Issuu on Google+

Venerdì 27 Agosto 2010

Anno XIII - Numero 234

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

USURA

PMI

LAVORO

Nel Mezzogiorno +117%, rischiano 681mila famiglie e 716mila aziende

Sale a 1,2 mld il fondo salva-imprese e Bankitalia ne approva il regolamento

a pag » 14

a pag » 27

Asp Catanzaro: ancora bloccata l’assunzione di 12 disabili a pag » 15

Mentre la politica si riempie la bocca di paroloni e ci invita tutti a tenere la guardia alta

Le ’ndrine parlano con le bombe Solidarietà in abbondanza per Salvatore Di Landro dopo la bomba di ieri che gli ha divelto il portone IL COMMENTO

Ora è il momento di dire basta davvero

«Per fronteggiare meglio la criminalità organizzata servono riforme sul piano normativo. Se le macchine arrivano col contagocce e se abbiamo problemi con la benzina, fino a fare debiti, allora le cose non vanno bene» dice Di Landro a pag » 2, 3,4,5,16, 23

O CAMBIAMO O SIAMO FINITI

Che cosa significa la bomba di Reggio per Ciconte

di M. Grazia Laganà parlamentare Partito democratico

Di fronte al gravissimo attentato contro Salvatore Di Landro non servono parole e attestati. È urgente un’azione da parte dello Stato tesa a garantire prima di ogni altra cosa, la massima sicurezza a quanti, trovandosi ad operare su fronti assai delicati, sono sempre più spesso fatti bersaglio di vigliacche intimidazioni. Ci sono clan - aggiunge - che vogliono dimostrare sempre di più che alla loro arroganza nessuno riesce a porre limiti. Ma le cui azioni delinquenziali danno pure a dimostrare che soffrono della pressione imposta da un lavoro investigativo compiuto con grande dedizione e professionalità. L’arrivo del procuratore generale Di Landro a Reggio Calabria coincide con il periodo più proficuo della lotta alle ’ndrine reggine.

L’ESPERTO

Marchionne duro: fate ancora lotta di classe RIMINI - C’è ancora in questo Paese chi guarda a quanto accade in fabbrica con la la lente deformata del conflitto. Ma non è così che si sopravvive alle sfide del futuro e tollerare il sabotaggio in fabbrica o altre azioni illecite nel nome di quel conflutto è inammissibile. Sergio Marchionne, come al solito, non ha usato mezzi termini al meeting dell’Amicizia di Rimini. (L’articolo a pagina 17 )

ROMA - La bomba contro l’abitazione del Procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro, dimostra la strategia terroristica che stanno attuando le cosche della ’ndrangheta contro i magistrati reggini.Una strategia che va considerata del tutto nuova, dopo l’attentato alla Procura del 3 gennaio scorso e quello di ieri mattina all’abitazione privata del Procuratore. È questa la chiave di lettura che dà lo storico della ’ndrangheta Enzo Ciconte sull’attentato. Ciconte, profondo conoscitore della criminalità organizzata calabrese ed autore del primo libro sulla storia della ’ndrangheta e dell’ultimo in ordine di tempo Australian ’ndrangheta, avanza due ipotesi. La prima è che si vuole creare un clima di terrone. a pag » 2

segue a pag » 2

REGGIO CALABRIA Incendio doloso danneggia l’automobile del parroco della chiesa di Cittanova a pag » 22

CATANZARO Si è insediato il nuovo Questore Roca Insieme ad Oilvo contro la microcriminalità a pag » 18

VIBO VALENTIA Immigrazione clandestina, le Fiamme Gialle procedono all’identificazione a pag » 25

L’INTERVENTO

Impegno fermo per la difesa dei nostri prodotti di Giancarlo Galan Ministro delle Politiche agricole

Giudico sensate e motivate le affermazioni rilasciate dall’Assessore all’Agricoltura della Regione Toscana, Gianni Salvadori. ("Alle aziende che coltivano i pomodori dico che non le lasceremo sole - ha detto Salvadori -, ma mi rivolgo anche alla grande distribuzione e alle aziende toscane di trasformazione: a questi soggetti, con i quali avrò incontri a breve, dico di non cedere alla logica del prezzo stracciato a scapito della qualità comprando i pomodori cinesi". Le questioni che ha sollevato sono all’ordine del giorno per quanto riguarda uno tra gli aspetti più preoccupanti per gli interessi del nostro sistema agroalimentare. Mi riferisco cioè allo sleale e inaccettabile attacco condotto sullo scenario internazionale da parte di più Paesi a tutto danno dei produttori e coltivatori italiani. Questo è un tema che ho già affrontato in sede di Unione europea, ma che non intendo tralasciare anche perché chi, come il sottoscritto, si sta dimostrando leale nei confronti di ogni normativa comunitaria, sente forte la responsabilità di contrastare in modo energico e definitivo una concorrenza sleale che non ha paragoni nell’economia mondiale. Quindi, se da una parte esigiamo che sia approvato tutto ciò che va approvato in termini di etichettatura di origine, dall’altra è indispensabile rafforzare tutti i controlli possibili su quanto entra e si consuma nel nostro Paese. A giorni ci saranno incontri specifici presso il Ministero, allo scopo di affrontare assieme alle Regioni interessate la questione del pomodoro.


2

il Domani

Venerdì 27 Agosto 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI Che cosa significa la bomba di Reggio per Ciconte

Ora è il momento di dire basta davvero di Maria Grazia Laganà Fortugno Sono convinta pure che l’alto magistrato ha saputo affrontare la pesante situazione in ordine al contrasto alla criminalità e ad una illegalità che in alcuni territori è sempre più diffusa. Il procuratore Di Landro ha saputo impostare il suo lavoro contro i poteri criminali puntando dall’inizio sulla confisca e il sequestro dei beni illegalmente detenuti. È sicuramente questo che ha dato da subito più fastidio ai criminali, che vigliaccamente hanno cominciato a prendere di mira, in maniera personale il procuratore generale di Reggio Calabria. Ora deve essere basta sul serio. Bisogna introdurre quel clima giusto che consenta a quanti sono preposti a funzioni così delicate di andare avanti senza subire tensioni mafiose. Serve concretezza e lealtà, da parte delle istituzioni e da parte di tutti coloro che stanno a contatto con gli operatori di giustizia. Serve soprattutto che la cosiddetta società civile faccia alzare la propria voce a favore

della legalità, arginando e denunciando anche il più piccolo dei fenomeni delinquenziali. Dobbiamo essere tutti vicini alle forze dell’ordine e alla magistratura, che dimostrano, come il procuratore Di Landro, di volere combattere sul serio un fenomeno cha da sempre penalizza lo sviluppo della nostra terra e non garantisce un futuro sereno alle nuove generazioni.

DAL VOSTRO INDIGNATO SPECIALE

di Carlo Bassi

Il Paese delle molte chiacchiere e poche guardie Non c’è bisogno - in questo caso - di essere un indignato speciale. Può indignarsi chiunque. Leggiamo con piacere che, a fattaccio avvenuto, si è deciso di mettere una guardia sotto casa del procuratore Salvatore Di Landro. Non siamo famosi per l’abilità con cui chiudiamo le stalle dopo che i buoi sono scappati? Oltretutto, leggiamo che lo stesso Procuratore capo si rende perfettamente conto che i mezzi sono quelli che sono, c’è il problema della benzina da pagare e che le forze dell’ordine sono costrette ad arrossire coni fornitori. Facile fare del qualunquismo nei confronti di un governo che taglia anche sulla sicurezza, perché i conti sono conti e le priorità sono priorità. Ma chi ci governa lo sa davvero quali sono le priorità? A parole sembra che lo sappia benissimo: basta un po’ditritolopertirarglifuoridichiarazioni roboanti sulla necessità di tenere alta la guardia. Ci ha colpito l’uso industriale fatto di questa espressione pugilistica. C’è un solo problema: la ’ndrangheta non è un pugile suonato. E ha dimostrato di saper colpire come e quando vuole. È l’industria più ricca della nostra regione: non crediamo abbiamo voluto risparmiare. Se decidono di abbondare sono guai.

Mentre la seconda è quella che le cosche vogliono fermare le numerose indagini in corso, specialmente dopo gli arresti avvenuti sull’asse Calabria-Milano. «Dopo la bomba del gennaio scorso contro la Procura generale - afferma Ciconte - l’attentato di oggi è la conferma che è in atto una strategia terroristica da parte delle cosche della ’ndrangheta. In questi mesi ci sono state numerose inchieste della magistratura reggina tra cui anche quelle che hanno colpito la presenza delle cosche a Milano e la Lombardia dove la ’ndrangheta ha il cuore economico. Ed allora la bomba di oggi è il tentativo di fermare l’azione della magistratura ed altre eventuali indagini». In passato la ’ndrangheta aveva già compiuto azioni di tipo terroristico ma erano sempre state fatte per colpire gli stessi uomini delle cosche. «Nella guerra di mafia a Reggio Calabria, per esempio - ricorda Ciconte - c’erano stati morti ammazzati con autobomba e missili, ma tutto era fatto al loro interno e mai si era arrivati a colpire uomini o edifici dello Stato. Invece con la bomba alla Procura generale fatta esplodere a gennaio c’è stata una vera e propria svolta con le cosche sempre più agguerrite attuando una strategia del terrone contro i magistrati reggini». Ciconte, che si occupa del fenomeno della ’ndrangheta dagli anni ’80, è docente del corso di storia della criminalità organizzata all’Università Roma 3 ed è anche presidente

dell’Osservatorio sicurezza e legalità della Regione Lazio. In passato è stato anche consulente per la commissione parlamentare antimafia. Tra i motivi che hanno spinto le ’ndrine calabresi ad alzare il tiro ci sono anche i numerosi sequestri di

beni compiuti negli ultimi temi e le tante sentenze nei confronti degli ’ndranghetisti che stanno per diventare definitive. La ’ndrangheta da anni - nota lo studioso - ormai ha abbandonato la sua vecchia identità rurale e, in silenzio, è riuscita a conquistare il primato del controllo della droga per trasformarsi in una sorta di grande holding industriale che ricicla i proventi del traffico di stupefacenti in attività imprenditoriali in Italia e all’estero.


Venerdì 27 Agosto 2010

il Domani

3

PRIMO PIANO

Di Landro: «Contro di me una crescente tensione»

Il procuratore generale di Reggio Calabria Salvatore Di Landro ai microfoni dei giornalisti

di Oriana Tavano ROMA - «Contro di me, a partire dall’attentato alla Procura generale, c’é stata una tensione malevola e delittuosa crescente da parte della criminalità organizzata». Così Salvatore Di Landro, procuratore generale di Reggio Calabria, commenta quanto successo la notte tra il 25 e il 26 agosto scorso intorno alle 2. La bomba fatta esplodere contro la

sua abitazione, per il pg di Reggio Calabria, non sarebbe altro che un secondo avvertimento - il primo risale al gennaio scorso - che palesa quella che è la strategia del terrore perpetrata dalle ’ndrine locali. Confisca dei beni, arresti dei latitanti e operazioni antimafiacostituisconol’ossaturadell’attività di Salvatore Di Landro. Un’attività, la sua, caratterizzata da una lotta senza confini alla mafia, pur nel rispetto dei ruoli di difesa e accusa. Come nel maxi

«Dall’attentato del gennaio scorso l’attenzione negativa nei miei confronti è aumentata sempre più fino a quest’ultimo attentato: il culmine di questa strategia»

processo contro le cosche del reggino che visto la condanna di potenti boss della ’ndrangheta. Un’azione, questa, che come ha sostenuto lo stesso Di Landro nei giorni scorsi, «i boss non possono sopportare». «Vogliono farmela pagare - ha detto Di Landro - per il fatto che ho sempre ed in ogni circostanza fatto il mio dovere di magistrato. Dall’attentato del tre gennaio - ha aggiunto - l’attenzione negativa nei miei confronti è aumentata sempre più fino a quest’ultimo attentato, che rappresenta il culmine di questa strategia. Evidentemente - ha affermato ancora Di Landro - a qualcuno non sta bene che io abbia sempre agito senza infingimenti e sulla base di quella che ritenevo essere la verità, rispettandola fino in fondo». Al momento della deflagrazione Di Landro si trovava in casa insieme alla moglie. Nessuno è rimasto ferito. L’esplosione ha provocato danni gravi al portone dell’edificio che però non ha subito cedimenti strutturali. «Quando ho sentito l’esplosione ho provato una grande indignazione. È la conferma ulteriore che non siamo in un Paese normale, un Paese civile. Mi dolgo, io che sono calabrese, ma siamo arrivati ad un livello di scontro che è tribale». Al termine della riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è svolto ieri a Reggio Calabria, Salvatore Di Landro non nasconde il disa-

gio e la profonda amarezza per quest’ultimo attacco della criminalità organizzata. «Questa violenza endemica - ha aggiunto che serpeggia nella nostra società mi mette tanta tristezza. C’era una certa tensione che, poi, si é personalizzata nei miei confronti. Non si doveva arrivare a questo punto - ha detto Di Landro - dove i problemi vengono risolti con la

Secondo il pg di Reggio servono «riforme sul piano normativo che fronteggino con più efficacia l’azione della criminalità organizzata» bomba e i proiettili». Secondo il procuratore generale, per invertire questa logica servono riforme sul piano normativo che fronteggino con più efficacia l’azione della criminalità organizzata. Ma, per attuare questa svolta, «ci vogliono anche i mezzi», precisa il pg di Reggio. «Se poi - ha aggiunto Di Landro - le macchine arrivano con il contagocce e non bastano per tutti e se abbiamo continui problemi con la benzina, allora le cose non vanno bene nemmeno sotto quel profilo».


4

il Domani

Venerdì 27 Agosto 2010

PRIMO PIANO

L’attentato segue quello del 3 gennaio scorso contro la sede della Procura generale reggina, diretto sempre contro il magistrato calabrese Di Landro

Bomba contro la casa del pg di Reggio, l’ultimo attacco dei clan di Vania Notaro REGGIOCALABRIA-Unordigno fatto esplodere davanti al portone dell’abitazione del procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro, ha mandato in frantumi i vetri delle finestre della casa del magistrato e di altre abitazioni vicine. Al momento della deflagrazione - che non ha causato nessun ferito - Di Landro si trovava in casa insieme alla moglie. Sul luogo dell’esplosione sono giunti, per le indagini, carabinieri e polizia di Stato, insieme al pm di turno della Procura della Repubblica di Reggio Calabria. L’esplosione ha provocato danni gravi al portone dell’edificio. Il palazzo, invece, non ha subito danni strutturali. La zona in cui abita il magistrato si chiama Parco Casoria. Nell’edificio davanti al quale è stato fatto esplodere l’ordigno abitano, oltre a quella del magistrato, altre quattro famiglie, ma non c’é alcun dubbio, secondo gli investigatori, che l’intimidazione sia diretta contro il procuratore generale. Secondo quanto è emerso dai primi accertamenti, l’ordigno, collegato ad una miccia a lenta combustione, sarebbe stato confezionato con tritolo. L’attentato segue quello del 3 gennaio scorso contro la sede della Procura generale reggina, diretto sempre contro Di Landro. In quell’occasione due persone, giunte sul posto a bordo di una moto, fecero esplodere davanti al portone dell’ufficio un ordigno di medio potenziale. Successivamente ci sono state una serie di intimidazioni ai danni di magistrati di Reggio Calabria nell’ambito di una strategia messa in atto dalla criminalità, secon-

Salvatore Di Landro

Convocato il Comitato per l’ordine pubblico per fare luce sull’attentato

Gli inquirenti sul luogo dove è avvenuta l'esplosione

do l’interpretazione che né è stata data a livello investigativo e giudiziario. Buste con proiettili e minacce di morte sono state inviate, tra l’altro, al Procuratore della Repubblica, Giuseppe Pignatone, ed ai pm della Procura reggina Vincenzo Lombardo e Antonio De Bernardo. La bomba contro la Procura generale di Reggio Calabria e le minacce ai magistrati indussero il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a compiere, nel gennaio scorso, una visita in città per esprimere la sua solidarietà e vicinanza ai magistrati. Il giorno della visita del Capo dello Stato, quando Napolitano comunque aveva già lasciato la città, fu trovata

Nello scorso mese di giugno persone non identificate sabotarono l’automobile di servizio di Di Landro, allentando i bulloni di una ruota

un’automobile, lasciata lungo il percorso seguito dal corteo presidenziale, contenente un consistente quantitativo di armi. La situazione richiamò anche l’attenzione del Governo, tanto che il 28 gennaio a Reggio Calabria ci fu una riunione del Consiglio dei Ministri, presieduta da Silvio Berlusconi, nel corso della quale fu approvato un piano straordinario per la lotta contro le mafie. L’ultimo attentato contro la casa del procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro, non rappresenta la prima intimidazione che viene compiuta contro il magistrato. Nello scorso mese di giugno persone non identificate sabotarono l’automobile di servizio di Di Landro, allentando i bulloni di una ruota. La vettura si trovava nel parcheggio del Centro direzionale, dove vengono lasciate le vetture di servizio dei magistrati della Dda e della Procura generale di Reggio Calabria. Un atto che, secondo il giudizio degli investigatori, avrebbe potuto comportare gravi conseguenze per il magistrato, oggetto anche successivamente di minacce.

REGGIO CALABRIA - Il prefetto di Reggio Calabria, Luigi Varratta, ha convocato d’urgenza il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica in merito all’attentato compiuto la scorsa notte contro la casa del procuratore generale, Salvatore Di Landro. Nel corso della riunione, svoltasi in Prefettura nella mattinata di ieri, è stato fatto il punto sulle prime indagini e sono state esaminate le misu- «L’escalation dell’azione re di sicurezza cui è sottopo- criminale contro sto attualmente il pg reggino. Il Comitato ha ritenuto op- Di Landro induce ad una portuno rinforzare la scorta scrupolosa valutazione del magistrato e ha disposto una vigilanza fissa sotto la del grado di esposizione sua abitazione. Sul fronte delle indagini, non ci sono ri- al rischio personale» prese video dirette dell’attentato. Tuttavia, ci sono altre riprese effettuate in un’altra zona che potrebbero essere di interesse per gli investigatori. Secondo quanto emerso nel corso della riunione, l’attentato è stato di natura intimidatoria, non mirato cioé a colpire fisicamente Di Landro. Secondo i primi rilievi degli artificieri, è stato usato un ordigno a medio potenziale composto da polvere nera e sembrerebbe da escluderel’utilizzoditritoloo dinamite. «L’episodio - si legge in una nota della Prefettura reggina - potrebbe ricolle- Il prefetto Luigi Varratta garsi alla bomba fatta esplodere lo scorso 3 gennaio davanti all’ingresso degli uffici della Procura Generale e al probabile sabotaggio dell’autovettura di servizio dello scorso mese di giugno. Una escalation dell’azione criminale contro Di Landro che induce ad una immediata e quanto mai scrupolosa valutazione del grado di esposizione al rischio personale».

Il movente dell’attentato: tra le ipotesi, il depistaggio da un’inchiesta politica REGGIO CALABRIA - Distogliere l’attenzione di magistrati ed investigatori dalle inchieste che stanno conducendo, a Reggio Calabria, sui rapporti tra ’ndrangheta e politica. C’é anche questa ipotesi al vaglio degli investigatori per risalire agli autori dell’attentato contro l’abitazione del procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro. L’ipotesi prevalente, secondo quanto si apprende, resta quella legata all’attività di Di Landro e dalla svolta impressa alla gestione della Procura generale non solo in sede di processi d’appello contro la criminalità organizzata ma anche nel settore della confisca di beni mafiosi. Non viene neanche escluso, inoltre, che qualcuno abbia interesse a spostare l’attenzione dalle inchieste coordinate dalla Dda di Reggio Calabria sugli intrecci mafia-politica che negli ultimi mesi si sono tradotte, per esempio, nelle operazioni Meta e Crimine, quest’ultima realiz-

zata in collaborazione con la Dda di Milano, che hanno cominciato a fare emergere le collusioni tra le cosche e la politica. C’é un altro filone delle indagini sull’attentato contro la casa del procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro, e sulle altre intimidazioni compiute ai danni del magistrato che riguarda i contrasti all’interno dell’ufficio della Procura generale. L’inizio delle divisioni ha coinciso con l’arrivo alla guida dell’ufficio di Salvatore Di Landro, che nel novembre del 2009 é subentrato a Giovanni Marletta. I contrasti hanno riguardato, in particolare, i rapporti tra Di Landro ed il sostituto procuratore generale Francesco Neri, ex pm della Procura della Repubblica di Palmi e figlio di Guido Neri, che fu a sua volta procuratore generale a Reggio Calabria. I contrasti e le contestazioni fatte da Di Landro a Neri portarono all’apertura nei confronti di

quest’ultimo, nel marzo scorso, della procedura di trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale da parte della Prima commissione del Csm. Successivamente è stata adottata una misura cautelare con il passaggio ad altra sede ed altre funzioni di Neri, che ha assunto la carica di consigliere della Corte d’appello di Roma. Al pg Neri era stato contestato di avere avuto come difensore, nei procedimenti disciplinari avviati a suo carico, lo stesso avvocato che assisteva uno degli imputati per l’omicidio della guardia giurata Luigi Rende, uccisa il primo agosto del 2007 nel corso di una rapina. Nel processo per l’assassinio di Rende, conclusosi il 3 marzo scorso con la conferma dei cinque ergastoli comminati in primo grado, Neri rappresentava la pubblica accusa e fu sostituito su decisione del procuratore generale Salvatore Di Landro.


Venerdì 27 Agosto 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO

«Un gravissimo episodio che conferma lo stato di tensione»

Diversi esponenti della maggioranza alla Regione hanno espresso solidarietà a Di Landro. Tra i primi il Governatore

Giuseppe Pignatone

«C’è tendenza a destabilizzare Noi dobbiamo solo lavorare» di Franco Marsico REGGIO CALABRAIA - L’intimidazione a Di Landro ha scosso il mondo politico di tutta la regione. Diversi gli esponenti della maggioranza in consiglio regionale che sono intervenuti per esprimere la loro vicinanza al Procuratore. «Credo ci sia una tendenza a destabilizzare il nostro territorio e le istituzioni e a creare fermenti e tensioni. Noi dobbiamo solo continuare ad andare avanti ed a lavorare. Sta succedendo, per esempio che dieci giorni fa il vicepresidente della Giunta regionale, «Dieci giorni fa la Stasi Antonella Stasi, ha ricevuto un’altra miha ricevuto un’altra naccia, un proiettile minaccia, un proiettile spedito al marito. non l’abbiamo spedito al marito. L’atto Noi reso noto perchè intimidatorio non è stato pensiamoalavorare. Ci concentriamo su reso noto» questo, poi c’è chi ha ilcompitodichiarire che segnali sono questi». A dirlo è stato il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, che ieri mattina ha partecipato, a Reggio Calabria, alla riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. «La bomba esplosa sotto la casa del Procuratore generale di Reggio Calabria dottor Salvatore Di Landro, è di una gravità

inaudita». Ha sostenuto invece il presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico, secondo il quale: «Il clima che si respira nella nostra regione è diventato pesante e richiede un’attenzione straordinaria da parte delle autorità preposte alla sicurezza dei cittadini ed alla salvaguardia dell’integrità dei servitori fedeli dello Stato. Si tratta - aggiunge - di un gesto che, per quanto diretto ad una singola persona impegnata a fare correttamente il proprio lavoro, di fatto coinvolge tutte le istituzioni democratiche nel tentativo evidente di condizionarne efficienza e funzionamento». Il vicepresidente del Consiglio regionale, Alessandro Nicolò ha invece dichiarato che: «Il gravissimo attentato dinamitardo contro l’abitazione del Procuratore generale della Repubblica di Reggio Calabria è un segnale tanto preoccupante, quanto inquietante e oscuro. Dopo avere preso di mira lo scorso gennaio gli Uffici della Procura generale, stavolta si colpisce direttamente la persona nella sua sfera privata. Convinto delle affermazioni del Ministro della Giustizia, Angelo Alfano, il quale ha ribadito la fermezza del Governo nella lotta alla criminalità mafiosa, voglio far giungere al dott. Di Landro ed alla sua famiglia i sentimenti di viva solidarietà personale e istituzionale. Sono certo che, ancora una volta - conclude Alessandro Nicolò - Reggio saprà rifiutare con determinazione una logica di violenza terroristico - criminale che le impedisce qualunque ipotesi di crescita».

REGGIO CALABRIA - «Il gravissimo episodio della scorsa notte conferma la tensione che c’é a Reggio Calabria anche a seguito dei risultati delle indagini più recenti contro la ’ndrangheta». Lo ha detto il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, facendo riferimento all’attentato contro la casa del procuratore generale, Salvatore Di Landro. «In questo senso - ha aggiunto - assumono un importante significato le operazioni più recenti Meta e Crimine, che hanno confermato la pericolosità della ’ndrangheta, la sua capacità di infiltrazione nella società civile e nelle istituzioni e rivelato anche la sua «Le operazioni Meta e struttura unitaria. Ormai da mesi - ha detto ancora Pigna- Crimine hanno tone - si susseguono gli atti intimidatori ai danni della confermato la magistratura reggina e quel- pericolosità della li, particolarmente preoccupanti, in danno del dott. Di ’ndrangheta, la sua Landro, che è il vertice degli capacità di infiltrazione» uffici requirenti e che ha adottato una linea di rigore, correttezza e trasparenza. Sono sicuro - ha concluso il Procuratore della Repubblica - che tutti i magistrati di Reggio Calabria continueranno nel loro sforzo sull’esempio proprio del dott. Di Landro, a cui va la mia più totale solidarietà». Il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Michele Vietti, ha esprimesso invece «a nome di tutto il Csm la solidarietà più sentita al procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro, per il gravissimo atto di intimidazione mafiosa di cui è stato vittima. Il Csm sarà sempre vicino ai magistrati calabresi impegnati da tempo in una intensa attività di contrasto delle cosche della ’ndrangheta e porrà in atto ogni possibile iniziativa di sostegno ed attenzione agli uffici Giudiziari calabresi».

Musi (Pd): lo stato reagisca adeguatamente REGGIO CALABRIA - «Il Partito Democratico calabrese esprime piena ed incondizionata solidarietà al procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro, e chiede una risposta adeguata da parte dello Stato a tutela del magistrato e contro la criminalità organizzata che ha da tempo dichiarato guerra alle istituzioni democratiche ed alla magistratura reggina». Lo dichiara Adriano Musi, senatore del Pd e commissario del partito in Calabria. «Con l’attentato di ieri notte - dichiara Musi - la ‘ndrangheta ha compiuto uno dei gesti piu’ gravi della sua triste storia criminale. E’ il segnale più evidente della validità del lavoro svolto dalla magistratura e dalle forze dell’ordine alle quali deve andare in primo luogo il sostegno totale della societa’ calabrese. Nel gennaio scorso una bomba della ‘ndrangheta

aveva danneggiato l’ufficio del procuratore generale; oggi registriamo un attacco cntro l’abitazione privata del magistrato e quindi contro l’istituzione, l’uomo ed i sui familiari. Questo gesto riprovevole - dice Musi - richiede una reazione corale da parte delle forze politiche, che devono impegnarsi per il potenziamento dell’apparato investigativo attraverso investimenti consistenti. Purtroppo non vanno in questa direzione - conclude il commissario del Pd calabrese - misure come la ferma breve nelle forze armate per la quale si impegnano risorse che potevano essere destinate alle forze di polizia». «Al Procuratore generale di Reggio Calabria Salvatore Di Landro non può che essere indirizzata la massima solidarietà e vicinanza, oltre che la gratitudine per il lavoro svolto a difesa della legge e della giustizia

contro il crimine organizzato» ha detto invece il parlamentare europeodell’Idv Luigi De Magistris. «L’attentato nei confronti del Pg Di Landro è un atto vile e infame che deve spingere la società civile alla forma più alta di vigilanza e di mobilitazione in difesa della legalità e dei suoi tutori». Il leader del ,ovimento Diritti Civili, Franco Corbelli, dopo chiede invece «l’invio dell’esercito nella città dello Stretto, quale segnale della presenza dello Stato, per assicurare la vigilanza e l’utilizzo dei militari 24 ore al giorno, per presidiare gli obiettivi più a rischio attentato, garantire la legalità, la sicurezza, la serenità dei magistrati, di quanti sono minacciati dalla ’ndrangheta, per tranquillizzare la stessa popolazione, in attesa che venga fatta piena luce sui gravi fatti intimidatori».


il Domani

|

AsteInfoappalti

6

Venerdì 27 Agosto 2010

TRIBUNALE DI CATANZARO Procedura esecutiva n. 6/08 R.G. Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Giovanna Gioia, a scioglimento della riserva di cui all’udienza del 6.5.2010, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito indicato: Lotto unico: appartamento sito in Catanzaro di Lido, via Niccoloso da Recco n. 6, in catasto al fg 101, particella 99 sub. 31 al prezzo base di euro 147.000,00; fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 26.10.2010, ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad euro 1.000,00, l’udienza del 27.10.2010, ore 9,30. Dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 6/08” portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in Cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito Internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano “Il Domani”, con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcebibile per difetto di interesse ad agire in executivis. Manda alla Cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rilevare l’identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Si comunichi. Catanzaro, 7.5.2010 IL GIUDICE Dott.ssa Giovanna Gioia °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni lmmobiliari I L GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr.ssa Giovanna Gioia nella procedura esecutiva n. 4/98 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti BENI SITI IN CATANZARO, LOCALITÀ MUSOFALO: Lotto n. 1: Terreni (F.22,P.lla 27, 28, 29, 30, 31, 32, 33, 34 ,35, 36, 37, 38,39 ,40, 41,42,44,45, 68, 88, 90, 91, 121, 114, 120) Euro 236.575,00 Lotto n. 2: Terreni con sovrastante fabbricato rurale (F.22, P.lla 46, 47, 49, 51, 52, 53, 55, 59, 142, 148) Euro 393.134,00 Lotto n. 3: Terreno industriale con cabina Enel (F.22, P.lla 105 - 106 - 187 - 188) Euro 359.865,70 Lotto n: 4: Terreno con capannone (F.22, P.lla 152, Sub 1 -2) Euro 135.976,50 Lotto n. 5: Terreno con capannone (F.22, P.lla 150) Euro 158.456,25 Lotto n. 6: Terreno con capannone (F.22, P.lla 99) Euro 48.168,00 Lotto n. 7: Terreno agricolo sito in Catanzaro, località Musofalo, sup.mq. 140, n catasto foglio 22 p.lla 93 Cl.3 - Euro 614,25 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 27 ottobre 2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non Trasferibile” in testato a “Tribunale di Catanzaro proc. n. 4/98 RGE.” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile.

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

ln caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 300,00 PER IL LOTTO N.7 ED EURO 1.000,00) PER TUTTI GLI ALTRI L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - ll Domani Catanzaro, 31 marzo 2010 °°°°°°°°°° Procedura esecutiva n. 116/05 R.G.Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giovanna Gioia, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 06.05.2010; Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico Appartamento sito in Girifalco (CZ) via Pirandello n. 28, in catasto al fg 10 particella 640, sub 2 al prezzo base di Euro 65.450,00 fissa per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 26.10.2010 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 1.000,00, l’udienza del 27.10.2010 ore 9,30; dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro - Procedura n.116/05” portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet “www.aste.eugenius.it” e diffusione sul quotidiano “Il Domani”, con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executvis. Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nelle suddette forme di pubblicità siano omessi l’indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rivelare l’identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Si comunichi. Catanzaro, 07.05.2010 Il Giudice

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART. 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO CHE Che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 111/92 R.G.E. con ordinanza emessa all’udienza del 26.05.2010, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 20.10.2010 lotto uno - “complesso immobiliare a tre paini fuori terra, oltre interrato e piccolo vano ricavato nel sottotetto, corredato da una corte esclusiva completamente recintata, sulla quale è ubicato un manufatto in muratura destinato a locali di sgombero ed autorimesse. Lo stabile è corredato da un terreno caratterizzato dalla presenza di sporadiche piante da frutto e qualche olivo. L’intero compendio è riportato nel NCEU del comune di Lamezia Terme al foglio 85, p.lla 2038, sub 1 (corte e portico), sub 2, piano S1 - T, cat. A/2, classe U, vani 4,5, 146,00 mq., sub 3, piano T1, 2-3, cat. A/2, classe U, 14 vani, mq. 344,

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

nonché nel NCT al foglio 85, p.lla 2037, qualità vigneto, classe 1^, mq. 1620”. Prezzo base d’asta euro 121.600,00; lotto due - “appezzamenti di terreno siti in Amato, località Umbri e Stanizzi, riportati nel NCT di detto comune al foglio 18, p.lle 141, mq. 3040, 226, mq. 2200, 278, mq. 1540, 288, mq. 410, 269, mq. 1000, 282, 310 mq., 274, mq. 1180, 219, mq. 150, 109, mq. 1180, 229, mq. 1520, 270, mq. 660, 283, mq. 340, 287, mq. 310, 271, mq. 490, 273, mq. 440, 275, mq. 1550, 289, mq. 600, 292, mq. 220”. Prezzo base d’asta euro 2.240,00; SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: VENDITA CON INCANTO: - essa deve aver luogo al prezzo base di euro 121.600,00 per il lotto n. 1 ed euro 2.240,00 per il lotto n. 2; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; - ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; - le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; - a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte si fanno a norma dell’art. 571 e, prima di procedere alla gara di cui all’art. 573, il Cancelliere da pubblico avviso dell’offerta più alta a norma dell’art. 570 c.p.c.; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; - è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 19.10.2010, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - è fissata, per il giorno 20.10.2010, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 luglio 2010 Il CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 114/1996, con ordinanza emessa all’udienza del 23.06.2010, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 27.10.2010; lotto 1 - “terreno di mq 27 sito in Lamezia Terme, alla via Indipendenza, censito nel catasto terreni alla partita 9234, fg. n. 20, p.lla 331”, prezzo base d’asta euro 393,75; lotto 2 - “quota pari a 1/5 della proprietà di un terreno agricolo esteso per 2590 mq., riportato nel relativo catasto alla partita 19257, fg. n. 45, p.lla 164, qualità vigneto, e p.lla 258, qualità uliveto”, prezzo base d’asta euro 1.165,50; lotto 3 - “appartamento rustico di circa 104 mq., sito in Lamezia Terme, località Scinà, n. 176,

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

7

Venerdì 27 Agosto 2010 censito nel catasto urbano alla partita 1008226, fg. n. 34, p.lla 441, sub 12, in corso di costruzione”, prezzo base d’asta euro 8.690,62 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO - essa deve aver luogo al prezzo base di euro 393,75 per il lotto n. 1, di euro 1.165,50 per il lotto n. 2 e di euro 8.690,62 per il lotto n. 3; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; - ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; - le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; - a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le pre-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

visioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; - è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 26 ottobre 2010, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - è fissata, per il giorno 27 ottobre 2010, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 luglio 2010 IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART. 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO CHE Che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 90/1991 R.G.E. con ordinanza emessa all’udienza del 23.06.2010, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 27.10.2010; PRIMO LOTTO: locale commerciale posto al

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

piano terra del fabbricato per civile abitazione sopra descritto, munito di servizio igienico e dotato di un piccolo ufficio di mq. 22 lordi, collocato in un soppalco debitamente isolato ricavato dal vano scala, oltrechè di tre accessi carrabili ed di un accesso solo pedonale dal vano scala, con uso dell’area circostante di pertinenza del fabbricato in comune con i restanti lotti. Le spese di sanatoria, contributi ed oneri di urbanizzazione ammontano presumibilmente a £. 32.733.132; Prezzo base d’asta euro 31.544,60 QUARTO LOTTO: appartamento per civile abitazione in corso di costruzione al piano secondo del fabbricato sopra descritto; presenta una superficie lorda di mq. 303,00 oltre mq. 57,20 di balconi, con la sola tamponatura esterna, con ingresso dalla scala comune e con uso dell’area circostante di pertinenza del fabbricato in comune con i restanti lotti. Le spese di sanatoria, contributi ed oneri di urbanizzazione ammontano presumibilmente a £. 32.486.500; Prezzo base d’asta euro 11.101,64 QUINTO LOTTO: appartamento per civile abitazione in corso di costruzione al piano terzo del fabbricato sopra descritto; presenta una superficie lorda di mq. 303,00 oltre mq. 57,20 di balconi, con la sola tamponatura esterna, con ingresso dalla scala comune e con uso dell’area circostante di pertinenza del fabbricato in comune con i restanti lotti. Le spese di sanatoria, contributi ed oneri di urbanizzazione ammontano presumibilmente a £. 32.486.500; Prezzo base d’asta euro 10.560,10 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: VENDITA CON INCANTO: - essa deve aver luogo al prezzo base di euro 31.544,60 per il lotto primo, di euro 11.101,64 per il lotto quarto e di euro 10.560,10 per il lotto quinto; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; - ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; - le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; - a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte si fanno a norma dell’art. 571 e, prima di procedere alla gara di cui all’art. 573, il Cancelliere da pubblico avviso dell’offerta più alta a norma dell’art. 570 c.p.c.; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; - è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 26.10.2010, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - è fissata, per il giorno 27.10.2010, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 luglio 2010 Il CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

8

Venerdì 27 Agosto 2010 °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 105/2008 (cui è riunita la procedura esecutiva immobiliare n. 108/2008 RE), con ordinanza emessa all’udienza del 19.05.2010, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 20.10.2010; Lotto uno - “appartamento per civile abitazione di tipo economico sito in Lamezia Terme, località Papazzo, via R. il Guiscardo, n. 276, piano terra, composto da una zona adibita a cantina-deposito con ingresso garage, cucina abitabile, bagno e due stanze da letto, per una superficie commerciale di mq. 95. L’immobile è riportato nel NCEU di detto comune al foglio 38, p.lla 815, sub 1, cat. A/3, classe 2, vani 4”; Prezzo base euro. 79.400,00 Lotto due - “appartamento per civile abitazione di tipo economico sito in Lamezia Terme, località Papazzo, via R. il Guiscardo, n. 276, primo piano, composto da una zona adibita a soggiorno-pranzo, ampia cucina abitabile con annessa sala da pranzo, bagno e due stanze da letto (singola e matrimoniale), per una superficie commerciale di mq. 118. L’immobile è riportato nel NCEU di detto comune al foglio 38, p.lla 815, sub 2, cat. A/3, classe 2, vani 5”; Prezzo base euro. 103.300,00; Lotto tre - “appezzamento di terreno agricolo sito in Feroleto Antico, località Serraraga, avente una superficie di mq. 2290, riportato nel NCT al foglio 23, p.lle 427, 430, 433, 435”; Prezzo base euro. 13.740,00; Lotto quattro - “appezzamento di terreno agricolo sito in Feroleto Antico, località Cropia, avente una superficie di mq. 3671, riportato nel NCT di detto comune al foglio 15, p.lle 284, 295, 817, 323, 341, 342, 354, 355, 356, 839, 841, 650. Sulla p.lla 817 insistono un fabbricato rurale non accatastato a due piani fuori terra, una cucina rustica, un ricovero attrezzi e un ricovero animali”; Prezzo base euro. 91.200,00 Lotto cinque - “appezzamento di terreno agricolo sito in Feroleto Antico, località Coronella, avente una superficie di mq. 860, riportato nel NCT al foglio 24, p.lle. 200 e 202”; Prezzo base euro. 6.020,00 Lotto sei - “appezzamento di terreno sito in Lamezia Terme, località Pane, avente una superficie di mq. 730, riportato nel NCT di detto comune al foglio 50, p.lla 606”; Prezzo base euro. 5.110,00 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo base di euro 79.400,00 per il lotto n. 1, di euro 103.300,00 per il lotto n. 2, di euro 13.740,00 per il lotto n. 3, di euro 91.200,00 per il lotto n. 4, di euro 6.020,00 per il lotto n. 5 e di euro 5.110,00 per il lotto n. 6; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; - ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

aver preso visione della perizia di stima; - l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; - le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; - a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; - è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 19 ottobre 2010, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - è fissata, per il giorno 20 ottobre 2010, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o man-

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

canza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 luglio 2010 IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 54/93 promossa da CARICAL, ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO: Unità immobiliari per civile abitazione costituita da un fabbricato a due piani fuori terra, piano nterrato e piano sottotetto inserito nel complesso immobiliare in località Randazzo del Comune di Siderno alla via Amendola riportato nel NCEU alla partita 4992, foglio di mappa 30, particella 1410 sub 25, Cat. A/7 classe 1^ vani 9, in ditta … proprietaria, … proprietario. PREZZO BASE DEL LOTTO Euro 162.684,00 DEPOSITO PER CAUZIONE Euro 16.268,40 DEPOSITO PER SPESE Euro 24.402,00 L’incanto avverrà, CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/5 all’udienza del 22.10.2010, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 6.000,00. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 22.10.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 13 luglio 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 59/87 promossa da CARICAL ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 28.10.2008 LOTTO 1: In Marina di Gioiosa Jonica, piena pro-

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

prietà di n. 6 locali con destinazione deposito-magazzino, in catasto al foglio 17, part. 171, sub 1, Cat. C/2 Cl. 1 rendita Euro 393,33 via Piero Gobetti, piano PT PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 107.500,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15 % del prezzo LOTTO 2: In Marina di Gioiosa Jonica, piena proprietà di n. 1 locale con destinazione commerciale, in catasto al foglio 17, part. 171, sub 2, Cat. C/1 Cl. 3, consistenza 69 mq., rendita Euro 393,33 via Piero Gobetti, piano PT PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 73.000,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15 % del prezzo LOTTO 3: In Marina di Gioiosa Jonica, piena proprietà di n. 1 locale con destinazione commerciale, in catasto al foglio 17, part. 171, sub 3, Cat. C/1 Cl. 4 consistenza 32 mq., rendita Euro 520,59 via Piero Gobetti, piano PT PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 36.000,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15 % del prezzo LOTTO 4: In Marina di Gioiosa Jonica, piena proprietà di n. 1 locale con destinazione commerciale, in catasto al foglio 17, part. 171, sub 4, Cat. C/1 Cl. 4 consistenza 29 mq., rendita Euro 471,78 via Piero Gobetti, piano PT PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 37.000,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15 % del prezzo LOTTO 5: VENDUTO LOTTO 6: In Marina di Gioiosa Jonica, piena proprietà di appartamento al piano 2° costituito da ingresso, n. 2 disimpegni, cucina, tinello, n. 2 bagni, salone-pranzo, n. 2 camere, ripostiglio ed un piccolo locale (4,25 mq) attualmente adibito a studio e n. 2 balconi in catasto al foglio 17, part. 171, sub 6, Cat. A/3 Cl. 2 consistenza 7,5 vani, rendita Euro 364,10 via Piero Gobetti, piano T-2 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 93.000,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15 % del prezzo LOTTO 7: VENDUTO LOTTO 8: VENDUTO PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 107.800,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15 % del prezzo LOTTO 9: In Marina di Gioiosa Jonica, piena proprietà di 1 lastrico solare, in catasto al foglio 17, particella 780, sub “!, scala C, via Lepanto, piano 4° PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 7.140,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15 % del prezzo L’incanto avverrà, con il prezzo sopra indicato, all’udienza del 22.10.2010, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino alle ore 12,00 del giorno anteriore alla vcendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. STEFANIA PERRONE FILARDI (Tel. 0964.20141) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunalee/o presso il custode giudiziario. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 22.10.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 5 luglio 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 cpc) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 36/1998 promossa da BANCO DI SILILIA, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: “Diritto di usufrutto su di un immobile adibito a civile abitazione sito in Roccella Jonica, c.da Lacchi 28/A, vani 7,5” PREZZO BASE: Euro 31.600,00 - CAUZIONE:

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it

9

www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

Venerdì 27 Agosto 2010 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l’ordinanza di vendita del 25.7.2008 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 22.10.2010 alle seguenti condizioni, DA RIDURRE DI 1/4 + 1/4: - entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto;; - l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; - l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari “NON TRASFERIBILI” intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; - le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); - l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per quanto non indicato vedere l’ordinanza di vendita del 23.03.07 (punti da 1 a 29) riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 26.11.2010, alle seguenti condizioni, DA RIDURRE DI 1/4 + 1/4: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 680 cpc; - l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it - Custode Giudiziario: Avv. Stefania PERRONE FILARDI (tel. 0964.20141) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 13 luglio 2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI Sezione Civile - Esecuzioni R.E. Imm.: 36/1998 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, … OMISSIS … , ORDINA ai debitori di fornire al nuovo custode il rendiconto dell’attività svolta fino ad oggi, nonché ogni documento necessario al fine di adempiere compiutamente l’incarico affidatogli; - DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI SU DESCRITTI; - STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

1)

2)

3)

4)

5)

6)

7)

8)

9)

10)

11) 12)

13)

dell’incanto, alle seguenti condizioni: L’immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma); entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ve ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazioe di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria del Tribunale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; l’udienza di vendita è fissata per il giorno 27.03.2009, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l’offerentedovrà, nel termine perentorio di 60 gg. dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione. in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

14)

15)

16)

17)

18)

19)

20)

21)

22)

23)

dovrà versare nel medesiòo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione) e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate alla Cancelleria dalla Cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri oppure presso il custode giudiziario, Avv. L. SORRENTI; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Roccella Jonica (invitanto all’uopo il creditore ad allegare copia di. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo a qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 07.05.2009 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato depo-

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

sito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (ammissione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 25 luglio 2008 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO

TRIBUNALE CIVILE DI PALMI Avviso d’Asta Procedimento di esecuzione immobiliare n.ro 80/85 promosso da SIB SPA. Il sottoscritto notaio Maria Tripodi, con studio in Polistena alla via Cavour n.ro 5, delegato dal Giudice dell’Esecuzione Immobiliare con provvedimento del 26 novembre 2007; Avvisa in data 15 novembre 2010 alle ore dieci e minuti trenta, (10.30), presso i locali dell’intestato Tribunale (aula delle pubbliche udienze denominata Aula Corte di Assise) si procederà alla vendita senza incanto; in data 22 novembre 2010 alle ore dieci e minuti trenta, (10.30), presso i locali dell’intestato Tribunale (aula delle pubbliche udienze denominata Aula Corte di Assise) si procederà alla vendita al pubblico incanto, per il caso di esito negativo della vendita senza incanto; degli immobili di seguito descritti: LOTTO 1 Descrizione: in Taurianova, alla via Francesco Sofia Alessio, opificio realizzato in struttura edilizia di mq. 420 (quattrocentoventi) e terreno su cui è edificato, della superficie di circa mq. 2.450 (duemilaquattrocentocinquanta). Il terreno ricade in zona urbanizzata. La destinazione urbanistica risulta “B5” o “strada” o “F2”. Il fabbricato è stato costruito in parte anteriormente al 1967, in parte successivamente a tale data per cui risulta Concessione Edilizia rilasciata il 24 marzo 1977 n.ro 1909. Diritti dell’esecutato: intero; Prezzo base vendita senza incanto: Euro 73.207,80; in aumento: il 2% del prezzo base in caso di gara; Prezzo base vendita con incanto: Euro 73.207,80; in aumento: il 2% del prezzo base. LOTTO 2 Descrizione: in Taurianova, alla via Francesco Sofia Alessio, fabbricato per civile abitazione composto da piano terra e 1° piano, per una superficie convenzionale di circa mq. 230 (duecentotrenta), nonchè di circa mq. 430 (quattrocentotrenta) di pertinenze esterne, del fabbricato insistente sulla particella di mq. 610 (seicentodieci). L’immobile fa parte di un fabbricato costruito giusta Concessioni Edilizie rilasciate in data 6 giugno 1977 n.ro 4107 ed in data 13 dicembre 1979 n.ro 86. Diritti dell’esecutato: intero; Prezzo base vendita senza incanto: Euro 83.665,80; in aumento: il 2% del prezzo base in caso di gara; Prezzo base vendita con incanto: Euro 83.665,80;

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

10

Venerdì 27 Agosto 2010 in aumento: il 2% del prezzo base. LOTTO 3 Descrizione: in Taurianova, alla via Francesco Sofia Alessio, fabbricato per civile abitazione composto da appartamento mansardato, privo di finiture interne, al secondo piano del fabbricato ivi. L’immobile fa parte di un fabbricato costruito giusta Concessioni Edilizie rilasciate in data 6 giugno 1977 n.ro 4107 ed in data 13 dicembre 1979 n.ro 86. Diritti dell’esecutato: intero; Prezzo base vendita senza incanto: Euro 22.050,00; in aumento: il 2% del prezzo base in caso di gara; Prezzo base vendita con incanto: Euro 22.050,00; in aumento: il 2% del prezzo base. LOTTO 4 Descrizione: in Taurianova, alla via Francesco Sofia Alessio, terreno edificatorio, della superficie di mq. 2856 (duemilaottocentocinquantasei), con annesso fabbricato in corso di costruzione, ad un piano fuori terra della superficie di mq. 186,67 (centottantasei virgola sessantasette). Il terreno ricade in zona urbanizzata. La destinazione urbanistica risulta “B5” o “strada” o “F2”. Il fabbricato è stato costruito giusta concessione edilizia prot. n.ro 4252, del 20 luglio 2000. Diritti dell’esecutato: intero; Prezzo base vendita senza incanto: Euro 69.750,00; in aumento: il 2% del prezzo base in caso di gara; Prezzo base vendita con incanto: Euro 69.750,00; in aumento: il 2% del prezzo base. LOTTO 5 Descrizione: in Cittanova, alla località “Zomaro”, terreno edificatorio, di mq. 390 (trecentonovanta). Il terreno ricade in zona residenziale, turisticamontana. Diritti dell’esecutato: quota di 1/2 (un mezzo); Prezzo base vendita senza incanto: Euro 4.756,50; in aumento: il 2% del prezzo base in caso di gara; Prezzo base vendita con incanto: Euro 4.756,50; in aumento: il 2% del prezzo base. La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui il bene si trova (anche in relazione al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n.ro 380), con tutte le eventuali pertinenze accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive. La vendita avviene a corpo e non a misura di conseguenza eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, nè potrà essere revocata per alcun motivo; conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. Gli oneri fiscali derivanti dalla vendita saranno a carico dell’aggiudicatario. Il relativo pagamento dovrà essere effettuato entro lo stesso termine fissato per il saldo prezzo. L’immobile verrà venduto libero da iscrizioni ipotecarie e trascrizioni di pignoramenti e sequestri

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

che saranno cancellati a cura e spese della procedura. Gli oneri tributari e le spese dell’attività del professionista che il D.M. 23 maggio 1999 n.ro 313 pone a carico dell’aggiudicatario saranno comunicate tempestivamente e dovranno essere versate dallo stesso aggiudicatario nel termine previsto per il saldo prezzo. L’elaborato peritale sarà disponibile per la consultazione, unitamente alla ordinanza di delega ed all’avviso di vendita, sul sito internet www.aste.eugenius.it. AVVISO VENDITA SENZA INCANTO Modalità dell’offerta: 1) Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa presso lo studio del notaio Maria Tripodi in Polistena, alla via Cavour n.ro 5, tel. 0966/940987 949720, entro le ore 12,00 (dodici) del giorno precedente la data fissata per il loro esame e per la vendita (venerdì). Sulla busta dovrà essere indicato ESCLUSIVAMENTE il nome di chi deposita materialmente l’offerta (che può anche essere persona diversa dell’offerente), il nome del professionista delegato e la data della vendita. Nessuna altra indicazione, nè nome delle parti, nè numero della procedura, nè il bene per cui è stata fatta l’offerta, nè l’ora della vendita o altro, deve essere apposta sulla busta; 2) l’offerta dovrà contenere: a. il cognome, il nome, il luogo, la data di nascita, il codice fiscale, il domicilio, lo stato civile, ed il recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l’immobile (non sarà possibile intestare l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta). Se l’offerente è coniugato in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Se l’offerente è minorenne, l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del giudice tutelare; b. i dati identificativi del bene per il quale l’offerta è proposta; c. l’indicazione del prezzo offerto che non potrà essere inferiore, a pena di esclusione, al prezzo minimo indicato nell’avviso di vendita, a pena di inefficacia; d. il termine di pagamento del prezzo e degli oneri tributari che non potrà comunque essere superiore a 60 (sessanta) giorni dalla data di aggiudicazione; e. l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; 3) qualora siano posti in vendita nella medesima procedura ed alla stessa data più beni simili( ad esempio: box, posti auto, cantine), si potrà fare unica offerta valida per più lotti dichiarando però di volerne acquistare uno solo. In tal caso l’aggiudicazione di uno dei lotti non rende obbligatorio l’acquisto degli altri. Qualora i lotti omogenei abbiano prezzi differenti, l’offerta non potrà essere inferiore al prezzo più alto; 4) all’offerta dovrà essere allegata una fotocopia del documento d’identità dell’offerente, nonchè un assegno circolare non trasferibile intestato a “Notaio Maria Tripodi - Proc. Esecutiva n.ro… ”, per un importo pari al 10% (dieci per cento) del prezzo offerto, a titolo di cauzione, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto. Ove l’offerta riguardi più lotti ai sensi del numero precedente, potrà versarsi una sola cauzione, determinata con riferimento al lotto di maggior prezzo; 5) salvo quanto previsto dall’art. 571 c.p.c., l’offerta presentata nella vendita senza incanto è irrevocabile. Si potrà procedere all’aggiudicazione al maggior offerente anche qualora questi non compaia il giorno fissato per la vendita; 6) salvo quanto disposto nelle disposizioni gene-

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

rali in tema di vendita senza incanto successivo punto n.ro 7, l’importo del prezzo di aggiudicazione (dedotta la cauzione prestata) e degli oneri fiscali nella misura del 20% (venti per cento) del prezzo base, dovranno essere versati, entro il termine indicato nell’offerta, mediante deposito presso lo studio del professionista delegato di corrispondenti n.ro due assegni circolari non trasferibili intestati a “Notaio Maria Tripodi - Proc. Esecutiva n.ro …”; 7) per il caso che l’immobile sia gravato da ipoteca iscritta a garanzia di mutuo concesso ai sensi del T.U. 16 luglio 1905, n.ro 646, richiamato dal D.P.R. 21 gennaio 1976 n.ro 7 ovvero ai sensi dell’art. 38 D.to L.vo n.ro 385/1993, l’aggiudicatario dovrà versare direttamente all’Istituto mutuante, ai sensi dell’art. 41 d.to l.vo, nel termine indicato nell’offerta, la parte del prezzo corrispondente al credito dell’Istituto per capitale, interessi, accessori e spese di procedura, nonchè depositare l’eventuale residuo con le modalità già indicate; entro i dieci giorni successivi al pagamento, l’aggiudicatario dovrà depositare presso lo studio del notaio delegato l’originale della quietanza rilasciata dall’Istituto di Credito; 8) in caso di mancato versamento del saldo prezzo entro il termine indicato nell’offerta, l’aggiudicazione sarà revocata e sarà disposto l’incameramento della cauzione; 9) le buste saranno aperte, alla presenza degli offerenti, all’udienza ed all’ora indicate nell’avviso di vendita; qualora per l’acquisto del medesimo bene siano state proposte più offerte valide, si procederà a gara sulla base della offerta più alta, secondo le modalità indicate nelle disposizioni generali in tema di vendita senza incanto, già depositate presso lo studio del notaio Maria Tripodi; 10) in caso di aggiudicazione a seguito di gara tra gli offerenti ex. art. 173 c.p.c., il termine per il deposito del saldo del prezzo e delle spese sarà comunque quello indicato nell’offerta dell’aggiudicatario; 11) nella vendita senza incanto non verranno prese in considerazione offerte pervenute dopo la conclusione della gara, neppure se il prezzo offerto fosse superiore di oltre un quinto a quello di aggiudicazione. 12) qualora l’aggiudicatario, per il pagamento del saldo prezzo intenda fare ricorso ad un contratto bancario di finanziamento con concessione di ipoteca di primo grado sull’immobile acquistato, egli dovrà indicare nella propria domanda di partecipazione l’istituto di credito mutuante, osservando le modalità indicate nelle disposizioni generali in tema di vendita senza incanto, già depositate presso lo studio del notaio delegato. AVVISO VENDITA CON INCANTO Modalità dell’offerta: 1) ogni offerente, per poter essere ammesso all’incanto, dovrà depositare presso lo studio del notaio Maria Tripodi, in Polistena, alla via Cavour n.ro 5, tel. 0966/940987 949720, entro le ore 12,00 del giorno precedente a quello fissato per l’incanto (venerdì), la domanda di partecipazione corredata di un assegno circolare non trasferibile intestato a “Notaio Maria Tripodi - Proc. Esecutiva n.ro..........”, di importo pari al 10% del prezzo base d’asta a titolo di cauzione; 2) la domanda di partecipazione dovrà contenere: a. il cognome, il nome, il luogo, la data di nascita, il codice fiscale, il domicilio, lo stato civile, ed il recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l’immobile. Se l’offerente è coniugato in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Se l’offerente è minorenne, l’offer-

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

ta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del giudice tutelare; b. i dati identificativi del bene per il quale l’offerta è proposta; c. l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; 3) salvo quanto disposto nel successivo punto, l’importo del prezzo di aggiudicazione (dedotta la cauzione prestata) e delle spese (da calcolarsi queste in via preventiva sul prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% dello stesso quale ammontare approssimativo delle spese di trasferimento, salvo conguaglio), dovranno essere versati, entro il termine di sessanta giorni dall’aggiudicazione (settanta giorni dall’incanto), mediante deposito presso lo studio di n.ro due assegni circolari non trasferibili intestati a “Notaio Maria Tripodi - Proc. Esecutiva n.ro …” 4) per il caso che l’immobile sia gravato da ipoteca iscritta a garanzia di mutuo concesso ai sensi del T.U. 16 luglio 1905, n.ro 646, richiamato dal D.P.R. 21 gennaio 1976 n.ro 7 ovvero ai sensi dell’art. 38 D.to L.vo n.ro 385/1993, l’aggiudicatario dovrà versare direttamente all’Istituto mutuante, ai sensi dell’art. 41 d.to l.vo, nel termine indicato nell’offerta, la parte del prezzo corrispondente al credito dell’Istituto per capitale, interessi, accessori e spese di procedura, nonchè depositare l’eventuale residuo con le modalità già indicate; entro i dieci giorni successivi al pagamento, l’aggiudicatario dovrà depositare presso lo studio del notaio delegato l’originale della quietanza rilasciata dall’Istituto di Credito; 5) in caso di mancato versamento del saldo prezzo entro il termine, l’aggiudicazione sarà revocata e sarà disposto l’incameramento della cauzione; 6) se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cau zione è restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo. In tale caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione. DISPOSIZIONI COMUNI ALLA VENDITA SENZA INCANTO ED ALLA VENDITA CON INCANTO Al momento dell’offerta l’offerente deve dichiarare la residenza o eleggere il domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale, in mancanza, le comunicazioni verranno fatte presso la cancelleria (articolo 576 cod. proc. civ.). L’esame delle offerte sarà compiuto nel Tribunale di Palmi, via Roma, aula denominata Corte di Assise nel giorno e nell’ora sopra indicati. Dopo la gara, gli assegni circolari, unitamente alle offerte, saranno restituiti a coloro che non siano aggiudicatari. Tutte le attività, che, a norma degli articoli 571 e seguenti cod. proc. civ., devono essere compiute in cancelleria o davanti al Giudice dell’Esecuzione, o a cura del cancelliere o del Giudice dell’Esecuzione, sono eseguite dal professionista delegato presso il suo studio in Polistena alla via Cavour n.ro 5 tel. 0966/940987 949720. Ulteriori informazioni potranno essere acquisite presso lo studio del notaio Maria Tripodi, in Polistena, alla via Cavour n.ro 5, tel. 0966/940987 949720. Polistena, 28 luglio 2010 Maria Tripodi notaio in Polistena

Info 0961 996802


il Domani Venerdì 27 Agosto 2010 11

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

CAMBI

CHIUSURA

VAR. %

20.273,50 19.735,47 22.256,50 21.423,22 21.806,56 10.451,32

1,33 1,39 1,05 1,27 0,30 0,79

Euro

METALLI

US $

UK £

¥en

1 Euro

1.0

1.2732

1 US $

0.78550

1.0

0.64360 84.420

1 UK £

1.2198

1.5535

1.0 131.20

1 ¥en

0.81940

107.55

0.0093023 0.011840 0.0076213

1.0

USD/on

EURO/gr

1237,50

34,50

19,11

0,526

PLATINO

1521,00

42,15

PALLADIO

490,50

13,67

ORO ARGENTO

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

A.S. Roma 0,9065 +1,74 17.30.34 0,89 A2A 1,074 -0,09 17.30.11 1,066 Acea 8,62 +0,82 17.30.45 8,505 Acegas-Aps 4,18 +3,34 17.30.38 3,90 Acotel Group 48,79 -1,83 17.30.25 48,79 Acque Potabili 1,63 +0,37 17.30.25 1,60 Acsm-Agam 1,08 -0,92 17.30.30 1,059 Actelios 2,615 -2,42 17.30.22 2,60 Aedes 0,2098 -0,09 17.30.33 0,2062 Aeffe 0,33 +0,76 17.30.52 0,3205 Aegon 4,1775 +2,26 10.10.51 4,1475 Aeroporto Firenze 1,98 -0,60 17.30.24 1,97 Ageas Ahold Kon Aicon 0,2349 +2,09 16.38.33 0,2307 Alcatel-Lucent 2,0175 +1,28 14.30.59 2,00 Alerion 0,564 +0,18 17.30.58 0,556 Allianz 80,53 +0,11 17.21.33 80,51 Amplifon 3,41 -0,29 17.30.44 3,385 Ansaldo Sts 9,15 +0,77 17.30.49 9,02 Antichi Pellettieri 0,52 -0,48 17.30.17 0,505 Apulia Prontop 0,4165 +2,08 17.30.31 0,4035 Arena 0,027 +1,12 17.30.25 0,0268 Arkimedica 0,485 +18,29 17.35.43 0,4235 Arkimedica 2012 Cv5% 98,70 -0,30 17.18.58 98,70 Ascopiave 1,544 +0,26 17.30.47 1,531 Astaldi 4,745 +2,76 17.30.30 4,65 14,72 +1,94 17.30.18 14,49 Atlantia Autogrill Spa 9,045 +0,78 17.30.20 8,995 Autostrada To-Mi 9,59 +1,54 17.30.24 9,425 Autostrade Merid 21,19 -0,33 15.21.06 21,03 12,41 +2,14 17.08.27 12,36 Axa Azimut 6,79 +2,49 17.30.40 6,64 90,67 -0,15 11.33.51 90,67 B Interm-15 Cv 1,5% 3,20 +0,00 17.30.33 3,1075 B&C Speakers Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 106,00 +0,13 16.59.50 105,86 Banca Generali 8,69 +2,96 17.30.52 8,47 5,165 +1,28 17.30.33 5,10 Banca Ifis Banca Intermobiliare 4,17 +0,06 17.13.50 4,17 Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 107,30 +0,31 15.57.09 Banco Popolare 4,405 +1,21 17.30.34 4,355 Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 105,69 +0,18 17.16.37 105,52 Banco Santander 9,08 +2,60 17.30.24 8,925 42,15 +2,68 17.08.12 41,75 Basf Basicnet 2,6125 +3,16 17.30.59 2,52 1,618 -0,12 17.30.22 1,611 Bastogi Spa Bayer 46,83 -0,99 12.49.50 46,83 Bb Biotech 42,24 -0,02 12.05.52 41,84 Bca Carige 1,647 +1,48 17.30.16 1,621 Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% 109,36 +0,05 11.39.58 109,36 Bca Finnat 0,54 +0,94 17.30.02 0,535 Bca Mps 0,91 +2,94 17.30.43 0,891 Bca Pop Di Spoleto 3,84 -0,13 17.30.00 3,8375 Bca Pop Emil Romagna 8,70 +1,70 17.30.32 8,63 3,47 +2,66 17.30.56 3,33 Bca Pop Etrur-Lazio Bca Pop Milano 3,5775 +1,85 17.30.21 3,525 Bca Pop Sondrio 6,50 +0,93 17.30.48 6,46 Bca Profilo 0,482 +0,21 17.30.07 0,4775 Bco Desio Bria Rnc 3,70 +0,00 14.29.50 3,70 Bco Desio Brianza 3,74 +1,36 17.30.03 3,67 9,645 +1,00 17.30.33 9,41 Bco Sardegna Risp Bee Team 0,3565 +3,04 17.30.30 0,3405 Beghelli 0,66 +2,72 17.30.08 0,645 Benetton Group 5,28 -0,38 17.30.50 5,27 Beni Sta 2011 Cv2,5% 99,85 -0,11 14.54.34 99,84 0,603 +0,17 17.30.22 0,594 Beni Stabili 1,22 +0,41 16.44.25 1,215 Best Union Company Bialetti Industrie 0,3975 +0,38 15.56.19 0,3975 Biancamano 1,408 +0,64 17.30.53 1,403 Biesse 5,46 +0,18 17.30.14 5,325 Bioera Sospensione 41,59 +0,70 17.08.30 41,59 Bmw 49,25 +0,10 17.30.34 48,84 Bnp Paribas Boero Bartolomeo Bolzoni 1,833 +0,71 17.30.09 1,73 28,85 +1,66 17.30.41 28,28 Bonifiche Ferraresi Borgosesia 1,094 +0,00 17.30.07 1,064 Borgosesia R Bper 12 Cv Sub 3,7% 102,42 +0,22 16.19.36 102,20 5,67 +0,00 17.30.33 5,595 Brembo 0,166 +0,61 17.30.28 0,163 Brioschi Bulgari 5,745 -0,17 17.30.54 5,72 Buongiorno 0,825 +0,24 17.30.42 0,8215 7,185 -0,28 17.30.13 7,13 Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc 4,23 +0,77 17.30.54 4,155 4,49 +2,98 16.05.19 4,30 Cad It 2,55 +0,59 17.30.52 2,5075 Cairo Communication Caleffi 1,05 +0,48 17.30.44 1,014 Caltagirone 1,98 +1,02 17.30.40 1,881 Caltagirone Edit 1,849 +1,09 17.30.05 1,789 0,368 -3,03 17.30.32 0,365 Camfin Campari 4,02 +0,19 17.30.03 4,01 0,31 -1,27 14.21.15 0,31 Cape Live Cape Live Cv 5% 2009-2014 90,20 +0,00 15.27.48 90,20

Max

0,91 1,079 8,69 4,20 50,53 1,659 1,11 2,72 0,213 0,33 4,1775

Apertura

1,079 8,595 48,85 2,72

2,025 0,239 2,03 0,568 0,56 81,28 3,47 3,455 9,165 9,125 0,5215 0,4165 0,4165 0,0281 0,0268 0,485 0,428 99,48 1,548 1,548 4,7475 4,67 14,80 14,49 9,145 9,04 9,61 9,46 21,29 21,03 12,60 6,84 6,70 90,81 3,20 106,25 8,70 8,47 5,165 4,1775 106,97 107,30 4,42 4,405 105,85 9,21 42,25 2,62 2,52 1,65 47,12 42,24 1,65 1,637 109,36 0,549 0,9155 0,8995 4,0425 8,76 3,47 3,395 3,5875 3,5475 6,545 6,525 0,493 0,48 3,7725 3,74 9,645 0,358 0,67 0,645 5,335 5,31 99,87 0,607 0,6025 1,22 0,409 1,45 5,54 41,60 50,17

50,00

1,86 28,85 1,094 102,42 5,70 0,166 5,83 0,874 7,28 4,28 4,49 2,55 1,05 1,98 1,85 0,388 4,0525 0,314 90,20

5,695 5,79 0,834 7,25 2,55 1,92 1,829 0,381 4,035

AZIONI

Carraro Carrefour Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi

Prezzo ultimo contr. Var %

2,36

Ora

Min

-0,42 17.30.18 2,2875

Max

Apertura

2,36

18,90 +1,02 17.30.21 18,73 19,23 18,96 1,874 +1,85 17.30.45 1,78 1,90 0,2925 +2,99 17.30.54 0,28 0,298 0,287 4,85 -0,92 17.30.40 4,85 5,10 2,055 +4,85 17.30.15 1,97 2,06 2,41 +0,84 17.30.31 2,3825 2,41 0,266 -0,56 16.57.05 0,2575 0,2755 0,1588 +13,92 9.10.21 0,145 0,159 0,145 0,299 +0,67 17.30.03 0,292 0,299 0,70 +0,79 17.30.49 0,6895 0,70 1,351 +1,73 17.30.15 1,328 1,358 1,337 0,44 +0,00 17.30.51 0,4265 0,45 1,21 +1,85 16.44.30 1,188 1,21 0,6215 +3,58 17.30.21 0,605 0,6215 0,605 0,453 +4,38 17.24.21 0,434 0,453 100,10 -0,64 16.41.51 100,01 100,10 0,87 +0,12 17.13.47 0,8545 0,87 22,42 +1,86 15.57.00 22,06 22,47 4,39 -0,11 17.30.37 4,35 4,515 4,375 10,14 +3,15 17.23.35 10,14 10,45 10,40 1,479 +5,64 17.30.50 1,421 1,493 1,493 3,585 +1,06 17.30.43 3,5525 3,60 3,56 0,1645 -0,06 15.46.26 0,1601 0,1646 102,42 +0,22 16.33.58 102,20 102,48 0,9835 +4,63 16.42.12 0,945 0,9835 1,085 +1,12 17.30.13 1,077 1,096 1,096 3,85 +0,26 17.30.38 3,81 3,90 3,81 38,30 +2,13 15.13.51 38,30 38,30 0,7405 +0,07 17.30.55 0,74 0,75 13,92 +1,02 17.30.20 13,52 14,39 13,91 7,82 +3,10 17.30.04 7,56 7,82 7,69 42,10 +0,00 12.48.46 42,10 42,10 4,2125 +0,00 10.33.42 4,2125 4,2125 3,655 +1,18 17.30.28 3,5975 3,655 3,61 1,124 +0,45 17.30.10 1,107 1,124 49,96 +0,36 17.30.31 49,86 50,44 10,16 -0,88 17.08.48 10,15 10,25 31,20 -0,48 17.30.13 31,18 31,71 1,339 +2,14 15.05.55 1,31 1,339 3,905 +0,00 9.00.31 3,905 3,905 3,905 13,22 +0,92 17.30.05 13,01 13,54 22,27 +1,69 15.49.03 22,10 22,27 0,8705 +0,06 17.30.13 0,8695 0,882 0,875 1,283 +2,64 16.25.26 1,24 1,283 1,534 +2,68 17.30.15 1,508 1,556 10,95 -0,36 17.30.27 10,74 11,38 1,524 +1,20 17.30.30 1,51 1,567 1,51 4,54 +2,95 17.30.45 4,45 4,54 3,695 +0,34 17.30.05 3,655 3,715 3,70 1,283 +6,47 15.12.43 1,22 1,283 19,05 -0,52 17.30.35 18,96 19,15 19,00 15,61 +1,43 17.30.40 15,41 15,66 15,44 9,56 +0,16 17.30.30 9,525 9,67 9,595 0,802 +2,17 17.30.07 0,7915 0,81 0,81 0,505 -0,98 17.30.10 0,502 0,522 0,5195 6,65 +1,22 17.30.10 6,535 6,78 6,64 2,035 +1,24 17.30.39 2,005 2,065 Sospensione 14,42 +1,91 17.30.11 14,17 14,50 14,17 11,74 +3,25 17.30.19 11,41 11,75 11,45 12,18 +1,16 17.30.21 12,08 12,34 0,9365 +4,93 17.30.56 0,8715 0,985 0,96 11,29 +5,02 17.30.05 10,76 11,55 10,77 9,26 +1,93 17.30.53 9,10 9,335 9,15 5,71 +2,61 17.30.06 5,565 5,71 5,66 6,105 +2,78 17.30.44 5,945 6,11 5,98 3,39 -4,17 17.30.56 3,36 3,53 4,065 +3,63 17.30.28 3,9125 4,065 0,1072 +0,19 14.52.52 0,107 0,11 7,91 +0,96 17.30.10 7,765 7,915 7,87 0,5235 7,465 4,665 15,65 1,12 0,322 5,32 2,695 0,462 14,24 3,7825 4,17 1,481 3,095 6,15 6,13 1,386 Sospensione 0,83

+2,15 +1,91 +1,63 -2,19 -0,36 +0,00 +0,00

17.30.01 0,5125 0,5235 0,5125 17.30.57 7,36 7,48 7,395 17.30.08 4,585 4,6775 17.30.01 15,65 16,07 13.13.07 1,082 1,149 12.39.22 0,322 0,329 17.30.17 5,205 5,32

-0,74 17.30.34 2,6525 2,7375 +2,67 17.30.23 0,4525 0,463

2,715 0,453

+0,57 +1,68 +0,48 +2,07 +3,69 -0,73

17.30.49 17.30.59 17.30.06 17.30.14 16.49.15 16.57.58

14,12 3,73 4,11 1,468 3,06 6,005

14,29 3,81 4,17 1,499 3,15 6,30

14,27 3,75

+0,08 17.30.04 +0,65 17.30.20

6,10 1,382

6,195 1,426

6,195 1,388

+0,48 16.29.29 0,8275

0,83

1,47 3,13

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

I.M.A 13,27 +1,30 17.30.20 13,06 13,40 13,06 Igd 1,141 +2,06 17.30.08 1,09 1,24 1,129 Ikf Il Sole 24 Ore 1,312 +1,94 16.12.51 1,293 1,314 0,78 +0,00 17.30.03 0,757 0,7815 Immsi Impregilo 1,918 +0,42 17.30.32 1,912 1,94 1,926 Impregilo Rp Indesit Company 7,615 -0,07 17.30.13 7,535 7,73 7,68 Indesit Company Rnc 7,17 -0,21 17.24.51 7,17 7,395 Industria E Innovazione 2,08 +0,00 13.11.54 2,08 2,08 Ing Groep 6,885 +1,77 17.08.35 6,835 6,94 Intek 0,4195 -2,67 17.30.22 0,4185 0,435 Intek R Interpump Group 4,295 +0,12 17.30.53 4,17 4,31 4,31 Intesa Sanpaolo 2,3025 +4,07 17.30.23 2,2275 2,3275 2,24 Intesa Sanpaolo Rsp 1,846 +4,89 17.30.14 1,78 1,853 1,79 Invest E Sviluppo 0,0365 +14,78 17.30.27 0,0365 0,0365 Investimenti E Sviluppo Axa 0,0052 -28,77 17.30.37 0,0052 0,0052 Irce 1,36 -0,44 15.18.10 1,359 1,36 Iren 1,184 +0,51 17.30.17 1,17 1,206 1,17 Isagro 3,6325 +0,90 17.30.23 3,48 3,9275 3,6675 It Way 3,0775 -0,08 16.29.52 3,00 3,0775 Italcementi 5,64 -0,18 17.30.22 5,575 5,74 5,695 Italcementi Risp 3,19 +0,00 17.30.53 3,19 3,2425 Italmobiliare 22,33 +0,18 17.30.06 22,25 22,62 15,34 +0,66 17.30.29 15,20 15,57 15,35 Italmobiliare Rnc Iw Bank 1,563 +0,84 16.43.37 1,52 1,563 1,563 0,878 +0,92 17.30.52 0,8695 0,887 0,8845 Juventus Fc K.R.Energy 0,0752 +1,62 17.30.43 0,074 0,0763 0,074 Kerself 4,29 +0,76 17.30.44 4,2625 4,335 4,305 Kinexia 2,03 +1,50 17.30.00 1,98 2,0675 Kme Group 0,2815 -0,35 17.30.41 0,277 0,2825 0,2825 0,5265 +2,93 17.22.16 0,5115 0,5265 Kme Group Rsp Maire Tecnimont 2,6325 +2,53 17.30.03 2,59 2,64 2,60 Management E C 0,1714 +1,48 17.30.12 0,1706 0,1745 Marcolin 2,70 +0,00 17.30.37 2,70 2,86 2,745 Mariella Burani F.G Sospensione 7,185 -0,28 17.30.34 7,15 7,24 7,225 Marr Mediacontech 2,8775 +3,88 15.45.11 2,8775 2,88 Mediaset S.P.A 4,77 +1,17 17.30.22 4,725 4,80 4,75 6,17 +0,57 17.30.47 6,12 6,205 6,165 Mediobanca Mediolanum 2,9225 +0,26 17.30.10 2,9075 2,95 2,95 Mediterranea Acque 3,0075 -0,08 17.30.28 3,0075 3,0075 0,0543 +2,84 17.30.49 0,0526 0,057 0,0528 Meridiana Fly 0,367 -1,61 16.51.49 0,367 0,367 Meridie Methorios Capital 1,316 +0,38 17.11.27 1,305 1,316 Mid Industry Capital 1,347 -0,66 17.30.42 1,337 1,375 1,357 Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port 1,59 -0,62 17.30.51 1,566 1,59 Mittel 3,005 +4,70 17.30.19 2,905 3,0525 0,4215 -3,33 17.30.44 0,417 0,4395 0,4395 Molmed Mondadori Edit 2,195 +0,34 17.30.09 2,185 2,215 2,195 Mondo He 0,1291 +1,73 17.23.00 0,1257 0,1292 Mondo Tv 7,175 +1,06 17.30.36 7,10 7,175 Monrif Montefibre 0,155 -1,77 14.54.03 0,155 0,1564 0,3065 +2,17 17.22.47 0,30 0,3065 Montefibre R Monti Ascensori 1,05 +2,14 17.30.32 1,03 1,067 Munich Re 101,00 -2,41 15.14.22 101,00 101,00 5,03 +0,20 17.30.52 5,02 5,08 Mutuionline Neurosoft 3,05 +1,16 17.30.28 3,03 3,12 3,12 Nice 6,03 -0,17 16.59.01 6,03 6,03 Noemalife Nokia Corporation 6,865 +0,22 17.30.55 6,84 6,93 Nova Re Olidata 0,98 +19,51 17.35.21 0,8935 0,98 0,90 Sospensione Omnia Network Panariagroup 1,756 +2,15 9.00.34 1,756 1,756 1,756 1,899 -0,05 17.30.27 1,892 1,913 1,903 Parmalat 21,51 +0,00 16.06.07 21,51 21,51 Philips Piaggio 2,05 +0,99 17.30.47 2,015 2,08 2,0625 Pierrel 3,2875 -0,08 17.13.34 3,21 3,3875 3,24 2,7025 -7,45 17.30.46 2,7025 3,045 3,00 Pininfarina Spa 1,49 +0,00 16.38.28 1,45 1,49 Piquadro Pirelli E C 5,22 +1,46 17.30.11 5,18 5,245 5,205 Pirelli E C Risp Por 5,105 +0,69 17.30.31 5,08 5,15 0,3465 +2,67 17.30.00 0,337 0,3485 0,3405 Pirelli&C Real E Pms 2,55 +2,00 13.53.00 2,55 2,55 Poligraf. S. F 10,47 +0,00 16.52.02 10,00 10,47 0,524 +0,96 14.58.13 0,515 0,525 0,525 Poligrafici Edit 0,63 +2,69 16.33.06 0,605 0,635 0,631 Poligrafici Printing 0,8005 -1,66 17.30.45 0,80 0,814 Poltrona Frau Ppr Pramac 1,252 +0,81 17.08.20 1,25 1,281 0,8565 -2,17 17.30.54 0,849 0,875 0,8625 Premafin Fin Hp 0,7545 +1,96 13.30.46 0,739 0,7545 Premuda Prima Industrie 6,90 -0,14 16.56.30 6,75 6,91 Prysmian 12,39 +0,49 17.30.18 12,29 12,49 12,43 Ratti 0,1734 +0,00 16.58.18 0,169 0,1734 0,749 -0,13 17.12.21 0,736 0,759 0,736 Rcf Group Rcs Mediagroup 1,112 +0,63 17.30.42 1,092 1,124 Rcs Mediagroup Rsp 0,655 +0,77 16.29.20 0,6445 0,655 Rdb 2,07 +0,12 17.30.12 2,0375 2,08 2,0775 Recordati Ord 6,06 -1,70 17.30.02 6,055 6,23 6,16 32,40 +1,28 14.55.45 32,40 32,40 Renault


12 Venerdì 27 Agosto 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi Sol

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

0,2048 +0,29 17.30.09 0,2048 0,2127 16,00 -0,99 17.30.04 16,00 16,16 0,383 +17,49 17.35.56 0,3255 0,383 0,352 0,045 +0,00 17.30.17 0,0446 0,0458 0,0455 0,3115 -2,20 17.30.51 0,306 0,32 1,38 +0,15 17.30.15 1,35 1,401 52,23 +1,03 13.47.20 52,10 52,45 0,317 +2,09 13.39.41 0,3105 0,317 18,30 +1,67 17.30.04 17,77 18,32 17,77 0,4155 +1,96 15.13.54 0,4005 0,4155 5,58 +1,46 16.21.43 5,50 5,59 5,59 4,52 -1,63 17.16.56 4,52 4,64 8,23 +1,67 17.30.08 8,075 8,335 8,22 26,86 +2,83 17.30.32 26,31 26,88 26,38 44,80 34,88 1,333 9,44 7,045 0,624 0,1307 1,001 5,30 6,63 94,00 71,73 2,74 3,64 Sospensione Sospensione 0,0627 40,00 Sospensione 2,005 4,80

+0,34 +0,52 -0,22 -0,11 +5,39 +1,38 +2,19 +0,00 -1,49 +0,84 +0,00 +0,94 +0,00 -1,02

16.41.08 44,20 44,80 9.33.15 34,88 34,88 17.30.11 1,324 1,353 1,35 12.08.04 9,44 9,45 17.30.19 6,785 7,045 17.30.34 0,5965 0,625 0,6195 17.30.02 0,128 0,1329 0,1284 17.30.24 1,001 1,001 11.36.00 5,30 5,38 17.30.00 6,57 6,635 6,615 17.02.13 93,73 94,00 17.02.19 70,39 72,08 17.30.02 2,74 2,8075 2,80 17.30.47 3,63 3,685 3,685

+2,28 17.30.09 0,0618 0,0665 0,0618 +1,52 15.09.26 39,95 40,32 +1,88 17.30.59 -0,21 17.14.47

1,968 4,80

2,01 4,81

1,968

AZIONI

Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass

Prezzo ultimo contr. Var %

57,56 1,48 0,617 5,57 1,402 11,20 1,932 0,38 1,026 0,1824 0,841 17,00 13,34 3,1325 3,6975 0,579 0,0984 61,56 1,47 36,95 9,98 5,355 7,17 107,11 0,5885 1,877 2,305 21,35 0,524 0,3435 4,24 Sospensione 1,329 3,98 3,6725

Ora

+0,37 14.50.31 +1,79 17.30.43 -7,22 17.30.06 +1,09 +2,04 +3,70 +2,66 +2,84 +1,18 -0,38 +2,31 +1,19 +1,68 -0,32 +5,27 +1,58 +2,61 +5,20 -0,27 -0,05 -0,30 +5,83 +1,77 -0,13 -1,17 +1,46 +3,48 +2,40 +0,96 +0,44 +0,00

17.30.15 16.07.48 16.16.06 16.46.20 17.30.29 17.30.24 17.30.51 17.30.27 13.49.39 17.30.55 17.30.10 17.30.09 17.12.53 17.30.09 17.30.50 10.24.10 17.05.45 17.30.20 17.23.30 17.30.57 15.24.28 17.30.13 17.30.11 17.30.45 15.53.54 17.30.07 17.30.02 16.30.29

Min

Max

Apertura

57,55 59,00 1,455 1,48 1,469 0,617 0,7035 0,6875 5,49 1,354 10,80 1,87 0,38 1,01 0,1823 0,82 17,00 13,18 3,1175 3,54 0,573 0,0965 58,24 1,47 36,90 9,94 5,165 7,08 107,11 0,588 1,86 2,2275 21,20 0,5185 0,3415 4,14

5,61 5,565 1,402 1,354 11,20 1,932 0,38 1,027 1,015 0,1906 0,19 0,842 0,82 17,00 17,00 13,39 13,28 3,1475 3,1475 3,6975 3,60 0,579 0,099 0,0971 62,15 59,00 1,47 37,28 10,16 10,15 5,355 5,20 7,25 7,14 107,39 0,6055 1,887 1,87 2,32 2,32 22,02 0,526 0,524 0,347 0,347 4,24

+0,30 17.30.27 1,329 1,329 -0,56 17.30.26 3,9625 4,025 3,9625 +1,03 17.30.26 3,67 3,6725

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 0,0528 +0,76 17.30.01 0,0518 0,0532 Warr Bp 2010 0,0149 +6,43 16.52.08 0,0131 0,0149 0,0149 Warr Bpm 09-13 2,56 -3,40 15.14.57 2,52 2,56 Warr Camfin 2009-2011 0,0595 -1,65 17.12.44 0,0585 0,0635 Warr Creval 2014 0,295 -1,01 17.00.51 0,2925 0,30 Warr Ergycapital 11 0,0779 -1,27 17.11.07 0,0779 0,08 Warr Ergycapital 2016 0,19 -6,86 17.09.36 0,1864 0,197 0,197 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 0,092 -3,66 13.08.47 0,0895 0,0925 Warr Intek 2011 0,0305 +3,39 10.04.29 0,0295 0,0305 0,0295 Warr Interpump 2009-2012 0,661 +5,17 9.52.47 0,6285 0,661 Warr Inv E Svil 2012 0,0069 -4,17 12.23.20 0,0069 0,0074 0,0069 Warr K.R.Energy 2009-2012 0,024 +0,00 10.20.42 0,024 0,024 Warr Kme Group 2009-2011 0,0109 -2,68 16.40.28 0,0105 0,0109 0,0105 Warr Kme Group 2011 0,0105 +0,00 15.34.45 0,0105 0,0105 0,0224 +1,82 16.42.31 0,0215 0,0236 0,0221 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 0,0172 +1,18 16.19.26 0,0165 0,0172 Warr Parmalat 2015 0,90 +0,00 16.36.00 0,90 0,911 Warr Pierrel 08-12 0,185 +2,78 15.59.11 0,185 0,185 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 0,0789 +21,01 16.47.29 0,064 0,0789 0,0718 Warr Richard Ginori 2011 0,0148 -1,33 15.31.10 0,0148 0,0148 Warr Snia 2010 Sospensione Warr Tiscali 2009-2014 0,0025 +0,00 17.22.26 0,0024 0,0025 Warr Ubi 09-11 0,0118 -1,67 17.21.45 0,0117 0,012 Warr Unipol 2013 0,0245 +2,08 17.23.03 0,0236 0,0249 Warr Unipol Prv 2013 0,0217 +1,88 17.23.17 0,0212 0,022 0,0217 Yoox 6,28 +3,04 17.30.55 6,17 6,29 6,20 Yorkville Bhn 0,0794 +2,06 16.14.32 0,0779 0,08 Zignago Vetro 4,65 +1,58 17.30.04 4,58 4,65 4,60 Zucchi Spa 0,505 -0,98 15.43.15 0,505 0,515 Zucchi Spa Risp Nc 0,4835 -1,23 16.54.55 0,4835 0,4835

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Acomea Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia A Bpvi Azionario Italia B Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fideuram Italia Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Nextam P. Az. Italia Norvega Az. Italia A Norvega Az. Italia B Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Zenit Azionario I Zenit Azionario R

-0,30 -1,06 -1,53 -1,27 -1,26 -1,25 -1,26 -1,23 -1,15 -1,28 -1,51 -1,28 -1,25 -1,22 -1,21 +0,44 +0,51 -1,36 -1,49 -1,35 -1,17 -1,36 -1,90 -1,65 -1,37 -1,37 -1,13 -1,13 -1,21 -1,39 -1,33 -1,36 +0,47 -1,14 -1,14 -1,26 -1,24 -1,26 -1,31 -1,32 +0,00 -1,18 -1,33 -1,31 -1,17 -1,05 -0,95 -0,95

14,843 15,715 5,277 3,951 19,026 18,706 18,27 6,436 6,631 16,092 4,89 4,407 4,419 4,877 4,966 3,621 3,324 15,463 4,311 11,059 18,319 20,435 17,341 14,421 10,275 10,386 11,727 12,075 9,516 8,008 14,373 8,172 4,506 5,797 5,797 5,159 5,244 12,082 12,633 13,031 5,00 3,446 9,956 5,434 5,318 4,542 8,457 8,327

AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni Qeuro Bancoposta Azionario Euro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R

-1,33 4,361 -1,52 3,89 -1,54 13,233 -1,30 11,822 -1,40 4,212 -1,28 4,247 -1,46 24,09 -1,29 12,586 -1,27 4,20 -1,17 5,299 -0,02 5,191 -1,25 5,862 -1,24 6,065 -1,56 5,305 -1,22 4,707 -1,04 5,259 -0,03 7,055 -0,03 7,055 -1,06 4,672 -1,06 4,648

AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Acomea Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa Amundi Europe Equity Anima Europa

-0,36 5,329 -1,10 9,889 -1,21 15,793 -1,22 15,595 -0,51 6,837 -0,87 4,101 -1,50 3,801

Arca Azioni Europa Bim Azionario Europa Bnl Azioni Europa Crescita Bnl Azioni Europa Dividendo Bpvi Azionario Europa A Bpvi Azionario Europa B Carige Azionario Europa A Carige Azionario Europa B Carismi Dynamic Europe A Carismi Dynamic Europe B Consultinvest Azione Epsilon Qvalue Eurizon Az. Europa Multimanager Eurizon Az. Pmi Europa Eurizon Focus Az. Europa Euromobiliare Europe Eq. Europa Fideuram Master Sel.Equity Europe Fondaco Eu Sri Equity Beta Fondersel Europa Fonditalia Eq. Europe R Fonditalia Eq. Europe T Gestielle Europa A Gestielle Europa B Gestnord Azioni Europa Imieurope Iniziativa Europa Interfund Eq. Europe Investitori Europa Laurin Eurostock Mc G.Fdf Europa A Mc G.Fdf Europa B Mediolanum Amerigo Vespucci Mediolanum Europa 2000 Nextam P. Az. Europa Norvega Az. Europa A Norvega Az. Europa B Optima Azionario Europa Pioneer Azionario Europa A Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A Prima Geo Europa A Prima Geo Europa Pmi A Prima Geo Europa Pmi Y Prima Geo Europa Y Ras Lux Equity Europe Sofid Sim Blue Chips Soprarno Azioni Euro 50 Symphonia Europa Synergia Az. Europa Talento Comp. Europa Ubi Pramerica Azioni Europa Unibanca Azionario Europa

VARIAZ. QUOT.

-1,34 -1,75 -1,41 -1,17 -1,30 -1,27 -1,26 -1,27 +0,19 +0,43 -1,75 -1,54 -0,98 -1,56 -1,41 -1,17 -1,49 -1,21 -1,60 -1,45 -1,53 -1,53 -1,11 -1,11 -1,35 -0,37 -1,54 -1,54 -1,38 +0,00 -0,72 -0,74 +0,98 +0,99 -0,93 -1,06 -1,07 -1,41 -1,18 -1,33 -1,25 -1,65 -1,64 -1,24 -1,29 +1,56 -1,43 -0,41 -1,68 -0,31 -1,50 -1,47

9,008 9,283 11,681 2,699 3,71 3,719 5,19 5,442 4,189 3,96 8,212 5,128 5,456 7,927 7,898 13,127 12,421 8,591 84,208 12,614 8,769 8,863 6,70 6,886 8,111 18,181 6,516 5,68 4,802 3,626 6,201 3,508 5,854 15,001 4,772 4,383 4,455 2,804 13,851 6,458 10,503 19,349 20,011 10,874 38,429 6,427 3,647 5,307 5,795 116,949 5,506 5,84

AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME -1,59 Eurizon Az. Energia E Materie Prime

8,678

AZ. SALUTE Eurizon Az. Salute E Ambiente

-1,39 14,509

AZ. FINANZA Eurizon Az. Finanza Fonditalia Euro Financials R Fonditalia Euro Financials T

-1,73 16,998 -1,64 5,406 -1,64 5,454

AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecnologie Avanzate

-1,42

3,736

AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali Ducato Immobiliare A Ducato Immobiliare Y Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources Fonditalia Euro Cyclicals R Fonditalia Euro Cyclicals T Fonditalia Euro Defensive R Fonditalia Euro Defensive T Fonditalia Euro T.M.T. R Fonditalia Euro Tmt T Interfund Int.Sec.New Economy Norvega Mobiliare Re A

-0,96 +0,21 +0,22 -1,21 -1,93 -1,92 -1,15 -1,14 -1,12 -1,13 -1,27 -0,78

5,559 8,432 8,662 10,509 10,39 10,519 10,767 10,90 5,388 5,438 32,256 4,175

Norvega Mobiliare Re B Optima Tecnologia

VARIAZ. QUOT.

-0,78 -1,12

4,175 2,651

AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining

+0,14 +0,14 -1,47 +0,10 -1,77

2,849 2,917 5,508 5,101 8,196

BIL. AZIONARI Aureo Primaclasse Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fideuram Bilanciato Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 B Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4

-0,74 3,645 +0,23 3,907 +0,23 3,961 -0,99 32,214 -0,79 12,125 -0,79 9,943 -0,79 10,055 -0,66 4,341 -0,68 4,399 -0,82 4,493 -0,47 3,841 -0,44 3,844 -0,43 3,919 -0,76 5,084 -0,69 5,072

BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Acomea Bilanciato Acomea Multi Fund Linea Dinamica Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Primaclasse Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Bilanciato Internazionale Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Norvega Sintesi Dinamico Prima Forza 4 A Prima Forza 4 B Prima Forza 4 Y Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato

-0,03 -0,33 -0,48 -0,31 -0,58 -0,59 -0,61 -0,40 -0,50 -0,18 -0,60 -0,50 -0,49 -1,11 +0,16 +0,16 -0,15 -0,34 -0,31 -0,57 -0,62 -0,34 -0,30 -0,61 -0,62 -0,41 -0,51 -0,19 -0,56 -0,59 -0,08 -0,11 +0,31 +0,30 -0,46 -0,47 -0,30 -0,30 -0,30 -0,23 -0,58 -0,60 -0,36 -0,48 -1,05

BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20 Amundi Qbalanced Arca Te - Titoli Esteri Arcacinquestelle Comp.A/B 25

-0,04 9,36 -0,02 5,982 -0,07 8,554 -0,16 16,478 -0,24 5,499

17,594 3,656 4,374 4,861 16,18 30,578 4,532 3,941 22,961 6,057 21,972 5,811 5,941 5,073 4,273 4,329 6,112 35,495 6,098 23,58 26,839 12,148 45,556 10,03 10,126 12,26 14,437 30,146 12,514 5,058 6,155 4,561 5,199 9,937 6,01 5,69 4,299 4,30 4,383 5,647 5,147 5,63 5,531 5,421 6,695

Aureo Primaclasse Valore Azimut Scudo Bancoposta Investimento Protetto 90 Bnl Protezione Bpvi Obiettivo Incremento A Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 30 Carige Bilanciato 30 Carismi Dynamic Mix 15 Carismi Dynamic Mix 30 Euromobiliare Moderato Fonditalia Core 1 R Fonditalia Core 1 T Gestielle Global Asset 1 Managers & Co. Comparto 30 Mediolanum Elite 30 L Mediolanum Elite 30 S Mix Norvega Sintesi Audace Prima Forza 3 A Prima Forza 3 B Prima Forza 3 Y Symphonia Adagio Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia Synergia Bilanciato 30 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. Ubi Pra. Portafoglio Moderato Ubi Pramerica Privilege 1 Ubi Pramerica Privilege 2 Visconteo OB. EURO GOVERNATIVI BT Allianz Monetario Alto Monetario Amundi Breve Termine Arca Mm - Monetario Bancoposta Monetario Bg Focus Monetario Bim Obb.Breve Termine Bnl Obbligazioni Euro Bt Bpvi Breve Termine A Bpvi Breve Termine B Carige Monetario Euro A Carige Monetario Euro B Cividale Forum Iulii Prudenza A Cividale Forum Iulii Prudenza B Consultinvest Breve Termine Cr Cento Monetario Plus Cs Monetario Italia B Cs Monetario Italia I Ducato Fix Euro Bt A Ducato Fix Euro Bt Y Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine Euromobiliare Prudente Fideuram Liquidita' Fideuram Security Fondersel Reddito Fonditalia Euro Bond Sh.Term R Fonditalia Euro Bond Sh.Term T Fonditalia Euro Currency R Fonditalia Euro Currency T Gestielle Bt Cedola Gestielle Bt Cedola B Gestielle Bt Euro A Gestielle Bt Euro B Interfund Euro Currency Intra Obb. Euro Bt Laurin Money Leonardo Monetario Mediolanum Risparmio Corrente Mediolanum Risparmio Dinamico Monetario Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine Norvega Obb. Euro Breve Termine A Norvega Obb. Euro Breve Termine B Optima Reddito B.T. Optima Riserva Euro Passadore Monetario Pioneer Monetario Euro A Prima Fix Obbligazionario Bt A Prima Fix Obbligazionario Bt Y

VARIAZ. QUOT.

-0,16 -0,05 -0,11 +0,00 -0,30 -0,52 -0,35 +0,08 +0,15 -0,06 -0,30 -0,29 -0,12 -0,20 -0,13 -0,16 -0,04 -0,28 -0,02 -0,02 -0,02 -0,12 -0,51 -0,33 -0,38 -0,07 -0,18 -0,32 -0,34

4,973 7,719 5,425 22,488 5,033 5,015 5,188 3,976 3,98 6,604 10,403 10,493 8,83 5,428 5,242 10,061 5,685 5,599 4,988 4,988 5,076 5,951 5,28 5,479 5,782 5,979 5,635 5,587 34,793

+0,06 -0,03 +0,04 -0,02 -0,02 +0,01 +0,00 +0,05 -0,02 -0,02 +0,08 +0,08 -0,04 -0,04 -0,02 -0,02 +0,00 +0,00 -0,05 -0,05 -0,07 +0,01 -0,01 +0,01 -0,05 +0,05 +0,04 +0,00 +0,00 -0,09 -0,11 +0,04 +0,05 +0,00 -0,04 -0,01 -0,03 -0,05 -0,02 -0,05 -0,03 -0,03 -0,03 +0,01 -0,02 -0,03 -0,04 +0,05 +0,06

15,941 7,063 7,502 14,788 6,198 16,421 6,569 7,569 6,292 6,296 11,742 11,537 5,486 5,547 4,981 5,765 7,787 7,846 6,285 6,327 15,161 8,501 16,843 9,538 14,107 8,01 8,056 7,861 7,899 6,355 6,359 7,507 7,562 6,687 5,66 6,915 6,082 13,841 5,452 12,129 8,985 5,844 5,895 6,689 5,29 7,125 13,21 10,189 10,216

Soprarno Pronti Termine Synergia Obb Euro B.T. Teodorico Monetario Tesoreria Fondo Per Le Imprese Ubi Pramerica Euro B.T. Unibanca Monetario Valori Responsabili Monetario Zenit Monetario I Zenit Monetario R OB. EURO GOVERNATIVI ML Acomea Eurobbligazionario Allianz Reddito Euro L Allianz Reddito Euro T Anfiteatro Bond Corporate Anima Obb. Euro Arca Rr Azimut Reddito Euro Bancoposta Obbligazionario Euro Bim Obb. Euro Bnl Obbligazioni Euro M/Lt Bpvi Obblig. Euro Medio Termine A Bpvi Obblig. Euro Medio Termine B Capitale Pi¿ Comparto Obbligazionario Carige Obbligazionario Euro A Carige Obbligazionario Euro B Carige Obbligazionario Euro L.Termine A Carige Obbligazionario Euro L.Termine B Carismi Bond Euro A Carismi Bond Euro B Ducato Fix Euro Mt A Ducato Fix Euro Mt Y Epsilon Qincome Eurizon Focus Obb. Euro Euromobiliare Reddito Europe Bond Fideuram Rendimento Fondaco Euro Gov. Beta Fondersel Euro Fonditalia Euro Bond Long Term R Fonditalia Euro Bond Long Term T Fonditalia Euro Bond Medium Term R Fonditalia Euro Bond Medium Term T Gestielle Lt Euro A Gestielle Lt Euro B Gestielle Mt Euro A Gestielle Mt Euro B Interfund Euro Bond Long Term Interfund Euro Bond Medium Term Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 Intra Obb. Euro Italfortune Euro Bonds Leonardo Obbligazionario Mediolanum Euromoney Mediolanum Italmoney Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine Norvega Obb. Euro A Norvega Obb. Euro B Optima Obbligazionario Euro Prima Fix Obbligazionario Mlt A Prima Fix Obbligazionario Mlt Y Ras Lux Bond Europe Synergia Obb Euro M.T. Ubi Pra. Euro M/L Termine Unibanca Obbligazionario Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B

VARIAZ. QUOT.

+0,04 +0,00 -0,01 -0,04 +0,00 +0,00 -0,02 -0,05 -0,05

5,119 5,083 7,467 6,902 6,763 5,735 5,877 7,568 7,519

+0,06 +0,47 +0,47 +0,00 -0,03 +0,22 +0,03 +0,11 +0,17 +0,28 +0,21 +0,21 -0,02 +0,15 +0,16 +0,41 +0,43 -0,14 -0,13 -0,13 -0,14 -0,01 +0,20 +0,23 +0,00 +0,07 +0,37 +0,24 +0,88 +0,87 +0,33 +0,33 +0,11 +0,12 -0,01 -0,01 +0,87 +0,33 +0,01 +0,11 +0,21 +0,00 +0,03 -0,12 -0,08 +0,11 +0,13 +0,13 +0,14 +0,39 +0,39 +0,51 +0,19 +0,25 +0,14 -0,10 -0,10

12,941 33,78 33,077 4,971 7,17 9,165 15,764 6,978 7,049 7,069 6,829 6,837 5,503 11,058 11,223 5,88 6,01 5,527 5,584 7,594 7,676 7,546 14,243 15,783 7,70 9,46 124,37 8,238 7,802 7,872 11,278 11,359 8,258 8,354 15,085 15,245 8,854 8,506 7,006 11,808 6,182 8,42 7,626 6,411 6,561 17,544 6,692 6,781 7,059 5,935 5,957 60,186 5,30 7,112 5,885 6,252 6,252

OB. EURO CORPORATE INV. GRADE Acomea Obbligazionario Corporate +0,18 6,742 +0,07 101,927 Amundi Corporate 3 Anni +0,10 5,054 Amundi Corporate Giugno 2012 Arca Bond Corporate +0,21 7,241 Carige Corporate Euro A +0,21 6,724 Carige Corporate Euro B +0,21 6,817 Corporate Bond -0,04 7,448 Ducato Etico Fix Y -0,08 5,313 Ducato Etico Fix A -0,06 5,26 +0,12 5,736 Eurizon Focus Obb. Euro Corporate

VARIAZ. QUOT.

Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine Euromobiliare Euro Corporate Bt Fonditalia Euro Corporate Bond R Fonditalia Euro Corporate Bond T Interfund Euro Corporate Bond Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A Prima Fix Imprese A Prima Fix Imprese Y Synergia Obb Corporate Ubi Pramerica Euro Corporate

+0,00 +0,01 +0,17 +0,17 +0,18 +0,21 +0,20 +0,18 +0,18 +0,11 +0,19

OB. EURO HIGH YIELD Eurizon Focus Obb. Euro High Yield Fonditalia Bond Euro High Yield R Fonditalia Bond Euro High Yield T Interfund Bond Euro High Yield Prima Fix High Yield A Prima Fix High Yield Y

+0,07 7,365 +0,04 14,316 +0,04 14,389 +0,05 7,846 -0,05 8,035 -0,06 8,207

OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari +0,17 Azimut Reddito Usa +0,11 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt +0,19 Ducato Fix Dollaro A +0,29 Ducato Fix Dollaro Y +0,28 Fonditalia Bond Usa R +0,32 Fonditalia Bond Usa T +0,32 Gestielle Bond Dollars A +0,30 Gestielle Bond Dollars B +0,31 Interfund Bond Usa +0,33 Nordfondo Obbligazioni Dollari +0,14 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI Acomea Obb.Internazionale Allianz Reddito Globale L Allianz Reddito Globale T Alpi Obbligazionario Internazionale Alto Internazionale Obb. Arca Bond - Obbligazioni Estere Aureo Obbligazioni Globale Bim Obb. Globale Bpvi Obblig. Internazionale A Bpvi Obblig. Internazionale B Carige Obbligazionario Internazionale A Carige Obbligazionario Internazionale B Carismi Bond Internaz. A Carismi Bond Internaz. B Ducato Fix Globale A Ducato Fix Globale Y Eurizon Obb. Internazionali Fondersel Internazionale Gestielle Obbligazionario Intern. A Gestielle Obbligazionario Intern. B Imibond Mc G.Fdf Global Bond A Mc G.Fdf Global Bond B Ml Master Series Bonds Norvega Obb. Internazionale A Norvega Obb. Internazionale B Optima Obb. Euro Global Pianeta Prima Fix Obbligazionario Globale A Prima Fix Obbligazionario Globale Y Ubi Pra. Obbligazioni Globali

7,549 8,854 8,611 8,666 5,128 7,816 4,91 6,663 6,758 5,493 7,993

9,637 6,365 6,683 7,016 7,085 9,118 9,197 9,948 10,104 7,94 15,248

+0,42 8,356 +0,62 17,312 +0,62 16,97 +0,01 7,272 +0,52 6,811 +0,43 13,424 +0,22 8,221 +0,47 6,167 +0,86 6,303 +0,86 6,31 +1,09 6,403 +1,10 6,544 -0,15 5,853 -0,23 5,694 +0,00 8,147 +0,01 8,218 +0,37 9,052 +0,11 15,185 +0,31 6,827 +0,30 6,945 -0,12 16,48 +0,13 5,48 +0,13 5,42 +0,00 5,338 +0,79 6,231 +0,80 6,313 +0,24 7,079 +0,32 10,351 +0,62 9,743 +0,62 9,788 +0,55 6,167

OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Anfiteatro Global Bond -0,02 5,602 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate +0,36 7,051 OB. YEN Ducato Fix Yen A Ducato Fix Yen Y Interfund Bond Japan

-0,04 -0,04 +1,14

4,54 4,576 6,55

OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Amundi Multicorp. Dic. 2012 Amundi Obbligazionario Euro Anima Convertible Azimut Trend Tassi

+0,28 +0,30 -0,13 -0,03

5,101 5,636 6,214 8,96


il Domani Venerdì 27 Agosto 2010 13

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO Consultinvest Obbligaz. Medio Termine Consultinvest Obbligazionario Ducato Fix Convertibili A Ducato Fix Convertibili Y Eurizon Focus Obb. Cedola Eurizon Obb. Etico Fonditalia Euro Yield Plus R Fonditalia Euro Yield Plus T Fonditalia Inflation Linked R Fonditalia Inflation Linked T Gestielle Obbligazionario Corporate A Gestielle Obbligazionario Corporate B Groupama It. Bond Sel. Fund Interfund Inflation Linked Mediolanum Risparmio Reddito Nordfondo Obbligazioni Convertibili Pioneer Cim Euro Convertible Bonds Pioneer Cim Euro Fixed Income Pioneer Obb. Euro Dis. A Prima Fix Emergenti A Prima Fix Emergenti Y Prima Forza 1 A Prima Forza 1 B Prima Forza 1 Y Prima Forza 2 A Prima Forza 2 B Prima Forza 2 Y Ras Lux Short Term $ Ras Lux Short Term Euro Symphonia Comp.Obb. Area Europa Ubi Pra. Obbligazioni Dollari

VARIAZ. QUOT.

-0,04 -0,04 -0,08 -0,07 -0,03 +0,25 -0,01 -0,01 +0,47 +0,48 +0,03 +0,04 +0,40 +0,49 -0,22 -0,32 -0,38 -0,27 +0,22 -0,05 -0,05 +0,17 +0,15 +0,17 +0,23 +0,23 +0,23 -0,02 -0,01 +0,14 +0,16

5,155 5,207 8,702 8,819 6,126 5,596 9,445 9,516 14,052 14,147 7,258 7,353 5,829 13,989 11,115 5,323 5,837 16,204 6,753 13,652 13,973 5,172 5,173 5,212 4,714 4,716 4,769 144,517 65,624 9,731 5,496

OB. FLESSIBILI Amundi Soluzioni Tassi Arca Cedola 2015 Alto Potenziale Arca Cedola Bond Globale Euro Arca Cedola Corp. Bond Arca Cedola Corp. Bond Ii Arca Cedola Corporate Bond Iii Arca Cedola Gov. Euro Bond Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii Arca Cedola Gov. Euro Bond Iii Aureo Cash Dynamic Bg Focus Obbligazionario Bnl Target Return Liquidita' Cividale Forum Iulii Strategia A Cividale Forum Iulii Strategia B Consultinvest High Yield Consultinvest Monetario Consultinvest Reddito Ducato Fix Rendita A Ducato Fix Rendita Y Euromobiliare Tr Flex 2 Mediolanum Flessibile Obblig. Globale Premium Risparmio Ritorni Reali Symphonia Bond Flessibile Ubi Pra. Active Duration Ubi Pramerica Total Return Prudente Vegagest Obbligazionario Flessibile Volterra Tr Obblig.

-0,10 -0,02 -0,04 +0,06 +0,12 +0,10 +0,00 -0,02 +0,02 -0,04 +0,07 +0,01 -0,19 -0,17 -0,53 -0,15 -0,12 -0,02 -0,01 +0,03 -0,17 +0,20 -0,03 -0,15 +0,04 +0,23 +0,14 +0,02 +0,06

4,801 5,055 5,015 5,332 5,098 5,095 5,114 4,974 5,058 5,197 6,744 10,005 5,809 5,967 5,792 5,452 7,194 18,313 18,583 6,668 10,075 6,624 7,805 5,923 5,244 5,719 10,647 5,268 5,20

OB. MISTI Acomea Multi Fund Linea Prudente Acomea Performance Alleanza Obbligazionario Alto Obbligazionario Anima Fondimpiego Arca Obbligazioni Europa Azimut Contofondo Azimut Solidity Bancoposta Mix 1 Bim Corporate Mix Bnl Telethon Bpvi Obiettivo Reddito A Bpvi Obiettivo Reddito B Ca Multimanager Difensiva Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 15 Carige Bilanciato 10 Cividale Forum Iulii Rendita A Cividale Forum Iulii Rendita B Cr Cento Misto Best Eurizon Diversificato Etico Eurizon Rendita Eurizon Soluzione 10 Fucino Challenger Gestielle Etico Per Ail A Gestielle Etico Per Ail B Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica Nextam P. Obbligazionario Misto Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni Norvega Sintesi Moderato Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A Sforzesco Symphonia Patr.Globale Reddito Synergia Bilanciato 15 Total Return Obbligazionario Ubi Pra. Portafoglio Prudente Valori Responsabili Obbligaz. Misto Zenit Obb. I Zenit Obb. R

-0,28 4,954 +0,16 17,623 -0,05 5,479 -0,07 8,838 -0,23 20,123 +0,13 8,582 -0,15 5,208 +0,00 7,926 +0,05 5,973 +0,11 5,593 +0,07 6,049 -0,02 5,75 -0,02 5,759 +0,00 5,00 -0,28 5,288 +0,05 5,616 -0,24 5,468 -0,23 5,612 -0,15 5,844 -0,24 7,956 -0,25 5,94 -0,07 6,885 -0,06 4,72 +0,00 6,352 +0,00 6,412 -0,28 5,666 -0,13 6,036 +0,04 6,679 -0,12 5,618 +0,01 8,393 -0,05 10,185 -0,10 7,091 -0,11 5,335 +0,07 4,166 +0,05 6,172 -0,08 6,195 -0,01 8,234 -0,01 8,173

OB. PAESI EMERGENTI Arca Bond Paesi Emergenti Bnl Obbligazioni Emergenti Emerging Markets Bond Eurizon Focus Obb. Emergenti Euromobiliare Emerging Markets Bond Fonditalia Bond Global Emerging Markets R Fonditalia Bond Global Emerging Markets T Gestielle Emerging Mkt Bond A Gestielle Emerging Mkt Bond B Interfund Bond Global Emerging Markets Mc G.Fdf High Yield A Mc G.Fdf High Yield B Nordfondo Obbligazioni Paesi Emergenti Norvega Obb. Paesi Emergenti A Norvega Obb. Paesi Emergenti B Optima Obb. Emergent Market Pioneer Obb.Paesi Emergenti Dis. A

-0,31 -0,44 -0,31 -0,20 -0,05 -0,37 -0,37 -0,42 -0,41 -0,39 +0,07 +0,08 -0,32 +0,14 +0,15 -0,46 -0,30

14,068 24,246 6,512 11,71 7,576 11,006 11,06 10,705 10,919 11,366 7,382 5,33 9,267 7,823 7,959 8,16 10,476

LIQUIDITA' AREA EURO Acomea Liquidita' Agora Cash Allianz Liquidita' A Allianz Liquidita' At

-0,02 +0,00 +0,00 +0,00

11,50 5,57 5,589 5,058

Allianz Liquidita' B Amundi Eonia Amundi Liquidita' Anfiteatro Tesoreria Anima Liquidita' Arca Bt - Breve Termine Arca Bt - Tesoreria Aureo Liquidita' Azimut Garanzia Bnl Cash Bpvi Tesoreria A Bpvi Tesoreria B Carige Liquidita' Euro A Carige Liquidita' Euro B Carismi Liquidita' B Epsilon Cash Eurizon Focus Tesoreria Euro A Eurizon Focus Tesoreria Euro B Eurizon Liquidita' A Eurizon Liquidita' B Euromobiliare Conservativo Euromobiliare Contovivo Fideuram Moneta Fondaco Euro Cash Fondo Liquidita' Gestielle Cash Euro A Gestielle Cash Euro B Nextam P. Liquidita' Nordfondo Liquidita' Norvega Monetario A Norvega Monetario B Optima Money Pensplan Invest Cash Fund Pioneer Liquidita' Euro A Prima Fix Monetario A Prima Fix Monetario I Prima Fix Monetario Y Symphonia Comp.Monetario Synergia Monetario Synergia Tesoreria Ubi Pramerica Euro Cash

VARIAZ. QUOT.

+0,00 5,717 +0,00 102,188 -0,01 8,956 -0,04 5,677 -0,05 6,626 -0,03 8,737 -0,03 5,763 +0,00 5,716 -0,01 12,305 -0,03 22,17 +0,00 5,649 -0,02 5,653 +0,02 6,335 +0,00 6,40 -0,02 5,297 +0,00 6,294 -0,01 7,657 -0,01 7,703 -0,03 7,275 -0,03 7,454 +0,02 11,106 +0,01 11,84 -0,01 14,62 -0,01 116,462 -0,01 7,60 -0,07 7,042 -0,07 7,081 -0,05 5,797 -0,03 6,198 +0,00 5,869 +0,00 5,914 -0,03 6,142 +0,03 5,939 +0,00 5,068 +0,02 8,52 +0,02 8,621 +0,02 8,61 +0,00 7,45 -0,02 5,019 -0,02 5,051 -0,01 7,286

LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $

-0,18 13,013 +0,02 16,505

FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso 8a+ Latemar 8a+ Monviso Abis Flessibile Abn Amro Expert A-Rt400 Aga Absolute Return Agora Flex Agora Selection Agora Valore Protetto Alarico Re Alkimis Capital Ucits Allianz F100 L Allianz F100 T Allianz F15 L Allianz F15 T Allianz F30 L Allianz F30 T Allianz F70 L Allianz F70 T Amundi Absolute Amundi Azionario Trend Amundi Dynamic Allocation Amundi Equipe 1 Amundi Equipe 2 Amundi Equipe 3 Amundi Equipe 4 Amundi Eureka Bric Ripresa 2014 Amundi Eureka China Double Wine Amundi Eureka China Ripresa 2015 Amundi Eureka Doppia Opportunit¿ 2014 Amundi Eureka Double Call Amundi Eureka Double Win Amundi Eureka Double Win 2013 Amundi Eureka Dragon Amundi Eureka Oriente 2015 Amundi Eureka Ripresa 2014 Amundi Eureka Ripresa 2016 Amundi Eureka Ripresa Due 2014 Amundi Eureka Settori 2016 Amundi Eureka Usa 2015 Amundi For. Gar. Em Eq. Recall 2013 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2013 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2014 Amundi For.Gar.Eq. Recall Due 2013 Amundi Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014 Amundi Form. Gar. Merc. Emerg. Amundi Form. Private Div. Opp. Amundi Formula Euro Eq. Option 2013 Amundi Formula Euro Eq. Option Due 2013 Amundi Formula Garantita 2012 Amundi Formula Garantita 2013 Amundi Formula Garantita Due - 2013 Amundi Formula Garantita High Diver. 2014 Amundi Piu Amundi Premium Power Amundi Private Alpha Amundi Qreturn Amundi Soluzione Azioni Amundi Strategia 95 Anfiteatro Bond Plus Anfiteatro Conservative Flex Anfiteatro Corporate Absolute Return Anfiteatro Corporate Bt Anfiteatro Total Return Anima Fondattivo Aqqua Arca Capitale Garantito Dic 2013 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 Arca Corporate Breve Termine Arca Formula Eurostoxx 2015 Arca Rendimento Assoluto T3 Arca Rendimento Assoluto T5 Aureo Defensive Aureo Finanza Etica Aureo Flex Euro Aureo Flex Italia Aureo Flex Opportunity Aureo Plus Aureo Primaclasse Flessibile Aureo Rendimento Assoluto

-0,04 -0,37 -0,04 +0,00 +0,02 +0,00 -0,19 -0,06 -0,02 -0,86 +0,06 -1,17 -1,17 +0,18 +0,19 +0,06 +0,04 -0,63 -0,63 +0,38 -0,76 -0,36 +0,02 +0,00 -0,04 -0,27 -0,49 -0,46 -0,48 -0,71 -0,72 -1,59 -1,82 +0,25 -0,30 -1,46 -2,06 -1,99 -0,06 -1,37 -0,24 +0,16 -0,31 +0,08 -0,20 +0,07 +0,06 -1,50 -1,62 +0,02 +0,12 +0,14 +0,14 +0,04 +0,02 +0,23 -1,05 -0,82 -0,04 -0,04 +0,00 -0,07 -0,04 +0,00 -0,79 +0,00 +0,02 -0,06 -0,04 +0,00 +0,02 +0,00 -0,02 -0,07 -0,73 -0,78 -0,25 -0,07 +0,04 -0,27

5,263 5,082 5,118 5,757 4,655 4,994 6,807 4,86 6,361 4,365 4,899 3,967 3,893 5,477 5,396 5,27 5,19 27,191 26,631 5,247 92,688 5,209 5,278 5,206 5,175 4,78 5,242 5,593 4,992 5,008 5,378 5,493 4,807 6,306 4,924 5,119 4,903 4,831 4,955 4,695 5,031 4,94 5,187 4,934 5,074 5,731 5,00 4,398 4,429 5,088 4,979 4,972 4,971 5,64 5,104 4,789 5,277 4,454 4,91 7,414 5,023 5,615 5,175 3,365 13,402 4,824 5,204 5,013 5,539 4,734 5,203 5,042 5,072 6,10 9,437 16,433 4,794 5,903 5,411 5,528

VARIAZ. QUOT.

Azimut Strategic Trend Azimut Trend Azimut Trend America Azimut Trend Europa Azimut Trend Italia Azimut Trend Pacifico Bancoposta Centopiu' Bancoposta Centopiu' 2007 Bancoposta Extra Bancoposta Step Bancoposta Trend Bg Focus Azionario Bim Flessibile Bnl Target Return Conservativo Bnl Target Return Dinamico Bnpp 100% E Pi¿ Grande Asia Bnpp 100% E Pi¿ Grande Europa Bnpp Equipe Attacco Bnpp Equipe Centrocampo Bnpp Equipe Difesa Bpvi Obiettivo Rendimento A Bpvi Obiettivo Rendimento B Carige Flessibile Carige Flessibile B Carige Flessibile Piu' A Carige Flessibile Piu' B Carismi Absolute Perf. A Carismi Absolute Perf. B Carismi Pratico A Carismi Pratico B Consultinvest Alto Dividendo Consultinvest Mercati Emerg. Consultinvest Multi Flex Consultinvest Plus Cr Cento Premium Ducato Etico Flex Civita A Ducato Etico Flex Civita Y Ducato Multimanager Cash Premium A Ducato Multimanager Cash Premium Plus A Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y Ducato Multimanager Cash Premium Y Edr Multigestion Trend Global Epsilon Qreturn Eurizon Focus Capital. Protetto 12/2014 Eurizon Focus Garantito 03/13 Eurizon Focus Garantito 06/12 Eurizon Focus Garantito 09/12 Eurizon Focus Garantito 12/12 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 Eurizon Focus Profilo Dinamico Eurizon Focus Profilo Moderato Eurizon Focus Profilo Prudente Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni Eurizon Obiettivo Rendimento Eurizon Team 1 A Eurizon Team 1 G Eurizon Team 2 A Eurizon Team 2 G Eurizon Team 3 A Eurizon Team 3 G Eurizon Team 4 A Eurizon Team 4 G Eurizon Team 5 A Eurizon Team 5 G Euromobiliare Real Assets Euromobiliare Strategic Euromobiliare Strategic Flex Euromobiliare Tr Flex 3 Euromobiliare Tr Flex 4 Federico Re Fideuram Master Sel.Absolute Return Flessibile Fondaco Global Opportunities Fondersel Duemila Fonditalia Flex. Emerging Mkts R Fonditalia Flex. Emerging Mkts T Fonditalia Flexible Dynamic R Fonditalia Flexible Dynamic T Fonditalia Flexible Income R Fonditalia Flexible Income T Fonditalia Flexible Multimanager R Fonditalia Flexible Multimanager T Fonditalia Flexible Opportunity R Fonditalia Flexible Opportunity T Fonditalia New Flexible Growth R Fonditalia New Flexible Growth R Fonditalia New Flexible Growth T Fonditalia New Flexible Growth T Formula 1 Alpha Plus 20 Formula 1 Conservative Formula 1 High Risk Formula 1 Low Risk Formula 1 Risk Gestielle Brasile Gestielle Global Asset Plus Gestielle Harmonia Dinamico Gestielle Harmonia Moderato Gestielle Harmonia Vivace Gestielle Total Return Gestielle Total Return Obiettivo Piu' Gestielle Tr Obiettivo Cedola Gestnord Asset Allocation Igm Flessibile A Igm Flessibile B Interfund System 100 Interfund System 40 Interfund System Evolution Interfund System Flex Intra Assoluto Intra Flessibile Investitori Flessibile Kairos Partners Fund Kairos Partners Income Kairos Partners Small Cap Leonardo Trend Macro F.0. Mc G.Fdf Flx Low A Mc G.Fdf Flx Low B Mc G.Fdf Flx.High A Mc G.Fdf Flx.High B

-0,73 -1,73 -0,86 -1,20 -1,30 -0,39 -0,02 -0,02 -0,09 +0,00 +0,00 -0,49 -0,53 -0,08 -0,26 -0,09 -0,06 -0,37 -0,23 -0,02 -0,30 -0,32 +0,08 +0,08 +0,11 +0,13 -0,02 -0,02 +0,00 +0,00 -1,15 -1,04 -0,55 -0,11 +0,00 -0,07 -0,05 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,02 -1,06 -0,12 -0,08 -0,08 -0,06 -0,08 +0,04 -0,02 +0,00 +0,00 -0,02 -0,02 -0,42 -0,19 -0,09 -0,04 -0,02 +0,00 +0,00 +0,02 +0,02 -0,05 -0,05 -0,17 -0,17 -0,35 -0,35 -0,68 -0,67 -0,24 +0,03 -0,38 -0,04 +0,01 +0,00 -0,14 -0,71 +0,63 +0,22 -0,12 -0,08 -1,29 -1,27 -0,01 -0,01 -0,12 -0,13 -0,08 -0,08 +0,02 -0,47 +0,02 -0,48 -0,13 -0,03 -0,33 -0,03 -0,31 -0,51 +0,00 +0,17 +0,19 +0,17 +0,12 +0,12 +0,06 -0,53 -0,07 -0,07 -0,03 -0,01 -0,05 +0,02 -0,12 +0,08 -0,23 -0,11 +0,00 -0,66 -0,35 -0,36 -0,02 -0,02 -0,18 -0,22

5,01 18,376 8,735 11,886 13,988 6,354 5,295 5,268 5,30 4,989 5,014 21,706 3,772 5,053 12,389 5,399 5,105 4,521 4,814 5,431 5,268 5,284 5,24 5,264 4,519 4,588 4,819 4,897 6,075 6,122 3,193 5,061 4,843 5,22 3,805 4,233 4,323 4,733 4,176 4,25 4,793 4,989 5,988 5,097 5,194 5,15 5,136 5,151 5,313 5,173 5,252 5,136 4,976 5,228 5,241 5,343 5,462 5,479 5,244 4,90 8,117 6,019 6,019 5,708 5,703 4,771 4,795 3,995 4,019 3,814 3,838 4,207 3,206 13,446 4,602 6,877 5,224 9,098 2,812 99,658 93,664 2,497 2,524 5,824 5,846 8,527 8,572 9,37 9,44 7,813 7,865 8,659 8,643 8,739 8,726 6,368 6,423 6,658 6,633 6,399 5,10 5,355 5,398 5,371 5,435 14,093 5,083 4,972 4,685 4,059 4,103 9,501 11,192 10,135 10,325 5,844 6,221 6,188 5,562 6,695 9,085 5,941 3,911 5,309 5,299 4,373 3,709

VARIAZ. QUOT.

Mc G.Fdf Flx.Med. A -0,28 Mc G.Fdf Flx.Med. B -0,29 Mediolanum Flessibile Globale -0,73 Mediolanum Flessibile Italia -0,86 Mediolanum Flessibile Strategico +0,00 Nextam P. Flessibile -0,34 Nordest Sicav +0,52 Norvega Flessibile A -0,38 Norvega Flessibile B -0,38 Norvega Mb Absolut -0,07 Norvega Mb Strategic -0,07 Norvega Rendimento A +0,07 Norvega Rendimento B +0,09 Ob. Rendimento -0,14 Open Fund Ritorno Assoluto Var2 +0,00 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 +0,03 Paritalia Orchestra C +0,00 Pioneer Target Controllo A -0,02 Pioneer Target Equilibrio A -0,19 Pioneer Target Sviluppo A -0,29 Prima Strategia A-Rt 100 A +0,06 Prima Strategia A-Rt 100 Y +0,06 Prima Strategia A-Rt 200 A +0,06 Prima Strategia A-Rt 200 Y +0,06 Prima Strategia A-Rt 50 A +0,26 Prima Strategia A-Rt 50 Y +0,27 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A +0,00 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y +0,00 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A -0,12 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y -0,11 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A -0,13 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y -0,11 Profilo Best Funds -0,02 Profilo Elite Flessibile -0,11 Sofia Flex +0,00 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A -0,14 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B -0,08 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A -0,06 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B -0,06 Soprarno Global Macro A -0,18 Soprarno Global Macro B -0,18 Soprarno Inflazione +1,5% A -0,02 Soprarno Inflazione +1,5% B +0,00 Soprarno Relative Value A -0,09 Soprarno Relative Value B -0,09 Symphonia Asia Flessibile +0,05 Symphonia Comp.Fortissimo -1,10 Symphonia Italia Flessibile -0,53 Synergia Total Return -0,13 Total Return +0,37 -0,15 Ubi Pra. Active Beta Ubi Pra. Alpha Equity -0,06 +0,14 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B +0,14 Ubi Pra. Total Return Dinamico -0,12 Unibanca Plus +0,06 Volterra Dinamico +0,15 Volterra Tr Glob. +0,11 +0,32 Zenit Absolute Return I Zenit Absolute Return R +0,30 +0,00 Zenit High Trend 0-100 Fdf Zenit Zero 100 -0,43

5,673 3,751 13,922 15,479 6,341 4,701 3,84 7,302 7,342 3,014 2,97 5,342 5,369 5,841 4,482 3,705 72,571 5,412 5,368 22,371 5,13 5,15 4,893 4,915 16,494 16,534 2,236 2,259 13,938 13,95 4,638 4,695 5,889 5,60 0,718 5,148 5,092 5,19 5,216 4,895 4,952 5,471 5,503 5,388 5,449 6,197 2,613 4,871 5,242 2,147 4,708 5,093 5,148 5,169 4,966 5,277 5,39 5,408 5,724 5,631 1,245 4,368

ASSICURATIVI Antonveneta Vita Antonveneta Vita Armonico Antonveneta Vita Armonico 2007 Antonveneta Vita Attivo Antonveneta Vita Attivo 2007 Antonveneta Vita Azionario Antonveneta Vita Azionario Globale Antonveneta Vita Azionario Specializzato Antonveneta Vita Bilanciato Euro Antonveneta Vita Bilanciato Globale Antonveneta Vita Dinamico Antonveneta Vita Equilibrato Antonveneta Vita Euromoneta Antonveneta Vita Monetario Antonveneta Vita Obbligazionario Antonveneta Vita Obbligazionario Euro Antonveneta Vita Obbligazionario Misto Antonveneta Vita Protetto Antonveneta Vita Protetto 2007 Antonveneta Vita Sicuro Antonveneta Vita Trend Antonveneta Vita Trend Dinamico Antonveneta Vita Trend Equilibrato Antonveneta Vita Trend Plus Antonveneta Vita Trend Protetto

+0,36 +0,36 +0,44 +0,39 +0,65 +0,10 -0,12 -0,24 +0,24 +0,65 +0,22 +0,03 +0,05 +0,09 +0,15 -0,11 +0,14 +0,15 +0,17 +1,01 +0,64 +0,21 +1,01 +0,15

11,24 9,71 12,006 9,268 14,129 8,358 9,637 11,407 11,048 13,427 14,731 11,435 11,855 11,894 13,444 12,504 12,584 10,637 12,922 11,933 8,495 10,126 7,377 10,565

AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Aurora New Balanced Aurora New Bond Aurora New Share Aurora Unietic Aurora Unit Balanced Aurora Unit Bond Aurora Unit Share Aurora Winvest Bilanciata Aurora Winvest Dinamica Aurora Winvest Prudente

+0,90 +1,66 +0,09 +0,06 +0,41 +1,62 -0,53 -0,05 -0,21 +0,10

10,895 10,759 11,397 10,546 10,651 9,238 9,398 11,563 10,153 12,594

AXA MPS FINANCIAL Axa Mps Aggressivo Axa Mps Carattere Forte Axa Mps Fin. Az. Europa Axa Mps Fin. Az. Giappone Axa Mps Fin. Az. Pacifico Axa Mps Fin. Az. Sector Axa Mps Fin. Az. Top Ten Axa Mps Fin. Carattere Attento Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato Axa Mps Fin. Carattere Sereno Axa Mps Fin. Conservativo Axa Mps Fin. Dinamico Axa Mps Fin. Dinamico A Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double Axa Mps Fin. Mplife 100/1 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 Axa Mps Fin. Mplife 90/1 Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa

+0,62 +0,18 +0,42 -0,07 -0,08 +0,41 -0,42 -0,01 +0,07 +0,07 +0,07 +0,18 -0,21 -0,62 -0,89 -0,33 +0,03 +0,00 +0,07 +0,00 -0,01 +0,00 -0,10 -0,08

9,638 8,999 8,15 7,205 15,86 6,603 10,83 10,754 10,40 10,755 11,785 10,168 11,524 22,176 10,998 9,112 11,268 10,815 11,898 10,003 9,948 9,565 9,975 11,938

Axa Mps Fin. Secure A Axa Mps Fin. Usa Equity A

VARIAZ. QUOT.

+0,02 13,164 -0,80 5,479

BCC VITA Bcc Vita Equity America Bcc Vita Equity Asia Bcc Vita Equity Europa Bcc Vita World Global Bond

-0,94 -0,10 +1,97 +0,78

4,636 5,128 4,72 5,461

BIPIEMME VITA SPA Bpm Az 30 Bpm Az 50 Bpm Az 80 Bpm Az Flex Bpm Financial Audace Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 Bpm Financial Equilibrato Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 Bpm Financial Geographic Areas Bpm Financial Global Bond Bpm Financial Industrial Sector Bpm Financial Prudente Bpm Financial Riserva Euro Bpm Financial Vita Azionario Bpm Financial Vita Bilanciato Bpm Financial Vita Obbligazionario

+0,33 +0,00 -0,19 +0,00 +0,00 +0,18 +0,18 +0,00 +0,18 +0,00 +0,00 +0,00 +0,78 +0,30 +0,19 +0,31 -0,22 +0,00 +0,55

6,04 5,77 5,32 4,44 3,91 5,54 5,59 5,52 5,54 4,65 5,58 3,23 6,49 3,30 5,31 6,57 4,61 5,65 7,27

BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 Bnl Vita Capital Unit 60 Bnl Vita Capital Unit 90

+0,06 11,075 -0,02 8,741 -0,17 6,556

CARDIF ASSICURAZIONI SPA Cardif Azionario A Cardif Azionario B Cardif Azionario Rimini 2 Cardif Bds Valore Azionario Cardif Bds Valore Bilanciato Cardif Bds Valore Obbligazionario Cardif Bilanciato A Cardif Bilanciato B Cardif Flexible Profilo A Cardif Obbligazionario A Cardif Obbligazionario B Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 Cardif Pargest Globale 60 A Cardif Spazio Effervescente Cardif Spazio Naturale

-1,62 -0,55 -1,58 -2,26 -0,84 -0,05 -0,89 +0,31 -1,59 +0,07 +0,98 +0,09 +0,26 -2,27 +0,29

CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G Carige Dinamicamente Protetta Carige Gestilink Arancione Dinamica Carige Gestilink Blu Moderata Carige Gestilink Verde Prudente Carige Protezione Attiva

+0,71 5,22 +0,00 5,16 -1,01 3,724 +0,32 5,311 -0,01 6,785 +0,02 104,66

CATTOLICA ASSICURAZIONI Cattolica Azionario Cattolica Bilanciato Cattolica Bpbari Freeway Country Cattolica Bpbari Freeway Desert Cattolica Bpbari Freeway Jungle Cattolica Cividale Percorso Azionario Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario Cattolica Ferrara Investire Azionario Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario Cattolica Fondo Protetto Cattolica Formula Life Azionaria Cattolica Formula Life Bilanciata Cattolica Fuoriclasse Balanced Cattolica Fuoriclasse Bond Cattolica Fuoriclasse Equity Cattolica Fuoriclasse High Tech Cattolica Nuove Rotte Cattolica Obbligazionario Cattolica Progetto Attivo Bond Cattolica Progetto Attivo Equity Cattolica Progetto Attivo Mix Cattolica Soluzione Dinamica Cattolica Soluzione Prudente Cattolica Soluzione Vivace

-0,07 4,20 +0,22 4,476 -0,47 3,421 -1,70 3,298 +1,01 0,301 -0,29 11,566 +0,38 11,579 -0,09 3,374 +1,51 5,596 +0,23 5,198 -0,09 4,557 +0,20 5,031 +0,34 4,671 +0,91 5,765 -0,52 3,083 -0,61 1,313 +0,22 5,59 +0,62 5,006 +0,60 4,706 -0,08 3,839 +0,20 4,471 +0,28 5,423 +0,91 6,758 -0,05 3,722

CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita 6attivo-Orchestra Centrovita 6protetto Regina Centrovita Anni 40 Centrovita Anni 50 Centrovita Anni 60 Centrovita Anni 70 Centrovita Anni 80 Centrovita Azionario Centrovita Azionario Blue Centrovita Azionario Green Centrovita Azionario Plus Centrovita Bilanciato Centrovita Bilanciato Plus Centrovita Eag 2005 Centrovita Eag 2006 Centrovita Obbligazionario Centrovita Obbligazionario Blue Centrovita Obbligazionario Plus

+0,42 -0,09 -0,02 +0,27 +0,37 +0,12 -0,03 -0,22 -0,27 -0,23 -0,22 +0,05 +0,05 +0,00 +0,00 +0,77 +0,67 +0,76

72,571 105,47 149,64 169,231 125,374 124,66 97,546 109,772 58,213 58,458 133,948 153,286 180,838 1.038,80 1.049,92 199,314 130,643 221,942

DUOMO PREVIDENZA S.P.A. Duomo Unit Dynamic Unit Moderate

-0,54 +0,55

2,027 4,931

GENERTELLIFE S.P.A. Adria Equilibrio Genertellife Aptus 1 Genertellife Aptus 2 Genertellife Aptus 3 Genertellife Bg 2005-2015 Genertellife Bg 2005-2020 Genertellife Bg 2005-2025 Genertellife Bg 2005-2030 Genertellife Bg Azionario 1 Genertellife Bg Azionario 2 Genertellife Bg Bilanciato 1 Genertellife Bg Bilanciato 2 Genertellife Bg Dinamico Genertellife Espansione Genertellife Espansione2000 Genertellife Sviluppo

+0,28 6,029 +0,39 4,893 +0,34 4,403 +0,33 3,64 +0,48 10,494 +0,85 9,899 +1,04 8,993 +1,06 8,487 -0,41 2,182 -0,32 2,509 -0,15 3,902 +0,14 5,107 +0,37 8,093 -0,26 2,733 -0,22 2,751 +0,17 4,149

86,135 135,149 63,297 96,924 136,368 179,282 123,124 192,524 75,203 165,472 224,018 107,912 184,931 108,962 173,009

Genertellife Sviluppo2000 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio Genertellife Tirreno Unit Protezione Genertellife Tirreno Unit Sviluppo Genertellife Valore

VARIAZ. QUOT.

-0,11 +0,07 +0,07 -0,23 +0,47

3,713 5,92 5,866 5,122 6,171

INA ASSITALIA Ina Fondo Ina Valore Attivo Ina Fondo Valute Estere Ina Nuovo Fondo Ina

+0,07 +0,50 +0,06

4,166 1,201 8,049

INTESAVITA SPA Intesa Vita Accumulazione Intesa Vita Azionario America Growth Intesa Vita Azionario America Value Intesa Vita Azionario Cina Intesa Vita Azionario Europa Growth Intesa Vita Azionario Europa Value Intesa Vita Crescita Intesa Vita Dinamica Intesa Vita Eurounit Azionario Intesa Vita Eurounit Dinamico Intesa Vita Eurounit Equilibrato Intesa Vita Eurounit Prudente Intesa Vita Gpa Accordo Intesa Vita Gpa Accordo 2 Intesa Vita Gpa Acuto Intesa Vita Gpa Acuto 2 Intesa Vita Gpa Armonia Intesa Vita Gpa Armonia 2 Intesa Vita Gpa Motivo Intesa Vita Gpa Motivo 2 Intesa Vita Monetario Dollaro Intesa Vita Monetario Euro Intesa Vita Obbligazionario Euro Intesavita Gpa Private Bond Intesavita Gpa Private Global Guar. Intesavita Gpa Private Global High Intesavita Gpa Private Global Low Intesavita Gpa Private Global Medium

+0,24 +0,06 -0,53 +1,41 -1,27 -2,15 +0,34 +0,21 +0,25 +0,22 +0,14 +0,05 +0,35 +0,32 +0,85 +0,83 +0,69 +0,69 +0,48 +0,48 +2,76 -0,01 +1,10 +1,49 +1,28 +0,26 +1,25 +0,99

5,377 8,747 9,585 23,192 10,621 11,023 6,163 4,788 3,157 5,097 5,649 6,499 697,59 669,63 417,52 350,50 531,73 467,48 646,76 607,21 9,629 10,836 11,58 747,66 604,37 346,49 690,10 561,67

MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo Mediolanum Azionario Dinamismo Bis Mediolanum Azionario Fedelt¿ Mediolanum Azionario Lntraprendenza Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis Mediolanum Azionario Protezione Mediolanum Balanced Mediolanum Balanced Bis Mediolanum Country Mediolanum Country Bis Mediolanum Dynamic Mediolanum Dynamic Bis Mediolanum Eurobond Breve Termine Mediolanum Eurobond Opportunita' Mediolanum Eurobond Sviluppo Mediolanum Euroequity Opportunita' Mediolanum Euroequity Protezione Mediolanum Euroequity Sviluppo Mediolanum Moderate Mediolanum Moderate Bis Mediolanum Obb. Breve Termine Bis Mediolanum Obb. Crescita Bis Mediolanum Obb. Evoluzione Bis Mediolanum Obb. Moderazione Bis Mediolanum Obbligazionario Crescita Mediolanum Obbligazionario Liquidita' Mediolanum Obbligazionario Moderazione Mediolanum Opportunity Mediolanum Opportunity Bis Mediolanum Prudent Mediolanum Prudent Bis Mediolanum Sector Mediolanum Sector Bis

+0,09 +0,08 +0,00 +0,09 +0,08 +0,02 +0,13 +0,15 +0,09 +0,10 +0,14 +0,15 +0,00 +0,16 +0,06 +0,10 +0,02 +0,11 +0,12 +0,13 +0,00 +0,14 +0,00 +0,05 +0,16 +0,00 +0,04 +0,05 +0,07 +0,00 +0,00 +0,15 +0,12

3,462 3,966 1,857 3,223 3,956 5,849 4,754 4,827 3,355 3,917 4,171 4,576 6,758 7,106 6,84 4,209 6,471 4,458 5,202 5,224 5,533 5,598 5,199 5,569 6,974 6,666 6,73 3,764 4,118 6,217 5,511 3,322 4,131

MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario -1,08 -0,54 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato Milano Assicurazioni Previlink Monetario +0,02 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario+0,16

3,015 4,39 6,169 5,707

RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. Risparmio Crfc Gentile Dinamica Risparmio Crfc Gentile Equilibrata Risparmio Eurolink Cv Dinamico Risparmio Eurolink Cv Equilibrato Risparmio Eurolink Cv Risparmio Risparmio Formula Link In Prima Risparmio Formula Link In Seconda Risparmio Formula Link In Terza Risparmio Gestivita Azionario Risparmio Gestivita Bilanciato Risparmio Gestivita Obbligazionario Risparmio Patavium Ul Dinamico Risparmio Patavium Ul Equilibrato

3,013 5,416 12,861 12,797 11,871 11,632 9,955 8,075 8,961 10,944 12,974 7,57 8,88

-2,68 -1,67 -1,70 -0,45 -0,29 +0,03 +0,23 -0,96 +0,23 +0,52 +0,62 +0,00 -0,12

SARA VITA S.P.A. +1,55 Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale+1,53 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo+0,79 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale+1,29 -0,21 Sara Vita Profilo Guardian

8,20 7,885 9,394 9,817 9,73

UNIPOL ASSICURAZIONI Unipol Uninvest Arcosereno Unipol Uninvest Azioni Piu' Unipol Uninvest Crescita Unipol Uninvest Equilibrio Unipol Uninvest Flessibile Unipol Uninvest Grande7 Unipol Uninvest Grandevita Unipol Uninvest Mach 7 Unipol Uninvest Otto&Mezzo Unipol Uninvest Performance Europa Unipol Uninvest Risparmio Unipol Uninvest Valore

+0,00 +1,04 +1,72 +1,83 +1,42 +1,06 +1,05 +0,18 +0,23 +0,77 +2,03 +1,18

119,53 110,122 13,922 13,203 7,155 109,905 106,092 111,47 104,045 7,602 13,88 12,872

ZURICH LIFE AND PENSION Zlap Controllo Zlap Crescita Zlap Equilibrio Zlap Evoluzione Zlap Protezione Zlap Prudenza Zlap Sicurezza Zlap Sviluppo

-0,09 -1,53 -0,41 -0,37 +0,57 +0,05 +0,25 -1,14

5,523 6,325 7,689 4,845 8,149 5,871 5,595 3,642


14

il Domani

Venerdì 27 Agosto 2010

IMPRESE E LAVORO L’associazione ha presentato i dati al convegno "Usura e fisco" in Puglia

Nel Mezzogiorno l’usura è cresciuta del 117 per cento, parola di Contribuenti.it di Ettore Zonno OSTUNI - Allarme usura nel Sud del Paese. «Nel 2010 sta dilagando l’usura nel Mezzogiorno a seguito della grave situazione di difficoltà economica in cui versano le famiglie e le piccole imprese. Il sovra indebitamento delle famiglie del Mezzogiorno, nel 2010, è cresciuto del 156,2%, rispetto al 2009 e l’usura è aumentata del 117,6%». Lo rilevano i dati resi noti ad Ostuni, all’apertura del convegno "Usura e fisco", da Contribuenti.it - Associazione contribuenti italiani che con lo "Sportello antiusura" monitora costantemente il fenomeno del sovra indebitamento delle famiglie e delle piccole imprese in Italia. «Nel Mezzogiorno sono a rischio d’usura 681.000 fami«Nel glie e 716.000 piccoli imprenditori», afferma Vittorio Mezzogiorno Carlomagno, presidente di Contribuenti.it. sono a «Il debito medio delle famirischio d’usura glie meridionali ha raggiunto la cifra di 31.200 euro, men681.000 tre quello dei piccoli imprenditori ha raggiunto il tetto dei famiglie e 49.300 euro». 716.000 «Al primo posto delle regioni maggiormente esposte piccoli all’usura - afferma Carlomaimprenditori», gno - troviamo la Campania, seguita dalla Puglia, Sicilia, ha affermato Calabria, Basilicata ed il Molise». Carlomagno «La crisi economica del Mezzogiorno, l’aggressione al patrimonio familiare da parte delle esattorie, il proliferare del pagamento delle tasse a rate, la impossibilità di accesso al credito bancario, la crescita del gioco d’azzardo e delle scommesse sportive legalizzate ed il boom delle carte di credito revolving, con tassi del 25%, - continua Carlomagno - stanno trascinando migliaia di famiglie e piccole imprese meridionali nelle mani di spregiudicati usurai». «I dati - conclude Carlomagno - confermano che il fenomeno sta aumentando ed è ancora difficile intravederne l’apice. In passato,

Vittorio Carlomagno

ogni qual volta l’economia ha segnato brusche frenate, «Il debito medio l’usura ha subito delle forti crescite. Ora c’è un ulteriore delle famiglie problema: oltre la poca promeridionali pensione alla elargizione del credito associata a commis- ha raggiunto sioni insopportabili applicate dalle banche e dalle esattorie, la cifra di si sta registrando un’aggres31.200 euro, sione al patrimonio familiare da parte del fisco, sia diretta- mentre quello mente mediante la riscossione coattiva, che indiretta- dei piccoli mente attraverso l’uso spreimprenditori ha giudicato delle scommesse sportive, costringendo nume- toccato il tetto rose famiglie monoreddito a dei 49.300 euro» richiedere prestiti». L’associazione Contribuenti.it chiede urgentemente al Governo uno stanziamento straordinario a favore del Sud di 10 miliardi di euro, di sospendere la riscossione delle imposte nei confronti delle famiglie e dei piccoli imprenditori assistite dalle fondazioni antiusura e di tutti coloro che hanno perso un lavoro, di bloccare il gioco di azzardo che sta diventando l’altra faccia di un’Italia sempre più povera e, soprattutto, di «riformare urgentemente il fisco, rendendolo più equo, ponendo al centro del sistema la famiglia al posto dell’impresa».


Venerdì 27 Agosto 2010

il Domani 15

IMPRESE&LAVORO

Ursini: «Nuovo commissario sblocchi la situazione»

Asp Catanzaro, 12 disabili in attesa di assunzione di Ettore Zonno CATANZARO - «Mentre da una parte il Governo nazionale attiva misure straordinarie a sostegno delle persone disabili, dall’altra c’è chi tali misure le ignora, o fa finta d’ignorarle, rinviandone l’applicazione. Ed a farlo sono spesso gli enti pubblici, che disattendono i contenuti della Legge 68/99 in materia di diritto al lavoro dei disabili ed in particolare dell’art. 3 della stessa. Tale articolo, infatti, sancisce che "i datori di lavoro pubblici che occupano dipendenti in misura superiore a 50 unità, sono tenuti ad assumere disabili nella misura del 7% dei lavoratori occupati al 31 dicembre dell’anno precedente"». «Tra le aziende che ancora non hanno ottemperato all’obbligo di assunzione c’è anche l’Asp di Catanzaro, già diffidata dall’ufficio Lavoro e politiche sociali della provincia che tra i suoi compiti ha proprio quello della verifica sul collocamento obbligatorio dei disabili». Lo afferma Vincenzo Ursini, segretario provinciale e portavoce regionale dell’Ugl sanità. «Questa situazione assurda si traduce in 12 mancati posti di lavoro che potrebbero essere di grande aiuto ad altrettante famiglie disagiate del territorio. Siamo in presenza di una “disattenzione” burocratica - continua Ursini - che va immediatamenterimossaprocedendo allo scorrimento delle due graduatorie del pubblico concorso (cat. BS e categoria C) espletato dall’Asp lo scorso anno. Questo consentirà a chi ne ha diritto di ottenere una occupazione stabile ed eviterà danni erariali non indifferenti». È prevista una penale di 51 euro al giorno per ogni unità non assunta. «Su tale aspetto - aggiunge - l’art. 1, comma 523 della Legge 296/2006 è molto chiaro perché prevede che in applicazione della citata legge le limitazioni sulle as-

sunzioni dettate dalle varie finanziare non si applicano proprio al personale appartenente alle categorie protette». «Inoltre, su decreto Legge n. 78 del 1° luglio 2009 c’è la Circolare interpretativa della presidenza del Consiglio dei ministri, pubblicata sulla G.U. il 2 febbraio 2010 e a firma del ministro Brunetta, che al punto 4 chiarisce che dal divieto di assumere «sono escluse le categorie protette nel limite del completamento della quota d’obbligo. Trattasi di una categoria meritevole di tutela in quanto rientrante tra le fasce deboli della popolazione che rimane normalmente scusa dai blocchi e dai vincoli assunzionali, attesa l’esigenza di assicurare in maniera permanente l’inclusione al lavoro dei soggetti beneficiari della normativa di riferimento. Si ricorda –

Siamo in presenza di una “disattenzione” burocratica - dice Ursini che va immediatamente rimossa procedendo allo scorrimento delle due graduatorie del pubblico concorso espletato dall’Asp lo scorso anno dice Brunetta – che la mancata copertura delle quote d’obbligo riservata alle categorie protette è espressamente sanzionata sul piano penale, amministrativo e disciplinare, come previsto dall’art. 15, comma 3, della L. 12 marzo 1999, n. 68». «Il nostro augurio - conclude Ursini - è che il nuovo commissario straordinario, così attento alle problematicheaziendali,sblocchi l’assunzione dei 12 disabili, evitando che i coinvolti attivino tutte le procedure legali previste».


16

il Domani

Venerdì 27 Agosto 2010

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE L’espressione ricorre in tutti i commenti dal Presidente della Repubblica in giù

Parola d’ordine delle istituzioni in coro: tenere alta la guardia di Carlo Bassi ROMA - Non bisogna abbassare la guardia. Questo il monito del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano dopo il secondo attentato dinamitardo in meno di otto mesi contro la giustizia reggina, La bomba contro la Procura generale di Reggio Calabria e le minacce ai magistrati indussero a gennaio il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a compiere una visita in città per esprimere la sua solidarietà (quello stesso giorno fu trovata un’automobile contenente un consistente quantitativo di armi lungo il corteo presidenziale) e il premier Silvio Berlusconi a riunire un consiglio dei ministri proprio lì approvando un piano straordinario per la lotta contro le mafie. Una vicinanza ai magistrati contro la criminalità confermata ieri dal ministro della Giustizia, Angelino Alfano: «Lo Stato ha dichiarato il Guardasigilli - è vicino al procuratore generale Di Landro e a tutta la magistratura reggina. Questo ultimo ennesimo vile atto intimidatorio conferma la bontà dell’impegno finora profuso nel contrasto all’ndrangheta, ma ci impone di mantenere alto il livello di guardia. «Quanto è accaduto - ha continuato il ministro - rafforza la determinazione del governo nel portare avanti la lotta alla criminalità mafiosa, cosa che abbiamo fatto finora adottando provvedimenti sempre più incisivi che ci hanno consentito di raggiungere traguardi prestigiosi.

La criminalità, come una bestia ferita è in difficoltà, ma proprio per questo siamo consapevoli di quanto possa essere pericolosa». «Questo ennesimo grave episodio si inserisce in una lunga scia di intimidazioni e minacce, iniziata lo scorso 3 gennaio, nei confronti della magistratura calabrese tutta. Certamente Di Landro rappresenta il più alto vertice della magistratura in Calabria, ma non bisogna dimenticare che sono stati messi proiettili sulle macchine di servizio, sottoposte a vigilanza e posteggiate nel palazzo di giustizia, di altri magistrati a riprova del fatto che si

La situazione richiamò anche l’attenzione del governo, tanto che il 28 gennaio a Reggio Calabria ci fu una riunione del Cdm con un piano straordinario

tratta di un piano di intimidazione generale e allargata», ha dichiarato il Procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso. Ha parlato di «vile attacco terroristico ed intimidatorio finalizzato ad alimentare una strategia di terrore e di violenza che la criminalità organizzata rivolge contro la legalità e a chi di essa è simbolo e custode» il presidente della Camera dei Deputati, Gianfranco Fini, in un messaggio a Di Landro. «Sono certo - scrive Fini che il suo prezioso lavoro, che quotidianamente svolge con indubbia professionalità, per il rispetto della legge e al servizio delle Istituzioni e dei cittadini continuerà con rinnovato rigore nella lotta contro ogni forma di crimine. Nel condannare con fermezza questo gravissimo attentato, Le esprimo, signor Procuratore, la più sincera solidarietà ed il più vivo ringraziamento per il suo impegno a nome mio personale e della Camera dei deputati». Solidarietà anche del presidente del Senato, Renato Schifani che ha parlato di «un vero e proprio attacco al cuore dello Stato».

Il capo dello Stato ha ribadito l’apprezzamento per l’ impegno e la professionalità della magistratura reggina, insieme alle forze dell’ordine, nella lotta alla ’ndrangheta

Bersani replica a Veltroni e annuncia l’arma vincente: un nuovo Ulivo

ROMA - Come pensa il Pd di approfittare delle difficoltà della maggioranza? Con una ipotesi di governo tecnico e "nuovo Ulivo nel quadro di una "Alleanza per la democrazia". Sono questi i temi trattati da Pier Luigi Bersani in una lettera pubblicata su La Repubblica . A due giorni dalla missiva di Walter Veltroni al Corriere della Sera, in cui l’ex sindaco di Roma ed ex leader del partito aveva chiesto al Pd di non imbarcarsi in una "santa alleanza" pur di sconfiggere Silvio Berlusconi, adesso è sceso in campo direttamente Bersani. Il quale sconfessa le proposte di Veltroni, e spiega la sua idea per battere il centrodestra. Partendo da un’analisi, a suo dire, della situazione: "Il consenso per Berlu-

sconi è ancora largo, - scrive il segretario del Pd - ma il rapporto fra parole e fatti e fra promesse e realtà diventa sempre più labile anche nella percezione dei ceti popolari. Vengono alla luce degenerazioni corruttive che vivono all’ombra di un potere personalizzato". E ancora: "Rendendoci disponibili oggi ad un governo di transizione - spiega Bersani - non cerchiamo né scorciatoie né ribaltoni. Sfidiamo piuttosto la destra a riconoscere la realtà e ad ammettere l’impossibilità di andare avanti con l’attuale esperienza di governo". Per Bersani, bisogna perciò correggere la legge elettorale e tornare al voto al più presto, senza considerare tutto questo un tradimento del mandato elettorale o uno

Basta proclami ci vogliono uomini e mezzi di Carlin ROMA - «Nell’esprimere sincera solidarietà al Procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro, per il nuovo e grave atto intimidatorio subito, sento il dovere di richiamare, ancora una volta, l’attenzione dei ministri dell’Interno, Roberto Maroni, e della Giustizia, Angelino Alfano, su Reggio Calabria e provincia». Lo afferma in una nota la parlamentare Angela Napoli (Fli). «Reggio Calabria e provincia - aggiunge - sono territori madri

delle più potenti e dirompenti cosche della ’ndrangheta, la cui pervasività ha influenzato le varie istituzioni, creando un sistema di potere sicuramente non rintracciabile in altre parti del territorio regionale e nazionale. Credo sia giunto davvero il momento di smetterla con i soli proclami di solidarietà ed, invece, intervenire su Reggio Calabria con uomini, mezzi e norme speciali, in modo da poter individuare e colpire tutti coloro che da mesi sono riusciti a creare questo clima certamente torbido e preoccupante, e per garantire soprattutto quella parte della Magistratura reggina che si adopera per applicare la Giustizia, tanto necessaria all’intera comunità».

strappo costituzionale. In caso di elezioni, poi, Bersani propone la creazione di "un’alleanza democratica per una legislatura costituente" che "potrebbe coinvolgere anche forze contrarie al berlusconismo che in un contesto politico normale (come già avviene in Europa) avrebbero un’altra collocazione". Ed è partendo da questa tesi che Bersani sostiene la necessità di dar vita ad "un percorso comune delle forze di centrosinistra" che ponga fine all’esperienza dell’Unione, ma prenda semmai "la forma e la coerenza di un nuovo Ulivo. «Un nuovo Ulivo - conclude Bersani - in cui i partiti del centrosinistrapossanoesprimereun progetto univoco di alternativa per l’Italia e per l’Europa».


Venerdì 27 Agosto 2010

il Domani 17

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE Dignità da difendere anche quella degli altri operai e della Fiat non solo dei 3

Marchionne fuori dai denti: è inammissibile tollerare illeciti di Roberto Carli ROMA - Ha difeso la linea adottata dalla Fiat a Melfi, la sua "etica di business" e il suo progetto "Fabbrica Italia" per rifondare l’industria automobilistica italiana, l’ad Sergio Marchionne, intervenendo al Meeting Cl di Rimini. Ma rispondendo alle "gravi accuse" lanciate in questi giorni all’indirizzo del gruppo a causa della vicenda di Melfi, ha espresso il suo rammarico perché vede non compresi e non apprezzati questi sforzi e ha rilanciato sulla necessità e la responsabilità del cambiamento per dare un futuro al Paese, altrimenti destinato al declino economico e sociale. In Italia, è la sua riflessione, «l’elogio del cambiamento si ferma sulla soglia di casa, va bene finché non ci riguarda», ma «rifiutare il cambiamento a priori - ha avvertito - significa rinunciare al futuro, ci troveremo costretti a gestire solo i cocci del nostro passato». In questi giorni vede contrapporsi due modelli, «uno che si ostina a proteggere il passato, uno che cerca di andare avanti», ma »fino a quando non ci lasciamo alle spalle i vecchi schemi non ci sarà spazio per vedere nuovi orizzonti". «La maggior parte delle persone che lavorano in Fiat ha compreso e apprezzato questo impegno, eppure sono arrivate accuse assurde». La Fiat non ha intenzione di "sbandierare" le proprie ragioni in tv o partecipare a "teatrini", Marchionne però sente «il dovere di difendere non soltanto la serietà del nostro progetto, ma anche le ragioni di chi ha abbracciato questa sfida e che ha voglia di fare qualcosa di buono. Mi riferisco in particolare alla Cisl e alla Uil e ai loro segretari generali, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, che ci stanno accompagnando in questo processo di rifondazione dell’industria dell’auto italiana». A Melfi, ha quindi sottolineato con forza Marchionne, la Fiat "ha rispettato la legge" e "dato pieno seguito al primo provvedimento della magistratura". Pur mante-

Sospiro di sollievo per 20mila turisti: revocato lo sciopero Tirrenia del 30 e 31 agosto

nendo le proprie riserve nel merito, ha garantito ai tre operai l’accesso allo stabilimento e l’esercizio delle attività sindacali, nella speranza però che la prossima pronuncia della magistratura sia «meno condizionata dall’enfasi mediatica che ha in parte travisato la realtà dei fatti». Al termine del suo discorso, interpellato dai cronisti ha espresso "grandissimo rispetto" per il presidente della Repubblica Napolitano, spiegando di accettare il suo intervento sulla vicenda di Melfi «come un invito a trovare una soluzione». Marchionne è stato però molto fermo nel ribadire i termini della questione. Ha ricordato infatti come l’accordo di Pomigliano sia stato approvato dalla maggioranza dei sindacati e dei lavoratori, e

«Questo sforzo viene visto con la lente deformata del conflitto, continuando a pensare che ci sia una lotta tra capitale e lavoro, tra padroni e operai»

ROMA - Possono tirare un sospiro di sollievo gli oltre 20 mila vacanzieri che, a causa del paventato blocco dei traghetti Tirrenia il 30 e il 31 agosto, rischiavano un prolungamento forzato delle ferie. Dopo che gli equipaggi di quattro navi, 300 addetti, hanno scritto al ministro dei TrasportiAlteroMatteolifacendosapere che non avrebbero aderito alla protesta, ieri è stata la Uil Trasporti a fare un passo indietro. Il sindacato ha deciso di differire lo sciopero del personale Tirrenia. La nuova data verrà stabilita dopo il tavolo del 6 settembre convocato dal ministro

quindi si aspetta che gli accordi vengano rispettati e applicati, mentre «non è onesto usare i diritti di pochi per piegare i diritti di molti». Ha spiegato di rendersi conto che certe decisioni sono sembrate "impopolari", ma si sono rese necessarie per «palesi violazioni della vita civile in fabbrica». «È inammissibile difendere e tollerare illeciti arrivati fino al sabotaggio. Non è giusto nei confronti dell’azienda e non è giusto nei confronti di altri lavoratori. Dignità e diritti non possono essere patrimonio esclusivo di tre persone. Sono valori che vanno difesi e riconosciuti a tutti». C’è anche «la dignità della nostra impresa e il diritto al lavoro di tutti». Marchionne ha poi ricordato i successi e l’apprezzamento della Fiat a livello internazionale, a partire dalla partnership con l’americana Chrysler, ed espresso "l’orgoglio" dell’azienda per essere impegnata nella rifondazione dell’industria dell’auto negli Stati Uniti, ma ha l’impressione che «sfortunatamente in Italia non ci siano interesse né fiducia verso questo straordinario» patrimonio rappresentato dalla Fiat, o «forse più semplicemente non ne vogliamo sapere perché abbiamo paura di cambiare o ci manca la voglia e molto spesso - ha avvertito

con i sindacati. Una decisione che arriva dopo la scelta di Matteoli di non emettere l’ordinanza di differimento. «Finalmente - ha commentato Caronia, segretario della Uilt - un segnale di responsabilità. Naturalmente non possiamo a questo punto non accogliere l’invito del ministro a differire lo sciopero la cui eventuale effettuazioneel’eventualedataverrà decisa sulla base delle risultanze del previsto incontro del 6 settembre prossimo». «Evidenzio che su questa nostra decisione - conclude Caronia - ha molto pesato anche la consapevolezza dei gravi disagi che il nostro sciopero, seppur legittimo, avrebbe causato a migliaia di cittadini ai quali chiediamo di sostenere la nostra lotta a difesa dei diritti fondamentali come il lavoro». In mattina-

mostrando tutto il suo rammarico - sono queste le ragioni del declino economico e sociale di un Paese». Il progetto "Fabbrica Italia", ha ribadito Marchionne, "dimostra il nostro impegno" verso grandi investimenti e l’aumento della produzione dei veicoli nel nostro Paese, ma è «indispensabile colmare il divario competitivo per garantire all’Italia una grande industria dell’auto e ai lavoratori un futuro». «La verità - ha però osservato l’ad del Lingotto - è che l’unica area del mondo in cui il gruppo Fiat è in perdita è l’Italia». E se ha voluto fare comunque dell’Italia la "base strategica" per la produzione e la vendita delle sue auto non è certo per "convenienza economica", ma perché «pensiamo sia nostro dovere privilegiare il Paese dove la Fiat ha le proprie radici e perché crediamo nel futuro italiano della Fiat», ha spiegato Marchionne. «L’unica cosa che chiediamo - ha aggiunto - è la garanzia di poter gestire i nostri stabilimenti in modo affidabile, continuo e normale (mentre eccezionale per un’azienda è restare in Italia, rinunciando a vantaggi sicuri in altri Paesi) e di riconoscere la necessità di cambiare e aggiornare il sistema in modo che garantisca alla Fiat di poter competere, perché la cosa peggiore di un sistema industriale incapace di competere è che sono i lavoratori a pagarne le conseguenze. Fiat è «l’unica azienda disposta ad investire 20 miliardi di euro in Italia», ma nonostante questo, si rammarica il manager, «ho l’impressione che nel nostro Paese questi sforzi non vengano compresi o nonvenganoapprezzatiintenzionalmente». «Questo sforzo viene visto con la lente deformata del conflitto, continuando a pensare che ci sia una lotta tra capitale e lavoro, tra padroni e operai. Se l’Italia non riesce ad abbandonare questo modello di pensiero, non risolveremo niente, erigere barricate porta solo ad una guerra in famiglia». Serve invece «uno sforzo collettivo, un patto sociale, per condividere sacrifici e impegni e consentire al Paese di andare avanti. Un’occasione per costruire il Paese che lasceremo alle nuove generazioni».

ta Matteoli aveva diffuso una nota nella quale anticipava che, pur essendoci tutti i "presupposti", non avrebbe emesso l’ordinanza di differimento dello sciopero. «Auspico pertanto che i sindacati che hanno proclamatol’astensionelavorativaperil 30 e il 31 agosto la revochino e che si possa aprire un confronto».


18

il Domani

Venerdì 27 Agosto 2010

CRONACHE

Si è insediato ieri il nuovo Questore, Vincenzo Roca di Carmela Mirarchi CATANZARO - Si è insediato, ieri mattina, il nuovo questore di Catanzaro, Vincenzo Roca, proveniente dalla Questura di Salerno. «Il Questore - è detto in un comunicato - ha voluto ricordare i dipendenti della Polizia di Stato, caduti nell’adempimento del dovere, deponendo un fascio di fiori sulla lapide sita nel cortile della Questura. Successivamente, dopo avere incontrato i funzionari e visitato gli uffici della Questura, ha iniziato le visite istituzionali, che proseguiranno anche nei giorni successivi». Per oggi alle 11, è previsto un incontro con i giornalisti nel salone conferenze della Questura. Ieri mattina c’è stata la visita istituzionale del nuovo questore Vincenzo Roca a palazzo De Nobili. A riceverlo il sindaco Rosario Olivo con il quale si è intrattenuto inuna cordialeconversazione. Arrivato nel capoluogo già da qualche giorno, il questore ha riferito di avere molto apprezzato il carattere ospitale dei catanzaresi e ha avuto parole di apprezzamento per la Città, trovandola molto diversa e migliorata rispetto agli inizi degli anni ’90, quando Roca l’aveva visitata per essere in servizio in Calabria, alla Criminalpol. Il colloquio si è poi incentrato sui temi della sicurezza. Il Primo cittadino ha, tra l’altro, illustrato i punti salienti del Pon «con l’auspicio - ha detto - che possa essere approvato dopo le rivisitazioni cui è stato sottoposto. Non sarà certo il toccasana per risolvere tutti i problemi - ha aggiunto Olivo - ma, almeno, potrà servire per garantire la legalità in particolare nei quartieri a sud». Il questore, dal canto suo, ha ribadito l’impegno della Polizia nel voler affrontare, con determinazione, le

Il nuovo questore fa visita ad Olivo

questioni della microcriminalità cheriguardanoilterritoriocittadino e, assieme al sindaco, si è augurato che si possa stabilire una sinergia positiva tra le varie istituzioni, una "rete" che possa meglio affrontare le emergenze. All’incontro hanno partecipato anche il segretario generale del Comune, Teresa Manzi, e il presidente del

Consiglio comunale, Francesco Passafaro. Proprio quest’ultimo ha illustrato al questore le iniziative sulla legalità organizzate, per le scuole, dalla Presidenza del Consiglio, chiedendo la disponibilità della Questura per nuove manifestazioni. Disponibilità che Roca si è detto entusiasta di confermare.

Tarantella Power, questa sera ci sarà il gran finale BADOLATO - Eclettico e versatile, istrione e sognatore, sperimentatore etrascinatore. Lui è Claudio Prima, leader riconosciuto di BandAdriatica, e questa è l’immagine che ha illuminato la terza nottedi Tarantella Power a Badolato. Da una parte nella musica di questo collettivo c’è la radice etnica, che è incredibilmente forte, dall’altra c’è l’apertura straordinaria alla sperimentazione nell’intrigante complessità delle sue sfaccettature. È musica di confine nel senso che sta qui e in un altrove possibile. E questa è la bellezza dei concerti che Tarantella power è sempre orgogliosa di ricercare e poi presentare al suo fedele pubblico. Ieri il grande concerto di Ginevra DeMarco prima della apoteosi finale di questa sera con la leggendaria Kocani Orkestar, espressione di una ricchissima tradizione in quelle zone di confine dei Balcani tra la Macedonia e l’Oriente. Una fanfara che eredita caratteri ed umori di tutta una lunga storia, fatta di invasioni e domini vari in una Terra, la Macedonia, che ha assimilato culture diverse ed elaborato un suo stiledi vita e concezione artistica. Il concerto partirà alle ore 22 fino ad orario non meglio precisato in Piazza Fosso.

Arrestata donna rom con ben 40 alias, ha commesso furti ovunque dal 1997 LAMEZIA TERME - Una donna serba, Sisica Duric, 29 anni, di etnia rom, è stata arrestata dai carabinieri della Stazione di Falerna, nel corso di un serviziostraordinario di controllo del territorio attuato lungo la strada statale 18, tra Sant’Eufemia e Nocera Terinese. Nei confronti della donna pendono ben quattro provvedimenti di condanna. La donna è stata segnalata ai militari, impiegati unitamente ad altre pattuglie in un servizio straordinario di controllo del territorio attuato lungo la fascia costiera tra Sant’Eufemia e Nocera Terinese, da alcuni privati cittadini, mentre, in compagnia di una ragazzina e di un’altra connazionale, si aggirava con fare sospetto tra le vie periferiche di Falerna Marina. I sospetti dei cittadini, infatti, si sono dimostrati più che fondati. Infatti quando i militari hanno chiesto i documenti le donne non sono state in grado di fornirli. A quel punto si è reso necessario accompagnarle in caserma e sottoporle ai rilievi fotosegnaletici ai fini dell’identificazione. Difficile ancora a dirsi chi sia con esattezza una delle tre donne fermate, peraltro in avanzato stato di gravidanza: la stessa, infatti, è risultato abbia fornito nel corso degli anni ai vari organi di polizia italiani, oltre 40 diversi nominativi, per ognuno dei quali sono risultati provvedimenti di condanna o custodiali. La Duric, con i suoi 40 alias, infatti, ha imperversato con la sua attività delinquenziale consistente nella commissione di furti in bitazione ed altro, in tutta la penisola a partire dal 1997ad oggi. Sulla stessa sono stati emessi provvedimenti di condanna dai Tribunali di Palermo, Bari, Napoli, Salerno, Catanzaro, Messina, Catania, Siracusa, Taranto e Roma. In ultimo la Procura della Repubblica di Bari ha emesso un provvedimento di unificazione di pene concorrenti ad anni 8, mesi 5 e giorni 20 di reclusione. Al termine degli accertamenti la nomade è stata richiusa nella casa circondariale di Castrovillari

Soprallugo nel quartiere marinaro Interventi anche a Giovino e Fortuna CATANZARO - Sopralluogo, ieri mattina, nel quartiere marinaro della città da parte dell’assessore all’Ambiente Domenico Iaconantonio, del presidente della competente commissione consiliare, Eugenio Riccio, e del presidente della "Catanzaro servizi" Giuseppe Grillo. Il breve accertamento è servito per verificare le criticità ambientali segnalate negli ultimi giorni dai cittadini. Grillo ha rassicurato sull’impegno di otto squadre di operai della "Catanzaro servizi" nel lido della città già in azione da ieri mattina e, in particolare, ha annunciato che saranno potati gli alberi lungo il viale che attraversa rione Fortuna, quelli di località Giovino e quelli che si trovano sul Lungomare.


Venerdì 27 Agosto 2010

il Domani 19

CRONACHE

Fc, a Catanzaro arriva il primo direttore africano di Carmela Mirarchi CATANZARO - «Orgoglioso di essere il primo direttore sportivo africano a lavorare in Italia». Così ha esordito il nuovo diesse del Catanzaro, Malù Mpasinkatu, dopo la presentazione avvenuta nella tarda mattinata di ieri nella sede sociale da parte del presidente in pectore Maurizio Ferrara. «Sono venuto a Catanzaro con grande entusiasmo - ha aggiunto - e con il cuore, perché è una piazza importante, anche se reduce da cocenti delusioni. Conosco bene la realtà, ma ho piena convinzione, guidato anche dall’esperienza, che con una ventata di freschezza, anche una negatività si può trasformare in positività. Arrivo a Catanzaro con tanta umiltà, ma con la consapevolezza di motivare una tifoseria che ha ora solo bisogno di nuove eccitazioni». L’attuale diesse della nazionale congolese (manterrà il suo ruolo, nonostante il suo impegno con la società giallorossa), ha tra l’altro chiarito che intende scindere la questione societaria, quindi economica, da quella prettamente calcistica, anche se si è detto fiducioso su qualche operazione già in corso "sotto traccia", che potrebbe, almeno nell’immediatezza,dareunpo’ di ossigeno alle casse sociali della Effecì. Quanto all’attuale organico (con Molù sono arrivati, intanto, tre giocatori stranieri, due difensori ed un centrocampista), lo stesso direttore sportivo ha sottolineato che per il suo completamento punterà sì su una linea verde, ma

con elementi che abbiano soprattutto la caratteristica della grandemotivazione.«Néio,né Ze Maria - ha concluso - siamo venuti a Catanzaro per una operazione di facciata. Entrambiavevamoaltreopportunità, senza dubbio superiori economicamente, oltre che a livello di categoria. Abbiamo invece preferito Catanzaro perché è una piazza senz’altro

blasonata e, soprattutto, affamata di calcio». Di poche parole, ma abbastanza esplicito il nuovo tecnico "giallorosso" José Marcelo Ferreira, noto come Ze Maria, nazionale brasiliano (45 presenze) ed ex giocatore di Parma, Perugia ed Inter. «Ho condiviso - ha detto - un certo progetto, che ritengo anche ambizioso, per cui eccomi a Catanzaro».

Questa sera a Montauro Lido Miss Under 50 organizzato dal duo Franco e Veneranda Arena MONTAURO - Dopo il brillante successo della quinta edizione 2009 del Concorso di bellezza Miss Under 50 dove si sono esibite le signore dalla bellezza senza età, organizzato con professiionalità da duo instancabile Franco e veneranda Arena, anche quest’anno è prevista infatti la Kermesse 2010, con in passerella tutte le esponenti del gentil sesso capaci di esibire le lorio grazie sotto la luce dei riflettori anche dopo aver superato gli "anta". Il duo Arena, dopo tanti successi ottenuti negli ultimi 20 anni nel settore del defilè

dedicati alla bellezza delle giovanissime, hanno accolto qust’ennesima sfida. Una serata, perciò che avrà come contendenti le signore. La manifestazione si svolgerà nella cittadina jonica di Montauro Lido presso la lussuosa struttura del Ristorante Costaraba questa sera alle ore 21,30 . Tanti gli ospiti che si esibiranno , sicuramente il duo Arena come al solito faranno divertire il pubblico e gli amici che saranno presenti, alla serata all’insegna della moda e del fascino che non tramonta mai.

Pon Sicurezza, nuovi software anche presso il Coa di Lamezia CATANZARO - Rafforzare il controllo delterritorio e garantire una maggiore efficienza delle attività di prevenzione delle forze di polizia dotandole di strumenti che garantiscono rapidità di intervento e presidi visibili. Il Pon Sicurezza 2007-2013 di cui è titolare il ministero dell’Interno intende raggiungere questi obiettivi finanziando il miglioramento e il potenziamento delle dotazioni tecnologiche delle pattuglie di Polizia stradale e delle sale Operative. Con uno stanziamento di 800 mila euro, cofinanziato dall’Unione Europea, è stato infatti approvato il progetto "Geoweb Sud" presentato dalla Direzione centrale per la Polizia stradale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza. Il progetto prevede la dotazione di nuovi software e nuove postazioni presso i Centri operativi autostradali di Napoli, Lamezia Terme, Sala Consilina e Bari. Presso il Cen (Centro elaborazione dati) della Polizia stradale di Napoli, verrà attivato un software di gestione della flotta di veicoli operante nelle 4 regioni Obiettivo Convergenza - Calabria, Campania, Puglia e Sicilia interessate dal Pon Sicurezza. Tale strumento è finalizzato a un impiego più efficace ed equilibrato delle risorse della Polizia stradale sparse sul territorio. L’applicazione informatica Geoweb, già installataa bordo dei veicoli, verrà inoltre potenziata attraverso l’installazione di strumentazioni di controllo mobile di ultima generazione. Inoltre, verrà aggiornato il software dei sistemi di bordo che permetterà di avere accesso al-

le banche dati (compresa quella della Motorizzazione civile) e di ricevere immagini e file multimediali dalle Sale operative di competenza. L’uso di tecnologie all’avanguardia vuole ridurre i tempi di intervento degli automezzi e permettere agli uomini delle forze di Polizia di effettuare rapidamente controlli su targhe, patenti, documenti d’identità, porti d’arma e permessi di soggiorno. In conformità con l’Obiettivo 1.2 del Programma "Garantire il libero e sicuro utilizzo delle vie di comunicazione", il progetto garantirà così piuù sicurezza all’interno delle aree di servizio e di sosta sulle principali arterie autostradali, una riduzione dei rischi di rapine e la prevenzione di danni ai cantieri aperti lungo le strade delle quattro regioni Obiettivo convergenza.

Sara Diana


20

il Domani

Venerdì 27 Agosto 2010

CRONACHE

Anziano malmenato, secondo autista denunciato per omissione di soccorso

Ad aprire la manifestazione a Castiglione sarà Mario Venuti

Il dire & i detti, rassegna di alto valore culturale COSENZA - Mercoledì 1 settembre alle ore 21.30, nell’ Anfiteatro Mia Martini di Castiglione Cosentino, il concerto di Mario Venuti aprirà ufficialmente la seconda edizione della rassegna di parole e musica "Il dire & i detti, le dieci parole da conservare sott’olio", organizzata dal consigliere regionale Salvatore Magarò in collaborazione con l’Assessoerato al Turismo della Regione Calabria, il Comune di Castiglione Cosentino e la Show Net di Ruggero Pegna per la parte musicale. Tutti gli appuntamenti saranno ad ingresso libero. Il sottotitolo di questa seconda edizione è "A vucca chiusa ’un trasanu musche". A Rosa Martirano, accompagnata dal chitarrista brasiliano Roberto Taufic, spetterà invece il compito di chiudere la rassegna il 3 settembre alle ore 21.30 in Piazza della Concordia, nel centro storico del suggestivo comune cosentino alle porte della zona universitaria. Per quanto riguarda gli "Incontri", giorno 1 settembre alle 20.30 in Il 1° settembre il Piazza della Concorconcerto di Mario Venuti dia, Massimo Celani converserà con Paolo aprirà ufficialmente la Jedlowski, Marcello Bruno, Rafseconda edizione della Walter faele Perrelli e John Trumper, titolo della rassegna di parole e conversazione"Forme musica organizzata dal Silenziarie". Il 2 settembre,stessoorarioe consigliere regionale stessa piazza, per la Salvatore Magarò conversazionedaltitolo "Forme omertose". A seguire il concerto dei "Musicanti del Vento". Infine, il 3 settembre per "Forme Secretate" converseranno il giornalista Ar-

cangrelo Badolati (I segreti del boss), il Procuratore di Vibo Valentia Mario Spagnuolo (Il segreto istruttorio), don Ennio Stamile (Il segreto del confessionale), l’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri (Il segreto di Stato). Per il concerto di Mario Venuti ad ingresso libero sono attesi almeno tremila giovani da tutto il cosentino e, in particolare, studenti della vicinissima Università della Calabria. L’Anfiteatro Mia Martini, splendidamente incastonato sotto la Piazza del Centro Storico, può contenere fino a quattromila persone.

COSENZA - E’ stato denunciato per omissione di soccorso un secondo autista dell’Amaco, l’azienda municipale dei trasporti cosentina. Il riferimento è al pestaggio nei confronti di un pensionato, perpetrato da Osvaldo Renzelli, autista appunto dell’Amaco, lo scorso 20 agosto. Adesso arriva la seconda denuncia. Un secondo autista si sarebbe presentato spontaneamente alla Questura, accompagnato dal suo avvocato. Sarebbe passato per caso, libero dal servizio, per Corso Umberto. Avrebbe visto il pensionato accasciato a terra e non lo avrebbe soccorso, per paura. E’ lui una delle persone che sono state immortalate da una telecamera di sorveglianza di un negozio, che ha registrato la scena di diversi passanti indifferenti alla vista del pensionato ferito. La Polizia sta ancora cercando di identificare le altre personeche non hanno prestato soccorso all’anziano.

Bimbo caduto dal terzo piano, il sì dei genitori alla donazione degli organi COSENZA - L’Assessore alle politiche educative del Comune di Cosenza Franco Napoli ha portato ai genitori del piccolo Giuseppe Sicilia, il bimbo che mercoledì scorso è caduto dal balcone della sua abitazione e per il quale èstata purtroppo dichiarata la morte cerebrale, l’abbraccio del Sindaco Perugini e di tutta l’Amministrazione Comunale. «Con noi - dice l’assessore Napoli - è la città tutta a stringersi intorno ai genitori ed ai familiari di Giuseppe i quali, come abbiamo appreso, in un’esperienza di dolore assolutamente inimmaginabile hanno trovato la grande forza di acconsentire all’espianto degli organi, gesto di profonda cristianità e di amore per il prossimo». La notizia della tragedia sta rimbalzando su tutte le testate nazionali. «Quando stamattina ho visto i giornali, avrei tanto voluto leggere di un altro miracolo, come successo ai bimbi di Bergamo e Messina solo qualche giorno fa. Purtroppo - conclude Napoli - per il nostro Giuseppe l’epilogo è stato diverso, e a lui dedichiamo tutte le nostre preghiere»

Il consigliere regionale Magarò

Premio Cassiodoro, il presidente rende noti gli otto vincitori COSENZA - Il presidente del Premio Cassiodoro, Stefano Vecchione, ha reso noto i nomi dei premiati dell’Ottava edizione del riconoscimento a personalità che operano e risiedono in Calabria e che si sono distinte nella ricerca e nell’elaborazione culturale, economica e sociale. Quest’anno il premio coincide con la chiusura della prima settimana della cultura calabrese a Camigliatello Silano, l’evento, unico nel suo genere, che per otto giorni ha fatto incontrare uomini e donne di cultura, di Chiesa, della politica, musicisti, giornalisti, economisti ed imprenditori. L’Ottava edizione del premio ha come tema "Presenza e non Obli". Flavio Magno Aurelio Cassiodoro, il personaggio calabrese a cui è dedicato il premio, è unanimemente riconosciuto quale "modello di incontro culturale, di dialogo, di riconciliazione". Il Premio Cassiodoro 2010 ha come tema conduttore

la presenza di uomini e donne che costruiscono con il loro impegno quotidiano una coscienza rinnovata, non dimenticando chi siamo e da dove veniamo. I premiati sono: Anna Maria Letizia Fazio direttrice dell’Archivio di Stato di Cosenza; Prof. Massimo Veltri, docente Unical, già senatore della Repubblica; l’editore de Il Quotidiano della Calabria, Antonella Dodaro; padre Vittorino Vivacqua, giornalista, operatore culturale, parroco di Camigliatello; Adolfo Collice, imprenditore che ha scelto di vivere ed operare in Sila tra e per la sua gente; al maestro d’arte Mario Celestino; al decano degli editori calabresi Luigi Pellegrini; a Totonno Chiappetta, poeta, attore e uomo di spettacolo. Riconoscimento al presidente dell’Associazione di volontariato "L’incontro" Carmine De Rosa. Premio Cassiodoro 2010 a Franco De Maria e Ornella De Paola, che hanno fondato l’asso-

ciazione "Gian Marco De Maria"; Pietro Turano, presidente dell’Accademia dei giochi tradizionali. Alla memoria vengono assegnati tre riconoscimenti: Eduardo Martire, cultore e divulgatore della Sila e della sua gente; Enzo Stancati, saggista, scrittore di teatro e storico; Tobia Cornacchioli, intellettuale a tutto campo.


Venerdì 27 Agosto 2010

il Domani 21

CRONACHE

Barile ieri ha incontrato il caposquadra Imbrogno: presenza frutto di impegno

«Il distaccamento dei vigili del fuoco a San Giovanni in Fiore è strategico» di Carmelo Morise SAN GIOVANNI IN FIORE - Appena il tempo di arrivare per avviare l’attività dei vigili del fuoco nella città di San Giovanni in Fiore e già la squadra è stata allertata per un primo intervento: un incendio sviluppatosi sulla strada che da San Giovanni in Fioreporta a Castelsilano. A riprova dell’importanza che assume la presenza sul territorio di un presidio che da ieri "prende servizio" in città. I locali che ospiteranno il distaccamento misto, composto da volontari e vigili in servizio permanente, sono stati adeguati alle esigenze e in queste ore saranno resi operativi con gli arredi e tutto ciò che èb necessario per la funzionalità del distaccamento. L’inaugurazione vera e propria avverrà fra qualche giorno, con una cerimonia a cui prenderanno parte diverse personalità e rappresentanti istituzionali, ma il comando provinciale ha voluto anticipare i tempi rendendo operativa sul territorio, a partire da ieri, unasquadra che in prevalenza si occuperà dell’emergenza incendi boschivi, considerato il periodo critico, pronti comunque ad intervenire per qualsiasi altra necessità dovesse verificarsi. "Soddisfazione" è stata espressa dal Sindaco della città, Antonio Barile che ieri mattina, presso la sede del distaccamento allocata in via Re di Sole, ha incontrato il Caposquadra Imbrogno e i suoi uomini per fare il punto rispetto all’avvio di questo importante servizio. «Abbiamo operato inquesto senso sin dal nostro insediamento - dice Barile - e oggi possiamo essere contenti di vedere nel nostro comune all’opera i mezzi e gli uomini di questo prestigioso corpo dei vigili del fuoco. La loro presenza qui, è il frutto del nostro impegno tenace e dell’altrettanta volontà politica e amministrativa dimostrataci a livello romano

Il Comune di San Marco Argentano si aggiuduca un contributo di 260mila euro per la riqualificazione delle aree rurali

Incidente stradale nella Sibaritide, un morto ed un ferito di B. Monissa

ma soprattutto dell’appoggio e del sostegno del Sen. Gentile che ci ha accompagnati a Roma e sostenuti negli incontri in cui abbiamo esposto l’importanza e la necessità di aprire il distaccamento a San Giovanni in Fiore nel cuore della Sila, quale irrinunciabile presenza sul territorio. Finalmente un presidio che apre nella mia città -afferma Barile - e non la spoliazione che si è consumata negli anni, sotto lo sguardo corresponsabile delle amministrazioni che si sono succedute e che non hanno difeso abbastanza tutti quei presidi e quei servizi di cui questa città era dotata. Sono certo che i vecchi amministratori anche in questo caso avranno qualcosa da dire, perdendo l’occasione di tacere, ma quello che conta - dice - sono i fatti e la temporalità degli eventi e un fatto è che dopo il nostro impegno si è dato l’avvio all’apertura». Il distaccamento allo stato funzionerà in

SAN MARCO ARGENTANO - Ancora una buona notizia dall’amministrazione comunale di San Marco Argentano per i cittadini del suo territorio. L’ente guidato da Alberto Termine si è aggiudicato un contributo di 260.000 euro per la riqualificazione delle aree rurali del suo comune, fondi provenienti dal Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria. «Grazie ai Progetti Integrati per le Aree Rurali - ha dichiarato il consigliere comunale con delega all’agricoltura, Ermanno Martino - potremo soddisfare le prime richieste giunte dai nostri concittadini nel corso degli incontri svolti

maniera mista stagionale, ma l’auspicio del primo cittadino è che «a breve si potrà cercare di rivedere il progetto, nel tentativo di farlo diventare a tutti gli effetti un distaccamento permanente»

Il sindaco: «Finalmente un presidio che apre nella mia città e non la spoliazione che si è consumata negli anni, sotto lo sguardo corresponsabile delle amministrazioni che si sono succedute»

nelle varie contrade del nostro comune in occasione della redazione del bilancio partecipato. Gli obiettivi che vogliamo conseguire grazie a questo contributo sono quelli di tutelare e valorizzare le nostre risorse ambientali e paesaggistiche, diversificando e integrando le attività agricole in una prospettiva di economia multireddito. Una serie di iniziative infrastrutturali con cui proveremo a frenare lo spopolamento delle aree rurali e che saranno finalizzate a migliorare la qualità della vita di chi ci vive». Mentre l’ufficio tecnico del Comune è già al lavoro per predisporre l’inizio delle opere che saran-

SPEZZANO ALBANESE - E’ di un morto e di un ferito il bilancio di un grave incidente della strada che si è verificato intorno all’una e trenta di ieri notte nella Sibaritide, la parte Ionica della provincia. Un’Alfa Romeo 147, per cause in corso di accertamento, è sbandata, ribaltandosi più volte e finendo la sua corsa adagiata sul tettuccio. Il fatto è avvenuto sulla bretella di raccordo tra la Strada Statale 283 e la Strada Statale 534, nei pressi di Spezzano Albanese. Morto sul colpo uno degli occupanti dell’auto. Ferito gravemente il secondo. Si tratta, da quanto appreso nell’immediatezza dell’evento, di due giovani. I rilievi sul posto sono stati effettuati dai Carabinieri della Compagnia di San Marco Argentano. Intervenuti anche i Vigili del Fuoco di Cosenza. Il giovane morto nell’incidente, R.S., ha 33 anni ed è di Tarsia. Era lui a guidare l’Alfa Romeo 147 che si è ribaltata più volte. Il passeggero dell’auto, F. C., suo coetaneo, è rimasto ferito. Per lui prognosi di 30 giorni per traumi vari. La Procura di Castrovillari ha disposto il sequestro dell’auto e la riconsegna della salma ai familiari.

no realizzate con i fondi Piar dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Calabria, il sindaco Termine e gli assessori Cupone e Bruno sono già pronti per velocizzare tutte le pratiche e le questioni amministrative, così da rendere immediato il beneficio ricevuto. «Sarà nostro compito - riferisce il primo cittadino di San Marco Argentano - promuovere e realizzare altri interventi pubblici che adeguino le dotazioni infrastrutturali del nostro comune e che migliorino la dotazione dei servizi a favore dei nostri concittadini». Santo Indi


22

il Domani

Venerdì 27 Agosto 2010

CRONACHE

Incendio doloso danneggia l’auto del parroco della chiesa di Cittanova di Carmela Mirarchi CITTANOVA - Un incendio doloso ha danneggiato l’automobile del parroco della chiesa del Rosario di Cittanova, don Salvatore Giovinazzo, di 60 anni. L’automobile, una Peugeot 207, era parcheggiata nei pressi della canonica quando è stata incendiata. Nei mesi scorsi, in due diverse circostanze, il sacerdote aveva subito altri gesti intimidatori con lo squarcio delle gomme della stessa auto. Le indagini per fare luce sull’incendio sono state compiute dagli agenti del commissariato. Il parroco ieri mattina ha incontrato il vicario generale della diocesi di Oppido Palmi, don Pino De Masi, esaminando con lui il contesto nel quale può essere maturata l’intimida-

zione. Don Giovinazzo non riesce a spiegarsi le ragioni di questa serie di intimidazioni. Non è escluso che questi atti intimidatori possano essere collegati alla concessione alla Caritas parrocchiale di un bene sequestrato alla ’ndrangheta. Solidarietà al Parrocco è stata espressa dal sindaco di Cittanova, Alessandro Cannatà, il quale ha convocato per domani un consiglio comunale aperto che affronterà i temi della sicurezza e degli atti vandalici e intimidatori che si stanno verificando in questo ultimo periodo nella città della Piana. «Si resta letteralmente sconcertati davanti a fatti di questo genere, soprattutto in un particolare momento come questo, in cui è ancora vivissima l’eco di quanto accaduto al Procuratore Generale di Reggio

Calabria». Ha affermato in una notal’AssessoreRegionalealleAttività Produttive Antonio Caridi circa l’incendio dell’automobile del Parroco della chiesa del Rosario di Cittanova, don Salvatore Giovinazzo. «Esprimo - aggiunge - la mia più viva solidarietà a don Salvatore Giovinazzo, vittima di ripetuti quanto vili atti intimidatori fino a quest’ultimo gesto violento ed inqualificabile. Cittanova sta purtroppo vivendo un momento di particolare intensità relativamente agli atti intimidatori che si stanno susseguendo con cadenza troppo frequente. Per questo occorre mantenere alto il livello di attenzione per una battaglia che si preannuncia dura e deve vedere in prima linea, accanto a magistratura e forze

Tucci: sì all’invito di convocare il Coordinamento di Grande città REGGIO CALABRIA - «In riferimento al garbato invito formulatomi dai quattro o non meglio individuabili membri (avendo ricevuto diverse e secche smentite tra cui quelle dei Signori Amaddeo, Plutino, Menonna, Eroi, Simonetta)delCoordinamentoCittadino sedicentemente appartenenti al gruppo Ex FI, evidenzio loro che alcuna componente facente riferimento al partito di appartenenza originario è ormai da quasi due anni contemplata e riconosciuta all’interno del panoramica dialettico culturale del Popolo della Libertà». E’ quanto si legge in una nota di Luigi Tuccio, Coordinatore di Grande Città Popolo

della Libertà. «Raccolgo - continua - invece e ben volentieri, l’invito di convocare il Coordinamento di Grande Città, certo che come sempre - l’assise sarà caratterizzata dal loro interessante contributo politico culturale. La frenetica -conclude - intensità dei giorni della crisi non ha consentito, purtroppo, la tempestiva convocazione del Coordinamento, nella consapevolezza che i membri si riconoscano nell’operato dei Coordinatori. Mi permetto invece di stigmatizzare la tempestività e la modalità della richiesta di convocamento da parte dei membri sottoscrittori, che ben poteva avvenire per le vie brevi e non a

dell’ordine, l’intera comunità cittadina, le istituzioni, il mondo dell’associazionismo Non è escluso che e della scuola, le forze politiche e sociali, la Chiesa. Da questi atti intimidatori parte mia - ha oncluso Caridi - possano essere da rappresentante del governo regionale, continuerò a so- collegati alla stenere l’impegno di quanti, a vario titolo, hanno ruoli e fun- concessione alla zioni di responsabilità nella Caritas di un bene società civile affinché la lotta contro l’illegalità produca ri- sequestrato alla sultati sempre più positivi e consenta di operare con sere- ’ndrangheta nità per il futuro e lo sviluppo delle nostre realtà».

mezzo stampa, guarda caso nei giorni in cui si dialoga per il componimento della crisi politica cittadina. Sono felic, infine, che gli stessi siano riconosciuti nell’operato dell’amico coordinatore vicario Demetrio Berna, con il quale ogni atto è stato sottoscritto congiuntamente ed ogni azione politica è stata previamente e serenamente condivisa e comunque finalizzata a creare coesione tra la maggioranza politica del Popolo della Libertà, nell’interessedellaCittà;fuggendo,invece,da qualsivoglia logica personalistica finalizzata alla attuazione di politiche di autocompiacimento e strumentalizzazione».

«Poche figure per il sostegno degli alunni diversamente abili» REGGIO CALABRIA - «Poche figure professionali destinate al sostegno ed all’integrazione degli alunni diversamente abili in provincia di Reggio Calabria. Il rischio è che fallisca l’integrazione scolastica, si vanifichi il diritto allo studio degli alunni in difficoltà ed esplodano, quindi, una serie di problemi sociali con cui le famiglie sono costrette a misurarsi in perfetta solitudine». E’ quanto hanno sostenuto questa mattina, nel corso di un incontro con il vicepresidente del Consiglio regionale Alessandro Nicolò(Pdl), i presidenti dell’Asis( Associazione insegnanti di sostegno) e dell’Aiss (Associazione innovazione servivi sociali), rispettivamente Domenico Iacopino ed Ornella Cuzzupi. Secondo i due presidenti, «tutto ciò significa che occorre rapidamente prestare maggiore attenzione alle esigenze degli studenti in diffi-

coltà e delle loro famiglie che da anni cercano di ottenere risposte concrete dalle Istituzioni . Oggi la situazione di un alunno disabile, che è inserito in una classe senza l’aiuto di un insegnante di sostegno, costituisce un’emergenza drammatica anche a causa dell’elevato numero di studenti nelle singole classi». Inoltre, i presidenti Iacopino e Cuzzupi hanno proposto l’istituzione in un Osservatorio permanente sulle politiche integrative per i ragazzi disabili. Il vicepresidente Nicolò ha dimostrato grande attenzione ai problemi sollevati e si è fatto immediatamente interprete delle esigenze poste dalle due associazioni, interpellando l’assessore regionale alla Pubblica istruzione Mario Caligiuri «che - ha sostenuto Nicolò - ha assicurato, nel più breve tempo possibile, l’apertura di un tavolo tecnico per focalizzare le proble-

Convocato un consiglio comunale che affronterà i temi della sicurezza e degli atti vandalici

matiche sul tappetoallapresenza anche del direttore generale dell’ufficio scolastico regionale». In conclusione il vicepresidente Nicolò ha assicurato «l’impegno dell’Assemblea legislativa, oltre che della Giuntaregionale, a valutare l’opportunità di legiferare, compatibilmente con il quadro legislativo nazionale, a favore dei ragazzi disabili e delle loro famiglie, potenziando il circuito infrastrutturale destinato alla valorizzazione dei soggetti in difficoltà».


Venerdì 27 Agosto 2010

il Domani 23

CRONACHE

La solidarietà di Raffa e Morabito al Procuratore vittima di un’intimidazione

«La città vicina a Di Landro: è Marziale: «Contro la un grave momento per Reggio» ’ndrangheta servono leggi straordinarie»

di Carmelo Morise

REGGIO CALABRIA - «La nuova ed inquietante intimidazione ai danni del Procuratore generale della Corte d’appello conferma il grave momento che sta attraversando la nostra terra, costretta a fare i conti con le forze oscure che tentano di avere il sopravento sulle istituzioni». Ad affermarlo è stato il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Raffa, dopo l’inquietante intimidazione ai danni del Procuratore Di Landro. «A Di Landro, personalmente ed a nome della città, esprimo solidarietà - ha aggiunto - per l’ennesimo messaggio di violenza e, al tempo stesso, gratitudine per la sua azione istituzionale tesa a garantire la supremazia dell’ordinamentodemocraticorispettoal tentativo di destabilizzare una società che crede solo nella forza della legge. La mia vicinanza anche alla famiglia del Procuratore generale. I reggini hanno piena fiducia nell’azione della magistratura che, assieme all’attività delle forze dell’ordine, quotidianamente, assicura la pacifica convivenza dei cittadini. La solidarietà della città - conclude Raffa - va estesa a quanti lavorano per relegare ai margini del contesto sociale quel microcosmo retrogrado chiamato antistato». Sull’intimidazione a Di Landroè intervenuto anche il Presidente della Provincia di Reggio. «Non c’é più limite alla violen-

Il sindaco Raffa

Il Presidente Morabito

za mafiosa ed all’arroganza della ’ndrangheta». Ha affermato in una nota il Presidente della Provincia di Reggio Calabria, Giuseppe Morabito, circa la bomba davanti all’abitazione del Procuratore Generale, Salvatore Di Landro. «L’attentato - ha aggiunto - contro il Procuratore Generale Salvatore Di Landro dimostra il livello sempre più preoccupante della minaccia che incombe sulla città e la provincia di Reggio. Contro Di Landro è in corso una manovra di attacco senza precedenti messa in atto per condizionare l’azione della magistratura impegnata in importanti processi e delicate indagini. Dopo l’attentato contro la sede della Procura Generale, a gennaio, e la

manomissione dell’auto in uso all’alto magistrato nel mese di giugno, è evidente l’attacco sempre più diretto ed esplicito verso il Procuratore Di Landro al quale intendo manifestare, senza retorica, grande vicinanza e massima solidarietà. Un gesto contro il quale intendo esprimere la più forte condanna ed il più profondo disprezzo. Spero vivamente - ha concluso Morabito - che l’azione investigativa di forze dell’ordine e della magistratura competente per territorio riesca, nel più breve tempo possibile, ad individuare mandanti ed esecutori di questo ennesimo gesto criminale, restituendo così serenità e piena efficacia ad un settore fondamentale come quello della giustizia».

Masciari: «Neanche una telecamera di sicurezza a casa del procuratore» REGGIO CALABRIA - «L’ordigno fatto esplodere nella notte dalla ‘ndrangheta di Reggio Calabria nell’atrio del palazzo dove risiede il Procuratore Generale di Reggio Calabria dott. Salvatore di Landro rappresenta un atto di guerra terroristico e violento allo Stato, alla magistratura, alle istituzioni democratiche e alle forze sane della città di Reggio Calabria» afferma il segretario calabrese del Pdci, Michelangelo Tripodi. «Dopo la bomba alla Procura Generale di Reggio Calabria, i proiettili ai magistrati antimafia reggini, le lettere di minacce, e il sabotaggio di alcune automobili in uso ai magistrati, la ‘ndrangheta alza decisamente il tiro e colpisce il Procuratore Generale dott. Di Landro nella propria abitazione con un’azione efferata, inaudita e senza precedenti a Reggio Calabria. Ci chiediamo - continua - proprio per questo perché l’abitazione, peraltro in pieno centro, del Procuratore Generale Di Landro era completamente senza alcuna forma di protezione e sicurezza». Dello stesso avviso anche il testimone di giustizia Pino Masciari che attraverso una nota chiede «come mai

l’abitazione del Procuratore Generale di Reggio Calabria Salvatore di Landro non fosse quantomeno dotata di una telecamera di sicurezza? Dalle immagini viste in tv e dalle foto sui siti internet non vi è traccia alcuna di sistemi di sorveglianza conclude Masciari - che sarebbero serviti probabilmente ad individuare i soggetti che hanno piazzato l’ordigno». «Il nuovo, gravissimo attentato intimidatorio ai danni del procuratore generalepresso la corte d’Appello, Salvatore Di Landro, conferma nella maniera più plateale e drammatica l’esistenza a Reggio Calabria di uno scenario di inaudita gravità». a dichiarato invece il capogruppo regionale della Federazione della Sinistra, Nino De Gaetano. «Quella in atto dall’inizio dell’anno nella città dello Stretto, infatti è un’autentica strategia del terrore di cui sfuggono al momento responsabili ed obiettivi e che vede la magistratura reggina, coraggiosamente impegnata in prima linea nel contrasto alla criminalità organizzata calabrese, nel mirino di attentatori particolarmente spavaldi. Riteniamo che nell’affrontare il "caso Reggio Calabria" il Governo non

possa più fare ricorso, com’è avvenuto in passato, a proclami e passerelle. Servono risposte immediate per garantire sicurezza ai magistrati, cui va assicurata massima tutela, e un autentico contrasto alle oscure forze criminali che stanno operando in città». Anche il Rettore dell’Università Mediterranea di Reggio ha inviato una nota di solidarietàa Di Landro. «A nome dell’Università Mediterranea - dice - e mio personale esprimo al Procuratore Di Landro vicinanza e solidarietà per il vile atto che vuole intimidire, ancora una volta, l’efficace azione che la Procura stasvolgendo contro le organizzazioni criminali. L’UniversitàMediterranea, nella sua funzione formativa di diffusione diconoscenza e di valori, ribadisce l’impegno, manifestato in più occasioni, nella promozione della cultura della legalità e nella lotta alla criminalità organizzata quali valori fondamentali e necessari per lo sviluppo ed il riscatto sociale del nostro territorio». Santo Inni

REGGIO CALABRIA - «La Calabria ha bisogno di leggi straordinarie per sconfiggere la ’ndrangheta», è quanto afferma il sociologo Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori, in relazione all’attentato nei confronti dell’abitazione del procuratore generale della Città dello Stretto. Per Marziale «l’ ottimismo per le recenti brillanti operazioni condotte dagli inquirenti,che può costituire il movente della recrudescenza intimidatoria nei confronti delle istituzioni, non deve indurre nessuno a pensare che la vittoria sia dietro l’angolo. La ’ndrangheta - continua il sociologo non è solo braccio armato, ma è cultura e stile di vita talmente radicato da risultare inquantificabile, tanto più adesso che ha varcato i confini della regione infiltrandosi in ogni angolo del mondo». «Capillare controllo del territorio, più scuola e meno assistenzialismo», è questa la ricetta del sociologo, che punta l’indice su «quanti non hanno ancora capito che in Calabria bisogna partire da lontano per costruire il primato dello Stato, garantendo ai bambini una scuola più qualificata in tutti i sensi possibili e immaginabili. Affiliarsi alla ’ ndrangheta significa averne assorbito il nozionismo culturale che la rende affascinante agli occhi delle giovanissime generazioni, alle quali è difficile inculcare il principio della legalità quando più della metà degli edifici scolastici risulta essere al limite degli standard di sicurezza. Bisogna garantire ai bambini un’istruzione altamente qualificata e garantire i servizi indispensabili come la sanità. Non si possono impartire lezioni di antimafia in un territorio dove si muore quotidianamente di malasanità, dove gli ospedali esistenti sono per lo più fatiscenti e non garantiscono copertura agli abitanti. Solidarietà al procuratore Di Landro e all’intero corpo della magistratura calabrese». Solidarietà è stata espressa anche dall’arcivescovo di Reggio Calabria - Bova e presidente della Conferenza Episcopale Calabra, mons. Vittorio Mondello, al procuratore generale di Reggio Calabria. «La mentalità mafiosa - dice mons. Mondello - porta ad una reazione mafiosa: questo attentato è la dimostrazione che il procuratore Di Landro sta lavorando bene».


24

il Domani

Venerdì 27 Agosto 2010

CRONACHE

Il primo cittadino sull’impianto di trattamento Rsu affidato alla società Veolia

Il sindaco Vallone: la discarica di Ponticelli va delocalizzata

comunali, causa notevoli disagiaicittadinidiquella zona ed in alcuni mesi L’impianto stesso dell’anno la assoluta inabitabilità di interi quartieri. causa notevoli Alla Regione il Comune di disagi ai cittadini Crotone chiede di dare concretezza alla richiesta della zona e di delocalizzazione seppure allo stato non vi sia al- la assoluta ternativa all’attuale im- inabitabilità pianto pubblico. Richiesta, che si evidenzia di interi quartieri dal Comune, riveste carattere di urgenza considerando che un eventuale provvedimento di chiusura, sic e simpliciter, comporterebbe il collasso di un già fragile sistema dei rifiuti esistenti in provincia.

di Anna Bolle CROTONE - «Sulla discarica di Ponticelli la posizione di questa amministrazione comunale è nota da tempo: quel sito va delocalizzato» è quanto afferma il Alla Regione il SindacodiCrotonePeppinoVallone a proposito dell’impianto di trattaComune di mento Rsu affidato alla società VeoCrotone chiede di lia. «Non è storia di ieri - aggiunge il Sindaco - ma è dal nostro insedare concretezza diamento che abbiamo sostenuto, in tutte le sedi deputate, la necessità di alla richiesta di trovare soluzioni diverse rispetto ad delocalizzazione una struttura che rende difficoltosa l’abitabilità del quartiere Ponticelli». seppure ora non «Più volte abbiamo incontrato i citvi sia alternativa tadini di Ponticelli - prosegueVallone - che ci hanno manifestato il perdurare di odori nauseabondi che provengono dall’impianto, cosa che prontamente abbiamo segnalato agli organi competenti. Nel solo mese di agosto abbiamo scritto due volte al Presidente della Regione e all’Assessore Regionale all’Ambiente - prosegue il Sindaco - manifestando l’opportunità di delocalizzare l’impianto». Nelle note alla Regione il Sindaco Vallone e l’assessore all’ambiente Arturo Crugliano Pantisano sottopongono ai vertici regionali la problematica dell’impianto sostenendo che lo stesso è di fatto limitrofo a zone da più tempo urbanizzate della città e soggette ad una alta espansione urbanistica. L’impianto stesso, evidenziano gli amministratori

In manette a Torino un esponente della ’ndrangheta residente a Crotone TORINO - Da qualche tempo viveva alla periferia di Torino dopo una serie di reati di stampo mafioso compiuti in Calabria. Pareva essere inoffensivo e apparentemente non destava sospetti anche perché ormai ridotto su una sedia a rotelle. Ma nei giorni scorsi Agostino Frisenda, 48 anni, esponente della ’ndrangheta residente a Crotone ma domiciliato a Moncalieri, è stato arrestato dai carabinieri per detenzione abusiva di armi. I militari, infatti, hanno trovato una pistola a salve priva del tappo rosso di protezione nella sua abitazione e una pistola semiautomatica calibro 7.65, con una dotazione di 15 colpi, a bordo della sua vettura. Amedeo Arso

Il Comune propone le "strisce rosa" per le donne in gravidanza CROTONE - Accanto alle strisce bianche, blu e gialle il Comune di Crotone propone le "strisce rosa" i parcheggi destinati alle donne in gravidanza e a quelle con bambini fino ad un anno d’età. Davanti ai principali uffici pubblici, banche, scuole, strutture sanitarie, uno spazio di colore rosa sarà appositamente destinato per rendere meno faticosa la ricerca di un parcheggio alla mamme in attesa. «Investiamo in senso civico - dichiara il Sindaco Peppino Vallone -.Invitiamo, uso un gioco di parole, a lasciare spazioa chi è in attesa - aggiunge il Sindaco -. Un gesto di cortesia verso le donne in gravidanza e le neomamme che potranno così parcheggiare più facilmente presso le strutture pubbliche» conclude Vallone. Il posto sarà caratterizzato oltre che dalle strisce rosa da una apposita segnaletica predisposta dal Comune di Crotone. Quindici i parcheggi rosa distribuiti in tutta la città. Saranno gratuiti e il permesso potrà essere richie-

sto al comando dei vigili urbani. «Abbiamo pensato alle unservizio che offriamo alla cittadinanza per rendere strisce Rosa - aggiunge l’assessore alla viabilità Nino più sicura sia la circolazione veicolare che il transito peCorigliano - pur non espressamente previste dal codice donale». della strada, perchè riteniamo opportuno lanciare un Marco Gigli messaggio positivo nel settore della viabilità pubblica». Le strisce rosa rientrano nel programma generale di rifacimento di tutta la segnaletica orizzontale che l’assessorato alla viabilità ha programmato e che da lunedì 30 interesserà tutta la città. «Abbiamo ritenuto sia per ragioni di sicurezza sia per favorire la viabilità - dichiara l’assessore Nino Corigliano - di procedere con la massima urgenza al rifacimento della segnaletica orizzontale». I lavori consisteranno nel rifacimento delle strisce pedonali, il ripristino dei sensi rotatori e dei parcheggio per le autovetture. «Non è solo una operazione di ristrutturazione del look stradale che pure sarà utile per rendere più ordinata la città - aggiunge Corigliano - ma


Venerdì 27 Agosto 2010

il Domani 25

CRONACHE

Mercoledì lo sbarco nel catanzarese dei 60 stranieri. Un morto trovato in mare

Immigrazione clandestina, la Gdf di Vibo passa all’identificazione

Completati i lavori di manutenzione sulla Sp 18

di Amedeo Ansaldi VIBO VALENTIA - Un Guardacoste della Guardia di Finanza del Gruppo Aeronavale di Taranto in cooperazione con le unità navali del Reparto Operativo Aeronavale di Vibo Valentia, ha portato a termine con successo, nella nottata del 25 agosto, una operazione di contrasto all’immigrazione clandestina, che si è conclusa con l’arresto dei due scafisti, il sequestro di una barca a vela di 15 mt ed il rinvenimento sulla costa di Punta Stilo di immigrati clandestini. L’attività posta in essere dai Reparti Navali d’Altura e Costiero della Guardia di Finanza, in perfetta sinergia tra loro ed in collaborazione con i Comandi territoriali del Corpo, rientra in una più ampia strategia di controllo dei confini marittimi tangenti con le coste calabresi ioniche, ormai da tempo teatro di frequenti episodi di sbarco di migranti clandestini, e che nell’ultimo bimestre ha già registrato il sequestro di altre imbarcazioni a vela utilizzate per l’illecito traffico. Il dispositivo di contrasto della Guardia di Finanza, quotidianamente operante nelle acque antistanti le coste calabresi, immediatamente attivato a seguito della segnalazione del ritrovamento di alcuni migranti sul litorale di Guardavalle da parte di militari dell’Arma dei Carabinieri, ha fatto si che il Guardacoste G.94 Cappelletti procedesse al fermo di una imbarcazione a vela che navigava a motore a circa 30 miglia da Punta Stilo, con a bordo due individui di nazionalità ucraina e siriana. Da un accurato controllo emergevano chiari indizi di collegamento tra l’imbarcazione controllata ed il ritrovamento di migranti lungo il litorale di Guardavalle. A seguito delle dichiarazioni fornite nell’immediato dai clandestini fermati ed il successivo riconoscimento degli scafisti, si è proce-

di R. Voci

duto all’arresto degli stessi. Le dichiarazioni spontanee rese dai migranti informavano che il gruppo dei cittadini extracomunitari che aveva intrapreso il viaggio della speranza era composto da 60 unità abbandonate in mare dagli scafisti in prossimità della costa, nonostante le vive proteste di quanti non sapevano nuotare. Le ricerche in mare di eventuali dispersi, tuttora ancora in corso, hanno restituito al momento il corpo di un cittadino extracomunitario privo di vita. I militari del Corpo in collaborazione con il personale delle altre Forze di Polizia stanno portando a termine le procedure di identificazione dei migranti.

L’operazione della Gdf di Vibo si è conclusa con l’arresto dei due scafisti, il sequestro di una barca a vela di 15 metri ed il rinvenimento sulla costa di Punta Stilo di immigrati clandestini

VIBO VALENTIA - Sono stati i completati i lavori di manutenzione straordinaria sulla strada provinciale n. 18, che da Brattirò conduce a Ciaramiti. A darne notizia è il presidente dell’Amministrazione provinciale di Vibo Valentia, Francesco De Nisi. L’intervento - per un costo complessivo di circa 80 mila euro - ha permesso di riammodernare circa 3 chilometri di tracciato stradale, eliminando annosi problemi legati alla viabilità della zona. «Questi lavori incidono positivamente anche sulla riqualificazione del centro urbano della frazione Brattirò ha spiegato De Nisi -. A questo proposito - ha continuato il presidente della Provincia - va riconosciuto il merito dell’Amministrazione comunale di Drapia, che ha sollecitato con efficacia e tempestività la realizzazione dell’opera. Si tratta di uno dei tanti interventi realizzati dalla Provincia, che spesso però sfuggono alla percezione dell’opinione pubblica. A questo proposito - ha concluso -nei prossimi giorni, daremo conto dei numerosissimi lavori pubblici completati, appaltati o in fase di esecuzione, affinchè sia più evidente l’attività svolta dall’Amministrazione provinciale, dando ai cittadini la possibilità di riscontrare il concreto impegno dell’Ente nei settori di competenza, a cominciare dalla viabilità e dalle scuole superiori»

MArteLive, oggi il gran finale per il sud Italia PIZZO CALABRO- Venerdì tutto dedicato all’arte a Pizzo Calabro. Infatti, dalle 20 sul Lungomare della cittadina calabrese, perla della Costa degli Dei, prenderà il via il più grande evento multiartistico mai realizzato in Calabria: MArteLive - Finale Sud Italia.150 artisti provenienti da Calabria, Puglia e Sicilia si esibiranno davanti al pubblico e a una giuria di giornalisti, addetti ai lavori e esperti di settore per conquistare un posto alla finale nazionale della 10a edizione del concorso multiartistico MArteLive, in programma dal 09 all’ 11 Settembre a Roma. La manifestazione, promossa con il contributo della Provincia di Vibo Valentia, assessorati alla Cultura e al Turismo, con la collaborazione del Comune di Pizzo Calabro e del Centro Italiano Protezione Civile Comitato Provinciale di Vibo Valentia - e con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura ed ai Beni Culturali della Regione Calabria, vedrà esibirsi artisti di musica, teatro, danza, cinema, videoclip, deejing, veejing, letteratura, arte circense, pittura, fotografia, fumetto, grafica, videoarte, moda&riciclo, artigianato e writing. Una formula unica in

Italia che offre la possibilità a circa 150 artisti diversi di esibirsi in contemporanea vivendo un’esperienza umana assolutamente originale in cui tutti i linguaggi espressivi si fondono tra loro. La Calabria è stata scelta come sede della finale del Sud Italia grazie soprattutto all’elevato numero di artisti iscritti al concorso e all’ottima organizzazione dell’associazione "NestorCult" coadiuvata dal lavoro sinergico di numerose realtà operanti sul territorio: «Abbiamo sempre creduto - dichiara Francesco Rondinelli, presidente della NestorCult e direttore artistico di MArteLive Calabria - che l’arte debba rappresentare il motore del cambiamento culturale di cui il Mezzogiorno ha bisogno, e il nostro impegno negli anni si è rivolto ai numerosi artisti emergenti Calabresi e non solo che avessero qualcosa da dire, offrendo un canale privilegiato verso una grande vetrina nazionale come il MArteLive, da dieci anni isola felice dell’arte giovanile».

Carmelo Morise


26

il Domani

Venerdì 27 Agosto 2010

AMBIENTE

di Sofia Ricciardi

Pesca ricci col coltello: 2mila euro di multa

L’assessorato all’Ambiente della regione Calabria ha avviato la programmazione degli interventi nel settore fognario e depurativo. L’obiettivo è rendere efficiente il sistema depuratiMulte salate nel Tigulvo calabrese, garantire una migliore lio per i pescatori sututela ambientale e la salute degli stessi bacquei: la Guardia di cittadini. Il crono-programma necesfinanza ha inflitto una sario e il relativo fabbisogno finansanzione da 2000 euro ziario verranno definiti dalla Regione ad un turista di Vigein collaborazione vano che aveva pescale autorità to 30 ricci con un colGli interventi e con d’ambito territotello in località Borgo riale e con i Comuil fabbisogno Renà. La pesca subacni interessati. La quea sportiva del ricfinanziario prima fase verrà cio di mare prevede inall’indivifatti che l’attività sia decisi con le dedicata duazione delle insvolta solo manualfrastrutture necesautorità mente e senza respisarie a superare le ratore. territoriali criticità nei 32 agUn altro sub trovato glomeratisuperiori dai militari di Rapallo a 15.000 abitanti, col fucile da pesca equivalenti e già interessati alla procecarico in un’area riserdura di infrazione n. 2004/2034 per il vata alla balneazione, mancato recepimento della direttiva a San Michele di 91/27/CE. La seconda fase sarà dedicaPagana, si è visto eleta agli agglomerati tra i 2.000 e i vare una multa di 1032 15.000 abitanti equivalenti. L’assessoeuro. rato ed il dipartimento alle Politiche

Parte la programmazione degli interventi nel settore fognario

per l’ambiente regionali, avendo proposto e fatto approvare in Consiglio regionale una norma che attiva il potere sostitutivo della regione Calabria, in caso di inadempienza, in materia di riscossione dei ruoli, delle Amministrazioni comunali, sono orientati ad attrarre capitali privati, attraverso i progect financing, non solo per la realizzazione ma anche per la gestione delle strutture di depurazione. La certezza del recupero dei finanziamenti da parte dei sog-

getti privati che investiranno in tale comparto dovrebbe garantire un livello qualitativo più efficiente del sistema di depurazione. Entro il mese di settembre, il nuovo governo regionale potrà attivare le procedure di intervento per realizzare tali obiettivi tesi ad eliminare ogni fonte di inquinamento per l’ambiente e per il mare che devono rappresentare il bene principale su cui impostare una ipotesi di sviluppo per il territorio calabrese.

E intanto il Savuto è una pattumiera Una situazione giunta ormai ad un livello insostenibile per chi abita nella zona di Nocera Terinese e per i turisti in vacanza. Il livello di inquinamento del fiume è a livelli critici e il ritrovamento nelle sue acque di uno scheletro di un animale non ancora identificato, martedì scorso, non ha contribuito a cambiare la situazione. Il depuratore è sempre sotto sequestro e come risultato il lungomare di Nocera ha assunto un colorito marroncino decisamente poco invitante mentre il mare sembra una distesa oleosa.


Venerdì 27 Agosto 2010

il Domani 27

BANCHE & CREDITO

di Giulia Cervicato

Un fondo per il microcredito per le Pmi Il Comitato nazionale per il microcredito e Unioncamere hanno creato un fondo da 10 milioni di euro per realizzare progetti di microfinanza per piccole e medie aziende. I prestiti non saranno superiori ai 25 mila euro a tassi molto più accessibili della media. «L’obbiettivo dell’iniziativa - si legge in un articolo di PmiDome è quello di coinvolgere nel tessuto imprenditoriale soggetti giovani, donne, immigrati o anche anziani ancora desiderosi di lavorare e fare impresa». Nei piani anche bandi per accedere ai fondicomunitari.

Cresce anche in Italia la banca "virtuale". In 5 anni, dal 2005 al 2009, l’uso dell’Internet banking è passato dal 12% dei clienti al 28%, con un incremento del 133%. È uno dei dati che emerge da un’indagine, condotta dall’Abi e dall’Eurisko, che ha individuato due profili di clientela: i clienti relazionali e i clienti tecnologicamente evoluti. Secondo lo studio, i clienti che siinterfaccianocon la banca attraverso Cliente lo sportello vivono relazionale o maggiormente nei piccoli centri, sono tecnologico. per lo più persone mature (il 50% ha Pubblicato oltre 45 anni) con un livello di istrustudio Abi zione medio e che, Eurisko per la maggior parte, ha rapporti con un solo istituto di credito. Appunto la relazione, in questo caso, è l’elemento caratterizzante del rapporto con l’istituto di credito. I clienti che optano con regolarità per il servizio di internet banking, invece, sono più presenti nei grandi centri, tendenzialmente più giovani (il 64% ha

Banche online vs sportello, metropoli vs piccolo centro

meno di 44 anni), più istruiti anche se non più ricchi. Di questi, solo una esigua minoranza non usa anche lo sportello, perché infatti ciò che caratterizza maggiormente il frequentatore online è l’intercanalità, ossia la tendenza ad usare alternativamente, a seconda della convenienza, un canale piuttosto che un altro: il cliente tecnologico cerca di sfruttare e approfittare delle potenzialità fornite dalla tecnologia e messe a disposizione dalle banche e usa di più rispetto

agli altri anche la banca telefonica e il canale del promotore finanziario. La diffusione della intercanalità dei clienti, inoltre, prosegue la sua crescita: più 10 punti percentuali in 5 anni. Città contro piccoli centri. Due dimensioni diverse che riflettono anche esigenze differenti. Il tempo si conferma la variabile più importante: non solo la possibilità di velocizzare le operazioni, ma anche il vantaggio di poter contare su un servizio 24 ore su 24.

Prezzi: a luglio Nic +0,4% su giugno Nel mese di luglio 2010 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività comprensivo dei tabacchi è stato pari a 140,1, registrando una variazione di più 0,4 per cento rispetto al mese di giugno e di più 1,7 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno precedente; al netto dei tabacchi l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività, pari a 139,4, ha presentato una variazione congiunturale di più 0,4 per cento e una variazione tendenziale pari a più 1,6 per cento.

Sale a 1,2 miliardi il fondo per il finanziamento delle Pmi di Vittoria Amata Oltre a Intesa Sanpaolo, Unicredit e Monte dei Paschi di Siena, entra nel fondo di finanziamento costituito da Tesoro, Cassa depositi e prestiti, Abi e Confindustria anche un ampio gruppo di banche popolari per complessivi 200 milioni di euro, così suddivisi: 100 milioni da parte dell’Istituto centrale delle banche popolari e 20 milioni ciascuno da parte del Credito valtellinese, della Banca popolarediMilano, Entra nel della Banca popolare dell’Emifondo un lia Romagna, di ampio gruppo Ubi e della Banca Cividale, il che di banche per di porta il totale del complessivi fondo da 1 a 1,2 miliardi. A darne noti200 milioni zia è il ministero dell’Economia dopo che la Banca d’Italia martedì scorso ha dato l’ok alla società di gestione e al relativo regolamento. La missione del fondo è sostenere i processi di patrimonializzazione delle piccole e medie imprese italiane, che, come ha ricordato il ministro Tremonti, sono ancora troppo sottocapitalizzate e deboli per poter competere sul mercato.

Banche: entro l’anno le nuove regole di Bankitalia sui grandi fidi

Il fondo nasce infatti per investire in aziende con fatturato tra i 10 e i 100 milioni che abbiano una vocazione alla crescita all’estero e punta ad utilizzare il 50% delle risorse disponibili per entrare direttamente nel capitale delle imprese, mentre il restante 50% andrà ad alimentare fondi di private equity di piccole dimensioni che investono in Pmi. Un’operazione con la quale in parte lo Stato si riscatta: durante il meeting di Rimini, Tremonti ha infatti ricordati che la situazione critica nella quale versano molte imprese italiane, al Nord come al Sud, è dovuta anche ai ritardi inaccettabili dei pagamenti del Pubblico. Ritardi che pesano non solo sulle

strategie di rilancio e di espansione all’estero, ma sulla capacità stessa di sopravvivere, cioè di ottenere credito dalle banche, restie a concedere prestiti per le scarse garanzie. Un’attesa che catapulta le imprese italiane al vertice della calassifica in Europa: sei mesi di ritardo delle amministrazioni pubbliche (186 giorni), e 3 mesi del settore privato, decisamente più celere nel saldare le fatture, contro i 24 giorni appena di Finlandia e Estonia, i 33 di Lettonia, i 35 della Repubblica ceca, i 36 della Germania o i 39 giorni delle Isole Fær Øer. Meglio dell’Italia, con un mese in meno di attesa, anche Grecia e Spagna.

Banca d’Italia si appresta a varare la nuova disciplina in materia di grandi fidi e di concentrazione dei rischi per le banche. L’applicazione del nuovo regolamento dovrebbe produrre, o almeno così ci si augura, una stretta sulle esposizioni interbancarie e la semplificazione dei limiti prudenziali (ovvero le esposizioni massime verso una singola controparte, definiti in percentuale rispetto al patrimonio di vigilanza). L’occasione delle modifiche è data dal recepimento in Italia della direttiva europea Crd II (Capital requirement directive) che, nella sua ultima versione (aprile 2010), mira ad assicurare la stabilità finanziaria del sistema bancario attraverso la creazione di

un quadro di riferimento certo di regole che riducano il livello di rischio degli istuituti di credito. In particolare, rispetto alla precedente versione, si legge in un articolo di Milano Finanza, la direttiva europea lascia minore discrezionalità alle autorità nazionali riconducendo tutto ad un livello generale. Restano, tuttavia, rilevanti aspetti che Bankitalia ha individuato e messo in consultazione e che potranno essere commentati dagli operatori nei prossimi 60 giorni. L’entrata in vigore delle nuove norme (sia quelle Ue che quelle specifiche per l’Italia) è prevista in ogni caso già per la fine di quest’anno.


28

il Domani

Venerdì 27 Agosto 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

In Umbria un piccolo borgo immerso tra le colline Torgiano, l’albergo Borgo Brufa: un grazioso luogo di puro benessere Emma Martano Tempo permettendo l’estate sembra di là dal finire. E allora per chi fosse intenzionato a trascorrere qualche giorno di vacanze in collina, fuggendo il mare, in cerca di riposo l’Umbria sembra una delle mete italiane migliori. Su una collina, tra oliveti e vigneti, che domina a 360 gradi uno scenario d’incomparabile bellezza con vista su Torgiano, Perugia, Assisi, Spello, Foligno fino a Spoleto sorge il Relais Borgo Brufa. Un piccolo e grazioso luogo di puro benessere ricostruito come i vecchi borghi medievali. Ben integrato nella natura circostante, Relais Borgo Brufa è stato pensato per offrire agli ospiti il massimo delle attenzioni e dei servizi; privacy, quiete e armonia, unite a como-

dità e bellezza sono le caratteristiche del Relais che offre ai suoi ospiti una vasta gamma di servizi tra cui: centro benessere con piscina interna, piscina esterna, campo da tennis, ristorante con terrazza panoramica di notevole qualità culinaria e sale meeting. Il Relais sorge nelle immediate vicinanze delle più belle città umbre ricche di uno straordinario patrimonio artistico. Con pochi minuti d’auto è possibile raggiungere Assisi (distante solo 10 km) Perugia, Spello, Montefalco e Todi. Da non dimenticare Gubbio, Spoleto ed Orvieto a meno di un’ora. Passeggiate a piedi, in bicicletta oppure a cavallo, permettono agli ospiti di entrare in contatto diretto con la rigogliosa natura Umbra o di ammirare le numerose sculture di rinomati artisti contemporanei che il paesino di Brufa ospita nel suo territorio. Tante sono le occasioni per fare shopping,

Una delle camere del relais Borgo Brufa

dalla caratteristica ceramica di Deruta, ai prodotti enogastronomici del territorio ed ai negozi specializzati di Cashmere. Relais Borgo Brufa, via del Colle 38, Brufa di Torgiano (Perugia). Info: 075985267; www.borgobrufa.it.

A Ragusa l’hotel capace di far rivivere un antico "bagghiu" siciliano in un’atmosfera rilassante per un soggiorno tra cultura ed eleganza

Relais Parco Cavalonga la modernità della tradizione Sophie Cnapelynck Ragusa è una delle città più affascinanti della Sicilia. Dopo il terremoto del 1693 fu completamente ricostruita. I cittadini ricchi scelsero un nuovo sito mentre l’altra metà della popolazione, quella meno agiata, decise di ricostruirla sull’originaria cresta. Nacque così Ragusa Ibla, città barocca e patrimonio dell’Unesco. A pochi chilometri, accanto al castello di Donnafugata, si trova il Relais Parco Cavalonga, 18 ettari di terreno con ulivi e carrubi centenari posti a 170 metri sopra il livello del mare e circondati da tradizionali muri a secco. Nel territorio siciliano il "bag-

ghiu", baglio detto in dialetto, è una fattoria con ampio cortile, una grande azienda agricola abitata, oltre che dagli stessi proprietari, anche dai contadini che vi lavoravano. Il baglio era quindi dotato di numerosi alloggi. Il Relais Parco Cavalonga, che riparte proprio dal baglio, è la realizzazione di uno dei progetti della Sunwaysrl, società che opera per la promozione delle forme di turismo di qualità attraverso la tutela e la valorizzazione delle risorse tradizionali del territorio. Il progetto di ristrutturazione, realizzato da Giovanni D’Andrea, è stato quello di mantenere il più fedelmentepossibilelostatooriginario del casale, della villa rurale e dei suoi annessi. Il restauro è stato eseguito con

utilizzo di pietra locale, ferro e legno, rispettando tutte le caratteristiche architettoniche dell’antica struttura. Nella sede padronale e nei casali annessi sono stati realizzati sette appartamenti e ricavate quindici camere nel casale antico. Emanuela Peice Chianese, incaricata della cura degli interni, ha scelto come linee guida tradizione e modernità. L’atmosfera ne risulta calda e rilassante. Nelle camere sono stati inseriti dei pannelli pittorici dell’artista Laura Petrantoni D’andrea. Immerse nel verde sono a disposizione degli ospiti le piscine Irminio, ricavata tra le rocce, e Ippari, con idromassaggio. Il relais si presenta con charme ed eleganza e le parole d’ordine sono riserva-

La piscina del relais Cavalonga

tezza, relax e tranquillità. Storia, natura, cultura e ospitalità convivono per garantire il soggiorno di chi decide di affidarsi per un po’ al fascino di Ragusa, l’antica Ibla.

Relais Parco Cavalonga, strada provinciale 80, km 3,200, Donnafugata (Ragusa). Info: 0932619605; www.parcocavalonga.it.

Casa Montemare, per poter godere la costiera Amalfitana

Positano, la famiglia del Capitano L’hotel nasce 52 anni fa dalle abili mani di papà Vito detto "o’capitano" e dall’amore e passione per l’arte dell’ospitalità

Mirella Utano Amata in tutto il mondo, la costiera Amalfitana è uno dei luoghi più affascinanti del nostro paese. Suggestiva, come pochi altri posti riescono ad essere; rilassante e al contempo dinamica, ricca di scorci e luoghi semplicemente naturali, capaci di attrarre sempre un numero considerevole di turisti. In questo, che molti considerano "un piccolo angolo di paradiso", tra Amalfi e Rapallo sorge il piccolo paese di Positano. E proprio qui, da due generazioni l’hotel Montemare offre soggiorni indimenticabili ai propri ospiti.

La terrazza dell'hotel Montemare

L’hotel nasce 52 anni fa dalle abili mani di papà Vito detto "o’capitano" e dall’amore e passione per l’arte dell’ospitalità. All’inzio di Positano, lontano dal frastuono della spieggia e della piazzetta, ma comunque ben collegato con il centro attraverso stradina scolpita tra le montagne, il Montemare rimane una piccola isola di calma e tranquillità. Venti camere

divise tra le standard le junior suite e le superior, meticolosamente arredate secondo lo stile amilfatano dalle ceramiche alla biancheria, dotate tutte di piccoli balconcini che affanciano direttamente sul mare e sulla baia di Positano, l’hotel offre anche un’ottima cucina mediterranea. Un posto familiare perché a gestirlo è da anni un’unica grande famiglia che permette agli ospiti di sentirsi "quasi a casa" senza rinunciare a permettere loro di godere di un soggiorno indimenticabile. Hotel Montemare, via Pasitea 119, Positano (Salerno). Info: 089875010; www.hotelmontemare.it.

Venti camere tutte diverse tra loro arredate con lo stile di Amalfi con graziosi balconcini a picco sul mare di Positano


Venerdì 27 Agosto 2010

il Domani 29

IL DOMANI DELLA CULTURA

Piazzale Europa - Il progetto di riqualificazione comune Reggio Emilia, XI Biennale d'architettura

Da ieri i padiglioni dell’Arsenale sono invasi da giornalisti provenienti da mezzo mondo tutti a caccia di succose notizie per quest’edizione

Al via la 12esima Biennale d’architettura Venezia presa da assalto dai cronisti Mirella Canossa Ha aperto ai media la 12esima edizione della Biennale Architettura intitolata "People meets in architecture". Da ieri i padiglioni dell’Arsenale sono invasi da giornalisti provenienti da mezzo mondo, cronisti, fotoreporter, televisioni a caccia di succose notizie per quest’ezione. Sono circa 1.500 gli accreditati interessati a scoprire le nuove tendenze dell’architettura mondiale. L’esposizione sarà invece aperta al pubblico da domenica 29 agosto fino a domenica 21 novembre. Dopo una serie di Biennali affidate a eminenti critici o storici, questo settore è nuovamente stato affidato a un architetto: si tratta di Kazuyo Sejima. È la prima donna a dirigere la Biennale architettura: di origini giapponesi Sejima è stata recentemente insignita del prestigioso Pritzker Architecture prize 2010

"A ballad of the flooded museum" l’acqua intesa elemento distruttivo Maria Marzocchi

(insieme a Ryue Nishizawa). «La 12esima Mostra è una riflessione sull’architettura - spiega l’architetto Sejima - ora che il primo decennio del ventunesimo secolo si sta chiudendo in un susseguirsi di cambiamenti radicali. In questo contesto in rapida evoluzione, l’architettura può farsi portavoce di nuovi valori e moderni stili di vita. Questa mostra è l’occasione per sperimentare le molteplici possibilità dell’architettura e per dar conto della sua pluralità di approcci. Ogni suo orientamento è in funzione di un modo di vivere diverso». «Ciascun partecipante è stato invitato a gestire in modo autonomo il proprio spazio espositivo - ha sottolineato inoltre Sejima - e a offrire un’interpretazione personale del tema della 12esima mostra People meet in architecture. Ognuno di loro esprime le proprie posizioni realizzando inediti

La dodicesima mostra è una riflessione sull’architettura in un susseguirsi di cambiamenti radicali

scenari di interazione tra ambiente e società. Ogni partecipante diventa curatore di se stesso e la mostra si arricchisce di una molteplicita’ di sguardi, piuttosto che rispondere a un orientamento univoco». Insomma un’apertura, almeno quella alla stampa, che sembra

La Fondazione Bevilacqua La Masa che verrà presentata in occasione dell’inaugurazione della 12esima mostra internazionale di Architettura di Venezia, propone fino ad oggi, 27 agosto, tre mostre che vedranno la partecipazione di artisti italiani e internazionali. "A ballad of the flooded museum", dei torinesi Hilario Isola e Matteo Norzi trae ispirazione dalla personalità e dal lavoro di Jacques Cousteau ed esibisce l’immagine dell’acqua come elemento che preserva e allo stesso tempo distrugge, cambiando radicalmente la percezione dello spazio, della luce e dei corpi. Questoprogettoespositivosuggerisce all’interno di palazzetto Tito, che sorge dall’acqua e che dall’ac-

qua è spesso sommerso, una possibile rappresentazione della relazione tra mondo sommerso e terra ferma. La mostra è stata inaugurata giovedì alle 19 al Palazzetto Tito di Venezia e durerà fino al 10 ottobre. Sono partiti, poi, sempre nel lido altri appuntamenti legati all’arte e all’architettura coerentemente alla Biennale. È stata la volta di "Open studios" a palazzoCarminati,inSantaCroce. Ivana Bukovac, Antonio Cataldo, T-Yong Chung, Nicolo’ Degiorgis, Roberto De Pol, Francesco Fonassi, Alessandro Laita e Chiaralice Rizzi, Diego Marcon, Caterina Rossato,GiulioSquillacciotti,Sara Francesca Tirelli e Unità di Crisi si confronteranno per un mese con gli spazi delle due foresterie ricavate dal restauro di palazzo Carminati, sede di sette dei dodici studi

d’artista annualmente assegnati dalla Fondazione. In più è da tener presente che il 2 settembre, sempre a Venezia partirà la 67esima mostra del cinema. Della serie, la laguna non sembra farsi mancare proprio nulla.

Kazuyo Sejima in una foto d'archivio

Sala interna fondazione Bevilacqua la Masa

promettere un tre mesi di interessanti proposte e valide opportunità per sottolineare, ancora una volta, come se da una parte l’architettura è un territorio funzionale al vivere quotidino, dall’altra sembra esser destinata ad entrare a pieno titolo nel campo delle arti contemporanee.

Biennale mostre, cinema la città sospesa sul mare si apre a importanti appuntamenti


Venerdì 27 Agosto 2010

il Domani 31

APPUNTAMENTI Pizzo “MArteLive”, finale Sud Italia Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari BORGIA Intersezioni 5 Fino al 3 ottobre , presso il parco archeologico di Scolacium (Borgia, Catanzaro),eMarcaCatanzaroacura di Alberto Fiz si terrà la mostra catalogo Electa.

terraneo” Fino al 29 agosto , sul Lungomare, si terrà la 3^ Edizione de “I Tesori del Mediterraneo” – Cultura Sport Spettacolo Turismo ROSSANO Rossano la Bizantina....d’estate 2010 Ogni sabato e domenica fino al 28 agosto,ore19.00/24.00,pressol’AnfiteatroVialeMediterraneo-mercatinoartigianato

CARIATI IX Edizione Meeting Euromediterraneo Fino al 31 agosto , si terrà presso il Palazzo Venneri la IX Edizione Euromed Meeting, Ecole d’Eté in Management dell’Identità e dello Sviluppo Sostenibile CAROLEI Tavola Rotonda "La Costituzione Italiana 60 anni dopo.Prospettiveattualielottaallacorruzione",chesiterràsabato28agosto prossimo, alle ore 18:00, Area Complesso Scolastico "Q. Quintieri". Relazionerà Romano De Grazia, Presidente Suprema Corte di Cassazione e fondatore del Centro Studi "Lazzati". CASTROVILLARI "Estate castrovillarese 2010" La Città di Castrovillari presenta "Estate castrovillarese 2010". Programma: "Girovagando... in teatro", giorno 3 settembre , ore 21.00, presso Largo Vescovado, "Filumena Marturano" a cura dell’associazione culturale "Aprustum"; "Notti Bianche": 27 agosto , ore 21.00, presso il villaggio Cammarata si terrà "Gennaro 100% calabrese" a cura del comitato Cammarata. CATANZARO Gli incontri del cavaliere errante Oggi ore 18.30 Presentazione del libro "Passi" di Eugenio Mercuri - Catanzaro Lido, Hotel Palace Enzo Iacchetti "Chiedo scusa al signor Gaber" Giovedì 2 settembre , presso l’Anfiteatro del Parco della Biodiversità di Catanzaro Enzo Iacchetti con "Chiedo scusa al signor Gaber". Ben E King in concerto Sabato 4 settembre , Ben E King in concerto presso l’Anfiteatro del Parco della Biodiversità di Catanzaro Elisa in concerto

Saràunpalcoscenicocompletamente bianco con diversi piani, torri e scale, quello che ospiterà il concerto di Elisa il 13 settembre , all’area Magna Grecia, organizzato dalla Esse Emme Musica di Maurizio Senese. La data rientra nel tour “Heart Alive”.Perleprenotazionieperqual-

Sale l’attesa per il grande raduno multi-artistico che prenderà vita oggi , a partire dalle ore 20, sul Lungomare C. Colombo di Pizzo Calabro in occasione del MArteLive - Finale Sud Italia, il primo concorso che offre un’importante vetrina per i giovani artisti emergenti nel panorama nazionale. L’evento è promosso con il contributo della Provincia di Vibo Valentia, assessorati alla Cultura e al Turismo, con la collaborazione del Comune di Pizzo Calabro e del Centro Italiano Protezione Civile - Comitato Provinciale di Vibo Valentia - e con il patrocinio dell’assessorato alla Cultura ed ai Beni Culturali della Regione Calabria. Nella stessa location più di 100 artisti diversi si esibiranno in contemporanea vivendo un’esperienza umana assolutamente inedita ed in stretto contatto con il pubblico che sarà parte integrante dello spettacolo. Musica, teatro, danza, cinema, videoclip, deejing, veejing, lettera-

tura, arte circense, pittura, fotografia, fumetto, grafica, videoarte, moda&riciclo, artigianato, writing: queste le sezioni artistiche che saranno ospitate all’interno di un vero e proprio "villaggio multimediale" ad ingresso libero con gazebo e tendostrutture illuminate dove si svolgeranno le singole performance live. I partecipanti che hanno superato le rispettive selezioni provinciali aspirano adesso all’accesso alla Finalissima nazionale di MArteLive, in programma dal 9 all’11 settembre a Roma che prevede un ricco programma di festeggiamenti per il primo decennale della kermesse. La Calabria si prepara, dunque, a vivere una giornata ricca di passione che offrirà una visibilità di rilievo nazionale alla nostra regione coinvolgendo anche diversi artisti provenienti da Campania, Basilicata, Puglia e Sicilia. In particolare, tra le altre band che si alterneranno sul palco centrale, ci saranno anche i

palermitani "Duin", con i propri brani inediti tra il folk e la canzone d’autore, e i baresi "The People Speak" pronti a mettere in mostra un linguaggio contaminato e sporco, fatto di frasi rock e sibili elettronici. La Calabria è stata scelta come sede della finale del Sud Italia grazie soprattutto all’elevato numero di artisti iscritti al concorso e all’ottima organizzazione dell’associazione "NestorCult" coadiuvata dal lavoro sinergico di numerose realtà operanti sul territorio: "L’intento di MArtelive è quello di diffondere arte e cultura attraverso il divertimento educando i giovani ad un consumo culturale di qualità - ha detto il presidente della "NestorCult", Francesco Rondinelli -. Portando l’arte in luoghi "non convenzionali" siamo riusciti in pochi anni a porre le basi per la crescita di un nuovo mercato e di una rete di distribuzione indipendente per artisti emergenti".

siasi informazione è possibile telefonare al numero 0961.726313 per la Ticket Service.

l’associazione Calabriatango ospita presso l’Euro lido hotel di Falerna (CZ), la coppia di ballerini di tango argentino, Juana Sepulveda e Chico Frumboli .

sorgimento il ruolo dei calabresi nel pensiero moderno e nell’unità d’Italia" Lunedì 30 agosto , alle ore 15.00-20.00, presso l’aula nuova consiglio comunale organizzato dall’accademia “Telesio-Galilei”, in collaborazione con l’associazione “Localmente” e altre associazioni di origine calabrese si terrà un convegno dal titolo "Dal Rinascimento al Risorgimento il ruolo dei calabresi nel pensiero moderno e nell’unità d’Italia".

CONFLENTI Radici Calabre in concerto In occasione dei Festeggiamenti in onore della Madonna della Quercia, sabato 28 agosto , si terrà il concerto di “Radici Calabre” gruppo di musica etnica calabrese. COSENZA Festival della musica “Abstract 2010” Un evento unico e tra i più grandi d’Italia, considerato tra quelli più spettacolari del “Dance Floor Internazionale”. E’ “Abstract 2010”, vero e proprio Festival della musica dance internazionale che il 10 settembre sarà ospitato, con inizio alle 20.30, allo Stadio San Vito di Cosenza per iniziativa della “P.J. Master Production” di Paolo Marozzo e con il patrocinio dell’Assessorato allo sport, spettacolo ed eventi guidato da Francesca Bozzo. “Notti d’agosto 2010” Ivana Spagna, Alexia, Alvaro Vitali, Giovanni Cacioppo sono solo alcuni degli artisti che arriveranno a Crotone nell’ambito di “Notti d’agosto 2010”, la stagione estiva del Comune di Crotone. “Le tutine” animeranno la serata di domenica 29 agosto alle 21 nella villa comunale. fino al al 28 agosto ,il piazzale Ultras sarà il palcoscenico del tour del “Mulino Bianco” con animazione ed intrattenimento per bambini.Infine sabato 28 agosto, la Lega navale farà da scenario all’esibizione della “U2 Tribute Band”. FALERNA Calabriatango Sabato 4 e domenica 5 settembre ,

Summercriaction Dal 28 agosto al 3 settembre Summercriaction è il campo per ragazzi dai 14 ai 20 anni proposto dalla Croce Rossa italiana e organizzato dal 28 agosto al 3 settembre presso il Residence La Giungla a Falerna Marittima. FIRMO Moti është si ajri Oggi alle ore 20,30 l’Amministrazione Comunale di Firmo presenta il cd di Ernesto Iannuzzi Moti është si ajri LAMEZIA TERME "Estate Lametina 2010" Il Comune di Lamezia Terme assessorato alla cultura presenta "Estate Lametina 2010". L’associazione musicale Bequadro, consorzio Centro Commerciale Naturale di Cielo e di Botteghe, in collaborazione con Lamezia Jazz, Jazz Loci i Luoghi del Jazz direzione artistica ed esecutiva Egidio Ventura e Paolo Strangis. Programma: sabato 28 agosto , atrio G. Verdi, centro storico Sambiase, alle ore 21.00, Xenia Jazz 4tet “Standards”, Diego Apa piano, Ciccio Vescio chitarra, Luciano Cefalà basso, Sandro Benincasa batteria; domenica 29 agosto , atrio G. Verdi, centro storico Sambiase, ore 21.00, Antonio Onorato & Joe Amoruso Project 4tet, Antonio Onorato chitarre, Joe Amoruso tastiere, Diego Imparato basso, Alberto D’anna batteria. Inizio concerti ore 21.00. I concerti sono tutti gratuiti. Per info 333/7546112. Convegno "Dal Rinascimento al Ri-

LOCRI Spettacolo "Non è vero ma ci credo" 3 settembre con la compagnia teatrale "Vivarium" che riporta in scena "Non è vero ma ci credo" di Peppino De Filippo. Nell’ambito della IV edizione della rassegna Teatro in Vernacolo Città di Locri. MAIDA Due Mari Summer Festival Programma Due Mari Summer Festival, presso il centro commerciale "Due Mari": il 28 agosto , ore 21.00, "Balliamoinsieme?",estatedanzante con V&V dance school. Dal 16 al 26 agosto , "Pepp’Art", esposizioni, degustazioni e laboratori, a base di peperoncino. MONTAURO V edizione "Miss Under 50 Calabria" Venerdì 27 agosto , alle ore 21.30, presso il ristorante Costaraba di Montauro Lido avrà luogo la finalissima del Concorso di Bellezza "Miss Under 50 Calabria". Il concorso giunto alla 5° edizione è organizzato dal duo Franco e Veneranda Arena. REGGIO CALABRIA 3^ Edizione de “I Tesori del Medi-

SAN GIOVANNI IN FIORE SilaInFesta 2010 AlvialaXIVedizionedelSilaInFesta 2010 con Tetes de Bois, Francesco Di Giacomo del Banco del Mutuo Soccorso, Officina Zoé e Peppe Voltarelli Fino al 29 agosto SANTA SEVERINA "Campus Afam 2010" Musica, arte e sapori gratis per i turisti grazie alle iniziative "Campus Afam 2010"e al progetto "Santa Severina: territorio di cultura, saperi e sapori". L’amministrazione comunale di Santa Severina, uno dei borghi più d’Italia, in collaborazione con l’assessorato alle Attivitàproduttivedella RegioneCalabriaha messo a punto un progetto che prevede la realizzazione di tour gratuiti nel centrodelCrotoneseadusodeinumerosituristicheaffollanolespiaggedella rivieraionica.L’iniziativasisvolgein concomitanza con il "Campus Afam 2010", evento promosso in stretta sinergia con l’I.S.S.M. Tchaikovsky di Nocera Terinese, e che dal fino al 29 agosto prevede 18concerti, 300 partecipanti, 50 docenti, 2 orchestre, ospiti internazionali nella suggestiva cornice diSanta Severina. Entrambe SCALEA Festa del Panuozzo Fino al 29 agosto 2010 , l’associazione Amici del Panuozzo organizza l’omonima Festa. Una manifestazione gastronomica dedicata a questa specialità fatta con l’impasto della pizza e farcita con provola, mozzarella, verdure, funghi, salumi. Nell’ambito della Festa del Panuozzo serata con Martufello e la sua band a cura degli "Amici del Panuozzo". 2 - 3 settembre - piazza Padre Pio ore 20.00 - Festa del Pesce Azzurro a cura dell’associazione VitaAzzurra. 4 - 5 settembre - Piazza Spinelli ore 17.00 - Raduno bandistico a cura della Banda Città di Scalea. 7 - 8 settembre - FESTA MADONNA DEL LAURO. 12 settembre - Percorso cittadino partenza ore 14.00 - Gara ciclistica per categoria Allievi a cura del Gruppo Sportivo Latella Sport. 27 - 28 settembre - Hotel Parco dei Principi Campionato Nazionale Pizzaioli d’Italia a cura di Elvis Santaromita Villa SOVERATO Liber@mente 2010 Premio Internazionale Liber@mente 2010 - oggi ore 21 - Teatro comunale di Soverato Saranno premiati: Stefano Folli, già direttore del Corriere della Sera ed ora editorialista de Il Sole 24 Ore, Gianfranco Fabi, direttore di Radio 24, Francesco Sisci,corrispondentedaPechinodeLa Stampa, Alessandro Vitale, politologo, docente dell’Università degli Studi di Milano. STALETTI’ "NottediNote...Live"alBlancaCruz Beach Village Programma: sabato 28 agosto , ore 23.30, New Talent.



il domani