Page 1

Venerdì 26 Marzo 2010 Anno XIII - Numero 84

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

EURO

REGIONALI

REGIONALI

Verso aiuto misto, parte Fmi parte in prestiti bilaterali

Marcegaglia osservatore neutrale: campagna violenta senza interesse

Callipo: i messaggi di Loiero hanno un sapore elettorale

di Carlo Bassi a pag » 25

di Angue Rucola a pag » 24

a pag » 11

Di scena a Reggio Calabria il teatrino del leader di Idv, tra le «mostruose fregnacce complottiste» e il «Berlusconi piduista e fascista»

Regionali: Di Pietro a ruota libera

L’ex magistrato e giustizialista tuona da tribuno della plebe contro tutto e contro tutti per sostenere la candidatura di Pippo Callipo IL COMMENTO

Quei dati agghiaccianti

«Berlusconi non metterà mano alla Costituzione, Idv la difenderà. Quello del Premier è un tipico comportamento da regime. C’è bisogno di un segnale inequivocabile, L’INTERVENTO già dalle Regionali». «Loiero è l’unico responsabile dell’attuale situazione calabrese» a pag » 3

LOIERO FIRMA LA CONVENZIONE

di Carlo Fatuzzo Segretario Partito dei pensionati

Sanità: è necessario invertire la tendenza di Paolo Tramonti Segretario Generale dell’ Usr-Cisl Calabria

La perdita di ben 380mila posti di lavoro per il 2009, secondo quanto comunica l’Istat, ha fatto salire il tasso di disoccupazione medio al 7,8%, rispetto al 6,8% della media del 2008, e se si considera che, con riferimento al 4° trimestre del 2009, il tasso di disoccupazione è salito all’8,2%, il livello più alto dal 2001, il dato diventa ancora più preoccupante. Questi dati sono ancora più gravi perché sono la prova vera che il Paese non è uscito dalla crisi ma che, anzi, sta vivendo forse il momento peggiore di una crisi economica che sta mettendo in ginocchio il Paese e sta facendo vivere a milioni di cittadini l’incubo povertà. I senza lavoro, sempre secondo l’Istat, sono 2milioni145mila ed a questi vanno aggiunti coloro che si sono rassegnati.

Il presidente Agazio Loiero, in qualità di commissario delegato per l’emergenza alluvione di Vibo Valentia ha firmato insieme al D.G., Giuseppe Augrusa, del consorzio industriale della provincia di Vibo Valentia la convenzione che regola il finanziamento per la realizzazione del villaggio industriale per le aziende all’interno dell’area Ex

segue a pag » 2

segue a pag » 2

Percentuale di ricarico in diverse annualità

Villaggio industriale di Vibo: 6,5 milioni

La Corte di cassazione ha stabilito che la percentuale di ricarico che viene applicata agli acquisti per la determinazione induttiva dei ricavi, può essere utilizzata anche per determinare il volume d’affari di diversi anni di imposta, purché l’attività imprenditoriale non sia cambiata nel corso degli anni. L’Amministrazione finanziaria può procedere all’ accertamento analitico induttivo. Luana Rocca a pag » 26

Un miliardo di euro dei fondi Fas per coprire il nostro pauroso buco sanitario: siamo i peggiori Altro che regioni virtuose. Da Verona, dove si è recato in visita ieri, il ministro della Sanità Ferruccio Fazio ha confermato che «sono stati utilizzati i Fas (Fondi per le aree sottosviluppate) per ripianare due miliardi di euro di buco nella sanità di tre regioni: Campania, Calabria e Lazio. Un miliardo si riferisce alla Calabria, mezzo miliardo alla Campania e 420 milioni al Lazio». Al contrario del Veneto, dove l’assistenza sanitaria è di livello europeo, e dove ci si può permettere di progettare e costruire nuovi ospedali, in altre realtà del Paese, si fanno i conti con i Piani di rientro e con i deficit da milioni di euro. È emerso che, su sei Regioni sottoposte a controllo, quattro presentano ancora un asituazione estremamente critica per quanto riguarda i disavanzi sanitari. L’ultimo dato relativo al servizio sanitario regionale calabrese illustrava, per il periodo 2003-2008, un deficit pari a 538 milioni e 519 mila euro. di Gaia Mutone a pag » 8

I recenti dati relativi al persistere di un ingente disavanzo sanitario in Calabria confermano i timori per le ripercussioni che potrebbero derivarne soprattutto in una Regione già debole come la nostra. Tutto ciò assume maggiore rilevanza se si considera il permanere di una situazione di grave disagio, così come è attestato da tutti gli indicatori economici e sociali che vedono la nostra Regione nelle ultime posizioni per PIL, indici di disoccupazione, inoccupazione, povertà, qualità della vita: tutti aspetti, questi, che non registrano alcun miglioramento. La CISL calabrese di più tempo chiede una netta inversione di tendenza che consenta di passare da una visione di tipo tradizionale del welfare a una impostazione che veda le politiche sociali come uno degli strumenti decisivi per lo sviluppo. In questo senso l’approvazione del Piano Sociale Regionale, avvenuta verso la fine dell’ultima consiliatura, rappresenta sicuramente uno strumento importante e fondamentale che, se pienamente attuato e reso operativo, potrà essere in grado di innalzare concretamente i livelli di inclusione sociale a favore delle fasce più deboli, quelle al momento più esposte a rischio di emarginazione. Tale percorso, per essere efficace, dovrà essere completato con altre iniziative legislative, a partire dall’approvazione della Legge Regionale sulla Non Autosufficienza, in modo da recuperare quei ritardi e quelle distrazioni che, nonostante l’impegno e le sollecitazioni del Sindacato e della CISL. segue a pag » 2


2

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI IL COMMENTO di Carlo Fatuzzo Quei dati agghiaccianti Rassegnati ad una eterna disoccupazione e neppure più cercano lavoro, una situazione agghiacciante che non può lasciare indifferente nessuno, tantomeno il Governo. Una disoccupazione in crescita continua se si considera addirittura che, secondo i dati Istat, nel gennaio 2010 il tasso di disoccupazione destagionalizzato ha raggiunto l’8,5%. Tutto ciò fa prevedere un futuro a breve e medio termine pesantissimo per la nostra economia, per i lavoratori e per tutta la società italiana. C’è da chiedersi cosa accadrà a tanti padri di famiglia quando finirà la possibilità per le aziende di ricorrere alla cassa integrazione guadagni e alla mobilità ed è proprio per venire incontro a queste situazioni più che preoccupanti che il Parlamento, come aveva già fatto del resto, allunghi la cassa integrazione. Il Partito Pensionati ritiene che sia necessario che il Governo prenda atto di una situazione che è difficilissima e abbia il coraggio di abbassare le

L’INTERVENTO di Paolo Tramonti Sanità: è necessario invertire la tendenza tasse non solo per pensionati e lavoratori dipendenti, ma per tutti i settori produttivi del Paese in modo da rendere più competitivi i nostri prodotti e ridando, al tempo stesso, disponibilità economica alle famiglie, agevolando i consumi e con essi la produttività e l’occupazione. I fatti dimostrano che l’ottimismo a tutti i costi non paga, ed è giusto parlare chiaro al Paese.

Tali sollecitazioni, in particolare, ancora non ne hanno ancora consentito il varo. Tutto ciò si rende particolarmente urgente e necessario se si tiene conto della specificità calabrese con una popolazione per il 19 per cento costituita da anziani e pensionati. Costoro, al pari delle altre categorie a rischio, stanno subendo in modo pesante gli effetti della crisi economica in atto, con pesanti ricadute sulle famiglie, anch’esse bisognose di

tutele e aiuti, finora mancati. Per la Cisl la nuova consiliatura regionale, ormai alle porte, dovrà avere quali priorità proprio le politiche a sostegno delle fasce più deboli, dei non autosufficienti, delle famiglie, degli anziani, mettendo in campo un sistema di welfare realmente orientato a principi di solidarietà e di equità. Su questi temi sarebbe opportuno un impegno, anche e soprattutto in questa fase elettorale, da parte di chi aspira ad assumere la guida della nostra Regione, pur dovendo registrare, al momento, come tali problematiche siano del tutto estranee al dibattito politico in corso.

Paolo Tramonti

FUORI DAL COMUNE

IL FATTO DEL GIORNO Villaggio industriale di Vibo: 6,5 milioni di Carmela Mirarchi

Consultorio, un servizio a supporto delle donne RENDE - Sono stati inaugurati i nuovi locali del Consultorio di Rende. La nuova struttura, dotata di ambulatorio ginecologico per ecografie e di ambulatorio pediatrico, è un Consultorio di secondo livello, attrezzato per interventi di piccola chirurgia e di diagnostica isteroscopia per la prevenzione delle patologie femminili. E’ possibile, inoltre, effettuare ecografie pediatriche. L’equipe medica, diretta da Giuseppe De Munno è costituita da medici specialistiginecologi,PranteraeBaldino,da un pediatra, De Angelis e da ostetriche, infermieri, assistenti sociali e psicologi. Si tratta di una struttura di grande rilevanza per le donne della zona in quanto il Consultorio è attivo anche nelle campagne di screening del tumore del collo dell’utero. Nuovi locali a Rende dunque per un spazio che servirà anche da supporto anche ai giovani. Ci saranno infatti anche centri d’ascolto per problemi legati alla sfera familiare ma anche per le neomamme. Ha fatto bene il direttore dell’Asp di Cosenza Petramala ha sottolineare l’importante ruolo dei consultori nell’ambito del servizio sanitario. Il suo compito è quello di filtrare le richieste degli utenti dando loro risposte adeguate anche al fine di decongestionare la rete ospedaliera.

Rinascono così le zone gravemente colpite dagli eventi alluvionali del 3 luglio 2006. Per Loiero: «Il villaggio industriale raggrupperà diverse imprese dotandole di infrastrutture e servizi di primo livello, che assieme ai finanziamenti già stanziati per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature permetterà alle imprese beneficiare un salto di qualità da tempo atteso». Il villaggio avrà un costo complessivo di 6.493.467,22 milioni di euro e verrà finanziato per il 92,58 per cento da risorse previste nella misura A.2.2 dell’Apq (Accordo di programma quadro) "Sviluppo Locale-Programma Emergenza Vibo Valentia" e per il 7,42 per cento dal Consorzio. Grazie a questo fondamentale intervento le aziende non dovranno anticipare proprie risorse per realizzare le opere murarie, e potranno destinare i propri investimenti alle proprie attività e alle risorse umane a rischio di licenziamento. Inoltre verrà liberata un’area nell’abitato di Vibo Marina che potrà essere utilizzata per soluzioni urbanistiche finalizzate al benessere delle popolazioni delle marinate. Quanto al villaggio, nel suo

complesso sarà realizzato con strutture prefabbricate che, dal punto di vista architettonico, saranno uniformi nella scelta delle strutture e nell’applicazione dei materiali per la rifinitura delle parti esterne; le stesse saranno distribuite all’interno dell’unico lotto secondo le esigenze funzionali necessarie a far coesistere i vari tipi di attività fra loro. Si prevede quindi la realizzazione di n° 4 corpi di fabbrica, con superficie variabile da mq 500, mq 1000 e mq 2000 per complessivi 7.248,00 mq.

www.ildomani.it

::Reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997::

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Orlando Rotondaro (responsabile)

Guido Talarico Amministratore

Redazione

Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale)

Francesco Pungitore (caposervizio)

Recapiti telefonici-fax-email Calabria Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801

calabria@ildomani.it

Roma Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.45427172

roma@ildomani.it

appuntamenti@ildomani.it arretrati@ildomani.it redazione@ildomani.it

Direzione Redazione Amministrazione Loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 Roma Via Archimede 201 (Rm) Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


Venerdì 26 Marzo 2010

il Domani

3

PRIMO PIANO

In Calabria per sostenere Callipo, Di Pietro spara a zero anche sul governatore uscente

Tonino infiamma Reggio: «Loiero si faccia da parte» di Angela Latella REGGIO CALABRIA - Il vulcanico leader di Italia dei Valori Antonio Di Pietro si è presentato ieri a Reggio Calabria in sede di supporto della lista provinciale del partito alle prossime elezioni regionali. Accompagnato dal commissario Ignazio Messina, Di Pietro in mattinata ha incontrato giornalisti e semplici cittadini nella sala conferenze di un albergo della città dello Stretto. Tanti gli argomenti affrontati: dal supporto alla candidatura di Callipo a questioni di carattere nazionale. «Vorrei che i cittadini esprimessero il loro parere votando Pippo Callipo - ha detto Di Pietro - un candidato della società civile che noi di Italia dei valori abbiamo presentato e presentiamo all’attenzione dell’opinione degli elettori calabresi per quel che ha saputo fare, per quello che è - cioè persona pulita, indipendente, competente e capace - e per quel che rappresenta, un segno di discontinuità netta nei confronti delle

«Vorrei che i cittadini esprimessero il loro parere votando Pippo Callipo, per quello che ha saputo fare e per quello che è, cioè una persona pulita, indipendente, competente e capace» pratichelottizzatrici e nepotistiche». Al leader di Idv è stato quindi chiesto se la candidatura di Pippo Callipo non comporti una ulteriore divisione nel centrosinistra, rischiando così di far vincere il centrodestra. «Questa situazione ce l’ha sulla coscienza il governatore uscente Loiero - ha sentenziato Di Pietro irresponsabile nel non voler fare un passo indietro nonostante la consapevolezza che forze politiche e cittadinanza non siano tutte dalla sua parte. Noi invitiamo i cittadini ad esprimere la loro preferenza per Callipo: sarà un voto utile per la Calabria, per la trasparenza nella gestione della cosa pubblica, ma soprattutto per battere Scopelliti. Non sta scritto da nessuna parte che se dovesse vincere il sindaco di Reggio la colpa sarebbe di Callipo. La colpa sarebbe invece solo di Loiero, che

non ha saputo trovare il coraggio e l’umiltà di farsi da parte dopo l’opacità della sua amministrazione». L’accordo presunto ed ipotizzato da alcuni organi di informazione tra Callipo e Scopelliti fa sorridere Di Pietro. «È una notizia che, dapolitico,dovreicommentarein maniera diplomatica, ma preferisco farlo in "dipietrese": è una fregnaccia mostruosa!». Il leader di Italia dei Valori ha detto la sua anche sulla questione riforme. «Idv si batterà come un leoneperimpedire che il fascista e piduista Berlusconi

«Idv si batterà come un leone per impedire che il fascista e piduista Berlusconi metta mano alla Costituzione. Non possiamo affidare le modifiche ad una persona che odia la Costituzione» metta mano alla Costituzione. Non possiamo affidare le modifiche - ha detto ancora l’ex magistrato - ad una persona che odia la Costituzione, che la viola tutti i giorni e vorrebbe conquistare anche la massima carica dello Stato per magnificare se stesso come un qualsiasi moderno Nerone». Per quanto riguar-

«Noi di Italia dei Valori abbiamo denunciato l’irresponsabilità del comportamento del premier Berlusconi, che vuole imbavagliare l’informazione libera e zittire l’opposizione» da gli attacchi di Berlusconi alla stampa ed alla magistratura, Di Pietro ha espresso, come sempre chiaramente, la sua idea: «Noi di Idv abbiamo denunciato l’irresponsabilità e l’antidemocraticità del comportamento del presidente del Consiglio che vuole imbavagliare l’informazione libera e zittire l’opposizione. È me personalmente che vorrebbe non sentire.

È il tipico atteggiamento di un regimechenoidobbiamomandare a casa al più presto, già mandando un segnale inequivocabile in occasione di queste Regionali. Perché se i governi regionali coincidessero con quello delle destre razziste e fasciste che impediscono all’opposizione di fare il proprio dovere e all’informazione di informare i cittadini, sarebbe troppo tardi per tornare in dietro».


AsteInfoappalti

4

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010 TRIBUNALE DI CATANZARO Cancelleria esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dott.ssa Giovanna Gioia nella procedura esecutiva n. 8/1996 R.G.E. alle quali sono state riunite le procedure esecutive n.180/1997 R.G.E. e n.198/1997 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico - Unità immobiliare a tre piani fuori terra, non in regola con la concessione edilizia, in corso di costruzione, sita in Sersale, via Progresso n. 45, in catasto foglio 27 particella 772 sub 1, 2, 3, 4, 6, rispettivamente mq. 134, 78, 6 vani, 121. Prezzo base euro 69.212,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L'udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 26/5/2010 ore 9,30. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita e il nome del giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un assegno circolare non trasferibile intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n.8/1996" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato degli immobili. In caso di gara tra più offerenti l'aumento minimo è fissato in euro 2.000,00. L'aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria il prezzo di acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro, 3 marzo 2010 °°°°°°°°°° Avviso di vendita di beni immobili pignorati ex art.569 c.p.c. Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.16/97 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti BENI SITI IN BORGIA: Lotto n. 1: Appartamento in via Don Milani, n. 8 (F.9, P.lla5 41, sub2 ) Euro 32.559,20 Lotto n. 2: Magazzino in via Pertini, n. 21 (F.10, P.lla 1367, sub 1101) Euro 9.826,90 Lotto n. 3: Magazzino in via Pertini n. 19 (F.l0,P.lla 1367,sub 1102) Euro 26.559,57 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 26 maggio 2010. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n.16/97" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale, oltre al 20% per presumibile importo delle spese di trasferimento. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In casa di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 1.000,00 L'aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell'aggiudicatario Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro 20 gennaio 2009 °°°°°°°°°° Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dr.ssa Giovanna Gioia nella procedura esecutiva n. 235/91 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti BENI SITI IN BOTRICELLO: Lotto n. 3: Appartamento in Botricello, via Firenze n. 22, piano primo, in catasto al F.5, art. 94, sub.1101. Euro 33.750,00 Lotto n. 5: Due appartamenti in Botricello, Via Firenze n.22, sup. 70,61 e 70,22 piano primo in catasto al foglio 5, p.lla 94, sub. 3 e 4. Euro 14.100,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 12.05.2010. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigil-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

lata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. 235/91 RGE" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. L'aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell'aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - ll Domani Catanzaro,09 dicembre 2009 °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell'Esecuzione Dr. Giovanna Gioia nella procedura esecutiva n. 72/1993 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: immobile in Chiaravalle C. via Filangeri n. 34 (F.24 P.lla 272 sub.1 e P.lla 268 sub.3 al prezzo base di euro 8.068,36. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 26 MAGGIO 2010. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569 cpc in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12:00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo,fotocopia dei documento d'identità nonché un assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. 72/93" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 500,00. L'aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria,il prezzo d'acquisto dedotta la già versata cauzione entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicati entro il termine di quarantacinque giorni, oltre che nelle forme di legge, mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Manda alla cancelleria di provvedere all'avviso previsto dagli ant. 490 e 570 c.p.c Dispone che nella pubblicità sia omessa l'indicazione del debitore. Catanzaro, 20.01.2010 L'operatore giudiziario Ficchì Miryam °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell'Esecuzione dott. Giovanna Gioia nella procedura esecutiva n. 66/90 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto 1: appartamento in Catanzaro alla località Ianò, primo piano di mq. 110. In catasto al F.12, P.lla 350, sub 12 prezzo base d'asta Euro 24.046,50; lotto 2: appartamento in Catanzaro alla località Ianò, piano seminterrato di mq. 87. In catasto al F.12,1P.lla 350, sub 7 prezzo base d'asta Euro 18.984,00; lotto 3: appartamento in Catanzaro alla località Ianò, piano seminterrato e piano terra di mq. 91+94 di balconi. In catasto al F.12,P.lla 350, sub 5 prezzo base d'asta Euro 36.702,75; lotto 4: Locale seminterrato in Catanzaro alla località Ianò, mq. 235. In catasto al F.12,P.lla 350, sub 3 e 4 prezzo base d'asta Euro 16.452,75; lotto 5: terrazzo in Catanzaro alla località Ianò, di mq. 270. In catasto al F.12,P.lla 350, sub 13 prezzo base d'asta Euro 9.702,75. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio Descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 26.05.2010. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569 cpc in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo,fotocopia del documento d'identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n.66/90" di un importo pari al 10% del prezzo base o dei prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta. dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 500,00. L'aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria,il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai Creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia vengano pub-

A CURA DELLA

MEDIATAG

blicati entro il suddetto termine, oltre che nelle forme di legge, mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Manda alla cancelleria di provvedere all'avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l'indicazione del debitore Catanzaro, 28.01.2010 L'operatore giudiziario Ficchì Miryam °°°°°°°°°° Avviso di pignoramento dei beni immobili pignorati ex art.569 c.p.c., comma 6 IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dr.ssa Maria Carmela Andricciola nella procedura esecutiva n. 46/88 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente BENE IN BADOLATO: Lotto n. 3: Unità immobiliare, piano terra, uso deposito, in catanzaro, località Santa Domenica, foglio 37, p.lla 214, con terreno circostante. Euro 7.566,80 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 12 maggio 2010. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc.n. 46/88" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 500,00. L'aggiudicatario, dorà versare in Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell'aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro, 09 dicembre 2009 °°°°°°°°°° Avviso di vendita di beni immobili pignorati ex art 569 c.p.c., comma 3 Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL CANCELLIERE comunica che il Giudice dell'Esecuzione, dr.ssa Gioia, nella procedura esecutiva n. 251/91 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n. 1): Unità immobiliare in Belcastro, Via Oberdan, n.11, costituita da un vano a piano terra, mq 31,68 in Catasto foglio 11, part. 38 sub.1. prezzo euro 6.750,00 Lotto n. 2): Unità immobiliare in Belcastro, Via D'Orso, n.89, costituita da un vano a piano terra e appartamento al primo piano, in Catasto foglio 10, part. 18 sub.4. prezzo euro15.750,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L'udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 12 maggio 2010. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un Assegno Circolare Non Trasferibile intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n.251/91 RGE" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 500,00. L'aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell'aggiudicatario Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani. Catanzaro, 20 gennaio 2010 °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Il Giudice, dott. ssa Giovanna Gioia, ha pronunciato la seguente ORDINANZA letti gli atti del proc. n. 28/04 faIl. vista la richiesta dei Curatore in data 10.02.2010; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto unico: Magazzino vicino ufficio/abitazione; magazzino vicino schiusa/incubazione; ufficio ed abitazione del custode, mattatoio, paddock per animali dopo i tre mesi, vasche di accumulo,

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

impianto di depurazione, cabina enel, apparecchi per incubatore e schiusa, recinzione, catastalmente identificati al foglio n. 1 part. 409 del Comune di Staletti (CZ) Prezzo base d'asta euro 65.150,00; Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. La vendita avrà luogo davanti al Giudice delegato, nell'aula delle pubbliche udienze del Tribunale, in data 26.05.2010, ore 9,30. Ogni offerente, per essere ammesso all'incanto, dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12 del giorno precedente la vendita, una somma pari al 10% del prezzo base, restando a carico della Curatela le spese di trasferimento. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a euro euro 1000,00. L'aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, la prima domenica del mese antecedente la vendita mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste del mese anteriore la vendita e nel sito internet www.aste.eugenius.it Manda alla Cancelleria per la comunicazione e per quant'altro di competenza. Catanzaro, 15.03.2010 Il Giudice Dott.ssa Giovanna Gioia TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME R.E. n° 101/2008 IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all'udienza del 10 febbraio 2010; Preso atto dell'istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode del bene pignorato è il dott. Fabio Massimiliano Canzoniere; considerato che la natura e la destinazione di tale cespite, unitamente agli elementi probatori e processuali da cui poter evincere il concreto pericolo di un deterioramento del cespite nelle more della definizione della procedura di vendita, inducono a ritenere che la sostituzione del debitore con un terzo quale custode giudiziario sia allo stato, indefettibile, ex art. 559 c.p.c., come novellato dalle leggi 80/2005,263/2005 e 51/2006, fermo restando l'obbligo dello stesso di rendere il conto della gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c.; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell'esperto, in ordine sia alla individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c. come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 77.000,00, alla vendita coattiva del seguente bene: lotto unico - "appartamento sito in Lamezia Terme, Sant'Eufemia, via del Mare, n° 13, piano secondo, interno 7, avente una superficie lorda di mq. 116,00 circa. L'immobile è riportato nel NCEU al foglio 14, p.lla 178, sub 7, cat.A/2, classe 1, vani 6"; EVIDENZIATO QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO CHE: - Ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l'acquisto personalmente o a mezzo procuratore legale anche a norma dell'art. 579, ultimo comma, presentando presso la cancelleria delle esecuzioni immobiliari, dichiarazioni, in regola con il bollo, contenente l'indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; - L'OFFERTA È IRREVOCABILE, SALVO CHE: 1. il giudice ordini l'incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - L'OFFERTA NON È EFFICACE: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell'articolo 568 e più sopra ricordato; c) se l'offerente non presta cauzione, a mezzo assegno circolare non trasferibile intestato a " Poste Italiane spa", in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; - L'offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l'offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; - Detta dichiarazione, deve, altresì, recare le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - In caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare offerte in aumento; - All'offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l'assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per l'esame delle offerte; le buste saranno aperte all'udienza fissata per l'esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - In ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; - Evidenziato che la vendita agli incanti deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 77.000,00 - Le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 3.000,00 - Ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - All'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se


Venerdì 26 Marzo 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO Laratta vuole l’impegno del Governo per fermare questo clima di violenza

Ad annunciare la grande presa di coraggio è l’ex ministro della salute nel governo Prodi, Livia Turco del Pd

La Calabria fa un passo e cerca di mettere a posto i conti sulla sanità Luana Rocca CATANZARO - Quante volte i riflettori sono stati accesi sulla sanità e, in particolare, sulla malasanitàcalabrese?Medicisotto accusa e ospedali che, in senso goliardico,spessovengonodefiniti «ospedali della morte». E dopo la pioggia di polemiche e attacchi su questo tema particolarmente compromesso in questa Regione, finalmente qualcosa si muove e si iniziano a percorrere i primi passi o così si spera. Nonostante la grande crisi che ancora non sembra attenuarsi e che ha dato un

duro colpo alla Regione, «con grandecoraggiolaregioneCalabria ha cercato di mettere i conti a posto della sanità». Ad annunciarlo è stata Livia Turco del Pd, ex ministro della Salute nel governo Prodi. Proprio l’ex ministro ha voluto sottolineare la sua grande voglia di stare vicino alla sanità calabrese e, per questo, vuole rivendicare il suo impegno di stare dalla parte dei calabresi e di non lasciarli mai soli. Una dimostrazione che ha voluto dare con «uno straordinario piano di riorganizzazione della rete ospedaliera che prevede la costruzione di quattro

nuovi ospedali. E dopo questo avviamo il piano di rientro». La costruzione dei quattro ospedali è stata decisa, infatti, per dare un aiuto allo stato di emergenza socio sanitaria della Regione e far fronte, così, alle condizioni di disagio di questo sistema nonché all’inadeguatezza delle strutture. « E la regione Calabria, con grande coraggio ha cercato di mettere i conti a posto, di migliorare gli ospedali e di costruire la medicina territoriale. Questo è un cambiamento non da poco che deve proseguire con molta determinazione. Credo che per la sanità sia

fondamentale chi sa fare bene i conti e la legalità. È importante, inoltre, che chi opera nella sanità sia trasparente» ha proseguito la Turco. Ma secondo Dorina Bianchi, responsabile della sanità nazionale dell’Udc: «La situazione è grave perché i fondi Fas si possono usare soltanto una volta per il risanamento e quindi i problemi torneranno se la Regione non inizierà a lavorare seriamente sulla Sanità». Adesso, però, che il governo ha finalmente teso una mano verso le regioni in difficoltà, non bisogna lasciarsi perdere questa occasione.

CATANZARO - Non si vuole proprio porre fine a questo clima di violenza che dall’inizio della campagna elettorale, sta soffocando la Calabria. Un clima che innervosisce gli animi in un periodo di già grande tensione. E a denunciare questa gravissima condizione è il deputato del Pd Franco Laratta: «Il Governo deve subito verificare e controllare al fine di spegnere questa catena di attentati e intimidazioni». L’ultimo attentato è avvenuto ieri a San Giovanni in Fiore, ai danni di un’impresa boschiva, il cui titolare è Giovanni Bitonti, candidato al Consiglio comunale nelle liste del Partito democratico. L’azienda è stata incendiata e riscuotendo molti danni ha assunto anche un valore fortemente devastante nella realtà silana. «Questi attentati e minacce ormai si ripetono da molti giorni in tutta la Calabria e, naturalmente, avvelenano il clima preelettorale oltre a spaventare i cittadini e gli elettori» ha proseguito Larattachiedendoaicandidati di evitare la violenza nello scontro dialettico e di parlare di progetti per la Regione.


6

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010

PRIMO PIANO

«La Corruzione e la burocrazia Uccidono il futuro dell’impresa» di cm CATANZARO - Corruzione e burocrazia uccidono il futuro dell’impresa, sulla questione è intervenutoSebastianoCaffo,presidente giovani imprenditori di Confindustria Calabria. «Burocrazia prevaricatrice e politica clientelare negano le prospettive di lavoro ai laureati calabresi E’ il "racket bianco". Un racket "che è pericoloso per gli imprenditori almeno quanto quello che usa la pistola, e che si muove in Calabria in modo silenzioso, frenando la crescita del tessuto produttivo. Per combatterlo serve una politica nuova che investa sui giovani, sulla formazione e sull’industria. Diversamente questo territorio non avrà futuro». A parlare è Sebastiano Caffo, presidente dei giovani imprenditori di Confindustria Calabria. La sua analisi non fa sconti. Ed è in linea con la presa di posizione di Confindustria Nazionale, schierata nella lotta contro la criminalità organizzata nelle regioni del Sud e contro la burocrazia che limita la libertà d’impresa. Sebastiano Caffo, 34 anni, è intervenuto alla presentazione del XII Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati che si è tenuta nei giorni scorsi all’Università della Calabria, per parlare di giovani e lavoro, ovvero di futu-

ro della regione. «Snellire le procedure e dare spazio alle giovani eccellenze formate dalle nostre università è fondamentale. Ma in Calabria c’è una burocrazia prevaricatrice che fa più danni della criminalità organizzata e di cui purtroppo si parla poco», insiste l’imprenditoredellastoricaDistilleria Caffo, che conduce con il padre, nota per il Vecchio Amaro del Capo, il liquore che ha fatto il giro del mondo. «Così, se i giovani laureati non restano in Calabria e non aprono delle imprese è per colpa di questa politica clientelare che guarda alla nostra Regione come a un serbatoio di voti, invece che a una terra su cui investire. I nostri politici? La maggior parte sono di età avanzata e pensano più agli interessi della loro generazione che alla nostra. Noi giovani siamo soli ad affrontare i problemi». «La Calabria - prosegue - oltre ad affrontare il fenomeno della disoccupazione, deve

«Snellire le procedure e dare spazio alle giovani eccellenze formate dalle nostre università è fondamentale»

Stabilizzati I 100 laureati

«Burocrazia prevaricatrice e politica clientelare negano le prospettive di lavoro ai laureati calabresi» confrontarsi, infatti, con una problematica molto più grave: l’emigrazione giovanile.Un tempo espatriavano all’estero gli operai. Ora lo fanno i laureati, giovani eccellenti che in questa terra non vedono futuro e che una volta partiti non tornano più. Ma siamo nel 2010: vuol dire che dagli anni ’50 non è cambiato nulla. Si ha così una perdita di opportunità di sviluppo sia per le imprese che per la pubblica amministrazione calabrese e in un impoverimento generale di tutto il territorio. Una ricerca di pochi mesi fa lo dice chiaramente: ogni anno circa 200 mila giovani del Sud partono per cercare un posto di lavoro altrove. E se non partono, in assenza di lavoro, continuano a studiare. Così, paradossalmente come mostra AlmaLaurea la maggioranza dei laureati di primo livello, il 71,5%, decide di proseguire gli studi con la laurea specialistica».

di C.M. CATANZARO - Buone notizie per gli ex dipendenti precari della Regione: stabilizzati a tempo indeterminatoi100giovanilaureati assunti nel 2006, mentre i 354 lavoratori ex Lsu ed Lpu, già a tempo indeterminato, passano dal lavoro part-time delle 24 ore settimanali al full time con le 36 ore. Un ulteriore garanzia per questi lavoratori che avevano ottenuto la stabilizzazione nell’aprile del 2008, dopo un decennio di precariato Con la delibera approvata stamani in Giunta, dal prossimo 1 aprile partiranno i nuovi contratti sia per gli ex Lsu ed Lpu, sia per, gli "ex" 100 giovani laureati.Conquestemisure,fortemente volute dal presidente della Regione Agazio Loiero, si attua un vero e proprio rinnovamento

del personale regionale e si risponde alla domanda di lavoro stabile di molti giovani calabresi. Infatti su 2000 dipendenti totali della Regione, saranno più di 450 i nuovi stabilizzati e full time, per la maggior parte sotto i 40 anni. Il presidente Agazio Loiero aveva ricevuto a Palazzo Alemanni una delegazione dei 100 giovani proprio lunedì scorso. I lavoratori chiedevano chiarimenti circa il completamento dell’iter di trasformazione del proprio contratto di lavoro. E il presidente aveva garantito di voler superare l’unico elemento ostativo alla regolarizzazione del loro contratto di lavoro, consistente nell’attestazione del rispetto del patto di stabilità interno per l’anno 2009. Si è proceduto celermente e appena approvato il patto di stabilità , la Giunta regionale ha dato il via libera alla delibera che offre maggiori garanzie ai lavoratori precari e agli ex Lsu ed Lpu.

I 354 lavoratori ex Lsu ed Lpu, già a tempo indeterminato, passano dal lavoro part-time delle 24 ore settimanali al full time con le 36 ore


Venerdì 26 Marzo 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO

Dal giudice per contestare una presunta violazione dell’art. 28 dello Statuto dei Lavoratori

Sindacato dei giornalisti calabresi Soccombe contro Comune di Reggio di A.L. REGGIO CALABRIA - Sindacato dei Giornalisti della Calabria soccombente in giudizio contro l’Amministrazione di Palazzo San Giorgio e condannato al pagamento delle spese. E’ quanto ha stabilito la Sezione Lavoro del Tribunale di Reggio Calabria, che ha rigettato il ricorso presentato dall’organizzazione di categoria, rappresentata e difesa dall’avv. Mariagrazia Mammì. Il Sindacato si era rivolto al giudice per contestare una presunta violazione dell’art. 28 dello Statuto dei Lavoratori, sostenendo di non es-

Carlo Parisi

sere stato coinvolto nella scelta dei criteri per individuare i sette giornalisti esterni selezionati con un bando pubblico dall’ente di Piazza Italia. Il Comune di Reggio Calabria, difeso dall’avv. Manuela Marciano, resistendo in giudizio ha sottolineato come i vertici dell’Ufficio Stampa di Palazzo San Giorgio abbiano bandito ed istruito le procedure concorsuali nel pieno rispetto delle disposizioni nazionali vigenti in materia di informazione e comunicazione pubblica. La legge 7 giugno 2000 n. 150, infatti, come rimarcato dall’amministrazione comunale, prevede "un’area spe-

Insediata task force su call center Al centro il futuro di Phonemedia CATANZARO - Si è insediata la Task Force sui call center voluta dal presidente della Regione, Agazio Loiero. All’incontro, presieduto dalla dirigente generale del Dipartimento Lavoro della Regione, Marinella Marino e da Antonio Sorrentino, dell’Unità di Crisi hanno partecipato esponenti di Cgil, Cisl e Uil, Confindustria, del Comune di Catanzaro e della Camera di commercio. Tutti concordi nel ringraziare il Presidente Si è discusso per Loieroperl’attenzionee l’impegno dimostrato mettere in campo nella soluzione di quesun piano strategico ta intricata e complessa vicenda, rispettando gli più articolato per impegni assunti nei mesi scorsi. rispondere alla Al centro dell’incontro difficile situazione della Task Force il futuro dei lavoratori di Phonemedia, oggi in cassa integrazione, ma anche di altre aziende di call center. In particolare, si è discusso per mettere in campo un piano strategico più articolato per rispondere alla difficile situazione lavorativa in cui si trovano i lavoratori di call center. Tra le possibilità valutate anche quella di incentivare l’assunzione, da parte di nuove aziende di call center che hanno richiesto finanziamenti comunitari, di queste professionalità, oggi

in cassa integrazione o disoccupate. Tra le proposte elaborate nel corso della seduta, e che dovranno essere approfondite nei prossimi incontri, anche quella di prevedere dei tirocini formativi per quei lavoratori che si trovano in difficoltà. Nel corso dell’incontro si è parlato anche della riunione in programma lunedì prossimo a Roma, al Ministero del Lavoro, in cui la Regione firmerà, d’accordo con i sindacati, la cassa integrazione in deroga, fino al 31 dicembre 2010, per 2.200 lavoratori di Phonemedia. Al Ministero, la Regione chiederà che siano compresi anche i mesi che vanno da gennaio a marzo. Nella stessa occasione, la dirigente Marino si farà portavoce delle altre vertenze aperte sul territorio che interessano i lavoratori di Multivoice e di altri 200 in mobilità da piccole aziende di call center.

Antonio Latella

ciale di contrattazione collettiva che non si è mai conclusa" essendosi "arenata a causa del defatigante contenzioso tra Fnsi ed Aran". Il giudice del lavoro ha ritenuto "infondata la domanda" del Sindacato dei Giornalisti, sottolineando come, nel caso in questione, «non sussista alcun obbligo della pubblica amministrazione di informare preventivamente della costituzione degli uffici stampa ovvero di concertare con le organizzazioni sindacali dei giornalisti le modalità di assunzione o di selezione dei loro addetti». Secondo il tribunale, nel ricorso proposto da Sgc «la condotta antisindacale è individuata nella omissione di informativa e concertazione in relazione alla stipula di contratti di consulenza, mentre non si può ravvisare dalle norme indicate l’obbligo del Comune di tali informative». Anche perché non è sufficiente«a far scattare l’obbligo di consultazione e/o informazione nei confronti della pubblica amministrazione il dettato unilaterale dello Statuto dell’associazione giornalisti, che vuol proporsi come interlocutore legittimato a promuovere gli interessi degli iscritti nei confronti di tutti i soggetti terzi». Ma vi è di più. Ad avviso del giudice, è da escludere categoricamente l’applicabilità, nei confronti dei giornalisti, della contrattazione collettiva in materia di enti locali. Dunque - è scritto a chiare lettere nel decreto del Tri-

bunale - non può essere una rappresentanza sindacale della funzione pubblica a rivendicare il diritto di informazione su una selezione per giornalisti. Anche perché, viene rimarcato nella pronuncia del magistrato, il bando prevede una prestazione d’opera che trae origine «da contratti di collaborazione (della durata di 14 mesi) e non da rapporto di dipendenza vero e proprio». La decisione del Tribunale conferma la legittimità e la trasparenza dell’agire dell’Ufficio Stampa del Comune di Reggio Calabria, che ha espletato le selezioni nei mesi scorsi. Nonostante la consapevolezza di aver operato mantenen-

Il sindacato di categoria sosteneva di non essere stato coinvolto nella scelta dei criteri per individuare i sette giornalisti esterni selezionati con bando pubblico da Piazza Italia do la legge come stella polare e nell’interesse esclusivo dell’amministrazione,iverticidell’Ufficio Stampa, con grande spirito di responsabilità istituzionale, nelle more della pronuncia del giudice avevano sospeso la pubblicazione della graduatoria. Adesso che il decreto è stato notificato alle parti, il procedimento amministrativo sarà immediatamente riattivato e si concluderà in tempi brevissimi.


8

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010

PRIMO PIANO

Il ministro della Sanità, Ferruccio Fazio, conferma che i Fas verranno utilizzati per coprire il disavanzo totale imputabile a tutto il 2009 pari ad un miliardo di euro

Un miliardo di euro dei fondi Fas per coprire il nostro buco sanitario di Gaia Mutone ROMA — Altro che regioni virtuose. Da Verona, dove si è recato in visita ieri, il ministro della Sanità Ferruccio Fazio ha confermato che «sono stati utilizzati i Fas (Fondi per le aree sottosviluppate) per ripianare due miliardi di euro di buco nella sanità di tre regioni: Campania, Calabria e Lazio. Un miliardo si riferisce alla Calabria, mezzo miliardo alla Campania e 420 milioni al Lazio». Al contrario del Veneto, dove l’assistenza sanitaria è di livello europeo, e dove ci si può permettere di progettare e costruire nuovi ospedali (solo per il 2010, è previsto un finanziamento pari a 50 milioni di euro per la realizzazione dell’ospedale della Donna e del bambino, dell’ospedale dell’Anziano e dell’Out patient clinic al Policlinico di Borgo Roma), in altre realtà del Paese, si fanno i conti con i Piani di rientro

e con i deficit da milioni di euro. Secondo quanto comunicato dal ministero della Salute, dalla riunione del tavolo tecnico Stato-Regioni sulla verifica dei piani di rientro concordati con le Regioni in rosso, è emerso che, su sei Regioni sottoposte a controllo, quattro presentano ancora un asituazione estremamente critica per quanto riguarda i disavanzi sanitari. L’ultimo dato relativo al servizio sanitario regionale calabrese illustrava, relativamente al periodo 2003-2008, un deficit pari a 538 milioni e 519 mila euro; la peggiore performance nel Paese secondo lo stesso Ministro Fazio. Ora si apprende che il disavanzo complessivo imputabile al 2009, nel quale sono compresi a loro volta i disavanzi del 2006, 2007 e 2008, ammonta ad un miliardo di euro: di cui 120 milioni sono relativi al solo 2009, mentre il resto (880 milioni) va spalmato nel periodo 2006-2008. Potremmo dire che nel 2009 il "buco" di

Tutto il Meridione tranne la Puglia spreca le risorse per coprire le proprie inadempienze G.M. ROMA — L’incontro Stato Regioni, conclusosi mercoledì scorso al ministero dell’Economia e delle finanze, ha rivelato le enormi difficoltà che le regioni del Sud continuano ad incontrare nella pianificazione e nella gestione delle rispettive politiche sanitarie. Sotto la lente dei tecnici del Ministero, oltre al Lazio, vi erano, infatti, la Calabria, il Molise, la Campania, la Sicilia e la Sardegna. Va detto, tuttavia, che per le ultime due la situazione è diversa: sia l’una che l’altra, nonostante lo stato di allerta, sono state interessate solamente dalla verifica

Il ministero dell'Economia

dei relativi Piani di rientro e non sono tra le regioni che, secondo quanto previsto dall’ultimo patto della Salute, hanno richiesto di poter coprire i disavanzi con i fondi Fas. I risultati dettagliati saranno resi disponibili nei prossimi giorni, ma ce n’è abbastanza per farsi un quadro chiaro del debito sanitario regionale. In primo luogo, è enorme il deficit accumulato dalla regione Lazio: ammonta, infatti, a circa 1.600 milioni il disavanzo complessivo poiché ai 1.400 milioni del 2009 si vanno a sommare altri 180 milioni dell’anno precedente. Situazione che, dopo le copertu-

bilancio è stato minore rispetto agli anni precedenti, (120 milioni contro i 293 milioni di ciascun anno passato), ma la realtà è che, nonostante un tendenziale miglioramento, si tratta in ogni caso di un debito enorme. Talmente grande da non poter essere risanato con il ricorso alle risorse del bilancio regionale econ le misure previste dal piano di rientro, la cui attuazione è ancora molto in

Sommando il disavanzo del solo 2009, pari a 120 milioni, a quello del periodo 2006-2008 si arriva al miliardo ritardo rispetto alla tabella di marcia. Fortunatamente, o sfortunatamente, a seconda dei punti di vista, il nuovo patto della Salute prevede la possibilità, straordi-

re straordinarie derivanti dalla fiscalità aggiuntiva regionale e dal fondo transitorio e da risorse regionali, comporta un disavanzo di gestione 2009 di circa 420 mln. di euro. Non essendo plausibile l’ipotesi di attingere al bilancio regionale per reperire ulteriori risorse, ecco allora il ricorso ai Fondi Fas per circa 420 milioni di euro. Il Molise presenta nel 2009 una gestione negativa al quarto trimestre di circa 80 milioni di euro, che, sommati ai 30 milioni di perdite del 2008 determina un disavanzo di circa 110 milioni che, dopo le coperture straordinarie diventano circa 67 milioni di euro. I fondi Fas, inoltre, andranno a coprire oltre 500 milioni di debito sanitario della regione Campania. In questo caso il disavanzo totale da coprire arrivava ad un miliardo (770 milioni del 2009 più 223 nel 2008), ma è stato abbattuto grazie a misure di fiscalità straordinariaarrivandoagliattuali 500 milioni residui. Nel complesso, tutti i Piani di rientro presentano ritardi in relazione alle ristrutturazioni delle strutture di assistenza ospedaliera, dei laboratori, della rete di offerta dei servizi e nella costituzione di protocolli di intesa con i centri di alta formazione medica.

nariamente concessa alle Regioni in difficoltà, di utilizzare i fondi Fas per ripianare eventuali disavanzi di gestione 2009, in modo da poter evitare il ricorso ad un ulteriore inasprimento dell’aliquota regionale Irpef e della maggiorazione regionale Irap. Dunque, data la situazione, non essendo plausibile ricorrere al bilancio della Regione, i preziosi fondi Fas, (i fondi per le aree sottoutilizzate) che, lo ricordiamo costituiscono un ponte necessario tra Stato ed enti locali per l’attuazione delle fondamentali opere infrastrutturali e di tutti quegli interventi che hanno l’obiettivo di allineare le aree meno avanzate del Paese agli standard nazionali, andranno a ripianare i conti in rosso delle amministrazioni inadempienti. Al dicembre scorso, secondo il Cipe, tutto il Fas era pari a 54 miliardi: 27 per i programmi regionali e interregionali (5,2 al Centro-Nord e 21,8 al Mezzogiorno), 25,4 per la quota

-120

milioni. È il disavanzo sanitario del solo 2009, e nel periodo 2003-2008 il debito è di oltre 530 mln

nazionale (da destinare all’85% al Sud) e 1,6 per altri interventi. Nel caso della Calabria, per quanto attiene all’andamento del Piano di rientro, dal monitoraggio effettuato, sono emersi ritardi, in particolare per la riorganizzazione della rete ospedaliera e il controllo della spesa farmaceutica e un’incompleta adozione dei provvedimenti previsti alle relative scadenze, compresa la regolarizzazione di alcune situazioni atipiche come quella della Fondazione Tommaso Campa-


Venerdì 26 Marzo 2010

il Domani

9

PRIMO PIANO

Il deficit calabrese toglie risorse alle infrastrutture e mette a rischio la copertura dei servizi essenziali

Le gravi carenze sanitarie danneggiano l’immagine e i diritti della Calabria di Sofia Ricciardi {+ AKZ - BOLD } ROMA {- AKZ - BOLD } — I dati sull’enorme debito accumulato dalla sanità regionale di certo indignano molti, perché i fondi Fas , nati per sostenere lo sviluppo delle aree sottoutilizzate e per dotare i territori interessati di opere e infrastrutture, dovrebbero essere utilizzati in tutt’altro modo. Lo scontento monta non solo tra chi ha amministrato negli ultimi anni le regioni virtuose e con i conti a posto, ma anche in seno ad una

discretapartedellapolavorareseriamentesul- completamente sprovvisto. Non litica calabrese, che la Sanità. Il ministero devono essere utilizzati né per le chiede a gran voce un della Salute non ha quote latte, né tantomeno per rinecessario e urgente potuto fare a meno di pianare i deficit della Sanità che programma di ristrutdipingere un’immagine sono di competenza delle Regioni turazione e di ammodeprecabiledellaCalab- e che sono il risultato della mala dernamento delle ria - continua la Bianchi gestione di alcune Regioni». Critistrutture assistenziali. - e il disavanzo sanitario che dirette a Loiero arrivano poi Non ci sono giustifica- Dorina Bianchi record fa emergere non dal segretario regionale e capolizioni, gli interventi pochi interrosta dell’Udc di Catanvanno fatti, e con urgenza anche. gativi sulle responsabizaro,FrancescoTalari«La situazione è grave. - ammette lità della regione». Lico , e dal capolista in una nota Dorina Bianchi, res- nea dura anche per il dell’Udc di Cosenza, ponsabile della sanità nazionale segretario del Pri FranMichele Trematerra, per l’Udc - I fondi Fas si possono cesco Nucara : «I fondi che in una nota conusare soltanto una volta per il ri- Fas devono essere imgiunta affermano: sanamento, ma i problemi torne- piegati per le infrastrut«Non è pensabile che il ranno se la Regione non inizierà a ture di cui il Sud è quasi Maurizio Sacconi Governatore uscente

invochi ad alta voce l’invio di fondi che, per una buona parte, dovranno servire a ripianare il deficit che lui e la sua giunta hanno alimentato. La doppiezza di Loiero -conclude la nota- è emersa ancora una volta con prepotenza: in Calabria si agita strumentalmente contro il Governo reclamando quei fondi che a Roma, insieme allo stesso Governo e con la maggioranza dei Presidenti di Giunta di sinistra, sottrae allo sviluppo calabrese per pagare gli sprechi dei suoi manager». Per il ministro del Welfare Maurizio Sacconi i conti in rosso della Calabria e le criticità del Mezzogiorno «confermano le ragioni dei commissariamenti » con l’unica eccezione della Sicilia, in tendenziale miglioramento. Le gravi carenze dei sistemi sanitari sotto esame, mettono spalle al muro lo Stato, costretto a erogare risorse per assicurare il diritto alla salute e scongiurare ulteriori aumenti delle imposte locali.

La cultura del ricordo In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora IOLANDA MERANDINI sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 26 marzo alle ore 17.00 nella Chiesa di S. Giovanni Battista a Montepaone Lido (Catanzaro). In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora MARIA CONDO sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 26 marzo alle ore 18.00 nella Chiesa di S. Giuseppe rione Pianocasa a Catanzaro. In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora ANNAMARIA FOGLIETTI

sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 26 marzo alle ore 18.00 nella Chiesa del Conventino di S. Antonio a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor CARLO SCUTERI sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 26 marzo alle ore 17.30 nella Chiesa Nuova di Mater Domini a Catanzaro. In occasione del trigesimo della morte del Signor RICCARDO ROSATI sarà celebrata una messa in suffragio sabato 27 marzo alle ore 16.00 nella Chiesa di Pontegrande a Catanzaro.

In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora ANTONIA CRITELLI sarà celebrata una messa in suffragio martedì 23 marzo alle ore 17.30 nella Chiesa di Santa Croce in rione Pontepiccolo a Catanzaro. In occasione del 25° Anniversario della morte dei coniugi NICOLA LUCISANO ed ELVIRA FREGOLA sarà celebrata una messa in suffragio martedì 23 marzo alle ore 18.00 nella Basilica dell’Immacolata a Catanzaro.

La Mediatag Spa è vicina a Mimmo Frontera affranto per la morte del caro PADRE La T&P Editori partecipa al dolore di Mimmo Frontera colpito negli affetti dalla morte dell’amato PADRE Manolibera si stringe all’amico Mimmo Frontera in questo momento di dolore per la morte del caro PADRE Guido e Sophie Talarico abbracciano commossi Mimmo Frontera affranto per la morte dell’amato PADRE Giuseppe e Maria Pia Gangale sono vicini all’amico Mimmo Frontera per la scomparsa del caro PADRE FrancoArcidiaco sistringeall’amico MimmoFronteraduramentecolpito negli affetti per la morte del caro PADRE Maurizio D’Agostino esprime il proprio cordoglio e abbraccia con sincero affetto il caro amico Mimmo Frontera, colpito negli affetti dalla morte del caro PADRE

Accettazione telefono

0961 996.802 ORARIO: 9,00-13,00 | 15,00-18,00


10

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' COMUNALI Il candidato a sindaco del centrodestra traccia il bilancio della campagna elettorale e lancia pesanti strali all’indirizzo dei suoi avversari

Lamezia, Ida D’Ippolito accusa: contro di me una campagna di odio LAMEZIA TERME - Ultime ore di campagna elettoerale a Lamezia Terme, in vista dele Regionali ma soprattutto delle elezioni comunali. «Quella che sta per concludersi è una campagna elettorale mai vista prima d’ora, segnata da tanti attentati intimidatori concentrati in pochi giorni, che ha gettato la città nella sconforto». Si è espressa così, Ida D’Ippolito, candidata a sindaco durante un incontro con i giornalisti per tracciare il bilancio della campagna elettorale. Oltre alla D’Ippolito, alla conferenza stampa hanno preso parte il deputato del Pdl Giuseppe Galati e tutti i rappresentanti delle liste che sostengono il candidato sindaco del centrodestra a Lamezia. «E’ stata portata avanti nei miei confronti una campagna di odio ha sottolineato Ida D’Ippolito perché si teme la sfida che come coalizionepossiamorappresentare per questa città, noi siamo infatti il cambiamento e il rinnovamento della città, e a qualcuno questo non piace. La sfida del centrodestra è stata sempre contenuta mentre invece c’è stata una caduta di stile degli altri candidati: a partire dal sindaco uscente Speranza che non ha voluto il confronto diretto con me, a finire con qualche altro candidato che invita i cittadini al voto disgiunto, andando contro i suoi stessi candidati». Il candidato del centrodestra ha poi puntato il dito contro il sindaco uscente affermando che Speranza «non ha un programma elettorale, ma ha presentato ai cittadini solo un documento che era stato firmato da tutti i candidati alle primarie del centrosinistra e che è una dichiarazione di intenti». Forse per

Ida D'Ippolito

Intimidazioni, Confcommercio e Grandinetti solidali con Vescio

"Palazzo di Città", sede del Consiglio comunale di Lamezia Terme

questo, ha aggiunto Ida D’Ippolito, «Gianni Speranza non ha mai voluto il confronto pubblico con me». Inoltre, la parlamentare del Pdl si è soffermata sulle querelle dei confronti mancvati con il primo cittadino uscente. «Apprendo dalla stampa - ha affermato - che nella serata di mercoledì il candidato sindaco della sinistra ammette che la fissata data di venerdì 26 marzo (oggi) per il confronto a cinque dei candidati sindaco della città, al quale peraltro non ho mai escluso la mia partecipazione, non consentirà la possibilità ai cittadini di un’adeguata partecipazione ed informazione, a conferma delle mie osservazioni in tal senso.Una considerazione tardiva che dimostra o l’ignoranza delle regole sul silenzio stampa dell’ultimo giorno di campagna elettorale che un Sindaco uscente in quanto tale dovrebbe ben conoscere, oppure una grave e volontaria distrazione che oggi strumentalmente tenta di correggere. La proposta di anticipare all’ultimo momento il confronto nella giornata di ieri dalle 16.30 alle

18.30 in piazza Diaz appresa solo dagli organi di stampa è senza dubbio intempestiva e scorretta nei modi. Né io, nè il mio Comitato elettorale, né il mio ufficio stampa, abbiamo avuto comunicazione di tale nuova proposta via fax o mail, ma solo lo abbiamo appreso a mezzo stampa. Al contrario, l’invito da me formulato è stato formalmente inoltrato via fax al sindaco dieci giorni prima oltre che divulgato a mezzo stampa nei giorni successivi . La fitta agenda di impegni di questi ultimissimi giorni di campagna elettorale non mi consente la partecipazione all’odierno confronto. In particolare-haconclusoIdaD’Ippolito - nelle stesse ore ospiterò a Lamezia il segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa, e terrò una serie di comizi in spazi pubblici già da tempo assegnati dal Comune. Le regole del confronto ed i moderatori saranno concordati mediante i rispettivi Uffici Stampa a garanzia del corretto e democratico svolgimento del confronto stesso. r.c.

Mazzei: la giunta Speranza lascia un buco finanziario LAMEZIA TERME - «Un buco di 325.000,00 euro è la perdita che ha subito il nostro Comune a causa della scelta del “sindaco delle sinistre” di giocare con i prodotti finanziari derivati. Ma, e questo è allarmante, l’esborso sarà ancora più rilevante con il lievitare dei tassi. Quello di Lamezia oggi è un Comune sull’orlo del baratro. E’ questa l’eredità che il sindaco lascia ai cittadini di Lamezia: 10 euro di debiti per ogni famiglia!». Così, Raffaele Mazzei , consigliere comunale del Pdl , riferendosi al buco di bilancio frutto delle operazioni finanziare sui derivati volute dall’Amministrazione di sinistra. L’origine del problema è l’acquisto, da parte del Comune di Lamezia Terme, di un Internet swap, un prodotto derivato della Barclays, la banca internazionale protago-

nista della maxi truffa dei derivati di questi anni. «E’ una situazione “alla Vanna Marchi”, questa. L’Amministrazione comunale ha abboccato al richiamo del “tanti soldi subito”, sborsato un mucchio di quattrini e adesso il Comune rischia di subire perdite secche ogni tre mesi. E chi paga? I cittadini. Sono quasi due anni - puntualizza Raffaele Mazzei- che il Pdl in Consiglio comunale denuncia tutto ciò al fine di evitare rischi finanziari gravissimi. Ma siamo rimasti inascoltati, nonostante le continue sollecitazioni perché il Comune si liberasse di questa “bomba a orologeria” costituita dai derivati. L’ Amministrazione Speranza irresponsabilmente invece si è tenuta stretta questi contratti e adesso ci troviamo in questa situazione: era un rischio annunciato.". r.c.

LAMEZIA TERME - In una nota a firma del presidente, Salvatore Cittadino, la Confcommercio di Lamezia Terme esprime solidarietà a Salvatore Vescio dopo l’ultimo attentato subito, auspicando che «queste elezioni possano svolgersi in un clima civile e di piena responsabilità civica, poiché la nostra città vive momenti difficili e inoltre non si può minare dalle fondamenta la democrazia. La partecipazione alla vita pubblica, occuparsi dei suoi problemi è uno dei compiti principali di ognuno di noi, specialmente chi intende donarsi attraverso la politica che, giustamente come diceva un regnante Pontefice, è il più alto gesto di carità sociale. Gli attentati non fanno altro che allontanare le persone dalla politica, cosi facendo si Francesco Grandinetti fa precipitare la città nel baratro più totale e noi incoraggiamo gli aspiranti consiglieri comunali e candidati a sindaco, a continuare nell’azione intrapresa, di usare molta correttezza e rispetto nel confronto politico». Anche il terzo polo e il suo candidato a sindaco, Francesco Grandinetti hanno espresso «la più grande solidarietà a Salvatore Vescio per il vile attentato subito. I miei sentimenti - ha detto Grandinetti - in questo momento sono di vicinanza e solidarietà a Salvatore Vescio, candidato a sindaco di Lamezia Terme, ma anche di sconforto, in quanto a nulla evidentemente sono serviti gli accorati appelli e gli sforzi nostri e di altre componenti politiche e istituzionali della città per creare un clima elettorale sereno ed equilibrato. Non possiamo che stare al fianco di chi ha subito azioni violente e intimidatorie, condannandole ancora una volta fermamente, e continuare comunque a percorrere la strada della legalità e della democrazia. Lo abbiamo sempre fatto e continueremo a farlo, nella convinzione che sia l’unica valida per sradicare definitivamente la malapianta della criminalità organizzata che ci soffoca e tenta continuamente di ricacciarci indietro».


Venerdì 26 Marzo 2010

il Domani 11

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' “Riferimenti” avverte: pericolo di voto inquinato a Lamezia Terme LAMEZIA TERME - «A seguito dei ripetuti attentati mafiosi che si sono verificati in queste ultime settimane nel territorio di Lamezia Terme, in Calabria, l’ultimo ai danni della candidata alla Regione Giulia Serrao, la cui vettura è stata completamente distrutta dopo essere stata incendiata, il Coordinamento nazionale antimafia “Riferimenti” «esprime forte preoccupazione per il cli-

ma di tensione e violenza instauratosi in questa campagna elettorale. Si ha la sensazione che si voglia soffocare la libertà di voto e quindi la democrazia. La mafia infatti, non è certamente un’istituzione democratica nel nostro Paese, e nei territori di ’ndrangheta meno che altrove. La mafia è abituata ad agire con la sopraffazione e tende ad imporre i propri uomini infiltrandoli nel

tessuto politico. Riferimenti - conclude la nota del coordinamento nazionale antimafia - si appella agli organi inquirenti perché accendano i riflettori sulle operazioni elettorali ,e alla gente onesta che pure esiste in tutti gli schieramenti, affinchè non prevalga il dictat della ’ndrangheta, e non ci sia l’inquinamento del voto». r.c.

Dal candidato alla presidenza affondo contro l’attivismo del governatore uscente «La mia idea di Calabria si fonda sulla certezza dei diritti e sul rispetto delle regole»

Regionali/1 Callipo: i messaggi di Loiero hanno un sapore elettorale di Sa. Vis. PIZZO CALABRO - «I messaggi della Giunta Loiero hanno tutti un sapore elettorale». Questo quanto sostiene Pippo Callipo, candidato alla presidenmza della Regione a due tre giorni dal voto. «Non sa fare altro - stigmatizza l’imprenditore di Pizzo Calabro e lo ha dimostrato ampiamente, arrivando persino a sforare il Patto di stabilità. Si Caratterizza per l’abitudine ad utilizzare il denaro pubblico per conseguire le sue finalità elettorali. Nonostante tutto Loiero ha già perso, e proprio perché lo sa diventa oltremodo incosciente nella spesa, pur di racimolare qualche consenso. L’ultima. Ha programmato per la prossima Giunta un nuovo tariffario, non sappiamo ancora se d’oro o d’argento, per comprare il consenso dei laboratori di analisi, di radiologia e simili. Sta tentando di tutto dopo averli affamati per anni. Dopo avere messo in pericolo la loro esistenza e l’occupazione. La sua Giunta - ha proseguito Piccio Callipo - è diventata una specialista per mettere in crisi il lavoro piuttosto che favorirlo. Oggi prova a recuperarli, pur sapendo che ciò non varrà nulla. E’ solo una trappola elettorale. E’, infatti, espressamente previsto nel Piano di rientro che deve essere l’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) ad elaborare il tariffario! I suoi tentativi sono giochetti ai quali non crede più nessuno. La mia Giunta - ha detto altresì Callipo - sarà garante della correttezza e

dell’occupazione. Tutelerà l’imprenditoria privata sana, senza regalare nulla. Farmacisti, specialisti ambulatoriali e case di cura saranno nostri alleati, nel rispetto delle norme, per recuperare le rovine che erediteremo da Loiero. I calabresi per contribuire al rinnovamento hanno bisogno di verità. La mia idea di Calabria aggiunge Pippo Callipo - si fonda sulla certezza dei diritti e sul rispetto delle regole attraverso, però, l’attiva partecipazione ai processi decisionali degli operatori e della cittadinanza tutta». Callipo, poi ha espresso il suo parere sul ministro Sacconi. «Che ora il ministro Sacconi confermi quello che io sostengo da settima-

“Non sa fare altro e lo ha dimostrato ampiamente, arrivando persino a sforare il Patto di stabilità” ne - spesso isolato e considerato avversario del Loierismo per partito preso - ossia che la sanità calabresedovesseesserecommissariata, non mi rallegra per nulla. E’ stato calpestato l’interesse dei calabresi a fare chiarezza. Indicando i responsabili e sanzionandoli. Nel frattempo, infatti, il disastro è aumentato e con esso l’irresponsabilità. Bastava, ma è evidente che ha giocato qualche al-

tro calcolo, pensare che con la campagna elettorale ogni cosa sarebbe peggiorata e la spesa allegra, affidata a dirigenti privi di senso delle istituzioni mischiati con la politica, sarebbe non diminuita ma aumentata. Si è perso tempo prezioso e ora la soluzione del dirottamento dei Fas per il ripiano dei debiti sanitari, è l’ultima mazzata che questa vecchia po-

Pippo Callipo

litica appioppa impunemente ai cittadini calabresi, che pagano le aliquote fiscali più alte, ticket e hanno in cambio prestazioni di bassa qualità. Occorre mandare a casa i responsabili che invece di nascondersi ancora sono in giro a cercare voti, quindi introdurre regole serve, controllo della spesa e una programmazione fondata sui bisogni reali. Al ministro chie-

do di dar corso alla sua idea dell’ineleggibilità per i politici locali che sfondano i bilanci. Se il Governo pensasse ai problemi del Paese - ha concluso Callipo - invece che a sconvolgere la Costituzione per introdurre un presidente autoritario svincolato dai controlli democratici, tutti ne avremmo vantaggio».

Regionali/2 L’ex ministro Livia Turco in Calabria «Ho grande fiducia nella vittoria del centrosinistra...» CATANZARO - «Sono fiduciosa che il centrosinistra riuscirà a proseguire nella sua esperienza di governo regionale in Calabria». Lo ha detto ieri mattina durante una iniziativa politica a Catanzaro, Livia Turco del Partito democratico già ministro della Salute del Governo guidato da Romano Prodi. «Sarebbe un vero disastro - ha aggiunto - se in Calabria dovesse vincere il centrodestra, che è così arrogante e compromesso e che ha dimostrato, quando ha governato, di non riuscire a risolvere i pro-

blemi di questa Regione. Questo centrodestra rappresenta un pericolo e questo deve essere un motivo di grande impegno per tutto il centrosinistra. In Calabria, nonostante i problemi che ci sono - ha proseguito Livia Turco - con il centrosinistra è stato avviato un processo di cambiamento vero, dalla sanità alla legalità, dalle politiche sociali a quelle dell’immigrazione. Penso quindi che i cittadini dovranno decidere se voglio proseguire in questo cambiamento avviato dal centrosinistra».

Livia Turco, Giovanni Puccio e Katia Corea del Pd

Talarico e Trematerra: decisione sui Fondi Fas è colpa di Loiero che l’ha avallata LAMEZIA TERME - «La norma inseritò nella legge sul piano di rientro dal debito sanitario che prevede lo storno di un miliardo di euro dei fondi Fas è stata voluta dalla Conferenza delle Regioni in cui Loiero è maggioranza; una cosa assurda che penalizza la Calabria per pagare gli sprechi del centrosinistra». Lo affermano congiuntamente il segretario regionale e capolista dell’Udc di

Catanzaro, Francesco Talarico, e il capolista dell’Udc di Cosenza, Michele Trematerra. «Bene ha fatto Roberto Occhiuto - aggiungono - a mettere in evidenza questa incongruità che Loiero ha voluto e sostenuto a Roma Non è pensabile che il Governatore uscente invochi ad alta voce l’invio di fondi- continuano Talarico e Trematerra- che, per una buona parte, dovranno servire a ri-

pianare il deficit che lui e la sua giunta hanno alimentato. La doppiezza di Loiero è emersa ancora una volta con prepotenza: in Calabria si agita strumentalmente contro il Govenro reclamando quei fondi che a Roma, insieme allo stesso Governo e con la maggioranza dei presidenti di Giunta di sinistra, sottrae allo sviluppo calabrese per pagare gli sprechi dei suoi manager».


12

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' Regionali, Lorenzo Cesa: «Dall’Udc sostegno serio a Scopelliti» LAMEZIA TERME «Il nostro sarà un sostegno serio a Scopelliti e un sostegno soprattutto alle questioni che riguardano la vita di questa terra perché il governo che c’è stato fino ad ora non ha lavorato bene». Così il segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa intervenendo a Lamezia Terme ad una conferenza stampa di sostegno al candidato presidente del Pdl alla Regione Giu-

seppe Scopelliti e alla candidata a sindaco Ida D’Ippolito. «Noi vogliamo occuparci dei giovani che sono costretti ad andare viada questa terra ha aggiunto Cesa - vogliamo occuparci del sostegno vero da dare alle famiglie, alle imprese, all’agricoltura. Sono queste le questioni che stanno a cuore all’Udc. Lo faremo con grande lealtà dando una mano a Scopelliti».

Parla il segretario regionale Mario Caligiuri convinto della vittoria del sindaco di Reggio “per rompere col passato e unire la regione...”

Lista Scopelliti presidente: daremo il meglio per rilanciare la Calabria REGGIO CALABRIA - Si è concluso ieri mattina a Reggio Calabria il veloce giro d’orizzonte dell’andamento della campagna elettorale e della programmazione dell’impegno finale da parte delle liste "Scopelliti Presidente", promosso dal segretario regionale Mario Caligiuri. Dopo gli incontri di Vibo Valentia e Crotone e poi di Catanzaro e Co-

hiarato Mario Caligiuri aggiungendo che «esprimeremo numerosi e qualificati esponenti in Consiglio regionale per voltare pagina in direzione dello sviluppo economico e culturale, rompendo con il passato per unire la Calabria, divisa e offesa dal malgoverno e dalle politiche clientelari». Per Oreste Romeo, segretario orovinciale della lista "Scopelliti presidente", «noi intendiamo

Calabria per partecipare alla tribuna elettorale stabilita dalla CommissioneVigilanza.Secondo quanto si è appreso, Scopelliti, preso atto della rinuncia di Loiero e Callipo, pur potendo disporre dello spazio di 13 minuti e 20 secondi riservatogli per legge, ha preferito rinunciare per non alimentare tensioni e polemiche strumentali. «Per il rispetto che

Giuseppe Scopelliti

abbiamo della democrazia e dell´elettorato- ha detto Scopelliti - eravamo giunti in redazione convinti che il dibattito sui temi programmatici, dinanzi all’opinione pubblica, fosse un adempimento doveroso nella consapevolezza che dal confronto sorgano glielementidella democraziamatura e civile. Abbiamo rinunciato allo spazio che ci spettava per leg-

ge - ha detto ancora Scopelliti dimostrando che la nostra concezione dell’informazione è totalmente antitetica a quella di chi, non avendo argomenti da dibattere, preferisce scappare dal confronto adducendo motivazioni pretestuose e surrettizie». A meno tre giorni dal voto, dunque, cresce l’attesa per quello che sarà il risultato elettorale in Calabria.

Lamezia, dalla Regione milioni di euro per lo sviluppo dell’area urbana. La soddisfazione di Loiero e Speranza

La sede del Consiglio regionale della Calabria

senza, il coordinamento di ReggioCalabria,allargatoaicandidati e loro rappresentanti, ha fatto il punto sulla situazione e ha definito l’individuazione dei rappresentanti di lista nei seggi di ogni comune. «Certamente supereremo la soglia del 4 per cento», ha dic-

rappresentare la marcia in più che consentirà a Scopelliti di imprimere un reale cambiamento in Calabria». Intanto, il candidato alla presidenza della Regione, Giuseppe Scopelliti, sempre nella giornata di ieri, si è recato regolarmente nella sede Rai della

LAMEZIA TERME - Un patto "ambizioso e concreto" per lo sviluppo dell’area urbana di Lamezia Terme nel periodo 2007-2013. Il presidente della Regione, Agazio Loiero, ha illustrato alla stampa i progetti articolati, in avanzato stato di attuazione, per il rilancio e il potenziamento del Lametino. «L’attenzione della Regione verso quest’area - ha detto Loiero parlando con i giornalisti - è un dato di fatto, un investimento senza precedenti nella storia degli ultimi 40 anni. Investimento - ha proseguito Loiero - che è stato possibile anche grazie alla straordinaria diligenza dell’Amministrazione comunale guidata da Gianni Speranza». "Progetti ambiziosi" come la nuova aerostazione (65 milioni di euro, con la possibilità di appaltare tra pochissimi mesi); il collegamento tra aeroporto e stazione ferroviaria (24 milioni con l’avvio a breve della progettazione); la metropolitana di superficie (199 milioni) e il nodo intermodale e piattaforma logistica in area ex sir (8 milioni). «Si tratta di cifre importanti - ha continuato Loiero - che utiliz-

ziamo sempre pensando all’unità della Regione e al futuro dei nostri giovani. Quest’investimenti serviranno per renderci migliori e più competititvi». Accanto ai grandi progetti, il patto per lo sviluppo dell’area urbana di Lamezia comprende i Progetti Integrati di Sviluppo Regionale (Pisr), i Progetti Integrati di Sviluppo Urbano (Pisu) e altri progetti a regia regionale. Per quanto riguarda i Pisr, si va dai 9 milioni di euro per i grandi attrattori culturali e l’area archeologica Terina (entro l’anno potranno essere avviate le campagne di scavo) agli 8 milioni per il polo regionale di ricerca e innovazione sull’agroalimentare, passando per i 24 milioni del parco regionale di impresa. I Pisu prevedono, tra l’altro, la possibilità di appaltare dal primo maggio interventi come la riqualificazione dell’area termale e la realizzazione del nuovo palazzetto dello sport. Tra i progetti a regia regionale: il distretto agroalimentare (3 milioni) e il nuovo parco termale (10 milioni. Soddisfatto anche il sindaco, Gianni Speranza.

’Ndrangherta, scoperto arsenale armi e bunker nella Locride LOCRI - Due bunker e numerose armi e munizioni sono stati scoperti dai carabinieri nelle campagne di Locri. La scoperta è avvenuto nel corso di un’operazione finalizzata all’arresto dei latitanti. I carabinieri del gruppo di Locri e dello squadrone Cacciatori di Vibo Valentia, coordinati dalla Dda di Reggio, hanno compiuto numerose perquisizioni nella zona della locride dove

hanno la loro influenza le cosche dei Cordì e dei Cataldo. In un anfratto roccioso coperto da vegetazione sono stati trovati: una pistola mitragliatore, arma in dotazione alle forze di polizia, un fucile calibro 12, un fucile calibro 7,62 di fabbricazione belga, oltre 2.000 munizioni di vario calibro, numerosi caricatori, un giubbetto antiproiettile del tipo in dotazione alle Forze di Polizia,

un lampeggiante blu del tipo in dotazione alle Forze di Polizia e vari passamontagna. Le armi, in buono stato di manutenzione, erano avvolte in pellicola trasparente, mentre il rimanente materiale era conservato all’interno di borsoni e contenitori in plastica. Durante l’operazione nella stessa zona sono stati trovati anche due bunker, in parte scavati nella roccia.


Venerdì 26 Marzo 2010

il Domani 13

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' È accaduto a Isola Capo Rizzuto. L’uomo da tempo affetto da disturbi mentali ha afferrato un’ascia e si è scagliato contro la donna colpendola ripetutamente

In preda a raptus un anziano tenta di uccidere la moglie nel sonno ISOLA CAPO RIZZUTO - In preda ad un raptus di follia ha colpito nel sonno la moglie che, ferita in modo grave, è ricoverata in prognosi riservata nell’ospedale di Catanzaro. Il fatto è accaduto a Isola Capo Rizzuto, nel Crotonese, dove un anziano, da tempo affetto da disturbi mentali, la scorsa notte, ha afferrato un’ascia da boscaiolo e si è scagliato contro la moglie di 80 anni che stava dormendo, colpendola ripetutamente. L’anziano, in stato confusionale e a torso nudo con in mano ancora l’ascia, ha bussato alla porta dell’abitazione del figlio, di 45 anni, confessandogli di avere ucciso la donna. Il figlio della coppia ha soccorso la madre e informato i carabinieri. Nella stanza teatro del tentato omicidio sono state trovate tracce di sangue sparse sul letto, sui muri e sul pavimento. I militari hanno sequestrato l’ascia. L’anziano è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio. Intanto, la giornata di cronaca ieri in Calabria ha fatto segnare numerosi contruilli delle forze dell’ordine, soprattutto in provinbcia di Catanzaro. Si è trattato di una vasta attività "interforze" di controllo straordinario del territorio. L’operazione è scattata in seguito alle determinazioni dell’ultima riunionedelComitatoprovinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, tenutosi in via d’urgenza sabato scorso a Lamezia Terme, a causa della preoccupante recrudescenza di episodi di criminalità che in quel centro hanno interessato anche esponenti politici e candidati alle prossime consultazioni elettorali. L’attività di controllo del territorio, che hainteres-

Smaltimento di rifiuti pericolosi Quattro arresti della Finanza

sato il capoluogo ed i comprensori Lametino e Soveratese, ha visto l’impiego di oltre 200 uomini appartenenti alla Polizia di Stato, all’Arma dei carabinieri, alla Guardia di finanza, al Corpo forestale dello Stato, nonché l’impiego di equipaggi specializzati dei Reparti prevenzione crimine della Polizia di Stato di Siderno e Cosenza, di un elicottero dell’ 8° Elinucleo di Vibo Valentia e di due squadre "Cacciatori" dei carabinieri di Vibo Valentia. Le operazioni, scattate intorno alla mezzanotte, coordinate sul postodirettamente da funzionari della

E ieri vasta attività di controllo del territorio in tutta la provincia di Catanzaro. Effettuato anche un arresto a Lamezia Terme

Polizia di Stato e da ufficiali dell’Arma carabinieri e della Guardia di finanza, sono state disposte con ordinanza del questore di Catanzaro. In particolare sono state sottoposte a controllo circa 300 autovetture, identificate 450 persone, elevate 15 contravvenzioni per violazioni alle norme del codice stradale, eseguite 50 perquisizioni domiciliari , 100 perquisizioni mpersonali e 50 perquisizioni veicolari, recuperati automezzi rubati. Sono state, inoltre, controllate circa una ventina dipersone sottoposte agli arresti domiciliari e di sorvegliati speciali , denunciate circa 10 persone in stato di libertà. Gli inquirenti hanno tratto in arresto Giuseppe Vescio, 51 anni, di Lamezia Terme, sorvegliato speciale, destinatario di una misura cautelare in carcere emessa dal Gip di Lamezia Terme per violazione della misura di prevenzione cui era sottoposto. r.c.

CATANZARO - Un sorvegliato speciale, che gestiva società sammarinesi per lo smaltimento di rifiuti pericolosi in Calabria, è stato arrestato con altre tre persone dalla Guardia di Finanza, che ha sequestrato beni mobili, quote azionarie di società (anche di diritto estero) e un albergo a quattro stelle, per un valore complessivo di 5 milioni di euro. Gli arresti sono stati eseguiti per i reati di trasferimento fraudolento, usura, abusiva attività finanziaria, ricettazione, falso, induzione in errore della pubblica amministrazione. Il principale responsabile, secondo gli accertamenti eseguiti dalla Fiamme Gialle, è un pregiudicato di origine siciliana, sottoposto a misura di prevenzione personale e alla sorveglianza speciale in un comune del Riminese. L’uomo, nonostante la sorveglianza speciale, è risultato il “dominus” di due società di diritto sammarinese a capo delle quali aveva messo fittiziamente alcune “teste di legno” per esercitare l’attività di smaltimento di rifiuti pericolosi in Calabria. Inoltre era ’socio occulto’ di un’altra persona nell’attività di mediatore creditizio ed effettuava recupero crediti extragiudiziale senza l’autorizzazione necessaria. Una delle società aveva sede legale a San Marino e domicilio fiscale in Italia, presso il Consolato della Repubblica del Titano a Rimini. I finanzieri hanno ricostruito anche l’erogazione di un prestito usurario ed un reato di estorsione.

Tenta estorsione on line a parroco, arrestato REGGIO CALABRIA - Anche i curati vittime di facebook. Quella di don Cosimo, parroco di una chiesa di Ardore, è delle tante storie legate alle pericolosità dei social network. Per aver concesso l’amicizia ad un "collega" cybernauta, il sacerdote è rimasto vittima di una tentata estorsione, conclusosi con l’arresto di un commerciante. Il ricatto via web non si è materializzato perché Agostino Tassone, 42 anni, originario di Torino, è stato bloccato ed arrestato dalla polizia del commissariato di Bovalino nel luogo in cui aveva dato appuntamento al sacerdote per ricevere diecimila euro in contanti. Qualche mese addietro, il religioso aveva concesso l’amicizia ad un utente della rete che navigava e socializzava sulla piazza virtuale con un nickname. Di mezzo ci sarebbe

un cd - sequestrato dalla polizia - con immagini confuse che, nell’idea di Tassone, sarebbero state sufficienti per costringere il prete a cedere al riscatto. Don Cosimo, però, non avendo nulla da temere, si è presentato al dirigente del commissariato di Bovalino, Luciano Rindone, denunciando il tentativo dello sconosciuto di ricattarlo. Dal giorno in cui il religioso aveva accettato l’amicizia via Internet è stato un crescendo di contatti telematici e telefonici, sia all’utenza della parrocchia che a quella personale, tesi mettere a segno l’estorsione. Per evitare il pericolo di essere individuato, Tas-

sone - secondo quanto riferito dalla polizia - ha usato vari stratagemmi, come il continuo cambio di utenze telefoniche mobili, alcune delle quali intestate ad ignare persone della zona. Dopo le ultime telefonate, giunte alla vittima mercoledì sera, è scattato il piano della polizia. L’appuntamento è stato più volte rinviato da parte del Tassone che, alla fine, ha chiesto alla vittima di presentarsi, con i soldi in una busta, in una località di campagna non molto lontano dalla propria abitazione. Sul posto del pagamento c’erano però i poliziotti. Antonio Latella


14

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010

AMBIENTE E AGRICOLTURA

Le richieste del WWf ai candidati «Verità sulla nave e no al Ponte»

di Carmela Mirarchi CATANZARO - In un documento inviato ai tre candidati alla Presidenza della Regione, Filippo Callipo, Agazio Loiero e Giuseppe Scopelliti, il Wwf Calabria ha messo in evidenza le principali emergenze ambientali «che richiedono un’autentica inversione di tendenza rispetto al passato e un maggiore impegno per la tutela del patrimonio naturalistico

della regione». Le richieste vanno «dalla opposizione alla centrale del Mercure in pieno Parco Nazionale del Pollino, a quella a Carbone di Saline Joniche, dalla lotta senza quartiere all’abusivismo edilizio e ella cementificazione delle coste, alla bonifica dei siti inquinati di Crotone e alla ricerca della verità sulle navi dei veleni, dall’adozione di un nuovo piano energetico regionale che tenga conto delle effettive necessità della Calabria, fi-

no alla realizzazione di una efficiente rete di parchi regionali e marini attivi e in grado di conciliare la tutela della biodiversità con la valorizzazione delle risorse locali. Dalla effettiva e diffusa incentivazione della riduzione dei rifiuti e della loro raccolta differenziata si legge nella lettera del Wwf - per finire con la grande battaglia in difesa dello Stretto, contro la sciagurata ipotesi di un’opera faraonica, inutile e dispendiosa co-

«Bonificare i siti inquinati di Crotone, adottare un nuovo piano energetico regionale che tenga conto delle effettive necessità calabresi» me il Ponte, in una regione che necessita di ben altre e più urgenti strutture viarie e di un forte contrasto al dissesto idrogeologico». Quanto al nucleare, il Wwf «prende atto con soddisfazione della presa di posizione di alcuni dei candidati, contrari alla installazione di centrali o depositi di scorie radioattive sul territorio regionale e ricorda che con l’ultimo annuncio sul superamento della Dichiarazione di Inizio Attività per i lavori edili di manutenzione ordinaria e straordinaria per decreto, inattuabile senza il consenso della Regioni, il Governo nazionale fa continue invasioni di campo su materie che sono di competenza concorrente (governo del territorio, edilizia ed energetica) delle Regioni». Il Wwf chiede dunque a tutti i tre candidati di impeganrsi seriamente per la tutela e la valorizzazione del territorio calabrese.

IN BREVE

Fabbrikando, nostro lavoro smuove coscienze CROTONE - «E’ evidente che il lavoro certosino portato avanti dalla nostra associazione sta smuovendo le coscienze e rompe questo assordante silenzio che gravita sulla questioni ambientali che da oltre dieci anni sono un freno per lo sviluppo della nostra provincia». E’ quanto si afferma in una nota dell’associazione Fabbrikando l’avvenire. «Il libro da noi pubblicato - prosegue la nota - ha fatto emergere una realtà allarmante, abbiamo descritto una situazione che forse sfuggiva ai più. Non possiamo che accogliere con soddisfazione l’iniziativa parlamentare sull’amiantoavviata all’indomani della presentazione del libro bianco. E’ un primo passo verso un riconoscimento più complessivo per quei lavoratori che hanno visto negati i propri diritti. Così come diventa fondamentale unificare i punti di crisi e degli intenti per far sì che il problema Crotone esca dai confini provinciali e, soprattutto, che si possa finalmente avviare il processo di bonifica vero dei siti inquinati. Apprezziamo il lavoro svolto dalla magistratura inquirente - prosegue la nota - e l’impegno del procuratore capo Raffaele Mazzotta».


Venerdì 26 Marzo 2010

il Domani 15

UNIVERSITA' E SCUOLA Incontro ieri presso la sede di Confindustria Cosenza, c’erano circa 100 ragazzi Branda ha parlato di investimento nella conoscenza come unica arma per i giovani

La Luiss si presenta agli studenti «Solida formazione rende liberi» di Carmela Mirarchi COSENZA - Oltre 100 studenti della provincia di Cosenza si sono ritrovati presso la Sala Conferenze di Confindustria Cosenza per incontrare rappresentanti della Luiss, la Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma. Riunione di presentazione delle opportunità di studio e sbocchi professionali dell’ateneo romano è stata animata dai ragazzi del Liceo Scientifico "Bruno" e del Liceo Classico "Colosimo" di Corigliano Calabro, del Liceo Scientifico "Scorza" di Cosenza, del Liceo Scientifico di Lungro e del Liceo Classico "Gioacchino da Fiore" di Rende. In apertura il Direttore Branda ha parlato di investimento nella conoscenza e nei saperi come unica arma concreta in mano ai giovani per costruirsi il futuro. «Una solida formazione di base vi rende lisentante dell’Ufficio Relazioni associative beri di esprimervi al meglio e di scegliere cosa dell’ateneo Teti Maria Licursi. Economia, Giufare da grandi. La meritocrazia - ha aggiunto risprudenza e Scienze Politiche sono le tre FaBranda - nel mondo della produzione è un coltà progettate per creare la classe dirigente valore che si sta già affermando, il nostro auspidel futuro e per assicurare una formazione solicio è che diventi l’unica fonte di acquisizione da, ampia, innovativa e di respiro internadelle professionalità in tutti i settori ed in tutti gli zionale. «La possibilità di confrontarsi con altre ambienti di lavoro». Il Presidente dei Giovani realtà didattiche e con contesti culturali diversi Industriali Fortunato Amarelli ha testimoniato in periodi di studio all’estero e l’opportunità di l’impegno degli imprenditori under 40 di Conpoter lavorare a pochi mesi dal conseguimento findustria nella diffusione della cultura d’impredel titolo di studio - ha sottolineato Licursi - sosa e nella creazione della classe dirigente del no tra gli i benefit più tangibili per chi studia nel Paese. «I giovani devono avere consapevolezza nostro ateneo». Per favorire l’inserimento dei delle loro potenzialità e devono investire in prineolaureati nel mondo del lavoro l’ufficio Placema persona nel percoso di studi più appropriament organizza stage ed offre servizi di orientato ed efficace, con impegno, passione e determimento professionale e assistenza. Lo studente nazione». L’Università promossa da Confinducosentino di giurisprudenza della Luiss Daniele stria e presieduta da Luca Cordero di MontezeDe Caro ha presentato i servizi garantiti molo presenta dati di eccellenza: 1 a 7 è il rapdall’università. «Dal servizio porto docenti/studenti; 0,1% il di ascolto, accoglienza ed astasso medio di abbandono desistenza psicologica alla gli studenti Luiss contro una Lo studente cosentino radio gestita dagli studenti, media nazionale del 18%; 3,3 di giurisprudenza dallavideotecaall’ambulatoanni il tempo medio di laurea rio medico, dalle attività cul(Corsi di Laurea Triennale); della Luiss Daniele turali all’accessibilità alla 86% i laureati che trovano rete wireless in tutto il camlavoro entro 6 mesi dalla De Caro ha presentato pus ed alla web tv, la vita unilaurea. L’offerta formativa i servizi garantiti versitaria è piacevole e comdell’ateneo è stata presentata pleta» ha dichiarato De dalla ricercatrice della Facoltà dall’università Caro. di Scienze politiche e rappre-

Ufficio scolastico di Crotone esclude chi paga il pizzo CROTONE - L’ufficio scolastico provinciale di Crotone ha deciso di escludere dall’elenco dei fornitori tutte le imprese che pagano il pizzo o che subiscono passivamente azioni di intimidazioni e di condizionamento di natura criminale. Il dirigente dell’ufficio scolastico, Antonio Blandino, ha inviato una comunicazione a tutti i presidi delle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Crotone in cui li invita a far sottoscrivere alle imprese fornitrici una dichiarazione in cui affermano di «non soggiacere al pagamento del pizzo ed assumono formale impegno di denunciare qualsiasi tentativo di estorsione, intimidazione, o condizionamento di natura criminale pena la cancellazione, dall’elenco dei fornitori, delle imprese che violino gli impegni assunti in direzione di un’economia eti-

ca». Qualora le ditte non dovessero rispondere entro 30 giorni il preside provvede alla loro esclusione d’ufficio. «La proposta elaborata dall’Atp - ha spiegato il dirigente dell’Ufficio scolastico Blandino - prevede infatti l’esclusione, dall’elenco dei fornitori delle istituzioni scolastiche, delle imprese che pagano il pizzo e subiscono passivamente azioni di intimidazioni e di condizionamento di natura criminale. Con questo obiettivo e con la convinzione che una forte presa di posizione della scuola a sostegno dei commercianti e imprenditori che hanno scelto di stare dalla parte della legalità, costituirebbe uno stimolo per quanti ancora non hanno deciso e assumerebbe un alto valore educativo per gli studenti».

Loiero contro i tagli all’istruzione «Negato un diritto Costituzionale» CATANZARO - «Vergognosamente la scure delle misure di razionalizzazione attuate dal Governo non ha esitato a colpire anche l’integrazione scolastica degli alunni diversamente abili in termini di cancellazione di cattedre di sostegno, negando il diritto fondamentale all’istruzione sancito dalla nostra Carta costituzionale a coloro che nella catena dell’istruzione sono i soggetti più deboli». Lo ha ribadito il presidente della Regione Calabria Agazio Loiero, che già aveva fortemente criticato i tagli indiscriminati fatti nel settore della Scuola che, solo in Calabria, hanno determinato la perdita di 6500 posti di lavoro tra il personale docente e personale Ata. Il Presidente Loiero ha fatto proprio il grido d’allarme dell’associazione insegnanti di sostegno di Reggio Calabria che con un documento presentatogli ha evidenziato come i tagli al numero degli insegnanti di sostegno sia strettamente collegato ai tagli del numero di classi che il governo ha fatto, formando classi sovraffollate provocando una scarsa offerta formativa curriculare e integrativa. Si tratta di una problematica che il presidente ha fatto sua annunciando un intervento che la Giunta Regionale farà i contro i tagli nella pubblica istruzione, mediante un ricorso alla Corte costituzionale per ripristinare i 6500 posti di lavoro persi in Calabria l’anno passato. «La sentenza del 2 luglio 2009, n. 200, che ha accolto parzialmente i ricorsi promossi da varie regioni (tra cui la Calabria) ha concluso Loiero - e ha dichiarato l’illegittimità costituzionale di alcune norme approvate dal governo, apre le porte a nuovi interventi da parte delle Regioni, soprattutto di quelle come la


18

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010

LAVORO E SINDACATI «Il management continua con pressioni e vessazioni a negare diritti ai lavoratori e a pretendere turni e orari esasperanti alla rincorsa di nuovi obiettivi economici che non si sa a cosa serviranno viste le ricadute negative»

Il segretario regionale della Cisl-Poste della Calabria, Franco Sergio, accusa l’Azienda di aver messo in atto « una decimazione selvaggia definita pudicamente riorganizzazione»

La Cisl denuncia «l’ipocrisia aziendale» di Poste italiane spa e si oppone ai tagli di Vania Notaro

piano che prevede, addirittura, un taglio di ben 10 mila posti di lavoro. Questa decimazione selvaggia viene definita, pudicamente, un processo di riorganizzazione del settore servizi postali». Per Sergio è ormai «noto a tutti in Italia come il servizio di recapito postale sia andato progressivamente peggiorando sia nella qualità, sia nella tempistica: interi quartieri non vengono più serviti quotidianamente da tempo, nonostante il sensibile calo dei volumi postali», evidenzia il segretario della Cisl-Poste Calabria. «Allo stesso tempo - prosegue Sergio appare assai strano constatare come tutte le attività interne si siano contratte o limitate al minimo, a partire dalla carente strumentazione di lavoro, alla mancata manutenzione degli

CATANZARO - «Nelle Poste è giunto il momento della verità. 736 milioni di utile e 10 mila tagli fra i portalettere. La Cisl denunzia l’ipocrisia aziendale». Lo afferma in una nota il segretario regionale della Cisl-Poste della Calabria, Franco Sergio. «Quale azienda italiana ed europea - aggiunge - può vantare oggi, con la crisi in atto, un risultato così fenomenale? Solo Poste italiane spa. Grazie, ancora una volta, allo straordinario sforzo profuso dai lavoratori postali che ha consentito di raggiungere un risultato impensabile, pur tra mille contraddizioni e difficoltà operative presenti in Azienda. Incomprensibilmente però l’amministratore delegato Sarmi - prosegue Sergio ha presentato al sindacato un

Incidenti sul lavoro, l’Inail chiede maggiore sicurezza e più sinergia per ridurre il rischio di altre tragedie

CATANZARO - «In questi giorni stiamo assistendo ad eventi dolorosi che colpiscono i nostri lavoratori, non possiamo rimanere inerti, ognuno deve operare affinché ci sia maggiore sicurezza». Lo afferma in una nota il direttore regionale dell’Inail della Calabria Mario Lo Polito «Ancora una volta - aggiunge - si torna a parlare di infortuni gravi e mortali. A poco più di un mese da quelli avvenuti sulla Salerno-Reggio Calabria si sono purtroppo susseguiti ben tre nuovi episodi rispetto ai quali l’Inail ha già prestato il suo intervento. Il primo episodio, un infortunio grave avvenuto sabato scorso, ha visto coinvolto Antonino Cristofaro di Lamezia Terme, le cui condizioni sono ancora gravi

e per il quale è in corso la necessaria verifica amministrativa riguardante le dinamiche dell’infortunio. Allo stesso modo, si sta procedendo con la massima celerità con le indagini del caso, per l’infortunio mortale di Augusto Tomaino di San Pietro Apostolo,

agricoltore deceduto nel corso di operazioni di potatura. L’ultimo episodio è avvenuto martedì 23 marzo: un elettricista Luigi Vaccaio di 50 anni di Cotronei é morto folgorato nel corso di un intervento su di una cabina elettrica per cause che sono ancora da ac-

automezzi, al mancato pagamento di straordinari e missioni, ai carenti sistemi di sicurezza negli uffici, alla vendita progressiva del patrimonio immobiliare». Sergio si chiede come mai «un’azienda finanziariamente solida possa chiedere al sindacato di essere complice, attraverso processi di riorganizzazione forse necessari per potenziare i settori in difficoltà e non per portarli al disastro definitivo, nell’eliminazione di 10 mila posti nel momento in cui il dramma occupazionale esplode violentemente nel Paese. Riteniamo pertanto - continua il segretario regionale - che la più grande azienda nazionale non possa dimenarsi tra due verità: una esterna che trasmette solidità di bilanci e positività di risultati e l’altra interna, ben nota a noi postali, che prefigura una condizione purtroppo diversa». In Calabria, come sottolinea Sergio, «le difficoltà sono più gravi ed i problemi ancor più numerosi; tanto che è in atto una dura vertenza con il management dell’area Sud e la dirigenza regionale. Questa vertenza rimane per ora “congelata” in quanto inglobata in quella, più ampia, di livello nazionale. Naturalmente, se falliranno le trattative in corso a Roma, il sindacato calabrese conclude il segretario regionale affilerà le armi e non esiterà a mettere in campo azioni di lotta sindacale e politica anche drastiche per impedire che nella nostra regione si perdano centinaia di posti di lavoro, mentre c’é carenza di personale e la dirigenza di Poste non si preoccupa di elevare la qualità e l’efficienza dei servizi erogati ai cittadini calabresi e di migliorare le condizioni di lavoro degli addetti agli uffici ed al Recapito della corrispondenza. Il management continua, con pressioni e vessazioni, a negare diritti ai lavoratori e a pretendere turni ed orari esasperanti, alla rincorsa di nuovi obiettivi economici che, non si sa a cosa serviranno viste le ricadute negative».

certare. Sul posto dell’infortunio è subito accorso anche l’ispettore Inail Danilo D’Ippolito della sede di Catanzaro che ha potuto partecipare ai primi accertamenti fatti dai carabinieri. È raro - prosegue Lo Polito - che il nostro Istituto venga chiamato ad accorrere sul luogo di un infortunio ed il mancato ed immediato coinvolgimento spesso ritarda l’erogazione delle prestazioni economiche a sostegno delle famiglie delle vittime. Creando maggiori sinergie tra i vari soggetti coinvolti, proprio nel momento delle indagini, diventa per noi più semplice riuscire a dare risposte tempestive a coloro che si trovano in una situazione di disperazione che mai nessuno dovrebbe conoscere».


Venerdì 26 Marzo 2010

il Domani 19

LAVORO E SINDACATI

Carceri, Uil-Pa: «Istituti calabresi alla deriva»

di Oriana Tavano CATANZARO - Ancora un altro allarme sul sovraffollamento delle carceri. A rendere noti i dati inerentiladrammaticasituazione penitenziaria calabrese è il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria:«Dal28febbraioscorso la situazione delle presenze detentive si è ulteriormente aggravata con lo sfondamento di quota 67.000 detenuti - si legge nella no-

ta del Dap - per questo riteniamo utile divulgare il rilevamento ufficiale datato 28 febbraio, che fotografa nella regione la completa deriva che nessuno sembra voler raccogliere». Con queste parole Eugenio Sarno, segretario generale della Uil Pa-Penitenziari, illustra le cifre e i numeri dei penitenziari della Calabria. «Dall’esame dei numeri - dice Sarno - emerge in modo netto il drammatico quadro di sovraffollamento delle strutture calabre-

si». A fronte di una capienza di 1849 detenuti, il Dap ha registrato la presenza di 2922 ristretti, in condizioni «disumane e incivili», che si sommano alla «quotidiana contrazione dei diritti elementari per il personale penitenziario». Una situazione che Sarno considera «insostenibile e destinata a provocare pulsioni e tensioni all’interno delle carceri che potrebbero non essere adeguatamente fronteggiate a causa delle ridotte risorse umane». Sarno evi-

Dal 28 febbraio scorso la situazione italiana si è aggravata superando il muro di 67 mila detenuti denzia un’altra questione che investe l’ordine pubblico e che potrebbe avere conseguenze sulla sicurezza della collettività. «Non ci sottraiamo - afferma Sarno - ad allertare i politici, la stampa e la società, sperando che si inneschi quella consapevolezza della indifferibilità a procedere alla legiferazione sulle misure accompagnatorie del “piano carceri”. L’affidamento in prova, il ricorso alla detenzione domiciliare, la necessaria assunzione di circa 4 mila unità di polizia penitenziari: sono queste sono le risposte reali e urgenti». Lo stesso piano carceri, secondo quanto rileva il Dap, sembra aver subito un rallentamento nella sua definizione. «In Calabria, per il personale amministrativo - conclude il segretario della Uil-Pa - mancano 8 dirigenti penitenziari, 39 educatori, 33 assistenti sociali, 19 contabili e 45 collaboratori. La polizia penitenziaria conta su 1624 unità a fronte delle 1498 previste».

IN BREVE

Alleanza per l’Italia, Bruno: «Regione aiuti gli ambulanti» COSENZA - Proficuo incontro quello tenutosi tra il senatore Franco Bruno, segretario regionale di Alleanza per l’Italia, l’on. Diego Tommasi e i vertici dell’Aica, l’Associazione italiana commercianti ambulanti, rappresentati dal presidente Gianni Gervasi e dal vice Carmine Palumbo. I problemi del regolamento regionale non ancora emanato, la necessità di adeguarele diverse aeree mercatali e di prevedere un adeguato controllo da parte delle forze dell’ordine, sono state le esigenze rimarcate dall’associazione di categoria. Nel corso dell’incontro è stato convenuto che sarebbe opportuno che il settore delle attività economiche e produttive della Regione Calabria provvedesse a far rientrare nello stato di emergenza, relativo al maltempo, la situazione dei commercianti ambulanti calabresi. Temi su cui l’Aica ha ottenuto il sostegno del partito di Alleanza per l’Italia. «Questa penalizzazione normativa regionale va affrontata e superata rapidamente - ha detto il sen. Bruno -. La politica e quanti fanno campagna elettorale, incomincino ad affrontare i problemi che riguardano la vita quotidiana dei calabresi».


20

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010

SANITA' E WELFARE Firmato il contratto per il Centro cuore di Reggio Calabria LAMEZIA TERME - Il presidente della Regione, Agazio Loiero, ha firmato il contratto per il Centro cuore di Reggio Calabria. «Era un impegno che avevo preso - ha detto Loiero - all’inizio della legislatura con l’intera città di Reggio Calabria. E io gli impegni li mantengo». Il contratto dà il via alla realizzazione del Centro cuore che prevede la cardiochirurgia. E’ stato firmato, insieme a Loiero, da Mario Santagati, direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Reggio Calabria; da Angelo Rabotti ufficiale erogante dell’Azienda ospedaliera, e da Norberto Chiari, procuratore della Gem System. L’importo dei lavori del Centro cuore ammonta a 18 milioni di euro. La ditta Edil Minniti, che ha vinto la gara d’appalto, ha garantito che inizierà i lavori il 29 marzo. Per concluderli avrà 17 mesi di tempo. I lavori inter-

verranno su 3.500 metri quadrati di locali già disponibili e resi liberi dall’Azienda ospedaliera. Vi saranno costruire due sale operatorie e una terza sala predisposta per il Sistema di navigazione magnetica, una tecnologia altamente sofistica per ora in uso soltanto al San Raffaele di Milano e in un ospedale di Los Angeles. Mario Santagati ha detto che «in contemporanea allo svolgimento dei lavori, affronteremo e risolveremo il problema di professionalità adeguate, accanto a quelle che abbiamo, al vero e proprio salto tecnologico e innovativo che realizzeremo con la costruzione del Centro cuore». Il contratto è stato sottoscritto a Lamezia Terme perché il presidente Loiero, per non rinviare la riunione, ha approfittato di un altro suo impegno a Lamezia per poterlo firmare.

Il candidato alla Presidenza della Regione, Pippo Callipo attacca Sacconi e Loiero «Si è perso tempo e dirottamento Fas è ultima mazzata di questa vecchia politica»

«Sanità doveva essere commissariata Farmacisti e specialisti nostri alleati» di Carmela Mirarchi CATANZARO - «I messaggi della Giunta Loiero hanno tutti un sapore elettorale. Non sa fare altro e lo ha dimostrato ampiamente, arrivando persino a sforare il Patto di stabilità». E’ quanto afferma, in una nota, il candidato alla presidenza della Regione Pippo Callipo. «Si caratterizza - prosegue Callipo - per l’abitudine ad utilizzare il denaro pubblico per conseguire le sue finalità elettorali. Nonostante tutto Loiero ha già perso, e proprio perché lo sa diventa oltremodo incosciente nella spesa, pur di racimolare qualche consenso. L’ultima. Ha programmato per la prossima Giunta un nuovo tariffario, non sappiamo ancora se d’oro o d’argento, per comprare il consenso dei laboratori di analisi, di radiologia e simili. Sta tentando di tutto dopo averli affamati per anni. Dopo avere messo in pericolo la loro esistenza e l’occupazione. La sua Giunta è diventata specialista per mettere in crisi il lavoro piuttosto che favorirlo. Oggi prova a recuperarli, pur sapendo che ciò non varrà nulla. E’ solo una trappola elettorale. E’, infatti, espressamente previsto nel Piano di rientro - sostiene ancora Callipo - che deve essere l’Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) ad elaborare il tariffario. I suoi tentativi sono giochetti ai quali non crede più nessuno. La mia Giunta sarà garante della correttezza e dell’occupazione. Tutelerà l’imprenditoria privata sana, senza regalare nulla. Farmacisti, specialisti ambulatoriali e case di cura saranno nostri alleati, nel rispetto delle norme, per recupera-

Realizzazione dei nuovi ospedali Loiero: le gare entro un mese

re le rovine che erediteremo da Loiero. I calabresi per contribuire al rinnovamento hanno bisogno di verità. La mia idea di Calabria si fonda sulla certezza dei diritti e sul rispetto delle regole attraverso, però, l’attiva partecipazione ai processi decisionali degli operatori e della cittadinanza tutta». «Che ora il ministro Sacconi confermi quello che io sostengo da settimane, spesso isolato e considerato avversario del Loierismo per partito preso, ossia che la sanità calabrese dovesse essere commissariata, non mi rallegra per nulla» ha affermato ancora il candidato alla carica di Governatore della Regione Calabria, Pippo Callipo. «E’ stato calpestato aggiunge - l’interesse dei calabresi a fare chiarezza. Indicando i responsabili e sanzionandoli. Nel

«Al ministro Sacconi chiedo di dar corso alla sua idea dell’ineleggibilità per i politici locali che sfondano i bilanci»

frattempo, infatti, il disastro è aumentato e con esso l’irresponsabilità. Bastava, ma è evidente che ha giocato qualche altro calcolo, pensare che con la campagna elettorale ogni cosa sarebbe peggiorata e la spesa allegra, affidata a dirigenti privi di senso delle istituzioni mischiati con la politica, sarebbe non diminuita ma aumentata. Si è perso tempo prezioso e ora la soluzione del dirottamento dei Fas per il ripiano dei debiti sanitari, è l’ultima mazzata che questa vecchia politica appioppa impunemente ai cittadini calabresi, che pagano le aliquote fiscali più alte, ticket e hanno in cambio prestazioni di bassa qualità. Occorre mandare a casa - conclude Callipo - i responsabili che invece di nascondersi ancora sono in giro a cercare voti, quindi introdurre regole serve, controllo della spesa e una programmazione fondata sui bisogni reali. Al ministro chiedo di dar corso alla sua idea dell’ineleggibilità per i politici locali che sfondano i bilanci. Se il Governo pensasse ai problemi del Paese invece che a sconvolgere la Costituzione per introdurre un presidente autoritario svincolato dai controlli democratici, tutti ne avremmo vantaggio».

CATANZARO - «Ho firmato l’ordinanza per la realizzazione dei nuovi ospedali. L’obiettivo è quello di andare a gara entro un mese». Lo ha detto il presidente della Regione, Agazio Loiero, commissario straordinario per l’emergenza socio-sanitaria in Calabria, incontrando i giornalisti a Catanzaro. Abbiamo nominato il commissario della Stazione unica appaltante, Salvo Boemi, e il presidente del Comitato di sorveglianza dell’organismo Ivan Cicconi - ha aggiunto Loiero - estensori del capitolato proprio con l’intento di dare un impulso di maggiore trasparenza. Siamo rimasti fermi da febbraio a dicembre dello scorso anno e solo dopo la sigla del piano di rientro abbiamo ripreso in mano la situazione». Gli interventi in sanità, che complessivamente ammontano a 660 milioni di euro, sono stati illustrati da Graziano, componente del componente del Comitato tecnico scientifico di supporto al Commissario per l’emergenza e commissario per le Case della salute. «Le ordinanze firmate - ha detto - riguardano gli ospedali della Piana, di Vibo e della Sibaritide mentre per il nuovo ospedale di Catanzaro dove la situazione è più complessa in ragione dell’integrazione che ci dovrà essere con l’Università». L’ateneo, infatti, ha manifestato perplessità e chiede che si vada verso una "integrazione funzionale" tra le strutture ospedaliere sul modello di quanto accade in altre realtà similari. Un progetto alternativo è al vaglio dei ministeri dell’Università e della Salute. «Il rinnovamento tecnologico - ha spiegato ancora Graziano - riguarda tanto i presidi ospedalieri quanto le Aziende sanitarie. Si tratta comunque di investimenti rilevanti che contribuiranno a cambiare il volto della regione. Anche gli investimenti fatti nei vecchi ospedali, in attesa dei nuovi, non sono a perdere perché comunque si continuerà ad offrire servizi nelle strutture esistenti mantenendo il massimo della sicurezza per pazienti e operatori». Ai fondi per i nuovi presidi vanno aggiunti i 127 milioni di fondi europei per la realizzazione delle case della salute. «In nove mesi - ha detto Graziano - abbiamo elaborato un progetto, pur tra tante difficoltà per la fase legata alla discussione sul piano di rientro. La gara per le attrezzature parte subito perché le strutture esistono».


il Domani Venerdì 26 Marzo 2010 21

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

CAMBI

CHIUSURA

VAR. %

23.539,62 23.034,46 25.524,87 24.471,89 23.272,22 11.600,43

0,99 1,03 0,73 1,10 0,21 0,61

Euro

METALLI

US $

UK £

USD/on

EURO/gr

1092,15

26,37

16,74

0,406

PLATINO

1616,00

39,38

PALLADIO

458,00

11,34

¥en

1 Euro

1.0

1.3302

0.89660 123.38

ORO

1 US $

0.75140

1.0

0.67380 92.730

ARGENTO

1 UK £

1.1148

1.4833

1 ¥en

1.0

137.55

0.0081012 0.010779 0.0072634

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

A.S. Roma 0,86 +4,88 16.30.49 0,844 0,8845 A2A 1,382 +0,00 17.30.59 1,364 1,393 Acea 7,995 -0,99 17.30.24 7,955 8,08 4,03 +2,03 16.21.00 3,9625 4,03 Acegas-Aps Acotel Group 61,49 +2,43 17.30.02 60,48 61,89 Acque Potabili 1,693 -1,85 16.30.12 1,685 1,72 Acsm-Agam 0,90 -0,55 16.30.37 0,8975 0,905 Actelios 3,6275 +2,62 17.30.14 3,52 3,6275 Aedes 0,2469 +1,15 16.30.29 0,2431 0,2477 Aeffe 0,418 +0,84 17.21.15 0,41 0,418 Aegon 5,03 +1,93 16.06.12 5,005 5,065 Aeroporto Firenze 13,65 -1,09 15.54.38 13,46 14,30 Ahold Kon 9,35 -3,61 15.39.36 9,35 9,35 0,326 +3,17 16.30.10 0,315 0,3395 Aicon Alcatel-Lucent 2,44 +3,06 17.01.53 2,39 2,44 Alerion 0,59 +1,72 16.30.54 0,58 0,5925 Allianz 90,92 +2,27 17.21.32 89,20 91,16 Amplifon 3,76 +1,14 17.30.02 3,705 3,7675 Ansaldo Sts 14,78 +0,27 17.30.58 14,66 14,80 0,626 -0,79 16.06.53 0,611 0,637 Antichi Pellettieri Apulia Prontop 0,4065 +2,01 15.49.56 0,3985 0,407 Arena 0,0354 +4,12 16.30.58 0,0337 0,0372 Arkimedica 0,6635 +0,15 16.30.15 0,647 0,6665 Arkimedica 2012 Cv5% 100,49 +0,19 13.01.38 100,25 100,49 Ascopiave 1,666 +0,97 17.30.25 1,65 1,67 Astaldi 5,81 +2,29 17.30.54 5,63 5,81 17,54 +0,40 17.30.32 17,48 17,68 Atlantia Autogrill Spa 9,27 +1,81 17.30.13 9,08 9,285 Autostrada To-Mi 10,13 +0,30 17.30.38 9,925 10,21 23,51 -1,84 16.30.43 23,02 24,70 Autostrade Merid 16,60 +3,17 17.19.27 16,13 16,67 Axa 9,865 +0,77 17.30.35 9,73 9,865 Azimut 91,20 -0,11 15.25.03 91,00 91,40 B Interm-15 Cv 1,5% 2,75 2,75 +1,10 16.30.48 2,71 B&C Speakers Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 107,97 +0,07 17.24.44 107,70 108,09 Banca Generali 8,495 +0,30 17.30.00 8,335 8,525 Banca Ifis 7,00 +1,01 17.30.19 6,805 7,04 Banca Intermobiliare 4,02 -0,12 16.30.44 3,92 4,05 Banca Italease 0,7885 -0,06 17.30.53 0,788 0,793 Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 112,00 -0,02 17.21.51 111,80 111,86 Banco Popolare 5,195 +2,26 17.30.32 5,055 5,21 9,965 +2,15 16.54.57 9,80 10,02 Banco Santander Basf 45,09 +1,10 15.37.52 44,61 45,32 2,36 +1,07 16.30.06 2,3125 2,375 Basicnet Bastogi Spa 2,08 +2,09 16.06.16 2,035 2,08 50,69 +2,20 17.20.11 49,66 50,70 Bayer Bb Biotech 51,45 +1,08 16.56.30 50,92 51,49 2,00 +0,25 17.30.28 1,997 2,015 Bca Carige Bca Carige R 115,02 -0,03 11.03.00 115,02 115,03 Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat 0,5565 -1,59 17.30.27 0,555 0,5655 1,17 +0,78 17.30.33 1,155 1,172 Bca Mps Bca Pop Di Spoleto 4,625 -0,96 15.40.23 4,6125 4,75 10,34 -0,19 17.30.56 10,17 10,37 Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio 3,94 +1,22 17.30.23 3,87 3,945 4,79 4,785 +1,00 17.30.39 4,6925 Bca Pop Milano 7,39 +0,61 17.30.00 7,295 7,39 Bca Pop Sondrio 0,5975 -0,42 16.30.49 0,5945 0,607 Bca Profilo 4,19 4,075 +1,37 15.25.31 4,0425 Bco Desio Bria Rnc 4,18 4,155 +1,84 16.30.57 4,09 Bco Desio Brianza 10,88 +1,21 15.40.09 10,75 10,88 Bco Sardegna Risp Bee Team 0,467 +1,52 16.30.30 0,461 0,476 Beghelli 0,705 +0,50 16.30.15 0,695 0,705 Benetton Group 6,01 +1,18 17.30.27 5,91 6,05 Beni Sta 2011 Cv2,5% 99,40 +0,00 16.48.49 99,28 99,44 Beni Stabili 0,6965 +1,24 17.30.32 0,6815 0,701 Best Union Company 1,397 -1,62 15.55.06 1,397 1,43 0,53 +2,91 16.30.55 0,514 0,549 Bialetti Industrie Biancamano 1,487 +2,55 16.23.48 1,462 1,495 6,085 -0,41 17.30.30 6,025 6,13 Biesse Bioera 1,01 -7,08 16.30.35 1,01 1,087 33,97 +1,56 17.23.12 33,50 33,97 Bmw Bnp Paribas 58,60 +1,40 17.24.41 57,76 58,99 Boero Bartolomeo Bolzoni 1,50 -0,86 17.30.49 1,482 1,529 33,30 -0,30 15.22.46 32,30 33,55 Bonifiche Ferraresi Borgosesia 1,18 +0,86 12.05.49 1,17 1,18 Borgosesia R Bp-10 Cv 4,75% 100,40 +0,05 16.39.05 100,33 100,46 Bper 12 Cv Sub 3,7% 102,86 -0,14 16.59.01 102,75 103,18 5,80 +3,94 17.30.13 5,58 5,82 Brembo 0,2382 +0,08 16.30.45 0,2335 0,2408 Brioschi 6,005 +2,83 17.30.55 5,83 6,035 Bulgari 1,11 +0,45 17.30.17 1,087 1,11 Buongiorno Buzzi Unicem 9,525 -0,26 17.30.38 9,38 9,575 Buzzi Unicem Rnc 6,23 +1,80 17.30.31 6,085 6,23 5,12 +0,89 14.52.07 5,05 5,145 Cad It Cairo Communication 2,96 +2,07 17.30.06 2,90 2,975 Caleffi 1,045 -0,48 16.22.44 1,045 1,05 Caltagirone 2,235 -0,11 16.30.31 2,2025 2,24 1,928 -0,10 16.30.43 1,916 1,949 Caltagirone Edit Camfin 0,28 -0,18 16.30.00 0,28 0,2845 Campari 8,225 +0,80 17.30.10 8,155 8,255 Cape Live 0,372 -2,23 16.30.43 0,372 0,376 90,31 -0,21 15.06.55 90,24 90,50 Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro 2,5875 +1,07 16.30.12 2,5125 2,60 35,51 -2,39 16.42.06 35,51 35,51 Carrefour

Apertura

0,8545 1,382 8,075 3,9625 61,17 1,716 0,902 0,2455 13,69

0,5845 3,72 14,74 0,63 0,0347 100,30 5,69 17,51 9,105 10,20 24,45 9,76 2,745 107,90 8,50 4,05 0,7885 112,01 5,07 2,33 51,49 2,00

1,155 10,34 4,72 7,335 0,607 4,085 4,09 0,475 0,7015 0,688 1,421 0,52 1,462

57,76 1,529 33,00 1,17

5,58 0,239 5,83 1,10 9,495

1,05 2,23 1,916 0,281 8,19 0,375 2,5825

AZIONI

Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Everel Group Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Filatura Di Pollone Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R Fortis France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A

Prezzo ultimo contr. Var %

23,44 2,35 0,5215 4,475 2,96 2,59 0,398 0,1599 0,31 0,913 1,83 0,605 1,84 0,77 0,73 103,00 1,096 23,20 5,38 13,23 1,774 4,85 0,1902 103,70 0,785 1,223 5,22 35,03 0,9395 19,96 10,76 43,26 4,0325 3,15 1,294 57,12 9,87 27,71 2,155 5,155 16,10 27,05 1,124 1,43 1,69 12,65 1,912 4,05 4,15 1,46 25,56 17,46 5,675 10,14 0,8025 0,8595 8,08 2,77 0,2415

+1,12 +1,18 -5,52 -2,29 -0,59 -0,67 -0,87 -0,06 +0,81 +1,44 +2,01 -0,41 -0,11 +0,00 +0,00 +0,20 +2,05 +0,00 +2,48 +4,26 +0,51 +2,32 -1,96 -0,09 +3,22 -0,97 +2,25 +2,46 +1,02 +0,00 +1,22 -1,41 +1,83 +2,44 +1,57 +3,50 +1,08 -1,28 +0,70 -1,62 +0,25 +1,92 +0,27 -1,04 +4,39 +4,89 -0,42 +1,00 +0,48 +1,39 -0,16 +0,81 +0,35 +0,20 +2,89 +5,79 +1,00 -0,98 +5,00

Ora

17.30.53 16.30.09 16.30.26 17.30.20 17.30.31 17.30.57 16.30.51 16.30.50 16.30.41 16.24.59 17.30.54 15.47.45 17.30.53 16.30.41 16.30.57 14.58.12 16.30.30 17.22.08 17.30.45 16.18.24 16.30.40 17.30.04 16.30.25 16.38.16 15.15.47 17.30.58 17.30.46 15.40.31 16.52.23 16.30.39 16.30.35 15.41.25 15.50.02 16.30.43 17.30.35 17.23.39 17.06.46 17.30.04 12.59.15 17.30.20 17.30.49 15.05.53 17.30.44 16.35.14 17.30.44 17.30.08 17.30.15 17.30.18 17.30.47 16.24.35 17.30.39 17.30.40 17.30.13 17.30.16 16.24.45 16.30.11 17.30.42 17.30.28 16.30.05

Min

23,29 2,2625 0,502 4,45 2,93 2,5225 0,398 0,158 0,31 0,8865 1,785 0,605 1,819 0,757 0,727 102,75 1,07 23,03 5,22 12,90 1,752 4,7275 0,1901 103,52 0,769 1,21 5,05 34,79 0,9215 19,83 10,57 43,26 3,9125 3,07 1,273 55,21 9,815 27,62 2,12 5,10 15,97 26,52 1,114 1,419 1,602 11,90 1,905 3,9625 4,13 1,434 25,56 17,32 5,63 10,02 0,776 0,81 7,915 2,74 0,2258

Max

Apertura

AZIONI

23,72 2,35 0,572 4,5725 3,005 2,605 0,409 0,1619 0,31 0,913 1,83 0,625 1,854 0,7735 0,742 103,00 1,096 23,40 5,38 13,25 1,775 4,87 0,194 103,79 0,785 1,234 5,235 35,03 0,9445 20,10 10,78 45,51 4,0325 3,1525 1,295 57,32 9,905 28,19 2,155 5,34 16,36 27,13 1,134 1,475 1,713 12,85 1,938 4,05 4,1675 1,48 25,99 17,52 5,70 10,18 0,804 0,8595 8,10 2,805 0,25

23,29 2,31 0,526

Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridie Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Realty Vailog Recordati Ord

0,1616 1,794 0,6125 1,82 0,77 0,73 102,76 5,28 1,752 4,74 103,79 0,769 1,225

20,00 10,68 3,1375 1,278 55,21 28,19 5,255 16,25 1,12 1,442 1,618

4,1325 17,35 10,15 0,776 0,8195 2,765 0,245

13,32 +1,76 17.30.02 12,96 13,32 13,12 7,72 7,71 +1,72 17.30.49 7,52 9,50 -0,21 16.12.06 9,47 9,62 1,151 +0,09 16.29.17 1,136 1,155 14,19 +3,65 17.30.26 13,70 14,40 13,74 9,97 +1,74 17.30.07 9,70 10,00 9,76 6,20 +1,64 17.30.11 6,05 6,22 6,055 6,495 +1,33 17.30.10 6,355 6,51 6,38 4,35 +1,58 17.30.39 4,2275 4,3575 4,35 -0,68 17.16.44 4,3325 4,4175 4,3325 0,61 +17,31 16.35.56 0,5305 0,61 0,565 0,1789 +1,07 16.30.04 0,173 0,1803 0,1803 10,14 +0,10 17.30.52 10,08 10,16 10,13 3,45 +50,00 17.30.28 3,45 3,45 0,522 -0,67 15.40.35 0,52 0,5295 0,521 12,06 +1,35 17.30.57 11,87 12,14 11,87 8,145 +2,84 17.30.12 7,945 8,145 8,035 2,7075 +2,46 17.30.39 2,61 2,7075 17,80 +1,54 16.20.13 17,78 17,80 1,162 -0,26 15.54.59 1,14 1,165 1,165 0,4395 -0,11 16.30.55 0,439 0,4465 0,44 6,105 +0,08 16.30.10 6,06 6,15 6,06 28,50 +2,81 16.50.22 28,38 28,50 2,19 +0,00 17.18.52 2,16 2,195 0,634 +1,77 17.30.14 0,617 0,6355 0,6195 1,52 -0,52 16.16.47 1,50 1,52 17,84 +0,96 17.30.30 17,55 17,98 17,63 5,21 5,19 5,19 -0,19 17.30.37 5,165 3,07 +0,08 16.30.26 3,01 3,0875 3,01 2,15 +2,14 17.30.38 2,0875 2,175 2,1025 3,5425 +0,93 17.30.29 3,495 3,55 3,55 5,695 +0,80 16.30.41 5,565 5,725 5,10 -0,97 16.16.10 4,9275 5,10 5,14 +1,18 16.30.06 5,085 5,15 5,13 1,735 +1,11 17.30.46 1,709 1,745 1,72 2,615 +0,58 17.30.28 2,575 2,645 1,032 +0,19 16.07.49 1,025 1,035 14,40 +1,12 17.30.09 14,10 14,40 14,10

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

1,496 +2,89 17.30.09 1,448 0,9495 +2,48 15.14.11 0,9265 1,735 +0,87 16.30.07 1,722 0,9015 +1,35 16.30.17 0,8895 2,505 +3,62 17.30.45 2,4025 8,27 +4,03 16.52.28 7,71 8,92 +0,62 17.30.44 8,71 8,10 -0,92 17.30.08 8,10 7,415 +2,14 17.22.17 7,24 0,541 +8,53 16.30.50 0,495 0,85 +11,77 16.30.42 0,79 3,88 -1,02 17.30.42 3,8775 2,8175 +1,26 17.30.38 2,77 2,2175 +2,19 17.30.41 2,17 0,0637 -1,70 16.30.24 0,0631 1,408 +1,96 14.24.54 1,353 1,35 +0,15 17.30.11 1,349 3,3625 -0,66 16.25.20 3,3225

Max

Apertura

1,497 0,9495 1,749 0,9045 2,525 8,27 8,975 8,10 7,42 0,553 0,85 3,9375 2,825 2,23 0,0669 1,409 1,362 3,38

1,454 1,722 0,895 2,4125 8,86 0,5355 0,8495 3,9375 2,78 2,1775 0,0645 1,351

3,63 +0,83 10.43.11 3,60 3,6375 8,645 +0,23 17.30.57 8,52 8,68 8,635 4,8775 +0,05 17.30.35 4,8425 4,925 4,905 31,26 +0,51 17.30.48 30,90 31,50 31,42 22,78 +2,94 17.30.47 22,13 22,83 22,32 1,921 +1,16 15.27.31 1,89 1,929 0,8375 +0,30 17.22.02 0,83 0,838 0,8305 0,104 -2,35 16.30.09 0,10 0,1087 0,107 7,38 +7,90 17.30.07 6,85 7,42 6,85 2,71 -0,37 15.18.38 2,71 2,72 2,72 0,318 +2,58 16.30.33 0,3035 0,318 0,314 0,70 +12,36 16.30.56 0,59 0,70 0,623 79,36 +0,08 9.31.14 79,36 79,36 2,37 +1,07 17.22.53 2,3375 2,37 3,28 3,3625 +1,28 17.30.49 3,28 3,385 14,37 +0,70 17.30.39 14,19 14,41 14,27 20,03 +0,81 17.30.40 19,86 20,09 19,86 86,23 -0,31 15.36.45 86,21 86,23 2,84 +2,99 17.30.24 2,7225 2,8875 2,75 0,144 +1,84 16.30.14 0,142 0,1444 0,142 1,55 +1,97 15.54.27 1,55 1,60 1,55 6,945 2,995 6,415 8,025 4,43 2,5125 0,1337 0,51

-0,14 +0,59 +2,07 +1,01 +3,51 -0,69 -0,82 -3,77

17.30.12 14.44.01 17.30.33 17.30.51 17.30.36 16.30.09 16.21.00 16.30.15

6,91 7,04 6,95 2,9075 2,9975 6,30 6,285 6,445 7,925 8,055 7,925 4,335 4,45 4,34 2,505 2,56 2,56 0,1332 0,1379 0,1379 0,5055 0,52

2,1775 2,2925 3,86 1,70 3,09 0,1629 7,87 0,475 0,1759 0,475 1,33 119,50 5,515

+0,93 -0,86 +2,12 +2,41 +2,15 +2,26 -1,62 +0,00 -0,23 +1,50 +0,91 +2,05 -2,82

17.30.59 17.14.55 16.30.56 16.30.52 17.30.43 16.20.39 16.12.32 15.54.28 16.30.18 16.30.25 16.30.07 16.24.11 17.30.26

2,16 2,29 3,8125 1,652 2,9925 0,159 7,87 0,466 0,173 0,46 1,251 119,50 5,515

2,1875 2,3225 3,93 1,70 3,0925 0,1637 8,00 0,4815 0,186 0,50 1,33 119,50 5,735

2,1725 2,3225

2,9775 6,15 11,60

+0,59 17.30.58 2,88 -1,36 16.30.39 6,10 +1,75 17.30.11 11,20

2,99 6,285 11,60

2,99 6,285 11,20

0,4585

+0,88 16.30.18 0,4525 0,4675 0,4675

1,866 1,998 25,91 2,365 4,21 2,79 1,18 0,4595 0,5575 0,4665 6,54 11,60 0,483 1,185 0,782

+0,32 +1,47 +6,63 +2,05 -2,66 +1,46 +0,86 +0,44 +1,92 +1,19 -2,39 +3,48 +1,05 +0,59 -1,70

17.30.40 17.30.57 15.57.04 16.30.28 16.30.11 16.30.53 16.30.38 17.30.34 17.30.39 17.30.31 17.15.15 17.24.59 16.23.58 17.18.52 17.30.31

1,84 1,878 2,01 1,987 1,971 24,60 25,92 2,32 2,3775 2,32 4,21 4,34 4,3275 2,72 2,79 2,735 1,165 1,184 1,17 0,4525 0,464 0,4545 0,545 0,568 0,546 0,458 0,467 0,46 6,415 6,69 6,625 10,83 12,09 11,68 0,4685 0,485 0,47 1,18 1,258 1,20 0,7755 0,803 0,7825

1,698 1,045 0,938 7,835 14,93 0,2385 0,90 1,248 0,779 2,18 2,205 5,75

+2,72 +1,75 +1,52 -1,01 +1,22 +3,20 +0,00 +1,22 +2,10 -0,80 +0,00 +0,35

16.30.11 16.30.00 16.30.49 17.30.59 17.30.07 16.30.57 16.30.16 17.30.22 16.56.52 17.19.03 14.07.21 17.30.06

1,63 1,698 1,66 1,023 1,049 1,023 0,9215 0,942 0,9265 7,635 7,995 14,65 15,03 14,86 0,2335 0,2448 0,2335 0,89 0,90 0,90 1,225 1,254 1,225 0,76 0,7815 2,09 2,20 2,205 2,205 5,66 5,79 5,66

1,652 3,0075 0,1595 0,475 0,18 0,47 1,30 5,60


22 Venerdì 26 Marzo 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi Sol

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

35,40 0,2078 16,39 0,42 0,0808 0,392

+2,76 +1,71 +0,86 +0,12 +0,62 -0,25

17.08.15 17.30.57 17.03.23 16.30.17 16.15.48 16.30.39

34,20 35,40 34,50 0,20 0,2098 0,2021 16,18 16,47 0,42 0,438 0,42 0,0808 0,0829 0,082 0,3905 0,397 0,393

64,70 0,347 16,12 0,41 5,945 5,04 0,432 28,50 29,00 56,30 36,00 1,979

+1,35 +2,82 +0,12 +0,00 +0,85 -0,39 -1,26 -0,73 +3,57 +0,46 +2,86 +1,75

13.27.11 15.47.36 17.30.41 15.58.01 17.30.14 17.30.41 16.30.10 17.30.09 17.30.38 16.39.59 13.04.23 17.30.26

64,70 0,338 16,08 0,402 5,84 5,015 0,4265 28,36 29,00 55,90 35,25 1,935

7,265 0,6875 0,1753 1,401 5,21 6,81 95,30 73,83 3,07 3,715 0,1056 80,00 0,1205 47,10

+0,62 +1,33 +3,30 +0,07 -2,34 +0,15 -0,07 +2,97 +5,86 +1,30 -1,40 +2,56 +0,84 +2,61

16.30.37 16.30.51 17.30.22 17.30.21 17.30.24 17.30.15 15.30.04 17.09.31 16.30.32 17.30.01 16.30.43 11.00.47 16.30.21 16.44.41

7,20 7,29 7,21 0,6725 0,688 0,676 0,1685 0,1785 0,1697 1,401 1,401 5,21 5,26 6,77 6,83 95,25 95,49 71,50 73,83 2,90 3,1375 2,9025 3,6675 3,72 3,6725 0,1032 0,11 0,11 80,00 80,00 80,00 0,1162 0,1235 0,1199 46,49 47,10

2,22 4,15

64,70 0,347 16,19 0,419 5,945 5,075 0,447 28,78 29,00 56,41 36,00 1,988

0,419 0,447 28,78

1,953

+0,45 17.30.06 2,1625 2,265 2,2125 +2,22 16.30.29 4,04 4,1775 4,04

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Trevisan Cometal Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F

Ora

Min

Max

Apertura

AZIONI

64,64 1,52 0,2895 3,1975 7,445 1,29 13,60 2,2625 0,084 1,075 0,0778 0,8405 17,90 16,47 3,24 3,99 0,1666 54,96 1,46 42,80 12,87

64,40 1,51

Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2010 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Mid Ind C 2010 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

64,00 1,517 0,28 3,1975 7,385 1,266 13,60 2,205 0,0825 1,063 0,077 0,832 17,90 16,37 3,23 3,95 0,1653 54,90 1,459 42,65 12,87

+0,03 -0,07 -1,23 -0,08 +2,36 +1,44 +1,49 -0,90 -0,60 +1,05 +0,39 +0,42 +1,99 +0,06 +0,55 +7,92 +0,61 +1,63 +0,07 +0,90 +0,70

16.23.24 16.30.05 16.30.36 16.30.36 17.30.02 13.36.33 16.22.45 13.48.46 16.30.38 17.30.32 16.30.37 17.30.19 16.12.24 17.30.36 17.30.58 16.30.34 17.30.28 17.30.50 15.58.44 17.23.07 16.30.03

64,00 1,505 0,28 3,1975 7,10 1,26 13,31 2,2025 0,0825 1,052 0,0761 0,827 17,20 16,27 3,2125 3,5725 0,1635 53,50 1,458 42,50 12,61

6,83 10,05 109,84 0,818 2,18 2,7075 21,94 0,915 0,6015 4,51

+0,15 +0,40 -0,14 -0,12 +1,75 +1,03 -2,96 +1,55 +1,43 +0,90

17.30.05 17.30.47 17.24.34 17.30.18 17.30.44 17.19.19 15.37.15 17.30.04 17.30.13 16.30.43

6,83 6,96 9,965 10,09 109,83 110,02 0,81 0,821 2,135 2,1875 2,68 2,74 21,94 22,30 0,8995 0,9185 0,593 0,603 4,315 4,51

1,37 4,50 4,005

7,20 1,27 0,083 1,056 0,0765 0,8285 16,34 3,2175 3,65 0,1636 53,98 1,458

+1,41 16.30.45 1,37 1,37 -2,12 16.30.07 4,445 4,6325 -0,68 17.12.02 3,9925 4,045

12,78 9,99 2,14 2,71 0,901 0,596

4,58

Prezzo ultimo contr. Var %

19,99

Ora

Min

+0,66 15.05.57 19,04

Max

Apertura

19,99

0,0832 +1,46 16.30.03 0,0825 0,0839 0,0839 0,0375 -1,05 17.23.57 0,0361 0,038 0,037 3,895 +1,17 16.58.08 3,895 3,895 0,0425 -0,47 15.24.38 0,0415 0,043 0,327 +2,51 17.13.37 0,3175 0,328 0,437 +1,63 17.04.43 0,43 0,44 0,1764 +4,07 16.30.15 0,165 0,1764 0,124 +0,90 16.02.13 0,1185 0,1245 0,093 +17,72 10.55.35 0,0755 0,093 0,092 0,046 +16,16 16.07.45 0,045 0,0481 0,0455 0,268 -2,54 17.30.59 0,263 0,287 0,0097 +5,44 14.51.55 0,0093 0,0097 0,048 -3,81 16.30.18 0,048 0,0569 0,0559 0,021 -5,83 16.21.11 0,021 0,025 0,0213 0,0258 -12,54 16.30.43 0,0258 0,0294 0,0258 0,1011 +2,74 17.30.25 0,0985 0,1011 0,0985 0,021 0,935 0,31 0,1289 0,029 0,003 0,0039 0,0376 6,175 0,1322 4,375 0,429 0,5375

-16,00 16.30.01 0,021 +2,86 17.30.35 0,9105 +1,64 15.46.33 0,281 +1,42 -1,36 +0,00 +0,00 -1,57 +1,98 -2,65 +1,51 +0,23 +0,00

16.30.43 16.30.13 14.07.06 17.20.26 17.23.16 17.30.17 16.30.18 17.30.30 16.23.33 11.55.59

0,1289 0,0267 0,0029 0,0038 0,035 5,96 0,132 4,3025 0,425 0,5375

0,021 0,947 0,315

0,921 0,31

0,1289 0,0294 0,0268 0,0032 0,003 0,0039 0,038 0,0356 6,175 6,05 0,1398 0,138 4,59 4,345 0,43 0,5375

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Imi-Italy Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Mediolanum Risparmio Italia Crescita Nextam P. Az. Italia Norvega Az. Italia A Norvega Az. Italia B Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni Qeuro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa Amundi Europe Equity Anima Europa

-0,30 +0,51 +0,52 +0,55 +0,55 +0,61 +0,41 +0,56 +0,66 +0,63 +0,56 +0,45 +0,46 +0,44 +0,51 +0,61 +0,57 +0,60 +0,54 +0,43 +0,77 +0,58 +0,58 +0,55 +0,55 +0,57 +0,58 +0,60 +0,54 +0,42 +0,43 +0,47 +0,48 +0,53 +0,59 +0,51 +0,61 +0,60 +0,61 +0,50 +0,00 +0,60 +0,41 +0,49 +0,61 +0,66 +0,68 +0,67

+0,65 +0,64 +0,71 +0,73 +0,71 +0,69 +0,73 +0,76 +0,48 +0,32 +0,58 +0,60 +0,44 +0,65 +0,61 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06

14,843 6,107 4,251 20,922 20,581 20,022 7,104 7,133 17,895 5,459 4,854 5,354 5,424 3,621 3,324 17,071 4,759 12,167 20,12 19,417 15,603 11,29 11,385 13,042 13,355 10,489 22,428 8,831 15,814 9,03 16,708 4,506 6,339 6,406 5,646 5,682 13,31 13,833 14,19 17,615 5,00 3,714 11,18 6,099 5,799 5,019 9,544 9,429

4,618 4,117 14,667 12,639 4,527 25,88 13,433 4,479 5,702 5,406 6,222 6,402 5,666 5,083 5,63 7,055 7,055 4,672 4,648

-0,36 5,329 +0,54 16,101 +0,54 15,893 +0,40 7,089 +0,67 4,186 +0,51 3,91

VARIAZ. QUOT.

+0,56 Arca Azioni Europa +0,62 Bancoposta Azionario Euro Bim Azionario Europa +0,42 Bnl Azioni Europa Crescita +0,40 Bnl Azioni Europa Dividendo +0,46 Bpvi Azionario Europa +0,49 Carige Azionario Europa A +0,48 Carige Azionario Europa B +0,47 Carismi Dynamic Europe A +0,19 +0,43 Carismi Dynamic Europe B +0,74 Consultinvest Azione +0,73 Epsilon Qvalue Eurizon Az. Europa Multimanager +0,85 Eurizon Az. Pmi Europa +0,78 Eurizon Focus Az. Europa +0,50 Euromobiliare Europe Eq. +0,45 +0,42 Europa Fideuram Master Sel.Equity Europe +0,84 Fondaco Eu Sri Equity Beta +0,52 +0,54 Fondersel Europa +0,52 Fonditalia Eq. Europe R Fonditalia Eq. Europe T +0,53 +0,59 Gestielle Europa A Gestielle Europa B +0,59 Gestnord Azioni Europa +0,49 +0,57 Imieurope Iniziativa Europa +0,71 Interfund Eq. Europe +0,67 Investitori Europa +0,54 +0,45 Laurin Eurostock +0,33 Mc G.Fdf Europa A Mc G.Fdf Europa B +0,33 +0,37 Mediolanum Amerigo Vespucci Mediolanum Europa 2000 +0,39 Nextam P. Az. Europa +0,55 +0,55 Norvega Az. Europa A Norvega Az. Europa B +0,57 Optima Azionario Europa +0,48 +0,68 Pioneer Azionario Europa A Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A +0,48 +0,66 Prima Geo Europa A Prima Geo Europa Pmi A +0,74 +0,75 Prima Geo Europa Pmi Y Prima Geo Europa Y +0,67 Ras Lux Equity Europe +0,52 Sai Europa +0,62 Soprarno Azioni Euro 50 +0,59 Symphonia Europa +0,41 +0,61 Synergia Az. Europa +0,43 Talento Comp. Europa Ubi Pramerica Azioni Europa +0,81 Unibanca Azionario Europa +0,47 AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME +0,54 Eurizon Az. Energia E Materie Prime AZ. SALUTE Eurizon Az. Salute E Ambiente +0,16 AZ. FINANZA +0,72 Eurizon Az. Finanza +0,88 Fonditalia Euro Financials R Fonditalia Euro Financials T +0,88 AZ. INFORMATICA +0,75 Eurizon Az. Tecnologie Avanzate AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali +0,39 +0,21 Ducato Immobiliare A Ducato Immobiliare Y +0,22 Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources +0,30 Fonditalia Euro Cyclicals R +0,81 +0,81 Fonditalia Euro Cyclicals T Fonditalia Euro Defensive R +0,38 Fonditalia Euro Defensive T +0,39 Fonditalia Euro T.M.T. R +0,58 Fonditalia Euro Tmt T +0,59 -0,04 Fonditalia Flex. Emerging Mkts R Fonditalia Flex. Emerging Mkts T -0,04 +0,60 Interfund Int.Sec.New Economy

9,376 4,402 9,809 11,549 2,847 3,881 5,478 5,715 4,189 3,96 8,731 5,273 5,604 7,99 8,184 13,732 12,878 8,879 87,603 13,062 9,065 9,141 6,956 7,11 8,456 18,329 6,676 5,832 5,026 3,775 6,372 3,613 5,77 14,751 4,948 4,711 4,762 2,926 14,71 6,728 10,751 19,574 20,132 11,069 39,988 10,42 3,90 5,354 6,146 117,995 5,622 6,017 9,141

15,28

18,267 5,929 5,965 4,047

5,952 8,432 8,662 10,706 10,853 10,957 11,486 11,596 5,559 5,596 2,453 2,474 33,501

VARIAZ. QUOT.

Norvega Mobiliare Re A Norvega Mobiliare Re B Optima Tecnologia AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Ff 1classe Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Imindustria Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Ff 1classe Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Global Asset 2 Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Norvega Sintesi Dinamico Prima Forza 4 A Prima Forza 4 Y Sai Bilanciato Sai Multi Fund Linea Dinamica Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20 Amundi Qbalanced Arca Te Arcacinquestelle Comp.A/B 25 Aureo Ff 1classe Valore

+0,19 +0,19 +0,59

+0,14 +0,14 +0,65 +0,10 -1,77

+0,29 +0,23 +0,23 +0,36 +0,29 +0,28 +0,29 +0,29 +0,34 +0,38 +0,29 +0,28 +0,44 +0,29

-0,03 +0,23 +0,38 +0,41 +0,30 +0,10 +0,34 +0,20 +0,19 +0,37 +0,37 +0,42 +0,16 +0,16 +0,34 +0,50 +0,27 +0,36 +0,29 +0,23 +0,09 +0,21 +0,21 +0,21 +0,31 +0,28 +0,34 +0,34 +0,16 +0,15 +0,27 +0,27 +0,18 +0,30 +0,19 +0,18 +0,19 +0,41 +0,14 +0,23 +0,35 +0,31 +0,24 +0,54

-0,04 +0,19 +0,24 +0,27 +0,18 +0,12

VARIAZ. QUOT.

4,198 Azimut Scudo 4,198 Bancoposta Investimento Protetto 90 2,71 Bnl Protezione Capitale Pià Comparto Bilanciato 30 2,849 Carige Bilanciato 30 2,917 Carismi Dynamic Mix 15 5,873 Carismi Dynamic Mix 30 5,101 Euromobiliare Moderato 8,196 Fonditalia Core 1 R Fonditalia Core 1 T 3,802 Gestielle Global Asset 1 3,907 Managers & Co. Comparto 30 3,961 Mediolanum Elite 30 L 32,593 Mediolanum Elite 30 S 10,126 Mix 10,215 Norvega Sintesi Audace 4,507 Prima Forza 2 A 4,555 Prima Forza 2 Y 12,533 Prima Forza 3 A 4,473 Prima Forza 3 Y 3,864 Symphonia Adagio 3,927 Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia 5,293 Synergia Bilanciato 30 5,187 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. Ubi Pra. Portafoglio Moderato 17,594 Ubi Pramerica Privilege 1 4,857 Ubi Pramerica Privilege 2 16,054 Visconteo 31,313 OB. EURO GOVERNATIVI BT 4,623 Allianz Monetario 4,001 Alto Monetario 23,915 Amundi Breve Termine 5,994 Arca Mm 22,306 Bancoposta Monetario 5,893 Bg Focus Monetario 5,996 Bim Obb.Breve Termine 5,214 Bnl Obbligazioni Euro Bt 4,273 Bpvi Breve Termine 4,329 Carige Monetario Euro A 6,216 Carige Monetario Euro B 35,431 Cividale Forum Iulii Prudenza A 6,202 Cividale Forum Iulii Prudenza B 24,396 Consultinvest Breve Termine 26,758 Cr Cento Monetario Plus 11,991 Cs Monetario Italia B 45,965 Cs Monetario Italia I 10,154 Ducato Fix Euro Bt A 10,228 Ducato Fix Euro Bt Y 12,466 Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine 14,861 Euromobiliare Prudente 30,762 Fideuram Security 12,438 Fondersel Reddito 5,032 Fonditalia Euro Bond Sh.Term R 6,18 Fonditalia Euro Bond Sh.Term T 4,589 Fonditalia Euro Currency R 5,164 Fonditalia Euro Currency T 9,874 Gestielle Bt Euro A 6,152 Gestielle Bt Euro B 5,726 Gestielle Cedola 4,30 Imi 2000 4,372 Interfund Euro Currency 3,654 Intra Obb. Euro Bt 4,445 Laurin Money 5,622 Leonardo Monetario 5,209 Mediolanum Risparmio Corrente 5,691 Monetario 5,562 Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine 5,421 Norvega Obb. Euro Breve Termine A 6,751 Norvega Obb. Euro Breve Termine B Optima Reddito B.T. 9,36 Optima Riserva Euro 5,835 Passadore Monetario 8,647 Pioneer Monetario Euro A 16,427 Prima Fix Obbligazionario Bt A 5,457 Soprarno Pronti Termine 4,982 Synergia Obb Euro B.T.

+0,13 +0,09 +0,14 +0,24 +0,21 +0,08 +0,15 +0,19 +0,11 +0,10 +0,17 +0,21 +0,21 +0,22 +0,30 +0,25 +0,07 +0,06 +0,12 +0,14 +0,09 +0,28 +0,24 +0,32 +0,15 +0,16 +0,20 +0,28

+0,04 +0,01 +0,03 +0,09 +0,02 +0,01 +0,02 +0,04 +0,03 +0,04 +0,04 -0,02 -0,02 +0,02 -0,02 +0,01 +0,01 -0,05 -0,05 +0,04 +0,02 +0,01 +0,13 +0,05 +0,05 +0,00 +0,01 +0,01 +0,01 +0,03 +0,00 +0,03 -0,02 +0,03 +0,05 +0,04 +0,02 +0,01 +0,00 -0,02 +0,09 +0,02 +0,01 +0,02 +0,03 +0,00 +0,02

7,616 5,457 22,705 5,066 5,225 3,976 3,98 6,489 10,478 10,548 8,908 5,286 5,209 10,006 5,759 5,585 4,604 4,649 4,938 5,015 5,845 5,467 5,478 5,903 5,888 5,573 5,55 34,551

15,882 7,084 7,477 14,815 6,197 16,383 6,539 7,498 6,302 11,614 11,379 5,49 5,539 5,006 5,765 7,77 7,825 6,285 6,327 15,285 8,48 9,564 14,209 7,912 7,948 7,861 7,891 7,576 7,627 6,395 16,873 6,682 5,664 6,934 6,091 13,837 12,157 8,991 5,853 5,892 6,691 5,295 7,147 13,17 10,175 5,131 5,065

VARIAZ. QUOT.

+0,03 7,487 Teodorico Monetario +0,01 6,907 Tesoreria Fondo Per Le Imprese Ubi Pramerica Euro B.T. +0,01 6,744 Unibanca Monetario +0,02 5,75 Valori Responsabili Monetario +0,02 5,862 Zenit Monetario I +0,04 7,569 Zenit Monetario R +0,04 7,528 OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERM Allianz Reddito Euro L +0,11 32,533 +0,11 31,89 Allianz Reddito Euro T -0,06 4,982 Anfiteatro Bond Corporate +0,11 7,166 Anima Obb. Euro Arca Rr +0,14 9,035 Azimut Reddito Euro -0,01 15,644 Bancoposta Obbligazionario Euro +0,09 6,872 Bim Obb. Euro +0,06 6,876 +0,13 6,812 Bnl Obbligazioni Euro M/Lt Bpvi Obblig. Euro +0,12 6,694 Capitale Pià Comparto Obbligazionario +0,07 5,457 +0,09 10,794 Carige Obbligazionario Euro A +0,10 10,912 Carige Obbligazionario Euro B Carige Obbligazionario Euro L.Termine A +0,13 5,589 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B +0,12 5,68 Carismi Bond Euro A -0,14 5,527 Carismi Bond Euro B -0,13 5,584 -0,13 7,594 Ducato Fix Euro Mt A Ducato Fix Euro Mt Y -0,14 7,676 Epsilon Qincome +0,16 7,466 Eurizon Focus Obb. Euro +0,12 14,102 +0,12 15,457 Euromobiliare Reddito +0,11 7,494 Europe Bond Fondaco Euro Gov. Beta +0,14 120,372 +0,21 8,038 Fondersel Euro Fonditalia Euro Bond Long Term R +0,25 7,272 Fonditalia Euro Bond Long Term T +0,25 7,327 Fonditalia Euro Bond Medium Term R +0,17 10,922 Fonditalia Euro Bond Medium Term T +0,17 10,985 Gestielle Lt Euro A +0,13 8,26 +0,13 8,34 Gestielle Lt Euro B +0,08 15,101 Gestielle Mt Euro A +0,09 15,236 Gestielle Mt Euro B Imirend +0,11 9,361 +0,26 8,231 Interfund Euro Bond Long Term Interfund Euro Bond Medium Term +0,17 8,223 Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 +0,03 6,962 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 +0,06 11,538 Intra Obb. Euro +0,12 5,97 Italfortune Euro Bonds +0,00 8,42 +0,07 7,594 Leonardo Obbligazionario +0,11 6,454 Mediolanum Euromoney Mediolanum Italmoney +0,08 6,60 Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine +0,11 17,352 +0,08 6,524 Norvega Obb. Euro A +0,09 6,594 Norvega Obb. Euro B Optima Obbligazionario Euro +0,13 7,001 Prima Fix Obbligazionario Mlt A +0,14 5,851 Ras Lux Bond Europe +0,10 57,014 +0,05 12,864 Sai Eurobbligazionario +0,06 5,178 Synergia Obb Euro M.T. Ubi Pra. Euro M/L Termine +0,10 6,915 Unibanca Obbligazionario Euro +0,07 5,824 -0,10 6,252 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B -0,10 6,252 Vrg Coro Reddito +0,25 5,67 OB. EURO CORPORATE INV. GRADE Amundi Corporate 3 Anni +0,00 102,974 +0,00 5,126 Amundi Corporate Giugno 2012 Arca Bond Corporate +0,04 7,029 +0,05 6,505 Carige Corporate Euro A Carige Corporate Euro B +0,05 6,567 Corporate Bond +0,08 7,377 Ducato Etico Fix Y -0,08 5,313 Ducato Etico Fix A -0,06 5,26 +0,04 5,627 Eurizon Focus Obb. Euro Corporate Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine+0,03 7,521 +0,06 8,408 Fonditalia Euro Corporate Bond R

VARIAZ. QUOT.

+0,05 8,449 Fonditalia Euro Corporate Bond T +0,06 5,001 Interfund Euro Corporate Bond Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate +0,04 7,622 Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A +0,04 4,756 Prima Fix Imprese A +0,06 6,506 Prima Fix Imprese Y +0,06 6,582 Sai Obbligazionario Corporate +0,05 6,575 Synergia Obb Corporate +0,06 5,40 Ubi Pramerica Euro Corporate +0,04 7,794 OB. EURO HIGH YIELD +0,06 7,179 Eurizon Focus Obb. Euro High Yield +0,05 14,029 Fonditalia Bond Euro High Yield R Fonditalia Bond Euro High Yield T +0,06 14,085 Interfund Bond Euro High Yield +0,08 7,72 Prima Fix High Yield A +0,11 7,864 Prima Fix High Yield Y +0,13 8,004 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari -0,05 8,753 Azimut Reddito Usa -0,02 5,858 -0,07 6,036 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt +0,29 7,016 Ducato Fix Dollaro A Ducato Fix Dollaro Y +0,28 7,085 -0,10 8,194 Fonditalia Bond Usa R Fonditalia Bond Usa T -0,11 8,248 Gestielle Bond Dollars A -0,06 8,802 -0,06 8,914 Gestielle Bond Dollars B Interfund Bond Usa -0,10 7,123 Nordfondo Obbligazioni Dollari -0,07 13,82 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI -0,01 15,619 Allianz Reddito Globale L -0,01 15,325 Allianz Reddito Globale T Alpi Obbligazionario Internazionale +0,12 7,256 +0,00 6,172 Alto Internazionale Obb. Arca Bond +0,04 12,477 Aureo Obbligazioni Globale +0,06 8,008 -0,09 5,811 Bim Obb. Globale Bpvi Obblig. Internazionale -0,15 5,823 Carige Obbligazionario Internazionale A -0,26 5,764 Carige Obbligazionario Internazionale B -0,24 5,87 -0,15 5,853 Carismi Bond Internaz. A -0,23 5,694 Carismi Bond Internaz. B Ducato Fix Globale A +0,00 8,147 +0,01 8,218 Ducato Fix Globale Y Eurizon Obb. Internazionali +0,02 8,413 Euromobiliare Intern. Bond +0,09 8,624 Fondersel Internazionale +0,09 14,057 Gestielle Obbligazionario Intern. A -0,02 6,362 Gestielle Obbligazionario Intern. B -0,02 6,451 -0,03 15,773 Imibond +0,13 5,318 Mc G.Fdf Global Bond A Mc G.Fdf Global Bond B +0,13 5,266 Mediolanum Intermoney +0,06 6,419 +0,00 5,338 Ml Master Series Bonds -0,19 5,743 Norvega Obb. Internazionale A Norvega Obb. Internazionale B -0,19 5,802 Optima Obb. Euro Global +0,09 6,932 Pianeta +0,13 9,491 Prima Fix Obbligazionario Globale A +0,00 8,863 +0,04 5,069 Prima Forza 1 A Prima Forza 1 Y +0,02 5,101 Sai Obb.Internazionale -0,15 7,926 -0,02 5,669 Ubi Pra. Obbligazioni Globali OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Anfiteatro Global Bond +0,04 5,667 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate -0,01 6,722 OB. INTERNAZ. HIGH YIELD Ubi Pra. Obbl. Globali Alto Rendimento +0,12 8,552 OB. YEN -0,04 4,54 Ducato Fix Yen A Ducato Fix Yen Y -0,04 4,576 Fonditalia Euro Yield Plus R +0,00 9,444 Fonditalia Euro Yield Plus T +0,00 9,499 Interfund Bond Japan -0,07 5,662 OB. PAESI EMERGENTI Arca Bond Paesi Emergenti +0,12 13,312 +0,08 22,048 Bnl Obbligazioni Emergenti


il Domani Venerdì 26 Marzo 2010 23

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Emerging Markets Bond +0,10 6,078 Eurizon Focus Obb. Emergenti +0,07 11,188 Euromobiliare Emerging Markets Bond -0,01 6,945 Fonditalia Bond Global Emerging Markets R+0,09 10,291 Fonditalia Bond Global Emerging Markets T+0,09 10,33 Gestielle Emerging Mkt Bond A +0,06 10,124 Gestielle Emerging Mkt Bond B +0,06 10,288 Interfund Bond Global Emerging Markets +0,08 10,604 Mc G.Fdf High Yield A -0,22 7,128 Mc G.Fdf High Yield B -0,23 5,155 Nordfondo Obbligazioni Paesi Emergenti +0,10 8,617 Norvega Obb. Paesi Emergenti A +0,00 7,275 Norvega Obb. Paesi Emergenti B +0,00 7,372 Optima Obb. Emergent Market +0,10 7,372 Pioneer Obb.Paesi Emergenti Dis. A +0,29 9,738 Prima Fix Emergenti A +0,00 12,923 Prima Fix Emergenti Y +0,01 13,178 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Amundi Obbligazionario Euro +0,11 5,515 Anima Convertible +0,08 6,176 Azimut Trend Tassi -0,01 8,925 Consultinvest Obbligaz. Medio Termine +0,06 5,143 Consultinvest Obbligazionario +0,02 5,225 Ducato Fix Convertibili A -0,08 8,702 Ducato Fix Convertibili Y -0,07 8,819 Eurizon Focus Obb. Cedola +0,03 6,141 +0,09 5,42 Eurizon Obb. Etico Fonditalia Inflation Linked R +0,05 13,56 Fonditalia Inflation Linked T +0,05 13,631 Gestielle Obbligazionario Corporate A +0,08 7,132 Gestielle Obbligazionario Corporate B +0,08 7,231 Groupama It. Bond Sel. Fund +0,02 5,78 +0,05 13,415 Interfund Inflation Linked Mediolanum Risparmio Reddito +0,08 11,031 Mediolanum Vasco De Gama +0,06 10,135 Nordfondo Obbligazioni Convertibili +0,24 5,476 Pioneer Cim Euro Convertible Bonds -0,38 5,837 Pioneer Cim Euro Fixed Income +0,07 15,828 +0,08 6,53 Pioneer Obb. Euro Dis. A Ras Lux Short Term $ +0,00 144,661 Ras Lux Short Term Euro -0,01 66,024 Symphonia Comp.Obb. Area Europa +0,08 9,432 Ubi Pra. Obbligazioni Dollari -0,06 4,923 OB. MISTI Alleanza Obbligazionario +0,13 5,59 Alto Obbligazionario +0,24 8,815 Anima Fondimpiego +0,10 19,815 Arca Obb.Europa +0,19 8,349 Azimut Contofondo -0,15 5,208 Azimut Solidity +0,01 7,908 Bancoposta Mix 1 +0,14 5,863 Bim Corporate Mix +0,05 5,499 Bnl Telethon +0,14 5,887 Ca Multimanager Difensiva +0,00 5,00 Capitale Pià Comparto Bilanciato 15 +0,15 5,288 Carige Bilanciato 10 +0,15 5,52 Cividale Forum Iulii Rendita A +0,25 5,573 +0,25 5,693 Cividale Forum Iulii Rendita B Cr Cento Misto Best -0,15 5,844 Eurizon Diversificato Etico +0,13 8,007 Eurizon Rendita +0,15 6,023 Eurizon Soluzione 10 +0,10 6,929 Fucino Dynamic +0,09 4,603 +0,17 6,402 Gestielle Etico Per Ail A Gestielle Etico Per Ail B +0,17 6,449 Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica +0,14 5,714 +0,02 6,111 Leonardo 80/20 Nextam P. Obbligazionario Misto +0,12 6,03 Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni+0,15 6,659 Norvega Sintesi Moderato +0,14 5,541 Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A +0,06 8,135 Sai Multi Fund Linea Prudente +0,21 4,879 Sai Performance +0,07 17,263 Sforzesco +0,14 9,946 Symphonia Patr.Globale Reddito +0,08 7,101 Synergia Bilanciato 15 +0,13 5,295 Total Return Obbligazionario +0,12 4,344 +0,08 6,075 Ubi Pra. Portafoglio Prudente Valori Responsabili Obbligaz. Misto +0,16 6,093 Zenit Obb. I +0,10 8,245 +0,09 8,201 Zenit Obb. R OB. FLESSIBILI Amundi Soluzioni Tassi -0,04 4,933 +0,04 5,323 Arca Cedola Corp. Bond Arca Cedola Corp. Bond Ii +0,04 5,027 Arca Cedola Gov. Euro Bond +0,16 5,139 +0,20 5,015 Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii Aureo Cash Dynamic +0,02 5,225 Bg Focus Obbligazionario +0,15 6,735 +0,00 9,979 Bnl Target Return Liquidita' +0,18 5,715 Cividale Forum Iulii Strategia A Cividale Forum Iulii Strategia B +0,19 5,832 +0,05 5,649 Consultinvest High Yield Consultinvest Monetario +0,07 5,505 Consultinvest Reddito +0,05 7,401 -0,02 18,313 Ducato Fix Rendita A Ducato Fix Rendita Y -0,01 18,583 +0,03 6,586 Euromobiliare Tr Flex 2 +0,05 6,503 Premium Risparmio +0,05 7,754 -0,02 5,994 Ritorni Reali +0,08 5,122 Symphonia Bond Flessibile +0,05 5,682 Ubi Pra. Active Duration Ubi Pramerica Total Return Prudente +0,05 10,541 Vegagest Obbligazionario Flessibile +0,02 5,268 Volterra Tr Obblig. +0,06 5,175 LIQUIDITA' AREA EURO +0,02 5,566 Agora Cash Allianz Liquidita' A +0,00 5,596 Allianz Liquidita' At +0,00 5,071 Allianz Liquidita' B +0,00 5,716 Amundi Eonia +0,00 101,996 Amundi Liquidita' +0,00 8,964 Anfiteatro Tesoreria +0,00 5,68 Anima Liquidita' +0,02 6,617 Arca Bt +0,01 8,755 Arca Bt Tesoreria +0,02 5,771 Aureo Liquidita' +0,02 5,717 Azimut Garanzia +0,00 12,327 Bnl Cash +0,00 22,203 Carige Liquidita' Euro A +0,02 6,317 Carige Liquidita' Euro B +0,00 6,374

VARIAZ. QUOT.

Carismi Liquidita' B -0,02 5,297 Epsilon Cash +0,00 6,275 Eurizon Focus Tesoreria Euro A +0,01 7,663 Eurizon Focus Tesoreria Euro B +0,01 7,70 Eurizon Liquidita' A +0,03 7,303 Eurizon Liquidita' B +0,03 7,475 Euromobiliare Conservativo +0,01 11,11 Euromobiliare Contovivo +0,01 11,84 Fideuram Moneta +0,01 14,616 Fondaco Euro Cash +0,01 116,247 Fondo Liquidita' +0,01 7,601 Gestielle Cash Euro A +0,00 7,054 Gestielle Cash Euro B +0,01 7,089 Mediolanum Risparmio Monetario +0,02 5,482 Nextam P. Liquidita' +0,02 5,837 Nordfondo Liquidita' +0,02 6,208 Norvega Monetario A +0,00 5,865 -0,02 5,901 Norvega Monetario B Optima Money +0,02 6,154 Pensplan Invest Cash Fund +0,02 5,933 Pioneer Liquidita' Euro A +0,00 5,062 Prima Fix Monetario A +0,02 8,525 Prima Fix Monetario I +0,02 8,619 Prima Fix Monetario Y +0,01 8,602 Sai Liquidita' +0,03 11,548 Symphonia Comp.Monetario +0,01 7,431 +0,02 5,024 Synergia Monetario Synergia Tesoreria +0,02 5,048 Ubi Pramerica Euro Cash +0,01 7,29 Vrg Coro Tesoreria +0,00 5,641 LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro -0,02 12,317 +0,01 16,667 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso -0,11 5,223 8a+ Latemar +0,20 5,117 8a+ Monviso +0,08 5,096 Abis Flessibile +0,00 5,629 +0,02 4,655 Abn Amro Expert A-Rt400 Agora Flex -0,07 6,797 Agora Selection -0,06 4,833 Agora Valore Protetto +0,08 6,341 Alarico Re +0,26 4,644 Allianz F100 L +0,48 4,193 Allianz F100 T +0,44 4,119 Allianz F15 L +0,13 5,416 Allianz F15 T +0,15 5,342 Allianz F30 L +0,17 5,235 Allianz F30 T +0,17 5,162 Allianz F70 L +0,33 27,928 Allianz F70 T +0,33 27,37 Amundi Absolute +0,00 5,253 Amundi Dynamic Allocation +0,12 5,215 Amundi Equipe 1 +0,06 5,266 Amundi Equipe 2 +0,06 5,212 Amundi Equipe 3 +0,14 5,176 Amundi Equipe 4 +0,27 4,83 +0,00 5,579 Amundi Eureka China Double Wine Amundi Eureka Double Call +0,00 5,446 Amundi Eureka Double Win +0,00 5,624 Amundi Eureka Double Win 2013 +0,00 5,097 Amundi Eureka Dragon +0,00 6,205 Amundi Eureka Ripresa 2014 +0,00 5,261 Amundi For. Gar. Em Eq. Recall 2013 +0,00 4,986 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2013 +0,00 4,876 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2014 +0,00 5,25 +0,00 4,88 Amundi For.Gar.Eq. Recall Due 2013 Amundi Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014+0,00 4,988 Amundi Form. Gar. Merc. Emerg. +0,00 5,693 Amundi Form. Private Div. Opp. +0,00 4,952 Amundi Formula Euro Eq. Option 2013 +0,00 4,52 Amundi Formula Euro Eq. Option Due 2013+0,00 4,54 Amundi Formula Garantita 2012 +0,00 5,066 Amundi Formula Garantita 2013 +0,00 4,885 Amundi Formula Garantita Due - 2013 +0,00 4,903 Amundi Formula Garantita High Diver. 2014+0,00 4,869 Amundi Piu +0,05 5,621 +0,10 5,145 Amundi Premium Power Amundi Private Alpha +0,00 4,835 Amundi Qreturn +0,49 5,689 +0,58 4,844 Amundi Soluzione Azioni Amundi Strategia 95 +0,10 4,97 Anfiteatro Bond Plus +0,00 7,41 +0,00 5,269 Anfiteatro Conservative Flex Anfiteatro Corporate Absolute Return +0,02 5,637 Anfiteatro Corporate Bt +0,00 5,17 +0,00 3,325 Anfiteatro Total Return Anima Fondattivo +0,28 13,769 Aqqua +0,00 4,929 +0,15 5,214 Arca Capitale Garantito Dic 2013 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 +0,31 5,126 Arca Corporate Bt +0,00 5,536 +0,12 5,195 Arca Rendimento Assoluto T3 Arca Rendimento Assoluto T5 +0,00 4,952 Aureo Defensive +0,04 5,076 +0,06 5,428 Aureo Ff 1classe Flessibile Aureo Finanza Etica +0,05 6,10 +0,37 9,754 Aureo Flex Euro +0,45 17,42 Aureo Flex Italia Aureo Flex Opportunity +0,10 4,827 +0,03 5,984 Aureo Plus +0,14 5,658 Aureo Rendimento Assoluto +0,28 5,098 Azimut Strategic Trend Azimut Trend +0,46 19,599 Azimut Trend America +0,52 9,051 Azimut Trend Europa +0,32 12,352 +0,64 15,468 Azimut Trend Italia +0,05 6,399 Azimut Trend Pacifico Bancoposta Centopiu' +0,08 5,294 Bancoposta Centopiu' 2007 +0,08 5,263 Bancoposta Extra +0,11 5,266 Bg Focus Azionario +0,32 22,817 Bim Flessibile +0,20 3,921 Bnl Target Return Conservativo +0,12 5,048 Bnl Target Return Dinamico +0,19 12,616 Bnpp 100% E Pià Grande Asia +0,13 5,428 Bnpp 100% E Pià Grande Europa +0,08 5,092 Bnpp Equipe Attacco +0,22 4,537 Bnpp Equipe Centrocampo +0,12 4,818 Bnpp Equipe Difesa +0,02 5,435 Carige Flessibile +0,04 5,199 Carige Flessibile B +0,06 5,201

VARIAZ. QUOT.

Carige Flessibile Piu' A +0,00 4,533 Carige Flessibile Piu' B +0,00 4,579 Carismi Absolute Perf. A -0,02 4,819 Carismi Absolute Perf. B -0,02 4,897 Carismi Pratico A +0,00 6,075 Carismi Pratico B +0,00 6,122 Consultinvest Alto Dividendo +0,56 3,226 Consultinvest Mercati Emerg. +0,32 5,029 Consultinvest Multi Flex +0,36 4,961 Consultinvest Plus +0,06 5,248 Cr Cento Premium +0,00 3,805 Ducato Etico Flex Civita A -0,07 4,233 Ducato Etico Flex Civita Y -0,05 4,323 Ducato Multimanager Cash Premium A +0,00 4,733 Ducato Multimanager Cash Premium Plus A +0,00 4,176 Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y +0,00 4,25 Ducato Multimanager Cash Premium Y +0,00 4,793 +0,02 4,951 Edr Multigestion Trend Global Epsilon Qreturn +0,48 6,458 Eurizon Focus Garantito 03/13 +0,04 5,172 Eurizon Focus Garantito 06/12 +0,02 5,144 Eurizon Focus Garantito 09/12 +0,04 5,12 Eurizon Focus Garantito 12/12 +0,04 5,133 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 +0,00 5,297 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 +0,12 5,185 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 +0,06 5,263 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 +0,10 5,144 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 +0,20 5,039 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 +0,13 5,222 Eurizon Focus Profilo Dinamico +0,17 5,242 Eurizon Focus Profilo Moderato +0,09 5,314 Eurizon Focus Profilo Prudente +0,04 5,461 +0,04 5,501 Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni +0,02 5,23 Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni +0,00 4,905 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 8,082 Eurizon Team 1 A +0,02 5,988 Eurizon Team 1 G +0,02 5,988 +0,07 5,667 Eurizon Team 2 A Eurizon Team 2 G +0,07 5,667 Eurizon Team 3 A +0,13 4,73 Eurizon Team 3 G +0,15 4,746 Eurizon Team 4 A +0,15 3,964 Eurizon Team 4 G +0,18 3,981 Eurizon Team 5 A +0,24 3,828 Eurizon Team 5 G +0,23 3,845 Euromobiliare Real Assets +0,17 4,163 Euromobiliare Strategic +0,03 3,206 Euromobiliare Strategic Flex +0,19 13,432 Euromobiliare Tr Flex 3 +0,07 4,609 Euromobiliare Tr Flex 4 +0,01 6,877 Federico Re +0,02 5,204 Fideuram Master Sel.Absolute Return +0,10 9,234 Flessibile +0,28 2,862 Fondaco Global Opportunities +0,47 96,416 Fondersel Duemila +0,49 94,551 Fonditalia Flexible Dynamic R +0,39 6,42 +0,36 6,414 Fonditalia Flexible Dynamic T Fonditalia Flexible Growth R +0,17 8,869 Fonditalia Flexible Growth T +0,17 8,939 Fonditalia Flexible Income R +0,07 8,533 Fonditalia Flexible Income T +0,06 8,563 Fonditalia Flexible Multimanager R +0,05 9,511 +0,04 9,584 Fonditalia Flexible Multimanager T Fonditalia Flexible Opportunity R +0,10 7,867 Fonditalia Flexible Opportunity T +0,10 7,905 +0,09 6,561 Formula 1 Alpha Plus 20 Formula 1 Conservative +0,11 6,56 Formula 1 High Risk +0,14 7,007 Formula 1 Low Risk +0,07 6,733 Formula 1 Risk +0,18 6,642 Gestielle Global Asset Plus +0,00 5,33 Gestielle Harmonia Dinamico +0,06 5,371 Gestielle Harmonia Moderato +0,02 5,307 Gestielle Harmonia Vivace +0,07 5,441 Gestielle Total Return +0,29 14,272 Gestnord Asset Allocation +0,27 4,813 +0,05 4,04 Igm Flessibile A Igm Flessibile B +0,05 4,075 Interfund System 100 +0,15 9,541 +0,02 11,128 Interfund System 40 Interfund System Flex +0,10 10,35 Intra Assoluto +0,02 5,654 +0,05 6,211 Intra Flessibile Investitori Flessibile +0,17 6,405 Kairos Partners Fund +0,52 5,814 +0,00 6,692 Kairos Partners Income Kairos Partners Small Cap +0,25 9,484 Macro F.0. +0,46 4,131 +0,08 5,19 Mc G.Fdf Flx Low A +0,08 5,181 Mc G.Fdf Flx Low B Mc G.Fdf Flx.High B +0,05 3,768 +0,14 5,752 Mc G.Fdf Flx.Med. A Mc G.Fdf Flx.Med. B +0,16 3,812 Nextam P. Flessibile +0,19 4,763 -0,24 4,17 Nordest Sicav Norvega Flessibile A +0,05 7,295 09/03/10 Norvega Mb Absolut 3,014 -0,07 Norvega Mb Strategic 09/03/10 2,97 -0,07 -0,07 5,368 Norvega Rendimento A +0,09 5,846 Ob. Rendimento Open Fund Ritorno Assoluto Var2 +0,04 4,531 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 +0,16 3,783 Paritalia Orchestra C +0,00 73,087 +0,09 5,337 Pioneer Target Controllo A +0,17 5,333 Pioneer Target Equilibrio A Pioneer Target Sviluppo A +0,24 22,416 Prima Strategia A-Rt 100 A +0,06 5,139 Prima Strategia A-Rt 200 A +0,08 4,908 Prima Strategia A-Rt 50 A +0,04 16,369 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A +0,40 2,253 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y +0,40 2,267 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A +0,34 14,038 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y+0,34 14,029 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A +0,21 4,729 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y +0,23 4,773 Profilo Best Funds +0,05 5,901 Profilo Elite Flessibile -0,02 5,555 Sofia Flex +0,00 0,696

VARIAZ. QUOT.

Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A -0,10 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B 18/05/09 -0,08 5,092 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A -0,12 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B -0,12 Soprarno Contrarian A +0,19 Soprarno Contrarian B +0,19 Soprarno Global Macro A -0,18 Soprarno Global Macro B -0,16 Soprarno Inflazione +1,5% A -0,13 Soprarno Inflazione +1,5% B -0,13 Soprarno Relative Value A -0,04 Soprarno Relative Value B -0,02 Symphonia Asia Flessibile +0,02 Symphonia Comp.Fortissimo +0,50 Symphonia Italia Flessibile +0,41 Synergia Total Return +0,10 +0,35 Total Return Ubi Pra. Active Beta +0,04 Ubi Pra. Alpha Equity +0,22 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A +0,06 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B +0,06 Ubi Pra. Total Return Dinamico +0,20 Unibanca Plus +0,08 Volterra Dinamico +0,06 Volterra Tr Glob. +0,27 +0,13 Vrg Coro Rendimento Zenit Absolute Return I +0,11 Zenit Absolute Return R +0,11 Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 Zenit Zero 100 +0,28 ASSICURATIVI Antonveneta Vita Antonveneta Vita Armonico +0,30 Antonveneta Vita Armonico 2007 +0,15 Antonveneta Vita Attivo +0,42 Antonveneta Vita Attivo 2007 +0,23 Antonveneta Vita Azionario +0,50 +0,46 Antonveneta Vita Azionario Globale Antonveneta Vita Azionario Specializzato +0,47 Antonveneta Vita Bilanciato Euro +0,41 Antonveneta Vita Bilanciato Globale +0,36 Antonveneta Vita Dinamico +0,23 Antonveneta Vita Equilibrato +0,10 Antonveneta Vita Euromoneta -0,11 Antonveneta Vita Monetario -0,17 Antonveneta Vita Obbligazionario +0,08 Antonveneta Vita Obbligazionario Euro +0,08 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto +0,29 Antonveneta Vita Protetto -0,02 Antonveneta Vita Protetto 2007 -0,02 Antonveneta Vita Sicuro +0,01 Antonveneta Vita Trend +0,42 Antonveneta Vita Trend Dinamico +0,21 Antonveneta Vita Trend Equilibrato +0,07 Antonveneta Vita Trend Plus +0,42 Antonveneta Vita Trend Protetto +0,04 AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Aurora New Balanced -0,07 Aurora New Bond -0,37 Aurora New Share -0,10 Aurora Unietic +0,12 Aurora Unit Balanced +0,01 -0,29 Aurora Unit Bond Aurora Unit Share +0,31 Aurora Winvest Bilanciata +0,58 +0,89 Aurora Winvest Dinamica Aurora Winvest Prudente +0,30 AXA MPS FINANCIAL Axa Mps Aggressivo +0,62 Axa Mps Carattere Forte +0,18 Axa Mps Fin. Az. Europa +0,42 Axa Mps Fin. Az. Giappone -0,07 Axa Mps Fin. Az. Pacifico -0,08 Axa Mps Fin. Az. Sector +0,41 Axa Mps Fin. Az. Top Ten +0,16 Axa Mps Fin. Carattere Attento -0,01 +0,07 Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato Axa Mps Fin. Carattere Sereno +0,07 Axa Mps Fin. Conservativo +0,07 +0,18 Axa Mps Fin. Dinamico Axa Mps Fin. Dinamico A +0,10 Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A -0,44 -0,89 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo -0,33 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield +0,04 +0,04 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double +0,01 Axa Mps Fin. Mplife 100/1 +0,01 +0,62 Axa Mps Aggressivo +0,18 Axa Mps Carattere Forte Axa Mps Fin. Az. Europa +0,42 -0,07 Axa Mps Fin. Az. Giappone Axa Mps Fin. Az. Pacifico -0,08 Axa Mps Fin. Az. Sector +0,41 +0,16 Axa Mps Fin. Az. Top Ten Axa Mps Fin. Carattere Attento -0,01 +0,07 Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato +0,07 Axa Mps Fin. Carattere Sereno Axa Mps Fin. Conservativo +0,07 +0,18 Axa Mps Fin. Dinamico +0,10 Axa Mps Fin. Dinamico A Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A -0,44 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente -0,89 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo -0,33 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield +0,04 +0,04 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double +0,01 Axa Mps Fin. Mplife 100/1 +0,01 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 +0,02 Axa Mps Fin. Mplife 90/1 +0,03 Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' -0,10 Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa -0,08 Axa Mps Fin. Secure A +0,15 Axa Mps Fin. Usa Equity A +0,68 BCC VITA Bcc Vita Equity America +0,62 Bcc Vita Equity Asia -0,08 Bcc Vita Equity Europa -0,17 Bcc Vita World Global Bond +0,00 Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 +0,34

VARIAZ. QUOT.

5,16 Bpm Az 50 +0,71 5,69 Bpm Az 80 +1,14 5,33 Bpm Az Flex +0,90 4,49 5,196 Bpm Financial Audace +1,30 3,91 5,211 Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 +0,18 5,49 3,744 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 +0,18 5,56 3,75 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 +0,18 5,50 4,908 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 +0,18 5,48 4,961 Bpm Financial Equilibrato +1,10 4,61 5,465 Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 +0,18 5,56 5,492 Bpm Financial Geographic Areas +1,55 3,28 5,322 Bpm Financial Global Bond +0,66 6,10 5,373 Bpm Financial Industrial Sector +1,81 3,37 5,869 Bpm Financial Prudente +0,77 5,21 2,635 Bpm Financial Riserva Euro +0,00 6,48 5,123 Bpm Financial Vita Azionario +1,30 4,67 5,24 Bpm Financial Vita Bilanciato +0,90 5,61 2,312 Bpm Financial Vita Obbligazionario +0,29 6,99 4,728 BNL VITA 5,122 Bnl Vita Capital Unit 30 +0,13 10,679 5,137 Bnl Vita Capital Unit 60 +0,19 8,661 5,154 Bnl Vita Capital Unit 90 +0,25 6,692 5,012 CARDIF Assicurazioni Spa 5,263 Cardif Azionario A -1,62 86,135 5,332 Cardif Azionario B +0,81 141,474 5,531 Cardif Azionario Rimini 2 -1,58 63,297 5,363 Cardif Bds Valore Azionario -2,26 96,924 5,641 Cardif Bds Valore Bilanciato -0,84 136,368 5,571 Cardif Bds Valore Obbligazionario -0,05 179,282 1,245 Cardif Bilanciato A -0,89 123,124 4,622 Cardif Bilanciato B +0,57 195,001 Cardif Flexible Profilo A -1,59 75,203 +0,07 165,472 Cardif Obbligazionario A +0,28 219,456 11,52 Cardif Obbligazionario B 9,916 Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 +0,09 107,912 +0,59 184,178 12,414 Cardif Pargest Globale 60 A -2,27 108,962 9,585 Cardif Spazio Effervescente +0,29 173,009 14,728 Cardif Spazio Naturale 8,224 CARIGE VITA NUOVA 9,896 Carige 3 Garanzie 3 G +0,71 5,22 11,396 Carige Dinamicamente Protetta +0,00 5,17 10,934 Carige Gestilink Arancione Dinamica +0,27 3,77 13,701 Carige Gestilink Blu Moderata -0,04 5,182 14,692 Carige Gestilink Verde Prudente +0,15 6,679 11,40 Carige Protezione Attiva +0,07 103,45 11,831 Cattolica Assicurazioni 11,885 Cattolica Azionario +0,15 4,139 13,412 Cattolica Bilanciato +0,02 4,393 12,433 Cattolica Bpbari Freeway Country -0,47 3,421 12,589 Cattolica Bpbari Freeway Desert +0,20 3,519 10,638 Cattolica Bpbari Freeway Jungle -5,66 0,15 12,897 Cattolica Cividale Percorso Azionario +0,34 11,515 11,959 Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario +0,10 11,37 8,69 Cattolica Ferrara Investire Azionario +0,32 3,409 10,146 Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario -0,07 5,552 7,393 Cattolica Fondo Protetto +0,29 5,261 10,597 Cattolica Formula Life Azionaria +1,13 4,473 +1,21 4,851 Cattolica Formula Life Bilanciata +0,99 4,607 10,442 Cattolica Fuoriclasse Balanced +0,20 5,497 10,09 Cattolica Fuoriclasse Bond +1,67 3,282 11,143 Cattolica Fuoriclasse Equity +1,33 1,445 10,559 Cattolica Fuoriclasse High Tech +0,04 5,561 10,146 Cattolica Nuove Rotte +0,10 4,877 8,789 Cattolica Obbligazionario +0,07 4,608 9,13 Cattolica Progetto Attivo Bond +0,11 3,801 11,609 Cattolica Progetto Attivo Equity +0,00 4,403 10,274 Cattolica Progetto Attivo Mix +0,62 5,183 12,54 Cattolica Soluzione Dinamica Cattolica Soluzione Prudente +0,34 6,236 +0,94 3,668 9,638 Cattolica Soluzione Vivace 8,999 CENTROVITA ASSICURAZIONI +0,00 72,928 8,15 Centrovita 6attivo-Orchestra -0,09 105,47 7,205 Centrovita 6protetto Regina -0,01 150,59 15,86 Centrovita Anni 40 +0,35 165,621 6,603 Centrovita Anni 50 +0,99 121,404 10,87 Centrovita Anni 60 +1,18 123,704 10,754 Centrovita Anni 70 +1,12 99,038 10,40 Centrovita Anni 80 +1,30 111,935 10,755 Centrovita Azionario +1,22 59,195 11,785 Centrovita Azionario Blue +1,27 59,653 10,168 Centrovita Azionario Green +1,33 136,374 11,458 Centrovita Azionario Plus +1,05 151,816 20,697 Centrovita Bilanciato +1,06 178,91 10,998 Centrovita Bilanciato Plus +0,00 1.038,80 9,112 Centrovita Eag 2005 +0,00 1.049,92 11,187 Centrovita Eag 2006 +0,55 189,45 10,751 Centrovita Obbligazionario +0,53 124,496 11,842 Centrovita Obbligazionario Blue +0,56 210,832 10,054 Centrovita Obbligazionario Plus 9,638 DUOMO PREVIDENZA S.P.A. 8,999 Duomo Unit Dynamic +0,38 2,102 8,15 Unit Moderate -0,08 4,879 7,205 GENERTELLIFE S.P.A. 15,86 Adria Equilibrio +0,44 6,095 6,603 Genertellife Aptus 1 +0,26 5,042 10,87 Genertellife Aptus 2 +0,60 4,707 10,754 Genertellife Aptus 3 +0,79 3,966 10,40 Genertellife Bg 2005-2015 +0,29 10,414 10,755 Genertellife Bg 2005-2020 +0,40 9,792 11,785 Genertellife Bg 2005-2025 +0,44 8,939 10,168 Genertellife Bg 2005-2030 +0,33 8,528 11,458 Genertellife Bg Azionario 1 +1,15 2,296 20,697 Genertellife Bg Azionario 2 +1,08 2,626 10,998 Genertellife Bg Bilanciato 1 +0,70 4,026 9,112 Genertellife Bg Bilanciato 2 +0,27 5,188 11,187 Genertellife Bg Dinamico +1,13 8,378 10,751 Genertellife Espansione +0,89 2,936 11,842 Genertellife Espansione2000 +0,72 2,934 10,054 Genertellife Sviluppo +0,39 4,327 10,022 Genertellife Sviluppo2000 +0,49 3,86 9,583 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio +0,72 5,902 9,975 Genertellife Tirreno Unit Protezione +0,24 5,83 11,938 Genertellife Tirreno Unit Sviluppo +0,93 5,189 12,956 Genertellife Valore +0,03 6,195 5,652 Ina Assitalia Ina Fondo Ina Valore Attivo +0,02 4,115 4,574 Ina Fondo Valute Estere +0,09 1,133 4,989 Ina Nuovo Fondo Ina +0,10 7,877 4,615 Intesavita Spa +0,61 5,299 5,362 Intesa Vita Accumulazione Intesa Vita Azionario America Growth +0,06 8,814 +0,08 9,60 5,93 Intesa Vita Azionario America Value

VARIAZ. QUOT.

Intesa Vita Azionario Cina -2,02 21,181 Intesa Vita Azionario Europa Growth +1,33 10,291 Intesa Vita Azionario Europa Value +0,72 11,192 Intesa Vita Crescita +0,31 6,051 Intesa Vita Dinamica +0,83 4,735 Intesa Vita Eurounit Azionario -0,19 3,146 Intesa Vita Eurounit Dinamico +0,06 5,015 Intesa Vita Eurounit Equilibrato +0,09 5,539 Intesa Vita Eurounit Prudente +0,09 6,368 Intesa Vita Gpa Accordo +0,09 682,67 Intesa Vita Gpa Accordo 2 +0,09 656,30 Intesa Vita Gpa Acuto +0,87 405,74 Intesa Vita Gpa Acuto 2 +0,85 344,88 Intesa Vita Gpa Armonia +0,53 517,93 Intesa Vita Gpa Armonia 2 +0,54 455,60 Intesa Vita Gpa Motivo +0,23 630,52 Intesa Vita Gpa Motivo 2 +0,23 591,98 Intesa Vita Monetario Dollaro -1,21 9,047 Intesa Vita Monetario Euro -0,01 10,853 +0,17 11,327 Intesa Vita Obbligazionario Euro Intesavita Gpa Private Bond +1,43 727,58 +0,46 583,28 Intesavita Gpa Private Global Guar. Intesavita Gpa Private Global High +0,81 328,09 Intesavita Gpa Private Global Low +0,46 663,27 Intesavita Gpa Private Global Medium +0,59 535,56 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo +0,17 3,582 Mediolanum Azionario Dinamismo Bis +0,17 4,114 Mediolanum Azionario Fedeltà +0,00 2,169 Mediolanum Azionario Lntraprendenza +0,09 3,315 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis+0,07 4,072 Mediolanum Azionario Protezione +0,05 5,894 Mediolanum Balanced +0,13 4,741 +0,15 4,814 Mediolanum Balanced Bis Mediolanum Country +0,20 3,483 Mediolanum Country Bis +0,17 4,065 Mediolanum Dynamic +0,19 4,18 Mediolanum Dynamic Bis +0,17 4,587 Mediolanum Eurobond Breve Termine +0,01 6,753 Mediolanum Eurobond Opportunita' +0,10 6,839 +0,06 6,707 Mediolanum Eurobond Sviluppo Mediolanum Euroequity Opportunita' +0,07 4,315 +0,05 6,504 Mediolanum Euroequity Protezione Mediolanum Euroequity Sviluppo +0,17 4,607 Mediolanum Moderate +0,12 5,137 Mediolanum Moderate Bis +0,12 5,144 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis +0,02 5,536 +0,11 5,393 Mediolanum Obb. Crescita Bis +0,06 5,242 Mediolanum Obb. Evoluzione Bis Mediolanum Obb. Moderazione Bis +0,05 5,47 Mediolanum Obbligazionario Crescita +0,10 6,723 Mediolanum Obbligazionario Liquidita' +0,02 6,663 Mediolanum Obbligazionario Moderazione+0,06 6,609 +0,05 3,859 Mediolanum Opportunity Mediolanum Opportunity Bis +0,07 4,223 Mediolanum Prudent +0,03 6,21 Mediolanum Prudent Bis +0,04 5,508 +0,15 3,437 Mediolanum Sector Mediolanum Sector Bis +0,16 4,276 MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario +0,49 3,073 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato +0,27 4,398 Milano Assicurazioni Previlink Monetario +0,02 6,183 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario+0,14 5,574 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. +1,31 3,493 Risparmio Crfc Gentile Dinamica Risparmio Crfc Gentile Equilibrata +0,95 5,93 Risparmio Eurolink Cv Dinamico +1,11 13,214 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato +0,46 13,109 Risparmio Eurolink Cv Risparmio +0,35 11,983 +1,19 11,177 Risparmio Formula Link In Prima Risparmio Formula Link In Seconda +1,15 9,802 Risparmio Formula Link In Terza +1,37 8,149 Risparmio Gestivita Azionario +1,23 8,818 Risparmio Gestivita Bilanciato +1,21 10,517 +1,14 12,081 Risparmio Gestivita Obbligazionario +1,52 8,032 Risparmio Patavium Ul Dinamico Risparmio Patavium Ul Equilibrato +0,60 9,196 SARA VITA S.P.A. Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A -1,29 8,161 Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale -1,36 7,836 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo +0,14 9,244 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale -0,08 9,631 Sara Vita Profilo Guardian -0,20 9,82 Unipol Assicurazioni Unipol Uninvest Arcosereno -0,02 119,49 Unipol Uninvest Azioni Piu' +0,11 108,536 +0,22 13,53 Unipol Uninvest Crescita Unipol Uninvest Equilibrio +0,08 12,556 -0,03 6,857 Unipol Uninvest Flessibile Unipol Uninvest Grande7 +0,14 108,667 Unipol Uninvest Grandevita +0,08 104,079 +0,07 111,433 Unipol Uninvest Mach 7 Unipol Uninvest Otto&Mezzo +0,09 103,867 Unipol Uninvest Performance Europa +0,49 7,555 +0,05 13,471 Unipol Uninvest Risparmio +0,15 12,452 Unipol Uninvest Valore ZURICH LIFE AND PENSION Zlap Controllo +0,26 5,389 Zlap Crescita +0,40 6,557 +0,34 7,586 Zlap Equilibrio Zlap Evoluzione +0,38 4,808 Zlap Protezione +0,17 7,881 +0,26 5,74 Zlap Prudenza Zlap Sicurezza +0,15 5,483 Zlap Sviluppo +0,46 3,736


24

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE Attacco del presidente di Confindustria sulle prossime elezioni: ritiene di poter parlare di campagna dura ma senza interesse

Marcegaglia:«Campagna violenta» di Angie Rucola ROMA A due giorni dalle elezioni regionali, più tormentate degli ultimi anni, i maggiori esponenti dei partiti italiani continuano a "giocare" a botta e riposta, parlando di tutto tranne che di politica. Vero che nei giorni precedenti al voto non si può fare campagna elettorale, ma in molti si chiedono se nel mese precedente questa sia stata fatta o meno. Oltre al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che invita al rispetto della Costituzione e degli organi che la rappresentano, oltre il premier che attacca i magistrati, la Lega che dice di superare per numero di militanti il Pdl, Pierluigi Bersani che dichiara che il premier «è stressato», altro non si è sentito. O meglio, il leader dell’Italia dei valori, Antonio Di Pietro, punta a spada tratta il governo e i radicali, dopo aver dimostrato una sorta di “solidarietà” con il partito della maggioranza per la questione dell’ammissione o meno della lista nella provincia di Roma e Pier Ferdinando Casini che, tirandosi in ballo da solo, chiede un faccia a faccia con Silvio Berlusconi, tutto tace. C’è da dire che per vedere una po di sana competizione o capire quali siano le linee guida della politica dei candidati nelle varie regioni era utile seguire le interviste realizzate dalle tv locali, e qualche volta dai quotidiani poiché, messi alle strette, i nuovi governatori riuscivano a parlare del proprio programma elettorale senza divagare sul nazionale.Anche se Berlusconi, sceso in Puglia per aiutare il candidato Rocco Palese, rilancia: «Votare l’Udc è come votare Vendola e dare la preferenza alla Poli Bortone non

Berlusconi: «Votare in Puglia l’Udc è come votare Vendola e dare la preferenza alla Bortone. Non serve a nulla perché non può vincere in Puglia, è inutile»

serve a nulla perché non può vincere in Puglia, è una cosa inutile e dannosa». Sarà un caso il comizio in Puglia dopo che il nome del premier è stato iscritto nel registro degli indagati della procura della Capitale nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte pressioni esercitate per sospendere il programma Annozero? «Un atto dovuto», spiegano a Piazzale Clodio, dopo il trasferimento degli atti da Trani. Pare però che i magistrati abbiano deciso di mantenere le stesse ipotesi di

Bersani: «Il premier dice che noi alzeremo le tasse ma in realtà noi siamo stati i primi a tagliare l’Ici alle famiglie mentre lui ha aumentato la pressione fiscale» reato formulate dai colleghi pugliesi: minacce e concussione. Come riporta il Corriere della Sera , l’iscrizione di Berlusconi è stata decisa al termine di una riunione cui hanno preso parte, oltre al procuratore Giovanni Ferrara, anche l’aggiunto Alberto Caperna, neocoordinatore del gruppo che si occupa dei reati contro la pubblica amministrazione, e i pm Caterina Caputo e Roberto Felici. I magistrati, alla luce di una prima lettura delle carte provenienti dalla procura di Trani, hanno ritenuto di mantenere quei reati originariamente attribuiti al presidente del Consiglio, senza derubricarli al meno grave «abuso d’ufficio». Adesso scattano i quindici giorni, previsti dalla legge, entro cui i pm della capitale dovranno sollecitare al Tribunale dei ministri una richiesta di archiviazione o di attività istruttoria. A farsi sentire, ieri, la voce del presidente di Confindustria Emma Marcegaglia che ha dichiarato: «Una campagna elettorale violenta e su temi di nessun interesse per il Paese reale. Per parte nostra abbiamo denunciato da mesi questa situazione. Tengo a sottolineare che in questi due an-

ni difficilissimi, grazie anche al senso di responsabilità delle imprese, il Paese ha tenuto la propria coesione sociale e noi abbiamo tenuto insieme il nostro sistema associativo, anzi siamo cresciuti con i tassi più alti degli ultimi 10 anni, soprattutto grazie all’azione delle nostre associazioni territoriali e di categorie che sono state capaci di stare vicino alle imprese. A questo nostro comportamento, ha tuttavia osservato il leader degli industriali, non ha certo corrisposto, soprattutto in questi ultimi mesi, un clima all’interno del mondo politico e istituzionale altrettanto responsabile». La Marcegaglia ha sottolineato «una distrazione dai temi veri della competitività della nostra economia e un conflitto perenne tra le istituzioni». Riprendendo in parte le proposte di Fini inerenti la necessità di nuove riforme per il Paese, il presidente di Confindustria precisa: «In assenza di cambiamenti, il rischio è che la crescita, nei prossimi anni, sarà molto bassa. Ora stiamo entrando in una fase diversa. La caduta libera dell’economia si è probabilmente fermata. Anche in Europa e in Italia c’è qualche piccolo segnale di miglioramento ma senza cambiamenti strutturali la crescita dei prossimi anni sarà molto bassa, senza capacità di creare nuova occupazione e con debiti pubblici che, a causa della crisi, sono cresciuti molto. Occorre cambiamento, riforme, coraggio, capacità di guardare avanti. Tutte cose che nel nostro Paese mancano ormai da decenni». Nel frat-

tempo torna all’attacco il sottosegretario del Pd, Pierluigi Bersani che, durante un’intervista al Tg5 ha dichiarato: «Con il governo Berlusconi la pressione fiscale ha raggiunto un livello record. Gli italiani nel 2010 bruceranno sei mesi di stipendio, rimettendolo nelle mani dell’amministrazione tributaria. In due anni c’è stata una disattenzione totale sui problemi del lavoro: ci siamo persi nei processi brevi, medi e lunghi, ma in sede economico sociale si è fatto poco o nulla. Noi dobbiamo fare un piano anti-crisi con investimenti immediati che diano un po’ di lavoro subito, mettere un po’ di soldi in tasca ai redditi più bassi, affinché i consumi possano ripartire, dare un po’ di respiro alle piccole e medie imprese anche attraverso la leva fiscale. Berlusconi dice che noi alzeremmo le tasse; in realtà noi siamo stati i primi a tagliare l’Ici alle famiglie, mentre loro hanno aumentato la pressione fiscale a livelli mai visti». Bersani avrebbe un unico rammarico: non essere riuscito ad avere un confronto politico con Berlusconi: «Lui preferisce slogan e comizi senza interlocutori. Ho proposto un confronto sui temi concreti. Se ci limitiamo agli slogan e ai comizi, facciamo un pessimo servizio al Paese». Saranno circa 41 milioni gli italiani chiamati alle urne per eleggere 13 presidenti delle regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria.

Il Ministro precisa: «In molte zone siamo già il primo partito»

Una multa da 100mila euro dall’Agcom

Roberto Maroni: «Noi siamo quelli seri»

Sanzionati il Tg1 e Tg5

{+ AKZ - BOLD } ROMA {- AKZ BOLD }«Noi siamo seri, non siamo al governo per avere un ministero in più. Perciò, anche se alle prossime regionali dovessimo diventare il primo partito al Nord non ci saranno ripercussioni sui rapporti tra Lega e Pdl ». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Roberto Maroni , in un’intervista a Enrico Mentana, nel corso della trasmissione “Mentana Condicio”. «In molte zone siamo già il primo partito - ha spiegato Maroni -, in termini di peso politico e percezione della gente. Aspiriamo a diventare la forza politica a cui la gente si rivolge quando deve risol-

vere i problemi. Siamo la gente del fare, impegnati in campagna elettorale tutti i giorni dell’anno con i cittadini. Un buon risultato servirà a convincere gli alleati ad accelerare sulla riforma federale dello Stato. Gli obiettivi che il Carroccio fissa per il voto di domenica sono chiari: Vincere le elezioni vuol dire governare in due importanti Regioni , come Piemonte e Veneto e attuare la riforma federale». Per quanto riguarda il centrodestra «partiamo da undici a due, ogni Regione in più è un successo. Tra le riforme che entrano nei programmi del governo dopo il voto c’è la giustizia ».

ROMA «La Commissione Servizi e Prodotti dell’Autorità alla luce dei dati di monitoraggio dell’ultimo periodo, ha rilevato il perdurare di un forte squilibrio informativo tra le forze politiche, in particolare tra Pdl e Pd, in violazione del richiamo già rivolto alle emittenti ad attuare il riequilibrio dell’informazione nei notiziari». Lo rende noto un comunicato dell’Agcom. «La Commissione ha pertanto comminato una sanzione di 100mila euro al Tg1 e al Tg5, che presentavano il maggiore squilibrio, ed ha, nel contempo, rivolto un richiamo a tutte le emittenti ad attuare un immediato riequilibrio dell’informazione».


Venerdì 26 Marzo 2010

il Domani 25

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE Per Pasqua: 7 milioni di famiglie al via Lo ha anticipato la Merkel prima dell’inizio formale, della cena e del minivertice eurozona

Verso un accordo misto: parte in aiuti bilaterali, parte dal Fmi di Carlo Bassi ROMA - Il vertice europeo a Bruxelles non discuterà di aiuti concreti alla Grecia ma, "eventualmente", l’ipotesi sulla quale la Germania promette il suo impegno è quella di un mix tra "sostegno da parte del Fondo monetario internazionale e aiuti bilaterali dall’Europa". Così la cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha anticipato il contenuto dei lavori del Consiglio europeo, confermando le notizie dei giorni scorsi. La Merkel ha promesso il suo impegno anche per "la modifica dei Trattati europei". In futuro, «le emergenze non devono in alcun modo mettere a rischio la stabilità» e non ci saranno più possibilità di "aggirare" il Patto di stabilità con "trucchi di bilancio". La Merkel si è impegnata a intervenire "con forza" nelle trattative perché si pervenga «a questo tipo di soluzione « e intende per questo «lavorare fianco a fianco con la Francia». Non si tratta, ha precisato ancora il Cancelliere tedesco, di discutere di "un aiuto concreto" alla Grecia, ma piuttosto del dibattito che in occasione del vertice dovrà «specificare e discutere ulteriormente le decisioni prese dal Consiglio dell’11 febbraio che saranno applicate soltanto come extrema ratio». La strategia di sostegno già approvata a favore della Grecia «si è dimostrata valida», ha osservato la Merkel.

Continua la luna di miele Marcegaglia Confindustria: 111 sì e una bianca al programma e alla squadra

La Merkel ha detto di volersi ugualmente impegnare con determinazione, nel corso degli incontri, a favore di cambiamenti nei Trattati europei in base ai quali si possano imporre sanzioni più tempestive e più efficaci in futuro nei confronti di quei governi che mettono a rischio la stabilità dell’euro: «Dobbiamo prendere precauzioni - ha detto - perché una tale situazione non possa ripetersi» alla luce del fatto che gli strumenti attualmente a disposizione «non sono sufficienti». All’odg c’è, quindi forzatamente, «un rafforzamento delle procedure di deficit eccessivo» per fare fronte alla situazione di uno Stato dell’eurozona che diventa inadempiente malgrado tutti i meccanismi già previsti. La Germania, in ogni caso, non accetterà mai "un indebolimento" del Patto di stabilità. Berlino «è ben cosciente delle proprie responsabilità nei confronti del Patto e dei propri concittadini che hanno abbandonato il marco a favore dell’euro, ma l’euro oggi è più stabile di quanto sia mai stato il marco». A conferma, però, che le idee tra i 27 non sono ancora del tutto chiare è giunta ieri la dichiarazione del presidente di turno e premier spagnolo, Josè Louis Zapatero, secondo il quale per risolvere il problema della Grecia «bisogna adottare una soluzione europea, sotto l’egida della commissione UE e della Bce». Preoccupazione ha espresso la vice presidente della commissione europea, Viviane Reding.

In assenza di interventi dell’Ue, il dissesto dei conti pubblici della Grecia rischia di scatenare «l’inizio di uno tsunami» ammonisce la Reding In assenza di interventi dell’Ue, il dissesto dei conti pubblici della Grecia rischia di scatenare «l’inizio di uno tsunami». La Reding ha poi esortato la cancelliera Angela Merkel a dare via libera a una mobilitazione dell’Unione. «Angela, ci vuole un po’ di coraggio» ha detto. «A casa tua hai dei gravi problemi, perché il populismo vuole che il tuo popolo, o una sua ampia quota, sia contrario alla solidarietà - ha affermato alla radio belga Rtl Devi dir loro che siamo stati solidali quando la Germania si è riunificata. Abbiamo pagato tutti perché potesse avvenire, e non ce ne siamo pentiti. Siamo una famiglia - ha proseguito - se uno dei piccolini sta male bisogna curarlo, perché a non farlo si rischia di attaccare l’influenza a tutti gli altri, che non stanno nemmeno tanto bene, come il Portogallo, la Spagna, la Gran Bretagna, la Francia eccetera».

ROMA - È ancora luna di miele per Emma Marcegaglia e Confindustria. Con voto unanime della Giunta di Confindustria sul programma e la squadra presentato dalla Presidente per il secondo biennio del suo mandato. Programma e squadra hanno superato l’esame con 111 sì su 112 presenti aventi diritto al voto e una scheda bianca. La Giunta ha accolto con un applauso scrosciante il giudizio dell’urna. In totale i membri della Giunta aventi diritto al voto sono 202 ma ieri ne erano presenti soltanto 112. Emma Marcegaglia, prima donna alla guida di Confindustria, è il Presidente

MILANO - Sette milioni di famiglie andranno in vacanza per Pasqua, ma limitando le spese e le giornate fuori porta per rilassarsi principalmente in una zona vicina a casa e preferendo il mare e le città d’arte. Lo sostiene il rapporto annuale Confesercenti-Swg. Permangono comunque i segnali della crisi sulle decisioni dei vacanzieri per almeno il 40 per cento degli interpellati che, per Pasqua, preferiscono l’Italia ai Paesi stranieri. In Italia, dove rimarrà il 76 per cento dei vacanzieri, le destinazioni preferite sono Campania e Toscana che confermano la tendenza degli italiani a passare le vacanze principalmente al mare (27 per cento) e nelle città d’arte (23 per cento). Con un budget a persona inferiore a 500 euro per il 70 per cento dei rispondenti, coloro che andranno in un Paese straniero hanno come destinazionepreferenzialelavicina Francia. Altre destinazioni estere gettonate sono la Spagna, la Germania e la Svizzera. Rispetto al 2009, questa Pasqua sarà più ricca grazie soprattutto all’aumento delle famiglie che disporranno di oltre 750 euro a testa (più 42 per cento). La spesa media sarà 564 euro rispetto ai 460 dell’anno passato. Resta il fatto che, secondo la nota diffusa ieri da Confesercenti, oltre il 50 pr cento delle persone andranno in vacanza con tutta la famiglia, in clamorosa contraddizione con il celebre adagio «Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi».

che ha avuto il più alto numero di consensi alla designazione, all’elezione e alla presentazione di programma e della squadra sia al primo sia al secondo mandato dei quattro anni di governo di viale dell’Astronomia. La presidente ha ringraziato i presenti che hanno manifestato attestati di stima. Fra gli interventi seguiti al voto a scrutinio segreto di programma e squadra ci sono stati quelli del presidente della Bnl, Luigi Abete, del presidente dell’Ance, Paolo Buzzetti e del presidente di Confindustria Lombardia, Alberto Barcella. Tutti hanno sottolineato la compattezza di questa Confindustria.

Cab


26

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010

APPUNTAMENTI CON IL FISCO Percentuale ricarico applicabile anche a diversi anni di imposta Deciso dalla Corte di Cassazione con la sentenza del 27 gennaio

Accertamento La Corte di cassazione ha stabilito che la percentuale di ricarico che viene applicata agli acquisti per la determinazione induttiva dei ricavi, può essere utilizzata anche per determinare il volume d’affari di diversi anni di imposta, purché l’attività imprenditoriale non sia cambiata nel corso degli anni. In tema di accertamento delle imposte sui redditi, i giudici di legittimità, hanno deciso che la presenza di scritture contabili formalmente corrette non esclude la legittimità dell’accertamento analitico induttivo del reddito di impresa, qualora la contabilità stessa possa considerarsi inattendibile perché non in linea con gli studi di settore e la media risultante dagli altri esercizi che hanno una simile tipo-

logia di merce commercializzata. La Suprema Corte consente all’Amministrazione finanziaria di procedere ad accertamento analitico induttivo sulla base del controllo delle scritture e delle registrazioni contabili. Si può anche procedere a rettifica, specificando gli indici di inattendibiltà dei dati relativi ad alcune poste di bilancio e dimostrando la loro astratta idoneità a rappresentare una capacità contributiva non dichiarata. Una volta che l’Amministrazione ha accertato le maggiori imposte, spetta al contribuente l’onere di dimostrare la regolarità delle operazioni effettuate, anche in relazione alla contestata antieconomicità delle stesse, senza che sia sufficiente invocare l’apparente regolarità delle annotazioni contabili. Inoltre fra le attività istruttorie che i verificatori possono compiere, vi è la rilevazione dei prezzi di acquisto e vendita in relazione alle diverse tipologie dei beni oggetto dell’attività. Le imprese com-

merciali basano, in pratica, il loro impianto contabile sugli acquisti di merce maggiorati della percentuale di ricarico, da applicare sul costo del venduto. Si sottolinea che in relazione al valore indiziario della determinazione di questa percentuale di ricarico, può verificarsi che una percentuale di ricarico bassa rispetto a quella media delle aziende del settore è sintomatica di sottofatturazione in vendita, mentre una percentuale elevata rispetto a quella verosimile può essere dovuta alle sopravvalutazioni delle rimanenze ovvero di sottofatturazione all’acquisto. Se i soggetti emettono esclusivamente fatture o ricevute fiscali, i verificatori potranno rilevare i beni e suddividerli in gruppi merceologici omogenei per poi applicare la formula del Ricarico medio ponderato. Luana Rocca

Accisa gasolio

Le spese di ospitalità Le spese di ospitalità, ossia di vitto, alloggio e viaggio per i soggetti diversi dai clienti, non rientrano nelle spese di rappresentanza

L’Associazione italiana di dottori commercialisti afferma che le spese di ospitalità, ossia le spese di vitto, alloggio e viaggio, sostenute per finalità diverse dalla promozione e dalle pubbliche relazioni per i soggetti diversi dai clienti, non rientrano nelle spese di rappresentanza. Per questo il trattamento fiscale è da individuarsi in base al principio di inerenza e di detrazione previsto ai fini dell’imposta sul valore aggiunto. Per effetto del Dm del 19 novembre 2008 che ha completato il quadro normativo in merito alle spese di rappresentanza ai fini delle imposte sul reddito, i criteri in base ai quali queste spese sono individuate prevedono che queste siano caratterizzate dalla gratuità e abbiano finalità promozionali o di pubbliche relazioni. Inoltre il loro sostenimento deve rispondere a criteri di

ragionevolezza per generare benefici economici per l’impresa e, quindi, devono essere coerenti con gli usi e le pratiche commerciali del settore in cui l’impresa si trova ad operare. La spesa, pertanto, non è qualificabile come «di rappresentanza», tanto che anche la relazione di accompagnamento al Decreto ministeriale evidenzia che vi sono anche altre fattispecie di «erogazione gratuita di reddito» che non possono qualificarsi così come le erogazioni ai soci o ai loro familiari, l’autoconsumo e le liberalità a dipendenti o collaboratori. Le principali novità introdotte dal legislatore per le spese di rappresentanza consistono nell’individuazione di specifici criteri di qualificazione delle suddette spese, rilevanti ai fini della verifica della loro inerenza all’attività dell’impresa.Ancoraunlimitequantitativo di deducibilità di tali spese, ancorato ad una percentuale dei ricavi dell’impresa e non più fissato forfetariamente in funzione delle spese sostenute. E, infine, una categoria di spese (per viaggi, vitto e alloggio dei clienti) che non si considerano di rappresentanza anche se sono sostenute nell’ambito di vari eventi che di solito danno origine a spese di rappresentanza. Si sottolinea che le spese di ospitalità, quindi, sono quelle spese che non sono spese di rappresentanza, ossia le spese di viaggio, vitto e alloggio sostenute per ospitare clienti, anche potenziali, in occasione di mostre, fiere, esposizioni ed eventi simili in cui sono esposti i beni e i servizi prodotti dall’impresa o in occasione di visite a sedi e stabilimenti dell’impresa. Tali spese, naturalmente, no sono soggette ai limiti previsti dal Dm del 19 novembre 2008.

L’Agenzia delle dogane con la nota 30859 del 19 marzo 2009 dà vari chiarimenti relativi ai benefici applicabili rispetto al gasolio consumato nel 2009 e sulla disponibilità del software. Per questo consumo sono rimborsabili gli incrementi dell’aliquota d’accisa disposti dall’art. 1, comma 9, del decreto legge n. 16/2005 pari a 9,78609 euro per mille litri al prodotto. Inoltre, il successivo incremento di aliquota, pari a 3,00 euro per mille litri di prodotto, disposto dal decreto legge n. 262/2006, convertito dalla legge n. 286/2006. E, infine, l’ulteriore incremento di accisa, pari a 7,0 euro per mille litri di prodotto, disposto dall’art.6 del d.lgs. n. 26/2007. Riferendosi proprio ai consumi di gasolio effettuati nel corso del 2009, hanno diritto a questo beneficio: gli esercenti l’attività di autotrasporto merci con veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate, gli enti pubblici e le imprese pubbliche locali esercenti l’attività di trasporto di cui al decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422, e le relative leggi regionali di attuazione. Ancora le imprese esercenti autoservizi di competenza statale, regionale e locale di cui alla legge 28 settembre 1939, n. 1822, al regolamento (Cee) n. 684/92 del Consiglio, del 16 marzo 1922 e al citato decreto legislativo n.422 del 1997. E, infine, gli enti pubblici e le imprese esercenti trasporti a fune in servizio pubblico per trasporto di persone. PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


28

il Domani

Venerdì 26 Marzo 2010

CULTURA E ASSOCIAZIONI «Il volume si discosta da pubblicazioni che vorrebbero essere similari, per la sua stessa impostazione scientifica»

Presentato l’ultimo lavoro del giornalista e scrittore che ha al suo attivo numerosi scritti in dialetto

“Cìentu sonìetti e lle restatine” Silloge poetica di Moisè Asta di Mario Mirabello

CATANZARO - "Le scene descritte da Moisè Asta sono dei veri acquarelli di parole e in questo è stato aiutato dalla sua esperienza di pittore e di critico d’arte. Disegna a volte in un modo preciso e a volte sfumato e diluito, proprio come in un acquarello, scene di vita, luoghi e sentimenti, utilizzando le parole al posto dei colori, scegliendoli in maniera accurata come un pittore sceglie le diverse tonalità, miscelando, componendo i singoli suoni come l’artista mistura e inventa nuove tinte e nuove nuance... Ogni parola e ogni riga parla di lui, del suo tempo, dei suoi luoghi, dei suoi cari, delle sue idee, della sua visione della vita e del mondo". Questo uno dei passaggi più pregnanti ed esplicativi della nota introduttiva generale che Luciano Romito, docente di Linguistica GeneraleeFoneticasperimentale all’Università della Calabria, ha realizzato per "Cìentu sonìetti e lle restatine" l’ultima silloge poetica, in vernacolo soveritano, del gior-

La Sepoltura del Cristo e tre angeli che reggono il Sudario in un nuovo francobollo

La copertina del libro

nalista e scrittore Moisè Asta, che ha ormai al suo attivo, un cospicuo numero di saggi, romanzi e raccolte di liriche in lingua e in dialetto. L’elegante volume si discosta, in maniera notevole, da pubblicazioni che vorrebbero essere similari, per la sua stessa impostazione scientifica ed editoriale la quale brilla, oltre per una serie di commenti ai singoli componimenti poetici e/o alle distinte sezioni dell’opera, che portano la firma di Giovanni Maria Giacomo Belluscio e Mario Caligiuri (entrambi docenti nello stes-

Luciano Romito sull’autore: «Disegna a volte in un modo preciso e a volte sfumato e diluito, proprio come in un acquarello, utilizzando le parole e non i colori, scegliendoli con cura»

Il dipinto realizzato da Girolamo della Rovere, intorno al 1620, esposto nella Galleria Sabauda di Torino, mantiene ferma l’efficacia del messaggio universale nella cornice più divulgativa del francobollo. "La Sepoltura del Cristo e tre angeli che reggono il Sudario" è il titolo dell’opera che fa da sfondo al francobollo dedicato alla Solenne Ostensione della Sindone, nel valore di 60 centesimi, che è stato emesso lunedì 22 marzo."E’ l’immagine che più di tutte conserva e tramanda principi di unità e di pace - dichiara il Presidente di Poste Italiane, Giovanni Ialongo. Il francobollo costituisce un veicolo importante per la diffusione di un simbolo che supera le differenze e afferma l’impegno comune dei popoli nella costruzione di un futuro più rassicurante. Poste Italiane comunica, dunque, la nuova emissione con la consapevolezza rinnovata del ruolo sociale che svolge l’azienda nel Paese. L’Ostensione della Sindone è infatti un evento che suscita emozioni e invita ciascuno a riflettere sul significato autentico della vita". Il francobollo è stampato dall’Officina Carte Valori dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, in rotocalcografia, su carta fluorescente, non filigranata. Formato car-

so Ateneo di Arcavacata) e di DomenicoNapoletani,unmatematico di origini silane, che insegna alla Mason University di Washington (Usa), anche e, forse, soprattutto di esperto specifico del settore come Giuseppe Falcone, professore emerito di Dialettologia all’Università di Messina, che ha arricchito, sublimandola, la silloge di Asta con una meticolosa, raffinata analisi linguistica, un glossario, un "addendum", una post-fazione che, nella sostanza, ufficializzano toni, motivi, flessioni e lessemi del vernacolo (anche più remoto ed ora piuttosto in disusoo,addirittura,sconosciuto) di Soveria Mannelli, entrando così, con una sua peculiare fisionomia, nel novero dei "poeti del Reventino", epigoni di cultori e protagonisti della poesia dialettale indigena come Michele Pane per Adami di Decollatura, Vittorio Butera per Conflenti e Raffaelino Proto per la stessa Soveria Mannelli. Anche se motivo dominante della silloge resta l’amore, non mancano, disseminati tra i versi dei 114 sonetti (sono i 100 componimenti di partenza ai

ta: mm 30 x 40; formato stampa: mm 26 x 36; dentellatura: 13¼ x 13; colori: quadricromia più oro; tiratura: quattro milioni di esemplari; foglio: cinquanta esemplari, valore "€ 30,00".Completano il francobollo la leggenda "SOLENNE OSTENSIONE DELLA SINDONE", la scritta "ITALIA" e il valore "€ 0,60". Il bozzetto: è curato dal Centro Filatelico dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. A commento dell’emissione è stato realizzato un bollettino illustrativo con articoli a firma del cardinale Severino Poletto, Arcivescovo di Torino, Custode Pontificio della Sindone e del professore Fiorenzo Alfieri, Presidente del Comitato per la Solenne Ostensione della Sindone.

quali sono stati aggiunti quei 14 che erano stati, per così dire "ripudiati" ma che poi, a ben rifletterci, l’Autore non s’è sentito di lasciar fuori dallo scrigno passato alla stampa) sentimenti nobili ( e solo molto di rado di malanimo temporaneo e passeggero), le attenzioni per le meraviglie paesaggistiche, le predilezioni per certi prototipi della saggezza contadina, i motivi sentenziosi della favolistica esopiana, il ricordo di personaggi veri e direttamente conosciuti. Si direbbe che questa, se non proprio la più riuscita, è una delle opere più vive, vitali ed apprezzabili di Asta, della cui prosa ricercata, forbita ma pur scorrevole ed accessibile si è sempre detto, ma che ora mostra identica abilità anche quando discorre in versi e secondo i dettami di una Musa silvestre, mirabile personificatrice di una civiltà contadina che, spe-

Motivo dominante dell’opera resta l’amore. Non mancano, disseminati tra i versi dei 114 sonetti, le attenzioni per le meraviglie paesaggistiche, il ricordo di personaggi... cie presso chi l’ha vissuta, conserva intatta la sua suggestività e la sua valoristica. Infine un doveroso codicillo, che attiene allo spirito generale del volume, che resta essenzialmente laico anche quando indugia sulla religiosità palpitante che caratterizza gli umili della terra di Calabria. Un appiglio ennesimo per dare certamente una valenza in più all’ultimo cimento editoriale di Moisè Asta.

Il presidente di Poste Italiane, Ialongo: «E’ l’immagine che più di tutte tramanda principi di unità»


Venerdì 26 Marzo 2010

il Domani 29

CULTURA E ASSOCIAZIONI

Sabato 27 in passerella le novità della stagione primavera-estate

Appuntamento con la moda al centro commerciale Due Mari MAIDA - Al Centro Commerciale Due Mari torna l’appuntamento con la moda: sabato 27 marzo verrà prolungato il consueto orario di apertura fino alle ore 22:00 e sulla passerella allestita per l’occasione andrà di scena la moda della prossima stagione primavera-estate. Dopo mesi di pioggia e freddo la primavera è finalmente cominciata e porta con sé la voglia di spogliarsi degli abiti pesanti ed essere leggeri e colorati. Ma allora cosa indossare? Anche per questa stagione il Centro Commerciale Due Mari organizza una serata per mostrare il meglio delle nuove collezioni dei suoi oltre 100 negozi. Come sempre il programma dell’evento sarà ricco di sorprese, a cominciare dagli ospiti del parterre: importanti personalità del settore che seguiranno tutta la sfilata, scambiando battute sulle uscite e sulle tendenze della stagione, dando consigli e portando tutta la propria esperienza. Stiamo par-

A dirigere la serata il presentatore Domenico Milani, che condurrà gli spettatori in un viaggio tra moda, quella dei Due Mari, e spettacolo, con le esibizioni della cantante Loredana Larosa e del Mago Florius Momenti della passata edizione

tatrice. Ultima chicca la presenza della stilista Elena Vera Stella, che presenterà l’abito di punta della sua nuova collezione: le creazioni dell’artista tornano sul palco dei Due Mari dopo l’apprezzamento ricevuto nell’ultima edizione della sfilata. Appuntamento quindi per sabato 27 marzo, dalle ore 18:00.

Il programma dell’evento sarà ricco di sorprese, a cominciare dagli ospiti che seguiranno tutta la sfilata lando di nomi del calibro di Giuseppe Fata - Presidente della Camera della Moda regionale, Nino Romeo - regista ed ideatore del "Premio Mia Martini" e dello straordinario Anton Giulio Grande - stilista lametino di indiscusso successo a livello mondiale, che trasferisce nelle sue creazioni il calore e la forza della sua terra. La storia e il lavoro dello stilista verranno raccontate nel corso della serata grazie ad una significativa intervista. A dirigere la serata l’apprezzato presentatore Domenico Milani, che condurrà gli spettatori in un viaggio tra moda, quella dei Due Mari, e spettacolo, con le esibizioni della cantante Loredana Larosa e il Mago Florius. Al suo fianco un testimonial d’eccezione, la bellissima Elenoire Casalegno: la showgirl porterà sul palco dei Due Mari la sua bellezza, ma anche la sua esperienza nel campo della moda e soprattutto quale presen-

Il Centro Commerciale Due Mari recentemente ha raddoppiato la sua offerta commerciale e si posiziona oggi, con i suoi centodieci negozi e l’unico multisala TheSpace - Warner Village della Regione,come il più grande e moderno Centro Commerciale della Calabria.

“Segno Divino”, mostra collettiva al via oggi a Lamezia Terme LAMEZIA TERME - Oggi, ore 18:00 a Lamezia Terme, la galleria d’arte Sukiya Dimora di Raffinatezza, presenta "Segno Divino" mostra collettiva che vede la partecipazione di 24 artisti di fama nazionale ed internazionale, ognuno dei quali, creando una "etichetta d’artista", trasformerà una bottiglia di vino Parteciperanno 24 artisti dell’azienda agricola di fama nazionale ed "Statti" in un’opera internazionale. Ognuno d’arte. Oltre le 24 bottiglie dei quali trasformerà realizzate dagli artisti invitati ( Salvatore una bottiglia di vino Anelli, Arcangelo, Angela Barbera, Bruno in un’opera d’arte Ceccobelli, Fausto Cheng, Pablo Echaurren, Franco Flaccavento, Monika Grycko, Maria Gullì, Ugo La Pietra, Felice Levini, Alfredo Maiorino, Andrea Mauro, Enzo Lionello Natilli, Hidetoshi Nagasawa, Arturo Pagano, Carlo Pastore, Vettor Pisani, Concetto Pozzati, Antonio Pugliese, Franco Summa,Tarshito,Giulio Telarico, Delfo Tinnirello,) lo spazio espositivo accoglierà un’istallazione, composta da altre 24 "opere-bottiglie", realizzata dal maestro Antonio Pugliese. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 10/04/2010 tutti i giorni dalle ore 9:00 / 13:00, 18:00/20:00, escluso domenica

Re. S. Elenoire Casalegno


Venerdì 26 Marzo 2010

il Domani 31

APPUNTAMENTI Ampia retrospettiva dedicata ad Alessandro Mendini in programma nella Città dei Tre Colli

Mostra di pittura al Marca È attivo, a Catanzaro, un laboratorio di musica sperimentale moderna • BAGNARA C. (Cs) "Premio Mia Martini" Nei prossimi giorni a Parigi conferenza stampa di presentazione della 16 edizione del Premio Mia Martini. Da Bagnara Calabra, quartier generale del prestigioso Premio, in questi giorni stanno giungendo notizie di grande fermento e di incessante attività. Tutto in funzione dell’organizzazione della prossima edizione del rinomato evento, che anno dopo anno acquista una rilevanza sempre più importante per il pubblico e gli addetti ai lavori. Ad ascoltare le aspiranti “Nuove Proposte per l’Europa” nei prossimi mesi, sarà una commissione artistica nominata direttamente dal patron Nino Romeo, composta dall’eccellente musicista Mario Rosini (presidente della commissione),dall’ormaistoricogiornalistamusicaleAndreaDirenzo(coordinatoredella commissione), da Giovanna Gilda Severino e dalla già preannunciata vocalist deiMatiaBazar,RobertaFaccani,dasubito entusiasta di far parte della grande famiglia del Premio Mia Martini. Infatti, sia il patron che la responsabile organizzativa Silvana Bonadonna sono sicuri che la preziosa esperienza di un’artista del calibro della Faccani apporterà un grandissimo valore alla nuova edizione e a tutti i giovani artisti. La responsabile organizzativa Silvana Bonadonna, come nel suo stile, non svela nulla di ciò che saranno le sorprese della prossima edizione; preannuncia, però, che nel corso della conferenza stampa di Parigi saranno rese note le novitàchevedrannoprotagonistile“Nuove Proposte per l’Europa”. Il Premio Mia Martini è patrocinato dalla Regione Calabria,dall’Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria e Calabria e dal Comune di Bagnara Calabra. Adesso tocca a te! in palio il tuo sogno. • CATANZARO Laboratorio di musica E’attivo,ognimartedìdalleore16,00alle ore 18,00, nell’Oratorio del Carmine, in via Fiorentino, il Laboratorio sperimentale di musica moderna . Gli appuntamenti rientrano nelle attività culturali 2009/10 dell’Agenzia Regionale Diritto allo Studio Universitario Ardis di Catanzaro e sono indirizzati agli allievi iscritti all’Accademia de Belle Arti di Catanzaro, dell’Università della Magna Grecia e del Conservatorio di Musica di Vibo Valentia, promossi e organizzati dall’Associazione "Promocultura" presieduta dal M° Tommaso Rotella. I laboratori prevedono una serie di incontri di formazione musicale di canto moderno tenuti dalla Prof. ssa Velia Ricciardi e di chitarra e basso elettrico tenuti dal M° Vittorio Accorinti. • CATANZARO Premio Vivarium L’Associazioneculturale“Accademiadei Bronzi”, in collaborazione con le Edizioni Ursini di Catanzaro e Radio Squillace, promuove e organizza la 2ª edizione del premio “Vivarium”di poesia, saggistica e narrativa. La partecipazione è gratuita e il monte-

premi totale è di 6.000 euro. Alla sezione A, dedicata a S.S. Giovanni Paolo II, si partecipa inviando tre poesie inedite in lingua italiana, contenute nei 35 versi, di cuialmenounaatemareligiosooispirata ad argomenti di carattere sociale.Alla sezione B, dedicata a Flavio Magno Aurelio Cassiodoro (Squillace, 490 circa – Monastero di Vivarium 583 circa), si partecipa con un saggio inedito di argomento religioso, storico o sociale, oppure con un testo inedito di narrativa (romanzo o racconti).Ilavorinondovrannosuperare le 200 cartelle dattiloscritte formato A4. Gli elaborati dovranno essere spediti in duplice copia, con firma ed indirizzo dell’autore,entroil31marzo2010,unitamente alla scheda di partecipazione che potrà essere scaricata dal sito www.ursiniedizioni.it o richiesta via fax al n. 0961.782980. L’invio dei testi dovrà avvenire solo con posta prioritaria, intestando il plico a “Nuova Accademia dei Bronzi”, Via Sicilia 26 – 88100 Catanzaro. Per eventuali informazioni scrivere a premiovivarium@gmail.com.

• CATANZARO Adol, stagione 2009/2010 Adol,AmiciDell’Opera Lirica "JussiBjorling" presenta il programma 2009/2010: 27 marzo 2010, dadefinire; 24 aprile 2010, Grandi scene d’Opera "La pazzia" pressoCircoloUnioneore17.30;22maggio 2010,2°incontrosu Mozart-DaPonte "Le Nozze di Figaro" presso Circolo Unione ore 17.30.

• CATANZARO Mostra di pittura Il museo Marca di Catanzaro apre le porte al design e all’architettura organizzando un’ampia retrospettiva dedicata a Alessandro Mendini, architetto e designer tra i più celebri a livello internazionale.Alchimie. Dal ControdesignalleNuoveUtopie èiltitolodellarassegna curata da Alberto Fiz, direttore artistico del MARCA, che s’inaugura il 10 aprile alle ore 18.30 con una performance musicale che ha come punto di riferimento un importante lavoro degli anni Settanta.L’evento è promosso dalla Provincia di Catanzaro Assessorato alla Cultura con il patrocinio della Regione Calabria,delMinisteroperiBenieleAttività Culturali e della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria.La mostra rientra nel Piano Operativo Regionale Calabria Fondi Europei di Sviluppo Regionale 2007/2013.Sono oltre 70 le opere esposte sino al 25 luglio in un percorso che comprende dipinti, sculture, mobili, oggetti, schizzi e progetti con alcune testimonianzeinediteomaivisteprimad’orainItalia. Il progetto, poi, ha tra le sue peculiarità quella di sottolineare le collaborazioni tra Mendinieglialtriprotagonistidelmondo dell’arte,inparticolareMimmoPaladino, FrancescoClemente,BrunoMunari,LuigiVeronesi, Bob Wilson ePeter Halley.In mostra sono molti gli omaggi di amici e colleghi come i ritratti realizzati da Paladino, Mimmo Rotella, Michele De

Lucchi e dall’artista giapponese Tiger Tateishi.Perquestaampiamostra,realizzata con la collaborazione e l’allestimento di Alessandro Mendini e del suo Atelier, sono state coinvolte, in qualità di prestatori, collezioni pubbliche e private italiane e straniere tra cui la Fondation Cartier pour l’art contemporain di Parigi, il Vitra Design Museum di Weil am Rhein, il Museo del Design della Triennale di Milano e gli Archivi dell’Università di Parma. Tra i prestatori anche le aziende con cui Mendini ha collaborato tra cui Alessi, Bisazza, Cassina, Cappellini, Venini e Zanotta.

• CATANZARO Festival di Pontegrande L’Emmeti associazione comunica che si terrà giorno 17 aprile 2010, la VIII edizione del festival canoro di Pontegrande. Quest’annolamanifestazionesisvolgerà presso l’auditorium "Casalinuovo". La quota di iscrizione è di euro 40,00. Come ogni anno, ad ogni partecipante sarà fornito un dvd del festival e n. 2 fotografie (a scelta). Leiscrizionidovrannopervenire,improrogabilmente, entro e non oltre, il 31 marzo 2010. Al vincitore verrà consegnato il trofeo del festival di Pontegrande. Inoltre, i primi tre classificati parteciperanno di diritto alle semifinali nazionalidelfestivalestivo2010organizzato dall’Asi di Piombino. Per il modulo d’iscrizione, il regolamento ed ulteriori informazioni rivolgersi ai seguenti numeri: 333/3926440 - 328/8103948 334/5825185.

• CHIARAVALLE Stagione teatrale L’associazione culturale Tempo Nuovo presenta la stagione teatrale 2010. domenica28marzo,"Romaore11"diElio Petri; regia di Anna Damiani con Manuela Mandracchia, Mariàngeles Torres; sabato 17aprile, "Il rompiballe", di Francis Veber; regia di Franco Procopio con la Compagnia Tempo Nuovo.

• LOCRI (Rc) "Locri Fest Jazz" Sei spettacoli, sei serate di grande jazz.La città di Locri ospita, presso la Tenuta Il Palazzo , il primo "Locri Fest Jazz", un progetto fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Francesco Macrì . Programma: il 25 marzo alle 20.30, l’esibizione di Gary Thomas & Quartet. Gli appuntamenti si concluderanno con l’esibizione di Maria Neckam & Quintet il 3 aprile alle ore 20.30 ed infine, l’11 aprilesaràlavoltadiEddieGomezTrio". Tra le novità del festival l’abbinamento tra la musica e la gastronomia come ha sottolineato l’avvocato Nicola Capogreco, il quale ha precisato che ad ogni spettacolo è previsto, all’interno del costo del biglietto, la degustazione di un piatto importante di alta cucina accompagnato da un ottimo vino, tranne che per la primaseratache,iniziandoalleore18.30,si prevede l’accompagnamento con un

aperitivo originale.Il costo per singolo spettacolo è di euro 20,00, mentre l’abbonamento costa 90,00 euro.I biglietti e gli abbonamenti di possono prenotare ed acquistare presso l’ufficio staff del sindaco di Locri, posto al primo piano del Palazzo di Città. E’ gradita la prenotazione in quanto è previsto un limite ai posti a sedere, comprensivi dei tavoli dove gustare le raffinatezze gastronomiche.Per gli organi di stampa è gradita la richiesta di accredito sempre presso l’ufficio staff del sindaco di Locri.

• SOVERATO (Cz) "Incontriamoci a teatro" “IncontriAmOci a teatro” è il titolo della rassegna 2009/2010 del “Teatro comunale di Soverato”, diretta da Gregorio Calabretta. Primi passi a teatro: 23 gennaio , Don Chisciotte, ore 18.30; 13 febbraio , Odissea, ore 18.30; 13marzo , La favola dell’amore, ore 18.30; 17 aprile, Il magodi OZ, ore 18.30.

• VIBO VALENTIA Seminario sul cinema Il Sistema Bibliotecario Vibonese presentaL’Itala,ilCinematografoAutobiografiadiunanazione:1861-2010,seminario di storia e critica del cinema. Il seminario, che prevede la proiezione di 10 film, oltre a 11 sedute, avrà la durata di 4 mesi, fino a giugno . Gli altri film proiettati saranno: La grande guerra di Mario Monicelli, Roma città aperta di Roberto Rossellini, Ladri di biciclette di Vittorio De Sica, Un maledetto imbroglio di Pietro Germi, I pugni in tasca di Marco Bellocchio, Todo modo di Elio Petri, Bianca di Nanni Moretti, L’uomo in più di Paolo Sorrentino, Biutiful cauntri di Esmeralda Calabria, Andrea D’Ambrosio e Peppe Ruggiero. Le proiezioni avranno luogo nei seguenti giorni e ai seguenti orari: il 13 febbraio, alle ore 15.00; il 15 febbraio, alle ore 21.00; il 26 marzo, alle ore 21.00; il 27 marzo, alle 18.00; il 29 marzo, alle 21.00; il 29 aprile, alle ore 21.00; il 30 aprile, alle ore 21.00; il 3 maggio, alle 21.00; il 14 maggio, alle ore 21.00. Gli altri incontri sono invece previsti nei seguenti giorni e ai seguenti orari: il 15 febbraio, alle ore 16.00; il 16 febbraio, alle ore 16.00; il 26 marzo, alle ore 16.00; il 29 marzo, alle ore 16.00; il 30 marzo,alleore18.00;il30aprile,alleore 16.00; il 3 maggio, alle ore 16.00; il 4 maggio, alle ore 18.00; il 15 maggio, alle ore 21.00; il 17 maggio alle ore 17.00. Tutte le sedute avranno come relatore Antonio Tricomi, fatta eccezione per l’ultima,chevedràl’interventodellosceneggiatore cinematografico e televisivo LeonardoMarini.Ilseminarioèapertoatutti. Le domande di ammissione al seminario dovranno pervenire entro il 31 gennaio 2010 alla segreteria del seminario di storia e critica del cinema, Sistema BibliotecarioVibonese,ViaAbatePignatari - 89900, Vibo Valentia. La partecipazione al seminario è gratuita. Al termine del seminario, a chi avrà assistito alla proiezione di almeno 6 film e abbia preso parte ad almeno 6 incontri, verrà rila-

sciato un attestato di frequenza comprensivo delle firme dei relatori.

• CALABRIA Premio giornalistico Fino al 15 maggio sono aperte le iscrizioni alla Terza Edizione del Premio Giornalistico Gaspare Barbiellini Amidei,rivoltoaigiovanigiornalistisottoi35 anni che abbiano saputo raccontare l’Italiael’Europacontemporaneecongli occhi di chi si affaccia alla professione. Per il 2010 il Premio è rivolto ai servizi giornalistici pubblicati o trasmessi su testate italiane e della Svizzera italiana tra il 1° gennaio 2009 e il 15 maggio 2010, che abbiano riguardato: "Quando la natura si rivolta: la forza degli elementi, l’ambiente violato, le scelte per un pianeta migliore". La Giuria valuterà: il migliorarticolopubblicatosuquotidiani, periodici e web; il miglior servizio radio-televisivo trasmesso da emittenti locali e nazionali. Nella giuria figurano nomi prestigiosi del giornalismo e della cultura, tra i quali Claudio Magris (scrittore), Arrigo Benedetti (regista), FerrucciodeBortoli(CorrieredellaSera),Arturo Colombo (professore universitario), Michele Fazioli (RTSI), Attilio Giordano (La Repubblica), Alfredo Macchi (TG4), Giuseppe Mascambruno (La Nazione), MassimoNava(CorrieredellaSera),Antonio Patuelli (Libro Aperto), Gianni Riotta (Il Sole 24 Ore), Carlo Verdelli (Condé Nast), Andrea Vianello (RAI Tre), e Fulco Pratesi (giornalista e ambientalista, WWF) come Giurato speciale per l’Edizione 2010. Tutta la Giuria sul sito www.barbielliniamidei.it. Il Premio Giornalistico dedicato alla memoria e all’impegno di Gaspare BarbielliniAmideiènatonel2008sottol’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio dell’OrdineNazionale dei Giornalisti, dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, della Federazione NazionaleStampa Italiana, dell’Associazione Ticinese dei Giornalisti e della Città di Lugano, con l’obiettivodi incoraggiare un giornalismo libero, innovativo e di qualità. Innovative le modalità di partecipazione al Premio, interamente on lineattraverso ilsito www.barbielliniamidei.itLa cerimonia di consegna delPremio si svolgerà all’Isola d’Elba, tra luglio e agosto 2010, incollaborazione con il Premio letterario Isola d’Elba - Raffaello Brignetti, il Comune di Marciana el’APT dell’Arcipelago toscano.

• TAVERNA (CZ) Mostra di pittura Sarà visitabile fino all’11 aprile 2010 la grande mostra “Cavalieri, dai templari a Napoleone” allestita a cura di Alessandro Barberio e Andrea Merlotti, nella monumentale reggia di Venaria Reale (Torino), alla quale è stato prestato dal MuseoCivicodiTaverna,inaccordocon l’Amministrazione Comunale e la competenteSoprintendenzadellaCalabria,il capolavoro di Mattia Preti raffigurante “La Predica di S. Giovanni Battista" con l’Autoritratto dell’Artista”.


il domani  

Edizione del 26 Marzo 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you