09 +0,40 Fonditalia Flex. Emerging Mkts R

3,918 9,183 9,328 11,954 2,744 3,786 3,792 5,31 5,562 4,189 3,96 8,536 5,232 5,534 8,118 8,053 13,399 12,643 8,73 85,882 12,905 8,866 8,957 6,809 6,99 8,218 18,16 6,699 5,854 4,891 3,626 6,279 3,554 5,854 15,001 4,842 4,495 4,564 2,857 14,214 6,608 10,652 19,745 20,398 11,015 39,128 9,963 6,427 3,77 5,356 5,871 118,034 5,662 5,945 8,847

14,319

17,462 5,541 5,587 3,956

5,759 8,432 8,662 10,578 11,074 11,205 10,90 11,029 5,43 5,479 2,489

VARIAZ. QUOT.

Interfund Int.Sec.New Economy Norvega Mobiliare Re A Norvega Mobiliare Re B Optima Tecnologia AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Primaclasse Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Imindustria Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 B Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Primaclasse Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Bilanciato Internazionale Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Norvega Sintesi Dinamico Prima Forza 4 A Prima Forza 4 B Prima Forza 4 Y Sai Bilanciato Sai Multi Fund Linea Dinamica Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20 Amundi Qbalanced

VARIAZ. QUOT.

+1,25 33,339 Arca Te - Titoli Esteri +0,24 4,176 Arcacinquestelle Comp.A/B 25 +0,24 4,176 Aureo Primaclasse Valore +1,15 2,734 Azimut Scudo Bancoposta Investimento Protetto 90 +0,14 2,849 Bnl Protezione +0,14 2,917 Bpvi Obiettivo Incremento A +1,11 5,642 Capitale Pià Comparto Bilanciato 30 +0,10 5,101 Carige Bilanciato 30 -1,77 8,196 Carismi Dynamic Mix 15 Carismi Dynamic Mix 30 +1,04 3,707 Euromobiliare Moderato +0,23 3,907 Fonditalia Core 1 R +0,23 3,961 Fonditalia Core 1 T +0,30 32,657 Gestielle Global Asset 1 +0,69 9,968 Managers & Co. Comparto 30 +0,69 10,076 Mediolanum Elite 30 L +0,25 4,386 Mediolanum Elite 30 S +0,25 4,442 Mix +0,50 12,266 Norvega Sintesi Audace +0,98 4,521 Prima Forza 3 A +0,76 3,849 Prima Forza 3 B +0,76 3,852 Prima Forza 3 Y +0,77 3,924 Symphonia Adagio +0,57 5,16 Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia +1,07 5,121 Synergia Bilanciato 30 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. -0,03 17,594 Ubi Pra. Portafoglio Moderato +0,81 4,841 Ubi Pramerica Privilege 1 +0,40 16,248 Ubi Pramerica Privilege 2 +0,19 30,664 Visconteo +0,53 4,568 OB. EURO GOVERNATIVI BT +0,81 3,96 Allianz Monetario +0,05 23,036 Alto Monetario -0,03 6,003 Amundi Breve Termine +0,04 21,91 Arca Mm - Monetario +0,07 5,787 Bancoposta Monetario +0,07 5,91 Bg Focus Monetario +0,68 5,148 Bim Obb.Breve Termine +0,16 4,273 Bnl Obbligazioni Euro Bt +0,16 4,329 Bpvi Breve Termine A +0,03 6,092 Bpvi Breve Termine B +0,43 35,386 Carige Monetario Euro A +0,61 6,075 Carige Monetario Euro B +0,86 23,689 Cividale Forum Iulii Prudenza A +0,25 26,924 Cividale Forum Iulii Prudenza B +0,71 12,274 Consultinvest Breve Termine +0,81 45,724 Cr Cento Monetario Plus +0,54 10,019 Cs Monetario Italia B +0,55 10,11 Cs Monetario Italia I +0,60 12,314 Ducato Fix Euro Bt A +0,19 14,527 Ducato Fix Euro Bt Y +0,24 30,128 Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine +0,56 12,477 Euromobiliare Prudente +0,52 5,059 Fideuram Security +0,30 6,101 Fondersel Reddito +0,22 4,523 Fonditalia Euro Bond Sh.Term R +0,31 5,199 Fonditalia Euro Bond Sh.Term T +0,30 9,937 Fonditalia Euro Currency R +0,17 6,045 Fonditalia Euro Currency T +0,00 5,717 Gestielle Bt Cedola +0,54 4,288 Gestielle Bt Cedola B +0,54 4,289 Gestielle Bt Euro A +0,53 4,369 Gestielle Bt Euro B +0,14 3,66 Imi 2000 +0,32 4,369 Interfund Euro Currency +0,41 5,644 Intra Obb. Euro Bt +0,04 5,122 Laurin Money +0,20 5,622 Leonardo Monetario +0,40 5,536 Mediolanum Risparmio Corrente +0,80 5,421 Mediolanum Risparmio Dinamico +0,47 6,787 Monetario Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine -0,04 9,36 Norvega Obb. Euro Breve Termine A +0,29 5,88 Norvega Obb. Euro Breve Termine B +0,04 8,495 Optima Reddito B.T.

+0,45 +0,33 +0,47 +0,09 -0,02 +0,06 +0,02 +0,02 +0,08 +0,08 +0,15 +0,08 +0,31 +0,31 -0,12 +0,28 -0,13 -0,16 -0,02 -0,09 +0,26 +0,26 +0,28 +0,15 -0,19 +0,09 +0,05 +0,20 +0,32 +0,58 +0,02

-0,02 -0,01 -0,07 -0,03 +0,00 -0,02 -0,05 -0,07 +0,00 +0,00 -0,07 -0,07 -0,04 -0,02 +0,02 -0,02 +0,00 +0,00 -0,05 -0,05 +0,01 -0,01 -0,04 -0,01 -0,05 -0,05 -0,01 +0,00 +0,03 +0,03 +0,04 +0,05 +0,00 -0,01 -0,04 +0,00 -0,03 -0,05 -0,04 -0,04 +0,00 -0,03 -0,03 -0,03

16,319 5,454 4,964 7,625 5,436 22,506 5,018 5,03 5,161 3,976 3,98 6,55 10,363 10,447 8,83 5,369 5,242 10,061 5,647 5,589 4,937 4,937 5,022 5,915 5,316 5,449 5,827 5,934 5,585 5,561 34,647

15,851 7,054 7,438 14,724 6,189 16,353 6,542 7,519 6,277 6,28 11,661 11,448 5,471 5,53 4,975 5,765 7,769 7,827 6,285 6,327 15,176 8,474 9,532 14,083 7,954 7,998 7,853 7,89 6,356 6,359 7,507 7,562 16,833 6,678 5,644 6,904 6,045 13,841 5,443 12,099 8,955 5,828 5,876 6,658

VARIAZ. QUOT.

-0,04 Optima Riserva Euro -0,01 Passadore Monetario Pioneer Monetario Euro A -0,01 Prima Fix Obbligazionario Bt A -0,01 Prima Fix Obbligazionario Bt Y -0,01 Soprarno Pronti Termine -0,02 Synergia Obb Euro B.T. -0,04 Teodorico Monetario +0,00 Tesoreria Fondo Per Le Imprese -0,03 +0,00 Ubi Pramerica Euro B.T. +0,00 Unibanca Monetario -0,02 Valori Responsabili Monetario Zenit Monetario I -0,03 Zenit Monetario R -0,04 OB. EURO GOVERNATIVI ML Allianz Reddito Euro L -0,07 -0,07 Allianz Reddito Euro T Anfiteatro Bond Corporate +0,00 Anima Obb. Euro +0,03 -0,02 Arca Rr -0,07 Azimut Reddito Euro Bancoposta Obbligazionario Euro -0,03 -0,10 Bim Obb. Euro Bnl Obbligazioni Euro M/Lt -0,12 Bpvi Obblig. Euro Medio Termine A -0,06 -0,06 Bpvi Obblig. Euro Medio Termine B Bpvi Obiettivo Reddito A -0,04 Bpvi Obiettivo Reddito B -0,02 Capitale Pià Comparto Obbligazionario -0,04 -0,09 Carige Obbligazionario Euro A -0,09 Carige Obbligazionario Euro B Carige Obbligazionario Euro L.Termine A -0,14 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B -0,15 Carismi Bond Euro A -0,14 Carismi Bond Euro B -0,13 -0,13 Ducato Fix Euro Mt A Ducato Fix Euro Mt Y -0,14 Epsilon Qincome +0,08 +0,01 Eurizon Focus Obb. Euro -0,06 Euromobiliare Reddito -0,14 Europe Bond Fondaco Euro Gov. Beta -0,03 -0,09 Fondersel Euro Fonditalia Euro Bond Long Term R +0,01 Fonditalia Euro Bond Long Term T +0,01 Fonditalia Euro Bond Medium Term R -0,08 Fonditalia Euro Bond Medium Term T -0,09 Gestielle Lt Euro A +0,09 +0,09 Gestielle Lt Euro B +0,02 Gestielle Mt Euro A Gestielle Mt Euro B +0,03 Imirend +0,02 +0,02 Interfund Euro Bond Long Term -0,10 Interfund Euro Bond Medium Term Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 -0,03 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 -0,09 Intra Obb. Euro -0,12 +0,00 Italfortune Euro Bonds -0,05 Leonardo Obbligazionario Mediolanum Euromoney -0,12 Mediolanum Italmoney -0,08 Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine -0,04 Norvega Obb. Euro A -0,11 Norvega Obb. Euro B -0,09 -0,01 Optima Obbligazionario Euro Prima Fix Obbligazionario Mlt A -0,05 -0,05 Prima Fix Obbligazionario Mlt Y Ras Lux Bond Europe +0,03 -0,02 Sai Eurobbligazionario Synergia Obb Euro M.T. -0,13 Ubi Pra. Euro M/L Termine -0,01 Unibanca Obbligazionario Euro +0,02 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A -0,10 -0,10 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B OB. EURO CORPORATE INV. GRADE +0,02 Amundi Corporate 3 Anni

5,278 7,107 13,202 10,138 10,161 5,124 5,063 7,446 6,881 6,734 5,717 5,869 7,528 7,481

32,891 32,213 4,972 7,082 8,977 15,616 6,893 6,941 6,916 6,71 6,715 5,703 5,709 5,47 10,899 11,05 5,707 5,825 5,527 5,584 7,594 7,676 7,434 13,982 15,48 7,613 121,207 8,072 7,399 7,463 11,011 11,087 8,146 8,237 15,002 15,156 9,332 8,392 8,301 6,981 11,661 6,041 8,42 7,56 6,411 6,561 17,259 6,578 6,663 6,941 5,773 5,792 58,318 12,822 5,214 6,963 5,815 6,252 6,252 101,191

VARIAZ. QUOT.

+0,08 5,018 Amundi Corporate Giugno 2012 -0,06 7,076 Arca Bond Corporate Carige Corporate Euro A -0,09 6,584 Carige Corporate Euro B -0,09 6,669 Corporate Bond +0,03 7,371 Ducato Etico Fix Y -0,08 5,313 Ducato Etico Fix A -0,06 5,26 Eurizon Focus Obb. Euro Corporate +0,00 5,628 Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine+0,05 7,479 +0,00 8,801 Euromobiliare Euro Corporate Bt -0,01 8,45 Fonditalia Euro Corporate Bond R -0,02 8,501 Fonditalia Euro Corporate Bond T Interfund Euro Corporate Bond -0,02 5,031 Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate -0,05 7,636 Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A -0,06 4,809 Prima Fix Imprese A -0,06 6,53 -0,06 6,62 Prima Fix Imprese Y Sai Obbligazionario Corporate -0,03 6,615 Synergia Obb Corporate -0,07 5,41 +0,00 7,815 Ubi Pramerica Euro Corporate OB. EURO HIGH YIELD Eurizon Focus Obb. Euro High Yield +0,15 7,226 +0,13 14,041 Fonditalia Bond Euro High Yield R Fonditalia Bond Euro High Yield T +0,13 14,109 Interfund Bond Euro High Yield +0,12 7,70 +0,20 7,883 Prima Fix High Yield A Prima Fix High Yield Y +0,20 8,046 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari +0,38 9,339 +0,32 6,182 Azimut Reddito Usa +0,36 6,479 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt Ducato Fix Dollaro A +0,29 7,016 +0,28 7,085 Ducato Fix Dollaro Y Fonditalia Bond Usa R +0,34 8,843 Fonditalia Bond Usa T +0,34 8,916 +0,24 9,624 Gestielle Bond Dollars A Gestielle Bond Dollars B +0,24 9,768 Interfund Bond Usa +0,34 7,694 +0,39 14,849 Nordfondo Obbligazioni Dollari OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI +0,41 16,585 Allianz Reddito Globale L Allianz Reddito Globale T +0,41 16,259 -0,14 7,176 Alpi Obbligazionario Internazionale Alto Internazionale Obb. +0,26 6,558 Arca Bond - Obbligazioni Estere +0,32 12,995 Aureo Obbligazioni Globale -0,12 8,093 Bim Obb. Globale -0,23 6,009 Bpvi Obblig. Internazionale A -0,39 6,062 -0,38 6,067 Bpvi Obblig. Internazionale B Carige Obbligazionario Internazionale A -0,44 6,129 Carige Obbligazionario Internazionale B -0,45 6,256 Carismi Bond Internaz. A -0,15 5,853 -0,23 5,694 Carismi Bond Internaz. B +0,00 8,147 Ducato Fix Globale A Ducato Fix Globale Y +0,01 8,218 Eurizon Obb. Internazionali +0,26 8,786 Fondersel Internazionale +0,01 14,715 +0,32 6,644 Gestielle Obbligazionario Intern. A +0,33 6,755 Gestielle Obbligazionario Intern. B Imibond +0,26 16,662 Mc G.Fdf Global Bond A -0,02 5,338 -0,02 5,281 Mc G.Fdf Global Bond B Ml Master Series Bonds +0,00 5,338 Norvega Obb. Internazionale A -0,38 6,00 -0,38 6,076 Norvega Obb. Internazionale B Optima Obb. Euro Global -0,09 6,953 +0,26 10,063 Pianeta Prima Fix Obbligazionario Globale A +0,12 9,318 +0,12 9,355 Prima Fix Obbligazionario Globale Y Prima Forza 1 A -0,02 5,105 Prima Forza 1 B -0,02 5,107 Prima Forza 1 Y -0,02 5,144 Sai Obb.Internazionale -0,21 8,188 +0,19 5,952 Ubi Pra. Obbligazioni Globali OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE -0,02 5,602 Anfiteatro Global Bond


il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010 27

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Fonditalia Euro Yield Plus R +0,07 9,402 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate -0,15 6,86 OB. YEN Ducato Fix Yen A -0,04 4,54 Ducato Fix Yen Y -0,04 4,576 Interfund Bond Japan +0,34 6,219 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Amundi Multicorp. Dic. 2012 +0,16 5,032 Amundi Obbligazionario Euro -0,04 5,533 Anima Convertible +0,23 6,129 Azimut Trend Tassi -0,06 8,899 Consultinvest Obbligaz. Medio Termine +0,00 5,123 Consultinvest Obbligazionario +0,02 5,161 Ducato Fix Convertibili A -0,08 8,702 Ducato Fix Convertibili Y -0,07 8,819 Eurizon Focus Obb. Cedola +0,05 6,11 Eurizon Obb. Etico -0,02 5,461 +0,07 9,47 Fonditalia Euro Yield Plus T Fonditalia Inflation Linked R -0,24 13,704 Fonditalia Inflation Linked T -0,23 13,793 Gestielle Obbligazionario Corporate A +0,10 7,133 Gestielle Obbligazionario Corporate B +0,11 7,251 Groupama It. Bond Sel. Fund -0,09 5,812 Interfund Inflation Linked -0,23 13,634 Mediolanum Risparmio Reddito -0,22 11,115 Nordfondo Obbligazioni Convertibili +0,21 5,325 -0,38 5,837 Pioneer Cim Euro Convertible Bonds Pioneer Cim Euro Fixed Income -0,03 16,002 Pioneer Obb. Euro Dis. A -0,08 6,627 Prima Fix Emergenti A +0,13 13,212 Prima Fix Emergenti Y +0,13 13,513 Prima Forza 2 A +0,02 4,639 +0,02 4,641 Prima Forza 2 B Prima Forza 2 Y +0,02 4,691 Ras Lux Short Term $ +0,00 144,639 Ras Lux Short Term Euro -0,01 65,46 Symphonia Comp.Obb. Area Europa -0,06 9,564 Ubi Pra. Obbligazioni Dollari +0,42 5,319 OB. MISTI Alleanza Obbligazionario +0,02 5,408 Alto Obbligazionario +0,05 8,786 Anima Fondimpiego +0,23 19,869 Arca Obbligazioni Europa +0,19 8,389 Azimut Contofondo -0,15 5,208 Azimut Solidity +0,01 7,865 Bancoposta Mix 1 -0,05 5,901 Bim Corporate Mix -0,04 5,509 Bnl Telethon +0,19 5,949 Ca Multimanager Difensiva +0,00 5,00 Capitale Pià Comparto Bilanciato 15 +0,02 5,277 Carige Bilanciato 10 +0,00 5,518 Cividale Forum Iulii Rendita A -0,05 5,456 Cividale Forum Iulii Rendita B -0,07 5,594 Cr Cento Misto Best -0,15 5,844 Eurizon Diversificato Etico +0,20 7,915 Eurizon Rendita +0,07 5,99 Eurizon Soluzione 10 +0,07 6,852 +0,06 4,672 Fucino Challenger Gestielle Etico Per Ail A -0,06 6,299 Gestielle Etico Per Ail B -0,05 6,356 Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica +0,18 5,679 Nextam P. Obbligazionario Misto +0,05 5,996 Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni+0,02 6,593 -0,09 5,568 Norvega Sintesi Moderato Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A +0,13 8,298 Sai Multi Fund Linea Prudente +0,22 4,912 -0,03 17,298 Sai Performance Sforzesco +0,07 10,065 Symphonia Patr.Globale Reddito -0,04 7,045 Synergia Bilanciato 15 +0,00 5,291 Total Return Obbligazionario -0,10 4,165 Ubi Pra. Portafoglio Prudente +0,03 6,118 Valori Responsabili Obbligaz. Misto -0,03 6,149 Zenit Obb. I +0,02 8,165 Zenit Obb. R +0,02 8,108 OB. FLESSIBILI Amundi Soluzioni Tassi +0,08 4,824 -0,04 4,959 Arca Cedola 2015 Alto Potenziale Arca Cedola Bond Globale Euro +0,00 5,005 Arca Cedola Corp. Bond -1,48 5,269 -1,24 5,007 Arca Cedola Corp. Bond Ii Arca Cedola Corporate Bond Iii -0,10 5,004 Arca Cedola Gov. Euro Bond -0,04 5,083 -0,08 4,934 Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii Arca Cedola Gov. Euro Bond Iii -0,04 5,002 Aureo Cash Dynamic +0,00 5,198 -0,01 6,715 Bg Focus Obbligazionario Bnl Target Return Liquidita' +0,00 9,964 Cividale Forum Iulii Strategia A +0,09 5,689 +0,12 5,833 Cividale Forum Iulii Strategia B +0,64 5,701 Consultinvest High Yield Consultinvest Monetario +0,09 5,427 +0,19 7,26 Consultinvest Reddito Ducato Fix Rendita A -0,02 18,313 Ducato Fix Rendita Y -0,01 18,583 -0,03 6,619 Euromobiliare Tr Flex 2 Mediolanum Flessibile Obblig. Globale +0,11 9,938 -0,05 6,534 Premium -0,03 7,759 Risparmio Ritorni Reali +0,10 5,892 -0,04 5,179 Symphonia Bond Flessibile -0,02 5,641 Ubi Pra. Active Duration -0,05 10,541 Ubi Pramerica Total Return Prudente Vegagest Obbligazionario Flessibile +0,02 5,268 Volterra Tr Obblig. +0,06 5,20 LIQUIDITA' AREA EURO +0,02 5,553 Agora Cash -0,02 5,581 Allianz Liquidita' A Allianz Liquidita' At +0,00 5,053 Allianz Liquidita' B +0,00 5,708 Amundi Eonia +0,00 102,145 Amundi Liquidita' -0,02 8,94 Anfiteatro Tesoreria -0,04 5,665 Anima Liquidita' +0,00 6,607 Arca Bt - Breve Termine -0,05 8,72 Arca Bt - Tesoreria -0,03 5,751 Aureo Liquidita' +0,00 5,713 Azimut Garanzia -0,02 12,288 Bnl Cash +0,00 22,12 Bpvi Tesoreria A +0,00 5,64 Bpvi Tesoreria B +0,00 5,642 Carige Liquidita' Euro A -0,02 6,319

VARIAZ. QUOT.

Carige Liquidita' Euro B -0,02 Carismi Liquidita' B -0,02 Epsilon Cash +0,00 Eurizon Focus Tesoreria Euro A +0,00 Eurizon Focus Tesoreria Euro B +0,00 Eurizon Liquidita' A +0,00 Eurizon Liquidita' B +0,00 Euromobiliare Conservativo +0,00 Euromobiliare Contovivo +0,01 Fideuram Moneta +0,00 Fondaco Euro Cash +0,03 Fondo Liquidita' +0,01 Gestielle Cash Euro A +0,01 Gestielle Cash Euro B +0,00 Nextam P. Liquidita' -0,05 Nordfondo Liquidita' +0,00 Norvega Monetario A -0,02 +0,00 Norvega Monetario B Optima Money -0,05 Pensplan Invest Cash Fund +0,07 Pioneer Liquidita' Euro A +0,00 Prima Fix Monetario A -0,01 Prima Fix Monetario I -0,01 Prima Fix Monetario Y -0,01 Sai Liquidita' -0,02 Symphonia Comp.Monetario -0,01 +0,00 Synergia Monetario Synergia Tesoreria +0,00 Ubi Pramerica Euro Cash -0,01 LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro +0,62 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ -0,08 FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso +0,11 8a+ Latemar +0,04 8a+ Monviso +0,24 Abis Flessibile +0,00 Abn Amro Expert A-Rt400 +0,02 -0,01 Agora Flex Agora Selection +0,06 Agora Valore Protetto +0,02 Alarico Re -0,39 Alkimis Capital Ucits +0,49 Allianz F100 L +0,62 Allianz F100 T +0,66 Allianz F15 L +0,00 Allianz F15 T +0,00 Allianz F30 L +0,12 Allianz F30 T +0,10 Allianz F70 L +0,40 Allianz F70 T +0,40 Amundi Absolute -0,10 Amundi Azionario Trend +0,36 Amundi Dynamic Allocation +0,13 Amundi Equipe 1 +0,06 Amundi Equipe 2 +0,08 Amundi Equipe 3 +0,33 +0,51 Amundi Equipe 4 Amundi Eureka Bric Ripresa 2014 -0,52 Amundi Eureka China Double Wine -0,70 Amundi Eureka China Ripresa 2015 -1,08 Amundi Eureka Doppia Opportunità 2014 -0,96 Amundi Eureka Double Call -1,09 -2,38 Amundi Eureka Double Win Amundi Eureka Double Win 2013 -2,45 Amundi Eureka Dragon +0,56 -0,79 Amundi Eureka Oriente 2015 Amundi Eureka Ripresa 2014 -2,27 Amundi Eureka Ripresa Due 2014 -2,65 Amundi Eureka Settori 2016 -0,58 Amundi Eureka Usa 2015 -0,63 Amundi For. Gar. Em Eq. Recall 2013 -0,30 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2013 -0,24 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2014 -0,84 Amundi For.Gar.Eq. Recall Due 2013 -0,20 Amundi Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014-0,46 Amundi Form. Gar. Merc. Emerg. -0,05 -0,02 Amundi Form. Private Div. Opp. Amundi Formula Euro Eq. Option 2013 -1,90 Amundi Formula Euro Eq. Option Due 2013 -1,84 -0,12 Amundi Formula Garantita 2012 Amundi Formula Garantita 2013 -0,14 Amundi Formula Garantita Due - 2013 -0,12 Amundi Formula Garantita High Diver. 2014-0,26 Amundi Piu +0,05 Amundi Premium Power +0,16 -0,10 Amundi Private Alpha Amundi Qreturn +0,45 Amundi Soluzione Azioni +0,42 +0,12 Amundi Strategia 95 -0,04 Anfiteatro Bond Plus Anfiteatro Conservative Flex +0,00 -0,07 Anfiteatro Corporate Absolute Return Anfiteatro Corporate Bt +0,08 Anfiteatro Total Return +0,00 +0,59 Anima Fondattivo Aqqua +0,00 +0,10 Arca Capitale Garantito Dic 2013 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 +0,02 Arca Corporate Breve Termine +0,05 -0,04 Arca Rendimento Assoluto T3 +0,68 Arca Rendimento Assoluto T5 +0,00 Aureo Defensive Aureo Finanza Etica +0,05 Aureo Flex Euro -0,25 Aureo Flex Italia -0,50 -0,04 Aureo Flex Opportunity +0,02 Aureo Plus Aureo Primaclasse Flessibile +0,09 Aureo Rendimento Assoluto +0,16 Azimut Strategic Trend +0,10 Azimut Trend +0,37 Azimut Trend America +0,24 Azimut Trend Europa +0,76 Azimut Trend Italia -0,38 Azimut Trend Pacifico +1,56 Bancoposta Centopiu' +0,00 Bancoposta Centopiu' 2007 +0,02 Bancoposta Extra -0,02 Bancoposta Step +0,00 Bancoposta Trend -0,04 Bg Focus Azionario +0,30

6,381 5,297 6,279 7,652 7,696 7,273 7,451 11,078 11,84 14,607 116,332 7,577 7,038 7,075 5,774 6,18 5,858 5,902 6,13 5,93 5,065 8,496 8,595 8,583 11,457 7,43 5,011 5,042 7,27 12,906 16,543

5,242 5,11 5,087 5,705 4,655 6,795 4,845 6,342 4,365 4,902 4,046 3,972 5,394 5,315 5,202 5,124 27,253 26,697 5,196 94,509 5,23 5,241 5,173 5,14 4,774 5,181 5,514 4,928 4,968 5,364 5,456 4,768 6,246 4,867 5,077 4,81 4,82 4,703 4,985 4,917 5,182 4,916 4,998 5,717 4,988 4,382 4,426 5,075 4,957 4,946 4,923 5,602 5,084 4,759 5,408 4,562 4,916 7,40 5,023 5,615 5,15 3,327 13,582 4,825 5,19 4,997 5,507 5,104 4,899 5,071 6,094 9,527 16,674 4,846 5,916 5,385 5,54 5,062 18,818 8,91 11,816 14,464 6,327 5,289 5,26 5,281 4,992 4,967 22,118

VARIAZ. QUOT.

Bim Flessibile +0,00 Bnl Target Return Conservativo +0,06 Bnl Target Return Dinamico +0,27 Bnpp 100% E Pià Grande Asia +0,15 Bnpp 100% E Pià Grande Europa -0,02 Bnpp Equipe Attacco +0,24 Bnpp Equipe Centrocampo +0,12 Bnpp Equipe Difesa +0,00 Bpvi Obiettivo Rendimento A -0,04 Bpvi Obiettivo Rendimento B -0,04 Carige Flessibile -0,08 Carige Flessibile B -0,06 Carige Flessibile Piu' A -0,07 Carige Flessibile Piu' B -0,07 Carismi Absolute Perf. A -0,02 Carismi Absolute Perf. B -0,02 Carismi Pratico A +0,00 +0,00 Carismi Pratico B Consultinvest Alto Dividendo +0,97 Consultinvest Mercati Emerg. +0,67 Consultinvest Multi Flex +0,48 Consultinvest Plus +0,04 Cr Cento Premium +0,00 Ducato Etico Flex Civita A -0,07 Ducato Etico Flex Civita Y -0,05 Ducato Multimanager Cash Premium A +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus A+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y+0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Y +0,00 Edr Multigestion Trend Global +0,43 Epsilon Qreturn +0,44 Eurizon Focus Capital. Protetto 12/2014 +0,10 -0,04 Eurizon Focus Garantito 03/13 Eurizon Focus Garantito 06/12 -0,02 Eurizon Focus Garantito 09/12 -0,04 Eurizon Focus Garantito 12/12 -0,04 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 -0,02 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 +0,02 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 +0,04 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 +0,00 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 -0,04 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 +0,08 Eurizon Focus Profilo Dinamico +0,46 Eurizon Focus Profilo Moderato +0,19 Eurizon Focus Profilo Prudente +0,06 Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni +0,11 Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni +0,04 Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni +0,00 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 Eurizon Team 1 A +0,05 Eurizon Team 1 G +0,05 Eurizon Team 2 A +0,18 Eurizon Team 2 G +0,18 Eurizon Team 3 A +0,28 Eurizon Team 3 G +0,29 Eurizon Team 4 A +0,48 Eurizon Team 4 G +0,45 +0,63 Eurizon Team 5 A Eurizon Team 5 G +0,65 Euromobiliare Real Assets +0,10 Euromobiliare Strategic +0,03 Euromobiliare Strategic Flex +0,19 Euromobiliare Tr Flex 3 +0,15 +0,01 Euromobiliare Tr Flex 4 Federico Re +0,04 Fideuram Master Sel.Absolute Return +0,28 +0,50 Flessibile Fondaco Global Opportunities +0,00 Fondersel Duemila +0,00 Fonditalia Flex. Emerging Mkts T +0,40 Fonditalia Flexible Dynamic R +0,79 Fonditalia Flexible Dynamic T +0,79 Fonditalia Flexible Income R +0,00 Fonditalia Flexible Income T +0,01 Fonditalia Flexible Multimanager R +0,33 Fonditalia Flexible Multimanager T +0,33 Fonditalia Flexible Opportunity R +0,04 +0,04 Fonditalia Flexible Opportunity T Fonditalia New Flexible Growth R +0,07 Fonditalia New Flexible Growth R +0,02 +0,06 Fonditalia New Flexible Growth T Fonditalia New Flexible Growth T +0,02 Formula 1 Alpha Plus 20 -0,03 +0,00 Formula 1 Conservative Formula 1 High Risk +0,04 Formula 1 Low Risk +0,02 +0,11 Formula 1 Risk Gestielle Brasile +0,14 Gestielle Global Asset Plus +0,00 +0,15 Gestielle Harmonia Dinamico +0,06 Gestielle Harmonia Moderato Gestielle Harmonia Vivace +0,26 +0,09 Gestielle Total Return Gestielle Total Return Obiettivo Piu' +0,00 Gestielle Tr Obiettivo Cedola +0,10 +0,25 Gestnord Asset Allocation Igm Flessibile A +0,12 +0,12 Igm Flessibile B +0,03 Interfund System 100 Interfund System 40 +0,00 +0,07 Interfund System Evolution +0,07 Interfund System Flex -0,12 Intra Assoluto Intra Flessibile +0,18 Investitori Flessibile -0,11 Kairos Partners Fund +0,20 +0,00 Kairos Partners Income -0,12 Kairos Partners Small Cap Leonardo Trend +0,05 Macro F.0. +0,25 Mc G.Fdf Flx Low A +0,25 Mc G.Fdf Flx Low B +0,23 Mc G.Fdf Flx.High B +0,22 Mc G.Fdf Flx.Med. A +0,25 Mc G.Fdf Flx.Med. B +0,27 Mediolanum Flessibile Globale +0,86 Mediolanum Flessibile Italia -0,16 Mediolanum Flessibile Strategico -0,10 Nextam P. Flessibile -0,02 Nordest Sicav +1,80 Norvega Flessibile A -0,26 Norvega Flessibile B -0,31

3,796 5,057 12,462 5,404 5,093 4,562 4,835 5,416 5,273 5,285 5,21 5,229 4,504 4,567 4,819 4,897 6,075 6,122 3,218 5,075 4,821 5,184 3,805 4,233 4,323 4,733 4,176 4,25 4,793 4,955 6,135 5,051 5,168 5,135 5,115 5,129 5,287 5,165 5,243 5,129 4,967 5,213 5,243 5,318 5,448 5,458 5,223 4,855 8,061 5,98 5,98 5,667 5,661 4,738 4,761 3,978 4,00 3,827 3,85 4,169 3,206 13,369 4,568 6,877 5,197 9,063 2,813 97,255 92,947 2,515 6,009 6,028 8,461 8,504 9,33 9,396 7,74 7,788 8,662 8,659 8,742 8,739 6,374 6,418 6,703 6,632 6,441 5,029 5,306 5,336 5,294 5,374 13,889 5,009 4,916 4,719 4,02 4,063 9,494 11,154 10,063 10,22 5,911 6,207 6,158 5,605 6,689 9,127 6,013 3,954 5,244 5,234 3,69 5,673 3,753 14,006 15,79 6,301 4,712 3,95 7,332 7,365

VARIAZ. QUOT.

Norvega Mb Absolut -0,07 3,014 Norvega Mb Strategic -0,07 2,97 Norvega Rendimento A -0,02 5,347 Norvega Rendimento B -0,06 5,373 Ob. Rendimento -0,02 5,812 Open Fund Ritorno Assoluto Var2 +0,43 4,473 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 +0,63 3,70 Paritalia Orchestra C +0,00 71,938 Pioneer Target Controllo A -0,02 5,36 Pioneer Target Equilibrio A +0,06 5,349 Pioneer Target Sviluppo A +0,12 22,397 Prima Strategia A-Rt 100 A -0,02 5,131 Prima Strategia A-Rt 100 Y +0,00 5,149 Prima Strategia A-Rt 200 A +0,00 4,896 Prima Strategia A-Rt 200 Y -0,02 4,914 Prima Strategia A-Rt 50 A -0,11 16,297 Prima Strategia A-Rt 50 Y -0,11 16,336 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A +0,05 2,22 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y +0,04 2,241 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A+0,09 13,917 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y+0,09 13,918 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A -0,02 4,606 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y -0,02 4,659 Profilo Best Funds +0,02 5,862 Profilo Elite Flessibile +0,05 5,564 Sofia Flex +0,14 0,709 +0,17 5,17 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B -0,08 5,092 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A +0,10 5,196 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B +0,10 5,22 Soprarno Global Macro A +0,33 4,938 Soprarno Global Macro B +0,34 4,994 -0,05 5,453 Soprarno Inflazione +1,5% A Soprarno Inflazione +1,5% B -0,07 5,483 Soprarno Relative Value A -0,44 5,371 Soprarno Relative Value B -0,42 5,43 Symphonia Asia Flessibile +0,42 5,993 Symphonia Comp.Fortissimo +0,23 2,566 -0,23 4,859 Symphonia Italia Flessibile Synergia Total Return -0,02 5,212 Total Return -0,10 2,089 Ubi Pra. Active Beta +0,08 4,712 Ubi Pra. Alpha Equity +0,06 5,131 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A -0,06 5,118 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B -0,04 5,138 Ubi Pra. Total Return Dinamico +0,04 4,966 Unibanca Plus +0,10 5,238 Volterra Dinamico +0,19 5,322 Volterra Tr Glob. +0,07 5,34 Zenit Absolute Return I +0,04 5,676 Zenit Absolute Return R +0,04 5,588 Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 1,245 Zenit Zero 100 +0,09 4,397 ASSICURATIVI Antonveneta Vita Antonveneta Vita Armonico -1,14 11,061 Antonveneta Vita Armonico 2007 -1,05 9,549 -1,64 11,79 Antonveneta Vita Attivo Antonveneta Vita Attivo 2007 -1,59 9,099 Antonveneta Vita Azionario -2,60 13,784 Antonveneta Vita Azionario Globale -1,34 8,168 Antonveneta Vita Azionario Specializzato -2,18 9,382 Antonveneta Vita Bilanciato Euro -1,02 11,169 -1,00 10,812 Antonveneta Vita Bilanciato Globale Antonveneta Vita Dinamico -1,36 13,091 Antonveneta Vita Equilibrato +0,01 14,526 +0,11 11,419 Antonveneta Vita Euromoneta Antonveneta Vita Monetario +0,14 11,828 Antonveneta Vita Obbligazionario +0,25 11,784 Antonveneta Vita Obbligazionario Euro +0,23 13,295 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto -0,41 12,347 Antonveneta Vita Protetto +0,26 12,47 Antonveneta Vita Protetto 2007 +0,29 10,551 Antonveneta Vita Sicuro +0,27 12,803 Antonveneta Vita Trend -2,19 11,67 Antonveneta Vita Trend Dinamico -1,37 8,286 Antonveneta Vita Trend Equilibrato +0,00 9,99 -2,18 7,214 Antonveneta Vita Trend Plus Antonveneta Vita Trend Protetto -0,02 10,453 AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. -1,95 10,61 Aurora New Balanced Aurora New Bond -0,94 10,535 Aurora New Share -2,73 11,099 +0,08 10,536 Aurora Unietic Aurora Unit Balanced +1,12 10,539 Aurora Unit Bond -0,88 9,098 +2,56 9,332 Aurora Unit Share Aurora Winvest Bilanciata -1,15 11,346 Aurora Winvest Dinamica -1,79 9,947 -0,47 12,389 Aurora Winvest Prudente AXA MPS FINANCIAL Axa Mps Aggressivo +0,62 9,638 +0,18 8,999 Axa Mps Carattere Forte Axa Mps Fin. Az. Europa +0,42 8,15 Axa Mps Fin. Az. Giappone -0,07 7,205 -0,08 15,86 Axa Mps Fin. Az. Pacifico Axa Mps Fin. Az. Sector +0,41 6,603 +2,10 10,841 Axa Mps Fin. Az. Top Ten -0,01 10,754 Axa Mps Fin. Carattere Attento Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato +0,07 10,40 +0,07 10,755 Axa Mps Fin. Carattere Sereno +0,07 11,785 Axa Mps Fin. Conservativo +0,18 10,168 Axa Mps Fin. Dinamico Axa Mps Fin. Dinamico A +1,30 11,454 Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A +1,46 21,833 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente -0,89 10,998 -0,33 9,112 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo +0,04 11,254 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 +0,03 10,809 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double -0,01 11,878 Axa Mps Fin. Mplife 100/1 +0,00 10,003 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 -0,01 9,957 Axa Mps Fin. Mplife 90/1 +0,00 9,565 Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' -0,10 9,975 Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa -0,08 11,938 Axa Mps Fin. Secure A +0,21 12,991 Axa Mps Fin. Usa Equity A +1,83 5,554 BCC VITA Bcc Vita Equity America -3,58 4,528 Bcc Vita Equity Asia -3,67 5,07 Bcc Vita Equity Europa -1,59 4,46 Bcc Vita World Global Bond -0,22 5,41

VARIAZ. QUOT.

Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 -0,50 5,94 Bpm Az 50 -1,05 5,66 Bpm Az 80 -1,52 5,20 Bpm Az Flex -1,57 4,38 Bpm Financial Audace -1,80 3,81 Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 -0,18 5,51 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 -0,18 5,57 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 +0,00 5,51 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 -0,18 5,51 Bpm Financial Equilibrato -1,52 4,55 Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 +0,00 5,58 Bpm Financial Geographic Areas -2,78 3,15 Bpm Financial Global Bond -0,63 6,32 Bpm Financial Industrial Sector -2,71 3,23 Bpm Financial Prudente -0,95 5,20 Bpm Financial Riserva Euro -0,15 6,51 -2,17 4,50 Bpm Financial Vita Azionario Bpm Financial Vita Bilanciato -1,43 5,53 Bpm Financial Vita Obbligazionario -0,28 7,14 BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 +0,78 10,888 Bnl Vita Capital Unit 60 +1,26 8,667 Bnl Vita Capital Unit 90 +1,99 6,602 Cardif Assicurazioni Spa Cardif Azionario A -1,62 86,135 -1,55 134,725 Cardif Azionario B Cardif Azionario Rimini 2 -1,58 63,297 Cardif Bds Valore Azionario -2,26 96,924 Cardif Bds Valore Bilanciato -0,84 136,368 Cardif Bds Valore Obbligazionario -0,05 179,282 Cardif Bilanciato A -0,89 123,124 -0,80 189,532 Cardif Bilanciato B Cardif Flexible Profilo A -1,59 75,203 Cardif Obbligazionario A +0,07 165,472 Cardif Obbligazionario B -0,20 218,179 Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 +0,09 107,912 Cardif Pargest Globale 60 A -0,69 182,792 -2,27 108,962 Cardif Spazio Effervescente Cardif Spazio Naturale +0,29 173,009 CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G +0,71 5,22 Carige Dinamicamente Protetta +0,00 5,16 Carige Gestilink Arancione Dinamica -1,66 3,684 Carige Gestilink Blu Moderata -1,28 5,228 Carige Gestilink Verde Prudente +0,09 6,703 Carige Protezione Attiva +0,83 104,45 Cattolica Assicurazioni Cattolica Azionario -1,87 4,141 Cattolica Bilanciato -1,54 4,411 Cattolica Bpbari Freeway Country -0,47 3,421 Cattolica Bpbari Freeway Desert -1,00 3,255 Cattolica Bpbari Freeway Jungle +0,35 0,289 Cattolica Cividale Percorso Azionario -3,40 11,268 Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario -0,22 11,348 Cattolica Ferrara Investire Azionario -3,58 3,286 Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario -1,01 5,492 +0,23 5,198 Cattolica Fondo Protetto Cattolica Formula Life Azionaria -1,24 4,46 Cattolica Formula Life Bilanciata -1,03 4,908 Cattolica Fuoriclasse Balanced -1,49 4,553 Cattolica Fuoriclasse Bond -0,81 5,61 Cattolica Fuoriclasse Equity -1,94 3,034 -2,48 1,30 Cattolica Fuoriclasse High Tech Cattolica Nuove Rotte -0,31 5,548 Cattolica Obbligazionario -0,94 4,931 -0,96 4,64 Cattolica Progetto Attivo Bond Cattolica Progetto Attivo Equity -1,94 3,788 Cattolica Progetto Attivo Mix -1,56 4,41 Cattolica Soluzione Dinamica -0,86 5,285 Cattolica Soluzione Prudente -0,62 6,524 Cattolica Soluzione Vivace -1,14 3,651 CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita 6attivo-Orchestra +0,05 71,938 Centrovita 6protetto Regina -0,09 105,47 Centrovita Anni 40 -0,03 149,696 Centrovita Anni 50 -0,26 167,281 -0,98 122,153 Centrovita Anni 60 Centrovita Anni 70 -1,43 121,745 Centrovita Anni 80 -1,74 95,387 -1,45 107,768 Centrovita Azionario Centrovita Azionario Blue -1,45 57,233 Centrovita Azionario Green -1,45 57,422 -1,47 131,392 Centrovita Azionario Plus Centrovita Bilanciato -0,90 149,987 Centrovita Bilanciato Plus -0,89 176,877 +0,00 1.038,80 Centrovita Eag 2005 Centrovita Eag 2006 +0,00 1.049,92 Centrovita Obbligazionario -0,31 194,034 -0,38 127,333 Centrovita Obbligazionario Blue -0,33 215,998 Centrovita Obbligazionario Plus DUOMO PREVIDENZA S.P.A. -2,89 1,979 Duomo Unit Dynamic Unit Moderate -0,51 4,878 GENERTELLIFE S.P.A. -0,45 5,962 Adria Equilibrio Genertellife Aptus 1 -0,29 4,836 -0,41 4,367 Genertellife Aptus 2 -0,47 3,618 Genertellife Aptus 3 Genertellife Bg 2005-2015 +0,60 10,36 +0,46 9,649 Genertellife Bg 2005-2020 +0,40 8,629 Genertellife Bg 2005-2025 -0,22 8,115 Genertellife Bg 2005-2030 Genertellife Bg Azionario 1 +0,14 2,197 Genertellife Bg Azionario 2 +0,12 2,521 Genertellife Bg Bilanciato 1 +0,08 3,898 +0,14 5,081 Genertellife Bg Bilanciato 2 -1,76 8,033 Genertellife Bg Dinamico Genertellife Espansione -0,62 2,744 Genertellife Espansione2000 -0,40 2,767 Genertellife Sviluppo -0,24 4,141 Genertellife Sviluppo2000 -0,13 3,727 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio -0,78 5,836 Genertellife Tirreno Unit Protezione -0,22 5,81 Genertellife Tirreno Unit Sviluppo -1,23 5,047 Genertellife Valore -0,26 6,073 Ina Assitalia Ina Fondo Ina Valore Attivo +0,07 4,138 Ina Fondo Valute Estere -0,59 1,17 Ina Nuovo Fondo Ina -0,04 7,894 Intesavita Spa Intesa Vita Accumulazione -0,66 5,278

VARIAZ. QUOT.

Intesa Vita Azionario America Growth -4,95 8,503 Intesa Vita Azionario America Value -5,17 9,354 Intesa Vita Azionario Cina -3,09 22,043 Intesa Vita Azionario Europa Growth -3,45 10,179 Intesa Vita Azionario Europa Value -2,92 10,633 Intesa Vita Crescita -0,39 6,06 Intesa Vita Dinamica -0,82 4,693 Intesa Vita Eurounit Azionario +1,03 3,126 Intesa Vita Eurounit Dinamico +0,44 5,033 Intesa Vita Eurounit Equilibrato +0,20 5,573 Intesa Vita Eurounit Prudente -0,08 6,406 Intesa Vita Gpa Accordo +0,30 689,29 Intesa Vita Gpa Accordo 2 +0,29 661,85 Intesa Vita Gpa Acuto -1,85 406,79 Intesa Vita Gpa Acuto 2 -1,84 341,59 Intesa Vita Gpa Armonia -0,98 520,62 Intesa Vita Gpa Armonia 2 -0,99 457,73 Intesa Vita Gpa Motivo -0,10 637,13 Intesa Vita Gpa Motivo 2 -0,10 598,23 Intesa Vita Monetario Dollaro -3,00 9,559 Intesa Vita Monetario Euro -0,01 10,836 Intesa Vita Obbligazionario Euro +0,03 11,429 Intesavita Gpa Private Bond -0,01 735,97 Intesavita Gpa Private Global Guar. +1,47 598,69 Intesavita Gpa Private Global High +5,39 351,94 Intesavita Gpa Private Global Low +1,43 682,64 Intesavita Gpa Private Global Medium +2,80 559,51 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo +1,17 3,464 Mediolanum Azionario Dinamismo Bis +1,15 3,969 Mediolanum Azionario Fedeltà +0,00 1,786 Mediolanum Azionario Lntraprendenza +1,13 3,215 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis +1,13 3,947 Mediolanum Azionario Protezione +0,19 5,836 +0,56 4,707 Mediolanum Balanced Mediolanum Balanced Bis +0,50 4,78 Mediolanum Country +1,33 3,359 Mediolanum Country Bis +1,29 3,92 Mediolanum Dynamic +0,78 4,132 Mediolanum Dynamic Bis +0,71 4,532 Mediolanum Eurobond Breve Termine -0,01 6,731 -0,09 6,974 Mediolanum Eurobond Opportunita' Mediolanum Eurobond Sviluppo -0,09 6,758 Mediolanum Euroequity Opportunita' +1,16 4,196 Mediolanum Euroequity Protezione +0,19 6,454 Mediolanum Euroequity Sviluppo +1,20 4,457 +0,25 5,148 Mediolanum Moderate Mediolanum Moderate Bis +0,21 5,168 -0,02 5,513 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis Mediolanum Obb. Crescita Bis -0,13 5,499 Mediolanum Obb. Evoluzione Bis +0,19 5,189 Mediolanum Obb. Moderazione Bis -0,09 5,506 Mediolanum Obbligazionario Crescita -0,09 6,842 Mediolanum Obbligazionario Liquidita' -0,02 6,64 Mediolanum Obbligazionario Moderazione -0,08 6,655 Mediolanum Opportunity +1,10 3,754 Mediolanum Opportunity Bis +1,11 4,107 Mediolanum Prudent -0,03 6,189 -0,02 5,487 Mediolanum Prudent Bis Mediolanum Sector +1,28 3,318 Mediolanum Sector Bis +1,25 4,127 MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario -1,77 3,05 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato +0,39 4,386 Milano Assicurazioni Previlink Monetario +0,02 6,159 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario-0,02 5,603 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. Risparmio Crfc Gentile Dinamica -2,68 3,013 Risparmio Crfc Gentile Equilibrata -1,67 5,416 Risparmio Eurolink Cv Dinamico -1,70 12,861 -0,45 12,797 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato Risparmio Eurolink Cv Risparmio -0,29 11,871 Risparmio Formula Link In Prima +0,03 11,632 Risparmio Formula Link In Seconda +0,43 9,907 Risparmio Formula Link In Terza -0,96 8,075 Risparmio Gestivita Azionario +0,64 8,905 +0,78 10,799 Risparmio Gestivita Bilanciato Risparmio Gestivita Obbligazionario +0,48 12,663 Risparmio Patavium Ul Dinamico +0,00 7,57 Risparmio Patavium Ul Equilibrato -0,12 8,88 SARA VITA S.P.A. -4,84 8,048 Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale -4,56 7,742 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo +0,66 9,181 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale +0,66 9,59 -0,21 9,73 Sara Vita Profilo Guardian Unipol Assicurazioni +0,00 119,52 Unipol Uninvest Arcosereno -0,78 108,162 Unipol Uninvest Azioni Piu' Unipol Uninvest Crescita -1,00 13,536 Unipol Uninvest Equilibrio -1,85 12,829 -2,05 6,969 Unipol Uninvest Flessibile Unipol Uninvest Grande7 -0,77 107,894 Unipol Uninvest Grandevita -0,68 104,251 -0,35 110,758 Unipol Uninvest Mach 7 -0,34 103,313 Unipol Uninvest Otto&Mezzo -2,40 7,291 Unipol Uninvest Performance Europa Unipol Uninvest Risparmio -0,37 13,581 Unipol Uninvest Valore -2,53 12,47 ZURICH LIFE AND PENSION Zlap Controllo -0,02 5,451 +0,20 6,424 Zlap Crescita +0,01 7,624 Zlap Equilibrio Zlap Evoluzione +0,25 4,816 Zlap Protezione -0,23 7,927 Zlap Prudenza -0,12 5,762 -0,11 5,51 Zlap Sicurezza Zlap Sviluppo +0,60 3,667


28

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

CRONACHE

«Buona l’opera di De Felice nel controllo della zona sud»

Grave incidente stradale a Catanzaro Un morto e due feriti sulla statale 280

di Carmelo Morise CATANZARO - Il questore Arturo De Felice, che lascerà Catanzaro per reggere le sorti della Questura di Ancona, ha fatto visita, ieri mattina, a Palazzo De Nobili. Un momento di incontro cordiale per salutare il sindaco Rosario Olivo e tutta la Giunta. «Desidero ringraziare De Felice ha detto il primo cittadino - per Il Questore, questo incontro istituzionale priche sarà ma della sua partenza per il capotrasferito luogo marad Ancona, chigiano. Si tratta - ha spiegato ha fatto di un omaggio visita ad Olivo che, attraverso l’Amministrazione comunale , ha voluto fare a tutta la Città». L’on. Olivo ha ripercorso la storia di amicizia che lo lega al questore, «calabrese che ha sempre vissuto e sostenuto il valore delle sue radici, valore fondamentale nella vita di un uomo». Ha poi ricordato il rapporto sinergico e proficuo tra Comune e Questura, teso a realizzare iniziative di prossimità sul territorio. «Non soltanto repressione - ha spiegato Olivo - ma soprattutto prevenzione. Tanti sono stati infatti i progetti portati avanti soprattutto nel mondo della scuola. Un lavoro profondo per incidere nella società civile così come prevede anche il Pon Sicurezza da noi elaborato». A questo proposito, il Sindaco ha menzionato il problema della microcriminalità nelle zone a sud della città. «Bisogna dare atto del grande sforzo per il controllo del territorio che

è stato fatto in questi quartieri - ha affermato - nonostante gli scarsi mezzi sia in termine di uomini che di risorse tecnologiche». Sono state anche ricordate le manifestazioni organizzate dalla Questura chehannodimostratol’attenzione, non episodica, di De Felice nei confronti di Catanzaro: la Festa della Polizia, la Festa di San Michele, il concerto, al "Politeama", della Banda della Polizia. Dal canto suo, il questore, ha parlato di «collaborazione egregia con il Comune di Catanzaro", affermando che oltre a iniziative di prossimità, è necessario tendere a una "sicurezza partecipata, che coinvolga non soltanto le istituzioni preposte

alla tutela della sicurezza, ma tutta la società civile». De Felice ha sottolineato l’impegno profuso anche dall’Amministrazione comunale affinché la Questura di Catanzaro fosse elevata al rango di Dirigenza generale. Infine ha formulato gli auguri al sindaco Olivo per una conclusione proficua della legislatura. Quest’ultimo, a nome di tutta la Giunta, ha consegnato al questore - accompagnato dal dirigente della Digos Marinella Giordano - una targa con lo stemma della Città e ha auspicato di rivedere De Felice presto in Calabria in un ruolo ancora più prestigioso di quello svolto finora.

CATANZARO - E’ di un morto e due feriti il bilancio di un incidente stradale che si è verificato ieri mattina sulla strada statale 280 che collega Catanzaro con Lamezia Terme. Secondo la ricostruzione della dinamica, una Fiat Punto si sarebbe immessa contromano e si sarebbe scontrata prima con una Wolkswagen Polo, poi con un furgone. Sul colpo è morta una donna, mentre l’uomo che viaggiava con lei è in gravi condizioni e il giovane che conduceva la Punto ha riportato traumi;

entrambi sono stati trasportati all’ospedale "Pugliese"di Catanzaro. Sul posto hanno operanto la Polizia stradale, i Vigili del fuoco e il 118. La donna morta nello scontro aveva 69 anni e si chiamava Caterina Froio, era residente a Botricello. Gravi, ma senza pericolo di vita, le condizioni dell’uomo che guidava la Fiat Punto su cui viaggiava la donna, R.A., 69 anni, anch’egli di Botricello. Secondo le testimonianze l’uomo che conduceva la Punto avrebbe dovuto accompagnare la donna, con cui non ci sono legami di parentela, ma avrebbero sbagliato strada. Carmela Mirarchi


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 29

CRONACHE

Omicidio Pavone, sedici anni di carcere a Scalzo di Anna Bolle CATANZARO - Si è concluso con una condanna a sedici anni di reclusione il giudizio abbreviato a carico di Valdir Scalzo, 27 anni, di origini brasiliane ma da sempre residente in Calabria, accusato di aver ucciso Francesco Pavone, catanzarese di 34 anni strangolato la sera di domenica 25 ottobre scorso nella sua casa in località Santa Domenica, a Catanzaro. Il giudice dell’udienza preliminare Tiziana Macrì ha accolto la richiesta del pubblico ministero, Alessia Miele, che al termine della propria requisitoria aveva sollecitato per Scalzo - imputato per omicidio volontario aggravato dalle sevizie e furto -, proprio una condanna a 16 anni, così scontata di un terzo per la scelta del rito alternativo, e ritenendo le aggravanti delle sevizie e della recidiva relativa all’accusa di furto equivalenti all’attenuante dell’aver agito in stato d’ira, in cui l’imputato si sarebbe venuto a trovare a seguito dei pesanti approcci sessuali della vittima nei suoi confronti.Avevanochiesto didichiarare l’imputato colpevole anche gli avvocati Stefano Nimpo e Cinzia Vono, che rappresentano i familiari della vittima costituiti parte civile. L’avvocato Carlo Petitto, difensore di Scalzo, aveva invece articolato la propria arringa partendo da una consulenza psichiatrica di parte in cui si concludeva per una parziale incapacità dell’imputato al momento del fatto, basata su un suo "disturbo post traumatico da stress", chiedendo una condanna al minimo della pena, il mancato riconoscimento dell’aggravante delle sevizie, ed il riconoscimento

Delitto Duro,resta dietro le sbarre il minorenne di N. Morri

delle attenuanti generiche per via della confessione che il giovane fece, e dell’aver agito in stato d’ira per fatto ingiusto altrui. Scalzo si trova ristretto in custodia cautelare dal giorno seguente al delitto. A quanto spiegato dall’avvocato del giovane imputato, dopo la morte di Pavone il 27enne, in forte stato confusionale, anche perchè non dormiva da giorni ed assumeva massicce dosi di cocaina ed alcol, avrebbe girato a lungo

Avevano chiesto di dichiarare l’imputato colpevole anche gli avvocati che rappresentano i familiari della vittima

a bordo della minicar sottratta alla vittima, poi si sarebbe sentito male, tant’è che i sanitari del Suem intervenuti lo trovarono svenuto, la sera di lunedì, e lo portarono in ospedale, dove fu accertata l’intossicazione da alcol. Scalzo, sempre secondo la versione della difesa, non volle essere ricoverato e lasciò il nosocomio, dirigendosi poi al Sert dove chiese aiuto e disse di aver commesso un fatto molto grave, chiedendo di avvertire la Polizia, cui infine si consegnò confessando pienamente il delitto. Un racconto che l’indagato ha poi ripetuto nell’aula del giudice per le indagini preliminari, dove ha spiegato di aver ucciso Pavone non sopportando i tentativi insistenti di quest’ultimo di avere un rapporto sessuale con lui. Tanto il gip che il tribunale del riesame, comunque, hanno confermato per Scalzo la custodia cautelare in carcere.

CATANZARO - Resta in carcere M. P., sedici anni, minorenne indagato - assieme a cinque maggiorenni - per concorso nell’omicidio di Nicola Duro, idraulico incensurato di 26 anni, avvenuto a Catanzaro lo scorso 17 giugno, davanti un bar di viale Isonzo. Il tribunale del riesame ha infatti respinto il ricorso presentato dai difensori del giovane, gli avvocati Gennaro Pierino Mellea e Gioconda Soluri, contro l’ordinanza cautelare del giudice del tribunale per i minorenni Teresa Chiodo che, accogliendo la richiesta del pubblico ministero Simona Rossi, ha mandato in cella il minore. Ad M. P., che nel corso dell’interrogatorio di garanzia si è avvalso della facoltà di non rispondere, gli inquirenti attribuiscono il ruolo di quello che, assieme ad un suo parente maggiorenne, Domenico Romagnino, avrebbe attirato la vittima sul luogodell’agguato su precisa richiesta di Donato Passalacqua, che per questo li avrebbe ricompensati con 600 euro. Proprio Donato Passalacqua, uno dei maggiorenni finiti in manette all’alba del 3 luglio nell’ambito dell’operazione "Cross revenge", ha invece dato una propria versione al gip per gli adulti, affermando di aver dato quei 600 euro a Romagnino solo per pagare un lavoro di pitturazione. Secondo le accuse, basate sulle indagini della

Squadra mobile di Catanzaro, Duro è stato ucciso per una vendetta trasversale, ideata dalla famiglia rom di Passalacqua per lavare l’onta di una relazione extraconiugale della figlia, rimasta incinta di un minorenne con il quale avrebbe avuto una storia nonostante fosse sposata con un uomo detenuto in carcere. I suoi parenti, sempre stando all’ipotesi d’accusa, avrebbero deciso di vendicarsi colpendo a morte il fidanzato di una zia del ragazzino padre del figlio illegittimo, anche lei incinta e prossima al matrimonio, e cioè proprio Nicola Duro. Donato Passalacqua, 41 anni, padre della ragazzina rom rimasta incinta dopo la relazione extraconiugale è accusato di essere il mandante del delitto assieme a sua moglie Ornella Bevilacqua, 38 anni.


30

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

CRONACHE

Nell’inchiesta della Procura ci sono alcune decine di indagati

Blitz al villaggio rom, 13 arresti per estorsione e furti di Carmela Mirarchi COSENZA - A Cosenza si è svolta ieri un’operazione disposta dalla Procura della Repubblica che vede impegnata la Squadra mobile della Questura. Nell’inchiesta ci sono anche alcune decine di indagati. Ci sono state, inoltre, perquisizioni concentrate nel villaggio rom di Cosenza, in via degli Stadi. «All’apparenza può sembrare un’operazione di microcriminalità, ma in realtà si trattava di un giro di estorsioni che riguardava quanto meno un migliaio di autovetture all’anno. Quindi c’erano un migliaio di cittadini cosentini che pagavano il pizzo sulle auto ad un gruppo di criminali che si era letteralmente impossessato di Le persone coinvolte una porzione della città nell’operazione Far west di Cosenza». Queste le parole del Procuratore erano tre libere ed una Aggiunto di Cosenza Domenico Airoma, che ha già detenuta. Non erano partecipato ieri alla conin carcere: Antonio, ferenza stampa, tenuta presso la Questura, relaFrancesco ed tiva all’Operazione Far West. Eseguite 13 ordiArmando nanze di custodia Bevilacqua cautelare per associazione per delinquere dedita a estorsione, ricettazione, furti e rapine. Colpito prevalentemente il gruppo dei nomadi che risiede nel cosiddetto "fortino", il quartiere alle spalle di via degli Stadi che è abitato quasi esclusivamente da zingari, anche se ormai la definizione sta stretta

a questo gruppo, formato da persone tutte nate in città. Il blitz è scattato all’alba e ha visto impegnati, su diversi fronti, Polizia e Carabinieri. La SquadraMobile ha cinto d’assedio il fortino, arrestando 8 persone. I Carabinieri sono intervenuti in altri punti della città, soprattutto nel centro storico, occupandosi di altre 4 persone, accusate di traffico di droga. Un’altra persona era invece già in carcere. L’operazione, disposta dalla Procura della Repubblica di Cosenza, ha visto impegnate le forze dell’ordine anche in una lunga serie di perquisizioni domiciliari. La tensione massima si è avuta a metà mattinata, quando la Polizia e i Vigili del Fuoco hanno demolito una serie di cordoli rallentatori e di costruzioni abusive, che i nomadi cosentini avevano realizzato lungo le strade del loro quartiere, in barba ad ogni legge. Sono state forti le rimostranze degli abitanti, ma alla fine le costruzioni e i dossi artificiali sono

stati demoliti, grazie ad una ruspa dei Vigili del Fuoco. «Si trattava di una serie di manufatti costruiti innanzitutto per segnare il territorio, un segnale classico che si trova anche in altre realtà per sottolineare che c’è un gruppo forte La Polizia ha nella zona», ha detto Fabio Ciccimarra, che anche sequestrato guida la Squadra Mobile di Cosenza. «Ab- all’interno biamo espugnato un sidel villaggio rom to molto compatto e molto ostico da pene- manufatti abusivi e trare per le forze dell’ordine». Ed è pro- ha promosso una serie di prio qui che finivano le ostacoli collocati sul auto rubate a Cosenza, hanno detto gli inqui- suolo pubblico renti in conferenza stampa. Auto per le quali poi veniva chiesto il pizzo, variabile tra i 500 e i 3000 euro, per la loro restituzione. I Carabinieri hanno rivelato che solo durante la partita tra la Juventus e il Lione, disputata sabato scorso, sono state rubate nella zona 7 autovetture. Tra le vittime dei furti delle automobili ci sono anche molti professionisti della cittàdi Cosenza. Ma sono pochissime le denunce, è stato detto. Di solito, dicono gli inquirenti, si preferisce pagare. Un costume che, purtroppo, favorisce proprio il diffondersi di questo tipo di crimine. Le indagini, dirette dal questore, Alfredo Anzalone, sono state svolte dal dirigente della Squadra mobile, Fabio Ciccimarra. Le persone coinvolte che non erano in carcere sono Antonio, Francesco ed Armando Bevilacqua, i primi due di 21 anni ed il terzo di 23; Fioravante ed Antonio Manzo, di 20 e 45 anni; Antonio Belingieri (30), e Francesco De Luca (28). In carcere l’ordinanza di custodia cautelare è stata notificata a Cosimo Bevilacqua (38).

Alloggi Aterp, sarà resa formalmente pubblica oggi la graduatoria definitiva COSENZA - Sara’ resa formalmente pubblica oggi la graduatoria definitiva per l’assegnazione di alloggidi edilizia residenziale pubblica nel Comune di Cosenza (leggeregionale n.32/96), trasmessa dall’Aterp di Cosenza con notadel 20 luglio scorso. La graduatoria sarà affissa per trenta giorni consecutivi all’Albo Pretorio e sarà consultabile anche all’Urp di piazza dei Bruzi, nelle sedi delle quattro Circoscrizioni cittadine, alla Porta sociale di via Piave 84, nonché sul sito internet www.

comune. cosenza. it. Copie della graduatoria sono state inviate anche ai Sindacati e al Sunia. Avverso la graduatoria gli interessati potranno presentarericorso al Tar competente entro sessanta giorni dallapubblicazione all’Albo comunale; o, in alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di centoventi giorni dalla stessa data. Sono 482 i nominativi degli aventi diritto, mentre in 58 sono stati esclusi, con varie motivazioni.

A Diamante nasce il Centro di sperimentazione per la coltivazione del peperoncino DIAMANTE - Si chiama "Calabria capsicum" ed è un centro di sperimentazione e ricerca per la coltivazione del peperoncino. Ha sede a Cirella di Diamante nell’istituto professionale di stato per l’agricoltura e l’ambiente ed è nato per iniziativa dell’Accademia italiana del peperoncino in collaborazione con la stessa scuola. Il centro, diretto da Massimo Biagi dell’Università di Pisa, ha iniziato da qualche mese il lavoro di selezione e coltivazione dei peperoncini ed è atteso con curiosità per la sua prima uscita che avrà luogo con una mostra di piante al Festival del peperoncino in programma a Diamante dall’8 al 12 settembre prossimi. L’iniziativa è frutto di una collaborazione fra l’istituto di Cirella e l’Accademia, ufficializzato con una convenzione che prevede fra l’altro l’utilizzazione di una

serra di proprietà della scuola e il coinvolgimento degli studenti. «Abbiamo fortemente voluto questa apertura al territorio - afferma Concetta Smeriglio, dirigente dell’istituto di Cirella - col coinvolgimento diretto degli studenti e la collaborazione con l’Accademia del peperoncino che opera da diciotto anni sul territorio. Questo è un vecchio progetto dell’Accademia - sostiene Monaco - e abbiamo l’adesione di studiosi importanti come il prof. Amedeo Alpi, già preside della Facoltà di agraria dell’Università di Pisa e siamo sicuri che il centro in pochi anni diventerà un riferimento obbligato per quanti in Italia coltivano il peperoncino. Un’iniziativa che ci fa festeggiare alla grande il compleanno del Festival che quest’anno compie diciotto anni».


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 31

CRONACHE L’offerta didattica rimane sostanzialmente confermata nei suoi tratti essenziali

Unical, presentato in anticipo il bando di ammissione 2010/11 di Carmela Mirarchi RENDE - Il Rettore, Giovanni Latorre, il Direttore Amministrativo, Bruna Adamo, e il Dirigente dell’Area Didattica, Franco Santolla, hanno presentato ieri mattina alla stampa il bando di ammissione 2010/2011 ai diversi corsi di laurea dell’Università della Calabria. «In anticipo rispetto alle altre Università italiane ha detto il Rettore - partiamo con la presentazione dell’offerta didattica per il prossimo anno accademico, che rimane sostanzialmente confermata nei suoi tratti essenziali, con qualche variazione solo relativamente ai numeri. Ciò - ha aggiunto Latorre - riflette l’esigenza di razionalizzare i corsi di laurea dell’Ateneo e di assicurare un’alta qualità degli studi, elemento che, sempre di più, è destinato a fare la differenza e che l’UniCal intende tenere in considerazione in maniera concreta e con il massimo impegno». Latorre ha auspicato «una risposta forte e convinta, come ormai avviene da anni, da parte dei giovani calabresi, all’offerta didattica dell’Ateneo, consistente in oltre cinquanta corsi di laurea e capace di soddisfare ogni aspettativa di crescita culturale e professionale». Latorre, inoltre, ha ricordato che, a partire da lunedì prossimo, 2 agosto, e fino al 24 agosto, nell’Aula Magna, sarà attivato un servizio di orientamento e di consulenza per i potenziali immatricolati dell’Unical, che funzionerà tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 13. Nella stessa Aula Magna saranno disponibili una serie di postazioni informatiche attraverso le quali gli interessati potranno presentare on line la domanda di partecipazione al concorso. Il Rettore dell’UniCal, infine, ha annunciato il prossimo invio ai mezzi di informazione dei dati relativi al profilo dei laureati UniCal2009, elabora-

E’ partita la prima edizione della Fiera del libro del Mediterraneo “Verso Sud”

to dal Consorzio AlmaLaurea, i quali, sia in rapporto alle lauree triennali che a quelle magistrali, si collocano ai più alti livelli di valutazione per ognuno dei parametri considerati nell’indagine. Ha preso la parola, a questo punto, il Dirigente dell’Area Didattica, Franco Santolla, che ha illustrato le principali caratteristiche del bando di ammissione, nonchè le novità introdotte quest’anno con il libretto universitario elettronico e la "Genius Card". Con il primo sarà possibile eseguire le classiche operazioni connesse allo status universitario (immatricolazione, accesso ai servizi dell’Ateneo etc.); l’altra, grazie ad una convenzione sottoscritta con la banca Unicredit, consentirà agli studenti, fino all’età di 27 anni, di far fronte, agevolmente e gratuitamente, al pagamento online di tutte le

AIETA - Da sabato 24 luglio fino al 22 agosto, nell’incantevole cornice del Palazzo Rinascimentale di Aieta, località dell’Alto Tirreno Calabrese, si terrà la prima edizione della Fiera del libro del Mediterraneo "Verso Sud". Un calendario ricco di incontri e confronti, all’insegna della passione per la lettura, e un’occasione unica per uno sguardo sull’editoria centro - meridionale. Alcuni numeri: 100 case editrici, i cui libri verranno esposti nei due piani del Palazzo, e 30 serate di incontri con oltre 50 autori. La risposta entusiasta, tanto delle case editrici quanto degli autori, a questa prima edizione di "Verso Sud" è già motivo di soddisfazione per gli organizzatori, e rappresenta un ottimo auspicio per il fu-

operazioni attraverso un qualunque terminale bancomat. Santolla ha anche ricordato che l’Unical ha aderito al progetto "Mettiamoci la faccia" che il Ministero della Pubblica Amministrazione e l’Innovazione ha realizzato in partnership con enti nazionali ed amministrazioni locali, per rilevare in maniera sistematica attraverso l’utilizzo di "emoticons", la soddisfazione di cittadini e utenti per i servizi pubblici erogati agli sportelli o attraverso altri canali. Da parte sua, il Direttore Amministrativo, Bruna Adamo, ha invitato i calabresi «a tenere conto dello sforzo compiuto quest’anno dall’Università della Calabria per garantire uno standard di formazione di alta qualità, nonostante il difficile momento che interessa il sistema universitari italiano, in conseguenza dei tagli decisi dal Governo».

turo della manifestazione. L’incontro, in un percorso culturale partecipato, è il vero obiettivo degli eventi in calendario. Perché, se è vero che gli autori sono i soggetti che vengono a raccontare qualcosa di se stessi e dei loro libri, il desiderio è quello di riuscire a creare una sintesi dialogica, in cui il Palazzo, il territorio ed i suoi ospiti siano parte attiva del confronto.Percorsitematicichecaratterizzeranno gli incontri con gli autori nel corso delle trenta serate, sono molteplici: il Mezzogiorno innanzitutto, con opere di saggistica quali Domani a mezzogiorno, di Gianni Pittella, vicepresidente del Parlamento europeo, e Più lavoro, più talenti. Giovani, donne, Sud. Le risposte alla crisi, di Gianfranco Viesti, as-

Morano Calabro, al via le borse lavoro My job di M. De Giorgi MORANO - Le borse lavoro "My job" arrivano nella fase esecutiva a Morano Calabro, ed aumentano da quattro (come originariamente previsti) a sei i soggetti con invalidità superiore al 75% che da domenica primo agosto prossimo svolgeranno "attività lavorativa protetta" presso l’Ente municipale o in un contesto di pertinenza. Il progetto, voluto dal consigliere comunale con delega ai Servizi sociali, Maria Teresa Di Marco, segue ad apposita pianificazione predisposta nei mesi scorsi dal Consorzio Servizi Sociali del Pollino e prevede l’impiego di disabili di età non inferiore a 16 anni e non superiore a 60. L’importo della borsa lavoro è pari a 500 euro, al netto di qualsiasi onere, ed avrà una durata complessiva di 70 ore eseguibili anche in un arco temporale di tre mesi. «Con il progetto "My job" - afferma il consigliere Di Marco l’Amministrazione comunale ha voluto dare un minimo segnale di supporto alle situazioni di disagio e alle problematiche legate alla disabilià, fornendo anche una risposta, seppur minima, alla carenza occupazionale che queste categorie svantaggiate sopportano. Stiamo portando avanti una programmazione coerente con il progetto politico della coalizione di centrosinistra, che ha come priorità l’attenzione verso le persone "piu’ deboli"».

sessore alla cultura nella giunta di Vendola. Cambiando la prospettiva, l’approccio e lo stile, ci saranno alcuni autori che del Mezzogiorno provano a cogliere certe angolature particolari, portando quelle tematiche su un terreno più schiettamente letterario: così Ius Sanguinis di Paola Bottero, giornalista ed esperta di comunicazione, La rivolta delle pulci di Damiano Guagliardi, già assessore regionale; l’anteprima di Stalale 18 del giornalista e antropologo Mauro Minervino; lo sguardo lanciato all’estero ma sempre partendo dal nostro territorio, con Storie di migranti nelle altre Americhe di Vittorio Cappelli, storico. Marica Rossi


32

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

CRONACHE

In manette i favoreggiatori della latitanza dei Bellocco

Arrestate otto persone e sequestrati beni per 10 milioni di euro: fabbricati e terreni in cui c’erano 14 bunker

di Antonio Latella REGGIO CALABRIA - Smantellata la rete di favoreggiatori che avrebbe agevolato la latitanza di Giuseppe e Gregorio Bellocco: boss di Rosarno, catturati alcuni anni fa dopo essere stati inseriti a lungo nell’elenco dei 30 ricercati più pericolosi d’Italia. L’attività dei carabinieri del Ros e dell’arma territoriale, coordidalla Dda di In un rifugio nata Reggio Calabria, ha portato all’arc’erano resto di otto pergli appunti soneedalsequestro beni per 10 di un’opera milioni di euro: fabbricati e terredi Gregorio ni in cui i fianBellocco cheggiatori della cosca avevano costruito 14 bunker per dare ospitalità ai latitanti. In uno di questi rifugi, sono stati rinvenuti gli appunti di un compo-

nimento in versi di Gregorio Bellocco. Il boss menestrello, la cui latitanza era diventata addirittura leggenda, aveva descritto in quella poesia i particolari di una sua rocambolesca fuga in occasione di un blitz delle forze. Le persone finite in manette nel contesto dell’operazione "Pettirosso vengono indicati favoreggiatori, in prevalenza, di Gregorio e Giuseppe Bellocco, ma anche di Carmelo Lamari e Giuseppe D’Agostino: elementi di vertice della federata cosca "Lamari - Chindamo D’Agostino, attiva nel comprensorio di Galatro e Laureana di Borrello. Le persone colpite da provvedimento restrittivo del giudice per le

indagini preliminari, emesso su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, sono Marco Arcuri, 39 anni, Giuseppe Barbatano (66), Gregorio Bellocco (56), Michele Bellocco (50), Nicola Circosta (56), Saverio Corigliano (40), Giuseppe Fazzari (30), Rocco Fazzari (61). Il sequestro beni ha riguardato 13 fabbricati, 67 appezzamenti di terreno agricolo e edificabile dell’estensione di 14 ettari. I rifugi, in prevalenza costruiti con container del tipo usato nel porto di Gioia Tauro, erano perfettamente attrezzati. Gli indagati dell’operazione "Pettirosso" sono accusati di associazione mafiosa, procurata in osservanza della pena, favoreggiamento personale, porto e detenzione illegale d’arma da fuoco: aggravati del metodo mafioso. Le persone arrestate all’alba di ieri - secondo quanto reso noto in una conferenza stampa - avevano, tra l’altro, il compito di gestire l’aspetto logistico ed i collegamenti tra i latitanti e gli altri affiliati alla cosca madre ed alle consorterie federate. L’indagine ha ricostruito il circuito di sostegno della latitanza dei vertici della ‘ndrina Bellocco, costituito da una ristretta cerchia di affiliati, «preposti ad assicurare i contatti dei ricercati con i familiari ed i principali associati , alla loro assistenza, nonché alla predisposizione di numerosi bunker sotterranei». Gli arresti rappresentano l’ultimo atto dell’attività, avviata nel 2005 dal Ros, tesa a scompaginare la ‘ndrangheta della Piana di Gioia Tauro con la cattura dei boss storici e di altri pericolosi latitanti.

Strage di Duisburg: i legali di Strangio chiedono di sentire i testimoni LOCRI - Una raffica di richieste è stata avanzata ieri ai giudici della Corte d’Assise di Locri dagli avvocati Carlo Taormina ed Antonio Russo, difensori di Giovanni Strangio, ritenuto l’ideatore della strage di Duisburg. Strangio è imputato con altre 13 persone nel processo in corso a Locri per la faida di San Luca culminata nella strage di Duisburg compiuta nel giorno di ferragosto del 2007. I due legali hanno chiesto ai giudici di sentire la fidanzata di Luca Riontino, arrestato in Olanda poco dopo la cattura di Strangio. La ragazza dovrebbe riferire ai giudici di un viaggio fatto da Strangio il 10 agosto del 2007 dalla Germania all’Olanda. La circostanza, secondo i difensori, è ritenuta rilevante perché dal processo è emerso che Strangio fu notato nei pressi del ristorante "Da Bruno", dove fu compiuta la stra-

ge, nei giorni precedenti a quello di ferragosto. Taormina e Russo hanno anche chiesto di poter sentire un giornalista tedesco che ha scritto alcuni articoli sulla strage. Nel primo si fa riferimento ad un meccanico tedesco che, poco prima della strage, sarebbe passato nei pressi del ristorante. Un secondo articolo fa riferimento ad un collaboratore di giustizia secondo il quale la strage di Duisburg non rientrerebbe nella faida di San Luca ma sarebbe scaturita da uno scontro interno alla cosca dei Pelle - Vottari. Il pubblico minitero interverrà nell’udienza di oggi sulle richieste avanzate dai due avvocati e successivamente ci sarà la decisione dei giudici.

Rosa Voci


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 33

CRONACHE Il presidente dei Giovani democratici riflette sull’annuncio del sindaco

«Non esiste il Modello Reggio È ora della vera alternativa» di Gennaro Massa REGGIO CALABRIA - «Le dimissioni di Raffa dimostrano palesemente che non esiste nessun "Modello Reggio"». E’ quanto si legge in una nota di Massimiliano Tramontana, Segretario Provinciale Giovani Democratici di Reggio Calabria. «Credo sia evidente e sotto gli occhi di tutti - continua - la reale capacità politica della classe dirigente di centrodestra che per anni ha governato la città facendola passere come l’isola che non c’è. L’uscita di scena del neo governatore Scopelliti, avvenuta giusto in tempo, ha fatto saltare il tappo ad una situazione sociale che tutti conoscevano ma si rifiutavano di guardare. Il sindaco Raffa, uomo di lunga esperienza politica, non è riuscito a gestire l’eredità pesante consegnatagli ed è stato abbattuto dal fuoco amico, da quel gruppo di colonnelli che non gli riconoscono l’autorità da generale e nostalgicamente richiamano l’intervento del predecessore, ormai l’unica figura in grado di mettere d’accordo quel centrodestra dilaniato dalle lotte interne che si mostra alla città per quello che è sempre stato, un cartello elettorale forte costruito su misura per un’unica persona. La caduta del fantomatico Modello Reggio, a dire il vero, era visibile già da tempo come dimostra quest’estate reggina sobria, senza gli sfarzi esibiti negli anni precedenti. La verità è che le casse sono vuote, i soldi del decreto Reggio sono evaporati ed alla città resta solo il ricordo delle grandi notti bianche, delle gare di fuochi pirotecnici e di musica senza fine sul lungomare Falcomatà. Restano aperte invece le grandi questioni sui problemi veri della città, che senza i giochi di commodiana memoria in grado di annebbiare gli occhi ai cittadini, si presentano limpidamente alla cittadinanza reggina.

Prc: la restituzione delle deleghe di Agrippo tutela l’immagine della Provincia

Raffa -prosegue - non ha retto il peso di una situazione insostenibile e paradossale, Scopelliti si è mangiato la città e a lui è stato chiesto di pagare il conto. Ma quest’uomo in soli quattro mesi cosa può aver stravolto? Se ci fosse stato Scopelliti le cose sarebbero state veramente diverse? La realtà ci mostra un sistema di governo della cosa pubblica ormai imploso che non regge più sotto il peso della ristrettezza dei bilanci e della mancanza di una reale linea politica che possa far crescere concretamente la nostra città. Questo è il momento di presentare alla città l’altenativa, di ritornare tra la gente per ascoltare e tradurne i bisogni, il momento di consegnare alla città una nuova classe dirigente che crei un nuovo modello completamente alternativo a quello esistente, fatto di: valorizzazione dei giovani, politica rigorosa a sostegno delle fasce più deboli, crescita reale delle periferie, valorizzazione culturale della

REGGIO CALABRIA - «La scelta dell’assessoreprovincialeAgrippo,il cui nome appare più volte nelle intercettazioni della recente operazione "Il Crimine", di rassegnare le deleghe al Presidente Morabito, di autosospendersi dall’attività di giunta e di chiedere di essere ascoltato dai magistrati, è una scelta che salutiamo positivamente, una scelta di tutela dell’Ente, della maggioranza di centrosinistra e dell’impegno svolto in questi quattro anni dalla Provincia contro la ’ndrangheta e il malaffare, una scelta di trasparenza che merita di essere apprezzata e sottolineata». E’ quanto si legge in una nota: del Segretario Provinciale Prc Antonio Larosa; del Capogruppo provinciale Prc Omar Minniti;

nostra città e soprattutto il ripristino delle condizioni di legalità e trasparenza. Reggio merita un futuro migliore - conclude adesso a noi tocca il compito di pensarlo, pubblicizzarlo e renderlo credibile agli occhi di chi erroneamente crede che siamo "tutti gli stessi". Possibilmente in tempi brevi».

«La verità è che le casse sono vuote, i soldi del decreto Reggio sono evaporati e resta solo il ricordo delle grandi manifestazioni»

dell’Assessore provinciale Prc Santo Gioffrè. «E’ opportuno ricordare che Agrippo, al momento, non risulta indagato, non essendovi sulla sua figura rilievi penali di evidenza giudiziaria. Per questo - continuano - la decisione dell’esponente ex socialista passato al Pd assume un significato politico - simbolico importante, di salvaguardia della moralità delle istituzioni. Auguriamo ad Agrippo di dimostrare nel breve termine la limpidezza del suo percorso politico elettorale e l’estraneità ai fatti eventualmente contestatigli. Tuttavia, amiamo ancora pensare che la politica venga prima dei formalismi giudiziari, che la politica debba trasmettere messaggi inequivoci: per questo, durante le ultime riunioni di

L’on Napoli: Raffa riveli i reali motivi delle dimissioni di F. Marra REGGIO CALABRIA «Giovanna Cusumano, Monica Falcomatà, Antonella Freno e Tilde Minasi hanno sicuramente ragione nell’accusarmi per non avere accorciato le distanze tra Taurianova e Reggio Calabria , giacché di fatto quelle distanze ho preferito allungarle fino a Catanzaro per apprendere i nominativi di alcuni incarichi regionali che, se pur leciti, mi fanno comprendere le motivazioni dell’obbligato comunicato da loro rivoltomi nella giornata di ieri". Lo afferma in una nota la parlamentare del Pdl, Angela Napoli, replicando alle dichiarazioni di consigliere comunali ed assessori del Comune di Reggio. «Non intendo replicare - aggiunge - al contenuto dello stesso. Mi riservo di farlo nel momento opportuno. Voglio, però, rassicurare le quattro Signore che, nel mentre attendo, così come tanti cittadini reggini, di conoscere le reali motivazioni che hanno portato il Sindaco Raffa ad annunciare le proprie dimissioni dall’incarico, continuerò ad impegnarmi in filosofiche battaglie, considerato che le stesse hanno già dato, e sono certa continueranno a dare, risultati noti a chi ha orecchie per ascoltare ed occhi per leggere».

maggioranza, come Prc abbiamo sollecitato lealmente un gesto di discontinuità da parte di Agrippo; per questo valutiamo positivamente la restituzione delle deleghe e la sua auto-sospensione dalle attività di giunta. Altre richieste sono eccessive e fuori contesto, rischiando di apparire come inutili fughe in avanti. Al contrario - concludono - con questa scelta Palazzo Foti ribadisce la sua collocazione integrale sul fronte della legalità e della moralità. Altre parti politiche, soprattutto a destra, si arroccano in una difesa di casta contro le inchieste giudiziarie della magistratura, attaccando l’autonomia della stessa attraverso leggi ignobili come quella sulle intercettazioni».


34

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

CRONACHE

Firmato ieri il protocollo d’intesa con l’Agenzia delle Entrate

Il Comune di Cirò con il Fisco contro l’evasione

del Comune i dati relativi a: i contratti di somministrazione di energia elettrica, gas e acqua disponibili nel database "Anagrafe Tributaria"; i contratti di locazione di immobili; le dichiarazioni di successione. Tutti i dati raccolti verL’accordo prevede che ranno trasmessi da parte del Comune le casse del Comune all’AgenziadelleEntrate, in modalità web, nel ricevano una quota pari rispetto della normatial 33% delle somme va in materia di protezione dei dati persona- recuperate a titolo li. L’accordo, firmato dall’Assistente di definitivo a seguito Direzione, Claudia di segnalazioni Cimino, e dal sindaco, Mario Caruso, è il ventitreesimo di questo genere e ha durata fino al 31 dicembre 2010.

di Anna Bolle CIRO’ - Potenziare l’azione di contrasto all’evasione fiscale attraverso lo scambio strutturato di informazioni, nel rispetto dei principi di economicità, efficienza e collaborazione amministrativa: è questo l’obiettivo alla base del protocollo d’intesa siglato ieri I settori interessati sono dalla Direzione Regionale dell’Agenzia delle Entrate anche: commercio, della Calabria e dal Comuprofessioni, urbanistica ne di Cirò. L’accordo prevede che le casse del Comue proprietà edilizia ne ricevano una quota pari al 33% (come stabilito dal decreto legge del 31 maggio 2010 n. 78) delle somme recuperate a titolo definitivo a seguito di segnalazioni qualificate che abbiano contribuito al buon esito dell’accertamento fiscale. I settori interessati all’attività di accertamento sono il commercio e le professioni, l’urbanistica e il territorio, la proprietà edilizia e il patrimonio immobiliare, le residenze fittizie all’estero e la disponibilità di beni e servizi di rilevante valore indicativi di capacità contributiva. Il Comune si impegna a segnalare prioritariamente all’Amministrazione finanziaria: fenomeni evasivi, con particolare riguardo all’economia sommersa e all’utilizzo delpatrimonio immobiliare in evasione delle relative imposte; situazioni relative a soggetti che fittiziamente hanno trasferito la residenza all’estero nei territori considerati a fiscalità privilegiata; segnalazioni dirette al controllo dei fabbricati locali; plusvalenze da cessioni di aree edificabili e fabbricati. L’Agenzia mette invece a disposizione

Shakespeare in scena a Crotone COTRONEI - In scena domani a Cotronei, in piazza Municipio, e venerdì 30 a Crotone nell’anfiteatro della Villa comunale l’opera di William Shakespeare "Sogno di una notte di mezza estate". Il Sogno di una notte di mezza estate, si legge nella nota del Teatro Stabile di Calabria, è un testo ampio, carico di intrighi amorosi, oscuro e incantato. Dramma, commedia e tragedia giocano in un perfetto equilibrio intrecciando il mondo reale con quello della fantasia. La storia dei quattro giovani innamorati che vivono quel delicato passaggio dalla fase adolescenziale a quella adulta (Ermia e Lisandro, Elena e Demetrio), la recita degli artigiani attori e il gioco del teatro nel teatro, lo scontro fra le coppie Teseo e Ippolita, Oberon e Titania, e ancora Puck e il mondo delle fate che giocano con i mortali, catturano lo spettatore e lo accompagnano dentro un immaginario fantastico fatto di emozioni, sogno, illusioni, canzoni e filastrocche, musica e danza, voci e parole. È un viaggio in un mondo stregato, dove l’uomo si distacca dall’essere quotidiano e vive folli amori in simbiosi con la natura, in un’incessante unione tra sogno e realtà.

Gli 80 lavoratori del call center Getek incontrano le istituzioni CROTONE - Gli 80 lavoratori del call center Inps/Inail chiedono l’impegno delle istituzioni. Ieri pomeriggio alle 18.30 si è svolto un incontro in Provincia tra il presidente dell’Ente e i lavoratori della Getek. L’incontro, richiesto dagli ottanta lavoratori del call center che hanno gestito la commessa Inps / Inail, e che in base all’ultima proroga ottenuta dalla società saranno operativi fino al 18 settembre, dovrà servire, secondo i lavoratori a sollecitare a livello politico ed istituzionale un intervento governativo a favore del sito crotonese. «La società Getek - secondo i lavoratori - ha perso la commessa Inps / Inail che è stata assegnata ad una società con sede legale in Abruzzo, che ha potuto, grazie agli sgravi fiscali previsti per le società delle zone terremotate, fare un’offerta forte-

mente in ribasso rispetto agli attuaili standard economici. Si sta consumando dunque a danno del territorio crotonese l’ennesima beffa, che la classe politica e le istituzioni locali non possono e non devono subire, se vogliono avere ancora credibilità agli occhi dei cittadini. I lavoratori della Getek ritengono che sia giunto il momento che le istituizioni facciano pressioni sul Governo centrale e sul ministro Sacconi affinchè un territorio economicamente già messo in ginocchio non venga del tutto affossato. La società Getek - continuano - da parte sua ha fino ad oggi attivato diversi canali per evitare la chiusura del sito crotonese, che a differenza degli altri call center della società dislocati sul territorio nazionale, gestisce solo la commessa Inps/Inail. Questa volta lo scenario è diverso, da una parte c’è una società

che non si arrende all’idea di perdere dei lavoratori che nel corso di questi anni hanno dimostrato professionalità e competenze, e dall’altra le istituzioni che non possono latitare. E’ necessario, anzi indispensabile, fare fronte comune e rivendicare un futuro anche per il territorio crotonese». All’incontro di ieri probabilmente era presente anche il sindaco Peppino Vallone, come richiesto dai lavoratori.


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 35

CRONACHE

Il progetto presentato dal Comune di Vibo per combattere l’estorsione

Pon sicurezza, Uno scrigno di vetro contro l’usura e il racket VIBO VALENTIA - Uno "Scrigno di vetro" per difendere dal racket e dall’usura i beni preziosi del territorio e le sue attività economiche, fonte di sviluppo, lavoro e ricchezza. E’ il progetto presentato dal Comune di Vibo Valentia e approvato nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Sicurezza per lo Sviluppo - Obiettivo Convergenza 2007-2013, di cui è titolare il Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno. Il racket delle estorsioni e dell’usura, che colpisce i piccoli commercianti, gli operatori turistici, le piccole e medie imprese, è molto diffuso sul territorio vibonese. Le forme di condizionamento comportano anche l’imposizione di merci e manodopera. Le denunce sui fenomeni estorsivi sono praticamente nulle perché le vittime, per paura e per scarsa fiducia nelle istituzioni, sono restie e denunciare i loro aguzzini. Il progetto, che rientra nell’Obiettivo operativo 2.4 del Pon Sicurezza "Contrastare il racket delle estorsioni e dell’usura", vuole aumentare presso l’opinione pubblica la percezione di questi fenomeni criminali e sostenere attività di sensibilizzazione, di supporto, di informa-

Ieri l’on. Napoli ha cofirmato con l’on. Laratta un’interrogazione parlamentare per denunziare la grave situazione d’isolamento in cui è stato lasciato il signor Maccarone

zione e orientamento che incoraggino la denuncia. In particolare, grazie ai 763.000 euro messi a disposizione dal Pon Sicurezza, cofinanziato dall’Unione Europea, verrà recuperato un edificio pubblico all’interno del quale saranno attivati sportelli antiusura. Sarà presente un centro ascolto e garantito supporto psicologico, consulenze legali ed economico-finanziarie. Nel centro verranno avviate anche campagne di informazione e sensibilizzazione per far conoscere i fenomeni del racket e dell’usura e i conseguenti danni che provocano sull’economia locale. L’edificio interessato si trova in piazza Santa Maria Maggiore a Vibo. Intanto sul tema della lotta all’usura l’on. Angela Napoli ha cofirmato ieri con l’on. Francesco Laratta (PD) un’interrogazione parlamentare, indirizzata al Ministro dell’Interno, Roberto Maroni, per denunziare la grave situazione d’isolamento in cui è stato lasciato il signor Giuseppe Maccarone, commerciante di Filandari. Il commerciante Maccarone nei giorni scorsi ha lanciato un amaro sfogo attraverso il quale lamenta l’isolamento dopo la sua trentennale battaglia di rigetto alla "legge del pizzo". Maccarone ha subito intimidazioni di ogni genere in un territorio, quello appunto di Filandari, assoggettato al dominio della famiglia Soriano, notoriamente appartenente alla criminalità organizzata.Ai deputati Napoli e Laratta sembra davvero assurdo dover recepire dallo sfogo del signor Maccarone, che questi sarebbe costretto a mollare abbandonando persino il suo paese e pertanto chiedono al Ministro dell’interno un adeguato intervento per garantire la sicurezza del coraggioso cittadino di Filandari, ma anche la sollecitazione ad individuare coloro che si sono resi responsabili di tutte le intimidazioni subite nel tempo.

Il Comune di Crotone

Carmela Mirarchi

Ubriaco 57enne in manette a Pizzo, infastiva i turisti L’accusa è di resistenza e minacce a pubblico ufficiale VIBO VALENTIA - Un uomo di 57 anni, Domenico Antonio Pisano, dipendente dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia, è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di resistenza e minacce a pubblico ufficiale. Il fatto è avvenuto lunedì sera dinnanzi ad un noto bar della centralissima piazza di Pizzo Calabro, cittadina turistica nei pressi di Vibo Valentia, di questi tempi affollata di turisti. L’uomo a quell’ora, in preda ai fumi

dell’alcool, si è messo ad infastidire la gente seduta ai tavoli per consumare un tartufo. Qualcuno ha chiamato i carabinieri che, intervenuti sul posto, hanno cercato di allontanare Pisano, ma quest’ultimo li ha minacciati. Immobilizzato e portato in caserma, considerato lo stato di ebbrezza subito dopo è stato disposto l’accompagnamento in ospedale, in attesa del processo per direttissima.

Incendiato il gruppo elettrogeno di emergenza di uno dei depuratori di Ricadi VIBO VALENTIA - Ignoti, la notte di martedì, dopo aver forzato il lucchetto di una cabina elettrica hanno tentato di asportare il gruppo elettrogeno di emergenza delle pompe di sollevamento di uno dei depuratori del comune di Ricadi, il centro turistico sul promontorio di Capo Vaticano, lungo la costa vibonese, ma non essendoci riusciti, l’hanno dato alle fiamme unitamente al quadro elettrico. Ad essere preso di mira,e non è la prima volta, il depuratore lungo il torrente "Ruffa" di San Nicolò di Ricadi, a qualche centinaio di metri dalla spiaggia, qualche settimana addietro sequestrato dai carabinieri di Tropea e dagli uomini della Capitaneria ed ora affidato in custodia al presidente della Provincia Francesco De Nisi. Nell’occasione era stato denunciato il sindaco Domenico Laria per il cattivo funzionamento dello stesso. Questo ultimao atto segue di qualche giorno il guasto dell’altro depuratore,quello nei pressi della spiaggia del "Tono" sempre su CapoVaticano, guasto che aveva fatto confluire i liquami lungo quella spiag-

gia provocando le proteste dei bagnanti e l’intervento dei carabinieri che hanno denunciato ancora una volta lo stesso sindaco e due operai della ditta che aveva in appalto la manutenzione che si erano rifiutati d’intervenire essendo cessato l’appalto giorno 19 scorso, appalto che era stato vinto da un’altra impresa. Da quanto poi si è appreso anche in quel caso si sarebbe trattato di un sabotaggio essendo stata trovata una rete nell’ingranaggio delle pompe di sollevamento. Pertanto, oltre all’endemico problema della cattiva depurazione, a Capo Vaticano ci sono da sommare gli atti di sabotaggio. Sul posto sono intervenuti gli i agenti del posto fisso della polizia di Stato di Tropea unitamente ai colleghi della squadra scientifica ed il sindaco. Rinvenuto un gancio che sarebbe servito per asportare il gruppo elettrogeno.

Anna Bolle


36

il Domani Mercoledì 28 Luglio 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Una tela di Kelly (particolare)

L’autrice Maria Giuseppina Di Monte firma un articolato saggio sul pittore statunitense e le problematiche legate alla visione

La forma è il contenuto, presentata a Roma la prima monografica su Ellsworth Kelly Giorgia Bernoni Un filo rosso, a tratti sottile e a tratti più marcato, unisce in maniera subdola quasi un secolo di storia dell’arte: la problematica sulla percezione e definizione dell’immagine. Da anni, e in particolare dall’apparizione dell’Astrattismo, artisti e intellettuali si interrogano infatti sulla natura e i processi legati alla visione, non solo pittorica, coinvolgendo nella loro disperata ricerca di senso e verità filosofi, semiotici e addirittura neurologi. Quella che lo storico d’arte Ernst Gombrich definiva, nel suo celebre Arte e illusione del 1960, "teoria dell’illusione" secondo la quale una rappresentazione pittorica è un oggetto che produce, negli uomini che la osservano, una "illusione consapevole", è solo una tra le molte tracce rinvenibili nella monografica Ellsworth Kelly. La forma è il contenuto , di Maria

Giuseppina Di Monte (De Luca editori d’arte, 2010) presentata al museo Macro di Roma. Alla presenza dell’autrice e del direttore del Macro Luca Massimo Barbero insieme con Brunella Antomarini (ordinario di estetica, John Cabot university), Maria Vittoria Marini Clarelli (soprintendente alla Galleria nazionale d’arte moderna), Isabella Pezzini (ordinario di semiotica alla Sapienza università di Roma), è stato dibattuto l’articolato saggio che costituisce la prima monografia italiana dedicata a Kelly, uno degli artisti più significativi della seconda metà del Novecento. Una figura complessa e sfaccettata quella del pittore statunitense, più vicino in realtà alle atmosfere poetiche dell’Europa e della Francia in particolare. I lavori dell’artista, che sono presenti nelle più importanti collezioni dei musei americani ed europei, sono oggetto nel testo di un’analisi det-

Una figura complessa e sfaccettata quella del pittore statunitense più vicino in realtà alle atmosfere europee

Un retaggio della identità siciliana di Gaetana Milazzo, artista che nasce ad Alcamo nel 1982, si riflette nelle opere presentate alla Vuedu factory nella mostra dal titolo Identità di scarto. Immagini, un video e una videoinstallazione rappresentano il vissuto di una vita attraverso luoghi, individui e l’esperienza dell’artista. «La mia ricerca - dichiara la Milazzo - parte da milioni di frame scartati. Ripesco immagini da cui estrapolo il "glitch", l’errore. Non manipolo, porto alla luce una dimensione quasi schizofrenica, che riflette un rapporto tra reale e virtuale non conciliato di cui spes-

so non si definiscono i confini, in cui il "glitch" (scomposizione, taglio, alterazione) è campanello dall’allarme, anticamera del blackout». C’è una profonda consapevolezza nella scelta dei soggetti presentati nello spazio Vuedu factory, e va sottolineatalaformazionedell’artista, legata al ritratto attraverso cui ha rappresentato ed esposto individui, se stessa, vissuti, luoghi, definito identità. Non è un caso che l’urgenza di porre una riflessione su quel mondo avvertito come distorto passi attraverso l’esposizione di frame che ritraggono personaggi, ruoli, ma anche individui, identità legate ad un immaginario già acquisito. Nove dunque le immagini "glitchate", un video dove un’intervista diventa pura dissolvenza proprio a causa di un errore e un ologram-

Un retaggio della identità siciliana di Gaetana Milazzo si riflette nella mostra palermitana Identità di scarto Claudia Quintieri

Il pittore nel suo studio

tagliata e circostanziata, che si interroga attorno a questioni centrali: il rapporto con lo spazio, il processo della visione e la sua trasposizione iconica. Partendo dalla tesi del filosofo Maurice Merleau-Ponty, più volte citato in conferenza, secondo il quale è necessario vedere anche esoprattut-

ma dove l’immagine virtuale dell’artista stessa ritaglia minuziosamente fotografie di se stessa ed i pezzetti, come per un sovrapporsi tra la vita reale e quella virtuale, ricadono realmente nello spazio espositivo.

to lo spazio tra le cose, l’autrice indaga sulla capacità del pittore di interrogarsi senza esaurirsi sull’ideale platonico delle forme immutabilirispettoall’esperienza e sulla possibilità della loro rappresentazione che determina una simbiosi, appunto, tra la forma e il contenuto.

«La mia ricerca parte da milioni di frame scartati Ripesco immagini da cui estrapolo errori»

Gaetana Milazzo, Identità di scarto, 2010 (frame da video)


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 37

IL DOMANI DELLA CULTURA La cineasta Andrea Arnold racconta il travaglio della quindicenne Mia

“Fish Tank”, nella periferia inglese un dramma al femminile Francesco Molica «Ho guidato fuori da Londra lungo la A13 e l’ho amato subito. Le fabbriche vaporose e gli spazi aperti, la natura selvaggia, i parcheggi vuoti dove un tempo c’era la Ford». Così la cineasta Andrea Arnold racconta il primo illuminante contatto con le banlieu dell’Essex, l’"acquario" in cui ha deciso di imprigionare le vite e la disperazione del suo Fish Tank. La pellicola, in programmazione in Italia dal 23 luglio, porta in bella mostra il blasone del premio della giuria a Cannes 2009. Onorificenza già incamerata quattro anni fa con l’opera prima "Red road", dove la degenerazione voyeuristica delle società contemporanee si specchia nell’ossessione di una addetta alla telecamere di sorveglianza di Glasgow per gli spostamenti di una fiamma del passato. Di quella ventata di originalità è rimasto poco o nulla. Il solco in cui si cala Fish Tank, la periferia britannica, è lo stesso ispezionato in lungo e largo dalla cinematografia realista di Ken Loach. Il minimalismo abulico cui si affida la regia è in parte preso a prestito da un’altra acclamata scuola del dramma sociale, questa volta di estrazione continentale: quella dei fratelli Dardenne. E non a caso sul travaglio di Mia (Katie Jarvis), quindicenne disadattata ma volitiva in cerca di riferimenti, si allunga l’ombra di Rosetta, il personaggio che, anch’esso

transitato per i fasti di Cannes, ha lanciato la carriera dei registi. Espulsa dalla scuola, isolata dalle amiche, l’irruenta adolescente di Fish Tank si confronta in casa con una madre (Kierston Wareing) ancora giovane e sensuale e con una sorellina con la quale è in perpetuo conflitto. La madre conduce una vita piuttosto libera fino a quando intreccia una relazione con Condor (Michael Fassbender). Il quale sembra essere il primo in grado di cogliere le potenzialità di Mia, d’incoraggiare la sua passione per la danza, innescando però un’ulteriore rivalità in famiglia. Sebbene in debito nei confronti di una tradizione filmica ormai consunta, la Arnold riesce comunque a divincolarsi dalla trappola del "già visto". Rivendicando un tocco spregiudicatamente femminile, che non conosce complessi né ammiccamenti moralisti. Andrea Arnold (Dartford, Kent, 5 aprile 1961) è una regista, sceneggiatrice e attrice britannica. È la prima di quattro fratelli. Crescendo ha frequentato l’American Film Institute di Los Angeles. Negli anni ’80 è stata a lungo attrice, special-

Il solco in cui si cala Fish Tank, la periferia britannica, è lo stesso ispezionato in lungo e largo dalla cinematografia realista del regista Ken Loach mente negli oltre ottanta episodi del programma per bambini No. 73, nel ruolo di Dawn Lodge. Del 1998 è il suo debutto alla regia, con il cortometraggio Milk. Nel 2003 il suo cortometraggio Wasp vince il premio Oscar quale Miglior cortometraggio. Nel 2006 il suo esordio nel lungometraggio, Red Road, viene premiato al festival di Cannes con il Premio della giuria. Nel 2009 identica sorte tocca al suo secondo film, Fish Tank. Attualmente sta lavorando a una nuova versione di Cime tempestose, tratto dal romanzo di Emily Brontë.

Dietrofont su Caravaggio il San Lorenzo non è suo Dietrofront sull’attribuzione del dipinto raffigurante il Martirio di San Lorenzo ritrovato nel Convento della Compagnia del Gesù a Roma. Non è un Caravaggio. Il direttore dei musei vaticani, ed ex ministro dei Beni culturali, Antonio Paolucci, anticipa il suo giudizio sul dipinto conservato nel Convento del Gesù a Roma e su cui, la scorsa settimana, si era aperta una discussione.

Musei, più della metà dei visitatori non paga Oltre il 50% dei visitatori dei musei e siti archeologici italiani non paga il biglietto. Su 32 milioni totali nel 2009, circa 18 non hanno sborsato nemmeno un euro. Non solo giovani e over 65 ma anche appartenenti a categorie particolari e giornalisti. Lo rivela un’indagine della Uil, provocando reazioni contrastanti. Per alcuni è il segno che la gratuità non rimane lettera morta ma viene profondamente sfruttata.

Capalbio libri, incontri dal 30 luglio al 14 agosto Diffuso il programma di Capalbio libri, la notissima kermesse letteraria che si tiene nel piccolo borgo maremmano in provincia di Grosseto. Da venerdì 30 luglio a sabato 14 agosto, tutti i giorni alle 19, in piazza Magenta scrittori, poeti, giornalisti, attori e musicisti, incontreranno il pubblico per parlare dei loro ultimi libri in modo del tutto innovativo e per confrontarsi su tematiche di attualità. Ogni serata ci sarà una diversa esibizione musicale di giovani talenti italiani. Info: www.capalbiolibri.it.

La pellicola inglese in programmazione in Italia dal 23 luglio porta in bella mostra il blasone del premio della giuria a Cannes 2009 Una scena di Fish Tank

Ad Anzio e Nettuno il festival Rifrazioni promuove la danza e le arti visive

Rifrazioni, festival internazionale di arti contemporanee, è alla sua V edizione. La manifestazione realizzata dall’associazione Cercle, promuove la performance e la live art, la danza, la ricerca musicale e le arti visive attraverso interventi site-specific e cioè concepiti in relazione ad uno spazio specifico, nei luoghi pubblici e di interesse culturale del territorio di Anzio e Nettuno: parco Archeologico villa di Nerone, Ex divina provvidenza, porto di Anzio, stazione ferroviaria di Nettuno, Forte Sangallo, Lido dei pini. Il festival è realizzato attraverso una residenza artistica della durata di circa un mese (dal 5 al 28 luglio) in cui gli artisti internazionali, ospitati alla Scuola Media Statale Giovanni Falcone di Anzio, concepiscono opere d’arte inedite ispirate al territorio

che vengono poi presentate gratuitamente nei luoghi del festival, durante le giornate comprese tra il 29 luglio e il primo agosto. Il festival è il risultato di un percorso collettivo, è la messa in scena, in luoghi pubblici, di ciò che viene prodotto durante la residenza. Quest’anno all’interno del percorso di residenza saranno realizzati dei laboratori aperti che coinvolgeranno attivamente la popolazione locale. La residenza aperta è il tentativo di Rifrazioni di radicarsi maggiormente sul territorio. La popolazione di Anzio e Nettuno si fa quindi destinataria e protagonista dei percorsi e delle creazioni che gli artisti realizzano, diventando parte attiva del processo creativo. Un contributo significativo è dato da Amaro Ammore di Canio Loguer-

Scatto realizzato durante il workshop di Manuel Vason

cio, primo raduno poetico itinerante in Italia, avente come oggetto la raccolta di ‘suppliche d’amore’ tra gli abitanti di Anzio e Nettuno. Il progetto si concluderà il 31 luglio, con una performance di grande portata che vedrà la partecipazione di noti poeti e musicisti e varie asso-


Il tributo al fondatore del Cavallino Rampante Sintesi di arte e tecnologia, questo è sinonimo di Ferrari. Ma anche passione, amore per la sfida, impegno per raggiungere il risultato e superare ogni traguardo, capacità di guardare sempre avanti. E di questo si parla quando il protagonista è l’uomo che ha creato una leggenda: Enzo Ferrari. Solo un’auto estrema come questa poteva portarne degnamente il nome. E solo con un’opera d’arte come questa potevamo farne risplendere ogni dettaglio, nella sua aggressiva perfezione.

Il fascino assoluto del mito La scultura è realizzata con la tecnica della microfusione a cera persa, in bronzo laminato in palladio. I cristalli sono realizzati con la tecnica dello smalto a caldo. Un prezioso smalto “cattedrale” trasparente permette la visione dei particolari del motore. Scala: 1/18 Dimensioni: 10,5 x 25 x 5,4 cm ca.

TIRATURA LIMITATA PER L’ITALIA A 399 ESEMPLARI NUMERATI E CERTIFICATI

FERRARI ARTISTIC LIMITED EDITIONS

L’ARTE SI ACCENDE DI ROSSO

www.editalia.it

800 014 858 numero verde

PIER PAOLO PUXEDDU + FRANCESCA VITALE STUDIO ASSOCIATO

Produced under license of Ferrari Spa. FERRARI, the PRANCING HORSE device, all associated logos and distinctive designs are trademarks of Ferrari Spa. The body designs of the Ferrari cars are protected as Ferrari property under design, trademark and trade dress regulations

SCULTURE IN MOVIMENTO: ENZO FERRARI


Mercoledì 28 Luglio 2010

il Domani 39

APPUNTAMENTI Peperoncino Jazz Festival Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari BORGIA Intersezioni 5 Fino al 3 ottobre , presso il parco archeologico di Scolacium (Borgia, Catanzaro),eMarcaCatanzaroacura di Alberto Fiz si terrà la mostra catalogo Electa.

CATANZARO Proroga del Premio “Alda Merini” Sarà il 10 agosto l’ultimo giorno utile per la partecipazione al Premio “Alda Merini” di Poesia promosso dall’Associazione Accademia dei Bronzi e dalle Edizioni Ursini di Catanzaro. Gli elaborati, firmati e corredati di relativo indirizzo, dovranno essere speditiindu-plicecopia,insiemealla scheda di adesione, all’Associazione “Accademia dei Bronzi”, Via Sicilia, 26 - 88100 Catanzaro. Le migliori poesie saranno pubblicate gratuitamente in una prestigiosa antologia dal titolo “Cara Alda, ti scrivo…”chesaràpresentatanelcorso della cerimonia di premiazione programmata a Catanzaro, per il mese di dicembre.

Quest’anno, per la prima volta, lo splendido territorio del Parco nazionale della Sila verrà coinvoltonelprestigiosocircuitoculturale del Peperoncino Jazz Festival, rassegna musicale itinerante diretta da Sergio Gimiglianoinprogrammadalloscorso 16 luglio al 25 agosto prossimo nelle più belle località del Cosentino.In occasione di questa importante collaborazione, dal 28 al 30 luglio verrà realizzata una “tre giorni” di grande musica ispirata da sonorità nordiche e realizzata con l’Alto Patrocinio della Reale Ambasciata

ISOLA DI CAPO R.

Concerto di Dalla - De Gregori La Media Service Produzione spettacoli di Maurizio Rafele, comunica che il 4 agosto , alle ore 21.30, presso l’area Magna Grecia di Catanzaro Lido, si terrà il concerto di Dalla - De Gregori unica tappa in Calabria.

CROTONE Conferenza stampa Giorno 29 luglio , alle ore 16.00, pressolabibliotecadelPresidioOspedaliero San Giovanni di Dio di Crotone, il commissario straordinario prof. Rocco Antonio Nostro terrà una conferenza stampa sull’esposizione delle linee programmatiche che intenderà adottare per l’Asp di Crotone.

GAGLIATO III° Edizione di NanoGagliato L’associazione culturale "MaGiCa" e l’accademiadiGagliatodelleNanoscienze invitano alla III° edizione di NanoGagliato: summit di contenuto scientifico e d’impatto per il progresso della ricerca in Nanomedicina che si terrà presso la Piazzetta "D.Vitale"- Gagliato il 30 luglio , alle ore 21.30.

GASPERINA Esposizione Nicola Raspa Fino al 15 agosto , nei locali di Via Mazzini9/A, conil patrocinio delComune,ilpittoreNicolaRaspaespone nuove opere.

Concorso Ercole dello Jonio Sabato 31 luglio presso l’anfiteatro dell’acquario della Riserva Marina di Capo Rizzuto, si terrà Ercole dello Jonio - Concorso nazionale di cultura fisica e sviluppo muscolare VIII° edizione. Pesatura ore 17.00. Gara ore 21.00.

MAIDA Due Mari Summer Festival Programma Due Mari Summer Festival, presso il centro commerciale "Due Mari": 7 e 28 agosto , ore 21.00, "Balliamo insieme?", estate danzante con V&V dance school. Il 14 agosto , ore 19.00, "Stessa spiaggia...stesso mare". Giorno 8 agosto , ore 19.00, "Bruce Ketta", direttamente da Zelig. Dal 16 al 26 agosto , "Pepp’Art", esposizioni, degustazioni e laboratori, a base di peperoncino.

MONTEPAONE "Bob Sinclar" al Tempio di Atlantide Domenica 1 agosto , la Play Music Promotiopresentaungrandeevento che vedrà ospite per la prima volta in Calabria "Bob Sinclar". La location che ospiterà l’evento è il Tempio di Atlantide, storica discoteca, a Montepaone Lido.

MOSOROFA Percorso Gastronomico Enogastronomia , arte, teatro e musica caratterizzeranno, sabato 7 agosto , l’ ottava edizione del Percorso Gastronomico organizzato dall’ Accademia del fungo porcino d’Aspromonte in collaborazione con il Circolo Culturale Vivarium. La manifestazione, tra percorsi arti-

di Norvegia, terra con la quale il Parco ha realizzato un ideale gemellaggiomusicaleeculturale. I concerti, che saranno ad ingresso libero e avranno inizio alle 18.00, avranno come protagonisti tre assoluti protagonisti del panorama jazzistico norvegese e verranno ambientati in locations di suggestivo fascino naturalistico site all’interno dell’area del Parco: la Riserva Naturale “I giganti di Fallistro” (caratterizzata da una vegetazione di pini larici ultracentenari di maestose dimensioni e situata nel territorio di Spezzano della Sila), che ospistici e vie del palato, animerà le vie antiche di Mosorrofa ( paese collinare a pochi chilometri da Reggio Calabria).

ROSSANO Rossano la Bizantina......d’estate 2010 L’assessorato turismo, spettacolo e manifestazioni culturali presenta Rossano la Bizantina......d’estate 2010. Ogni sabato e domenica fino al28agosto,ore19.00/24.00,presso l’Anfiteatro Viale Mediterraneomercatinoartigianato a cura ass. Creare Insieme con Fantasia.

SARACENA Estate a Saracena Città del moscato passito, d’estate. Programmazione socio-culturale e turistica 2010. Prossimi appuntamenti fino al 1 agosto : sabato 31 luglio , ore 18.00, rievocazione stori-

SIDERNO Prima edizione “World Village” Oggi , la Pro Loco, Davide Lurasco, Michele Macrì, Patrizia Panetta e Domenico Panetta, artefici del “World Village” terranno una conferenza stampa di presentazione della prima edizione dell’evento. La conferenza stampa si terra nei locali della Pro Loco sita in piazza Vittorio Veneto 5, alle ore 18.30, ed oltre alle attività del “Wordl Village” sarà illustrata anche tutta la programmazione estiva della Città di Siderno.

SOVERATO In scena l’opera lirica "Tosca" Andra’ in scena sabato 7 agosto ,alle ore 22.00, presso il nuovo anfiteatrocomunalediSoveratol’operaliri-

terà l’esibizione della cantante Mari Kvien Brunvoll in programma il 28 luglio; il Teatro Verde all’internodelCentroVisite“Antonio Garcea” (nella Sila Piccola, nel comune catanzarese di Taverna), dove si terrà il concerto del 29 luglio che avrà come protagonista il chitarrista Eivind Aarset; e la sede legale ed amministrativa dell’Ente Parco Nazionale della Sila a Lorica di San Giovanni in Fiore, sul lago Arvo, meta turistica fra le più frequentate della Calabria, dove il 30 luglio, dopo una conferenzastampaistituzionale,il sassofonista Hakon Kornstad incontrerà il trio Omparty capitanato da Leon Pantarei in occasione del concerto conclusivo della “tre giorni” di jazz in Sila. Al termine degli spettacoli, verrà dato spazio alla degustazione dei migliori vini calabresi a cura della Fisar di Cosenza - “San Vito di Luzzi” delle CantineVivacqua,“Donnici”delle Cantine Bozzo e “Savuto” delle Cantine Odoardi - accompagnati da prodotti gastronomici silani offerti il 28 luglio da Antica Filanda, Barrese Prodotti Tipici, Dolciaria Rizzo e Getra Sila Salumificio, il 29 dall’Albergo della Posta di Villaggio Mancuso e il 30 luglio da La Tavernetta di Pietro Lecce ca di Giacomo Puccini "Tosca" diretta da maestro Giovanni Froio con l’Opera di Stato di Dniepropetrovsk-Ucraina. Prevendita biglietti presso disco express- Soverato. Euro 15.00 -Info 338/4966980

SQUILLACE Conferenza stampa di presentazione rassegna "Taranta & dintorni" L’associazione "Aggregazioni" di Squillace terrà, mercoledì 28 luglio , alle ore 18.00, presso il castello di Squillace, la conferenza stampa di presentazione della prima rassegna di musica, arte e mestieri "Taranta & dintorni", che avrà luogo a Squillace il 4 e il 5 agosto. Iª edizione del concorso letterario "Parole nel Vento" Venerdì 30 luglio , alle ore 20.30, nella suggestiva cornice del Castello di Squillace si svolgerà la serata di premiazionedellaIedizionedelconcorso letterario "Parole nel Vento", voluto e promosso dall’amministrazione Provinciale di Catanzaro.

STALETTI’

“Notte di Note … Live” al Blanca Cruz Beach Village Sabato 31 luglio , dalle ore 23.30, presso il Blanca Cruz Beach Village, in via Del Mare,22, si terrà l’inaugurazione dell’evento “Notte di Note … Live”.Programma:sabato7agosto , ore 23.30, Ezio Sangiuliano (piano), Erica (voce); sabato 14 agosto , ore 23.30, Soul Mind Band, soul dance 70/80; sabato 21 agosto , ore 23.30, Liano Concolino, voce e tastiere; sabato 28 agosto , ore 23.30, New Talent ( se sei una band o un gruppo prenota la tua esibizione). Info: 339/1114448. Ingresso libero.

Prenotazione 392/9867520

tavoli

&

privè:

Calendario di appuntamenti del gruppo DiBeat Per il secondo anno consecutivo il gruppo DiBeat ripropone un ricco calendario di appuntamenti con gli artisti più in vista del panorama danceinternazionale.Tuttiivenerdìnotte al Blu ‘70 si alternano in consolle nomi noti (italiani ed esteri). Venerdì 30luglio,coniNeverdogs;venerdì6 agosto ; è il turno della giovane promessa Anna Stefani; mercoledì 11 agosto , sarà la volta di Magda; venerdì 13 agosto , sarà il turno di Massimo Di Lena e martedì 17 agosto , sarà la notte del ritorno di Luca Bacchetti e Davide Squillace.

TIRIOLO IVª Edizione del Festivalband Si terrà il 21 agosto , in Piazza Gioacchino da Fiore ("Quartiere") la Quarta edizione del Festivalband, il concorso musicale per band emergenti suddiviso in due categorie: Junior e Senior. Le iscrizioni sono aperte fino al 20 luglio. Per informazioni: 339/7229717 www.festivalbandtiriolo.tk festivalband2007@libero.it facebook: festivalband tiriolo

TROPEA Medel Fashion 1 Agosto 2010 Molti i personaggi del mondo dello spettacolo, presentatrice della manifestazione Manila Nazzaro ex Miss Italia, Testimonial e modella di punta Roberta Morise direttamente dai

programmi l’eredità e i Migliori anni su RAI 1 condotta da Carlo Conti, Antonio Tavella (presentatore) Le Coreografie ed i quadri moda della sfilata saranno curate da Francesco Scavelli ballerino RAI/TV Le modelle sfileranno indossando i monili dell’orafo Michele Affidato noto stilista di gioielli molto apprezzato in Vaticano e in occasione del 60° Festival della canzone Italiana ha realizzato i tre premi, costumi da bagno e lingerie della linea Beachwear, Linea mare e da sera EGLU’, Linea Intimo Peperoncino, gli abiti della boutique Diesel di Tropea, accessoridellaboutiquePiccoliGioielli diTropea. Moltele Missinpasserella tra cui Francesca Panaia (testimonial della Pikkanto’ per la Calabria 2009) - Simona Muccari (fotomodella è stata scelta dal direttore Alfonso Signorini per un servizio fotografico inserito all’interno di “TV sorrisi e canzoni” ) Antonella Montesano (Miss Service Data Bank), Silvia Cacia (The Look of the year fashion TV) Ramona (Vicinanza Miss Mondo Calabria 2009) e tante altre.



il domani