Page 1

Mercoledì 23 Giugno 2010

Anno XIII - Numero 171

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

ENERGIA E AMBIENTE Angela Napoli: il ministro blocchi la centrale di Rossano

BANCHE

STANGATE

La tassa già decisa da Londra, Parigi, Berlino: a noi non piace

a pag » 3

Quella britannica fa impallidire la nostra: 30 mld di tagli, 15 di tasse

a pag » 22

a pag » 22

Dopo le voci che parlavano di più tagli alle regioni meno virtuose nell’ambito della manovra Antonella Stasi tranquillizza l’ambiente

«Il Governo non penalizzerà la Calabria»

La vicepresidente: «Nessuna discriminazione in atto, sarà aiutato chi ha avviato percorsi virtuosi» L’INTERVENTO

Positiva azione di contrasto contro le mafie

La vicepresidente della Giunta calabrese spiega al Domani il disegno di IL COMMENTO Tremonti nell’applicazione della manovra: andare incontro alle regioni che hanno intrapreso percorsi virtuosi. Ma nessuno pagherà per colpe non sue di Alessandro Caruso a pag » 5

DE ROSE: LEGA PADRONA

Sulla manovra il governo esca dal silenzio

di Angelino Alfano

di Vasco Errani

ministro della Giustizia

presidente conferenza Regioni

Il sequestro di 700 chili di cocaina del valore di circa 120 milioni di euro ai danni degli affiliati dei clan Barbaro di Platì e Latorre di Mondragone, eseguito dagli uomini della Guardia di Finanza di Catanzaro e coordinati dal procuratore Giuseppe Pignatone della Dda di Reggio Calabria, sono un altro importante obiettivo raggiunto grazie all’incessante impegno dello Stato nella lotta alla criminalità organizzata. L’azione di contrasto a tutte le mafie è costellata da continui successi; è una lotta impegnativa che vede le forze dello Stato impegnate a debellare definitivamente il crimine organizzato, emancipando il nostro Paese da una condizione di insostenibile arretratezza. Il mio plauso va quindi alla magistratura e agli uomini delle forze dell’ordine.

Unico 2010: agevolazioni su tasse universitarie e affitti

Perché far pagare le regioni più povere? CATANZARO - «Sembra di vedere un film già visto». Questo il commento del presidente degli Industriali calabresi, Umberto De Rose, dopo che Bossi e Tremonti hanno annunciato di voler tagliare meno risorse agli Enti più virtuosi. «Non possiamo pensare - ha sostenuto di aggiungere, sempre per gli stessi, danno al danno!».

Con Unico 2010 PF, oltre che sulle tasse universitarie pagate agli atenei (anche non statali), sono previste delle agevolazioni anche sui canoni di locazione per gli studenti fuori sede. Tali benefici si allargano anche ai proprietari che danno case in locazione a studenti: anche per loro il prelievo annuale sarà meno salato, se optano per i contratti a canone "concertato" a livello locale e quindi a prezzi inferiori al mercato.

a pag » 6

di Gaia Mutone a pag » 15

CATANZARO Avrebbe plagiato una bambina di 11 anni per abusare ripetutamente di lei: arrestato a pag » 29

COSENZA Aggredito il sindaco di Sant’Agata d’Esaro Perugini e l’Anci: fare fronte comune a pag » 30

REGGIO CALABRIA Sgominato cartello ’ndrangheta-camorra gestivano insieme il traffico di droga a pag » 32

Il richiamo del Presidente della Repubblica sulla centralità della discussione attorno alla manovra economica ci impone di affrontare con celerità le questioni legate alla sostenibilità della stessa. I tempi stringono e Regioni ed Enti locali hanno bisogno di risposte urgenti e concrete. Occorre cambiare la manovra correttiva arrivando ad una più equilibrata corresponsabilizzazione dei diversi livelli della Repubblica. Nessuno intende sfuggire alle proprie responsabilità istituzionali rispetto alla grave crisi che sta attraversando il Paese, ma dobbiamo evitare che le misure proposte finiscano per gravare sui cittadini, sulle famiglie, sulle fasce più deboli della popolazione e sulle imprese. E’ necessario ridistribuire i carichi e i sacrifici per rendere la manovra sostenibile sul piano finanziario, evitando il rischio recessione. Aumenta il grado di consapevolezza sulla necessità di cambiare la manovra e il dibattito si arricchisce di autorevoli opinioni che vanno in questa direzione. Ma è il Governo che deve uscire dal silenzio e deve avanzare una proposta innovativa che tenga conto delle obiezioni sulla sostenibilità avanzate dalle Regioni, anche tenendo in considerazione chi, più di altri, ha contribuito alla diminuzione della crescita del debito della Pubblica amministrazione che sul fronte delle Regioni ha registrato in questi ultimi tre anni un decremento del 6,21% e che invece vede aumentare il contributo dello Amministrazioni centrali alla crescita del debito di circa l’11%. Tutto questo è decisivo per il federalismo fiscale.


2

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA NOTA di Sergio Marini Frodi al made in Italy, prioritaria la tracciabilità di Sergio Marini

In una situazione in cui circa la metà della spesa degli italiani è anonima con l’acquisto di prodotti per i quali non è obbligatorio indicare in etichetta la provenienza e quindi con la possibilità concreta che vengano spacciati come Made in Italy prodotti importati a rischio frodi, è importante inserire tra le priorità del Governo le misure di tracciabilità che consentano anche al consumatore di individuare tempestivamente l’origine dei prodotti. L’inganno del falso Made in Italy riguarda due prosciutti su tre venduti come italiani, ma provenienti da maiali allevati all’estero, ma anche un terzo della pasta che è ottenuta da grano che non è stato coltivato in Italia all’insaputa dei consumatori oltre che tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro che sono stranieri senza indicazione in etichetta come pure la metà delle mozzarelle. Negli ultimi anni con la mobilitazione a fa-

vore della trasparenza dell’informazione, la Coldiretti è riuscita a ottenere l’obbligo di indicare la provenienza per carne bovina, ortofrutta fresca, uova, miele, latte fresco, pollo, passata di pomodoro, extravergine di oliva ma ancora molto resta da fare con l’etichetta che è anonima per circa la metà della spesa: dai formaggi ai salumi, dalla pasta ai succhi di frutta. Per questo va sostenuta in Parlamento l’approvazione del disegno di legge sull’etichettatura obbligatoria di origine de-

L’inganno del falso made in Italy riguarda due prosciutti su tre venduti come italiani, ma provenienti da maiali allevati all’estero, ma anche la pasta

FUORI DAL COMUNE

di Carmela Mirarchi

Integrazione e antirazzismo a Lamezia Domenica scorsa si è svolta a Lamezia la Giornata del Rifugiato Politico. Le ssociazioni antirazziste si sono mobilitate, per il secondo anno consecutivo, con una giornata ricca di eventi e di iniziative: incontri, dibattiti, proiezioni, speakers cornes, stand, musica, degustazioni. In particolare attraverso lo speakers corner è stata data la possibilità ai migranti, ai richiedenti asilo politico e ai rifugiati di parlare da un palco raccontando le proprie esperienze. Sembra rilevante la riflessione di Altra Lamezia sull’iniziativa. L’associzione ha sottolineato infatti che «da questa giornatadisolidarietàoccorreprenderespunto per una riflessione collettiva su una grande contraddizione interna di Lamezia Terme. Se da una parte è necessario incentivare tutte le iniziative di solidarietà a immigrati e rifugiati, dall’altra c’e’ bisogno di una forte presa di posizione contro il Cie (centro di identificazione ed espulsione) di Lamezia Terme, gestito dalla Cooperativa Sociale "Malgrado Tutto"». Altra Lamezia ha chiesto infatti a tutte le realtà presenti alla Giornata del rifugiato «di continuare questo percorso di integrazione e antirazzismo spingendo,però per la chiusura di una struttura lager. Chiediamo anche all’amministrazione comunale di Lamezia Terme di attivarsi, affinché la nostra città non ospiti più un lager legalizzato come quello di Pian del Duca».

gli alimenti che al Senato è già stato ampiamente condiviso sia in commissione Agricoltura che in Aula. Un segnale incoraggiante è appena arrivato dal Parlamento Europeo che, sotto il pressing della Coldiretti, ha votato finalmente a favore dell’obbligo di indicare il luogo di origine/provenienza per carne, ortofrutticoli freschi e appunto per i prodotti lattiero caseari. In Italia l’indicazione della reale origine per i prodotti lattiero caseari è obbligatoria solo per il latte fresco, ma non per quello a lunga conservazione, per lo yogurt, i latticini o i formaggi. Per questo va sostenuta in Parlamento l’approvazione del disegno di legge sull’etichettatura obbligatoria di origine degli alimenti che al Senato è già stato ampiamente condiviso sia in commissione Agricoltura che in Aula. Un segnale incoraggiante è appena arrivato dal Parlamento Europeo che, sotto il pressing della Coldiretti, ha votato finalmente a favore dell’obbligo di indicare il luogo di origine/provenienza per carne, ortofrutticoli freschi e appunto prodotti lattiero caseari. Per l’Italia significa valorizzare il vero Made in Italy in una situazione in cui tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro venduti in Italia sono stranieri mentre la metà delle mozzarelle in vendita sono fatte con latte o addirittura cagliate provenienti dall’estero ma nessuno lo sa perché non è obbligatorio indicarlo in etichetta. Gli italiani consumano in un anno ben 164 milioni di chili di mozzarelle acquistate nel 39 per cento dei casi nei supermercati, per il 26 per cento negli ipermercati, per il 14 per cento nei discount e per il 21 per cento nel dettaglio tradizionale o nelle superette, sulla base di una analisi della Coldiretti su dati Ismea che evidenzia nel 2009 un aumento negli acquisti familiari del 5 per cento rispetto all’anno precedente nonostante la crisi. La mozzarella è il formaggio più acquistato in quantità ed è presente sulle tavole di quasi sei italiani su dieci. Si tratta di un specialità Made in Italy particolarmente apprezzata anche all’estero dove proliferano però le imitazioni con circa la metà delle mozzarelle che sono fatte con latte straniero e circa un quarto addirittura con cagliate dall’estero. *Presidente Coldiretti

www.ildomani.it

::Reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997::

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Orlando Rotondaro (responsabile)

Guido Talarico Amministratore

Redazione

Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale)

Francesco Pungitore (caposervizio)

Recapiti telefonici-fax-email Calabria Tel. 0961.996802 | Fax 0961.3098239

calabria@ildomani.it

Roma Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.45427172

roma@ildomani.it

appuntamenti@ildomani.it arretrati@ildomani.it redazione@ildomani.it

Direzione Redazione Amministrazione Loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 Roma Via Archimede 201 (Rm) Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani

3

PRIMO PIANO

Angela Napoli: il ministro blocchi la centrale Enel

di Marco Paonessa CATANZARO - Il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo deve negare, in maniera urgente, l’autorizzazione al progetto dell’Enel di riconversione della propria centrale di Rossano. A chiederlo, in una interrogazione al presidente del Consiglio ed ai ministri all’Ambiente, alla Salute, al Lavoro, alle Attività produttive ed alla Giustizia, è la

deputata Angela Napoli. Nell’interrogazione la parlamentare chiede anche di sapere «quali sono le posizioni del Governo rispetto alla nascita o alla riconversione di centrali a carbone e quali urgenti iniziative intendano assumere al fine di impedire lo scempio ambientale e tutelare la salute dei cittadini, rispetto al progetto di riconversione della centrale Enel di Rossano Calabro». «Il territorio della Sibaritide - afferma la Napoli - rappresenta uno dei

Nell’interrogazione la parlamentare chiede anche di sapere quali sono le posizioni del Governo rispetto alla nascita o alla riconversione di centrali

più ricchi della Calabria ed è fonte di turismo, agricoltura, pesca e commercio. L’Enel, in modo unilaterale, ha presentato un Progetto integrato, impropriamente denominato Policombustibile, di riconversione della propria centrale di Rossano, prevalentemente a carbone (94%). La nuova tecnologia a carbone cosiddetto pulito, riduce solo in parte le particelle fini ma non incide sulle emissioni delle polveri ulltrafini, che rappresentano la causa più importante di incremento della mortalità e della morbilità. Il carbone è una delle forme più importanti d’inquinamento da mercurio e rappresenta il maggiore pericolo per la lotta ai cambiamenti climatici. Tra l’altro la improvvida scelta dell’Enel, non prende in considerazione le energie alternative, che hanno già oggi costi complessivi molto minori del carbone e vantaggi ambientali per tutti». La parlamentare evidenzia poi che «l’occupazione, oggi stimabile in 35 mila unità, e che è suscettibile di crescita, verrebbe messa in discussione da un impianto industriale di circa 100 unità stabili, più un indotto di un centinaio di addetti. Senza sottovalutare che gli investimenti del tipo proposti dall’Enel per la centrale di Rossano, oltre a non portare alcuno sviluppo locale e regionale, rappresenterebbero un ghiotto boccone per la ’ndrangheta le cui cosche locali, tutt’altro che inermi, sono

da sempre state censite da Dna, Dia, Dda e Commissioni parlamentari antimafia». «La costruzione della centrale a carbone proposta dall’Enel a Rossano conclude la Napoli - è senza dubbio una scelta imposta dall’alto, considerata la non condivisione di tutti gli Enti locali e provinciale del territorio, nonché la contrarietà espressa, con forza e valide

«La Prestigiacomo deve negare, in maniera urgente, l’autorizzazione al progetto dell’Enel di riconversione della centrale di Rossano» motivazioni, dall’Anci, dalle Associazioni ambientaliste e produttive e dalle organizzazioni sindacali. Addirittura l’Enel non ha preso in considerazione il vigente Piano energetico ambientale regionale che, tra l’altro, dispone: è vietato, su tutto il territorio regionale calabrese, l’utilizzo del carbone per alimentare centrali per la produzione di energia elettrica». Da qui, dunque, la richiesta al ministro dell’Ambiente, Prestigiacomo, di negare, in maniera urgente, l’autorizzazione al progetto dell’Enel


4

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

PRIMO PIANO

La rivelazione: a maggio c’era il commissario. Era Castagnetti, ma per motivi di salute ha rinunciato

Il Pd calabrese vicino al commissariamento Laratta: «Stiamo rischiando di scomparire» di Alessandro Caruso ROMA - Il Pd calabrese sta diventando uno dei principali argomenti negli ordini del giorno dei tavoli romani del partito. Già in settimana dovrebbe esserci un incontro tra i vertici democrat nazionali per decidere come fare a svegliare una classe dirigente, quella calabrese, troppo appiattita e poco dinamica. E il discorso potrebbe riprendere da dove lo si era lasciato qualche tempo fa. Fonti del Pd hanno rivelato ieri, infatti, che la corrente Area democratica, in occaLaratta sione del suo meecontinua a ting nazionale a battere Cortona, sulla sua aveva designato un convinzione: commissario straorserve un dinario per personaggio il Pd calabrese. Il nonuovo per me era risollevare quello di Pierluigi le nostre Castagnetti ed era stato sorti giàsottoposto a Bersani, che lo aveva approvato. Si era a un passo da questa decisione. Solo motivi di salute di Castagnetti lo avrebbero fatto desistere. C’è grande attesa, quindi, per sapere come si scioglierà questo nodo. Le dimissioni del sindaco di Catanzaro Rosario Olivo hanno segnato una tappa cruciale non solo per il capoluogo di regione, ma anche per tutto il Pd calabrese. È stata letta da molti come un ultimo atto del partito, che dopo una direzione regionale poco entusiasmante, in cui non si è fatto altro che confermare gli equilibri

Pierluigi Castagnetti

Franco Laratta

già esistenti, senza segnare una discontinuità,ancoranonsembra aver trovato la soluzione ai suoi problemi. I problemi, anzi, aumentano. E l’onorevole Franco Laratta non sembra affatto contento di potersi consolare ricorrendo al classico «ve l’avevo detto!». Lui, come altri, l’allarme lo aveva suonato già da qualche tempo e la notizia delle dimissioni di Olivo l’ha interpretata come l’ultima tessera del puzzle che rappresenta la disfatta totale: «Voglio invitare i dirigenti del Pd a immaginare lo scenario che si delineerà ad aprile prossimo, quando avremo le elezioni a Reggio Calabria, Cosenza, Catanzaro e Rossano, tutti centri importanti della regione, in cui rischiamo di fare un bagno di sangue». Laratta ha infatti descritto le geografie politiche del partito in queste importanti città. Oltre a Catanzaro, dove il sindaco si è dimesso, c’è anche Cosenza «dove - spiega il parlamentare - il sindaco viene spesso liquidato, Rossano, dove la maggioranza comunale è in continuo movimento e Reggio Calabria, dove rischiamo di scomparire del tutto. In occasione delle prossime elezioni - anticipa - stanno già nascendo liste di centrosinistra alternative al Pd». Un quadro che, secondo il deputato della commissione Antimafia, non è così difficile a disegnarsi se non si corre subito ai ripari:

«Spero di sbagliarmi - aggiunge ma rischiamo davvero di scomparire». La direzione regionale che si è svolta la settimana scorsa

non ha accontentato Laratta, che aveva usato un’espressione colorita alla vigilia dell’incontro: «Ci dovrebbero prendere a calci», diceva, a significare che la gente non riesce a trovare più una sola ragione per potersi schierare in difesa del "fu" Partito democratico. Tanto vale cambiare tutto, ma, a suo giudizio, ci sono alcuni personaggi che si oppongono a un’influenza romana per contribuire alla rinascita. Laratta continua a battere sulla sua convinzione: serve un personaggio nuovo per risollevare le nostre sorti. Ma quando gli si chiede su chi punterebbe, lui risponde tracciando solo l’identikit del possibi-

Fonti del Pd hanno rivelato che si era già designato un commissario per il Pd calabrese: Pierluigi Castagnetti le salvatore della patria: «Dovrebbe essere un personaggio autorevole, senza troppi interessi in gioco e, soprattutto, proveniente da una terra che non sia la Calabria. Meno sangue calabrese c’è e meglio è».


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani

5

PRIMO PIANO

La vicepresidente della Giunta analizza il progetto di Tremonti e spiega che la Calabria non sopporterà i costi maggiori per il fatto di avere un’eredità considerata poco responsabile

Stasi: ci saranno meno tagli alle regioni con programmi virtuosi Antonella Stasi

di Alessandro Caruso ROMA - La Calabria uscirà da questa settimana con maggiori certezze sui suoi conti. Sanità, programmazione, investimenti, sono tutti capitoli che si potranno cominciare a scrivere dopo gli impegni istituzionali dei prossimi giorni. La manovra correttiva del Governo è la principale variabile senza la definizione della quale sarà difficile immaginare i nuovi orizzon-

ti. E sulla manovra sono ancora in atto le trattative. Ieri Antonella Stasi, vicepresidente della Giunta regionale, ha assicurato che la Calabria non è stata abbandonata dalle attenzioni del Governo. Così era sembrato dopo aver letto quanto, sempre ieri, riportavano le cronache circa le decisioni del ministro dell’Economia Giulio Tremonti di rimodulare i tagli nei confronti delle regioni più virtuose: «Non dobbiamo pensare che la Calabria venga declassata tra le regioni poco vistuose. Il

metro di giudizio non è dato da quanto le regioni hanno fatto negli anni passati, ma dai processi e dai programmi che hanno messo in atto adesso. Chi ha avviato percorsi virtuosi sarà avvantaggiato». Così la Stasi ha allontanato tutti i dubbi su un’influenza maggiore che la Lega Nord aveva scatenato su tremonti per convincerlo a "salvare" dai tagli impetuosi le regioni nordiste. Del resto, come ci ha spiegato la Stasi, era impensabile che le nuove Giunte di Lazio e Calabria,

tanto per citarne due, venissero penalizzate per colpe non addebitabili direttamente a loro. Il principio che pare sarà applicato dal ministro, da quanto si apprende, sarà quello del "massima rigidità a monte (sul saldo della manovra), massima flessibilità a valle (conseguibilità del risultato). Tradotto, significa che sono le regionistesseadeterminarecome suddividersi gli oneri. E gli incontri delle prossime ore saranno finalizzati anche a questo. Oggi, infatti, il governatore calabrese Giuseppe Scopelliti con la sua vice saranno a Roma per un incontro con il ministro per i rapporti con le Regioni Raffaele Fitto, mentr domani i governatori si incontreranno a Roma per la Conferenza delle Regioni, già convocata, per incontrarsi e studiare possibili soluzioni. Nel corso dell’ultima Conferenza delle Regioni, la scorsa settimana, lo spettro dei tagli maggiori alle rregioni meno virtuose aveva già aleggiato. Ci aveva pensato Roberto Cota, il presidente leghista della regione Piemonte, a prospettare una corsia preferenziale per la sua regione e per altre del Nord, quando aveva auspicato un trattamento di favore, quasi concordato da Tremonti. Ma gli altri governatori lo avevano smentito poco dopo. Capofila degli avversari di questo indirizzo era stata Renata Polverini,

Per ora la Calabria può stare tranquilla. Il taglio di 4 miliardi di euro per il 2011 e di 4,5 miliardi per il 2012 non peserà su di lei in maniera più incisiva e pesante governatore del Lazio. Per ora, quindi, la Calabria può stare tranquilla. Il taglio di 4 miliardi di euro per il 2011 e di 4,5 miliardi per il 2012 non peserà su di lei in maniera più incisiva e pesante.

Giulio Tremonti

Giordano si schiera a difesa delle farmacie calabresi CATANZARO - «L’articolo 11 della manovra correttiva varato dal governo contiene una serie di misure fortemente penalizzanti per il settore farmaceutico e per le farmacie in particolare». È quanto afferma in una nota il capogruppo dell’Italia dei valori in consiglio regionale, Giuseppe Giordano. «Mentre da un lato – continua Giordano - si chiede alle farmacie di essere un presidio di riferimento per il territorio in attuazionedellerecentidisposizioni introdotte dal decreto legislativo numero 153 del 2009, dall’altro lato con le misure introdotte si rischiadiminarnel’esistenzastessa con particolare riferimento a quelle di più ridotte dimensioni e quelle rurali». I farmacisti hanno appena finito di pagare il contri-

buto dell’1,4% introdotto dal cosiddetto “decreto Abruzzo” per circa 200 milioni di euro che nel 2009, spiega Giordano, si sommano ai 650 derivanti dagli sconti al Servizio sanitario nazionale e ai 70 milioni dei Bay Back. Giuseppe Giordano rilancia l’allarme sugli effetti dirompenti che la manovra economica avrebbe sul serviziofarmaceuticoinCalabria: «Sono a rischio dunque – continua il dipietrista - tutte le farmacie rurali. I pesanti sacrifici imposti dalla manovra economica alle farmacie sono ulteriormente penalizzanti per le farmacie della Calabriacostretteaconviverecon la grave situazione della sanità regionale che registra ritardi di pagamento già fortemente insopportabili».


6

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

PRIMO PIANO

Fedele commenta gli esiti della riunione di maggioranza sul tema sanità

«Decisioni ferme e concrete con l’obiettivo di risanare» di Armando Sasso REGGIO CALABRIA - «Sono scelte difficili quelle che la Giunta regionale dovrà attuare nel prossimo periodo. Decisioni ferme e concrete che hanno come unico obiettivo quello di risanare, il più possibile, un settore che, mai come adesso, necessita di una vera e propria riforma nell’esclusivo interesse dei calabresi». Lo afferma, in una nota, il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale, Luigi Fedele. Fedele interviene a commento degli esiti della riunione della maggioranza, a Vibo Valentia, convocata per esaminare la situazione della sanità calabrese in relazione agli adempimenti previsti dal Piano di rientro facendo alcune riflessioni sulla necessità di migliorare i servizi della rete di assistenza. «Occorre intervenire subito - sostiene Fedele - per mettere in «Bisogna campo provvedimenti che guardino alla razionalizzazione della ottimizzare Sanità su tutto il territorio regionale. Il presidente Scopelliti la spesa ha già avviato un processo d’insanitaria novazione e cambiamento e la convocazione della riunione a Viormai fuori bo, allargata ai parlamentari e a tutte le forze di maggioranza, è controllo e stato un segnale di condivisione risistemare forte che, si spera, possa essere sostenuto anche dagli schieral’intero menti d’opposizione in Consiglio». «Un percorso che deve, incomparto nanzitutto - sostiene il capogrupdella salute po del Pdl alla Regione - ottimizla spesa sanitaria ormai in Calabria» zare fuori controllo e risistemare l’intero comparto della salute in Calabria in un’ottica di riorganizzazione degli ospedali e di un consequenziale potenziamento della medicina del territorio responsabilizzando, per questo, il lavoro dei medici di base». «Siamo sicuri - conclude Fedele - che le decisioni prese dal governatore calabrese, seppur difficili e coraggiose, potranno appianare tutte quelle carenze strutturali, economiche e logistiche, di cui è colmo il settore sanitario. Per questo, i calabresi devono riporre fiducia nel Governodicentrodestrachepresto fornirà alla regione risposte concrete e positive». «Finalmente si muovono le cose all’interno della sanità calabrese: la riunione di ieri delle forze di coalizione che ha approvato il piano della giunta e di Scopelliti conferma che c’è un forte vento nuovo

De Rose: ingiusto far pagare le regioni più povere CATANZARO - «Come sempre la storia si ripete: vanno rimodulati i tagli alle Regioni? Facciamo pagare di più quelle già povere! Sembra di vedere un film già visto» ha commentato il presidente degli Industriali calabresi, Umberto De Rose. Un intervento che nasce quasi spontaneo rispetto all’ipotesi che i ministri, da Bossi e Tremonti, hanno formulato di tagliare meno risorse agli Enti più virtuosi. «Ma come - continua - se Regioni come la Calabria stanno producendo uno sforzo immane per risolvere i problemi di bilancio e, soprattutto, per pianificare al meglio il debito sanitario, si può ucciderla senza alcun preventivo tentativo di rianimazione? Naturalmente - ha proseguito De Rose - è ovvio e pacifico che la virtuosità degli Enti va sempre premiata e sostenuta, ma

che soffia sulla Calabria». Lo affermano, in una nota, i senatori del Pdl Antonio Gentile, Giovan Battista Caligiuri, Vincenzo Speziali, Franco Bevilacqua e Giuseppe Valentino. «La cura proposta da Scopelliti - prosegue la nota - è la pennicilina di cui aveva bisogno la Calabria ma proprio in quanto tale eliminerà il virus nel tempo restituendo piena efficienza a tutto il comparto. Sono giuste le decisioni che contemperano le possibili riconversioni o chiusure degli ospedali improduttivi e la strada della deospedalizzazione, così come appare molto positiva la scelta di razionalizzare gli interventi con le strutture pubbliche accreditate chiedendo loro non sovrapposizioni ma qualità». «C’è un piano complessivo concludono i senatori del Pdl - che guarda alla salute nella sua interezza e che diventa per la prima volta progetto di sanità in Calabria: è il piano che i calabresi aspettavano da tempo». «La sanità calabrese sarà un tempio di diritti e di doveri: è questa la rivoluzione gloriosa che ha annunciato il centrodestra stringendosi intorno a Scopelliti». Lo afferma, in una nota, il Pdl Calabria. «Questo ultimo quinquennio - prosegue la nota - si lascia alle spalle i soldi buttati per gli screening oncologici, le gare con una sola ditta, gli straordinari di cinquemila euro al mese per gli autisti, le stabilizzazioni a chi non aveva diritto e poi la mancanza di poche migliaia di euro per l’aria condizionata negli ospedali. Una triste pagina che andava censurata da piu parti». «La sanità di Scopelliti sostiene il Pdl - sarà quella che vedrà i calabresi consapevoli dei propri diritti e dei propri doveri, con la speranza concreta che essi possano curarsi in loco seriamente e senza avere bisogno di andare all’esterno».

«Le decisioni prese dal governatore seppur difficili e coraggiose potranno appianare tutte le carenze del settore»

non possiamo però pensare di aggiungere, sempre per gli stessi, danno al danno! Per questo motivo pur soddisfatto per la rivalutazione sui tagli agli Enti locali che il Governo sta facendo, la preoccupazione è ora quella di rimodulare al meglio e sulla totalità dei soggetti interessati. Forse sarebbe opportuno produrre i maggiori tagli di spesa pubblica proprio al centro, ciò operando un riequilibrio sui costi e sulla spesa dei Ministeri piuttosto che su quella già disastrata delle regioni. Lo stato dei fatti porta, al momento, minori investimenti al Sud, tagli che penalizzano i più deboli, Fas ancora bloccati e ripresa che non accenna ad avanzare. Forse come dice il presidente Fini, la Padania non esiste, di sicuro però in questo Governo si fa sentire e molto». «Perdere tempo a discutere di una cosa che non esiste (la Padania) ci mette fuori strada rispetto al problema vero: come permettere al motore economico dell’Italia di essere competitivo e vincente nell’economia globalizzata. E quindi meno tasse, meno burocrazia, meno lacci e lacciuoli. Queste sono le esigenze reali del Nord. Non sventolare una bandiera verde» ha scritto proprio ieri il presidente della Camera, Gianfranco Fini, sul sito di Generazione Italia rispondendo a una lettera di un giovane iscritto all’associazione.


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani

7

PRIMO PIANO Insediata la IV commissione

Si è svolta ieri a Catanzaro la cerimonia per la firma dei contratti di lavoro, tutti a tempo indeterminato

Per gli uffici della Regione 100 giovani Tallini: una vera fase di discontinuità di Alberto Gattis CATANZARO - Il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti e l’assessore al Personale Domenico Tallini sono intervenuti, ieri mattina, alla cerimonia, che si è svolta nell’aula consiliare dell’Amministrazioneprovinciale di Catanzaro, per la firma dei contratti di lavoro, a tempo indeterminato, dei cento giovani vincitori, circa tre anni fa, di un pubblico concorso indetto dalla Regione. Presenti anche - informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta il presidente della Provincia Wanda Ferro, il dirigente generale del dipartimento "Organizzazione e Personale" Umberto Nucara e la dirigente regionale del settore giuridico Rosalia Marasco. «Abbiamo promosso l’incontro di oggi - ha detto l’assessore Tallini per dare un significato alle cose che stiamo portando avanti ed intendiamo fare nella politica del personale. Abbiamo avviato una vera fase di discontinuità rispetto al passato. Vogliamo rientrare nella politica più generale di una

pubblica amministrazione che considera il cittadino al centro del proprio operato. In tutti questi anni passati non vi è stata una politica del Personale. Noi vogliamo guardare con particolare attenzione a questo comparto ed a tutte le diverse sue categoria di lavoratori. Lo faremo con il fermo obiettivo di dare risposte concrete ai nostri cittadini». Il dirigente generale Nucara, dal canto suo, si è detto soddisfatto per avere trovato «questi giovani lavorati e vi

Unipol presenta a Lamezia il bilancio di sostenibilità: un nuovo orizzonte strategico di Damiano Foti

assicuro che questa vostra passione cercherò di conservarla e di alimentarla. Possiamo e dobbiamo - ha detto - fare tanto insieme». Il presidente della Regione Scopelliti ha così salutato i novantaquattro giovani laureati: «Non ci interessa da dove venite ma dove dobbiamo andare. Abbiamo necessità di investire - ha detto - in professionalità per invertire la rotta. Noi abbiamo bisogno di freschezza, di idee, di partecipazione. Perciò

voglio sperare in voi, ma con me spera la Calabria, perché la crescita della Regione è motivo di soddisfazione per tutti i calabresi. Ed è quello che vogliamo tutti. Chi ritiene di poterci dare una mano in questo senso, allora si faccia avanti. C’è necessità di recuperare nuove figure professionali in grado di guidare con noi questo processo. Ci sono molte utili motivazione per lavorare bene, sono certo che lo faremo e lo sapremo fare insieme».

SCOPELLITI: «Abbiamo necessità di investire in professionalità per invertire la rotta. Noi abbiamo bisogno di freschezza, di idee, di partecipazione. Voglio sperare in voi»

CATANZARO - Sono stati presentati a Lamezia Terme il Piano e il Bilancio di Sostenibilità di Unipol Gruppo Finanziario. La presentazione è avvenuta nel corso di un confronto tra i rappresentanti di Unipol ed esponenti delle istituzioni, dell’economia e dell’università. Al termine dell’incontro aperto da Pasquale Capellupo, presidente del Consiglio regionale Unipol della Calabria - riporta una nota - è stato consegnato all’associazione di promozione sociale Popolo Creativo, che ha promosso il progetto culturale "Rom...anticamente" per l’inclusione sociale dei giovani, il contributo erogato dalla Fondazione Unipolis nell’ambito del bando "Le Chiavi del Sorriso". «In un anno ancora pesantemente caratterizzato dalla crisi economica, Unipol Gruppo Finanziario - è scritto in un comunicato - ha scelto di perseguire i

propri obiettivi imprenditoriali attraverso modalità responsabili, assumendo la sostenibilità come proprio orizzonte strategico in un’ottica di lungo periodo e di bilanciamento degli interessi degli stakeholder. Strategia che è stata tradotta in precisi e dettagliati obiettivi nel Piano di Sostenibilità 2010-2012, elaborato in modo integrato con il Piano industriale di Ugf del prossimo triennio, il

REGGIO CALABRIA - Seduta d’insediamento, ieri mattina, per la quarta Commissione consiliare “Assetto ed utilizzazione del territorio. Protezione dell’Ambiente”. In apertura dei lavori, il presidente Alfonso Dattolo ha voluto ricordare il consigliere regionale Antonio Acri, prematuramente scomparso, «al quale - ha detto- è intitolata proprio quest’aula e che presiedeva lo stesso organismo consiliare». «Dare dignità all’attività di questa Commissione, chiamata ad un lavoro sicuramente impegnativo, è l’obiettivo che ci sta veramente a cuore e che deve guidarci in ogni momento di vita istituzionale. Siamo consapevoli - ha aggiunto il presidente Dattolo- che si tratta di una sfida decisamente alta, dal momento che le materie oggetto di questa Commissione, che ho l’onore di presiedere, toccano aspetti qualificanti della società calabrese, in particolar modo le problematiche ambientali destinate ad incidere sulla qualità della vita. Una sfida che, proprio per questo, deve essere portata avanti all’insegna della collaborazione, perché è proprio nella diversità che si realizza un momento di arricchimento, nel rispetto della linea programmatica della maggioranza di centrodestra, della quale faccio parte». Infine, Dattolo ha illustrato la proposta di legge d’iniziativa della Giunta regionale “Misure straordinarie a sostegno dell’attività edilizia”.

quale, peraltro, è il frutto di un percorso di elaborazione partecipato che ha coinvolto tante persone che lavorano nel Gruppo. Quella della sostenibilità è una scelta che guarda anzitutto al futuro, ad una idea di sviluppo che sia capace di coniugare crescita economica con equità sociale e benessere collettivo. E che, per un’impresa come Unipol, significa operare in un’ottica di lungo periodo, volta ad assicurare redditività».


8

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

PRIMO PIANO

di Ludovico Casaburi ROMA - Daniela Gobbi, presidente del Consiglio di presidenza della giustizia tributaria, in settimana aveva dichiarato al Sole 24 Ore che il provvedimento dettato dalla manovra che vuole la sospensiva sui contenziosi tributari ridotta 150 giorni avrebbe creato non pochi problemi. Questo perché, molto semplicemente, i giudici sono troppo lenti per far sì che il ricorso del contribuente venga preso in esame. Ovvero ci mettono più di 5 mesi per arrivare alla sentenza. Sempre il quotidiano economico, oggi fa notare che anche i giudici delle Commissioni tributarie provinciali confermano che tenere il ritmo dell’accelerazione imposta dalla manovra è e sarà tutt’altro che un’impresa semplice. Tutto a scapito del contribuente,

I giudici del Sud: la sospensiva può andare, ma non dappertutto

Commissioni tributarie provinciali in difficoltà per il nuovo limite di 150 giorni per giungere a sentenza nei casi di contenzioso. Il più lento è il Sud: solo a Cosenza 52mila pendenze

che, nel caso probabilissimo in cui la Commissione tributaria non dovese fare in tempo a decidere, dovrà pagare per non rischiare di essere sottoposto a procedure esecutive. Quanto ai giudici, tanto per cambiare sono quelli delle Commissioni tributarie provinciali del Mezzogiorno i più in difficoltà: è al Sud infatti che c’è un maggior

con il fatto che «se il giudice non deposita la sentenza nei termini previsti vi siano effetti per le parti in causa», dice al Sole 24 Ore . Ma allo stesso tempo aggiunge che «la riforma può essere utile, ma si scontra con realtà locali diverse: la Ctp di Cosenza conta 52mila pendenze a fronte di altre commissioni con minore arretrato e poche sopravvenienze».

numero di richieste ed è dunque al Sud che i tempi sono più lenti. «Arrivare a un giudizio con questi tempi ristretti, ovvero nei 150 giorni - ha dichiarato al Sole 24 Ore Renato Vuosi, presidente della Ctp di Napoli, tra le più sovraccaricate - mi sembra un po’ difficile per commissioni come la nostra, dove arrivano oltre 30mila ricorsi all’anno. Lo scopo della

legge è quello di scoraggiare le istanze inutili e spingere i contribuenti a pagare, ma per i giudici tributari sarà un po’ una corsa contro il tempo riuscire a rispettare il termine. Bisognerebbe incrementare il personale amministrativo». Carmelo Copani, presidente della Ctp di Cosenza, non è d’accordo con la soluzione proposta, ossia


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani

9

PRIMO PIANO

L’Anci in protesta: grande manifestazione oggi davanti al Senato della Repubblica, molte le adesioni

I sindaci italiani scendono in strada e sfilano «a lutto» contro la manovra di Loredana Colace

ROMA - I sindaci di oltre ottomila comuni italiani scendono oggi in piazza per protestare contro i tagli della manovra finanziaria del governo. Su iniziativa dell’Anci, l’associazionedeicomuniitaliani, si ritroveranno davanti al Senato a Roma in concomitanza con lo svolgimento della Conferenza Stato-città che discuterà delle proposte di emendamenti avanzate dall’Associazione. I sindaci, all’indomani del direttivo della loro associazione, che si è svolto il 17 giugno scorso, avevano approvato un articolato ordine del giorno nel quale chiedevanoal governodi esserericonvocati; il giorno dopo il presidente, Sergio Chiamparino, aveva scritto al ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, rinnovando la richiestae sollecitandoloa rivedere e decidere insieme i correttivi alla manovra. Ma ad oggi dal governo non è giunta alcuna risposta. I comuni giudicano i tagli della manovra troppo sbilanciata (peserebbero al 90 per cento su regioni, comuni e province) e chiedono che vengano riequilibrati tra i diversi livelli istituzionali a cominciare proprio dai ministeri. «Io credo - ha dichiarato il numero uno dell’Anci Chiamparino -

che sui ministeri si possa fare di più per ridurre la spesa complessiva e migliorarne il funzionamento». I sindaci vanno dunque in piazza, e lo fanno con le fasce tricolori listate a lutto per testimoniare il rischio che mina alla base la sopravvivenzastessadeiComuni,se la manovra non sarà modificata. L’Anci ha anche invitato i primi cittadini che non potranno partecipare alla manifestazione,a testi-

moniare comunque la loro adesione esponendo, alle ore 12, le bandiere a mezz’asta in segno di lutto. Accogliendol’invitodell’Anci,alla manifestazione hanno aderito Legautonomie, l’Unione delle Comunità montane, la Cgil, il Sunia; così come anche l’Upi, l’unione delle province italiane, starà a fianco dei sindaci e anche le regioni - in diverse occasioni hanno condiviso le richieste degli amministratorilocalisostenendoche quelladellaredistribuzionedeitagli è la strada giusta da seguire. Il presidente dell’Upi, Giuseppe Castiglione, che ha un pacchetto di modifiche alla manovra non indifferente, chiede che siano «tali da consentire agli enti locali di fare la propria parte nell’opera di tenuta dei conti dello Stato, senza che questo comporti la drastica riduzione dei servizi ai cittadini e ai territori». A fronte di un sacrificio definito «molto pesante per i Comuni» (quantificabile in 1,5 miliardi in

I sindaci vanno dunque in piazza, e lo fanno con le fasce tricolori listate a lutto per testimoniare il grave rischio che corrono i Comuni, se la manovra non sarà modificata

Chi l’avrebbe detto? Italiani primi in Europa per i giorni di ferie non sfruttati Da un sondaggio commissionato da Expedia: noi i migliori in Europa, mentre i francesi sono i peggiori al mondo. Giapponesi e americani i veri stakanovisti

ROMA - Qualcosa sta cambiando nell’atteggiamento degli italiani verso le vacanze: sebbene quest’anno sia aumentato in media il numero di giorni di ferie disponibili (32,5 contro 31 dello scorso anno), è cresciuto anche il numero di giorni di vacanza non goduti (6, ossia il 18,4% dei giorni disponibili rispetto al 16% del 2009) e la fetta di connazionali che sostengono di non sfruttare tutti i giorni a disposizione (49% contro 44% del 2009). Con queste credenziali - emerse dalla decima edizione dell’indagine realizzata da Harris Interactive per conto di Expedia sul rapporto dei lavoratori con le ferie - gli italiani sono primi in Europa per giorni di vacanza lasciati sul piano ferie, secondi solo ai giapponesi (7,5 giorni avanzati) che rappresentano il vero modello di stakanovisti, con il record negativo di giorni disponibili (16,5 quasi la metà degli italiani) e oltre il 45% di giorni di ferie non sfruttati.

Giapponesi e americani sono i lavoratori che mediamente ogni anno si concedono il minor numero di giorni di ferie (rispettivamente 9,5 e 14), agli antipodi dei francesi che anche quest’anno con 37,5 giorni di vacanza disponibili e 34,5 goduti, si confermano i più vacanzieri del mondo. Seguono canadesi e svedesi, che rispettivamente si concedono 17,5 e 24 giorni di ferie. Spiccano, invece, per giorni di vacanza sfruttati dopo i francesi - spagnoli e danesi (28,5 e 27). Se si guarda alle ore di lavoro settimanali sono maggiormente francesi, tedeschi e americani a lavorare più di 40 ore (rispettivamente il 54%, il 47% e il 46%), seguiti da inglesi (37%), svedesi e norvegesi (30%), italiani (28%) e a chiudere danesi e spagnoli (26%). Gli italiani si distinguono in Europa per giorni di ferie avanzati (6, lasciando sul piano ferie circa il 18,4% dei giorni disponibili). EZ

meno per il 2011 e in 2,5 miliardi in meno per il 2012) l’Anci - fermo restando i saldi complessivi della manovra - chiede anche una significativa riduzione del peso finanziario a carico della manovra a partire dal 2010 e l’attribuzione ai comuni di una quota certa delle risorse che saranno recuperate dal contrasto dell’evasione fiscale.

A fronte di un sacrificio «pesante per i comuni» l’Anci chiede una riduzione del peso finanziario a carico della manovra a partire dal 2010 e l’attribuzione ai comuni di una quota delle risorse recuperate dalla lotta all’evasione fiscale

In occ della m

In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora EUGENIA STAIBANO sarà celebrata una messa in suffragio della sua anima benedetta mercoledì23 giugno alle ore 16,30 nella Chiesa di S. Pio X a Catanzaro. In occasione del 1° Anniversario della morte del Signor ELIO COLOSIMO sarà celebrata una messa in suffragio della sua anima be-

nedetta mercoledì 23 giugno alle ore 18,00 nella Chiesa del SS. Salvatore rione de Filippis a Catanzaro. In occasione del 1° Anniversario della morte del dott. DOMENICO CHIRIACO sarà celebrata una messa in suffragio della sua anima benedetta mercoledì 23 giugno alle ore 19,00 nella Chiesa di S. Giovanni Battista a Catanzaro.

sarà ce fragio 18.30 n Pompe


10

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

IMPRESE E LAVORO L’iniziativa è per spiegare le ragioni della protesta dei prossimi giorni

Sciopero del 9 luglio, convocato il direttivo della Uil Pa Inpdap di Gianni Bello CATANZARO - La Uil Pa Inpdap aderisce allo sciopero nazionale che si terrà il 9 luglio a Roma e convoca per il 25 giugno, alle ore 10,00, presso il Benny Hotel, il direttivo del Comitato regionale presieduto da Pino Murica della sede provinciale di Catanzaro. Alla riunione, i cui lavori saranno conclusi dal coordinatore nazionale della Uil Pa Inpdap, Luca Bizzarro, parteciperanno dirigenti provinciali provenienti da tutte le sedi della Calabria. All’ordine del giorno le prospettive di rilancio dell’ente e l’esame dei problemi attuali collegati alle situazioni di indubbia precarietà in cui versano alcune sedi calabresi. «Nel testo definitivo del Decreto Legge 31 maggio 2010 - spiega Pino Murica, riprendendo il documento del segretario generale Salvatore Bosco - c’è la I lavori conferma delle dure misure previste in materia di pubblico imsaranno piego che in breve possono essere così riassunte: blocco delle retriconclusi buzioni individuali, comprensive dal coordel trattamento economico accessorio fino a tutto il 2013; blocdinatore co della contrattazione 2010/2012 in tutti i comparti; nazionale blocco del turn-over fino al 2014; della Uil interventi in materia previdenziale con finestre di uscita per le Pa Inpdap, pensioni di anzianità e di vecchiaia posticipate di un anno; difLuca ferimento del pagamento della liBizzarro quidazione per somme superiori a 90.000 euro». «Sono provvedimenti continua Murica che dimostrano come il peso maggiore dei sacrifici, sia a carico dei dipendenti pubblici che pagheranno intorno al 50% dell’intera manovra economica». «I dati forniti dal Governo per giustificare

Le cooperative sociali al fianco della Cgil «Lo sciopero è indetto per chiedere che, quale alternativa alla manovra finanziaria in via d’approvazione - la quale penalizza ancora una volta i lavoratori pubblici, privati, i pensionati e i cittadini tutti, il Governo proceda alla maggior tassazione delle rendite speculative, dei grandi patrimoni, alla lotta contro l’evasione fiscale, al taglio delle spese militari, degli sprechi di denaro pubblico per grandi e inutili opere, impiegando le risorse ivi destinate o recuperare per garantire con estrema urgenza il diritto alla piena occupazione e alla rioccupazione a un adeguato reddito», dice il responsabile di Legacoop Sociali, Quirino Ledda. «Con le decisioni del Governo - prosegue - si ridurranno ulteriormente il contributo per le Politiche Sociali, nei Comuni capoluogo della

il blocco delle retribuzioni - sostiene il segretario generale Salvatore Bosco - secondo cui nel pubblico impiego ci sarebbero stati aumenti superiori di quasi il doppio rispetto a quelli registrati tra i privati sono errati e scorretti perché non prendono in considerazione i periodi dal 1991 al 1995 durante i quali si è registrato il blocco delle retribuzioni per una intera tornata contrattuale; la diversa composizione della platea di destinatari e la maggiore incidenza di personale impiegatizio e dirigenziale nel settore pubblico, ma anche la presenza di categorie non contrattualizzate che hanno retribuzioni notevolmente più elevate, quali magistrati, diplomatici, professori universitari, dipendenti di organi costituzionali e di carriera prefettizia». Le cose, insomma, secondo la Uil PA "non stanno proprio come ce le stanno raccontando in questi giorni e come i mass media le presentano all’opinione pubblica". «Ci troviamo - aggiunge Salvatore Bosco - di fronte ad un attacco strumentale senza precedenti, basato su dati veri ma male utilizzati».

All’ordine del giorno le prospettive di rilancio dell’ente

Giovani industriali di Cosenza al II summit Young Business COSENZA - I giovani imprenditori di Confindustria sono a Toronto, in Canada, per la II edizione dello Young Business Summit che in questi giorni riunisce i giovani industriali dei paesi del G20 e che precede il vertice dei grandi della Terra. I giovani di 20 delegazioni di altrettante nazioni stanno discutendo dei temi legati ai valori dell’imprenditoria ed all’innovazione d’impresa. In Confindustria Cosenza e Confindustria Cagliari, nei giorni scorsi, sono stati promossi i due incontri nazionali di preparazione al Summit. Nello specifico, in Confindustria Cosenza si è discusso di innovazione delle produzioni alimentari tipiche di qualità nel contesto globale con il componente del Comitato rapporti internazionali dei giovani imprenditori di Confindustria Stanislao Smurra, il presidente dei giovani imprenditori di Confindustria Cosenza Fortunato Amarelli e di Confindustria Calabria Nuccio Caffo, l’ordinario di Politica Economica dell’Università della Calabria Giovanni Anania, il dirigente del settore Valorizzazione e Promozione delle Produzioni Agricole della Regione Calabria Giacomo Giovinazzo ed il direttore dell’Istituto Commercio Estero della Calabria Domenico Neri. I lavori, moderati dal direttore di Confindustria Cosenza Rosario

Branda, hanno registrato l’intervento introduttivo del Presidente degli imprenditori cosentini Renato Pastore che ha evidenziato come ci sia «la necessità di mettere a sistema le produzioni alimentari tipiche, che da elemento di marginalità devono diventare al contrario leva di competitività». Valorizzazione della qualità ed autenticità delle produzioni, esaltazione della tipicità, rafforzamento del legame tra le produzioni ed il territorio, associazione tra marchio d’impresa a quello di origine, rispetto di precisi disciplinari di produzione degli alimenti sono le parole chiave dell’incontro che ha registrato la partecipazione dei giovani industriali intervenuti da ogni parte della Calabria. La scelta di declinare il tema dell’innovazione, filo conduttore di ogni incontro di preparazione al Summit, al settore agroalimentare è stata particolarmente apprezzata dallo Sherpa G20 del Comitato Rapporti Internazionali e Yes dei Giovani Imprenditori di Confindustria Davide Canavesio, presente a Cosenza e che sta guidando la delegazione dei giovani industriali italiani a Toronto. Alo. D.

Calabria del 9% dei finanziamenti, colpendo i più deboli. Nonostante la nostra Regione abbia il primato nazionale in negativo della spese per i servizi sociali, si continua a procedere con il vecchio sistema della non concertazione e la non applicazione delle leggi vigenti, a discapito della messa in campo di specifici servizi ed interventi. Questo avviene soprattutto negli interventi di contrasto alla povertà, (42 famiglie su 100 vivono situazioni di povertà o semi povertà) alle famiglie, disabili, ecc., dove ad emergere non sono percorsi i attivazione e di inserimento sociale, ma nella maggio parte dei casi distribuzione a pioggia di contributi economici, spesso in ottica di intervento di emergenza, in assenza di progetti a carattere più duraturo». «Siamo contrari al mantenimento di questo settore fuori dalle regole legislative - afferma ancora -, che comportano non soltanto un ritardi intollerabile nel pagamento delle rette (miserabili) provocando una crisi profonda di molte cooperative, e di molte amministrazioni comunali che utilizzano vergognosi bandi al ribasso, come se fossimo aziende che costruiscono palazzine. La non applicazione della legge regionale del 17 agosto 2009 n. 28, anziché rendere protagoniste le politiche sociali in Calabria, di un grande processo innovativo verso l’obiettivo di costruire un sistema di interventi e servizi più accessibili ed equi».


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 11

IMPRESE E LAVORO Si è concluso ieri nel capoluogo lombardo l’evento più atteso dell’anno dedicato agli abiti bianchi

Le spose più belle a Milano grazie alla Regione e a Unioncamere Calabria di Maria Brutto LAMEZIA TERME - Si è conclusa ieri la manifestazione fieristica SI - SposaItalia Collezioni, l’evento sposa più atteso dell’anno in calendario a Milano dal 18 al 21 giugno a cui i più prestigiosi laboratori sartoriali calabresi hanno partecipato grazie all’assessorato alle Attività Produttive della Regione Calabria ed al supporto organizzativo di Unioncamere Calabria. «Si - SposaItalia è una vetrina ricca di novità e tendenze per il matrimonio e la cerimonia - dice Fortunato Roberto Salerno, Presidente di Unioncamere CalabRoberto Salerno, ria - la rassegna ha presentato aziende e designers di presidente di fama mondiale. Molto siUnioncamere Ca- gnificativa è stata la presenza estera, con operatori labria: «Questo provenienti,soprattuttodal Libano, dalla Grecia, dalla evento è una Spagna, dalla Turchia». «All’interno della esclusiva vetrina ricca di locationfieristica,abbiamo novità e tendenze inteso realizzare anche un defilè - continua per il matrimonio suggestivo Salerno - per dare modo ale per la cerimonia. le nostre aziende di esprimersi al meglio e di mosSignificativa la trare tutto il loro estro, la il talento. In paspresenza estera» creatività, serella è stata presentata una sposa classica, sofisticata,innovativaesoprattutto di alta qualità sartoriale tutta made in Calabria. Ammirati gli occhi dei numerosi visitatori che hanno molto apprezzato le nuove collezioni sposa per la prossima stagione 2011». «Il mio giudizio è positivo - dice Giusari dell’azienda Giusari di Sarubbo Giuseppe - molti gli operatori italiani presenti ma soprattutto i distributori esteri venuti dalla California, dalla Grecia, dagli

Emirati Arabi. Anche la sfilata è stata una buona vetrina, una occasione di visibilità. Ottima l’organizzazione di Unioncamere Calabria e il supporto della Regione Ilenia Monterosso: Calabria senza il quale non avremmo mai potuto partecipare a questa impor- «Sono soddisfatta tante rassegna internazionale». «Sono dell’incremento soddisfatta dell’incremento registrato rispetto alla precedente edizione - com- registrato rispetmenta Ilenia Monterosso della omonima azienda di famiglia - sia in termini di to alla precedente visitatori che di vendite. Inoltre, ab- edizione, sia in biamo presentato i nostri "abiti scultura" molto apprezzati e fotografati, quasi termini di visitatori "teatrali" una trovata originale. Ben riuscita è stata anche la nostra collezione che di vendite. impreziosita con smeraldi, rubini, zaffi- Inoltre, abbiamo ri». «Benissimo per la mia azienda - dice Francesco Catapano della Sposa Chic - presentato i nostri ho avuto ottimi contatti d’affari, i clienti hanno comprato e il mio articolo ha sod- "abiti scultura"» disfatto l’estero. Ho avuto il piacere di incontrare una clientela competente che ha riconosciuto ed apprezzato i nostri capi made

in Italy». «E’ andata complessivamente molto bene - continua Tommaso Stangis della omonima azienda - meglio sicuramente rispetto allo scorso anno. Nella nostra nuova collezione abbiamo puntato molto sugli accessori portando in fiera una linea nuova con originali e accattivanti cappelli». «Rivolgo - conclude Salerno - un ringraziamento particolare all’Assessorato Attività Produttive della Regione Calabria per la sensibilità dimostrata anche in questa occasione verso l’importante iniziativa appena conclusa. Le nostre aziende hanno potuto respirare finalmente una boccata di ossigeno portando a casa contratti, positivamente chiusi, che daranno lavoro alla numerosa manodopera specializzata assicurando un trend di fatturato sicuramente positivo». Le aziende partecipanti alla rassegna SI - SposaItalia 2010: Giusari di Sarubbo Giuseppe - Catanzaro; Monterosso di Monterosso Ilenia - Simeri Crichi (CZ); Sposa Chic di Catapano Francesco - Rende (CS); Stangis Tommaso - Lamezia Terme (CZ).

Gratuito patrocinio della Cciaa COSENZA - Pubblicate le linee guida per la concessione del patrocinio gratuito da parte della Camera di Commercio. Il gratuito patrocinio della Camera di Commercio di Cosenza si riconosce ad iniziative ritenute meritevoli e valide in considerazione dell’apporto, anche in via indiretta, allo sviluppo del sistema economico provinciale.Le linee guida, approvate con delibera di

Un'immagine di Cosenza

Giunta camerale n. 37 del 24.05.2010, stabiliscono i criteri, le modalità e le forme di pubblicità per la concessione del gratuito patrocinio dell’Ente camerale nei confronti di iniziative, eventi e manifestazioni attinenti ai fini istituzionali e di promozione e sviluppo dell’economia locale dell’Ente camerale.Il gratuito patrocinio della Camera di Commercio di Cosenza si riconosce ad iniziative

ritenute meritevoli e valide in considerazione dell’apporto, anche in via indiretta, allo sviluppo del sistema economico provinciale. In questa sezione del sito sono pubblicate le linee guida per la concessione del gratuito patrocinio della Camera di Commercio di Cosenza. Le linee guida, approvate con delibera di Giunta camerale n. 37 del 24.05.2010, stabiliscono i criteri, le modalità e le forme di pubblicità per la concessione del gratuito patrocinio dell’Ente camerale nei confronti di iniziative, eventi e manifestazioni attinenti ai fini istituzionali e di promozione e sviluppo dell’economia locale dell’Ente camerale. Destinatari del riconoscimento del patrocinio non oneroso della Camera di Commercio di

Cosenza possono essere Istituzioni, Enti pubblici, Associazioni imprenditoriali e di consumatori, altre associazioni, soggetti collettivi o privati che per notorietà, struttura o idonea documentazione, diano garanzia di correttezza e professionalità. Il patrocinio non può essere concesso a manifestazioni, convegni, seminari o qualsiasi altra iniziativa in cui non sia prevalente o ritenuto considerevole l’interesse diffuso del sistema imprenditoriale locale, né ad iniziative di propaganda politica o di interesse esclusivamente privato. Il patrocinio può essere concesso a pubblicazioni e raccolte di testi e immagini su diversi supporti, anche realizzati e commercializzati da privati, qualora l’Ente ne consideri meritevole la validità culturale e l’impatto, anche indiretto, sullo sviluppo del sistema

economico provinciale.Il patrocinio viene concesso a tempo determinato, per la durata dell’iniziativa specifica cui si riferisce. In caso di iniziative ricorrenti, esso si riferisce esclusivamente all’edizione in corso di attuazione al momento della richiesta e del rilascio del Patrocinio. Il riconoscimento del patrocinio non oneroso della Camera di Commercio di Cosenza è riservato alla competenza del Presidente. Periodicamente, il presidente informa la Giunta camerale sulle richieste di patrocinio.

Gessica Belfatto


12

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

IMPRESE E LAVORO Domani convegno al Valentianum di Vibo con i vertici del fisco regionale

La strategia telematica spiegata dall’Agenzia delle Entrate di Mirko Cataldo VIBO VALENTIA - Gli strumenti telematici dell’Agenzia delle Entrate e delle Pubbliche Amministrazioni a disposizione dei cittadini contribuenti: questa la nuova strategia sull’uso evoluto delle tecnologie informatico-telematiche in direzione di un più adeguato approccio di servizio. Se ne discuterà, domani, con inizio alle ore 9,30 al Valentianum di Vibo Valentia in un importante convegno che vedrà impegnati i vertici del fisco regionale spiegare a cittadini e commercialisti le nuove vie delle applicazioni informatiche. «L’evoluzione di questi ultimi anni - spiega il direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate Antonino Di Geronimo - ha portato all’affermazione di una logica di servizio e di dialogo costante con il cittadino Antonino contribuente. linee evolutive future, sulle Di Geronimo: Le quali sta lavorando l’Agenzia, «L’evoluzione puntano al miglioramento della qualità e dei contenuti delle applidi questi cazioni informatiche. sforzo richiesto è notevole - agultimi anni ha Lo giunge Antonino Di Geronimo portato all’af- ma risulta evidente che soltanto attraverso la collaborazione di fermazione di tutti coloro che operano nel settoe la continua promozione delle una logica di re finalità e dei vantaggi derivanti servizio e di dall’uso degli strumenti e delle tecnologietelematichesaràpossidialogo bile concretizzare la positiva evoluzione del sistema fiscale e socostante» ciale». L’Agenzia delle Entrate avverte che sul fronte dei servizi telematici, tramite il suo sito internet, è possibile accedere a due importanti canali: Entratel, riservato agli operatori professionali della fiscalità e Fiscoline, dedicato ai singoli contribuenti, attraverso i quali vengono erogati servizi come la compilazione e la presentazione della dichiarazione, i pagamenti online, il cassetto fiscale, Civis e altro. All’appuntamento di giovedì sono stati invitati a relazionare responsabili dei diversi settori delle Entrate. Con il Direttore Regionale Antonino De Geronimo che introdurrà i lavori, dopo i saluti del Direttore

Un'immagine di Vibo Valentia

Catanzaro, Mario Maiorana in visita alla Cciaa CATANZARO - Visita di Mario Maiorana, nuovo presidente provinciale della Confederazione Italiana Agricoltori, alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Catanzaro dove ha incontrato il presidente Paolo Abramo. E’ stato un atto di cortesia che Maiorana, eletto il 15 giugno scorso dalla Assemblea della Cia provinciale a Lamezia Terme, ha voluto compiere nei confronti della istituzione camerale che ha nel comparto agricolo uno dei riferimenti essenziali della sua mission. Maiorana, che era accompagnato dal presidente uscente, nonché vice presidente della Camera provinciale, Franco Lucia, e dal direttore Cia Emanuele Dardano, ha affrontato i temi stringenti della crisi economica in atto che incide notevolmente sulle performance delle aziende agricole calabresi, in ragione sia delle asperità congiunturali che delle debolezze strutturali del quadro economico meridionale nel suo complesso. Ribadita da Maiorana la necessità di rimediare al più presto ad alcune storture tra le quali evidente e immediata è la difficoltà di accesso al credito. Nel contempo Maiorana ha esposto le linee di indirizzo della sua presidenza, che sarà improntata a una azione sinergica dell’interosistemaconfederale.Ilpresidente Abramo ha da parte sua ribadito l’impegno proprio della Camera di Commercio volto a

Provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Vibo Valentia, Giovanni Russo, il sindaco Nicola D’Agostino, il Presidente della Camera di Commercio Michele Lico ed il Presidente dell’Ordine dei Commercialisti Francesco Romano, interverranno anche Eugenio Fregola Capo Ufficio Gestione Tributi, Anna Maria Pagnotta e Vito Sciancalepre dello stesso Ufficio Gestione Tributi della Direzione Regionale delle Entrate, Antonio Cefaly Direttore dell’Ufficio Territoriale di Vibo Valentia e Giuseppe Iurato coordinatore della federazione dell’ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Calabria e Basilicata. Le conclusioni di questo incontro sugli strumenti telematici dell’Agenzia delle Entrate e delle Pubbliche Amministrazioni a disposizione dei cittadini contribuenti, verranno affidate ad Aldo Polito, direttore Centrale dei servizi ai contribuenti.

stimolare la presenza delle imprese agricole provinciali in un mercato che tende alla ricerca di nuovi sbocchi sia nazionali che internazionali, e che riceve slancio soltanto se i processi di modernizzazione in atto nella produzione sono accompagnati dalla valorizzazione delle produzioni tipiche e di qualità. «Una crescita possibile - ha rilevato Abramo - attraverso una conoscenza approfondita dei mercati agricoli cui la Camera di Commercio di Catanzaro dedica particolare attenzione. E’ di pochi giorni fa la presentazione di un esaustivo nostro "Rapporto economico sul settore agricolo e agroalimentare" nella provincia. L’agricoltura calabrese convive con problemi importanti. Ma nella sola provincia di Catanzaro può contare su una notevole varietà di produzioni DOP, IGPeDOC».


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 13

IMPRESE E LAVORO Gli auspici del segretario generale della Uil calabrese relativi alla manovra finanziaria

Castagna: «Piano stralcio utile se produrrà gli effetti annunciati» CATANZARO - «Sul piano stralcio per l’occupazione varato dalla Giunta Scopelliti, conosciamo lo strumento e speriamo dia risultati migliori di quelli che abbiamo registrato negli anni passati». Lo ha detto il segretario generale della Uil calabrese, Roberto Castagna in occasione della direzione regionale del sindacato che si è occupata della manovra finanziaria secondo cui "è indispensabile ma bisogna correggere le iniquità e le ingiustizie con la presentazione di emendamenti e, se necessario, iniziative di mobilitazione e di lotta". Castagna «ha lamentato riporta un comunicato - il «Sulla scuola peso sproporzionato che la manovra scarica sul lavoro non solo si dipendente ed autonomo. vuole congelare Sulla scuola, ad esempio, non solo si vuole congelare il contratto il contratto quanto si vogliono bloccare gli scatti di quanto si carriera, frutto di prevogliono bloccedenti accordi contrattuali, e pregiudicare anche care gli scatti i contenuti pensionistici. di carriera, frutto Scarica molto su Regioni, Comuni e Province, non di precedenti tocca le grandi rendite e non fa paura ai grandi evaaccordi sori. Quindi, pur mantecontrattuali» nendo l’obiettivo dei 25 miliardi di euro nei due anni, è opportuno e indispensabile una diversa distribuzione dei sacrifici». «Abbiamo chiesto un atto di coerenza e responsabilità sui costi della politica e sull’evasione fiscale - ottenendo un modesto risultato sulla riduzione delle spese dei Partiti che passa dal 50% della prima stesura al 10% e un buon risultato sull’evasione fiscale per il protagonismo che potranno esprimere i Comuni nel combattere la piaga dell’evasione attraverso l’attivazione dei

Consigli tributari e l’istituzione dell’anagrafe immobiliare integrata, e l’accertamento da redditometro fondato su ele- «Abbiamo chiesto menti di capacità contributiva combinaun atto di coeta con i consumi». «Consideriamo il Piano stralcio per l’ocrenza sui costi cupazione della Regione - ha detto ancora Castagna - uno strumento utile se della politica e produrrà gli effetti annunciati. 7000 occasioni di lavoro, se realizzate nei tempi sull’evasione fisprevisti, possono rappresentare una cale, ottenendo boccata d’ossigeno per una economia asfittica come la nostra e per la neces- un modesto sità di lavoro che proviene da larghe fasce di giovani altamente scolarizzati. Lo risultato» strumento utilizzato lo conosciamo bene, perché è abbastanza simile a quello concordato con la precedente Giunta, ciò che sa-

rebbe utile è capire, dalle strutture Dipartimentali e dai relativi Centri per l’Impiego, quali sono state le effettive ricadute in termini di lavoro stabile al fine di valorizzare o correggere l’uso dell’incentivo alle Imprese». «Per la Uil -conclude Castagna - puntare sull’aiuto alle piccole e medie imprese è una strada da percorrere in quanto solo l’irrobustimento delle buone imprese potrà favorire una ripresa economica ed occupazionale nella Regione».

Mario Giorla

Ai russi l’agroalimentare calabro COSENZA - La Camera di Commercio di Cosenza, tramite la sua azienda speciale Promocosenza, intende organizzare, in collaborazione con il sistema camerale italiano, un incontro con operatori provenienti dalla Russia, con l’obiettivo di far conoscere i prodotti del settore agroalimentare: vino, distillati, olio d’oliva, formaggi, pasta, sughi e conserve, salumi, caffè, prodotti dolciari (altri prodotti ove ammessi dalla legislazione dei paesi di destinazione).Siinvitano,pertanto 10 aziende a partecipare con i propri prodotti all’evento che si svolgerà in due tappe: a Firenze (nei giorni 5 e 6 Luglio), per tutte le aziende del centro nord, e a Matera (nei giorni 8, 9 e 10 luglio) per tutte quelle del sud.

Incoming Russia: 8-10 luglio 2010. L’Incoming Russia è un evento che prevede il recruiting e l’accoglienza in Italia di circa 20 operatori del settore Agroalimentare proveniente dalla Russia e sarà articolato con il seguente programma: Mercoledì 7 luglio: in giornata arrivo di tutti gli operatori stranieri Sera cena degustazione con i vini delle aziende riservata solo agli operatori Giovedì 8 luglio: ore 09.00 11.00, seminario formativo per gli operatori ore; 11.00 - 11.30, coffee breakore; 11.30 - 18.00 B2B. Venerdì 9 luglio: ore 09.00 - 17.00, B2B. Sabato 10 luglio: intera giornata, mostra mercato. Saranno ammesse a partecipare aziende agroalimentari con sede legale nella provincia di Cosenza, regolarmente iscrit-

te alla Camera di Commercio e in regola con il pagamento del diritto annuale camerale. Ai fini della definizione dell’ammissione farà fede l’ordine cronologico di arrivo delle domande a Ufficio Promozione della Camera di Commercio di Cosenza. I costi per la partecipazione al-

la manifestazione a carico di Promocosenza è di Euro 500+Iva ad Azienda partecipante, mentre le Aziende partecipanti pagheranno un contributo di partecipazione di Euro 250+Iva entro e non oltre il 7 Giugno 2010. L’adesione alla manifestazione è subordinata al pagamento contestuale della quota di adesione, in

mancanza della quale la stessa non sarà accettata. La partecipazione comprende i seguenti servizi: inserimento nel catalogo ufficiale della manifestazione, programma di comunicazione ed animazione dello stand con eventi di promozione, degustazione, durante lo svolgimento della manifestazione in Fiera.


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 15

APPUNTAMENTI CON IL FISCO Unico 2010: detrazioni su tasse universitarie e contratti affitto I benefici di Unico si estendono anche ai proprietari che danno case in locazione a studenti Iniziati gli esami di maturità, per molti studenti e per le loro famiglie è il momento della scelta degli atenei dove proseguire la propria formazione. Soprattutto per gli studenti fuorisede, che sono circa 700 mila, a fronte di meno di 50mila posti letto pubblici, contate anche le scuole e i collegi d’eccellenza, l’università comporta un forte impegno finanziario. Con Unico 2010 vi è la possibilità di usufruire di agevolazioni sulle tasse universitarie pagate agli atenei (anche non statali) e anche sui canoni di locazione per gli studenti fuori sede. I benefici si estendono anche ai proprietari che danno case in locazione a studenti: il prelievo annuale sarà meno salato se optano per i contratti a canone "concertato" a livello locale e quindi a prezzi inferiori al mercato. In Unico PF 2010 è prevista anche la possibilità di effettuare la detrazione delle spese per istruzione sostenute nel 2009 per la frequenza di corsi di

studio universitari e di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria, tenuti presso università o istituti pubblici o privati, italiani o stranieri. Le spese possono riferirsi anche a più anni, compresa l’iscrizione fuori corso, pur se nel rispetto del principio di cassa; anche agli istituti o università privati e stranieri, purché non siano superiori a quelle delle tasse e contributi degli istituti statali italiani. Per quanto riguarda le spese scolastiche delle Università, sono detraibili: le spese di immatricolazione e iscrizione, anche se riferibili a più anni (e quindi, anche di iscrizione ad anni fuori corso); le soprattasse per esami di profitto e laurea; le spese di frequenza; le spese relative a corsi di specializzazione. Non sono detraibili le spese sostenute: per l’acquisto di testi scolastici, di strumenti musicali, di materiale di cancelleria etc.; per i viaggi ferroviari, vitto e alloggio necessari per consentire la frequenza alle scuole.

Il contribuente ha il diritto ad una detrazione pari al 19% sulle imposte che devono essere pagate, in misura non superiore a tasse e contributi di istituti statali. Le spese per canoni di locazione sostenute dai "fuori sede", per unità immobiliari situate nello stesso comune in cui ha sede l’università o in comuni limitrofi, possono beneficiare della detrazione d’imposta lorda Irpef del 19% (per un importo massimo di 2.633 euro). Condizioni per poter usufruire delle detrazioni: l’università deve essere ubicata in un comune distante almeno 100 Km da quello di residenza dello studente che deve appartenere a una provincia diversa da quella in cui è situata l’università; l’unità immobiliare. inoltre, deve essere situata nello stesso comune in cui ha sede l’università o in un comune limitrofo. Gaia Mutone

Addizionale Ires del settore energetico

Definizione controversie pendenti Per i giudizi ancora in stand by presso la Corte di cassazione occorre anche il pagamento del 5% del valore della controversia

Con la circolare 37/E del 21 giugno, l’Agenzia delle entrate detta il passo per "rottamare" le cause ultradecennali che sono ancora pendenti presso i giudici tributari di ultimo grado. Per risolvere bonariamente i giudizi ancora in stand by presso la Corte di cassazione occorre che la richiesta del contribuente sia accompagnata dal pagamento del 5% del valore della lite, utilizzando il codice tributo "8109". Nessun adempimento, invece, è richiesto per i giudizi ancora pendenti dinanzi alla Commissione tributaria centrale che si risolvono automaticamente. In particolare, le controversie che si possono chiudere sono quelle sospese davanti alla Commissione tributaria centrale e alla Cassazione per le quali i ricorsi siano stati iscritti a ruolo nel primo grado entro il 25 maggio 2000, ossia a più di dieci anni

dal giorno in cui è entrato in vigore il decreto in esame (26 maggio 2010). Condizione necessaria per la definizione agevolata delle liti è che l’amministrazione finanziaria dello Stato sia parte soccombente nei precedenti gradi di giudizio. Rientrano tra le liti definibili più in fretta anche quelle in cui Equitalia è parte del giudizio, a patto che l’ente titolare della pretesa tributaria in contestazione sia comunque l’amministrazione finanziaria dello Stato, mentre restano fuori dalla chiusura accelerata le controversie in cui la parte resistente è un ente locale. Sono esclusi dalla definizione agevolata i giudizi che riguardano le richieste di rimborso, sia pendenti in Commissione tributaria centrale sia in Cassazione; sono escluse le controversie che riguardano il rimborso di imposte versate dal contribuente nel presupposto che spetti un’agevolazione fiscale; sono definibili in tempi rapidi le controversie relative al provvedimento con cui l’Agenzia, oltre a negare il diritto all’agevolazione, ha anche provveduto ad accertare il tributo e/o abbia irrogato le sanzioni. Procedura: Pagare un importo pari al 5% del valore della controversia (ossia dell’ammontare dell’imposta contestata); presentare entro il 24 agosto prossimo, la richiesta di definizione agevolata presso la cancelleria della Suprema corte, che deve contenere, tra l’altro, la rinuncia a ogni pretesa di equa riparazione e la ricevuta del versamento delle somme dovute. Per notificare la sentenza ai fini della decorrenza del termine breve, ci si può avvalere delle stesse modalità previste per gli altri atti del processo tributario.

Disegnato il calendario della maggiorazione Ires nel settore energetico. La nuova misura dell’addizionale pari al 6,5% si applica a partire dal 2010. Prevista, inoltre, un’esclusione limitata per i produttori di energia verde. Non subiscono, infatti, l’aumento del 6,5% le sole imprese che producono energia da fonti rinnovabili come il solare, l’eolica e le biomasse. Restano coinvolti i produttori di energia idroelettrica e geotermica. La nuova misura del 6,5% trova applicazione a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 15 agosto 2009 (quindi, dal 2010 per i soggetti senza esercizio a cavallo). L’addizionale Ires si applica alle società che si dedicano prevalentemente ad attività legate alla ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi; raffinazione del petrolio e alla produzione o commercializzazione deiderivati del petrolio o gas naturali, così come allaproduzione o commercializzazione di energia elettrica. Rientrano anche coloro che operano nel commercio all’ingrosso o al dettaglio di prodotti petroliferi e chi produce o commercializza gli oli rigenerati. L’incremento dell’Ires scatta solo se questi contribuentinell’annod’impostaprecedente hanno raggiunto un valore d’affari sopra i 25 milioni di euro. PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


16

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

APPROFONDIMENTI

Lavori di manutenzione straordinaria S.p. n. 256 (SS 648 di Montescuro); SS.PP. 223-256 (Spezzano della Sila-Spezzano della Sila Scalo); S.P. (Camigliatello-Moccone) Ente Appaltante: Provincia di Cosenza

che si avvale di requisiti.

Scadenza: 05.07.2010

5)Termine per l’esecuzione dei lavori: Il termine per l’ultimazione dei lavori è fissato nel capitolato speciale d’appalto.

Contatti: 0984/814641 1)Natura dei lavori: Il presente bando ha per oggetto lavori stradali. Categoria prevalente dei lavori: OG3 classifica II per un importo di 339.852,38. Sono previste le seguenti lavorazioni scorporabili -subappaltabili : categoria OS12 Classifica I per un importo di 195.417,00 2)Ccriterio di aggiudicazione: La gara sarà aggiudicata, ai sensi degli artt. n° 82 comma 2 lettera a) e n° 86 del D.lgs. n° 163 del 12/04/2006 e ss.mm.ii., con il criterio del prezzo più basso, inferiore a quello posto a base di gara, da determinarsi mediante ribasso sull’elenco prezzi. 3)Forma del contratto: Il contratto sarà stipulato in forma pubblica - amministrativa Sono a carico dell’Impresa aggiudicataria le spese di contratto e tutti gli oneri connessi alla relativa stipula compresi quelli tributari. 4)Requisiti di partecipazione: Per partecipare alla gara i concorrenti devono essere in possesso di attestazione di qualificazione, rilasciata da una SOA regolarmente autorizzata, per categoria corrispondente e classifica; Per i Raggruppamenti temporanei di imprese e per i Consorzi di tipo orizzontale, ai sensi della vigente normativa,i requisiti economici e tecnici devono essere posseduti dalla mandataria o da una impresa consorziata nella misura minima del 40%; la restante percentuale deve essere posseduta cumulativamente dalle mandanti o dalle altre imprese consorziate ciascuna nella misura minima del 10% di quanto richiesto all’intero Raggruppamento o Consorzio. L’impresa mandataria in ogni caso deve possedere i requisiti in misura maggioritaria, ferma restando l’applicabilità dell’art. 95, comma 4 del D.P.R. 554/99; Per i Raggruppamenti temporanei di Imprese e per i Consorzi di tipo verticale, ai sensi della vigente normativa, i requisiti economici e tecnici devono essere posseduti dalla mandataria per i lavori della categoria prevalente e per il relativo importo; per i lavori scorporati, ciascuna mandante deve possedere i requisiti previsti per l’importo della categoria dei lavori che intende assumere e nella misura indicata per il concorrente singolo; Qualora le Imprese mandanti partecipino ai sensi dell’art. 95, comma 4 del D.P.R. 554/99, le stesse devono presentare con i documenti amministrativi, anche una dichiarazione con la quale si impegnano ad eseguire complessivamente lavori entro il limite massimo del 20% dell’importo complessivo dei lavori e che l’importo dei lavori che sarà affidato ad esse non supererà l’ammontare complessivo delle qualificazioni possedute da ciascuna mandante;Il concorrente può avvalersi di una sola Impresa ausiliaria per ciascuna categoria diqualificazione. Il concorrente e l’Impresa ausiliaria sono responsabili in solido nei confronti della stazione appaltante in relazione alle prestazioni oggetto del contratto. Non è consentito, a pena di esclusione, che della stessa impresa ausiliaria si avvalga più di un concorrente, e che partecipino alla gara sia l’impresa ausiliaria che quella

6) Elaborati di gara e progettuali: Il capitolato speciale d’appalto ed i documenti complementari possono essere visionati presso l’Ufficio Viabilità Amministrativa -Viale Crati-Vaglio Lise, telefono 0984/814590. Copia dei suddetti documenti può essere richiesta e ritirata presso l’eliografia "Sirangelo",sita in via Alimena (Cs) , l’eliografia "Gatto", sita in Via degli stadi (Cs) e l’eliografia "Ruffolo", via Livenza n° 14 - Cosenza- ,l’Eliografia "Eliograf",via XXIV Maggio n.5-Cosenza-. Gli atti relativi al progetto dell’opera sono depositati presso il Settore Viabilità della Provincia di Cosenza-Viale Crati-Vaglio Lise 87100 Cosenza, dove potranno essere visionati nei giorni di lunedì e mercoledì dalle ore 10:00 alle ore 12:00 e nel giorno di giovedì dalle ore 16:00 alle ore 17:00. Il bando di gara ed ogni documento complementare saranno pubblicati all’Albo Pretorio dell’Ente, e sul sito ufficiale della Provincia di Cosenza. Gli elaborati progettuali ed i documenti suindicati potranno essere acquisiti/visionati da parte di soggetto munito di apposita delega rilasciata dal legale rappresentante del Concorrente o, comunque, da soggetto munito di idonei poteri. Il delegato dovrà produrre copia fotostatica di un valido documento di identità sia proprio sia del delegante. E’obbligo e responsabilità del Concorrente verificare l’esatta corrispondenza della copia acquistata con i documenti di gara posti in visione. E’ obbligatoria la presa visione del progetto accertata dall’Ufficio Amministrativo del Settore Viabilità. 7) Modalità di presentazione dell’offerta: L’offerta, in bollo, redatta in lingua italiana, deve contenere l’indicazione, in cifra ed in lettere, del ribasso percentuale offerto (che in ogni caso non dovrà essere composto da più di tre cifre decimali), essere sottoscritta dal titolare o dal legale rappresentante della ditta concorrente e non presentare correzioni che non siano dal medesimo espressamente confermate e sottoscritte; nel caso di concorrente costituito da associazione temporanea o consorzio non ancora costituiti l’offerta deve essere sottoscritta da tutti i soggetti che costituiranno la predetta associazione o consorzio. La dichiarazione dell’offerta dovrà poi essere richiusa in apposita busta sull’esterno della quale deve essere riportata la scritta: Offerta per la gara relativa ai lavori di Oggetto lavori Codice Gara: Codice Gara, ed il nominativo della ditta concorrente. 8) Data di svolgimento della gara: La gara sarà esperita in una sala della sede della Provincia in Viale Crati-Vaglio Lise , aperta al pubblico, il giorno 09.07.2010 con inizio alle ore 15,30 per l’esame della documentazione presentata dai concorrenti a corredo delle loro offerte per le determinazione della commissione di gara in merito all’ammissione dei concorrenti alla gara medesima. La gara proseguirà poi, per tutti gli ulteriori adempimenti relativi alla determinazione del soggetto provvisoriamente aggiudicatario dei lavori.

Il testo integrale del bando è disponibile su www.regione.calabria.it nella sezione "Bandi e avvisi di gara" alla voce "Regione Calabria"


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 17

ENTI LOCALI & PA

di Sofia Ricciardi

Inps: è online la situazione contributiva Ieri, l’Inps ha cominciato a inviare più di 20 milioni di lettere con altrettanti estratti conto previdenziali a tutti i lavoratori dipendenti che hanno svolto la loro attività tra il 1° gennaio 2005 e il 31 dicembre 2009. Accedendo al sito dell’istituto, infatti, ciascun lavoratore (in possesso di pin telematico o della carta nazionale dei servizi) potrà conoscere immediatamente e in relazione ad ogni singolo datore di lavoro, l’ammontare delle trattenute per ciascuna annualità. Per le richieste, l’Inps ha attivato un numero verde 803 164.

Il ministro per la Pubblica amministrazione e l’innovazione Renato Brunetta, il Presidente di Confartigianato Giorgio Guerrini e l’amministratore delegato di Telecom Italia Franco Bernabè hanno annunciato a Palazzo Vidoni di aver siglato, ieri, un accordo che consentirà agli imprenditori associati di attivare e utilizzare gratuitamente sino alla fine del 2011 il servizio di Posta elettronica certificata. L’iniziativa L’obiettivo dell’accordo è dare un siriguarderà i gnificativo impulso circa 700.000 alprocessodiinformatizzazione delle imprenditori piccole e medie imprese artigiane, associati a processo ancora Confartigianato agli albori a dire la verità, attraverso l’adozione della Pec, uno strumento che, se implementato nelle aziende e utilizzato in maniera sistematica, dovrebbe consentire una notevole semplificazione dei processi gestionali e contribuire all’incremento dell’efficienza nelle attività d’impresa attraverso la dotazione

Imprese artigiane: Pec gratuita per tutto il 2011

dei nuovi strumenti informatici. In particolare, l’iniziativa consentirà ai circa 700.000 imprenditori associati a Confartigianato di attivare e utilizzare gratuitamente fino al 31 dicembre 2011 Certific@ di Impresa Semplice di Telecom Italia, l’innovativo servizio di Posta elettronica certificata che garantisce valore legale alle comunicazioni via e-mail, che andranno a sostituire quelle cartacee. La Pec Certific@ sarà immediatamente

disponibile attraverso una semplice procedura di attivazione e consentirà di agevolare le relazioni tra le imprese e gli uffici delle amministrazioni sul territorio regionale e quelle a livello nazionale. Sempre in base all’accordo, gli associati potranno inoltre dotarsi - a condizioni particolarmente vantaggiose - degli strumenti e servizi informatici previsti dall’offerta PC Tuttocompreso di Impresa Semplice.

I tagli della manovra saranno "equi" I sacrifici che gli enti territoriali dovranno compiere dipenderanno dal livello di virtuosità, dallo stato di salute dei conti della sanità e dal rispetto o meno del patto di stabilità. A sostenerlo è Giancarlo Giorgetti, presidente della commissione bilancio di Montecitorio, per il quale la manovra correttiva varata dal governo ripartirà in modo equo i tagli previsti. Secondo Giorgetti, inoltre, è in arrivo il decreto attuativo del federalismo fiscale che riguarderà l’autonomia impositiva degli enti locali.

"Mettiamoci la faccia": 1300 le sportelli con "emoticons" di Giulia Cervicato Ieri mattina a Roma, nella cornice del Tempio di Adriano, si sono aperti i lavori della seconda convention di "Mettiamoci la faccia", dal titolo "Misurare la soddisfazione dei cittadini: come utilizzare un sistema di rilevazione semplice e continuo". Oltre che dei nuovi protocolli d’intesa siglati con alcuni sindaci, si è fatto il punto della situazione della sperimentazione avviata ormai 15 mesi fà: sono infatti sensiI servizi più bilmente cresciuti le adesioni delle monitorati amministrazioni,la sono quelli in partecipazione dei cittadini, la soddimateria di sfazione dei clienti, l’utilizzo da parte lavoro e delle amministraprevidenza zioni dei feed-back raccolti per il miglioramento dei servizi e la progressiva estensione della rilevazione ad altri canali e servizi. Le pubbliche amministrazioni che hanno aderito al progetto sono arrivate a quota 170. Significativa la crescita registrata dall’inizio del 2010: gli uffici aperti al pubblico dotati di "faccine" sono più che raddoppiati (passando dai 162 del mese di dicembre 2009 agli attuali

Appalti: l’Authority lancia l’allarme corruzione nella pubblica amministrazione

350) mentre gli sportelli con le ‘faccine’ sono ormai 1.300 (+4% rispetto al mese di aprile). Per quanto concerne la diffusione territoriale, il maggior numero di sedi e sportelli si concentra nel Nord (173 sedi e 694 sportelli), mentre i servizi maggiormente monitorati sono risultati quelli legati al rilascio di certificati e documenti e quelli in materia di lavoro e previdenza sociale. Inoltre, sull’intero territorio nazionale, sono sottoposti a valutazione tramite emoticon anche più di 40 servizi web e circa 15 servizi telefonici. Anche l’adesione dei cittadini non è mancata: solo negli ultimi tre mesi è stato raccolto oltre un milione di giudizi

espressi. Nel solo mese di maggio i giudizi espressi si sono avvicinati alla soglia dei 400mila (nuovo record mensile), portando le valutazioni complessive a sfiorare i 3 milioni. I tassi di partecipazione si mantengono significativi. Per i servizi di sportello, la partecipazione più alta si registra al Sud e nelle Isole, dove vota quasi un cliente della Pa su 4. Infine, il dato complessivo relativo al gradimento registra nel mese di maggio una crescita dell’1% dei giudizi positivi rispetto al periodo precedente. Le faccine verdi continuano ad essere largamente prevalenti in tutti i canali (91% per gli sportelli, 77% per il telefono, 78% per il web).

Appalti a rischio nella pubblica amministrazione. L’allarme corruzione è stato lanciato, ieri, dal presidente dell’Autoritàdivigilanza sui contratti pubblici, Luigi Gianpaolino, nella relazione annuale al Parlamento che fà il bilancio dell’attività svolta nel 2009. Il problema non è da sottovalutare poiché è legato a doppio filo con la proliferazione della criminalità organizzata e con le attività di riciclaggio di denaro. «Il mancato rispetto delle regole e la presenza radicata e diffusa della corruzione - ha detto - è causa di una profonda e sleale alterazione delle condizioni concorrenziali che può contribuire ad annientare le imprese oneste, costringendo-

le ad uscire dal mercato». Da qui, ha sottolineato Gianpaolino, «l’insorgere,all’internodella pubblica amministrazione, di gravi episodi di corruzioneedillegalità», che che si sono rivelati con «una ciclicità preoccupante». L’impegno «decisoacontrastareogni forma di corruzione nella pubblica amministrazionecostituisceuna priorità per l’Autorità, nata proprio sull’onda della reazione ad analoghe vicende», cioè Tangentopoli. Una pubblica amministrazione efficiente e pulita è condizione necessaria per lo sviluppo dell’economia nel territorio. Oltre alle concessioni falsate di appalti per fornitura di beni e servizi preoccupano anche i ritardi dei pagamenti alle imprese.


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 19

POLITICA NAZIONALE

Manovra: con l’esame degli emendamenti possibile revisione dei tagli

ROMA – Mentre inizia in commissione Bilancio del Senato l’esame degli emendamenti alla manovra correttiva, maggioranza e governo sono al lavoro per verificare i margini di revisione dei tagli agli enti locali e alle Regioni e capire se è possibile allegerire i sacrifici che le amministrazioni locali sono chiamate a compiere da qui a tre anni. La Lega chiede di rimodulare la riduzione degli stanziamenti premiando le Regioni virtuose, e già arrivano primi segnali di apertura dal fronte governativo. «Bisogna valutare nel merito, fermo restando che i saldi nondevonocambiare»,commentail sottosegretario al Tesoro Luigi Casero sulla stessa linea di Giancarlo Giorgetti, presidente della commissione Bilancio di Montecitorio, il quale aveva assicurato equità nella

pianificazione dei tagli. Le Regioni hanno giudicato iniqua e incostituzionale la manovra, che le colpisce con 4 miliardi nel 2011 e 4,5 sia nel 2012 sia nel 2013. Le risposte probabilamente arriveranno oggi, quando alle 17,00 il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, si incontrerà nuovamente con le Regioni. Altro punto critico è l’articolo 45 che abolizione l’obbligo per il Gse di riacquistare i certificati verdi. Il sottosegretario allo Sviluppo Stefano Saglia ribadisce la sua contrarietà alla misura. Ieri in Commissione si è chiusa la discussione generale sulla manovra con le repliche di relatore e governo. Il presidente della commissione e relatore, Antonio Azzollini, non ha confermato l’ipotesi che il governo possa presentare un maxiemenda-

mento, limitandosi a dire che «è presto per parlarne». La commissione dovrà licenziare la manovra entro il primo luglio. L’esame in aula si chiuderà il 9 luglio, poi la manovra passerà alla Camera in seconda lettura.

Intercettazioni in dirittura... e il Milan tornerà a vincere Il presidente del Consiglio a tutto campo in un’intervista al settimanale Oggi di Daniele Tosatti ROMA - La legge sulle intercettazioni, i rapporti con Gianfranco Fini, gli attacchi dei giornali di Carlo De Benedetti, l’amarezza per l’"inutile polemica" di Indro Montanelli dopo la sua discesa in campo e il suo Milan, sicuro che "tornerà a vincere". Questi alcuni dei temi affrontati dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in un’intervista al settimanale Oggi che potrete travare proprio da oggi in edicola. Il premier si dice «certo che la stragrande maggioranza degli italiani è d’accordo con me sull’assoluta necessità della legge sulle intercettazioni, che "ormai è in dirittura d’arrivo". Quando sarà approvata, osserva, «il nostro Paese sarà davvero più europeo, più civile e più moderno». L’obiettivo della legge, spiega Berlusconi nell’intervista, è «porre fine a un sistema di abusi che in tanti anni ha di fatto can«Credo che il cellato il nostro dirittoallaprivacy», traguardo del Pdl una situazione frutsia stato anche per to di «una cultura giustizialistacheaclui (Fini)un comuna una piccola lobby di pm potraguardo storico liticizzati e la lobby irreversibile, per il dei giornalisti, che invece di fare le inquale valeva e vale chieste sul campo fare la pena spendere le preferiscono del ’copia e incolla’ sui fascicoli delle migliori energie» procure che contengono le intercettazioni, anche quelle dove emergono solo fatti privati». «Nulla a che vedere né con la cosiddetta Casta né con le indagini serie contro i delinquenti o la criminalità organizzata. Le regole sulle intercettazioni contro la

mafia e tutte le altre organizzazioni del crimine organizzato - assicura il premier - resteranno infatti in vigore come prima». La legge in via di approvazione rappresenta «un giusto equilibrio fra le esigenze della tutela della privacy e quelle della lotta contro il crimine e la tutela della legalità». Quanto ai rapporti con il presidente della Camera, Berlusconi ribadisce quanto già affermato altre volte: «Per fare la pace,

50

I milioni di euro che dovrebbe mettere sul tavolo ogni anno un aspirante acquirente del Milan

prima ci deve essere una guerra. Io non sono mai stato in guerra con nessuno, e litigare è cosa estranea al mio Dna. Anzi, dico sempre che mi faccio concavo o convesso a seconda dell’interlocutore, pur di far sempre prevalere il dialogo, il confronto amichevole». E questo, precisa il premier, «vale anche per i rapporti» con Fini. Riguardo il dibattito interno al Pdl, osserva che in un grande partito può anche accadere che vi siano opinioni diverse», ma poi «si vota e alla fine la decisione che raccoglie il maggior numero di voti deve valere per tutti». Una regola, ricorda il Cavaliere, «in vigore fin dal primo giorno, tanto è vero che io stesso ho dovuto subirla in diverse occasioni», e che Fini «non ha mai contestato». «Se si stabilisce questo metodo democratico, senza strappi, senza inutili provocazioni quotidiane, senza uno stillicidio di polemiche continue - conclude quindi Berlusconi - allora potremo portare a compimento con successo quella felice

intuizione che oltre dieci anni fa discussi con l’indimenticabile Tatarella». Il premier non crede in ogni caso che Fini lascerà il partito: «Credo che il traguardo del Pdl sia stato anche per lui un traguardo storico irreversibile, per il quale valeva e vale la pena spendere le nostre migliori energie politiche. Non posso perciò credere che si voglia mettere in discussione questo risultato. Sarebbe una enorme delusione innanzitutto per i nostri elettori. Il nostro popolo, il Popolo della libertà non lo capirebbe». Carlo De Benedetti si dice "deluso" dal Pd e «sostiene che i suoi dirigenti non valgono nulla», eppure, lamenta Berlusconi, «i suoi giornali continuano ad appoggiare la sinistra postcomunista e a rovesciarmi addosso, tutti i giorni, di tutto e di più». Per quanto riguarda l’annunciata vendita del quotidiano Il Giornale , il premier smentisce di occuparsene direttamente: «Il suo futuro non dipende da me. Sarà mio fratello a scegliere la soluzione più idonea. So che ci sta lavorando e sono certo che farà la scelta migliore». Il Cavaliere confida a Oggi di non essersi mai pentito di «aver salvato, in quegli anni, un quotidiano che era una bandiera, la sola bandiera della libertà in Italia», ma "proprio per questo" si è sentito «ferito dolorosamente» dalla scelta di Montanelli, che quando scese in politica non espresse a suo avviso «un legittimo dissenso, ma una inutile polemica, immemore del suo passato di protagonista della libertà». E infine un po’ di distensione - dopo tanta politica,tante reminiscenze e tante considerazioni - e quindi non poteva mancare il Milan. Berlusconi è ottimista sul futuro del suo Milan e sembra smentire le voci su una possibile vendita della società: «Intanto bisognerebbe capire se ci sarebbe qualcuno, vero appassionato del Milan, disposto a investire più di quei 50 milioni di euro l’anno che ci mette la mia famiglia. Il Milan è la squadra che ha vinto più trofei al mondo, più del mitico Real Madrid di Bernabeu... E io, grazie al Milan, sono il presidente che ha vinto di più nella storia del calcio. Il secondo è proprio Bernabeu che ha vinto meno della metà dei miei trofei. Il Milan - si dice certo - tornerà grandissimo e vincente, e lo farà molto presto».


20

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

SPECIALE

ORA SI CAMBIA

Lippi prova il 4-3-3 CENTURION - Lippi lo sperimentatore ne fa un’altra delle sue. Dopo il 4-4-2 e il 4-2-3-1 adesso è la volta del 4-3-3. A poche ore da match contro la Slovacchia, l’Italia prova a cambiare schema. Basterà per evitare figuracce sullo stile della Nuova Zelanda? Pirlo, intanto, ha svolto l’allenamento in gruppo ha partecipato a tutta la seduta senza apparente difficoltà. Fisicamente sembra a posto, ma questo non vuol dire per forza che giocherà, perché la forma non può certo essere quella ottimale, e domani c’è una partita dentro-fuori da giocare. Tra i primi a pagare, secondo quanto scrive La Gazzetta dello Sport , ci sarebbe l’attaccante della Fiorentina Alberto Gilardino, apparso oggettivamente fuori condizione nelle prime apparizioni. Insieme a lui dovrebbe essere escluso anche lo juventino Marchisio seguito, in ordine di rischio da Iaquinta, Pepe e Criscito. Molto dipenderà anche dal modulo che Lippi sceglierà. Non dovrebbe essere in dubbio invece il capitano della Fiorentina Riccardo Montolivo, migliore in campo nel match contro la Nuova Zelanda. Anche perchè Pirlononsembraancorapronto.

Out Alberto Gilardino, apparso oggettivamente fuori condizione. Insieme a lui dovrebbe essere escluso anche lo juventino Marchisio seguito, in ordine di rischio da Iaquinta, Pepe e Criscito


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 21

SPECIALE

GATTUSO SCALPITA

Cuore calabrese CENTURION - E siamo dunque alle ipotesi sulla formazione da schierare in campo contro la Slovacchia. Marcello Lippi potrebbe ridisegnare nuovamente l’undici dell’Italia con Gattuso che potrebbe sostituire Marchisio, Chiellini spostato in difesa a sinistra e la coppia centrale inedita formata da Bonucci e Cannavaro. Per quel che riguarda l’attacco, Gilardino potrebbe restare fuori e Lippi potrebbe puntare su Fabio Quagliarella fin dal primo minuto accanto a Di Natale schierato come centravanti di movimento. Due giorni ancora per decidere quale formazione mandare in campo per Italia-Slovacchia e tentare il tutto per tutto. Secondo altre indiscrezioni, più clamorose, il ct potrebbe decidere di stupire rispolverando il 3-4-3 visto nell’amichevole contro il Camerun, con l’inserimento di Bonucci in difesa nella speranza di non soffrire più sui palloni aerei. Sulle fasce agirebbero il confermatissimo Zambrotta (tra i migliori contro la Nuova Zelanda) e Maggio, che sembra ormai aver scalzato Criscito. Il tutto in attesa di Pirlo. Insomma, gli Azzurri propongono l’idea di un cantiere aperto.

Marcello Lippi potrebbe ridisegnare nuovamente l’undici dell’Italia con Gattuso che potrebbe sostituire Marchisio e Chiellini spostato in difesa a sinistra


22

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

BANCHE

GB, il cancelliere Osborne bastona le banche: 2 miliardi Una tassa straordinaria nel nuovo budget «per non finire come la Grecia»: colpirà gli istituti inglesi o che operano nel Paese. Tagli per 30 miliardi e nuove tasse per altri 15 di Carlo Bassi "Severa ma giusta". Così il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, ha definito il Budget, la Finanziaria che il governo britannico è pronto a varare. I tagli alle spese per circa 30 miliardi di sterline, accompagnati da un aumento delle tasse per circa 15 miliardi, sono stati definiti «i più duri dalla Seconda guerra mondiale». Il cancelliere, tuttavia, ha sottolineato che i provvedimenti adottati includono anche una riduzione delle tasse di 200 sterline l’anno per venti milioni di inglesi sotto una certa soglia di reddito, nonché l’esclusione totale dall’imposta sul reddito per gli 850 mila cittadini più poveri. Questi sgravi non fanno comunque dimenticare il carattere di assoluta austerity della Finanziaria targata lib-tory (definita"controversa"persinodal vice premier Nick Clegg), che in cinque anni dovrebbe consentire di raccogliere - tra risparmi e proventi dell’imposizione fiscale - circa l’8 per cento del Prodotto interno lordo attuale. Si tratta di misureindispensabilisecondoilgoverno, anche per mantenere quel "triplo A" dalle agenzie di rating che garantisce la fiducia dei mer-

cati. Il rischio, tuttavia, secondo alcuni osservatori tra i quali gli esperti del Wall Street Journal e della Bbc, è che la manovra di Osborne punti troppo su riforme strutturali, come quelle del Welfare e delle pensioni, utili a lungo termine ma forse rischiose nel breve periodo. Inevitabili appaiono poi i conflitti sociali. In un Paese dove - come ricorda il WSJ - quasi metà dei posti di lavoro dipende direttamente o indirettamente dal governo, tagli così pesanti potrebbero risultare insopportabili ad ampie fasce della popolazione. Il primo bersaglio dell’ "ascia di Osborne" è il settore pubblico, dove i lavoratori che guadagnano oltre 18 mila sterline l’anno avranno congelato ogni possibile aumento salariale. Previsti anche

pesanti tagli al Welfare, quindi a tutto il sistema di sussidi che tradizionalmente costituisce una garanzia per le fasce più povere della popolazione del Regno Unito. Ma non saranno esentate da L’Iva subirà poi un sacrifici le banche, che aumento dal 17,5 al subiranno 20 per cento, una aumenti dell’imposta misura che secondo i suiguadagni, lecompagnie sindacati finirà per aeree, il cui colpire il reddito fisso sistema contributivosarà modificato, così come le grandi imprese e altri settori generalmente considerati privilegiati. L’Iva subirà poi un aumento dal 17,5 al 20 per cento, una misura che secondo i sindacati finirà per essere pagata soprattutto dai consumatori a reddito fisso. La dura Finanziaria di Osborne non va nella direzione richiesta da Barack Obama nella lettera recentemente inviata ai leader del G20. Il presidente degli Stati Uniti aveva invitato i vari paesi a non ritirare troppo precipitosamente le misure di stimolo adottate dopo l’inizio della crisi, anche per il ri-

Osborne: il riassetto dell’intero sistema finanziario. E chiude l’Ufficio euro... LONDRA - Il ministro delle Finanze britannico, George Osborne ha confermato ieri di aver avviato la riorganizzazione del sistema finanziario del Regno Unito. Secondo Osborne l’attuale sisteCon un sorriso ha ma tripartito, formato aggiunto: «Ebbene sì, dalla Banca d’Inghilterra, dalla Fsa e dal Tesoavevamo un ufficio del ro, ha "spettacolarmengenere. Ora gli faremo fare te" fallito nel corso della crisi finanziaria. qualcosa di più IlcancellieredelloScacchiere ha nominato l’ex proficuo» capo economista della Bank of England, Sir John Vickers a presidiare la commissione che dovrà ridisegna-

La vissuta valigetta del Budget: da qui arrivano le stangate

re il futuro del sistema finanziario. «Il sistema tripartito - ha detto Osborne ha fallito spettacolarmente la sua missione di assicurare la stabilità dei mercati finanziari». «L’intesa di coalizione - ha aggiunto - ci impegna a riformare il sistema di regolamentazione dei servizi finanziari per evitare che si ripeta la crisi finanziaria e questo è esattamente quello che faremo». Alla Boe verrà assegnata la supervisione della regolamentazione micro-prudenziale. Secondo quanto riporta la stampa Osborne annuncerà un ridimensionamento del ruolo della Fsa, l’autorità di controllo del sistema finanziario, la quale manterr la supervisione individuale sulle banche, ma dovrà rispondere alla Banca d’Inghilterra sui rischi per l’economia. Osborne quando era all’opposizione ha parlato di abolizione della Fsa. Il cancelliere ha anche annunciato che il Regno Unito non entrerà nell’euro, almeno quest’anno: e quindi ha chiuso l’apposito ufficio che studiava un eventuale passaggio alla moneta unica. Con un sorriso ha aggiunto: «Ebbene sì, avevamo un ufficio del genere. Ora gli faremo fare qualcosa di più proficuo». Cab

Ma all’Italia non piace La tassa banche viene confermata da Londra Parigi e Berlino insieme LONDRA - La prima notizia l’ha data alla Camera dei comuni il cancelliere dello Scacchiere George Osborne: poco dopo, un comunicato congiunto di Londra, Parigi e Berlino confermava la notizia: i tre Paesi hanno deciso di procedere con l’imposizione di una tassa sugli istituti bancari dei tre Paesi. In altre parole, i principali Paesi dell’Unione europea, dopo l’approvazione della misura nell’ambito del Consiglio europeo, fanno fronte comune per introdurre una forma di tassazione specifica sugli istituti di credito che venga adottata anche dal

Ma a Berlusconi la tassa non piace

G-20 che si terrà a fine settimana in Canada. Gran Bretagna, Francia e Germania hanno reso noto un documento comune con cui annunciano la prossima entrata in vigore nei loro Paesi di una nuova tassa sulle banche. «I governi di Francia, Gran Bretagna e Germania - si legge nel comunicato congiunto - propongono l’introduzione di una tassa sulle banche basata sui bilanci deAl ministro canadese gli stessi istituti». Stephen Harper, il padrone In un’altra iniziativa collegata, Francia e Germania hanno ridi casa del vertice di badito la loro richiesta di troun accordo internaToronto del 26 e 27 giugno vare zionale in vista della prossima riunione del G20 in prolo chiedono la Merkel gramma a Toronto, per introe Nicolas Sarkozy durre una tassa o un prelievo sulle banche e per tassare le transazioni finanziarie. Lo hanno scritto in una lettera al primo ministro canadese Stephen Harper, il padrone di casa del vertice a Toronto del 26 e 27 giugno, il cancelliere tedesco, Angela Merkel, e il presidente francese Nicolas Sarkozy.


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 23

ECONOMIA NAZIONALE

Poverini: scesi a 178mila i milionari in euro italiani

MILANO - È cresciuto il numero dei super ricchi in Italia nel 2009, anche se i livelli precrisi restano lontani. Lo rivela il World wealth report 2010 di Merrill Lynch Wealth Management e Cap Gemini, condotto su 1.160 operatori del private banking che rappresentano circa 95mila clienti in 71 paesi. A dispetto del -5,1% in termini reali del Pil 2009, il numero degli italiani con un patrimonio netto di almeno un milione di dollari ammontava a 178.800, +9,2 per cento rispetto ai 163.700 dell’annus horribilis 2008. I numero sono tuttavia ancora lontani dai 207mila del 2007. L’Italia si conferma al nono posto mondiale nella classifica dei super ricchi, sempre dominata dal trio Usa-Giappone-Germania,chedasole continuano a ospitare oltre la

metà dei paperoni sparsi per il mondo. Unica novità in classifica, l’anno scorso, il sorpasso del Brasile, in decima posizione, da parte dell’Australia. Tornando al nostro Paese, «a buon senso possiamo immaginare che una quota significativa dei nuovi ricchi sia rappresentata da un parziale recupero delle posizioni perse l’anno precedente» commenta Ettorina Schiaffonati,vicepresidentfinancial service di Cap Gemini Italia. Tra gli elementi che hanno sostenuto la crescita dei patrimoni, il rapporto individua fondamentalmente l’aumento del 25,6 per cento della capitalizzazione del mercato di Borsa Italiana, cui si aggiunge la discesa dei tassi interbancari, il calo dell’inflazione e l’aumento delle quotazioni immobiliari nella prima

parte dell’anno. Elementi che hanno controbilanciato, oltre alla contrazione del pil, la discesa dell’export italiano (-25,6 per cento) e il calo della produzione industriale (-17,5 per cento). L’Italia resta penalizzata nel confronto con l’Europa, dove il numero dei super-ricchi è cresciuto del 12,5 per cento nel 2009.

Pomigliano: l’ora della verità sul futuro dello stabilimento Nella notte i risultati che decidono il futuro di 5mila operai, più 15mila di indotto di Valentina Lavalle ROMA - Nella giornata di ieri urne aperte nello stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco, e nel distaccamento per la logistica di Nola, i cui 5.133 lavoratori sono stati chiamati a rispondere al quesito: «sei favorevole all’ipotesi di accordo del 15 giugno 2010 sul progetto "futura Panda" a Pomigliano?». Sono stati aperti alle 8 i seggi per i dipendenti che hanno potuto votare fino alle 21 con i risultati attesi intorno alle 23. Alle 14 avevano già votato 2.569 lavoratori, ossia il 52% degli aventi diritto, ha comunicato il segretario generale della Uilm Campania Giovanni Sgambati. "La percentuale di voto degli operai finora è molto alta, si attesta al 95-96% - spiega Sgambati - i lavoratori iscritti al libro matricola sono 4870". Bassa, sottolinea Sgambati, la percentuale di assenteismo: "Al primo turno abbiamo registrato un 2,5%". Da un’indagine compiuta dai Cobas su 1200 lavoratori (una sorta di Da un’indagine exit poll) emerge che avrebbe votato compiuta dai ’sì’ finora il 60 per cento dei dipenCobas su 1200 denti, e ’no’ il 40. lavoratori (una Le operazioni di voto si svolgono sorta di exit poll) con qualche contestazione. In partiemergeva che colare i Cobas hanavrebbe votato ’sì’ noaccusatodiversi il 60 per cento dei dipendenti di aver fotografato la schedipendenti da, e hanno imposto che si entri senza cellulare, per evitare che continui a succedere. L’accordo in questione è quello firmato lo scorso 15 giugno, appunto, dall’ad Marchionne con i sindacati di categoria Fim (Federazione italiana metalmeccanici), Uilm (Unione italiana lavoratori metal-

meccanici),Fsmic(Sindacatometalmeccanici) e Ugl (Unione generale del lavoro). La proposta del Lingotto prevede un investimento di 700 milioni per riconvertire lo stabilimento, ma in cambio esige certezze in merito all’effettiva operatività dello stabilimento. Il che, in concreto, si traduce in uno stop definitivo all’assenteismo dilagante. Articolazione dunque su 3 turni inclusi sabato e domenica e sanzioni in caso di assenteismo o sciopero nei giorni in cui sono previsti gli

95% L’affluenza alle urne secondo gli ultimi calcoli disponibili

straordinari obbligatori. Il tutto al fine di legali contro il referendum considerato assicurare una produttività ai livelli degli illegittimo. Una simile distanza di posialtri stabilimenti aziendali concorrenti, zioni aveva suscitato lo sconforto di Serprimi tra tutti quelli polacchi. Per ottene- gio Marchionne che era arrivato a dicre un simile risultato la Fiat hiarare: «La soluzione sa che deve poter contare facile sarebbe quella Sergio D’Antoni, ex più sull’adesione effettiva dei di smantellare tutto e ansoggetti interessati. I segretario generale darsene fuori. Si cerchi lavoratori di Pomigliano di non abusare delle sono pertanto chiamati ad della Cisl oggi buone intenzioni». Ma esprimere non solo un pail monito deputato Pd, si era nonostante rere favorevole all’accordo dell’ad al Lingotto sanno quanto piuttosto una reale dichiarato convinto che decidere di non procondivisione di quello che durre più la Panda in Itadovrà essere il "Piano che «il sì a lia vorrebbe dire destinaNuova Panda". Risultato, alla chiusura, oltre a Pomigliano renderà re quello auspicato dalla soTermini Imerese, anche cietà torinese, che non può anche più facile il lostabilimentocampano, quindi non risentire negatie una soluzione simile avvamente dell’opposizione tavolo su Termini» rebbe gravissime consedella Fiom ( Federazione guenze sociali per 5000 impiegati operai metallurfamiglie di dipendenti e gici), che non solo non ha firmato l’ac- ripercussioni su l’indotto per 15mila poscordo, ritenuto incostituzionale, ma mi- ti di lavoro. A Torino intanto si stanno naccia addirittura di ricorrere ad azioni elaborando anche altre ipotesi, da valutare nel caso in cui il referendum di ieri non rappresenti, com’è probabile, la definitiva soluzione della "questione Pomigliano". Alla vigilia del referendum fra i lavoratori Fiat di Pomigliano d’Arco, il Pd aveva ribadito un sì all’accordo, per quanto prudente e sofferto. Sergio D’Antoni, ex segretario generale della Cisl oggi deputato Pd, si era dichiarato convinto che « Il sì a Pomigliano renderà anche più facile la riapertura del tavolo con Fiat a Termini Imerese». Dello stesso avviso il capogruppo Pd al Senato, Anna Finocchiaro, che aveva dichiarato: «Per Pomigliano d’Arco e Termini Imerese dobbiamo provare a stringere ancora sull’accordo perché credo che ci sia l’assoluta necessità di salvaguardare i lavoratori e di tenere la Fiat salda in una scelta che sia di investimenti importanti sull’Italia». Posizione, quella del Pd, in contro-tendenza rispetto a quella degli altri partiti di opposizione, che dall’Idv alle varie formazioni della Sinistra radicale.


24

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

ECONOMIA INTERNAZIONALE E BORSE Per sentire gli effetti reali saranno necessari mesi: però non tutti sono ottimisti

Dopo il record, lo yuan torna in flessione: ma ci vorrà del tempo di Carlo Bassi ROMA - La Banca centrale cinese ieri ha alzato il livello della parità centrale dello yuan, il valore fissato quotidianamente dalla Pboc (People’s Bank of China) e da cui lo yuan può scostarsi con uno scarto di -0,5% e +0,5%. Il punto medio della banda di oscillazione è stato indicato a 6,7980 contro dollaro rispetto ai 6,8275 di lunedì, mentre sempre lunedì era rimasto invariato sui livelli di venerdì quindi precedenti all’annuncio su una maggior flessibilità dello yuan. La mossa dell’istituto di Pechino - si tratta del ritocco più corposo della storia alla banda di oscillazione dello yuan - ha ulteriormente convinto gli operatori del nuovo approccio (più flessibile) da parte del governo cinese al dossier valutario. In realtà, poi, sul mercato hanno prevalso i realizzi sulla moneta cinese, che si è indebolita da 6,7968 a 6,8134 contro dollaro, dopo essersi apprezzata al livello record di cinque anni fa. Ci vorrà tempo per capire bene le reali intenzioni dei cinesi dietro la clamorosa decisione annunciata a meno di una settimana dal vertice dei capi di Stato e di governo del G20 a Toronto, in programma il 26 e 27 giugno. Un provvedimento del genere era chiesto dagli Stati Uniti incessantemente da anni e il presidente Barack Obama aveva appena scritto al presidente Hu Jintao rinnovando la richiesta. Molti commentatori hanno interpretato

Nouriel Roubini teme un «effetto paradossale» della decisione cinese che comunque saluta come «il primo segnale significativo di un cambiamento»

Minsk blocca il gas verso l’Europa ma l’Italia non è a rischio

l’annuncio di Pechino come una mossa tattica, alla vigilia del G-20, per togliere dal tavolo dei grandi uno dei principali punti all’ordine del giorno. Ma si va già consolidando l’ipotesi che la decisione annunciata sabato dalla banca centrale cinese di rendere più flessibile il cambio dello yuan non porterà ad un terremoto nel mercato dei cambi. Tanto più che la stessa Banca del popolo aveva detto subito: «Non sussistono le basi per un apprezzamento su larga scala dello yuan». Il perché lo ha spiegato ieri il vice ministro del Commercio Fu Ziying: «La Cina riformerà il tasso di cambio della propria moneta in modo graduale e controllabile» e la rivalutazione dipenderà dalla situazione economica e finanziaria del Paese.Ciononostante, l’annun cio è stato accolto con soddisfazione da tutti a livello politico. Anche il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet,ha accolto con ottimismo la decisione: «Va nella giusta direzione, corrisponde all’interesse della Cina, della sua economia e all’interesse dell’economia globale» ha detto all’Europarlamento, sostenendo che si va verso la «stabilità e una maggiore prosperità a livello globale». Le parole di Trichet si aggiungono ad un comunicato congiunto con cui la Bce, insieme all’eurogruppo, aveva salutato con soddisfazione la decisione e «incoraggiato» le autorità cinesi «a dare maggiore flessibilità all’effettivo tasso di cambio del renminbi, che punti a promuovere un miglior equilibrio dell’economia in Cina e a livello globale». Di parere completamente opposto è il premio Nobel, Robert Mundell, secondo il quale il ritorno ad un cambio più flessibile della valuta cinese può erodere non solo la stabilità dell’economia cinese ma perfino di quella globale. E a proposito del presidente americano, Barak Obama, che ha accolto con soddisfazione la notizia, ha commentato: «Non è un economista». Uno dei più scettici, tra gli economisti, è Nouriel Roubini, il quale teme un «effetto paradossale» della deci-

MOSCA - La Bielorussia sta sospendendo il transito di gas dalla Russia all’Europa, dopo che Mosca ha aumentato la riduzione delle forniture a Minsk. Lo ha detto ieri ai giornalisti Alexander Lukashenko, il presidente bielorusso. L’Italia, comunque, non rischia alcun problema di fornitura dalla eventuale sospensione del flusso, ha detto la Farnesina. Lukashenko ha detto che Russia e Bielorussia rischiano una vera e propria "guerra del gas" e che non consentirà il passaggio delle forniture europee fino a quando Mosca non avrà estinto il suo debito per il transito del gas. In precedenza, Mosca aveva avvertito l’Unione europea di possibili tagli dovuti alla vertenza con Misnk, come aveva detto a Reuters il vice capo

sione cinese che comunque saluta come «il primo segnale significativo di un cambiamento della politica valutaria di Pechino». Roubini teme che la reazione sia esattamente opposta a quella che gli Stati Uniti auspicano: invece che un rafforzamento della valuta cinese ipotizza l’indebolimento dello yuan se l’euro dovesse continuare a deprezzarsi. «Lo yuan - ha detto l’economista della New York University - negli ultimi mesi si è rafforzato molto nei confronti dell’euro che era sotto pressione per i debiti sovrani della zona euro. Perciò non è scontato che si possa andare verso uno yuan più forte». In ogni caso, secondo Roubini, «anche se i cinesi consentissero un graduale apprezzamento del renminbi nei confronti del dollaro, si tratterà di una rivalutazione modesta nel corso del prossimo anno, non superiore al 3-4 per cento, dal momento che il surplus commerciale si è ridotto, la crescita in Cina sembra destinata a rallentare e la conflittualità nel mercato del lavoro resta una fonte di preoccupazione».

della delegazione Ue in Russia. «Penso che i clienti europei non siano ancora stati colpiti, ma siamo stati informati dal vice primo ministro Igor Sechin che potrebbero esserci alcune interruzioni», ha detto Michael Webb, a margine di una conferenza a Mosca. Webb ha aggiunto che l’Unione utilizzerà il meccanismo di "early warning" (allertamento rapido) al fine di ridurre l’impatto di possibili tagli. La Russia a sua volta ha ridotto le forniture alla Bielorussia del 30 per cento, e ha in programmi ulteriori tagli per domani, per costringere il suo vicino a pagare i debiti accumulati. Secondo una portavoce della Commissione europea, l’eventuale interruzione colpirebbe il 6,25 per cento del consumo Ue di gas, e riguarde-

Piazza Affari perde meno dell’1%, giorno no per le banche di Carlin MILANO - Dopo nove sedute di cui non ci si poteva proprio lamentare, Piazza Affari torna in rosso, con perdite che hanno sfiorato l’uno per cento, dopo un bel recupero nel pomeriggio che ha permesso di dimezzare le perdite, anche del due per cento al mattino. Come prevedibile le notizie che fioccavano sulle tasse straordinarie alle banche non ha aiutato i finanziari. L’indice Ftse Mib è riuscito a contenere il calo entro un meno 0,97 per cento. L’AllShare ha chiuso meno 0,86 per cento, con volumi intorno a a 2,8 miliardi di euro. Calo deciso per Intesa SanPaolo, che ha confermato le attese comunicando il rinvio dell’Ipo di Fideuram a causa delle condizioni di mercato, e Unicredit. Ca’ de Sass e Piazza Cordusio arrivano a cedere rispettivamente il 2,62% e l’1,99%, decisamente peggio del resto del settore, le cui perdite sono contenute allo 0,65%. Le due banche sono penalizzate, secondo un dealer, da "un mercato tecnico, che vede vendite sui titoli che hanno fatto meglio nelle precedenti sedute". In calo intorno al -2% anche Ubi, Monte dei Paschi di Siena e Banca popolare di Milano.

rebbe comunque, probabilmente, soltanto Lituania, Germania e Polonia. Ma Bruxelles ha detto anche che per ora non è al corrente di alcuna sospensione del transito, e che comunque si attende che i contratti vengano rispettati.

Cab


il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010 25

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI VAR. %

CHIUSURA

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

21.160,52 -0,86 20.609,03 -0,97 23.536,04 -0,41 21.814,37 -0,33 21.167,01 0,25 10.837,51 0,41

Euro

METALLI

US $

UK £

¥en

USD/on

EURO/gr

1241,95

32,42

19,05

0,499

PLATINO

1602,60

42,17

PALLADIO

498,00

13,28

1 Euro

1.0

1.2284

0.82770 111.28

ORO

1 US $

0.81360

1.0

0.67370 90.530

ARGENTO

1 UK £

1.2073

1.4842

1.0 134.37

1 ¥en

0.0089864 0.011041 0.0074409

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

A.S. Roma 0,84 -0,06 16.30.38 0,8125 0,85 A2A 1,198 -1,64 17.30.44 1,188 1,228 Acea 8,44 -0,06 17.30.55 8,40 8,475 4,0375 +1,13 12.20.19 3,985 4,0375 Acegas-Aps Acotel Group 54,50 +1,11 17.30.10 53,32 54,54 Acque Potabili 1,553 +0,52 16.30.04 1,515 1,553 Acsm-Agam 1,03 +0,98 16.30.39 0,994 1,042 Actelios 3,10 +1,64 17.30.23 2,99 3,10 Aedes 0,2067 -0,48 16.30.33 0,203 0,208 Aeffe 0,3295 -0,15 17.23.56 0,325 0,3365 Aegon 4,95 -3,13 13.45.31 4,92 4,95 Aeroporto Firenze Ageas 2,0625 -0,36 17.30.20 2,0375 2,075 Ahold Kon Aicon 0,279 -0,18 16.30.39 0,2725 0,2845 Alcatel-Lucent 2,2675 -2,05 14.33.09 2,2675 2,2775 Alerion 0,5555 +0,09 16.30.33 0,549 0,56 Allianz 83,01 +1,05 17.30.02 83,01 85,26 Amplifon 3,845 +1,18 17.30.07 3,75 3,8475 13,48 +2,35 17.30.01 13,14 13,53 Ansaldo Sts Antichi Pellettieri 0,6065 +1,93 16.30.34 0,58 0,6065 Apulia Prontop 0,3785 +2,58 16.30.05 0,364 0,3785 Arena 0,0275 -2,48 16.30.19 0,0275 0,0281 Arkimedica 0,56 -1,75 16.30.54 0,5535 0,589 Arkimedica 2012 Cv5% 99,20 +0,00 13.09.08 99,20 99,25 Ascopiave 1,58 +1,35 17.30.18 1,55 1,58 4,57 -0,97 17.30.35 4,4675 4,645 Astaldi Atlantia 15,22 -0,39 17.30.47 15,12 15,37 Autogrill Spa 10,28 +0,29 17.30.04 10,08 10,34 10,45 -0,10 17.30.34 10,30 10,57 Autostrada To-Mi Autostrade Merid 13,82 -0,29 17.02.50 13,62 13,93 Axa 7,41 7,375 -0,40 17.30.19 7,185 Azimut 91,60 +0,11 15.24.36 91,00 91,60 B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers 2,97 +3,67 16.10.11 2,865 2,97 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 105,35 -0,02 17.03.05 105,35 105,49 Banca Generali 7,94 -1,49 17.30.27 7,82 8,045 Banca Ifis 7,40 +1,37 17.30.32 7,22 7,40 Banca Intermobiliare 4,16 +0,00 16.20.57 4,155 4,16 Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 106,00 +0,43 16.33.53 105,45 4,7375 -0,42 17.30.49 4,6175 4,81 Banco Popolare Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 105,90 +0,18 16.55.59 105,63 105,99 9,28 -1,80 14.53.14 9,115 9,435 Banco Santander Basf 46,50 -0,64 12.15.06 46,49 46,94 2,96 2,92 -1,35 16.30.04 2,89 Basicnet Bastogi Spa 1,70 -0,58 14.18.35 1,673 1,745 48,36 -0,25 16.09.11 47,84 48,47 Bayer Bb Biotech 45,60 -0,09 17.30.00 45,50 45,89 1,636 -1,09 17.30.36 1,603 1,659 Bca Carige Bca Carige R 2,6025 -2,89 15.49.34 2,54 2,65 110,00 +0,92 13.17.45 110,00 110,00 Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat 0,551 +2,61 17.30.33 0,541 0,551 0,9795 -1,90 17.30.33 0,9645 0,9985 Bca Mps Bca Pop Di Spoleto 4,25 +0,12 12.18.07 4,16 4,295 9,00 8,905 -0,61 17.30.06 8,70 Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio 3,4275 +0,81 17.30.43 3,33 3,445 3,655 -1,81 17.30.19 3,5425 3,6875 Bca Pop Milano 6,89 -1,01 17.30.53 6,72 6,98 Bca Pop Sondrio 0,49 -1,51 16.30.55 0,4825 0,503 Bca Profilo 3,62 -0,82 15.20.45 3,60 3,6275 Bco Desio Bria Rnc 3,70 3,69 -0,07 16.30.03 3,645 Bco Desio Brianza 10,03 +1,36 16.30.24 9,91 10,09 Bco Sardegna Risp Bee Team 0,3775 +0,53 16.30.05 0,375 0,38 Beghelli 0,631 -1,71 16.30.35 0,631 0,648 Benetton Group 5,89 -0,84 17.30.15 5,80 5,96 Beni Sta 2011 Cv2,5% 99,44 +0,06 17.30.13 99,27 99,44 Beni Stabili 0,6065 -1,22 17.30.58 0,60 0,615 Best Union Company 1,10 -2,65 16.15.16 1,10 1,10 0,448 -4,68 16.30.25 0,448 0,47 Bialetti Industrie Biancamano 1,46 +0,00 16.30.56 1,426 1,485 5,19 -0,86 17.30.37 5,155 5,27 Biesse Bioera Sosp. 41,35 -0,67 16.54.23 41,35 41,44 Bmw Bnp Paribas 49,40 -1,67 17.30.26 48,51 49,59 Boero Bartolomeo Bolzoni 2,0875 -0,12 17.30.41 2,045 2,12 28,98 +0,91 16.30.25 28,50 28,98 Bonifiche Ferraresi Borgosesia 0,9895 -0,05 12.55.10 0,962 0,9895 Borgosesia R Bper 12 Cv Sub 3,7% 101,50 -0,43 14.03.56 101,50 101,50 Brembo 5,315 +0,66 17.30.49 5,25 5,33 0,1699 -0,06 16.30.43 0,1652 0,17 Brioschi 6,385 -2,52 17.30.29 6,295 6,54 Bulgari 0,9415 -3,44 17.30.22 0,935 0,974 Buongiorno 8,985 -1,10 17.30.03 8,80 9,125 Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc 5,445 +0,55 17.30.49 5,31 5,50 Cad It 4,285 +4,39 17.30.08 4,12 4,59 2,5375 -0,49 17.30.03 2,5175 2,60 Cairo Communication Caleffi 1,054 +0,00 15.11.40 1,054 1,054 Caltagirone 2,18 -0,91 16.07.16 2,18 2,20 Caltagirone Edit 1,84 +0,00 16.30.45 1,802 1,849 0,2645 +1,34 16.30.31 0,259 0,265 Camfin Campari 4,1175 -0,42 17.30.53 4,0725 4,17 Cape Live 0,3455 -1,00 15.46.11 0,33 0,3455 Cape Live Cv 5% 2009-2014 2,28 -1,30 16.30.07 2,2775 2,325 Carraro Carrefour 21,68 -0,23 17.30.27 21,30 21,72 Cattolica Ass

Apertura

0,8345 1,213 8,445 3,985 1,53 1,02 3,005 0,2055 0,3365

0,2845 0,555 3,795 13,14 0,58 0,3695 0,0281 0,589 4,6175 15,25 10,21 10,40 7,375 91,00 7,97 4,1575 106,48 4,70 105,63 2,95

1,642 110,00 0,9865 8,88 3,38 3,6725 6,98 0,493 3,70 10,09 0,38 0,648 5,89 0,606 0,47

49,32 2,0975 0,981

0,1695 6,485 0,958 9,005 4,30 1,054 2,18 1,815 4,1025 0,3335 2,2775

AZIONI

Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Sosp. Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

1,86 0,381 5,005 2,465 2,44 0,357 0,1353 0,298 0,771 1,512 0,4815 1,317 0,6805 0,55

-1,59 -2,93 -0,69 +1,34 +0,00 -1,24 -1,88 +0,51 -3,08 -1,95 -0,82 -3,16 -1,66 -3,34

16.30.54 16.30.07 13.10.18 17.30.16 17.30.15 16.30.41 16.30.01 16.30.03 16.30.45 17.30.50 16.30.26 17.30.10 16.30.35 16.30.43

1,801 1,89 1,88 0,3735 0,383 0,3785 5,00 5,04 5,00 2,4025 2,49 2,4025 2,40 2,4475 2,4475 0,3305 0,362 0,1353 0,1396 0,1375 0,296 0,298 0,296 0,768 0,805 1,501 1,548 1,535 0,476 0,49 0,48 1,311 1,36 1,36 0,676 0,697 0,6845 0,54 0,5635 0,5625

0,84 22,18 4,8875 9,53 1,345 3,87 0,155 100,83 0,965 1,167 3,9525 43,83 0,89 16,20 9,12 45,05 3,25 3,41 1,198 49,57 9,705 33,60 1,455 4,085 14,29 24,09 0,953 1,292 1,517 11,65 1,689 3,90 3,825

+1,21 -1,68 -0,71 -4,03 -1,68 -1,40 +4,73 -0,14 +0,84 +0,34 +4,29 -1,13 -1,49 -2,06 -0,38 -0,09 +0,70 -0,07 +1,10 -1,29 +0,57 +0,45 +1,04 -0,37 -0,69 -1,39 -1,80 +0,16 -1,56 +0,17 -0,53 +0,00 -0,91

16.30.23 17.30.41 17.30.17 17.21.08 16.30.44 17.30.22 16.24.56 16.56.51 15.27.40 17.30.07 17.30.48 12.06.15 17.10.37 16.30.09 16.30.38 17.09.19 17.30.47 16.30.20 17.30.20 16.53.23 15.42.36 17.30.18 17.09.20 15.16.53 17.30.45 16.36.42 17.30.47 16.41.42 17.30.36 12.20.15 17.30.29 17.30.20 17.30.11

0,817 22,00 4,7525 9,375 1,343 3,8525 0,155 100,82 0,941 1,15 3,6975 43,82 0,872 16,09 8,93 43,40 3,19 3,375 1,171 49,20 9,625 33,06 1,41 4,06 14,11 24,07 0,95 1,28 1,505 11,60 1,65 3,8725 3,8025

0,84 22,55 4,9025 9,74 1,367 3,9225 0,155 101,10 0,9895 1,17 4,2275 43,85 0,909 16,50 9,12 45,40 3,305 3,50 1,198 50,12 9,71 33,64 1,458 4,16 14,69 24,33 0,971 1,293 1,534 11,65 1,70 3,90 3,8775

21,00 16,25 5,65 9,85 0,79 0,6985 7,01 1,894

-1,45 +0,12 -1,05 +1,03 -1,25 -0,85 +2,34 -0,26

17.30.45 17.30.56 17.30.13 17.30.09 16.30.49 16.24.07 17.30.46 17.30.41

20,80 16,12 5,615 9,715 0,79 0,69 6,69 1,874

21,30 16,43 5,735 9,855 0,806 0,705 7,115 1,913

14,36 9,755 10,70 0,935 12,79 9,51 5,595 5,935 3,75 4,20 0,1562 9,225 1,858 0,5335 8,24 5,255 15,14 1,12 0,346 5,35

-0,48 -0,46 -1,11 -3,46 -0,93 -1,14 -1,41 -0,50 -3,35 -3,17 -0,45 -0,11 +0,00 +1,52 -3,91 -3,40 -0,92 -1,32 -2,53 +0,56

17.30.21 17.30.14 17.21.56 17.30.40 17.30.15 17.30.39 17.30.56 17.30.34 16.45.37 17.30.08 14.57.48 17.30.05 17.30.16 16.30.55 17.30.13 17.30.42 17.23.53 15.36.49 16.20.18 16.19.04

14,14 9,52 10,55 0,935 12,73 9,31 5,50 5,79 3,73 4,1025 0,1472 9,095 1,858 0,5165 8,10 5,20 15,10 1,082 0,3405 5,35

2,36 0,5665 1,399 15,36 3,915 4,19 1,835 2,905 6,985 4,86 5,63 1,455

-1,05 +0,27 -0,07 -0,84 +0,71 +0,00 -2,96 -1,02 -0,21 -2,11 +1,90 -1,69

15.52.00 17.30.42 16.15.19 17.30.11 17.30.20 16.20.47 17.30.45 17.30.00 16.30.30 16.30.24 16.30.40 17.30.54

0,929 13,38 1,156 0,8655 1,395 0,77

-1,06 +0,91 +0,17 -0,46 -1,06 -3,39

15.19.12 17.30.31 17.30.07 11.13.39 16.30.34 16.30.12

22,50 4,8775 1,365 3,9025 101,00 0,9895 3,85 16,28 9,115 3,50 49,92 33,44 14,19 24,26 0,965 11,60 3,835 16,29 9,75 0,805 0,705 6,835 1,899

14,57 14,36 9,88 9,785 10,90 10,71 0,9685 0,9465 13,09 12,88 9,595 9,55 5,665 5,97 5,95 3,7875 4,36 4,33 0,1562 0,156 9,295 9,165 1,858 0,5345 8,55 8,30 5,415 5,415 15,20 1,12 1,11 0,3565 5,35

2,33 2,38 0,549 0,5665 0,563 1,36 1,399 15,10 15,58 15,39 3,83 3,92 3,8775 4,19 4,195 4,19 1,821 1,888 1,88 2,90 3,01 2,995 6,68 7,00 6,87 4,805 4,8625 4,805 5,375 5,65 5,42 1,444 1,487 1,477 0,90 0,935 13,25 13,39 1,154 1,17 0,8305 0,8665 1,354 1,41 0,767 0,7895

13,25 1,154 1,396 0,785

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Impregilo 2,0825 Impregilo Rp 7,955 Indesit Company 10,15 Indesit Company Rnc Industria E Innovazione 1,85 6,885 Ing Groep Intek 0,48 Intek R 0,7375 Interpump Group 4,26 Intesa Sanpaolo 2,325 Intesa Sanpaolo Rsp 1,776 Invest E Sviluppo 0,0452 Irce 1,365 Iride 1,357 Isagro 2,6475 It Holding Sosp. It Way 3,46 Italcementi 7,02 3,845 Italcementi Risp Italmobiliare 24,55 Italmobiliare Rnc 17,00 Iw Bank 1,573 0,8255 Juventus Fc K.R.Energy 0,0653 Kerself 4,41 Kinexia 2,575 Kme Group 0,295 Kme Group Azxaz 0,0017 Kme Group Rsp 0,5125 Kme Group Rsp Axa 0,0032 L'Oreal 1,929 La Doria Landi Renzo 3,0375 0,502 Le Buone Societa' Lottomatica 11,55 Luxottica Group 21,53 94,60 Lvmh Maire Tecnimont 2,8675 Management E C 0,159 Marcolin 2,1875 Mariella Burani F.G Sosp. Marr 6,425 2,70 Mediacontech 5,04 Mediaset S.P.A Mediobanca 6,58 3,445 Mediolanum Mediterranea Acque 2,99 Meridiana Fly 0,108 Meridie 0,395 Mid Industry Capital 1,517 Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port 1,698 3,3575 Mittel Molmed 1,48 Mondadori Edit 2,635 Mondo He 0,1392 Mondo Tv 6,85 Monrif 0,458 Montefibre 0,1749 Montefibre R 0,462 Monti Ascensori 1,187 106,10 Munich Re 4,72 Mutuionline Neurosoft 1,275 3,025 Nice Noemalife 6,15 Nokia Corporation 7,01 Nova Re Olidata 0,375 Omnia Network 1,80 Panariagroup 2,0225 Parmalat Philips 26,89 2,1225 Piaggio 3,86 Pierrel Pininfarina Spa 1,905 1,29 Piquadro Pirelli E C 0,4905 Pirelli E C Risp Por 0,471 Pirelli&C Real E 0,3755 Pms 3,25 Poligraf. S. F 10,60 Poligrafici Edit 0,4965 Poligrafici Printing 0,716 Poltrona Frau 0,807 Ppr 1,31 Pramac Premafin Fin Hp 0,9435 Premuda 0,765 Prima Industrie 7,25 13,34 Prysmian Ratti 0,1889 Rcf Group 0,8375 Rcs Mediagroup 1,075 Rcs Mediagroup Rsp 0,6575 Rdb 2,00 5,965 Recordati Ord 33,90 Renault

Ora

Min

Max

Apertura

-0,60 17.30.02 2,04 2,1025 2,0725 -0,44 17.00.44 7,955 8,25 +0,00 17.30.52 9,87 10,20 10,10 -3,29 -0,72 +0,10 -2,96 +1,91 -2,62 -3,90 +0,44 +0,00 -0,95 -5,02

13.45.46 17.30.14 16.30.49 12.48.10 17.30.12 17.30.49 17.30.29 16.06.15 15.05.46 17.30.32 17.30.42

1,801 1,85 1,85 6,775 6,885 0,4655 0,48 0,48 0,7015 0,7375 0,7015 4,105 4,26 4,19 2,285 2,3625 2,355 1,765 1,836 1,836 0,0435 0,0455 0,0455 1,365 1,365 1,344 1,373 1,367 2,64 2,79

+0,07 -1,20 -0,65 +0,62 -0,41 -0,13 +1,23 -2,25 -0,11 +0,88 +0,68 -32,00 +0,10 -57,89

10.18.23 17.30.13 17.30.43 17.30.01 17.30.23 16.24.31 17.30.54 16.30.06 17.30.06 14.37.13 16.30.45 16.24.58 16.14.25 16.30.46

3,3725 6,82 3,7525 23,46 16,56 1,555 0,815 0,0646 4,33 2,535 0,2915 0,0017 0,5085 0,0032

+1,53 +0,75 -3,83 -0,43 +0,99 -1,93 -0,86 +0,06 +0,34

17.30.18 17.30.47 16.30.34 17.30.32 17.30.07 13.18.33 17.30.58 16.30.37 16.30.25

1,93 1,911 1,87 2,96 3,0475 3,0025 0,501 0,5195 0,51 11,42 11,66 11,52 21,18 21,62 21,27 94,60 96,30 2,77 2,885 2,88 0,1551 0,1593 0,1593 2,1425 2,21 2,185

-1,00 +0,00 -0,88 -1,20 -1,50 +0,00 -1,82 -1,50

17.30.56 15.55.36 17.30.42 17.30.07 17.30.55 15.53.42 16.30.42 12.28.31

6,325 6,53 6,46 2,70 2,70 5,11 5,03 4,9875 6,49 6,67 6,585 3,41 3,505 3,48 2,99 2,99 2,99 0,108 0,1119 0,1119 0,395 0,4235

-1,11 +1,37 +0,22 -1,14 -1,40 -0,43 +2,01 +2,00 -0,62 -2,12 -4,27 +1,05 -0,63 +4,51 -0,66 +1,15 -1,41

17.30.18 17.30.15 16.30.15 16.30.24 17.30.01 16.07.28 17.30.15 15.29.10 15.49.33 13.38.34 16.30.48 15.51.48 12.42.48 17.24.55 12.17.04 16.30.56 17.24.41

1,482 1,635 3,3175 1,48 2,6075 0,135 6,66 0,4405 0,171 0,461 1,16 104,76 4,71 1,239 3,025 6,15 6,88

3,46 7,10 3,90 24,70 17,07 1,573 0,8255 0,0668 4,48 2,5825 0,296 0,003 0,52 0,0058

1,539 1,708 3,3575 1,513 2,69 0,1422 7,09 0,458 0,1753 0,462 1,256 106,10 4,81 1,275 3,025 6,15 7,115

7,015 3,8625 24,07 17,03 0,0668 4,45 2,535 0,2925 0,0021 0,512 0,004

1,535 1,513 2,665 6,83 0,174 1,24 4,74

7,105

+1,63 16.30.03 0,375 0,3795 +0,06 +0,37 -0,37 -1,28 +0,85 +0,16 +0,55 +0,10 -0,63 -2,97 -2,98 -0,93 -0,80 -3,37 +1,89

16.49.48 17.30.53 14.48.17 16.30.12 15.26.00 16.17.04 14.53.45 17.30.31 16.32.50 17.30.05 13.36.07 17.00.10 15.56.42 16.09.59 17.30.35

1,799 1,809 1,799 2,0025 2,035 2,0025 26,89 26,89 2,105 2,15 2,15 3,7775 3,89 3,89 1,864 1,91 1,901 1,29 1,309 0,4785 0,4915 0,4855 0,465 0,471 0,469 0,367 0,387 0,3785 3,25 3,25 10,30 10,60 0,4965 0,509 0,716 0,716 0,791 0,8075

-0,53 +0,37 +2,00 +0,69 -0,82 +1,56 -0,77 +0,66 -0,08 +0,05 +1,97 +4,31

16.30.39 16.30.47 15.38.16 17.30.42 17.30.12 16.07.36 16.30.46 17.30.18 17.19.33 15.26.48 17.30.18 15.45.07

1,282 1,32 0,9235 0,946 0,75 0,782 7,15 7,25 13,08 13,58 0,185 0,1889 0,8375 0,8375 1,048 1,08 0,65 0,6585 1,971 2,00 5,845 5,965 33,50 33,90

1,293 0,931 13,40 1,06 5,845 33,51


26 Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Sosp. Snia 3% Cv 2010 Sosp. So Pa F Societe Generale Sosp. Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875%

Ora

Min

Max

Apertura

0,198 15,86 0,3615 0,0545 0,3595 1,671 57,00 0,303 17,20 0,44 5,85 4,5775 8,30 27,35

-0,30 +0,25 +4,33 -1,80 -0,69 -3,97 -1,38 -2,26 +1,72 +0,11 +0,17 -1,35 -0,42 -0,62

17.30.40 17.30.14 16.30.47 16.30.04 16.30.12 16.30.54 12.12.32 16.30.51 17.30.50 11.45.32 17.30.55 17.13.02 16.30.28 17.30.42

0,1943 0,2015 15,59 15,90 15,90 0,345 0,364 0,364 0,0541 0,055 0,3505 0,361 0,36 1,63 1,723 1,68 56,90 57,90 0,303 0,31 0,3045 17,00 17,32 0,44 0,44 0,44 5,64 5,85 4,46 4,6375 8,285 8,40 8,30 26,92 27,59 27,33

50,50 37,81 1,792 9,25 6,89 0,59 0,1395 1,15 5,11 7,005 93,00 77,97 2,765 3,4275

+1,41 +0,29 +1,19 +2,78 +1,62 -2,72 -0,71 +0,00 -0,78 +0,00 +0,00 -0,91 +0,55 -0,44

16.00.00 12.43.05 17.30.31 15.51.44 16.30.02 16.30.23 17.30.58 17.30.36 15.18.43 17.30.46 15.21.06 16.31.58 16.30.02 17.30.04

49,67 50,60 37,34 37,81 1,744 1,796 1,747 9,09 9,27 6,63 6,89 6,82 0,58 0,606 0,606 0,1364 0,1407 0,1394 1,15 1,15 5,04 5,11 6,905 7,075 6,91 93,00 93,40 77,97 78,95 78,69 2,66 2,765 2,72 3,4025 3,465 3,42

0,0701 37,19

-3,31 16.30.42 0,07 0,0725 0,0725 -4,00 15.28.42 37,00 37,60

2,165 4,2975 47,58

+0,93 17.30.34 2,0875 2,225 2,1425 +0,23 12.08.44 4,25 4,2975 -1,90 14.05.06 47,03 48,99 47,03

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tiscali Tme Azxaz Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Sosp. Trevisan Cometal Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Azxaz+W Unipol Priv Unipol Prv Azxaz+W Valsoia Viaggi Del Ventaglio Sosp. Vianini Industria Vianini Lavori

Max

Apertura

1,472 9,105

+0,82 16.30.22 1,435 +0,00 16.30.44 8,80

1,472 9,15

1,44 9,15

6,995 1,17 11,11 1,965

-0,43 +0,00 -0,09 +1,29

17.30.34 6,895 16.30.52 1,15 16.18.22 11,11 11.53.50 1,92

7,065 1,175 11,11 1,965

7,015 1,17

0,9625 0,2155 0,7835 16,52 15,78 3,035 3,56 0,1231 0,0001 55,35 1,461 39,95 12,78

-0,98 -0,42 +0,45 +0,12 +0,45 -0,08 -0,90 -2,15 +0,00 -0,29 +0,07 -1,99 -1,92

17.30.59 16.30.56 17.30.02 9.03.41 17.30.10 17.30.50 16.30.59 17.30.16 11.00.03 17.30.29 11.00.44 17.24.43 16.30.13

0,9585 0,2147 0,7725 16,52 15,53 3,0225 3,56 0,1172 0,0001 54,50 1,46 39,92 12,73

0,9795 0,2171 0,7885 16,52 15,88 3,0675 3,6225 0,1268 0,0001 55,53 1,461 40,83 13,08

0,966 0,2161 0,7815 16,52 15,53 3,03 3,6225 0,1251

5,90 7,495 107,01 0,6165 1,918 2,335

-0,08 -2,15 +0,09 +0,33 -1,99 -3,31

11.14.01 17.30.32 17.24.54 17.23.02 17.30.55 16.11.31

5,90 5,90 7,465 7,68 107,01 107,35 0,605 0,62 1,89 1,954 2,335 2,44

0,611 0,0696 0,385 0,0368 4,1975

-2,08 -12,89 -3,75 -11,32 -1,00

17.30.53 17.30.09 17.30.58 17.30.59 12.37.10

0,605 0,619 0,0693 0,075 0,382 0,3975 0,035 0,04 4,15 4,20

1,34 4,25

Ora

Min

+0,75 16.30.29 1,34 -0,12 16.30.08 4,2475

1,92

1,34 4,26

54,88 1,46 13,00 7,605 1,93 0,615 0,07 0,397 0,04

4,25

Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2010 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Sosp. Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

3,69

0,0638 0,0189 2,53 0,0328 0,0902 0,325 0,10

Ora

Min

Max

Apertura

+0,00 17.30.13 3,6875 3,7025

-1,85 -7,35 -4,53 +0,00 -38,22 +3,01 +0,00

15.49.18 17.12.07 12.55.45 15.04.41 17.30.16 17.30.25 16.22.50

0,0635 0,0175 2,53 0,0315 0,09 0,3165 0,0921

0,0658 0,0658 0,0189 0,0181 2,56 0,0329 0,1399 0,0921 0,33 0,32 0,10

0,041 0,357 0,008

-22,20 16.14.06 0,04 0,0458 0,0429 +4,39 17.18.14 0,313 0,3595 0,313 -6,98 16.06.31 0,0075 0,008 0,008

0,016 0,0185 0,0393

+0,00 16.18.53 0,016 0,0163 0,0163 -2,63 16.16.07 0,0181 0,0186 -4,15 17.18.46 0,039 0,04

1,02 0,25

+0,59 17.24.46 0,9965 -1,57 11.10.15 0,23

1,03 0,25

0,0201

+4,69 13.26.47 0,0195 0,0201

0,003 0,017 6,10 0,0989 4,225 0,52 0,51

+3,45 -5,56 -1,21 -1,10 +1,75 -3,35 -1,92

17.30.20 17.30.02 17.30.00 16.30.30 17.30.54 16.30.49 16.22.16

0,25

0,0029 0,003 0,0029 0,0167 0,0183 0,0171 6,02 6,18 6,18 0,0953 0,10 0,0983 4,155 4,225 0,51 0,5375 0,5375 0,4975 0,51

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia A Bpvi Azionario Italia B Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Imi-Italy Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Nextam P. Az. Italia Norvega Az. Italia A Norvega Az. Italia B Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni Qeuro Bancoposta Azionario Euro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa Amundi Europe Equity

-0,30 +0,54 +0,37 +0,59 +0,59 +0,63 +0,77 +1,18 +0,63 +0,93 +0,48 +0,48 +0,69 +0,70 +0,44 +0,51 +0,60 +1,08 +0,62 +0,48 +0,84 +1,01 +0,74 +0,74 +0,66 +0,66 +0,45 +0,79 +0,75 +0,65 +0,66 +0,47 +0,47 +0,53 +0,60 +0,64 +0,62 +0,55 +0,56 +0,68 +0,00 +1,10 +0,64 +0,62 +0,98 +0,46 +0,32 +0,31 +0,20 +0,55 +0,36 +0,37 +0,12 +0,36 +0,40 +0,38 +0,35 +0,07 -0,02 +0,18 +0,19 +0,44 +0,41 +0,28 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06 -0,36 +0,07 +0,06 +0,19 +0,00

14,843 5,596 4,12 19,833 19,501 19,064 6,765 6,92 16,734 5,116 4,619 4,623 5,073 5,154 3,621 3,324 16,138 4,571 11,507 19,083 18,383 15,254 10,753 10,858 12,165 12,496 9,936 21,391 8,383 14,949 8,576 4,506 6,046 6,094 5,376 5,498 12,655 13,159 13,541 16,574 5,00 3,591 10,472 5,717 5,563 4,82 9,051 8,925 4,529 4,033 14,106 12,268 4,33 4,405 24,85 13,09 4,36 5,524 5,191 6,123 6,319 5,432 4,862 5,454 7,055 7,055 4,672 4,648 5,329 16,124 15,916 6,994 4,165

VARIAZ. QUOT.

+0,18 Anima Europa +0,13 Arca Azioni Europa Bim Azionario Europa +0,21 Bnl Azioni Europa Crescita +0,40 Bnl Azioni Europa Dividendo -0,18 Bpvi Azionario Europa A -0,11 Bpvi Azionario Europa B -0,11 Carige Azionario Europa A +0,04 Carige Azionario Europa B +0,04 +0,19 Carismi Dynamic Europe A +0,43 Carismi Dynamic Europe B +0,32 Consultinvest Azione Epsilon Qvalue +0,13 Eurizon Az. Europa Multimanager -0,04 Eurizon Az. Pmi Europa +0,47 Eurizon Focus Az. Europa +0,09 -0,08 Euromobiliare Europe Eq. Europa +0,17 Fideuram Master Sel.Equity Europe -0,02 +0,18 Fondaco Eu Sri Equity Beta +0,16 Fondersel Europa Fonditalia Eq. Europe R +0,15 +0,15 Fonditalia Eq. Europe T Gestielle Europa A -0,04 Gestielle Europa B -0,04 +0,11 Gestnord Azioni Europa Imieurope +0,16 Iniziativa Europa +0,41 Interfund Eq. Europe +0,45 +0,08 Investitori Europa +0,00 Laurin Eurostock Mc G.Fdf Europa A +0,16 +0,17 Mc G.Fdf Europa B Mediolanum Amerigo Vespucci +0,98 Mediolanum Europa 2000 +0,99 +0,02 Nextam P. Az. Europa Norvega Az. Europa A +0,00 Norvega Az. Europa B +0,02 +0,07 Optima Azionario Europa +0,16 Pioneer Azionario Europa A Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A +0,15 Prima Geo Europa A -0,01 +0,27 Prima Geo Europa Pmi A Prima Geo Europa Pmi Y +0,28 Prima Geo Europa Y -0,01 Ras Lux Equity Europe +0,09 Sai Europa +0,10 Soprarno Azioni Euro 50 +0,29 +0,22 Symphonia Europa +0,36 Synergia Az. Europa Talento Comp. Europa -0,11 Ubi Pramerica Azioni Europa +0,36 +0,08 Unibanca Azionario Europa AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Az. Energia E Materie Prime +0,10 AZ. SALUTE Eurizon Az. Salute E Ambiente -0,55 AZ. FINANZA +0,42 Eurizon Az. Finanza Fonditalia Euro Financials R +1,68 Fonditalia Euro Financials T +1,66 AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecnologie Avanzate -0,14 AZ. ALTRI SETTORI +0,39 Alpi Risorse Naturali Ducato Immobiliare A +0,21 +0,22 Ducato Immobiliare Y Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources -0,26 +0,43 Fonditalia Euro Cyclicals R Fonditalia Euro Cyclicals T +0,44 Fonditalia Euro Defensive R -0,40 Fonditalia Euro Defensive T -0,40 Fonditalia Euro T.M.T. R +0,43 +0,42 Fonditalia Euro Tmt T Fonditalia Flex. Emerging Mkts R +0,20 -0,09 Interfund Int.Sec.New Economy

3,907 9,187 9,445 11,779 2,757 3,76 3,762 5,331 5,578 4,189 3,96 8,537 5,225 5,557 8,044 8,048 13,423 12,666 8,794 85,929 12,902 8,888 8,974 6,846 7,019 8,246 18,13 6,645 5,793 4,93 3,626 6,334 3,587 5,854 15,001 4,843 4,518 4,582 2,864 14,246 6,622 10,672 19,684 20,308 11,022 39,244 9,969 3,782 5,382 5,922 118,376 5,644 5,951 9,159

15,061

17,994 5,461 5,503 4,132

5,907 8,432 8,662 10,852 11,138 11,262 11,196 11,321 5,395 5,441 2,48 34,474

VARIAZ. QUOT.

Norvega Mobiliare Re A Norvega Mobiliare Re B Optima Tecnologia AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Primaclasse Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Imindustria Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 B Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Primaclasse Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Bilanciato Internazionale Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Norvega Sintesi Dinamico Prima Forza 4 A Prima Forza 4 B Prima Forza 4 Y Sai Bilanciato Sai Multi Fund Linea Dinamica Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20 Amundi Qbalanced Arca Te - Titoli Esteri

VARIAZ. QUOT.

+0,28 4,264 Arcacinquestelle Comp.A/B 25 +0,28 4,264 Aureo Primaclasse Valore -0,11 2,812 Azimut Scudo Bancoposta Investimento Protetto 90 +0,14 2,849 Bnl Protezione +0,14 2,917 Bpvi Obiettivo Incremento A +0,00 5,808 Capitale Pià Comparto Bilanciato 30 +0,10 5,101 Carige Bilanciato 30 -1,77 8,196 Carismi Dynamic Mix 15 Carismi Dynamic Mix 30 +0,03 3,752 Euromobiliare Moderato +0,23 3,907 Fonditalia Core 1 R +0,23 3,961 Fonditalia Core 1 T +0,06 32,515 Gestielle Global Asset 1 -0,18 10,175 Managers & Co. Comparto 30 -0,18 10,278 Mediolanum Elite 30 L +0,20 4,446 Mediolanum Elite 30 S +0,20 4,50 Mix +0,16 12,498 Norvega Sintesi Audace +0,00 4,613 Prima Forza 2 A -0,05 3,941 Prima Forza 2 B -0,08 3,943 Prima Forza 2 Y -0,07 4,013 Prima Forza 3 A -0,04 5,239 Prima Forza 3 B +0,02 5,181 Prima Forza 3 Y Symphonia Adagio -0,03 17,594 Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia -0,06 4,932 Synergia Bilanciato 30 -0,18 16,53 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. +0,23 30,553 Ubi Pra. Portafoglio Moderato +0,17 4,598 Ubi Pramerica Privilege 1 +0,08 3,982 Ubi Pramerica Privilege 2 +0,06 23,20 Visconteo -0,03 5,994 OB. EURO GOVERNATIVI BT -0,06 22,177 Allianz Monetario +0,16 5,789 Alto Monetario +0,15 5,906 Amundi Breve Termine +0,08 5,205 Arca Mm - Monetario +0,16 4,273 Bancoposta Monetario +0,16 4,329 Bg Focus Monetario +0,11 6,128 Bim Obb.Breve Termine +0,02 35,387 Bnl Obbligazioni Euro Bt -0,05 6,158 Bpvi Breve Termine A -0,09 24,186 Bpvi Breve Termine B +0,07 26,881 Carige Monetario Euro A -0,08 12,488 Carige Monetario Euro B -0,01 46,482 Cividale Forum Iulii Prudenza A -0,10 10,17 Cividale Forum Iulii Prudenza B -0,11 10,257 Consultinvest Breve Termine -0,06 12,468 Cr Cento Monetario Plus +0,04 14,48 Cs Monetario Italia B +0,19 30,55 Cs Monetario Italia I -0,10 12,64 Ducato Fix Euro Bt A +0,06 5,091 Ducato Fix Euro Bt Y +0,13 6,073 Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine +0,11 4,503 Euromobiliare Prudente +0,31 5,199 Fideuram Security +0,30 9,937 Fondersel Reddito +0,05 6,103 Fonditalia Euro Bond Sh.Term R +0,02 5,803 Fonditalia Euro Bond Sh.Term T -0,05 4,362 Fonditalia Euro Currency R -0,05 4,363 Fonditalia Euro Currency T -0,05 4,442 Gestielle Bt Cedola +0,08 3,747 Gestielle Bt Cedola B +0,11 4,408 Gestielle Bt Euro A +0,09 5,752 Gestielle Bt Euro B +0,00 5,21 Imi 2000 +0,00 5,611 Interfund Euro Currency -0,09 5,602 Intra Obb. Euro Bt +0,02 5,466 Laurin Money +0,19 6,863 Leonardo Monetario Mediolanum Risparmio Corrente -0,04 9,36 Mediolanum Risparmio Dinamico +0,00 5,911 Monetario +0,11 8,523 Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine +0,10 16,448 Norvega Obb. Euro Breve Termine A

+0,15 +0,10 +0,01 +0,00 -0,04 +0,20 +0,16 +0,04 +0,08 +0,15 +0,03 -0,03 -0,04 -0,12 +0,04 -0,13 -0,16 +0,11 +0,00 -0,06 -0,09 -0,09 +0,04 +0,04 +0,04 +0,05 +0,19 -0,02 +0,07 -0,08 +0,05 +0,04 +0,10

-0,01 +0,06 +0,04 +0,03 +0,05 +0,06 +0,00 -0,08 +0,03 +0,03 +0,06 +0,05 +0,04 +0,04 +0,06 -0,02 +0,00 +0,01 -0,05 -0,05 +0,07 -0,01 +0,06 +0,04 +0,05 +0,05 +0,01 +0,03 +0,11 +0,13 +0,04 +0,05 +0,02 +0,01 +0,07 +0,04 +0,12 -0,05 -0,02 +0,09 +0,08 +0,07

5,462 4,974 7,62 5,43 22,565 5,061 5,021 5,146 3,976 3,98 6,531 10,41 10,49 8,83 5,381 5,242 10,061 5,662 5,66 4,651 4,652 4,701 4,972 4,972 5,055 5,985 5,357 5,438 5,852 5,966 5,595 5,588 34,673

15,855 7,054 7,451 14,685 6,18 16,345 6,541 7,518 6,278 6,279 11,658 11,439 5,461 5,517 4,962 5,765 7,768 7,826 6,285 6,327 15,172 8,47 9,546 14,083 7,943 7,985 7,857 7,892 6,339 6,34 7,507 7,562 16,85 6,68 5,636 6,896 6,055 13,841 5,468 12,12 8,952 5,819

VARIAZ. QUOT.

+0,07 5,865 Norvega Obb. Euro Breve Termine B +0,03 6,643 Optima Reddito B.T. Optima Riserva Euro +0,06 5,281 Passadore Monetario +0,06 7,113 Pioneer Monetario Euro A +0,06 13,193 Prima Fix Obbligazionario Bt A +0,04 10,141 Prima Fix Obbligazionario Bt Y +0,05 10,161 Soprarno Pronti Termine -0,02 5,13 Synergia Obb Euro B.T. -0,02 5,062 +0,05 7,45 Teodorico Monetario +0,10 6,892 Tesoreria Fondo Per Le Imprese +0,04 6,734 Ubi Pramerica Euro B.T. Unibanca Monetario +0,05 5,721 Valori Responsabili Monetario -0,02 5,877 Zenit Monetario I +0,05 7,516 Zenit Monetario R +0,05 7,471 OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERM Allianz Reddito Euro L -0,05 32,77 Allianz Reddito Euro T -0,05 32,102 +0,00 4,977 Anfiteatro Bond Corporate +0,16 7,067 Anima Obb. Euro Arca Rr +0,06 8,913 +0,04 15,582 Azimut Reddito Euro Bancoposta Obbligazionario Euro +0,07 6,866 Bim Obb. Euro -0,10 6,921 -0,06 6,891 Bnl Obbligazioni Euro M/Lt Bpvi Obblig. Euro Medio Termine A +0,04 6,687 Bpvi Obblig. Euro Medio Termine B +0,04 6,689 Bpvi Obiettivo Reddito A +0,07 5,706 +0,07 5,707 Bpvi Obiettivo Reddito B Capitale Pià Comparto Obbligazionario +0,07 5,459 Carige Obbligazionario Euro A +0,00 10,86 -0,01 11,006 Carige Obbligazionario Euro B Carige Obbligazionario Euro L.Termine A -0,11 5,653 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B -0,12 5,763 -0,14 5,527 Carismi Bond Euro A Carismi Bond Euro B -0,13 5,584 Ducato Fix Euro Mt A -0,13 7,594 -0,14 7,676 Ducato Fix Euro Mt Y +0,39 7,432 Epsilon Qincome +0,19 13,932 Eurizon Focus Obb. Euro Euromobiliare Reddito +0,02 15,42 +0,12 7,595 Europe Bond Fondaco Euro Gov. Beta +0,04 120,277 Fondersel Euro +0,14 8,034 Fonditalia Euro Bond Long Term R +0,26 7,302 Fonditalia Euro Bond Long Term T +0,26 7,363 Fonditalia Euro Bond Medium Term R +0,04 10,942 Fonditalia Euro Bond Medium Term T +0,05 11,014 +0,23 8,115 Gestielle Lt Euro A Gestielle Lt Euro B +0,23 8,202 Gestielle Mt Euro A +0,12 14,939 +0,12 15,086 Gestielle Mt Euro B +0,26 9,32 Imirend Interfund Euro Bond Long Term +0,27 8,279 Interfund Euro Bond Medium Term +0,04 8,246 Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 +0,00 6,981 +0,03 11,626 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 +0,08 6,004 Intra Obb. Euro Italfortune Euro Bonds +0,00 8,42 Leonardo Obbligazionario +0,05 7,565 -0,12 6,411 Mediolanum Euromoney Mediolanum Italmoney -0,08 6,561 Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine +0,20 17,25 +0,05 6,548 Norvega Obb. Euro A Norvega Obb. Euro B +0,03 6,627 +0,07 6,901 Optima Obbligazionario Euro Prima Fix Obbligazionario Mlt A +0,23 5,758 +0,23 5,773 Prima Fix Obbligazionario Mlt Y Ras Lux Bond Europe -0,07 58,13 Sai Eurobbligazionario -0,01 12,822 Synergia Obb Euro M.T. -0,12 5,194 Ubi Pra. Euro M/L Termine +0,04 6,935 +0,09 5,807 Unibanca Obbligazionario Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A -0,10 6,252 -0,10 6,252 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B

VARIAZ. QUOT.

OB. EURO CORPORATE INV. GRADE -0,43 101,568 Amundi Corporate 3 Anni Amundi Corporate Giugno 2012 -0,47 5,04 Arca Bond Corporate -0,20 7,016 Carige Corporate Euro A -0,05 6,538 Carige Corporate Euro B -0,05 6,616 Corporate Bond +0,04 7,30 Ducato Etico Fix Y -0,08 5,313 Ducato Etico Fix A -0,06 5,26 -0,07 5,565 Eurizon Focus Obb. Euro Corporate Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine -0,01 7,437 -0,02 8,773 Euromobiliare Euro Corporate Bt Fonditalia Euro Corporate Bond R -0,12 8,369 Fonditalia Euro Corporate Bond T -0,12 8,417 Interfund Euro Corporate Bond -0,14 4,986 Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate -0,09 7,56 -0,15 4,763 Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A Prima Fix Imprese A -0,12 6,466 Prima Fix Imprese Y -0,12 6,551 -0,12 6,576 Sai Obbligazionario Corporate -0,13 5,382 Synergia Obb Corporate Ubi Pramerica Euro Corporate -0,12 7,722 OB. EURO HIGH YIELD Eurizon Focus Obb. Euro High Yield +0,21 7,073 Fonditalia Bond Euro High Yield R +0,29 13,755 +0,29 13,818 Fonditalia Bond Euro High Yield T Interfund Bond Euro High Yield +0,29 7,563 Prima Fix High Yield A +0,31 7,703 Prima Fix High Yield Y +0,32 7,856 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM -0,23 9,489 Arca Bond Dollari Azimut Reddito Usa -0,33 6,277 -0,24 6,585 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt Ducato Fix Dollaro A +0,29 7,016 Ducato Fix Dollaro Y +0,28 7,085 -0,30 9,019 Fonditalia Bond Usa R Fonditalia Bond Usa T -0,30 9,089 Gestielle Bond Dollars A -0,33 9,731 -0,32 9,871 Gestielle Bond Dollars B -0,29 7,846 Interfund Bond Usa -0,30 15,099 Nordfondo Obbligazioni Dollari OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI -0,07 16,584 Allianz Reddito Globale L Allianz Reddito Globale T -0,07 16,262 Alpi Obbligazionario Internazionale -0,13 7,189 Alto Internazionale Obb. -0,21 6,618 Arca Bond - Obbligazioni Estere +0,02 13,024 Aureo Obbligazioni Globale +0,01 8,052 +0,03 6,068 Bim Obb. Globale +0,20 6,101 Bpvi Obblig. Internazionale A Bpvi Obblig. Internazionale B +0,20 6,103 Carige Obbligazionario Internazionale A +0,08 6,17 Carige Obbligazionario Internazionale B +0,08 6,294 -0,15 5,853 Carismi Bond Internaz. A Carismi Bond Internaz. B -0,23 5,694 Ducato Fix Globale A +0,00 8,147 Ducato Fix Globale Y +0,01 8,218 -0,09 8,831 Eurizon Obb. Internazionali +0,21 14,803 Fondersel Internazionale Gestielle Obbligazionario Intern. A -0,03 6,679 Gestielle Obbligazionario Intern. B -0,03 6,785 -0,13 16,733 Imibond Mc G.Fdf Global Bond A +0,15 5,30 Mc G.Fdf Global Bond B +0,13 5,244 +0,00 5,338 Ml Master Series Bonds Norvega Obb. Internazionale A +0,27 6,037 +0,26 6,109 Norvega Obb. Internazionale B Optima Obb. Euro Global +0,10 6,907 -0,07 10,066 Pianeta Prima Fix Obbligazionario Globale A -0,05 9,323 Prima Fix Obbligazionario Globale Y -0,05 9,354 Prima Forza 1 A -0,08 5,106 Prima Forza 1 B -0,08 5,107 -0,06 5,143 Prima Forza 1 Y Sai Obb.Internazionale +0,01 8,246 -0,15 5,969 Ubi Pra. Obbligazioni Globali


il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010 27

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Anfiteatro Global Bond +0,20 5,62 Fonditalia Euro Yield Plus R +0,04 9,397 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate -0,07 6,76 OB. YEN Ducato Fix Yen A -0,04 4,54 Ducato Fix Yen Y -0,04 4,576 Interfund Bond Japan -0,11 6,149 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Amundi Multicorp. Dic. 2012 +0,08 5,01 Amundi Obbligazionario Euro -0,02 5,488 Anima Convertible +0,07 6,066 Azimut Trend Tassi +0,05 8,885 Consultinvest Obbligaz. Medio Termine +0,00 5,091 Consultinvest Obbligazionario +0,04 5,123 Ducato Fix Convertibili A -0,08 8,702 Ducato Fix Convertibili Y -0,07 8,819 +0,12 6,085 Eurizon Focus Obb. Cedola Eurizon Obb. Etico +0,11 5,411 Fonditalia Euro Yield Plus T +0,04 9,461 Fonditalia Inflation Linked R -0,15 13,774 Fonditalia Inflation Linked T -0,14 13,859 Gestielle Obbligazionario Corporate A +0,10 7,036 Gestielle Obbligazionario Corporate B +0,10 7,147 Groupama It. Bond Sel. Fund +0,09 5,818 Interfund Inflation Linked -0,16 13,695 -0,22 11,115 Mediolanum Risparmio Reddito Nordfondo Obbligazioni Convertibili +0,38 5,28 Pioneer Cim Euro Convertible Bonds -0,38 5,837 Pioneer Cim Euro Fixed Income +0,12 15,917 Pioneer Obb. Euro Dis. A +0,15 6,564 Prima Fix Emergenti Y +0,28 13,159 -0,01 144,552 Ras Lux Short Term $ Ras Lux Short Term Euro +0,07 65,514 Symphonia Comp.Obb. Area Europa -0,09 9,522 Ubi Pra. Obbligazioni Dollari -0,28 5,398 OB. MISTI Alleanza Obbligazionario +0,17 5,405 +0,14 8,79 Alto Obbligazionario Anima Fondimpiego +0,08 19,808 Arca Obbligazioni Europa +0,06 8,338 Azimut Contofondo -0,15 5,208 Azimut Solidity -0,03 7,876 Bancoposta Mix 1 -0,03 5,887 Bim Corporate Mix -0,11 5,476 Bnl Telethon +0,00 5,949 Ca Multimanager Difensiva +0,00 5,00 Capitale Pià Comparto Bilanciato 15 +0,11 5,269 Carige Bilanciato 10 +0,04 5,484 Cividale Forum Iulii Rendita A +0,22 5,456 Cividale Forum Iulii Rendita B +0,23 5,589 Cr Cento Misto Best -0,15 5,844 Eurizon Diversificato Etico +0,15 7,914 Eurizon Rendita +0,23 5,985 Eurizon Soluzione 10 +0,04 6,863 Fucino Challenger +0,11 4,687 Gestielle Etico Per Ail A +0,03 6,32 +0,03 6,374 Gestielle Etico Per Ail B Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica +0,12 5,68 Nextam P. Obbligazionario Misto +0,05 5,99 Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni +0,03 6,592 Norvega Sintesi Moderato -0,09 5,618 Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A +0,08 8,283 +0,12 4,908 Sai Multi Fund Linea Prudente Sai Performance -0,06 17,205 Sforzesco +0,02 10,039 +0,08 7,082 Symphonia Patr.Globale Reddito Synergia Bilanciato 15 -0,02 5,28 Total Return Obbligazionario -0,09 4,28 Ubi Pra. Portafoglio Prudente -0,07 6,121 Valori Responsabili Obbligaz. Misto -0,03 6,163 Zenit Obb. I +0,01 8,165 Zenit Obb. R +0,01 8,112 OB. FLESSIBILI Amundi Soluzioni Tassi +0,21 4,84 Arca Cedola 2015 Alto Potenziale -0,08 4,901 Arca Cedola Bond Globale Euro +0,00 4,997 -0,13 5,327 Arca Cedola Corp. Bond Arca Cedola Corp. Bond Ii -0,18 5,033 Arca Cedola Corporate Bond Iii +0,08 4,999 -0,04 5,08 Arca Cedola Gov. Euro Bond Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii +0,00 4,937 Arca Cedola Gov. Euro Bond Iii +0,08 4,997 +0,04 5,202 Aureo Cash Dynamic Bg Focus Obbligazionario -0,06 6,729 Bnl Target Return Liquidita' -0,01 9,955 +0,11 5,551 Cividale Forum Iulii Strategia A Cividale Forum Iulii Strategia B +0,12 5,667 Consultinvest High Yield +0,12 5,71 +0,13 5,384 Consultinvest Monetario +0,11 7,189 Consultinvest Reddito Ducato Fix Rendita A -0,02 18,313 -0,01 18,583 Ducato Fix Rendita Y Euromobiliare Tr Flex 2 +0,03 6,61 Mediolanum Flessibile Obblig. Globale +0,17 10,087 -0,02 6,517 Premium Risparmio +0,04 7,75 +0,27 5,838 Ritorni Reali -0,08 5,159 Symphonia Bond Flessibile Ubi Pra. Active Duration +0,07 5,642 -0,02 10,535 Ubi Pramerica Total Return Prudente +0,02 5,268 Vegagest Obbligazionario Flessibile +0,06 5,20 Volterra Tr Obblig. LIQUIDITA' AREA EURO Agora Cash +0,04 5,543 Allianz Liquidita' A +0,02 5,582 +0,02 5,055 Allianz Liquidita' At +0,04 5,707 Allianz Liquidita' B Amundi Eonia +0,00 102,097 Amundi Liquidita' +0,07 8,943 Anfiteatro Tesoreria +0,07 5,673 Anima Liquidita' +0,03 6,604 Arca Bt - Breve Termine +0,07 8,732 Arca Bt - Tesoreria +0,07 5,758 Aureo Liquidita' +0,02 5,715 Azimut Garanzia +0,02 12,296 Bnl Cash +0,07 22,128 Bpvi Tesoreria A +0,04 5,641 Bpvi Tesoreria B +0,04 5,642 Carige Liquidita' Euro A +0,00 6,318 Carige Liquidita' Euro B +0,00 6,38 Carismi Liquidita' B -0,02 5,297

VARIAZ. QUOT.

Epsilon Cash +0,02 6,275 Eurizon Focus Tesoreria Euro A +0,07 7,653 Eurizon Focus Tesoreria Euro B +0,07 7,695 Eurizon Liquidita' A +0,01 7,275 Eurizon Liquidita' B +0,01 7,451 Euromobiliare Conservativo +0,02 11,069 Euromobiliare Contovivo +0,01 11,84 Fideuram Moneta +0,01 14,612 Fondaco Euro Cash +0,02 116,132 Fondo Liquidita' +0,01 7,574 Gestielle Cash Euro A +0,09 7,026 Gestielle Cash Euro B +0,09 7,062 Nextam P. Liquidita' +0,10 5,773 Nordfondo Liquidita' +0,10 6,184 Norvega Monetario A +0,02 5,855 Norvega Monetario B +0,03 5,897 Optima Money +0,07 6,139 +0,07 5,924 Pensplan Invest Cash Fund Pioneer Liquidita' Euro A +0,02 5,065 Prima Fix Monetario A +0,04 8,499 Prima Fix Monetario I +0,03 8,596 Prima Fix Monetario Y +0,03 8,583 Sai Liquidita' -0,01 11,46 Symphonia Comp.Monetario +0,01 7,437 Synergia Monetario +0,02 5,013 Synergia Tesoreria +0,02 5,042 +0,07 7,275 Ubi Pramerica Euro Cash LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro -0,18 13,306 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ +0,04 16,477 FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso -0,13 5,264 -0,02 5,109 8a+ Latemar 8a+ Monviso +0,06 5,125 Abis Flessibile +0,00 5,709 Abn Amro Expert A-Rt400 +0,02 4,655 Agora Flex +0,03 6,776 Agora Selection +0,02 4,876 +0,11 6,314 Agora Valore Protetto Alarico Re +0,48 4,409 Alkimis Capital Ucits +0,37 4,94 Allianz F100 L +0,07 4,157 Allianz F100 T +0,05 4,081 Allianz F15 L +0,00 5,386 Allianz F15 T -0,02 5,308 Allianz F30 L +0,02 5,203 Allianz F30 T +0,02 5,127 Allianz F70 L +0,03 27,629 Allianz F70 T +0,03 27,073 Amundi Absolute -0,06 5,207 Amundi Azionario Trend +0,10 96,736 Amundi Dynamic Allocation +0,04 5,228 Amundi Equipe 1 +0,02 5,246 Amundi Equipe 2 +0,02 5,179 Amundi Equipe 3 +0,02 5,177 Amundi Equipe 4 +0,06 4,813 Amundi Eureka Bric Ripresa 2014 +0,97 5,21 +1,90 5,538 Amundi Eureka China Double Wine Amundi Eureka China Ripresa 2015 +1,47 4,957 Amundi Eureka Doppia Opportunità 2014 +1,85 5,06 Amundi Eureka Double Call +1,46 5,433 Amundi Eureka Double Win +4,02 5,567 Amundi Eureka Double Win 2013 +4,30 4,872 +1,69 6,205 Amundi Eureka Dragon Amundi Eureka Oriente 2015 +1,61 4,915 Amundi Eureka Ripresa 2014 +3,47 5,189 +3,96 4,909 Amundi Eureka Ripresa Due 2014 Amundi Eureka Settori 2016 +1,05 4,811 Amundi Eureka Usa 2015 +2,54 4,795 Amundi For. Gar. Em Eq. Recall 2013 +0,24 5,016 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2013 +0,10 4,908 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2014 +1,00 5,248 Amundi For.Gar.Eq. Recall Due 2013 +0,08 4,909 Amundi Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014 +0,50 5,028 Amundi Form. Gar. Merc. Emerg. -0,09 5,706 Amundi Form. Private Div. Opp. -0,12 4,956 Amundi Formula Euro Eq. Option 2013 +3,43 4,465 Amundi Formula Euro Eq. Option Due 2013 +3,05 4,453 Amundi Formula Garantita 2012 -0,02 5,092 Amundi Formula Garantita 2013 -0,06 4,918 Amundi Formula Garantita Due - 2013 +0,02 4,95 Amundi Formula Garantita High Diver. 2014 +0,00 4,934 Amundi Piu +0,05 5,606 +0,02 5,105 Amundi Premium Power Amundi Private Alpha +0,02 4,778 Amundi Qreturn +0,13 5,459 +0,09 4,678 Amundi Soluzione Azioni Amundi Strategia 95 +0,00 4,952 Anfiteatro Bond Plus +0,11 7,41 -0,04 5,079 Anfiteatro Conservative Flex -0,02 5,614 Anfiteatro Corporate Absolute Return Anfiteatro Corporate Bt +0,04 5,124 +0,00 3,43 Anfiteatro Total Return Anima Fondattivo +0,01 13,719 Aqqua +0,00 4,866 +0,00 5,208 Arca Capitale Garantito Dic 2013 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 +0,08 5,006 +0,02 5,475 Arca Corporate Breve Termine +0,02 5,072 Arca Rendimento Assoluto T3 Arca Rendimento Assoluto T5 +0,33 4,841 +0,04 5,067 Aureo Defensive +0,03 6,104 Aureo Finanza Etica +0,11 9,591 Aureo Flex Euro Aureo Flex Italia +0,43 16,74 Aureo Flex Opportunity -0,06 4,844 Aureo Plus +0,05 5,929 +0,02 5,403 Aureo Primaclasse Flessibile +0,05 5,572 Aureo Rendimento Assoluto Azimut Strategic Trend +0,22 5,081 Azimut Trend +0,39 18,917 Azimut Trend America +0,03 9,165 Azimut Trend Europa +0,10 11,898 Azimut Trend Italia +0,65 14,658 Azimut Trend Pacifico +0,00 6,466 Bancoposta Centopiu' +0,00 5,289 Bancoposta Centopiu' 2007 +0,00 5,25 Bancoposta Extra +0,04 5,295 Bancoposta Step +0,00 4,994 Bancoposta Trend +0,10 4,956 Bg Focus Azionario -0,09 22,357 Bim Flessibile +0,03 3,844 Bnl Target Return Conservativo -0,08 5,078

VARIAZ. QUOT.

Bnl Target Return Dinamico -0,02 Bnpp 100% E Pià Grande Asia +0,02 Bnpp 100% E Pià Grande Europa +0,04 Bnpp Equipe Attacco -0,02 Bnpp Equipe Centrocampo +0,00 Bnpp Equipe Difesa +0,02 Bpvi Obiettivo Rendimento A +0,13 Bpvi Obiettivo Rendimento B +0,15 Carige Flessibile +0,04 Carige Flessibile B +0,04 Carige Flessibile Piu' A +0,04 Carige Flessibile Piu' B +0,07 Carismi Absolute Perf. A -0,02 Carismi Absolute Perf. B -0,02 Carismi Pratico A +0,00 Carismi Pratico B +0,00 Consultinvest Alto Dividendo +0,34 +0,34 Consultinvest Mercati Emerg. Consultinvest Multi Flex +0,12 Consultinvest Plus +0,00 Cr Cento Premium +0,00 Ducato Etico Flex Civita A -0,07 Ducato Etico Flex Civita Y -0,05 Ducato Multimanager Cash Premium A +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus A +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Y +0,00 Edr Multigestion Trend Global +0,02 Epsilon Qreturn +0,13 Eurizon Focus Capital. Protetto 12/2014 +0,12 Eurizon Focus Garantito 03/13 +0,06 Eurizon Focus Garantito 06/12 +0,06 +0,06 Eurizon Focus Garantito 09/12 Eurizon Focus Garantito 12/12 +0,04 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 -0,04 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 +0,06 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 +0,00 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 +0,06 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 +0,00 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 -0,02 Eurizon Focus Profilo Dinamico +0,06 Eurizon Focus Profilo Moderato +0,04 Eurizon Focus Profilo Prudente +0,07 Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni -0,04 Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni +0,02 Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni +0,00 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 Eurizon Team 1 A +0,02 Eurizon Team 1 G +0,02 Eurizon Team 2 A +0,07 Eurizon Team 2 G +0,09 Eurizon Team 3 A +0,11 Eurizon Team 3 G +0,13 Eurizon Team 4 A +0,12 Eurizon Team 4 G +0,10 Eurizon Team 5 A +0,13 Eurizon Team 5 G +0,10 +0,07 Euromobiliare Real Assets Euromobiliare Strategic +0,03 Euromobiliare Strategic Flex +0,13 Euromobiliare Tr Flex 3 +0,00 Euromobiliare Tr Flex 4 +0,01 Federico Re -0,02 Fideuram Master Sel.Absolute Return +0,10 Flessibile -0,21 Fondaco Global Opportunities +0,00 +0,00 Fondersel Duemila Fonditalia Flex. Emerging Mkts T +0,20 Fonditalia Flexible Dynamic R +0,13 Fonditalia Flexible Dynamic T +0,13 Fonditalia Flexible Growth R -0,08 Fonditalia Flexible Growth T -0,09 Fonditalia Flexible Income R -0,04 Fonditalia Flexible Income T -0,04 Fonditalia Flexible Multimanager R +0,04 Fonditalia Flexible Multimanager T +0,05 Fonditalia Flexible Opportunity R +0,05 +0,04 Fonditalia Flexible Opportunity T Formula 1 Alpha Plus 20 -0,02 Formula 1 Conservative +0,00 -0,06 Formula 1 High Risk Formula 1 Low Risk +0,00 Formula 1 Risk -0,02 +0,06 Gestielle Brasile Gestielle Global Asset Plus +0,00 Gestielle Harmonia Dinamico +0,02 +0,00 Gestielle Harmonia Moderato Gestielle Harmonia Vivace +0,00 Gestielle Total Return +0,03 -0,10 Gestielle Total Return Obiettivo Piu' -0,16 Gestielle Tr Obiettivo Cedola Gestnord Asset Allocation -0,04 +0,12 Igm Flessibile A Igm Flessibile B +0,12 Interfund System 100 +0,06 +0,00 Interfund System 40 Interfund System Evolution -0,01 +0,02 Interfund System Flex -0,05 Intra Assoluto Intra Flessibile -0,19 +0,11 Investitori Flessibile -0,04 Kairos Partners Fund +0,00 Kairos Partners Income Kairos Partners Small Cap +0,22 Leonardo Trend +0,13 Macro F.0. +0,46 -0,10 Mc G.Fdf Flx Low A -0,10 Mc G.Fdf Flx Low B Mc G.Fdf Flx.High B +0,00 Mc G.Fdf Flx.Med. A +0,14 Mc G.Fdf Flx.Med. B +0,13 Mediolanum Flessibile Globale +0,18 Mediolanum Flessibile Italia +0,56 Mediolanum Flessibile Strategico +0,03 Nextam P. Flessibile +0,08 Nordest Sicav à +0,00 Norvega Flessibile A +0,15 Norvega Flessibile B +0,12 Norvega Mb Absolut -0,07 Norvega Mb Strategic -0,07 Norvega Rendimento A -0,07 Norvega Rendimento B -0,07

12,592 5,422 5,092 4,589 4,851 5,418 5,289 5,295 5,197 5,21 4,504 4,563 4,819 4,897 6,075 6,122 3,247 5,076 4,808 5,136 3,805 4,233 4,323 4,733 4,176 4,25 4,793 4,965 6,189 5,053 5,163 5,133 5,111 5,124 5,297 5,172 5,253 5,133 4,969 5,223 5,328 5,356 5,469 5,474 5,226 4,87 8,067 5,997 5,997 5,678 5,671 4,76 4,781 4,015 4,036 3,877 3,898 4,198 3,206 13,402 4,577 6,877 5,19 9,125 2,827 97,139 93,945 2,504 5,992 6,008 8,716 8,793 8,468 8,507 9,382 9,444 7,756 7,801 6,416 6,428 6,681 6,637 6,408 5,038 5,315 5,365 5,301 5,424 14,098 5,026 4,948 4,782 4,035 4,077 9,505 11,109 10,088 10,272 5,811 6,231 6,161 5,631 6,689 9,159 6,042 3,916 5,216 5,207 3,731 5,714 3,782 14,312 15,898 6,339 4,749 3,96 7,41 7,437 3,014 2,97 5,362 5,386

VARIAZ. QUOT.

Ob. Rendimento -0,02 5,789 Open Fund Ritorno Assoluto Var2 +0,13 4,459 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 -0,03 3,701 Paritalia Orchestra C +0,00 72,187 Pioneer Target Controllo A -0,04 5,351 Pioneer Target Equilibrio A +0,07 5,364 Pioneer Target Sviluppo A +0,08 22,557 Prima Strategia A-Rt 100 A -0,13 5,182 Prima Strategia A-Rt 100 Y -0,15 5,194 Prima Strategia A-Rt 200 A -0,18 4,95 Prima Strategia A-Rt 200 Y -0,18 4,963 Prima Strategia A-Rt 50 A +0,04 16,365 Prima Strategia A-Rt 50 Y +0,04 16,397 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A -0,09 2,227 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y -0,04 2,247 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A +0,00 13,936 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y +0,01 13,925 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A +0,00 4,681 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y +0,00 4,73 Profilo Best Funds +0,05 5,884 Profilo Elite Flessibile +0,15 5,479 Sofia Flex +0,14 0,698 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A -0,08 5,222 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B à -0,08 5,092 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A -0,06 5,249 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B -0,08 5,27 -0,11 3,678 Soprarno Contrarian A Soprarno Contrarian B -0,11 3,688 Soprarno Global Macro A -0,10 5,003 Soprarno Global Macro B -0,10 5,057 Soprarno Inflazione +1,5% A +0,02 5,488 Soprarno Inflazione +1,5% B +0,02 5,517 -0,04 5,435 Soprarno Relative Value A Soprarno Relative Value B -0,02 5,492 Symphonia Asia Flessibile +0,33 6,027 Symphonia Comp.Fortissimo +0,46 2,604 Symphonia Italia Flessibile +0,02 4,897 Synergia Total Return +0,02 5,188 +0,00 2,205 Total Return Ubi Pra. Active Beta -0,04 4,729 Ubi Pra. Alpha Equity +0,12 5,148 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A +0,00 5,117 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B +0,00 5,136 Ubi Pra. Total Return Dinamico +0,04 4,984 Unibanca Plus +0,04 5,246 Volterra Dinamico +0,02 5,338 Volterra Tr Glob. +0,04 5,45 Zenit Absolute Return I +0,10 5,855 Zenit Absolute Return R +0,09 5,769 Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 1,245 Zenit Zero 100 +0,28 4,581 ASSICURATIVI Antonveneta Vita Antonveneta Vita Armonico +2,46 11,239 Antonveneta Vita Armonico 2007 +2,39 9,676 Antonveneta Vita Attivo +3,41 12,056 Antonveneta Vita Attivo 2007 +3,07 9,289 +4,57 14,275 Antonveneta Vita Azionario Antonveneta Vita Azionario Globale +1,89 8,376 Antonveneta Vita Azionario Specializzato +3,05 9,869 Antonveneta Vita Bilanciato Euro +3,26 11,255 Antonveneta Vita Bilanciato Globale +1,72 10,976 Antonveneta Vita Dinamico +2,86 13,335 +0,53 14,47 Antonveneta Vita Equilibrato Antonveneta Vita Euromoneta +0,15 11,404 Antonveneta Vita Monetario +0,24 11,813 +0,07 11,708 Antonveneta Vita Obbligazionario Antonveneta Vita Obbligazionario Euro +0,11 13,237 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto +1,85 12,372 Antonveneta Vita Protetto +0,36 12,427 Antonveneta Vita Protetto 2007 +0,39 10,53 Antonveneta Vita Sicuro +0,34 12,762 Antonveneta Vita Trend +3,10 12,048 Antonveneta Vita Trend Dinamico +2,85 8,445 Antonveneta Vita Trend Equilibrato +0,52 9,957 Antonveneta Vita Trend Plus +3,10 7,448 Antonveneta Vita Trend Protetto +0,47 10,447 Aurora Assicurazioni Aurora New Balanced +0,51 10,938 Aurora New Bond -1,11 10,672 +1,41 11,614 Aurora New Share Aurora Unietic +0,50 10,537 Aurora Unit Balanced -0,18 10,755 -0,91 9,243 Aurora Unit Bond Aurora Unit Share +0,72 9,588 Aurora Winvest Bilanciata +0,80 11,608 +1,03 10,33 Aurora Winvest Dinamica Aurora Winvest Prudente +0,61 12,502 AXA MPS FINANCIAL +0,62 9,638 Axa Mps Aggressivo +0,18 8,999 Axa Mps Carattere Forte Axa Mps Fin. Az. Europa +0,42 8,15 -0,07 7,205 Axa Mps Fin. Az. Giappone Axa Mps Fin. Az. Pacifico -0,08 15,86 Axa Mps Fin. Az. Sector +0,41 6,603 +0,30 11,157 Axa Mps Fin. Az. Top Ten Axa Mps Fin. Carattere Attento -0,01 10,754 +0,07 10,40 Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato +0,07 10,755 Axa Mps Fin. Carattere Sereno Axa Mps Fin. Conservativo +0,07 11,785 +0,18 10,168 Axa Mps Fin. Dinamico +0,07 11,666 Axa Mps Fin. Dinamico A Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A +0,18 22,03 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente -0,89 10,998 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo -0,33 9,112 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield +0,03 11,235 +0,03 10,793 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double -0,04 11,884 Axa Mps Fin. Mplife 100/1 +0,00 10,003 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 +0,10 10,037 Axa Mps Fin. Mplife 90/1 +0,00 9,565 Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' -0,10 9,975 Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa -0,08 11,938 Axa Mps Fin. Secure A +0,07 13,009 Axa Mps Fin. Usa Equity A -0,05 5,923 BCC VITA Bcc Vita Equity America +4,04 4,942 Bcc Vita Equity Asia à +2,52 5,369 Bcc Vita Equity Europa à +5,79 4,55 Bcc Vita World Global Bond à -0,26 5,413 Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 à +0,34 5,97

VARIAZ. QUOT.

Bpm Az 50 +0,70 5,73 Bpm Az 80 +1,53 5,32 Bpm Az Flex +0,67 4,49 Bpm Financial Audace +1,29 3,92 Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 +0,00 5,53 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 +0,00 5,59 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 +0,00 5,53 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 +0,00 5,53 Bpm Financial Equilibrato +0,87 4,64 Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 +0,00 5,58 Bpm Financial Geographic Areas +1,23 3,30 Bpm Financial Global Bond -0,47 6,34 Bpm Financial Industrial Sector +1,19 3,39 Bpm Financial Prudente +0,57 5,26 Bpm Financial Riserva Euro +0,00 6,51 Bpm Financial Vita Azionario +1,53 4,65 Bpm Financial Vita Bilanciato +0,89 5,64 -0,28 7,15 Bpm Financial Vita Obbligazionario BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 -0,05 11,034 Bnl Vita Capital Unit 60 -0,18 8,927 Bnl Vita Capital Unit 90 -0,20 6,878 Cardif Assicurazioni Spa Cardif Azionario A -1,62 86,135 Cardif Azionario B +1,23 138,419 Cardif Azionario Rimini 2 -1,58 63,297 -2,26 96,924 Cardif Bds Valore Azionario Cardif Bds Valore Bilanciato -0,84 136,368 Cardif Bds Valore Obbligazionario -0,05 179,282 Cardif Bilanciato A -0,89 123,124 Cardif Bilanciato B +0,18 192,372 Cardif Flexible Profilo A -1,59 75,203 +0,07 165,472 Cardif Obbligazionario A Cardif Obbligazionario B -0,53 219,653 Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 +0,09 107,912 Cardif Pargest Globale 60 A +0,52 186,522 Cardif Spazio Effervescente -2,27 108,962 Cardif Spazio Naturale +0,29 173,009 CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G +0,71 5,22 Carige Dinamicamente Protetta -0,19 5,17 Carige Gestilink Arancione Dinamica +2,51 3,886 Carige Gestilink Blu Moderata +0,82 5,41 Carige Gestilink Verde Prudente +0,25 6,692 Carige Protezione Attiva +0,56 104,79 Cattolica Assicurazioni Cattolica Azionario +2,50 4,30 Cattolica Bilanciato +1,73 4,539 Cattolica Bpbari Freeway Country -0,47 3,421 Cattolica Bpbari Freeway Desert +0,27 3,353 Cattolica Bpbari Freeway Jungle +2,23 0,275 Cattolica Cividale Percorso Azionario +3,59 11,934 Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario +0,38 11,309 Cattolica Ferrara Investire Azionario +2,52 3,493 Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario -0,09 5,577 Cattolica Fondo Protetto +0,00 5,206 Cattolica Formula Life Azionaria +0,09 4,603 +0,14 5,043 Cattolica Formula Life Bilanciata Cattolica Fuoriclasse Balanced +0,47 4,732 Cattolica Fuoriclasse Bond +0,09 5,775 Cattolica Fuoriclasse Equity +1,43 3,194 Cattolica Fuoriclasse High Tech +0,00 1,399 Cattolica Nuove Rotte +0,16 5,577 +0,54 5,004 Cattolica Obbligazionario Cattolica Progetto Attivo Bond +0,53 4,714 Cattolica Progetto Attivo Equity +2,53 3,938 +1,70 4,541 Cattolica Progetto Attivo Mix Cattolica Soluzione Dinamica +0,17 5,415 Cattolica Soluzione Prudente +0,23 6,659 Cattolica Soluzione Vivace +0,21 3,783 CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita 6attivo-Orchestra +0,42 72,187 Centrovita 6protetto Regina -0,09 105,47 Centrovita Anni 40 +0,00 149,921 Centrovita Anni 50 +0,12 168,635 Centrovita Anni 60 +0,85 125,087 Centrovita Anni 70 +1,65 125,902 +2,15 99,177 Centrovita Anni 80 Centrovita Azionario +1,96 111,167 Centrovita Azionario Blue +1,84 58,844 +1,97 59,235 Centrovita Azionario Green Centrovita Azionario Plus +1,97 135,598 Centrovita Bilanciato +0,95 152,687 +0,98 180,091 Centrovita Bilanciato Plus Centrovita Eag 2005 +0,00 1.038,80 Centrovita Eag 2006 +0,00 1.049,92 +0,02 194,932 Centrovita Obbligazionario Centrovita Obbligazionario Blue +0,02 128,223 Centrovita Obbligazionario Plus +0,02 217,00 DUOMO PREVIDENZA S.P.A. +3,00 2,06 Duomo Unit Dynamic Unit Moderate +0,18 4,897 GENERTELLIFE S.P.A. Adria Equilibrio +1,04 6,002 Genertellife Aptus 1 +0,04 4,892 -0,13 4,47 Genertellife Aptus 2 Genertellife Aptus 3 -0,24 3,723 +0,92 10,334 Genertellife Bg 2005-2015 +0,79 9,704 Genertellife Bg 2005-2020 Genertellife Bg 2005-2025 +0,69 8,714 +1,16 8,261 Genertellife Bg 2005-2030 -0,09 2,226 Genertellife Bg Azionario 1 -0,12 2,556 Genertellife Bg Azionario 2 Genertellife Bg Bilanciato 1 +0,18 3,932 Genertellife Bg Bilanciato 2 +0,26 5,093 Genertellife Bg Dinamico +2,69 8,362 +0,18 2,832 Genertellife Espansione -0,18 2,841 Genertellife Espansione2000 Genertellife Sviluppo +0,02 4,214 Genertellife Sviluppo2000 +0,05 3,785 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio +0,42 5,94 Genertellife Tirreno Unit Protezione +0,27 5,84 Genertellife Tirreno Unit Sviluppo +0,78 5,163 Genertellife Valore +0,54 6,116 Ina Assitalia Ina Fondo Ina Valore Attivo +0,05 4,124 Ina Fondo Valute Estere à -0,08 1,199 Ina Nuovo Fondo Ina à +0,11 7,85 Intesavita Spa Intesa Vita Accumulazione +0,68 5,364 Intesa Vita Azionario America Growth +1,66 9,433 Intesa Vita Azionario America Value +1,81 10,181

VARIAZ. QUOT.

Intesa Vita Azionario Cina +2,90 22,92 Intesa Vita Azionario Europa Growth +4,61 10,527 Intesa Vita Azionario Europa Value +3,40 11,037 Intesa Vita Crescita +0,53 6,112 Intesa Vita Dinamica +0,74 4,794 Intesa Vita Eurounit Azionario -0,12 3,216 Intesa Vita Eurounit Dinamico +0,02 5,085 Intesa Vita Eurounit Equilibrato +0,07 5,587 Intesa Vita Eurounit Prudente +0,08 6,397 Intesa Vita Gpa Accordo +0,18 688,55 Intesa Vita Gpa Accordo 2 +0,18 661,51 Intesa Vita Gpa Acuto +3,53 423,62 Intesa Vita Gpa Acuto 2 +3,48 355,70 Intesa Vita Gpa Armonia +2,46 532,68 Intesa Vita Gpa Armonia 2 +2,53 468,57 Intesa Vita Gpa Motivo +1,03 640,58 Intesa Vita Gpa Motivo 2 +1,07 601,45 Intesa Vita Monetario Dollaro -0,35 10,106 Intesa Vita Monetario Euro -0,01 10,84 -0,45 11,362 Intesa Vita Obbligazionario Euro Intesavita Gpa Private Bond +1,22 736,03 -0,22 590,02 Intesavita Gpa Private Global Guar. Intesavita Gpa Private Global High -6,23 333,95 Intesavita Gpa Private Global Low -0,21 673,02 Intesavita Gpa Private Global Medium -1,93 544,26 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo -0,08 3,584 Mediolanum Azionario Dinamismo Bis -0,10 4,11 Mediolanum Azionario Fedeltà +0,00 1,864 Mediolanum Azionario Lntraprendenza -0,09 3,33 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis -0,07 4,088 Mediolanum Azionario Protezione -0,02 5,87 Mediolanum Balanced -0,02 4,80 -0,02 4,882 Mediolanum Balanced Bis Mediolanum Country -0,11 3,488 Mediolanum Country Bis -0,10 4,068 Mediolanum Dynamic -0,05 4,244 Mediolanum Dynamic Bis -0,04 4,66 Mediolanum Eurobond Breve Termine +0,01 6,727 Mediolanum Eurobond Opportunita' +0,06 6,995 +0,04 6,751 Mediolanum Eurobond Sviluppo Mediolanum Euroequity Opportunita' -0,07 4,338 +0,00 6,488 Mediolanum Euroequity Protezione Mediolanum Euroequity Sviluppo -0,09 4,608 Mediolanum Moderate +0,02 5,203 Mediolanum Moderate Bis +0,00 5,234 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis +0,00 5,511 +0,05 5,524 Mediolanum Obb. Crescita Bis -0,02 5,22 Mediolanum Obb. Evoluzione Bis Mediolanum Obb. Moderazione Bis +0,05 5,502 Mediolanum Obbligazionario Crescita +0,06 6,866 Mediolanum Obbligazionario Liquidita' +0,02 6,637 Mediolanum Obbligazionario Moderazione +0,06 6,647 -0,08 3,885 Mediolanum Opportunity Mediolanum Opportunity Bis -0,07 4,251 Mediolanum Prudent +0,02 6,185 Mediolanum Prudent Bis +0,02 5,484 -0,14 3,45 Mediolanum Sector Mediolanum Sector Bis -0,14 4,291 MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario +0,16 3,14 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato +0,16 4,45 Milano Assicurazioni Previlink Monetario +0,02 6,16 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario +0,04 5,584 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. -2,68 3,013 Risparmio Crfc Gentile Dinamica Risparmio Crfc Gentile Equilibrata -1,67 5,416 Risparmio Eurolink Cv Dinamico -1,70 12,861 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato -0,45 12,797 Risparmio Eurolink Cv Risparmio -0,29 11,871 +0,03 11,632 Risparmio Formula Link In Prima Risparmio Formula Link In Seconda +0,53 10,177 Risparmio Formula Link In Terza -0,96 8,075 Risparmio Gestivita Azionario +0,20 9,163 Risparmio Gestivita Bilanciato -0,08 11,031 -0,57 12,872 Risparmio Gestivita Obbligazionario +0,00 7,57 Risparmio Patavium Ul Dinamico Risparmio Patavium Ul Equilibrato -0,12 8,88 SARA VITA S.P.A. Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A +3,60 8,457 Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale +3,77 8,112 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo -0,45 9,121 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale -0,02 9,527 Sara Vita Profilo Guardian -0,21 9,73 Unipol Assicurazioni Unipol Uninvest Arcosereno à +0,01 119,54 Unipol Uninvest Azioni Piu' +0,29 109,109 +1,46 13,617 Unipol Uninvest Crescita Unipol Uninvest Equilibrio +1,48 13,155 +2,03 7,194 Unipol Uninvest Flessibile Unipol Uninvest Grande7 +0,29 108,838 Unipol Uninvest Grandevita +0,26 105,034 +0,71 111,096 Unipol Uninvest Mach 7 Unipol Uninvest Otto&Mezzo +0,66 103,562 Unipol Uninvest Performance Europa +6,08 7,48 -0,69 13,56 Unipol Uninvest Risparmio +3,11 12,978 Unipol Uninvest Valore ZURICH LIFE AND PENSION Zlap Controllo +0,13 5,493 Zlap Crescita +0,09 6,576 +0,13 7,716 Zlap Equilibrio Zlap Evoluzione -0,02 4,891 Zlap Protezione +0,13 7,946 +0,14 5,799 Zlap Prudenza Zlap Sicurezza +0,05 5,525 Zlap Sviluppo +0,00 3,779


28

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

CRONACHE

L’Oscar Green ai giovani Premiata l’innovazione di Carmela Mirarchi SQUILLACE - Sono stati consegnati ieri all’agriturismo "Villa Ceraso" a Squillace i premi agli imprenditori agricoli calabresi che hanno partecipato al primo Oscar Green 2010 regionale, organizzatodallaColdiretti.Oscar Green è un appuntamento di Coldiretti Giovani Impresa che premia l’origidi un «Noi vogliamo nalità progetto e chi decide di restare in scommetterci. Calabria per Ieri i vertici regionali e cambiare il nazionali erano presenti alvolto della la consegna di agricoltura» un riconoscimento davverosignificativa per la nostra regione: Roberto Torchia, presidente Coldiretti Cz-Vv-Kr; Daniele Perrone, delegato regionale Giovani impresa Calabria; Vittorio Sangiorgio, delegazione nazionale di Giovani Impresa; Pietro Molinaro, presidente Coldiretti Calabria. L’incontro è stato coordinato da Benedetto De Serio, direttore regionale Coldiretti Calabria. Diversi anche i rappresentanti delle istituzioni che hanno deciso di intervenire alla consegna degli Oscar ai giovani imprenditori agricoli: Paolo Abramo,presidente UnionCamere e l’assessore provinciale all’Agricoltura Nicolino Montepaone. Ad iniziare è stata De Serio che ha subito ringraziato i presenti ed in particolare Vittorio Sangiorgio «propositore di discontinuità verso nuove dinamiche

del settore agricolo che - ha precisato - deve confrontarsi con la globalizzazione attraverso dei prodotti di un territorio che deve sapersi rappresentare». Alla consegna dell’Oscar Green c’erano anche le delegazioniprovincialidellaColdiretti Giovani . Il presidente interprovinciale della Coldiretti, Roberto Torchia ha invece sottolineato quanto la Coldiretti dia spazio alle nuove generazioni, «miope - ha detto - chi non getta lo sguardo al futuro. L’Oscar Green indica l’attenzione che la Coldiretti ha per i giovani. Il vero dato da sottolineare è che dalla campagne non si fugge più. C’è una inversione di tendenza con un ritorno alla figura dell’imprenditore agricolo, ma per fare questo bisogna avere coraggio e competenza». Daniele Perrone ha invece sottolineato come «nell’Oscar Green siano i giovani i protagonisti. La partecipazione al concorso è aumentato, ed è un dato significativo vista la crisi legata ad una economia falsa, lontano dalla nostra che si tocca con mano. In Calabria ci sono imprese che hanno radici profonde con uno

sguardo al futuro. Al centro di Coldiretti Giovani c’è il progetto di costruire una filiera tutta italiana. Noi vogliamo restare in Calabria per cambiare il volto dell’agricoltura».Dopol’interventodiPerrone c’è stata la consegna dei premi ai vincitori dell’Oscar Green 2010: per la categoria "Stile e cultura d’impresa" il premio è andato a "La tranquilla" di Rosario e Gaetano Pochiero di San Calaogero; per la categoria "Sviluppo locale" il premio è andato all’Azienda Agricola Begarte di Mosè Diretto; per la categoria "Sostiene il clima" il premio è andato alla Olearia Geraci srl; per la categoria "Oltre la filiera" il riconoscimento è stato consegnato a Vincenzo Bruzzere della Bio Sila di Acri; per la categoria "Esportare il territorio" è stato premiata la Cof srl di Francesco Barbieri; il riconoscimento per la categoria "Campagna amica" è andato infine a la cooperativa Le Georgiche di Paolo Sessa.Sangiorgio della delegazione nazionale ha sottolineato come l’Oscar Green si inserisca in un progetto della Coldiretti che vuole valorizzare il territorio.

Danno fuoco ad un giovane rumeno dopo un furto, denunciate 6 persone BORGIA - Avrebbero immobilizzato, sequestrato e dato alle fiamme un giovane rumeno ritenuto responsabile del furto di alcuni attrezzi in un’azienda agricola di Borgia, in provincia di Catanzaro. Sei persone sono state, per questo, denunciate per rapimento, lesioni gravi e tentato omicidio, ma nei loro confronti il sostituto procuratore di Catanzaro, Simona Rossi, potrebbe chiedere presto la custodia cautelare in carcere. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri della stazione di Borgia, due rumeni avevano compiuto un furto in un’azienda agricola, portando via alcune cesoie e un decespugliatore. Dall’azienda, una volta scoperto il fatto, sarebbe partita una punizione punitiva con sei persone che hanno rintracciato i due rumeni e, una volta bloccati, li hanno trasportati in una zona di aperta campagna. E’ qui che uno dei due sarebbe riuscito a fuggire, l’altro sarebbe stato denudato e, dopo una feroce aggressione, sarebbe stato cosparso di liquido infiammabile e dato alle fiamme. Solo un caso ha voluto che il rogo non si propagasse a tutto il corpo. Il giovane rumeno, Victor Penciuc, 21 anni, è stato soccorso, ed ora si trova ricoverato in ospedale con una prognosi di trenta giorni. Per lui e per il suo connazionale è anche scattata la denuncia per furto aggravato. Denunciati anche i sei cittadini di Borgia protagonisti dell’aggressione, individuati dai carabinieri dopo poche ore di indagini. Si tratta di G.R., 49 anni; M.G., 45; F.A., R.A. e M.A. tutti di 19 anni, e diB.M.,46anni.

Giovane di 24 anni tenta il suicidio Volo da 10 metri sui binari ferroviari BOTRICELLO-Ungiovane di 24 anni, ha tentato di togliersi la vita ieri mattina gettandosi dal sovrappassaggio pedonale che attraversa i binari ferroviari nel centro abitato di Botricello, in provincia di Catanzaro. Dopo un volo di una decina di metri, il giovane ha impattato contro la rete ferroviaria, riportando diverse fratture agli arti inferiori. Soccorso da un’ambulanza del 118 è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Catanzaro, dove non è in pericolo di vita. Sul posto sono intervenuti anche i Carabinieri della locale stazione e la Polizia ferroviaria, mentre lievi ritardi sono stati registrati alla circolazione ferroviaria.


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 29

CRONACHE

Abusa di una 11enne, in manette operatore sociale di Carmelo Morise BORGIA - Un addetto ai servizi sociali di Catanzaro, di 59 anni, è stato arrestato dalla polizia a Roccelletta di Borgia con l’accusa di avere abusato di una ragazzina di 11 anni. L’uomo è stato bloccato dal personale della Squadra mobile di Catanzaro mentre si trovava in una casa estiva, di proprietà di una personadisuaconoscenza, inÈ stato sieme alla ragazza che, bloccato secondoquanmentre era to è emerso dalle indagini, in una casa aveva da tempo plagiato insieme commettendo alla ragazza ripetutamente abusi su di lei.

L’operazione che ha portato all’arresto dell’operatore sociale è stata eseguita dopo una denuncia pre-

sentata alla polizia dalla madre della ragazzina. La giovane, tra l’altro, non andava più a scuola e presenta, secondo quanto riferito dalla polizia, una grave condizione di disagio psicologico e sociale. L’arrestato, Pietro Lamberto, è un addetto ai servizi sociali del Comune di Catanzaro. Lamberto, nell’ambito della sua attività di animatore culturale dei Servizi sociali comunali, era entrata in contatto con la famiglia della ragazza undicenne ed aveva intrecciato con quest’ultima una relazione sessuale. Una situazione, hanno riferito gli investigatori, in cui la minore si è ritrovata in una condizione di assoluto assoggettamento psicologico. L’operazione della Squadra mobile è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Catanzaro.

Gallippi (Mpa): dimissioni del sindaco Olivo, atto coraggioso CATANZARO - «Un atto coraggioso per dimostrare alla maggioranza che l’interesse per la città deve andare oltre quello personale. In un giorno cupoper il Comune di Catanzaro esprimiamo solidarietà al Sindaco Olivo, il quale ha remato da solo per diversi mesi nel tentativo di

ritrovare affianco a se quella maggioranza che alle passate elezioni lo ha portato a governare. Solo oggi, quando tutto potrebbe essere ormai perduto, inizia il valzer delle adesioni e del sostegno a quella amministrazione che tante volte è mancata soprattutto nei numeri». A dirlo è Carmine Gallippi, commissario provinciale Mpa. «A chi siede nei banchi della maggioranza diciamo che un matrimonio va avanti nella buona e nella cattiva sorte, cosa che realmente poco si è vista all’interno della coalizione, dove con il passare del tempo tanti, troppi,

hanno deciso di fare scelte differenti e non sempre condivisibili. Troppo forti le sirene del Presidente Scopelliti, forse assordanti quelle dell’on. Traversa. La verità, ma non siamo noi i primi ed unici a sostenerlo, è che di ideali non ce ne sono più, si pensa solo alla poltrona e a garantirsi longevità politica. A lei, Sindaco - conclude -che siamo certi in questo sia persona d’altri tempi diciamo che chi non la ama non la merita; il suo gesto porta con se un senso di grande moralità e responsabilità che tutt’oggi sovrasta tanti suoi compagni di viaggio».

Guccione (Pd): i cittadini convinceranno Olivo a ritornare sulle sue decisioni CATANZARO - Anche il segretario regionale del Pd è intervenuto in merito alle dimissioni del sindaco diCatanzaro, Rosario Olivo. «Comprendo il gesto d’impeto e il segnalediallarme che Rosario Olivo ha voluto lanciare con le sue dimissioni da sindaco della città ca-

poluogo di regione». E’ quanto si legge in una nota del segretario regionale del Parito Democratico, Carlo Guccione. «In questi mesi troppi condizionamenti di basso profilo continua il segretario regionale delPartitoDemocratico-hanno cercato di inficiare l’azione riformista e di governo che il sindaco Olivo sta portando avanti al servizio della comunità e nell’esclusivo interesse di tutti i cittadini. Sono certo - aggiunge Carlo Guccione - che la parte migliore della città di Catanzaro saprà

stringersi intorno allo sforzo che in questi anni l’on.Olivo ha profuso con entusiasmo e slancio sinceri e lo inviterà con forza e determinazione a ritornare sulle sue decisioni. A breve - conclude Guccione avrò modo di incontrarmi e di confrontarmi con lui per ribadirgli tutto il mio sostegno personale e quello del Partito Democratico calabrese che, ai riformisti autentici ed appassionati come lui, deve guardare sempre con grande ammirazione e stima». Mario Giglio

’Ndrangheta, eseguite due ordinanze di custodia cautelare in carcere SOVERATO - I militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Soverato ieri notte hanno dato esecuzionead un ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Maurizio Tripodi, classe 1959, imprenditore, pregiudicato, originario di Mongiana ma residente da tempo a Soverato e Rosario Salavtore Fraietta, classe 1964, artigiano, pregiudicato, originario di Guardavalle ma residente nel Pavese. I due sono ritenuti responsabili, per fatti commessi a cavallo degli anni 2003 e 2004 unitamente ad altri 60 indagati, di associazione a delinquere di tipo mafioso, associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, estorsione ed altro. Tripodi farebbe parte del nascente "locale di ndrangheta" di Soverato, alleato con la "famiglia" costa di Siderno e del gruppo delinquenziale facente capo a Bayan Khaled, per i quali con stralcio ha proceduto la Procura di Reggio Calabria con l’emissione di 7 o.c.c. eseguite da questo comando nel dicembre del 2008 e nel febbraio 2009, mentre il Fraietta farebbe parte del "locale di ndrangheta" di Guardavalle. L’indagine nasce da un approfondimento della già nota indagine Mithos con lo scopo di delineare i gruppi criminali operanti in Soverato e altri centri attigui rilevando dei collegamenti tra il gruppo Sia - Tripodi a quello dei Vallelunga di Serra San Bruno. In particolare al Tripodi è contesta-

ta un estorsione aggravata dall’utilizzo del metodo mafioso ai danni del titolare di un esercizio commerciale di Soverato, consistita nell’indurlo a far cessare detta attività - in concorrenza con altra della medesima tipologia e a lui riconducibile - mediante numerosi atti intimidatori quali incendi di

Maurizio Tripodi

autovetture di suoi congiunti. L’attività commerciale è stta effettivamente chiusa. Al Fraietta è invece contestata l’associazione a delinquere di tipo mafioso in seno al "locale di ndrangheta di Guardavalle" poiché lo stesso è intervenuto insieme ad altri elementi di spicco della famiglia Gallace al fine di dirimere un contrasto con Vittorio Sia, sorto a causa della perpetrazione di alcuni furti ai danni di soggetti a lui vicini. Gli arrestati sono stati condotti in carcere in attesa dell’ interrogatorio di garanzia che avverrà nei prossimi giorni. Carmelo Morise


30

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

CRONACHE

Il primo cittadino di Sant’Agata d’Esaro accoltellato ad un fianco, non è grave

Aggredito il sindaco Bisignani Perugini: fare fronte comune di Carmela Mirarchi SANT’AGATA D’ESARO - Il sindaco di Sant’Agata d’Esaro, Antonio Bisignani è stato aggredito lunedì notte da alcune persone mentre usciva dalla casa dei genitori. Il sindaco è stato ferito ad un fianco probabilmente con un coltello. Soccorso e portato nella Casa di Cura Tricarico di Belvedere Marittimo, le condizioni di Bisignani non sono gravi. Bisignani, nell’ultimo anno, è stato vittima di diversi atti intimidatori. Tra l’altro gli è stata incendiata l’automobile ed è stato dato alle fiamme il portone della casa dei genitori. Ieri mattina il Sindaco avrebbe dovuto partecipare alla seduta del Consiglio comunale convocata per discutere del bilancio. L’aggressione é avvenuta poco dopo mezzanotte, quando Bisignani è uscito dall’abitazione dei genitori che è solito andare a trovare tutte le sere. Appena uscito, il sindaco si è sentito afferrare alle spalle da alcune persone che gli hanno tappato occhi e bocca con le mani. Quindi hanno iniziato a picchiarlo, fino a quando Bisignani ha sentito una fitta dolorosa al fianco e si è accasciato a terra mentre i suoi aggressori fuggivano. Bisignani è riuscito a chiamare il cognato, che lo ha portato in ospedale dove gli è stata riscontrata una ferita di coltello al fianco. Le sue condizioni, comunque, non sono gravi. Il presidente Anci Calabria ee vice presidente nazionale dell’Associazione dei Comuni, Salvatore Perugini, sidnaco di Cosenza ha espresso «la più ferma condanna per la vile aggressione di cui è stato vittima il sindaco di Sant’Agata d’Esaro, Antonio Bisignani, già fatto oggetto più volte di gravi intimidazioni, al quale rivolgo un caloroso augurio di pronta e completa guarigione, assicurandogli la

Midaglia: manifestazioni contro la Finanziaria, il Pd del Cosentino sarà sempre presente

solidarietà mia e di tutti i Sindaci della Calabria. E’ davvero tempo - ha aggiunto - che si restituisca alla comunità di Sant’Agata d’Esaro il diritto ad una vita democratica serena, non inquinata dalla violenza e dal tentativo sistematico di alimentare una sorta di strategia della paura. E’ questo un obiettivo primario per il quale le istituzioni, le forze politiche e sociali e i cittadini, con l’aiuto determinante delle forze dell’ordine che sicuramente stanno lavorando per fare al più presto piena luce sull’accaduto, sono chiamate ad impegnarsi senza esitazioni. E’ necessario, infatti, fare fronte comune nel respingere ogni tentativo criminale di alimentare la sfiducia nella possibilità di lavorare per lo sviluppo del nostro territorio». «Sono certo - ha concluso Perugini - che

Esame di maturità C’era anche Maria Perrusi

questa convinzione é condivisa da tutti coloro che hanno a cuore la crescita della nostra regione e si sentono vicini al sindaco Bisignani e a quanti quotidianamente si espongono operando in prima linea, in ascolto dei bisogni dei cittadini».

Bancarotta fraudolenta, due denunce Avrebbero evidenziato passività inesistenti CORIGLIANO CALABRO - La Guardia di Finanza ha denunciato due soci della società fallita "Centro Lavorazione Lamiere" srl di Corigliano Calabro per bancarotta fraudolenta. I due, dal 2003 al 2005, avrebbero evidenziato nei bilanci d’eserciziodelle passività inesistenti e distratto beni della società, sottraendoli all’attivo fallimentare, per un importo di oltredue milioni di euro. Le indagini dei finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Cosenza hanno permesso di appurare come la liquidità aziendale sia stata distratta attraverso pagamenti simulati a favore di falsi fornitori, sottra-

COSENZA - «Il governo Berlusconi ha per un lungo tempo negato la crisi e quando alla fine ha dovuto ammetterla, ha detto che era già passata e che l’Italia ne era uscita meglio degli altri Paesi Europei. Oggi presenta con finanziaria pesantissima ed ingiusta che determina, com’è stato detto, situazioni da vera e propria macelleria sociale, colpendo i lavoratori, i giovani disoccupati, i ceti più deboli e bisognosi e le autonomie locali». A dirlo è Pietro Midaglia, presidente assemblea provinciale Cosenza del Pd. «La finanziaria - continua - poi non prevede alcuna misura atta a sostenere lo sviluppo ed a far crescere i consumi. Le conseguenze di questa finanziaria sono infine particolarmente pesanti per il Sud e per una Regione come la

zione disomme contanti dalla cassa della società e occultamento di documentazione contabile. Inoltre nel corso del 2005 sarebbe stato falsamente venduto un opificio ad un’altra azienda, senza di fatto percepire il relativo corrispettivo. L’impresa fallita, che avrebbe dovuto operare con l’impiego di 14 dipendenti nel settore della profilatura dimetalli e nella produzione e la commercializzazione di strutture metalliche per fabbricati e serre, è stata ancheoggetto di un’indagine da parte della magistratura per l’indebita percezione di finanziamenti comunitari attraverso la legge 488/92.

Calabria dove predomina già il sottosviluppo ed una diffusa precarietà e dove c’è una crescente e drammatica disoccupazione femminile e giovanile; nonché una invadente presenza mafiosa che controlla diversi territori e rappresenta un grave ostacolo ad ogni ipotesi di serio sviluppo. Bene sta facendo il Pd Nazionale, insieme ai suoi gruppi parlamentari, a portare avanti ogni opportuna iniziativa ed una forte mobilitazione contro le ingiustizie e contro l’inefficacia di questa finanziaria.Altrettanto opportune, necessarie ed utili sono le iniziative e le lotte dei sindacati dei lavoratori per contrastare o quantomeno correggere le più gravi distorsioni contenute nella finanziaria. Sono convinto che tutto il Pd di Cosenza sarà

PAOLA - C’é anche Maria Perrusi, Miss Italia 2009, tra i candidati di quest’anno agli esami di maturità. Maria è stata la prima ieri mattina a presentarsi, insieme alla madre, già alle 7.30, per la prova scritta di italiano, all’istituto tecnico - commerciale Pizzini di Paola, la scuola che frequentava e che è stata costretta a lasciare per gli impegni legati alla sua elezione. Miss Italia, mantenendo fede alla promessa fatta ai genitori, ha deciso di prepararsi agli esami da privatista superando il primo scoglio dell’esame di ammissione. "Provo una grande emozione - ha detto Maria prima di iniziare l’esame - perché gli esami di maturità rappresentano un appuntamento molto importante. Spero di fare bene perché voglio ripagare la fiducia dei miei genitori, che ci tengono molto». Miss Italia ha scelto il tema sugli per la prova scritta degli esami di maturità. Ha spiegato la sua scelta col fatto che la traccia sugli extraterrestri è quella che più la stimolava e le interessava. «Ho sempre creduto nell’esistenza degli extraterrestri - ha detto Miss Italia - perché sono convinta che non siamo soli nell’universo. Credo, anzi, che non sarebbe nemmeno molto bello se lo fosssimo». Ad attendere Maria, all’uscita dall’istituto tecnico commerciale Pizzini, c’era la madre, più emozionata di lei. Maria Perrusi farà gli orali il 6 luglio. Presenterà una tesi sulla bellezza. Non soltanto su quella femminile, ha spiegato, ma anche nelle varie forme d’arte.

parte attiva ed impegnata di queste molteplici manifestazioni, ad iniziare dall’importante e significativo sciopero generale indetto dalla Cgil per il prossimo 25 giugno, verso il quale esprimo il mio sostegno e la mia diretta partecipazione alla manifestazione di Cosenza».


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 31

CRONACHE

Gallo nella riunione di ieri ha manifestato la volontà di denunciare il caso alla magistratura

Ospedale di Rogliano, sindaci non saranno al tavolo di concertazione ROGLIANO - I sindaci del Savuto non parteciperanno al tavolo di concertazione sull’ospedale Santa Barbara di Rogliano convocato per questa mattina dal direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, Pasquale Puzzonia. Lo hanno deciso all’unanimità a conclusione di una assemblea che si è svolta ieri. La motivazione della decisione è stata esposta in un documento in cui si contesta «la formulazione dell’invito destinato ad orientare anticipatamente il tavolo all’attuazione della delibera di ridimensionamento del presidio ospedaliero di Rogliano, già contestata e sospesa. Subordiniamo la nostra partecipazione alla trattativa - affermano i sindacati nel documento - alla revoca immediata dell’atto aziendale, che segna la prospettiva della dequalificazione del Santa Barbara e della sua riconversione per liberare il tavolo da ogni strumentale condizionamento, come si conviene ad una concertazione libera e costruttiva». La posizione del dg Puzzonia viene contestata dai sindacati, che criticano, in particolare, «il modo di procedere del manager. Intanto, anche il personale ospedaliero, riunito in assemblea - si afferma in un comunicato - presenti tutte le organizzazioni sindacali del comparto, ha espresso il suo "pieno sostegno" all’occupazione della sede della direzione sanitaria del presidio, giunta oggi al sesto giorno consecutivo». Il sindaco di Rogliano, Giuseppe Gallo, intervenuto ieri nel corso della Conferenza dei sindaci del Savuto, ha manifestato l’intenzione di adire la magistratura attraverso la presentazione di una denuncia sullo stato di crisi del sistema sanitario locale, sulla vertenza dell’ospedale Santa Barbara e sulla sua gestione, sulla ipotizzata sottoutilizzazione di reparti e apparecchiature, sulla mancata apertura del reparto di Dialisi a Rogliano e su altri aspetti che ri-

Rapine a Quattromiglia, notificato un provvedimento di arresto Ora si cerca il complice di Fortino

guardano l’Azienda ospedaliera. «E’ in corso da una settimana una protesta - ha affermato il sindaco di Rogliano - indetta da un’amministrazione comunale, con il sostegno di tutte le istituzioni locali, con in testa i sindaci del Savuto, del personale ospedaliero e dei sindacati, della chiesa, della associazioni e dell’opinione pubblica, di intere comunità, e non c’é una iniziativa, nemmeno per promuovere in

sede politica un confronto serio e costruttivo. E’ evidente - ha proseguito Gallo che devono intervenire gli organi di tutela dello Stato, che dovranno eventualmente perseguire tutte quelle inadempienze e quelle iniziative che hanno prodotto, e la giustizia dovrà accertarlo, disfunzioni, disservizi, situazioni di sfascio organizzativo denunciate ogni giorno sulla stampa, casi di malasanità, sperperi e sprechi da qualsivoglia parte siano stati causati. C’é una struttura che funziona da trentacinque anni, che è stata storicamente un modello di efficienza, che oggi viene volutamente sottoutilizzata. C’é una Tac nuova, per esempio, all’ospedale di Rogliano - sostiene ancora Gallo - ma che è aziendale, e non viene usata sporadicamente, quando a Cosenza ci vogliono mesi per un esame di questo tipo. Chiedo: non è che così si intenda favorire, in qualche modo, la sanità privata? Qualcuno ci deve spiegare il perché di questa situazione assurda, allucinante, sproporzionata, abnorme. Mettiamo le cose in mano alla magistratura e chi ha sbagliato paghi».

Magarò: le istituzioni tengano alta l’attenzione sulla mafia CETRARO - «Le istituzioni devono schierarsi dalla parte dei diritti e della legalità e tenere alta l’attenzione sui fenomeni mafiosi per evitare che la rassegnazione prenda il sopravvento e che la società si abitui a convivere con la ‘ndrangheta». Lo ha detto Salvatore Magarò, presidente della Commissione contro il fenomeno della mafia in Calabria, intervenendo a Cetraro alla presentazione del libro

RENDE - I carabinieri di Rende hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a Danilo Fortino per due rapina commesse nel mese di febbraio a Rende. Il 12 febbraio scorso due soggetti si sono introdotti all’interno del supermercato Md Discount di Quattromiglia di Rende e, sotto la minaccia di una pistola giocatolo, si sono fatti consegnare la somma di 900 euro e sono subito scappati. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini. Il 22 febbraio, sempre due soggetti, armati di una pistola giocattolo ed a volto coperto, si sono introdotti all’interno di un bar di Rende impossessandosi dell’incasso della giornata pari alla somma di 5.300 euro.Gli investigatori del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno comin-

"Malacarne" di Andrea Pamparana, nell’ambito del Premio Giovanni Losardo. «Le forze dell’ordine e la magistratura - ha aggiunto - compiono il loro dovere fino in fondo con risultati positivi, ma la sola repressione non è sufficiente ad estirpare la radice della malavita organizzata. La politica deve fare la sua parte rafforzando la propria azione per favorire comportamenti corretti e trasparenti».

ciato a mettere insieme una serie di elementi ed hanno studiato i due colpi messi a segno. Molte erano le analogie tra le due rapine: la descrizione dei malviventi, l’arma utilizzata, il modus operandi, l’orario, la località (Quattromiglia) e, soprattutto, l’autovettura utilizzata. I carabinieri hanno così messo insieme tutti gli elementi del puzzle e la svolta nelle indagini si è avuta quando è stata ritrovata la macchina utilizzata dai rapinatori. Un ulteriore elemento è stato raccolta allorquando sempre i carabinieri della Compagnia di Rende, il 6 aprile, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato di tre soggetti per tentata rapina ad un supermercato di Quattromiglia. Nella circostanza era stato identificato, a poche centinaia di metri, an-

Il Consiglio comunale approva le sei pratiche relative all’urbanistica COSENZA - Il Consiglio comunale di Cosenza, presieduto da Pietro Filippo, ha approvato le sei pratiche riguardanti il settore urbanistica che, insieme ad alcune del settore di programmazione economica, formavano l’ordine del giorno. Tutte le pratiche sono state accorpate nella relazione dell’assessore al ramo, Domenico Genise, il quale - prima di entrare nel dettaglio tecnico - ha proposto all’aula alcune riflessioni di carattere generale che, in prima battuta, hanno posto l’accento sulla «consapevolezza che le dimensioni del territorio e i suoi confini sono elementi dinamici. Si è cittadini di Cosenza - ha detto - ma si è anche cittadini di un’area vasta che supera i confini dell’area urbana stessa. Ragionare di urbanistica in ambiti territoriali è dunque visione restrittiva. Così come, a mio modo di vedere, l’urbanistica è l’espressione più politica dell’amministrare perché rappresenta la interdisciplinarità, è poi dovere di ogni buon amministratore portare a sintesi le diverse esigenze. Questo sforzo può essere coronato ma ad alcune condizioni: la nostra deve essere una società aperta, deve concepire in modo ampio l’accoglienza intesa non solo come immigrazione ma anche come annullamento della separatezza che c’é a volte tra i ceti». L’assessore ha poi parlato della costruzione del nuovo ospedale regionale sottolineando l’importanza che si leghi e sia vicino a una facoltà di medicina.

che Danilo Fortino. Gli investigatori hanno messo insieme tutti gli elementi raccolti fino a quando hanno capito che a compiere le rapine era stato proprio Fortino insieme ad un altro soggetto ancora non identificato. L’uomo è stato così denunciato per rapina a mano armata e ricettazione. Il magistrato titolare dell’indagine ha richiesto al Giudice la custodia cautelare in carcere. Il provvedimento è stato notificato proprio ieri dai carabinieri della Compagnia di Rende a Fortino Danilo il quale si trovava già in carcere a Cosenza in quanto arrestato a febbraio per un’estorsione nei confronti di un bar di Quattromiglia. Nel frattempo le indagini dei carabinieri proseguono per identificare il complice di Fortino.


32

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

CRONACHE

Traffico di droga dall’Olanda Insieme ’ndrangheta e camorra di Antonio Latella REGGIO CALABRIA - ‘Ndrangheta e camorra assieme per la gestione del narcotraffico. Un’alleanza spezzata dalla Guardia di Finanza con l’operazione "Tamanaco" che, con il coordinamento della Dda di Reggio Calabria, ha portato all’arresto di 16 presunti affiliati alle due organizzazioni, al sequestro di settecento chili di cocaina e di beni mobili ed immobili del valore di 80 milioni di euro. Per Fiamme Gialle e Procura antimafia è stata smantellata un’organizzazione criminale di altissimo livello, "in cui era sancita una vera e propria alleanza strategica e finanziaria" tra le cosche malavitose "Barbaro" di Platì e "La Torre"del casertano. Un lavoro durato tre anni: caratterizzato da serrate e minuziose investigazioni effettuate con l’ausilio di sofisticate apparecchiature tecniche per l’ascolto delle comunicazioni tra gli indagati, a cui vanno aggiunti centinaia di appostamenti e riscontri effettuati sia in Italia che all’estero. Le prime indagini, datate 2005, del Gruppo operativo antidroga di Catanzaro hanno consentito l’individuazione di una prima importazione di sostanza stupefacente dal Sud America che l’organizzazione stava pianificando con un noto broker di origini italiane, Vittorio Belgiovane, di 70 anni, residente in Venezuela. Questi viene considerato il referente di un’organizzazione di narcotrafficanti colombiani che egli stesso riteneva tra le prime al mondo per volume di affari. La regia italiana era di Giuseppe Barbaro (42), ritenuto elemento di spicco dell’omonima consorteria di Platì, all’epoca latitante e successivamente, il 12 dicembre del 2008, arrestato dalle Fiamme Gialle del Goa di Catanzaro. L’uomo operava in sinergia con altri appartenenti alla criminalità calabrese, campana e laziale, tra

cui Giovanni Sciacca (51), Emilio Boccolato (58) e Antonio Rea (59). Quest’ultimo, nonostante conducesse una vita da insospettabile, avrebbe costituito il collegamento tra l’organizzazione di narcotrafficanti italiani e Vittorio Belgiovane. Dal pedinamento del venezuelano, da parte dei

militari del Gico di Catanzaro, subito dopo il suo sbarco all’aeroporto romano di Fiumicino, è stato accertato l’arrivo in Italia di un carico di cocaina, mimetizzata in un container di pelli bovine essiccate. Con l’attività di intelligence, gli investigatori hanno accertato non solo il porto di partenza del carico, La Guaria, e la motonave - Cala Palma della Costa Container Lines spa -, per il trasporto della "neve", ma anche lo scalo di Livorno, punto d’arrivo della dro-

ga. Il 14 settembre 2005, la nave, dopo una sosta di cabotaggio a Vado Ligure ( Savona), ha gettato l’ancora a Livorno, dove i militari del Goa di Catanzaro ed i loro colleghi dellacompagniadellacittàtoscana hanno messo le mani su settecento chili di cocaina purissima. Il proseguo delle indagini ha focalizzato le responsabilità degli arrestati ed i loro contatti con una rete di trafficanti olandesi, noti alla polizia di Amsterdam. Il referente dell’organizzazione, nel paese dei tulipani, sarebbe stato Pasquale Magliaro (45) in sinergia con soggetti locali: Jerry Gallant (58), alias "il codino"; Richard Kramer (47), Suzette De Rijp (50), alias "la signora", e Greg Remmers (62). Con lo stesso provvedimento del gip con il quale è stato disposto l’arresto dei componenti la gang, la Guardia di Finanza ha sequestrato 16 attività economiche (ditte individuali e società), 25 quote societarie per svariati milioni di euro, 7 automezzi, 12 immobili (terreni e fabbricati) 2 polizze assicurative. Stesso provvedimento per la tenuta "Sciacca", a pochi chilometri dal lago di Falciano, un casale del ‘700 dislocato su venticinque ettari: 24 camere, due suite e due sale ristorante.

L’Arcivescovo di Milano in visita a Reggio: conserverò un bel ricordo REGGIO CALABRIA - L’Arcivescovo di Milano, Cardinale Dionigi Tettamanzi, ha visitato ieri mattina le sale di Palazzo Campanella, sede del Consiglio regionale, dove sono esposti i reperti del Museo Nazionale della "Magna Graecia" e l’Aula consiliare "Francesco Fortugno". Accolto dal Capo di Gabinetto Pasquale Crupi, e dal Pasquale Dapoto, della Soprintendenza archeologica della Calabria, e dai tecnici e funzionari del Laboratorio dell’Istituto centrale del Restauro che stanno effettuando interventi conservativi sui "Bronzi di Riace", Mons. Tettamanzi ha potuto seguire da vicino e ricevere indicazioni sull’attività di restauro in corso sulle due statue. «E’ la seconda volta che vedo i Bronzi - è stato il suo primo commento - ma ho avuto la possibilità di vedere da vicino, con calma, e con una spiegazione davvero molto interessante, perché pregnante di significato, di richiamo alla bellezza, da parte dei funzionari dell’Istituto centrale del restauro, questi capolavori unici al mondo». «In questo senso questa visita a Reggio Calabria legata, in particolare, ai 50 anni di sacerdozio di Mons. Vittorio Mondello - ha proseguito il Card. Tettamanzi - si è ampliata ancor di più con questo giro all’interno del Consiglio regionale della Calabria, ai Bronzi di Race, ed anche a tante altre cose belle, non ultimo questo parlamento - ha affermato varcando l’ingresso dell’Aula consiliare "Francesco Fortugno" - sul quale ho detto che è un luogo nel quale i parlamentari devono sforzarsi di essere consolati dal loro impegno, dalla loro competenza, dalla loro generosità per potere dare consolazione a tante persone che aspettano proprio da chi ha una responsabilità sociale, economica, politica, una risposta a tanti problemi, a tante difficoltà. Ma anche uno stimolo alla speranza, a credere in se stessi e far tesoro di tutte le numerose e preziose risorse di cui è ricca Reggio Calabria e l’intera regione. Conserverò un bel ricordo di Reggio - ha quindi concluso l’Arcivescovo di Milano - tanto più, l’ho già detto, che vorrei tornare in ottobre quando si terrà la Settimana sociale dei Cattolici italiani. Mi pare che il venire qui sia un ulteriore segno che noi possiamo e dobbiamo vivere in un Paese solidale». Il dr. Pasquale Crupi ha consegnato a S.E. Mons.Tettamanzi un prezioso cofanetto di medaglie raffiguranti la "testa del filosofo" ed i "Bronzi di Riace".

Presentata "Woodfest Music e Art Fair" Iniziativa tra musica e beneficenza REGGIO CALABRIA - Presentata, nel corso di una conferenza stampa, ospitata nel Salone dei Lampadari di Palazzo San Giorgio di Reggio Calabria, la manifestazione di musica e arte, a scopo benefico, denominata "Woodfest Music e Art Fair". A presentare l’iniziativa, realizzata dall’associazione culturale "Metropolis", il consigliere comunale Paolo Gatto unitamente al presidente dell’VIII Circoscrizione, Albino Passalacqua, a Pietro Pratticò, presidente della Commissione Cultura della medesima Circoscrizione, al presidente dell’associazione "Metropolis" Carlo Giordano, ad Eleonora Barillà, componente dell’associazione e alla presentatrice dell’evento, Antonella Morello. La manifestazione si terrà nei giorni 25, 26 e 27 giugno presso l’ex fortino di Arghillà poiché, secondo gli organizzatori, la conformazione del sito si presta molto alla realizzazione di concerti e alla esposizione di mostre fotografiche, di pittura e scultura . «L’associazione culturale "Metropolis" Onlus - ha detto il consigliere Gatto - è anche impegnata nel sociale con attività di assistenza rivolte alle persone indigenti attraverso la fornitura di beni di prima necessità. Si tratta di iniziative senza dubbio nobili. Lo scopo di questo progetto di solidarietà - conclude Gatto - è mirato alla necessità di reperire fondi per creare una "mensaper i poveri" con lo scopo di alleviare i disagi e le difficoltà di tante persone che si trovano in condizioni di estremo bisogno e necessità». Tra i gruppi che prenderanno parte alla " 3 Days of Peace Lowe e Music" i Marvanza, il Vai e Vieni cabaret e il Teatro Calabria.


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 33

CRONACHE

La nota delle segreterie provinciali dei sindacati Sap, Siap, Ugl, Coispr e Consap

apprezziamo «Manovra del Governo, tagli Prc: l’apertura dell’Idv sulla candidatura all’intero sistema sicurezza» di Massimo Canale REGGIO CALABRIA - «A fronte dei successi ottenuti nel contrasto alla più pericolosa organizzazione malavitosa in ambito mondiale, il Governo continua ad operare tagli trasversali a tutto il sistema sicurezza, senza individuare gli sprechi che, pure a nostro avviso, continuano ad esistere». Lo sostengono, in una nota, le segreterie provinciali di Reggio Calabria dei sindacati di polizia Sap, Siap, Ugl, Coispr e Consap. «In questi giorni - affermano i sindacati il Questore Casabona ha invitato i sindacati ad un incontro finalizzato alla riorganizzazione dei turni di servizio per la locale Squadra mobile, diretta dal primo Dirigente, dott. Renato Cortese. La richiesta trovava fondamento nell’asserita economicità e per contenere il ricorso al lavoro straordinario per i poliziotti ivi in servizio. Nel contesto, il Questore ha evidenziato i notevoli risultati conseguiti dai poliziotti del dottor Cortese, con particolare riferimento alle brillanti operazioni di polizia giudiziaria raggiunti nel corso del primo semestre 2010. Emergeva, quindi, la notevole visibilità massmediaticaeprofessionalitàraggiunta, sottolineata, per altro, da molti interlocutori quali Ministri, parlamentari, politici vari, magistrati e giornalisti di ogni orientamento. Rileviamo, però, che a parole il tema della sicurezza rientra tra le priorità di tutti i programmi elettorali ma, alla prova dei fatti, nonostante il recente riconoscimento della specificità della nostra professione in una norma senza appostamenti finanziari, la riduzione degli investimenti nel settore dice esattamente il contrario». I sindacati sostengono che «i poliziotti si trovano con due contratti scaduti e mai

L’Ente Parco Nazionale di Aspromonte consegna i lavori della ex caserma Naps di Oppido M.

rinnovati; solo da qualche settimana hanno avuto il saldo delle missioni e delle trasferte anticipate nel 2009; di diverse indennità ancora non si conosce il termine di pagamento e ci riferiamo all’indennità di scalo ferroviario, autostradale, della Polizia delle comunicazioni. Sulla base della prossima manovra economica, in discussione in Parlamento, sono previsti il blocco degli assegni di funzione, il congelamento dei trattamenti economici negli avanzamenti di carriera fino al 2014, il cambio del sistema di calcolo della liquidazione, l’azzeramento del riordino delle carriere e, non ultimo, una previdenza complementare mai partita che ci preparerà ad essere i poveri di domani. Non riteniamo accettabile - concludono i

OPPIDO MAMERTINA - Consegnati dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte all’impresa aggiudicataria i lavori per la riqualificazione dell’ex Caserma Naps di Località Piani di Stoccato nel comune di Oppido Mamertina. L’Area su cui sorge il campo della caserma Naps si trova nel cuore dell’Aspromonte a circa 1000 metri di quota in località Piani di Stoccato nel Comune di Oppido Mamertina, in una zona di 16.500 mq adibita a scopi militari nel corso degli anni ottanta. Il progetto ideato dall’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte è volto a trasformare un’area attualmente in condizioni di totale degrado in grande catalizzatore ambientale e paesaggistico in grado di rappresentare un punto di riferimento logistico per attività

sindacati di polizia - subire ulteriori tagli economici, a fronte di rischi e pericoli di servizio quotidiani, proprio nel territorio dove si stanno raccogliendo i maggiori successi investigativi, a danno di una ’ndrangheta che non arretra nelle sue attività illecite e che per nulla turbata dalla crisi economica che attanaglia il mondo, sfrutta proprio questi momenti per occupare ulteriori spazi, forte della latente demotivazione generale. Ricordiamo a noi stessi che la sicurezza deve essere considerata una priorità politica e come tale su di essa bisogna investire».

REGGIO CALABRIA - «Apprezziamo molto che Italia dei Valori intenda concorrere, insieme alle forze sane della sinistra politica e sociale, nella costruzione di una nuova coalizione e di un progetto credibile per il futuro di Reggio Calabria». E’ quanto afferma il segretario provinciale del Prc di Reggio, Antonio Larosa, che aprla di «importante apertura di Idv alla candidatura a sindaco di Reggio, di Massimo Canale. Il dato politico proveniente dal congresso provinciale di Idv svoltosi domenica a Reggio - sostiene Larosa - è di assoluto rilievo e merita di essere indagato e valorizzato. Lo è, innanzitutto, per la formazione di un nuovo gruppo dirigente e di una nuova struttura organizzativa da parte di una forza politica come Idv, essenziale nel panorama del centrosinistra reggino e nazionale. Lo è, ancor più e soprattutto, per la forte apertura alla candidatura di Massimo Canale e al progetto politico - elettorale, di innovazione e di ascolto della società, che la sottende. Come abbiamo ampiamente esplicitato in più di un’occasione prosegue Larosa - la candidatura Canale vuole includere e coinvolgere a sinistra, senza presuntuose pregiudiziali di sorta, nella persuasione che la società reggina si meriti un progetto e una classe dirigente all’altezza della situazione. Con Idv, ne siamo certi, sono e saranno numerosissime le affinità valoriali e programmatiche: sulla legalità e la trasparenza della "cosa pubblica", sulla tutela del lavoro».

Armando Amodio

di turismo sociale ed altro all’interno del Parco. L’idea complessiva di progetto da realizzarsi in più fasi prevede la creazione di un Campus dedicato ad attività didattiche rivolte a scolaresche, gruppi di escursionisti, associazioni e università, la realizzazione di un orto botanico e di un giardino tematico ed il perseguimento della qualità diffusa attraverso l’impiego di energie rinnovabili. «In attesa della realizzazione dell’intero progetto - spiega Fabio Scionti responsabile del procedimento - questo primo stralcio funzionale ha come obiettivo quello di fare iniziare a rivivere almeno in parte, l’area dell’ex Caserma. La prima ristrutturazione che interesserà i locali dell’ex alloggio ufficiali prevede la

creazione di un locale foresteria che potrà essere fruito da subito per il pernottamento di gruppi escursionistici in visita in Aspromonte. Il progetto - prosegue Scionti - prevede la realizzazione di sette camere con servizi indipendenti». Comprensibilmente soddisfatto il presidente dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte Leo Autelitano. «La consegna dei lavori per la riqualificazione dell’ex Caserma Naps di Piani di Stoccato - dice il presidente Autelitano - segna un importante risultato nella nostra attività di recupero e riqualificazione di aree degradate all’interno del Parco. Questo - prosegue Autelitano - non può che riempirci di gioia, testimoniando in modo tangibile la bontà del progetto complessivo».


34

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

CRONACHE

Incontro di culture diverse le diversità non fanno paura di Marica Rossi CROTONE - Incontro di culture diverse, scambio di saperi, curiosità e conoscenza contro il sospetto e la paura. Hanno pensato a questo i ragazzi delle scuole medie superiori della Provincia di Crotone quando hanno presentato il progetto "Noi e gli altri" nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Sicurezza per lo Sviluppo - Obiettivo Convergenza 2007-2013, realizzato dal Ministero dell’Interno - Dipartimento di Pubblica Sicurezza e cofinanziato dall’Unione Europea. Il Pon Sicurezza interessa Calabria Campania, Puglia e Sicilia e si apre anche alle scuole con l’iniziativa "La è parPresentato il legalità tecipazione: I progetto "Noi giovanidelsud incontrano il Pon Sicureze gli altri" za". Il progetto nell’ambito "Noi e gli altri" prevedela readel Pon lizzazione di Sicurezza uncentromulticulturale e multietnico, destinato a giovani italiani e stranieri di età compresa tra i 14 ed i 25 anni. Un luogo dove le note di tutto il mondo si fonderanno nei laboratori di musica, i profumi e i sapori di paesi diversi si mescoleranno nei corsi di cucina multietnica. E poi attività di artigianato, cinema, teatro e postazioni internet. Nella provincia di Crotone, che ospita il più grande Centro di accoglienza per richiedenti asilo d’Europa, vivono oltre 5 mila stranieri di cui un quinto ha un’età compresa fra i 14 e i 25 anni. Il progetto rientra nell’obiettivo operativo 2.8 "Diffondere la cultura della

legalita’". Il Comitato di Valutazione del 9 giugno scorso lo ha approvato dando il via libera ad un finanziamento di 99.362 euro che saranno destinati alla ristrutturazione di un edificio situato nel centro storico della città. Nelle paroledeiragazzi,l’importanza di sentirsi attori di un cambiamento e non semplici spettatori. «Siamo stati tra i protagonisti di

Genitori Dodò: grazie alle intercettazioni forse ci sarà giustizia

un evento che può migliorare le condizioni di vivibilità della mia città - dicono i ragazzi di Crotone -. Noi finalmente attori e protagonisti del nostro futuro. I tre giorni a Roma - aggiungono sono stati il coronamento di un percorso iniziato presso la Prefettura che ci ha permesso di crescereediventareconsapevoli del contributo che possiamo dare per una causa importante».

Torna a Crotone il tour di Amici CROTONE - Dopo il successo dell’anno scorso, gli allievi della scuola di Maria De Filippi ritornano a Crotone. Il tour di Amici arriva in città il 12 luglio, i ragazzi si esibiranno nel piazzale antistante lo Stadio comunale Ezio Scida. I crotonesi e non solo potranno assistere alle performance di Matteo, Pierdavide, Loredana, Emma, Stefano, Elena, Rodrigo, Enrico, Grazia, Borana, Michele, Stefanino, Angelo, Anna, i professionisti Martina, Eleonora, Josè e Amilcar ed alcuni degli insegnanti della scuola . «Chi ben comincia

...- ha dichiarato l’assessore allo spettacolo Mario Megna -. E crediamo di cominciare bene la stagione estiva 2010 con uno spettacolo di grande respiro popolare. Si è creata una grande sinergia con l’organizzazione che ha pensato anche quest’anno a Crotone. E’ il segno che come amministrazione nella scorsa occasione abbiamo lavorato bene per assicurare il massimo apporto ad uno spettacolo che attira migliaia di persone». Santo Bianco

Assessore Corigliano: estate tranquilla sul fronte trasporti CROTONE - «Saremo impegnati al massimo, con l’ausilio del corpo dei vigili urbani, a garantire un’estate tranquilla e vivibile sul fronte della viabilità». E’ quanto dichiara l’assessore ai trasporti Nino Corigliano. «Ma sarà fondamentale la collaborazione e soprattutto il rispetto delle regole da parte dei cittadini - aggiunge Corigliano -.Senza rispetto delle regole si rende evanescente qualsiasi provvedimento amministrativo». L’invito, dunque, è alla collaborazione da parte dei cittadini e ad osservare le regole di buon senso civico in maniera tale da evitare di dover ricorrere a strumenti sanzionatori. «Intensificheremo il controllo delle ordinanze in materia di fruizione degli spazi pubblici e del rispetto del codice della strada, e pur senza voler assumere atteggiamenti vessatori non potremo non essere inflessibili con quanti ostacolano soprattutto la viabilità del trasporto pubblico - aggiunge l’assessore Corigliano -. Non possiamo far cadere su tutti lo scarso senso civico di pochi" prosegue l’assessore. In questi giorni l’assessore ha effettuato una serie di sopralluoghi con il comandan-

te dei vigili urbani in vari punti della città per concertare un piano operativo volto al controllo del territorio.In particolare, uno dei primi punti di intervento, sarà il lungomare cittadino dove l’assessorato ha previsto di intensificare l’azione di controllo durante la stagione estiva. Stiamo, inoltre, predisponendo una nuova sistemazione dei divieti di sosta al fine di rendere più snella la circolazione su un punto che durante l’estate diventa critico per la circolazione - precisa Corigliano -. L’attenzione dell’assessorato è anche rivolta al trasporto pubblico. Ho trovato grande collaborazione da parte della ditta Romano - aggiunge Corigliano - anche ad intensificare alcune corse soprattutto verso il mare durante la stagione estiva. Direttamente utilizzando il mezzo pubblico, messo a disposizione dalla società, l’assessore ed i tecnici comunali hanno anche verificato l’ipotesi di prevedere corse in zone ancora non raggiunte dal servizio. Nei prossimi giorni - conclude l’assessore - pianificheremo anche gli interventi nel settore dei trasporti pubblici».

CROTONE - «Voglio solo dire che io e mia moglie grazie alle intercettazioni forse riusciremo ad avere giustizia per la morte di nostro figlio. Perché delle persone, che ancora non sono imputate, ma indagate, sotto intercettazioni hanno fatto nomi e cognomi». A parlare è Giovanni Gabriele, papà di Domenico "Dodò", ferito a morte il 25 giugno dello scorso anno mentre giocava a calcetto su un campetto alla periferia di Crotone dove venne uccisa un’altra persona, e deceduto dopo tre mesi di coma, il 20 settembre del 2009. Giovanni - è scritto in un comunicato degli organizzatori - ha partecipato a Crotone alla conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa "Liberi...di giocare", un quadrangolare di calcetto organizzato da alcuni giornalisti sportivi crotonesi con l’associazione di don Ciotti "Libera". Si tornerà a giocare sul campetto dove

il ragazzo fu colpito dai colpi della criminalità organizzata, un mini torneo con quattro squadre. A confrontarsi in quello stesso campetto una squadra composta dai giornalisti e nella quale giocheranno anche Giovanni Gabriele e il cugino di Dodò. Le altre squadre saranno composte da carabinieri, polizia e guardia di finanza. Dopo il torneo è prevista una fiaccolata silenziosa che partirà dal Palazzo di Giustizia di Crotone e arriverà fino a piazza Duomo dove, sul sagrato della Basilica, ci si radunerà per un momento di preghiera e di riflessione. Anna Bolle


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 35

CRONACHE

La sentenza della Corte d’assise. Dovrà inoltre risarcire le parti civili

Duplice omicidio di Serra Gallè condannato a 22 anni VIBO VALENTIA - E’ stato condannato a 22 anni di reclusione Vito Gallè, 44 anni, di Serra San Bruno, imputato per concorso nel duplice omicidio pluriaggravato di Angelo Cravè, di 42 anni, e suo cognato Giuseppe Campese, di 35, entrambi raggiunti da diversi colpi di fucile, carabina e pistola il 18 febbraio del 2008, pare per liti dovute a questioni di vicinato. La sentenza è arrivata ieri pomeriggio dalla Corte All’origine c’è la d’assise di Catanzaro (presidente Giuseppe Neri, a latere servitù di Antonio Giglio), che ha fatto passaggio su una cadere l’aggravante dei futili motivi contestata all’uomo, strada sulla considerando infine quella della premeditazione equivaproprietà lente alle attenuanti generiche, ed infliggendo a Gallè di Gallè anche le pene accessorie dell’interdizione perpetua dei pubblici uffici, dell’interdizione legale per la durata della pena, e della sospensione dalla potestà genitoriale per lo stesso periodo.Vito Gallè dovrà inoltre risarcire alle parti civili - rappresentate dall’avvocato Silvio Sorrentino - i danni, che saranno liquidati in separata sede, anche se la Corte ha già stabilito provvisionali che l’uomo dovrà corrispondere nella misura di 20.000 euro per tre parti offese, e 40.000 per la quarta. Ai difensori dell’imputato, gli avvocati Giancarlo Pit-

telli e Antonio Porcelli, non resta che attendere le motivazioni della sentenza, che saranno depositate entro 90 giorni, per proporre appello. Un’impugnazione che, d’altra parte, potrebbe avvenire anche da parte della Procura della Repubblica considerato che il pubblico ministero di Vibo Valentia, Fabrizio Garofalo, aveva chiesto una condanna all’ergastolo. Si è chiuso così il primo grado di giudizio per una delle tre persone accusate degli omicidi premeditati dei due cognati che, secondo la ricostruzione degli inquirenti, erano finiti in un vero e proprio agguato dal quale Cravè non ebbe scampo e morì sul colpo, mentre Campese spirò dopo qualche ora in ospedale. All’origine del duplice delitto, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, la servitù di passaggio su una strada che attraversa le proprietà di Gallè che aveva già provocato numerosi scontri. A imbracciare le tre armi utilizzate, secondo le iniziali accuse, furono Rocco Salvatore Gallè, di 69 anni, il quale si costituì spontaneamente ai carabinieri, ed i suoi figli, Bruno e Vito, rispettivamente di 42 e 44 anni, pure arrestati. In primo grado Bruno Gallè è stato assolto in sede di giudizio abbreviato dal giudice dell’udienza preliminare di Vibo, che ha invece condannato a 20 anni di reclusione il padre Rocco Salvatore. Pochi giorni fa, il 18 giugno, la Corte d’assise d’appello di Catanzaro ha confermato l’assoluzione di Bruno Gallè, ed ha rideterminato la pena di Rocco Salvatore Gallè in 12 anni.

Il col. Francesco Maria Ceravolo racconta all’Inner Wheel la missione in Afghanistan VIBO VALENTIA - Domani sera, alle ore 19, all’hotel 501 il col. Francesco Maria Ceravolo, Comandante del 1^ Reggimento dei Bersaglieri di Cosenza, di ritorno da Shindand, presenti autorità politiche e militari, presenterà la "Missione di aiuto in Afghanistan". L’iniziativa è dell’Inner Wheel di Vibo Valentia e di Tropea che hanno cooperato, attraverso la loro attiva partecipazione, alla riuscita dell’iniziativa umanitaria. I due club hanno aderito all’operazione Afghani-

stan mettendo a disposizione di quelle popolazioni un pacchetto di aiuti che ha rappresentato il "cuore" del territorio vibonese nella gara di solidarietà che ha supportato l’attività operativa finalizzata a riportare sotto il controllo del legittimo governo afgano intere aree in mano alla guerriglia talebana. Il col. Francesco Maria Ceravolo verrà presentato dalle presidenti dell’Inner Wheel di Vibo Valentia e Tropea, Adele Sarlo Moniaci e Mara Toco Romeo.

Il progetto internazionale "Sono ecocreativo" VIBO VALENTIA - "I’m Eco-Creative", letteralmente "Sono eco-creativo", è la denominazione del progetto internazionale di scambi culturali tra giovani, elaborato dall’associazione vibonese di promozione sociale "In tour" e realizzato nell’ambito del programma europeo "Gioventù in azione". Trentasei studenti di età compresa tra i 18 ed i 25 anni, provenienti da sei diversi Paesi europei (Bulgaria, Polonia, Spagna, Olanda, Lituania e Italia) parteciperanno all’iniziativa che ha ottenuto il patrocinio della Provincia, su iniziativa dell’assessorato al Turismo e alle Politiche giovanili, guidato da Gianluca Callipo.Obiettivo del progetto è promuovere uno stile di vita sano attraverso un maggiore approfondimento delle tematiche di salvaguardia ambientale e consolidando così la consapevolezza di quanto sia importante tutelare la

natura.Per raggiungere questi scopi è previsto un iter basato sullo svolgimento di numerose attività dalla spiccata valenza ludica ma con precisi obiettivi formativi, come l’educazione al riciclo dei rifiuti, al rispetto degli habitat naturali e alla tutela della biodiversità. I partecipanti, giunti ieri, soggiorneranno nel Vibonese fino al 28 giugno, periodo durante il quale affronteranno il programma previsto dal progetto, arricchito da una serie di escursioni nelle principali località del vibonese. «Si tratta di un’iniziativa interessante perché coniuga formazione e turismo - ha spiegato Callipo -, ma soprattutto perché coinvolge giovani stranieri e italiani, sensibilizzandoli sulle problematiche ambientali e sui comportamenti da adottare». Soddisfazione è stata espressa anche dal consigliere provinciale Stefano Soriano.

Presentato il Ptcp adeguato alle linee guida regionali VIBO VALENTIA Sull’importanza del Piano territoriale di coordinamento provinciale (Ptcp), che in futuro rappresenterà l’unico riferimento in materia di sviluppo economico, urbanistico e di tutela ambientale, ci sono pochi dubbi.Le perplessità, invece, riguardano soprattutto i tempi e la complessità del quadro normativo di riferimento, formato da un groviglio di disposizioni nazionali, regionali e comunitarie succedutesi nel tempo, che nei fatti hanno impedito sino ad oggi il varo definitivo di questo prezioso strumento di programmazione.Così, la Provincia di Vibo Valentia, prima in Calabria ad approvare nel 2004 il Ptcp dopo un lungo lavoro di concertazione con i Comuni, è stata costretta a rimodularloperadeguarlo alle successive linee guida espresse dalla Regione (adottate come soluzione alternativa al Quadro territoriale regionale, che avrebbe dovuto rappresentare il vero canovaccio dei piani provinciali) e per elaborare la Valutazione strategica ambientale (Vas), strumento tecnico previsto dall’Unione europea per valutare l’impatto sull’ambiente dei programmi di sviluppo. La nuova bozza è stata presentata oggi dall’assessore alla Programmazione territoriale, Paolo Barbieri, e dal vice presidente della Giunta Giuseppe Barbuto, in un incontro al quale sono

stati invitati i sindaci vibonesi ed i rappresentanti degli ordini professionali, delle associazioni di categoria e delle organizzazioni sindacali. A illustrare nel dettaglio il Ptcp sono stati gli esperti dell’Istituto di ricerca interdisciplinare Ismeri Europa (che a suo tempo si aggiudicò la gara per l’elaborazione del piano), Georg Josef Frisch e Elisa Anna Di Palma. Pochi, comunque, gli amministratori comunali presenti, a dimostrazione della scarsa sensibilità che si spesso registra intorno a questa problematica, forse proprio a causa dell’incertezza normativa che negli anni ha caratterizzato la questione. «Eppure, il Ptcp attua in pieno il forte decentramento amministrativo previsto dalla riforma del Titolo V della Costituzione, affidando alle Province l’importante compito di coordinare lo sviluppo dell’intero territorio di propria competenzainun’otticadi salvaguardiaambientaleha spiegato -. Nonostante la Provincia di Vibo Valentia sia stata la prima a dotarsi del Ptcp, abbiamo dovuto rimodularlo per adeguarlo alle linee guida regionali e per adottare la Valutazione ambientale strategica». Anna Bolle


36

il Domani Mercoledì 23 Giugno 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Barbara, 2008

Il centro di fotografia Forma ospita la prima personale del visionario olandese. Fino a settembre in mostra sei tra le più significative serie

Milano, Olaf in bilico tra pubblico e privato nei suoi scatti le pornografiche visioni Giorgia Bernoni Un incubo dalle sembianze accattivanti e patinate, un baccanale mediatico dove il fascino del perverso non può che attrarre morbosamente lo sguardo. Gli scatti di Erwin Olaf, olandese classe 1959 che ha iniziato a immortalare discinti corpi sui set delle più note campagne pubblicitarie, nonostante la loro derivazione commerciale non finiscono mai per esaurirsi in una mera comunicazione da grande marca. «Le immagini che presento - precisa il fotografo - non hanno tanto a che fare con la moda in senso stretto, quanto con l’atteggiamento di pornografica mania da griffe: l’uso consumistico del sesso, insito nella pornografia, è simile all’atteggiamento consumistico con cui divoriamo le proposte dei grandi protagonisti della moda». Tuttavia la vera dimensione preferita dal fotografo è all’opposto

quella privata, sommessa e intima, in cui si muovono le debolezze di moderni quanto melanconici protagonisti di pellicole crepuscolari. Immortalando interni di case abitati da profondi silenzi, i suoi lavori sono in realtà radiografie impeccabili e destabilizzanti dell’inquietudine contemporanea. La mostra al centro Forma, la sua prima personale in Italia, presenta sei tra le ultime e più significativeserierealizzate:"Rain", "Hope", "Grief", "Fall", "Dawn" e "Dusk e Hotel". L’umanità che Olaf mette in scena è la copia esatta e patinata di quella reale, esibita ora su un nitido e asettico piedistallo e conservata sottovuoto. Come ha dichiarato: «Quando lavoravo alle mie serie, non ero perfettamente sicuro di cosa volevo dire. Ora sto crescendo. Ho più dubbi e non so dove il mio lavoro mi porterà, sento di stare esplorando. Quando realizzavo alcune serie ancora

«Le immagini che presento non hanno tanto a che fare con la moda quanto con la mania da griffe»

non conoscevo le risposte. Ora capisco finalmente cosa volevo dire. Non so esprimerlo a parole, ma credo di saperlo. La cosa migliore è quando, alla fine di tutto, rimane un punto interrogativo». Olaf ha tenuto importanti mostre personali allo Stedelijk museum di Amsterdam, al Frankfurter

Un padre e una figlia, un evento sepolto, una madre sospesa. Una giovane artista che si ritrova quasi invischiatainstridentimeccanismi coniugali. Questo è l’esordio ironico, tragico, di Donatella Diamanti nel romanzo. Tra lo scenario degli artisti di strada e gli spazi di strade e case di una città raccontata per squarci, voci e movimenti, La restauratrice di matrimoni (Sperling &Kupfer)fulminaillettore con la storia di un mimo. Il suo nome è Immacolata, e con lei attraversiamo un destino sospeso e imprevedibile, tessuto con accurata suspense e osservato con occhio attento al dettaglio. Ricercatrice e saggista (La voce

molteplice della dormiente: Leopardi, Dostoevskij, Baudelaire), drammaturga (del 1992 è l’esordio Non siamo quelli della via Paal, mentre Le bugie di Anna e Chiara vince il premio speciale della Giuria al premio Internazionale StregaGatto 1994/1995) e sceneggiatrice (per Rai Fiction), la Diamanti guarda l’opposizione giovani/adulti da una prospettiva insolita, profonda, che veste la critica sociale (la povertà, il matrimonio, le difficoltà di comunicazione) di umorismo e metafora, tra un elogio della fraseologia e una serie di immagini potenti. Non solo il flusso sovraimpresso del cinema (nel 2009 ha scritto Viola di mare), ma anche la vitale vicinanza del teatro (l’autrice ha curato la drammaturgia di Finché non torni, Scimmie blu, Fuori di me e La notte era a metà, l’estate pure, per il progetto sugli stili di vi-

ta della generazione techno, fondazione Sipario e gruppo Abele) filtrano e restituiscono la realtà raccontata. Tra la malinconia inappellabile di un vagare senza meta accanto al proprio padre, come un monello con il suo Charlot, e un fi-

Donatella Diamanti firma il libro dal tono tragicomico La restauratrice di matrimoni Annarita Guidi

Rain, 2004

La copertina del romanzo (particolare)

Kunsteverein e al Ludwig museum in Germania, al Paris photo, alla Wessel O’Connor di New York, all’Espacio minimo di Madrid e numerose altre. Nel 1988 ha vinto il premio Giovani fotografi europei in Germania. Info: 0258118067; www.formafoto.it.

Un esordio ironico e tagliente che si svolge tra lo scenario degli artisti di strada


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 37

IL DOMANI DELLA CULTURA Il direttore artistico Franco Masotti: «Vogliamo evitare di essere autoreferenziali Gli organizzatori della kermesse non schivano le sorprese ma le usano per meglio stupire»

Ravenna teatro festival: da Mazara del Vallo alla Russia per i suoi 20 anni Elena Mandolini Con cinquantasette appuntamenti il Ravenna festival anima i luoghi d’arte come teatri e basiliche, ma porta anche alla riscoperta di angoli abbandonati nello scalo della città: chiostri, giardini privati, prati e pinete. Il direttore artistico Franco Masotti racconta un programma corposo e articolato soffermandosi sul teatro, e in particolar modo sul progetto Ravenna Mazara: «Circa un anno fa il Ravenna festival ha invitato la sua compagnia a conoscere e incontrare la realtà di Mazara del Vallo, città singolare per il suo intreccio di etnie e culture stratificate, risultato di un flusso d’immigrazione iniziato alla fine degli anni Sessanta. Dall’intensa collaborazione tra il festival e la compagnia ravennate è nato questo trittico composto da due spettacoli e un film». Cercatori di tracce, riscrittura da Sofocle, assieme a Rumore di acque, novità drammaturgica di Marco Martinelli e il film documentario Satiri danzanti di Alessandro Renda, sono quindi le basi della manifestazione. Continua Masotti: «I due spettacoli sono l’esito di un laboratorio che Martinelli e Renda hanno realizzato con una cinquantina di ragazzi tunisini e siciliani. Proprio come a Scampia, anche qui il primo approccio con gli adolescenti è stato nel segno dell’antico teatro greco; mentre il film è il racconto del dialogo tra le due sponde del canale di Sicilia e del viaggio, dell’esperienza del laboratorio stesso». Altro filo conduttore della sezione teatro è il

Uno spettacolo in programma

Fondata nel 1990 la manifestazione si è da subito imposta alla ribalta del variegato panorama italiano e internazionale Evita

mondo della Russia, analizzata sia in ambito culturale con una rivisitazione del romanzo Demoni di Dostoevskij, sia attraverso in uno dei suoi episodi più cupi, ovvero la crisi del teatro Dubrovka, dove nel 2002 vennero uccisi centinaia di civili in seguito allo scontro tra agenti russi e militanti ceceni. «Parliamo di anarchia, delle utopie della fine dell’800 - prosegue il direttore - ma anche del terrorismo. Ci sono dei fili rossi che legano indissolubilmente un lavoro all’altro». Conclude infine Franco Masotti: «Vogliamo evitare di essere autoreferenziali. Il nostro festival non è come un viaggio organizzato, dove gli organizzatori evitano le sorprese ma anzi le usano per meglio stupire e colpire». Fondato nel 1990, il Ravenna festival si è subito imposto alla ribalta del panorama internazionale. Al suo interno vi sono sezioni dedicate anche alla musica,

alla lirica e alla danza. Grazie alle sue mille sfaccettature e alla missione, che vede il festival sostenere tutti i tipi di arti e perfomances, riesce a raggiungere le differenti tipologie di pubblico. Info: www.ravennafestival.org.

All’interno del ricco programma sono anche presenti diverse e ampie sezioni dedicate alla musica, alla lirica e alla danza

Cornici architettoniche, le grandi installazioni di Annamaria Gelmi Maria Letizia Bixio

Un'installazione dell'artista

Un’architettonica cornice: il castello di Rivara, sede storica del Cenacolo di pittori della scuola di Rivara, un complesso composto da tre edifici indipendenti: il castello medievale, la villa neobarocca e le scuderie; superfici espositive per oltre 2.500 mq immersi in un parco di oltre 45.000. Spazi che racchiudono spazi, che a loro volta racchiudono spazi racchiusi, questa la cornice che inquadra Inarchitettura la personale di Annamaria Gelmi, curata da Franz Paludetto ospitata al Centro d’arte contemporanea. L’artista si confrontascientementecongrande creatività con gli ambienti non facili, quali quelli di un museo storico, interagendo con soluzioni formalichesintetizzanolagrande capacità di cambiare ed evolversi. La Gelmi ha alle spalle un lungo percorso, ma oggi riesce ancora a stupire e non ripetersi, pur mantenendo da sempre la stessa musa ispiratrice: l’architettura. Un’arte o forse una disciplina, di certo una costante per il lavoro, rigidamente geometrico. Ma al di là del rigore formale, vi è un gusto

astratto-concettuale carico di fragilità, dunque per lo più quelle femminili. La varietà dei mezzi espressivi, delle soluzioni formali e dei temi proposti in questo ambizioso progetto sottolineano le molteplici correnti intellettuali e artistiche a cui si ispira. Il tutto contribuisce a delineare il suo modo di vivere la dimensione d’artista, suggerendo l’idea dell’arte come spazio concettuale di libera espressione. Le sculture di grandi dimensioni presentinelparcosonol’antefatto dei dedali narrati all’interno del castello. Tema ricorrente è la montagna"Ski-line":l’artistaènata a Trento, in mezzo alle montagne, ha nei tratti sempre presenti i profili delle Alpi. Nella sala principale vi è un’Architettura, installazione scultorea appositamente realizzata per questa mostra e composta da una serie di forme geometriche in rilievo che si inseguono in un gioco di rimandi speculari. Al centro della stanza è posizionata invece Serra, una grande gabbia metallica. Info: www.castellodirivara.it.


Mercoledì 23 Giugno 2010 il Domani 39

CARTELLONE

"Il Mondo di Patty" il musical a Catanzaro Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari BOTRICELLO Concerto del Parto delle Nuvole Pesanti Sabato 26 giugno , alle 21.30, in PiazzaStazionediBotricello,siterrà ilconcertodelPartodelleNuvolePesanti, con il nuovo album "Magnagrecia".

CATANZARO Presentazione della rivista “Fata Morgana” Si svolgerà oggi , alle ore 18.30, presso il Caffè Letterario di via Menniti Ippolito 5/7, a Catanzaro, la presentazione del numero 10 della rivista “Fata Morgana” Quadrimestrale di cinema e visioni pubblicato da Pellegrini Editore e dedicato al tema del "Sacro". L’incontro prevede la partecipazione di Roberto De Gaetano (Direttore della rivista), Daniele Dottorini (componente del comitato direttivo),MassimoIiritano(redattore) e Andrea La Porta (docente di Teorie e Tecniche di comunicazioni di massa). “Lasciatemi Kantare” primo concorso musicale “Lasciatemi Kantare” è il titolo del primo concorso musicale riservato a cantanti dilettanti senza limiti di età o categoria a cura dell’associazione Aquilone, che si terrà giovedì 24 giugno , alle ore 21.00, all’auditorium Casalinuovo. La serata, organizzata in collaborazione con il Comune di Catanzaro, assessorato alla cultura, saràpresentatadalduocomicoRino e Giulio. Rassegna cinematografica "Effetti Collaterali" Effetti collaterali, cinema sperimentale italiano tra arte, architettura e design, Pettena, Mendini, Mosconi, Munari, Piccardo, La Pietra. Rassegna cinematografica a cura di Andrea La Porta. Interventi di Andrea LaPorta,AlbertoFiz,AndreaPiccardo Matteo Giacomelli presso il Museo Marca, il 29 giugno . Manifestazione "Catarantella" Si chiamerà Catarantella, sarà una celebrazione della più autentica tarantella calabrese, grazie all’adesione di alcuni tra i più bravi suonatori tradizionali. E’ la manifestazione conclusiva della stagione che il Teatro Politeama proporrà al pubblico catanzarese il 29 giugno . Sul palco saliranno l’emergente duo composto da Francesca Salerno e Luigi Morello, i Cumelca di Ciccio Nucera, i Marasà cui dovrebbe aggiungersi Massimo Diano da Siderno, un vero fuoriclasse dell’organetto, Tommaso Leone, membri di un’altra realtà importante come i Lisarusa e i migliori suonatori e danzatori tradizionali, provenienti da altre realtà territoriali importanti come Tiriolo (di cui sarà presentato in anteprima la nuova edizione del festival “Radici Sonore”, in programma ad agosto), Rogliano, Badolato, CardetoeIscasullo Jonio.Laseratasarà ad ingresso gratuito.

Wanda Ferro, presidente della Provincia, ha confermato che domenica25luglioarrivaaCatanzarounodeglieventidimaggiorsuccessodegliultimianni:ilmusicalIl Mondo di Patty con la protagonista della telenovela argentina Laura Natalia Esquivel nei panni di PattyCastro. Uno show da mille e una notte, con un allestimento imponente e ricco di effetti, che ha battuto tutti i record nel tour che ha toccato i maggiori palasport italiani. Il Mondo di Patty tornerà in Italia a partire dal19luglioall’Arenadi Verona per sbarcare alloStadiodiCatanzaroil 25 luglio alle ore 21.00, unica data in Calabria promossa dalla Provincia di Catanzaro in collaborazione la Ruggero Pegna show-net. DaDisneyChanneleda altredecine di televisioni di tutto il mondo, Patty arriva anche a Catanzaro in carne e ossa, con il suo cagnolino Mati, le Popolari e le Divine, Matias e tutto il suo mondo, su di un Musical "Il Mondo di Patty" Domenica 25 luglio , arriva a Catanzaro il musical "Il Mondo di Patty" con la protagonista della telenovela argentina Laura Natalia Esquivel nei panni di Patty Castro, allo stadio di Catanzaro alle ore 21.00, unica data in Calabria promossa dalla Provincia di Catanzaro in collaborazione la Ruggero Pegna show-net. Concerto di Dalla - De Gregori La Media Service Produzione spettacoli di Maurizio Rafele, comunica che il 4 agosto , alle ore 21.30, presso l’area Magna Grecia di Catanzaro Lido, si terrà il concerto di Dalla - De Gregori unica tappa in Calabria. A partiredagiovedì24giugnosaranno in vendita i biglietti presso le prevendite abituali.

CROTONE Sciopero generale contro la manovra economica Per venerdì 25 giugno , la Cgil ha indetto uno sciopero generale in tutta Italia per protestare contro l’iniqua ed immoreale manovra economica che il Governo ha varato nei giorni scorsi per fronteggiare la crisi. Oggi, alle ore 10.30, presso la Cgil di Crotone,sitainviaPantusa32.verranno illustrate le ragioni e le modalità dell’iniziativa che si terranno a Crotone.

GERACE Fiera Mercato Città di Gerace E’ stata presentata la Fiera Mercato Città di Gerace che si aprirà grazie alla collaborazione tra l’amministrazione locale e l’associazione commercianti di Gerace a partire dal 2 luglio , per seguire il 3 e il 4 del prossimo mese. Le azioni previste per la tre giorni dei primi di luglio saranno caratterizzate da un’esposizione-

gigantesco palcoscenico stracaricodiluci,scenografieedeffettispeciali, per fare impazzire tutti quei giovanissimi che l’hanno eletta lorobeniamina. "Il mondo di Patty - dice Wanda

Ferro-èunodeifenomenigiovanili degli ultimi tempi, sia in tv che dal vivo e anche a Catanzaro sarà una grande festa che unirà giovanissimieinterefamiglie. Il musical è straordinario, come confermano coloro che l’hanno già visto e sarà uno dei grandi

eventidell’estatecalabrese,inlinea con una concezione di spettacolo pertutteleetà,capacedidivertiree coinvolgere, coniugando così culturaesociale. "Lo Stadio di Catanzaro, concesso per l’occasione dopo tanti anni dal comune di Catanzaro, sarà trasformato in un grande teatrosottolestelle. Disponibili, infatti, solo ottomilacinquecento posti a sedere, di cui duemilacinquecentoin una platea numerata che sarà sistemata sul rettangolo di gioco e gli altri seimila sulle tribunecoperte. Lo stadio non ospitava da molti anni grandieventi musicali: ristrutturato e riorganizzato con poltroncine in tutti i settori, sarà la struttura ideale per un evento di prestigio da seguire in condizionidicomfortesicurezza. Grazie alla promozione dell’evento da parte della Provinciadi Catanzaroiprezziperlospettacolodi Catanzaro saranno i più bassi di tuttoiltournazionale. Nonmancate!!!!!!

mercato dei prodotti commerciali delterritorio nelle principali piazze del centro storico attiva a partire dalle ore 16.00.

L’evento formativo, organizzato dall’associazione“Uomo Impresa e Business” si terrà presso la Fattoria Stocchi, in Via F.Todaro.

REGGIO CALABRIA

ROSSANO

Programma Anassilaos Venerdì 25 giugno , alle ore 19.15, presso la chiesa San Giorgio al Corso, inaugurazione della mostra di arte sacra in onore di S.e.Rev.ma Mons. Vittorio Mondello, nel 50° della Ordinazione Sacerdotale e incontro con i giovani che hanno partecipato al concorso Anassilaos “Danila Pizzimenti e Roberta Rocca”. martedì 29 giugno , alle ore 18.00, presso la sala San Giorgio alCorso, invito alla lettura. Maxence Fermine “Neve”. Interviene Pina De Felice.

Presentazione del nuovo portale internet del Comune di Rossano E’ convocata per venerdì 25 giugno , alle ore 12.00, in sala Giunta la conferenza stampa di presentazione del nuovo portale internet del Comune di Rossano. Saranno presenti il sindaco Francesco Filareto, il vice sindaco con delega alla comunicazione Giovanni Zagarese, il dirigente del settore informazione Giuseppe Passavanti, il responsabile della comunicazione istituzionale Francesco Sapia, il responsabile di Netconn Giovanni Magliarella.

Convegno su "L’economia della Calabria" La Banca d’Italia Eurosistema e l’Università degli studi di Reggio Calabria Mediterranea organizzano il 28 giugno , presso l’aula magna "Antonio Quistelli" cittadella università - salita Melissari, unconvegno su "L’economia della Calabria". Programma: apertura lavori: Massimo Giovannini; Antonio Signorello; GiovanniCarosio;FrancescoPierro; Giuseppe Albanese; Luca Antelmo; discussioni generale. Interventi: Francesco Forte; Edoardo Reviglio; Francesco De Bonis.

RENDE Incontri su responsabilità penale di enti e società. “Weekend 231” Responsabilità penale di enti e società. “Weekend 231”. È,questo,iltitolodellaseriediincontri di formazione, dedicati all’approfondimentodelD.Lgs.231/2001,che prenderà il via venerdì 25 e sabato 26 giugno , a Rende.

Progetto Arcanum Naturae Progetto Arcanum Naturae, a cura di Settimio Ferrari e Francesca Londino, patrocinato dal dipartimento politiche dell’ambiente della Regione Calabria e dal Comune di Rossano, assessorato turismo, spettacoloemanifestazioniculturali.Sabato 3 luglio , alle 17.30, nel Centro storico di Rossano si inaugura la mostra urbana Arte + Elementi – Aer, Terra, Ignis, Aqua. La mostra prevede quattro installazioni esterne site-specific dedicate ai quattro elementi naturali indispensabili e insostituibili per la vita. Sabato 3 luglio, alle 18.30, presso la sala Rossa di Palazzo San Bernardino, presentazione di Flowers, un volume curato da Anna Lauria e pubblicato in occasione del progetto.

SAN LUCA "Premio Letterario Nazionale Corrado Alvaro" La fondazione Corrado Alvaro pre-

senta il "Premio Letterario Nazionale Corrado Alvaro" X Edizione, presso l’aula Magna della sculaelementareC.Alvaroil25giugno, alle ore 17.30. Programma: ore 17.30, introduce Aldo M. Morace; saluti:LuigiVarratta;AlessandroNicolò; Domenico Naccari; Mario Caligiuri; Giuseppe Morabito; Santo Gioffrè; Leo Autelitano; Sebastiano Giorgi; Giuseppe Strangio; Don Pino Strangio; Don Massimo Alvaro.

TAVERNA IIª Edizione "Sila Festival" Selezionati 12 corti e 4 lunghi per il concorso cinematorgrafico Sila Festival - Mostra del cinema Eco-ambientale e della Terra d’Origine, alla II edizione, che avrà luogo il 25/26/27 giugno nello spendido scenario della presila catanzarese di Villaggio Mancuso.

VIBO VALENTIA Convegno sulle nuove vie delle applicazioni informatiche Gli strumenti telematici dell’Agenzia delle Entrate e delle Pubbliche Amministrazioni a disposizione dei cittadini contribuenti: questa la nuova strategia sull’uso evoluto delle tecnologie informatico-telematiche in direzionediunpiùadeguatoapproccio di servizio. Se ne discuterà, giovedì 24 giugno , con inizio alle ore 9.30, al Valentianum di Vibo Valentia in un convegno che vedrà impegnati i vertici del fisco regionale spiegare a cittadini e commercialisti le nuove vie delle applicazioni informatiche.

CALABRIA Incontro Internazionale di cittadini per affrontare i problemi ecologici Gaia International Festival organizza fino al 27 giugno , vari luoghi lungo la costa tirrenica di Calabria e Basilicata. Un incontro internazionale di cittadini, per affrontare iproblemi socio/ecologici che stanno colpendo il nostro mare e la nostraterra. Dibattiti,workshop,slowfood,musica, cinema, arte, teatro e danza. Saranno presenti delegazioni di tutti i paesi che affacciano sul Mediterraneo e da tutto il mondo. Selezioni 53ª Edizione Zecchino d’Oro Fa tappa in Calabria dal 3 al 9 luglio il tour nazionale di selezioni per trovare i piccoli interpreti della 53ª edizione dello Zecchino d’oro, la prima trasmissione televisiva ad essere inserita dall’Unesco nella lista dei patrimoni per una cultura della Pace, in onda a Novembre su Rai Uno. L’appuntamento per i bimbi calabresi che vogliano diventare protagonisti della celebre gara canora è fissato sabato3luglio a Diamante(CS), in piazza Mancini, dalle 15 alle 18. Le audizioni proseguiranno con gli stessi orari martedì 6 luglio a Torre Melissa (KR), all’istituto scolastico in via Berlinguer, e venerdì 9 luglio a Pellaro (RC), alla scuola media Don Bosco, in via Nazionale.


Il tributo al fondatore del Cavallino Rampante

Sintesi di arte e tecnologia, questo è sinonimo di Ferrari. Ma anche passione, amore per la sfida, impegno per raggiungere il risultato e superare ogni traguardo, capacità di guardare sempre avanti. E di questo si parla quando il protagonista è l’uomo che ha creato una leggenda: Enzo Ferrari. Solo un’auto estrema come questa poteva portarne degnamente il nome. E solo con un’opera d’arte come questa potevamo farne risplendere ogni dettaglio, nella sua aggressiva perfezione.

Il fascino assoluto del mito

PIER PAOLO PUXEDDU + FRANCESCA VITALE STUDIO ASSOCIATO

Produced under license of Ferrari Spa. FERRARI, the PRANCING HORSE device, all associated logos and distinctive designs are trademarks of Ferrari Spa. The body designs of the Ferrari cars are protected as Ferrari property under design, trademark and trade dress regulations

SCULTURE IN MOVIMENTO: ENZO FERRARI

La scultura è realizzata con la tecnica della microfusione a cera persa, in bronzo laminato in palladio. I cristalli sono realizzati con la tecnica dello smalto a caldo. Un prezioso smalto “cattedrale” trasparente permette la visione dei particolari del motore. Scala: 1/18 Dimensioni: 10,5 x 25 x 5,4 cm ca.

TIRATURA LIMITATA PER L’ITALIA A 399 ESEMPLARI NUMERATI E CERTIFICATI

FERRARI ARTISTIC LIMITED EDITIONS

L’ARTE SI ACCENDE DI ROSSO

www.editalia.it

800 014 858 numero verde


il domani  

Edizione del 23 Giugno 2010

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you