Issuu on Google+

Edizione Il domani dello sport

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

www.ildomanidellosport.it

Sabato 21 Gennaio 2012 > euro 1,00 > Anno XV Nr. 18

Anticipo delle 18 all’Olimpico, Arrigoni proverà lo sgambetto a Luis Enrique

IL CESENA TENTA L’IMPRESA

CONCORDIA Ilmaremossospostalanave Sospeselericerche Unicacertezzaèlapericolosità dioperazionivicinealloscafo a pag. 14

’NDRANGHETA Falsi certificati in aiuto dei boss Arrestate sei persone anche medici in manette Il pm Pignatone: cospicua la cartella di Pelle a pag. 10

CROTONE

IL CASO Truffa all’Ue Sequestrati beni per 18 mln di euro Coinvolti nove imprenditori e sei funzionari regionali Confiscato hotel a pag. 11

Ragazza di 19 anni muore dopo aver partorito con il cesareo Il bambino sta bene La Procura apre l’inchiesta dopo la denuncia a pag. 12


2 il Domani dello Sport Sabato 21 Gennaio 2012

SPORT Anticipo delle 18 all’Olimpico, Arrigoni proverà lo sgambetto a Luis Enrique

Il Cesena oggi tenta l’impresa

Eva Canta

:: già il Domani :: REDAZIONE Direttore GUIDOTALARICO Direttoreresponsabile ORLANDOROTONDARO Capiredattori FRANCESCOPUNGITORE(Nazionale) ANGELOROSSI(Napoli) MAURIZIOZUCCARI(Cultura) Garantedellettore FRANCOESPOSITO >RedazioneRoma Tel.06.45427170/71 ViaArchimede,201-00197ROMA roma@ildomani.it >RedazioneNapoli Tel.081.19103955 ViaAntiniana,59-80078POZZUOLI(NA) redazione@ildomanidinapoli.it >RedazioneCalabria Tel.0961.023922 Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) redazione@ildomani.it EDITORE T&PEditoriSRL-Tel.0961.023922 Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) Testatareg.trib.Czn.64del15/7/1997 R.O.C.Numero5606 Latestatafruiscedeicontributistatalidirettidicuialla Legge7agosto1990n.250eseguentimodifiche PUBBLICITA’ Nazionale,localeegiudiziaria ILSOLE24ORESPASYSTEM DirettoreGeneraleGianniVallardi SedediNapoli CorsoUmbertoI,7-80138Napoli Tel.081.5471111 SedeCalabria Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) Tel.0961.023922 ClassificataeterritorialeNapoli SEATPAGINEGIALLE Tel.335.6505556 Tariffaamodulo46x19mmh.Commercialeeuro 103,00-Occasionaleeuro129,00-Corsidi formazioneeuro129,00-R.P.Q.euro78,00necrologioeuro77,00cad.Economicieuro0,62a parola.Supplementocolore:40% DISTRIBUZIONE:Sodip MediaServices(Calabria) CENTROSTAMPA:LITOSUDSRL ViaCarloPesenti,130-00156ROMATel.06.4121031 STABILIMENTOTIPOGRAFICODEROSE C/daPantoniMarinella-87040MONTALTOU. (Cs)-Tel.0984.934382 Responsabiledeltrattamentodati Dlgs96/2003-OrlandoRotondaro

ROMA - Schiantato in casa il Novara, allontanati di tre punti i piemontesieil Lecce-abbandonati in fondo alla classifica -, sulla strada verso la salvezza, per il Cesena, c’è l’ostacolo Roma. Una gara difficile quella dell’Olimpico in programma oggi alle 18 - che i romagnoli vorrebbero trasformare in un pesantissimo colpo esterno facendo il paio con la vittoria di Palermo, primo e unico successo, sino ad ora, lontano dalle mura amiche del Manuzzi. Un colpo da tentare senza stravolgere il buon lavoro fatto dai bianconeri dall’arrivo di Arrigoni, stuzzicato dall’ideadiunassettopiùoffensivo e una inedita difesa a tre, subito riposta nel cassetto, per non scoprire il fianco alle incursioni dei ragazzi di Luis Enrique. L’ipotesi di una difesa a tre, osserva Arrigoniinconferenzastampaallavigilia dellasfidanellaCapitale,«l’hopresa in considerazione, è una soluzione che mi piace e prima o poi l’adotterò. Ma - ammonisce - è ancora presto, poi la Roma ci aggre-

direbbe creandoci problemi». Anche perchè, scandisce, «loro sono fortissimi e ora si trovano anche come gioco. Dovremo aggredirli a metà campo con tre, quattro elementi, non individualmente altrimenti non servirebbe. Poi ripartire, insomma attenderli ma non troppo arretrati e rubare palla per colpirli». Così facendo, evidenzia il tecnico romagnolo, «possiamo giocarcela fino in fondo: noi, infatti, siamo alla ricerca di un colpo esterno tipo quello che abbiamo fatto a Palermo. Sarebbe fondamentale, darebbe un’impennata, una svolta alla nostra classifica». Guardando in casa Roma, Arrigoni battezza come un vantaggio l’assenza di De Rossi, appiedato da problemi muscolari. «È un giocatore molto forte, importante tatticamente,pernoimoltomeglio che non ci sia. Loro hanno già tanti campioni, compreso Totti che reputo in assoluto tra i più forti giocatori italiani degli ultimi vent’anni. Ed è ancora importante per qualsiasi tecnico». Proiettato

sul futuro, con un Siena - che domenica ospita il Napoli - distante solotrepunti,l’allenatorecesenate non manca di voltarsi indietro per ricordare come la vittoria di domenica scorsa sul Novara abbia «portato entusiasmo e consapevolezza, oltre ad avvicinarci nuovamente alla zona salvezza» e fa il punto sui giocatori a disposizione, a partire da Colucci che, dopo oltre due mesi di infermeria, dovrebbe partire ancora dalla panchina. «Di testa c’è già - spiega - lui ha una voglia matta di darci una mano. Per noi è una pedina fondamentale, fisicamente però lo vedo ancora un pò giù». Quanto al neoacquisto Pudil, a questa mattinanoneraancoraarrivatoiltransfer, mentre il brasiliano Martinho è in fase di recupero e vicino al rientro, ma per l’Olimpico ancora non verrà convocato. Fronte giallorosso. «Rinnovare? Ho ancora un anno e mezzo di contratto, è un eternità nel calcio. Devo ancora lavorare tanto per meritarmelo». Così il tecnico della Roma, Luis Enrique, in merito alla possibilità di prolungare la sua permenenza sulla panchina giallorossa anche dopo il 2013. La società, dopo la pesante sconfitta in casa della Fiorentina, aveva offerto all’asturiano il rinnovo.Malariposta è stata negativa. «Il gesto del club è stato incredibile, dopo Firenze era un momento difficile, ma io ho detto che non era il momento-haaggiunto-.Infondo, dopoquattrosconfitte,tornoadessere uno stronzo, mentre dopo quattro vittorie sono di nuovo incredibile. Io penso solo al Cesena e non sarà facile».

David Beckham non rinuncia al sogno olimpico ROMA - David Beckham resta in Usa, ma non rinuncia al sogno olimpico. Anzi, nell’intervista realizzata nella sede di Google lo spice-boy ammette che «mi piacerebbe essere il capitano» del team britannico che parteciperà ai Giochi di Londra 2012. «Ho guidato il mio paese in passato e so quanto speciale sarebbe farlo in occasione delle Olimpiadi». La stella inglese ha rifiutato le avances del Paris Saint-Germain e ha firmato un nuovo contratto di due anni con i Los Angeles Galaxy. Nell’accordo c’è anche una clausola che consente al 36enne Beckham di liberarsi dal club durante le Olimpiadi in caso di una chiamata da parte del ct della Gran Bretagna. «Ho avuto colloqui con Stuart Pearce ma non sono stato ancora selezionato», spiega a riguardo Beckham, uno dei 184 calciatori contattati dalla Football Association e invitati a dare la loro disponibilità a far parte del team olimpico. Lo spice-boy parla anche del suo futuro e non esclude la possibilità di giocare anche dopo la scadenza del nuovo contratto con i Galaxy: «Mi sento ancora giovane e continuerò a giocare finchè potrò, amo troppo farlo», spiega. «Mi diverto in allenamento e in partita, mi piace far parte di una squadra».

IN BREVE

> CALCIOMERCATO

> REAL MADRID

> TENNIS

Dimitar Berbatov non si muove, almeno fino al termine della stagione: è stato lo stesso procuratore del centravanti bulgaro a smentire il suo addio a Manchester United. Negli ultimi giorni si erano diffuse voci sul possibile ritorno di Berbatov in Bundesliga, con la maglia del Bayern Monaco o del Bayer Leverkusen. Ipotesi smentita da Emile Danchev, agente del giocatore. «Non è mia abitudine fare commenti sulle speculazioni di mercato - le parole di Danchev al Daily Mirror -. Ma possoescluderecheDimitarlasciManchesteragennaio». Nel frattempo lo United-scriveoggiilDailyMail - è in corsa con il Manchester City per il centrocampista del Benfica Nicolas Gaitan. In uscita invece il giovane Ravel Morrison: sfumata la trattativa con il Newcastle, ora i red devils stanno trattando con la Roma.

Un paio di settimane di vacanza per far passare la tempesta: il Real Madrid vuole fermare Pepe. È quanto scrive il quotidiano spagnolo Marca. Il difensore portoghese è nella bufera dopo il censurabile comportamento tenuto nel Clasico di coppa del Re contro il Barcellona al Camp Nou. Il lusitano si è distinto per il pestone alla mano di Leo Messi e per l’atteggiamento costantemente provocatorio e nervoso nei confronti dei blaugrana. In più, Josè Mourinho non è affatto contento dell’errore commesso dal n.3 nell’azione del gol del pareggio firmato da Puyol. Il tecnico di Setubal, scrive Marca, sarebbe d’accordo con la società sulla necessità di imporre uno stop a Pepe. Lo Special One è consapevole dell’accoglienza che il Camp Nou riserverebbe al giocatore nel match di ritorno a Barcellona.

Rafa Nadal con grande sicurezza, Roger Federer sudando un pò di più. I numeri 2 e 3 del tennis mondiale accedono comunque agli ottavi degli Open d’Australia senza lasciare nemmeno un set agli avversari. Nadal batte lo slovacco Lukas Lacko con il punteggio di 6-2, 6-4, 6-2, mentre Federer elimina il croato Ivo Karlovic 7-6 (8/6), 7-5, 6-3. Lacko, 24 anni, era l’ultimo concorrente proveniente dalle qualificazioni ancora in lizza. E poteva vantare un precedente incoraggiante: essere uno dei nove giocatori al mondo che ha strappato un set allo spagnolo lasciando a zero (aDohanel2011,incontro vinto però da Nadal). Nervi saldi e gran servizio sono stati necessari a Federer per eliminare Karlovic, a suo volta dotato di un’ottima prima palla. Tra le donne procede spedita la n.1, Caroline Wozniacki.


4 il Domani dello Sport Sabato 21 Gennaio 2012

TOTOGUIDA SCOMMESSE Ascoli-Gubbio

Bolton-Liverpool

«1»

«X»

2,00

3,60

ITALIA Serie A

Novara decimato tutto facile per il Milan arà Roma-Cesena ad inaugurare, sabato pomeriggio, il turno numero 19 di serie A. Come avrete già visto acquistando questa copia di TS, è la nostra gara di copertina; il 2,00 pagato mediamente per una vittoria della Roma con più di una rete di scarto è la quota che questa settimana ci piace di più, e la consigliamo ai nostri lettori. Si gioca al sabato anche Atalanta-Juventus, partita in cui la doppia «1X» a 1,90 può rappresentare un’idea per sistemi a correzione di due o più errori. In fondo, l’Atalanta ha perso in casa solo una gara su 9, contro il Milan, e fermando sul pareggio Inter, Napoli e Udinese. Alla domenica, anticipo all’ora di pranzo tra Bologna e Parma, dal

S

pronostico molto difficile. Meglio concentrarsi su alcune delle gare delle 15,00, ad esempio Palermo-Genoa e Udinese-Catania, che dovrebbero veder vincere le due squadre di casa. Nel match di Palermo, tuttavia, l’opzione «Over» piace ancor più dell’«1». Sembra una formalità per il Milan a Novara, che ha fuori tutti insieme i difensori Paci, Lisuzzo, Dellafiore e Ludi.

Il pronostico di TS Roma-Cesena Novara-Milan Udinese-Catania Siena-Napoli Inter-Lazio

1/hcp. 2 1 Goal 1

Le possibili sorprese Atalanta-Juventus X Palermo-Genoa Over 3,5

9 GARE 1356.75 Euro

Correzione di 0-1-2 errori sulle 9 partite 0 err.=8 cinquine; 1 err.=3/4 cinquine; 2 err.=1 cinquina

Norwich-Chelsea Grosseto-AlbinoLeffe Verona-Juve Stabia Schalke 04-Stoccarda Friburgo-Augsburg Leeds-Ipswich West Ham-Nottingham Paok-Panionios Atalanta-Juventus Norwich-Chelsea Grosseto-AlbinoLeffe Verona-Juve Stabia Schalke 04-Stoccarda Friburgo-Augsburg

2 1 1 1 1

1.60 1.95 2.00 1.80 2.00

8

CINQUINE

1.60 1.95 2.00 1.80 2.00 1.70 1.55 1.50 3.20

2 1 1 1 1 1 1 1 X

Norwich-Chelsea Grosseto-AlbinoLeffe Verona-Juve Stabia Leeds-Ipswich Atalanta-Juventus

2 1 1 1 X

1.60 1.95 2.00 1.70 3.20

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

148.26 Euro

224.04 Euro

Norwich-Chelsea Grosseto-AlbinoLeffe Leeds-Ipswich West Ham-Nottingham Paok-Panionios

2 1 1 1 1

1.60 1.95 1.70 1.55 1.50

Norwich-Chelsea Verona-Juve Stabia West Ham-Nottingham Paok-Panionios Atalanta-Juventus

2 1 1 1 X

1.60 2.00 1.55 1.50 3.20

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

81.39 Euro

157.13 Euro

Norwich-Chelsea Schalke 04-Stoccarda Friburgo-Augsburg Leeds-Ipswich Atalanta-Juventus

2 1 1 1 X

1.60 1.80 2.00 1.70 3.20

Con 6 euro puntati la vincita è di

206.81 Euro Grosseto-AlbinoLeffe Friburgo-Augsburg West Ham-Nottingham Paok-Panionios Atalanta-Juventus

1 1 1 1 X

Grosseto-AlbinoLeffe Verona-Juve Stabia Schalke 04-Stoccarda Paok-Panionios Atalanta-Juventus

1 1 1 1 X

1.95 2.00 1.80 1.50 3.20

Con 6 euro puntati la vincita è di

222.39 Euro 1.95 2.00 1.55 1.50 3.20

PT G

PARTITE V N P

JUVENTUS MILAN UDINESE LAZIO INTER NAPOLI ROMA GENOA CHIEVO CAGLIARI CATANIA PARMA FIORENTINA PALERMO ATALANTA (-6) BOLOGNA SIENA CESENA LECCE NOVARA

38 37 35 33 32 28 27 24 23 22 22 22 21 21 20 19 18 15 12 12

10 11 10 9 10 7 8 7 6 5 5 6 5 6 6 5 4 4 3 2

18 18 18 18 18 18 17 18 18 18 17 18 18 18 18 18 18 18 18 18

RETI F S

IN CASA V N P

8 0 29 12 4 3 37 17 5 3 26 13 6 3 26 17 2 6 28 19 7 4 33 20 3 6 23 19 3 8 22 29 5 7 14 20 7 6 16 18 7 5 20 25 4 8 24 32 6 7 18 16 3 9 19 24 8 4 23 23 4 9 17 25 6 8 19 19 3 11 12 25 3 12 18 34 6 10 18 35

6 6 8 4 5 4 4 5 5 2 4 5 4 6 4 3 4 2 0 2

3 2 1 4 1 4 2 2 3 5 2 3 3 0 4 1 2 3 1 4

0 1 0 2 3 2 2 2 1 2 2 2 2 2 1 5 3 4 7 3

RETI F S 19 21 18 12 15 21 13 13 9 6 9 19 14 17 11 9 15 8 7 12

6 5 3 7 8 13 9 9 4 7 6 12 7 10 7 13 7 9 16 16

ATALANTA CHIEVO CATANIA FIORENTINA CESENA MILAN LAZIO JUVENTUS CESENA GENOA

V

FUORI N P

4 5 2 5 5 3 4 2 1 3 1 1 1 0 2 2 0 2 3 0

5 2 4 2 1 3 1 1 2 2 5 1 3 3 4 3 4 0 2 2

0 2 3 1 3 2 4 6 6 4 3 6 5 7 3 4 5 7 5 7

RETI F S 10 16 8 14 13 12 10 9 5 10 11 5 4 2 12 8 4 4 11 6

6 12 10 10 11 7 10 20 16 11 19 20 9 14 16 12 12 16 18 19

REGOLAMENTO Le prime 3 in Champions League. La 4ª e la 5ª in Europa League insieme alla vincente della Coppa Italia. Retrocedono le ultime 3. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto degli scontri diretti.

20 JUVENTUS 0-0 = 1-1 = 2-2 = 4-1 ▲ 0-2 ▼ 0-2 ▼ . . .

CESENA ROMA NOVARA UDINESE LECCE CAGLIARI ATALANTA UDINESE PARMA

38

2-0 ▲ 1-1 = 2-0 ▲ 0-0 = 1-0 ▲ 1-1 = . . .

Atalanta e Napoli in testa ai «Goal» «UNDER» Bologna Cesena Cagliari Juventus Siena Udinese Chievo Fiorentina Palermo Lecce Atalanta Catania Inter Milan Roma Lazio Napoli Genoa Novara Parma

13 13 12 12 12 12 11 11 11 10 9 9 9 9 9 8 8 7 7 6

(6-7) (6-7) (6-6) (5-7) (5-7) (5-7) (7-4) (4-7) (4-7) (5-5) (7-2) (5-4) (4-5) (4-5) (4-5) (6-2) (4-4) (4-3) (4-3) (4-2)

«OVER»

I nostri consigli di gioco MISTA VINCITA GLOBALE:

Classifica

Verona-Juve Stabia Schalke 04-Stoccarda Friburgo-Augsburg Leeds-Ipswich West Ham-Nottingham

1 1 1 1 1

2.00 1.80 2.00 1.70 1.55

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

191.51 Euro

125.22 Euro

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

(18ª GIORNATA) Catania Roma14-01 AL 16-01 Sos. PARTITE- DAL Cesena - Novara 3-1 Chievo - Palermo 1-0 Fiorentina - Lecce 0-1 Genoa - Udinese 3-2 Juventus - Cagliari 1-1 Lazio - Atalanta 2-0 Milan - Inter 0-1 Parma - Siena 3-1 Napoli - Bologna 1-1

(19ª GIORNATA) Atalanta - Juventus 21-01 Roma - Cesena “ “ Bologna - Parma 22-01 Cagliari - Fiorentina “ “ Inter - Lazio “ “ Lecce - Chievo “ “ Novara - Milan “ “ Palermo - Genoa “ “ Siena - Napoli “ “ Udinese - Catania “ “

19 PARMA

BOLOGNA SIENA MILAN GENOA ROMA CATANIA NAPOLI PARMA ROMA FIORENTINA

INTER FIORENTINA GENOA CESENA LECCE PARMA MILAN LAZIO LECCE PALERMO

NOVARA LAZIO NAPOLI JUVENTUS PALERMO FIORENTINA CESENA MILAN PALERMO CHIEVO

SIENA BOLOGNA GENOA MILAN FIORENTINA LAZIO PARMA NAPOLI FIORENTINA CATANIA

1-0 2-2 1-2 0-2 2-0 1-1

▲ =

▼ ▲

▼ =

. . .

PALERMO CAGLIARI LECCE CATANIA INTER SIENA BOLOGNA CATANIA JUVENTUS

22 0-0 0-0 3-3 3-3 0-5 3-1

NOVARA LECCE UDINESE CHIEVO SIENA ATALANTA INTER CHIEVO MILAN

12 MILAN

0-3 ▼ 1-1 = 0-2 ▼ 2-2 = 0-3 ▼ 1-3 ▼ . . .

GENOA BOLOGNA SIENA CAGLIARI ATALANTA INTER NOVARA CAGLIARI LAZIO

LECCE NOVARA ROMA GENOA PALERMO BOLOGNA SIENA GENOA CESENA

▼ . .

33 3-0 3-2 2-2 0-0 0-4 2-0

▲ = = ▲

▲ ▼ . .

.

37

2-0 ▲ 2-2 = 2-0 ▲ 2-0 ▲ 2-0 ▲ 0-1 ▼ . . .

18 NAPOLI

0-1 ▼ 0-2 ▼ 0-2 ▼ 0-0 = 4-0 ▲ 1-3 ▼ . . .

= = =

.

32 LAZIO

2-0 ▲ 1-0 ▲ 1-0 ▲ 4-1 ▲ 5-0 ▲ 1-0 ▲ . . .

=

28 4-2 1-1 1-3 6-1 3-1 1-1

▼ ▲ =

= ▲ . .

.

ROMA FIORENTINA JUVENTUS NAPOLI BOLOGNA CHIEVO CATANIA CESENA BOLOGNA CAGLIARI

CAGLIARI CATANIA PARMA CHIEVO MILAN GENOA JUVENTUS FIORENTINA MILAN ROMA

LECCE NAPOLI LAZIO PARMA INTER JUVENTUS FIORENTINA CHIEVO INTER UDINESE

PALERMO PARMA CESENA CATANIA NOVARA NAPOLI CHIEVO GENOA NOVARA INTER

UDINESE INTER CHIEVO LAZIO JUVENTUS CESENA GENOA CATANIA JUVENTUS LECCE

27 CESENA

0-3 ▼ 1-1 = 3-1 ▲ 2-0 ▲ 2-0 ▲ Sos. . . . .

JUVENTUS PALERMO INTER ATALANTA UDINESE NOVARA ROMA ATALANTA NAPOLI

22 FIORENTINA

1-0 ▲ 0-0 = 0-2 ▼ 0-2 ▼ 3-0 ▲ 1-1 = . . .

ROMA INTER ATALANTA SIENA NOVARA LECCE CAGLIARI SIENA BOLOGNA

15

0-2 ▼ 1-0 ▲ 0-1 ▼ 1-4 ▼ 1-4 ▼ 3-1 ▲ . . .

21

3-0 ▲ 0-2 ▼ 2-2 = 0-0 = 3-0 ▲ 0-1 ▼ . . .

12 CHIEVO

23

ATALANTA UDINESE CAGLIARI LAZIO ROMA PALERMO LECCE LAZIO NOVARA

0-0 = 1-2 ▼ 2-0 ▲ 0-0 = 0-2 ▼ 1-0 ▲ . . .

2-4 ▼ 2-3 ▼ 3-3 = 1-4 ▼ 0-1 ▼ 1-0 ▲ . . .

21 GENOA 0-0 = 0-1 ▼ 0-2 ▼ 2-2 = 1-3 ▼ 0-1 ▼ . . .

SIENA INTER BOLOGNA NAPOLI CAGLIARI UDINESE PALERMO NAPOLI ATALANTA

35 CATANIA

1-0 ▲ 2-1 ▲ 2-2 = 0-0 = 4-1 ▲ 2-3 ▼ . . .

CAGLIARI ATALANTA PALERMO PARMA BOLOGNA ROMA UDINESE PARMA SIENA

24

2-0 ▲ 0-1 ▼ 2-1 ▲ 1-6 ▼ 0-3 ▼ 3-2 ▲ . . .

22

0-1 ▼ 1-1 = 2-0 ▲ 3-3 = 0-2 ▼ Sos. . . . .

Parma Genoa Novara Lazio Napoli Atalanta Inter Milan Catania Lecce Roma Chievo Fiorentina Palermo Cagliari Juventus Siena Udinese Bologna Cesena

12 11 11 10 10 9 9 9 8 8 8 7 7 7 6 6 6 6 5 5

(6-6) (5-6) (5-6) (4-6) (6-4) (2-7) (5-4) (5-4) (3-5) (3-5) (4-4) (2-5) (5-2) (4-3) (3-3) (4-2) (4-2) (4-2) (3-2) (3-2)

«GOAL» Atalanta Napoli Novara Parma Catania Genoa Juventus Roma Bologna Inter Lazio Lecce Cagliari Milan Cesena Chievo Siena Udinese Palermo Fiorentina

12 12 11 10 9 9 9 9 8 8 8 8 7 7 6 6 6 6 5 4

(5-7) (7-5) (6-5) (6-4) (4-5) (4-5) (5-4) (6-3) (3-5) (3-5) (4-4) (4-4) (2-5) (3-4) (4-2) (2-4) (2-4) (3-3) (4-1) (3-1)

«NO GOAL» Fiorentina Palermo Cesena Chievo Siena Udinese Cagliari Milan Bologna Inter Lazio Lecce Genoa Juventus Catania Parma Roma Novara Atalanta Napoli

14 13 12 12 12 12 11 11 10 10 10 10 9 9 8 8 8 7 6 6

(6-8) (4-9) (5-7) (7-5) (7-5) (6-6) (7-4) (6-5) (6-4) (6-4) (6-4) (4-6) (5-4) (4-5) (4-4) (4-4) (2-6) (3-4) (4-2) (3-3)


Sabato 21 Gennaio 2012 il Domani dello Sport

5

TOTOGUIDA SCOMMESSE Liga Adelante

Deportivo, «1» facile per la vetta onquistata la vetta, difficilmente il D. La Coruna la perderà. I galiziani, con un ruolino interno perfetto, se la vedranno col Villarreal B che invece in trasferta non va: segno «1». Dopo lo scivolone contro l’Alcoyano, difficile un replay per l’Elche, favorito dal calendario che gli oppone, in trasferta, il fanalino Gimnastic. Il match clou in chiave play off è tra Cordoba e

Celta: da «1». Valladolid può vincere con il Guadalajara, mentre Alcoyano, sorpresa, potrebbe fermare l’Almeria.

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

(20ª GIORNATA)

(21ª GIORNATA) Alcoyano - Almeria 20-01 Alcorcon - Numancia 21-01 Cartagena - Recr. Huelva “ “ D. La Coruna - Villarreal B “ “ Gimnastic - Elche “ “ Girona - Murcia “ “ Guadalajara - Valladolid “ “ Hercules - Huesca “ “ Sabadell - Las Palmas “ “ Barcellona B - Xerez 22-01 Cordoba - Celta Vigo “ “

C

Celta VigoDAL - Gimnastic 1-0 PARTITE 13-01 AL 15-01 Almeria - Guadalajara 4-0 Elche - Alcoyano 1-2 Las Palmas - Barcellona B 3-1 Murcia - Cordoba 2-1 Numancia - Sabadell 2-1 Recr. Huelva - Girona 3-0 Valladolid - Alcorcon 1-1 Villarreal B - Cartagena 0-0 Huesca - D. La Coruna 0-2 Xerez - Hercules 2-1

CARTAGENA VALLADOLID NUMANCIA LAS PALMAS XEREZ HUESCA VILLARREAL B RECR. HUELVA D. LA CORUNA HERCULES

GIRONA ALCORCON GUADALAJARA ALCOYANO GIMNASTIC CORDOBA RECR. HUELVA MURCIA CELTA VIGO ELCHE

SABADELL MURCIA CELTA VIGO ELCHE ALMERIA VALLADOLID NUMANCIA LAS PALMAS XEREZ HUESCA

Gimnastic - Elche Deportivo - Villarreal B Guadalajara - Valladolid Hercules - Huesca Alcorcon - Numancia

La possibile sorpresa

XEREZ GIMNASTIC HUESCA CORDOBA VILLARREAL B GIRONA CARTAGENA MURCIA D. LA CORUNA

SABADELL ALCORCON GUADALAJARA ALCOYANO GIMNASTIC CORDOBA GIRONA RECR. HUELVA CELTA VIGO

24 LAS PALMAS 2-2 = 1-4 ▼ 0-0 = 0-3 ▼ 1-4 ▼ 1-2 ▼ . . .

2 1 2 1 X

Alcoyano - Almeria Cordoba - Celta

16 MURCIA

0-1 ▼ 0-0 = 1-2 ▼ 3-2 ▲ 0-1 ▼ 0-3 ▼ . . .

PT G

PARTITE V N P

D. LA CORUNA ELCHE CELTA VIGO VALLADOLID HERCULES ALMERIA CORDOBA MURCIA NUMANCIA LAS PALMAS ALCORCON RECR. HUELVA GUADALAJARA BARCELLONA B SABADELL XEREZ ALCOYANO VILLARREAL B HUESCA CARTAGENA GIRONA GIMNASTIC

39 37 36 36 36 35 33 32 29 27 27 26 26 24 24 23 22 19 18 17 16 13

12 11 11 9 11 9 9 9 7 7 7 7 7 6 6 6 5 4 4 3 3 2

20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20

RETI F S

IN CASA V N P

3 5 33 23 4 5 37 20 3 6 35 19 9 2 30 18 3 6 22 16 8 3 32 19 6 5 21 15 5 6 27 24 8 5 24 21 6 7 26 25 6 7 21 21 5 8 25 22 5 8 22 32 6 8 30 30 6 8 24 38 5 9 22 26 7 8 21 30 7 9 27 35 6 10 22 32 8 9 11 23 7 10 22 34 7 11 16 27

8 6 6 7 6 5 5 4 6 5 4 4 5 2 4 3 3 3 2 2 3 1

1 1 1 2 1 5 4 2 3 3 4 3 2 4 4 3 4 4 3 4 4 3

1 3 3 1 3 0 1 4 1 2 2 4 3 4 2 4 3 3 5 4 2 6

RETI F S 22 21 17 15 12 18 13 11 14 12 12 16 15 14 13 14 9 18 10 7 12 8

10 10 7 8 8 7 7 14 7 6 7 13 13 17 15 15 12 17 15 12 13 14

V

FUORI N P

4 5 5 2 5 4 4 5 1 2 3 3 2 4 2 3 2 1 2 1 0 1

2 3 2 7 2 3 2 3 5 3 2 2 3 2 2 2 3 3 3 4 3 4

4 2 3 1 3 3 4 2 4 5 5 4 5 4 6 5 5 6 5 5 8 5

RETI F S 11 16 18 15 10 14 8 16 10 14 9 9 7 16 11 8 12 9 12 4 10 8

13 10 12 10 8 12 8 10 14 19 14 9 19 13 23 11 18 18 17 11 21 13

REGOLAMENTO Promosse direttamente le prime 2. Dalla 3ª alla 6ª ai play-off. Retrocedono le ultime 4. A parità di punti si tiene conto degli scontri diretti. N.B.: il Barcellona B e il Villarreal B non possono essere promosse nella Liga, a meno che la prima squadra non retroceda dalla serie maggiore: in tal caso, però, il Barcellona B e/o il Villarreal B retrocederebbero d’ufficio a loro volta se non arrivassero tra le prime 3 del torneo.

X 1

HUESCA VILLARREAL B CARTAGENA D. LA CORUNA HERCULES BARCELLONA B SABADELL ALCORCON GUADALAJARA

26 1-2 2-1 1-1 0-0 3-1 3-0

▼ =

▲ ▲

▲ = . .

.

32 2-2 = 0-2 ▼ 1-2 ▼ 3-2 ▲ 2-0 ▲ 2-1 ▲ . . .

27

0-2 ▼ 3-1 ▲ 0-0 = 0-1 ▼ 1-2 ▼ 3-1 ▲ . . .

ALCORCON GIRONA MURCIA CELTA VIGO ELCHE ALMERIA VALLADOLID NUMANCIA LAS PALMAS XEREZ

ALCOYANO GIMNASTIC CORDOBA GIRONA MURCIA CELTA VIGO ELCHE ALMERIA VALLADOLID NUMANCIA

27 NUMANCIA

1-0 ▲ 2-0 ▲ 0-0 = 0-6 ▼ 1-1 = 1-1 = . . .

VILLARREAL B CARTAGENA D. LA CORUNA HERCULES BARCELLONA B SABADELL ALCORCON GUADALAJARA ALCOYANO

22 ALMERIA 0-0 = 0-3 ▼ 2-1 ▲ 2-3 ▼ 0-3 ▼ 2-1 ▲ . . .

D. LA CORUNA HERCULES BARCELLONA B SABADELL ALCORCON GUADALAJARA ALCOYANO GIMNASTIC CORDOBA

29 0-0 = 0-0 = 1-3 ▼ 2-1 ▲ 1-1 = 2-1 ▲ . . .

35

1-3 ▼ 1-1 = 3-3 = 3-0 ▲ 1-1 = 4-0 ▲ . . .

ALMERIA VALLADOLID NUMANCIA LAS PALMAS XEREZ HUESCA VILLARREAL B CARTAGENA RECR. HUELVA

GUADALAJARA CORDOBA GIRONA MURCIA CELTA VIGO ELCHE ALMERIA VALLADOLID NUMANCIA LAS PALMAS

39 VILLARREAL B

3-1 ▲ 0-0 = 3-1 ▲ 1-0 ▲ 2-1 ▲ 2-0 ▲ . . .

NUMANCIA LAS PALMAS XEREZ HUESCA RECR. HUELVA CARTAGENA D. LA CORUNA HERCULES BARCELLONA B

GIMNASTIC ALCOYANO RECR. HUELVA CORDOBA GIRONA MURCIA CELTA VIGO ELCHE ALMERIA VALLADOLID

36

CARTAGENA D. LA CORUNA HERCULES BARCELLONA B SABADELL ALCORCON GUADALAJARA ALCOYANO GIMNASTIC

0-0 = 0-0 = 2-2 = 1-0 ▲ 4-1 ▲ 1-1 = . . .

BARCELLONA B 24 XEREZ CELTA VIGO ELCHE ALMERIA VALLADOLID NUMANCIA LAS PALMAS XEREZ HUESCA VILLARREAL B

19 0-0 = 1-3 ▼ 3-1 ▲ 0-1 ▼ 1-3 ▼ 0-0 = . . .

26 VALLADOLID

3-1 ▲ 0-0 = 2-1 ▲ 0-2 ▼ 2-4 ▼ 0-4 ▼ . . .

2-1 ▲ 0-3 ▼ 3-3 = 0-1 ▼ 1-1 = 1-3 ▼ . . .

RECR. HUELVA HUESCA VILLARREAL B CARTAGENA D. LA CORUNA HERCULES BARCELLONA B SABADELL ALCORCON

23

2-1 ▲ 1-3 ▼ 1-3 ▼ 3-0 ▲ 1-2 ▼ 2-1 ▲ . . .

14 14 14 13 12 11 11 11 11 11 10 10 10 10 10 9 8 8 8 8 8 7

(7-7) (6-8) (7-7) (6-7) (8-4) (5-6) (5-6) (6-5) (6-5) (5-6) (6-4) (6-4) (5-5) (6-4) (5-5) (6-3) (4-4) (2-6) (3-5) (3-5) (3-5) (4-3)

«OVER» 13 12 12 12 12 12 11 10 10 10 10 10 9 9 9 9 9 8 7 6 6 6

(6-7) (6-6) (8-4) (7-5) (7-5) (7-5) (4-7) (4-6) (3-7) (5-5) (4-6) (5-5) (5-4) (5-4) (4-5) (5-4) (5-4) (2-6) (4-3) (3-3) (4-2) (3-3)

«GOAL» Valeron, centrocampista del Deportivo La Coruna

D. LA CORUNA

«UNDER» Alcorcon Cartagena Cordoba Hercules Las Palmas Almeria Gimnastic Numancia Recr. Huelva Valladolid Alcoyano Girona Guadalajara Huesca Murcia Celta Vigo Barcellona B D. La Coruna Elche Villarreal B Xerez Sabadell

Sabadell Barcellona B D. La Coruna Elche Villarreal B Xerez Celta Vigo Alcoyano Girona Guadalajara Huesca Murcia Almeria Gimnastic Numancia Recr. Huelva Valladolid Las Palmas Hercules Alcorcon Cartagena Cordoba

Il pronostico di TS

17 RECR. HUELVA 0-0 = 0-0 = 0-0 = 0-3 ▼ 2-0 ▲ 0-0 = . . .

Classifica

HERCULES ELCHE ALMERIA VALLADOLID NUMANCIA LAS PALMAS XEREZ HUESCA VILLARREAL B CARTAGENA

CORDOBA GUADALAJARA ALCOYANO GIMNASTIC RECR. HUELVA GIRONA MURCIA CELTA VIGO ELCHE ALMERIA

13 ELCHE 0-0 = 1-2 ▼ 0-0 = 2-3 ▼ 0-2 ▼ 0-1 ▼ . . .

HERCULES BARCELLONA B SABADELL ALCORCON GUADALAJARA ALCOYANO GIMNASTIC CORDOBA GIRONA

36 HUESCA

1-2 ▼ 1-1 = 2-2 = 1-2 ▼ 2-1 ▲ 1-2 ▼ . . .

LAS PALMAS XEREZ RECR. HUELVA VILLARREAL B CARTAGENA D. LA CORUNA HERCULES BARCELLONA B SABADELL

33 CELTA VIGO

1-3 ▼ 3-0 ▲ 0-0 = 0-0 = 1-0 ▲ 1-2 ▼ . . .

BARCELLONA B SABADELL ALCORCON GUADALAJARA ALCOYANO GIMNASTIC CORDOBA GIRONA MURCIA

37

2-1 ▲ 3-0 ▲ 0-0 = 6-0 ▲ 4-2 ▲ 1-2 ▼ . . .

18

2-0 ▲ 3-1 ▲ 1-1 = 1-0 ▲ 0-2 ▼ 0-2 ▼ . . .

36

1-2 ▼ 4-1 ▲ 0-0 = 2-0 ▲ 3-0 ▲ 1-0 ▲ . . .

Villarreal B Valladolid Almeria Barcellona B Girona Las Palmas Numancia Sabadell Alcoyano Elche Huesca Murcia Recr. Huelva Xerez Celta Vigo D. La Coruna Guadalajara Hercules Cordoba Gimnastic Alcorcon Cartagena

14 13 12 12 12 12 12 12 11 11 11 11 11 11 10 10 9 9 7 7 6 5

(7-7) (6-7) (6-6) (7-5) (6-6) (4-8) (4-8) (6-6) (5-6) (4-7) (3-8) (5-6) (7-4) (6-5) (4-6) (7-3) (7-2) (4-5) (5-2) (3-4) (4-2) (4-1)

«NO GOAL» Cartagena Alcorcon Cordoba Gimnastic Guadalajara Hercules Celta Vigo D. La Coruna Alcoyano Elche Huesca Murcia Recr. Huelva Xerez Almeria Barcellona B Girona Las Palmas Numancia Sabadell Valladolid Villarreal B

15 14 13 13 11 11 10 10 9 9 9 9 9 9 8 8 8 8 8 8 7 6

(6-9) (6-8) (5-8) (7-6) (3-8) (6-5) (6-4) (3-7) (5-4) (6-3) (7-2) (5-4) (4-5) (4-5) (4-4) (3-5) (3-5) (6-2) (6-2) (4-4) (4-3) (3-3)

Informazione pubblicitaria

SPAGNA


6 il Domani dello Sport Sabato 21 Gennaio 2012

TOTOGUIDA SCOMMESSE

Roma-Cesena Atalanta-Juventus Ascoli-Gubbio Bari-Modena Cittadella-Torino Crotone-Varese Empoli-Pescara Grosseto-Albinoleffe Verona-Juve Stabia Sassuolo-Vicenza QPR-Wigan Fulham-Newcastle Sunderland-Swansea Wolves-Aston Villa

1

X

2

N. Partite

1 2 1 1X X2 2X 12X 1 1 1 1 X12 1 X2

85 22 55 40 24 18 37 54 79 50 49 34 46 23

10 30 35 36 42 37 30 32 15 31 30 41 27 43

5 48 10 24 34 45 33 14 6 19 21 25 27 34

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Roma-Cesena Atalanta-Juventus Ascoli-Gubbio Bari-Modena Cittadella-Torino Crotone-Varese Empoli-Pescara Grosseto-Albinoleffe Verona-Juve Stabia Sassuolo-Vicenza QPR-Wigan Fulham-Newcastle Sunderland-Swansea Wolves-Aston Villa

Pron. 0-2 3 7 3 9 11 10 13 1 5 2 12 6 8 14 4

25 15 30 35 35 45 15 30 15 45 25 30 45 30

30 35 40 35 35 35 20 30 35 35 30 40 33 30

4

5+

35 30 25 25 25 15 35 25 30 15 35 25 20 25

10 20 5 5 5 5 30 15 20 5 10 5 2 15

GRUPPO 1

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Pron.

Roma-Cesena Cittadella-Torino Empoli-Pescara Verona-Juve Stabia Sassuolo-Vicenza Everton-Blackburn

GRUPPO 2

N. Partite

Ascoli-Gubbio Bari-Modena Crotone-Varese Grosseto-Albinoleffe QPR-Wigan Sunderland-Swansea

GRUPPO 3

CONCORSO N. 5 DEL 21/1/2012 - IL PRONOSTICO TECNICO

Atalanta-Juventus Fulham-Newcastle Wolves-Aston Villa

1

1

1

1 1

1 1

1 1

1X

1X

1X X2 1 1X

1X 1

1

1-0, 0-1, 1-1


Sabato 21 Gennaio 2012 il Domani dello Sport

7

TOTOGUIDA SCOMMESSE

SUPERENALOTTO

LOTTO I 10 numeri più in ritardo BA CA FI GE MI NA PA RM TO VE NZ TT

I 10 numeri più frequenti

80 58 59 24 47 55 18 74 19 90 Rit. 82

41

40

40

14 10 12 74 48 49

4

30 64 70

33

33

33

36 85 56 50 32 76 59

1

81 84

41

41

Rit. 89 Rit. 82

64 83 59

85 27

48 54

42

42

50

48 48

46

54

50

46

42

6

69 20 47 51

54

50

39

39 30 36

3

59 53

44

42

41

38

25 30 54 51 22 65

4

18 81 13

39

39

Rit. 83 Rit. 62

79 61

53

49

43

42

42

38

36 37

64 56 33 27 62 53 52 25 50 83 Rit. 74

63

61

59

57

56

51

49

49

47

54 78 64 45 70 25 50 77 83 36 Rit. 82

52

50

46

68 50

9

12 14 53 33 84 25 37

52

52

Rit. 71

60

44 46

43 46

43 45

43 40

40 37

36 36

64 67 73 57 17 54 16 77 79 63 Rit. 104 78

69

55

52

49

43

78 69 64

5

16

8

38 83 23 12

57

57

56

54

Rit. 77

68

62

38 42

6 11 87 40 22 56 46 13 Rit. 104 61

37

36 34

3 18

50

42

40

37

34

64 29 40 83

2

26

1

25 71 5

5

5

4

Rit. 11

8

56

37

8

6

4

33 4

32 3

BA CA FI GE MI NA PA RM TO VE NZ TT

14 20 57 Freq.17

16

38 1 Freq.18

5

11 15 30 41 34 46

15

15

15

59 83

5

37 42 62

4 73

15

16

15

15

14

14

16

16

15

15

15

14

14 25 30

3

28 75 17

5

6

7

16

16

14

14

14

Freq.17

16

I 10 numeri più in ritardo

17

78 4 Freq.19

18

17

16

15

14

86 90 17 21 81 36

3

5

16

13

13

16

15

15

15

14

14 79 38 78 31 56 62 74 82 19 Freq.17

17

16

15

14

14

14

14

12 22 76 40 51 55 54 74 Freq.20

17

17

15

15

15

14

14

14

13

3 71 13

13

41 47 49 58 22 55 59 12 74 85

NUMERO RITARDO

60 54

53 40

40

36 34 33 32

32

9

9

I 10 numeri più frequenti NELLA SESTINA FREQUENZA

37 15 31 61 86 9 57 6 11 21 15 14 14 13 13 12 12 11 11 11

Il sistema 15 numeri

16

16

3

24 46 79 88

Ridotto a garanzia di due “4” con 6 numeri Combinazioni 30 - € 15,00

14

14

Pronostico: 6, 8, 17, 20, 22, 24, 37, 41, 47, 54, 64, 84, 87, 89, 90

Freq.16

16

17 16

17 15

15

15 14

15 14

15 14

60 70 32 37 44 52 82 84 18 33 Freq.17

17

15

15

53 37

9

58 60 77 17 18

1 35

17

17

14

Freq.19

18

15 16

15 16

15 15

15 15

14

14 14

36 27 25 29 50 57 76 80 86 2 Freq.18

15

15

15

15

37 12 42 14 38

17

16

15

4

6

30 78 43

15

14

6 24 64 87 89 90

17 24 41 54 64 84

8 22 41 47 54 89

22 24 37 84 89 90

8 22 24 37 47 64

6 17 22 37 41 89

20 24 41 64 84 89

6

8 22 41 64 90

6 20 22 37 47 84

17 22 47 84 87 90

17 20 24 41 47 90

8 17 20 84 89 90

20 41 47 64 87 89

8 22 54 64 84 87

6 24 41 54 84 87

6 20 22 54 84 89

17 20 22 47 54 64

8 17 37 41 84 87

17 37 54 64 89 90

8 17 20 37 47 54

90 54 49 45 74 67 32 69 21 38

8 17 20 22 24 87

6 37 47 54 84 90

6

44 41

6 17 24 47 54 87

6

6 17 22 24 37 41

119 118 118 116 116 115

41 39

37

35 34 34 33

33

20 37 41 54 87 90

6

8 24 37 47 87 89

8 20 24 54 90

Freq.134 120 120 119

NUMERO FREQ.

26 23 15 15 12 11 11 9

16

18

I 10 numeri più frequenti

50 89 70 76 19 64 5 65 80 59

83 64 25 78 72 24 85 50 52 63

25 42 52 15 43

Freq.21

10eLOTTO I 10 numeri più in ritardo

NELLA SESTINA RITARDO

8 17 64 84 89

6

8 20 37 64 87

8 41 47 64 90


8

TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell´Esecuzione, dr.ssa Giovanna Gioia, all’udienza del 12.10.2011 ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 74/07 R.G.E. pendente tra BANCA CARIME E OMISSIS Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: Terreno in Botricello di mq 2070 su cui insiste un fabbricato in catasto al foglio 6 p.lla 2509; PREZZO: Euro 59.800,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L´offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell´immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato al Tribunale di Catanzaro proc. n. 74/07 recante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 13.03.2012, sono a carico del procedimento le spese di trasferimento. L´udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c e per l´eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c è fissata in data 14.03.2012. Aumento minimo in caso di gara euro 2000,00 L´aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 12.10.2011. Il Giudice Dott.ssa Giovanna Gioia ***** Prima Sezione Civile Il Giudice dell’Esecuzione, dott.ssa Maria Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 154/06 R.G.E pendente tra Unicredit Banca Spa E OMISSIS Visti gli atti DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: deposito-garage in Centrache fraz. Sangoria, c.da Sangoria snc, in catasto al foglio 7, p.lla 331 sub 2, mq 54 Prezzo euro 3.805,19 Lotto 2: appartamento in Centrache fraz. Sangoria, c.da Sangoria snc, in catasto al foglio 7, p.lla 331 sub 3, Prezzo euro 14.999,60 Lotto 3: appartamento in Centrache fraz. Sangoria, c.da Sangoria snc, in catasto al foglio 7, p.lla 331 sub 4 Prezzo euro 5.020,88 Lotto 4: terreno agricolo in Centrache fraz. Sangoria,c.da Sangoria snc, in catasto al foglio 7,p.lla 41, 210,211,212,321, mq 22.480 con fabbricato abusivo di mq 55.01 Prezzo euro 13.917,92 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato degli immobili. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro Proc. 154/06 RGE un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione entro le ore 12 del giorno

Sabato 21 Gennaio 2012

13.03.2012 restando le spese di trasferimento a carico dell’aggiudicatario mentre le spese per la cancellazione dell’ipoteca e del pignoramento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex. art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 14.03.2012. Aumento minimo in casa di gara euro 1.000,00 L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione in cancelleria; Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani",nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Catanzaro, 12.10.2011 Il Giudice ***** prima sezione civile procedura fallimentare xx n. 28/04 Il Giudice, vista la richiesta del curatore; Dispone la vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: villino con cantina e pertinenze esterne(veranda in legno,box auto,legnaia) sito in Catanzaro Lido,loc. Bellino,via Bellino n.57,in catasto al foglio 85 p.lla 206 sub.1; si precisa che il fabbricato è stato realizzato in assenza di regolare concessione edilizia,le pertinenze non risultano accatastate, l’area su cui sorge il fabbricato è soggetta a vincolo sismico ambientale. Prezzo euro 250.000,00 fissa per la deliberazione sull’offerta e per eventuale gara tra gli offerenti,con rialzo minimo non inferiore a euro 1.000,00 l’udienza del 14.03.2012 dispone che le offerte d’acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura fall. n. 28/04" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto,da imputare a cauzione entro le ore 12.00 del giorno 13.03.2012; L’immobile,meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria,sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova,che si intenderà conosciuto dall’aggiudicatario; L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto,dedotta la cauzione,entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico dell’acquirente; Dispone che il curatore provveda,entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte,alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 c.p.c. nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet "www.aste.eugenius.com" e diffusione sul quotidiano " Il Domani". Manda alla cancelleria di provvedere all’avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l’indicazione del debitore. Catanzaro,15.12.2011

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570) che il Giudice dell’Esecuzione Dr. SERGIO MALGERI, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 15/2009 promossa da BANCA CARIME SpA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 27.

DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO n. 1: "Quota di 1/1 sul diritto di piena proprietà relativo ad un fabbricato in villino a due piani fuori terra ubicato in Locri, via Dromo, identificato catastalmente al fgl. 25, p.lla 55, della consistenza di 10,5 vani e superficie complessiva di 233 mq., oltre a ampia corte di mq. 260 e piccolo locale pertinenziale" PREZZO BASE D’ASTA: Euro 205.000,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO n. 2: "Quota di 1/1 sul diritto di piena proprietà relativo ad un fabbricato di tipo economico a due piani fuori terra ubicato in Locri, via Dromo 1, incrocio via Garibaldi, identificato catastalmente al fgl. 25, p.lla 56 sub 6-8, della consistenza di 7,5 vani e superficie complessiva di 250 mq., compresa piccola corte e locale di servizio ricadenti sulla part.lla 860 del fgl. 25" PREZZO BASE D’ASTA: Euro 75.000,00 CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1 a 27 - riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 23.03.2012, con il prezzo da ridurre di 1/4, alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete vedere l’ordinanza di vendita - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 27.04.2012, con il prezzo da ridurre di 1/4, alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12,00 del giorno antecedente l’incanto, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall’art. 580 cpc; l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it - Custode Giudiziario: Avv. Andrea Romeo (327.5551353). ri informazioni potranno essere acquisite

AsteInfoappalti e' un Progetto a cura della Mediatag coordinamento area Calabria

presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 18 gennaio 2012 - CONDIZIONI DI VENDITA IMMOBILIARE ALLEGATE AL VERBALE DI UDIENZA - P.E. 15-2009 1)L’immobile pignorato sarà posto in vendita a corpo nella consistenza indicata nella perizia di stima da intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2)ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma cpc); 3)entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda corredata da marca da bollo e diritti di cancelleria come previsti per legge per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di inefficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; 4)l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; 5)l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6)l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7)l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8)l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore

info 0961. 023931


9 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; 9)l’udienza di vendita senza incanto è fissata per il giorno (VEDI SOPRA), e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10)in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11)in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; 12)in caso di aggiudicazione, l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione; 13)in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; 14)il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); 15)maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri ; 16)la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt.

Sabato 21 Gennaio 2012

490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; 17)la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata, a cura del custode giudiziario con costo a carico del creditore procedente o degli altri creditori, ovvero a carico della Custodia, se in attivo - autorizzando il custode giudiziario al prelievo degli importi necessari per la pubblicità dal libretto della procedura - sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni indicati nell’ordinanza di vendita più recente in cui è contenuta la descrizione dei lotti (invitando ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + mensili Qu Economia e Asteinfoappalti + siti Internet, nei quali la pubblicazione dell’ordinanza avrà luogo unitamente alla relazione di stima, www.asteimmobili.it - www.portaleaste.it www.aste.eugenius.it; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18)ove si debba procedere all’incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza in-

canto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del (VEDI SOPRA) il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19)in particolare, ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, domanda di partecipazione all’incanto da presentarsi in busta chiusa a pena di irricevibilità dell’offerta; all’esterno della busta il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte; C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito ; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta è prestata; unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, ciascun offerente dovrà depositare una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; 20)la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; 21)le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve

AsteInfoappalti e' un Progetto a cura della Mediatag coordinamento area Calabria

essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; 22)se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23)l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24)ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, da presentarsi nelle forme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 25)su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 26)se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 27)alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc. IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE

info 0961. 023931


10 il Domani dello Sport Sabato 21 Gennaio 2012

IN CALABRIA ’NDRANGHETA Sarebbero state prodotte falsi documenti finalizzate a far uscire di carcere i capi

Falsi certificati in aiuto dei boss Sei arresti, anche medici in manette di Carmela Mirarchi REGGIO CALABRIA - Si è svolta ieri un’operazione dei carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Reggio Calabria per l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di sei persone accusate di concorso in falsa attestazione in atti destinati all’autorità giudiziaria e falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, aggravati dalle finalità mafiose. Tra gli arrestati vi sarebbero anche alcuni medici. Al centro dell’indagine, denominata "Reale-Ippocrate" i rapporti tra la cosca Pelle di San Luca e medici dell’Azienda sanitaria di Locri e di una casa di cura privata calabrese, finalizzati ad evitare il carcere agli affiliati. Dalle indagini è stato accertato, in particolare, il rilascio al capo cosca Giuseppe Pelle di certificazioni sanitarie diagnosticanti falsepatologieneuropsichiatriche, ritenute incompatibili con il regime detentivo. Due medici ed un avvocato sono stati arrestati stamani dai Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Reggio Calabria per avere prodotto false certificazioni mediche finalizzate a far uscire di carcere boss della ’ndrangheta detenuti. Si tratta di Guglielmo Quartucci, di 59 anni, diCelio(Cosenza),medicoresponsabile della casa di cura privata per malattie neuropsichiatriche ’’Villa degli Oleandri" di Mendicino (Cosenza), di Francesco Moro (57), di Reggio Calabria, in servizioal118diLocri,edell’avv.Francesco Marcello Cornicello (39), di

Cosenza, che ha ottenuto i domiciliari. Inoltre i provvedimenti restrittivi sono stati notificati al boss diSanLucaGiuseppePelle(53),al figlio Antonio (25), entrambi già detenuti, ed alla moglie di Giuseppe, Marianna Barbaro (45). I Carabinieri hanno anche sequestrato le quote facenti capo a Quartucci della casa di cura Villa degli Oleandri. Il medico - psichiatra in servizio nel carcere di Cosenza, Giuseppe Moro, è indagato nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Reggio Calabria che ieri ha portato all’arresto di sei persone, tra le quali due medici ed un avvocato, per falsi certificati redatti per

fare scarcerare boss della ’ndrangheta. Giuseppe Moro è il fratello di Francesco, uno dei medici arrestati. Secondo l’accusa, Giuseppe Moro avrebbe redatto falsi certificati in favore del boss Giuseppe Pelle. Tra gli indagati in stato di libertà, raggiunti da informazione di garanzia emesse dalla Dda di Reggio Calabria figurano anche Rosaria Quartucci, sorella di Gugliemo, l’altro medico arrestato. La donna è direttore sanitario di "Villa degli Oleandri" ed avrebbe firmato varia documentazione a favore di Giuseppe Pelle. L’ultimo indagato è Mario Puntillo, dipendente della Telecom, al quale si era

rivolto Guglielmo Quartucci nel tentativo di accertare se le sue utenze telefoniche fossero sottoposte ad intercettazione. "Un film ... bello pulito!". Così Francesco Moro, medico del 118 di Locri, si rendeva disponibile ad assecondare la richiesta del boss Giuseppe Pelle di inscenare un finto malore dovuto ad uno stato d’ansia simulato. Il colloquio è stato intercettato il 27 febbraio 2010 dai Carabinierinell’ambitodell’inchiestadella Dda che stamani ha portato all’arresto di sei persone. L’intesa, secondo gli investigatori è andata effettivamente a buon fine, dal momento che la sera del 2 marzo, Giuseppe Pelle, con la complicità della moglie Marianna barbaro e del figlio Antonio, ha contattato il 118 facendo arrivare un’equipe medica coordinata da Francesco Moro. L’inchiesta è uno sviluppo delle indagini "Reale" condotte neglianniscorsidaiCarabinieri.Dalle intercettazioni a carico di Pelle, gli investigatori hanno scoperto che il boss si rivolgeva a due medici che producevano false certificazioni in cui si attestava che il boss era affetto da "depressione maggiore", grazie alla quale, in passato, Pelle era già stato scarcerato. L’attenzione si è concentrata su Moro e Guglielmo Quartucci, titolare della casa di cura "Villa degli Oleandri"diMendicino(Cosenza). Secondo l’accusa, Quartucci aveva aiutato Pelle già nel 2008 favorendo un suo ricovero al termine del quale aveva certificato falsamentecheera"affettodasindrome depressiva maggiore con tratti psicotici".

Il pm Pignatone: cospicua la cartella di Pelle «Le persone arrestate, ognuna per la propria parte, avevano contribuito a costruire nel tempo una voluminosa cartella clinica intestata a Giuseppe Pelle, funzionale ad attestare la sua incompatibilità con il regime carcerario dichiarando falsamente che fosse colpito da depressione maggiore, diagnosticatagli in più occasioni e da più medici, tant’é che nel 2008 Giuseppe Pelle era stato scarcerato». A dirlo è stato il procuratore di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, in merito all’operazione dei carabinieri che ha portato all’arresto di sei persone tra le quali due medici ed un avvocato. «Tutto ciò - ha aggiunto - con l’intento di rientrare a casa, anche ai domiciliari, per curare meglio il proprio potere utilizzando patologie per così dire astratte. L’obiettivo, naturalmente, era quello di convincere i periti della sussistenza della patologia. L’operazione Reale - Ippocrate - ha sostenuto Pignatone - può essere definita come la quarta puntata delle indagini emerse a seguito delle intercettazioni ambientali nell’abitazione di Giuseppe Pelle». Per il gen. Mario Parente,

vicecomandante nazionale del Ros, «l’indagine stesso Moro definiva un film bellu e pulitu». conferma il potere di infiltrazione della cosca Pelle in settori professionali, nel mondo politico e universitario, mantenendo rapporti consolidati con medici compiacenti che sono stati oggetto di indagine anche in passato come sospetti fiancheggiatori del boss di San Luca». Nel corso dell’operazione, ha detto il col. Pasquale Angelosanto, comandante provinciale dei carabinieri, sono state effettuate numerose perquisizioni a casa degli arrestati. «Nell’abitazione di un medico - ha detto - sono stati scoperti e sequestrati 135 mila euro». Il comandante del Ros di Reggio Calabria, col. Marco Russo, ha reso noto che il medico del 118 Francesco Moro veniva intercettato nel febbraio 2010 mentre si rendeva disponibile ad assecondare la richiesta di Giuseppe Pelle di inscenare un finto malore dovuto ad uno stato d’ansia simulato. «Nel corso del lungo dialogo ha aggiunto - il medico suggeriva a Pelle l’esatto comportamento e le modalità da tenere per C.G rendere quanto più verosimile l’intervento, che lo

Un medico in un’intercettazione: quelli mi mangiavano REGGIO CALABRIA - «Mi hanno mandato, da Reggio Calabria, i Pelle! .. il secondo giorno venivo ammazzato... Dice che il padre, è il vangelo, era...». Così Guglielmo Quartucci, uno dei medici arrestati ieri nell’ambito di un’inchiesta della Dda di Reggio Calabria, ammetteva implicitamente, secondo l’accusa, di avere aiutato il boss Giuseppe Pelle, in una conversazione, intercettata,

con alcuni conoscenti. Inoltre, nello stesso colloquio, il primo settembre 2010, dopo l’arresto di Pelle, rivelava che l’accondiscendenza derivava dal suo assoggettamento alla potente famiglia mafiosa: «La legge? Se ne frega di te! Quando venivano quelli da Reggio Calabria, i Pelle i cosi gli dicevo: non ti visito? Che quelli il secondo giorno venivano qua e mi mangiavano». Secondo l’accusa, Quartucci aveva redatto dei certificati "compiacenti" anche nei confronti di Andrea Conforti, un agente di polizia arrestato per il tentato omicidio della moglie, che grazie a questi ed all’intercessione del suo difensore, l’avv. Francesco Marcello Cornicello è tornato in libertà nel giro di pochi mesi. L’accusa, secondo gli investigatori, ha trovato riscontri anche nelle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Samuele Lovato, un tempo associato al clan dei Rorastefano operante nell’alto cosentino, che ha spiegato i meccanismi dei ricoveri a Villa degli Oleandri. Lovato ha detto che la patologia normalmente inscenata dagli ’ndranghetisti per sfuggire al carcere era la depressione, che, ha aggiunto, «é una di quelle patologie astratte ed in secondo luogo che tu non sai mai dire che uno sta fingendo o non sta fingendo».

A.M


Sabato 21 Gennaio 2012 il Domani dello Sport 11

IN CALABRIA Scoperto sistema di fatture false. La Gdf ha confiscato anche il "T-Hotel" di proprietà della Frarima Srl

Truffa all’Ue: sequestrati beni per 18 mln Coinvolti 9 imprenditori e 6 funzionari di Carmela Mirarchi CATANZARO - Una presunta truffa milionaria ai danni dello Stato e dell’Unione europea è stata scoperta dai finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Catanzaro che hanno condotto un’operazione per il sequestro di beni per circa 18 milioni di euro. Nell’inchiesta sono coinvolti nove imprenditori e sei funzionari della RegioneCalabria.Ireaticontestati vanno dalla truffa per il conseguimento indebito di milioni di contributi pubblici, alla frode fiscale. C’é anche un albergo, il "T-Hotel" tra i beni sequestrati stamani dalla Guardia di finanza nell’ambito di una inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme in cui sono indagate 15 persone, tra cui nove imprenditori e sei funzionari della RegioneCalabria,oltreallasocietà Frarima, ritenute responsabili di una truffa da 18 milioni di euro nei confronti dell’Unione europea e delloStato.Sullabasedelleindagini della Guardia di finanza, la Pro-

cura ha sequestrato il complesso alberghiero T-Hotel, di proprietà dellaFrarimaSrl;sommesuiconti correnti e numerosi beni, tra cui appartamenti, terreni ed immobili di pregio, nella disponibilità del rappresentante legale della Frarima Srl. Il nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Catanzaro ha svolto una indagine, delegata dalla Procura lametina, nel settore del contrasto alle frodi al bilancio nazionale ed all’Unione europea, nei confronti della società Frarima che è risultata beneficiaria di fondi comunitari per la realizzazione dell’albergo T-Hotel. Dagli accertamenti è emerso che la società ha ottenuto il finanziamento comunitario, previsto dal Por Calabria 2000-2006, per un importo complessivo di circa 3 milioni euro. Dai controlli incrociati è emerso un sistema di fatture false e di documentazione ideologicamente e materialmente non veritiera, con riguardo sia all’entità dei costi sostenuti per la realizzazione del progetto ammesso al finanziamento pubblico sia

all’apporto, rivelatosi poi del tutto fittizio, di mezzi propri. Alla frode hanno contribuito, secondo i finanzieri, sia fornitori compiacenti sia funzionari della Regione Calabria quali membri della commissione di collaudo che ha predisposto la necessaria documentazione che poi si è rivelata falsa. Le persone denunciate sono accusate di truffa per il conseguimento di cospicue erogazioni pubbliche comunitarie, falso ideologico e materiale, emissione ed utilizzo di fatture e documenti per operazioni totalmente o parzialmente inesistenti, frode fiscale ed altri illeciti amministrativi e tributari.

FEDERFARMA A Catanzaro è vero dramma per i mancati pagamenti Il Presidente di Federfarma di Catanzaro, Vincenzo Defilippo evidenzia che «il problema dei ritardati pagamenti dei farmacisti della Provincia di Catanzaro torna tragicamente attuale. Dopo l’ultimo incontro - prosegue - avvenuto il 16 novembre scorso presso la Presidenza della Giunta Regionale, le promesse sono state nuovamente disattese. Dopo gli ennesimi inutili confronti, siamo indignati dalla mancanza di iniziative costruttive provenienti dalla Parte pubblica: ritardare i pagamenti ai farmacisti a tempo indeterminato con il solo onere dell’interesse al saggio legale (attualmente all’2,5%) costituisce di fatto una forma di finanziamento che i farmacisti attuano nei confronti dell’Azienda che gestendo i fondi destinati alla copertura della spesa farmaceutica ad un tasso di interesse di gran lunga inferiore a quello che dovrebbe sostenere se

facesse ricorso al credito bancario, produce per se stessa un risparmio di spesa. Certamente tale risparmio sarà anch’esso gestito in maniera impropria ma, sta di fatto, che ad oggi e da qualche anno, segnatamente da quando il tasso di interesse legale è all’2,50% i farmacisti titolari di farmacia privata ’finanziano’ l’Azienda Sanitaria. Questa situazione - prosegue Defilippo - è inaccettabile e fortemente osteggiata dai farmacisti che per primi subiscono oneri più elevati per fare ricorso al sostegno bancario a causa di una mala gestione che non è quella della loro attività bensì quella delle Aziende sanitarie da cui attendono i rimborsi. I farmacisti della Provincia di Catanzaro, tornano a farsi sentire per evitare di fare la fine della Sanità calabrese». S.M


12 il Domani dello Sport Sabato 21 Gennaio 2012

IN CALABRIA CROTONE Tragedia in ospedale. Sentiti tutti i medici. I familiari della giovane presentano denuncia

Ragazza di 19 anni muore dopo il parto Bambino sta bene. Procura apre inchiesta di Carmela Mirarchi CROTONE - Una ragazza di 19 anni, Rita Spina, è morta nell’ospedale di Crotone dopo aver partorito con il taglio cesareo. Spina, originaria di San Giovanni in Fiore (Cosenza) ma residente a Crotone, mercoledì scorso è giunta nell’ospedale ed è stata sottoposta all’intervento per il parto cesareo dando alla luce un bambino. Ieri però la ragazza ha avvertito dei malori ed è stata successivamente trasferita in rianimazione dove ieri è morta. Il neonato è in buone condizioni. Dopo il decesso di Rita Spina, la diciannovenne morta dopo un parto cesareo, nell’ospedale di Crotone ci sono stati attimi di tensione tra i familiari ed i medici. Sono intervenuti gli agenti della polizia di Stato che hanno riportato la calma. I familiari della ragazza hanno poi presentato una denuncia per chiedere che vengano accertate le cause del decesso. I poliziotti hanno già sequestrato la cartella clinica e hanno sententi tutti i medici che hanno avuto in cura la diciannovenne morta. Dell’accaduto è stata informata anchela Procuradella Repubblica di Crotone. Il magistrato di turno haaffidatol’incaricoperl’autopsia che dovrà accertare le cause della morte. La direzione sanitaria ospedaliera di Crotone ha effettuato accertamenti sulla morte di Rita Spina, la ragazza di 19 anni morta dopo un parto cesareo nell’ospedale di Crotone. I responsabili della direzione sanitaria mantengono il massimo riserbo perché è in corso«unainchiestadellamagistratura.Dapartenostraabbiamoavviato-hannoevidenziatonell’ospedale di Crotone - una serie di accertamenti.Stiamovalutandol’accadu-

to». Dopo il parto cesareo non riusciva a respirare ed urinare ed allora i familiari hanno chiesto l’intervento dei medici che, a distanza di 24 ore, hanno diagnosticato il "collasso" di un polmone ed un blocco renale. In questo modo i familiari di Rita Jessica Spina, la ragazza di 19 anni morta nell’ospedale di Crotone, ricostruiscono quanto è accaduto nelle ore successive all’intervento per il parto. La ragazza, alla quale mancavano tre settimane per completare i nove mesi di gravidanza, è giunta mercoledì scorso nell’ospedale di Crotone e, secondo i familiari, era "in perfette condizioni di salute". Secondo il racconto dei familiari, lo pneumologo è intervenuto 24 ore dopo la loro richiesta di aiuto. Successivamente la ragazza è stata trasferita dal reparto di ginecologia in quello di rianimazione dove ieri è morta. Mentre Rita Spina era ricoverata in rianimazione, hanno aggiunto i familiari, ha subito "un arresto cardiaco ma i medici sono riusciti a rianimarla". Il magistrato di turno della Procura della Repubblica di Crotone, Enrico Colagreco, ha disposto il sequestro della cartella clinica mentre gli agenti della squadra Mobile stanno sentendo tutti i sanitari e il personale paramedico che hanno avuto in cura la ragazza morta. Piange, quasi come se avesse saputo della morte della mamma, il piccolo Antonio, il bambino nato da Jessica Rita Spina, la diciannovenne deceduta dopo il parto cesareo nell’ospedale di Crotone. Il bambino viene tenuto tra le braccia dalla nonna e dagli zii, una ragazza di 24 anni ed un quattordicenne, che lo guardano e piangono ripensando alla tragica vicenda accaduta. Jessica Rita, che aveva tanto desiderato quella

gravidanza insieme al suo compagno Andrea, di 24 anni, aveva deciso di dare il nome di Antonio al suo bambino, così come il padre, ex agente di polizia penitenziaria, morto un anno fa. Il bimbo pesa due chili e 600 grammi e gode di buona salute. All’ingresso dell’obitorio, dove si trova il corpo della ragazza, oltre ai familiari, ci sono anche i compagni di scuola del liceo socio biologico Gravina di Crotone dove la giovane frequentava l’anno conclusivo del corso di studi. I ragazzi ricordano la loro compagnadiclasseenonriescono a trattenere le lacrime e gli attimi di forte commozione. «Ora vogliamo giustizia perché non è possibile che la cosa più normale del mondo come un parto si trasformi in una tragedia». E’ quanto ha detto lo zio di Rita Jessica Spina, che insieme agli altri familiari non si muove dall’obitorio dell’ospedale di Crotone. L’uomo, a nome di tutta la famiglia, ha chiesto che sia fatta piena luce sulla vicenda «perché è ora di dire basta con queste tragedie.Bisognafaregiustiziaper Jessica ma anche per tutte le don-

ne che si rivolgono all’ospedale per avere un figlio». «Si tratta di uno stillicidio raggelante che deve finire». Così Ignazio Marino, presidente della Commissioned’inchiestasulServizioSanitario Nazionale, dopo la morte di una ragazza di 19 anni nell’ospedale di Crotone dopo un parto cesareo. «La sanità calabrese - aggiunge - è da tempo sotto osservazione della nostra Commissione anche per quanto riguarda il parto cesareo: a Reggio Calabria il 65% delle donne vengono sottoposte a parto cesareo, anche se l’Organizzazione Mondiale della Sanità sostiene che la media dei parti cesarei dovrebbe arrivare al 13,7%. Per di più l’intervento avviene generalmente in piccole strutture private accreditate, quasi sempre di mattina, in un giorno feriale. Una scelta che sembra motivata dallapossibilitàdiottenereunrimborso economico per l’intervento piùchedallatuteladellasalutedelle pazienti. La Commissione - ha concluso Marino - ha chiesto al nucleo locale dei carabinieri del Nas di intervenire subito e di acquisire la cartella clinica della paziente, in modo da poter approfondire quanto accaduto già nelle prossime ore». Non ci sarebbero responsabilità dei sanitari nella morte di Jessica Rita Spina. Lo afferma il direttore sanitario dell’ospedale di Crotone Angelo Carcea, in una nota. «In seguito al decesso avvenuto ieri - è scritto - dopo attenta valutazione della documentazione sanitaria, al momento non sarebbero emerse responsabilità dirette dei sanitari che hanno avuto in carica il paziente. Ulteriori approfondimenti verranno effettuati da una Commissione d’inchiesta interna appositamente costituita».

Intimidazione ad imprenditore: spari contro un mezzo aziendale ROCCELLA JONICA - Persone non identificate hanno sparato la notte tra giovedì e venerdì colpi di arma da fuoco contro un mezzo aziendale dell’impresa Franco Giuseppe di Roccella Jonica. Sull’episodio sono state avviate indagini. In una nota l’Ance provinciale di Reggio esprime solidarietà all’imprenditore. «Il vile e gravissimo attentato costituisce - è scritto - l’ennesimo atto criminale di una serie di attentati ed intimidazioni che continuano da tempo immemorabile a colpire l’imprenditoria reggina. L’ulteriore segnale che mostra la recrudescenza della criminalità nei confronti degli operatori economici e che impone continue azioni di monitoraggio ed intervento a tutela di un territorio messo costantemente sotto scacco da continue vessazioni che amplificano le criticità strutturali di un contesto sempre più difficile per chi fa impresa con abnegazione, trasparenza e professionalità. L’ennesimo attacco intimidatorio all’imprenditoria, che non può restare impunito e che deve indurre una risposta forte - afferma il presidente dei costruttori reggini Andrea Cuzzocrea - non solo dal punto di vista giudiziario, ma soprattutto da parte di tutta la società civile e le forze sociali, ancora una volta chiamate a fare i conti con la violenza della criminalità». A.M


Sabato 21 Gennaio 2012 il Domani dello Sport 13

IN CALABRIA Forti critiche e riserve sull’affidabilità ed efficienza dell’organizzazione del Consiglio

Gruppo regionale Pd: manca una guida Vanificato il lavoro dell’opposizione SCIOPERO TIR: CENTOSESSANTA CAMION FERMI AD IMBARCADERI CALABRIA

PER UN CALABRESE SU TRE BUON MOMENTO PER ACQUISTARE

VILLA SAN GIOVANNI - Sono saliti a 160 i camion fermi agli imbarcaderi di Villa San Giovanni che sono impossibilitati a traghettare per lo sciopero in atto in Sicilia. Entro la mezzanotte di ieri l termine del fermo deciso dagli autotrasportatori siciliani per la scadenza del termine dei cinque giorni previsti dalle norme di regolamentazione degli scioperi, anche se le difficoltà potrebbero proseguire per la protesta del movimento dei forconi e dei pescatori. Un presidio è in atto anche a Crotone, in località Passovecchio sulla statale 106 all’ingresso della città, dove erano presenti alcune decine di persone su un lato della carreggiata.

Crisi, spettro della disoccupazione, recessione? Tutto vero. Per i calabresi, però, l’attuale è un buon momento per comprare casa. Aumenta secondo quanto rileva l’indice di Immobiliare.it, società che si occupa di annunci immobiliari - la fiducia nel mercato delle case con una propensione all’acquisto che, nel IV trimestre del 2011, si attesta al 35% (34,9 per la precisione). Diversamente dall’andamento nazionale - mette nero su bianco l’indagine - l’ultimo trimestre dell’anno appena archiviato, regala per i residenti nella regione più estrema dello Stivale una sensibile crescita della fiducia nell’investimento sul mattone. Quasi il 35% dei calabresi (uno su tre) ritiene che questo sia il momento giusto per comprare casa contro il 25,5% registrato nel trimestre precedente, dato inferiore rispetto alla media nazionale del 45%. All’aumento del 9,4% della propensione dei calabresi all’acquisto immobiliare, secondo quanto emerso dall’analisi, corrisponde un calo netto degli indecisi (14% rispetto a 46,9%): cresce infatti anche la percentuale sia dei più pessimisti (23,3% vs 17%).

di C. Mirarchi CATANZARO - «E’ forte il disagio in cui opera il gruppo regionale del Pd per via della mancanza di guida e di azione politica da parte del partito. Un’assenza che, inevitabilmente, limita e spesso vanifica, il lavoro di opposizione seria, rigorosa e propositiva che, comunque, il gruppo regionale sta portando avanti». E’ quanto ha affermato il capogruppo del Pd alla Regione Sandro Principe in occasione di una riunione del gruppo regionale svoltasi a Lamezia Terme. All’incontro, oltre a Principe, erano presenti i consiglieriPietro Amato, Demetrio Battaglia, Bruno Censore, Nino De Gaetano, Mario Maiolo, Antonio Scalzo e Francesco Sulla. Assenti, invece, Mario Franchino e Carlo Guccione perché impegnati a Palazzo Campanella a seguire i lavori della IV Commissione consiliare. «Sull’argomento - riporta la nota si è aperta un’ampia discussione, al termine della quale si è conve-

nuto che il tema sarà affrontato nuovamente dopo l’Assemblea nazionale del Pd a Roma, al fine di stabilire l’azione politica che il gruppo avvierà per far sì che i calabresi possano riappropriarsi del Pd. I democratici hanno, quindi, affrontato la problematica relativa alla conduzione dei lavori ed all’attività del Consiglio regionale. In questo contesto sono state espresse forti critiche e riserve sull’affidabilità ed efficienza dell’organizzazione dell’Assemblea poiché spesso è accaduto che provvedimenti di legge, per come pubblicati, non riflettessero la volontà dell’assemblea. In particolare, nell’ultima seduta consiliare prosegue la nota - il gruppo del Pd è stato costretto a chiedere la cancellazione dell’art. 41 del collegato alla manovra finanziaria, in realtà non votato dal Consiglio. Le vicende burocratiche ed organizzative del Consiglio, hanno fatto scivolare la discussione sull’istituzione della figura del direttore generale,

che dovrebbe affiancare il segretario generale. Il gruppo del Pd, che ha già espresso un voto contrario in Consiglio, ha ribadito i propri dubbi e perplessità, convinto che laduplicazionedifigureapicalidel Consiglio contraddice tutta la produzione legislativa degli ultimi anni, finalizzata alla economicità ed all’efficienza della gestione. Il gruppo, pertanto - prosegue la nota - ha dato mandato ai propri rappresentanti nell’ufficio di presidenza di porre in essere tutte le iniziative utili per una conduzione dell’assemblea improntata alla normalità e per una gestione finalizzata ad una maggiore efficienza ed ad un’ulteriore decurtazione delle spese di funzionamento dell’ente. Infine, ha espresso riserve sui contenuti del Piano Casa n. 2 e, più in generale, verso le iniziative legislative e non in materia urbanistica, portate avanti dalla Giunta regionale».

S.M

NEWS AGRICOLTURA Il Governatore Scopelliti incontra Cia e Confagri di Reggio

INTIMIDAZIONI Nuove lettere con minacce a Barile

REGGIO CALABRIA - Il presidente della giunta regionale Giuseppe Scopelliti, presente l’assessore regionale all’Agricoltura Michele Trematerra, ha incontrato a Reggio i rappresentanti provinciali di Confagricoltura e Cia. «Al centro dell’incontro, richiesto dalle due organizzazioni professionali del mondo agricolo - riporta un comunicato - c’é la crisi del settore agrumicolo e olivicolo che sta mettendo in seria difficoltà l’economia della Piana di Rosarno - Gioia Tauro. Il vice presidente di Confagricoltura Reggio Rocco De Marco ha messo in risalto le difficoltà che stanno vivendo le imprese agricole del territorio pianigiano per il crollo dei prezzi dei prodotti agricoli a fronte del forte aumento dei mezzi tecnici (concimi, carburante agricolo, costo del lavoro, etc.) e degli ulteriori aumenti che si

SAN GIOVANNI IN FIORE - Una nuova intimidazione è stata subita dal sindaco di San Giovanni in Fiore, Antonio Barile. Al municipio di San Giovanni in Fiore è giunta una lettera con all���interno una serie di minacce e insulti nei confronti del sindaco. La missiva è stata regolarmente protocollata e successivamente il sindaco, dopo averla letta, ha denunciato l’accaduto ai carabinieri. Quest’ultimo episodio arriva a distanza di pochi giorni dal consiglio comunale aperto sulla situazione della sicurezza. Nelle settimane scorse il primo cittadino aveva subito la manomissione della sua automobile, telefonate anonime, ed una serie di scritte minacciose comparse sui muri del comune. «Sapevo - afferma Barile che dopo l’Assise straordinaria che abbiamo tenuto nei giorni scorsi, non si sarebbe esaurita la campagna di

profilano a seguito dell’entrata in vigore della riforma fiscale varata dal Governo Monti, che prevede l’introduzione dell’Imu e la revisione degli estimi catastali. De Marco ha posto l’accento sul mancato riconoscimento economico alle imprese agricole reggine che hanno subito danni per gli eventi climatici verificatesi negli anni 2007 e 2008. Il presidente Scopelliti - riporta ancora la nota - dopo un approfondimento dei temi posti alla sua attenzione dai rappresentanti di Confagricoltura e Cia, ha assunto l’impegno, d’intesa con l’Assessore Trematerra, di fare una ricognizione sui capito di bilancio regionale di somme residue così da poter dare una risposta, anche se non esaustiva, alle imprese agricole reggine colpite dai due eventi calamitosi. In merito alla situazione complessiva dello stato di crisi del

settore primario dell’economia della Piana, Scopelliti e Trematerra hanno promesso di sensibilizzare i componenti del gruppo di lavoro che fanno parte del Tavolo tecnico compartecipato, istituito dalla Giunta Regionale, a definire in tempi brevi il documento di programmazione per il comparto agricolo dal cui sviluppo è legata la tenuta economica e sociale del comprensorio».

A.N

odio nei miei confronti, dell’amministrazione e cosa ancora più grave, della mia famiglia. La prova è rappresentata dalla lettera indirizzata al sottoscritto nelle ultime ore attraverso il canale della posta istituzionale del Comune con relativo protocollo e immediata denuncia sottoposta all’attenzione delle forze inquirenti, che peraltro ringrazio per il lavoro di indagine che stanno portando avanti per difendere la mia persona e l’Istituzione che rappresento. Non voglio immolarmi a eroe, ma lanciare con forza un grido d’allarme che è il grido d’allarme per la mia Comunità che ha voluto che diventassi Sindaco, verso la quale ora avverto una situazione reale di pericolo. Ribadisco la mia volontà - conclude - di non recedere rispetto alle scelte strategiche». C.G


14 il Domani dello Sport Sabato 21 Gennaio 2012

DALL'ITALIA E DAL MONDO Naufragio al largo del Giglio, nelle prossime ore si tenterà di imbracare lo scafo

Il mare mosso sposta la nave sospese le ricerche dei dispersi Antonio Bardolino ROMA - Costa Concordia, la nave da crociera naufragata il 13 gennaio davanti alla costa dell’isola del Giglio, si è nuovamente mossa. Per questo motivo sono state sospese tutte le attività di ricerca dei dispersi. In mattinata si è svolta una riunione delle forze operative per decidere il da farsi. Non è escluso che possa prendere corpo il progetto di imbracatura dello scafo che verrebbe assicurato così• agli scogli per evitare l’inabissamento. Una forte mareggiata si sta sviluppando al largo della Liguria e ha raggiunto in giornata l’isola del Giglio. Il fenomeno ha messo ulteriormente a rischio la stabilità dello scafo che si trova a pochi metri da un abisso profondo circa 60 metri. «È impossibile al momentoquantificarediquantosi sta spostando il relitto di Costa Concordia. Prima di farlo dobbiamo confrontare i rilievi dei diversi strumenti di misurazione». Così i tecnici al termine della riunione operativa sul molo del Giglio. Secondo quanto appreso, la mancanza di tracce sul fondo renderebbe le operazioni di misurazione del movimento, che pure risulta costante, molto difficili. Unica certezza è la pericolosità di qualsiasi operazione vicino allo scafo anche in considerazione del progressivo e annunciato peggioramento delle condizioni meteomarine. Mare mosso fino alle 13 ieri a causa del Libeccio, poi una «pausa» di qualche ora e l’arrivodelMaestraleinseratache,secondo gli esperti, potrebbe mutare

Schettino: pagherò gli errori

Unica certezza è la pericolosità di operazioni vicine allo scafo anche in considerazione del peggioramento meteo l’assetto della nave. Sono le previsioni per l’isola del Giglio, dove giace il relitto della Costa Concordia, del meteorologo Antonio Sanò del sito ilmeteo.it. «Per oggi afferma - sono previste onde di 1 metro-1 metro e mezzo fino alle 13.Dopoilmotoondososistabilizzerà». Con l’arrivo del Maestrale da Nord Ovest, alle 20-22, la nave, secondoSanò,potrebbemuoversi,

anche se il vento «sarà di 15-18 nodi, meno di quanto previsto in precedenza». Il Maestrale soffierà anche nel fine settimana, poi si attenuerà, con onde che si ridurranno a 50-60 centimetri. Un nuovo peggioramento è previsto tra domenica e lunedì, quando, osserva il meteorologo, «si ripresenterà la situazione di questi giorni: prima il Libeccio, fino a tutto lunedì, con onde alte fino a un metro, mentre tralunedìemartedìsiripresenterà il Maestrale. Nel punto esatto dell’isoladelGiglio,fortunatamente, non sono attesi valori di mareggiata molto intensi perchè l’isola non è colpita in pieno dalle onde che provengono da Nord Ovest in quantoprotettadallaCorsica».Per avere un’idea di come l’isola sia al riparo da questi venti basti pensare che sulla Corsica, nelle Bocche

di Bonifacio, le onde sono alte fino a tre metri. Sull’isola del Giglio, conclude Sanò, non sono poi previste piogge nei prossimi giorni mentre le temperature sono previste in lieve ulteriore aumento, con minima di 4-5 gradi e massima di 10-12. Il relitto di Costa Concordia subisce, orientativamente, movimenti pari a 7 millimetri l’ora, movimenti che possono arrivare a 15 millimetri a prua. Lo ha rivelato il professor Nicola Costagli, docente all’Università di Firenze-Scienze della Terra, che per conto della Protezione Civile sta monitorando il movimento del relitto. Intanto l’avvocato Bruno Leporatti, difensore di Schettino, sostiene che il comandante sotto accusa «avvisò subito la Costa della grave situazione come era suo dovere fare».

«Se ho fatto un errore, sono pronto ad assumermene la responsabilità. Ma prima è bene che siano individuati questi aspetti, questi errori, verifichiamoli e poi tutti possiamo valutare»: è quanto ha detto il comandante Francesco Schettino. Lo si apprende dal suo legale. National Geographic Channel intanto racconterà in una produzione internazionale il naufragio della nave Concordia con un instant doc sulla tragedia avvenuta a largo dell’Isola del Giglio. Il film documentario si sta già realizzando in questi giorni e andrà poi in onda sul canale 403 di Sky. Sarà un racconto collettivo che ricostruirà la tragedia attraverso le parole e le immagini amatoriali realizzate con i telefonini e le videocamere durante il viaggio e nelle drammatiche e concitate ore del naufragio. National Geographic Channel invita coloro che erano a bordo della nave a mettersi in contatto con il canale per contribuire alla realizzazione del documentario. Tutti coloro che contribuiranno alla realizzazione del documentario saranno citati nei titoli di coda.

In Sicilia bruciano il tricolore isola bloccata contro le tasse PALERMO - Per il quinto giorno consecutivo, in Sicilia, è continuata la protesta del movimento forza d’urto, composto da autotrasportatori, agricoltori, pescatori, che con presidi in punti nevralgici di varie province ha bloccato il passaggio di tir e camion. Benzinai chiusi nelle grandi città perché non sono stati riforniti di carburante, supermercati con poche derrate, acqua minerale ormai rarissima, sono alcune delle conseguenze visibili dello sciopero dei padroncini che chiedono soprattuttounoscontosulprezzodelcarburante che serve loro per lavorare. A Palermo ma anche a

Catania, AgrigentoeMessinasono state poche le auto in circolazione: anche di mattina, ora di punta per i lavoratori che si recano in ufficio e le madri che accompagnano i bimbi a scuola, le grandi strade sono apparse semivuote con poche auto che circolano. Mentre lo sciopero dei tir dovrebbe terminare il "movimento dei forconi", che raccoglie soprattutto agricoltori e artigiani, ha annunciato che la protesta proseguirà ad oltranza anche se i presidi saranno allentati. La paura tra la gente è che con l’annunciato sciopero dei benzinai, il proseguimento della protesta dei forconi e dei tassisti,

l’approvvigionamento di benzina sia impossibile e la mobilità sia resa difficile. A Palermo il coordinamento studenti Medi e dei Centri sociali ha dato vita ad un corteo di solidarietà con la protesta e un gruppo di ragazzi ha bruciato una bandiera tricolore perché «simbolo dello Stato italiano che con le sue manovre finanziarie fatte di lacrime e sangue sta riducendo in miseria la popolazione, facendo arricchire sempre i soliti noti». «Con questo gesto simbolico - aggiungono gli studenti - abbiamo voluto ribadire il fatto che non siamo disposti a pagare i costi di questa crisi».


Sabato 21 Gennaio 2012 il Domani dello Sport 15

DALL'ITALIA E DAL MONDO Un soldato di Kabul ha aperto il fuoco contro un gruppo di militari Isaf, uccidendone quattro

Morti francesi in Afghanistan Sarkozy vuole ritirare le truppe Antonio Bardolino KABUL - Quattro soldati francesi dell’Isaf sono stati uccisi da un militare afghano nell’Afghanistan orientale.LoriferiscelastessaIsaf. L’aggressore è stato fermato. Secondo le prime informazioni il soldato afghano avrebbe aperto il fuoco contro un gruppo di militari francesi, uccidendone quattro e ferendone almeno altri 16 in una base nel distretto di Tagab della provincia di Kapisa, a nord di Kabul. Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha annunciato che la Francia sospenderà le sue operazioni di formazione e aiuto al combattimento portate avanti dall’esercito franceseinAfghanistanehaanche avanzato l’ipotesi di un ritiro anticipato delle truppe. «Tutte le operazioni di formazione e addestramento al combattimento dell’esercito francese sono sospese»: ha reagito così il presidente Nicolas Sarkozy, davanti al corpo diplomatico riunito all’Eliseo, dopo aver confermato la morte di altri quattrosoldati francesi inAfghanistan, uccisi da un soldato di quel paese. «L’esercito francese è al fianco dei suoi alleati - ha detto Sarkozy - ma non possiamo accettare che uno solo dei nostri soldati sia ucciso o ferito dai nostri alleati. È inaccettabile e io non lo accetterò». Il capo dell’Eliseo ha aggiunto che il ministro della Difesa, Gerard Longuet, e il capo di stato maggiore delle forze armate, ammiraglio Edouard Guillaud, si recheranno «immediatamente» in Afghanistan. Ma Sarkozy si è spinto oltre, evocando anche l’even-

Romney ko nel dibattito televisivo

Le truppe francesi hanno patito finora la morte di 82 soldati dall’inizio del dispiegamento: un bilancio troppo pesante tualità di un ritiro anticipato delle truppe francesi, che hanno patito finora la morte di 82 soldati dall’inizio del dispiegamento della forza internazionale, alla fine del 2001: «Se le condizioni di sicurezza non sono chiaramente ristabilite - ha detto - allora si porrà la questione di un ritiro anticipato dell’esercito francese». Lo scorso 29 dicembre, due legionari france-

si erano stati uccisi da un soldato dell’esercitonazionaleafghanodel quale essi stessi assicuravano la formazione nella provincia di Kapisa, a nord-est di Kabul. In quell’occasione, si era ravvivata nelpaeselapolemicasull’opportunità di formare al combattimento soldati afghani che poi sparano contro i loro addestratori. La Francia «non rimarrà in silenzio davanti allo scandalo siriano» e non può accettare la «repressione feroce» della contestazione da parte del presidente siriano Bashar el-Assad «che porta diritto verso il caos il suo paese»: lo ha detto il presidente francese, Nicolas Sarkozy, nella cerimonia annuale di auguri al corpo diplomatico. «Non possiamo accettare - ha detto il presidente francese - la feroce repressione dei dirigenti siriani con-

tro il loro popolo, repressione che conduce il paese diritto nel caos. E di questo caos si avvantaggeranno gli estremisti di ogni parte». «La Siria - ha continuato Sarkozy davanti al corpo diplomatico - appartiene al popolo siriano che deve finalmente poter scegliere liberamente i suoi dirigenti e decidere il proprio destino». «La Lega araba ha continuato Sarkozy - si è impegnata in un’azione coraggiosa, deve proseguirla, e il consiglio di sicurezza dell’Onu deve darle il suo appoggio». «Non vogliamo fare ingerenze negli affari siriani - ha concluso Sarkozy - e nessuno più di me ha provato a tendere la manoconsinceritàaBasharel-Assad. Ma a un certo punto, ognuno si trova di fronte alle realtà, e la Francia non rimarrà in silenzio davanti allo scandalo siriano».

ROMA - Newt Gingrich trionfa al secondo e ultimo dibattito televisivo in South Carolina e si proietta verso un risultato a sorpresa che oggi potrebbe riaprire la partita per la nomination repubblicana. Gli ha dato una mano Mitt Romney che in diretta sulla Cnn da Charleston ha perso la sua proverbiale flemma inanellando un paio di gaffe. In particolare, ha traballato sul tema delle tasse, ammettendo di non aver ancora deciso quando renderà pubblica la sua controversa dichiarazione dei redditi. Una incertezza grave, rimarcata dal pubblico in sala con una serie di fischi e mormorii. Poi si è definito un uomo cresciuto per strada. E immediatamente sul web sono comparse le foto e i video delle sue numerosissime abitazioni principesche. Involontariamente lo ha soccorso Rick Santorum. Il parlamentare della Pennsylvania, che poche ore prima aveva incassato la vittoria in Iowa, ha cercato ripetutamente di aggredire Gingrich, per dimostrare di essere lui il vero uomo nuovo del fronte conservatore. Ma senza riuscirci pienamente.

Il crollo dell’euro non ci sarà lo dice Barnier (Ue) a Tokyo ROMA - Le scommesse sul crollo dell’euro sono sbagliate perchè la crisi dell’Eurozona sarà battuta con le riforme e grazie al fatto che «ai livelli più alti c’è un’ assoluta volontà politica di adottare le misure necessarie». È quanto ha detto a Tokyo Michel Barnier, commissario Ue al Mercato interno e ai Servizi finanziari, rilevando che i governi sono nel processo di costruzione di «una nuova Europa più forte e integrata», col patto fiscale di dicembre come sorta di svoltasurisanamentocontiecoordinamento economico. Barnier, a Tokyocometappadiunamissione più ampia in Estremo Oriente, ha

aggiunto che i Paesi europei supereranno la crisi del debito sovranograzieainiziativequaliilpiù stretto coordinamento economico elamiglioreregolamentazionedel settore finanziario. «Alcuni dicono che è la fine dell’Europa o dell’euro: come politico europeo, credo che l’Europa si doterà di una struttura migliore e diventerà più forte dopo questa crisi», ha detto poi parlandonelcorsodiunconvegno dall’emblematicotitolo’Ristabilire la fiducia nei mercati finanziari, organizzato dal Centro Ue-Giappone per la cooperazione industriale. Il commissario Ue ha anche sottolineato l’importanza di

riuscireadaffrontarela strutturale «debolezza del sistema dell’euro, messo a dura prova dalla crisi del debito, toccando la tendenza del debito pubblico ad aumentare e la mancanza di coordinamento delle politiche economiche tra di Eurolandia». In altri termini, «dobbiamo risolvere l’incongruenza che vede i 17 Paesi che condividono l’euro con 17 tipi di politiche economiche e di sistemi fiscali», ha osservato, riconoscendo che il percorso di aggiustamento «potrebbe richiedere un certo tempo» prima che la riforma strutturale possa dispiegare tutti i suoi molteplici effetti.



il domani