Page 5

6

il Domani

Sabato 27 Marzo 2010

PRIMO PIANO Ecco le priorità del candidato del centrodestra che prova a stupire ancora tutta Italia

Scopelliti vuole ripartire dalla legalità e dalle infrastrutture di Alessandro Caruso "È ora di cambiare, insieme si può". Lo slogan scelto da Giuseppe Scopelliti è diventato un motto. Nel corso di questi mesi ha puntato tutto su una campagna di comunicazione molto concentrata sulla sua volontà di stravolgere e rivoluzionare i paradigmi della vecchia politica. La sua giovane età e la sua storia politica lo aiutano in questa sua impostazione. Ma sopratuttto il suo forte appeal nei confronti di giovani. Emerso dalle file giovanili del Msi, confluito poi in An, dai cui ranghi è approdato alla sindacatura di Reggio Calabria, fino al Pdl, Scopelliti rappresenta un’immagine di coerenza e credibilità nel cammino politico. La sua forza è stata anche la nomea di migliore sindaco d’Italia, come riportato da classifiche ufficiali. Un volto, insomma, che buca lo scherSulla sanità mo, e non solo in Calabria, ma "oltreconfine". A Roma, inindividuare e anche fatti, si è fatto molto amico la coformalizzare munità calabrese capitolina (ben 500mila anime), che lo ha fregiapercorsi di to di grandi accoglienze ogni si sia recato a Roma per integrazione qualvolta onorare i patti di gemellaggio culturale tra i due comuni e la sua ospedale grande amicizia col sindaco territorio e Gianni Alemanno. Molti occhi sono puntati ora su di lui, per stimolare il vedere se davvero riuscirà a sbanrapporto tra care, come dicono i sondaggi. Ecco alcuni dei suoi punti programpubblico e matici.

privato

SANITA’ La sua priorità, per quanto concerne la sanità, è la riorganizzazione del sistema sanitario regionale. Per cantare vittoria in questa battaglia vuole iniziare con il ripensare la rete regionale di assistenza ospedaliera e rafforzare la rete territoriale. Qualificare l’assistenza specialistica, individuare e formalizzare percorsi di integrazione ospedale - territorio e attivare meccanismi di rapporto tra il pubblico e il privato. Al fine di dare maggiore tranquillità agli operatori e ai pazienti, secondo Scopelliti, è necessaria un’efficace organizzazione delle unità operative di rischio clinico. Si tratta di una priorità per ovviare agli spiacevoli episodi di malasanità. Il settore ha bisogno di un riassetto, che il candidato del

Scopelliti con Gianni Alemanno

Nato a Reggio Calabria, il 21 novembre 1966 è laureato in Economia e Commercio. Il suo cammino politico inizia da ragazzo nelle file del Fronte della Gioventù, movimento giovanile del Msi, di cui nel 1990 ha ricoperto la carica di segretario provinciale fino a diventarne, nel 1993, segretario nazionale. Nel 1992 viene eletto Consigliere comunale a Reggio Calabria nelle liste del Movimento sociale italiano. Nell’aprile del 1995 si candida alle elezioni per il Consiglio regionale calabrese, risultando il primo eletto nella lista di Alleanza Nazionale. L’assemblea regionale lo elegge presidente del Consiglio regionale, carica che ricopre per tutta la durata della legislatura. Da presidente del Consiglio si rende protagonista, tra l’altro, dell’apertura, dopo oltre 20 anni, del palazzo del Consiglio regionale che ha sede a Reggio Calabria. Rieletto Consigliere regionale il 16 aprile 2000 nella lista di An, assume l’incarico di assessore al Lavoro ed alla Formazione professionale. Nel maggio del 2002, Scopelliti accetta di candidarsi a Sindaco di Reggio, la sua città natale, e vince le elezioni. Con le elezioni Amministrative del 27 e 28 maggio 2007, è stato rieletto Sindaco votato dal 70% dei cittadini, la più alta percentuale d’Italia, con 83.418 voti.

Giuseppe Scopelliti

centrodestra giudica indispensabile e inderogabile. LAVORO E OCCUPAZIONE I 27mila posti di lavoro che la Calabria ha perso solo nel 2009 testimoniano, a giudizio di Scopelliti, il fallimentare risultato delle politiche regionali attuate fino ad oggi. Fondamentale dunque migliorare da subito l’occupabilità per riportare a livelli accettabili il tasso di occupazione regionale. Per dare una svolta decisiva a questa situazione Scopelliti vuole intervenire con una manovra che coinvolga innanzitutto i giovani: le risorse finanziarie dei fondi europei potrebbero creare le condizioni ideali per combattere disoccupazione e inoccupazione dei giovani precari, degli adulti con scarse possibilità di reinserimento e di coloro che non riescono a confrontarsi con l’attuale contesto lavorativo. SVILUPPO E IMPRESA La difficoltà dell’accesso al credito, come è noto, ha soffocato la piccola e media impresa calabrese. Scopelliti vuole far ripartire l’economia. Per farlo propone di cominciare finanziando interventi a fondo perduto esclusivamente per la creazione di imprese, aderire immediatamente, dice, al progetto di creazione della Banca per il Mezzogiorno e riformare le Aree di sviluppo industriale. LEGALITA’ ’ Su questo delicato argomento Scopelliti ha ribadito più volte la sua intenzione di cambiare registro. No a ogni forma di clientelismo, no ad affidamento di incarichi istituzionali a persone sbagliate e sì al potenziamento delle forze dell’ordine. Necessario per la lotta alla criminalità organizzata è il supporto della magistratura. Per questo Scopelliti si è speso in più interventi a favore dello spostamento della Scuola Superiore di Magistratura a Catanzaro nonché per la velocizzazione della procedura, già attivata, di confisca dei beni di proprietà della mafia. INFRASTRUTTUREETRASPORTI Secondo il rapporto Svimez 2008, quello della Calabria è un "non sistema dei trasporti". Per migliorare questo sistema sono quat-

La scheda del sindaco di Reggio Calabria

No a ogni forma di clientelismo, no ad affidamento di incarichi istituzionali a persone sbagliate e sì a potenziare magistrati e poliziotti

tro gli assi sui quali il centrodestra vuole puntare: il trasporto pubblico locale, il sistema aeroportuale, quello portuale - con particolare riguardo nei confronti di Gioia Tauro - e le infrastrutture. In sinergia con il governo nazionale le priorità assolute restano l’alta velocità fino all’estremità della Calabria, strettamente connessa alla realizzazione del Ponte, garantire la corretta esecuzione dei lavori di ammodernamento dell’A3, mettere in sicurezza la statale 106 ionica attraverso costante e incisivo monitoraggio. AMBIENTE E TERRITORIO La sicurezza e la difesa dal rischio idrogeologico, sismico e da inquinamento vengono considerate da Scopelliti un punto cruciale date le caratteristiche sfavorevoli del territorio calabrese. La volontà è quella di preservare il territorio, realizzando politiche di salvaguardia ambientale programmando interventi per la messa in sicurezza delle zone a rischio. TURISMO, ARTE E CULTURA Per Scopelliti è ora di far decollare una delle maggiori risorse regionali: la mancanza di politiche di sostegno, unite all’assenza di una visione strategica del mercato, hanno mortificato il turismo calabrese. Quindi il turismo va inserito al centro delle politiche di sviluppo tramite politiche di marketing efficaci e non illusorie. La parola chiave è "turismo diffuso", ovvero il coinvolgimento dei privati.

il domani  

Edizione del 27 Marzo 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you