Page 1

Venerdì 24 Dicembre 2010

Anno XIII - Numero 353

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

GELMINI

AUGURI

La sua riforma passa anche al Senato È legge con 161 voti sì, 98 contro

NATALE Sulle tavole dei calabresi oggi vincono le tradizioni

Tanti e di cuore dal Domani che tornerà in edicola lunedì 27

a pag » 26

a pag » 6

Dopo uno strenuo dibattito il budget regionale passa in Consiglio alle 3,30 del mattino di ieri insieme al collegato alla Finanziaria

Il Consiglio regionale approva il bilancio Approvate anche le modifiche al bilancio Arpacal del 2010. Sul collegato depositati numerosi emendamenti L’INTERVENTO

Solidarietà alla magistratura ma non si strumentalizzi

Il presidente di Legautonomie Maiolo: «Questa scelta avrà ripercussioni soprattutto sulla qualità e quantità dei servizi erogati alle comunità amministrate». Ma per la maggioranza si tratta di un buon bilancio a pag » 4

LA CALABRIA DAL CIELO

Gli auguri di Scopelliti a tutta la regione

di Francesco Talarico Presidente del Consiglio regionale

L’Assemblea legislativa regionale che presiedo, fin dal suo insediamento, ha messo al primo posto del suo agire la legalità ed il rispetto delle regole. Intervengo anche a nome dellamaggioranza,dell’opposizione, della Conferenza dei Capigruppo e della Presidenza della Giunta regionale. Questo Consiglio regionale in piena coerenza con quanto messo in campo in difesa della legalità e contro ogni tipo di inquinamento mafioso nella scorsa legislatura, rigetta incondizionatamente l’immagine. Sulla linea del rispetto dei diritti e contro ogni forma di ingerenza criminale, lobbistica e affaristica l’Istituzione Regione non ha nulla da rimproverarsi. Se responsabilità ci sono, non possono che essere personali.

NATALE

Un regalo di Natale della Nasa dallo spazio ROMA - Un’altra splendida foto dell’Italia, con la Calabria in primo piano, scattata dall’Osservatorio spaziale internazionale in orbita intorno alla nostra Terra. Un’unica considerazione ci viene spontanea: vabbè che la nostra regione è piena di montagne, ma non saremo un po’ buietti rispetto agli altri? A giudicare dalla fotografia, soprattutto dalla Puglia e dalla Sicilia, qualche lampadina in più ci vorrebbe, o siamo risparmiosi?

CATANZARO - Alla vigilia di NataleancheilGovernatorecalabrese Giuseppe Scopelliti ha rivolto i suoi auguri ai calabresi. L’arrivo del Natale consente di fare un momento di riflessione e di analisi rispetto a un percorso, un cammino, un impegno dell’amministrazione regionale, in relazione alle tante volontà, le tante determinazioni, le tante scelte che la Regione ha fatto in questi mesi. Con questo incipit è stato lanciato il messaggio di auguri rivolto ai calabresi: «Il Natale, poi - aggiunge Scopelliti - ci ricollega, sicuramente, al ruolo fondamentale e delicato della famiglia, soprattutto su tematiche che stanno sempre molto a cuore aquesta classe dirigente. Il bilancio della Regione, approvato per la prima volta entro Natale.

segue a pag » 2

a pag » 4

COSENZA Il sindaco Perugini fa gli auguri: casse vuote, c’è da stare poco allegri a pag » 13

CATANZARO Muraca è Presidente dell’Asi, Speranza rammaricato per modalità di rinnovo Cda a pag » 18

REGGIO CALABRIA Operazione Shot 2009 a Chieti, in manette tre uomini della provincia reggina a pag » 11

IL COMMENTO

Il nostro futuro è in Europa: bilancio di un anno di Giancarlo Galan Ministro delle Politiche agricole

Un anno in cui si è passati dalle parole ai fatti quello del 2010. Sebbene abbia scontato una situazione politica in parte imprevista che ha creato rallentamenti e tensioni anche nelle attività parlamentari e di Governo, mi ritengo soddisfatto. Durante questo anno è emersa con forza l’immagine di una politica portata avanti dal Ministero basata soprattutto sul rispetto della legalità. Senza contare la forte presenza in Europa, che rappresenta l’orizzonte che dobbiamo tener presente. Mi faccio i complimenti per essere riuscito in tutti questi mesi, tranne in rarissime occasioni, a garantire una continua permanenza ai tavoli Ue. Chi si occupa o vive di sistema agroalimentare e della pesca gioca le sue partite in Europa. È lì che si prendono tutte le decisioni. Si è riuscito a tenere fede dalla promessa fatta di essere costantemente presenti in Ue. Tema caldo quello delle quote latte, che sotto il ministero di Luca Zaia aveva creato una vera e propria spaccatura all’interno della maggioranza. Ho trovato il consenso da parte delle associazioni di categoria e delle forze politiche interessate alla questione", spiega il ministro Galan. "Mi sono sentito sostenuto e accompagnato dal consenso nonostante - a volte - la dura polemica contro chi la pensa in modo diverso". Secondo il ministro non c’e’ dubbio: "gli splafonatori non possono più essere sostenuti dal nostro governo. Chi non ha rispetto per le regole da molti anni ha causato danni gravi all’Europa e al nostro Paese. segue a pag » 2


2

il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI L’INTERVENTO di Francesco Talarico Solidarietà alla magistratura ma non si strumentalizzi Ma a nessuno è consentito di generalizzare o sollevare polveroni, indicando all’opinione pubblica nazionale un’emergenza istituzionale Calabria che semplicemente non esiste. Contemporaneamente, ribadiamo il più totale sostegno all’azione meritoria della magistratura e delle forze dell’ordine a cui siamo grati per lo sforzo significativo dispiegato per affermare la legalità in una regione segnata dalla presenza della criminalità organizzata ed angustiata da decine di emergenze sociali. Lo slancio innovativo impresso dalla Giunta regionale e alcuni provvedimenti legislativi assai importanti, approvati da questo Consiglio regionale, sono, d’altronde, la prova inequivocabile del nostro essere dalla parte della legalità sempre e comunque. Una scelta, questa, che guida ogni nostra azione e da cui non intendiamo scantonare. Convinti come siamo, tra l’altro, del compito gravoso che la politica ha su di sé e dell’urgenza di non

IL COMMENTO di Giancarlo Galan Il nostro futuro è in Europa

perdere altro tempo sulla strada dello sviluppo economico e sociale in una congiuntura difficile per il Paese e in modo particolare per il Mezzogiorno. Vogliamo esseregiudicati dagli atti compiuti.

DONNE CHE CONTANO

di Carmela Mirarchi

Adele Cambia, pioniera del giornalismo femminile Adele Cambria è nata a Reggio Calabria, laureata in giurisprudenza con Salvatore Pugliatti all’Università di Messina, ha esordito nel giornalismo nel 1956, firmando, anche sulla prima pagina dell’allora appena nato quotidiano "Il Giorno". Femminista, ha diretto negli Anni Settanta la rivista "Effe", il primo magazine del Movimento Femminista diffuso attraverso le edicole, ed è stata tra le fondatrici del Teatro "La Maddalena". e’ una donna che ha attraversato la storia degli ultimi cinquant’anni del giornalismo italiano, passando da una dimissione all’altra, talvolta cercata, talvolta subita. Una vita trascorsa a rincorrere e intervistare i grandi della cultura e del jet-set da Sartre a Soraya, da Grace Kelly a Pasolini, che la volle in tre dei suoi film. Il racconto di una vita al servizio della scrittura e dell’«adrenalinadellanotizia»,unrutilantesusseguirsi di fatti, aneddoti e retroscena di un paese alle prese con la modernità. Adele Cambria racconta gli ultimi 60 anni di giornalismo italiano nel libro "Nove dimissioni e mezzo", edito da Donzelli. Pioniera del giornalismo al femminile insieme a Camilla Cederna e OrianaFallaci,traleprimeanimatricidelmovimento femminista in Italia, è una figura di spicco della nostra cultura.

Ha combinato guai. . Motivo per cui ho deciso di far fronte al problema, chi deve pagare paghi. Stessa cosa è stata fatta con la pesca. Oltretutto, l’Italia, avendo le carte in regola acquisisce anche il diritto di arrabbiarsi in ambito comunitario. Perché a volte c’è motivo di polemizzare con l’Ue. Esempio i ritardi sull’etichettatura e la questione tonno rosso. Quello dell’etichettatura è un iter che può dirsi concluso e troverà il suo momento definitivo attorno al 13 gennaio quando riprenderà l’attività della commissione. Una battaglia che l’Italia ha inteso portare avanti con forza. A preoccupare un po’ è l’indifferenza con cui in Europa si seguono o non si seguono le tematiche del comparto. Ho molta fiducia sia in De Castro che in Ciolos che mi sembra abbiano capito che l’etichettatura trasparente deve essere condivisa e fatta propria anche dall’Unione europea. Abbiamo bisogno di essere tutelati, altrimenti si parla di un danno da decine e decine di miliardi di euro.Altra questione è quella dell’origine in senso stretto. Non basta il marchio, Quello può sempre essere contraffatto. La nostra battaglia è imporre all’estero l’origine del prodotto. Con l’origine del prodotto non si scappa e non c’è Parmesan o Mozzabella che tenga. Quella della truffa e della contraffazione è una grande partita. Poi la Politica agricola comune post 2013. Abbiamo avuto incontri con le categorie,si discute e si ascoltano proposte. Abbiamo individuato e proposto un documento e mi-

sono incontrato con i colleghi, soprattutto dei due paesi delle agricoltura storiche dell’Europa, Francia e Germania, per trovare la quadra. Mi sembra che la Pac sia stata finora seguita con serietà. Il nostro orizzonte è l’Europa e le sue istituzioni. Sono perplesso per quanto riguarda la vicenda Ogm. Il pensiero privato del signor Galan è una cosa, gli obblighi e le responsabilità del ministro sono un’altra cosa. Io credo nell’utilità degli Ogm. Sebbene non intenda imporre a nessuno le mie opinioni, nessuno mi impedisca di sostenere almeno l’idea che la ricerca è indispensabile. È notizia di qualche giorno fa molto ripresa dalla stampa internazionale ma negletta daquella nazionale. Una recente scoperta fatta dall’Istituto italiano di Preistoria e Protostoria ha fatto risalire la lavorazione di certi prodotti della terra a 30mila anni fa circa. Notizia sconvolgente perché sposta ancora più in là l’inizio della rivoluzione agricola. Evidentemente quella è già da considerarsi ’ricerca’. E questo significa che c’è stata sempre ricerca in ambito agricolo e alimentare. Motivo per cui è necessario quantomeno tenere aperto il confronto, senza nessuna chiusura e senza imporre niente a nessuno rispetto alle mie convinzioni personali. Non sono pochi i benefici che il comparto ha registrato nell’arco dell’anno che si sta per chiudere. Dai consorzi di bonifica al disimpegno da parte delle regioni dei fondi europei. Con il rischio di passare per un ministro nordista quale non sono mai stato.


4

il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010

PRIMO PIANO Il Governatore ha lanciato il suo messaggio augurale per le festività natalizie. Famiglia e giovani i temi cardine della sua azione di governo. E un pensiero ai corregionali lontani

Scopelliti fa gli auguri ai calabresi e rilancia il ruolo della famiglia di Cesare Giraldi CATANZARO - Alla vigilia di Natale anche il Governatore calabrese Giuseppe Scopelliti ha rivolto i suoi auguri ai calabresi. L’arrivo del Natale consente di fare un momento di riflessione e di analisi rispetto a un percorso, un cammino, un impegno dell’amministrazione regionale, in relazione alle tante volontà, le tante determinazioni, le tante scelte che la Regione ha fatto in questi mesi. Con questo incipit è stato lanciato il messaggio di auguri rivolto ai calabresi: «Il Natale, poi - aggiunge Scopelliti - ci ricollega, sicuramente, al ruolo fondamentale e delicato della famiglia, soprattutto su tematiche che stanno sempre molto a cuore aquesta classe dirigente. Il bilancio della Regione, approvato proprio mercoledì scorso, per la prima volta in quarant’anni entro l’anno, ci ha consentito e ci ha offerto l’opportunità di rivolgere uno sguardo attento e particolare a quelli che sono i bisogni anche delle famiglie». Guardare ad esse sem- Giuseppe Scopelliti pre con maggiore attenzione, non soltanto in un particolare periodo, ma sempre. Questa è se- messo in campo in questi mesi «lo vogliamo ricondo il presidente la vocazione di un impegno cordare, sulla sanità, sul mondo del lavoro, su e la sua determinazione verso la famiglia, che tutti i comparti vitali di questa nostra regione. rappresenta un fulcro importante e fondamen- Mettere, finalmente, al centro dell’azione amtale di una comunità come quella calabrese. ministrativa regionale il cittadino, colui che è L’obiettivo è quello di riuscire a dare forza alle destinatario delle nostre attenzioni, delle nostre famiglie. «Significa trasmettere un messaggio scelte, il beneficiario finale di una scelta legata nuovo, trasmettere un messaggio di grande soli- al bene comune: questo significa l’impegno sui darietà e vicinanza. Significa - ha continuato nostri territori, questo significa l’impegno verso Scopelliti - anche testimoniare, concretamente, la Calabria». Il suo augurio arriva anche ai tanti che il percorso dei giovani e della loro crescita calabresi che non vivono in Calabria, al quale deve essere un virtuoso, un percorso che questa Giunta sta dedicando molte attenzioni: «Il Natale mi consente di fuoriesce da quelle che sono le trasmettere un messaggio grinfie della micro e macrocriricco di sinceri auguri, non minalità». Il percorso dei giovani soltanto per tutti i cittadini Poi un pensiero rivolto ai giovani: «La nostra è una soli- e della loro crescita deve calabresi, ma anche per i tanti corregionali che vivono darietà che vuole offrire ai essere un virtuoso, un fuori dal nostro territorio e giovani calabresi la possibilità che sono, a volte, anche moldi non guardare alle devianze percorso che fuoriesce to lontano, addirittura in alcome ad una prospettiva, ma da quelle che sono le tri continenti. A tutti voi, cari guardare ad un futuro fatto di calabresi un grandissimo in risposte importanti e non sol- grinfie della micro e bocca al lupo ed un affettanto di speranza». tuoso augurio di Buon NataQuesto è l’impegno che il pre- macrocriminalità le». sidente e la sua Giunta hanno

Premi Itaca, il premio va anche a Renato Cortese CATANZARO - I premi Itaca che saranno consegnati il 29 dicembre a Catanzaro sono stati attribuiti a Renato Cortese, Capo della squadra mobile Reggio Calabria, mentre particolare spazio verrà riservato alla questione dei giornalisti minacciati in Calabria. La scelta è di raccogliere le testimonianze e le storie di impegno di giovani giornalisti, di precari che per pochi centesimi a rigo raccontano il loro difficile contesto e lo fanno per scelta di impegno civile. Saranno presenti i giornalisti Angela Corica, 26 anni, che ha realizzato inchieste sulle discariche abusive del suo paese Cinquefrondi e Ferdinando Piccolo, 23 anni, minacciato per i suoi articoli di denuncia sulle ’ndrine di San Luca. Un premio dato a due dei più giovani e più precari giornalisti calabresi ma che vuole essere un

premio a quanti, i più, all’interno della categoria dei giornalisti, vivono il proprio impegno con coraggio e determinazione per la democratizzazione della Calabria. Altro riconoscimento andrà all’Orchestra di fiati "Nicola Spadaro" di Delianuova, i cui ragazzi sono statidefiniti dal maestro Riccardo Muti "ambasciatori della positività calabrese" per il loro talento. La V edizione dei Premi Itaca è realizzata con il patrocinio dell’amministrazione comunale di Catanzaro e la cittadinanza è invitata ad essere presente, mercoledì 29 dicembre alle 16.45 nella sala del Consiglio comunale di Catanzaro, per quello che sarà sicuramente un momento straordinario per la Calabria degli onesti. A.M

Gino Trematerra approda al Parlamento europeo. Occhiuot: ottima scelta ROMA - L’aula del Senato ha approvato definitivamente la legge con la procedura per l’assegnazione del seggio supplementare spettante all’Italia nel Parlamento europeo. Il seggio, a seguito degli emendamenti apportati dalla Camera e confermati dal Senato, dovrebbe spettare all’Udc e più precisamente a Gino Trematerra. Diversi senatori del Pdl si sono dissociati al momento del voto. In particolare, il sottosegretario Carlo Giovanardi ha definito "una mascalzonata" il voto con cui la Camera ha scippato il seggio che spettava a Giuseppe Gargani per assegnarlo all’Udc. Soddisfatto il deputato calabrese dell’Udc Roberto Occhiuto: «È un’ottima notizia per la Calabria. Trematerra porterà a Strasburgo, insieme alla sua lunga esperienza politica e parlamentare, le istanze della nostra Regione e contribuirà a difendere le ragioni dei tantissimi elettori, calabresi e non, che gli hanno dato la loro preferenza».


Venerdì 24 Dicembre 2010 il Domani

5

PRIMO PIANO

Il Consiglio approva il bilancio Maiolo: troppi tagli a enti locali

di Pietro Sacco REGGIO CALABRIA - Il Consiglio regionale ha approvato nella notte di mercoledi il bilancio di previsione 2011, il collegato alla Finanziaria e le modifiche al bilancio dell’Arpacal del 2010. Sul collegato, in particolare, sono stati depositati numerosissimi emendamenti da parte dei consiglieri, molti dei quali, per ragioni di equilibrio finanziario, sono sta-

ti respinti a maggioranza. Tra le materie approvate dal Consiglio, figurano provvedimenti per l’istituzione di una società in house per la gestione unitaria del patrimonio archeologico calabrese; il cosiddetto esodo volontario dei dipendenti prossimi al pensionamento; il programma di alienazione e valorizzazione del patrimonio immobiliare della Regione; il passaggio dei lavoratori Afor del centro radio regionale alla protezione civile; la

Il presidente di Legautonomie Maiolo: «Questa scelta avrà ripercussioni soprattutto sulla qualità e quantità dei servizi erogati alle comunità amministrate»

possibilità per l’avvocatura regionale di costituirsi in giudizio nei procedimenti di tipo tributario; la proroga per la presentazione da parte dei comuni dei piani spiaggia per tutto il 2011; l’approvazione della proroga per il programma stages; il rilancio degli aeroporti della Calabria; la possibilità per i dipendenti della Giunta e del Consiglio regionale di rimanere in servizio dopo 40 anni di contribuzione in presenza di particolari esigenze organizzative e funzionali; il ricorso al sistema del corso-concorso per la copertura dei posti di qualifica dirigenziale vacanti nei ruoli di Giunta e Consiglio, aperti anche ai dipendenti regionali, purché in possesso dei requisiti previsti dalla normativa. Sono stati decisi, inoltre, provvedimenti premiali in favore dei comuni virtuosi sotto il profilo della gestione finanziaria; il nuovo sistema del servizio informativo turistico regionale; il nuovo calendario venatorio; nuove disposizione in materia di trasporto pubblico e nuove regole per i comuni che decidano varianti agli strumenti urbanistici. La manovra, ad ogni modo, ha lasciato qualche malumore in giro per la Regione. Tra questi spicca quello degli enti locali, io quali, attraverso gli organi di rappresentanza, hanno denunciato pesanti decurtazioni. Il presidente di Legautonomie locali, Mario

Maiolo, ha voluto entrare nel dettaglio, facendo un po’ di cifre: «Ammontano infatti ad oltre 80 milioni di euro - dice Maiolo - le riduzioni dei trasferimenti per l’anno 2011, di cui 44,5 a carico dei Comuni e 36 per le Province. Con decreto del ministro dell’Interno del 9 dicembre 2010, pubblicato da qualche giorno nella Gazzetta Ufficiale - ha spiegato sono stati determinati gli importi delle riduzioni dei trasferimenti erariali, per l’anno 2011, a Province e Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti». Le riduzioni vanno da un massimo pro capite per residente di 75 euro del comune di Filadelfia ad un minino di 12,5 euro di Praia a Mare. Complessivamente, ha rilevato Maiolo «in questo elenco sono compresi il 20% dei Comuni calabresi. Per quanto concerne le province quella di Cosenza subirà una decurtazione di oltre 11 milioni di euro; Reggio Calabria 9 milioni di euro; Catanzaro 8 milioni di euro equasi 4 milioni di euro sia Crotone che Vibo Valentia». La delusione di Maiolo è evidente: «È chiaro che tale scelta, in enti locali in cui mediamente circa il 60% del bilancio è destinato al pagamento delle rate dei mutui, al costo del personale e alle spese di funzionamento, avrà ripercussioni soprattutto sulla qualità e quantità dei servizi erogati alle comunità amministrate».


6

il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010

PRIMO PIANO

Sulle tavole dei calabresi oggi vincono le tradizioni

di Salvatore Canino CATANZARO - Nel Natale calabrese che si vive a tavola vincono le tradizioni. Anche quest’anno le innovazioni portate dalle tavole etniche non hanno avuto la meglio. Secondo la Coldiretti, in occasione della festa più bella dell’anno che vedrà il 90% delle famiglie ritrovarsi nelle case, la gastronomia convenzionale avrà il sopravvento.

Nell’anno che ha visto la "dieta mediterranea" elevata al rango di tesoro immateriale dell’umanità da parte dell’Unesco, proprio dalla Calabria, dove negli anni Cinquanta, a Nicotera, nel vibonese, sono stati condotti studi basilari che hanno aperto la strada al riconoscimento odierno assume ancora più forza la specificità di proposte gastronomiche della regione. Niente caviale, dunque, crudité, crostacei d’altura e altri prodotti

Quest’anno vincono le tradizioni regionali propio in un momento significativo per la dieta mediterranea, divenuta patrimonio immateriale dell’Unesco

in voga, che hanno poco a che spartire con la storia e la cultura della regione, e spazio a pesce stocco (merluzzo nordico essiccato dopo essere stato ammollato in acqua), intutte le sue varianti, minestre di verdura, fritture di carciofi, crespelle con alici in ossequio alle radici povere del passato. Gli spaghetti con le cozze e le vongole hanno soppiantato da anni, ormai, i tradizionali bucatini alla mollica o al sugo di baccalà. Non mancherà, in tavola, il pesce spada con la "ghiotta", il sughetto a base di olio d’oliva, cipolla, pomodori, olive e capperi. Poi c’è il capitone o l’anguilla fatta alla calabrese con il sugo di pomodoro.Contornoconbroccoli in umido e peperoncino. Tradizioni, queste, che nelle famiglie calabresi resistono alle spinte della modernità anche per quanto riguarda i dolci: dai turdilli della tradizione agli "nzullì, ai torroni artigianali soprattutto quelli di Bagnara Calabra dove si tramanda una tradizione ormai più che secolare. E ancora: pitta ’mpigliata, fichi essiccati con il cioccolato o dolci a base di cedro candito accompagnati da liquori alla liquirizia e al bergamotto. Un ’’tour de force" culinario che, dal Pollino allo Stretto, non si esaurisce con il pranzo della vigilia ma che prosegue il 25 dicembre con varianti legate alle tradizioni locali mettendo a dura prova la resistenza

di quanti si lasciano andare ai peccati di gola. Antipasti di insaccati con salsicce, capocolli, soppressate, ’nduja e formaggi con prevalenza di pecorini del crotonese o del Poro sono presenze fisse nel menù natalizio. Nel vibonese, tra i primi, prevalgono le "fileia", scilatelle con ragù di maiale ma anche in altre versioni (come quellegustosissime con la "ndujà), mentre altrove ci sono tagliolini in varie forme fatti in casa o la pasta al ferretto ("mparrettatì) o ’stranguggiapreviti,(strozzapreti) arricchita da sugo di carne prevalentemente di maiale. È difficile, però, che manchi nelle tavole imbandite il capretto al forno con patate ed erbe selvatiche o, in particolare, nella tradizionale "tiana". E per i brindisi di augurio tanti vini di etichette regionali (non mancano gli spumanti) che sono ingrande ascesa.


il Domani

|

AsteInfoappalti

7

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Venerdì 24 Dicembre 2010

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Procedura esecutiva n. 81/2008 - Udienza 09/02/2011 Si rende noto che IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Con ordinanza emessa all'udienza del 03.11.2010 ha disposto la vendita all'incanto al prezzo base di euro 41.500,00 del seguente bene immobile: LOTTO UNICO "Appartamento per civile abitazione sito in Nocera Torinese, Villaggio Nuova Temesa, composto da due vani e accessori, terrazzo e giardino, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 32, p.lla 162, sub 6, e p.lla 163, sub 6, cat. A/2, classe 1, vani 1,5, piano terra, interno 6"; L'aumento minimo da apportare alle offerte, a pena di inammissibilità, è pari ad euro 2.000,00; - ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.f. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle Poste Italiane S.p.A. tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; - a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipa-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

zione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; HA FISSATO - per la presentazione presso la Cancelleria fallimentare delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del giorno 08/02/2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 09/02/2011, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato alle Poste Italiane S.p.A.(qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 21/12/2010 Il Cancelliere C/1 Dott.ssa Leonilde Bonaddio °°°°°°°°°° N. 09/2002 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO NOTAIO DOTTOR MARIO BILANGIONE presso ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica - Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva proposta da "ITALFONDIARIO S.p.A." (già "Intesa Gestione Crediti S.p.A.") Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell'Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 15/02/2007 ai sensi dell'art. 591 bis c.p.c.; Considerato che - nonostante siano andati deserti i

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

precedenti esperimenti - non appare opportuno ridurre ulteriormente il prezzo base d'asta; Visto l'art. 569 c.p.c.; AVVISA che in data 16 febbraio 2011 alle ore 10,30, Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell'Associazione Notarile, si terrà la vendita con incanto della piena proprietà del seguente immobile: LOTTO UNICO: In territorio del Comune di Lamezia Terme, sezione Sambiase, porzione immobiliare facente parte del fabbricato posto alla via Venezia n.20 (località "Prunia"), e precisamente l'appartamento destinato a civile abitazione ubicato al primo piano, distinto con il n. int. 1 (uno) della superficie di circa mq.106,00; riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati con le seguenti indicazioni: - foglio di mappa 84, particella 1036/sub.1, via Prunia, piano T., int.1, zona censuaria 1° , categoria A/3, classe 2° , vani 5,5, rendita catastale euro 298,25. PREZZO BASE: euro 77.700,00 (euro settantasettemilasettecento virgola zero zero) CAUZIONE: euro 7.770,00 (euro settemilasettecentosettanta virgola zero zero) AUMENTO MINIMO: euro 3.885,00 (euro tremilaottocentoottantacinque virgola zero zero) L'immobile viene posto in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, senza alcuna garanzia per evizione, molestie e pretese di eventuali conduttori; con gli accessori, dipendenze, pertinenze, servitù attive e passive esistenti e diritti proporzionali sulle parti dell'edificio che devono ritenersi comuni a norma di legge (ed eventuale regolamento di condominio). Il bene di cui sopra è meglio descritto nella relazione di stima a firma dell'esperto dott. Ing. Pasqualino Nicotera da Lamezia Terme, che può essere consultata dall'offerente (ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l'esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni) presso i locali dell'Associazione Notarile mentre l'ordinanza sarà pubblicata sul sito internet www.portaleaste.com e su "Il Domani" (Edizione Regionale). Custode dei beni posti in vendita è il dott. Massimo Durante, con studio in Lamezia Terme, via G. Marconi n.47/A, nominato dal G.E. dottor Alessandro Brancaccio, cui tutti gli interessati all'acquisto potranno rivolgersi per esaminare l'immobile. È possibile chiedere un finanziamento pari al 70/80% del prezzo base agli Istituti di credito che hanno aderito all'intesa con il Tribunale di Lamezia Terme, ossia: Banca Carime SpA, San Paolo IMI-Banco di Napoli SpA, Banca Popolare di Crotone, Banca Monte dei Paschi di Siena SpA, Banca di Catanzaro SpA. I mutui saranno garantiti da ipoteca da iscrivere sullo stesso immobile posto in vendita. Maggiori informazioni potranno essere chieste alle banche interessate. Se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione verrà immediatamente restituita dopo la chiusura della gara, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare alla medesima, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo: In tale caso la cauzione è restituita solo nella misura dei 9/10 (nove decimi) dell'intero e la restante parte è trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. In caso di dubbi sulla sussistenza dei motivi giustificati per la mancata partecipazione alla gara, l'offerente si rivolgerà al Giudice, che disporrà in merito alla restituzione dell'intera cauzione o respingerà la relativa domanda. A norma dell'art. 46 DPR 06/06/2001 n. 380 l'aggiudicatario, qualora l'immobile si trovi nelle condizioni previste per il rilascio del permesso di costruire in sanatoria, dovrà presentare a proprie esclusive spese domanda di permesso in sanatoria, entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. Sono a carico dell'aggiudicatario tutte le spese per il trasferimento degli immobili nonché quelle relative alla cancellazione della trascrizione del pignoramento e di tutte le formalità con i relativi compensi spettanti al professionista delegato per le operazioni successive alla vendita, come liquidati dal G.E.. La pubblicità, le modalità di presentazione delle domande e le condizioni della vendita sono regolate dalle ´Condizioni generali in materia di vendite immobiliari delegateª allegate al presente avviso. Lamezia Terme, lì 20 dicembre 2010 il professionista delegato dottor Mario Bilangione notaio CONDIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI DELEGATE Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore 12:00 del giorno 10 febbraio 2011. Sulla busta dovranno essere indicate le sole generalità di chi presenta l'offerta, che può anche

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

essere persona diversa dall'offerente, il nome del professionista delegato, la data della vendita e il numero della procedura esecutiva. Nessuna altra indicazione - né il bene per cui è stata fatta l'offerta o altro - deve essere apposta sulla busta. Il termine di versamento del saldo prezzo, nonché degli ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall'aggiudicazione definitiva, mediante assegni circolari non trasferibili intestati a "notaio Mario Bilangione procedura esecutiva n.09/2002 R.E.", uno quale saldo prezzo e uno di importo pari al 20% del prezzo di aggiudicazione. L'offerta dovrà contenere: - Il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l'immobile (non sarà possibile intestare l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta), il quale dovrà anche presentarsi alla udienza fissata per la vendita. Se l'offerente è coniugato e in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art.179, co. 1° , lett. f, codice civile, quella del coniuge non acquirente di cui al 2° co. della medesima disposizione normativa. In caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Se l'offerente è minorenne, l'offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del Giudice Tutelare. Se l'offerente agisce quale legale rappresentante di altro soggetto, dovrà essere allegato certificato del registro delle imprese da cui risultino i poteri ovvero la procura o l'atto di nomina che giustifichi i poteri. I dati identificativi del bene per il quale l'offerta è proposta. - L'indicazione del prezzo offerto, che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell'avviso di vendita, a pena di esclusione. - L'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. - All'offerta dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità dell'offerente, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato a "notaio Mario Bilangione procedura esecutiva n.09/2002 R.E.", per un importo pari al 10 per cento del prezzo offerto, a titolo di cauzione, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell'acquisto. Nessuna somma sarà richiesta, in questa fase quale fondo spese. L'offerente è tenuto a presentarsi all'udienza sopra indicata di persona, o a mezzo di mandatario munito di procura speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata che dovrà essere depositata contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art.583. co.1° , c.p.c.. I procuratori legali possono fare offerte per persona da nominare. In caso di aggiudicazione, l'offerente è tenuto al versamento del saldo prezzo e degli oneri, diritti e spese di vendita nel termine indicato in offerta, ovvero, in mancanza, entro 60 giorni dall'aggiudicazione definitiva. In caso di inadempimento, l'aggiudicazione sarà revocata e l'aggiudicatario perderà tutte le somme versate. L'aggiudicatario potrà versare il prezzo tramite mutuo ipotecario con garanzia sul medesimo immobile oggetto della vendita, rivolgendosi alle banche il cui elenco sarà reperibile presso il professionista delegato e presso il sito del Tribunale. In caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base della offerta più alta. Il bene verrà definitivamente aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto. La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive. La vendita è a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore -, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

8

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Venerdì 24 Dicembre 2010 valutazione dei beni. L'immobile viene venduto libero da iscrizioni ipotecarie e da trascrizioni di pignoramenti. Se esistenti al momento della vendita, eventuali iscrizioni e trascrizioni saranno cancellate a spese e cura dell'aggiudicatario. Se l'immobile è occupato dal debitore o da terzi senza titolo, la liberazione dello stesso sarà effettuata a cura del Custode Giudiziario. Ogni onere fiscale derivante dalla vendita sarà a carico dell'aggiudicatario. Per tutto quanto qui non previsto si applicano le vigenti norme di legge. Gli offerenti dovranno dichiarare la propria residenza nel Circondario del Tribunale di Lamezia Terme o eleggere domicilio in Lamezia Terme. OFFERTE IN AUMENTO DI UN QUINTO: A norma dell'art. 584 c.p.c., avvenuto l'incanto, possono ancora essere fatte offerte di acquisto entro il termine perentorio di 10 giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell'incanto. Pertanto l'aggiudicazione diverrà definitiva decorsi 10 giorni senza offerte in aumento. Tali offerte potranno essere depositate presso l'indirizzo sopra indicato, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al Giudice dell'Esecuzione. °°°°°°°°°° N. 63/1999 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO NOTAIO DOTTOR MARIO BILANGIONE PRESSO ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica - Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva proposta da "CREDITO EMILIANO S.p.A." ora "GUBER S.p.A." Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell'Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 22/03/2007 nella Procedura Esecutiva n. 63/1999 R.E. ; Considerato che - nonostante siano andati deserti i precedenti esperimenti d'asta - non appare opportuno ridurre ulteriormente il prezzo base d'asta; Visto l'art. 569 c.p.c.; AVVISA che in data 15 febbraio 2011 alle ore 11,30, nel Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell'Associazione Notarile, si terrà la vendita con incanto dei seguenti immobili: LOTTO N. 1: In territorio del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, porzione immobiliare facente parte del fabbricato per civile abitazione, ubicato alla Contrada Capizzaglie, e precisamente il locale magazzino al piano terra della consistenza catastale di mq. 55,00, con i relativi diritti sulle quote dei beni comuni non censibili (corte); riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, con le indicazioni: - foglio di mappa 31 particella 968/sub.4, località Capizzaglie, Piano T., categoria C/2, classe 2, zona censuaria 1, consistenza mq. 55, rendita catastale euro 213,04. Prezzo base euro 18.562,50 (euro diciottomilacinquecentosessantadue virgola cinquanta) Cauzione euro 1.856,25 (euro milleottocentocinquantasei virgola venticinque) Aumento minimo euro 928,13 (euro novecentoventotto virgola tredici) LOTTO N. 2: In territorio del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, porzione immobiliare facente parte del fabbricato per civile abitazione, ubicato alla Contrada Capizzaglie, e precisamente il locale magazzino al piano terra della consistenza catastale di mq. 48,00, con i relativi diritti sulle quote dei beni comuni non censibili (corte); riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, con le indicazioni: - foglio di mappa 31 particella 968/sub.5, località Capizzaglie, Piano T., categoria C/2, classe 2, zona censuaria 1, consistenza mq. 48, rendita catastale euro 185,92. Prezzo base euro 16.200,00 (euro sedicimiladuecento virgola zero zero) Cauzione euro 1.620,00 (euro milleseicentoventi virgola zero zero)

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

Aumento minimo euro 810,00 (euro ottocentodieci virgola zero zero) LOTTO N. 3: In territorio del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, porzione immobiliare facente parte del fabbricato per civile abitazione, ubicato alla Contrada Capizzaglie, e precisamente l'appartamento posto al piano primo, composto da sei vani catastali, con i relativi diritti sulle quote dei beni comuni non censibili (corte); riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, con le indicazioni: - foglio di mappa 31 particella 968/sub.6, località Capizzaglie, Piano 1° , categoria A/4, classe 3, zona censuaria 1, vani 6, rendita catastale euro 257,20. Prezzo base euro 76.482,25 (euro settantaseimilaquattrocentoottantadue virgola venticinque) Cauzione euro 7.648,23 (euro settemilaseicentoquarantotto virgola ventitre) Aumento minimo euro 3.824,12 (euro tremilaottocentoventiquattro virgola dodici) Gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, senza alcuna garanzia per evizione, molestie e pretese di eventuali conduttori; con gli accessori, dipendenze, pertinenze, servitù attive e passive esistenti e diritti proporzionali sulle parti dell'edificio che devono ritenersi comuni a norma di legge (ed eventuale regolamento di condominio). I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima a firma dell'esperto dott. agr. Salvatore Giuseppe Vescio da Lamezia Terme, che può essere consultata dall'offerente (ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l'esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni) sul sito internet www.portaleaste.com e su "Il Domani" (Edizione Regionale). È possibile chiedere un finanziamento pari al 70/80% del prezzo base agli Istituti di credito che hanno aderito all'intesa con il Tribunale di Lamezia Terme, ossia: Banca Carime, San Paolo IMI-Banco di Napoli, Banca Popolare di Crotone, Monte dei Paschi di Siena, Banca di Catanzaro. I mutui saranno garantiti da ipoteca da iscrivere sugli stessi immobili posti in vendita. Maggiori informazioni potranno essere chieste alle banche interessate. Custode giudiziario dei peni sottoposti a vendita è il geom. Roberto Molinaro con studio alla via Scaramuzzino n.124 di Lamezia Terme, cui tutti gli interessati potranno rivolgersi per visitare i beni. Se l'offerente non rimane aggiudicatario, la cauzione verrà immediatamente restituita dopo la chiusura della gara, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare alla medesima, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo: in tale caso la cauzione è restituita solo nella misura dei 9/10 (nove decimi) dell'intero e la restante parte è trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. In caso di dubbi sulla sussistenza dei motivi giustificati per la mancata partecipazione alla gara, l'offerente si rivolgerà al Giudice, che disporrà in merito alla restituzione dell'intera cauzione o respingerà la relativa domanda. A norma dell'art. 46 DPR 06/06/2001 n. 380 l'aggiudicatario, qualora l'immobile si trovi nelle condizioni previste per il rilascio del "Permesso di Costruire in Sanatoria", dovrà presentare a proprie esclusive spese domanda di "Permesso in Sanatoria", entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. Sono a carico dell'aggiudicatario tutte le spese per il trasferimento degli immobili nonché quelle relative alla cancellazione della trascrizione del pignoramento e di tutte le formalità con i relativi compensi spettanti al professionista delegato per le operazioni successive alla vendita, come liquidati dal G.E.. La pubblicità, le modalità di presentazione delle domande e le condizioni della vendita sono regolate dalle ´Condizioni generali in materia di vendite immobiliari delegateª allegate al presente avviso. Lamezia Terme, lì 20 dicembre 2010 il professionista delegato dottor Mario Bilangione notaio CONDIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI DELEGATE Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore 12,00 del giorno 9 febbraio 2011. Sulla busta dovranno essere indicate le sole generalità di chi presenta l'offerta, che può anche essere persona diversa dall'offerente, il nome del professionista delegato, la data della vendita e il numero della procedura. Nessuna altra indicazione - né il bene per cui è stata fatta l'offerta né l'ora della vendita o altro - deve essere apposta sulla busta. Il termine di versamento del saldo prezzo, nonché degli ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall'aggiudicazione definitiva.

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

L'offerta dovrà contenere: - Il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l'immobile (non sarà possibile intestare l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta), il quale dovrà anche presentarsi alla udienza fissata per la vendita. Se l'offerente è coniugato e in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art.179, co. 1° , lett. f, codice civile, quella del coniuge non acquirente di cui al 2° co. della medesima disposizione normativa. In caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Se l'offerente è minorenne, l'offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del Giudice Tutelare. Se l'offerente agisce quale legale rappresentante di altro soggetto, dovrà essere allegato certificato del registro delle imprese da cui risultino i poteri ovvero la procura o l'atto di nomina che giustifichi i poteri. - I dati identificativi del bene per il quale l'offerta è proposta. - L'indicazione del prezzo offerto, che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell'avviso di vendita, a pena di esclusione. - L'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. All'offerta dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità dell'offerente, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato a "notaio Mario Bilangione procedura esecutiva n.63/99 R.E.", per un importo pari al 10 per cento del prezzo offerto, a titolo di cauzione, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell'acquisto. Nessuna somma sarà richiesta, in questa fase quale fondo spese. L'offerente è tenuto a presentarsi all'udienza sopra indicata di persona, o a mezzo di mandatario munito di procura speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata che dovrà essere depositata contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art.583. co.1° , c.p.c.. I procuratori legali possono fare offerte per persona da nominare. In caso di aggiudicazione, l'offerente è tenuto al versamento del saldo prezzo e degli oneri, diritti e spese di vendita nel termine indicato in offerta, ovvero, in mancanza, entro 60 giorni dall'aggiudicazione definitiva mediante due distinti assegni circolari non trasferibili intestati a "notaio Mario Bilangione procedura esecutiva n. 63/99 R.E.", uno quale differenza prezzo di aggiudicazione e uno pari al venti per cento del prezzo stesso quale presumibile importo per spese. In caso di inadempimento, l'aggiudicazione sarà revocata e l'aggiudicatario perderà tutte le somme versate. L'aggiudicatario potrà versare il prezzo tramite mutuo ipotecario con garanzia sul medesimo immobile oggetto della vendita, rivolgendosi alle banche il cui elenco sarà reperibile presso il professionista delegato e presso il sito del Tribunale. In caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base della offerta più alta. Il bene verrà definitivamente aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto. La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive. La vendita è a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. L'immobile viene venduto libero da iscrizioni ipotecarie e da trascrizioni di pignoramenti. Se esistenti al momento della vendita, eventuali iscrizioni e saranno cancellate a spese e cura dell'aggiudicatario. Ogni onere fiscale derivante dalla vendita sarà a carico dell'aggiudicatario.

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

Se l'immobile è occupato dal debitore o da terzi senza titolo, la liberazione sarà effettuata a cura del Custode Giudiziario. Per tutto quanto qui non previsto si applicano le vigenti norme di legge. Gli offerenti dovranno dichiarare la propria residenza nel Circondario del Tribunale di Lamezia Terme o eleggere domicilio in Lamezia Terme. OFFERTE IN AUMENTO DI UN QUINTO: A norma dell'art. 584 c.p.c., avvenuto l'incanto, possono ancora essere fatte offerte di acquisto entro il termine perentorio di 10 giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell'incanto. Pertanto l'aggiudicazione diverrà definitiva decorsi 10 giorni senza offerte in aumento. Divenuta definitiva l'aggiudicazione dovrà essere versata nei sessanta giorni successivi la differenza del prezzo di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "notaio Mario Bilangione procedura esecutiva n. 63/99 R.E." nonché il venti per cento del prezzo di aggiudicazione sempre mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "notaio Mario Bilangione procedura esecutiva n. 63/99 R.E." quale presumibile importo per spese. Tali offerte potranno essere depositate presso l'indirizzo sopra indicato, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al Giudice dell'Esecuzione.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 53/1984 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1^ LOTTO Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato a tre piani fuori terra più cantinato sito nel Comune di Roccella Jonica alla via Cannolaro traversa II riportato nel NCEU al foglio di mappa 36 particella 226 mq. 120 Prezzo base del lotto: euro 56.000,00 Deposito per cauzione: euro 5.600,00 Deposito per spese: euro 8.400,00 2^ LOTTO Unità immobiliare adibita a garage posta al piano terra di un fabbricato a tre piani fuori terra più cantinato sito nel Comune di Roccella Jonica alla via Cannolaro traversa II riportato nel NCEU al foglio di mappa 36 particella 226 mq. 27 Prezzo base del lotto: euro 5.600,00 Deposito per cauzione euro 560,00 Deposito per spese: euro 840,00 L'incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5+1/5, all'udienza del 25/02/2011 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data … alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria SINO ALLE ORE 12 DEL GIORNO ANTECEDENTE L'INCANTO unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. - Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: A 3% DEL PREZZO BASE - L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 25/02/2011. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri, 18.12.2010 Esatte: Euro 14,62 E 10,62 Il Cancelliere °°°°°°°°°° - SEZIONE ESECUZIONI IMMOBILIARIAVVISO DI VENDITA DELEGATA - PROC. ESECUTIVA IMMOBILIARE N° 115/1995 R.G.Es.

Info 0961 996802


il Domani

| AsteInfoappalti

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it

9

www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Venerdì 24 Dicembre 2010 La sottoscritta Avv. Annarosa Grollino, delegata al compimento delle operazioni di vendita ai sensi dell'art. 591 bis c.p.c., giusta ordinanza del 02.03.2007, e successive proroghe del 28.01.2008, del 07.03.2009 e del 19.03.2009, pronunciata nella procedura esecutiva n° 115/1995 R.G.Es. dell'intestato Tribunale Avvisa Che si procederà alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell'allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei da 1. a 35. MA CON IL PREZZO BASE RIDOTTO DI 1/4 DESCRIZIONE IMMOBILI: VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA la vendita senza incanto, in cui si procederà all'esame delle singole offerte ai sensi degli art.572 e 573 c.p.c., avverrà il giorno … alle ore 09:00 con seguito, presso la sala delle pubbliche udienze del Tribunale Civile di Locri alle seguenti condizioni, - Entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente, anche a mezzo di persona diversa, deve presentare presso lo studio del professionista delegato, domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; - L'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno … non sarà consentito annotare nessun elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è presentata; - L'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; - Le offerte in aumento, nel caso di cui all'art.573 c.p.c., non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - L'offerta dovrà, nel termine perentorio di gg.60 dall'aggiudicazione, depositare: -il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato; l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; - Il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art.587 co II c.p.c (richiamato dall'art.574, III co. c.p.c.) I beni pignorati ricadono nel PRG in zona G - Ambito urbano delle attrezzature private per il turismo; Il fabbricato e l'adiacente rimessa sono stati realizzati in palese difformità della concessine edilizia n° 1/1979 del 14.10.1980, e pertanto devono ritenersi abusi. Qualora gli immobili si trovano nelle condizioni previste per il rilascio del permesso di costruire in sanatoria, l'aggiudicatario potrà, ricorrendone i presupposti, avvalersi delle disposizioni di cui all'art.46, commaV° , del DPR n° 380/2001 e di cui all'art.40, VI° della Legge n° 47/1985. Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 c.p.c., il pubblico incanto avverrà il giorno 24.02.2011 alle ore 09:00 con seguito, presso la sala delle pubbliche udienze del Tribunale Civile di Locri alle seguenti condizioni: - Ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo del giorno fissato per la vendita, unitamente ad istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON trasferibili intestati all'offerente; - Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: 3% DEL PREZZO BASE; - Se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall'art.580 c.p.c.; - L'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all'art.587 c.p.c. in caso di mancato deposito. I beni pignorati ricadono nel PRG in zona G - Ambito urbano delle attrezzature private per il turismo; Il fabbricato e l'adiacente rimessa sono stati realizzati in palese difformità della concessine edilizia n° 1/1979 del 14.10.1980, e pertanto devono ritenersi abusi. Qualora gli immobili si trovano nelle condizioni previste per il rilascio del permesso di costruire in sanatoria, l'aggiudicatario potrà, ricorrendone i presupposti, avvalersi delle disposizioni di cui all'art.46, comma V, del DPR n° 380/2001 e di cui all'art.40, VI° della Legge n° 47/1985. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima; www.aste.eugenius.it Professionista delegato - Custode Giudiziario: Avv. Annarosa GROLLINO (Tel.: 0964 - 84322) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso il professionista delegato e custode

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

giudiziario Avv. Annarosa Grollino, con studio in Roccella Jonica alla via Armando Diaz n° 5/C tel. 0964/84322 Roccella Jonica/Locri, 20.12.2010 Il professionista delegato TRIBUANALE DI LOCRI SEZIONE CIVILE - ESECUZIONI Proc. n° 115/95 R.G.Es. -OMISSISORDINA Procedersi alla vendita dei seguenti immobili: DESCRIZIONE: LOTTO 1: "Fabbricato ad uso residenziale su due livelli, oltre parziale seminterrato e piano mansardato, con adiacente corte, sito nel Comune di S. Ilario dello Jonio (RC) riportato nel NCEU al fg.15, p.lla 210 sub 2-34" PREZZO BASE: euro 320.337,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 2: "Diritti vantati, in ragione di 1/5, sul terreno sito nel Comune di S. Ilario dello Jonio (RC), loc. Ciporina, riportato al NCT al fg 15, p.lle n° 81 e n° 108" PREZZO BASE: euro 83.520,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 3: "Diritti vantati, in ragione di 1/5, sul terreno sito nel Comune di S. Ilario dello Jonio (RC), loc. Ciporina, riportato al NCT al fg 15, p.lle n° 70, n° 170, n° 171, n° 172 e n° 176, e gravato da servitù di passaggio per le particelle adiacenti" PREZZO BASE: euro 17.250,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO STABILISCE 1) le operazioni sono delegate al professionista già individuato come custode; costui, ove reputi esistenti delle situazioni di incompatibilità derivanti da rapporti intercorsi od intercorrenti con le parti, è tenuto a segnalarle, in maniera documentata, al giudice dell'esecuzione; 2) il professionista delegato terrà le operazioni di vendita (con e senza incanto) presso il Tribunale di Locri, aula di pubblica udienza; 3) le operazioni dovranno esaurirsi entro un anno dalla comunicazione della presente ordinanza, salvo proroga tempestivamente e motivatamente richiesta (ad esempio, perché le vendite, ancorché curate, non sono andate a buon fine), e secondo le direttive impartite, pena la revoca dell'incarico e la cancellazione dagli elenchi (art.179 ter disp. Att. Cod. proc. civ.); 4) il professionista: A) provvederà, in primo luogo, a formare un fascicolo nel quale inserirà mano a mano i documenti relativi all'attività compiuta, oltre agli atti processuali che riceverà in originale dalla Cancelleria, previa sottoscrizione di un verbale di consegna ed annotazione in copertina, ad eccezione del pignoramento e del presente provvedimento, che riceverà in copia conforme (cfr. nata Ministeriale del 5.12.2006); restituirà il fascicolo all'esaurimento delle operazioni ed ogni volta in cui è previsto l'intervento del giudice dell'esecuzione o da questi è richiesto; B) verificherà l'appartenenza, in capo al debitore esecutato, del diritto pignorato, sulla scorta della documentazione in atti, rimettendo gli atti al giudice dell'esecuzione in caso di esito negativo; C) verificherà l'esistenza di creditori iscritti o di comproprietari non avvisati (artt.498 e 599 cod. proc. civ.), rimettendo in tal caso gli atti al giudice dell'esecuzione; 5) l'avviso di vendita di cui all'art.570 codice proc. civ., sarà compilato e pubblicato a cura del professionista, e conterrà: A) gli estremi previsti nell'art. 555 cod. proc. civ. per l'identificazione del bene pignorato, come riportati; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'articolo 568 cod. proc. civ., come riportato; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima, del nome e del recapito telefonico del professionista stesso, contestualmente nominato custode in sostituzione del debitore; D) la specificazione che tutte le attività, che, a norma degli articoli 571 e seguenti, devono essere compiute in cancelleria o davanti al giudice dell'esecuzione, o dal cancelliere o dal giudice dell'esecuzione, sono eseguite dal professionista delegato presso il suo studio, ove potranno essere fornite maggiori informazioni; soltanto le operazioni di vendita andranno svolte presso le sale di pubblica udienza di questo Tribunale; E) l'indicazione della destinazione urbanistica del terreno risultante dal certificato di destinazione urbanistica di cui all'articolo 30 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, nonché le notizie di cui all'articolo 46 dello stesso testo unico e di cui all'articolo 40 della legge 28 febbraio 1985, n. 47, e successive modificazioni; in caso di insufficienza di tali notizie, tale da determinare le nullità di cui all'articolo 46, comma 1, del citato testo unico, ovvero di cui all'articolo 40, secondo comma, della citata legge 28 febbraio 1985, n.47, ne va fatta menzione nell'avviso con avvertenza che l'aggiudicatario potrà, ricorrendone i presupposti, avvalersi delle disposizioni di cui all'articolo 46, comma 5, del citato testo unico e di cui all'articolo 40, sesto comma, della citata legge 28 febbraio 1985, n. 47;

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

6)

7)

8)

9)

il professionista delegato provvederà, altresì, a svolgere tutte le attività di cui all'art.591 bis cod. proc. civ., e cioè: A) alla deliberazione sulle offerte senza incanto a norma dell'articolo 572 e agli ulteriori adempimenti di cui agli articoli 573 e 574; B) alle operazioni dell'incanto e all'aggiudicazione dell'immobile a norma dell'art.581; C) a ricevere o autenticare la dichiarazione di nomina di cui all'art.583; D) sulle offerte dopo l'incanto a norma dell'articolo 584 e sul versamento del prezzo nella ipotesi di cui all'articolo 585, secondo comma; E) sulla istanza di assegnazione di cui all'articolo 590; F) alla fissazione del nuovo incanto e del termine per la presentazione di nuove offerte d'acquisto ai sensi dell'articolo 591; G) alla fissazione dell'ulteriore incanto nel caso previsto dall'articolo 587 (decadenza dell'aggiudicatario); H) ad autorizzare l'assunzione dei debiti da parte dell'aggiudicatario o dell'assegnatario a norma dell'articolo 508; H) alla esecuzione delle formalità di registrazione, trascrizione e voltura catastale del decreto di trasferimento, alla comunicazione dello stesso a pubbliche amministrazioni negli stessi casi previsti per le comunicazioni di atti volontari di trasferimento nonché all'espletamento delle formalità di cancellazione delle trascrizioni dei pignoramenti e delle iscrizioni ipotecarie conseguenti al decreto di trasferimento pronunciato dal giudice dell'esecuzione ai sensi dell'articolo 586 cod. proc. civ.; nell'ipotesi di immobile assoggettato ad I.V.A., comunicherà alle parti i doveri che ne derivano (emissione di fattura da parte dell'esecutato, a favore dell'aggiudicatario che ha versato l'imposta, per la trasmissione all'Agenzia delle Entrate); in ogni caso, la materiale trasmissione del decreto di trasferimento all'Agenzia delle Entrate resta a carico della Cancelleria, dopo la relativa annotazione nel repertorio; I) alla formazione del progetto di distribuzione ed alla sua trasmissione al giudice dell'esecuzioni che, dopo avervi apportato le eventuali variazioni, provvede ai sensi dell'art.596; L) ad ordinare all'ufficio postale o bancario ove è stato effettuato il deposito la restituzione delle cauzioni e di ogni altra somma direttamente versata mediante bonifico o deposito intestato alla procedura dagli offerenti non risultati aggiudicatari; in tal casi, la restituzione ha luogo nelle mani del depositante o mediante bonifico a favore degli stessi conti da cui sono pervenute le somme accreditate; M) alla redazione del verbale delle operazioni di vendita, che deve contenere le circostanze di luogo e di tempo nelle quali le stesse si svolgono, le generalità delle persone presenti, la descrizione delle attività svolte, la dichiarazione dell'aggiudicazione provvisoria con l'identificazione dell'aggiudicatario: il verbale è sottoscritto esclusivamente dal professionista delegato ed allo stesso non deve essere allegata la procura speciale di cui all'articolo 579, secondo comma; N) ad avvisare tempestivamente il giudice, ove il prezzo non sia versato nel termine, trasmettendogli il fascicolo per l'adozione dei provvedimenti conseguenti; O) avvenuto il versamento del prezzo con le modalità stabilite ai sensi degli articoli 574, 585 e 590, secondo comma, a predisporre il decreto di trasferimento, che trasmetterà senza indugio al giudice dell'esecuzione unitamente al fascicolo; al decreto, se previsto dalla legge, deve essere allegato il certificato di destinazione urbanistica dell'immobile quale risultante dal fascicolo processuale; P) provvederà alla trasmissione del fascicolo al giudice dell'esecuzione nel caso in cui non faccia luogo all'assegnazione o ad ulteriori incanti ai sensi dell'articolo 591 cod. proc. civ., scaduta la delega; Q) a depositare le somme versate dall'aggiudicatario su un libretto di deposito postale, presso la filiale di Locri, intestato alla procedura e vincolato all'ordine del giudice dell'esecuzione; l'immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell'arch. Milicia) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; ognuno tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art.579, ultimo comma, cp.c.); entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente, anche a mezzo di persona diversa, presso lo studio del professionista delegato, deve presentare domanda in bollo per partecipare alla vendita senza incanto, contente: A) l'indicazione del prezzo che si intende offrire (che a pena di inefficacia, non può essere inferiore al prezzo base indicato poc'anzi, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprio e -se è in regime di comunione legale- del coniuge; C) l'indicazione di avvalersi, ove ne sussistono i presupposti, dei benifici fiscali per la prima casa; D) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato, nel massimo,

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

10)

11)

12)

13)

14)

15)

16)

17) 18)

19)

20)

21) 22)

alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo di pagamento e ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; E) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull'apposito sito internet o presso lo studio di questo professionista delegato) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell'immobile; F) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l'offerta; G) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita IVA; I) la sottoscrizione dei genitori esercenti la potestà e l'autorizzazione del giudice tutelare ove l'offerente sia un minore; L'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno il professionista ricevente annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per le offerte; C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possano condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è presentata; a parere di chi scrive, infatti, ed in linea con quanto acutatamente rilevato in dottrina, la disposizione di cui all'art..571 cod. proc. civ., non può essere interpretata nel senso, meramente letterale di concentrare nelle cancellerie la raccolta delle offerte, posto che l'art.591 bis cod. proc. civ., per la espressa ipotesi della delega, consente al giudice dell'esecuzione di stabilire il luogo di presentazione delle offerte e stabilisce che nell'avviso di vendita vi deve essere la precisazione che le attività del giudice o del cancelliere vanno svolte presso lo studio del delegato od altro luogo indicato nell'ordinanza; L'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; L'offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l'offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; l'offerta si considera irrevocabile, ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art.573 cpc.); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l'incanto (es. art.572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l'udienza di vendita senza incanto dovrà essere fissata non prima di 90giorni e non oltre 120 da oggi e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss; ivi si procederà all'esame delle singole offerte, ai sensi degli art.572 (per l'ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cod. proc. civ. (ove vi siano più offerte); l'offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 cod. proc. civ.) dovrà presentarsi, per assistere all'esame delle offerte, innanzi al professionista nel luogo e nel tempo indicati al punto precedente; in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all'art.573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; in caso di mancata aggiudicazione, l'importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l'offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione), e nello stesso termine, l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dal professionista e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà, previa trasmissione degli atti al giudice dell'esecuzione per i provvedimenti di competenza, la decadenza dall'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art.587 co. II cod. proc. civ.(richiamato dall'art.574, III comma, cod. proc. civ.); maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri, oppure presso il professionista - custode; la presente ordinanza dovrà essere affissa, almeno 45 giorni prima del termine ultimo fis-

Info 0961 996802


il Domani

| AsteInfoappalti

10

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Venerdì 24 Dicembre 2010

23)

24)

25)

26)

27)

28)

sato per la presentazione delle offerte, all'albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura del professionista -nel rispetto del combinato disposto degli artt.490 e 570 cpc- e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell'art. 555 cpc; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'art. 568 cpc; C) il sito Iternet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l'avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di S. Ilario dello Jonio, Locri, Portigliola (invitando all'uopo il creditore ad allegare copia di n. manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa ed affissine dei manifesti murali e fattura relativa alle spese ed affissione manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Iternet Eugenius), a cura del professionista, il quale allegherà al fascicolo: A) fatture e copie dei manifesti murali; B) l'attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE, che dovrà essere lui inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio Mediatag s.p.a.); ove si debba procedere all'incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell'art.571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall'articolo 572, terzo comma, ovvero per il caso infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es. gara in aumento che non è tenuta per mancanza di adesioni: art.573 cpc), il professionista fisserà il giorno in cui si procederà al pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, anche in relazione al luogo, ad eccezione di quanto appresso specificato; ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliaridi assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale, e nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita IVA; in tale istanza dovrà anche essere indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l'acquisto della prima casa; le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell'incanto; se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

del nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 29) l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto in relazione alla vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 30) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede di incanto (art.584 cpc) e se l'offerta non sarà accompagnata da deposito da una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 31) le offerte in aumento andranno effettuate davanti al professionista con le forme di cui all'art.571 cpc (cfr. punti relativi alla vendita senza incanto, prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; 32) su tali offerte il professionista, verificatane la regolarità indice la gara e ne cura l'avviso ex art. 570 cod. proc. civ., cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al predente incanto entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto precedente; 33) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il professionista pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; 34) alla medesima udienza fissata per l'incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istante di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all'art.591 cpc (amministrazione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); 35) operato il trasferimento, il professionista custode deve provvedere al rilascio dell'immobile in favore dell'aggiudicatario o dell'assegnatario, salvo che costui non lo esenti espressamente; -OMISSISLocri, 2.3.2007 DEPOSITATO IN CANCELLERIA IL 5.05.2007 FIRMATO IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE FIRMATO IL CANCELELIERE DOTT. DAVIDE LAURO

TRIBUNALE DI PAOLA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE CON INCANTO (Artt. 576 e 591 bis cpc) La sottoscritta Dott.ssa Giuseppina GRECO, vista l'ordinanza di vendita n. cron. 1982 emanata dal G.E. GOT Dott.ssa Brunella CONVERSO in data 29 Marzo 2006, con cui è stata disposta la vendita dei beni pignorati nel procedimento esecutivo n. 120/91 R.G.E. e sono state delegate, ex art. 591 bis c.p.c., alla sottoscritta professionista le relative operazioni; visti altresì i provvedimenti successivi e da ultimo quello emanato dal medesimo G.E. in data 23/11/2010, con cui è stato autorizzato il nuovo esperimento di vendita al prezzo ulteriormente ribassato, RENDE NOTO che ai sensi dell'art. 576 cpc il giorno 09 marzo 2011 alle ore 12.00 presso il proprio Studio in San Lucido (CS) alla Via Strada "N" n. 26, si svolgerà l'incanto del seguente bene

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

immobile, della piena proprietà del lotto n. 7: BENE SOTTOPOSTO AD INCANTO Lotto n. 7: Terreno sito in Cleto (CS), alla Via Pietramala limitrofo ad un fabbricato, esteso per mq. 370, inserito in Catasto nel foglio 5 part. 212, sem. irriguo classe 2 di are 3.70, reddito dominicale euro 1,24 reddito agrario euro 0,29. Il prezzo base è di euro 1.975,08 (euro millenovecentosettantacinque/08) Condizione: libero Le offerte minime in aumento, con primo rilancio obbligatorio, non potranno essere inferiori ad euro 100,00 (Euro cento /00). La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano (anche in relazione al T.U. di cui al D.P.R. 66/2001 n° 380), meglio descritti nella perizia del C.T.U. in atti, ed alla quale espressamente si rinvia, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive; la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La presente vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dall'eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore -, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti, inconoscibili o comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. Per gli immobili realizzati in violazione della Normativa Urbanistica Edilizia, l'aggiudicatario potrà ricorrere, ove consentito, alla disciplina dall'art. 40 della Legge 28 febbraio 1985 n° 47 come integrato e modificato dall'art. 46 del D.P.R. 6 giugno 2001 n° 380, purché presenti domanda di concessione o permesso in sanatoria entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. L'immobile viene venduto libero da iscrizioni ipotecarie e da trascrizioni di pignoramenti. Se esistenti al momento della vendita, eventuali iscrizioni saranno cancellate a spese e cura della procedura; se occupato dal debitore o da terzi senza titolo, la liberazione dell'immobile sarà effettuata a cura del Custode Giudiziario. Ogni onere fiscale derivante dalla vendita sarà a carico dell'aggiudicatario (imposte, trascrizioni, volture, ecc.). Ciascun partecipante per poter essere ammesso all'incanto dovrà presentare presso lo Studio del Professionista delegato come sopra indicato, non più tardi delle ore 12,30 del giorno precedente non festivo a quello fissato per la vendita, domanda di partecipazione all'incanto, in regola con l'imposta di bollo, corredata di un assegno circolare non trasferibile intestato a "procedura R.G.E. n. 120/91- delegato Dott. ssa Giuseppina Greco" per un importo pari al 10% del prezzo base d'asta, a titolo di cauzione. Ai sensi dell'art. 580 cpc , se l'offerente non diviene aggiudicatario, avrà diritto a vedersi restituita la cauzione, dopo la chiusura dell'incanto; la mancata partecipazione all'incanto senza un documentato o giustificato motivo comporterà, invece, la restituzione della stessa nella misura dei 9/10 dell'intero e la restante parte (1/10) verrà acquisita alla procedura esecutiva. L'aggiudicatario nel termine perentorio di 60 giorni

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

dall'aggiudicazione definitiva, dovrà depositare al professionista delegato, il saldo del prezzo di aggiudicazione (detratto l'importo per cauzione già versato) nonché l'importo per spese di trasferimento, mediante assegni circolari non trasferibili intestati a "Proc. Es. n° 120/91 delegato dott. ssa Giuseppina Greco"; i predetti assegni saranno versati su libretto di deposito bancario intestato alla procedura e vincolato. Qualora si tratti di credito fondiario, ai sensi dell'art. 41 della nuova Legge Bancaria (D.Lgs. 1/09/1993 n. 385), l'aggiudicatario, il quale non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto di finanziamento, dovrà versare direttamente all'istituto di credito fondiario, entro il termine di giorni 30 dalla data in cui l'aggiudicazione diviene definitiva, la parte del prezzo corrispondente al complessivo credito dello stesso. Il mancato versamento del prezzo residuo nel termine stabilito, comporterà la decadenza dall'aggiudicazione, nonché la perdita della cauzione (art. 587 cpc). I partecipanti all'asta hanno la possibilità di ottenere, mutui ipotecari per un importo fino ad un massimo del 70 - 80% del valore dell'immobile (come stimato nella perizia) a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola Banca. Le banche aderenti all'iniziativa risultano essere: - Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.a - filiale di Paola (Direzione di Reggio Calabria - Settore Prodotti Retail - Viale Calabria angolo Vico S. Anna - 89131 - Reggio Calabria; tel 0965353465/478/468); - Unicredit Banca S.p.a., - agenzia Unicredit di Cosenza, 127 angolo Tagliamento, Corso Mazzini. Ciascun interessato a beneficiare della suddetta agevolazione è invitato a contattare le sedi delle agenzie o le filiali incaricate per come sopra indicato. Ai sensi dell'art. 584 cpc. (al quale si rinvia), dopo l'incanto possono essere ancora fatte offerte di acquisto entro il termine perentorio di 10 giorni; affinché tali offerte siano efficaci è necessario che il prezzo offerto superi di 1/5 quello raggiunto nell'incanto. Ai fini dell'art. 173-quater disp. att. c.p.c. si comunica che, dalla CTU agli atti risulta: Lotto n° 7: piccolo appezzamento di terreno di forma triangolare, da considerarsi pertinenza del fabbricato limitrofo, in quanto per morfologia e forma é impossibile edificare costruzioni a se stanti. A norma dell'art. 591 bis cpc tutte le attività relative alla vendita sono eseguite dal professionista delegato presso il suo Studio. Maggiori informazioni possono essere fornite dalla Cancelleria delle esecuzioni immobiliari del Tribunale di Paola a chiunque vi abbia interesse. Custode giudiziario del bene è la Dott.ssa Giuseppina Greco, telefono e fax 098284652. Una copia del presente avviso viene affisso ex primo comma dell'art. 490 c.p.c., altra copia viene pubblicata sul quotidiano IL DOMANI DELLA CALABRIA e su ASTE di Catanzaro, mentre sul sito www.aste.eugenius.it vengono pubblicati l'avviso, la perizia con eventuali allegati e l'ordinanza di vendita. L'avviso di vendita sarà altresì trasmesso alla Cancelleria del Tribunale di Paola (CS) per l'inserimento nel fascicolo d'ufficio. Si pubblichi nelle forme di cui sopra e si notifichi ai sensi di Legge. San Lucido (CS), 14 dicembre 2010 Il professionista delegato Giuseppina Greco- Dottore Commercialista

Info 0961 996802


Venerdì 24 Dicembre 2010 il Domani 11

CRONACHE

Operazione Shot 2009 a Chieti, arresto di tre calabresi per traffico di droga di Carmela Mirarchi CHIETI - I carabinieri del comando provincialedi Chieti hanno arrestato questa mattina a Francavilla al Mare tre persone nell’ambito dell’operazione denominata Shot 2009. Le manette sono scattate per Simone Cuppari, 29 anni calabrese residente in provincia di Chieti, Antonio Mesiano, 44 anch’eglicalabrese(entrambisottoposti a custodia cautelare in carcere), e Giuseppe Lopresti, 26 anni, della provincia di Reggio Calabria, agli arresti domiciliari. L’indagine, coordinata dalla Dda di L’Aquila era stata avviata daicarabinieri del Reparto operativo alla metà di aprile 2009 e ha finora consentito di acquisire elemen-

ti di colpevolezza nei confronti dei destinatari dei provvedimenti restrittivi,indagati per associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti nonchè in ordine a vari episodi di spaccio, trafico e detenzione di ingenti quantitativi di cocaina. Sono stati sequestrati oltre 8 chili di cocaina e arrestati in flagranza di reato tre pregiudicati, indagati nello stesso procedimento per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’associazione criminale, che fa capo a pregiudicati di origine calabrese trapiantati in provincia di Chieti da alcuni anni, sarebbe dedita all’attività di reperimento, acquisto e cessione di ingenti

quantitativi di droga e operava tra Abruzzo, Calabria, Puglia e Lombardia con l’ausilio di auto opportunamente modificate per il trassporto dello stupefacente. Nel corso delle indagini è stato inoltre accertato che i calabresi renvestivano i profitti del traffico di droga acquistando appartamenti e attività commerciali, già sequestrati nel novembre scorso. Gli arresti eseguiti ieri mattina costituiscono il seguito dell’operazione scattata lo scorso 19 novembre e i soggetti arrestati erano già stati destinatari di analoghe misure cautelari eseguito in quella stessa data e successivamenteannullate dal tribunale del riesame con la conseguente loro remissione in libertà.

Firmato un accordo per la sistemazione idrogeologica a Bivongi REGGIO CALABRIA - Il Presidente della Provincia, avv. Giuseppe Morabito, e il vicesindaco di Bivongi e consigliere provinciale Felice Valenti, hanno firmato un accordo di programma per l’esecuzione di interventi di sistemazione idrogeologica nel comune aspromontano.Con questo accordo, grazie al finanziamento concesso dalla Provincia, il comune potrà eseguire lavori per mettere in sicurezza e ripristinare le

La Gdf sequestra un’agenzia di scommesse clandestine REGGIOCALABRIA-Un’agenzia destinata alla raccolta ed accettazione di scommesse su eventi sportivi, priva delle necessarie concessioni ed autorizzazioni previste dalla normativa vigente è stata scoperta dalle Fiamme Gialle del Gruppo di Reggio Calabria. Il rinvenimento è avvenuto nell’ambito dei quotidiani servizi di controllo economico del territorio, finalizzati anche alla prevenzione e repressione di illeciti in materia di giochi e scommesse clandestine. Il blitz è scattato nella tarda serata di mercoledì in una via centrale di Reggio Calabria, a seguito di una preliminare ed approfondita attività investiga-

tiva iniziata quando i finanzieri notavano nel locale la presenza di diversi computers ed alcune stampanti di tipo "pos", in genere destinate all’attività di scommesse on line. I successivi riscontri effettuati dopo l’accesso, consentivano ai militari del Gruppo della Guardia di Finanza reggina di accertare l’esercizio illegale dell’attività svolta all’interno del locale in quanto il titolare non era in grado di esibire alcuna concessione per la gestione e la raccolta delle scommesse. Venivano così sottoposti a sequestro la postazione informatica, la stampante "pos" destinata all’emissione delle ricevute sulle giocate, oltre 15 ta-

gliandi comprovanti le scommesse effettuate prive del logo dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato - nonché ulteriore documentazione amministrativo gestionale posta a supporto della citata attività, interessante ai fini della prosecuzione delle indagini. Il titolare dell’attività R. G. di anni 46 è stato denunciato alla locale A.G. per esercizio abusivo di attività di scommessa on line con bookmakers nazionali ed internazionali. Tenuto conto delle valenze d’elevata pericolosità che il fenomeno assume, l’attività di servizio in questione è destinata a concretizzarsi in ulteriori interventi.

strade comunali Ventimonia, San Giovanni e Marmarico seriamente compromesse dagli ultimi eventi alluvionali. Il vicesindaco Valenti, a conclusione dell’incontro al quale ha preso parte anche il dirigente provinciale ing. Domenico Cuzzola, ha voluto ringraziare il Presidente Morabito e i suoi tecnici per la sensibilità dimostrata. «I danni subiti dal territorio di Bivongi sono stati particolarmente gravi - ha dichiarato il consigliere provinciale - Nel momento di maggiore criticità per l’intero comprensorio, la Provincia ha saputo prestare ascolto alle richieste inoltrate dall’Amministrazione comunale. Bisogna riconoscere la determinazione del Presidente Morabito , sempre attento alle esigenze dei grandi e piccoli centri abitati». «Il nostro impegno - ha concluso il Presidente - è sostenere le comunità locali nel garantire un territorio sicuro, condizione imprescindibili per lo sviluppo dell’intera provincia».

Expo 2015, contatti tra la Provincia e Milano REGGIO CALABRIA - «C’è la possibilità concreta che la Provincia di Reggio Calabria dia avvio ad un partenariato con il Comune di Milano, inerente le iniziative previste per l’Expo 2015». E’ l’annuncio che anticipa l’assessore provinciale alla programmazione Francesco Surace, dopo l’incontro nel capoluogo lombardo con il Sindaco di Milano, Letizia Moratti. Surace e la Moratti hanno partecipato al convegno promosso a Milano, nei giorni scorsi, dalla Fondazione "Corrado Alvaro" in collaborazione con la Federazione nazionale circoli calabresi. A margine del convegno, l’assessore Surace ha avuto modo di incontrare e confrontarsi con il Sindaco di Milano sulla prospettiva di una collaborazione tra i due Enti. E quale migliore occasione se non la futura organizzazione dell’Expo? «La dr.ssa Moratti - ha ancora detto Surace - si è dimostrata estremamente interessata sull’avvio di un accordo di partenariato per lo sviluppo di progetti comuni nell’ambito della prossima

edizione dell’Esposizione Universale. Un evento che vedrà convergere a Milano, secondo le prime stime, almeno 20 milioni di visitatori. Sarà una vetrina straordinaria per l’Italia, e certamente lo sarà anche per la Provincia di Reggio Calabria - ha commentato l’assessore Surace - ma solo se sapremo cogliere per tempo questa grande e formidabile opportunità. Il convegno su un calabrese del calibro di Corrado Alvaro - ha commentato Surace - ha offerto sicuramente una occasione prestigiosa per avviare un rapporto molto produttivo con il Comune di Milano, Ente in prima fila nella organizzazione di un evento che determinerà profondamente, per gli anni futuri, l’immagine dell’Italia nel mondo».

Filippo Marra


12

il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010

CRONACHE Confcooperative, workshop sul futuro del Parco del Pollino TORTORA - Si è tenuto presso la sala consiliare del Comune di Tortora il workshop organizzato dalla Confcooperative Calabria, all’interno del progetto "Costruiamo la rete di protezione civile del Parco del Pollino" finanziato da Fondazione per il SUD con ente capofila il Parco del Pollino. La scelta del comune di Tortora, conosciuta soprattutto come un centro marittimo, confinante a nord con la stupenda costiera di Maratea e a sud con Praia a Mare, altra perla dell’Alto Tirreno Cosentino, è legata alla peculiarità del territorio che grazie alle frazioni montane (ben quattordici), spingono il territorio comunale nel Parco del Pollino, fino a 810 metri sul livello del mare facendone un luogo ricco di storia, cultura e tradizioni, che ben conserva i tratti di un interessante passato, dalla preistoria fino al medioevo. Il convegno dal titolo L’esperienza cooperativa nei parchi e nelle aree protette. La cooperazione culturale quale motore di sviluppo locale ha registrato gli interventi di un nutrito parterre, introdotti e coordinati dal Direttore della Confcooperative Calabria Piero Franco Mendicino. Ha portato un indirizzo di saluto il sindaco della città di Tortora Pasquale

Lamboglia che si è detto entusiasta di ospitare tale iniziativa nella città da lui amministrata; del Presidente della Federcultura di Confcooperative Calabria Giovanni Ielo, che auspica interventi della specie per l’animazione dei territori anche attraverso le esperienze di altre realtà del territorio nazionale; ha sottolineato il valore dell’intersettorialità, vero motore di sviluppo nei settori della Federazione e concreta opportunità per il territorio della Calabria. Marco Benelli, vicepresidente della

cooperativa Maia di Reggio Emilia, ha illustrato l’esperienza che negli ultimi dieci anni ha visto dei giovani volontari del Wwf tramutarsi in cooperatori con un progetto imprenditoriale basato sulla natura, che si arricchisce ogni anno di nuove proposte e progetti. Il confronto con il territorio è stato condotto da Antonia Palladino, presidente della cooperativa Mondocultura Athena, che gestisce - tra l’altro - il museo di arte contemporanea di Tortora. Palladino ha richiamato il contesto nel quale operano i cooperatori in Calabria, soffermandosi sulla volontà di creare valore che sta già cominciando a dare i primi frutti con la nascita di alcune cooperative. Bruno Niola, responsabile campi Pollino Maratea, ha dato conto dell’esperienza del Wwf Italia con i campi natura, soffermandosi in modo particolare sul sistema di controllo della qualità dei servizi offerti, ed ha altresì ricordato l’esperienza personale di cooperatore lucano. Il workshop concluso dall’intervento di Debora Violi, coordinatore di FederCultura Turismo Sport, ha registrato la partecipazione di Giuseppe Greco Consigliere dell’Ente Parco del Pollino.

Giornate di studio europee al Liceo Scientifico "Pitagora" RENDE - Giorni di studio, ma anche di valutazione e sintesi, presso il Liceo Scientifico "Pitagora" di Rende per delle importanti iniziative che hanno coinvolto diversi studenti e docenti in progetti a respiro europeo. Dalle tre giornate di studio europee svoltesi nell’Istituto di Contrada Commenda di Rende e nella sala del Consiglio comunale di Piazza Matteotti, al viaggio premio in Inghilterra ed in particolare a Londra per intrattenersi con sessanta ore di lezioni presso l’International School della città con diverseescursioni turistiche, ma soprattutto di conoscenza e studio con tappe a Windsor, Cambridge e Canterbury. Non potevano mancare, in questa circostanza, spiega un comunicato - le visite alla scoperta delle meraviglie storico - artistiche londinesi: Westminster, Buckingham Palace, il Big Ben e i grandi musei con una piacevole navigazione sul Tamigi. Hannoaccompagnatoglistudenti in questo meraviglioso viaggio, così lo hanno definito, le prof.sse

Gelsomina Guido e Divina Miceli. Una esperienza culminata con un apposito convegno di comunicazione integrata svoltosi il 15 dicembre scorso nella sala convegni del Museo del Presente di Rende, alla presenza dell’Assessore comunale alla Cultura, prof.ssa Delly Fabiano. A queste esperienze, vissute tra il mese di settembre e questi giorni del mese di dicembre si è aggiunto un viaggio alla sede del Parlamento Europeo di Bruxelles, dove la delegazione è stata accolta dal parlamentare europeo, on. Luigi De Magistris, introdotta dal consigliere regionale, Mimmo Talarico. Per gli studenti, accompagnati dalla prof.ssa Paola Armentano, scelti in base al merito, è stato un modo come entrare nella storia dell’Unione Europea e dell’Istituzione economica, sociale, politica e culturale maturata nell’arco degli ultimi sessant’anni e che stanno creando delle condizioni nuove sul modo di essere cittadini ed in questo caso "cittadini europei" , pensando ai 490 milioni di persone che

ne fanno parte e che vanno regolamentate al più presto, attraverso una "Costituzione", necessaria per acquisire maggiore consapevolezza sulla base di sentimenti e valori unitari che portano ad attuare, in situazione di crisi dei Paesi componenti, interventi di reciproco soccorso, sul piano della solidarietà in ragione del trionfo della democrazia, della pace e dello sviluppo. Tutto questo - si legge - è stato reso possibile grazie ai fondi "Por Fse Calabria 2007/2013", dai quali il Liceo Scientifico "Pitagora" di Rende, guidato con puntigliosità, dedizione, convinzione ed entusiasmo dalla dirigente, prof.ssa Elisa Policicchio, ha saputo attingere con successo ed ottimi risultati, grazie anche ad un gruppo di docenti dell’Istituto, che ha nella prof.ssa Carmelina Contatore, una coordinatrice puntigliosa e giovanile nel rapporto con gli studenti per la impostazione anche del giornale dell’Istituto "La Voce del Pitagora".

Cadavere di donna trovato nel Cosentino l’autopsia ha confermato l’omicidio CASSANO IONIO - Pesava 51 chili, aveva circa quarant’anni, è stata massacrata con un corpo contundente che le ha sfondato il cranio e non è stata uccisa dove èstato trovato il corpo. I dati sono stati appurati dall’autopsia eseguita mercoledì nell’obitorio di Cassano sul corpo di donna individuato giovedi’ scorso da due vecchietti sulla spiaggia dei Casoni, tra i villaggi turistici Marina e Laghi di Sibari. L’esame, disposto dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, che coordina le indagini condotte dai carabinieri, è stata eseguita ieri nell’obitorio del cimiterodi Cassano dal medico legale Walter Bruno. L’analisi dellefratture ossee ha provato che la donna stata colpita più volte alla faccia con un oggetto che le ha sfondato la scatolacranica, provocandone la morte prima d’essere gettata in mare. E’ stato inoltre appurato che il corpo in acqua è rimasto poco tempo. Nonostante le certezze scientifiche fornite dall’autopsia, il cadavere resta ancora senza nome. Le speranze di riuscire a identificarlo sono legate alle tre collanine di scarso valore che la vittima, trovata con addosso solo un paio di calzini turchesi e un reggiseno rosso abbassato sui fianchi, portava al collo quando il cadavere è stato tirato fuori dalla sabbia che l’aveva quasi completamente sommerso, lasciando in superfice solo un ciuffo di capelli rossicci.

Anna Bolle

Il Presidente del Consiglio comunale visita la casa circondariale di Via Popilia COSENZA - Il Presidente del Consiglio comunale di Cosenza, Antonio Ciacco, si è recato mercoledì in visita istituzionale nella casa circondariale di Via Popilia, dove si è intrattenuto con il Direttore dell’istitutodi pena Filiberto Benevento e con gli ospiti della struttura di detenzione all’interno del teatrino del carcere. «La casa circondariale di Cosenza - ha detto Ciacco - è un istituto dipena dove realmente e fuori da ogni slogan preconfezionato viene messo in pratica ed assecondato il principio della rieducazione. In via Popilia - ha aggiunto Ciacco - esiste veramente una struttura carceraria che è un modello di come i percorsi di riabilitazione siano non solo possibili, ma possano sostanziarsi di contenuti, se è vero come è vero che qui ben due detenuti negli ultimi tempi sono riusciti a conseguire la laurea. Rispetto alla popolazione carceraria che conta 450 detenuti - ha detto inoltre il Presidente del Consiglio comunale - il Comune di Cosenza ha mostrato la giusta attenzione e la giusta sensibilità. Non siete soli e il Comune di Cosenza è fermamente persuaso del fatto che la casa circondariale non è un corpo estraneo alla città, ma una cellula viva e vitale del suo tessuto. Abbiamo piena consapevolezza di come la figura del detenuto corrisponda a quella di una persona sventurata che sopporta il peso afflittivo della privazione della libertà che molto spesso equivale ad una vera e propria negazione della dignità umana. E’ per questo che siamo qui per verificare insieme se esistono, come esisteranno di certo, dei correttivi da ricercare e da apportare». E il Presidente Ciacco si è intrattenuto ad ascoltare le richieste di alcuni detenuti che hanno rappresentato al massimo esponente dell’assemblea di Palazzo dei Bruzi alcune necessità legate al vitto e d all’inserimento lavorativo nell’istituto di pena. Con riferimento alla prima richiesta il Presidente Ciacco si è impegnato con il direttore Filiberto Benevento a ricercare le risorse per la Scuola Alberghiera attiva da due anni all’interno della casa circondariale. Anna Bolle


Venerdì 24 Dicembre 2010 il Domani 13

CRONACHE

Gli auguri di Perugini: c’è da stare poco allegri

Favorì la latitanza di un boss, arrestato mercoledì un commerciante 38enne

di Carmela Mirarchi COSENZA - Tradizionale scambio di auguri di Natale ieri mattina a Palazzo dei Bruzi. In un affollato salone di rappresentanza, il Sindaco Salvatore Perugini ha brindatoinsiemeairappresentanti dell’informazione, agli assessori, ai consiglieri comunali, ai dirigenti e al personale del Comune, in un clima festoso e davanti ad una tavola imbandita con i tradizionali dolci natalizi. Perugini ha poi preso la parola per alcune riflessioni riguardanti l’attuale momento politico, sia nazionale che locale. «Considerato come è stato l’anno che sta per finire - ha detto Perugini - il nuovo dovrà essere per forza di cose migliore. Quello che stiamo vivendo - ha aggiunto - è senza dubbio un momento molto difficile per tutto il Paese che, proprio per questo, richiede maggiore impegno da parte di tutti». Il primo cittadino ha ringraziato per la loro presenza i giocatori e lo staff tecnico della "Pallavolo Cosenza" che hanno voluto condividere con lui il tradizionale scambio di auguri ed ha rivolto un particolare augurio ai giovani stagisti del "Programma Stages" della Regione Calabria utilizzati dal Comune di Cosenza e attualmente con il contratto scaduto, affinché possano, a breve, ricevere buone notizie circa la prosecuzione della loro esperienza che all’interno dell’ente ha prodotto ottimi risultati. Dopo aver brindato nel salone di rappresentanza, il Sindaco ha ricevuto nella sua stanza i giornalisti della carta stampata e delle altre testate televisive e radiofoniche. Con i giornalisti Perugini si è intrattenuto a conversare cordialmente del

momento particolare che sta vivendo il Paese. A tal proposito il Sindaco non ha nascosto un certo pessimismo. «C’è molto tatticismo nel sistema della politica - ha detto - e questo tatticismo, esasperato soprattutto in Parlamento, potrebbe non tradursi, in termini elettorali, in un vero cambiamento. La crisi economica c’è e nessuno può negarlo, così come non si possono disconoscere i suoi effetti devastanti - ha aggiunto il primo cittadino. Abbiamo attraversato altri momenti difficili, ma ne siamo usciti. Ora, invece, c’è una crisi di valori che ci attanaglia ed il sistema della politica non riesce a fare sintesi. Si tratta, quindi, di capire, se nel Paese ci siano le condizioni perché uomini di buona volontà riescano a invertire la rotta. Ci conforta la presenza di sensibilità, come quella del

Presidente della Repubblica Napolitano, che riescono ancora a muoversi e a far sentire la loro voce».Dalla realtà nazionale a quella locale. «C’è da stare poco allegri se si pensa che il saldo dei trasferimenti al Comune di Cosenza è stato bloccato dal Tesoro perché la cassa è vuota ed è stato rinviato a marzo con tutto quel che ne consegue. In una situazione del genere è importante - ha aggiunto il Sindaco - che ciascuno di noi, ognuno per la propria sfera di competenza, faccia fino in fondo il suo dovere». Dopo gli auguri di rito Perugini ha omaggiato i giornalisti presenti con un volume sulle opere d’arte in Calabria, curato dal critico d’arte cosentino Gianfranco Labrosciano, e che fa parte della collana pubblicata dall’editore Gaudio dal titolo "La scultura in Italia".

Differenziata, Saracena è passata dal 49 al 72% SARACENA - DAL 49 AL 72% Iin poco meno di 36 mesi. Sono, questi, i risultati che il Comune di Saracena ha raggiunto dal 2008 ad oggi, per la raccolta differenziata. Circa 97 tonnellate solo nel luglio 2010. 122 quintali di indumenti usati raccolti in quattro edizioni, dal 2009 allo scorso Novembre. La Città del Moscato Passito continua a rappresentare un unicum nella Calabria invasa dai rifiuti. A fare un quadro della situazione dell’ultimo triennio, confrontando dati e percentuali, è l’Ing. Pasquale Di Vasto - Direttore dell’Azienda Speciale Pluriservizi di Saracena. «Nel governo dei rifiuti Saracena è una Città virtuosa. E’ un dato inconfutabile. Non possiamo che dirlo a chiare lettere nell’esprimere soddisfazione - dichiara Di Vasto - per il risultato che l’intera comunità ha permesso di raggiungere in pochi anni. Tutti, grandi e piccoli, hanno capito ed imparato cosa vuol dire il rispetto per l’ambiente, per la natura e per se stessi. Praticamente e non solo teoricamente. "Più si ricicla e meno si spende" è la regola fatta propria da tutti. Il 2010 chiude con una media del 71,67% di rifiuti differenziati. L’obiettivo per il 2011 è quello di superare questa soglia».Ancora qualche dato. Il valore medio della raccolta differenziata del 2008 è del 49,02%; del 2009 il 57,96. Sono 35 i quintali di indumenti usati nella prima edizione (nella settimana dall’8 al 15 novembre 2009); 51 quelli raccolti nell’aprile 2010; 17 a giugno dello stesso anno e 19 a settembre Carmela Mirarchi

ROSSANO - I Carabinieri di Rossano hanno arrestato mercoledì sera A.G., 38 anni, di Corigliano Calabro. L’uomo, commerciante, è accusato di favoreggiamento aggravato. E’ ritenuto responsabile di aver aiutato e agevolato il latitante Nicola Acri, considerato il boss della zona, nel sottrarsi alle ricerche della polizia giudiziaria, quando questi era latitante. Il commerciante avrebbe fornito

delle autovetture che sono state utilizzate durante la latitanza da Acri, compresa quella sulla quale poi il pregiudicato è stato fermato a Bologna, lo scorso 20 novembre. Già altri tre fiancheggiatori di Acri furono arrestati lo stesso giorno e il giorno seguente alla sua cattura.

A. Bolle

Piano di rientro, il Comune di Trebisacce chiede al Tar l’annullamento del decreto TREBISACCE - Il Comune di Trebisacce ha formalizzato il ricorso al Tar contro il decreto per l’attuazione del Piano di rientro sanitario emanato dal presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, che prevede la trasformazione dell’ospedale cittadino in ospedale distrettuale. Il Comune di Trebisacce, rappresentato dall’avv. Giuseppe Mormandi, chiede che il decreto del governatore venga annullato. Il legale, infatti, avrebbe evidenziato tre incongruenze che renderebbero illegittimo il decreto. In primo luogo, il Commissario ad acta, avrebbe agito eccedendo i limiti imposti al mandato affidatogli dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Secondo l’avvocato Mormandi, inoltre, la stessa nomina del Presidente della Giunta regionale a Commissario ad acta sarebbe illegittima, in quanto, in base alla normativa vigente, la Presidenza del Consiglio dei Ministri avrebbe potuto nominare il Commissario ad acta solo dopo apposita diffida alla Regione ad elaborare il Piano di rientro. In ultimo si rileva che «la riconversione del Presidio ospedaliero in centro di primo intervento - è scritto in una no-

ta - costringerebbe i pazienti ad un vero e proprio calvario di almeno quattro o cinque ore, solo perché chissà tra quanti anni sarà realizzato un ospedale in grado di fornire assistenza a tutti i Comuni, montani e non, che attualmente possono rivolgersi alla struttura esistente a Trebisacce». Il Comune di Trebisacce, nella nota, fa presente che «la programmazione operativa concepita dal Commissario ad acta ha completamente omesso la consultazione con gli Enti locali e in particolare con la Conferenza dei sindaci».


14

il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010

CRONACHE La “Festa della Famiglia” a Tufolo Una serata di musica e spettacolo CROTONE - Portare le famiglie in piazza e far vivere l’atmosfera delle festività anche nei quartieri. Era questo l’obiettivo della "Festa della Famiglia" promossa dall’amministrazione comunale che si è tenuta mercoledì sera in Piazzetta Padre Pio nel popolare quartiere di Tufolo.Dopo aver toccato i quartieri Carmine e S. Francesco, il cartellone di "Natale tra la Gente", le iniziative per le festività proposte dal Comune di Crotone, ha riguardato uno dei quartieri a più alta densità abitativa della città come Tufolo e nei prossimi giorni altri eventi saranno proposti a Vescovatello e al Gesù. Le "Feste della Famiglia" sono un modo innovativo di vivere le festività natalizie stando insieme nel proprio quartiere. E sono stati tanti quelli che si sono avvicinati al "palcoscenico" all’aperto proposto dall’amministrazione comunale in Piazzetta Padre Pio. Giovani, famiglie ma anche anziani che trovano maggiore difficoltà a spostarsi dai quartieri di residenza e che sono stati particolarmente contenti di vivere una serata in serenità. Condotta da Maria Grazia Grande e Maria Lucia Cosentino con la consueta vivacità e simpatia la serata si è snodata tra musica proposta dai giovani talenti di Babylandia e lo spettacolo di fuochi pirotecnici. Ed ancora le performance degli artisti di strada con la spray art, la tradizionale riffa con premi messi in palio dalla associazione dei commercianti. Particolare successo ha ottenuto l’esibizione del gruppo folkloristico Kroton che ha allietato la serata con i tradizionali balli calabresi.Ed ancora la simpatia di Vittorio Rocca con le sue travolgenti canzoni in dialetto crotonese.

Incontro per il "Tavolo di partenariato provinciale" di Rosa Voci CROTONE - Si è tenuto nella mattinata di ieri, nella sala Giunta della Provincia di Crotone, un incontro per l’istituzione del "Tavolo di partenariato provinciale". «Si tratta - spiega un comunicato di un organismo funzionale al nuovo percorso della programmazione territoriale e della progettazione integrata, previsto dal P.o.r. Fesr 2007/2013,che la Regione Calabria ha inteso riavviare. Il Tavolo dipartenariato, presieduto dal presidente della Provincia o da un suo delegato, è composto dai rappresentanti del partenariato istituzionale, economico e sociale nonchè da una componente tecnica. L’organismo ha tra le sue principali funzioni, quella di condividere il rapporto di priorità strategiche, territoriali e settoriali che l’amministrazione Provinciale dovrà presentare entro il 30 gennaio 2011, così come richiesto dall’avviso

pubblico regionale in corso di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria"». L’assessoreallePolitichecomunitarie, Pietro Durante, coadiuvato da Mariateresa Timpano e da Carmine Rossi, ha ribadito l’importanza della programmazione territoriale e della progettazione integrata. «Con la costituzione del Tavolo di partenariato provinciale - ha dichiarato Durante - si

avvia il processo dei Pisl, progetti integrati di sviluppo locale, progetti complessi, esplicitati e condivisi secondo procedure partenariali e finalizzati al conseguimento di obiettivi di sviluppo socio -economico di specifici ambiti territoriali, per i quali l’amministrazio ne regionale prevede, per il territorio della Provincia di Crotone, risorse pari a oltre 46 milioni di euro. Tali fondi - aggiunge Durante - saranno utilizzati per progetti negli ambiti della mobilità intercomunale, qualità della vita, turismo, sistemi produttivi e distretti agroalimentari». All’incontro di ieri erano presenti anche i rappresentanti dei Comuni di Belvedere Spinello, Caccuri, Carfizzi, Casabona, Cerenzia, Cirò, Cotronei, Melissa, Petilia Policastro, Rocca di Neto, San Nicola dell’Alto, Santa Severina, Scandale, Strongoli, Verzino, la Comunità Montana"Alto Crotonese", Confcommercio, Confagricoltura e Cofcooperative.


Venerdì 24 Dicembre 2010 il Domani 15

CRONACHE

Provincia ristrutturerà il Palasport di Ricadi VIBO VALENTIA - Dopo quasi 20 anni d’attesa, costellati da intoppi burocratici di ogni tipo e inchieste della Corte dei Conti, il Palasport comunale di Ricadi sarà finalmente aperto. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa siglato mercoledì tra Provincia e Amministrazione comunale, per la ristrutturazione e il collaudo della struttura.Secondo l’accordo, la Provincia si è impegnata a stanziare circa 100 mila euro (attraverso l’accensione di un mutuo presso il Credito sportivo), finalizzati ai lavori di adeguamento infrastrutturale dell’impianto, curando anche la progettazione, le procedure di gara e di esecuzione dell’intervento.L’iniziativa prende le mosse dal censimento delle strutture sportive presenti sul territorio provinciale, promosso a suo tempo dall’assessorato all’Impiantistica sportiva guidato da Gianluca Callipo, con il fine di ottimizzare l’utilizzo degli impianti esistenti e di recuperare quelli in disuso. Tra questi spicca il Palasport di proprietà del Comune di Ricadi, mai inaugurato per mancanza di collaudo e per la lunga vicenda giudiziaria che ne derivò.Una soluzione positiva dell’annosa questione, attraverso l’intervento della Provincia, è stata fortemente caldeggiata dal consigliere provinciale

Aurelio Maccarone e dall’assessore Michelangelo Mirabello, il quale - su delega del presidente Francesco De Nisi - ha siglato il protocollo d’intesa in rappresentanza dell’Ente. «Questa struttura rappresenta la classica opera pubblica incompiuta che ora, finalmente, potrà essere consegnata ai cittadini - ha sottolineato Mirabello, a margine dell’incontro per la sottoscrizione del documento con il commissario comunale di Ricadi -. In brevissimo tempo contiamo di realizzare i lavori e collaudare l’impianto, destinato non soltanto alla fruizione da parte delle società sportive della zona, ma anche come

palestra del vicino plesso scolastico». Nell’ultimo Consiglio comunale prima dello scioglimento, infatti, su proposta del sindaco Domenico Laria, fu deciso di costruire un collegamento stradale diretto tra la scuola e il Palasport, proprio in prospettiva del suo utilizzo per le attività scolastiche. Grande soddisfazione è stata espressa dal consigliere Maccarone, che ha definito questo intervento come «un sostegno concreto da parte della Provincia a favore della comunità di Ricadi».

Rosa Voci

L’ex superlatitante Onofrio Garcea non ha risposto al gip GENOVA - L’ex superlatitante Onofrio Garcea, 60 anni, arrestato a Genova martedì sera mentre si trovava all’interno di una macelleria per fare acquisti, ieri mattina nel carcere di Marassi ha sostenuto l’interrogatorio di garanziaavvalendosi della facoltà di non rispondere.Garcea, che aveva fatto perdere le sue tracce nel luglio scorso, era stato colpito da un’ordinanza di custodia cautelare per associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata all’usura e gli erano stati contestati cinque episodi di strozzo nei confronti di commercianti che avrebbe messo in atto assieme al siciliano cinquantenne Giuseppe Abbisso, che invece a luglio non sfuggì all’arresto. L’ordinanza di custodia cautelare era stata firmata dal gip Franca Borzone che stamani, insieme con il pm Alberto Lari e al difensore di Garcea,

Paolo Bonanni, ha condotto l’interrogatorio. Garcea, indagato anche per associazione per delinquere di stampo mafioso nell’ambito di un’altra inchiesta della procura di Genova sull’infiltrazione della ’ndrangheta nel capoluogo ligure e in Basso Piemonte, ha dichiarato che a gennaio, quando sarà a conoscenza nel dettaglio di cosa gli viene contestato, parlerà col pm Alberto Lari. Quando Garcea è stato fermato nella macelleria di Genova Pegli, aveva i capelli tagliati corti e tinti di castano e, utilizzando dell’acido, aveva cancellato le impronte digitali. Era stato il carabiniere di quartiere,mentre prestava servizio nelle vie di Pegli a riconoscere Onofrio Garcea, il super latitante 60enne di Pizzo Calabro che era riuscito nel luglio scorso a sfuggire all’arresto organizzato dai carabinieri del Ros, coordi-

nati dal pm Alberto Lari, in esecuzione di un’ordinanza che lo avevacolpitoinsiemeaGiuseppe Abbisso, siciliano di 50 anni. I due prestavano soldi ad usura ai commercianti della zona di Sestri Ponente utilizzando metodi mafiosi per ottenerne la restituzione, applicando tassi di interesse del 240 per cento. Dopo la fuga Garcea era letteralmente sparito. Il 3 novembre scorso, a Genova e Savona, i militari del Ros hanno sequestrato a Onofrio Garcea a titolo preventivo ai fini della confisca beni per un valore di 250 mila euro. Nello specifico i militari avevano messo i sigilli a una finanziaria di cui Garcea era titolare a Cornigliano, a un’altra finanziaria a Cairo Montenotte, in provincia di Savona, a una societa’ finanziaria con sede legale a Cornigliano, a due auto, tra cui una Maserati Gto, a un bar a Sestri Ponente.

Personale, avviata la stesura del nuovo contratto di lavoro decentrato VIBOVALENTIA - Un mese di tempo entro il quale giungere alla stesura e all’esecutività del nuovo contratto di lavoro decentrato.È questo l’obiettivo che si è posto la delegazione trattante della Provincia, presieduta dal segretario generale dell’Ente, Francesco Marziali, che ha avviato i lavori di contrattazione con le rappresentanze sindacali. In un clima di aperta collaborazione, determinato anche dall’approccio pragmatico adottato da Marziali, sono state esaminate nel dettaglio le novità di notevole rilievo introdotte recentemente dalla riforma Brunetta, che impone la rimodulazione contrattuale sulla base della nuova disciplina. A rappresentare la parte datoriale, oltre al segretario generale della Provincia, c’era anche il dirigente del settore personale Gianfranco Comito, mentre, per quanto riguarda i sindacati, erano presenti Antonella Bianco e Luciano Brandi (Rsu Cgil), Filippo Curtosi (Csa-Cisal), Francesco Principato (Rsu Uil), Rocco Lo Presti (Rsu Ugl) e Aurelio Raniti (Cgil).Al termine della riunione, è stato unanimemente sottolineato l’esito positivo dell’incontro, nel corso del quale è emersa una forte volontà sinergica tra l’Ente e le rappresentanze dei lavoratori.

Grande successo per la festa aziendale alla Spi VIBO VALENTIA - Il pomeriggio che Spi ha dedicato ai festeggiamenti natalizi ha avuto un grande successo, soprattutto tra i bambini, protagonisti indiscussi del programma festivo. I vari momenti di animazione hanno previsto una parata Disney, dove sei personaggi si sono alternati nella distribuzione di cioccolatini e caramelle. A rompere il ghiaccio sono stati Minnie e Topolino, icone da sempre del mondo dell’animazione. In un secondo momento intrattenere i bimbi è toccato a Winnie The Pooh, accompagnato dall’inseparabile migliore amico Pimpi. Per ultimo, in ordine cronologico ma non certo per importanza, è stato il momento di Babbo Natale, sceso dall’alto tra lo stupore dei bambini. Con Babbo Natale è arrivato il tanto atteso momento della distribuzione dei doni a tutti i bimbi presenti. Ogni bimbo ha infatti ricevuto un dono personalizzato in base alla propria età. Il tutto si è svolto in una piacevole cornice natalizia tra festoni, che hanno trasformato l’aria produzione in un’accogliente sala, e un trionfo di dolci che ha deliziato grandi e piccini. L’evento si inserisce nel più ampio quadro di attività per il sociale intraprese dall’azienda sul territorio d’appartenenza, nel quale si annoverano progetti come "l’ adozione" di aree verdi e la cura di alcuni tra i più rappresentativi arenili della Calabria.


16

il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010

CRONACHE

Critelli (Idv): lotteremo per la Fondazione Betania CATANZARO - «Non posso che esprimere piena solidarietà ai pazienti, ai lavoratori e a don Biagio Amato per la situazione in cui si è venuta a trovare Fondazione Betania» si legge in una nota del Vicesegretario regionale Franco Critelli. «Ho letto con molta attenzione l’accorato appello di don Biagio Amato rivolto al Presidente della Giunta Regionale Scopelliti, con il quale traccia passo passo tutta l’evoluzione del problema - continua il Vicesegreatrio regionale dell’Italia dei Valori -. Appare evidente che non vi sono responsabilità della Fondazione, ma bensì negligenze della Regione, in quanto in alcune circostanze omette di dare risposte, in altre intende applicare con grande zelo le procedure. Tutto ciò sulle spalle dei poveri pazienti, già condannati dalla sorte ad un bisogno costante di cure, e dei lavoratori, che in molti non sono solo e semplicemente lavoratori ma "fratelli", di questi poveri ammalati. E’ chiaro, che se la Giunta Regionale

non dovesse risolvere il problema costoro avranno sulla coscienza gli ammalati e le loro famiglie, i lavoratori e le rispettive famiglie. Insomma sarebbe la negazione totale di due principi fondamentali della nostra Costituzione, il diritto alla salute e il diritto al lavoro. Noi dell’Italia dei Valori - conclude Franco Critelli - vogliamo credere

MARVI N

che questa Giunta darà le risposte che Fondazione Betania chiede, ma qualora dovessero essere disattese saremo pronti ad intraprendere ogni azione di lotta e di denuncia a fianco degli ammalati e dei lavoratori. E’ una vergogna che Il grido del povero sale fino a Dio, ma non arriva alle orecchie dell’uomo».

Brividi alla Fortuna, ragazzo minaccia la madre e il vicinato CATANZARO - E’ unquarieresconvolto quello della Fortuna che ieri sera ha vissuto attimi di vera paura. Intorno alle 22 infatti nel quartiere, precisamente in via Rimini, una tranquilla serata pre-natalizia si è trasformata in una notte terribile. All’improvviso la quiete viene scossa, si sentono delle urla accompagnate da minacce di morte. Un ragazzo, affetto da tempo da problemi psichici, si scaglia contro la madre minacciandola di morte. Dall’abitazione si sente e si percepisce caos e paura che presto diventa terrore. I familiari cercano di calmare il ragazzo tenendolo lontano dalla mamma ma è un compito non facile. Poi finalmente qualcuno costringe il giovane ad abbandonare la casa, ma fuori l’allarme rimane e diventa generale. Il ragazzo continua ad urlare e minaccia con un bicchiere di vetro in mano tutto il vicinato che si vede costretto a chiamare 118 e forze dell’ordine. Nel giro di qualche minuto giungono sul posto 4 volanti della polizia e i medici del 118 che non possono fare altro che effettuare un sedativo istantaneo al ragazzo che tramortito viene trasportato al pronto soccorso del Pugliese. Madre in totale sconforto e vicinato molto impaurito, tutto è finito con tanto batticuore ma per fortuna nessun ferito.


Venerdì 24 Dicembre 2010 il Domani 17

CRONACHE

MitraClip, UmG la prima Precisazioni sulla ad effettuare l’intervento proroga all’Aimeri CATANZARO - La Cardiologia Universitaria di Catanzaro, diretta dal Prof. Ciro Indolfi, è la prima struttura in Calabria ad aver eseguito una innovativa tecnica per bloccare l’insufficienza mitralica e scongiurare il suo esito in scompenso cardiaco, ictus, infarto, morte, senza ricorrere alla chirurgia a cuore aperto e alla circolazione extracorporea.Lanovitàscientifica si chiama MitraClip, una sorta di "àncora" che, inserita attraverso l’arteria femorale a mezzo di un piccolo catetere fatto avanzare fino al cuore, va a correggere il difetto di chiusura dei lembi della valvola mitralica, una insufficienza che provoca il cosiddetto rigurgito: il sangue ritorna nell’atrio sinistro, fenomeno che riduce di fatto il flusso sanguigno al resto dell’organismo. «La valvola mitralica, localizzata tra atrio e ventricolo sinistro, - ha spiegato il Prof. Ciro Indolfi, Direttore della Catte-

dra di Cardiologia dell’Università Magna Graecia di Catanzaro - può essere colpita da alterazioni che ne possono causare l’incompleta chiusura (denominata insufficienza mitralica). Questa patologia può essere progressiva e debilitante per il pazientE». Oggi invece è disponibile una nuova tecnica per curare l’insufficienza mitralica in pazienti ad alto rischio o che sono improponibili alla chirurgia: la possibilità di intervenire con laMitraCliprappresentaquindi

una grande innovazione. «La paziente che è stata trattata con la MitraClip - ha sottolineato Dott.ssa Annalisa Mongiardo - è una donna di 75 anni, con insufficienza mitralica di grado severo, è stata soggetta a numerose ospedalizzazioni, negli ultimi mesi. Questo innovativo intervento ha permesso il trattamento percutaneo dell’insufficienza mitralica e la stabilizzazione clinica della paziente che potrà trascorrere a casa questi giorni festivi».

CATANZARO - A chiarimento del comunicato relativo al resoconto dei lavori della giunta, in merito alla proroga di mesi sei del contratto della Società Aimeri Ambiente che gestisce la raccolta dei rifiuti solidi urbani nella Città di Catanzaro, il settore ambiente del Comune precisa che la riflessione in merito alla possibilità di pervenire ad un unico gestore nella raccolta dei rifiuti (differenziati e urbani) è in atto presso l’Organo Amministrativo, titolare dell’indirizzo programmatico e non presso l’Organo tecnico che ha compiti esclusivamente gestionali. La riflessione suddetta deve ovviamente essere verificata attraverso un attento studio della legislazione - anche recente - per selezionare il percorso legittimo per pervenire a detto obiettivo. In tale direzione la Giunta Comunale ha nominato un coordinamento amministrativo - tecnico che vede alla guida gli Assessori all’Ambiente e alle Partecipate

con l’ausilio dei rispettivi Dirigentinonchédell’AvvocaturaComunale.


18

il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010

CRONACHE

Muraca Presidente Asi Galati: una forza sana LAMEZIA TERME - «Esprimo viva soddisfazione per la nomina dell’avvocato Luigi Muraca alla Presidenza dell’Asi». Sono le dichiarazioni del deputato del Pdl on. Giuseppe Galati nell’imminenza della nomina che ha decretato un altro importane tassello nello scacchiere delle Partecipate regionali. «L’importanza dell’investitura - af-

«L’avvocato Muraca, potrà dare quelle giuste indicazioni per intraprendere una progettualità attenta e soprattutto produttiva dell’intera area» ferma il deputato del Pdl - è testimoniata dal fatto che si tratta del Consorzio per lo Sviluppo Industriale di tutta la Provincia di Catanzaro, acquisendo lo stesso, nelle intenzioni della nuova forza di Governo regionale che si è venuta a creare dopo le elezioni di marzo 2010, un’importanza nevralgica nelle politiche economiche di sviluppo già intraprese dall’esecutivo e che si determineranno a partire da oggi e per il futuro anche per l’area industriale di Lamezia. L’avvocato Muraca, potrà dare, per la sua competenza ed alta professionalità, quelle giuste indicazioni per intraprendere una proget-

tualità attenta e soprattutto produttiva dell’intera area. L’area industriale di Lamezia - continua il parlamentare del Pdl - ha un’importanza strategica fondamentale nel panorama dell’intero Mezzogiorno, potendo rappresentare un volano di sviluppo per l’intera regione: da questo territorio e da un programma in itinere ed in continua crescita dell’Area portuale di Gioia Tauro si potranno creare quelle condizioni ed opportunità di sviluppo, che se utilizzate al meglio, consentiranno di aprire nuovi scenari per la Calabria. A nome mio e del Pdl di Lamezia conclude l’on. Galati - voglio rivolgere il mio ringraziamento al Presidente Scopelliti per avere, con la scelta di Luigi Muraca, posto le

sue attenzioni verso una forza, giovane e sana, della nostra città, in virtù del nuovo corso della politica regionale, orientato a determinare nomine nei settori nevralgici, che possano creare sviluppo nell’interesse dell’intera regione». Carmela Mirarchi

Giuseppe Galati (Pdl)

Speranza: rammarico per le modalità di rinnovo del Cda Asi, valutiamo cessione LAMEZIA TERME - «Esprimo rammarico e delusione per le modalità con cui è stato gestito il rinnovo del Consiglio di Amministrazione dell’Asi» si legge in una nota del sindaco Gianni Speranza. «La nostra assenza alle votazioni vuole testimoniare in maniera evidente tutto il disappunto ed il disagio del Comune e dell’intera città continua - .La Regione Calabria si è dimostrata del tutto chiusa ad ogni forma di interlocuzione istituzionale con il comune.Ci sembrava scontato che il ruolo del Comune non venisse marginalizzato nell’interesse di una più efficace sinergia istituzionale ed operativa. Da sindaco della città difenderò con forza le prerogative di questo territorio augurandomi che lo sforzo e la fatica di promuovere rapporti di leale collaborazione istituzionale sui grandi temi che riguardano la nostra città e l’affermazione di una equilibrata e rispettosa dialettica istituzionale al riparo dalle logiche dell’appartenenza politica, non resti uno sforzo solo mio ma possa coinvolgere tutti i rappresentanti istituzionali del territorio. Non posso non ribadire - conclude - l’amarezza per quanto avvenuto annunciando l’intenzione di questa amministrazione di valutare, a questo punto, l’opportunità di cedere le quote dell’Asi di proprietà del nostro comune».

Presepe artistico nella parrocchia S.Maria Assunta nel quartiere Gagliano, da ammirare senza fretta CATANZARO - Non è soltanto il classico presepe tradizionale: ci sono un paio di particolari da sottolineare che danno un tocco di originalità a questo grande allestimento curato con amore da un gruppo di uomini di Gagliano. Il primo particolare è la ricostruzione di un "forno di casa" (con tanto di pane appena sfornato), che fa da base all’angolo della natività: richiama l’etimologia popolare del nome Betlemme, che significa "casa del pane", chiara allusione all’Eucarestia, presenza di Gesù nell’oggi della storia. Il secondo particolare è la presenza di tantissimi pastori, poco più di 800 elementi: un vero "popolo in marcia" verso la capanna di Betlemme; inoltre la presenza di specchi e la possibilità di ammirare il presepe da due angolazioni diverse, ne amplifica le profondità e il numero dei pastori, rivelando ad ogni sguardo panorami a sorpresa. Per ammirarlo tutto si consiglia di andare senza fretta. L’orario di apertura della Chiesa Matrice S.Maria Assunta è dalle 17 alle 20.

Il Comune di Lamezia sostiene i progetti di cooperazione LAMEZIA TERME - Anche quest’anno il Comune di Lamezia Terme ha previsto una somma, 10 mila euro, per la compartecipazione alla realizzazione di micro-progetti di cooperazione e solidarietà internazionale. Le organizzazioni che possono accedere al fondo e gestiranno i progetti devono avere sede nella città di Lamezia Terme o essere i referenti locali di organizzazioni non governative nazionali o internazionali riconosciute dal Ministero Affari Esteri ai sensi della legge 49/87. Ogni organizzazione cittadina potrà presentare domanda al settore Politiche Sociali del Comune di Lamezia Terme entro il 28 dicembre allegando copia del progetto che si intende realizzare o che è in via di realizzazione. «Il Comune di Lamezia Terme - ha dichiarato il sindaco Gianni Speranza - che mette il valore della solidarietà e la difesa dei diritti umani al centro della propria attività amministrativa, vuole collaborare insieme alle associazioni che operano nel territorio per migliorare le condizioni di vita di popolazioni che presentano situazioni drammatiche di disagio sociale e dare un contributo al cambiamento del mondo». «L’Amministrazione comunale - ha sottolineato l’assessore alle Politiche sociali, Rosario Piccioni - offre opportunità rivolte agli operatori del settore della cooperazione del nostro territorio. E’ importante avere una visuale ampia, anche in una prospettiva internazionale, e aprirsi a nuove realtà grazie all’aiuto di chi opera in città per dare una speranza e trasmettere un messaggio di pace». Per quanto riguarda il progetto si terrà conto della realtà in cui si inserisce, dando priorità alle situazioni più difficili, a conflitti e post-conflitti. Le aree in cui devono incidere i progetti sono: i bisogni primari (in primo luogo la salvaguardia della vita umana); l’autosufficienza alimentare; la valorizzazione delle risorse umane e quindi la formazione, l’attuazione e il consolidamento di processi di sviluppo; la crescita economica e sociale; il miglioramento delle condizioni dell’infanzia e femminile; la cooperazione come promozione di dialogo e di interscambio di valori tra comunità locali; cooperazione allo sviluppo come approfondimento reciproco delle conoscenze, non solo rapporto tecnico, ma anche rapporto umano finalizzato alla comprensione di identità culturali diverse; cooperazione allo sviluppo come crescita di una sensibilizzazione anche nei cittadini lametini verso i problemi e le situazioni di sottosviluppo presenti nel mondo. Giuseppe Branco

Nella parrocchia “Santa Maria della Pace” Canti e musica per la chiusura della visita Pastorale dell’Arc. Ciliberti CATANZARO - Si è conclusa ieri sera, dopo cinque giorni, di incontri e di preghiera, con un concerto di musica natalizia la visita pastorale dell’Arcivescovo Metropolita Mons. Antonio Ciliberti alla parrocchia "Santa Maria della Pace", nel quartiere "Cassiodoro" di Santa Maria di Catanzaro, che sorge nel nuovo complesso aperto al culto dei fedeli lo scorso 24 ottobre, guidata dal parroco don Biagio Maimone. Nel corso della visita pastorale, da domenica 19 a giovedì 23 dicembre, Mons. Antonio Ciliberti ha incontrato tutti i fedeli della comunità parrocchiale, è entrato nelle case degli ammalati, ha conosciuto i sofferenti e gli emarginati, ha preso parte agli organismi di partecipazione, quali il Consiglio pastorale parrocchiale e il Consiglio per gli affari economici, si è intrattenuto con le forze sociali e produttive presenti nel territorio parrocchiale. Mons. Arcivescovo ha così toccato con mano la vivacità di una comunità che, stretta intorno al suo parroco don Biagio Maimone, cresce giorno dopo giorno nella fede al Signore, offrendo testimonianza di amore e di speranza. Rosa Voci


Venerdì 24 Dicembre 2010 il Domani 19

APPUNTAMENTI

Neffa in concerto a Capodanno Uno dei musicisti italiani più amati dai giovani si esibirà sul palcoscenico di corso Numistrano a Lamezia di Stella Pisani LAMEZIA TERME - Dopo la mezzanotte del 31 dicembre, sul palcoscenico di corso Numistrano a Lamezia Terme, Neffa, uno dei musicisti italiani più amati dai giovani, si esibirà in concerto per il Capodanno 2011. L’artista fermerà il suo concerto per qualche minuto per ricordare le vittime della tragedia che ha colpito la comunità lametina il 5 dicembre scorso e per affrontare il tema della sicu-

rezza stradale. L’Amministrazione comunale ha riflettuto molto sulla possibilità di tenere il concerto nella notte di Capodanno. Alla fine, il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, incoraggiato dalla parte più giovane del suo staff, ha deciso di celebrare le festività per il nuovo anno tenendo conto della particolare atmosfera che la città sta vivendo e di dedicare il concerto di Neffa alle vittime di quel drammatico avvenimento e al tema della sicurezza stradale. «Abbiamo riflettuto molto - ha dichiarato il sindaco

- sulla possibilità di annullare questo concerto ma, dopo un sofferto confronto, abbiamo deciso di confermarlo anche per fare in modo che i nostri giovani evitino di spostarsi in macchina dopo la mezzanotte. Per Lamezia sarà un Natale e un Capodanno diverso da quello degli altri anni. Invito tutta la popolazione ad evitare botti e spari. Il mio obiettivo è di limitarli. So che sarà difficile, però dare un segno serio e percepibile mi sembra una buona azione». Dopo l’esibizione della Mabò Band al Centro commerciale

urbano della città e "White Christmas", la suggestiva parata degli angeli della Compagnia del Teatro dell’Atmo, oggi alle ore 18, sull’isola pedonale di corso Nicotera si svolgerà lo spettacolo "Notte di Natale", con la partecipazione di attori, acrobati e giocolieri. Lunedì si tornerà alla chiesa Matrice dove, alle ore 18.30, si terrà il concerto dei New York Spirit of Gospel. La conclusione del programma è prevista il 6 gennaio su corso Numistrano con l’arrivo delle Befane a partire dalle ore 17.30.


20

il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010

APPUNTAMENTI

L’inziativa dell’Associazione maestri cattolici italiana in occasione del 65° anniversario dalla sua costituzione

“Strasburgo: una sentenza contraria alla storia d’Europa”, convegno Aimc CATANZARO - Si è tenuto il 20 dicembre scorso, in un’accogliente sala del Seminario teologico regionale "S.Pio X" di Catanzaro l’importante convegno "Strasburgo: una sentenza contraria alla storia d’Europa" organizzato dalla sezione provinciale dell’Aimc (Associazione maestri cattolici italiana) in occasione del 65° anniversario dalla sua costituzione col patrocinio della Commissione per le Pari Opportunità del Comune di Catanzaro. Il simposio, moderato dal giornalista Luigi Mariano Guzzo, si è aperto con la presentazione dell’associazione da parte del presidente provinciale dott.ssa Maria Marino che, riprendendo il documento programmatico per il quadriennio 2010-2014 votato all’unanimità nel Congresso Nazionale tenutosi a Roma nel Gennaio del 2010, ha evidenzianto come l’Aimc in coerenza con la sua storia associativa, pone al centro del proprio impegno il professionista di scuola che, mentre accompagna a crescere, cresce e mentre educa si educa. Ciò esige un progetto esistenziale proprio di una perso-

na libera, in grado di interrogarsi sul bene e sul male, coerente nell’agire, responsabile e capace di pensiero critico e creativo". «L’Aimc - ha sottolineato la Marino - si pone infatti quale spazio propositivo e, nell’azione del "prendersi cura" della persona, intende affiancare l’opera educativa di coloro che operano nella scuola. L’Aimc chiede al mondo istituzionale e politico di essere riconosciuta come luogo di costruzione ed elaborazione di expertise professionale e come interlocutore qualificato per le questioni di politica educativo-scolastica; alla Chiesa invece chiede di essere valorizzata come soggetto compartecipe alla missione educativa della Chiesa stessa. L’Associazione - ha concluso la Marino ha scelto, nell’ultimo congresso, di credere nel futuro impegnandosi a promuovere l’innovazione e l’educazione al pensiero implementando sinergie collaborative anche con l’ università per diffondere una proposta fondata sul valore della persona nella sua integralità». Ha poi preso la parola la presidente della Commissione

per le Pari Opportunutà del Comune di Catanzaro Amedea Rizzuto, mettendo in evidenza la motivazione per la quale la Commissione ha scelto di patrocinare l’iniziativa. «La discussione sul crocefisso aperto a livello europeo - ha detto la Rizzuto - parte dall’iniziativa di una donna, cittadina italiana di origini finlandesi; una donna ancora come origine primo delle cose del mondo, o almeno di gran parte di esse; le donne quindi, con il loro ruolo determinante nell’educare, difendere e lottare per il bene dei figli, og-

Il convegno promosso col patrocinio della Commissione per le Pari Opportunità del Comune di Catanzaro si è svolto presso la sala del Seminario teologico regionale “S.Pio X”

nuno secondo le proprie convinzioni, dimostrano di essere anche in questo caso, la spinta endogena della società verso nuove prospettive». Il prof. Alberto Scerbo, docente presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro ha tracciato le tappe principali della sentenza della Corte europea contraria all’esposizione del Crocefisso nei luoghi pubblici, puntualizzando come in questo giudizio i giudici abbiano mostrato la tendenza a difendere le minoranze, ma con criteri ben diversi, rispetto ad altre sentenze espresse per le minoranze di Francia e Grecia, nella definizione dei simboli religiosi, quasi come se nell’acclarata posizione di difensori delle minoranze, difendere poi le maggioranze risulta per quei giudici assai ardimentoso. L’illustre professore quindi ha poi centrato l’attenzione sulle diverse interpretazioni della laicità esistenti nei diversi paesi, non solo europei, mettendo in evidenza di come all’accettazione di tutti i sistemi valoriali esistente oltreoceano, si contrappone l’assunzione di un solo sistema da parte dei singoli paesi europei.

“Per un pozzo in più”, il consigliere provinciale Diana presenta il progetto del Centro missionario COSENZA - Si è svolto in un clima pieno di emozioni il concerto Gospel dell’artista americana Amy Coleman e della sua orchestra, svoltosi a Laino Castello alla presenza di un numeroso pubblico rimasto letteralmente incantato. Nel corso dell’esibizione il consigliere della Provincia di Cosenza Biagio Diana ha parlato del progetto "Per un pozzo in Più" che prosegue in sinergia con il Centro missionario diocesano di don Antonio Abruzzini e don Battista Cimino. Anche quest’anno è risultata molto apprezzata la scelta politica di grande solidarietà, che oramai va avanti da

cinque anni per merito dell’intuizione del presidente Mario Oliverio e dell’assessore Pietro Lecce, finalizzata alla costruzione di pozzi di acqua potabile in Kenia. Al concerto ha partecipato anche il sindaco di Laino Castello Giovanni Cosenza, il quale ha espresso parole di elogio e ringraziamento alla Provincia di Cosenza, al suo presidente Mario Oliverio e al consigliere Biagio Diana per come hanno dimostrato la loro vicinanza ai territori. Dopo il concerto, gli agenti della Polizia provinciale hanno dato luogo alla raccolta dei contributi volontari e del relativo verbale.

Alla relazione del professore Scerbo ha fatto seguito quella di mons. Raffele Facciolo, Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Catanzaro-Squillace e presidente del Tribunale Ecclesiastico,che in apertura,hainvitatolaPresidente dell’Aimcadorganizzareunvertice di dialogo e confronto tra l’Associazione e la Chiesa per la determinazione di obiettivi e strategie operative per il futuro, mostrando grande apprezzamento per l’iniziativa e per la ripresa delle attività. Entrando poi nel merito della tematica del convegno, ha tracciato il profilo pastorale del Crocefisso, nel corso del quale ha fatto un riferimento acuto al filosofo contemporaneo Cacciari, ricordando che ogni "spazio" ha la propria religiosità, ogni "luogo" in ogni tempo è stato attraversato dalla fede, ecco perchè la sentenza di Strasburgo non soddisfa. «Non si può pensare di rispettare

Il simposio, moderato dal giornalista Luigi Mariano Guzzo, si è aperto con la presentazione dell’associazione da parte del presidente Maria Marino tutti senza rispettare se stessi - ha sottolineato mons. Facciolo - o negando la propria identità per affermare quella degli altri, se pari dignità dev’essere allora è bene che non si abbia nulla da "eliminare", ma semmai da "aggiungere"». Mons. Facciolo ha poi fatto osservare che «il Cristo sulla croce altro non è che la piena dimostrazione della generosità umana, della solidarietà, del rispetto della diversità, nessuno può infatti negare che sia stato Cristo per primo ad affermare l’uguaglianza fra le persone».


Venerdì 24 Dicembre 2010 il Domani 21

APPUNTAMENTI

La rilettura della commedia a cura di Nicola Fano e Sebastiano Lo Monaco chiude il 2010 con la grande prosa

“Non si sa come” di Luigi Pirandello approda al Politeama di Catanzaro CATANZARO - "Non si sa come", una produzione tarda di Luigi Pirandello è approdata al Politeama di Catanzaro nei giorni scorsi secondo la versione di Nicola Fano e Sebastiano Lo Monaco. Il quale Lo Monaco, nella sua naturalezza di attore tragico, ha tenuto la scena. La rilettura della commedia pirandelliana, specie nella prima parte della rappresentazione, ha riportato una interpretazione cabarettistica in cui la trama era semplicemente delineata. Prendeva il sopravvento, infatti, il tono giocoso permeato da canzoni degli anni ’30 e ’40 del secolo scorso, dell’epoca in cui ancora viveva Pirandello, le cui parole si inserivano comunque nei contenuti della commedia. Pirandello, invece, appare di prepotenza nella seconda parte della rappresentazione in cui i suoi temi divampano sulla scena: la crisi dell’uomo e la sua irrimediabile solitudine; l’insanabile contrasto tra apparenza e realtà, cioè tra vita e forma; la frantumazione dell’io. Anche in questa commedia, "Non si sa come" l’arte umoristica pirandelliana e’ un’arte che

smascheraedisgrega,un’arteche va oltre ciò che appare, mettendo così a nudo i conflitti segreti dell’individuo che fanno della vita umana un vero inferno, una nave da folli. "Non si sa come " appartiene alla produzione tarda di Pirandello e si iscrive nel circuito di quelle che si possono definire come " commedie filosofiche ". Scritta nel 1934 (l’anno in cui l’Autore riceve il Premio Nobel per la Letteratura ) la Commedia riprende due novelle ( Nel gorgo e La realtà del sogno ) redatte circa venti anni prima, segno evidente che l’idea di fondo si era sedimentata nella mente di Pirandello e che prendeva corpo progressivamente anche attraverso l’approfondimento della psicanalisi. In effetti, il dramma è tutto interiore. La Commedia ha una trama scabra e i personaggi sono ridotti a cinque. Il protagonista, uomo di radicati e saldi principi morali, innamoratissimo della moglie, in un momento di smarrimento commette adulterio con la moglie del suo migliore amico. Egli non si rende conto di come ciò possa essere accaduto e comincia a

Nicola Fano e Sebastiano Lo Monaco

Scritta nel 1934 (l’anno in cui l’Autore riceve il Premio Nobel per la Letteratura) la commedia riprende due novelle (Nel gorgo e La realtà del sogno) redatte circa venti anni prima

scavare nel suo incoscio dal quale affiora un ricordo lontano : nella sua adolescenza, per una causa banale, ha ucciso un suo coetaneo. Da quel momento lui aveva vissuto " come se " quel fatto non lo riguardasse, non era stato lui ad uccidere. La Commedia, dunque, si incentra sul problema della " scissione dell’io " che porta gli uomini a commettere i " delitti innocenti " cioè quelle azioni che la nostra volontà non vorrebbe ma che comunque vengono commesse. Il dramma esplode nel momento in cui la nostra coscienza si rende conto dell’accaduto e va alla ricerca di una giustizia che, più ancora di quella legale, è di ordine morale. "Non si sa come"è una delle commedie di più difficile interpretazione, di elevata difficoltà interpretativa. Ecco perché l’Associazione del Politeama e il Teatro di Calabria, insieme, hanno svolto, qualche giorno prima della rappresentazione, una conferenza esplicativa con lo scopo di rendere più comprensibile questa produzione pirandelliana e quindi maggiormente fruibile. Una conferenza

eccellente tenuta dal prof. Luigi LaRosa,conosciutissimospeciea Catanzaro, dei quali contenuti si ritrovano spunti in queste mie riflessioni. Un lavoro eccellente questo di Lo Monaco che abbiamo visto al Politeama ed egli ne è stato un interprete magnifico. Il pubblico ha lungamente

L’Associazione del Politeama e il Teatro di Calabria, insieme, hanno organizzato, qualche giorno prima della rappresentazione, una conferenza esplicativa applaudito. Un altro spettacolo di levatura superiore. Anche questo offerto dal Politeama a conclusione dell’anno 2010. Un omaggio estremo a Pirandello, perché infila una sua trama (quella di Non si sa come, appunto) in un contesto sociale che gli è lontanissimo, quello della comicità popolare. Con l’obiettivo di dimostrare che le tematiche pirandelliane resistono anche oltre i propri confini drammaturgici, storici e sociali.

Il 5 gennaio serata di beneficenza e testimonianze per ricordare il pittore lametino Nicolino Romeo LAMEZIA TERME - Il 5 gennaio presso la suggestiva location del "Casino Lenza", SS. 280 dei Due Mari, in Lamezia Terme si terrà una serata di beneficenza e testimonianze interamente dedicata al pittore lametino scomparso nel luglio del 2008. Nicola Romeo pittore in Lamezia Terme, da tutti ricordato come "Nicolino" che dedicò l’intera sua vita all’arte. Pittore chiarista della scuola del grande Maestro Cefalì, verrà ricordato la sera del 5 gennaio p.v. da tutti coloro che gli erano vicini. Soggetti ispirati ai monti della Sila, all’azzurro terso del Mediterraneo o alla silente

campagna dell’entroterra, sono percepiti ed interpretati in una sorta di magico candore. All’evento prenderanno parte autorità e critici del settore nonché parenti ed amici colleghi del Maestro Romeo. Saranno proiettati su maxi schermo tutti i momenti della sua vita artistica con una rappresentazione di tutte le sue opere. Lo scopo della serata sarà anche quello di devolvere in beneficenza il ricavato totale del sorteggio di un suo quadro dell’ultimo periodo in onore della sua nota generosità, come anche l’ingresso alla manifestazione sarà gratuito.

Il pittore Nicolino Romeo

Franco Brescia


22

il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010

APPUNTAMENTI L’arte dei detenuti esce di prigione Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CASTROVILLARI Dodicesima Stagione teatrale comunale di Castrovillari Tutto è pronto per dare il via alla dodicesimastagioneteatralecomunale organizzata dall’assessorato alle politiche culturali del comune in sinergia con l’associazione culturale Novecento, presieduta da Luisa Giannotti. Il sipario del Teatro Sybaris si apriràlunedì27dicembrealle21.00 con uno spettacolo gospel, che rappresenta una delle novità di queste stagioni come tiene a precisare il direttore artistico Benedetto Castriota. Gospel, musica classica e recital sono le principali novità di questa stagione che ha già dato il via alla campagna degli abbonamenti che sonoprenotabiliedacquistabilipresso Dany Music e per la prima volta anche online sul sito www.sinfonybiglietteria.it.Toccherà poi alla compagnia locale Aprustum che il 29 e il 30 porterà in scena un classico della comicità napoletana “Il Medico dei pazzi” commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta, per la regia di Casimiro Gatto. L’anno nuovo inizierà con il dittico di Scena Verticale che punta l’indice contro il dominio maschile sulla donna, a partire da due “piccole storie” femminili, scritte dirette e interpretate daSaverioLaRuina.Stiamoparlando di “la Borto”, fresco vincitore del premio UBU come migliore novità italiana che andrà in scena il 3 gennaio e di “Dissonorata” che sarà in scena il 5 gennaio. “Infinite o sfinite? Miracoli delle donne d’oggi” è il titolo della commedia del 15 gennaio condueinterpretid’eccezione:Emanuela Grimalda e Paola Minaccioni. Il 5 febbraio , poi la stagione teatrale comunale proporrà un vero e proprio evento “Altro di me non saprei cantare”, che porterà al teatro Sybaris il soprano Katia Ricciarelli, accompagnata dal tenore Francesco Zingariello. “Pagine Rossi Show” con Riccardo Rossi sarà in scena il 12 febbraio . Il 24 febbraio va in scena “Santos”, spettacolo tratto da un racconto di Roberto Saviano, rivisitato drammaturgicamente da Giuseppe Miale Di Mauro e Mario Gelardi che ne cura anche la regia. Il 2 ed il 3 aprile il Teatro della Sirena presenta “A’ Ciarra”, libera elaborazione drammaturgica e regia di Giuseppe M. Maradei con Rosario Rummolo e Fabio Pellicori. Penultimo spettacolo in cartellone, il 9 aprilelaCompagniaDivanoOccidentale Orientale presenta “Pepè el bastardo impaziente e innamorato” di Giuseppe L. Bonifati, Piero De Vita, Salvatore Zinna, per la regia di Giuseppe L. Bonifati. La stagione chiuderà il sipario il 13 aprile con “La malattia della famiglia M” del Teatro Stabile di Bolzano scritto e diretto da Fausto Paravidino, con Nicola Pannelli, Fausto Paravidino e Jacopo-Maria Bicocchi. COSENZA Il secondo Bergamini-Day Si ricelebra a Cosenza il Bergamini-day, giornata commemorativacheavràancoracomedata

Anche quest’anno la Direzione dell’Istituto Reggino ha voluto promuovere l’iniziativa di esposizione delle piccole opere di arte Sacra realizzate dalle Detenute della Sezione femminile. La manifestazione si è svolta su un affollatissimo Corso Garibaldi che si presentava addobbato per le prossime festività di Natale; il luogo la suggestiva Piazza San Giorgio, con l’eccezionale cornice dell’antico Tempio della Vittoria. L’esposizione e la vendita dei prodotti realizzati dalle detenute è stata curata dai volontari dell’associazione “Libera…mente” che opera ormai da diverso tempo presso la struttura penitenziaria e promuove continue iniziative per assicurare alle detenute ed ai detenuti l’utilizzo del “tempo positivo”. Lo stand è stato visitato da moltis-

sime persone, in special modo dai giovani, attratti dal senso di quello che vedevano esposto più che dall’opera in sé, in particolare modo dal pieno significato di libertà che le opere stesse esprimono: un modo originale per creare la necessaria osmosi tra il carcere e il mondo esterno. La mostra di icone rappresenta, per ogni detenuta che l’ha realizzata, un momento di contatto con sé stessa, con il proprio io, un momento di riflessione nella solitudinedellacella,marappresenta soprattutto una proiezione verso la società esterna. La società civile ha in mente purtroppo un modello di carcere che rappresenta il detenuto solo ed esclusivamente in senso negativo, inoperoso, e povero di espressività; viceversa le icone esposte sulla bancarella parlano da sole e rappresentano un mondo di sen-

timenti e di emozioni e il desiderio di volare, di dare alla vita un respiro grande, molto più grande della miseria e del limite che ogni uomo porta con sé, insieme alle sue straordinarie, nascoste ricchezze. I visitatori della mostra osservando i manufatti hanno avuto modo di non pensare al detenuto ma al cittadino; non pensare al rifiuto ma all’accettazione , e pensare soprattutto ad un uomo o donna che incomincia a vivere per riconquistare la propria vita. Un particolare grazie agli operatori del “Centro di Aggregazione Giovanile SottoSopra”, che attraverso la disponibilità dei Responsabili Angela Campolo, Carlo Gaeta e Andrea Giordano, hanno fatto si che l’idea stessa si concretizzasse e non si sono risparmiati a condurre in porto l’iniziativa per le due giornate di esposizione.

il 27 dicembre . Il programma comincerà a svilupparsi in mattinata, quando Donata Bergamini risponderà a Claudio Dionesalvi ai microfoni di Radio Ciroma nel programma “L’altra Cosenza incontra Donata Bergamini”. La sorella di Denis nel primo pomeriggio sarà quindi ospite in diretta negli studi di Radio Libera Bisignano. A seguire, alle ore 18.00, è previsto un dibattito moderato da Iole Perito nel salone delComunediCosenzaconaltavolo deirelatoriilsindacodiCosenzaSalvatorePerugini,PietroLecce,Massimo Veltri, Oliviero Beha,Gabriele Carchidi e la stessa Donata Bergamini.Inserata,ilclou:riflessioniefesta. Al teatro Morelli, con il patrocinio dell’amministrazione comunale, alle ore 21.00, si terrà uno spettacolo di beneficenza. Lo spettacolo, sarà condotto da Eliseno Sposato.

qualcheminutoperricordarelevittime della tragedia che ha colpito la comunità lametina il 5 dicembre scorso e per affrontare il tema della sicurezza stradale. Il programma di iniziative prevede oggi , alle ore 18.00, sull’isola pedonale di corso Nicotera si svolgerà lo spettacolo "Notte di Natale", con la partecipazione di attori, acrobati e giocolieri. Lunedì 27 dicembre si tornerà alla chiesa Matrice dove, alle ore 18.30, si terrà il concerto dei New York Spirit of Gospel. La conclusione del programma è prevista il 6 gennaio su corso Numistrano con l’arrivo delle Befane per i più piccoli a partire dalle ore 17.30.

S.Giuseppe, la Banda Musicale di Città di Mandatoriccio si esibirà in un concerto di musica sacra. Infine, lunedì 27 dicembre , alle ore 20.00, questa volta nel centro storico, si terrà la rappresentazione del “Presepe Vivente”, patrocinata dal Comune. Personaggi del luogo, vestirannogliabitidell’epocaesfileranno tra le stradine più caratteristiche del borgo.

CROTONE Incontro di fine anno In occasione del tradizionale incontro di fine anno con la stampa, il sindaco Peppino Vallone, invita il giorno 27 dicembre 2010 alle ore 11.00 presso il Museo del Mare e della Terra, Via Per Capocolonna. LAMEZIA TERME Capodanno con Neffa sul corso a Lamezia Terme Dopolamezzanottedel31dicembre ,sulpalcoscenicodicorsoNumistrano, Neffa, uno dei musicisti italiani più amati dai giovani, si esibirà in concerto per il Capodanno 2011. L’artista fermerà il suo concerto per

MANDATORICCIO Eventi natalizi Identità 365 l’anno. La missione socio-culturale dell’amministrazione Comunale guidata da Angelo Donnici non conosce pause. Dalla partecipatissima programmazione estiva al calendario natalizio. Oggi , alle ore 16.30 alla marina, successivamente alle ore 19.00 nel borgo antico, un gruppo di zampognari eseguiranno musiche natalizie per le strade, augurando buone feste con uno degli strumenti più identitari della cultura calabrese. Sabato 25 dicembre , alle ore 21.00, in Piazza S. Giuseppe alla Marina si terrà la rappresentazione del “Presepe vivente”, organizzato dalla Parrocchia S.S.Pietro e Paolo e patrocinato dal Comune. Domenica 26 dicembre,alleore20.30semprealla Marina, presso la Parrocchia di

PALMI I Concerti delle Feste MusicArte Calabria presenta i concerti delle feste a Palmi presso l’auditoriumdellaCasadellaCultura"Leonida Repaci" lunedì 27 dicembre , alle ore 21.15, "Happy day gospel singers". Domenica 2 gennaio , alle ore 21.15, concerto di capodanno National Philarmonic orchestra "S. Prokofiev" di Donestk, Alexander Dolinsky direttore. REGGIO CALABRIA Programma Associazione Anassilaos Martedì 28 dicembre , ore 16.45, presso la sala “De Nava” Biblioteca Comunale, si terrà la presentazione del volume di Ennio Valtergano “La Signora del borgo” (Bastogi Editore). Sarà presente l’autore. ROSSANO Il territorio nel calendario Kreusa 2011 Dalla Sala degli Specchi del Castello DucalediCoriglianoCalabro,alTorrione degli Spinelli di Cariati; dall’Elefante di Campana alla Torre

diSantaTecladiMirto,dallachiesetta bizantina di Santa Maria del Pilerio all’oratorio bizantino della Panaghia di Rossano, dai resti del Castello svevo di Calopezzati al ParcoArcheologicoaSibarinelcomune diCassanoalloIonio;dallaMuraglia di Annibale sulle colline di Pietrapaola; alle grotte nella roccia di San Giovanni nella zona del Pedale a Caloveto; e poi ancora il Campanile della Chiesa Matrice di S. Michele Arcangelo, nel centro storico di Crosia, e i resti del maestoso Castello di Mandatoriccio. Le immagini ed il progetto complessivo sono contenute nel Calendario 2011 ideato e realizzato dalla Gioielleria Kreusa che sarà presentato, oggi , alle ore 11.30, presso il Welcome Bar, allo Scalo di Rossano, alla presenza dei sindaci dei Comuni ritratti. Città della Musica VI Edizione Il prossimo appuntamento della Città della Musica - Pomeriggi Musicali, organizzato dall’Assessorato allo Spettacolo, in collaborazione con il Centro Musicale “Giuseppe Verdi” è previsto per domenica 26 dicembre , alle ore 21.30, presso il teatro Amantea Paolella. Il Gruppo dei PiKema porterà in scena lo spettacolo “namiKurà:atto unico di musica bellissima”. Il gruppo è composto da Piero Gallina (violino e lira calabrese), Checco Pallone (chitarra, alle percussioni e alla mandola), Enzo Naccarato (Fisarmonica), Carlo Cimino (Contrabbasso) Mariarosaria Bianco (voce) e Nicola Pisani (sax). Chiese aperte per la Notte Bizantina S.E. Santo Marcianò, comunica che le chiese di San Nilo, San Bernardino, San Domenico, San Marco, la Cattedrale e la Panaghia, unitamente al Museo Diocesano, rimarranno aperte durante la Notte Bizantina di martedì 28 dicembre , fino alle ore 24.00. SAN LORENZO BELLIZZI Convegno su “Timpe e Gole del Raganello: Patrimonio dell’Umanità” Martedì 4 gennaio 2011 , alle ore 16.00, presso la sala conferenze "Casa del parco" si terrà un convegno su “Timpe e Gole del Raganello: Patrimonio dell’Umanità”. SIDERNO II Edizione di “A Natale puoi… Christmas Village” Fino ad oggi , la Pro Loco di Siderno e il team del World Village organizzano la II Edizione di “A Natale puoi… Christmas Village”. All’interno del “Christmas Village” saranno allocati alcuni gazebo addobbati a festa e adibiti alla vendita di artigianato e degustazione di prodottitipicidelNataleel’ufficiopostale di Babbo Natale dove i bambini potranno spedire le loro lettere e fare la foto ricordo con il personaggio natalizio che più amano. Appuntamento quindi in Piazza Vittorio Veneto a Siderno.


Venerdì 24 Dicembre 2010 il Domani 23

APPUNTAMENTI Concerto “The Dark Side of the Moon” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari novità per arricchire la consueta programmazione anticipando il primo spettacolo della giornata alla mattina. L’iniziativa, valida fino al 28 dicembre 2010 (fatta eccezione per i giorni di Natale e Santo Stefano) coincide con l’arrivo sul grande schermo del nuovo film d’animazione “Le avventure di Sammy (3D)”, eccezionalmente proiettato nella nuova fascia delle 11.00 del mattin.

ALTOMONTE Mostra personale di Zefa Paci Zefa Paci espone fino al 29 dicembre , presso il Bar “Città del Sole” nel centro storico di Altomonte, dove ha avuto luogo l’inaugurazione della mostra “Identità Ribaltate”. CASTROVILLARI Aprustum porta in scena “Il medico dei pazzi” Un appuntamento da non perdere con la compagnia teatrale Aprustum, che nei giorni 28, 29 e 30 dicembre , alle ore 21.00, sarà al Teatro Sybaris con lo spettacolo “Il medico dei pazzi”, tre atti di Eduardo Scarpetta, per la regia di Casimiro Gatto. Lo spettacolo rientra nel cartellone della dodicesima stagione teatrale organizzata dall’amministrazione comunale in sinergia con l’associazione culturale Novecento. CATANZARO Mostra personale di pittura di Nunzio Ardiri Fino al 26 dicembre , nel quadro delle manifestazioni legate alle prossime feste natalizie, nei locali della Parrocchia“MadonnadiPompei”,si terrà la mostra personale di pittura: espone Nunzio Ardiri.Inaugurazione al termine della S. Messa delle ore 11.00, di domenica 19 dicembre. Presentazione a cura di don Pino Silvestre.La mostra, il cui ingresso è gratuito, potrà essere visitata nei giorni feriali dalle ore 17 alle 20 e nei festivi anche dalle ore 9 alle 13. Torneo di calcio giovanile Il Comitato Regionale della Figc ha organizzato,incollaborazioneconla Us S.Maria e Fc Catanzaro Lido un torneodicalciogiovanileintitolatoal compianto Paolo Procopio apprezzato e stimato Vigile Urbano della Città di Catanzaro con un trascorso da calciatore dilettante.Al torneo, riservato alle categorie pulcini, esordienti, giovanissimi e Juniores, parteciperanno , tra le altre, le formazioni del Crotone Primavera, del Catanzaro e della Vigor Lamezia Berretti e la Rappresentativa Regionale Juniores della Calabria. La manifestazione avrà svolgimento nei giorni del27,28,29e30dicembresuicampi di Catanzaro Lido e Santa Maria. Capodanno al GranTeatro Le Fontane Sono ufficialmente partite le prevendite per la grande festa di fine anno che il GranTeatro Le Fontane proporrà anche per la chiusura del 2010. L’evento prevede alcuni special guest che andranno ad affiancare i dj resident Freddy Dj, Luca Cirillo Deejay e Dac Dj (Main room), Pablito Dj e Zazi (House room). Si tratta di Provenzano Dj, che arriva a Catanzaro direttamente da Radio M2O, e della playmate di Playboy e dj Reina Moncada. Ma top special guest della serata sarà Cristian Marchi. I biglietti, disponibili già presso le prevendite abituali in tutta la Calabria nonché presso gli uffici dellaTicketService(0961.726313),hanno il prezzo di 30,00 euro, compren-

Nei giorni scorsi, presso la birreria T. Monk, a Soverato, si è svolta la conferenza stampa di presentazione del concerto: “The Dark Side of the Moon” - tributo ai Pink Floyd che si terrà mercoledì 29 dicembre 2010 , ore 22.00 - Teatro Comunale di Soverato. L’iniziativa, voluta e curata dall’AssociazioneCulturaleOlivadese, si giova della collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Soverato, che con grande sensibilità ha messo a disposizione il teatro cittadino e delle lungimiranti Amministrazioni Comunali di Satriano e Davoli, che patrocinano l’evento. Sponsor unico della manifestazione, il marchio di due noti locali soveratesi (T. Monk e Marechiaro), il cui titolare, Signor Franco Mellace, animato da vero spirito propositivo, ha voluto sostenere quest’importante iniziativa culturale. L’organizzazione dell’evento è affidata alla Puntieri Management, del signor Vittorio Puntieri. Lo spettacolo prevede una prima parte con la riproposizione integrale e fedele del notissimo album “The dark side of the moon”, seguita da un’antologia di altri bra-

ni “storici” della ricchissima produzione dei Pink Floyd; le musiche, sapientemente eseguite, avranno un supporto (non secondario) di immagini originali e brani di testi oniricamente evocati da spunti sulla vita della storica band inglese. Il progetto è realizzato e messo in scena da otto giovani e talentuosi musicisti, Raffaele Vinaccia (Vocals) - Elena Friedrich (Vocals) - Fabio Greco (Guitar) Giacomo Ronconi (Guitar) - Domenico Labanca (Keiboards) Francesco Luzzio (Bass) - Riccardo Nebbiosi (Tenor Sax) - Roberto Palladino (Drums), provenienti dal Saint Louis College of Music di Roma, guidati da Fabio Greco (ideatore del progetto). Si tratta, dunque, non di un semplice concerto, ma di uno spettacolo/evento che mira a mettere in luce la graffiante modernità della musica e del messaggio dei Pink Floyd, che l’Associazione Culturale Olivadese ha voluto proporre in uno scenario insolito per un concerto di musica pop. Il progetto, nonostante riprenda un classico notissimo, è assolutamente originale, come piuttosto

innovativa (almeno dalle nostre parti) è la proposta di fruire un certo tipo di musica a teatro. Inoltre esso riesce brillantemente a soddisfare un altro requisito tipico delle proposte dell’Associazione: aver avuto la forza di attivareunafruttuosacooperazione fra Enti e soggetti (a cui va la nostra profonda gratitudine) fra loro disomogenei per ruolo e competenze, ma uniti dal comune intendimento di farsi promotori di occasioni di vero stimolo culturale, per di più offerto da un gruppo di musicisti giovanissimi, per quanto già molto capaci. Lo spettacolo è a pagamento (non vi è stato altro modo per sostenerne i costi), per un biglietto d’ingresso (unico, senza distinzione di posto) a 10,00 euro (diritti di prevendita compresi). I biglietti sono reperibili presso L’Associazione Culturale Olivadese (347.4863900), la Puntieri Management (334.5978797), il botteghino del Teatro di Soverato - Birreria T. Monk - Disco Express - Quelli che il Toto (tutti a Soverato), Edicola Fusto - De Luca (San Vito sullo Jonio), Foto Gullì (Chiaravalle C.le).

sivo di prevendita e prima consumazione. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla Ticket Service e alla Esse Emme Musica (0961.872883 – 761471 www.essemmemusica.it).

Castello Carlo V per tutto il mese di dicembre.Organizzatadall’amministrazionecomunaleedall’Università della Calabria, con il contributo dell’Ats Krognosi, la mostra si propone come un viaggio nel magico e variegato mondo pitagorico.

lavate, in particolar modo, lenzuola e coperte. Il 27 dicembre, il 3 e il 6 gennaio ritorna L’Albero e "Blacks-out_arte e musica col marchio solidale", presso i locali dell’Ex Stazione Fcl. Il 27 dicembre , alle ore 22.00, PeppeCavallari,filosofoeperformer di origini nicoteresi, si cimenterà nel discorso meta-teatrale, a tratti auto-ironico, "Il pianista si scusa ma aveva altro da fare", spettacolo poi coronato dall’etno-organic dei cosentiniBanistereo.Il3gennaio,con inizio alle ore 22.00, il reading dei poeti Carmine Mercuri e Luca Lo Preiato lascerà strada ai ritmi rockeggianti delle formazioni reggine Captain Quentin e Mr Connecticut. Si conclude il 6 gennaio , alle ore 22.30, con l’arsenale musicale house-trancey-underground di M_Lesta.

COSENZA Tecne programma 2010-2011 Programma di concerti organizzato per il teatro cittadino dalla neo-associazioneTecne.Rassegnadeglieventi: Concerto di Musica Elettroacustica – 18 febbraio 2011. Red Basica Chamber plays Dario Argento – 8 aprile 2011. Free Radicals in ErotiKollage – 11 maggio 2011. Ho solo la faccia di un uomo (soliloquio per attore solo, fisarmonica e percussioni), da Piero Ciampi – 20 maggio 2011. CROTONE Mostra “Simmetrie” dedicata a Pitagora Prosegue il binomio Crotone e Pitagora, le attività previste dal progetto “Pitagora” proseguono con la mostra“Simmetrie”chesaràospitatadal

IONADI Il Natale jonadese Il comune di Jonadi, l’associazione di promozione sociale L’Albero e l’associazione di promozione turistica Pro Loco di Jonadi, in occasione dellefestivitànatalizie,ritornanocon una ricca programmazione che coinvolge l’intera comunità. Il 26 dicembre , la Pro loco di Jonadi incorona la XVIII edizione del presepe viventechesisvolgerà,coninizioalle ore 16.30, nelle caratteristiche vie del centro storico. La rappresentazione terminerà con l’arrivo dei Re Magi alle suggestive grotte naturali che si trovano all’inizio del paese in una onirica cornice naturalistica nei pressi degli antichi lavatoi pubblici chiamati "funtana vecchja", in cui, fino a qualche decennio fa, venivano

LAMEZIA TERME Il The Space Cinema anche di mattina Non è Natale senza cinema, e lo sa bene il The Space di Lamezia Terme che quest’anno presenta un’assoluta

PANETTIERI 10^ edizione Presepe Vivente Nei giorni 25 e 26 dicembre ; 1, 2 e 6 gennaio , dalle 17.00 alle 20.00, presso il centro Storico, organizzazione del Comune, con la collaborazione dellaProLoco,siterràladecimaedizione del "Presepe Vivente" REGGIO CALABRIA Mostra d’arte sacra Torna in occasione delle festività natalizie la tradizionale mostra d’arte sacra promossa dalla Chiesa di San Giorgio al Corso e dall’associazione Culturale Anassilaos. “Adeste fideles” è il tema della rassegna di pittura, scultura e grafica dedicata alla Natività che sarà esposta fino al 6 gennaio 2011 presso la stessa Chiesa di San Giorgio/Tempiodeklla Vittoria. Iniziative di Suono in Calabria per le festività Natalizie Radici del Suono e Vacanze Romane invitano a passare le vacanze in Calabria all’insegna della Musica Tradizionale e del Sonu a Ballu. 28-29 dicembre 2010 Sentieri del Suono da Cardeto a Bagaladi. Una due giorni di ospitalità e di incontro diretto con i portatori della tradizione e del suono Cardolo in collaborazione dell’Associazione Zampognari di Cardeto. Giorno 2-6 gennaio 2011 , "U Stegg!" stage itinerante di danza e strumenti dell’Aspromonte Meridionale ROCCELLA JONICA Mostra-asta per beneficenza Terza mostra-asta di pittura e scultura per beneficenza con dèfilè di moda a favore dei bambini , presso Convento dei Minimi di Roccella Jonica (RC) - Piazza San Vittorio. Le opere potranno essere ammirate a partire dalle 15.30 del 27 dicembre , fino alla serata conclusiva di giovedi 29 dicembre, quando alle ore 19.00 inizierà l’asta vera e propria inframezzata dall’elegante defile di moda organizzato dalle sorelle Sergio che contribuiranno alla beneficenza. SETTINGIANO Manifestazione “Natale 2010” Si terrà a Settingiano, centro alle porte di Catanzaro, la manifestazione “Natale 2010” interamente dedicata ai più piccoli. Nella frazione Martelletto, nel giorno del Santo Natale, 25 dicembre dalle ore 10.30, Babbo Natale in compagnia dei suoi amici zampognari allieterà la giornata con le musiche natalizie. Sarà rilasciato un diplomino da Babbo Natale.


24

il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Generation, 2009

La collettività di Marinella Senatore La giovane campana traccia una personale e variegata mappa emotiva dell’interazione tra individui e luoghi Giorgia Bernoni È possibile raccontare la comunità attraverso l’esclusivo operare di un singolo? La molteplicità delle dinamiche sociali attraverso uno solo dei suoi componenti? Decisamente sì, se a farlo è Marinella Senatore. La ragazza poco più che trentenne di Cava de Tirreni è infatti oggi con le sue creazioni tra gli artisti più indicati per sviscerare, in maniera assolutamente personale, il rapporto che lega osmoticamente l’uomo al suo tessuto sociale, antropologico e culturale. In un percorso sempre in bilico tra cinema e fotografia, i due poli espressivi entro cui finora si è mossa la sua ricerca, la Senatore scandaglia ed esplicita la tematica della partecipazione intesa come produttiva ambivalenza. Contesti differenti attraverso i quali la videoartista si esprime, ma tuttavia univoci nella volontà di comunicare il continuo legame dialogico che esiste tra le vicende personali e la storia collettiva. Il suo è infatti un lavoro attento anche ai mondi possibili e paralleli, un viaggio al limite dell’accadimento che sviluppa una narrazione partendo da un episodio reale, come succede in Manuale per i viaggiatori: il video del 2007 presentato al museo Madre di Napoli in cui la vicenda centrifuga e immaginifica si dipana intorno al dato reale del giorno di nascita dell’artista. Schegge di fantasia nate da frammentidi possibile, evocazioni oniriche maturate da quotidiane epifanie. Marinella scrive da un’autunnale New York, fornendo così un’interessante occasione per riflettere e confrontarsi con la sua già ricca produzione artistica. Ricordi la tua prima opera? A quando risale e di cosa si tratta? «È il video "I’ll never die" del 2003. Una catena di eventi apparentemente casuali si snodavano attorno a una serie di coincidenze e probabilità, elementi che tutt’oggi mi affascinano molto nella narrazione. Si tratta di un video molto semplice, una natura morta che si anima nel finale, quando la serie di eventi concatenati da origine a una coincidenza estremamente privata. Il racconto è articolato intorno all’anno della mia nascita e credo che in una

Contesti differenti attraverso i quali la videoartista si esprime, ma univoci nella volontà di comunicare il legame dialogico che esiste tra le vicende personali e la storia collettiva maniera molto ingenua e istintiva, racchiuda già quegli elementi tipici del racconto che poi sono per me diventati materia di ricerca». Dove nasce la tua indagine e cosa ti guida nella ricerca? «Ho studiato belle arti e cinema, ora sto completando il mio dottorato di ricerca in Spagna con un focus sui sistemi relazionali di partecipazione collettiva nell’arte pubblica e le potenzialità dell’im-

Frame tratto dal video All the things I need, 2006

magine filmica. I meccanismi della narrazione, i formati, le potenzialità linguistiche sono punti centrali della mia ricerca ma alla fine la verità è che mi piace molto quello che faccio e lo vivo intensamente. Sono curiosa e mi diverto così tanto che non potrei mai smettere». Le tue opere sono all’insegna della multidisciplinarietà, a cavallo non solo tra videoarte e fotografia ma anche tra scenografia e pittura. Come riesci a ges-

tire questa varietà di componenti e ottenere un risultato comunque omogeneo? «Mi piace pensare che per ogni cosa che voglio dire, studiare, approfondire e condividere posso trovare, inventare e riscoprire mezzi diversi e linguaggi differenti. Del resto del cinema m’interessa la potenzialità del linguaggio, come anche dei suoi formati, non il suo immaginario». Molti tuoi lavori si incentrano sulla tematica della partecipazione intesa come esperienza del coinvolgimento. Puoi spiegare meglio questo aspetto? «Quando lavoriamo, i partecipanti innanzitutto imparano qualcosa e poi lo portano con sé assieme al ricordo di essere stati sul set. Trovo estremamente interessante poter ribaltare la posizione di chi guarda passivamente a partecipante attivo. Il pubblico viene dunque coinvolto come


Venerdì 24 Dicembre 2010 il Domani 25

IL DOMANI DELLA CULTURA

“Coming soon” è la mostra a Roma Cerco di mettere in atto una relazione affettiva che si trasmette di storia in storia di voce in voce. Il racconto, la memoria collettiva, la narrazione in genere diventano così un proficuo scambio attore e tecnico non professionista: i partecipanti imparano a utilizzare la camera, a costruire il set, a organizzare la produzione e a gestire gli attori; altre volte addirittura è stato coinvolto come produttore». Attraverso la memoria colleghi episodi personali a processi collettivi dove fatti e finzione finiscono per sovrapporsi. Qual è la funzione di questa stratificazione? «Cerco di mettere in atto una relazione affettiva che si trasmette di storia in storia, di voce in voce. Il racconto, la memoria collettiva, la narrazione in genere, diventano scambio». Dopo New York c’è qualche altra città in cui ti piacerebbe vivere e lavorare? «Andrò in Cile il prossimo anno per un progetto di residenza. In Europa vorrei passare del tempo in Germania e in Polonia».

Marinella Senatore

L'artista al lavoro su un set

Frame tratto dal video All the things I need, 2006

Marinella Senatore è nata a Cava de’ Tirreni, in provincia di Salerno, il 21 marzo del 1977. Dopo essersi diplomata all’accademia di Belle arti di Napoli, ha frequentato il Centro sperimentale di cinema a Roma e ha insegnato sceneggiatura e video all’università di Cuenca in Spagna. Oggi l’impegno di Marinella Senatore riscuote un successo di critica e di pubblico, testimoniato dagli ultimi premi vinti: premio New York e premio Terna musei 2010. È finalista al premio Furla 2011. L’artista realizza per la mostra romana all’Ex elettrofonica un’installazione creata appositamente per lo spazio. Attraverso differenti media, Marinella Senatore si propone di ricreare atmosfere che pongono l’osservatore in uno stato di continua aspettativa, "Coming soon" appunto, in attesa di un evento che deve ancora compiersi. Così la Senatore presenta un trailer di suggestioni, lasciando allo spettatore il compito di immaginarne la prosecuzione. Fino al 16 febbraio 2011. Galleria Ex elettrofonica, vicolo di Sant’Onofrio 10, Roma. Info: 0664760163.


26

il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010

DALL'ITALIA E DAL MONDO Il premier, nella tradizionale conferenza stampa di fine anno, sicuro di farcela

A fine gennaio si fa il punto, o buona maggioranza o voto di Carlo Bassi ROMA - Sull’allargamento della maggioranza, ha spiegato il Presidente del Consiglio nella conferenza stampa di fine anno a Villa Madama, «ho posto io alla Lega il termine di gennaio per prendere una decisione definitiva». «Se come penso avremo maggioranza che ci consentirà di portare al voto del Parlamento le riforme che riteniamo utili e necessarie per nostro Paese potremo continuare nella legislatura. Se alla fine mese di gennaio, contro le mie previsioni, non dovessimo avere maggioranza sufficiente non per galleggiare ma per governare e fare le importanti riforme credo che si possa ritenere che forse la cosa migliore sarebbe avere una nuova possibilità di maggioranza nei due rami Parlamento. I sondaggi di cui disponiamo ci dicono che avremmo una forte maggioranza sia alla Camera che al Senato». «Siamo assolutamente convinti di poter ampliare la nostra maggioranza alla Camera - ha ribadito il premier -, può

tranquillamente governare visto che la Merkel non ha la maggioranza al Senato, da due anni c’è un governo di minoranza in Canada, il presidente Obama non ha la maggioranza in una Camera, mentre noi l’abbiamo in entrambe». «Penso di arrivare almeno ad avere 325 parlamentari alla camera e aumentare anche quella del Senato», ha aggiunto il premier. «Penso ai tanti parlamentari che appartengono a tante forze politiche in campo che hanno motivi di delusione o di contrasto con i gruppi cui appartengono e le loro politiche», ha aggiunto il premier, secondo cui questi parlamentari potranno «passare con noi (nel Pdl, ndr) o con un gruppo di nuova formazione quale quello che si sta delineando alla Camera di ‘responsabilità nazionale’». Rispondendo alle domande dei giornalisti il premier ha poi detto: «Non ci sarà nessuna manovra correttiva in primavera. Anche

il commissario europeo ha escluso questa possibilità». «Escludo che il partito che unirà le forze moderate possa tornare a chiamarsi Forza Italia», ha dichiarato ancora il presidente del Consiglio, aggiungendo: «Cambieremo la denominazione Pdl per due motivi: perché c’è rischio che venga impugnato al momento della presentazione delle liste e perché è un acronimo che

«Penso di arrivare almeno ad avere 325 parlamentari alla Camera e aumentare anche quella del Senato» ha aggiunto il premier parlando con i giornalisti

«Il presidente della Camera deve essere una istituzione super partes: questo non è stato, soprattutto ora che è stato eletto leader di un partito all’opposizione»

non commuove e non produce emozioni». «Il presidente della Camera deve essere una istituzione super partes: questo non è stato, soprattutto ora che è stato eletto con maggioranza ed è passato a essere leader di un partito che si è collocato all’opposizione. Ci sono altri cinque-sei motivi ma non voglio aggiungere altro». «Non credo che con Fini ci sarà un riavvicinamento» ha detto poi rispondendo ad una domanda. «Da un anno Fini ha portato dei distinguo dal Pdl, dalla maggioranza, dal governo e dal sottoscritto. La determinazione di Fini credo sia definitiva perché quando facemmo una colazione e mi avvertì della sua intenzione di fare gruppi autonomi, mi disse che per divorziare bastava la volontà di una sola persona. Allora capii che la rottura era preparata da tempo». Accennando alla rottura con Bossi nel 1994, Berlusconi ha ricordato che avvenne «per colpa del presidente della Repubblica Scalfaro che gli disse che ero sul baratro per vicende giudiziarie. E invece fui assolto con formula piena». In risposta ad un’altra domanda, Berlusconi ha confermato che se avrà la maggioranza necessaria il centrodestra cercherà di ottenere la carica più alta dello Stato allo scadere del mandato presidenziale di Giorgio Napolitano. Una mossa giusta dopo tre presidenti consecutivi voluti dal centrosinistra, la cui elezione ha anche inciso sulla composizione della Corte costituzionale, ha ribadito il Presidente del Consiglio.

Dopo mesi di dibattiti e incidenti anche sanguinosi, il ddl diventa legge: cosa dice

Il ddl Gelmini è legge: al Senato 161 sì, 98 no, 6 astenuti di Carlin ROMA - Il Senato ha approvato in via definitiva la riforma dell’università del ministro Maria Stella Gelmini con 161 i voti a favore (Pdl, Lega e Fli), 98 voti contrari (Pd e Idv), 6 gli astenuti (Api, Udc, Autonomie). Meritocrazia e selezione. Più responsabilità per consigli di amministrazione. Direttori generali come manager. Via le facoltà inutili e maggiori finanziamenti agli atenei virtuosi. Abilitazione nazionale per diventare docente di ruolo. Giro di vite sui nepotismi accademici. Incentivi per i ricercatori italiani che vogliono tornare ad operare in Italia. Questi i punti salienti di una riforma che tutti discutono ma che nessuno conosce davvero bene. Ma il Senato ha dato ieri il definitivo via libera al disegno di legge che cambia il sistema universitario italiano, la ’riforma Gelminì in questi mesi fortemente contestata da molti studenti e da parte del mondo accademico. Il testo si è sempre più ampliato nel corso delle prime due revi-

sioni a palazzo Madama e alla Camera, sino a costituire l’attuale conformazione di 25 articoli complessivi. I punti introdotti dalla riforma cambiano non poco l’assetto attuale dei 66 atenei italiani. Ad iniziare dai rinnovati Cda: avranno maggiori responsabilità su assunzioni e spese, anche delle sedi distaccate, ma anche più rappresentanze di privati (40%) in modo da garantire una valutazione oggettiva e imparziale; ricercatori a tempo (massimo 6 anni); valutazioni dei docenti con obbligo di relazione triennale;professoriordinariincattedra non oltre i 70 anni; nuove modalità dei concorsi con rappresentanza minima dei commissari interni e commissioni di abilitazione nazionale, con presenza anche di prof stranieri. Il ddl prevede poi la fusione o la federazione degli atenei (massimo 12 facoltà ciascuno) con meno iscritti o settori di attività simili, e meno finanziamenti a quelli che non produrranno qualità (a valutare saranno anche gli studenti). Ma anche direttori generali che diventeranno veri e propri manager dell’ateneo. I

bilanci, inoltre, dovranno rispondere a criteri di maggiore trasparenza. Spariscono le borse post-dottorali. Tra le novità contenute nella riforma dell’università che incideranno su lezioni e rapporto con gli iscritti, c’è la prevista certificazione per i professori delle attività didattiche, di ricerca e di gestione: viene fissata in 1.500 ore annue complessive, di cui almeno 350 destinate ad attività di docenza e assistenza agli studenti. Diventerà poi più difficile diventare docenti ordinari, poiché la riforma introduce l’abilitazione nazionale: potranno accedervi solo un terzo degli aventi diritto. Tra gli emendamenti più significativi approvati prima del voto alla Camera figura la riduzione del mandato massimo dei rettori, da sedici a sei anni; il superamento del blocco degli scatti stipendiali solo per i migliori ricercatori e professori; il salto nel ruolo della docenza di 1.500 ricercatori l’anno tra il 2011 ed il 2013. Nel ddl previsto anche un giro di vite sui nepotismi accademici, attraverso l’im-

possibilità di avere parentele fino al quarto grado, per partecipare ai concorsi, con professori appartenenti al dipartimento o alla struttura che effettua la chiamata, oltre che il rettore, il direttore generale o un consigliere d’amministrazione dell’ateneo. Introdotti degli incentivi per consentire ai ricercatori italiani che hanno svolto un dottorato all’estero di poter tornare ad operare in Italia. Limite al 5%, infine, degli organici di ruolo per la stipula di contratti di docenza e ricerca con esperti esterni a titolo gratuito. Quanto a futuri altri cambiamenti alla riforma, la maggioranza ha tenuto ferma la linea di possibili correzioni con un intervento del Governo e il ministro Gelmini ha annunciato possibili modifiche con un emendamento al decreto milleproroghe.


Venerdì 24 Dicembre 2010 il Domani 27

DALL'ITALIA E DAL MONDO Investimenti da un miliardo per Fiat Mirafiori, si tratta per chiudere

Due ordigni all’ambasciata svizzera e a quella cilena, poi un paio di falsi allarmi: si segue la pista anarchica

Attentati alle ambasciate a Roma, un ferito grave di Roberto Carli ROMA - Un pacco esplosivo recapitato presso l’ambasciata svizzera in via Barnaba Oriani, un altro all’ambasciata cilena in via Po e un terzo sospetto, poi rivelatosi un falso allarme, alla sede diplomatica dell’Ucraina in via Guido D’Arezzo. Due i feriti, uno dei quali, il portinaio della sede diplomatica elvetica è ricoverato in codice rosso al Policlinico Umberto I, operato d’urgenza rischia l’amputazione delle mani. Scatta l’allerta in tutte le ambasciate e sedi diplomatiche a Roma: la questura in stretto Scatta l’allerta in tutte le contatto con il ministero degli Esteri sta ambasciate e sedi attivando ed esediplomatiche a Roma: la guendo le verifiche in tutte le sedi prequestura in stretto senti nella Capitale. E contatto con il ministero nel pomeriggio un altro pacco sospetto degli Esteri trovato in strada, in piazza Vescovio, è stato subito preso in esame degli artificieri. È la pista anarchica quella a cui gli inquirenti della Procura di Roma danno maggiore valore in queste ore. I magistrati del pool antiterrorismo procederanno a breve all’apertura di specifici fascicoli per ogni episodio. L’ipotesi di reato è sempre quella di attentato con finalità

di terrorismo. I magistrati attendono a breve una relazione da parte degli investigatori dei militari del Ros. Ma, dice il questore di Roma, «non si tratta assolutamente di strategia della tensione. Per ora abbiamo due episodi certi il terzo era un allarme e stiamo verificando». «Stiamo lavorando con gli artificieri della polizia e dei carabinieri e abbiamo allertato tutte ambasciate e informato la Farnesina in merito a questa situazione», ha concluso il questore. «Stiamo verificando in questi minuti di cosa si tratta, ma è comunque un fatto grave in sé. Proprio in questi momenti stiamo allertando anche le nostre sedi diplomatiche all’estero. Le autorità stanno accertando di cosa si tratta, ma non creiamo allarmismi. Mi sembra prematuro dire che cosa ci sia all’origine». Lo ha detto il ministro degli esteri Franco Frattini a margine della presentazione dei nuovi strumenti dell’unità di crisi, quando le notizie erano ancora frammentarie. . Frattini ha quindi confermato la notizia che di tre pacchi bomba «due sono esplose e hanno provocato sei danni, vediamo se il terzo pacco in questo momento definito sospetto è della stessa natura. Tutte le altre ambasciate stanno facendo le opportune verifiche, noi stiamo mandando messaggi di particolare cautela delle nostre sedi considerate a rischio. Alcune le abbiamo rafforzate di recente ma questo è un messaggio di carattere generale».

Crollo verticale delle assenze per malattia nella Pa ROMA - Rispetto allo stesso mese del 2009, a novembre le assenze per malattia dei dipendenti pubblici sono diminuite del -21,2% (le giornate medie di assenza sono pari a 0,87 per dipendente). Si sono inoltre evidenziate riduzioni sia degli eventi di assenza per malattia superiori a 10 giorni (-12,3%) sia delle assenze per altri motivi (-6,3%). Si tratta come al solito di stime riferite al complesso delle amministrazioni pubbliche ad esclusione dei comparti scuola, università, pubblica sicurezza e vigili del fuoco. La rilevazione statistica, realizzata dal Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione in collaborazione con l’Istat, si basa sui dati trasmessi in via telematica a Palazzo Vidoni da 4.452 amministrazioni pubbliche. Il monitoraggio conferma come la Legge n. 133/2008 abbia ridotto in misu-

ra significativa i giorni di assenza per malattia. A due anni e mezzo dalla sua approvazione, la riduzione media delle assenze per malattia procapite dei dipendenti pubblici è infatti pari a circa -35%. Un dato che corrisponde a 65.000 dipendenti in più ogni anno sul posto di lavoro (una cifra superiore a tutta la popolazione residente nel Comune di Viterbo). Le nuove regole volute dal Ministro Renato Brunetta hanno modificato strutturalmente i comportamenti dei dipendenti pubblici, favorendo una condotta di maggiore responsabilità, ispirata a principi di correttezza professionale e riconoscimento del merito. I tassi di assenteismo del settore pubblico si sono così riallineati a quelli del settore privato: un successo che si traduce in una maggiore qualità e quantità dei beni e dei servizi pubblici erogati ai cittadini.

TORINO - È proseguita per tutta la giornata all’Unione industriale di Torino la trattativa tra Fiat e parti sociali sul futuro di Mirafiori. Presente al tavolo il responsabile delle relazioni industriali per il Lingotto Paolo Rebaudengo e tutte le sigle sindacati: Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl e Associazione quadri. Tutte le indicazioni portano a una firma separata come a Pomigliano. La Fiom ha ribadito infatti che "se la Fiat ripropone il testo del 3 dicembre, non ci sono condizioni per un accordo". I nodi dell’intesa sono riconducibili a turni, pause e trattamento delle malattie. Ottimista il responsabile nazionale auto della Uilm, Eros Panicali: «Siamo fidu- Il leader della Cisl ciosi che oggi faremo un bel regalo ai lavoratori». Il se- Raffaele Bonanni: gretario generale della Fi«Dobbiamo garantire smic, Roberto Di Maulo ricorda invece che «siamo di questo investimento, fronte a una operazione di straordinaria importanza». perché non c’è nessuno Fiduciosonelraggiungimenin Italia pronto a farlo» to di un accordo anche il leader della Cisl Raffaele Bonanni: «Dobbiamo garantire questo investimento, perché non c’è nessuno in Italia pronto a farlo». Sergio Marchionne preme per chiudere la vicenda Mirafiori entro Natale anche con la sigla sindacale che più di tutte si è mostrata perplessa verso il piano di risanamento e sviluppo dello stabilimento torinese della Fiat. «Invito Fiom a firmare entro Natale e ad assumersi le proprie responsabilità» sono state le parole dell’amministratore delegato dell’azienda, che ha anche sottolineato l’importanza della richiesta di incontro inviata dalle altre due sigle sindacali coinvolte nella trattativa, la Fim e la Uilm, sicuramente più "morbide e possibiliste".


28

il Domani VenerdĂŹ 24 Dicembre 2010

MAPPAMONDO

Puntata dedicata al cinepanettone per Porta a Porta di Bruno Vespa, che sa come alzare... l’auditel. Ospiti del talk show le sirene Belen Rodriguez, Serena Autieri e Barbara Tabita.


Venerdì 24 Dicembre 2010 il Domani 29

MAPPAMONDO

Sarà bionda, sembrerà nordica, ma il temperamento siculo il ministro Stefania Prestigiacomo non lo può nascondere. Così alla Camera ha dato il ben servito al Pdl reo di averne ignorato i suggerimenti.


il Domani Venerdì 24 Dicembre 2010 31

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI

CHIUSURA

FTSE Italia All-Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

VAR. %

21.486,97 0,18 20.774,16 0,20 24.349,54 -0,28 22.039,39 0,24 21.867,73 0,10 11.568,94 0,24

Euro

METALLI

US $

UK £

¥en

USD/on

1 Euro

1.0

1.3110

0.85010 108.79

ORO

1 US $

0.76240

1.0

0.64820 82.860

ARGENTO

1 UK £

1.1758

1.5419

1 ¥en

1.0

127.92

0.0091903 0.012048 0.0078132

1.0

EURO/gr

1 382,10

33,81

29,47

0,723

PLATINO

1729,00

42,64

PALLADIO

764,02

18,98

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

A.S. Roma 1,042 +0,10 17.30.03 1,036 A2A 1,05 -0,19 17.30.38 1,047 Acea 8,685 -2,31 17.30.34 8,625 Acegas-Aps 3,7525 -0,46 17.30.13 3,75 Acotel Group 44,03 -0,83 17.30.12 44,02 Acque Potabili Acsm-Agam 1,09 +0,93 17.30.21 1,08 Aedes 0,19 +0,00 17.30.28 0,1875 Aeffe 0,46 +1,55 17.30.15 0,46 Aegon 4,655 +0,92 11.50.11 4,655 Aeroporto Firenze 11,25 -0,44 17.30.49 10,78 Ageas 1,761 -0,68 17.18.54 1,755 Ahold Kon Aicon 0,185 -0,75 17.22.21 0,183 Alcatel-Lucent 2,1975 +0,69 16.58.29 2,1825 Alerion 0,5165 +1,57 17.30.28 0,50 Allianz 90,10 -0,88 17.19.19 89,83 Amplifon 3,80 -0,39 17.30.04 3,785 Ansaldo Sts 10,64 -0,09 17.30.35 10,59 Antichi Pellettieri 0,4985 -0,50 17.30.55 0,477 Apulia Prontop 0,365 +1,81 17.30.45 0,3495 Arena 0,0255 -1,16 17.23.11 0,0253 Arkimedica 0,421 -1,86 17.30.45 0,418 Arkimedica 2012 Cv5% Ascopiave 1,58 +0,32 17.30.12 1,574 Astaldi 4,935 -0,35 17.30.40 4,925 Atlantia 15,47 +0,52 17.30.17 15,35 Autogrill Spa 10,67 +2,40 17.30.10 10,37 Autostrada To-Mi 9,945 -0,35 17.30.22 9,90 Autostrade Merid 22,40 +2,38 17.30.51 21,99 Axa 12,78 -1,62 17.08.14 12,72 Azimut 6,79 +0,15 17.30.01 6,755 B Interm-15 Cv 1,5% 88,05 +0,06 17.07.01 88,00 B&C Speakers 3,70 +0,00 17.30.10 3,6025 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 102,96 -0,13 16.25.55 102,91 Banca Generali 9,30 +0,60 17.30.50 9,235 Banca Ifis 5,375 +1,03 17.30.45 5,325 Banca Intermobiliare 4,18 +0,12 17.24.48 4,175 Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 106,80 -0,05 13.48.14 106,29 Banco Popolare 3,5275 -0,56 17.30.52 3,515 Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 110,15 -0,11 17.24.50 110,00 Banco Santander 8,06 +0,12 17.30.03 8,06 Basf 61,67 +0,07 17.20.10 61,00 Basicnet 2,73 -2,50 17.30.57 2,73 Bastogi Spa 1,604 -4,81 17.30.45 1,577 Bayer 56,38 -0,95 16.27.27 56,30 Bb Biotech 49,00 +0,00 17.30.37 48,63 Bca Carige 1,64 -0,36 17.30.59 1,621 Bca Carige R 2,71 -3,47 15.48.35 2,71 Bca Carige-13Cv 1,5% 109,12 +0,06 13.04.16 109,12 Bca Finnat 0,4985 +0,50 17.30.01 0,492 Bca Mps 0,886 +0,23 17.30.40 0,8805 Bca Pop Di Spoleto 3,3925 -0,22 17.13.11 3,3525 Bca Pop Emil Romagna 9,54 +0,00 17.30.07 9,43 Bca Pop Etrur-Lazio 3,1075 -0,72 17.30.53 3,08 Bca Pop Milano 2,7525 +0,46 17.30.18 2,735 Bca Pop Sondrio 6,275 -0,71 17.30.05 6,225 Bca Profilo 0,4395 -0,11 17.30.20 0,433 Bco Desio Bria Rnc 3,84 -0,77 17.30.30 3,69 Bco Desio Brianza 4,00 -1,36 17.30.20 3,99 Bco Sardegna Risp 9,18 -0,33 17.30.01 9,18 Bee Team 0,40 +1,52 16.55.00 0,40 Beghelli 0,735 +1,66 17.30.22 0,711 Benetton Group 4,8325 +0,57 17.30.28 4,8025 Beni Sta 2011 Cv2,5% 99,80 -0,05 16.27.15 99,80 Beni Stabili 0,6435 -0,23 17.30.58 0,641 Best Union Company 1,43 +4,30 17.30.42 1,429 Bialetti Industrie 0,3465 -1,84 17.30.34 0,3465 Biancamano 1,325 -0,38 17.30.23 1,32 Biesse 5,47 +0,92 17.30.56 5,40 Bioera Sospensione Bmw 63,54 -0,87 17.19.45 63,54 Bnp Paribas 49,49 -0,60 17.24.11 49,20 Boero Bartolomeo Bolzoni 2,2075 -1,34 17.30.26 2,1975 Bonifiche Ferraresi 28,85 +1,19 17.30.39 28,61 Borgosesia 1,256 -0,63 17.30.33 1,256 Borgosesia R 1,349 -9,46 17.36.09 1,349 Bper 12 Cv Sub 3,7% 101,04 +0,02 12.50.33 101,03 Brembo 7,99 +2,63 17.30.34 7,77 Brioschi 0,1417 -1,94 17.30.03 0,1405 Bulgari 8,36 +0,97 17.30.01 8,26 Buongiorno 1,156 -0,34 17.30.38 1,147 Buzzi Unicem 8,585 -0,29 17.30.52 8,535 Buzzi Unicem Rnc 5,23 +0,97 17.30.29 5,135 Cad It 3,995 +0,13 17.30.21 3,99 Cairo Communication 2,64 -0,84 17.30.12 2,525 Caleffi 1,114 +3,44 17.30.10 1,085 Caltagirone 1,772 -1,56 17.05.45 1,772 Caltagirone Edit 1,697 +0,30 17.16.13 1,665 Camfin 0,3685 +2,36 17.30.21 0,36 Campari 4,935 -1,00 17.30.40 4,93 Cape Live 0,211 +6,08 17.30.51 0,194 Cape Live Cv 5% 2009-2014 72,00 -10,00 17.35.29 72,00 Carraro 3,815 -2,43 17.30.57 3,75 Carrefour 31,96 -1,54 17.23.45 31,78 Cattolica Ass 19,13 -2,60 17.30.51 19,13 Cdc 1,72 +0,59 17.30.48 1,701 Cell Therapeutics 0,276 -0,54 17.30.00 0,2755 Cembre 6,445 +3,62 17.30.23 6,20 Cementir Holding 2,10 +1,21 17.30.28 2,075 Centrale Latte To 2,44 +0,00 17.30.52 2,40 Ceramiche Ricchetti 0,2595 -0,95 17.30.01 0,259 Chl 0,1388 +1,61 17.30.03 0,1366 Cia 0,2795 +0,90 17.30.56 0,273 Ciccolella 0,699 -2,92 17.14.55 0,6765 Cir-Comp Ind Riunite 1,414 +0,00 17.30.49 1,407 Class Editori 0,439 -0,23 17.30.56 0,43 Cobra 1,298 -2,99 17.30.01 1,25 Cofide Spa 0,664 -0,67 17.30.26 0,655 Cogeme Set 0,39 -0,51 17.30.45 0,38 Cogeme Set 2014 Cv 91,00 -1,09 16.16.35 88,03 Conafi Prestito' 1,03 +0,00 17.30.03 1,012 Cr Bergamasco 20,70 +0,24 17.18.29 20,06 Credem 4,6875 -1,11 17.30.33 4,685 Credit Agricole 9,91 +1,43 14.57.19 9,91 Credito Artigiano 1,308 +2,19 17.30.52 1,262 Credito Valtellinese 3,3375 -0,60 17.30.48 3,315 Crespi 0,143 +2,36 17.30.35 0,1413 Creval 2013 Cv 100,22 -0,13 17.23.03 100,14 Csp Int Ind Calze 1,06 -0,93 15.17.37 1,06 D'Amico 0,987 +0,97 17.30.28 0,9665 Dada 4,95 -1,39 17.30.20 4,95 Daimler 54,11 -0,72 17.19.32 54,11 Damiani 0,821 -1,08 17.30.09 0,815 Danieli & C 24,22 -1,38 17.30.06 23,87 Danieli & C Risp Nc 13,16 -2,01 17.30.48 13,15 Danone 48,07 +0,33 17.08.47 47,95 Datalogic 6,00 +1,01 17.30.21 5,89 De'Longhi 5,90 -1,01 17.30.03 5,86 Dea Capital 1,128 -1,23 17.30.21 1,128 Deutsche Bank 39,55 -0,20 17.30.32 39,44 Deutsche Telekom 9,695 +0,47 17.30.13 9,66 Diasorin 33,14 -1,02 17.30.02 33,14 Digital Bros 1,65 +10,00 17.30.48 1,58 Dmail Group 2,88 -2,78 17.30.43 2,88 Dmt 15,80 +0,19 17.30.12 15,72

Max 1,075 1,056 8,88 3,82 44,80

Apertura 1,049 1,05 8,88 44,55

1,09 0,1916 0,19 0,485 0,4605 4,655 11,34 11,34 1,788 1,77 0,19 0,19 2,2075 0,5165 90,76 90,76 3,845 10,70 10,65 0,5005 0,5005 0,365 0,0258 0,0258 0,435 1,585 5,05 15,64 10,70 9,995 22,48 12,79 6,855 88,05 3,70 103,22 9,37 5,39 4,18 106,80 3,6375 110,47 8,275 61,99 2,80 1,666 57,05 49,37 1,65 2,7475 109,12 0,508 0,8945 3,42 9,685 3,1625 2,8075 6,37 0,445 3,87 4,0575 9,25 0,40 0,80 4,87 99,93 0,65 1,43 0,355 1,351 5,50

1,574 4,975 15,35 10,43 9,98 22,48 6,795 3,70 9,24 106,29 3,5425 110,10

1,666 48,65 1,643

0,8835 3,3525 9,545 3,13 2,7425 6,32 0,44 4,0575 9,25 0,721 4,8025 0,644

65,18 50,01 2,24 28,90 1,335 1,503 101,10 8,05 0,1492 8,375 1,175 8,67 5,235 4,00 2,6925 1,145 1,782 1,70 0,3685 5,01 0,2131 72,00 3,85 32,36 19,68 1,764 0,279 6,445 2,1175 2,44 0,268 0,1396 0,2795 0,73 1,422 0,44 1,338 0,666 0,398 92,12 1,03 20,75 4,77 9,91 1,31 3,36 0,149 100,35 1,061 0,987 5,03 54,39 0,844 24,64 13,51 48,10 6,05 6,04 1,14 39,68 9,71 33,48 1,65 2,995 15,95

28,90 1,278 101,10 7,83 0,1453 8,28 1,171 8,555 2,65 1,12 1,70 0,364 4,97 0,203 3,83 19,68 0,2785 6,20 2,075

0,73 1,412 0,44 0,666 0,398 92,10 4,7375 1,308 3,3375 1,06 0,9855

24,42 13,51 5,905 1,14 39,63 33,41 1,58 15,78

AZIONI E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enel Green Power Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Falck Renewables Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group First Capital Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iren Isagro It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Meridiana Fly Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pms Poligraf. S. F

Prezzo ultimo contr. Var % 22,95 0,8675 1,231 1,372 12,72 1,424 4,3625 3,8525 1,604 1,20 21,24 16,67 10,44 0,963 0,5095 5,60 1,918 24,86 18,76 18,59 0,951 2,17 17,92 15,52 11,48 11,37 3,67 4,415 8,62 1,01 0,502 6,44 3,86 16,30 1,088 0,336 4,05 28,20 4,65 0,522 0,95 14,74 3,5075 4,00 1,711 3,94 4,605

Ora

Min

+1,55 16.31.45 22,90 -2,91 17.30.08 0,8655 -1,52 17.30.49 1,225 +1,48 17.30.46 1,357 -0,47 17.30.26 12,72 +1,07 17.30.44 1,401 +0,29 17.30.47 4,3625 +0,07 17.30.32 3,83 +0,56 17.30.26 1,594 -0,08 16.55.44 1,20 +1,14 17.30.15 21,01 +0,48 17.30.42 16,62 -0,38 17.30.44 10,42 +0,05 17.30.50 0,962 -1,83 17.30.32 0,496 +0,99 17.30.12 5,49 -0,62 16.51.19 1,911 Sospensione -0,20 17.30.00 24,75 +2,51 17.30.01 18,30 +1,53 17.30.34 18,42 +0,11 17.30.19 0,949 -0,23 17.30.09 2,15 +0,00 17.24.47 17,90 +1,37 17.30.10 15,37 +1,68 17.30.43 11,32 +1,52 17.30.44 11,27 -1,34 17.30.02 3,54 -1,29 17.30.45 4,4025 Sospensione +0,12 17.30.13 8,56 -0,98 +0,50 +0,86 -0,77 +1,43 +1,49 -3,59 +2,02 -0,35 -1,06 -1,42 -1,81 -0,40 -0,07 -1,60 -0,12 +0,13 +0,77

17.30.08 17.30.23 17.30.11 17.30.18 17.30.24 17.17.05 17.30.27 17.30.02 13.20.12 17.30.13 17.30.36 17.30.18 17.30.29 17.30.15 17.30.58 17.30.31 17.30.55 16.32.52

1,00 0,4885 6,40 3,8225 15,97 1,088 0,336 4,0275 28,12 4,55 0,5145 0,903 14,71 3,485 4,00 1,709 3,93 4,60

7,68 +2,06 17.30.35 7,52 1,546 -0,26 17.30.21 1,533 Sospensione 0,8355 +0,42 10.23.43 0,801 14,75 +0,20 17.30.00 14,65 1,447 -1,83 17.30.38 1,447 0,91 -3,19 15.03.17 0,91 1,279 -0,08 16.35.44 1,247 0,818 -0,73 17.30.41 0,8105 2,185 -0,57 17.30.10 2,175 7,90 +2,87 17.30.25 7,53 8,44 -0,47 17.30.24 8,42 6,815 -2,08 13.56.14 6,815 2,3875 +2,47 17.30.09 2,3025 7,30 -0,81 17.23.51 7,30 0,3975 +10,26 17.30.43 0,366 0,71 -2,74 17.30.46 0,6835 5,59 +1,09 17.30.26 5,46 2,1375 -0,35 17.30.02 2,125 1,853 -1,23 17.30.56 1,851 0,0124 -0,80 16.59.46 0,0124 1,50 +1,35 17.30.25 1,48 1,245 -0,40 17.30.52 1,242 3,1975 +0,87 17.30.35 3,15 2,91 -2,10 17.30.45 2,80 6,60 +0,69 17.30.45 6,535 3,6225 -0,75 17.30.53 3,6075 25,60 +2,40 17.30.17 25,03 17,55 +2,21 17.30.36 16,85 1,992 -0,65 17.30.39 1,985 0,922 +0,44 17.20.01 0,917 0,0759 +0,93 17.30.32 0,0735 3,65 +8,23 17.30.53 3,48 2,0775 +8,20 17.30.52 1,96 0,337 +1,51 17.22.49 0,3305 0,584 +1,13 16.28.07 0,584 83,03 -2,98 11.28.02 83,03 1,775 -0,67 17.24.26 1,765 2,9925 -0,17 17.30.19 2,9725 0,395 -2,83 17.30.31 0,389 9,39 +0,43 17.30.18 9,33 23,00 +0,88 17.30.34 22,73 127,15 -0,43 15.39.40 126,80 3,335 -0,67 17.30.20 3,3125 0,2142 -0,19 17.09.29 0,2142 4,275 +1,00 17.30.10 4,25 Sospensione 8,585 +3,19 17.30.23 8,35 2,37 +1,61 17.30.59 2,345 4,585 +1,05 17.30.19 4,55 6,85 -0,22 17.30.52 6,815 3,175 +0,16 17.30.20 3,155 0,045 -2,17 17.30.50 0,045 0,3475 -3,20 17.30.24 0,34 0,95 -1,55 17.17.04 0,925 10,00 +0,50 16.33.19 9,995 1,206 +0,33 17.30.01 1,192 1,341 +0,83 16.33.51 1,341 3,085 +0,49 16.38.17 3,06 0,415 +0,73 17.30.23 0,4055 2,675 -0,46 17.30.39 2,66 0,1406 -0,99 17.30.39 0,14 4,855 -1,87 17.30.41 4,855 0,4035 +0,12 16.16.38 0,4035 0,1495 -2,98 17.30.12 0,1494 0,3145 -1,10 17.30.26 0,2955 0,8945 +7,90 17.30.15 0,8355

Max 23,00 0,898 1,26 1,375 12,96 1,431 4,3625 3,87 1,606 1,20 21,39 16,75 10,57 0,9635 0,523 5,63 1,942

Apertura 0,894 1,25

3,85 1,596 21,30 16,69 10,56 0,963 5,50

25,25 25,02 18,87 18,37 18,70 18,46 0,973 0,9595 2,205 2,205 17,92 15,65 15,38 11,53 11,34 11,46 11,30 3,9175 3,73 4,5075 8,66

8,58

1,08 1,026 0,502 6,55 6,40 3,97 3,90 16,30 1,088 0,354 4,06 28,20 4,70 4,70 0,5295 0,5285 0,9595 0,903 14,89 14,81 3,545 3,5125 4,00 1,731 1,724 3,9425 4,7225 7,75 1,583 0,8355 14,88 1,475 0,91 1,28 0,8275 2,20 7,90 8,555 6,815 2,3875 7,40 0,40 0,74 5,645 2,1625 1,882 0,0127 1,54 1,251 3,1975 2,975 6,62 3,70 25,69 17,75 2,0025 0,9275 0,0759 3,7875 2,08 0,34 0,585 85,73 1,775 3,02 0,401 9,42 23,07 127,80 3,3775 0,2149 4,34 8,60 2,39 4,6075 6,91 3,20 0,0463 0,37 0,9645 10,00 1,219 1,368 3,085 0,415 2,71 0,1441 5,005 0,415 0,1543 0,3165 0,92

7,565 1,552 14,70 1,474 0,91 0,8155 2,1925 7,90 8,48 7,38 0,396 0,7275 5,50 2,1575 1,868 1,48 1,25 3,17 2,975 6,555 3,65 25,15 17,17 0,926 3,4925

2,9975 9,35 22,83 3,3725 4,2925 8,36 4,5675 6,86 3,175

1,202 1,368 3,0775 2,69 0,14

0,3155 0,8475

4,8175 1,166 3,10 6,30 7,84

-0,15 +0,34 +0,65 +0,08 -0,25

17.30.38 4,7875 4,9625 17.09.14 1,112 1,168 17.30.22 3,07 3,13 15.26.53 6,295 6,30 17.21.52 7,81 7,88

0,57 1,57 2,08 23,29 2,4325 3,495 3,5425 1,829 6,215 5,715 3,4075 9,10

-1,98 -0,82 +2,59 +1,48 +0,00 -1,55 -2,07 -0,60 +0,08 -0,26 +0,81 +0,33

17.30.09 0,564 0,5855 0,5855 17.30.20 1,525 1,613 17.30.55 2,0225 2,0925 2,0275 17.30.00 22,85 23,29 17.30.10 2,415 2,46 2,4375 17.30.11 3,415 3,6625 3,55 17.30.36 3,54 3,6475 3,60 17.30.43 1,829 1,865 17.30.29 6,185 6,24 6,21 17.30.34 5,715 5,80 9.20.37 3,4075 3,4075 15.47.32 9,00 9,10

6,30

AZIONI Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Prelios Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Seteco International Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vita Societa Editoriale Vittoria Ass Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Ergycapital 2016 Warr First Capital 2013 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Tamburi 2013 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Warr Unipol 2013 Warr Unipol Prv 2013 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

0,478 0,71 0,94 121,35 1,087 0,444 0,771 0,72 7,13 12,85 0,172 0,8855 1,036 0,7395 2,0125 7,11

-0,42 -1,39 +0,54 -1,67 -2,34 +0,91 -2,40 -0,69 +5,16 +0,31 -2,16 -0,89 +0,00 +1,86 +0,00 +1,43

17.12.19 0,478 0,49 9.01.40 0,71 0,71 17.30.18 0,927 0,948 0,93 14.59.48 121,35 121,41 17.30.47 1,068 1,129 17.30.32 0,436 0,452 0,4415 17.30.15 0,77 0,804 0,7995 17.30.35 0,715 0,742 17.30.00 6,80 7,13 6,965 17.30.46 12,79 12,92 12,79 17.30.47 0,172 0,177 17.08.36 0,8855 0,889 17.30.41 1,025 1,043 1,035 17.24.37 0,726 0,742 12.43.07 2,0125 2,0125 17.30.52 7,00 7,16 7,07

0,229 19,21 0,354 0,045 0,221

-0,22 -0,05 -0,14 +0,22 -2,86

17.30.30 0,229 0,2339 0,2339 17.30.26 19,19 19,44 19,22 17.30.40 0,3495 0,3565 17.30.48 0,0445 0,0462 17.30.44 0,221 0,23

49,50 0,6875 25,46 0,354 6,93 5,26 13,59 37,01 36,99 49,50 37,83 1,599 9,995 7,69 0,624 0,0865 0,776 5,68

2,3725 5,05 57,99 1,705 0,529

-0,90 17.30.09 49,00 51,19 -4,51 17.30.55 0,6825 0,71 0,71 -0,74 17.30.06 25,32 25,69 25,69 +0,14 17.30.00 0,346 0,354 +0,00 17.30.21 6,90 6,94 -0,38 17.30.00 5,19 5,28 5,275 -0,29 17.30.27 13,50 13,83 13,79 -0,08 17.30.33 36,92 37,62 37,25 +4,20 17.30.52 36,99 36,99 -0,10 17.21.58 49,15 49,52 -0,94 17.30.41 37,83 38,40 +0,38 17.30.45 1,585 1,599 1,589 -0,05 17.30.52 9,995 10,01 +0,13 17.30.23 7,60 7,69 +1,55 17.30.14 0,61 0,6245 0,6245 -0,69 17.30.49 0,0855 0,0889 0,0867 +0,00 17.30.07 0,776 0,776 +1,79 17.30.12 5,62 5,80 Sospensione -0,63 17.30.50 7,085 7,15 7,15 +0,22 16.15.51 92,80 93,15 +0,63 15.52.57 94,00 94,95 +0,00 17.30.31 2,6725 2,74 -0,26 17.30.26 3,7725 3,81 3,80 Sospensione Sospensione -2,10 17.30.11 0,0791 0,0813 -5,55 17.30.33 40,14 42,25 Sospensione -0,21 17.30.06 2,3325 2,41 2,41 +0,10 16.44.47 5,02 5,105 +1,74 13.07.16 57,89 57,99 -0,18 17.30.44 1,693 1,714 1,714 +6,55 17.30.16 0,495 0,539

7,845 1,41 0,72 1,54 0,33 0,995 0,2338 0,8225

-0,13 +0,71 -3,94 +2,67 +2,48 +1,17 +0,13 +0,18

17.30.50 7,80 7,89 7,83 17.30.09 1,387 1,41 17.30.11 0,714 0,77 0,75 17.30.32 1,50 1,54 1,53 17.30.49 0,33 0,33 17.30.09 0,979 0,998 0,9835 17.30.08 0,2321 0,2351 0,2336 17.30.13 0,8175 0,8285 0,8175

18,65 3,225 3,465 0,655 0,0809 75,77

+0,32 +1,18 -0,29 +0,92 +0,50 -1,85

17.30.13 18,44 18,69 18,66 17.30.53 3,1725 3,23 3,1775 17.30.51 3,45 3,50 17.30.33 0,638 0,657 17.30.31 0,0794 0,0825 0,0805 17.30.29 75,50 77,66 77,35

40,49 10,83 5,48 6,88 104,66 0,514 1,647 1,913 24,50 0,4715 0,369 4,0475

+1,17 17.19.44 40,43 +0,09 17.30.45 10,62 -3,09 17.30.31 5,435 +0,51 17.30.21 6,815 -0,01 17.23.59 104,66 +0,98 17.30.38 0,505 -0,30 17.30.08 1,639 -2,20 17.30.57 1,913 +6,52 17.30.32 23,78 -0,32 17.30.08 0,471 -1,07 17.30.50 0,369 +0,00 16.24.44 4,00 Sospensione -1,76 17.30.41 1,286 -0,44 17.16.57 3,92 +0,00 16.26.20 0,7305 -0,69 17.30.46 3,575 +0,43 15.52.51 20,92 +0,00 17.30.11 7,60 -2,44 15.39.39 0,0396 -1,68 16.07.49 1,22 -2,02 17.11.08 0,0624 -0,87 17.30.03 0,2263 -8,96 17.18.02 0,03 -1,33 15.48.24 0,1401 -9,09 17.17.43 0,06

7,09 93,10 94,88 2,70 3,79 0,0793 40,14

1,286 3,95 0,7305 3,59 21,09 7,895 0,04 1,288 0,0631 0,228 0,0315 0,148 0,06

40,58 10,98 5,67 6,905 104,79 0,517 1,668 1,95 24,50 0,4775 0,375 4,0475

+0,00 -1,41 -3,78 +4,39

+3,74 +0,00 +3,13 +0,00 -0,85 +1,54 +0,89 +0,05 +9,94 +1,68

0,473 0,369

0,025

17.35.49 0,0153 0,0209 0,0153 17.01.00 0,0069 0,0074 10.25.19 0,017 0,019 0,017 17.23.59 1,002 1,085

1,50 +0,00 13.04.58 0,2025 0,0022 0,0033 0,0239 0,0232 9,22 5,66 4,7025 0,492 0,515

1,66

1,336 1,334 3,955 0,755 3,655 3,655 21,09 8,00 0,041 1,338 1,288 0,0655 0,2361 0,034 0,0318 0,148 0,1401 0,0681 0,062

0,0256 +11,79 16.39.04 0,0236 0,0256 0,584 +4,10 15.09.25 0,5695 0,594

0,0209 0,007 0,0178 1,07

10,80 6,845

16.14.58 16.17.10 17.19.28 16.14.25 15.49.52 17.30.48 17.30.52 17.30.04 17.30.03 17.11.39

1,494

1,50

0,2025 0,0022 0,0031 0,0232 0,023 9,08 5,50 4,695 0,4465 0,5035

0,229 0,0023 0,0033 0,0241 0,0238 9,36 5,70 4,79 0,492 0,5385

0,2025 0,0022 0,0233 9,145 5,67 0,4465


il domani  

Edizione del 24 Dicembre 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you