Page 1

Mercoledì 23 Febbraio 2011

Anno XIV - Numero 53

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

POLITICA

REGIONE

L’Udc regionale cambia capogruppo punito il terzopolismo di Tripodi

DISSESTO Schedati i comuni più colpiti dalle alluvioni nel corso del 2010

Legalità, impegno concreto dell’assise calabrese

a pag » 11

a pag » 10

a pag » 9

SERRA SAN BRUNO L’uomo finito ieri in manette era già noto per reati a sfondo sessuale in danno di minori

Adescava ragazzini in sala giochi, arrestato Ha convinto due 15enni a salire sulla propria autovettura e, a quel punto, ha tirato fuori alcune foto di bambini nudi L’INTERVENTO

Occupazione, bisogna ridurre la burocrazia

È stato incastrato dalle testimonianze dei bambini che aveva tentato di adescare in paese, grazie al loro racconto la polizia ha potuto arrestare l’uomo di 73 anni accusato di pornografia minorile e detenzione di materiale pornografico

Presentarsi senza divisioni CALABRESI A ROMA a Bruxelles Un successo il Galà a pag » 3

LA CRISI LIBICA SECONDO BOSSI

di Giancarlo Galan ministro Politiche agricole

Sono rimasto colpito molto positivamente dal fatto che si discuta di un tema fondamentale come quellodell’occupazioneinagricolturae del ruolo dei giovani. In particolare ho apprezzato un punto, sul quale sono assolutamente d’accordo: il valore dell’agricoltura si misura anche attraverso l’occupazione che essa produce e attraverso la capacità attrattiva che esercita nei confronti dei giovani. Ma non si può fare a meno di chiederci come sia possibile pensare di attrarre i nostri ragazzi verso questo nobile mestiere se non si punta sull’innovazione e non si cerca di diminuire drasticamente la burocrazia, che è letteralmente "cresciuta" intorno all’agricoltura. Dobbiamo quindi evitare un surplus di nuove regole e meccanismi sempre più complicati che rendono l’agricoltura un mestiere davvero difficile.

IL COMMENTO

delle eccellenze

«Arrivano i profughi? Mandiamoli in Germania» ROMA - Migliaia di morti in Libia, mentre Gheddafi giura che non mollerà mai il potere e la crisi africana fa schizzare alle stelle il prezzo del petrolio. Ma c’è anche il possibile flusso di profughi dalla a spaventare l’Europa, e in particolare l’Italia. L’Onu lancia un appello affinché non si respingano le persone in fuga dagli scontri. La risposta di Umberto Bossi sbatte però la porta in faccia a questa soluzione: «Se arrivano li mandiamo in Francia e Germania...».

La città di Roma lunedi sera ha messo ancora una volta alla prova il suo forte legame con la comunità calabrese. E all’organizzazione del Gran Gala delle eccellenze calabresi la risposta è stata calorosa e partecipata. Più di mille persone hanno affollato il teatro Quirino, nel cuore della capitale, per l’evento voluto dall’onorevole Domenico Naccari, consigliere comunale di Roma, calabrese, e delegato per il sindaco ai rapporti con le comunità regionali. Una delega che il primo cittadino, nonostante il recente rimpasto e la contrazione degli incarichi, ha voluto mantenere e ampliare. Il pubblico è stato quello delle grandi occasioni. Quello che si mobilita ogni qual volta Naccari chiama a raccolta i suoi illustri corregionali. di Alessandro Caruso a pag » 8

CATANZARO Questura a difesa della donne, arrestato uno stalker e fermato un marito violento a pag » 13

COSENZA Fisascat Cisl: preoccupati per la vertenza degli ex Lsu dell’Ente parco del Pollino a pag » 18

REGGIO CALABRIA Detenzione e spaccio di droga, due giovani disoccupati arrestati dai carabinieri a pag » 20

di Nichi Vendola presidente Regione Puglia

Se piange il Sud, non ride il governo centrale e allora insieme dobbiamo, indipendentemente dalla lotta politica che continueremo a fare, concentrarci sulla difesa del sistema Paese e su quella del Sud davanti a Bruxelles che è un giudice particolarmente severo. Ci vuole senso di responsabilità e così lasciamo la polemica politica fuori dalla porta perché davanti abbiamo Bruxelles. A Bruxelles non possiamo presentarci come in quei talk show dove tutti gridano e si insultano. La polemica politica deve raffreddarsi davanti al bisogno di presentarsi come sistema Paese ai prossimi importantissimi appuntamenti, altrimenti è il Paese che perde drammaticamente. Ci sono tante cose che ci dividono (il giudizio sul Piano per il Sud e le politiche in genere fatte in questi anni) ma il punto oggi per noi è compiere una ricognizione approfondita di tutti i portafogli fondamentali. Non soltanto dobbiamo ottimizzare i nostri comportamenti (sul vecchio e sul nuovo portafoglio con le risorse per gli investimenti) ma dobbiamo capire come spendiamo al meglio e farlo in collaborazione con il governo nazionale, perché se ci presentiamo davanti all’Europa divisi è il sistema paese che prende botte ed è un lusso che non ci possiamo permettere. Al centro dei miei sogni e delle mie visioni c’è il treno ad alta velocità che parte dal Salento e arriva a Napoli: può cambiare la storia economica ed ambientale di tutta l’Italia.


2

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI PUNTO AGRICOLTURA Una impresa agricola su tre è a rischio chiusura di Giuseppe Politi*

Un’impresa agricola su tre è a rischio chiusura. I costi insostenibili, i prezzi non più remunerativi e i redditi ancora in deciso calo mettono in pericolo il futuro dell’agricoltura italiana, la cui grave crisi è sempre più ignorata. Le risposte che attendevano dal Milleproroghe non sono arrivate. Dal governo è silenzio assordante per i problemi di centinaia di migliaia di agricoltori, mentre si pensa a premiare i furbetti del latte. Niente bonus gasolio, niente interventi a sostegno del bieticolo saccarifero, niente finanziamenti alle Associazioni degli allevatori. Ma soprattutto nessun disegno concreto per il settore primario, ormai caduto nel dimenticatoio nelle scelte dell’esecutivo e della maggioranza. Siamo pronti a tornare in piazza, anche con iniziative unitarie. La nostra mobilitazione, sospesa nel dicembre scorso, ripartirà nelle prossime settimane. Vogliamo subito una svolta, una politica seria, provvedimenti incisivi.

PUNTI DI VISTA

Sono tre anni che chiediamo un cambiamento di rotta nei confronti del mondo agricolo. Ma l’atteggiamento del governo è sempre lo stesso: sordo a qualsiasi richiesta. I fatti lo confermano. Dal 2008 ad oggi nei provvedimenti varati si trova poco o nulla per l’agricoltura. Si sono, invece, trovate le risorse per i disonesti delle quote latte. Prima a dicembre scorso e poi ora con Milleproroghe. Non c’è limite alla vergogna. In questi anni abbiamo assistito soltanto a promesse che puntualmente non sono state mantenute. E così migliaia di aziende, in grave difficoltà, rischiano di andare fuori mercato. E’ una situazione

insostenibile. Si distrugge l’intera agricoltura. Per questo motivo riprenderemo la battaglia. A breve partirà la nostra campagna di mobilitazione. Andremo avanti con la massima decisione in difesa dei redditi dei produttori agricoli italiani, che continuano a diminuire in maniera drammatica, e per far sì che il governo finalmente predisponga, come ha del resto già fatto con altri settori produttivi, misure efficaci a supporto delle aziende agricole che non possono continuare ad operare tra difficoltà e grandi incertezze. Crediamo che in questo particolare momento sia importante sviluppare iniziative di carattere unitario sia a livello territoriale che nazionale. Occorre una forte

Occorre una forte mobilitazione per far sentire la voce della protesta di un mondo, quello agricolo, che è stanco delle prese in giro, che è stanco della ghettizzazione, che vuole una politica veramente efficace nei confronti delle imprese

mobilitazione per far sentire la voce della protesta di un mondo, quello agricolo, che è stanco delle prese in giro, che è stanco della ghettizzazione, che vuole una politica veramente efficace nei confronti delle imprese. Cogliamo l’occasione per rinnovare la nostra richiesta di effettuare a breve la Conferenza nazionale sull’agricoltura e lo sviluppo rurale. Un appuntamento che è imposto dai complessi problemi che attanagliano il settore. C’è bisogno di un momento di confronto, anche in vista delle prossime sfide internazionali, per delineare, con il concorso di tutte le parti interessate (dalle istituzioni nazionali a quelle regionali e locali, dalla rappresentanza agricola a quella agro-industriale), una nuova politica agraria che fondi le sue radici su un progetto serio e coraggioso, capace di rilanciare sviluppo e competitività.

*presidente Cia

di Mario Staderini*

Riformare il Trattato lateranense Con il Trattato del 1929 Mussolini restituì al Papato, in cambio della legittimazione del regime fascista, quel potere temporale da cui la Chiesa era stata liberata con il Risorgimento. Grazie a ciò, lo Stato Vaticano e le sue gerarchie hanno prima "commissariato" la Chiesa cattolica e poi ridotto l’Italia a un protettorato, forti dell’enorme potere e del fiume di denaro garantitogli. È più che mai urgente non solo abolire il Concordato, ma anche riformare il Trattato lateranense per riconvertire in altro lo Stato Vaticano, vero avamposto dell’assolutismo illiberale nel cuore dell’Occidente. Quanto ai rapporti con il Governo, siamo certi che le gerarchie vaticane parleranno di esenzioni fiscali per i loro immobili, finanziamenti alle scuole private e altri privilegi, mentre del trattamento degli immigrati, della morale pubblica e della disumanità delle carceri si limitano a parlarne sui giornali solo per salvare la faccia di fronte ai tanti operatori religiosi. Spero, almeno, che il Ministro Frattini chieda al Segretario Bertone di interrompere la speculazione abusiva in corso accanto alla Basilica di San Paolo, con 23 mila metri cubi di cemento che stanno devastando un patrimonio dell’umanità in violazione dello stesso Trattato e della Convenzione Unesco. *segretario dei Radicali Italiani

È partita la seconda due-giorni di Champions dopo quella della settimana scorsa, con i ko delle squadre italiane Milan e Roma Stasera sarà l’Inter a cercare di riscattare il nostro calcio ma l’impegno non è dei più facili: a San Siro arriva il Bayern Monaco per la rivincita, dopo nove mesi, della finale di Champions di Madrid del 22 maggio dello scorso anno


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani

3

PRIMO PIANO

Pedofilia, arrestato 73enne adescava in una sala giochi

di Francesco Pungitore SERRA SAN BRUNO - È stato incastrato dalle testimonianze dei bambini che aveva tentato di adescare in paese. Grazie al loro racconto, la polizia ha potuto arrestare un uomo di 73 anni, accusato di reati gravissimi: pornografia minorile e detenzione di materiale pornografico. L’operazione è stata condotta dal personale del Commissariato di

Serra San Bruno, grosso centro del Vibonese teatro della vicenda. L’uomo finito ieri in manette era, peraltro, già noto alle forze dell’ordine proprio per reati a sfondo sessuale in danno di minori. Un ulteriore contributo all’arresto, secondo quanto riferito dagli investigatori, è giunto anche dalla collaborazione di alcuni abitanti di Serra. L’anziano, infatti, aveva avvicinato alcuni ragazzini mostrando loro delle foto pornografiche, ma i minori si sono con-

fidati con i loro genitori che hanno segnalato il caso alla polizia. L’arrestato si chiama Antonio Columbro ed è residente a Vibo Valentia. Secondo quanto hanno potuto ricostruire gli inquirenti, Columbro, domenica scorsa, sarebbe entrato in una sala giochi che si trova nel centro storico di Serra San Bruno. Proprio all’interno del locale, frequentato soprattutto da adolescenti, avrebbe tentato di adescare due quindicenni. Li avrebbe convinti a salire

IN BREVE

SERRA SAN BRUNO L’uomo è accusato di Cosca Pesce, 80 avvisi di conclusione indagini reati gravissimi: pornografia minorile REGGIO CALABRIA - La Dda di e detenzione di Reggio Calabria ha emesso ottanta avvisi di conclusione indagini a materiale carico di altrettante persone coinvolte nell’inchiesta All Inside che il pornografico 28 aprile dello scorso anno aveva sulla propria autovettura e, a quel punto, avrebbe tirato fuori alcune foto di bambini nudi per mostrarle ai ragazzini. I due, una volta ritornati a casa, hanno però deciso di raccontare tutto l’accaduto ai propri genitori. E’ scattata così la denuncia al Commissariato di Serra San Bruno, da dove è immediatamente partita una volante con l’obiettivo di rintracciare l’uomo. Grazie anche alla collaborazione della cittadinanza, Columbro è stato individuato ed arrestato nel giro di pochissimo tempo. Tutti i particolari della delicata e complessa indagine, brillantemente condotta dagli agenti, sono stati resi noti nel corso di una conferenza stampa, svoltasi ieri mattinanegli ufficidelcommissariato di Serra San Bruno, alla presenza, tra gli altri, del vice capo della squadra mobile di Vibo Valentia, Emanuele Rodonò.

portato all’arresto di 40 presunti affiliati alla cosca Pesce di Rosarno. Nell’ambito della stessa inchiesta la Guardia di finanza, su disposizione della Dda, aveva sequestrato beni ad alcuni affiliati alla cosca per sette milioni e mezzo di euro. L’inchiesta si basa sulle dichiarazioni della collaboratrice di giustizia Giuseppina Pesce, nipote del capo della cosca Antonino Pesce, che nel corso dell’attività istruttoria ha confermato le affermazioni fatta ai magistrati della Dda. Tra i destinatari degli avvisi di conclusione indagini c’è anche l’avvocato Francesco Collia, già difensore della collaboratrice di giustizia Rosa Ferraro Rosa. L’ipotesi accusatoria nei confronti del penalista è di avere comunicato ad appartenenti alla cosca ed, in particolare, a Salvatore Pesce le dichiarazioni rese dalla collaboratrice in modo da agevolare l’attività che doveva servire a neutralizzare le dichiarazioni della donna.


4

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

ITALIA Trivulzio, Il consiglio amministrativo si dimette. Lo scandalo si allarga

Tra ieri e l’altro ieri sono sbarcati a Lampedusa circa 239 migranti. Critiche al piano per spedirne seimila a Mineo

Clandestini, altri 43 arrivi ieri. Critiche di Lombardo di Filippo Mammì LAMPEDUSA (AG) - Le previsioni si sono rivelate errate, nonostante le difficili condizioni del mare i clandestini hanno continuato anche ieri a raggiungere le coste dell’isola di Lampedusa. Ieri mattina, intorno alle 11, i carabinieri hanno bloccato 43 tunisini che erano riusciti ad attraccare sulla terraferma; sono stati trovati tutti in buone condizioni di salute e ne sono stati rintracciati altri tre che si erano staccati dal gruppo. E l’altro ieri, quando sembrava scontato che il mare grosso avrebbe scoraggiato Raffaele Lombardo gli sbarchi, sono al ministro dell’Interno: giunti a Lampedusa circa 197 migranti a «Perché non mandano bordodiquattrobari rifugiati in Lombardia coni. La situazione quindi resterà critica anche e Veneto, dove c’è per la giornata di ogsperanza lavorativa?» gi: al momento, al Cie dell’isola siciliana si trovano meno di mille immigrati dopo i massicci trasferimenti dei giorni scorsi verso i centri di accoglienza della Sicilia, della Calabria e della Puglia. Almeno 400 clandestini, infatti, sono stati trasferiti con un ponte aereo nei Cpt dislocati a Bari, Foggia, Brindisi, Isola Capo Rizzuto, Caltanissetta e Trapani. Prevista anche la sistema-

zione di immigrati nel recidence di Mineo, in Sicilia. E proprio questa possibilità sta gradualmente diventando una bagarre di natura politica. Proprio ieri il governatore della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo, ha aspramente criticato il ministro dell’Interno Roberto Maroni per i continui trasferimenti degli immigrati unicamente nei centri d’accoglienza della Sicilia e del Meridione: «Ma perché non provano anche a mandarli al Nord ? - si chiede Lombardo - sistemiamoli in Lombardia e Veneto e vediamo ! È assurdo continuare a credere che possa avvenire l’integrazione in un tessuto sociale come quello siciliano, tra i più deboli dell’Italia dal punto di vista lavorativo, economico e sociale. I rifugiati vanno mandati in terre dove ci sia realmente la disponibilità lavorativa. Come si può - ha proseguito il governatore - pensare di mettere 5 - 6.000 persone in posti come Mineo, dove il territorio non può offrire un’integrazione, dove sussistono grandi condizioni di disagio e si rischiano ammassamenti di persone ?» L’ulteriore peggioramento delle condizioni marittime, comunque, secondo la Capitaneria di porto di Palermo, dovrebbero, almeno per oggi, scoraggiare veramente la partenza di altri barconi dalla Tunisia. Sull’annosa questione si è intanto tenuto ieri un vertice a Palazzo Chigi, alla presenza del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. (Di cui potete leggere l’articolo nella pagina a fianco)

MILANO - Il caso Affittopoli di Milano ormai tende ad espandersi senza sosta. Due giorni fa, lo scandalo ha raggiunto anche la Fondazione Policlinico e, da ieri, il consiglio di amministrazione del Pio Albergo Trivulzio è stato dichiarato decaduto. Lo stesso sindaco di Milano, Letizia Moratti, ha annunciato che cinque commissari su sette hanno presentato le proprie dimissioni nel corso dell’ultima riunione del board. A conclusione dell’annuncio, il sindaco ha anche dichiarato che la Baggina verrà inevitabilmente commissariata. Il presidente del Trivulzio, Emilio Trabucchi, prima di rassegnare le dimissioni, ha consegnato al Comune la lista degli immobili Il presidente del Pat, venduti negli ultimi cinque anni. E dalla lista spuntano Emilio Trabucchi, molti nomi eccellenti: Doha consegnato la lista menico Zambetti, assessore regionale alla Casa, Ignazio degli immobili venduti La Russa, ministro della Guerra ed anche Simone negli ultimi cinque anni Ferrari, compagno della fial Comune di Milano glia di Marcello Dell’Utri. Ma le polemiche continuano, infatti Barbara Ciabò, la presidente della commissione comunale Casa che ha avviato le indagini relative agli affitti e le vendite al Trivulzio, ha sostenuto, ed anche denunciato, che l’elenco del Pat continuerebbe ad essere lacunoso. Ed intanto, il caso degli affitti a prezzi stracciati si allunga di un altro capitolo: i 1.971 cespiti intestati alla Fondazione Policlinico. Tra gli affittuari illustri emerge anche, per esempio, il nome di Piergianni Prosperini, l’ex assessore regionale arrestato per tangenti nel 2009. Prosperini risulta aver pagato un affitto di meno di 1.000 euro al mese per tre cespiti di 700 metri quadrati a Vernate,nelmilanese.

Assolto l’ex deputato Mercadante dopo sei anni di arresti PALERMO - L’ex eletto nelle file di Forza Italia all’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Mercadante, 61 anni, è stato assolto in appello dall’accusa di associazione mafiosa con cui, in primo grado, era stato condannato a 10 anni e 8 mesi, dei quali ne ha scontati sei, tra carcere e domiciliari. La corte d’Appello di Palermo ha così ribaltato la sentenza che aveva marchiato Mercadante, radiologo con la passione della politica, dell’immagine di mafioso e di persona vicina a Bernardo Provenzano, ed ha disposto la revoca degli arresti domiciliari all’imputato. Ieri, all’indomani della sentenza, sono arrivati i commenti e le critiche: «Sono sorpreso - ha detto il pm della Dda Nino Di Matteo che aveva istituito il processo di primo grado - le prove a carico dell’imputato erano solide sia in tribunale sia al Riesame e al-

la stessa Corte Suprema». L’ex deputato, tramite il suo legale Grazia Volo, ha fatto sapere di essere al colmo della gioia: «Ringrazio i miei difensori, Dio e la mia famiglia». Mercadante era stato accusato in base a delle intercettazioni e alle testimonianze di alcuni pentiti di mafia tra cui Nino Giuffrè e Giovanni Brusca. Dalle indagini emergeva un suo ruolo vicino a Provenzano, sia medico che politico. Gianfranco Miccichè, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, ha così commentato l’assoluzione di Mercadante: «L’ex deputato è stato costretto a patire le pene dell’inferno ancora prima di ricevere una vera sentenza di condanna - ha detto - sei anni di carcere e il fatto non sussisteva. Mi assalgono molti dubbi sulla giustizia del nostro Paese». F.M.

F.M.


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani

ITALIA Il premier sale al Colle: ufficialmente si è parlato della Libia, in realtà di giustizia

Caro Presidente, combatto in Parlamento non in aula di Carlo Bassi ROMA - Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha lasciato ieri pomeriggio la sua residenza romana di via del Plebiscito per coprire le poche centinaia di metri fino al Quirinale con un programma ben chiaro. Anche se la spiegazione ufficiale del colloquio dice che Berlusconi ha aggiornato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sui "preoccupanti" sviluppi della situazione in Libia, l’urgenza e la dinamica dei tempi raccontano di una realtà chiaramente ben diversa. Prima di recarsi al Quirinale, accompagnato dal sottosegretario alla Presidenza del consiglio Gianni Letta. il Cavaliere aveva ricevuto a Palazzo Grazioli i capigruppo del Pdl e della Lega di Camera e Senato. Alla riunione erano presenti anche il Guardasigilli, Angelino Alfano, e i due legali Nicolò Ghedini e Piero Longo. Il vertice a Palazzo Grazioli aveva fatto seguito all’incontro che i ministri leghisti

avevano avuto con gli stessi Letta e Alfano. Una mattina intensadunque per Berlusconi, che era rientrato in mattinata da Arcore dove aveva trascorso un lungo weekend anch’esso tutto dedicato a preparare la strategia per affrontare il caso Ruby, l’ultimo (ma solo in ordine di tempo) dei suoi problemi giudiziari personali, ed anche il più urgente visto che il processo dovrebbe cominciare il 6 aprile. Chiuso ad Arcore coi fedelissimi per preparare la settimana decisiva sulla giustizia - ha scritto il Riformista - Silvio Berlusconi mette in conto anche un conflitto col Colle. Perché nell’intervista del capo dello Stato su Welt am Sonntag il premier ha letto una chiara presa di posizione del Presidente della Repubblica. Non a caso secondo Berlusconi, Giorgio Napolitano avrebbe scelto un giornale straniero, per di più di centrodestra, per invitare il pre-

mier, più o meno apertamente a presentarsi di fronte ai giudici di Milano, a difendersi "nel" processo. E facendo capire, tra le righe, che in caso di sentenza negativa il Cavaliere dovrà trarne le conseguenze. Da qui, commenta il Riformista , la rabbia del premier condivisa da tutto lo stato maggiore del Pdl. Facile dunque interpretare la visita al Colle di ieri sera come

L’urgenza e la dinamica dei tempi raccontano di una realtà chiaramente ben diversa: anticipare che combatterà in Parlamento non in tribunale con i Pm

La spiegazione ufficiale del colloquio dice che Berlusconi ha aggiornato il Presidente sui "preoccupanti" sviluppi della situazione in Libia, ma c’era qualcosa di più urgente

lo scioglimento di una riserva (che peraltro non ha mai minimamente preso in considerazione) da parte di Berlusconi: Caro Presidente sono qui per annunciarle che mi difenderò in Parlamento non nell’aula dei Pm di Milano. Due le soluzioni ed entrambe prevedono l’iter parlamentare: il conflitto di attribuzione e l’improcedibilità. Ed entrambe, sulla carta, sono sgradite al Colle. Alfano e Letta, considerati "colombe" avrebbero invitato il Premier a scegliere la via più morbida, magari provando quantomeno a interloquire col Quirinale. Per inciso, i falchi come Ghedini, spingono per appellarsi all’articolo 96 della costituzione: far votare l’improcedibilità nei confronti del presidente del Consiglio e costringere i giudici ad appellarsi alla Consulta. Quale soluzione Berlusconi abbia scelto non è dato di sapere. Ma è chiaro che prima di agire era necessario parlarne con Napolitano perché investe chiaramente i rapporti tra governo e Quirinale, nel passaggio più delicato della legislatura. Come se tutta la questione giudiziaria non bastasse, c’era sul tavolo un’altra grana di non poco peso, di nuovo nata da uno dei tanti "scontri" sulla costituzionalità dei decreti legge, questa volta a riguardo del decreto Milleproroghe (del quale potrete leggere a pagina 6 ). Ma il vero punto dolente resta quello della posizione giudiziaria del Cavalier: come ricordavamo ieri una vera Via crucis giudiziaria è in calendario: nei primi dieci giorni di marzo riprendono i processi Mediaset, Mediatrade e Mills.

Oggi summit fra Francia, Grecia, Cipro, Malta e Italia al Viminale

Vertice a Palazzo Chigi sull’emergenza Nord Africa di Roberto Carli ROMA - Per l’Italia è situazione di emergenza vera di fronte ad una possibile invasione in massa di clandestini e lo testimoniano sia il vertice organizzato su richiesta del ministro dell’Interno Roberto Maroni ieri sera a Palazzo Chigi, sia con la la decisione del ministro dell’Interno Roberto Maroni di appoggiare la richiesta del leader Udc Pierferdinando Casini per la creazione di una «unità di crisi» aperta ai partiti dell’opposizione. Il piano di emergenza messo a punto al Viminale e condiviso con i ministri degli Esteri Franco Frattini della Difesa Ignazio La Russa e con lo stesso presidente del consiglio Silvio Berlusconi, prevede lo scenario peggiore. Perché in Libia vivono da tempo oltre un milione di clandestini provenienti da altri Paesi della regione e il crollo del regime di Gheddafi potrebbe spingere molti di loro a mettersi in viaggio verso l’Europa e dunque sulla rotta che passa per l’Italia. Per questo la Difesa ha deciso di alzare il li-

vello di allerta nelle basi dell’aeronautica, mentre l’Interno coordina gli interventi di sicurezza in collegamento con l’Unione europea. Il sistema di controllo sulla costa libica è già saltato, il contingente della Guardia di finanza che fino a qualche giorno fa pattugliava porti e spiagge insieme ai poliziotti locali è stato trasferito presso l’ambasciata italiana a Tripoli. Gli ufficiali di collegamento che sono ancora operativi hanno comunicato di non avere più interlocutori con i quali trattare. Vuol dire che non c’è più alcuna vigilanza e dunque bisogna riorganizzare il sistema di sorveglianza con i mezzi navali e con gli aerei. E già si parla di decine di barconi pronti a salpare appena le condizioni del mare lo consentiranno e per questo si è deciso di mobilitare dalla Spezia la nave Marina Elettra dotata di un particolare sistema radar e di controllo tecnologico che consente l’intercettazione delle comunicazioni e che risulterebbe utile per controllare l’arrivo dei pescherecci e dei barconi carichi di migranti.

Quanto alla collaborazione con l’Europa, già da sabato scorso, mentre in Cirenaica esplodevano le proteste, il prefetto Rodolfo Ronconi, responsabile del dipartimento Immigrazione del ministero dell’Interno aveva presieduto la riunione con i responsabili degli Affari internazionali della Commissione europea per mettere a punto il piano di intervento in mare. L’Italia ha chiesto alla Ue un finanziamento da 100 milioni e domani Maroni rinnoverà questa esigenza nell’incontro a cinque che precede la riunione dei ministri dell’Interno dei 25 Stati membri dell’Unione prevista giovedì a Bruxelles. Una riounione preparatoria per il vertice del 23 e 24 marzo. Insomma uno sforzo massiccio per gestire le migliaia di extracomunitari che potrebbero arrivare nei prossimi giorni oltre a quelli già sbarcati (vedi a fianco). quelli che sono già approdati Per il momento si è deciso di farli rimanere in Sicilia: la Protezione civile ha trasferito il materiale per allestire tendopoli in varie aree e così «sfollare» il centro di accoglienza di Lampedusa e so-

prattutto l’intera isola ormai occupata da migliaia di migranti. I Cie e le altre strutture italiane hanno una capienza complessiva di oltre 6mila persone, ma si punta ad avere almeno altrettanti posti e dunque si devono individuare le aree dove creare i villaggi. Chi chiede asilo politico potrebbe trovar posto nel Villaggio degli Aranci a Mineo, in provincia di Catania, anche se il Cir, Consiglio italiano per i rifugiati, ha chiesto al ministro di valutare un’ipotesi alternativa nel timore che «in una struttura così grande si perda il controllo della situazione»

5


6

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

ECONOMIA Troppo ampie ed eterogenee le modifiche apportate in via di approvazione

Milleproroghe rinviato: per il Colle «dubbi di incostituzionalità» di Gaia Mutone ROMA – Fossimo in una situazione politica "normale", o perlomeno equilibrata, sia del Milleproroghe che dei 264 emendamenti presentati dall’opposizione con chiara finalità ostruzionistica molto probabilmente non ve ne sarebbe traccia, ma nel clima rovente che si vive in Parlamento può succedere che su un maxiprovvedimento che include decine e decine di disposizioni sulle più disparate materie si scateni una battaglia che obbliga il Capo dello Stato a pronunciarsi inducendo il presidente Fini a fermare i lavori in aula. Poco dopo il sì alla richiesta di un deputato del Pdl di sospendere la discussione degli emendamenti per procedere al voto di fiducia, i rilievi di Napolitano, giunti nel tardo pomeriggio di ieri, rimescolano le carte rimandando ad oggi ogni decisione. In una lettera inviata al governo e ai presidenti di Camera e Senato per spiegare che il decreto legge contiene vizi di incostituzionalità, il Quirinale mette in evidenza che «la prassi irrituale con cui si introducono nei decreti-legge disposizioni non strettamente attinenti al loro oggetto si pone in contrasto con puntuali norme della Costituzione, delle leggi e dei regolamenti parlamentari, eludendo il vaglio preventivo spettante al Capo dello Stato in sede di emanazione dei decreti-legge». Il Colle ha richiamato inoltre l’attenzione «sull’ampiezza e sulla eterogeneità delle modifiche fin qui apportate nel corso del procedimento di conversione al testo originario del decreto-legge» (qui il riferimento è alle due "miniriforme" introdotte all’ultimo: i ritocchi alla fiscalità delle banche e la nuova tassazione sui fondi comuni di investimento con il passaggio dall’attuale prelievo sul cosiddetto maturato a quello sul realizzato). Testo che nei fatti è approdato in aula alla Camera senza il rispetto delle procedure che avrebbero richiesto una regolare votazione nelle commis-

Libia, Saglia: «In caso di interruzioni ci sono stoccaggi non utilizzati. Non c’è preoccupazione»

sioni congiunte Affari costituzionali e Bilancio (il confronto si era concluso la scorsa settimana con un pareggio e senza che i 97 deputati votassero una sola delle oltre 60 proposte di modifica presentate). Ma cosa c’è in questo Milleproroghe che rischia di decadere se non verrà approvato entro il 27 febbraio? Attendono di sapere quale sarà il responso della Camera innanzitutto il vasto mondo della cultura e, soprattutto, il mare magnum delle fondazioni liriche, che, dopo i tagli subiti con la manovra estiva (il cosiddetto decreto anticrisi), e dopo una burrascosa trattativa con il dicastero di Bondi e con quello di Tre-

Per salvare il decreto, che scade il 27 febbraio, la maggioranza potrebbe riproporre il testo originale del Milleproroghe con un maxiemendamento

monti, potrebbero doversi arrendere al mancato rifinanziamento del fondo unico per lo spettacolo (Fus), promesso a più riprese dallo stesso ministro per i Beni culturali. A rischiare potrebbero quindi essere anche enti prestigiosi quali l’Accademia di Santa Cecilia di Roma o la Fenice di Venezia. Con il fiato sospeso anche la Protezione civile, le cui perplessità sono state espresse dallo stesso Franco Gabrielli, alla guida dell’ente al posto di Guido Bertolaso ormai da 100 giorni. L’opposizione, in questo caso, riguarda soprattutto l’introduzione di un regime di concertazione con il ministero dell’Economia nella gestione delle emergenze. Oltre alla social card, rimangono poi in bilico: foglio rosa per minicar e motorini, condono per le affissioni abusive dei manifesti elettorali, stretta su giornali e tv e obbligo per le strutture presso le quali si effettua la procreazione assistita di comunicare alla Sanità i dati sensibili di chi i sottopone ai trattamenti. Punti ai quali si aggiungono le proroghe delle scadenze per il pagamento delle multe per le quote latte, per gli sfratti e per l’emersione delle case fantasma.

«Frodi e corruzione minano la Pubblica amministrazione» ROMA – Nel 2010 sono stati segnalati dalle forze dell’ordine 237 casi di corruzione (+30,22% rispetto al 2009), 137 di concussione (-14,91%) e 1090 di abuso di ufficio (-4,89%). Il dato allarmante però, nonostante le segnalazioni siano tante, è il calo generale delle denunce: 709 per corruzione (-1,39% rispetto al 2009), 183 per concussione (-18,67%) e 2.290 per abuso di ufficio (-19,99%). «I dati al riguardo non consentono ottimismi», ha spiegato ieri il procuratore generale della Corte dei Conti, Mario Ristuccia, nella sua relazione in occasione dell’apertura dell’anno giudiziario 2011: secondo il capo della magistratura contabile, la situazione di «cattiva amministrazione, nonostante i progressi conseguiti in termini di efficienza, continua a caratterizzare in negativo l’immagine complessiva dell’apparato amministrativo». Inoltre, prosegue Ristuccia, si assiste a una «rimarchevole diminuzione delle denunce che potrebbe dare conto di una certa assuefazione al fenomeno verso una vera e propria "cultura della corruzione"». Preoccupante la situazione della sanità, settore nel quale «si intrecciano con sorprendente facilità veri e propri episodi di malaffare con aspetti di cattive gestioni talvolta favorite dalle carenze del sistema dei controlli». Solo la malasanità è responsabile di un danno erariale contestato di circa 254 milioni di euro, in gran parte concentrato nella regione Lazio (oltre 130 mln), in Sicilia (oltre 69 mln), in Calabria (oltre 38 mln) ed in Lombardia (oltre 17 mln).

Fini ha fatto leggere in aula la lettera di Napolitano

ROMA - Parla di situazione imprevedibile il sottosegretario allo Sviluppo economico Stefano Saglia: «Le forniture non sono interrotte ma la situazione è molto complicata di fronte ad una guerra civile di proporzione imprevedibile». Tuttavia non sembra esserci troppa preoccupazione nel governo. Il ministro degli Esteri Frattini, prima di imbarcarsi per l’Italia al termine della sua visita al Cairo, conferma quanto sostenuto dal quotidiano specializzato Staffetta Quotidiana che aveva parlato di un rallentamento, iniziato lunedì scorso, del flusso del gasdotto Greenstream, ma rassicura sugli approvvigionamenti:«Effettivamente abbiamo avuto notizie di riduzioni dell’erogazione del petrolio dalla Libia, ma la situazione non dovrebbe darci preoccupazioni perché ab-

biamo altre fonti di approvvigionamento». In linea con quanto detto da Marlene Holzner, portavoce del commissario Ue all’Energia, Gunther Oettinger: «Abbiamo conferma che non c’é un problema di fornitura di gas all’Italia. Tra l’altro dalla Libia arriva circa il 12% dell’approvvigionamento all’Italia, che è una quantità piccola sul totale. L’ammontare maggiore arriva dall’Algeria con il 33%, mentre dalla Russia arriva il 30% e dall’Olanda il 19%». La portavoce ha comunque sottolineato che «c’é una grande quantità di gas sul mercato e quindi ce n’é a sufficienza in caso ci fosse un’interruzione della fornitura di gas». Sebbene l’attenzione resti alta, un piano alternativo per garantire il flusso di carburante c’è: «In caso di eventuali interruzioni - ha spiegato

Saglia - ci sono stoccaggi non utilizzati per finalità commerciali che sono quelli ordinari e di sicurezza». Il flusso del Greenstream potrebbe essere tamponato dall’aumento delle importazioni provenienti dalla Russia. Il gasdotto Transitgas, che porta in Italia il gas dal nord Europa, è infatti tornato in funzione dopo l’interruzione della scorsa estate. Nella serata di ieri inoltre il premier Silvio Berlusconi ha convocato una riunione di tutti i ministri interessati dall’emergenza. «Gli scenari non sono attualmente prevedibili e ci dobbiamo preparare ad ogni eventualità», ha concluso Saglia. Al momento il monitoraggio del fronte libico è assicurato dalla Commissione emergenza gas del Ministero che è in contatto con Snam Rete Gas del gruppo Eni.


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani

ESTERI Il Colonnello minaccia: «Finora non abbiamo usato la forza, ma se saremo costretti lo faremo»

Bombe a Tripoli, oltre mille vittime Gheddafi: «Resterò fino alla morte» di Bruno Tosatti ROMA - Sono oltre mille i morti a Tripoli durante i bombardamenti sulla folla di manifestanti scesi in piazza per protestare contro il regime di Muammar Gheddafi. Le violenze sono avvenute soprattutto nel quartiere periferico di Fashlun, che di nuovo ieri mattina è stato obiettivo dei raid dei caccia militari libici. E nonostante la rigida censura del regime, che ha bloccato internet e collegamenti telefonici in molte zone del Paese, alcune scioccanti immagini di cadaveri carbonizzati appartenenti alle vittime dei bombardamenti di Bengasi sono stati mostrati ieri da al Jazeera . E mentre Tripoli è alle prese con i raid aerei ordinati da Gheddafi, circa una decina di città sarebbero finite in mano agli insorti. Oltre a Bengasi, riferisce infatti l’International federation for human rights, i ribelli hanno preso il controllo di Sirte, Torbruk, Misrata, Khoms, Tarhounah, Zenten, Al Zawiya e Zouara. In particolare a Bengasi «non c’è più presenza dello stato: non ci sono soldati, né poliziotti e tantomeno figure pubbliche», ha riferito Ahmad Bin Tahir, medico locale citato dalla Bbc . Mentre a Torbruk sono stati gli stessi soldati libici a dichiarare che non sostengono più Muammar Gheddafi, chiarendo che la regione orientale della Libia è fuori dal controllo del suo leader. Anche per questo motivo si prevedeva che Gheddafi avrebbe annunciato il decentramento amministrativo e l’autonomia delle province del Paese, promettendo un bilancio finanziario autonomo per ogni provincia nel discorso televisivo di ieri pomeriggio. Invece il Colonnello, pur accettando «la proposta di concedere autonomie regionali», ha dedicato gran parte del suo messaggio rivolto alla nazione per spiegare che non lascerà la guida della Libia. «Non sono un presidente e non posso dimettermi» ha detto Gheddafi, sottolineando di esse-

re invece il leader della rivoluzione e di voler rimanere, «fino all’eternità, un combattente». «Resterò a capo della rivoluzione fino alla morte, morirò come un martire» ha aggiunto il raìs, sfidando i manifestanti da una settimana in piazza, che ha definito «ratti da sterminare, pagati dai servizi segreti stranieri». Ma a lasciar presagire il peggio è un’altra frase: «Fino ad ora non abbiamo usato la forza. Ma se saremo costretti lo faremo». Una minaccia credibile, nonostante la crescente fronda di oppositori della violenza in seno a diplomazia ed esercito. Ieri, secondo al Jazeera , alcuni ufficiali libici hanno emesso un comunicato in cui invitano i soldati «ad unirsi al popolo» per aiutare a deporre Gheddafi. E dopo i

«Non sono un presidente e non posso dimettermi», ha detto Gheddafi. «Resterò a capo della Rivoluzione fino alla morte, morirò da martire»

di C.Brangia ROMA - Con la Libia sull’orlo della guerra civile, gli stranieri hanno iniziato a lasciare in massa il Paese. Da ieri ha cominciato ad agire in questa direzione anche il nostro governo: è partito alle 13 (e rientrato alle 17) dall’aeroporto di FiumicinoilprimovolospecialeAlitalia, concordato con la Farnesina per riportare i nostri connazionali al sicuro. Il volo speciale, un Boeing 777 da 291 posti si è affiancato ai due consueti collegamentigiornalieriperconsentireintempi rapidi il rientro degli italiani che hanno intenzione di lasciare Tripoli a causa della guerra civile in corso. Alitalia finora ha messo a disposizione anche un altro volo speciale da 100 posti, su richiesta dell’Eni. Ma confluire verso l’attivissimo aeroporto della Capitale libica per abbandonare il Paese potrebbe essere pericoloso, come ha spiegato un italiano, rimasto anonimo, alla Reuters , aggiungendo: «Il governo dovrebbe un po’ sbrigarsi, perché se chiudessero lo spazio aereo tutti quelli come noi sparsi nel Paese non potrebbero essere facilmente evacuati». E non è stato semplice neanche organizzare il volo del C-130 dell’aeronautica militare annunciato in mattinata dal ministrodellaDifesaIgnazioLaRussa,per rimpatriarealtricentoitaliani:l’unicapista dell’aeroporto cittadino è stata distrutta dai bombardamenti dell’altro ieri. D’altra parte, volendo evitare di far spostare gli italiani via terra, uno dei piani alternativi per recuperarli da Bengasi implicherebbe l’utilizzo di elicotteri che arriverebbero con una nave sotto costa, e per l’intera operazione servirebbero 2-3 giorni.

C'è chi ha osservato: a Tripoli piovono bombe

di C.Brangia

Nuova Zelanda, violento sisma colpisce Christchurch: già 65 i morti, almeno 150 persone ancora sotto le macerie

due colonnelli che ieri l’altro hanno disertato atterrando con i loro Mirage a Malta per non sparare sulla folla come gli era stato ordinato, altri due piloti hanno fatto lo stesso rifugiandosi in una base aerea controllata dall’opposizione vicino a Bengasi. L’episodio di lunedi fu l’emblemadell’insubordinazioneevidentemente in corso, ma il regime, disposto a tutto, avrebbe già sopperito con il ricorso a truppe di mercenari provenienti da Niger, Sudan, Ciad ed Etiopia, pagati per uccidere i civili. Una «spaventosa violenza» che la Casa Bianca ha condannato attraverso il suo portavoce, Jay Carney, assicurando di essere al lavoro con la comunità internazionale per parlare con una sola voce sulla situazione libica. Impresa ardua, visto lo sforzo con cui lunedi i 27 membri dell’Ue sono arrivati a esprimere la loro condanna della reazione «brutale e sproporzionata» dell’esercito nei confronti dei cittadini. Una condanna formale, priva di sanzioni, frutto di una delicata mediazione tra la severità di Gran Bretagna e Germania su tutti e le oggettive, per quanto anche storicamente discutibili, esigenze dell’Italia, principale destinazione di un eventuale esodo di migranti.

Libia, la Farnesina organizza il rientro dei cittadini italiani

ROMA - Un forte terremoto ha provocato ieri la morte di almeno 65 persone in Nuova Zelanda, a Christchurch. Il bilancio, purtroppo provvisorio, è stato fornito direttamente dal primo ministro John Key, che ha parlato di «un giorno che potrebbe rivelarsi il più buio della storia neozelandese». Il terremoto di magnitudo 6,3 ha colpito Christchurch alle 12:51 (00:51 in Italia): alla prima principale scossa, durata un minuto, ne sono seguite numerose di assestamento per tutto il pomeriggio, alcune superiori a magnitudo 5. La città soffriva ancora le conseguenze del sisma, anche più intenso, che il 4 settembre scorso distrusse alcuni edifici senza però lasciare vit-

time. La Nuova Zelanda, poggiando sulla linea di confine tra le placche tettoniche indo-australiana e del Pacifico, registra infatti in media più di 14mila terremoti l’anno, una ventina delle quali superano magnitudo 5. Ma quello di ieri è il più grave disastro naturale che il Paese si trova ad affrontare da 80 anni a questa parte: il sisma infatti è risultato devastante per la scarsa profondità dell’epicentro (solo quattro chilometri sotto la superficie) e per la sua prossimità al centro abitato, distante una decina di chilometri; inoltre ha colpito all’ora di pranzo, quando strade e negozi erano affollati e gli uffici ancora a lavoro. Un terremoto che ha ridotto una città da 400mila abitanti ad una «zona di guerra», per utilizzare le parole

del sindaco Bob Parker: decine di edifici d’epoca della zona centrale sono stati distrutti, la torre della cattedrale anglicana, cuore di Christchurch, è crollata, le strade sono invase dall’acqua fuoriuscita dalle condutturespaccateenell’80%della città le linee telefoniche ed elettriche sono interrotte. E intrappolate sotto le macerie avrebbero trascorso la notte di pioggia almeno 150 persone: il sindaco ha proclamato lo stato d’emergenza che chiude l’accesso al centro città per garantire la sicurezza del pubblico e permettere alle squadre di soccorso di operare, mentre gli ospedali in tutta l’Isola Meridionale sono stati preparati ad accogliere i feriti. Ma il timore è che, proseguendo le ricerche, il bilancio delle vittime possa crescere ancora.

7


8

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

APPROFONDIMENTI

Alemanno all’organizzatore Naccari: «Sei il mio ambasciatore con Scopelliti e i calabresi»

La Calabria nobilita la sua immagine con le eccellenze riunite nella serata di Gala a Roma di Alessandro Caruso {+ AKZ - BOLD }ROMA{- AKZ BOLD } - La città di Roma lunedì sera ha messo ancora una volta alla prova il suo forte legame con la comunità calabrese. E all’organizzazione del Gran Gala delle eccellenze calabresi la risposta è stata calorosa e partecipata. Più di mille persone hanno affollato il teatro Quirino, nel cuore della capitale, per l’evento voluto dall’onorevole Domenico Naccari , consigliere comunale di Roma, calabrese, e delegato per il sindaco ai rapporti con le comunità regionali. Una delega che il primo cittadino, nonostante il recente rimpasto e la contrazione degli incarichi, ha voluto mantenere e ampliare. Il pubblico è stato quello delle grandi occasioni. Quello che si mobilita ogni qual volta Naccari , insieme alle associazioni di calabresi attive nella capitale, chiama a raccolta i suoi illustri corregionali nelle iniziative di carattere culturale che sistematicamente organizza in Campidoglio o nelle più suggestive location romane. Il sindaco Gianni Alemanno lo ha

voluto ricompensare per questo suo impegno con parole molto cordialiepoliticamentemotorilevanti: «Domenico Naccari è il nostro ambasciatore nei rapporti con la Calabria e con Giuseppe Scopelliti ». Il sindaco ha elogiato Naccari per «l’ottimo lavoro svol-

giunto il sindaco «per la capacità di integrarsi e per il contributo che danno ogni giorno alla crescita economica e culturale di Roma». Uomini e donne che da anni operano a Roma portando nel cuore la bandiera della loro terra d’ori-

uomini e donne che con lo studio e l’impegno si sono distinti e si distinguono nelle arti, nelle scienze e nei vari campi del sapere, per efficienza, l’operosità, la qualificazione e l’ostinazione. La Calabria, grazie a queste iniziative, ha la possibilità di farsi conoscere per

La scienziata Sandra Savaglio, una delle premiate nella serata di Gala

to in questo anno» e assicurato attenzione a tutte comunità regionali che vivono nella capitale, in particolare i 500mila calabresi che si sono distinti, ha ag-

Da sinistra Domenico Naccari e Gianni Alemanno

gine senza mai smarrire lo spirito identitario . Lunedì sera è stato il Gala dell’orgoglio dei calabresi a Roma. Un “universo” che vuole affermare con tenacia il suo ruolo nell’economia romana e nazionale, con l’obiettivo di mostrare la vera immagine della Calabria: quella positiva che esprime eccellenze in molti settori produttivi e con i suoi talenti ha conquistato un ruolo di primo piano in tutti gli apparati pubblici e privati. «Da quando ho avuto questa importante delega – ha detto nel suo intervento Domenico Naccari - ho lavorato per unire e valorizzare la mia regione. Abbiamo realizzato eventi di grande richiamo coinvolgendo le migliori energie economiche e culturali della nostra regione. I successi di questi eventi mi hanno spinto ad andare avanti convinto che qualcosa di buono è possibile costruire per la nostra regione». Quella che si è voluto mostrare lunedì è una Calabria che orgogliosa della sua reale identità, fatta di antichi valori e tradizioni,

quello che di buono possiede: un patrimonio umano, storico, artistico e paesaggistico di grande valore che sono risorsa non solo della Calabria ma dell’Italia inte-

ra ed in particolare di Roma, la città che ha accolto con generosità la comunità calabrese. «Questa serata – ha concluso Naccari - non è altro che una vetrina importante attraverso cui rilanciare l’immagine della regione, valorizzando quei talenti e quelle menti esportati in tutto il mondo. Questo progetto deve servire da volano per creare sviluppo in questa terra piena di attrattive e per incoraggiare la sua gente a lavorare per la propria comunità e per la Calabria». Nel corso della kermesse, sono stati premiati personaggi di origini calabresi, come il presidente dell’Associazione bancaria italiana, {+ AKZ BOLD } Giuseppe Mussari {AKZ - BOLD }, l’astrofisica di fama mondiale, {+ AKZ - BOLD } Sandra Savaglio {- AKZ - BOLD }, il cantautore {+ AKZ - BOLD } Peppe Voltarelli {- AKZ - BOLD } e {+ AKZ - BOLD } Pier Francesco Pingitore {- AKZ - BOLD }, autore e regista televisivo. Sono stati tanti i personaggi di rilievo presenti in platea. Tra questi, fra gli altri, il dott . {+ AKZ - BOLD } Alberto Ruffo {- AKZ - BOLD }, Consigliere di Stato della Presidenza della Repubblica, l’alto esponente ecclesiastico, {+ AKZ BOLD } Monsignor Tricarico {AKZ - BOLD }, la consulente del Ministro degli Esteri Franco Frattini , {+ AKZ - BOLD } Katia Chiaravalloti {- AKZ - BOLD }, {+ AKZ - BOLD } Marcello Vitale {- AKZ - BOLD }, presidente della Corte d’Appello di Roma, {+ AKZ - BOLD } Elio Costa {- AKZ BOLD }, Procuratore presso la corte d’Appello di Roma, il consigliere regionale della Calabria, {+ AKZ - BOLD } Nazareno Salerno {- AKZ - BOLD }, l’assessore regionale alla Cultura della

«Da quando ho avuto questa importante delega – ha detto Naccari - ho lavorato per unire e valorizzare la mia regione»

Regione Calabria

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE AVVISO

Sul sito internet dell’ASP di Crotone www.asp.crotone.it è stata pubblicata una rettifica al bando per l’Appalto relativo ad “Interventi di efficientamento energetico degli Edifici ed utenze energetiche, interventi sulle reti di distribuzione del calore, cogenerazione” - Presidio Ospedaliero Crotone - Pertanto, al fine di consentire alle ditte concorrenti di adeguare le proprie offerte ed espletare le procedure di partecipazione alla gara secondo le indicazioni di cui alla suddetta rettifica, il termine di scadenza della presentazione delle offerte si intende prorogato di 30 giorni naturali e consecutivi a far data dal 21/02/2011 e pertanto il nuovo termine di scadenza si intende fissato al 23/03/2001 entro le ore 12:00 secondo le modalità di cui al bando pubblicato. Per informazioni: Ing. Giuseppe Cutrì c/o Presidio Ospedaliero di Crotone Tel. n° 0962.924437 - Fax n° 0962.924437 e-mail: giuseppe.cutri@libero.it


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani

9

IN CALABRIA La legalità è stata l’argomento all’ordine del giorno del consiglio regionale della Calabria, convocato ieri mattina, che ha provveduto anche alla surroga del dimissionario consigliere Santi Zappalà. Al suo posto, Gesuele Vilasi

Legalità, impegno concreto del consiglio regionale di Mario Marcello REGGIO CALABRIA - La legalità è stata l’argomento all’ordine del giorno del consiglio regionale della Calabria, convocato per ieri mattina, che ha provveduto anche alla surroga del dimissionario consigliere Santi Zappalà. Il consiglio regionale ha accolto le dimissioni di Santi Zappalà ed ha approvato la surroga con Gesuele Vilasi. «Quella di Vilasi è il primo dei non eletti neloggi è da la lista provinannoverare ciale di Reggio del Pdl. tra le sedute Calabria L’assemblea legislativa è stata poi storiche del chiamataadiscuconsiglio» tere ed approvare la proposta di legge d’iniziativa della Giunta sugli interventi regionali di sostegno alle imprese vittime di reati di ’ndrangheta e le disposizioni in materia di contrasto alle infiltrazioni mafiose nel settore dell’imprenditoria. Ad illustrare la proposta il consigliere Salvatore Magaro relatore anche delle proposte di legge: "Misure per garantire la legalità e la traspa-

renza dei finanziamenti erogati dalla Regione Calabria"; "Agevolazioni a favore dei collaboratori di giustizia e loro famiglie"; "Modifiche alla legge regionale 12 dicembre 2002, n. 50. Istituzione di una Commissione consiliare contro il fenomenodella mafia in Calabria"; "Istituzione dell’Agenzia regionale per i beni confiscati alle organizzazioni criminali inCalabria". Salvatore Magarò è anche il firmatario della mozione "Contro ogni forma di infiltrazione e condizionamento del fenomeno mafioso nella società, nell’economia e nella politica". Il consiglio è stato chiamato a trattare diversi altri ordini del giorno: "Sull’adozione di un Codice etico di autoregolamentazione sulla trasparenza dei candidati alle elezioni, degli eletti ed am-

Franco Talarico ha messo in evidenza l’azione concreta di contrasto alla criminalità organizzata e per l’affermazione di legalità

ministratori pubblici per contrastare ogni forma di collusione con la ’ndrangheta"; "Sul consumo critico contro il pizzo"; "Sulla donazione ai Comuni calabresi della targa Qui la ’ndrangheta non entra"; e "sulla costituzione presso il consiglio regionale della "Bottega della Legalità". Una seduta particolarmente importante, che il presidente del consiglio regionale, Franco Talarico, ha messo in evidenza per l’azione concreta di contrasto alla criminalità organizzata e per l’affermazione dei principi di legalità. «Una risposta netta, quindi - ha detto - della massima assemblea elettiva calabrese alla pervasività della ’ndrangheta nella vita politica, economica e sociale della nostra regione». «Quella di oggi è certamente da annoverare tra le sedute storiche del consiglio regionale, di quelle che da sole qualificano un’intera legislatura e apportano valore aggiunto ai lavori della massima assise legislativa calabrese» ha detto il presidente della Commissione regionale controlamafia,SalvatoreMagarò. Il capogruppo del Pdl Luigi Fedele ha sostenuto che «è venuto fuori un risultato straordinariamente positivo nella lotta alla criminalità organizzata».

Dattolo: potenziare il Parco delle Serre REGGIO CALABRIA - La IV commissione consiliare "Assetto e utilizzazione del territorio - Protezione dell’ambiente", presieduta Alfonso Dattolo, si recherà a Serra San Bruno, su proposta di Alfonsino Grillo, per incontrare il Commissario del Parco Regionale Naturale delle Serre ed il Presidente, ed i Sindaci della Comunità del Parco. «Il Parco delle Serre, che ho contribuito a far nascere come componente del primo Consiglio Direttivo - spiega Grillo - è l’unica area protetta montana istituita dalla Regione Calabria e quindi merita la massima attenzione istituzionale. E’ nostra intenzione capire le ragioni del perché il Parco, dopo un pe-

riodo promettente fatto di progettualità e di risultati concreti, vive da diverso tempo una fase opaca. Continui commissariamenti, vertenze giudiziarie, mancate opportunità - si è fatta notare l’assenza al Bit di Milano - sono soltanto gli ultimi capitoli. Vogliamo altresì capire a che punto è la vita amministrativa dell’ente dopo la nomina del nuovo commissario Carchidi, al quale è stato affidato il difficile incarico di mettere ordine nell’ente. Esiste, infatti, un Piano del Parco ma dei progetti di sviluppo che lo dovrebbero declinare non si sente parlare. Di qui la necessità di un intervento della IV commissione». r. c.

Domani 600 studenti incontrano Talarico REGGIO CALABRIA - C’è un asse vitale e dinamico che lega il Consiglio regionale e gli studenti calabresi: domani alle 11, circa seicento ragazzi e ragazze provenienti da tutto il territorio regionale, in rappresentanzadellevarieConsulteprovinciali, si ritroveranno all’Auditorium "Nicola Calipari" in occasione di un incontro-dibattito su temi istituzionali e di cittadinanza attiva. L’iniziativa, voluta dal presidente Francesco Talarico e dal direttore generaledell’Ufficioscolastico regionale, Francesco Mercurio, segue il Protocollo d’Intesa già siglato nell’ottobre 2010 e vedrà, quali momenti qualificanti, una serie di proposte programmatiche, frutto di riflessione sulle tematiche di cittadinanza e una proiezione video dei "Laboratori interattivi di Legalità", girati dagli studenti dell’Istituto statale di Cinematografia e relevisione "Roberto Rossellini" di Roma e realizzati durante la Convention studentesca dell’ottobre 2010. L’incontro sarà preceduto da una conferenza stampa.

Il ministro Matteoli lunedì a Cosenza e nel Vibonese CATANZARO - Lunedì prossimo, 28 febbraio, il ministro delle Infrastrutture dei Trasporti, Altero Matteoli, ed il presidente dell’Anas, Pietro Ciucci, parteciperanno all’inaugurazione di due opere stradali. Alle 11 Matteoli e Ciucci presenzieranno alla presentazione della variantedellastradastatale 106 jonica di Montegiordano Marina. All’iniziativa è annunciata anche la presenza dei presidenti della Regione e della Provincia di Cosenza, Scopelliti ed Oliverio. Alle 15 Matteoli e Ciucci si trasferiranno a Spadola per presenziare all’apertura al traffico di parte di due tronchi della Trasversale delle Serre.

Galati: eccellenze in risalto CATANZARO - «Le eccellenze calabresi poste in risalto alla Borsa Internazionale del Turismo hanno messo nella giusta e dovuta attenzione le potenzialità e le ricchezze esistenti sul territorio». Lo afferma il presidente della fondazione Calabresi nel mondo, Giuseppe Galati, secondo il quale «bisogna lavorare con sempre maggior vigore per far veicolare non solo in Italia, ma anche all’estero l’immagine reale di una Calabria sana e produttiva». «In quest’ottica - prosegue - si pone anche il ruolo della Fondazione che, grazie al prezioso contributo ed attraverso un lavoro di rete con i nostri illustri corregionali sparsi per il globo, può pro-

muovere in maniera efficace la nostra regione e contribuire a coltivarne sapientemente i suoi tesori quali il turismo e la cultura. Proprio in questi giorni ho avuto un incontro con tutte le associazioni calabresi presenti per stabilire le linee da adottare ed il contributo che è possibile dare per porre sempre maggiormente nella giusta considerazione e valorizzazione le specificità della nostra regione. I progetti turistici e di marketing territoriale, come quello denominato Sila in tour, la cui presentazione è avvenuta alla Bit di Milano, dimostrano quanto sia importante la sinergia tra enti per mettere in campo iniziative».


10

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

IN CALABRIA

Regione: schedati i comuni più colpiti dalle alluvioni

Alluvione in Calabria

di Vania Notaro CATANZARO - Il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, in qualità di commissario delegato, ha emanato una specifica ordinanza commissariale che individua i comuni calabresi il cui territorio sia stato maggiormente colpito dagli eccezionali eventi meteorologici riferiti al periodo che va dal tre al cinque settembre 2010, dal diciassette al venti otto-

bre 2010 e dall’uno al quattro novembre 2010. I comuni maggiormente colpiti - informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta regionale - sono stati individuati a partire dalle segnalazioni pervenute al rettore regionale di protezione civile, da parte degli Enti territoriali, delle amministrazioni pubbliche e di altri enti e sulla base dei dati contenuti in una scheda di censimento, richiesta dallo stesso Settore di protezione civile a tutti i Comuni della regione, per

una prima quantificazione dei danni. Le schede sono state confrontate con i dati dei rapporti di evento prodotti dal Centro funzionale multirischi presso l’Arpacal regionale. «A pochi giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell’ordinanza 3918/2011 - ha dichiarato il presidente Scopelliti - abbiamo delimitato le zone del territorio calabrese più colpite dagli eccezionali eventimeteorologicidell’autunno 2010 e siamo in grado di avviare

Scopellit ha emanato un’ordinanza commissariale che individua i territori maggiormente compromessi le attività di censimento analitico dei danni, per la successiva erogazione dei contributi». «Nei prossimi giorni - ha aggiunto Scopelliti - verranno inviate alle Province ed ai Comuni colpiti, dal Settore regionale di protezione civile, che svolge le funzioni di supporto al commissario delegato, le direttive per la quantificazione dei fabbisogni e le relative schede di censimento. I fondi disponibili sull’ordinanza di protezione civile sono veramente pochi, solo sette milioni di euro per far fronte a tre emergenze, ma garantisco l’impegno a sollecitare il Governo, seppure in questo periodo di crisi economica, a stanziare nuove e più consistenti risorse, di cui assicurerò il più rigoroso controllo affinché vengano destinate a risolvere le problematiche più urgenti e più pressanti, secondo principi di trasparenza, equità ed efficienza».

IN BREVE ’Ndrangheta, Milano: oltre 100 imputati scelgono l’abbreviato MILANO - Più di cento imputati, ossia circa i due terzi delle 175 persone arrestate in Lombardia lo scorso luglio nel corso della maxi-operazione ’Infinito’ che ha sradicato le infiltrazioni dell’ndrangheta a Milano, hanno chiesto di essere giudicate con il rito abbreviato, che prevede lo sconto di un terzo della pena. Lo scorso dicembre il procuratore aggiunto dalla Dda di Milano, Ilda Boccassini, e i pm Paolo Storari e Alessandra Dolci, avevano chiesto il processo con rito immediato per i 175 imputati, tra cui i capi delle ’locali’ di ’ndrangheta radicate a Milano e nell’hinterland. Il gip Andrea Ghinetti aveva accolto la richiesta e fissato la data per il maxiprocesso per il prossimo 11 maggio. In questi giorni nella cancelleria del gip sono arrivate più di un centinaio di richieste di abbreviato e non sono ancora scaduti i termini per le eventuali richieste da parte di altri imputati. Scaduti i termini il fascicolo verrà trasmesso al giudice per l’udienza preliminare che fisserà la data per gli abbreviati. Gli altri imputati andranno invece a processo con rito ordinario l’1 maggio.


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani 11

IN CALABRIA L’Udc regionale cambia capogruppo, punito il terzopolismo di Tripodi REGGIO CALABRIA - L’Udc ha cambiato il proprio capogruppo alla Regione Calabria. Pasquale Tripodi è stato avvicendato da Alfonso Dattolo. La decisione è stata presa ieri nel corso di una riunione del gruppo alla quale hanno partecipato tutti e sei i consiglieri regionali dell’Udc, uno dei quali, Francesco Talarico, è presidente del Consiglio regionale. In cinque si sono espressi a favore

dell’avvicendamento. L’Udc, in Calabria, fa parte della maggioranza alla Regione in virtù di un accordo stipulato con il Pdl prima delle regionali dello scorso anno. Nelle ultime settimane, Tripodi, favorevole al terzo polo anche in Calabria, in più occasioni ha espresso il suo disappunto per la meccanica riproposizione di quell’accordo anche per le prossime amministrative.

Alla Fiera di Milano spettacolo e moda tra tradizioni e innovazione al centro della serata di sabato per l’evento voluto dal Dipartimento guidato da Raffaele Rio

Borsa internazionale del turismo, successo per “Calabria in scena” di Fabrizio Viscomi CATANZARO - Chiusura all’insegna dell’entertainment per la Regione Calabria alla Borsa internazionale del turismo di Milano. Spettacolo e moda tra tradizioni e innovazione al centro della serata di sabato durante l’evento “Calabria in scena”, un appuntamento - informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta - fortemente voluto dal Dipartimento Turismo, guidato dal dirigente generale Raffaele Rio per mostrare alle centinaia di buyers presenti ed al mondo intero un altro settore in cui il nostro territorio è in grado di eccellere. In uno dei padiglioni della Fiera, infatti, modelli e modelle rigorosamente calabresi, hanno sfilato davanti ad una folta platea, indossando le opere d’arte create dallo stilista cosentino Claudio Greco, affermatosi da molti anni nel panorama italiano ed europeo e legatissimo alla propria terra d’origine. La serata, presentata dalla splendida e versatile showgirl calabrese Italia Caruso, già finalista a Miss Italia nel 2001 ha attirato una pletora di persone, tra specialisti del settore, semplici curiosi e presenze illustri, come il critico d’arte Vittorio Sgarbi che, dopo l’intervento durante l’XI rapporto sul turismo illustrato dal Governatore Scopelliti è "rimasto in Calabria" per il resto della serata, insieme al presidente del Consiglio regionale Franco Talarico, al capogruppo del Pdl Luigi Fedele ed la consigliere regionale Giu-

lio Serra. È stato un vero e proprio trionfo del "made in Calabria", con l’accompagnamento musicale del gruppo calabrese "Sabatum Quartet" e gli abiti curati nei minimi dettagli, affinché rispecchiassero tante peculiarità della Calabria. Non solo uno per ciascuna delle cinque province calabresi e per le tre catene montuose del nostro territorio, ma anche creazioni che rispecchiassero leevoluzionidell’uomocalabrese, partendo dal brigante, passando per il contadino ed il pescatore, per arrivare all’artista, allo studente e al manager. Abiti realizzati con tessuti poverissimi, come il lino, la canapa e la iuta, attraverso una lavorazione finemente ar-

nel suo camaleontismo, nelle sue contraddizioni, nelle sue straordinarie cromaticità e nella sospensione tra vette e fondali. Un evento grazie al quale l’immagine della Calabria è uscita rafforzata, in quanto legata alle proprie radicate tradizioni ma capace anche di modernizzarsi ed esprimere elementi innovativi, secondo lo spirito che ha contraddistinto la

sua presenza alla Bit di Milano più volte ribadito da Raffaele Rio. Un’occasione per promuovere il nuovo "brand" fortemente voluto dal Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, con i tre scudi in stilefuturistaazzurro-verde-rosso a rappresentare il mare, la natura e la cultura, per riassumere le meraviglie che Madre Natura ha regalato alla nostra Calabria. Un

Caridi: «Alla Bit di Milano è stato ripagato l’impegno dell’Assessorato per la promozione della regione» di Cecilia Bartoli

La serata presentata dalla showgirl calabrese Italia Caruso è stata un vero e proprio trionfo del “made in Calabria” tigianale in cui la creatività dell’artista ha incontrato il fascino della storia, del mare, delle montagne, degli uomini e delle loro opere. Le creazioni artistiche di Claudio Greco sono state percepite come gioielli capaci di raccontare la storia di una terra, la sua forza, la sua complessità e la sua bellezza, con una totale armonia tra povertà e ricchezza. Una collezione per raccontare la Calabria nella sua molteplicità,

momento per divulgare l’ennesimo messaggio positivo che la Regione vuole vicolare, per rilanciare l’immagine di una terra dotata di immense potenzialità e svariate peculiarità che aspettano solo di essere scoperte e utilizzate al meglio. Perché è proprio da queste realtà che passa il futuro della Calabria.

CATANZARO - «Il nostro impegno è stato ripagato pienamente dalla possibilità di promuovere in modo adeguato l’immagine della Calabria e delle sue eccellenze». Così, l’assessore alle Attività produttive della Regione Calabria, Antonio Caridi che esprime la propria «soddisfazione per i riscontri ottenuti alla Bit dallo spazio espositivo predisposto, all’interno del Villaggio Calabria, dal Dipartimento in collabora-

L'assessore alla Attività Produttive Antonio Caridi

zione con il Coser». «Lo stand - aggiunge ha presentato materiale divulgativo, vetrine espositive con opere dei migliori orafi calabresi e ceramiche di Squillace e di Seminara. L’artigianato artistico e di qualità rappresenta una risorsa da promuovere e il nostro sforzo è stato premiato dall’apprezzamento evidente delle migliaia di visitatori che si sono alternati presso i padiglioni della fiera». L’allestimento del Villaggio Calabria, dice ancora Caridi, «ha accentuato l’attenzione sulle proposte calabresi, divenute punto di riferimento per un vastissimo target internazionale. Un ulteriore impulso al già notevole impegno dell’assessorato volto a promuovere i migliori prodotti della nostra arte artigiana: una delle leve più importanti per il rilancio dell’economia calabrese». «In questa direzione - conclude Caridi - punta molto l’attività dell’assessorato, inquadrata in un progetto di sviluppo grazie al quale l’immagine stereotipata potrà essere sostituita con quella di una Calabria capace di risorgere e di affermarsi».

Fli, Grandinetti eletto vicecoordinatore regionale. Napoli: «Dalla Calabria forte contributo» LAMEZIA TERME - Francesco Grandinetti è stato eletto vicecoordinatore regionale di Futuro e Libertà. L’elezione è avvenuta nel corso della riunione del Comitato regionale del partito, presieduto dalla deputata Angela Napoli e convocato «per approvare, secondo le norme stabilite dallo Statuto - è detto in un comunicato - gli organismi territoriali provvisori in attesa dei congressi

provinciali, che si terranno entro il 31 luglio, e del congresso regionale, che si terrà entro il 31 dicembre». Angela Napoli, nel suo intervento, ha detto che «la Calabria ha dato un forte impulso a Futuro e Libertà per l’Italia, credendo fin dal primo momento al progetto politico di Generazione Italia e offrendo così un grande contributo alla nascita del nuovo partito. In Calabria c’é deside-

rio di cambiamento e di una politica sana e pulita, all’insegna dell’etica pubblica e della legalità. Una politica che proviene direttamente dal territorio e dalle sue migliori espressioni». Grandinetti, da parte sua, ha sottolineato il suo «impegno per Futuro e libertà per l’Italia, partito - ha detto nato in Calabria già forte e che da oggi sarà ancora più forte e radicato sul territorio».


12

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

CRONACHE Ieri è stato tracciato il bilancio di un anno di attività del progetto partito nel 2010

La rete della solidarietà per aiutare i malati terminali di Luca Giglio CATANZARO - E’ stato fatto il punto, ieri mattina, alla presenza dei soggetti attuatori, sul progetto "La rete della solidarietà", avviato a marzo 2010 e finanziato dalla Regione Calabria con i Fondi di Perequazione per la progettazione sociale relativi al 2008. Si tratta di un progetto di assistenza domiciliare per persone con gravi patologie, nella fase pre-terminale o terminale della loro malattia, che risiedono nei comuni di Catanzaro, San Pietro Apostolo, Carolopoli, Gimigliano, Cicala, Tiriolo e Squillace. «Manca circa un anno alla fine di questa esperienza ha spiegato Nicola Bilotta, il presidente dell’associazione "Spazio aperto", capofila delle organizzazioni coinvolte - e abbiamo deciso di convocare la stampa perché riteniamo utile far conoscere il servizio che offriamo proprio per l’importanza sociale che lo stesso riveste». Una cinquantina, nel corso di quest’anno, le segnalazioni che sono arrivate alla

"Rete", trenta gli interventi portati a compimento. «Alcune richieste ci sono giunte anche da altri comuni non inseriti tra quelli previsti all’inizio dell’attività. Per questo - ha aggiunto - abbiamo deciso di estendere il servizio anche ai centri ricadenti nel distretto sanitario numero 2 e ad alcuni del numero 3». Condividono il progetto l’Avis provinciale di Catanzaro, l’Associazione volontari Emmanuel, l’As-

sociazione medici cattolici italiani, l’Associazione "L’Alveare", l’Associazione "Carità e amore", la Fondazione Città solidale onlus e l’Assessorato alle Politiche sociali del Comune di Catanzaro. Dell’importanza del volontariato e della sua capacità di sostituirsi al servizio sanitario regionale ha parlato, in rappresentanza dell’Associazione Medici Cattolici, Federico Bonacci: «L’assistenza dei malati terminali, da un punto di vista istituzionale, è carente. Basti pensare, ad esempio che Catanzaro non ha un hospice. Ecco perché un progetto come questo fornisce risposte che non potrebbero essere date da altri». Le conclusioni sono state tratte dall’assessore alle Politiche sociali Nicola Sabatino Ventura. «Questo progetto - ha detto - si associa agli altri messi in piedi dal Comune e va nella direzione di sostenere le fasce più deboli. La mia speranza che è poi quella di tutti voi - ha proseguito - è che non finisca il prossimo anno ma che possa avere un futuro».

CalabriaOltre sosterrà Traversa CATANZARO - Una delegazione di CalabriaOltre composta dal Presidente Vincenzo Mazzei e dai Coordinatori provinciale e cittadino di Catanzaro Franco Mastroianni e Giuseppe Silipo, ha incontrato il candidato a Sindaco del centrodestra Michele Traversa. «I rappresentanti del movimento dopo avere verificato una larga convergenza su molti punti posti a base della loro proposta programmatica e la volontà del candidato a Sindaco di imprimere una reale svolta all’attività amministrativa, per migliorare la qualità della vita della Città ed esaltarne il ruolo e le funzioni di capoluogo di Regione, si sono impegnati a dare il loro sostegno a Traversa - si legge in una nota -. Nelle prossime settimane il Movimento deciderà se presentare una lista, oppure candidare propri rappresentati nelle liste di centrodestra».

F. Marra


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani 13

CRONACHE Due interventi hanno permesso di fermare uomini accusati di maltrattamento

Questura a difesa delle donne: bisogna denunciare le violenze di Carmela Mirarchi CATANZARO - Le mura domestiche nascondono spesso maltrattamenti che vedono come vittime le donne. Oggi le donne sembrano aver vinto la vergogna e sono più propense a denunciare gli episodi. La nuova legge sullo stalking ha sicuramente aiutato le vittime di atti persecutori a rivolgersi alle forze dell’ordine. La Questura di Catanzaro ha avvertito l’esigenza di rivolgere particolare attenzione alle persone interessate da tali fattispecie delittuose. A tal proposito il Questore ha avviato una sinergica attività tra i vari uffici della Questura impiegati nella trattazione dei singoli casi che vengono quotidianamente prospettati. Nell’ambito di tale sinergica attività della Polizia di Stato, nelle prime ore di ieri, personale dell’Upg e Sp e della Squadra Mobile della Questura di Catanzaro, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di C. V., classe 1978. L’uomo, sin dal mese di luglio del decorso anno, si è reso responsabile di condotte persecutorie nei confronti dell’ex fidanzata con la quale aveva intrattenuto una relazione sentimentale, oramai interrotta da diverso tempo, tenendo, altresì, comportamenti molesti anche nei confronti dei vicini di casa della vittima. Lo stalker non aveva mai ces-

sato di perseguitarla, ingiuriarla e minacciarla. Lo stalker già nell’anno 2010, si era reso responsabile di condotte persecutorie. Per tali condotte moleste e persecutorie C.V. aveva poi riportato una condanna a 18 mesi di reclusione, con sospensione dell’esecuzione. Nonostante questa pregressa vicenda processuale, C. V., non accettando l’interruzione della relazione sentimentale, ha continuato a

Custodia cautelare per un uomo che sin dal mese di luglio si è reso responsabile di condotte persecutorie nei confronti dell’ex fidanzata non accettando l’interruzione della relazione sentimentale

Allontanamento dalla casa familiare e obbligo di non avvicinarvisi alla moglie per un uomo denunciato per maltrattamenti fisici e morali

Casa del consumatore incontra il Prefetto di Filippo Marra

CATANZARO - La delegazione Casa del Consumatore/Calabria ha incontrato il prefetto di Catanzaro Antonio Reppucci, per spiegare l’impegno profuso dall’Associazione dei Consumatori riguardo l’innovazione introdotta dalla Riforma attuativa sulla Conciliazione obbligatoria, promuovendo Corsi per la formazione dei Mediatori Professionali. Tale normativa, favorevole ai cittadini perchè tesa a deflazionare i Tribunali del Paese dalle migliaia di contenziosi, entrerà in vigore già dal 22 marzo di quest’anno e la cittadinanza deve essere bene informata sulle nuove Camere di Conciliazione che si dovran-

no obbligatoriamente attivare nei settori: locazione, successione ereditarie, fitto aziende, diritti reali, contenziosi sanitari, vertenze bancarie o finanziarie, comodato e diffamazione su stampa. Il Prefetto ha ricevuto i rappresentanti dei Consumatori del Sodalizio, il presidente Luigi Costa, Anna Paola Praticò e Filomena D’urso, dicendosi lieto di poter rendersi personalmente conto delle realtà associative operanti sul territorio provinciale. La Casa del Consumatore/Calabria ha offerto al Prefetto la massima collaborazione e disponibilità per tutti i programmi ed i progetti che l’ufficio di Prefettura volesse realizzare.

mantenere verso la vittima un atteggiamento aggressivo, connotato da continue ed incessanti minacce oltre che direttamente nei confronti della ex fidanzata, anche in danno dei suoi congiunti ed amici e conoscenti. Di conseguenza, ieri mattina è stato tratto in arresto. Continua è l’attenzione che la Questura di Catanzaro rivolge al fenomeno degli atti persecutori, ponendo in essere le condizioni necessarie a stimolare tutte quelle persone che sono oggetto di tali condotte e che, sino ad oggi, hanno sottaciuto, ora si possono rivolgere con serena fiducia alle Forze dell’ordine In un caso di richiesta di ammonimento, dalla lettura degli atti, la Polizia di Stato ha rilevato che i fatti esposti configuravano reati più gravi degli atti persecutori, per cui il personale della Divisione Polizia Anticrimine ha redatto informativa di reato diretta all’Autorità Giudiziaria. Difatti, la vittima aveva denunciato continui maltrattamenti fisici e morali che, fin dall’inizio del suo matrimonio subiva dal marito. L’autore G.A. classe 1943, si rendeva responsabile di insulti, accuse infamanti, minacce, esplosioni incontrollate e immotivate di collera, episodi di violenza, ed altre espressioni di soprusi e violenze. Recentemente, personale della Squadra Mobile ha proceduto nei confronti di G.A., alla notifica di un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e di non avvicinarvisi senza autorizzazione dell’Ag. Il 25 novembre 2010 la Polizia di Stato ha partecipato alle iniziative promosse a Catanzaro in occasione della giornata mondiale a favore delle donne vittime di violenza, realizzando un filmato dal titolo "Non subire la violenza denunciala". I due episodi di cui sopra, confermano che solo questa è la strada giusta per contrastare tale deprecabile fenomeno.

Corsi per pizzaiolo all’ Istituto penale per i minorenni CATANZARO - Formazione professionale,socializzazione, occasione concreta di reinserimento: queste le parole chiave emerse durante la consegna degli attestati dei due corsi di pizzaiolo finanziati lo scorso anno dalla Camera di Commercio di Catanzaro, gestiti dalla Cicas e svoltisi nel padiglione detentivo dell’Istituto Penale per i Minorenni "Silvio Paternostro" di Catanzaro. Il Presidente camerale Paolo Abramo, durante la cerimonia, - spiega un comunicato - ha potuto testare di persona gli esiti dei corsi fortemente voluti, da diversi anni a questa parte, unitamente al direttore dell’Ipm Francesco Pellegrino. Quest’ultimo ha introdotto gli autorevoli ospiti ai tanti giovani detenuti presenti per l’occasione, tra i quali circa una decina di corsisti. Il dirigente interregionale della giustizia minorile Angelo Meli ha ringraziato il presidente Abramo per la prosecuzione della fattiva disponibilità dell’ente camerale dimostrata e consolidata da diversi anni, autentico punto di riferimento in materia di formazione professionale, specie a seguito delle parole proferite inaspettatamente da un detenuto il quale, nei suoi pochi giorni di libertà dopo due anni di detenzione, prima di una nuova espiazione pena che lo ha costretto al rientro in istituto, aveva iniziato a lavorare proprio come aiuto pizzaiolo. La cerimonia si è conclusa con la consegna degli attestati ai giovani detenuti e la consumazione dei prodotti preparati dai ragazzi.

Fli, Aldo Costa coordinatore cittadino CATANZARO - Anna Maria Principe è la nuova coordinatrice provinciale Fli, subentrando ad Aldo Costa che rimane coordinatore cittadino. Angela Napoli, nel corso della riunione del Coordinamento regionale di Futuro e Libertà per l’Italia svoltasi nei giorni scorsi a Lamezia Terme, ha nominato i nuovi organismi dirigenti per la Calabria.Angela Napoli ha espresso ai partecipanti alla riunione i suoi apprezzamenti e la piùviva soddisfazione per il lavoro svolto finora: «Abbiamo dato un forte impulso a Futuro e Libertà per l’Italia, dalla nascita di Generazione Italia fino alla Costituente di Milano dove la Calabria ha espresso la maggiore pre-

senza assoluta in proporzione alle altre regioni. La nostra regione ha mandato il segnale chiaro e inequivocabile che è pronta al cambiamento e Fli, con le migliori espressioni dei territori, lo accoglie in maniera assoluta e convinta». Unanimi i pareri dei neodirigenti che, nei loro interventi, hanno ribadito l’impegno e l’entusiasmo per il nuovo progetto che è un modo diverso di fare politica, che parte dal basso e vuole stare al fianco dei calabresi, rendendoli protagonisti del proprio futuro. Fli Calabria è pronto ad accogliere tutte le sfide che l’aspettano. r.c.


14

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

CRONACHE La precisazione di Iaconantonio: prevenzione anche contro il punteruolo rosso

«Il Comune ha già attivato la bonifica della processionaria» di Luca Giglio CATANZARO - «Ringrazio il consigliere Corsi per l’attenta segnalazione concernente l’infezione della "processionaria", pericoloso parassita che sta interessando anche i pini della nostra città, ma che periodicamente assume una rilevanza non solo locale ma anche regionale e nazionale» si legge in una nota del consigliere comunale Iaconantonio. «Voglio, però, rassicurarlo che da diverso tempo, proprio su segnalazione di numerosi cittadini - ha detto - il Comune si è già attivato, innanzitutto per capire l’entità del problema e gli eventuali risvolti. Abbiamo, quindi, attivato la Catanzaro servizi per fare eseguire appositi sopraluoghi e ci siamo confrontati con l’ufficio l’Asp, l’ordine degli agronomi della provincia di Catanzaro e l’osservatorio fitopatologico dell’assessorato regionale all’agricoltura che ringrazi per la collaborazione e le informazioni ricevute. Come molti sapranno, il nome "proces-

sionaria" deriva perché le larve dell’insetto, una volta uscite dai loro nidi che si presentano bianchi come bozzoli sui rami delle piante e delle conifere, si muovono in fila fornendo una sorta di "processione". Essendo ancora nella stagione fredda, i nidi delle larve sono in una condizione morta e non in fase di riproduzione. Condizione che quindi, non causa particolare preoccupazione per i cittadini. I nidi si schiudono con i primi caldi, ecco perché . con la Catanzaro ser-

«Stiamo svolgendo un lavoro a largo raggio mirato a tutelare il nostro patrimonio ambientale tra i più ricchi e variegati, e per tutelare anche la salute dei cittadini»

vizi, abbiamo pianificato una serie di interventi in modo tale da essere a buon punto già con l’arrivo della primavera. Si è partiti con la bonifica dando priorità alle aree all’interno dei cortili delle scuole ed a quelle dei parchi pubblici laddove le piante risultano interessata dalla problematica; successivamente e si andranno a ripulire i pini sistemati lungo le strade ed il resto del territorio comunale. Resta il problema della bonifica degli alberi sistemati nelle aree private. E’, inoltre, all’attenzione del settore ambiente del Comune, diretto dall’ing Aldo Mauro, anche un’opera di prevenzione verso un altro parassita, il punteruolo rosso, che colpisce le palme che è stato segnalato nei comuni marini della fascia ionica, comunque, al momento, lontano dal nostro territorio comunale. L’intento - conclude quindi, è quello di evitare che questo genere di parassita colpisca anche le nostre palme. Stiamo, dunque, svolgendo un lavoro a largo raggio mirato a tutelare il nostro patrimonio ambientale».

Grazie Presidente per le Borse lavoro CATANZARO - «Grazie Presidente Scopelliti per l’approvazione della graduatoria definitiva per l’accesso alle borse di lavoro, concesse nell’ambito dei cinque bandi pubblicati lo scorso autunno dalla Regione Calabria». Questa la nota di Democrazia e centralità. «Leggere su tutti gli organi di comunicazione che in Calabria 3.119 giovani saranno avviati nel mondo difficile del lavoro, non è cosa da niente in un momento così delicato, che vede tutti i nostri giovani in cerca disperata di lavoro - continua -. Con questo grande atto, - si legge - hai dato una seria risposta sia a coloro che hanno creduto nella politica di Centrodestra. Abbiamo sempre detto che per la Calabria serve un progetto straordinario per risalire rapidamente la china,un progetto che deve impegnare e coinvolgere tutte le risorse e le capacità dei Calabresi, che devono agire sinergicamente nelle istituzioni a tutti i livelli. Ci auguriamo e ne siamo certi, che le 988 imprese selezionate si attiveranno con trasparenza».


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani 15

CRONACHE

Chiedeva 300 euro per un posto di lavoro, denunciato SELLIA MARINA - I militari della Compagnia di Sellia Marina, a conclusione di un’attività di indagine, hanno denunciato un 70enne catanzarese, P.N., per il reato di truffa. Le indagini erano partite a seguito della denuncia di due cittadini di Sellia Marina, i quali avevano denunciato di essere stati avvicinati nelle vicinanze dell’ufficio di collocamento da un uomo apparentemente disponibile, educato e ben vestito, sui 65-70 anni che aveva loro promesso

un impiego all’interno della sua ben avviata ditta di pulizie. Per avviare la pratica era però necessario un contributo di 300 euro, che alcuni malcapitati hanno versato. Finché però l’uomo non è stato intercettato dai militari dell’Arma. Le vittime non hanno avuto difficoltà a riconoscere l’autore del reato, che pertanto dovrà rispondere di truffa. Anna Bolle

Allarme del Sindaco sullo spostamento del personale da Soverato a Lamezia Terme

Pitaro: ingiusto ed illogico trasferire i dipendenti Asp TORRE DI RUGGIERO - «Eravamo stati, purtroppo, noi amministratori delle Preserre Catanzaresi e del Basso Ionio buoni profeti circa otto mesi addietro ad allarmarci in ordine al paventato trasferimento del personale Asp di Soverato presso gli uffici di Lamezia Terme» si legge in una nota del sindaco Pitaro. «Ricordo, infatti, che in piena estate fu indetta a tal proposito presso la Sala Consiliare del Comune di Soverato una specifica riunione alla presenza del Commissario Straordinario Mancuso e di numerosi sindaci e sindacalisti e semplici dipendenti al fine di chiarire i rischi che aleggiavano circa i trasferimenti dei dipendenti Asp - continua -. E ricordo ancora, che alla mia proposta di tener conto delle proprietà immobiliari dell’Asp site nel Comune di Girifalco, lo stesso Commissario Mancuso nella stessa riunione ebbe a spendere parole di rassicurazione a tutti i presenti notificando la volontà dell’Asp di trasferire solamente un paio di alti dirigenti e nient’altro.

Ed invece, è di ieri mattina la nota a firma di un funzionario dell’Asp con cui per ordine dello stesso Commissario Straordinario si dispone la redazione dell’elenco dettagliato del personale Asp disponibile al trasferimento in questione. Noi siamo coscienti che occorra risparmiare e risparmiare su tutto, epperò siamo ancor più coscienti del fatto che una buona amministrazione si distingue se riesce innanzitutto a razionalizzare le spese senza infierire sui più deboli e senza colpire i modelli organizzativi aziendali consolidati. Per tale ragione - aggiunge - riteniamo che sia non solo illegittimo disporre il trasferimento dei dipendenti Asp da Soverato a Lamezia Terme, ma soprattutto riteniamo che tale trasferimento sia ingiusto ed illogico perché va a colpire dipendenti che usufruiscono di uno stipendio di circa 1.000 euro al mese e che da tale trasferimento subiranno solamente frustrazioni ed umiliazioni. In conclusione, rinnoviamo l’invito al

Armi, operaio 62enne patteggia la pena ISCA SULLO IONIO - Ha patteggiato una pena (sospesa) di otto mesi e trecento euro di multa Fiore Dominijanni, l’operaio sessantaduenne di Isca sullo Jonio che, nello scorso gennaio, era stato arrestato dai carabinieri per porto abusivo di arma comune da sparo e porto abusivo di arma bianca. Dominijanni è comparso davanti al giudice per celebrare l’udienza che ha sancito il patteggiamento. Il sessantaduenne finì in manette lo scorso 16 gennaio grazie ai militari della stazione di Isca sullo Jonio che lo fermarono a un posto di controllo. Perquisendo il veicolo a bordo del quale Dominijanni viaggiava i carabi-

nieri rinvennero un fucile da caccia calibro 12, ventuno cartucce dello stesso calibro e un coltello a serramanico con una lama di nove centimetri. Armi che l’uomo non avrebbe potuto detenere visto che nei mesi precedenti gli era stato notificato il diniego alla detenzione di armi a causa di una denuncia a suo carico per caccia di frodo al cinghiale.

r.c.

Commissario Straordinario dell’Asp a sospendere immediatamente tutte le procedure amministrative di trasferimento del personale Asp da Soverato a Lamezia Terme e interfacciarsi in maniera collaborativa e quindi intelligente con tutte le organizzazioni sindacali e con i sindaci del comprensorio tenendo anche presente che molti sindaci, tra cui il sottoscritto, hanno offerto in maniera gratuita la disponibilità di locali nei quali ospitare i dipendenti Asp. Per tale ragione - conclude il sindaco - la cosa più logica che il Commissario dovrà oggi fare è quella di immediatamente convocare un tavolo di concertazione con tutti i soggetti istituzionali con l’obiettiva precipuo di salvare la dignità e la professionalità di dipendenti Asp».

Cavalli liberi vicino 106, una denuncia SELLIA MARINA - A seguito dell’incidente in cui un conducente aveva travolto e ucciso due asini, quasi distruggendo la propria autovettura, sono stati intensificati i controlli dei Carabinieri di Sellia Marina nei confronti degli animali incustoditi. A pochi passi dalla Ss106, sono stati trovati dei cavalli che avrebbero potuto causare dei disastri. I militari sono riusciti a mettere in sicurezza gli equini, riottosi alla cattura, ed a identificare il proprietario, P.F., di Petronà che risponderà pertanto di omessa custodia e malgoverno di animali.

Gravi le condizioni di Michelino SOVERATO - Sono ancora critiche le condizioni di salute di M.D.P., meglio conosciuto in città come "Michelino", che è stato investito sabato scorso da un’auto in via Trento e Trieste. L’uomo è in coma farmacologico. I medici del "Pugliese"mantengono il più stretto riservo circa la possibilità che possa rimanere in vita. Tutta la comunità soveratese è profondamente scossa per quanto accaduto ed è in ansia per le precarie condizioni di salute del pensionato, considerato un’icona storica di Soverato. Proseguono le indagini da parte dei carabinieri della locale stazione che stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica del sinistro. r.c.

Rosa Voci


16

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

CRONACHE I carabinieri fermano un furgone con a bordo due rom che trasportava 26 batterie esauste di veicoli di vario genere, da alcune delle quali fuoriusciva dell’acido altamente inquinante

Traffico illecito di rifiuti e immigrazione, 3 arresti di Sabrina Nunziata LAMEZIA TERME - Il campo rom di località Scordovillo di Lamezia Terme ancora fa da sfondo al traffico ed allo smaltimento illecito di rifiuti. Un "sito" di stoccaggio e trattamento non autorizzato di rifiuti pericolosi e non in pieno centro città. Un inceneritore a ciclo continuo dove vivono decine di faArrestato anche miglie in condizioni igieniun marocchino co - sanitarie che ha ignorato precarie. In questo due distinti scenario i militari del Nuordini di cleo espulsione Radiomobile di Lamezia Terme hanno operato due arresti in flagranza di reato di traffico illecito di rifiuti. Dopo essere intervenuti nei pressi dell’Ospedale Civile per un sopralluogo di furto perpetrato ai danni di una signora, i Carabinieri si sono addentrati nel campo rom per tentare di individuare l’autore, descritto nell’immediatezza in un giovane subito fuggito verso l’ac-

campamento. Nel mentre la pattuglia percorreva le vie del campo ha incrociato un furgone con a bordo due rom e gli ha intimato l’alt. Dal controllo è emerso che sul mezzo i due stavano trasportando 26 batterie esauste di veicoli di vario genere, da alcune delle quali fuoriusciva dell’acido altamente inquinante. Condotti in caserma, i

Altri 6 cittadini extracomunitari sono stati deferiti all’Ag perché non portavano a seguito il documento di soggiorno

due rom (B.C. classe 1972) e (B.L. classe 1967) sono stati dichiarati in arresto per trasporto non autorizzato e smaltimento illecito di rifiuti speciali pericolosi. Nel campo dell’immigrazione clandestina, invece, i militari sempre del Nucleo Radiomobile, durante i quotidiani controlli, hanno tratto in arresto un cittadino marocchino (G.M. classe 1971), perché inottemperante a due distinti ordini di espulsione emessi da altrettante Questure. Altri 6 cittadini extracomunitari sono stati deferiti all’Ag perché non portavano a seguito il documento di soggiorno (permesso o carta di soggiorno).

Municipale, sanzioni per 15mila euro LAMEZIA TERME - Sanzioni amministrative per oltre 15.000 euro ed una denuncia da partedei nuclei specialistici della polizia municipale. E’ il bilancio di una serie di ispezioni, sia presso manufatti privati sia presso il mercato coperto di Nicastro, compiute dai vigili urbani di Lamezia Terme hanno infatti portato all’irrogazione di sanzioni amministrative per circa 15.000 euro a carico di commercianti non in regola con le autorizzazioni di legge. In particolare, due sono stati i commercianti totalmente sprovvisti di provvedimenti autorizzativi per i quali è scattata la sanzione amministrativa di 5.000 euro oltre la chiusura dell’esercizio com-

merciale abusivo. Il nucleo ecologico ed edilizio, inoltre, in due distinte operazioni, ha scoperto uno scarico civile abusivo e un manufatto abusivo: sanzione amministrativa nel primo caso, e denuncia penale nel secondo. Contestata infine l’inottemperanza alle norme del testo unico in materia edilizia, ad un lametino, M.A. di 52 anni che aveva realizzato in aderenza ad un manufatto assentito da regolare concessione edilizia un corpo aggiunto di circa 40 metri quadrati. La costruzione era stata realizzata senza alcuna autorizzazione. S. Nunziata

Incendiato il portone della villa della Benincasa LAMEZIA TERME - Ignoti hanno incendiato, nel corso della scorsa notte, il portone d’ ingresso di una villa di proprietà della consigliera comunale di Lamezia TermeTeresa Benincasa(Pdl). A riferirlo è stata l’interessata nel corso della seduta del consesso civico. La villa è ubicata all’interno del Villaggio del Golfo a NoceraTerinese. Sul posto, per le indagini, si sono recati i Carabinieri della locale stazione. r.c.

Gli studenti raccontano Il Treno della memoria LAMEZIA TERME - Cinquanta studenti lametini hanno partecipato all’iniziativa "Il treno della memoria" promosso dall’associazione culturale "Terra del fuoco" di Torino. Un’esperienza che gli studenti hanno voluto raccontare nel corso di un incontro che si è svolto nella sala riunioni del Comune di Lamezia Terme. All’incontro,oltreaidocenti, hanno preso parte anche il sindaco Gianni Speranza, l’assessore alle Politiche giovanili Rosario Piccioni, lo staff e gli operatori organizzativi. Il Comune di Lamezia Terme ha sostenuto i costi dell’iniziativa.

Commissione per le Pari opportunità LAMEZIA TERME - Il Consiglio comunale di Lamezia Terme ha definitivamente approvato all’unanimità la modifica, proposta dalla giunta, al regolamentocomunalesullaistituzione della commissione per le Pari opportunità. La giunta comunale infatti aveva approvato già in data 24 novembre 2010 la delibera n. 404 con la quale, recependo le indicazioni e le sollecitazioni della precedente consiliatura aveva proposto la modifica del regolamento della commissione per le Pari opportunità consentendo così anche ai gruppi, ai partiti e ai movimenti che non hanno una presenza femminile in seno al Consiglio, di designare una

propria rappresentante nella commissione stessa. Tutto ciò al fine di garantire la più ampia rappresentanza anche a quelle liste che non sono state in grado di eleggere neanche una donna. La delibera di giunta è stata portata in Consiglio comunale una prima volta l’11 gennaio scorso e in quella sede ne è stato richiesto un ulteriore approfondimento da effettuare in commissione. Ora, dopo le sollecitazioni dei giorni scorsi del sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, il Consiglio comunale ha approvato la delibera e si potrà procedere all’insediamento della nuova commissione.


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani 17

CRONACHE Presentata la manifestazione di Sled dog in programma da oggi al 27 febbraio

Torna Dogs on the Snow, tra i Parchi della Sila e del Pollino di Carmela Mirarchi COSENZA - Dopo il successo delle precedenti edizioni torna sulle nevi delle montagne cosentine Dogs on the Snow, quinta, spettacolare manifestazione di Sleddog in programma da oggi al 27 Febbraio tra i Parchi Nazionali della Sila e del Pollino, quest’anno interessato da campi scuola sul territorio di Piano Novacco del Comune di Saracena. Lunedì sono arrivati da tutta Italia, con i loro equipaggi, gli 11 mushers, i conducenti di slitte trainate dai cani, che parteciperanno a Dogs on the snow. L’evento progettato anche per diffondere un’idea di fruizione turistica e sportiva della montagna diversa da quella tradizionale e per completare ed integrare la straordinaria offerta di attività e possibilità di pratica sportiva che la Sila e il Pollino offrono.

Come per le precedenti edizioni si conta il supporto organizzativo della Cooperativa La Comune Sangiovannese; il coinvolgimento attivo della Provincia di Cosenza, che continuerà a curare il coordinamento generale, del Parco Nazionale della Sila, del Parco Nazionale del Pollino, dell’Arssa e delle Ferrovie della Calabria; il patrocinio delle Amministrazioni Comunali interessate e del Centro Sleddog Italia e di una fitta rete di soggetti privati, associazioni e volontari che, a vario titolo, continueranno a contribuire alla realizzazione del programma e alla buona riuscita dell’evento. La manifestazione, patrocinata inoltre dalla Federazione Italiana Musher Sleddog e dalla Federazione Italiana degli Sport Invernali, porterà sulle nevi circa 130 cani da slitta che attraverseranno i punti più suggestivi del Parco nazionale della Sila, in una eccezionale gara amatoriale che

«No alla privatizzazione dell’acqua» RENDE - «Il Coordinamento Calabrese per l’acqua pubblica "Bruno Arcuri" è venuto a conoscenza che il comune di Rende ha deliberato la costituzione di una società mista pubblico-privato nella quale il privato ha una quota non inferiore al 40%, per l’affidamento di una serie di servizi di interesse sociale, quali il trasporto pubblico, servizi cimiteriali, spazzamento, etc» si legge in una nota del Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica "Bruno Arcuri". «Le giustificazioni vengono ricondotte alla necessità dell’adeguamento alla legge n.133 del 16/08/2008, ma queste motivazioni non hanno motivo di esistere. I servizi di interesse economico generale - si specifi-

ca nellanota - in quanto non omogenei ai servizi pubblici locali a rilevanza economica, non sarebbero identificabili con la regola della concorrenza, mercato, privatizzazioni. In questo senso, la giurisprudenza del Consiglio di Stato ha ribadito l’incomprimibile autonomia degli enti locali di non ricorrere al mercato. L’auspicio è che finalmente si apra un dibattito serio, senza pregiudizi e faziosità, che riconosca il giusto spazio ai comuni e al regime pubblico e che si sappia confrontare con il diritto pubblico europeo dell’economia. L’amministrazione di Rende non si può nascondere dietro un dito: si modifichi lo statuto comunale».

vedrà anche la partecipazione del campione italiano di Sleddog, ex campione mondiale, Giampiero Sabella.Come già in passato, Renato Alberoni, del Centro Sleddog Italia Enego di Vicenza, metterà a disposizione del pubblico e dei turisti, adulti e bambini, una serie di slitte e dei meravigliosi Siberian husky. La scuola di Sleddog sarà aperta l’intera giornata, domani e dopodomani a Piano Novacco Comune di Saracena e dal 25 al 27 febbraio a Carlomagno, nel Centro Sci di Fondo, fra giochi sulla neve ed uscite sulle slitte, corsi base per mushers ed incontri con le scuole ed i portatori di disabilità. La manifestazione è stata presentata ieri nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta presso il Centro Sci di Fondo Carlomagno alla presenza: del Presidente e l’Assessore al Turismo della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio e Pietro Lecce; del consigliere provinciale Biagio Diana; della Presidente ed il Direttore del Parco Nazionale della Sila, Sonia Ferrari e Michele Laudati; del Presidente del Parco Nazionale del Pollino Domenico Pappaterra; del Presidente della Cooperativa La Comune Sangiovannese Antonio Madia; del Presidente della Comunità Montana Silana Giuseppe Cipparrone; dei Sindaci di Saracena, Albino Gagliardi, Spezzano della Sila, Tiziano Gigli e Pedace, Nuccio Martire; del Commissario Arssa Ettore Vaccaro; del commissario prefettizio di San Giovanni in Fiore Carolina Ippolito; del direttore delle Ferrovie della Calabria Giuseppe Lo Feudo; del presidente della Fisi regionale Fiorello Martire. Tra i presenti anche il campione Giampiero Sabella ed i mushers Renato Alberoni, Claudio Driussi, Daniele Rotondella, GiancarloFarneti,GiuseppePrampolini, Marcello Mancini, Fabrizio Della Marina, Roberto Alletto, Daniele Iemmi, Stefania Giraldi, Alessandra Piras.

Gdf sequestra due aree adibite a discariche PAOLA - Nella giornata del sedici febbraio, i militari della Guardia di Finanza di Paola, a seguito di una specifica segnalazione della Sezione Aerea GdF di Lamezia Terme, hanno sequestrato, due aree di circa 1600 metri quadri adibite a discarica abusiva site in Fuscaldo Marina località Lago sotto strada. Nel corso dell’attività, i Finanzieri hanno scoperto l’esistenza di un ulteriore capannone adibito ad auto demolizione adiacente a due appezzamenti di terreno per complessivi 1600 mq., dove sono state rinvenute numerose carcasse di autovetture, ricambi auto usati intrisi d’olio, nonché numerose batterie e pneumatici usurati. Inoltre, sempre nella medesima area, veniva ritrovato numeroso materiale di risulta edilizio e ferroso. Tutti i rifiuti sequestrati, accatastati su terreno privo di superficie impermeabilizzata in totale difformità alle disposizioni in materia ambientale, ammontavano ad un peso complessivo superiore alle 50 tonnellate. I controlli esperiti dagli uomini delle fiamme gialle di Paola, hanno permesso di appurare la totale difformità alle normative in materia ambientale deferendo così, alla Procura della Repubblica di Paola, due responsabili.

F. Marra

Piccola pesca, il Pd vuole il confronto CORIGLIANO CALABRO - «Ormai a Schiavonea si respira tra gli operatori della piccola pesca un’aria davvero pesante. La situazione è preoccupante, lo stato di bisogno è palpabile, vi sono tante famiglie ridotte sul lastrico» si legge in una nota del Pd centro storico. «Bisogna trovare e subito, una seria e vera via d’uscita, non può essere considerata tale, la concessione di una somma totale di 1350 euro quale contributo in regime di "de minimis" per ogni imbarcazione sulla quale lavorano più unità. Dunque solo un’elemosina. Con questo comunicato - continua la nota del Pd - vogliamo non solo ribadire la nostra preoccupazione, ma soprattutto

confermare la nostra intenzione di confrontarci urgentemente, visto anche l’appello del nostro concittadino Salvatore Martilotti quale Responsabile regionale di Lega Pesca, non solo con quest’ultimo, ma altresì, con tutte le rappresentanzesindacaliinteressateed i lavoratori del settore - conclude - al fine di effettuare una più mirata riflessione e poter intraprendere percorsi condivisi miranti a sensibilizzare e coinvolgere l’opinione pubblica su questo gravissimo problema».

r.c.


18

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

CRONACHE Fisascat: ad oggi si stenta a trovare una ricollocazione per questi lavoratori

Cisl: preoccupati per le vertenze degli ex Lsu Parco del Pollino di Carmela Mirarchi COSENZA - La Fisascat Cisl, in una nota, esprime «profonda preoccupazione per l’andamento della vertenzadei lavoratori ex Lsu dell’Ente parco del Pollino; ad oggi, infatti si stenta a trovare una ricollocazione nel circuito lavorativo di questi lavoratori. Questi lavoratori dopo essere stati stabilizzati con la società La Duemila Spa con un accordo di 5 anni tra la Regione Calabria, l’Ente Parco e il Ministero, già dopo il secondo anno si sono ritrovati difronte a carenze di copertura finanziaria e dopo il quarto anno (2005) dinanzi al licenziamento e messi in Mobilità in deroga. Nel mese di Novembre la Regione con l’Ente Parco firmano una convenzione di utilizzo in mobilità di questi lavoratori per 80 ore mensili per un totale di 500 euro. Il 15 aprile scorso, infatti, - si legge - i lavoratori sono stati sospesi e dopo decine di incontri con la Giunta Regionale precedente e quella attuale, per tramite dell’Assessore al lavoro e alla formazione Stillitani nel corso dei quali erano stati assunti impegni formali, nulla è cambiato per questi lavoratori e perla loro ricollocazione nel circuito lavorativo. Inoltre vogliamo stigmatizzare la totale assenza di tutte le istituzioni nei confronti di una vicenda così com-

«Questi lavoratori dopo essere stati stabilizzati con La Duemila Spa con un accordo di 5 anni tra la Regione, l’Ente Parco e il Ministero, già dopo il secondo anno si sono ritrovati di fronte a carenze di copertura finanziaria e nel 2005 messi in Mobilità

plessa che sta logorando la vita di 70 lavoratori e delle loro rispettive famiglie a larga maggioranza monoreddito». La Cisl «in virtù di tutto questo, chiede, alla Regione Calabria il reinserimento di questi lavoratori all’interno del bacino Lsu e Lpu come già fatto per gli altri colleghi che facevano parte dello stesso gruppo». La stessa Cisl, chiede un incontro urgente al Presidente Giuseppe Scopelliti nonchè all’Assessore al lavoroe alla formazione Stillitani, «per risolvere questa vicenda e trovare così una soluzione positiva e definitiva permettendo a questi lavoratori di essere riutilizzati all’interno dell’Ente Parco».

La Cisl «chiede alla Regione il reinserimento di questi lavoratori all’interno del bacino Lsu e Lpu come già fatto per gli altri colleghi che facevano parte del gruppo»

Napoli lancia progetto su Scuola delle arti e dei mestieri per riconvertire aree degli istituti

COSENZA - A Cosenza potrebbe nascere presto la "Scuola delle arti e dei mestieri" e potrebbe trovare posto nei locali di alcune scuole della città, riconvertendo gli spazi vuoti e inutilizzati in centri educativi all’interno dei quali sviluppare laboratori formativi. Il progetto, molto di più di una semplice idea, è promosso dall’Assessoreallepolitichedell’educazione Franco Napoli che si appresta a portarlo a conoscenza nei prossimi giorni sia del mondo della scuola che delle Associazioni di categoria con le quali si pensa di poter presto sottoscrivere un accordo operativo. La "Scuola delle arti e dei mestieri", una vera e propria costola del Progetto di orientamento formativo "Scelgo per me", ha tra i suoi

obiettivi quello di contribuire all’orientamento formativo dei giovani guidandoli nella scelta di percorsi lavorativi soddisfacenti ed in linea con le esigenze del mercato, con particolare attenzione alle arti e ai mestieri a rischio di estinzione. «Negli ultimi tempi - sottolinea l’Assessore alle politiche dell’educazione di Palazzo dei Bruzi Franco Napoli - il tema dell’istruzione e della formazione al lavoro è diventato di stringente attualità, soprattutto perché il rischio di una paralisi di specifiche attività, per mancanza di manodopera specializzata, è tutt’altro che remoto. Di questa non trascurabile problematica devono farsi carico il mondo politico e le istituzioni adoperandosi a far convergere

Perugini ha parlato a Scopelliti dei dipendenti Asp F. Marra COSENZA - Nel corso dell’incontro avuto lunedì 21 febbraio a Catanzaro con il Presidente Scopelliti sui temi della Sanità cosentina, il Sindaco Salvatore Perugini ha comunicato al Presidente della Giunta Regionale di avere ricevuto una lettera in cui i dipendenti dell’Asp di Cosenza stabilizzati negli ultimi anni manifestano profondo disagio per il modo con il quale in questi giorni vengono messe in atto dall’Azienda procedure di verifica sulla regolarità delle assunzioni. Le circa 400 persone interessate, ha detto il Sindaco Perugini al Presidente Scopelliti, chiedono che siano verificate le singole posizioni con accuratezza e in un clima di serenità, evitando il rischio di pregiudiziali valutazioni sommarie, in cui potrebbero essere accomunate eventuali situazioni di illegittimità con quelle legittime e lineari che riguardano la stragrande maggioranza dei dipendenti stabilizzati, i quali si sentono ingiustamente sottoposti ad una forte pressione psicologica che turba loro stessi e le loro famiglie. Il Sindaco ha, quindi, sollecitato il Presidente della Regione affinché l’operazione sia svolta con la massima puntualità ed obiettività, dovendo essere esclusivamente finalizzata all’accertamento del possesso dei requisiti. Il Presidente Scopelliti ha assicurato al Sindaco Perugini che la verifica sarà condotta con questi criteri.

mondo della scuola e fabbisogni professionali delle imprese». Nelle intenzioni dell’Assessore Napoli la riconversionedeglispaziinutilizzati dovrebbe riguardare l’Istituto comprensivo "Don Milani" di Via degli Stadi, la scuola Media "Fausto Gullo" di via Popilia e l’Istituto Comprensivo "Spirito Santo" per ciò che attiene le scuole di Corso Vittorio Emanuele a Portapiana. «Occorre evitare con tutte le forze a nostra disposizione - ha aggiunto l’Assessore Napoli - il depauperamento di queste scuole». L’Assessore Napoli ha inoltre annunciato che si attiverà da subito per chiedere alla Regione Calabria un incontro con i referenti istituzionali del settore dell’istruzione.


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani 19

CRONACHE La manifestazione è stata presentata ieri presso i locali del Caffè Letterario

Tango Festival 2011, Cosenza nel panorama internazionale di Carmela Mirarchi COSENZA - È stata presentata ieri alla stampa, presso gli eleganti locali del Caffè Letterario di Cosenza, la terza edizione del Cosenza Tango Festival. Una manifestazione internazionale che, grazie anche all’esperienza maturata dalle passate edizioni, farà vivere al centro storico di Cosenza una lunga settimana di danza e passione tanghera. Una grande opportunità per la città calabrese di divenire un vero e proprio punto di riferimento, a livello nazionale e non solo, per tutti gli appassionati della celebre danza argentina che con il passare degli anni, sono diventati sempre più numerosi. «Il festival sarà un grande momento per la città - ha detto il direttore del festival, Ciccio Aiello - Sarà un mezzo di turismo culturale molto importante. Sono già 150, provenienti dall’Italia e anche dall’estero, gli iscritti per gli stages di danza che terranno i ballerini ospiti della manifestazione nel corso del week-end». Ballerini del calibro di Pablo Veron, Pablo Tegli, Cesira Miceli, Alex Cantarelli, Mimma Mercurio, Pamela Damia, oltre che allo stesso direttore artistico Aiello. Dal 22 al 27 febbraio, nel centro storico di Cosenza si respirerà la passione latina di questa danza misteriosa e sensuale, attraverso

gli spettacoli, le lezioni, i seminari e le proiezioni in programma nelle suggestive location del Teatro Rendano, del Palazzo della Provincia, e della Biblioteca Nazionale. «È una grande occasione per rilanciare il nostro centro storico - ha sottolineato durante la conferenza stampa l’assessore al Turismo del Comune di Cosenza, Marco Ambrogio - Per portare alla luce le sue bellezze, approfittando della massa di visitatori che arriverà per il festival, che contribuiranno anche alla stessa economia della città». Cosenza vuole sempre di più entrare nel panorama internazionale di tango e lo fa

È una grande occasione per rilanciare il centro storico Per portare alla luce le sue bellezze, approfittando della massa di visitatori che arriverà per il festival

ospitando i massimi esponenti della danza argentina. «Stiamo parlando di una manifestazione a carattere internazionale, con ospiti di grande levatura che non capita di avere in città tutti i giorni ha chiarito l’assessore Ambrogio - Mi auguro che il festival non si fermi alla terza edizione, ma che continui anche nei prossimi anni. Se non dovessi essere più assessore dopo le elezioni amministrative, invito chi dovesse esserci dopo di noi a non disperdere questo patrimonio culturale. Dobbiamo buttare le basi per far sì che Cosenza possa abbinare stabilmente il suo nome a una manifestazione così importante». Durante la conferenza stampa, ha salutato la città il ballerino argentino Pablo Tegli, che si è detto «molto contento e onorato di partecipare a questo evento». Il festival avrà il suo clou nella serata di domani con lo spettacolo al Teatro Rendano (ore 21) "Un Tango per Raimondo", dedicato alla memoria del giovane tanghero calabrese Raimondo Figliuzzi, scomparso per leucemia due anni fa, i cui incassi verranno in parte devoluti all’Asit - Associazione Sud Italia Trapiantati.

Il festival sarà un grande momento per la città. Sarà un mezzo di turismo culturale molto importante. Sono già 150, provenienti dall’Italia e anche dall’estero, gli iscritti per gli stages

Perrelli: sostegno a Buongiorno Cs COSENZA - «Il mio sostegno oggi va alle liste di Buongiorno Cosenza». Lo afferma il segretario nazionale del Patto per il Sud e per le Riforme, Tonino Perrelli, in occasione della convention di Buongiorno Cosenza. «Non c’é dubbio - prosegue - che gli avvenimenti di questi ultimi giorni hanno creato nuove condizioni per il confronto politico ed economico, e hanno posto le premesse per una costituente elettorale, per il vasto retroterra di energie fresche e pulite a cui Sergio Nucci fa appello con un’organica dottrina dalla quale trae ispirazione con coraggio e coerenza per tornare ad essere un saldo punto di riferimento. L’appello, ripartiamo da

loro da De Gasperi, Strurzo, da Don Nicoletti, De Cardona, don Caporale, senza rinunziare all’ispirazione cristiana, deve essere di respiro ampio sino a comprendere la domanda politica dell’elettorato d’ispirazione laica democraticamente più sensibile ai valori della vita, della persona, della famiglia e della solidarietà verso i più deboli. Bisogna ritornare alla concezione sturziana di partito afferma Perrelli - per marcare la riscossa dell’anima liberaldemocratica sulle deviazioni del potere. Da noi dipendono la fermezza e la fedeltà ai principi che debbono vivificare tutta la nostra azione politica e sociale».

Pdl Rossano: la giunta di Filareto mai così impopolare ROSSANO - «I consiglieri di opposizione hanno il dovere di controllare l’operato di un’amministrazione comunale. E di fare proposte. Non certo quello di assumersi le responsabilità, pesanti, di un fallimento politico e amministrativo annunciato, nel 2006, dalla stessa elezione di Filareto a sindaco» si legge in una nota del Pdl.«Oggi serve solo più umiltà nell’ammettere che è finita e nel peggiore dei modi possibili. Stop. Basta così. Filareto vada presto a casa e, con lui, una giunta mai stata così impopolare. Del resto, come si può chiedere ai cittadini, sempre più sbalorditi, di capire scelte illogiche come, da ultimo, la paventata ipotesi di costruire alloggi popolari su un terreno di riporto, quale quello del Traforo, divenuto in questi cinque anni una vera e propria discarica? I numeri per la propria eutanasia, questo centro sinistra locale, laboratorio regionale del fallimento totale del Pd al governo, se li trovi e gestisca da solo. Il Pdl non è attratto dall’accanimento terapeutico, soprattutto in politica. Tra l’altro, certi rilievi mossi, denotano scarsa capacità nella stessa lettura dei bandi. Infatti il bando in questione, quando accenna alle unità abitative, non impone che le stesse siano allocate nello stesso immobile. Per cui è una forzatura, per non dire altro, affermare l’esatto contrario, cercando di supportare con elementi inappropriati le proprie infondate ragioni, mistificando la realtà» conclude il Pdl.

Unità d’Italia, donazione dei Lions COSENZ A - Il capoluogo bruzio rende omaggio al 150° anniversario dell’Unità d’Italia anche attraverso una nuova valorizzazione dei luoghi-simbolo del Risorgimento a Cosenza. Su tutti, il Vallone di Rovito dove sorge l’Ara dei Fratelli Bandiera a ricordare il sacrificio dei "nostri" due eroi risorgimentali, fucilati insieme ad altri sette compagni, al grido di "Viva l’Italia!". Per quel luogo, il Settore Lavori Pubblici del Comune di Cosenza ha predisposto un restyling complessivo, a partire proprio dal recupero e restauro del monumento, ma è grazie alla generosità dei tre Club Lions di Cosenza che il parco adiacente all’Ara sarà restituito alla

fruizione dei cittadini, anche dei più piccoli. I Lions Cosenza - Host, Rovito-Sila Grande, Castello Svevo hanno infatti donato al Comune l’arredo urbano perché le famiglie cosentine possano vivere il loro tempo libero in uno dei luoghi più suggestivi della città. L’atto di donazione è stato formalizzato lunedì dal Dirigente del Settore Lavori Pubblici Carlo Pecoraro e dai Presidenti dei Lions Club: Antonio Petrassi, per Cosenza Host; Giacomo Caruso, per Cosenza Rovito Sila Grande; e Bruno Budelacci, per Cosenza Castello Svevo. La consegna ufficiale sarà programmata all’interno del calendario di eventi per il 150° dell’Unità d’Italia.


20

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

CRONACHE I carabinieri hanno tratto in arresto Bartolo Palamara e Cristian Piccoli, 35 e 38 anni

Detenzione e spaccio di droga in manette due disoccupati REGGIO CALABRIA - Nel pomeriggio di lunedì i carabinieri della Stazione Modena hanno tratto in arresto Bartolo Palamara, 35 anni, disoccupato, pregiudicato, e Cristian Piccoli, 38 anni, disoccupato, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari, da sempre impegnati nell’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno svolto un normale controllo di una Fiat Punto nella zona del Rione Pescatori. In considerazione dei precedenti per droga di cui era gravato il Palamara, i carabinieri hanno deciso di sottoporre il giovane e il Piccoli a perquisizione personale e veicolare che ha dato esito positivo. I militari hanno, infatti, rinvenuto sotto il sedile anteriore lato passeggero, un involucro completamente sigillato con nastro da imballaggio contenente circa 80 grammi di cocaina, mentre sotto il sedile posteriore hanno rinvenuto circa 350 grammi di marijuana. In concomitanza al controllo del veicolo, i carabinieri hanno successivamente perquisito i due soggetti rinvenendo una somma di circa 100 euro, posta sotto sequestro insieme all’autovettura. I due soggetti sono stati tratti in arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e sono stati associati alla Casa Circondariale di Reggio Calabria a disposizione dell’autorità giudiziaria.

In concomitanza con il controllo del veicolo, i carabinieri hanno proceduto a perquisire i due soggetti rinvenendo una somma di circa 100 euro, posta sotto sequestro insieme all’autovettura

I militari hanno rinvenuto sotto il sedile anteriore lato passeggero, un involucro completamente sigillato con circa 350 grammi di marijuana

Incontro sulla strada Archi-Ortì REGGIO CALABRIA - Le problematiche legate al territorio di Ortì, con particolare riferimento alla strada Archi-Ortì, sono state al centro di un riunione presieduta dal sindaco Giuseppe Raffa che ha recepito le istanze dei cittadini della zona che recentemente si sono costituiti in un comitato spontaneo. L’incontro si è svolto nel centro pedemontano alla presenza, oltre che del Primo Cittadino, del maresciallo Roberto Munafò, comandante la locale stazione dell’Arma dei Carabinieri, del consigliere comunale Rocco Albanese, di Filippo Bova in rappresentanza del comitato di cittadini di Ortì, di altri

componenti lo stesso comunicato e del presidente della X Circoscrizione (Archi) Vincenzo Roberto Leo. Sull’importante arteria Ortì-Archi che, causa le insistenti piogge degli ultimi tempi, è divenuta impraticabile, il sindaco Raffa, che nei mesi scorsi aveva già svolto un sopralluogo nella zona, ha comunicato che «in una ventina di giorni l’emergenza sarà risolta e gli abitanti di quella parte di territorio potranno nuovamente usufruire dell’importante collegamento con la città. Grazie ad un finanziamento di 250 mila euro, già acceso con la Cassa Depositi e Prestiti l’Archi-Ortì potrà essere riaperta al traffico».

Raffa: la fontana di Piazza Castello si trova al sicuro REGGIO CALABRIA - Il sindaco Giuseppe Raffa intende rassicurare i cittadini sulla sorte del delfino bronzeo che ornava la fontana del giardino di Piazza Castello dopo le denunce di un Comitato costituitosi per esprimere preoccupazione riguardo la presunta scomparsa dell’opera a seguito dei lavori di restyling che hanno interessato l’area. «Non vi è alcun alone di mistero intorno al delfino bronzeo dichiara il Primo Cittadino -. Mi rivolgo ai membri del Comitato, nato a tutela di questo antico manufatto, ed ai reggini in generale per garantire loro che la fontana si trova al sicuro nella sede comunale. A tal proposito, infatti, ho sentito l’architetto Alberto Di Mare, allora responsabile Unico del Procedimento e Direttore dei lavori per gli interventi di riqualificazione della piazza". In definitiva, il progetto inerente piazza Castello, così come approvato, prevedeva la rimozione della stessa fontana ma non una sua ricollocazione nel medesimo sito, così come il restauro e la successiva ubicazione in un’altra sede non rientravano fra gli interventi programmati ed eseguiti. «E’ innegabile - precisa Giuseppe Raffa - il pregio artistico della scultura: essa, infatti, insieme alle altre che ornavano la fontana detta delle Tre fontane, è ciò che rimane delle quattro cannelle della Fontana della pescheria o Fontana Nuova che si trovava sulla via Marina purtroppo distrutta dal terremoto».

Conferenza stampa Anpi REGGIO CALABRIA - L’Anpi di Reggio Calabria, in preparazione del suo primo Congresso Provinciale che si terrà sabato prossimo, 26 febbraio 2011, presso il Palazzo Storico della Provincia di Reggio Calabria, ha indetto per oggi alle ore 11,30 presso la sala Giunta della Camera di Commercio di Reggio Calabria, una conferenza stampa. L’Anpi (Ente Morale - D.L.L n. 224 del 5/04/1945) conta oltre 100.000 iscritti, è presente in tutte le 110 provincie d’Italia ed è organizzata in Comitati Provinciali, regionali e sezioni. Dal 2006, grazie ad una modifica statutaria, possono iscriversi all’Anpi anche i non partigiani in quanto, è ora la casa di tutti gli

antifascisti impegnati generosamente per la difesa e la piena attuazione della nostra Carta Costituzionale, insostituibile dettato di diritti e democrazia. I lavori congressuali si svolgeranno in due distinte sessioni di lavoro: mattutina, dalle ore 9.30 alle 12.30, con una tavola rotonda sul tema "l’attualità della Resistenza" cui prenderanno parte docenti, magistrati e giuristi; pomeridiana, dalle ore 15.00 alle 19.00, con lo svolgimento di tutti gli adempimenti congressuali.

re. re.


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani 21

CRONACHE La decisione arriva dopo che nei giorni scorsi Raffa aveva invitato Gatto a dimettersi

Il Sindaco revoca l’assessore Paolo Gatto di Futuro e libertà REGGIO CALABRIA - Il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Raffa, del Pdl, ha revocato l’assessore Paolo Gatto, già del Pdl e che di recente era passato a Futuro e libertà. Un piccolo terremoto annunciato. La decisione arriva dopo che nei giorni scorsi Raffa aveva invitato Gatto a dimettersi dopo le critiche che aveva rivolto, nel corso dell’Assemblea costituente di Futuro e libertà, alla scelta dei candidati del Pdl a Reggio Calabria nelle scorse elezioni politiche, facendo riferimento, in particolare, a Nitto Palma e Lella Golfo. Sulla revoca di Gatto è intervenuta la deputata di Fli Angela Napoli, coordinatrice regionale della Calabria del partito, secondo la quale «si tratta di un ulteriore atto di prevaricazione, interno ad una ormai palese strategia, del Pdl nei confronti di Fli. E’ assurdo dover prendere atto che, a fronte della necessità di sana politica mirante all’interesse delle collettività territoriali, prevalgano le logiche di una politica rancorosa e vendicativa. Avrei concepito che il sindaco Raffa ritirasse la delega assessorile a Paolo Gatto per un demerito della sua attività, ma trovo inaccettabile che l’incarico sia stato sottratto perché non è consentita alcuna dialettica, né alcuna dichiarazione di verità». «E’ assurdo - afferma ancora l’on.Napoli - che ci si ricopra di motivazioni di ordine politico che incidono negativamente sul rapporto di collabora-

zione e di fiducia e di atteggiamenti incompatibili con gli obiettivi di Governo, per dare esecuzioni ad ordini ricevuti dall’alto e che nulla hanno a che vedere con la sana politica. Gradirei che il Sindaco Raffa spiegasse ai cittadini di Reggio quali sarebbero stati gli atteggiamenti incompatibili con gli obiettivi di Governo assunti da Paolo Gatto». «Ed è molto strano - dice ancora la deputata di Fli che di fronte a gravi fatti di natura erariale, e non solo, che sovrastano il Comu-

ne di Reggio Calabria si proceda con simili punizioni del tutto ingiustificate». «Ed, infine - conclude Angela Napoli trovo assordante il mancato intervento della magistratura e del Ministro dell’Interno su un Comune dove i casi Orsola Fallara e Bruno Labate evidenziano l’allegra gestione dei fondi pubblici e dove il coinvolgimento di consiglieri comunali in importanti inchieste come Meta e Crimine imporrebbe il loro allontanamento dal civico consesso».

Tuona Angela Napoli: si tratta di un ulteriore atto di prevaricazione, interno ad una ormai palese strategia, del Pdl nei confronti di Fli. È assurdo dover prendere atto che, a fronte della necessità di sana politica mirante all’interesse delle collettività territoriali, prevalgano le logiche di una politica rancorosa e vendicativa

Gatto aveva rivolto critiche alla scelta dei candidati del Pdl a Reggio Calabria nelle scorse elezioni politiche, facendo riferimento a Nitto Palma e Lella Golfo

«Il Sindaco ha mantenuto gli impegni» REGGIO CALABRIA - Si raffredda il confronto tra sindacati e Amministrazione comunale sul tema dei trasferimenti alle società partecipate e "Acque reggine". Lo riferisce una nota del Comune di Reggio. «Il sindaco Giuseppe Raffa - riporta la nota - ha mantenuto gli impegni assunti con le maestranze e queste ultime hanno dimostrato grande senso di responsabilità di fronte alle difficoltà di bilancio dovute alla mancanza di liquidità. Dopo la Leonia anche Multiservizi e Acque reggine hanno ricevuto le anticipazioni concordate nel corso delle assemblee sindacali della scorsa settima-

na. Adesso gli uffici del Comune stanno predisponendo i mandati di pagamento per le cooperative sociali e quelli relativi agli acconti delle spettanze accreditate dal Terzo settore. La ripresa delle attività istituzionali delle società in questione è stata accolta con grande soddisfazione dal sindaco Raffa, il quale si sta adoperando per ottenere ulteriori trasferimenti statali che dovrebbero impinguare le casse dell’Ente di palazzo san Giorgio a partire dal 10 marzo prossimo, subito dopo l’approvazione da parte del Parlamento del decreto Mille proroghe, previsto per domani».

Sergio Genco: preoccupati per il “Milleproroghe” GIOIA TAURO - «Siamo estremamente preoccupati per la situazione che si è venuta a creare nel porto di Gioia Tauro soprattutto per i ritardi e le disparità riservate dal Governo allo scalo calabrese dal decreto Milleproroghe». Lo ha detto il segretario generale della Cgil calabrese, Sergio Genco, nel corso di una conferenza stampa a Gioia Tauro. All’incontro con i giornalisti, Genco assieme al segretario generale della Cgil comprensoriale della Piana Antonino Calogero, al segretario della Filt Calabria Salvatore Larocca e a quello comprensoriale Mimmo Laganà, ha annunciato alcune iniziative di mobilitazione «per riaffermare - ha sostenuto -la centralità dello scalo e sottolineare lo sviluppo del porto e, soprattutto, del retroporto. Iniziative che avranno come obiettivo quello di porre all’attenzione della Regione e del Governo la realtà portuale». Secondo la Cgil «occorre avere segnali positivi dal Governo sul Piano per il Sud. Vogliamo capire se il porto di Gioia Tauro continua a rimanere un’infrastruttura strategica o meno visto che, dal varo del decreto Milleproroghe, al porto di Gioia Tauro sono stati riservati pochi spiccioli a fronte di quelli erogati ad altre piattaforme logistiche del Paese. La Cgil chiederà alla Regione di risolvere i nodi di competenze e di governance nel retroporto». Ai primi di marzo, ha annunciato Genco, su quanto accaduto nell’area Gioia Tauro - San Ferdinando la Cgil effettuerà una serie di iniziative.

Pdl: strumentali attacchi della sinistra REGGIO CALABRIA - «I continui e pressanti tentativi di delegittimare persino un organo terzo, come la Corte dei conti, da parte di esponenti del centrosinistra di Reggio Calabria, denotano metodi ed una cultura politica superata di un gruppo dirigente che dimostra nei fatti di non volere misurarsi con i problemi reali della città». Lo sostengono, in una nota, il vicepresidente del Consiglio regionale, Alessandro Nicolò, ed i presidenti dei gruppi consiliari del Pdl e della lista Scopelliti Presidente, Luigi Fedele e Giovanni Bilardi. «Il perpetuare degli attacchi all’amministrazione comunale di Reggio Calab-

ria ed al modello Reggio - aggiungono sonostrumentali ed ingiusti nel merito e non tengono in alcun conto di come i reggini abbiano invece apprezzato il lavoro svolto in questi anni, tanto che nelle ultime consultazioni elettorali hanno siglato massicciamente con la loro fiducia la vittoria del presidente Scopelliti e del centrodestra. Lo stato di tensione che il centrosinistra vuole alimentare in vista delle prossime elezioni amministrative a Reggio rappresenta un tentativo assai maldestro di delegittimare il Governatore della Calabria, che in tutti gli indici di gradimento continua a rimanere in cima alla stima dei calabresi».


22

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

CRONACHE Svoltasi nella giornata di ieri una conferenza stampa sul progetto di riqualificazione

Antica Kroton, il Sindaco: un sogno che si avvera per la città di Marisa Marasco CROTONE - Consapevolezza di vivere una giornata importante per la città, soddisfazione, anche un pizzico di commozione. Sono questi i sentimenti che hanno animato una conferenza stampa meno consueta del solito, meno asettica, perché riguardava la realizzazione di un progetto che dopo lustri trova una concreta applicazione grazie al lavoro tenace dell’amministrazione comunale, la grande sensibilità delle Soprintendenze, le valutazioni positive sul progetto del Ministero dell’Ambiente: la riqualificazione ambientale dell’area archeologica dove è celata l’antica Kroton. Un progetto che travalica i canoni della burocrazia. "Un sogno che si avvera per la comunità crotonese" ha detto in apertura dell’incontro con la stampa il Sindaco Peppino Vallone. Conferenza stampa alla quale hanno partecipato il vice sindaco ed assessore all’Ambiente Arturo Crugliano Pantisano che ha lavorato spalla a spalla con il sindaco per oltre due anni per arrivare al risultato odierno. Presenti anche Simonetta Bonomi, soprintendente Beni Archeologici della Calabria e Francesco Prosperetti, direttore della direzione regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria. «E per la prima volta - ha aggiunto il Sin-

daco - grazie al lavoro congiunto con la Soprintendenza si può parlare non solo di bonifica di una area ma anche della sua conversione verso politiche dello sviluppo che guardano al turismo». Il primo stralcio funzionale (6.964.446,98 di euro), i cui lavori saranno appaltati nei prossimi giorni prevede la riqualificazione ambientale del sitoSi tratta di un’area che si estende per circa 80 ettari ed è adiacente all’area industriale dismessa dell’ex Pertusola ed ex Montedi-

Hanno partecipato il vice sindaco ed assessore all’Ambiente Arturo Crugliano Pantisano che ha lavorato con il Sindaco per oltre due anni

son. Il progetto di bonifica predisposto dall’amministrazione Vallone ed approvato dal Ministero dell’Ambiente prevede l’applicazione del cosiddetto "processo di fitorimediazione". Si tratta di una tecnica di bonifica che fa uso della vegetazione per il trattamento dei suoli contaminati da metalli pesanti ed è particolarmente indicata in siti contaminati di vaste dimensioni. Con la fitorimediazione si fa ricorso ad essenze vegetali con un apparato radicale in grado di assorbire i metalli pesanti presenti nello strato superficiale di suolo e senza interferenze con il sottostante strato archeologico. La fitorimediazione è un insieme di specifiche tecniche che si differenziano fra loro in funzione dell’azione decontaminante svolta. E’ una delle tecniche maggiormente utilizzate per la rimozione dei metalli pesanti. Essa utilizza specie capaci di assorbire gli inquinanti dal suolo per accumularli e concentrarli nella pianta.

Allacci abusivi alla rete elettrica: un arresto SANTA SEVERINA - Salgono a sei le persone arrestate dai carabinieri della compagnia di Petilia Policastro dall’inizio dell’anno con l’accusa di furto aggravato di energia elettrica. Ultimo a cadere nella rete di controlli degli uomini del capitano Mazzoli è stato un 63enne pensionato di Santa Severina, E.N., che aveva ralizzato in casa un ingegnoso sistema di esclusione del contatore Enel tramite un bypass nascosto nel muro. In pratica, alla società elettrica risultava allacciato, ma i consumi non potevano essere calcolati proprio perche il contatore veniva escluso da un relé. Inoltre, nel piazzale di casa, aveva allacciato un potente faro direttamente dalla rete elettrica comunale. Un "vizio" questo particolarmente diffuso nella zona che ha indotto i carabinieri a lavorare in stretta sinergia con le squadre di pronto intervento della società elettrica per arginare il fenomeno che provoca annualmente ingenti danni alle casse dell’Enel e disservizi su tutta la rete elettrica. E’ inutile rilevare, infatti, come questo tipo di attività illecita possa influire anche sulla efficienza generale della rete, creando disfunzioni alla cittadinanza che, invece, paga normalmente le tasse.

Vallone: «E per la prima volta grazie al lavoro congiunto con la Soprintendenza si può parlare non solo di bonifica ma anche di politiche dello sviluppo»

re. cr.

«Il Sindaco dovrà essere di tutti» CROTONE - «Il sindaco che verra’ dovra’ essere il sindaco di tutti e soprattutto dovra’ evitare l’instaurarsi di privilegi, interrompere la catena del favoritismo, del clientelismo e lavorare per il bene comune della citta’. Ne’ troppo giovane, ne’ troppo avanti con l’eta’, dovra’ essere persona esperta, con un passato nelle istituzione e con esperienza di governo perche’ non basta vincere le elezioni ma bisogna poi essere capaci di governare il capoluogo». Lo afferma, in un documento, la Giovane Italia di Crotone, secondola quale occorre "allargare le forze dell’alternativa allasinistra". «A breve - si legge - si svolgeranno le elezioni amministrative nella citta’ di

Crotone. Mentre il centrosinistra ha deciso di riconfermare il Sindaco uscente, l’avv. Peppino Vallone, il Pdl locale ha deciso di avviare unaserie di incontri per decidere quale donna o uomo dovra’guidare la compagine che sia in grado di rappresentare una valida alternativa alla sinistra. Poi sara’ una dura campagna elettorale; in un contesto cittadino caratterizzato da un evidente allontanamento dei cittadini delusi dalla politica locale e stanchi del declino economico, sociale e culturale della citta’. Un allontanamento particolarmente avvertito da chi, come noi, opera sul territorio a stretto contatto con le esigenze dei cittadini».

Cantieri forestali gestiti dal Consorzio CROTONE - Il presidente del Consorzio di Bonifica Ionio Crotonese Roberto Torchia, ha incontrato nella sede consortile tutti i caposquadra dei cantieri forestali dei comuni di Petilia Policastro, Roccabernarda e Mesoraca che dal 1° febbraio c.a. sono sotto la responsabilità del Consorzio Ionio crotonese. All’incontro hanno partecipato i consiglieri Idolo Piscitelli, Francesco Rosa rappresentante dei Comuni, e Santo Scalise unitamente alla struttura tecnico-amministrativa del Consorzio guidata dal direttore unico ing. Giuseppe Schipani. Il presidente Torchia dando il benvenuto, ha esposto ai caposquadra i pro-

grammi del Consorzio in generale e più specificatamente riguardo la forestazione. In particolare è stato sottolineato che per il Consorzio sono prioritari i rapporti con i comuni con i quali ci sono accordi di programma per effettuare gli interventi sul territorio. Ha chiesto ai caposquadra che il loro lavoro unitamente a quello di tutti gli operai che è apprezzato sul territorio, sia sempre di più indirizzato verso percorsi di responsabilità ed efficienza, poiché l’attività degli operai forestali, continui ad avere il giusto riconoscimento da parte della Regione, delle imprese agricole e dei cittadini.


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani 23

CRONACHE Svolto un servizio straordinario dagli uomini della Compagnia carabinieri vibonese

Controllo del territorio, 230 persone fermate e identificate VIBO VALENTIA - Oltre 230 persone identificate, 170 veicoli fermati e controllati, decine di perquisizioni personali, veicolari e domiciliari, due esercizi pubblici ispezionati e 16 contravvenzioni al codice della strada elevate per complessivi 4.500,00 euro di violazioni accertate. Questi sono i risultati del servizio straordinario di controllo del territorio che gli uomini della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia, con il supporto di quelli del G.O.C. e delle unità cinofile, hanno svolto nel tardo pomeriggio di ieri e che si è concluso a notte inoltrata. I militari dell’Arma, che già due settimane fa avevano passato al setaccio tutta la zona costiera che va da Pizzo a Briatico, questa volta si sono concentrati sui comuni di Mileto, Filandari, Ionadi, S. Onofrio, Stefanaconi, S. Gregorio e, soprattutto, su Vibo Valentia in cui, tra l’altro, è stato approntato un imponente posto di blocco sul trafficatissimo Viale Affaccio. Ad essere impiegati sono stati oltre 50 militari dell’Arma, a cui vanno aggiunte le unità cinofile ed oltre 20 autoveicoli. Un apparato imponente che ha consentito di passare letteralmente al pettine vaste zone del territorio rimarcando con forza la presenza dello Stato in generale e dell’Arma dei Carabinieri in particolare. Nel corso di una perquisizione in un’abitazione abbandonata a S. Gregorio, inol-

Oltre 230 persone identificate, ispezioniveicolari e domiciliari, 2 esercizi pubblici ispezionati e 16 contravvenzioni al codice della strada per 4.500 euro di ammende

tre, gli uomini della Benemerita hanno anche rinvenuto, nascosti in un anfratto ricavato sotto un camino, ben 60 proiettili cal. 7.65 ed un caricatore per pistola. Pizzo a Briatico, questa volta si sono concentrati sui comuni di Mileto, Filandari, Ionadi, S. Onofrio, Stefanaconi, S. Gregorio e, soprattutto, su Vibo Valentia, dunque, le zone messe al setaccio.

Franco Piterà

Sono stati impiegati oltre 50 militari dell’Arma, a cui vanno aggiunte le unità cinofile ed oltre 20 autoveicoli. Un apparato imponente che ha consentito di esaminare vaste zone del territorio

Riqualificazione di piazza Zupponi, partiti i lavori VIBO VALENTIA - Un altro cantiere sarà presto aperto a Pizzo. Infatti, sono stati consegnati i lavori per la "riqualificazione di una piazza". Gli impegni riguardano la sistemazione della piazzetta "Zupponi Strani", adiacente in Via Nazionale dove attualmente si svolge il mercato settimanale. A consegnare i lavori insieme ai tecnici del comune è stato il sindaco, Fernando Nicotra che ha annunciato che la piazzetta sarà dedicata ai Martiri di Nassiriya in un ottica di spirito nazionale e di Patria che ha sempre contraddistinto nella sua storia il comune di Pizzo. Dedicare ai caduti di Nassiriya per noi è un dovere perché ricordare la tragica morte di 12 carabinieri, quattro soldati dell’esercito e due civili "è importante" . «Questa Piazza ha aggiunto il sindaco contribuirà a ricordare il loro sacrificio e alla costruzione di un futuro migliore». Il sindaco si augura di poterla inaugurare il 12 novembre prossimo in occasione dell’ottavo anniversario dell’attentato di Nassiriya, perché «la loro tragica morte nell’adempimento di un servizio reso alla pace, rappresenta un richiamo per tutti ad una rinnovata e ferma condanna di ogni forma di violenza». «L’ importo dell’intervento finanziato con fondi di bilancio comunale è di 70.000,00 euro. I lavori di riqualificazione rientrano in un programma di opere pubbliche che da tempo l’amministrazione comunale ha programmato approvando singoli progetti».


24

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

APPUNTAMENTI

A moderare l’incontro che si svolgerà a Cosenza, presso la libreria Ubik, sarà la giornalista Marianna de Luca

“La Calabria sottosopra”, venerdì la presentazione del libro di Nino Amadore COSENZA - Venerdì 25 si svolgerà la presentazione del libro di Nino Amadore dal titolo "La Calabria sottosopra", alle ore 18,00 presso la Libreria Ubik Via Galliano a Cosenza. Ne discutono con l’autore: Matteo Cosenza, direttore de "Il Quotidiano della Calabria"; Rosario Branda, direttore Confindustria Cosenza; modera la giornalista Marianna de Luca. Un libro che prova a raccontare le conseguenze concrete del sottosviluppo mafioso cui non sono estranee le scelte e le azioni di una classe dirigente troppo a lungo legata direttamente ai famigliari delle ‘ndrine o alla loro subcultura mafiosa. Ma anche una classe politica che si è allenata, a destra come a sinistra, a rappresentare interessi molto spesso opachi, molto spesso della ‘ndrangheta. Così la rappresentanza dell’illegalità è diventata un fatto naturale, scontato, tanto da far apparire ai più folle chi osa ribellarsi al potere costituito che qui non è lo stato ma il potere parallelo. La ‘ndrangheta, certo, ha capito prima degli altri che bisognava attrezzarsi e non farsi travol-

gere dal futuro: ha mandato i propri figli a studiare, ha occupato l’università più predisposta a certe operazioni come quella di Messina, ha fatto valere il proprio potere sul mercato degli scambi criminali con la mafia siciliana. La ‘ndrangheta si è quasi fatta classe dirigente in enti locali, province, unità sanitarie locali e mutuando i riti massonici o entrando a pieno titolo nelle logge ha portato i propri uomini nei salotti buoni. E così anche chi si credeva esente da certo malaffare criminale, come la provincia di Cosenza, non lo è più. Anche il migliore degli esperimenti come l’Università di Arcavacata a Rende, esempio di convento laico per una possibile e liberale classe dirigente del domani, ha dimostrato tutti i limiti. Una regione che è un nodo da sciogliere perché è la dimostrazione concreta, dati alla mano e storie a bizzeffe, di come non sia possibile in Italia un vero federalismo fiscale che veda gli enti locali protagonisti per esempio della caccia agli evasori fiscali: ve lo immaginate un sindaco eletto in Calabria con i voti delle famiglie

Il libro indaga senza pregiudizi ma anche senza voler nascondere nulla. E guarda la Calabria dal bar Bristol, il locale di fronte all’Università di Messina dove stavano i giovani

mafiose andare in cerca di evasori fiscali? O vi immaginate quel giovane primo cittadino, un professionista, il quale pur di essere eletto dice candidamente che la lotta alla ‘ndrangheta spetta allo Stato e non ai Comuni? Per non parlare degli imprenditori: alcuni (pochi) che provano a lanciare messaggi antimafia, qualche altro come Pippo Callipo che ne fa una battaglia umana, passionale, qualche altro che pensa di darla a bere a tutti cercando alibi per continuare a fare quello che ha sempre fatto: il colluso. Pochissimi si presentano in questura o dai carabinieri per denunciare il racket o pressioni sugli appalti. C’è tutto questo e altro ancora nel libro di Amadore. Il quale indaga senza pregiudizi ma anche senza voler nascondere nulla. E guarda la Calabria ancora dal bar Bristol, il locale di fronte all’Università di Messina dove i giovani rampolli di ‘ndrangheta si fermavano a chiacchierare e qualche volta a decidere grandi strategie. Criminali. Nino

Il “Flauto Magico secondo l’orchestra di piazza Vittorio” in scena stasera al Teatro Politeama CATANZARO - «Prima o poi doveva succedere. Dall’incontro multietnico che ha generato l’Orchestra di Piazza Vittorio questa volta è scappato il capolavoro. Il Flauto Magico è un progetto che farà il giro del mondo e di cui si parlerà a lungo». Questo giudizio di Gino Castaldo, critico musicale tra i più apprezzati in Italia, rende bene l’idea dello spettacolo che stasera sarà ospitato dal teatro Politeama di Catanzaro (unica rappresentazione, esclusiva per la Calabria). La multi etnicità sarà indiscussa protagonista dell’evento. Un tema, quello della tolleranza e della rispetto-

sa convivenza tra i popoli, che proprio in questi giorni è di scottante attualità. Il Flauto Magico secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio è un divertente e fiabesco prodigio in cui la musica mozartiana si trasforma, con sorprendente naturalezza, in reggae, jazz, intrecci ritmici africani e orientali, mentre gli archi arieggiano la partitura originale. Concepita come una favola tramandata in forma orale e giunta fino a noi attraverso le culture di appartenenza dei vari musicisti, l’Orchestra è riuscita a trasformare Il Flauto Magico in un’esperienza musicale stupefacente.

Nino Amadore è giornalista messinese, dal 2003 redattore a Palermo del Sole 24 Ore, da vent’anni frequenta il mondo dei giornali Amadore, giornalista messinese, dal 2003 redattore a Palermo de «Il Sole 24 Ore», da vent’anni frequenta il mondo dei giornali. Ha cominciato nel 1989, allora studente di Scienze Politiche a Messina, come corrispondente per il quotidiano «La Sicilia» e ha successivamente collaborato con numerosi altri giornali. È autore del libro La zona grigia, professionisti al servizio della mafia (La Zisa editore, 2007) e coautore, con Serena Uccello, del volume L’isola civile, le aziende siciliane contro la mafia (Einaudi, 2009); è autore del saggio sul giornalismo di inchiesta nel manuale Studiare da giornalista.


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani 25

APPUNTAMENTI

L’opera del regista M. Gelardi rientra nell’ambito della XII stagione teatrale comunale

Lo spettacolo “Santos” di Roberto Saviano in scena a Castrovillari CASTROVILLARI - Giovedì 24 febbraio alle 21,00 gli Ipocriti e M.B. Nuovo Teatro presentano "Santos" di Roberto Saviano, per la regia di Mario Gelardi, con Ivan Castiglione, Francesco Di Leva, Giuseppe Gaudino, Giuseppe Miale Di Mauro, Adriano Pantaleo e Raffaele Auriemma (voce). "Santos", il titolo viene dal pallone arancione usato dai ragazzi per giocare a calcio, è una storia densa di emozioni e avvenimenti, ha una scrittura forte e dinamica com’è tipico del Saviano scrittore. Lo spettacolo s’inserisce al centro di una programmazione che sta riscuotendo grandi consensi, «Abbiamo allestito un cartellone con spettacoli adatti a soddisfare le esigenze di un pubblico sempre più numeroso e affezionato - spiega il direttore artistico della stagione Benedetto Castriota - privilegiando, pur nella diversità dei generi teatrali, l’indiscussa qualità degli artisti di fama nazionale e come nel caso della Ricciarelli, internazionale». "Santos" è un racconto di Saviano, uscito in una raccolta, ma praticamente sconosciuto, e co-

me già accaduto per "Gomorra", inserito nel cartellone della stagione teatrale castrovillarese 2007-2008 - ne è stata tratta una rappresentazione teatrale che ha debuttato lo scorso ottobre al Teatro Nuovo Montevergini di Palermo. L’adattamento teatrale è stato curato da Mario Gelardi e Giuseppe Miale di Mauro; per i due è la terza volta che si trovano a lavorare su testi di Saviano, dopo "Gomorra" (2007) e "La ferita, racconti per le vittime innocenti di Camorra"(2008). "Santos" è la storia di

Castriota: «Abbiamo allestito un cartellone con spettacoli adatti a soddisfare le esigenze di un pubblico sempre più numeroso e affezionato»

quattro ragazzini che vengono assoldati come vedette della camorra. Il loro compito è quello di giocare a calcetto in una piazza e avvisare quando arriva la polizia o qualcuno sospetto. Saviano racconta la carriera dei ragazzi che si trovano a dover scegliere da che parte stare, se continuare a guadagnare soldi facili con attività che diventano sempre più criminali o abbandonare tutto e provare a realizzare i loro sogni. "Santos" è stato scritto pensando ai ragazzini di Napoli che giocano a calcio in strada, nei quartieri più disagiati e che spesso non guardano al futuro con ottimismo. In questo racconto, però, c’è qualcosa di diverso, i ragazzi provano a realizzare il loro sogno, a inseguire la propria passione, a segnare gol. Il gioco diviene quindi metafora della vita, il calcio è visto come unica soluzione per uscire da una vita che appare misera. «Ci ha colpito - sottolinea il regista Mario Gelardi - particolarmente la storia di uno dei ragazzi che, per la passione del calcio, per l’emozione di proseguire

“Voci & colori”, la seconda edizione dell’incontro di poesia, di musica e di pittura a Parghelia PARGHELIA - Per il secondo anno consecutivo, l’assessorato alla Cultura, in collaborazione con l’associazione "Tropea-Ondemediterranee", di cui è presidente il prof. Pasquale De Luca organizza l’incontro di poesia , musica e pittura "Voci & colori". Un’ora con la poesia dei poeti del premio internazionale di poesia e con i pittori calabresi. Nel corso della manifestazione saranno declamate le poesie vincitrici dell’ultima edizione del Premio di poesia che è oramai giunto al suo ottavo anno di programmazione e saranno eseguiti brani musicali per accompagnare la

lettura dei testi. Alla manifestazione saranno presenti numerosi artisti, fra i quali: Alia Amalia, Buttafuoco Romanella, Blasi Maria Teresa, Caracciolo Roberto, Caracciolo Geraldyne, Cirillo Marilena, Cricelli Enza, Calimera Carmela, Cuturello Franco, Cosenza Italo, Dell’Ordine Silvana, De Benedetto Antonio; sarà presente inoltre il maestro Giuseppe Vitetta, decano dei pittori tropeani. Fra gli altri sarà consegnato un riconoscimento alla carriera. La manifestazione si terrà domenica 27 febbraio, alle ore 17,00 presso la Sala consiliare in piazza Europa. L’ingresso sarà libero.

un’azione di gioco durante una partita, viene espulso dal gruppo e proprio per questo si salva da una vita fatta di espedienti e criminalità. È la passione che salva la vita di questo ragazzo ed è anche la chiave della storia: seguire un sogno, realizzare un’aspirazione, l’unica vera speranza di un

L’adattamento teatrale è stato curato da Mario Gelardi e G. Miale di Mauro; è la terza volta che lavorano su testi di Saviano destino migliore». «Ho sempre pensato che ovunque e in ogni vita potesse esistere una possibilità di salvezza - dice invece Saviano -. L’ho sempre pensato, ma ne ho avuto certezza quando ho conosciuto Lionel Messi, il centravanti argentino, o quando ho seguito gli allenamenti dei pugili di Marcianise prima che andassero alle Olimpiadi. Il sud Italia e l’Argentina sono due terre difficili in cui lo sport è una possibilità che va ben oltre il sogno di una vita migliore. Santos è una gioia semplice: è la gioia di una partita a pallone fatta per strada, da piccoli. E adesso che per strada a pallone non gioco più, mi piace rivivere quei momenti».


26

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

CARTELLONE Cosenza al Gran Trofeo d’oro della ristorazione Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CASTROVILLARI Convegno "Comunità montane: enti da sopprimere o da valorizzare?" Oggi , alle ore 17.00, presso il ProtoconventoFrancescanositerràilconvegno "Comunità montane: enti da sopprimereodavalorizzare?".Introduce e coordina Vincenzo Mazzei, presidente Uncem Calabria; saluti Francesco Blaiotta, Sindaco di Castrovillari; relazione Vincenzo Barletta, presidente Comunità Montana del Pollino; conclusioni Salvatore Perugini, vice presidente Nazionale Anci; Michele Trematerra, assessore regionale agricoltura, foreste, forestazione e montagna. CATANZARO Convegno "Il cristianesimo come educazione alla realtà dell’umano" Oggi e giovedì 24 febbraio 2011 , nell’Auditorium del Seminario Regionale “S. Pio X” (Viale Pio x, 160),siterràilconvegnodiVivarium dal tema "Il cristianesimo come educazione alla realtà dell’umano" organizzatodall’Istituto Teologico Calabro “S. Pio X”. Presentazione tecnologia contro il dolore cronico Conferenzastampadipresentazione del dispositivo medico Calmare Mc-5A, brevetto internazionale della nuova frontiera per la terapia del dolore cronico oncologico e neuropatico. La presentazione patrocinata dalla Provincia di Catanzaro e dalla Lilt Lega Italiano Lotta ai Tumori (sede provinciale di Catanzaro) si terrà il 24 febbraio , alle ore 17.30, all’interno della sala del consiglio "Aldo Ferrari" presso l’amministrazione Provinciale di Catanzaro. Il dispositivo tecnologico Calmare Mc-5A verrà presentato dalla MedicalSportCenterRiabilitazioneSrldi Catanzaro che diviene centro pilota della Calabria e primo centro operativo nel Meridione d’Italia. Incontro dibattito "La qualità della vita a Catanzaro" La Soroptimist International d’Italia, Club di Catanzaro organizza un incontrodibattitosu"Laqualitàdella vita a Catanzaro" giorno 24 febbraio , alle ore 17.30, presso l’hotel Guglielmo, via Tedeschi, 2. Programma: saluto della presidente; presentazione del progetto ed analisi dei risultati con gli amministratori del Comune di Catanzaro: Antonio Argirò, assessore alla cultura; Nicola Ventura, assessore ai servizi sociali; Raffaele Salerno, assessore alla sicurezza; Domenico Iaconantonio, assessore all’ambiente; Sina Tortorella Lucchetti, assessore pari opportunità; Pino Soriero, assessore all’urbanistica. Moderatore: Paolo Cannizzaro, giornalista. Seminario di formazione Giovedì 24 e venerdì 25 febbraio 2011 , la Cooperativa Meristema organizza un seminario di formazione sulle problematiche della disabilità. L’iniziativa si terrà presso la sala conferenza dell’istituto tecnico stata-

Un’importante sfida per gli allievi e gli insegnanti dell’Istituto Professionale “P. Mancini” di Cosenza e dell’Ipssar “F. Todaro” di Rende (Cs), finalisti al Gran Trofeo d’Oro della Ristorazione Italiana, dopo essere stati selezionati tra le migliori scuole alberghiere d’Italia. La prestigiosa manifestazione, giunta quest’anno alla quinta edizione, è sostenuta con forza dalla Provincia di Brescia ed è riconosciuta a livello nazionale come il migliore concorso a scopo didattico del settore. Gli istituti, nella veste di ambasciatori della Calabria, regione custode di un importante ventaglio di prodotti e di tradizioni culinarie, sono chiamati a confron-

tarsi con le diverse squadre in gara, sulla base della realizzazione di una proposta gastronomica tipica che sposa la cucina bresciana. Un connubio vincente tra il territorio calabrese e quello bresciano, nell’ottica di una promozione sempre più forte della cultura enogastronomica del Bel Paese, in Italia e all’Estero. Organizzatori della prestigiosa competizione, ospitata dal Centro Fiera del Garda di Montichiari dal 26 febbraio al 1 marzo 2011, l’Assessorato all’Agricoltura, Alimentazione e Agriturismo della Provincia di Brescia, l’Upi, Unione delle Province Italiane, Gambero Rosso, in collaborazione con Cast Alimenti – La Scuola di Cucina e Alma, la Scuola internazionale di

le per geometri "Petrucci" sede di Catanzaro dalle 15.00 alle 19.00, e vedrà il coinvolgimento dei dirigenti scolastici e dei docenti di scuole di ogni ordine e grado della Provincia di Catanzaro.

aprirà ufficialmente la campagna elettorale della Fiamma Tricolore per le prossime amministrative al Comune di Catanzaro. Il convegno, organizzato dal dipartimento cultura e formazione della segreteria provinciale della Fiamma Tricolore, si avvarrà della partecipazione dell’arch. Pino Casale.

Inaugurazione Anno Giudiziario 2011 Giorno 2 marzo , alle ore 10.00, presso la sede della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti, Via E. Buccarelli28,siterràlacerimoniadi inaugurazionedell’AnnoGiudiziario della Corte dei Conti per la Regione Calabria con sede a Catanzaro Convegno “Catanzaro: il paese dell’incontrario, com’era...come lo vorremmo!” Giorno 4 marzo , alle ore 17.30, presso la Sala Consiglio dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, la Fiamma Tricolore ha organizzato un convegno dal titolo “Catanzaro: il paese dell’incontrario, com’era .…. come lo vorremmo!” che, in pratica,

COSENZA Convention “Io vinco, tu vinci” Il candidato a sindaco per la lista civica Buongiorno Cosenza, Sergio Nucci, incontrerà i cittadini oggi , alle ore 17.30, presso il Cinema Italia diCosenza,perillustrarealcunipunti del suo progetto politico-amministravo per le prossime elezioni comunali del 15 e 16 maggio. Incontro su “Cosenza 2020: Progettiamo oggi la città di domani” L’incontro dal tema “Cosenza 2020: Progettiamooggilacittàdidomani”, che si terrà a Cosenza presso la “Casa delle Culture” giovedì 24 feb-

cucina italiana, con il sostegno del Miur, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e del Mipaf, Ministero per le Politiche Agricole e Forestali. Media – partner dell’evento Club di Papillon. L’edizione 2011 del concorso è patrocinata dal Comitato Italia 150, in concomitanza con la celebrazione dei centocinquant’anni dell’Unità nazionale, nell’ambito di una densa stagione di eventi, “Esperienza Italia”, nella doppia cornice di Officine Grandi Riparazioni e della Reggia di Venaria Reale. “Il Gran Trofeo d’Oro della Ristorazione Italiana – ha commentato l’Assessore all’Agricoltura della Provincia di Brescia, Gian Francesco Tomasoni – rappresenta un’idea vincente e di successo, un’ottima occasione di crescita didattico - professionale per centinaia di studenti e professori che, avvalendosi del prezioso contributo dei grandi maestri della gastronomia italiana, valorizzano le produzioni agricole bresciane nell’interpretazione dei piatti principe della nostra tradizione culinaria”. A presiedere la Giuria, Iginio Massari, maestro pasticcere a livello mondiale, nonché ideatore del prestigioso concorso. Ventisei istituti italiani in gara accanto a quattro europei, per un totale di duecentodieci concorrenti. Il Presidente della Repubblica omaggerà la squadra vincitrice di un premio speciale. Una kermesse di assoluto pregio che si pone l’obiettivo di trasmettere ai futuri cuochi le peculiarità enogastronomiche del territorio e, al contempo, di imprimere una forte spinta produttiva al settore agroalimentare, legato al comparto del turismo.

braio , alle ore 18.30, è il primo di una serie di iniziative che l’associazione “Io resto in Calabria” promuoverà per stimolare la società civile, soprattutto nei comuni che si apprestano a vivere il momento elettorale, portando i giovani e i cittadini a proporre modelli in grado di rilanciare le realtà calabresi, troppo spesso vittime di amministrazioni poco lungimiranti e scarsamente votate all’innovazione. CROTONE Presentazione campagna di sensibilizzazione Oggi , alle ore 11.00, presso la sala consiliare del Comune di Crotone si terrà la conferenza stampa per la presentazione della “campagna di sensibilizzazione per la tutela del posto auto riservato ai disabili” promossa dall’Animc di Crotone in collaborazione con l’amministrazione comunale. All’incontro oltre ai rappresentanti dell’Anmic, parteciperanno il sindaco Peppino Vallone,

l’assessore Filippo Esposito, Nino Corigliano e l’agenzia Contatto s.r.l. che ha realizzato la campagna di sensibilizzazione. REGGIO CALABRIA Seminario “Diritti delle donne: negati e vissuti” Nell’ambito del progetto “Promozione dei diritti umani come strumenti di democratizzazione attraverso la specializzazione di figure professionali e la crescita della consapevolezza sociale” cofinanziato dal Ministero degli Esteri italiano, il giorno28febbraio,dalleore9.30alle ore 18.00, si svolgerà in Reggio Calabria al Consiglio regionale della Calabria presso la sala Giuditta Levato il seminario “Diritti delle donne: negati e vissuti”. Il seminario è organizzato dalla Ong Cric - Centro Regionale di Intervento per la Cooperazione–capofiladelprogetto – in collaborazione con la Cisme Cooperativa per l’innovazione e sviluppo del Meridione. SAN LUCA Incontro sul Piano di Sviluppo Rurale A San Luca (Rc) nella locride è stato programmato l’incontro territoriale della Coldiretti Calabria sul Piano di Sviluppo Rurale e la Filiera Agricola Tutta Italiana. Oggi , dalle 17.30, nel TeatroComunaledellascuolamedia del comune aspromontano la Coldiretti Calabria svolgerà un incontro durante il quale si illustreranno anche i contenuti dei nuovi bandi riferiti alla Misure 121 e 123 del Piano Regionale di Sviluppo Rurale. L’incontro sarà introdotto dal presidente della Coldiretti di Reggio Calabria Francesco Saccà i e prevede le conclusioni del presidente della Coldiretti Calabria Pietro Molinaro. SCILLA Mostra: "Dall’Aspromonte a Porta Pia - I Borbone, Pio IX e Garibaldi" Giovedì 24 febbraio 2011 , alle ore 17.00,ilpresidentedellaProvinciadi Reggio Calabria inaugurerà a Scilla (Rc) nel Castello Ruffo la Mostra dal titolo: “Dall’Aspromonte a Porta Pia – I Borbone, Pio IX e Garibaldi – Memorabilia dalle collezioni Carafa Jacobini, Ruffo di Calabria ed altre raccolte” voluta dall’amministrazione provinciale di Reggio Calabria e nello specifico dall’assessore alla cultura Santo Gioffrè quale evento celebrativo dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Orari Castello: dal lunedì alla domenica dalle ore 8.00 alle ore 20.00 (orario continuato). SOVERIA MANNELLI V edizione scuola per librai Rubbettino La scuola per librai Rubbettino, prevista a Soveria Mannelli, presso la sededell’omonimacasaeditriceil13 marzo , è giunta ormai al suo quinto anno qualificandosi come l’evento formativo più importante del sud Italia dedicato alla categoria dei librai.


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani 27

CARTELLONE III edizione “Cosenza Tango Festival 2011” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari Roma. Giovedì 26 maggio , Mario Montore, pianoforte.

CASTROVILLARI “Santos” di Roberto Saviano Continua con successo la dodicesima stagione teatrale di Castrovillari, organizzata dall’assessorato alle politiche culturali e dall’associazione culturale Novecento. Giovedì 24 febbraio , alle 21.00 gli Ipocriti e M.b.NuovoTeatropresentano“Santos” di Roberto Saviano, per la regia di Mario Gelardi, con Ivan Castiglione,FrancescoDiLeva,Giuseppe Gaudino, Giuseppe Miale Di Mauro, AdrianoPantaleoe RaffaeleAuriemma (voce). CATANZARO Mostra personale di Rosa Spina Da oggi al 5 marzo , presso la sede Verduciarte in Via dell’Arcivescovado 18, si terrà la mostra personale dell’artista Rosa Spina dal titolo “Defilage Sincronico”. L’inaugurazione si terrà oggi , alle ore 18.00. La personale è a cura del prof Antonio Falbo Art Director della Galleria, con la compartecipazione del “Lion Club Catanzaro Host” il cui il presidente, il dott. Virgilio Conte. La presentazione delle opere è a cura di Valentina Scardamaglia. Apertura mostra: mattina 10.00/13.00; pomeriggio 17.00/20.00. Casting "Il Coraggio d’amare" Oggi , ore 15.30, presso il teatro Masciari di Catanzaro si apriranno le audizioni per l’allestimento del cast riguardo il film che verrà girato interamente in Calabria durante il periodo compreso tra giugno e settembre 2011 e nelle sale cinematografiche a Natale del corrente anno.Sono richiesti: attori/rici, non professionistioancheconpocaesperienza di un’ età compresa tra i 18 e i 55 anni; ballerini/e, con almeno il compimento del settimo anno di danza e di un’età compresa tra i 16 e i 30 anni. Per iscriversi: armoniaecontrasto02@tiscali.it. In scena “Il Flauto Magico secondo l’Orchestra di piazza Vittorio” Ancora un grande evento internazionale al Politeama di Catanzaro dove oggi , andrà in scena “Il Flauto Magico secondo l’Orchestra di piazza Vittorio”, spettacolo che ha debuttato a Lione, Barcellona e Atene riscuotendo uno straordinario successo. Lezioni e recite di poesia italiana dal ’200 al ’900 La scena e la poesia - lezioni e recite di poesia italiana dal ’200 al ’900. Ciclo di eventi realizzato in collaborazione tra Circolo di cultura "Augusto Placanica" e Teatro di Calabria "Aroldo Tieri". Direzione artistica a cura di Luigi La Rosa e Aldo Conforto, con l’eccezionale contributo degli attori del Teatro di Calabria. Le lezioni si svolgeranno presso il Centro di aggregazione giovanile di via Fontana Vecchia alle 17.30. Gli appuntamenti: 1 marzo : Il "Furioso"; 15 marzo : Giacomo Leopardi; 29 marzo : Giovanni Pascoli; 12 aprile : Gabriele D’annunzio; 26 aprile:EugenioMontale;10maggio

CROTONE Presentazione del libro "I portali di Calabria" Venerdì 25 febbraio 2011 , alle ore 17.30, nella sala multimediale della Biblioteca A.Lucifero-Crotone presso il Castello aragonese Carlo V, si terrà la presentazione del volume di Pietro Pontieri: "I portali di Calabria" Editore Falco-Cosenza.

Nato dalla volontà del ballerino e maestro cosentino Ciccio Aiello di creare in Calabria un evento internazionale di elevata qualità artistica, il Cosenza Tango Festival giunge quest’anno alla terza edizione. La manifestazione, patrocinata dalla Provincia di Cosenza e dall’Assessorato al Turismo del Comune di Cosenza, si svolgerà dal 24 a 27 febbraio nel centro storico della città di Cosenza, nelle suggestive location del Teatro Rendano, del Palazzo della Provincia, e della Biblioteca Nazionale. Come ogni anno, vastissimo il carnet di nomi di fama internazionale che si avvicenderanno nel programma, tra lezioni tematiche ed esibizioni. Primo fra tutti, Pablo Veron, noto e appassionato protagonista di Lezioni di Tango di Sally Porter, che dopo due anni torna in Calabria, unica tappa nel meridione del suo tour italiano. Creatore di uno stile di danza unico che gli ha consentito di guadagnarsi il rispetto di ballerini di ogni età nel mondo intero, è riconosciuto a livello internazionale come il rinnovato-

: De Andrè - Guccini. Gianluca Grignani in concerto Il GranTeatro Le Fontane è pronto per confermarsi, ancora una volta, tra le mete più frequentate da chi vuole ascoltare buona musica, assistendo ai maggiori spettacoli in tour in Italia. Il GranTeatro proporrà al suo pubblico, in esclusiva per la regione, una data del Romantico Rock Show di Gianluca Grignani, il 5 marzo . I biglietti possono essere acquistati presso le consuete prevendite, oltre che attraverso la TicketService (0961.726313). Per le prenotazioni e per qualsiasi informazione è possibile telefonare alla Esse Emme Musica ai numeri 0961. 872883-761471 e 327.7705335. E’ possibile inoltre visitare il sito www.essemmemusica.it. Giorgio Panariello in “Panariello non esiste” Fervono i preparativi al GranTeatro Le Fontane di Catanzaro per

re di questa danza, insieme ludica, misteriosa e sensuale che è il tango. Insieme a lui, altri grandi nomi del panorama europeo come Pablo Tegli (Argentina) e Cesira Miceli (Italia), entrambi artisti tra i più amati della nuova generazione, in costante rinnovamento e alla ricerca di linguaggi corporei sempre nuovi, Alex Cantarelli e Mimma Mercurio (Italia), direttori della scuola/compagnia Meditango di Roma, nonché autori, produttori e interpreti di numerosi spettacoli di teatro-danza d’avanguardia, e Ciccio Aiello (Italia) e Pamela Damia (Argentina), fondatore della scuola/compagnia Calabriatango di Cosenza lui, giovane e raffinata danzatrice Argentina lei, danzano insieme dal 2009 producendo nuovi spettacoli in cui fondono l’amore per la tradizione tanghera con la ricerca di nuovi stili. Unitamente al programma di seminari e lezioni, nei giorni immediatamente precedenti al festival ci saranno momenti di approfondimento sulla cultura del tango e dell’Argentina, con la proiezione

l’appuntamento dell’ 11 marzo con Giorgio Panariello in “Panariello non esiste”, il tour teatrale che il noto comico toscano sta portando a suon di sold out in tutta Italia. I biglietti per assistere allo spettacolo di Panariello a Catanzaro, hanno i seguenti prezzi comprensivi di prevendita: poltronissima 38,00 euro; poltrona 30,00; tribuna 25,00. Per le prenotazionieperqualsiasiinformazione è possibile telefonare ai numeri 0961. 872883-761471 e 327.7705335. I Pooh in concerto Quando si tratta di grandi eventi il successo è quasi sempre garantito. Ed anche l’unica data per la Calabria di “Dove comincia il sole tour” che sta portando i Pooh in tutti i più importanti palasport e teatri d’Italia fino a primavera, che arriverà a Catanzaro il 15 marzo , preannuncia un invidiabile sold out. Procede infatti a grande ritmo la prevendita ufficiale dei biglietti per assistere

del film Lezioni di Tango martedì 22 febbraio presso il Caffè Letterario e un incontro culturale dal titolo Calabria Argentina: pensieri condivisi… tango, il 23 febbraio al Salone degli Stemmi del Palazzo della Provincia. Giovedì 24 febbraio la manifestazione avrà inizio ufficialmente al Teatro Rendano (ore 21) con lo spettacolo “Un Tango per Raimondo”, dedicato alla memoria del giovane tanghero calabrese RaimondoFigliuzzi,scomparsoper leucemia due anni fa, i cui incassi verranno in parte devoluti all’Asit Associazione Sud Italia Trapiantati. Durante lo spettacolo si esibiranno sul palcoscenico di uno dei più bei teatri calabresi gli artisti Tegli-Miceli, Cantarelli-Mercurio e Aiello-Damia, accompagnati dalla musica dal vivo dell’orchestra dei Tango Sonos Quintet (Antonio Ippolito, bandoneon; Vincenzo Albini, violino; Adrian Fioramonti, chitarra; NicolaIppolito,pianoforte;Guglielmo Cajoli, contrabbasso) e la voce di Ruben Peloni.

all’unico concerto che la storica band terrà nella nostra regione, al GranTeatro Le Fontane di Catanzaro. I biglietti possono essere acquistati nelle prevendite abituali in tutta la regione oltre che presso la Ticketservice (0961.726313). Hanno i seguenti costi, comprensivi di prevendita: poltronissima 40,00 euro, poltrona 35,00 euro, tribuna 30,00 euro.Info: 0961/872883-761471 e 327/7705335 COSENZA Stagione Concertistica 2011 Stagione Concertistica 2011, a Cosenza al Teatro "A. Rendano" presso la sala "Maurizio Quintieri", ore 20.00, giovedì 24 marzo , "la...... giovane Italia", Laura Bortolotto, violino, Orchestra "Piccola Philharmonia" Sandro Meo - direttore. Giovedì 21 aprile , "Voci del Risorgimento" coro dell’Unical, Pino Aprile, scrittore (autore di "Terroni"). Giovedì 19 maggio , "Lieder Parade & Cinevisioni" Trio Chitarristico di

LAMEZIA TERME Presentazione del libro di GianCarlo Maria Bregantini Sabato 5 marzo 2011 , ore 16.30, presso sala delle riunioni nuovo palazzo comunale, si terrà la presentazione del libro di GianCarlo Maria Bregantini"IlnostroSudinunpaese (reciprocamente)solidale"indialogo con Paolo Lòriga (Città Nuova). Saluti ore 16.30: Antonio Caridi, Gianni Speranza. Introduzioni: Mons. Luigi Antonio Cantafora; ore 16.45, Paolo Lòriga. Contributi: Domenico Cersosimo, ore 17.15, Carlo Borgomeo. Intervento ore 17.45: Mons. GianCarlo Maria Bregantini. In dialogo con: Nunzia Coppedè; Pasquino Crupi; Antonio Palermo; Sabatino Savaglio; Francesco Tassone. Coordinamento: Piero Schirripa. REGGIO CALABRIA Spettacolo “Memorie di Antigone” Debutta giovedì 24 febbraio (con repliche fino domenica pomeriggio) “Memorie di Antigone”, la nuova produzionediSpazioTeatrodirettae interpretata da Gaetano Tramontana e realizzata in collaborazione con Antonio Melasi, autore delle realizzazioni video parte integrante dello spettacolo,elapartecipazionediDomenica Buda, Domenico Chilà, Giuseppe Flaviano e Salvatore Neri. Presso la sala SpazioTeatro dal 24 al 26 febbraio, ore 21.00; domenica 27 febbraio, ore 18.15. Mostra “L’Italia dei Sentieri” Fino a giovedì 3 marzo , sarà esposta nei locali dell’Archivio di Stato di Reggio Calabria, la mostra “L’Italia deiSentieri”realizzatadalClubAlpino Italiano per divulgare lo stato della rete dei sentieri che innerva le montagne, ma non solo, dell’intero territorio nazionale. CALABRIA V edizione Dogs on the Snow Torna sulle nevi delle montagne cosentine Dogs on the Snow, quinta, manifestazione di Sleddog in programma da oggi al 27 febbraio , tra i Parchi Nazionali della Sila e del Pollino, quest’anno interessato da campi scuola sul territorio di Piano Novacco del Comune di Saracena. LascuoladiSleddogsaràapertal’intera giornata, oggi e il 24 febbraio a PianoNovacco–ComunediSaracena e dal 25 al 27 febbraio, a Carlomagno, nel Centro Sci di Fondo, fra giochi sulla neve ed uscite sulle slitte, corsi base per mushers ed incontri con le scuole ed i portatori di disabilità.


28

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

IL DOMANI DELLA CULTURA

Il giardino dei piaceri terrestri, trittico (1504)

Esposte fino al 20 marzo le opere esoteriche e visionarie in un’esibizione che porta alla luce tre capolavori dell’artista fiammingo

Venezia, tre capolavori in mostra a palazzo Grimani le visioni di Hieronymus Bosch Valentina Cavera A palazzo Grimani s’intravede l’aldilà, si riflette come eremiti, si sta al cospetto di santi, osservando le opere di Hieronymus Bosch artista esoterico, visionario. Forse, chissà, illuminato. Un’esibizione che porta alla luce tre capolavori dell’artista fiammingo: Le visioni dell’Aldilà (1500- 1503), Il trittico di santa Liberata (1505), Il trittico degli eremiti (1510). Queste tre opere appartenevano al cardinale Domenico Grimani e alla sua morte vennero portate a palazzo Ducale; le ultime due tra quellenominate,primadigiungere a palazzo Ducale trascorsero un breve periodo a Vienna. Dapprima furono visibili nelle collezioni imperiali, tra il 1838 e il 1893, e in seguito passarono nelle sale del Kunsthhistorisches museum, fino al 1919. L’artista discende da una famiglia di pittori e si contraddistingue per il suo lin-

guaggio pittorico legato alla spiritualità, regno dell’etica, della morale e della religiosità del tempo. Colmo d’inquietudine e di fantasia Bosch s’ispira ai Bestiari medievali e alle rappresentazioni infernali legate ai peccati dell’uomo. Analizzando tela per tela si nota che La visione dell’aldilà è costituita da quattro tavole lignee, dipinte a olio, forse parte di un trittico del quale andò perso il pannello centrale. Sono rappresentate le immagini del paradiso terrestre, l’ascesa verso l’Empireo, la caduta dei dannati e l’inferno. Nel paradiso terreste il colore più evidente è il verde del paesaggio naturale, che comprende i 4-5 dell’intera rappresentazione. Si notano altresì i corpi rosati delle anime dei beati e il colore rosso dell’abito di un angelo, accostato maggiormenteall’osservatore.La fontana disegnata in alto, nell’angolo sinistro della composizione, mantiene il ruolo chiave nell’in-

Visibili nella città lagunare Le visioni dell’Aldilà, Il trittico di santa Liberata e Il trittico degli eremiti

Dopo la Cina, tocca all’Italia: per il ciclo Scommettiamo che ideato dall’Accademia filarmonica romana per premiare i giovani pianisti, salirà sul palcoscenico del teatro Olimpico giovedì 24 febbraio alle ore 21 la pianista italiana Mariangela Vacatello, per ‘sfidare’ la collega cinese Jin Ju, esibitasi la scorsa settimana e gli altri tre pianisti in gara. Un ciclo per coinvolgere abbonati e appassionati che decideranno, tra cinque nuovi talenti pianisti, chi tornerà in una delle prossime stagioni della Filarmonica. E Mariangela Vacatello ha tutte le carte in regola per imporsi, offrendo un programma classico e molto accattivante. Non ancora compiuti i trent’anni, la pianista

napoletana sfida il pianismo vertiginoso di due secoli: due immortali capolavori di Chopin, la scelta di cinque dei dodici Studi trascendentali di Liszt per celebrarne così il bicentenario della nascita (la Vacatello è la prima pianista italiana donna ad aver inciso in CD gli Studi trascendentali), e ancora una antologia di Studi del XX secolo di Debussy e Ligeti. «Il programma di questa sera è senza dubbio impegnativo - precisa la giovane pianista - ma è anche particolarmente nelle mie corde. Liszt è l’autore che amo di più e di sicuro quello che ha contribuito a formarmi come pianista; ho cominciato a suonarlo da giovanissima ed è stato l’autore che mi ha permesso di vincere il mio primo concorso internazionale in Olanda. Anche Debussy è un autore che amo molto e che ho suonato a lun-

La pianista Mariangela Vacatello sul palco del teatro Olimpico di Roma il 24 febbraio Zoe Bellini

Le visioni dell'Aldilà, Paradiso terrestre

terpretazione del quadro: è proprio da essa che la grazia divina si manifesta, come acqua purificante. Nell’ascesa all’empireo, invece i colori predominanti sono il nero e il bianco. Anche in questa parte dell’opera, un punto in particolare è il centro dal quale diparte l’energia propria del quadro: una

go. Il filo rosso che lega questi brani è il loro sperimentalismo; sono brani che non hanno una forma coerente, che tentano un’estremizzazione della forma classica esplorando la tecnica pianistica fino alle estreme conseguenze».

La pianista Mariangela Vacatello

fila concentrica di cerchi bianchi tendenti al celeste verso il termine. L’estrema leggerezza delle anime angeliche che in volo, disperse nel fondo oscuro, cercano l’essenza della vita in quel chiarore sovrano, è il mezzo che userà anche il visitatore per trascendere la realtà.

«Il programma della serata è senza dubbio impegnativo ma è anche nelle mie corde»


Mercoledì 23 Febbraio 2011 il Domani 29

IL DOMANI DELLA CULTURA

Il grido d’aiuto di Oriana «Ho bisogno di tempo» L’oncologo che curò la Fallaci racconta le richieste della scrittrice Emma Martano Chiedeva più tempo per vivere e completare il romanzo dedicato alla sua vita familiare, non accettava la malattia che l’aveva colpita e «cercava di dominare il cancro, che era convinta di aver sviluppato nel 1991 durante la guerra in Iraq dove aveva respirato i gas tossici, come aveva fatto nella sua vita con quasi tutto il resto». Così Virgilio Sacchini, l’oncologo italiano che la curò negli Stati Uniti, ricorda gli ultimi due anni di vita di Oriana Fallaci. In un colloquio con La Stampa, Sacchini racconta quanto scritto in un capitolo del suo libro, Dai sempre speranza, dedicato alla scrittrice fiorentina morta il 15 settembre del 2006. «Curarla è stata una lezione di vita» dice Sacchini,

che lavora al cancer center del Memorial Sloan-Kettering di New York, ma «non è stata una paziente facile» e alla malattia «concedeva pochissimo tempo». Il medico la incontrava nell’appartamento dove la Fallaci viveva a Manhattan. La prima volta gli disse: «Dottore lei mi deve aiutare, sto scrivendo un romanzo, per me sarà l’ultimo, è una saga, la storia della mia vita» e aggiunse «per finire questo lavoro mi servono due anni ma ce la posso fare anche più velocemente. Mi aiuti e mi regali questo tempo». E ancora: «devi curarmi come il mio medico condotto di Firenze» e cioè prestando attenzione a tutta la persona e non solo al tumore. Poi richieste sempre più pressanti: «Mi devi trovare qualcosa che mi faccia stare bene, subito, ho bisogno di altro tempo, devo finire il romanzo, ci sono fatti

Oriana Fallaci

accaduti che la gente non sa, devo raccontarli». Il romanzo uscì postumo con il titolo ’Un cappello pieno di ciliegie. «Era una donna dura, invincibile - conclude Sacchini - e forse sperava anche di poter battere il cancro».

A Torino nasce l’Orlando Furioso, il primo laboratorio sartoriale dove si insegna un mestiere a donne mentalmente disagiate

Ricucire gli strappi della vita Camilla Mozzetti Creatività e follia: un binomio che nella storia si è ripetuto molte volte. Per dare una nuova opportunità a tante donne che si trovano a combattere contro il disagio mentale è nata a Torino la sartoria l’Orlando Furioso: un sogno di uguaglianza tra chi si trova in condizioni di salute e chi in condizioni di malattia. L’idea di aprire un laboratorio di questo tipo nasce dal desiderio di conciliare la riabilitazione e la reintegrazione nel tessuto sociale; l’Orlando Furioso è infatti un negozio di sartoria aperto al pubblico all’interno del quale è stato avviato un progettodiformazionepre%u2010professionale e terapia occupazionale orientato alle utenti dei centri di salute mentale dell’Asl Torino 2. Si tratta in sintesi di "un progetto per ricucire" che ha co-

me aree di intervento la reintegrazione sociale delle fasce deboli, l’acquisizione di competenze professionali e la gestione dell’impiegolavorativonelcontestodella malattia mentale. Ogni giorno cinque sarte professioniste insegnano ad altrettante pazienti i segreti del loro mestiere aiutandole così a ricucire gli strappi della loro vita e a diventare indipendenti, magari "sarte di condominio" spiega Elena Varini, psicologa e anima del progetto. «Quando si lavora con la malattia - continua Elena - ci si confronta con il brutto della vita, con l’oscuro, il triste. Io ho voluto che invece questa sartoria fosse il bello, un ambiente luminoso e accogliente, che potesse "coccolare" le nostre pazienti». Da queste idee è nato il laboratorio di via Le Chiuse 6 a Torino, una ex autofficina completamente ammodernata, tras-

formata in una bottega tutta naturale; 140mq e ampie vetrine per mostrare alla gente che «la realtà dei matti è ben diversa da come ancora la si intende», spiega Elena. Anche i tessuti utilizzati per i capi sono biologici e arrivano quasi tutti dal Piemonte. Oltre a capi di abbigliamento l’Orlando studia e produce borse e accessori in cellulosa utilizzando scarti da lavorazione su materiali ecologici e articoli in Pvc. L’Orlando Furioso è un’etichetta fuori dagli schemi che propone capi dai nomi originali come le magliette "Come tu mi vuoi" o il colbacco "Colpazzo"; modelli curati e unici anche grazie ad un utilizzo di accessori come lacci e sottili catene che, richiamando le forme della camicia di forza, permettono di non dimenticare mai la dimensione da cui le pazienti-sarte provengono.

Una delle creazioni del laboratorio L'Orlando Furioso

Marina Cirino Pomicino crea il marchio di moda per aiutare i malati

Margutta61 cappelli per i bambini Giovedì la presentazione a Milano della collezione il ricavato per volere della fondatrice verrà devoluto all’ospedale Ca’Granda

Mirella Utano Il 24 febbraio il palazzo del Ghiaccio ospiterà "Fashion on ice", sfilata e presentazione di Margutta 61, brand di Marina Cirino Pomicino. L’evento vedrà la collaborazione di Agorà skating team, atlete delle squadre di pattinaggio artistico. Insieme a loro, Barbara Fusar Poli e Maurizio Margaglio,titolaticampionieuropei e mondiali di pattinaggio di figura nel 2001 e bronzo nelle Olimpiadi invernali del 2002. Marina Cirino Pomicino un anno fa ha deciso di aprire questa iniziativa imprenditoriale, realizzando tutti i passaggi, dalla creati-

Una creazione di Margutta61

vità alla produzione, solo su territorio italiano, formando e recuperando operai specializzati tesorieri della grande abilità artigiana nazionale. La Pomicino ha dato, così, vita all’iniziativa e il ricavato della vendita di un cappello in cachemire Margutta61, in edizione speciale, sarà devoluto alla

realizzazione di un posto di terapia intensiva neonatale presso il dipartimentodineonatologiaeterapia intensiva neonatale dell’ospedale Niguarda Ca’Granda di Milano. Il cappello è stato scelto quale simbolo della protezione del "nato in Italia" poiché questo accessorio viene usualmente utilizzato per limitare la dispersione del calore corporeo dalle testoline dei piccoli pazienti in cura presso i Dipartimenti di terapia intensiva neonatale. A completamento dell’iniziativa, Margutta61 ha donato al dipartimento una fornitura completa di cappellini di misure per i "piccoli ospiti".

Il dipartimento di neonatologia infantile e terapia intensiva neonatale potrà così avvalersi del contributo della maison tutta italiana


30

il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011

MAPPAMONDO CINEMA

Manuale d’Amore 3

Sul grande schermo dal prossimo 25 febbraio Manuale D’Amore 3, l’ultimo prodotto di casa Filmauro, presenta un cast di tutto rispetto: Carlo Verdone, Monica Bellucci, Riccardo Scamarcio, Michele Placido, Laura Chiatti, Donatella Finocchiaro, Valeria Solarino e il regista Giovanni Veronesi

E’ arrivato il momento di “Manuale d’Amore 3” (Ita, 2011) di Giovanni Veronesi; con Robert De Niro, Carlo Verdone, Riccardo Scamarcio, Monica Bellucci, Michele Placido, Laura Chiatti, Donatella Finocchiaro, Valeria Solarino, Emanuele Propizio. E’ di 6 anni fa il primo fortunato capitolo. Critica soddisfatta, pubblico delle grande occasioni “Manuale d’Amore” fu un tale successo da dare il via ad un vero e proprio franchise, oltre che ad un sodalizio tra Giovanni Veronesi e Aurelio DeLaurentiis. Se nel 2007 con “Manuale d’Amore 2” non aumentarono solo gli incassi ma anche le critiche, con il terzo capitolo Giovanni Veronesi era chiamato a superarsi, onde evitare di portare avanti una saga stanca e spompata. Chi chiamare per riuscire nell’impresa? Un cast stellare, da De Niro alla Bellucci. Il regista punta questa volta sulle diverse età dell’amore: «Giovinezza», «Maturità» e «Oltre...». Il primo episodio racconta la storia di Roberto (Scamarcio), giovane e ambizioso avvocato, prossimo alle nozze con Sara (Solarino), e del suo travolgente incontro con Micol (Chiatti). Con lei scoprirà una realtà fuori dal tempo. In «Maturità», invece, Fabio (Verdone), affermato anchorman televisivo, marito fedelissimo da 25 anni, viene travolto da un incontro imprevisto e fatale. L’intrigante Eliana (Finocchiaro) non è però chi sostiene di essere. Nell’episodio «Oltre...», infine, Adrian (De Niro) è un professore americano di storia dell’arte che da qualche anno, dopo il divorzio dalla moglie, ha scelto di vivere a Roma, la città che ha sempre amato. Riservato e solitario frequenta poche persone tra cui Augusto (Placido), il portiere dello stabile in cui vive. Forse solo a lui ha rivelato il suo segreto: sette anni prima ha subito un delicatissimo intervento di trapianto del cuore. Il fulminante incontro con la figlia di quest’ultimo, Viola (Bellucci), sconvolgerà la sua tranquilla esistenza.


il Domani Mercoledì 23 Febbraio 2011 31

SPETTACOLI-TV CANALE

06:00 - TELEVENDITA Media shopping 06:15 - SITUATION COMEDY Dharma & Greg 06:35 - Dora l'esploratrice 06:45 - Il trenino Thomas 07:00 - Le avventure di Piggley Winks 07:10 - Marco dagli Appennini alle Ande 07:40 - C'era Volta... Pollon 08:10 - TELEFILM Pippi calzelunghe 08:35 - MINISERIE Una mamma per amica 10:25 - FILM ...E se domani con Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu, Sabrina Impacciatore regia di Giovanni La Parola (Italia) - 2005 12:25 - TELEGIORNALE Studio aperto 12:58 - NEWS Meteo 13:00 - NEWS Studio sport - Anticipazioni 13:02 - NEWS Studio sport 13:40 - TELEFILM I Simpson 14:10 - TELEFILM I Simpson 14:35 - How i met your mother 15:05 - Camera cafe' 15:30 - Camera cafe' ristretto 15:40 - Naruto shippuden 16:10 - Sailor moon e il cristallo del cuore 16:40 - TELEFILM Merlin 17:33 - TELEFILM Smallville 18:28 - Studio aperto - Anticipazioni 18:30 - TELEGIORNALE Studio aperto 18:58 - NEWS Meteo 19:00 - NEWS Studio sport - Anticipazioni 19:02 - NEWS Studio sport 19:30 - TELEFILM C.S.I. Miami 20:30 - GIOCO Trasformat 21:10 - SHOW Le iene show - 1a puntata 00:00 - FILM Borat con Sacha Baron Cohen, Ken Davitian, Pamela Anderson - regia di Larry Charles (USA) - 2006 01:50 - SHOW Poker1mania 02:40 - Studio aperto - La giornata 02:55 - TELEVENDITA Media shopping 03:10 - TELEFILM Cinque in famiglia 03:50 - Sotto il ristorante cinese con Amanda Sandrelli, Giuseppe Cederna, Nancy Brilli regia di Bruno Bozzetto (Italia) - 1986 05:25 - TELEVENDITA Media shopping

con Richard Gere, Jennifer Lopez, Susan Sarandon regia di Peter Chelsom Chicago. L'avvocato John Clark, all'apice del successo, innamorato della moglie Beverly e con due figli meravigliosi, decide di dare una scossa alla sua vita iscrivendosi, di nascosto, a un corso di ballo. Si trova così in un mondo a lui sconosciuto, fatto di musica, fisicità e passione. Il ballo diventa per John un'ossessione segreta.

23:00 - NEWS TG 2 23:15 - TELEFILM Close To Home 23:55 - Rai 150 anni. La storia siamo noi - di storia 00:45 - RUBRICA TG Parlamento - di politica 00:55 - REALITY SHOW L'isola dei Famosi 01:30 - TELEFILM In Justice 02:10 - PREVISIONI DEL TEMPO Meteo 2 02:15 - RUBRICA Appuntamento al cinema 02:20 - RUBRICA Sereno Variabile 04:00 - Secondo canale 04:15 - Università Telematica Internazionale

06:00 - ATTUALITÀ Rai News - Morning News 06:30 - ATTUALITÀ Il caffè di Corradino Mineo 07:00 - RUBRICA TGR Buongiorno Italia 07:30 - RUBRICA TGR Buongiorno Regione 08:00 - Rai 150 anni - La Storia siamo noi 09:00 - Dieci minuti di... programmi dell'accesso 09:10 - RUBRICA Agorà - di attualità 11:00 - RUBRICA Apprescindere 11:10 - TELEGIORNALE TG 3 Minuti 12:00 - TELEGIORNALE TG3 12:25 - TELEGIORNALE TG3 Fuori TG 12:45 - Le Storie - Diario italiano - di storia 13:10 - TELEFILM Julia 14:00 - TELEGIORNALE TG Regione 14:20 - TELEGIORNALE TG 3 14:50 - RUBRICA TGR Leonardo 15:00 - TELEGIORNALE TG3 L.I.S. 15:05 - TELEFILM La strada per Avonlea 15:50 - RUBRICA TG3 GT Ragazzi - per ragazzi 16:00 - RUBRICA Cose dell'altro Geo 17:40 - RUBRICA Geo & Geo 18:10 - PREVISIONI DEL TEMPO Meteo 3 19:00 - TELEGIORNALE TG 3 19:30 - TELEGIORNALE TG Regione 20:00 - ATTUALITÀ Blob 20:10 - TELEFILM Seconde chance 20:35 - SOAP OPERA Un posto al sole 21:05 - RUBRICA Chi l'ha visto? Una nuova puntata del programma di Rai Tre che riceve una media di 40 mila telefonate l'anno e ha risolto finora numerosi casi internazionali. Anche questa sera lo staff sarà sulle tracce degli italiani scomparsi per aiutare i loro cari a ritrovarli. Quest'anno il programma avrà per la prima volta il pubblico in studio.

06:00 - TELEGIORNALE Prima pagina 07:55 - NEWS Traffico 07:57 - NEWS Meteo 5 07:58 - NEWS Borse e monete 08:00 - TELEGIORNALE Tg5 - Mattina 08:40 - SHOW Mattino cinque 09:57 - Grande fratello 10:00 - Tg5 - Ore 10 11:00 - Forum 13:00 - Tg5 13:39 - NEWS Meteo 5 13:41 - Beautiful Federica Panicucci e 14:07 - Grande fratello Claudio Brachino conducono la terza e dizione 14:10 - Centovetrine di “Mattino cinque” 14:45 - Uomini e donne 16:15 - Amici 16:55 - SHOW Pomeriggio Cinque 18:05 - TELEGIORNALE Tg5 - 5 minuti 18:50 - GIOCO Chi Vuol essere milionario 19:44 - TELEGIORNALE Tg5 - Anticipazione 19:45 - GIOCO Chi Vuol essere milionario 20:00 - TELEGIORNALE Tg5 20:30 - NEWS Meteo 5 20:31 - Striscia la notizia 21:11 - L'ombra del destino - 1a puntata Inizia L’ombra del destino, una nuova miniserie che vede protagonisti Romina Mondello e Adriano Giannini alla presa con dei delitti misteriosi, inquietanti ed inspiegabili. I delitti sono apparentemente legati ad una filastrocca. Questi eventi vanno a sconvolgere la tranquilla vita degli abitanti di un’isola del Mediterraneo: San Giorgio. Adriano Gianni interpreterà il commissario che si occupa delle indagini (Pietro Montero), mentre Romina Mondello vestirà i panni dell’ispettrice (Lara De Falco). Uno scenario splendido, un’isola a Sud della Sicilia: San Giorgio una meraviglia assoluta. Si susseguono spiagge dorate, verde lussureggiante, un mare di cristallo trasparente.

23:15 - TALK SHOW Parla con me 00:00 - TELEGIORNALE TG3 Linea notte 00:10 - TELEGIORNALE TG Regione 01:00 - Appuntamento al cinema 01:10 - Rai Educational - Gate C 02:10 - Fuori Orario. Cose (mai) viste 02:15 - NEWS Rainews 03:40 - RUBRICA Riflettendo con... 03:45 - ATTUALITÀ Usa 24 H 04:10 - ATTUALITÀ Dentro la notizia 04:15 - Magazine tematico di Rainews 24

23:15 - SHOW Mai dire amici 23:40 - NEWS Matrix 01:30 - TELEGIORNALE Tg5 - Notte 02:00 - NEWS Meteo 5 notte 02:01 - SHOW Striscia la notizia 03:05 - Uomini e donne 04:38 - REALITY SHOW Amici 05:18 - REALITY SHOW Grande fratello 05:31 - TELEGIORNALE Tg5-notte-replica 05:59 - NEWS Meteo 5 notte

06:00 - Tg La7/meteo/oroscopo/traffico 06:55 - RUBRICA Movie Flash - di cinema 07:00 - RUBRICA Omnibus - di attualità 07:30 - NEWS Tg La7 09:55 - RUBRICA (ah)iPiroso 10:50 - ROTOCALCO Life 11:25 - TELEFILM L'ispettore Tibbs 12:30 - TELEFILM Due South 13:30 - TELEGIORNALE Tg La7 13:55 - Un turco napoletano con Totò, I. Barzizza, C. Campanini - regia di M. Mattòli (Italia) - ’53 15:55 - DOCUMENTI Atlantide 17:55 - RUBRICA Movie Flash - di cinema 18:00 - TELEFILM Mac Gyver 19:00 - TELEFILM Jag - Avvocati in divisa 20:00 - TELEGIORNALE Tg La7 20:30 - RUBRICA Otto e mezzo 21:10 - FILM Un uomo perbene con M. Placido, M. Melato, G. Mezzogiorno - regia di Maurizio Zaccaro (Italia) - 1999 23:35 - RUBRICA Speciale Enzo Tortora 00:35 - TELEGIORNALE Tg La7 00:45 - RUBRICA Movie Flash - di cinema 00:50 - TELEFILM NYPD Blue 02:50 - El Alamein - Deserto di gloria con F. Tozzi, R. Rory, G. Tinti - regia di G. Malatesta (Italia) - 1957 05:20 - RUBRICA Otto e mezzo

07:00 - TELEGIORNALE News 07:05 - MUSICALE Only Hits 08:00 - SHOW Made 09:00 - MUSICA Randy Jackson Presents 10:00 - MUSICALE Only Hits 12:00 - NEWS MTV News - Attualità 12:05 - MUSICALE Only Hits 13:00 - NEWS MTV News - Attualità 13:05 - TELEFILM The City 13:30 - SHOW Moving In 14:00 - NEWS MTV News - Attualità 14:05 - TELEFILM Greek 15:00 - NEWS MTV News - Attualità 15:05 - My Life As Liz 16:00 - MUSICA Randy Jackson Present 17:00 - SHOW Moving In 17:30 - SHOW Teen Cribs 18:00 - MUSICA Only Hits 19:00 - NEWS MTV News - Attualità 19:05 - CARTONI ANIMATI Death Note 19:30 - NEWS Speciale MTV News 20:00 - My Life As Liz 21:00 - ATTUALITÀ Il Testimone 22:00 - SHOW I Soliti Idioti 23:00 - CARTONI ANIMATI South Park 00:00 - NEWS Speciale MTV News 00:30 - SHOW Tru Life 01:30 - CARTONI ANIMATI Death Note

RETE 06:25 - TELEVENDITA Media shopping 06:40 - TELEVENDITA Media shopping 06:55 - TELEFILM Charlie's angels 07:55 - TELEFILM Nash bridges 08:50 - TELEFILM Hunter 10:15 - TELEFILM Carabinieri 11:25 - TELEGIORNALE Anteprima tg4 11:30 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 11:54 - NEWS Meteo 11:58 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 12:00 - NEWS Vie d'italia - Notizie sul traffico 12:02 - TELEFILM Wolff un poliziotto a Berlino 12:50 - TELEFILM Distretto di polizia 13:50 - RUBRICA Il tribunale di forum - Anteprima 14:05 - Sessione pomeridiana : il tribunale di forum 15:10 - TELEFILM Hamburg distretto 21 16:15 - SOAP OPERA Sentieri 16:35 - L'altra meta' del cielo con A. Celentano, G. Onorato, M. Carotenuto - regia di F. Rossi (Italia) - 1977 18:50 - TELEGIORNALE Anteprima tg4 18:55 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 19:19 - NEWS Meteo 19:23 - TELEGIORNALE Tg4 - Telegiornale 19:35 - TELEFILM Tempesta d'amore 20:30 - TELEFILM Walker texas ranger 21:10 - FILM Il miglio Verde con Tom Hanks, David Morse, Bonnie Hunt - Regia di Frank Darabont. USA 1999, da un romanzo di Stephen King. Il miglio verde è, in slang, il percorso dei condannati a morte. Soggetto che ha sempre un forte appeal cinematografico. A percorrerlo dovrà essere un gigantesco nero accusato dell'assassinio di due bambine (ma è innocente). L'uomo ha poteri quasi divini. Guarisce malati gravissimi e, in un caso, riporta alla vita un morto. La storia vive nella memoria del capo dei secondini (Hanks), che era stato a sua volta "miracolato" dal condannato. Tutto gira bene, del resto King ha spalle talmente robuste da sostenere anche qualche lentezza di troppo. Hanks, come sempre, è un protagonista credibile, appassionato e appassionante.

00:30 - SHOW I bellissimi di r4 00:35 - Passaggio nella notte - Thriller con T. Selleck, S. March, S. Baldwin - regia di Robert Harmon (USA) - 2006 02:35 - Carambola con P. Smith, M. Coby, H. Frank - regia di Ferdinando Baldi (Italia) - 1974 04:10 - TELEVENDITA Media shopping 04:25 - SHOW Peste e corna 04:32 - SHOW Come eravamo

1

ITALIA

07:00 - RUBRICA Cartoon Flakes - per ragazzi 07:01 - CARTONI ANIMATI La casa di Topolino 07:25 - CARTONI ANIMATI Pop Pixie 07:40 - I Saurini e i viaggi del Meteorite Nero 07:50 - Larva 07:55 - Phineas and Ferb 08:25 - Agente speciale Oso 08:45 - Le principesse del mare 09:10 - Le nuove avventure di Braccio di Ferro 09:20 - TELEFILM Zorro 09:45 - Rai Educational - Crash - files 10:00 - Tg2punto.it 11:00 - SHOW I Fatti Vostri 13:00 - NEWS TG 2 GIORNO 13:30 - RUBRICA TG 2 Costume e Società 13:50 - RUBRICA Medicina 33 14:00 - RUBRICA Pomeriggio sul 2 16:10 - TELEFILM La signora in giallo 17:00 - TELEFILM Top secret 17:45 - TELEGIORNALE TG 2 Flash L.I.S. 17:50 - NEWS Rai TG Sport - Sport 18:15 - NEWS TG 2 18:45 - TELEFILM Squadra Speciale Cobra 11 19:35 - REALITY SHOW L'Isola dei Famosi 20:30 - NEWS TG2 - 20.30 21:05 - FILM Shall We Dance?

CINEMA

06:00 - RUBRICA Aspettando Unomattina - di attualità 06:30 - TELEGIORNALE TG 1 06:45 - RUBRICA Unomattina 07:00 - TELEGIORNALE TG 1 07:30 - TELEGIORNALE TG 1 L.I.S. 07:35 - NEWS TG Parlamento 08:00 - TELEGIORNALE TG 1 08:20 - RUBRICA Tg1 Focus - di attualità Eleonora Daniele 09:00 - TELEGIORNALE TG 1 conduce 09:30 - TELEGIORNALE TG 1 - Unomattina e da FLASH quest’anno sarà coadiuvata da 09:35 - PREVISIONI DEL Michele Cucuzza TEMPO Linea Verde Meteo che così torna in tv dopo 10 anni Verde 10:00 - SHOW Verdetto Finale 10:50 - RUBRICA Appuntamento al cinema 11:00 - TELEGIORNALE TG 1 11:05 - RUBRICA Occhio alla spesa 12:00 - GIOCO La prova del cuoco 13:30 - TELEGIORNALE TG 1 14:00 - RUBRICA TG1 Economia - di economia 14:10 - RUBRICA Se...a casa di Paola - di attualità 16:10 - RUBRICA La vita in diretta 16:50 - RUBRICA TG Parlamento - di politica 17:00 - TELEGIORNALE TG 1 17:10 - PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 18:50 - GIOCO L'Eredità 20:00 - TELEGIORNALE TELEGIORNALE 20:30 - SPORT Rai Sport - Calcio 20:45 - SPORT Champions League Ottavi di finale - Calcio 22:45 - Rai Sport 90* Minuto Champions 23:25 - TALK SHOW Porta a Porta 01:00 - TELEGIORNALE TG 1 - NOTTE 01:30 - PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 01:35 - Appuntamento al cinema 01:40 - SHOW Sottovoce 02:10 - Rai Educational - Art News - di cultura 02:40 - RUBRICA Mille e una notte - Musica 02:41 - EVENTO Sabato sera - Musica 05:00 - VIDEOFRAMMENTI DA DA DA 05:45 - NEWS Euronews

06:55 Oscar Nomination 2011 - Speciale 07:15 Che fine hanno fatto i Morgan? 09:00 Patricia Cornwell - A rischio 10:40 Il riccio 12:25 Io & Marilyn 14:05 Notte prima degli esami - Oggi 15:50 Presagio finale 17:35 Conversazione con Robert De Niro 17:55 Flirting with Forty - L'amore quando... 19:30 Blindato 21:00 Sky Cine News - 127 ore 21:10 Il missionario 22:50 Boardwalk Empire - Ep. 11 23:45 Boardwalk Empire - Ep. 12 00:50 Il destino di un cavaliere

03:00 Patricia Cornwell - A rischio 04:35 L'uomo che verra' Il missionario - Regia di Roger Delattre Regia di Roger Delattre, con JeanMarie Bigard, David Strajmayster, Thiam Aïssatou, Jean Dell, Michel Chesneau, Benjamin Feitelson, Jean-Gilles Barbier, Sidney Wernicke, Philippe Faure, François Siener.Genere: Commedia Durata 88’ min. - USA 2010 Scambiato per un curato dagli abitanti di un villaggio, Mario Diccara, appena uscito di prigione, gioca la parte per non farsi trovare da un gruppo di delinquenti. Dopo sette anni di carcere duro, nei panni del prete, Diccara é naturalmente quantomeno strano. Ma fra fraintendimenti e sciocchezze, il paese finirà per apprezzare l’originalità del nuovo parroco.


il domani  

Edizione del 23 Febbraio 2011