Page 1

Edizione Il domani dello sport

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

www.ildomanidellosport.it

Venerdì 27 Gennaio 2012 > euro 1,00 > Anno XV Nr. 24

L’Inter chiude la porta al ritorno del portoghese e per il futuro blinda Ranieri

MOURINHO NON TORNA A MILANO

IL FATTO Fincalabradenuncia: usodistortoestrumentale dell’informazione inmodoreiterato a pag. 9

COSENZA Arrestato il consigliere provinciale Carotenuto, aveva creato un’associazione a delinquere che truffava sui fidi a pag. 10

TRASPORTI

SCIOPERO

La denuncia del Presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico: «I treni che arrivano a Sud sono osceni e incivili»

I tir mettono in ginocchio la Calabria, anche le Poste soffrono il disagio e i magistrati stentano ad arrivare ai processi, giustizia in tilt

a pag. 10

a pag. 8


2 il Domani dello Sport Venerdì 27 Gennaio 2012

TOTOGUIDA SCOMMESSE Oss - Cambuur «1» 3,25

Hannover-Norimberga «1»

2,15

ITALIA Serie Bwin

Il Verona minaccia il Sassuolo: c’è il «2» upersfida al vertice tra Sassuolo e Verona. Agganciata la vetta, gli emiliani sognano addirittura l’allungo ma troveranno pane per i propri denti. Si può tentare il «2» a sorpresa. Il Toro deve difendersi dall’assalto del ricaricato Varese, che ha appena messo piede in zona play-off: «X» assai probabile. Il Pescara va all’assalto del Modena per proseguire la sua fantastica corsa. Non fallirà: «1». Il Padova è alle prese col sempre insidioso derby col Cittadella. Si può tentare la «X» a sorpresa. Lo scontro diretto tra Grosseto e Reggina è apertissimo.

Meglio orientarsi sul segna squadra ospite “Sì”. La Juve Stabia chiede strada al Crotone per ripartire. Si va sul sicuro con l’«1X». Il Brescia scende a Empoli a caccia della 5ª vittoria di fila: è sfida da «12». La Samp a Gubbio non può permettersi altri falsi: è un «2» che merita un tentativo.

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

(23ª GIORNATA)

(24ª GIORNATA) Juve Stabia - Crotone 27-01 Pescara - Modena “ “ Albinoleffe - Bari 28-01 Empoli - Brescia “ “ Grosseto - Reggina “ “ Gubbio - Sampdoria “ “ Nocerina - Livorno “ “ Padova - Cittadella “ “ Sassuolo - Verona “ “ Varese - Torino “ “ Vicenza - Ascoli “ “

S

PARTITE DAL 20-01 AL 23-01 Sampdoria - Livorno 1-1 Ascoli - Gubbio 2-1 Bari - Modena 0-1 Cittadella - Torino 1-1 Crotone - Varese 1-2 Empoli - Pescara 0-2 Grosseto - Albinoleffe 1-0 Sassuolo - Vicenza 4-2 Verona - Juve Stabia 2-0 Brescia - Nocerina 2-0 Reggina - Padova 1-4

GUBBIO JUVE STABIA PADOVA ALBINOLEFFE BARI GROSSETO ASCOLI SAMPDORIA REGGINA MODENA

PADOVA GUBBIO TORINO NOCERINA ASCOLI SAMPDORIA REGGINA CITTADELLA BARI VERONA

VARESE BRESCIA ASCOLI VERONA SAMPDORIA BARI CROTONE TORINO LIVORNO ALBINOLEFFE

Il pronostico di TS

Le possibili sorprese Juve Stabia - Crotone Sassuolo - Verona

22 SAMPDORIA 0-1 ▼ 1-0 ▲ 0-0 = 2-2 = 4-0 ▲ 1-2 ▼ . . .

REGGINA JUVE STABIA PESCARA VARESE PADOVA LIVORNO GUBBIO EMPOLI GROSSETO

41 CITTADELLA 0-1 ▼ 1-0 ▲ 2-2 = 2-0 ▲ 1-2 ▼ 4-1 ▲ . . .

BARI REGGINA JUVE STABIA EMPOLI ALBINOLEFFE TORINO PADOVA SASSUOLO VICENZA

34 TORINO 2-2 = 0-0 = 0-0 = 1-0 ▲ 0-2 ▼ 2-1 ▲ . . .

1 2 X X 1

Pescara - Modena Gubbio - Sampdoria Padova - Cittadella Varese - Torino Vicenza - Ascoli

PESCARA PADOVA MODENA ALBINOLEFFE ASCOLI CITTADELLA VARESE VICENZA BRESCIA

X 2

Classifica

PT G

PARTITE V N P

SASSUOLO TORINO PESCARA VERONA PADOVA VARESE REGGINA GROSSETO JUVE STABIA (-4) BRESCIA SAMPDORIA CITTADELLA BARI (-2) VICENZA LIVORNO CROTONE (-1) MODENA ALBINOLEFFE EMPOLI GUBBIO ASCOLI (-7) NOCERINA

46 46 45 44 41 34 32 32 31 31 30 30 29 26 25 24 24 23 22 22 18 16

13 7 3 32 17 13 7 3 28 15 14 3 6 50 34 13 5 5 32 23 12 5 6 36 25 9 7 7 28 23 8 8 7 38 31 8 8 7 26 31 10 5 8 33 30 8 7 8 25 26 6 12 5 29 21 8 6 9 28 32 8 7 8 25 26 6 8 9 27 31 6 7 10 23 24 6 7 10 22 29 5 9 9 24 37 5 8 10 26 36 6 4 13 28 38 5 7 11 23 34 7 4 12 26 33 3 7 13 30 43

JUVE STABIA GUBBIO SAMPDORIA CITTADELLA SASSUOLO EMPOLI VERONA CROTONE BRESCIA LIVORNO

ALBINOLEFFE NOCERINA VERONA GUBBIO TORINO CITTADELLA GROSSETO BARI MODENA VARESE

GROSSETO PESCARA MODENA EMPOLI LIVORNO GUBBIO ALBINOLEFFE REGGINA VERONA SAMPDORIA

30

NOCERINA

0-0 = 1-1 = 0-1 ▼ 0-1 ▼ 2-1 ▲ 1-1 = . . .

ALBINOLEFFE CROTONE PADOVA PESCARA SASSUOLO BRESCIA LIVORNO ASCOLI BARI

30

SASSUOLO

2-2 = 3-2 ▲ 1-3 ▼ 2-1 ▲ 1-1 = 1-1 = . . .

CROTONE LIVORNO REGGINA JUVE STABIA NOCERINA VICENZA VERONA CITTADELLA ASCOLI

46

VICENZA

4-2 ▲ 0-1 ▼ 1-2 ▼ 0-0 = 2-1 ▲ 1-1 = . . .

MODENA EMPOLI BARI REGGINA BRESCIA SASSUOLO ASCOLI TORINO CITTADELLA

23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23

31 CROTONE 1-0 ▲ 1-1 = 3-1 ▲ 1-2 ▼ 3-1 ▲ 0-2 ▼ . . .

SASSUOLO NOCERINA ASCOLI BRESCIA LIVORNO VARESE JUVE STABIA PESCARA EMPOLI

23 BARI 2-2 = 0-1 ▼ 0-0 = 0-0 = 1-1 = 0-1 ▼ . . .

CITTADELLA BRESCIA VICENZA GUBBIO VARESE MODENA ALBINOLEFFE PADOVA NOCERINA

32 REGGINA 2-1 ▲ 1-1 = 2-2 = 1-1 = 0-4 ▼ 1-0 ▲ . . .

SAMPDORIA CITTADELLA SASSUOLO VICENZA MODENA PADOVA GROSSETO GUBBIO PESCARA

16 LIVORNO 2-2 = 0-2 ▼ 2-2 = 2-4 ▼ 0-1 ▼ 0-2 ▼ . . .

VERONA SASSUOLO BRESCIA GROSSETO CROTONE SAMPDORIA NOCERINA VARESE JUVE STABIA

46 VERONA 1-1 = 2-1 ▲ 1-1 = 2-1 ▲ 1-0 ▲ 4-2 ▲ . . .

LIVORNO ALBINOLEFFE VARESE MODENA PESCARA JUVE STABIA SASSUOLO GROSSETO PADOVA

26 ASCOLI 3-0 ▲ 1-0 ▲ 2-2 = 0-0 = 0-1 ▼ 2-4 ▼ . . .

EMPOLI VARESE CROTONE PADOVA TORINO GUBBIO VICENZA NOCERINA SASSUOLO

RETI F S

IN CASA V N P 7 7 9 7 7 3 5 5 7 5 2 6 2 4 3 3 3 3 4 5 2 1

3 4 1 3 2 4 3 4 2 2 7 2 5 3 3 5 4 5 3 3 3 3

2 0 1 2 2 4 3 3 2 5 3 4 4 4 5 4 4 3 5 4 7 8

RETI F S 18 15 26 16 15 9 20 16 19 15 15 21 10 10 9 13 14 12 18 15 10 16

10 6 12 11 9 10 16 16 12 16 10 19 13 10 12 14 20 17 22 12 15 25

24

PESCARA

1-1 = 2-0 ▲ 1-2 ▼ 0-3 ▼ 1-2 ▼ 1-2 ▼ . . .

GROSSETO TORINO SAMPDORIA NOCERINA VERONA EMPOLI MODENA CROTONE REGGINA

29 2-2 = 3-1 ▲ 2-2 = 2-2 = 2-0 ▲ 0-1 ▼ . . .

32 0-0 = 2-3 ▼ 1-1 = 0-0 = 3-3 = 1-4 ▼ . . .

25 0-2 ▼ 1-2 ▼ 0-2 ▼ 1-1 = 2-1 ▲ 1-1 = . . .

44 2-0 ▲ 1-0 ▲ 0-0 = 2-1 ▲ 1-3 ▼ 2-0 ▲ . . .

18 2-3 ▼ 0-0 = 2-1 ▲ 0-2 ▼ 1-2 ▼ 2-1 ▲ . . .

V

FUORI N P

6 6 5 6 5 6 3 3 3 3 4 2 6 2 3 3 2 2 2 0 5 2

4 3 2 2 3 3 5 4 3 5 5 4 2 5 4 2 5 3 1 4 1 4

14 13 24 16 21 19 18 10 14 10 14 7 15 17 14 9 10 14 10 8 16 14

REGOLAMENTO Le prime 2 in A. Dalla 3ª alla 6ª ai play-off, a meno che tra la 3ª e la 4ª non ci siano almeno 10 punti di distacco. Le ultime 3 retrocedono direttamente. La 18ª e la 19ª al play-out, a meno che non abbiano almeno 5 punti di distacco. A parità di punti valgono gli scontri diretti.

7 9 22 12 16 13 15 15 18 10 11 13 13 21 12 15 17 19 16 22 18 18

45 MODENA 1-2 ▼ 2-4 ▼ 1-0 ▲ 4-2 ▲ 3-1 ▲ 2-0 ▲ . . .

24 0-3 ▼ 1-1 = 2-1 ▲ 1-2 ▼ 3-3 = 1-0 ▲ . . .

VICENZA GROSSETO TORINO VERONA REGGINA BARI PESCARA ALBINOLEFFE GUBBIO

22 BRESCIA

EMPOLI ASCOLI VICENZA GROSSETO CITTADELLA JUVE STABIA PESCARA BRESCIA SAMPDORIA CROTONE

1 3 5 3 4 3 4 4 6 3 2 5 4 5 5 6 5 7 8 7 5 5

RETI F S

3-2 ▲ 0-1 ▼ 2-2 = 1-2 ▼ 1-3 ▼ 0-2 ▼ . . .

31

VARESE BARI LIVORNO CROTONE VICENZA NOCERINA EMPOLI JUVE STABIA TORINO

2-2 = 1-3 ▼ 2-0 ▲ 3-0 ▲ 1-0 ▲ 2-0 ▲ . . .

I nostri consigli di gioco MISTA VINCITA GLOBALE:

9 GARE 1180.93 Euro

Correzione di 0-1-2 errori sulle 9 partite 0 err.=8 cinquine; 1 err.=3/4 cinquine; 2 err.=1 cinquina

Juve Stabia-Crotone Almere City-Emmen Dordrecht-Zwolle F. Sittard-Helmond Mvv-Telstar Metz-Sedan Watford-Tottenham Pescara-Modena Everton-Fulham Juve Stabia-Crotone Almere City-Emmen Dordrecht-Zwolle F. Sittard-Helmond Mvv-Telstar

1 1 2 2 1

1.80 1.80 1.90 2.35 1.60

8 CINQUINE

1.80 1.80 1.90 2.35 1.60 2.50 1.40 1.60 1.90

1 1 2 2 1 1

2 1 1

Juve Stabia-Crotone Almere City-Emmen Dordrecht-Zwolle Metz-Sedan Everton-Fulham

1 1 2 1 1

1.80 1.80 1.90 2.50 1.90

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

152.77 Euro

192.99 Euro

Juve Stabia-Crotone Almere City-Emmen Metz-Sedan Watford-Tottenham Pescara-Modena

1 1 1 2 1

1.80 1.80 2.50 1.40 1.60

Con 6 euro puntati la vincita è di

119.75 Euro Juve Stabia-Crotone F. Sittard-Helmond Mvv-Telstar Metz-Sedan Everton-Fulham

1 2 1 1 1

212.18 Euro 1 1 2 1 1

1 2 2 1 1

1.80 1.90 1.40 1.60 1.90

Con 6 euro puntati la vincita è di

96.07 Euro 1.80 2.35 1.60 2.50 1.90

Con 6 euro puntati la vincita è di

Almere City-Emmen Mvv-Telstar Watford-Tottenham Pescara-Modena Everton-Fulham

Juve Stabia-Crotone Dordrecht-Zwolle Watford-Tottenham Pescara-Modena Everton-Fulham

Almere City-Emmen Dordrecht-Zwolle F. Sittard-Helmond Pescara-Modena Everton-Fulham

1 2 2 1 1

1.80 1.90 2.35 1.60 1.90

Con 6 euro puntati la vincita è di

161.25 Euro 1.80 1.60 1.40 1.60 1.90

Dordrecht-Zwolle F. Sittard-Helmond Mvv-Telstar Metz-Sedan Watford-Tottenham

2 2 1 1 2

1.90 2.35 1.60 2.50 1.40

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

80.90 Euro

165.03 Euro

«UNDER» Sassuolo Livorno Bari Sampdoria Torino Brescia Grosseto Modena Cittadella Varese Vicenza Crotone Gubbio Ascoli Padova Reggina Verona Albinoleffe Nocerina Empoli Juve Stabia Pescara

17 (7-10) 16 (8-8) 15 (8-7) 15 (9-6) 15 (8-7) 14 (5-9) 14 (8-6) 14 (6-8) 13 (4-9) 13 (7-6) 13 (8-5) 12 (5-7) 12 (7-5) 11 (7-4) 11 (6-5) 11 (4-7) 11 (7-4) 10 (5-5) 10 (5-5) 9 (4-5) 8 (4-4) 8 (4-4)

«OVER» Juve Stabia Pescara Empoli Albinoleffe Nocerina Ascoli Padova Reggina Verona Crotone Gubbio Cittadella Varese Vicenza Brescia Grosseto Modena Bari Sampdoria Torino Livorno Sassuolo

15 15 14 13 13 12 12 12 12 11 11 10 10 10 9 9 9 8 8 8 7 6

(7-8) (7-8) (8-6) (6-7) (7-6) (5-7) (5-7) (7-5) (5-7) (7-4) (5-6) (8-2) (4-6) (3-7) (7-2) (4-5) (5-4) (3-5) (3-5) (3-5) (3-4) (5-1)

«GOAL» Nocerina Pescara Reggina Empoli Verona Albinoleffe Ascoli Juve Stabia Modena Cittadella Crotone Sampdoria Vicenza Gubbio Padova Sassuolo Bari Grosseto Torino Brescia Livorno Varese

17 17 16 15 15 14 14 14 14 13 13 13 13 12 12 12 11 11 11 9 9 9

(9-8) (8-9) (9-7) (9-6) (7-8) (7-7) (7-7) (7-7) (7-7) (9-4) (9-4) (6-7) (5-8) (5-7) (5-7) (7-5) (5-6) (6-5) (5-6) (4-5) (3-6) (3-6)

«NO GOAL» Brescia Livorno Varese Bari Grosseto Torino Gubbio Padova Sassuolo Cittadella Crotone Sampdoria Vicenza Albinoleffe Ascoli Juve Stabia Modena Empoli Verona Reggina Nocerina Pescara

14 14 14 12 12 12 11 11 11 10 10 10 10 9 9 9 9 8 8 7 6 6

(8-6) (8-6) (8-6) (6-6) (6-6) (6-6) (7-4) (6-5) (5-6) (3-7) (3-7) (6-4) (6-4) (4-5) (5-4) (4-5) (4-5) (3-5) (5-3) (2-5) (3-3) (3-3)


3

Venerdì 27 Gennaio 2012 il Domani dello Sport

TOTOGUIDA SCOMMESSE GERMANIA Bundesliga

Tutta la rabbia del Bayern M’Gladbach a rischio HANNOVER 96 WOLFSBURG AMBURGO FRIBURGO LEVERKUSEN K’LAUTERN HOFFENHEIM NORIMBERGA HERTHA B. MAINZ 05

BAYERN M. B. DORTMUND MAINZ 05 W. BREMA STOCCARDA COLONIA M’GLADBACH WOLFSBURG AMBURGO K’LAUTERN

Il pronostico di TS Bayern - Wolfsburg 1 hand. Colonia - Schalke X Werder - Leverkusen «Goal» Hannover - Norimberga 1

Le possibili sorprese Stoccarda - M’Gladbach 1X Hertha - Amburgo 2

24 NORIMBERGA 1-4 ▼ 1-1 = 1-1 = 0-0 = 1-1 = 0-0 = . . .

SCHALKE 04 K’LAUTERN AMBURGO HOFFENHEIM LEVERKUSEN HERTHA B. HANNOVER 96 B. DORTMUND AUGSBURG

HANNOVER 96 AUGSBURG MAINZ 05 W. BREMA STOCCARDA COLONIA BAYERN M. M’GLADBACH FRIBURGO

PT G

PARTITE V N P

BAYERN M. B. DORTMUND SCHALKE 04 M’GLADBACH W. BREMA LEVERKUSEN HANNOVER 96 HOFFENHEIM WOLFSBURG STOCCARDA COLONIA NORIMBERGA HERTHA B. AMBURGO MAINZ 05 K’LAUTERN FRIBURGO AUGSBURG

37 37 37 36 30 29 24 23 23 22 21 21 20 19 18 17 16 15

12 11 12 11 9 8 5 6 7 6 6 6 4 4 4 3 4 3

21

AUGSBURG

0-4 ▼ 1-0 ▲ 0-2 ▼ 0-2 ▼ 3-0 ▲ 2-0 ▲ . . .

STOCCARDA WOLFSBURG SCHALKE 04 M’GLADBACH AMBURGO FRIBURGO K’LAUTERN HOFFENHEIM NORIMBERGA

37 WOLFSBURG 0-1 ▼ 2-3 ▼ 4-1 ▲ 2-1 ▲ 3-0 ▲ 1-3 ▼ . . .

Classifica

4-1 0-2 2-2 1-4 1-0 1-0

23

COLONIA

M’GLADBACH STOCCARDA FRIBURGO MAINZ 05 BAYERN M. WOLFSBURG SCHALKE 04 K’LAUTERN AMBURGO

▼ = ▼ ▲ ▲ . . .

18 18 18 18 18 18 18 18 18 18 18 18 18 18 18 18 18 18

RETI F S

1 5 44 4 3 40 1 5 41 3 4 28 3 6 30 5 5 25 9 4 20 5 7 19 2 9 24 4 8 24 3 9 27 3 9 19 8 6 23 7 7 22 6 8 24 8 7 13 4 10 22 6 9 15

13 13 23 12 30 24 24 19 34 23 36 28 28 32 32 21 39 29

15 K’LAUTERN 1-2 ▼ 2-0 ▲ 1-3 ▼ 1-0 ▲ 1-1 = 0-1 ▼ . . .

LEVERKUSEN NORIMBERGA HERTHA B. B. DORTMUND HANNOVER 96 W. BREMA AUGSBURG COLONIA BAYERN M.

NORIMBERGA B. DORTMUND AUGSBURG HERTHA B. W. BREMA STOCCARDA COLONIA MAINZ 05 M’GLADBACH

7 6 8 7 7 4 4 3 6 4 4 3 2 2 3 2 3 2

0 1 0 3 0 2 5 5 1 2 2 3 3 4 1 4 2 3

2 1 2 0 1 3 0 1 2 3 3 3 3 4 5 3 5 3

RETI F S 30 23 29 21 20 12 14 9 15 15 14 12 11 14 12 7 12 8

V

3 5 10 7 8 13 10 6 9 9 10 12 10 17 17 11 14 11

17

B. DORTMUND

BAYERN M. SCHALKE 04 M’GLADBACH K’LAUTERN FRIBURGO AMBURGO HOFFENHEIM NORIMBERGA LEVERKUSEN

0-2 0-1 1-1 1-1 1-1 0-0

▼ = = = = . . .

21 SCHALKE 04 0-3 ▼ 2-2 = 4-0 ▲ 1-1 = 0-3 ▼ 0-1 ▼ . . .

IN CASA V N P

4-0 0-2 3-1 2-1 5-0 3-1

37

HERTHA B.

FRIBURGO LEVERKUSEN K’LAUTERN SCHALKE 04 HOFFENHEIM NORIMBERGA AMBURGO HANNOVER 96 STOCCARDA

▼ ▲ ▲ ▲ ▲ . . .

FUORI N P

5 5 4 4 2 4 1 3 1 2 2 3 2 2 1 1 1 1

1 3 1 0 3 3 4 0 1 2 1 0 5 3 5 4 2 3

3 2 3 4 5 2 4 6 7 5 6 6 3 3 3 4 5 6

RETI F S 14 17 12 7 10 13 6 10 9 9 13 7 12 8 12 6 10 7

10 8 13 5 22 11 14 13 25 14 26 16 18 15 15 10 25 18

REGOLAMENTO Le prime 4 in Champions League. Dalla 5ª alla 7ª in Europa League assieme alla vincente della Coppa di Germania. Retrocedono direttamente le ultime 2, la terz’ultima va al play-out. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto della differenza reti.

37 HOFFENHEIM 1-0 ▲ 2-0 ▲ 1-1 = 1-1 = 4-1 ▲ 5-1 ▲ . . .

AMBURGO FRIBURGO LEVERKUSEN NORIMBERGA HERTHA B. HANNOVER 96 B. DORTMUND AUGSBURG W. BREMA

23 0-2 ▼ 1-1 = 0-2 ▼ 2-0 ▲ 1-1 = 0-0 = . . .

20 AMBURGO 2-2 = 3-3 = 1-1 = 1-2 ▼ 1-1 = 0-2 ▼ . . .

HOFFENHEIM HANNOVER 96 NORIMBERGA MAINZ 05 AUGSBURG B. DORTMUND HERTHA B. BAYERN M. COLONIA

19 2-0 1-1 2-0 0-0 1-1 1-5

▲ = ▲ = = ▼ . .

«UNDER» K’lautern Hoffenheim M’Gladbach Augsburg Amburgo B. Dortmund Hannover 96 Leverkusen Norimberga W. Brema Hertha B. Stoccarda

15 13 11 10 9 9 9 9 9 9 8 8

(7-8) (7-6) (5-6) (5-5) (6-3) (3-6) (4-5) (4-5) (5-4) (5-4) (3-5) (3-5)

«OVER» Schalke 04 Bayern M. Colonia Friburgo Wolfsburg Mainz 05 Hertha B. Stoccarda Amburgo B. Dortmund Hannover 96 Leverkusen

14 13 13 12 12 11 10 10 9 9 9 9

(8-6) (7-6) (5-8) (6-6) (5-7) (6-5) (5-5) (6-4) (4-5) (5-4) (5-4) (5-4)

«GOAL» Hannover 96 Amburgo Mainz 05 Friburgo Hertha B. Schalke 04 Wolfsburg B. Dortmund Stoccarda Augsburg K’lautern W. Brema

13 12 12 11 11 11 11 10 10 9 9 9

(8-5) (7-5) (5-7) (6-5) (4-7) (6-5) (5-6) (4-6) (5-5) (4-5) (4-5) (3-6)

.

«NO GOAL» M’GLADBACH STOCCARDA BAYERN M. WOLFSBURG SCHALKE 04 K’LAUTERN LEVERKUSEN FRIBURGO HOFFENHEIM

30 LEVERKUSEN 0-5 ▼ 2-0 ▲ 1-4 ▼ 4-1 ▲ 0-5 ▼ 0-0 = . . .

K’LAUTERN HERTHA B. HOFFENHEIM HANNOVER 96 NORIMBERGA MAINZ 05 W. BREMA STOCCARDA B. DORTMUND

29 2-0 ▲ 3-3 = 2-0 ▲ 0-0 = 0-3 ▼ 3-2 ▲ . . .

MAINZ 05 BAYERN M. WOLFSBURG AMBURGO COLONIA M’GLADBACH LEVERKUSEN FRIBURGO SCHALKE 04 HANNOVER 96

18 FRIBURGO 3-2 ▲ 2-2 = 0-0 = 1-1 = 0-1 ▼ 2-3 ▼ . . .

HERTHA B. HOFFENHEIM HANNOVER 96 COLONIA B. DORTMUND AUGSBURG MAINZ 05 W. BREMA WOLFSBURG

16 2-2 1-1 1-1 0-4 1-4 1-0

= = = ▼ ▼ ▲ . . .

STOCCARDA AUGSBURG W. BREMA COLONIA BAYERN M. WOLFSBURG SCHALKE 04 M’GLADBACH LEVERKUSEN HERTHA B.

22 M’GLADBACH 2-1 ▲ 0-2 ▼ 2-2 = 1-2 ▼ 0-1 ▼ 1-3 ▼ . . .

W. BREMA COLONIA B. DORTMUND AUGSBURG MAINZ 05 BAYERN M. STOCCARDA WOLFSBURG SCHALKE 04

36 5-0 3-0 1-1 0-1 1-0 3-1

▲ ▲ = ▼ ▲ ▲ . . .

12 11 11 11 11 10 9 9 9 8 8 7

(8-4) (4-7) (5-6) (4-7) (4-7) (6-4) (4-5) (5-4) (5-4) (4-4) (4-4) (4-3)

Informazione pubblicitaria

W. BREMA

Bayern M. Hoffenheim Leverkusen M’Gladbach Norimberga Colonia Augsburg K’lautern W. Brema B. Dortmund Stoccarda Friburgo


4 il Domani dello Sport Venerdì 27 Gennaio 2012

TOTOGUIDA SCOMMESSE FRANCIA Ligue 2

Reims, in casa è da esito «Over»

I

l prossimo turno presenta un interessantissimo big match, tra il Clermont, capolista in difficoltà (2 ko nelle ultime 4 gare) e il Bastia, che invece nelle ultime 4 ha fatto bottino pieno. Prevedibile una gara di grande attenzione, anche se la sensazione è che, nonostante ciò, entrambe riusciranno a trovare la via della rete: da provare l’esito «Goal», che dovrebbe incontrare anche una buona quota. Comunque vada, per il Reims c’è la possibilità di guadagnare una piazza, a patto ovviamente di fare punti: con l’Angers, vista la capacità di trovare in casa la via

della rete, è da esito «Over». Individuiamo anche un possibile esito «Under»: piace quello tra Metz e Sedan. Salvezza: «1» del Monaco nel posticipo contro il Lens al Luis II di lunedì sera. Per i monegaschi una partita da vincere a tutti i costi pena un duro colpo alle speranze di salvezza dalla seconda retrocessione consecutiva.

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

(20ª GIORNATA) Guingamp - Nantes 2-0 PARTITE DAL 17-01 AL 18-01 Amiens - Monaco 1-2 Angers - Troyes 2-3 Arles - Reims 2-2 Bastia - Le Havre 1-0 Chateauroux - Metz 1-1 Laval - Istres 2-1 Lens - Clermont 2-1 Sedan - Le Mans 0-2 Tours - Boulogne 3-1

LE HAVRE TROYES BOULOGNE MONACO REIMS LENS BASTIA ARLES TOURS SEDAN

REIMS

Informazione pubblicitaria

CLERMONT NANTES TROYES LE HAVRE BOULOGNE ARLES ANGERS GUINGAMP LAVAL

La possibile sorpresa

GIORNATA) Metz - Sedan 27-01 Boulogne - Amiens 28-01 Clermont - Bastia “ “ Istres - Guingamp “ “ Le Havre - Arles “ “ Le Mans - Chateauroux “ “ Nantes - Tours “ “ Reims - Angers “ “ Troyes - Laval “ “ Monaco - Lens 30-01

28 ARLES 3-0 ▲ 1-1 = 2-2 = 1-2 ▼ 0-0 = 0-1 ▼ . . .

TOURS CHATEAUROUX SEDAN ISTRES TROYES REIMS LE HAVRE BOULOGNE CLERMONT

35 ANGERS 0-1 ▼ 3-1 ▲ 0-1 ▼ 2-1 ▲ 0-0 = 2-2 = . . .

1

(21ª

CHATEAUROUX CLERMONT LE MANS METZ NANTES TROYES REIMS MONACO AMIENS

19 1-4 ▼ 0-0 = 0-0 = 1-5 ▼ 1-0 ▲ 2-2 = . . .

26 1-0 ▲ 0-1 ▼ 2-2 = 2-0 ▲ 1-2 ▼ 2-3 ▼ . . .

PT G

CLERMONT BASTIA REIMS GUINGAMP SEDAN LAVAL TOURS TROYES LE HAVRE NANTES METZ ANGERS LENS CHATEAUROUX BOULOGNE ISTRES LE MANS MONACO ARLES AMIENS

37 36 35 31 30 30 29 29 28 28 28 26 26 25 24 23 22 19 19 15

METZ AMIENS MONACO LENS ANGERS BASTIA CHATEAUROUX SEDAN LAVAL LE MANS

BOULOGNE

Il pronostico di TS Le Havre - Arles 1 Clermont - Bastia X2 Boulogne - Amiens 1 Le Mans - Chateauroux 1 Nantes - Tours 1 Monaco - Lens

Classifica

ISTRES LE HAVRE CLERMONT TROYES REIMS TOURS AMIENS ARLES LENS

PARTITE V N P

20 11 4 20 10 6 20 10 5 20 9 4 20 8 6 20 8 6 20 8 5 20 7 8 20 7 7 20 8 4 20 8 4 20 7 5 20 7 5 20 7 4 20 5 9 20 6 5 20 5 7 20 3 10 20 4 7 20 2 9

5 4 5 7 6 6 7 5 6 8 8 8 8 9 6 9 8 7 9 9

RETI F S 25 31 26 21 31 25 25 19 23 28 17 25 23 21 22 28 18 18 16 15

15 17 18 22 27 24 22 19 19 25 18 24 26 31 22 30 20 29 28 21

28 SEDAN 1-0 ▲ 2-0 ▲ 2-0 ▲ 0-2 ▼ 0-1 ▼ 1-1 = . . .

LAVAL BASTIA ARLES GUINGAMP TOURS LE MANS METZ ISTRES LE HAVRE

METZ LE MANS ISTRES NANTES CLERMONT MONACO BOULOGNE LENS ANGERS

5 6 8 5 5 6 6 6 4 6 4 4 5 5 3 3 3 1 3 2

1 4 1 3 2 2 3 3 5 1 2 2 3 2 5 4 2 6 4 5

3 0 0 2 3 3 2 1 1 2 4 4 3 3 2 3 4 3 3 4

RETI F S 10 21 17 12 14 15 20 12 15 17 10 12 17 12 12 13 8 8 10 9

7 9 7 6 11 12 10 6 8 8 11 10 13 11 10 12 9 12 12 9

V

FUORI N P

6 4 2 4 3 2 2 1 3 2 4 3 2 2 2 3 2 2 1 0

3 2 4 1 4 4 2 5 2 3 2 3 2 2 4 1 5 4 3 4

2 4 5 5 3 3 5 4 5 6 4 4 5 6 4 6 4 4 6 5

RETI F S 15 10 9 9 17 10 5 7 8 11 7 13 6 9 10 15 10 10 6 6

8 8 11 16 16 12 12 13 11 17 7 14 13 20 12 18 11 17 16 12

REGOLAMENTO Promosse le prime 3. Retrocedono le ultime 3. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto, in primis, della differenza reti e poi, eventualmente, del maggior numero di reti segnate

30

REIMS ANGERS BOULOGNE MONACO AMIENS LENS BASTIA CHATEAUROUX ARLES

15 0-1 ▼ 0-0 = 1-2 ▼ 0-2 ▼ 1-2 ▼ 1-2 ▼ . . .

LE MANS LENS AMIENS ANGERS LAVAL GUINGAMP SEDAN CHATEAUROUX NANTES METZ

TROYES LE HAVRE ISTRES REIMS BOULOGNE ARLES ANGERS LAVAL BASTIA GUINGAMP

37 BASTIA 1-0 ▲ 1-0 ▲ 1-2 ▼ 0-0 = 2-1 ▲ 1-2 ▼ . . .

GUINGAMP SEDAN CHATEAUROUX TOURS METZ LE HAVRE CLERMONT TROYES MONACO

36 1-1 = 2-2 = 2-0 ▲ 4-1 ▲ 1-0 ▲ 1-0 ▲ . . .

22 CHATEAUROUX 25 0-1 ▼ 0-0 = 2-2 = 1-2 ▼ 1-0 ▲ 2-0 ▲ . . .

ANGERS ARLES BASTIA LENS LAVAL METZ LE MANS CLERMONT NANTES

29 LAVAL 0-3 ▼ 1-1 = 1-0 ▲ 0-2 ▼ 0-1 ▼ 3-2 ▲ . . .

SEDAN GUINGAMP NANTES LE MANS CHATEAUROUX ISTRES TROYES METZ REIMS

0-1 0-0 0-2 3-2 3-1 1-1

▼ = ▼ ▲ ▲ = . . .

16 (6-10) 15 (7-8) 15 (8-7) 14 (8-6) 13 (4-9) 13 (6-7) 13 (8-5) 13 (6-7) 12 (6-6) 12 (7-5) 12 (4-8) 10 (6-4) 10 (5-5) 10 (6-4) 10 (4-6) 10 (5-5) 9 (6-3) 9 (5-4) 8 (4-4) 6 (4-2)

«OVER» 14 12 11 11 10 10 10 10 10 8 8 8 7 7 7 7 6 5 5 4

(6-8) (7-5) (4-7) (5-6) (4-6) (6-4) (4-6) (5-5) (6-4) (4-4) (3-5) (5-3) (6-1) (3-4) (2-5) (4-3) (3-3) (2-3) (2-3) (4-0)

«GOAL» Un momento di esultanza dei giocatori del Reims

CLERMONT

«UNDER» Metz Le Mans Troyes Amiens Bastia Clermont Guingamp Le Havre Arles Boulogne Reims Angers Lens Monaco Nantes Tours Chateauroux Sedan Laval Istres

Istres Laval Chateauroux Sedan Angers Lens Monaco Nantes Tours Arles Boulogne Reims Bastia Clermont Guingamp Le Havre Amiens Le Mans Troyes Metz

2-1 ▲ 2-2 = 0-0 = 3-1 ▲ 0-1 ▼ 0-2 ▼ . . .

24 AMIENS 0-0 = 1-1 = 2-1 ▲ 2-0 ▲ 0-0 = 1-3 ▼ . . .

IN CASA V N P

ISTRES BOULOGNE TROYES AMIENS ARLES MONACO LAVAL GUINGAMP SEDAN TOURS

NANTES MONACO REIMS LAVAL AMIENS ANGERS GUINGAMP TOURS LE MANS CHATEAUROUX

30

MONACO

1-2 ▼ 1-2 ▼ 3-2 ▲ 2-1 ▲ 1-3 ▼ 2-1 ▲ . . .

NANTES METZ LE HAVRE CLERMONT ISTRES AMIENS LENS ANGERS BASTIA

23 GUINGAMP 0-0 = 1-1 = 2-1 ▲ 5-1 ▲ 0-1 ▼ 1-2 ▼ . . .

BASTIA LAVAL TOURS SEDAN LE MANS NANTES ISTRES REIMS TROYES

31 1-1 = 2-1 ▲ 1-5 ▼ 1-3 ▼ 0-1 ▼ 2-0 ▲ . . .

28 TOURS 3-0 ▲ 1-3 ▼ 2-3 ▼ 2-0 ▲ 2-1 ▲ 0-2 ▼ . . .

ARLES LENS GUINGAMP BASTIA SEDAN BOULOGNE NANTES LE HAVRE ISTRES

19 LENS 0-3 ▼ 0-2 ▼ 2-2 = 0-0 = 1-0 ▲ 2-1 ▲ . . .

LE MANS TOURS METZ CHATEAUROUX LE HAVRE CLERMONT MONACO AMIENS BOULOGNE

29 4-1 0-3 5-1 1-4 1-0 3-1

Istres Laval Sedan Chateauroux Monaco Tours Amiens Angers Bastia Boulogne Nantes Reims Troyes Clermont Le Havre Le Mans Arles Lens Guingamp Metz

17 13 13 11 11 11 10 10 10 10 10 10 10 9 9 9 8 8 7 6

(8-9) (7-6) (5-8) (5-6) (5-6) (8-3) (4-6) (4-6) (7-3) (5-5) (4-6) (6-4) (5-5) (4-5) (5-4) (3-6) (4-4) (5-3) (3-4) (4-2)

▼ ▲ ▼ ▲ ▲ . . .

26 1-0 ▲ 3-0 ▲ 0-2 ▼ 2-3 ▼ 0-0 = 2-1 ▲ . . .

«NO GOAL» Metz Guingamp Arles Lens Clermont Le Havre Le Mans Amiens Angers Bastia Boulogne Nantes Reims Troyes Chateauroux Monaco Tours Laval Sedan Istres

14 13 12 12 11 11 11 10 10 10 10 10 10 10 9 9 9 7 7 3

(6-8) (7-6) (6-6) (6-6) (5-6) (5-6) (6-5) (7-3) (6-4) (3-7) (5-5) (5-5) (3-7) (5-5) (5-4) (5-4) (3-6) (4-3) (5-2) (2-1)


Venerdì 27 Gennaio 2012 il Domani dello Sport

5

TOTOGUIDA SCOMMESSE INGHILTERRA League Championship

Southampton stop West Ham: turno capitalizzato a classifica pubblicata qui a lato comprende il computo della gara tra Southampton e Leicester, giocata l’altro ieri sera. Tuttavia, il successo del West Ham contro (mezzo) Nottingham Forest proietta gli Hammers al comando. Delle inseguitrici, che una ad una sembrano

L

cedere al ritmo infermale delle prime due, perde contatto stavolta il Middlesbrough, battuto a Coventry. Continuano a salire invece Hull e Birmingham, quest’ultimo alla terza vittoria consecutiva (e nelle ultime cinque giornate il saldo di gol fatti-subiti è di 15-2!).

Classifica

PT G

PARTITE V N P

WEST HAM SOUTHAMPTON CARDIFF MIDDLESBRO’ HULL BIRMINGHAM BLACKPOOL READING LEEDS BRIGHTON DERBY C. BURNLEY LEICESTER CRYSTAL P. BARNSLEY PETERBOROUGH PORTSMOUTH WATFORD BRISTOL CITY MILLWALL IPSWICH NOTTINGHAM F. DONCASTER COVENTRY

53 50 49 45 45 43 42 42 42 41 41 40 38 37 36 33 31 30 30 29 28 24 23 22

16 5 6 43 24 8 15 5 7 50 30 11 13 10 4 44 29 9 12 9 6 31 28 5 14 3 10 28 25 8 12 7 7 42 26 9 11 9 7 43 34 8 12 6 9 34 27 6 12 6 9 43 38 7 12 5 10 30 29 7 12 5 10 31 33 8 12 4 11 39 33 5 10 8 9 36 30 6 10 7 10 26 27 4 10 6 11 38 42 6 9 6 12 45 44 6 8 7 11 29 29 7 7 9 11 28 39 5 8 6 13 25 37 4 7 8 12 27 35 5 8 4 15 38 54 5 7 3 17 22 44 3 6 5 16 23 45 4 5 7 15 23 36 5

PETERBOROUGH 33 PORTSMOUTH COVENTRY NOTTINGHAM F. MIDDLESBRO’ BIRMINGHAM HULL BRIGHTON PORTSMOUTH BURNLEY WEST HAM

BARNSLEY

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

(27ª GIORNATA)

(28ª GIORNATA) Peterborough - Portsmouth 28-01 Reading - Bristol City “ “ Barnsley - Derby C. 31-01 Blackpool - Coventry “ “ Crystal P. - Brighton “ “ Hull - Doncaster “ “ Ipswich - West Ham “ “ Leeds - Birmingham “ “ Millwall - Watford “ “ Nottingham F. - Burnley “ “ Southampton - Cardiff “ “ Leicester - Middlesbro’ 01-02

Barnsley Millwall 1-3 PARTITE -DAL 21-01 AL 23-01 Birmingham - Watford 3-0 Blackpool - Crystal P. 2-1 Bristol City - Doncaster 2-1 Burnley - Derby C. 0-0 Cardiff - Portsmouth 3-2 Coventry - Middlesbro’ 3-1 Leeds - Ipswich 3-1 Peterborough - Brighton 1-2 Reading - Hull 0-1 West Ham - Nottingham F. 2-1 Southampton - Leicester 0-2

27 27 27 27 27 26 27 27 27 27 27 27 27 27 27 27 26 27 27 27 27 27 27 27

RETI F S

WEST HAM BLACKPOOL LEEDS DONCASTER LEICESTER MILLWALL DERBY C. WATFORD BIRMINGHAM

CRYSTAL P. BIRMINGHAM SOUTHAMPTON MILLWALL LEICESTER LEEDS BLACKPOOL BRIGHTON MIDDLESBRO’ DONCASTER

1-0 ▲ 1-0 ▲ 1-1 = 1-1 = 0-1 ▼ 1-2 ▼ . . .

SOUTHAMPTON MILLWALL LEICESTER WATFORD WEST HAM CARDIFF PETERBOROUGH HULL BLACKPOOL

31 1-1 = 0-1 ▼ 1-1 = 2-0 ▲ 0-1 ▼ 2-3 ▼ . . .

36 DERBY C. 0-1 ▼ 1-3 ▼ 4-1 ▲ 0-2 ▼ 2-1 ▲ 1-3 ▼ . . .

IPSWICH LEEDS WEST HAM HULL COVENTRY BURNLEY BARNSLEY NOTTINGHAM F. MILLWALL

2 1 2 7 0 4 3 4 2 3 2 4 3 7 2 2 3 4 3 5 1 2 5 4

3 2 2 2 5 0 2 4 4 3 4 5 5 2 6 5 3 5 6 4 7 9 4 5

RETI F S 22 30 27 15 16 22 22 20 20 20 20 22 20 12 23 28 19 19 12 17 20 11 10 17

13 11 16 12 13 6 9 14 17 12 14 15 15 9 22 22 10 20 15 16 22 24 12 15

READING LEEDS BRIGHTON IPSWICH CARDIFF WATFORD HULL BRISTOL CITY DONCASTER COVENTRY

41

BLACKPOOL

0-1 ▼ 1-0 ▲ 2-1 ▲ 1-0 ▲ 1-0 ▲ 0-0 = . . .

WATFORD BARNSLEY BIRMINGHAM MIDDLESBRO’ IPSWICH CRYSTAL P. COVENTRY CARDIFF PORTSMOUTH

37 BRIGHTON 1-0 ▲ 0-2 ▼ 1-0 ▲ 1-2 ▼ 1-1 = 1-2 ▼ . . .

IN CASA V N P

41

HULL

BURNLEY READING COVENTRY SOUTHAMPTON BRISTOL CITY PETERBOROUGH CRYSTAL P. LEICESTER LEEDS

0-1 ▼ 0-3 ▼ 0-2 ▼ 3-0 ▲ 2-0 ▲ 2-1 ▲ . . .

42 BIRMINGHAM

43

MILLWALL

= ▲

HULL PORTSMOUTH CRYSTAL P. BRISTOL CITY BIRMINGHAM BARNSLEY WATFORD WEST HAM DERBY C.

MILLWALL MIDDLESBRO’ BURNLEY DERBY C. PETERBOROUGH READING DONCASTER PORTSMOUTH BRISTOL CITY

V

FUORI N P

8 4 4 7 6 3 3 6 5 5 4 7 4 6 4 3 1 2 4 2 3 4 2 0

3 3 4 5 8 2 2 4 3 5 3 7 6 5 2 5 4 5 2 7 3 6 0 6 5 4 0 8 4 5 4 7 4 8 5 6 3 7 3 8 3 8 1 8 0 12 3 10

RETI F S 21 20 17 16 12 20 21 14 23 10 11 17 16 14 15 17 10 9 13 10 18 11 13 6

11 19 13 16 12 20 25 13 21 17 19 18 15 18 20 22 19 19 22 19 32 20 33 21

REGOLAMENTO Promosse direttamente le prime 2 classificate. Dalla 3ª alla 6ª ammesse ai play-off per il terzo posto disponibile. Retrocedono le ultime 3. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto, in primis, della differenza reti poi, eventualmente, del maggior numero di gol segnati.

42 BRISTOL CITY 1-0 ▲ 3-0 ▲ 1-0 ▲ 1-3 ▼ 2-1 ▲ 0-1 ▼ . . .

NOTTINGHAM F. COVENTRY SOUTHAMPTON MILLWALL BRIGHTON DONCASTER READING LEEDS HULL

42 COVENTRY 0-0 = 3-1 ▲ 0-3 ▼ 3-0 ▲ 2-2 = 2-1 ▲ . . .

PETERBOROUGH BRISTOL CITY BRIGHTON WEST HAM DERBY C. MIDDLESBRO’ BLACKPOOL IPSWICH READING

45 DONCASTER 2-0 ▲ 0-1 ▼ 0-1 ▼ 0-1 ▼ 1-0 ▲ 1-0 ▲ . . .

LEICESTER BURNLEY WATFORD BARNSLEY CARDIFF BRISTOL CITY HULL READING CRYSTAL P.

30 0-0 = 0-1 ▼ 1-0 ▲ 1-0 ▲ 0-2 ▼ 2-1 ▲ . . .

22 0-1 ▼ 1-0 ▲ 2-0 ▲ 0-1 ▼ 0-1 ▼ 3-1 ▲ . . .

23 2-1 ▲ 0-3 ▼ 1-4 ▼ 2-0 ▲ 0-0 = 1-2 ▼ . . .

Ipswich, alla caccia dell’ennesimo esito «Over» «UNDER» Hull Crystal P. Middlesbro’ Portsmouth Coventry Brighton Reading Cardiff Leicester Millwall Watford Barnsley Bristol City Derby C. Nottingham F. West Ham Doncaster Birmingham Burnley Southampton Leeds Peterborough Blackpool Ipswich

19 18 18 18 17 16 16 15 15 15 15 14 14 14 14 14 13 12 12 12 11 11 10 9

(8-11) (10-8) (11-7) (9-9) (9-8) (7-9) (7-9) (5-10) (8-7) (8-7) (7-8) (6-8) (8-6) (6-8) (7-7) (6-8) (10-3) (7-5) (7-5) (5-7) (6-5) (4-7) (6-4) (4-5)

«OVER» Ipswich Blackpool Leeds Peterborough Burnley Southampton Birmingham Doncaster Barnsley Bristol City Derby C. Nottingham F. West Ham Cardiff Leicester Millwall Watford Brighton Reading Coventry Crystal P. Middlesbro’ Hull Portsmouth

18 (9-9) 17 (7-10) 16 (7-9) 16 (9-7) 15 (7-8) 15 (9-6) 14 (6-8) 14 (3-11) 13 (8-5) 13 (5-8) 13 (8-5) 13 (7-6) 13 (7-6) 12 (8-4) 12 (6-6) 12 (6-6) 12 (7-5) 11 (6-5) 11 (7-4) 10 (5-5) 9 (3-6) 9 (3-6) 8 (5-3) 8 (4-4)

«GOAL»

IPSWICH LEICESTER READING NOTTINGHAM F. BIRMINGHAM BLACKPOOL LEEDS WEST HAM COVENTRY MIDDLESBRO’

28 WEST HAM 1-1 = 0-1 ▼ 1-3 ▼ 1-2 ▼ 2-2 = 1-3 ▼ . . .

BARNSLEY BIRMINGHAM DERBY C. COVENTRY PORTSMOUTH NOTTINGHAM F. IPSWICH MILLWALL PETERBOROUGH

NOTTINGHAM F. 24 BURNLEY BRISTOL CITY PETERBOROUGH CARDIFF IPSWICH SOUTHAMPTON WEST HAM BURNLEY DERBY C. WATFORD

0-0 = 0-1 ▼ 0-1 ▼ 3-1 ▲ 0-3 ▼ 1-2 ▼ . . .

BRIGHTON DONCASTER HULL LEEDS MIDDLESBRO’ DERBY C. NOTTINGHAM F. PETERBOROUGH SOUTHAMPTON

53 1-0 ▲ 1-1 = 1-2 ▼ 1-0 ▲ 1-0 ▲ 2-1 ▲ . . .

40 1-0 ▲ 3-0 ▲ 1-0 ▲ 1-2 ▼ 2-0 ▲ 0-0 = . . .

LEEDS READING DERBY C. BARNSLEY BURNLEY CRYSTAL P. IPSWICH BIRMINGHAM BRISTOL CITY BRIGHTON

0-1 ▼ 0-1 ▼ 1-4 ▼ 2-1 ▲ 1-1 = 3-1 ▲ . . .

WEST HAM BLACKPOOL PETERBOROUGH IPSWICH MILLWALL WATFORD LEEDS SOUTHAMPTON BARNSLEY

SOUTHAMPTON 50 CARDIFF PORTSMOUTH CRYSTAL P. BRISTOL CITY BRIGHTON NOTTINGHAM F. LEICESTER CARDIFF BIRMINGHAM BURNLEY

1-1 = 2-0 ▲ 0-1 ▼ 0-3 ▼ 3-0 ▲ 0-2 ▼ . . .

MIDDLESBRO’ WATFORD NOTTINGHAM F. READING DONCASTER PORTSMOUTH SOUTHAMPTON BLACKPOOL LEICESTER

1-1 3-0 1-1 2-1 6-0 3-0

= ▲ ▲ ▲ . . .

49 2-3 ▼ 1-1 = 1-0 ▲ 3-1 ▲ 0-0 = 3-2 ▲ . . .

LEICESTER DONCASTER IPSWICH PORTSMOUTH CRYSTAL P. BARNSLEY SOUTHAMPTON MIDDLESBRO’ BRIGHTON CARDIFF

29 WATFORD 0-2 ▼ 1-0 ▲ 0-1 ▼ 0-1 ▼ 0-6 ▼ 3-1 ▲ . . .

BLACKPOOL CARDIFF DONCASTER PORTSMOUTH READING BIRMINGHAM MILLWALL BARNSLEY NOTTINGHAM F.

38 MIDDLESBRO’ 1-2 ▼ 1-1 = 1-1 = 2-1 ▲ 1-2 ▼ 2-0 ▲ . . .

CARDIFF HULL PETERBOROUGH BLACKPOOL BURNLEY COVENTRY LEICESTER CRYSTAL P. IPSWICH

30 0-0 = 1-1 = 4-1 ▲ 0-2 ▼ 1-2 ▼ 0-3 ▼ . . .

45 3-2 ▲ 1-0 ▲ 1-1 = 0-3 ▼ 0-2 ▼ 1-3 ▼ . . .

Peterborough Barnsley Cardiff Leeds Ipswich Burnley Birmingham Blackpool Doncaster Leicester Southampton Bristol City Coventry Derby C. Watford Crystal P. Middlesbro’ Portsmouth Reading West Ham Hull Nottingham F. Brighton Millwall

21 (11-10) 17 (10-7) 17 (8-9) 17 (8-9) 16 (8-8) 15 (7-8) 14 (6-8) 14 (6-8) 14 (5-9) 14 (6-8) 14 (6-8) 13 (5-8) 13 (7-6) 12 (7-5) 12 (8-4) 11 (6-5) 11 (6-5) 11 (6-5) 11 (6-5) 11 (6-5) 10 (5-5) 10 (5-5) 9 (5-4) 9 (5-4)

«NO GOAL» Brighton Millwall Hull Nottingham F. Crystal P. Middlesbro’ Reading West Ham Derby C. Portsmouth Watford Bristol City Coventry Blackpool Doncaster Leicester Southampton Birmingham Burnley Ipswich Barnsley Cardiff Leeds Peterborough

18 (8-10) 18 (9-9) 17 (8-9) 17 (9-8) 16 (7-9) 16 (8-8) 16 (8-8) 16 (7-9) 15 (7-8) 15 (7-8) 15 (6-9) 14 (8-6) 14 (7-7) 13 (7-6) 13 (8-5) 13 (8-5) 13 (8-5) 12 (7-5) 12 (7-5) 11 (5-6) 10 (4-6) 10 (5-5) 10 (5-5) 6 (2-4)


6 il Domani dello Sport Venerdì 27 Gennaio 2012

DALL'ITALIA E DAL MONDO Clima disteso tra governo e magistratura per l’inaugurazione dell’anno giudiziario

Giustizia, emergenza carceri Lupo: bisogna depenalizzare Antonio Bardolino ROMA - È iniziata puntualmente, alle 11, la cerimonia, trasmessa anche in diretta tv, di inaugurazione dell’anno giudiziario 2012 con l’intervento del primo presidente della Cassazione Ernesto Lupo. Ad ascoltarlo nell’aula magna della Suprema Corte il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano,e,traipiùattesi,ilpremier Mario Monti. Tra i primi ad arrivare il presidente dell’Amn Luca Palamara e il ministro della Funzione Pubblica, Filippo Patroni Griffi. Tra le personalità presenti anche i presidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani, oltre al ministro della Giustizia, Paola Severino. I preparativi si sono svolti in un clima disteso, in contrasto con la protesta degli avvocati di questi giorni contro le riforme portate avanti dal governo e l’annunciata contro-inaugurazione dei Radicali. Un «particolare saluto» al ministro della giustizia Paola Severino è stato rivolto dal Primo presidente della Cassazione Ernesto Lupo, attento alle differenze di genere e a cogliere i passi avanti della presenza delle donne nella società e nelle istituzioni. Lupo ha sottolineato che Severino è la «prima donna nella storia del Paese chiamata a ricoprire la prestigiosa carica di Guardasigilli» e ha ricordato che, per la prima volta nel 2011, è stata nominata una donna - Gabriella Luccioli - come presidente titolare di sezione. Tra i «segni più importanti del mutamento intervenuto» nel passaggio dal governo Berlu-

NO TAV 30 arresti in Italia

«I magistrati italiani lavorano schiacciati dalla montagna di quasi 9 milioni di cause pendenti» sconi al governo Monti, il Primo presidente della Cassazione Ernesto Lupo ha salutato con favore le «priorità» d’azione individuate dal Consiglio dei ministri - nella giustizia civile, nell’attuazione della legge delega di revisione della geografica giudiziaria e nella depenalizzazione. «L’individuazione di queste priorità è indice - ha sottolineato Lupo - della consapevo-

lezza che la giurisdizione è una risorsa limitata, delicata, costosa e preziosa, e perciò da non sprecare disperdendola in mille rivoli sul territorio o impegnandola a tutela indiscriminata e inefficace di una miriade di beni mentre, invece, va riservatapermegliogarantirebeni fondamentali, affidando altri legittimi interessi a valide e diverse alternativeditutela».«Ladrammatica situazione carceraria, una realtà che ci umilia in Europa e ci allarma, per la sofferenza quotidiana,finoall’impulsoatogliersila vita, di migliaia di esseri umani chiusi in carceri che definire sovraffollate è quasi un eufemismo» ha detto Ernesto Lupo, secondo cui «costringere 68 mila detenuti in condizioni logistiche adeguate a 45mila, è palesemente incompati-

bile con i principi della Costituzione e della Convenzione per i dirittidell’uomo».«Imagistratiitaliani, pur lavorando schiacciati dalla montagna di quasi 9 milioni di cause pendenti, continuano a detenere primati di produttività in Europa». Così il Primo presidente della Cassazione Ernesto Lupo nel suo intervento all’apertura dell’anno giudiziario - ha ricordato l’enorme cifra di cause arretrate che giacciono nei tribunali sottolineando anche che «vi è poi un’altra anomalia italiana, quella della quantità di avvocati: quasi 240.000, di cui oltre 50.000 abilitatiall’eserciziodinanziallagiurisdizioni superiori». «Questi numeri continuano a crescere ogni anno. Essi, se non costituiscono un diretto fattore di incentivazione del

ROMA - Un’operazione di polizia è scattata all’alba di ieri in tutta Italia per l’esecuzione di oltre 30 ordinanze di custodia cautelare in relazione agli incidenti avvenuti lo scorso 3 luglio in Val Susa contro la linea ferroviaria Tav Torino-Lione. I reati contestati sono lesioni, violenza e resistenza a pubblico ufficiale per gli incidenti al cantiere della Tav di Chiomonte (Torino) nel quale rimasero feriti oltre 200 uomini delle forze dell’ordine e decine di manifestanti. Le ordinanze sono state emesse dal Gip di Torino, Federica Bompieri, su richiesta del Procuratore aggiunto Andrea Beconi, nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla Questura del capoluogo piemontese. La notifiche delle ordinanze ha coinvolto in varie città italiane, da Palermo a Trento; il maggior numero di provvedimenti riguarda persone residenti in Piemonte. Fra le decine di arresti nell’operazione della Polizia contro il movimento No Tav, alcuni riguardano frequentatori del Centro sociale torinese Askatasuna e di «case occupate» a Milano. Un ordine di custodia è stato emesso anche a Bussoleno.

Rugby, musica e droga: blitz in 35 finiscono in manette PIACENZA - I carabinieri di Piacenza hanno arrestato 35 persone per detenzione e spaccio di stupefacenti, smantellando un consistente giro di droga, soprattutto cocaina, in occasione di incontri di rugby e durante concerti di star della musica. Lo ha reso noto con un comunicato il Comando provinciale, precisando che è stata arrestata anche la campionessa italiana e vicecampionessa europea di natural body building over 52 kg; tredici i rugbisti di squadre di serie A, B e C coinvolti a vario titolo nell’ indagine. L’operazione, estesa anche alle province di Parma, Varese, Bergamo, Brescia,

Pavia, Lodi e Milano, è stata chiamata Flanker perché uno dei principali attori della vicenda rivestiva questo ruolo nella squadra di rugby in cui giocava. Come secondo lavoro però faceva il buttafuori in alcuni locali notturni e, insieme ad altri indagati, si occupava della security nell’ambito di importanti eventi musicali in tutta Italia, approfittandone per smerciare stupefacenti ai concerti delle star, inconsapevoli di quanto avveniva. Una misura cautelare interdittiva dalla professione, limitativa della libertà personale, è stata notificata a un’ avvocatessa del foro di Piacenza, per gli illeciti rap-

porti a favore degli spacciatori. I dettagli dell’operazione sono stati resi noti in una conferenza stampa, in mattinata, al Comando provinciale dei carabinieri di Piacenza.Nell’indagineèstatoconfermato il coinvolgimento a vario titolo di 13 rugbisti di squadre di serie A, B e C: tre sono stati arrestati per spaccio. L’operazione, estesa anche alle province di Parma, Varese, Bergamo, Brescia, Pavia, Lodi e Milano è stata denominata Flanker proprio perchè uno dei principali attori di questa vicenda rivestiva questo ruolo all’interno della squadra di rugby nella quale giocava


Venerdì 27 Gennaio 2012 il Domani dello Sport

7

DALL'ITALIA E DAL MONDO Alta tensione tra Lega e Pdl ma Berlusconi non cede e conferma l’appoggio al governo Monti

«Silvio? Una mezza calzetta» L’affondo di Bossi è più duro Antonio Bardolino ROMA - Scontro acceso tra Lega e Pdl sulla ipotesi di mandare a casa il governo. «Berlusconi è un po’ una mezza calzetta, ha paura». Lo dice il leader della Lega, Umberto Bossi, secondo il quale «c’è tutto un paese che vuole strozzare Monti e lui ha paura di mandarlo via». Anche le proteste che in questi giorni stanno agitando il Paese secondoBossipotrebberoessereevitate se ci fosse un altro governo. «Tutto va a posto: basta che vada a casa questo governo» aggiunge il Senatur. «O cade il governo o cade la Lombardia» ha ripetuto Bossi dopo l’avvertimento già lanciato nei giorni scorsi. Nel frattempo, durante una riunione di gruppo presso la Sala Salvadori è stato eletto all’unanimità Gianpaolo Dozzo nuovo presidente del gruppo Lega Nord Padania. «Chi è stato responsabile dando il suo sostegno al governo non può tirarsi indietro» ha detto il leader del Pdl Silvio Berlusconi lasciando la Camera dopo aver votato la fiducia al Milleproroghe. «No. Dopo ci sono le ragioni della convenienza e quelle della responsabilità. Io sono sereno». Risponde così l’ex premier a chi gli chiede se sia preoccupato per l’aut aut di Umberto Bossi che minaccia di far cadere la giunta Formigoni se il Pdl non toglie la fiducia all’esecutivo tecnico. «Al momento opportuno - aggiunge - il centrodestra sarà compatto». «Senza essere stato sfiduciato mi sono fatto indietro con senso di responsabilità e, se permettete, anche con una certa eleganza. Le

Karzai ringrazia l’Italia

Ieri intanto il governo Monti ha incassato sul Milleproroghe la quinta fiducia dall’inizio del suo mandato ragioni che mi hanno portato a quella decisione sussistono ancora». Lo ha affermato il presidente del Pdl, Silvio Berlusconi a Montecitorio. «Io sono sereno. Penso che al momento opportuno il centrodestrasaràcompatto».Lohaaffermato Silvio Berlusconi, commentando alla Camera il rinnovato invito di Umberto Bossi al presidente del Pdl di ritirare la fiducia al

governo, come condizione per evitare la caduta della giunta regionale lombarda, guidata da Roberto Formigoni. Ieri intanto il Governo Monti ha incassato, sul decreto Milleproroghe, la quinta fiducia dall’inizio del suo mandato. Le prime due, quelle programmatiche, le ha ottenute il 17 e il 18 novembre dello scorso anno segnando (con 281 sì al Senato e 556 alla Camera) il record dei consensi mai ottenuti prima da un Esecutivo. Ecco il quadro dei voti di fiducia, compresi i due iniziali, e i relativi risultati. Senato 17/11/2011 governo 281 sì, 25 no, 1 astenuto. Camera 18/11/2011 governo 556 sì, 61 no, 0 astenuti. Camera 16/12/2011 manovra 495 sì, 88 no, 4 astenuti. Senato 22/12/2011 manovra 257 sì, 41 no, 0 astenuti.

Camera 26/01/2012 Milleproroghe 469 sì, 74 no, 5 astenuti. Il segretariodelPd,PierLuigiBersani, puntualizza che il voto unitario, come quello di mercoledì scorso sulla mozione Ue, non significa che c’è una maggioranza politica. Il Pd, spiega, sarà leale al governo Monti ma lavora per un’altra prospettiva in attesa del voto nel 2013. «Non c’è una maggioranza politica. Certo, su grandi questioni come la politica europea, è giusto trovare la massima convergenza tra le forze politiche. Tutto quello che serve a rafforzare la forza negoziale del governo, va bene», dice Bersani.«NoisiamolealiaMontie continueremo ad esserlo ribadendo sempre le nostre idee. Ma noi lavoriamo per una nostra prospettiva che è quella dell’alleanza tra

Il presidente afghano Hamid Karzai, che ieri ha incontrato a Montecitorio il presidente della Camera Gianfranco Fini, ha espresso la propria «gratitudine al popolo italiano per i giovani, uomini e donne, che sono pronti a sacrificare la loro vita per il nostro popolo». In Afghanistan sono dispiegati oltre quattromila militari italiani nell’ambito della missione della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf). Ieri l’esplosione di un’autobomba guidata da un kamikaze ha causato quattro morti e 34 feriti, fra cui vari stranieri, a Lashkargah, capoluogo della provincia meridionale afghana di Helmand. A quanto si è appreso, l’attentatore suicida si è scagliato contro un convoglio di veicoli del Gruppo di ricostruzione provinciale (Prt) britannico che stava transitando in una zona del centro della città, dove si trovano uffici di organismi pubblici e privati. Fra questi ultimi quelli della Afghanistan Stabilisation Initiative, un organismo finanziato dall’Usaid statunitense che si occupa di progetti di sviluppo sociale. Ferito un bambino.

Istat, redditi al minimo dal ’99 fiducia consumatori a picco ROMA - «Sempre più gravi i dati diffusi dall’Istat sulla fiducia dei consumatori,chesiattestaailivelli minimi dal 1996, ovvero da quando è iniziata la rilevazione di questo dato e sul divario tra livello delle retribuzioni e crescita dei prezzi. I redditi delle famiglie, secondo quanto rilevato da un’indagine di Bankitalia, risultano inferiori addirittura a quelli del 1991». Ad affermarloinunanotacongiuntasonoAdusbefeFederconsumatori.Il potere di acquisto delle famiglie a reddito fisso, rilevano le due associazioni dei consumatori, «è diminuito dell’1,9% secondo i dati odierni dell’Istat. Questo significa,

per una famiglia media monoreddito che percepisce un reddito 1.500 euro al mese una diminuzione del potere di acquisto pari a 342 euro l’anno, mentre nel caso il reddito percepito sia di 2.000 euro al mese la diminuzione del potere di acquisto è pari a 456 euro l’anno».Mentrelacapacitàdiacquisto continuaadiminuireprezzietariffe sono in incessante crescita: le prime previsioni dell’Onf. - OsservatorioNazionaleFederconsumatori «prospettano nel 2012 un aumento pari a 392 euro a famiglia solo per quanto riguarda il settore alimentare. Aggravi, tra l’altro, destinati a peggiorare anche

sullaspintadegliaumentideterminati dalla serrata dei tir». Di fronte a questo scenario «non ci sorprende affatto che il potere di acquisto delle famiglie a reddito fisso e la fiducia dei consumatori siano ai minimi storici. Quello che ci sorprende, piuttosto, è che il Governo non sidecidaancoraadintervenireper risollevare la situazione», affermano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef. È necessario, infatti,rilevano,«agireconmaggiore coraggioedeterminazionesulversantedelleliberalizzazioni,adoggi affrontate in maniera ancora troppo timida».


8 il Domani dello Sport Venerdì 27 Gennaio 2012

IN CALABRIA Ancora problemi e caos a causa dello stop degli autotrasportatori. Lettere ferme e magistrati immobilizzati

Sciopero dei tir in Calabria, forti disagi per gli uffici postali e per i processi in tribunale di Andrea Morrone CATANZARO - "Anche le Poste in Calabria sono pesantemente coinvolte dalla grave situazione del blocco dei trasporti e del rifornimento di carburanti: in molti centri ed uffici non arrivano corrispondenza e pacchi e l’Azienda ha ’pensato bene’ di mettere in congedo parte del personale invece di preoccuparsi di riorganizzare una struttura autonoma di supporto agli autoveicoli, mentre gli spot di Poste spa magnificano le ’mitiche flotte aziendali’". E’ quanto denuncia il segretario regionale della Cisl Slp Franco Sergio. "In una fase prosegue Sergio - in cui le relazioni sindacali sono già congelate da oltre sei mesi sia a Roma che qui in Calabria dove dopo una diffida ufficiale, l’apertura del conflitto di lavoro, la cui procedura di raffreddamento ha dato esito negativo, non ci resta che attuare azionidilotta,nonescludendoilricorso alla magistratura del lavoro per attività antisindacale, la dirigenza dell’Area Sud sia di Mercato

Morto a Catanzaro l’avvocato Parisi Era da anni il legale dei giallorossi

Autostrada bloccata per lo sciopero dei tir

privati che di Servizi postali, pensa di poter attuare progetti di riorganizzazione unilaterale in materie in cui è obbligatorio il confronto con le parti sociali". Intanto la carenzadibenzinaprovocatadallo sciopero degli autotrasportatori stacreandodisagiallosvolgimento delle udienze dei processi nel distretto della Dda di Catanzaro. La Procura di Catanzaro sta cercan-

do di razionalizzare le poche scorte di benzina a disposizione. Per far fronte ai processi nei tribunali del circondario del distretto di Catanzaro, la Dda ha chiesto l’applicazione dei pubblici ministeri del posto per evitare il rinvio delle udienze. Per risparmiare il carburante si sta cercando anche di ridurre gli spostamenti dei magistrati.

E’ morto ieri, a Catanzaro, l’avvocato Antonio "Ninì" Parisi. I funerali sono stati celebrati ieri alle 15 nella cappella del Seminario San Pio X. Parisi, avvocato civilista, è stato per molti anni il legale dell’ex presidente del Catanzaro calcio Pino Albano (morto a gennaio del 2001) al quale era legato da una profonda amicizia. Il consiglio dell’ordine degli avvocati lo ricorda come uno "stimato ed apprezzato professionista". Il presidente del Catanzaro Calcio, Giuseppe Cosentino, l’allenatore Francesco Cozza, lo staff tecnico e tutte le componenti della società hanno espresso cordoglio per la morte dell’avvocato Antonio Parisi. "Un dirigente - è scritto in una nota ed un grande innamorato dei colori giallorossi, ai quali ha dedicato tempo, forze e tanta tanta passione. La morte dell’avv. Antonio Parisi, stimato professionista nonché dirigente e stretto collaboratore negli

anni Ottanta dell’indimenticato presidente dell’Uesse Pino Albano, ha colpito l’intero mondo dello sport catanzarese, che ha così perso una figura di spessore e di riferimento. Una figura di uomo d’altri tempi".

Cozza ha ricordato Parisi


Venerdì 27 Gennaio 2012 il Domani dello Sport

9

IN CALABRIA

Fincalabra: uso distorto e strumentale dell’informazione in modo reiterato Riceviamo e pubblichiamo. «L’uso distorto, strumentale e gratuito dell’informazione genera sempre dubbi e perplessità che si amplificano a dismisura quando i protagonisti di tale pratica ricoprono ruoli pubblici istituzionali di primo piano e rappresentano la Calabria a livello nazionale.A dubbi e perplessità si sostituisce però l’incredulità allorquandola"distorsioneinformativa", prodotta maldestramente in maniera reiterata, è fondata sulla totale disconoscenza di atti e fatti, e produce l’unico effetto di contribuire, a danno della Calabria e dei calabresi, a rafforzare il solito luogo comune che tutto ciò che è calabrese non va bene.Essere opportunamente documentati è un dovere per chi ricoprendo ruoli istituzionali pretende di esercitare un legittimo dirittodicritica.Eccoifatti.Fincalabra S.p.A. è soggetto gestore dell’intervento c.d. "Pia Industria 2010". Con Avviso pubblicato sul BURC in data 16 dicembre 2010 è stato fissato in 90 giorni dalla pubblicazione e, quindi al 16 marzo 2011, il termine di presentazione delle domande a valere sulla predetta misura.Al fine di determinare in maniera puntuale le proprie attività, di rendere traspa-

rente e chiare le modalità operative e di accelerare i tempi di conclusione delle attività istruttorie, Fincalabra ha elaborato fin dal mese di gennaio 2011 un puntuale piano di attività approvato in data 4 maggio 2011 con DDG del Dipartimento Attività Produttive.In data 1 giugno 2011 la Regione Calabria ha notificato a Fincalabra il DDG del 27 maggio, con cui è stato approvato lo schema di Convenzione.Il successivo 9 giugno 2011 il Presidente di Fincalabra ed il Dirigente Generale del Dipartimento Attività Produttive hanno sottoscritto la convenzione. La sottoscrizione della convenzione ha, di fatto, autorizzato Fincalabra all’avvio delle attività. In data 18 maggio 2011, nelle more della stipula della convenzione ed al fine di accelerare i tempi, Fincalabra ha deciso di procedere, comunque, alla pubblicazione sul sito dell’Avviso di Selezione per l’individuazione dei profili professionali necessari allo svolgimento delle attività di cui al predetto piano. Le selezioni sono avvenute secondo criteri di trasparenza, pubblicità ed imparzialità, prevedendo la valutazione dei partecipanti sulla base dei titoli, dell’esperienza professionale e dei colloqui

tecnico/motivazionali. La valutazione dei 264 professionisti che hanno presentato domanda è stata conclusa in tempi record e la graduatoria, per ciascuno dei profili professionali richiesti, è stata pubblicata sul sito della Fincalabra in data 8 luglio 2011. A conferma di una procedura votata alla massima trasparenza ed all’applicazione di modalità selettive oggettivamente inconfutabili la selezione non ha subito alcun ricorso, né di tipo gerarchico né di tipo giurisdizionale Nei primi giorni del mese di luglio 2011 Fincalabra, dopo aver stipulato i contratti con i professionistiselezionatienominato la Commissione, ha avviato le attività istruttorie di ben 528 progetti d’impresa pervenuti al Dipartimento Attività Produttive. Ad oggi sono statecompletamenteultimateleattivitàistruttorierelativeallaverificadi : a) regolarità e completezza della domandadiagevolazioneedelladocumentazionetrasmessa;b)rispetto dei termini e delle modalità di presentazione della domanda; c) sussistenza di tutte le condizioni per l’ammissione alle agevolazioni (requisiti soggettivi delle imprese richiedenti, settori di attività ammissibili, tipologia investimenti); d) meri-

to. In applicazione di nuove metodiche procedurali, sempre finalizzate alla massima trasparenza, Fincalabra, per la prima volta in procedure simili, ha: a) sostenuto un’attività di confronto con le imprese finalizzata adunapiùpuntualevalutazionedella bontà tecnico-economica dei progetti d’investimento; b) condiviso, periodicamente, lo stato d’avanzamento dei lavori e le metodologie istruttorieapplicate,conleprincipali associazioni di categoria del mondo imprenditoriale, che hanno manifestatamente apprezzato tale iniziativa. Fincalabra, quindi, ricorrendo esclusivamente a professionalità calabresi, ha svolto un lavoro di elevato standard qualitativo sia sul piano della metodologia applicata sia su quello tecnico, rispettando le tempistiche assegnate e applicando principi finalizzati alla massima trasparenza. E’ del tutto evidente che la fase di confronto con le imprese ha dilatato i tempi di istruttoria ma è altrettanto vero che il fatto che le imprese calabresi abbiano potuto confrontarsi con il soggettoistruttoresullevarieproblematiche dei singoli progetti è stato enormemente apprezzato dagli imprenditori ed ha certamente mi-

glioratolaqualitàdell’istruttoria.Da un anno a questa parte Fincalabra ha avviato un processo di riorganizzazione strategica interno ed esterno, con il presupposto di fare della società un valido strumento di attuazione delle politiche di sviluppo regionale a prescindere dal connotato politico dell’ente di riferimento. In tal senso la società è aperta al confronto e qualunque critica costruttiva, fondata su elementi certi e che vada nella direzione di migliorarel’operativitàdellasocietàèe sarà sempre ben accetta e motivo di approfondimento. Agli attacchi "pretestuosi", spesso non fondati sulla reale conoscenza dei fatti, ma sulla necessità di visibilità mediatica, Fincalabranonintendedarealtrarisposta che essere "nei fatti" strumentodisupportoperlacrescitadell’impresa calabrese. All’Onorevole Laratta, e a qualunque altro soggettoistituzionale,interessatoadacquisirequalsiasiinformazionesulleattivitàdiFincalabra,estendiamol’invitoa recarsiinsocietàper verificareil processo organizzativo messo in campo per affrontare le importanti sfide che attendono il sistema produttivo calabrese negli anni». Fincalabra Spa


10 il Domani dello Sport Venerdì 27 Gennaio 2012

IN CALABRIA Arrestato Carotenuto. Insieme a lui anche altre due persone. Avevano creato un’associazione a delinquere

Truffa e peculato, manette per un consigliere della Provincia di Cosenza di Cesare Giraldi COSENZA - Un consigliere alla Provincia di Cosenza, Giuseppe Carotenuto, è stato arrestato ieri, insieme ad altre due persone, dai carabinieri con l’accusa di associazione a delinquere, truffa e peculato. I tre, secondo quanto si è appreso ricoprono incarichi in due consorzi di garanzia dei fondi fidi che si occupano di fare da garanti presso le banche, grazie a stanziamenti del ministero dell’Economia, per la concessione difidiapiccoleemedieimpreseed a soggetti vittime di usura. Secondo l’accusa, i tre, si sarebbero appropriati di una parte dei finanziamenti ricevuti dalle aziende, alcune delle quali, senza il loro intervento, non avrebbero potuto beneficiare dei fidi. In alcuni casi, inoltre, si sarebbero fatti pagare delle commissioni non dovute dai beneficiari dei fidi. Complessivamente i tre si sarebbero impossessati di circa 500 mila euro. Carotenuto, dal 2009, è consigliere alla Provincia nel gruppo "Calabria riformista". Per alcuni mesi, alla fine del 2010, è stato anche consigliere comunaleaCosenzasubentrandoad un consigliere dimissionario ed in quella occasione annunciò l’adesionealPdl.Allecomunalidel 2011 si presentò con la lista Scopelliti Presidente senza venire eletto. Gli atri due sono Gianfranco Vecchione (52) e Giovanni Falanga(56), a cuisonostati concessi di domiciliari. I carabinieri hanno anche eseguito perquisizioni nelle abitazioni di alcuni dirigenti di banca. I documenti, secondo l’accusa, consistevano in lettere di isti-

De Gaetano chiede più sensibilità per i problemi dei Lsu - Lpu

Provincia di Cosenza

tuti di credito con le quali veniva rigettata la richiesta di mutuo. "I beneficiari-hadettoilprocuratore di Cosenza, Dario Granieri illustrando i particolari dell’operazione - erano del tutto arbitrari. Scelti sulla base di criteri di natura prettamente clientelare e del tutto arbitrari. Sono state, inoltre, applicate ed incamerate commissioni non dovute, oscillanti fra il 5 ed il 10% dell’importo garantito. In molti casi i beneficiari dei prestiti hanno dichiarato di avere utilizzato i prestiti antiusura per le ragioni più svariate, fra cui l’investimento per acquisto di immobili, per favori personali o altro. Nulla di più lontano dalle difficoltà finanziarie

richieste per legge". "In un contesto quale è quello di Cosenza - ha aggiunto Granieri - dove più dell’80% degli operatori commerciali hanno denunciato, come si evince da un’indagine della Confcommercio, di avvertire il peso soffocante dell’usura, la strumentalizzazione dei fondi antiusura per fini privati integra non solo precise condotte criminose, ma rappresenta un grave vulnus alla fiducia dei cittadini nelle istituzioni". Le indagini condotte dai carabinieri della sezione di polizia giudiziaria della Procura sono scattate in seguito a segnalazioni pervenute dal Ministero delle Finanzeeriguardanol’utilizzazione,

Talarico: «Orrendi i treni in Calabria» REGGIO CALABRIA - "Da subito, e prima ancora del potenziamento annunciato della linea ferroviaria Salerno-Reggio Calabria, si potrebbe ridurre di più di un’ora la durata del viaggio dei treni Eurostar dalla Calabria a Roma e viceversa, se Trenitalia non avesse gli atteggiamenti discriminatori che ricordano, in qualche modo, quei proprietari di case del Nord Italia che negli anni Cinquanta e Sessanta non affittavano a meridionali". La denuncia-provocazione è del presidente del Consiglio regionale della Calabria Francesco Talarico. "Già da domani - prosegue - si potrebbe viaggiare con i treni Eurostar da

Reggio a Roma in poco più di cinque ore, da Lamezia in meno di quattro e da Paola in tre ore e mezzo. Sarebbe solo sufficiente che per la Calabria non si utilizzassero, come invece accade, treni Eurostar di vecchia generazione, obsoleti, maleodoranti e tecnologicamente inadeguati a transitare sulla linea veloce Napoli-Roma. Alla stazione di Napoli, dove gli Eurostar della Calabria prendono mestamente la via del vecchio tracciato ferroviario, e non quella dell’alta velocità, si consuma questo atto fortemente discriminatorio nei confronti non solo della Calabria, ma anche della Basilicata, della Puglia e

naturalmente della Sicilia". "Non ci sono solo i tagli dei treni notturni a lunga percorrenza e altre questioni, intorno alle quali si sta creando una grande mobilitazione che coinvolge tutte le regioni meridionali e anche enti locali del Nord, come la giunta comunale di Milano - dice ancora Talarico - ma c’é da correggere immediatamente l’atteggiamento, non più tollerabile, di aziende pubbliche, come il gruppo Ferrovie dello Stato, che decidono cosa vale la pena fare o non fare nel Sud, perdendo di vista missione e doveri propri di concessionarie di servizi pubblici e ignorando i diritti dei cittadini.

negli anni 2009 e 2010, dei fondi antiusura previsti dal legislatore e destinati dal Ministero dell’Economia alle piccole e medie imprese ad elevato rischio finanziario. "Il ruolo degli istituti di credito in questa inchiesta è simile a quello messo in atto nelle 488". Lo ha detto il procuratore aggiunto del Tribunale di Cosenza Domenico Airoma nel corso della conferenza stampasull’inchiestachehaportato all’arresto del presidente e del direttore generale della Opus Homini, Giuseppe Carotenuto e Gianfranco Vecchione e ai domiciliari del presidente della Finlabor, Giovanni Falanga.

REGGIO CALABRIA - "Tra le priorità della Regione non c’é spazio per gli Lsu-Lpu. Sono i fatti a dirlo: a due mesi dal mancato incontro con i rappresentanti dei lavoratori, prima convocato a Catanzaro e poi cancellato all’ultimo momento proprio dal presidente della Giunta, non abbiamo ancora notizie di una nuova convocazione. Così come non c’é traccia del tavolo per la stabilizzazione da aprire con il Governo e, circostanza ancora più inaccettabile, dei quattro stipendi arretrati vantati dai lavoratori". Lo denuncia il consigliere regionale del Pd, Nino De Gaetano, tornando a sollecitare attenzione e garanzie per i 4.800 Lsu-Lpu regionali. "Con cadenza ormai regolare - scrive De Gaetano - stiamo denunciando da mesi l’inaccettabile assenza della Regione Calabria, chiaramente in fuga da un confronto serio sul futuro di questi lavoratori. Non bastano certo le rassicuranti dichiarazioni a mezzo stampa, infatti, a nascondere il disinteresse evidente per la vertenza e per la drammatica situazione di questi calabresi che, in una fase di gravissima crisi economica e sociale, aspettano ancora quattro stipendi. A dicembre ne avevamo già sollecitato con forza il pagamento, lamentando una situazione già allora inaccettabile. A.M


11

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO FALLIMENTARE AVVISO DI VENDITA ALL’INCANTO DI BENI IMMOBILI PROCEDURA FALLIMENTARE N. 8/2008 Il Giudice delegato al fallimento n. 8/2008, con ordinanza del 29/11/2011 ha disposto la vendita all’incanto al prezzo base di euro 33.000,00 per il lotto 1, di euro 22.500,00 per il lotto 2 e di euro 6.750,00 per il lotto 3, dei seguenti beni immobili: Lotto uno: - " unità immobiliare sita in Curinga, alla via Nazionale, n. 281, piano primo, costituita da ingresso, cucina, salone-pranzo, disimpegno, tre camere da letto, un solo bagno, tre balconi, dotata di corte comune, riportata nel relativo NCEU al foglio 21, p.lla 407, sub 2, cat. A/3, classe 2, vani 6,5"; Lotto due: - " unità immobiliare sita in Curinga, alla via P. Mancini, traversa di via Nazionale, piano strada, adibita a magazzino- deposito, dotata di corte esclusiva, riportata nel relativo NCEU al foglio 21, p.lla 426, sub 2, cat. C/2, classe 1, mq. 90"; Lotto tre : - " appezzamento di terreno sito in Curinga, località Croce- Cappello, riportato nel relativo NCT al foglio 56, p.lla 493" HA STABILITO CHE LA VENDITA ALL’INCANTO HA LUOGO al prezzo base di euro 33.000,00 per il lotto n. 1, di euro 22.500,00 per il lotto n. 2, di euro 6.750,00 per il lotto n. 3,; le offerte in aumento , a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 2.200,00 per il lotto n. 1, ad euro 1.500,00 per il lotto n. 2, ad euro 450,00 per il lotto n. 3; HA FISSATO per la presentazione presso la Cancelleria fallimentare delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti , alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, il termine fino alle ore 13,00 del giorno 26/03/20012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; PER IL GIORNO 27/03/2012 ore di rito, la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore (fallito), è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.f. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare

Venerdì 27 Gennaio 2012

eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alla curatela del fallimento "R.F. _8/2008", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal fallito per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudica-

zione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato alla curatela del fallimento "R.F. 8/2010" (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.d.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, ex art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; AVVERTE Fin d’ora gli interessati che, ove all’udienza fissata per la celebrazione dell’incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, si riserva di applicare immediatamente l’art. 591 c.p.c., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, provvedendo in quello stesso contesto sull’eventuale fissazione di una nuova vendita. Lamezia Terme, lì 05/12/2011 IL CANCELLIERE C1 Firmato ( dott.ssa Leonilda Bonaddio) ***** Cancelleria degli Affari Contenziosi Civili AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART 788, 569 COMMA 3 , 571 e 576 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice Istruttore, nella causa civile di divisione n° 4075/2009, con ordinanza emessa il 24.10.2011, ha disposto, previo scioglimento della comunione esistente tra i comproprietari, la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 26.03.2012; Lotto uno - : " terreno agricolo sito in Carlopoli, esteso complessivamente per mq. 300, riportato nel NCT di detto comune al foglio 6, p.lla 239, nonché un’unità immobiliare adibita a cucina rustica e forno, sita in Carlopoli, alla via XX Settembre, n.16, piano T, e riportata nel NCEU al foglio 6, p.lla 384, cat.C/3, mq.18"; Prezzo base euro 2.250,00. Lotto due - : " appartamento di tipo popolare sito in Carlopoli, alla via XX Settembre, n.22/28, costituito da due camere da letto, sala, cucina, sala da pranzo, un bagno, due terrazze. L’immobile è riportato nel NCEU di detto comune al foglio 6, p.lla 383, sub 3, cat.A/4 , vani 5,5"; Prezzo base euro 25.500,00. Lotto tre - : " appartamento di tipo economico sito in Carlopoli, alla via XX Settembre, n.30/36, piano T-1. Esteso su tre livelli, è costituito da due camere da letto e un soggiorno al piano terra, da una cucina e un caminetto al piano rialzato e da due camere da letto al primo piano . Il cespite è riportato nel NCEU di detto comune al foglio 6, p.lla 383, sub 4, cat.A/3, vani 7,5"; Prezzo base euro 33.750,00. SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo base di euro 2.250,00 per il lotto n.1, di euro 25.500,00 per il lotto n.2 e di euro 33.750,00 per il lotto n.3; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da at-

AsteInfoappalti e' un Progetto a cura della Mediatag coordinamento area Calabria

to pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come

info 0961. 023931


12 rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria degli Affari Contenziosi Civili delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente avviso, termine fino alle ore 13.00 del 23.03.2012, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; è fissata, per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, ai sensi dell’art. 573 c.p.c., l’udienza del 26.03.2012, ore 9.30 e segg.; gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; QUANTO ALLA PUBBLICITÀ IN FUNZIONE DELLA VENDITA: su impulso del procedente, sia predisposto l’avviso di vendita, da pubblicare all’albo dell’Ufficio; a cura, rischio e spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.) del medesimo soggetto, sia data pubblicità: in ogni caso, per una sola volta, del presente avviso, su di un quotidiano di informazione a diffusione locale a scelta del creditore, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; in ogni caso, per una sola volta, del presente avviso, su una rivista periodica, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la pre-

Venerdì 27 Gennaio 2012

sentazione delle offerte o della data dell’incanto; in ogni caso, per una sola volta, del presente avviso, e della relazione di stima dell’esperto su un sito Internet individuato ai sensi dell’art. 173 ter disp. att. c.p.c. e di cui è data notizia in Cancelleria, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; il creditore procedente può, inoltre, dare pubblicità della presente ordinanza, a sua cura ed ove lo ritenga opportuno: a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), con pubblicità muraria, da effettuarsi nei Comuni di Lamezia Terme e di ubicazione degli immobili, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), a ulteriori forme di pubblicità dal medesimo prescelte, da eseguirsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; la pubblicità muraria e l’ulteriore pubblicità prescelta sono dichiarate sin d’ora non necessarie ai fini dell’esperibilità della vendita; della prova della pubblicità elettronica e a mezzo stampa - da depositarsi in cancelleria almeno dieci giorni prima delle vendite - sia fatto carico al creditore procedente o surrogante. Lamezia Terme, lì 12.12.2011 Il Cancelliere Dott.ssa Giovanna Giampà ***** UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI R.E. n. 81/2010 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Letti gli atti del procedimento e sciogliendo la riserva di cui al verbale di udienza del 06.10.2011; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode del bene pignorato è il debitore; rilevato che, ai sensi dell’art. 559, comma 3 c.p.c., come introdotto e disciplinato dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, la sostituzione del custode deve essere disposta dal giudice dell’esecuzione in caso di inosservanza degli obblighi sul medesimo incombenti; considerato che, in tali ipotesi, la carenza di margini di discrezionalità valutativa in capo all’organo giudicante legittima la surroga del debitore, quale custode giudiziario, anche ex officio; considerato che, nel caso di specie, il debitore,originario custode del compendio immobiliare staggito, non ha provveduto, ex artt. 560 e 593 c.p.c., al deposito trimestrale del conto di gestione, in tal modo contravvenendo ad un preciso dovere normativo; ravvisata altresì, la necessità di provvedere, con estrema urgenza, soprattutto al fine di rendere produttivo il compendio pignorato e di agevolarne la liquidazione, ad attribuire i relativi poteri di conservazione ed amministrazione a soggetto distinto dall’esecutato e ciò anche in considerazione delle potenzialità produttive dei beni; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell’esperto, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 328.000,00 alla vendita coattiva dei seguenti beni: lotto unico - " terreno della complessiva estensione di 4.945 mq., sito in località Capizzaglie del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, censito nel NCT del predetto Comune al foglio 42 p.lle 529 (uliveto, 1434 mq), 530 (uliveto, 2830 mq), e 531 (uliveto, 681 mq); il terreno nel vigente PRG ha destinazione "CR" - residenziale con assenza di piani di lottizzazione si presenta pianeggiante e dotato all’interno di stradina di accesso asfaltata, piazzale di deposito ed una tettoia aperta per ricovero di mezzi della dimensione di mt 50x18 abusiva ma condonabile e attualmente non accatastata; l’accatastamento sarà a carico dell’aggiudicatario, il quale dovrà provvedervi prima dell’emissione del decreto di trasferimento; nella determinazione del prezzo di vendita sono già stati detratti i costi di oblazione, stimati in euro 16.565,87

e le spese tecniche per l’accatastamento ed il condono, stimati in euro 22.565,87"; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l’esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d’ora la data per gli incanti; evidenziato, quanto alla vendita senza incanto che: ciascun offerente, ai sensi dell’art. 571, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti: nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.), presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del bene (e del lotto) cui l’offerta si riferisce, del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1 let. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso ( ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); l’offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme; in caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta; l’offerta è irrevocabile, salvo che : 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’art. 568 e più sopra indicato; c) se l’offerta non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a.", in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; nel caso di mancata comparizione dell’offerente o degli offerenti l’aggiudicazione sarà comunque disposta, fatta salva l’applicazione delle previsioni di cui all’art. 572 commi 2 e 3 c.p.c.; in caso di più offerte valide, si procederà a gara sull’offerta più alta secondo il sistema delle schede o buste segrete, fatta salva l’applicazione dell’art. 573 comma 2 c.p.c.; in alternativa alle modalità di cui sopra, la presentazione delle offerte di acquisto può avvenire anche mediante l’accredito, a mez-

AsteInfoappalti e' un Progetto a cura della Mediatag coordinamento area Calabria

zo di bonifico o deposito su conto postale o bancario intestato alla procedura esecutiva ed acceso o da accendersi, nel secondo caso, presso il "Monte dei Paschi di Siena S.p.A." filiale di Lamezia Terme, di una somma pari ad un decimo del prezzo che si intende offrire e mediante la comunicazione, a mezzo telefax o posta elettronica, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi, di una dichiarazione contenente le indicazioni di cui allo stesso art. 571 c.p.c.; detto accredito deve aver luogo non oltre cinque giorni prima della scadenza del termine entro il quale possono essere proposte le offerte di acquisto; fin d’ora si prevede che, quando l’offerta è presentata con le modalità alternative, il termine per il versamento del prezzo e di ogni altra somma è di novanta giorni;in ogni caso le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto, nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; evidenziato, quanto all’eventuale successiva vendita agli incanti che essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 328.000,00; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 5%; ognuno, ai sensi dell’art. 579 comma 1 c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579 comma 3 c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti: nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.); ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del n. di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179 comma 1 lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a." tramite cui effettuare il ver-

info 0961. 023931


13 samento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita all’incanto; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c., la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione,pertanto,diverràdefinitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo), la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13,00 del giorno 13.03.2012, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, ai sensi dell’art. 573 c.p.c. l’udienza del 14.03.2012 ore 9,30 ss FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alla ore 13 del giorno 27.03.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; per il giorno 28.03.2012 ore 9,00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE, ALTRESI’, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO:

Venerdì 27 Gennaio 2012

gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione su un libretto postale di deposito giudiziario intestato al debitore e recante il numero della presente procedura esecutiva (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs 1 settembre 1993 n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese, con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; DISPONE, QUANTO ALLA PUBBLICITA’ IN FUNZIONE DELLA VENDITA, CHE: su impulso del procedente, sia predisposto l’avviso di vendita, da pubblicare all’albo dell’Ufficio; a cura, rischio e spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.) del medesimo soggetto, sia data pubblicità; in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su di un quotidiano di informazione a diffusione locale a scelta del creditore, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su una rivista periodica, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, e della relazione di stima dell’esperto su un sito Internet individuato ai sensi dell’art. 173 ter disp. att. c.p.c. e di cui è data notizia in Cancelleria, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; il creditore procedente possa, inoltre, dare pubblicità della presente ordinanza, a sua cura ed ove lo ritenga opportuno: a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.) con pubblicità muraria, da effettuarsi nei Comuni di Lamezia Terme e di ubicazione degli immobili, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.) a ulteriori forme di pubblicità dal medesimo prescelte, da eseguirsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; la pubblicità muraria e l’ulteriore pubblicità prescelta sono dichiarate sin d’ora non necessarie ai fini dell’esperibilità della vendita; della prova della pubblicità

elettronica e a mezzo stampa - da depositarsi in cancelleria almeno dieci giorni prima delle vendite - sia fatto a carico al creditore procedente o surrogante; AVVERTE fin d’ora le parti che, ove all’udienza fissata per la celebrazione dell’incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, si riserva di applicare immediatamente - e cioè a quella stessa udienza - l’art. 591 cod. proc. civ., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, in quello stesso contesto sentendo le parti e provvedendo sulla disposizione dell’amministrazione giudiziaria o sulla fissazione di una nuova vendita; ONERA il creditore procedente di notificare entro il 31.12.2011 la presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 che non sono comparsi; NOMINA quale custode giudiziario il dott. Paolo Cosentino , che convoca, ai fini del conferimento dell’incarico, per il 30.11.2011 ore 12,30; ORDINA al debitore di presentare il conto di gestione ex artt. 560 e 593 c.p.c. a far data dal pignoramento, entro e non oltre il 15.12.2011, con espresso avviso che in caso di inottemperanza , l’omissione sarà valutata ai fini dell’eventuale trasmissione degli atti alla Procura della Repubblica per i reati configurabili nella fattispecie. Lamezia Terme, 23.11.2011 Il Giudice dell’Esecuzione Dott.ssa Adele Foresta

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570) che il G.E., Dr. SERGIO MALGERI, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 129/93 promossa da CARICAL SpA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO n. 1: "Fabbricato in c.a. ad un piano f.t. destinato a civile abitazione, con all’interno un piccolo locale interrato adibito a deposito, sito in Siderno, c.da Sant’Anna snc, che insiste su terreno, individuato in catasto terreni al fgl. 17, p.lla 69, sul confine del quale si trova piccolo manufatto adibito a cucina rustica con forno; il tutto riportato in catasto fabbricati di Siderno, al fgl. 17, p.lle 69 sub 1 (corte) e sub 2 (scala esterna), beni comuni non censibili, p.lle 69 sub 3 (piano terra, Cat. A/7, cl. 1, cons. vani 11), 69 sub 4 (piano terra, cat. A/3 cl. 2, cons. vani 4), 69 sub 5 (piano terra, Cat. C/2, cl. 2 , cons. mq. 61), 69 sub 6 (primo piano lastrico solare)" PREZZO BASE D’ASTA: Euro 348.737,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO n. 2: "Terreno sito in Siderno, loc. Abbruschiato, riportato in catasto terreni al fgl. 17, p.lle 757 (seminativo, cl. 2, are 13,00), 758 (seminativo cl. 2, are 00,76), 759 (uliveto cl. 1, are 16,30), 760 (uliveto cl. 1, are 02,13)" PREZZO BASE D’ASTA: Euro 96.570,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l’ordinanza di vendita del 15.05.2008 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui si procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 23.03.2012, alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal de-

AsteInfoappalti e' un Progetto a cura della Mediatag coordinamento area Calabria

posito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per quanto non indicato vedere l’ordinanza di vendita del 15.05.2008 (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 27.04.2012, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 580 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 13 gennaio 2012 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI - Sezione Civile Esecuzioni R.E. Imm.: 129/1993 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE, ..... OMISSIS .... , DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI SU DESCRITTI; STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1)L’immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima dell’Arch. MIRELLA RASPA (relazione del 17.04.2009), che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2)ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma); 3)entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di inefficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ve ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione,

info 0961. 023931


14 limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti la potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore;4)l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte; C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; 5)l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6)l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7)l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8)l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; 9)l’udienza di vendita è fissata per il giorno 23.03.2012, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10)in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in

Venerdì 27 Gennaio 2012

aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11)in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; 12)in caso di aggiudicazione, l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione; 13)in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; 14)il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); 15)maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; 16)la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; 17)la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di LOCRI, SIDERNO, MARINA DI GIOIOSA JONICA, (invitando all’uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18)ove si debba procedere all’incanto, e cioè

per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 27.04.2012 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19)ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; 20)la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; 21)le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; 22)se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23)l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24)ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25)le offerte in aumento andranno effettuate

AsteInfoappalti e' un Progetto a cura della Mediatag coordinamento area Calabria

in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 26)su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto 24); 27)se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 28)alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (amministrazione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Si comunichi, ...... OMISSIS ....... LOCRI, 02.07.2011 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE

TRIBUNALE DI REGGIO CALABRIA Sezione fallimentare Proc. Fall. n. 33/2002 ORDINANZA DI VENDITA CON INCANTO Il Giudice Delegato, ORDINA la vendita all’incanto dei beni immobili suddivisi nei lotti come di seguito specificati. LOTTO 73/B Quota pari ad 1/3 del lastrico solare al secondo piano del fabbricato a maggiore consistenza, sito in via Venezia, della superficie commerciale di mq 241,00 ed identificato al N.C.E.U. di Reggio Calabria, al foglio 126, particella 30, zona censuaria 1, sez. RC, sub. 8. Prezzo base dell’incanto: Euro 12.600,00. Vendita con incanto: 21/03/2012 Maggiori informazioni potranno essere richieste al Curatore Prof. Dr. Luigi Saccà, con studio in Messina, Via T. Cannizzaro n.231 (tel. 090-679942 - 335 6306211) oppure alla Cancelleria fallimentare (tel. 0965-8577620 - 8577994). Reggio Calabria, 27/12/2011 Il Giudice Delegato Dr.ssa Tiziana Drago

info 0961. 023931


Venerdì 27 Gennaio 2012 il Domani dello Sport 15

SPORT L’Inter incassa la sconfitta di coppa e guarda avanti con una certezza: Ranieri

«Mourinho? No, grazie»

Eva Canta

:: già il Domani :: REDAZIONE Direttore GUIDOTALARICO Direttoreresponsabile ORLANDOROTONDARO Capiredattori FRANCESCOPUNGITORE(Nazionale) ANGELOROSSI(Napoli) MAURIZIOZUCCARI(Cultura) Garantedellettore FRANCOESPOSITO >RedazioneRoma Tel.06.45427170/71 ViaArchimede,201-00197ROMA roma@ildomani.it >RedazioneNapoli Tel.081.19103955 ViaAntiniana,59-80078POZZUOLI(NA) redazione@ildomanidinapoli.it >RedazioneCalabria Tel.0961.023922 Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) redazione@ildomani.it EDITORE T&PEditoriSRL-Tel.0961.023922 Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) Testatareg.trib.Czn.64del15/7/1997 R.O.C.Numero5606 Latestatafruiscedeicontributistatalidirettidicuialla Legge7agosto1990n.250eseguentimodifiche PUBBLICITA’ Nazionale,localeegiudiziaria ILSOLE24ORESPASYSTEM DirettoreGeneraleGianniVallardi SedediNapoli CorsoUmbertoI,7-80138Napoli Tel.081.5471111 SedeCalabria Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) Tel.0961.023922 ClassificataeterritorialeNapoli SEATPAGINEGIALLE Tel.335.6505556 Tariffaamodulo46x19mmh.Commercialeeuro 103,00-Occasionaleeuro129,00-Corsidi formazioneeuro129,00-R.P.Q.euro78,00necrologioeuro77,00cad.Economicieuro0,62a parola.Supplementocolore:40% DISTRIBUZIONE:Sodip MediaServices(Calabria) CENTROSTAMPA:LITOSUDSRL ViaCarloPesenti,130-00156ROMATel.06.4121031 STABILIMENTOTIPOGRAFICODEROSE C/daPantoniMarinella-87040MONTALTOU. (Cs)-Tel.0984.934382 Responsabiledeltrattamentodati Dlgs96/2003-OrlandoRotondaro

MILANO - Ernesto Paolillo, ad dell’Inter, rende onore al Napoli che ha sconfitto i nerazzurri ai quarti di finale di Tim Cup. «Il Napoli meritava più dell’Inter di andare avanti in Coppa Italia - ha detto ai microfoni di Radio Crc L’Inter ha giocato sottotono in più nel calcio vince chi ha più fame di vincere e ieri questa fame ha dimostrato di averla il Napoli». Nello stesso tempo, però, blinda Ranieri: «Mourinho all’Inter? Assolutamente no, questo periodo e questo ciclo dice Ranieri per cui è inutile parlare di cose che non hanno senso». Paolillo ha spiegato che l’obiettivo dell’Inter è di «andare quanto più avanti possibile in Champions League. Raggiungere le semifinali di Champions sarebbe un obiettivo straordinario. QuellodelMarsigliaèunturnopiù abbordabile rispetto al Barcellona ma è altrettanto pericoloso. Il Marsigliadovremoaffrontarlocon molta attenzione ma i nostri campioni possono superare questo ostacolo». «Il Psg ha chiesto la dispo-

nibilità che il ragazzo ha dato. Quella di coppa Italia potrebbe esserel’ultimapartitadiThiagoMotta con la maglia dell’Inter». Dario Canovi, agente di Thiago Motta, risponde così a Radio Crc alle domande sull’ipotesi di trasferimento dall’Inter al Paris Saint-Germain. «Credo che l’Inter abbia commesso un errore, non tanto quello del mancato rinnovo del contratto di Thiago Motta quanto quello della mancanza di considerazione del calciatore nonostante sia uno dei più importanti della squadra. Non si può pensare di cedere un calciatore ad un anno dalla fine del contratto per cui l’Inter dovrà decidere se cederlo adesso, a gennaio, oppure farlo rimanere in rosa fino alla scadenza del contratto», aggiunge il procuratore. «Se il calciatore è ritenuto incedibile adesso, allora vorrà dire che lo sarà fino alla fine del suo contratto anche perchè Thiago Motta adesso ha mercato, domani chissà», afferma. «Non si è mai parlato di aspetti economici con il Psg anche

perchè non c’è nessun accordo tra le due società, nè tra il calciatore e il club parigino. Il gradimento per il Psg lo ha confermato anche il calciatore per cui non sto dicendo nulla di nuovo», chiarisce Canovi. «Inoltre, Ancelotti ha sempre parlato in termini entusiastici di Thiago Motta. Parigi è una delle città più belle del mondo, il Psg è un club che sta cercando di rafforzarsi costruendo una equipe tra le più forti del mondo per cui non vedo perchè Thiago Motta dovrebbe essere contrario ad un possibile trasferimento», conclude. «Ogni partita è come se fosse una finale, bisogna giocarla con questo spirito e alla fine se si gioca con questo spirito i risultati arrivano». A margine della presentazione della seconda stagione in Formula 1 della Pirelli ad Abu Dhabi, il presidente del gruppo italiano e noto tifoso nerazzurro, Marco Tronchetti Provera, non vuole pronunciare la parola scudetto, ma allo stesso tempo esalta la ritrovata competitività della squadra: «è stata una rimonta meravigliosa, Ranieri è stato molto bravo, ha dato lo spirito giusto alla squadra e i calciatori si sono ritrovati facendo contenti tutti i tifosi». Ve lo spettavate? «Perchihavissuto le prime settimane di quest’anno da tifoso, come le ho vissute io, questa rimonta non la si aspettava.Èarrivata, tutti in fondo ci credevamo e adesso cerchiamo di stare in zona Champions». Poi Tronchetti Provera parla del mercato e assicurachel’argentinoCarlitosTevez non sarà nerazzurro: «Tevez Interessa ancora? ormai no, sta seguendo un altro percorso».

Sogno Siena traguardo storico e ora il Napoli SIENA - «Quello che abbiamo raggiunto è un traguardo storico e sono contento che sia avvenuto sotto la mia presidenza. Abbiamo scritto una bella pagina di calcio. Pur non giocando con i titolarissimi, la rosa che ha il Siena consente a Sannino di mettere in campo calciatori bravi. È per noi è un sogno giungere in finale di Coppa Italia ma a volte i sogni si avverano». Lo ha detto il presidente del Siena, Massimo Mezzaroma, a Radio Crc, il giorno dopo la conquista della semifinale di Coppa Italia ai danni del Chievo. Ora i toscani se le dovranno vedere con il Napoli che ha eliminato l’Inter. «Anche per il Napoli la Coppa Italia è un traguardo importante per cui immagino che sarà una bella partita, molto combattuta. Io ci credo perchè in campionato, contro il Napoli, fino all’86’ minuto non avevamo demeritato la vittoria. Poi, i valori tecnici del Napoli hanno fatto sì che la partita finisse con un pareggio», aggiunge il numero uno dei bianconeri toscani. «Santana al Siena? Non credo che questa trattativa andrà in porto perchè abbiamo moltissimi esterni. Perinetti ha inseguito e voluto Giorgi, ma adesso sarà importante sfoltire la rosa. Probabilmente dovremo intervenire in attacco».

IN BREVE

> REAL MADRID

> BARCELLONA

> TENNIS

«Se ho detto a Teixeira che poteva andare a festeggiare col Barcellona? Sì, lo confermo, ma sono cose che si dicono a caldo, nei momenti di tensione, non bisogna dargli troppa importanza. La partita comunque l’ha vista tutto il mondo, avremmo meritato di più». Inun’intervistapubblicatasulsitodelquotidianosportivo As all’indomani del Clasico di Coppa del Re, il portiere del Real Madrid conferma le accuse all’arbitro Teixeira, colpevole secondo il numero 1 merengue di aver favorito il Barcellona nel corso della partita giocata al Camp Nou e terminata col passaggio del turnoinsemifinaledeiblaugrana. «Tutto lo spogliatoio è orgoglioso per quello che ha fatto la squadra in campo - le parole di Casillas dopo il 2-2 in rimonta che non è servito per eliminare il Barcellona -. Avremmo meritato di più».

Il Barcellona passa il turno in Coppa del Re ai danni del Real Madrid ma perde due importanti giocatori. Andrès Iniesta ed Alexis Sànchez si sono infatti infortunati nella gara del Bernabeu. Per l’attaccante cileno si tratta di un problema alla «clavicola sinistra» e per questo resterà fermo per «una o due settimane», ha reso noto il club blaugrana. Sanchez è stato sostituito all’81’ dall’argentino Javier Mascherano. Iniesta, invece, soffre di «una piccola lesione al bicipite femorale della gamba sinistra». Iniesta è stato sostituito, ieri sera, al 28’ da Pedro, autore del primo gol del Barcellona nel 2-2 finale che ha dato agli azulgrana il passaggio alle semifinali della Coppa. Iniesta sarà sottoposto ad ulteriori accertamenti per determinare la portata esatta della lesione ed il tempo di assenza del campo.

Maria Sharapova e Vika Azarenka si affronteranno nella finale femminile degli Australian Open. Si assegnerà il titolo del primo Slam della stagione ma anche lo scettro di nuova regina del tennis mondiale. Le due semifinali sulla Rod Laver Arena si sono concluse entrambe in tre set. Nella prima la Azarenka ha battuto la belga Kim Clijsters, numero 11 del seeding e campionessa uscente, con il punteggio di 6-4, 1-6, 6-3 dopo due ore di gioco. Una partita molto combattuta che ha concesso ampi sprazzi di spettacolo. Nell’altra semifinale la Sharapova si è presa la sua bella rivincita su Petra Kvitova, testa di serie numero due, che oltre alla finale deve rinunciare anche alla prima posizione mondiale. La russasièimposta6-2,3-6, 6-4 in due ore e 12 minuti. Anche qui, scambi potenti e veloci.


il domani  

Edizione del 27 Gennaio 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you