Page 1

Giovedì 22 Luglio 2010

Anno XIII - Numero 199

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

PIANO CASA

ECONOMIA

Via libera della IV Commissione alla proposta di legge. Critico Guccione

TAGLI

Tremonti fa il punto alla Camera: «Non ci saranno altre manovre»

di Ludovico Casaburi a pag » 8

I parlamentari si tagliano gli stipendi a 550 euro al mese

a pag » 22

di Carlo Bassi a pag » 23

Una pioggia di reazioni segue alle disperanti cifre dell’ultimo rapporto sullo stato del Mezzogiorno

I dati Svimez fan gridare alla secessione Mentre Misiti lancia addirittura l’idea del separatismo, la vicepresidente Stasi parla di tagli e sacrifici IL COMMENTO

Clamorosa risposta del pubblico, adesioni in massa

Per la numero due della Regione i dati sulla nostra economia sono allarmanti ma purtroppo bisogna fare i conti con la crisi dell’economia. Per contro c’è chi come Occhiuto e Oliverio richiama al suo dovere il Paese di Carmela Mirarchi a pag » 4 e 5

CONTRO LA MANOVRA

L’INTERVENTO

Sud, manca una strategia per la crescita di Stefano Fassina

di Raffaele Gentile

responsabile Economia segreteria naz. Pd

Segretario della Uil-Flp

Sono circa 240.000 le adesioni, tutte certificate, confluite sul sito della UIL FPL e circa 3.800.000 le cartoline di protesta partite all’indirizzo del Presidente del Consiglio, dei ministri Renato Brunetta, Maurizio Sacconi, Giulio Tremonti e dei Capigruppo di Camera e Senato. Sono questi i risultati inequivocabili dell’iniziativa di protesta contro la finanziaria promossa dalla sigla sindacale per il 14 luglio scorso. Un’iniziativa per sostenere le richieste di modifica della UIL alla manovraeconomicaesensibilizzare Governo e Parlamento sulla necessità di ripartire i sacrifici in maniera più equa senza gravare ingiustificatamente sul lavoro pubblico,è stata scelta una modalità .....

Esenzione Ici e coltivatori diretti

Ci hanno pugnalato alle spalle... Con un grande striscione esposto davanti al palazzo del Viminale, i poliziotti del Coisp - il Sindacato indipendente di polizia, hanno chiesto le dimissioni del Ministro . È stato un "assalto" in piena regola, pacifico ma rumoroso, quello messo in atto ieri mattina che ha portato davanti al Palazzo del Ministero un esercito di sagome di poliziotti pugnalati alle spalle.

La Corte di cassazione nella sentenza n.15516, uniformandosi alla sentenza della Corte costituzionale, che dichiara infondata l’eccezione di legittimità costituzionale della normativa che limita ai coltivatori diretti iscritti alla relativa gestione previdenziale le agevolazioni, escludendo coloro che non traggono dal lavoro agricolo la loro esclusiva fonte di reddito, esclude l’agevolazione al contribuente che gode di pensione sociale.

segue a pag » 2

a pag » 16

COSENZA Arrestati 67 presunti affiliati a un clan sequestrati beni per 250 milioni di euro a pag » 30

REGGIO CALABRIA Scoperti dispositivi video poker illegali Denunciato uno dei responsabili a pag » 33

CROTONE La domus romana delle sorprese l’antichità rivive in via Discesa Fosso a pag » 34

Il Rapporto Svimez presentato martedì scorso documenta in modo eccellente il drammatico peggioramento delle condizioni del Mezzogiorno. Un peggioramento certamente dovuto, come in altri territori, agli effetti della crisi, ma aggravato dalla completa assenza di una strategia per la crescita del Paese, di una strategia riformista per aggredire i nodi che da decenni soffocano le potenzialità, costituite innanzitutto dagli uomini e dalle donne, del Mezzogiorno. L’assenza di una strategia riformista ha portato il governo a saccheggiare, anche con la manovra ora alla Camera, le risorse dedicate agli investimenti nel Mezzogiorno e a spostarle a spesa corrente ead irresponsabili sprechi elettorali. Il Mezzogiorno non è un problema territoriale, è l’espressione acuta dei fondamentali problemi dell’Italia. Per affrontare il problema Mezzogiorno abbiamo quindi bisogno di una strategia nazionale di riforme. Il federalismo senza forti politiche nazionali diventa, nella proposta della Lega e di Tremonti, fattore di ulterioredivaricazioneterritorialee di indebolimento di tutto il Paese. I principali indicatori economici, occupazionali, produttivi, infrastrutturali sono tutti negativamente contrassegnati, a testimonianza di una sofferenza diffusa tra i cittadini, le famiglie, i territori del Sud. Tutto ciò postula l’esigenza non più rinunciabile né ulteriormente rinviabile di risposte serie, adeguate alla straordinaria gravità della situazione in cui desta il mezzogiorno d’Italia.


2

14 Luglio 2010 il Domani Mercoledì Giovedì 22

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI IL di Luigi Raffaele Gentile IL COMMENTO COMMENTO di Bulotta Clamorosa risposta del pubblico in massa Riorganizzare la rete ospedaliera:adesione scelta ineludibile di comitati, si mobilitano a ... in grado disindaci dare voce ai lavoratori difesa questo o quell’altro ospedasenza diimpoverire ulteriormente la le ed ogni processo di razionalizzabusta paga con una giornata di zione anche dellacreare rete disagi ospedaliera sciopero e senza ai citviene tadini.interrotto, perché subentrano altre logiche ed altri collegarsi interessi. alCiò Era infatti sufficiente sisuccede ed è successo in una Calabria, to www.uilfpl.ited inviare cartoma in tante altre Tutto linaanche al Presidente del regioni. Consiglio, ai ciò ostacola, ritarda e rischia imMinistri dell’Economia e delladiFunpedire il necessario processo didi camzione Pubblica, ai Capigruppo tutbiamento e Camera la programmazione ed ti i partiti di e Senato. attuazione quelle urgenti miLe caselle diditutte posta elettronica dei sure che rappresentanti occorrono peristituzionali restituire massimi credibilità regione Calabria ed sono statealla invase dalle cartoline, assicurare ai calabresi un sistema sacreando forti disagi ed umori tutt’alnitario Siamo solo all’initro cheadeguato. sereni - prosegue Gentile. Il zio di un processo, ormai inevitabile, nostro obiettivo è stato raggiunto. di razionalizzazione sanità Abbiamo rispedito al della mittente lo calabrese da effettuare con = coraggio slogan dipendenti pubblici fannuled onestà intellettuale e con senso loni e abbiamo sottolineato che diil responsabilità daèparte degli attoriper di lavoro pubblico uno strumento tale processo, ma da eparte di fornire i servizi ai anche cittadini non un tutti coloro che sono comunque coincosto assistenziale. volti al problema. Tutte od le interessati Regioni hanno risposto Sembra doveroso ridurre le spese all’appello in maniera entusiasmanfarmaceutiche, così di come te, alcune superando gran sembra lunga il azione preventiva il turn rapporto numero dibloccare iscritti-cartoline

over delle inviate. E’ il assunzioni caso, fra glidel alpersonale ospedaliero, tri, della Calabria in cui in le attesa del riordino adesioni sono venutedella non rete dai ospedaliera, e contesolo settori lavorativi nere il tasso di del comparto maospedalizanche da zazione, a vantaggio potenun sorprendente numero del di semplici ziamentoche dell’assistenza domiciliare. cittadini hanno voluto così far La Calabria un sistema sanitario sentire la lorohavicinanza ai lavoratoincentrato su una serie di ospedali ed ri. ospedaletti, ereditati daanche anni inper cui, Un particolare plauso, i grazie araccolti finanziamenti facili, spuntanumeri va al Gruppo Azienvano dell’Azienda come funghi in zone ed aree"Puandale Ospedaliera che limitrofe, i cosiddetti "ospedali gliese - Ciaccio", che ha attivato veri fotocopia", in un periodo cui si ripunti raccolta delle firme,in nonché ai teneva che bastassedell’Amministracostruire un osGruppi Aziendali pedaleprovinciale per risolveredii problemi sanizione Catanzaro e tari della popolazione, e non si pendell’ARPA Calabria. sava ad una rete assistenza territoAbbiamo fatto undiprimo, importante riale, alla base, alla prepasso per medicina costruire di una grande alvenzione, così sii servizi costruiva, si asleanza tra ecc.; chi eroga e chi ne sumevano medici, infermieri, persofruisce. Siamo riusciti a costruire un nale ausiliario, rapporto proficuo traamministrativo, lavoratori e citmagariche anche senza concorso e tutta tadini consente di risparmiare questa pubblico pletora die persone costituiva denaro riqualificare i serbacino elettorale dei vari politici vizi. Obiettivi che non si raggiungono locali.col Cosi a pochi trocerto blocco del chilometri rinnovo deisiconvano e ospedali con le stesse spetratti della contrattazione integrati-

FUORI COSE DAL COMUNE DELL’ALTRO MONDO

di Carmela Mirarchi di Carlo Bassi

Turisti, ecco i vostri in spiaggia Quando la politica ti fadiritti diventare cieco, o scemo L’estate è arrivata e i furbetti che didei truffare i turisti sono Per Impossibile parlare d’altro: iericercano i titoloni giornali erano tuttigià perall’opera. Docombattere questoe fenomeno Adiconsum messo punto vademecum che menico Gozzo la sua dichiarazione delha tipo «nonaso se la un politica regriassume regole sull’accesso alle spiag-Oggi, come potete leggere nei gerà il tutte colpoledella verità su via D’Amelio». ge.dettagli L’associazione anche ai Presia paginaha 19,scritto il capo di Gozzo nega recisamente, dice di essere denti della Conferenza all’Anstrabiliato e che non delle riesceRegioni a capireequei tici, perché facciano rispettare diritti dei contoli. Beppe Pisanu, il capoidell’antimafia, sumatori. I turisti devonosiano comunque sapere nega che quelle parole state pronunche:ciate l’accesso alla spiaggia è libero gratuito. in audizione, e ricorda chee sono seGligrete. stabilimenti balneari devono Dunque, come al solito, consentire qualcuno ciil transito allapur battigia. battigia a disposimarcia, di farLa pensare a èBerlusconi zione di tutti. La pulizia delle spiagge libere colpevole di tutto. Del resto la cosa nonècia carico del Comune. E’ stabilito, per legge, un sorprende: l’ultima accusa contro il preequilibrio tradilaga spiagge inblog concessione spiagge mier che sui dice cheeusa Tolibere. I prezzi sono liberi e idovrebbero polino per corrompere bambini e essere arricrapportati alla qualità terrestre! dei servizi. In caso la di chirsi con il digitale Colpevole violazioni è previstae anche la Extrarevoca storiellagravi "Zio Paperone il digitale dell’autorizzazione. di violazione terrestre", scrittaIndacaso Alessandro Sistidei e diritti dei Mottura, bagnanti apparsa rivolgersisul alla Polizia MuPaolo fascicolo nunicipale, Carabinieri, alla Capitaneria di porto e alle sedi di Adiconsum. In vista mero ai2484 di Topolino, il 23 giugno. dunque delle partenze di luglio e agosto i consumatori devono conoscere idi loro diritPaperone, la Banda Bassotti e soci partecipano al passaggio ti inPaperopoli spiaggia, diventata "terreno privato". Visti i costi che all’attualità i consumatori sono al digitaleormai terrestre. È bastato questo riferimento costretti a sostenere per godersi unepo’ di vacanza giusto che valere fino italiana per scatenare tormenti ossessioni tra i èmilitanti. Mafacciano se dicessein fondo i lorouna diritti. Così come ènon lorocidiritto / dovere denunciare ro almeno cosa di sinistra guadagneremmo tutti? ogni sopruso che possa ledere le bellezze delle nostre spiagge.

cialità, con personale a volte più numeroso dei ricoverati, senza apparecchiatuva,adeguate, contro cuispesso continueremo re obsolela nostra battaglia, invete, non in grado di ma assicuce mettendo fine a sperperi, rare servizi di qualità, ma sprechi, clientelismo della la cui gestione, manutenpolitica e cattive gestioni. zione ha un costo che La protesta è stata risposta diventa sempre piùforte; alto una rispetto ai che, sommata a quella che è stata daservizi ed ai benefici in termini di asta con la raccolta di firme contro sistenza erogata. Tutto ciò risente dila privatizzazione dell’acqua, è il seun modello sanitario alquanto gnale chiaro di come il cambiamento superato, distante, com’è, dalla riesca ad arrivare didal dai moderna concezione talebasso, servizio, lavoratori e dai cittadini, senza che basato su pochi ospedali, contornati nazionalee e dal’establishment reti territorialipolitico, di prevenzione regionale, riesca a mettere un sistefreno. filtro. Abbiamo in sostanza un Da oggi conclude Gentile riprende ma sanitario che costa molto e prola nostra seconda campagna. duce servizi, a parte le dovuteDenunecceceremo, così come abbiamo zioni, complessivamente non sempre certo fatto, su segnalazione dei nostri isceccelsi (l’alto tasso di emigrazione sanitaria lo testimonia). Anche in questo settore si è badato a moltiplicare personale più che ad assicurare servizi utili per la comunità.La rete ospedaliera ha svolto, quindi, più la funzione di struttura di veicolazione del consenso elettorale, che di servizio sanitario vero e proprio. In non pochi casi, gli ospedali sono serviti per alimentare i medici-politici (basta guardare la corposa rappresentanza di medici all’interno della regione, delle province e dei comuni). Oggi è del tutto antieconomico mantenere aperte modeste strutture ospedaliere che sopravvivono, alimentando "ricoveri impropri", ossia non giustificati da esigenze sanitarie, ma utili per documentare statisticamente la validità di un ospedale. La ritti e di semplici riduzione a cinque cittadini, delle Asl,qualsiasi riconspreco all’interno degli Enti pubblici ducendole a livello provinciale, non Aziende Sanitarie. hae delle risolto il problema, perché non si ora che la politica inizi ad della aprire èÈ voluto affrontare il vero nodo gli occhi e tagliare sulle vere fonti sanità regionale che riguarda l’ab-di norme numero di ospedali. E’ lì che si annida tanta spesa. E’ lì che prima o poi si dovrà fare i conti per rispettare i vincoli finanziari, attualmente molto elevati. Ma qui sorge il problema legato all’insorgere di campanilismi e, purtroppo, di personalismi in quanto si innescano crociate per mero populismo, clientelismo, per difendere strutture inutili ed a volte fonte di rischi, non per garantire il diritto alla salute dei cittadini, ma magari per garantire il posto di lavoro vicino casa al personale, ignorando le vere necessità ed il bisogno di una reale ed efficiente assistenza sanitaria. Da qui l’irresponsabilità di politici che a vari livelli di governo si ergono a paladini della salute dei cit-

tadini ma che, di fatto, sono solo paladini di loro stessi. Occorre invece che le forze politiche, sindacali, le varie formazioni sociali collaborino, gli addetti ai lavori dialoghino, si confrontino con unicità di intenti, mettendo da parte perverse e personalistiche logiche, mirando all’unico obiettivo di risanare la sanità regionale. Occorre fare un monitoraggio approfondito sulla distribuzione della rete ospedaliera regionale, sul suo funzionamento, sulle ragioni dei risultati negativi finora conseguiti. Dovremo smettere di pensare che sia giusto avere sotto casa un ospedale; occorre fare i conti con le risorse disponibili, con l’utenza realmente mobilitabile, la managerialità da garantire. Nella sanità, dovremo a breve (c’è una commissione tecnica al lavoro a supporto sperpero e spreco.Stato-regioni, Ciò a dimostradella Conferenza in zione che il nostro sindacato non questa direzione) misurarci con punvuolepercorsi essere complice del sistema, tuali di convergenza dei coma che combatte in prima per sti e dei fabbisogni standard,linea avendo riportare la funzionalità, la legalità come riferimento le performancee l’efficienza all’interno della(LombarPubblica delle regioni più efficienti Amministrazione, per riconoscere dia, Emilia, ecc.),e una condizione ai dipendenti e promolto distante professionalità da quella calabrese, al duttività. netto delle autoreferenzialità sempre forti in questo come in tanti altri set* Segretario Uil-Flp tori di attività pubblica che caratterizzano la regione. Si dovranno pesare tutte le spese sostenute e dovranno essere previsti seri controlli. Lo spreco non dovrà essere più tollerato, anzi dovrà essere sanzionato, ed è augurabile che ciò possa rappresentare una delle occasioni di svolta nella spesa pubblica che abbatta la spesa "facile" quanto improduttiva economicamente, ma proficua politicamente e accresca quella finalizzata a creare un contesto positivo per lo sviluppo sociale ed economico, condizioni entrambe, di cui la Calabria e più in generale l’intero Paese hanno estremamente bisogno. La sfida oggi per ogni organizzazione è ottimizzare le risorse per produrre valore e ridurre lo spreco. La sola efficienza dei processi non serve, se questa non produce efficacia nell’azione dell’organizzazione. Il cambiamento efficace nel tempo implica un cambiamento della mentalità e della cultura organizzativa che, a sua volta, modifica i comportamenti anche tenendo conto delle aspettative dei diversi pubblici interni, ed esterni. Il cambiamento produce valore e accresce la licenza di operare dell’organizzazione. E di questo cambiamento la Calabria ne ha un enorme, urgente bisogno.

www.ildomani.it

::Reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997::

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Orlando Rotondaro (responsabile)

Guido Talarico Amministratore

Redazione

Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale)

Francesco Pungitore (caposervizio)

Recapiti telefonici-fax-email Calabria Tel. 0961.996802 | Fax 0961.3098239

calabria@ildomani.it

Roma Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.45427172

roma@ildomani.it

appuntamenti@ildomani.it arretrati@ildomani.it redazione@ildomani.it

Direzione Redazione Amministrazione Loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 Roma Via Archimede 201 (Rm) Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani

MENDICINO Guarda le videointerviste su www.ildomani.it

Piscitelli: «Il federalismo è più parlato che praticato» Andrea Celia Magno

Mendicino, antica capitale degli Enotri Mendicino è un Comune di circa 10 mila abitanti situato alle porte di Cosenza. Le origini di Mendicino sono molto antiche e, secondo alcuni storici, i primi insediamenti abitativi di Mendicino risalgono al 300 a.C., quando si chiamava Pandosia Bruzia, capitale degli Enotri. Mendicino, comunque, è famosa anche per l’importanza e lo sviluppo che hanno avuto nei secoli la lavorazione della seta grezza, i cui segni ancora oggi sono tangibili nel borgo collinare, grazie alle due filande dell’inizio che risalgono all’inizio del secolo scorso. Il sindaco di Mendicino è il professor Ugo Piscitelli, confermato quale primo cittadino nelle elezioni del 2009, a capo di una coalizione di centro sinistra, ma già sindaco del paese dal ’92al2001,edal2004.

«Questa nuova Giunta deve porsi il problema della discontinuità, mettendo mano alle contraddizioni accumulatesi negli ultimi anni»

Lacrisieconomicacheeffettitangibili ha avuto, al momento, sul Comune di Mendicino? Credo che questa crisi ci tocchi doppiamente. Da una parte perché alcuni costi vengono scaricati dallo Stato sui Comuni, che quindi sono costretti a fornire servizi minori oppure, dall’altra, per mantenere gli stessi standard, aumentare le tariffe. I cittadini verranno penalizzati due volte: dagli investimenti minori dello Stato e dall’aumento delle tasse comunali. Cosa pensa del federalismo fiscale? Questo problema del federalismo è più parlato che praticato e anche l’ultima manovra sta lì a dimostrarlo: si parla di spostare il potere agli enti locali, ma in realtà c’è una visione centralistica che massacra gli enti locali. L’autonomia non si vede. Molto probabilmente non c’è nemmeno una visione concreta di questo federalismo. Bisogna dare un significato al federalismo solidale: le regioni meno ricche riceveranno aiuti da quelle più ricche o si creerà una dualità fra un nord ricco e un sud povero? D’altro canto c’è anche questa polemica sui costi: non si riesce a capire quali siano i costi di questa riforma. Alcune forze politiche, come la Lega, dicono che il federalismo aiuterà a star meglio, ma i costi del federalismo rimangono una nebulosa. Molto probabilmente presenteranno solo alcuni decreti attuativi. Mendicino è riuscito a beneficiare di fondi comunitari? Gli unici fondi che riusciamo ad avere arrivano attraverso la partecipazione ad alcuni bandi che la Regione mette a disposizione delle comunità. Ma solo una parte sono quelli che poi arrivano realmente nelle casse comunali, perché un po’ di soldi si perdono e non si danno risposte puntuali per le esigenze dei Comuni, a causa della burocrazia o per l’inettitudine della classe dirigente regionale. L’Europa per noi è abbastanza lontana. Un’Europa che sentiamo più che altro come elemento metafisico, ma non come elemento positivo per creare occupazione e sviluppo, che sono le due cose fondamentali che dovrebbero essere affrontate con più rigore. Pensa che riuscirà ad avere altri fondi per Mendicino? Penso che questa nuova Giunta deve porsi il problema della discontinuità, rompendo con il passato e mettendo mano a tutte le contraddizioni accumulatesi negli ultimi anni. Non per una questione ideologica, ma per riparare agli sprechi investendo nella produttività, superare i vecchi municipalismi per avere una visione più d’insieme, trovare due o tre problemi fondamentali sui cui incentrare l’attenzione e ottenere alcuni risultati immediati. Inoltre la Giunta dovrebbe cercare di investire sui giovani, per evitare di trovarci in una si-

Il prof. Ugo Piscitelli, sindaco di Mendicino

tuazione irrecuperabile. Oggettivamente, però si trovano in una situazione di crisi, quando avrebbero dovuto trovarsi in una situazione migliore. Basti pensare alla situazione della sanità calabrese. Se c’è discontinuità molto probabilmente alcuni problemi si possono risolvere. Le tre cose migliori che ha fatto per Mendicino dal momento del suo insediamento? Prima di tutto ho cercato di amministrare con imparzialità, mettendo a bando l’appartenenza e amministrando attraverso regole trasparenti. La seconda cosa, legata a questo principio, è che ho cercato di sentire tutte le componenti locali per risolvere al meglio i problemi, con diverse soluzione. Per terzo ho creato le condizioni infrastrutturali per ammodernare il paese e superare vecchie contraddizioni. C’erano alcune situazioni negative come scuole e strade abbastanza obsolete e ci siamo impegnati per rimetterle a disposizione della collettività nel migliore dei modi. Infine, una delle caratteristiche fondamentali delle mie amministrazione è stata quella di tener sempre conto degli ultimi. Dare una risposta più puntuale ad alcune categorie a rischio.

Uno scorcio di Mendicino

Presenti le iniziative per la stagione estiva. Abbiamo già iniziato una serie di manifestazioni. In generale sono contrario ai grandi eventi perché sono dispersivi. Abbiamo prodotto un’attività insieme alla scuola su Gianni Rodari e abbiamo organizzato due convegni sulla fantasia e sulla letteratura. Ci sarà una manifestazione sulla poesia dialettale, convinti che il dialetto per raggiungere le radici della nostra realtà. Ci saranno alcune iniziative per gli anziani, grazie ad un’associazione che lavora con gli anziani del territorio. Verrà organizzata la "Festa della Filanda", che vedrà l’esposizione dei prodotti realizzati in seta grezza dagli artigiani di Mendicino, che è un sito importante per quel che riguarda l’archeologia industriale. Quindi fra agosto e settembre verranno organizzate una mostra di dischi in vinile, con alcuni concerti di musicisti jazz in collaborazione con la scuola civica di musica di Mendicino. Infine a settembre verrà organizzata la "Festa della Montagna", che ha l’esplicito intento di richiamare alcune iniziative alpine simili e vedrà l’organizzazione di un evento musicale in cima.

«Solo una parte dei fondi arriva realmente nelle casse comunali perché gli altri si perdono per la burocrazia o per l’inettitudine della classe dirigente regionale»

3


4

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

PRIMO PIANO Per la vicepresidente della Regione i dati sul Mezzogiorno sono allarmanti

Stasi sul Rapporto Svimez: al via stagione di tagli e sacrifici di Carmela Mirarchi CATANZARO - «Anche quest’anno i dati sull’economia del Mezzogiorno sono allarmanti: purtroppo il momento di recessione continua in un contesto di crisi dell’economia nazionale ed internazionale». Lo ha affermato Antonella Stasi, vice Presidente della Giunta regionale intervenuta a Roma alla presentazione del rapporto Svimez 2010 sull’economia del Mezzogiorno, appuntamento a cui hanno preso parte i Governatori delle Regioni del Sud. «In questo contesto la Calabria - ha affermato la Stasi - deve fare i conti con una importante arretratezza e con un andamento della spesa corrente in netto aumento. La cosa più grave è che alcune istituzioni pubbliche vengano intese come intermediari di lavoro e ammortizzatori sociali». Antonella Stasi ha poi esposto le «Si è idee della Giunta regionale per contrastare la crisi e rimettere in deciso di moto l’economia calabrese. «Il nuovo Governo regionale - ha pianificare detto - ha preso coscienza del subito gli grande lavoro che lo aspetta. Per questimotiviilpresidenteScopelinterventi liti ha intrapreso una politica di tagli e di sacrifici che porterà a un strutturali ridimensionamento immediato dinamici della spesa e degli apparati burocratici. L’aspetto più importante e con un è che si è deciso di abbandonare i piagnistei per pianificare subito percorso gli interventi strutturali con di relazioni dinamismo e con un percorso di relazioni virtuose. Un primo virtuose» grande successo è stato l’individuazione dei dati certi sul deficit sanitario e da qui a breve seguirà un intervento importantissimo per la riorganizzazione delle strutture ospedaliere». La Vice Presidente della Giunta ha chiuso il suo intervento con un auspicio: «Le Regioni del sud devono collaborare con alleanze strategiche all’interno di una politica unitaria e di sviluppo. Il Mezzogiorno può diventare interlocutore privilegiato di numerosi Paesi che si affacciano sul Mediterraneo tramite il potenziamento della logistica e delle relazioni economiche. Il Meridione può essere la vera chiave per lo sviluppo dell’intera Nazione: la Calabria ci crede e su questo punterà le proprie risorse». Il capogruppo dell’Udc in Commissione Finanze della Camera, Roberto Occhiuto, a margine della presentazione del Rapporto an-

«Adottare misure a tutela dell’ agricoltura» CATANZARO - Gli assessori regionali, all’Agricoltura, Michele Trematerra e al Lavoro, Francescantonio Stillitani, su segnalazione delle associazioni di categoria del mondo agricolo calabrese, in riferimento alla manovra economica del Governo nazionale, che ritiene indispensabile rivedere i parametri per stabilizzare la fiscalizzazione degli oneri sociali per le imprese che operano nelle zone svantaggiate e di montagna, hanno rivolto un invito alla stessa maggioranza di governo a rivedere tale decisione, onde evitare che questo provvedimento possa aggravare ulteriormente sul costo del lavoro in una regione, come la Calabria, da tempo impegnata al contrasto del lavoro irregolare, soprattutto in un settore strategico come quello dell’agricoltura.

nuale dello Svimez 2010 sull’economia del Mezzogiorno ha dichiarato invece: «Il Rapporto Svimez 2010 dice chiaro e tondo che non c’é alcuna possibilità di far crescere il Paese e di realizzare il federalismo se non si investe con decisione e modernità nello sviluppo del Mezzogiorno. Il Governo - ha aggiunto - farebbe bene a far tesoro dei suggerimenti contenuti nel documento: dal modo con cui procedere sulle infrastrutture alla funzione che dovrebbe svolgere la Banca del Sud, affinché risulti di qualche utilità e non sia solo uno spot. Ma ancor più importante sarebbe se questa volta a leggere il Rapporto Svimez con la dovuta attenzione fosse anche la Lega: si renderebbe conto che occuparsi del Mezzogiorno converrebbe anche al Nord». «I dati Svimez svelano, ancora una volta, le bugie del Governo che per il Mezzogiorno si è limitato ad evocare programmi strategici dei quali ancora oggi attendiamo di vedere i risultati». Questa la dichiarazione dl senatore Felice Belisario, capogruppo dell’Italia dei Valori a Palazzo Madama dopo la presentazione del Rapporto Svimez. «La verità -prosegue- è’ che il Sud non sta a cuore al Governo sempre più ostaggio della Lega e la dimostrazione sta nei fatti: i Fas, destinati per la maggior parte al Mezzogiorno, sono stati utilizzati per ben altri scopi, anche per finanziare in parte il pagamento delle multe sulle quote latte, premiando così gli allevatori furbi del Nord. Se non si provvederà subito a riequilibrare il sistema delle agevolazioni a favore dell’economia del Mezzogiorno rischiamo di avere un’Italia sempre più a due velocità, violando in modo drammatico il dettato costituzionale. Il Sud deve ritornare ad essere una ricchezza per il Paese».

Occhiuto: il Paese non cresce se non si investe nello sviluppo del Mezzogiorno

Lo rende noto un comunicato dell’ufficio stampa della Giunta. «Le misure previste dalla manovra per la fiscalizzazione, infatti - prosegue la nota - prevedono il passaggio in percentuale delle aree montane dal (75% al 70%) mentre per le aree svantaggiate passeranno dal (65% al 40%)». «Il comparto agricolo calabrese, rappresenta un sicuro volano di sviluppo per l’intero territorio regionale, ricco di tradizioni e prodotti di grande qualità, occorre quindi adottare misure che puntino a salvaguardare questa grande ricchezza, principalmente in questo momento di difficoltà oggettiva per l’economia nazionale». Anna Bolle


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO Il portavoce dell’Mpa: ritorno a 10 fa anni indica l’assenza totale di crescita

Svimez, Misiti (Mpa): i dati spingono il sud alla secessione di Carmelo Morise CATANZARO - «Angelo Panebianco sul Corriere della Sera indica due vie d’uscita per il Mezzogiorno: la via brasiliana o quella slovacca. Forse, al contrario di quanto sostiene il politologo bolognese, al Sud d’Italia converrebbe la seconda». A dichiararlo è Aurelio Misiti, portavoce nazionale del Movimento per le autonomie. «Il rapporto Svimez 2010 sull’economia del Mezzogiorno - sostiene Misiti - dimostra per l’ennesima volta la necessità di percorrere vie nuove per la rinascita del Sud, come ha sostenuto più volte il presidente della Repubblica. Il ritorno a dieci anni fa denunciato dal rapporto e l’assenza totale di crescita in quasi tutti i settori in questo lungo periodo, danno la fotografia di un Mezzogiorno utilizzato come mercato dei prodotti agricolo-industriali «I dati delle zone ricche del Paese. Qualcuno ha parlato di "secessione dimostrano economica e sociale" e forse non la necessità si è allontanato molto dalla realtà, sbagliando poi nel definire prodi percorrere getto eversivo il rischio della sepolitico-istituzionale. vie nuove per cessione Centocinquanta anni dalla "unificazione" istituzionale - ha aggiunla rinascita to il portavoce nazionale Mpa del Sud, non sono bastati per cementare l’unità nazionale in una sola pocome ha litica economica e sociale, così come dimostrano ampiamente i sostenuto dati esposti questa mattina da il presidente Svimez, che di fatto ci mettono a dei paesi del Maghreb, i Napolitano» fianco quali però con un Pil pro capite analogo crescono al 5/7% annuo. Il Movimento per le Autonomie Mpa è nato proprio per ridurre o annullare il gap economico e sociale con il Nord del Paese, utilizzando il sistema democratico, la modifica della classe dirigente, la lotta alla criminalità organizzata, la battaglia per lo sviluppo fondata sulle forze proprie del Sud con l’abbandono definitivo dell’assistenzialismo del dopoguerra. Ma grandi - ha concluso l’on. Misiti - sono le forze politiche ed economiche che vi si oppongono. Tanto è vero che molti nostri intellettuali si domandano se non sia il caso di cambiare passo nella rivendicazionediun’autonomiaintegrale delle terre del Sud, per evitare il protettorato economico di altri territori più ricchi e fortunati.Sud: Oliverio (Pd), dati Svimez sono schiaffo al governo».

Comunità Montane, tavolo con la Regione per superare lo stallo CATANZARO - L’assessore regionale all’Agricoltura, Michele Trematerra, ha presieduto martedì un incontro sulle problematiche delle Comunità Montane calabresi. All’incontro che si è svolto nella sede dell’assessorato in via Molè a Catanzaro, hanno preso parte, tra gli altri, il sottosegretario alla presidenza, Alberto Sarra; il dirigente generale al dipartimento Agricoltura, Giuseppe Zimbalatti; il dirigente regionale di settore, Giuseppe Calabretta e i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Uil: Giuseppe Ferraro, Alfredo Iorno, Antonello Corsari, Natale Pace e Francesco Caparello. Sulla base della discussione tra le parti e delle richieste dei rappresentanti sindacali, l’assessore Trematerra e il sottosegretario Sarra hanno

Anche l’onorevole Nicodemo Oliverio, capogruppo Pd in Commissione gricoltura alla Camera, ha attaccato il Governo dopo la presentazione dei dati Svimez. «I dati forniti martedì scorso dal Rapporto Svimez sul Sud - ha detto sono uno schiaffo alla dissennata politica del governo che sta condannando questa area del Paese alla marginalità e al declino. Le cifre dello Svimez parlano di un Mezzogiorno ripiegato su se stesso, sempre più distante dal resto dell’Italia, che arranca a tenere insieme pezzi di un sistema economico e sociale ormai allo stremo. Quali sono le risposte del governo davanti ad uno scenario così fallimentare? Tranne l’accusa di cialtroneria da parte del ministro Tremonti, fino ad ora il Sud non ha incassato altro. Non c’è traccia, infatti - ha proseguito - del piano straordinario per il Sud, ne’ delle opere infrastrutturali, degli investimenti e della banca più volte annunciati. Mentre attendiamo di avere risposte concrete, una famiglia su tre nel Mezzogiorno è a rischio povertà e rinuncia perfino alle cure mediche per arrivare a fine mese. Ci auguriamo - ha concluso che almeno davanti alle cifre allarmanti di oggi il governo la smetta di fare proclami e metta mano seriamente ad una situazione che sembra essergli sfuggita completamente di mano». Tra i dati più gravi che emergono dallo Svimez anche quello che nel 2009 tutte le regioni meridionali sono state interessate da difficoltà occupazionali. In Calabria c’è stato un aumento pari 1,5%, , 9.100 posti di lavoro in meno.Inoltre il Rapporto sottolinea che tra il 1990 e il 2009 circa 2 milioni 385 mila persone hanno abbandonato il Mezzogiorno. La vera America, per i meridionali, resta il Centro Nord.

Oliverio: i dati forniti martedì scorso dal Rapporto Svimez sul Sud sono uno schiaffo alla dissennata politica del Governo»

concordato l’eliminazione del tetto massimo di 8 milioni di euro in favore delle Comunità Montane, quale impegno annuale a carico del bilancio regionale (previsto dall’art. 8 del disegno di legge recante "assestamento del bilancio di previsione della Regione Calabria per l’esercizio finanziario 2010 e del bilancio pluriennale 2010-2012"). Si è deciso inoltre di provvedere all’erogazione di 4 milioni di euro già previsti,specificandochetalestanziamento debba essere destinato alla retribuzione dei tabellari di ogni dipendente. Allo stesso tempo la Regione Calabria ha però sollecitato le Comunità Montane ad effettuare il pagamento degli stipendi del personale con anticipazioni sul fondo della montagna. L’amministrazione regionale si è infine impegnata a convocare un apposito tavolo per un confronto sulle linee guida di riforma delle attività delle Comunità Montane calabresi che consenta di correggere i malfunzionamenti e superare l’attuale fase di stallo in cui versano.

Marco Gamba


6

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

PRIMO PIANO Rateizzazione dei tributi

Per Trematerra: i comuni sono le vere e proprie cellule della nostra organizzazione economica e sociale

Dall’assessorato all’Agricoltura 70 milioni a sostegno degli enti locali di Santo Aracre REGGIO CALABRIA - «La politica deve saper intercettare le esigenze del territorio e trovare soluzioni alle criticità: per questa ragione,ènecessariososteneregli enti locali che, a mio parere, sono le vere e proprie cellule della nostra organizzazione economica e sociale». Lo ha dichiarato l’assessore regionale all’Agricoltura Michele Trematerra il quale ha anche annunciato che «dal dipartimento regionale all’Agricoltura saranno destinati circa settanta milioni agli enti locali, a sostegno del loro operato. Avviando lo scorrimentodellagraduatoriadefinitiva della misura 125 - ha aggiunto Trenaterra - e attivando le misure di accompagnamento (227, 321, 216) siamo riusciti, come assessorato, a soddisfare le aspettative anche di importanti comuni del basso tirreno cosentino, dell’Unione delle Valli, dell’Alto Esaro, della Sibaritide e di altre zone fondamentali per la nostra economia, che rischiavano di restare esclusi. Ora - ha concluso l’assessore Trematerra - anch’essi

potrannobeneficiaredell’impatto positivo di questa azione amministrativa. Assolta, insomma, la mission dei Piar che prevede interventi pubblici coordinati, finalizzati a migliorare le dotazioni infrastrutturali e i servizi essenziali del territorio. Continuiamo a lavorare per il riscatto della Calabria, muovendoci su due linee parallele: promozione delle nostre eccellenze e, al tempo stesso, interventi "interni" finalizzati alla valorizzazione e alla tutela

Presentata la proposta di legge per l’istituzione di una Consulta regionale dei Giovani

di F. Marra

delle nostre risorse». L’assessore regionale all’Agricoltura, Michele Trematerra, si era recato ieri in visita nella sede del distretto agroalimentare di Sibari. Trematerra qui è stato ricevuto dal presidente, Renzo Caligiuri. Presenti, il presidente di Confagricoltura, Nicola Cilento, quello della Cia, Paolo Barbarossa, e il direttore di Coldiretti, Leofreddi oltre a numerosi imprenditori settore agricolo. Caligiuri aveva chiesto a Trematerra «un’azione incisiva

per lo sviluppo del settore, che rappresenta una strategia irrinunciabile nei processi di crescita della Calabria. C’é bisogno di saldare la forza locale con le opportunità europee per giungere a risultati che sono alla portata della nostra Calabria. La fiducia che riponiamo nell’esecutivo Scopelliti e nella sua persona è notevole». L’assessore Trematerra ha ringraziato ha illustrato una serie di obiettivi a media scadenza in grado di produrre benefici per tutto il comparto e di aumentare le possibilità di crescita strutturale per l’agricoltura calabrese.

«Continuiamo a lavorare per il riscatto della Calabria, muovendoci su due linee parallele: promozione eccellenze e interventi "interni"»

REGGIO CALABRIA - «Vogliamo offrire uno spazio di confronto tra i ragazzi calabresi, uno strumento di partecipazione alla vita democratica che possa contribuire a svecchiare un mondo politico troppo lontano dalle esigenze del mondo giovanile, sordo ai tanti problemi delle nuove generazioni». Lo ha detto il capogruppo della Federazione della Sinistra alla Regione, Nino De Gaetano, presentando a Reggio, la proposta di legge per l’istituzione di una "Consulta regionale dei Giovani calabresi". «Crediamo - ha proseguito De Gaetano - che la nascita di questo organismo, già operante con ottimi risultati presso altri Consigli regionali, potrebbe concorrere a colmare distanza che spesso esiste tra il mondo istituzionale e i giovani, permettendo di immettere all’interno del Palazzo forze nuove in grado di cambiare le co-

se». Nel dettaglio, la proposta della Federazione della Sinistra prevede l’istituzione della Consulta «quale organismo permanente proposito e consultivo della Regione sulla condizione giovanile». Composta da ragazzi di età compresa tra i 15 e i 27 anni, con una rappresentanza di almeno il 40 per cento di donne, e presieduta dallo stesso presidente del Consiglio regionale, la Consulta accoglierebbe i

CATANZARO - La Giunta Regionale, che si è riunita martedì sotto la presidenza del governatore Scopelliti, su proposta dell’assessore al Bilancio Mancini, ha deliberato la rateazione delle somme iscritte a ruolo dalla Regione mediante convenzione con Equitalia Spa. In sostanza prima dell’adozione di questa delibera e a differenza di come previsto per i tributi degli enti locali,aicontribuenticalabresi non era offerta la possibilità di rateizzare il pagamento dei tributi regionali iscritti nei ruoli coattivi di Equitalia come le tasse auto, le concessioni regionali, le accise sul gas metano, i tributi sul conferimento in discarica. «Il provvedimento - ha sostenuto Mancini - si pone a favore di cittadini ed imprese che non possono far fronte a somme iscritte a ruolo in unico versamento. Infatti la rateazione attualmente poteva essere concessa a determinate condizioni economiche e l’agevolazione veniva consentita, su istanza dell’interessato, solo per la tassa auto dagli uffici periferici dei Tributi della Regione Calabria. Attraverso il provvedimento - ha concluso Mancini - vi sarà un maggiore incentivo per i contribuenti a porsi in regola nei confronti dell’erario, favorendo le entrate regionali, alle quali la Giunta Scopelliti attribuisce particolare attenzione nell’ambito del più ampio programma di razionalizzazione della finanza regionale».

rappresentanti delle associazioni giovanili e degli Atenei calabresi, delle Consulte provinciali e della Consulta dell’Immigrazione, dei movimenti giovanili dei partiti e dei sindacati. «Sia chiaro: l’organismo - ha sostenuto De Gaetano - sarebbe a costo zero per i cittadini. Non abbiamo infatti previsto alcun gettone di presenza. Le strutture, invece, saranno messe a disposizione dal Consiglio regionale».


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO La sesta Commissione ha recepito la Bolkestein per la semplificazione amministrativa

Approvata ieri la direttiva Ue che aiuta l’esercizio delle nuove attività di Carmela Mirarchi REGGIO CALABRIA - La sesta Commissione "Affari dell’Unione Europea e relazioni con l’estero", presieduta da Santi Zappalà, ha espresso, all’unanimità, parere favorevole sul "Regolamento per l’attuazione della Direttiva 2006/123/Ce del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 dicembre 2006 relativa ai servizi nel mercato interno, alla semplificazione normativa ed al riordino dello Sportello Unico" e sulla deliberazione della Giunta Loiero con cui si rimodulano alcune linee del Por Calabria. In Aula si è registrato un ampio ed approfondito dibattito sui provvedimenti all’esame dell’organismo. La direttiva 2006/123 Ce punta a realizzare entro il 2010 un mercato interno dei servizi che agevoli la libertà di stabilimento dei prestatori di servizi e la libera prestaIl zione degli stessi negli Stati memdell’Ue. «Perseguendo la semRegolamento bri plificazione normativa ed amministrativa della regolamentaprevede la zione, delle procedure e delle forrealizzazione malità, la direttiva - ha spiegato il Presidente Zappalà - prevede la di un necessità di limitare l’obbligo di autorizzazione preliminare all’atportale tività di servizio solo nei casi in dello cui detta autorizzazione sia giustificata da motivi di ordine pubSportello blico, pubblica sicurezza, sanità Unico per le pubblica, tutela dell’ambiente, prescrivendo negli altri casi degli attività istitutisemplificati. Lasceltadella Regione Calabria - ha aggiunto - è produttive stata quella di mantenere il regime autorizzatorio nei settori delle medie e grandi strutture di vendite; nella somministrazione di alimenti e bevande; e nella distribuzione dei carburanti, stante le ragioni di interesse generale ad essi sottesi. Il Regolamento prevede anche la realizzazione di un portale dello Sportello Unico regionale per le attività produttive (Surap) con l’obiettivo della semplificazione amministrativa». Il secondo parere approvato attiene alla rimodulazione di alcune linee di intervento del Por Calabria Fesr 2007-2013, fermi gli obiettivi del Programma. Si tratta dei Piani Finanziari afferenti i seguenti settori: Ricerca Scientifica e Innovazione Tecnologia, Società dell’Informazione, Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico, Sicurezza e Legalità, Turismo sostenibile, Competitività dei Sistemi Territo-

CATANZARO - «La Giunta Scopelliti, in soli tre mesi, è riuscita a dare risposte concrete, con fatti, all’inadegutezza della strutture scolastiche, attraverso interventi non di vetrina ma di sistema». Lo ha detto l’assessore regionale alla Cultura, Mario Caligiuri, che ha partecipato con il direttore dell’ufficio scolastico regionale, Francesco Mercurio, alla presentazione dei piani d’intervento del Fondo strutturale europeo del Ministero del’istruzione, università e ricerca per la riqualificazione degli edifici scolastici. «Insieme all’Ufficio scolastico regionale per la Calabria, agli enti locali e alle Province - ha aggiunto Caligiuri - abbiamo avviato questo intervento per la riqualificazione degli edifici scolastici». Gli interventi ministeriali attraverso l’utilizzo di fondi europei pre-

Santi Zappalà, Presidente dells sesta Commissione regionale

riali e delle Imprese. «Fra le linee di intervento potenziate - ha detto ancora Zappalà - quelle che riguardano qualificazione e potenziamento delle infrastrutture produttive materiali ed immateriali; sostegno alla domanda di servizi innovativi alle imprese; sostegno all’apertura del sistema produttivo regionale attraverso l’attrazione di investimenti dall’estero e miglioramento nei seguenti comparti: capacità di esportazione delle imprese regionali; condizioni di accesso al credito da parte delle imprese. Ancora, nella rimodulazione della parte di programma che interessa la Ricerca Scientifica, si intende adottare una politica di concentrazione delle risorse su alcuni Progetti Integrati di Sviluppo Regionale di Valenza Strategica. Per il settore della Società dell’Informazione è emersa invece la volontà di investire maggiori risorse nella realizzazione del Sistema Informativo Sanitario Regionale e nei progetti "Imprese della creatività", che mira a favorire la crescita di imprese ad alta densità di conoscenza, nonché nel progetto Digital Tv. Con riferimento alle Energie rinnovabili la rimodulazione accoglie la necessità di sostenere ancor di più la produzione di energia da fonti rinnovabili, perseguendo gli obiettivi dell’efficienza energetica e del risparmio negli usi finali, civili e industriali. Quanto alle politiche per lo sviluppo del turismo - ha sottolineato - verrà rafforzata la dotazione finanziaria per i Pacchetti Integrati di Agevolazione Turismo per incentivate le azioni dirette all’adeguamento degli impianti turistici al risparmio energetico; alla riduzione delle diverse forme di inquinamento e all’adozione da parte delle imprese di sistemi di certificazione ambientale e energetica delle strutture turistico - ricettive».

Presentati i bandi per la riqualificazione degli edifici scolastici

Il secondo parere approvato attiene alla nuova modulazione di alcune linee di intervento del Por Calabria

vedono azioni per la riqualificazione dell’edilizia scolastica con particolare riferimento alla messa a norma degli impianti, all’abbattimento delle barriere architettoniche, alla dotazione di impianti sportivi, e per il risparmio energetico e per l’utilizzo delle energie rinnovabili. Alla Calabria, per il triennio 2010-2013, andranno 31 milioni 438 mila euro pari al 14,29% del totale dei bandi che scadranno il 31 di ottobre. «Un intervento molto importante - ha detto Mercurio - è quello che riguarda l’edilizia scolastica. Notevoli sono le sinergie intraprese con l’assessorato regionale su più fronti e con gli Enti Locali. Per quanto riguarda le cifre dei finanziamenti sugli interventi di adeguamento dell’edilizia scolastica, sono previsti 21 milioni 522 mila euro (per le scuole del primo ciclo) e 9 milioni 915 mila (per le scuole del secondo ciclo). Gli interventi finanziabili potranno avere un importo massimo di 350 mila euro per il primo ciclo e di 750 mila euro per il secondo ciclo. A tali fondi si aggiungeranno ulteriori 20 milioni di euro messi a disposizione dal Ministero dell’Ambiente oltre a quelli della Regione».

Marco Gigli


8

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

PRIMO PIANO

Il testo, che adesso dovrà passare al vaglio dell’Aula, prevede la possibilità di interventi straordinari di ampliamento di edifici residenziali

Via libera della IV Commissione al "Piano casa". Critico Guccione: «Si incentiva la cementificazione selvaggia» di Ettore Zonno

REGGIO CALABRIA - Martedì scorso dopo l’esame dell’articolato normativo e dei relativi emendamenti, la quarta Commissione "Assetto ed utilizzazione del territorio, Protezione dell’ambiente" ha espresso parere favorevole a maggioranza, con il voto contrario di Guccione (Pd) e Scalzo (Pd), sulla proposta di legge "Misure straordinarie a sostegno dell’attività edilizia finalizzata al miglioramento della qualità del patrimonio edilizio", meglio conosciuta come "Piano casa". Il testo che adesso dovrà passare al vaglio dell’Aula, prevede la possibilità di interventi straordinari di ampliamento (entro il limite del 20% della superficie lorda per unità abitativa, già esistente alla data di entrata in vigore della legge) degli edifici residenziali elencati fino ad un massimo di 60 mq di superficie lorda per unità abitativa. Al contempo, la normativa contempla la possibilità di interventi straordinari di demolizione e ricostruzione di edifici residenziali con realizzazione di un aumento di volumetria entro il limite del 35% di quella legittimamente esistente alla data di entrata in vigore della legge. «Abbiamo rispettato la tabella di marcia che avevamo fissato e, senza dubbio - ha detto il presidente Alfonso Dattolo - porteremo all’approvazione finale del Consiglio, nella seduta del 23 luglio, un provvedimento che ha come obiettivo il rilancio dell’economia calabrese mediante il sostegno all’attività edilizia ma anche il miglioramento della qualità architettonicaeambientale,nonché l’efficienza energetica e la sicurezza del patrimonio edilizio. Voglio esprimere il mio personale apprezzamento per la qualità degli interventi e dei contributi esplicitati negli emendamenti e per la collaborazione costruttiva dell’opposizione rispetto ad un provvedimento che colmando, nei fatti, un ritardo normativo rispetto a tutte le altre regioni, in-

tende, tra l’altro, dare una risposta ai bisogni abitativi delle famiglie in condizioni di particolare disagio economico e sociale». Nella seduta odierna, la quarta Commissione ha esaurito l’esame dei due punti all’ordine del giorno, esprimendosi favorevolmente anche sulla proposta di legge d’iniziativa della Giunta, di integrazione e modifica della legge regionale 2005, n. 17, licenziata all’unanimità.Conquestoprovvedimento, è scritto in una nota, ai Comuni costieri è concesso, in via del tutto eccezionale e solamente per la stagione estiva 2010, rila-

Carlo Guccione

«Si è approvata - ha detto Guccione - una misura che "liberalizza" senza regola l’attività urbanistica, con il rischio di trovarci di fronte a una politica urbanistica che andrà a peggiorare gli standard qualitativi ed ambientali del territorio» sciare alle strutture alberghiere e ai villaggi turistici, l’autorizzazione allo svolgimento delle attività turistico-ricreative. La proposta di legge è scaturita «da una verifica da cui emerge che la maggior parte dei Comuni costieri calabresi non ha ancora ottemperato alla redazione ed adozione dei Piani comunali spiaggia. Le altre modifiche normative discendono dalla necessità di annullare disposizioni deliberative, regolamentari e normative esistenti, ove contrastanti, per evitare di ingenerare confusione

nell’applicazione della legge regionale n. 17 del 2005». «Il provvedimento - spiega Dattolo - consentirà agli stabilimenti balneari e alle strutture turistico-alberghiere di proseguire nelle attività programmate evitando così un’interruzione improvvisa dei servizi pregiudizievole alla avviata stagione turistica anche alla luce del già debole tessuto socio-economico calabrese». Ai lavori hanno partecipato i componenti Scalzo (Pd), Orsomarso (PdL), Caputo (PdL), Grillo (Scopelliti Presidente), Franchino (Autonomia e Diritti), Magno(PdL),Rappoccio(Insiemeper la Calabria - Scopelliti Presidente), Guccione (Pd), Giordano (Idv) in rappresentanza di Emilio De Masi e il consigliere Battaglia (Pd). Contrario, come detto, il consigliere regionale del Pd, Carlo Guccione: «La legge licenziata dalla IV Commissione regionale riguardante "Misure straordinarie a sostegno dell’attività edilizia finalizzate al miglioramento del patrimonio edilizio-Piano-casa", rappresenta un’incentivazione alla cementificazione selvaggia, senza vincoli e senza regole, priva di ogni programmazione urbanistica, che andrà a deturpare ulteriormente un territorio già fortemente devastato, con il rischio che si potrà intervenire in deroga anche in quei territori che fino ad oggi sono stati tutelati per il valore artistico, monumentale, ambientale e culturale che rappresentano». «Avevamo proposto - sottolinea il consigliere regionale - che gli interventi edilizi di ampliamento in deroga agli strumenti urbanistici vigenti entro il 20% della volumetria già esistente, si applicassero agli edifici uni e bifamiliari con una volumetria non superiore a mille metri cubi e con un’altezza non superiore ai sette metri della linea di gronda. Avevamo chiesto, inoltre, di consentire, in deroga agli strumenti urbanistici vigenti, interventi straordinari di demolizione - ricostruzione di edifici a destinazione residenziale entro il

NELLA NOTIZIA Convocazione in Commissione per il "Piano Versace" VIBO VALENTIA - A conclusione dei lavori della IV Commissione regionale in cui è stata licenziata la proposta di legge per il Piano casa, la Commissione stessa ha disposto l’audizione, in una prossima seduta, del prof. Pasquale Versace, redattore dell’omonimo piano a seguito dell’alluvione che colpì Vibo Valentia e la sua provincia il 3 luglio 2006. L’audizione è stata disposta a seguito dei dubbi sollevati dagli ordini degli ingegneri di Vibo Valentia e di Crotone sulla applicabilità del Piano casa nelle rispettive Province. «Al professor Versace - spiega il Consigliere regionale Alfonsino Grillo, membro della IV Commissione regionale Infrastrutture -

limite del 35% della volumetria esistente, con finalità di arricchimento della qualità architettonica, della sostenibilità ambientale e del miglioramento dell’efficienza energetica». «Si è approvato, invece - conclude Guccione - un provvedimento che, di fatto, "liberalizza", senza alcuna regola, l’attività urbanistica nella nostra regione, con il rischio di trovarci di fronte ad una politica urbanistica che, di fatto, andrà a peggiorare gli standard qualitativi ed ambientali dei nostri territori».

chiederemo di spiegare la compatibilità del Piano con la proposta di legge licenziata oggi, in modo da risolvere insieme i problemi tecnico-giuridici che, eventualmente, si dovessero presentare sul territorio di Vibo Valentia. Il Piano casa è soprattutto un volano di sviluppo economico che, a mio avviso, ha pochi punti di contatto con il Piano Versace ma l’audizione del docente universitario potrà far meglio chiarezza in merito. La Regione Calabria, unica in Italia, non aveva ancora approvato il Piano casa ma il Consiglio regionale sta colmando a grandi passi i ritardi». EZ


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani

9

PRIMO PIANO

Auto blu: è scaduto il termine per le risposte al questionario Ecco l’elenco degli enti che finora hanno taciuto i dati: in Calabria ci sono il Consiglio regionale, le province e i comuni di Reggio e Vibo, l’Arcavacata e la Magna Graecia. Si attiva l’Ispettorato della Funzione pubblica di Ettore Zonno ROMA - Lo scorso 16 luglio è scaduto il termine per la consegna dell’accurato questionario sulle auto blu che lo scorso 15 maggio FormezPA, su mandato del Ministro Renato Brunetta, ha trasmesso online a 9.199 amministrazioni centrali e locali. Come noto, il monitoraggio intende rilevare per gli anni 2008, 2009 e 2010 (fino ad aprile) il numero di auto assegnate in uso esclusivo e non esclusivo, il numero e la qualifica degli assegnatari delle auto, il numero di auto utilizzate per specifiche esigenze degli uffici, il numero di autisti ed addetti al parco auto, il costo comprensivo di carburante per singola autovettura e il chilometraggio percorso. A oggi hanno risposto correttamente al questionario 3.625 amministrazioni, rappresentanti il 65% dei dipendenti pubblici delle amministrazioni coinvolte nel monitoraggio. Altre 90 amministrazioni hanno anticipato le risposte via telefono. Molti enti hanno segnalato che la loro mancata risposta è stata dovuta a dei disguidi tecnici nell’invio del questionario e che quindi si ripromettono di rispondere in modo completoentrovenerdìprossimo, dando così anche ai cittadini da loro amministrati la possibilità di conoscere tutte le informazioni su numero, modalità di utilizzo e costi del loro parco auto. Nella loro autonomia, ma con spirito di grande collaborazione, gli organi costituzionali (Presidenza della Repubblica, Senato e Camera deiDeputati, Corte Costituzionale e Consiglio Superiore della Magistratura) hanno dato disponibilità a fornire i propri dati, e ci auguriamo di poter presto

rendere note anche le loro rispettive dotazioni di autovetture di rappresentanza e di servizio. Per tutte le amministrazioni che desiderino chiarimenti o vogliano indicare delle correzioni, il Ministero ha da tempo attivato attraverso FormezPA un help-desk (06.82.88.87.82) e un’apposita casella di posta elettronica (autoblu@formez.it). Si ricorda infine che il database con tutti i dati aggiornati resta consultabile anche sul sito www.formez.it. Ecco di seguito l’elenco delle amministrazioni pubbliche che non hanno ancora risposto e alle quali, perdurando il loro silenzio, verranno inviate venerdì prossimo le lettere di richiamo dell’Ispettorato della Funzione pubblica: Amministrazioni centrali: Ministero della Difesa, Agenzia del Territorio, Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Autorità garante della concorrenza e del mercato, Accademia della Crusca, CNR, ANAS, Comitato CentraleCRI,ENAC,IPSEMA,Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Agenzia autonoma per la gestione dell’albo dei segretari comunali, Italia Lavoro spa, UNIRE, INRAN, ICRAM, AIFA, Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente, Ente nazionale risi, Agenzia giochi olimpici Torino 2006, Commissione di Garanzia dell’Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali, A questi si aggiungono diversi Istituti zooprolittaci regionali, una ventina di Federazioni nazionali sportive e gli Enti parco del Gargano, della Majella, dell’Aspromonte, del Vesuvio, della Val Grande, DEL Cilento e Vallo di Diano. Consigli regionali: Calabria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Sar-

degna e Sicilia. Giunte regionali: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Puglia, Sicilia, Sardegna, Toscana, Valle d’Aosta e Provincia Autonoma di Bolzano. Province: Asti, Carbonia Iglesias, L’Aquila, Lucca, Napoli, Nuoro,

A oggi hanno risposto correttamente al questionario 3.625 amministrazioni, rappresentanti il 65% dei dipendenti pubblici coinvolti nel monitoraggio Ogliastra, Prato, Reggio Calabria, Taranto, Teramo, Vibo Valentia e Viterbo. Comuni capoluogo:Agrigento, Aosta, Ascoli Piceno, Avellino, Benevento, Cosenza, Firenze, Foggia, Isernia, Oristano, Padova, Pistoia, Reggio Calabria, Siracusa, Trani, Varese e Vibo Valentia. Tra le Aziende ospedaliere: ASL Avellino n.2, ASL Benevento n.1, ASL Cagliari n.8, ASL Carbonia n.7, ASL Caserta n.1, ASL Caserta n.2, ASL di Oristano n.5, ASL di Rieti, ASL Latina, ASL Matera, ASL Napoli n.1, ASL Napoli n.2, ASL Napoli n.3, ASL Olbia n.2, ASL Roma E, ASL Roma G, ASL Salerno n.1, ASL Salerno n.2, ASL Salerno n.3, ASP di Catanzaro, ASP di Vibo Valentia, AUSL di Piacenza, AUSL Massa e Carrara n.1, AUSL Montalbano Jonico n.5, Azienda Complesso Ospedaliero San Filippo Neri, Azienda Ospedaliera di Cosenza, Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale Antonio Cardarelli, Azienda Ospedaliera G.Brotzu, Azienda Ospedaliera Gravina e Santo Pietro,

Azienda Ospedaliera Istituti Ospitalieri di Verona, Azienda Ospedaliera Mater Domini, Azienda Ospedaliera Monaldi, Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio, Azienda Ospedaliera Regionale ’S. Elia’, Azienda Ospedaliera S. Giuseppe Moscati, Azienda Ospe-

Renato Brunetta

daliera S. Maria degli Angeli. Università: Università degli Studi di Padova, Università degli Studi di Torino, Università della Calabria, Università degli Studi di Roma "Tor Vergata", Politecnico di Torino e Università degli Studi Magna Grecia di Catanzaro.


AsteInfoappalti

10 Giovedì 22 Luglio 2010 TRIBUNALE DI CATANZARO AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che nella procedura esecutiva n. 133/08 R.G.Espr. Il Giudice dell’esecuzione, dott. Giuseppe Cava, visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita, Ha disposto la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico “Appartamento in Catanzaro via B. Miraglia in catasto al F.43. Part. 475, sub. 2 al prezzo base di euro 131.376,00; ha fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto il termine del 21.09.2010 ore 12,00; Ha fissato per la deliberazione sull’offerta e per l’eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 5.000,00, l’udienza del 22.09.2010 ore 9.30; ha disposto che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato “Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 133/08” portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L’immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; spese di trasferimento a carico della procedura esecutiva; ha disposto che il creditore procedente provveda. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art.498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano “Il Domani”, con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executivis. Ha mandato alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt.490 e 570 c.p.c. Ha disposto che nelle suddette forme di pubblicità siano omessi l’indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rivelare l’identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Catanzaro, 07.04.2010 °°°°°°°°°° Avviso di vendita di beni immobili pignorati ex art. 569 c.p.c. Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n. 261/95 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti BENI SITI IN TORRE DI RUGGERO: Lotto n. 2: Appartamento in Torre di Ruggero, C.da Logge in catasto al F.9, P.lla 3, sub.2 Euro 43.389,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 22 settembre 2010. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita (21 settembre 2010), una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n.261/95 RGE” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’immobile meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti in relazione alle prescrizioni del D.M. attività produttive n. 37/08; ln caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 3.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - ll Domani Catanzaro, 07 aprile 2010

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME ESECUZIONE IMMOBILIARE N. 107/99 R. G. Es. Imm. PROMOSSA DALLA BANCA POPOLARE DI NOVARA IL CANCELLIERE DELL’UFFICIO ESPROPRIAZIONI IMMOBILIARI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, Dott. Alessandro Brancaccio, con ordinanza in data 21/4/2010, ha disposto procedersi alla vendita con incanto dei seguenti beni: lotto n. 1 - “immobile sito in Feroleto Antico, in via Edificio Scolastico, n. 38, consistente in un’unità abitativa che si sviluppa su due piani fuori terra. Il bene è riportato nel NCEU di detto comune al foglio 5, p.lla 221, cat. A/4, classe 1, vani 4” PREZZO BASE euro 21.780,00 - Offerte minime in aumento in caso di incanto 3%; lotto n. 2 - “immobile sito in Feroleto Antico, in via Edificio Scolastico, n. 44, consistente in un locale di mq. 17, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 5, p.lla 504, sub 1, cat. C/2, classe 1”; PREZZO BASE euro 3.825,00 - Offerte minime in aumento in caso di incanto: 3% prezzo base; lotto n. 7 - “appezzamento di terreno sito in Feroleto Antico, esteso per mq. 1870, riportato nel NCT di detto comune al foglio 13, p.lla 89, classe 1”; PREZZO BASE euro 1.325,37 - Offerte minime in aumento in caso di incanto: 3% prezzo base; lotto n. 9 - “appezzamento di terreno sito in Feroleto Antico, esteso per mq. 12190, riportato nel NCT di detto comune al foglio 13, p.lla 214, classe 1”; PREZZO BASE euro 8.639,67 - Offerte minime in aumento in caso di incanto: 3% prezzo base; lotto n. 23 - “appezzamento di terreno sito in Pianopoli, esteso per mq. 1390, riportato nel NCT di detto comune al foglio 2, p.lle 224, 225 e 226, classe 1”; PREZZO BASE euro 1.577,97 - Offerte minime in aumento in caso di incanto: 3% prezzo base; lotto n. 25 - “appezzamento di terreno sito in Pianopoli, esteso per mq. 1360, riportato nel NCT di detto comune al foglio 2, p.lle 227 e 228, classe 2”; PREZZO BASE euro 2.483,64 - Offerte minime in aumento in caso di incanto: 3% prezzo base; lotto n. 26 - “appezzamento di terreno sito in Pianopoli, esteso per mq. 5840, riportato nel NCT di detto comune al foglio 2, p.lle 229, 230, 231, classe 2”; PREZZO BASE euro 13.052,52 - Offerte minime in aumento in caso di incanto: 3% prezzo base; lotto n. 27 - “appezzamento di terreno sito in Pianopoli, esteso per mq. 730, riportato nel NCT di detto comune al foglio 2, p.lle 222 e 223, classe 1”; PREZZO BASE euro 1.152,87 - Offerte minime in aumento in caso di incanto: 3% prezzo base. Gli immobili sono meglio descritti nella relazione di consulenza tecnica consultabile presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari. La vendita ai pubblici incanti avrà luogo davanti al Giudice dell’Esecuzione alle ore 9,30 del giorno 22 SETTEMBRE 2010 nell’aula di udienza del Tribunale di Lamezia Terme. Ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare presso la Cancelleria delle espropriazioni immobiliari istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi), entro e non oltre le ore 13:00 del giorno 21 SETTEMBRE 2010; All’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); In caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; Con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; All’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; In ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità. Lamezia Terme, 19/7/2010 Il Cancelliere

A CURA DELLA

MEDIATAG

www.aste.eugenius.it | www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 22/1987 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA, ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO - Fabbricato per civile abitazione con annessi garage e locali di comodo che si sviluppa su tre livelli sito nel Comune di Brancaleone, alla via Umberto I, riportato nel NCEU alla partita 1427, foglio di mappa 36, particella 320 sub 1 cat. C/6 classe 3° Cons. 23, r. £. 108.100 e sub 2 Cat. A/2, classe 3° Cons. 12 r.£. 1.980.000, in ditta … proprietario per 1/2, e … proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 238.603,09 Deposito per cauzione: Euro 23.860,31 Deposito per spese: Euro 35.790,46 2° LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione posta al piano seminterrato di un fabbricato che si sviluppa su tre livelli, sito nel Comune di Brancaleone, alla via Umberto I n. 163, riportato nel NCEU alla partita 1196, foglio di mappa 36, particella 223 sub 1 cat. A/2 classe 3° vani 4 , r. euro Cons. 23, r. £. 108.100 e sub 2 Cat. A/2, classe 3° vani 4, r. Euro 340,86, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 23.700,00 Deposito per cauzione: Euro 2.370,00 Deposito per spese: Euro 3.555,00 3° LOTTO - Unità immobiliare destinata a garagedeposito posta al piano seminterrato di un fabbricato che si sviluppa su tre livelli, sito nel Comune di Brancaleone, alla via Umberto I n. 163, riportato nel NCEU alla partita 1196, foglio di mappa 36, particella 223 sub 2 cat. C/2 classe 2° mq. 20 Euro 58,88 e sub 3 Cat. C6, classe 3°, mq. 84, euro 203,9 in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 24.800,00 Deposito per cauzione: Euro 2.480,00 Deposito per spese: Euro 3.720,00 4° LOTTO - VENDUTO 5° LOTTO - VENDUTO L’incanto avverrà con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5+1/5, all’udienza del 16.09.2010, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà) mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a Euro 10.000,00 per il 1° Lotto, Euro 1.000,00 per il 2° Lotto, Euro 1.000,00 per il 3° Lotto. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 16.09.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 16 luglio 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 69/00 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO n. 1: Terreno sito nel Comune di Siderno, loc. Grappidaro riportato nel NCT al foglio di mappa 16 particella 715 uliveto classe 2^ di are 00.03.00 e particella 717 uliveto classe 2^^ di are 00.06.50. Prezzo base del lotto: Euro 43.750,00 Deposito per cauzione: Euro 4.375,00 Deposito per spese: Euro 6.562,00 LOTTO n. 2: Fabbricato per civile abitazione a due piani fuori terra di cui il 2° in corso di costruzione sito nel Comune di Siderno alla via Loc. Grappidaro n. 25 riportato nel NCEU foglio di mappa 16 particella 726 sub 3 cat. A3 classe 2^ vani 5 PT e sub 4 cat. F3 P1, con corte annessa; particella 727 sub 3 cat. A3 classe 2^ vani 2 PT e sub 4 cat. F3 P1 con corte annessa Prezzo base del lotto: Euro 65,000,00 Deposito per cauzione: Euro 6,500,00 Deposito per spese: Euro 9,750,00 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5+1/5, all’udienza del 24.09.2010, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovra depositare in Cancelleria sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni cir-

Per informazioni 0961 996802

colari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 1.750,00 per il 1° Lotto ed Euro 2.250,00 per il 2°. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 24.09.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 15 luglio 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell’Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 19/91 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 03.05.2003 e successive LOTTO UNICO Terreno sito nel Comune di Gioiosa Jonica località Rubina riportato nel NCT alla partita 7495 foglio di mappa 26 particella 97 di mq. 940 uliveto classe 3^ e particella 417 di mq. 70 uliveto classe 3^, in ditta … proprietario per 1/2 … proprietaria per 1/2. Prezzo Base del lotto Euro 13.040,00 Deposito per cauzione Euro 1.304,00 Deposito per spese Euro 1.956,00 L’incanto avverrà, con il prezzo da ridurre di 1/5+1/5, all’udienza del 24.09.2010 ore 9.00, davanti a sè nella presente sede, ed in secondo esperimento in data … alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: Euro 600,00. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il proseguio all’udienza del 24.09.2010. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri, 05.07.2010 Esatte: Euro 14,62 per bollo - Euro 10,62 per diritti. Il Cancelliere °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 29/87 promossa da CARICAL, ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: Ordinanza del 29.09.2007 LOTTO 1: “Diritto di proprietà sull’immobile a due piani f.t., sito in Bovalino, contrada Bricà, in catasto al foglio 17, particella 245” Prezzo base del lotto: Euro 317.673,75 Deposito per cauzione: 10% del prezzo Deposito per spese: 15% del prezzo. LOTTO 2: “Diritto di proprietà sull’immobile a due piani f.t., sito in Bovalino, via Margherita, in catasto al foglio 18, particella 306; il lotto non comprende il garage (ex part. 287), acquisito al patrimonio indisponibile del Comune” Prezzo base del lotto: Euro 368.855,39 Deposito per cauzione: 10% del prezzo Deposito per spese: 15% del prezzo. L’incanto avverrà, con prezzo DA RIDURRE di 1/5, all’udienza del 24.09.2010, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino alle ore 12,00 del giorno anteriore all’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base eventualmente ribassato. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 24.09.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 29 giugno 2010 IL CANCELLIERE


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 11

IMPRESE E LAVORO

Cisl, Tramonti: «Servono politiche per l’occupazione»

Paolo Tramonti

di Cecilia Bartoli LAMEZIA TERME - «C’é l’urgenza di mettere in campo specifiche politiche per lo sviluppo e l’occupazione tenendo conto che la nostra regione, oltre alle tante criticità, può contare anche su grandi potenzialità». È quanto ha sostenuto il segretario generale della Cisl calabrese, Paolo Tramonti, introducendo i lavori del consiglio generale del sindacato.

«In questo senso - ha detto Tramonti - la Cisl esprime profonda preoccupazione per l’opera di desertificazione in atto nel porto di Gioia Tauro, aggravata peraltro dagli atti più recenti: la decisione di Rfi di voler abbandonare lo scalo portuale calabrese dal prossimo primo agosto e il ventilato ripristino delle tasse di ancoraggio». La Cisl calabrese rivolge un forte appello al Governo regionale affinché si mettano in campo al più presto iniziative fi-

A cura della Mediatag Spa coordinatore area Calabria

Enti Pubblici e Istituzioni Gli annunci sono presenti sul sito www.aste.eugenius.it

La Cisl calabrese rivolge un forte appello al Governo regionale affinché si mettano in campo al più presto iniziative finalizzate al rilancio del Porto di Gioia Tauro

nalizzate al rilancio del Porto, dal momento che, come sottolinea Tramonti, «le stesse prospettive di crescita e di sviluppo della regione passano inevitabilmente dalla piena valorizzazione di questa importante infrastruttura». «Per la Cisl - ha affermato il segretario confederale Luigi Sbarra concludendo i lavori - dopo la manovra correttiva appena varata dal Governo, finalizzata a stabilizzare i conti pubblici, é adesso necessario mettere in campo specifiche politiche in grado di rilanciare sviluppo ed occupazione nel Paese e nel Mezzogiorno attraverso un quadro di riforme di sistemasufisco,pubblicaamministrazione, scuola e istruzione, politiche industriali, ammortizzatori sociali, welfare. A questo proposito - prosegue Sbarra - l’accordo sottoscritto con la Fiat a Pomigliano d’Arco rappresenta un risultato straordinario per il Mezzogiorno e soprattutto una vittoria storica per la Cisl e del modello contrattuale partecipativo, che sicuramente segnerà in positivo il futuro delle politiche industriali nel Sud ed in Italia». Sbarra, come precisa la nota della Cisl calabrese, ha espresso incredulità per la posizione delle istituzioni locali, a partire dal Governo regionale, che si oppongono pregiudizialmente all’investimento dell’Enel su Rossano, il doppio di quello di Pomigliano,

prevedendo la riconversione della Centrale da Termoelettrica a ’Carbone di quarta generazione, GeotermicaeGas’uninvestimento di un miliardo e duecento milioni di euro da realizzarsi in 5 anni, con una occupazione media di 1.500 lavoratori per il periodo di realizzazione e a regime di 400 unità, oltre l’indotto.

Sbarra: «È adesso necessario attivare specifiche politiche in grado di rilanciare sviluppo e occupazione nel Paese e nel Mezzogiorno attraverso un quadro di riforme» «La Regione - conclude Sbarra deve aprire subito un confronto con Enel e sindacati per entrare nel merito del piano industriale. Il governatore Scopelliti non può da un lato denunciare il progressivo allontanamento dalla Calabria dei grandi gruppi industriali e dall’altro opporsi in maniera preventiva ad un investimento energetico di tale portata, necessario per la crescita e lo sviluppo e per ridurre la bolletta energetica ai cittadini e alle imprese».


12

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

IMPRESE E LAVORO Scopelliti: un piano per contribuire alla costruzione di un modello integrato di sviluppo delle aree meridionali

Parte il "Piano per l’innovazione e lo sviluppo" del Mezzogiorno di Daniele Tosatti CATANZARO "Piano per l’innovazione e lo sviluppo". È la denominazione del protocollo d’intesa siglata dal Ministero dello Sviluppo Economico e le Regioni Calabria,Campania, Puglia, Sicilia, Basilicata e Sardegna, approvato dalla Giunta regionale, su proposta congiunta del Presidente Giuseppe Scopelliti e degli assessori Antonio Caridi, alle Attività produttive, e Giacomo Mancini, al Bilancio. L’intento comune delle Regioni e del Mise-Dgiai (ministero dello Sviluppo «L’idea che intendiamo economico-Direzione generale per l’incentivaperseguire è quella di zione delle attività imprenè quello, è scritto creare un coordinamento ditoriali) in una nota, dell’ufficio tra le Regioni meridionali stampa della Giunta regionale, che l’attuazione per sostenere, insieme al del Programma operativo nazionale "Ricerca e comMinistero, un progetto petitività" 2007/2013 e del Programma operativo inunico di cooperazione terregionale "Energie rinistituzionale sui grandi novabili e risparmio energetico" 2007/2013, nonché temi dello sviluppo il proseguimento delle Linee di intervento del Pon e dell’innovazione» "Sviluppo imprenditoriale afferma il presidente locale" 2000-2006, avvengano attraverso un forte Giuseppe Scopelliti partenariato economico e la piena cooperazione istituzionale. «Fermo restando le specificità locali e le finalità di Pon e Poi - ha affermato il presidente Scopelliti - l’idea che intendiamo perseguire è quella di creare un coordinamento tra le Regioni meridionali per sostenere, insieme al Ministero, un progetto unico di cooperazione istituzionale sui grandi temi dello sviluppo e dell’innovazione».

Giuseppe Scopelliti

Per il governatore calabrese l’obiettivo è di lavorare congiuntamente, Ministero e Regioni, per contribuire alla costruzione Per l’attuazione del di un modello integrato di sviluppo delle aree meridionali coinvolte che «dovrà protocollo d’intesa essere incentrato sul sostengo del siste- le amministrazioni ma imprenditoriale e, in particolare, delle piccole e medie imprese, valorizzando concordano che sinergie, complementarietà ed integrazione tra gli interventi sovraregionali nel campo della previste dal Mise e quelli regionali previ- ricerca, sviluppo sti dal Por». Per l’attuazione del protocollo d’intesa, e innovazione prosegue la nota, le Amministrazioni concordano che nel campo della ricerca, saranno utilizzate le sviluppo e innovazione saranno utilizza- agevolazioni dei te le procedure agevolate dei Progetti di innovazione industriale. Nel settore Progetti di innovazione dell’industrializzazione, invece, sarà utiindustriale lizzato il nuovo regime sugli investimenti produttivi per interventi collegati a progetti di ricerca agevolati sulterritorio anche con

risorse finanziarie regionali. Per quanto riguarda gli interventi integrati di ricerca, sviluppo innovazione e industrializzazione, è previsto l’utilizzo dello strumento dei contratti di programma e di sviluppo finalizzati a favorire la concentrazione sugli interventi di rilevanza sovraregionale, assicurando il coordinamento con strumenti attivati a livello regionale. Per l’accesso al credito è previsto il ricorso al Fondo centrale di garanzia, mentre per il capitale umano si farà ricorso alle modalità del progetto"Lavoro & sviluppo" (tirocini in azienda, sostegno deiprocessi di accompagnamento, tutoraggio e creazione d’impresa), assicurando l’integrazione con le iniziative intraprese a livello regionale. Per la diffusione dell’innovazione tecnologica, il protocollo stabilisce l’adozione di iniziative di scambio di prassi, sia Nord-Sud, sia di valenza extranazionale e internazionale, per il trasferimento tecnologico e di azioni di sistema anche in funzione del collegamento tra imprese e strutture di ricerca operanti sul territorio. Infine, per l’attuazione del protocollo e per un impiego efficace delle risorse disponibili si procederà attraverso la stipula di specifici Apq.

Gioia Tauro, la denuncia di Assoferr GIOIA TAURO - La denuncia di Assoferr, l’associazione operatori ferroviari intermodali apparsa sul settimanale Lavorare relativa all’assenza di «una politica ferroviaria delle merci da parte dei governi inesorabilmente subalterni ai piani industriali di Fs unicamente votati all’Alta Velocità dei passeggeri che ha progressivamente distrutto il sistema ferroviario merci italiano sia convenzionale che intermodale», ha trovato puntualmente conferma nell’annunciato abbandono da parte di Rfi dal 1 agosto pv dello scalo dell’area portuale di Gioia Tauro. Una denuncia quella di Assoferr che continua asserendo che «Trenitalia continua ormai da qualche anno a ritenere il servizio merci non interessante e remunerativo ed Rfi SpA non

investe più a sufficienza nella rete tradizionale adeguandola alle necessità del traffico merci. Altro che proclami su gateway ferroviario in un’ottica integrata di sistemi di trasporto. Un segmento di mercato altamente remunerativo per altri paesi come la Germania che, nel trasporto su ferro da tempo ha individuato quell’arma in più per gestire la "logistica di grandi dimensioni", in Italia in viene

abbandonato dalla miope politica aziendale di FS che inspiegabilmente non riesce a coniugare logistica e sistema ferroviario, a nostro avviso, solo per incompetenza manageriale». Come sottolinea l’Assoferr «non è solo il Porto di Gioia Tauro e la Calabria che verranno penalizzati dalle scelte di Trenitalia e di RFI, ma tutto il sistema della logistica italiana a vantaggio della logistica tedesca che ormai gestisce la movimentazione delle merci in tutto ilcontinenteeuropeo.Pertanto, è assolutamente necessario che la Regione Calabria si attivi immediatamente per costringere RfiSpAarivederecomplessivamente il suo impegno su Gioia Tauro, a fronte di un atto di concessione già operativo previsto dalla Dgr 61/2007, libe-

rando immediatamente le risorse finanziarie previste dal POR Calabria per il potenziamento e l’ammodernamento delle infrastrutture portuali». «Non è assolutamente immaginabile continuare a tenere immobilizzate le risorse e i progetti di sviluppo già definiti per l’area por-

Il Porto di Gioia Tauro

tuale di Gioia Tauro - conclude la nota dell’Assoferr - mentre la competizionealivellomondialesi fa sempre più accesa e rischia di tagliare fuori un’intera regione dalla possibilità di creare un sistema economico e produttivo che generi occupazione stabile e duratura».


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 13

IMPRESE E LAVORO La manifestazione si terrà il prossimo 26 luglio presso il prestigioso hotel Bayerpost Sofitel di Monaco

Agroalimentare: gli operatori reggini del settore incontrano i buyer tedeschi di Vania Notaro REGGIO CALABRIA - Si terrà il prossimo 26 luglio, a Monaco di Baviera, presso il prestigioso hotel Bayerpost Sofitel, la manifestazione commerciale denominata "Viaggio Enogastronomico in Calabria - I prodotti tipici e di qualità della provincia di Reggio Calabria", promosso e organizzato dalla Camera di Commercio di Reggio Calabria e dalla sua Azienda Speciale Informa, in partenariato con la Camera di Commercio Italiana di Monaco e la Borsa Merci Telematica ItaL’inziativa liana. L’evento, dedicato alle commerciale imprese reggine del denominata settore agroalimentare, ha lo scopo di rea"Viaggio lizzareunprogramma Enogastronomico in di incontri d’affari con i buyer tedeschi del Calabria - I prodotti settore agroalimentare, sviluppando nuove tipici e di qualità e più ampie relazioni commerciali anche atdella provincia di traversol’utilizzodella Reggio Calabria", è Borsa Merci Telematica Italiana. promossa dalla All’iniziativa parteciperanno le principali Cciaa reggina aziende reggine operanti nel settore agroalimentare che verranno accompagnate alla manifestazione dal dott. Lucio Dattola, presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria, dall’avv. Antonio Palmieri, Segretario Generale della Camera di Commercio di Reggio Calabria e dal dott. Antonino Tropea, funzionario della Azienda Speciale Informa. La manifestazione si articolerà attraverso un

Monaco di Baviera

programma di incontri mirati con, alla luce delle adesioni ricevute, oltre 70 buyer del settore commerciale e distributivo operanti in tutta la Germania ed in Europa e selezionati dalla L’evento, Camera di Commercio di dedicato Monaco in relazione alle esigenze espresse dagli stessi ope- alle imprese ratori reggini. L’evento prevede anche una de- reggine del gustazione guidata dei vini reg- settore gini di eccellenza a cura della giornalista internazionale di agroalimentare, settore Monika Kellermann e la presentazione della Borsa Mer- ha lo scopo di ci Telematica Italiana, di recen- realizzare te accessibile anche agli operaun programma di tori europei. «La Germania costituisce il principale partner commer- incontri d’affari ciale dell’Italia - dichiara il pre- e di nuove relazioni sidente Dattola - e pertanto abbiamo ritenuto opportuno, pur nell’ambito di un progetto più

ampio per l’internazionalizzazione dell’economia calabrese e reggina, puntare su tale mercato per promuovere il rafforzamento delle eccellenze della produzione agroalimentare calabrese e delle imprese più orientate all’innovazione ed all’estero. Tale strategia più ampia, secondo quanto concordato ai recenti Stati Generali del Forum Euro-mediterraneo di Milano, punta da un lato a mantenere e rafforzare la presenza sui mercati tradizionalmente partner, come la Germania, gli USA ed il Canada, dall’altro, anche grazie ai buoni uffici della Camera di Commercio di Milano e del sistema camerale italiano ed internazionale, ad acquisire quote di mercato importanti nel bacino del Mediterraneo che - conclude Dattola - costituisce un mercato di prossimità di oltre 2 miliardi di consumatori».

Presentato a Reggio il “Movimento consumatori” REGGIO CALABRIA - Tutelare i diritti e gli interessi dei consumatori diventando portavoce dei loro lori diritti presso gli organi, gli enti e le istituzioni competenti al fine di garantire una migliore qualità della vita con migliori condizioni di consumo, utenza, risparmio e qualità ambientale. Questa la dichiarazione del presidente del Movimento Consumatori di Reggio Calabria, avvocato Patrizia Arcuri, durante la presentazione ufficiale, avvenuta presentata il 19 luglio scorso presso la sala "G. Levato" del Consiglio regionale di Reggio Calabria, della squadra che si batterà per vigilare su consumatori ed utenti che decideranno di aderire al neonato Movimento. Con 67 sedi sparse sul territorio italiano, l’Mc approda così anche a Reggio Calabria. «È vero che in questa città ci so-

no tante associazioni di consumatori - ha dichiarato il consigliere regionale Candeloro Imbalzano presente all’evento - ma devo dire che negli anni c’è stato un calo di motivazione. Conoscendo la professionalità dei componenti di questa nuova associazione, sono convinto che essa sarà di grande aiuto per il consumatore». A detta di Imbalzano infatti sarebbe notevole il bisogno di tutela in un momento in cui la cultura del consumo è in continua crescita. Ha esternato la propria condivisione per l’iniziativa anche il vicepresidente del Consiglio regionale, Alessandro Nicolò. «Quando si forma un ‘associazione - ha dichiarato Nicolò - nasce un soggetto attivo. C’è del positivismo che dev’essere colto poiché essa si impegna per un supporto operoso finalizzato all’interazione tra le parti sociali, politiche ed

istituzionali.Sitratterebbedunque di avviare una nuova stagione per favorire l’impegno culturale ed auspicarne la crescita». Anche l’avvocato Vincenzo Panuccio, decano degli avvocati di Reggio Calabria, è intervenuto condividendo l’iniziativa da cittadino e da rappresentante della classe forense reggina. Tanti inoltre gli ospiti ed autorità presenti in sala. L’Mc reggino è composto, oltre che dal presidente Arcuri: dall’ avvocato Vincenzo D’Ascola, vicepresidente il quale ha relazionato,nelcorsodell’evento di presentazione, sull’organizzazione del nascendo Movimento; dall’ avvocato Giuseppe Foti, presidente del comitato scientifico ed area legale il quale ha dibattuto sugli scopi statutari tra persone e mercato per una corretta educazione e

formazione al consumo; dall’avv. Giuseppe D’Agostino, relatore in responsabile del sito ed area web il quale ha dettagliatamente illustrato il suddetto sito ai presenti in sala, ed inoltre dall’avv. Gabriele Trimboli, segretario, dalla dottoressa Luciana Minniti, tesoriere, dai soci fondatori dott. Franco Spanò, avv. Pasquale Minniti, dott.ssa Caterina Spanò, dai soci collaboratori, dott. FrancescoCallea,responsabilepubbli-

che relazione, dottor Fortunato Cicciù e dalla responsabile rapporti stampa e comunicazione, dott.ssa Giusj Santacaterina. Partecipazione straordinaria, nel corso dell’evento, quella dell’ avv. Tiziana Rumi, relatrice sulle associazioni dei consumatori nel codice del consumo. Il presidente Arcuri ha infine invitato i cittadini a dar fiducia al Movimento, ricordando che tutti possono diventarne soci.


14

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

IMPRESE E LAVORO Il sindacato si riferisce alla vicenda di un dipendente avviato verso la pensione per aver raggiunto 40 anni di servizio e successivamente riassunto nella stessa struttura dal commissario straordinario

Cisl Fps denuncia gravi irregolarità all’ex Asl di Locri: «Violato il Piano di rientro» L'ex Asl di Locri

di Oriana Tavano REGGIO CALABRIA - «Siamo al paradosso». Così esordisce la nota della Cisl Fps di Reggio Calabria riguardo alla vicenda di un dipendente dell’ex Asl di Locri, avviato verso la pensione, circa venti giorni fa, per aver raggiunto 40 anni di servizio e successivamente riassunto, precisamente il 1° luglio scorso, nella stessa struttura dal commissario straordinario dell’Asp, la dott.ssa Rosanna Squillacioti. Il dipendente è stato collocato a riposo ai sensi della legge n. 133 del 6/8/2008, ma con

delibera n° 1 del 15 luglio u.s. è stato assunto nuovamente dal commissario straordinario del’Asp. «"Eccezionale" il tempismo e la priorità assoluta del commissario- si legge nella nota della Cisl Fps -: violare già con la prima delibera i vincoli del Piano di rientro della Sanità calabrese». La Cisl Fps di Reggio Calabria e la segreteria aziendale erano già intervenute con due comunicazioni per denunciare «i comportamenti anomali tenuti dal dipendente che, pur essendo in pensione, ha continuato a frequentareilRepartoOtorinodell’Ospeda-

le di Locri». Il sindacato sottolinea, inoltre, il fatto che «il dipendente sembra, addirittura aver disposto per "vie informali" circa il suo sostituto, in netto contrasto con le disposizioni impartite dalla direzione generale, come se fosse già era nell’aria il sentore della riammissione del dipendente in questione». La Cisl Fps sostiene, tra l’altro, che «i margini di spesa derivanti dalle somme recuperate dal collocamento a riposo del dipendente pensionato sono state utilizzate dal dipartimento regionale della Salute, che, con proprio decreto n° 3946 del

Cisl e Pdci esprimono solidarietà al segretario della Fai-Cisl Musolino CATANZARO - «Le segreterie regionali della Cisl e della Fai-Cisl esprimono piena solidarietà e vicinanza al segretario generale della Fai di Reggio Calabria Vincenzo Musolino oggetto di una grave intimidazione». È quanto si afferma in una nota dei segretari generali della Cisl calabrese, Paolo Tramonti e della Fai, Giuseppe Gualtieri, dopo che a Musolino è Tramonti e Gualtieri: stata recapitata una busta con tre «Quanto accaduto proiettili. rappresenta l’ennesimo «Quanto accaduto - affermano atto di prevaricazione e Tramonti e Gual-rappresenta violenza che si registra tieri l’ennesimo atto di prevaricazione e nella nostra regione» violenza che si registra nella nostra regione nel tentativo di condizionare l’attività di quanti hanno responsabilità

nelle istituzioni, nell’imprenditoria e nel sociale. La Cisl, nell’esprimere fiducia nell’operato delle autorità inquirenti, chiede che venga posta in essere ogni azione volta a debellare e contrastare tale perversa spirale e invita il collega Musolino a proseguire nel suo lodevole impegno a favore dei lavoratori e delle fasce più deboli della popolazione». Solidarietà a Musolino anche dal segretario regionale del Pdci Michelangelo Tripodi. «Si tratta di un fatto gravissimo e deplorevole - ha detto Tripodi - indirizzato contro un sindacalista che da sempre è impegnato in un settore difficile per portare avanti le istanze e i sacrosanti diritti dei lavoratori e per garantire legalità e trasparenza. Si tratta di un atto criminale, purtroppo l’ennesimo, che colpisce un sindacalista realmente impegnato nella lotta quotidiana contro la ’ndrangheta e il malaffare».

25/03/2010, ha disposto le autorizzazioni ad assumere nuovo personale sanitario per l’anno 2010 nell’ambito della percentuale stabilita dal Piano di Rientro». Cosa che, come precisa ancora il sindacato, sarebbe stata fatta con l’assunzione in servizio di personale medico dei reparti di anestesia e rianimazione, ortopedia, radiologia ed oncologia. «Quello che è avvenuto è assurdo! - denuncia la sigla -. Si riammette in servizio un pensionato capo sala e nel contempo si tiene bloccata la graduatoria di merito degli incarichi di coordinamento al personale infermieristico in servizio, i cui oneri sono già conteggiati nel Fondo contrattuale e non comportano maggiori spese». Secondo la Cisl Fps il commissario Squillacioti, con la riammissione deldipendenteeffettuatasenzaalcuna autorizzazione del dipartimento regionale alla Salute, «ha violato apertamente la delibera della Giunta regionale n° 375 del 12 maggio 2010, relativa agli adempimenti del Piano di rientro del Ssr e alla riduzione del personale in esubero, disponendo "motu proprio" la nuova assunzione del capo sala pensionato». Il sindacato sostiene, infatti, che «chi riveste un ruolo istituzionale, pur nella libera adesione a qualsiasi associazione e organizzazione - si legge ancora nella nota dovrebbe assumere comportamenti distaccati e imparziali, equilibrati e consoni al mandato ricevuto». Il 15 luglio scorso la Cisl aveva inoltrato una nota diretta agli organi dell’Asp e regionali e per conoscenza al ministro Brunetta, in cui denun-

ciava le operazioni irregolari emergenti presso l’ex Asl di Locri, auspicando un rapido intervento risolutore che però, lamenta il sindacato, «ad oggi non si è ancora registrato». E si sofferma sul comportamento del commissario straordinario, che, afferma la Cisl Fps, «pur a conoscenza delle segnalazioni, non ha assunto alcun provvedimento né convocato il sindacato per recepire e approfondire le motivate ragioni». Per questo motivo, la Cisl Fps di Reggio Calabria chiede «un immediato intervento del governatore Scopelliti, perché alle belle parole seguano fatti concreti e azioni de-

Il sindacato chiede «un immediato intervento del governatore Scopelliti per la revoca della riammissione in servizio del dipendente pensionato cise, revocando la riammissione in servizio del dipendente pensionato e procedendo a sanzionare, con la decadenza automatica, il commissario straordinario dell’Asp Reggio Calabria per il mancato rispetto del dispositivo della citata delibera». La Cisl Fps fa sapere, infine, che «non si fermerà, anzi assumerà ulteriori iniziative, ad ogni livello istituzionale, affinchè il rispetto della legalità e delle regole sia il primo tratto distintivo del cambiamento e del risanamento della sanità calabrese».


16

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

APPUNTAMENTI CON IL FISCO

Esenzione Ici e coltivatori diretti Esenzione Ici: non spetta a chi è titolare di un trattamento pensionistico Il contribuente che percepisce pensione sociale, non può essere considerato coltivatore diretto, queste sono le conclusioni a cui è giunta la Corte di Cassazione con la sentenza n.15516 del 30 giugno 2010. Le riduzioni d’imposta relative all’Ici sui terreni posseduti da coltivatori diretti o imprenditori agricoli che esplicano la loro attività in via principale purché condotti dagli stessi, sono le seguenti: Esenzioni ICI limitatamente alla parte di valore eccedente € 25.822,84 con le seguenti riduzioni: a) Riduzione del 70% dell’imposta sulla parte di valore eccedente i 25.822,24 euro e fino a 61.974,83 euro; b) Riduzione del 50% dell’imposta sulla parte di valore eccedente 61.974,83 euro e fino a 103.291,38 euro; c)Riduzione del 25% dell’imposta sulla parte di valore eccedente 103.291,38 euro e fino a 129.114,22 euro. d’imposta.La qualifica di coltivatore diretto o imprenditore agricolo rileva an-

che riguardo alla condizione giuridica della non edificabilità dei suoli, disposta dall’articolo 2, comma 1, lettera b) del DLgs. 504/1992. L’articolo 58 del DLgs. n. 446/1997 ha integrato la normativa, disponendo che, in merito alle agevolazioni ICI sui terreni agricoli, si considerano coltivatori diretti o imprenditori agricoli a titolo principale, le persone fisiche: a) iscritte negli appositi elenchi comunali previsti dall’articolo 11 della L. n. 9/1963; b) soggette al corrispondente obbligo dell’assicurazione per invalidità, vecchiaia e malattia.A seguito della decisione della CTR dell’Umbria, che, confermando la sentenza della CTP di Perugia, aveva escluso l’esenzione dall’ICI il ricorrente in quanto godeva di pensione sociale e non poteva considerarsi coltivatore diretto, viene proposto ricorso in Cassazione per due motivi relativi alla violazione della legge e vizio motivazionale. Nella sentenza, i giudici si rifanno al requisi-

to della ruralità, quale presupposto per il trattamento agevolato ai fini ICI previsto dal D.Lgs n. 504 del 1992 art. 9, basato su elementi che attengono alla sfera della disponibilità del contribuente: 1) possesso di terreni da parte di coltivatori diretti o da imprenditori agricoli a titolo principale; 2) diretta conduzione di tali terreni da parte dei suddetti soggetti; 3) persistenza dell’utilizzazione agro-silvo-pastorale, mediante l’esercizio di attività dirette alla coltivazione. Nella Sentenza viene richiamata l’integrazione della norma effettuata dal D.Lgs. n. 446 del 1997, art. 58, comma 2, secondo il quale si considerano coltivatori diretti od imprenditori agricoli a titolo principale, le persone fisiche iscritte negli appositi elenchi comunali previsti dal 19 gennaio 1963, n. 9, art. 11, e soggette al corrispondente obbligo dell’assicurazione per invalidità, vecchiaia e malattia.

Pagamento imposte tramite "Reti amiche"

Il notaio nell’era "digitale" Con il decreto n. 110 del 02/07/2010 andrà in vigore l’utilizzo per il notaio della firma digitale e la possibilità di redigere gli atti su supporto informatico

Anche una professione come quella notarile, che pur fortemente rinnovata, ha trovato degli ostacoli in merito alle innovazioni informatiche, ora deve fare i conti con le applicazioni dell’era digitale. L’ immagine classica del notaio sembra andare in soffitta, infatti dal prossimo 3 agosto 2010 si potrà affiancare alla stipula degli atti cartacei, anche quelli in formato digitale. Il via all’informatizzazione, viene dato dal Decreto Legislativo n. 110 del 2 luglio 2010 pubblicato nella G.U. del 19 luglio 2010. Tale norma, si inserisce nell’ambito di quanto prescritto dal "Codice dell’amministrazione digitale" che sta contribuendo a svecchiare anche quei settori, sia pubblici che privati, che hanno resistito alle innovazioni nei tempi.Il notaio dovrà obbligatoriamente munirsi di firma digitale, che diventa lo strumento unico per

l’esercizio delle sue funzioni. Come più volte ribadito, la firma digitale è un particolare tipo di firma elettronica qualificata, basata su chiavi crittografate che, al momento, risulta essere il sistema più sicuro in campo informatico. Il notaio potrà leggere direttamente sul PC il rogito che si appresta a firmare con le parti, che potranno sottoscrivere elettronicamente l’atto, sia con firma digitale che con firma elettronica non qualificata. Lettura dell’ atto: - Si potrà leggere l’atto da firmare sul computer. - Potrà avvenire la sottoscrizione elettronica delle parti. - Il notaio validerà le firme dei contraenti con la sua firma digitale. Il notaio stesso, sottoscrivendo l’atto, alla presenza delle parti, con la smart card contenente la sua firma digitale, potrà validare le firme dei contraenti. I documenti redatti verranno digitalizzati e poi inseriti come allegati informatici all’atto (informatico) e di conseguenza tutti i repertori e i registri obbligatori verranno formati e conservati su supporto informatico. Dunque, tutti i rogiti notarili come del resto già avviene, viaggeranno su una strada completamente informatica. E i clienti potranno avere le copie degli atti su supporto informatico, oltre alla tradizionale forma cartacea. Gli atti digitali e quelli cartacei saranno equivalenti. In merito alla conservazione degli atti, il Decreto Legislativo prevede inoltre, che presso il Consiglio Nazionale del Notariato sia predisposta una apposita struttura per il deposito degli atti informatici utilizzabile per estrarne copie o duplicati.

Nel protocollo d’intesa firmato tra Equitalia e il Ministero per la Pa è stata istituita: la transazione dei pagamenti tramite bollettini con codice a barre e quindi effettuabili presso i diversi circuiti di pagamento convenzionati con il progetto "Reti amiche", da presentare alle casse di tabaccai, Coop, Poste Italiane, ricevitorie della Lottomatica, sportelli Intesa-San Paolo e Unicredit, ritirando lo scontrino a garanzia dell’avvenuto pagamento. In pratica una riscossione senza soste, operativa anche di sabato e domenica, considerando gli orari no stop dei centri commerciali dove sono situati supermercati e tabaccherie. In sintesi: gli enti creditori affidano a Equitalia la riscossione di imposte, tasse e contributi; Equitalia invia ai cittadini le cartelle di pagamento e relativi bollettini, che verranno accolti in cassa come qualsiasi altro prodotto; attraverso i contratti attuativi che la Società si impegna a stipulare con amministrazioni e privati interessati all’accessibilità al circuito, le somme versate attraverso questo sistemainnovativo,confluirannorapidamente all’indirizzo dell’ente creditore. Da parte sua il Ministero mette a disposizione di Equitalia la totalità dei canali di trasmissione di "Reti amiche", al servizio di oltre 35 milioni di utenti. PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 17

BANDI & AVVISI DI GARA

Affidamento biennale del servizio di trasporto scolastico, trasporto disabili e vigilanza alunni durante il trasporto con gli scuolabus per il Comune Luzzi per gli anni 2010/2011-2011/2012 Ente Applatante: Stazione Unica Appaltante - Regione Calabria Scadenza i presentazione delle offerte: ore 12.00 del 23.08.2010 Contatti : per informazioni: e - mail m.marano@regcal.it

Oggetto dell’appalto L’appalto ha per oggetto il servizio di trasporto scolastico: a) degli alunni della scuola dell’infanzia statali e non statali e degli alunni della scuola dell’obbligo del Comune di Luzzi dai luoghi di residenza alle scuole di appartenenza e viceversa; b) degli alunni disabili frequentanti le scuole di cui alla lettera a) dai luoghi di residenza alle scuole di appartenenza e viceversa; c) degli alunni disabili di cui alla lettera b) dai luoghi di residenza ai centri di riabilitazione di Serra Spiga, Vadue di Carolei, Castiglione Cosentino e Bisignano e viceversa ( tale servizio terminerà il 31 luglio di ogni anno); d) vigilanza durante il trasporto con gli scuolabus. Il servizio dovrà essere effettuato con riferimento ai plessi scolastici ed ai rispettivi bacini d’utenza specificati al successivo art.2 ed in conformità al calendario scolastico ed agli orari di inizio e termine delle attività scolastiche. Il servizio è regolato dal D.L.gs.vo 163/06 e s.m.i., dalle norme del presente capitolato speciale e del bando di gara, oltre che dalle norme del Codice Civile e del Codice della Strada, compreso il regolamento di attuazione. E’, inoltre, regolato dalla normativa statale e regionale in materia e, in particolare, dal D.M. 31 gennaio 1997 "Nuove disposizioni in materia di trasporto scolastico", dal D.M. 18 aprile 1977 e successive modifiche ed integrazioni, dal D.M. 20 dicembre 1991, n. 448 in materia di accesso alla professione di trasportatori di viaggiatori su strada. Modalità servizio Il servizio dovrà essere espletato tenendo presente quanto segue : a) Trasporto alunni scuole dell’infanzia statali e non statali, e primarie: dalla intersezione della strada di residenza con quella comunale più vicina, sino ai plessi scolastici di appartenenza e viceversa, su tutto il territorio comunale; b) Trasporto alunni scuola secondaria di 1° grado: per gli alunni abitanti nelle contrade non servite di mezzi di linea pubblica con orario coincidente con quello scolastico, dalle strade comunali asfaltate fino al bivio della strada statale così da poter utilizzare i mezzi di linea pubblica, e viceversa. Tale trasporto sarà effettuato anche durante il periodo degli esami con prelievo però dall’intersezione della strada di residenza con quella comunale più vicina a quest’ultima fino alla sede scolastica, e viceversa; c) Trasporto alunni della scuola secondaria di 1° grado che partecipano alle attività del tempo prolungato nelle ore pomeridiane: con le stesse modalità di cui al primo punto della lettera b); d) Trasporto alunni disabili: dall’abitazione di residenza dei suddetti alunni alle scuole di appartenenza ed ai centri riabilitativi di Serra Spiga, Vadue di Carolei, Castiglione Cosentino e Bisignano e viceversa, con effettuazione di turni pomeridiani ed antimeridiani, anche al di fuor del normale orario scolastico. Vigilanza durante il trasporto: dovrà essere assicurata durante ogni corsa e per tutta la sua durata, agli alunni delle scuole

dell’infanzia statali e non, delle primarie ed ai disabili. Le vigilatrici dovranno effettuare anche il controllo mensile dei tesserini personali degli alunni e darne comunicazione, a fine mese, al competente Ufficio Comunale. Dovranno, inoltre, accompagnare e prelevare gli alunni dalle zone di sosta degli scuolabus fino agli atri delle scuole, e viceversa. Nello scuolabus adibito al trasporto degli alunni disabili, oltre che la sorveglianza durante il percorso,ed in caso di assenza del familiare dell’alunno, dovrà essere assicurata la conduzione di ciascun soggetto all’interno della struttura. Il servizio trasporto dovrà effettuarsi rispettando le zone di sosta, gli orari ed i percorsi preventivamente e per iscritto indicati dall’Ente, tenendo presenti le singole esigenze di funzionamento delle scuole. L’Ente si riserva la facoltà di apportare, a suo insindacabile giudizio, eventuali cambiamenti di orari e percorsi allo scopo di migliorare il servizio e le esigenze degli utenti, dandone comunicazione scritta alla ditta appaltatrice, questa resta obbligata alle indicazioni ed alle prescrizioni che l’Ente emanerà, senza sollevare eccezione alcuna. Durata L’appalto ha la durata di due anni, ed esattamente per gli anni scolastici 2010/2011 e 2011/2012. Il calendario relativo al servizio annuale verrà comunicato dal Comune di Luzzi prima dell’inizio del servizio. Il periodo di attuazione del servizio è quello previsto per ciascun anno dal calendario scolastico. Dal primo giorno di apertura ufficiale della scuola all’ultimo giorno di chiusura, esclusi i periodi delle festività natalizie e pasquali e/o altre eventuali interruzioni comunicate dal Comune o dalle Autorità scolastiche. Il servizio trasporto disabili presso i centri riabilitativi avrà inizio dal primo giorno di apertura ufficiale della scuola e terminerà il 31 luglio di ogni anno. Qualora alla scadenza dell’appalto l’Amministrazione Contraente non abbia ancora provveduto ad individuare il successivo contraente, l’appaltatore è tenuto a garantire, in proroga e nei termini massimi consentiti dalla normativa vigente, il servizio prestato per il tempo necessario fino alla data di assunzione del servizio da parte della ditta subentrante ed alle medesime condizioni previste nel contratto, su richiesta scritta dell’A.C. e comunque per un periodo massimo di mesi sei. Qualora, durante il periodo di vigenza del contratto, l’A.C. per comprovate esigenze scaturenti da una diversa riorganizzazione scolastica o dal venir meno della richiesta dell’utenza, ovvero ritenesse di utilizzare altre modalità di servizio di trasporto pubblico urbano, è facoltà dell’Amministrazione stessa risolvere il rapporto contrattuale instaurato con preavviso di almeno sei mesi e portando a termine l’anno scolastico eventualmente in corso, senza che detta risoluzione costituisca titolo per la richiesta di alcuna forma di risarcimento da parte dell’appaltatore. Ammontare del contratto L’importo biennale a base d’asta ammonta a circa € 620.000,00, esclusa l’ IVA. Gli oneri scaturenti dalle prescrizioni del D.Lgs.81/2008 sui rischi da interferenza sono stimati, per tutta la durata dell’appalto in € 3.200,00. I prezzi si intendono fissi ed invariati per tutta la durata dell’appalto, fatte salve le indicizzazioni previste per legge ( Adeguamento ISTAT ) e l’art. 115 del D.lgs.vo 163/06 e s.m.i.

Il testo integrale del bando è disponibile su www.regione.calabria.it nella sezione "Bandi e avvisi di gara" alla voce "Regione Calabria"


18

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

AMBIENTE & SICUREZZA

di Sofia Ricciardi

Primo conto energia, ecco i chiarimenti del Gestore dei servizi energetici Il Gse ha fornito hiarimenti sul passaggio dal regime di Ritiro dedicato a Scambio sul posto per impianti incentivati con il Primo Conto Energia. A seguito delle richieste di chiarimenti formulate da alcuni operatori, il Gse, rende noto a tutti i soggetti responsabili di impianti incentivati con il primo Conto energia che il passaggio dal regime di Ritiro dedicato al regime di Scambio sul posto comporta l’aggiornamento della tariffa incentivante riconosciuta ai sensi degli artt. 5 e 6 D.M. 28 luglio 2005. Si evidenzia inoltre che: gli im-

pianti che si avvalgono del regime di Ritiro dedicato, ricevono l’incentivato sull’energia elettrica prodotta indipendentemente dalla quota di energia elettrica consumata, mentre gli impianti che si avvalgono del regime di Scambio sul posto ricevono l’incentivo sull’energia elettrica prodotta e consumata; la scelta del regime di Scambio sul posto comporta una modalità di erogazione bimestrale dell’incentivo; la scelta del Ritiro dedicato comporta una modalità di erogazione mensile dell’incentivo.

"Facciamo i conti con l’ambiente" è il titolo dell’indagine svolta dal Gruppo di lavoro "Contabilità ambientale degli Enti locali" del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane su 112 enti tra Comuni, Province e Regioni. L’intento è stato di fotografare lo "stato dell’arte" in Italia del bilancio ambientale, verificando quanto è conosciuto e diffuso lo strumento, quali sono le motivazioni alla base dell’avvio o della cessazione, le difficoltà incontrate, le metodologie più utilizzate e cercare di capire quali possono essere i possibili sviluppo futuri. L’indagine è stata realizzata in collaborazione con la società di consulenza Indica s.r.l. e grazie al supporto di molti enti e associazioni tra cui in particolare l’Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani), l’Upi (Unione delle province italiane), il Formez, Centro di formazione e studi, Eco dalle Città, notiziario per l’ambiente urbano, la Rete Cartesio, la Rete delle Agende 21 locali della Toscana. Il questionario è stato

Gli Enti locali fanno i "conti" con l’ambiente compilato on-line da 95 Comuni, 12 Province, 3 Regioni e 2 Enti Parco. L’indagine ha rilevato come, dopo una prima fase pioneristica di sperimentazione, la tendenza emersa negli ultimi anni tra gli enti che hanno consolidato il sistema è di integrare la contabilità ambientale con gli strumenti ordinari di programmazioneecontrollo(Programma di mandato, Relazione Previsionale e Programmatica RPP, Piano Esecutivo di Gestione Peg, Piani di Settore, ecc.) e con gli altri processi e strumenti volontari per lo sviluppo sostenibile (Agenda 21 Locale, Acquisti Verdi Pubblici Gpp, Bilancio di mandato/sociale, di

genere/di sostenibilità, ecc). La metodologia di riferimento più utilizzata da parte degli enti è il metodo Clear (75% degli enti che hanno risposto di avere intrapreso un percorso di contabilità ambientale) anche integrato con altre metodologie (5%) quali EcoBudget, linee guida Ispra, Namea/Ramea o Epea.

Prestigiacomo: «Entro il 2019 l’Italia potrebbe avere 8 centrali nucleari di nuova generazioni» di Giuseppe Tetto Nuove speranze per il nucleare in Italia. Sono otto i reattori nucleari di nuova generazione in esercizio per il 2019, e non è escluso che comprendano anche il modello americano AP1000. Lo ha detto a Washington il sottosegretario allo Sviluppo Economico, Stefano Saglia, a margine del forum internazionale organizzato dall’amministrazione Obama sull’Energia Pulita. «Stiamo consolidando - ha detto Saglia - il nostro interesse verso tecnologie complementari. L’Italia è orientata ad avere quattro

Stefania Prestigiacomo

centrali da 1.600 megawatt, e accordi in tal senso sono avviati tra Enel e la francese Edf per centrali Epr. Ma non chiudiamo ad altre opzioni». Come appunto quella dell’Ap1000, tecnologia americana prodotta all Westinghouse Electric Company di Pittsburgh, che la delegazione italiana visiterà domani. Visiteranno il reattore di Pittsburgh sia il sottosegretario Saglia, sia la delegazione del ministero dell’Ambiente guidata dal ministro Stefania Prestigiacomo. «Diciamo che si consolida l’interesse italiano verso tecnologie più piccole e complementari a quelle francesi» ha detto Saglia. Alla luce di questa impo-

stazione, secondo il sottosegretario l’Italia potrebbe essere nucleare per il 2019. «Entro il 2013 completeremo le fasi autorizzative - ha precisato - e le nuove otto centrali potrebbero essere in esercizio nel 2019. Le prime difficoltà politiche sono state superate. Le centrali saranno fatte d’intesa con le Regioni. Ovviamente ci sarà da costruire un consenso, ma la via imboccata è chiara. Sicuramente - ha concluso - chi ospiterà le centrali avrà vantaggi economici e forniture di energia gratuite. Diciamo che la prima lampadina è stata accesa». E la prima pietra di un suo sistema nucleare secondo il Ministro dell’Ambiente l’Italia la potrà poggiare "entro due-tre anni"


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 19

POLITICA NAZIONALE Il procuratore capo di Caltanissetta nega il coinvolgimento dei politici di oggi

Lari su politica che non regge: «Sono sbalordito, non è vero» di Mauro Bazzucchi «Io sono sbalordito da siffatte affermazioni. Il nome di Berlusconi non è stato nemmeno ventilato in occasione dell’audizione alla commissione Antimafia, né nelle indagini sulla strage di via D’Amelio figura il presidente del Consiglio, come nessun altro personaggio della politica attuale. Quindi non comprendo le ragioni per cui necessariamente si voglia attribuire ai pubblici ministeri di Caltanissetta un’intenzione di questo tipo. Sono affermazioni gratuite e totalmente destituite di fondamento». Lo ha affermato ai microfoni di Rainews24 il procuratore capo di Caltanissetta Sergio Lari, intervistato sugli ultimi sviluppi dell’indagine della strage di via D’Amelio, in cui fu ucciso il giudice Paolo Borsellino, di cui ricorre il diciottesimo anniversario. «I punti oscuri di questa vicenda - prosegue Lari - sono tanti. Siamo riusciti a scoprire, attraverso le rivelazioni di Gaspare Spatuzza, e attraverso una rigorosa attività di riscontro, che le precedenti indagini erano basate sostanzialmente sul nulla. Tutti i processi: Borsellino uno, Borsellino bis, sono basati su dichiarazioni di tre soggetti che hanno sostanzialmente ritrattato tutte le precedenti accuse. Questa è la grande verità che abbiamo accertato, e ritengo sia un fatto molto importante aver fatto luce su questa vicenda. Non dimentichiamo che si sono con-

cluse con numerose sentenze passate in giudicato, con le quali sono stati inflitti anche numerosi ergastoli». Incalzato sulle voci degli ultimi giorni, secondo le quali uno dei Pm che indagano avrebbe affermato in commissione Antimafia che la politica non potrebbe reggere l’impatto delle rivelazioni, Lari esclude del tutto tale ipotesi: «Questa vicenda fa emergere un errore clamoroso, basato su un depistaggio da parte degli organi investigativi della polizia di Stato. Questo è il dato che è emerso, e quindi non credo che questa cosa possa far tremare la politica, anzi io devo cogliere, da parte della politica, un interessamento alle nostre indagini e la volontà di fornirci tutti quei supporti di cui abbiamo bisog-

Il nome di Berlusconi non è stato nemmeno ventilato in occasione dell’audizione alla commissione Antimafia, né nelle indagini sulla strage in via D’Amelio

no. Il semplice fatto che la commissione antimafia sia venuta ad ascoltarci lungamente su questi temi, è un fatto importante. Non dimentichiamo che lo stesso capo dello Stato in più occasioni ha richiamato l’attenzione dell’opinione pubblica italiana sulla necessità che su queste vicende si faccia chiarezza. Come lui, il presidente della Camera e il Guardasigilli. Quindi non direi assolutamente che da parte della politica ci sia disinteresse. L’unico aspetto negativo che è arrivato dalla politica è stata la mancata concessione del programma di protezione per Spatuzza». «Coloro i quali hanno ritrattato - ha aggiunto Lari - hanno dichiarato a noi che le motivazioni di queste false accuse vanno ricercate nel fatto di essere stati soggetti a pressioni investigative, e mi fermo qui». E a chi gli chiede se la Procura sia a conoscenza di chi ha esercitato le pressioni, Lari risponde con un laconico "certamente". Tornando alle indagini, l’intervistatore ha chiesto a Lari di confermare il fatto che, nell’organizzazione della strage, abbiano avuto un ruolo elementi esterni alla Mafia: «Noi abbiamo elementi investigativi precisi sui quali non posso dir nulla, circa la presenza di soggetti estranei

all’ambiente di Cosa Nostra che avrebbero avuto un ruolo nella strage di via D’Amelio, ma di più non posso aggiungere. I riscontri a questo, da parte dei collaboratori di giustizia, li abbiamo acquisiti». Quanto all’ipotizzato collegamento tra le stragi di Capaci, di via D’Amelio e di quelle verificatesi nel ’93 a Roma e a Firenze, Lari non lo esclude : «Ma siccome si tratta di indagini su cui stanno operando altri uffici giudiziari, preferisco - dice non aggiungere altro». Infine, Lari torna sullo stato delle indagini su via D’Amelio: «Sappiamo chi è che ha commesso il furto dell’auto, chi ha procurato l’esplosivo, i telecomandi e quant’altro e quali sono i soggetti coinvolti, e non sono quelli dei processi Borsellino uno e Borsellino bis. Questo mi sembra già un risultato importante, che potrà consentirci di fare maggiore luce su un importante segmento esecutivo della strage di via D’Amelio. Per quanto riguarda invece il possibile ruolo di soggetti deviati, di appartenenti ai servizi o ad altre entità dello Stato, su questo e sul tema della trattativa e sulle rivelazioni di Ciancimino ancora siamo in pieno svolgimento delle indagini». L’ultima domanda è sulla presunta trattativa tra Mafia e Stato: «Che la trattativa ci sia stata, io penso che questo si possa affermare, poi bisogna vedere in che termini si è svolta , quali sono le eventuali responsabilità di chi vi ha partecipato».

Ai microfoni di Rainews24 il procuratore capo Sergio Lari, intervistato sugli ultimi sviluppi dell’indagine della strage di via D’Amelio, in cui fu ucciso Borsellino nel ’92

Tremonti su manovra: l’Italia l’ha presa con senso di grande responsabilità

ROMA - Ha lodato il Parlamento per il lavoro compiuto e per aver migliorato la manovra. E l’Italia per averla sostanzialmente accettata dimostrando grande senso di responsabilità, specialmente presso i lavoratori del pubblico impiego mentre in altri settori vi sarebbero state reazioni ingiustificate. "Nell’insieme la manovra è stata presa dagli italiani con altissimo senso di responsabilità e serietà - ha dichiarato ripreso dai microfoni di Sky Tg 24 - , in altri Paesi manovre simili vengono contestate violentemente. Da noi questo non c’è stato per la grandissi-

mo senso di responsabilità degli italiani e di molte organizzazioni sindacali e dell’apparato pubblico". Parlando davanti alla commissione Bilancio a Montecitorio, il ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha difeso la scelta del governo di non alzare le tasse evitando così scelte "suicide". Il ministro ha spiegato che l’innalzamento della pressione fiscale registrato è stato causato dalla riduzione del Pil, poi ha smentito l’esistenza di un blocco del turn-over nella Sanità, quindi ha ricordato come non ci sarà nessuna rottura della coesione sociale. Al contrario Tremonti ha definito "solida" la manovra finanziaria e rassicurato gli italiani, escludendo la necessità di una ulteriore correzione dei conti in autunno. "Non credo che ci sarà il

crollo del mio Paese - ha dichiarato sempre a Sky Tg 24 -. Ci sarà una tenuta complessiva. Ci sarà un andamento non negativo. Siamo nella media e nella norma dell’Europa". Alla solidità del pacchetto di misure, per il ministro corrisponde la solidità oltre ogni aspettativa del governo e della sua azione, "meglio di


20

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

SPECIALE

Baggio torna al calcio ma solo da allenatore Roberto Baggio e il ritorno al calcio dopo 6 anni. In campo e dietro i banchi, in mezzo a colleghi assai meno famosi e meno fortunati (in tutto 66), un’esperienza che lo porterà il 6 agosto a conseguire il patentino per allenatore di base.

Allegri, un maestro Silvio, un professore «Abbiamo preso Allegri perché è un maestro, ma ricordate che io sono un professore». Silvio Berlusconi ha presentato così il neo allenatore milanista. Riusciranno a cementare un rapporto non conflittuale?


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 21

SPECIALE

Aleksandar Kolarov al Manchester City Aleksandar Kolarov non si è presentato alle consuete visite mediche prima di raggiungere i compagni nel ritiro della Lazio. A questo punto per il passaggio del terzino serbo al Manchester City è una questione di ore.

Oriali verso l’addio all’Inter non c’è posto Oriali verso l’addio all’Inter. «Avevo un ruolo ben preciso - ha spiegato ai microfoni di Sky che mi piaceva molto, ero a contatto con il tecnico e i giocatori rappresentando la società in tutto. Di fatto sono stato sollevato».


22

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

ECONOMIA NAZIONALE Il ministro dell’Economia riferisce in commissione Bilancio alla Camera dove si sta esaminando la manovra

Non ci saranno altre manovre dice Tremonti di Daniele Tosatti ROMA - Tremonti difende la sua manovra e sottolinea come «i numeri dell’economia reale italiana e dei conti pubblici siano nella norma e nella media europea». È un discorso a tutto tondo quello che il ministero del Tesoro ha svolto in commissione Bilancio, alla Camera, dove è in corso l’esame della manovra economica. Il provvedimento da oltre 25 miliardi, ha detto Tremonti, «è la prima Finanziaria comune europea» e ha spiegato come l’accelerazione dell’approvazione del decreto legge (con una doppia fiducia) non sia legata a problemi di finanza pubblica dei diversi Paesi, ma a una decisione concordata in sede Ue. «L’anno prossimo - ha ricordato - se si sviluppano i lavori di revisione del patto di stabilità, la procedura di approvazione dei bilanci in Europa sarà coordinata tutti insieme». Del resto, ha ribadito il ministro dell’Economia, non c’era nessuna possibilità di non fare una manovra correttiva dei conti pubblici: «non c’era discussione - ha detto Tremonti - visto che tutti i Paesi, non solo l’Italia, hanno attuato interventi correttivi», e ha subito aggiunto, «è stato tutto accelerato perchè tutto è stato con-

cordato con una meccanica comune». Obbligatoancheilperimetrod’intervento: fare la correzione dei conti attraverso un aumento delle tasse sarebbe stato «un suicidio», ha spiegato il ministro dell’Economia, che ha sottolineato come un’aggiustamento dei conti pubblici dal lato delle entrate sarebbe stato masochistico. «Se aumenti le tasse per finanziare livelli di spesa insostenibili - ha detto Tremonti - fai la cosa opposta rispetto alla cosa che viene considerata giusta». Il titolare di Via XX Settembre si è poi rivolto alle regioni, evidenziando come la manovra sia «parte di un sentiero di modifica del profilo di spesa pubblica e negli anni passati l’incidenza degli interventi sulla spesa centrale era stata molto maggiore».

Se aumenti le tasse per finanziare livelli di spesa insostenibili fai la cosa opposta rispetto alla cosa che viene considerata giusta»

Tremonti ha invitato quindi a valutare le nuove norme «in un arco temporale più lungo», dove, ha aggiunto, «hai ben chiara l’evidenza che l’incidenza delle correzioni è stata molto forte dal lato dei Governi centrali e meno forte dal lato dei governi locali». Tremonti ha poi escluso nuovi interventi correttivi nel 2010. «Quest’anno - ha detto - noi siamo in linea con tutte le previsioni e con gli impegni, con la continua osservazione che viene fatta sui conti italiani». Il responsabile del Tesoro ha inoltre ribadito che nell’attuale decreto legge non ci sia alcun blocco del turn over nella sanità e per quanto riguarda la norma "salva manager" ha chiarito: «si tratta di una disposizione scritta per consentire alle banche di finanziare le crisi aziendali, il rischio delle sanzioni penali (come per esempio, per i reati di bancarotta) era un limite, una remora a operazioni di continuazione di finanziamento o di intervento sulle crisi aziendali». Ultima stoccata infine sulle pensioni: «Sono convinto - ha concluso Tremonti - che il Parlamento abbia fatto la più grande, forte, seria, apprezzata riforma delle pensioni mai fatta in Europa in questi anni».

Nasce Fiat Industrial Spa che raggruppa veicoli industriali e macchine agricole MILANO - Il cda Fiat ha varato il progetto di scissione parziale dei business veicoli industriali, macchine agricole e costruzioni e relativi motori e trasmissioni, che saranno trasferiti a una società di nuova costituzione chiamata, come anticipato, Fiat Industrial Spa. La data di efficacia della scissione è prevista al’1 gennaio L’assemblea per le 2011 e, si legge in una delibere relative allo nota, le azioni di Fiat Industrial saranno assespinoff è attesa il 16 gnate ai soci Fiat in settembre. Dalla scissione ragione di una a una. Le due società saranno non nascono diritti di quotate separatamente. In conseguenza della recesso per i soci scissione il patrimonio netto Fiat sarà ridotto di poco più di 3,750 miliardi di euro e tale riduzione non sarà effetto della cancellazione di azioni ma di una riduzione proporzionale del valore nominale delle azioni, pari a 3,5 euro per ciascuna categoria a far data dall’efficacia della scissione. Il valore nominale di ciascuna categoria di azioni Fiat Industrial sarà 1,5 euro. Le azioni proprie possedute da Fiat - circa 3 per cento del capitale sociale - non saranno trasferite a Fiat Industrial e quindi dopo la

scissione Fiat Spa deterrà una pari percentuale di Fiat Industrial. L’assemblea per le delibere relative allo spinoff è attesa il 16 settembre. Dalla scissione non nascono diritti di recesso per i soci. La nota Fiat aggiunge che Fiat Industrial Group ha ricevuto anche una "higly confident letter" firmata da primarie banche per un nuovo finanziamento di 4 miliardi di euro, che sarà una combinazione di finanziamento revolving e finanziament a termine. Tra gli istituti ci sono le italiane Intesa SanPaolo e Unicredit. La finalizzazione del prestito è attesa prima della data di scissione e tra i suoi utilizzi ci sita anche la restitutione da parte di Fiat Industrial di finanziamenti intragruppo. «La scissione darà chiarezza strategica e finanziaria" ai due business - legato all’auto e industriale - e ne permetterà lo sviluppo indipendente». «Il consiglio - conclude il commento - ritiene che l’operazione consentirà la giusta valutazione sui mercati dei capitali di entrambe le società». Cab

I ricavi salgono del 12,5 Fiat: 113 milioni di utile nel II trimestre contro 179 di perdite nel 2009 TORINO - Fiat torna all’utile nel secondo trimestre 2010, con un risultato netto, 113 milioni, superiore ai 90 milioni attesi dal mercato e contro una perdita da 179 milioni nello stesso periodo del 2009. I ricavi sono cresciuti del 12,5 per cento a 14,8 miliardi con trading profit «più che raddoppiato» a 651 milioni. In forte calo l’indebitamento netto industriale, a 3,7 miliardi dai 4,7 di fine marzo. Sono i principali dati del secondo trimestre registrati dal Gruppo Fiat e approvati dal consiglio di amministrazione che si è riunito ad Auburn Hills, nel Michigan, al quartier generale della Chrysler, segno dell’avvicinamento tra le due case in un’ottica di gruppo. Il titolo del Lingotto viaggiava in deciso rialzo a Piazza Affari subito dopo l’annuncio dei risultati. Il Cda del Lingotto ha inoltre approvato la scissione parziale proporzionale, con cui Fiat Spa intende trasferire ad una società di nuova costituzione, Fiat Industrial Spa, alcuni elementi dell’attivo (prevalentemente partecipazioni) relativi ai business dei veicoli industriali, motori "industrial & marine", macchine agricole e per le costruzioni, oltre a debiti finanziari. «Con la scissione - spiega Fiat - queste attività saranno separate da quelle automobilistiche e dalla relativa componentistica, che includono Fiat Group Automobiles, Ferrari, Maserati, Magneti Marelli, Teksid, Comau e FPT Powertrain Technologies (attività di motori e trasmissioni per autovetture e veicoli commerciali leggeri)». Dalla data «di efficacia della scissione prosegue Fiat - che si assume possa essere il 1 gennaio 2011, le azioni di Fiat Industrial saranno assegnate agli azionisti Fiat sulla base di un rapporto uno a uno». (vedim articolo a fianco per i dettagli)

Cab


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 23

ECONOMIA

di Carlo Bassi ROMA - Dopo due lunghe riunioni congiunte di Camera e Senato, tenutesi tra mercoledì pomeriggio e giovedì mattina della settimana scorsa, i questori del Parlamento sono giunti alla decisione di tagliare del 10 per cento le indennità di deputati e senatori.La notizia, anticipata dall’Ansa, ha trovato poi varie conferme, non ultima quella dello stesso presidente della Camera Gianfranco Fini. Si tratta di una misura stabilita in relazione alla riduzione delle spese prevista dalla manovra economica. La proposta prevede anche il blocco triennale dei meccanismi di adeguamento automatico degli stipendi. Mentre il limite pensionistico è stato elevato a 60 anni per le pensioni di anzianità. L’indennità dei parlamentari, prevista dalla Costituzione all’art. 69, come spiega il sito del Parlamen-

10%

Il taglio deciswo dai questori di Camera e Senato perché anche i parlamentari subiscano lo stesso taglio

Ai parlamentari la manovra costerà 550 euro al mese 2006, è stato ridotto del 10 per cento - è pari a 5.486,58 euro, al netto delle ritenute previdenziali (784,14 euro) e assistenziali (526,66 euro) della quota contributiva per l’assegno vitalizio ( 1.006,51 ) e della ritenuta fiscale (3.899,75 euro). La misura sarà ratificata dagli uffici di presidenza di Montecitorio e Palazzo Madama la prossima settimana. Il taglio verrà calcolato sull’indennità. Per i deputati l’indennità ammonta a 5.486,58 euro nette al mese per 12 mensilità: il che vuol dire che ai deputati il taglio costerà circa 550 euro al mese.

La Camera

to, è la prima voce del trattamento economico per i parlamentari ed è quella «che nel linguaggio comune è definita "stipendio"» a cui seguono altre voci: la diaria e i rimborsi: per le "spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettori", per le spese accessoriedi viaggio e per i viaggi all’estero, per le spese telefoniche. A completamento del trattamento economico dei parlamentari ci sono le voci sull’assegno di fine mandato, le prestazioni previdenziali e sanitarie e

sui trasporti. La legge n. 1261 del 31 ottobre 1965 fissa l’indennita «in misura non superiore al trattamento complessivo massimo annuo lordo dei magistrati con funzioni di presidente di Sezione della Corte di cassazione ed equiparate». Tale misura era già stata ridotta (dall’art. 1, comma 52, della legge 23 dicembre 2005, n. 266) durante la finanziaria del 2006. L’importo mensile - che, a seguito della delibera dell’Ufficio di Presidenza del 17 gennaio

Il taglio, secondo quanto deciso, verrà calcolato sull’indennità: per i deputati, l’indennità ammonta a 5486,58 euro nette mese per 12 mesi


24

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

POLITICA ED ECONOMIA INTERNAZIONALE Un notevole successo personale per il Presidente che rilancia la sua immagine

Obama firma la legge che dovrà proteggere la gente non le banche di Roberto Carli NEW YORK - Il presidente Barack Obama ha promulgato ieri la legge per la riforma finanziaria affermando che le nuove misure si tradurranno nelle «maggiori protezioni finanziarie dei consumatori nella storia» con un nuovo organo di vigilanza che avrà un unico compito: «Pensare alla gente, non alle grandi banche». «L’obiettivo del Consumer Protection Bureau sarà di proteggere la gente, non la grandi banche, non le società di prestiti, non le case di investimenti. Questo - ha aggiunto il presidente - non è solo buono solo per i consumatori, è buono per l’economia». Obama ha riconosciuto che l’industria fianziaria è "centrale" per la crescita e la prosperità del paese, e ha aggiunto che «la riforma aiuterà a alimentare innovazione, non a frenarla. È pensata a dare a tutti le stesse regole, per incoraggiare la concorrenza in prezzi e qualità, non trucchi e trappole. Chiede senso di responsabilità da tutti e dà a tutti certezze , dai banchieri agli agricoltori ai proprietari di imprese». Ma il presidente ha messo in guardia che ’il lavoro non è finito". Perché la riforma sia efficace «i regolatori dovranno esser vigilanti. Bisognerà anche fare aggiustamenti lungo la strada mentre il sistema finanziario si adegua ai cambiamenti», ha detto Obama: «E infine, nessuna legge può costringere la gen-

te a esser respoinsabile: sta a Wall Street accogliere le lezioni di questa crisi su come condurre gli affari». Obama ha ribadito che «ogni americano, da Main Street a Wall Street, ha una posta in gioco nell’industria finanziaria». La Casa Bianca non aveva però invitato alla cerimonia della firma i Ceo delle grandi banche: assenti dai 400 invitati alla cerimonia nel Ronald Reagan Building, James Gorman di Morgan Stanley, Lloyd Blankfein di Goldman, John G. Stumpf di Wells Fargo e Jamie Dimon di JP Morgan Chase, quest’ultimo un confidente di Obama nel primo anno alla

2

Casa Bianca. Presente invece Vikram Pandit di Citicorp che aveva aiutato la Casa Bianca nel passaggio della legge a Capitol Hill. Il presidente era affiancato anche da due ’americani della strada’: un reduce del Vietnam, Andrew Giordano, e una insegnante di scuola media della Georgia, Robin Fox, due simboli della necessità urgente della riforma. Giordano era finito sul lastrico dopo che una banca aveva applicato al suo conto di risparmio multe per un servizio di protezione dagli ’scoperti’ che lui non aveva richiesto; la Fox si era vista raddoppiare retroattivamente gli interessi sulla carta di credito di oltre sette punti percentuali pur avendo fino ad allora pagato regolarmente.

Cittadini qualunque hanno partecipato alla cerimonia: due casi di "persecuzione" da parte delle banche

Ma il presidente ha messo in guardia che «il lavoro non è finito». Perché la riforma sia efficace i regolatori dovranno essere sempre vigilanti

Borsa: Milano chiude in rialzo sotto i massimi, brilla Fiat

MILANO - Piazza Affari chiude in rialzo ma sotto i massimi, dopo aver rallentato la corsa dopo l’avvio non brillante di Wall Street. Il mercato azionario americano, dopo l’apertura positiva, ha infatti annullato presto i guadagni, trascinando al ribasso anche le borse europee. Svetta nel paniere principale Fiat, spinta dai risultati sopra le attese, mentre i bancari sono deboli, in attesa dei risultati degli stress test di venerdì. Un trader sottolinea però come l’attesa per i dati degli stress test sia esagerata e come sul mercato la volatilità resti molto alta. «La volatilità è altissima e il mercato è fatto soprattutto da derivati e trading online». L’indice Ftse Mib .Ftmib termina la seduta in rialzo dello 0,76%, l’AllShare .Ftitlms dello 0,75%, mentre il Mid Cap avanza dello 0,58%. Volumi per cir-

ca 2,2 miliardi di euro. Brilla Fiat sulla scia dei risultati del trimestre decisamente migliori del consensus, soprattutto a livello di trading profit, e delle conferme sullo spinoff. A favorire le intense ricoperture sul titolo, che ha chiuso in rialzo del 6,74% a 9,66 euro con volumi pari al 4,5% del capitale, sono in particolare le dichiarazioni del gruppo che vede come "molto probabile" una revisione al rialzo degli obiettivi 2010 in occasione dei dati del terzo trimestre. Sulla scia forte anche Exor in progresso del 2,35%. Peggiora nel pomeriggio il comparto bancario, sottoperformando lo stoxx europeo (+0,97%), con gran parte dei titoli che si assesta intorno alla parità. Intesa evidenzia un calo più marcato, dell’1,38%. Gli operatori non citano particolari motivi.

Unesco: la stazione di Bologna patrimonio mondiale di Carlin BOLOGNA - Il memoriale della strage del 2 agosto 1980, nella sala d’aspetto della stazione di Bologna, diventerà patrimonio dell’Unesco per la cultura della pace. L’ufficializzazione della nomina, anticipata dal presidente dell’associazione Paolo Bolognesi, arriverà il 29 luglio in occasione della presentazione delle cerimonie per il trentennale della strage. Bisognerà invece aspettare settembre per assistere allo scoprimento della nuova targa che sarà posizionata sul primo binario accanto allo squarcio che ricorda lo scoppio della bomba: lo slittamento è dovuto a «impegni improrogabili» dei rappresentanti delle istituzioni. La data a cui si lavora, a questo punto, è quella del 21 settembre, giornata mondiale della pace dell’Onu. «Siamo contentissimi, il riconoscimento sarà una ricchezza per tutta la città», ha commentato Bolognesi, ancora in attesa di sapere da Roma quale sarà il rappresentante del governo presente a Bologna per la cerimonia del 2 agosto, quest’anno al suo trentennale. Ma è un’occasione che meriterebbe la partecipazione delle più alte cariche dello Stato.

Chiusura positiva invece per Unicredit (+0,66%). Fuori dall’indice Ftse Mib, Biesse balza di oltre l’8% dopo aver annunciato di vedere per il primo semestre un ritorno alla redditività operativa. D.T


il Domani Giovedì 22 Luglio 2010 25

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

CAMBI

CHIUSURA

VAR. %

20.629,58 20.137,92 22.705,70 21.356,97 21.600,30 10.566,73

0,75 0,76 0,59 0,01 1,03 0,82

Euro

METALLI

US $

UK £

1 Euro

1.0

1.2753

1 US $

0.78370

1.0

1 UK £

1.1877

1.5149

1 ¥en

¥en

USD/on

EURO/gr

1193,60

29,92

17,93

0,452

PLATINO

1535,00

38,82

PALLADIO

462,43

11,87

0.84160 111.08

ORO

0.65980

ARGENTO

87.100

1.0 131.96

0.0089947 0.011477 0.0075736

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

A.S. Roma 0,95 -0,52 17.30.06 0,947 0,9695 A2A 1,152 +0,52 17.30.53 1,149 1,163 Acea 8,365 -1,65 17.30.52 8,345 8,595 4,3225 -0,17 17.30.51 4,2175 4,3225 Acegas-Aps Acotel Group 50,58 +1,55 17.30.57 49,63 51,00 Acque Potabili 1,602 +0,13 17.30.35 1,575 1,614 Acsm-Agam 0,9125 -1,88 13.40.09 0,907 0,941 Actelios 2,83 +1,34 17.30.22 2,785 2,85 Aedes 0,202 -0,49 17.30.16 0,201 0,207 Aeffe 0,334 +3,09 17.30.46 0,33 0,334 Aegon 4,355 +1,75 16.44.26 4,355 4,405 Aeroporto Firenze 12,54 +0,00 14.15.41 12,54 12,54 Ageas 1,89 +3,51 17.30.49 1,852 1,89 Ahold Kon Aicon 0,272 +2,06 16.34.51 0,261 0,277 Alcatel-Lucent 2,03 +0,12 17.10.41 2,03 2,0775 Alerion 0,568 -0,26 17.30.12 0,56 0,5715 Allianz 84,06 -0,07 17.11.20 84,06 86,19 Amplifon 3,85 -2,72 17.30.36 3,8275 4,01 11,64 +1,04 17.30.52 11,48 11,70 Ansaldo Sts Antichi Pellettieri 0,569 +3,46 16.32.49 0,551 0,569 Apulia Prontop 0,404 +1,51 17.30.52 0,395 0,405 Arena 0,0286 +1,78 17.30.44 0,0281 0,0289 Arkimedica 0,486 +0,10 17.04.04 0,481 0,494 Arkimedica 2012 Cv5% 98,55 -0,08 15.07.26 98,55 98,65 Ascopiave 1,557 +0,84 17.30.30 1,529 1,559 4,4225 +2,55 17.30.36 4,3575 4,4375 Astaldi Atlantia 14,70 -0,34 17.30.30 14,57 14,92 Autogrill Spa 9,985 +2,46 17.30.13 9,815 10,09 10,12 +0,50 17.30.41 9,86 10,20 Autostrada To-Mi 22,50 +0,76 17.30.04 22,30 22,67 Autostrade Merid 12,74 +1,51 17.18.14 12,74 12,97 Axa 6,70 +2,45 17.30.42 6,59 6,835 Azimut 90,45 +0,26 15.34.02 90,21 90,45 B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers 2,93 +0,00 17.30.59 2,93 2,93 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 105,60 -0,24 16.53.10 105,60 105,94 Banca Generali 8,08 +1,13 17.30.10 7,99 8,15 Banca Ifis 4,9975 +0,96 17.30.13 4,87 5,01 Banca Intermobiliare 4,1575 +0,00 17.03.17 4,1575 4,1625 Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 106,29 +0,12 16.17.32 105,70 106,16 Banco Popolare 4,495 +0,06 17.30.23 4,4775 4,6075 Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 105,01 +0,17 16.47.56 104,84 105,34 Banco Santander 9,59 +0,47 17.30.00 9,59 9,89 44,50 +1,71 16.45.44 44,50 44,97 Basf Basicnet 2,85 -1,55 17.30.41 2,8325 2,8925 1,72 1,72 -0,86 10.33.56 1,712 Bastogi Spa Bayer 45,96 +1,68 14.20.25 45,80 45,96 40,20 -0,25 17.30.46 39,70 40,20 Bb Biotech Bca Carige 1,627 +0,12 17.30.33 1,618 1,65 2,6025 -2,89 12.09.09 2,6025 2,635 Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% 0,519 -1,14 17.30.36 0,5105 0,525 Bca Finnat Bca Mps 0,937 -0,32 17.30.12 0,9345 0,958 4,0975 -0,06 13.53.27 4,0975 4,20 Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna 8,855 +0,11 17.30.03 8,80 8,96 3,245 +0,00 17.30.21 3,18 3,2675 Bca Pop Etrur-Lazio 3,73 +0,20 17.30.19 3,72 3,81 Bca Pop Milano 6,77 +0,22 17.30.58 6,74 6,915 Bca Pop Sondrio 0,493 -0,50 17.30.57 0,49 0,508 Bca Profilo 3,77 3,73 -3,05 15.33.03 3,73 Bco Desio Bria Rnc 3,98 3,97 +0,51 17.30.44 3,88 Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp 9,715 +0,05 17.30.34 9,715 9,715 Bee Team 0,3695 +1,23 15.42.10 0,362 0,372 Beghelli 0,6525 +0,85 17.30.33 0,64 0,6525 Benetton Group 5,50 +0,73 17.30.25 5,455 5,54 Beni Sta 2011 Cv2,5% 99,71 -0,08 17.30.58 99,64 99,80 Beni Stabili 0,615 +2,24 17.30.42 0,5985 0,625 1,21 -1,14 16.28.10 1,20 1,248 Best Union Company Bialetti Industrie 0,4105 +0,98 15.25.48 0,4075 0,4235 1,40 +2,72 17.30.02 1,375 1,408 Biancamano Biesse 5,32 +8,13 17.30.08 5,025 5,44 Bioera Sosp. Bmw 41,15 +0,83 15.27.05 41,15 41,42 47,74 +1,70 17.23.59 47,52 48,83 Bnp Paribas Boero Bartolomeo 1,95 1,95 +0,00 17.30.44 1,92 Bolzoni Bonifiche Ferraresi 28,60 -1,38 17.30.45 27,55 28,87 Borgosesia Borgosesia R Bper 12 Cv Sub 3,7% 102,02 -0,17 16.21.44 102,01 102,20 5,16 +2,08 17.30.23 5,06 5,175 Brembo 0,1724 +0,53 17.30.27 0,172 0,174 Brioschi 6,245 +3,22 17.30.03 6,105 6,245 Bulgari 0,894 +3,06 17.30.47 0,87 0,91 Buongiorno Buzzi Unicem 7,725 +0,72 17.30.35 7,61 7,815 Buzzi Unicem Rnc 4,62 +0,76 17.30.22 4,5075 4,665 4,125 +0,12 15.17.42 4,10 4,195 Cad It Cairo Communication 2,385 +0,74 17.30.45 2,34 2,39 Caleffi 1,057 -0,28 10.15.34 1,057 1,057 Caltagirone 2,07 +0,73 17.22.47 2,05 2,07 1,80 +0,00 17.30.03 1,761 1,809 Caltagirone Edit Camfin 0,2735 +0,18 17.30.08 0,269 0,275 Campari 4,25 +0,53 17.30.24 4,24 4,3275 Cape Live 0,317 -2,61 17.23.34 0,317 0,3255 88,90 -0,11 16.34.28 87,44 88,90 Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro 2,32 -0,85 17.30.30 2,285 2,34 Carrefour

Apertura

AZIONI

0,955 1,151 8,51

Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Sosp. Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Ceramiche Ricchetti Axa Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore

49,63 1,614 2,85 0,201 0,3305

3,9925 11,65 0,0285 1,559 4,3575 14,81 9,87 10,15 6,615

8,01 5,01 106,29 4,5525

1,643

0,9495 8,95 3,2625 3,7475 6,80 3,77 3,98 0,6475 5,47 0,6095

47,52

102,01 5,17 6,105 0,87 7,77

1,765 0,273 4,25

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

AZIONI

20,44 1,918 0,325

Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iren Isagro It Holding Sosp. It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Azxaz Kme Group Rsp Kme Group Rsp Axa L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Sosp. Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridiana Fly Axa Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp

20,39 1,92 0,324 4,7775 2,175 2,40 0,319 0,125 0,294 0,735 1,382 0,48 1,311 0,6435 0,561 100,50 0,805 22,84 4,785 9,12 1,401 3,695 0,165 102,12 0,946 1,113 4,57 40,90 0,8985 14,75 7,845

-0,29 +0,00 -0,31 -0,05 +0,69 +1,05 -5,62 -0,56 -4,85 +1,94 +0,07 -2,04 -1,06 +1,50 +0,36 -0,07 -1,47 -0,26 +0,42 +3,75 +0,79 -0,47 -2,94 -0,04 -1,76 +1,18 +1,56 -1,35 +0,96 +3,73 +3,63

17.30.19 17.30.22 17.30.48 17.30.34 17.30.27 13.12.40 17.30.22 17.30.07 17.30.59 17.30.18 17.30.54 17.30.29 17.12.08 17.30.53 15.24.28 17.04.40 17.30.43 14.22.03 17.30.50 14.38.00 17.30.11 17.30.53 17.12.58 17.18.08 17.24.33 17.30.33 17.30.50 15.58.33 16.44.46 17.30.57 17.30.22

20,10 1,827 0,318 4,7025 2,14 2,40 0,3175 0,1243 0,294 0,733 1,376 0,48 1,311 0,626 0,56 100,50 0,78 22,50 4,745 9,07 1,376 3,68 0,16 102,12 0,946 1,099 4,46 40,79 0,867 14,27 7,65

20,62 1,92 0,342 4,83 2,1975 2,40 0,3405 0,1278 0,309 0,7425 1,402 0,4895 1,341 0,6435 0,5705 101,00 0,8185 22,90 4,8525 9,12 1,418 3,76 0,169 102,37 0,9475 1,113 4,65 42,06 0,899 14,89 7,93

3,9175 3,62 1,209 47,82 10,00 29,59 1,329 4,055 13,66 21,96 0,915 1,275 1,401 11,51 1,705 4,00 3,6175 1,364 19,93 15,27 10,19 0,829 0,609 7,095 2,09

+0,19 +3,50 +0,75 +1,10 +0,00 +0,34 +0,68 +0,12 +1,11 +0,37 +0,33 +0,24 +0,36 +2,49 +4,92 +0,00 +0,56 +2,56 -0,35 +0,20 +0,59 +1,72 +2,18 +1,65 +1,58

17.30.19 17.30.55 17.30.49 17.30.03 16.00.04 17.30.51 17.08.14 17.30.46 17.30.55 15.45.38 17.30.22 9.57.44 17.30.39 16.55.04 17.30.16 16.44.40 17.30.52 11.13.35 17.30.01 17.30.50 17.30.21 17.30.20 17.08.15 17.30.52 17.30.20

3,85 3,44 1,183 47,54 10,00 29,45 1,28 3,9775 13,64 21,96 0,915 1,272 1,401 11,20 1,684 4,00 3,6075 1,33 19,90 15,23 10,08 0,8155 0,593 7,02 2,07

3,965 3,62 1,209 48,37 10,10 29,92 1,336 4,055 14,06 22,28 0,93 1,275 1,434 11,51 1,719 4,07 3,655 1,364 20,11 15,57 10,28 0,84 0,615 7,20 2,12

14,82 10,92 11,92 0,88 11,64 9,665 5,575 6,02 3,695 4,215 0,1199 8,455

+2,35 +5,00 +3,92 +0,57 +0,00 +6,74 +4,70 +6,64 +0,41 +1,08 -0,08 -0,06

17.30.50 17.30.50 17.30.14 17.30.29 17.30.31 17.30.59 17.30.08 17.30.07 15.58.28 17.30.45 17.30.46 17.30.56

14,65 15,07 14,85 10,57 11,04 10,57 11,68 11,95 11,69 0,878 0,902 11,56 11,95 11,67 9,45 9,70 9,50 5,46 5,645 5,48 5,86 6,035 5,86 3,5925 3,73 4,15 4,2325 0,1168 0,1224 0,1224 8,42 8,59 8,505

0,515 7,715 4,7275 14,73 1,129 0,353 5,15

+0,49 -0,90 +1,50 +1,17 +2,64 +0,86 +0,00

17.15.12 17.30.59 17.30.16 15.34.00 16.12.02 17.30.13 12.07.09

0,50 0,5195 7,69 7,89 4,6775 4,76 14,72 14,80 1,089 1,129 0,345 0,3575 5,15 5,15

2,4325 0,5175

+0,93 16.46.36 2,385 +2,88 17.30.04 0,504

15,06 +1,14 17.30.53 3,8525 +1,12 17.30.01 4,1725 -0,65 16.53.00 1,513 +4,42 17.30.25 2,94 +0,94 17.30.09 5,69 -4,05 17.30.23 4,9725 +0,66 17.21.43 0,0169 +11,92 17.30.02 5,92 +0,34 17.30.07 1,389 +0,00 17.30.08 0,866 13,99 1,11 1,36

14,96 3,8075 4,1725 1,462 2,92 5,69 4,7125 0,012 5,80 1,38

1,33

0,3405 0,1245 0,2945 1,391

4,8025 1,39 3,7575

4,5575 14,28 7,77 3,965 3,45 1,192 29,92 13,64 0,923

1,697 3,615 15,39 10,19 0,84 7,05 2,08

7,79

2,445 2,41 0,525 0,5105 15,22 15,01 3,8875 3,8425 4,1925 4,1725 1,52 1,483 2,995 2,92 6,02 4,9725 0,0235 0,012 5,95 5,90 1,41 1,395

-0,34 17.30.01 0,843 0,8675 +1,60 17.30.14 13,86 14,02 1,12 +0,27 17.30.25 1,106 +2,26 17.30.49

2,18

1,36

13,86 1,11

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

0,775 1,941

0,785 1,94 8,24 8,885

+0,77 17.30.25 0,767 +0,99 17.30.38 1,927 +0,49 9.57.48 8,235 -0,28 17.30.46 8,75

0,786 1,961 8,24 9,015

1,87 6,655 0,43

+0,00 17.05.59 1,783 +3,34 17.18.26 6,55 -2,82 17.30.32 0,43

1,928 6,76 0,432

+1,51 -1,38 -1,58 -3,09

4,225 4,1675 2,39 2,3725 1,80 1,795 0,064 0,06

4,2025 2,3175 1,744 0,0596 1,244 2,85

17.30.32 4,125 17.30.09 2,3025 17.30.49 1,73 17.30.36 0,0596

-0,08 17.30.38 1,232 +1,79 15.09.57 2,77

1,263 2,85

8,985

1,241

3,30 6,095 3,39 22,90 15,80 1,546 0,8115 0,0746 4,2875 2,3325 0,29

+0,00 +2,70 +0,89 +2,19 +1,28 +2,38 -1,40 -3,74 +0,41 -2,20 +3,57

13.44.07 17.30.55 17.30.23 17.30.41 17.30.40 16.49.52 17.30.54 17.30.32 17.30.11 15.28.44 17.30.41

3,2325 3,30 3,30 6,02 6,16 6,04 3,38 3,50 3,38 22,20 23,25 15,35 15,88 1,522 1,546 0,8105 0,818 0,818 0,0733 0,0795 4,2875 4,425 4,30 2,32 2,37 0,2705 0,29 0,2845

0,52 0,0001 82,25 1,93 3,34 0,49 10,90 19,31 89,74 2,62 0,1603 2,85

+3,18 +0,00 -0,24 -0,05 +1,52 +1,98 +0,65 +1,90 +1,22 +2,44 +0,82 +0,89

14.50.53 9.00.31 9.56.36 16.56.59 17.30.25 11.07.43 17.30.37 17.30.02 16.04.31 17.30.49 15.59.59 17.30.29

0,504 0,52 0,0001 0,0001 82,25 82,25 1,92 1,93 3,30 3,345 3,30 0,46 0,50 0,50 10,83 11,04 10,90 19,08 19,41 19,08 89,74 92,00 2,585 2,66 2,5875 0,1586 0,165 2,7825 2,90 2,7825

6,70 2,8825 4,6425 6,395 3,245 2,995 0,0851 0,0076 0,327 1,055

+0,45 -0,26 +0,71 +0,24 +1,57 +0,00 -13,07 -24,00 -2,39 -6,47

17.30.28 17.30.49 17.30.37 17.30.05 17.30.17 15.07.57 17.30.05 17.30.22 17.19.03 17.30.42

6,61 2,75 4,605 6,38 3,2175 2,995 0,084 0,0071 0,317 1,001

1,402 1,678 3,25 0,596 2,415 0,1346 6,70 0,4155 0,1665 0,336 1,12 105,54 5,27

+0,29 +4,81 +1,80 -6,87 +1,79 -7,24 -2,19 -3,60 +3,55 +0,00 -3,03 +0,00 +4,98

17.30.22 17.30.21 16.52.16 17.30.44 17.30.09 17.30.26 17.23.38 16.10.06 17.24.59 17.04.18 15.11.09 13.33.00 16.50.21

1,394 1,43 1,399 1,562 1,678 3,22 3,25 0,59 0,6365 0,636 2,3775 2,4325 2,3825 0,1346 0,15 0,15 6,70 6,965 0,4155 0,423 0,16 0,169 0,32 0,336 1,052 1,155 1,128 105,54 105,54 5,095 5,27

3,04

+1,50 11.49.29 3,025

6,98

+0,65 17.22.44

6,98

6,80 6,80 2,75 2,8925 4,68 4,625 6,51 6,445 3,28 3,2325 2,995 2,995 0,1012 0,084 0,0103 0,0078 0,3555 0,346 1,14 1,05

3,04 7,085

7,005

0,3415

+0,15 15.59.38 0,3415 0,3465

1,719 1,954 24,49 1,868 3,695 1,726 1,37 0,481 0,469 0,345 2,90 10,22 0,47 0,677 0,7635

-1,71 +1,35 +0,66 +0,59 +1,79 -1,37 -1,30 +1,80 +0,86 +0,00 -1,69 -2,48 -1,26 -1,88 +0,73

17.30.47 17.30.42 15.28.08 17.30.15 17.30.28 17.30.16 17.30.25 17.30.17 17.30.07 17.30.04 14.40.30 13.40.45 16.10.38 9.44.26 17.30.42

1,676 1,76 1,939 1,964 1,939 24,19 24,49 1,807 1,90 1,886 3,65 3,80 1,726 1,80 1,786 1,361 1,40 1,40 0,477 0,485 0,478 0,4625 0,469 0,343 0,352 0,3465 2,90 2,90 10,22 10,23 0,4615 0,478 0,66 0,677 0,7565 0,7655

1,265 0,888 0,724 7,17 12,55 0,174 0,7725 0,95 0,62

-1,17 +1,02 -0,82 +2,43 +2,53 -1,64 -0,90 +1,23 +0,81

17.30.53 17.30.13 17.30.02 15.43.24 17.30.52 16.05.46 17.16.57 17.30.18 14.55.22

1,257 1,299 0,8665 0,888 0,724 0,756 7,00 7,19 12,33 12,70 0,17 0,1787 0,756 0,788 0,9235 0,9625 0,61 0,62

7,18 12,33 0,955


26 Giovedì 22 Luglio 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Rdb Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Sosp. Snia 3% Cv 2010 Sosp. So Pa F Societe Generale Socotherm Sosp.

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

1,878 5,79 32,80 0,1939 16,13 0,358 0,0496 0,323 1,65 53,25 0,3105 16,82 0,4275 5,64 4,15 8,065 26,61 26,20 47,07 37,27 1,58 9,50 6,89 0,595 0,1291

+0,00 +0,35 +0,92 -0,26 +0,81 -0,83 -1,00 -5,00 -1,49 +1,20 +2,14 +0,42 +0,47 -1,23 +0,00 +0,69 +1,99 -1,76 +0,04 +1,55 -0,13 +1,39 +1,62 +1,11 -0,39

17.30.37 17.30.41 15.56.18 17.30.06 17.30.29 17.30.30 17.30.45 17.30.47 17.30.12 15.39.42 16.51.56 17.30.17 17.30.04 17.30.07 17.30.52 17.30.52 17.30.12 17.30.06 16.42.24 12.11.36 17.30.20 11.02.44 17.30.10 17.30.38 17.30.17

1,878 5,735 32,80 0,191 16,00 0,357 0,0495 0,3205 1,628 53,10 0,304 16,76 0,414 5,63 4,05 8,005 26,33 26,20 47,07 37,27 1,575 9,50 6,795 0,59 0,1284

5,19 7,16 94,00 73,51 2,73 3,49

+0,00 +0,99 +0,32 +1,28 -1,71 -0,07

17.30.35 17.30.23 17.24.45 17.23.25 17.30.36 17.30.05

5,18 5,19 7,095 7,275 7,115 93,80 94,00 73,33 74,00 2,7225 2,80 2,7975 3,475 3,5225 3,495

0,0636 36,18

1,88 5,845 32,85 0,195 16,19 0,367 0,0509 0,0506 0,34 0,33 1,714 1,628 53,25 0,3135 17,29 16,76 0,4275 5,76 4,2575 4,08 8,21 8,005 26,90 26,38 26,20 47,43 37,27 1,609 1,584 9,65 6,89 0,595 0,59 0,1317 0,13

+2,09 17.30.39 0,0621 0,0652 +1,92 16.11.16 36,10 36,84

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Sosp. Vianini Industria Vianini Lavori

Ora

Min

Max

Apertura

2,00 4,55 50,50 1,462 1,071

+2,04 +2,02 +3,06 +2,67 -35,94

17.30.04 1,96 2,0075 17.30.12 4,53 4,55 16.11.57 49,94 50,50 17.30.03 1,413 1,487 17.30.18 1,071 1,338

6,60 1,343

+2,17 17.30.02 6,50 +1,74 12.01.33 1,343

6,635 1,343

1,895

-1,97 15.30.27

1,941

1,89

1,97 1,413 1,338 6,50

0,94 0,183 0,7275 16,48 15,08 3,105 3,39 0,607 0,1116 55,60

+2,62 -0,27 +1,04 +3,58 +1,07 +0,65 +0,37 +1,51 +1,27 +3,23

17.30.31 17.30.10 17.30.41 17.23.46 17.30.09 17.30.14 17.30.16 17.30.20 17.30.33 17.30.14

0,918 0,1829 0,718 16,08 14,96 3,09 3,35 0,599 0,1109 53,90

0,946 0,918 0,1875 0,1844 0,7305 0,7235 16,52 15,30 15,02 3,1125 3,09 3,4075 0,6085 0,60 0,1134 0,1122 55,79

37,41 11,82 5,55 7,885 107,60 0,6455 1,988 2,3325 23,10 0,54 0,351 3,99

-0,27 +1,11 +0,91 +0,25 +0,19 +1,65 +0,66 +0,11 +1,76 -0,18 -0,71 +2,31

17.30.17 17.30.39 17.19.06 17.30.09 16.20.04 17.30.25 17.30.12 17.30.26 9.15.00 17.30.50 17.30.09 12.55.01

37,41 11,69 5,405 7,85 107,30 0,625 1,975 2,29 23,10 0,5385 0,35 3,925

38,37 12,03 11,80 5,685 8,025 7,945 107,75 107,30 0,6455 0,6455 2,01 2,00 2,3375 2,29 23,10 0,549 0,545 0,3595 0,357 3,9925

1,335 4,06

+0,00 17.30.29 1,31 1,335 +0,81 17.30.54 3,9825 4,0625 3,9825

Prezzo ultimo contr. Var %

AZIONI

Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Sosp. Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Warr Unipol 2013 Warr Unipol Prv 2013 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

3,64

Ora

-0,27 17.30.49

Min

Max

Apertura

3,60

3,64

3,60

0,0592 0,012 2,69 0,0355 0,315 0,0836

+1,20 +3,45 +7,17 -4,05 +0,00 +0,72

17.30.35 17.24.26 17.15.39 16.58.24 14.57.40 17.30.02

0,0568 0,0599 0,0116 0,0126 0,0121 2,56 2,7475 2,7475 0,0355 0,04 0,0355 0,314 0,315 0,081 0,091 0,0874

0,0358 0,509 0,0085 0,027 0,0103 0,0103 0,0295

+2,29 +0,00 -1,16 +3,05 -0,96 -2,83 +1,72

17.30.27 15.12.22 17.30.44 17.22.55 14.11.40 16.16.34 17.24.46

0,0325 0,4955 0,008 0,027 0,0103 0,0102 0,0295

0,953 0,2099 1,88 0,088

+3,47 -12,54 +0,00 -2,11

16.39.07 0,938 0,959 16.50.59 0,195 0,23 15.51.13 1,88 1,88 10.05.07 0,088 0,0898

0,0358 0,0325 0,511 0,0085 0,008 0,0295 0,027 0,0106 0,0112 0,0103 0,031 0,20

0,0026 +0,00 17.23.01 0,0026 0,0027 0,0137 -2,14 17.15.41 0,0136 0,0141 0,0141 +21,55 17.30.22 0,0117 0,0159 0,0135 0,0126 +46,51 17.30.28 0,0087 0,0135 0,0134 6,33 +1,77 17.30.16 6,27 6,445 6,27 0,0859 +1,66 17.30.35 0,0858 0,088 4,15 +0,30 17.30.10 4,135 4,1575 4,1375 0,5075 +1,20 17.30.06 0,495 0,5155 0,525 +1,65 15.55.56 0,525 0,5325

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Azioni Italia All Stars Allianz Azioni Italia L Allianz Azioni Italia T Arca Azioni Italia Bim Azionario Italia Bim Azionario Small Cap Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Azionario Italia A Bpvi Azionario Italia B Carige Azionario Italia A Carige Azionario Italia B Carismi Dynamic Italia A Carismi Dynamic Italia B Eurizon Az. Italia 130/30 Eurizon Az. Pmi Italia Eurizon Focus Az. Italia Euromobiliare Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel P.M.I. Fonditalia Eq. Italy R Fonditalia Eq. Italy T Gestielle Italia A Gestielle Italia B Gestnord Azioni Italia Imi-Italy Interfund Eq. Italy Italia Leonardo Italian Opportunity Nextam P. Az. Italia Norvega Az. Italia A Norvega Az. Italia B Optima Azionario Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Azionario Crescita A Prima Geo Italia A Prima Geo Italia Y Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia Azion. Italia Small Cap Symphonia Comp.Az.Italia Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pra. Azioni Italia Zenit Azionario I Zenit Azionario R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Alto Azionario Amundi Azioni Qeuro Bancoposta Azionario Euro Epsilon Qequity Eurizon Az. Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Az. Euro Euroland Intra Azionario Area Euro Leonardo Euro Prima Geo Euro A Prima Geo Euro Y Symphonia Comp. Azionario Euro Ubi Pra. Azionario Etico Ubi Pra. Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro A Vegagest Az. Area Euro B Zenit Eurostoxx 50 Plus I Zenit Eurostoxx 50 Plus R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Azioni Europa L Allianz Azioni Europa T Allianz Multipartner Multieuropa Amundi Europe Equity

-0,30 -0,26 -0,35 -0,20 -0,20 -0,24 -0,20 -0,43 -0,31 -0,58 -0,22 -0,22 -0,06 -0,06 +0,44 +0,51 -0,22 -0,61 -0,22 -0,28 -0,40 -0,65 -0,27 -0,26 -0,28 -0,27 -0,24 -0,27 -0,27 -0,21 -0,34 +0,47 -0,19 -0,20 -0,30 -0,47 -0,24 -0,30 -0,30 +1,45 +0,00 -0,46 -0,19 -0,18 -0,46 -0,45 -0,25 -0,26 -0,78 -0,54 -0,49 -0,43 -0,47 -0,42 -0,32 -0,43 -0,42 -0,26 -0,02 -0,42 -0,41 -0,40 -0,29 -0,45 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06

14,843 5,364 4,009 19,317 18,992 18,595 6,489 6,683 16,327 4,947 4,497 4,504 4,972 5,057 3,621 3,324 15,715 4,405 11,212 18,615 17,524 14,733 10,452 10,559 11,837 12,172 9,682 20,796 8,147 14,576 8,28 4,506 5,911 5,948 5,238 5,326 12,291 12,781 13,167 16,326 5,00 3,477 10,079 5,519 5,414 4,665 8,716 8,589 4,347 3,878 13,547 11,89 4,206 4,27 24,041 12,658 4,224 5,364 5,191 5,922 6,119 5,235 4,756 5,323 7,055 7,055 4,672 4,648

-0,36 5,329 -0,76 15,699 -0,77 15,50 -1,07 6,824 -0,76 4,071

VARIAZ. QUOT.

-0,03 Anima Europa -0,67 Arca Azioni Europa Bim Azionario Europa -0,71 Bnl Azioni Europa Crescita -0,47 Bnl Azioni Europa Dividendo -0,82 Bpvi Azionario Europa A -0,49 Bpvi Azionario Europa B -0,49 Carige Azionario Europa A -0,54 Carige Azionario Europa B -0,53 +0,19 Carismi Dynamic Europe A +0,43 Carismi Dynamic Europe B -0,70 Consultinvest Azione Epsilon Qvalue -0,49 Eurizon Az. Europa Multimanager -0,68 Eurizon Az. Pmi Europa -0,84 Eurizon Focus Az. Europa -0,65 -0,62 Euromobiliare Europe Eq. Europa -0,61 Fideuram Master Sel.Equity Europe -0,85 -0,67 Fondaco Eu Sri Equity Beta -0,64 Fondersel Europa Fonditalia Eq. Europe R -0,68 -0,67 Fonditalia Eq. Europe T Gestielle Europa A -0,56 Gestielle Europa B -0,54 -0,64 Gestnord Azioni Europa Imieurope -0,64 Iniziativa Europa -0,65 Interfund Eq. Europe -1,00 -0,52 Investitori Europa +0,00 Laurin Eurostock Mc G.Fdf Europa A -0,31 -0,32 Mc G.Fdf Europa B Mediolanum Amerigo Vespucci +0,98 Mediolanum Europa 2000 +0,99 -0,50 Nextam P. Az. Europa Norvega Az. Europa A -0,27 Norvega Az. Europa B -0,27 -0,61 Optima Azionario Europa -0,41 Pioneer Azionario Europa A Pioneer Azionario Valore Europa Dis. A -0,60 Prima Geo Europa A -0,64 -0,65 Prima Geo Europa Pmi A Prima Geo Europa Pmi Y -0,64 Prima Geo Europa Y -0,63 Ras Lux Equity Europe -2,13 Sai Europa +0,77 Sofid Sim Blue Chips +1,56 -0,41 Soprarno Azioni Euro 50 -0,83 Symphonia Europa Synergia Az. Europa -0,63 Talento Comp. Europa -1,39 -0,71 Ubi Pramerica Azioni Europa -0,66 Unibanca Azionario Europa AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Az. Energia E Materie Prime -0,21 AZ. SALUTE +0,17 Eurizon Az. Salute E Ambiente AZ. FINANZA Eurizon Az. Finanza -0,59 Fonditalia Euro Financials R -0,48 -0,48 Fonditalia Euro Financials T AZ. INFORMATICA Eurizon Az. Tecnologie Avanzate +0,57 AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali -0,77 +0,21 Ducato Immobiliare A Ducato Immobiliare Y +0,22 Fideuram Master Sel. Eq. Gl. Resources -1,14 Fonditalia Euro Cyclicals R -0,92 Fonditalia Euro Cyclicals T -0,91 Fonditalia Euro Defensive R -0,17 Fonditalia Euro Defensive T -0,16 -0,06 Fonditalia Euro T.M.T. R Fonditalia Euro Tmt T -0,04 -0,08 Fonditalia Flex. Emerging Mkts R

3,819 8,892 9,04 11,485 2,666 3,677 3,682 5,179 5,424 4,189 3,96 8,232 5,073 5,421 7,819 7,791 13,031 12,275 8,529 83,157 12,486 8,612 8,70 6,604 6,779 7,977 17,542 6,462 5,628 4,766 3,626 6,135 3,472 5,854 15,001 4,746 4,403 4,469 2,771 13,843 6,417 10,335 19,108 19,736 10,686 38,009 9,826 6,427 3,669 5,265 5,696 116,287 5,455 5,744 8,53

14,332

16,876 5,346 5,39 3,855

5,573 8,432 8,662 10,178 10,597 10,721 10,772 10,898 5,318 5,365 2,461

VARIAZ. QUOT.

Interfund Int.Sec.New Economy Norvega Mobiliare Re A Norvega Mobiliare Re B Optima Tecnologia AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo A Ducato Etico Geo Y Eurizon Azionario Intern. Etico Ml Master Series Spec. Eq. Pioneer Cim Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Primaclasse Crescita Ducato Multimanager Equity 50-100 A Ducato Multimanager Equity 50-100 Y Euromobiliare Dinamico Fonditalia Core 3 R Fonditalia Core 3 T Igm Bilanciato Azion. A Igm Bilanciato Azion. B Imindustria Managers & Co. Comparto 70 Prima Forza 5 A Prima Forza 5 B Prima Forza 5 Y Ubi Pra. Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multipartner Multi50 Alto Bilanciato Arca Bb Arcacinquestelle Comp.C 50 Aureo Primaclasse Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Carige Bilanciato 50 A Carige Bilanciato 50 B Consultinvest Bilanciato Ducato Multimanager Equity 30-70 A Ducato Multimanager Equity 30-70 Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bil. Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Euromobiliare Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fonditalia Core 2 R Fonditalia Core 2 T Gestielle Bilanciato Internazionale Gestnord Bilanciato Euro Imicapital Internazionale Managers & Co. Comparto 50 Mc G.Fdf Bilanciato A Mc G.Fdf Bilanciato B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam P. Bilanciato Norvega Sintesi Dinamico Prima Forza 4 A Prima Forza 4 B Prima Forza 4 Y Sai Bilanciato Sai Multi Fund Linea Dinamica Symphonia Largo Symphonia Patrimonio Globale Synergia Bilanciato 50 Ubi Pra. Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Valori Responsabili Bilanciato BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilan. Obb. Allianz Multipartner Multi20 Amundi Qbalanced

VARIAZ. QUOT.

+0,51 32,37 Arca Te - Titoli Esteri -0,41 4,106 Arcacinquestelle Comp.A/B 25 -0,41 4,106 Aureo Primaclasse Valore +0,38 2,655 Azimut Scudo Bancoposta Investimento Protetto 90 +0,14 2,849 Bnl Protezione +0,14 2,917 Bpvi Obiettivo Incremento A -0,27 5,465 Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 30 +0,10 5,101 Carige Bilanciato 30 -1,77 8,196 Carismi Dynamic Mix 15 Carismi Dynamic Mix 30 -0,82 3,629 Euromobiliare Moderato +0,23 3,907 Fonditalia Core 1 R +0,23 3,961 Fonditalia Core 1 T -0,58 31,931 Gestielle Global Asset 1 -0,89 9,759 Managers & Co. Comparto 30 -0,89 9,863 Mediolanum Elite 30 L -0,37 4,328 Mediolanum Elite 30 S -0,36 4,384 Mix -0,10 12,036 Norvega Sintesi Audace -0,20 4,407 Prima Forza 3 A -0,68 3,782 Prima Forza 3 B -0,68 3,784 Prima Forza 3 Y -0,70 3,854 Symphonia Adagio -0,14 5,058 Symphonia Bilanciato Equilibrato Italia -0,79 5,03 Synergia Bilanciato 30 Ubi Pra. Bilanciato Euro Rischio Cont. -0,03 17,594 Ubi Pra. Portafoglio Moderato -0,89 4,78 Ubi Pramerica Privilege 1 +0,03 15,968 Ubi Pramerica Privilege 2 -0,31 30,157 Visconteo -0,07 4,493 OB. EURO GOVERNATIVI BT -0,64 3,898 Allianz Monetario -0,28 22,742 Alto Monetario -0,22 5,954 Amundi Breve Termine -0,12 21,614 Arca Mm - Monetario -0,19 5,684 Bancoposta Monetario -0,17 5,805 Bg Focus Monetario -0,26 5,018 Bim Obb.Breve Termine +0,16 4,273 Bnl Obbligazioni Euro Bt +0,16 4,329 Bpvi Breve Termine A -0,18 6,053 Bpvi Breve Termine B -0,47 34,948 Carige Monetario Euro A -0,23 6,00 Carige Monetario Euro B -0,35 23,28 Cividale Forum Iulii Prudenza A -0,36 26,451 Cividale Forum Iulii Prudenza B -0,24 12,058 Consultinvest Breve Termine -0,59 45,133 Cr Cento Monetario Plus -0,70 9,852 Cs Monetario Italia B -0,70 9,94 Cs Monetario Italia I -0,10 12,119 Ducato Fix Euro Bt A -0,17 14,342 Ducato Fix Euro Bt Y -0,06 29,761 Eurizon Focus Obb. Euro Breve Termine -0,24 12,262 Euromobiliare Prudente -0,28 4,964 Fideuram Security -0,17 6,043 Fondersel Reddito -0,16 4,481 Fonditalia Euro Bond Sh.Term R +0,31 5,199 Fonditalia Euro Bond Sh.Term T +0,30 9,937 Fonditalia Euro Currency R +0,02 5,97 Fonditalia Euro Currency T +0,00 5,665 Gestielle Bt Cedola -0,42 4,238 Gestielle Bt Cedola B -0,42 4,239 Gestielle Bt Euro A -0,42 4,318 Gestielle Bt Euro B +0,22 3,589 Imi 2000 -0,67 4,295 Interfund Euro Currency -0,38 5,572 Intra Obb. Euro Bt -0,06 5,049 Laurin Money -0,38 5,535 Leonardo Monetario -0,13 5,459 Mediolanum Risparmio Corrente -0,52 5,346 Mediolanum Risparmio Dinamico -0,51 6,628 Monetario Nordfondo Obbl. Euro Breve Termine -0,04 9,36 Norvega Obb. Euro Breve Termine A -0,37 5,851 Norvega Obb. Euro Breve Termine B -0,14 8,452 Optima Reddito B.T.

-0,12 -0,06 -0,36 -0,18 -0,04 +0,06 -0,26 -0,16 -0,10 +0,08 +0,15 -0,18 -0,43 -0,43 -0,12 -0,24 -0,13 -0,16 -0,09 +0,02 -0,30 -0,28 -0,30 -0,19 -0,13 -0,24 -0,14 -0,12 -0,13 -0,33 -0,21

-0,01 +0,01 -0,05 -0,02 +0,02 +0,01 -0,02 -0,05 -0,02 +0,00 +0,01 +0,01 +0,02 +0,04 +0,02 -0,02 +0,01 +0,01 -0,05 -0,05 +0,04 +0,01 +0,01 +0,04 +0,00 +0,00 -0,01 -0,01 +0,06 +0,08 +0,04 +0,05 -0,02 -0,01 +0,04 +0,01 +0,03 -0,05 +0,00 +0,02 +0,01 +0,03 +0,03 -0,02

16,12 5,399 4,919 7,578 5,428 22,519 4,978 4,978 5,095 3,976 3,98 6,501 10,258 10,341 8,83 5,304 5,242 10,061 5,623 5,562 4,909 4,91 4,993 5,87 5,278 5,397 5,771 5,892 5,549 5,505 34,279

15,848 7,052 7,436 14,707 6,186 16,342 6,54 7,515 6,273 6,276 11,663 11,449 5,468 5,527 4,975 5,765 7,766 7,824 6,285 6,327 15,166 8,469 9,535 14,072 7,945 7,989 7,852 7,888 6,356 6,359 7,507 7,562 16,831 6,677 5,641 6,907 6,045 13,841 5,464 12,099 8,949 5,825 5,873 6,651

VARIAZ. QUOT.

+0,00 5,278 Optima Riserva Euro -0,01 7,104 Passadore Monetario Pioneer Monetario Euro A +0,04 13,20 Prima Fix Obbligazionario Bt A +0,02 10,137 Prima Fix Obbligazionario Bt Y +0,02 10,159 Soprarno Pronti Termine +0,00 5,127 Synergia Obb Euro B.T. -0,02 5,06 Teodorico Monetario -0,01 7,444 Tesoreria Fondo Per Le Imprese +0,01 6,881 +0,01 6,734 Ubi Pramerica Euro B.T. +0,00 5,716 Unibanca Monetario -0,02 5,866 Valori Responsabili Monetario Zenit Monetario I +0,03 7,521 Zenit Monetario R +0,04 7,475 OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERMINE Allianz Reddito Euro L -0,09 32,898 -0,09 32,221 Allianz Reddito Euro T Anfiteatro Bond Corporate +0,00 4,972 Anima Obb. Euro +0,04 7,066 -0,04 8,961 Arca Rr +0,01 15,604 Azimut Reddito Euro Bancoposta Obbligazionario Euro +0,01 6,884 -0,09 6,939 Bim Obb. Euro Bnl Obbligazioni Euro M/Lt -0,07 6,912 Bpvi Obblig. Euro Medio Termine A -0,07 6,706 -0,06 6,711 Bpvi Obblig. Euro Medio Termine B Bpvi Obiettivo Reddito A -0,14 5,689 Bpvi Obiettivo Reddito B -0,12 5,694 Capitale Pi¿ Comparto Obbligazionario +0,04 5,464 -0,06 10,897 Carige Obbligazionario Euro A -0,06 11,047 Carige Obbligazionario Euro B Carige Obbligazionario Euro L.Termine A -0,16 5,704 Carige Obbligazionario Euro L.Termine B -0,17 5,822 Carismi Bond Euro A -0,14 5,527 Carismi Bond Euro B -0,13 5,584 -0,13 7,594 Ducato Fix Euro Mt A Ducato Fix Euro Mt Y -0,14 7,676 Epsilon Qincome +0,14 7,409 +0,11 13,972 Eurizon Focus Obb. Euro -0,05 15,477 Euromobiliare Reddito +0,12 7,612 Europe Bond Fondaco Euro Gov. Beta -0,05 121,085 +0,02 8,062 Fondersel Euro Fonditalia Euro Bond Long Term R -0,15 7,387 Fonditalia Euro Bond Long Term T -0,13 7,451 Fonditalia Euro Bond Medium Term R -0,08 11,004 Fonditalia Euro Bond Medium Term T -0,09 11,079 Gestielle Lt Euro A +0,09 8,129 +0,09 8,22 Gestielle Lt Euro B +0,05 14,984 Gestielle Mt Euro A Gestielle Mt Euro B +0,05 15,136 Imirend +0,06 9,308 -0,13 8,377 Interfund Euro Bond Long Term -0,07 8,296 Interfund Euro Bond Medium Term Interfund Euro Bond Short Term 1 - 3 -0,01 6,974 Interfund Euro Bond Short Term 3-5 -0,06 11,646 Intra Obb. Euro -0,12 6,033 +0,00 8,42 Italfortune Euro Bonds -0,03 7,556 Leonardo Obbligazionario Mediolanum Euromoney -0,12 6,411 Mediolanum Italmoney -0,08 6,561 Nordfondo Obbl. Euro Medio Termine +0,01 17,249 Norvega Obb. Euro A -0,08 6,571 Norvega Obb. Euro B -0,08 6,654 -0,03 6,931 Optima Obbligazionario Euro Prima Fix Obbligazionario Mlt A -0,07 5,76 -0,07 5,778 Prima Fix Obbligazionario Mlt Y Ras Lux Bond Europe -0,17 58,205 -0,05 12,807 Sai Eurobbligazionario Synergia Obb Euro M.T. -0,11 5,213 Ubi Pra. Euro M/L Termine -0,01 6,955 Unibanca Obbligazionario Euro -0,02 5,811 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine A -0,10 6,252 -0,10 6,252 Vegagest Obb. Euro Lungo Termine B OB. EURO CORPORATE INV. GRADE +0,00 101,169 Amundi Corporate 3 Anni

VARIAZ. QUOT.

+0,04 5,014 Amundi Corporate Giugno 2012 -0,13 7,053 Arca Bond Corporate Carige Corporate Euro A -0,15 6,569 Carige Corporate Euro B -0,14 6,654 Corporate Bond -0,04 7,342 Ducato Etico Fix Y -0,08 5,313 Ducato Etico Fix A -0,06 5,26 Eurizon Focus Obb. Euro Corporate -0,11 5,604 Eurizon Obb. Euro Corporate Breve Termine -0,01 7,457 -0,01 8,786 Euromobiliare Euro Corporate Bt -0,13 8,419 Fonditalia Euro Corporate Bond R -0,13 8,47 Fonditalia Euro Corporate Bond T Interfund Euro Corporate Bond -0,16 5,013 Nordfondo Obbligazioni Euro Corporate -0,09 7,614 Pioneer Obbl.Euro Corp.Etico Dis. A -0,15 4,792 Prima Fix Imprese A -0,14 6,51 -0,14 6,599 Prima Fix Imprese Y Sai Obbligazionario Corporate -0,09 6,60 Synergia Obb Corporate -0,13 5,397 -0,06 7,784 Ubi Pramerica Euro Corporate OB. EURO HIGH YIELD Eurizon Focus Obb. Euro High Yield -0,01 7,177 +0,01 13,934 Fonditalia Bond Euro High Yield R Fonditalia Bond Euro High Yield T +0,01 14,001 Interfund Bond Euro High Yield +0,00 7,648 -0,03 7,819 Prima Fix High Yield A Prima Fix High Yield Y -0,03 7,98 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari -0,16 9,253 -0,23 6,122 Azimut Reddito Usa -0,19 6,424 Bnl Obbligazioni Dollaro M/Lt Ducato Fix Dollaro A +0,29 7,016 +0,28 7,085 Ducato Fix Dollaro Y Fonditalia Bond Usa R -0,23 8,771 Fonditalia Bond Usa T -0,23 8,843 -0,18 9,549 Gestielle Bond Dollars A Gestielle Bond Dollars B -0,16 9,692 Interfund Bond Usa -0,22 7,631 -0,19 14,718 Nordfondo Obbligazioni Dollari OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI -0,25 16,475 Allianz Reddito Globale L Allianz Reddito Globale T -0,25 16,151 -0,13 7,186 Alpi Obbligazionario Internazionale Alto Internazionale Obb. -0,41 6,512 Arca Bond - Obbligazioni Estere -0,23 12,903 Aureo Obbligazioni Globale -0,05 8,093 Bim Obb. Globale -0,03 5,983 Bpvi Obblig. Internazionale A -0,08 6,041 -0,08 6,045 Bpvi Obblig. Internazionale B Carige Obbligazionario Internazionale A -0,20 6,114 Carige Obbligazionario Internazionale B -0,18 6,24 Carismi Bond Internaz. A -0,15 5,853 -0,23 5,694 Carismi Bond Internaz. B +0,00 8,147 Ducato Fix Globale A Ducato Fix Globale Y +0,01 8,218 Eurizon Obb. Internazionali -0,23 8,734 Fondersel Internazionale +0,08 14,624 -0,17 6,596 Gestielle Obbligazionario Intern. A -0,16 6,705 Gestielle Obbligazionario Intern. B Imibond -0,26 16,574 Mc G.Fdf Global Bond A +0,08 5,332 +0,09 5,276 Mc G.Fdf Global Bond B Ml Master Series Bonds +0,00 5,338 Norvega Obb. Internazionale A -0,10 5,978 -0,10 6,053 Norvega Obb. Internazionale B Optima Obb. Euro Global +0,00 6,95 -0,10 10,012 Pianeta Prima Fix Obbligazionario Globale A -0,27 9,272 -0,27 9,308 Prima Fix Obbligazionario Globale Y Prima Forza 1 A -0,18 5,101 Prima Forza 1 B -0,16 5,103 Prima Forza 1 Y -0,17 5,139 Sai Obb.Internazionale -0,04 8,167 -0,27 5,926 Ubi Pra. Obbligazioni Globali OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE -0,02 5,602 Anfiteatro Global Bond


il Domani Giovedì 22 Luglio 2010 27

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Fonditalia Euro Yield Plus R -0,01 9,387 Ubi Pra. Obbligazioni Globali Corporate -0,10 6,85 OB. YEN Ducato Fix Yen A -0,04 4,54 Ducato Fix Yen Y -0,04 4,576 Interfund Bond Japan -0,35 6,191 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Amundi Multicorp. Dic. 2012 +0,08 5,024 Amundi Obbligazionario Euro -0,09 5,523 Anima Convertible +0,31 6,079 Azimut Trend Tassi -0,01 8,891 Consultinvest Obbligaz. Medio Termine +0,00 5,109 Consultinvest Obbligazionario +0,02 5,148 Ducato Fix Convertibili A -0,08 8,702 Ducato Fix Convertibili Y -0,07 8,819 Eurizon Focus Obb. Cedola -0,02 6,098 Eurizon Obb. Etico -0,09 5,451 -0,01 9,454 Fonditalia Euro Yield Plus T Fonditalia Inflation Linked R -0,23 13,753 Fonditalia Inflation Linked T -0,22 13,842 Gestielle Obbligazionario Corporate A -0,03 7,092 Gestielle Obbligazionario Corporate B -0,01 7,209 Groupama It. Bond Sel. Fund +0,10 5,782 Interfund Inflation Linked -0,23 13,683 Mediolanum Risparmio Reddito -0,22 11,115 Nordfondo Obbligazioni Convertibili -0,15 5,258 -0,38 5,837 Pioneer Cim Euro Convertible Bonds Pioneer Cim Euro Fixed Income -0,13 15,989 Pioneer Obb. Euro Dis. A -0,03 6,619 Prima Fix Emergenti A +0,11 13,107 Prima Fix Emergenti Y +0,11 13,403 Prima Forza 2 A -0,28 4,631 -0,28 4,633 Prima Forza 2 B Prima Forza 2 Y -0,30 4,682 Ras Lux Short Term $ -0,02 144,553 Ras Lux Short Term Euro +0,09 65,445 Symphonia Comp.Obb. Area Europa -0,10 9,548 Ubi Pra. Obbligazioni Dollari -0,21 5,263 OB. MISTI Alleanza Obbligazionario +0,09 5,385 Alto Obbligazionario +0,01 8,753 Anima Fondimpiego +0,02 19,717 Arca Obbligazioni Europa -0,30 8,332 Azimut Contofondo -0,15 5,208 Azimut Solidity -0,11 7,85 Bancoposta Mix 1 -0,12 5,882 Bim Corporate Mix -0,11 5,493 Bnl Telethon -0,12 5,913 Ca Multimanager Difensiva +0,00 5,00 Capitale Pi¿ Comparto Bilanciato 15 -0,10 5,245 Carige Bilanciato 10 -0,05 5,482 Cividale Forum Iulii Rendita A +0,02 5,419 Cividale Forum Iulii Rendita B +0,02 5,556 Cr Cento Misto Best -0,15 5,844 Eurizon Diversificato Etico -0,04 7,864 Eurizon Rendita -0,02 5,954 Eurizon Soluzione 10 -0,06 6,836 -0,06 4,643 Fucino Challenger Gestielle Etico Per Ail A -0,13 6,272 Gestielle Etico Per Ail B -0,11 6,329 Intesa Casse Del Centro Protez. Dinamica +0,02 5,647 Nextam P. Obbligazionario Misto -0,02 5,964 Nordfondo Etico Obbl.Misto Max20% Azioni -0,06 6,577 +0,04 5,564 Norvega Sintesi Moderato Pioneer Obbligazionario Piu' Dis. A -0,07 8,253 Sai Multi Fund Linea Prudente -0,37 4,848 -0,08 17,242 Sai Performance Sforzesco -0,11 10,009 Symphonia Patr.Globale Reddito -0,04 7,018 Synergia Bilanciato 15 -0,15 5,266 Total Return Obbligazionario -0,24 4,172 Ubi Pra. Portafoglio Prudente -0,05 6,102 Valori Responsabili Obbligaz. Misto -0,18 6,119 Zenit Obb. I -0,01 8,137 Zenit Obb. R +0,00 8,081 OB. FLESSIBILI Amundi Soluzioni Tassi +0,10 4,827 -0,10 4,939 Arca Cedola 2015 Alto Potenziale Arca Cedola Bond Globale Euro +0,00 5,004 Arca Cedola Corp. Bond -0,08 5,326 -0,10 5,045 Arca Cedola Corp. Bond Ii Arca Cedola Corporate Bond Iii -0,12 4,985 Arca Cedola Gov. Euro Bond -0,06 5,077 -0,08 4,926 Arca Cedola Gov. Euro Bond Ii Arca Cedola Gov. Euro Bond Iii +0,00 4,996 Aureo Cash Dynamic +0,02 5,195 -0,03 6,709 Bg Focus Obbligazionario Bnl Target Return Liquidita' -0,01 9,956 Cividale Forum Iulii Strategia A +0,00 5,653 +0,03 5,791 Cividale Forum Iulii Strategia B -0,05 5,619 Consultinvest High Yield Consultinvest Monetario +0,09 5,416 +0,17 7,227 Consultinvest Reddito Ducato Fix Rendita A -0,02 18,313 Ducato Fix Rendita Y -0,01 18,583 -0,02 6,614 Euromobiliare Tr Flex 2 Mediolanum Flessibile Obblig. Globale +0,06 10,198 -0,03 6,533 Premium -0,03 7,751 Risparmio Ritorni Reali -0,02 5,869 -0,12 5,171 Symphonia Bond Flessibile -0,02 5,639 Ubi Pra. Active Duration -0,02 10,537 Ubi Pramerica Total Return Prudente Vegagest Obbligazionario Flessibile +0,02 5,268 Volterra Tr Obblig. +0,06 5,20 LIQUIDITA' AREA EURO +0,02 5,547 Agora Cash +0,02 5,58 Allianz Liquidita' A Allianz Liquidita' At +0,00 5,051 Allianz Liquidita' B +0,02 5,706 Amundi Eonia +0,00 102,135 Amundi Liquidita' +0,00 8,939 Anfiteatro Tesoreria -0,02 5,666 Anima Liquidita' +0,00 6,606 Arca Bt - Breve Termine +0,00 8,723 Arca Bt - Tesoreria +0,00 5,753 Aureo Liquidita' +0,02 5,713 Azimut Garanzia +0,00 12,287 Bnl Cash -0,01 22,113 Bpvi Tesoreria A -0,02 5,638 Bpvi Tesoreria B +0,00 5,641 Carige Liquidita' Euro A +0,03 6,319

VARIAZ. QUOT.

Carige Liquidita' Euro B +0,03 6,381 Carismi Liquidita' B -0,02 5,297 Epsilon Cash +0,02 6,278 Eurizon Focus Tesoreria Euro A +0,01 7,65 Eurizon Focus Tesoreria Euro B +0,01 7,694 Eurizon Liquidita' A +0,03 7,271 Eurizon Liquidita' B +0,03 7,448 Euromobiliare Conservativo +0,00 11,073 Euromobiliare Contovivo +0,01 11,84 Fideuram Moneta -0,01 14,603 Fondaco Euro Cash +0,04 116,327 Fondo Liquidita' -0,01 7,575 Gestielle Cash Euro A +0,03 7,039 Gestielle Cash Euro B +0,03 7,077 Nextam P. Liquidita' +0,02 5,772 Nordfondo Liquidita' +0,00 6,177 Norvega Monetario A +0,00 5,857 +0,00 5,90 Norvega Monetario B Optima Money +0,00 6,132 Pensplan Invest Cash Fund +0,07 5,93 Pioneer Liquidita' Euro A -0,02 5,064 Prima Fix Monetario A +0,01 8,496 Prima Fix Monetario I +0,01 8,595 Prima Fix Monetario Y +0,01 8,583 Sai Liquidita' -0,01 11,452 Symphonia Comp.Monetario -0,01 7,423 +0,00 5,009 Synergia Monetario Synergia Tesoreria +0,00 5,04 Ubi Pramerica Euro Cash +0,00 7,271 LIQUIDITA' AREA DOLLARO Eurizon Focus Tesoreria Dollaro -0,11 12,774 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro $ +0,01 16,565 FLESSIBILI 8a+ Gran Paradiso -0,31 5,218 8a+ Latemar -0,22 5,068 8a+ Monviso -0,40 5,042 Abis Flessibile +0,00 5,705 Abn Amro Expert A-Rt400 +0,02 4,655 +0,06 6,804 Agora Flex Agora Selection -0,23 4,827 Agora Valore Protetto +0,06 6,337 Alarico Re -0,25 4,326 Alkimis Capital Ucits -0,22 4,878 Allianz F100 L +0,00 3,956 Allianz F100 T +0,00 3,883 Allianz F15 L -0,07 5,383 Allianz F15 T -0,08 5,304 Allianz F30 L -0,08 5,176 Allianz F30 T -0,10 5,099 Allianz F70 L -0,11 26,854 Allianz F70 T -0,11 26,307 Amundi Absolute +0,35 5,201 Amundi Azionario Trend -0,14 92,94 Amundi Dynamic Allocation -0,15 5,202 Amundi Equipe 1 -0,06 5,236 Amundi Equipe 2 -0,10 5,164 Amundi Equipe 3 -0,37 5,107 -0,55 4,719 Amundi Equipe 4 Amundi Eureka Bric Ripresa 2014 +0,81 5,208 Amundi Eureka China Double Wine +0,71 5,553 Amundi Eureka China Ripresa 2015 +1,08 4,982 Amundi Eureka Doppia Opportunit¿ 2014 +0,68 5,016 Amundi Eureka Double Call +1,35 5,423 +2,29 5,589 Amundi Eureka Double Win Amundi Eureka Double Win 2013 +2,67 4,888 Amundi Eureka Dragon +0,70 6,211 +0,88 4,906 Amundi Eureka Oriente 2015 Amundi Eureka Ripresa 2014 +2,18 5,195 Amundi Eureka Ripresa Due 2014 +2,92 4,941 Amundi Eureka Settori 2016 +1,49 4,848 Amundi Eureka Usa 2015 +2,47 4,733 Amundi For. Gar. Em Eq. Recall 2013 +0,36 5,00 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2013 +0,33 4,929 Amundi For.Gar.Eq. Recall 2014 +1,02 5,226 Amundi For.Gar.Eq. Recall Due 2013 +0,33 4,926 Amundi Form. Gar. Em. Mkt Eq. Recall 2014 +0,46 5,021 Amundi Form. Gar. Merc. Emerg. +0,03 5,72 -0,06 4,989 Amundi Form. Private Div. Opp. Amundi Formula Euro Eq. Option 2013 +2,17 4,467 Amundi Formula Euro Eq. Option Due 2013 +2,31 4,509 +0,12 5,081 Amundi Formula Garantita 2012 Amundi Formula Garantita 2013 +0,08 4,964 Amundi Formula Garantita Due - 2013 +0,12 4,952 Amundi Formula Garantita High Diver. 2014 +0,33 4,936 Amundi Piu -0,02 5,596 Amundi Premium Power -0,12 5,071 +0,49 4,764 Amundi Private Alpha Amundi Qreturn -0,07 5,333 Amundi Soluzione Azioni -0,16 4,48 -0,04 4,903 Amundi Strategia 95 -0,01 7,402 Anfiteatro Bond Plus Anfiteatro Conservative Flex +0,00 5,023 -0,07 5,615 Anfiteatro Corporate Absolute Return Anfiteatro Corporate Bt +0,04 5,137 Anfiteatro Total Return +0,00 3,303 +0,03 13,396 Anima Fondattivo Aqqua +0,00 4,825 -0,21 5,171 Arca Capitale Garantito Dic 2013 -0,12 4,98 Arca Capitale Garantito Giugno 2013 Arca Corporate Breve Termine +0,05 5,494 -0,10 5,088 Arca Rendimento Assoluto T3 +0,00 4,866 Arca Rendimento Assoluto T5 +0,00 5,068 Aureo Defensive Aureo Finanza Etica -0,10 6,08 Aureo Flex Euro -0,26 9,38 Aureo Flex Italia +0,15 16,447 -0,06 4,833 Aureo Flex Opportunity +0,00 5,907 Aureo Plus Aureo Primaclasse Flessibile -0,11 5,373 Aureo Rendimento Assoluto -0,09 5,504 Azimut Strategic Trend +0,04 5,014 Azimut Trend -0,16 18,402 Azimut Trend America +0,01 8,851 Azimut Trend Europa -0,78 11,501 Azimut Trend Italia -0,41 14,176 Azimut Trend Pacifico -0,53 6,207 Bancoposta Centopiu' +0,00 5,289 Bancoposta Centopiu' 2007 -0,06 5,252 Bancoposta Extra -0,08 5,259 Bancoposta Step +0,00 4,992 Bancoposta Trend +0,00 4,957 Bg Focus Azionario +0,09 21,933

VARIAZ. QUOT.

Bim Flessibile +0,00 Bnl Target Return Conservativo -0,08 Bnl Target Return Dinamico -0,15 Bnpp 100% E Pi¿ Grande Asia -0,02 Bnpp 100% E Pi¿ Grande Europa +0,08 Bnpp Equipe Attacco -0,07 Bnpp Equipe Centrocampo -0,02 Bnpp Equipe Difesa +0,00 Bpvi Obiettivo Rendimento A +0,02 Bpvi Obiettivo Rendimento B +0,02 Carige Flessibile -0,06 Carige Flessibile B -0,06 Carige Flessibile Piu' A -0,09 Carige Flessibile Piu' B -0,11 Carismi Absolute Perf. A -0,02 Carismi Absolute Perf. B -0,02 Carismi Pratico A +0,00 +0,00 Carismi Pratico B Consultinvest Alto Dividendo -0,29 Consultinvest Mercati Emerg. -0,14 Consultinvest Multi Flex -0,11 Consultinvest Plus +0,02 Cr Cento Premium +0,00 Ducato Etico Flex Civita A -0,07 Ducato Etico Flex Civita Y -0,05 Ducato Multimanager Cash Premium A +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus A +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Plus Y +0,00 Ducato Multimanager Cash Premium Y +0,00 Edr Multigestion Trend Global -0,39 Epsilon Qreturn -0,07 Eurizon Focus Capital. Protetto 12/2014 -0,10 +0,04 Eurizon Focus Garantito 03/13 Eurizon Focus Garantito 06/12 -0,02 Eurizon Focus Garantito 09/12 +0,02 Eurizon Focus Garantito 12/12 +0,02 Eurizon Focus Garantito I Semestre 2006 +0,02 Eurizon Focus Garantito I Trimestre 2007 -0,04 Eurizon Focus Garantito Ii Semestre 2006 -0,02 Eurizon Focus Garantito Ii Trimestre 2007 -0,02 Eurizon Focus Garantito Iii Trimestre 2007 -0,02 Eurizon Focus Garantito Iv Trim 2007 +0,00 Eurizon Focus Profilo Dinamico -0,40 Eurizon Focus Profilo Moderato -0,17 Eurizon Focus Profilo Prudente -0,06 Eurizon Focus Rend. Assoluto 3 Anni -0,07 Eurizon Focus Rendimento Ass. 2 Anni -0,04 Eurizon Focus Rendimento Ass. 5 Anni +0,00 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 Eurizon Team 1 A -0,05 Eurizon Team 1 G -0,05 Eurizon Team 2 A -0,12 Eurizon Team 2 G -0,12 Eurizon Team 3 A -0,28 Eurizon Team 3 G -0,27 Eurizon Team 4 A -0,56 Eurizon Team 4 G -0,53 -0,61 Eurizon Team 5 A Eurizon Team 5 G -0,61 Euromobiliare Real Assets -0,17 Euromobiliare Strategic +0,03 Euromobiliare Strategic Flex -0,20 Euromobiliare Tr Flex 3 -0,15 +0,01 Euromobiliare Tr Flex 4 Federico Re -0,10 Fideuram Master Sel.Absolute Return -0,19 -0,18 Flessibile Fondaco Global Opportunities +0,00 Fondersel Duemila +0,00 Fonditalia Flex. Emerging Mkts T -0,08 Fonditalia Flexible Dynamic R +0,38 Fonditalia Flexible Dynamic T +0,38 Fonditalia Flexible Income R -0,02 Fonditalia Flexible Income T -0,01 Fonditalia Flexible Multimanager R -0,16 Fonditalia Flexible Multimanager T -0,15 Fonditalia Flexible Opportunity R -0,06 -0,06 Fonditalia Flexible Opportunity T Fonditalia New Flexible Growth R -0,05 Fonditalia New Flexible Growth T -0,05 -0,02 Formula 1 Alpha Plus 20 Formula 1 Conservative -0,02 Formula 1 High Risk -0,12 -0,02 Formula 1 Low Risk Formula 1 Risk -0,09 Gestielle Brasile -0,10 +0,00 Gestielle Global Asset Plus Gestielle Harmonia Dinamico -0,32 Gestielle Harmonia Moderato -0,17 -0,48 Gestielle Harmonia Vivace -0,14 Gestielle Total Return Gestielle Total Return Obiettivo Piu' -0,08 -0,16 Gestielle Tr Obiettivo Cedola Gestnord Asset Allocation +0,00 Igm Flessibile A -0,07 -0,05 Igm Flessibile B Interfund System 100 +0,02 +0,02 Interfund System 40 +0,00 Interfund System Evolution Interfund System Flex -0,10 -0,24 Intra Assoluto -0,03 Intra Flessibile -0,03 Investitori Flessibile Kairos Partners Fund -0,04 Kairos Partners Income +0,01 Kairos Partners Small Cap -0,35 -0,07 Leonardo Trend -0,13 Macro F.0. Mc G.Fdf Flx Low A -0,04 Mc G.Fdf Flx Low B -0,04 Mc G.Fdf Flx.High B -0,14 Mc G.Fdf Flx.Med. A -0,23 Mc G.Fdf Flx.Med. B -0,24 Mediolanum Flessibile Globale -0,31 Mediolanum Flessibile Italia -0,25 Mediolanum Flessibile Strategico +0,02 Nextam P. Flessibile -0,09 Nordest Sicav -1,02 Norvega Flessibile A -0,11 Norvega Flessibile B -0,03 Norvega Mb Absolut -0,07 Norvega Mb Strategic -0,07

3,775 5,039 12,351 5,395 5,089 4,52 4,812 5,413 5,254 5,264 5,208 5,225 4,501 4,563 4,819 4,897 6,075 6,122 3,111 4,913 4,743 5,163 3,805 4,233 4,323 4,733 4,176 4,25 4,793 4,91 6,05 5,022 5,16 5,128 5,108 5,121 5,278 5,154 5,236 5,122 4,964 5,20 5,172 5,285 5,436 5,441 5,214 4,832 8,041 5,969 5,969 5,64 5,633 4,696 4,718 3,919 3,942 3,75 3,772 4,148 3,206 13,252 4,552 6,877 5,188 8,998 2,762 97,371 93,176 2,486 5,848 5,866 8,441 8,483 9,264 9,33 7,712 7,76 8,653 8,733 6,368 6,412 6,647 6,624 6,369 4,911 5,281 5,313 5,278 5,338 13,811 4,992 4,892 4,64 3,998 4,041 9,468 11,142 10,03 10,196 5,863 6,20 6,124 5,615 6,689 9,021 5,976 3,912 5,22 5,211 3,665 5,609 3,711 13,635 15,459 6,326 4,674 3,88 7,412 7,449 3,014 2,97

VARIAZ. QUOT.

Norvega Rendimento A -0,04 5,352 Norvega Rendimento B -0,02 5,379 Ob. Rendimento -0,03 5,798 Open Fund Ritorno Assoluto Var2 +0,20 4,454 Open Fund Ritorno Assoluto Var4 +0,05 3,677 Paritalia Orchestra C +0,00 71,938 Pioneer Target Controllo A -0,11 5,344 Pioneer Target Equilibrio A -0,13 5,32 Pioneer Target Sviluppo A -0,15 22,24 Prima Strategia A-Rt 100 A +0,04 5,132 Prima Strategia A-Rt 100 Y +0,04 5,149 Prima Strategia A-Rt 200 A +0,04 4,896 Prima Strategia A-Rt 200 Y +0,06 4,915 Prima Strategia A-Rt 50 A -0,09 16,299 Prima Strategia A-Rt 50 Y -0,09 16,337 Prima Strategia Europa Alto Potenziale A -0,09 2,21 Prima Strategia Europa Alto Potenziale Y -0,09 2,23 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale A -0,18 13,836 Prima Strategia Europa Pmi Alto Potenziale Y -0,18 13,834 Prima Strategia Italia Alto Potenziale A -0,17 4,604 Prima Strategia Italia Alto Potenziale Y -0,17 4,656 Profilo Best Funds -0,12 5,847 Profilo Elite Flessibile -0,02 5,534 Sofia Flex -0,14 0,703 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 A +0,23 5,169 Soprarno 0 Ritorno Assoluto 6 B -0,08 5,092 +0,19 5,198 Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 A Soprarno 1 Ritorno Assoluto 5 B +0,19 5,222 Soprarno Global Macro A +0,45 4,926 Soprarno Global Macro B +0,46 4,982 Soprarno Inflazione +1,5% A +0,02 5,457 Soprarno Inflazione +1,5% B +0,02 5,487 +0,22 5,401 Soprarno Relative Value A Soprarno Relative Value B +0,22 5,459 Symphonia Asia Flessibile +0,22 5,899 Symphonia Comp.Fortissimo -0,04 2,495 Symphonia Italia Flessibile -0,10 4,835 Synergia Total Return -0,02 5,195 -0,24 2,093 Total Return Ubi Pra. Active Beta -0,04 4,69 Ubi Pra. Alpha Equity -0,14 5,121 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato A +0,08 5,118 Ubi Pra. Tot.Ret.Moderato B +0,06 5,137 Ubi Pra. Total Return Dinamico -0,08 4,944 Unibanca Plus -0,06 5,231 Volterra Dinamico -0,34 5,295 Volterra Tr Glob. -0,15 5,322 Zenit Absolute Return I -0,12 5,648 Zenit Absolute Return R -0,13 5,561 Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 1,245 Zenit Zero 100 -0,11 4,367 ASSICURATIVI Antonveneta Vita Antonveneta Vita Armonico +1,35 11,188 Antonveneta Vita Armonico 2007 +1,29 9,65 Antonveneta Vita Attivo +1,90 11,987 Antonveneta Vita Attivo 2007 +1,68 9,246 +2,83 14,152 Antonveneta Vita Azionario Antonveneta Vita Azionario Globale +2,56 8,279 Antonveneta Vita Azionario Specializzato +3,82 9,591 Antonveneta Vita Bilanciato Euro +2,46 11,284 Antonveneta Vita Bilanciato Globale +1,73 10,921 Antonveneta Vita Dinamico +1,71 13,271 +0,52 14,524 Antonveneta Vita Equilibrato Antonveneta Vita Euromoneta +0,04 11,406 Antonveneta Vita Monetario +0,03 11,812 +0,29 11,755 Antonveneta Vita Obbligazionario Antonveneta Vita Obbligazionario Euro +0,12 13,264 Antonveneta Vita Obbligazionario Misto +1,32 12,398 Antonveneta Vita Protetto +0,09 12,438 Antonveneta Vita Protetto 2007 -0,09 10,521 Antonveneta Vita Sicuro +0,08 12,769 Antonveneta Vita Trend +2,24 11,931 Antonveneta Vita Trend Dinamico +1,71 8,401 Antonveneta Vita Trend Equilibrato +0,51 9,99 Antonveneta Vita Trend Plus +2,23 7,375 Antonveneta Vita Trend Protetto +0,25 10,455 AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Aurora New Balanced +1,71 10,821 Aurora New Bond +0,20 10,635 +3,06 11,41 Aurora New Share Aurora Unietic +0,04 10,528 Aurora Unit Balanced +1,12 10,539 -0,88 9,098 Aurora Unit Bond Aurora Unit Share +2,56 9,332 Aurora Winvest Bilanciata -1,15 11,346 -1,79 9,947 Aurora Winvest Dinamica Aurora Winvest Prudente -0,47 12,389 AXA MPS FINANCIAL +0,62 9,638 Axa Mps Aggressivo +0,18 8,999 Axa Mps Carattere Forte Axa Mps Fin. Az. Europa +0,42 8,15 -0,07 7,205 Axa Mps Fin. Az. Giappone Axa Mps Fin. Az. Pacifico -0,08 15,86 Axa Mps Fin. Az. Sector +0,41 6,603 -1,54 10,58 Axa Mps Fin. Az. Top Ten Axa Mps Fin. Carattere Attento -0,01 10,754 +0,07 10,40 Axa Mps Fin. Carattere Equilibrato +0,07 10,755 Axa Mps Fin. Carattere Sereno Axa Mps Fin. Conservativo +0,07 11,785 +0,18 10,168 Axa Mps Fin. Dinamico -1,11 11,243 Axa Mps Fin. Dinamico A Axa Mps Fin. Emerging Markets Equity A -0,80 21,023 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Crescente -0,89 10,998 Axa Mps Fin. Linea Forte S. Sviluppo -0,33 9,112 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield +0,03 11,25 +0,03 10,806 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield 8 Axa Mps Fin. Linea Forte Shield Double +0,01 11,879 Axa Mps Fin. Mplife 100/1 +0,00 10,003 Axa Mps Fin. Mplife 100/2 -0,80 9,958 Axa Mps Fin. Mplife 90/1 +0,00 9,565 Axa Mps Fin. Obb.Opportunita' -0,10 9,975 Axa Mps Fin. Obbligazionario Europa -0,08 11,938 Axa Mps Fin. Secure A -0,12 12,939 Axa Mps Fin. Usa Equity A -2,64 5,411 BCC VITA Bcc Vita Equity America +4,61 4,696 Bcc Vita Equity Asia +1,27 5,263 Bcc Vita Equity Europa +5,84 4,532 Bcc Vita World Global Bond +0,00 5,422 Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 +1,02 5,97

VARIAZ. QUOT.

Bpm Az 50 +1,96 5,72 Bpm Az 80 +3,13 5,28 Bpm Az Flex +2,30 4,45 Bpm Financial Audace +3,47 3,88 Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 -0,18 5,52 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 +0,00 5,58 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 -0,18 5,51 Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 +0,00 5,52 Bpm Financial Equilibrato +2,67 4,62 Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 +0,18 5,58 Bpm Financial Geographic Areas +4,52 3,24 Bpm Financial Global Bond -0,16 6,36 Bpm Financial Industrial Sector +4,73 3,32 Bpm Financial Prudente +1,55 5,25 Bpm Financial Riserva Euro +0,00 6,52 Bpm Financial Vita Azionario +4,31 4,60 Bpm Financial Vita Bilanciato +2,75 5,61 -0,14 7,16 Bpm Financial Vita Obbligazionario BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 -0,77 10,769 Bnl Vita Capital Unit 60 -1,63 8,512 Bnl Vita Capital Unit 90 -2,52 6,423 Cardif Assicurazioni Spa Cardif Azionario A -1,62 86,135 Cardif Azionario B +3,74 136,852 Cardif Azionario Rimini 2 -1,58 63,297 -2,26 96,924 Cardif Bds Valore Azionario Cardif Bds Valore Bilanciato -0,84 136,368 Cardif Bds Valore Obbligazionario -0,05 179,282 Cardif Bilanciato A -0,89 123,124 Cardif Bilanciato B +1,66 191,052 Cardif Flexible Profilo A -1,59 75,203 +0,07 165,472 Cardif Obbligazionario A Cardif Obbligazionario B +0,09 218,624 Cardif Obbligazionario Misto Rimini 2 +0,09 107,912 Cardif Pargest Globale 60 A +1,14 184,061 Cardif Spazio Effervescente -2,27 108,962 Cardif Spazio Naturale +0,29 173,009 CARIGE VITA NUOVA Carige 3 Garanzie 3 G +0,71 5,22 Carige Dinamicamente Protetta +0,00 5,16 Carige Gestilink Arancione Dinamica -1,66 3,684 Carige Gestilink Blu Moderata -1,28 5,228 Carige Gestilink Verde Prudente +0,09 6,703 Carige Protezione Attiva +0,83 104,45 Cattolica Assicurazioni Cattolica Azionario +3,51 4,22 Cattolica Bilanciato +2,63 4,48 Cattolica Bpbari Freeway Country -0,47 3,421 Cattolica Bpbari Freeway Desert -1,00 3,255 Cattolica Bpbari Freeway Jungle +0,35 0,289 Cattolica Cividale Percorso Azionario +4,43 11,664 Cattolica Cividale Percorso Obbligazionario +0,64 11,373 Cattolica Ferrara Investire Azionario +4,35 3,408 Cattolica Ferrara Investire Obbligazionario +0,36 5,548 Cattolica Fondo Protetto +0,23 5,198 Cattolica Formula Life Azionaria -1,24 4,46 -1,03 4,908 Cattolica Formula Life Bilanciata Cattolica Fuoriclasse Balanced -1,49 4,553 Cattolica Fuoriclasse Bond -0,81 5,61 Cattolica Fuoriclasse Equity -1,94 3,034 Cattolica Fuoriclasse High Tech -2,48 1,30 Cattolica Nuove Rotte +0,45 5,565 +1,20 4,978 Cattolica Obbligazionario Cattolica Progetto Attivo Bond +1,17 4,685 Cattolica Progetto Attivo Equity +3,59 3,863 +2,61 4,48 Cattolica Progetto Attivo Mix Cattolica Soluzione Dinamica -0,86 5,285 Cattolica Soluzione Prudente -0,62 6,524 Cattolica Soluzione Vivace -1,14 3,651 CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita 6attivo-Orchestra +0,67 71,899 Centrovita 6protetto Regina -0,09 105,47 Centrovita Anni 40 +0,02 149,736 Centrovita Anni 50 +0,11 167,725 Centrovita Anni 60 +1,59 123,359 Centrovita Anni 70 +2,99 123,511 +4,23 97,077 Centrovita Anni 80 Centrovita Azionario +3,93 109,356 Centrovita Azionario Blue +3,97 58,074 +4,02 58,268 Centrovita Azionario Green Centrovita Azionario Plus +4,04 133,353 Centrovita Bilanciato +2,14 151,353 +2,22 178,464 Centrovita Bilanciato Plus Centrovita Eag 2005 +0,00 1.038,80 Centrovita Eag 2006 +0,00 1.049,92 -0,18 194,645 Centrovita Obbligazionario Centrovita Obbligazionario Blue -0,11 127,824 Centrovita Obbligazionario Plus -0,18 216,706 DUOMO PREVIDENZA S.P.A. +4,03 2,038 Duomo Unit Dynamic Unit Moderate +0,39 4,903 GENERTELLIFE S.P.A. Adria Equilibrio +0,79 5,989 Genertellife Aptus 1 -0,29 4,836 -0,41 4,367 Genertellife Aptus 2 Genertellife Aptus 3 -0,47 3,618 -0,05 10,298 Genertellife Bg 2005-2015 -0,03 9,605 Genertellife Bg 2005-2020 Genertellife Bg 2005-2025 +0,05 8,595 +0,05 8,133 Genertellife Bg 2005-2030 +0,14 2,197 Genertellife Bg Azionario 1 +0,12 2,521 Genertellife Bg Azionario 2 Genertellife Bg Bilanciato 1 +0,08 3,898 Genertellife Bg Bilanciato 2 +0,14 5,081 Genertellife Bg Dinamico +1,97 8,177 -0,62 2,744 Genertellife Espansione -0,40 2,767 Genertellife Espansione2000 Genertellife Sviluppo -0,24 4,141 Genertellife Sviluppo2000 -0,13 3,727 Genertellife Tirreno Unit Equilibrio -0,78 5,836 Genertellife Tirreno Unit Protezione -0,22 5,81 Genertellife Tirreno Unit Sviluppo -1,23 5,047 Genertellife Valore -0,26 6,073 Ina Assitalia Ina Fondo Ina Valore Attivo +0,07 4,131 Ina Fondo Valute Estere +0,09 1,17 Ina Nuovo Fondo Ina +0,17 7,88 Intesavita Spa Intesa Vita Accumulazione -0,66 5,278 Intesa Vita Azionario America Growth +4,75 8,946 Intesa Vita Azionario America Value +5,37 9,864

VARIAZ. QUOT.

Intesa Vita Azionario Cina +2,28 22,745 Intesa Vita Azionario Europa Growth +4,37 10,543 Intesa Vita Azionario Europa Value +5,33 10,953 Intesa Vita Crescita -0,39 6,06 Intesa Vita Dinamica -0,82 4,693 Intesa Vita Eurounit Azionario -1,57 3,08 Intesa Vita Eurounit Dinamico -0,62 4,992 Intesa Vita Eurounit Equilibrato -0,20 5,546 Intesa Vita Eurounit Prudente +0,14 6,399 Intesa Vita Gpa Accordo -0,20 687,25 Intesa Vita Gpa Accordo 2 -0,20 659,92 Intesa Vita Gpa Acuto +2,69 414,47 Intesa Vita Gpa Acuto 2 +2,69 347,98 Intesa Vita Gpa Armonia +1,44 525,75 Intesa Vita Gpa Armonia 2 +1,44 462,30 Intesa Vita Gpa Motivo +0,24 637,75 Intesa Vita Gpa Motivo 2 +0,26 598,82 Intesa Vita Monetario Dollaro +0,08 9,855 Intesa Vita Monetario Euro +0,00 10,837 +0,14 11,426 Intesa Vita Obbligazionario Euro Intesavita Gpa Private Bond -0,01 735,97 +1,47 598,69 Intesavita Gpa Private Global Guar. Intesavita Gpa Private Global High +5,39 351,94 Intesavita Gpa Private Global Low +1,43 682,64 Intesavita Gpa Private Global Medium +2,80 559,51 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Mediolanum Azionario Dinamismo -2,04 3,404 Mediolanum Azionario Dinamismo Bis -2,06 3,901 Mediolanum Azionario Fedelt¿ +0,00 1,786 Mediolanum Azionario Lntraprendenza -2,14 3,152 Mediolanum Azionario Lntraprendenza Bis -2,12 3,871 Mediolanum Azionario Protezione -0,33 5,817 Mediolanum Balanced -1,10 4,66 -1,09 4,734 Mediolanum Balanced Bis Mediolanum Country -2,28 3,294 Mediolanum Country Bis -2,26 3,846 Mediolanum Dynamic -1,52 4,077 Mediolanum Dynamic Bis -1,48 4,474 Mediolanum Eurobond Breve Termine +0,07 6,729 Mediolanum Eurobond Opportunita' -0,03 6,961 +0,12 6,754 Mediolanum Eurobond Sviluppo Mediolanum Euroequity Opportunita' -2,14 4,112 -0,31 6,433 Mediolanum Euroequity Protezione Mediolanum Euroequity Sviluppo -2,08 4,377 Mediolanum Moderate -0,54 5,12 Mediolanum Moderate Bis -0,56 5,14 Mediolanum Obb. Breve Termine Bis +0,05 5,511 +0,02 5,492 Mediolanum Obb. Crescita Bis -0,33 5,172 Mediolanum Obb. Evoluzione Bis Mediolanum Obb. Moderazione Bis +0,11 5,503 Mediolanum Obbligazionario Crescita -0,01 6,831 Mediolanum Obbligazionario Liquidita' +0,08 6,638 Mediolanum Obbligazionario Moderazione +0,12 6,652 -2,10 3,679 Mediolanum Opportunity Mediolanum Opportunity Bis -2,14 4,025 Mediolanum Prudent +0,06 6,187 Mediolanum Prudent Bis +0,07 5,485 -2,28 3,254 Mediolanum Sector Mediolanum Sector Bis -2,29 4,048 MILANO ASSICURAZIONI Milano Assicurazioni Previlink Azionario -0,77 2,971 Milano Assicurazioni Previlink Bilanciato -0,39 4,317 Milano Assicurazioni Previlink Monetario +0,02 6,156 Milano Assicurazioni Previlink Obbligazionario -0,05 5,598 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. -2,68 3,013 Risparmio Crfc Gentile Dinamica Risparmio Crfc Gentile Equilibrata -1,67 5,416 Risparmio Eurolink Cv Dinamico -1,70 12,861 Risparmio Eurolink Cv Equilibrato -0,45 12,797 Risparmio Eurolink Cv Risparmio -0,29 11,871 +0,03 11,632 Risparmio Formula Link In Prima Risparmio Formula Link In Seconda +0,08 9,865 Risparmio Formula Link In Terza -0,96 8,075 Risparmio Gestivita Azionario -0,46 8,848 Risparmio Gestivita Bilanciato -0,76 10,715 -1,12 12,603 Risparmio Gestivita Obbligazionario +0,00 7,57 Risparmio Patavium Ul Dinamico Risparmio Patavium Ul Equilibrato -0,12 8,88 SARA VITA S.P.A. Sara Vita Multistrategy Az.Internaz.G.A +5,74 8,457 Sara Vita Multistrategy Azionario Internazionale +5,56 8,112 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Europeo -0,46 9,121 Sara Vita Multistrategy Obbligazionario Globale -0,31 9,527 Sara Vita Profilo Guardian -0,21 9,73 Unipol Assicurazioni Unipol Uninvest Arcosereno -0,01 119,52 Unipol Uninvest Azioni Piu' +0,93 109,01 +0,97 13,673 Unipol Uninvest Crescita Unipol Uninvest Equilibrio +1,40 13,071 +1,93 7,115 Unipol Uninvest Flessibile Unipol Uninvest Grande7 +0,93 108,735 Unipol Uninvest Grandevita +0,86 104,965 +0,59 111,143 Unipol Uninvest Mach 7 Unipol Uninvest Otto&Mezzo +0,57 103,662 Unipol Uninvest Performance Europa +4,08 7,47 -0,09 13,632 Unipol Uninvest Risparmio +2,50 12,80 Unipol Uninvest Valore ZURICH LIFE AND PENSION Zlap Controllo -0,17 5,412 Zlap Crescita -0,32 6,316 -0,25 7,54 Zlap Equilibrio Zlap Evoluzione -0,54 4,762 Zlap Protezione -0,08 7,894 -0,12 5,721 Zlap Prudenza Zlap Sicurezza -0,09 5,491 Zlap Sviluppo -0,69 3,597


28

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

CRONACHE

«Chiedo un intervento che mi possa salvare» CATANZARO - Da un "ascesso perianale" ad una situazione invalidante che si protrae da 16 anni con pesanti conseguenze sulle sue condizioni economiche e la qualità della vita: è l’odissea di Alfredo Veraldi, ex camionista, di Catanzaro che ha scritto al Capo dello Stato e al Ministro della Salute per fare conoscere la propria condizione e chiedere un intervento che possa porre fine ad un lungo calvario. L’uomo, al quale nel 1994 venne diagnosticato un ascesso perianale, dopo numerosi interventi dovette subire, nel 2000, la deviazione dell’ano nella zona della pancia dove è stata collegata, tramite un tubo, una sacca che gli consente di svolLa patologia gereleproprieattività fisiologiche. non consente L’intervento, avrebbe dovuto esall’uomo di sere temporaneo ma «ad oggi svolgere lamenta Veraldi la situazione non alcun solonon sièrisollavoro tamahadeterminato, nel corso degli anni, un cambiamento radicale della mia vita». La patologia ha infatti causato all’uomo l’impossibilità a svolgere qualsiasi lavoro, comportando un totale dissesto finanziario; ha cambiato radicalmente i rapporti familiari e sociali, visto il continuo imbarazzo di convivere per non riuscire ad evitare le spiacevoli conseguenze che comporta l’ascesso: impossibilità di stare seduto per più di un minuto e fastidio continuo per perdite anali e di sangue che le garze sterili possono attutire solamente in piccolissima parte. A tutto questo si deve aggiungere una causa per il riconoscimento

Preparazione alle prove di ammissione di alcuni corsi di laurea di Monica Grasso

dell’invalidità che si trascina anch’essa da anni e che risulta tuttora non definita. Quello che Veraldi dice di non potere accettare è che "per motivazioni pseudodeontologiche nessun medico sia disposto a certificare l’errore medico. La speranza, adesso, è che le più alte istituzioni a cui mi sono rivolto, trovino il modo di consentire un aiuto economico che renda possi-

bile un ricovero in una delle poche cliniche specialistiche presenti in Italia».

Da un ascesso perianale a una situazione invalidante che si protrae da 16 anni con pesanti conseguenze sulla sua vita: è l’odissea di A. Veraldi

L’uomo, dopo numerosi interventi dovette subire, nel 2000, la deviazione dell’ano nella zona della pancia dove è stata collegata una sacca

Rosario Brescia

CATANZARO - Attività di orientamento promossa dalla facoltà di Medicina e Chirurgia per preparare alle prove di ammissione per i corsi di laurea in Medicina, Odontoiatria, Professioni Sanitarie Si svolgeranno oggie venerdì 23 luglio le simulazioni dei test di accesso ai corsi di laurea a numero programmato in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria, Professioni Sanitarie dell’Università Magna Graecia di Catanzaro. Le attività di orientamento si terranno presso l’Aula Magna A e l’Aula Magna B dell’Edificio delle Bioscienze del Campus universitario "Salvatore Venuta". Oggi, dalle ore 9 alle ore 13, è previsto il test simulato per i corsi di laurea specialistica in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria; venerdì 23 luglio, dalle ore 9 alle ore 13, è in programma la simulazione del test di ammissione ai corsi di laurea nelle Professioni Sanitarie. La partecipazione a tali corsi di orientamento è su base volontaria. Le domande per prendere parte ai concorsi di ammissione per Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria e per i corsi di laurea nelle Professioni Sanitarie scadranno il 17 agosto 2010: sul sito internet www.unicz.it le modalità di presentazione anche online delle domande di partecipazione. Le prove ufficiali si ter-

ranno rispettivamente il 2 settembre per il Corso di laurea in Medicina e Chirurgia (160 posti disponibili), il 3 settembre per il Corso di laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria (10 posti disponibili), giorno 8 settembre per i Corsi di laurea triennale nelle Professioni Sanitarie (515 posti disponibili). Per ulteriori informazioni è possibile chiamare il numero verde 800453444, contattare il Centro Orientamento d’Ateneo al numero di telefono 0961.3694993, oppure consultare la pagina web "Concorsi di ammissione 2010/2011" all’interno sezione "Didattica" della home page del sito istituzionale dell’Ateneo.


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 29

CRONACHE La giunta Scopelliti ha deciso di cedere alcune aree su cui sorgerà l’opera

La Regione cede gli spazi per completare il nuovo tribunale CATANZARO - «La "spada di Damocle" che pendeva sulla costruzione del II lotto del nuovo Palazzo di Giustizia di Catanzaro è stata eliminata dalla giunta regionale che, con una delibera adottata in coincidenza con la consegna dei lavori, ha deciso di cedere al Comune di Catanzaro alcune aree su cui sorgerà l’opera». Lo affermano gli assessori regionali al personale, Domenico Tallini, e all’urbanistica, Piero Aiello, «che hanno seguito - riporta un comunicato - personalmente il delicato iter della pratica che rischiava seriamente di bloccare la realizzazione dell’importante struttura giudiziaria». «La delibera adottata dalla giunta Scopelliti, su proposta dell’assessore al bilancio e patrimonio Giacomo Mancini - prosegue il comunicato - sdemanializza le aree e gli immobili di proprietà regionale (sono pertinenza del tracciato ferroviario delle Ferrovie della Calabria), li assegna al patrimonio disponibile della Regione e li cede, a titolo oneroso, al Comune di Catanzaro, soggetto attuatore del II lotto del Palazzo di giustizia. Come è noto, il Comune aveva espropriato alcune aree di pertinenza delle Ferrovie della Calabria, essendo necessarie alla realizzazione del nuovo corpo di fabbrica del II lotto del nuovo tribunale.

La delibera adottata sdemanializza le aree e gli immobili di proprietà regionale, li assegna al patrimonio disponibile della Regione e li cede, a titolo oneroso, al Comune di Catanzaro

La Regione aveva eccepito sulla legittimità degli atti, proponendo anche ricorso al Tar». «Il contenzioso - hanno sottolineato Tallini e Aiello - rischiava seriamente di compromettere il buon andamento dei lavori. Grazie alla sensibilità del presidente Scopelliti e dell’assessore al Bilancio Mancini, siamo riusciti ad individuare la soluzione migliore per salvaguardare l’avvio di un’opera molto attesa dall’amministrazione giudiziaria calabrese e dalla città di Catanzaro». Tallini e Aiello hanno sottolineato che,

«Il Comune aveva espropriato alcune aree di pertinenza delle Ferrovie della Calabria. La Regione aveva eccepito sulla legittimità degli atti, proponendo ricorso al Tar»

con la delibera adottata, il Comune di Catanzaro è autorizzato ad immettersi nella proprietà degli immobili per consentire l’inizio delle operazioni di cantierizzazione dell’opera. «Ancora una volta - hanno detto Tallini e Aiello - la giunta regionale presieduta da Giuseppe Scopelliti ha dimostrato tempistica e attenzione nei confronti della città di Catanzaro, confermando di agire nell’interesse della collettività, senza alcun pregiudizio nei confronti di un’amministrazione di diverso colore politico. L’ampliamento del palazzo di giustizia è considerato dalla Regione un’opera molto importante poiché servirà a dotare l’amministrazione giudiziaria di adeguati locali per lo svolgimento delle attività istituzionali».

Matteo Brescia

Gallippi (Mpa): «Imprecisioni sulle opere pubbliche» di Giuseppe Granato CATANZARO - «Chi detta i tempi delle opere pubbliche nel capoluogo? Intorno alla metà del mese di marzo erano state presentate con grande entusiasmo, tramite un accordo sottoscritto dal Comune di Catanzaro e la Regione, le tante modifiche strutturali e di servizi di cui avrebbe giovato il capoluogo nei mesi a venire, e con maggiore precisione le pratiche si sarebbero dovute concludere entro il trenta settembre corrente anno. Il tutto grazie ai fondi PISU», sostiene Carmine Gallippi, commissario provinciale dell’ Mpa . «Ora - prosegue Gallippi -, ben capendo cosa comporti il cambio di Giunta, a livello regionale, non bisogna tirarsi indietro dallo specificare alcune macroscopiche imprecisioni. Difatti, era stato specificato che alcune opere avrebbero visto la luce molto prima della scadenza su indicata. Dalla pubblicazione della nota stampa di tempo ne è passato, ma di certo la morsa di sonnolenza in cui vive la nostra città non ha allentato la presa, anzi, tutt’oggi nascono come funghi, in pieno centro urbano, lavori di scarsa bellezza e qualità. Nel comunicato si faceva riferimento in maniera esemplare al modo in cui questa amministrazione stesse affrontando il problema dei posteggi, sottolineando che mai prima erano stati fatti passi simili nella relativa progettazione. Si parlava con particolare attenzione del parcheggio di Bellavista dove, a dire dell’Assessore Talarico, erano ripresi da pochi giorni i lavori di completamento insieme al famoso ascensore, opera tanto criticata quale eco-mostro che impediva la veduta sul Golfo di Squillace».


30

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

CRONACHE L’operazione nell’Alto Ionio è guidata dalla Guardia di finanza e dai Carabinieri

Arrestati 67 presunti affiliati a un clan della ’ndrangheta COSENZA - Un’operazione della Guardia di finanza e dei Carabinieri è scattata nell’alto Ionio Cosentino, per l’arresto di 67 presunti affiliati a uno dei clan della ’ndrangheta piu’ pericolosi, il "locale" di Corigliano. L’operazione, denominata "Santa Tecla", è stata condotta dai finanzieri del Gico di Catanzaro e dello Scico di Roma e dai Carabinieri del Comando provinciale di Cosenza. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, usura, traffico di sostanze stupefacenti. Gli arresti vengono eseguiti, oltre che nel cosentino, nelle province di Roma, Reggio Calabria, Foggia, Bologna, Brescia e Milano. L’operazione, coordinata dal procuratore di Catanzaro Vincenzo Antonio Lombardo e dal pm della Dda catanzarese, Vincenzo Luberto, secondo gli investigatori, è una delle più importanti fatte nel

cosentino per numero di arresti, spessore criminale e per il coinvolgimento di una dozzina di imprenditori. Beni per 250 milioni di euro sono stati sequestrati nel corso dell’operazione "Santa Tecla" condotta stamani da guardia di finanza e carabinieri nell’alto Ionio Cosentino. Le indagini condotte dai finanzieri dello Scico di Roma e del Gico di Catanzaro, hanno ricostruito il capitale accumulato dai principali indagati, costituito, prevalentemente, da beni immobili, attività commerciali e quote societarie intestate direttamente o tramite prestanome. Tra i beni sequestrati figurano 48 società di capitale o di persone ed imprese individuale operanti principalmente nel set-

tore dell’edilizia, degli appalti e nella distribuzione di prodotti di cartoplastica, 69 tra appartamenti e ville, 68 terreni, 55 veicoli e numerosi rapporti bancari e polizze vita. Ci sono anche Mario e Franco Straface,

L’operazione è coordinata dal procuratore di Catanzaro Vincenzo Antonio Lombardo e dal pm della Dda catanzarese, Vincenzo Luberto

Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, usura, traffico di sostanze stupefacenti. Gli arresti sono stati eseguiti, oltre che nel Cosentino, nelle province di Roma, Rc, Foggia, Bologna, Brescia e Milano

imprenditori, fratelli del sindaco di Corigliano, Pasqualina, tra le persone arrestate nell’operazione condotta nel cosentino da Guardia di finanza e Carabinieri. I due imprenditori, indicati dai collaboratori di giustizia come storicamente legati alla cosca di Corigliano, sono accusati per un’estorsione compiuta nell’ambito della realizzazione di un villaggio turistico in localita Thurio. In particolare, secondo l’accusa, il titolare della società che stava realizzando la struttura, è stato costretto da Maurizio Barilari, ritenuto il capo della cosca di Corigliano, ad affidare un appalto milionario, prima per la sola fornitura del cemento e poi per tutta l’opera, alla Straface Srl di Mario e Franco. I due imprenditori hanno poi scelto le imprese subappaltatrici che hanno fatturato alla ditta Straface importi non dovuti grazie ai quali sono stati creati fondi neri girati poi alla cosca. Secondo l’accusa, i fratelli Straface, con l’appoggio dei vertici della cosca, hanno imposto all’imprenditore condizioni economiche tali da determinare un aggravio di spesa superiore al 20% dell’importo dei lavori. Pasqualina Straface, del Pdl, è sindaco di Corigliano dallo scorso anno.

Daniela Belgrado

L’indagine dei finanzieri di Catanzaro e di Roma è iniziata su un giro di droga tra Calabria e Lombardia

Traffico di droga ed estorsioni, il business della cosca di Corigliano COSENZA - Traffico di droga con il Nord Italia ed estorsioni: erano questi i principali settori in cui operavano gli affiliati alla cosca di Corigliano sgominata ieri mattina da un’operazione della Guardia di finanza e dei Carabinieri, grazie anche alla collaborazione di alcuni pentiti usciti dall’organizzazione. L’inchiesta, coordinata dalla Dda di Catanzaro, ha permesso di aggiornare la composizione e gli equilibri interni al clan, di ricostruire una lunga serie di reati, fra cui numerosi episodi estorsivi, e di risalire a persone, tutte incensurate, che si prestavano a farsi intestare fittiziamente beni ed attività economiche acquisite con il reimpiego di denaro accumulato illecitamente. L’indagine dei finanzieri del Gico di Catanzaro e dello Scico di Roma è iniziata su un giro di droga tra la Calabria e la Lombardia.

A Milano, in particolare, i componenti dell’organizzazione si davano appuntamento in locali pubblici di via Santa Tecla (da qui il nome dell’operazione), situata nel centro del capoluogo lombardo, per concludere accordi e definire strategie sulla gestione del traffico di droga che veniva gestito dal "locale" di Corigliano. Le indagini, iniziate nel 2007 e portate avanti con intercettazioni telefoniche ed ambientali, hanno permesso di riscontrare le dichiarazioni dei pentiti, tra i quali figurano Carmine Alfano, cognato e collaboratore di fiducia sino al 2006 di Maurizio Barilari, ritenuto il capo della cosca; Vincenzo Curato; Giorgio Basile; Giovanni Cimino; Antonio Cimino; Giampiero Converso e Tommaso Russo. A capo del "locale", secondo quanto emerso dalle indagini, c’era Antonio

Bruno, detto "giravite", ucciso il 10 giugno 2009. Durante il suo ultimo periodo di detenzione, le redini dell’organizzazione erano state date, anche su volere della cosca degli zingari di Cassano, ed in particolare del capo Franco Abbruzzese, detto "dentuzzu", a Maurizio Barilari, arrestato il 16 luglio del 2009 dal Ros dei carabinieri. Barilari avrebbe fatto da tramite tra la cosca di Corigliano e gli zingari di Cassano. Un altro ruolo di rilievo era occupato da Pietro Salvatore Mollo, di 41 anni, che insieme al cognato Alfonso Sandro Marrazzo (41), avrebbe avuto un ruolo di assoluto rilievo nel traffico di droga e in diverse attività estorsive e usurarie. Dalle dichiarazioni dei pentiti e dalle indagini è emerso che Mollo, insieme a Marrazzo, aveva costituito una propria

rete di smercio di stupefacenti su Corigliano, parallela alla rete di distribuzione "ufficiale" del clan, grazie anche agli appoggi di cui godeva da parte di esponenti di vertice della cosca Farao-Marincola di Cirò. Una situazione che aveva generato forti contrasti interni con i vertici del "locale" di Corigliano. Sgominata, dunque, la cosca di Corigliano grazie all’operazione della Guardia di finanza e dei Carabinieri e grazie anche alla collaborazione di alcuni pentiti usciti dall’organizzazione.

Francesco Giusto


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 31

CRONACHE

Pubblicità autorizzate nei palazzi dell’Aterp COSENZA - A breve le pareti dei palazzi di proprietà dell’Aterp di Cosenza ospiteranno affissioni pubblicitarie autorizzate. L’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica di Cosenza sta procedendo infatti all’espletamento della gara d’appalto per l’affidamento, ad una concessionaria pubblicitaria, delle pareti cieche degli edifici e della cartellonistica situata su aree di proprietà dell’Aterp stessa. Dopo Cosenza città, appaltata nei mesi scorsi, tocca ora alla fascia jonica della provincia di Cosenza, in particolare Corigliano e Rossano, che a breve ospiteranno elementi di arredo urbano e di affissioni su superfici insistenti Dopo Cosen- einspazi aderenza di immobili di proza, tocca prietà dell’Ente. ora alle «Consideriamo l’appalto per l’afcittà di fidamento degli spazipubblicitari Corigliano ad un’agenzia e di Rossano preposta, in maniera molto positiva - ha commentato Giuseppe Marchese, direttore generale dell’Aterp di Cosenza - soprattutto per evitare, come sta accadendo negli ultimi anni, che si utilizzino abusivamente pareti e spazi appartenenti all’Aterp,senzarispettarelenorme di sicurezza consone alla pubblica incolumità». «Si comunica infine - silegge in una nota - che a breve sarà pubblicato un nuovo avviso riguardante gli spazi, destinati all’affissione pubblicitaria,ricadentideicomuni di Montalto Uffugo, Luzzi, Rose e Bisignano».

Peperoncino Jazz Festival, prosegue la nona edizione di Rosa Castelli

Rossano

L’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica sta procedendo all’espletamento della gara d’appalto per l’affidamento di alcune pareti

CM

Giuseppe Marchese: «Consideriamo l’appalto per l’affidamento degli spazi pubblicitari ad un’agenzia preposta, in maniera molto positiva»

COSENZA - Prosegue a gonfie vele la nona edizione del Peperoncino Jazz Festival 2010, evento organizzato dall’Associazione culturale Picanto con il contributo della Regione Calabria - Fondi Europei Por Xalabria FESR 2007/2013 Asse V Linea di intervento 5.2.3.1. - della Provincia di Cosenza, degli Enti Parco Nazionale del Pollino e Parco Nazionale della Sila, di numerose amministrazioni comunali e con il patrocinio di C.C.I.A.A. e Confindustria di Cosenza, AGIS e ANEC Calabria, che da venerdì scorso al 25 agosto prossimo coinvolgerà nel suo circuito turistico e culturale, oltre alla lucana Rotonda e alla Sila catanzarese, ben 24 località del territorio provinciale. Dopo il concerto-evento del trio Gomez/Kikoski/Gatto nel magnifico chiostro dei Domenicni di Altomonte, altro graiditissimo appuntamento si è tenuto ieri sera in uno degli scorci più suggestivi del centro storico di Belvedere Marittimo: Piazzetta degli Artisti. Protagonista della serata è stato il famoso compositore, direttore d’orchestra, contrabbassista e violoncellista Paolo Damiani. Diplomato in contrabbasso e musica jazz, dal 1999 al 2002 è stato direttore artistico e musicale dell’ONJ - Orchestra Nazionale Francese di Jazz - e attualmente dirige la sezione jazz del Conservatorio Santa Cecilia di Roma.

Maroni: «Duro colpo alla più potente delle organizzazioni criminali» COSENZA - «Grazie al lavoro incessante delle Forze dell’ordine e della magistratura, solo pochi giorni dopo un’altra straordinaria operazione che ha colpito al cuore la ’ndrangheta, con l’arresto di oltre 300 persone, oggi viene inferto un altro durissimo colpo alla più potente delle organizzazioni criminali». Così il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, ha commentato l’operazione che ha portato all’arresto di 67 affiliati e al sequestro di beni per un valore complessivo di 250 milioni di euro. Il ministro si è congratulato con il comandante generale della Guardia di Finanza, Nino Di Paolo e con il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, Leonardo Gallitelli. DT

Oltre a curare da alcuni anni la direzione artistica di uno dei festival più importanti d’Italia (Roccella Jazz), ha collaborato con i migliori jazzisti italiani e con alcuni dei più prestigiosi musicisti del mondo, tra i quali: P. Metheny, K. Wheeler, A. Braxton, C. Taylor, M. Vitous e J. Surman. In occasione del Peperoncino Jazz Festival si è esibito in un "Violoncello Solo" avendo al suo fianco, come special guest, Rosa Martirano (T. Thielemans, C. Baglioni, Neri Per Caso, G. Harrison, K. Potter), talentuosa cantante calabrese (belvederese per la precisione) definita, alcuni anni fa, "la nuova voce del jazz italiano". All’insegna sicuramente del divertimento e della vivacità questa nona edizione del Peperoncino Jazz Festival 2010.


32

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

CRONACHE

Presentata l’opera di Sandro Provvisionato e Ferdinando Imposimato

“Doveva morire”, la verità sul caso Moro in un libro di Marika Sole REGGIO CALABRIA - Caso Moro tra omissioni, depistaggi, bugie. Alla seconda battuta, "Tabularasa", il primo contest di editoria, di inchiesta e di denuncia continua il suo cammino alla scoperta di verità nascoste, scomode, inquietanti. Ecco, allora, che si ritorna dopo 30 anni sul caso Moro scoprendo inediti scenari e raccontando la storia dei 55 giorni che vanno dalla strage di via Fani alla morte del presidente democristiano. A farlo sono il giornalista Sandro Provvisionato autore insieme al magistrato Ferdinando Imposimato del libro"Doveva morire" (edizione Chiarelettere). All’incontro insieme ai tanti giovani, politici, stuAll’incontro insieme ai denti, esponenti delle tanti giovani ed espoForze dell’ordine, non ha nenti delle forze dell’or- volutoperderel’appuntamento il padre di Chiaredine, non ha voluto per- lettere Lorenzo Fazio. Dall’unione proprio di dere l’appuntamento il un magistrato e un giordopo 30 anni si padre di “Chiarelettere” nalista torna a parlare del caso Moro che "poteva essere salvato, ma nelle stanze del potere qualcuno tramò invece perché venisse ucciso", postilla Provvisionato intervistato, insieme a Giusva Branca e Raffaele Mortelliti, dal professore Fabio Cuzzola. «Girando l’Italia - dice Provvisionato - ho notato che nessuno ha dimenticato quella data, nessuno ha dimenticato quel fatto, la memoria è viva. Io ero un giovane cronista

lavoravo all’Ansa e in quel giorno la mia testata era in sciopero. Fummo richiamati e andammo in via Fani. Ricordo uno straordinario caos, non c’erano allora i Ris e quella scena venne ampiamente inquinata. Furono 55 giorni di tensione e subito mi accorsi che qualcosa non andava: la macchina informativa cominciò a sussultare e ad avere degli affanni sul versante politico. Ma chi ha ucciso Aldo Moro? Il grilletto - risponde Provvisionato - é stato premuto da più mani, le mani delle Brigate Rosse». Ma «le Br che per tanti anni ci hanno fatto paura con il sequestro Moro hanno cambiato forma - sostiene Provvisionato - Dopo la morte dello statista si capì che non erano imbattibili ma un’estremizzazione che c’era nella società. In quei 55 giorni successero cose stranissime, il caso Moro è un grande mosaico di cui noi conosciamo solo la cornice e al-

cuni sprazzi e, anche se abbiamo molto da capire, questo affresco si sta completando. Moro finisce al centro di una convergenza di interesse: doveva morire perché sin dall’inizio della sua attività dava fastidio. Provvisionato: E per la sua politica diventa una vittima nel «Poteva essere salmomento in cui viene sevato, ma nelle stanze questrato». Provvisionato ricostruidel potere qualcuno sce passo dopo passo ordini di cattura bloccati, i tramò invece collegamenti provati con la Raf, il ruolo di Cossiga, perché venisse ucciso» i verbali del Comitato di crisi nascosti per lungo tempo. «Moro era un cattolico liberale e capisce di essere finito in un gioco spaventoso - aggiunge ancora - comprende che da quel gioco non uscirà vivo e cerca lui stesso di fare la trattativa con le Brigate rosse che avevano in mente il processo alla democrazia cristiana. L’esito lo sappiamo».

Sopralluogo della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori in campo sanitario al policlinico REGGIO CALABRIA - «La Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari regionali, riscontrando la segnalazione dell’on. Francesco Nucara, componente della Commissione, sulle varie criticità concernenti il funzionamento del Policlinico di Reggio Calabria, ha convenuto di effettuarvi un sopralluogo». Lo rende noto il presidente della Commissione d’inchiesta, Leoluca

Orlando. «L’iniziativa - è detto in un comunicato s’inserisce nel più ampio filone d’inchiesta relativo alla gestione della sanità in Calabria. Il sopralluogo, al quale prenderanno parte i rappresentanti dei Gruppi presenti in Commissione, oltre che l’on. Nucara e lo stesso presidente Orlando, avrà luogo nella prima giornata utile dopo la sospensione dei lavori parlamentari».

Nucera: «Vile intimidazione contro il procuratore della Repubblica di Palmi»

Un'immagine di Palmi

REGGIO CALABRIA - «Il vile atto di intimidazione contro il Procuratore della Repubblica di Palmi, dott. Giuseppe Creazzo, è un ulteriore allarme del livello di pericolosità raggiunto dalle forze del crimine organizzato e mafioso».E’ quanto afferma in una dichiarazione il segretario-questore del Consiglio regionale, Giovanni Nucera. «Il dott. Giuseppe Creazzo, magistrato di straordinaria esperienza professionale e di particolare sensibilità umana, con l’intero Ufficio di Procura di Palmi, è impegnato in un duro lavoro di coordinamento investigativo per contrastare la delinquenza comune e mafiosa in un’area particolarmente delicata come la Piana di Gioia Tauro. I numerosi successi investigativi conseguiti dalla Procura della Repubblica di Palmi – sottolinea Giovanni Nuce-

ra - hanno evidentemente lasciato il segno in chi crede che la strada dell’illegalità e della violenza criminale sia l’unico percorso per ottenere facili e rapidi guadagni. Al Procuratore Creazzo, di cui è superfluo ribadire il valore professionale, vogliamo testimoniare la nostra convinta solidarietà e vicinanza in un momento in cui le spinte criminali si intrecciano con i motivi di una crisi economica e sociale che colpisce significativamente la nostra terra, come peraltro testimoniano gli ultimi dati Svimez. In questo quadro – conclude Nucera - le forze migliori della Calabria, a partire dalle istituzioni pubbliche, devono impegnarsi con maggiore determinazione per impedire che la questione criminale si saldi con le difficoltà economiche».


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 33

CRONACHE Blitz delle Fiamme gialle della compagnia di Palmi all’interno di un bar

Sequestro di dispositivi illegali Denunciato uno dei responsabili REGGIO CALABRIA - Nell’ambito dei quotidiani servizi di controllo economico del territorio, le Fiamme Gialle della Compagnia di Palmi hanno effettuato un blitz all’interno di un bar della città, scovando 5 apparecchi perfettamente funzionanti ma detenuti e posti in esercizio in maniera illegale in ragione sia di incongruenze riscontrate nei titoli autorizzativi previsti dalla vigente normativa di settore (nulla osta alla distribuzione ed immissione in esercizio ex art. 38 della L. 388/2000) che di una fittizia connessione alla rete telematica istituita dai Monopoli di Stato per l’assolvimento agli obblighi fiscali sulle giocate, simulata, di contro, attraverso modem collegati alla normale linea elettrica. Le proficua attività ispettiva che si aggiunge a pregresse operazioni della specie, si concludeva con il sequestro dei dispositivi illegali unitamente e di due modem, ai sensi dell’art. 354 c.p.p. e la segnalazione alla

locale A.G. del titolare dell’esercizio commerciale per violazione degli artt. 110 del T.U.L.P.S., 640 2°, in capo al quale, veniva altresì accertato il mancato versamento del c.d. "PREU" (Prelievo Erariale Unico) attinente alle somme giocate e registrate su appositi contatori degli apparecchi di gioco. Ciò a testimonianza, ancora una volta, delcostantepresidioeconomicoesercitato dal Corpo a tutela del sano e regolare

andamento dell’economia in un fenomeno ad elevata espansione e di forte impatto sociale, nonché al centro, sovente, degli illeciti interessi economici facenti capo alle locali consorterie criminali.

«Costante è il presidio economico esercitato dal Corpo a tutela del sano e regolare andamento dell’economia in un fenomeno a elevata espansione e di forte impatto sociale, nonché al centro, sovente, di illeciti interessi economici»

«Le proficua attività ispettiva della Guardia di finanza della compagnia di Palmi, che si aggiunge a pregresse operazioni della specie, si è conclusa con il sequestro degli apparecchi elettronici fatti funzionare in modo illegale e di due modem»

L’ambasciatore italiano in Argentina Guido Walter La Tella in visita ieri alla Povincia

Marco Besso

REGGIO CALABRIA - Il presidente della Provincia, Giuseppe Morabito, ha ricevuto ieri l’ambasciatore italiano in Argentina, Guido Walter La Tella. L’incontro con il diplomatico reggino si è svolto all’insegna della cordialità, quale preludio per futuri accordi istituzionali volti alla reciproca collaborazione tra la comunità calabrese e quella argentina. «Gli studi mi hanno portato lontano da Reggio Calabria - ha dichiarato l’ambasciatore - ma non ho mai abbandonato l’identità calabrese. In Argentina la Calabria è molto presente e per questo motivo sono convinto che, attraverso il coinvolgimento di più istituzioni, sia possibile avviare delle proficue collaborazioni.

È necessario individuare i settori più appropriati - ha poi concluso il diplomatico - penso alla valorizzazione dei prodotti tipici e alle loro tradizionali tecniche di lavorazione, come l’olio, e al turismo, magari intercettando l’interesse di quanti, in Argentina, sono pronti a riscoprire i luoghi d’origine delle proprie famiglie». Il Presidente Morabito, dopo aver fatto propria l’idea dell’ambasciatore di "...promuovere un nucleo istituzionale che spinga all’internazionalizzazione delle imprese locali", ha illustrato le iniziative poste in essere dalla Provincia, ricordano l’impegno già profuso in Inghilterra, nell’Europa dell’Est e in Giappone per sostenere le aziende pronte

«Soddisfazione per il sistema di mobilità urbana» di Gennaro Ventola REGGO CALABRIA - «Il coordinamento di Grande Città esprime soddisfazione ed apprezzamento a seguito della positiva notizia, proveniente dalla Giunta Regionale, relativa al finanziamento di 115 milioni di euro in favore del sistema di mobilità urbana della Città di Reggio Calabria, stigmatizzando l’oscuro operato della precedente amministrazione Loiero», si legge in una nota stampa. «A poche settimane - prosegue la nota - dall’insediamento, il Governatore Scopelliti, assieme alla sua Giunta e in particolare all’Assessore Mancini, ha riavviato l’iter tecnico-amministrativo affinché queste ingenti risorse finanziarie fossero effettivamente destinate alla nostra città. E’ innegabile, da come risulta dai documenti e dagli atti, che la precedente Giunta Regionale aveva dapprima coinvolto il Comune di Reggio Calabria con colpevole ritardo rispetto agli altri capoluoghi calabresi e poi, in prossimità della scadenza elettorale della scorsa primavera, scientemente bloccato l’iter con speciose motivazioni che avevano il solo evidente scopo di boicottare l’allora Sindaco Scopelliti. Fortunatamente tal guisa di agire appartiene al passato e fin da subito la collettività può constatare come il nuovo corso voluto da Scopelliti cominci a produrre risultati positivi per Reggio».

ad investire in mercati stranieri. «Sono state iniziative che hanno riscosso notevole successo - ha dichiaro Morabito - e siamo pronti a riproporle in Argentina. La Provincia ha investito tanto in turismo ambientale, religioso, culturale ed enogastronomico. In questo particolare momento di crisi economica, riteniamo il turismo un’opportunità che questa nostra terra non può permettersi di sprecare».

Manlio Ottone


34

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

CRONACHE Il direttore del Museo archeologico, Domenico Marino, ha illustrato la novità

“La domus delle sorprese” scoperta in via Discesa Fosso di Antonio Larosa CROTONE - "La domus delle sorprese". L’ha definita così il direttore del Museo Archeologico di Crotone Domenico Marino riferendosi alla straordinaria scoperta emersa nel corso dell’indagine archeologica svolta dalla sovrintendenza di concerto con il Comune di Crotone in Discesa Fosso. Indagine che è stata presentata nel corso di una conferenza stampa tenutasi nei giorni scorsi nella sala consiliare del Comune di Crotone alla quale hanno partecipato il Sindaco Peppino Vallone, l’assessore ai lavori pubblici Domenico Mellace, la soprintendente ai beni archeologici della Calabria Simonetta Bonomi e Domenico Marino al quale è toccato illustrare, con l’ausilio di immagini, i risultati dell’indagine effettuate in occasione delle riqualificazione della Discesa Fosso. «Sorprende innanzitutto - ha detto Marino - il fatto che per la prima volta siamo di fronte ad un edificio monumentale dell’età romana nel centro cittadino. A questo aggiungiamo che la Domus è dotata di impianto termale, che rende particolarmente pregevole la scoperta, e che accanto ai ritrovamenti di mosaici e dell’originaria pavimentazione abbiamo rilevato anche un particolare porticato in buono stato di conserva-

zione». La soprintendente Bonomi ha rilevato che Crotone vive sopra se stessa, sopra la sua storia millenaria e riferendosi al disagio che si può registrare in occasione dei lavori ha sottolineato che «imprese di questo tipo debbono essere considerate una risorsa e non un peso». La Bonomi riconoscendo all’amministrazione comunale di aver avviato passi concreti verso la valorizzazione del patrimonio archeologico ha dichiarato che la scoperta della domus in Discesa Fosso «apre uno scenario importante anche sulla vicina Piazza Giunti che potrà esse-

re un innovativo esperimento per la valorizzazione di preesistenze archeologiche». Il sindaco Vallone ha dichiarato che il ritrovamento «per la sua straordinarietà è una risorsa per la città e che si sta lavorando, insieme alla soprintendenza per la sua futura fruibilità».L’assessore Mellace nel ricordare che la campagna di scavi è stata sostenuta finanziariamente dal Comune di Crotone proprio in ragione della straordinarietà del ritrovamento ha comunicato che riprenderanno i lavori per la riqualificazione del percorso di Via Discesa Fosso.

Marino: «Sorprende, innanzitutto, il fatto che per la prima volta siamo di fronte a un edificio monumentale dell’età romana nel centro cittadino»

Il sindaco Vallone: «Per la sua straordinarietà è una risorsa per Crotone. Si sta lavorando, insieme alla soprintendenza, per la sua futura fruibilità»

La soprintendente Bonomi : «Imprese di questo tipo debbono essere considerate una risorsa e non certamente un peso per nessuna città»

Consegnati i primi attestati di partecipazione al corso di orientamento civico

Via al rinnovo della fontana di Piazza Gandhi

CROTONE - Sono stati consegnati ieri i primi attestati di partecipazione al corso di orientamento civico, svoltosi al Centro di accoglienza per richiedenti asilo di S.Anna. Un’iniziativa rientrante nell’ambito del progetto "Mare Nostrum", finanziato dalla Commissione Europea e implementato dalla partnership tra Ministero dell’Interno - Dipartimento Libertà civili e immigrazione, Oim (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni), Inmp (Istituto Nazionale promozione salute migranti e contrasto malattie della povertà) e Ministero della Giu-

stizia e Affari Interni di Malta. Sono stati ventinove, gli ospiti che hanno preso parte alla prima edizione del corso di orientamento civico, i quali non solo hanno potuto apprendere nozioni di fondamentale importanza sulla cultura italiana, ma hanno anche potuto elaborare, con il supporto delle operatrici dell’Oim, un proprio profilo tecnico - professionale per l’avvio di un reale processo integrativo socio- lavorativo. Il progetto transazionale intende fornire, infatti, supporto alle persone bisognose di protezione internazionale attraverso la messa in atto di procedure e l’avvio di pratiche comuni in Italia e a Malta nel campo dell’informazione ed assistenza legale, l’orientamento professionale e culturale nonché il counselling e

di Giacomo Soluri CROTONE - Operai già al lavoro per rifare il look alla fontana di Piazza Gandhi. E non si tratta di un imbellettamento superficiale ma una vera e propria opera di ristrutturazione che l’amministrazione comunale ha finanziato con una spesa di oltre 20.000 euro. «Le condizioni della fontana - dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici - erano disastrose a causa dei frequenti atti di vandalismo alla quale era soggetta. Si tratta però di una struttura che accoglie quanti entrano dal cavalcavia sud della città e abbiamo ritenuto di intervenire per restituirle dignità».L’intervento consiste nella sostituzione delle pompe, il rifacimento della impermeabilizzazione, degli impianti elettrici, dell’impianto luci.Sarà ripristinata anche la centralina che regola i getti d’acqua rispetto alla presenza del vento.Non mancheranno le bandiere con i colori nazionali e della città.L’assessorato ai Lavori Pubblici, come ritrovata consuetudine nell’ottica di una completa informazione alla cittadinanza, fornisce anche i tempi di realizzazione dell’intervento di riqualificazione. «Entro quindici giorni l’acqua tornerà a zampillare nella fontana - dichiara l’Assessore Mellace.L’intervento del Comune non è limitato solo alla struttura di Piazza Gandhi. L’intera zona dal cavalcavia sud, il Viale Gandhi e la piazza dove è ubicata la fontana è monitorata. Una particolare attenzione sarà dedicata alla pulizia e alla manutenzione perché i cittadini hanno diritto di avere un ingresso della città degno di questo nome».

l’assistenza medica. Importante il sostegno della Prefettura di Crotone che ha accolto con favore l’avvio delle attività promosse dal progetto e la collaborazione dell’ente gestore, la Misericordia di Isola di Capo Rizzuto, che ha fornito supporto tecnicologistico.


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 35

CRONACHE

Nell’inchiesta è indagato un cittadino extracomunitario

Sequestrati reperti archeologici di presunta provenienza illecita VIBO VALENTIA - Migliaia di reperti archeologici di presunta provenienza illecita, commercializzati attraverso il sito E-Bay, sono stati sequestrati dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico di Cosenza nell’ambito di un’inchiesta diretta dal Procuratore della Repubblica di Vibo Valentia, Mario Spagnuolo, e dal sostituto Santi Cutroneo. Nell’inchiesta è indagato un cittadino extracomunitario residente a Vibo Valentia accusato di avere gestito numerose transazioni per la vendita dei reperti. Il sequestro dei reperti, tra cui 1.250 monete in argento e bronzo di epoca mano-greca, romana e bizantina ed altri 86 oggetti tra fibule, anelli, bottoni, pesi da telaio e monili in ceramica, considerati dagli investigatoridigrandeimportanzastorico-scientifica, è avvenuto ad Isca sullo Jonio (Catanzaro). Molti dei reperti oggetto del traffico illecito provengono da siti archeologici della provincia di Vibo Valentia e sono stati recuperati, secondo quanto riferito dagli investigatori, nel corso di un’attività di ricerca illecita. Le indagini proseguono con la collaborazione dei

Al termine degli accertamenti, i reperti saranno messi a disposizione della Soprintendenza archeologica della Calabria per consentire la loro esposizione al pubblico

Fra gli oggetti sequestrati: 1.250 monete in argento e bronzo di epoca mano-greca, romana e bizantina e altri 86 reperti

carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia per accertare se nel traffico illecito siano coinvolte altre persone oltre al cittadino extracomunitario già indagato, nei confronti del quale s’ipotizzano i reati di ricettazione ed impossessamento illecito di beni archeologici. Al termine degli accertamenti i reperti saranno messi a disposizione della Soprintendenza archeologica della Calabria per consentire la loro esposizione al pubblico.

Mario Gentile

Il 33enne Pietro Amerato ferito da un colpo di pistola alla gamba mentre passeggiava in via Fermi VIBO VALENTIA - Un uomo di 33 anni, Pietro Amerato, è stato ferito la notte scorsa da un colpo di pistola alla gamba a Vibo Valentia. L’uomo ha raccontato alla polizia che stava passeggiando in via Fermi, nel centro della città, quando ha visto alcune persone che litigavano. Mentre si avvicinava è stato raggiunto, accidentalmente, da un proiettile alla gamba. Portato in ospedale è stato giudicato guaribile in

una ventina di giorni. Sulla vicenda sta indagando la squadra mobile di Vibo Valentia che sta cercando di verificare la veridicità del racconto dell’uomo.

Arena: «Lo sviluppo industriale della nostra provincia vive una stagione di stallo» VIBO VALENTIA - «Lo sviluppo industriale della nostra provincia vive da tempo una stagione di stallo, solo in parte dovuta alla terribile congiuntura internazionale, molto più realisticamente prodotta invece dalle gravi carenze, strutturali, sedimentate e stratificate nel tempo. Una “situazione di fatto” - evidenzia il presidente Arena a margine di una seduta del Consiglio Direttivo di Confindustria Vibo Valentia - che trova le sue origini nella pluriennale mancanza di una efficace programmazione di politiche industriali, mancanza invero addebitabile a tutte le componenti che a vario titolo dovrebbero contribuire a rendere un territorio maggiormente attrattivo». «Piani Strutturali Comunali non presenti - si legge in una nota -, assenza di intese istituzionali, malanni della politica asfittica e debolezze umane,

completano il quadro e rendono decisamente poco praticabile per gli investitori privati, l’azzardo imprenditoriale. Siano essi capitani d’impresa, artigiani o commercianti - sostengono i Consiglieri - lo scenario non cambia molto. Tutti si trovano di fronte gli stessi freni: ridotta mobilità, nessuna interconnessione delle aree, assenza di centri servizi, insufficiente infrastrutturazione e dotazioni di base, anarchia normativa.Comunicato stampaTutto ciò in aree dove la filiera socioeconomica è purtroppo ancora troppo debole e poco strutturata, impossibilitata a generare forti e condivise “visioni” collettive. Mancate visioni e sinergie che producono un doppio danno, favorendo da un canto l’inerzia che logora chi c’è, chi già esiste, chi già lavora, dall’altro il nanismo economico che riduce le possibilità di crescita».

r.c.


36

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA Da venerdì 23 fino a domenica 25 luglio nel cortile del palazzo dei Principi si esibiscono diversi artisti per una manifestazione culturale all’insegna di una pluralità di linguaggi tra musica e teatro

Con la rassegna Incroci Mediterranei a Scalea tre serate di esibizioni e concerti Zoe Bellini «Abbiamo messo a punto un programma interessante, siamo riusciti a portare a termine una serie di iniziative insieme alla associazioni che hanno confermato il loro impegno. Molto spazio a manifestazioni di qualità come Incroci Mediterranei». Sono le parole dell’assessore al Turismo Giuseppe Forestieri a introdurre la rassegna Incroci Mediterranei, in programma dal 23 al 25 luglio, nel cortile del palazzo dei Principi di Scalea. Incroci Mediterranei è uno sguardo obliquo su una pluralità di linguaggi, stili, generi e concezioni estetiche che si snodano sul filo della mediterraneità, spaziando tra musica, teatro, performance e poesia. Ospiti musicali di questa edizione: Canio Loguercio, Rocco De Rosa con il suo gruppo, Maria Pia De Vito e Michele Rabbia, sicuramente fra i più interessanti artisti del panorama musicale e performativo contemporaneo. La serata inaugurale di venerdì 23 luglio è affidata a Canio Loguercio con Canzoni sussurrate: un concerto, una performance, uno spettacolo teatrale con canzoni d’amore anche in napoletano. Un amore che si mangia è stato definito dalla critica quello raccontato da Canio Loguercio in questo spettacolo che è al tempo stesso antico e sperimentale, non facilmente collocabile, come l’artista che lo ha creato. Sabato 24 luglio sul palco lo spettacolo dal titolo Trammari. Lavoro del pianista e composito-

Rocco De Rosa (foto Emanuele Usai)

Ospiti musicali di questa edizione Canio Loguercio Rocco De Rosa Maria Pia De Vito e Michele Rabbia Maria Pia De Vito (foto Paolo Soriani)

re Rocco De Rosa pubblicato nel 2006, Trammari caratterizza la sua musica con ritmi e melodie tipicamente meridionali con accenti però marcatamente moderni e attuali. Il mare è l’elemento centrale e dal mare arrivano le suggestioni più diverse. Occasione di meditazione, proposta di cammino con lentezza, il pianoforte di Rocco De Rosa fa da guida agli strumenti che si rincorrono sul palco. A Maria Pia De Vito e Michele Rabbia, insieme con il live mixing di Davide Abruzzese, è affidata la serata conclusiva del 25 luglio. Voce e percusssioni per un duo attento ed elaborato nelle composizioni come nelle esecuzioni. Maria Pia De Vito è un’artista estremamente fisica che comunica energia e vitalità, mantenendo sempre classe ed eleganza non consueti. Con Michele Rabbia è autrice di

molti dei brani del concerto. Le percussioni di questo musicista creano da sole l’effetto di un’intera orchestra grazie alla sua personalissima abilità nel suscitare nuove e imprevedibili sonorità. Le serate sono ad ingresso libero.

Sabato 24 luglio lo spettacolo Trammari lavoro del pianista e compositore Rocco De Rosa pubblicato nel 2006

Tradurre con il colore, Ghigliano e l’Antologia di Spoon River Valentina Cavera

Solange di Cinzia Ghigliano

Pittura, letteratura, fumetto: questi sono gli ingredienti che combinandosi insieme offrono al pubblico della Nemo art gallery di Milano fino al 31 luglio, una visione unitaria della profonda ricerca artistica spinta da Cinzia Ghigliano . Due tappe per illustrare slanci poetici e di fantasia convertiti in immagine: "Solange" e Tradurre con il colore. Quest’ultima nasce dopo la lettura dell’antologia poetica di Edgar Lee Masters, intitolata "Spoon River" (1914-1915), testo che narra, in forma di epitaffi, la vita di personaggi sepolti in un piccolo cimitero americano. Una distesa di parole che con timida dolcezza racconta le esperienze di persone realmente esistite, un testo che racconta di libera espressività, uno scritto aborrito in Europa, poiché tradotto da Fernanda Pivano proprio durante l’epoca fascista. Un libro da ricordare, che con la forza delle suggestive figure rappresentate dalla Ghigliano, recupera la carnalità, la corporeità dalla quale è nato.

Nella seconda tappa in mostra i visitatori si accosterano alla figura di Solange, ideata personalmente dall’artista. Sguardi duri, profondi che i bambini accolgono nel loro universo immaginativO, opere propedeutiche da leggere e da comprendere. Cinzia Ghigliano è una delle rare autrici di fumetti italiane. Inizia la sua carriera come fumettista nel 1976 sulle pagine del mensile Linus. Nel 1978 la sua opera le consente di ottere il prestigioso premio Yellow Kid, a Lucca, come "miglior autore italiano". Insieme a Marco Tomatis dà vita a diversi personaggi, tra cui Isolina e Lea Martelli (quest’ultimo è stato, in Italia, il primo esempio di fumetto seriale pubblicato su un settimanale femminile ad alta tiratura, Amica). Nel 1984 crea Solange, personaggio che le darà notorietà anche all’estero, in particolare nella francofonia. La Ghigliano sviluppa anche la professione di illustratrice nell’editoria per bambini e ragazzi, ottenendo il Premio Gigante delle Langhe nel 2004.


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 37

IL DOMANI DELLA CULTURA

Gabriella Pesson in una foto di scena della fiction Lo smemorato di Collegno

Pierfrancesco Favino vestirà i panni del tenore Luciano Pavorotti mentre Fabrizio Del Noce vuole Rosario Fiorello per Walter Chiari

Si torna indietro. L’azienda di viale Mazzini fidelizza il pubblico con le fiction impegnate Camilla Mozzetti Da Capri alla Casa Rosada. Un bel passo in avanti per la giovane attrice italiana di natali statunitensi, pattinatrice mancata, già nota in L’amore è eterno finché dura di Carlo Verdone e in diverse fiction di Mamma Rai. Lei Gabriella Pession, 33 anni sulle spalle, il prossimo gennaio indosserà le vesti della "pasionaria" Evita Peron. Una mini serie in due puntate con la sceneggiatura appena terminata di Andrea Purgatori. La Rai investe su una nuova scommessa dopo aver sfornato prodotti per il piccolo schermo legati a volti e nomi forti della storia e della politica mondiale. La storia è conosciuta da tutti, come potrebbe non esserlo. Prima dell’azienda di viale Mazzini a cimentarsi nel racconto della "donnaforte" d’Argentinaci aveva pensato Andrew Lloyd Webber

che scelse Madonna come protagonista del musical sulla vita della Peron. Persino i Simpson mascherarono Lisa in Maria Eva. Oggi tocca all’attrice italiana che, passato il periodo delle "commedie", prova a cimentarsi in un ruolo quanto mai complicato rispetto agli abituali. La presidente dell’Argentina, Cristina Kirchner, ha consentito alla produzione di girare nei luoghi originali, a cominciare dalla Casa Rosada, sede del governo argentino, dal cui balcone la Peron pronunciò il suo discorso capace di segnare nettamente e con passione il suo ingresso nella politica del paese. Una storia importante, la sua, quasi da romanzo. Eva figlia illeggittima, orfana prematura, attrice di radio e cinema e poi moglie non di un uomo qualunque, ma del presidente dittatore Juan Peron. Una figura indelebile nelle menti degli argentini.

Avanti con la storia Da Evita Peron a Oriana Fallaci la stagione intensa di Rai fiction

Ma la prossima stagione di Rai fiction non si ferma qui. Tante le novità e le storie che verranno proposte, sempre scelte con un attenzione a temi "alti", che esulino le storielle trite e ritrite capaci di annoiare persino le più convinte casalinghe.DaLucianoPavarotti, interpretato da Pierfrancesco Fa-

Celebrato a Cannes come migliore interprete maschile (ex-aequo con Javier Bardem) per l’ultimo film di Daniele Luchetti. I suoi commenti al "veleno" contro il governo italiano e l’attenzione, cattiva attenzione, che questo riserva alla cultura. Romano doc è Elio Germano che, dopo la Palma d’oro e il Nastro d’argento per la pellicola La nostra vita, torna in teatro. Lunedì sera il debutto al Mittelfest di Cividale, il festival che da vent’anni si tiene nel Friuli Venezia Giulia e che è dedicato alla prosa, alla musia, alla danza, alla poesia dei paesi della Mitteleuropa. Il testo è di Will Eno, Thom Pain, Basato sul niente, finalista nel 2005 del premio Pulitzer per la drammaturgiaerappresentatoper la prima volta in Italia proprio da

Germano che ne cura anche la regia. «Mi è subito piaciuto il testo per la sua forma - ha commentato l’attore - che va oltre le convenzioni della messinscena: è ambientato in teatro, accade in quel momento e in un forte rapporto con il pubblico e racconta la nostra epoca». Torna così un po’ al primo amore il giovane attore italiano che dopo il debutto sugli schermi a soli dodici anni come protagonista del film Ci hai rotto papà (1992) di Castellano e Pipolo, durante il liceo studiava recitazione teatrale al teatro dei Cocci di Testaccio con Isabella del Bianco e Cristiano Censi. A diciotto anni fu scritturato da Giancarlo Cobelli per una tournée, ma contemporaneamente i Vanzina lo vollero come protagonista del loro Il cielo in una stanza (1999). Da quel momento è cominciata la sua carriera cinematografica che

lo vedrà il prossimo autunno interprete nel film trattodalla biografia postuma di Tiziano Terzani, dal titolo ’La fine è ilmio inizio’. Mittelfest, Cividale del Friuli (Udine) diverse sedi. Fino al 25 luglio. Info: www.mittelfest.org.

Elio Germano torna in teatro Al festival mitteleuropeo con l’opera vincitrice del Pulitzer Simone Cosimi

Pierfrancesco Favino in una scena del film di Silvio Soldini, Cosa voglio di più

L'attore Elio Germano

vino, alla storia di Oriana Fallaci, per la quale ancora è da scegliere l’interprete, fino alla partigiana Lina Merlin, al cantante Domenico Modugno e all’attore Walter Chiari, per il quale il direttore di Rai fiction Fabrizio Del Noce, auspicherebbe nientemeno che Fiorello.

La storia di Thom Pain firmata Will Eno con il volto della Palma d’oro di Cannes


38

il Domani

Giovedì 22 Luglio 2010

TECNOLOGIA Verrà presentato al Sundance Film Festival nel 2011

Life in a day: il primo film girato dagli utenti Andrea Celia Magno Con l’avanzare della tecnologia il cinema è stata l’arte che di più e più in fretta si è tenuta al passo con i tempi, sfruttando le novità in questo campo, dal 3D alle videocamere digitali e mettendo il tutto a disposizione degli utenti sulla rete, volano istantaneo delle idee partorite dalle menti dei registi. Il 24 luglio ci sarà da aggiungere ancora un altro tassello a questo mosaico, in cui bisogna fare i nomi di You Tube (e quindi di Google) e di due famosi e apprezzati, oltre che premiati, registi: Ridley Scott e Kevin Macdonald. In effetti bisognava solo aspettare per veder sfruttare appieno da parte dei cultori della settima arte il potenziale infinito dei video postati sulla rete da milioni di utenti. Sarà un segnale, comunque, che a produrre il progetto sia stato un regista del calibro di Ridley Scott, visionario al punto giusto già Il progetto, creato fra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli ’80, quando da Google e da aveva dato vita ad Alien e Blade Runner , due pellicole You Tube, verrà cult che hanno catapultato prodotto da Ridley gli spettatori in scenari avveniristici dominati dalla Scott e montato tecnologia. Ad accompagnarlo nell’avventura il da Kevin regista Kevin Macdonald, pluripremiato per il bellisMacdonald. Il simo L’ultimo Re di Scozia . documentario Il progetto è un’altra iniziativa creata da Google per mostrerà alcuni sfruttarealmegliolapiattaaspetti della vita forma You Tube: è la terza degli utenti il 24/7 iniziativadicrowdsourcing (quando le aziende usano progetti e prodotti sviluppati dalla gente comune) e segue le prime due di questo genere che in passato avevano favorito il reclutamento di una vera e propria orchestra virtuale (la You Tube Symphony Orchestra ) e l’allestimento di una galleria d’arte, in cui sono state esposte le video idee di artisti di ogni risma. Life in a day , questo il nome del film - documentario, sarà un montaggio di una serie (per ora imprecisata) di cortometraggi postati, sul sito You Tube (canale life in a day), da qualsiasi utente volesse filmare un aspetto della propria vita il 24 luglio. A scegliere i più particolari e significativi sarà Macdonald, che vuole creare un documentario che sia «una capsula del tempo che permetta alle generazioni future di scoprire come si viveva il 24 luglio 2010» (ma le vorranno mandare su un astronave?), in modo da mostrare gli aspetti più comuni

Il Solar Impulse vola per 26 ore di seguito È riuscito perfettamente l’esperimento del Solar Impulse, l’areo mosso solo dall’energiasolareaccumulata da 12 mila pannelli fotovoltaici creato grazie ad un progetto svizzero. L’aereo verde ha volato ininterrottamente per 26 ore (quindi anche di notte) e i progettisti stanno già pensando al giro del mondoprevistonel2013.

Il libro digitale supera quello cartaceo Per la prima volta da quando sono in vendita, gli e-book hanno superato per volume di vendita, su Amazon, i libri cartacei. Risultato raggiunto grazie ai prezzi accessibili sia dei libri elettronici che dell’e-reader di Amazon, il Kindle, il cui prezzo è stato ridotto di 70 dollari, sconto super, soprattutto in un periodo di forte concorrenza.

Nexus One: Google blocca le vendite in Usa Anche il Nexus One si sta rivelando un flop (venduti solo 135 mila esemplari). Come la Microsoft con il Kin anche Google ha annunciato la fine della produzione (tramite Htc) del suo smart phone, che non ha riscontrato lo stesso successo di altri telefonini con sistema operativo Android. Le vendite continueranno comunque, almeno per un po’ di tempo, in CinaedinEuropa. La locandina del web documentario

della vita di centinaia, migliaia di persone in una singola giornata, soprattutto su ciò di «cui hanno paura; quello che amano; quello che portano sempre con loro». Il film documentario verrà proiettato in anteprima al Sundance Film Festival del 2011, la più apprezzata rassegna mondiale di cinema indipendente.

Life in a day è il terzo progetto di crowdsourcing di YouTube

Apple trova la soluzione all’antennagate (forse) Ha escogitato due soluzioni, Steve Jobs, per cercare di risolvere quello che lui stesso ha definito "antenna-gate", il problema di ricezione dell’iPhone 4G: oltre all’imminente aggiornamento software, ci sarà una custodia in silicone (distribuita gratis con lo smart phone) dovrebbe risolvere il problema, oppure ci sarà il rimborso totale al cliente che lo richiede. Evitato, almeno al momento, il maxiritiropreventivodell’ultimo melafonino.


Giovedì 22 Luglio 2010

il Domani 39

APPUNTAMENTI Convegno su “La “manovra” economica” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari ALTOMONTE Festival Euromediterraneo-Altomonte 2010 Lunedì 26 luglio si alza il sipario sul Festival Euromediterraneo-Altomonte 2010. Lunedì 26 luglio, esordio affidato, dunque, a Ficarra & Picone e a Mr. Forest insieme per due ore di risate, accompagnati dallo stand up Gianluca Belardi e dal pianista Lele Micò. Il surreale duo comico siciliano e il mago più folle e incompetente della tv si incontrano sulle tavole del palcoscenico con “Il Summer Night live”. Domenica 1 agosto , si continua con la danza e con Raffaele Paganini.

CATANZARO “Percorsi di management” Oggi , ore 10.00, presso la sala convegni “G. Papaleo” di Confindustria Catanzaro (Via Eroi), alla presenza del Magnifico Rettore dell’Università Magna Graecia, Francesco Saverio Costanzo e del presidente di Confindustria Catanzaro, Giuseppe Gatto, verranno presentati i risultati della terza edizione del progetto “Percorsi di management”. Conclusione rassegna degli Amici della musica Oggi , si conclude la rassegna degli Amici della musica sui luoghi ritrovati con un concerto-recital di percussioni, alle ore 20.30, presso il Centro di aggregazione giovanile in via Fontana Vecchia. Caffè delle Arti programmazione del mese di luglio Programma di luglio previsto dal Caffè delle Arti – servizio attivato in collaborazione con l’assessorato alla cultura del Comune di Catanzaro – al Centro polivalente di via Fontana Vecchia. Venerdì 23 luglio , è in programma il concerto del cantautore siciliano Toti Poeta. Domenica 25 , è prevista invece la proiezione del documentario “Principesse e sognatori nelle strade del Guatemala” a cura dell’associazione Amistrada. Esposizione "Oltre le sbarre" A cura dell’associazione di promozione sociale di Catanzaro Il Confronto, si terrà fino al 27 luglio , presso le Gallerie del complesso monumentale San Giovanni "Oltre le sbarre", un’esposizione e vendita di manufatti realizzati dai detenuti di alta sicurezza della Casa circondariale di Siano. La mostra potrà essere visitata dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 18.00 alle 20.00. Musical "Il Mondo di Patty" Domenica 25 luglio , arriva a Catanzaro il musical "Il Mondo di Patty" con la protagonista della telenovela argentina Laura Natalia Esquivel nei panni di Patty Castro, allo stadio di Catanzaro alle ore 21.00, unica data in Calabria promossa dalla Provincia di Catanzaro in collaborazione la Ruggero Pegna show-net. Concerto di Dalla - De Gregori La Media Service Produzione spet-

Sergio D’Antoni, Deputato, Vice Presidente della Commissione Finanze e Responsabile nazionale del PD per le Politiche del Mezzogiorno e già Vice Ministro per lo SviluppoEconomicoeSegretario generale della Cisl, concluderài lavori di un convegno pubblico del Partito Democratico e che si terrà a Soveria Mannelli il 23 luglio 2010 , alle ore 17.00, nella Sala Conferenze della Comunità Montana ed avrà per tema: “La “manovra” economica, Il Mezzogiorno,la Calabria”. Con D’Antoni saranno presenti Luigi Sbarra, già Segretario Generale della Cisl della Calabria e da pochi mesi nella Segreteria NazionaledellaCISL,AldoFerrara, Vice Presidente di Confindustria, il Sindaco di Catanzaro Rosario Olivo e due economisti del Dipartimento di Economia e tacoli di Maurizio Rafele, comunica che il 4 agosto , alle ore 21.30, presso l’area Magna Grecia di Catanzaro Lido, si terrà il concerto di Dalla - De Gregori unica tappa in Calabria.

GAGLIATO III° Edizione di NanoGagliato L’associazione culturale "MaGiCa" e l’accademiadiGagliatodelleNanoscienze invitano alla III° edizione di NanoGagliato: summit di contenuto scientifico e d’impatto per il progresso della ricerca in Nanomedicina che si terrà presso la Piazzetta "D.Vitale"- Gagliato il 30luglio , alle ore 21.30.

GASPERINA Esposizione Nicola Raspa Dal 25 luglio al 15 agosto , nei locali di Via Mazzini 9/A, con il patrocinio del Comune, il pittore Nicola Raspa espone nuove opere.

ISOLA DI CAPO R. Concorso Ercole dello Jonio Sabato 31 luglio presso l’anfiteatro dell’acquario della Riserva Marina di Capo Rizzuto, si terrà Ercole dello Jonio - Concorso nazionale di cultura fisica e sviluppo muscolare VIII° edizione. Pesatura ore 17.00. Gara ore 21.00.

MAIDA Due Mari Summer Festival Programma Due Mari Summer Festival, presso il centro commerciale "Due Mari": 24 luglio/7 e 28 agosto , ore 21.00, "Balliamo insieme?", estate danzante con V&V dance school; 25 luglio e 14 agosto , ore 19.00, "Stessa spiaggia...stesso mare"; 8 agosto , ore 19.00, "Bruce - Ketta",

Statistica dell’ Università della Calabria, i professori Francesco Aiello e Valeria Pupo. Presiederà i lavori Michele Chiodo, Capogruppo del PD nel Consiglio comunale di Soveria Mannelli, l’introduzione

sarà affidata al Sindaco di Martirano Filomeno Maruca ed ad Annamaria Cardamone,della Direzione provincialedelPD.“Lapresenzadi Sergio D’Antoni e la scelta di SoveriaMannelli–affermanoFilomeno Maruca, Michele Chiodo, Pasdirettamente da Zelig. Dal 16 al 26 agosto , "Pepp’Art", esposizioni, degustazioni e laboratori, a base di peperoncino.

MONTEPAONE "Bob Sinclar" al Tempio di Atlantide Domenica 1 agosto , la Play Music Promotiopresentaungrandeevento che vedrà ospite per la prima volta in Calabria "Bob Sinclar". La location che ospiterà l’evento è il Tempio di Atlantide, storica discoteca, a Montepaone Lido.

MOTTA S. GIOVANNI I° evento "Tra Suoni e Natura" RadicidelSuonoinvitadaoggiasabato 24 luglio , presso l’ostello di Motta San Giovanni (RC) dove si svolgerà il I° Evento sulla musica Popolare "Tra Suoni e Natura". Programma: oggi , ore 18.30, presentazione del programma: Uno sguardo alla musica popolare Sonu a ballu della vallata del Sant’Agata; ore 21.00, cena vegetariana; venerdì 23 luglio , ore 9.00 stage: Sonu a ballu della vallata del Sant’Agata;ore 13.00, pranzo; ore 15.30-18.00, stage; ore 21.00, cena sociale a tema; ore 22.30, Concerto Banda Pilusa con Valentino Santagati, Piero Crucitti, Demetrio Pizzimenti; sabato 24 luglio , ore 9.00 escursione in zona; ore 13.00, pranzo e saluti

OLIVADI Seminario internazionale di Studi Si svolgerà per il quarto anno consecutivo a Olivadi, fino al 24 luglio , presso la Chiesetta dell’Addolorata, il Seminario internazionale di Studi, organizzato dall’associazione cultu-

qualino Mancuso, Giovanni Puccio - per questa importante manifestazione hanno un duplice significato inunmomentodiestremadifficoltà per il PD in Calabria e nella provincia di Catanzaro: ritornare ai problemi veri della gente, alle urgenze che provengono dalla società ed alle emergenze che vivono le aree interne già marginalizzate ed ora compresse anche nella fruizione dei servizi essenziali. Abbiamo chiamatoaraccoltail Sindacato, l’Università,gliAmministratori locali e gli imprenditori perché, a più voci, si possano comprendere le giuste ragioni di una Calabria mai debole come ora, di un Mezzogiorno dimenticato ed abbandonato al suo destino e per “scandagliare” profondamente una manovra economica che, pur necessaria, produrrà ulteriori disuguaglianze,squilibriedebolezze”. rale Olivadese, che anche questa volta vedrà coinvolti docenti e studiosi provenienti dalla prestigiosa Ehess (École des Hautes Études en Sciences Sociales) di Parigi, dall’Università “La Sapienza” di Roma, dall’Università della Calabria.

PIANOPOLI 2ª Sagra del Cinghiale La squadra cinghiale n.1 con l’amministrazionecomunaleelacollaborazione dell’associazione Libera Caccia sezione comunale "F. Talarico" organizzano la 2^ Sagra del Cinghiale che si svolgerà domenica 25 luglio , dalle ore 19.00 in poi, su Corso Roma. Degustazione di piatti a base di cinghiale accompagnati da ottimo vino.

REGGIO CALABRIA Presentazione progetto Cluster.Cal Oggi , alle ore 10.30, avrà luogo presso la Camera di Commercio di Reggio Calabria, la presentazione del Progetto Cluster.Cal.

ROSSANO Rossano la Bizantina......d’estate 2010 L’assessorato turismo, spettacolo e manifestazioni culturali presenta Rossano la Bizantina......d’estate 2010. Programma: ogni sabato e domenica fino al 28 agosto , ore19.00/24.00, presso l’Anfiteatro Viale Mediterraneo- mercatinoartigianato a cura ass. Creare Insieme con Fantasia; fino al 25 luglio , ore 20.00/22.00, presso il Castello S. Angelo,collettivadipittura-espongono: E. Graziano, N. Casazza e G. De Stefano; oggi , ore 21.30, in Piazza Steri, Festival della Danza a cura ass. Artisti.

Spettacolo "Melody Music" Venerdì 23 luglio , alle ore 21.30, presso la Casa Famiglia Dopo di Noi, si terrà la messa in scena dello spettacolo "Melody Music" a cura della cooperativa Rossano Solidale.

SARACENA Estate a Saracena Città del moscato passito, d’estate. Programmazione socio-culturale e turistica 2010. Prossimi appuntamenti dal 25 luglio al 1 agosto : domenica 25 luglio , ore 17.30, sagra del cocomero, in Piazza Madonna della Fiumara; sabato 31 luglio , ore 18.00, rievocazione storica del matrimonio, Pro Loco - Sarucha - Centro Storico.

SCALEA "Incroci Mediterranei" presentazione rassegna Il Comune di Scalea assessorato al turismo presenta la rassegna "Incroci Mediterranei" nei giorni 23-24-25 luglio , ore 21.30, presso il cortile del Palazzo dei Principi.

SPEZZANO SILA Forum, dal titolo "Nuovo slancio al Psr. Cogliamo le opportunità" Alla presenza del ministro dell’agricoltura Giancarlo Galan, l’assessore regionale Michele Trematerra, oggi , illustrerà il Piano di sviluppo rurale della Calabria 2007/2013. Il forum, dal titolo "Nuovo slancio al Psr. Cogliamo le opportunità", sarà introdotto dal presidente della Regione Giuseppe Scopelliti.

SOVERATO In scena l’opera lirica "Tosca" Andra’in scena sabato 7 agosto , alle ore 22.00, presso il nuovo anfiteatrocomunalediSoveratol’operalirica di Giacomo Puccini "Tosca" diretta da maestro Giovanni Froio con l’Opera di Stato di Dniepropetrovsk-Ucraina.

SQUILLACE Iª edizione del concorso letterario "Parole nel Vento" Venerdì 30 luglio , alle ore 20.30, nella suggestiva cornice del Castello di Squillace si svolgerà la serata di premiazionedellaIedizionedelconcorso letterario "Parole nel Vento", voluto e promosso dall’amministrazione Provinciale di Catanzaro.

TIRIOLO IVª Edizione del Festivalband Si terrà il 21 agosto , in Piazza Gioacchino da Fiore ("Quartiere") la Quarta edizione del Festivalband, il concorso musicale per band emergenti suddiviso in due categorie: Junior e Senior. Le iscrizioni sono aperte fino al 20 luglio. Per informazioni: 339/7229717 www.festivalbandtiriolo.tk festivalband2007@libero.it facebook: festivalband tiriolo


il domani  

Edizione del 22 Luglio 2010