Issuu on Google+

Giovedì 24 Febbraio 2011

Anno XIV - Numero 54

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

GOVERNO

CULTURA

Il Cdm straordinario approva leggi a favore della Calabria

POLITICA Pd, evitare gli errori del passato vademecum elettorale di Musi

Le biblioteche calabresi un patrimonio fruibile on line

a pag » 6

a pag » 11

a pag » 10

I finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Vibo Valentia hanno sequestrato le società Preco Italia srl e Effedil costruzioni Srl

Bancarotta milionaria, due arresti Si sarebbero appropriati di beni per due milioni e mezzo di euro da una loro società trasferendoli ad un’altra per sottrarli ai creditori L’INTERVENTO

La necessità di curare una democrazia malata

In manette due imprenditori, padre e figlio, Antonio e Carmine Prestia, arrestati dalla guardia di finanza di Vibo Valentia per bancarotta fraudolenta Le indagini sono cominciate nel 2010 su delega del procuratore Mario Spagnuolo a pag » 9

UN MASSACRO IN LIBIA

di Giuseppe Scopelliti

L’EMERGENZA

presidente Regione Calabria

Profughi, a Riace pronti ad accoglierli

Ringrazio il presidente del consiglio Talarico e quello della commissione Antimafia Magarò per aver dedicato la seduta del consiglio regionale ad un tema così importante: un punto fermo, un contributo da parte di tutti per l’idea che esiste una nuova classe politica realmente capace di combattere la criminalità organizzata. Bisogna superare la stagione delle parole, su cui molti parlamentari costruiscono la propria carriera, di cui la ’ndrangheta non ha paura, e passare a quella dei fatti, con azioni mirate capaci di ledere e colpire gli interessi della criminalità organizzata, e le proposte di legge oggi in discussione ne sono un esempio concreto. Per troppo tempo in Calabria si è detto che la politica convive con la ’ndrangheta: credo che ci siano contatti...

RIACE - «Siamo pronti e disponibili ancora una volta a dare il nostro contributo davanti al rischio di un nuovo esodo di esseri umani in fuga dalla guerra e dalla miseria». Domenico Lucano, sindaco di Riace, il centro della Locride in cui sono stati accolti negli ultimi anni centinaia di immigrati, in una dichiarazione all’ Ansa , esprime la volontà di non tirarsi indietro di fronte all’emergenza di un possibile arrivo in Italia di migliaia di profughi provenienti dalla Libia. Sono decine le famiglie di immigrati di varie etnie approdati negli ultimi anni sulle coste italiane a bordo delle carrette del mare che hanno trovato una casa ed un lavoro proprio nel centro storico di Riace. La storia di un esodo raccontato anche in un film di Wim Wenders.

La televisione al-Arabiya: 10mila morti ROMA - Almeno 10mila persone sarebbero morte in Libia dall’inizio delle proteste contro il regime di Muammar Gheddafi: lo ha detto alla televisione al-Arabiya, il componente libico della Corte Penale Internazionale, Sayed al Shanuka. Parlando da Parigi, Al Shanuka ha anche sostenuto che i feriti potrebbero raggiungere quota 50mila. Al Shanuka è attualmente presidente della Commissione Giustizia e Sviluppo della Cpi.

continua a pag » 2

a pag » 9

ROSSANO Anziana morta dopo segregazione in manette la nipote e il suo convivente a pag » 19

LAMEZIA TERME L’aeroporto alla Bit per mettere in luce il rafforzamento dei servizi e dell’offerta a pag » 16

VIBO VALENTIA Emergenza racket e criminalità, Laratta: portiamo il caso Restuccia in Parlamento a pag » 23

IL COMMENTO

L’Italia si adoperi per fermare la mano di Gheddafi di Basilio Giordano senatore circoscrizione Estero

La repressione violenta della protesta di piazza in atto in Libia è inaccettabile. Esprimo la mia più ferma condanna per l’aggressione violenta perpetrata dal governo di Tripoli nei confronti dei manifestanti anti-governativi e mi auguro che sia l’Italia che la Comunità Internazionale riescano ad adoperarsi con efficacia per convincere Gheddafi a fermare questo gioco al massacro. Le notizie di raid aerei contro i manifestanti e di stragi di persone innocenti nel Paese africano sono deprecabili e spetta agli organismi internazionali assumere una posizione compatta e decisa per fermare questo sciagurato spargimento di sangue. Il rischio - che bisogna assolutamente scongiurare - è quello di una guerra civile cruenta con risvolti impensabili per i già delicati equilibri geopolitici che caratterizzano l’area nordafricana e mediorientale. La libertà di espressione e il diritto di riunirsi pacificamente sono diritti inalienabili che tutti devono impegnarsi a rispettare. Anche Gheddafi. Le legittime aspirazioni della popolazione devono essere ascoltate e l’uso della forza deve lasciare il posto ad un dialogo costruttivo con tutte le componenti della società libica per un futuro all’insegna della democrazia, della prosperità e della libertà. Sono certo che anche l’Italia, in sintonia con l’Europa, farà la sua parte, attraverso i canali diplomatici, per garantire al popolo libico la speranza in un futuro migliore.


2

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI L’INTERVENTO di Giuseppe Scopelliti La necessità di curare una democrazia malata ... ma non vedo personalità in grado di sedersi con esponenti della criminalità organizzata e concordare strategie. La verità è che molti accusano la politica per mascherare il vero male della Calabria, quella borghesia mafiosa composta da imprenditorialità corrotta e pubblica amministrazione disposta ad assecondarne i voleri per arricchirsi sulle spalle dei cittadini. Sono queste le componenti da combattere trasversalmente per rompere meccanismi malati e ridare credibilità alla politica in cui la parte sana è quella prevalente. La mia idea di riformare la legge elettorale regionale va in questa direzione: ho ritenuto opportuno lanciare il dibattito adesso, all’inizio della legislatura, perché la Calabria ha bisogno di confronto. E’ un’idea su cui si può dialogare, in quanto la riflessione di qualcuno, secondo cui ci sarebbe una limitazione della democrazia, si scontra con la necessità di curare una democrazia che è malata, in cui la ricerca sfrenata del consenso a volte può portare al clientelismo e alle commistioni con la crimi-

nalità organizzata. La mia storia politica parla chiaro e testimonia come io sia sempre stato premiato dai cittadini con le preferenze: ciò nonostante penso che in questa stagione del federalismo fiscale i partiti debbano giocare un ruolo fondamentale, recuperando la propria funzione e responsabilizzandosi. E il cittadino deve scegliere chi governa per ciò che è realmente in grado di progettare e realizzare nell’interesse di tutti, e non in virtù di piccole logiche clientelari che portano soltanto danni alla collettività. La politica deve recuperare credibilità e noi vogliamo continuare a costruire un sogno, ponendo le basi del futuro della Calabria sulle nostre idee e fornendo risposte

importanti ai cittadini. Per le grandi riforme serve coesione: so benissimo che chi ha il compito di cambiare la sanità difficilmente riceve applausi, ma si tratta di misure non più rinviabili per salvaguardare i servizi, che non vengono toccati, e tagliare soltanto gli sperperi e i rami secchi. Sono queste le azioni che indeboliscono le lobby, la borghesia mafiosa e la ’ndrangheta e che contribuiscono alla battaglia per una nuova cultura della legalità. La politica deve essere coerente e la nostra sfida da vincere è quella di riuscire a elevare il livello della discussione e alimentare il cambiamento. Un cambiamento che deve coinvolgere non solo chi governa ma anche la minoranza,

La politica deve recuperare credibilità e noi vogliamo continuare a costruire un sogno, ponendo le basi del futuro della Calabria sulle nostre idee e fornendo risposte importanti ai cittadini. Per le grandi riforme serve coesione

PUNTO AGRICOLTURA

che deve essere un’alternativa credibile per i calabresi. Sarà ciò che lasceremo in eredità a dimostrare la bontà del nostro lavoro ed è questa la sfida più difficile per chi ha voglia di provarci. Noi ci crediamo, perché vogliamo una nuova Regione e abbiamo una concezione della politica diversa rispetto a quella del passato. Ribadisco che la criminalità organizzata si combatte con scelte forti e coraggiose e questa classe dirigente procede lungo tale percorso: è un impegno che abbiamo sottoscritto con i calabresi che ci hanno dato fiducia, e che intendiamo mantenere. La battaglia per la legalità, prima di tutto, è un segnale per i giovani e oggi, in quest’aula, abbiamo messo dei punti fermi che mi auguro siano stati compresi da tutti. Noi ci adopereremo con gli strumenti di cui siamo dotati per innescare questi nuovi meccanismi ma ritengo che se tutte le Istituzioni faranno la propria parte potremo vincere questa battaglia e, magari, non ci sarà neanche bisogno di pensare a un cambiamento della legge elettorale.

di Federico Vecchioni*

Sicurezza, sostenibilità, occupazione Siamo alla fase di avvio del negoziato europeo ed occorrerà attendere i testi delle proposte di regolamento per entrare nel vivo dei dettagli della futura politica agricola comune. Ma è essenziale essere partiti, nel nostro Paese, con il piede giusto. Apprezzao l’impegno del ministro Galan a realizzare una sinergia tra tutte le organizzazioni dell’agroalimentare per varare la posizione del Governo sulla materia. Ricordo che è stato consegnato al ministro un documento, sottoscritto da dieci sigle tra cui Confagricoltura, con considerazioni e ulteriori proposte che consentiranno a Galan di completare il quadro e di andare a Bruxelles con una linea direttrice forte e condivisa e principi da salvaguardare. Ora occorre proseguire su questa strada, intensificando i momenti di confronto e curando i dettagli del percorso negoziale con rapporti, che devono divenire costanti, tra le amministrazioni, anche a livello regionale, e le Organizzazioni di rappresentanza. C’è da rimarcare la necessità di una riforma comunitaria che sia sostenuta da adeguate risorse. Alcuni Stati hanno chiesto di ridurre le spese di bilancio per la politica agricola comune e, di fatto, di subappaltare la produzione alimentare e no food ai Paesi extracomunitari. Niente di più sbagliato. L’Europa ha bisogno di un’agricoltura forte e vitale, che sia in grado di rispondere ai nuovi bisogni della società, ovvero alla certezza degli approvvigionamenti, alla sicurezza alimentare, alla sostenibilità, alla produzione di energia da fonti rinnovabili, e che dia occupazione. Se si vuole un’agricoltura orientata ai bisogni la Pac deve porsi come obiettivi prioritari la redditività e la competitività delle imprese. *presidente di Confagricoltura

La nuova trovata partenopea è il costume "zio Michele" L’uomo noto all’opinione pubblica a causa del caso di Sarah Scazzi è diventato il protagonista del Carnevale napoletano. L’idea, che ha destato parecchi dubbi etici, è balenata al titolare di un negozio di abbigliamento per bimbi Misseri troneggia in una vetrina del rione Sanità


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani

3

PRIMO PIANO La norma risulta illegittima in quanto eliminando dall’ordinamento regionale le incompatibilità della carica di consigliere regionale contrasta con l’articolo 122 della Costituzione

Regione, compatibilità dei consiglieri il Governo ha impugnato la legge ROMA - Il Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro per i Rapporti con le Regioni e per la Coesioneterritoriale,RaffaeleFitto e su conforme parere del Ministero dell’Interno, del Ministero dell’Economia e delle Finanze, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Dipartimento della Funzione Pubblica, del Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo ha impugnato, tra le altre, la legge della Regione Calab-

ria n. 34 del 2010 per i seguenti motivi. L’articolo 46 introduce disposizioni in materia di incompatibilità alla carica di consigliere regionaleprevedendoche,"anche in deroga a quanto previsto dall’articolo 4 della legge 154/1981 e dall’articolo 65 del d. lgs. n. 267/2000, le cariche di Presidente e Assessore della Giunta Provinciale e di Sindaco e Assessore dei Comuni compresi nel territorio della Regione sono compatibili con la carica di Consigliere regionale". Tale previsione risulta costituzionalmente illegittima in quanto, eliminando

dall’ordinamento regionale qualsivoglia incompatibilità della carica di consigliere regionale con quelle di Presidente e Assessore provinciale e di Sindaco e Assessore comunale, contrasta con l’articolo 122, 1° comma della Costituzione. Inoltre, disciplinando di fatto le cause di ineleggibilità e di incompatibilità delle cariche di Presidente di Provincia e Assessore provinciale e dei Sindaco e Assessore comunale previste all’articolo 65 del Testo unico sull’ordinamento degli enti locali (d.lgs. 265/2000), lede altresì la potestà legislativa esclusiva stata-

Tavolo di partenariato regionale per la Progettazione Integrata CATANZARO - E’ stata formalizzata - informa una nota dell’Ufficio Stampa della Giunta regionale - l’istituzione del Tavolo di partenariato regionale per la Progettazione Integrata al quale viene conferito un ruolo strategico nella governance del processo di progettazione integrata. Al Tavolo - sede di confronto tra Regione, Province, rappresentanze delle istituzioni L’assessore Mancini locali, del partenariato economiha sottolineato co, sociale e della società civile l’importanza competono imdella progettazione portanti funzioni di «impostazione integrata strategica, concertazione e sorper la Regione veglianza della programmazione ai fini dello sviluppo regionale e territoriale». Contestualmente a questa prima se-

duta del Tavolo è stata approvata la "Carta del Partenariato": importante dichiarazione di principi, che devono ispirare il comportamento partenariale sui territori, e quadro di riferimento delle parti istituzionali, economiche e sociali della Regione. La riunione, che si è svolta al DipartimentoProgrammazioneNazionale e Comunitaria, è stata presieduta dall’assessore regionale al Bilancio e alla Programmazione Giacomo Mancini, ed ha visto la partecipazione di 23 rappresentanti del partenariato istituzionale, economico e sociale della Calabria. Mancini ha sottolineato l’importanza della progettazione integrata per la Regione la quale ha destinato un ingente pacchetto di risorse finanziarie destinate alla crescita dei territori calabresi. L’attuazione di questa scelta richiede una forte cooperazione, strategica ed operativa, tra le istituzioni nonché l’identificazione di forme di governance territoriali innovative.

le ponendosi in contrasto con quanto disposto all’articolo 117, 2° comma, lettera p) della Costituzione, in materia di ordinamento degli enti locali. L’art. 11 è censurabile nella parte in cui prevede la costituzione di una società "in house" "allo scopo di valorizzare e provvedere alla gestione unitaria ed integrata del patrimonio archeologico calabrese" e ciò si pone in contrasto con la competenza esclusiva dello Stato prevista dall’art. 117, comma 2°, lettere g) ed s) della Cost. Sono stati inoltre censurati l’art. 14 relativamente all’A.Fo.R e l’art. 15 che conferma la validità, preservandone gli effetti giuridici, degli incarichi dirigenziali conferiti a soggetti esterni all’amministrazione, ponendosi in contrasto sia con l’articolo 40, comma 1, lettera f) del d. lgs. 150/2009 che ha fissato precisi limiti al conferimento di incarichi dirigenziali a soggetti esterni, sia con l’articolo 117, 2° comma, della Costituzione in quanto pone una deroga all’applicazione di una norma statale in una materia, quale l’ordinamento civile, di esclusiva competenza statale. Sono parimenti censurati i commi 1 e 5 dell’articolo 16, in materia di stabilizzazione del personale appartenente ai lavoratori socialmente utili, e la disposizione contenuta nell’articolo 18 che prevede un corso-concorso riservato ai dipendenti regionali in possesso dei requisiti previsti per l’accesso alla qualifica dirigenziale, per la copertura dei posti vacanti nei ruoli della Regione, contrastando con i principi di eguaglianza fra i cittadini e del pubblico concorso

di cui agli articoli 3 e 97 della Costituzione. Tra l’altro, su questa stessa ultima materia, pende già un ricorso davanti alla Corte Costituzionale relativo alla legge regionale n. 8/2010. Sono stati inoltre formulati rilievi con riferimento all’art. 29 nella parte in cui introduce degli ingiustificati privilegi per gli enti pubblici, gli enti locali e i Consorzi di Sviluppo Industriale che intendano proporre iniziative energetiche rinnovabili non rispettando la normativa nazionale di principio di cui il d. lgs. n. 79/1999 e d. lgs. n. 387/2003 e con riferimento all’art. 49 che prevede che la

D’intesa con la Regione individuato un percorso che porterà alla modifica della parte impugnata della legge Regione attribuisca la "missione di servizio di interesse economico generale" ai servizi aeroportuali connessi al trasporto aereo di passeggeri e merci svolti da società partecipate dalla stessa, consentendo la deroga in parte alle regole della concorrenza. E’ stato infine censurato l’art. 50 che introduce una modifica in materia di specie cacciabili e di periodi di attività venatoria. E’ stato tuttavia, d’intesa con la Regione Calabria,individuatounpercorso che porterà alla modifica della parte impugnata della legge.


4

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

ITALIA Uccise rapinatore, chiesti in appello 9 anni e mezzo per Giovanni Petrali

I due uomini, padre e figlio, sono stati arrestati ad Avetrana. Sono accusati di concorso in soppressione di cadavere

Sarah Scazzi, arrestati ieri il fratello e il nipote di Misseri di Filippo Mammì TARANTO - Nuova svolta nell’ambito delle indagini sull’omicidio della piccola Sarah Scazzi. I carabinieri del comando provinciale di Taranto hanno arrestato ieri il fratello ed il nipote di Michele Misseri, Carmine Misseri e Cosimo Cosma, padre e figlio. I due sono stati arrestati con l’accusa di concorso in soppressione di cadavere. Della loro complicità nell’occultare il cadavere della quindicenne c’erano già da tempo molti sospetti. Misseri è tuttora in carcere a Taranto perché reo confesso dell’omiciAd incastrarli dio della nipote Sarah, avvenuto il 26 le lettere di Misseri agosto 2010, in cui alla figlia Sabrina, ha chiamato in correità la figlia Sabricorrea per il delitto, na, anche lei detenuta nello stesso carcee due misteriose re. Secondo le ricotelefonate ai due parenti struzioni degli inquirenti, che ormai sono certi che il delitto sia stato maturato in un ambito familiare, il corpo della ragazzina fu trasportato, lo stesso giorno dell’omicidio, dalla casa dei Misseri, in via Grazia Deledda 20 ad Avetrana, alla contrada Mosca nelle campagne circondanti il paese, dove fu poi nascosto dentro un pozzo. E, in quella circostanza, Misseri deve essere stato

aiutato dal fratello assieme al nipote. Ad incastrare i due fermati sarebbero state le lettere che Misseri ha spedito alla figlia Sabrina a Natale, addossandosi tutta la responsabilità dell’uccisione di Sarah e sostenendo di aver mentito per non far arrestare anche la moglie e il fratello, chiedendole scusa. E poi ci sarebbero due strane telefonate che Misseri avrebbe fatto nella giornata del 26 agosto, lo stesso giorno dell’omicidio, al fratello ed al nipote. Nella prima, alle 15.08, Misseri racconta di aver detto al fratello che, se lo avesse cercato la moglie, doveva riferire che lui si sarebbe trovato in campagna perché «erano scappati i cavalli» adducendo a pretesto di aver litigato con la consorte. Il fratello sostiene invece che Misseri gli disse che Sarah non si trovava. Nella seconda, alle 18.28, Misseri chiama il nipote, stranamente sul telefonino della moglie di quest’ultimo, chiedendo se fosse passata sopra la "Riforma" (una località di Avetrana) un’auto sospetta con a bordo Sarah ricevendo una risposta negativa. Ma se il nipote non fosse stato davvero coinvolto nella scomparsa della ragazzina, perché parlare di un’auto sospetta ? Ai due arrestati il gip ha proibito di parlare con gli avvocati sino all’interrogatorio di garanzia, una normale procedura che si esegue spesso nei provvedimenti di custodia cautelare. Ieri sono inoltre state sentite entrambe le mogli dei due arrestati per approfondire qualche dettaglio sul presunto coinvolgimento dei loro congiunti.

MILANO - Il sostituto pg di Milano, Piero De Petris, ha chiesto in appello la condanna a 9 anni e mezzo di reclusione per omicidio volontario e tentato omicidio per Giovanni Petrali, 76 anni, l’ormai famoso tabaccaio che la sera del 17 maggio 2003 uccise a colpi di pistola il rapinatore Alfredo Merlino, 30 anni, e ne ferì il complice, Andrea Solaro, 19 anni, che avevano tentato una rapina all’interno della sua tabaccheria nel centro di Milano. Petrali era stato condannato in primo grado, nel febbraio 2009, a un anno e otto mesi di reclusione (pena sospesa) per omicidio colposo e lesioni colpose; le motivazioni dei giudici furono che l’uomo avesse fatto In primo grado un"erroredipercezione"della realtà perché sconvolto era stato condannato dalle minacce e gli schiaffi a un anno e otto mesi dei rapinatori. Adesso le motivazioni sono state com- di reclusione, pletamente ribaltate: Petrali ha ucciso volontariamente la motivazione fu perché ha inseguito i due un ‘errore di percezione’ rapinatori (Merlino è stato ucciso in strada) quando non rappresentavano più una minaccia per la sua incolumità e gli ha sparato alle spalle. I difensori dell’uomo, Marco Martini e Marco Petrali, hanno ribattuto che la reazione del tabaccaio è stata invece proporzionata alla minaccia subita e, soprattutto, alle percosse (Petrali ricevette in faccia due sonori schiaffoni da parte del Merlino) e che quindi sia legittimo parlare di legittima difesa. Petrali, sconvolto da quello che stava accadendo, aveva afferrato la pistola che teneva sotto il bancone e aveva sparato sette colpi: quattro dentro il negozio e tre all’esterno inseguendo i banditi fino a colpirli. Critiche e proteste ieri da parte della Lega Nord. F.M.

Clandestini, Maroni: non ce la faremo da soli a lungo ROMA - L’Italia si sta attrezzando ad affrontare l’emergenza umanitaria che rischia di far seguito alla crisi in Libia e nel Nord Africa, ma non potrà farcela da sola a lungo. Lo ha detto il ministro dell’Interno Roberto Maroni in una conferenza stampa a conclusione di un vertice con gli omologhi di Spagna, Grecia, Francia, Malta e Cipro per elaborare una posizione comune da presentare oggi al consiglio Giustizia e Affari nterni della Ue. «Siamo in grado di sostenere questo impatto, ma non per molto tempo», ha detto Maroni a proposito della stima di 200- 300mila migranti che potrebbero raggiungere tra poco tempo le coste sud dell’Italia e dell’Europa. «Ho fatto fare una ricognizione dai prefetti" sui luoghi in cui poter allestire strutture di emergen-

ze», ha detto il capo del Viminale, aggiungendo - a proposito dell’emergenza umanitaria: «Temo che avvenga ma spero di no». Maroni ha comunque sottolineato che, nel caso in cui gli arrivi di immigrati fossero massicci ma al di sotto delle previsioni peggiori, l’Italia sarebbe in grado di affrontare la situazione anche da sola: «Ricordo che nel 2008... arrivarono 37mila clandestini e furono gestuti senza nessuno problema, Ci stiamo attrezzando nel caso in cui 37mila arrivassero in un mese e non in un anno». Nella riunione di ieri i sei ministri dell’Interno hanno elaborato un documento che presenteranno oggi a Bruxelles. Tra le richieste all’Unione europea, «istituire un fondo speciale di solidarietà, ove necessario,

per affrontare la crisi umanitaria e accelerare la creazione di «un sistema europeo di asilo comune.. così come programmi specifici... come quelli riguardanti la rilocation», cioè la suddivisione degli immigrati tra i vari paesi dell’Unione.

Cab


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani

ITALIA La risoluzione della maggioranza passa con 157 sì, 124 no e due astenuti

Governo a gonfie vele al Senato: sì al federalismo di Carlo Bassi ROMA - Giornata a dir poco di alterne fortune per il Governo che se al Senato ha incassato un’importante vittoria con l’approvazione della risoluzione della maggioranza sul federalismo (con 157 sì, 124 no e 2 astenuti), dall’altra è rimasto impastoiato nel difficile passaggio del Milleproroghe dopo le obiezioni del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Obiezioni che hanno lasciato l’amaro in bocca al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi che si considera ora "bloccato" dall’ostruzionismo del Quirinale. Dopo che ieri il presidente della Repubblica ha contestato la costituzionalità del decreto legge Milleproroghe, non c’è stata una reazione immediati. Ma dopo aver fatto buon viso a cattiva sorte, Berlusconi ieri ha osservato che «al governo rimane soltanto il nome e la figura del potere». «Vi assicuro che chi occupa la presidenza del Consiglio di potere non ne ha alcuno», si è lamentato il Capo del governo

intervenendo agli Stati generali della città di Roma. «Non è nella disponibilità del governo fare decreti, ci vuole sempre l’accordo e la firma di Napolitano, ha detto Berlusconi, stigmatizzando anche le modifiche che i due rami del Parlamento introducono durante il percorso di conversione in legge. «I decreti entrano nelle commissioni e cambiano, poi vanno nell’aula e cambiano, poi passano in un’altra camera e cambiano, poi tornano indietro nella prima camera, quindi si discute e si cambia ancora. Risultato: quello che il Presidente del consiglio e il governo avevano concepito come un destriero purosangue diventa un ippopotamo», ha detto Berlusconi. Il Senato dopo aver approvato la risoluzione di maggioranza che dà il primo via libera al decreto attuativo sul federalismo che riguarda il fisco municipale ha boc-

ciato tutte le risoluzioni presentate dall’opposizione. Con circa una ventina di voti di scarto i senatori hanno respinto le sette risoluzioni presentate dal Pd, quella del Terzo Polo e la risoluzione dell’Idv. Si sono completate così le votazioni del Senato sulle comunicazioni del governo sul federalismo municipale. Ora toccherà alla Camera esprimersi su

«Oggi è andata bene». E alla Camera come andra? «Spero benissimo». Così il ministro Roberto Calderoli ha risposto ai giornalisti nei corridoi del Senato

Silvio Berlusconi dice che «non è nella disponibilità del governo fare decreti» perché la loro promulgazione richiede l’assenso del Quirinale Bossi: lo vedo, lo vedo, me lo sento già in tasca

questo decreto attuativo dopo aver ascoltato le comunicazioni del governo previste per la prossima settimana. La netta vittoria ha suscitatocomprensibile gioia nelle file della Lega. «Sì, sì». Così, annuendo, il ministro Umberto Bossi ha risposto ai giornalisti che nei corridoi del Senato gli chiedevano se, dopo il voto di ieri , si senta già il federalismo in tasca e sia soddisfatto. «Vediamo cosa dice oggi il Consiglio dei ministri», ha risposto ai giornalisti che nei corridoi del Senato gli chiedevano se alla Camera verrà posta la fiducia al federalismo. Ma in realtà il Cdm straordinario, durato appena10 minuti, ha semplicemente approvato alcune leggi regionali - delle quali ha beneficiato soprattutto la Calabria - per evitare problemi col Milleproroghe. Il voto al Senato sul federalismo ha suscitato una reazione felice anche dal premier. «Spero che il federalismo sia la via per ridurre il debito pubblico che i governi precedenti hanno moltiplicato per otto volte dal 1980 al 1992. Spero sia anche uno strumento per la lotta all’evasione fiscale che nel nostro paese è pari a 120 miliardi di euro mentre in Francia è addirittura sotto ai 20 miliardi» è stato il primo commento di Berlusconi. «Il federalismo fiscale è una riforma chiave per la modernità dello Stato. Con queste riforme abbiamo corretto quelle precedenti, come il titolo V approvata con quattro voti di scarto alla Camera a fine legislatura. Si trattava di riforme zoppe». Altri commenti positivi sono venuti dal ministro leghista Roberto Calderoli.

Il Ministro invita a far fronte tutti insieme alla possibile massiccia invasione

Frattini: con Gheddafi tutti hanno interagito negli anni di Roberto Carli ROMA - Unità di fronte alla grave emergenza. Unità sul fronte interno con consultazioni permanenti fra maggioranza e opposizione ed unità a livello internazionale fra gli Stati membri dell’Unione europea. Questo il senso dell’informativa urgente del ministro degli Esteri Franco Frattini alla Camera sulla situazione in Libia. Davanti ai deputati il ministro ha poi ribadito che la linea scelta da Italia, Ue, Lega Araba e Onu da tenere è quella basata su tre punti: condanna della violenza in Libia, cessazione della violenza e avvio di un dialogo nazionale. Subito una precisazione, ad evitare strumentalizzazioni: «Non devo ricordare a questa Aula che la normalizzazione dei rapporti Italia-Libia dopo gli scontri e le incomprensioni del passato è stata un’azione che si è dipanata per lunghi anni coinvolgendo i governi dell’Italia a partire della metà degli anni 90». «Hanno lavorato a questo - ha ricordato - molti governi di diver-

so colore politico per acquisire un definitivo accordo che permettesse non soltanto di far fronte a interesse nazionali forti, come la prevenzione di una potenziale grande ondata migratori,a ma anche alla necessità di chiudere i rapporti con la Libia che, dal passato coloniale, avevano mantenuto grande criticità. Il Trattato di amicizia fu anticipato da accordi settoriali sull’immigrazione siglati da Amato. L’accordo quadro fu poi approvato con oltre 400 voti in questa Aula...Nelle grandi democrazie - ha detto ancora il responsabile della Farnesina - la consultazione permanente del Parlamento è la chiave per fare andare avanti il Paese insieme. Vi sono anche organi istituzionali del Parlamento che hanno alla loro testa autorevoli esponenti dell’opposizione che potrebbero essere coinvolti e consultati per una reciproca informazione su come affrontare insieme i molteplici aspetti di questa vicenda». «In Libia vivono due milioni di non libici, pari al 30 per cento della popolazione. La situazione di emergenza potrebbe indurre un nume-

ro significativo di queste persone a cercare altrove salvezza e opportunità di vita. Se oltre due milioni di persone si trovassero in questa situazione – ha affermato il ministro – la nostra valutazione è che se anche solo il 15 per cento di loro si muovesse verso Nord, verso Cipro, Malta la Grecia e l’Italia, allora stiamo parlando di 250-300 mila persone che cercherebbero di raggiungere via mare i porti dell’Unione europea. Un’eventualità alla quale l’Europa intera deve prepararsi al prossimo futuro. L’Ue prenda in seria considerazione la richiesta nostra e degli altri Paesi mediterranei per una solidarietà con divisione di oneri per sostenere il peso di ondate migratorie che nessuno da solo può affrontare». «Non ho apprezzato le agenzie di stampa che ieri hanno rilanciato fonti anonime dell’Unione europea secondo cui l’Italia non può pretendere il ‘burden sharing’ (la condivisione degli oneri, ndr). Vengano fuori allo scoperto con nome e cognome quelli che dicono che di fronte ad un’azione comune europea solo Malta, Cipro e l’Italia ne pag-

herebbero le conseguenze. Sarebbe la fine delle politiche europee come le abbiamo conosciute negli ultimi 50 anni. Noi chiederemo con forza che l’Europa faccia l’Europa assumendosi il suo dovere di coordinamento di questa azione chiara. Noi vogliamo più Europa perché non possiamo pensare che alcun Paese possa essere lasciato solo. Ieri il ministro della Difesa ha accettato la richiesta di Regno Unito e Serbia per l’uso di aeroporti per voli umanitari per l’evacuazione urgente dei cittadini di quei Paesi. La situazione richiede l’impegno di tutti, Governo, Parlamento, imprese». «Ieri l’Eni ha ritenuto ragionevolmente di chiudere un gasdotto e il ministro Romani oggi presiede un comitato di emergenza per le opportune valutazioni. L’Italia ha una buona diversificazione con l’Algeria e le fonti orientali. Certo ci sarà un impatto sulle infrastrutture. Ci sono imprese italiane già impegnate in lavori che complessivamente in Libia hanno lavori per complessivi 4 mld di euro. Vedremo come si evolverà la situazione».

5


6

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

ECONOMIA ISTAT Su base mensile i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,4%

Inflazione, a gennaio balzo al 2,1% dall’1,9 % di dicembre di Gaia Mutone ROMA – I prezzi del cibo e del carburante corrono più dell’inflazione. Le stime provvisorie dell’Istat evidenziano un aumento dei prezzi dello 0,4% solo rispetto al mese di dicembre 2010 e del 2,1% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Come spiegato dall’Istituto nazionale di statistica, si tratta del dato più alto dal dicembre del 2008. Spingono a rialzo l’inflazione i beni energetici non regolamentati, cioè i carburanti per gli autoveicoli e i lubrificanti, e gli alimentari non lavorati, cioè carne fresca, pesce fresco, frutta e verdura fresca, e ciò fa sì che l’inflazione acquisita nel 2011 sia già all’1,2% e che per i beni acquistati con più frequenza gli aumenti siano sopra la media (+2,7% rispetto al dato generale del +2,1%). Così l’indice dei prezzi della lista dei beni che rientrano nella spesa quotidiana ha segnato un’accelerazione a confronto con dicembre (quando era stato pari al +2,2%). Pesano in generale le tensioni sui prezzi dei beni, anche se gli effetti sono in parte attenuati dal lieve rallentamento della crescita su base annua dei prezzi dei servizi, soprattutto per quelli relativi ai trasporti (in particolare si segnalano forti diminuzioni su base mensile dei prezzi dei voli nazionali, europei ed intercontinentali, rispettivamente -16,3%, -15,6% e -14,4%, legate in parte a fattori stagionali). Per quanto riguarda i beni alimentari

non lavorati, come nel mese precedente, segnano un nuovo record i vegetali freschi: +12,7% su base congiunturale e +12,4% su base annua. Con riferimento al settore non regolamentato, invece, l’aumento congiunturale ha interessato i prezzi di tutti i carburanti. Il prezzo della benzina è aumentato su base mensile del 3,5% e il relativo tasso di crescita tendenziale è salito all’11,3% dal 9,9% di dicembre; il prezzo del gasolio per mezzi di trasporto ha segnato un rialzo congiunturale del 4,0% e un aumento su base annua del 15,7% (dal +14,5% di dicembre 2010); in aumento sul mese precedente risulta anche il prezzo degli altri carbu-

+2,7%

È l’aumento dei prezzi dei beni acquistati con maggior frequenza (cibo e carburanti). Il dato è sopra la media del 2,1%

ranti (+7,8%), il cui tasso tendenziale è risultato pari a 26,3 % (dal +21,3% di dicembre). Infine, il prezzo del gasolio per riscaldamento aumenta del 3,2% sul mese precedente e del 14,8% su quello corrispondente dell’anno precedente. A questo punto, dato anche l’allerta del Fondo monetario internazionale che in occasione del G20 della settimana scorsa ha invitato gli Stati europei a vigilare sui prezzi, e data anche l’inflazione dell’Eurozona stabilmente sopra il 2%, potrebbe prendere corpo l’ipotesi di un innalzamento dei tassi di interesse sopra l’attuale 1%. Il petrolio da una parte, la cui quotazione è inevitabilmente condizionata dagli eventi libici, e la ripresa industriale della Germania (stimata per tutto il 2011 a +2,3% e con la fiducia delle imprese al massimo) alimentano infatti i timori di una spirale inflazionistica. A favore del rialzo dei tassi è lo stesso Mario Draghi, secondo il quale «il miglior contributo che la Bce può dare all’uscita della crisi è assicurare stabilità dei prezzi, con un ancoraggio alle aspettative inflazionistiche».

I consumatori calcolano un aumento di 210 euro l’anno per famiglia ai tassi attuali: 90 euro per il carburante e 120 tra bollette energetiche, trasporti e distribuzione

Romani: «Non c’è rischio di affanno petrolifero. Aumenteremo pompaggio dal Nord Europa»

ROMA – Il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani ha detto che l’Italia aumenterà la capacità di pompaggio dei gasdotti che la collegano al Nord Europa per compensare il blocco delle forniture dalla Libia e che non avrà bisogno di intaccare le riserve strategiche di gas. Prima della riunione di ieri del comitato emergenza del gas del ministero, Romani ha spiegato che con la chiusura del Greenstream dell’Eni «non si rischia affanno petrolifero» perché l’Italia rinuncia così solo «al 12% circa delle forniture annue che ammontano a 85-90 miliardi di metri cubi». «Ma è possibile aumentare la capacità di pompaggio dei gasdotti dal Nord Europa dall’80% al 98%», ha detto il ministro. Al termine della riunione l’amministratore delegato di Edison Umberto Quadri-

Milleproroghe: sì alla fiducia. Sabato il voto finale

no ha confermato l’ipotesi precisando però che questa «è una possibilità che verrà usata se ci sarà necessità» ma che «al momento non ce n’è bisogno». In una nota diffusa al termine della riunione il ministero spiega che «non sono emersi problemi di sicurezza per le forniture italiane: le importazioni mancanti dalla Libia sono già state sostituite con un aumento dell’import dagli altri Paesi e da un maggior ricorso agli stoccaggi». Secondo lo Sviluppo «attualmente sono ancora disponibili negli stoccaggi nazionali oltre 3,8 miliardi di metri cubi, a cui si aggiungono i 5,1 miliardi dello strategico». Il comitato di emergenza sta quindi valutando l’attivazione delle procedure per l’incremento della produzione nazionale di gas con interventi di ottimizzazione sui pozzi

di Sofia Ricciardi ROMA Un Consiglio dei ministri di appena dieci minuti, presieduto dal ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli, ha approvato la richiesta di fiducia per il voto alla Camera sul decreto Milleproroghe dopo la presentazione di un maxiemendamento, come suggerito dallo stesso Presidente della Repubblica che l’altro ieri aveva bloccato il voto sollevando un’eccezione di incostituzionalità per la proceduraseguitadalGoverno.Nelcorso della breve riunione sono state esaminate anche alcune leggi regionali in scadenza, a norma dell’articolo 127 della Costituzione, e sono stati prorogati - a evitare eventuali problemi di tempo col decreto Milleproroghe due stati d’emergenza che interessano la Regione Calabria: il primo relativo ai dissesti idrogeologici dello scorso anno, il secondo per la sicurezza del tratto autostradale fra Bagnara Calabra e Reggio Calabria. Inizia ora una corsa contro il tempo, con il Senato che resterà aperto anche sabato per consentire il via libera finale al decreto, ora alla Camera. A deciderlo la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama, che ha previsto l’esame del decretonellecommissioniAffaricostituzionali e Bilancio per venerdì, mentre per sabato alle ore 11 l’approdo in aula con le dichiarazioni di voto previste per le 14 con la diretta tv e il voto finale intorno alle 15. Scartato un eventuale ritocco sulle agevolazioni fiscali per le banche i nodi da sciogliere rimangono: le normative sui precari della scuola, sul personale Consob, sul salvamento acquatico e sugli immobili acquisiti per esproprio a Roma, il ripristino del decreto luglio per i dipendenti del comune di Roma, gli incroci azionari fra tv e giornali, le demolizioni edilizie in Campania e i contratti nella zona dell’Etna.

di estrazione esistenti realizzabili in tempi contenuti, garantendo il recupero di un quinto delle importazioni libiche. Nella valutazione verranno considerate sia condizioni di freddo "normale", sia possibili ondate di freddo eccezionale che potrebbero influire sulla domanda energetica giornaliera.


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani

ESTERI A Tripoli si scavano fosse comuni mentre nell’est già si festeggia la "liberazione"

Al Arabiya: 10mila morti in Libia La Cirenaica è in mano alla rivolta di Bruno Tosatti ROMA - Sta assumendo dimensioni spaventose il massacro in corso in Libia. Potrebbero essere oltre 10mila le persone morte nel Paese dall’inizio delle proteste lo scorso 17 febbraio a causa della durissima repressione ordinata dal leader libico Muammar Gheddafi . È questo il dato riferito alla televisione al Arabiya dal componente libico della Corte penale internazionale, Sayed al Shanuka, che, parlando da Parigi, ha aggiunto che i feriti potrebbero aver raggiunto quota 50mila. E mentre nei luoghi dove stanno avvenendo i disordini si paventa il forte rischio di epidemia legato alla presenza di numerosi cadaveri in strada, un video amatoriale diffuso ieri da Onedayonearth dà un’idea del numero di vittime. Le immagini, riprese martedì sulla spiaggia della capitale libica, mostrano numerosi uomini al lavoro per scavare decine di fosse allineate, alcune già ricoperte dal cemento, in quello che appare come un grande cimitero. Sebbene non sia stato il giorno di maggiori violenze, da ieri la situazione nel Paese è più tesa che mai. Dopo il minaccioso e confuso discorso in tv di martedì con cui il dittatore libico ha promesso di restare «fino alla morte», disposto a combattere «fino all’ultima goccia di sangue», la rivolta del popolo egiziano ha assunto i contorni di una guerra civile, con il governo che controllerebbe ancora Tripoli, mentre la Cirenaica sarebbe ormai in mano agli insorti. A Tripoli gran parte dei negozi sono chiusi, e ieri lunghe code si sono formate davanti alle panetterie e alle pompe di benzina, mentre sulla piazza Verde nella mattina si sono radunati decine di sostenitori del Colonnello, che hanno sventolato bandiere verdi e mostrato ritratti della "Guida della rivoluzione", sotto gli occhi di un piccolo gruppo di poliziotti e di alcuni uomini in borghese armati di Kalashnikov. Nella capitale il vero caos si è registrato

Affondo della Merkel nei confronti del dittatore, mercoledì l’Ue valuterà se sanzionare la Libia

all’aeroporto: molti passeggeri «travolti dalla disperazione» hanno «lottato» tra i corridoi del terminale libico per salire sui voli di evacuazione adottati dalla comunità internazionale per il rientro dei propri connazionali dalla Libia. Lo ha riferito Philip Apap Bologna, uno dei piloti arruolati per le operazioni di rimpatrio, dipendente dell’Air Malta. Nel frattempo nelle città della Cirenaica già si esulta: a Tobruk una folla ha festeggiato la "liberazione" della città dalle forze governative, sventolando bandiere verde-rosso-nere del periodo pre-Gheddafi; mentre la gente di Bengasi, che or-

Un caccia libico è precipitato vicino Bengasi, dopo che i due piloti, rifiutando l’ordine di bombardare la città, si sono espulsi dal velivolo, lasciando che si schiantasse al suolo

ROMA - La chiamata alle armi del Colonnello deciso a lottare «fino all’ultima goccia di sangue» divide ancor più l’Europa. Le cancellerie, speciequellemediterranee,speravano in un discorso di apertura alle opposizioni, incentrato sulla concessione di maggiori autonomie alle provincie, che aprisse la via a una pur difficilissima mediazione. Invece martedì il leader libico Muammar Gheddafi ha mostrato al mondo cosa sia un dittatore: un uomo feroce, che non arretra davanti al sangue di un migliaio di civili, e che annuncia, di fatto, di essere disposto a combattere una vera e propria guerra civile, ordinando ai reparti a lui ancora fedeli di seminare morte nelle strade di tutto il Paese, di «ripulire

mai si sente sicura, ha cominciato a consegnare le armi di cui si era impossessata dopo che le forze di sicurezza avevano perso il controllo della città. Ma stando a quanto affermato dal viceministro degli Esteri libico, Khaled Kaim, incontrando i diplomatici dell’Ue, dall’est del Paese giunge anche la notizia che al Qaeda avrebbe costituito un emirato islamico a Derna. «L’emirato è diretto da Abdelkarim Al-Hasadi, un ex detenuto di Guantanamo», ha detto Kaim. Uno scenario che collima col timore di molti di assistere all’affermazione dei fondamentalisti islamici in Cirenaica. «Dobbiamo fare attenzione a che non ci siano derive che recepiscano un dogmatismo antioccidentale del fondamentalismo islamico» ha affermato ieri il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, nel suo intervento agli Stati Generali della città di Roma. Il premier ha poi aggiunto: «Credo sia per noi fondamentale essere accorti su quello che succederà dopo che sia cambiato quel regime», facendo peraltro passare un’impressione ormai largamente condivisa, ovvero che il punto di non ritorno sia stato già superato.

la Libia casa per casa». La reazione più dura è arrivata ieri dalla Germania: la cancelliera tedesca Angela Merkel ha definito «scioccante» e «molto spaventoso» il discorso: in pratica «ha dichiarato guerra al suo stesso popolo». La Merkel ha minacciato sanzioni se non si porrà fine alla repressione: «Se l’uso della forza non verrà interrotto, allora la Germania deciderà di esercitare ogni forma di pressioni e mezzo di influenza». Una posizione che in molti vorrebbero vedere assunta anche dall’Unione europea, che ha indetto per mercoledì prossimo un vertice tra gli ambasciatori dei 27 Stati membri e l’Alto rappresentante per la politica estera Catherine Ashton, per discutere finalmente di eventuali

Bahrein, liberati 23 prigionieri politici e stop alla repressione di C.Brangia ROMA - Il governo del Bahrain ha liberato oltre cento tra prigionieri politici e criminali comuni. Tra questi anche 23 persone accusate di aver cercato di rovesciare la monarchia sunnita. Lo ha riferito ieri un parlamentare del partito di opposizione sciita, Ibrahim Mattar commentando: «Consentire alla gente di protestare e rilasciare quelle persone sono iniziative positive». Una decisione che fa seguito all’annuncio con cui venerdì il principe ereditario del Bahrein, Salman bin Hamad Al Khalifa aveva promesso l’apertura del dialogo con tutte le forze d’opposizione. Il giorno dopo inoltre il principe aveva ordinato all’esercito di ritirarsi da piazza Pearl, a Manama, presidiata dai militari dopo il blitz con cui nella notte tra il 16 ed il 17 l’avevano sottratta ai manifestanti, uccidendone cinque. Da sabato quindi le immagini degli scontri, degli spari e dei feriti sono state sostituite da inaspettate immagini di tranquillità: nella piazza della capitale sono tornate le tende dei manifestanti, di nuovo radunatisi per continuare la protesta pacifica contro il regime. Ottenuto il rilascio di (alcuni) prigionieri politici, rimangono infatti da soddisfare le altre più importanti richieste: un parlamento più rappresentativo e con maggiori poteri, stesura di una nuova costituzione più democratica e formazione di un nuovo governo senza l’attuale primo ministro Sheikh Khalifa Bin Salman al Khalifa, al potere dal 1971. Tutte iniziative contro la concentrazione del potere nelle mani di un’élite di sunniti, in un Paese dove il 70% della popolazione è sciita. Ma per quanto riguarda la riforma politica «finora non hanno promesso nulla», ha ricordato Mattar. «Se non lo dicono, stiamo perdendo tempo».

misure da prendere sulla crisi in Libia. Non sono escluse sanzioni, richieste da diversi Stati membri, tra cui la Francia e la stessa Germania, e si parlerà anche del possibile ricorso alle unità militari dell’Ue, i battle groups . Finora molti analisti hanno valutato insufficiente la politica estera di Bruxelles: l’unanime condanna espressa lunedì dall’Ue dopo i raid aerei contro i manifestanti era sembrata il frutto di una delicata e faticosa mediazione tra le posizioni intransigenti di Gran Bretagna e Germania e quelle allora più morbide dell’Italia,principaledestinazionedi un eventuale esodo di migranti, e della Francia, che dalla Libia importa il 14% del suo petrolio.

7


8

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

APPROFONDIMENTI Rappoccio carica i suoi in vista del Congresso nazionale del Pri

Il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani

Il ministro dello Sviluppo economico ha incontrato i vertici della regione Calabria per decidere gli investimenti diretti a rilanciare lo scalo portuale

Gioia Tauro, si riunisce il tavolo tecnico con Romani di Cesare Giraldi ROMA - Individuare un piano d’azione che individui e consoilidi le giuste strategie per lo sviluppo del porto di Gioia Tauro. Con questo obiettivo è stato avviato ieri il tavolo istituzionale a Roma tra il ministero dello Sviluppo economico, quello delle Infrastrutture, l’autorità portuale e la regione Calabria. Il "maestro d’orchestra" sarà il ministro Paolo Romani, che, dopo una ricognizione tecnica, che terminerà entro i primi di marzo, prenderà in mano la situazione per condurla verso la normalità, prima, e la competitività, poi. In particolare, si sono considerate prioritarie, alcune azioni immediate come la riduzione delle tasse di ancoraggio, che consentirebbero di acquisire immediata competitività al porto e porterebbero benefici immediati. Il provvedimento è stato inserito all’interno del maxiemendamento al milleproroghe, il cui iter potrebbe completarsi entro fine settimana. Questo sarebbe un aiuto importante considerato che il 65% dei 20 milioni di risorse

messe a disposizione, sarebbero destinate a Gioia Tauro. Lo stesso provvedimento nel 2010 ha consentito un recupero del 15% del volume del traffico complessivo. La Regione ha richiesto, inoltre, l’accesso ad agevolazioni per la riduzione di servizi tecnico-nautici (pilotaggio, ormeggiatori, rimorchiatori, tasse) che nei porti di transhipment italiani sono maggiori del 25% rispetto a quelli del nord Africa. È stato inoltre evidenziato come una direttiva europea del 27ottobre 2003, recepita dall’Italia nel 2005, attribuisca agli Stati membri la possibilità di detassare i carburanti dei mezzi di trasporto utilizzati al di fuori dellaretestradalepubblica.Ques-

Si sono considerate prioritarie alcune azioni come la riduzione delle tasse di ancoraggio, che consentirebbero di acquisire immediata competitività

to consentirebbe una riduzione delle accise del gasolio che per i tre porti di transhipment ha un costo complessivo annuo di circa 4,8milioni di euro. E ancora, sarà esaminata, coordinandosi con il Ministero delle Finanze,la proposta che riguarda la defiscalizzazione dei contributi sociali che sarebbe un altro importante aiuto anche se si potrebbe attuare limitatamente a un periodo massimo di 3 anni. L’importo dei contributi versati per Gioia è complessivamente di circa 12 milioni di euro. «L’apertura del tavolo su GioiaTauro rappresenta un fatto ovviamentepositivo-hacommentato Scopelliti -. Quello di Gioia Tauro è un tema strategico, dunque da affrontare nel contesto di un rapporto costruttivo e programmatico, lo scalo ha già importanti risorse per realizzare infrastrutture, quello che oggi occorre sono interventi per incentivare lo sviluppo. A tal proposito c’è l’esigenza di intervenire nonostante la difficoltà di trovare risorse». D’accordo con lui la vicepresidente Antonella Stasi, che ha evidenziato la necessità di investire sulle infrastrutture portuali.

REGGIO CALABRIA - Antonio Rappoccio, il consigliere regionale repubblicano confluito nella lista Insieme per la Calabria, si prepara al Congresso del Pri in programma a Roma questo finesettimana. «L’attuale momento politico - spiega - ci vede di fronte a delle alternative e a delle scelte che devono essere attentamente valutate affinché sia confermata la scommessa del corpo elettorale sul Pri. Saliranno sul palco Per questo motivo - sostiene Rappoccio - la componente del Congresso anche il repubblicana in Calabria presidente del Consiglio pone incondizionata fiducia nel segretario nazionale Silvio Berlusconi, Francesco Nucara, e in tutti gli uomini istituzionali che il Francesco Rutelli e il partito sostiene». La fase è leader dell’Udc Casini delicata perché proprio in questi giorni si decideranno gli equilibri tra le forze che comporranno la coalizione di centrodestra per le amministrative. «La storia risorgimentale in cui affonda le radici il Partito repubblicano - ha detto Rappoccio - ha dato esempio di virtù e di libera espressione nella lotta per la conquista della libertà e dell’Unità d’Italia, affidandoci, proprio nella celebrazione dei 150 anni dell’unificazione, il valore incontrovertibile di un impegno e di una scelta». Il Congresso nazionalesi svolgerà all’hotel Ergife di Roma dal 25 al 27 febbraio. I lavori si apriranno con l’esposizione delle tesi repubblicane su: questioni internazionali, finanza pubblica e sviluppo, competitività, istituzioni e partiti, riforma della giustizia, li- Francesco Nucara beralizzazioni. Ne discuteranno alcune tra le maggiori fondazioni liberali: Istituto Bruno Leoni, Adam Smith Society, Fare Futuro, Fondazione Respublica, Libertiamo, Magna Cartha. Quel pomeriggio Francesco Nucara, segretario nazionale del Pri, esporrà la sua relazione. Nei giorni successivi saliranno sul palco anche il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, Francesco Rutelli e Casini, prima delle votazioni finali di domenica. C.G

Inaugurata a Roma la società di Lobbying Utopia Lab ROMA - Si è svolta martedi sera a Roma l’inaugurazione degli uffici di Utopia Lab, la società di Relazioni istituzionali, Comunicazione e Lobbying, che ha lanciato ufficialmente l’avvio dei lavori del nuovo team, altamente qualificato e interamente composto da giovani professionisti. Il lobbying è un settore che in Italia non ha ancora messo completamente le radici, anche se il suo apporto può essere fondamentale per il buon esito delle strategie imprenditoriali delle aziende. Il costante monitoraggio del processo decisionale pubblico rappresenta, infatti, per il mondo produttivo, una fase rilevante per il conseguimento del core business. Per questo i lobbisti di Utopia Lab (www.utopialab.it) offrono servizi che vanno dalla consulenza e assistenza legislativa, fino alla delineazione delle più idonee lobbying strategies. L’inaugurazione della sede è stata anche l’occasione per presentare il vernissage del

maestro Gaspare Da Brescia, l’artista calabrese che con le sue opere ha arredato gli eleganti uffici di Utopia Lab. La mostra ha riscosso un grande successo: la sua visione, quella di "entusiasmare il mondo", ha sedotto molti degli invitati, che hanno potuto ammirare alcuni dei quadri della collezione. Hanno partecipato molti rappresentanti del mondo politico-istituzionale, economico e imprenditoriale. Tra questi l’onorevole Mario Valducci, presidente della commissione Trasporti, che ha commentato: «In Italia manca la trasparenza nei rapporti tra il mondo economico-produttivo e quello della politica. In questo senso è fondamentale il ruolo di intermediazione svolto da società di Lobbying come Utopia Lab. Per questo credo che l’Italia abbia bisogno di munirsi di una legislazione diretta a sostenere, come avviene nei Paesi anglosassoni, questo settore». D’accordo con lui l’onorevole Nicola

Formichella, relatore della Legge Comunitaria in IV Commissione Politiche Comunitarie della Camera dei Deputati: «La società Utopia Lab - ha rilevato - è di strategica importanza nell’avvicinare gli interessi dei gruppi produttivi del Paese e le istituzioni. Auguro a questi ragazzi di rappresentare un valido esempio di imprenditoria giovanile in un settore, come quello del Lobbying, ancora non totalmente avviato in Italia». Hanno partecipato anche gli onorevoli Ignazio Abrigiani, Enrico Farinone, il senatore Gaetano Quagliariello e l’assessore regionale dell’Abruzzo Paolo Gatti. Ma non solo politici. Di rilievo anche le aziende rappresentate, da Enel a Lottomatica, fino a Terna, Vodafone, Bentley e Cepu. A.C


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani

9

IN CALABRIA Due imprenditori di Vibo si sarebbero appropriati di beni per oltre due milioni e mezzo di euro da una loro società in fallimento trasferendoli ad un’altra azienda per sottrarli ai creditori e stavano per fare la stessa cosa con una terza società

Bancarotta fraudolenta due arresti della Finanza di Francesco Pungitore VIBO VALENTIA - Si sono appropriati di beni per oltre due milioni e mezzo di euro da una loro società in fallimento trasferendoli ad un’altra azienda per sottrarli ai creditori e stavano per fare la stessa cosa con una terza società. E’ l’accusa mossa ai due imprenditori, padre e figlio, Antonio e Carmine Prestia, arieri dalla Sequestrate restati guardia di finanza di Vibo Valenanche tia per bancarotle società ta fraudolenta. corso Preco Italia srl Nel dell’operazione, i finanzieri del nue Effedil cleo di polizia tricostruzioni butaria hanno anche sequestrato le società Preco Italia srl con sede a Filandari e Effedil costruzioni Srl con sede a Reggio Calabria, il cui valore supera i due milioni di euro. Le indagini sono cominciate lo scorso anno, su delega del procuratore di Vibo, Mario Spagnuolo, sulla procedura fallimentare della Prestia costruzioni Srl facente capo a Antonio Prestia.

Dalle indagini è emerso che Prestia ha ceduto un ramo d’azienda comprensivo delle immobilizzazioni, dei contratti sui lavori in corso e tutti i crediti iscritti in bilancio ad una seconda società, la Preco Italia, formalmente intestata al figlio, ma di fatto riconducibile allo stesso imprenditore. Così facendo, secondo l’accusa, Antonio Prestia ha occultato beni per 124.184,57 euro e distratto altri beni per per 2.418.424,03 euro, "pilotando" sia il fallimento della Prestia costruzioni e conducendo, di fatto, ad uno stato pre-fallimentare anche la società Preco Italia. Successivamente,sempresecondo l’accusa, ricalcando il medesimo modus operandi, i Prestia hanno costituito, nell’aprile del 2010, una nuova società, la Effedil costru-

zioni con sede a Reggio Calabria, da utilizzare per stornare dolosamente il patrimonio della Preco. Nella Effedil, padre e figlio, avrebbero poi fatto confluire l’iniziale patrimonio della Prestia costruzioni e della subentrante Preco Italia tramite la cessione fittizia del ramo d’azienda e degli appalti. «E’ un’operazione importante perché va a colpire la criminalità economica del vibonese». Questo il commento del procuratore di Vibo Valentia, Mario Spagnuolo. «E’ un’operazione importante - ha aggiunto Spagnuolo - perché va a tutelare i tanti imprenditori onesti che lavorano con impegno e sacrificio in questo martoriato territorio».

«È un’operazione importante perché va a tutelare i tanti imprenditori onesti che lavorano con impegno e sacrificio»

Katia Stancato: campagna di ascolto CATANZARO - Due incontri al mese, tematici, organizzati per raccogliere le esigenze e le idee delle associazioni che compongono il Terzo Settore calabrese, con l’obiettivo di rafforzarne il ruolo e la capacità di incidere sulla qualità della vita dei cittadini. Katia Stancato, neo-eletta Portavoce del Forum del Terzo Settore calabrese, descrive così la campagna di ascolto delle associazioni approvata durante il coordinamento regionale dell’organizzazione. «L’idea- continua la Stancato- è arrivare agli Stati Generali, previsti per metà giugno, con una conoscenza specifica di ogni realtà territoriale e con idee concrete da mettere in campo a stretto

giro. Non vogliamo lasciare solo nessun calabrese, per questo dobbiamo canalizzare le nostre energie in progetti capillari, mirati concreti». Il rapporto con la politica è stato un altro dei temi chiave del coordinamento regionale: «Spesso, purtroppo, le politiche sociali sono percepite come un costo piuttosto che come un investimento. Per tale ragione accolgo con favore l’ipotesi dell’assessore al Welfare Francesco Stillitani che, dopo tempo e dopo gli appelli che abbiamo rivolto alla classe dirigente, ha lanciato l’idea di riunire un tavolo sul volontariato. Noi ci siamo, siamo disponibili al confronto, anzi lo auspichiamo».

Magarò: anche la Regione espone la targa anti-mafia REGGIO CALABRIA - «La dichiarazione dell’on. AngelaNapoli sullerecentiiniziative del consiglio regionale per contrastare la criminalità organizzata, stimola ulteriormente il dibattito su un tema di assolutaprioritàperilfuturo della Calabria». E’ quanto dichiara il presidente della commissione regionale contro la ’ndrangheta, Salvatore Magarò. «Tra i molti provvedimenti adottati, ultimo della serie - ha aggiunto - c’è anche quello di dotare i comuni calabresi di una targa con la dicitura la ’ndrangheta qui non entra. In questo enunciato, che veicola un desiderio e una speranza, è comunque racchiuso un segnale forte del cambio di passo di una politica che rifiuta le connivenze e non vuole più subire intimidazioni senza reagire. Tra l’altro vorrei evidenziare come il presidente del consiglio regionale Talarico abbia espressamente annunciato, nell’intervento in Aula, che la stessa targa verrà affissa all’ingresso di palazzo Campanella».

Riace vuole i profughi in arrivo dalla Libia RIACE - «Siamo pronti e disponibili ancora una volta a dare il nostro contributo davanti al rischio di un nuovo esodo di esseri umani in fuga dalla guerra e dalla miseria». Domenico Lucano, sindaco di Riace, il centro della Locride in cui sono stati accolti negli ultimi anni centinaia di immigrati, in una dichiarazione all’ Ansa , esprime la volontà di non tirarsi indietro di fronte all’emergenza di un possibile arrivo in Italia di migliaia di profughi provenienti dalla Libia. Sono decine le famiglie di immigrati di varie etnie che hanno trovato una casa ed un lavoro nel centro storico di Riace, raccontato anche in un film.

Edilizia scolastica, fondi per 16 milioni CATANZARO - La Calabria, insieme ad altre 14 regioni godrà, per la sua parte, di un finanziamento complessivo pari a 16 milioni di euro per la realizzazione di interventi infrastrutturali nelle scuole. Li ha assegnati il Dpcm del 4 dicembre 2010, pubblicato sulla Gazzetta del 15 febbraio scorso. Il provvedimento attua l’articolo 32-bis della legge 326/2003, che ha istituito il "Fondo per interventi straordinari", per contribuire alle opere infrastrutturali, soprattutto a quelle necessarie alla riduzione del rischio sismico, e per far fronte ad eventi straordinari nei territori degli enti locali, delle aree metropolitane e delle città d’arte. Lo stesso art. 32-bis

assegnava al Fondo 73.487.000,00 euro per il 2003 e 100 milioni di euro per ciascuno degli anni 2004 e 2005. Successivamente, la Finanziaria 2008, all’art. 2, comma 276, ha aggiunto al Fondo altri 20 milioni di euro, dal 2008, per l’adeguamento strutturale ed antisismico degli edifici scolastici e per la costruzione di nuove scuole in sostituzione di edifici esistenti a rischio sismico. Il comma 276 prevede che le risorse siano utilizzate secondo programmi basati su aggiornati gradi di rischiosita. Con l’Opcm 3864 del 31 marzo 2010 sono state fissate le modalità di attivazione del Fondo.


10

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

IN CALABRIA

Il sito delle biblioteche calabresi Un patrimonio fruibile on line

IN BREVE

Il sito rende fruibile il patrimonio Caridi si complimenta con l’orafo Affidato librario di 120 biblioteche CROTONE L’assessore che contengono regionale alle Attività Produttive Antonio Caridi - informa una nota un milione e dell’ufficio stampa della giunta - ha commentato positiduecentomila volumi regionale vamente i rilevanti riscontri ottenuti nendo sotto la supervisione di Tullio de Mauro, il sito è un mezzo per consentire a tutti i cittadini di conoscere le biblioteche della regione, verificare gli orari di apertura e i servizi forniti, cercare online i volumi e richiederli in prestito». Per una maggiore diffusione dell’iniziativa sono stati invitati a partecipare i 409 sindaci calabresi.

di Luigi Celia CATANZARO - «La promozione della lettura è un’emergenza nazionale ed è necessario utilizzare strumenti innovativi per mettere in rete il sapere. In tale quadro anche le biblioteche svolgono un ruolo fondamentale». Con queste parole l’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri ha annunciato la presentazione del sito delle biblioteche calabresi

www.bibliotechecalabria.it che si terrà domani alle 11.30 nell’Aula Magna del Liceo Classico "Pasquale Galluppi" di Catanzaro, alla presenza di Mario Resca, Direttore Generale del Ministero dei Beni Culturali. Il sito rende fruibile il patrimonio librario delle 120 biblioteche aderenti al Sistema Bibliotecario Regionale, che contengono un milione e duecentomila volumi. Per ogni volume è possibile visualizzare una scheda che indica in quali biblioteche è possi-

bile la consultazione e le modalità per la richiesta del prestito alla biblioteca più vicina. È stato, inoltre, avviato un lavoro di digitalizzazione per rendere disponibili su internet alcuni volumi e consentire al pubblico di leggere direttamente dal proprio computer un numero crescente di documenti riguardanti la storia e la cultura della Calabria. L’assessore regionale Caligiuri ha aggiunto che «in aggiunta al libro verde sulla lettura che si sta predispo-

dall’orafo crotonese Michele Affidato, protagonista, nell’ambito del Festival di Sanremo, della serata dedicata ai 150 anni dell’Unità d’Italia. L’artista calabrese è stato inoltre autore del premio speciale conferito alla canzone prescelta quale la più bella della storia della musica italiana. Una circostanza che ha offerto un impatto mediaticoineguagliabilegrazieagliascolti garantiti dalle serate del Festival. «Si tratta - ha detto l’assessore Caridi - di un premio meritato, il giusto tributo ad un vero artista che ha trovato nel prestigioso palcoscenico sanremese adeguata collocazione per promuovere l’arte orafa calabrese, ormai assurta a livelli consoni alla sua qualità. E’ stato così possibile gratificare il maestro Affidato per la pregevole opera ma altresì è stata posta in chiara evidenza la crescita esponenziale dell’arte orafa calabrese che costituisce un’eccellenza nel panorama delle enormi risorse di cui è dotata la Calabria».


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani 11

IN CALABRIA Il Partito democratico proporrà alle altre forze del centrosinistra le proprie candidature alle amministrative, ma solo dopo una verifica della disponibilità delle persone per evitare gli errori del passato

Il Pd cerca candidature che abbiano una disponibilità piena e incondizionata e che siano capaci di rendere credibile il progetto

Evitare gli errori del passato vademecum elettorale di Musi di Vito Masucci CATANZARO - Il Partito democratico proporrà alle altre forze del centrosinistra le proprie candidature alle prossime amministrative, ma solo dopo una verifica della disponibilità delle persone per evitare di commettere gli errori del passato. Lo ha detto all’ Ansa il commissario regionale del Pd, Adriano Musi , all’indomani della riunione del centrosinistra che si è aggiornata a mercoledì prossimo per la definizione delle candidature. «Faremo verifiche sui territori - ha aggiunto - per portare al tavolo nominativi che siano ponderati e rispondenti ai requisiti e che siano disponibili. Credo sia stato corretto non avere avanzato candidature e avere detto che ci davamo un percorso di verifiche per chiudere mercoledì prossimo. E’ un percorso di responsabilità non di non disponibilità di candidati, come è stato riportato da più parti. Vedremo come fornire anche noi candidature che abbiano prima di tutto una disponibilitàpienaeincondizionata e che siano capaci di avere un consenso che renda credibile il progetto e la diversità che comunque mi porto dietro sin dall’inizio che è quella di rinnovare la politica in Calabria. Devono rispondere a questo tipo di esigenza primaria se vogliamo ridare dignità e ruolo alla politica anche in Calabria». «Preferiamo prima parlare con le persone - ha detto Musi - e valutare la loro disponiblità proprio perché gli errori e e le scottature precedenti in qualche maniera consigliano cautela e grande verifica». Un riferimento a quanto accaduto a Catanzaro dove i due candidati proposti dal Pd, Valerio Donato prima e Raffaele Salerno , poi, alla fine hanno rifiutato la candidatura. «Ogni ricambio generazionale ha purtroppo strade irte e difficoltose, specialmente quando questo ricambio non è accompagnato dal

senso di responsabilità di chi esce. Questo è il problema che abbiamo» ha dettoMusi, in merito alla situazione politica del partito. «Questo - ha aggiunto - avviene in tutte le famiglie, nelle aziende, nelle società ed avviene anche nei partiti». «Il problema - detto Musi - non sono le primarie, ma le persone. Ecco perché dobbiamo fare una valutazione attenta. Noi siamo portatori di un progetto che si chiama, innanzitutto, rinnovamento e restituzione della

«Intendo parlare con Raffaele Salerno per capire se ci siano stati elementi esterni che hanno influito sulla sua decisione di non accettare la candidatura a sindaco di Catanzaro»

dignità alla politica di questa regione. E dentro questo progetto vogliamo trovare le persone giuste che nell’opinione pubblica e nei cittadini diano senso, significato e valore di concretezza, per cui si possa accoppiare finalmente il dire ed il fare. Siamo fiduciosi che alla fine le città capiranno dai candidati, dalle liste, se questa scommessal’abbiamomantenuta oppure se abbiamo cercato inutili compromissioni o inutili compreomessi su strade irte e difficoltose». «Il partito - ha sostenuto Musi parlando delle divisioni interne - è stato commissariato perché c’era una incapacità del gruppo dirigente di avere più rispetto del partito ed avere più capacità dicomprensionerispettoall’orgoglio dell’appartenenza prima ancora che agli interessi personali. Da questo punto di vista si tenta di rimettere insieme quelle disponibilità che capiscono cosa vuol dire essere orgogliosamente appartenenti ad un partito dovendo rappresentare una città e non

se stessi ed i propri interessi». «Questo percorso - ha concluso Musi - è a buon punto. Ci sono persone che hanno la loro dato disponibilità nonostante i tentativi di rappresentare un Pd allo sbando. Nonostante questo c’è la disponibilità e l’interesse delle persone a incoraggiare il processo di rinnovamento e a non farlo indietreggiare di un centimetro. Sono molto ottimista». «Intendo parlare con Raffaele Salerno per capire se ci siano stati elementi esterni che hanno influito sulla sua decisione di non accettare la candidatura a sindaco di Catanzaro» ha continuato Musi, in merito alla situazione delle candidature nel capoluogo calabrese. «A Catanzaro - ha aggiunto - abbiamo avuto due rifiuti totalmente diversi. Il primo, quello di Valerio Donato, nasceva da un’esigenza personale, da una valutazione fatta dal candidato che una volta messo davanti a questo tipo di opzione si è posto anche il problema della sua carriera, della sua professione, della sua attività. E dovendo scegliere tra la sua professione ed il sindaco ha preferito senz’altro la sua attività. Ed è comprensibile». «Dall’altra parte - ha detto Musi c’è Salerno. Ho detto io per primo che ci voglio parlare, visto che l’ho sentito solo una volta per telefono, proprio perché voglio capire cosa è avvenuto. Se è una scelta per motivi personali ne prenderò atto con rammarico. Ma voglio capire se ci sono stati degli elementi esterni che hanno influenzato questa scelta e se sì quali sono e chi ha influenzato la scelta. Questo anche per consentirmi di poter decidere, insieme al coordinamento provinciale, in maniera più chiara e tenendo conto anche dei comportamenti esterni». «Per la candidatura a sindaco di Cosenza non c’è nessuna incertezza del Pd. A Cosenza partiamo da una situazione diversa rispetto alle altre forze del centrosinistra. Noi abbiamo il primo cittadino» ha concluso.

Gigliotti: serve discontinuità LAMEZIA TERME - «Il Pd oggi deve avere il coraggio in tutte le città (da Cosenza a Reggio, da Catanzaro a Rossano, da Crotone ad Amantea a Soverato, fino al più piccolo comune della Calabria) di affidarsi a candidature che rappresentino una chiara discontinuità rispetto alla passataesperienzaregionale».Loafferma in una nota Fernanda Gigliotti, del Gruppo Pd-Calabria 25 aprile. «Se poi il Pd - aggiunge - vuole realizzare in Calabria il primo vero laboratorio del Partito Democratico, deve osare molto di più e accanto alla discontinuità deve investire in candidature che rappresentino un salto generazionale e un cambio di genere. Sarebbe una grande opportunità per la Calabria e i calabresi se riuscissimo a mettere in campo nomi di illustri calabresi, di giovani trentenni e quarantenni, di donne, tante donne di valore impegnate da sempre nel lavoro, nelle professioni, nelle associazioni e nella politica». «Ancora più chiaro prosegue Gigliotti - è che noi del Pd non saremo mai credibili di fronte al nostro elettorato e ai nostri alleati se proponessimo come sostegno e stampella del rinnovamento quella stessa classe dirigente che, con i suoi silenzi, ha consentito la nascita e la lunga sopravvivenza del Loierismo di cui Loiero, evidentemente, non è stato né il massimo né l’unico interprete. In otto mesi di commissariamento del Pd molte cose sono cambiate. Penso al ruolo che è stato affidato ai molti giovani e alle tante donne che stanno ricreando un rinnovato entusiasmo e una speranza per tutta la Calabria democratica. Penso a Elisabetta Tripodi».

A cura: M ediatag Spa coord. area C alabria

E nti Pubblici e Istituzioni C IT TÀ D I A M A N TE A (Prov. di C osenza) C orso U m berto I - 87032 AM AN TEA - tel. +3 9 0 9 82-4291 fax +3 9 0 9 82-41013 - http://w w w.com une.am antea.cs.it G ara per l'affidam ento del servizio di "D estinazione di aree di parcheggio a pagam ento di veicoli sui quali la sosta è subordinata al pagam ento di una som m a da riscuotere m ediante parcom etri ed altri sistem i di pagam ento". AV VIS O AG G IU D ICAZ IO N E D E F IN ITIVA Visto l'art.65 e l'allegato IX A del D .Lgs. 12 aprile 200 6, n.163 C O M U N ICA P RO C E D U RA D I AG G IU D ICAZ IO N E: procedura aperta ai sensi dell'art.3, com m a 37 e art. 55, com m a 5, decreto legislativo n.163 del 200 6 con il criterio della offerta econom icam ente più vantaggiosa ai sensi della'art.83 del D .Lgs 163/200 6 per l'appalto del servizio; N ATU RA D E LL'AP PALTO : appalto di servizio; C O D IC E C U P I9 9E1 0000 6 0000 5 LOT TO C IG 0 5 5 000 4 5A7 IM P O RTO C O M P LE S S IVO D E LL'AP PALTO : Il volare di stim a delle riscossione lorde è previsto in Euro 125.000,00 annui per quattro anni; C R ITE R IO D I AG G IU D ICAZ IO N E: criterio del prezzo dell'O fferta econom icam ente più vantaggiosa ai sensi dell'art.83 del d.lgs. n.163 del 200 6; N U M E RO D I O F F E RTE R IC EVU TE: num ero 1 (uno); DATA D I AG G IU D ICAZ IO N E: 29 dicem bre 2010; N O M E E IN D IR IZ ZO D E LL'AG G IU D ICATAR IO : ATI G estione Parcheggi c/o m andatario C ooperativa Sociale "D onne al Lavoro" Via E. N oto 8 Am antea (C S); VALO R E D E LL'O F F E RTA C U I E' S TATO AG G IU D ICATO L'AP PALTO : per l'esecuzione dei servizi oggetto dell'appalto a favore dell'appaltante verrà corrisposto il 12% degli incassi lordi sui corrispettivi ricavati dai parcheggi. O RG AN O C O M P ETE N TE P E R LE P RO C E D U R E D I R IC O R S O : Tribunale Am m inistrativo Regionale di C alabria - C atanzaro; TE R M IN I P E R LE P RO C E D U R E D I R IC O R S O : il ricorso avverso l'aggiudicazione entro 6 0 giorni dalla data di pubblicazione del presente avviso. S E RVIZ IO P R E S S O IL Q UALE P O S S O N O E S S E R E R IC H IE S TE IN FO R M AZ IO N I: C om ando Polizia M unicipale, R.U .P. B azzarelli G iacom o dell'U fficio (tel. 0 9 824125 6/fax 0 9 82424 629); D U RATA D E L S E RVIZ IO : anni quattro naturali e consecutivi decorrenti dalla data di inizio di gestione, Possibilità di rinnovo per 2 anni; DATA D I P U B B LICAZ IO N E D E L B AN D O : Pubblicato sulla G U C E il 14/10/2010 n S200, pubblicato sulla G .U .I. il 25/10/2010 n 124 - 5 serie speciale, per estratto; sul B .U .R. C alabria, per estratto, su 2 quotidiani a tiratura nazione e 2 quotid iani a tiratura locale, p er estratto; p ub b licato integ ralm ente all'alb o P retorio C om unale e sul sito http://w w w.com une.am antea.cs.it Am antea 11/02/2 011 Il Responsabile del Procedim ento O p. B azzarelli G iacom o

G li annunci sono presenti sul sito w w w.aste.eugenius.it

FO N DA Z IO N E PE R LA R IC E R CA E LA C U RA D E I TU M O R I "TO M M AS O C A M PA N E LLA " CAM P U S U N IVE R S ITAR IO - Viale Europa - Località G erm aneto 8 8100 CATAN ZAR O

E S TR ATTO AV V IS O D I G A R A Q uesta A m m inistrazione con decreto n.19 del 25.01.2011 ha indetto procedura concorsuale per via telem atica per "Polizza e responsabilità civile verso terzi e verso prestatori di lavoro" per un im porto biennale di € 1.000.000,00 Il relativo bando è stato inviato alla G .U .U .E. in data 27.0 1.20 11 e pubblicato sulla G .U .R .I N .13 del 3 1.0 1.20 11. Le offerte di gara devono pervenire al gestore del sistem a telem atico C S A M ed di C rem ona sul sito w w w.albofornitori.it con le m odalità in esso descritto entro le ore 12,00 dell'11.03.20 11. f.to Il Presidente del C .D .A . Prof. Paolo Falzea


12

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

CRONACHE Il consigliere comunale chiarisce che in ballo ci sono circa un milione e 600 mila euro

Corsi: impegno sui fondi Pon sicurezza per non perderli di Luca Giglio CATANZARO - «Legalità e sicurezza non possono vedere la politica divisa, tanto seri sono gli argomenti e tanto importante è avere gli strumenti necessari per difendere e tutelare quella parte di comunità che vuole vivere nella legalità» si legge in una nota del consigliere Antonio Corsi. «Ecco perché su questi argomenti è però necessario stare molto attenti a individuareeventualiresponsabilità,anche amministrative, qualora cavilli burocratici o attacchi di primogeniture fermino lo sviluppo di politiche di legalità che non appartengono alla parte politica che le ha pensate o che ne ha dato l’indirizzo, ma ad un certo punto diventano patrimonio importante per l’intera città - continua -. Ed è in quest’ottica, altamente costruttiva, che intendiamo chiedere al Sindaco che fine ha fatto l’attuazione dei due progetti Pon sicurezza approvati a novembre 2010 e che ancora non pare essere andati avanti. Dove si è bloccato l’inte-

ro iter procedurale? In ballo ci sono circa un milione e 600 mila euro, e al di là del valore oggettivo dei soldi, in gioco c’è la sicurezza di una città che abita in quartieri a rischio. Una cifra che, temiamo, rischia di perdersi se il Comune non rispetterà i tempi imposti dall’ente finanziatore e cioè il ministero degli Interni. Qualora accada ciò l’intero lavoro di progettazione andrà in fumo, bisognerà ricominciare daccapo e rimettersi in coda poiché il Comune di Catanzaro avrà dimostrato di non essere in grado di passare dalla progettazione all’attuazione. Non sempre la burocrazia coglie le opportunità di sviluppo anche futuro dovendo purtroppo, più o meno consapevolmente, agire sull’esistente, ecco perché arriva il momento in cui la lungimiranza della politica deve sopperire alle manchevolezze degli uomini e delle carte. Soprattutto in un momento storico in cui i tagli del Governo sono evidenti e l’Amministrazione si deve arrabattare per recuperare denaro dal’Unione europea. Riten-

go, così, che nei futuri bilanci bisognerà prevedere un fondo che consenta di anticipare le cifre utili a portare avanti la progettazione. Pare infatti che il Pon sicurezza rischi di naufragare proprio per l’attuale impossibilità di reperire qualche decina di migliaia di euro necessari alla fase propedeutica dei progetti. Se così fosse, sarebbe opportuno intercettare le somme necessarie dai secondi dodicesimi che saranno disponibili dal mese di marzo. Chiediamo - conclude - dunque al Sindaco di intervenire dando risposte immediate con i fatti per scongiurare il pericolo di revoca dei finanziamenti Pon. Una perdita che non può rendere felice neanche l’opposizione. Perché se sul piano politico la divergenza di idee può portare a una naturale dialettica di contrapposizione, sul piano del governo di una comunità siamo tutti coinvolti e il compito di un’opposizione che voglia essere costruttiva è proprio quello di essere garante di una buona, equa e imparziale amministrazione».

«Ritorni il Poliziotto di quartiere a Lido» CATANZARO - «Sia ripristinato in Catanzaro Marina il poliziotto di quartiere». E’ questo l’appello che Massimo Gualtieri, in nome e per conto di molti cittadini. «Già l’ex presidente del Consiglio del VI Circolo Didattico, Umberto Alfano - scrive in una nota Gualtieri - lo aveva richiesto all’atto dell’insediamento dell’alto funzionario. Immediatamente dopo l’estate, infatti, Catanzaro Marina è diventata orfana di questa emblematica figura, incarnata per anni dal Sovrintendente Giuseppe Forte, che ha rappresentato e rappresenta il trait d’union tra il cittadino e le istituzioni. Il far sentire vicino ai ragazzi, constatandolo de visu la presenza di tale importante figura, deterrente per tanti piccoli reati di microcriminalità - prosegue Gualtieri - fa si che prosegua quell’insegnamento alla cultura della legalità. Quale Movimento Civico, raccogliamo le esigenze della popolazione, per sollecitare il Questore di Catanzaro, affinché a breve venga ripristinata e potenziata la figura del poliziotto di quartiere».


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani 13

CRONACHE Per i due consiglieri bisogna allargare il centrosinistra a tutti gli antiberlusconiani

Lodari e Luppino: sostegno al rinnovamento di Musi di Carmela Mirarchi CATANZARO - «La linea del rinnovamento disegnata dal commissario regionale sen. Musi obbedisce ad una precisa logica: la costruzione, su basi nuove, di un Partito Democratico realmente radicato tra la gente, capace di proporsi come forza di governo e di cambiamento, lasciandosi alle spalle un’epoca in cui l’esercizio del potere fine a se stesso annullava il confronto e il rispetto delle regole. Proprio la necessità di rispettare le regole, quale condizione irrinunciabile della convivenza democratica, è alla base della filosofia del senatore Musi». E’ quanto si legge in una nota dei consiglieri comunali del Pd Alcide Lodari e Franco Luppino. «Tutti noi dobbiamo essere disponibili a fare un passo indietro, a mettere a disposizione anche le nostre storie personali per raggiungere questi obiettivi che, magari, produrranno alla lunga i loro effetti positivi - continuano -. Attorno all’individuazione del candidato sindaco che verrà dal commissario regionale, di concerto con le forze del centrosinistra, bisognerà lavorare velocemente alla costruzione di una vasta coalizione che sia in grado di contra-

stare un centrodestra demagogico e populista che ritiene di avere già in mano la vittoria, ma non ha alcun progetto per la città.Siamo dell’avviso che, stante le difficoltà del terzo polo a decollare, sia necessario chiamare attorno al progetto del centrosinistra tutte le forze che nazionalmente contrastano l’impostazione arrogante del centrodestra. Una vasta alleanza che, partendo dal nucleo del centrosinistra, di cui il Pd è innegabilmente il traino, comprenda anche soggetti come Api, Fli, gli scontenti dell’Udc,

Lodari e Luppino: «Ai “dissidenti” del movimento delle primarie diciamo che è necessario spostare il confronto all’ interno del partito»

liste civiche come Catanzaro nel Cuore ed altre ancora. La stessa lista "Autonomia e Diritti", che ha eletto al Consiglio regionale l’on. Enzo Ciconte, fa parte integrante, a buon titolo, di questa vasta area. In questa ottica, la scelta del commissario Musi ricadrà su una personalità nuova che saprà anche valorizzare quanto di buono ha fatto in questi anni il sindaco Rosario Olivo. Ai "dissidenti" del movimento delle primarie diciamo che, pur rispettando le loro posizioni, è necessario spostare questo confronto all’interno del partito, in un contesto dove le regole vengano rispettate da tutti e le decisioni, democraticamente assunte, diventino condivise. Non ci sentiamo infine - concludono - di esprimere un giudizio positivo su quanti hanno sotterraneamente lavorato per demolire le due prestigiose e cristalline candidature costruite dai commissari del partito e che avrebbero certamente consentito di riaprire la partita elettorale»

«Attorno all’individuazione del candidato sindaco che verrà dal commissario regionale, di concerto con le forze del centrosinistra, bisognerà lavorare velocemente alla costruzione di una vasta coalizione»

Visita del Prefetto all’Ufficio scolastico di Anna Bolle

CATANZARO - Visita di cortesia, ieri mattina, del Prefetto di Catanzaro, Dott. Antonio Reppucci, al Direttore Generale dell’Usr Francesco Mercurio. Nel corso del cordiale incontro, cui hanno presenziato tutti i Dirigenti Tecnici e Amministrativi dell’Usr., è stata espressa unità di intenti per un comune impegno volto ad affrontate tematiche ed argomenti riguardanti la cultura della legalità e il contrasto al fenomeno del bullismo; in particolare, il Prefetto ha potuto prendere cognizione personale dell’impegno del mondo della scuola e delle attività promosse a favore della legalità e del vivere civile. Durante

la visita sono state, altresì, affrontate diverse problematiche, sia relativamente all’andamento dei fenomeni criminali sul territorio della provincia, sia in merito a difficoltà e arretratezza presenti nel tessuto socio - economico catanzarese, come la disoccupazione, il disagio sociale e la delinquenza giovanile.

Sconto di pena per donna sorpresa con armi bianche CATANZARO - Si è concluso con uno sconto di pena il giudizio di secondo grado per Anna Critelli,catanzarese di 48 anni, finita nei guai dopo essere stata trovata in pieno centro, a Catanzaro, con un arsenale di armi bianche nella borsa. I giudici della Corte d’appello, ieri, hanno rideterminato la condanna della donna a quattro mesi e venti giorni di reclusione. Cinque mesi era la pena originaria, inflitta alla Critelli il 5 maggio 2008 al termine del giudizio abbreviato nell’ambito del quale la 48enne - difesa dall’avvocato Giovanni Le Pera - rispondeva di una lunga serie di accuse. Una particolarmente pesante era venuta meno, e cioè la contestazione di minaccia a mano armata, ma era rimasta, fra le altre, l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale che lei avrebbe opposto al momento dell’arresto, il 25 aprile del 2008, quando fu trovata con un’accetta, diversi cacciaviti, una cesoia, alcune chiavi inglesi e 15 coltelli di varie dimensioni. Quel pomeriggio i carabinieri della Compagnia di Catanzaro erano stati allertati da una telefonata di segnalazione di una lite fra vicini di casa. Giunti sul posto, i n via Marincola di Pistoia, avevano notato una donna in atteggiamenti poco razionali. Volto conosciuto nel quartiere, la 48enne alla vista dei carabinieri aveva dato in escandescenza. Dopo essere stata sottoposta a una visita specialistica nell’ospedale Pugliese era stata trasferita presso il carcere di Castrovillari, ma in seguito al giudizio abbreviato aveva riottenuto la libertà.

Assegnato il premio Salvatore Venuta CATANZARO - E’ stato assegnato, ieri mattina, alla presenza del Preside e della Commissione giudicatrice, il Premio di Laurea alla migliore tesi dell’anno 2010 per la Facoltà di Giurisprudenza: il premio intitolato alla memoria di "Salvatore Venuta" è andato al Dottor Domenico Iozzo, laureato, con il massimo dei voti e la lode, discutendo la tesi in Diritto del Lavoro dal titolo "Profili caratteristici della professione giornalistica". Il relatore della tesi è stato il Professor Antonio Viscomi. Il Preside della Facoltà di Giurisprudenza, Professor Luigi Ventura, ha consegnato al vincitore la pergamena e il premio di 1500 euro, ricordando la figura di Salvatore

Venuta, a cui la stessa Facoltà ha intitolato di recente l’Aula C dell’Edificio dell’Area giuridica, economica e delle scienze sociali. Il Professor Antonio Viscomi ha spiegato le motivazioni dell’assegnazione del Premio, da ricercare nell’attento lavoro di ricostruzione e analisi della professione giornalistica coniugato con l’impegno civile nel leggere il senso della professione giornalistica oggi e del diritto di informazione più in generale. Il Professor Viscomi ha ricordato il sogno che avrebbe voluto realizzare Salvatore Venuta con l’istituzione di un master in Giornalismo proprio all’Università di Catanzaro. r.c.


14

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

CRONACHE E’ accaduto in una scuola media, i genitori hanno dovuto ricorrere alle autorità

Gita vietata ad uno studente down, i compagni si ribellano di Carmela Mirarchi CATANZARO - Gli studenti di una scuola media di Catanzaro si sono rifiutati di andare in gita con l’istituto, dopo il rifiuto opposto dalla dirigente alla partecipazione di un loro compagno disabile all’uscita didattica della propria classe. A rendere nota la vicenda è Ida Mendicino, responsabile del coordinamento regionale per l’integrazione scolastica e Consulente legale nazionale dell’Associazione Sclerosi Tuberosa. «I genitori del ragazzo, affetto da sindrome di Down - spiega - hanno dovuto ricorrere all’autorità di Polizia per far rispettare il diritto allo studio del proprio figlio, in linea con la normativa di riferimento, in particolare con le note Ministeriali le quali espressamente asseriscono che le gite rappresentano un’opportunità fondamentale per la promozione dello sviluppo relazionale e formativo di ciascun alunno e per l’attuazione del processo di integrazione scolastica dello studente

diversamente abile, nel pieno esercizio del diritto allo studio». Successivamente a tale episodio, secondo Mendicino, la dirigente «ha aggravato la propria posizione allorchè ha manifestato ai docenti l’intenzione di non autorizzare in futuro alcuna uscita dello studente affetto da sindrome di Down ed ha chiesto ai compagni di classe di non portare a conoscenza del ragazzo le date delle future gite ed uscite in programmazione, motivando tale richiesta con la scarsa capacità dello stesso ad apprendere a causa della sua infermità genetica» Ma l’invito è stato immediatamente declinato dai compagni, ragazzi di terza media, i quali hanno dichiarato che avrebbero preferito rinunciare tutti alle gite pur di non veder discriminato il loro compagno. «Raccontiamo volentieri - dice Mendicino - l’episodio occorso in quanto segnale importante di cambiamento in una generazione spesso tacciata di eccesso di individualismo e di scarso senso di solidarietà. Un plauso ai ragazzi dell’istituto

comprensivo di Catanzaro che si sono dimostrati vera speranza di maturazione del tessuto sociale rispetto agli esempi che spesso provengono dal mondo dei grandi». «La notizia che leggiamo sugli organi di stampa secondo la quale ad un ragazzo diversamente abile, frequentante un istituto comprensivo del capoluogo di regione, sarebbe stata proibita la possibilità di partecipare ad un viaggio di istruzione ci indigna ed offende profondamente. E’ assurdo. E’ illogico. E’ incomprensibile. E’amorale. E’ contro la legge» questo il commento di Vincenzo Capellupo, Presidente dell’associazione universitaria e giovanile Ulixes . «Ci auguriamo - dice - - che un simile atto di discriminazione così profondamente lesivo dei diritti fondamentali e della Carta Costituzionale sia frutto solo di uno spiacevole ed offensivo equivoco e non di un comportamento consapevolmente discriminatorio. Ma con orgoglio leggiamo di altri giovanissimi studenti che hanno sostenuto il loro compagno di classe».

Stalking, confermato arresto per 33enne CATANZARO - Custodia cautelare in carcere confermata, al momento, per Vincenzo Cacia, 33 anni, di Catanzaro, finito dietro le sbarre in esecuzione diun’ordinanza emessa dal giudice per le indagini preliminari per l’accusa di stalking. L’indagato, comparso ieri davanti algiudice Livio Sabatini per l’interrogatorio di garanzia,affiancato dall’avvocato Giuseppe Costabile ed alla presenza del pubblico ministero Alberto Cianfrini, ha risposto alle domande fornendo la propria versione dei fatti che gli vengono contestati e che, in sostanza, secondo l’accusa, sarebbero risultati confermati. A questo punto il difensore dovrà decidere se ricorrere al tribunale del riesame impugnando il provvedimento del gip. Questi, su richiesta del sostituto Cianfrini, ha emesso l’ordine di custodia per Cacia nell’ambito di un procedimento penale scaturito dalle denunce della presunta parte offesa, l’ ex fidanzata del giovane che egli avrebbe preso a perseguitare non sopportando la fine del loro rapporto.


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani 15

CRONACHE

Droga, patteggia la pena un pensionato di Sellia SELLIA MARINA - Ha patteggiato la pena Ettore Opipari, 60 anni, gommista in pensione, di Sellia Marina, finito in manette il 18 gennaio con l’accusa di detenzione illegale a fini di spaccio di cocaina. Il giudice monocratico di Catanzaro Adriana Pezzo ieri ha inflitto all’uomo otto mesi di reclusione e 2.000 euro di multa - con concessione dei benefici della sospensione condizionale e non menzione nel casellario giudiziale -, come richiesto dal difen-

Spaccio, 35enne trovato con hashish

sore, l’avvocato Antonio Chiarella, con il consenso del pubblico ministero. Il giudice, infine, ha revocato ad Opipari la misura cautelare degli arresti domiciliari disposta a suo carico al termine dell’udienza di convalida. Il sessantenne è stato arrestato dai Baschi verdi della Guardia di finanza che, a seguito di una perquisizione domiciliare, hanno trovato in suo possesso 46 grammi di cocaina. r.c.

Disposta la custodia in carcere nei confronti dell’imam della moschea di Sellia Marina

Terrorismo, primo marzo la discussione dei ricorsi SELLIA MARINA - E’ fissata per il primo marzo, davanti al tribunale del riesame di Catanzaro, la discussione dei ricorsi presentati dai tre uomini marocchini finiti in manette all’inizio del mese nell’ambito dell’inchiesta battezzata "Nostalgia", con le accuse di svolgere attività di terrorismo internazionale. Gli avvocati Enzo Galeota e Vittorio Platì hanno impugnato l’ordinanza cautelare emessa dal giudice distrettuale per le indagini preliminari di Catanzaro, Emma Sonni che, su richiesta dei sostituti procuratori della Repubblica titolari del caso, Elio Romano e Carlo Villani ,ha disposto la custodia in carcere nei confronti di M’Hamed Garouan, imam della moschea di Sellia Marina, BrahimGarouan, 25 anni, figlio dell’imam, e Younes Dahhaky, 28 anni, residente a Lamezia Terme. Per i tre uomini - che nel corso dell’interrogatorio di garanzia si sono avvalsi della facoltà di non rispondere al gip - le accuse formulate dagli inquirenti sulla scorta delle indagini con-

dotte dai poliziotti della Digos di Catanzaro parlano di presunte attività di addestramento alle azioni violente con finalità di terrorismo, radicalizzazione e proselitismo nei confronti di appartenenti alle comunità islamiche. I tre marocchini, secondo gli inquirenti, utilizzavano la rete internet per procacciarsi e diffondere documenti multimediali riguardanti l’uso di armi ed esplosi-

Chiuso un panificio a Girifalco GIRIFALCO - Continua l’attività ispettiva dei militari della Compagnia di Girifalco in materia di sicurezza sul lavoro e rispetto delle norme igienico sanitarie. Dopo i controlli scattati nel settore degli edile e degli autolavaggi, in questi giorni l’attività si sta concentrando nel settore di produzione alimentare. In questa ottica si inquadra l’attività dei militari della Stazione Cc di Girifalco che, nella giornata di odierna, in collaborazione con militari del Nas e militari dell’Ispettorato del Lavoro di Catanzaro, hanno svolto mirati controlli in tale ambito. Gli accertamenti si sono conclusi con la chiusura di un panificio sito in Girifalco di proprietà di P.A.R. 40en-

ne, residente nel medesimo comune. Durante l’ispezione è stato appurato che il panettiere operava nel settore in mancanza delle prescritte autorizzazioni, poiché non ha ottemperato all’ordine di chiusura emesso nel 2008, inoltre sono state riscontrate gravissime carenze dal punto di vista igienico sanitario, oltre alla presenza di un dipendente in "nero". L’ammontare della sanzione ammonta a circa 7.600 euro, e il titolare dovrà rispondere anche penalmente dell’inosservanza del provvedimento di chiusura precedentemente emesso. Nei prossimi giorni le attività di controllo si estenderanno in tutto il territorio della Compagnia.

vi, e software per il sabotaggio dei sistemi informatici. Altre persone sono indagate nell’ambito dell’inchiesta, e nel corso del blitz sono state sottoposte a perquisizioni da parte dei poliziotti.

Rosa Voci

SELLIA MARINA - Nella serata di martedì, militari della Compagnia Carabinieri di Sellia Marina, nel corso dei servizi di prevenzione e repressione del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti hanno rintracciato un 35enne originario di Catanzaro, S.T., che, a seguito di perquisizione personale, veniva trovato in possesso di 9 grammi di hashish, celata all’interno di un involucro di cellophane. La sostanza stupefacente è stata posta sotto sequestro, mentre l’uomo è stato deferito in stato di libertà. r.c.

Abusivismo edilizio un deferimento ZAGARISE - I militari della Stazione di Zagarise hanno deferito all’autorità giudiziaria F.D., di Zagarise, poichè si è reso responsabile di reati in materia di abusivismo edilizio. Lo stesso, infatti, realizzava lavori edili su di un manufatto in assenza del permesso di costruire, nonostante lo stesso fosse gravato da ordinanza di sospensione lavori. Il manufatto è stato posto sotto sequestro. Il fenomeno dell’abusivismo edilizio è uno dei settori su cui si concentra maggiormente l’attività delle forze dell’ordine, in quanto causa di gravi danni anche all’ambiente.

r.c.


16

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

CRONACHE «Risulta estremamente proficuo mettere in luce l’ulteriore rafforzamento dei servizi e dell’offerta di voli da parte del principale aeroporto della Calabria»

L’aeroporto di Lamezia alla Borsa del turismo di Carmela Mirarchi LAMEZIA TERME - «Molto positiva e utile la presenza dell’Aeroporto di Lamezia Terme alla Bit di Milano». Lo ha dichiarato il senatore Vincenzo Speziali, presidente della Società che gestisce l’Aeroscalo internazionale. «Proprio in un momento in cui, su impulso del presidente Giuseppe Scopelliti, la Regione sta delineando le Presenti il nuove stratevice presidente gie per il potenziamendella Sacal, to delle politiche turistiche Bevilacqua, e - ha affermato Speziali - riAlcide Lodari, sulta estremadel Cda mente proficuometterein luce l’ulteriore rafforzamento dei servizi e dell’offerta di voli da parte del principale aeroporto della Calabria. Mi riferisco, in particolare, al recente accordo siglato con Ryanair che garantirà nuove importanti tratte, grazie alle quali si potrà senz’altro ottenere il tanto atteso incremento dei flussi turistici. Del resto - ha osservato ancora

Speziali - è stato proprio il presidente Scopelliti, anche nel corso della presentazione ufficiale del Rapporto Turismo 2011 tenuta alla Bit di Milano, a ribadire quanto diventi vitale, in una fase in cui i trasporti ferroviari e autostradali non garantiscono il massimo dell’efficienza, la crescita del sistema aeroportuale regionale». Su delega del presidente Speziali sono stati presenti a Milano il vice presidente della Sacal, Gianpaolo Bevilacqua, e Alcide Lodari, membro del Cda. Allo stand della Bit, inoltre, inserito nel più ampio contesto del padiglione Calabria, gli interlocutori istituzionali e i numerosi operatori della stampa hanno

potuto incontrare anche il direttore generale, ing. Pasquale Clericò. «Abbiamo avuto modo - ha osservato il direttore generale Clericò di esporre anche a livello nazionale e internazionale i risultati record ottenuti nel 2010, sia per volume di passeggeri sia per numero di voli. In un momento storico in cui anche realtà di primo piano hanno avuto difficoltà a confermare le performance precedenti, possiamo affermare con legittimo orgoglio che la Sacal ha continuato a crescere a doppia cifra. La prestigiosa vetrina della Bit è servita quindi ad esaltare ulteriormente le enormi potenzialità del nostro aeroscalo».

Mastroianni (ex Udc) aderisce al Pdl LAMEZIA TERME - «In un incontro avuto con il coordinatore provinciale del Pdl, on. Michele Traversa, ho formalizzato la mia adesione al Popolo della libertà». Con queste parole Salvatore Francesco Mastroianni, consigliere comunale di Lamezia Terme, dopo la lettera inviata al segretario Nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa ed al coordinatore regionale Gino Trematerra con la quale ha comunicato la decisione irrevocabile di lasciare lo scudocrociato, rende nota la sua nuova collocazione politica. «A dire il vero - continua Mastroianni - si tratta della prosecuzione di un rapporto da sempre avuto con il centro destra ad iniziare dalle

battaglie effettuate a sostegno della candidatura di Michele Traversa prima e di Wanda Ferro poi alla Presidenza della Provincia di Catanzaro dove l’Udc, in quest’ultimo caso, aveva effettuato una scelta autonoma. Un cammino - aggiunge - che di recente ha avuto la sua naturale prosecuzione nel sostenere Giuseppe Scopelliti alla guida della Regione Calabria, che ha avuto un netto consenso su tutto il territorio ed in maniera particolare nelle città di Reggio e Lamezia». Il coordinatore provinciale on. Michele Traversa nel corso dell’incontro ha manifestato la sua soddisfazione per la decisione presa dall’ormai ex capogruppo dell’Udc.

Strage di ciclisti: otto le vittime, è morto l’avvocato LAMEZIA TERME - Salgono ad otto le vittime dell’incidente provocato il 5 dicembre scorso da un immigrato marocchino, Chafik El Ketani, finito con la sua auto Lamezia Terme contro un gruppo di cicloamatori che stava percorrendo la statale 18. Nell’ospedale di Cosenza, dov’era ricoverato dal giorno dell’incidente, è morto ieri mattina l’avvocato Domenico Strangis, di 48 anni. Le condizioni di Strangis erano apparse già estremamente gravi nell’immediatezza dell’incidente. Dalle indagini è emerso che El Ketani, nel momento dell’incidente, era sotto l’effetto di droga. Il marocchino, arrestato subito dopo l’incidente dai carabinieri, è tuttora detenuto in carcere con l’accusa di omicidio colposo plurimo aggravatodallaguida sotto l’effetto della droga.

Nominato il Commissario Pdl Scelto Maurizio Vento LAMEZIA TERME - Relativamente alle controversie determinatosi all’interno del gruppo consiliare del Pdl nella città di Lamezia Terme il Coordinatore provinciale del Pdl Catanzaro on.le Michele Traversa ha ritenuto di affrontare la questione in sede romana unitamente ai due parlamentari Lametini Ida d’Ippolito e Giuseppe Galati. Si è stabilito di nominare momentaneamente un commissario al fine di ricostituire gli organi di partito nel più breve tempo possibile. La scelta è ricaduta concordemente sull’attuale ViceCoordinatore Provinciale vicario Maurizio Vento.

«Farmaci, a rischio l’ordine pubblico» LAMEZIA TERME - Contro la decisione dei farmacisti di passare dal primo marzo all’assistenza indiretta, facendo pagare ai cittadini i medicinali, «ci sarà una ribellione di massa ed una grave e seria situazione dell’ordine pubblico». E’ quanto sostiene, in una nota, il presidente del Tribunale per i diritti del malato di Lamezia Terme, Anna Maria De Fazio. «Di questa eventualità - aggiunge - il presidente provinciale di Catanzaro di Federfarma, Vincenzo Defilippo, ha già avvertito il Prefetto. Come tribunale per i diritti del malato non possiamo far finta che tutto vada bene. Abbiamo il dovere di informare i cittadini e chiedere con forza che il diritto

alla salute venga garantito, così come sancito dalla Costituzioni e dalle leggi nazionali. Sappiamo che in una riunione, ma in assenza del Commissario straordinario, si è aperta una trattativa per evitare il collasso. Del resto questa situazione riguarda solo le province di Catanzaro e Cosenza. Crotone, Vibo Valentia e Reggio erogano tranquillamente i farmaci. Perché sono sempre e solo i cittadini a pagare le nefandezze di una burocrazia e altro che attanaglia sempre più il vivere quotidiano? Siamo tutti in attesa - conclude Anna Maria De Fazio - che l’accordo si raggiunga e che rientri lo stato di agitazione dopo lo sciopero dei giorni scorsi».


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani 17

CRONACHE Interogazione al Presidente Scopelliti dei consiglieri regionali di minoranza

L’opposizione: nel Cosentino è a rischio l’assistenza sanitaria di Carmela Mirarchi COSENZA - La provincia di Cosenza, «che con i suoi oltre 800 mila abitanti è la più grande e popolosa della Calabria, corre il rischio concreto di subire una vera e propria implosione del proprio sistema sanitario, al punto tale da non vedere garantiti nemmeno i Livelli essenziali di assistenza». A sostenerlo sono i consiglieri regionali di opposizione Carlo Guccione, Mario Franchino, Bruno Censore, Ferdinando Aiello e Francesco Sulla in una interrogazione al presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti. I consiglieri chiedono di sapere «quali iniziative immediate ed urgenti intende adottare, anche nella sua veste di Commissario della sanità, onde assicurare che, anche

nella provincia di Cosenza, sia pienamente garantito il diritto alla salute e salvaguardato il valore e la centralità del diritto alla cura nelle politiche di risanamento e riorganizzazione del sistema sanitarioregionale».Nell’interrogazione, i consiglieri di minoranza sostengono che «la provincia di Cosenza viene costantemente penalizzata nel riparto delle risorse economiche riguardanti il settore sanitario; tutto ciò ha creato, tra l’altro, carenza di personale medico e paramedico. Solo all’ospedale regionale "Annunziata" di Cosenza mancano 150 medici su 570, 260 infermieri su 960, 50 tecnici - radiologi su 168, 125 Operatori Socio-Sanitari su 240; Interi reparti - scrivono ancora - di grande importanza e unici nella provincia di Cosenza come

Riattivato il servizio esenzione ticket BELVEDERE MARITTIMO - Esprime la gratitudine della cittadinanza belvederese e dell’ Amministrazione Comunale stessa al Commissario Straordinario dell’Asp di Cosenza dott. Franco Maria De Rose e al Dott. Pier Luigi Cosentino Direttore del Distretto Sanitario Praia -Scalea, per aver riattivato il servizio rilascio ticket sanitari per esenzione. «Si sottolinea - si legge in una nota - la sensibilità del Commissario De Rose che non appena interessato del problema sottoposto dal Vice Sindaco Mario D’aprile e dal Presidente del Consiglio Comunale Orestino Sarpa si è attivato in maniera encomiabile riuscendo in tempi stretti a risolvere la problematica

in questione, consentendo agli anziani e alle fasce più deboli della popolazione locale di evitare lunghe file e disagi nei comuni vicini. Nell’incontro tenutosi presso gli uffici Asp di Cosenza - cnclude la nota - il dott. De Rose si è reso disponibile anche alla riattivazione di alcuni servizi diagnostici precedentemente soppressi».

Malattie Infettive, Urologia e Pneumologia sono stati declassati; è stato nominato un nuovo Primario di Terapia del dolore con solo due posti-letto in barba alla lotta agli sprechi; nei giorni scorsi - denunciano - è stato adottato dal Commissario dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza, dott. Gangemi, un atto di riorganizzazione del Dipartimento di Emergenza che, di fatto, riduce i posti-letto di Medicina d’Urgenza da 14 a 6 e da 10 a 6 quelli per "osservazione breve" in Pronto Soccorso. Anzichè potenziare i servizi, quindi, si cancellano posti-letto e si sprecano risorse; tredici sanitari del reparto di Chirurgia d’Urgenza saranno impegnati contemporaneamente sia in Pronto Soccorso che nel reparto di Chirurgia d’Urgenza; il Pronto Soccorso dell’Annunziata vive una vera e propria situazione emergenziale per carenza di medici, personale infermieristico e Operatori Socio-Sanitari anche a causa dell’accresciuta domanda di assistenza proveniente dall’intera provincia anche alla luce delle riconversioni di molti ospedali e al mancato potenziamento di diversi servizi del territorio che hanno portato le richieste quotidiane di assistenza in Pronto Soccorso a circa 300 al giorno per un totale complessivo di oltre centomila all’anno». Nell’interrogazione, i consiglieri di minoranza sostengono anche allo stato, nel cosentino, sia «il centro hub (Azienda ospedaliera di Cosenza) che i tre spoke (Castrovillari, Rossano-Corigliano, Paola-Cetraro) non solo non sono dotati di gran parte delle funzioni previste dal Piano di Rientro, ma vengono quotidianamente depotenziati attraverso l’accorpamento di reparti, la riduzione di posti-letto e la soppressione di servizi sanitari per mancanza di personale medico e paramedico»

Corbelli: medici precari, emergenza in provincia COSENZA - Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, denuncia quella che, spiega, «potrebbe di qui a qualche giorno rappresentare la nuova emergenza medici precari che operano nelle strutture ospedaliere della provincia di Cosenza, che nel mese di dicembre hanno ottenuto, dopo una lunga protesta una proroga, ma assurdamente, come si scopre oggi, per soli due mesi. Tra pochi giorni infatti scade di nuovo il loro contratto con la Regione». Corbelli parla «di situazione di grande incertezza, di preoccupazione, di rischio, in mancanza del rinnovo dell’incarico per questi medici, di paralisi in molti reparti degli ospedali della provincia». Il coordinatore di Diritti Civili si rivolge al presidente della Regione e commissario della sanità calabrese, Scopelliti, innanzitutto per «fare subito chiarezza su questa grave, sconcertante vicenda, di rinnovare l’incarico (di anno in anno) a questi medici e di spiegare poi perché e che senso ha, come è stato fatto, a dicembre, prolungare l’incarico per soli due mesi, creando inevitabile preoccupazione e ansia tra questi operatori sanitari. Bisogna assolutamente evitare che il famigerato piano di rientro si abbatta anche su questi medici precari. Basta lacrime e sangue. La Calabria ha già pagato un prezzo altissimo. E’ indispensabile garantire la funzionalità degli ospedali. E questi medici precari sono importanti per assicurare un livello di assistenza decente».

Io resto in Calabria: giovani a confronto COSENZA - L’incontro dal tema "Cosenza 2020: Progettiamo oggi la città di domani", che si terrà a Cosenza presso la "Casa delle Culture" oggi alle ore 18.30, è il primo di una serie di iniziative che l’Associazione "Io resto in Calabria" promuoverà per stimolare la società civile, soprattutto nei comuni che si apprestano a vivere il momento elettorale, portando i giovani e i cittadini a proporre modelli in grado di rilanciare le realtà calabresi, troppo spesso vittime di amministrazioni poco lungimiranti e scarsamente votate all’innovazione. In particolare, questo primo incontro avrà come oggetto il futuro della città di Cosenza, che è bene cominciare

a programmare oggi, insieme ai giovani; sfruttandone le energie, le professionalità e la voglia di cambiamento. È indispensabile per il futuro della città che al dibattito, alla proposta e alla vita politica partecipino quei giovani e quei cittadini che hanno a cuore le sorti delle propria città e il proprio futuro. Il cuore dell’incontro, che vedrà protagonisti uomini e donne, che fanno parte sia di partiti politici che della società civile, sarà il confronto tra le tante "visioni" che i partecipanti metteranno sul tavolo e i cittadini che interverranno, ci auguriamo con altrettante proposte. r.c.


18

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

CRONACHE Interrogazione a risposta scritta rivolta al ministro dell’Interno dalla deputata Fli

Angela Napoli: sciogliere Il Comune di Corigliano di Carmela Mirarchi CORIGLIANO - In un’interrogazione a risposta scritta rivolta al Ministro dell’Interno la deputata Angela Napoli (Fli) chiede di sapere «i motivi per i quali a tutt’oggi, dopo ben 5 mesi dell’insediamento della Commissione d’accesso, il Comune di Corigliano non sia stato ancora sciolto per infiltrazione mafiosa». Napoli ricorda che «il 27settembre 2010 è approdata nel Comune di Corigliano la Commissione d’Accesso» dopo l’operazione denominata "Santa Tecla", che in data 21 luglio 2010, su disposizione della Dda di Catanzaro, «aveva portato - ricorda - a 67 ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di presunti appartenenti e affiliati ad una pericolosa organizzazione ’ndranghetistica con la base nell’alto Ionio cosentino, ed in particolare nella Città di Corigliano. Fra le persone arrestate - ricorda - sono risultate anche Mario e Franco Straface, imprenditori e fratelli del Sindaco di Corigliano, Pasqualina Straface». Sempre secondo al parlamentare «dall’inchiesta e dalle relative indagini, era emerso il ruolo dei due fratelli Straface nell’ambito

La Napoli evidenzia che il «sindaco Pasqualina Straface i cui due fratelli Mario e Franco, rimangono sottoposti al regime del 41bis, è stata iscritta nel registro degli indagati per concorso esterno in associazione mafiosa»

Ospedale di San Giovanni in Fiore, Socialisti uniti ed il Nuovo Psi vicini ai lavoratori

dell’organizzazione malavitosa coriglianese, riuscendo ad ottenere commesse di lavori edili, ma anche sulle elezioni comunali svoltesi a Corigliano nel 2006, nonchè sulle elezioni comunali del 2009 che hanno portato all’elezione nella carica di Sindaco, proprio la sorella Pasqualina Straface». Sempre secondo Napoli «sono emersi, altresì contatti tra il Sindaco, Pasqualina

Angela Napoli ricorda che «il 27 settembre 2010 è approdata nel Comune di Corigliano la Commissione d’Accesso» dopo l’operazione denominata "Santa Tecla"

«Garantire il restauro del Convento S. Umile»

Straface, ed un parente molto stretto di Santo Carelli, boss fondatore della consorteria ’ndranghetista di Corigliano, oggi condannato all’ergastolo con sentenza definitiva; i contatti risalgono - sottolinea - al periodo immediatamente precedente alle ultime elezioni comunali del 2009 e rivelano, tra l’altro, una raccomandazione fatta dal candidato sindaco, Pasqualina Straface, al familiare del "mamma santissima", per mantenere l’appoggio promesso alla sua candidatura». Napoli evidenzia che - «Sindaco di Corigliano, Pasqualina Straface, i cui due fratelli Mario e Franco, rimangono sottoposti al regime del 41 - bis, è stata iscritta nel registro degli indagati per concorso esterno in associazione mafiosa. A tutt’oggi, dopo ben 5 mesi, - aggiungesembradavveroingiustificabileilsilenzio calato sull’esito della Commissione d’Accesso».

F. Marra BISIGNANO - La deputata Angela Napoli ha scritto un’interrogazione a risposta scritta al Ministro per i Beni e le Attività Culturali relativamente al Santuario di Sant’Umile a Bisignano. «Premesso che: nello scorso mese di febbraio 2010 incessanti piogge, hnno provocato uno smottamento ha causato danni al Santuario di Sant’Umile; ad essere interessato dallo smottamento è la parte esterna del Santuario con un dislivello che tocca i 7-8 cm e che molto probabilmente aumenterà il margine di crepa; la parte esterna è preceduta da una piccola area verde che porta direttamente ai servizi igienici del Convento per i turisti; la pioggia ha portato moltissima terra verso il burrone con il conseguente interesse dell’area verde che è scivolata a valle; i sopralluoghi hanno portato alla chiusura del Santuario al pubblico, sigillando la zona adiacente e soprattutto alla parte esterna; nel Convento risiedevano tre frati che sono stati costretti ad andare via non solo dal Convento ma anche dalla Città di Bisignano; a distanza di un anno, le promesse di due milioni di euro, da parte della Regione Calabria, per il restauro del Convento di Sant’Umile, risultano ancora inattese». La deputata Napoli chiede «quali necessari ed urgenti iniziative, il ministro intenda attuare, al fine di garantire gli interventi di restauro del Convento di Sant’Umile».

La parlamentare Angela Napoli

SAN GIOVANNI IN FIORE - «Dura presa di posizione dei Socialisti Uniti ed il Nuovo Psi in merito alla vicenda, sempre più complessa, del destino dell’Ospedale di San Giovanni in Fiore, fortemente penalizzato nonostante sia un nosocomio di montagna e nonostante debba essere considerata la particolare posizione geografica della cittadina silana». E’ quanto si legge in una nota di Battista Gentile,Segretario provinciale Socialisti Uniti e di Gianfranco Bonofiglio , Segretario provinciale Nuovo Psi. «Non si può costringere i cittadini di San Giovanni in Fiore ad assistere al depotenziamentodel proprio ospedale, mentre altri ospedali di montagna, come quello di Acri, ottengono diversi trattamenti -

continua la nota -. Forse l’Ospedale di Acri gode di qualche potente protezione politica all’interno del centrodestra. Ma tutto ciò non basta, anche i tanti lavoratori delle cooperative della Sial attendono da due mesi il loro stipendio, alquanto misero, soli 480 euro, ed attendono anche che la promessa del Governatore Scopelliti, di aumentare il loro monte orario di lavoro di almeno altre due ore si concretizzi. Finora solo promesse vane in cortei e riunioni fumose e senza sostanza. I socialisti sono vicini ai lavoratori che giustamente hanno organizzato inizitive di protesta e sono vicini ai sangiovannesi che non vogliono perdere il loro ospedale, che porterebbe ad un ancor maggiore spopolamento di una

importante comunità che, ancora oggi, paga il prezzo di una poca attenzione del governo regionale e nazionale e dei tanti deputati e senatori, che, nonostante il consenso ricevuto, hanno pagato con la moneta dell’ingratitudine. I socialisti quindi - concludono - chiedono al Governatore Scopelliti, di convocare un tavolo con tutte le forze politiche, sindacati, associazioni e movimento delle donne, per discutere sul futuro dell’Ospedale di San Giovanni in Fiore»

Anna Bolle


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani 19

CRONACHE La donna fu trovata agonizzante in un magazzino, in pessime condizioni igieniche

Anziana abbandonata, arrestati la nipote e il suo convivente di Carmela Mirarchi ROSSANO - Due persone sono state arrestate dai carabinieri della compagnia di Rossano nell’ambito delle indagini sul decesso di Maria Scalise, 80 anni, avvenuto nei giorni scorsi nella città calabrese. La donna fu trovata agonizzante in un magazzino, in pessime condizioni igieniche. Le persone arrestate sono la nipote della donna, Bia Tramonti, 29 anni, ed il suo convivente Antonio Aiello di 37. Maria Scalise, soccorsa da personale del 118, morì poco dopo il suo ricovero in ospedale. I carabinieri di Rossano furono avvertiti dai sanitari del 118 delle gravi condizioni di Maria Scalise, che fu trovata in un fatiscente magazzino del centro storico della citta’ bizantina. La donna pesava 35 chilogrammi, non era del tutto cosciente e fu giudicata in stato di "coma per ipotermia da assideramento", ovvero stava morendo di freddo. Portata in ospedale, l’anziana infatti morì il giorno dopo, l’8 febbraio scorso. Nel rapporto dei militari si parla delle condizioni in cui fu ritrovata, con "corpo ricoperto da piaghe di decubito sporche e sanguinanti" e aveva un "pannolone con escrementi di vecchia data". Il locale in cui fu trovata era "impregnato da puzzo fastidioso e con umi-

La donna pesava 35 chili non era del tutto cosciente e stava morendo di freddo. Portata in ospedale, l’anziana infatti morì il giorno dopo, l’8 febbraio scorso. I due arrestati vivevano con due distinte pensioni dell’anziana

dità persistente, le finestre erano vetuste e prive di vetro, il portone d’ingresso non presentava alcuna serratura ed aveva una inferriata superiore priva di vetro". Inoltre "il pavimento era annerito di sporcizia sedimentata e da tempo mai rimossa" e il letto, fatiscente, aveva un "sottilissimo lenzuolo - coperta". I due arrestati, la nipote e il suo convivente, sono entrambi noti alle forze dell’ordine e vivevano con due distinte pensioni, che appartenevano entrambe all’anziana donna. Abitavano in una casa definita "di tutto rispetto", posta a pochi metri dal tugurio in cui fu ritrovata l’anziana.

I carabinieri di Rossano furono avvertiti dai sanitari del 118 delle gravi condizioni di Maria Scalise, che fu trovata in un fatiscente magazzino del centro storico della città bizantina

COSENZA - Prosegue la stagione di prosa del Teatro "Rendano" di Cosenza con la messa in scena de "Il malato immaginario" di Molière, spettacolo prodotto dal Teatro Stabile di Bolzano per la regia di Marco Bernardi e la traduzione di Angelo Dallagiacoma. Due le recite previste: sabato 26 febbraio, alle ore 21, e domenica 27 febbraio, alle ore 18. Nel ruolo dell’ipocondriaco Argante, il malato immaginario del titolo, l’attore Paolo Bonacelli, nome storico del teatro italiano che torna a vestire i panni del protagonista del capolavoro di Molière, dopo averlo interpretato venticinque anni fa nell’edizione diretta da Mario Missiroli. Accanto a Paolo Bonacelli recitano Carlo Simoni, nel ruolo di Beraldo, fratello di Argante, e Patrizia Milani, in quello della cameriera Tonina. Una citazione a parte merita Carlo Simoni, l’indimenticato Alioscia della versione televisiva de "I Fratelli Karamazov" di Dostoevskij (firmata dal grande Sandro Bolchi nel 1969), quando gli si schiusero improvvisamente, ad appena 23 anni, le porte del successo. All’attività di apprezzato attore Carlo Simoni ha alternato, dal 1975, quella di pittore e una sua mostra antologica è stata promossa 6 anni fa dall’Università di Reggio Calabria e ospitata al Castello dei Ruffo a Scilla. Tornando a "Il malato immaginario", il testo è l’ultimo grande capolavoro di Molière. Una farsa all’antica, piena di eccellenti spunti comici.

Incontro del circolo Idv sulla sanità

Consegnate tre auto alla Municipale ROSSANO - Ieri l’Assessore alla Polizia Municipale e alla Sicurezza del Comune di Rossano, Giovanni Fortino insieme alla dottoressa Giovanna Antonia Acquaviva, Dirigente del Settore, ha consegnato ufficialmente, al Corpo della Polizia Municipale di Rossano, le tre nuove automobili "di servizio" inviate dalla ditta vincitrice della gara di appalto. Si tratta di tre autovetture Fiat "Grande Punto" 1,3 multijet, 16 valvole e 75 cavalli, con 5 porte, livello ecologico euro 5, cambio 5 marce e airbag lato guida e passeggeri, dotate di climatizzatore, servosterzo, fendinebbia e tergilunotto. Le auto sono state allestite secondo la normativa vigente con le de-

Al teatro Rendano "Il malato immaginario"

corazioni e le attrezzature per l’uso della Polizia Locale: decorazione adesiva con pellicola prismata rifrangente, 4 lampeggiatori blu strombo angolari, due fari frontali alogeni, una sirena bitonale elettronica di 100 w, completa di altoparlanti, piano multistrato. Il momento della consegna è stato preceduto dalla benedizione delle autovetture da parte del Parroco della Cattedrale Don Antonio Longobucco, alla quale hanno partecipato l’Ispettore Gennaro Arcovio e gli Agenti Aldo Lefosse, Sera

r.c.

CORIGLIANO - Domenica 20.02.2011, si è svolto presso "Le Barrique wine bar" l’incontro organizzato dal Circolo Idv "Falcone e Borsellino" di Corigliano Calabro "Sanità....Parliamone". L’incontro è stato caratterizzato da una viva ed attenta partecipazione di cittadini, forze politiche, figure istituzionali ed operatori del settore, medici ed infermieri. Ha partecipato l’assessore alla Salute del comune di Corigliano Calabro il Dr. Petrone, la Dr.ssa Battaglia assessore al comune di Rossano, inoltre, erano presenti le delegazioni dei partiti del centro sinistra Pd, Sel, Prc-Pdci, Socialisti, Cgil. Negli interventi sono stati messi a nudo i tanti temi cruciali delle

problematiche sanitarie, locali e regionali, con particolare attenzione ai Lea, l’esenzione ticket, il ritardo nella costruzione dell’ospedale unico, la chiusura degli ospedali e le carenze strutturali ed organizzative del personale medico e paramendico. «Per la sanità della Sibaritide - è stato detto - in particolare occorre al più presto avviare la costruzione del nuovo ospedale Spoke e, nel frattempo, potenziare, dal punto di vista strutturale, organizzativo e tecnologico, le strutture ospedaliere di Corigliano e Rossano e le strutture territoriali». r.c.


20

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

CRONACHE In vista della prossima tornata elettorale, le dichiarazioni di Pangallo e Criaco

Le liste dei Verdi autonome alle elezioni amministrative di Francesca Pio REGGIO CALABRIA - «Evidenziamo con piacere - sostengono il presidente provinciale e il commissario regionale Nico Pangallo e Franco Criaco - come all’interno del centrosinistra reggino, pur se con 100 giorni di ritardo, si sia arrivati alle nostre conclusioni. Era il 15 novembre dello scorso anno quando, con una lettera agli altri segretari di partito, abbiamo detto "basta" all’alibi delle primarie, alle sterili discussioni intorno a un tavolo mentre fuori la città era (ed è) in ginocchio, al criterio della scelta di un nome e non di un programma, a questa idea di coalizione e di schieramento». «Allora proseguono - come adesso convinti che quell’esasperato tatticismo fosse mirato solo alla paralisi della discussione. Abbiamo assistito dall’esterno, non partecipando alle riunioni provinciali né, tantomeno, come federazione reggina, alle interpartitiche regionali. Oggi anche altri convengono con le nostre idee. E se

appare apprezzabile la costanza di SEL nel chiedere regole condivise e metodi democratici (le primarie innanzitutto), sembra difficile comprendere la linea portata avanti da Rifondazione che, parafrasando il gergo psichiatrico usato nelle sue stesse dichiarazioni ("atteggiamento schizofrenico del PD"), sembra agire con una modalità bipolare. E sì. Perché oggi si "minaccia" la coalizione in dura polemica con il Pd sul tema delle elezioni comunali, ma ci si espone a spa-

«Era il 15 novembre dello scorso anno quando, con una lettera agli altri segretari di partito, abbiamo detto basta alle sterili discussioni intorno a un tavolo»

da tratta per la riconferma del candidato Pd alla Provincia. Ma dov’è la logica della coerenza? Si può rompere una coalizione al Comune e poi sostenerla alla Provincia? Noi Verdi da quasi un anno abbiamo evidenziato il nostro dissenso rispetto alla conferma del presidente uscente avv. Morabito. Un dissenso supportato da forti perplessità relative non alla "persona", ma alle pregresse modalità di gestione dell’amministrazione provinciale e alla necessità di stabilire nuove regole di partecipazione. In maniera sommessa e silenziosa ci siamo messi da parte e abbiamo iniziato a lavorare su una nostra candidatura autonoma senza polemizzare o interferire su altri percorsi elettorali. Oggi questa linea non appare essere più perseguibile. Non ci piace assistere a esternazioni politiche che appaiono essere funzionali ad esigenze di parte, se non direttamente personali. Come ribadito da mesi vogliamo riportare le idee e i contenuti al primo punto della discussione politica e per tale motivo avvieremo a breve alcuni incontri con tutte le altre forze politiche, non esclusivamente appartenenti al centrosinistra, nel tentativo di trovare un’intesa sui programmi. Valuteremo, inoltre, la modalità della nostra presenza alle prossima tornata elettorale, non escludendo un percorso di autonomia».

«Abbiamo assistito dall’esterno, non partecipando alle riunioni provinciali né, tantomeno, come federazione reggina, alle interpartitiche regionali»

“Revisione legale e previdenza” REGGIO CALABRIA - Il presidente della Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri, Paolo Saltarelli parteciperà venerdì 25 febbraio 2011, dalle ore 15, alla tavola rotonda su "Evoluzione e futuro della professione: funzioni giudiziarie, revisione legale e previdenza", promossa dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e dall’Ugdcec calabrese che si terrà presso l’"E’ Hotel" di Reggio Calabria (via Giunchi, 4). L’incontro, moderato dal giornalista di ItaliaOggi Ignazio Marino, sarà introdotto da Carmelo Stracuzzi e Marcello Febert, presidenti rispettivamente di Odcec e Ugdcec di Reggio Calabria.

Alla tavola rotonda saranno presenti anche Claudio Siciliotti, numero uno dei dottori commercialisti ed esperti contabili italiani; Raffaele Marcello, presidente di Unagraco; Giorgio Sganga, presidente del Registro dei Revisori Legali;Walter Anedda, presidente Cnapdc; Antonio Repaci, segretario dell’Irdcec;Luigi Carunchio, presidente Ungdcec; Vilma Iaria, presidente Adc; Riccardo Losi, presidente Andoc; Giuseppe Pozzato, presidente Anc; e Marco Rigamonti, presidente Aidc. L’incontro sarà incentrato su alcuni degli aspetti più attuali della professione. Al centro del dibattito le funzioni giudiziarie.

Il presidente del Cids incontra Franco De Carlo REGGIO CALABRIA - Il presidente del Cids (Comitato interprovinciale per il diritto alla sicurezza), Demetrio Costantino, ha incontrato il presidente provinciale della Federazione Italiana Tabaccai, Franco De Carlo che è stato anche attivo componente del Consiglio di Amministrazione della Società Comarc al quale ha espresso solidarietà e vicinanza per le gravi conseguenze derivanti dal grave episodio verificatosi venerdì 18 all’interno della tabaccheria che gestisce in Corso Garibaldi della città di Reggio Calabria. «Il grave episodio - racconta De Carlo - avviene precisamente alle ore 17 del 18 febbraio, quando nella tabaccheria entra una persona che si avvicina al banco manomettendo alcune confezioni di caramelle. De Carlo , dietro il banco di vendita, si avvicina e chiede all’individuo cosa sta facendo che si avvia verso l’uscio e il gestore chiede pacatamente se ha lasciato tutto. Subito dopo la persona ritorna nella tabaccheria e dopo escandegnenze avviene la colluttazione. Le conseguenze per De Carlo sono pesanti avendo subito la rottura del condotto lacrimale per cui si è dovuto sottoporre a un immediato intervento al quale, purtroppo, deve seguirne in questi giorni un altro fuori della Calabria. Sull’episodio De Carlo ha presentato regolare denuncia alle pubbliche autorità ».

Caridi: contrario alla revoca di Gatto REGGIO CALABRIA - «Nella qualità di coordinatore provinciale di Futuro e Libertà per l’Italia - sostiene Cosimo Caridi - esprimo il mio stupore e disappunto nell’apprendere la notizia della revoca dell’assessore Paolo Gatto dalla Giunta dell’Amministrazione comunale di Reggio Calabria, persona di indiscussa moralità ed elemento di spicco del nostro movimento politico a cui ha aderito fin dalla prima ora con passione e spirito di sacrificio». «A tal proposito - prosegue Caridi -, risultano veramente paradossali le ultime dichiarazioni del sindaco Raffa. Il licenziamento dell’assessore Gatto non è dovuto alla sua negligenza o alla

sua incapacità, ma ad "affermazioni e giudizi espressi nei confronti di autorevoli parlamentari del Pdl eletti in Calabria" e ad "atteggiamenti che pregiudicano sia i rapporti interpersonali sia quelli politici, oltre alla buona attività amministrativa". Rammento al sig. sindaco che il coordinatore cittadino del Pdl, in data 5 gennaio u.s., affermò: «E’ sotto gli occhi di tutti, la presenza di "fantasmi" di parlamentari eletti in Calabria, la cui presenza è limitata ai comunicati stampa o - ad essere generosi - al convegnino più o meno periodicamente organizzato ad hoc dai luogotenenti sul territorio».


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani 21

CRONACHE Inaugurato dal sindaco Giuseppe Raffa, nei giorni scorsi, il nuovo impianto

Una nuova struttura sportiva proprio nel cuore di Archi Cep di Giuseppe Viola REGGIO CALABRIA - Una nuova struttura sportiva nel cuore di Archi Cep è stata inaugurata dal sindaco Giuseppe Raffa, alla presenza del presidente della X circoscrizione, Roberto Leo, dei consiglieri della medesima assemblea, del consigliere comunale Antonino Serranò e di diversi residenti. Il campo di calcetto, recentemente completato dall’Amministrazione comunale è, quindi, da oggi a disposizione della comunità, soprattutto giovanile, del popoloso rione a nord di Reggio. «Un momento importante - ha dichiarato il Primo Cittadino - poiché affidiamo alla Circoscrizione una struttura significativa per il quartiere: è il segno concreto di un lavoro attuato su questa parte di territorio comunale guardando anche alla fascia giovanile della popolazione e promuovendo un senso di aggregazione sociale, valore che lo sport veicola in modo reale e che viene rappresentato, in senso letterale, da questo nuovo campo di calcetto. Il tutto - ha concluso Giuseppe Raffa - senza tralasciare la capacità di un’opera, come questa appena inaugurata, a riqualificare un’area che risentiva di particolare degrado». Sulle condizioni della zona prima dell’intervento attuato dall’Amministrazione si è soffermato anche il presi-

dente Leo: «Questo spazio - ha detto - era in stato di abbandono, per questo insieme ai consiglieri circoscrizionali abbiamo fortemente sollecitato una sua riconversione. Il campo che adesso ha preso il posto di un terreno incolto ha preso vita, grazie alla sensibilità del Sindaco e dell’Amministrazione, in tempi ristretti così da permettere la realizzazione di una struttura idonea a praticare discipline sportive». «Poter praticare sport - ha poi aggiunto il consigliere Serranò - si-

gnifica avere un’opportunità di crescita permeata da valori sani. Si tratta di un’altra opera tramite la quale l’Amministrazione Comunale attesta la sua attenzione ai processi di riqualificazione dei rioni decentrati».Subito dopo la cerimonia inaugurale il Sindaco si è recato, sempre ad Archi, nell’area in cui sta sorgendo l’Ausilioteca. In merito alla realizzazione della struttura, il Primo Cittadino ha ribadito «la volontà di Palazzo S. Giorgio ad avviare una ripresa dei lavori».

Il campo di calcetto, recentemente completato dall’Amministrazione comunale è da oggi a disposizione della comunità, soprattutto giovanile

Il Sindaco: «Un momento importante poiché affidiamo alla Circoscrizione una struttura significativa per il quartiere: è il segno concreto di un lavoro»

Leo: «Questo spazio era in stato di abbandono, per questo insieme ai consiglieri circoscrizionali abbiamo fortemente sollecitato una sua riconversione»

“Costruire in povertà”, seminario REGGIO CALABRIA - Oggi alle ore 10,00, presso l’Aula magna della facoltà di Architettura, si terrà il secondo seminario del ciclo previsto sul tema dell’Architettura e Cooperazione nei Paesi in Via di Sviluppo (Pvs) dal titolo "Altri Saperi. Costruire in contesti di povertà e marginalità" tenuto dall’Architetto Emilio Caravatti (Africabougou Onlus) e da Michele Giongrandi (Co.P.E.). Il ciclo di seminari fa parte delle attività culturali previste per l’AA 2010/2011, dal Dipartimento di Architettura ed Analisi della Città Mediterraneadell’Università"Mediterranea" di Reggio Calabria, diretto dalla prof. Concetta Fallanca, con l’obiettivo di

sensibilizzare studenti e professionisti sul tema dell’ Architettura e Cooperazione nei Paesi del sud del mondo. L’iniziativa prevede l’organizzazione di sei incontri a cadenza mensile, avviati da Corrado Minervini a gennaio 2011, che vedono come relatori altrettanti professionisti specialisti nel settore, che hanno vissuto in prima persona l’esperienza di architetto cooperante. Il ciclo di seminari si colloca nell’ambito delle attività formative del Dottorato di Ricerca in Architettura, curriculum in Pianificazione e Progettazione della Città Mediterranea e Rilievo e Rappresentazione dell’Architettura Mediterranea .

Protesta comparto edile, in piazza gente e automezzi REGGIO CALABRIA - Gli edili della provincia di Reggio Calabria scendono in piazza. All’indomani della conferenza stampa di presentazione della manifestazione provinciale di protesta del comparto edile indetta per oggi dalle associazioni datoriali delle costruzioni - Ance, Confartigianato, Cna e Casartigiani - e dai sindacati dei lavoratori, per denunciare pubblicamente la drammatica crisi economica del settore, le organizzazioni si sono riunite per puntualizzare gli aspetti operativi dell’iniziativa. Alla luce delle numerose e significative adesioni ricevute da tutto il territorio provinciale si è provveduto infatti a definire con le autorità competenti il programma della manifestazione che si articolerà in un corteo di persone ed automezzi di cantiere, che prenderà avvio dal Piazzale Nord del Porto la cui partenza è programmata per le ore 10.00 di oggi. Il percorso seguito dal corteo dei mezzi si svilupperà attraverso il Viale Zerbi e proseguirà attraverso la Via Marina bassa fino ad arrivare all’altezza di Piazza Italia. I mezzi sin qui giunti potranno essere allocati lungo la Via Marina bassa presso i parcheggi riservati allo scopo secondo gli accordi con il comando dei vigili urbani. Per coloro che interverranno alla manifestazione a piedi, il ritrovo è, invece, direttamente in Piazza Italia, dove convergeranno anche i manifestanti provenienti dal corteo di automezzi di cantiere per dare avvio al sit-in di protesta che inizierà intorno alle ore

Estorsione ai familiari, arrestato REGGIO CALABRIA - Un operaio, Vittorio Cicala, di 36 anni, affetto da problemi psichici, è stato arrestato dalla polizia a Palmi con l’accusa di estorsione aggravata e continuata ai danni di alcuni familiari. L’arresto di Cicala è stato eseguito dal Commissariato di Palmi. Nei confronti dell’operaio è stato eseguito un ordine di applicazione provvisoria di ricovero e custodia in casa di cura emesso dal gip di Palmi, Daniele Tortorella, su richiesta del pm Enzo Bucarelli. Secondo l’accusa, Cicala ha estorto in varie circostanze svariate somme di denaro ai familiari, sottoponendoli anche a minacce e percosse.


22

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

CRONACHE Continua l’attività del Comune in direzione della realizzazione del piano locale

Un piano di edilizia sociale per oltre trecento famiglie CROTONE - Continua l’attività dell’Amministrazione comunale di Crotone in direzione della realizzazione del proprio piano locale di edilizia residenziale sociale, al fine di aumentare il pacchetto di offerta di abitazioni da offrire in locazione a canone sostenibile ed agevolata. Il Comune di Crotone ha, infatti, partecipato al recente bando regionale che mette a disposizione risorse, per l’area del crotonese, per la costruzione di alloggi a canone agevolato. Bando emanato con decreto regionale n. 9 pubblicato il 31 dicembre 2010. Il Comune ha previsto un progetto di edilizia sociale, a locazione venticinquennale e in presenza di particolari situazioni di disagio, per dodici alloggi per un importo complessivo di oltre 1.120.000 euro. Se, come si auspica, il progetto risulterà valutato positivamente, altri dodici alloggi, si aggiungeranno a quelli che già l’amministrazione Vallone sta realizzando. Entro il mese di giugno verranno, infatti, completati e consegnati ad altrettante famiglie crotonesi ventiquattro alloggi a canone agevolato. Altri quarantotto alloggi, sempre da offrire a canone sostenibile, sono già stati appaltati ed aggiudicati alla ditta vincitrice della gara, e non appena la Regione darà il via, si consegneranno i lavori e nel termine contrattuale si completerà un’al-

tro importante step del piano locale varato dal Sindaco Vallone. Ed ancora si attende che il Ministero dei Lavori Pubblici possa impingua con altre risorse il programma sperimentale avviato nel 2007 per avere a disposizione ulteriori 2.400.000 euro che saranno rimodulati in direzione di altre ventiquattro unità edilizie abitative di nuova costruzione e di carattere sociale. «Siamo di fronte ad un vero e proprio Piano Locale per l’edilizia sociale - dichiara l’assessore all’Urbanistica Ettore

Perziano: «Alla luce di questa situazione il piano locale porterà, nel prossimo quinquennio, a realizzare oltre trecento unità abitative a canone agevolato»

Perziano - che, si avvale di tutti i finanziamenti che la nostra progettazione riesce ad intercettare ed ovviamente anche di risorse messe direttamente dell’amministrazione comunale». «La prima consiliatura Vallone - prosegue Perziano - ha impostato cantieri per oltre cento alloggi sociali». «Alla luce di questa situazione il piano locale porterà, nel prossimo quinquennio a realizzare oltre trecento unità abitative a canone agevolato - aggiunge l’assessore Perziano -. Una vera e propria scossa all’esigenza abitativa, che sicuramente sarà capace di soddisfare le esigenze di gran parte delle famiglie che da anni attendono risposte in merito», conclude Perziano.

Antonio Larosa

Il Comune di Crotone ha partecipato al recente bando regionale che mette a disposizione risorse per la costruzione di alloggi a canone agevolato

Una “multa morale” in difesa dei disabili CROTONE - "Almeno questo lasciamelo!". E’ lo slogan della campagna di sensibilizzazione per la tutela del posto auto riservato ai disabili promosso dall’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili di Crotone in collaborazione con l’amministrazione comunale. La campagna, realizzata dall’agenzia Contatto, è stata presentata questa mattina nella sala consiliare del Comune di Crotone dall’assessore alla viabilità Nino Corigliano, dall’assessore alle politiche sociali Filippo Esposito, dal presidente dell’Anmic Crotone Giuseppe Squillacioti, da Antonella Maruca dell’Animic e da Danila Spataro dell’agenzia Contatto. Ha partecipato

alla conferenza il Comandante dei Vigili Urbani, Antonio Ceraso. La volontà di ideare e diffondere una campagna di sensibilizzazione per la tutela del posto auto riservato ai disabili nasce dalla necessità di rispondere alle sollecitazioni giunte ad Animic - Sede Provinciale di Crotone da parte delle associazioni e delle singole persone disabili, quotidianamente alle prese con la strenua difesa di un parcheggio che renda possibile la loro libertà di movimento ed effettiva la loro integrazione sociale. Alla proposta dell’Anmic ha aderito l’amministrazione comunale che fornirà all’associazione l’apporto tecnico per la campagna.

Una riscrittura della tragica “Orestea” su Radio Argo CROTONE - Andrà in scena oggi alle ore 20.30, al teatro comunale di Cotronei (Kr) nell’ambito della stagione teatrale organizzata dal Teatro Stabile di Calabria studio su Radio Argo. Lo spettacolo, un testo di Igor Esposito con e per la regia di Peppino Mazzotta, è la nuova produzione di Teatro Rossosimona, compagnia diretta dall’attore e regista Lindo Nudo. Radio Argo, riscrittura della trilogia tragica dell’Orestea, ruota intorno alle vicende degli Atridi precedenti e successive alla guerra di Troia: il sacrificio di Ifigenìa, l’assassinio di Agamennone, la vendetta di Oreste. Il racconto di Igor Esposito - poeta e drammaturgo napoletano, già autore dello spettacolo teatrale De Ira - si serve delle voci di Ifigenìa, Egisto, Clitennestra, Agamennone, Cassandra, Oreste e di quella di un cronista radiofonico, chiamato a interpretare la funzione di ricostruzione tradizionalmente affidata al coro. La riflessione sul potere che vive nel testo di Esposito è veicolata da una parola dura. Un linguaggio franco, deciso, che non conosce mezze misure. «Quasi volesse prendere le distanze - scrive Peppino Mazzotta nelle note di regia - dalla cronaca contemporanea che ci insinua notte e giorno offrendoci ogni pruriginoso e inutile dettaglio di tragedie quotidiane che si consumano lontane».Sul palco Peppino Mazzotta, che firma con questo lavoro la sua seconda regia teatrale, dopo lo spettacolo Illuminato a morte.

Sequestrate confezioni di formaggio CROTONE - Gli agenti forestali hanno posto sotto sequestro 21 confezioni di formaggio esposte per la vendita in un supermercato della grande distribuzione a Crotone, nei giorni scorsi. Le etichette dei prodotti riportavano una dicitura che imitava e/o evocava un marchio Dop (denominazione origine protetta). Continua l’azione del CfS per la sicurezza agroalimentare, nei giorni scorsi, su disposizione del Comando regionale Calabria, sono stati intensificati i controlli in tutto il territorio della provincia. In un noto supermercato di Crotone, gli agenti della forestale hanno rilevato la presenza di confezioni di formaggio riportanti la dicitura "Feta",

esposti per la vendita sugli scaffali. Le confezioni riportavano sulle etichette una dicitura ritenuta irregolare perché imitava o evocava il marchio DOP. Il prodotto, inoltre, non proverrebbe dalla Grecia, ma dalla Germania.Le confezioni di formaggio sono state poste sotto sequestro ed è stata elevata una sanzione amministrativa al titolare del supermercato, in base alle norme vigenti. Il CfS, nel proseguire i controlli, invita i consumatori a verificare sempre la presenza dell’etichetta di provenienza dei prodotti e soprattutto la data di scadenza, segnalando eventuali irregolarità al numero verde ambientale 1515.


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani 23

CRONACHE Un’interrogazione urgente in merito è stata presentata ieri al ministro degli Interni

Emergenza racket e criminalità La banca ringrazia Il caso Restuccia in Parlamento cliente che segnala una tentata truffa

VIBO VALENTIA - Dopo la visita dell’ on Franco Laratta all’imprenditore Vincenzo Restuccia di Vibo Valentia, ben 10 deputati ha scritto al ministro degli Interni per chiedere sicurezza e protezione all’imprenditore fatto finora oggetto di 101 attentati che hanno provocato 2 milioni di euro di danni. Un’interrogazione urgente è stata presentata ieri alla Camera da: on. Frano Laratta , Doris Lo Moro, Nicodemo Oliverio, Cesare Marini, Maria Grazia Laganà Fortugno, Vinicio Peluffo, Amalia Schirru, Giuseppina Servodio, Luisa Bossa, Tullo Mario al ministro degli Interni. «Nello scorso mese di gennaio - si legge in una nota giunta in redazione -, l’imprenditore Vincenzo Restuccia di Vibo Valentia, ha subito l’ennesimo attentato intimidatorio che ha danneggiato alcuni mezzi di lavoro nel suo cantiere.Il sig. Restuccia è stato fatto oggetto finora di oltre 100 attentati e intimidazioni , subendo danni accertati e denunciati per oltre 2 milioni di euro. Nonostante questa seria impressionante di attentanti, l’imprenditore continua con orgoglio e coraggio a portare avanti la sua impresa, presso la quale lavorano oltre 220 dipendenti. L’ uomo è forte e determinato, anche se le violente aggressioni subite cominciano a preoccupare seriamente lo stesso e soprattutto la sua famiglia».Tutto ciò premesso, si intende sapere: se il governo e’ a conoscen-

Si intende sapere se il ministro degli Interni non intenda mettere in atto tutti gli strumenti per favorire il ritorno alla legalità a Vibo Valentia

Franco Laratta

za di quanto sopra esposto; se il ministro degli interni non intenda mettere in atto tutti glistrumenti a sua disposizione per favorire il ritorno alla legalita’ nella provincia di Vibo valentia colpita da un impressionante numero di attentati eintimidazioni ai danni di imprenditori, commercianti, professionisti,amministratori locali; cosa intenda fare per garantire sicurezza al sig. vincenzo restuccia e alla sua impresa che conta 220 dipendenti; quali strumenti intenda mettere in atto per fermare l’escalation di attentati nel vibonese che rendono sempre piu’ difficile la vita ai cittadini; se non intendacompiere una visita in calabria per rendersi conto delle condizioni in cui versano molti interritori regionali aggrediti dalla criminalita’ organizzata.

Giusy Fini

L’interrogazione è stata presentata, fra gli altri, da: Frano Laratta, Doris Lo Moro, Nicodemo Oliverio, Cesare Marini, Maria Grazia Laganà Fortugno

Sistemazione dell’acquedotto di Pizzoni

Legge urbanistica, cinque laboratori VIBO VALENTIA - L’assessore regionale all’Urbanistica e Governo del Territorio Piero Aiello ha promosso cinque laboratori, uno per Provincia, con l’obiettivo di verificare le azioni e le procedure messe in atto per l’attuazione delle legge urbanistica. L’obiettivo - riferisce una nota dell’ufficio stampa della giunta regionale - è teso a condividere fra le Amministrazioni Comunali e Provinciali le scelte strategiche, le tecniche e le buone pratiche inerenti la formazione dei nuovi strumenti urbanistici in itinere. Si comincia oggi alle ore 10,00 all’Hotel 501 di Vibo Valentia. Si terrà il primo seminario di forma-

VIBO VALENTIA - Banca Popolare del Mezzogiorno ringrazia pubblicamente il cliente che ha segnalato il tentativo di truffa al bancomat di Tropea. La Banca Popolare del Mezzogiorno desidera ringraziare pubblicamente il cliente che la scorsa domenica ha prontamente allertato la Polizia di Stato del tentativo di truffa ai danni dell’apparecchio bancomat della filiale BPMezz di Tropea (in via don Mottola). Tale sollecita segnalazione ha consentito di bloccare sul nascere il tentativo di truffa perpetrato ai danni dell’apparecchio e di attivare tutte le procedure del caso. «La nostra Banca mette continuamente in atto tutte le attività volte a garantire la sicurezza dei nostri clienti ed è costantemente impegnata, con il supporto della Divisione Consumer, emittente delle nostre carte di pagamento, ad innalzare i livelli di sicurezza di tali strumenti», dichiara il direttore generale, Roberto Vitti. «In virtù di tale obiettivo, è in fase di completamento l’attività di sostituzione, già iniziata lo scorso anno, di tutti i vecchi bancomat con la sola banda magnetica con i nuovi bancomat con ‘microchip’, che garantiscono ai clienti un maggiore livello di sicurezza e - aggiunge - desidero ringraziare personalmente il nostro attento cliente di Tropea. Grazie alla sua segnalazione siamo riusciti a sventare il tentativo di truffa. Sarà mia premura inviargli un piccolo omaggio della Banca quale segno di ringraziamento per il suo prezioso operato».

zione e aggiornamento per l’attuazione della legge Urbanistica Regionale 19/2002 e per la redazione dei nuovi strumenti urbanistici, in collaborazione con il settore Urbanistica del Comune di Vibo Valentia. All’ incontro parteciperanno i Comuni della provincia di Vibo Valentia con i propri rappresentanti politici e tecnici, nonché le parti interessate dal processo di elaborazione dei Piani Strutturali Comunali (Psc) e dei Piani Strutturali Comunali in forma Associata (Psa).

re. v.

VIBO VALENTIA - La Sorical ha comunicato che oggi provvedera’ alla riparazione della perdita sulla condotta adduttrice dell’acquedotto Alaco-localita’ Pizzoni, aVibo. «Durante l’esecuzione dei lavori e fino ad ultimazionedegli stessi, - spiega una nota del comune restera’ pertanto sospesa la fornitura idrica ai centri approvvigionati dall’Acquedotto Alaco. Nella citta’ di Vibo Valentia saranno interessati i seguenti serbatoi: serbatoio Tiro a Segno,serbatoio Rai; serbatoio Mura Greche; serbatoio Sopraelevato;Vibo Marina zona alta e serbatoio S.Andrea». Il comune invita pertanto la popolazione "a ridurre i consumi.


24

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

APPUNTAMENTI

Il creatore del premio speciale per l’Unità d’Italia racconta la sua esperienza a Sanremo

L’orafo crotonese Affidato: il mio festival tra emozioni ed orgoglio SANREMO - E’ tempo di bilanci per Michele Affidato, da poco rientrato dalla città di Sanremo, dove ha vissuto una delle avventure più importante di tutta la sua carriera. Il maestro orafo crotonese è infatti stato protagonista, nella città dei fiori, della serata più importante del Festival, quella dedicata ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Era suo il premio con cui, durante la serata di giovedì 17 febbraio, è stata premiata la canzone che è stata decretata dal televoto la più bella della storia della musica italiana: "Và pensiero" del "Nabucco" di Verdi, interpretata sul palco dell’Ariston da Al Bano.Ora che il sipario è calato sulla 61esima edizione del Festival di Sanremo, Michele Affidato non nasconde l’emozione ed anche la tensione che lo hanno accompagnato in questa avventura, iniziata lo scorso ottobre: è da allora che l’orafo crotonese lavora su questo progetto, condiviso con Gianni Morandi, conduttore di questa edizione del Festival, Gianmarco Mazzi, direttore artistico, e Mauro Mazza, direttore di Rai Uno. «Fin dall’inizio mi è sta-

to chiaro che questo sarebbe stato un premio destinato a restare negli annali del Festival e che con la mia arte stavo collaborando a scrivere una pagina importante della storia di Sanremo». Proprio per l’importanza che gli organizzatori del Festival hanno conferito alla creazione di Affidato, l’opera è stata presentata non solo ai vertici Rai, ma anche dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, prima di passare per trasmissioni televisive importanti come "Porta a porta", per i telegiornali nazionali ed infine arrivare sul palco dell’Ariston, dove è rimasta in esposizione, in mondovisione, per tutta la serata di giovedì 17 febbraio. «Uno dei momenti che ricordo con più emozione - racconta Michele Affidato - è stato quando, attraverso i telegiornali, ho appreso che tutti i vertici Rai, accompagnati dal ministro dell’Interno, Ignazio Larussa, erano stati ricevuti da Napolitano. In conferenza stampa, Gianni Morandi ha raccontato che il capo dello Stato aveva particolarmente apprezzato la mia interpretazione dell’Italia

L’Italia unità raffigurata da Affidato è un bassorilievo dello Stivale, realizzato in argento e foglia d’oro, che si poggia su una pietra agata da geode naturale ed emerge da un Tricolore

unita, elogiando le mie scelte artistiche, tra cui quella di raffigurare ogni capoluogo di regione con un diamante, incastonandone uno piùgrandeincorrispondenzadella capitale». L’Italia unità raffigurata da Michele Affidato è, infatti, un bassorilievo dello Stivale, realizzato in argento e foglia d’oro, che si poggia su una pietra agata da geode naturale ed emerge da un Tricolore. L’opera è impreziosita da 20 diamanti, e da un rubino naturale incastonato sulla posizione geografica di Sanremo. La base di pietra rappresenta le solide fondamenta dello Stato, i brillanti le regioni che danno ricchezza e splendore ad un solo gioiello, l’Italia, mentre il rubino è la gemma che aiuta la rigenerazione fisica e spirituale, come la città di Sanremo con la canzone ed i fiori. «Un altro momento particolarmente emozionante - ricorda ancora l’orafo crotonese - è stata la mattinata di giovedì 17 febbraio quando il mio premio è stato esposto nella sala stampa dell’Aristonepresentatoindiretta su Rai Uno alla stampa nazionale ed internazionale, e diversi gior-

Riaperte le iscrizioni alla V edizione del festival “Una voce per lo Jonio” a Sant’Andrea Apostolo SANT’ANDREA APOSTOLO DELLO IONIO - Riaprono le iscrizioni alla V edizione del Festival "Una voce per lo Jonio". Novità assoluta di quest’anno la prestigiosa presenza in giuria di Katia Ricciarelli in veste di madrina del Festival. Coordinatore musicale il Maestro Vince Tempera, talent scout il produttore discografico Marco Rinalduzzi. In palio il premio discografia ed il passaggio gratuito nelle Radio partner Italiane per il brano vincitore. Infatti il brano che vincerà la sezione "Inediti Nuove Proposte" del circuito, sarà trasmesso dal pool di Radio del circuito in

tutta Italia nei primi mesi del 2012. Il festival "Una Voce per lo Jonio" è diventato il punto di riferimento in tutto il Sud Italia per quei giovani e meno giovani, band e gruppi che amano la musica, a cui piace scrivere canzoni, suonare e proporre brani ad un pubblico che va alla ricerca del talento migliore in cui riconoscersi. Molti di questi giovani sono riusciti in questi anni ad emergere ed a meritare vetrine importanti quali quelle televisive nazionali. E’ il caso per i più piccoli ad esempio di Anastasia Franco protagonista a Ti lascio una canzone su Rai 1.

nalisti, oltre ad intervistarmi, si sono complimentati per l’originalità del premio». L’emozione più grande, per il maestro orafo crotonese è quindi arrivata giovedì 17 febbraio alle 21.40 circa quando, in apertura della serata dedicata all’Unità d’Italia ed intitolata "Nata per unire", Gianni Morandi, dal palco dell’Ariston, con un’audience di quasi 17 milioni di telespettatoriedinmondovisione, ha pronunciato quelle fatidiche parole, più volte ripetute nel corso della serata: «Il premio è stato realizzato da Michele Affidato, maestro orafo di Crotone». «In quel momento - ricorda Affidato mi sono veramente commosso perché ero consapevole dell’impatto mediatico e del regalo che stavo facendo alla mia città. Sono stato io, nel corso dei numerosi incontri con Gianni, durante la settimana del Festival, a raccomandargli di specificare il nome della mia città. Quello con Crotone è un legame forte che vivo con

«Ringrazio Gianni Morandi che mi ha saputo trasmettere serenità anche nei momenti di maggiore tensione» profondo orgoglio - prosegue Affidato - E sono contento di aver fatto un regalo alla mia città con questo mio messaggio artistico. Allo stesso tempo - conclude l’orafo - voglio rivolgere un sincero ringraziamento a tutti i miei concittadini che mi hanno appoggiato in questa avventura, dandomi sostegno morale e dimostrandomi grande affetto e stima. Infine ringrazio Gianni Morandi, Gianmarco Mazzi e Mauro Mazza, ineguagliabili compagni di avventura, per l’amicizia e la fiducia che mi hanno dimostrato fin dall’inizio di questo progetto ed in particolare Gianni che mi ha saputo trasmettere serenità».


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani 25

APPUNTAMENTI

L’evento, che sarà diretto da Alessandro Gandolfi, giornalista e fotoreporter, si terrà dal 25 al 30 giugno 2011

Un workshop di fotografia patrocinato dal National Geographic a Reggio Calabria REGGIO CALABRIA - Sarà prodotto da Bluocean, partner ufficiale di National Geographic, il workshop di fotografia patrocinato da National Geographic e sarà ancora la Calabria ad ospitare l’importante evento che sarà diretto da Alessandro Gandolfi, giornalista e fotoreporter, autorevole firma del panorama fotografico italiano e assiduo collaboratore di National Geographic. Il Bluocean’s workshop 2011 dal titolo "L’arte di documentare con l’immagine. La Calabria e l’area dello stretto: sfumature inedite di una terra antica" sarà orientato, attraverso severi percorsi didattici a produrre un vero e proprio reportage sulla Calabria in puro "stile" National Geographic. Il successo della precedente edizione è stato decretato anche dalla presenza di fotografi provenienti da altre regione e dagli Stati Uniti. Il workshop si terrà a Reggio Calabria dal 25 al 30 giugno 2011 con un incontro didattico -conoscitivo per i corsisti programmato per il 24 giugno.

Ogni giorno di lavoro diretto da Gandolfi sarà caratterizzato da un tema specifico da affrontare seguendo percorsi mirati con lo scopo di produrre un vero e proprio reportage sulla Calabria Ogni giorno di lavoro diretto da Alessandro Gandolfi, dalle ore 08.00 alle 19.00 circa, sarà caratterizzato da un tema specifico da affrontare seguendo percorsi mirati anche lontani dal capoluogo con lo scopo di produrre un vero eproprioreportagesullaCalabria e l’area dello stretto. Ogni info potrà essere richiesta a: amm@bluocean.it . Il corso è aperto a tutti per un massimo di 12 unità. A seguire una breve presentazione di Alessandro Gandolfi: assiduo collaboratore di National Geographic, è

Gandolfi insegna fotografia tenendo corsi, seminari e tour fotografici in Italia e all’estero. Negli ultimi anni ha allestito mostre a Parma, a Milano e a Bologna

unapprezzatogiornalistaereporter nel panorama internazionale. Giornalista e fotografo free-lance collabora con le maggiori riviste italiane, fra le quali National Geographic Italia, D di Repubblica, Gente Viaggi e Weekend & Viaggi, L’Espresso, Gulliver, Qui Touring, Trekking, Elle, Soprattutto, Anna, Ventiquattro e molte altre, anche all’estero. Insegna fotografia tenendo corsi, seminari e tour fotografici, anche in questo caso sia in Italia che all’estero. Negli ultimi anni ha allestito alcune sue mostre fotografiche a Parma, a

Milano e a Bologna. E’ inoltre autore di alcuni volumi: A est di Hamilton Road - Viaggio nel Kurdistan Turco (Edt, 2000); New England (White Star, 2004), Emilia Romagna (Euro Ed, 2004); Irlanda (Clup, 2005).

Calcio, la rappresentativa regionale femminile batte la squadra giovanissimi del San Mango D’Aquino SAN MANGO D’AQUINO - Domenica 20 febbraio alle ore 11,00 sul campo di San Mango D’Aquino, la rappresentativa regionale femminile, in vista del torneo delle Regioni, ha disputato una gara amichevole contro la squadra giovanissimi del San Mango D’Aquino. La gara si è conclusa con il risultato di 7-1 a favore della rappresentativa femminile. Si è particolarmente distinta la giocatrice Vincenzi Teresa, autrice di una tripletta. Da segnalare una accoglienza particolarmente cordiale per la rappresentativa femminile da parte del Comune di San Mango rappre-

sentato dal sindaco dott. Buonocore Vincenzo e da parte della società San Mango D’Aquino nella persona del presidente sig. Sposato e del dirigente sig. Gallo Serafino.

A fine gara una foto congiunta delle calciatrici e dei piccoli calciatori ha sancito l’amicizia e la simpatia instauratasi tra i protagonisti della gara.

re. a.


26

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

CARTELLONE Svolto il secondo incontro “Diabete Calabria” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CATANZARO Convegno "Il cristianesimo come educazione alla realtà dell’umano" Oggi , nell’Auditorium del Seminario Regionale “S. Pio X” (Viale Pio x, 160),siterràilconvegnodiVivarium dal tema "Il cristianesimo come educazione alla realtà dell’umano" organizzatodall’Istituto Teologico Calabro “S. Pio X”. III appuntamento dei “Giovedì del Logos e dello Spirito” Continuano gli incontri de “I Giovedì del Logos e dello Spirito” che hanno per titolo generale: “I giovani rileggono la Costituzione a 150 anni dall’Unità per una convivialità delle differenze”. Ilterzo appuntamentoèinprogramma per oggi , alle ore 15.30, presso l’aula L dell’edificio dell’area giuridica, economica e sociale del Campus “Salvatore Venuta” (Loc. Germaneto di Catanzaro). Il tema della giornata sarà: “Le regole della democrazia e la domanda di giustizia sociale”. Saranno presenti Don Giacomo Panizza, e Giovanna Fronte. A moderare Mario Caso. Iniziativa “Cuore di Donna” Oggi , alle ore 11.00, presso la sala meeting del S.Anna Hospital (Viale Pio X, 111 Catanzaro – ingresso poliambulatorio) avrà luogo la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa “Cuore di Donna”, prevista per l’8 marzo e promossa dallo stesso S. Anna insieme con le Commissioni Pari Opportunità del Consiglio Regionale e dell’amministrazione provinciale di Catanzaro e con l’associazione Mogli Medici Italiani. Alla conferenza stampa prenderanno parte Gaetano Muleo, Giovanna Cusumano ed Elena Marano Cinque, Nuccia Caglioti. Saranno presenti all’incontro con i giornalisti: Giuseppe Failla, Mauro Cassese e Wanda Ferro. Presentazione tecnologia contro il dolore cronico Conferenzastampadipresentazione del dispositivo medico Calmare Mc-5A, brevetto internazionale della nuova frontiera per la terapia del dolore cronico oncologico e neuropatico. La presentazione patrocinata dalla Provincia di Catanzaro e dalla Lilt Lega Italiano Lotta ai Tumori (sede provincialediCatanzaro)siterràoggi, alle ore 17.30, all’internodella sala del consiglio "Aldo Ferrari" presso l’amministrazioneProvincialediCatanzaro. Il dispositivo tecnologico Calmare Mc-5A verrà presentato dalla MedicalSportCenterRiabilitazioneSrldi Catanzaro che diviene centro pilota della Calabria e primo centro operativo nel Meridione d’Italia. Incontro dibattito "La qualità della vita a Catanzaro" La Soroptimist International d’Italia, Club di Catanzaro organizza un incontrodibattitosu"Laqualitàdella vita a Catanzaro" oggi , alle ore

Uno stile di vita sano, basato sul movimento e sulla buona alimentazione, può contribuire a tenere sotto controllo il diabete, e riesce a dare risultati ottimali se affiancato all’assunzione degli appositi farmaci. Si è concentrato sull’utilizzo corretto e appropriato delle terapie, ma anche su dieta e comportamenti alimentari, il secondo dei quattro corsi Ecm previsti dal Progetto Diabete Calabria, dal titolo “Gestione del paziente diabetico da parte del Medico di Medicina Generale”. Il programma che vede uniti, nella condivisione di protocolli e dati clinici, Medici di Medicina generale di Catanzaro, Lamezia Terme e Crotone e specialisti dell’Uo di Malattie del metabolismo del Policlinico Mater Domini dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, con l’obiettivo di ottimizzare i tempi e le modalità di diagnosi e cura del

diabete mellito, è entrato nel vivo della sua parte formativa, che ha cominciato a muovere i primi passi lo scorso gennaio, avviando parallelamente una mappatura del territorio che accerterà lo stato di diffusione del diabete nelle zone d’interesse. Sabato scorso, presso il Centro Nutri & riabilia di località Breu – nel comune di Gasperina -, si è quindi tenuto un ulteriore momento di confronto tra specialisti e Medici di Medicina generale. Tra gli argomenti trattati, c’è stata anche l’importanza della strategia di comunicazione con i pazienti, che deve essere volta ad una umanizzazione delle cure, che permetta una più efficace interazione tra medico e paziente, col fine di una aderenza massima alla terapia indicata. Il che conferma la bontà dell’idea di realizzare dei pieghevoli che oltre a illustrare le finalità del Progetto

17.30, presso l’hotel Guglielmo, via Tedeschi, 2. Programma: saluto della presidente; presentazione del progetto ed analisi dei risultati con gli amministratori del Comune di Catanzaro: Antonio Argirò, assessore alla cultura; Nicola Ventura, assessore ai servizi sociali; Raffaele Salerno, assessore alla sicurezza; Domenico Iaconantonio, assessore all’ambiente; Sina Tortorella Lucchetti, assessore pari opportunità; Pino Soriero, assessore all’urbanistica. Moderatore: Paolo Cannizzaro, giornalista.

Buccarelli28,siterràlacerimoniadi inaugurazionedell’AnnoGiudiziario della Corte dei Conti per la Regione Calabria con sede a Catanzaro

Seminario di formazione Oggi e venerdì 25 febbraio 2011 , la Cooperativa Meristema organizza un seminario di formazione sulle problematiche della disabilità. L’iniziativa si terrà presso la sala conferenza dell’istituto tecnico statale per geometri "Petrucci" sede di Catanzaro dalle 15.00 alle 19.00, e vedrà il coinvolgimento dei dirigenti scolastici e dei docenti di scuole di ogni ordine e grado della Provincia di Catanzaro. Inaugurazione Anno Giudiziario 2011 Giorno 2 marzo , alle ore 10.00, presso la sede della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti, Via E.

Convegno “Catanzaro: il paese dell’incontrario, com’era...come lo vorremmo!” Giorno 4 marzo , alle ore 17.30, presso la Sala Consiglio dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, la Fiamma Tricolore ha organizzato un convegno dal titolo “Catanzaro: il paese dell’incontrario, com’era .…. come lo vorremmo!” che, in pratica, aprirà ufficialmente la campagna elettorale della Fiamma Tricolore per le prossime amministrative al Comune di Catanzaro. Il convegno, organizzato dal dipartimento cultura e formazione della segreteria provinciale della Fiamma Tricolore, si avvarrà della partecipazione dell’arch. Pino Casale. Seminario su finanziamenti europei 2007-2013 Nell’ambito delle iniziative assunte perassicurarelatuteladegliinteressi finanziari dell’Unione Europea, la presidenza del consiglio - dipartimento per il coordinamento delle politiche comunitarie, ha promosso l’organizzazione di seminari ed iniziative, anche di carattere formativo,

Diabete Calabria, forniranno delle specifiche raccomandazioni alimentari e comportamentali ai pazienti, disponibili presso gli Studi medici coinvolti nel progetto. Dieta, comportamenti alimentari, stili di vita e comunicazione sono stati i primi argomenti introdotti dal Prof. Agostino Gnasso, responsabile scientifico del programma (“Primo approccio terapeutico al paziente con neodiagnosi di diabete mellito”), e dal Dott. Maurizio Cipolla (“Strategie comunicative per il miglioramento dello stile di vita”). Sulle terapie vere e proprie e sulle loro modalità si sono soffermati i Dott.ri Concetta Irace (“Ipoglicemizzanti orali: quando, in quale paziente, per quanto tempo?”), Claudio Carallo (“Terapia ipolipidemizzante nel paziente diabetico”) e Annibale Battaglia (“Medici di Medicina Generale – Terapia antiipertensiva nel paziente diabetico”). Allo stesso Prof. Gnasso è stata affidata, infine, la conclusione della giornata, con l’intervento finale sul “Percorso diagnostico terapeutico – follow up del malato con diabete mellito tipo 2 non complicato”. Il prossimo appuntamento con i corsi Ecm è previsto per sabato 12 marzo , sempre con inizio alle ore 9.00, ma a Germaneto, presso l’aula P dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, e si concentrerà su “Fallimento della terapia con ipoglicemizzanti orali: cosa può fare il Medico di Medicina generale?”.

a livello regionale, per sviluppare un’operazione “culturale” in tutte le Regioniitalianesultemadelcorretto ed efficace impiego dei fondi comunitari,includendo,evidentemente,le questioni relative alle frodi. In tale contesto, è stato programmato, per il 9 marzo , il seminario, cofinanziato dalla Commissione europea (Olaf) nel quadro del programma Hercule II 2007-2013, dal titolo: “Finanziamenti europei 2007/2013 ed il contrasto alle frodi ed alle irregolarità nei fondi strutturali”, che si terrà presso l’Auditorium “Aldo Casalinuovo” di Catanzaro, con inizio alle ore 9.15. COSENZA Incontro su “Cosenza 2020: Progettiamo oggi la città di domani” L’incontro dal tema “Cosenza 2020: Progettiamooggilacittàdidomani”, che si terrà a Cosenza presso la “Casa delle Culture” oggi , alle ore 18.30, è il primo di una serie di iniziative che l’associazione “Io resto in Calabria”promuoveràperstimolare la società civile, soprattutto nei comuni che si apprestano a vivere il momento elettorale, portando i giovani e i cittadini a proporre modelli in grado di rilanciare le realtà calabresi, troppo spesso vittime di amministrazioni poco lungi-

miranti e scarsamente votate all’innovazione. REGGIO CALABRIA Il presidente Talarico incontra gli studenti calabresi C’è un asse vitale e dinamico che lega il Consiglio regionale e gli studenti calabresi: oggi , alle ore 11.00, circa seicento ragazzi e ragazze provenienti da tutto il territorio regionale, in rappresentanza delle varie consulte provinciali, si ritroveranno all’Auditorium “Nicola Calipari” in occasione di un incontro-dibattito su temi istituzionali e di cittadinanza attiva. L’iniziativa, voluta dal presidente Francesco Talarico e dal direttore generale dell’ufficio scolastico regionale, Francesco Mercurio, segue il Protocollo d’Intesa già siglato nell’ottobre 2010 e vedrà, quali momenti qualificanti, una serie di proposte programmatiche, frutto di riflessione sulle tematiche di cittadinanza e una proiezione video dei “Laboratori interattivi di Legalità”, girati dagli studenti dell’Istituto statale di Cinematografia e Televisione “Roberto Rossellini” di Roma e realizzati durante la convention studentesca regionale dell’ottobre 2010. L’incontro-dibattito, sarà preceduto, alle ore 10.30, da una conferenza stampa nel corso della quale il presidenteTalaricoeildirettoreMercurio presenteranno un concorso riservato alle scuole per la celebrazione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Seminario “Diritti delle donne: negati e vissuti” Nell’ambito del progetto “Promozione dei diritti umani come strumenti di democratizzazione attraverso la specializzazione di figure professionali e la crescita della consapevolezza sociale” cofinanziato dal Ministero degli Esteri italiano, il giorno28febbraio,dalleore9.30alle ore 18.00, si svolgerà in Reggio Calabria al Consiglio regionale della Calabria presso la sala Giuditta Levato il seminario “Diritti delle donne: negati e vissuti”. Il seminario è organizzato dalla Ong Cric - Centro Regionale di Intervento per la Cooperazione – capofila del progetto – in collaborazione con la Cisme - Cooperativa per l’innovazione e sviluppo del Meridione. SCILLA Mostra: "Dall’Aspromonte a Porta Pia - I Borbone, Pio IX e Garibaldi" Oggi , alle ore 17.00, il presidente della Provincia di Reggio Calabria inaugurerà a Scilla (Rc) nel Castello Ruffo la Mostra dal titolo: “Dall’Aspromonte a Porta Pia – I Borbone, Pio IX e Garibaldi – Memorabilia dalle collezioni Carafa Jacobini, Ruffo di Calabria ed altre raccolte” voluta dall’amministrazione provinciale di Reggio Calabria e nello specifico dall’assessore alla cultura Santo Gioffrè quale evento celebrativo dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Orari Castello: dal lunedì alla domenica dalle ore 8.00 alle ore 20.00 (orario continuato).


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani 27

CARTELLONE Al Caffè delle Arti “All’improvviso...Commedia” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari Paolo Lòriga. Contributi: Domenico Cersosimo, ore 17.15, Carlo Borgomeo. Intervento ore 17.45: Mons. GianCarlo Maria Bregantini. In dialogo con: Nunzia Coppedè; Pasquino Crupi; Antonio Palermo; Sabatino Savaglio; Francesco Tassone. Coordinamento: Piero Schirripa.

CASTROVILLARI “Santos” di Roberto Saviano Continua con successo la dodicesima stagione teatrale di Castrovillari, organizzata dall’assessorato alle politiche culturali e dall’associazione culturale Novecento. Oggi , alle 21.00 gli Ipocriti e M.b. Nuovo Teatro presentano “Santos” di Roberto Saviano, per la regia di Mario Gelardi, con Ivan Castiglione, Francesco DiLeva,GiuseppeGaudino,Giuseppe Miale Di Mauro, Adriano Pantaleo e Raffaele Auriemma (voce). CATANZARO Mostra personale di Rosa Spina Fino al 5 marzo , presso la sede Verduciarte in Via dell’Arcivescovado 18, si terrà la mostra personale dell’artistaRosaSpinadaltitolo“Defilage Sincronico”. La personale è a cura del prof Antonio Falbo Art Director della Galleria, con la compartecipazione del “Lion Club Catanzaro Host” il cui il presidente, il dott. Virgilio Conte. La presentazione delle opere è a cura di Valentina Scardamaglia. Apertura mostra: mattina 10.00/13.00; pomeriggio 17.00/20.00. Lezioni e recite di poesia italiana dal ’200 al ’900 La scena e la poesia - lezioni e recite di poesia italiana dal ’200 al ’900. Ciclo di eventi realizzato in collaborazione tra Circolo di cultura "Augusto Placanica" e Teatro di Calabria "Aroldo Tieri". Direzione artistica a cura di Luigi La Rosa e Aldo Conforto, con l’eccezionale contributo degli attori del Teatro di Calabria. Le lezioni si svolgeranno presso il Centro di aggregazione giovanile di via Fontana Vecchia alle 17.30. Gli appuntamenti: 1 marzo : Il "Furioso"; 15 marzo : Giacomo Leopardi; 29 marzo : Giovanni Pascoli; 12 aprile : Gabriele D’annunzio; 26 aprile:EugenioMontale;10maggio : De Andrè - Guccini. Gianluca Grignani in concerto Il GranTeatro Le Fontane è pronto per confermarsi, ancora una volta, tra le mete più frequentate da chi vuole ascoltare buona musica, assistendo ai maggiori spettacoli in tour in Italia. Il GranTeatro proporrà al suo pubblico, in esclusiva per la regione, una data del Romantico Rock Show di Gianluca Grignani, il 5 marzo . I biglietti possono essere acquistati presso le consuete prevendite, oltre che attraverso la TicketService (0961.726313). Perleprenotazionieperqualsiasiinformazione è possibile telefonare alla Esse Emme Musica ai numeri 0961. 872883-761471 e 327.7705335. E’ possibile inoltre visitare il sito www.essemmemusica.it. “Festa di Carnevale a Biricchinopoli" Martedì 8 marzo , Vanessa Aprile, presidente dell’associazione Biricchinopoli, organizza, in occasione del Carnevale, la festa a tema. La novità di quest’anno sarà che bambini,

REGGIO CALABRIA Spettacolo “Memorie di Antigone” Debutta oggi (con repliche fino domenica pomeriggio) “Memorie di Antigone”, la nuova produzione di SpazioTeatro diretta e interpretata da Gaetano Tramontana e realizzata in collaborazione con Antonio Melasi, autore delle realizzazioni video parte integrante dello spettacolo, e la partecipazione di Domenica Buda, Domenico Chilà, Giuseppe Flaviano e Salvatore Neri. Presso la sala SpazioTeatro da oggi al 26 febbraio, ore 21.00; domenica 27 febbraio, ore 18.15. Il Teatro di Calabria Aroldo Tieri presenta "All’improvviso...Commedia". Celebrazione della Giornata della Commedia dell’Arte presso il Caffè delle Arti - Centro di Aggregazione Giovanile - Via fontana vecchia, il 25 febbraio 2011 , alle ore 20.00. Ingresso gratuito. Come momento di celebrazione culturale e di divertimento intellettuale il Teatro di Calabria A. Tieri sceneggerà alcuni brani, tra i più celebri della Commedia dell’Arte italiana, intervallandoli con rievocazioni e spiegazioni del fenomeno teatrale a cura di Luigi La Rosa. La messa in scena, impreziosita dalle musiche del maestro Amedeo Lobello, vedrà come protagonisti gli attori: Lucia Cristofaro, Carlo Maria Comito, Salvatore Venuto, Osvaldo Passafaro e Giuseppe Brutto, coordinati dal Direttore del Teatro di Calabria Aldo Conforto. Il 25 febbraio 1545, a Padova, è sta-

ta legalmente costituita con atto notarile la prima compagnia di comici diprofessione;simbolicamentenasce la Commedia dell’Arte che si propagherà nelle piazze, nelle corti, nei teatri di tutta Europa. Il Sat, associazione che riunisce gli operatori di Commedia dell’Arte, dal 2010 riconosciuta dall’Unesco nella lista degliorganisminongovernativiche si occupano di Patrimonio Culturale Immateriale, con il progetto incommedia.it , ha proclamato la Giornata della Commedia dell’Arte a supporto della candidatura di questa tradizione per l’inserimento nella lista della Convenzione sul "PatrimonioCulturaleImmateriale" dell’Unesco ed ha ricevuto il patrocinio della Commissione Italiana Unesco e del Centro Italiano dell’Iti (International Theatre Institut). La giornata della Commedia dell’arte si celebrerà il 25 febbraio di ogni anno ed è stata pensata per

promuovere la conoscenza di questa tradizione, nata in Italia ma praticata in tutto il mondo. Così come la Giornata del teatro e quella della danza, organizzate dall’Iti (Istituto Internazionale del Teatro), anche questa Giornata vuole essere aperta a tutti coloro che vogliono partecipare organizzando un evento nella propria città. Questo appello è stato raccolto anche negli Stati Uniti dove a Washington DC i Faction Fools Theatre Company coordineranno gli eventi che saranno organizzati nel resto del mondo. Visitate il sito: www.commediadellarteday.org per la lista degli eventi in Italia e nel mondo. Venerdì 25 Febbraio, presso il Caffè delle Arti, verranno proposti al pubblico brani e dialoghi tratti da “La Locandiera”, da “Le smanie per la villeggiatura” di Goldoni e da “Il borghese gentiluomo” di Molière.

genitori e staff Biricchinopoli, tutti in maschera, si daranno appuntamento alle ore 16.00, in piazzetta Procopio, Santa Maria Catanzaro, pronti per una sfilata fino in Piazza, di ritorno ci si fermerà in piazzetta dove ci si potrà divertire con sonagli, coriandoli e stelle filanti insieme all’animazione di TittY, Topolino, Minnie e il Pagliaccio Biricco. In seguito si rientrerà in sede per festeggiarecontantamusica,allegriae un delizioso buffet organizzato dall’Associazione in collaborazione con i genitori.

ri 0961. 872883-761471 327.7705335.

presso la Libreria Ubik, Via Galliano, si terrà la presentazione del volume di Nino Amadore "La Calabria sottosopra". Ne discutono con l’autore: Matteo Cosenza; Rosario Branda. Modera la giornalista Marianna de Luca

Giorgio Panariello in “Panariello non esiste” Fervono i preparativi al GranTeatro Le Fontane di Catanzaro per l’appuntamento dell’ 11 marzo con Giorgio Panariello in “Panariello non esiste”, il tour teatrale che il noto comico toscano sta portando a suon di sold out in tutta Italia. I biglietti per assistere allo spettacolo di Panariello a Catanzaro, hanno i seguenti prezzi comprensivi di prevendita: poltronissima 38,00 euro; poltrona 30,00; tribuna 25,00. Per le prenotazionieperqualsiasiinformazione è possibile telefonare ai nume-

e

I Pooh in concerto Quando si tratta di grandi eventi il successo è quasi sempre garantito. Ed anche l’unica data per la Calabria di “Dove comincia il sole tour” che sta portando i Pooh in tutti i più importanti palasport e teatri d’Italia fino a primavera, che arriverà a Catanzaro il 15 marzo , preannuncia un invidiabile sold out. Procede infatti a grande ritmo la prevendita ufficiale dei biglietti per assistere all’unico concerto che la storica band terrà nella nostra regione, al GranTeatro Le Fontane di Catanzaro. I biglietti possono essere acquistati nelle prevendite abituali in tutta la regione oltre che presso la Ticketservice (0961.726313). Hanno i seguenti costi, comprensivi di prevendita: poltronissima 40,00 euro, poltrona 35,00 euro, tribuna 30,00 euro.Info: 0961/872883-761471 e 327/7705335 COSENZA Presentazionevolume"LaCalabria sottosopra" Venerdì 25 febbraio , alle ore 18.00,

CROTONE Presentazione del libro "I portali di Calabria" Venerdì 25 febbraio 2011 , alle ore 17.30, nella sala multimediale della Biblioteca A.Lucifero-Crotone presso il Castello aragonese Carlo V, si terrà la presentazione del volume di Pietro Pontieri: "I portali di Calabria" Editore Falco-Cosenza. LAMEZIA TERME Presentazione del libro di GianCarlo Maria Bregantini Sabato 5 marzo 2011 , ore 16.30, presso sala delle riunioni nuovo palazzo comunale, si terrà la presentazione del libro di GianCarlo Maria Bregantini"IlnostroSudinunpaese (reciprocamente)solidale"indialogo con Paolo Lòriga (Città Nuova). Saluti ore 16.30: Antonio Caridi, Gianni Speranza. Introduzioni: Mons. Luigi Antonio Cantafora; ore 16.45,

II appuntamento dei “Pomeriggi Culturali” Secondo appuntamento dei “Pomeriggi Culturali” ciclo di manifestazioni organizzati dal Circolo Culturale “L’Agorà” in collaborazione con la Biblioteca Comunale “Pietro De Nava” di Reggio Calabria ed i ed i laboratori di ricerca del sodalizio reggino, gruppo di ricerca Mnemos, centro studi “Gioacchino e Napoleone” e Centro Studi italo-ungherese “Árpàd”. La nuova giornata di studi avrà come tema “L’editore racconta la rivolta di Reggio” relatori Franco Arcidiaco (La Città del Sole edizioni) e Roberto Laruffa (Laruffa editore), Salvatore Romano (regista). Tra l’altro sarà presente all’incontro il regista Salvatore Romano autore del film Liberarsi (Figli di una rivoluzione minore). L’incontro si terrà oggi , con inizio alle ore 16.00, nella sala "Vitrioli" della Biblioteca Comunale "Pietro De Nava" di Reggio Calabria. Mostra “L’Italia dei Sentieri” Fino a giovedì 3 marzo , sarà esposta nei locali dell’Archivio di Stato di Reggio Calabria, la mostra “L’Italia deiSentieri”realizzatadalClubAlpino Italiano per divulgare lo stato della rete dei sentieri che innerva le montagne, ma non solo, dell’intero territorio nazionale. CALABRIA V edizione Dogs on the Snow Torna sulle nevi delle montagne cosentine Dogs on the Snow, quinta, manifestazione di Sleddog in programma fino al 27 febbraio , tra i Parchi Nazionali della Sila e del Pollino, quest’anno interessato da campi scuola sul territorio di Piano Novacco del Comune di Saracena. La scuola di Sleddog sarà aperta l’intera giornata, oggi a Piano Novacco – Comune di Saracena e dal 25 al 27 febbraio, a Carlomagno, nel Centro Sci di Fondo, fra giochi sulla neve ed uscite sulle slitte, corsi base per mushers ed incontri con le scuole ed i portatori di disabilità.


28

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

IL DOMANI DELLA CULTURA Pierfrancesco Favino e Carolina Crescentini nel nuovo film del regista Giuliano Montaldo, già autore di pellicole quali Sacco e Vanzetti, Giordano Bruno, Gli occhiali d’oro e I demoni di San Pietroburgo

L’industriale, un dramma amaro e contemporaneo nell’Italia di oggi Annarita Guidi Un dramma amaramente, insopportabilmente contemporaneo quello al centro del film che segna il ritorno di Giuliano Montaldo dietro la macchina da presa. Dopo pellicole come Sacco e Vanzetti, Giordano Bruno, Gli occhiali d’oro e I demoni di San Pietroburgo l’autore genovese sceglie di raccontare la Torino di oggi sullo sfondo di una crisi economica che sembra non vedere la propria fine e di una rielaborazione collettiva, sociale (e ancora lontana dai risultati) delle relazioni affettive che rappresenta un ulteriore elemento di destabilizzazione per ciascun individuo. Prodotto da Bibi films e da Rai cinema, L’industriale è interpretato da alcuni tra i migliori giovani attori attualmente presenti sulla scena italiana: Pierfrancesco Favino (In barca a vela contromano, L’ultimo bacio, Le chiavi di casa, Romanzo criminale, Miracolo a sant’Anna, Cosa voglio di più, Figli delle stelle) e Carolina Crescentini (H2Odio, Notte prima degli esami oggi, Cemento armato, I demoni di San Pietroburgo, Generazione mille euro, Boris il film). La vicenda narrata da Montaldo (autore anche della sceneggiatura insieme ad Andrea Purgatori) è quella di un quarantenne, Nicola, proprietario di una fabbrica. La struttura, che l’uomo ha ereditato dal padre, sta precipitando verso il fallimento. Eppure il protagonista non crolla, ha dalla sua una certa dose di tenacia e forse anche di incoscienza. Nonostante questo, Nicola non riesce a sostenere la vera colonna portante della sua vita - il

Il regista Giuliano Montaldo

L’autore genovese sceglie di raccontare la Torino odierna sullo sfondo di una crisi economica che sembra non vedere la propria fine matrimonio. Anche questo, apparentemente, sta andando in pezzi: sua moglie è distante e Nicola, anziché scegliere la via della comunicazione, prende quella del sospetto. Mentre banche, creditori e debiti crescenti lo inseguono, l’uomo pedina Laura. Finché tutte le dimensioni della sua vita non precipitano: un’annunciata joint venture che avrebbe dovuto salvare l’azienda viene cancellata, e la moglie di Nicola intende separarsi. Ma i colpi di scena non finiscono qui, perché ulteriori ribaltamenti porteranno alla luce nuovi segreti e smascheramenti. «Il film racconta la storia di Nicola, quarantenne proprietario di una fabbrica di pannelli solari, ereditata dal padre e ora sull’orlo del fallimento - ha raccontato Giuliano Montaldo - Nicola è strangolato dai debiti e dalle banche, nella Torino che vive la grande crisi economica che soffoca tutto il paese. Ma è orgoglioso, tenace. Ha deciso di risolvere i suoi problemi senza farsi scrupoli, esattamente come le finanziarie

Pierfrancesco Favino

che lo vorrebbero al tappeto». Il soggetto del film è opera del regista e di sua moglie, Vera Pescarolo, ma un contributo fondamentale in fase di sceneggiatura lo ha dato Andrea Purgatori dopo un fortuito incontro con un vero industriale. «La storia di Nicola si ispira alla mia», ha spiegato Luca Ruggenenti, titolare di una società attiva in Slovacchia nel settore fotovoltaico. «Alcuni dialoghi li ho scritti io, quelli con le banche soprattutto: con la mia azienda ho avuto problemi simili a quelli raccontati nel film, ora per fortuna superati».

Molti i colpi di scena nella sceneggiatura e i diversi ribaltamenti che porteranno alla luce nuovi segreti e smascheramenti

Le cose cambiano con i Velvet suggestivo concerto a Milano Ginevra Aleramo Questa sera il Tunnel di Milano ospita un evento unico di musica e arte per la presentazione del nuovo disco dei Velvet, Le cose cambiano 2000-2010, con la media partnership di Myspace e Playstation. Il pubblico che accorre non partecipa soltanto al concerto, ma può sperimentare un nuovo modo di concepire la musica, grazie ad una inedita installazione di “light art” che sfrutta l’interazione di suoni e colori attraverso l’utilizzo della fibra ottica. Per l’occasione viene realizzata un’installazione interattiva: una sorta di organismo audiovisivo che reagisce ai suoni provocando mutamenti cromatici nelle linee di luce in fibra ottica, che si diffondono nello spazio. Si tratta di una ricerca di nuove forme visive condotta da Lorenzo Verzini sull’esempio delle installazioni realizzate con la luce della fibra ottica da Carlo Bernardini, artista di fama internazionale. Quando i Velvet hanno presentato Il Serpente, il primo inedito singolo del nuovo disco Le cose cambiano 2000-2010, Lorenzo Verzini ha realizzato per loro un ep e un sito graficamente suggestivi, ispirati proprio a questo tipo di arte luminosa. Lo stesso approccio è stato adottato per il nuovo disco Le cose cambiano. 2000-2010, realizzando un packaging che si avvale di una tecnica particolare detta “scanimation” che propone una vera e propria illusione ottica di linee in movimento. Vista l’esclusività

La copertina del nuovo album della band

dell’evento, la partecipazione è solo su invito, ma l’intero concerto sarà disponibile in esclusiva per tutti gli utenti di Playstation3, grazie a Vidzonetmtv, la televisione musicale interattiva gratuita per PS3, che offre una scelta tra oltre 100 canali musicali tematici e la possibilità di visualizzare migliaia di video musicali on-demand attraverso lo streaming diretto sulla console e sullo schermo della propria tv. Media partner dell’evento sarà Myspace da sempre attento ad avvicinare i fan ai propri artisti preferiti sia online che offline, che offre alla community del web la possibilità di partecipare al concerto dei Velvet gratuitamente. I primi 150 utenti Myspace, infatti, che si presenteranno all’ingresso mostrando il proprio profilo potranno assistere al concerto e ricevere un omaggio esclusivo.


Giovedì 24 Febbraio 2011 il Domani 29

IL DOMANI DELLA CULTURA

Vanessa Beecroft, "Performance/sculpture", 2008, cortesia galleria Lia Rumma

Alla comunità tradizionale è subentrata quella online: in questa direzione si muove la mostra “Community” a Catanzaro

Fuggire la solitudine, al Marca una riflessione sulla nuova socialità Ornella Mazzola Animali sociali, ecco cosa siamo. Se anche Aristotele non lo avesse detto, non avremmo avuto nessun dubbio sulla refrattarietà dell’uomo alla solitudine. Ciò che non finisce mai di stupire sono i fattori e le modalità di aggregazione, tali da rendere il concetto di collettività estremamente elastico. Una costante, però, si ripete in tutte le dinamiche relazionali di gruppo: comunità fa rima con ritualità. Nell’era di internet la rivoluzione tecnologica ha una ricaduta per così dire antropologica, che investe proprio questi due elementi. Per la prima volta la creazione di una comunità prescinde da coordinate spazio-temporali definite: i luoghi di incontro da reali si fanno virtuali e i tempi della relazione si dilatano. Alla comunità tradizionale è subentrata la "community on line", con una

dimensioneritualespecifica,tutta da esplorare. In questa direzione si muove la mostra fotografica al Marca di Catanzaro, "Community, la ritualità collettiva prima e dopo il web". Veterani e artisti di ultimissima generazione mettono a confronto immagini tratte da ambienti socialmente e culturalmente diversi, in epoche che spaziano dagli anni Cinquanta ai nostri giorni. Scene di vita paesana e urbana da nord a sud, momenti di spiccata ritualità come la trasgressione "hippy" alla festa del Proletariato giovanile al parco Lambro di Milano nel 1976, sotto l’obiettivo di Gabriele Basilico, o come il mito generalizzato e trasversale di oggi, il calcio, nell’indagine di Cristian Chironi. Intensa carica di denuncia i lavori di due artisti della classe 1969: Vanessa Beecroft, con le sue donne prive di parola e relazione con l’esterno, e Adrian

Paci, che filma extracomunitari in salita sulla scaletta di accesso a un aereo inesistente. Opere-specchio dei tempi, in cui la tecnologia ha trasformato la realtà in "reality" e dato forma al sogno minimaldell’uomoqualunque,quello che cantava David Bowie: "We can be heroes just for one day", possiamo essere eroi solo per un giorno. "Community,laritualitàcollettiva prima e dopo il web", fino al 27 marzo, Marca, via Turco 23, Catanzaro. Info: 0961746797; www.museomarca.info.

È stato uno dei principali rappresentanti dello stile dei preraffaelliti, corrente artistica della pittura vittoriana sorta nel 1848 in Gran Bretagna. Il riferimento è a Edward Burne-Jones, che insieme ad altri esponenti assoluti dell’epoca - da Dante Gabriel Rossetti a William Morris - è al centro di una rassegna che esplora la declinazione del classicismo nell’ambito della Royal academy (operata da artisti come Frederic Leighton e da rappresentanti della culturaestetica-simbolistaquali George Moore, John William Waterhouse e George Frederic Watts). Allestita alla Gnam di Roma fino al 12 giugno, "Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones. Il mito dell’Italia nell’Inghilterra Vitto-

riana" espone al pubblico oltre cento opere, provenienti da prestiti privati e da musei internazionali, molte delle quali all’esordio assoluto nel nostro paese. Curata da Maria Teresa Benedetti, Stefania Frezzotti e Robert Upstone, la mostra pone in particolare risalto la relazione tra le opere inglesi e i prototipi italiani che hanno definito il modello iconografico e la suggestione formale. In questo senso sono esposti dipinti di Giotto, Crivelli, Carpaccio, Botticelli, Sebastiano del Piombo, Palma il Vecchio, Bergognone, Luini, Tiziano, Veronese, Tintoretto, ad affermare la loro incidenza nell’area inglese. Il legame indissolubile con l’Italia ha un rilevante fondamento critico anche negli scritti - qui ben documentati - di John Ruskin (tra i fondatori del movimento artistico per la riforma delle arti applicate "Art

L’arte inglese nei miti italiani la grande retrospettiva sui preraffaelliti alla Gnam di Roma Massimo Canorro

La comunit�� prescinde da coordinate spaziotemporali definite: i luoghi di incontro da reali si fanno virtuali Foto Mario Cresci

and craft movemenent"), nelle originali letture del nostro Rinascimento firmate da Algernon Charles Swinburne accanto ai saggi di Walter Pater su Giorgione, Botticelli, Leonardo e Michelangelo. Info: www.gnam.beniculturali.it.

Una delle opere in mostra

Da Dante Gabriel Rossetti a William Morris, esplora la declinazione del classicismo alla Royal academy


30

il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011

MAPPAMONDO Nina Moric la ex moglie di Fabrizio Corona è sbarcata in Honduras. È la seconda mamma dopo Giorgia Palmas, di questa edizione de “L’Isola dei Famosi”. Nina non vuole essere criticata per questa decisione...

Ha deciso di diventare naufraga nell’Isola dei Famosi 8 e Simona Ventura punta su di lei per alzare gli ascolti del reality, partito maluccio. Nina Moric, però, non vuole obiezioni sulla sua parten-

za. «Non accetto nessuna critica. In Honduras c’è già una mamma che è Giorgia Palmas ha detto la showgirl a Chi - Io non faccio nè la segretaria, nè il medico. Lavoro nel mondo dello

spettacolo.L’Isolaèun’opportunità e la prendo al volo. Devo dare da mangiare a mio figlio». Carlos rimarrà con la mamma, il fidanzato Martin Evans, invece, da solo.

In merito al fidanzato Martin ha spiegato: «Lui fa il modello, gira il mondo, ci vogliamo un gran bene. Ci vedremo al mio ritorno. Ho trascorso con lui e Carlos l’ultimo weekend a Milano al parco giochi»

Il personaggio Amanda Knox fa discutere anche a causa del film tv Non sa se Amanda Knox sia colpevole o innocente dell’omicidio di Meredith Kercher; ma Hayden Panettiere, che interpreta la femme-fatale americana nel film tv Amanda Knox Trial on murder in Italy, è sicura di una cosa: «Voglio che Amanda esca di prigione e che possa vivere il resto della sua vita. A lei do tutto il mio sostegno». La giovane attrice, lanciata tre anni fa dalla serie Tv Heroes , ha rilasciato un’intervista al quotidiano Los Angeles Times il giorno stesso della prima tv della sua ultima fatica. La fiction è stata preceduta da una serie di polemiche.


il Domani Giovedì 24 Febbraio 2011 31

SPETTACOLI-TV CANALE

06:00 - TELEVENDITA Media shopping 06:15 - SITUATION COMEDY Dharma & Greg 06:35 - CARTONI ANIMATI Dora l'esploratrice 06:45 - Il trenino Thomas 07:00 - Le avventure di Piggley Winks 07:10 - Marco dagli Appennini alle Ande 07:40 - C'era Volta... Pollon 08:10 - TELEFILM Pippi calzelunghe 08:35 - MINISERIE Una mamma per amica 10:25 - La fame e la sete con Antonio Albanese, Lorenza Indovina, Aisha Cerami - regia di Antonio Albanese (Italia) - 1999 12:25 - TELEGIORNALE Studio aperto 12:58 - NEWS Meteo 13:00 - NEWS Studio sport - Anticipazioni 13:02 - NEWS Studio sport 13:40 - TELEFILM I Simpson 14:10 - TELEFILM I Simpson 14:35 - How i met your mother 15:05 - Camera cafe' 15:30 - Camera cafe' ristretto 15:40 - Naruto shippuden 16:10 - Sailor moon e il cristallo del cuore 16:40 - TELEFILM Merlin 17:33 - TELEFILM Smallville 18:28 - Studio aperto - Anticipazioni 18:30 - TELEGIORNALE Studio aperto 18:58 - NEWS Meteo 19:00 - NEWS Studio sport - Anticipazioni 19:02 - NEWS Studio sport 19:30 - TELEFILM C.S.I. Miami 20:30 - GIOCO Trasformat 21:10 - SHOW Wild - Oltrenatura Il programma mostrerà documentari dai contenuti talvolta forti, come gli attacchi di animali all’uomo o scene di caccia tra animali, ma non mancheranno anche contributi video adatti ai bambini nei quali, proprio loro sono i protagonisti che si prestano ad un primo approccio con la natura e l’esplorano per la prima volta.

00:20 - SHOW Le iene 01:50 - SHOW Poker1mania 02:40 - Studio aperto - La giornata 02:55 - TELEVENDITA Media shopping 03:10 - TELEFILM Cinque in famiglia 03:50 - Film Face 05:20 - TELEVENDITA Media shopping 05:35 - SITUATION COMEDY Dharma & Greg

06:00 - Rai News 24 - Morning News 06:30 - Il caffè di Corradino Mineo 07:00 - TGR Buongiorno Italia 07:30 - TGR Buongiorno Regione 08:00 - Rai 150 anni. La Storia siamo noi 09:00 - Dieci minuti di... programmi dell'accesso 09:10 - RUBRICA Agorà - di attualità 11:00 - RUBRICA Apprescindere 11:10 - TELEGIORNALE TG 3 Minuti 12:00 - NEWS TG 3 12:25 - RUBRICA TG3 Fuori TG 12:45 - Le storie - Diario italiano 13:10 - TELEFILM Julia 14:00 - TELEGIORNALE TG Regione 14:20 - TELEGIORNALE TG 3 14:55 - Rai Sport - Oslo Sci di fondo - Sci nordico 15:10 - TELEGIORNALE TG3 L.I.S. 16:35 - RUBRICA TG3 GT Ragazzi - per ragazzi 16:45 - RUBRICA Cose dell'altro Geo 17:40 - RUBRICA Geo & Geo 18:10 - PREVISIONI DEL TEMPO Meteo 3 19:00 - TELEGIORNALE TG 3 19:30 - TELEGIORNALE TG Regione 20:00 - ATTUALITÀ Blob 20:10 - Seconda chance 20:35 - SOAP OPERA Un posto al sole 21:05 - Medium

23:20 - TALK SHOW Parla con me 00:00 - TELEGIORNALE TG3 Linea notte 00:10 - TELEGIORNALE TG Regione 01:00 - Appuntamento al cinema 01:10 - Rai Educational - Magazzini Einstein 01:40 - MUSICA La Musica di Raitre 02:15 - Fuori orario. Cose (mai) viste 02:20 - NEWS RAInews 03:40 - RUBRICA Riflettendo con... 03:45 - Usa 24 H 04:10 - Dentro la notizia 04:15 - Magazine tematico di Rai News

06:00 - TELEGIORNALE Prima pagina 07:55 - NEWS Traffico 07:57 - NEWS Meteo 5 07:58 - NEWS Borse e monete 08:00 - TELEGIORNALE Tg5 - Mattina 08:40 - SHOW Mattino cinque 09:57 - Grande fratello 10:00 - Tg5 - Ore 10 11:00 - Forum 13:00 - Tg5 13:39 - NEWS Meteo 5 13:41 - Beautiful Federica Panicucci e 14:07 - Grande fratello Claudio Brachino conducono la terza edizione 14:10 - Centovetrine di “Mattino cinque” 14:45 - Uomini e donne 16:15 - REALITY SHOW Amici Nuova puntata per il talent show campione d'incassi di Mediaset a cui, le stagioni passate, quasi quattro milioni di spettatori hanno assistito "dall'altra parte dei banchi". Durante la prima serata, gli studenti hanno la possibilità di esibirsi davanti al grande pubblico. Ma, dal grande pubblico gli allievi di Maria saranno anche giudicati. 16:55 - SHOW Pomeriggio Cinque 18:05 - TELEGIORNALE Tg5 - 5 minuti 18:50 - GIOCO Chi Vuol essere milionario 19:44 - TELEGIORNALE Tg5 - Anticipazione 19:45 - GIOCO Chi Vuol essere milionario 20:00 - TELEGIORNALE Tg5 20:30 - NEWS Meteo 5 20:31 - Striscia la notizia - La Voce dell'improvvidenza 21:11 - MINISERIE L'ombra del destino - 2a puntata 23:15 - NEWS Matrix 01:30 - TELEGIORNALE Tg5 - Notte 02:00 - NEWS Meteo 5 notte 02:01 - SHOW Striscia la notizia 03:05 - TALK SHOW Uomini e donne 04:38 - REALITY SHOW Amici 05:18 - REALITY SHOW Grande fratello 05:31 - TELEGIORNALE Tg5-notte-replica 05:59 - NEWS Meteo 5 notte

06:00 - TELEGIORNALE Tg La7/meteo/oroscopo/traffico - Informazione 06:55 - RUBRICA Movie Flash - di cinema 07:00 - RUBRICA Omnibus - di attualità 07:30 - NEWS Tg La7 09:55 - RUBRICA (ah)iPiroso 10:50 - RUBRICA Life 11:25 - TELEFILM L'ispettore Tibbs 12:30 - TELEFILM Due South 13:30 - NEWS Tg La7 - Informazione 13:55 - FILM L'uomo dinamite con James Stewart, George Kennedy, Kurt Russell - regia di Andrew V. McLaglen (USA) - 1971 15:55 - DOCUMENTI Atlantide 17:55 - RUBRICA Movie Flash - di cinema 18:00 - TELEFILM Mac Gyver 19:00 - TELEFILM Jag - Avvocati in divisa 20:00 - TELEGIORNALE Tg La7 20:30 - RUBRICA Otto e mezzzo 21:10 - REAL TV S.O.S. Tata 23:20 - RUBRICA Mamma ha preso l'aereo 00:25 - TELEGIORNALE Tg La7 - Informazione 00:35 - DOCUMENTARIO Delitti 01:35 - RUBRICA Movie Flash - di cinema 01:40 - FILM Stazione Luna 04:25 - RUBRICA Otto e mezzo 05:05 - RUBRICA (ah)iPiroso 05:25 - RUBRICA Life

07:05 - MUSICALE Only Hits 08:00 - SHOW Made 09:00 - MUSICA Randy Jackson Presents 10:00 - MUSICALE Only Hits 12:00 - NEWS MTV News - Attualità 12:05 - MUSICALE Only Hits 13:00 - NEWS MTV News - Attualità 13:05 - TELEFILM The City 13:30 - SHOW Moving In 14:00 - NEWS MTV News - Attualità 14:05 - TELEFILM 10 Cose che odio di te 14:30 - TELEFILM 10 Cose che odio di te 15:00 - NEWS MTV News - Attualità 15:05 - TELEFILM My Life As Liz 16:00 - MUSICA Randy Jackson Presents 17:00 - SHOW Moving In 17:30 - SHOW Teen Cribs 18:00 - MUSICA Only Hits 19:00 - NEWS MTV News - Attualità 19:05 - CARTONI ANIMATI Death Note 19:30 - NEWS Speciale MTV News - Attualità 20:00 - TELEFILM My Life As Liz 21:00 - Orange Country con C. Hanks, J. Black, C. O'Hara - regia di J. Kasdan 23:00 - SHOW If you really knew me 23:30 - SHOW Pranked 00:00 - NEWS Speciale MTV News 00:30 - SHOW I Soliti Idioti

Ritornano i casi, ispirati al reale, della avvocatessa Allison Dubois, accompagnata dal fedele marito Joe e dalle tre figlie. Oramai pienamente inserita nel team del procuratore distrettuale Devalos, Allison deve come al solito fare i conti con i suoi poteri paranormali, che finiscono con influenzare sempre piu’ la sua vita privata.

RETE 06:25 - TELEVENDITA Media shopping 06:40 - TELEVENDITA Media shopping 06:55 - TELEFILM Charlie's angels 07:55 - TELEFILM Nash bridges 08:50 - TELEFILM Hunter 10:15 - TELEFILM Carabinieri 11:25 - TELEGIORNALE Anteprima tg4 11:30 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 11:54 - NEWS Meteo 11:58 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 12:00 - NEWS Vie d'italia - Notizie sul traffico 12:02 - TELEFILM Wolff un poliziotto a Berlino 12:50 - TELEFILM Distretto di polizia 13:50 - Il tribunale di forum - Anteprima 14:05 - Sessione pomeridiana : il tribunale di forum 15:10 - Hamburg distretto 21 16:15 - SOAP OPERA Sentieri 16:35 - Agguato sul fondo con T. Power, A. Baxter, D. Andrews - regia di A. Mayo (USA) - 1943 18:50 - TELEGIORNALE Anteprima tg4 18:55 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 19:19 - NEWS Meteo 19:23 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 19:35 - TELEFILM Tempesta d'amore 20:45 - SPORT Coppa uefa 22:55 - SPORT Speciale 23:35 - SHOW Cinema festival 23:40 - Belfagor Con S. Marceau, M. Serrault, F. Diefenthal, J. Christie, J. Balmer, P. Salomé, L. Abelanski, Regia J. Salomé - (Francia) - 2001. A Parigi, la giovane Lisa gestise con la nonna un negozio di antichità e souvenir nei pressi del museo del Louvre. Una notte Lisa e Martin, scoprono nella cantina del negozio un passaggio segreto che conduce direttamente nei sotterranei del Louvre. Nel tentativo di seminare la sorveglianza Lisa e Martin si ritrovano nella sala dove è custodita la nuova mummia...

01:40 - TELEGIORNALE Tg4 night news 02:07 - Starflight one con G. Strickland, H. Linden, J. Brando - regia di J. Jameson (USA) - 1983 04:00 - TELEVENDITA Media shopping 04:15 - SHOW Peste e corna 04:22 - SHOW Come eravamo 05:15 - TELEGIORNALE Tg4 night news 05:40 - MINISERIE Giornalisti

1

ITALIA

06:00 - SITUATION COMEDY 7 vite 06:25 - REALITY SHOW L'Isola dei Famosi 07:00 - RUBRICA Cartoon Flakes - per ragazzi 07:01 - CARTONI ANIMATI La casa di Topolino 07:25 - Pop Pixie 07:40 - I Saurini e i viaggi del Meteorite Nero 07:50 - Larva 07:55 - Phineas and Ferb 08:25 - Agente speciale Oso 08:45 - Le principesse del mare 09:10 - Le nuove avventure di Braccio di Ferro 09:20 - TELEFILM Zorro 09:45 - Rai Educational - Cantieri d'Italia 10:00 - RUBRICA Tg2punto.it - di attualità 11:00 - SHOW I Fatti Vostri 13:00 - NEWS TG 2 - GIORNO 13:30 - RUBRICA TG 2 Costume e Società 13:50 - RUBRICA Medicina 33 - di medicina 14:00 - RUBRICA Pomeriggio sul 2 - di attualità 16:10 - TELEFILM La signora in giallo 17:00 - TELEFILM Top Secret 17:45 - NEWS TG 2 Flash L.I.S. 17:50 - NEWS Rai TG Sport 18:15 - NEWS TG 2 18:45 - Squadra Speciale Cobra 11 19:35 - REALITY SHOW L'isola dei Famosi 20:25 - RUBRICA Estrazioni del lotto 20:30 - NEWS TG2 - 20.30 21:05 - "SPAZIO SANTORO/ANNOZERO" 23:10 - TELEGIORNALE TG 2 23:25 - RUBRICA Rai 150 anni - di storia 00:25 - REALITY SHOW L'isola dei Famosi 01:05 - RUBRICA TG Parlamento - di politica 01:15 - TELEFILM In Justice 01:55 - PREVISIONI DEL TEMPO Meteo 2 02:00 - Appuntamento al cinema 02:10 - Top Of The Pops 2011 04:05 - Secondo Canale - di attualità 04:15 - Università Telematica Internazionale UniNettuno - di didattica 04:16 - Sociologia Generale - di didattica 05:00 - Psicotecnologie e processi formativi 05:45 - Secondo canale

CINEMA

06:00 - NEWS Euronews 06:10 - RUBRICA Aspettando Unomattina 06:30 - TELEGIORNALE TG 1 06:45 - RUBRICA Unomattina - di attualità 07:00 - TELEGIORNALE TG 1 07:30 - TELEGIORNALE TG 1 L.I.S. 07:35 - NEWS TG Parlamento 08:00 - TELEGIORNALE TG 1 09:00 - TELEGIORNALE TG 1 09:30 - TG 1 - FLASH Eleonora Daniele 10:00 - SHOW Verdetto Finale conduce 10:50 - Appuntamento al cinema Unomattina e da 11:00 - TELEGIORNALE TG 1 quest’anno sarà coadiuvata da 11:05 - SHOW Occhio alla spesa Michele Cucuzza 12:00 - La prova del cuoco che così torna in Torna l'appuntamento con la Prova tv dopo 10 anni del Cuoco: il programma, giunto alla decima edizione, che ha inaugurato un linguaggio e uno stile originali, imponendosi come leader indiscusso dell'informazione culinaria e alimentare in TV. Come lo scorso anno conduce Elisa Isoardi, affiancata dagli insostituibili Anna Moroni e Beppe Bigazzi. 13:30 - TELEGIORNALE TELEGIORNALE 14:00 - RUBRICA TG1 Economia - di economia 14:10 - RUBRICA Se...a casa di Paola - di attualità 16:10 - RUBRICA La vita in diretta 16:50 - RUBRICA TG Parlamento - di politica 17:00 - TELEGIORNALE TG 1 17:10 - PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 18:50 - GIOCO L'Eredità 20:00 - TELEGIORNALE TELEGIORNALE 20:30 - GIOCO Affari Tuoi 21:10 - MINISERIE Cugino & Cugino 23:20 - TALK SHOW Porta a porta 00:55 - TELEGIORNALE TG 1 - NOTTE 01:25 - PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 01:30 - RUBRICA Appuntamento al cinema01:35 - RUBRICA Sottovoce - di attualità 02:05 - Rai Educational - Cantieri d'Italia - Speciale 02:35 - Mille e una notte - Memoria 02:36 - Dante Ferretti: Scenografo italiano con Dante Ferretti, Martin Scorsese, Terry Gilliam - regia di Giancarlo Giangni (Italia) - 2010

06:45 Codice Genesi - Extra 06:55 (500) Giorni insieme 08:30 Alvin Superstar 2 10:00 Il destino di un cavaliere 12:05 Spartacus: sangue e sabbia - Speciale 12:15 Conversazione con Robert De Niro 12:35 Blindato 14:05 Il missionario 15:35 Oscar Nomination 2011 - Speciale 16:00 Alvin Superstar 2 17:35 (500) Giorni insieme 19:10 La valigia sul letto 21:00 Sky Cine News - Film in sala 21:10 La citta' verra' distrutta all'alba 23:00 Sesso, bugie e... difetti di fabbrica

00:30 Legion 02:15 La citta' verra' distrutta all'alba 04:00 Oscar Nomination 2011 - Speciale 04:20 An education La città verrà distrutta all’alba - Regia di Breck Eisner con John Aylward, Timothy Olyphant, Radha Mitchell, Larry Cedar, Danielle Panabaker, Joe Anderson, Genere: horror Durata 110 min. (USA-Emirati Uniti) 2010. Nella pacifica cittadina di Ogden Marsh, la gente comincia a comportarsi stranamente. Un tizio armato di fucile irrompe nel campo di baseball dove si sta giocando una partita. Lo sceriffo David Dutten lo conosce, come conosce tutti in città: pensa che sia semplicemente ubriaco e cerca di convincerlo ad abbassare il fucile, ma, quando il tizio gli punta contro il fucile, è costretto a ucciderlo. La dottoressa Judy Dutten, moglie dello sceriffo, cerca di alleviare il senso di colpa del marito per un omicidio così incongruo, ma le cose sono destinate a peggiorare.



il domani