Issuu on Google+

Edizione Il domani dello sport

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

www.ildomanidellosport.it

Mercoledì 21 Dicembre 2011 > euro 1,00 > Anno XIV Nr. 351

Finalmente il derby: stasera si affrontano Catanzaro e Vigor Lamezia. Campo permettendo

Il grande giorno FORMAZIONE

Dopo la buona prova di Giulianova, confermato a centrocampo l’argentino Ulloa: giocherà al fianco di Maisto a pag. 12

SERIE A Ultimo appuntamento dell’anno, stasera il recupero della prima giornata: occhi puntati sulla sfida al vertice tra Udinese e Juventus a pag. 2

NATALE All’interno dell’edizione di domani troverete uno speciale inserto di 16 pagine, interamente dedicato al Natale

LAVORO Mercato del lavoro, salari, flessibilità e articolo 18 il fulcro del dibattito aperto dalla Fornero a pag. 19

PONTE

GIOIA TAURO

Convegno al Senato organizzato dalle associazioni ambientaliste. Il fronte del no alla costruzione si fa sempre più compatto a pag. 23

Arrestato un poliziotto. Portava nella sua auto un chilo di cocaina e alcune armi. Fermato dai suoi stessi colleghi. Aperte le indagini a pag. 22

CATANZARO Dopo le dimissioni del sindaco Traversa Angela Napoli dice la sua: il Comune deve essere commissariato. Critica al Pdl: gestione sbagliata a pag. 22


2 il Domani dello Sport Mercoledì 21 Dicembre 2011

SPORT Conte vuole fare bottino pieno. E sul Del Piero «Mi soddisfa, il gol prima o poi arriverà»

«Si va a Udine per vincere»

Roberto Carli

:: già il Domani :: REDAZIONE Direttore GUIDOTALARICO Direttoreresponsabile ORLANDOROTONDARO Capiredattori FRANCESCOPUNGITORE(Nazionale) ANGELOROSSI(Napoli) MAURIZIOZUCCARI(Cultura) Garantedellettore FRANCOESPOSITO >RedazioneRoma Tel.06.45427170/71 ViaArchimede,201-00197ROMA roma@ildomani.it >RedazioneNapoli Tel.081.19103955 ViaAntiniana,59-80078POZZUOLI(NA) redazione@ildomanidinapoli.it >RedazioneCalabria Tel.0961.023922 Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) redazione@ildomani.it EDITORE T&PEditoriSRL-Tel.0961.023922 Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) Testatareg.trib.Czn.64del15/7/1997 R.O.C.Numero5606 Latestatafruiscedeicontributistatalidirettidicuialla Legge7agosto1990n.250eseguentimodifiche PUBBLICITA’ Nazionale,localeegiudiziaria ILSOLE24ORESPASYSTEM DirettoreGeneraleGianniVallardi SedediNapoli CorsoUmbertoI,7-80138Napoli Tel.081.5471111 SedeCalabria Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) Tel.0961.023922 ClassificataeterritorialeNapoli SEATPAGINEGIALLE Tel.335.6505556 Tariffaamodulo46x19mmh.Commercialeeuro 103,00-Occasionaleeuro129,00-Corsidi formazioneeuro129,00-R.P.Q.euro78,00necrologioeuro77,00cad.Economicieuro0,62a parola.Supplementocolore:40% DISTRIBUZIONE:Sodip MediaServices(Calabria) CENTROSTAMPA:LITOSUDSRL ViaCarloPesenti,130-00156ROMATel.06.4121031 STABILIMENTOTIPOGRAFICODEROSE C/daPantoniMarinella-87040MONTALTOU. (Cs)-Tel.0984.934382 Responsabiledeltrattamentodati Dlgs96/2003-OrlandoRotondaro

TORINO - «Non voglio sembrare presuntuoso o sbruffone, ma noi lavoriamo per ottenere sempre il massimo. Quindi andremo a Udine senza accontentarci, perché non deve far parte del nostro modo di pensare». La Juve va ad Udine per vincere. È questo il pensiero di Antonio Conte alla vigilia della sfida sul campo dei friulani che chiude il2011 della serie A. Un pareggio basterebbe alla "Vecchia Signora" per mantenere l’imbattibilità stagionale. Inoltre, l’Udinese si presenta all’appuntamento con un invidiabile ruolino di marcia casalingo: sette successi in altrettante partite. Insomma, uscire dalla sfida di domani con un punto non sarebbe uno scandalo, ma il tecnico non si accontenta. «Come ripeto sempre rispetto per tutti, paura di nessuno», dice Conte. «L’Udinese è l’ultima squadra che dobbiamo ancora affrontare tra quelle che possono ambire alle zone alte della classifica. Sarà uno stimolo ulteriore giocare in un campo sul quale ha sempre vinto, segnando 14 reti e subendone solo

due. Conosciamo le difficoltà che incontreremo e ci stiamo preparando. Del resto l’Udinese ha giocatori importanti come Asamoah, Isla, Di Natale, ambiti da tante squadre e non è più una rivelazione specie dopo il campionato dello scorso anno quando a tre, quattro giornate dalla fine si è trovata con il Napoli a contendere lo scudetto al Milan», sottolinea. Ma nonostante ciò la Juve vuole chiudere l’anno con un’altra vittoria: «Non deve sembrare arroganza, ma fa parte della strada che abbiamo intrapreso. Se poi gli avversari si dimostreranno più forti stringeremo loro la mano. Però prima e durante la partita non ci dobbiamo accontentare degli obiettivi minimi». L’Udinese è sempre più a suo agio nelle posizioni di vertice, ma è un modello non esportabile in una "big" secondo Conte: «Non c’è pazienza con le grandi squadre. L’Udinese lo scorso campionato è arrivata quarta, noi settimi, ma la prima cosa che mi avete chiesto è lo scudetto. Non è lo stesso per

Guidolin, che ha più tempo per lavorare e per crescere», osserva l’allenatore della Juve, ieri elogiato dal direttore generale Beppe Marotta. «Non posso che ringraziare il direttore per le parole usate nei miei confronti. Questi attestati di stima sono motivo di orgoglio. Tutti, dal presidente in giù, stiamo lavorandosodoetutticidobbiamo ritenere utili, sapendo però di non essereindispensabili.Siamoandati al di là delle più rosee previsioni, ma sono passate solo 15 giornate e i conti si faranno a maggio», sottolinea. «I numeri sono sotto gli occhi di tutti e il merito va alla disponibilitàeallavogliadeimieicalciatori. La soddisfazione più grande? Averrecuperatocredibilitàagliocchi dei tifosi e degli avversari. Ora c’è di nuovo rispetto nei nostri confronti». La vittoria contro il Novara, nonostante le assenze, ha rafforzato la fiducia della Juventus: «Non avevo dubbi sulle risposte che avrei ricevuto da parte dei giocatori meno utilizzati, perché vedo come si allena il gruppo», prosegue. «La Juve deve avere una rosa tale da poter sopperire alle assenze, senza che cambi il risultato. Ed è quanto si è verificato contro ilNovara».Conte si dice «contento per la prestazione di Quagliarella,coronata da un gol. Per gli attaccanti è fondamentale segnare, perché loro vivono di questa gioia. Sarei stato molto contento se ci fosse riuscito anche Del Piero, ma a me interessava la prestazione e sono stato contento del fatto che abbia giocato per la squadra. Il gol -conclude- prima o poi arriverà».

Ranieri vs Natale «Nessun regalo contro il Lecce» Va bene che è Natale e sono tutti più buoni ma non si può chiedere a Claudio Ranieri di comportarsi come Josè Mourinho. Niente regalo ai giornalisti, quindi, e niente formazione in anticipo come fece il tecnico portoghese nel dicembre del 2008 alla vigilia della partita contro il Siena. «Io sono il contrario di Mourinho, se l’ha fatto lui non lo posso fare io...», spiega il tecnico interista, molto concentrato sulla sfida contro il Lecce che potrebbe dare ai nerazzurri la quarta vittoria di fila. Ci vuole «massima allerta» contro la squadra di Serse Cosmi che ha vinto fuori casa le sue due uniche partite del campionato: «È l’ultima in classifica però non merita il posto che occupa aggiunge Ranieri - ha giocatori di buona qualità che ci daranno molti grattacapi e ci vorrà la migliore prestazione se vogliamo vincere». Tornando alla formazione, «è possibile» che non sia molto diversa da quella vittoriosa contro il Cesena, anche se, invece di Ranocchia, probabilmente Samuel giocherà titolare in difesa e il posto di esterno sinistro a centrocampo sarà occupato non da Coutinho ma da uno fra Alvarez e Poli. Ranieri non fa bilanci ma sottolinea che i suoi ci mettono «sudore, sangue e sacrificio».

IN BREVE

> CHI NON PAGA

> GARE COMBINATE

> BUFERA SCOMMESSE

I calciatori del Taranto, squadra che attualmente occupa la seconda posizione nel girone A della Lega Pro, hanno deciso di scioperare e sospendere gli allenamenti perchè senza stipendio dal giugno scorso. Lo ha annunciato il capitano, Fabio Prosperi, al termine di una lunga riunione che gli stessi calciatori hanno tenuto negli spogliatoi dello stadio "Erasmo Iacovone". Il presidente Enzo D’Addario, secondo la squadra rossoblù, ha disatteso la promessa di pagare entro ieri due mensilità, quelle di luglio e agosto. «Ad oggi - è scritto in una lettera consegnata da Prosperi ai giornalisti - la squadra ha dimostrato massima professionalità e attaccamento alla maglia sia in campo che fuori, non riferendosi solo ai risultati sportivi ma al comportamento di ogni singolo elemento della rosa dell’As Taranto.

Tutti i nodi vengono al pettine. Anche per i calciatori cosidetti "minori". Sta ammettendo infatti la sua partecipazione al tentativo di combine della partita di Coppa Italia Cesena-Gubbio del 30 novembre scorso il calciatore Alessandro Zamperini, arrestato ieri con 16 altre persone nell’ambito dell’inchiesta della procura di Cremona sulle partite truccate. A quanto si è saputo, Zamperini avrebbe detto di essere stato contattato nei mesi scorsi dal macedone Hristyia Ilievski, anch’egli destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare. L’avvicinamento sarebbe avvenuto ancor prima che scattasse la prima ondata di arresti nell’inchiesta cremonese nel giugno scorso e, nei mesi seguenti, sarebbero state frequenti le pressioni del macedone sul calciatore affinchè si desse da fare per combinare le partite.

«Abbiamo chiesto aggiornamenti sui fatti di ieri. Le scommesse hanno turbato tutto lo sport italiano. Siamo tutti turbati, ma anche le Leghe devono esserlo. La Lega di A ha fatto un incontro e non è stato detto nulla in merito alle scommesse, parlano solo di divisioni di soldi». Queste le parole del Presidente del Coni Gianni Petrucci al termine della Giunta in riferimento agli ultimi sviluppi dell’inchiesta sul calcioscommesse della procura di Cremona. «Le immagini che abbiamo visto -ha aggiunto Petrucci- sono negative, spero non sia tutto vero. Auspico un’ampia collaborazione con la magistratura, con gli investigatori e con il procuratore Palazzi, persona seria e corretta, che sta lavorando duramente in un momento difficile. Io sono vicino alla Figc, vada avanti senzatentennamentiperla sua strada».


4 il Domani dello Sport Mercoledì 21 Dicembre 2011

SPORT LA VIGILIA Mazzarri suona il campanello d’allarme in vista del Genoa: ritroviamo la cattiveria

UN BAGNO D’UMILTÀ «Basta sentirci favoriti Leggerezze da evitare» Pasquale Tina NAPOLI - I complimenti - si sa sono un’arma a doppio taglio. Perché possono essere subdoli e s’intrufolano nella testa come un tarlo fastidioso che ripete sempre la stessa storia. ‘Siamo forti, siamo forti’, il tormentone dopo l’impresa con il Villarreal. Capita, dunque, che l’approccio in campionato non sia quello giusto. Perché - al di là della sfortuna evidente - il Napoli ha mostrato troppo il fianco contro la Roma che ha collezionato diverse occasioni. Difesa in bambola, il problema - però - è più ampio: è mancato il raddoppio degli esterni. Poco funzionante pure il filtro del centrocampo. Ecco perché Mazzarri suona l’allarme. Nessun attacco diretto, ma un consiglio che è meglio seguire alla lettera per evitare problemi stasera contro il Genoa: «Il fatto di sentirci favoriti non ci ha per niente aiutato. La prestazione è

Pochi i cambi in formazione: «Il forfait del Pocho si farà sentire Se Pandev sta bene toccherà a lui Ha la precedenza»

stata positiva, ma c’è stata un po’ di leggerezza in alcuni particolari che - di solito - fanno la differenza». La ricetta è pronta: «Ritrovare quell’attenzione e quel pizzico di paura in fase passiva per dare sempre il massimo». Così, dunque, si prova a risalire in classifica. La temperatura è polare (-10 dalla Champions, -12 dalla capolista Juventus) e adesso bisogna pensare soltanto a conquistare i tre punti. Mazzarri si augura che la lezione sia servita: «Evidentemente abbiamo bisogno di una bastonata per ripartire: è già successo in passato, spero che sia così pure contro il Genoa». L’atteggiamento mentale, dunque, conta più del modulo («Ormai siamo pronti a cambiarne tanti») ma anche degli interpreti che affronteranno i rossoblù. Grossi cambiamenti, infatti, non ce ne saranno. «Conosco bene i miei giocatori, hanno orgoglio, quindi - in linea di massima - non farò troppe modifiche nella formazione titolare. Deciderò poche ore prima della partita». L’unica variante è l’assenza di Ezequiel Lavezzi che si è infortunato: «Purtroppo è l’emblema di un periodo storto e difficile. Niente gira per il verso giusto. Chiedo al pubblico di sostenerci, la sfida non sarà per niente facile». In attacco la soluzione numero uno è Goran Pandev: «Ma il macedone non è in condizioni

perfette e devo capire. Se mi dà la disponibilità, tocca a lui: è uno di quei giocatori che non si discute mai». Ieri ha lavorato poco, ma dovrebbe farcela. Tra i convocati c’è pure Lucarelli: «Poi vedrò se cambiare qualcosa nel reparto arretrato». Tutto pronto, dunque. O quasi. Mazzarri ne approfitta per smentire le voci sulle dimissioni dopo un post partita al Madrigal non certo improntato alla serenità: «È tutto falso. Queste voci sono uscite dopo la sconfitta con la Roma, non destabilizziamo il nostro ambiente e pensiamo soltanto ad andare avanti». Con un Vargas in più nel motore. Il cileno è sempre più vicino. Il tecnico aveva detto di non conoscerlo, in realtà non è così. E gli tocca precisare ancora: «Avrei dovuto dire che non parlo di mercato. In realtà volevo salvaguardare il mio gruppo perché qualcuno giocherà ancora meno. Parlerò di Vargas quando sarà nostro».

Il tecnico allontana le voci sui dissapori con De Laurentiis e precisa su Vargas: «Ne parlerò solo quando sarà nostro»

IL PROGRAMMA

Mazzarri vuol cancellare il ko con la Roma

Pocho pronto a bruciare i tempi «Che brutto stare a guardare»

Tutti a riposo dopo la gara: la ripresa il 30

NAPOLI - Il grande assente è lui. Ezequiel Lavezzi resterà a guardare. Ma nessun sospetto o malizia, il Pocho è infortunato per lo stiramento rimediato contro la Roma e ha già cominciato le terapie a Castel Volturno. Stasera non ci sarà. Tifoso d’eccezione, ruolo che gli piace poco. Avrebbe voluto offrire il suo contributo: è un generoso e lasciare il Napoli così gli dà fastidio. Conta sui suoi compagni: toccherà a loro trascinare gli azzurri alla vittoria contro il Genoa per limitare i danni in classifica. Lavezzi - che partirà per l’Argentina domani - esprime il suo stato d’animo su twitter: «Voglio

NAPOLI-UltimafaticacontroilGenoa, poièfissatoilrompetelerighe.Giocatori acasaperilNatale.Programmadefinito: ottogiornidivacanzaperritemprareil fisicodopountourdeforceimmane. Vietato-però-esagerareatavola. Pondrellihaconsegnatoatuttiun vademecumdarispettare. L’appuntamentoèfissatovenerdì30 dicembreaCastelVolturno.Seduta pomeridiana:daallorasifasulserioe noncisifermapiùfinoallatrasfertadell’8 gennaiocontroilPalermo.Silavorapure aCapodanno,ovviamente,tradizione consolidatadellagestioneMazzarri. Lavezzi è il grande assente di stasera: rientrerà a fine gennaio dall'infortunio

ringraziare la gente per gli attestati di stima nei miei confronti». Il Pocho - del resto - è un idolo e la gente è tutta dalla sua parte: «Posso soltanto dire che non vedo l’ora di rientrare. Lo farei subito se potessi». Ma dovrà aspettare ancora un po’. Svolgerà a Rosario la seconda parte della riabilitazione e si presenterà abile e arruolato a metà gennaio. Rientro previsto a con il Siena (22 gennaio) oppure con il Genoa (29 gennaio). Nel frattempo invita Eduardo Vargas a vestire l’azzurro: «Credo sia un bel giocatore, lo conosco, ha talento. Penso proprio che il Napoli sia la squadra giusta per lui».


Mercoledì 21 Dicembre 2011 il Domani dello Sport

5

SPORT

I RIVALI Tra De Laurentiis e Preziosi un rapporto conflittuale che dura da più di 20 anni

Aurelio-Enrico, qua la mano Fabrizio Piccolo NAPOLI - Galeotte furono le tartarughe Ninja. L’amicizia tra Aurelio De Laurentiis ed Enrico Preziosi - che ha rischiato più di una volta d’incrinarsi - nasce per motivi commerciali e si consolida con il pallone. Più di vent’anni fa, l’attuale presidente del Genoa comprò dal futuro patron del Napoli i diritti per commercializzare i pupazzi delle celebri testuggini, il cui film in Italia era distribuito appunto da De Laurentiis. L’uomo dei balocchi Preziosi trovò l’accordo con il re della celluloide a Taiwan e da lì furono realizzati i celebri giocattoli. Quando annidoposirivideroaMiami,Preziosi in vacanza e l’Aurelio per confezionare il suo cinepanettone natalizio, ilrapporto si rinsaldò.Di mezzo c’era una promozione per duedaconquistaresenzarompere l’amore tra due club gemellati e l’amicizia tra due presidenti-imprenditori. Così vicini e così lontani, perché le cose in comune tra i due finiscono qua o quasi. Di mezzo ci sono giocatori appetiti dall’unoepresidall’altroeviceversa, c’è la carica di presidente del Napoli che Preziosi sognava e che De Laurentiis s’è preso e tanto altro. Preziosi continua a dichiararsi tifoso del Napoli («Lo sono da quando avevoquattro anni, spero in un pareggio al San Paolo»), lui, nato ad Avellino, feudo di tifosi juventini, interisti e milanisti: «Scelsi l’azzurro del Napoli. Mi vendevo i libri di scuola per acquistare il biglietto per assistere alle gare del Napoli. Con Maradona iniziai a prendermi le rivincite contro i dipendenti della mia azienda, la Giochi Preziosi, dov’erano tutti milanisti o interisti. Dopo anni di sfottò, mi tolsi tanti sassolini dalle scarpequandovincemmoilprimo scudetto». Tanti gli incroci di mercato. Lavezzi, per dire, l’aveva scoperto Preziosi, portandolo al

I

L’amicizia tra i due presidenti dei club impegnati stasera al San Paolo nasce per affari e si consolida nel mondo del calcio

Genoa prima dello scandalo che fece retrocedere il Grifone in C, poi se lo prese De Laurentiis. Milito l’avrebbe preso con piacere il Napoli, ma andò al Genoa. E poi la lista che si allunga, da Acquafresca e Floccari fino a Criscito, l’ultimo in ordine cronologico per il quale si era rischiata la fine di un’anicizia così come dopo la sfuriata in Lega del patròn azzurro al-

Tra il produttore e il re dei balocchi affari saltati e tanti sgarbi sul mercato Da Acquafresca fino a Criscito

la cerimonia dei calendari: «Il calcio non è il cinema - disse Preziosi - Aurelio ha stufato». «Rispondere aPreziosi?-replicòDeLaurentiisSarebbe come sparare sulla Croce Rossa». Stasera c’è Napoli-Genoa. Ciak, si rigira il gioco dei ruoli. E come l’anno scorso vuol essere il Re della celluloide a fare un altro dispetto al Principe dei Balocchi.


Informazione pubblicitaria


Mercoledì 21 Dicembre 2011 il Domani dello Sport

7

TOTOGUIDA SCOMMESSE Man City - Stoke

Parma - Catania

«Goal»

«2»

2,10

3,85

FRANCIA Ligue 1

Il Montpellier punta a staccare il PSG l Montpellier parte con i favori del prronostico sul campo dell’Evian in modo tale da poter riprendere la testa della classifica qualora il Psg non riesca a passare sul campo del St. Etienne. Mettiamo ordine. Possiamo giocare la «X» dei parigini offerta a 3.15 e il successo del Montpellier che si gioca a 2.25. Il Lille, uscito indenne dal Parco dei Principi, può addirittura raggiungere il Psg battendo il Nizza cosa non difficile come si evidenzia dalla quota per il segno «1» che si gioca a 1.35. Il Lione (nella foto Bastos) dal canto suo, è impegnato a Valenciennes e minimo un pareggio (3.15) lo può conquistare mentre una pur

I

probabile vittoria si gioca a 2.30 ed è quella che scegliamo per la nostra multipla. Il fattore campo è da prendere in considerazione per l’Auxerre che non dovrebbe fallire il colpo contro il Dijon (1.72 la quota) e per il Tolosa che in casa fallisce raramente. La vittoria dei viola sul Brest si gioca a 1.80. Quella del Rennes sul Bordeaux a 2.05.

Le possibili sorprese X2 X

Lorient - Caen Sochaux - Ajaccio

8 CINQUINE

1.90 2.30 1.75 2.60 2.10 1.78 1.70 1.70 3.15

1 2 Under 1h. Goal 1 Under Under X

Atalanta-Cesena Bologna-Roma Lazio-Chievo Newcastle-WBA Valenciennes-Lione

1 2 Under 1 X

1.90 2.30 1.75 1.78 3.15

Con 6 euro puntati la vincita è di

283.00 Euro 1.90 2.30 1.78 1.70 1.70

Atalanta-Cesena Lazio-Chievo Everton-Swansea Rennes-Bordeaux Valenciennes-Lione

1 Under Under Under X

1.90 1.75 1.70 1.70 3.15

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

148.37 Euro

199.78 Euro

Atalanta-Cesena Napoli-Genoa Manchester C.-Stoke Newcastle-WBA Valenciennes-Lione

1 1h. Goal 1 X

1.90 2.60 2.10 1.78 3.15

Bologna-Roma Lazio-Chievo Napoli-Genoa Rennes-Bordeaux Valenciennes-Lione

2 Under 1h. Under X

2.30 1.75 2.60 1.70 3.15

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

383.90 Euro

369.86 Euro

Bologna-Roma Manchester C.-Stoke Everton-Swansea Rennes-Bordeaux Valenciennes-Lione

2 Goal Under Under X

2.30 2.10 1.70 1.70 3.15

Lazio-Chievo Napoli-Genoa Manchester C.-Stoke Newcastle-WBA Everton-Swansea

Under 1h. Goal 1 Under

1.75 2.60 2.10 1.78 1.70

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

290.20 Euro

190.83 Euro

1 1 3 1 3 2 5 4 6 3 6 1 1 2 5 2 2 4 3 2

1 2 1 1 1 1 0 1 1 1 0 3 5 3 2 4 4 2 1 5

RETI F S 21 16 16 19 11 12 13 14 12 12 15 13 10 16 10 13 11 14 12 11

8 8 8 9 7 6 9 5 8 4 10 12 11 13 10 16 13 8 4 17

V

FUORI N P

4 4 4 4 4 2 5 2 2 1 0 0 2 0 2 1 2 0 0 0

3 3 5 1 3 4 0 3 2 2 5 6 3 4 1 4 1 1 2 4

RENNES EVIAN TG TOLOSA VALENCIENNES LIONE PARIS SG NIZZA BREST DIJON

Bastos punto fermo del Lione

35 NIZZA 3-1 0-0 1-1 0-0 2-0 3-2 2-0 0-0

= ▲ ▲ ▲ =

▲ ▼ ▲ ▲ ▼ ▼ = ▲ .

17 0-1 1-1 0-2 0-2 0-1 2-0 1-2 2-0

AJACCIO DIJON NIZZA MONTPELLIER PARIS SG CAEN BORDEAUX LORIENT NANCY

= = ▲ ▼ ▼ = ▼ ▼ .

MARSIGLIA BORDEAUX LORIENT CAEN ST. ETIENNE LILLE NANCY RENNES SOCHAUX

2-0 3-2 2-0 0-1 3-0 2-1 0-0 2-1

= ▲ ▼ = ▲ ▼ ▲ = .

BORDEAUX LORIENT NANCY SOCHAUX LILLE ST. ETIENNE RENNES AUXERRE TOLOSA

= ▼ ▼ ▼ ▲ ▼ ▲

0-1 1-3 2-0 1-2 0-3 2-3 2-1 0-1

▼ ▼ ▲ ▼ ▼ ▼ ▲ ▼ .

11 9 7 11 13 11 14 12 13 17 9 15 18 15 13 16 20 11 17 19

REGOLAMENTO Le prime 3 in Champions League. La 4ª in Europa League insieme alla vincente di Coppa di Francia e alla vincente della Coppa di Lega. Retrocedono le ultime 3. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto della differenza reti.

PARIS SG MARSIGLIA CAEN BORDEAUX NANCY SOCHAUX LILLE ST. ETIENNE AUXERRE

18 0-2 2-3 0-3 2-0 2-1 0-0 0-2 1-2

▼ ▼ ▼ ▲ ▲ = ▼ ▼

L’Evian resta il re indiscusso del «Goal» «UNDER» Brest Nizza Tolosa Bordeaux Lorient Rennes Lille Marsiglia Nancy Valenciennes Dijon St. Etienne Ajaccio Paris SG Auxerre Caen Evian TG Lione Montpellier Sochaux

13 13 13 12 12 12 11 11 11 11 10 10 9 9 8 8 8 7 7 7

(5-8) (7-6) (6-7) (8-4) (7-5) (6-6) (6-5) (7-4) (5-6) (4-7) (5-5) (6-4) (4-5) (6-3) (3-5) (4-4) (2-6) (3-4) (4-3) (3-4)

.

0-2 0-2 0-2 2-2 1-3 2-3 2-2 1-0

TOLOSA BREST AJACCIO EVIAN TG NIZZA MONTPELLIER LIONE MARSIGLIA CAEN

AUXERRE TOLOSA VALENCIENNES LIONE EVIAN TG NIZZA BREST AJACCIO BORDEAUX

▲ ▼ ▲ ▲ = ▲

12

ST. ETIENNE

VALENCIENNES LIONE MONTPELLIER NIZZA AJACCIO BREST CAEN DIJON PARIS SG

▼ ▼ = ▼ ▼ = ▲

20 = ▲ ▼ ▲ ▼ = = ▲ .

1-1 = 3-1 ▲ 1-1 = 2-1 ▲ 2-3 ▼ 2-1 ▲ 1-2 ▼ 1-2 ▼ .

VALENCIENNES ST. ETIENNE LILLE RENNES AUXERRE TOLOSA EVIAN TG MONTPELLIER NIZZA LIONE

CAEN NANCY ST. ETIENNE MARSIGLIA SOCHAUX LORIENT VALENCIENNES TOLOSA EVIAN TG

37 3-1 2-0 1-1 1-0 3-1 4-0 0-1 1-1

0-0 1-3 2-0 1-2 1-0 0-4 0-1 1-2

= ▼ ▲ ▼ ▲ ▼ ▼ ▼ .

MONTPELLIER PARIS SG DIJON AJACCIO BORDEAUX MARSIGLIA ST. ETIENNE NANCY LORIENT

BREST AJACCIO PARIS SG DIJON CAEN NANCY MARSIGLIA SOCHAUX RENNES

▲ ▼ = ▲ ▲ = ▲ ▲ .

DIJON CAEN BORDEAUX NANCY MARSIGLIA AUXERRE SOCHAUX LILLE ST. ETIENNE

LILLE ST. ETIENNE SOCHAUX RENNES AUXERRE TOLOSA LORIENT EVIAN TG VALENCIENNES

▲ ▼ =

▼ ▼ ▲ = ▼ ▼ ▼ ▼

23 1-1 2-0 1-1 0-2 2-0 2-0 0-0 1-0

= ▲ = ▼ ▲ ▲ = ▲ .

37 2-0 4-2 1-1 0-1 0-3 3-2 1-0 0-0

▲ ▲ = ▼ ▼ ▲ ▲ = .

17 LIONE 0-1 ▼ 0-0 = 1-1 = 2-1 ▲ 0-2 ▼ 1-2 ▼ 1-0 ▲ 0-2 ▼ .

.

30 PARIS SG 1-0 0-2 1-1 2-0 3-1 2-2 2-0 2-1

= ▲

19 1-3 2-4 3-0 2-2 0-2 1-2 0-2 1-2

29 BORDEAUX 1-0 ▲ 0-1 ▼ 1-1 = 2-1 ▲ 3-2 ▲ 0-2 ▼ 1-1 = 0-1 ▼ .

▲ ▲

.

23 CAEN

LORIENT

RENNES

.

1-1 3-1 1-2 2-0 0-2 2-2 1-1 1-0

SOCHAUX AUXERRE LILLE LORIENT RENNES VALENCIENNES TOLOSA LIONE MONTPELLIER

▲ ▲

19 MONTPELLIER

EVIAN TG

28

.

30 BREST 0-0 1-0 0-2 0-0 2-0 2-3 2-1 1-1

.

18 AJACCIO 1-1 1-1 2-1 0-2 1-3 0-0 0-1 0-1

TOLOSA LORIENT RENNES AUXERRE LILLE VALENCIENNES LIONE EVIAN TG MONTPELLIER BREST

= =

NANCY SOCHAUX MARSIGLIA ST. ETIENNE LORIENT RENNES AUXERRE VALENCIENNES LILLE

18 MARSIGLIA 1-0 0-2 2-1 1-0 1-2 0-2 2-2 2-1

SOCHAUX EVIAN TG NIZZA LIONE BREST MONTPELLIER DIJON PARIS SG BORDEAUX AJACCIO

.

NANCY NIZZA MONTPELLIER BREST PARIS SG DIJON BORDEAUX AJACCIO CAEN MARSIGLIA

RETI F S 16 14 13 12 12 8 15 10 8 6 4 10 14 8 6 8 7 3 5 7

«OVER»

LILLE LIONE VALENCIENNES EVIAN TG TOLOSA BREST AJACCIO DIJON PARIS SG NIZZA

2 1 0 4 3 3 5 3 4 6 4 4 4 5 6 4 6 7 8 5

18 DIJON

AUXERRE

(19ª GIORNATA) Auxerre - Dijon 21-12 Evian TG - Montpellier “ “ Lille - Nizza “ “ Lorient - Caen “ “ Nancy - Marsiglia “ “ Rennes - Bordeaux “ “ Sochaux - Ajaccio “ “ St. Etienne - Paris SG “ “ Tolosa - Brest “ “ Valenciennes - Lione “ “

275.59 Euro 1 2 1 Under Under

7 7 5 7 4 6 3 5 3 5 3 4 3 4 2 3 3 4 4 2

(18ª GIORNATA) Brest - Auxerre 1-0 PARTITE DAL 17-12 AL 18-12 Caen - Nancy 1-2 Dijon - St. Etienne 1-2 Lione - Evian TG 2-1 Marsiglia - Lorient 2-1 Montpellier - Tolosa 1-1 Nizza - Valenciennes 2-0 Ajaccio - Rennes 1-0 Bordeaux - Sochaux 1-0 Paris SG - Lille 0-0

Con 6 euro puntati la vincita è di

Atalanta-Cesena Bologna-Roma Newcastle-WBA Everton-Swansea Rennes-Bordeaux

IN CASA V N P

1 X 1 X

Auxerre - Dijon Valenciennes - Lione Tolosa - Brest St. Etienne - Psg

9 GARE 2141.53 Euro

1.90 2.30 1.75 2.60 2.10

RETI F S

IL TURNO PRECEDENTE

Atalanta-Cesena Bologna-Roma Lazio-Chievo Napoli-Genoa Manchester C.-Stoke Newcastle-WBA Everton-Swansea Rennes-Bordeaux Valenciennes-Lione 1 2 Under 1h. Goal

PARTITE V N P

18 11 4 3 37 19 18 11 4 3 30 17 18 9 8 1 29 15 18 11 2 5 31 20 18 8 6 4 23 20 18 8 6 4 20 17 18 8 5 5 28 23 18 7 7 4 24 17 18 5 8 5 20 21 18 6 5 7 18 21 18 3 11 4 19 19 18 4 7 7 23 27 18 5 4 9 24 29 18 4 6 8 24 28 18 4 6 8 16 23 18 4 6 8 21 32 18 5 3 10 18 33 18 4 5 9 17 19 18 4 5 9 17 21 18 2 6 10 18 36

IL TURNO SUCCESSIVO

Correzione di 0-1-2 errori sulle 9 partite 0 err.=8 cinquine; 1 err.=3/4 cinquine; 2 err.=1 cinquina

Atalanta-Cesena Bologna-Roma Lazio-Chievo Napoli-Genoa Manchester C.-Stoke

PT G 37 37 35 35 30 30 29 28 23 23 20 19 19 18 18 18 18 17 17 12

Il pronostico di TS

I nostri consigli di gioco MISTA VINCITA GLOBALE:

Classifica MONTPELLIER PARIS SG LILLE LIONE ST. ETIENNE TOLOSA RENNES MARSIGLIA BORDEAUX LORIENT BREST EVIAN TG CAEN AUXERRE NANCY SOCHAUX DIJON NIZZA VALENCIENNES AJACCIO

35 1-3 2-0 1-2 1-2 3-0 3-2 1-0 2-1

▼ ▲ ▼ ▼ ▲ ▲ ▲ ▲ .

Lione Montpellier Sochaux Auxerre Caen Evian TG Ajaccio Paris SG Dijon St. Etienne Lille Marsiglia Nancy Valenciennes Bordeaux Lorient Rennes Brest Nizza Tolosa

11 11 11 10 10 10 9 9 8 8 7 7 7 7 6 6 6 5 5 5

(6-5) (5-6) (6-5) (6-4) (5-5) (6-4) (5-4) (4-5) (4-4) (2-6) (3-4) (3-4) (4-3) (4-3) (2-4) (2-4) (2-4) (4-1) (3-2) (3-2)

«GOAL» Evian TG Auxerre Ajaccio Caen Lione Sochaux Brest Lille Nancy St. Etienne Bordeaux Montpellier Rennes Paris SG Dijon Lorient Marsiglia Valenciennes Nizza Tolosa

14 13 12 12 12 12 11 11 11 11 10 10 10 9 8 8 8 8 7 7

(6-8) (6-7) (6-6) (5-7) (7-5) (7-5) (7-4) (5-6) (7-4) (5-6) (6-4) (3-7) (7-3) (4-5) (5-3) (3-5) (3-5) (3-5) (4-3) (3-4)

«NO GOAL» Nizza Tolosa Dijon Lorient Marsiglia Valenciennes Paris SG Bordeaux Montpellier Rennes Brest Lille Nancy St. Etienne Ajaccio Caen Lione Sochaux Auxerre Evian TG

11 11 10 10 10 10 9 8 8 8 7 7 7 7 6 6 6 6 5 4

(6-5) (6-5) (4-6) (6-4) (7-3) (5-5) (6-3) (4-4) (6-2) (1-7) (2-5) (4-3) (2-5) (3-4) (3-3) (4-2) (2-4) (2-4) (3-2) (2-2)


8 il Domani dello Sport Mercoledì 21 Dicembre 2011

TOTOGUIDA SCOMMESSE TURCHIA Super Ligi Il pronostico di TS

IL TURNO SUCCESSIVO (17ª GIORNATA)

Trabzonspor-Orduspor Antalyaspor - Fenerbahce 21-12 Galatasaray - Manisaspor “ “ Besiktas-Kardemir Kayserispor - Ankaragucu “ “ Galatasaray-Manisaspor

1 1 1

M. Idman Yurdu - Eskisehirspor “ “ Sivasspor - Samsunspor “ “ Besiktas - Kardemir Kar. 22-12 La possibile sorpresa Gaziantepspor - Bursaspor “ “ Mersin-Eskisehirspor 2 Genclerbirligi - Istanbul BB “ “ Trabzonspor - Orduspor “ “ Antalyaspor-Fenerbahce 1X

20 FENERBAHCE

ANTALYASPOR ORDUSPOR MANISASPOR ISTANBUL BB SAMSUNSPOR KARDEMIR KAR. ESKISEHIRSPOR ANKARAGUCU BURSASPOR FENERBAHCE

1-1 0-1 2-1 0-1 2-1 0-1 1-0 0-0

= ▼ ▲ ▼ ▲ ▼ ▲ = .

KARDEMIR KAR. SIVASSPOR ESKISEHIRSPOR GENCLERBIRLIGI ANKARAGUCU GALATASARAY BURSASPOR TRABZONSPOR ANTALYASPOR

1-0 0-2 1-0 0-0 4-2 1-3 2-0 1-0

2-1 0-0 1-1 1-0 0-0 0-0 1-0 5-3

▲ = = ▲ = = ▲ ▲ .

SAMSUNSPOR KARDEMIR KAR. FENERBAHCE ANKARAGUCU BURSASPOR ANTALYASPOR GAZIANTEPSPOR KAYSERISPOR BESIKTAS

GALATASARAY

KAYSERISPOR M. IDMAN YURDU BESIKTAS SIVASSPOR GENCLERBIRLIGI FENERBAHCE TRABZONSPOR ORDUSPOR ISTANBUL BB

▼ ▲ = ▲ ▼ ▲ ▲ .

1-0 2-1 0-1 3-2 1-0 1-0 1-0 1-0

TRABZONSPOR ORDUSPOR MANISASPOR ISTANBUL BB SAMSUNSPOR KARDEMIR KAR. ESKISEHIRSPOR ANKARAGUCU ANTALYASPOR

0-1 0-0 1-1 1-3 1-0 0-0 0-1 0-0

▼ = = ▼ ▲ = ▼ = .

MANISASPOR ISTANBUL BB SAMSUNSPOR KARDEMIR KAR. ESKISEHIRSPOR ANKARAGUCU FENERBAHCE ANTALYASPOR KAYSERISPOR

▲ ▲ ▼ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ .

GAZIANTEPSPOR 15 BURSASPOR

18 0-0 0-0 1-0 1-3 0-1 0-0 0-2 0-0

PT G 34 34 29 29 26 25 24 24 22 21 21 20 18 17 15 12 12 7

34

M. IDMAN YURDU 26 ESKISEHIRSPOR 29 GENCLERBIRLIGI GALATASARAY TRABZONSPOR ORDUSPOR MANISASPOR ISTANBUL BB SAMSUNSPOR KARDEMIR KAR. ANKARAGUCU

Classifica GALATASARAY FENERBAHCE BESIKTAS ESKISEHIRSPOR M. IDMAN YURDU GENCLERBIRLIGI ISTANBUL BB MANISASPOR KAYSERISPOR TRABZONSPOR SIVASSPOR ANTALYASPOR BURSASPOR ORDUSPOR GAZIANTEPSPOR KARDEMIR KAR. SAMSUNSPOR ANKARAGUCU

= = ▲ ▼ ▼ = ▼ = .

PARTITE V N P

16 10 16 10 16 8 16 9 16 7 16 7 16 6 16 6 16 7 16 5 16 5 16 5 16 4 16 4 16 3 16 3 16 2 16 1

RETI F S

34 MANISASPOR 2-0 ▲ 0-0 = 0-0 = 2-1 ▲ 1-0 ▲ 3-1 ▲ 3-0 ▲ 2-0 ▲ .

BESIKTAS FENERBAHCE GENCLERBIRLIGI GALATASARAY TRABZONSPOR ORDUSPOR MANISASPOR ISTANBUL BB KARDEMIR KAR.

1-3 2-0 1-1 1-2 2-2 2-1 2-2 1-1

▼ ▲ = ▼ = ▲ = = .

0-0 1-0 1-1 1-0 0-0 1-4 2-2 0-1

ESKISEHIRSPOR ANKARAGUCU BURSASPOR ANTALYASPOR GAZIANTEPSPOR KAYSERISPOR M. IDMAN YURDU BESIKTAS GENCLERBIRLIGI

1-2 4-2 1-1 0-0 0-1 3-1 2-1 1-0

▼ ▲ = = ▼ ▲ ▲ ▲ .

= ▲ = ▲ = ▼ = ▼ .

12 0-1 2-2 0-1 1-0 0-1 0-1 0-1 1-1

▼ = ▼ ▲ ▼ ▼ ▼ = .

GENCLERBIRLIGI 25 ISTANBUL BB M. IDMAN YURDU BESIKTAS SIVASSPOR FENERBAHCE GALATASARAY ORDUSPOR TRABZONSPOR MANISASPOR SAMSUNSPOR

5 6 4 5 3 5 3 4 4 3 3 4 3 2 2 3 2 1

24

BURSASPOR ANTALYASPOR GAZIANTEPSPOR KAYSERISPOR M. IDMAN YURDU BESIKTAS SIVASSPOR GENCLERBIRLIGI GALATASARAY

21 SAMSUNSPOR

SIVASSPOR

IN CASA V N P

4 2 26 11 4 2 24 14 5 3 24 17 2 5 19 15 5 4 20 16 4 5 21 20 6 4 21 16 6 4 16 15 1 8 18 17 6 5 20 20 6 5 23 27 5 6 13 16 6 6 16 16 5 7 13 17 6 7 12 16 3 10 18 26 6 8 10 19 4 11 15 31

24

ANKARAGUCU BURSASPOR ANTALYASPOR GAZIANTEPSPOR KAYSERISPOR M. IDMAN YURDU BESIKTAS SIVASSPOR GALATASARAY

2-1 0-0 1-2 3-1 0-1 0-0 1-1 1-1

▲ = ▼ ▲ ▼ = = = .

1 2 3 1 2 2 5 1 1 1 4 3 3 3 2 2 4 2

1 0 1 2 3 1 0 3 3 4 1 1 3 3 4 3 2 5

RETI F S

V

14 8 13 5 12 8 8 7 8 8 14 6 12 5 8 9 12 8 11 13 11 9 10 7 10 6 5 7 7 8 13 12 9 9 5 12

5 4 4 4 4 2 3 2 3 2 2 1 1 2 1 0 0 0

3 2 2 1 3 2 1 5 0 5 2 2 3 2 4 1 2 2

GALATASARAY TRABZONSPOR ORDUSPOR MANISASPOR ISTANBUL BB SAMSUNSPOR KARDEMIR KAR. ESKISEHIRSPOR ANKARAGUCU

0-2 1-2 1-0 0-1 1-0 1-0 2-0 0-1

RETI F S 12 11 12 11 12 7 9 8 6 9 12 3 6 8 5 5 1 10

3 9 9 8 8 14 11 6 9 7 18 9 10 10 8 14 10 19

REGOLAMENTO Le prime 4 ai play-off per il titolo. Dalla 5ª all’8ª ai play-off per l’Europa League. Retrocedono le ultime 3. A pari punti si tiene conto della differenza reti.

▼ ▲ ▼ ▲ ▲ ▲ ▼

ISTANBUL BB SAMSUNSPOR KARDEMIR KAR. ESKISEHIRSPOR FENERBAHCE BURSASPOR ANTALYASPOR GAZIANTEPSPOR KAYSERISPOR

▲ ▼ = ▲ ▲ ▲ = = .

FENERBAHCE ESKISEHIRSPOR ANKARAGUCU BURSASPOR ANTALYASPOR GAZIANTEPSPOR KAYSERISPOR M. IDMAN YURDU SIVASSPOR

7 1-2 2-2 2-1 2-3 2-4 0-0 0-1 0-0

▼ = ▲ ▼ ▼

▲ ▲ = ▼ = ▼ ▼ ▼ .

ANTALYASPOR GAZIANTEPSPOR KAYSERISPOR M. IDMAN YURDU BESIKTAS SIVASSPOR GENCLERBIRLIGI GALATASARAY FENERBAHCE

12 11 11 11 11 10 10 10 10 9 9 9 9

(6-6) (5-6) (6-5) (6-5) (5-6) (4-6) (6-4) (6-4) (5-5) (6-3) (2-7) (5-4) (2-7)

0-1 1-2 1-2 3-1 1-2 0-0 0-2 3-5

Sivasspor 11 Ankaragucu 10 Kardemir Kar. 10 Genclerbirligi 9 Besiktas 8 Bursaspor 7 Galatasaray 7 M. Idman Yurdu 7 Trabzonspor 7 Antalyaspor 6 Eskisehirspor 6 Fenerbahce 6 Istanbul BB 6

«GOAL»

=

▼ ▼ ▼ ▲ ▼ = ▼ ▼

Kardemir Kar. Sivasspor Ankaragucu Besiktas Trabzonspor Genclerbirligi Istanbul BB M. Idman Yurdu Orduspor Fenerbahce Manisaspor Antalyaspor Bursaspor

.

17 1-1 0-0 0-1 0-1 1-2 1-2 1-3 0-2

(4-7) (5-5) (5-5) (4-5) (4-4) (3-4) (5-2) (3-4) (6-1) (4-2) (2-4) (2-4) (3-3)

= .

21 ORDUSPOR 1-0 2-1 1-1 0-1 2-2 0-3 1-2 0-1

«UNDER» Manisaspor Gaziantepspor Kayserispor Orduspor Samsunspor Antalyaspor Eskisehirspor Fenerbahce Istanbul BB Bursaspor Galatasaray M. Idman Yurdu Trabzonspor

«OVER»

29 KARDEMIR KAR. 12 3-1 2-4 0-0 1-0 2-1 4-1 1-1 1-1

TRABZONSPOR GAZIANTEPSPOR KAYSERISPOR M. IDMAN YURDU BESIKTAS SIVASSPOR GALATASARAY GENCLERBIRLIGI FENERBAHCE MANISASPOR

.

BESIKTAS SIVASSPOR GENCLERBIRLIGI GALATASARAY TRABZONSPOR ORDUSPOR MANISASPOR ISTANBUL BB SAMSUNSPOR ESKISEHIRSPOR

1 2 2 3 1 4 4 1 5 1 4 5 3 4 3 7 6 6

22 ANKARAGUCU

KAYSERISPOR

Coppa del Re

= = ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ .

11 11 10 10 10 8 8 8 8 7 7 6 6

(6-5) (3-8) (4-6) (5-5) (5-5) (4-4) (4-4) (4-4) (3-5) (3-4) (3-4) (5-1) (2-4)

«NO GOAL» Kayserispor Eskisehirspor Gaziantepspor Antalyaspor Bursaspor Galatasaray Samsunspor Fenerbahce Manisaspor Genclerbirligi Istanbul BB M. Idman Yurdu Orduspor

12 11 11 10 10 10 10 9 9 8 8 8 8

(6-6) (6-5) (5-6) (3-7) (7-3) (2-8) (3-7) (5-4) (5-4) (4-4) (4-4) (4-4) (5-3)

SEDICESIMI DI FINALE

Il Barcellona festeggia il Mondiale sfidando al Camp Nou l’Hospitalet... Il pronostico di TS R Atl. Madrid - Albacete itorno dei 16’ di Copa del Rey che si presentano come una formalità per i neo-campioni del mondo del Barcellona. Al Camp Nou sono attensi da una formalità con l’Hospitalet già superato all’andata per 1-0. Probabile che Guardiola schieri tutte le seconde linee. Malgrado ciò, visto anche come è andata a finire la gara col BATE in Cham-

FUORI N P

pions League, è da prendere l’«1» con handicap. Per il resto non sono poche le qualificazioni in bilico anche di squadre di prima fascia come ad esempio il Valencia che al Mestalla deve battere il Cadice. Oltre a questa fissa il nostro consiglio di gioco prevede anche i segni «1» per Granada, Malaga, Ath. Bilbao e Siviglia.

Valencia - Cadice Betis - Cordoba Malaga - Getafe

and.

1 1 1 1

Le possibili sorprese Saragozza - Alcorcon Granada - R. Sociedad

X2 1

rit.

and.

rit.

L’Hospitalet-Barcellona

0-1 22/12 D. La Coruna-Levante

3-1 21/12

Albacete Balompie-Atl. Madrid

2-1 21/12 Cordoba-Real Betis

1-0

“ ”

Real Oviedo-Atl. Bilbao

0-1

“ ” Alcorcon-Saragozza

1-1

“ ”

Ponferradina-Real Madrid

0-2

g. ieri Almeria-Osasuna

1-3

“ ”

Cadice-Valencia

0-0 22/12 R. Santander-R. Vallecano

3-2

“ ”

Maiorca-Sp. Gijon

0-1

g. ieri San Roque-Siviglia

0-1

g. ieri

Celta Vigo-Espanyol

0-0

Mirandés-Villarreal

1-1 21/12

Real Sociedad-Granada

4-1

“ ”

Getafe-Malaga

0-1

“ ”

“ ”


Mercoledì 21 Dicembre 2011 il Domani dello Sport

9

TOTOGUIDA SCOMMESSE AUSTRALIA

«UNDER»

A-League

Central Coast, altro «2» in arrivo a Perth A Melbourne c’è un derby da «Goal» IL TURNO SUCCESSIVO (13ª

GIORNATA) Sydney - Adelaide Utd 22-12 Melbourne H. - Melbourne V. 23-12 Perth Glory - Central Coast “ “ Wellington P. - Newcastle Jets “ “ G. Coast Utd - Brisbane Roar 26-12

PERTH GLORY NEWCASTLE JETS SYDNEY MELBOURNE V. BRISBANE ROAR GOLD COAST UTD SYDNEY WELLINGTON P. MELBOURNE H. CENTRAL COAST

Il pronostico di TS Melbourne-Melbourne V.Goal Gold Coast-Brisbane X Sydney-Adelaide 1 Perth-Central Coast 2

13 CENTRAL COAST 23 0-2 ▼ 0-1 ▼ 2-2 = 0-4 ▼ 2-0 ▲ Rin. . 0-1 ▼ 1-2 ▼ .

WELLINGTON P. MELBOURNE V. SYDNEY MELBOURNE H. ADELAIDE UTD NEWCASTLE JETS BRISBANE ROAR PERTH GLORY GOLD COAST UTD

2-1 ▲ 0-0 = 3-2 ▲ 3-1 ▲ 4-0 ▲ 2-0 ▲ 2-1 ▲ . .

Classifica

PT

PARTITE G V N P

CENTRAL COAST BRISBANE ROAR MELBOURNE H. SYDNEY MELBOURNE V. WELLINGTON P. PERTH GLORY NEWCASTLE JETS ADELAIDE UTD GOLD COAST UTD

23 20 18 18 15 15 13 13 10 9

11 12 11 11 11 12 11 11 11 11

SYDNEY

18 ADELAIDE UTD

GOLD COAST UTD PERTH GLORY CENTRAL COAST WELLINGTON P. BRISBANE ROAR PERTH GLORY GOLD COAST UTD NEWCASTLE JETS ADELAIDE UTD

3-2 ▲ 1-0 ▲ 2-3 ▼ 1-2 ▼ 2-0 ▲ Rin. . 0-0 = 2-1 ▲ .

7 6 5 5 3 4 4 4 2 2

2 2 3 3 6 3 1 1 4 3

2 4 3 3 2 5 6 6 5 6

RETI F S 19 24 16 14 14 13 10 12 8 14

MELBOURNE H. GOLD COAST UTD WELLINGTON P. NEWCASTLE JETS CENTRAL COAST MELBOURNE V. GOLD COAST UTD SYDNEY WELLINGTON P.

1-1 2-1 1-1 0-0 0-4 1-1 0-3

IN CASA V N P

9 13 13 12 13 13 15 17 21 18

3 4 2 2 2 4 3 4 2 1

2 1 1 0 5 1 0 0 2 2

1-2 1-1 1-1 2-1 0-1 1-0 2-0 1-3

▼ = = ▲ ▼ ▲ ▲ ▼ .

PERTH GLORY MELBOURNE H. BRISBANE ROAR ADELAIDE UTD MELBOURNE V. CENTRAL COAST SYDNEY WELLINGTON P. PERTH GLORY

4 2 3 3 1 0 1 0 0 1

0 1 2 3 1 2 1 1 2 1

RETI F S

2 11 6 2 6 7 2 10 10 1 7 5 2 3 5 3 3 7 4 5 12 4 1 10 2 3 10 5 9 14

REGOLAMENTO Le prime 6 ai play-off con questa formula: 1-2 (and e rit.), 3-6 (gara unica), 4-5 (g. u.). La vinc. della 1ª sfida va in finale contro la vinc. tra la perd. del 1° match e la vinc. dello spareggio (g. u.) tra la vinc. del 2° match e la vinc. del 3° match. A pari punti si tiene conto della diff. reti. Non ci sono retrocessioni

MELBOURNE H. 18 MELBOURNE V.

= ▲

ADELAIDE UTD NEWCASTLE JETS GOLD COAST UTD CENTRAL COAST WELLINGTON P. BRISBANE ROAR PERTH GLORY MELBOURNE V. SYDNEY

= = ▼ = ▼ . .

2-0 0-3 1-2 0-0 3-1 0-2 1-2

8 3 18 6 6 3 7 7 11 8 10 6 5 3 11 7 5 11 5 4

FUORI V N P

10

WELLINGTON P. 15 NEWCASTLE JETS 13 CENTRAL COAST BRISBANE ROAR ADELAIDE UTD SYDNEY MELBOURNE H. PERTH GLORY BRISBANE ROAR MELBOURNE V. NEWCASTLE JETS

0 2 1 2 0 2 2 2 3 1

RETI F S

1-1 = 3-0 ▲ 2-1 ▲ 1-3 ▼ 1-0 ▲ 2-1 ▲ 2-1 ▲ . .

GOLD COAST UTD

SYDNEY ADELAIDE UTD MELBOURNE H. MELBOURNE V. PERTH GLORY SYDNEY ADELAIDE UTD BRISBANE ROAR CENTRAL COAST

▼ ▼ = ▲ ▼ ▼ . .

15

BRISBANE ROAR CENTRAL COAST PERTH GLORY GOLD COAST UTD NEWCASTLE JETS ADELAIDE UTD WELLINGTON P. MELBOURNE H. BRISBANE ROAR

2-2 0-0 2-2 3-2 1-3 1-1 3-1

=

2-2 1-1 2-1 4-0 0-2 1-2 0-2 1-2

(4-4) (3-3) (4-2) (2-4) (2-3) (3-2) (3-2) (2-3) (2-2)

«OVER» Brisbane Roar Gold Coast Utd Melbourne H. Central Coast Melbourne V. Newcastle Jets Adelaide Utd Perth Glory Sydney

7 7 7 6 6 6 5 5 5

(5-2) (2-5) (2-5) (2-4) (4-2) (4-2) (4-1) (1-4) (2-3)

«GOAL» ▼

= ▲ . .

MELBOURNE V. WELLINGTON P. NEWCASTLE JETS PERTH GLORY SYDNEY MELBOURNE H. WELLINGTON P. CENTRAL COAST GOLD COAST UTD

8 6 6 6 5 5 5 5 4

= = ▲

9 BRISBANE ROAR 20

2-3 ▼ 1-2 ▼ 1-2 ▼ 2-3 ▼ 0-2 ▼ 0-0 = 3-0 ▲ . .

Wellington P. Adelaide Utd Perth Glory Sydney Brisbane Roar Central Coast Melbourne V. Newcastle Jets Gold Coast Utd

Melbourne H. Gold Coast Utd Melbourne V. Wellington P. Adelaide Utd Brisbane Roar Central Coast Sydney Newcastle Jets

▲ ▲ ▼ ▼ ▼ ▼ .

(2-6) (3-4) (5-2) (4-3) (3-3) (4-2) (3-3) (2-4) (4-1)

«NO GOAL»

= =

8 7 7 7 6 6 6 6 5

Perth Glory Brisbane Roar Newcastle Jets Adelaide Utd Central Coast Sydney Wellington P. Gold Coast Utd Melbourne V.

7 6 6 5 5 5 5 4 4

(4-3) (3-3) (2-4) (4-1) (2-3) (2-3) (3-2) (1-3) (2-2)

TRIS CAMPO PARTENTI

I NOSTRI SISTEMI Tris - Sistema per 11 cavalli

SIRACUSA GALOPPO - PR. CAPO NORD - m. 1600 MERCOLEDÌ 21 DICEMBRE - ORE 18.30 1 13 11 4 12 6 3 10 9 2 5 14 18 7 19 17 16 8 15

1-13 11-4-12-6 3-10-9-2-5

Un vincente e 0-1 piazzato 1-2 piazzati 0-1 piazzato (max 3° posto)

F P S

1-13-11 4-12-6 3-10-9

1 vincente e 1-2 piazzati 1-2 piazzati 0-1 piazzato

€ 76.50

€ 40.00 1° Arr. 2° Arr. 3° Arr.

1-13 11-4-12-6 3-10-9-2-5

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr.

1-13 1-13-11-4-12-6 1-13-11-4-12-6

€ 20.00

€ 20.00

Quinté - Sistema per 10 cavalli € 150.00 Sistema sviluppato con 2 schede T5 (cavalli nell’esatto ordine di arrivo) 1 13-11-4-12-6 3-10-9-2

F P S

Vincente F 3-4 piazzati P 0-1 piazzato (max 4° posto) S

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr.

1-13-11 1-13-11 1-13-11-4-12-6 4-12-6

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr.

1-13-11 4-12-6 1-13-11 4-12-6 € 9.00

€ 13.50

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr.

1-13-11 1-13-11 4-12-6 3-10-9

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr.

€ 13.50

€ 13.50

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr. 5° Arr.

1 13-11-4-12-6 13-11-4-12-6 13-11-4-12-6 13-11-4-12-6-3-10-9-2 € 90.00

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr. 5° Arr.

1 13-11-4-12-6 13-11-4-12-6 3-10-9-2 13-11-4-12-6

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr. € 60.00

1-13-11 4-12-6 1-13-11 3-10-9 € 13.50

1-13-11 1-13-11 3-10-9 4-12-6

1° Arr. 2° Arr. 3° Arr. 4° Arr.

1-13-11 3-10-9 1-13-11 4-12-6 € 13.50

Informazione pubblicitaria

n° gabbia clas. Probabili in terna

A. Cannella R. Fontana G. Cannarella M. Monteriso P. Borrelli M. Vargiu C. Zappulla A. Valeri G. Gentilesca P. Arbau S. Guerrieri G. Ercegovic S. Diana G. Formica A. Fusco M. Belli D. Scalora Gs. Bologna S. Giarratana

Possibili

fantino

62.5 59.0 58.5 57.0 57.0 53.5 54.5 53.0 53.0 51.5 51.5 52.0 52.5 51.5 50.0 51.5 51.5 53.0 52.5

GOLD FISH LA ROCCACCIA RED JO GOLDEN COAST JACKAL PRINCE ALABAMA SLAMMER PROSPECTOR BIRD REFUSE TO PEPPE KENAN VOLO DIRETTO GRAMIGNA GUERRILLA GIRL PARK DUFF PERLEDO BOUNTY SAT EMPEROR DANCER FILMARI L'AEROPLANINO RIMESH

Per la quota

peso

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19

Da escludere

N. cavallo

Quarté - Sistema per 9 cavalli

Sistema sviluppato con 2 biglietti T3 (cavalli nell’esatto ordine di arrivo) Sistema sviluppato con 6 schede T4 (cavalli nell’esatto ordine di arrivo)


10 il Domani dello Sport Mercoledì 21 Dicembre 2011

TOTOGUIDA SCOMMESSE INGHILTERRA

Classifica

League 1

Il Charlton in frenata controllata renata controllata per il Charlton, che non è riuscito a superare l’Oldham ma ha visto pareggiare o perdere tutte le rivali più pericolose, salvo lo Sheffield Utd. Nel turno del 26 mirano a vincere Preston, Sheffield Utd e Huddersfield.

F

Il pronostico di TS Preston-Carlisle 1 Sheffield U.-N. County 1 Huddersfield-Chesterfield 1 Yeovil-Charlton 2

CHARLTON SHEFFIELD W. SHEFFIELD U. HUDDERSFIELD MK DONS BRENTFORD CARLISLE STEVENAGE NOTTS COUNTY PRESTON COLCHESTER BURY OLDHAM HARTLEPOOL TRANMERE BOURNEMOUTH LEYTON O. EXETER YEOVIL SCUNTHORPE WALSALL ROCHDALE WYCOMBE CHESTERFIELD

2

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

(21ª GIORNATA) Bournemouth U. PARTITE- Sheffield DEL 17-12 Bury - Brentford Carlisle - Wycombe Charlton - Oldham Chesterfield - Walsall Exeter - Scunthorpe Hartlepool - Colchester MK Dons - Preston Notts County - Leyton O. Rochdale - Yeovil Sheffield W. - Huddersfield Stevenage - Tranmere

(22ª GIORNATA) Brentford - Bournemouth 26-12 Colchester - Stevenage “ “ Huddersfield - Chesterfield “ “ Leyton O. - MK Dons “ “ Oldham - Hartlepool “ “ Preston - Carlisle “ “ Scunthorpe - Bury “ “ Tranmere - Rochdale “ “ Walsall - Sheffield W. “ “ Wycombe - Exeter “ “ Yeovil - Charlton “ “ Sheffield U. - Notts County 27-12

MK DONS HUDDERSFIELD TRANMERE BOURNEMOUTH HARTLEPOOL NOTTS COUNTY CARLISLE EXETER BURY

19 BURY 0-0 2-2 4-2 0-2 0-2 2-3 1-2 0-0

▼ ▼ ▼ ▼ = .

BOURNEMOUTH NOTTS COUNTY STEVENAGE OLDHAM WALSALL PRESTON COLCHESTER BRENTFORD SCUNTHORPE

2-1 2-2 1-2 2-0 4-2 1-0 1-4 1-1

0-2 1-2 1-2 1-1 0-1 3-4 3-2 2-2

▼ ▼ ▼ = ▼ ▼ ▲ = .

ROCHDALE WALSALL SHEFFIELD U. CARLISLE YEOVIL TRANMERE LEYTON O. SCUNTHORPE WYCOMBE

3-1 2-1 4-4 0-0 2-2 3-0 0-3 0-0

PRESTON SCUNTHORPE YEOVIL WALSALL NOTTS COUNTY CHARLTON BOURNEMOUTH SHEFFIELD W. CHESTERFIELD

1-1 0-1 2-1 0-0 0-1 2-1 2-1 1-1

WYCOMBE PRESTON CARLISLE BURY CHESTERFIELD BOURNEMOUTH SHEFFIELD W. CHARLTON HARTLEPOOL

TRANMERE

WALSALL HARTLEPOOL SCUNTHORPE COLCHESTER SHEFFIELD W. EXETER MK DONS STEVENAGE ROCHDALE

= ▼ ▲ ▲ ▲ ▼ =

21

YEOVIL

STEVENAGE LEYTON O. HUDDERSFIELD CHESTERFIELD EXETER HARTLEPOOL NOTTS COUNTY ROCHDALE CHARLTON

▲ = = = ▲ ▼ = .

= ▼ ▲ = ▼ ▲ ▲ = .

3-1 2-2 1-0 1-1 2-1 0-2 0-1 4-4

RETI F S

IN CASA V N P 6 8 7 6 5 4 4 5 6 4 4 3 4 2 4 2 3 4 3 2 2 2 2 2

4 2 2 3 5 2 3 4 2 2 4 3 2 2 4 2 3 3 2 4 4 5 2 4

0 0 2 1 1 5 3 2 2 4 2 4 4 7 3 6 5 4 6 4 5 4 6 5

RETI F S 24 23 24 19 23 13 16 17 20 17 19 12 13 7 9 8 12 12 12 15 10 12 11 12

8 9 14 10 13 14 18 11 12 19 16 14 13 14 8 15 15 13 17 17 15 16 16 15

BURY COLCHESTER PRESTON SCUNTHORPE WYCOMBE OLDHAM HUDDERSFIELD SHEFFIELD U. BRENTFORD

1-2 1-1 3-1 2-0 1-0 0-0 1-0 0-2

V

FUORI N P

8 5 5 4 6 5 5 3 3 5 3 5 3 5 3 5 3 1 1 1 1 2 2 1

2 2 3 6 1 4 3 4 2 1 4 1 4 3 1 3 4 3 6 6 5 1 3 1

1 4 2 1 3 1 3 3 6 5 4 5 4 2 6 3 3 6 3 4 4 7 6 8

RETI F S 20 17 14 22 18 12 13 9 15 16 12 15 15 18 12 15 12 8 10 11 10 10 14 14

8 19 8 12 9 8 13 8 18 17 15 18 19 15 17 13 15 20 13 15 12 22 20 26

REGOLAMENTO Promosse direttamente le prime 2. Dalla 3ª alla 6ª ammesse ai play-off per l’ultimo posto disponibile. Retrocedono le ultime 4. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto, in primis, della differenza reti poi, eventualmente, del maggior numero di gol segnati.

▲ = ▲ ▼

LEYTON O. SHEFFIELD U. YEOVIL ROCHDALE HARTLEPOOL STEVENAGE SHEFFIELD W. EXETER NOTTS COUNTY MK DONS

= ▲ = ▲ ▼ ▼ =

HARTLEPOOL ROCHDALE BRENTFORD YEOVIL OLDHAM SHEFFIELD U. WYCOMBE WALSALL HUDDERSFIELD

2-3 1-1 1-2 2-2 2-5 0-1 2-3 1-1

▲ = = ▼ ▲ = ▼ =

TRANMERE CHARLTON LEYTON O. SCUNTHORPE YEOVIL PRESTON BRENTFORD COLCHESTER OLDHAM

▲ ▲ ▼ = ▼ ▼ ▼ ▼ .

EXETER CHESTERFIELD LEYTON O. MK DONS PRESTON BRENTFORD SHEFFIELD U. YEOVIL TRANMERE

0-2 0-4 1-1 2-0 0-1 0-1 1-2 0-1

= ▼ = = ▲ ▲ = .

CARLISLE WYCOMBE HARTLEPOOL PRESTON BRENTFORD HUDDERSFIELD WALSALL OLDHAM YEOVIL

= ▼ = ▼ ▼ ▼ =

26

PRESTON

▼ ▼

OLDHAM BOURNEMOUTH CHARLTON ROCHDALE BURY HARTLEPOOL STEVENAGE MK DONS CARLISLE

= ▲ ▼ ▼ ▼ ▼ .

18 1-3 1-1 0-2 1-3 1-0 1-2 0-3 0-0

▼ = ▼ ▼ ▲ ▼ ▼ = .

20 CHARLTON =

.

26 ROCHDALE

0-0 2-2 0-1 2-2 2-2 1-0 1-0 0-0

SHEFFIELD W. BOURNEMOUTH NOTTS COUNTY TRANMERE MK DONS CARLISLE BURY HARTLEPOOL STEVENAGE

4-0 2-1 4-0 5-2 1-0 2-0 1-1 1-1

48

SHEFFIELD U.

LEYTON O. MK DONS EXETER STEVENAGE CARLISLE CHESTERFIELD ROCHDALE BOURNEMOUTH NOTTS COUNTY

▲ ▲ ▲ ▲ ▲ = = .

0-2 1-1 4-2 0-0 1-5 0-1 4-1 1-0

▼ = ▲ = ▼ ▼ ▲ ▲ .

YEOVIL BRENTFORD BURY SHEFFIELD U. LEYTON O. WALSALL PRESTON TRANMERE COLCHESTER

0-0 1-0 2-1 2-1 0-0 0-0 0-0 2-1

= = ▲ = = ▼ ▲ ▲ .

SCUNTHORPE SHEFFIELD U. WALSALL ROCHDALE COLCHESTER WYCOMBE TRANMERE PRESTON LEYTON O.

= ▼ ▼ ▼ ▼ ▲ = ▲ .

CHARLTON SHEFFIELD W. OLDHAM EXETER SHEFFIELD U. COLCHESTER SCUNTHORPE WYCOMBE PRESTON

▼ ▼ ▼ = ▼ = = = .

COLCHESTER CARLISLE WYCOMBE BRENTFORD TRANMERE LEYTON O. OLDHAM HUDDERSFIELD WALSALL

▲ = = = ▲

= ▼ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▼ .

«UNDER» Walsall Brentford Oldham Tranmere Colchester Stevenage Bournemouth Charlton Exeter Sheffield U. Wycombe Yeovil Bury Hartlepool Leyton O. MK Dons Preston Rochdale Scunthorpe Chesterfield Huddersfield Sheffield W. Carlisle Notts County

15 13 13 13 12 12 11 11 11 11 11 11 10 10 10 10 10 10 10 9 9 8 7 7

(8-7) (6-7) (8-5) (8-5) (5-7) (5-7) (6-5) (5-6) (6-5) (3-8) (6-5) (5-6) (5-5) (8-2) (5-5) (5-5) (4-6) (5-5) (4-6) (7-2) (4-5) (4-4) (2-5) (3-4)

▼ ▲ = = ▼ ▲ ▲ = .

43 2-0 2-3 2-1 0-0 2-1 1-0 2-0 4-4

▲ ▼ ▲ = ▲ ▲ ▲ = .

41 NOTTS COUNTY 31 1-1 2-1 4-4 1-2 1-0 1-0 3-0 2-0

= ▲ = ▼ ▲ ▲ ▲ ▲ .

BRENTFORD BURY COLCHESTER WYCOMBE HUDDERSFIELD SCUNTHORPE YEOVIL LEYTON O. SHEFFIELD U.

«OVER» Carlisle Notts County Sheffield W. Chesterfield Huddersfield Bury Hartlepool Leyton O. MK Dons Preston Rochdale Scunthorpe Bournemouth Charlton Exeter Sheffield U. Wycombe Yeovil Colchester Stevenage Brentford Oldham Tranmere Walsall

14 14 13 12 12 11 11 11 11 11 11 11 10 10 10 10 10 10 9 9 8 8 8 6

(8-6) (7-7) (6-7) (4-8) (6-6) (5-6) (3-8) (6-5) (6-5) (6-5) (6-5) (6-5) (4-6) (5-5) (5-5) (8-2) (4-6) (6-4) (5-4) (6-3) (5-3) (2-6) (3-5) (3-3)

33 0-4 3-2 3-3 0-0 0-1 1-0 2-1 2-2

18 SHEFFIELD W. 1-2 1-2 0-2 1-1 2-4 0-0 1-1 1-1

▲ ▲

39 0-0 1-2 2-0 3-1 5-1 4-3 2-0 0-1

30 CARLISLE 3-3 1-3 2-5 0-1 0-1 1-0 0-0 1-0

=

.

25 MK DONS 1-1 2-2 2-0 1-1 0-0 0-1 3-0 2-1

WALSALL TRANMERE EXETER MK DONS HUDDERSFIELD BURY STEVENAGE CHARLTON CHESTERFIELD SHEFFIELD W.

32

29 STEVENAGE

COLCHESTER

.

2-1 2-0 2-4 0-0 1-2 0-3 0-2 1-2

= ▲

.

27 HARTLEPOOL 2-0 3-3 3-3 0-2 5-2 0-0 0-2 1-1

39 CHESTERFIELD 14

.

OLDHAM

28

.

17 EXETER

WYCOMBE OLDHAM CHARLTON SHEFFIELD W. NOTTS COUNTY BOURNEMOUTH MK DONS CHESTERFIELD CARLISLE EXETER

= = ▲

14 6 1 44 16 13 4 4 40 28 12 5 4 38 22 10 9 2 41 22 11 6 4 41 22 9 6 6 25 22 9 6 6 29 31 8 8 5 26 19 9 4 8 35 30 9 3 9 33 36 7 8 6 31 31 8 4 9 27 32 7 6 8 28 32 7 5 9 25 29 7 5 9 21 25 7 5 9 23 28 6 7 8 24 30 5 6 10 20 33 4 8 9 22 30 3 10 8 26 32 3 9 9 20 27 4 6 11 22 38 4 5 12 25 36 3 5 13 26 41

33 BOURNEMOUTH 26

BRENTFORD NOTTS COUNTY STEVENAGE CHESTERFIELD SHEFFIELD W. CHARLTON ROCHDALE HARTLEPOOL BURY BOURNEMOUTH

Hogan Ephraim (Charlton) esulta dopo una rete

SCUNTHORPE

PARTITE V N P

21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21 21

Le possibili sorprese Colchester-Stevenage

HUDDERSFIELD

0-2 1-1 2-2 1-1 1-1 0-0 0-1 0-1 1-2 0-0 4-4 2-1

PT G 48 43 41 39 39 33 33 32 31 30 29 28 27 26 26 26 25 21 20 19 18 18 17 14

1-1 2-2 2-4 1-1 1-2 3-2 0-1 1-2

«GOAL» Scunthorpe Chesterfield Notts County Colchester Sheffield W. Walsall Wycombe Carlisle Charlton Huddersfield Leyton O. MK Dons Preston Rochdale Bury Oldham Stevenage Bournemouth Hartlepool Yeovil Brentford Sheffield U. Tranmere Exeter

15 14 14 13 13 13 13 12 12 12 12 12 12 12 11 11 11 10 10 10 9 9 9 7

(9-6) (6-8) (8-6) (8-5) (5-8) (6-7) (6-7) (7-5) (6-6) (7-5) (7-5) (7-5) (6-6) (7-5) (6-5) (4-7) (6-5) (4-6) (2-8) (5-5) (4-5) (4-5) (4-5) (4-3)

= = ▼ = ▼ ▲ ▼ ▼ .

LEGENDA La classifica del NO GOAL è “reciproca” (contraria) rispetto a quella del GOAL ed è consultabile su TS in edicola


Informazione pubblicitaria


12 il Domani dello Sport Mercoledì 21 Dicembre 2011

SPORT VIGOR LAMEZIA

Nonostante il maltempo la partita dovrebbe disputarsi

US CATANZARO

Francesco Forte

Atto secondo Ciak, si gira?

Riccardo Mengoni

Ruolo:Portiere Natoa:Cosenza Datadinascita: 12/10/1991

Gianfranco Rondinelli Ruolo:Centrocampista Natoa:Catanzaro Datadi nascita:24/06/1989

Domenico Marchetti Ruolo:Difensore Natoa:Corato(BA) Datadinascita: 07/08/1990

Filippo Gattari Ruolo:Difensore Natoa:Recanati(MC) Datadinascita: 22/06/1983

Oronzo Bonasia Ruolo:Difensore Natoa:Bitonto(BA) Datadinascita: 07/05/1991

Giovanni Giuffrida Ruolo:Centrocampista Natoa:Catania Datadinascita: 24/10/1985

Carmine Cerchia Ruolo:Centrocampista Natoa:Avellino Datadinascita: 16/04/1980

Matteo Mancosu Ruolo:Attaccante Natoa:Cagliari Datadinascita: 22/12/1984

Marco Cane Ruolo:Centrocampista Natoa:Imperia Datadinascita: 26/09/1992

Simone Nisticò CATANZARO - Quasi quasi ci manca un po’ il Sig.Ros! Il fautore del singolare rinvio della gara prevista per lo scorso 4 dicembre, ma terminataa solo al 21’ della prima frazione di gioco, non sarà naturalmente riconfermato per la partita di oggi a causa dell’infortunio provocato dal “fallo da tergo” commesso dal centrocampista Corso del Catanzaro. Nella partita odierna nessuno dei due protagonisti dello sciagurato evento prenderà parte alla gara al fischio d’inizio del Sig. Abbattista di Molfetta. Il reintegro di Ulloa nella zona nevralgica del campo è ormai una certezza. Il centrocampista argentino dopo aver disputato un’ottima gara in quel di Giulianova è pronto a riconfermarsi fra i titolari e ad affiancare Maisto, autore del gol del pareggio contro i giallorossi abruzzesi. Ciò che preoccupa maggiormente oggi è la tenuta del terreno di gioco del “D’Ippolito”. Il campo lametino, infatti, ha fortemente accusato le forti piogge che tutt’ora pervadono la città della Piana e la gara interna contro l’Ebolitana di domenica scorsa ha di certo depauperato il manto erboso. Le insistenti perturbazioni potrebbero rendere ancor di più impraticabile il prato “semi-verde” vigorino. Ma attenzione: non parlateci assolutamente di rinvii. Secondo la legge dei grandi numeri è statisticamente improbabile che la gara di oggi pomeriggio possa essere ulteriormente rimandata. Il calendario non ammette altra data per recuperare il match, a meno che non si voglia scomodare i signori Gaspare, Melchiorre e Baldassarre, al tempo “i Magi”, per comporre la terna arbitrale in un giorno che precede il primo turno del girone di ritorno previsto per domenica 8 gennaio. Accantonando le burle, probabilmente, nonostante l’indubbia pesantezza che riser-

Ruolo:Difensore Natoa:Cesena Datadinascita: 11/07/1983

Ruolo:Difensore Natoa:Polistena(RC) Datadinascita: 07/10/1981

Ciro Sirignano Ruolo:Difensore Natoa:Pomigliano d’Arco(NA) Datadinascita: 01/10/1985

Tommaso Squillace L'arbitro Ros accompagnato in infermeria dopo l'infortunio dello scorso 4 dicembre

verà il terreno del “D’Ippolito”, il Sig. Abbattista proverà in tutti i modi anche in caso di forte pioggia battente a far disputare il “derby-bis” d’andata. Di certo la data di oggi suona un po’ strana. 21/12/2011.C’èancoratempoper testare la previsione dei Maja. L’evento di natura imprecisata, che potrebbe a loro detta causare un evento straordinario, è previsto fra un anno esatto ovvero per il 21/12/2012. Che proprio quest’anno non si decida di fare le prove generali? No basta! Già un rinvio è difficile da digerire, figuriamoci due. Accantonando discorsi che vanno al di là di ogni tipo di studio scientifico o geofisico, si può provare a parlare di calcio giocato. Dopo quel famoso 4 dicembre il cammino di Vigor Lamezia e Catanzaro ha visto in leggero vantaggio i giallorossi di Ciccio Cozza che, vincendo in casa contro il Fondi e pareggiando in extremis in quel di Giulianova, hanno conquistato 4 punti nelle ultime due partite. Leggermente inferiore il bottino dei biancoverdi di Costantino che perdendo al “Curi” e vincendo in casa contro l’Ebolitana con un altisonante 4-0, hanno messo in

saccoccia 3 punticini che comunque gli valgono ancora la quinta piazza in condominio con il Chieti. In caso di vittoria la Vigor raggiungerebbe a quota 37 il Catanzaro, mentre se le aquile dovessero aggiudicarsi l’intera posta in palio potrebbero addirittura spiccare il volo verso la seconda posizione in graduatoria affiancando l’Aquila. Per quanto riguarda le formazioni che dovrebbero scendere in campo, saranno molte le modifiche nei due schieramenti. Nella Vigor non giocherà Mangiapane. Forte difenderà i pali. Rondinelli, Marchetti, Gattari e Bonasia comporranno la linea di difesa.CerchiaeGiuffridaagiranno sulla mediana mentre i tre che giocheranno fra le linee saranno Cane, Mancosu e Visone con De Luca unica punta. Ciccio Cozza invece schiererà la seguente formazione: Mengoni, Narducci, Sirignano, Papasidero, Mariotti(o Gigliotti), Ulloa, Maisto, Squillace, Esposito, Masini, Carboni. I "nuovi" capitani De Luca e Carboni saranno gli aiuto registi di Abbattista. Fischio d’inizio previsto per le 14,30. Derby-bis parte II. Ciak, si gira? Al campo l’ardua sentenza...

Ruolo:Centrocampista Natoa:Soverato(CZ) Datadinascita: 07/08/1989

Vincenzo Maisto Ruolo:Centrocampista Natoa:Napoli Datadinascita: 11/01/1982

Juan Martin Ulloa Ruolo:Centrocampista Natoa:Villa Constituctìon Datadinascita: 01/01/1987

Alessio Mariotti Ruolo:Centrocampista Natoa:Pescia(PT) Datadinascita: 23/01/1984

Salvatore Carboni Ruolo:Attaccante Natoa:Bosa(NU) Datadinascita: 11/09/1979

Christian Esposito

OGGI IN CAMPO > Vigor Lamezia

> L’arbitro

> US Catanzaro

Fabio De Luca

Ruolo:Attaccante Natoa:Adelaide (AUSRALIA) Datadinascita: 23/07/1990

Simone Masini Ruolo:Attaccante Natoa:Pisa Datadinascita: 23/10/1984

Ruolo:Attaccante Natoa:Salerno Datadinascita: 01/11/1981

Federico E. Bugatti

Riccardo Lattanzio Ruolo:Attaccante Natoa:Andria(BA) Datadinascita: 11/02/1989

Mario Erbini Ruolo:Attaccante Natoa:MazaradelVallo (TP) Datadinascita: 22/07/1991

Simone Narducci

Michelangelo Papasidero

Alessandro Visone Ruolo:Centrocampista Natoa:NoviLigure(AL) Datadinascita: 27/01/1987

Ruolo:Portiere Natoa:Firenze Datadinascita: 13/03/1986

La probabile formazione della Vigor

LAMEZIA TERME - Sarà Eugenio Abbattista della sezione di Molfetta ad arbitrare il recupero del derby tra Vigor Lamezia e Catanzaro in programma oggi al “Guido D’Ippolito”. Ad assisterlo ci saranno Antonino Oliveri di Acireale e Salvatore Fazio di Messina. Il fischietto pugliese è al terzo anno di Can Pro e ha diretto 33 gare di campionato.

Ruolo:Attaccante Natoa:SanLorenzo (ARGENTINA) Datadinascita: 17/10/1987

Denny Gigliotti

La probabile formazione del Catanzaro

Ruolo:Centrocampista Natoa:Catanzaro Datadinascita: 01/01/1991


www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it | www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

13 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 56/2005, con ordinanza emessa all'udienza del 19.10.2011, ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 22.02.2012; lotto uno - "Appartamento al piano terra con annessa corte esclusiva sito in San Pietro a Maida, località Prato, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 5, particella 311, sub. 2 e p.lla 311, sub 3, cat. A/3, classe 1, vani 5,5"; prezzo base d'asta euro 20.597,91 lotto due - "Appartamento posto al piano primo sito in San Pietro a Maida, località Prato, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 5, particella 311, sub. 4, cat. A/3, classe 1, vani 5"; prezzo base d'asta euro 31.081,95 lotto tre - "Locale sottotetto posto al piano terzo sito in San Pietro a Maida, località Prato, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 5, particella 311, sub. 6, cat. A/3, classe 1, vani 5"; prezzo base d'asta euro 23.352,51 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO - essa deve aver luogo al prezzo base di euro 20.597,91 per il lotto n. 1 e di euro 31.081,95 per il lotto n. 2 e di euro 23.352,51 per il lotto n. 3; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d'asta; - ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; - le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procu-

Mercoledì 21 dicembre 2011

ratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; - a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; - è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 21.02.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - è fissata, per il giorno 22.02.2012 ore 9.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il

| AsteInfoappalti

il Domani decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 14.11.2011 Il Funzionario Giudiziario Leonilda Bonaddio

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570) che il Giudice dell'Esecuzione, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 20/2006 promossa da CARICAL DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell'allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 27. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO n. 1: "Piena proprietà dell'immobile sito in Caulonia, c.da Aguglia, costituito da fabbricato (sup. catastale 196 mq) con annessa corte, riportato nel catasto al foglio di mappa 112, particella 223, sub 1"; PREZZO BASE D'ASTA: Euro 160.890,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15 % del prezzo PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui si procederà all'esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all'udienza del 24.02.2012, alle seguenti condizioni: - entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; - l'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; - l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; - le offerte in aumento, nel caso di cui all'art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato; - l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all'udienza del 23.03.2012, alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall'art. 580 cpc; - l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Locri, 17 novembre 2011 - CONDIZIONI DI VENDITA IMMOBILIARE ALLEGATE AL VERBALE DI UDIENZA - REG. ESEC. n. 20-2006 1) L'immobile pignorato sarà posto in vendita a corpo nella consistenza indicata nella perizia di

2)

3)

4)

5)

6)

7)

8)

9)

10)

11) 12)

13)

stima da intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma cpc); entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda corredata da marca da bollo e diritti di cancelleria come previsti per legge per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l'indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di inefficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l'indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull'apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell'immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l'offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l'esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l'effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l'autorizzazione del giudice tutelare ove l'offerente sia un minore; l'offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; L'OFFERTA NON SARÀ CONSIDERATA EFFICACE: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l'offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; L'OFFERTA SI CONSIDERA IRREVOCABILE AD ECCEZIONE DELLE IPOTESI IN CUI: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l'incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l'offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all'esame delle offerte; l'udienza di vendita senza incanto è fissata per il giorno (vedi sopra), e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all'esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l'ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all'art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. in caso di mancata aggiudicazione, l'importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l'offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'esecuzione), e nello stesso termine, l'importo complessivo delle spese col-

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria Il Sole 24 Ore - Info 0961.023922


www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it | www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

14 legate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; 14) il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co., cpc); 15) maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri ; 16) la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all'Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell'art. 555 cpc; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l'avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; 17) la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata, a cura del custode giudiziario con costo a carico del creditore procedente o degli altri creditori, ovvero a carico della Custodia, se in attivo - autorizzando il custode giudiziario al prelievo degli importi necessari per la pubblicità dal libretto della procedura sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni indicati nell'ordinanza di vendita più recente in cui è contenuta la descrizione dei lotti (invitando ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + mensili Qu Economia e Asteinfoappalti + siti Internet, nei quali la pubblicazione dell'ordinanza avrà luogo unitamente alla relazione di stima, www.asteimmobili.it - www.portaleaste.it www.aste.eugenius.it; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all'udienza di vendita; B) l'attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18) ove si debba procedere all'incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell'art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall'art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d'ora per l'udienza del (vedi sopra) il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) in particolare, ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, domanda di partecipazione all'incanto da presentarsi in busta chiusa a pena di irricevibilità dell'offerta; all'esterno della busta il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte; C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito ; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, ciascun offerente dovrà depositare una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; 20) la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale e, nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l'acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell'incanto; 22) se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiu-

Mercoledì 21 dicembre 2011

sura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, da presentarsi nelle forme di cui all'art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 cpc) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; 25) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 26) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell'esecuzione; 27) alla medesima udienza fissata per l'incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all'art. 591 cpc. IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570) che il Giudice dell'Esecuzione, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 123/94 promossa da SOC. ITALIANA GESTIONE CREDITI SpA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell'allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 27. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: (ORDINANZA DEL 02.04.2003 E ORDINANZA DI CORREZIONE DEL 27.11.2009 relativo al Lotto 10, Fgl. 3 p.lla 342) 1° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 16/24, sull'unita immobiliare per civile abitazione posta al primo piano fuori terra di un fabbricato sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica alla via Camocelli n. 112, riportato nel NCEU al foglio di mappa 5, particella 908 sub 2, Cat. A/3, classe 1^, di mq. 181, cons. 6,5 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 40.000,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 4.000,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 6.000,00 2° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 16/24, sull'unita immobiliare per civile abitazione posta al piano senincantinato di un fabbricato sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica alla via Camocelli n. 112, riportato nel NCEU al foglio di mappa 5, particella 908 sub 3, Cat. C/2, classe 1^, di mq. 162, cons. mq. 116 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 26.666,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 2.666,60 DEPOSITO PER SPESE: Euro 4.000,00 3° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 16/24, sull'unita immobiliare adibita a deposito costituita da tre locali posta al piano terra terra di un fabbricato sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica alla via Camocelli n. 112, riportato nel NCEU al foglio di mappa 5, particella 908 sub 4, Cat. C/2, classe 1^, di mq. 74, cons. mq. 48 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 13.333,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.333,30 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.000,00 4° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 16/24, sull'unita immobiliare adibita a deposito costituito da tre locali posta al piano semincantinato di un fabbricato sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica alla via Camocelli n. 112, riportato nel NCEU al foglio di mappa 5, particella 908 sub 5, Cat. C/2, classe 1^, di mq. 74, cons. mq. 48 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 13.333,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.333,30 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.000,00 5° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 16/24, sul terreno sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica località Camoscelli, riportato nel NCT al foglio di mappa 5, particella 23 (ex 23/a) di mq. 2510 seminativo arborato classe 1^ PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 16.733,33 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.673,33 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.510,00 6° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 16/24, sul terreno sito nel Comune di Marina di

il Domani Gioiosa Jonica località Camoscelli, riportato nel NCT al foglio di mappa 5, particella 653 (ex 23/b) di mq. 1520 seminativo arborato classe 1^; PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 10.133,33 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.013,33 DEPOSITO PER SPESE: Euro 1.520,00 7° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 16/24, sul terreno sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica località Camoscelli, riportato nel NCT al foglio di mappa 5, particella 28 (ex 28/a) di mq. 30 uliveto classe 2^; PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 200,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 20,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 30,00 8° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 16/24, sul terreno sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica località Camoscelli, riportato nel NCT al foglio di mappa 5, particella 654 (ex 28/b) di mq. 1060 uliveto classe 2^; PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 7.066,66 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 706,66 DEPOSITO PER SPESE: Euro 1.060,00 9° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 16/24, sul terreno sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica località Camoscelli, riportato nel NCT al foglio di mappa 5, particella 37 di mq. 765 agrumeto classe 2^; PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 6.630,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 663,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 994,50 10° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 16/24, sul terreno sito nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica località Camoscelli, riportato nel NCT al foglio di mappa 5, particella 342 di mq. 4890 uliveto classe 3^ (Lotto corretto con ordinanza del 27.11.2009: ... LOTTO 10: Foglio 3, part.lla 342 - e non Foglio 5, part.lla 342); PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 30.970,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 3.097,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 4.645,00 PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui si procederà all'esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all'udienza del 24.02.2012, con la RIDUZIONE DI 1/5+1/5+1/5, alle seguenti condizioni: - entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; - l'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; - l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; - le offerte in aumento, nel caso di cui all'art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato; - l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all'udienza del 23.03.2012, con la RIDUZIONE DI 1/5+1/5+1/5, alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall'art. 580 cpc; - l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it

| AsteInfoappalti Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Locri, 14 NOVEMBRE 2011 - CONDIZIONI DI VENDITA IMMOBILIARE ALLEGATE AL VERBALE DI UDIENZA - P.E. 1231994 1) L'immobile pignorato sarà posto in vendita a corpo nella consistenza indicata nella perizia di stima da intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma cpc); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda corredata da marca da bollo e diritti di cancelleria come previsti per legge per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l'indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di inefficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l'indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull'apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell'immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l'offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l'esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l'effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l'autorizzazione del giudice tutelare ove l'offerente sia un minore; 4) l'offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; 5) l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) L'OFFERTA NON SARÀ CONSIDERATA EFFICACE: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l'offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) L'OFFERTA SI CONSIDERA IRREVOCABILE AD ECCEZIONE DELLE IPOTESI IN CUI: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l'incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8) l'offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all'esame delle offerte; 9) l'udienza di vendita senza incanto è fissata per il giorno (VEDI SOPRA), e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all'esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l'ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10) in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all'art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11) in caso di mancata aggiudicazione, l'importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria Il Sole 24 Ore - Info 0961.023922


www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it | www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

15 chiusura delle operazioni di vendita; 12) in caso di aggiudicazione, l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; 13) in caso di aggiudicazione, inoltre, l'offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'esecuzione), e nello stesso termine, l'importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; 14) il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co., cpc); 15) maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri ; 16) la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all'Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell'art. 555 cpc; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l'avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; 17) la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata, a cura del custode giudiziario con costo a carico del creditore procedente o degli altri creditori, ovvero a carico della Custodia, se in attivo - autorizzando il custode giudiziario al prelievo degli importi necessari per la pubblicità dal libretto della procedura sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni indicati nell'ordinanza di vendita più recente in cui è contenuta la descrizione dei lotti (invitando ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + mensili Qu Economia e Asteinfoappalti + siti Internet, nei quali la pubblicazione dell'ordinanza avrà luogo unitamente alla relazione di stima, www.asteimmobili.it - www.portaleaste.it www.aste.eugenius.it; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all'udienza di vendita; B) l'attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18) ove si debba procedere all'incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell'art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall'art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d'ora per l'udienza del (VEDI SOPRA) il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) in particolare, ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, domanda di partecipazione all'incanto da presentarsi in busta chiusa a pena di irricevibilità dell'offerta; all'esterno della busta il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte; C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito ; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, ciascun offerente dovrà depositare una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; 20) la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale e, nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la

Mercoledì 21 dicembre 2011

costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l'acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell'incanto; 22) se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, da presentarsi nelle forme di cui all'art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 cpc) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; 25) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 26) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell'esecuzione; 27) alla medesima udienza fissata per l'incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all'art. 591 cpc. IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570) che il Giudice dell'Esecuzione, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 90/1998 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell'allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 27. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: 1° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/3, su un fabbricato a due piani fuori terra in muratura con annesso piccolo apprezzamento di terreno sito nel Comune di Brancaleone alla via Rasole riportato nel NCEU alla partita 1663 foglio di mappa 27 particella 306, Cat. A/4, classe 2^, vani 5,5 PT-PI Prezzo base del lotto: Euro 21.280,00 Deposito per cauzione: Euro 2.128,00 Deposito per spese: Euro 651,00 2° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/3, sul terreno sito nel Comune di Brancaleone località Cardusi riportato nel NCT alla partita 505 foglio di mappa 11, particella 90, seminativo classe 2^ di are 00.01.60, particella 95 vigneto classe 3^ di are 00.14.80 e particella 96 seminativo classe 2^ di are 00.39.40 Prezzo base del lotto: Euro 1.602,00 Deposito per cauzione: Euro 160,20 Deposito per spese: Euro 240,00 PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui si procederà all'esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all'udienza del 24.02.2012, con la RIDUZIONE DI 1/5+1/4, alle seguenti condizioni: - entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; - l'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; - l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente,

| AsteInfoappalti

il Domani dovranno essere inseriti nella medesima busta; - le offerte in aumento, nel caso di cui all'art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato; - l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all'udienza del 23.03.2012, con la RIDUZIONE DI 1/5+1/4, alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall'art. 580 cpc; - l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it CUSTODE GIUDIZIARIO: Avv. ROSA MARIA CELENTANO (Tel. 0964.29038). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Locri, 14 NOVEMBRE 2011 - CONDIZIONI DI VENDITA IMMOBILIARE ALLEGATE AL VERBALE DI UDIENZA - P.E. 901998 1) L'immobile pignorato sarà posto in vendita a corpo nella consistenza indicata nella perizia di stima da intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma cpc); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda corredata da marca da bollo e diritti di cancelleria come previsti per legge per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l'indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di inefficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l'indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull'apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell'immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l'offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l'esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l'effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l'autorizzazione del giudice tutelare ove l'offerente sia un minore; 4) l'offerta deve essere inserita in una busta chiu-

5)

6)

7)

8)

9)

10)

11) 12)

13)

14)

15) 16)

17)

sa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; L'OFFERTA NON SARÀ CONSIDERATA EFFICACE: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l'offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; L'OFFERTA SI CONSIDERA IRREVOCABILE AD ECCEZIONE DELLE IPOTESI IN CUI: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l'incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l'offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all'esame delle offerte; l'udienza di vendita senza incanto è fissata per il giorno (VEDI SOPRA), e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all'esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l'ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all'art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. in caso di mancata aggiudicazione, l'importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l'offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'esecuzione), e nello stesso termine, l'importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co., cpc); maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri ; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all'Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell'art. 555 cpc; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l'avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata, a cura del custode giudiziario con costo a carico del creditore procedente o degli altri creditori, ovvero a carico della Custodia, se in attivo - autorizzando il custode giudiziario al prelievo degli importi necessari per la pubblicità dal libretto della procedura sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni indicati nell'ordinanza di vendita più recente in cui è contenuta la descrizione dei lotti (invitando ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + mensili Qu Economia e Asteinfoappalti + siti Internet, nei quali la pubblicazione dell'ordinanza avrà luogo unitamente alla relazione di stima, www.asteimmobili.it - www.portaleaste.it www.aste.eugenius.it; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all'udienza di vendita; B) l'attestato di avvenuta pubblicazio-

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria Il Sole 24 Ore - Info 0961.023922


www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it | www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

16 ne sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18) ove si debba procedere all'incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell'art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall'art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d'ora per l'udienza del (VEDI SOPRA) il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) in particolare, ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, domanda di partecipazione all'incanto da presentarsi in busta chiusa a pena di irricevibilità dell'offerta; all'esterno della busta il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte; C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito ; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, ciascun offerente dovrà depositare una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; 20) la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale e, nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l'acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell'incanto; 22) se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, da presentarsi nelle forme di cui all'art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 cpc) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; 25) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 26) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell'esecuzione; 27) alla medesima udienza fissata per l'incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all'art. 591 cpc. IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570) che il Giudice dell'Esecuzione, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 4/1999 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA

Mercoledì 21 dicembre 2011

DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell'allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 27. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: 1° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/5, sul terreno sito nel Comune di Palizzi, riportato nel NCT alla partita 3912, foglio di mappa 12, prticella 217 pascolo cespugliato classe 1^ di are 00.46.30; particella 218, seminativo classe 3^ di ha 01.17.20; particella 219 vigneto classe 3^ di are 00.10.30; al foglio di mappa 48; particella 20 seminativo classe 3^ di ha 03.72.00; particella 21 pascolo classe 2^ di ha 06.05.00 e particella 22 seminativo classe 3^ di are 00.11.90 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 17.905,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.790,50 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.685,00 2° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/5, sui terreni siti nel Comune di Palizzi, località Ponte, Marisia, Barbuglia Caradia, riportati nel NCT alla partita 2737 foglio di mappa 28 particella 129 uliveto classe 2^ di are 00.52.20, al foglio di mappa 35 particella 105 uliveto classe 3^ di ha 02.89.40; particella 135, pascolo cespugliato, classe 2^ di are 02.26.20; alla partita 2738 foglio di mappa 35, particella 133, pascolo arborato, classe 1^ di ha 03.07.60 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 13.481,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.348,10 DEPOSITO PER SPESE: Euro 2.022,00 3° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/5 su un fabbricato disabitato a tre piani fuori terra, di vecchia costruzione ed in pessimo stato di conservazione, sito nel Comune di Palizzi alla via Garibaldi n. 8 riporttao nel NCEU al foglio di mappa 21 particella 136, costituito da un locale deposito al piano terra per complessivi 91 mq. Cat. C/2, classe 2^ sub 4 e 5; da un'unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano sub 6 Cat. A/4 classe 2^ vani 6; da un'unità immobilire per civile abitazione posta al primo piano sub 7 cat. A/4 classe 2^vani 5,5 e da un'unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano sub 8 cat. A/4 classe 2^ vani 6 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 9.513,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 951,30 DEPOSITO PER SPESE: Euro 1.427,00 4° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/2, sull'unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a due piani fuori terra sito nel Comune di Brancaleone alla via Razzà riportato nel NCEU alla partita 1601 foglio di mappa 27 particella 431 di mq. 113 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 32.109,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 3.210,90 DEPOSITO PER SPESE: Euro 9.795,00 5° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/2, sull'unità immobiliare, in corso di costruzione, per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato a due piani fuori terra sito nel Comune di Brancaleone alla via Razzà riportato nel NCEU alla partita 1601 foglio di mappa 27 particella 431 di mq. 115 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 10.400,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 1.040,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 1.560,00 6° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/2 sull'unità immobiliare adibita a negozio posta al piano terra di un fabbricato a due piani fuori terra sito nel Comune di Brancaleone alla via Razzà, riportato nel NCEU alla partita 1601 foglio di mappa 27 particella 431 di mq. 186 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 52.824,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 5.282,40 DEPOSITO PER SPESE: Euro 7.923,00 7° LOTTO: Diritti vantati in ragione di 1/6 sui terreni siti nel Comune di Palizzi, località Rubino, Giusi, Ficarizzi, Scormite, riportati nel NCT alla partita 2736 foglio di mappa 42; particella 9 fabbricato rurale di are 00.03.80; particella 53 seminativo classe 4^ di are 00.41.70; particella 75 pascolo classe 2^ di ha 01.03.10; particella 122 vigneto classe 3^ di are 00.25.10; particella 123 seminativo arborato classe 3^di are 00.43.50; al foglio di mappa 48 particella 19, pascolo cespugliato classe 2^ di ha 00.65.00 PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 3.622,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 362,20 DEPOSITO PER SPESE: Euro 543,00 PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui si procederà all'esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all'udienza del 24.02.2012, con la RIDUZIONE DI 1/5, alle seguenti condizioni: - entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; - l'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che pos-

il Domani sono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; - l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; - le offerte in aumento, nel caso di cui all'art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato; - l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all'udienza del 23.03.2012, con la RIDUZIONE DI 1/5, alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall'art. 580 cpc; - l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it CUSTODE GIUDIZIARIO: Avv. ROSA MARIA CELENTANO (Tel. 0964.29038). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Locri, 14 NOVEMBRE 2011 - CONDIZIONI DI VENDITA IMMOBILIARE ALLEGATE AL VERBALE DI UDIENZA - P.E. 41999 1) L'immobile pignorato sarà posto in vendita a corpo nella consistenza indicata nella perizia di stima da intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma cpc); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda corredata da marca da bollo e diritti di cancelleria come previsti per legge per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l'indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di inefficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l'indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull'apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell'immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l'offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il

| AsteInfoappalti Tribunale competente per l'esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l'effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l'autorizzazione del giudice tutelare ove l'offerente sia un minore; 4) l'offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; 5) l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) L'OFFERTA NON SARÀ CONSIDERATA EFFICACE: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l'offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) L'OFFERTA SI CONSIDERA IRREVOCABILE AD ECCEZIONE DELLE IPOTESI IN CUI: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l'incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8) l'offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all'esame delle offerte; 9) l'udienza di vendita senza incanto è fissata per il giorno (VEDI SOPRA), e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all'esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l'ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10) in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all'art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11) in caso di mancata aggiudicazione, l'importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; 12) in caso di aggiudicazione, l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; 13) in caso di aggiudicazione, inoltre, l'offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'esecuzione), e nello stesso termine, l'importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; 14) il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co., cpc); 15) maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri ; 16) la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all'Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell'art. 555 cpc; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l'avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; 17) la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata, a cura del custode giudiziario con costo a carico del creditore procedente o degli altri creditori, ovvero a carico della Custodia, se in attivo - autorizzando il custode giudiziario al prelievo degli importi necessari per la pubblicità dal libretto della procedura sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni indicati nell'ordinanza di vendita più recente in cui è contenuta la descrizione dei lotti (invitando ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PRO-

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria Il Sole 24 Ore - Info 0961.023922


www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it | www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

17 GETTO ASTE (quotidiano Il Domani + mensili Qu Economia e Asteinfoappalti + siti Internet, nei quali la pubblicazione dell'ordinanza avrà luogo unitamente alla relazione di stima, www.asteimmobili.it - www.portaleaste.it www.aste.eugenius.it; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all'udienza di vendita; B) l'attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18) ove si debba procedere all'incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell'art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall'art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d'ora per l'udienza del (VEDI SOPRA) il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) in particolare, ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, domanda di partecipazione all'incanto da presentarsi in busta chiusa a pena di irricevibilità dell'offerta; all'esterno della busta il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte; C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito ; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, ciascun offerente dovrà depositare una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; 20) la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale e, nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l'acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell'incanto; 22) se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, da presentarsi nelle forme di cui all'art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 cpc) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; 25) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 26) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell'esecuzione; 27) alla medesima udienza fissata per l'incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all'art. 591 cpc. IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE

il Domani

Mercoledì 21 dicembre 2011

°°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570) che il Giudice dell'Esecuzione, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 54-93 promossa da INTESA BCI DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell'allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 27. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO UNICO: "Unità immobiliari per civile abitazione costituita da un fabbricato a due piani fuori terra, piano nterrato e piano sottotetto inserito nel complesso immobiliare in località Randazzo del Comune di Siderno alla via Amendola riportato nel NCEU alla partita 4992, foglio di mappa 30, particella 1410 sub 25, Cat. A/7 classe 1^ vani 9, in ditta … proprietaria, … proprietario" PREZZO BASE DEL LOTTO Euro 162.684,00 DEPOSITO PER CAUZIONE Euro 16.268,40 DEPOSITO PER SPESE Euro 24.402,00 PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui si procederà all'esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all'udienza del 24.02.2012, con la RIDUZIONE DI 1/5+1/5, alle seguenti condizioni: - entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; - l'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; - l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; - le offerte in aumento, nel caso di cui all'art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato; - l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all'udienza del 23.03.2012, con la RIDUZIONE DI 1/5+1/5, alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall'art. 580 cpc; - l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Locri, 09 novembre 2011 - CONDIZIONI DI VENDITA IMMOBILIARE ALLEGATE AL VERBALE DI UDIENZA - REG. ESEC. n. 54-93 1) L'immobile pignorato sarà posto in vendita a corpo nella consistenza indicata nella perizia di stima da intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire

3)

4)

5)

6)

7)

8)

9)

10)

11) 12)

13)

per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma cpc); entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda corredata da marca da bollo e diritti di cancelleria come previsti per legge per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l'indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di inefficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l'indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull'apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell'immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l'offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l'esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l'effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l'autorizzazione del giudice tutelare ove l'offerente sia un minore; l'offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; L'OFFERTA NON SARÀ CONSIDERATA EFFICACE: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l'offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; L'OFFERTA SI CONSIDERA IRREVOCABILE AD ECCEZIONE DELLE IPOTESI IN CUI: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l'incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l'offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all'esame delle offerte; l'udienza di vendita senza incanto è fissata per il giorno (vedi sopra), e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all'esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l'ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all'art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. in caso di mancata aggiudicazione, l'importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l'offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'esecuzione), e nello stesso termine, l'importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento;

| AsteInfoappalti 14) il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co., cpc); 15) maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri ; 16) la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all'Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell'art. 555 cpc; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l'avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; 17) la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata, a cura del custode giudiziario con costo a carico del creditore procedente o degli altri creditori, ovvero a carico della Custodia, se in attivo - autorizzando il custode giudiziario al prelievo degli importi necessari per la pubblicità dal libretto della procedura sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni indicati nell'ordinanza di vendita più recente in cui è contenuta la descrizione dei lotti (invitando ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + mensili Qu Economia e Asteinfoappalti + siti Internet, nei quali la pubblicazione dell'ordinanza avrà luogo unitamente alla relazione di stima, www.asteimmobili.it - www.portaleaste.it www.aste.eugenius.it; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all'udienza di vendita; B) l'attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18) ove si debba procedere all'incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell'art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall'art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d'ora per l'udienza del (vedi sopra) il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) in particolare, ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, domanda di partecipazione all'incanto da presentarsi in busta chiusa a pena di irricevibilità dell'offerta; all'esterno della busta il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte; C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito ; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, ciascun offerente dovrà depositare una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; 20) la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale e, nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l'acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell'incanto; 22) se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria Il Sole 24 Ore - Info 0961.023922


www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it | www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

18 caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, da presentarsi nelle forme di cui all'art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 cpc) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; 25) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 26) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell'esecuzione; 27) alla medesima udienza fissata per l'incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all'art. 591 cpc. IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'Esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 51/97 promossa da MEDIOCREDITO DEL SUD SpA - (Ordinanze del 27.04.2004, 12.05.2005, 09.10.2007) ORDINA LA VENDITA ALL'INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Unità immobiliare adibita a deposito posta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 1, Cat. C/2, classe 2^ di mq. 211,66, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 62.964,00 Deposito per cauzione: Euro 6.296,40 Deposito per spese: Euro 9.444,00 2° LOTTO: Unità immobiliare adibita a deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 2, Cat. C/2, classe 1^ di mq. 264,48, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 55.075,00 Deposito per cauzione: Euro 5.507,50 Deposito per spese: Euro 8.261,00 3° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 3, Cat. A/3, classe 2^ di mq. 178,48, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 47.786,00 Deposito per cauzione: Euro 4.778,60 Deposito per spese: Euro 7.168,00 4° LOTTO: Unità immobiliare indivisa in corso di costruzione posta al terzo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel

Mercoledì 21 dicembre 2011

NCEU alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 4, di mq. 352,20, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 52.387,00 Deposito per cauzione: Euro 5.238,70 Deposito per spese: Euro 7.858,00 5° LOTTO: Unità immobiliare adibita a deposito posta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 3195 foglio di mappa 27, particella 1724 sub 3, di mq. 503,42, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 149.751,00 Deposito per cauzione: Euro 14.975,10 Deposito per spese: Euro 22.462,00 6° LOTTO: Unità immobiliare adibita a deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 3195 foglio di mappa 27, particella 1724 sub 4, di mq. 503,42, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 119.807,00 Deposito per cauzione: Euro 11.980,70 Deposito per spese: Euro 17.971,00 7° LOTTO: Unità immobiliare adibita a deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 3195 foglio di mappa 27, particella 1724 sub 5, di mq. 374,68, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 72.450,00 Deposito per cauzione: Euro 7.245,00 Deposito per spese: Euro 10.867,00 8° LOTTO: Unità immobiliare adibita a deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 3195 foglio di mappa 27, particella 1724 sub 6, di mq. 374,68, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 72.450,00 Deposito per cauzione: Euro 7.245,00 Deposito per spese: Euro 10.867,00 9° LOTTO: Unità immobiliare adibita a cantinadeposito posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 2, Cat. C/2, classe 2^ di mq. 35,28, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 4.200,00 Deposito per cauzione: Euro 420,00 Deposito per spese: Euro 630,00 10° LOTTO: Unità immobiliare adibita a garage posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 3, Cat. C/6, classe 1^ di mq. 22,92, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 2.728,00 Deposito per cauzione: Euro 272,80 Deposito per spese: Euro 410,00 11° LOTTO: Unità immobiliare adibita a cantinadeposito posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 4, Cat. C/2, classe 2^ di mq. 26,47, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 3.150,00 Deposito per cauzione: Euro 315,00 Deposito per spese: Euro 472,00 12° LOTTO: Unità immobiliare adibita a cantinadeposito posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 5, Cat. C/2, classe 2^ di mq. 37,82, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 4.500,00 Deposito per cauzione: Euro 450,00 Deposito per spese: Euro 675,00 13° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco

il Domani Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 6, Cat. A/2, classe 2^ di mq. 221,24, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 85.560,00 Deposito per cauzione: Euro 8.556,00 Deposito per spese: Euro 12.830,00 14° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 7, Cat. A/2, classe 2^ di mq. 222,10, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 85.900,00 Deposito per cauzione: Euro 8.590,00 Deposito per spese: Euro 12.880,00 15° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel NCEU alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 8, Cat. A/2, classe 3^ di mq. 113,67, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 37.575,00 Deposito per cauzione: Euro 3.757,50 Deposito per spese: Euro 5.635,00 16° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione comprendente una porzione del piano sotterraneo, piano terra e piano primo con annessa cantina al piano seminterrato e lavanderia con lastrico solare al secondo piano di un fabbricato in pietra e mattoni di antica costruzione sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Cairoli, n. 18, riportato nel NCEU alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1158 sub 2, Cat. A/2, classe 1^ di mq. 191,46, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 28.480,00 Deposito per cauzione: Euro 2.848,00 Deposito per spese: Euro 4.272,00 17° LOTTO: Unità immobiliare adibita a cantinadeposito posta al piano terra di un fabbricato in pietra e mattoni di antica costruzione sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Carrobia, 6, riportato nel NCEU alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1158 sub 3, Cat. C/2, classe 2^ di mq. 33,28, in ditta … Prezzo base del lotto: Euro 5.490,00 Deposito per cauzione: Euro 594,20 Deposito per spese: Euro 891,00 18° LOTTO: Vasto appezzamento di terreno diviso in due da una strada comunale con annessa casa rurale sito nel Comune di Gioiosa Jonica, riportato nel NCT alla partita 3593 foglio di mappa 34, particella 336 agrumeto di are 00.08.00 classe 2^, particella 1570 agrumeto di are 00.00.45 classe 1^, particella 1572 agrumeto di are 00.08.00 classe 2^, particella 1573 agrumeto di are 00.02.00 classe 2^, in ditta … proprietario, … usufruttuario generale Prezzo base del lotto: Euro 24.660,00 Deposito per cauzione: Euro 2.466,00 Deposito per spese: Euro 3.700,00 19° LOTTO: Terreno sito nel Comune di Gioiosa Jonica, riportato nel NCT alla partita 7087 foglio di mappa 28, particella 362 uliveto di are 00.37.90 classe 2^, particella 137 fabbricato rurale di are 00.00.64, in ditta … proprietario per 1/2, … proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 34.000,00 Deposito per cauzione: Euro 3.400,00 Deposito per spese: Euro 5.100,00 20° LOTTO - 21° LOTTO - 22° LOTTO: Unità immobiliare per civile abitazione a piano terra sita nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica alla via Lungomare Cristoforo Colombo, riportato nel NCEU alla partita 1000656 foglio di mappa 18, particella 583 sub 3, Cat. A/3, classe 3^, di mq. 117,88 in ditta … usufruttuaria, … proprietario per 10/20, … proprietaria per 10/20 Prezzo base del lotto: Euro 35.070,00

| AsteInfoappalti Deposito per cauzione: Euro 3.507,00 Deposito per spese: Euro 5.260,00 23° LOTTO - 24° LOTTO - 25° LOTTO - 26° LOTTO - 27° LOTTO - 28° LOTTO - 29° LOTTO - 30° LOTTO. L'incanto avverrà CON I PREZZI INDICATI NELLE ORDINANZE DEL 23.07.2004 E DEL 27.04.2004, DA RIDURRE DI 1/5 +1/5, all'udienza del 02.02.2012, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA, A REVOCA DI OGNI PRECEDENTE SITUAZIONE, LE SEGUENTI CONDIZIONI: a) l'immobile pignorato sarà posto all'incanto a corpo e nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell'Arch. T. Certomà) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, specie con riguardo alla descrizione ed alla condizione urbanistica; b) le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato; c) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente l'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 25% del prezzo base d'asta sopraindicato da imputarsi per il 10% a titolo di cauzione e per il 15% a titolo di spese presuntive di vendita, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; d) la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale, e nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita IVA; in tale istanza dovrà essere indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni fiscali previste per l'acquisto della prima casa; e) l'aggiudicatario dovrà dichiarare la propria residenza ed eleggere domicilio in Locri, ai sensi dell'art. 582 c.p.c., posto che in mancanza le notificazioni e le comunicazioni saranno eseguite presso la Cancelleria; f) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/6 rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 c.p.c.) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 25% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi per il 10% a cauzione e per il 15% a spese di vendita; g) l'aggiudicatario, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, dovrà depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; h) il mancato versamento del prezzo residuo comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc; i) agli offerenti non aggiudicatari verranno restituite le somme depositate per spese e cauzione, subito dopo la chiusura dell'incanto. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 02.02.2012 Estratto conforme per uso pubblicità Locri, 16.12.2011 IL CANCELLIERE

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria Il Sole 24 Ore - Info 0961.023922


Mercoledì 21 Dicembre 2011 il Domani dello Sport 19

DALL'ITALIA E DAL MONDO Napolitano respinge le critiche, la democrazia non è sospesa ROMA - Il Presidente della Repubblica ha respinto ieri le critiche sulla gestione della crisi, affermando:«Èunagraveleggerezza dire che la democrazia è stata sospesa. Il mio dovere era evitare lo scioglimento delle Camere». Anche perché «sono sempre stato imparziale». La nomina di Monti «non è stato

uno strappo istituzionale». E ricorda: «Con Berlusconi la sostenibilità internazionale era al limite». Poi ha invitato anche il Parlamento e le forze politiche a fare «i necessari sacrifici finanziari».Napolitano ha scelto un’occasione importante, lo scambio di auguri tra le più alte cariche dello Stato. La Costitu-

zione, ricorda il presidente della Repubblica nel suo intervento al Quirinale «non prescrive che i membri del governo, a cominciare dai ministri, debbano essere parlamentari e rappresentanti ufficiali dei partiti, debbanoessere, come si usa dire, dei politici e non dei tecnici».

Bonanni attacca sui salari dei nostri lavoratori e il ministro al Senato ammette e promette rilanci

Fornero: quei salari troppo bassi

Elsa Fornero (Foto LaPresse)

Elisa Rossellini ROMA - Ancora scambi di frecciate fra Elsa Fornero e i sindacati (del cui comportamento verbale il ministro del Lavoro si era lamentata nei giorni scorsi). Ma questa volta, ad una invocazione del leader della Cisl Raffaele Bonanni - si alzino i salari, piuttosto - il ministro stesso ha risposto francamente è veroi, i salari in questo Paese sono troppo bazzi.E continua la polemica sull’articolo 18. «Noncapiamocheattinenzaabbia l’articolo 18 rispetto ai problemi dei giovani o dell’occupazione, E’ una norma che serve solo a non far commettere abusi alle aziende. Toccandolo si mette a rischio la coesione sociale, e senza coesione socialeunasocietàsbrindellataco-

Continua il braccio di ferro sull’art.18 con i sindacati molto critici nei confronti della posizione del governo sul tema me quella italiana va in pezzi. Io sfido la Fornero a discutere come alzare il salario ai flessibili e di come il governo debba incentivare fiscalmente e con altri strumenti questa possibilità, questo significa andare incontro ai giovani». Sono queste le parole usate da Bonanni, intervistato da Agorà, su Rai Tre Poco dopo, la Fornero al Senato

ha ammesso: «Bisognerebbe riuscire ad aumentare i salari perché sono bassi e non è cosa che ci sfugge. Conosciamo il divario nella distribuzione dei redditi che è cresciuto negli ultimi 15/20 anni. La mia sensibilità è totale, dopodiché le cose bisogna cambiarle. Ma il nodo cruciale sembra essere l’articolo 18, la norma dello Statuto dei lavoratori del 1970 che disciplina il reintegro in caso di licenziamento senza giusta causa o giustificato motivo. Scontro tra governo e sindacati, ma anche tra sindacati e imprese. Il ministro del Lavoro Elsa Fornero dà la "disponibilità piena" al dialogo con le parti sociali sul mercato del lavoro ma avverte che non ci possono essere "terreni inesplorati". Lo ha detto rispondendo ad una domanda sulla possibilità che nel confronto con le parti sociali si escluda il tema dell’articolo 18. La riforma del mercato del lavoro è necessaria per le famiglie e le nuove generazioni, aggiunge la Fornero ribadendo la disponibilità piena al dialogo con i sindacati ma avvertendo al tempo stesso che "le cose vanno cambiate". «Non si vuole precarizzare nessuno - ha detto parlando al Senato - . Bisognerebbe riuscire ad aumentare i salari perché sono bassi e non è cosa che ci sfugge», ha ribadito. Arriva anche su twitter la presa di posizione della Cgil contro l’aboli-

IN BREVE Arrestato primario: 2.500 euro, coda più rapida Chiude l’impianto bagagli: aviolinee morose BELLUNO-Èstatoarrestato dalla Guardia di finanza di Belluno Carlo Cetera, il primario 62enne di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Pieve di Cadore (Belluno): il medico, secondo l’accusa, chiedeva tangenti ai pazienti per far saltare le liste d’attesa della procreazione assistita. Facendo leva sulla paura degli aspiranti genitori di perdere l’ultima occasione per coronare il sogno di avere un figlio, il primario induceva le coppieapagaresinoa2.500 euro per ogni tentativo di p.m.a.(procreazionemedicalmente assistita), riducendo a pochi mesi, in cambio, una lista d’attesa pubblica normal-

mente pari a 2 anni. Lo specialista è accusato di concussione aggravata e continuata oltreainterruzionedipubblico servizio.Secondo la ricostruzione degli investigatori, il professionista prospettava grandi difficoltà per il successo della procreazione anche per il ritardo di una sola settimana quando la madre superava anche di poco i 40 anni di età.

ROMA - A partire dal primo gennaio 2012 Aeroporti di Roma sarà costretta a interrompere l’esercizio dell’impianto di smistamento bagagli in transito dell’aeroporto di Fiumicino, denominato NET 6000 e inaugurato a luglio 2010 con un investimento di 21 milioni di euro. Lo rende noto la società, precisando che il motivo è che le compagnieaeree,einparticolareAlitalia,damaggiononpaganoil servizio ad Adr. Da gennaio verrà quindi riattivato il vecchio impianto di smistamento bagagli. L’Enac, ricorda Adr in una nota, ha disposto, da maggio 2011 a seguito di specifica

istruttoria, l’importo dovuto dalle compagnie aeree per l’utilizzo del servizio NET 6000 e destinato alla sola copertura dei costi sostenuti da Adr. Ma "dal mese di maggio 2011 le compagnie aeree ed in particolare Alitalia, maggiore fruitore del servizio - sottolinea la società di gestione degli scali romani -, non rispettano le disposizioni Enac.

zione dell’art. 18, all’indomani del botta e risposta tra il ministro del Lavoro, Elsa Fornero e il segretario generale Susanna Camusso, la quale ha parlato dell’articolo 18 come di una ’’norma di civilta’’’ indispensabile per un ’’Paese democratico’’..«Ilvero’totem’èpensare che la recessione si possa superare cancellando l’art 18», scriveva ieri il sindacato di Corso d’Italia sul social network, ricordando che «in

Italia la stragrande maggioranza delle imprese è sotto i 15 dipendenti e quindi non è tenuta ad applicare l’art 18». «Se qualche economista o giuslavorista volesse spiegarci la necessità di cancellare l’art. 18 dopo queste verità oggettive, lo ascoltiamo". "In Italia - scrive ancora la Cgil - la libertà di licenziare una persona per fondato motivo esiste. Guardate i tribunali: non sono intasati di cause art. 18».

La missione Severino: le carceri ROMA - Per il Guardasigilli Paola Severino le prigioni sono una delle sue più importanti sfide. La considera ormai la sua mission. Ma non vuolepassareperquellacheproduce leggi ‘svuota carcere’. Anzi, nella sua primaintervistaatuttocampo,invita tutti ‘al confronto costruttivo’ e apre sualtrigranditemideldirittopenale, come la lotta alla corruzione, fino a pensare di inserire nel codice una nuovafattispeciedicorruzione,quella "privata" all’interno delle imprese. Non le sembri bizzarro, ma le chiedo subitoqualeleggevorrebbechefosse battezzata "legge Severino"? ‘Sicuramente - spiega intervistata dalla Repubblica - una che riguarda il carcere’.Leihaintenzionedicontinuare a fare politica dopo questa esperienza? Si candiderà alle elezioni? «Mi considero un cittadino qualunque cui è stato chiesto di ricoprire una funzione pubblica, quando essa cesserà io tornerò a fare il cittadino qualunque». Quando Monti le ha proposto di fare il Guardasigilli ha pensato all’eredità pesante che avrebbe raccolto sulla giustizia? «Sono pienamente consapevole della serietà dei problemi che ruotano intorno a questo mondo, ma ho sempre pensato che le difficoltà non debbano scoraggiare nessuno, specie quando si tratta di compiti istituzionali». Lei garantisce che non proporrà, né asseconderà leggi ad personam come quelle di Berlusconi?

Paola Severino (Foto LaPresse)

«Non ho mai pensato alla legge come un qualcosa che possa essere contro qualcuno o a favore di qualcuno. Il legislatore deve intervenire quando c’è bisogno. Sicuramente, ad esempio, c’è bisogno di una riforma dei delitti contro la pubblica amministrazione,perchéilcomunesentire sociale lo richiede e perché ci sono figure giuridiche nuove da inserire nel codice come la corruzione privata all’interno delle imprese, e cioè una forma di corruzione che non riguardasoloipubbliciufficiali».Ilterreno è assai delicato, da anni oggetto di scontro. Lei si tufferebbe nel ginepraio?«Unabuonariformadeidelitti contro la pubblica amministrazione dev’essere preceduta da un intervento di revisione delle procedure decisionali e di gestione. Proprio per questo,conilministrodelloSviluppo economico Passera e della Funzione pubblica Patroni Griffi, stiamo costituendo un tavolo di confronto per la semplificazione dei rapporti tra pubblica amministrazione e impresa». Non teme di etichettare subito il suo ministero come quello che ha fatto una legge svuota carceri? «È necessario, a volte, che passi del tempo perché il contenuto di certi provvedimenti possa essere compreso. L’espressione con cui è stato battezzato il decreto è in parte fuorviante. C’è chi teme e lamenta che possa esseremessoinlibertàchisuscitaallarme sociale. Non è così».


20 il Domani dello Sport Mercoledì 21 Dicembre 2011

DALL'ITALIA E DAL MONDO EGITTO Altri spari e manganellate Ancora 4 morti, la Clinton dura

Borse su e spread giù C’è un clima natalizio Carlo Bassi MILANO - Vola Piazza Affari sulle ali di un’impennata dei dati americani e sull’imminente asta della Banca centrale europea a sostegno delle banche nazionali. Così l’indice Ftse All-Share balza del 2,71 per cento, l’Ftse Mib guadagna il 2,87%. Stessa storia in Europa: a Londra l’FTSE 100 sale dell’1,02 per cento, as Francoforte il DAX 30 guadagna il 3,11% e a Parigi il CAC 40 sale del 2,73%. La Borsa di Milano ha accelerato dopo l’avvio sprint di Wall Street (Dow sopra 12.000 punti), trascinata dal dato di novembre sui nuovi cantieri residenziali Usa, saliti a 685 mila unità da 627 mila e sopra le attese che indicavano 630 mila unità. Lo spread Btp-Bund è calato sensibilmente in area 460 punti base in scia al buon esito dell’asta spagnola su titoli di Stato a breve termine. L’asta di titoli a 3 mesi si è chiusa con un tasso lordo dell’1,735%, indeciso calo rispetto al 5,110% della precedente emissione. Stesso trend per l’asta dei titoli a 6 mesi che ha visto i rendimenti scendere al 2,435% dal precedente 5,227 per cento. Grande attesa per la prima asta, in programmaoggi,concuilaBanca centrale europea finanzierà le banche continentali a 3 anni, con ammontare illimitato e un tasso all’1%. Intanto i ministri della zona euro hanno deciso di versare 150 miliardi di nuove risorse al Fondo monetario internazionale. La Germaniacontribuiràcon41,5miliardi, la Francia con 31,4 e l’Italia con 23,48. In origine, a questi 150 miliardi dovevano aggiungersi altri 50 miliardi, provenienti dai paesi dell’Unione che non appartengono alla zona euro, in primo luogo la Gran Bretagna, azionista di peso dell’Fmi. «La Repubblica Ceca, la Danimarca, la Polonia e la Svezia hanno indicato la loro volontà di partecipare al processo di rafforzamento delle risorse del Fondo - si legge in un comunicato pubblicato ieri -. Il Regno Unito ha

Londra conferma che non vuole versare i 50 miliardi all’Fmi per la difesa dell’ euro, mentre la zona euro conferma i suoi 150 mld (noi 23,5) indicato che definirà il suo contributo all’inizio dell’anno prossimo nel quadro del G-20». L’esborso inglese dovrebbe ammontare a circa 30 miliardi di euro. Un portavoce inglese ha spiegato la posizione di Londra: «Il Regno Unito è sempre stato pronto a rafforzare l’Fmi, ma per la sua missione mondiale», non per aiutare la zona euro. La decisione del Regno Unito di non prendere parte a questo programmadisostegnodellazonaeuro significa che i ministri delle finanze Ue non riusciranno probabilmente a raggiungere il loro obiettivo di arrivare a 200 miliardi di euro in totale.

Il governo britannico vuole un aumento delle risorse del Fondo a seguito di un processo più ampio che possa coinvolgere tutte le nazioni del G20. Dubbi, inoltre, sono arrivati da parte tedesca con il governatore della Bundesbank, Jens Weidmann, che ha condizionato il versamento della quota nazionale (45 miliardi) all’effettivo versamento delle altre quoteeuropee, all’impegno analogo anche da parte di paesi terzi, e alla promessa - come richiesto da Londra - che i nuovi fondi non saranno diretti solo all’aiuto dell’Europa. Allo stesso tempoWeidmannharicordatocome gli Stati Uniti non siano pronti a nuovi versamenti visto che per farlo Obama avrebbe bisogno del sìdiunCongressoampiamenteindisponibile.Edubbi,ricordaancora il quotidiano finanziario Usa, esistono anche in merito alla quota dell’eurozona con i 17 che non hanno ancora deciso se anche i Paesi che stanno usufruendo dell’aiuto dell’Fmi (Grecia, Irlanda e Portogallo) siano tenuti o meno a versare nuove quote nella casse del Fondo.

IL CAIRO - Sale a quattro il numero delle vittime dei violenti scontri a piazza Tahrir in nottata, secondo fonti mediche. Due erano giovanissimi: uno studente ventenne e un ragazzino di 12 anni, uccisi a colpi di arma da fuoco. Il ministro della sanità egiziano ha parlato solo di 39 feriti. La grande piazza e il vicino viale di Qasr el Aini, epicentro da venerdì di duri scontri fra manifestanti e forze di polizia, sono lastricati di sassi e mattoni dopo la battaglia notturna. Tahrir ha riaperto al traffico ieri mattina, ma rimangono centinaia di persone a presidiarla. Polizia e i soldati hanno sparato e usato manganelli e lacrimogeni contro i contestatori di piazza Tahrir, nel quinto giorno di scontri che hanno già causato 13 morti e la reprimenda severa del segretario di Stato Usa Hillary Clinton.La Clinton ha definito "particolarmente scioccanti" gli episodi come quello che ha visto protagonisti due soldati egiziani, ripresi mentre trascinavano una donna a terra strattonandola, lasciandola in biancheria intima, prendendola a calci.

PROTESI Richiamate in 30mila Altrettante donne a rischio cancro PARIGI - La Francia ha deciso di richiamare 30mila donne affinché si facciano rimuovere delle protesi al seno considerate cancerogene: è quanto si legge sul quotidiano Liberation. Prima della fine della settimana, le autorità sanitarie francesi chiederanno a tutti le donne che portano le protesi in silicone della marca PIP di farsele rimuovere: «Le protesi, concepite a partire da un gel non conforme, possono strapparsi e provocare, oltre a delle infiammazioni, dei tumori», afferma ancora Liberation. Otto casi di cancro sono stati segnalati su pazienti che portavano delle protesi PIP difettose, aveva riferito lo scorso 15 dicembre il professor Jean-Yves Grall, responsabile del ministero della Salute. Il governo ha confermato che entro la fine della settimana annuncerà il suo piano d’azione sulle protesi: «L’urgenza è che tutte le donne che portanoprotesiPIPritorninodalchirurgo».

NEWS

COREA DEL NORD Apertura degli Usa Niente grandi ospiti stranieri ai funerali

COMPUTER Quasi il 60% delle famiglie Ma per internet solo 22mi come i lituani

PECHINO-GliStatiUnitisiauguranochela CoreadelNordsegualastradadella"pace"dopo lamortediKimJong-il.Lohaaffermatoil segretariodiStato,HillaryClintonsottolineando cheilPaesedovrebbelavorareconlacomunità internazionaleemigliorareirapporticoniPaesi vicini.«Lanostrasperanzaèchelanuova leadershipseguailcamminodellapace onorandogliimpegnidellaCoreadelNord, migliorandoirapporticonipaesivicinie rispettandoidirittidelpopolo-dicelaClinton-Gli StatiUnitisonoprontiadaiutareilpopolodellaCoreadelNordechiedonoallanuova leadershipdilavorareconlacomunitàinternazionale».LaCinanoninvieràalcuna delegazioneaifuneralidiKimJong-il,chesiterrannoil28e29dicembrea Pyongyang,smentendolevocisecondolequaliPechinosarebbestata rappresentatadalpresidenteHuJintao.Ilportavoce,LiuWeimindelministerodegli Esteri,haaggiuntochelaCoreadelNordhadettoconchiarezzacheaifuneralidel leaderdecedutosabatoscorsononsarannoinvitatedelegazionistraniere.Liuha ricordatocheierilostessoHuJintaoe"altriimportantileader"hannoespressole lorocondoglianzeall’AmbasciatadellaCoreadelNordaPechino.Kim,ha proseguitoilportavoce,èstatoun"grandeleader"chehafattomoltoper"lo sviluppodelsocialismo"inCoreadelNordeperrafforzare"l’amiciziaconlaCina".La CoreadelSudhaespresso"solidarietàalpopolonordcoreano"perlamortedel ’caroleader’.

ROMA - Sale la quota di famiglie che nell’anno in corso, rispetto al 2010, possiede un personal computer (dal 57,6% al 58,8%), l’accesso a Internet (dal 52,4% al 54,5%) e una connessione a banda larga (dal 43,4% al 45,8%). È quanto rileva l’Istat nel rapporto Cittadini e nuove tecnologie. Nonostante in Italia internet si trovi sempre in più case il Paese è ancora tra gli ultimi in Europa. Secondo quanto emerge dal rapporto dell’Istat Cittadini e nuove tecnologie, considerando la percentuale di famiglie con almeno un componente tra i 16 e i 74 anni che possiede un accesso a internet da casa, a fronte di una media europea pari al 73% l’Italia si posiziona solo al ventiduesimo posto della graduatoria internazionale, con un valore pari al 62% ed equivalente a quello registrato per la Lituania. Nel 2011 quasi un internauta su due è su un social media, e il rapportoè di tre su quattro per i giovani. Secondo l’Istat, infatti, il 48,1% degli utenti internet crea un profilo utente, invia messaggi o altro su Facebook, Twitter. E la quota sale al oltre il 76% per i ragazzi di 15-24 anni. Tra il 2010 e il 2011 il divario tecnologico relativo al territorio e alle differenze sociali rimane stabile per quasi tutti i beni e servizi considerati. Le famiglie del Centro-nord che dispongono di un accesso a internet sono oltre il 56%, mentre circa il 49% dispone di una connessione a banda larga, a fronte di valori pari, rispettivamente, al 48,6% e al 37,5% nel Sud.


Mercoledì 21 Dicembre 2011 il Domani dello Sport 21

IN CALABRIA Gli auguri dei membri delle istituzioni per l’elezione del nuovo capo degli industriali

Confindustria, la Stasi e Galati senza dubbi: Speziali saprà vincere le sfide delle imprese

Giuseppe Speziali

di Cesare Giraldi CATANZARO - La notizia dell’elezione di Giuseppe Speziali nel delicato ruolo di presidente di Confindustria Calabria continua a riscuotere gli apprezzamenti e gli auguri da parte di importanti esponenti delle istituzioni calabresi e non. La sua fama imprenditoriale è nota e stimata nella regione e questo incarico è visto da molti come un incoronamento a un cursus honorum molto prestigioso. «In un momento particolarmente difficile per l’economia, l’elezione di Giuseppe Speziali a presidente di Confindustria Calabria saprà dare quegli stimoli giusti ad un settore che necessita di trovare sempre nuove idee per determinare crescita e sviluppo nella Regione», questo è stato il commento augurale dell’onorevole Giuseppe Galati, ex sottosegretario all’Istruzione. La sua elezione capita in un periodo di particolare difficoltà per l’imprenditoria calabrese, alle prese, più che mai, con problemi rilevan-

ti come l’accesso al credito e l’assenza di fondi strutturali e di politiche lungimiranti a favore delle regionidelMezzogiornodelpaese. Questo rende il suo mandato ancora più carico di significato e di sfide. Sfide che però, a detta di Galati, il nuovo presidente saprà giocare e vincere: «Le difficili scelte che da qui al prossimo futuro si andranno a compiere - aggiunge

Galati - vedranno al timone di Confindustria una persona che è ingradodiinterpretarebeneleesigenze del mondo produttivo e di porre in essere, in collaborazione con le istituzioni politiche, quelle misure capaci di dare al settore linfa nuova ed idee di sviluppo». «I migliori auguri di buon lavoro conclude Galati - vanno al neopresidente Speziali. Sono si-

NEWS Macef, la Calabria ci sarà CATANZARO - L’assessorato Attività Produttive in collaborazione con Unioncamere Calabria, le Camere di commercio calabresi ed il Co.Se.R. Calabria hanno programmato la partecipazione al 92 Macef, Salone Internazionale della Casa che si svolgerà a Milano dal 26 al 29 gennaio 2012. La promozione dell’iniziativa si propone di favorire la salvaguardia e la valorizzazione dell’artigianato calabrese e si rivolge a tutte le aziende regionali espressione delle seguenti tipologie produttive: mobili, tessuti per arredamento, biancheria per la casa, complementi d’arredo, bomboniere, fiori piante artificiali, candele, profumi ed essenze, gardening, quadri, cornici e specchi, oggettistica per la tavola, prodotti per la cucina, argenteria per la casa; bigiotteria e accessori moda.

Giuseppe Galati

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LAMEZIA TERME ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DELL’ORDINE BIENNIO 2012/2013 Il Consiglio, con delibera del 15 dicembre 2011, ha convocato l’Assemblea degli Avvocati del Foro di Lamezia Terme per procedere alle elezioni del Consiglio dell’Ordine per il biennio 2012/2013. L’Assemblea elettiva si terrà nella Sala della Biblioteca del Consiglio, presso il Palazzo di Giustizia in Lamezia Terme, P.zza della Repubblica, nelle seguenti date: • 10 gennaio 2012, ore 10.00, in prima convocazione; • 14 gennaio 2012, ore 8.00, in seconda convocazione; • 21 gennaio 2012, ore 8.00, per l’eventuale turno di ballottaggio. A norma dell’art. 3, comma secondo, del D. lgs. lgt. 23/11/1944, n. 382, il presente avviso sarà affisso alla bacheca dell’Ordine, pubblicato su “Il Quotidiano della Calabria” per due giorni consecutivi, nonché sul sito internet del Consiglio Nazionale Forense (www.consiglionazionaleforense.it). Per quanto riguarda le modalità delle elezioni, il Consiglio ha deliberato che chiunque intenda porre la propria candidatura a Consigliere dell’Ordine deve depositare apposita comunicazione scritta, presso la segreteria del Consiglio, entro le ore 13.00 del giorno 05 gennaio 2012. Le elezioni si effettueranno con unica scheda contenente i nominativi dei colleghi che avranno comunicato di volersi candidare, elencati in ordine alfabetico; si potrà votare sino alle ore 14.00. Potranno altresì votare gli avvocati presenti nella Sala del Consiglio alle ore 15.00 alla riapertura dei seggi per le operazioni di spoglio. I candidati dovranno possedere tutti i requisiti prescritti dalla legge. Le comunicazioni di candidatura dovranno essere presentate personalmente e saranno registrate nel registro di protocollo informatico. Lamezia Terme, 16 dicembre 2011 Il Consigliere Segretario F.to Avv. Gianfranco Barbieri

Il Presidente F.to Avv. Fulvio Amendola

curo che tutti quanti insieme potremo costruire un futuro migliore per la nostra terra». Dello stesso avviso anche il vicepresidente della Giunta Scopelliti, Antonella Stasi, anche lei proveniente dal mondo dell’imprtenditoria regionale, ma delle provincia diCrotone.«Congratulazionivivissime al nuovo Presidente di Confindustria Calabria Giuseppe Speziali. Sono convinta che l’imprenditore catanzarese riuscirà a portare nuovi traguardi all’associazione degli industriali. Invio a lui ed alla giunta sinceri auguri per lo svolgimento delle impegnative attività, soprattutto in questo particolare periodo economico che certo non aiuta lo sviluppo delle imprese e provenendo dal mondo confindustriale capisco bene le innumerevoli difficoltà in cui ci s’imbatte ma altrettanto bene conosco le grandi soddisfazioni che si possono raggiungere. Spero ci sia modo di aprire un dialogo sereno con il neopresidente Speziali, per una necessaria collaborazione territoriale tra le istituzioni e le forze economiche di questa regione». Per Speziali, sin dalle prime battute della sua presidenza, ci saranno da affrontare le storiche problematiche che in questo momento rendono difficile la vita agli imprenditori calabresi. Pochi soldi, poca impresa e poca attenzione da parte di alcune istituzioni nazionali fanno da contorno a una crisi economica particolarmente severa con le regioni del sud Italia. Giuseppe Speziali, 48 anni, imprenditore di Catanzaro, lo ricordiamo, è stato eletto, dalla giunta regionale di Confindustria, presidente dell’associazione. Speziali ha ottenuto 34 voti sui 36 partecipanti e sostituisce Umberto De Rose, attuale Presidente di Fincalabra, la finanziaria regionale.

Talarico saluta Mondello alla messa per il Consiglio regionale della Calabria REGGIO CALABRIA - Un Consiglio regionale "benedetto" quello di ieri, che ha iniziato la sua giornata con una messa celebrata dal monsignor Vittorio Mondello, vescovo di Reggio Calabria. «È una grande gioia per tutta la comunità del Consiglio regionale poterla accogliere per il secondo anno e testimoniarle la nostra sensibilità alla fede cristiana». Così l’inquilino di palazzo Campanella, Francesco Talarico, ha salutato l’autorità religiosa prima della celebrazione nell’auditorium Calipari di Palazzo Campanella. «Sono tante le cose per le quali dobbiamo sentirci sollecitati ad agire, con spirito di concordia e con una visione comune delle cose. Siamo tutti chiamati a sentirci non solo impegnati, ma corresponsabili - ha detto Francesco Talarico - nell’affrontare temi fondamentali come quelli del lavoro, della legalità, della famiglia, dei giovani e delle donne. In quest’anno che sta per concludersi, abbiamo avuto il dono della visita in Calabria di Sua Santità Benedetto XVI. Il messaggio illuminante che il Santo Padre ha rivolto a tutti noi calabresi, con le sue parole di incoraggiamento e di speranza, dobbiamo saperlo custodire come bene prezioso, guardando con fiducia e ottimismo al futuro della nostra regione». A.B


22 il Domani dello Sport Mercoledì 21 Dicembre 2011

IN CALABRIA L’appello della parlamentare di Fli per risolvere la crisi amministrativa del capoluogo calabrese

Napoli: «Catanzaro va commissariata» di Andrea Morrone CATANZARO - L’onorevole Angela Napoli indica la strada da seguire per risolvere l’impasse amministrativa che si è venuta a creare a Catanzaro dopo la decadenza di Michele Traversas da sindaco della città. Secondo la parlamentare di Futuro e libertà il comune deve essere commissariato. «L’onorevole Traversa ha formalizzatolesuepreannunciatedimissioni da sindaco e se non dovesse revocarle entro i termini stabiliti dallanormativavigente,ilcomune di Catanzaro dovrà essere commissariato», ha spiegato la componente della commissione Antimafia. «Non posso sottacere sulle perplessità che stanno investendo numerosi cittadini del capoluogo calabrese e buona parte dei partiti politici. Le dimissioni di Traversa non possono essere assunte all’insegna di "Ponti d’oro al nemico che scappa", né, conoscendo la sensibilità e l’umanità che caratterizzano l’ex sindaco, mi accontento dell’alibi da lui scelto per assumere la decisione di abbandonare la guida della città. I poteri forti dell’intero territorio catanzarese -

spiega la Napoli - sono già in azione e nessuno mi può togliere la libertà di pensare che sono proprio quegli stessi "poteri forti" che hanno portato Traversa alla decisione assunta. Proprio per questo non può essere consentita alcuna discrezione da parte degli organismi preposti, in merito a quella che dovrà essere la gestione pre-elettorale della vita amministrativa della città del capoluogo». Una critica non viene risparmiata nemmeno al partito di Traversa, il

Angela Napoli

Pdl: «Un Pdl che non si è saputo "tenere caro" il suo sindaco, eletto solo nel maggio scorso e con ben il 62% dei consensi - dice la parlamentare-nonpuòpensaredi gestirsi la nuova campagna elettorale mantenendo lo scranno comunale. È giunta l’ora di fare appelloacolorocheamanodavvero la città di Catanzaro affinché si riesca a dimostrare, senza "se" e senza "ma", che non è più tempo di lasciare spazi ai detrattori della sana amministrazione pubblica».

GIOIA TAURO. Droga e armi, la seconda vita del poliziotto arrestato insieme al cognato GIOIA TAURO - Curioso e insolito, seppur drammatico quanto è successo nel reggino ieri. Un poliziotto in servizio nel commissariato di Gioia Tauro è stato arrestato dai suoi stessi colleghi dopo essere stato trovato alla guida di un’auto al cui interno c’era oltre un chilo di cocaina e una pistola calibro 6.35 con matricola abrasa. Il sovrintendente Gabriele Palermita, di 47 anni, è accusato di detenzione e trasporto illegale di droga e porto in luogo pubblico di un’arma. Con lui è stato arrestato il cognato, Pasquale Gallo, di 50 anni. Dopo molti posti di blocco che avrà fatto e gestito nell’esercizio delle sue funzioni, il poliziotto, per una volta, è incappato tra i controlli dei suoi stessi colleghi. Per una volta, dunque, si è immedesimato nei panni delle tante persone che spesso vengono fermate per

controlli dalle forze dell’ordine. E con un pessimo epilogo. Gli agenti della sezione investigativa hanno fermato per un controllo una Fiat Stilo station wagon che secondo una segnalazione trasportava droga ed armi. Con sorpresa i poliziotti hanno scoperto che alla guida c’era il loro collega, insieme al cognato. Nonostante questo hanno proceduto al controllo ed hanno scoperto la droga e l’arma che Palermita teneva in una tasca del giubbotto. Dopo tutti i controlli i due malviventi sono stati condotti al commissariato di riferimento, quello di Gioia Tauro, e, dopo l’esito positivo dell’esame del narcotest, sono stati arrestati. Le indagini adesso proseguono per accertare la provenienza e la destinazione della droga e dell’arma. A.M


Mercoledì 21 Dicembre 2011 il Domani dello Sport 23

IN CALABRIA Le associazioni ambientaliste hanno organizzato un convegno al Senato. Udc, Idv e Fli uniti nel dissenso

Ponte di Messina, il coro dei no fa vacillare il progetto definitivo Sequestro da 4 mln alla cosca varesotta di Vincenzo Rispoli e Giulio Baracchi Sono stati confiscati dai carabinieri beni per un valore complessivo di 4 milioni di euro appartenenti a Vincenzo Rispoli, a capo della locale della ’ndrangheta di Legnano-Lonate Pozzolo (Varese), già condannato a 11 anni di reclusione per associazione a delinquere di stampo mafioso, e del commercialista dell’organizzazione criminale Giulio Baracchi. In particolare sono stati confiscati a Rispoli, in esecuzione di un decreto emesso dal Tribunale di Milano su richiesta della Dda, una villa a Legnano (Milano), un terreno agricolo a Cirò Marina (Crotone), due auto e conti correnti per un valore complessivo di oltre un milione di euro. Ammonta a tre milioni di euro, invece, il valore dei beni sottratti a Baracchi grazie a un decreto di sequestro dei beni propedeutico alla confisca: case, terreni e box a Portovaltravaglia (Varese), oltre alle quote di una società che si occupa di gestione del personale e titoli bancari. Fra questi uno, attivo in una banca del Canton Ticino, in Svizzera, aveva un saldo di circa un milione e 300mila euro. Secondo quanto è emerso dalle indagini, coordinate dalla Dda di Milano, Rispoli era a capo di un’organizzazione criminale legata alla cosca dei Farao-Marinicola di Cirò Marina e radicata nel territorio a cavallo fra le province di Varese e di Milano che, attraverso rapine ed estorsioni, si procurava denaro da reinvestire in imprese edili e attività commerciali. A.C

di Franco Gatti ROMA - Un coro di no al Ponte sullo Stretto di Messina è partito ieri da Roma. Per la precisione da palazzoMadama,sededelSenato, dove le associazioni ambientaliste di varia estrazione politica si sono date appuntamento per discutere del progetto ribattezzato dai suoi promotori "l’ottava meraviglia del mondo". «Il ponte sullo stretto di Messina è un progetto fallito e incompatibile con l’attuale fase economica che vive il paese. Nel progetto non sono previsti scenari alternativi, non c’è un’analisi costi benefici e mancano anche i necessariapprofondimentigeologici.Fli e anche altre forze politiche del centrodestra sono contrari al proseguimento della grande illusione architettata dalla società Ponte sullo stretto spa». Lo ha dichiarato il vicecoordinatore di Futuro e Libertà, Fabio Granata. D’accordo con lui anche il centrista Gianpiero D’Elia: «E’ opportuno che il governo sospenda ogni attività relativa alla realizzazione del ponte sullo Stretto», ha commentato. «Il Governo deve valutare con attenzione tutti i problemi di natura economico-finanziaria, tecnica e amministrativa che stanno emergendo dall’esame del progetto definitivo - ha aggiunto -. Anche perché, in un momento in cui si chiedono robusti sacrifici a tanti italiani, è impensabile dare l’assenso a un progetto che vale circa un terzo della manovra che stiamo approvando». Con l’Italia dei valorisicompletailfrontedelnoal ponte. «Come non essere completamente d’accordo con le associazioniambientaliste:ilPontesullo Stretto è l’ottava meraviglia del mondo degli sprechi, sulla cui inutilità l’Italia dei valori non ha alcun dubbio. In tempi di crisi, buttare a mare 66 milioni di euro di fondi

Il Tribunale dei diritti del malato chiede più tutela per la Fondazione Campanella

pubblici per un’opera che non sarà mai realizzata è sbagliato». Lo ha dichiarato il senatore Gianpiero De Toni, capogruppo

dell’Italia dei valori in commissione Trasporti del Senato. «Occorre fermare definitivamente il progetto - prosegue il senatore -

Palazzo Campanella approva il bilancio 2012 Fedele: «Abbiamo introdotte delle novità» Nel 2014 sarà annullato il debito regionale REGGIO CALABRIA - Il bilancio del Consiglio regionale è stato approvato ieri dall’aula di palazzo Campanella. Tutto secondo i tempi previsti dai regolamenti. Per Luigi Fedele, capogruppo del Pdl, questo bilancio 2012 «è in qualche modo "figlio del Patto di Stabilità", in quanto tutta una serie di previsioni di spesa, seppur dotate di adeguato stanziamento in bilancio, non possano materialmente trasformarsi in spesa». Malgrado ciò, a suo dire, la giunta Scopelliti ha operato uno sforzo enorme al fine di consegnare alla Calabria un bilancio che, malgrado tutti i problemi eviden-

ziati, contiene importanti novità e segna un’altra tappa importante del percorso di rinnovamento intrapreso da questo Governo regionale. «L’elemento che contraddistingue il bilancio 2012 sta nel fatto che si tratta del primo documento contabile ad essere approvato secondo i criteri imposti dalla legislazione nazionale, che fissano nel 2014 l’anno X per l’avvio di tutta una serie di rivoluzionarie novità. Dal 2014, infatti, sarà obbligatorio il pareggio del bilancio. Il risultato di tale azione è un bilancio nettamente più equilibrato di quello degli anni precedenti», ha concluso Fedele.

CATANZARO - «Quanto letto sulla stampa e le numerose voci raccolte, anche attraverso i malati e le loro famiglie, in merito a quanto sta succedendo alla Fondazione Tommaso Campanella, ci preoccupa molto». È quanto afferma, in una nota, il Tribunale per la Tutela dei Diritti del Cittadino e del Malato della provincia di Catanzaro. L’associazione interviene sulla questione posta all’attenzione dei calabresi dal presidente della Fondazione Campanella, Paolo Falzea e dal suo direttore generale, Sinibaldo Esposito i quali hanno sottolineato le difficoltà economiche che mettono a rischio l’assistenza ai malati di cancro e il diritto allo stipendio dei dipendenti. «Abbiamo già espresso in passato la nostra solidarietà - afferma Wanda Quattrone, segretario del Tribunale - a quanti hanno bisogno di cure e ai lavoratori di questa struttura, riconoscendo la qualità e la professionalità di ciò che offre. Oggi, più che mai, intendiamo chiedere l’attenzione di chi è preposto a risolvere determinati problemi, al fine di tutelare la salute di migliaia di cittadini calabresi». I blocchi agli ordini non consentirebbero l’acquisto dei presidi necessari alla normale prosecuzione dell’attività assistenziale con gravi ed immaginabili conseguenze nella gestione dei tanti pazienti con il cancro».



il domani