Page 1

Mercoledì 22 Settembre 2010

Anno XIII - Numero 260

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

BANCA VATICANO

UNICREDIT

REGIONE

La procura di Roma le sequestra 23 milioni: violazioni antiriciclaggio

Si è dimesso dopo 15 anni Profumo per la questione della scalata libica

Comitato di sorveglianza fondi Por Mancini: concentrati sui risultati

di Carlo Bassi a pag » 16

a pag » 17

a pag » 3

CONSIGLIO REGIONALE Doris Lo Moro attacca sui costi della politica analizzando le vicende del Pd

«Soldi e potere, così nascono i mini gruppi» «Le divisioni in aula nascono per poter gestire ingenti somme senza obbligo di rendicontazione» L’INTERVENTO

Piano di rientro da affrontare con più equilibrio

Le divisioni che si registrano in consiglio regionale - ha dichiarato la Lo Moro - tra i IL COMMENTO consiglieri che hanno attinto all’elettorato del Partito democratico, non hanno niente di politico.È una questione di potere e di disponibilità di ingenti somme a pag » 5

CIAO SANDRA

Attività ispettiva: siglato un protocollo d’intesa

di Mario Oliverio presidente Provincia di Cosenza

Sulla delicatissima problematica inerente la sanità nella nostra regione ritengo necessario un confronto istituzionale improntato alla responsabilità, libero da pregiudizi e capace di contribuire a definire una proposta sulla quale costruire la più ampia convergenza possibile. La grave situazione della sanità determinata da mancate scelte e da politiche assolutamente inadeguate che hanno caratterizzato un lungo periodo del regionalismo calabrese richiede una azione di riordino e risanamento finalizzata alla costruzione di un efficiente e qualificato sistema sanitario regionale. Ciò richiede una azione rigorosa e nel contempo equa e rispondente a parametri e criteri oggettivi, rispettosi dei vincoli... continua a pag » 2

FISCO

Ha retto appena cinque mesi al dolore MILANO - È morta ieri mattina Sandra Mondaini, appena 5 mesi dalla scomparsa del marito Raimondo Vianello. L’attrice era ricoverata all’ospedale San Raffaele di Milano da circa dieci giorni. Aveva 79 anni: era nata l’1 settembre del 1931. La sua carriera artistica è stata strettamente legata a quella di suo marito, col quale aveva formato una delle coppie più celebri ed amate della televisione italiana.

Al fine di migliorare l’analisi del rischio, ispezione e controllo e per garantire la massima efficienza nelle attività istituzionali, è stato siglato in data 4 agosto 2010 tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’Istituto nazionale di previdenza sociale, l’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e l’Agenzia delle Entrate, un protocollo d’intesa mirante a garantire tra le parti un’ efficace forma di interscambio di informazioni in materia di attività ispettiva. Il protocollo appena stipulato avrà efficacia per tre anni a decorrere dalla data di stipula (04/08/2010) e potrà essere rinnovato su concorde volontà delle parti, da manifestarsi attraverso lo scambio di informazioni tra le stesse. a pag » 13

Nuove norme sulla caccia: un tavolo ad hoc di Dario Stefano Conferenza delle Regioni

Le nuove norme introdotte sulla caccia non hanno trovato sinora un’applicazione omogenea nelle diverse regioni italiane. Solo in parte, infatti, hanno avuto riscontro nei calendari venatori approvati dopo il 10 luglio. Durante la fase parlamentare, purtroppo non è stata promossa a livello istituzionale la necessaria concertazione in grado di produrre quel dialogo tra le differenti parti sociali interessate, indispensabile per ottenere una maggiore certezza del diritto e una conseguente migliore applicazione delle modifiche. Per evitare che tali limiti ricadano pesantemente sulle Regioni ed avviare la ricerca di linee guida applicative condivise e armoniche, che mettano le Regioni nelle migliori condizioni per ottemperare alle modifiche normative anche su interessamento di una rappresentanza delle categorie interessate, ho ricevuto incarico di attivare un tavolo di lavoro istituzionale ad hoc in sede di Conferenza delle Regioni. Inviterò i diversi portatori di interesse, in rappresentanza delle organizzazioni agricole, degli ambientalisti e dei cacciatori, insieme a rappresentanti dell’Ispra - che ha già prodotto un documento tecnico al riguardo - e delle amministrazioni provinciali. Tra le priorità da affrontare subito, il tema dell’applicazione delle deroghe nell’interesse della salute e della sicurezza pubblica; nell’interesse della sicurezza aerea; per prevenire gravi danni alle colture, al bestiame, ai boschi, alla pesca e alle acque; per la protezione della flora e della fauna.


2

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA NOTA di Gianni Pittella* Democratizzare i mercati

L’INTERVENTO di Mario Oliverio Piano di rientro, si affronti con equilibrio

Nel merito delle scelte e sui contenuti del piano di rientro riteniamo necessaria l’apertura immediata di un confronto istituzionale anche con le Province ... indicati dallo stesso piano sanitario nazionale (livelli essenziali di assistenza). Parametri e criteri da assumere come vincoli per la programmazione sull’intero territorio regionale. L’offerta dei servizi opportunamente qualificati, a partire dall’alta specialità, deve interessare i diversi sistemi territoriali considerando in primo luogo il diritto alla salute dei cittadini e superando definitivamente ogni forma di provincialismo. Noi non conosciamo a tutt’oggi i contenuti, i criteri ed i parametri sui

quali il commissario straordinario si è impegnato a predisporre il "piano di rientro". Nel merito delle scelte e sui contenuti del "piano di rientro" riteniamo necessaria l’apertura immediata di un confronto istituzionale anche con il coinvolgimento delle Province (che pur non avendo specifiche competenze in materia di sanità possono dare un contributo positivo) per la costruzione di una proposta qualificata. Proprio la delicatezza e le difficoltà delle scelte impongono a tutti equilibrio, responsabilità, apertura al confronto e disponibilità all’ascolto. Anche per queste ragioni ho chiesto a Scopelliti la convocazione di un incontro urgente.

FUORI DAL COMUNE

Mario Oliverio

di Carmela Mirarchi

Inquilini morosi, pugno duro dell’Aterp L’Aterp di Cosenza ha adottato il pugno di ferro contro gli inquilini morosi. Ad un anno circa di distanza dall’invio delle ultime diffide agli inquilini morosi per regolarizzare la propria situazione affittuaria, l’Aterp di Cosenza ha fatto un po’ i conti. Lo scorso mese di ottobre, infatti, l’Ente aveva provveduto ad inviare le diffideneiconfrontidegliaffittuarideglialloggi di edilizia residenziale pubblica della provincia di Cosenza che avevano accumulato un debito residuo sul canone di locazione. In base alla legge vigente, l’amministrazione dell’Aterp di Cosenza aveva poi deciso di concedere, nei confronti degli inquilini particolarmente morosi, un "piano di rientro", cioè una rateizzazione per il saldo delle morosità pregresse. Una prima risposta da parte degli inquilinimorosi sembrava essere arrivata ed è così proseguito da parte dell’Aterp un attento lavoro dicalcoloper cercare diriscuotere i residui e andare avanti nell’opera di recupero delle morosità pregresse. Per gli inquilini che persistono nella condizione di morosità, l’Aterp di Cosenza ha avviato la procedura che prevede la risoluzione del contratto e la successiva decadenza dell’assegnazione dell’alloggio.

È curioso vedere il presidente Sarkozy farsi promotore dell’introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie, quando invece il suo gruppo politico di riferimento al Parlamento europeo ha una posizione diametralmente opposta. Sarebbe per questo interessante capire cosa ne pensa il capogruppo del Partito Popolare Europeo on. Joseph Daul. Ma ben venga l’appoggio anche del Presidente francese, se questo puó servire a dare slancio ad una proposta dei socialisti e democratici europei, che stanno conducendo una campagna mediatica e politica a tutto campo. La tassa sulle transazioni finanziarie sarebbe un primo passo verso una reale democratizzazione dei mercati finanziari. Un´efficace azione fiscale sulle transazioni finanziarie consentirebbe infatti di recuperare le risorse necessarie per proteggere i cittadini dagli effetti negativi della crisi e di fare investimenti capaci di favorire ripresa e sviluppo, realizzando un´economia sostenibile. Una maniera per mettere davvero, e non

Un´efficace azione fiscale sulle transazioni finanziarie farebbe recuperare le risorse necessarie per proteggere i cittadini dagli effetti negativi della crisi solo a parole, la finanza al servizio della crescita economica, dell’impresa e del lavoro. Sarebbe bene che Sarkozy seguisse i Socialisti e Democratici anche su altre materie altrettanto importanti, mettendo fine all’ indecente trattamento riservato alla popolazione Rom dal governo francese.

*eurodeputato Pd


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani

3

PRIMO PIANO

Comitato di sorveglianza fondi Por Mancini: concentrati sui risultati

di Pietro Marra CATANZARO - Si è riunito, presieduto dall’assessore regionale alla Programmazione Giacomo Mancini, il Comitato di Sorveglianza (CdS) del Por Calabria 2000/2006, convocato per la presentazione e l’approvazione del Rapporto Finale di Esecuzione (Rfe). Nel corso dell’incontro sono state anche illustrate le principali rea-

lizzazioni determinate dal Programma sul sistema economico e sociale della nostra regione. Alla riunione hanno partecipato oltre ai rappresentanti politici e tecnici regionali anche i referenti della Commissione Europea e delle Amministrazioni centrali, responsabili del coordinamento nel processo di utilizzazione dei Fondi Strutturali Comunitari. I lavori sono stati aperti dall’assessore Giacomo Mancini che si è soffermato sul ruolo assunto dalla

«Il nostro compito è quello di individuare le criticità e le eccellenze del passato per poter migliorare e colmare tutti i divari»

politica regionale di coesione nel processo di sviluppo della Regione, dopo dieci anni di investimento delle risorse dell’Unione Europea 2000/2006. In particolare, l’assessore Mancini si è soffermato sul rilevante sforzo organizzativo che la Regione, con le sue strutture politiche e tecniche, ha dovuto affrontare in questo ultimo periodo per gli adempimenti di chiusura. Mancini ha, quindi, sottolineato che «l’evento è per la nuova Giunta regionale un’ opportunità, un’ occasione importante da cui dobbiamo ottenere il massimo rendimento perché è un momento di riflessione e, allo stesso tempo, un banco di prova. Il nostro compito è quello di individuare le criticità e le eccellenze del passato per poter migliorare e colmare i divari ancora esistenti e su cui il Por 2000/2006 non ha potuto dare risposte. D’altra parte è un banco di prova per testare la capacità dellamacchinaamministrativadi attuare i programmi ed i progetti complessi che ci attendono in questa stagione 2007/2013». Dopo la presentazione del Rapporto finale di esecuzione, si apre il negoziato formale con gli organi comunitari che dovrà portare, anzitutto, alla regolare chiusura finanziaria del Programma. A tal riguardo, l’assessore Mancini ha sottolineato che deve essere massima la concentrazione «per evitare ripercussioni finanziarie sui

rimborsi ancora attesi e, soprattutto, senza intaccare le risorse della Programmazione 2007/2013.Ilparticolaremomento, connotato da una significativa debolezza di disponibilità di finanza pubblica nazionale, ci preoccupa molto per la fattibilità degli investimenti che abbiamo ancora da avviare. Non possiamo permetterci di perdere nemmeno

«Non possiamo permetterci di perdere nemmeno un euro delle risorse attese dalla chiusura del Programma» un euro delle risorse attese dalla chiusura del Programma perché ogni euro non rimborsato resta a carico del bilancio regionale e comporta l’impossibilità a dare risposte al fabbisogno di intervento nel territorio». Il messaggio che l’assessore ha voluto lanciare con forza ai Dirigenti regionali ed a quanti, a vario titolo, collaborano con la Regione, è di garantire il pieno e rispondente utilizzo delle risorse comunitarie anche per non compromettere l’affidabilità della nostra Regione sui tavoli comunitari e nazionali.


4

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

PRIMO PIANO

Sottoscritto accordo per valorizzare l’artigianato calabrese tradizionale

Il centrodestra con Alberto Sarra replica a "false accuse". Ma il centrosinistra continua a invocare maggiore concertazione

Sanità, è scontro sulla chiusura degli ospedali di Alessandro Caruso REGGIO CALABRIA - Le critiche di Carlo Guccione al Piano di rientro dal debito sanitario elaborato dalla Giunta Scopelliti hanno innescato una dura polemica. Quello che si sta registrando sotto l’aspetto politico, in queste ore, è la compattezza della maggioranza di centrodestra nella difesa dell’operato della Giunta in campo sanitario. Soprattutto dopo l’aggressione verbale subita dal Governatore la settimana scorsa a Cariati. La drastica misura che prevede la chiusura o riconversione di 18 ospedali non desta alcuno scetticismo se non da parte dell’opposizione e, come ha detto l’assessore Giacomo Mancini due giorni fa, di alcune frange che difendono interessi che la Giunta reputa poco chiari. Per il resto, in molti sembrano convinti che questa operazione sia l’unico antidoto per risanare la deficitaria situazione sanitaria calabrese. Ieri anche il sottosegretario alla presidenza della Giunta, Alberto Sarra, ha aggiunto la sua voce al co-

ro: «Abbiamo ereditato una situazione pesantissima. Il Governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti ha dimostrato, e sta dimostrando, di avere molto coraggio assumendosi delle responsabilità in tema di rientro sul Piano sanitario e non come dice Guccione una perdita di tempo». Sarra ha voluto fare chiarezza: gli ospedali che potrebbero essere chiusi sono 4 o 5. Altri saranno riconvertiti: «La smetta una volta per tutte - ha concluso Sarra - il consigliere regionale Guccione. Da lui ci saremmo aspettati azioni di sostegno e solidarietà reale verso il Governatore per la tentata aggressione subita a Cosenza, invece di raccontare bugie

Sarra chiarisce: «Gli ospedali che potrebbero essere chiusi sono 4 o 5. Altre strutture, invece, saranno semplicemente riconvertite»

ai cittadini calabresi». Ma il centrosinistra rilancia e continua a chiedere numi. Questa volta con Bruno Censore, consigliere regionale del Pd, che ieri ha fatto eco alle parole di Guccione: «A nessuno - ha detto è consentito pretendere di imporre scelte e decisioni calandole dall’alto, senza operare nessun coinvolgimento attivo di sindaci, presidenti di Provincia, forze sociali e cittadini. Le popolazioni devono conoscere le proposte e valutare fino in fondo se il loro sacrosanto diritto alla salute è tutelato con l’applicazione di criteri e parametri oggettivi, uguali a Reggio come a Cosenza o a Vibo». Censore rinnova quindi alla Giunta l’invito a riferire in Consiglio circa il Piano di rientro. A meno che, dice: «Non si voglia passare a tutti i costi per quelli che volevano fare e non hanno potuto fare e aizzare le popolazioni a scendere in piazza e protestare, creando così un clima di scontro e contrapposizione». Ma sono sempre di più coloro che vedono l’unica contrapposizione nel vuoto botta e risposta delle forze politiche.

REGGIO CALABRIA - L’assessore regionale alle Attività produttive Antonio Caridi ha espresso soddisfazione per la sottoscrizione del protocollo dell’intesa tra la Regione e le associazioni di categoria dell’artigianato per lo sviluppo e la qualificazione dell’artigianato e delle micro imprese di qualità della Calabria. «Un accordo – afferma l’assessore Caridi - che, contribuendo allo sviluppo del Per l’attuazione degli comparto dell’artigianato, realizzerà un’attività di pro- interventi, un ruolo mozione determinante per la importante sarà svolto dal valorizzazione del patrimonio culturale calabrese». Coser Calabria, il Consorzio L’accordo, il cui schema era stato approvato dalla Giunta per la tutela e lo sviluppo Regionale, riconosce infatti il dell’artigianato artistico comparto dell’artigianato artistico-tradizionale quale elemento trainante per lo sviluppo produttivo e la crescita territoriale, e contribuirà, da quanto spiegato dall’assessore, in maniera efficace alla crescita del reddito, anche in quanto coincidente con le vocazioni del tessuto economico regionale. Un settore, quello dell’artigianato, che ha un ruolo rilevante nel tessuto economico calabrese, con notevoli riflessi anche rispetto all’imprenditorialità e all’occupazione. Il protocollo individua quali priorità proprio la crescita dell’occupazione e del reddito attraverso lo sviluppo produttivo; l’ampliamento dei mercati; la diffusione dell’immagine e la valorizzazione della cultura, della storia e delle tradizioni; la crescita della pro-

Antonio Caridi

fessionalità e dell’imprenditoria. Per la concreta attuazione degli interventi, un ruolo importante sarà svolto dal Coser Calabria, il Consorzio che svolge funzioni di strumento funzionale per la tutela e lo sviluppo dell’artigianato artistico e tradizionale.

La Stasi e l’ambasciatore greco uniti per rilanciare il turismo CATANZARO - Il vicepresidente della Giunta regionale, Antonella Stasi, ha ricevuto ieri mattina, in visita istituzionale, l’Ambasciatore Greco in Italia Michael Cambanis con la finalità di avviare un’intensa cooperazione fra la Grecia e la Calabria. Molti sono stati i temi dell’incontro tra i quali la valorizzazione delle minoranze linguistiche elleniche e le iniziative relative ai beni culturali artistici ellenici presenti in Calabria. Si è anche discusso di Mediterraneo e delle potenzialità inerenti al tema del mare con la disponibilità di avviare iniziative congiunte per favorire eventuali sviluppi dal punto di vista turistico. «Molti sono gli italiani, e anche i calabresi – ha detto Antonella Stasi - che ogni anno scelgono la Grecia come meta delle proprie vacanze. L’obiettivo come

Calabria è riuscire ad attirare altrettanto turisti greci, e in sinergia rappresentare mete di mare ambite da turisti provenienti da oltre Europa» . L’ambasciatore ha sottolineato la soddisfazione per questa sua prima visita istitizionale in Calabria: «Ho avuto con il vicepresidente Stasi un colloquio molto positivo e d’ora in avanti cercheremo di individuare i tempi e i modi per creare una sinergia fra Calabria e Grecia». Il comune di Bova Marina ieri pomeriggio ha conferito poi all’Ambasciatore Cambanis la cittadinanza onoraria. La Stasi e l’Ambasciatore ellenico si sono lasicati con l’impegno di organizzare prossimi appuntamenti per ulteriori e proficui incontri operativi. A.M

Antonella Stasi


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani

5

PRIMO PIANO

Doris Lo Moro

Secondo la parlamentare del Pd la normativa sui budget agevola la frammentazione

Lo Moro attacca: se abbassate le indennità riunirete il partito di Cesare Giraldi CATANZARO - L’onorevole del Partito democratico Doris Lo Moro è tornata sulla questione degli stipendi dei consiglieri regionali della Calabria. La battaglia tempo fa lanciata e sostenuta dal nostro quotidiano è tornata attualenelleparoledell’onorevole lametina, che ieri è intervenuta in una trasmissione di Teleuropa Network. Si deputata si è anche pronunciata in considerazioni relativa alla tenuta dell’unità interna alla coalizione. Le divisioni che si registrano in Consiglio regionale tra i consiglieri che han-

no attinto all’elettorato del Partito democratico, a suo giudizio, non hanno niente di politico: «È una questione di potere che passa anche dalla disponibilità di ingenti somme, senza obbligo di rendicontazione, messe a disposizione dei gruppi di almeno tre consiglieri». Parole molto dure che riaprono una ferita su cui la Giunta è stata più volte invitata a esprimersi e a prendere seri provvedimenti. «Un consigliere - aggiunge - è in condizione di percepire mensilmente oltre all’indennità, una somma pari al doppio dell’indennità stessa. Per ridurre i costi del-

la politica in Calabria, bisognerebbe procedere a modificare questa normativa che incentiva le divisioni». Ma il dato politikco più interessante è che la parlamentare di centrosinistra ha lanciato proprio ai suoi colleghi di partito calabresi la proposta di farsi promotori di una tale battaglia. Potrebbe essere, chi lo sa, un modo per promuovere l’unione in sostegno di una causa che senza dubbio incontrerebbe il favore popolare. Ma forse non quello dei diretti interessati: «Mi piacerebbe - ha concluso - che l’iniziativa partisse proprio dal Pd».

La Piccola industria calabrese si compiace per la nomina di De Rose alla presidenza di Fincalabra CATANZARO - La Piccola Industria calabrese ha fatto arrivare ieri il suo compiacimento per la nomina di Umberto De Rose, presidente di Confindustria Calabria, alla presidenza di Fincalabra, la società finanziaria regionale per lo sviluppo economico della Calabria preposta ad attuare, nel quadro della politica di programmazione economica della Regione, azioni protese allo sviluppo economico e sociale. «L’impegno che costantemente Umberto De ha dimostrato nella Pugliese: «Con lui il mondo Rose rappresentanza degli indelle imprese della nostra teressi delle imprese calabresi – osserva Giuregione ha saputo seppe Pugliese, presidente della Piccola Induguadagnarsi un ruolo stria di Confindustria “politico” trainante Calabria – ha trovato un meritato suggello nella ed autorevole» suaelezioneapresidente di Fincalabra. La nostra regione ne esce arricchita e credo che le attenzioni di De Rose verso il nostro territorio non potranno che accrescersi da una posizione di tale livello di importanza». Con l’ingresso di un referente di tale calibro in un ente come Fincalabra, le imprese calabresi si aspettano un periodo di maggiore sensibilizzazione nei confronti delle loro problematiche. «Con lui - continua Pugliese - il mondo delle imprese della nostra

Giuseppe Pugliese

regione ha saputo guadagnarsi un ruolo “politico” trainante ed autorevole su tante problematiche territoriali. Sono sicuro – conclude – che questo importante impegno sarà utile a portare la Calabria sotto i riflettori dell’intero Paese non per demeriti o per fatti di cronaca ma per meriti e successi, attraverso l’innalzamento dei livelli di competitività, il miglioramento delle condizioni di accesso al credito, la crescita dell’occupazione, la promozione dello sviluppo tecnologico, il sostegno all’internazionalizzazione, la qualificazione delle risorse professionali. Esprimo quindi all’amico De Rose le più fervide congratulazioni a nome mio e del Consiglio direttivo della Piccola Industria calabrese». C.G


6

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

PRIMO PIANO

La quarta Commmissione regionale “Assetto e utilizzazione del territorio Protezione dell’ambiente” ha approvato due dei testi presentati dal consigliere

Trasporto pubblico locale e minori, l’ok alle proposte di legge di Morelli di Oriana Tavano REGGIO CALABRIA - Seduta lampo per la quarta Commissione consiliare "Assetto e utilizzazione del territorio-Protezione dell’ambiente", presieduta da Alfonso Dattolo. Con il parere favorevole alla delibera della Giunta riguardante la legge regionale n. 15 del 13 giugno 2008, art. 45 riguardante "adempimenti relativi all’anno 2008" in materia di forestazione, hanno preso il via i lavori della Commissione. Poi, si è passati subito ad esaminare le altre materie oggetto della seduta. Così, l’organismo consiliare è riuscito a concludere i propri lavori nella tarda mattinata di ieri approvando all’unanimità la modifica alla legge regionale n. 18 del 28 Alfonso Dattolo dicembre 2006 che concerne "Norme urgenti in materia di proroga del regime transitorio del trasporto pubblico locale" accogliendo la pro- quali si sono registrati diversi contributi. Infatti, Dattolo ha annunciato l’audizione per il prossiposta di legge del consigliere Franco Morelli. All’ordine del giorno della seduta anche un’al- mo 30 settembre dell’assessore al ramo Francetra proposta di legge, la n.19/9, presentata dallo sco Pugliano e una serie di visite istituzionali stesso Morelli dal titolo "Un albero per ogni che impegneranno la Commissione nelle sedi neonato e minore adottato". Riguardo la prima provinciali dell’Arpacal e che saranno propeiniziativa, che adesso passerà al vaglio della se- deutiche all’audizione del Commissario dell’enconda Commissione, il relatore Morelli ha sot- te nelle realtà territoriali dove sorgono le centolineato «l’esigenza di base, quella di mettere trali a carbone. Dissesto idro-geologico e bonifiin condizione i cittadini residenti nella Regione ca della città di Crotone, sono state le altre proCalabria, ultrasettantenni, di fruire di un servi- blematiche sulle quali si sono concentrati i zio primario di trasporto quale appunto è il tras- lavori della Commissione, che ha deciso anche porto pubblico locale, con il solo onere di esibi- di accantonare le proposte di legge in materia di re l’apposito documento di riconoscimento». tutela del patrimonio forestale e di riordino Sul secondo provvedimento, il presidente Dat- dell’Afor in attesa di un provvedimento comtolo ha fissato entro il primo ottobre prossimo la plessivo della Giunta regionale. scadenza degli emendamenti in modo da offrire «È stata una seduta importante e proficua», ha la possibilità al Consiglio, nella sua interezza, di dichiarato al termine della seduta Alfonso Datintervenire su una materia di alta valenza so- tolo che ha voluto sottolineare « il valore di tutti i contributi che si sono regiciale. Nell’illustrare il provvestrati nel corso dei lavori su dimento, Morelli ha ricordato temi tutti di grande rilievo come «nell’ambito del sistema Il presidente Dattolo ambientale e sociale» precidel welfare, la legge sui servizi ha annuciato una serie sando che « la programmasociali non abbia trovato piena applicazione, e che quindi di visite istituzionali che zione delle visite istituzionali nelle realtà di interesse amquesta legge vuole essere un bientale consentirà di verifiimpegneranno la piccolo contributo affinché ancare in presa diretta le quesche i bambini adottati possano Commissione nelle sedi tioniemergentidicompetenintegrarsi al meglio». Nel corso za della quarta Commisdella seduta, diverse le ques- provinciali dell’Arpacal sione» tioni poste sul tappeto e sulle

Palazzo Campanella

A Rho la festa calabrolombarda Chiappetta: siamo una risorsa COSENZA - L’on. Giampaolo Chiappetta, consigliere regionale dell’Udc, in una nota, elogia la festa celebrata a Rho (Milano) nei giorni scorsi, organizzata dall’associazione Calabro-Lombarda e giunta ormai alla sesta edizione. Erano presenti Giovanni De Nicola, assessore alle infrastrutture della Provincia di Milano, «Sono state sviluppate rappresentante della riflessioni operative sul Regione Lombardia, Roberto Zucchetti, sin- tema dell’impresa daco di Rho e compoturistica quale possibile, nente del consiglio direttivo del Certet, auspicabile, necessario Centro per l’economia regionale, i trasporti e futuro per la regione» il turismo dell’Università Bocconi di Milano e l’imprenditrice Maria Rosa Prandelli. Secondo Chiappetta la festa di Rho ha rappresentato «uno di quegli eventi nei quali viene reso evidente quanto e come i calabresi che per ragioni lavorative si trovano in Lombardia rappresentano un patrimonio, una risorsa, uno strumento attraverso il quale promuovere sotto i profili turistici, culturali ed enogastrono- Giampaolo Chiappetta mici la Regione Calabria». «La mia personale partecipazione in rappresentanza della Istituzione regionale - conclude Chiappetta - è stata anche utile a sviluppare riflessioni operative sul tema dell’impresa turistica quale possibile, auspicabile, necessario futuro per la nostra regione».

Regione, la prima Commissione elabora cinque proposte di legge REGGIO CALABRIA - La prima Commissione consiliare Affari istituzionali e affari generali della Regione Calabria presieduta da Giuseppe Caputo, ha concluso gli odierni lavori incardinando, per un ulteriore approfondimento, cinque proposte di legge. La Commissione ha rinviato la trattazione di due progetti di legge, sottoscritti dai consiglieri Demetrio Battaglia (Pd) e Giuseppe Giordano (IdV), in materia di funzionamento dei gruppi consiliari e sui conferimenti di incarichi professionali e consulenze. Inoltre, l’organismo ha deciso di occuparsi, sin dalla prossima seduta, dell’esame di due progetti di legge di inizitiva del consigliere Giovanni Nucera (PdL). Il primo, «a sostegno e per la valorizzazione di piccoli comuni della Calabria»; il secondo, invece, «per la promozione di

strumenti di partecipazione istituzionale delle giovani generazioni alla vita politica ed amministrativa della regione». «Non vi è dubbio - ha detto il presidente Giuseppe Caputo - che si tratta di argomenti di forte pregnanza istituzionale che meritano i necessari approfondimenti. Tutti i colleghi presenti ai lavori hanno condiviso il percorso da intraprendere, con l’obiettivo, sin dalla prossima seduta, di esaminare compiutamente i progetti di legge depositati e ispirati da forte attenzione per la situazione sociale della Calabria e, soprattutto, delle aree interne della regione». Ai lavori hanno dato il loro contributo i consiglieri Battaglia (Pd), Censore (Pd), Bruni (Autonomia e diritti), Dattolo (Udc), Grillo (Scopelliti presidente), Domenico Talarico (IdV) e Rappoccio (Insieme per la Calabria).

Giuseppe Caputo


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani

7

PRIMO PIANO

L’evento ha visto la partecipazione di oltre duecento professionisti del settore

Sicurezza sul lavoro, convegno seminario dell’ordine architetti di Mario Mirabello LAMEZIA TERME - La sicurezza nel mondo del lavoro e le responsabilità delle imprese e dei professionisti del settore. Questo il tema di un convegno - seminario, organizzato dall’Ordine provinciale degli architetti, in collaborazione con la Confedertecnica Calabria e svoltosi presso la sala convegni "T-Hotel" di Lamezia Terme. Un evento interessante, che ha visto la partecipazione di oltre duecento professionisti del settore e durante il quale sono stati viNel corso del sionati alcuni dati statistici convegno sono forniti dalla Direzione regionale del Lavoro in testati visionati ma di lavoro nero e di sicurezza sui cantieri edili. Da alcuni dati detti dati, riferiti al primo statistici forniti semestre del corrente anno, è emerso una sidalla Direzione tuazione davvero preoccupante. Basti pensare che in regionale del Calabria una azienda su Lavoro in tema di due offre occupazione irregolare, se non addirittura lavoro nero e di in nero. Nel settore della sicurezza sui sola edilizia il picco delle irregolarità è pari al 68,91 %. cantieri edili Su 4.348 aziende ispezionate (1.155 nella provincia di Catanzaro; 1.037 in quella di Reggio Calabria; 1.324 a Cosenza; 343 a Crotone e 489 a Vibo Val.), ben 2.117 sono risultate irregolari, con 5.011 lavoratori irregolari e 1.316 lavoratori in nero (278 Catanzaro; 330 Reggio Calabria; 447 Cosenza; 114 Crotone; 147 Vibo Val.). Il tutto ha portato ad una evasione contributiva pari a quattro milioni di euro. Per quel che concerne, poi, la sicurezza sui luoghi di

lavoro, tema del convegno, sempre nel primo semestre, sono stati ispezionati 151 cantieri, con 219 aziende edili, di cui 147 sono risultati irregolari, mentre, circa i L’arch. Funaro, tra lavoratori occupati in detti sopraluoghi, su 534, 206 irregolari e 130 in nero. Ri- gli organizzatori tornando al convegno, moderato dell’evento, ha dall’ing. Luigi Siciliani de Cumis, dopo la presentazione da parte dell’arch. Giu- illustrato gli seppe Macrì, presidente di Confedertecnica Calabria ed i saluti del presidente incentivi dei giovani ingegneri di Catanzaro, An- utilizzabili dalle tonio Oliverio e di quello dei giovani architetti, Daniele Vacca, ad illustrare le imprese per novità del Testo Unico della sicurezza, è intervenuto per l’Asp - Dipartimento di gli adempimenti Prevenzione di Lamezia Terme - il dr. formativi e Egidio Villella, mentre l’ispettore Renato Giardino, del Servizio Prevenzione Si- il miglioramento curezza Ambienti di Lavoro ex Asl n° 6 Lamezia terme, ha relazionato sul risc- dei luoghi di lavoro hio di caduta dall’alto nei cantieri e sull’uso di punteggi e opere provvisionali. Da parte sua l’ispettore tecnico della

Direzione provinciale del Lavoro di Catanzaro, Giovanni Raffaele, ha intrattenuto la platea sul "cantiere edile", alla luce del nuovo testo unico, focalizzando i rischi e gli adempimenti della sicurezza. In particolare l’ispettore Raffaele si è soffermato sui nuovi tesserini di riconoscimento dei soggetti operanti sui cantieri, analizzando le sospensioni delle attività imprenditoriali quale atto forte ed interdittivo per chi viola le norme sul lavoro nero e si renda reo di violazioni gravi e reiterate in materia di sicurezza. Per la Procura di Catanzaro è intervenuto poi il dr. Francesco Lucia, segretario nazionale Unpisi, che ha riferito sulle procedure di legge in caso di violazioni, quasi tutte di natura penale, e sulle norme dei codici riguardanti gli infortuni mortali. A chiusura del convegno - seminario è intervenuto l’arch. Giuseppe Funaro, tra l’altro organizzatore dell’evento, che ha evidenziato gli incentivi potenzialmente utilizzabili dalle imprese per fare fronte agli adempimenti formativi e miglioramento dei luoghi di lavoro.

L’assistenza diretta preoccupa le farmacie CATANZARO - Dal 27 settembre, come reso già noto, in tutte le farmacie della provincia di Catanzaro, i cittadini dovranno pagare le medicine per poi chiedere il rimborso all’Azienda Sanitaria Provinciale. Ciò dopo la ratifica da parte dell’assemblea dei titolari di farmacia, che lamentano il forte ritardo (sei mensilità) nei pagamenti da parte della stessa Azienda, ammontanti a 39 milioni di eu-

ro. A tal proposito il presidente dell’AssociazioneProvincialeTitolari di Farmacia di Catanzaro, nonché presidente di Federfarma Calabria, Vincenzo Defilippo, attraverso una lettera pubblica indirizzata ai cittadini, ha volutofocalizzareilgravosoproblema con il ricorso all’assistenza indiretta, definito "l’ultimo stadio di una lacerante crisi del sistema sanitario calabrese". "Per ben trentacinque giorni -

recita la nota dell’Associazione - i cittadini non potranno ritirare gratuitamente o corrispondendo il solo ticket i medicinali di cui hanno necessità, ma dovranno pagare di tasca propria il prezzo del farmaco e poi avviare presso l’ASP una apposita procedura di rimborso, sperando, peraltro, di non subire la stessa sorte dei farmacisti. Nel suddetto periodo - prosegue la lettera - sarà garantita l’erogazione in forma gratuita, limitatamente ad una confezione per ricetta, dei medicinali di cui ad uno specifico elenco individuato dalla Commissione di garanzia nella provvisoria regolamentazione di cui alla delibera n. 03/169 adottata nella seduta del 17/12/2003, la cui singola confezione abbia un costo superiore a euro 25,80, ovvero euro 5,16 se erogati gratui-

tamente in favore delle fasce deboli (esenti ticket per reddito e per età, esenti per particolari patologie croniche), oltre ai presidi per diabetici, gli alimenti speciali ed i farmaci in PHT distribuiti dalle farmacie. E’, dunque, una situazione grave quella che, a causa dei reiterati inadempimenti della ASP, verrà a subire la cittadinanza, costretta anche a pesanti esborsi economici e a immaginabili difficoltà burocratiche per potersi curare. I farmacisti, che quotidianamente vivono tra i propri concittadini e da sempre lavorano per essi, sono fortemente e sinceramente preoccupati delleconseguenzechecolpiranno gli assistiti e non vogliono tralasciare nessun tentativo per evitare ciò. Questo il motivo - conclude la lettera di Defilippo - che mi ha spinto a scrivere a tutte le autorità per chiedere un loro intervento

presso la ASP di Catanzaro e la Regione Calabria, volto a sollecitare a prestare la necessaria attenzione al problema ed a scongiurare l’imminente passaggio delle farmacie all’assistenza indiretta". Inutile sottolineare lo stato la rabbia e la preoccupazione che, ad una settimana dall’entrata in vigore dal provvedimento, regna tra i cittadini catanzaresi, in particolare di quelli appartenenti ad una fascia economica più debole, costretti ad acquistare i farmaci essenziali per la propria salute. Si spera allora, come auspicato dal presidente dell’Associazione Provinciale Titolari di Farmacia di Catanzaro, De Filippo, in un immediato intervento delle Autorità competenti, al fine di scongiurare il passaggio delle farmacie all’assistenza indiretta. ma.mir.


8

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

IMPRESE E LAVORO Lo sottolinea Confagricoltura commentando i dati Istat sul commercio con l’estero

Balzo in avanti dell’export agricolo che cresce in Cina e Turchia e cala negli Usa di Ettore Zonno

primi sette mesi del 2010 rispetto al 2009». Non decolla invece l’export dei prodotti alimentari trasformati che registra un aumento dell’8,1% nei primi sette mesi dell’anno; ma l’incremento ROMA - Nuovo balzo in avanti è solo del 4,5% a luglio 2010 su ludell’export dei prodotti agricoli glio 2009. Mentre, dall’altra paritaliani allo stato naturale (in par- te, si consolida il sorpasso delle ticolare di frutta e ortaggi freschi) importazioni (+7,2% a luglio, che registra un aumento di quasi +8,5% nei 7 mesi). il 20 per cento (+18,3%) nei primi Cambia invece sette mesi la “geografia dell’anno ri- Cambia la “geografia dell’export”: spetto al 2009 e mentre crolladel 35,1% a lu- dell’export”: mentre crollano no le esportaglio 2010 su lule esportazioni dei prodotti zioni dei proglio 2009. È andotti agricoli data bene agricoli freschi negli Usa, freschi negli nell’ultimo Usa, perduranmese sia sui causa crisi economica doglieffettidelmercatieuropei la crisi econo(-34,1% a luglio e -7% nei (+35% a luglio mica (-34,1% a 2010 su luglio primi sette mesi dell’anno) luglio e -7% nei 2009) che primi sette molte imprese agricole extra-Ue mesi dell’an(+35,4%). Lo puntano sulla Cina no), molte imsottolinea Conprese agricole fagricoltura italiane puntacommentando i dati Istat sul no sempre più sulla Cina. La tancommercio con l’estero diffusi to temuta Cina - dice Confagricolieri. tura - benché sia ancora un merConfagricoltura è soddisfatta: cato che vale meno dell’1 per cen«Quello agricolo è andato decisa- to dell’export agroalimentare itamente meglio del totale liano, è uno dei Paesi più interesdell’export nel suo complesso, sati ai prodotti agricoli freschi che ha registrato un +12,5% nei Made in Italy, di cui l’export a lu-

glio è cresciuto di quasi tre volte (+150 per cento nei primi sette mesi dell’anno rispetto a gennaio-luglio 2009. Notevole interesse anche per il mercato turco (+105,5% a luglio e +38,4% nei primi sette mesi). Sempre a luglio 2010 su luglio 2009 buone performance in Giappone (+53,7% anche se si è perso il 30% circa nel periodo gennaio-giugno) e Russia (+51% a luglio e +22% da gennaio a luglio). Nei Paesi dell’Unione europea buona la crescita dell’export agricolo nei primi sette mesi dell’anno in particolare in Germania e Francia

(+22-23% rispetto al 2009) che costituiscono i primi mercati di sbocco.Confagricolturaribadisce la necessità di uno sforzo serio per la promozione dei prodotti agroalimentari nazionali ed è già impegnata in diverse iniziative di internazionalizzazione a difesa dell’italianità agricola, quella vera: «Tutti gli sforzi devono essere diretti a far sì che il “made in Italy”, sui mercati esteri, riesca a recuperare terreno sull’ “italian sounding”, l’insieme di prodotti che all’estero si richiamano al Belpaese, solo nominalmente, solo nelle suggestioni».

«Tutti gli sforzi devono essere diretti a far sì che il “made in Italy”, sui mercati esteri, riesca a recuperare terreno sull’ “Italian sounding”, l’insieme di prodotti che all’estero si richiamano al Belpaese solo nominalmente, solo nelle suggestioni»

LA CRISI DEL POMODORO

Confagri Calabria: «C’è ostruzionismo da parte degli industriali» CATANZARO - Confagricoltura Calabria è fortemente preoccupata per la grave situazione di difficoltà in cui versa comparto del pomodoro calabrese che rappresenta una delle filiere ortofrutticole più importanti per molte aree della regione ed in particolar modo per la provincia di Crotone. I forti ritardi registrati nelle consegne e la conseguente penalizzazione della qualità della produzione del pomodoro, hanno inferto un colpo durissimo ai produttori calabresi a causa del mancato rispetto degli impegni assunti con la sottoscrizione dell’accordo interprofessionale e dei contratti da parte delle industrie di trasformazione. A parere della Confagricoltura Calabria, le tensioni in atto stanno rendendo la situazione estremamente critica. Infatti, un’annata di produzione che si era presentata sotto i migliori auspici è risultata definitivamente compromessa da atteggiamenti che hanno messo in discussione le condizioni pattuite, rendendola di fatto la peggiore dell’ultimo decennio. Secondo il presidente della Confagricoltura di Crotone,

Un’annata di produzione è stata compromessa da atteggiamenti che hanno messo in discussione le condizioni pattuite

Alberto Caputi, «la motivazione è da ricercare nell’atteggiamento generalizzato della parte industriale, la quale disattendendo le norme contrattuali, ha determinato un comportamento ostruzionistico mirato a scoraggiare le consegne di pomodoro e a contenere il più possibile il prezzo della materia prima». Ne è conseguita una forte penalizzazione del prezzo che ha raggiunto livelli talmente bassi (circa 4 centesimi al kg) da non coprire nemmeno i costi di produzione. Si rileva che il danno stimato nella sola provincia crotonese ammonta a circa 4 milioni di euro, dove a fronte di una produzione di circa 800.000 quintali, il 60 % della produzione è rimasta sul terreno a marcire. In più vi è l’aggravante che il prossimo anno cambierà il regime di pagamento degli aiuti ed è quindi probabile che le scelte colturali dei produttori saranno conseguenti agli esiti di questa campagna. EC


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani

9

IMPRESE E LAVORO Siglato il protocollo d’intesa tra Agenzia e Comune contro l’evasione fiscale

Soveria Mannelli al fianco dell’Agenzia delle entrate di Enrico Cioffi CATANZARO Potenziare l’azione di contrasto all’evasione fiscale attraverso lo scambio strutturato di informazioni, nel rispetto dei principi di economicità, efficienza e collaborazione amministrativa: è questo l’obiettivo alla base del protocollo d’intesa siglato oggi dalla Direzione regionale dell’Agenzia delle entrate della Calabria e dal Comune di Soveria Mannelli. L’accordo prevede che le casse del Comune ricevano una quota pari al 33% (come stabilito dalla legge n. 122 del 29 luglio 2010) delle somme recuperate a titolo definitivo a seguito di segnalazioni qualificate che abbiano contribuito al buon esito dell’accertamento fiscale. I settori interessati all’attività di accertamento sono il commercio e le professioni, l’urbanistica e il territorio, la proprietà edilizia e il patrimonio immobiliare, le residenze fittizie all’estero e la disponibilità di beni e servizi di rilevan-

te valore indicativi di capacità contributiva. Il Comune si impegna a segnalare prioritariamente all’Amministrazione finanziaria: fenomeni evasivi, con particolare riguardo all’economia sommersa e all’utilizzo del patrimonio immobiliare in evasione delle relative

L’accordo prevede che le casse del Comune ricevano una quota pari al 33% (come da legge n. 122 del 29 luglio 2010) delle somme recuperate a titolo definitivo a seguito di segnalazioni qualificate che abbiano contribuito al buon esito dell’accertamento fiscale

imposte;situazioni relative a soggetti che fittiziamente hanno trasferito la residenza all’estero nei territori considerati a fiscalità privilegiata; segnalazioni dirette al controllo dei fabbricati locali; plusvalenze da cessioni di aree edificabili e fabbricati. L’Agenzia mette invece a disposizione del Comune i dati relativi a: i contratti di somministrazione di energia elettrica, gas e acqua disponibili nel database “Anagrafe tributaria”; i contratti di locazione di immobili; le dichiarazioni di successione. Tutti i dati raccolti verranno trasmessi da parte del Comune all’Agenzia delle entrate, in modalità web, nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali. L’accordo, sottoscritto dal capo ufficio Accertamento e riscossione, Maria Concetta Panaro, e dal sindaco del Comune di Soveria Mannelli, Leonardo Sirianni, è il ventiseiesimo di questo genere e ha durata fino al 31 dicembre 2010.

Oliverio "interroga" le Politiche agricole: oggetto, la questione viticola CATANZARO - «Prendere atto della grave situazione della vitivinicoltura calabrese, individuare strumenti per ristrutturare il comparto enologici, verificare la possibilità di rimodulare le risorse alla luce di una ricognizione dell’impiego delle disponibilità attraverso gli strumenti normativi ed aprire la distillazione di crisi per i vini doc calabresi, come richiesto da altre Regioni alla luce di un progetto di ristrutturazione del comparto regionale». Sono queste le richieste del parlamentare del Partito Democratico Nicodemo Oliverio, capogruppo in Commissione agricoltura alla Camera, avanzate in una interrogazione al ministro delle Politiche agricole e forestali, Giancarlo Galan. Oliverio sollecita il Governo «ad un coinvolgimento del Ministero delle Attività produttive congiuntamente al Ministero delle Politiche agricole al fine di individuare un percorso di sostegno e di promozione adeguato ad un comparto regionale con potenzialità in grado di mantenere e crescere sul versante occupazionale, ma che oggi necessita di interventi di ristrutturazione improrogabili». Chiede un confronto «al tavolo della Conferenza Stato-Regioni sulla questione vitivinicola alla luce dell’applicazione dell’Ocm vino, della distribuzione e dell’impiego delle risorse previste e della possibilità di un’eventuale rimodulazione delle risorse disponibili», e la promozione di «un tavolo di concertazione permanente con la partecipazione delle istituzioni e dei diretti operatori del settore». L’esponente del Pd, nell’interrogazione, sottolinea che «nonostante i buoni segnali da parte di alcuni mercati stranieri, il settore vitivinicolo italiano risente pesantemente degli effetti della difficile congiuntura economica, come testimonia il calo dei consumi, sempre più critico, nei mercati nazionale ed internazionale. Gli effetti della crisi economica sono su tutto il territorio nazionale ed in maniera accentuata nel sistema vitivinicolo calabrese e, in particolare, all’interno della filiera di qualità Cirò e Melissa, che, tra l’altro, sta scontando il peso di una forte crisi i cui effetti risalgono al 2005.


10 Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI VAR. %

CHIUSURA

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

21.302,65 -0,05 20.740,73 -0,06 23.728,59 0,42 21.965,11 0,10 21.928,41 -0,25 10.908,03 0,84

Euro

METALLI

US $

UK £

¥en

USD/on

EURO/gr

1274,60

31,16

20,73

0,509

PLATINO

1621,00

39,98

PALLADIO

541,00

13,51

1 Euro

1.0

1.3247

0.84760 112.71

ORO

1 US $

0.75450

1.0

0.63970 85.060

ARGENTO

1 UK £

1.1792

1.5625

1.0 132.91

1 ¥en

0.0088681 0.011751 0.0075190

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

A.S. Roma 1,191 +2,14 17.30.14 1,165 A2A 1,12 +1,17 17.30.59 1,106 Acea 8,50 +0,35 17.30.00 8,43 Acegas-Aps 4,245 -0,06 17.30.16 4,20 Acotel Group 48,89 +2,28 17.30.55 47,81 Acque Potabili 1,719 +0,23 17.30.48 1,695 Acsm-Agam 1,148 +1,15 17.30.13 1,11 Actelios 2,57 -0,29 17.30.45 2,55 Aedes 0,2016 -1,18 17.30.54 0,2015 Aeffe 0,339 -1,88 17.30.54 0,338 Aegon 4,6175 +2,61 16.51.12 4,52 Aeroporto Firenze Ageas 2,0875 +0,36 16.55.06 2,08 Ahold Kon Aicon 0,2453 -0,97 17.22.55 0,2425 Alcatel-Lucent 2,3225 -0,32 17.04.42 2,3225 Alerion 0,537 -1,29 17.30.06 0,535 84,30 -0,44 17.24.20 84,30 Allianz Amplifon 3,5775 +0,70 17.30.31 3,56 9,82 +1,97 17.30.14 9,61 Ansaldo Sts Antichi Pellettieri 0,4995 -0,99 17.30.34 0,48 Apulia Prontop 0,391 -1,51 17.30.41 0,389 Arena 0,025 -1,57 17.18.58 0,025 Arkimedica 0,5145 +0,88 17.30.36 0,495 Arkimedica 2012 Cv5% 98,37 -0,43 15.56.39 98,37 Ascopiave 1,674 +0,30 17.30.17 1,65 Astaldi 5,31 +2,12 17.30.16 5,22 Atlantia 15,37 -0,26 17.30.22 15,24 9,64 +0,00 17.30.50 9,60 Autogrill Spa 10,15 +0,79 17.30.48 9,985 Autostrada To-Mi Autostrade Merid 21,70 +0,46 16.21.48 21,60 Axa 13,15 +0,15 17.19.29 13,08 7,035 -1,19 17.30.10 7,03 Azimut B Interm-15 Cv 1,5% 91,38 +0,42 14.55.11 91,00 B&C Speakers 3,40 +0,59 17.30.07 3,32 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 106,41 +0,03 15.32.11 106,40 Banca Generali 8,845 +0,17 17.30.23 8,805 Banca Ifis 5,085 -1,07 17.30.49 5,06 Banca Intermobiliare 4,1675 -0,24 15.55.26 4,1625 Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 109,00 +0,00 17.24.54 4,78 -1,65 17.30.30 4,775 Banco Popolare Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 106,34 +0,42 17.30.06 105,88 Banco Santander 9,70 -1,22 17.30.52 9,70 Basf Basicnet 2,89 -1,70 17.30.48 2,89 Bastogi Spa Bayer 51,92 -0,73 15.50.11 51,86 Bb Biotech 43,85 +0,69 17.30.06 43,52 Bca Carige 1,732 -0,57 17.30.30 1,73 Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat 0,524 -1,13 17.30.47 0,523 Bca Mps 1,046 +0,10 17.30.05 1,04 Bca Pop Di Spoleto 4,03 +0,25 16.04.33 4,0275 9,45 +0,48 17.30.50 9,33 Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio 3,30 -0,75 17.30.28 3,265 Bca Pop Milano 3,705 +0,27 17.30.04 3,68 Bca Pop Sondrio 6,89 -0,65 17.30.06 6,86 0,496 +1,33 17.30.05 0,4855 Bca Profilo 3,83 +3,37 17.30.20 3,7225 Bco Desio Bria Rnc 3,875 -0,13 17.30.22 3,84 Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp 9,345 -2,61 17.30.16 9,26 0,397 +0,51 17.30.14 0,3895 Bee Team 0,64 +0,39 17.30.30 0,6375 Beghelli Benetton Group 5,405 +0,93 17.30.27 5,35 Beni Sta 2011 Cv2,5% 99,96 -0,03 17.14.34 99,90 Beni Stabili 0,655 +0,77 17.30.49 0,642 Best Union Company 1,507 +1,14 17.30.03 1,451 Bialetti Industrie 0,397 -0,75 17.08.54 0,3915 1,44 +1,05 17.30.45 1,406 Biancamano Biesse 5,50 -1,17 17.30.59 5,44 Bioera Sosp. 48,75 -0,51 17.04.58 48,75 Bmw Bnp Paribas 54,95 +0,55 17.30.53 54,90 Boero Bartolomeo Bolzoni 1,86 -0,53 17.30.06 1,831 Bonifiche Ferraresi 29,14 +0,48 17.30.23 28,70 Borgosesia 1,264 +0,32 17.30.28 1,24 Borgosesia R 1,26 -0,39 11.11.07 1,26 Bper 12 Cv Sub 3,7% 102,20 +0,09 15.52.30 102,10 6,66 +0,23 17.30.40 6,59 Brembo Brioschi 0,1641 -0,18 17.30.05 0,1624 6,39 +1,43 17.30.00 6,26 Bulgari Buongiorno 0,9015 -0,33 17.30.05 0,8995 7,64 +3,95 17.30.27 7,36 Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc 4,4275 +2,61 17.30.15 4,295 Cad It 4,445 -0,45 12.18.37 4,44 2,75 -0,09 17.30.18 2,705 Cairo Communication Caleffi 1,032 -0,77 17.30.23 1,032 1,939 -0,05 17.30.11 1,89 Caltagirone Caltagirone Edit 1,765 -1,34 17.30.00 1,737 Camfin 0,3725 +0,68 17.30.39 0,366 Campari 4,495 +0,28 17.30.43 4,4575 Cape Live 0,307 -2,85 17.11.35 0,306 Cape Live Cv 5% 2009-2014 2,32 +0,54 17.30.38 2,27 Carraro Carrefour 41,00 +6,85 17.24.45 38,88

Max

Apertura

AZIONI

1,195 1,126 8,605 4,2475 48,99 1,727 1,148 2,59 0,2147 0,35 4,6175

1,176 1,109 8,485

Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Sosp. Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia

19,11 +0,32 17.30.27 18,90 19,43 19,08 1,85 -1,54 17.30.30 1,83 1,88 0,294 +0,00 17.30.05 0,2865 0,294 0,292 5,06 -0,20 17.30.29 5,05 5,13 2,465 +6,71 17.30.55 2,28 2,48 2,28 2,3775 -0,10 17.30.51 2,3425 2,3875 0,263 +0,19 17.30.30 0,2555 0,265 0,1425 +0,64 17.30.15 0,1411 0,1439 0,297 +0,68 17.30.10 0,295 0,3135 0,3055 0,704 -1,05 17.30.05 0,7015 0,719 1,452 +1,11 17.30.53 1,438 1,463 1,438 0,527 +18,29 17.30.23 0,459 0,527 0,50 1,212 -0,57 17.30.48 1,206 1,231 0,6525 +0,31 17.30.01 0,646 0,656 0,65 0,4585 -0,33 17.30.32 0,4555 0,483 0,469 99,80 +0,61 16.26.17 99,80 99,95 0,88 -0,51 16.35.33 0,865 0,8825 0,87 22,00 +0,00 17.30.20 21,77 22,00 5,075 +1,10 17.30.14 4,99 5,225 5,045 11,83 +1,90 17.21.13 11,59 11,95 1,487 -0,80 17.30.19 1,46 1,499 3,6025 -0,69 17.30.54 3,58 3,6275 3,60 0,1569 -0,70 17.00.23 0,1532 0,1569 101,60 -0,15 17.30.29 101,40 101,90 101,75 1,022 +0,20 14.54.34 1,00 1,022 1,088 +0,74 17.30.31 1,075 1,098 4,775 +0,42 17.30.58 4,7625 4,85 45,80 +0,90 16.43.38 45,56 45,81 0,825 +0,24 17.03.32 0,81 0,83 15,78 -0,32 17.30.05 15,75 15,98 15,89 8,595 +0,29 17.30.30 8,52 8,625 8,59

Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf

1,111 0,35

2,12 0,2477 2,365 0,541 84,92 3,5875 9,945 0,502 0,40 0,0253 0,5145 98,50 1,675 5,375 15,55 9,755 10,20 21,70 13,22 7,175 91,38 3,6525 106,66 8,93 5,15 4,1675 108,62 4,865 106,35 9,90

2,3225 84,49 3,56 9,62 0,3995 0,0253

5,22 15,41 9,625

7,11

8,865 109,25 4,815

2,975

2,95

52,44 44,00 1,759

1,749

0,53 0,53 1,055 1,043 4,135 9,47 9,33 3,325 3,765 3,7025 6,97 6,895 0,504 3,83 3,875 9,51 0,4045 0,64 0,6375 5,455 5,355 100,02 0,657 0,6495 1,508 0,4015 1,44 5,60 49,41 55,82

55,26

1,91 29,39 1,275 1,24 1,265 1,265 102,70 102,11 6,66 6,62 0,1642 6,43 6,29 0,929 0,9105 7,74 7,36 4,4875 4,50 2,75 1,058 1,95 1,779 0,375 0,37 4,545 4,47 0,308 2,325 41,00

Prezzo ultimo contr. Var %

Sosp.

Ora

Min

Apertura

4,19 4,09 1,29 46,35 10,32 30,46 1,448 3,815 13,25 22,07 0,937 1,253 1,415 10,85 1,567 4,05 3,94

-2,56 -2,15 +5,74 -0,71 -0,77 -0,62 -1,50 -3,42 -1,41 +1,19 +0,86 -1,72 -1,60 +1,31 +1,10 +0,00 -0,06

17.30.48 17.30.08 17.30.57 17.24.51 17.05.08 17.30.58 15.22.34 17.30.54 17.30.56 17.20.25 17.30.30 15.24.54 17.30.01 17.30.38 17.30.31 17.30.09 17.30.59

21,05 15,95 9,82 0,79 0,55 6,93 2,14

+3,19 +0,19 -1,70 -0,13 +0,37 +9,91 +0,23

17.30.09 20,20 21,68 20,72 17.30.13 15,90 16,17 15,91 17.30.43 9,82 10,03 10,03 17.06.59 0,784 0,7975 17.07.38 0,54 0,5535 0,5535 17.30.15 6,315 6,97 6,345 17.30.12 2,1125 2,1525 2,13

16,35 13,26 13,97 0,865

+0,68 +1,45 +3,02 -0,46

17.30.58 16,19 16,50 16,26 17.30.42 13,07 13,41 13,14 17.30.22 13,65 13,98 13,65 17.30.23 0,8525 0,8755 0,8575

17,92 10,86 6,67 6,885 3,4025 4,15

+0,06 +0,09 +0,15 +0,44 +0,22 +1,65

17.30.38 17,91 17.30.51 10,76 17.30.00 6,615 17.30.59 6,805 17.30.14 3,40 17.30.23 4,0175

17,93 17,92 10,96 10,81 6,84 6,69 7,03 6,855 3,47 4,15 4,0775

8,595 2,23 0,5335 7,825 4,8975 16,53 1,119 0,3995 5,10 25,57 3,04 0,5275 1,21 15,01 4,04 4,07 1,582 3,35 5,855 4,70 6,75 1,413

+0,53 +3,96 +0,57 -0,25 -0,05 +1,04 +0,18 +0,50 -0,87 -0,12 -3,49 +0,10 +0,83 +0,33 -0,18 -1,45 +4,01 -1,47 -0,34 +0,21 -0,73 -0,35

17.30.04 17.30.18 17.30.48 17.30.37 17.30.59 15.02.46 17.02.46 17.24.58 17.30.49 15.28.25 17.23.56 17.30.48 9.01.31 17.30.09 17.30.04 11.30.12 17.30.39 17.23.36 17.30.28 10.21.15 17.30.41 17.30.00

8,68 8,55 2,23 0,545 7,92 7,865 4,92 4,9175 16,53 1,119 0,40 0,40 5,20 26,54 3,19 3,05 0,532 0,5295 1,21 15,19 14,96 4,07 4,04 4,10 1,609 1,511 3,435 3,435 6,05 5,86 4,70 6,875 6,83 1,419 1,418

0,855 13,95 1,187

-0,58 17.30.51 +0,36 17.30.48 -0,17 17.30.28

4,15 4,02 1,25 46,21 10,32 30,33 1,41 3,75 13,25 21,87 0,927 1,253 1,415 10,74 1,53 4,00 3,94

Max

8,55 2,125 0,5305 7,825 4,8175 16,48 1,094 0,391 5,035 25,50 3,0175 0,5205 1,21 14,91 4,0325 4,07 1,511 3,35 5,775 4,50 6,73 1,41

4,2975 4,2475 4,0775 1,33 1,27 47,40 10,45 30,99 30,86 1,494 3,9275 3,9275 13,45 13,44 22,20 0,944 0,93 1,275 1,44 1,44 11,00 10,90 1,567 4,12 3,9875 3,945

0,855 0,8555 13,76 13,95 1,165 1,192

1,192

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Investimenti E Sviluppo Axa Irce Iren Isagro It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Sosp. Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb

Ora

Min

Max

Apertura

1,342 0,837 2,2375

+4,19 17.30.42 1,285 1,342 +4,76 17.30.32 0,801 0,8375 +0,45 17.30.45 2,2075 2,2575 2,2225

8,985 7,05 2,6275 7,825 0,4365

+3,16 +0,79 +0,00 -0,57 +0,35

17.30.07 17.22.02 17.30.59 17.07.53 17.30.10

4,3825 2,4675 1,96 0,0148 0,0001 1,44 1,282 3,0775 3,45 6,51 3,60 25,80 17,09 1,435 0,877 0,0749 3,7725 1,922 0,289 0,53 81,01 1,745 3,86 0,5095 11,36 20,01 105,10 2,8475 0,1915 2,88

-1,24 +1,54 +1,82 +0,00 +0,00 -0,96 +0,95 -0,73 +4,86 +2,93 +2,86 +1,18 +0,89 +0,00 -0,06 +1,49 -0,72 +0,10 -0,34 +0,00 -4,24 +0,35 +0,92 +7,26 -0,70 -0,45 +2,04 +2,98 -0,16 -0,69

17.30.20 17.30.47 17.30.56 17.30.42 9.00.36 17.30.19 17.30.46 17.30.40 17.30.30 17.30.24 17.30.56 17.30.38 17.30.38 13.21.21 17.30.13 17.30.34 17.30.33 17.30.15 17.30.12 17.12.41 15.45.47 17.30.12 17.30.22 17.30.21 17.30.56 17.30.10 16.02.55 17.30.41 17.30.31 17.30.37

4,3825 2,405 1,907 0,0146 0,0001 1,44 1,27 2,95 3,28 6,305 3,5075 25,40 16,88 1,424 0,87 0,0737 3,6775 1,922 0,2865 0,527 81,01 1,71 3,805 0,4805 11,36 19,89 105,00 2,75 0,1895 2,86

4,4725 2,49 1,975 0,0149 0,0001 1,45 1,292 3,1225 3,45 6,565 3,625 25,88 17,09 1,45 0,8845 0,0759 3,89 1,994 0,292 0,535 81,01 1,749 3,9175 0,5195 11,52 20,24 106,59 2,91 0,192 2,93

7,67 2,84 5,31 6,795 3,10 2,9975 0,0528 0,359 1,365 11,69 1,412 1,63 3,11 0,469 2,375 0,1345 6,66 0,429 0,1592 0,312 1,073 105,00 5,365 1,27 2,82 6,13 7,51

+2,68 +0,71 +1,34 +1,65 -0,16 +0,59 +0,00 -2,97 +2,79 +1,74 -0,77 +0,99 -0,64 +0,00 +2,81 +2,91 -2,63 +0,12 +1,40 -0,16 +0,28 +1,16 -1,56 -2,31 -1,74 +1,24 -4,51

17.30.25 17.30.13 17.30.25 17.30.58 17.30.36 14.37.59 17.21.50 17.30.54 17.30.38 10.37.39 17.30.41 17.30.26 15.46.08 17.30.22 17.30.39 17.30.29 17.30.32 16.26.38 17.30.38 15.31.23 17.30.58 14.19.49 17.30.59 15.25.59 17.30.19 17.20.19 17.24.45

7,43 2,7025 5,225 6,68 3,08 2,9975 0,052 0,3585 1,304 11,69 1,41 1,591 3,08 0,464 2,305 0,1308 6,61 0,4255 0,1558 0,2995 1,04 104,00 5,35 1,235 2,805 6,01 7,485

7,68 2,845 5,37 6,885 3,13 2,9975 0,0537 0,3735 1,37 11,69 1,433 1,63 3,1475 0,4725 2,41 0,1355 6,875 0,442 0,16 0,312 1,076 105,00 5,535 1,27 2,885 6,13 7,76

-1,70 17.30.36

0,71

0,75

0,721

8,645 9,07 6,99 7,05 2,575 2,6975 7,825 7,92 0,43 0,437

8,745 2,695

4,44 2,41 1,918 0,0148 1,27 6,33 3,5075 25,88 16,99 1,435 0,87 0,0744 3,83

0,519 11,44 20,09 2,75 0,1918 2,92 7,45 5,245 6,715 3,0975 0,0529

0,4695 0,1313 6,875

2,87

0,75

1,68 +1,21 17.24.56 1,647 1,68 1,918 -0,98 17.30.45 1,918 1,944 1,936 23,74 +3,22 16.38.01 22,42 23,75 2,45 +5,72 17.30.18 2,36 2,495 2,36 3,215 -2,28 17.30.50 3,185 3,3525 3,56 -3,26 17.30.58 3,4875 3,82 3,645 1,478 +0,54 17.16.51 1,46 1,489 5,885 -0,59 17.30.55 5,88 5,99 5,91 5,52 +0,91 17.30.56 5,46 5,53 5,49 0,4405 +0,11 17.30.48 0,434 0,442 0,4375 4,24 +13,07 9.02.36 4,10 4,24 4,10 10,06 +0,50 16.54.01 10,06 10,10 0,5355 +0,85 17.30.43 0,531 0,55 0,689 +4,39 17.22.10 0,67 0,689 0,774 +1,71 17.30.51 0,743 0,78 118,50 -1,65 13.58.31 118,50 118,50 1,22 +1,58 17.30.50 1,204 1,235 1,21 0,787 -2,84 17.30.20 0,787 0,8105 0,8095 0,83 -0,95 14.16.53 0,83 0,83 7,13 -0,49 16.16.10 7,13 7,19 13,63 +1,79 17.30.49 13,32 13,81 13,41 0,1851 -4,54 17.30.37 0,1843 0,2088 0,193 0,73 +0,97 17.30.39 0,7225 0,7435 1,144 -1,38 17.30.35 1,127 1,175 0,6895 +2,15 17.30.03 0,6675 0,695 0,695 2,10 +0,12 17.30.35 2,055 2,10 2,0975


il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010 31

FINANZA I TITOLI DI BORSA Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Sosp. Snia 3% Cv 2010 Sosp. So Pa F Societe Generale Socotherm Sosp. Sogefi

6,395 37,30 0,265 16,06 0,364 0,0465 0,278 1,449 51,67 0,3535 18,75 0,414 6,125 4,72 8,935 28,74 50,63 37,35 1,362 6,99 0,605 0,1466 0,87 5,455 6,94 94,60 79,80 2,745 3,7075

-0,39 +4,45 +0,00 -1,23 +1,39 -2,52 -1,42 -1,02 +0,98 +2,46 +1,63 +1,60 -0,41 +0,00 -0,61 -1,03

Ora

+0,24 16.21.24 +1,50 15.00.40 +0,81 17.30.42 +1,01 +0,42 +1,24 -3,33 -0,55 +0,43 -0,05 +1,31 -0,90 -0,27

Max

Apertura

50,51 37,35 1,343

50,82 37,35 1,39

50,51 1,351

17.30.13 6,97 6,99 17.30.35 0,604 0,605 17.30.36 0,1431 0,1469 0,1435 17.30.37 0,87 0,87 16.34.56 5,455 5,52 17.30.44 6,91 6,98 6,945 17.03.02 94,07 94,60 17.09.15 79,00 79,80 17.30.11 2,71 2,775 2,77 17.30.02 3,70 3,73 3,725

0,1069 +12,65 17.30.46 45,42 +2,37 16.42.59 2,055

Min

17.30.19 6,345 6,415 6,375 16.19.51 36,40 37,97 17.30.57 0,26 0,27 0,2695 17.30.37 16,05 16,37 16,20 17.30.33 0,3575 0,3675 0,3675 17.23.52 0,0463 0,0485 17.30.55 0,27 0,284 16.02.49 1,449 1,45 16.07.18 51,40 51,67 17.30.15 0,345 0,354 0,345 17.30.46 18,40 18,80 14.43.03 0,4025 0,414 17.30.14 6,005 6,15 17.30.34 4,645 4,7375 4,7175 17.30.40 8,905 9,01 17.30.20 28,74 29,20 29,02

+1,73 17.30.49

0,093 0,1069 0,0969 44,60 46,00 1,995 2,0575

2,025

Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass

4,6625 65,19 1,712 0,615 5,82 1,30

Sosp.

-0,37 -0,44 -1,21 +1,65

Ora

Min

Max

17.30.41 4,545 17.30.45 64,82 17.30.49 1,702 17.30.34 0,6015

+0,35 17.30.02 +0,00 15.09.43

1,88 0,3755 1,042 0,225 0,815 18,33 14,26 3,1225 3,945 0,608 0,1036 67,48 1,481 38,70 10,72 5,70 7,21 106,46 0,595 1,899 2,26 21,40 0,5465 0,3615 4,195

-1,57 -0,13 -0,57 -1,32 +0,31 +0,06 +0,42 +0,16 -0,13 +0,50 -0,19 +0,94 +0,27 -0,79 +0,66 +1,79 +0,49 +0,14 -2,30 -2,11 -1,63 -1,70 -0,18 -0,14 -0,12

16.01.10 17.30.16 17.30.32 17.30.17 17.30.27 17.19.08 17.30.44 17.30.38 17.30.54 17.21.43 17.30.41 17.30.38 17.12.27 17.24.28 17.30.47 17.30.17 17.30.59 16.46.57 17.30.33 17.30.35 17.24.34 11.34.09 17.30.02 17.30.44 10.45.08

1,272 3,9575 3,6075

-2,15 16.21.26 +1,34 17.30.58 -0,48 17.30.56

Apertura

4,695 65,99 1,746 0,623

5,80 1,298

5,915 1,30

1,88 0,3755 1,042 0,225 0,8095 18,16 14,15 3,1075 3,915 0,601 0,1034 66,91 1,475 38,70 10,61 5,455 7,115 106,31 0,5825 1,863 2,25 21,40 0,545 0,358 4,195

1,88 0,3755 1,062 0,2304 0,827 18,59 14,43 3,13 3,9825 0,615 0,1045 68,00 1,481 39,12 10,82 5,73 7,28 106,65 0,64 1,93 2,2925 21,89 0,5515 0,3635 4,1975

64,99 1,72 5,80

1,05 0,2252 0,8125 14,18 3,11 3,9825 0,1041 67,14 10,72 7,12 106,34 0,601 1,878 0,5465 0,3615

1,26 1,291 3,83 3,9575 3,60 3,745

Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Ergycapital 2016 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Sosp. Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Warr Unipol 2013 Warr Unipol Prv 2013 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Ora

Min

14.27.21 15.18.58 17.08.27 17.30.23 15.03.03 17.12.42 15.58.42 12.37.57 17.30.13

19,26 8,515 0,0556 0,0105 2,40 0,0648 0,293 0,075 0,1745

Max

Apertura

20,00 8,72 0,0579 0,0108 2,45 0,0648 0,2975 0,08 0,1796

+0,05 +4,68 +2,30 -1,82 -0,20 -0,77 -1,16 +2,56 -1,80

20,00 8,72 8,72 0,0584 0,0584 0,011 2,465 0,0672 0,3095 0,08 0,08 0,1836 0,1751

0,6645 0,0032

-1,99 17.30.14 0,6255 0,68 0,6255 -8,57 17.30.04 0,0032 0,0032

0,022 +11,11 17.30.50 0,0192 0,023 0,0209 0,0136 -9,33 13.27.05 0,0121 0,0136 0,013 0,9285 -1,22 17.24.31 0,926 0,95 0,932 1,551 0,074 0,0025 0,0097 0,025 0,022 7,55 0,081 4,75 0,539 0,516

+3,40 17.15.18 +1,51 17.20.09 +0,00 +3,19 +0,81 -0,90 +3,14 -0,98 +0,00 -2,88 -0,39

17.19.45 17.24.04 16.39.32 17.03.58 17.30.51 17.30.43 17.30.08 16.58.46 12.32.57

1,531 1,551 0,072 0,0757 0,0025 0,0094 0,0249 0,0216 7,25 0,0805 4,60 0,53 0,4975

0,0026 0,0098 0,0094 0,0254 0,0222 0,0216 7,72 7,25 0,0839 0,0815 4,82 0,551 0,52

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Acomea Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fideuram Italia Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Nextam P. Az. Italia Norvega Az. Italia A Norvega Az. Italia B Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pacto Azionario Italia A Pacto Azionario Italia B Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni Qeuro Bancoposta Azionario Euro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Acomea Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa Amundi Europe Equity

-0,30 -0,25 -0,20 -0,12 -0,48 -0,47 -0,44 -0,52 -0,01 -0,21 +0,10 -0,43 -0,42 +0,44 +0,51 -0,54 +0,07 -0,55 -0,43 -0,37 -0,73 +0,12 -0,42 -0,41 -0,37 -0,37 -0,46 -0,44 -0,51 -0,32 +0,47 -0,45 -0,45 -0,45 -0,04 -0,57 -0,57 -0,50 -0,45 -0,44 +0,00 +0,00 -0,55 -0,53 +0,00 -0,32 -0,35 -0,36 -0,76 -0,12 -0,45 -0,61 -0,57 -0,60 -0,71 -0,49 -0,61 -0,70 -0,02 -0,34 -0,33 -0,41 -0,55 -0,24 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06

14,843 16,357 5,539 4,092 19,665 19,331 18,943 6,665 6,886 16,797 5,187 5,066 5,163 3,621 3,324 16,066 4,532 11,482 18,963 21,257 18,297 15,197 10,688 10,808 12,136 12,507 9,869 8,331 14,913 8,523 4,506 5,991 5,991 5,344 5,455 4,557 4,571 12,524 13,109 13,535 5,00 3,573 10,303 5,624 5,503 4,714 8,782 8,642 4,568 4,071 13,816 12,381 4,389 4,45 25,142 13,189 4,399 5,494 5,191 6,127 6,345 5,55 4,903 5,492 7,055 7,055 4,672 4,648

-0,36 5,329 -0,48 10,294 +0,00 16,637 +0,00 16,43 -0,34 7,076 -0,33 4,26

VARIAZ. QUOT.

Anima Europa Arca Azioni Europa Bim Azionario Europa Bnl Azioni Europa Crescita Bnl Azioni Europa Dividendo Carige Azionario Europa A Carige Azionario Europa B Carismi Dynamic Europe A Carismi Dynamic Europe B Consultinvest Azione Epsilon Qvalue Eurizon Az. Europa Multimanager Eurizon Az. Pmi Europa Eurizon Focus Az. Europa Euromobiliare Europe Eq. Europa Fideuram Master Sel.Equity Europe Fondaco Eu Sri Equity Beta Fondersel Europa Fonditalia Eq. Europe R Fonditalia Eq. Europe T Gestielle Europa A Gestielle Europa B Gestnord Azioni Europa Imieurope Iniziativa Europa Interfund Eq. Europe Investitori Europa Laurin Eurostock Mc G.Fdf Europa A Mc G.Fdf Europa B Mediolanum Amerigo Vespucci Mediolanum Europa 2000 Nextam P. Az. Europa Norvega Az. Europa A Norvega Az. Europa B Optima Azionario Europa Pacto Azionario Europa A Pacto Azionario Europa B Pioneer Azionario Europa A Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A Prima Geo Europa A Prima Geo Europa Pmi A Prima Geo Europa Pmi Y Prima Geo Europa Y Ras Lux Equity Europe Sofid Sim Blue Chips Soprarno Azioni Euro 50 Symphonia Europa Synergia Az. Europa Talento Comp. Europa Ubi Pramerica Azioni Europa Unibanca Azionario Europa AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Az. Energia E Materie Prime AZ. SALUTE Eurizon Az. Salute E Ambiente AZ. FINANZA Eurizon Az. Finanza Fonditalia Euro Financials R Fonditalia Euro Financials T AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecnologie Avanzate AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali Ducato Immobiliare A Ducato Immobiliare Y Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources Fonditalia Euro Cyclicals R Fonditalia Euro Cyclicals T Fonditalia Euro Defensive R Fonditalia Euro Defensive T Fonditalia Euro T.M.T. R Fonditalia Euro Tmt T Interfund Int.Sec.New Economy Norvega Mobiliare Re A Norvega Mobiliare Re B

+0,00 -0,20 -0,42 -0,15 -0,28 -0,31 -0,30 +0,19 +0,43 -0,19 -0,24 -0,12 +0,35 -0,25 -0,32 -0,24 +0,03 -0,36 -0,37 -0,26 -0,26 -0,12 -0,11 -0,18 -0,37 +0,25 +0,07 -0,30 +0,00 -0,19 -0,22 +0,98 +0,99 +0,10 -0,46 -0,45 -0,31 -0,44 -0,44 -0,46 -0,31 -0,10 +0,40 +0,41 -0,10 -0,35 +1,56 -0,86 -0,42 -0,51 -0,14 -0,10 -0,21 +0,01

4,01 9,382 9,709 12,257 2,816 5,409 5,677 4,189 3,96 8,587 5,383 5,668 8,359 8,226 13,592 12,995 8,988 88,266 13,179 9,115 9,216 6,938 7,136 8,447 18,181 6,881 6,066 4,985 3,626 6,457 3,652 5,854 15,001 4,811 4,575 4,655 2,916 3,871 3,882 14,443 6,753 10,909 20,318 21,034 11,305 40,007 6,427 3,815 5,45 6,048 121,112 5,782 6,082 8,917

+0,31 15,001

-0,24 17,685 -1,33 5,577 -1,33 5,629

+0,83

+0,21 +0,21 +0,22 +0,20 +0,32 +0,32 -0,41 -0,40 +0,02 +0,02 +0,60 +0,18 +0,21

3,91

5,723 8,432 8,662 10,844 11,211 11,354 11,172 11,315 5,608 5,663 33,493 4,354 4,368

Optima Tecnologia AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Primaclasse Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fideuram Bilanciato Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 B Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Acomea Bilanciato Acomea Multi Fund Linea Dinamica Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Primaclasse Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Bilanciato Internazionale Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Norvega Sintesi Dinamico Prima Forza 4 A Prima Forza 4 B Prima Forza 4 Y Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20 Amundi Qbalanced Arca Te - Titoli Esteri Arcacinquestelle Comp.A/B 25 Aureo Primaclasse Valore Azimut Scudo

VARIAZ. QUOT.

+0,59

+0,14 +0,14 +0,23 +0,10 -1,77

+0,08 +0,23 +0,23 -0,08 -0,19 -0,12 -0,12 +0,00 +0,00 +0,39 -0,08 -0,08 -0,08 +0,12 +0,04

-0,03 +0,03 +0,07 +0,18 +0,06 -0,11 +0,11 +0,07 -0,19 -0,03 -0,05 -0,15 -0,13 +0,17 +0,16 +0,16 -0,10 -0,14 +0,11 +0,19 -0,14 -0,34 -0,01 -0,07 -0,08 +0,09 -0,17 -0,19 +0,27 +0,18 -0,31 -0,30 +0,31 +0,30 -0,07 +0,14 -0,09 -0,09 -0,11 +0,00 -0,15 -0,21 +0,16 +0,05 +0,25

2,746

2,849 2,917 5,713 5,101 8,196

3,763 3,907 3,961 33,111 12,384 10,247 10,366 4,448 4,51 4,581 3,911 3,913 3,991 5,187 5,212

17,594 3,686 4,467 4,915 16,339 31,045 4,627 4,012 23,168 6,105 22,237 5,93 6,067 5,222 4,273 4,329 6,139 36,026 6,148 23,986 27,357 12,148 46,165 10,261 10,362 12,34 14,696 30,146 12,626 5,139 6,178 4,577 5,199 9,937 6,125 5,802 4,349 4,35 4,436 5,708 5,207 5,704 5,566 5,506 6,894

-0,04 9,36 +0,05 5,979 -0,05 8,566 +0,18 16,438 +0,05 5,527 +0,04 5,011 -0,05 7,707

Bancoposta Investimento Protetto 90 Bnl Protezione Capitale Pià Comparto Bilanciato 30 Carige Bilanciato 30 Carismi Dynamic Mix 15 Carismi Dynamic Mix 30 Euromobiliare Moderato Fonditalia Core 1 R Fonditalia Core 1 T Gestielle Global Asset 1 Managers & Co. Comparto 30 Mediolanum Elite 30 L Mediolanum Elite 30 S Mix Norvega Sintesi Audace Pacto Obiettivo Incremento A Prima Forza 3 A Prima Forza 3 B Prima Forza 3 Y Symphonia Adagio Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia Synergia Bilanciato 30 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. Ubi Pra. Portafoglio Moderato Ubi Pramerica Privilege 1 Ubi Pramerica Privilege 2 Visconteo OB. EURO GOVERNATIVI BT Allianz Monetario Alto Monetario Amundi Breve Termine Arca Mm - Monetario Bancoposta Monetario Bg Focus Monetario Bim Obb.Breve Termine Bnl Obbligazioni Euro Bt Carige Monetario Euro A Carige Monetario Euro B Cividale Forum Iulii Prudenza A Cividale Forum Iulii Prudenza B Consultinvest Breve Termine Cr Cento Monetario Plus Cs Monetario Italia B Cs Monetario Italia I Ducato Fix Euro Bt A Ducato Fix Euro Bt Y Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine Euromobiliare Prudente Fideuram Liquidita' Fideuram Security Fondersel Reddito Fonditalia Euro Bond Sh.Term R Fonditalia Euro Bond Sh.Term T Fonditalia Euro Currency R Fonditalia Euro Currency T Gestielle Bt Cedola Gestielle Bt Cedola B Gestielle Bt Euro A Gestielle Bt Euro B Interfund Euro Currency Intra Obb. Euro Bt Laurin Money Leonardo Monetario Mediolanum Risparmio Corrente Mediolanum Risparmio Dinamico Monetario Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine Norvega Obb. Euro Breve Termine A Norvega Obb. Euro Breve Termine B Optima Reddito B.T. Optima Riserva Euro Pacto Breve Termine A Pacto Breve Termine B Passadore Monetario Pioneer Monetario Euro A Prima Fix Obbligazionario Bt A Prima Fix Obbligazionario Bt Y

VARIAZ. QUOT.

-0,07 -0,28 -0,10 -0,11 +0,08 +0,15 +0,02 -0,09 -0,09 -0,12 +0,13 -0,13 -0,16 -0,07 +0,14 +0,02 -0,16 -0,14 -0,14 +0,00 -0,26 -0,13 -0,19 +0,13 +0,00 +0,00 -0,10

-0,03 -0,01 +0,08 +0,00 +0,00 -0,01 +0,00 +0,03 -0,01 +0,00 -0,04 -0,04 -0,02 -0,02 +0,00 +0,00 -0,05 -0,05 -0,03 +0,00 +0,00 +0,01 -0,02 +0,03 +0,02 -0,01 +0,00 -0,09 -0,09 +0,04 +0,05 +0,00 -0,04 -0,03 +0,00 -0,05 -0,06 -0,01 -0,02 -0,03 -0,02 +0,00 -0,04 +0,00 +0,00 -0,01 -0,02 -0,02 -0,02

5,439 22,441 5,087 5,244 3,976 3,98 6,61 10,53 10,623 8,83 5,44 5,242 10,061 5,688 5,663 5,052 4,993 4,994 5,083 5,961 5,341 5,51 5,85 5,963 5,645 5,634 35,181

15,878 7,055 7,473 14,751 6,195 16,396 6,552 7,553 11,719 11,52 5,48 5,543 4,984 5,765 7,786 7,846 6,285 6,327 15,173 8,49 16,834 9,538 14,079 7,961 8,009 7,857 7,897 6,362 6,368 7,507 7,562 6,684 5,654 6,913 6,08 13,841 5,439 12,128 8,972 5,838 5,891 6,667 5,283 6,288 6,294 7,119 13,204 10,177 10,207

VARIAZ. QUOT.

Soprarno Pronti Termine +0,04 Synergia Obb Euro B.T. +0,00 Teodorico Monetario +0,00 Tesoreria Fondo Per Le Imprese -0,01 +0,00 Ubi Pramerica Euro B.T. Unibanca Monetario +0,00 +0,02 Valori Responsabili Monetario Zenit Monetario I +0,01 Zenit Monetario R +0,01 OB. EURO GOVERNATIVI ML Acomea Eurobbligazionario -0,05 +0,12 Allianz Reddito Euro L Allianz Reddito Euro T +0,12 Anfiteatro Bond Corporate +0,00 Anima Obb. Euro +0,03 +0,07 Arca Rr Azimut Reddito Euro +0,00 +0,03 Bancoposta Obbligazionario Euro +0,04 Bim Obb. Euro Bnl Obbligazioni Euro M/Lt +0,11 Capitale Pià Comparto Obbligazionario +0,00 Carige Obbligazionario Euro A +0,09 +0,08 Carige Obbligazionario Euro B Carige Obbligazionario Euro L.Termine A +0,24 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B +0,25 Carismi Bond Euro A -0,14 Carismi Bond Euro B -0,13 Ducato Fix Euro Mt A -0,13 Ducato Fix Euro Mt Y -0,14 -0,09 Epsilon Qincome Eurizon Focus Obb. Euro +0,09 Euromobiliare Reddito +0,06 Europe Bond -0,03 -0,03 Fideuram Rendimento Fondaco Euro Gov. Beta +0,07 Fondersel Euro +0,05 +0,41 Fonditalia Euro Bond Long Term R Fonditalia Euro Bond Long Term T +0,41 Fonditalia Euro Bond Medium Term R +0,04 Fonditalia Euro Bond Medium Term T +0,04 -0,12 Gestielle Lt Euro A Gestielle Lt Euro B -0,12 -0,08 Gestielle Mt Euro A -0,08 Gestielle Mt Euro B Interfund Euro Bond Long Term +0,41 Interfund Euro Bond Medium Term +0,04 Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 +0,01 +0,04 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 Intra Obb. Euro +0,08 +0,00 Italfortune Euro Bonds Leonardo Obbligazionario +0,01 -0,12 Mediolanum Euromoney Mediolanum Italmoney -0,08 Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine -0,02 +0,03 Norvega Obb. Euro A Norvega Obb. Euro B +0,04 Optima Obbligazionario Euro +0,04 Pacto Obblig. Euro Medio Termine A +0,07 +0,07 Pacto Obblig. Euro Medio Termine B Prima Fix Obbligazionario Mlt A +0,17 +0,17 Prima Fix Obbligazionario Mlt Y Ras Lux Bond Europe +0,20 +0,06 Synergia Obb Euro M.T. Ubi Pra. Euro M/L Termine +0,14 Unibanca Obbligazionario Euro +0,07 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A -0,10 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B -0,10 OB. EURO CORPORATE INV. GRADE Acomea Obbligazionario Corporate +0,10 Amundi Corporate 3 Anni -0,01 Amundi Corporate Giugno 2012 -0,06 Arca Bond Corporate +0,17 Carige Corporate Euro A +0,18 +0,18 Carige Corporate Euro B Corporate Bond +0,03 -0,08 Ducato Etico Fix Y Ducato Etico Fix A -0,06

5,114 5,071 7,461 6,901 6,761 5,729 5,868 7,568 7,518

12,864 33,384 32,683 4,97 7,164 9,071 15,685 6,942 6,989 7,003 5,498 11,001 11,173 5,80 5,934 5,527 5,584 7,594 7,676 7,468 14,135 15,644 7,667 9,394 122,443 8,159 7,58 7,65 11,108 11,191 8,205 8,303 15,02 15,183 8,604 8,38 6,982 11,706 6,119 8,42 7,607 6,411 6,561 17,431 6,637 6,728 6,998 6,769 6,779 5,89 5,914 59,287 5,253 7,052 5,859 6,252 6,252 6,705 101,981 5,054 7,209 6,703 6,80 7,472 5,313 5,26

VARIAZ. QUOT.

Eurizon Focus Obb. Euro Corporate +0,12 5,725 Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine +0,03 7,556 Euromobiliare Euro Corporate Bt +0,03 8,85 Fonditalia Euro Corporate Bond R +0,12 8,576 +0,12 8,633 Fonditalia Euro Corporate Bond T Interfund Euro Corporate Bond +0,12 5,106 +0,14 7,775 Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A +0,14 4,89 Prima Fix Imprese A +0,15 6,637 Prima Fix Imprese Y +0,15 6,734 Synergia Obb Corporate +0,11 5,469 +0,13 7,968 Ubi Pramerica Euro Corporate OB. EURO HIGH YIELD Eurizon Focus Obb. Euro High Yield +0,07 7,474 Fonditalia Bond Euro High Yield R +0,06 14,497 +0,05 14,573 Fonditalia Bond Euro High Yield T Interfund Bond Euro High Yield +0,06 7,946 +0,11 8,194 Prima Fix High Yield A +0,11 8,375 Prima Fix High Yield Y OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari +0,43 9,334 Azimut Reddito Usa +0,39 6,152 +0,31 6,47 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt Ducato Fix Dollaro A +0,29 7,016 +0,28 7,085 Ducato Fix Dollaro Y Fonditalia Bond Usa R +0,49 8,811 Fonditalia Bond Usa T +0,49 8,889 Gestielle Bond Dollars A +0,43 9,645 Gestielle Bond Dollars B +0,43 9,801 +0,50 7,675 Interfund Bond Usa Nordfondo Obbligazioni Dollari +0,41 14,804 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI Acomea Obb.Internazionale +0,02 8,228 +0,14 16,71 Allianz Reddito Globale L Allianz Reddito Globale T +0,13 16,375 Alpi Obbligazionario Internazionale +0,11 7,253 +0,37 6,596 Alto Internazionale Obb. Arca Bond - Obbligazioni Estere +0,15 13,023 Aureo Obbligazioni Globale +0,05 8,157 Bim Obb. Globale +0,07 6,044 6,18 Carige Obbligazionario Internazionale A +0,16 Carige Obbligazionario Internazionale B +0,16 6,316 -0,15 5,853 Carismi Bond Internaz. A -0,23 5,694 Carismi Bond Internaz. B Ducato Fix Globale A +0,00 8,147 Ducato Fix Globale Y +0,01 8,218 Eurizon Obb. Internazionali +0,17 8,81 -0,04 14,90 Fondersel Internazionale Gestielle Obbligazionario Intern. A +0,15 6,641 +0,15 6,759 Gestielle Obbligazionario Intern. B Imibond -0,12 16,48 -0,24 5,398 Mc G.Fdf Global Bond A Mc G.Fdf Global Bond B -0,22 5,339 Ml Master Series Bonds +0,00 5,338 +0,03 6,053 Norvega Obb. Internazionale A Norvega Obb. Internazionale B +0,07 6,137 Optima Obb. Euro Global -0,03 7,00 Pacto Obblig. Internazionale A +0,07 6,108 +0,07 6,117 Pacto Obblig. Internazionale B Pianeta +0,25 10,133 +0,16 9,356 Prima Fix Obbligazionario Globale A Prima Fix Obbligazionario Globale Y +0,15 9,403 +0,23 5,993 Ubi Pra. Obbligazioni Globali OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE Anfiteatro Global Bond -0,02 5,602 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate +0,11 6,991 OB. YEN Ducato Fix Yen A -0,04 4,54 Ducato Fix Yen Y -0,04 4,576 Interfund Bond Japan +0,02 6,204 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Amundi Multicorp. Dic. 2012 -0,06 5,102 Amundi Obbligazionario Euro +0,14 5,583 +0,14 6,307 Anima Convertible Azimut Trend Tassi -0,03 8,926 +0,00 5,153 Consultinvest Obbligaz. Medio Termine Consultinvest Obbligazionario +0,00 5,197


12 Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Ducato Fix Convertibili A Ducato Fix Convertibili Y Eurizon Focus Obb. Cedola Eurizon Obb. Etico Fonditalia Euro Yield Plus R Fonditalia Euro Yield Plus T Fonditalia Inflation Linked R Fonditalia Inflation Linked T Gestielle Obbligazionario Corporate A Gestielle Obbligazionario Corporate B Groupama It. Bond Sel. Fund Interfund Inflation Linked Mediolanum Risparmio Reddito Nordfondo Obbligazioni Convertibili Pioneer Cim Euro Convertible Bonds Pioneer Cim Euro Fixed Income Pioneer Obb. Euro Dis. A Prima Fix Emergenti A Prima Fix Emergenti Y Prima Forza 1 A Prima Forza 1 B Prima Forza 1 Y Prima Forza 2 A Prima Forza 2 B Prima Forza 2 Y Ras Lux Short Term $ Ras Lux Short Term Euro Symphonia Comp.Obb. Area Europa Ubi Pra. Obbligazioni Dollari OB. FLESSIBILI Amundi Soluzioni Tassi Arca Cedola 2015 Alto Potenziale Arca Cedola Bond Globale Euro Arca Cedola Corp. Bond Arca Cedola Corp. Bond Ii Arca Cedola Corporate Bond Iii Arca Cedola Gov. Euro Bond Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii Arca Cedola Gov. Euro Bond Iii Aureo Cash Dynamic Bg Focus Obbligazionario Bnl Target Return Liquidita' Cividale Forum Iulii Strategia A Cividale Forum Iulii Strategia B Consultinvest High Yield Consultinvest Monetario Consultinvest Reddito Ducato Fix Rendita A Ducato Fix Rendita Y Euromobiliare Tr Flex 2 Mediolanum Flessibile Obblig. Globale Premium Risparmio Ritorni Reali Symphonia Bond Flessibile Ubi Pra. Active Duration Ubi Pramerica Total Return Prudente Vegagest Obbligazionario Flessibile Volterra Tr Obblig. OB. MISTI Acomea Multi Fund Linea Prudente Acomea Performance Alleanza Obbligazionario Alto Obbligazionario Anima Fondimpiego Arca Obbligazioni Europa Azimut Contofondo Azimut Solidity Bancoposta Mix 1 Bim Corporate Mix Bnl Telethon Ca Multimanager Difensiva Capitale Pià Comparto Bilanciato 15 Carige Bilanciato 10 Cividale Forum Iulii Rendita A Cividale Forum Iulii Rendita B Cr Cento Misto Best Eurizon Diversificato Etico Eurizon Rendita Eurizon Soluzione 10 Fucino Challenger Gestielle Etico Per Ail A Gestielle Etico Per Ail B Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica Nextam P. Obbligazionario Misto Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni Norvega Sintesi Moderato Pacto Obiettivo Reddito A Pacto Obiettivo Reddito B Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A Sforzesco Symphonia Patr.Globale Reddito Synergia Bilanciato 15 Total Return Obbligazionario Ubi Pra. Portafoglio Prudente Valori Responsabili Obbligaz. Misto Zenit Obb. I Zenit Obb. R Arca Bond Paesi Emergenti Bnl Obbligazioni Emergenti Emerging Markets Bond Eurizon Focus Obb. Emergenti Euromobiliare Emerging Markets Bond Fonditalia Bond Global Emerging Markets R Fonditalia Bond Global Emerging Markets T Gestielle Emerging Mkt Bond A Gestielle Emerging Mkt Bond B Interfund Bond Global Emerging Markets Mc G.Fdf High Yield A Mc G.Fdf High Yield B Nordfondo Obbligazioni Paesi Emergenti Norvega Obb. Paesi Emergenti A Norvega Obb. Paesi Emergenti B Optima Obb. Emergent Market Pioneer Obb.Paesi Emergenti Dis. A LIQUIDITA' AREA EURO Acomea Liquidita' Agora Cash Allianz Liquidita' A Allianz Liquidita' At Allianz Liquidita' B Amundi Eonia Amundi Liquidita'

-0,08 -0,07 +0,02 +0,13 +0,00 +0,00 +0,09 +0,09 +0,08 +0,04 +0,40 +0,09 -0,22 +0,17 -0,38 +0,10 +0,09 -0,03 -0,03 +0,02 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,04 +0,49

-0,06 +0,02 +0,04 +0,08 +0,12 +0,12 -0,08 -0,14 -0,08 -0,02 +0,04 +0,01 -0,02 -0,02 +0,14 -0,07 -0,01 -0,02 -0,01 -0,03 -0,08 +0,09 -0,01 +0,02 +0,08 +0,07 +0,01 +0,02 +0,06

+0,08 +0,09 -0,02 -0,14 +0,00 +0,11 -0,15 -0,10 +0,05 +0,11 +0,03 +0,00 -0,04 +0,04 -0,38 -0,39 -0,15 +0,00 -0,15 -0,03 -0,06 +0,00 +0,00 -0,11 -0,02 -0,15 +0,09 +0,03 +0,03 +0,00 +0,03 +0,00 -0,06 +0,10 +0,08 +0,08 +0,02 +0,02 -0,12 +0,20 +0,00 -0,08 +0,20 -0,16 -0,16 -0,10 -0,11 -0,19 -0,08 -0,09 +0,14 -0,04 -0,04 +0,16 +0,20

8,702 8,819 6,127 5,547 9,452 9,525 14,017 14,115 7,312 7,353 5,829 13,959 11,115 5,424 5,837 16,09 6,698 13,55 13,877 5,149 5,15 5,19 4,687 4,689 4,743 144,626 65,602 9,655 5,321

4,812 5,024 5,001 5,317 5,072 5,065 5,081 4,927 5,012 5,199 6,698 10,006 5,842 6,005 5,794 5,474 7,277 18,313 18,583 6,658 10,044 6,58 7,797 5,964 5,226 5,678 10,60 5,268 5,20

5,029 17,546 5,458 8,826 20,217 8,493 5,208 7,904 5,962 5,576 5,982 5,00 5,326 5,596 5,445 5,591 5,844 7,983 5,97 6,894 4,723 6,34 6,402 5,70 6,043 6,66 5,647 5,736 5,747 8,358 10,178 7,099 5,334 4,176 6,152 6,197 8,231 8,167 13,955 23,73 6,443 11,659 7,432 10,91 10,966 10,628 10,846 11,261 7,379 5,326 9,124 7,709 7,848 7,933 10,329

-0,02 11,497 +0,00 5,579 -0,02 5,586 +0,00 5,055 +0,00 5,716 +0,00 102,217 +0,00 8,958

VARIAZ. QUOT.

Anfiteatro Tesoreria Anima Liquidita' Arca Bt - Breve Termine Arca Bt - Tesoreria Aureo Liquidita' Azimut Garanzia Bnl Cash Carige Liquidita' Euro A Carige Liquidita' Euro B Carismi Liquidita' B Epsilon Cash Eurizon Focus Tesoreria Euro A Eurizon Focus Tesoreria Euro B Eurizon Liquidita' A Eurizon Liquidita' B Euromobiliare Conservativo Euromobiliare Contovivo Fideuram Moneta Fondaco Euro Cash Fondo Liquidita' Gestielle Cash Euro A Gestielle Cash Euro B Nextam P. Liquidita' Nordfondo Liquidita' Norvega Monetario A Norvega Monetario B Optima Money Pacto Tesoreria A Pacto Tesoreria B Pensplan Invest Cash Fund Pioneer Liquidita' Euro A Prima Fix Monetario A Prima Fix Monetario I Prima Fix Monetario Y Symphonia Comp.Monetario Synergia Monetario Synergia Tesoreria Ubi Pramerica Euro Cash LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso 8a+ Latemar 8a+ Monviso Abis Flessibile Abn Amro Expert A-Rt400 Aga Absolute Return Agora Flex Agora Selection Agora Valore Protetto Alarico Re Alkimis Capital Ucits Allianz F100 L Allianz F100 T Allianz F15 L Allianz F15 T Allianz F30 L Allianz F30 T Allianz F70 L Allianz F70 T Amundi Absolute Amundi Azionario Trend Amundi Dynamic Allocation Amundi Equipe 1 Amundi Equipe 2 Amundi Equipe 3 Amundi Equipe 4 Amundi Eureka Bric Ripresa 2014 Amundi Eureka China Double Wine Amundi Eureka China Ripresa 2015 Amundi Eureka Cina 2015 Amundi Eureka Doppia Opportunità 2014 Amundi Eureka Double Call Amundi Eureka Double Win Amundi Eureka Double Win 2013 Amundi Eureka Dragon Amundi Eureka Materie Prime 2015 Amundi Eureka Oriente 2015 Amundi Eureka Ripresa 2014 Amundi Eureka Ripresa 2016 Amundi Eureka Ripresa Due 2014 Amundi Eureka Settori 2016 Amundi Eureka Usa 2015 Amundi For. Gar. Em Eq. Recall 2013 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2013 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2014 Amundi For.Gar.Eq. Recall Due 2013 Amundi Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014 Amundi Form. Gar. Merc. Emerg. Amundi Form. Private Div. Opp. Amundi Formula Euro Eq. Option 2013 Amundi Formula Euro Eq. Option Due 2013 Amundi Formula Garantita 2012 Amundi Formula Garantita 2013 Amundi Formula Garantita Due - 2013 Amundi Formula Garantita High Diver. 2014 Amundi Piu Amundi Premium Power Amundi Private Alpha Amundi Qreturn Amundi Soluzione Azioni Amundi Strategia 95 Anfiteatro Bond Plus Anfiteatro Conservative Flex Anfiteatro Corporate Absolute Return Anfiteatro Corporate Bt Anfiteatro Total Return Anima Fondattivo Aqqua Arca Capitale Garantito Dic 2013 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 Arca Corporate Breve Termine Arca Formula Eurostoxx 2015 Arca Rendimento Assoluto T3 Arca Rendimento Assoluto T5 Aureo Defensive Aureo Finanza Etica Aureo Flex Euro Aureo Flex Italia Aureo Flex Opportunity Aureo Plus Aureo Primaclasse Flessibile

-0,02 +0,00 -0,02 -0,03 +0,00 -0,02 +0,00 +0,00 +0,00 -0,02 -0,02 -0,01 -0,03 -0,03 -0,03 +0,00 +0,01 -0,01 -0,02 -0,01 -0,04 -0,04 +0,00 +0,00 -0,02 -0,02 -0,02 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 -0,02 -0,02 -0,02 +0,00 -0,02 +0,00 -0,01

5,675 6,634 8,732 5,76 5,715 12,293 22,174 6,338 6,405 5,297 6,297 7,655 7,702 7,272 7,453 11,105 11,84 14,613 116,429 7,607 7,052 7,091 5,786 6,196 5,868 5,915 6,138 5,648 5,653 5,941 5,069 8,519 8,621 8,611 7,443 5,016 5,049 7,286

+0,06 -0,14 +0,12 +0,00 +0,02 +0,22 +0,04 +0,04 +0,03 +0,15 -0,10 +0,17 +0,17 +0,04 +0,04 +0,08 +0,08 +0,08 +0,08 +0,10 -0,04 -0,04 -0,04 -0,08 +0,00 +0,06 +0,21 +0,34 +0,75 +0,74 +0,26 +0,31 +1,06 +1,04 -0,24 +0,12 -0,08 +0,79 +1,20 +1,18 +0,16 +1,32 -0,08 -0,30 +0,08 -0,30 -0,04 -0,14 -0,16 +0,85 +0,82 -0,20 -0,28 -0,34 -0,30 +0,00 +0,02 +0,33 -0,20 -0,09 +0,02 -0,03 +0,00 -0,07 +0,02 +0,00 +0,26 +0,00 +0,00 -0,06 +0,00 +0,00 +0,02 +0,24 +0,00 -0,07 -0,39 -0,24 -0,04 -0,05 -0,02

5,267 5,144 5,143 5,772 4,655 5,023 6,772 4,862 6,333 4,559 4,904 4,098 4,021 5,455 5,374 5,278 5,197 27,728 27,153 5,259 94,166 5,22 5,269 5,211 5,192 4,834 5,266 5,684 5,086 5,037 5,07 5,442 5,637 4,935 6,316 4,964 4,97 5,24 5,052 4,971 4,974 4,825 5,026 4,922 5,227 4,924 5,062 5,719 4,989 4,501 4,529 5,077 4,962 4,952 4,942 5,636 5,137 4,823 5,441 4,505 4,907 7,413 5,023 5,615 5,184 3,259 13,751 4,868 5,19 4,995 5,555 4,822 5,202 5,036 5,07 6,106 9,662 16,845 4,828 5,915 5,413

+0,40 12,692 -0,03 16,558

VARIAZ. QUOT.

Aureo Rendimento Assoluto Azimut Strategic Trend Azimut Trend Azimut Trend America Azimut Trend Europa Azimut Trend Italia Azimut Trend Pacifico Bancoposta Centopiu' Bancoposta Centopiu' 2007 Bancoposta Extra Bancoposta Step Bancoposta Trend Bg Focus Azionario Bim Flessibile Bnl Target Return Conservativo Bnl Target Return Dinamico Bnpp 100% E Pià Grande Asia Bnpp 100% E Pià Grande Europa Bnpp Equipe Attacco Bnpp Equipe Centrocampo Bnpp Equipe Difesa Carige Flessibile Carige Flessibile B Carige Flessibile Piu' A Carige Flessibile Piu' B Carismi Absolute Perf. A Carismi Absolute Perf. B Carismi Pratico A Carismi Pratico B Consultinvest Alto Dividendo Consultinvest Mercati Emerg. Consultinvest Multi Flex Consultinvest Plus Cr Cento Premium Ducato Etico Flex Civita A Ducato Etico Flex Civita Y Ducato Multimanager Cash Premium A Ducato Multimanager Cash Premium Plus A Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y Ducato Multimanager Cash Premium Y Edr Multigestion Trend Global Epsilon Qreturn Eurizon Focus Capital. Protetto 12/2014 Eurizon Focus Garantito 03/13 Eurizon Focus Garantito 06/12 Eurizon Focus Garantito 09/12 Eurizon Focus Garantito 12/12 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 Eurizon Focus Profilo Dinamico Eurizon Focus Profilo Moderato Eurizon Focus Profilo Prudente Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni Eurizon Obiettivo Rendimento Eurizon Team 1 A Eurizon Team 1 G Eurizon Team 2 A Eurizon Team 2 G Eurizon Team 3 A Eurizon Team 3 G Eurizon Team 4 A Eurizon Team 4 G Eurizon Team 5 A Eurizon Team 5 G Euromobiliare Real Assets Euromobiliare Strategic Euromobiliare Strategic Flex Euromobiliare Tr Flex 3 Euromobiliare Tr Flex 4 Federico Re Fideuram Master Sel.Absolute Return Flessibile Fondaco Global Opportunities Fondersel Duemila Fonditalia Flex. Emerging Mkts R Fonditalia Flex. Emerging Mkts T Fonditalia Flexible Dynamic R Fonditalia Flexible Dynamic T Fonditalia Flexible Income R Fonditalia Flexible Income T Fonditalia Flexible Multimanager R Fonditalia Flexible Multimanager T Fonditalia Flexible Opportunity R Fonditalia Flexible Opportunity T Fonditalia New Flexible Growth R Fonditalia New Flexible Growth R Fonditalia New Flexible Growth T Fonditalia New Flexible Growth T Formula 1 Alpha Plus 20 Formula 1 Conservative Formula 1 High Risk Formula 1 Low Risk Formula 1 Risk Gestielle Brasile Gestielle Global Asset Plus Gestielle Harmonia Dinamico Gestielle Harmonia Moderato Gestielle Harmonia Vivace Gestielle Total Return Gestielle Total Return Obiettivo Piu' Gestielle Tr Obiettivo Cedola Gestnord Asset Allocation Igm Flessibile A Igm Flessibile B Interfund System 100 Interfund System 40 Interfund System Evolution Interfund System Flex Intra Assoluto Intra Flessibile Investitori Flessibile Kairos Partners Fund Kairos Partners Income Kairos Partners Small Cap Leonardo Trend Macro F.0. Mc G.Fdf Flx Low A

+0,02 -0,22 -0,36 +0,19 +0,08 -0,51 +0,66 +0,00 +0,00 +0,21 +0,00 -0,04 +0,28 +0,37 -0,02 -0,01 +0,13 -0,02 -0,02 -0,02 -0,02 +0,06 +0,06 +0,13 +0,13 -0,02 -0,02 +0,00 +0,00 +0,12 +0,41 +0,12 -0,04 +0,00 -0,07 -0,05 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 +0,00 -0,21 -0,08 -0,08 -0,06 -0,06 -0,08 -0,08 -0,04 -0,02 -0,02 +0,00 -0,02 +0,13 +0,06 -0,02 -0,09 -0,04 +0,00 +0,00 +0,02 +0,02 +0,00 -0,02 +0,00 -0,02 +0,17 +0,20 +0,15 +0,15 -0,05 +0,03 +0,18 -0,04 +0,01 +0,02 -0,12 +0,03 +0,00 +0,00 +0,16 +0,16 -0,26 -0,27 +0,02 +0,02 -0,10 -0,09 +0,08 +0,08 +0,05 +0,02 +0,06 +0,02 -0,05 +0,00 -0,13 +0,03 -0,11 +0,12 +0,00 -0,13 -0,09 -0,15 +0,11 +0,08 +0,06 +0,11 +0,05 +0,05 -0,01 -0,01 -0,01 -0,06 -0,31 +0,02 -0,29 +0,37 -0,04 -0,09 +0,36 -0,25 +0,04

5,585 5,10 19,246 8,923 11,953 14,561 6,424 5,295 5,261 5,319 5,006 4,981 22,276 3,791 5,068 12,466 5,421 5,091 4,55 4,828 5,43 5,239 5,267 4,519 4,59 4,819 4,897 6,075 6,122 3,304 5,19 4,908 5,228 3,805 4,233 4,323 4,733 4,176 4,25 4,793 5,025 6,175 5,084 5,172 5,136 5,118 5,132 5,298 5,161 5,242 5,125 4,964 5,21 5,323 5,37 5,469 5,472 5,242 4,908 8,113 6,012 6,012 5,71 5,705 4,797 4,822 4,058 4,084 3,915 3,941 4,252 3,206 13,582 4,615 6,877 5,22 9,159 2,882 100,337 94,047 2,498 2,526 6,163 6,187 8,468 8,515 9,448 9,523 7,77 7,824 8,767 8,659 8,853 8,739 6,368 6,419 6,782 6,635 6,513 5,112 5,38 5,367 5,337 5,412 14,103 5,049 4,923 4,741 4,066 4,112 9,605 11,206 10,207 10,341 5,87 6,244 6,196 5,653 6,696 9,295 6,062 3,983 5,275

VARIAZ. QUOT.

Mc G.Fdf Flx Low B +0,04 Mc G.Fdf Flx.High A -0,36 Mc G.Fdf Flx.High B -0,37 Mc G.Fdf Flx.Med. A +0,03 Mc G.Fdf Flx.Med. B +0,03 Mediolanum Flessibile Globale +0,06 Mediolanum Flessibile Italia -0,39 Mediolanum Flessibile Strategico -0,02 Nextam P. Flessibile -0,31 Nordest Sicav -0,51 Norvega Flessibile A +0,08 Norvega Flessibile B +0,08 Norvega Mb Absolut -0,07 Norvega Mb Strategic -0,07 Norvega Rendimento A +0,26 Norvega Rendimento B +0,26 Ob. Rendimento +0,05 Open Fund Ritorno Assoluto Var2 +0,11 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 +0,21 Pacto Obiettivo Rendimento A -0,13 Pacto Obiettivo Rendimento B -0,13 Paritalia Orchestra C +0,00 Pioneer Target Controllo A +0,09 Pioneer Target Equilibrio A +0,24 Pioneer Target Sviluppo A +0,20 Prima Strategia A-Rt 100 A -0,08 Prima Strategia A-Rt 100 Y -0,08 Prima Strategia A-Rt 200 A -0,08 Prima Strategia A-Rt 200 Y -0,08 Prima Strategia A-Rt 50 A -0,10 -0,10 Prima Strategia A-Rt 50 Y Prima Strategia Europa Alto Potenziale A +0,09 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y +0,04 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A +0,09 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y +0,09 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A +0,04 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y +0,06 Profilo Best Funds +0,02 Profilo Elite Flessibile -0,07 Sofia Flex +0,28 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A +0,46 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B -0,08 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A +0,37 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B +0,36 Soprarno Global Macro A +0,61 Soprarno Global Macro B +0,60 +0,22 Soprarno Inflazione +1,5% A Soprarno Inflazione +1,5% B +0,24 Soprarno Relative Value A +0,35 Soprarno Relative Value B +0,35 Symphonia Asia Flessibile +0,35 +0,04 Symphonia Comp.Fortissimo -0,34 Symphonia Italia Flessibile Synergia Total Return +0,04 Total Return +0,23 Ubi Pra. Active Beta +0,04 Ubi Pra. Alpha Equity +0,08 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A +0,00 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B -0,02 +0,02 Ubi Pra. Total Return Dinamico +0,00 Unibanca Plus -0,17 Volterra Dinamico Volterra Tr Glob. +0,11 Zenit Absolute Return I -0,16 Zenit Absolute Return R -0,14 Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 Zenit Zero 100 +0,11 ASSICURATIVI ANTONVENETA VITA +0,42 Antonveneta Vita Armonico Antonveneta Vita Armonico 2007 +0,22 Antonveneta Vita Attivo +0,41 Antonveneta Vita Attivo 2007 +0,22 Antonveneta Vita Azionario +0,65 Antonveneta Vita Azionario Globale +0,38 Antonveneta Vita Azionario Specializzato +0,92 +0,92 Antonveneta Vita Bilanciato Euro +0,35 Antonveneta Vita Bilanciato Globale +0,39 Antonveneta Vita Dinamico Antonveneta Vita Equilibrato +0,38 Antonveneta Vita Euromoneta +0,06 Antonveneta Vita Monetario +0,09 +0,46 Antonveneta Vita Obbligazionario Antonveneta Vita Obbligazionario Euro +0,10 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto +0,33 Antonveneta Vita Protetto +0,34 +0,04 Antonveneta Vita Protetto 2007 Antonveneta Vita Sicuro +0,31 Antonveneta Vita Trend +0,47 Antonveneta Vita Trend Dinamico +0,37 +0,36 Antonveneta Vita Trend Equilibrato +0,47 Antonveneta Vita Trend Plus Antonveneta Vita Trend Protetto +0,04 AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Aurora New Balanced -0,06 -0,61 Aurora New Bond Aurora New Share +0,62 +0,00 Aurora Unietic -0,32 Aurora Unit Balanced -0,98 Aurora Unit Bond Aurora Unit Share +0,12 Aurora Winvest Bilanciata +0,38 Aurora Winvest Dinamica +0,69 Aurora Winvest Prudente +0,02 AXA MPS FINANCIAL +0,62 Axa Mps Aggressivo Axa Mps Carattere Forte +0,18 Axa Mps Fin. Az. Europa +0,42 Axa Mps Fin. Az. Giappone -0,07 Axa Mps Fin. Az. Pacifico -0,08 +0,41 Axa Mps Fin. Az. Sector Axa Mps Fin. Az. Top Ten +0,07 Axa Mps Fin. Carattere Attento -0,01 Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato +0,07 +0,07 Axa Mps Fin. Carattere Sereno Axa Mps Fin. Conservativo +0,07 Axa Mps Fin. Dinamico +0,18 -0,13 Axa Mps Fin. Dinamico A Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A +0,17 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente -0,89 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo -0,33 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield +0,04 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 +0,00

5,265 4,425 3,752 5,719 3,78 14,233 15,979 6,328 4,758 3,92 7,399 7,445 3,014 2,97 5,35 5,379 5,861 4,512 3,737 5,281 5,301 72,615 5,413 5,407 22,61 5,118 5,141 4,882 4,906 16,441 16,484 2,233 2,257 13,956 13,976 4,666 4,726 5,911 5,626 0,717 5,192 5,092 5,207 5,235 4,951 5,01 5,473 5,506 5,372 5,434 6,327 2,686 4,919 5,242 2,168 4,729 5,10 5,127 5,147 4,985 5,279 5,363 5,407 5,643 5,549 1,245 4,395

11,311 9,75 12,069 9,322 14,319 8,43 9,79 11,549 11,148 13,548 14,819 11,436 11,846 11,952 13,441 12,573 12,613 10,609 12,951 12,107 8,567 10,182 7,484 10,565

10,99 10,777 11,589 10,539 10,716 9,132 9,543 11,695 10,353 12,64

9,638 8,999 8,15 7,205 15,86 6,603 11,211 10,754 10,40 10,755 11,785 10,168 11,752 22,94 10,998 9,112 11,283 10,815

VARIAZ. QUOT.

Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double Axa Mps Fin. Mplife 100/1 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 Axa Mps Fin. Mplife 90/1 Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa Axa Mps Fin. Secure A Axa Mps Fin. Usa Equity A BCC VITA Bcc Vita Equity America Bcc Vita Equity Asia Bcc Vita Equity Europa Bcc Vita World Global Bond Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 Bpm Az 50 Bpm Az 80 Bpm Az Flex Bpm Financial Audace Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 Bpm Financial Equilibrato Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 Bpm Financial Geographic Areas Bpm Financial Global Bond Bpm Financial Industrial Sector Bpm Financial Prudente Bpm Financial Riserva Euro Bpm Financial Vita Azionario Bpm Financial Vita Bilanciato Bpm Financial Vita Obbligazionario BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 Bnl Vita Capital Unit 60 Bnl Vita Capital Unit 90 Cardif Assicurazioni Spa Cardif Azionario A Cardif Azionario B Cardif Azionario Rimini 2 Cardif Bds Valore Azionario Cardif Bds Valore Bilanciato Cardif Bds Valore Obbligazionario Cardif Bilanciato A Cardif Bilanciato B Cardif Flexible Profilo A Cardif Obbligazionario A Cardif Obbligazionario B Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 Cardif Pargest Globale 60 A Cardif Spazio Effervescente Cardif Spazio Naturale CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G Carige Dinamicamente Protetta Carige Gestilink Arancione Dinamica Carige Gestilink Blu Moderata Carige Gestilink Verde Prudente Carige Protezione Attiva Cattolica Assicurazioni Cattolica Azionario Cattolica Bilanciato Cattolica Bpbari Freeway Country Cattolica Bpbari Freeway Desert Cattolica Bpbari Freeway Jungle Cattolica Cividale Percorso Azionario Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario Cattolica Ferrara Investire Azionario Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario Cattolica Fondo Protetto Cattolica Formula Life Azionaria Cattolica Formula Life Bilanciata Cattolica Fuoriclasse Balanced Cattolica Fuoriclasse Bond Cattolica Fuoriclasse Equity Cattolica Fuoriclasse High Tech Cattolica Nuove Rotte Cattolica Obbligazionario Cattolica Progetto Attivo Bond Cattolica Progetto Attivo Equity Cattolica Progetto Attivo Mix Cattolica Soluzione Dinamica Cattolica Soluzione Prudente Cattolica Soluzione Vivace CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita 6attivo-Orchestra Centrovita 6protetto Regina Centrovita Anni 40 Centrovita Anni 50 Centrovita Anni 60 Centrovita Anni 70 Centrovita Anni 80 Centrovita Azionario Centrovita Azionario Blue Centrovita Azionario Green Centrovita Azionario Plus Centrovita Bilanciato Centrovita Bilanciato Plus Centrovita Eag 2005 Centrovita Eag 2006 Centrovita Obbligazionario Centrovita Obbligazionario Blue Centrovita Obbligazionario Plus DUOMO PREVIDENZA S.P.A. Duomo Unit Dynamic Unit Moderate GENERTELLIFE S.P.A. Adria Equilibrio Genertellife Aptus 1 Genertellife Aptus 2 Genertellife Aptus 3 Genertellife Bg 2005-2015 Genertellife Bg 2005-2020 Genertellife Bg 2005-2025 Genertellife Bg 2005-2030 Genertellife Bg Azionario 1 Genertellife Bg Azionario 2 Genertellife Bg Bilanciato 1 Genertellife Bg Bilanciato 2 Genertellife Bg Dinamico Genertellife Espansione Genertellife Espansione2000

-0,02 +0,00 +0,58 +0,00 -0,10 -0,08 -0,22 +0,20

-0,94 -0,10 +1,97 +0,78

+0,17 +0,52 +1,11 +0,89 +1,26 -0,36 -0,18 -0,18 -0,18 +0,85 +0,00 +1,52 -0,16 +1,79 +0,56 -0,15 +1,71 +0,88 -0,14

11,902 10,003 10,004 9,565 9,975 11,938 13,109 5,627 4,636 5,128 4,72 5,461

6,07 5,84 5,45 4,52 4,01 5,52 5,57 5,51 5,52 4,74 5,58 3,33 6,43 3,41 5,36 6,55 4,77 5,76 7,23

-0,12 11,001 -0,20 8,796 -0,19 6,712

-1,62 +1,09 -1,58 -2,26 -0,84 -0,05 -0,89 +0,34 -1,59 +0,07 -0,13 +0,09 +0,35 -2,27 +0,29

86,135 139,541 63,297 96,924 136,368 179,282 123,124 194,019 75,203 165,472 222,017 107,912 186,202 108,962 173,009

+0,71 5,22 +0,00 5,16 -0,79 3,777 -1,06 5,332 -0,54 6,785 +0,06 105,21

+0,71 4,278 +0,40 4,541 -0,47 3,421 -1,70 3,298 +1,01 0,301 +1,79 11,96 -0,11 11,626 +1,20 3,447 -0,48 5,614 +0,23 5,198 +0,96 4,648 +0,79 5,092 +0,96 4,719 -0,04 5,689 +1,88 3,193 +2,33 1,359 +0,13 5,60 -0,08 5,037 -0,11 4,732 +0,75 3,909 +0,35 4,531 +0,53 5,461 +0,18 6,725 +1,17 3,79 +0,00 -0,09 -0,02 -0,02 +0,53 +1,13 +1,63 +1,49 +1,50 +1,52 +1,53 +0,65 +0,66 +0,00 +0,00 -0,21 -0,24 -0,21 +1,47 -0,02

72,623 105,47 149,575 168,73 126,451 127,712 101,194 113,771 60,326 60,601 138,902 155,709 183,727 1.038,80 1.049,92 197,475 129,364 219,932 2,065 4,943

-0,05 6,045 +0,20 4,903 +0,86 4,452 +1,26 3,697 -0,26 10,438 -0,71 9,824 -1,03 9,017 -1,49 8,422 +1,95 2,247 +1,74 2,575 +0,92 3,966 +0,25 5,136 +0,26 8,208 +1,16 2,784 +1,16 2,801

VARIAZ. QUOT.

Genertellife Sviluppo +0,41 Genertellife Sviluppo2000 +0,78 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio +0,57 Genertellife Tirreno Unit Protezione +0,12 Genertellife Tirreno Unit Sviluppo +0,96 Genertellife Valore -0,06 Ina Assitalia Ina Fondo Ina Valore Attivo -0,07 Ina Fondo Valute Estere -0,51 Ina Nuovo Fondo Ina -0,20 Intesavita Spa Intesa Vita Accumulazione +0,52 Intesa Vita Azionario America Growth +1,87 Intesa Vita Azionario America Value +1,27 Intesa Vita Azionario Cina +1,90 Intesa Vita Azionario Europa Growth +2,69 Intesa Vita Azionario Europa Value +2,24 Intesa Vita Crescita +0,16 Intesa Vita Dinamica +0,81 Intesa Vita Eurounit Azionario -0,50 Intesa Vita Eurounit Dinamico -0,37 Intesa Vita Eurounit Equilibrato -0,32 Intesa Vita Eurounit Prudente -0,25 Intesa Vita Gpa Accordo -0,56 Intesa Vita Gpa Accordo 2 -0,55 Intesa Vita Gpa Acuto +0,48 Intesa Vita Gpa Acuto 2 +0,48 -0,06 Intesa Vita Gpa Armonia Intesa Vita Gpa Armonia 2 -0,06 Intesa Vita Gpa Motivo -0,42 Intesa Vita Gpa Motivo 2 -0,43 Intesa Vita Monetario Dollaro -0,82 Intesa Vita Monetario Euro +0,00 Intesa Vita Obbligazionario Euro -0,44 +1,49 Intesavita Gpa Private Bond Intesavita Gpa Private Global Guar. +1,28 Intesavita Gpa Private Global High +0,26 Intesavita Gpa Private Global Low +1,25 Intesavita Gpa Private Global Medium +0,99 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo -0,56 Mediolanum Azionario Dinamismo Bis -0,54 +0,00 Mediolanum Azionario Fedeltà Mediolanum Azionario Lntraprendenza -0,66 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis -0,66 Mediolanum Azionario Protezione -0,14 -0,48 Mediolanum Balanced Mediolanum Balanced Bis -0,47 Mediolanum Country -0,58 Mediolanum Country Bis -0,59 Mediolanum Dynamic -0,57 -0,56 Mediolanum Dynamic Bis Mediolanum Eurobond Breve Termine -0,07 Mediolanum Eurobond Opportunita' -0,34 Mediolanum Eurobond Sviluppo -0,21 Mediolanum Euroequity Opportunita' -0,67 -0,15 Mediolanum Euroequity Protezione Mediolanum Euroequity Sviluppo -0,57 -0,35 Mediolanum Moderate Mediolanum Moderate Bis -0,36 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis -0,05 -0,34 Mediolanum Obb. Crescita Bis -0,15 Mediolanum Obb. Evoluzione Bis Mediolanum Obb. Moderazione Bis -0,20 -0,35 Mediolanum Obbligazionario Crescita Mediolanum Obbligazionario Liquidita' -0,08 Mediolanum Obbligazionario Moderazione -0,19 -0,65 Mediolanum Opportunity Mediolanum Opportunity Bis -0,66 Mediolanum Prudent -0,08 Mediolanum Prudent Bis -0,09 Mediolanum Sector -0,61 Mediolanum Sector Bis -0,61 MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario +0,29 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato +0,18 Milano Assicurazioni Previlink Monetario +0,00 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario-0,02 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. Risparmio Crfc Gentile Dinamica -2,68 Risparmio Crfc Gentile Equilibrata -1,67 Risparmio Eurolink Cv Dinamico -1,70 -0,45 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato Risparmio Eurolink Cv Risparmio -0,29 +0,03 Risparmio Formula Link In Prima Risparmio Formula Link In Seconda -1,29 Risparmio Formula Link In Terza -0,96 -1,46 Risparmio Gestivita Azionario -1,61 Risparmio Gestivita Bilanciato Risparmio Gestivita Obbligazionario -1,88 +0,00 Risparmio Patavium Ul Dinamico Risparmio Patavium Ul Equilibrato -0,12 SARA VITA S.P.A. +0,78 Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale +0,74 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo -0,85 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale -2,07 Sara Vita Profilo Guardian -0,21 Unipol Assicurazioni +0,00 Unipol Uninvest Arcosereno Unipol Uninvest Azioni Piu' -0,14 -0,18 Unipol Uninvest Crescita -0,03 Unipol Uninvest Equilibrio +0,18 Unipol Uninvest Flessibile Unipol Uninvest Grande7 -0,15 -0,39 Unipol Uninvest Grandevita Unipol Uninvest Mach 7 -0,12 -0,12 Unipol Uninvest Otto&Mezzo Unipol Uninvest Performance Europa +1,35 Unipol Uninvest Risparmio -0,52 Unipol Uninvest Valore +0,31 ZURICH LIFE AND PENSION Zlap Controllo -0,16 Zlap Crescita -0,19 Zlap Equilibrio -0,20 Zlap Evoluzione -0,06 -0,24 Zlap Protezione -0,28 Zlap Prudenza Zlap Sicurezza -0,22 Zlap Sviluppo +0,21

4,177 3,76 5,983 5,876 5,236 6,158

4,158 1,163 7,973

5,434 9,034 9,856 24,351 11,043 11,378 6,179 4,867 3,216 5,101 5,617 6,429 693,83 666,13 424,89 356,69 535,92 471,18 646,19 606,60 9,63 10,835 11,672 747,66 604,37 346,49 690,10 561,67 3,534 4,051 1,607 3,291 4,041 5,857 4,776 4,838 3,435 4,01 4,201 4,601 6,738 7,011 6,774 4,30 6,483 4,555 5,189 5,203 5,517 5,513 5,206 5,516 6,878 6,646 6,669 3,845 4,206 6,197 5,492 3,398 4,226 3,113 4,456 6,168 5,671

3,013 5,416 12,861 12,797 11,871 11,632 10,023 8,075 9,014 10,927 12,752 7,57 8,88 8,404 8,071 9,305 9,713 9,73

119,53 110,44 13,924 13,282 7,243 110,252 106,157 111,129 103,729 7,749 13,83 13,018

5,463 6,472 7,661 4,844 7,943 5,776 5,494 3,744


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani 13

APPUNTAMENTI CON IL FISCO

Attività ispettiva: siglato un protocollo d’intesa Protocollo firmato da ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, Inps, Inail e Agenzia delle entrate Con il DL 124 del 23 Aprile 2004, pubblicato in G.U. n. 110 del 12 Maggio 2004, si è operato, come noto, per la "razionalizzazione delle funzioni ispettive in materia di previdenza sociale e di lavoro, a norma dell’articolo 8 della legge 14 febbraio 2003, n. 30", funzioni svolte anche dal personale di vigilanza degli Enti per i quali sussiste la contribuzione obbligatoria nell’ambito dell’attività di verifica del rispetto degli obblighi previdenziali e contributivi. Inoltre il decreto in commento prevede che, al fine di evitare duplicazioni di interventi da parte dei singoli organismi preposti all’attività di vigilanza in materia di lavoro, previdenza ed assistenza sociale, venga messa in attoun’attività di interscambio di informazioni e dati, in forma telematica, attraverso le quali le amministrazioni interessate possano tempestivamente trasmettere le informazioni necessarie tra di loro, relativamente ai datori di lavoro sot-

toposti ad ispezione. In tale ambito è necessario mettere in evidenza la stipula di un efficace protocollo di intesa per lo scambio dei dati e delle informazioni in materia di attività ispettiva, creato sulla base di quanto sancito dal DL 124/2004. Il presente protocollo è stato siglato in data 04 Agosto 2010 tra: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (INPS); Istituto Nazionale contro gli infortuni sul lavoro (INAIL); Agenzia delle EntrateCon il presente protocollo si assiste, pertanto, alla nascita di un valido rapporto di collaborazione tra l’ Agenzia delle Entrate, l’ INPS e l’INAIL, caratterizzato da una forte intesa e cooperazione nel processo di interscambio delle informazioni, connesse alle singole competenze e ruoli. Il protocollo in commento avrà efficacia per tre anni a decorrere dalla data di stipula (04/08/2010) e potrà essere rinnovato su concorde

volontà delle parti, da manifestarsi attraverso lo scambio di informazioni tra le stesse. La stipula del presente protocollo ha come obiettivo l’innalzamento della capacità di vigilanza sull’attuazione delle norme in materia di lavoro e di legislazione sociale, nonché di migliorare l’efficacia e l’efficienza dell’azione ispettiva nella lotta all’evasione contributiva ed al lavoro sommerso, attraverso la programmazione dell’attività di vigilanza indirizzata su obiettivi concreti ed ottimizzando l’utilizzo delle risorse disponibili. Il presente protocollo definisce quelle che devono essere le informazioni oggetto di interscambio, nel corso dei 3 anni, mettendo in evidenza le tipologie di informazioni, che le singole parti sono tenute a trasmettere in relazione ai propri compiti istituzionali al fine dello svolgimento delle proprie competenze.

Notifica al portiere non valida se manca la motivazione

Presentazione della dichiarazione Ici Scade il 30 settembre 2010 il termine per la presentazione della dichiarazione Ici nei casi in cui è ancora obbligatoria

Scade il 30 settembre 2010, il termine per la presentazione della dichiarazione ICI. Con tale dichiarazione, il contribuente mette a conoscenza il Comune di quegli eventi che comportano una modifica dei dati precedentemente dichiarati, da cui consegua un diverso ammontare dell’imposta dovuta. Per le variazioni avvenute nell’anno 2009, la dichiarazione ICI deve essere dunque presentata al comune dove è sito l’immobile, oppure può essere spedita tramite raccomandata all’ufficio tributi del comune. Per la presentazione deve essere utilizzato il modello approvato dal Dm 12 maggio 2009. Se gli immobili sono ubicati in più comuni, devono essere compilate tante dichiarazioni per quanti sono i comuni. La presentazione della dichiarazione ICI da parte del contribuente è richiesta quando si vuol fare valere il diritto ad ottenere riduzioni d’imposta nei casi in cui gli elementi rilevanti per il tributo dipendano da atti per i quali non

risultanoapplicabilileprocedure telematiche. Il modello di dichiarazione ICI va inoltre utilizzato anche in tutti i casi in cui gli elementi rilevanti ai fini dell’imposta non siano acquisibili dai comuni tramite la consultazione delle banche dati catastali.La dichiarazione ICI deve essere presentata quando: Gli immobili godono di riduzione dell’imposta; Gli immobili sono stati oggetto di atti per i quali non è stato utilizzato il M.U.I.; Gli immobili sono stati oggetto di modificazioni oggettive e soggettive, che danno luogo ad una diversa determinazione del tributo dovuto, non conoscibili dal comune attraverso la consultazione della banca dati catastale.La dichiarazione Ici deve essere presentata da: Tutti coloro che hanno acquistato la proprietà oppure la titolarità del diritto di usufrutto, uso o abitazione su un immobile nel corso dell’anno 2009; l’amministratore del condominio, per le parti comuni accatastate autonomamente; il superficiario o l’enfiteuta o il locatario finanziario; tutti coloro che hanno venduto la proprietà di un immobile nel corso dell’anno 2009 oppure hanno estinto il diritto di usufrutto, uso o abitazione o superficie o cessato contratti di enfiteusi o locazione finanziaria; chi è titolare di un immobile che ha acquisito o perso il diritto all’esenzioneoall’esclusionedell’I.C.I.nell’anno 2009; chi possiede un terreno divenuto edificabile o che, già edificabile, ha avuto una variazione del valore venale; chi è titolare di un immobile che ha cambiato le sue caratteristiche nell’anno 2009.

Con sentenza n. 19417 dell’11 settembre, la Corte di cassazione accoglie il ricorso contro la sentenza del giudice di pace e annulla la cartella esattoriale emessa per il mancato pagamento di una multa. Non è valida, infatti, la notificazione eseguita nelle mani del portiere senza la dovuta specificazione, nella relata, dell’esito negativo delle ricerche delle altre persone destinatarie, a titolo preferenziale, della consegna (la sentenza fa seguito alla n. 95 dell’8 gennaio 2010, della sezione tributaria). Un cittadino impugna in Cassazione una sentenza emessa dal giudice di pace di Roma, con la quale era stato respinto il ricorso contro una cartella esattoriale, emessa dal Comune di Roma, relativa al mancato pagamento di una sanzione amministrativa. Il giudice di pace respinge l’eccezione, ritenendola un indebito ampliamento dei motivi posti a fondamento del ricorso. In Cassazione, il ricorrente deduce di non aver mai ricevuto la notificazione del verbale relativo alla cartella impugnata e che solo successivamente ossia dopo il deposito da parte del Comune, in sede di costituzione in giudizio, della copia notificata del verbale - contesta la validità della notificazione per difetto dei requisiti di legge, in quanto effettuata irritualmente al portiere dello PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


14

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

AMBIENTE Le famiglie italiane spendono per il servizio idrico una media di 134 euro l’anno per un consumo di 100 metri cubi e 201 euro se il consumo è di 150 metri cubi

Presentato il rapporto Blue Book 2010 sul Servizio idrico integrato in italia di Giuseppe Tetto Le famiglie italiane spendono per il servizio idrico una media di 134 euro l’anno per un consumo di 100 metri cubi e 201 euro se, come avviene più spesso, il consumo è di 150 metri cubi. Questo secondo l’Associazione nazionale autorità e enti di ambito che in collaborazione con Utilitatis, ha presentato la sesta edizione del Blue Book, i dati sul Servizio idrico integrato (Sii) in Italia. Il dossier propone un esame delle variabili quantitative che descrivono i principali aspetti tecnici ed economici del Sii con dati che riguardano la pianificazione di 82 Ato, in cui si distingue un importante sottogruppo rappresentato dalle revisioni triennali, dove sono confluiti 21 Ambiti. Gli esborsi più elevati, spiega il rapporto, si registrano in Toscana (193 euro l’anno per un consumo di 100 mc e 301 per 150 mc), Liguria (ri-

spettivamente 178 e 258 euro l’anno) ed Emilia Romagna (173 euro e 270 euro). La spesa più contenuta si riscontra invece in Molise (43 euro l’anno per 100 mc e 73 per 150 mc) e in Lombardia (rispettivamente 60 e 91 euro). Analizzando un sottocampione di 26 bacini tariffari, si osserva che una famiglia con consumi annui di 150 mc è stata interessata da un aumento di spesa del 6,5% tra il 2008 e il 2010 (+2,2 tra il 2008 e il 2009, e +4,2 tra il 2009 e l’anno in corso). Nonostante gli aumenti, però, l’acqua continua ad essere uno dei servizi più economici, che incide per lo 0,8% sulla spesa media mensile di una famiglia di tre componenti, molto meno di trasporti ed energia, ma anche meno rispetto a quanto si spende per le sigarette.Guardando invece alla tariffa reale media, ponderata per la popolazione residente, il valore si attesta a 1,37 euro al metro cubo, con un trend in continuo

aumento: nel 2020 il valore medio raggiungerà infatti 1,63 euro, con dinamiche tariffarie piuttosto diversificate su base regionale. Ancora una volta, il primato spetta alla Toscana (1,92 euro), mentre quelli più contenuti si registrano in Lombardia (0,99 euro). Gli aumenti, spiega il rapporto, fino al 2015 saranno da attribuire prevalentemente alla componente legata agli investimenti. Nei prossimi 30 anni, secondo le stime del Blue Book, le società che gestiscono il servizio idrico sul territorio nazionale dovrebbero investire 64,12 miliardi di euro, pari a 2,13 miliardi l’anno. Parallelamente il rapporto prevede un aumento dei consumi pari al 3% tra il 2010 e il 2020, con aumenti particolarmente sensibili nelle isole e nel meridione, pari, rispettivamente, a +7,2% e +4,3%. Nonostante gli aumenti in vista, l’Italia resta comunque un paese molto competitivo sul fronte delle tariffe dell’ac-

Smog: le città italiane sono le più inquinate d’Europa Altro che Belpaese. All’Italia spetterebbe la palma di stato più inquinato d’Europa. I giorni in cui l’inquinamento superava i limiti consentiti dalla legge erano troppi e lo sono stati per molti Considerando il totale anni, ma secondo l’ultima rilevazione Istat provedell’aria nazionale, niente dal database Airbase dell’Agenzia europea risulta che al Sud per l’ambiente, la siancora si respira, e tuazione è peggiore di questo ha portato i dati quantosipotessepensare. Secondo quanto rielaborato dall’Istituto sull’inquinamento superiore di sanità in ocad abbassarsi casione della Settimana europea della mobilità,

delle 30 città europee più inquinate, ben 17 sono italiane, con il nostro Paese che ne presenta ben tre tra le prime quattro. Al primo posto di questa poco invidiabile classifica della città più inquinata a causa dello smog troviamo il centro bulgaro di Plovdiv, tallonata però da Torino. A seguire, Brescia, Milano e la capitale bulgara Sofia. All’estremo opposto della classifica troviamo invece Tallin in Estonia, Stoccolma, Lund e Malmo, tutte città svedesi. Esistono infatti dei limiti di legge, stabiliti dall’Ue, che si possono superare soltanto per un numero limitato di giorni fissato a 35 l’anno. Purtroppo però delle 30 città europee che superano questo limite per almeno 50 giorni, ben undici sono italiane (Torino, Milano, Brescia, Padova, Modena, Bergamo, Pescara, Napoli, Venezia, Rimini e Reggio Emilia), anche se la situazione è in leggero miglioramento visto che siamo passati dai 178 giorni di sforamento di Milano e Torino a 155 giorni nel 2006, vicino ai 100 nel 2008, ed il trend fa ben sperare per i calcoli riguardanti il 2009. Considerando invece il totale dell’aria nazionale, possiamo almeno rallegrarci del fatto che al Sud ancora si respira, e questo ha portato i dati sull’inquinamento ad abbassarsi.

qua. Rispetto a questi ultimi temi il presidente di Anea Luciano Baggiani ha sottolineato «la necessità di un intervento urgente da parte del Governo e delle Regioni per superare l’attuale fase di stallo, creata dall’imminente obbligo di liberalizzazione e dalla contestuale soppressione delle Autorità d’ambito, gli enti che controllano

64,12 Sono i milioni che saranno investiti dal servizio idrico sul territorio nazionale nei prossimi 30 anni


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani 15

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE Crisi: l’Italia ha retto bene, ma la situazione europea non dipende solo da noi

Tremonti: tranquilli, se si vota vinceremo ancora noi di Maria Teresa Squillaci Roma - Intervistato dal settimanale OGGI, il ministro dell’Economia Giulio Tremonti parla di tasse, della crisi, degli aspetti degenerativi del capitalismo. E di politica, premettendo che « non c’è da preoccuparsi, tanto se si va al voto vinciamo noi e continuiamo con la politica di stabilità». Inoltre «i vincoli imposti dalle regole dell’Unione europea rappresentano una sicurezza per l’Italia anche se si dovesse andare anticipatamente al voto». Il ministro spiega come mai il centrodestra ha governato per sette degli ultimi dieci anni promettendo di abbassare le tasse. E invece la pressione fiscale è salita. «Gli stessi che oggi denunciano la "salita" della pressione fiscale, qualche giorno fa hanno denunciato la "caduta" delle entrate fiscali. Mi pare che sia una polemica un po’ schizzata. Premesso che non abbiamo inventato nuove tasse o fatto crescere le aliquote di quelle vecchie, come invece prima si faceva, e che le mani le abbiamo messe solo nelle tasche degli

evasori, e i dati lo dimostrano perché il recupero di evasione a luglio 2010 era già arrivato a 4,9 miliardi di euro, pari a quasi diecimila miliardi di vecchie lire». Alla domanda sull’ opportunità di cominciare a pensare di tassare le rendite finanziarie, il ministro dell’Economia risponde: «Vedo che qualcuno, a sinistra, vorrebbe riproporre la patrimoniale. Ma se in decenni di storia d’ Italia non l’ ha introdotta nessun governo, né di destra né di sinistra, una ragione ci sarà. Di fatto, in un Paese come il nostro, vorrebbe dire tassare i Bot... Diciamo che ci starei un po’ attento, con il debito pubblico che abbiamo».Quanto alla crisi Tremonti usa prudenza: «noi per adesso sappiamo solo una » e osserva: «Entriamo nel terzo autunno dalla crisi del 2007-2008. Per due anni consecutivi ci siamo sentiti raccontare che in Italia ci sarebbe stato il collasso bancario, sociale, dei conti pubblici... Ebbene siamo ancora qui, e anche

nel 2010 per ora sul cruscotto non si sono accese spie, luci rosse che segnalano guasti gravi». «Certo – continua il ministro – sappiamo bene che ci sono tante famiglie, tante aziende dove la crisi ha prodotto grandi sofferenze. Però non possiamo ignorare che la situazione è la stessa in tutta Europa e anche negli Stati Uniti. Viviamo una fase storica di crisi. Abbiamo vissuto tutti al di sopra delle no-

Il nostro più grande successo negli ultimi due anni è stato quello di non essere diventati un caso tipo Grecia. Eravamo attesi al collasso, invece abbiamo tenuto bene

Quelli che oggi denunciano la "salita" della pressione fiscale, qualche giorno fa hanno denunciato la "caduta" delle entrate fiscali. Mi pare una polemica un po’schizzata

stre possibilità. Il nostro più grande successo negli ultimi due anni – aggiunge – è stato quello di non essere diventati un caso tipo Grecia. Attesi al collasso, invece abbiamo tenuto bene. Il governo ha fatto la sua parte, mettendo in sicurezza i conti pubblici, varando subito nel giugno 2008, ancora prima dello scoppio della crisi, la Finanziaria triennale, e così via. Ma se il Paese non è crollato lo si deve al fatto che abbiamo ottomila Comuni, quasi 8 milioni di partite Iva, c’è la famiglia ma anche l’Inps, esiste una quota enorme di risparmio. L’Italia è la somma di tutto questo, è come una rete flessibile». Tremonti ricorda il weekend di maggio, quando i ministri dell’economia europei si riunirono in via straordinaria per salvare l’euro. «Ecco, forse proprio in quel weekend europeo si sono poste le basi per porre termine alla grande paura. E tuttavia - precisa - i signori della finanza speculativa sono ancora in giro a piede libero. La massa dei "derivati" speculativi é tornata a salire. Ed é dunque giusto essere molto prudenti. Siamo ancora in "terra incognita" ». Quanto tempo ci vorrà per uscire dalla crisi? «La verità è che non lo sa nessuno. Al momento, nubi nere si stanno addensando sull’Atlantico, e potrebbero arrivare per prime sulle banche irlandesi. Il tempo è brutto, lassù, e quando il tempo è brutto da una parte può diventare brutto anche altrove. In Italia abbiamo fatto quello che dovevamo, ma quello che succede in Europa non dipende solo da noi».

In attesa del 28 settembre Mannino pensa a un nuovo partito insieme agli ex Dc

Udc: ancora impasti e rimpasti. Mannino ostracizza Casini di M. T. Squillaci Roma - Più partiti per tutti. Anche Calogero Mannino pare attratto dalla tendenza che negli ultimi giorni spopola tra i suoi "onorevoli colleghi". Il deputato siciliano dell’Udc infatti «non esclude» la possibilità di dar vita a un nuovo partito insieme ad altri esponenti di punta del partito sull’isola, e a «qualche altro "amico" nazionale». L’ex ministro prudentemente puntualizza che non è «ancora in grado di dire chi ne farà parte. Ma l’idea c’è». Se per un verso Mannino si guarda bene dal fare nomi (anche per evitare che «diventino oggetto di pressioni indebite»), per un altro verso fornisce importanti indicazioni sulle modalità in cui l’operazione da lui evocata si svolgerebbe: si tratterebbe di un partito "non siciliano", fondato sul legame tra centristi e altri amici che hanno avuto in passato posizioni di riferimento vicina alla tradizione democratico-cristiana. «Ci incontreremo presto, dopo il 28», promette Manni-

no. Insomma, il nuovo partito da lui prefigurato dovrebbe vedere la luce dopo l’intervento in Parlamento col quale Silvio Berlusconi illustrerà il documento programmatico in cinque punti su cui chiederà la fiducia. Ma proprio nella conta sui cinque punti programmatici illustrati da Berlusconi potrebbe emergere nella sua vastità quell’area "della responsabilità" che fungerebbe da serbatoio per il nuovo partito. Nell’accennare al varo del soggetto in cui diverse forze politiche post-democristiane potrebbero fondersi, Mannino pianta - anche per conto degli altri esponenti centristi siciliani - una serie di paletti politici. Dicendo no alla giunta regionale Lombardo quater, che «non farà lunga strada». E polemizzando duramente con Pier Ferdinando Casini, nei confronti del quale tutti i siciliani Udc devono essere «offesi», perché «tutti hanno concorso a costruire l’Udc e a fare le scelte difficili». Secondo l’ex ministro democristiano, «Casini ha affrontato questa crisi con un’ indole da giocoliere irresponsabile chiedendo le dimissioni

di Berlusconi». Si è trattato - accusa - di «un gesto velleitario e goliardico, non degno di un partito che vuole costituire l’alternativa politica al centro destra o al centro sinistra». Quanto al modo in cui i centristi siciliani vicini a Mannino guardano al governo, l’ex ministro spiega: che se le dichiarazioni di Berlusconi in Parlamento suoneranno convincenti «le voteremo, forse non tutte». Mannino tiene inoltre a puntualizzare: «Al contrario di Casini non ho incontrato Berlusconi, non lo conosco, non ho mai parlato con lui: non c’è stata nessuna trattativa»è la dura risposta all’immagine di esponenti centristi "col cappello in mano" dipinta da Casini . Tra i rappresentanti della tradizione democratico-cristiana che potrebbero essere interessati al nuovo soggetto vi sono personalità già entrate nel Pdl come Carlo Giovanardi (leader dei Popolari liberali) o Gianfranco Rotondi (fondatore della Democrazia cristiana per le autonomie). L’operazione potrebbe interessare anche l’Alleanza di centro fondata da Francesco Pionati, attual-

mente iscritto al gruppo misto della Camera, nonché Noi Sud, movimento guidato dal sottosegretario agli Esteri Enzo Scotti e generato da una scissione nel Movimento per l’autonomia di Raffaele Lombardo. Ieri Berlusconi ha mostrato la sua attenzione per Noi Sud intervenendo telefonicamente alla giornata conclusiva della festa del partito, svoltasi a Summonte. Proprio da Summonte uno dei deputati di Noi Sud, Arturo Iannaccone, ha espresso fiducia nella costituzione di un nuovo gruppo parlamentare schierato con la maggioranza e che garantirà a Pdl e Lega i 316 voti. Iannaccone ha detto che potrebbe raccogliere 20-22 parlamentari, compresi alcuni dell’Udc. L’apporto dei centristi potrebbe essere di quattro deputati siciliani più il campano Michele Pisacana, in rotta con l’Udc, e il pugliese Angelo Cera. Ai sei deputati Udc si potrebbero sommare i cinque di Noi Sud, Pionati e il repubblicano Francesco Nucara. Una quindicina di nomi che potrebbe ulteriormente allargarsi. O improvvisamente disperdersi.


16

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

DALL'ITALIA E DAL MONDO Iata: crescono gli utili nel 2010 Ma le europee vanno meno forte

Iniziativa senza precedenti per violazione delle norme anti riciclaggio in quanto la Banca vaticana è extracomunitaria

La Procura sequestra 23 milioni di euro dello Ior di Carlo Bassi ROMA ROMA - Il nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza ha sequestrato, in via preventiva, 23 milioni di euro dello Ior depositati su un conto del Credito artigiano. Due alti responsabili della banca vaticana, tra i quali il presidente Ettore Gotti Tedeschi, sono indagati dalla Procura di Roma per omissioni legate alla violazione delle norme antiriciclaggio. È la prima volta in Italia che viene attuata una iniziativa del genere nei confronti dello Due alti responsabili della Ior. banca vaticana, tra i quali A disporre il sequestropreventivoèstato il presidente Ettore Gotti il gip Maria Teresa Covatta che ha acTedeschi, sono indagati. colto le richieste del procuratore aggiunÈ la prima volta in Italia to Nello Rossi e del nei confronti dello Ior sostituto Stefano Rocco Fava. L’azione penale è partita sulla base di una segnalazione dell’Unità informazioni finanziarie (Uif), la quale, il 15 settembre scorso, aveva già disposto la sospensione per cinque giorni, perché ritenute sospette, di due operazioni disposte dallo Ior sul conto aperto presso la sede romana del Credito artigiano.

Si tratta della movimentazione di 20 milioni destinati all’istituto di credito tedesco J.P. Morgan Frankfurt e di altri tre milioni destinati alla Banca del Fucino. Sul conto sono depositati complessivamente 28 milioni di euro. In una circolare del 9 settembre scorso Bankitalia fornisce agli istituti di credito indicazioni sui rapporti da tenere con lo Ior da considerare istituto di credito extracomunitario. Ciò impone per palazzo Koch obblighi di verifiche non semplificati ma rafforzati. È’ anche per questo motivo che l’Unita’ informazioni finanziarie ha attivato i controlli che hanno portato al sequestro dei 23 milioni e all’iscrizione sul registro degli indagati anche del presidente della banca vaticana. Altre operazioni dello Ior presso la filiale romana di via della Conciliazione sono da tempo nel mirino degli inquirenti di piazzale Clodio. Proprio ieri mattina, nel dare la notizia dell’intervento della Unità di informazione finanziaria (Uif) della Banca d’Italia, Il Sole 24 Ore aveva anticipato il possibile intervento della Procura per dovere d’ufficio. Il provvedimento di Namkitalia aveva durata di cinque giorni lavorativi e, quindi, scadeva proprio ieri pomeriggio.La procura di Piazzale Clodio si è attivata in base all’articolo 55 del decreto 231 del 2007, di attuazione della direttiva Ue sulla prevenzione del riciclaggio. Lo stesso decreto che, all’articolo 6, disciplina l’intervento dell’Uif.

SINGAPORE - Le compagnie aeree di tutto il mondo quest’anno registreranno utili notevolmente più alti, raggiungendo gli 8,9 miliardi di dollari, pari a oltre il triplo rispetto alle precedenti previsioni, secondo i dati diffusi dall’organismo mondiale del settore. Soltanto tre mesi fa, la International air traffic association (Iata) aveva stimato che le compagnie associate avrebbero registrato complessivamente nel 2010 guadagni per 2,5 miliardi di dollari. A marzo, aveva invece previsto perdite per 2,8 miliardi di dollari. La Iata ha spiegato che la revisione al rialzo degli utili netti del 2010 giunge in un momento in cui il settore sta assistendo a una ripresa più Per la Iata le consistente del previsto in termini di traffico e guadag- compagnie europee ni, dopo un periodo di recesdovrebbero restare sione. «È un miglioramento notevole, molto più forte del in rosso ma le loro previsto», ha spiegato il direttore generale di Iata, perdite a 1,3 mld Giovanni Bisignani a Singadai 2,8 stimati pore. «Ma occorre dire che non è tempo di festeggiare». Per il 2011, la Iata prevede l’aumento della capacità - grazie alle consegne di nuovi aerei il prossimo anno - con una crescita più lenta per il settore che metterà sotto pressione le capacità di carico e i guadagni, con minori profitti netti complessivi a 5,3 miliardi di dollari. «La ripresa ciclica in termini di traffico e di guadagni è stata più rapida del previsto. Tuttavia l’estensione di questo rialzo è in dubbio in Nord America ed Europa», spiega la Iata in una nota aggiungendo che le compagnie della zona dell’Asia-Pacifico sono quelle maggiormente beneficiate dalla ripresa nel settore merci e per cui rivede le previsioni degli utili in quest’area a 5,2 miliardi di dollari da 2,2. Al contrario, le europee dovrebbero restare in rosso.

Intanto Alitalia nega che stia pianificando 2mila esuberi ROMA - Alitalia smentisce di avere problemi e di essere in procinto di pianificare esuberi. Decisa la risposta della compagnia di bandiera alle voci innescate dall’articolo di un quotidiano. Non sono previsti al momento esuberi e l’Alitalia definisce «illazioni» le notizie circolate su «un presunto piano esuberi» e assicura, in una nota, che «l’eventuale evoluzione degli organici in termini di efficienza e flessibilità organizzativa derivante dal miglioramento delle performance e dei livelli di produttività saranno affrontati, quando necessario, di concerto con le organizzazioni sindacali firmatarie degli accordi del 2008». Erano stati tutti gli organismi sindacali a chiedere chiarimenti alla compagnia aerea dopo che un articolo pubblicato dal Corriere della Sera aveva resa nota l’intenzione dell’amministratore delegato Rocco

Sabelli di tornare ai numeri in organico previsti dal Piano Fenice. Il governo, prima con il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi e poi con quello dei Trasporti Altero Matteoli ,aveva sempre smentito che fosse imminente un nuovo dimagrimento della compagnia aerea, che tra l’altro veniva dai positivi risultati fatti registrare nell’ultima semestrale. «Duemila esuberi in Alitalia? Al governo non risulta, prima di dire qualcosa vorrei capire di che cosa si tratta» ha dichiarato ieri lo stesso Matteoli.

Cab


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani 17

DALL'ITALIA E DAL MONDO

Unicredit: Profumo si è dimesso prima del Cda

dell’istituto la crescita nell’azionariato della Lia. E si fanno sempre più possibili le sue dimissioni. In Borsa stamattina il titolo è partito con il segno meno lasciando sul terreno il 3,20 per cento. In particolare i rapporti sarebbero tesi - la "Suddeutsche Zei-

di Manola Piras MILANO - L’alta tensione a Piazza Cordusio ha portato alle dimissionidiAlessandroProfumo,Ceo, di Unicredit, dopo una carriera di 15 anni a tratta fulminante ma messa in discussione negli ultimi a causa della scalata dei partner libici. Profumo si è dimesso prima ancora del Cda straordinario convocato dal presidente Dieter Rampl per discutere di top managementproprioinrelazione alla scalata libica. Così urgente era il problema, col titolo sotto schiaffo in borsa, da non poter aspettare dunque il 30 settembre, quando era da tempo in agenda un cda. Ma neppure giovedì 23, quando era previsto un Comitato strategico e si attendevano le prime risposte dal presidente Dieter Rampl sul ruolo dei libici nella governance di Unicredit per tentare di dirimere la vexata quaestio - come chiesto peraltro da Bankitalia -: la Banca centrale libica, che detiene il 4,99 per cento, e il fondo Libyan Authority Investment (Lia) - che ha ufficializzato alla Consob di essere salita al

2,594 per cento - sono due entità distinte? E dunque la Gran Jamahirya è il maggior azionista della prima banca italiana? Ma il cda non avrebbe all’ordine del giorno solo questo punto ma anche e soprattutto un altro: i rapporti all’interno del top management. Indiscrezioni parlano di un weekend al calor bianco a Piazza Cordusio con l’amministratore delegato Alessandro Profumo sempre più in bilico, reo di aver taciuto al management

7,5% La partecipazione della Libia nel capitale azionario Unicredit. Per statuto sopra il 5% il controllo va denunciato alle autorità

tung" ha parlato di "disturbo cronico" - fra il banchiere genovese e Rampl. E se "Alessandro il Grande" - come veniva chiamato ai tempi della campagna acquisti di Unicredit in Europa - è uscito vincitore dallo scontro interno di aprile in merito al progetto "One4C" - il cosiddetto "bancone" in molti scommettono che il miracolo non potrebbe riuscirgli stavolta, proprio perché avrebbe contro l’ex numero uno di Hypovereinsbank, controllata ba-

Alle 18 di ieri il cda straordinario convocato dal presidente Dieter Rampl. I grandi soci puntavano sulle dimissioni di Profumo varese di Unicredit e seconda banca retail in Germania. Peraltro, diversi azionisti avrebbero chiesto un avvicendamento al vertice. In poche parole, avrebbero chiesto la testa di Profumo. Tira aria insomma da resa dei conti. Tornando al ruolo dei libici, la Central Bank of Libia, si dice "molto soddisfatta" dell’investimento in Unicredit e delle relazioni con le autorità italiane di controllo, specifica di essere un "istituto indipendente" e che "tutto ciò che è legato ad operazioni condotte dall’istituto è deciso dal board, che è formato per la maggioranza da persone indipendenti e non provenienti dal pubblico". Due politici - e sindaci - da tempo "sensibili" alla questione Unicredit e in particolare al rapporto della banca con il territorio, Flavio Tosi e Sergio Chiamparino sono intervenuti in prima persona. "Chi sbaglia paga" ha chiosato senza mezzi termini il primo cittadino veronese in prima linea insieme al governatore veneto Zaia.


18

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

CRONACHE

Celebrato ieri il patrono della Guardia di finanza di Carmela Mirarchi CATANZARO - L’arcivescovo metropolita di Catanzaro - Squillace, Antonio Ciliberti, ha officiato, ieri mattina, nel duomo di Catanzaro, alla presenza del comandante regionale gen. Salvatore Tatta, una messa in occasione della solennità di San Matteo, patrono della Guardia di Finanza. Alla cerimonia religiosa, concelebrata da don Fausto Amantea, cappellano militare della Guardia di Finanza, hanno partecipato le massime autorità civili, militari e religiose. Una rappresentanza di ufficiali, sottufficiali e finanzieri, in servizio ed in congedo, ha fatto da cornice alla celebrazione. Al termine della cerimonia religiosa, il generale Tatta ha rivolto agli intervenuti un saluto, ringraziando tutti e, in particolare, le numerose autorità intervenute.

Free Village, saranno discussi il 28 i ricorsi CATANZARO - Saranno discussi il 28 settembre i ricorsi presentati al tribunale del riesame di Catanzaro nell’interesse di tre dei quattro indagati destinatari dell’ordinanza cautelare eseguita il 6 settembre con l’operazione "Free village". Agli indagati, tutti del basso Ionio catanzarese, è contestata l’estorsione aggravata dalle modalità mafiose ai danni di società del centro e nord Italia impegnate anche con grossi investimenti nel settore turistico alberghiero nel soveratese, zona che, peraltro, è interessata da una violenta faida per il controllo del territorio. I giudici del riesame si sono già pronunciati sulla posizione del quarto indagato, il 63enne Francesco Corapi, per il quale giorno 17 settembre è stata confermata la custodia cautelare in carcere. Ora dovranno decidere se accogliere le richieste degli avvocati Armodio Migali e Salvatore Staiano, e modificare o annullare le misure cautelari a carico di Mario Mongiardo, 42 anni, ritenuto un elemento di primo piano della cosca Gallace di Guardavalle, e principale accusato di estorsione aggravata alla società IperClub, di Roma, e della Fram groop di Taranto, che dal 2003 è proprietaria di 120 appartamenti a Sant’Andrea dello Ionio, sottoposto a custodia in carcere; ed a carico della moglie e della figlia di Mongiardo, Cosimina Samà, 43 anni, e Marianna, 18 anni, entrambe sottoposte agli arresti domiciliari. Il giorno del blitz, inoltre, in manette è finito anche Sergio Mastroianni, 49 anni, guardia giurata in servizio nel villaggio turistico "Sant’Andrea", sottoposto a fermo con l’accusa di favoreggiamento e poi tornato in libertà con il solo obbligo di dimora nel comune di residenza.

Un operaio è rimasto ferito in un cantire edile a Cropani CROPANI - Un operaio è rimasto ferito, ieri mattina, in un cantiere edile a Cropani Marina. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri della Compagnia di Sellia Marina e degli uomini dello Spisal, il cinquanta quattrenne L.T., residente a Cropani, sarebbe stato travolto dal braccio di un escavatore mentre era impegnato nella realizzazione di una villa comunale. L’uomo è stato subito soccorso da un’ambulanza del 118 e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale "Pugliese" di Catanzaro, dove i medici hanno riscontrato traumi con una prognosi di venti giorni. rc

Partirà domani e si concluderà sabato la tre giorni di festa

Presentato il programma della Notte Piccante CATANZARO - E’ stato presentato ieri a Palazzo De Nobili il programma della Notte Piccante che si terrà a Catanzaro da domani e che culminerà nella notte tra sabato e domenica. Si partirà domani con un’entusiasmante caccia al Tesoro nel centro storico della città.Alle 22 e 30 presso la Villa Margheritaci sarà l’esibizione della band I-perigenia mentre alle 2 partirà il Dj set Deep & Revival ’70 / ‘80 presso la Piazzetta della libertà Z-One. Sabato la serata conclusiva. Tra gli eventi più importanti: alle 21 "Alfonsina y el mar - Storie di tango e passioni" spettacolo teatrale a cura di "Armonie d’Arte", a seguire sulla piazza del castello normanno sfi-

late di alta moda , le esibizioni dei Laganà, Skelters, Caudam Vorans e la cover band di Ligabue

Banda Destino. Tra gli ospiti più importanti anche Daniele Silvestri.

«L’idea di chiudere la scuola di Torre è un orrore politico» TORRE DI RUGGIERO - «L’idea di chiudere la scuola a Torre di Ruggiero, o in tante altre realtà simili, francamente non è un’idea. E’ uno sgorbio intellettuale, prima ancora che un orrore politico e un attacco ai diritti costituzionali». Lo afferma il sindaco Giuseppe Pitaro che aggiunge: «Davvero io penso che contro pazzie simili, a noi sindaci, alle prese con cento problemi quotidiani che non si riesce più neanche a fronteggiare perchè siamo senza mezzi e risorse, non ci resti altro da fare che, qualora non dovessero intervenire ripensamenti sostanziali, pensare di lasciar perdere. Se in un paese come quello di cui io sono sindaco qualcuno un bel giorno si alza e ci dice non che vuole potenziare l’economia ma che intende chiuderti la scuola, davvero c’è da chiedersi in che tipo di Paese viviamo. Se non si capisce che chiudendo la scuola si chiude il paese è segno che l’Italia è in balia di una grande confusione. Se non si capisce che chiudendo la scuola, si consegna, chiavi in mano, il territorio alla disoccupazione ed alla mafia, allora non c’è piu’ speranza».


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani 19

CRONACHE

Lombardo all’Antimafia: c’è il massimo allarme di Carmela Mirarchi ROMA - «La situazione è di massimo allarme: le minacce contro i magistrati in passato ci sono sempre state. La novità è che ora si è passato alle vie di fatto». Il Procuratore distrettuale antimafia di Catanzaro, Antonio Lombardo, che indaga sugli attentati al Procuratore Generale di Reggio Calabria, Salvatore di Landro non lesina gli aggettivi: situazione gravissima, insufficienze di quantità e qualità tra le gli investigatori, carenze negli organici della magistratura. Tanto da da dire, appena terminata l’audizionedavantiall’Antimafia che la minaccia diretta nei confronti del Procuratore Generale di Reggio «è diretta. E’ una minaccia reale». Di Landro rischia la vita? «Spero di no», risponde allargando le braccia e alzando le spalle il magistrato ascoltato ieri per oltre due ore dalla commissione di inchiesta dopo la serie reiterata di attentati, sabotaggi alle macchine dei magistrati (compresa quella del Procuratore Capo), intimidazioni e lettere minatorie. E non è detto

che il peggio non debba ancora venire: «Se una Procura firma 70 ordinanze come è accaduto nella operazione "Il crimine" (dello scorso luglio) è chiaro che ci possono essere ancora "reazioni e ritorsioni"». Secondo il Procurato Lombardo «Di Landro è seguito. La cosa è grave». Lombardo ha parlato anche del "cambio di passo" che il Procuratore Generale di Reggio ha imposto nel contrasto alla ’ndrangheta. «Sicuramente questo ha inciso. Ma Di Landro lo aggancià ad un fatto specifico, che porta ad un certo

terreno. Ci deve dire lui quali atti ha compiuto che possono aver procurato tre attentati nei suoi confronti da gennaio ad oggi». Profilo nuovo, borghese, magari imprenditoriale, sicuramente «in giacca e cravatta» quella della ’ndrangheta di oggi, quella che è dietro le bombe di Reggio Calabria. Antonio Vincenzo Lombardo ha parlato di "cellule criminali" che «sono ormai un misto di impresa e di violenza: quando può evita di far scorrere sangue. C’é quella militare, il killer, l’azionista e l’imprenditore. Questa - spiega - è ormai la mafia». In questo quadro entra anche la politica. «Ci può essere, certo, anche se a livello molto locale - spiega Vincenzo Lombardo alle domande dei componenti della Commissione. Diventa, dunque, sem-

«Apparati investigativi sono carenti.Certe volte fa di più l’iniziativa di un maresciallo»

Gagliardi si candida a sindaco con la lista "Semplicemente Soverato" SOVERATO - «Mi sembra doveroso e in linea con lo stile dimostrato in questi anni di opposizione comunicare con il dovuto anticipo un po’ di dettagli riguardo la prossima campagna elettorale». E’ quanto si legge in una nota di Antonello Gagliardi, consigliere comunale di Soverato. «Confermo - continua Gagliardi - la mia candidatura a sindaco, naturale proseguimento del percorso iniziato nel 2001, che mi ha visto fino ad oggi impegnato per la nostra cittadina.Tutto quello che è stato fatto da me in questi anni altro non è che un barlume di ciò che potrebbe essere se i cittadinimiappoggeranno.Dopo aver parlato per dieci anni con le carte in mano e battendomi, a volte anche in toni poco gentili, ma dovuti, per la giustizia, laddove non vi era che buio, ora, con questo solido bagaglio, posso portare anche un po’ di delizia. Voglio ripartire "semplicemente" da Soverato -

aggiunge l’attuale consigliere comunale - per affrontare con chiarezza e linearità tutte le cose che non vanno senza dimenticare ciò che naturalmente abbiamo valorizzandolo. Cosa ci è stato donato gratuitamente? Il mare, un clima splendido, all’interno di una location deliziosa. Lo avevate dimenticato vero? Non sono diventato romantico e sentimentale di colpo ma come in una grande famiglia per ripartire concretamente e affrontare le cose che non vanno bisogna avere speranza e fiducia, valori che si attingono guardando con gli occhi della verità quello che si ha.Affronteremo insieme ai miei candidati tutti i problemi che gravano sulla realtà del nostro comune partendo da ciò che siamo, con fiducia e lealtà. Pertanto vi comunico che la lista si chiamerà "Semplicemente Soverato" e avrà come colonnasonora"Meraviglioso" (nella versione rivisitata dai

Negramaro). Sono le prime "indiscrezioni" - conclude - che preferisco comunicarvi io, le altre linee dettagliate le comunicherò passo passo. Non ci saranno nel mio percorso "chissà", "forse" o "voleva dire", comunicherò tutto e vi invito se avete dubbi, domande o pensieri ad esternarli, sarò ben lieto di rispondere a tutto, non ci sono sotterfugi».

Il procuratore Di landro che sarebbe nel mirino della criminalità

pre più importante alimentare quel flusso di conoscenza di cui il Presidente della Commissione parlamentare, Beppe Pisanu, ha parlato ad inizio dell’audizione. Il procuratore Lombardo spiega quale sia la situazione delle indagini e dell’interscambio di notizie con il collega Giuseppe Pignatone, capo della procura di Reggio Calabria: «Con lui c’é impegno a scambiarci tutte le informazioni di cui veniamo a conoscenza. Tuttavia, se io non avessi lavorato per tanti anni a Reggio Calabria, non credo che sarei informato di tante cose che accadono in quel territorio. Gli apparati investigativi sono carenti per quantità e qualità - ha denunciato il procuratore Lombardo -. Certe volte fa di più la libera iniziativa di un maresciallo di quanto non facciano i nuclei investigativi. Non serve cambiare i generali. C’é bisogno di un cambiamento anche rispetto alle metodologie di indagine» ha spiegato. Situazione ancor più allarmante per la magistratura: «Quando una Procura ha giurisdizione su cinque circondari distanti anche 3 ore l’uno dall’altro e si trova ad avere so-

lo cinque magistrati, si fa quello che si può, quello che è umanamente possibile. Io mi sono raccomandato a tutti e a tutti i livelli. La Procura di Catanzaro dispone di 12 magistrati su 18 e anche con i mancanti saremmo comunque a un numero insufficiente. Né si possono spostare - ha aggiunto Lombardo tutti i magistrati sull’antimafia: non possiamo dimenticare che si deve valutare anche la pubblica amministrazione per vedere se emerge qualcosa». Il quadro fornito dal procuratore Lombardo è sconfortante: «Quando sono arrivato a Catanzaro ho scoperto più di tremila provvedimenti che non avevano avuto nemmeno la registrazione. Questi sono i mezzi e gli strumenti di cui dispone la Procura». La diretta conseguenza è l’allungarsi delle indagini, anche se magari si sa bene con chi si ha a che fare: «Senza mezzi e risorse maggiori - conclude il procuratore Lombardo - non possiamo individuare i responsabili, ma solo indicare la cosca di appartenenza. Non possiamo però mettere in carcere tutti, perché questo non è né corretto, né consentito».

Omicidio Citriniti, i testimoni hanno sentito due frasi dopo il delitto: U curteddiavi e u ’mpizzavi puru eu CATANZARO - Su due frasi ("U curteddiavi!" e "u ’mpizzavi puru eu!") pronunciate da altrettante persone tra la folla subito dopo che Massimiliano Citriniti era stato accoltellato a morte, il 22 febbraio 2009 fuori dal Centro commerciale "Le Fornaci", a Catanzaro, hanno avuto ben pochi dubbi i testimoni chiamati dalla pubblica accusa al processo a carico dei due presunti assassini. Per il resto, però, molti "non ricordo" hanno costellato le dichiarazioni della cugina e dell’amico della vittima chiamati ieri nell’aula della Corte d’assise, per essere stati presenti sul luogo teatro del drammatico omicidio. Sul banco degli imputati per l’omicidio pluriaggravato del giovane universitario catanzarese di 24 anni, ammazzato con una stilettata al cuore, siedono Cosimo Berlingieri e Gianluca Passalacqua, catanzaresi di etnia rom, di 44 e 23 anni. Dopo la prima deposizione il microfono è passato a

Rosa Lucia Cavigliano, giovane cugina di Citriniti. Chiamata a ricostruire quel drammatico pomeriggio fino alle 19 circa, quando avvenne l’omicidio di Massimiliano, la ragazza, probabilmente considerato il tanto tempo trascorso dai fatti, ma forse anche la pressione subita per via della presenza dei tanti familiari degli imputati in aula, è stata particolarmente lacunosa. L’unica cosa su cui la giovane teste ha mostrato certezza è stata di aver udito, dopo che Citriniti si era accasciato in terra, un uomo che urlava di averlo colpito. Si trattava di un adulto, ha ricordato la Cavigliano, alto circa un metro e settanta, con le spalle larghe e la pancia molto pronunciata, che si allontanava a passo svelto dal punto in cui era caduto Massimiliano per poi entrare in un’auto scura, probabilmente una Golf. Un racconto molto simile è venuto poi da Vincenzo Nocita, giovane amico di Citriniti.


20

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

CRONACHE Insegnanti beneficiari della legge 104, disposta acquisizione dei fascicoli L’estorsione ai danni di un bracciante agricolo, tutto iniziò nel 2008

Usura, tre in manette grazie alla denuncia della vittima COSENZA - I Carabinieri di San Marco Argentano hanno eseguito all’alba tre ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal Tribunale di Castrovillari, nei confronti di altrettante persone di Altomonte accusate di usura ed estorsione. Eseguiti anche cinque decreti di perquisizione e sequestro. I tre erano noti alle forze dell’ordine perchè già indagati per reati simili. I dettagli dell’operazione sono stati resi noti nel corso diuna conferenza stampa nella caserma Paolo Grippodi Cosenza. Gli arrestati sono i fratelli Roberto, 55 anni, Francesco Franco, 40, e Giuseppe Balbi, 45 anni. I tre, che sono braccianti agricoli, avrebbero, in concorso, vessato un altro bracciante cinquantenne, che in un momento di difficoltà economiche, nel 2008, aveva chiesto un prestito a Roberto Franco, credendolo un amico. Questi gli aveva prestato subito 7000 euro, in cambio della firma di una sorta di contratto, siglato anche dalla moglie per garanzia. Le modalità di restituzione della somma sono apparse subito esose: il denaro doveva essere restituito entro 2 o 3 mesi, ma all’inizio di ogni mese, a titolo di interessi, andava versata una somma pari a 600 euro più eventuali 100 euro in caso di ritardo. I mesi trascorrono, la vittima continua a pagare ma il capitale resta intatto. A gennaio 2009 la vittima aveva già versato 7.500 euro a solo titolo di interessi. Ma i veri problemi iniziano quando l’uomo non riesce più a far fronte ai pagamenti. Iniziano le minacce, con molte telefonate che sono state anche registrate dai militari, dopo la denuncia della vittima, ormai esausta. I tre aguzzini fanno riferimento a denaro proveniente o destinato a clan malavitosi, spacciandosi per prestanome. Viene fatto anche il nome del clan Magliari per incutere sempre più timore ed indurre la vittima al silenzio ed alla sottomissione. Vista la materiale impossibilità per la vittima di pagare, gli strozzini lo inducono a svolgere attività lavorativa sui propri appez-

zamenti di terreno a titolo gratuito. Poi la vittima vede anche incendiata la sua autovettura e viene minacciata la moglie: gli aguzzini sarebbero in grado di appropriarsi della busta paga presso il datore di lavoro. Pur di uscire dall’incubo, l’uomo simula di aver stipulato un contratto di finanziamento. Ma ben presto i tre si stancano di aspettare e l’uomo si trova costretto a firmare tre cambiali per un importo complessivo di oltre 9.000 euro. Viste le sue pessime condizioni economiche, sono gli stessi aguzzini a dover acquistare le cambiali, addebitandogliene i costi. Gli interessi applicati alla vittima arrivano ora ad oltre il 240%. Ieri l’epilogo della vicenda. Oltre agli arresti, sono stati eseguiti 5 decreti di perquisizione e sequestro a carico anche di due familiari dei fartelli Franco, la sorella e un altro fratello, tutti braccianti agricoli. I militari si sono trovati di fronte a ville con piscine e fiammanti autovetture di grossa cilindrata, quali Mercedes classe E e BMW X6. Sono al vaglio degli inquirenti documentazioni inerenti a diversi beni immobili, appartamenti e terreni. Carmela Mirarchi

COSENZA - La procura della Repubblica di Cosenza ha disposto l’acquisizione, nelle scuole della provincia, dei fascicoli riferibili agli insegnanti beneficiari della legge 104, la normativa che consente l’assegnazione di incarichi vicini al luogo di residenza per chi è invalido o ha a carico congiunti in situazione di bisogno. Dopo l’acquisizione di documenti nella sede dell’Ufficio scolastico provinciale di Cosenza e l’audizione del provveditore Luigi Troccoli, l’iniziativa giudiziaria che riguarda tutti gli istituti di ogni ordine e grado segna un significativo passo in avanti in direzione dell’accertamento della verità. In base alla documentazione adesso tutti i docenti, 659 nell’intera provincia, che hanno dichiarato di essere affetti da gravi patologie invalidanti o di dover accudire quotidianamente parenti gravemente malati, dovranno rendere conto della loro situazione alla magistratura. Le percentuali più alte in assoluto tra gli insegnanti che hanno fatto ricorso alla normativa si registra tra il personale delle scuole dell’infanzia e delle elementari. La percentuale più bassa è quella relativa ai docenti delle scuole medie mentre il ricorso alla legge 104 aumenta ancora tra i docenti delle scuole superiori.

Anna Bolle

Csa: il comune di Cosenza viola le prerogative sindacali COSENZA - Il Coordinamento Sindacale Autonomo Regioni e Autonomie Locali , Segreteria provinciale di Cosenza, ha comunicato che, «con lettera del 16 settembre scorso prot. n.147/10 ha formalmente chiesto l’immediata revoca della determinazione , avente ad oggetto "ripartizione lavoro straordinario alle strutture dell’Ente. Anno 2010", e l’immediata convocazione della delegazione trattante per il personale dei livelli; con riserva di piena salvezza di ogni azione, a tutela dei lavoratori e delle prerogative sindacali. L’atto in questione - si legge nella nota -, che prevede l’aumento delle somme destinate alla remunerazione del lavoro straordinario e il conseguente aumento del monte ore, viola la normativa vigente e le prerogative della contrattazione decentrata e sindacali, in quanto

adottato in pendenza dei lavori della commissione trattante per la stipula di contratto decentrato integrativo; lavori interrotti unilateralmente ed immotivatamente dalla componente pubblica sin dal 13 gennaio 2010, data dell’ultima riunione della delegazione trattante personale dei livelli del Comune di Cosenza risultata peraltro, infruttuosa attesa l’incompletezza dei dati forniti dalla parte pubblica in relazione alla costituzione del fondo. Nessuna successiva riunione di detta delegazione è stata convocata dalla parte pubblica, nonostante questa Organizzazione Sindacale abbia espressamente ripetutamente chiesto la prosecuzione dei lavori con le note prot. n°30/10 del 16.02.2010,n°64/10 del 28.04.2010, n°85/10 del 07.06.2010, tutte trasmesse per dovuta conoscenza all’Eccellenza

Prefetto di Cosenza. Il Csa- conclude la nota evidenzia quindi, la condotta antisindacale posta in essere con la pubblicazione della suddetta determinazione, per il mancato rispetto sia dell’obbligo d’informazione che di quello di concertazione, ritenendolo lesivo dei diritti riconosciuti alle OO.SS. in materia, poiché la determinazione di che trattasi non è stata partecipata a questa Segreteria territoriale che ne ha appreso solo successivamente l’adozione su informativa degli stessi lavoratori. Pertanto, in assenza della revoca richiesta e della riapertura del tavolo di delegazione trattante, si procederà, ai sensi dell’art. 28 della legge n. 300/1970, e con salvezza di ogni altra azione a tutela delle prerogative sindacali e dei lavoratori dell’ente». Carmelo Morise


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani 21

CRONACHE Interrogazioni di Messina (Idv) e Calipari (Pd) a difesa dell’ateneo calabrese

«All’Unical stimati tagli del 19% Ma al Ministro non importa» di Carmela Mirarchi COSENZA - Ieri Ignazio Messina, deputato e commissario regionale dell’Italia dei valori in Calabria ha ottenuto la risposta in commissione riguardanti le ricadute sull’Università della Calabria con la recente manovra economica. Messina definisce«assolutamenteinsoddisfacente e inadeguata la risposta del governo perché non ha tenuto conto delle cose da noi segnalate e non ha tenuto conto dell’importanza della cultura in un territorio invaso dal cancro della ‘ndrangheta. Cosi’ facendo - dice Messina- si potrebbe anche indirettamente favorire la criminalità perché i giovani rimangono ad un sottolivello culturale che li spingerà, non avendo cultura, a divenire manovalanza per la ‘ndrangheta. Il rettore aveva segnalato una economia di spesa che sarebbe potuta rimanere alle università, e in Commissione ammettono questo risparmio ma in effetti dicono che non si possono spendere. In maniera scriteriata - dice Messina - il Governo ha proceduto ai tagli e in maniera trasversale senza tenere conto della validità della gestione dell’Università. Nella risposta viene confermato che si toglie un miliardo di euro alla ricerca e asseriscono anche che i fondi risparmiati, le economie, non rimangono all’ateneo comprovando cosi’le preoccupazioni del rettore». Messina aveva presentato il mese scorso, una interrogazione a risposta scritta al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca per sapere se le preoccupazioni espresse dal rettore dell’università della Calabria debbano considerarsi fondate e se il risparmio di spesa dei singoli atenei potesse essere trattenuto presso l’ateneo o lo si doveva girare al Ministero dell’economia e delle finanze premesso che nel decreto-legge 31 maggio 2010, intitolato «Misure urgenti in materia di stabilizza-

Ospedale di Lungro, Scopelliti ha dato rassicurazioni in merito alla erogazione dei servizi ai cittadini

zione finanziaria e di competitività economica i tagli prospettati per l’università della Calabria in base alla stima effettuata dal rettore dei predetto Ateneo, in una diminuzione delle risorse disponibili pari a 20 milioni di euro (-19 per cento) per l’anno 2011; lo stesso rettore dell’Ateneo, in una lettera indirizzata al Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, ebbe ad evidenziare che un taglio di tali dimensioni ai trasferimenti ordinari metterebbe in forse la stessa sopravvivenza dell’università o, comunque, creerebbe serie difficoltà alla programmazione didattica e formativa per il prossimo anno;l’università della Calabria, secondo l’annuale indagine sugli atenei italiani svolta da Censis - La Repubblica nel luglio 2009, risulta al primo posto tra le università di grandi dimensioni (tra 20 mila e 40 mila studenti iscritti) per qualità di servizi e strutture e, a tutt’oggi, la sua funzione sociale rimane importantissima, date le caratteristiche della società calabrese e meridionale. «Ma di tutto questo - continua Messina - pare che al Ministro, non importi nulla». Anche Rosa Villecco Calipari è intervenuta a tutela dell’UNical: «Per l’università della Calabria? Dalla Gelmini soltanto dubbi -

LUNGRO - Il Presidente della Giunta Regionale della Calabria, Giuseppe Scopelliti, nel corso della mattinata di ieri ha avuto una lunga e serena telefonata con il Sindaco del Comune di Lungro, durante la quale si è discusso in merito all’Ospedale, struttura che interessa anche l’utenza dei Comuni di Acquaformosa, Altomonte, Firmo, S.Agata, S. Basile, S. Donato di Ninea, Tarsia e Terranova da Sibari. Nel corso del colloquio, informa una nota dell’Ufficio Stampa della Giunta, il Presidente Scopelliti, ha comunicato le linee guida relative alla riorganizzazione della struttura sanitaria, all’interno del "Piano di Rientro", previste per la Provincia di Cosenza, dando ampie rassicurazioneinmeritoall’erogazione di servizi ai cittadini del territorio interessato. Nei giorni scorsi gli stessi Sin-

ha detto la vicepresidente dei deputati Pd dopo la risposta alla sua interrogazione scaturita dalla denuncia del rettore dell’Università di Rende -. Quel poco che si capisce dallespiegazioni del ministero dell’Universitàe della ricerca - ha aggiunto - è che l’ateneo calabrese primo, nel 2009 tra quelli di grandi dimensioni ha ricevuto in quell’anno maggiori assegnazioni chenon raggiungono l’1%, ma anche che nel 2010 il Fondo finanziamento ordinario ha subito una decurtazione del 3,72%. Su Rende pesa laminaccia del taglio di 20 milioni di euro nel 2011, mentre nonsi capisce se il risparmio di spesa dei singoli atenei possa essere trattenuto presso le università virtuose o debba essere restituito al ministero dell’economia e delle Finanze. Come si fa a programmare se non si hanno certezze? Non saremo certo noi a difendere gli atenei spreconi - conclude Calipari - ma garantire servizi, ricerca, cultura e formazione in Calabria, ma anche nel resto del Paese, significa investire sul futuro. Penalizzare il Sud anche quando eccelle, infine, è un errore madornale di un governo a trazione padana».

daci avevo scritto al Governatore, sollecitando una risposta in merito alla questione della "lungodegenza", lo stesso Scopelliti ha dato ampie assicurazioni che sarà mantenuto questo servizio. Il Sindaco di Lungro, a nome anche dei colleghi interessati, ha apprez-

Oggi dibattito sugli Anni di piombo organizzato da "La Destra" COSENZA - Oggi alle 18 presso edizioni pellegrini in via F. camposano ( ex via De Rada) 67/c si terrà un dibattito sugli Anni di Piombo con personaggi che, da opposte fazioni, hanno vissuto direttamente e personalmente quegli anni a cominciare da "Valle Giulia". L’evento organizzato dall’avv. Michele Arnoni, segretario cittadino del partito "la destra" e dalla dott.ssa Rosanna Vigna e patrocinato dall’assessorato alla cultura della Regione Calabria, vedrà la partecipazione di Mario Michele Merlino (Scrittore e docente di storia e filosofia al liceo scientifico "Francesco d’Assisi" a Roma ex militante degli ambienti anarchici e della destra radicale), Ugo Maria Tassinari (Scrittore e giornalista militante dell’antagonismo sociale degli anni ‘70) e Antonella Grippo (Giornalista e conduttrice televisiva trasmissione "Perfidia" ex militante "Lotta Continua"). Nel corso del dibattito verranno presentati anche due libri del prof Merlino "Robert Brasillach Domrèmy" e "E venne Valle Giulia" editi da Settimo Sigillo.

Marisa Morri

zato le parole e la disponibilità del Presidente Scopelliti, esprimendo piena soddisfazione per il chiarimento.

Anna Bolle


22

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

CRONACHE

Auto con armi durante la visita di Napolitano: fu una messinscena di Carmela Mirarchi REGGIO CALABRIA - I carabinieri di Reggio Calabria hanno eseguito un provvedimento di fermo, emesso dalla Dda reggina, nei confronti di Demetrio Domenico Praticò, di 49 anni, accusato di associazione di tipo mafioso e porto e detenzione abusiva di armi ed esplosivi. Praticò è accusato, in particolare, di avere detenuto senza licenza da parte dell’autorità competente e portato in luogo pubblico le armi comuni da sparo e gli esplosivi occultati all’interno della Fiat Marea trovata a Reggio Calabria lo scorso 21 gennaio 2010, giorno della visita del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. L’indagine, che nell’immediato aveva condot-

to all’arresto di Francesco Nocera per il reato di favoreggiamento aggravato nei confronti di un’organizzazione mafiosa, poi condannato con rito abbreviato a due anni di reclusione, ha consentito di fare luce sulle fasi organizzative ed esecutive dell’evento criminoso, comunque non diretto alla persona del presidente, e sulle responsabilità dei singoli soggetti interessati, associati e contigui alla cosca Ficara-Latella, operante nella zona sud di Reggio Calabria. «Una messinscena». Così il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, ha definito il ritrovamento della Fiat Marea nei pressi dell’aeroporto di Reggio Calabria lo scorso 21 gennaio, contenente armi ed esplosivo, nei pressi

Raffa ha ricevuto i lavoratori del poliambulatorio "De Blasi" REGGIO CALABRIA - Una delegazione di lavoratori della sanità privata, dipendenti del poliambulatorio specialistico "De Blasi", ha chiesto di essere ricevuta dal sindaco di Reggio Giuseppe Raffa per esporre lagravissima situazione della struttura. I lavoratori, ricevuti ieri mattina a palazzo san Giorgio, hanno chiesto un intervento istituzionale urgente per scongiurare la chiusura di questo punto di eccellenza, prevista per la fine del mese in corso. Nell’incontro, il Sindaco Raffa è stato assistito dal rappresentante del Comune nella Conferenza dei sindaci dell’Asp5, Bruno Ferraro. La delegazione, in particolare, ha

posto l’accento sulla salvaguardia dei livelli occupazionali che interessa 140 famiglie reggine, oltre all’indotto, nonchè sulla libera scelta del cittadino che oggi rischia di essere messa in discussione a causa del piano regionale di rientro dal deficit sanitario. Il sindaco Raffa ha già provveduto a convocare i capigruppo consiliari per studiare una strategia in grado, attraverso la mediazione ed il confronto, di affrontare, con il Commissario straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale Rosanna Squillacioti e con il Commissario regionale della Sanità, Giuseppe Scopelliti, l’intera problematica che, nel complesso,

riguarda l’intera sanità privata.

del percorso che sarebbe stato utilizzato dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per raggiungere lo scalo a conclusione di una sua visita in città. «Quell’autovettura fu fatta ritrovare volutamente - ha detto Pignatone - su segnalazione del commercialista Giovani Zumbo, arrestato nell’operazione Crimine che abbiamo condotto insieme alla Procura della Repubblica di Milano e che ha portato all’arresto di oltre trecento persone, tra le quali lo stesso Zumbo». La Dda di Reggio Calabria, col provvedimento di fermo a carico di Domenico Demetrio Praticò per l’auto con armi ed esplosivo trovata nel giorno della visita del Presidente della Repubblica, ha chiesto anche al gip l’emissione di ordinanze di custodia cautelare per altre due persone. Si tratta di Giovanni Ficara, di 46 anni, capo dell’omonima cosca della ’ndrangheta, e del commerciante Giovanni Zumbo, di 43, già arrestati, rispettivamente, nelle operazioni Reale e Crimine, fatte il 21 aprile ed il 13 luglio scorso. A Ficara e a Zumbo vengono contestati i reati di porto e detenzione abusiva di armi e munizioni, aggravati dall’avere favorito la cosca Ficara Latella. Giovanni Zumbo, in particolare, è la persona che, secondo quanto è emerso dalle indagini, riferiva notizie riservate su indagini della Dda al boss della ’ndrangheta Giuseppe Pelle, di San Luca. Le informazioni riguardavano,inparticolare,leindagini nell’ambito dell’operazione Crimine eseguita il 13 luglio.

Il presidente Morabito ha accolto l’Ambasciatore greco in Italia REGGIO CALABRIA - «Siamo molto lieti di ricevere l’Ambasciatore greco in Italia. E’ un ritorno alle origini. La nostra provincia è l’unica in Italia ad avere nel proprio territorio una folta comunità ellenofona». Ha esordito così il Presidente della Provincia, Giuseppe Morabito, ricevendo nella sede di Piazza Italia l’Ambasciatore greco in Italia Michale E. Cambanis, ed il Console generale di Grecia Manolis Apostolakis. Nel corso dell’incontro è stato recuperato il dialogo precedentemente avviato con il Console generale di Grecia sulla possibilità di approfondire forme di collaborazione culturali e commerciali tra la Provincia di Reggio Calabria e la Grecia. «Penso - ha proseguito il Presidente della Provincia, Morabito - a progetti riguardanti soprattutto i giovani per interscambi di tipo linguistico e culturale, ma anche alla possibilità di offrire reciprocamente pacchetti turistici con i quali approfondire le conoscenze sulle nostre rispettive realtà sociali». Con il Presidente Morabito, ha partecipato all’incontro l’Assessore provinciale alla Pubbli-

ca istruzione ed alle Minoranze Linguistiche Ercole Nucera. «Penso che sia giunto il momento - ha affermato Nucera - di giungere a delle conclusioni e a delle iniziative concrete che diano senso ai contatti già intercorsi in questi anni». L’assessore alle minoranze linguistiche ha elencato le iniziative messe in campo dalla Provincia, dagli sportelli linguistici ed ai corsi gratuiti di lingua grecanica, «con i quali - ha spiegato - abbiamo inteso realizzare un intreccio più profondo tra la nostra terra e la Grecia». «La Grecia ha un profondo dovere ed un profondo riconoscimento nei confronti dell’Italia - ha affermato l’Ambasciatore Cambanis parlando di "sensibilità della Grecia verso la Calabria, che consideriamo parte della nostra civiltà"-. Ecco perché - ha aggiunto - ci preoccupiamo per il greco di Calabria. Continueremo a sostenere e a dare il nostro supporto per la salvaguardia di questo importante patrimonio culturale. Non a caso - ha spiegato, la mia prima visita in una regione italiana è toccata alla Calabria».


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani 23

CRONACHE I poliziotti, su incarico della Procura, hanno acquisito gli elementi utili all’indagine

Neonato morto in sala parto Sequestrata la cartella clinica

«Il piano di prevenzione per l’abuso sessuale promesso dal Pdl finito nell’oblio»

di Carmela Mirarchi REGGIO CALABRIA - E’ stata sequestrata dalla polizia di Stato di Reggio Calabria la cartella clinica dopo la morte di un neonato avvenuta lunedì mattina in sala parto negli Ospedali riuniti. I poliziotti, che hanno agito su incarico della Procura della Repubblica, hanno anche acquisito tutti gli elementi utili all’indagine e necessari a permettere al pm di affidare l’incarico peritale. La procura di Reggio Calabria ha aperto un fascicolo dopo la denuncia di Giuseppe Opinato, padre del bimbo nato morto al termine del lungo travaglio della moglie Daniela Occhibelli, alla trentottesima settimana di gestazione. Giuseppe Opinato, dopo il ricovero della consorte, aveva chiesto al primario di ginecologia dell’ospedale, Pasquale Vadalà, di procedere con un parto cesareo a causa dei forti dolori accusati dalla donna e dei tempi previsti per la conclusione del parto. Anche la direzione generale dell’Azienda ospedaliera "Bianchi Melacrino Morelli" ha avviato un’indagine interna per tentare di venire a ca-

po della vicenda. Il primario di ginecologia degli Ospedali riuniti di Reggio Calabria, Pasquale Vadalà ha detto di «non sapersi spiegare l’accaduto» sostenendo di «avere fatto per intero il mio dovere».

La denuncia è arrivata da Giuseppe Opinato, padre del bimbo nato morto dopo il travaglio

Battaglia: viabilità, ingiuste ed immeritate le critiche alla Provincia REGGIO CALABRIA - «Sono valutazioni ingiuste ed immeritate nei confronti di chi si pone con impegno al servizio del territorio e delle sue comunità». Risponde così l’assessore provinciale alla viabilità Domenico Battaglia dopo quelle che definisce precisazioni ingiuste ed immeritate rispetto all’attività della Provincia sulla viabilità di sua competenza, apparse su alcune testate giornalistiche, in concomitanza con le recenti intense piogge. «Stiamo parlando di una rete - ricorda Battaglia - che si estende per circa 1800 km. Rispetto alla quale tra risorse destinate alla manutenzione ordinaria e quella straordinaria, riceviamo appena 18 mln di euro l’anno. Diverso è il discorso quando eventi calamitosi, come maltempo, frane, smottamenti, contribuiscono ad aggravare la già pesante situazione. Basti pensare - ricorda l’Assessore Battaglia - che solo negli ultimi due anni si sono registrati ben tre eventi alluvionali: nel dicembre 2008, nel febbraio 2009 e nel marzo di quest’anno. I danni riscontrati ammontano a centinaia di milioni di euro per i quali Governo e Regione, a parole, si sono impegnati ad erogare risorse straordinarie per circa 6 mln per la viabilità e 17 mln per interventi sulle Fiumare. Nonostante questo la Provincia non si è arresa - prosegue l’Assessore Battaglia perché facendo ricorso alle risorse ordi-

Domenico Battaglia

narie abbiamo tempestivamente affrontato e risolto moltissime situazioni di pericolo. Interventi per i quali è stato utilizzato il formidabile strumento delle prestazioni in "Globals service", oltre 500 in circa un anno e mezzo per importi da poche decine di euro a centinaia di migliaia di euro. Nei punti di maggiore criticità in cui servivano impegni per importi elevati, si è intervenuto con lavori della programmazione ordinaria e straordinaria per cercare di risolvere l’emergenza. Così è stato in occasione della imponente

frana - afferma Battaglia - che ha interessato la Sp1 Cittanova - Locri, per la soluzione della quale è stato definito il progetto esecutivo, già depositato al Genio Civile ed è stata fissata per il prossimo 22 settembre la Conferenza dei servizi per l’acquisizione dei pareri. Il tratto interessato è costantemente monitorato dal "Global service". Gli altri casi segnalati ingenerosamente sui giornali riguardano Camini, San Luca e Benestare. Nel primo caso sono stati predisposti due interventi in Global Service per i danni minori. Mentre tre nuovi interventi di circa 200 mila euro l’uno sono stati previsti nel Piano annuale 2010 e si riferiscono alla sistemazione delle Sp 127, 94 e 96». L’assessore provinciale Battaglia ha inoltre riferito che è stato trasmesso alla Regione Calabria, il progetto preliminare inerente il crollo della Sp 96. Su San Luca, nel Piano annuale degli interventi 2010 è in fase avanzata la progettazione esecutiva per un importo di circa 300 mila euro, necessari per la regimentazione idraulica e la sistemazione del piano viario. A Benestare invece «i problemi lamentati nei giorni scorsi - sottolinea l’assessore Mimmo Battaglia - chiamano in causa esclusivamente i Consorzi di Bonifica». Marco Gigli

CINQUEFRONDI - «Con la giunta Scopelliti, si era detto che la regione di neo formazione, si sarebbe dotata di un piano di prevenzione per l’abuso sessuale in danno dei minori prevedendo forme di sostegno psicoterapico, sociale ed economico per le vittime e le famiglie». E’ quanto scrive in una nota del Presidente della Mediterranea Cav, Centro Antiviolenza e Casa d’accoglienza per donne e minori, Emilio Ierace. « Era quanto si leggeva in una nota stampa del Pdl Calabria, diramata prima dell’avvenuta elezione del neo Governatore Scopelliti. Nella pregressa nota del PdL, venivano proferite concrete speranze sulla istituzione di un fondo, nel capitolo riguardante i servizi sociali e la sanità , con l’obiettivo proficuo di poter aver accesso ai fondi Por e per sostenere le vittime implementando un programma di prevenzione che coinvolgesse anche le scuole.Inoltre il proclamato piano avrebbe dovuto prevedere una serie di articolazioni, utili per incentivare la denuncia e proteggere socialmente sia i minori che i loro genitori o i familiari e tutori, qualora i crimini si compissero all’interno delle stesse famiglie. Inoltre lo stesso Piano, dava speranze su una collaborazione sinergica ed interforze tra la scuola, i servizi sociali, i Centri antiviolenza e tutte le altre istituzioni deputate alla repressione e al controllo, per assicurare ai bambini ed ai minori in genere vittime di abusi, molestie e violenze sessuali sia il sostegno psicoterapico che quello legale. Dulcis in fundo, la nota preannunciava la tanto attesa istituzione della figura del garante regionale per l’infanzia, in ossequio ad una legge esistente, ponendo al centro delle iniziative legislative il bambino, soggetto prioritario della comunità civile, riconoscendogli la supremazia dignìtaria che deve essere propria dell’infanzia. Proprio in merito a ciò - conclude - in quella occasione lo scrivente, che dirige uno dei Centri antiviolenza più importanti del territorio regionale, non esitò a complimentarsi con il gruppo regionale Pdl, compiacendosi e plaudendo la proposta, che comunque allo stato è sprofondata nell’oblio dei ricordi perduti».

Rosa Voci


24

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

CRONACHE

Il Santo assurse a Patrono del Corpo della Gdf fin dal lontano 1934

Grande la partecipazione alla festa di San Matteo di Anna Bolle CROTONE - Alla presenza della autorità civili e militaridellaProvincia,oggi,alle ore 10, nella Basilica MiMons. Domenico nore in Crotone è stata officiata ieri la Messa in onore Graziani ha del Santo Patrono delle ricordato come il Fiamme Gialle. Si tratta di S. Matteo, la cui vicenda umaSanto abbia na è nota grazie a quanto di lui si legge nell’omonima risposto alla narrazione evangelica. Matchiamata di Gesù teo, il pubblicano, passò dal banco delle imposte alla sesenza esitazioni quela del Maestro che gli aveva detto: "Vieni e seguimi". Il Santo assurse a Patrono del Corpo della Guardia di Finanza fin dal lontano 1934, allorquando il Papa Pio XI accolse l’istanza avanzata dal Comandante Generale pro-tempore e sostenuta dall’Ordinario Militare dell’epoca. Proprio sulla figura luminosa di Matteo, perché illu-

minata dalla chiamata di Dio, ha posto l’attenzione il sacerdote officiante - Don Ezio Limina - il quale, dopo aver porto al Comandante provinciale - Ten.Col. Teodosio Marmo - il saluto dell’Arcivescovo della Diocesi di Crotone e Santa Severina - S.E. Mons. Domenico Graziani, ha ricordato come il Santo abbia risposto alla chiamata di Gesù senza esitazioni né incertezze; chiamata che non si è limitata alla sola professione di fede ma che è andata ben aldilà, impegnando Matteo in una vita di apostolato e nella determinante redazione del suo Vangelo in lingua aramaica. Alla celebrazione eucaristica ha presenziato, oltre alle già citate autorità civili e militari, anche una folta rappresentanza di militari del Corpo e dei loro familiari che, in tal modo, hanno voluto manifestare il senso di profonda fede cristiana che li ispira, sia nell’espletamento dei compiti istituzionali che nel vivere quotidiano. Al termine della cerimonia il Comandante provinciale della Guardia di Finanza, ha preso la parola ed ha ringraziato per la loro presenza le autorità intervenute.

Il sindaco Vallone: i Pisu sono una risorsa per la città CROTONE - «Una tempesta in un bicchiere d’acqua» chiosa, con queste parole, il Sindaco di Crotone Peppino Vallone le critiche mosse dalla minoranza alla giunta comunale sulla programmazione dei Pisu (Programmi Integrati Sviluppo Urbano) . «Sembra che solo oggi l’opposizione di ricordi di essere tale. Si avverte già profumo di campagna elettorale» ha aggiunto il Sindaco nel corso della conferenza stampa indetta, stamattina, nella sala consiliare. Conferenza alla quale, oltre al Sindaco, ha partecipato la Giunta Comunale al completo con il vice sindaco Pantisano e gli assessori Molè, Valenti, Corigliano, Perziano, Cavaretta, Megna, Mellace, a ribadire che la programmazione dei Pisu, che ha portato ventitremilioni di euro alla città, è una azione di questa amministrazione comunale ed una risorsa per la città.Erano presenti, inoltre, i presidenti delle commissioni consiliari permanenti Giuseppe Aracri, Osvaldo Scarriglia, Michele Marseglia e Sergio Contarino. E’ intervenuto il capogruppo in consiglio comunale del Partito Democratico Claudio Liotti. «Su questo strumento, strategico per lo sviluppo della città - ha aggiunto Vallone - occorre fare chiarezza. Non siamo mai stati contrari ai contributi che potevano pervenire, ma mi chiedo dov’era la minoranza quando eravamo in fase di progettazione. Si parla solo ora e si crea confusione tra la gente» ha proseguito Vallone. La prima critica confutata da Vallone è quella relativa alla presunta frammentazione dei progetti.

Gino Marra

Presentato a Isola il progetto “Cerco casa”: supporto per promuovere l’integrazione ISOLA CAPO RIZZUTO - "Un supporto concreto per promuovere la cultura dell’integrazione". E’ così che l’assessore provinciale alle politiche sociali e all’immigrazione, Salvatore Pane, ha presentato il progetto "Cerco casa", nel corso della conferenza stampa che si è svolta ieri mattina a Isola Capo Rizzuto, nei locali confiscati alla criminalità organizzata siti in via Giordano Bruno e gestiti dalla Misericordia di Isola. "Su 107 progetti presentati al Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione del Ministero dell’Interno - ha spiegato Pane -, solo 33 ne sono stati approvati. Di questi solo uno nella provincia di Crotone denominato appunto "Cerco casa", presentato dall’Amministrazione Provinciale di Crotone in collaborazione con la Misericordia di Isola Capo Rizzuto e la Cooperativa Agape". «Un progetto - ha sottolineato più volte Pane - interamente finanziato con il fondo Fer (Fondo Europeo per i Rifugiati) per l’annualità 2008/2013 e che non graverà sulle casse della provincia». La proposta progettuale presentata da Provincia di Crotone, Misericordia di Isola e Cooperativa Agape è stata valutata infatti positivamente dalla commissione tecnica di valutazione «consentendo l’accesso - ha spiegato Francesco Vizza della cooperativa Agape - ad un finanziamento pari ad

83.798 euro, di questi 62.848,55 euro sono il contributo comunitario e 20.949,52 euro il contributo nazionale». «La realizzazione di questo progetto - ha poi commentato Leonardo Sacco, governatore della Misericordia di Isola - rappresenta un’importantissima operazione per il contrasto al fenomeno dell’illegalità diffusa, soprattutto sullo sfruttamento a nero di contratti di fitto nei confronti degli immigrati, garantendo loro anche un controllo sulle condizioni di vivibilità». Legalità testimoniata proprio dalla struttura che ospiterà lo sportello informativo del progetto. trattandosi di un bene sottratto alla criminalità organizzata e affidato alla Misericordia di Isola, che attraverso il riutilizzo sociale offrirà non solo un servizio alla comunità, ma anche agli immigrati: «Abbiamo fortemente voluto insediare in questa struttura il progetto - ha aggiunto Pane - proprio per riaffermare la cultura della legalità, testimoniata dall’opera giornaliera della Misericordia». «Ogni giorno - ha concluso Sacco - dalle ore 9 alle 12 e nel pomeriggio, saranno presenti nella nostra struttura un mediatore culturale, un legale e alcuni operatori della Misericordia, che supporteranno le richieste degli immigrati». Carmelo Morise


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani 25

CRONACHE I reati ipotizzati sono truffa e falso in atto pubblico ai danni della Regione

Inchiesta su Villa dei Gerani sequestrate 3 mila cartelle VIBO VALENTIA - Oltre tremila cartelle cliniche sono state sequestrate dai carabinieri nella casa di cura Villa dei Gerani di Vibo Valentia. Il sequestro della cartelle, eseguito su delega della Procura della Repubblica di Vibo Valentia, è avvenuto nel reparto di ostetricia e ginecologia della casa di cura e riguarda altrettanti parti. I carabinieri hanno anche acquisito nella seIl sequestro de dell’Azienda sanitaria provindelle cartelle ciale di Vibo Valentia la documentazione relativa alla convenè avvenuto zione con Villa dei Gerani. I reati ipotizzati dalla Procura, allo stanel reparto di to contro ignoti, sono truffa e falostetricia e so in atto pubblico in relazione a presunte irregolarità nella liquiginecologia dazione dei rimborsi alla casa di cura. della casa di

Scarcerato l’ex sindaco accusato di coltivare droga di R. Voci VIBO VALENTIA - Il giudice monocratico del tribunale di Vibo Valentia, Cristina De Luca, ha ordinato la scarcerazione di Francesco Leonardo Brasca, 62 anni, insegnante, già sindaco della città negli anni ’90. Brasca, nella giornata di sabato scorso, era stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di coltivazione di canapa in-

cura Carmelo Morise

Progetto della Nautilus per De Nisi inaugura l’anno lo Sviluppo sostenibile dell’ Alberghiero di Tropea PIZZO - Oggi alle ore 10 nella sede dell’Amministrazione provinciale, il presidente Francesco De Nisi e l’assessore all’Ambiente Martino Porcelli illustreranno alla stampa le nuove integrazioni al progetto "ViVibile", elaborato dalla Nautilus e propedeutico all’istituzione dell’Agenzia per lo sviluppo sostenibile della fascia costiera vibonese, che avrà il compito precipuo di coordinare la progettazione degli interventi finanziabili con il programma europeo "Life Plus". Dopo aver focalizzato l’attenzione su Pizzo, Vibo Marina e Francavilla Angitola, ViVibile ipotizza ora lo sviluppo futuro degli altri comuni costieri, sempre in un’ottica di piena sostenibilità ambientale. All’incontro con i giornalisti, prenderanno parte anche Ettore Iannì, presidente nazionale di Lega Pesca, Paola Biondini, ricercatrice di Edistudio, Concetta Fallanca, docente dell’Università di Reggio Calabria, Lello Greco, presidente della cooperativa Nautilus, Ninì Luciano, presidente del Forum per lo sviluppo sostenibile e Bianca Morroni, amministratore di Edistudio.

TROPEA - Domani alle ore 10.30, il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Francesco De Nisi presenzierà all’inaugurazione ufficiale del nuovo anno scolastico dell’Istituto alberghiero di Tropea. Accolti dalla dirigente scolastica Beatrice Lento, saranno presenti anche il prefetto Luisa Latella, il sindaco di Tropea Adolfo Repice, l’assessore provinciale all’Edilizia scolastica Giuseppe Barbuto, assessori, consiglieri provinciali e comunali, nonché il presidente provinciale della sezione Turismo di Confindustria Pino Giuliano. L’iniziativa è dovuta al fatto che da quest’anno, grazie all’impegno dell’Amministrazione provinciale, l’Alberghiero della cittadina tirrenica potrà disporre dei laboratori di cucina. Si tratta, di locali e attrezzature assolutamente indispensabili per un simile istituto, i cui studenti, finora, per le necessarie esercitazioni pratiche, sono stati costretti a continue peregrinazioni presso aziende private. La Provincia, oltre a realizzare le cucine, ha anche effettuato importanti lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, finalizzati ad assicurare adeguate garanzie sul piano della sicurezza.

diana; in un terreno di sua proprietà nella frazione Longobardi di ViboValentia, i militari dell’Arma avevano scoperto 150 piante, già mature per il taglio. Difeso dall’avvocato Enzo Gennaro, l’uomo, che è incensurato, ha ammesso che il terreno è di sua proprietà, ma di non essersi mai accorto della piantagione e che qualora se ne fosse accorto non l’avrebbe nemmeno riconosciuta.

Sei atleti per il titolo mondiale di Kickboxing VIBO VALENTIA - «Un grande in bocca al lupo ai sei giovani atleti napitini che stanno disputando in questi giorni il campionato mondiale 2010 di kickboxing. La loro partecipazione, resa possibile anche grazie alla sponsorizzazione della Provincia, rappresenta un motivo di grande orgoglio per lo sport vibonese». È quanto ha dichiarato l’assessore provinciale allo Sport, Gianluca Callipo, con riferimento al torneo iridato in svolgimento a Belgrado, in Serbia, che vede la partecipazione nelle categorie Cadetti (10-15 anni) e Juniores (16-18 anni) degli atleti della società sportiva Thunder Pizzo Andrea Leone, Francesco Bonaccurso, Cinzia Lico, Roberta Cavallaro e Diego Malerba. Dopo aver superato la durissima selezione nazionale sotto la guida del preparatore tecnico Giorgio Lico e di quello atletico Pasquale Cavallaro, i ragazzi sono partiti alla volta di Belgrado, dove è in svolgimento il campionato mondiale di kickboxing che si concluderà il 26 settembre prossimo.«Nonostante la giovane età si tratta di atleti di grande esperienza, che hanno alle spalle già numerosi successi in campo nazionale e internazionale - ha aggiunto Callipo -. L’auspicio di tutti è che riescano a conseguire anche questo nuovo ambizioso traguardo, che darebbe lustro a tutto lo sport calabrese». L’assessore, inoltre, ha colto l’occasione per complimentarsi con la squadra di calcio balilla dell’associazione dilettantistica Amici di San Gregorio, aderente alla lega nazionale Uisp (Unione italiana sport per tutti), formata da Pasquale Fresca e Raffaele Cugliari, per la buona prestazione espressa al campionato italiano di specialità tenutosi recentemente a Carovigno, in provincia di Brindisi. Rosa Voci


26

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Villa Manin

Udine, Munch tra luce e oscurità A villa Manin dal 25 settembre l’inedita esposizione dedicata ai grandi artisti e allo spirito del nord Europa Maria Luisa Prete Un soggiorno degno di un re, la definì Carlo Goldoni. Un luogo incantevole che ancora oggi mantiene intatto il suo splendore "regale", su al nord, in provincia di Udine. È villa Manin, maestoso complesso a Passariano costruito nel Seicento, nel comune di Codroipo, uno dei capolavori del Friuli Venezia Giulia. È immersa entro le mura in un parco secolare di diciotto ettari che costituisce parte integrante del complesso monumentale. La progettazione del giardino di Passariano, nota attraverso una serie di incisioni, presentava i tipici elementi della tipologia barocca, tratti dal repertorio francese e diffusi in tutta Europa. La villa ospita, in un contesto unico, mostre dalla grande suggestione. Vicina all’Europa, ha ideato un programma espositivo che dia conto della cultura espressiva del continente. Dopo la prima tappa costituita dalla rassegna che indagava le relazioni tra la pittura francese della seconda metà del XIX secolo e la contemporanea pittura nella nazioni del

Edvard Munch, Sera lungo il viale Karl Johan, 1892

Un racconto corale tra natura e problematicità che dà il senso vero e compiuto di questa mostra alla scoperta della Scandinavia, terra di luce e oscurità, spirituale centro ed est Europa, villa Manin propone un altro importante appuntamento. Per un progetto, nella sua interezza, volto a studiare alcune delle maggiori evidenze della pittura europea tra la metà del XIX secolo e il primo decennio di quello successivo. La mostra s’intitola Munch e lo spirito del Nord, Scandinavia nel secondo Ottocento e ha l’obiettivo, per la prima volta in Italia, di raccontare appunto lo spirito del Nord attraverso la pittura in Norvegia, Svezia, Finlandia e Danimarca. Soggetto protagonista, il paesaggio, ma la selezione ruota anche attorno al tema del ritratto e

della figura. Composta da circa 120 dipinti provenienti per la maggior parte da musei scandinavi, ma anche europei e americani, si divide in cinque sezioni. Le prime quattro riservate alle scuole nazionali di quegli stati, mentre la sezione di chiusura viene dedicata a Edvard Munch, con 35 opere in totale. Indagata, innanzitutto, la cosiddetta "Golden Age in Danimarca", con le opere tra l’altro di Lundbye e P.C. Skovgaard. Così come per la Norvegia una breve introduzione è riservata a Dahl, Balke e Gude, in Svezia a Larson, Berg e Wahlberg e in Finlandia a von Wright e Holmberg. Le

opere rendono il senso della scoperta del vero naturale, in paesaggi di straordinaria qualità. Quindi la grande visione di opere che hanno fatto del Nord Europa un luogo non soltanto fisico ma anche dell’anima, che culmina nel genio universalmente riconosciuto di Munch. Prima di lui, la schiettezza, la luminosità, il silenzio e il fragore del paesaggio nordico nell’interpretazione che talvolta vira verso una problematicità che fa dei luoghi naturali un sentimento arcano e quasi primordiale. La parte finale dedicata a Munch, dove anche una decina di opere su carta costituisce il necessario contrappunto all’opera pittorica, tocca il suo senso più alto nella scelta dei dipinti. Un racconto corale tra natura e problematicità che da il senso vero e compiuto di questa mostra, alla scoperta della Scandinavia, terra di luce e oscurità, non solo fisica ma soprattutto spirituale. La mostra inaugura il 25 settembre per concludersi il 6 marzo 2011. Per tutte le informazioni collegarsi al sito internet www.villamanin-eventi.it.

Edvard Munch, Sogno di una notte d'estate. La voce, 1893


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani 27

IL DOMANI DELLA CULTURA

Lo Zodiaco, 1970

In esposizione a Roma, fino al 24 settembre alla galleria Mara Coccia, gli scatti superstiti alla volontà di distruzione dell’artista

Abate racconta De Dominicis, le immagini dell’artista anconetano del celebre fotografo Claudia Quintieri Gino De Dominicis e l’immortalità. Gino De Dominicis e l’invisibilità. Gino De Dominicis e il superamento della gravità. Gino De Dominicis e l’idea del tempo che scorre e che va in qualche modo fermato. Per esistere dovremmo fermarci nel tempo, è una sua celebre frase. Quasi a contraddire questo anelito all’eternità De Dominicis distrugge una gran parte della testimonianza fotografica delle sue opere, oltre centottanta negativi, realizzata attraverso la consuetudine e gli scambi reciproci di idee e nottate di discussioni con il fotografo Claudio Abate che, romano di nascita, ha segnato un’epoca con i suoi scatti. Abate già nel 1959 realizza il ritratto di Mario Schifano, mentre negli anni ’60 lavora al Life magazine e diventa fotografo ufficiale di Carmelo Bene. Continua vivacemente la sua

carriera d’artista negli anni ’70 con opere direttamente impressionate sulla carta fotografica, i "contatti con la superficie sensibile". Negli anni ’80 comincia la collaborazione con la cosiddetta nuova scuola romana e avvia sodalizi con diversi artisti. Il Mart di Roveretoglidedicaunaretrospettiva nel 2007. Quest’ultima mostra alla galleria Mara Coccia di Roma presenta il lavoro che si è salvato nonostante l’iconoclastia di De Dominicis. Anconetano, De Dominicis nella sua carriera di artista non si è mai inserito in una corrente precisa, ha sempre viaggiato in solitaria. Due le fasi principali della sua carriera che si è interrotta nel 1998: la prima maggiormente basata su una spinta concettuale, la secondamaggiormentefigurativa e pittorica. Si trasferisce a Roma da Ancona e nel 1969 espone all’Attico di Fabio Sargentini con cui avrà una consuetudine. Nel

Scatto memorabile è "Contatto con la superficie sensibile" in cui appare il fantasma di Gino De Dominicis

Per la prima volta nel suo rituale giro del mondo, il World press photo exhibition arriva il 24 settembre a Napoli, a cura di Neapolis.Art, al palazzo delle Arti. World press, la più prestigiosa esposizione del fotogiornalismo internazionale, nasce da un altrettanto cosmopolita concorso che ha luogo all’inizio di ogniannoadAmsterdam,dove risiede l’omonima fondazione. Dal 1955 una giuria rappresentata da editori, fotografi e delegati delle agenzie stampa di tutto il mondo, premia alla fine di aprile, le prime tre fotografie classificate nelle dieci categorie in concorso, nonchè la migliore foto dell’anno. Le prime 200 foto vengono allestite in una mostra itinerante nel mondo, che tocca 50

nazioni ed è visitata da 2 milioni e mezzo di persone. Il World press photo of the year 2010 è stato vinto da Pietro Masturzo, giovane fotoreporter napoletano. Anche tra i premiati nelle altre categorie del concorso ci sono degli italiani: Stefano De Luigi ha vinto il secondo premio nella categoria Contemporary Issues, con la foto di una giraffa morta a casua della siccità in Kenya. In questa stessa categoria, nella sezione Stories, premiati anche Alessandro Imbriaco e Tommaso Ausili; Marco Vernaschi ha vinto il primo premio nella categoria General news (sezione Stories), con la foto intitolata Guinea Bissau; Michele Borzoni ha ottenuto il primo premio nella categoria People in the news, con una foto scattata durante degli scontri a Srinagar, nel Kashmir; Paolo Patrizi ha avuto il terzo premio nella cate-

Per la prima volta il World press photo arriva il 24 settembre a Napoli, a cura di Neapolis.Art Zoe Bellini

Un'altra fotografia in mostra (particolare)

1970 nella stessa galleria allestisce Zodiaco, opera che sarà documentata da Claudio Abate con una fotografia che restituisce il fascino dell’installazione e ne dà una visione che ha una validità storica. Altro scatto memorabile è "Contatto con la superficie sensibile: Gino De Dominicis" in cui il

goria Nature (Singles) con la foto delle evoluzioni aeree di uno stormo di uccelli; Luca Santese, con la foto di una madre-single scattata a Detroit, ha vinto il terzo premio nella categoria Daily life (sezione Singles).

fantasma di De Dominicis appare immortalato fra luce e ombra. Le fotografie di quel periodo formano la mostra "Scatti ritrovati" a cura di Costantino D’Orazio e sono tutte frutto di una concezione della fotografia che rivela l’opera e le dà una vita indipendente. Fino al 24 settembre.

La mostra è visibile fino al 14 ottobre nella sede del palazzo delle Arti

Pietro Masturzo, Dai tetti di Teheran, giugno 2009


28

il Domani Mercoledì 22 Settembre 2010

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

La dodicesima edizione del Festival dei primi piatti nazionali si terrà a Foligno dal 23 al 26 settembre

La cipolla di Tropea nel primo piatto dedicato all’Unità d’Italia TROPEA - Sarà il primo piatto dedicato all’Unità d’Italia il vero protagonista della XII edizione de "I Primi d’Italia, il Festival d’eccezione dei primi piatti nazionali", che rappresenta quanto di meglio il nostro bel paese ci offre e che si terrà a Foligno dal 23 al 26 settembre. Per tutta la durata della kermesse verranno coinvolte 26 location del centro storico e 18 villaggi del gusto, con oltre 200 aziende partecipanti e 80 chef ai fornelli. E’ ormai tesi diffusa tra i giornalisti enogastronomici che:

Tutte le scuole della Calabria alla terza edizione della “Fiera del libro calabrese”

"[...] quando scocca l’ora del pranzo, seduti davanti a un piatto di spaghetti, gli abitanti della Penisola si riconoscono italiani... Neanche il servizio militare, neanche il suffragio universale [...] esercitano un uguale potere unificante. L’Unità d’Italia, sognata dai padri del Risorgimento, oggi si chiama pastasciutta.» Ideato dagli chef dell’unica manifestazione interamente dedicata ai nostri amati primi, il piatto ha costituito una vera e propria sfida. La scelta è ricaduta sulla zup-

L’aspetto gastronomico non sarà l’unica nota dedicata alla ricorrenza nazionale. Previste esposizioni di cimeli e di reperti garibaldini pa, una zuppa nazionale, realizzata con ben venti ingredienti, ciascuno proveniente da una regione dello Stivale; un piatto nel quale hanno trovato posto non solo ortaggi d’eccellenza ma anche ingredienti inaspettati e sorprendenti come la Grappa, lo Zafferano ed il Pistacchio verde. E’ stata davvero un’ardua impresa riuscire a miscelare venti prodotti così diversi tra di loro, ma dopo un grande lavoro ed innumerevoli prove, gli chef de I Primi d’Italia sono riusciti nell’intento e, per la prima volta nel nostro Paese, proprio a Foligno si potrà assaggiare un piatto capace di far rivivere nei profumi, nei gusti e

Anche la Regione Calabria ha riconosciuto la validità ed il valore dell’evento culturale " Terza Edizione della Fiera del Libro Calabrese (o edito in Calabria) "organizzata dall’ Associazione Sinergie Culturali , in collaborazione con la Libreria Biblos, ed infatti l’Ufficio Scolastico Regionale della Calabria ha concesso il suo autorevole patrocinio, ed ha invitato tutte le scuole elementari e medie della Calabria a partecipare all’iniziativa "Invito alla lettura - Un Editore, un Autore, un Libro per una Scuola" . «E’ una bellissima idea - ha dichiarato il Presidente dell’Associazione Sinergie Culturali di Lamezia Terme, Don Natale Colafati infatti si tratta di avvicinare gli scrittori, e quindi i libri, alle scuole elementari e medie . Le Case Editrici che partecipano alla Fiera, saranno inviatate a scegliere, insieme ai Dirigenti Scolastici ed ai relativi docenti, uno o più libri da esse pubblicati per presentarli in una o più Scuole Elementari e Scuole Secondarie di Primo Grado (Scuole Medie) di tutta la Calabria, possibilmente con la partecipazione dello stesso Editore e dell’autore del libro. Le uniche spese per le case editrici saranno le spese di partecipazione alla presentazione del libro e un omaggio di

nei colori, l’essenza, la tradizione e le peculiarità della nostra così variegata e ricca Italia. Questi gli ingredienti del piatto: Lardo d’Arnad (Valle d’Aosta), Riso (Piemonte), Grana Bella Lodi (Lombardia), Speck (Trentino Alto Adige), Grappa (Friuli Venezia Giulia), Basilico (Liguria), Radicchio di Chioggia Igp (Veneto), Zafferano (Sardegna), Sale di Cervia (Emilia Romagna), Rigatino stagionato (Toscana), Olio extra vergine di oliva (Umbria), Farro (Marche), Zucchino romanesco (Lazio), Aglio di Sulmona (Abruzzo), Fagioli bianchi di Riccia (Molise), Fagioli di Sarconi (Basilicata), Pomodorino del Piennolo (Campania), Cipolla di Tropea (Calabria), Pistacchio verde di Bronte (Sicilia) ed Olive (Puglia). Ma la zuppa dell’Unità d’Italia non sarà l’unico primo con il quale verrà celebrata l’unità del bel paese: anche la ditta Delverde, produttore abruzzese di pasta, presenterà un piatto intitolato "Bianco, rosso e Delverde": un primo d’eccezione a base di pregiata pasta che celebrerà i colori

tre copie del libro alla Scuola che realizza il progetto; invece le Scuole prediporrano l’incontro tra gli alunni e lo scrittore. Sarà anche indetto un concorso - ha proseguito Don Natale Colafati - infatti ogni classe, nei primi mesi dell’anno scolastico 2010-2011, a conclusione del lavoro svolto sul libro presentato, dovrà produrre un elaborato scritto o un disegno o una recita registrata su supporto elettronico o altro ancora, e il tutto dovrà pervenire entro non oltre il 30 aprile 2011, pena l’esclusione, a: Associazione Sinergie Culturali - presso Libreria Biblos - Via Leonardo da Vinci n. 2 - 88046 Lamezia Terme Cz». Il segretario dell’Associazione, Pietro Rondinelli, ha così spiegato questo concorso : «Nella seconda metà del mese di maggio 2011, in una sala dove sarà esposto quanto inviato dalle Scuole, sarà dato a tutte le Classi l’attestato di partecipazione. Una Commissione di esperti valuterà i materiali pervenuti, non in base ai contenuti e al "valore" del libro, ma alla creatività e significatività con cui espresso il lavoro, assegnando valutazioni di merito e premi proporzionati ai primi tre classificati».

della bandiera in un gustoso sposalizio di sapori. L’aspetto gastronomico non sarà però l’unica nota dedicata alla ricorrenza nazionale. Sono infatti previste esposizioni di cimeli e reperti garibaldini originali, proiezioni di filmati storici, canti del Risorgimento e curiosità legate ai gusti di Garibaldi a tavola. Le melodie dei canti garibaldini riecheggerannopertuttaFoligno, grazie alla partecipazione della Banda Garibaldina Nazionale di Mugnano, la marchant band che con le sue camicie rosse ed i suoi fazzoletti verdi sfilerà per le strade della città, dilettando gli avventori presenti alla manifestazione. Sarà insomma un incontro ricco di eventi, di reperti, di musiche e di foto antiche che ci riporteranno indietro nel tempo, nella Foligno del 1800, per farci rivivere ancora una volta le gesta dell’eroe dei Due Mondi. La cornice folignate ben si presta al revival degli anni garibaldini.

«Sarà un incontro ricco di eventi, di reperti, di musiche e di foto antiche che ci riporteranno indietro nel tempo, nella Foligno del 1800» L’eroe vi giunse infatti, con al seguito ben 400 volontari, tra il 15 ed il 16 Dicembre del 1848. Alloggiò all’Hôtel de la Poste, in via Fiera, l’odierno Corso Cavour e sia lui che la sua truppa ricorderanno sempre il breve soggiorno folignate, durante il quale furono "accolti ed ospitati come fratelli." La figura di Giuseppe Garibaldi, inoltre, ha da sempre suscitato grande interesse per gli italiani e soprattutto per le italiane, che inesorabilmente ne subivano il fascino, stregate da un uomo allo stesso tempo semplice e potente, con lo sguardo limpido e i lunghi capelli color del grano.


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani 29

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

In esposizione, presso il museo cosentino, le opere di uno fra gli artisti più rappresentativi dell’arte cinetica

Il racconto dell’opera di Joel Stein fino a domenica 26 al Maca di Acri ACRI - Fino adomenica 26 settembre il Maca - Museo Arte Contemporanea Acri ospita la mostra retrospettiva che vuole essere un percorso attraverso tutta l’opera di Joel Stein - il padre e l’artista piu’ rappresentativo dell’arte cinetica; il protagonista di un’esperienza fondamentale nell’intensa vivacita’ creativa della seconda meta’ del XX secolo. Assorbito dal fervore culturale e artistico dell’ambiente parigino, Stein porta avanti una personale ricerca che lo vede partecipare, nel 1960, alla fondazione del "Groupe Motus", a cui succedera’ il "Centre de Recherche d’Art Visuel", che diventera’ poi il "Groupe de Recherche d’Art Visuel" (GRAV), del quale sara’ uno dei piu’ incisivi teorici. Quella di Stein e’ un’opera molteplice nelle sue forme perche’, se inizia con la pittura e l’incisione, molto presto si mostrera’ curioso di altri modi di espressione: oggetti manipolabili, costruzione di scatole luminose, triedri o caleidoscopi, effetti speciali per il cinemadiHenri-GeorgesClouzot e per i servizi di ricerca dell’Ortf (

stemi matematici ai labirinti; le pitture in progressione cromatica; gli intrecci, le macchine, i laser; gli slittamenti; fino alle ambiguita’ di lettura -, richiedono sempre un occhio responsabile e partecipe che attribuisca loro una forma stabile anche se momentanea e contingente, che animi il movimento virtuale che le scuote,

In esposizione: dalle pitture programmate su sistemi matematici ai labirinti, alle pitture in progressione cromatica, agli intrecci, alle macchine, ai laser, agli slittamenti... l’Ente Radiotelevisivo Francese), proiezioni di immagini animate a partire da un fascio laser, senza dimenticare la scultura con tecniche diverse; tutte prove di uno spirito totalmente libero. Poco incline a seguire dei maestri, Stein attribuisce molto presto un’importanza capitale al fattore visivo. Joel Stein e’, forse, anzitutto un ricercatore; un ricercatore preoccupato di comprendere e di mettere alla prova il funzionamento della visione in rapporto con la percezione dei colori o con quella delle forme, quando esse si intrec-

«Joel Stein è, forse, anzitutto un ricercatore preoccupato di comprendere e di mettere alla prova il funzionamento della visione in rapporto con la percezione dei colori»

ciano, si sfalsano o sono messe in movimento; preoccupato anche di cogliere la destabilizzazione delle forme e dei colori attraverso il gioco delle giustapposizioni, il gioco delle ombre o delle diffrazioni, altrettanti effetti che possono essere provocati, amplificati e sconvolti con l’uso della luce laser e di specchi. Le immagini e le opere instabili di Joel Stein - di cui in mostra saranno presentati numerosissimi esempi che ripercorrono tutta l’esperienza creativa dell’artista: dalle pitture programmate su si-

Momenti festosi, di cultura e iniziative sportive nella nona edizione dell’evento “Corvo in festa” CATANZARO - Si è conclusa nei giorni scorsi la IX edizione della manifestazione socio-culturale e sportiva svoltasi a Catanzaro nella zona sud "Corvo in Festa", organizzata tecnicamente dall‘Associazione Italiana Cultura e Sport - Comitato Provinciale di Catanzaro. L’iniziativa, voluta fortemente dalla Provincia di Catanzaro dal Presidente Wanda Ferro, dagli assessori Nicola Montepaone e Roberto Costanzo e dal vice presidente del Consiglio provinciale Emilio Verrengia ha visto «una tre giorni partecipata da numerosissimi cittadini - ha dichiarato Emilio Ver-

rengia - che hanno apprezzato l’iniziativa di aggregazione in un quartiere periferico abbandonato dall’amministrazione comunale sia dal punto di vista dell’erogazione dei servizi che della creazione dei momenti di svago». A conclusione dell’evento il vice presidente del Consiglio Provinciale Emilio Verrengia ha ringraziato i partecipanti , il comitato festegiamenti coordinato da Pino Abruzzo e Pepè Ciambrone ed il ruppo Volontari dell’Anps. Un ringraziamento è stato rivolto al Questore di Catanzaro per aver garantito la sicurezza pubblica.

che attualizzi alcune delle loro infinite potenziali variazioni. Si ricorda, dunque, che l’appuntamento con le opere di quest’artista così affermato nel panorama artistico è presso il Museo dell’arte contemporanea di Acri fino a domenica 26 settembre.

r. a.


Mercoledì 22 Settembre 2010 il Domani 31

APPUNTAMENTI III edizione “Fiera del Libro Calabrese” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari BORGIA Intersezioni 5 Fino al 3 ottobre , presso il parco archeologico di Scolacium (Borgia, Catanzaro),eMarcaCatanzaroacura di Alberto Fiz si terrà la mostra catalogo Electa. CATANZARO Presentazione avvio stagione 2010-2011 del Politeama Tutto pronto al Politeama per l’avvio della stagione 2010-2011. A parte l’opening internazionale, affidata all’irripetibile concerto di Elton Jhon e Ray Cooper (evento organizzato dalla Iacobino Team, con il fondamentaleconcorsodellaFondazione Politeama, della Provincia di Catanzaro e della Presidenza del Consiglio Regionale), il mega cartellone prevede 24 spettacoli in abbonamento e due eccezionali fuori programma. La stagione sarà presentata ufficialmente oggi , alle ore 11, alla presenza deimassimi esponenti della Fondazione, a partire presidente on. RosarioOlivo. E’ annunciata la partecipazione del presidente della Provincia, Wanda Ferro e dell’assessore regionale alla cultura Mario Caligiuri. La campagna abbonamenti inizierà ufficialmente lunedì 27 settembre. Tre i pacchetti proposti agli abbonati: l’abbonamento generale (24 spettacoli compresi i sei concerti della rassegna La Grande Musica per il Cinema). L’abbonamento “Teatro di prosa, musicale e acrobatico” (ottospettacoli); l’abbonamento musical (cinque spettacoli). Rispetto alpassato, saranno cinque ( e non più nove) le tipologie di biglietti. I Edizione rassegna "Cinema & Libri" L’associazione culturale "Free Zone" con il patrocinio dell’assessorato al turismo presenta presso il Caffè Letterario di Catanzaro organizza 23 e 24 settembre la prima edizione della rassegna "Cinema & Libri", quattro proiezioni articolate in altrettanti giorni fino alla vigilia della quarta edizione della Notte Piccante che si terrà nel centro storico della città. Elton John in concerto Giovedì 23 settembre , al Teatro Politeama di Catanzaro, si terrà un grande evento Elton John in concerto accompagnato da Ray Cooper. IV Edizione "La Notte Piccante" Nei giorni 24, 25 settembre , presso il Centro storico, si terrà la IV edizione "La Notte Piccante". Conferenza stampa progetto “Discoteche in Sicurezza 2010”

Venerdì 24 settembre , alle ore 10.30 presso la sala consiglio dell’amministrazione provinciale si terrà la conferenza stampa per la illustrazione dei risultati raggiunti e l’estrazione dei premi legati al pro-

Anche la Regione Calabria ha riconosciuto la validità ed il valore dell’evento culturale " Terza Edizione della Fiera del Libro Calabrese (o edito in Calabria) " organizzata dall’ Associazione Sinergie Culturali , in collaborazione con la Libreria Biblos, ed infatti l’Ufficio Scolastico Regionale della Calabria ha concesso il suo autorevole patrocinio, ed ha invitato tutte le scuole elementari e medie della Calabria a partecipare all’iniziativa "INVITO ALLA LETTURA - Un Editore, un Autore, un Libro per una Scuola"."E’ una bellissima idea - ha dichiarato il Presidente dell’Associazione Sinergie Culturali di Lamezia Terme, Don Natale Colafati - infatti si tratta di avvicinare gli scrittori, e quindi i libri, alle scuole elementari e medie. Le Case Editrici che partecipano alla Fiera, saranno

getto sulla Sicurezza Stradale “Discoteche in Sicurezza 2010”. "Scuola estiva Francesco Fiorentino" Fino al 23 settembre , nella sala polivalente del nostroLieo Classico, si svolgerà il consueto seminario della scuola estiva di alta formazione "Francesco Fiorentino". Le lezioni avranno inizio alle ore 17.00 e si c oncluderanno alle ore 19.00. VIII edizione Festival d’Autunno Giorno 30 settembre al Gran Teatro "LeFontane"MarioBiondiinaugura la"SummerSession"Iltour"Spazio tempo 2010", iniziato ad ottobre dello scorso anno subito dopo l’uscita dell’album "If". CHIARAVALLE Consiglio aperto per dire no alla mafia Ordinepubblico,sicurezzaelegalità. Per dire no alla Mafia, è il tema del consiglio aperto della Comunità Montana "Fossa del Lupo/Versante Ionico" di Chiaravalle Centrale, che si terrà lunedì 27 settembre , alle ore 10.00. CORTALE Conferenza stampa progetto Il cammino della fede Il Circolo culturale "A. Cefaly", l’amministrazione comunale di Cortale e l’istituto scolastico Cortale-Girifalco invitano alla conferenza stampa del progetto "Il cammino della fede: alla ricerca della memoria un percorso tra storia, arte e natura" giorno 25 settembre , alle ore 11.00, comune di Cortale. COSENZA 15^ edizione della Luzzi-Sambuci-

inviatate a scegliere, insieme ai Dirigenti Scolastici ed ai relativi docenti, uno o più libri da esse pubblicati per presentarli in una o più Scuole Elementari e Scuole Secondarie di Primo Grado (Scuole Medie) di tutta la Calabria, possibilmente con la partecipazione dello stesso Editore e dell’autore del libro. Le uniche spese per le case editrici saranno le spese di partecipazione alla presentazione del libro e un omaggio di tre copie del libro alla Scuola che realizza il progetto; invece le Scuole prediporrano l’incontro tra gli alunni e lo scrittore. "Sarà anche indetto un concorso ha proseguito Don Natale Colafati infatti ogni classe, nei primi mesi dell’anno scolastico 2010-2011, a conclusione del lavoro svolto sul libro presentato, dovrà produrre un elaborato scritto o un disegno o una

na Si svolgerà domenica 26 settembre l’ottava prova del Trofeo Italiano Velocità Montagna girone sud. La prova è organizzata dalla dinamica Scuderia Tebe Racing coordinata dal noto pilota locale Eugenio Molinaro, Presidente del Comitato Organizzatore, con la collaborazione dell’Automobile CLUB Cosenza. Sagra dell’uva Dall’8 al 10 Ottobre si terrà a Donnici (cs) la trentesima edizione della Sagra dell’uva e del vino. CROTONE Presentazione struttura Rete Impresa Italia - Crotone Oggi , alle ore 11.00, presso la Camera di Commercio di Crotone verrà presentata ufficialmente la neonata struttura interassociativa Rete Impresa Italia - Crotone. Assemblea Ecclesiale Diocesana Giovedì 23 e venerdì 24 settembre , si svolgerà, presso la sala convegni “San Giuseppe” della Parrocchia S. Paolo in Crotone, l’assemblea Ecclesiale Diocesana con la presentazione e la consegna del Programma Pastorale Diocesano 2010-2011. LAMEZIA TERME Contemporary Art 2010 Kristina Kurilionok Pramantha Arte contemporary art gallery - Via San Giovanni n. 1 - I° piano. Fino al 24 settembre - apertura martedì, mercoledì, giovedì - dalle ore 18.00 alle 20.00, con ingresso gratuito. Presentazione nuovo presidente Cia Alla presenza del presidente

recita registrata su supporto elettronico o altro ancora, e il tutto dovrà pervenire entro non oltre il 30 aprile 2011 , pena l’esclusione, a: Associazione Sinergie Culturali – presso Libreria Biblos – Via Leonardo da Vinci n. 2 – 88046 Lamezia Terme CZ. Il Segretario dell’Associazione, Pietro Rondinelli, ha così spiegato questo concorso :" Nella seconda metà del mese di maggio 2011, in una sala dove sarà esposto quanto inviato dalle Scuole, sarà dato a tutte le Classi l’attestato di partecipazione. Una Commissione di Esperti valuterà i materiali pervenuti, non in base ai contenuti e al “valore” del libro, ma alla creatività e significatività con cui espresso il lavoro, assegnando valutazioni di merito e premi proporzionati ai primi tre classificati. Ulteriori particolari si possono trovare sul sito www.fieradellibrocalabrese.org."Si cercherà - ha affermato Don Natale Colafati - di ridurre le distanze tra i libri e la scuola, tra i ragazzi e il mondo della cultura, facendo toccare "con mano " ai bambini la figura dello "scrittore", e quindi, aumentando la curiosità dei ragazzi verso i libri, perchè, ha concluso Don Natale Colafati - sono sempre più convinto che la battaglia per un futuro di vero sviluppo della Calabria si vince o si perde sul piano culturale, e mi fa immenso piacere che anche la regione Calabri abbia deciso di appoggiare tale iniziativa, tramite l’Ufficio Scolastico Regionale. Investire in cultura è l’unica vera arma per il futuro della Calabria !"

nazionale Giuseppe Politi, oggi , alle ore 15.00, presso il "T Hotel Lamezia” , ci sarà la presentazione ufficiale del nuovo presidente regionale della Confederazione Italiana Agricoltori. Iniziativa "Terme Aperte" L’amministrazione comunale di Lamezia Terme in collaborazione con le Terme di Caronte Spa lancia per la prima volta in città l’iniziativa "Terme Aperte". Domenica 26 settembre , le Terme saranno aperte al pubblico di visitatori dalle 10 alle 18.30. Nella giornata di domenica, infatti, sarà possibile provare gratuitamentelecuretermalieconoscerne i benefici e le proprietà terapeutiche (in particolare inalazioni, aerosol, humage, bagni, idromassaggi), attraverso visite guidate. Seminario promosso da Unioncamere Calabria Si svolgerà lunedì 4 ottobre dalle ore 9.00 alle 13.00, presso la sala conferenze di Unioncamere Calabria il seminario dal titolo “Campagna europea sulla manutenzione sicura 2010-2011 – Ambienti di lavoro sani e sicuri. Un bene per te. Un bene per l’azienda” promosso da Unioncamere Calabria – Desk Enterprise Europe Network in collaborazione con la Regione Calabria e l’Inail, puntofocalenazionaleperlacampagna europea sulla manutenzione sicura coordinata dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro. NOCERA TERINESE Zona Briganti in concerto Sabato 25 settembre , alle ore 22.00, si terrà il concerto dei Zona Briganti.

PIANOPOLI Zero Assoluto in concerto Domenica 26 settembre , per la Festadell’Addolorataarrivanogli"Zero Assoluto". REGGIO CALABRIA Laboratorio Filosofico di Carlo Sini Nell’ambito del progetto di restauro dei Bronzi di Riace, la soprintendenza per i beni archeologici della Calabria promuove il Laboratorio FilosoficodiCarloSini.Il23settembre e l’8 ottobre 2010, presso Palazzo Campanella, si svolgeranno due giornate laboratoriali e convegnistiche di grande rilevanza sul piano culturale. Protagonista dell’incontro èilprofessorCarloSini,Accademico dei Lincei, Professore ordinario di Filosofia Teoretica all’Università Statale di Milano e pensatore di fama internazionale. RENDE Iniziative all’Università della Calabria Appuntamentiall’UniCal:l’on.Antonio Di Pietro, sarà nell’aula Magna il 30 settembre , alle ore 15.00, per un convegno nazionale sulla riforma universitaria. Insieme al leader di Italia dei Valori ci saranno l’on. Massimo Donadi, capogruppo del partito alla camera dei Deputati, e Guido Dell’Aquila, vice direttore di Rai Tre; il prof. Robert Gallo, illustre virologo americano, sarà nella sala stampa dell’Unical il 2 ottobre , alle ore 11.00, per presentare il 12th Annual International Meeting of the Institute of Human Virology, che si terrà a Tropea dal 4 all’8 ottobre ROSSANO "Festa 900 anni da nascita" Fino al 5 ottobre 2010 si terrà il novenario per promuovere sempre più la figura di San Nilo, in comunione anche con le altre diocesi. SAN DONATO DI NINEA Festa d’autunno Nei giorni 5, 6 e 7 novembre , a San Donato di Ninea (Cs) si terrà la Festa d’Autunno (Sagra delle Castagne) una delle più rinomate e conosciute sia in calabria che fuoti dai confini. Si svolge nel centro storico con la riapertura dei vecchi locali da adibire a mostra e vendita di artigianato e gastronomia locale. VIBO VALENTIA Modà tour in concerto Domenica 3 ottobre , alle ore 21.30, si terrà il concerto dei Modà.

Catanzaro 24, 25 settembre

Catanzaro 23 e 24 Settembre I Edizione rassegna “Cinema & Libri”


il domani  

Edizione del 22 Settembre 2010

Advertisement