Issuu on Google+

Venerdì 26 Novembre 2010

Anno XIII - Numero 325

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

SANITA’

FOCUS

Zoccali: negli ultimi anni si è fatta troppa politica, c’è un forte deficit

TRASPORTI Musi contro lo smantellamento dei servizi delle Ferrovie della Calabria

«Il settore agroalimentare grande fattore strategico»

a pag » 5

a pag » 29

a pag » 5

L’assessore alle Attività produttive della Regione Calabria, Antonio Caridi, ha aperto il convegno promosso nell’ambito del Poi

Energia, investimenti per 210 milioni «Le risorse devono essere impegnate per favorire lo sviluppo dell’imprenditoria regionale e incrementare il numero di occupati» L’INTERVENTO

Non ci sono le condizioni per ricevere i rifiuti

La Regione Calabria - ha sostenuto Caridi - partecipa ampiamente alla politica energetica del sistema Paese ed è in linea con quanto previsto dall’Ue Un ruolo rilevante va all’efficienza energetica e al risparmio di energia a pag » 5

BIG SOCIETY ALL’ITALIANA

Castagna (Uil): affrontiamo i problemi senza divisioni

di Luca Zaia presidente Regione Veneto

Sostengo fino in fondo questo governo ma da noi non ci sono le condizioni tecniche, sociali e politiche per ricevere i rifiuti di Napoli. Il Veneto conferma la sua posizione di assoluta contrarietà sotto il profilo tecnico: noi abbiamo investito tutto sulla raccolta differenziata quindi ricevere vagonate di rifiuti indifferenziati sarebbe tornare indietro. Peraltro, la nostra regione è alle prese con le conseguenze dell’alluvione. Abbiamo un momento di difficoltà. Resto comunque convinto, e lo dice una realtà virtuosa, che dalle mie parti un sindaco che riempie la città di quella quantità di rifiuti dura il tempo di una stella cadente. Mi chiedo perché, dopo tanto tempo, dall’emergenza del 2008 stiamo ancora a parlare di una montagna di rifiuti e dello stesso sindaco.

SINDACATI

La sfida di Emanuele: rilanciare il terzo settore ROMA - Il presidente della Fondazione Roma, Emmanuele Emanuele, ha organizzato ieri nella Capitale un convegno per rilanciare il tema del terzo settore come antidoto alla crisi mondiale. Presenti all’incontro alcuni dei più importanti economisti italiani e stranieri, politici ed esponenti dell’imprenditoria, tra cui il senatore Francesco Rutelli e il presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo.

CATANZARO - «La crisi va affrontata con spirito unitario» Il segretario della Uil Calabria, Roberto Castagna, si rivolge così alla Cgil guidata da Sergio Genco. E aggiunge: «L’economia mondiale è ancora scossa dagli effetti di questa crisi, imprevista per entità, dimensioni, conseguenze e durata. Tutti i Paesi hanno adottato misure straordinarie e messo in atto azioni per accelerare il ritorno ad una fase espansiva ma il passo è lento. In questo scenario la Calabria continua a soffrire di uno stato di ritardo di sviluppo di cui è fin troppo facile individuare le cause ma più arduodefinireleopzionistrategiche da tradurre in attività e progetti. Il taglio dei Fas e le politiche restrittive messe in atto dal Governo hanno largamente deluso».

di Alessandro Caruso a pag » 4

a pag » 6

COSENZA Gli studenti dell’Unical protestano contro l’approvazione del ddl Gelmini a pag » 12

VIBO VALENTIA I consiglieri regionali d’opposizione negli ospedali montani: ridiscutere il piano a pag » 15

CATANZARO Presentata la riorganizzazione della rete scolastica di tutta la provincia a pag » 18

IL COMMENTO

Una legittima angoscia pervade certe proteste di Luigi Berlinguer ex ministro dell’Istruzione

C’è una legittima angoscia che pervade certe proteste, soprattutto nel mondo giovanile. E’ l’altra faccia dei dati drammatici sull’assenza di lavoro, sulla disoccupazione, sulla mancanza di sbocchi e di futuro. Nessuno può ignorare questo aspetto cui, purtroppo, nelle ultime settimane, si è aggiunto uno sciagurato messaggio sulla presunta inutilità della cultura. Guai a quel ministro improvvido che vuol far diventare simbolo un altrettanto improvvido contadino che si mangia le sementi. Occorre rovesciare la prospettiva e investire una montagna di soldi, fin da ora, sul futuro e sulla qualità dell’innovazione che ne è presupposto. La cultura, gli studi, la ricerca producono la ricchezza e la qualità di una società. A questi ragazzi va data una risposta soprattutto in termini di valorizzazione del nostro patrimonio intellettuale. Purtroppo, e non da oggi, in queste grandi manifestazioni pacifiche, civili e democratiche s’insinuano manipoli di facinorosi violentiche cercano di strumentalizzare la protesta. In questo senso esprimo la mia ferma condanna per il tentativo di irruzione nell’atrio del Senato di mercoledì scorso e per episodi di violenza avvenuti in altre città. Contro tali squadristi occorre il massimo della severità. Ma non ci si fermi a questo, rischiando di trasformare pochi facinorosi in alibi per mancate risposte. Gli studenti in piazza difendono e reclamano diritti e opportunità.


2

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA LETTERA Una protesta cancellata da facebook Egr. Direttore, con la presente CasaPound Italia si appella alla stampa locale per segnalare uno strano disguido verificatosi negli scorsi giorni. Come noto, il 18 novembre u.s. l’O.S.A. (Occupazione a Scopo Abitativo) CasaPound Lamezia Terme ha subito uno sgombero in esecuzione di un provvedimento dell’Autorità giudiziaria. Nove famiglie che versano in una grave situazione di emergenza abitativa, per un totale di trenta persone di cui nove bambini e una donna in stato interessante, sono state fatte uscire dalla palazzina di via Cianflone, di proprietà dell’Aterp, che avevano occupato alcuni mesi prima allo scopo di porre termine a una situazione di estremo degrado intollerabile in uno Stato degno di questo nome. A seguito dello sgombero si è provveduto a trovare una soluzione abitativa solo per due dei nove nuclei familiari rimasti senza casa. Una famiglia è stata alloggiata in uno dei ben ottanta immobili confiscati alla mafia che

giacciono inutilizzati in territorio lametino, un’altra in un immobile messo a disposizione dall’Aterp. CasaPound Italia si è immediatamente attivata a livello nazionale per protestare contro lo sgombero in atto, durato circa dieci ore causa resistenza passiva degli occupanti. La protesta ha trovato ampio spazio anche in rete, dove i nostri web supporters hanno creato un gruppo Facebook intitolato "Contro lo sgombero di CPI Lamezia Terme" che in pochissime ore ha raccolto migliaia di adesioni non solo da parte di militanti e aderenti al movimento, ma anche di molti cittadini comuni che, pur non avendo rapporti di organicità o di vicinanza col nostro movimento, evidentemente hanno ritenuto di condividere con noi questa battaglia. Ma, se è vero che gli appelli accorati mossi da centinaia di persone sulle bacheche Facebook dei Presidenti della Regione Calabria e della Provincia di Catanzaro (non

PUNTO AGRICOLTURA

di Vito Bianco*

Una analisi di scenario condivisibile Confagricoltura ha partecipato, assieme a Cia e Coldiretti, ad un incontro con il segretario del Partito Democratico, Pierluigi Bersani per discutere la visione del Pd sull’agricoltura espressa nel documento approvato dal partito ai primi di ottobre. Per Confagricoltura, l’analisi di scenario globale che disegna il Pd è condivisibile: l’Italia deve tornare protagonista del settore primario, promuovendo la produzione agricola innanzitutto e poi collegandola alle nuove sfide globali, ma sempre tenendo conto della necessità di introdurre innovazione e migliorare la competitività. Questo per evitare che la politica agricola manchi al suo scopo di creare crescita ed occupazione, pur nella logica della tutela ambientale e paesaggistica. Non c’è un mercato globale ed un mercato locale da trattare separatamente, la logica deve essere unica: quella della competitività delle imprese e del sistema. Per questo Confagricoltura ha varato il progetto "Futuro Fertile" che vuole favorire l’aggregazione del prodotto per valorizzarlo sul mercato e contenere i costi di produzione, oltre a modificare, con 61 proposte concrete (dalla semplificazione burocratica alle tematiche del lavoro, dell’ambiente, dell’organizzazione economica e del rilancio fondiario) il contesto normativo in cui operano le imprese. Sul capitolo della riforma Pac Confagricoltura è pronta alla sfida, ma il processo di cambiamento non deve comportare una riduzione delle risorse al settore su base comunitaria e nazionale; deve avere nei suoi tempi la necessaria gradualità e certezza; deve accompagnarsi ad un rafforzamento degli interventi di mercato per gestire la forte volatilità delle quotazioni e di uno sviluppo rurale attento alle esigenze delle imprese agricole che devono esserne le vere beneficiarie; deve andare di pari passo con azioni Ue in ambito internazionale. *direttore generale Confagricoltura

semplici "pagine fan", si badi, ma profili che, come tanti altri creati da esponenti politici italiani, ben potrebbero assumere una valenza per così dire "istituzionale" in considerazione dell’utilizzo che generalmente ne fanno i rispettivi gestori a fini informativi o di diffusione di note aventi ad oggetto l’attività istituzionale del politico di riferimento) non hanno ricevuto risposta alcuna, è sul profilo Facebook del Sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, in quota Sinistra e Libertà, che si è verificato lo strano disguido cui si faceva cenno poco sopra.Ed infatti non può trattarsi d’altro che di un guasto, di un malfunzionamento tecnico... Sì, perché dopo un paio di giorni di costanti e dure, ma sempre civilissime proteste e pubbliche richieste di assunzione di responsabilità e di una presa di posizione politica chiara a favore di trenta persone finite dal giorno alla notte di nuovo in mezzo a una strada; dopo aver ottenuto due striminzite note in cui il Comune, pilatescamente, affermava in sostanza di lavarsene le mani in quanto estraneo al provvedimento di sgombero ed alla sua esecuzione; dopo aver letto, in una delle note in oggetto, che il Sindaco ha testualmente dichiarato che "a Lamezia lo sport più in voga è lo scaricabarile", con ciò ventilando curiose ipotesi complottiste da parte di chi contestava l’assordante silenzio dell’Amministrazione comunale e improbabili attività di protesta etero-dirette a fini strumentali; dopo tutto questo profluvio di elucubrazioni auto-assolutorie ecco che si verifica l’imponderabile: centinaia e centinaia di commenti di protesta (ripetiamo: protesta assolutamente civile e mai sopra le righe) sono semplicemente spariti dalla bacheca del sindaco Speranza. Addirittura è accaduto più volte che, non appena "postato" (ci si perdoni il barbaro neologismo) un nuovo intervento con richiesta di spiegazioni circa le misteriose sparizioni, questo andasse a far compagnia agli altri, già prematuramente scomparsi, negli abissi dell’oblio di Internet. Ma non è tutto, perché non poche persone hanno lamentato sul gruppo Facebook nato per protestare contro lo sgombero di essersi ritrovate praticamente bandite dal profilo del sindaco di Lamezia Terme, messe alla porta armi e bagagli, non essendo loro più consentito

l’accesso e la partecipazione attiva alla bacheca. Provvedimento, se di provvedimento e non di disguido tecnico si tratta, incomprensibile stanti i canoni di assoluta civiltà ed educazione coi quali è stata condotta la protesta e sono state avanzate spiegazioni e appelli al Sindaco. Ma noi crediamo al guasto tecnico. Certo, stranamente la bacheca del sindaco Speranza continua a ricevere commenti da molte altre persone (quasi tutti di gradimento per l’ottimo lavoro svolto dal medesimo) e, fatto ancor più mirabolante, ad ospitare con cadenza quasi quotidiana note a firma della gestione del profilo, corredate della bellissima foto in cui il Sindaco abbraccia sorridente un bambino che forse, a differenza di altri rientranti nella categoria dei senza Dio sgomberati il 18 novembre, potrà nutrire qualche Speranza in più nel futuro. Ora, se noi fossimo persone malvagie, malpensanti dall’animo cattivo e la fiera bocca, penseremmo ad un atto di censura da parte dello staff Facebook del Sindaco di Lamezia, cui è rimessa (lo ricaviamo dalle informazioni) la cura del profilo in oggetto. Penseremmo, e non le nascondiamo che ci abbiamo pensato in un momento di debolezza, a un atto di sabotaggio di quel libero pensiero così caldeggiato da un Sindaco tanto mediatico. È vero, per un attimo abbiamo ceduto alla tentazione di pensar male e di questo facciamo pubblica ammenda.... Tornati in noi e vergognatici dei nostri cattivi pensieri ci siamo detti che non è possibile, che è una ipotesi da escludere. Non osiamo pensarlo: siamo troppo certi della buona fede di Gianni Speranza in quella libertà di pensiero di cui fa baluardo e cui fa reiterato ed accorato richiamo, per esempio quando si tratta della libertà di espressione di Roberto Saviano, oggetto di ben quattro note Facebook dalla data dello sgombero ad oggi, 24 novembre.Allora, essendoci di fatto impedito da un disguido tecnico che ci auguriamo lo staff del primo cittadino di Lamezia vorrà risolvere quanto prima al fine di assicurare quella libertà di espressione garantita, tra l’altro e "a monte", dall’art. 21 della Costituzione, ci troviamo costretti a chiedere asilo politico alla stampa.

CasaPound Italia


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani

3

PRIMO PIANO

La Cisl: risollevare il Sud per far ripartire l’Italia

GIZZERIA - Per rilanciare l’economia nazionale serve risolvere i problemi che attanagliano il Sud. E’ quanto emerso nel corso della manifestazione sui 60 anni della Cisl sul tema "Una grande storia per la Calabria". I lavori sono stati introdotti dal segretario regionale della Cisl della Calabria, Paolo Tramonti, il quale ha evidenziato che:«Laquestionedelriequilibrio deiterritoridelMezzogiornodeve entrare come centrale in questo impegno di riprogettazione della

crescita del Paese anche perché molti problemi del sud sono una forma acuta di patologie strutturali dell’intera nostra economia. La Calabria ha bisogno di più concertazione e partecipazione, di maggiore coesione e collegialità». Per il Presidente del consiglio regionale della Calabria, Francesco Talarico, non si può «immaginare una Calabria diversa se non c’é sinergia tra Giunta e Consiglio regionale, se si vogliono aggredi-

re i problemi di questa regione». Tra i punti su cui serve una intensa attività, Talarico ha ricordato la sanità, l’ambiente, la lotta alla criminalità organizzata anche come strumento di lotta alla disoccupazione e la valorizzazione delle eccellenze. Il presidente del consiglio regionale ha poi lanciato un appello all’unità ed alla condivisione dei processi dando la «disponibilità del Consiglio regionale ad un confronto per risolvere i problemi della Calab-

ria». L’assessore regionale alla cultura, Mario Caligiuri, ha ricordato che «per essere vicino ai più deboli le istituzioni devono essere efficienti e per questo c’è bisogno in primo luogo delle riforme strutturali. Abbiamo di fronte grandi sfide, quelle globali, su cui non possiamo incidere molto, e quelle locali come lotta alla ’ndrangheta, sanità, sviluppo legato all’utilizzo di fondi europei, credito d’imposta, ambiente e dissesto del territorio, conoscenza, puntando su scuola e università, merito e regole». I lavori della manifestazione sono stati conclusi dal segretario nazionale della Cisl Luigi Sbarra che ha sostituito Raffaele Bonanni impegnato a Roma. «Dobbiamo prepararci - ha detto Sbarra - perché la stagione che abbiamo alle porte è dolorosa. In Italia, in generale, va male la produttività e c’è troppa diseguaglianza sociale. E’ un Paese sempre più spezzato, diviso, con contrapposizioni tra nord e sud. Speriamo che il tavolo odierno produca atti concreti, vogliamo decreti, investimenti, progetti. Il sistema fiscale che abbiamo è iniquo, ingiusto e per questo bisogna cambiarlo e bisogna intensificare la lotta all’evasione fiscale».

Luigi Riccio

IN BREVE Marini: un governo di responsabilità nazionale GIZZERIA - «O il Governo supera questa difficoltà e si mette in condizioni di governare oppure se l’esecutivo dovesse per caso perdere la fiducia di una delle due Camere, bisogna fare di tutto per mettere in piedi, magari per un anno, un governo di responsabilità nazionale che affronti le urgenze più importanti della crisi». Lo ha detto il senatore del Pd, Franco Marini, a Gizzeria, a margine ella manifestazione per i 60 anni della Cisl in Calabria. «La crisi, infatti, deve essere governata - ha aggiunto - con uno sforzo che coinvolga nelle proposte tutte le forze del Paese e questo lo chiedono le forze sociali. Il rischio della speculazione internazionale dinanzi ad una difficoltà politica lo corre anche l’Italia, anche se ha una situazione più solida di quella dell’Irlanda che oggi è in grande difficoltà» . «Il Governo deve avere più coraggio intervenendo in tempi brevi con un’azione di abbassamento del peso del debito pubblico, magari iniziando l’alienazione di beni pubblici che è l’unica strada per abbassare il peso di questo macigno che sta sull’economia italiana» ha detto il senatore del Pd, Franco Marini.

«Cittadella regionale: un’opera dai costi misteriosamente raddoppiati»

TALLINI: la Cittadella si farà e sarà il presidente Scopelliti ad inaugurarla

CATANZARO - «Il bilancio di previsione 2011, illustrato dal presidente Scopelliti e dall’assessore alla programmazione Giacomo Mancini,prevede34,5milioniper il completamento della cittadella regionale. Si tratta del più importante investimento previsto dal Governo regionale e riguarda, non a caso, il Capoluogo di Regione, a conferma della straordinaria attenzione riservata da Scopelliti e dalla sua giunta a Catanzaro». Lo afferma l’assessore regionale al Personale Domenico Tallini, che è anche capogruppo dl Pdl al Comune di Catanzaro. «Contemporaneamente - ha aggiunto - il dipartimento dei Lavori pubblici sta lavorando alla definizione di un nuovo progetto esecutivo che consenta, nel giro di alcuni mesi, di superare i delicati problemi di ordine tecnico determinati dai ritardi e dai continui stravolgimenti del progetto originario. Le decisioni annunciate da Scopelliti e Mancini spazzano via ogni malevolo dubbio sollevato strumentalmente sulla reale volontà della Giunta regionale di realizzare questa opera strategica per il futuro della città Capoluogo. La cittadella si farà e sarà il presidente Scopelliti ad inaugu-

parla di trasparenza e questione morale bisogna avere il coraggio di farlo a 360 gradi e non in base alle convenienze di partito. Olivo scopre la cittadella regionale solo alla fine della sua sindacatura. Noi lo tranquillizziamo e diciamo all’opinione pubblica che, pur avendo ereditato un’opera con costimisteriosamenteraddoppiati, abbiamo avuto il coraggio di assumerci le responsabilità del caso e individuare una strategia che porterà alla realizzazione dell’opera». «Scopelliti ed il centrodestra - ha concluso Tallini dimostrano di mantenere gli impegni assunti in campagna elettorale. Avevamo promesso il completamento della cittadella e un ospedale che funzionasse meglio. In pochi mesi, abbiamo dimostrato che i risultati si possono ottenere. Come capogruppo del Pdl al Consiglio Comunale e come assessore regionale espressione della città di Catanzaro desidero ringraziare Scopelliti e Mancini per avere recepito nella Finanziaria regionale 2011 la principale istanza che veniva dal Capoluogo».

rarla, mettendo fine all’epoca degli sperperi di denaro pubblico che costano alla collettività circa 10 milioni di euro all’anno, senza considerare le spese per le manutenzioni di fabbricati ormai vetusti». «Resta il rammarico - ha sostenuto Tallini - per l’anomalo lievitare dei costi registratosi durante la gestione di Loiero e del

«Mettiamo fine all’epoca degli sperperi di denaro pubblico che costano alla collettività 10 milioni l’anno»

centrosinistra. Il sindaco di Catanzaro, che in questi giorni non perde occasione per polemizzare con Scopelliti, Traversa e il sottoscritto per la situazione di stallo della Cittadella, per quattro anni è stato colpevolmente assente e silente dinanzi al fermo del cantiere di quasi un anno e davanti al raddoppio dei costi. Quando si

Mario Giulio


4

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

PRIMO PIANO Rutelli: «Alleanza per l’Italia sta aumentando le adesioni in Calabria»

da sinistra: Cristina De Luca, Giuseppe Cornetto Bourlot, Giuseppe Roma, Emmanuele Emanuele, MIchel Maffesoli e Bill Emmott

Per uscire dalla crisi il presidente della Fondazione Roma propone il modello britannico della Big society da lui già lanciato tre anni fa

La nuova sfida di Emanuele: «Più potere alla società civile» di Alessandro Caruso ROMA - L’ispirazione è arrivata ancora una volta dal mondo anglosassone, in particolare dall’Inghilterra, dove il premier David Cameron ha fatto della Big society l’idea politica portante della sua impostazione programmatica. Si tratta, sostanzialmente, di un modello basato sulla compartecipazionedeiprivati,organizzati in associazioni e fondazioni, alla gestione della cosa pubblica. Un modello in cui lo Stato si alleggerisce di alcune sue mansioni e le comunità, con spirito filantropico, si responsabilizzano per concorrere all’offerta di vari servizi. Una "grande società", appunto, in cui dominano la solidarietà e la compartecipazione di pubblico e privato con un’unica finalità: l’interesse generale. Il professore Emmanuele Emanuele, presidente della Fondazione Roma, da tempo ha lanciato la stessa sfida anche in Italia e le sue iniziative nel campo della sanità, dell’arte e dell’istruzione ne sono un esempio. Ma perché questo progetto non attecchisce anche in Italia?

Tanto più che la benedizione a questa intenzione arriva proprio dal principio della sussidiarietà sancito nella nostra Costituzione (art. 118). E proprio questo interrogativo è stato il tema centrale del convegno organizzato ieri a Roma da Emanuele. Un interrogativo integrato da alcune proposte: «C’è bisogno di una legge che regolamenti il ruolo di associazioni e fondazioni - ha chiesto Emanuele - e anche di una riduzione da parte dello Stato del prelievo fiscale». L’obiettivo sarebbe quel patto tra Stato e società per consentire, a chi abbia idee, mezzi e strumenti, di intervenire laddove lo Stato non riesce a farlo. Una linea condivisa dai relatori, tra cui spiccavano l’economista Bill Emmott, Giuseppe Roma,

Da Montezemolo a Rutelli, da De Rita all’economista Bill Emmott, tutti plaudono l’iniziativa del presidente Emanuele

direttore del Censis, il sociologo francese Michel Maffesoli, Giuseppe De Rita, presidente del Censis, il presidente di Ucid Roma Giuseppe Cornetto Bourlot, Cristina De Luca, presidente Coge Lazio e il senatore Francesco Rutelli. Ma soprattutto da Luca Cordero di Montezemolo, il presidente della Ferrari, che, parlando in veste di imprenditore e non di politico, come ha voluto sottolineare lui stesso, ha ribadito il concetto che la cosa pubblica non deve essere intesa «come un terreno privato della politica». «È inutile - ha aggiunto - parlare di sussidiarietà se poi gli atteggiamenti della politica vanno in direzione diversa». E allora che fare? Ed è qui che Montezemolo per un attimo ha indossato i panni del politico e ha proposto la rivisitazione dell’articolo 118 della Costituzione, per renderlo più chiaro e incisivo nelle sorti del rapporto tra il pubblico e il privato. Ben impressionato anche il nostro editore Guido Talarico: «L’inziativa di Emanuele coglie nel segno perché dà voce a un’esigenza molto diffusa tra la gente. Vedrete che avrà un grande seguito».

ROMA - Francesco Rutelli intensifica la campagna di adesioni del suo nuovo partito, Alleanza per l’Italia, in Calabria. Lo ha rivelato in esclusiva al Domani a margine del convegno organizzato dalla Fondazione Roma ieri nella Capitale: «Stiamo raccogliendo forze politiche nei territori e nel Consiglio regionale, abbiamo raccolto adesioni molto vaste che vanno dai settori cattolico-liFrancesco Rutelli: berali a quelli ambientalisti. Mi auguro - ha proseguito «Abbiamo un Rutelli - che la crescita di Api in Calabria corrisponda a bipolarismo guerrigliero quella di un nuovo polo». La da diciassette anni che via del terzo polo è quella che a Rutelli sembra la più ha impedito di fare percorribile perché dettata le riforme utili al Paese» dal senso di responsabilità. Questa è la posizione ufficiale del suo partito: «Abbiamo un bipolarismo guerrigliero da diciassette anni che ha impedito di fare le riforme utili al Paese. Dopo il centrosinistra, troppo frastagliato da Mastella a Bertinotti, anche il centrodestra è

Gianfranco Fini e Francesco Rutelli

andato in pezzi, nonostante la sua grandissima maggioranza senza precedenti nella storia repubblicana». L’unica alternativa proposta da Rutelli è quella di un nuovo polo di matrice moderata che abbia come unico motivo ispiratore il senso di responsabilità e come unico obiettivo quello di sbloccare il Paese con riforme utili: «Se Fini ed io saremo insieme vorremo creare una forza nel centro politico riformatore per dare al goverrno di domani la possibilità di riforme indispensabili e far crescere l’economia». A.C


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani

5

PRIMO PIANO Musi contro lo smantellamento dei servizi da parte delle Ferrovie della Calabria CATANZARO - «Il paventato smantellamento dei servizi da parte delle Ferrovie della Calabria, denunciato in queste ore da sindacati e lavoratori, appesantisce una situazione dei trasporti già di per se intollerabile, gravata da scelte penalizzanti messe in atto da Trenitalia e da Alitalia». Lo dichiara, in una nota, il senatore Adriano Musi, commissario del Pd calabrese. «Si tratta - ag-

giunge - di un vero e proprio attentato al diritto alla libertà di muoversi sul territorio, tutelato peraltro, in linea di principio, dalla Costituzione e dalle normative europee, al quale occorre opporsi in tutte le sedi ed in tutte le forme possibili. Come se non bastassero la cancellazione dei treni Frecciarossa e Frecciargento da parte delle Ferrovie dello Stato».

L’assessore regionale alle Attività produttive ha aperto il convegno su "Energie rinnovabili e risparmio energetico" promosso nell’ambito del Poi Convergenza

Caridi all’info day sull’energia «Investiremo 210 milioni di euro» LAMEZIA TERME - L’assessore regionale alle Attività Produttive Antonio Caridi ha aperto a Gizzeria il convegno su "Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013"promossonell’ambito del Programma Operativo Interregionale per le Regioni Obiettivo "Convergenza". «La Regione Calabria - ha detto Caridi in una nota dell’ufficio stampa della giunta regionale - partecipa ampiamente alla politica energetica del sistema Paese ed è in linea con quanto previsto dall’Ue. Un ruolo rilevante lo assegniamo all’efficienza energetica e al risparmio di energia negli usi finali, a parità di servizio reso. Importanti iniziative, infatti, sono state già avviate ha aggiunto - per ridurre i consumi energetici degli Enti locali, come l’illuminazione pubblica, e di altre Istituzioni pubbliche, tra cui scuole e ospedali. E’ prevista inoltre a breve l’attuazione delle linee guida nazionali sulla certificazione energetica degli edifici. Nel merito è stato da poco sottoscritto un protocollo d’intesa con l’Enea (ente nazionale di ricerca) proprio per applicare in Calabria (insieme alla regione Puglia), per la prima volta a livello nazionale, le linee guida nazionali per la certificazione energetica attraverso la realizzazione di interventi specifici in edifici pubblici calabresi». «Le notevoli risorse destinate all’energia - ha detto ancora Caridi - devono essere impegnate per favorire lo sviluppo dell’imprenditoria regionale e incrementare il numero di occupati che operano nel settore, anche sulla base delle esperienze e dei risultati di

alcune regioni italiane (la Puglia) e di alcuni Paesi europei (la Germania). La Regione Calabria ha destinato circa 210 milioni di euro (il 7% del totale delle risorse) del Por Calabria Fesr 2007 - 2013 per realizzare tale strategia nella prospettivadellosvilupposostenibile e nel rispetto degli obblighi del protocollo di Kyoto per la riduzione dei gas serra». L’Info-Day sulle Energie ha visto la partecipazione dei rappresentanti delle Regioni Campania, Puglia, Sicilia e Calabria, oltre ad esponenti del Ministero dell’Ambiente e di quello dello Sviluppo Economico. La situazione energetica in Calabria e le opportunità offerte dal POI Energie rinnova-

«Le notevoli risorse destinate all’energia devono essere impegnate per favorire lo sviluppo dell’imprenditoria» bili e Risparmio energetico sono stati i temi trattati da Ilario De Marco, dirigente del Settore Energia e dal Dirigente Generale del Dipartimento Attività Produttive Maria Grazia Nicolò. Il Poi Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013 è il risultato di un intenso lavoro di concertazione tra il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero dell’Ambiente, le Regioni italiane Obiettivo "Convergenza"

ed un nutrito partenariato economico e sociale. È finanziato da fondi comunitari e nazionali. Obiettivi: aumentare la quota di energia consumata proveniente da fonti rinnovabili e migliorare l’efficienza energetica, promuovendo le opportunità di sviluppo locale, integrando il sistema di incentivi messo a disposizione dalla politica ordinaria,

valorizzando i collegamenti tra produzione di energie rinnovabili, efficientamento e tessuto sociale ed economico dei territori in cui esse si realizzano. Aree di intervento : il programma interviene sulle Regioni Obiettivo "Convergenza"(Calabria,Campania, Puglia e Sicilia). Si punta, tra l’altro, alla attivazione di filiere produttive, al so-

stegnodellosviluppodell’imprenditoria innovativa , al sostegno della produzione di energia rinnovabile per edifici e utenze energetiche pubbliche, agli interventi sperimentali di geotermia ad alta entalpia, alla promozione e diffusione di piccoli impianti nelle aree naturali protette e nelle isole minori.

Zoccali sulla sanità: negli ultimi anni si è fatta troppa politica e adesso c’è un forte deficit da ripianare CATANZARO - Il Direttore generale del Dipartimento della Presidenza della Regione, Franco Zoccali, ha partecipato a un incontro sul Piano di rientro svoltosi nella sede dell’Ordine dei medici di Reggio Calabria. Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti di varie sigle sindacali e di associazioni di volontariato. Il Direttore Zoccali - informa una nota dell’Ufficio Stampa della Giunta - ha ascoltato gli interventi dei vari relatori e ha poi esposto la linea della Regione. «Spesso si parla di Piano di Rientro - ha affermato Zoccali ma a volte senza conoscerne il reale contenuto. La sanità calabrese versa in condizioni critiche soprattutto perché negli ultimi anni si è fatta troppa politica con la sanità invece che politica sanitaria». »Il concetto portato avanti dal Presidente Scopelliti - ha detto ancora Zoccali - prevede il paziente al centro del sistema sanitario, per soddisfare la sua domanda e garantire il sacrosanto diritto alla salute. C’è un forte deficit da ripianare, ma intendiamo rimettere i conti a posto razionalizzando la spesa senza sacrificare i servizi. Il Presidente

Scopelliti ritiene che associazioni e sindacati di categoria non siano controparti della Regione, ma componenti fondamentali per riorganizzare un sistema che va condiviso, accompagnato e arricchito con il contributo fattivo degli operatori del settore. Il primo passo da compiere è ripianare il debito per evitare che in futuro risorse importanti debbano essere sacrificate per coprire buchi e vengano investite per lo sviluppo. Partiremo dalla riorganizzazione della rete territoriale, ospedaliera e dell’emergenza-urgenza, ma bisogna prendere in esame anche i problemi relativi al blocco del turn-over, che speriamo di far ripartire a breve seppure in una piccola percentuale, e al rapporto con i privati, perché da oggi in poi sarà il sistema pubblico a costruire l’offerta, al contrario di quanto accaduto in passato. Inoltre, visti i numerosi ricoveri inappropriati ci sarà una razionalizzazione dei posti letto e lavoreremo per la dotazione delle strutture di nuove attrezzature tecniche. Riteniamo, però, che le strutture debbano esistere solo se produttive».

Artigianato, studio Unioncamere: tasso di sviluppo negativo dello 0,13 % CATANZARO - «Nel terzo trimestre 2010 la rilevazione Movimprese curata dal nostro Ufficio studi registra un lieve calo dello stock delle imprese artigiane, che perdono 50 unità attestandosi su un totale di 37.140 imprese». Lo afferma, in una nota, il presidente di Unioncamere Calabria, Fortunato Roberto Salerno. «Assistiamo dunque - aggiunge - ad un tasso di sviluppo negativo dello

0,13 % poiché le nuove iscrizioni sono inferiori alle cessazioni. In valore assoluto si registrano saldi positivi, seppure esigui, nel settore delle costruzioni. Saldi negativi, invece, per trasporto e magazzinaggio. Il comparto artigiano rimane composto prevalentemente da imprese operanti nelle attività di tipo tradizionale ed in particolare il 31,18 % delle imprese artigiane opera nel setto-

re delle costruzioni, il 25,54 % nel manifatturiero, il 15,32 % nelle altre attività di servizi. La ditta individuale, in diminuzione rispetto all’ultima rilevazione dello 0,33 %, rimane la forma giuridica più diffusa tra le imprese artigiane rappresentando l’85,5 2% del totale con ben 31.762 unità. In crescita le società di capitali che presentano un tasso di sviluppo pari al 1,39 %».


6

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

PRIMO PIANO

Franco Bruno: sui Frecciarossa del Sud niente banda larga? CATANZARO - «Il Sud rischia di rimanere escluso dal nuovo servizio di comunicazioni a banda larga che, da dicembre, entrerà in funzione sui treni ad alta velocità del gruppo Ferrovie dello Stato». Lo afferma il senatore Franco Bruno, coordinatore regionale di Alleanza per l’Italia in Calabria, in un’interrogazione parlamentare rivolta al ministero dei Trasporti, in cui si chiede

un intervento del dicastero per «correggere scelte e impostazioni generali», soprattutto alla luce di una «politica di penalizzazione di Mezzogiorno e Isole adottata da tempo dal Gruppo Fs». Il nuovo servizio, che consentirà di telefonare sui Frecciarossa senza interruzioni, con una miglior ricezione nelle gallerie, e la connessione a Internet in movimento, sarà attivo «lungo mille chilometri di

linea ferroviaria. Una notizia - sottolinea Bruno che lascia presupporre che la loro erogazione avverrà esclusivamente fino a Salerno, tagliando fuori intere regioni e praticamente tutto il Sud e le isole». Al ministero di Trasporti, l’esponente di Api chiede di sapere se gli interventi effettuati sulla rete ferroviaria siano stati realizzati «con il contributo delle regioni attraversate».

Castagna (Uil): affrontiamo i problemi della Calabria senza divisioni sindacali CATANZARO - «La crisi va affrontata con spirito unitario» Il segretario della Uil Calabria, Roberto Castagna, si rivolge così alla Cgil guidata da Sergio Genco. E aggiunge: «L’economia mondiale è ancora scossa dagli effetti di questa crisi, imprevista per entità, dimensioni, conseguenze e durata. Tutti i Paesi hanno adottato misure straordinarie e messo in atto azioni per accelerare il ritorno ad una fase espansiva ma il passo è lento. In questo scenario la Calabria continua a soffrire di uno stato di ritardo di sviluppo di cui è fin troppo facile individuare le cause ma più arduodefinireleopzionistrategiche da tradurre in attività e progetti. Il taglio dei Fas e le politiche restrittive messe in atto dal Governo hanno largamente deluso le aspettative e le speranze dei cittadini e degli imprenditori calabresi rispetto alle attese sugli investimenti programmati e tesi a determinare un punto di rilancio dell’economia locale, soprattutto nelle infrastrutture. A questo si aggiunge un utilizzo dei fondi comunitari fin qui scarsamente efficace e sulle cui cause concordano tutti gli analisti. Volendo provare a prefigurare lo scenario economico di breve e medio periodo, v’è da dire che il rischio più grande che si può correre è quello di un nuovo fallimento della politica, qualora questa dovesse continuare ad obbedire a tempi, riti e logiche usuali e non sapesse dimostrarsi all’altezza delle sfide presenti, per le quali occorre prontezza nell’assumere decisioni che siano autorevoli, efficaci e condivise, mettendo da parte egoismi, manie di protagonismo, opportunismi miopi. Solo in questo senso è opportuno, anche nel Sindacato, superare le divisioni e puntare su obiettivi comuni sui quali spendere proposte e, se necessaria, conflittualità. Nel rapporto con la Cgil ciò che ci divide è la Fiom che vive in un mondo diverso da quello in cui noi viviamo e professa solo il veto su tutto ciò che deve fare i conti non con la filosofia ma anche con le regole del mercato. Su questo problema siamo chiamati a cercare di separare i destini della Cgil da quelli della Fiom anche

perché la nostra ambizione è di essere guida del Sindacato in termini di proposte e obiettivi da realizzare. In questo contesto, la Calabria ha necessità di compiere una scelta determinante: imboccare la strada dello sviluppo economico e della crescita sociale valorizzando le risorse storiche, artistiche ed ambientali, dando impulso e sostegno alle attività produttive e puntando al superamento della precarietà "produttiva" (quella che opera nel pubblico e produce lavoro e servi-

zi utili e altamente professionali) mobilitando, in maniera rapida, le risorse previste dal Por secondo un disegno organico e dal respiro strategico. Bisogna invertire la rotta che, particolarmente in Calabria, conta di più avere santi in paradiso o far parte di una tribù che essere meritevoli. Malgoverno,assistenzialismo,nepotismi e totale assenza di meritocrazia nel mondo dell’impresa e nel settore pubblico sono alcuni dei mali capitali che generano un grande conflitto generazionale e

l’esclusione dei giovani di talento dalle prime fila del mondo del lavoro. Su argomenti quali: equità, meritocrazia, legalità, sviluppo intendiamo confrontarci con la Cgil e insieme alla Cisl trovare alleati istituzionali e politici capaci di saper abbandonare il vecchio e desueto percorso che ha portato la Calabria nel tunnel del mancato sviluppo e dell’impoverimento culturale. La Calabria ha ancora le potenzialità per avviare un processo virtuoso. Insieme è possibile farcela!»

Intendiamo confrontarci con la Cgil e insieme alla Cisl trovare alleati per portare la Calabria fuori dal tunnel del mancato sviluppo


il Domani

|

AsteInfoappalti

7

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Venerdì 26 Novembre 2010

TRIBUNALE DI CATANZARO CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE D.ssa Giovanna Gioia nella procedura esecutiva N° 257/92, con ordinanza dei 21-23/09/2010, ha: 1. - revocato l'aggiudicazione del lotto unico del 26.05.2010, 2. - disposto l'acquisizione della cauzione versata; 3. - fissato nuova udienza di vendita senza incanto per il 12.01.2011 ore 9,30, alle condizioni di cui alla precedente ordinanza del 28.01.2010: Lotto unico: Appartamento in Catanzaro, Via Conti di Loritello con cantina e mansarda (F. 74, P.lla 283, sub 1) euro 72.000,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 12 gennaio 2011. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. 257/92" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 500,00. L'aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro, 21.09.2010 °°°°°°°°°° Avviso di vendita dei beni immobili pignorati ex art. 569 c.p.c., comma 6 Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.111/00 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza inca nto dei seguenti beni: Lotto n.1: Fabbricato in Girifalco, via Milano (F.22,P.lla 451,Sub 1-4) Euro 27.403,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 19 gennaio 2011. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita (18 gennaio 2011), una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. 111/00" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 1.000,00 L'aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell'aggiudicatario Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - II Domani Catanzaro 06 ottobre 2010

TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 10/2003 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Unico: La piena ed intera proprietà di terreno sito in Crotone alla Località Campione.

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

Prezzo base: euro 11.250,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita senza incanto: 02/02/2011 Vendita con incanto: 09/02/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Luigi Greco, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME R.E. N. 74/2006 IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, ha disposto la vendita al prezzo base di euro 84.860,18 per il lotto n. 1 e di euro 15.503,91 per il lotto n. 2, dei seguenti beni: lotto uno - "fabbricato sito in Curinga, località Feghetto, costituito da un seminterrato più due piani fuori terra, oltre 1/2 di corte comune. Il piano terra è composto da 5 vani, 2 servizi, 1 ripostiglio, veranda e 2 balconcini. Il primo piano è composto da 4 vani, 2 servizi, 1 ripostiglio, 2 balconcini. L'immobile è riportato nel NCEU di detto comune al foglio 1, p.lla 247, sub. 2, cat. A/10, 7 vani, e p.lla 247, sub. 3, cat A710, 6 vani"; lotto due - "capannone sito in Curinga, località Feghetto, con superficie di mq 132, oltre 1/2 di corte comune. L'immobile è riportato nel NCEU di detto comune al foglio 1, p.lla 248, cat C/2; Ha disposto quanto alla vendita senza incanto ed a norma del vigente testo dell'art. 571 c.p.c. che: - ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l'acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell'art. 579, ultimo comma, presentando presso la cancelleria delle esecuzioni immobiliari dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l'indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; - L'OFFERTA È IRREVOCABILE, SALVO CHE: 1. il giudice ordini l'incanto; 2. siano decorsi 120 giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - L'OFFERTA NON È EFFICACE: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell'art. 568 e più sopra ricordato; c) se l'offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a Poste italiane s.p.a., in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; - l'offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di R.G.E. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l'offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale tra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - all'offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l'assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per l'esame delle offerte; le buste saranno aperte all'udienza fissata per l'esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità. Ha disposto, quanto all'eventuale successiva vendita agli incanti che: - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 84.860,18 per il lotto n. 1 e di euro 15.503,91per il lotto n. 2; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 12.000,00 per il lotto n. 1 ed euro 2.400,00 per il lotto n. 2; - ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di R.G.E. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale tra i coniugi); - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle Poste italiane s.p.a., tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione) in

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; Ha fissato, in relazione alla vendita senza incanto - per la presentazione presso la cancelleria delle esecuzioni immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell'immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fino alle ore 13.00 del giorno 11.1.2011, con le modalità ed il prezzo base di cui sopra, - per l'esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell'art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l'udienza del giorno 12.1.2011, ore 9.30 e segg.. Ha disposto nel caso in cui la vendita senza incanto non abbia luogo - per la presentazione presso la cancelleria delle esecuzioni immobiliari dell'istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13.00 del giorno 25.1.2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 26.1.2011, ore 9.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti dell'immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi. Ha stabilito che la vendita avviene alle seguenti condizioni,sia qualora vi si faccia luogo senza incanto,sia qualora vi si faccia luogo con incanto - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative, - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a Poste italiane s.p.a.; in mancanza, si provvederà a norma dell'art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell'aggiudicatario, per come liquidate dalla cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.. °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n°.1/2000, con ordinanza emessa all'udienza del 27.10.2010, ha disposto la vendita con incanto del lotto unico nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per il 19.01.2011; lotto unico - "immobile adibito a civile abitazione sito in Lamezia Terme, località Bella, esteso per circa 101 mq., riportato in NCEU di Lamezia Terme al foglio 18, p.lla 74, categoria A/6, classe II, 2 vani."; Valore euro.4.853,46 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo base di euro per il lotto unico, di euro 4.853,46 per il lotto unico; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d'asta; ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 18 gennaio 2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 19 gennaio 2011, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi,

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

8

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Venerdì 26 Novembre 2010 mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 novembre 2010 Il funzionario giudiziario Bruna Bernardi °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 40/2001, con ordinanza emessa all'udienza del 27.10.2010, ha disposto la vendita con incanto del lotto numero uno nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per il 19.01.2011; lotto uno - "terreno sito nel comune di Lamezia Terme, località Piane, riportato nel NCT al foglio 50, p.lla 511, di mq. 980, su cui insiste un fabbricato plurifamiliare composto da tre appartamenti, di cui due al piano terra ed uno al primo piano. Il fabbricato è dotato di una pertinenza adibita a parcheggio e spazio verde"; prezzo base d'asta euro 40.675,08 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo base di euro per il lotto unico, di euro 40.675,08 per il lotto n. 1; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d'asta; ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società);

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 18 gennaio 2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 19 gennaio 2011, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 novembre 2010 Il funzionario giudiziario Bruna Bernardi °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 19/2005, con ordinanza emessa all'udienza del 27.10.2010, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 19.01.2011; lotto uno - "fondo rustico sito in Lamezia Terme, alla località Comuneria Vruga, Drogu e Pitizzanni, esteso per circa Ha 02.87.30, riportato nel NCT di tale comune al foglio 33,p.lla 23, seminativo irriguo" prezzo base d'asta euro 44.315,46; lotto due - "fondo rustico sito in Lamezia Terme, alla località Comuneria, esteso per circa Ha. 02.83.40, riportato nel NCT di tale comune al foglio 333, p.lla 8, agrumeto" prezzo base d'asta euro 52.456,67. SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo base di euro 44.315,46 per il lotto n. 1 e di euro 52.456,67 per il lotto n. 2; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d'asta; ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 18.01.2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 19.01.2011, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 novembre 2010 Il funzionario giudiziario Bruna Bernardi °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 141/95, con ordinanza emessa all'udienza del 27.10.2010, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 19.01.2011; lotto n. 2 - "appezzamento di terreno sito in Gizzeria, località Chiusi, esteso per Ha. 0.11.58, riportato nel relativo catasto al foglio di mappa 11, p.lle 985 e 987"; Valore euro.2.473,18 lotto n. 3 - "appezzamento di terreno sito in Gizzeria, località Cerzeto, esteso per Ha. 0.18.46, riportato nel relativo catasto al foglio di mappa 23, p.lle 2, 3 e 4"; Valore euro.2.167,77 lotto n. 4 - "appezzamento di terreno sito in Gizzeria, località Difesa, esteso per Ha. 0.15.40, riportato

Info 0961 996802


il Domani

| AsteInfoappalti

9

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Venerdì 26 Novembre 2010 nel relativo catasto al foglio di mappa 24, p.lle 535 e 536"; Valore euro.2.055,52 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo base di euro 2.473,18 per il lotto n. 2, di euro 2.167,77 per il lotto n. 3 e di euro 2.055,52 per il lotto n. 4; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d'asta; ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 18 gennaio 2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 19 gennaio 2011, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 12 novembre 2010 Il funzionario giudiziario Bruna Bernardi °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 114/1996, con ordinanza emessa all'udienza del 27.10.2010, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 19.01.2011; lotto 1 - "terreno di mq 27 sito in Lamezia Terme, alla via Indipendenza, censito nel catasto terreni alla partita 9234, fg. n. 20, p.lla 331", prezzo base d'asta euro 393,75; lotto 2 - "quota pari a 1/5 della proprietà di un terreno agricolo esteso per 2590 mq., riportato nel relativo catasto alla partita 19257, fg. n. 45, p.lla 164, qualità vigneto, e p.lla 258, qualità uliveto", prezzo base d'asta euro 1.165,50; lotto 3 - "appartamento rustico di circa 104 mq., sito in Lamezia Terme, località Scinà, n. 176, censito nel catasto urbano alla partita 1008226, fg. n. 34, p.lla 441, sub 12, in corso di costruzione", prezzo base d'asta euro 8.690,62 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO essa deve aver luogo al prezzo base di euro 393,75 per il lotto n. 1, di euro 1.165,50 per il lotto n. 2 e di euro 8.690,62 per il lotto n. 3; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d'asta; ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 18 gennaio 2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 19 gennaio 2011, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 17 novembre 2010 Il funzionario giudiziario Bruna Bernardi °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART. 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO CHE Che il Giudice dell' Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 90/1991 R.G.E. con ordinanza emessa all'udienza del 27.10.2010, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l'udienza del 19.01.2011; PRIMO LOTTO: locale commerciale posto al piano terra del fabbricato per civile abitazione sopra descritto, munito di servizio igienico e dotato di un piccolo ufficio di mq. 22 lordi, collocato in un soppalco debitamente isolato ricavato dal vano scala, oltrechè di tre accessi carrabili ed di un accesso solo pedonale dal vano scala, con uso dell'area circostante di pertinenza del fabbricato in comune con i restanti lotti. Le spese di sanatoria, contributi ed oneri di urbanizzazione ammontano presumibilmente a £. 32.733.132; Prezzo base d'asta euro 31.544,60 QUARTO LOTTO: appartamento per civile abitazione in corso di costruzione al piano secondo del fabbricato sopra descritto; presenta una superficie lorda di mq. 303,00 oltre mq. 57,20 di balconi, con la sola tamponatura esterna, con ingresso dalla scala comune e con uso dell'area circostante di pertinenza del fabbricato in comune con i restanti lotti. Le spese di sanatoria, contributi ed oneri di urbanizzazione ammontano presumibilmente a £. 32.486.500; Prezzo base d'asta euro 11.101,64 QUINTO LOTTO: appartamento per civile abitazione in corso di costruzione al piano terzo del fabbricato sopra descritto; presenta una superficie lorda di mq. 303,00 oltre mq. 57,20 di balconi, con la sola tamponatura esterna, con ingresso dalla scala comune e con uso dell'area circostante di pertinenza del fabbricato in comune con i restanti lotti. Le spese di sanatoria, contributi ed oneri di urbanizzazione ammontano presumibilmente a £. 32.486.500; Prezzo base d'asta euro 10.560,10 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: VENDITA CON INCANTO: essa deve aver luogo al prezzo base di euro 31.544,60 per il lotto primo, di euro 11.101,64 per il lotto quarto e di euro 10.560,10 per il lotto quinto; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d'asta; ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in

Info 0961 996802


il Domani

| AsteInfoappalti

10

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Venerdì 26 Novembre 2010 regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; tali offerte si fanno a norma dell'art. 571 e, prima di procedere alla gara di cui all'art. 573, il Cancelliere da pubblico avviso dell'offerta più alta a norma dell'art. 570 c.p.c.; in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 18.01.2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; è fissata, per il giorno 19.01.2011, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 17 novembre 2010 Il funzionario giudiziario Bruna Bernardi °°°°°°°°°° UFFICIO FALLIMEMTI Fallimento R.F. n. 484/1996 Il Giudice Delegato, con ordinanza del 12.10.2010 ha disposto la vendita coattiva al prezzo base di EURO 170.000,00 del seguente bene immobile : - lotto unico: "capannone industriale a struttura portante metallica, delle dimensioni in pianta di circa 18,00 x 60,14 ed altezza utile interna (sotto capriata) di circa 5,00 ml, complessivamente esteso per mq 1130 circa, di cui 1030 mq circa utilizzabili per attività di lavorazione, mq 50 circa (piano terra) per servizi igienici, spogliatoio e mensa e mq 50 (piano soppalco) come zona uffici e attesa. Il bene non ancora censito presso l'Agenzia del Territorio di Catanzaro è stato realizzato in località Frasso Bragò su di un terreno individuato al fg 68 dell'ex Comune di Nicastro, particella n. 27, della superficie complessiva di circa 3.400 mq, fisicamente unito ai due terreni adiacenti identificati alle particelle 26 e 30". STABILISCE PER LA VENDITA SENZA INCANTO DA EFFETTUARSI AL PREZZO BASE DI EURO 170.000,00 CHE: - ciascun offerente, tranne il debitore (fallito), è ammesso a formulare offerte per l'acquisto personalmente od a mezzo di procuratore legale anche a norma dell'art. 579 c. 3 c.p.c. (il procuratore dovrà in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, c. 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c..) - ogni offerente, dovrà presentare presso la cancelleria fallimentare, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.f. della procedura, il bene o il lotto cui l'offerta si riferisce, del prezzo, del tempo, del modo del pagamento ed ogni elemento utile alla valutazione dell'offerta; - detta dichiarazione deve altresì recare le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro-quota, il bene in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod.civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima e deve essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - l'offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del Giudice Tutelare, da allegare in copia conforme; - in caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - L'OFFERTA È IRREVOCABILE, SALVO CHE: 1. il Giudice ordini l'incanto; 2. siano decorsi 120 giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - L'OFFERTA NON È EFFICACE: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell'art. 568; c) se l'offerente non presta cauzione a mezzo assegno circolare non trasferibile, intestato alla curatela del fallimento "R.F. n. 484/96", in ragione di un decimo del prezzo da lui proposto; - all'offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l'assegno circolare per la cauzione, come d'innanzi indicato; all'esterno della busta vanno annotati a cura del cancellier ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice Delegato e la data dell'udienza fissata per l'esame delle offerte; le buste saranno aperte fissata per l'esame delle offerte, alla presenza degli

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

offerenti, ove comparsi; nel caso di mancata comparizione dell'offerente o degli offerenti l'aggiudicazione sarà comunque disposta, fatta salva l'applicazione delle previsioni di cui all'art. 572 c. 2 e 3 c.p.c.; in caso di più offerte valide, si procederà alla gara sull'offerta più alta secondo il sistema delle schede o buste segreta, fatta salva l'applicazione dell'art.573 c. 2 c.p.c..; - in alternativa alle modalità di cui sopra, la presentazione delle offerte di acquisto può avvenire anche mediante l'accredito, a mezzo bonifico o deposito su conto postale o bancario intestato alla procedura concorsuale ed acceso o da accendersi, nel secondo caso, presso il "Monte dei Paschi di Siena " S.P.A. - filiale di Lamezia Terme - di una somma pari ad un decimo del prezzo che si intende offrire e mediante la comunicazione, a mezzo telefax o posta elettronica, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi, di una dichiarazione contenente le indicazioni di cui allo stesso art. 571 c.p.c. ; detto accredito deve avere luogo non oltre cinque giorni prima della scadenza del termine entro il quale possono essere proposte le offerte di acquisto; fin da ora si prevede che, quando l'offerta è presentata con le modalità alternative, il termine per il versamento del prezzo e di ogni altra somma è di novanta giorni; - in ogni caso le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo ABI per la concessione di mutui aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la cancelleria; QUANTO ALL'EVENTUALE, SUCCESSIVA VENDITA AGLI INCANTI HA STABILITO CHE : - ESSA DEVE AVERE LUOGO AL PREZZO SOPRA INDICATO DI euro 170.000,00; - L'aumento minimo da apportare alle offerte, a pena di inammissibilità, deve essere pari al 5% del prezzo base; - ognuno, ai sensi dell'art. 579, c. 1' c.p.c., tranne il debitore (fallito), è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale (il procuratore dovrà in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, c. 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c..) - ogni concorrente per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.f. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro-quota, il bene in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod.civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del Giudice Tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alla curatela del fallimento "R.F. n. 484/96", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - All'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione' di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice Delegato e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; - le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata comparizione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, c. 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria;

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

- a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto possono essere presentate offerte di acquisto nel termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non sono state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584 c. 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; - in ogni caso le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo ABI per la concessione di mutui aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la cancelleria; FISSA IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO - per la presentazione presso la cancelleria fallimentare delle offerte di acquisto - ex art. 571 c.p.c. del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale dell'ordinanza, termine fino alle ore 13,00 del giorno 10.01.2011 con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - per l'esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell'art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una' ai sensi dell'art. 573 c.p.c., l'udienza del giorno 11.01.2011, ore 12,00 e segg.; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, - per la presentazione presso la Cancelleria Fallimentare delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale dell'ordinanza depositata, termine fino alle ore 13,00 del giorno 7.02.2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 08.02.2011 ore 12,00 e segg. la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come sono identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti le garanzie per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi o mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti o comunque non evidenziati in perizia non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato alla curatela del fallimento "R.F. 484/96" (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per il capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per le spese nella misura che sarà indicata dal G.D.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, ex art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento. SI AVVERTE Fin d'ora gli interessati che, ove all'udienza fissata per la celebrazione dell'incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, il G.D. si riserva di applicare immediatamente l'art. 591 c.p.c., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, provvedendo in quello stesso contesto sull'eventuale fissazione di una nuova vendita. Lamezia Terme lì 21.10.2010 Il Giudice Delegato Dr. Alessandro Brancaccio

Info 0961 996802


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani 11

CRONACHE

Delibera della Giunta sul patrimonio edilizio di Carmela Mirarchi REGGIO CALABRIA - Importante deliberazione della Giunta Municipale guidata dal sindaco Giuseppe Raffa. Una delle ultime decisioni assunte dall’Esecutivo di Palazzo san Giorgio, infatti, è inerente alle disposizioni normative relative all’articolo 6 (comma 8) della Legge Regionale 21/2010, cioè "Misure straordinarie dell’attività edilizia finalizzata al miglioramentodellaqualitàdelpatrimonio edilizio residenziale". Il provvedimento è stato assunto partendo dalla necessità d’intervenire su alcuni punti di tale legge per consentirne una migliore attuazione sul territorio comunale. L’esigenza è stata manifestata nel corso di più riunioni tenute dal tavolo tecnico avviato su iniziativa dell’Assessore all’Urbanistica, Demetrio Porcino, e che ha visto anche la partecipazione degli Ordini Professionali e delle Associazioni di categoria. «Un incontro - spiega Porcino - durante il quale si è discussa la legge regionale sul cosiddetto piano casa e, conseguentemente, si sono valutate le iniziative da proporre al Civico Consesso, poiché questa normativa individua aree in cui non possono essere realizzati gli interventi previsti dagli articoli della legge, così come consente ai Comuni, previa deliberazione del Consiglio, di disporre, motivandole, l’esclusione di alcune parti del territorio dall’applicazione delle legge stessa, con particolare riguardo a zone dove siano presenti determinate caratteristiche storico - culturali, morfologiche, paesaggistiche nonché in riferimento alla funzionalità urbani-

stica. Ovviamente - prosegue Porcino - è opportuno e doveroso proporre una serie di disposizioni normative finalizzate a rispettare lo spirito della legge salvaguardando, al contempo, le esigenze proprie del territorio». La Giunta, dunque, all’unanimità ha approvato le disposizioni da sottoporre al Consiglio Comunale, che si riferiscono alle aree escluse (ad esempio che si trovino in ambiti di pericolosità idraulica e a rischio frana o sottoposte ai vincoli di inedificabilità e gli immobili definiti di valore storico, culturale e architettonico) a quelle ammesse (cioè dotate di opere di urbanizzazione primarie e dei servizi a rete essenziali o con l’impegno a realizzarli) ed agli ambiti territoriali da subordinare a limitazioni. «Sono molto soddisfatto - aggiunge l’assessore Porcino - per il proficuo lavoro svolto insieme agli Ordini Professionali e le Associazioni di Categoria, il cui contributo è stato prezioso per la definizione di questa proposta deliberativa. Mi auguro - specifica ancora - che venga rispettato il termine perentorio previsto dalla legge e

che, quindi, il Consiglio Comunale provveda a deliberare in materia entro il 3 dicembre, cioè il limite temporale massimo consentito dai parametri normativi, tenendo presente l’esigenza di coniugare le necessità di natura socio - economica con le attività di pianificazione avviate dall’assessorato all’Urbanistica e dall’Amministrazione comunale. Nel contempo - conclude Demetrio Porcino - il tavolo tecnico continuerà a riunirsi in merito agli articoli 8 e 9 della stessa normativa che si riferiscono alla riqualificazione di aree urbane degradate per la cui definizione, invece, la legge assegna un termine di 180 giorni».

Si è discussa la legge regionale sul cosiddetto Piano casa e si sono valutate le iniziative da proporre al Civico consesso

Pdci: impedire la cancellazione delle linee ferroviarie Taurensi REGGIO CALABRIA - «Ormai non c’è limite al peggio. Dopo Trenitalia che si è accanita contro la Calabria cancellando decine e decine di treni e provocando gravissimi disagi ai calabresi negandogli di fatto il diritto alla mobilità adesso anche Ferrovie della Calabria si accoda alla politica dei tagli dei treni e dei servizi» si legge in una nota del segretario regionale Pdci Michelangelo Tripodi. «E’ di queste ore, infatti, la notizia che FdC si appresta a cancellare le linee Taurensi che servono buona parte dei paesi della Piana di Gioia Tauro, nel quadro di una scelta gravissima ed inaccettabile che colpisce, particolarmente, i cittadini della piana di Gioia Tauro - continua -. Insieme a ciò si profila una drastica riduzione del personale e dei servizi. Ovviamente, di tutto questo portano grande responsabilità il Governo Nazionale, il Ministero delle Infrastrutture e la Regione Calabria che in combutta tra loro stanno strozzando Ferrovie della Calabria. Il Governo perché da troppo tempo non garantisce l’adeguamento annuale dei contributi e la Regione perché, con l’avvento di Scopelliti, ha cancellato le risorse destinate a sostenere il piano di risanamento finanziario dell’azienda che altrimenti rischia di essere soffocata dai debiti. Non è accettabile che i tagli colpiscano un linea ferroviaria come quella delle Linee Taurensi, che invece, data la loro valenza strategica anche in presenza del porto di Gioia Tauro, dovrebbero essere potenziate e sviluppate per rispondere alle nuove esigenze di mobilità pubblica che stanno crescendo nel territorio della piana di Gioia Tauro.Il PdCI nel sostenere la lotta dei lavoratori e dei cittadini della piana di Gioia Tauro che stanno protestando contro la politica dei tagli e delle chiusure dei servizi e delle tratte ferroviarie, chiede una svolta nella politica dei trasporti nazionale e regionale per salvare un’azienda pubblica strategica come Ferrovie della Calabria e per garantire il funzionamento del Linee Taurensi che rappresentano l’unica presenza significativa delle FdC nella provincia di Reggio Calabria. In particolare - conclude - si sollecita un’iniziativa della Regione e segnatamente del Presidente Scopelliti a tutela del personale, dei servizi e delle linee ferroviarie nonchè l’apertura di un confronto con il Ministero dei Trasporti per definire un piano di risanamento e di rilancio delle Ferrovie della Calabria quale fondamentale strumento per rendere efficace il diritto alla mobilità locale dei cittadini calabresi».

Protesta dei precari a Villa San Giovanni VILLA SAN GIOVANNI - Alcune centinaia di precari hanno protestato, a Villa San Giovanni, davanti gli imbarcaderi delle società private di traghetti che effettuano il collegamento con la Sicilia, bloccando l’accesso dei mezzi in fila per l’imbarco. La protesta è stata organizzata dall’Unione sindacale di base per richiamare l’attenzione sulla condizione di Lsu e Lpu che lavorano negli enti locali e che chiedono la stabilizzazione. Alla manifestazione hanno aderito Lsu-Lpu di varie parti della Calabria. Ieri i manifestanti si sono ritrovati davanti alla stazione ferroviaria di Villa San Giovanni e poi sono partiti in corteo. Il programma prevedeva il ritorno nel piazzale della stazione, ma giunti davanti alla biglietteria delle società private di traghetti, il corteo si è fermato, bloccando il transito ed il successivo imbarco dei mezzi. Secondo quanto si è appreso dagli stessi manifestanti, ci sarebbe stata una convocazione in Prefettura per un’analisi della situazione, ma i partecipanti al blocco hanno fatto sapere che intendono continuare nella loro

protesta sino a quando non sarà aperto un tavolo di trattative col Governo nazionale. Si è concluso infine con un nulla di fatto un incontro alla Prefettura di Reggio Calabria tra il Capo Gabinetto ed una delegazione dei manifestanti che stanno bloccando i traghetti a Villa San Giovanni. A riferirlo é stato Aurelio Monte, dell’Unione sindacale di base. «Ci è stato detto - ha riferito - che la Prefettura ha attivato i propri canali per arrivare ad un incontro a Roma, ma non ci basta. Noi abbiamo chiesto di essere convocati al Ministero del Lavoro ad un incontro al quale deve partecipare anche la Regione. Fino a quando non arriverà la convocazione, noi non ci muoveremo dagli imbarcaderi di Villa San Giovanni. Per gli Lsu - Lpu di Campania e Sicilia - ha aggiunto Monte - sono stati trovati 110 milioni che serviranno alla stabilizzazione. Per la Calabria, invece, fanno sempre proroghe. I Comuni calabresi sono ormai senza pianta organica e non possono assumere».


12

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

CRONACHE Anche gli studenti dell’Unical protestano contro il ddl Gelmini di Carmela Mirarchi COSENZA - «Anche gli studenti dell’Università della Calabria hanno levato il loro urlo di protesta contro l’approvazione del DdlGelmini e contro i tagli della legge 133/08. Il volantinaggio rumoroso, iniziato dalla Facoltà di Ingegneria intorno alle ore 11 si è rapidamente trasformato in un corteo spontaneo che ha attraversato il ponte Pietro Bucci del Campus di Arcavacata». E’ quanto si legge in una nota degli studenti dell’Unical. «Tra gli slogan sono emerse delle importanti rivendicazioni: Contro un’università d’elìte, a difesa di un’Università Pubblica, Libera, Democratica e di massa - continua la nota -. Contro la mercificazione dei saperi e della cultura, a difesa della formazioneedellaconoscenzaintesi come beni comuni; contro la subordinazione della ricerca alle logiche del profitto, per una vera ricerca rivolta al reale miglioramento della società; Contro i baroni ma in difesa della libertà di insegnamento. La mattinata prosegue la nota degli studenti Unical - si è conclusa presso le

pensiline degli autobus, dello stesso Campus, con un presidio di protesta che ha temporaneamente bloccato il traffico per circa 30 minuti. Gli studenti hanno poi raggiunto l’Aula Magna dove era in corso un’Assemblea generale auto-convocata - su input della Facoltà di Scienze Politiche - che è proseguita, ad oltranza, per tutta la giornata.Sitrattadellaconcretizzazione di un percorso di assemblee, di-

scussioni e proteste avviatosi nell’autunno del 2008. A distanza di due anni - conclude la nota siamo ancora più consapevoli della necessità dell’impegno di tutti gli studenti, che possono e devono incidere sui processi di trasformazione del nostro Paese. Per bloccare lo smantellamento dello stato sociale e del sistema dei diritti, contro una politica che, da troppo tempo, è distante dalle vere esigenze della gente».

I docenti della facoltà di Scienze politiche sono pronti a dimettersi COSENZA - Tutti i docenti della facoltà di Scienze politiche dell’Università della Calabria, dal Preside in giù, sono pronti a rassegnare le dimissioni qualora la riforma Gelmini dovesse essere approvata nel testo attuale. E’ ì questo il risultato dell’assemblea dei docenti che si è svolta ieri. «Il sistema universitario - è scritto in un documento dei docenti - necessita di una riforma, ma l’attuale testo, sostenuto dalla maggioranza, non risolve nessuno dei problemi, anzi li aggrava. L’accelerazione dei tempi per l’approvazione del progetto di riforma ha determinato anche la cancellazione dei miglioramenti già approvati dalla stessa maggioranza in Commissione Cultura della Camera e svela le vere intenzioni del Ministro e della sua parte politica di voler strumentalizzare la riforma, utilizzandola come spot propagandistico a proprio vantaggio nella probabile campagna elettorale della prossima primavera. Tutto questo senza tener conto dell’importanza dell’Università e dell’istruzione in generale per il futuro delle giovani generazioni. Al comportamento responsabile di quanti operano

La protesta di ieri all'Unical

nell’Università, docenti e personale amministrativo che hanno assicurato il regolare svolgimento delle lezioni anche in presenza di drastici tagli finanziari - proseguono i docenti - corrisponde un atteggiamento irresponsabile dell’attuale maggioranza di governo, che rischia di far finire nel caos l’intero sistema universitario. Infatti, il testo di legge da approvare avrebbe la conseguenza di azzerare l’attuale sistema senza sostituirlo con un nuovo impianto che, per essere attuato, avrebbe bisogno di ulteriori leggi e regolamenti. Il prevedibile tracol-

lo delle Università calabresi con i tagli attuali determinerebbe un incremento della fuga dei giovani e la fine di ogni prospettiva di sviluppo per la nostra regione. Conseguentemente - concludono i docenti - nell’ipotesi in cui la riforma dovesse essere approvata nel testo attuale, tutti coloro che ricoprono cariche istituzionali all’interno della Facoltà di Scienze Politiche hanno dichiarato la loro disponibilità a rassegnare le dimissioni dai propri incarichi».

Car.Mir.

Idv ad Acri per un incontro su emergenza ambientale e politiche energetiche ACRI- «Il riesplodere dell’emergenza rifiuti deve essere affrontato e risolto con priorità assoluta rispetto alle altre questioni sul tappeto». Così Maurizio Feraudo, segretario regionale dell’idv, commenta l’aggravarsi della situazione a con episodi di esasperazione delle comunità locali. «Qui si tratta di scongiurare, un danno ambientale e sociale e noi dell’idv ne parleremo in un convegno moderato dal giornalista Attilio Sabato dal titolo "Emergenze Ambientali E Politiche Energetiche" organizzato dal gruppo consiliare comunale di Acri oggi alle ore 16,30 presso il Palazzo Sanseverino - Falcone - Aula Consiliare. Parteciperanno il sindaco di Acri Gino Trematerra, Daniele Menniti Docente di "Sistemi Elettrici per L’Energia" - Facoltà di Ingegneria Unical , Sandro Principe Capogruppo Pd Regione Calabria, Roberto Grandinetti Giornalista e coautore del libro "la nave dei veleni", Nicola Marrazzo dell’ Ufficio di Presidenza Consiglio regionale della Campania, Paolo Brutti Responsabile nazionale Dipartimento Ambiente IdV, Sergio Piffari componente della Commissione Ambiente Camera dei Deputati oltre che agli esponenti IdV del territorio che lo hanno promosso, Angelo Cofone, Maria Cristina Minisci, Enzo Spinelli e Giacomo Fuscaldo.Sarà l’occasione per mettere sul campo pericoli ma soprattutto proposte e alternative».

Anna Bolle

La Guardia costiera sequestra rete a strascico e 15 chili di pesce CORIGLIANOCALABROContinua l’attività di prevenzione, da parte della Capitaneria di porto, dei danni causati all’ecosistema marino dalla pesca a strascico sottocosta. Dal giugno scorso, infatti, con l’entrata in vigore del Regolamento Ce1967/2006,occorreattenersi ai nuovi valori minimi di distanza e profondità per l’uso degli attrezzi da pesca, come già costantemente fatto conoscere dalla Capitaneria di porto grazie all’opera di informazione nei confronti del ceto peschereccio. I militari della Guardia costiera di Corigliano Calabro, a bordo di un mezzo navale in tandem con pattuglie via terra, hanno infatti sorpreso all’alba, al largo della costa di Amendolara, un motopeschereccio della marineria coriglianese, intento ad effettuare pesca a strascico ad una distanza dalla costa entro un miglio e mezzo e quindi al di sotto del limite consentito. Il peschereccio è stato multato per oltre 2000 euro complessivi. Sequestrati la rete a strascico per complessivi 40 metri e circa 15 chili di pesce che, dopo essere stato giudicato idoneo al consumo umano da parte del competente medico veterinario, è stato donato in beneficenza. Continuerà nei prossimi giorni l’attività di vigilanza, da parte dei militari della Guardia costiera, lungo tutto il litorale dell’alto Ionio cosentino al fine di prevenire e contrastare eventuali illeciti commessi in materia anche da pescatori non professionali, a salvaguardia delle risorse ittiche ed a tutela dell’ecosistema marino. Con lo strascico sottocosta, infatti, si rischia di catturare anche organismi protetti, quali posidonia e specie bentoniche.


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani 13

CRONACHE

Sial, presentati i risultati degli stand cosentini di Carmela Mirarchi COSENZA - Sedici aziende di successo selezionate dalla Camera di Commercio di Cosenza, reduci dal più importante appuntamento del settore alimentare mondiale, hanno raccontato il Sial di Parigi, il ventiquattresimo Salone internazionale dell’alimentazione. Sono stati presentati ieri a Cosenza, nella sala Petraglia della Camera di Commercio, i risultati della missione con l’ausilio di un documentario - video realizzato appositamente sulla presenza delle aziende espositrici e sulle più significative produzioni agroalimentari del territorio presentagustazioni, banchi d’assaggio, incontri te ai buyer europei e mondiali. Il vicepresidente della Camera di com- e "test and buy" con specialisti e operamercio, Domenico Bilotta ha illustra- tori italiani e stranieri. Bilotta è stato to il denso bilancio dell’appuntamento affiancato dal Presidente del Consorparigino, che ha visto svolgersi, dal 17 zio Clementine di Calabria Igp, Angelo al 21 ottobre scorsi, a pieno ritmo, de- Minisci. Voluti e organizzati dal presi-

Aggredito verbalmente l’assessore comunale Damiano Covelli COSENZA - L’assessore alla Protezione civile del Comune di Cosenza, Damiano Covelli, è stato aggredito verbalmente, ieri mattina, da un dipendente di una cooperativa sociale che lavora per il Comune di Cosenza. Il fatto è avvenuto ieri mattina davanti la porta dell’ufficiodell’assessore, dove A.P., trentenne, ha atteso l’arrivo di Covelli. Non è la prima volta che il lavoratore si scaglia contro l’amministratore, dal momento che già in passato si sono registrati episodi simili, e in un’occasione l’uomo si è anche presentato nei pressi dell’abitazione dell’assessore chesi trovava in compagnia del figlio. Alla base ci sarebbero alcuni rancori legati al fatto che l’uomo, che lavorava in una sede di una circosc-

rizione,sarebbestatospostatodopo la contestazione di non effettuare al meglio il proprio lavoro. Per l’accaduto l’assessore Covelli ha presentato regolare denuncia agli uffici della Questura.

dente della Camera di commercio, Giuseppe Gaglioti, gli eventi targati Cosenza al Sial sono stati, infatti, caratterizzatidedicandoun’attenzione particolare alle Clementine di Calabria, il fresco agrume Igp proposto come tipicità-bandiera delle eccellenze cosentine. «A Parigi - ha affermato Bilotta - le aziende cosentine hanno esposto le più significative produzioni agroalimentari del territorio per presentarle ai buyer europei e mondiali. L’evento parigino è un appuntamento ideale per esporre, presentare le ultime novità nelle produzioni di eccellenza, e anche per allacciare o rinsaldare legami internazionali e nuovi accordi commerciali. Il Sial è il luogo ideale, infatti, per aprire nuovi scenari, per offrire nuove opportunità, nuovi partenariati». Al Salone internazionale dell’agroalimentare di Parigi, ovvero, come recitava la slogan di quest’anno, "Il miglior posto al mondo per alimentare il vostro business", oltre ai due eleganti stand espositivi con le eccellenze della "dispensa-Cosenza", la Camera di commercio di Cosenza ha invaso il Parco delle esposizioni parigino con ben cinquemila "bomboniere", monoporzioni di clementine, e centinaia di cassette col prelibato agrume.

Alleanza di Centro: potremmo andare alle elezioni con cartello autonomo COSENZA - «Bisogna avere l’ambizione di costruire una grande alleanza in grado di affrontare la prossima sfida elettorale nella città di Cosenza per il rinnovo delle prossime elezioni comunali . Per fare questo bisogna prima di tutto costruire una nuova classe dirigente responsabile, libera e diligente»si legge in una nota del Commissario di Alleanza di Centro della Provincia di Cosenza, Maximiliano Granata. «Forse - continua per un po’ di tempo le persone libere, forti e capaci si sono allontanate dalla politica lasciando spazio al vuoto completo . In questo vuoto si è inserita la bassa politica composta da personaggi incoerenti, che hanno cercato di privilegiare piccoli interessi a discapito dei grandi progetti di rilancio dei nostri territori . Si è creata una giungla in cui si è alimentato il mancato rispetto di principi e regole che dovrebbero essere alla base della costituzione di una futura classe dirigente . Dopo l’ ultima competizione elettorale nel 2006 i temi che furono affrontati allora tornano a distanza di cinque anni di grande attualità . Non si è avuto la capacità di costruire soluzioni alternative in grado di creare una nuova classe dirigente, fuori dalla solite logiche dinastiche e familiari, dei noti personaggi che circolano da decenni e che non sono stati in grado

di dare risoluzione alle mille problematiche presenti nella città capoluogo . Nella prossima competizione elettorale amministrativa di Cosenza del 2011, bisognerà avere la capacità di coinvolgere le forze sane e le giovani intelligenze di destra e sinistra, nella costruzione di una grande alleanza, con un proprio candidato a Sindaco, in grado di sbaragliare le forze conservatrici della città che ripropongono i vecchi programmi amministrativi, condotti dai soliti personaggi, già abbondantemente conosciuti nel panorama politico cittadino. La parola d’ordine conlcude - dovrà essere quella di rinnovare la classe dirigente con un progetto alternativo che riesca dare respiro a Cosenza realizzando un nuovo programma amministrativo innovativo, moderno ed efficiente . Se la situazione politica cittadina dovesse rimanere quella attuale, quella paragonabile alla città di pulcinella, non esiteremo a scendere in campo con un cartello elettorale autonomo e con un nostro candidato a Sindaco».

F. Marra

Il Comune ha presentato ieri il Portale tematico della mobilità COSENZA - Una piattaforma informatica nella quale sono state canalizzate tutte le informazioni, i progetti e le iniziative riguardanti la mobilità e i trasporti nel Comune di Cosenza, in maniera tale da creare una banca dati, immediatamente fruibile dal cittadino, in un rapporto di continua interazione con la Pubblica Amministrazione, in ossequio ai principi fondamentali della democrazia elettronica e della trasparenza. E’ il Portale tematico della mobilità, voluto dall’Assessore alle politiche dei trasporti Agostino Conforti e presentato ieri mattina in una conferenza stampa tenutasi nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, alla presenza dello stesso assessore, della dirigente del settore trasporti, traffico e mobilità Filomena Redavide, dell’ingegner Francesco Falbo, sempre del settore trasporti, e dell’ingegner Fabio Cairo, della società "Glerion" di Cosenza, specializzata nella realizzazione di siti web, che

ha disegnato ed elaborato l’impalcatura della piattaforma informatica. Un portale che risponde a criteri di semplicità ed efficienza, tali da rendere al cittadino la navigazione la più agevole possibile. Un salto da un link all’altro tra molteplici informazioni: la mobilità per i disabili, il servizio taxi, la mobilità ciclopedonale, la sicurezza stradale, il nuovo sistema per la gestione della parking card, la percorribilità delle strade, una consistente galleria fotografica e, soprattutto, una sezione, denominata "Officina delle idee" grazie alla quale il cittadino potrà direttamente interagire con l’Assessorato ai trasporti e gli uffici del settore per dare suggerimenti, formulare richieste, segnalare e correggere eventuali disservizi. «Con il Portale della mobilità - ha spiegato nel suo intervento l’Assessore Conforti Cosenza ha finalmente una banca dati propria sui trasporti che ha richiesto ben nove mesi di gestazione. E’ la

classica pietra nello stagno, grazie alla quale, però, mettiamo a disposizione dei cittadini e di tutti i potenziali visitatori del portale, tutta una serie di informazioni utili». Dentro c’è di tutto: dalle informazioni che riguardano l’Amaco a quelle dei concessionari del trasporto pubblico, dalla dislocazione delle piste ciclabili al recente progetto di bike-sharing, dalla percorribilità delle strade cittadine ai comunicati stampa. «E’ comunque - ha aggiunto Conforti - un work in progress suscettibile di ulteriori implementazioni. Forse anche un progetto un po’ audace e, insieme, una sfida nella quale crediamo per l’utilizzo che ne potranno fare i cittadini cui, attraverso la sezione "Officina delle idee", demandiamo anche una funzione di controllo sulle nostre realizzazioni». Anna Bolle


14

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

CRONACHE Confcommercio, decisi gli orari di apertura delle attività nelle feste CROTONE - Confcommercio Crotone comunica che al fine di fornire un indirizzo uniforme, sia pure non vincolante, in materia di orari di apertura delle nostre attività, una commissione ad hoc istituita presso la nostra associazione, ascoltati i pareri e le esigenze dei diretti interessati, ha espresso una propria proposta, poi trasfusa in una delibera di Giunta, che prevede tali aperture festive: Novembre: chiusura domenicale. Dicembre: domenica 5 apertura pomeridiana. Mercoledì 8 (Immacolata) apertura pomeridiana. Domenica 12, apertura intera giornata. Domenica 19 aperura intera giornata. Domenica 26 chiusra. Gennaio_ domenica 2 apertura pomerdiana. Giovedì 6 chiusura. Domenica 9 aperura intera giornata. Confcommercio, inoltre, comunica che, come d’altronde ogni anno, «abbiamo richiesto agli enti pubblici una collaborazione al fine di realizzare iniziative che possano contribuire ad incrementare gli acquisti. Auspicando una maggiore diretta partecipazione e senso di responsabilità, evitando sterili polemiche, si ribadisce l’invito a contattarci in tempo utile direttamente presso i nostri uffici per qualsiasi esigenza».

Inaugurato il circolo di Idv nella frazione di Pagliarelle CROTONE - È costituito prevalentemente da giovani il nuovo circolo di Italia dei Valori inaugurato nel pomeriggio del 24 novembre scorso., nella frazione di Pagliarelle, nella provincia di Crotone. La manifestazione si è svolta alla presenza di un folto ed interessato pubblico, presso la sede sita in Vico Regina Elena, a Pagliarelle.A sancire il nuovo sodalizio, il Segretario provinciale dell’Italia dei Valori, Emilio Candigliota, il quale ha espresso soddisfazione nel vedere come ancora tanti siano i giovani, che hanno a cuore il futuro del proprio territorio, riconoscendosi in un partito come l’Idv, che tanto spazio offre alle nuove idee ed alla intraprendenza dei giovani. Nell’occasione è stato eletto il presidente del circolo, Elisabetta Cistaro, il tesoriere Vittoria Curcio, il segretario Salvatore Mirabelli; il direttivo formato da: Rosario Aiello, Sebastiano Mirabelli, Francesca Costanza e Emilio Garofalo.

Si è spento all’età di 87 anni, Carlo Napoli Era stato molte volte sindaco di Crotone CROTONE - Si è spento nella notte tra martedì e mercoledì, all’età di 87 anni, Carlo Napoli. Uomo politico di spessore e dal tratto umano e gentile, Napoli è stato più volte sindaco di Crotone tra la fine degli anni sessanta e la metà degli anni ottanta.La camera ardente, allestita nella sala consiliare del Comune di Crotone, è stata visitata, fin dalle prime ore del mattino, da una folla commossa di cittadini che hanno voluto dare l’estremo saluto ad un concittadino unanimemente amato ed apprezzato Il Sindaco della città, Peppino Vallone nel ricordare il cittadino esemplare e il politico illuminato ha detto: «Siamo onorati di essere stati testimoni della sua correttezza, della sua umanità, della sua essenzialità, della sua capacità di dialogo. Nella sua azione amministrativa ha posto in cima a tutto l’etica pubblica e pur senza trascurare il confronto politico, ha saputo non essere uomo di parte - ha aggiunto Vallone -. L’impegno, la passione, la disponibilità a favore degli altri, profusi non solo quando è stato alla guida di questa comunità, sono stati il filo conduttore di tutta la sua vita» ha concluso Vallone esprimendo ai familiari presenti nell’aula consiliare il cordoglio e la vicinanza della città di Crotone . «Un uomo d’altri tempi per la sua cristallina moralità ma, tuttavia, moderno che ha saputo esprimere pensieri, idee, proposte ancora oggi attuali» ha detto nel suo intervento Giancarlo Sitra, presidente del Consiglio Comunale. E’ stato il nipote Pino Napoli a ringraziare l’amministrazione comunale.

Taxi, Crotone potrà vantare il tariffario meno costoso di Rosa Voci CROTONE - Mercoledì presso il comando dei Vigili urbani di Crotone, si sono incontrati l’Assessore alla Viabilità e trasporti Nino Corigliano, il Comandante dei vigili Urbani Antonio Ceraso, il responsabile di settore Marco Morabito e per Confartigianato Crotone, il dirigente Carmine Corigliano e il responsabile di categoria Corrado Giuseppe. Oggetto dell’incontro la preannunciata regolamentazione del settore taxi. «Incontro proficuo sotto ogni aspetto, mantenuti tutti gli impegni garantiti in precedenza, a partire dall’applicazionedelnuovotariffario che è tra i più bassi su tutto il territorio nazionale, studiato a grande vantaggio dell’utente» si legge in una nota di Confartigianato. «Sempre restando in tema di vantaggio e garanzia per l’utenza, nei prossimi giorni tutti i tassisti crotonesi verranno invitati a recarsi presso il comando dei Vigili Urbani, per essere sottoposti a tutte le verifiche tecniche di idoneità, previste nel Regolamento nr. 07 del 22/03/2002. L’altra bella novità annunciata dall’Assessore e Corigliano

e dal Comandante Ceraso, è l’uscita dell’imminente Bando di assegnazione per altre quattro licenze taxi, quindi se vogliamo anche un mini incentivo all’occupazione. Inoltre nei prossimi giorni, hanno assicurato gli Amministratori comunali, verrà adottata una delibera di Giunta che definirà anche tutti gli aspetti relativi alla segnaletica, cartellonistica, colonnine taxi, aree e parcheggi che renderanno quanto più efficiente possibile e funzionale il servizio. Un vero salto di qualità dopo anni e anni di disordine in un settore che è pur

sempre un primo biglietto da visita per chi arriva nella nostra città. Finalmente Crotone disporrà di un servizio taxi ordinato così come deve essere in una città che vuole avere come caratteristica principale la buona accoglienza e l’ottima permanenza. I cittadini e tutti gli operatori del settore - conclude Confartigianato - possono recarsi in associazione per avere copia del nuovo tariffario proposto dall’Assessore Corigliano e dal suo staff e condiviso integralmente dai nostri rappresentanti».

Il progetto sulla telemedicina del Parco scientifico Magna Graecia CROTONE - Parco Scientifico e Tecnologico Magna Graecia di Crotone ancora una volta svolge il suo ruolo a sostegno dell’innovazione, questa volta per l’Asp di Crotone. Un progetto sulla telemedicina, in particolare, per i malati cardiovascolari, questo è il servizio che il Commissario Asp, Prof. Nostro vuole mettere a disposizione dei cittadini della provincia di Crotone, soprattutto per gli anziani e quelle persone che hanno difficoltà a recarsi dal medico. La telemedicina è un insieme di tecniche mediche ed informatiche che permettono la cura di un paziente a distanza o più in generale di fornire servizi sanitari a distanza: questa è l’iniziativa in cui il Pst.Kr affiancherà il Commissario Nostro, grazie alle competenze dei professori Germanò e Caparra, dell’Università La Sapienza Dipartimento di Scienze Cardiovascolari. «Il Parco - afferma Spanò - avvierà su Crotone il trasferimento di esperienza già avviata con successo a Roma e finanziata da un istituto di beneficenza». «La finalità dell’iniziativa - ha ribadito Nostro - nel corso della simulazione pratica della misurazione e trasmissione dati pressori, è quella di conseguire l’ottimizzazione domiciliare del trattamento di pazienti affetti da ipertensione arteriosa e da insufficienza cardiaca». «La procedura dell’automisurazione della pressione è semplicissima - ha affermato il prof. Germanò - con di-

spositivi dotati di tecnologia wireless e un cellulare con bluetooth è possibile per il paziente conoscere direttamente i dati dei valori della pressione e trasferirli al medico di base, che interviene nel caso di dati preoccupanti». «Dunque - afferma Nostro - premesso che farà validare il progetto dal Codice Etico, la telemedicina fungerà nella nostra provincia come leva sociale ed economica nella sanità, un aiuto per limitare gli accessi in ambulatorio, garantendo comunque una assistenza medica mirata ed efficace: operativamente, si partirà subito con una sperimentazione, in forma gratuita, da parte dei tecnici della Sapienza». All’incontro erano presenti anche i dottori Muraca e Varrina che, anche vista la piccola dimensione

dell’azienda sanitaria crotonese, con 130 medici di base, ritengono che ci potrà essere un immediato approccio ed interesse alla sperimentazione. La Bruni è delegata dal Commissario a tenere i rapporti con i referenti della Sapienza, a seguire l’attuazione del progetto, anche nella parte della presentazione a tutti i medici e a curarne le modalità operative nonché l’informazione e animazione del territorio. Per la parte del finanziamento del progetto, il Prof. Germanò, anticipa che provvederà lui a contattare alcune case farmaceutiche che hanno interesse a sponsorizzare questa iniziativa in Calabria, partendo da Crotone oltre alle aziende che producono i dispositivi per la misurazione pressoria.


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani 15

CRONACHE

I consiglieri d’opposizione negli ospedali montani SERRASANBRUNO-«L’iniziativa di effettuare dei sopralluoghi negli ospedali montani non deve essere considerata una mera presa di posizione di natura politica, ma piuttosto va letta come un’apertura nei confronti del presidente Scopelliti affinché si ridiscutano i termini del Piano di rientro dal disavanzo sanitario che penalizza oltremodo i territori più deboli». Questa, in sintesi, è scritto in una nota, è la posizione dei consiglieri regionali Bruno Censore, Carlo Guccione, Francesco Sulla, Ottavio Bruni e Antonio Scalzo che ieri mattina hanno visitato l’ospedale di Serra San Bruno per poi spostarsi, nel pomeriggio, presso il nosocomio di Soveria Mannelli. I consiglieri di centrosinistra hanno spiegato che gli ospedali montani, la cui riconversione dovrà concludersi entro marzo 2012, «sono già oggetto di un preoccupante ridimensionamento in virtù del fatto che il Piano di rientro ha assegnato a queste strutture solo funzioni di medicina generale e per un numero complessivo di soli 20 posti letto». Censore ha illustrato nel dettaglio le fasi della riconversione. «Dagli atti del commissario ad acta - ha sostenuto si desume che una volta terminata la fase sperimentale verrà valutato il mantenimento in vita degli ospedali montani che però a quel punto risulteranno mproduttivi perché la riconversione avrà prodotto un forte ridimensionamento di servizi e posti letto, come già sta accadendo. Ciò è molto preoccupante. Anche se non intendiamo arroccarci su posizioni precostituite, è nostro dovere chiedere una rivisitazione

della rete ospedaliera affinché ci sia maggiore equilibrio tra i territori e i sacrifici vengano ripartiti equamente. Il territorio calabrese è montano per il 70%, dunque il Piano di rientro penalizza gran parte della popolazione, quella delle aree interne, che già soffre gravi disagi sotto molti punti di vista». Scalzo, dal canto suo, ha menzionato la difficile problematica dello spopolamento delle aree interne. «Non vogliamo difendere privilegi dei territori o degli operatori sanitari - ha concluso - ma solo il diritto alla salute delle popolazioni delle aree disagiate». Improntato alla consapevolezza delle inefficienze e degli sprechi esistenti nella sanità è stato l’intervento di Guccione, che ha aggiunto che il Piano di rientro «può e deve essere l’occasione per offrire una sanità di qualità ai calabresi. Però occorre misurarsi sulle scelte, perché un ospedale con una funzione strategica come quello serrese, in un territorio molto difficile dove gli spostamenti interurbani presentano grandi difficoltà, non si può chiudere o smantellare. Sugli os-

pedalimontaniilPianoandrebbe corretto per evitare che le scelte, pur necessarie, ricadano sulle aree più disagiate». Tra chi ha sempre sostenuto, fin dalla sua creazione, il nosocomio serrese c’é sicuramente Bruni, che ha chiarito come l’iniziativa dei consiglieri di centrosinistra non sia da inquadrarsi come «una battaglia nei confronti della maggioranza di centrodestra», ma ha espresso la sua contrarietà a considerare il Piano «solo come un correttivo agli sprechi». Inoltre, ha affermato che «sarebbe un peccato smantellare una struttura così che pure è dotata di strumenti all’avanguardia che non vengono utilizzati in virtù dell’accorpamento di alcuni reparti». La necessità di «integrare il Piano di rientro con le esigenze sanitarie delle popolazioni interessate» è stata messa in evidenza da Sulla, che ha inoltre aggiunto che la riforma sanitaria «non deve incentrarsi solo sui tagli ma puntare ad una riorganizzazione che punti all’efficienza. Il Pianocosìcom’écompromettela programmazione futura e gli investimentisullestruttureperiferiche. L’ospedale di Vibo, infatti, non può essere l’unica struttura a dare risposte in termini di servizi sanitari ad un territorio così complesso ed eterogeneo». Prima di partire alla volta di Soveria Mannelli, i consiglieri regionali di opposizione hanno ricordato di aver già presentato due mozioni in difesa degli ospedali montani in cui si chiede che gli stessi rimangano in vita mantenendo tutte le funzioni di ospedali generali.

Furto aggravato e continuato di energia elettrica, arrestato un autista 51enne MILETO - Furto aggravato e continuato di energia elettrica, con questa accusa gli uomini della Stazione Carabinieri di Mileto hanno arrestato Francesco Cirianni, autista 51enne residente nella cittadina normanna e noto alle forze dell’ordine. L’uomo, per attingere gratuitamente corrente elettrica, aveva inventato un ingegnoso stratagemma. Infatti, approfittando di un quadro elettrico appoggiato sul muro esterno della propria abitazione, aveva fatto un buco nella parete per estrarne i fili e, mediante una serie di allacci, era riuscito ad appropriarsi della corrente elettrica ed a rifornirne l’attiguo appartamento delle propria figlia. Un sistema geniale che però non è sfuggito agli uomini della Benemerita della Compagnia di Vibo Valentia che, insieme ai tecnici della società elettrica, hanno accertato l’allaccio abusivo traendo subito in arresto l’uomo che, dopo gli atti di rito, è stato posto ai domiciliari in attesa delle decisioni dell’autorità giudiziaria. Nel frattempo si è anche provveduto a ripristinare il corretto funzionamento della cabina elettrica eliminando l’allaccio illegale. I servizi degli uomini dell’Arma continuano quindi a ritmo serrato ed i risultati nella lotta alle grandi e piccole forme di illegalità continuano a moltiplicarsi

L’Asp ripropone la campagna mani pulite per evitare le infezioni ospedaliere VIBO VALENTIA - Il Commissario Straordinario, dott.ssa Alessandra Sarlo, di concerto con il Direttore della Comunicazione, dott. Sandro Cortese, ha disposto la diffusione, mediante l’ufficio Comunicazione-Urp, di un pubblico manifesto da far affiggere in ogni infermeria ospedaliera e delle strutture sanitarie presenti sul territorio dell’Asp, allo scopo di invitare gli operatori del settore sanitario a fare osservare i 5 momenti essenziali per l’igiene delle mani. Il testo, inserito nella campagna nazionale sotto il motto di "Clean care is safer care", Cure pulite sono cure più sicure, è del Ministero della Salute che con la collaborazione delle Regioni, sin dal 2006 ha lanciato, a livello nazionale, questo tipo di campagna con l’obiettivo di diffondere le linee guida dell’Oms sull’igiene delle mani nell’assistenza sanitaria e di promuovere l’adesione alle misure raccomandate.La riproduzione del manifesto del Ministero della Salute e del Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie intende richiamare l’attenzione degli utenti sull’importanza della pulizia delle mani per la prevenzione delle Infezioni Ospedaliere.

Tentò rapina fingendosi emissario di una cosca, arrestato un giovane VIBO VALENTIA - Una ordinanza di custodia cautelare è stata notificata in carcere dagli agenti della squadra mobile di Vibo Valentia e del commissariato di Monza a Nazzareno Lo Schiavo, 21 anni, di Stefanaconi, accusato di tentata estorsione aggravata dalla modalità mafiosa. A Lo Schiavo, che è detenuto nel carcere di Monza per una serie di rapine, è stata notificata una ordinanza emessa dal gip di Catanzaro, Livio Sabatino, che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore della Dda, Giampaolo Boninsegna. Nel febbraio scorso il giovane si presentò da un iimprenditore di Vibo Valentia chiedendogli il pagamento di una quota del 3% sui lavori, per un importo di 150 mila euro, che l’impresa edile stava effettuando nel vibonese. Per farsi consegnare il denaro aveva falsamente riferito di essere stato mandato da alcuni esponenti delle cosche locali. L’imprenditore decise di denunciare l’episodio agli agenti della squadra mobile. Nelle settimane scorso Lo Schiavo si era reso allontanato dalla Calabria ed è stato arrestato dai carabinieri a Bergamo per una serie di rapine compiute in Lombardia. Dopo l’arresto il giovane è stato portato nel carcere di Monza dove si trova attualmente detenuto.

Anselmo Virgo


16

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

CRONACHE

Sequestrata area di 15.000 mq adibita a discarica industriale di Carmela Mirarchi GIZZERIA - Mercoledì due radiomobili della Capitaneria di Porto di Vibo Valentia Marina, congiuntamente a militari della Delegazione di Spiaggia di Gizzeria Lido, hanno proceduto a sottoporre a sequestro cinque aree ricadenti nella zona industriale ex Sir di Lamezia Terme, per discarica non autorizzata di rifiuti speciali induper Il sequestro è striali, accumulidi fanghi di avvenuto depuranella zione senza la prevista zona autorizzaex Sir di zione e interramento Lamezia dicumulidi lana di vetTerme ro senza rispettare i criteri tecnico progettuali, che ar-

recano rischio per le matrici ambientali interessate (suolo - sottosuolo e falde acquifere). Le cinque aree sequestrate d’iniziativa dalla Polizia Giudiziaria operante composta da sei militari del Servizio Operativo della Guardia Costiera di Vibo Valentia Marina e due della Guardia Costiera di Gizzeria Lido, ammontano ad una superficie di circa 15.000 mq., tutte recintate con nastro bicolore e cartelli monitori recanti la dicitura "Area sottoposta a sequestro probatorio", date in custodia al Consorzio per lo Sviluppo Industriale per la Provincia di Catanzaro. Le indagini sono scattate nella seconda metà di agosto. A seguito di ciò, gli uomini della Guardia Costiera congiuntamente a tecnici dell’Arpacal del Servizio Tematico Suolo, Rifiuti e Radiometrico di Catanzaro, e personale dei Vigili del Fuoco di Catanzaro, hanno proceduto a ispezionare tutti i luoghi conappositisondaggifinalizzatial prelievo di aliquote di terreno

dell’area ex Sir.. Dalla relazione tecnica dell’Arpacal, sono emerse: «Delle carenze costruttive rilevate sia negli atti progettuali che sulle opere realizzate, sulle aree dove sono state interrati rifiuti speciali industriali quali la lana di vetro, accumili di rifiuti di vario genere tra cui fibre di cemento (eternit), uno stoccaggio abusivo di fanghi derivanti dalla depurazione senza la prevista autorizzazione, un vasto accumulo con la realizzazione di collinette di lana di vetro». Le aree sono state poste sotto sequestro al fine di evitare eventuali modifiche dello stato dei luoghi e al fine di poter pianificare ulteriori indagini esplorative ed analitiche.Sei le persone deferite all’Autorità Giudiziaria, tutti legali rappresentanti delle ditte Società che si sono rese responsabili dei reati contestati. Gli atti del procedimento penale sono seguiti dal Pm Maffia della Procura della Repubblica di Lamezia, che coordina le investigazioni in corso.

L’anziano al centro della seconda giornata del III corso di formazione in oncologia di di Mario Mirabello

CATANZARO - L’anziano al centro del dibattito della seconda giornata, delle quattro programmate, del "III Corso di Formazione in Oncologia", voluto dal dr. Stefano Molica, direttore di Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliera "Pugliese - Ciaccio" di Catanzaro, nonché coordinatore scientifico del predetto corso, svoltosi nei saloni del Guglielmo Hotel di Catanzaro. Dicevamo dell’anziano con patologia neoplastica: tutto un excursus, dallo studio del microambiente alla terapia di supporto. L’angiogenesi nei pazienti con mieloma multiplo, la gestione della chemioterapia antiblastica, il trattamento con linfoma, i trattamenti con tumore del colon-retto e con leucemia acuta, la terapia anti-ermetica, i fattori di crescita granulocitari e eritropoietici, le tossicità neurologiche e quelle dermatologiche: questi i temi trattati dai vari relatori. Un terzo dei malati oncologici ha oggi più di sessantacinque anni. Come adattare le terapie all’età e alla risposta del paziente? In che modo i fattori emotivi e le condizioni socioeconomiche influenzano il risultato dei trattamenti? A queste domande hanno risposto i relatori che hanno focalizzato le loro relazioni sulla necessità di integrare le discipline della medicina interna e dell’oncologia, al fine di migliorare le possibilità di convivenza del paziente anziano con il cancro e talvolta con le malattie correlate. La seconda giornata del lavori ha vistoanche due letture educazionali a cura dei dottori Domenico Ribatti e Pasquale Iacopino.


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani 17

CRONACHE

Rinascita, ai domiciliari i due fratelli Bianco di Rosanna Angotti CATANZARO - Hanno lasciato il carcere per andare agli arresti domiciliari i fratelli catanzaresi Luca Bianco e Vitaliano Bianco, coinvolti nell’operazione antidroga battezzata "Rinascita". Per loro sono arrivati già ieri ipomeriggio i provvedimenti del tribunale del riesame di Catanzaro, chiamato a decidere sui primi nove ricorsi presentati. I giudici hanno accolto la richiesta dell’avvocato Antonio Ludovico, sostituendo per i due Bianco la custodia in carcere con la misura meno affittiva dei domiciliari. Sono attese per domani le decisioni nei confronti di Rosa Sacco, Gianluca Berlingieri, Marcello Berlingieri, Fiore Bevilacqua, Alessandro Bevilacqua, Cosimo Bevilacqua, Marisa Passalacqua, tutti finiti in custodia in carcere, tranne Marisa Passalacqua che si trova ai domiciliari. Si conoscerà oggi il responso del tribunale del riesame di Catanzaro nei confronti dei primi nove indagati

coinvolti nell’operazione antidroga battezzata "Rinascita" che hanno proposto ricorso contro i provvedimenti cautelari cui sono stati sottoposti. Davanti ai giudici, ieri, si sono tenute le discussioni dei difensori (tra questi figurano gli avvocati Antonio Ludovico, Maria Aiello e Anselmo Mancuso) che hanno chiesto l’annullamento o la revoca dellemisure disposte a carico dei propri assistiti, e cioè Luca

Incontro al Comune su "La responsabilità sociale di impresa"

Bianco, Vitaliano Bianco, Rosa Sacco, Gianluca Berlingieri, Marcello Berlingieri, Fiore Bevilacqua, Alessandro Bevilacqua, Cosimo Bevilacqua, Marisa Passalacqua, tutti finiti in custodia in carcere, tranne Marisa Passalacqua che si trova ai domiciliari. L’operazione "Rinascita" è scattata nel capoluogocalabreseall’albadelnove novembre, per l’esecuzione di 73 provvedimenti cautelari disposti su richiesta della Direzione distrettualeantimafiadiCatanzaro.Associazione armata finalizzata al traffico di droga l’accusa principale mossa ai numerosi indagati dell’inchiesta, considerati dagli inquirenti membri di due gruppi criminali nomadi contrapposti: quello facente capo a Domenico Berlingieri, 50 anni, e quello guidato da Silvano Berlingieri, 39 anni, detto "Pacciani". Gli zingari avrebbero avuto la totale gestione del mercato della droga in tutti i quartieri a sud della città di Catanzaro.

CATANZARO - La responsabilità sociale di impresa nel quadro delle linee guida Ocse: implicazioni per il territorio e per le politiche di sviluppo locale. Sarà questo il tema del seminario di formazione informazione rivolto agli operatori del comune di Catanzaro che si terrà martedì prossimo, 30 novembre alle ore 10, nella sala concerti di palazzo de Nobili. Obiettivo del seminario è quello di illustrare i principi delle linee guida Ocse verificandone l’efficacia nel contesto della realtà produttiva regionale, con particolare riferimento alle piccole e medie imprese. Si intende proporre, cioè, i criteri sulla responsabilità sociale come rilevanti nei rapporti tra la Pubblica amministrazione locale e le imprese in relazione alla tutela dell’ambiente, alla regolarità del lavoro, alla lotta all’evasione fiscale ed al contrasto

all’economia illegale, alle Pari opportunità. Il seminario è propedeutico all’avvio di una discussione più ampia con i principali stakeholders ed a prefigurare possibili ipotesi di collaborazione sul tema della lotta contro il lavoro nero tra il Ministero dello sviluppo economico e la regione Calabria anche attraverso specifiche intese. La tavola rotonda su "La responsabilità sociale d’impresa, il ruolo della Pubblica amministrazione e delle forze sociali nella lotta contro il lavoro nero" sarà introdotta da Carlo Borgomeo.


18

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

CRONACHE Presentata la riorganizzazione della rete scolastica provinciale di Carmela Mirarchi CATANZARO - Si è tenuta nella sala del Consiglio Provinciale di Catanzaro la conferenza conclusiva nel corso della quale è stata presentata la riorganizzazione della rete scolastica e la programmazione dell’offerta formativa che produrranno effetti a partire dall’anno scolastico 2011/2012. «All’invito del Presidente Wanda Ferro - si legge in un comunicato È stato hanno rispodefinito stonumerosii , i prevedendo Sindaci Presidenti l’unificazione delle Comunitàmontane, di Istituti i Dirigenti scolastici deldella stessa le scuole e le Associazionitipologia Sindacali. Al tavolo della presidenza erano presenti l’Assessore provinciale alla P.I. Giacomo Matacera, il Direttore Generale dell’Usr Francesco Mercurio, la rappresentante dell’Assessorato regionale alla Cultura e Pubblica Istruzione Sonia Tallarico, il coordinatore dell’Ufficio Scolastico Provinciale Gregorio Mercurio, la Dirigente provinciale del settore pubblica istruzione Anna Perani. La definizione dei documenti programmatici arriva all’indomani di una lunga seria di consultazioni su tutto il territorio provinciale, intervallate da quattro tavoli Upi (Unione Province Italiane) presieduti dall’Assessore Mario Cali-

giuri, nei quali si è inteso monitorare e coordinare l’omogenea applicazione dei criteri e dei parametri stabiliti dalle linee guida regionali su tutte le cinque Province. Il Piano, - si legge ancora - affronta finalmente il dimensionamento in tutte le sue componenti e precisamente: riorganizzazione delle Istituzioni scolastiche del I ciclo, dei plessi scolastici, delle Istituzioni scolastiche del II ciclo e programmazione dell’offerta formativa. In merito al primo punto, - si fa rilevare - il principale obiettivo è stato definire assetti organizzativi autonomi stabili nel tempo, incentivando in particolar modo nelle zone interne la creazione di Istituti Comprensivi fortemente normo dimensionati, in grado di garantire continuità educativa, dalla scuola dell’infanzia fino alla scuola secondaria di I grado, un uso efficace e razionale delle strutture e delle attrezzature presenti sul territorio, maggiori opportunità sotto il profilo didattico e relazionale. Con riferimento

ai plessi scolastici al di sotto dei parametri è emersa la necessità di sospenderne l’applicazione visti gli esiti dei tavoli Upi hanno evidenziato posizioni non uniformi delle Province in merito, quindi il rischio concreto di una non omogenea applicazione dei parametri a livello regionale, fortemente penalizzante per le Province più virtuose. In riferimento alle istituzioni scolastiche del II ciclo e alla programmazione dell’offerta formativa , il dimensionamento è stato definito prevedendo l’unificazione di Istituti prioritariamente della medesima tipologia. Ciò al fine di rendere più omogenea l’offerta di indirizzi per ciascun Istituto. Il mantenimento e la valorizzazione degli Istituti di Istruzione Superiore è stato previsto prevalentemente nelle aree interne soggette a spopolamento, nelle quali diventa necessario limitare fenomeni di pendolarismo e garantireun’offertaformativaaltamente diversificata. Si è proceduto, inoltre, alla soppressione di indirizzi affini o identici nel medesimo ambito territoriale. Il Direttore dell’Usr Francesco Mercurio ha inteso rammentare con fermezza a tutti i presenti che il piano di dimensionamentodevecomunque esserecompatibileconledotazioni organiche assegnate dal Miur alla Regione Calabria. Pertanto - si legge - la partita non può considerarsi assolutamente chiusa. Non è da escludersi infatti che le amministrazioni provinciali vengano nuovamente chiamate ad intervenire sui singoli plessi».

«L’approdo dei nuovi mezzi a metano, un primo importante traguardo» CATANZARO - «Abbiamo felicemente appreso che il trasporto pubblico catanzarese a breve sarà arricchito di 14 nuovi autobus a metano» si legge in una nota del coordinamento provicniale di Fare verde. «Grazie alla sensibilità dell’Amministrazione Comunale, dell’ Assessore Roberto Talarico, del Direttore Generale dell’Amc, Antonio Izzo sarà svecchiato un parco mezzi che necessitava di nuovi innesti per poter soddisfare le esigenze dei cittadini - continua la nota -. .L’approdo dei nuovi mezzi a metano, già da tempo presenti in molte città italiane, non possono che non ricevere un plauso e i complimenti da parte della nostra Associazione di protezione ambientale. Tale iniziativa è fondamentale e importante per la tutela dell’ambiente in cui viviamo, considerato che l’emissioni inquinanti con questi mezzi, rispetto ai bus tradizionali, sono notevolmente più basse. I nuovi autobus speriamo siano un primo importante traguardo per Catanzaro in ambito di tecnologia e salvaguardia ambientale. Abbiamo inoltre appreso che ciò porterà anche

all’apertura dell’ autostazione a metano che consentirà a tutti di poter acquistare il carburante ecologico, senza dover raggiungere altre città della regione, come attualmente accade, e al tempo stesso, diventare un punto di riferimento per chi deve acquistare il carburante dalle varie località della provincia. Senza contare che grazie a questa nuova postazione per la distribuzione del carburante a metano sarà incentivato l’acquisto di auto ecologiche e questo porterà anche un beneficio per l’economia locale e, altresì, a un risparmio per le tasche dei Catanzaresi. Un’iniziativa - cocnlude - che ha diversi risvolti positivi e porta la città di Catanzaro al pari con le maggiori città italiane, dove già da tempo circolano gli autobus a metano volti a garantire la tutela dell’ambiente e la lotta all’inquinamento, permettendo, inoltre, di scalare ulteriormente le annuali classifiche di Ecosistema urbano che, proprio in tema di mobilità sostenibile, collocavano Catanzaro tra le città meno attrezzate in Italia».

Giornata contro la violenza sulle donne Lucchetti: allarmanti le risposte dei giovani CATANZARO - Capire attraverso i più giovani la reale percezione del problema della violenza sulle donne. Questo lo scopo dell’incontro che si è tenuto ieri mattina presso l’auditorium Casalinuovo. All’iniziativa hanno preso parte molte scuole superiori del capoluogo che hanno riflettuto sul tema in occasione della Giornata mondiale contro la violenza alle donne. L’ evento è stato fortemente voluto dall’assessorato alle Pari opportunità dell’amministrazione comunale di concerto con la Questura di Catanzaro. Dopo i saluti del sindaco Rosario Olivo, del Rettore dell’Università Magna Grecia, Francesco Saverio Costanzo, e del direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale, Francesco Mercurio, sono intervenuti: il questore Vincenzo Roca; il responsabile del modulo di psichiatria transculturale e di comunità del Dipartimento di salute mentale presso l’Asp di Catanzaro, Salvatore Inglese; l’avvocato Rosalba Sciarrone; il presidente della Fondazione Città Solidale, don Piero Puglisi; la ricercatrice di Sociologia presso la facoltà di Economia dell’Università della Calabria, Giovanna Vingelli. Agli interventi dei relatori hanno fatto da corredo le immagini a cura di Rai Tre ed alcuni testi interpretati per l’occasione dall’attrice Lucia Cristofaro.«La violenza rappresenta un problema orizzontale diffuso in tutte le classi sociali e che conduce ad una visione delle donna assolutamente non paritetica» ha detto il Questore Roca durante il suo intervento. «Dobbiamo aiutare i giovani - ha continuato - a cogliere i segnali di eventuali pericoli che possono derivare dall’eccesso di gelosia o passione e dire loro che non bisogna subire la violenza ma denunciarla, uscendo dallo stato di isolamento». L’assessore Tommasina Lucchetti ha poi commentato i risultati emersi da un apposito questionario informativo diffuso per l’occasione nelle scuole: «Abbiamo preso coscienza di un fenomeno le cui dimensioni ancora ci sfuggono - ha concluso -. Dalle risposte dei giovani emerge che a causare episodi di violenza sono soprattutto le donne con i loro atteggiamenti e con le provocazioni spesso usate come strumento di difesa. E’ una risposta assolutamente allarmante che ci costringe a prendere una posizione nell’immediato, pensando ad un possibile programma di interventi a partire proprio dalla scuola».

Assolto catanzarese 33enne accusato di aver minacciato un maresciallo CATANZARO - Salvatore Bagnato, catanzarese 33enne, noto alle forze dell’ordine, è stato assolto ieri dall’accusa di aver minacciato un maresciallo dei carabinieri. Il giudice Giovanna Mastroianni, accogliendo le tesi dei difensori Simona Longo e Antonio Ludovico, ha derubricato la contestazione a carico dell’imputato da minaccia a pubblico ufficiale a minaccia semplice, ed a quel punto lo ha assolto registrando la mancanza della querela necessaria a procedere per quella fattispecie di reato. I fatti contestati risalgono al 6 giugno del 2007, quando Bagnato, sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, si recò in caserma per la firma. Qui, secondo le accuse mossegli, l’uomo avrebbe iniziato una lite con un maresciallo, minacciandolo.


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani 19

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

“Briganti e migranti” con Bennato Martedì 30 presso l’auditorium G. Casalinuovo di Catanzaro, appuntamento con il Festival d’Autunno CATANZARO - La musica popolare del Sud è diventata nel corso degli anni un appuntamentofissodelFestivald’Autunno, manifestazione diretta da Antonietta Santacroce. Martedì 30 novembre, alle ore 21,00, presso l’auditorium "G. Casalinuovo" di Catanzaro, Eugenio Bennato sarà protagonista di "Briganti e migranti", un progetto realizzato da Nunzio Areni con la direzione artistica dello stesso musicista napoletano. Fondatore sul finire degli anni Sessanta della Nuova Compagnia di Canto Popolare e, nel 1976 con Carlo D’Angiò, dei Musicanova, il percorso artistico di Eugenio Bennato è stato segnato dal suo interesse per la musica popolare del Sud, dapprima con il ripescaggio di brani tradizionale ed in seguito con la proposta di un repertorio originale. Il suo interesse per il brigantaggio è iniziato nel 1980 con una canzone divenuta un inno. "Brigante se more", che recentemente ha dato origine all’omonimo libro da lui scritto e pubblicato da Coniglio Editore, ha scatenato una forte presa di coscienza sull’argomento del brigantaggio cui Bennato aveva dedicato l’intero album, inciso con i Musicanova. La passione per la musica popolare ed il brigantaggio sfociano nel progetto "Briganti emigranti" che, oltre alla presenza di Bennato, si avvale dell’Orchestra

Popolare del Sud formata da 22 elementi, nella quale confluiscono ben dieci gruppi di musica popolare che rappresentano al meglio i colori e i ritmi della Campania. Nel concerto Bennato eseguirà brani

tradizionali e composizioni originali in un mix di melodie e ritmi del Sud, che sottolineano quanto sia diventato contemporaneo questo genere che, pur lontano dai circuiti commerciali, si sta imponendo ad un pubblico sempre più vas-

to. «Eugenio Bennato - commenta Antonietta Santacroce - ha una grande importanza nella diffusione della musica popolare del Sud Italia e grazie a lui nomi come Carmine Crocco e Ninco Nanco, personaggi esistiti in quel periodo, sono diventati comuni a tutti. Nel concerto Bennato accosterà la musica e la storia popolare del Sud avvicinando il pubblico alle proprie radici musicali e culturali». I biglietti del concerto di Eugenio Bennato potranno essere acquistati presso la sede del Festival sita in Via Spasari, 15 (tra la Provincia e la galleria Mancuso) oppure con l’acquisto on line, attraverso carta di credito e Postepay, e con le stesse modalità sul sito www.festivaldautunno.com. La segreteria resterà aperta dalle ore 10,00 alle 12,30 e dalle ore 16,30 alle 20,00 di tutti i giorni escluso la domenica. Per ottenere maggiori informazioni è attivo il numero telefonico 389.0931362 e la mail info@festivaldautunno.com.

Maria Benedetti

Mostra ornitologica a Castrovillari

Squillace, festa nella Cattedrale

CASTROVILLARI - Dopo il nuovo successo di pubblico dell’anno scorso, per la settima mostra ornitologica, l’omonima associazione del Pollino, sotto l’egida della Federazione Ornicoltori Italiani ed il patrocinio del Comune, è pronta per dare l’avvio alla ottava edizione che si terrà nel Protoconvento francescano a partire da domani e fino al 28 novembre con la presenza di oltre mille volatili di varietà e razze diverse. Lo hanno reso noto il sindaco, Franco Blaiotta, e l’assessore alla pubblica istruzione, Anna De Gaio, che inaugureranno la mostra, aprendola ufficialmente al pubblico ed alle scolaresche.

CATANZARO - La Cattedrale di Squillace si prepara ad una grande festa per ricordare l’evento legato al restauro della Corona della B.V. Immacolata la cui statua è venerata nella cattedrale di Squillace. A realizzare la nuova opera, è stato chiamato il maestro orafo Michele Affidato, il quale nell’avviare il progetto di restauro ha inteso profondere tutta l’esperienza derivante dalla realizzazione di numerose opere d’arte sacra realizzate nel corso di una intensa attività artistica che nel corso degli ultimi anni lo ha portato più volte a presentare le proprie opere in Vaticano alla presenza di Giovanni Paolo II prima e di Sua Santità BenedettoXVI.


20

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

Lunedì 29 presentazione del programma di concerti organizzato dalla nuova associazione cosentina

“Incontri nel Multiverso”, progetto della Tecne al teatro Morelli COSENZA - Lunedì 29 novembre 2010, alle 11.00, presso la sala stampa del Teatro Morelli, si terrà la conferenza stampa di presentazione del programma di concerti organizzato per il teatro cittadino dalla neo-associazione Tecne. Tecne Onlus è un’associazione culturale per la ricerca, la promozione e la diffusione dei nuovi linguaggi dell’arte in campo visivo, musicale, sonoro e audiovisivo, che ha come obiettivo quello di strappare dallo stato di mera contemplazione i luoghi di cultura della città. L’associazione è costituita da giovani musicisti e artisti cosentini, che si propongono di dare concreta espressione alle possibilità già insite nella città. Punto di partenza, la convinzione che il rapporto tra cittadini e spazi culturali del territorio sia legato profondamente al loro uso, ossia al modo in cui la città stessa li carica di significati e di valori. Il teatro al servizio di un pubblico vecchio e nuovo, curioso e attento agli sviluppi del panorama artistico locale, in tutte le sue sperimentazioni. I cinque appuntamenti organizzati da Tecne si inseri-

scono nel più ampio progetto denominato dall’associazione "Incontri nel Multiverso": l’incontro fra diverse forme di espressione artisticacontemporanea,universi paralleli che si compenetrano e si intrecciano vicendevolmente. La rassegna ha come obiettivo riuscire a rappresentare gli aspetti salienti della realtà artistica contemporanea tramite l’individuazione di temi e caratteri comuni. Il programma pone l’accento su due temi che attualmente appaiono essere di grande rilevanza: il rapporto locale/globale e l’interazionefracanalicomunicativi e sensoriali differenti (suono-musica/immagine, parola/suono/immagine). Durante la conferenza interverrà inoltre la cantante newyorkese Amy Coleman, prima star internazionale a calcare il palco del Morelli per il concerto di apertura della stagione, in programma il 7 dicembre. Rassegna degli eventi: · Soul vs Blues: Amy Coleman and Texaco Jive with Soul Pains - 07 Dicembre 2010 · Concerto di Musica Elettroacustica -18 Febbraio 2011 · Red Basica Chamber plays

Durante la conferenza interverrà la cantante newyorkese Amy Coleman, prima star internazionale a calcare il palco del Morelli per il concerto di apertura della stagione

Dario Argento -8 Aprile 2011 · Free Radicals in ErotiKollage - 11 Maggio 2011 · Ho solo la faccia di un uomo (soliloquio per attore solo, fisarmonica e percussioni), da Piero Ciampi - 20 Maggio 2011. Note su Amy Coleman. Amy Coleman and Texaco Jive - 7 Dicembre 2010. Il primo spettacolo della rassegna rappresenta l’esempio dell’incontro tra località e globalità nella relatà contemporanea. Lo spettacolo, infatti, prevede il concerto di Amy Coleman, cantante-attrice statunitense, accompagnata da una band composta da giovani musicisti calabresi. Amy Coleman, originaria di Manhattan, ha svolto una lunga gavetta nei club blues sia a New York sia a Chicago. La sua voce potente si è affermata in occasione delle collaborazioni che hanno visto la vocalist interprete del musical "Face to the wall" con musiche di Lennon e Mc-Cartney. Il progetto ha portato la cantante a vincere il premio di migliore vocalist dell’anno indetto dalla rivista "Backstage Magazine". Il successo e la popolarit�� arrivano grazie

Proseguono le iniziative legate alla festa per i 500 anni di storia di San Basile, centro del Cosentino COSENZA - San Basile, piccolo centro del Cosentino posto alle falde del monte Pollino, continua a celebrare i suoi 500 anni di gloriosa storia anche grazie all’impegno della sua attivissima popolazione, sempre propositiva anche rispetto all’organizzazione di importanti eventi di approfondimento delle proprie tradizioni culturali e religiose. Nella suggestiva cornice della sala convegni del monastero di Santa Maria Odigitria, affollata in ogni ordine di posti, si è tenuto il convegno "Chiesa e Gjitonia nella realtà arbëreshe", organizzato dalla locale parrocchia di San Giovanni

Battista e dall’associazione sportiva San Basile. La conferenza si è aperta con i saluti dei due organizzatori, Antonio Tango e Papa’s Basilio Blaiotta, che hanno introdotto i successivi lavori parlando della duplicità che vede combinate la chiesa e lo spazio aperto dei cortili come un unico elemento di ritrovo in cui si snodano da sempre i rapporti sociali delle comunità arbëreshe. Illuminante e ampiamente descrittivo l’intervento del prof. Attilio Vaccaro che ha riportato un dettagliato excursus storico della storia della Chiesa.

all’interpretazione del ruolo di Maria Maddalena nel musical "Jesus Christ Superstar", sia nelle repliche a Broadway e in seguito nella tournée in Europa. In quegli anni lavora anche con Richie Havens e Buster Poindexter, un’esperienza che si rivelerà importante per la costruzione di un suo repertorio maturo che sfocerà nell’incisione del suo primo disco. L’incontro della Coleman con altre musiciste porta alla realizzazione dei cd "Soul Kiss" e "Flam on", sostenuto da un lungo tournellaEastCoaststatunitense. Queste incisioni mostrano la duttilità della sua voce in grado di intrecciare soul, pop e blues con grande naturalezza. L’ultimo album, "Goodbye New York" è uscito per il momento solo in America. La collaborazione con i musicisti calabresi nasce negli anni ’80, in seguito a una tournée della Coleman in Europa con il suo

«L’associazione è costituita da giovani musicisti e artisti cosentini, che si propongono di dare espressione alle potenzialità della città» gruppo di teatro d’avanguardia. Dopo il grande successo ottenuto in Germania si sposta in Italia e arriva al sud, a Cosenza in particolare, dove conosce la moglie di Enzo Filippelli, pianista e compositore calabrese, con la quale stabilisce una profonda e sincera amicizia che porterà Amy a tornare spesso in Calabria per suonare. É tramite Enzo Filippelli, infatti, che la Coleman conosce Eugenio Guido, alias JJ, bassista fondatore dei Texaco Jive. Con Enzo Filippelli la cantante incide l’album "Only sleep brings dream". Dal 2001 inizia la collaborazione con Eugenio Guido e i Texaco Jive.


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani 21

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

L’evento scientifico è stato promosso dalla cattedra di Medicina legale dell’Università Magna Graecia

“Criminalistics and patology” Concluso il simposio a Catanzaro CATANZARO - Accrescere le conoscenze nelle discipline forensi e nella patologia in casi relativi ad ambienti acquatici marini, d’acque dolci, delimitati e aperti: questo l’obiettivo del simposio internazionale "H2O Criminalistics and pathology symposium" promosso dalla Cattedra di Medicina Legale dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, diretta dal prof. Pietrantonio Ricci, e organizzato dal professor Giulio Di Mizio, che, attraverso tavole rotonde di discussione, ha permesso il confronto tra specialisti di diversi settori al fine dell’integrazione delle conoscenze e delle esperienze nei diversi campi della patologia forense. Tale evento scientifico ha accolto all’interno del Campus universitario di Catanzaro, nelle nuove Auledell’EdificiodelleBioscienze (Corpo G) inaugurate proprio per l’occasione al fine di garantire l’allestimento dei percorsi formativi in programma durante la quattro giorni di studio, scienziati forensi esperti di "underwater", quali patologi, biologi, biologi marini, veterinari, biologi

molecolari, chimici, fisici, entomologi, archeologi, antropologi, specialistisubacqueiedespertiinformatici provenienti oltre che dal nostro Paese, dall’Australia, dal Canada, dagli USA, dalla Gran Bretagna, dalla Francia, dalla Germania, dalla Macedonia, dall’Olanda, dalla Spagna, dalla Macedonia e dalla Svizzera. Numerosi sono stati anche i corsisti europei e extraeuropei. Grande il successo riscosso dal simposio, al quale è stato ampiamente riconosciuto l’importante ruolo e snodo culturale svolto nell’ambito della sicurezza e dei temi della legalità. A dimostrazione poi della collaborazione proficua e costante ormai stabilita tra l’ateneo e le autorità di riferimento del territorio locale e nazionale sono intervenuti durante i lavori del simposio: il dott. Vincenzo Antonio Lombardo Procuratore della Repubblica di Catanzaro, il dott. Giuseppe Borrelli Procuratore dellaRepubblicaAggiunto,ildott. Nicola Gratteri Procuratore della Repubblica Aggiunto D.D.A. di

Sono intervenuti, fra gli altri: Vincenzo Antonio Lombardo, procuratore della Repubblica di Catanzaro; Giuseppe Borrelli, procuratore della Repubblica aggiunto; Nicola Gratteri

Reggio Calabria, il dott. Vincenzo Roca Questore di Catanzaro, il col. Salvatore Sgroi comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri, il dott. Gerardo Mancuso Commissario Straordinario dell’Asp di Catanzaro, il dott. GiuseppeIannellopresidentedell’Ordine degli Avvocati di Catanzaro, Sono intervenuti al simposio in veste di relatori specialisti dell’Fbi Underwater Search and Evidence Response Team di Quantico (VA, USA), portando la propria esperienza e i casi da loro studiati, nello spirito di internazionalizzazione che innerva ogni iniziativa formativa e di ricerca dell’Università del capoluogo calabrese. I motivi del grande successo dell’evento sono da ricondurre alla particolarità dell’argomento, di alta specializzazione e fino ad ora mai trattato in maniera così organica e integrata. Tutto ciò ha spinto professionisti e studenti di vari Paesi ad iscriversi come partecipanti e ad indurre l’Accademia Americana di Scienze Forensi (Aafs) ad inserire lo stesso corso come evento raccomandato dalla stessa Istituzione che raccoglie

Consegna del “Premio Anassilaos 2010 per l’Imprenditoria” a Pina Amarelli, oggi a Reggio REGGIO CALABRIA - Si terrà oggi alle ore 17,30 presso l’ aula "Italo Falcomatà" dell’Università per Stranieri Dante Alighieri l’incontro con l’imprenditrice Pina Amarelli, alla quale sarà consegnato il Premio Anassilaos 2010 per l’Imprenditoria. Cavaliere del Lavoro per decreto del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, prima donna insignita di questa onorificenza in Calabria nel giugno 2006, per aver portato l’industria alimentare familiare al ruolo di leader mondiale nel settore della liquirizia. Cavaliere ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubbli-

ca Italiana, onorificenza conferitale dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi quale docente di Diritto all’Università di Napoli e vincitrice dell’edizione 2001 del Premio "Impresa - Cultura". Nell’azienda di famiglia, la "Amarelli" di Rossano (Cs) che fabbrica liquirizia sin dal 1731, svolge funzioni di strategia della comunicazione e di responsabile delle relazioni istituzionali sin dal 1975 a tutt’oggi. In questo ruolo Pina Amarelli, insieme agli altri membri della famiglia, ha voluto fortemente la realizzazione del Museo della liquirizia "Giorgio Amarelli" inaugurato nel luglio 2001.

tutti gli scienziati forensi statunitensi. Gli argomenti trattati in sede di simposio hanno spaziato dagli studi oceanografici per la localizzazione dei corpi in acqua e della loro provenienza, alle tecniche di recupero in situazioni di acque aperte o delimitate, all’accertamento delle cause e all’identificazione personale. È stato inoltre discusso l’apporto che discipline come entomologia, zoologia e botanica possono fornire all’analisi dei casi. Sessioni specifiche del simposio sono state dedicate all’analisi dell’equipaggiamento speciale utile in queste circostanze, alla discussione dei protocolli adottati da diverse forze di polizia italiane ed estere e al confronto delle esperienze relative ai disastri di massa in ambiente acquatico (affondamento di navi, tsunami e frane dovute a grandi piogge).

«Al simposio è stato riconosciuto l’importante ruolo e snodo culturale svolto nell’ambito della sicurezza e dei temi della legalità» Al termine dei lavori il prof. Pietrantonio Ricci, in rappresentanza del Comitato Scientifico e su sollecitazione degli oltre duecento partecipanti, ha annunciato che il simposio si terrà con cadenza biennale e che sarà creata una rete internazionale di ricerca denominata "underwater forensic sciences" per promuovere la ricerca scientifica nel campo e per incoraggiare giovani ricercatori.

r. a.


22

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

APPUNTAMENTI Nasce il Club Giovani Soci Bcc Mediocrati Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CATANZARO Luiss e Confindustria Catanzaro a caccia di talenti Reclutare i migliori talenti su tutto il territorio nazionale, valorizzando l’eccellenza di un modello che, per la qualità della didattica e dell’ambientestudentescoeilfortecollegamento con il mondo del lavoro, forma, con cultura d’impresa e vocazione internazionale, la “classe dirigente” per il Paese. Questi sono gli obiettivi che la Luiss - Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma – illustrerà oggi , agli studenti dell’ultimo anno delle scuolemediesuperioridiCatanzaro. L’appuntamento è alle ore 11.30, presso l’Istituto Fra’ Pacioli, via Sebenico n.39, Catanzaro Lido. Le opportunità di studio e gli sbocchi professionali saranno al centro dell’incontro, organizzato dalla Luiss in collaborazione con Confindustria Catanzaro. Apriranno i lavori Andrea Abramo, presidente Giovani imprenditori, Catanzaro e Domenico Totino, delegato scuola Giovani Imprenditori, Confindustria Catanzaro; a seguire la presentazione dell’Ateneo da parte di un referente dell’Area Relazioni Associative Luiss e della professoressa Lucilla De Leo, docente presso la facoltà di Scienze Politiche, che illustrerà in dettaglio l’offerta formativa delle tre Facoltà di Scienze Politiche, Economia e Giurisprudenza.Aconclusione,latestimonianza di un laureato Luiss. Convegno organizzato dal Rotary Club Il Rotary Club di Catanzaro 1951 organizza per il pomeriggio di oggi , un convegno, che si terrà presso l’Auditoriumdell’IstitutoTecnicoIndustriale “E. Scalfaro”.Gli oratori della serata saranno il prof. Vincenzo Lorenzelli, Magnifico Rettore dell’Università Campus Biomedico di Roma, e il prof. Giuseppe Catrambone, Direttore del Dipartimento di Chirurgia Specialistica dell’Ospedale Galliera di Genova. Il primo, terrà una relazione sul tema “Dalle pirotecnologie alle biotecnologie”. Esporrà il punto di vista del medico il prof. Giuseppe Catrambone. Convegno "L’infiltrazione dei CollettiSporchineltessutoeconomico e sociale calabrese" In data 30 novembre , alle ore 17.00, presso il salone Confcommercio si terrà il convegno sul tema "L’infiltrazione dei Colletti Sporchi nel tessuto economico e sociale calabrese". L’evento è stato voluto ed organizzato dall’Enasco "50 & Più Università". Relatore avv. Luigi Ciambrone espertoindirittopenalecomunitario ed internazionale. Incontro-confronto "Mettiamoci in....Comune" Giorno 2 dicembre , alle ore 16.00, presso la sala consiliare provincia di Catanzaro, la Cisl Catanzaro organizza un incontro-confronto dal titolo "Mettiamoci in....Comune". L’associazionismo dei comuni: i servizi e la programmazione territoriale co-

Nasce il Club Giovani Soci della BCC Mediocrati, una associazione che riunisce tutti i soci della banca da 18 a 32 anni – circa 400 persone - e che sarà attiva nel territorio di competenza con il compito di realizzare iniziative sociali, culturali e ricreative. “Il Club sarà innanzitutto una palestra di democrazia – dice il presidente della banca Nicola Paldino – all’interno della quale i nostri giovani soci potranno con-

me garanzia di diritti dei cittadini e di opportunità di sviluppo della provincia di Catanzaro. Presiede: Antonio Bevacqua; introduce: Domenico Cubello; interventi: Antonio Tedesco; Vittorio Scerbo; Pietro Putame; Ivan Ciacci; Antonio Fernando Maio; Michele Drosi; Wanda Ferro; Piero Aiello. Conclude: Paolo Tramonti. COSENZA Convegno organizzato dall’Aci Cosenza Oggi ore 9.00 al Teatro A. Rendano l’Automobile Club di Cosenza organizza il convegno "I giovani e la sicurezza stradale: il valore della formazione, il rispetto delle regole, la consapevolezza del rischio". Interverranno le istituzioni: Provincia e Regione, esperti del settore e il presidente Automobile Club d’Italia, Enrico Gelpi. DAVOLI ConvegnosulPianoStrutturaleAssociato Sabato 27 novembre , con inizio alle ore 17.30, si terrà, presso la scuola media di Davoli Marina, un convegno sul Piano Strutturale Associato, ilnuovostrumentourbanisticodicui i Comuni di Davoli e di Sant’Andrea Apostolo dello Ionio si stanno dotando. Parteciperanno: il sindaco di Davoli, Antonio Corasaniti; il sindaco di Sant’Andrea Apostolo dello Ionio, Gerardo Frustaci; il prof. Vittorio Daniele, docente di Economia all’Università "Magna Graecia" di Catanzaro e assessore alla cultura al Comune di Davoli; l’architetto Francesco Critelli, progettista del Piano; l’architetto Aldo Ferrari, funzionario del Dipartimento Urbanistica della

frontarsi e contribuire alla costruzione di coesione sociale. Una BCC, infatti, prima di essere una banca è una cooperativa i cui rappresentanti sono eletti dai soci. Perciò, con la nascita del Club Giovani Soci, intendiamo rafforzare le basi della partecipazione democratica alla vita della banca e, di conseguenza, operare per l’accrescimentomorale,culturale ed economico dei soci e della comunità locale, secondo gli inse-

Regione Calabria; il prof. Giuseppe Imbesi, ordinario di Urbanistica all’Università "La Sapienza" di Roma. GIZZERIA Convegno su Usi Civici Sabato 27 novembre , alle ore 16.30, presso la sala convegni Hotel Caposuvero Gizzeria Marina, il RotaryInternationalDistretto2100Italia Club Reventino, organizza il convegno su "La Legge Regionale 21/8/2007n.18:Normeinmateriadi Usi Civici". Presentazione lavori e moderatore: Pino Sirianni; interventi, Mario Magno; Giuseppe Valea; Salvatore Careri; Lidia Cervadoro; Rosetta Cefalà; conclusioni Francesco Socievole. LAMEZIA TERME Prima Convention Regionale di Futuro e Libertà Oggi , alle ore 16.00, presso il Teatro Grandinetti, Via Cassoli, di Lamezia Terme, si terrà la I^ Convention Regionale di Futuro e Libertà. Parteciperanno: l’on. Angela Napoli, Coordinatrice Regionale Fli e l’on. ItaloBocchino,presidente delGruppo Fli alla Camera dei Deputati. POLISTENA Iniziativa Stagione dell’antimafia L’amministrazione comunale di Polistenapresentala3/stagionedell’antimafiapressoilsalonedellefesteoggi , alle ore 17.30, con la presentazione del libro "Terra Venduta" di Claudio Cordova "Testimonianze e verità sulle navi dei veleni". Presiede: Michele Tripodi; partecipano: Antonio Muscherà; Marco Policaro; testimonianze ed interventi: Arcangelo Badolati; Davide Gravina; Silvio Greco; Michelangelo Tripodi.

gnamenti del nostro fondatore, Don Carlo De Cardona. Per quanto ci riguarda – conclude il presidente Paldino – siamo da tempo impegnati a costruire condizioni che consentano ai nostri giovani, dopo il necessario periodo di formazione, di rimanere nella loro terra e realizzare qui il loro futuro. Oltre alle iniziative di microcredito in atto, dal progetto “Voglio restare” a “Il Seminatore”, ci è sembrato molto interessante fornire loro una modalità di coinvolgimento concreto e diretto”. L’iniziativa della BCC Mediocrati, la prima in Calabria e la seconda a sud di Roma, si inserisce in un movimento nazionale di coinvolgimento dei giovani che ha preso il via lo scorso anno in Trentino. Alla prima riunione del nuovo organismo, che si svolgerà alle ore 15,30 di oggi nella Sala De Cardona della Banca, parteciperanno il Prefetto Reppucci e l’AssessoreRegionaleallaCultura Mario Caligiuri, che parleranno del valore democratico e culturale della partecipazione sociale.

REGGIO CALABRIA Convegno dal titolo "Indignamoci" Codici, invita oggi , alle ore 10.30 presso Salone dei Lampadari Palazzo San Giorgio Piazza Italia , al convegno dal titolo: "Indignamoci". Prenderanno parte all’evento: dott. Enzo Sidari, assessore allo sport turismo e spettacolo di Reggio Calabria; on. Giovanni Nucera, consigliere Regionale; Marcella Rosetta, segretaria regionale di Codici; dott.ssa Maria Giulia Jannace, ginecologa Ospedale di Polistena; dott. Antonio Nicolò, primario neonatologia e rianimazione Ospedale Riuniti Reggio Calabria, concluderà il segretario provinciale di Codici, Giuseppe Salomone. Incontro con l’imprenditrice Pina Amarelli Si terrà oggi alle ore 17,30 presso la’Aula “Italo Falcomatà” dell’Università per Stranieri Dante Alighieri l’incontro con l’imprenditrice Pina Amarelli, alla quale sarà consegnato il Premio Anassilaos 2010 per l’Imprenditoria. A Pina Amarilli sarà consegnata la targa realizzata per Anassilaos dall’artista Antonclaudio Pizzimenti e la Medaglia del presidente della Camera dei Deputati. ROSSANO Convegno"Governareilfuturo.Dalla sanità al territorio" Sabato 27 novembre , alle ore 17.30, presso il teatro S. Marco, si terrà il convegno "Governare il futuro. Dalla sanità al territorio". Modera: Maria Gabriella Capparelli (Giornalista Tg1); introduce Leonardo Calarota (Coordinatore Pdl Rossano); intervengono: on. Giuseppe Caputo, ConsigliereRegionale epresidente I Commissione Affari

Generali; on. Giovanni Dima, deputato; Pasqualina Straface, sindaco della città di Corigliano; Graziano Melandri, soggetto attuatore nuovo ospedale della sibaritide. Conclude l’on. Giuseppe Scopelliti, presidente Regione Calabria SIDERNO Conferenza sull’educazione finanziaria Oggi , alle ore 19.30, presso il Grand Hotel President di Siderno (Rc) si svolgerà la conferenza tenuta dalla dott.ssaGiuseppinaCriseoedaldott. Vito Aversa sul tema “Educazione finanziaria: la corretta gestione del risparmio personale”. SQUILLACE Corso Regionale A.d.i. Calabria Oggiesabato27novembre,presso il centro Congressi di Porto Rocha avrà luogo il Corso Regionale Adi Calabria. Un’ occasione per discutere, alla luce delle ultime linee giuda, di tre concetti strettamente correlati come bioetica, nutrizione e diabete. Direttore del corso Marco Tagliaferri; coordinatore scientifico Giuseppe Pipicelli TORTORA Convegno "Lo sviluppo delle zone rurali" Sabato 27 novembre , alle 17.30, presso la sala consiliare di Tortora si terrà il convegno "Lo Sviluppo delle aree rurali: una prospettiva economicaperilfuturo".Leconclusionidel convegnosarannoaffidateaMichele Trematerra,assessoreall’agricoltura e forestazione della Regione Calabria. Interverranno Ciro Alfano, dirigente nazionale Udc, Riccardo Benvenuto, presidente della Comunità montana Alto Tirreno cosentino - Appennino paolano, Davide Gravina, commissario del Consorzio di bonifica Valle Lao, Felice Spingola, sindaco di Verbicaro e presidente del Progetto integrato territoriale (Pit) Alto Tirreno e del distretto rurale, Ettore Vaccaro, commissario dell’Agenzia regionale per i servizi di sviluppo agricolo (Arssa) e Nello Onorati, presidente “Sistema Cilento” (Progetto Rita). VIBO VALENTIA Conferenza stampa Ance Vv Oggi , alle ore 10.30, si terrà una conferenza stampa, indetta dall’Ance di Vibo Valentia sulla crisi del settore edile, presso la sede di Confindustria Vibo Valentia sita in Viale Affaccio IV trav. n. 6. Presenzieranno l’incontro il presidente Ance Vv ing. Fausto Marino ed i componenti il Consiglio Direttivo. Presentazione lavori strade 522 e 606 Oggi , alle ore 11.00, nella sala giunta della Provincia di Vibo Valentia, il presidente Francesco De Nisi e l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Barbuto, illustreranno alla stampa i lavori di ammodernamento delle strade 522 e 606 programmati dall’Ente e di imminente avvio.


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani 23

APPUNTAMENTI Seconda edizione della festa dell’olio nuovo Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CASTROVILLARI Presentazione del "Dizionario dei musicisti calabresi" Sabato 27 novembre , alle ore 17.30, presso la sala "Francesco Varcasia" si terrà la presentazione del volume "Dizionario dei musicisti calabresi" editore Abramo in collaborazione con Associazione Musicale "M. Quintieri, Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Prima opera enciclopedica sull’universo della musica colta calabrese. Introduzione il Maestro Leonardo Saraceni; intervengonoilMaestroLorenzoParisi; il Maestro Alessandro Saraceni; la dr.ssa Antonella Merli; moderatore: dr.Franco Maurella. CATANZARO Presentazione libro “Strozzatecitutti” Oggi , alle ore 16.30, presso la Biblioteca Comunale “F. De Nobili” di Catanzarositerràlaprimapresentazione in Calabria dell’antologia sull’antimafia “Strozzatecitutti” (Alberti editore), che comprende interventi di venititre autori provenienti dal giornalismo, dall’università, dall’associazionismo e da sperimentazioni letterarie, con la prefazione di Marco Travaglio. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Universitaria Calabrese Ulixes, dall’associazione Catanzaro Giovane e dal laboratorio sociale AltraCatanzaro conilpatrociniodell’Assessoratoalla cultura e politiche giovanili del ComunediCatanzaro.Parteciperanno: gli autori Marcello Ravveduto, Nello Trocchia, Francesca Viscone; il direttore di Ansa Calabria, Filippo Veltri; Alessandro Tarantino dell’associazione Catanzaro Giovane; Andrea Scalzo e Mariachiara Chiodo dell’associazione Ulixes.È previsto inoltre l’intervento istituzionale del sindaco della città di Catanzaro, on. Rosario Olivo (già componente della Commissioneparlamentareantimafia) e del vice sindaco e assessore alla culturadelcapoluogodiregione,Antonio Argirò. L’incontro sarà moderato da Vincenzo Capellupo, presidente Associazione Ulixes. Inaugurazione mostra di Marilisa Fonte Giorno 1 dicembre , alle ore 18.00, presso il Palazzo Fazzari - Catanzaro, si terrà l’inaugurazione della mostra di Marilisa Fonte. Seminario "Ordini dell’amore" Giorno 4 dicembre , l’associazione Donne in Cammino Catanzaro presenta "Ordini dell’amore" seminario in costellazioni familiari sistemiche secondo il metodo di Bert Hellinger, condotto dal dott. Roberto Di Polito. Manifestazione di fitness La palestra Chiara Fitness di Catanzaro sita in viale Magna Grecia,158 giorno 12 dicembre , nella propria sede organizza un manifestazione di fitness.Sisvolgerannolezionigratuite di fitness (aerobica e spinning ) con la partecipazione di presenter internazionali: Alessandro Galli , Salvatore Pagano e Omar Alampi.

E’ tempo di olio nuovo: territori, comunità e imprese prendono vigore, poiché vedono in questa produzione che rappresenta quasi il 40% dell’economia agricola calabrese, la chiave di svolta per uno sviluppo equilibrato e sostenibile della Calabria. In questi anni, la Calabria in tema di valorizzazione dlla qualità dell’olio ha compiuto passi prodigiosi. A Delianuova (Rc) sabato 27 novembre , con il patrocinio del Consiglio Regionale della Calab-

ria, dell’Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria e dell’Amministrazione Comunale di Delianuova, e con la collaborazione della Coldiretti di Reggio Calabria,l’oleificioPerronehaorganizzato la “festa dell’olio nuovo”. Due sono i momenti che caratterizzeranno la giornata: alle ore 9,30 nel teatro comunale di Delianuova si terrà un convegno che ha come tema: “Olivicoltura delle colline reggine. Quale futuro?”. Alle 13,30 nello stabilimento dell’oleificio Perrone ci sarà la de-

La manifestazione avrà inizio alle 10.30 e finirà alle 14.00.

Ottava Biennale dell’Incisione Patrocinato dal presidente della Provincia Gerardo Mario Oliverio e dall’assessore alla cultura prof.ssa Maria Francesca Corigliano, l’evento "Ottava Biennale dell’Incisione" culminerà nella data di premiazione sabato 27 novembre , alle ore 17.00, data anche di chiusura dell’evento stesso. Una giuria di esperti, dopo essersiriunita, valuterà le opere conferendoai più meritevoli premi d’onore. L’organizzazione della Biennale d’Incisione è affidata al presidente Giacomo Vercillo, dell’associazione Culturale Club Della Grafica e curata dalla prof.ssa Concetta Bevilacqua, critico d’arte.

COSENZA Premio Mario Gallo 2010 Oggi , presso l’Home Club Suite Hotel, viale Giacomo Mancini, alle ore18.30,ilregistaSalvatoreMereu, premiato del Premio Mario Gallo, incontrerà i giornalisti per presentareilsuonuovofilmTajabonepresentato all’ultima mostra del cinema di Venezia. IV edizione del Premio Mario Gallo Si svolgerà tra Cosenza e Rovito fino al 27 novembre , la IV edizione del Premio Mario Gallo, organizzato dalla Cineteca della Calabria, con il sostegno del Ministero dei Beni Culturali e dell’assessorato Turismo e Spettacolo della Provincia di Cosenza. XI edizione Stagione Concertistica Autunno Musicale La Regione Calabria, assessorato alla cultura, la Provincia di Cosenza, assessorato alla cultura, il Comune di Cosenza, assessorato allo spettacolo, la Fondazione Cassa di Risparmio di Calabria e di Lucania, l’Associazione Musicale The Brass Collection, l’Associazione Amici della Musica di Mendicino, il Centro Rat Teatro dell’Acquario presentano XI edizione Stagione Concertistica Autunno Musicale sabato 27 novembre , ore 18.00, presso la sala Cifa. Deborah Giombarresi, soprano; Sabrina Messina, mezzosoprano; Stefano Sanfilippo, pianoforte. Ingresso euro 5,00

Conferenza stampa dell’associazione Tecne per il programma 2010-2011 Lunedì 29 novembre , alle 11.00, presso la sala stampa del Teatro Morelli, si terrà la conferenza stampa di presentazione del programma di concerti organizzato per il teatro cittadinodallaneo-associazioneTecne. Durante la conferenza interverrà inoltre la cantante newyorkese Amy Coleman, prima star internazionale a calcare il palco del Morelli per il concerto di apertura della stagione, in programma il 7 dicembre. Rassegna degli eventi: Soul vs Blues: Amy Coleman and Texaco Jive with Soul Pains – 7 dicembre 2010. Concerto di Musica Elettroacustica – 18 febbraio 2011. Red Basica Chamber plays Dario Argento – 8 aprile 2011. Free Radi-

gustazione dell’olio nuovo tracciato di alta qualità e di prodotti tipici con un momento di festa allietata da suoni e balli della tradizione calabrese. Il Convegno moderato dal direttore della Coldiretti Calabria Benedetto De Serio prevede la presentazione di Pino Perrone titolare dell’oleificio. I saluti del sindaco di Delianuova Rocco Corigliano, di Francesco Saccà presidente della Coldiretti di Reggio Calabria, di Antonio Scali Assessore Provinciale Agricoltura, Domenico Fedele consigliere provinciale, di Arcangelo Carbone presidente della Pro-loco di Delianuova. I relatori del convegno saranno: Giovanni Cipolla responsabile regionale economico Coldiretti che interverrà sulle “sfide della nuova PAC”, Nunzio Scaramozzino coordinatore nazionale tracciabilità UNAPROL su: TracciablitàI.O.O.% alta qualità italiana; il direttore Generale del Dipartimento Agricoltura della Regione CalabriaGiuseppeZimbalattiche relazionerà su : Impatto delle azioni di miglioramento della qualità e della nuova PAC sul futuro dell’olivicoltura pedeaspromontana”. Stefano Pasquazzi direttore dell’Associazione Italiana Frantoi Oleari. Le conclusioni sono affidate a Pietro Molinaro presidente della Coldiretti Calabria.

cals in ErotiKollage – 11 maggio 2011. Ho solo la faccia di un uomo (soliloquio per attore solo, fisarmonica e percussioni), da Piero Ciampi – 20 maggio 2011. Appuntamenti concertistici Associazione culturale Jonica Continuano gli appuntamenti concertistici organizzati dall’associazione culturale Jonica in collaborazione con il comune di Cosenza. Mercoledì 22 dicembre , al teatro Rendano appuntamento con BridgetteCampbell&WindyGospelSingers. CROTONE "Altro che Sport secondari" Il Leo Club Crotone e il Comitato Provinciale Coni hanno invitano all’evento "Altro che Sport secondari", che si terrà il 27 novembre , presso il Palakrò, Via Gioacchino da Fiore, Crotone. Una straordinaria kermesse di sport e solidarietà, per supportare il Tema Operativo Nazionale "UniLeo 4 Light". Spettacolo di beneficenza dal titolo “Ricomincio da…Te” Sabato 27 novembre , alle ore 20.30, presso il Palamilone di Crotone avrà luogo uno spettacolo di beneficenza dal titolo “Ricomincio da… Te”, ideato da Mariaelena Cortese, da Annamaria Odoardi e dal Rosario Federico, in favore della Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime di Paravati. Sarà uno spettacolo di arte varia al quale prenderanno parte,

gratuitamente, artisti come Ivana Spagna, Walter Nudo, Fioretta Mari, Alma Manera, Vincenzo Bocciarelli, Rosa Martirano, il prof. Romano con la sua orchestra e tanti altri ospiti. All’interno dello spettacolo vi sarà, inoltre, anche uno spazio chevedràlapremiazionedeivincitori del concorso, bandito nelle scuole crotonesi dalla Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime, a titolo “Mamma Natuzza e i giovani” dei primi tre ragazzi tanto della scuola primaria quanto della scuola secondaria di I e II grado. Concerto del pianista Antonio Consales Il presidente della Società Beethoven Acam, prof.ssa Mariarosa Romano, comunica che domenica 28 novembre , si terrà il concerto del pianista Antonio Consales. Eseguirà musiche di: W. A. Mozart; L. V. Beethoven; F. Chopin presso l’Auditorium del Liceo Musicale “O.Stillo” sito in Largo Panella (adiacente Parco delle Rose - Crotone) alle ore 19.00. LAMEZIA TERME Stagione di Prosa 2010/2011 Sabato 27 e domenica 28 novembre , alle ore 21.00, presso il Teatro Politeama di Lamezia Terme, Gli Ipocriti presenta Rocco Papaleo e Giovanni Esposito in "Eduardo, più unico che raro!" tratto dagli atti unici di Eduardo De Filippo, con Pino Tufillaro; Elisabetta D’Acunzo; Angela De Matteo; Antonio Marfella; Giampiero Schiano; Antonio Spadaro; Simone Spirito; musiche a cura di Harmonia Team, ideazione scenica e costumi Almodovar disegno luci Perceval. Regia Giancarlo Sepe. L’inaugurazione della Stagione di Prosa 2010/2011 si terrà con un aperitivo di benvenuto presso le sale di Palazzo Nicotera in Lamezia Terme, sabato 27 novembre , alle ore 18.00, alla presenza degli artisti del primo spettacolo in cartellone Eduardo, più unico che raro. MORMANNO Presentazione del libro "Domani a Mezzogiorno" Per iniziativa dell’on. Mimmo Pappaterra, presidente del Parco Nazionale del Pollino, nonché rappresentante della Fondazione Zefiro (Fondazione per l’Europa nel Mediterraneo), si svolgerà sabato 27 novembre , alle ore 17.00, a Mormanno, al cine teatro comunale, la presentazione del libro "Domani a Mezzogiorno", scritto dal vice presidente vicario del Parlamento europeo on. GianniPittellainsiemeadaltriautori tra cui il giornalista Marco Esposito. SOVERATO Rassegna teatrale 2010/11 “Vivi il Teatro” StagioneTeatralediProsadelTeatro Comunale, programma: martedì 30 novembre,"UnTèperTre"diBruno Tabacchini e Biagio Izzo con Biagio Izzo, Teresa Del Vecchio e Francesco Procopio.


24

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA La rassegna, in programma da oggi fino al 4 dicembre, presenta visioni e ospiti internazionali

Torino film festival, quando il cinema chiude l’anno in bellezza Giorgia Bernoni Un programma ricchissimo e appetitoso, come da anni il festival piemontese ci ha abituato, con succose anteprime e speciali proiezioni riservate ai veri amanti del cinema. È la ventottesima edizione del Torino film festival, la manifestazione cinematografica in programma dal 26 novembre al 4 dicembre nella città che ospita anche il museo nazionale del cinema, tra i più importanti al mondo per la ricchezza del patrimonio e per la molteplicità delle sue attività scientifiche e divulgative. Diretto dal regista Gianni Amelio, il feDiretto dal regista stival presenta interessanti anteprime tra cui spiccano Gianni Amelio l’atteso "Hereafter" di Clint la kermesse offre Eastwood nelle sale da gennaio 2011, "Kaboom" di interessanti Gregg Araki e "127 hour" di Boyle: la pellicola anteprime tra cui Danny drammatica basata sulla spiccano l’atteso vera storia dello scalatore Aron Ralston, rimasto "Hereafter" bloccato in un crepaccio 127 ore. Tra i film in di Clint Eastwood per concorso l’unico italiano in Kaboom" di Gregg corsa è il noir “Henry”, di Alessandro Piva, che dovrà Araki e "127 hour" vedersela con pellicole del calibro di "Winter’s bone" di Danny Boyle di Debra Granik e "Four lions" di Christopher Morris. Sono due le retrospettive, una per John Houston e l’altra dedicata a Vitalij Kanevskij. Il primo è stato un personaggio "più grande della vita", bevitore, cacciatore, cavallerizzo, talvolta in lite con i produttori, che manomisero alcuni dei suoi film (La prova del fuoco, Il barbaro e la geisha, La forca può attendere). Insofferente ad ogni li-

Una scena del film Hereafter di Clint Eastwood

mitazione della libertà, si oppose alle liste nere del maccartismo alla fine degli anni Quaranta, ma anche all’ideologia comunista. Il secondo vive professionalmente ai margini del sistema produttivo sovietico fino Tra i film alla fine degli anni ‘80 quando realizza, in condizioni avverse, il suo capolavoro in concorso Sta’ fermo, muori resuscita (1989) che, l’unico italiano selezionato per il festival di Cannes 1990, gli fa vincere la Caméra d’Or a 55 anni e in corsa è diventa, per la coincidenza con il crollo il noir “Henry” dell’Unione Sovietica, uno dei film più emblematici della perestrojka. del salernitano Il film d’apertura del festival torinese è "Contre toi" di Lola Doillon. In tutto par- Alessandro Piva teciperanno alla manifestazione 234 film, scelti tra oltre 3.700 pellicole visionate, di cui 30 anteprime mondiali, 24 anteprime internazionali, 9 anteprime europee e 73 anteprime italiane. Il regista John

Boorman sarà presente a Torino per ritirare il premio nella serata di mercoledì primo dicembre, durante la quale verrà presentato Un tranquillo weekend di paura, il film del 1972 per il quale fu candidato all’Oscar. Quest’anno la sezione Rapporto confidenziale è infatti dedicata a uno dei generi prediletti del cinema indipendente internazionale: l’horror, che ricomincia a dare segni di vitalità e inventiva attraverso le opere di giovani cineasti (degli otto lungometraggi proposti, cinque sono opere prime o seconde) che affrontano il genere con temi e linguaggi diversissimi tra loro. Su tutti, un "padre ispiratore", John Carpenter, che torna al cinema nove anni dopo “Ghosts from Mars: the Ward”, definito dallo stesso Carpenter "un horror di vecchia scuola, fatto da un regista della vecchia scuola", è quasi tutto chiuso all’interno di un istituto psichiatrico popolato di minacce, segreti, pericoli.

Decade, storia di un decennio Dolori e gioie illustrati in un volume che raccoglie l’attualità di inizio millennio Alessandra Vitale Sembra ieri quando tutto il mondo era intimorito dall’avvento del 2000 per via del fantomatico "millenium bug", il "baco" informatico che avrebbe dovuto fare impazzire le apparecchiature elettroniche digitali dell’intero globo, colpevoli i due zeri contenuti nell’indicazione dell’anno. Con questa angoscia è iniziato il secondo millennio che ha già raggiunto, attraverso non poche peripezie, il traguardo del decennio. A ricordarlo ci pensa la Phaidon che pubblica un volume dal titolo Decade, disponibile in libreria a partire dal 18 novembre. Curato da Eamonn Mc Cabe con testi di Terence Mc Namee, Decade si sobbarca l’arduo compito di riassumere a mezzo delle immagini gli eventi più significativi accaduti negli ultimi dieci anni: dall’attacco alle torri gemelle del World trade center fino all’elezione di Barack

Obama, primo presidente afroamericano degli Usa, passando per le catastrofi dello Tsunami in Asia sudorientale e dell’uragano Katrina abbattutosi su New Orleans. Non mancano naturalmente il G8 di Genova con l’omicidio di Carlo Giuliani, l’introduzione dell’Euro, l’epidemia di Aids in Africa, la morte di Michael Jackson e il record di Usain Bolt alle Olimpiadi di Pechino 2008. A Mc Cabe, affermato fotografo sportivo, l’onere di selezionare cosa entrerà nella storia e cosa no, almeno dal punto di vista delle immagini. Il volume è suddiviso in dieci sezioni, corrispondenti ciascuna a un anno e caratterizzate singolarmente da un tema guida delineato nei saggi che aprono ogni capitolo. Idealmente Decade rappresenta il successore del bestseller e pluripremiato Century. Cent’anni di progresso, reg-

La polizia copre il corpo di Carlo Giuliani ucciso durante il G8 di Genova, 2001

resso, dolore e speranza, un volume dedicato a raccontare il Novecento. Tutti e due non possono considerarsi semplicemente delle raccolte di immagini più o meno belle ed esaustive sull’attualità, ma di volumi che quasi aspirano a diventare compendi di storia, strumenti utili a raccontare e ricordare. Non a caso alla base della scelta delle fotografie è prevalso in entrambi i casi il criterio dell’erudizione e della precisione

storica. Il volume presenta una cronologia di eventi in 500 fotografie che illustrano momenti cruciali della politica internazionale,dell’arte,dell’architettura,della tecnologia o dello sport. I vari anni del decennio sono presentati da una panoramica introduttiva, mentre ciascuna immagine è corredata da testi di approfondimento storico. Phaidon editore, 512 pagine, 39 euro.


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani 25

IL DOMANI DELLA CULTURA

La Calabria verso l’Unesco tra tradizione e storia A Cosenza una giornata dedicata alla celebrazione della Varia di Palmi Simone Cosimi I dialetti, le lingue delle minoranze, le forme teatrali popolari, i canti e le danze, i saperi legati ai cicli agrari e calendariali e le feste fanno tutti parte del patrimonio culturale immateriale. Secondo l’Unesco un bene da tutelare, quanto i siti storici e archeologici. Oggi, alle ore 10.30 e in sessione pomeridiana dalle ore 15, a palazzo Arnone di Cosenza, la soprintendenza per i Beni storici, artistici ed etnoantropologici della Calabria promuove il workshop La Calabria verso l’Unesco, la Varia di Palmi nella Rete italiana delle grandi macchine a spalla. La festa della Varia è una manifestazione religiosa che trova le sue origini sul fi-

nire del 1500 quando con lo scopo di avvicinarsi a Dio venivano costruite in molti paesi dell’Italia meridionale grandi macchine trasportate a spalla. La Varia di Palmi è un carro sacro costruito su una base di legno di quercia, chiamato "Ccippu", di forma conica irregolare che rappresenta l’Assunzione della Vergine Maria. La gigantesca macchina viene trainata a spalla da 200 giovani, detti "mbuttaturi", scelti tra gli appartenenti alle cinque corporazioni dei tradizionali mestieri della città (contadini, carrettieri, bovari, artigiani e marinai). Tra le macchine a spalla italiane la Varia di Palmi è l’unica con persone nei ruoli di figuranti: i 12 apostoli; gli angioletti, bambine di età compresa tra i sette e gli undici anni e in alto un giovane che rappresenta il Padreterno. In cima una bambina

La festa della Varia di Palmi

detta Animella (di età compresa tra i dieci e i dodici anni, scelta con votazione popolare), che rappresenta la Vergine assunta in cielo. Arricchisce l’iniziativa una mostra fotografica e il modello in scala della Varia di Palmi. Sarà possibile assistere all’evento in diretta streaming collegandosi al sito www.articalabria.it.

Il disco si apre programmaticamente con un medley di canzoni e riff che attingono ai repertori più disparati, suonati da due orchestre in alternanza

In uscita “Yes, you” doppio live di Mario Biondi con un inedito Ginevra Aleramo Esce oggi il doppio live di Mario Biondi, “Yes you”, una testimonianza del tour che Biondi ha portato su prestigiosi palchi italiani nell’estate 2010 registrando ovunque il tutto esaurito. Anche questo disco è pubblicato da Tattica, con la quale l’artista rinnova un sodalizio che gli ha fruttato, con il precedente album If, oltre 200mila copie. L’album, distribuito da IndipendenteMente, è già disponibile in anteprima su iTunes dal 19 novembre e dal 26 novembre lo è anche sugli altri canali digitali (con distribuzione digitale Kiver/Tattica). Il progetto grafico è stato realizzato da Stefano Scozzese per Nerocreativo. Ricalcando il modello dei grandi contest dell’epoca d’oro delle big band jazz

americane degli anni Trenta e Quaranta, si fronteggiano sul palco due orchestre: una jazz, acustica, ed una funky-soul, elettrica. È lo Spaziotempo tour 2010 di Mario Biondi. Le band sono separate da un tappeto rosso: un confine che Mario cavalca e scavalca durante tutto il concerto, mentre le due band si alternano, si sovrappongono e dialogano in uno scambio di generi, suoni ed emozioni. Il tour ha fatto tappa al teatro Antico di Taormina il 23 agosto e al teatro di Verdura di Palermo il 24 agosto, due grandi teatri all’aperto, carichi di storia, bellezza e suggestioni, due teatri siciliani, così come lo è il catanese Mario Biondi. E il pubblico presente a Taormina sente l’appartenenza dell’artista sul palco alla sua terra, ne festeggia tanto il ritorno quanto il talento, più eccitato e rumoreggiante della platea che accoglierà

Mario il giorno seguente a Palermo, spettatori più attenti e silenziosi. I due concerti sono registrati e da essi è tratto il live “Yes, you”: i brani più elettrici e movimentati sono quelli registrati a Taormina, quelli che richiedono un’atmosfera più intima e raccolta sono quelli suonati al teatro di Verdura.

Anche questo lavoro è pubblicato da Tattica con la quale l’artista rinnova un sodalizio che gli ha fruttato, con il precedente album If, oltre 200mila copie

Mario Biondi durante un concerto

Il disco - così come il concerto - si apre programmaticamente con un medley di canzoni e riff che attingono ai repertori più disparati, suonati dalle due orchestre in alternanza e in concomitanza: “Birdland” dei Weather Report, “Moaning” di Art Blakey, “Brother to brother” di Gino Vannelli, “Donnna Lee” di Charlie Parker e “Gateway” degli Earth wind fire. Tra le canzoni in scaletta (cover e pezzi dello stesso Biondi) ritroviamo il prezioso regalo ricevuto da Burt Bacharach: "Something that was beautiful”. Come anche "I know it’s over”, adattamento in inglese di E se domani, tradotto da Calabrese e arrangiato dallo stesso Biondi; degli ospiti d’eccezione - gli Incognito, universalmente considerati i fondatori dell’acid jazz, duettano con Mario in “No mo’ trouble”, “Lowdown” e “Can’t get enough”.

La partecipazione non ha alcun limite d’età, l’iscrizione è gratuita

Premio biennale di poesia Diego Valeri Zoe Bellini

Il bando del premio istituito nel 1990 scade il 31 gennaio del 2011. Al miglior componimento andranno tremila euro

È stato pubblicato sul sito www.diegovaleri.it il nuovo bando per partecipare alla XI edizione del premio biennale di poesia Diego Valeri, importante riconoscimento poetico a livello nazionale, istituito nel 1990 dal comune di Piove di Sacco (Padova) in onore del suo più celebre concittadino: il poeta, critico e letterato Diego Valeri (1887-1976). Ideata dal poeta Luigi Cerantola, la XI edizione del premio si presenta per la prima volta sotto forma di Certame Piovese. Le iscrizioni sono aperte fino al 31 gennaio 2011. «L’inte-

La locandina del premio

nzione dell’amministrazione comunale di Piove di Sacco - spiega il sindaco Alessandro Marcolin - è quella di affermare sempre più il premio Diego Valeri sulla scena nazionale». Per questo la XI edizione del premio si presenta in una veste completamente rinnovata: a differenza delle precedenti

edizioni si qualifica infatti come "Certame", ovvero come competizione che prevede la composizione di un nuovo testo poetico a tema e forma obbligati. «La motivazione alla base di questo cambiamento - spiega il presidente della giuria Luigi Cerantola, poeta e docente di lingua e letteratura italiana all’università di Tokyo nasce dalla constatazione che negli ultimi anni si è verificato un diffuso decadimento delle conoscenze tecniche e metriche che stanno alla base della tradizione poetica italiana». La partecipazione al Certame non ha alcun limite d’età e di nazionalità. L’iscrizione è gratuita sul sito www.diegovaleri.it.

Questa edizione si qualifica come Certame ovvero come competizione a tema e forma obbligati


26

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

DALL'ITALIA E DAL MONDO Non si possono sprecare, spiega il premier illustrandolo alle parti sociali

Il Piano per il Sud oggi in Cdm: niente fondi a pioggia di Roberto Carli ROMA - «In un momento di crisi economica e monetaria internazionale sarebbe irresponsabile andare alle elezioni. Per questo il governo va avanti e sta facendo un grande lavoro, sopratutto in politica estera», dove sta ottenendo "risultati straordinari’’. Silvio Berlusconi ribadisce il proprio punto di vista sulla situazione politica, cogliendo come occasione il tavolo tra Governo e parti sociali, che si è svolto ieri a Palazzo Chigi, sul Piano per il Sud che l’esecutivo discuterà questa mattina al Consiglio dei ministri. Un concetto, quello della bontà dell’operato del Governo, su cui il premier ha voluto ancora una volta porre l’accento, sottolineando che i provvedimenti discussi ieri fanno parte dei cinque punti programmativci su cui ha ottenuto la fiducia alla Camera a fine settembre, anche coi voti di Futuro e libertà. In quest’ottica, si inserisce, secondo quanto annunciato dal premier, anche il varo della riforma della Giustizia: «Dopo

il Piano per il Sud - ha detto Berlusconi sarà varata la riforma della giustizia. Il 14 dicembre - ha ribadito - contiamo di avere la fiducia alla Camera e al Senato, atrimenti ci recheremo al Quirinale per chiedere nuove elezioni». Quanto all’argomento del giorno, Berlusconi ha spiegato che il Piano del Sud sarà composto da due decreti e che non prevedrà finanziamenti a pioggia, dato il momento difficile per le casse dello Stato: «Il Sud - ha detto il premier è un problema nazionale. Vareremo provvedimenti sostanziosi per il Mezzogiorno, concentrando i fondi su iniziative strategiche per non disperderli in mille rivoli». Nel corso della riunione con le parti sociali, c’è stato anche tempo per un siparietto col segretario generale della Cgil Susanna Camusso, che gli ha consentito di tornare sull’episodio della telefonata in diretta nel corso di "Ballarò", martedì scorso: «Prometto di non guardare più la

tv - ha detto Berlusconi - nell’intervallo di una partita di calcio». Quando infatti il presidente del Consiglio ha asserito di non vedere la tv né di leggere i giornali, la neosegretaria di Corso d’Italia ha eccepito di non credere a queste parole, portando l’esempio della telefonata in diretta a ’Ballaro’’ di martedì scorso. A quel punto, Berlusconi avrebbe spiega-

«Dopo il Piano per il Sud sarà varata la riforma della giustizia Il 14 dicembre contiamo di avere la fiducia alla Camera e al Senato, altrimenti ci recheremo al Quirinale»

«In un momento di crisi economica e monetaria internazionale sarebbe irresponsabile andare alle elezioni. Per questo il governo va avanti»

to, secondo quanto riferiscono i presenti, di aver visto un servizio "mistificatorio" della trasmissione di Rai3 - della durata di un minuto, andato in onda alle 21,43 -, proprio nella pausa della partita di Champions League tra Auxerre e il Milan. Intanto sembra pace fatta con Mara Carfagna. "Ieri ho avuto un colloquio con il presidente Berlusconi e lo ringrazio per la sensibilità e la capacità di affrontare e comprendere i problemi" ha detto il ministro per le Pari Opportunità, Mara Carfagna, in occasione di una conferenza stampa a Palazzo Chigi. Insomma sarebbe superata la questione politica legata alle competenze per la realizzazione dei termovalorizzatori che si era innescata tra il ministro e il coordinatore campano della Pdl, Nicola Cosentino che avrebbe assicurato i presidenti delle province le competenze più ampie su questi impianti. Competenze coordinate con quelle di Caldoro, lo snodo del decreto sotto la lente di ingrandimento del Quirinale. Intanto a Napoli la situazione rimane critica con una giacenza di circa 2700 tonnellate di rifiuti per strada. E la riapertura di una discarica nel salernitano, già peraltro da tempo programmata, rischia di alimentare i sospetti che lì verranno portati i rifiuti del capoluogo. Sospetto alimentato dalle dichiarazioni di due giorni fa di Caldoro: "Nell’immediato, stiamo già operando per promuovere intese con tutte le Province campane affinché possanoaccoglieretemporaneamenteirifiuti napoletani La crisi è strutturale».

Glu studenti in corteo a Montecitorio occupano il Colosseo

Ancora manifestazioni studentesche in tutta Italia di Carlin ROMA - Dopo le proteste dell’altro ieri in tutt’Italia e gli scontri a Roma, culminati con un assalto dei manifestanti al Senato e l’arresto di due di loro, ieri il movimento degli studenti che contesta il ddl di riforma dell’Università è tornato in piazza con un corteo a Montecitorio, dove intanto prosegue l’esame del disegno di legge, e occupando poi il colosseo. Per i due arrestati di mercoledì, Daniele Dantuono e Mario Caracciolo, accusati di violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, ieri nell’udienza di convalida il giudice ha deciso di convalidare l’arresto disponendo però la loro remissione in libertà e fissando per i due giovani il processo per il 16 dicembre. Secondo testimoni intanto, ieri all’università di Firenze dove qualche centinaio di giovani si è riunito per protestare contro la partecipazione di Daniela Santanchè a un dibattito, la situazione è degenerata e la polizia ha fatto tre cari-

che di alleggerimento, al termine delle quali un ragazzo è rimasto leggermente ferito alla testa. Sono poi proseguite in molti atenei d’Italia le proteste di studenti e ricercatori contro la riforma dell’università che porta il nome del ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini. Continua il presidio sopra il tetto della facoltà di Architettura da parte di Unione degli universitari, ricercatori della Rete 29 Aprile e ricercatori precari. Fra mercoledì e giovedì è stato occupato l’ateneo di Cagliari, e gli studenti si sono installati sui tetti delle facoltà di Ingegneria di Palermo e Roma, e vogliono occupare il rettorato di Ferrara, ha detto a Reuters Giorgio Paterna, studente di Economia ad Ancona e coordinatore dell’Udu. Frattanto ieri il ministro Mariastella Gelmini ha difeso la propria riforma intervenendo al telefono alla trasmissione tv Mattino Cinque su Canale5, condotta da Maurizio Belpietro. «Ho sempre rispettato le proteste ma la forma assunta ieri è stata totalmente

inaccettabile», ha detto Gelmini a proposito dei disordini di mercoledì, sostenendo che assaltare il Senato non è un modo corretto e positivo per affermare la propria opposizione alla riforma. «Lavoriamo contro il collasso, molte università hanno i conti in disordine e se non interveniamo, non sarà il governo a commissariare ma alcune banche», ha aggiunto il ministro, citando ad esempio il caso dell’Università di Siena, definendola sull’orlo della bancarotta. «Un’opposizione responsabile non sale sui tetti ma dialoga in Parlamento», ha aggiunto, polemizzando con l’iniziativa del leader del Pd Pierluigi Bersani, che ha raggiunto i manifestanti sul tetto dell’universitàromanapersolidarizzare con la loro protesta. La Gelmini ha anche ricordato una serie di stanziamenti del Governo per l’istruzione, «100 milioni per il diritto studio, 100 milioni con i voucher...», intravedendo nelle proteste contro la riforma un’alleanza anomala fra una parte degli studenti e «chi non vuole il cambiamento, chi ha posizioni consolidate

in università». Ed ha affermato che la sua riforma è molto simile a quella del suo predecessore nel governo di centrosinistra, Luigi Berlinguer. L’ipotesi di alleanza tra contestatori e baroni è stata respinta dal coordinatore degli studenti. «Da quindici anni denunciamo mali e baronie (dell’università), (difendiamo) il carattere pubblico del diritto allo studio», ha detto ancora il coordinatore dell’Unione degli studenti. Dicendo che il movimento si batte tra l’altro contro la trasformazione delle Università in luogo elitario e la privatizzazione dei consigli di amministrazione.


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani 27

DALL'ITALIA E DAL MONDO Si dimette il ministro della Difesa di Seul: l’attacco strategia interna di Kim

L’indice si riporta ai valori del marzo 2008, vale a dire a livelli prima della grande crisi globale dell’economia

Cresce con forza a novembre la fiducia delle imprese di Carlo Bassi ROMA - La fiducia delle imprese italiane sale ancora a novembre portandosi ai massimi da marzo 2008 e sorprendendo le attese degli analisti. L’indice al netto dei fattori stagionali calcolato da Isae è salito a 101,6 da 100,1 (rivisto da 99,8), risultando superiore a tutte le previsioni di consensus Reuters che mostravano una mediana di 99,6 con un range di stime tra 99 e 100,5. Si stabilizzano le valutazioni sugli ordini, con un ulteriore miglioramento della Su base territoriale, la componente estera che si contrappone fiducia aumenta nel alla stagnazione delCentro-nord del Paese la domanda interna, l’istituto di ed è invece stabile nelle spiega analisi. regioni del Mezzogiorno Si confermano stazionarie rispetto al in linea con i dati recenti mese precedente anche le scorte di magazzino e i livelli produttivi correnti. A livello prospettico migliorano invece nettamente le attese su ordini e produzione. Il morale delle imprese ha probabilmente ancora beneficiato dell’impulso positivo su produzione e investimenti che arriva dalla forza della domanda estera, sottolineano gli econo-

misti. Per Giada Giani di Citigroup il dato odierno «è sorprendentemente forte ma sostanzialmente in linea con quello che vediamo in altri paesi europei core che continuano a beneficiare della ripresa dell’export». In Italia, sottolinea l’analista, «è tutto riconducibile alle esportazioni e la fiducia delle imprese adesso è più o meno in linea con la media di lungo termine, mentre l’Ifo tedesco è molto più alto della media di lungo termine". A livello settoriale l’aumento della fiducia è concentrato nei beni intermedi (da 102,7 a 105,2). L’indice aumenta anche nei beni d’investimento (da 96,1 a 96,9) ed è invece sostanzialmente stabile in quelli di consumo (da 99,9 a 99,6). Isae rileva inoltre che tra agosto e novembre la fiducia è migliorata nelle piccole imprese e ha invece subito una battuta d’arresto nelle medie e grandi imprese. L’indice è salito da 96,5 (agosto) a 101 nelle piccole imprese, scendendo invece da 102,6 a 100,9 nelle medie e da 101,7 a 100,6 nelle grandi imprese. Su base territoriale, la fiducia aumenta nel Centro-nord del Paese ed è invece stabile nelle regioni del Mezzogiorno. Il dato odierno è in linea con i recenti segnali incoraggianti di altre indagini congiunturali di altri paesi della zona euro, evidenzia l’analista di Unicredit.

Dal Congresso forense nazionale: abolire le "lenzuolate" GENOVA - «Abolire le lenzuolate di Bersani»: lo ha chiesto, al XXX Congresso nazionale forense in corso a Genova, Maurizio De Tilla, presidente dell’Oua, l’Organismo unitario dell’avvocatura italiana, emanazione del Consiglio nazionale forense, in sostanza la rappresentanza politica dell’avvocatura. De Tilla, civilista patrocinante in Cassazione, al Congresso genovese ha insistito sulla necessità di abrogare la liberalizzazione "troppo spinta e controproducente" introdotta dalla legge Bersani: «L’abolizione delle tariffe e dei minimi degli onorari è un intollerabile intervento legislativo che va rimosso». Con il testo di riforma della professione, approvato martedì in Senato, si torna a dare «risposta adeguata alle preoccupazioni della categoria, che ha subito in questi anni una for-

te riduzione dei propri redditi, tanto per la crisi quanto per le conseguenze delle cosiddette "lenzuolate"». Ora ha prevalso il buonsenso e, per citare solo alcuni dei nodi più controversi, si ritorna alle tariffe minime, alla consulenza legale esclusiva, al ripristino del divieto di patto di quota lite: «Rimane purtroppo in piedi uno sbagliato sistema di media conciliazione obbligatoria, penalizzante per gli avvocati, confuso e dannoso per i cittadini". Nei giorni scorsi l’Oua ha depositato un ricorso al Tar (firmato da molti consigli degli ordini, che in Italia sono in tutto 165, associazioni e singoli avvocati) contro il regolamento attuativo varato dal ministero di Giustizia. In elaborazione un’ulteriore impugnativa presso la Corte di Giustizia europea.

Il caro leader Kim Jong Il

ROMA - È stata quasi un plebiscito al Parlamento sudcoreano la risoluzione che condanna Pyongyang e sollecita il governo a prendere misure per evitare nuovi attacchi. La risoluzione chiede anche alla Corea del Nord di chiedere scusa a Seul per l’attacco di martedì che ha provocato quattro morti di cui due civili. Ed è terremoto nel governo di Seul: si è dimesso il ministro della Difesa sud-coreano Kim Tae-young che era stato pesantemente criticato sia dalle forze di opposizione sia dal Grande Partito Nazionale, cui appartiene lo stesso Lee, per la presunta tardività e inadeguatezza della risposta militare all’attacco a sorpresa di due giorni fa. Da La fonte è un membro parte sua la Corea del Nord ha accusato Seul e Washing- della Commissione ton di essere in parte responparlamentare di Difesa, sabili dello scambio di colpi d’artiglieria e avverte di esse- il quale sostiene che re pronta a colpire ancora se provocata nuovamente. Lo l’informazione viene riporta l’agenzia di stampa dai servizi segreti nordcoreana Kcna: «Se poi quei burattini guerrafondai di sudcoreani non ritorneranno ala ragione e provocheranno ancora militarmente, allora il nostro esercito porterà avanti un secondo e un terzo round di attacchi senza alcuna esitazione». Mercoledì il Pentagono ha cercato di buttare acqua sul fuoco, dicendo che l’attacco è stato un fatto isolato dovuto più a motivi interni nordcoreani (la lotta alla successione a Kim Jong-il) che a una vera volontà di provocare Seul. Infatti secondo quanto riferisce il quotidiano sudcoreano Chosun Ilbo, Kim Jong-il e il figlio Kim Jong-un, il candidato alla successione, avrebbero visitato la base di artiglieria da cui sono partiti i colpi verso l’isola sudcoreana di Yeonpyeong poche ore prima dell’attacco.


28

il Domani Venerdì 26 Novembre 2010

FOCUS

Allevatori, l’autoriforma discussa con Trematerra

di Pietro Mirante CATANZARO - L’assessore regionale all’Agricoltura Michele Trematerra, accompagnato dal direttore generale Zimbalatti, ha incontrato il sistema zootecnico calabrese. L’incontro, tenutosi presso l’Associazione Regionale Allevatori, è servito ai rappresentanti del mondo zootecnico per esporre all’assessore il progetto di riforma del settore.

Il presidente dell’Ara, Francesco Macrì, ha illustrato le finalità dell’autoriforma e il nuovo assetto dell’organizzazione e della sua struttura. La riforma, ha spiegato Macrì, è stata avviata con il supporto delle Apa Provinciali, delle Op e delle Associazioni di categoria, ed ha come obiettivo la razionalizzazione dei costi di gestione nonché, il miglioramento dei servizi a favore degli allevatori calabresi. Il progetto sarà operativo dal 1°

L’assessore Trematerra, nel riconoscere al sistema zootecnico la capacità di aver attuato con successo il processo organizzativo, si è impegnato a supportarne l’attività

gennaio 2011 e produrrà, da subito, i suoi effetti positivi sia in termini economici che di efficienza del servizio. Il presidente Macrì, ha evidenziato all’assessore che il progetto potrà trovare piena efficacia solo se adeguatamente supportato dal Dipartimento. E’ stato infatti chiesto all’on. Trematerra di avviare, con urgenza, a pagamento le somme relative all’anticipazione 2010, tenuto conto che si è già a ridosso della chiusura dell’annualità e le Apa e le Op hanno già sostenuto ingenti spese per l’erogazione dei servizi alle imprese, esponendosi in modo gravoso con il sistema bancario. E’ stato inoltre richiesto che, per il futuro, si possa operare con progetti a medio - lungo termine per garantire la necessaria e indispensabile stabilità al sistema. Nei vari interventi che si sono succeduti sono state inoltre affrontate le problematiche relative alla valorizzazione delle produzioni zootecniche, nonché, l’annosa e irrisolta questione legata ai rapporti con il Servizio Sanitario Zootecnico Regionale. L’assessore Trematerra dal canto suo, si è impegnato ad affrontare da subito la situazione finanziaria, assicurando a breve, l’erogazione di un’anticipazione per consentire il pagamento delle mensilità arretrate al personale. L’on. Trematerra, nel riconoscere al sistema zootecnico calabrese la capacità

di aver attuato con successo il processo riorganizzativo, si è impegnato a supportarne l’attività istituzionale con tutti gli strumenti operativi a disposizione. L’assessore ha infine rimarcato l’intenzione di farsi promotore, unitamente al presidente Scopelliti, del rilancio dell’attività dell’Unità di Crisi zootecnica già istituita presso il Dipartimento Sanità.

Il presidente dell’Ara, Francesco Macrì, ha illustrato le finalità dell’ autoriforma e il nuovo assetto della sua struttura


Venerdì 26 Novembre 2010 il Domani 29

FOCUS

«Il settore agroalimentare grande fattore strategico»

LAMEZIA TERME - «Il settore agroalimentare rappresenta un fattore strategico chiave per l’economia calabrese e l’etichettatura costituisce un tema caro per le nostre imprese quale strumento fondamentale per orientare le politiche di acquisto del consumatore finale». LohasostenutoFortunatoRoberto Salerno, presidente di Unioncamere Calabria, nel corso di un seminario svoltosi a Lamezia sul tema "Competitività e innova-

zione: etichettatura dei prodotti agroalimentari" organizzato da Unioncamere Calabria Desk Enterprise Europe Network in collaborazione con la Regione Calabria, Assessorato all’Agricoltura. «In questa direzione - ha aggiunto Salerno - la Calabria, ne sono certo, ha molto lavoro da fare anche se mi piace ricordare che molte delle aziende che in passato abbiamo accompagnato alle fiere oggi sono cresciute e rappresentano un fiore all’occhiello per la

nostra economia regionale. Certamente alle istituzioni ed alla politica rimane il compito di stare al fianco del comparto agroalimentare per delinearne insieme nuovi percorsi di crescita e sviluppo». «Riteniamo fondamentale - ha sostenuto Giacomo Giovinazzo, dirigente settore 2 Valorizzazione e promozione produzioni agricole e filiere produttive del dipartimento Agricoltura, Foreste e Forestazione della Regione - far conoscere il nostro patrimonio agroalimentare di eccellenza attraverso operazioni di marketing territoriale concertate sinergicamente all’interno della cornice istituzionale regionale. Ecco perché stiamo raccogliendo le istanze del sistema camerale oltre che delle altre associazioni ed a questo proposito ringrazio proprio Unioncamere Calabria per averci dato la possibilità di portare la no-

stra esperienza qui oggi. Sono certo, inoltre, che la qualità non sia solo insita nel prodotto ma è legata ai servizi ad esso connessi a partire dalla logistica e che l’etichetta debba essere rispondente alla realtà oltre che rispettare le indicazioni di legge e informare

Lo ha sostenuto Fortunato Roberto Salerno, presidente di Unioncamere Calabria, nel corso di un seminario svoltosi a Lamezia sul tema "Competitività e innovazione" circa la provenienza e la storia del territorio. L’importanza dell’etichettatura dei prodotti agricoli a qualità certificata impone sicuramente l’ammonimento dei fraudolenti perché il danno compiuto interessa non solo il singolo ma purtroppo l’intero comparto».

Lu. Man.


il Domani Venerdì 26 Novembre 2010 31

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

FTSE Italia All-Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

CAMBI

CHIUSURA

VAR. %

20.598,96 19.945,94 23.214,41 21.250,46 21.841,44 10.967,09

0,05 0,02 0,26 0,13 0,10 0,37

Euro

METALLI

US $

UK £

¥en

1 Euro

1.0

1.33788

1 US $

0.74745

1.0

0.63405 83.616

1 UK £

1.1788

1.5771

1.0 131.82

1 ¥en

0.84829

111.87

0.0089384 0.011959 0.0075824

1.0

USD/on

EURO/gr

1 376,40

33,03

27,73

0,668

PLATINO

1670,80

40,43

PALLADIO

708,15

17,28

ORO ARGENTO

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

A.S. Roma A2A Acea Acegas-Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm-Agam Aedes Aeffe Aegon Aeroporto Firenze Ageas Ahold Kon Aicon Alcatel-Lucent Alerion Allianz Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pellettieri Apulia Prontop Arena Arkimedica Arkimedica 2012 Cv5% Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Spa Autostrada To-Mi Autostrade Merid Axa Azimut B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 Banca Generali Banca Ifis Banca Intermobiliare Banca Pop Emilia R. Cv 4% 2010-2015 Banco Popolare Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 Banco Santander Basf Basicnet Bastogi Spa Bayer Bb Biotech Bca Carige Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat Bca Mps Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili Best Union Company Bialetti Industrie Biancamano Biesse Bioera Bmw Bnp Paribas Boero Bartolomeo Bolzoni Bonifiche Ferraresi Borgosesia Borgosesia R Bper 12 Cv Sub 3,7% Brembo Brioschi Bulgari Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc Cad It Cairo Communication Caleffi Caltagirone Caltagirone Edit Camfin Campari Cape Live Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro Carrefour Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt

Ora

Min

Max

1,165 1,025 8,575 3,99 36,96 1,53 1,095 0,1859 0,409

+0,17 -0,48 -0,46 -0,37 -0,54 -1,23 +2,82 +0,38 -3,99

17.30.52 1,155 1,184 17.30.09 0,998 1,032 17.30.16 8,52 8,63 15.56.41 3,90 4,015 15.35.04 36,60 37,20 16.36.03 1,50 1,53 17.30.33 1,057 1,10 17.30.40 0,1805 0,189 17.30.38 0,403 0,4275

10,86 1,915 9,38 0,2159 2,1725 0,497 88,10 3,69 9,865 0,477 0,392 0,0266 0,44 97,45 1,606 4,69 15,65 9,965 9,815 21,94 12,14 6,70 88,80 3,50 105,06 8,91 5,13 4,16 106,26 3,295 109,47 7,82 59,00 2,82 1,46 57,72 46,90 1,519 2,6475 110,30 0,505 0,8755 3,5825 8,78 3,10 2,765 6,30 0,407 3,65 3,825 9,075 0,3485 0,5695 4,7325 99,86 0,655

-0,46 -0,10 -0,32 +1,60 -0,23 +0,00 -0,01 -0,81 +1,75 -0,52 +6,96 +2,70 -2,55 +0,46 +1,45 -0,37 +0,00 -1,73 +1,29 -0,05 +0,33 +1,98 +0,23 +3,25 -0,60 -0,28 +0,10 +0,18 -0,04 +0,84 -0,07 +0,39 +0,65 +2,08 -3,95 +1,85 +0,64 -0,46 +0,86 -0,63 +1,00 +0,06 -2,91 +0,00 -1,35 -0,09 +0,64 -2,51 +0,07 +0,72 -0,27 -1,27 -3,06 -1,20 +0,00 -0,76

16.04.03 17.03.04 9.08.06 17.30.02 13.47.44 17.30.14 17.18.53 17.30.59 17.30.58 17.30.17 17.30.09 17.30.07 17.30.17 14.20.23 17.30.35 17.30.49 17.30.44 17.30.58 17.30.43 17.30.24 17.18.21 17.30.57 16.35.49 17.30.50 16.31.16 17.30.05 17.30.08 17.01.58 16.45.18 17.30.06 17.11.03 17.03.49 16.05.07 17.30.03 15.36.12 17.30.14 17.30.08 17.30.44 17.16.05 13.18.18 16.11.31 17.30.50 14.33.32 17.30.46 17.30.34 17.30.44 17.30.05 17.30.56 12.51.19 17.24.43 17.30.31 17.30.31 16.59.22 17.30.16 17.20.52 17.30.02

10,85 1,872 9,38 0,2116 2,1725 0,49 86,81 3,645 9,60 0,461 0,36 0,0254 0,44 96,25 1,573 4,68 15,54 9,90 9,71 21,22 12,01 6,52 88,80 3,37 105,06 8,76 5,00 4,16 106,20 3,2025 109,20 7,65 58,53 2,72 1,46 57,42 46,80 1,502 2,565 110,30 0,4975 0,8535 3,5825 8,65 3,0675 2,7075 6,135 0,404 3,625 3,78 8,79 0,3465 0,5665 4,6625 99,76 0,6455

0,3335 -2,91 17.30.19 0,323 1,34 +0,08 16.36.03 1,311 4,8125 +1,32 17.30.09 4,665 Sospensione 59,86 +1,46 17.20.11 58,98 49,87 -0,24 17.30.47 49,02 2,08 -3,26 17.30.49 29,03 -0,55 17.30.32 1,45 -1,43 100,35 -0,50 8,165 -0,85 0,144 -2,57 7,675 +1,99 1,126 +0,45 7,435 -0,53 4,59 +2,46 4,065 +1,63 2,52 -0,39 1,08 +0,94 1,82 -1,09 1,65 -1,61 0,368 -0,41 4,5575 -0,16 0,188 +4,16 72,00 -4,00 2,95 -1,34 37,40 +3,09 17,65 -0,28 1,76 +0,98 0,276 +0,18 5,885 +0,60 2,02 -1,46 2,37 +2,16 0,2215 -4,11 0,134 +0,75 0,2895 -0,86 0,644 -0,46 1,46 +0,69 0,439 +2,81 1,43 +11,37 0,614 +0,66 0,3965 +1,67 92,98 -0,02 1,021 +1,80 21,79 +0,14 4,4975 -0,66 10,19 -0,10 1,201 -2,20 3,1125 +0,16 0,1436 -0,35 99,93 -0,27 1,035 -1,62 0,988 -0,25 5,08 +0,40 51,80 -0,13 0,871 +0,00 20,72 +0,34 11,15 +0,18 45,90 +0,99 5,90 +0,00 5,20 +5,48 1,167 -0,09 38,94 +0,18 9,95 -0,40 32,38 +0,50 1,329 +3,02 2,83 +4,14 13,02 +0,39

15.46.40 17.01.17 17.30.21 17.30.02 17.30.00 17.30.07 17.30.11 17.30.41 17.30.19 17.30.56 16.17.13 17.30.10 17.30.25 17.09.38 17.30.29 17.30.07 16.32.14 17.30.06 17.30.16 17.30.08 13.57.52 17.30.23 17.30.15 17.30.56 17.30.47 17.30.16 17.30.53 17.30.15 17.30.55 17.30.48 17.30.55 17.30.43 17.30.16 17.30.55 15.51.12 17.30.22 17.30.43 17.30.30 17.15.28 17.30.25 17.30.59 12.31.22 16.57.52 17.30.50 17.30.53 16.35.40 17.20.00 16.47.45 17.30.55 17.30.05 9.04.23 17.30.46 17.30.58 17.30.30 17.17.30 17.30.32 17.30.58 17.30.59 17.08.14 17.24.28

Apertura 1,184 1,03 8,60

0,189

10,94 1,939 1,933 9,38 0,22 2,22 0,497 0,497 88,23 3,725 3,72 9,905 9,69 0,4975 0,4975 0,3935 0,36 0,0269 0,026 0,468 97,45 1,606 4,77 4,71 15,72 15,67 10,13 10,13 9,825 9,78 21,94 21,91 12,18 6,725 6,60 89,10 3,50 105,30 8,99 8,965 5,17 4,1725 106,95 3,3125 3,2725 109,75 7,895 60,93 2,82 2,72 1,47 57,85 47,18 1,531 1,522 2,655 2,565 110,30 0,505 0,883 0,88 3,60 8,845 8,745 3,15 3,15 2,79 2,785 6,30 6,26 0,427 0,427 3,6825 3,8575 9,115 0,355 0,351 0,5885 0,5815 4,815 4,815 99,86 0,672 0,35 1,35 4,86 62,67 50,27

2,05 28,35

2,15 29,78

1,45 100,32 8,08 0,142 7,435 1,104 7,325 4,4125 4,065 2,4975 1,08 1,786 1,631 0,362 4,5125 0,1806 72,00 2,935 36,14 17,40 1,70 0,272 5,80 1,974 2,34 0,2176 0,133 0,2845 0,63 1,443 0,429 1,301 0,601 0,375 90,00 0,982 21,50 4,49 10,10 1,19 3,055 0,14 99,82 1,024 0,988 5,03 51,56 0,8275 20,26 11,03 45,90 5,735 4,94 1,147 38,30 9,95 31,96 1,287 2,6575 12,81

1,452 100,80 8,38 0,145 7,70 1,14 7,465 4,59 4,0775 2,545 1,09 1,83 1,675 0,373 4,5675 0,1949 72,00 3,045 37,40 17,90 1,775 0,2785 5,885 2,0575 2,37 0,225 0,1366 0,2895 0,659 1,469 0,4415 1,43 0,614 0,4045 94,40 1,021 21,80 4,56 10,20 1,233 3,1275 0,1447 100,20 1,06 1,00 5,14 52,60 0,871 20,86 11,27 46,01 5,90 5,24 1,185 39,20 10,00 32,54 1,342 2,83 13,09

58,98 50,01

100,80 8,235 7,55 7,465 4,5725

1,631 0,37 4,5625 0,1887 72,00 17,78 0,2785 2,035 0,1332 0,2845 1,443 0,439 1,301 0,603 92,98 4,54 3,1225 0,1401 100,08

20,63 11,15 5,735 4,94 1,174 32,39

AZIONI E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enel Green Power Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Falck Renewables Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iren Isagro It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Meridiana Fly Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

22,72 0,83 1,249 1,414 13,10 1,404 4,28 3,79 1,56

+2,20 +0,12 -0,08 +3,59 -0,30 +0,14 +0,47 +0,20 -1,39

20,75 15,67 9,565 0,639 0,433 5,82 1,886

8,795

+1,07 17.30.39 20,55 20,75 -0,19 17.30.32 15,50 15,75 15,73 +2,19 17.30.21 9,39 9,60 9,43 -0,78 17.16.54 0,635 0,6515 +3,10 17.10.01 0,433 0,46 +4,49 17.30.57 5,505 5,85 5,58 +1,56 17.30.18 1,834 1,886 Sospensione +1,30 17.30.42 21,28 21,88 21,72 +3,07 17.30.59 16,95 17,90 17,64 +1,19 17.30.18 17,19 18,00 17,70 -1,41 17.30.29 0,955 1,002 -0,76 17.30.46 2,21 2,3625 2,3625 +0,22 17.24.55 17,93 17,98 17,98 +1,43 17.30.57 13,17 13,56 13,37 +0,92 17.30.21 9,15 9,46 9,415 +1,02 17.30.20 9,18 9,48 9,40 +0,84 17.30.00 2,8475 3,00 +1,35 17.15.26 4,405 4,50 Sospensione -0,23 17.30.42 8,73 8,855 8,795

0,49 5,85 3,47 16,27 1,124 0,335

-1,01 -0,85 -1,84 +0,12 +1,72 -2,33

16.39.42 0,49 17.30.02 5,735 17.30.44 3,41 17.19.25 16,19 17.30.08 1,079 17.30.15 0,3305

0,50 5,95 3,53 16,27 1,127 0,343

27,02 3,8125 0,5325 1,038 14,46 3,545

-0,84 -0,59 +6,29 +3,80 -0,62 +3,28

9.23.56 17.14.39 17.30.47 17.30.29 17.30.25 17.30.47

27,02 3,935 0,544 1,048 14,60 3,545

21,86 17,80 17,80 0,9775 2,27 17,97 13,49 9,365 9,395 2,995 4,4925

1,848 2,84 5,65 4,29 7,505 1,43 0,825 14,00 1,35 0,844 1,258 0,837 2,0125

17.30.23 22,44 22,75 17.30.19 0,815 0,8365 0,829 16.05.28 1,238 1,273 1,273 17.30.07 1,359 1,414 1,359 17.30.31 13,00 13,25 17.24.37 1,35 1,41 12.44.06 4,22 4,28 17.30.25 3,7075 3,79 3,7725 17.30.28 1,56 1,585 1,583

26,01 3,775 0,492 1,038 14,24 3,41

5,93 3,53 0,343 3,835 0,502 14,53 3,44

-1,33 17.30.13 1,83 1,889 1,878 -0,35 17.30.10 2,80 2,88 2,88 -1,82 17.30.56 5,53 5,80 5,65 +0,94 9.04.40 4,29 4,29 +0,07 17.30.07 7,40 7,54 7,50 +0,42 17.30.52 1,417 1,445 1,425 Sospensione -3,05 17.30.45 0,825 0,8255 +1,67 17.20.37 13,77 14,00 -2,88 17.30.19 1,34 1,393 1,393 +2,93 16.26.22 0,825 0,844 -0,08 17.22.46 1,229 1,281 1,26 -0,42 17.30.14 0,801 0,8455 0,8315 -0,62 17.30.56 1,984 2,025 2,025

8,46 -3,31 17.30.34

8,26

8,75

2,47 +2,92 17.20.08 2,375 7,44 +0,61 16.56.57 7,42 0,378 +1,61 17.30.20 0,355 0,67 -6,16 17.30.10 0,67 4,8325 +0,36 17.30.39 4,745 2,1425 -1,15 17.30.03 2,1175 1,774 +0,57 17.30.07 1,749 0,012 +12,15 17.11.47 0,0102 1,39 -2,11 17.30.38 1,376 1,187 +0,94 17.30.08 1,161 3,20 +1,35 15.41.39 3,1575 2,8875 -0,09 17.30.17 2,80 5,66 +0,36 17.30.52 5,54 3,15 -0,16 17.30.52 3,12 23,59 -0,88 17.30.23 23,48 15,75 -1,50 17.30.04 15,58 1,862 +0,11 15.29.50 1,86 0,904 -0,66 17.15.33 0,90 0,0596 -0,67 17.21.54 0,0581 1,80 +5,33 17.30.07 1,541 1,90 +0,00 14.11.54 1,895 0,317 -0,31 17.30.15 0,304 0,5785 +1,58 17.30.52 0,57 84,20 -0,86 11.28.53 84,20 1,77 +0,57 16.24.10 1,739 2,8675 +1,06 17.30.44 2,805 0,3975 -0,25 17.30.49 0,3785 9,91 -2,17 17.30.29 9,52 20,93 +2,40 17.30.21 20,26 121,15 +4,79 17.30.00 118,79 3,22 +0,94 17.30.50 3,1675 0,2125 +12,73 17.30.56 0,2119 3,49 +3,10 17.30.48 3,3425 Sospensione 7,92 +0,25 17.30.01 7,81 2,55 +0,39 12.56.16 2,45 4,475 -1,27 17.30.01 4,4575 6,735 -2,53 17.30.43 6,685 3,0575 -1,13 17.30.25 2,97 0,0446 -0,89 17.30.57 0,0432

2,47 7,495 0,378 0,67 4,85 2,1775 1,782 0,012 1,42 1,199 3,25 2,90 5,68 3,19 23,98 15,85 1,862 0,92 0,0601 1,821 1,90 0,322 0,58 84,20 1,78 2,8725 0,3975 10,04 20,93 123,60 3,275 0,2137 3,49 7,93 2,55 4,545 6,95 3,125 0,046

7,93 2,55 4,52 6,95 3,11 0,046

0,9575 +0,79 17.30.19 0,9205

0,989

0,975

1,152 1,223 3,1225 0,3525 2,525 0,1403 5,16 0,417 0,1364 0,295 0,7835 111,20 5,20 1,35 2,7975 6,45 7,44

1,119 1,223

1,129 1,195 3,1125 0,3365 2,505 0,1403 5,155 0,4115 0,1319 0,29 0,72 111,20 5,20 1,35 2,77 6,45 7,44

+1,71 -2,37 -2,12 -2,32 -0,59 +1,67 +1,48 +2,75 -0,98 +1,58 -1,37 -0,46 +1,96 +0,37 -0,89 +0,00 +2,62

17.30.54 17.30.30 10.56.34 17.30.58 17.30.00 10.36.52 17.30.26 17.03.16 17.30.52 17.30.55 17.30.50 16.02.50 17.30.01 9.09.59 16.59.20 17.18.01 17.30.01

1,084 1,179 3,1125 0,3355 2,4625 0,1403 5,08 0,3805 0,13 0,28 0,71 111,05 5,05 1,35 2,76 6,44 7,235

0,5275 +3,64 17.30.47 0,5145 1,546 -2,15 17.30.40 1,546 1,969 +0,31 17.30.07 1,946 2,3775 3,30 3,22 1,84 6,01 5,79

+0,53 +0,30 +1,58 +0,00 +1,01 +3,39

17.30.47 17.30.29 17.30.02 17.30.22 17.30.39 17.30.13

4,85 2,1575 1,769 0,0115 1,177 5,655 15,82 0,92 0,0581 1,658 0,318

2,8375 0,3975 10,04 20,39 3,2225 0,2129

0,34 2,49 0,399 0,735

0,546 0,5335 1,58 1,56 1,969 1,953

2,31 2,3975 3,22 3,32 3,12 3,275 1,826 1,88 5,885 6,025 5,545 5,80

9,345 +0,81 16.35.54 9,21 0,4905 -2,10 17.22.33 0,4905

8,725

9,425 0,505

2,38 3,26 1,88 5,94

AZIONI Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Prelios Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Seteco International Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tas Axa Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vita Societa Editoriale Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Ergycapital 2016 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Warr Tamburi 2013 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Warr Unipol 2013 Warr Unipol Prv 2013 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

0,68 0,8395 124,00 0,9225 0,4085 0,80 0,72 6,60 12,50 0,161 0,9075 1,026 0,7345 2,04 6,98 44,00 0,2401 17,60 0,3545 0,044 0,2431 1,33 48,35 0,898 23,17 0,396 6,42 4,73 12,38 33,12

+3,03 +0,18 +3,45 -0,16 -2,62 -2,20 -2,70 +0,08 +2,12 -0,56 +3,13 -0,48 +0,21 +0,00 +1,75 +0,57 -2,04 +1,15 -1,39 -4,14 -0,78 +0,00 -4,24 +9,38 +1,27 -0,63 -0,23 +0,21 +0,00 +2,54

16.34.40 0,645 0,687 17.30.37 0,83 0,859 0,83 16.31.39 121,70 124,00 17.30.13 0,91 0,9315 17.30.48 0,405 0,4235 0,418 17.30.53 0,782 0,8425 17.16.21 0,72 0,726 13.33.30 6,60 6,60 17.30.02 12,19 12,52 12,28 17.30.00 0,1599 0,162 0,1618 17.30.18 0,90 0,908 17.30.59 1,024 1,057 1,044 17.30.27 0,72 0,74 9.32.59 2,02 2,04 17.30.11 6,785 6,98 6,845 17.15.05 42,51 44,00 17.30.14 0,24 0,2478 0,2451 17.30.32 17,35 17,84 17,50 17.30.36 0,345 0,3595 17.30.57 0,043 0,0462 0,0462 17.30.09 0,2416 0,251 15.38.54 1,30 1,33 15.39.50 48,35 48,84 17.30.45 0,817 0,898 0,817 17.30.36 22,33 23,17 22,88 17.01.36 0,396 0,4035 0,4035 17.30.04 6,385 6,495 6,495 17.30.30 4,64 4,73 4,7025 17.30.28 12,15 12,55 12,50 17.30.35 32,07 33,12 32,21

48,63 35,70 1,352 10,22 7,22 0,575 0,1013

-1,96 +0,93 -0,44 +2,20 -1,10 -1,71 +1,30

17.24.46 48,38 48,63 17.30.11 35,70 36,24 17.30.06 1,329 1,367 1,367 17.23.55 10,22 10,22 17.04.58 7,18 7,22 17.30.33 0,567 0,59 17.30.14 0,0983 0,1029 0,1005

6,105 -1,53 17.30.34 6,015 6,20 Sospensione 6,825 +0,81 17.30.05 6,745 6,90 6,745 93,20 -0,84 17.11.31 93,05 93,50 86,37 +2,55 17.08.50 85,40 86,44 2,6225 +2,64 17.30.11 2,5825 2,72 2,65 3,75 -0,33 17.30.34 3,7225 3,76 3,7525 Sospensione Sospensione 0,0822 -4,42 17.30.57 0,0814 0,086 0,0822 38,76 +0,89 17.15.15 38,19 39,01 Sospensione 2,245 +1,13 17.30.56 2,2325 2,29 2,27 4,81 -1,84 17.30.08 4,75 4,8725 62,00 -1,19 17.30.29 61,10 63,40 1,705 +2,71 17.30.02 1,662 1,707 1,662 0,5005 +0,10 17.30.44 0,49 0,519 0,51 6,845 +1,26 1,383 +0,44 1,497 +14,98 5,49 -14,95 1,53 -1,80 0,3305 -0,15 0,975 -0,96 0,2354 -1,26 0,8185 -1,39 17,09 -1,10 16,57 +1,78 3,20 -1,16 3,505 -1,13 0,623 -0,32 0,0849 -1,05 78,55 +0,98

17.30.57 17.30.41 17.30.42 17.30.37 17.30.20 17.30.13 17.30.59 17.30.54 17.30.02 16.34.08 17.30.30 17.30.58 17.30.17 16.45.42 17.30.26 17.30.18

37,97 9,29 5,13 6,775 105,02 0,487 1,614 2,00 23,85 0,472 0,3605

17.30.57 37,70 38,00 37,96 17.30.25 9,01 9,37 9,345 15.24.35 5,13 5,20 17.30.52 6,635 6,855 6,805 17.24.30 104,75 105,06 17.30.23 0,4755 0,5085 17.30.39 1,571 1,624 1,61 17.30.48 1,954 2,03 15.37.57 23,85 23,85 23,85 17.30.17 0,465 0,4785 0,4785 17.30.08 0,3555 0,366 0,366

1,294 3,84 0,794 3,65

-0,68 -0,59 +0,39 -0,66 -0,13 -2,40 +0,25 -1,96 -0,50 -0,63 -0,69

6,705 1,367 1,497 5,49 1,505 0,3305 0,97 0,2327 0,8115 17,00 16,32 3,1775 3,50 0,62 0,0836 78,17

6,86 1,39 1,497 5,49 1,53 0,3305 0,984 0,2396 0,83 17,26 16,57 3,225 3,5525 0,623 0,0879 79,17

Sospensione +0,08 17.30.14 1,289 1,294 +0,00 17.30.58 3,76 3,8475 +1,47 17.11.59 0,75 0,794 +0,00 17.30.33 3,625 3,6675

19,85 -2,22 7,84 +1,82 0,043 -6,52 0,002 -23,08 1,577 -1,31 0,064 -4,48 0,245 +1,66 0,0245 +8,89 0,127 +12,59 0,098 -1,01

17.04.37 16.26.07 17.30.02 17.30.29 13.49.18 17.15.13 16.42.21 17.22.59 17.08.36 15.39.35

19,85 7,695 0,04 0,0017 1,50 0,0611 0,2424 0,0224 0,119 0,098

6,74 1,38

0,981 0,2396 0,83 16,38 3,2175 3,5525 0,0862 78,87

0,75

19,85 7,84 7,84 0,0468 0,043 0,0024 0,0024 1,67 1,507 0,068 0,063 0,251 0,0264 0,0241 0,127 0,12 0,1039 0,0985

0,0267 +11,25 9.48.46 0,0249 0,0267 0,0267 0,48 +0,00 16.04.27 0,458 0,4845 0,4845 0,003 -9,09 16.11.13 0,0026 0,003 0,0029 0,0177 -1,67 16.48.29 0,0177 0,0185 0,017 -5,03 17.30.30 0,016 0,0182 0,0161 0,964 +1,00 17.16.17

0,947 0,9645 0,9615

0,0495 -5,71 16.13.45 0,0495

0,05

Sospensione 0,2222 +1,00 17.30.21 0,22 0,0023 +0,00 15.41.54 0,0022 0,0055 -12,70 17.30.21 0,0055 0,023 -0,86 17.09.31 0,0225 0,0235 +0,86 17.30.50 0,0219 7,52 -0,33 17.30.22 7,355 0,062 +0,65 17.06.29 0,0591 4,85 -0,61 17.30.25 4,85 0,44 -2,11 14.45.57 0,435 0,491 -1,80 10.17.37 0,4795

0,236 0,0023 0,0061 0,0241 0,0238 7,595 0,0635 4,91 0,44 0,491

0,2201 0,0055 0,0219 7,595

0,4795



il domani