Issuu on Google+

Catanzaro il Domani dello Sport

Edizione Il domani dello sport

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

www.ildomanidellosport.it

Sabato 28 Aprile 2012 > euro 1,00 > Anno XV - Nr. 104

Sfida decisiva per il terzo posto questa sera all’Olimpico

FUORI I TERZI

CRONACA

ROMA-NAPOLI

All’interno supplemento GIOCHI E SCOMMESSE del 28/4/2012

a pag. 2

CATANZARO La squadra di Cozza è in ritiro a Formia in attesa della sfida con il Fondi che può regalare il punto per la promozione in 1ª Divisione

a pag. 4

1

Consiglia

REGGINA Oggi pomeriggio al Granillo (ore 15) gli amaranto scendono in campo contro l’AlbinoLeffe in una gara da vincere a pag. 5

2.50

2.60

X

2 Hc

3.30

2.60

3.40

Parti di cadavere rinvenute sulla spiaggia di Praia a Mare

ROMA-NAPOLI Mazzarri è felice perchè la sua squadra ha superato il brutto momento ma non si fida di Totti. Luis Enrique rifarebbe tutto da pag. 7

2.60


2 il Domani dello Sport

Sabato28 Aprile 2012

CRONACA CALABRIA

ANCORA UN MISTERO DAL MARE Le onde impetuose spingono sulla spiaggia di Praia a Mare un cadavere sconosciuto

Disposta immediatamente una perizia dal Procuratore capo di Paola Bruno Giordano sulle ossa ritrovate

I

Andrea Splendore

misteri del mare. Le onde impetuose spinte dal vento di Maestrale hanno riportato a riva i resti d’un cadavere sconosciuto. Le ossa umane, corrose dalla salsedine, giacciono abbandonate sull’arenile di Praia. Sulla spiaggia si raduna una folla di curiosi tenuta a bada da un nugolo di carabinieri. La Scientifica dell’Arma raccoglie e cataloga due vertebre, una scapola, una tibia e un perone. Si tratta dei resti di uno dei tanti stranieri morti in navigazione tentando di raggiungere le coste italiane? Oppure di una delle numerose vittime della lupara bianca? Chissà. Per svelare l’arcano occorrerà aspettare. Il procuratore capo di Paola, Bruno Giordano, dispone subito l’esecuzione di una perizia per stabilire se si tratti di parti di scheletro appartenenti a un uomo oppure ad una donna. Poi, attraverso l’estrazione del codice genetico, si procederà ad esami comparativi con il Dna dei congiunti di persone scomparse nell’area settentrionale della Calabria negli ultimi anni. Solo a conclusione degli accertamenti potranno trarsi delle

Si sono posate sulla spiaggia di Praia alcune ossa: si dovrà stabilire se il cadavere è di un uomo oppure di una donna

conclusioni utili e credibili. Qualcuno, intanto, sussurra che potrebbe trattarsi del corpo di Luigi Sebillo, un giovane del luogo svanito nel nulla durante una battuta di pesca amatoriale, il 23 febbraio del 2004. Del ragazzo poco più che ventenne furono ritrovati solo gli occhiali da sole e la canna da pesca. Al momento, tuttavia, la magistratura inquirente sembra escludere questa pista. Nella nostra regione sono venti le salme rimaste senza nome. Nel marzo di cinque anni addietro, a Paterno Calabro (Cosenza), i carabinieri rinvennero tra i boschi uno scheletro appartenente ad un soggetto di sesso maschile morto da almeno dieci anni. L’uomo, di probabile origine asiatica, aveva subito l’amputazione delle gambe prima d’essere assassinato. Le indagini non sono però riuscite a risolvere il mistero dell’identità della vittima. Nessuno, negli ultimi tre lustri, aveva infatti mai segnalato la scomparsa di un asiatico nel Cosentino. Chi era quell’uomo? Ma torniamo sulla costa tirrenica, compiendo un salto all’indietro di tredici anni. Aprile 1999: in contrada Sanginello di Belvedere Marittimo , viene trovato il cadavere decomposto di una donna dell’apparente età di 25-35 anni. Il corpo, forse a causa della nefasta azione di animali selvatici, è privo d’una gamba. Il cranio, invece, è ormai ridotto a un teschio. La donna giace semisepolta sotto fogliame e terriccio. Addosso le sono rimasti una maglietta e un paio di calze.

L’esame necroscopico consente di accertare che il decesso risale ad almeno sei mesi prima. Le indagini, partono basandosi su questa manciata di elementi. Il magistrato inquirente fa eseguire degli esami merciologici sugli indumenti. Che risultano provenire da un paese dell’Est europeo. Prende quota la pista investigativa dell’extracomunitaria. Si sospetta, cioè, che possa trattarsi di una donna giunta in provincia di Cosenza forse in cerca di lavoro. Magari come collaboratrice domestica o baby sitter. Scartabellando negli archivi di polizia e carabinieri, tuttavia, non saltano fuori denunce di scomparsa. Si tratta, dunque, di una straniera entrata clandestinamente in Italia. E altrettanto nascostamente vissuta nel Cosentino sino al giorno della tragica fine. I rilievi necroscopici, rilevano poi un’altra inquietante circostanza: la vittima è stata strangolata. La morte, infatti, è dovuta a soffocamento. I medici legali escludono la presenza di contusioni o fratture cagionate da corpi contundenti. Così come non ci sono tracce di ogive o fori di proiettile. A tredici anni dal ritrovamento il caso è ancora aperto e insoluto. La donna non aveva con sè documenti d’identità, oggetti d’oro, denaro. Nulla, insomma, che potesse consentire una identificazione. È certo, ormai, che non sapremo mai di chi si trattava. Senza identità sono rimasti i cadaveri di altre due donne ritrovati, in tempi diversi, sulle spiagge tirreniche del Cosenti-

no. Approfondiamo. Il quattro aprile del 1984, sul tratto di spiaggia antistante il campo sportivo di Acquappesa, in località Sciabiche, viene trovato il corpo saponificato di una donna. Il cadavere, completamente nudo, è privo di avambracci, di tibia e perone della gamba sinistra, e dei denti incisivi superiori e inferiori. La vittima, dall’apparente età di 30-40 anni, ha attaccato ad un piede solo un calzino celeste. Non vi sono però tracce di colpi d’arma da fuoco. Se la sventurata è stata uccisa, dev’essere accaduto per strangolamento. Il medico legale Fuscaldo stabilisce che il decesso risale ad almeno 30 giorni prima del ritrovamento. Il sanitario reperta, attorcigliato al ginocchio sinistro della donna, un filo cui era legato il calco d’un uccello. La circostanza è assolutamente inspiegabile. Atteso che il cadavere è stato restituito dal mare. Scattano le indagini. Gl’inquirenti verificano che non sono state presentate negli ultimi mesi denunce di scomparsa. E nessuno, nonostante il clamore che la vicenda suscita, riconosce la vittima. La donna resta

senza identità e finisce sepolta nel cimitero di Acquappesa. Sulla lapide campeggia la solita scritta: “ignoto”. Le inquietanti analogie, però, non sono finite. L’undici febbraio del 1985, a 300 metri dal luogo del primo ritrovamento di Acquappesa, salta fuori un altro corpo. Pure questo privo d’indumenti e in avanzato stato di decomposizione. Si tratta di un’altra donna, che non ha più denti e presenta un foro di tre centimetri sulla calotta cranica. Il medico legale Tarsitano stabilisce che la vittima, apparente età 5060 anni, è morta da almeno un mese. Il “buco” in testa è un mistero. Potrebbe rappresentare la tragica conseguenza dell’uso di un corpo contundente appuntito. Ripartono le indagini. A comandi di polizia e carabinieri non sono state presentate denunce di scomparsa. Nonostante perizie, accertamenti e ricerche, pure questo cadavere rimarrà senza identità. Finendo sepolto vicino a quello trovato dieci mesi prima. Anonime lapidi campeggiano pure sulle tombe d’un neonato, ritrovato privo di vita il 6 agosto del 1974 a Fuscaldo Marina e di un cinquantenne, trovato cadavere il 13 gennaio 1975, nella medesima zona. Così come sul sepolcro che custodisce i resti scoperti in località “Fonte” di Villlapiana Lido, sul litorale ionico cosentino, il 3 ottobre del 1999. Da tredici anni sono inumati dietro una lastra marmorea senza nome, senza età e nemmeno luogo di provenienza.

il Domani dello Sport Direttore GUIDO TALARICO Direttore responsabile ORLANDO ROTONDARO Caporedattore FRANCESCO PUNGITORE Redazione Calabria Tel. 0961.023922 Loc. Serramonda 88044 Marcellinara (CZ) redazione@ildomani.it EDITORE T&P Editori SRL - Tel. 0961.023922 Loc. Serramonda 88044 Marcellinara (CZ) Testata reg. - trib. Cz n. 64 del 15/7/1997 R.O.C. Numero 5606 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990 n. 250 e seguenti modifiche

già il Domani

PUBBLICITÀ Nazionale, locale e giudiziaria MEDIATAG SPA SEDE CALABRIA LOC. SERRAMONDA 88044 MARCELLINARA (CZ) Tel. 0961.023922 Fax 0961.903421 Tariffa a modulo 46x19 mm h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 129,00 - Corsi di formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologio euro 77,00 cad. - Economici euro 0,62 a parola. Supplemento colore: 40% Distribuzione Media Services (Calabria) CENTRO STAMPA Stabilimento tipografico DE ROSE C/da Pantoni Marinella 87040 MONTALTO U. (CS) Tel. 0984.934382 Responsabile del trattamento dati Dlgs 96/2003 ORLANDO ROTONDARO


Sabato 28 Aprile 2012 il Domani dello Sport

3

CRONACA CALABRIA CRONACA Inaugurata a Reggio Calabria

LA BOTTEGA DELLA LEGALITA’

U

Felice Stanca

na giovane vita spezzata ed il sangue versato. La memoria e l’impegno, i frutti della Terra ed il riscatto della Calabria. Valori, dolore e speranza nella storia di Dodò Gabriele adesso avranno un luogo di incontro proprio presso il Consiglio Regionale della Calabria a Palazzo Campanella, a Reggio. Inaugurata infatti la bottega della legalità Libera Terra con i prodotti delle cooperative sorte sui terreni confiscati alla mafia. Una pagina di condivisione che riscatta almeno quel desiderio di memoria nato quel 20 settembre del 2009 quando il piccolo Domenico Gabriele, ricordato come Dodò, neanche undicenne, moriva. Una ferita ancora aperta nel cuore di quella famiglia che non si arrende, di papà Giovanni Gabriele e

Francesca Anastasi che, non potendo attendere il ritorno di Dodò, attendono almeno giustizia, non vendetta ma giustizia. Una ferita ancora aperta in quella Calabria che non si piega, non si rassegna, non rimane indifferente e che, in ogni angolo del mondo, ricorda le vittime del male mafioso. Una vittima innocente di un agguato consumatosi il 25 giugno del 2009 nella polisportiva Central Park in località Margherita a Crotone, in un campo di calcio. Una vittima adottata da Libera, nomi e numeri contro le mafie, che all’unanimità ha deciso di intitolare la bottega a Reggio Calabria, provincia calabrese con il maggior numero di beni confiscati della regione. Il processo contro coloro che hanno accidentalmente ucciso Dodò, gli inquirenti ritengono che il bersaglio fosse Gabriele Marrazzo, 35 anni, morto sul colpo, è

GIUSTIZIA

C

Pm calabresi sentono segretaria e pentito ‘ndrangheta ontinua a pieno ritmo l'attivita' dei magistrati di Reggio Calabria volati a Milano per un giro di interrogatori nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte irregolarita' nei rimborsi elettorali della Lega Nord. Giuseppe Lombardo, il pm calabrese che ieri ha interrogato per 5 ore Francesco Belsito, sentirà oggi Nadia Degrada, segretaria amministrativa del Carroccio. La donna non risulta indagata e sarà dunque ascoltata come persona informata dei fatti in un luogo diverso dal Palazzo di Giustizia di Milano. Considerato che la Pro-

ancora in corso. Una striscia attraversa il soffitto dell’interno della bottega ed è una striscia rossa come il sangue che è stato versato dalle vittime di mafia, che dal basso sale verso l’alto in segno di speranza. Poi una serie di mensole che delineano due bambini che giocano, per non dimenticare che Dodò giocava liberamente prima che quella pallottola lo uccidesse. Nulla è casuale perché questo è un

Prima del taglio del nastro l’intervento del presidente del Consiglio Regionale Francesco Talarico

AVVISO TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell'Esecuzione Dott. ssa Giovanna Gioia ****** nella procedura esecutiva n° 123/95 r.g.e. il G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: - Appartamento sito in Comune di Vallefiorita identificato in catasto al foglio 4 mappa.272 sub 4 . - Prezzo base . 17.550,00 Fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 12.06.2012 ore 12.00; Fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad . 3.000,00, l'udienza del 13.06.2012. Dispone che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “ Tribunale di Catanzaro - procedura n°123/95 “portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario. L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico dell'aggiudicatario. Dispone che il creditore procedente provveda entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all'art. 498 c.p.c., non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet “www.aste.eugenius.it” e diffusione sul quotidiano “Il Domani “. Manda alla cancelleria di provvedere all'avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. . Dispone che nella pubblicità sia omessa l'indicazione del debitore. Catanzaro lì, 16.02.2012 Il Giudice Dott.ssa Giovanna Gioia Il Cancelliere C1 Dott. Salvatore Aiello

cura di Reggio Calabria contesta all'ex tesoriere del Carroccio il reato di riciclaggio anche in relazione a presunti contatti con le cosche della 'ndrangheta, Lombardo sentira' oggi anche Luigi Bonaventura, ex capo dell'omonima cosca crotonese che successivamente si e' pentito e per questo vive sotto protezione. Anche Bonaventura sara' ascoltato come persona informata dei fatti. La speranza degli inquirenti è che la sua testimonianza possa essere utile per ricostruire le attivita' illecite della cosca reggina dei De Stefano.

luogo di impegno e di memoria, benedetto dopo il taglio del nastro dal Vicario generale della Diocesi Reggio Calabria - Bova, don Antonino Iachino. La bottega, il cui progetto è stato curato da Rosa Quattrone, figlia dell’ingegnere Demetrio Quattrone ucciso dalla ‘ndrangheta a Reggio nel 1991, sarà gestita dalla cooperativa IChora, per cui è intervenuto il presidente Dimitri Praticò, con sede a Condofuri in provincia di Reggio Calabria ma che unisce giovani calabresi e trentini nel segno dell’impegno corale per la legalità e della lotta ad un fenomeno ormai internazionale , quale la mafia. Presente dal Trentino anche Maura Gasperi. Prima del taglio del nastro, tanti gli interventi del presidente del Consiglio Regionale della Calabria Francesco Talarico che ha ribadito l’importanza di avere voluto nella Casa dei calabresi, quale la sede della massima assemblea elettiva della Regione, la bottega intitolato al piccolo Dodò. Poi ancora ha invitato a non generalizzare. “Sarebbe un grave errore, ha detto, ritenere che l’opera delle Istituzioni sia inutile, questo equivarrebbe a prestare il fianco a commette illegalità e favorire le mafie”. Infine l’annuncio di un impegno della Regione, già nel prossimo Piano delle Opere Pubbliche, per il riutilizzo dei beni confiscati in Calabria. Intervenuto anche il presidente della Commissione regionale contro il fenomeno della

‘ndrangheta, Salvatore Magarò, la coordinatrice nazionale di Libera, Gabriella Stramaccioni, il referente di Libera Reggio, Domenico Nasone. Significativa per Reggio Calabria e per la Calabria, ha sottolineato Gabriella Stramaccioni, l’inaugurazione della bottega della Legalità, quale presidio per valorizzare i prodotti delle terre confiscate e riutilizzate da cooperative, proprio solo alcuni giorni prima del trentesimo anniversario dell’omicidio di Pio La Torre’. Il segretario regionale del Partito dei Comunisti Italiani in Sicilia, fu infatti assassinato a Palermo il 30 aprile dl 1982. A lui si deve l’intuizione della confisca dei beni ai mafiosi con la legge Rognoni-La Torre. Gremita la sala Nicholas Green di palazzo Campanella. Presenti autorevoli presenze tra cui il procuratore generale presso la Corte di Appello di Reggio Calabria Salvatore Di Landro, il consigliere regionale Candeloro Imbalzano, il vice presidente della Giunta Provinciale di Reggio Calabria Giovanni Verduci, l’assessore alla Cultura ed alla Legalità Eduardo Lamberti Castronuovo che a nome della Provincia di Reggio, grande apprezzamento ha espresso per la scelta del nome cui intitolare la bottega. Tante le rappresentanze istituzionali, delle forze dell’Ordine e delle associazioni. Molti familiari di altre vittime e testimoni di giustizia ed i rappresentanti dei coordinamenti locali calabresi e trentini di Libera.


4 il Domani dello Sport

Sabato 28 Aprile 2012

SPORT CALABRIA Fondi-Catanzaro sarà diretta dal signor Albertini di Ascoli

S

arà il trentaduenne Luca Albertini della sezione AIA di Ascoli Piceno a dirigere l'incontro tra Fondi e Catanzaro in programma domenica allo stadio "Domenico Purificato". A coadiuvarlo saranno Lorenzo Sani di Empoli e Matteo Bottegoni di Terni. Albertini, nato a San Benedetto del Tronto, bancario di professione, è al terzo anno di Can Pro dove ha diretto 41 incontri di campionato (11 di Prima Divisione e 30 di Seconda Divisione) con uno score di 22 vittorie per le squadre di casa, 9 pareggi, 10 vittorie per le squadre impegnate in trasferta, 12 espulsioni e nessun rigore assegnato. Non vanta alcun precedente con il Fondi mentre ha diretto i giallorossi alla 9^ giornata di campionato in occasione di Catanzaro-Celano (1-0) e nella gara di Coppa Italia Andria-Catanzaro (0-4). Queste le altre designazioni delle gare in programma domenica (inizio ore 15) e valide per la 41ª giornata:

Aversa Normanna-Milazzo: Zappatore di Taranto Chieti-Campobasso: Penno di Nichelino Giulianova-Ebolitana: Ferrari di Mestre Isola Liri-Vibonese: De Faveri di San Donà di Piave L'Aquila-Aprilia: Soricaro di Barletta Melfi-Arzanese: Giovani di Grosseto Neapolis M.-Celano: Greco di Lecce Paganese-Fano: Ceccarelli di Rimini Vigor Lamezia-Perugia: Minelli di Varese Riposa: Gavorrano

TUTTI IN RITIRO A FORMIA

CATANZARO In attesa della sfida con il Fondi

Q

uadri e Maisto arruolabili. Dubbi per gli acciaccati Masini, Squillace, Bugatti e Bruzzese. Tifosi in fermento per invadere Fondi Seduta defaticante stamattina al "Ceravolo" in vista della trasferta di Fondi. Contro la squadra di mister Capuano torneranno disponibili Quadri e Maisto, che ha scontato il turno di squalifica. Da valutare le condizioni degli acciaccati Masini, Squillace, Bugatti e Bruzzese, con quest'ultimo che sembra avere i problemi più seri e difficilmente recupererà. Domani la squadra partirà per il ritiro di Formia, mentre in città la tifoseria è in fermento per preparare al meglio la trasferta che potrebbe sancire la matematica promozione in Prima Divisione. La giornata odierna, intanto, ha sancito l'apertura della caccia al biglietto, operazione resa difficoltosa da alcuni problemi tecnici che hanno interessato l'unica rivendita attiva nella città di Catanzaro. I tagliandi disponibili per i tifosi catanzaresi dovrebbero essere circa 1200, ma viste le numerose richieste crediamo che per la giornata di domani avremo un quadro definitivo sulla reale disponibilità.

Di certo c'è che il "Purificato" di Fondi domenica avrà solo due colori: il giallo e il rosso. Il 29 aprile potrebbe dunque essere un’altra data storica per l'Us Catanzaro; la promozione in Prima Divisione andrebbe ad aggiungersi alle tre nella massima seria del 1970-71, 1975-76 e 1977-78, e ancora a quelle in B del 1935-36, 1958-59, 198485, 1986-87, 2003-04.

Il Catanzaro attende nel ritiro di Formia la partita con il Fondi che domenica può dare la promozione

CICCIO COZZA: «MEGLIO PENSARE AL FONDI» CATANZARO Il tecnico ha voluto chiarire le dichiarazioni su Mancosu

P

rima di partire alla volta di Formia, sede del ritiro in cui la squadra preparerà la sfida di Fondi, il tecnico del Catanzaro Ciccio Cozza ha fatto alcune precisazioni rispetto alle notizie apparse in questi giorni sulla stampa locale e relative ad un presunto interessamento del club giallorosso nei confronti dell’attaccante Manco-

su della Vigor Lamezia: “Domenica scorsa, in sala stampa, al termine del match, in seguito ad una precisa domanda di un cronista, ho solo espresso un’opinione, un elogio, come si fa tra addetti ai lavori, nei confronti di due giocatori importanti per la categoria, ovvero Sandomenico dell’Arzanese e Mancosu della Vigor Lamezia. Tutto qua!”. “In

sala stampa - sottolinea il tecnico Cozza -, come si può rilevare chiaramente anche dalle riprese televisive, ho soltanto dichiarato, ribadisco su precisa domanda dei giornalisti presenti, che Mancosu è un ottimo elemento, precisando che attualmente è legato contrattualmente alla Vigor Lamezia, squadra tra l’altro in lizza col Catanzaro per il salto di

categoria, e che pertanto non si pone alcuna questione rispetto ad un eventuale interessamento per l’immediato futuro. Certo, come sa bene chi fa calcio, le vie del mercato sono infinite, ma allo stato smentisco che il Catanzaro sia interessato all'acquisto di Mancosu. Sono davvero dispiaciuto che si sia ingenerata una polemica su quello che voleva essere un semplice apprezzamento sulle qualità del calciatore”. Per quanto riguarda l’aspetto sportivo, è già iniziata in mattinata la marcia di avvicinamento al match in terra laziale che potrebbe regalare un traguardo storico al club del presidente Giuseppe Cosentino. “Andremo a Fondi a giocarci la nostra partita, senza far calcoli, anche perché il nostro sogno è quello di agganciare ancora il primo posto”, ha detto il mister Cozza prima di salire sul pullman. C’è massima concentrazione tra i calciatori giallorossi e la voglia, come ha sottolineato il tecnico, “di chiudere il discorso promozione quanto prima, pur con qualche elemento acciaccato e infortunato”. Intorno alle 10, quindi, la comitiva giallorossa è

salita sul pullman alla volta del quartier generale fissato a Formia (LT) ed esattamente al “Centro di preparazione olimpica”. Domattina è previsto l’allenamento di rifinitura che sarà anche l’occasione per valutare attentamente le condizioni del gruppo e di quei giocatori che sono usciti malconci domenica dal campo. omenica, subito dopo pranzo, verrà raggiunto lo stadio di Fondi. Al riguardo, il tecnico Francesco Cozza ha convocato per la trasferta in terra laziale i seguenti ventitré calciatori: MENGONI Riccardo, ACCURSI Salvatore, NARDUCCI Simone, SQUILLACE Tommaso, PAPASIDERO Michelangelo, GIAMPA’ Domenico, MARIOTTI Alessio, ESPOSITO Christian, SCERBO Luca, MANNONE Antonino, BUGATTI Federico Ezequiel, ROMEO Roberto, BRUZZESE Serafino, ULLOA Juan Martin, GIGLIOTTI Denny, CORSO Davide, CARBONI Salvatore, SIRIGNANO Ciro, MASINI Simone, SPAGNOLO Alberto, MAISTO Vincenzo, QUADRI Alberto e D’ANNA Simone.

D


Sabato 28 Aprile 2012 il Domani dello Sport

5

SPORT CALABRIA

PUNTO MOLTO SU RAGUSA

REGGINA Il tecnico degli amaranto pensa che quella con l’AlbinoLeffe sia davvero l’ultima spiaggia

Q

ualche minuto di ritardo sull’inizio. La squadra ha terminato la rifinitura. Cosenza ha lasciato il Sant’Agata con la sua autovettura, mentre gli altri sono con la tuta ufficiale e pronti per il ritiro. Il giocatore è squalificato e insieme a Bonazzoli, salterà la gara di domani pomeriggio al centro sportivo Sant’Agata. «Avevo preparato la gara in due modi. Con il senno di poi magari qualcosa si poteva cambiare e magari fare un’altra scelta. L’idea era quella di avere una supremazia a centrocampo, dove nella gara del 6 aprile la Reggina ha creato le maggiori difficoltà». «Ragusa nelle ultime partite ha avuto

una marcia in più. Gli chiedo uno sforzo per cercare la profondità, ma vale anche per gli altri attaccanti. Rizzo mediano basso? Dipende dagli avversari, se loro hanno una mezzapunta non vorrei fare tre contro tre in fase difensiva. Volevo un uomo con caratteristiche di marcatura». «Difesa a quattro? Non è proprio così, giochiamo a scivolare. L’idea è quella della difesa a tre». «Ci sono difficoltà a dover rincorrere più avversarie. Bisogna avere bravura e fortuna di poter sfruttare certe situazioni. Adesso non è il momento di fare calcoli, ma fare punti. Lo scorso turno ci è andato bene, anche per il risultato degli altri.

La classifica non permette calcoli». «L’Albinoleffe è una squadra che crea tanto, cerca sempre di fare gioco. Crea tanto in zona gol. Conosco bene il loro mister». «Viola aveva qualche linea di febbre. Gli altri sono tutti a posto». «Queste due partite sono diverse e opposte. Una ha una difficoltà più latente, perché è scontata e nel calcio non è così. C’è la consapevolezza che le nostre motivazioni devono essere maggiori delle loro. Ci deve essere dinamismo e cattiveria». «In casa abbiamo fatto tante partite facendo gioco, per esempio con il Modena e il Pescara. A volte viene a volte no».

Sono 19 i convocati per la gara con l’AlbinoLeffe

S

ono 19 i calciatori convocati da Roberto Breda per la gara con l’Albinoleffe, valida per il 16° turno di ritorno di Serie bwin, in programma oggi alle ore 15 allo stadio Granillo. Di seguito l’elenco completo.

Portieri: Belardi, Zandrini; Difensori: Adejo, Angella, Emerson, Freddi, Marino; Centrocampisti: Armellino, Barillà, Colombo, D’Alessandro, Melara, Rizzato, Rizzo, N. Viola; Attaccanti: Campagnacci, Ceravolo, Ragusa, A. Viola. Diffidati: Adejo, Barillà, Colombo, Rizzo, N. Viola. Squalificati: Bonazzoli, Cosenza.

La gara del Granillo (ore 15) sarà diretta da Di Paolo

S

arà il Sig. Aleandro Di Paolo di Avezzano a dirigere Reggina-Albinoleffe, gara valida per il 16° turno di ritorno del campionato di Serie bwin, in programma oggi alle ore 15 al Granillo. Assistenti del direttore di gara i Sigg. Valentino Paiusco di Vicenza e Massimo Melloni di Modena. Quarto ufficiale il Sig. Angelo Martino Giancola di Vasto. La carriera, i precedenti con le due squadre e con gli allenatori, tutto su Aleandro Di Paolo nella scheda prodotta da Virtualcalcio in collaborazione con l’ufficio stampa della Reggina.

E’ QUI LA STORIA? A HINTERREGGIO Domenica si festeggia?

d un passo dalla storia. L’Hinterreggio ha in mano il proprio destino, dopo aver riscritto quello del calcio reggino. Mai un’altra squadra, oltre ovviamente alla Reggina, ha avuto l’opportunità di approdare nei campionati professionistici. Adesso, la società biancoceleste, ha l’incredibile occasione di affiancare gli amaranto nel football che conta. Senza contare che la promozione arriva in un momento difficilissimo per il calcio minore, con la concreta possibilità di poter prendere parte ad una Lega Pro ridotta a pochi gironi, anticamera della serie B. Ma la storia va ancora riscritta e il Nissa, che appare una vittima sacrificale al gran banchetto biancoazzurro, deve necessariamente guadagnare

punti preziosi per evitare la retrocessione diretta. Quali possono essere gli ostacoli verso il trionfo? Apparentemente pochi, visto che la squadra pare godere di buona salute e ha trovato proprio nel decisivo finale l’ottima verve realizzativa degli attaccanti, soprattutto Impallari e Palumbo. Prima di fare qualsiasi progetto per il futuro dunque, va battuto il Nissa, in una sorta di scontro passato-presente e probabilmente futuro del tecnico Gaetano Di Maria, che potrebbe condannare proprio la squadra che ha fatto grande nello scorso campionato di serie nella quinta divisione: la serie D. Domenica ci si attende il pubblico delle grandi occasioni, con la città che proverà a lanciare Franceschini e compagni. Poi potrà iniziare la festa e sarà già il futuro.


6 il Domani dello Sport

Sabato 28 Aprile 2012

SPORT NAZIONALE Prosegue la vendita dei biglietti per Vigor Lamezia-L’Aquila roppe emozioni. Ecco T perché Leo Messi, stella del Barcellona, ha disertato la

GUARDIOLA LASCIA IL BARCELLONA! MONDO GOL Annuncio non tanto a sorpresa

«S

Carlo Liguori

iamo qui per annunciare che Pep Guardiola non sarà l'allenatore del Barcellona nella prossima stagione». Lo ha dichiarato il presidente blaugrana, Sandro Rosell, nella conferenza congiunta con il tecnico catalano per il suo addio. «Ringraziamo Pep per aver migliorato il nostro mondo calcistico. Ha onorato i nostri valori, la nostra bandiera. Lo ringraziamo per il supporto, il sostegno, la stima che ci ha dato. La gratitudine sarà eterna da parte del Barcellona per lui», ha aggiunto Rosell. «Sono stanco. Sono trascorsi 4 anni, il tempo è passato». Pep Guardiola spiega la decisione di lasciare la panchina del Barcellona dopo 4 stagioni ricche di successi e soddisfazioni. L'allenatore, con il presidente Sandro Rosell, si presenta in sala stampa e prende la parola davanti ai cronisti e davanti alla squadra, presente all'appuntamento speciale. «Non è una situazione semplice, come potete immaginare. Cercherò di spiegare come mi sento e cosa provo. Mi dispiace per l'incertezza che si è creata, mi dispiace aver creato qualche problema a persone che stimo e mi dispiace se qualcuno ha messo in dubbio il mio impegno e la mia serietà. Sono stato un giocatore del Barcellona prima di diventarne allenatore, questa è sempre

stata casa mia. Quattro anni come allenatore del Barcellona sono un'eternità», dice Guardiola. «A ottobre e a dicembre avevo già parlato con il presidente e con la direzione, avevo già parlato della mia possibile decisione. Ma non potevo comunicarla ai giocatori, c'erano ancora tante competizioni importanti e c'era tanto da fare. Ho potuto prendere questa decisione con calma, non avrei mai voluto creare problemi all'ambiente», aggiunge facendo riferimento alle ultime settimane. «Grazie Pep. Per lui proveremo gratitudine eterna». così il presidente del Barcellona Sandro Rosell nell'annunciare l'addio di Guardiola che non sarà l'allenatore della formazione catalana per la prossima stagione. «Cercheremo di gestire al meglio l'eredità che ci lascia Guardiola - ha aggiunto Rosell -. L'incarico passerà adesso a Tito Villanova». Guardiola inizia la sua carriera da allenatore alla guida del Barcellona B nel 2007.

In 4 stagioni Pep Guardiola ha battuto tutti i record con il Barcellona vincendo 13 trofei dei 17 ai quali ha partecipato

Nel luglio 2008 viene scelto dall'allora presidente Joan Laporta come allenatore. Nella sua prima stagione da allenatore, quella 2008/2009, Guardiola centra il “triplete” vincendo nell'ordine la Coppa di Spagna, il campionato e la Champions League, battendo nella finale di Roma il Manchester United. La stagione successiva si apre con le vittorie della Supercoppa di Spagna, della Supercoppa europea (battendo lo Shakhtar Donetsk) e del Mondiale per Club battendo nella finale di Abu Dhabi l'Estudiantes. Nella stessa stagione Guardiola vince il secondo campionato spagnolo da allenatore. Nella stagione 2010/2011 Guardiola vince il terzo campionato, la sua seconda Champions League da allenatore (con il Barca battendo il Manchester United per 3-1 nella finale di Wembley) e la Supercoppa di Spagna. La stagione 2011/2012 si apre con i successi nella supercoppa di Spagna e di quella Europea. Poi il secondo Mondiale per Club. Ecco l'elenco dei trofei: 2008/2009: Coppa del Re, Liga, Champions league. 2009/2010: Supercoppa di Spagna, Supercoppa europea, Mondiale per Club, Liga 2010/2011: Supercoppa di Spagna, Liga, Champions league 2011/2012: Supercoppa di Spagna, Supercoppa europea, Mondiale per Club.

conferenza stampa con cui l'allenatore Pep Guardiola ha ufficializzato l'addio al club catalano. «Voglio ringraziare Pep con tutto il cuore per quello che mi ha dato a livello professionale e personale», scrive Messi dalla sua pagina su Facebook. «Per le emozioni che provo, ho preferito non essere presente alla conferenza di Pep e ho preferito rimanere lontano dalla stampa. Soprattutto perché so che - i giornalisti - avrebbero cercato le espressioni tristi dei giocatori e ho scelto di non far vedere la tristezza provata in questi momenti». «Questa è la decisione di Pep. Tutto era cominciato con un “faremo bene” e possiamo dire che è andata ancora meglio. Ha reso grandi i valori del Barcellona, poi sono diventati fatti, sono diventati reali. Far parte del Barca è la cosa migliore, l'eredità che ci lascia e la sfida che ci fa raccogliere è grande, e da questo vogliamo ricominciare e lavorare, continueremo a farlo». Lo ha detto Andoni Zubizarreta, direttore dell'area calcistica del Barcellona, sulla decisione di Guardiola di lasciare il club blaugrana. Per la sostituzione è stato scelto Tito Villanova, il secondo di Guardiola. «Chi poteva sostituire Guardiola? Questa domanda ce la siamo posta ed ho cominciato a valutare tecnici, i valori, la serenità, ma bisogna conoscere dall'interno la società, questa è una realtà bellissima ma complessa. Tito rappresenta tutti, l'idea, la preparazione, l'analisi, cerchiamo di affrontare tutti al

meglio, ma ci vuole altro, la personalità. Tito è diverso da Pep, è un'altra persona ma vogliamo continuare su questo profilo, - ha aggiunto Zubizarreta - abbiamo sempre detto che quando abbiamo bisogno di un giocatore noi guardiamo in casa e da qui nascono i nostri progetti, guardiamo innanzitutto dentro casa nostra e vale anche per l'allenatore. Ora ci restano tre settimane da giocare, continueremo a lavorare come tutta la vita. Anche questa scelta comprende dei rischi, ma come disse Pep “si allacciano le cinture e si parte”». Tra qualche mese potrebbe sedere sulla panchina di Stamford Bridge ma Roberto Di Matteo ha solo parole di stima e ammirazione per Pep Guardiola, «un modello per tutti i giovani allenatori». «Pep è una persona fantastica, se ha deciso di lasciare il Barcellona significa che era la scelta giusta per sé, la sua carriera e probabilmente anche la sua famiglia - il commento di Di Matteo -. Quello che ha ottenuto in così poco tempo è qualcosa di veramente straordinario. Probabilmente è uno dei migliori allenatori al mondo, se non proprio il migliore. È un modello per tutti i giovani allenatori». Una dichiarazione con la quale ha elegantemente dribblato la domanda del cronista che gli chiedeva se temesse il suo arrivo alla guida del Chelsea. D'altronde Roman Abramovich non ha mai nascosto la sua ammirazione per il tecnico catalano e nonostante la finale di Champions League appena conquistata il Chelsea non ha ancora confermato Di Matteo per la prossima stagione.


Sabato 28 Aprile 2012 il Domani dello Sport

7

SPORT NAZIONALE

LA ROMA HA SEMPRE TOTTI NAPOLI Il tecnico del Napoli si dice felice per aver superato il brutto momento ma non si fida

I

Carlo Liguori

l compito del Napoli domani sera all’Olimpico potrà essere facilitato dalle numerose assenze della Roma con i tre squalificati (De Rossi, Osvaldo e Lamela) che si aggiungono agli infortunati lungodegenti? Mazzarri non ci casca e ad una domanda durante la conferenza stampa di stamani nella capitale, risponde... attaccando. «Io non mi fido. La Roma ha un campione straordinario che è Totti e lui può sempre fare la differenza. Io dico che dovremo far valere la nostra forza

nell’organizzare il gioco. Se vogliamo fare risultato domani dovremo essere perfetti». L’allenatore del Napoli non ritiene neppure che il momento difficile di Luis Enrique possa in qualche modo avvantaggiare la sua squadra. «Non lo conosco bene - spiega - e non metto bocca su discorsi tecnici, dico solo che mi sembra un uomo serio e credibile, che non gira attorno ai discorsi e non bada alle critiche. È una persona che apprezzo». «Siamo stati bravi a far durare pochissimo i momenti critici. Roma è una tappa importante». Walter Mazzarri e il Napoli

si preparano a far visita alla Roma per un match fondamentale nella corsa al terzo posto. «Domani è la partita che conta più delle altre perché è quella che viene prima. Sappiamo quali sono le difficoltà che ci saranno all’Olimpico e vogliamo prepararci al meglio», afferma. «Veniamo da due successi consecutivi, la squadra è serena e compatta, ma il calcio di oggi non ti fa stare mai tranquillo. Ogni evento è un match a parte, questo è il dato che un campionato così equilibrato sta esprimendo», dice il tecnico partenopeo alla vigilia della sfida in programma all’O-

limpico. Il Napoli è da ieri in ritiro nella capitale. «Io sono un allenatore che sta 24 ore a pensare cosa fare. Ho ritenuto opportuno di decidere il ritiro prima ancora della partita di Lecce, perché sapevo quale era la nostra situazione e alla luce della condizione dei nostri giocatori era necessario fare così - spiega Mazzarri -. Avremmo disperso energie nei vari viaggi di trasferimento e non avremmo ottimizzato i tempi della preparazione. Nel calcio moderno le squadre che vogliono fare risultati devono star bene fisicamente e correre, tutte». I partenopei potrebbero ritrovare Ezequiel Lavezzi: «Lavezzi ieri ha fatto allenamento completo, oggi vedrò come sta. Io dico che chi va in campo deve essere al massimo, al di là dei singoli, questo è un concetto che il gruppo deve assimilare sempre». La Roma è in profonda crisi dopo le sconfitte incassate contro Juventus e Fiorentina. «Il clima attorno alla Roma ci deve interessare fino a un certo punto. Noi dovremo giocare isolandoci dall’ambiente esterno, dipenderà molto da noi, da come riusciremo ad interpretare il match. Domani dovremo dare il massimo, fare di tutto per cercare di esprimere il nostro gioco perché di fronte avremo un ostacolo duro», dice Mazzarri. La formazione giallorossa deve fare i conti con assenze di rilievo: «Io non mi fido. La Roma ha un campione straordinario che

è Totti e lui può sempre fare la differenza. Io dico che dovremo far valere la nostra forza nell’organizzare il gioco. Se vogliamo fare risultato domani dovremo essere perfetti». «Luis Enrique? Non lo conosco bene e non metto bocca su discorsi tecnici, dico solo che mi sembra un uomo serio e credibile, che non gira attorno ai discorsi e non bada alle critiche. È una persona che apprezzo», dice riferendosi all’allenatore della Roma, sempre più nel mirino della critica. Il Napoli, dopo l’eliminazione dalla Champions League, ha avuto un evidente calo di rendimento. Ora, dopo 2 vittorie di fila, gli azzurri sono di nuovo vicini al terzo posto. «C’è stato indubbiamente un calo psicologico perché l’uscita dalla Champions ci ha lasciato amarezza. Ci può anche stare un appannamento fisico, ma dobbiamo capire che il Napoli non era abituato a tutti questi impegni. Siamo stati bravi a svoltare subito e far durare pochissimo i momenti critici», osserva Mazzarri. «Voi sapete che io non mi accontento mai come carattere ed ho trasmesso al gruppo questa mentalità. Abbiamo disputato tre anni eccezionali e quest’ultimo lo ritengo ancora più straordinario degli altri. Poi alla fine tireremo le somme della stagione, considerando la Champions, il campionato e la Coppa Italia», conclude.

posso stare dietro a questo. Penso sia normale nel calcio e io la prendo come la deve prendere un professionista: non mollare e fare quello che io credo sia giusto». Il primo anno alla Roma non è stato

difficile solo per l’asturiano. «Senza dubbio questo anno non è stato normale, è stato diverso e non solo per l’allenatore, anche per la società. Al primo anno di questa gestione sportiva, hanno fatto tantissime cose buone, forse non si sono viste per quanto riguarda la classifica, ma siamo ancora in lotta». Il tecnico giallorosso torna poi a parlare della gara persa in casa con la Fiorentina. «Per come è finita la partita è normale che la gente sia arrabbiata, ma io penso che se Osvaldo e Totti mettevano a segno il secondo gol andavamo a 2 punti dal terzo posto. Quindi penso che questo anno, e facendo autocritica, la società e i calciatori abbiamo messo l’inizio di quello che sarà la Roma. Purtroppo ci sono state tante sconfitte ma sono sicuro che la Roma il prossimo anno vincerà».

NON MI SONO MAI PENTITO ROMA LO SFOGO DELL’ALLENATORE

«P

entito di aver scelto la Roma? Non mi sono mai pentito di essere venuto alla Roma, è un grande piacere essere l’allenatore della Roma, per quello che rappresenta essere l’allenatore di una squadra come questa, con un tifo e una squadra grandissima e una società incredibile». Sono le parole del tecnico della Roma, Luis Enrique, nella conferenza stampa che precede la sfida di campionato con il Napoli. L’asturiano è convinto di poter ribaltare la situazione in queste ultime quattro partite. «Certo che penso che si può ribaltare la situazione, dobbiamo vincere le prossime partite e lottare per l’ultimo obbiettivo della stagione. Siamo settimi e al momento meritiamo questo posto, ma mancano 4 partite e penso sempre che fino a che c’è questa opportunità bisogna lottare per l’obbietti-

vo che ora è l’Europa League». Perché la Roma è così lontana da quella che aveva battuto il Napoli all’andata? È mancata la regolarità, gli alti e bassi hanno allontanato la squadra dagli obiettivi più alti, senza nessun dubbio è questo». Luis Enrique spiega poi la foto in cui sembra fare le corsa. «Scaramanzia? Io non sono scaramantico, mai lo sono stato, non è una pessima cosa, ma non lo sono, è stata una interpretazione. In Spagna poi le “corna” non si fanno se non per litigare, ma per me non significa niente, mi dispiace ma non sono stati giusti con quella che è la verità, è stata una interpretazione sbagliatissima», sottolinea il tecnico della Roma. Dopo la partita con la Fiorentina aveva detto di non sapere cosa fare a fine stagione. «Questo è un momento difficile. Non vado a pensare questo... ora è il momento giusto per

stare con i ragazzi e la società, poi a fine stagione vedremo. Si è rotto qualcosa con l’ambiente? «È difficile gestire il rapporto con l’ambiente. Poi lo striscione lo fanno 1-2-100 persone e non


8

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n°.124/93, con ordinanza emessa all’udienza del 04.04.2012 ha disposto la vendita senza incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 20.06.2012 ed ha fissato per il caso in cui la stessa non abbia luogo la vendita con incanto dei medesimi lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 04.07.2012; lotto 1 - “locale di deposito al piano terra di un fabbricato civile, sito in Maida, loc. Montagna, di superficie lorda pari a mq. 162, individuato in NCEU foglio 49, particella 295, sub 2; il fabbricato di cui fa parte presenta irregolarità edilizia sanabili a cura e spese degli aggiudicatari dei lotti 1 e 2 entro 120 gg dal trasferimento, mediante il pagamento di una somma di €.7.488,63 già detratte dal valore complessivo dell’immobile ai fini della determinazione del prezzo base d’asta”; prezzo base d’asta € 11.000,00 lotto 2 - “appartamento al primo piano di un fabbricato civile sito in Maida, loc. Montagna, composto da cucina, pranzo, salone, tre stanze da letto, due bagni e un ripostiglio, di superficie lorda pari a mq. 162 e balconi di mq. 44, individuato in NCEU al foglio 49, particella 295 sub 3, il fabbricato di cui fa parte presenta irregolarità edilizia sanabili a cura e spese degli aggiudicatari dei lotti 1 e 2 entro 120 gg dal trasferimento, mediante il pagamento di una somma di €.7.488,63 già detratte dal valore complessivo dell’immobile ai fini della determinazione del prezzo base d’asta”; prezzo base d’asta € 10.500,00; lotto 3 - “terreno agricolo in località Montagna del Comune di Maida di superficie pari a mq. 7370, in catasto al foglio 49, particella 6; vi insiste un piccolo fabbricato abusivo adibito a ricovero per animali da cortile sanabile a cura e spese degli aggiudicatari entro 120 gg dal trasferimento, mediante il pagamento di una somma di €.5.164,57 già detratte dal prezzo base d’asta dell’intero lotto”; prezzo base d’asta € 6.000,00 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA SENZA INCANTO Quanto alla vendita senza incanto, da effettuarsi al prezzo base di euro 11.000,00 per il lotto n. 1 e di euro 10.500,00 per il lotto n. 2, ed euro 6.000,00 per il lotto n. 3; ciascun offerente, ai sensi dell’art. 571, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.), presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del bene (e del lotto) cui l’offerta si riferisce, del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutaione dell'offerta; detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); l’offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme; in caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a sog-

Sabato 28 Aprile 2012

getto diverso da quello che sottoscrive l’offerta; l’offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l'offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell'articolo 568 e più sopra ricordato; c) se l'offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane spa”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per l'esame delle offerte; le buste saranno aperte all'udienza fissata per l'esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; nel caso di mancata comparizione dell’offerente o degli offerenti l’aggiudicazione sarà comunque disposta, fatta salva l’applicazione delle previsioni di cui all’art. 572, commi 2 e 3, c.p.c.; in caso di più offerte valide, si procederà a gara sull’offerta più alta secondo il sistema delle schede o buste segrete, fatta salva l’applicazione dell’art. 573, comma 2, c.p.c.; in alternativa alle modalità di cui sopra, la presentazione delle offerte di acquisto può avvenire anche mediante l’accredito, a mezzo di bonifico o deposito su conto postale o bancario intestato alla procedura esecutiva ed acceso o da accendersi, nel secondo caso, presso il “Monte dei Paschi di Siena S.p.A.” – filiale di Lamezia Terme, di una somma pari ad un decimo del prezzo che si intende offrire e mediante la comunicazione, a mezzo telefax o posta elettronica, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi, di una dichiarazione contenente le indicazioni di cui allo stesso art. 571 c.p.c.; detto accredito deve avere luogo non oltre cinque giorni prima della scadenza del termine entro il quale possono essere proposte le offerte d'acquisto; fin d’ora si prevede che, quando l'offerta è presentata con le modalità alternative, il termine per il versamento del prezzo e di ogni altra somma è di novanta giorni; in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; quanto all’eventuale, successiva vendita agli incanti: essa deve aver luogo al prezzo base di euro 11.000,00 per il lotto n. 1 e di euro 10.500,00 per il lotto n. 2, ed euro 6.000,00 per il lotto n. 3; ; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte

in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 19.06.2012, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; è fissata, per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, ai sensi dell’art. 573 c.p.c., l’udienza del 20.06.2012, ore 9.30 e segg.; NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 03.07.2012con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 04.07.2012 ore 9.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o man-

Info - 0961.023931

canza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 13 aprile 2012 Il funzionario giudiziario Leonilda Bonaddio ***** AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.2/89 R.G.E., SI RENDE NOTO che il giorno 20.06.2012 alle ore 09:30 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita all’incanto dei beni immobili elencati in calce, alle seguenti condizioni: prezzo base: € 50.000,00 Elenco beni immobili: lotto unico: quota parte pari alla metà del locale magazzino in Lamezia Terme Sambiase via Re di Puglia angolo via Caparello avente una superficie netta di mq 101 circa con relativa area di pertinenza scoperta avente una superficie di mq 31,50 attualmente destinato ad attività commerciale, riportato in NCEU del predetto Comune al foglio di mappa n.74, part.lla 844 sub 4 relativamente al magazzino e sub 13 relativamente all’attinenza scoperta è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 19.06.2012 con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme;


9 in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all’incanto; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, ***** AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.25/04 R.G.E., SI RENDE NOTO che il giorno 20.06.2012 alle ore 9:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita con incanto del seguente bene immobile, alle seguenti condizioni: prezzo base lotto n.1: € 24.025,78 prezzo base lotto n.2: € 29.440,55 Elenco beni immobili lotto n.1: immobile per civile abitazione sito in Lamezia Terme, località Ginepri, con superfi-

Sabato 28 Aprile 2012

cie commerciale di 67 mq, riportato al NCEU di Lamezia Terme al foglio 23, part.lla 184 sub 47, cat A/3, vani 3,5, posto nel corpo di fabbrica 1/A, piano rialzato scala D, interno 4D. Lotto n.2: immobile adibito a civile abitazione sito in Lamezia Terme loc. Ginepri, con sup commerciale di mq 82,10, posto nel corpo di fabbrica 1/A, piano rialzato della scale D, int. 5/D, distinto al NCEU foglio 23 part.lla 184 sub 48 cat A/3 classe 4 consistenza 2,5 vani. è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 19.06.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma

dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; ***** AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.50/92 R.G.E., SI RENDE NOTO che il giorno 20.06.2012 alle ore 9:30 nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita all’incanto dei beni immobili elencati in calce, alle seguenti condizioni: prezzo base: € 138.240,00 per il lotto n.1 prezzo base: € 88.320,00 per il lotto n.2 prezzo base: € 82.560,00 per il lotto n.3 prezzo base: € 69.760,00 per il lotto n.4 prezzo base: € 70.400,00 per il lotto n.5 prezzo base: € 68.160,00 per il lotto n.6 prezzo base: € 68.480,00 per il lotto n.7 prezzo base: € 166.720,00 per il lotto n.8 prezzo base: € 61.440,00 per il lotto n.9 Elenco beni immobili: lotto n.1: immobile ad uso magazzino commerciale sito in Lamezia terme c.da La Gala – Quattrocchi identificato al foglio 28 part.lla 694 sub 10, vano unico, mq 190; lotto n.2: appartamento sito in Lamezia Terme c.da La Gala – Quattrocchi identificato al foglio 28 part.lla 694 sub 4 categoria A/3 vani 6, piano primo, mq 200,81; lotto n.3: appartamento sito in Lamezia Terme c.da La Gala – Quattrocchi identificato al foglio 28 part.lla 694 sub 5 categoria A/3 vani 6, primo piano, mq 189,82; lotto n.4: appartamento sito in Lamezia Terme c.da La Gala – Quattrocchi identificato al foglio 28 part.lla 694 sub 6 categoria A/3 vani 6, piano secondo, mq 141,73; lotto n.5: appartamento sito in Lamezia Terme c.da La Gala – Quattrocchi identificato al foglio 28 part.lla 694 sub 7 categoria A/3 vani 6, piano 2, mq143,26; lotto n. 6: appartamento sito in Lamezia Terme c.da La Gala – Quattrocchi identificato al foglio 28 part.lla 694 sub 8 categoria A/3 vani 6 piano terzo (mansarda – sottotetto), mq 141,73;

Info - 0961.023931

lotto n. 7: appartamento sito in Lamezia Terme c.da La Gala – Quattrocchi identificato al foglio 28 part.lla 694 sub 9 categoria A/3 vani 6, piano terzo, (mansarda – sottotetto), mq 143,26; lotto n.8: magazzino ad uso artigianale in Lamezia Terme c.da La Gala – Quattrocchi identificato al foglio 28 part.lla 1045 sub 2 piano terra vano unico, mq260,00; lotto n.9: magazzino artigianale sito in Lamezia Terme c.da La Gala – Quattrocchi identificato al NCU foglio 28 part.lla 1045 sub 1 vano unico, mq 117,00. E’ fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, le ore 13:00 del giorno 19.06.2012, l’aumento minimo da apportare è fissato sin d’ora nella misura del 5% del prezzo base d’asta. Ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa ven-


10 duta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; ***** N. 44/1991 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA il professionista delegato NOTAIO DOTTOR MARIO BILANGIONE Presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica – Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva n.44/91 proposta da “ BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.p.A.” Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 09/06/2006 ai sensi dell’art. 591 bis c.p.c.; Ritenuto opportuno rifissare la vendita dei beni pignorati alle stesse condizioni delle precedenti aste; Visto l’art. 569 e segg. c.p.c.; AVVISA che in data 12 giugno 2012 alle ore 10,30, nel Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell’Associazione Notarile, si terrà la vendita con incanto dei seguenti immobili: LOTTO N.1 In territorio del Comune di Nocera Terinese (CZ) alla località “Maletta”: fondo rustico della superficie catastale di are 17.20 a giacitura mediamente declive, in stato d’abbandono ed è raggiungibile dalla strada comunale mediante una strada vicinale in terra ricoperta di vegetazione. Detto fondo è censito al C.T. dello stesso Comune sul foglio di mappa n.16 particelle: 451, sem. arb. cl.2°, are 8.40, reddito dom. euro 3,04, redd. agr. euro 1,30; 452, sem. arb. cl.3°, are 5.20, reddito dom. euro 1,21, redd. agr. euro 0,46; 453, pascolo cesp. cl.1°, are 3.60, reddito dom. euro 0,13, redd. agr. euro 0,04. PREZZO BASE: euro 1.507,40 (euro millecinquecentosette virgola quaranta) CAUZIONE € 150,74 (euro centocinquanta virgola settantaquattro) AUMENTO MINIMO € 75,37 (euro settantacinque virgola trentasette) LOTTO N.3 In territorio del Comune di Nocera Terinese (CZ) alla località “Serra” fondo rustico della superficie catastale di are 57.55, a giacitura mediamente declive ed è raggiungibile mediante una strada vicinale in terra. In stato di abbandono, con piante di ulivo di età compresa tra i 40 e i 70 anni. Detto fondo è censito al C.T. dello stesso Comune sul foglio di mappa n. 4 particella: 336 (ex 262/parte e prima 90/parte), uliveto cl.2°, are 57.55, redd. dom. Euro 31,21, redd. agr. euro 20,81. PREZZO BASE: euro 15.861,72 (euro quindicimilaottocentosessantuno virgola settantadue) CAUZIONE € 1.586,17 (euro millecinquecentoottantasei virgola diciassette) AUMENTO MINIMO € 793,09 (euro settecentonovantatre virgola zeronove) LOTTO N.4 In territorio del Comune di Nocera Terinese (CZ) alla località “Serra” fondo rustico della superficie catastale di are 53.20, è raggiungibile mediante una strada vicinale in terra denominata “Savuto”. Il suddetto terreno, ubicato in prossimità del tronco autostradale SA-RC, possiede una giacitura declive con tratti semipianeggianti e versa in stato di abbandono, con piante di ulivo di età compresa tra i 40 e i 70 anni. Detto terreno è censito al C.T. dello stesso Comune sul foglio di mappa n. 4 particella:

Sabato 28 Aprile 2012

36, uliveto cl.1°, are 53.80 redd. dom. euro 38,90, redd. agr. euro 20,84. Si fa risultare che la differenza tra la superficie catastale e quella reale è da imputare alla circostanza che la particella 36 è inclusa nel “Piano di esproprio” redatto dall’ANAS per l’ammodernamento dell’Autostrada SA-RC. PREZZO BASE: euro 14.662,79 (euro quattordicimilaseicentosessantadue virgola settantanove) CAUZIONE € 1.466,28 (euro millequattrocentosessantasei virgola ventotto) AUMENTO MINIMO € 733,14 (euro settecentotrentatre virgola quattordici) LOTTO N.5 In territorio del Comune di Nocera Terinese (CZ) alla località “Serra-Destro”: fondo rustico della superficie di ha.5.15.48, comprensivo di due fabbricati rurali versanti in pessime condizioni di manutenzione e conservazione. Il suddetto fondo, di giacitura declive, per la maggior parte occupata da alberi di ulivo, di età compresa tra i 40 e i 70 anni versanti in stato di abbandono, ed è raggiungibile mediante una strada vicinale in terra. Detto fondo è censito al C.T. dello stesso Comune sul foglio di mappa n.4, particelle: 55, fabbricato rurale, are 1.20; 58, fabbricato rurale, are 1.40; 59, sem.irr. arb. cl.2°, are 26.80, redd. dom. euro 13,15, redd. agr. 4,84; 332 (ex 252/parte e prima 89/parte), uliv. cl.2°, are 27.00, redd. dom. euro 14,64, redd. agr. 9,76; 345 (ex 260/parte e prima 92/parte), sem.irr. arb. cl.2°, are 3.35, redd. dom. euro 1,64, redd. agr. 0,61; 93, pascolo cl.1°, are 3,70, redd. dom. euro 0,25, redd. agr. 0,17; 135 (ex 99/parte), uliveto cl.2°, are 15.40, redd. dom. euro 8,35, redd. agr. 5,57; 347 (ex 258/parte e prima 57/b-parte <def.118>), uliveto cl.2°, ha.3.96.80, redd. dom. euro 215,18, redd. agr. 143,45; 136 (ex 96/b-parte def.116), uliveto cl.1°, are 34.93, redd. dom. euro 25,26, redd. agr. 13,53; 140 (ex 96/b-parte def.116), uliveto cl.1°, are 4.90, redd. dom. euro 3,54, redd. agr.1.90. PREZZO BASE: euro 140.442,29 (euro centoquarantamila-quattrocentoquarantadue virgola ventinove) CAUZIONE € 14.044,23 (euro quattordicimilazeroquarantaquattro virgola ventitre) AUMENTO MINIMO € 7.022,11 (euro settemilazeroventidue virgola undici) LOTTO N.6 In territorio del Comune di Nocera Terinese (CZ) alla località “Serra-Destro”: terreno della superficie di are 37.24, a giacitura declive ed è raggiungibile mediante una strada vicinale in terra. Il predetto terreno versa in stato di abbandono, per la maggior parte della sua superficie è occupato da alberi di ulivo di età compresa tra i 40 e i 70 anni. Detto fondo è censito al C.T. dello stesso Comune sul foglio di mappa n.4, particella: 321 (ex 104 parte), uliveto cl.1°, are 38.44, redd. dom. euro 27,79, redd. agr. euro 14,89. Si fa risultare che la differenza tra la superficie catastale e quella reale è da imputare alla circostanza che la particella 321 è inclusa nel “Piano di esproprio” redatto dall’ANAS per l’ammodernamento dell’Autostrada SA-RC. PREZZO BASE: euro 10.278,24 (euro diecimiladuecentosettantotto virgola ventiquattro) CAUZIONE € 1.027,82 (euro millezeroventisette virgola ottantadue) AUMENTO MINIMO € 513,91 (euro cinquecentotredici virgola novantuno) LOTTO N.7 In territorio del Comune di Nocera Terinese (CZ) alla località “Destro”: Fondo rustico della superficie di ha. 7.77.35, comprensivo di fabbricato rurale diruito. Il predetto fondo è raggiungibile mediante una strada vicinale in terra denominata “Serrata”, si trova a giacitura declive con alcuni tratti semipianeggianti, per la maggior parte è occupata da alberi di ulivo, di età compresa tra i 40 e i 70 anni, e per la restante parte (sud ) è incolta ed occupata da cespugli ed erbacce di varia natura. Censito al C.T. dello stesso Comune sul foglio di mappa n.11 con le particelle 45, porz. AA, uliveto cl.2°, are 87.48, redd. dom. euro 47,44, redd. agr. euro 31,63; porz. AB, pascolo abr. cl.1°, are 42.92, redd. dom. euro 8,87, redd. agr. euro 3,55; 46, fabbricato rurale are 1.50; 54, pascolo arb. cl.1°, are 20.70, redd. dom. euro 4,28, redd. agr. euro 1,71; 56, pascolo cesp. cl.2°, ha.2.41.80, redd. dom. euro 3,75, redd. agr. euro 1,25; 57, porz. AA, uliveto cl.3°, are 43.37, redd. dom. euro 13,44, redd. agr. euro 13,44; porz. AB, pascolo abr. cl.1°, are 4.23, redd. dom. euro 0,87, redd. agr. euro 0,35; 174, pascolo arb. cl.1°, are 8.00, redd. dom. euro 1,65, redd. agr. euro 0,66; 175, pascolo arb. cl.1°, ha.1.26.20, redd. dom. euro 26.07, redd. agr. euro 10,43; 177, porz. AA, uliveto cl.2°, are 1.00, redd. dom. euro 0,54, redd. agr. euro 0,36; porz. AB, sem. irr. arb. cl.3°, are 5.45, redd. dom. euro 1,55, redd. agr. euro 0,56; 180, porz. AA, uliveto cl.3°, are 3.76, redd. dom. euro 1,17, redd. agr. euro 1,17; porz. AB, pascolo abr. cl.1°, are 48.94, redd.

dom. euro 10,11, redd. agr. euro 4,04; 181, porz. AA, uliveto cl.2°, are 73.98, redd. dom. euro 40,12, redd. agr. euro 26,75; porz. AB, pascolo abr. cl.1°, are 3.22, redd. dom. euro 0,67, redd. agr. euro 0,27; 267 (ex 176/parte), uliveto cl.1°, are 28.60, redd. dom. euro 20,68, redd. agr. euro 11,08; 268 (ex 176/parte) porz. AA, uliveto cl.1°, are 29.34, redd. dom. euro 21,21, redd. agr. euro 11,36; porz. AB, pascolo abr. cl.1°, are 4.56, redd. dom. euro 0,94, redd. agr. euro 0,38; Foglio di mappa 12, particella 38, pascolo cl.1°, are 2.30, redd. dom. euro 0,15, redd. agr. euro 0,11; PREZZO BASE: euro 104.270,78 (euro centoquattromiladuecentosettanta virgola settantotto) CAUZIONE € 10.427,08 (euro diecimilaquattrocentoventisette virgola zerootto) AUMENTO MINIMO € 5.213,54 (euro cinquemiladuecentotredici virgola cinquantaquattro) LOTTO N.9 In territorio del Comune di Nocera Terinese (CZ) alla località “Cutura-Destro”: fondo rustico della superficie di ha 1.14.40, con giacitura declive. Il suddetto fondo, che versa in stato d’abbandono ed è raggiungibile mediante una strada in terra dalla strada vicinale denominata Serrata, per la maggior parte è occupato da alberi di ulivo, di età compresa tra i 40 e i 70 anni, e la restante parte (est-ovest) è caratterizzata da cespugli selvatici e vegetazione tipica della macchia mediterranea. Censito al C.T. dello stesso Comune al foglio di mappa n.12 con le particelle: 41, pasc. cl.1°, are 18.40, redd. dom. euro 1,24, redd.agr. euro 0,86; 42, porz. AA, uliveto cl.1°, are 10.00, redd. dom. euro 7,23, redd. agr. euro 3,87; porz. AB, sem. arb. cl.2°, are 15.10, redd. dom. euro 5,46, redd. agr. euro 2,34; PREZZO BASE: euro 24.769,93 (euro ventiquattromilasettecentosessantanove virgola novantatre) CAUZIONE € 2.476,99 (euro duemilaquattrocentosettantasei virgola novantanove) AUMENTO MINIMO € 1.238,50 (euro milleduecentotrentotto virgola cinquanta) LOTTO N.10 In territorio del Comune di Nocera Terinese (CZ) alla località “Cutura-Destro”: fondo rustico della superficie di ha 1.52.90, con giacitura declive, in stato d’abbandono ed è raggiungibile mediante una strada in terra accessibile dalla strada vicinale denominata Serrata. Censito al C.T. dello stesso Comune sul foglio di mappa n. 12 con la particella: 43, porz. AA, uliveto cl.1°, are 73.00, redd. dom. euro 52,78, redd. agr. euro 28,28; porz.AB, pascolo arb. cl.2°, are 79.90, redd. dom. euro 12,38, redd. agr. euro 4,95. PREZZO BASE: euro 24.641,75 (euro ventiquattromilaseicentoquarantuno virgola settantacinque) CAUZIONE € 2.464,18 (euro duemilaquattrocentosessantaquattro virgola diciotto) AUMENTO MINIMO € 1.232,09 (euro milleduecentotrentadue virgola zeronove) LOTTO N.11 In territorio del Comune di Nocera Terinese (CZ) alla località “Cutura-Destro”: fondo rustico della superficie di are 15.20, raggiungibile mediante la strada vicinale denominata Serrata, ha una giacitura semipianeggiante ed è comprensivo di un fabbricato rurale di tre piani fuori terra, versante in stato di rudere. Censito al C.T. dello stesso Comune sul foglio di mappa n. 12 con le particelle: 336 (ex 263/parte), uliveto cl.2°, are 11.50, redd. dom. euro 6,24, redd. agr. euro 4,16; 39, fabbricato rurale are 3.70. PREZZO BASE: euro 23.524,22 (euro ventitremilacinquecentoventiquattro virgola ventidue) CAUZIONE € 2.352,42 (euro duemilatrecentocinquantadue virgola quarantadue) AUMENTO MINIMO € 1.176,21 (euro millecentosettantasei virgola ventuno) Gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui oggi ognuno trova, senza alcuna garanzia per evizione, molestie e pretese di eventuali conduttori; con gli accessori, dipendenze, pertinenze, servitù attive e passive esistenti e diritti proporzionali sulle parti che devono ritenersi comuni a norma di legge. In particolare vengono posti in vendita con le varie servitù (di acquedotto, di passaggio, sorgive, di elettrodotto, di occupazione, ecc. ecc.) meglio e più dettagliatamente descritte nella relazione di stima a dirsi. I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima a firma dell’esperto ing. Giovambattista Chirillo, che può essere consultata dall’offerente (ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l’esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni) sul sito internet www.portaleaste.com e su “Il Domani” (Edizione Regionale). E’ possibile chiedere un finanziamento pari al 70/80% del prezzo base agli Istituti di credito che hanno aderito all’intesa con il Tribunale di Lamezia Terme, ossia: Banca Carime, San Paolo IMIBanco di Napoli, Banca Popolare di Crotone, Monte dei Paschi di Siena, Banca di Catanzaro, a cui potranno rivolgersi direttamente. I mutui saranno garantiti da ipoteca da iscrivere sugli stessi immobili posti in vendita.

Info - 0961.023931

Maggiori informazioni potranno essere chieste alle banche interessate. Se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione verrà immediatamente restituita dopo la chiusura della gara, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare alla medesima, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo: in tale caso la cauzione è restituita solo nella misura dei 9/10 (nove decimi) dell’intero e la restante parte è trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. In caso di dubbi sulla sussistenza dei motivi giustificati per la mancata partecipazione alla gara, l’offerente si rivolgerà al Giudice, che disporrà in merito alla restituzione dell’intera cauzione o respingerà la relativa domanda. A norma dell’art. 46 DPR 06/06/2001 n. 380 l’aggiudicatario, qualora l’immobile si trovi nelle condizioni previste per il rilascio del permesso di costruire in sanatoria, dovrà presentare a proprie esclusive spese domanda di permesso in sanatoria, entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. Sono a carico dell’aggiudicatario tutte le spese per il trasferimento degli immobili nonché quelle relative alla cancellazione della trascrizione del pignoramento e di tutte le formalità con i relativi compensi spettanti al professionista delegato per le operazioni successive alla vendita, come liquidati dal G.E.. Custode giudiziario dei peni sottoposti a vendita è il dott. Fabio Massimiliano Canzoniere con studio in Lamezia Terme, alla via dei Mille, cui tutti gli interessati potranno rivolgersi per visitare i beni. La pubblicità, le modalità di presentazione delle domande e le condizioni della vendita sono regolate dalle «Condizioni generali in materia di vendite immobiliari delegate» allegate al presente avviso. Lamezia Terme, lì 12 aprile 2012 il professionista delegato dottor Mario Bilangione notaio CONDIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI DELEGATE Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa contenente domanda di partecipazione in carta legale, entro le ore 12,00 del giorno 6 giugno 2012. Sulla busta dovranno essere indicate le sole generalità di chi presenta l’offerta, che può anche essere persona diversa dall’offerente, il nome del giudice dell’esecuzioni, il nome del professionista delegato, la data della vendita e il numero della procedura. Nessuna altra indicazione – né il bene per cui è stata fatta l’offerta o altro – deve essere apposta sulla busta. Il termine di versamento del saldo prezzo, nonché degli ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall’aggiudicazione definitiva. L’offerta dovrà contenere: - Il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l’immobile, il quale dovrà anche presentarsi alla udienza fissata per la vendita. Non sarà possibile intestare l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta. Se l’offerente è coniugato e in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art.179, co. 1°, lett. f, codice civile, quella del coniuge non acquirente di cui al 2° co. della medesima disposizione normativa. In caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Se l’offerente è minorenne, l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del Giudice Tutelare. Se l’offerente agisce quale legale rappresentante di altro soggetto, dovrà essere allegato certificato del registro delle imprese da cui risultino i poteri ovvero la procura o l’atto di nomina che giustifichi i poteri. - I dati identificativi del bene per il quale l’offerta è proposta. - L’indicazione del prezzo offerto, che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell’avviso di vendita, a pena di esclusione. - L’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. All’offerta dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità dell’offerente, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato a “notaio Mario Bilangione procedura esecutiva n.44/91 R.E.”, per un importo pari al 10 per cento del prezzo offerto, a titolo di cauzione, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto. Nessuna somma sarà richiesta, in questa fase quale fondo spese. L’offerente è tenuto a presentarsi all’udienza sopra indicata di persona, o a mezzo di mandatario munito di procura speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata che dovrà essere depositata contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art.583. co.1°, c.p.c.. I procuratori legali possono fare offerte per persona da nominare.


11 In caso di aggiudicazione, l’offerente è tenuto al versamento del saldo prezzo e degli oneri, diritti e spese di vendita nel termine indicato in offerta, ovvero, in mancanza, entro 60 giorni dall’aggiudicazione definitiva mediante due distinti assegni circolari non trasferibili intestati a “notaio Mario Bilangione procedura esecutiva n.44/91 R.E.”, uno quale differenza prezzo di aggiudicazione e uno pari al venti per cento del prezzo stesso quale presumibile importo per spese. In caso di inadempimento, l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà tutte le somme versate. In caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base della offerta più alta. Il bene verrà provvisoriamente aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto. La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive. La vendita è a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere – ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore – per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. Gli immobili vengono venduti liberi da tutte le formalità pregiudizievoli. Le formalità gravanti sugli immobili saranno cancellate a cura e spese dell’aggiudicatario. Se gli immobili sono occupati dal debitore o da terzi senza titolo, la liberazione sarà effettuata a cura del Custode Giudiziario. Ogni onere fiscale derivante dalla vendita sarà a carico dell’aggiudicatario. Per tutto quanto qui non previsto si applicano le vigenti norme di legge. Quanto alla vendita con incanto, ferme le disposizioni sopra indicate, se compatibili, valgono le norme di cui agli artt. 576, 580, 584 e 585 c.p.c.. Gli offerenti dovranno dichiarare la propria residenza nel Circondario del Tribunale di Lamezia Terme o eleggere domicilio in Lamezia Terme. Offerte in aumento di un quinto: A norma dell’art. 584 c.p.c., avvenuto l’incanto, possono ancora essere fatte offerte di acquisto entro il termine perentorio di 10 giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell’incanto. Pertanto l’aggiudicazione diverrà definitiva decorsi 10 giorni senza offerte in aumento. Divenuta definitiva l’aggiudicazione dovrà essere versata nei sessanta giorni successivi la differenza del prezzo di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “notaio Mario Bilangione procedura esecutiva n.44/91 R.E.” nonché il venti per cento del prezzo di aggiudicazione sempre mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “notaio Mario Bilangione procedura esecutiva n.44/91 R.E.” quale presumibile importo per spese. Tali offerte potranno essere depositate presso l’indirizzo sopra indicato, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al Giudice dell’Esecuzione. ***** UFFICIO FALLIMENTARE AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PROCEDURA FALLIMENTARE N. 346/1991 che il Giudice delegato al fallimento n. 346/1991; Visti gli artt. 569, 571, 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, e dell’art.. 108 l.f. con ordinanza depositata il 06/03/2012 ha disposto la vendita coattiva, con riduzione del 20% al prezzo base di euro 35.235,00 per il nono lotto ed euro 50.878,00 per l’undicesimo lotto dei seguenti beni immobili: lotto 9: “fabbricato a tre piani fuori terra, sito in Lamezia Terme, località Bosco Amatello, composto da due unità a piano, per sei appartamenti complessivi, allo stato rustico e privo di copertura. L'immobile, la cui superficie commerciale lorda complessiva è di mq. 621, oltre mq. 131 di balconi, non è accata-

Sabato 28 Aprile 2012

stato”; Lotto 11: “Fabbricato sito in Lamezia Terme, località Bosco Amatello composto da un piano seminterrato ed altri due piani superiori, di cui l’ultimo mansardato, con terreno a corte di mq. 2000. L'immobile, la cui superficie commerciale lorda complessiva è di mq. 621, oltre mq. 131 di balconi, non è accatastato”. RILEVATO CHE 1) Occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto; 2) La successiva udienza per l’esame delle stesse; 3) Nel caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d’ora la data per gli incanti STABILISCE PER LA VENDITA SENZA INCANTO - DA EFFETTUARSI AL PREZZO BASE di euro 35.235,00 per il lotto nono ed euro 50.878,00 per l’undicesimo, CHE: ciascun offerente, ai sensi dell’art. 571, comma 1, c.p.c. tranne il debitore (fallito), è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.), presentando presso la Cancelleria fallimentare, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.f. della procedura, del bene (e del lotto) cui l’offerta si riferisce, del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente ( nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota,il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art 179, comma 1, lett. f, cod. civ, quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso ( ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); l’offerta nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme; in caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà, di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta; L’offerta è irrevocabile salvo che: 1 Il giudice ordini l’incanto; 2 siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 1) L’offerta non è efficace: 1)se perviene oltre il termine stabilito; 2) Se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’art. 568 e più sopra ricordato; c) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato alla curatela fallimentare “ R.F. 346/1991”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; nel caso di mancata comparizione dell’offerente o degli offerenti l’aggiudicazione sarà comunque disposta, fatta salva l’applicazione delle previsioni di cui all’art. 572, commi 2 e 3 c.p.c.; in caso di più offerte valide, si procederà a gara sull’offerta più alta secondo il sistema delle schede o buste segrete, fatta salva l’applicazione dell’art. 573, comma 2, c.p.c.; in alternativa alle modalità di cui sopra, la presentazione delle offerte di acquisto può avvenire anche mediante l’accredito, a mezzo di bonifico o deposito su conto postale o bancario intestato alla procedura concorsuale ed acceso o da accendersi, nel secondo caso, presso il “ Monte dei Paschi di Siena S.p.a.”- filiale di Lamezia Terme, di una somma pari ad un decimo del prezzo che si intende offrire e mediante la comunicazione, a mezzo telefax o posta elettronica, nel rispetto della normativa anche regolarmente, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi, di una dichiarazione contenente le indicazioni di cui allo stesso art 571 c.p.c.; detto accredito deve avere luogo non oltre cinque giorni prima

della scadenza del termine entro il quale possono essere proposte le offerte di acquisto; fin d’ora si prevede che, quando l’offerta è presentata con le modalità alternative, il termine per il versamento del prezzo e di ogni altra somma è di novanta giorni; in ogni caso, le spese di trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; QUANTO ALL’EVENTUALE, SUCCESSIVA VENDITA AGLI INCANTI HA STABILITO CHE: essa deve avere luogo al prezzo base di euro 35.235,00 per il lotto nono ed euro 50.878,00 ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c.., tranne il debitore (fallito), è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia , l’indicazione del numero di r.f. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale, fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo,ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alla curatela del fallimento 346/1991 tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice delegato e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte dì acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme dì cui all’.art. 571 cpc., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte,

Info - 0961.023931

verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584 comma 3, c.p.c. l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO per la presentazione presso la Cancelleria Fallimentare delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale dell’ordinanza depositata in atti, termine fino alle ore 13,00 del giorno 11/06/2012 n le modalità c per il prezzo base di cui sopra, per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., l’udienza del giorno 12/06/2012 ore 12,00 e segg.; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, per la presentazione presso la Cancelleria Fallimentare delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale dell’ordinanza depositata in atti, termine fino alle ore 13,00 del giorno 09/07/2012 con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; per il giorno 10/07/2012 ore 12,00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE, ALTRESI' CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui sì trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento dì impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal fallito - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato alla curatela del fallimento “346/1991” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del, credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.d.); in mancanza, sì provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, ex art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; AVVERTE fin d’ora gli interessati che, ove all’udienza fissata per la celebrazione dell’incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, si riserva di applicare immediatamente l’articolo 591 cod. proc. civ., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, provvedendo in quello stesso contesto sull’eventuale fissazione di una nuova vendita; Lamezia Terme, lì 19/03/2012 Firmato il Cancelliere


12 il Domani dello Sport Sabato 28 aprile 2012

TOTOGUIDA SCOMMESSE Modena - Juve Stabia «1»

Sheff. UTD-Stevenage «X»

2,40

3.45 matchpoint

SPAGNA Liga

Il Malaga all’esame del Valencia, per il Levante questa è occasione di rilancio l 2-1 del Real Madrid al Camp Nou ha richiuso il discorso-titolo. Dedichiamo, quindi, a merengues e Barcellona pronostici secchi contro Siviglia («1/No Goal/Over») e Rayo Vallecano («2/Goal/Over») e diamo l’etichetta di clou di giornata a Malaga-Valencia. I padroni di casa devono vincere, dato che questa sfida è solo la prima di un trittico terribile (seguono le trasferte con Barcellona e Atl. Madrid); gli ospiti, invece, non possono perdere ancora punti perchè la concorrenza al 3°-4° posto è ancora numerosa e

I

soprattutto viva. «Goal» di base, tentiamo l’«1». Non ci spera intanto il Levante, attuale 5ª forza, che ha estrema necessità di tornare a vincere e ottime probabilità di risucirci a spese del Granada: «1» o «X/h». Al contrario, giocherà per tenere accese le sue flebili speranze-salvezza lo Sp. Gijon, ma partirà sfavorito di fronte all’Espanyol a un passo dalle coppe. Il pareggio non serve a nessuno, quindi consigliamo l’«1» o l’«12». La nostra fiducia nel fattore campo passa poi a Saragozza dove è di scena l’Ath. Bilbao e dove, però, i rischi di essere

I nostri consigli di gioco

Classifica

PT G

PARTITE V N P

R. MADRID BARCELLONA VALENCIA MALAGA LEVANTE ATH. BILBAO ATL. MADRID OSASUNA SIVIGLIA ESPANYOL GETAFE MAIORCA BETIS R. SOCIEDAD RAYO VALLECANO GRANADA VILLARREAL SP. GIJON SARAGOZZA SANTANDER

88 81 55 52 49 48 48 47 46 45 45 43 42 40 40 39 37 31 31 26

28 25 15 15 14 12 13 11 12 12 12 11 12 10 12 11 8 8 8 4

34 34 34 34 34 34 34 34 34 34 34 34 34 34 34 34 34 34 34 34

smentiti sono molto più alti: i biancoblù non hanno alternative all’«1» per puntare ancora a salvarsi (il calendario è alla loro portata), i baschi sono già certi dell’Europa League. Tra Getafe e Maiorca è spareggio per sognare in grande: «1».

IL TURNO PRECEDENTE Barcellona - R. Madrid Maiorca - Saragozza Siviglia - Levante Sp. Gijon - Rayo Vallecano Atl. Madrid - Espanyol Granada - Getafe R. Sociedad - Villarreal Santander - Ath. Bilbao Valencia - Betis Osasuna - Malaga

LEVANTE OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON BARCELLONA SIVIGLIA GRANADA SARAGOZZA MAIORCA

VILLARREAL RAYO VALLECANO ESPANYOL BETIS MALAGA SANTANDER R. SOCIEDAD OSASUNA SP. GIJON VALENCIA

MALAGA ESPANYOL BETIS SANTANDER VILLARREAL R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA BARCELLONA ATL. MADRID

1-2 1-0 1-1 2-1 3-1 1-0 1-1 0-1 4-0 1-1

4 6 10 7 7 12 9 14 10 9 9 10 6 10 4 6 13 7 7 14

2 109 3 97 9 54 12 50 13 48 10 49 12 47 9 38 12 41 13 44 13 38 13 36 16 40 14 41 18 50 17 31 13 35 19 35 19 29 16 24

0-2 ▼ 0-4 ▼ 6-0 ▲ 1-4 ▼ 0-1 ▼ 1-2 ▼ . . .

63 65 35 33 27 29 33 25 26 30 22 19 24 25 28 19 25 20 14 9

1 1 o X/h

La possibilie sorpresa Saragozza-Ath. Bilbao

1

IL TURNO SUCCESSIVO Espanyol - Sp. Gijon 28-04 Getafe - Maiorca “ “ Levante - Granada “ “ R. Sociedad - Santander “ “ Villarreal - Osasuna “ “ Betis - Atl. Madrid 29-04 Malaga - Valencia “ “ R. Madrid - Siviglia “ “ Rayo Vallecano - Barcellona “ “ Saragozza - Ath. Bilbao “ “

SIVIGLIA SANTANDER MAIORCA ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE LEVANTE ESPANYOL R. MADRID

LEVANTE R. MADRID RAYO VALLECANO ESPANYOL BETIS MALAGA VILLARREAL VALENCIA R. SOCIEDAD

GETAFE LEVANTE R. MADRID RAYO VALLECANO ESPANYOL BETIS MALAGA OSASUNA VILLARREAL

RAYO VALLECANO 40 BARCELLONA VILLARREAL R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON BARCELLONA MAIORCA SIVIGLIA

14 15 9 11 9 8 10 9 8 9 8 7 7 7 7 7 6 6 5 3

1 o 12

Levante-Granada

52 VALENCIA 2-1 ▲ 0-2 ▼ 3-0 ▲ 1-2 ▼ 1-1 = 1-1 = . . .

RETI F S

Getafe-Maiorca

37 OSASUNA 2-0 ▲ 0-0 = 1-3 ▼ 2-1 ▲ 1-1 = 1-1 = . . .

30 26 42 47 47 44 42 54 39 46 45 41 49 50 60 49 48 64 60 53

IN CASA V N P 2 1 4 3 3 6 4 6 4 3 5 5 5 6 1 5 9 4 4 7

1 1 4 3 5 3 3 3 5 5 3 5 5 4 9 5 2 7 7 8

V

MAIORCA ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE LEVANTE R. MADRID RAYO VALLECANO MALAGA ESPANYOL

39 0-3 ▼ 1-0 ▲ 0-0 = 2-2 = 0-1 ▼ 1-0 ▲ . . .

47

ESPANYOL MALAGA VILLARREAL R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON GRANADA BARCELLONA

GETAFE VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON BARCELLONA SIVIGLIA GRANADA MAIORCA SANTANDER ATH. BILBAO

R. SOCIEDAD R. MADRID RAYO VALLECANO ESPANYOL BETIS MALAGA VILLARREAL SANTANDER ATL. MADRID OSASUNA

BETIS

2-0 ▲ 1-5 ▼ 0-6 ▼ 2-0 ▲ 0-1 ▼ 1-1 = . . .

SANTANDER MALAGA VILLARREAL R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID SIVIGLIA SP. GIJON

55

R. MADRID

1-3 ▼ 1-1 = 0-0 = 4-1 ▲ 0-4 ▼ 4-0 ▲ . . .

R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON BARCELLONA SIVIGLIA ATH. BILBAO GRANADA

81 2-0 ▲ 2-0 ▲ 4-1 ▲ 4-0 ▲ 2-1 ▲ 1-2 ▼ . . .

FUORI N P

18 14 10 10 20 6 21 4 18 5 18 4 15 3 19 2 21 4 20 3 13 4 15 4 21 5 17 3 19 5 17 4 18 2 22 2 23 3 20 1

Il pronostico di TS Espanyol-Sp. Gijon

49 GRANADA 0-2 ▼ 1-1 = 2-0 ▲ 2-3 ▼ 1-2 ▼ 1-1 = . . .

RETI F S

SARAGOZZA ATL. MADRID SP. GIJON BARCELLONA SIVIGLIA GRANADA MAIORCA ATH. BILBAO LEVANTE SANTANDER

2 5 6 4 4 6 5 8 6 6 4 5 1 4 3 1 4 3 3 7

1 2 5 9 8 7 9 6 7 8 10 8 11 10 9 12 11 12 12 8

RETI F S 46 32 19 17 21 20 14 13 15 14 16 17 16 16 22 12 10 15 15 15

12 16 22 26 29 26 27 35 18 26 32 26 28 33 41 32 30 42 37 33

REGOLAMENTO Le prime 4 in Champions League. La 5ª e la 6ª in Europa League insieme alla vincente della Coppa del Re di Spagna. Retrocedono le ultime 3. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto degli scontri diretti.

45 SP. GIJON 1-2 ▼ 0-0 = 2-2 = 0-2 ▼ 4-0 ▲ 1-3 ▼ . . .

ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE LEVANTE R. MADRID RAYO VALLECANO ESPANYOL VILLARREAL BETIS

45 MAIORCA 3-1 ▲ 0-3 ▼ 2-0 ▲ 0-4 ▼ 5-1 ▲ 0-1 ▼ . . .

BARCELLONA SIVIGLIA GRANADA SANTANDER ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE RAYO VALLECANO LEVANTE

40 SANTANDER 1-5 ▼ 4-0 ▲ 2-2 = 1-1 = 1-1 = 1-1 = . . .

BETIS GRANADA MALAGA MAIORCA VILLARREAL ATH. BILBAO R. SOCIEDAD GETAFE SARAGOZZA

42 ATL. MADRID 1-1 = 2-0 ▲ 3-1 ▲ 1-1 = 1-0 ▲ 0-4 ▼ . . .

SARAGOZZA GETAFE LEVANTE R. MADRID RAYO VALLECANO ESPANYOL BETIS R. SOCIEDAD MALAGA

88 SIVIGLIA 5-1 ▲ 5-1 ▲ 0-0 = 4-1 ▲ 3-1 ▲ 2-1 ▲ . . .

GRANADA MAIORCA ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE LEVANTE R. MADRID BETIS RAYO VALLECANO

31 ATH. BILBAO 1-0 ▲ 2-1 ▲ 1-4 ▼ 0-3 ▼ 1-0 ▲ 0-1 ▼ . . .

SP. GIJON BARCELLONA SIVIGLIA GRANADA MAIORCA SANTANDER SARAGOZZA R. MADRID GETAFE

31 1-1 = 1-2 ▼ 0-2 ▼ 3-2 ▲ 1-3 ▼ 2-1 ▲ . . .

43 0-2 ▼ 1-3 ▼ 0-0 = 3-0 ▲ 0-1 ▼ 1-0 ▲ . . .

26 1-1 = 0-1 ▼ 0-3 ▼ 0-3 ▼ 1-1 = 0-1 ▼ . . .

48 0-1 ▼ 3-0 ▲ 0-2 ▼ 1-4 ▼ 1-0 ▲ 3-1 ▲ . . .

46 3-0 ▲ 3-1 ▲ 0-1 ▼ 3-0 ▲ 1-5 ▼ 1-1 = . . .

48 1-1 = 0-2 ▼ 1-0 ▲ 2-2 = 1-0 ▲ 1-0 ▲ . . .

Statistiche

Athl. Bilbao e Sp. Gijon Goal e Over in trasferta «UNDER» Betis Santander Maiorca Osasuna Getafe Granada R. Sociedad Siviglia Atl. Madrid Levante Saragozza Villarreal Ath. Bilbao Espanyol Valencia Rayo Vallecano Malaga Sp. Gijon Barcellona R. Madrid

20 20 19 19 18 18 17 17 16 16 16 16 15 15 15 14 13 12 10 8

(10-10) (13-7) (10-9) (9-10) (11-7) (9-9) (9-8) (7-10) (6-10) (9-7) (10-6) (8-8) (8-7) (6-9) (6-9) (8-6) (6-7) (8-4) (2-8) (2-6)

«OVER» R. Madrid Barcellona Sp. Gijon Malaga Rayo Vallecano Ath. Bilbao Espanyol Valencia Atl. Madrid Levante Saragozza Villarreal R. Sociedad Siviglia Getafe Granada Maiorca Osasuna Betis Santander

26 24 22 21 20 19 19 19 18 18 18 18 17 17 16 16 15 15 14 14

(15-11) (15-9) (9-13) (11-10) (9-11) (9-10) (11-8) (11-8) (11-7) (8-10) (6-12) (9-9) (8-9) (10-7) (5-11) (8-8) (7-8) (9-6) (7-7) (5-9)

«GOAL» Ath. Bilbao Sp. Gijon R. Madrid Malaga Osasuna Valencia Espanyol Betis Getafe Levante R. Sociedad Rayo Vallecano Villarreal Barcellona Maiorca Siviglia Saragozza Atl. Madrid Granada Santander

22 22 21 20 19 19 18 17 17 17 17 17 17 16 16 16 15 14 14 14

(9-13) (11-11) (13-8) (10-10) (10-9) (11-8) (9-9) (11-6) (7-10) (7-10) (7-10) (6-11) (10-7) (6-10) (9-7) (10-6) (7-8) (8-6) (8-6) (5-9)

«NO GOAL» Atl. Madrid Granada Santander Saragozza Barcellona Maiorca Siviglia Betis Getafe Levante R. Sociedad Rayo Vallecano Villarreal Espanyol Osasuna Valencia Malaga R. Madrid Ath. Bilbao Sp. Gijon

20 20 20 19 18 18 18 17 17 17 17 17 17 16 15 15 14 13 12 12

(9-11) (9-11) (13-7) (9-10) (11-7) (8-10) (7-11) (6-11) (9-8) (10-7) (10-7) (11-6) (7-10) (8-8) (8-7) (6-9) (7-7) (4-9) (8-4) (6-6)


Sabato 28 aprile 2012 il Domani dello Sport 13

TOTOGUIDA SCOMMESSE INGHILTERRA Premier League

Weekend col fiato sospeso: lunedì c’è il match dell’anno urno numero 36 spalmato su tre giorni, ma grande attesa per il terzo (lunedì 30), quando in mondovisione andrà in scena il derby di Manchester, scontro che può valere il titolo, e lo varrà a favore dello United nel caso venga fuori qualunque risultato diverso dall’«1». Che noi, coerentemente con la copertina di TS di inizio stagione, quando proponemmo di puntare la squadra di Mancini vincente nella Premiership dopo tanti anni, giocheremo, al 2,10/2,15 che viene mediamente proposto. Al successo del City si può affiancare qualche “capellino” interessante, reperito sia guardando la classifica e il rendimento recente, sia la statistica. È il caso di Everton-Fulham, in cui incredibilmente gli ospiti non fanno un punto in campionato dalla metà del secolo scorso (settembre 1959, serie cadetta: siamo a 19 vittorie conse-

T

cutive per l’Everton). Doppia statistica «X2» assolutamente da provare. Piace la stessa doppia «X2» a quota ovviamente più bassa, anche in StokeArsenal, con i Gunners favoriti anche dal fatto che finalmente l’infermeria si sta svuotando e tornano elementi importanti, come Koscielny e Gervinho. Occhio poi al segno «1» dei due derby West Bromwich-Aston Villa e Chelsea-Qpr, nonché in Tottenham-Blackburn nonostante la disperata fame di punti dei Rovers. Assai complicate le altre partite; ma la quota, del Liverpool non è malaccio.

Il pronostico di TS Everton-Fulham Stoke-Arsenal Chelsea-Qpr W. Bromwich-Aston Villa Tottenham-Blacknburn

X2 X2 1 1 1

La possibile sorpresa Manchester City-Man. Utd. 1

Classifica

PT G

PARTITE V N P

RETI F S

IN CASA V N P

MAN. UTD MAN. CITY ARSENAL NEWCASTLE TOTTENHAM CHELSEA EVERTON LIVERPOOL FULHAM WEST BROM. SUNDERLAND SWANSEA NORWICH STOKE ASTON VILLA QPR WIGAN BOLTON BLACKBURN WOLVERHAMPTON

83 80 65 62 59 58 48 46 46 45 44 43 43 42 36 34 34 33 31 23

26 25 20 18 17 16 13 12 12 13 11 11 11 11 7 9 8 10 8 5

86 87 67 53 57 56 42 40 45 41 42 39 47 32 36 39 34 39 47 34

14 16 12 11 11 10 8 5 9 6 7 7 6 7 4 6 3 4 6 3

58 QPR 0-0 = 4-2 ▲ 2-1 ▲ 1-1 = 0-0 = . Pos. . . .

SUNDERLAND ARSENAL MAN. UTD SWANSEA WEST BROM. TOTTENHAM CHELSEA STOKE MAN. CITY

34 1-3 ▼ 2-1 ▲ 0-2 ▼ 3-0 ▲ 0-1 ▼ 1-0 ▲ . . .

4 5 10 8 9 8 12 12 12 16 13 14 14 14 13 19 17 21 20 22

32 27 43 42 39 38 38 37 44 47 41 45 60 48 50 57 60 67 73 75

IL TURNO SUCCESSIVO

(35ª GIORNATA)

(36ª GIORNATA)

Arsenal - Chelsea Aston Villa - Sunderland Blackburn - Norwich Bolton - Swansea Fulham - Wigan Newcastle - Stoke QPR - Tottenham Liverpool - West Brom. Man. Utd - Everton Wolverhampton - Man. City

NORWICH WOLVERHAMPTON FULHAM EVERTON TOTTENHAM MAN. CITY BLACKBURN LIVERPOOL ARSENAL ASTON VILLA

SUNDERLAND QPR MAN. CITY TOTTENHAM EVERTON WOLVERHAMPTON ASTON VILLA BOLTON FULHAM MAN. UTD

NEWCASTLE EVERTON BLACKBURN MAN. CITY QPR LIVERPOOL ASTON VILLA BOLTON ARSENAL

TOTTENHAM ASTON VILLA WIGAN FULHAM ARSENAL QPR NEWCASTLE LIVERPOOL BLACKBURN

5 5 5 8 8 10 9 10 10 6 11 10 10 9 15 7 10 3 7 8

IL TURNO PRECEDENTE

WEST BROM.

CHELSEA

35 35 35 34 34 34 34 34 34 35 35 35 35 34 35 35 35 34 35 35

TOTTENHAM CHELSEA SWANSEA SUNDERLAND NORWICH QPR BLACKBURN BOLTON ASTON VILLA FULHAM

0-0 0-0 2-0 1-1 2-1 3-0 1-0 0-1 4-4 0-2

Everton - Fulham 28-04 Norwich - Liverpool “ “ Stoke - Arsenal “ “ Sunderland - Bolton “ “ Swansea - Wolverhampton “ “ West Brom. - Aston Villa “ “ Wigan - Newcastle “ “ Chelsea - QPR 29-04 Tottenham - Blackburn “ “ Man. City - Man. Utd 30-04

46

43 LIVERPOOL 2-1 ▲ 1-2 ▼ 2-2 = 2-1 ▲ 1-6 ▼ 0-2 ▼ . . .

WIGAN NEWCASTLE ASTON VILLA BLACKBURN WEST BROM. NORWICH FULHAM CHELSEA SWANSEA

1-2 ▼ 0-2 ▼ 1-1 = 3-2 ▲ 0-1 ▼ . Pos. . . .

33

44 BOLTON 3-1 ▲ 3-3 = 0-0 = 0-4 ▼ 0-0 = 0-0 = . . .

WOLVERHAMPTON FULHAM NEWCASTLE SWANSEA ASTON VILLA SUNDERLAND TOTTENHAM WEST BROM. STOKE

3-2 ▲ 0-3 ▼ 0-2 ▼ 1-1 = 2-1 ▲ . Pos. . . .

45 ASTON VILLA 1-3 ▼ 0-2 ▼ 3-0 ▲ 0-4 ▼ 1-0 ▲ 1-0 ▲ . . .

CHELSEA LIVERPOOL STOKE MAN. UTD SUNDERLAND BOLTON WEST BROM. TOTTENHAM NORWICH

59 BLACKBURN 0-0 = 3-1 ▲ 0-0 = 1-2 ▼ 0-1 ▼ . Pos. . . .

BOLTON MAN. UTD WEST BROM. LIVERPOOL SWANSEA NORWICH TOTTENHAM WIGAN CHELSEA

2-4 1-1 1-1 0-4 0-0 1-2

RETI F S

V

2 2 50 19 12 1 0 51 10 9 3 3 36 14 8 5 2 29 15 7 3 3 35 17 6 3 3 33 20 6 3 6 21 14 5 9 3 20 14 7 5 4 34 25 3 2 9 19 19 7 6 4 24 14 4 6 4 22 14 4 6 5 26 27 5 5 4 21 16 4 6 8 19 24 3 5 7 23 25 3 7 7 15 25 5 3 10 20 33 6 1 11 26 32 2 2 13 19 43 2

EVERTON SWANSEA WEST BROM. NORWICH SUNDERLAND MAN. UTD FULHAM STOKE WOLVERHAMPTON NEWCASTLE

STOKE MAN. CITY WIGAN WOLVERHAMPTON ASTON VILLA NEWCASTLE ARSENAL EVERTON QPR BOLTON

SWANSEA EVERTON TOTTENHAM NEWCASTLE QPR BLACKBURN BOLTON WOLVERHAMPTON MAN. UTD LIVERPOOL

36

WIGAN

LIVERPOOL STOKE CHELSEA MAN. UTD ARSENAL FULHAM NEWCASTLE BLACKBURN WOLVERHAMPTON

= = ▼ = ▼ . . .

31 1-2 ▼ 0-2 ▼ 0-3 ▼ 2-3 ▼ 0-3 ▼ 2-0 ▲ . . .

FUORI N P

MAN. CITY STOKE SUNDERLAND ARSENAL WEST BROM. NORWICH WOLVERHAMPTON MAN. UTD NEWCASTLE QPR

3 4 2 3 5 7 6 1 5 4 5 4 4 4 9 2 3 0 6 6

2 5 7 6 6 5 6 9 8 7 9 10 9 10 5 12 10 11 9 9

RETI F S 36 36 31 24 22 23 21 20 11 22 18 17 21 11 17 16 19 19 21 15

13 17 29 27 22 18 24 23 19 28 27 31 33 32 26 32 35 34 41 32

REGOLAMENTO Le prime 4 in Champions League. La 5ª in Europa League insieme alla vincente della Coppa d’Inghilterra e alla vincente della Coppa di Lega. Retrocedono le ultime 3. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto della differenza reti.

46

48 FULHAM 2-0 ▲ 2-0 ▲ 2-2 = 4-0 ▲ 4-4 = . Pos. . . .

MAN. UTD NORWICH BOLTON CHELSEA WIGAN EVERTON LIVERPOOL SUNDERLAND TOTTENHAM

0-1 ▼ 2-1 ▲ 3-0 ▲ 1-1 = 2-1 ▲ . Pos. . . .

65

42 ARSENAL 1-1 = 0-2 ▼ 2-1 ▲ 1-1 = 0-3 ▼ . Pos. . . .

ASTON VILLA QPR MAN. CITY WOLVERHAMPTON WIGAN CHELSEA STOKE NORWICH WEST BROM.

3-0 1-2 1-0 3-0 1-2 0-0

▲ ▼ ▲ ▲ ▼ =

NORWICH BOLTON STOKE ARSENAL SUNDERLAND MAN. CITY SWANSEA EVERTON WIGAN

WEST BROM. LIVERPOOL SWANSEA BOLTON STOKE WIGAN CHELSEA MAN. CITY EVERTON

1-2 ▼ 2-3 ▼ 1-2 ▼ 0-3 ▼ 0-0 = 0-2 ▼ . . .

62 3-1 ▲ 2-0 ▲ 2-0 ▲ 2-0 ▲ 3-0 ▲ . Pos. . . .

83

80 MAN. UTD 1-1 = 3-3 = 0-1 ▼ 4-0 ▲ 6-1 ▲ 2-0 ▲ . . .

FULHAM BLACKBURN QPR WIGAN ASTON VILLA EVERTON MAN. CITY SWANSEA SUNDERLAND

(6-11) (4-10) (6-8) (4-10) (6-8) (11-2) (9-3) (3-9) (7-4) (8-3) (4-6) (5-5) (5-5) (5-5) (10-0) (5-5) (4-6) (5-4) (2-6) (4-3)

«OVER» Arsenal Sunderland Everton West Brom. Liverpool Man. City Aston Villa Chelsea Wigan Tottenham Wolverhampton Bolton Swansea Fulham Newcastle Norwich Stoke Blackburn QPR Man. Utd

20 19 18 18 17 17 16 16 16 15 15 14 14 13 13 13 13 10 10 9

(12-8) (10-9) (7-11) (10-8) (9-8) (6-11) (8-8) (7-9) (8-8) (5-10) (8-7) (5-9) (8-6) (5-8) (6-7) (6-7) (7-6) (8-2) (8-2) (5-4)

«GOAL» .

34 NEWCASTLE 2-1 ▲ 2-0 ▲ 1-2 ▼ 1-0 ▲ 2-1 ▲ 1-2 ▼ . . .

17 14 14 14 14 13 12 12 11 11 10 10 10 10 10 10 10 9 8 7

. .

43 WOLVERHAMPTON 23 0-2 ▼ 1-3 ▼ 0-2 ▼ 0-3 ▼ 3-0 ▲ 1-1 = . . .

«UNDER» QPR Blackburn Norwich Stoke Swansea Man. Utd Tottenham Wolverhampton Chelsea Newcastle Aston Villa Bolton Everton Liverpool Man. City Sunderland West Brom. Fulham Wigan Arsenal

1-0 2-0 2-0 0-1 4-0 4-4

▲ ▲ ▲ ▼ ▲ = . . .

Man. Utd Fulham Blackburn Wigan Bolton Newcastle Aston Villa Arsenal Man. City Norwich QPR Wolverhampton Chelsea Liverpool Stoke Swansea Tottenham West Brom. Everton Sunderland

13 (2-11) 12 (8-4) 11 (6-5) 11 (7-4) 10 (7-3) 10 (4-6) 9 (6-3) 8 (2-6) 8 (1-7) 8 (5-3) 8 (4-4) 8 (7-1) 7 (2-5) 7 (3-4) 7 (5-2) 7 (3-4) 7 (3-4) 7 (3-4) 6 (5-1) 6 (2-4)

«NO GOAL» Everton Swansea Liverpool Aston Villa Stoke Fulham Sunderland QPR West Brom. Wigan Chelsea Man. Utd Newcastle Tottenham Norwich Man. City Arsenal Blackburn Bolton Wolverhampton

23 21 20 19 19 18 18 17 16 16 15 15 15 15 14 13 12 12 10 10

(12-11) (12-9) (11-9) (11-8) (9-10) (6-12) (8-10) (9-8) (8-8) (12-4) (4-11) (7-8) (8-7) (7-8) (7-7) (3-10) (8-4) (7-5) (6-4) (4-6)


14 il Domani dello Sport Sabato 28 aprile 2012

TOTOGUIDA SCOMMESSE INGHILTERRA

Classifica

League Championship Il pronostico di TS

IL TURNO SUCCESSIVO (46ª GIORNATA)

Birmingham-Reading

Barnsley - Brighton 28-04 Birmingham - Reading “ “ Burnley - Bristol City “ “ Crystal P. - Cardiff “ “ Derby C. - Peterborough “ “ Doncaster - Ipswich “ “ Leeds - Leicester “ “ Millwall - Blackpool “ “ Nottingham F. - Portsmouth “ “ Southampton - Coventry “ “ Watford - Middlesbro’ “ “ West Ham - Hull “ “

1X

Southampton-Coventry

1

West Ham-Hull

1

Watford-Middlesbrough

X2

La possibile sorpresa Nottingham F.-PortsmouthX2 Millwall-Blackpool

X

READING SOUTHAMPTON WEST HAM BLACKPOOL BIRMINGHAM CARDIFF MIDDLESBRO’ HULL BRIGHTON LEICESTER DERBY C. BURNLEY LEEDS WATFORD IPSWICH MILLWALL CRYSTAL P. PETERBOROUGH BRISTOL CITY NOTTINGHAM F. BARNSLEY PORTSMOUTH (-10) COVENTRY DONCASTER

PT G

PARTITE V N P

RETI F S

IN CASA V N P

89 85 83 74 73 72 70 68 65 63 63 61 61 61 58 56 56 49 48 47 47 40 40 36

27 25 23 20 19 18 18 19 17 17 18 17 17 15 16 15 13 13 12 13 13 13 9 8

69 81 79 77 76 64 51 46 52 64 49 60 64 54 66 53 45 66 43 46 49 50 41 41

14 5 4 36 18 15 4 3 45 18 10 8 4 39 25 13 7 3 42 21 12 9 1 35 14 11 7 5 37 29 8 10 5 22 21 12 4 7 28 22 11 8 4 36 21 11 6 6 36 22 11 3 8 27 22 7 8 7 32 26 9 3 10 33 39 9 6 7 30 32 11 3 9 39 32 7 6 9 25 28 7 11 4 21 17 10 3 10 41 38 7 6 10 26 32 5 5 12 19 32 9 3 10 31 37 10 5 8 30 24 8 7 8 28 26 4 8 10 20 32

45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45 45

8 10 14 14 16 18 16 11 14 12 9 10 10 16 10 11 17 10 12 8 8 11 13 12

10 10 8 11 10 9 11 15 14 16 18 18 18 14 19 19 15 22 21 24 24 21 23 25

39 46 47 57 51 52 49 42 52 54 57 57 66 63 75 55 49 76 67 63 74 57 61 77

RETI F S

V

FUORI N P

RETI F S

13 3 6 33 21 10 6 7 36 28 13 6 4 40 22 7 7 8 35 36 7 7 9 41 37 7 11 4 27 23 10 6 6 29 28 7 7 8 18 20 6 6 10 16 31 6 6 10 28 32 7 6 10 22 35 10 2 11 28 31 8 7 8 31 27 6 10 7 24 31 5 7 10 27 43 8 5 10 28 27 6 6 11 24 32 3 7 12 25 38 5 6 11 17 35 8 3 12 27 31 4 5 14 18 37 3 6 13 20 33 1 6 15 13 35 4 4 15 21 45

REGOLAMENTO Promosse direttamente le prime 2 classificate. Dalla 3ª alla 6ª ammesse ai play-off per il terzo posto disponibile. Retrocedono le ultime 3. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto, in primis, della differenza reti poi, eventualmente, del maggior numero di gol segnati.

«UNDER» Hull Coventry Crystal P. Middlesbro’ Portsmouth Brighton Barnsley Reading Cardiff Nottingham F. Derby C. Watford Burnley West Ham Bristol City Doncaster Leeds Millwall Southampton Leicester Birmingham Peterborough Ipswich Blackpool

30 29 29 29 29 27 26 26 25 25 24 24 23 23 22 22 22 22 22 21 19 18 17 16

(13-17) (15-14) (17-12) (18-11) (14-15) (13-14) (10-16) (13-13) (11-14) (13-12) (11-13) (10-14) (12-11) (11-12) (12-10) (13-9) (10-12) (12-10) (10-12) (11-10) (11-8) (7-11) (8-9) (10-6)

«GOAL»

47 BRIGHTON

BARNSLEY CRYSTAL P. PETERBOROUGH IPSWICH WEST HAM BLACKPOOL CARDIFF HULL BRISTOL CITY BRIGHTON

0-1 ▼ 1-0 ▲ 0-1 ▼ 0-4 ▼ 1-1 = 0-1 ▼ 1-3 ▼ 0-2 ▼ .

DERBY C. NOTTINGHAM F. MIDDLESBRO’ BURNLEY READING WEST HAM WATFORD BIRMINGHAM BARNSLEY

2-0 1-1 1-1 0-1 0-1 0-6 2-2 1-1

BARNSLEY DERBY C. NOTTINGHAM F. BIRMINGHAM SOUTHAMPTON IPSWICH PORTSMOUTH READING CARDIFF

1-0 2-3 0-3 1-3 0-2 1-1 1-2 2-2

▼ ▼ ▼ ▼ = ▼ = .

NOTTINGHAM F. MILLWALL WATFORD READING DERBY C. PETERBOROUGH BLACKPOOL CARDIFF LEICESTER

3-7 1-0 0-2 0-2 0-2 4-1 0-1 1-1

▼ ▲ ▼ ▼ ▼ ▲ ▼ = .

2-2 1-1 0-0 2-0 1-1 1-0 2-0 1-1

2-0 ▲ 2-0 ▲ 0-3 ▼ 2-2 = 2-0 ▲ 1-3 ▼ 3-1 ▲ 1-2 ▼ .

CARDIFF DONCASTER BURNLEY CRYSTAL P. WEST HAM BRISTOL CITY IPSWICH BRIGHTON READING

= = ▼ ▼ ▼ = =

HULL NOTTINGHAM F. PETERBOROUGH DONCASTER IPSWICH MILLWALL BURNLEY WEST HAM LEEDS

2-1 0-0 0-1 4-0 2-1 1-2 0-0 1-2

= = ▲ = ▲ ▲ =

63

MILLWALL

▲ =

DONCASTER LEEDS CARDIFF HULL PORTSMOUTH LEICESTER COVENTRY IPSWICH BLACKPOOL

▼ ▲ ▲ ▼ = ▼ .

40

CARDIFF PORTSMOUTH HULL PETERBOROUGH BRISTOL CITY BURNLEY MILLWALL DONCASTER SOUTHAMPTON

2-2 2-0 2-0 2-2 1-3 1-1 0-1 0-2

1-1 = 3-1 ▲ 3-1 ▲ 3-1 ▲ 3-3 = 2-2 = 1-1 = 1-1 = .

BRIGHTON CRYSTAL P. BRISTOL CITY IPSWICH LEEDS MIDDLESBRO’ CARDIFF PORTSMOUTH PETERBOROUGH

▲ = ▼ = ▼ ▼ .

1-3 3-1 4-2 2-0 1-0 3-1 1-0 2-2

WEST HAM PORTSMOUTH BIRMINGHAM BRIGHTON DONCASTER COVENTRY LEICESTER BLACKPOOL BRISTOL CITY

▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ = .

DONCASTER

MILLWALL SOUTHAMPTON BIRMINGHAM LEICESTER BURNLEY PORTSMOUTH MIDDLESBRO’ COVENTRY IPSWICH

BARNSLEY WEST HAM LEICESTER COVENTRY NOTTINGHAM F. LEEDS SOUTHAMPTON WATFORD DERBY C.

0-1 0-2 1-0 2-2 0-1 1-4 1-3 2-2

3-0 ▲ 0-1 ▼ 0-0 = 2-0 ▲ 1-0 ▲ 2-1 ▲ 1-0 ▲ 3-0 ▲ .

LEICESTER READING SOUTHAMPTON WATFORD BARNSLEY NOTTINGHAM F. LEEDS BURNLEY MILLWALL

BRISTOL CITY IPSWICH BRIGHTON CARDIFF HULL DERBY C. DONCASTER SOUTHAMPTON WATFORD

= ▼ ▼ ▼ =

74 3-3 1-3 3-0 2-0 1-1 0-0 1-0 4-0

= ▼ ▲ ▲ = = ▲ ▲

50

45

43

44 66 73 84 85

9

23 51 55 89

43

43

51

77 51

75 51

47

42 38

42 38

40 35

85 50 61 15 80 62 30 12 54 86 Rit. 101 92

27 6 Rit. 121 96

64

63

60

54

49

73 56 31

4

57 77 30 33

76

46

46

72

56

48 45

48 43

44 41

83 42 49 86 71 12 90 24 62 40 71

58

57

54

19 24 84 81 34 Rit. 61

58

50 7 Rit. 85

77

58

47

41

46

46

38

6

63 22 28 43

40

38

37

37 37

36 36

35 63 68 14 59 76 47 46 70

60

60

47

47

46

42

40

68 82 18 74 69 10 19 85 62 63 Rit. 113 74

17 81 Rit. 94

76

64

51

50

49

5

32 21 25 36 67 49 15

57

49

46

46

47 43

44 40

41 38

41 36

12 63 88 13 74 80 89 29 33 49 Rit. 76

69

46 2 Rit. 79

70

66

63

59

44

44

41

39

38

63 19 84 21 25 39 40 65 64

63

47

46

46

44

41

41

13 32 74 10 12 88 36 72 75 78 Rit.

9

= ▼

▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ = ▲

1-1 = 0-0 = 3-0 ▲ 0-1 ▼ 1-0 ▲ 0-0 = 0-1 ▼ 1-2 ▼ .

= = ▼ ▼ ▲ = ▲ .

▲ ▲ = = ▲

58 ▼

1-2 1-1 1-0 0-0 1-2 1-1 1-1 0-3

= ▲ = ▼ = = ▼ .

BIRMINGHAM COVENTRY BURNLEY SOUTHAMPTON MILLWALL DONCASTER CRYSTAL P. DERBY C. NOTTINGHAM F.

Middlesbro’ Cardiff Barnsley Watford Blackpool Birmingham Burnley Brighton Coventry Crystal P. West Ham Southampton Doncaster Leicester Portsmouth Bristol City Millwall Reading Derby C. Hull Leeds Ipswich Nottingham F. Peterborough

4-1 0-2 1-5 2-2 0-1 4-3 2-1 1-2

▼ ▼ = ▼ ▲ ▲ ▼ .

68

SOUTHAMPTON LEICESTER COVENTRY MILLWALL MIDDLESBRO’ WATFORD BARNSLEY NOTTINGHAM F. WEST HAM

0-2 1-2 0-2 0-2 2-1 1-1 3-1 2-1

31 29 27 27 26 26 25 25 24 24 23 23 22 22 22 21 21 20 19 19 19 19 17 17

(15-16) (11-18) (13-14) (13-14) (13-13) (13-13) (14-11) (11-14) (13-11) (13-11) (13-10) (13-10) (12-10) (12-10) (10-12) (9-12) (9-12) (10-10) (10-9) (9-10) (11-8) (9-10) (9-8) (9-8)

«PARI»

40

83 HULL 2-2 = 2-0 ▲ 2-4 ▼ 4-0 ▲ 3-3 = 6-0 ▲ 1-1 = 2-1 ▲ .

= =

.

WATFORD MIDDLESBRO’ BARNSLEY DERBY C. LEICESTER CRYSTAL P. BIRMINGHAM MILLWALL DONCASTER

.

BURNLEY PETERBOROUGH READING BARNSLEY BIRMINGHAM BRIGHTON BRISTOL CITY LEICESTER HULL

7

6

5

5

5

4

4

4

4

BA CA FI GE MI NA PA RM TO VE NZ TT

▼ ▼ ▼ ▼ ▲ = ▲ ▲ .

31 29 28 28 27 26 26 25 25 25 25 24 23 23 22 21 21 21 19 19 19 18 18 17

(18-13) (17-12) (14-14) (10-18) (10-17) (11-15) (16-10) (14-11) (13-12) (14-11) (12-13) (13-11) (12-11) (13-10) (11-11) (13-8) (11-10) (11-10) (5-14) (9-10) (8-11) (6-12) (11-7) (8-9)

I 10 numeri più in ritardo

14 20 34 41 57 11 15 44 65 75 Freq. 20

19

15

15

15

14

14

1 59

8

38 78

3

15 29 31 35

14

14

13

13

Freq. 17

17

25 3 Freq. 17

14

14 13

14 13

14

28 49 43 75 11 37 47 60

16

16

16

15

15

14

78 84

5

34 86

9

53 76 81 4

15

15

14

14

Freq. 19

16

15

14 14

14 14

15

12 54 Freq. 19

19

15

13

15

15

3

22 44 74 77 37 42 80

16

15

15

14 15

14 15

14 14

14 14

14

15

15

1

56 78 3

Rid. a garanzia di un “4” con 5 numeri - Combinazioni 29 - € 14,50

14

14

Pronostico: 4, 15, 17, 19, 37, 38, 42, 50, 54, 65, 76, 79, 83, 84

16

17 15

16 15

15

15

I 10 numeri più in ritardo NUMERO 38 20 26 12 32 13 14 35 39 42 17 12 12 10

10

9

9

9

9

8

14

14 13

60 18 70 82 14 22 32 37 56 78 Freq. 19

15

15

18 76 77 Freq. 17

17

17

15

14

14

14

1

9

35 37 40 42 53

15

15

15

14

14 14

14 14

14 14

43 70 27 45 66 76 80 50 86 15 Freq. 16

16

15

15

15

78 37

1

3

77 42 20 44 22 38

Freq.125 123 121 121

15

15

14

14

13

119 117 116 116 115 113

I 10 numeri più frequenti NUMERO 81 11 17 22 67 35 4 FREQ.

Il sistema 14 numeri

16

17

18

48 45 44 41 40 39 39 37 37 37

25 83 15 48 52 88 Freq. 20

18

54 49 90 45 74 67 69 21 79 55

NELLA SESTINA FREQUENZA

13

20 55 58 41 12 90 38 49 85 1 Freq. 19

74 70 59 50 49 47 44 42 40 40

I 10 numeri più frequenti

14

79 14 36 38 82 19 21 57 58 7 Freq. 19

59 18 48 3 35 7 4 90 72 32

NELLA SESTINA RITARDO

13

10eLOTTO RITARDO

=

0-2 1-1 1-1 1-0 3-1 2-2 1-1 2-0

36 IPSWICH

I 10 numeri più frequenti

58 24 66 40 82 84 16 68 79 69 Rit. 106 84

Rit. 79

Peterborough Birmingham Blackpool Cardiff Doncaster Ipswich Leeds Leicester Burnley West Ham Barnsley Watford Bristol City Coventry Southampton Crystal P. Middlesbro’ Derby C. Brighton Nottingham F. Portsmouth Reading Hull Millwall

SUPERENALOTTO

I 10 numeri più in ritardo

Rit. 52

▲ ▼ ▲

0-3 0-2 1-3 0-4 1-2 3-4 0-0 2-0

WEST HAM

=

LOTTO BA CA FI GE MI NA PA RM TO VE NZ TT

WATFORD MIDDLESBRO’ DERBY C. NOTTINGHAM F. COVENTRY BIRMINGHAM WEST HAM BARNSLEY BURNLEY

=

.

BRIGHTON LEICESTER CRYSTAL P. BRISTOL CITY PETERBOROUGH BLACKPOOL READING HULL PORTSMOUTH

70 1-1 1-1 1-1 0-2 1-2 1-0 0-0 2-1

2-2 5-1 1-3 1-0 2-1 1-1 0-0 0-4

NOTTINGHAM F. 47 PORTSMOUTH

.

61 MIDDLESBRO’ 2-0 ▲ 2-1 ▲ 2-0 ▲ 0-2 ▼ 1-1 = 1-1 = 2-2 = 2-2 = .

▼ ▲

.

56 BLACKPOOL

BRISTOL CITY IPSWICH LEEDS BLACKPOOL CARDIFF HULL BRIGHTON PETERBOROUGH MIDDLESBRO’

PETERBOROUGH BLACKPOOL WEST HAM LEEDS BRIGHTON SOUTHAMPTON NOTTINGHAM F. CRYSTAL P. BIRMINGHAM

48

61 BRISTOL CITY

BURNLEY

63 PETERBOROUGH 49 0-2 ▼ 3-2 ▲ 1-1 = 0-0 = 2-0 ▲ 0-1 ▼ 0-2 ▼ 2-1 ▲ .

WATFORD

=

89

73 READING

DERBY C.

=

.

SOUTHAMPTON 85 COVENTRY HULL DONCASTER BLACKPOOL PORTSMOUTH CRYSTAL P. READING PETERBOROUGH MIDDLESBRO’ COVENTRY

72

COVENTRY BIRMINGHAM MILLWALL MIDDLESBRO’ WATFORD BARNSLEY DERBY C. LEEDS CRYSTAL P.

61 LEICESTER

LEEDS

BIRMINGHAM

.

56 CARDIFF

CRYSTAL P.

65

16 15 14 14

14

7 18 28

13 12 12 11 11

4 15 15 17 15 15 37 15 4 15

15 17 17 54 17 38 42 37 15 19

38 42 19 65 19 42 50 38 37 38

42 50 38 79 50 65 65 50 54 65

79 83 54 83 79 79 83 79 76 83

83 84 79 84 84 84 84 83 84 84

19 17 19 37 4 4 19 4 4 15

37 19 65 38 15 17 37 19 17 19

42 42 76 42 17 19 38 42 38 37

50 54 79 54 37 42 54 65 50 38

76 65 83 65 65 54 65 79 65 42

79 84 84 83 76 83 79 84 76 50

15 4 4 17 17 17 4 4 4

19 19 15 37 42 19 19 17 38

38 42 50 42 54 37 37 37 50

42 76 54 50 76 50 50 38 54

76 79 65 54 79 54 79 76 76

83 83 76 79 83 83 83 84 84


Informazione pubblicitaria



il domani