Issuu on Google+

Edizione Il domani dello sport

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

www.ildomanidellosport.it

Sabato 19 Novembre 2011 > euro 1,00 > Anno XIV Nr. 319

UESSE Carboni-Squillace, proprio una bella intesa. L’ultima vittoria è stata “scacciacrisi”

I GEMELLI DEL GOL VIGOR LAMEZIA Vigor, contro il Melfi assenti gli squalificati De Luca e Marchetti Due mancanze importanti per mister Costantino a pag. 20

PLANET BASKET Archiviata la sconfitta contro Venafro. Il coach Tunno: ora guardare avanti perché a Catanzaro arriva la Magic a pag. 21

MISTER Com’è difficile fare l’allenatore. Dalla Serie A alla Lega Pro: il problema esoneri cresce sempre di più. A Gavorrano arriva Buso. Provenza, invece, rischia. E allora, in bocca al lupo tecnici italiani e non a pag. 18

CATANZARO Rifiuti, si è dimesso il Commissario Melandri: note vicende giudiziarie potrebbero determinare fattori pregiudizievoli per il lavoro a pag. 29 dell’Ufficio

’NDRANGHETA

REGIONE

Le mani dei clan sulla Consiglio infuocato Multiservizi. Undici sulla sanità Scopelliti e Talarico arresti a Reggio. escono e la La cosca Tegano Minoranza lascia De Stefano l’Aula e dichiara: controllava le società del comune Presidente farebbe Sequestro beni per bene ad a pag. 28 ascoltarci a pag. 31 50 milioni


2 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

CLASSIFICHE SERIE A Totale

LA CLASSIFICA

21 21 20 19 16 14 14 14 13 13 12 12 12 12 12 10 8 8 7 3

Lazio Udinese Milan Juventus Palermo Napoli Roma Catania Siena Cagliari Atalanta Genoa Parma Fiorentina Chievo Bologna Inter Lecce Novara Cesena

In casa

Fuori casa

G

V

N

P

Gf

Gs

V

N

P

Gf

Gs

V

N

P

Gf

Gs

10 10 10 9 10 9 10 10 10 10 10 9 10 10 10 10 9 10 10 10

6 6 6 5 5 4 4 3 3 3 5 3 4 3 3 3 2 2 1 0

3 3 2 4 1 2 2 5 4 4 3 3 0 3 3 1 2 2 4 3

1 1 2 0 4 3 4 2 3 3 2 3 6 4 4 6 5 6 5 7

16 13 23 15 14 13 13 12 12 9 13 13 12 10 8 9 11 8 12 3

8 4 14 7 12 7 11 16 8 10 12 12 18 9 11 16 16 16 19 13

2 5 4 3 5 2 2 3 3 1 3 2 3 3 3 1 1 0 1 0

2 0 2 2 0 1 1 2 0 3 2 2 0 1 2 0 1 1 2 3

1 0 0 0 0 1 2 0 1 1 0 0 2 1 1 3 2 4 2 3

5 10 15 11 14 6 8 6 9 2 5 7 8 9 6 4 2 5 7 3

4 1 4 5 6 3 7 3 2 4 2 3 5 4 4 8 5 11 9 7

4 1 2 2 0 2 2 0 0 2 2 1 1 0 0 2 1 2 0 0

1 3 0 2 1 1 1 3 4 1 1 1 0 2 1 1 1 1 2 0

0 1 2 0 4 2 2 2 2 2 2 3 4 3 3 3 3 2 3 4

11 3 8 4 0 7 5 6 3 7 8 6 4 1 2 5 9 3 5 0

4 3 10 2 6 4 4 13 6 6 10 9 13 5 7 8 11 5 10 6

IL PROSSIMO TURNO 12ª giornata

Bologna Catania Fiorentina Genoa Inter Juventus Napoli Parma Roma Siena OGGI

-

Cesena Chievo Milan Novara Cagliari Palermo Lazio Udinese Lecce Atalanta

MARCATORI

domani 12:30 domani 15:00 oggi 20:45 domani 15:00 oggi 18:00 domani 15:00 oggi 20:45 domani 15:00 domani 20:45 domani 15:00

ore 20.45 Napoli vs Lazio

Di Natale A. (Udinese) Denis G. (Atalanta) Giovinco S. (Parma) Klose M. (Lazio) Calaio' E. (Siena) Jovetic S. (Fiorentina) Palacio R. (Genoa) Osvaldo D. (Roma) Ibrahimovic Z. (Milan) Cavani E. (Napoli) Marchisio C. (Juventus) Matri A. (Juventus) Moralez M. (Atalanta) Nocerino A. (Milan) Rigoni M. (Novara)

gol 8 7 6 6 5 5 5 5 5 4 4 4 4 4 4

PENALIZZAZIONI: Atalanta -6;

SERIE B

LEGA PRO

LA CLASSIFICA Torino Sassuolo Pescara Padova Reggina Verona H. Sampdoria Varese Grosseto Livorno Bari Cittadella Juve Stabia Brescia Crotone Vicenza Empoli Albinoleffe Modena Gubbio Nocerina Ascoli

34 31 29 28 27 25 22 22 20 20 19 18 17 17 16 16 15 15 14 14 13 5

LA CLASSIFICA

PENALIZZAZIONI Crotone -1; Bari -2; Juve Stabia -4; Ascoli -10 IL PROSSIMO TURNO 16ª giornata

Albinoleffe Bari Crotone Empoli Juve Stabia Livorno Nocerina Padova Pescara Sassuolo Varese

Reggina Sampdoria Torino Verona H. Modena Ascoli Vicenza Grosseto Gubbio Brescia Cittadella

0-1

Ternana Taranto Tritium Lumezzane Sorrento Provercelli Como Carpi Pisa Avellino Reggiana Foggia Monza Benevento Spal Pavia Viareggio Foligno

LA CLASSIFICA

27 25 21 21 20 20 20 19 19 16 13 11 11 10 10 8 5 0

PENALIZZAZIONI Taranto -1; Sorrento -2; Como -1; Reggiana -2; Foggia -1; Benevento -6; Spal -2; Viareggio -1; Foligno -4 IL PROSSIMO TURNO 13ª giornata

Avellino Carpi Lumezzane Pavia Spal Taranto Ternana Tritium Viareggio

-

3-3 Como Monza Provercelli Benevento Foggia Pisa Sorrento Reggiana Foligno

Cremonese V. Lanciano Sudtirol Carrarese Frosinone Barletta Siracusa Portogruaro Trapani Pergocrema Spezia Piacenza Triestina Latina Andria Bat Prato Bassanov. Feralpisalo

21 21 20 19 19 19 18 18 18 18 15 13 12 12 11 9 9 9

PENALIZZAZIONI Cremonese -6; V. Lanciano -1; Carrarese -1; Siracusa -3; Piacenza -4 IL PROSSIMO TURNO 13ª giornata

Andria Bat Bassanov. Feralpisalo Latina Pergocrema Portogruaro Siracusa Triestina V. Lanciano

-

Piacenza Spezia Prato Sudtirol Frosinone Trapani Barletta Cremonese Carrarese

Girone A Manchester City - Napoli Villarreal - Bayern Monaco Bayern Monaco - Manchester City Napoli - Villarreal Manchester City - Villarreal Napoli - Bayern Monaco Bayern Monaco - Napoli Villarreal - Manchester City Bayern Monaco - Villarreal Napoli - Manchester City Manchester City - Bayern Monaco Villarreal - Napoli

1-1 0-2 2-0 2-0 2-1 1-1 3-2 0-3 22/11 22/11 7/12 7/12

Classifica Bayern Monaco

V

10 pt

3 1 0 8 3

N

P

Gf Gs

Manchester City

7 pt

2 1 1 6 4

Napoli

5 pt

1 2 1 6 5

Villarreal

0 pt

0 0 4 1 9

LA CLASSIFICA

LA CLASSIFICA Casale Treviso Cuneo Rimini Santarcangelo Sanmarino Montichiari Giacomense V.Entella Poggibonsi Sambonifacese Renate Savona Borgo Buggiano Bellaria Igea M. Alessandria Mantova Valenzana Lecco Pro Patria

32 29 26 26 22 20 19 19 19 18 17 17 15 15 15 14 14 10 9 7

PENALIZZAZIONI Montichiari -1; Alessandria -2; Savona -4; Pro Patria -13

IL PROSSIMO TURNO 15ª giornata

Bellaria Ig. M.Borgo Bug. Casale Mantova Renate Rimini Sanmarino Savona Treviso Alessandria -

Poggibonsi Sambonifacese Cuneo Valenzana Montichiari Lecco V.Entella Pro Patria Santarcangelo Giacomense

L'Aquila Catanzaro Perugia Paganese Vigor Lamezia Chieti Giulianova Aprilia Arzanese Campobasso Gavorrano Aversa Normanna Fano A.J. Melfi Ebolitana Neapolis M. Vibonese Fondi Isola Liri Milazzo Celano

33 30 30 29 25 24 23 22 21 20 20 18 15 15 15 15 15 15 14 13 5

PENALIZZAZIONI Campobasso -2; Aversa Normanna -1; Fano A.J. -5; Melfi -4; Ebolitana -1; Isola Liri -2 IL PROSSIMO TURNO 17ª giornata

Arzanese Celano Chieti Fondi Gavorrano Isola Liri Paganese Perugia Vibonese Vigor Lame.

-

Catanzaro Milazzo Ebolitana Giulianova L'Aquila Aprilia Aversa Norm. Fano A.J. Campobasso Melfi

realizzazione a cura di


4

il Domani Sabato 19 Novembre 2011

SPORT

Allegri attende la sfida con il Barcellona ma non vuole che i suoi si distraggano: «Prima battiamo la Fiorentina»

Il diavolo veste viola, Pato torna in rossonero

A due mesi dall'ultimo infortunio, Pato rientrerà contro i viola (LaPresse)

Ludovico Casaburi MILANO - Che errore madornale sarebbe snobbare la gara di oggi con la Fiorentina. Certo, il livello di adrenalina per la partita di mercoledi prossimo contro il Barcellona a San Siro è già alle stelle, ma Allegri sa che - almeno per oggi deve tenere i suoi con i piedi ben saldi sul terreno del Franchi di Firenze.

LA FRASE

I viola hanno un nuovo allenatore in panchina, Delio Rossi, uno che di certo sa come si da fiducia a una squadra a secco di risultati positivi, e davanti al pubblico di casa non sbaglieranno di sicuro l’approccio alla partita. Per i rossoneri la posta in palio è forse più grossa: «Siamo di nuovo vicini alla testa della classifica e - avverte lo stesso allenatore rossonero - dobbiamo arrivarci prima possibile».

Contro la Fiorentina, notizia più che lieta, dovrebbe rientrare Alexandre Pato: «È possibile che parta dalla panchina perché è fermo da due mesi», dice Allegri. «Avrà bisogno di un po’ di tempo per ritrovare la condizione ottimale in partita anche se si è allenato bene», ha spiegato a Milan Channel il tecnico livornese, che tra le altre cose attende il ritorno del direttore sportivo Ariedo Braida dal Brasile per discutere con lui delle eventuali occasioni che il mercato di gennaio metterà sul piatto. «Quando Braida ritornerà, assieme a Galliani faremo il punto della situazione. In questo momento è giustomonitorare tutti i giocatori che possono essere da Milan, ma ora abbiamo un mese importante quindi è meglio mettere da parte il mercato». Proprio il rientro di Pato potrebbe essere la marcia in più di cui il Milan ha bisogno per accelerare definitivamente in campionato, ora che la qualificazione agli ottavi di Champions League è sicura.

Ma il brasiliano deve «mettersi in discussionepermigliorare».Questo è il messaggio che Allegri vuole che il suo gioiello recepisca: «Comealtrigiocatorichehannogrossi margini di miglioramento, Pato deve mettersi a disposizione e sfruttare in pieno le sue qualità tecniche, con il giusto approccio mentale e la disponibilità ad allenarsi», ha sottolineato Allegri. «In questo i veterani del Milan sono un esempio. L’unico modo per migliorare è mettersi in discussione». IntantoAllegrihaspiegatochel’attaccante brasiliano, reduce dall’ennesimo guaio muscolare, non scenderà in campo impaurito per un nuovo eventuale - milanisti toccate ferro - infortunio. «Per come l’ho visto allenarsi non ha timori, è sereno, ha voglia ed è pronto per rientrare. Sarebbe inutile negare il fatto che i suoi gol ci servono. Pato - ha continuato - sta molto bene fisicamente, però è normale che metterlo in campo all’inizio può essere rischioso».

LE PROBABILI FORMAZIONI

FIORENTINA FIORENTINA (4-3-1-2) Boruc; Romulo, Gamberini, Nastasic, Pasqual; Behrami, Montolivo, Munari; Lazzari; Gilardino, Jovetic. A disp.: Neto, De Silvestri, Felipe, Kharja, Ljajic, Cerci, Santiago Silva. All.: Delio Rossi

MILAN MILAN (4-3-1-2) Abbiati; Abate, Nesta, Thiago Silva, Antonini; Aquilani, Ambrosini, Nocerino; Emanuelson; Robinho, Ibrahimovic. A disp.: Amelia, Bonera, Mexes, Zambrotta, Van Bommel, Seedorf, Pato. All.: Massimiliano Allegri

Ibra a un passo dal traguardo dei 100 gol in A. In testa alla classifica all-time, c’è un altro svedese...

Nordahl, prima o poi ti acchiappo gli attaccantidiuna volta: il primo è Silvio Piola a 274, di Nordahl I gol di Ibra JUVENTUS INTER MILAN abbiamo Tutte le reti di Zlatan già detto, in Ibrahimovic in serie A terza piazza troviamo a 2004/05 216 Meaz2005/06 za e Altafi2011/12 ni. 2006/07 Ma Ibra ha 2010/11 anche già 2007/08 2008/09 vinto 5 scudetti, e i suoi 99 gol ANSA-CENTIMETRI in 194 partite gli valMILANO - Quello di Nordahl è un poi, a Firenze Zlatan potrebbe toc- to nove volte contro gli emiliani. gonounamediapiùcherispettabitraguardo ancora lontano (225 care quota 100 gol in Serie A, Questa volta, per diventare cente- le (0,51). Reti che lo svedese segna narioIbrahimovicdovrebbebatte- per la maggior parte dall’area di reti in Serie A), ma Ibra lo svedese avendone già messo a segno 99. ai suoi connazionali - così come ai Quarantanove reti fa, quando reBoruc,chehagiàsuperatonella rigore(70su99)disolitocoldestro tifosi del Milan - va già bene così, Ibrahimovic fece 50, la partita era stagione passata con un gol feno- (55 su 99). Il portiere più battuto? tra colpi di kung fu e biografie ad conilParma,lasquadrapiùbersa- menale. Cento gol sono ancora Amelia. Che finché resta al Milan alto tasso polemico. Già stasera gliata dallo svedese, che ha segna- pochi se paragonati ai numeri de- può stare tranquillo.

99

16

«Berlusconi ha annunciato la sua presenza più costante a Milanello? Lo spero, aspettiamo che il presidente arrivi, quando viene ci dà sempre una iniezione di fiducia, essendo una persona molto carismatica serve a tutto l’ambiente. Spero io, come tutta la squadra, di vederlo al più presto». Massimiliano Allegri aspetta con ansia i consigli del dimissionario presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi

7

15

17

25

14

5


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport

5

SPORT Primo passo verso l’impresa, la partita contro il Cagliari: il tecnico dell’Inter dovrà fare a meno di Lucio e Nagatomo, oltre che di Maicon

«Campionato strano» E Ranieri non molla: Scudetto possibile Matteo Tembien MILANO - «Sappiamo benissimo che lo scudetto sarebbe un’impresa incredibile». Lo ha ammesso l’allenatore dell’Inter Claudio Ranieri, che però continua a credere nella rimonta. «Se le squadre in testa mantengono questo ritmo non possiamo farcela, ma è un campionato strano e finché ci sono punti a disposizione dobbiamo pensare che è possibile raggiungere chi è in vetta», ha spiegato alla vigilia della partita con il Cagliari Ranieri, convinto che «se fossimo una piccola si parlerebbe di retrocessione. Ma visto che ci sono tanti campioni,hannoloscudettodimiglior club del mondo e si chiama Inter, c’è una possibilità. Non ho detto che lo vinciamo, ma c’è una possibilità. Se riusciamo a tirarci fuori da queste sabbie mobili ci possiamo riuscire». In questo senso la pausa nazionale è stata un benedizione. «La squadra sta bene, ma credo che molto sia legato all’aspetto mentale. Gasperini ha avuto mille difficoltà con gli infortuni e la cosa importante è recuperare questi giocatori, ma poi l’aspetto mentale è fondamentale». Claudio Ranieri in questi giorni di sosta del campionato ha fatto lavorare la squadra sotto l’aspetto fisico e soprattutto mentale per cercare di invertire la tendenza e risalire in classifica. «I nazionali sono arrivati giovedì, quindi c’è stato un primo allenamento di sgambatura ma la squadra ha lavorato bene, ora aspettiamoilCagliaripercontinuare a fare bene anche contro i sardi. Sono convinto - aggiunge il tecnico nerazzurro - che ci mancano 3-4 risultati consecutivi in cam-

pionato per raggiungere la giusta dimensione, per dire noi siamo questi, oggi l’Inter è troppo condizionata». Primo passo del lungo cammino verso l’impresa va fatto stasera: per la sfida contro il Cagliari, Ranieri dovrà fare a meno del difensore brasiliano Lucio che ieri mattina ha rimediato un colpo al ginocchio sinistro. Non convocato neanche Nagatomo («Mi auguro di averli a disposizione entrambi già da martedì») e Maicon: sulla corsia destra di difesa agirà Jonathan, con capitan Zanetti terzino sinistro. In compenso dovrebbe rientrare Julio Cesar. Il portiere è tornato ad allenarsi col resto del gruppo:toccheràall’allenatorenerazzurro decidere se schierarlo stasera o se rimandare il suo rientro alla gara di Champions League.

FIFA E RAZZISMO

Blatter si scusa ancora Ma niente dimissioni «E perché mai dovrei?»

«Se fossimo una piccola si parlerebbe di retrocessione Ma visto che ci sono tanti campioni, c’è una possibilità Se riusciamo a tirarci fuori da queste sabbie mobili ci possiamo riuscire»

ROMA - Dispiaciuto «per le sfortunate parole», «profondamente amareggiato» per il grave incidente provocato. Ma Sepp Blatter, numero uno (o problema numero uno, secondo alcuni) della Fifa, non intende dimettersi dopo aver scandalizzato con improvvide

INTER CAGLIARI Stadio Giuseppe Meazza Milano, oggi, ore 18 INTER (4-3-1-2) Julio Cesar; Jonathan, Cordoba, Samuel, Zanetti; Stankovic, Thiago Motta, Cambiasso; Sneijder; Zarate, Pazzini. All Ranieri A disp: Castellazzi, Ranocchia, Obi, Poli, Alvarez, Castaignos, Milito. CAGLIARI (4-3-1-2) Agazzi; Pisano, Canini, Ariaudo, Agostini; Biondini, Conti, Nainggolan; Ekdal; Thiago Ribeiro, Nené. All Ballardini A disp: Avramov, Gozzi, Perico, Rui Sampaio, Ceppelini, Ibarbo, Larrivey. ARBITRO Damato, di Barletta (ass. De Pinto e Barbirati - Guida)

dichiarazioni sul razzismo nel calcio. «Perché dovrei lasciare il mio incarico? Sarebbe completamente sbagliato, e non compatibile con il mio spirito, il mio carattere, la mia energia». Il presidente della Federcalcio internazionale da giorni è al centro di feroci critiche dopo aver dichiarato - nel corso di un’intervista a Fox Soccer - che gli insulti razziali sono «episodi risolvibili con una stretta di mano a fine partita». Parole che hanno scatenato l’immediata indignazione del governo britannico e di manager e stelle della Premier League. Come Rio Ferdinand che ha accusato Blatter di «ignoranza». E come David Beckham, altrettanto

LA “3ª PRIMA VOLTA” Ballardini sceglie Ekdal per ritrovare il gol «L’attacco migliorerà» CAGLIARI - Stasera, al San Siro, per Davide Ballardini sarà la "terza prima volta" sulla panchina del Cagliari. Chiamato a sostituire l’esonerato Ficcadenti, il tecnico ravennate è tornato in Sardegna dopo le esperienze del 2005/06 e del 2008. E lo attende un esordio difficile, contro una squadra che, al di là della posizione in classifica, è ancora Campione del mondo in carica: «L’Inter è sempre una grande squadra - ha affermato l’allenatore rossoblù -. non sarà facile. Di solito puoi trovare qualche vantaggio quando incontri una squadra che fa la Champions dopo che ha giocato tre partite di fila, ma l’Inter non gioca da più di due settimane e hanno recuperato giocatori importanti». Ballardini al contrario, oltre che ad Astori (che tornerà a gennaio) dovrà fare a meno del suo giocatore migliore, Cossu. Chi al posto del piccolo fantasista cagliaritano? Ballardini non si è sbilanciato sul nome, svelando solo il modulo: «4-3-1-2, non mi sembra il caso di cambiare visto che la squadra ha una sua identità precisa. Non ho molti centrocampisti, quindi non è difficile indovinare chi giocherà al posto di Cossu. Sarà un giocatore con caratteristiche diverse dalle sue, ma il ruolo è quello e mi aspetto che sappia legare il gioco tra centrocampo e attacco, dare equilibrio e attaccare senza palla». Non sarà Ceppelini, il ventenne uruguaiano che Ballardini giudica un «ragazzino che ha delle qualità», ma ancora acerbo. Escluso il tridente con Ibarbo, la scelta, dunque, dovrebbe ricadere su Ekdal, lo svedese ex Juve, Bologna e Siena quest’anno utilizzato una sola volta dal 1’ da Ficcadenti (quando era squalificato Conti) con risultati non esaltanti. «Stiamo bene, ci siamo allenati bene durante la sosta - ha proseguito Ballardini - e sono convinto che anche l’attacco andrà meglio». Nelle ultime cinque gare il Cagliari ha segnato un solo gol, e su rigore. «Non è una questione di attaccanti, è la squadra nel suo insieme che deve essere più brava nell’attaccare e più efficace in zona gol».

pronto a stigmatizzare le parole del dirigente svizzero: «Il razzismo non è qualcosa che si può spazzare via sotto il tappeto, né lo si può risolvere con una stretta di mano». Ieri, di fronte all’incessante offensiva britannica, ha scelto la Bbc per scusarsi. «Quando commetto un errore non mi resta che scusarmi con le persone che ho ferito, ma non posso dimettermi - la replica di Blatter -. Quanto è successo in questi giorni sarà una buona lezione anche per me. La lotta al razzismo continuerà, tolleranza zero contro il razzismo. Se avessi previsto tutto questo, mi sarei scusato fin dal primo minuto, senza alcun incertezza».


6 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

SPORT Sfida tutta giallorossa all’Olimpico ma tengono banco due casi: l’infortunio dell’argentino e le voci di mercato

Burdisso si opera, giallo De Rossi

Roberto Carli

:: già il Domani :: REDAZIONE Direttore GUIDOTALARICO Direttoreresponsabile ORLANDOROTONDARO Capiredattori FRANCESCOPUNGITORE(Nazionale) ANGELOROSSI(Napoli) MAURIZIOZUCCARI(Cultura) Garantedellettore FRANCOESPOSITO >RedazioneRoma Tel.06.45427170/71 ViaArchimede,201-00197ROMA roma@ildomani.it >RedazioneNapoli Tel.081.19103955 ViaAntiniana,59-80078POZZUOLI(NA) redazione@ildomanidinapoli.it >RedazioneCalabria Tel.0961.023922 Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) redazione@ildomani.it EDITORE T&PEditoriSRL-Tel.0961.023922 Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) Testatareg.trib.Czn.64del15/7/1997 R.O.C.Numero5606 Latestatafruiscedeicontributistatalidirettidicuialla Legge7agosto1990n.250eseguentimodifiche PUBBLICITA’ Nazionale,localeegiudiziaria ILSOLE24ORESPASYSTEM DirettoreGeneraleGianniVallardi SedediNapoli CorsoUmbertoI,7-80138Napoli Tel.081.5471111 SedeCalabria Loc.Serramonda-88044Marcellinara(CZ) Tel.0961.023922 ClassificataeterritorialeNapoli SEATPAGINEGIALLE Tel.335.6505556 Tariffaamodulo46x19mmh.Commercialeeuro 103,00-Occasionaleeuro129,00-Corsidi formazioneeuro129,00-R.P.Q.euro78,00necrologioeuro77,00cad.Economicieuro0,62a parola.Supplementocolore:40% DISTRIBUZIONE:Sodip MediaServices(Calabria) CENTROSTAMPA:LITOSUDSRL ViaCarloPesenti,130-00156ROMATel.06.4121031 STABILIMENTOTIPOGRAFICODEROSE C/daPantoniMarinella-87040MONTALTOU. (Cs)-Tel.0984.934382 Responsabiledeltrattamentodati Dlgs96/2003-OrlandoRotondaro

ROMA - «Ho avuto modo di leggere tutti i messaggi che mi sono arrivati su questa pagina. Vi ringrazio. Mi date la forza per affrontare questo difficile momento e per tornare il prima possibile ad indossare questa maglia. Forza Roma!». Così il difensore della Roma Nicolas Burdisso ringrazia dalla pagina Facebook della società giallorossa tutti i tifosi che gli stanno facendo arrivare il loro sostegno, dopo l’infortunio rimediato giorni fa durante una partita della Nazionale argentina con la Colombia. Burdisso ha riportato la rottura dei legamenti del ginocchio sinistro. Rischia uno stop lunghissimo.Burdisso,rientratoieria Romadall’Argentina,siricovererà oggi per essere operato domenica al ginocchio sinistro. Lo rende noto la società giallorossa nel suo sito, spiegando che l’operazione condotta dal professor Giuliano Cerulli insieme con il medico della Nazionale argentina, Daniel Martinez - servirà a trattare la lesione capsulo-legamentosa e scheletrica dell’articolazione che il difensore

Nei 29 precedenti ufficiali con il Lecce il bilancio vede 19 successi capitolini, 9 pareggi ed 1 sola vittoria salentina, il famoso e amarissimo 3-2 del 20 aprile 1986 ha subito in uno scontro di gioco. L’incidente è avvenuto durante la partita Colombia-Argentina di martedìscorso,validaperilgirone di qualificazione ai Mondiali del 2014 e vinta dalla "Seleccion" per 2-1. Burdisso si è infortunato in un contrasto di gioco nel tentativo di fermareilcolombianoJamesRodriguez durante un’azione a metà campo. Tra convalescenza e riabilitazione,Burdissodovrebberimanere fuori squadra almeno per sei mesi. Questa notizia precede, insieme alle insistenti voci di mercato che danno Daniele De Rossi sul trampolino di lancio per Manchester (sponda City, con annessa of-

ferta milionaria da capogiro), la sfida di domenica tra i capitolini e il Lecce. Una partita che la squadra di Luis Enrique deve necessariamente vincere. Nei 29 precedenti ufficiali tra Roma e Lecce disputati all’Olimpico e a Via del Mare il bilancio vede 19 successi capitolini, 9 pareggi ed 1 sola vittoria salentina, il famoso e amarissimo 3-2 del 20 aprile 1986 che vide i pugliesi - già retrocessi aritmeticamente in serie B - sbancare Roma alla penultima giornata di campionato, sconfitta che causò ai capitolini la perdita dello scudetto a beneficio della Juventus. Scalda il piede Pablo Daniel Osvaldo che ha firmato finora 5 reti nella serie A 2011/12 ed ha così eguagliato il suo record nel massimo campionato italiano, stabilito una prima volta nel 2007/08 quando giocava con la Fiorentina. La Roma è una delle 4 squadre della serie A 2011/12 a non aver ancora beneficiato di rigori a favore: gli altri 3 club sono Fiorentina, Juventus e Siena. L’ultimo in favore dei giallorossi è datato 1 maggio2011, quando la Roma ne ebbe addirittura 2, di cui uno fallito e l’altro segnato,sempreda Francesco Totti nel match Bari-Roma 2-3. Da allora sono trascorse 13 giornate di campionato. Potrebbe essere la volta buona. Guillermo Giacomazzi, se dovesse scendere in campo, festeggerebbe la 200/a presenza della propria carriera nella serie A italiana. Le attuali 199 sono state collezionate conlemagliediLecce,Palermoed Empoli. Il debutto di Giacomazzi in categoria risale al 26 agosto 2001: Lecce-Parma 1-1.

DiBenedetto progetta una fondazione ROMA - «È stato un primo incontro istituzionale ed è l’inizio di un rapporto al quale teniamo sia noi che la società, a cominciare dal suo presidente, perchè la Roma è una squadra di calcio importante, una società importante anche in termini di economia del territorio e che deve avere un rapporto strategico con tutte le istituzioni e quindi anche con la Regione». Lo ha detto la presidente della Regione Lazio Renata Polverini al termine dell’incontro con il presidente della Roma Thomas DiBenedetto. Era presente per la giunta regionale anche l’assessore allo Sport Fabiana Santini. DiBenedetto ha donato alla governatrice una maglia con il numero 10 e la scritta "Polverini", firmata dal capitano Francesco Totti. «Ho apprezzato molto l’impegno da parte del presidente DiBenedetto - ha aggiunto - nel voler mettere in campo una fondazione che guardi con attenzione ai problemi di natura sociale, e in particolare rivolta ai giovani anche perchè sappiamo bene quanto, in termini di valori positivi, le squadre attraverso i loro campioni possono trasmettere alle future generazioni. Su questo abbiamo colto l’opportunità: abbiamo garantito un impegno anche da parte della Regione».

IN BREVE

> NOVARA

> JUVENTUS

> SIGNORI

NOVARA - «Dire che siamo incerottati è un eufemismo. Tuttavia, la squadra è pronta a vendere cara la pelle anche a Genova». È sconsolato ma combattivo Attilio Tesser, che fotografa così la situazione degli azzurri. La buona notizia per il Novara è che le operazioni cui sono stati sottoposti questa mattina Morimoto (cisti meniscale al ginocchio destro) e Paci (menisco medialedelginocchiosinistro)sonoperfettamenteriuscite; la cattiva è che sia l’attaccante che il difensore centrale staranno lontani dalcampoper3-4settimane. Se si considera che Tesser da tempo deve fare a meno del portiere Ujkani e di Lisuzzo (il difensore centrale titolare) e che l’altro centrale difensivo, Ludi, andrà in panchina, anche se fa ancora fatica a correre, è facile capire come il Novarasiabenoltrel’emergenza.

TORINO - La Juventus affronta la bestia nera degli ultimi anni: sia nel campionato 2009/10 che nel 2010/11 i bianconeri hanno sempre perduto con il Palermo: doppio 0-2 nella prima annata, 1-3 a Torino e 1-2 in Sicilia l’anno scorso. Anche il presidente Andrea Agnelli ha seguito da vicino come un tifoso la squadra che ha svolto una seduta tattica dopo essere tornata a ranghi completi, con tutti i Nazionali. Uno di questi, Arturo Vidal, che era ripartito anzitempo perchè cacciato dal ritiro del Cile, ha mandato a compagni di Nazionale, bianconeri e tifosi cileni e juventini una lettera aperta per scusarsi della sciocchezza commessa, cioè il ritorno al ritiro della sua Nazionale con ritardo e qualche bicchiere di troppo in corpo. È la prima volta che il giocatore ammette in modo esplicito le proprie responsabilità.

ROMA - «Abbiamo ribadito l’estraneità di Giuseppe Signori rispetto ad ogni capo di imputazione a lui attribuito. Riteniamo ci siano delle criticità e delle contraddizioni nell’impiancto accusatorio. Assoluzione? Siamo fiduciosi e speriamo di riuscirci». Così il legale di Beppe Signori, Giuliano Boschetti, ha commentato l’esito della prima udienza interlocutoria (durata circa 40 minuti) tra le parti presso il Tribunale nazionale dell’arbitrato per lo sport. Un’udienza, servita più che altro ad esperire un tentativo di concilizione, fallito, tra l’ex attaccante della nazionale, radiato dalla Commissione disciplinare della Federcalcio (sentenza poi confermata anche dalla Corte di giustizia federale) e la Figc, e a fissare i tempi per le memorie, mentre la prossima udienzadovrebbeesserefissata per febbraio.


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport

7

SPORT LA CLASSIFICA ITALIA USA CINA GIAPPONE BRASILE GERMANIA SERBIA R. DOMINICANA COREA ARGENTINA ALGERIA KENYA

I RISULTATI DI IERI 28 26 26 24 21 20 18 12 11 09 03 00

ITALIA

3

KENYA

0

CINA

3

GERMANIA

0

GIAPPONE

3

USA

0

SERBIA

3

ALGERIA

0

BRASILE

3

R.DOMINICANA

0

COREA

3

ARGENTINA

0

VOLLEY/F Straordinario finale in World Cup per i colori azzurri, gli Usa crollano contro il Sol Levante

GRAZIE GIAPPONE!

Sorpasso in classifica, sul tetto del mondo c'è l'Italia Francesco Pungitore ROMA - Questa coppa era nel destinodell’Italia.Quandoormaitutte le speranze sembravano svanire sotto il cielo di Tokyo, ecco arrivare la sorpresa del giorno. Il Giappone, senza obblighi di classifica ma fortemente motivato a far bella figura di fronte al pubblico amico, ha battutto per tre a zero gli Stati Uniti! Un colpo micidiale per gli Usa, superati al fotofinish dalle azzurre che, nel frattempo, si erano già sbarazzata agevolmente del Kenya. Dunque, Italia prima e americane seconde. La World Cup, decisa proprio nell’ultimissimo round del torneo, veste il trico-

FIFA Il Sion sconfitto in tribunale La Fifa segna un punto nel braccio di ferro ingaggiato dal Sion, il club elvetico messo all’indice per non aver rispettato un divieto ad agire sul mercato dei giocatori a causa di una vicenda risalente al 2008. La federazione internazionale ha vinto il ricorso che aveva presentato contro la decisione di un tribunale civile elvetico che concedeva al Sion di utilizzare sei giocatori tesserati nonostante il bando. Per poter giocare, lo scorso agosto i sei giocatori si rivolsero alla Corte civile di Martigny and St.Maurice, che diede loro ragione, obbligando la Federcalcio elvetica (Sfl) a non applicare il bando almeno per le competizioni nazionali. La Corte cantonale di Sion ha ribaltato tale pronunciamento.

loreperlasecondaedizioneconsecutiva.Lagiornataerainiziatacon la "passeggiata" beneaugurante delle noste riserve (25-6; 25-10; 25-17) sulle avversarie africane. Bravissime, ancora una volta, le sorelle Bosetti, Caterina 9 punti e Lucia 5. Ma ottima prova, più in generale, di tutto il gruppo: Signorile6,Anzanello10,Costagrande8 (eletta anche Mvp dell’intera manifestazione), Folie 13, Barcellini 2. La squadra di Massimo Barbolini ha interpretato nella maniera più giusta un match che si sapeva sarebbe stato senza storia: partenza fulminante, con un l’eloquente 13-0 iniziale. Poi una vittoria scontata, che ha permesso alle giovani di fare esperienza e di giocare nello storico e maestoso Yoyogi Stadium, uno dei templi di questa disciplina. C’è chi ha approfittato di questo incontro per mettere in mostra le sue qualità e la suavoglia diemergere. E’ il caso di Raphaela Folie che ha chiuso con 10 su 11 in attacco (90%). Per lei anche tre muri vicenti e tanti attestati di simpatia da parte delle compagne. Bene, come era già accadutonellagaraconl’Algeria,anche Noemi Signorile in regia che, oltre a gestire bene le sue attaccan-

La giornata era iniziata con la “passeggiata” beneaugurante delle noste riserve sulle avversarie del Kenya ti, ha chiuso con sei punti realizzati (3 a muro, 2 in attacco e 1 al servizio). Ad applaudire le azzurre, in tribuna, c’era Alberto Zaccheroni, attuale ct della nazionale giapponese di calcio campione d’Asia. Chiusa la pratica Kenya, i giochi sembravano fatti, con gli Usa lanciatissimi verso la conquista della World Cup. Ma lo sgambetto nipponico era in agguato. Il Giappone, ormai fuori dallalotta per il terzo posto, ha lottato lo stesso con il sangue agli occhi, onorando l’intera disciplina e la maglia con il Sol Levante. Le americane sono rimaste stordite dalla aggressività di Kimura & Co. Incapaci di reagire, quasi incredule e in lacrime, hanno ceduto scettro e corona ad una grande Italia.

CALCIO IN BREVE PALERMO, PASTORE E IL PSG

ROMA - Il vice direttore generale della squadra di calcio francese Paris St Germain, Philippe Boindrieux, è stato sentito dal procuratore aggiunto di Palermo Maurizio Scalia che indaga sul presunto tentativo di estorsione denunciato dal presidente del Palermo calcio Maurizio Zamparini. «Noi abbiamo solo firmato un contratto di acquisto col Palermo del giocatore Javier Pastore - ha detto ai giornalisti il dirigente - se ci sono stati passaggi di denaro ulteriori non ne sappiamo nulla. In Francia si lavora solo con i club e noi abbiamo fatto un accordo diretto col Palermo». L’indagine ruota attorno alla cessione da parte del Palermo alla squadra francese di Pastore venduto alla cifra record di 40 milioni di euro.

NOSTALGIA DEL MAGO

MILANO - Il consigliere comunale milanese del Pd, Rosario Pantaleo ha presentato due mozioni per chiedere che il capoluogo lombardo ricordi con vie, piazze o giardini Nereo Rocco ed Helenio Herrera, due simboli dello sport meneghino, legate alle due squadre di calcio della città: Milan e Inter. In un’iniziativa in stile amarcord, ricordando i fasti calcistici della Milano anni Sessanta, che si rispecchiavano in gloriosi anni anche per l’economia locale, l’esponente democratico ha depositato due mozioni. La richiesta è che venga intitolata al Mago nerazzurro Herrera e al Paron rossonero Rocco una via, piazza o giardino «per guardare a quei tempi come elemento di forza».

SERIE B, I DUBBI DEL GUBBIO

ROMA - Cerca la grande impresa il Gubbio, impegnato oggi in casa del Pescara nella 16/a giornata del campionato di serie B. Gli abruzzesi, guidati da Zdenek Zeman sono attualmente al terzo posto in classifica, mentre gli eugubini, reduci dalla sconfitta interna contro il Sassuolo, sono terz’ultimi con 14 punti ottenuti in 15 gare. «Sappiamo che ci aspetta una partita molto difficile», ha commentato il tecnico del Gubbio, Gigi Simoni, secondo il quale «del Pescara va temuto soprattutto il modo di giocare, che rende difficile il compito di qualsiasi avversaria. Il loro modo spregiudicato e lo spirito di voler segnare sempre un gol in più degli altri con elementi in attacco molto rapidi crea inevitabilmente delle difficoltà. Tuttavia - ha aggiunto - anche se loro concedono solitamente delle occasioni e noi dovremo essere bravi a sfruttarle, anche se sono convinto che i nostri attaccanti faranno bene». Per la gara in Abruzzo, Simoni deve rinunciare agli infortunati Briganti, Farina, Paonessa e Maccarrone.


8 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

SPORT Lo sport in tv 11.30 13.15 13.25 13.45 14.30 15.00 15.30 16.00

Eurosport

Sci di fondo: Cdm 10km TL F Eurosport Sci di fondo: Cdm 15km TL M Rai Due Rubrica: Dribbling Sky Sport 1 Calcio: Premier League (Norwich-Arsenal) Sky Sport 2 Rugby: Heineken Cup (Benetton Tv-Ospreys) Sky Calcio Calcio: Serie B Eurosport Pattinaggio artistico: Grand Prix F La7 Basket: Serie A

16.00 18.10 18.30 19.00 20.45 22.00 22.40

(Sassari-Roma) Sky Sport 1 Calcio: Premier League (Man. City-Newcastle) Rai Tre Rub: 90˚ minuto serie B Sky Sport 3 Calcio: Bundesliga (Bayern M.-Borussia D.) Sky Sport 2 Rugby: Heineken Cup (Tigers-Ulster) Sky Sport 1 Calcio: serie A (Fiorentina-Milan) Sky Sport 3 Calcio: Liga (ValenciaReal Madrid) Rai Due Rubrica: Sabato Sprint

VELA Due francesi primi sul traguardo della transatlantica

Haile Gebrselassie parteciperà alla maratona di Tokyo, il 26 febbraio, per cercare la qualificazione alle Olimpiadi di Londra. «Andrò a Tokyo il 16 febbraio per cercare di qualificarmi per i Giochi», ha scritto il 38enne etiope, reduce da una deludente prestazione alla maratona di Berlino.

I francesi Jean-Pierre Dick e Jeremie Beyou hanno vinto la 10/a regata transatlantica Jacques Vabre nella categoria monoscafi Imoca (metri 18,28), arrivando primi a Puerto Limon (Costa Rica). I due velisti hanno impiegato 15 giorni, 14 ore e 15 minuti per percorrere 4.730 miglia nautiche.

Gli otto migliori tennisti del mondo si sfideranno da domani sui campi veloci indoor di Londra

VELA Artemis semifinalista a San Diego

Atp World Tour Finals 2011 Achille Bolo

ROMA - È Artemis Racing il quarto semifinalista del Match Racing Championship dell’Ac World Series di San Diego, raggiungendo Energy Team, Emirates Team New Zealand e Oracle. Il team di Terry Hutchinson ha staccato il biglietto per il turno successivo superando i francesi di Aleph, giunti al duello decisivo forti di tre successi consecutivi, ottenuti contro China Team, Team Korea e Oracle Racing Coutts. Ma ad accendere l’animo degli appassionati è stato l’ultimo match della giornata, quello che ha contrapposto Aleph ad Artemis Racing. Diversi, infatti, sono stati i cambi di leadership e quando i giochi sembravano fatti a favore dei francesi una momentanea avaria del sistema che definisce i limiti del campo di regata ha obbligato il Comitato ad annullare il match. Nella ripetizione, andata in scena dopo una manciata di minuti, Artemis Racing ha inflitto una penalità al team di Pierre Pennec a pochi secondi dal via, accumulando un vantaggio che ha permesso a Terry Hutchinson di amministrare la situazione con relativa tranquillità. A tenere sul chi vive l’equipaggio dello skipper statunitense è stato il graduale ritirarsi della brezza, scesa per qualche istante sotto i quattro nodi e divenuta instabile con l’approssimarsi dell’oscurità. Soddisfazione per Terry Hutchinson e per i suoi uomini, attesi oggi dai match di semifinale contro Energy Team.

ATLETICA Gebrselassie parteciperà alla maratona di Tokyo il 26 febbraio

ROMA - Gli otto migliori tennisti del mondo si sfideranno da domani sui campi veloci indoor della O2 Arena di Londra per conquistare il titolo delle Atp World Tour Finals 2011. Il compito di aprire i giochi, non prima delle 15 italiane, è affidato a Roger Federer (numero 4) e Jo-Wilfried Tsonga (numero 6), protagonisti della finale del torneo Atp di Parigi-Bercy concluso la scorsa domenica (lo svizzero si era imposto per 6-1, 7-6). In serata, il numero 2 Rafael Nadal sfiderà l’ottava testa di serie Mardy Fish. Lunedì toccherà invece ai protagonisti del gruppo A: lo scozzese Andy Murray (n.3) contro lo spagnolo David Ferrer (n.5) e il numero 1 del mondo Novak Djokovic contro il ceco Tomas Berdych (n.7). Dopo i round robin, si giocheranno le semifinali incrociate tra i primi due classificati di ciascun raggruppamento. I vincitori si sfideranno in finale domenica 27 novembre. «Sono molto felice di essere qui, sono fiero di essermi qualificato all’evento di fine stagione per la decima volta consecu-

tiva», ha affermato lo svizzero Roger Federer, campione uscente delle Atp World Tour Finals, alla cena di gala organizzata a scopo benefico con i protagonisti del torneo. «Quest’anno siamo un grande gruppo di giocatori», ha aggiunto. Il n.1 del mondo Novak Djokovic ha vinto quest’anno 10 titoli, comprese tre prove dello Slam su quattro, e spera di chiudere in bellezza un’ottima stagione: «Non devo vincere qui a Londra

Il compito di aprire i giochi è affidato a Roger Federer e Jo-Wilfried Tsonga, poi tocca a Nadal contro Fish. Lunedì Murray solo per rendere perfetta la mia stagione, ma farò il possibile per finire l’anno nel modo migliore. Il momento positivo che sto vivendo è pari alla fiducia che ho in me

stesso e credo che questa sia la cosa più importante», ha detto il serbo, ritiratosi a Parigi-Bercy per un problema alla spalla destra. «Non esiste un buon sorteggio al Masters quando a sfidarsi sono i migliori otto giocatori del mondo», sono le parole rilasciate a Rne, la radio nazionale spagnola, da Rafael Nadal, che tornerà a giocare dopo circa 20 giorni di stop per problemi fisici. «Nel mio gruppo Federer e Tsonga sono in un periodo molto buono, con una striscia di risultati ottimi. Fish è imprevedibile, anche se al

momento non è al massimo fisicamente. Iniziare con una vittoria è fondamentale». «Murray arriva a Londra in fiducia -ha aggiunto Nadal- Djokovic invece, nonostante qualche acciacco, vorrà sicuramente chiudere al meglio una stagione incredibile e poi conosce bene la superficie. Ferrer è un fenomeno. Ha qualità fisiche eccezionali e quest’anno è stato molto costante». Andy Murray, reduce dall’ottimo periodo in Asia, dove ha vinto tre tornei in tre settimane, non è mai riuscito ad imporsi all’evento di fine stagione.

BREVI FORMULA 1 - Il Gran Premio di Austin potrebbe essere posticipato e non cancellato, come hanno assicurato i responsabili del Circuit of The Americas. «Abbiamo lavoratoconentusiasmoper avere il Gran Premio nel 2012, ma capiamo che il sig. Ecclestone voglia posticipare il Gran Premio», ha detto il presidente Steve Texton. Bernie Ecclestone, gran capo della Formula 1, ha detto mercoledì che il Gran Premio di Austin corre il pericolo di essere cancellato.

GOLF - Giulia Sergas è al 49° posto con 75 colpi (+3) nel CME Group Titleholders, la gara che conclude la stagione del LPGA Tour sul percorso del Grand Cypress Resort a Orlando, in Florida. Al termine della prima frazione è al comando con66colpi,seisottopar,la coreana Na Yeon Choi, ma l’importanza del torneo e il ricco montepremi (1.500.000dollaridadividere in 59 con prima moneta di500.000)hannosollecitato le migliori a impegnarsi subito a fondo.

MOTO - La Suzuki ha deciso di sospendere temporaneamente la sua partecipazione al Mondiale MotoGP a partire dal 2012. La decisione, rende noto la casa giapponese, si è resa necessaria per far fronte alle difficili conseguenze della grave crisi economica che ha colpito i paesi sviluppati, allo storico deprezzamento dello yen giapponese, e ai drammatici disastri naturali che hanno colpito il Sol Levante. L’idea di un ritorno previsto per il 2014 porterà ora Suzuki a concentrarsi

sullo sviluppo di un nuovo competitivo prototipo per la massima categoria. FOOTBALL - I Denver Broncos hanno battuto i New York Jets 17-13 nell’anticipo dell’11a settimana di regular season Nfl. I Broncos, al terzo successo consecutivo, con il record di 5-5 sono secondi nella West Division della American Football Conference. Anche i Jets, al secondo k.o. di fila, hanno un record in equilibrio (5-5) e sono terzi nella East Division Afc. BASKET - Si terrà domeni-

ca 20 novembre la seconda tappa di Donna Sport, il nuovo progetto del Gruppo Bracco che prevede un concorso nazionale e un tour nelle maggiori regioni italiane per premiare le giovani ragazze più brave nello sport ma anche nello studio. L’appuntamento è a Schio presso il PalaCampagnola alle 18 dove, in occasione dell’incontro di basket femminile di serie A1 Famila Wuber Schio - Bracco Geas Sesto S.G. , verrà realizzata una iniziativa interattiva con il pubblico.


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport

9

TOTOGUIDA SCOMMESSE Napoli-Lazio

Southampton-Brighton

«1»

«X2»

2,05

2,43

ITALIA Serie A

Piace l’«1» a Milano Pari in Fiorentina-Milan abato tre importanati partite caratterizzano il programma degli anticipi di serie A in una giornata che si chiude con Roma-Lecce. Tornando al sabato l’apertura è per Inter-Cagliari che non può non essere indirizzata sul segno «1» che si gioca a 1.50. In questo confronto, che vede la squadra nerazzurra proiettata verso la vittoria vitale per un ritorno di fiamma in proiezione classifica, l’esito «Goal» sempre probabile vista la difesa dell’Inter..., si gioca ad un eloquente 1.80. Per la partita di Napoli il segno «1» si gioca a 2.10 ed è il nostro segno favorito in un confronto che certamente

S

presta il fianco ad un esito «Goal» nettamente favorito in presenza di forti attaccanti sui due fronti. L’esito «Goal» per la gara del San Paolo si gioca a 1.75. In Fiorentina-Milan il pareggio ci piace in modo particolare. La Fiorentina ha in panchina il nuovo allenatore Delio Rossi e serrerà le file nei confronti di un Milan quasi al completo: occhio al pareggio.

85.70 Euro Inter-Cagliari Norwich-Arsenal WBA-Bolton Birmingham-Peterb. Crawley-Oxford

1 Goal Over 1 1

Le possibili sorprese Bologna - Cesena 2/Goal Siena - Atalanta 1

8 CINQUINE

1.50 1.63 2.05 1.65 1.57 1.80 1.75 1.75 2.43

Inter-Cagliari 1 Norwich-Arsenal Goal Napoli-Lazio 1 WBA-Bolton Over Southampton-Brighton X2

1.50 1.63 2.05 1.80 2.43

Con 6 euro puntati la vincita è di

Inter-Cagliari Napoli-Lazio Birmingham-Peterb. Crawley-Oxford Southampton-Brighton

1 1 1 1 X2

1.50 2.05 1.75 1.75 2.43

Con 6 euro puntati la vincita è di

88.96 Euro

151.03 Euro 1.50 1.65 1.57 1.80 2.43

Norwich-Arsenal Goal Napoli-Lazio 1 Huddersf.-Notts County 1 Crawley-Oxford 1 Southampton-Brighton X2

1.63 2.05 1.65 1.75 2.43

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

112.18 Euro

154.74 Euro

Norwich-Arsenal Goal Everton-Wolves 1 Birmingham-Peterb. 1 Crawley-Oxford 1 Southampton-Brighton X2

1.63 1.57 1.75 1.75 2.43

3 3 2 4 1 2 2 5 4 4 3 3 3 3 0 1 2 2 4 3

1 1 2 0 4 3 4 2 3 3 2 3 4 4 6 6 5 6 5 7

13 16 23 15 14 13 13 12 12 9 13 13 10 8 12 9 11 8 12 3

4 8 14 7 12 7 11 16 8 10 12 12 9 11 18 16 16 16 19 13

5 2 4 3 5 2 2 3 3 1 3 2 3 3 3 1 1 0 1 0

Napoli-Lazio 1 Huddersf.-Notts County 1 Everton-Wolves 1 WBA-Bolton Over Birmingham-Peterb. 1

2.05 1.65 1.57 1.80 1.75

Con 6 euro puntati la vincita è di

Con 6 euro puntati la vincita è di

125.69 Euro

110.41 Euro

0 2 2 2 0 1 1 2 0 3 2 2 1 2 0 0 1 1 2 3

0 1 0 0 0 1 2 0 1 1 0 0 1 1 2 3 2 4 2 3

RETI F S

V

FUORI N P

10 1 5 4 15 4 11 5 14 6 6 3 8 7 6 3 9 2 2 4 5 2 7 3 9 4 6 4 8 5 4 8 2 5 5 11 7 9 3 7

1 4 2 2 0 2 2 0 0 2 2 1 0 0 1 2 1 2 0 0

NAPOLI LAZIO CESENA CATANIA JUVENTUS GENOA CHIEVO MILAN PALERMO

RETI F S

REGOLAMENTO

Le prime 3 in 1 3 3 Champions 0 11 4 League. 2 8 10 La 4ª e la 5ª in 0 4 2 Europa League 4 0 6 insieme alla 2 7 4 vincente della 2 5 4 Coppa Italia. 2 6 13 Retrocedono le 2 3 6 2 7 6 ultime 3. 2 8 10 In caso di arrivo 3 6 9 a pari punti si 3 1 5 tiene conto degli 3 2 7 scontri diretti. 4 4 13 3 5 8 3 9 11 2 3 5 3 5 10 4 0 6

3 1 0 2 1 1 1 3 4 1 1 1 2 1 0 1 1 1 2 0

12 MILAN

FIORENTINA

0-0 = 1-2 ▼ 0-0 = 2-2 = 1-2 ▼ 1-0 ▲ 0-1 ▼ . .

CESENA JUVENTUS PALERMO LECCE PARMA ROMA CATANIA FIORENTINA CHIEVO

20 1-0 0-2 3-0 4-3 4-1 3-2 4-0

▲ ▼ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲

Cesena e Udinese i sovrani dell’«Under» «UNDER» Cesena Udinese Bologna Lecce Siena Cagliari Chievo Fiorentina Palermo Juventus Roma Atalanta Catania Lazio Napoli Novara Inter Milan Parma Genoa

8 8 7 7 7 6 6 6 6 5 5 4 4 4 4 4 3 3 3 2

(4-4) (3-5) (2-5) (3-4) (2-5) (3-3) (4-2) (2-4) (2-4) (2-3) (2-3) (4-0) (3-1) (3-1) (2-2) (3-1) (2-1) (2-1) (2-1) (1-1)

. .

«OVER» (12ª GIORNATA) Fiorentina - Milan 19-11 Inter - Cagliari “ “ Napoli - Lazio “ “ Bologna - Cesena 20-11 Catania - Chievo “ “ Genoa - Novara “ “ Juventus - Palermo “ “ Parma - Udinese “ “ Roma - Lecce “ “ Siena - Atalanta “ “

Con 6 euro puntati la vincita è di

Inter-Cagliari 1 Huddersf.-Notts County 1 Everton-Wolves 1 WBA-Bolton Over Southampton-Brighton X2

6 6 6 5 5 4 4 3 3 3 5 3 3 3 4 3 2 2 1 0

(11ª GIORNATA) Novara 0-2 PARTITE- Roma DAL 05-11 AL 13-12 Palermo - Bologna 3-1 Atalanta - Cagliari 1-0 Cesena - Lecce 0-1 Chievo - Fiorentina 1-0 Lazio - Parma 1-0 Milan - Catania 4-0 Udinese - Siena 2-1 Napoli - Juventus Rin. Genoa - Inter Rin.

144.70 Euro 1.50 1.63 1.80 1.75 1.75

10 10 10 9 10 9 10 10 10 10 10 9 10 10 10 10 9 10 10 10

IN CASA V N P

Napoli - Lazio 1/Goal Genoa - Novara 1 Juventus - Palermo 1 Roma - Lecce 1 Inter - Cagliari 1/Goal

Inter-Cagliari 1 Norwich-Arsenal Goal Napoli-Lazio 1 Huddersf.-Notts County 1 Everton-Wolves 1 WBA-Bolton Over Birmingham-Peterb. 1 Crawley-Oxford 1 Southampton-Brighton X2

Con 6 euro puntati la vincita è di

21 21 20 19 16 14 14 14 13 13 12 12 12 12 12 10 8 8 7 3

RETI F S

IL TURNO SUCCESSIVO

9 GARE 973.40 Euro

1.50 1.63 2.05 1.65 1.57

UDINESE LAZIO MILAN JUVENTUS PALERMO NAPOLI ROMA CATANIA SIENA CAGLIARI ATALANTA (-6) GENOA FIORENTINA CHIEVO PARMA BOLOGNA INTER LECCE NOVARA CESENA

PARTITE V N P

IL TURNO PRECEDENTE

Correzione di 0-1-2 errori sulle 9 partite 0 err.=8 cinquine; 1 err.=3/4 cinquine; 2 err.=1 cinquina

Inter-Cagliari 1 Norwich-Arsenal Goal Napoli-Lazio 1 Huddersf.-Notts County 1 Everton-Wolves 1

PT G

Il pronostico di TS

I nostri consigli di gioco MISTA VINCITA GLOBALE:

Classifica

NAPOLI FIORENTINA INTER PARMA CAGLIARI UDINESE CATANIA LAZIO ATALANTA JUVENTUS

CATANIA JUVENTUS NOVARA INTER FIORENTINA LAZIO NAPOLI MILAN CHIEVO LECCE

JUVENTUS CATANIA MILAN CHIEVO GENOA FIORENTINA INTER PALERMO LAZIO NAPOLI

ROMA PARMA ATALANTA LAZIO PALERMO GENOA MILAN NOVARA LECCE UDINESE

14 LAZIO 0-0 = 3-0 ▲ 1-2 ▼ 0-0 = 2-0 ▲ 1-2 ▼ . . Rin. .

PALERMO FIORENTINA ROMA BOLOGNA CATANIA CAGLIARI PARMA NAPOLI JUVENTUS

21 0-0 2-1 2-1 2-0 1-1 3-0 1-0

GENOA CESENA JUVENTUS INTER BOLOGNA SIENA FIORENTINA CATANIA MILAN

19 PALERMO 1-1 = 2-0 ▲ 0-0 = 2-2 = 2-1 ▲ 2-1 ▲ . . Rin. .

LAZIO SIENA MILAN ROMA LECCE UDINESE BOLOGNA JUVENTUS FIORENTINA

14 LECCE 1-0 ▲ 3-1 ▲ 1-2 ▼ 1-0 ▲ 1-2 ▼ 2-3 ▼ 2-0 ▲ . .

SIENA CAGLIARI GENOA MILAN PALERMO NOVARA CESENA ROMA CATANIA

▲ ▲ ▲ = ▲ ▲ . .

14 CHIEVO 1-1 = 3-3 = 2-1 ▲ 2-2 = 1-1 = 2-1 ▲ 0-4 ▼ . .

=

2-1 0-0 0-0 0-1 0-1 1-4 1-0

BOLOGNA NAPOLI CATANIA CHIEVO ATALANTA JUVENTUS CAGLIARI SIENA UDINESE

INTER UDINESE NOVARA LAZIO CHIEVO ATALANTA PALERMO CESENA CAGLIARI

GENOA

CHIEVO PARMA LECCE JUVENTUS ROMA FIORENTINA NOVARA CESENA MILAN

= ▼ ▼ ▼ ▲ . .

16

PARMA

0-0 = 2-0 ▲ 0-3 ▼ 0-1 ▼ 2-0 ▲ 0-1 ▼ 3-1 ▲ . .

ROMA GENOA NAPOLI ATALANTA MILAN CESENA LAZIO UDINESE NOVARA

8 0-3 ▼ 0-2 ▼ 0-0 = 3-4 ▼ 0-2 ▼ 1-1 = 1-0 ▲ . .

3-1 ▲ 0-3 ▼ 1-2 ▼ 1-0 ▲ 1-1 = 1-2 ▼ . . .

SIENA LECCE PALERMO CAGLIARI CESENA NOVARA CHIEVO UDINESE ATALANTA INTER

UDINESE LECCE SIENA NAPOLI CESENA LAZIO ATALANTA INTER BOLOGNA

13 0-0 2-0 0-0 0-0 1-1 0-3 0-1

= ▲ = = = ▼ ▼ . .

10 CESENA

BOLOGNA

12 =

8 CAGLIARI

INTER

1-3 ▼ 0-2 ▼ 2-0 ▲ 0-2 ▼ 1-0 ▲ 3-1 ▲ 1-3 ▼ . .

MILAN CHIEVO FIORENTINA SIENA CAGLIARI PARMA LECCE BOLOGNA GENOA

3 0-1 0-0 0-0 0-2 1-1 0-2 0-1

▼ = = ▼

ATALANTA CATANIA BOLOGNA UDINESE SIENA LECCE ROMA GENOA PARMA

▼ ▼ . .

7 1-2 3-3 0-2 0-3 1-1 1-1 0-2

▼ ▲ ▲ ▼ ▼ ▲ ▼ . .

CAGLIARI BOLOGNA ATALANTA NOVARA NAPOLI PALERMO SIENA PARMA ROMA

NOVARA ROMA UDINESE PARMA INTER BOLOGNA CAGLIARI SIENA NAPOLI

▼ = = ▼ .

21 0-0 2-0 0-0 3-0 0-2 1-0 2-1

= ▲ ▼ ▲ ▲ .

12 2-1 1-3 0-0 2-1 1-1 1-3 1-0

(3-4) (4-3) (3-4) (1-5) (2-4) (2-4) (2-4) (2-4) (2-3) (3-2) (2-2) (2-2) (3-1) (3-1) (3-1) (2-1) (2-1) (2-1) (2-0) (2-0)

«GOAL» Atalanta Novara Catania Genoa Inter Juventus Lazio Milan Parma Roma Bologna Cagliari Chievo Napoli Siena Cesena Fiorentina Lecce Palermo Udinese

7 7 6 6 6 6 6 6 6 6 4 4 4 4 4 3 3 3 3 2

(2-5) (3-4) (3-3) (2-4) (1-5) (4-2) (3-3) (3-3) (3-3) (4-2) (2-2) (1-3) (2-2) (2-2) (1-3) (3-0) (2-1) (3-0) (3-0) (1-1)

= ▲

.

13 ATALANTA 3-0 ▲ 0-2 ▼ 0-0 = 2-0 ▲ 1-1 = 4-1 ▲ 1-2 ▼ . .

▼ = ▼

.

12 UDINESE 0-1 3-1 2-1 1-2 1-4 2-0 0-1

7 7 7 6 6 6 6 6 5 5 4 4 4 4 4 3 3 3 2 2

=

12 NOVARA 1-2 ▼ 1-3 ▼ 0-0 = 2-2 = 2-1 ▲ 0-1 ▼ . . .

Genoa Milan Parma Atalanta Catania Inter Lazio Novara Napoli Roma Cagliari Chievo Fiorentina Juventus Palermo Bologna Lecce Siena Cesena Udinese

▲ ▼ = ▲ = ▼ ▲ . .

«NO GOAL» Udinese Cesena Fiorentina Lecce Palermo Bologna Cagliari Chievo Siena Napoli Catania Lazio Milan Parma Roma Atalanta Genoa Inter Juventus Novara

8 7 7 7 7 6 6 6 6 5 4 4 4 4 4 3 3 3 3 3

(4-4) (3-4) (3-4) (2-5) (2-5) (2-4) (4-2) (4-2) (3-3) (2-3) (2-2) (2-2) (3-1) (2-2) (1-3) (3-0) (2-1) (3-0) (1-2) (2-1)


10 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

TOTOGUIDA SCOMMESSE INGHILTERRA Premier League

City, test Newcastle: Fergie può accorciare

T

urno “lungo” quanto interessante, quello che ci aspetta nel fine settimana. Si parte con Norwich-Arsenal, partita più aperta di quanto non dica la mera lettura dei nomi delle squadre; si gioca alle 13,45 italiane di sabato, per un match ad elevate probabilità di «Goal». Il blocco delle quattro comprende stavolta sei partite, quasi tutte con le forma-

IL TURNO PRECEDENTE (11ª GIORNATA) Arsenal - West Brom. Aston Villa - Norwich Blackburn - Chelsea Liverpool - Swansea Man. Utd - Sunderland Newcastle - Everton QPR - Man. City Bolton - Stoke Fulham - Tottenham Wolverhampton - Wigan

3-0 3-2 0-1 0-0 1-0 2-1 2-3 5-0 1-3 3-1

IL TURNO SUCCESSIVO (12ª

GIORNATA) Everton - Wolverhampton 19-11 Man. City - Newcastle “ “ Norwich - Arsenal “ “ Stoke - QPR “ “ Sunderland - Fulham “ “ Swansea - Man. Utd “ “ West Brom. - Bolton “ “ Wigan - Blackburn “ “ Chelsea - Liverpool 20-11 Tottenham - Aston Villa 21-11

zioni di casa offerte a quote troppo basse. Intendiamoci: l’«1» di EvertonWolverhampton è assai probabile e lo troverete nella tabellina delle nostre selezioni, ma per il resto ci andremmo cauti. Il Manchester City trova forse la squadra - delle altre - che sta giocando meglio, il Newcastle, oltretutto imbattuto; l’1.30 pagato per l’«1» non ci interessa minimamente. Occhio all’«X2» di Stoke-Queens Park Rangers (buono qui anche il «Goal»), e per WBA-Bolton piace più l’«Over» del segno «1», vista la vena dell’attacco dei Trotters. Ad orario sfalsato, c’è Swansea-Manchester United, con i gallesi imbattuti in casa (un solo gol subito in 5 gare) ma al cospetto dello United destinati ad arrendersi. Possibile un «Over 3,5». Alla domenica, solo una gara, ma che gara... Chelsea-Liverpool (ore 17 italiane) ci pare da «1», e dovessimo scegliere un primo marcatore, indicheremmo Fernando Torres, che pare caricato a pallettoni, stando alle dichiarazioni rese in settimana. Monday Night, infine, Tottenham-Aston Villa, con l’«1» probabile ma a quota troppo esigua (1,52/1,55).

Il pronostico di TS Everton-Wolverhampton 1 WBA-Bolton Over Chelsea-Liverpool 1 Stoke City-QPR X2

Le possibili sorprese Swansea-Man. U. Ov. 3,5 Man. City-Newcastle X2

Classifica

PT G

MAN. CITY MAN. UTD NEWCASTLE CHELSEA TOTTENHAM LIVERPOOL ARSENAL ASTON VILLA NORWICH SWANSEA QPR STOKE WOLVERHAMPTON WEST BROM. SUNDERLAND FULHAM EVERTON BOLTON BLACKBURN WIGAN

31 26 25 22 22 19 19 15 13 13 12 12 11 11 10 10 10 9 6 5

PARTITE V N P

11 10 11 8 11 7 11 7 10 7 11 5 11 6 11 3 11 3 11 3 11 3 11 3 11 3 11 3 11 2 11 2 10 3 11 3 11 1 11 1

1 2 4 1 1 4 1 6 4 4 3 3 2 2 4 4 1 0 3 2

0 1 0 3 2 2 4 2 4 4 5 5 6 6 5 5 6 8 7 8

RETI F S 39 28 17 24 21 14 23 16 16 12 10 8 12 9 14 14 11 18 13 7

IN CASA V N P

10 12 8 15 15 10 21 15 18 15 20 19 18 16 13 15 15 27 24 20

5 5 4 4 3 2 5 3 2 3 1 2 2 1 1 1 1 1 1 1

10 WOLVERHAMPTON 11

EVERTON ASTON VILLA WIGAN MAN. CITY LIVERPOOL CHELSEA FULHAM MAN. UTD NEWCASTLE WOLVERHAMPTON

2-2 3-1 0-2 0-2 1-3 3-1 0-1 1-2

= ▲ ▼ ▼ ▼ ▲ ▼ ▼ .

TOTTENHAM QPR LIVERPOOL NEWCASTLE WEST BROM. SWANSEA MAN. CITY WIGAN EVERTON

WEST BROM. BOLTON SUNDERLAND MAN. UTD SWANSEA LIVERPOOL BLACKBURN ASTON VILLA ARSENAL

0-1 2-1 2-1 0-2 3-1 1-1 3-3 2-3

▼ ▲ ▲ ▼ ▲ = = ▼ .

1-2 4-0 1-2 2-2 1-2 2-0 2-2 0-1

▼ ▲ ▼ = ▼ ▲ = ▼ .

BLACKBURN MAN. CITY WEST BROM. QPR STOKE EVERTON WIGAN TOTTENHAM SUNDERLAND

NORWICH SWANSEA FULHAM SUNDERLAND WOLVERHAMPTON ASTON VILLA LIVERPOOL ARSENAL BOLTON

▼ ▲

1-0 ▲ 0-3 ▼ 0-0 = 2-2 = 2-0 ▲ 2-1 ▲ 0-2 ▼ 0-3 ▼ .

MAN. UTD NORWICH ARSENAL CHELSEA WIGAN SUNDERLAND SWANSEA STOKE WEST BROM.

2-1 ▲ 1-3 ▼ 4-1 ▲ 5-1 ▲ 3-1 ▲ 0-1 ▼ 3-5 ▼ 1-0 ▲ .

STOKE TOTTENHAM WOLVERHAMPTON EVERTON MAN. UTD NORWICH WEST BROM. SWANSEA CHELSEA

5 3 3 3 4 3 1 0 1 0 2 1 1 2 1 1 2 2 0 0

19

STOKE

LIVERPOOL SUNDERLAND MAN. UTD SWANSEA FULHAM ARSENAL NEWCASTLE BOLTON QPR

▼ ▲ ▼ ▲ ▲ ▲ ▲ .

10 1-1 2-2 0-0 6-0 0-2 1-3 2-0 1-3

ARSENAL WEST BROM. CHELSEA STOKE NORWICH WOLVERHAMPTON BOLTON LIVERPOOL MAN. UTD

= ▲ ▼ ▼ ▲ ▼

9 ▼ ▲ ▼ ▼ ▲ .

19

TOTTENHAM

▼ ▼

WOLVERHAMPTON LIVERPOOL WIGAN ARSENAL NEWCASTLE BLACKBURN QPR FULHAM ASTON VILLA

▲ ▲ = = ▲ = .

0 0 0 2 1 2 3 1 3 4 3 4 3 3 3 3 3 3 2 5

RETI F S 23 10 7 9 11 6 11 6 7 4 5 3 4 6 5 3 6 9 7 2

8 3 3 6 8 5 17 9 11 14 11 15 8 11 6 6 8 10 11 12

Le prime 4 in Champions League. La 5ª in Europa League insieme alla vincente della Coppa d’Inghilterra e alla vincente della Coppa di Lega. Retrocedono le ultime 3. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto della differenza reti.

31 NEWCASTLE 3-0 2-2 2-0 4-0 4-1 6-1 3-1 3-2

▲ = ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ .

1-0 0-4 1-1 0-2 2-0 1-3 1-3 0-5

▲ ▼ = ▼ ▲ ▼ ▼ ▼ .

QPR ASTON VILLA BLACKBURN WOLVERHAMPTON TOTTENHAM WIGAN STOKE EVERTON MAN. CITY

25 0-0 1-1 3-1 2-1 2-2 1-0 3-1 2-1

NEWCASTLE WOLVERHAMPTON ASTON VILLA FULHAM BLACKBURN CHELSEA TOTTENHAM MAN. CITY STOKE

BOLTON CHELSEA STOKE NORWICH LIVERPOOL MAN. CITY EVERTON SUNDERLAND SWANSEA

= = ▲ ▲ = ▲ ▲ ▲ .

12 0-0 3-0 1-1 0-6 1-1 1-0 1-3 2-3

= ▲ = ▼ = ▲

0-3 ▼ 1-3 ▼ 1-2 ▼ 0-2 ▼ 1-3 ▼ 0-1 ▼ 0-2 ▼ 1-3 ▼ .

FULHAM ARSENAL NEWCASTLE MAN. CITY QPR TOTTENHAM NORWICH CHELSEA WIGAN

26 ▲

5-0 3-1 1-1 2-0 1-1 1-6 1-0 1-0

▲ = ▲ = ▼ ▲ ▲ .

6 1-1 4-3 1-3 0-4 1-1 1-2 3-3 0-1

EVERTON NEWCASTLE QPR WIGAN MAN. CITY WEST BROM. SUNDERLAND NORWICH TOTTENHAM

=

8 7 6 6 6 5 5 5 5 5 5 5 5 4 4 3 3 1 1 1

(4-4) (4-3) (2-4) (4-2) (3-3) (3-2) (3-2) (2-3) (2-3) (2-3) (1-4) (3-2) (4-1) (2-2) (2-2) (2-1) (0-3) (1-0) (1-0) (0-1)

«OVER» Bolton 10 Man. City 10 Tottenham 9 Arsenal 8 Chelsea 8 Blackburn 7 Wolverhampton 7 Aston Villa 6 Man. Utd 6 Newcastle 6 Norwich 6 Sunderland 6 Swansea 6 West Brom. 6 Everton 5 Fulham 5 QPR 5 Wigan 5 Stoke 4 Liverpool 3

(5-5) (4-6) (4-5) (4-4) (5-3) (4-3) (4-3) (3-3) (4-2) (4-2) (3-3) (4-2) (2-4) (1-5) (2-3) (4-1) (2-3) (2-3) (1-3) (2-1)

«GOAL» Norwich Aston Villa Blackburn Chelsea Man. City Newcastle Tottenham Arsenal Bolton Man. Utd Sunderland Wolverhampton Everton Fulham Liverpool Wigan QPR Stoke Swansea West Brom.

9 8 8 8 7 7 7 6 6 6 6 6 5 5 5 5 4 4 4 4

(4-5) (4-4) (3-5) (5-3) (2-5) (4-3) (3-4) (2-4) (3-3) (3-3) (3-3) (3-3) (2-3) (4-1) (5-0) (3-2) (3-1) (2-2) (1-3) (1-3)

▲ ▼ ▼ = ▼ = ▼ .

22 ASTON VILLA 2-0 ▲ 4-0 ▲ 2-1 ▲ 2-1 ▲ 2-2 = 2-1 ▲ 3-1 ▲ 3-1 ▲ .

Liverpool Stoke Fulham QPR Wigan Aston Villa Everton Man. Utd Newcastle Norwich Sunderland Swansea West Brom. Blackburn Wolverhampton Arsenal Chelsea Bolton Man. City Tottenham

▼ ▼ .

13 MAN. UTD 0-1 ▼ 3-0 ▲ 1-4 ▼ 2-0 ▲ 1-3 ▼ 2-2 = 3-1 ▲ 0-0 = .

«UNDER»

REGOLAMENTO

5 BLACKBURN

MAN. CITY EVERTON TOTTENHAM ASTON VILLA BOLTON NEWCASTLE FULHAM WOLVERHAMPTON BLACKBURN

0-1 0-4 2-1 2-0 1-1 1-1 2-0 0-0

1 2 2 1 1 0 1 4 2 2 0 1 1 1 2 1 0 0 3 1

WIGAN

▼ ▼

0-5 1-2 0-3 1-5 3-1 0-2 1-3 5-0

FUORI N P

12 QPR

SWANSEA

= =

.

22 LIVERPOOL

SUNDERLAND MAN. UTD SWANSEA BOLTON EVERTON QPR ARSENAL BLACKBURN LIVERPOOL

▼ =

11 BOLTON

WEST BROM.

CHELSEA

▼ ▼

1-0 3-4 3-0 1-2 2-1 3-1 5-3 3-0

10 FULHAM

SUNDERLAND CHELSEA STOKE NORWICH WEST BROM. ARSENAL BOLTON ASTON VILLA MAN. UTD FULHAM

SWANSEA BLACKBURN BOLTON TOTTENHAM SUNDERLAND STOKE CHELSEA WEST BROM. NORWICH

16 2 18 9 10 5 15 9 10 7 8 5 12 4 10 6 9 7 8 1 5 9 5 4 8 10 3 5 9 7 11 9 5 7 9 17 6 13 5 8

WIGAN FULHAM EVERTON BLACKBURN ASTON VILLA MAN. UTD WOLVERHAMPTON QPR NEWCASTLE

.

13 ARSENAL

NORWICH

0 1 0 1 1 0 1 1 1 0 2 1 3 3 2 2 3 5 5 3

V

MAN. CITY

▼ ▼

0-2 0-3 1-2 1-2 0-2 2-2 1-3 3-1

0 0 2 0 0 4 0 2 2 2 3 2 1 1 2 3 1 0 0 1

RETI F S

15 2-2 1-1 1-1 2-0 1-4 1-2 2-2 3-2

= = = ▲ ▼ ▼ = ▲ .

«NO GOAL» QPR Stoke Swansea West Brom. Fulham Liverpool Wigan Arsenal Bolton Everton Man. Utd Sunderland Wolverhampton Man. City Newcastle Aston Villa Blackburn Chelsea Tottenham Norwich

7 7 7 7 6 6 6 5 5 5 5 5 5 4 4 3 3 3 3 2

(3-4) (3-4) (4-3) (4-3) (2-4) (1-5) (2-4) (4-1) (3-2) (3-2) (3-2) (2-3) (3-2) (3-1) (2-2) (2-1) (3-0) (0-3) (1-2) (1-1)

Inter-Cagliari Fiorentina-Milan Napoli-Lazio Bari-Sampdoria Crotone-Torino Empoli-Verona Juve Stabia-Modena Nocerina-Vicenza Padova-Grosseto Pescara-Gubbio Sassuolo-Brescia Varese-Cittadella Everton-Wolves Sunderland-Fulham

Pron.

1

X

2

N. Partite

1 X 1 X1 X2 1 1 1X 1 1 1X 1 1X2 1X2

53 24 49 34 21 46 50 41 51 54 42 46 36 36

36 42 34 41 41 37 35 34 35 35 36 36 34 34

11 34 17 25 38 17 15 25 14 11 22 18 30 30

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Inter-Cagliari Fiorentina-Milan Napoli-Lazio Bari-Sampdoria Crotone-Torino Empoli-Verona Juve Stabia-Modena Nocerina-Vicenza Padova-Grosseto Pescara-Gubbio Sassuolo-Brescia Varese-Cittadella Everton-Wolves Sunderland-Fulham

Pron. 0-2 3 8 1 12 14 9 7 3 6 4 2 13 11 5 10

30 15 45 45 30 25 15 25 30 15 45 35 30 35

40 20 35 33 40 30 35 30 30 35 35 35 30 35

4

5+

25 35 15 20 25 35 30 35 25 30 15 25 25 25

5 30 5 2 5 10 20 10 15 20 5 5 15 5

GRUPPO 1

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Inter-Cagliari Crotone-Torino Juve Stabia-Modena Padova-Grosseto Pescara-Gubbio Sassuolo-Brescia Napoli-Lazio Bari-Sampdoria Empoli-Verona Nocerina-Vicenza Varese-Cittadella Everton-Wolves

GRUPPO 3

N. Partite

GRUPPO 2

CONCORSO N. 93 DEL 19/11/2011 - IL PRONOSTICO TECNICO

Fiorentina-Milan Sunderland-Fulham Wigan Athl.-Blackburn Rovers

1 1X

1 X2 1 1X

1X 1 1X

1X 1X

1X X2

1X

1X 1X 1

1 1-1; 1-2; 2-3


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport 11

TOTOGUIDA SCOMMESSE BELGIO Jupiler Pro League

L’Anderlecht vuol ripartire dopo il ko di Bruges: è «1» fisso IL TURNO PRECEDENTE (13ª

GIORNATA) Gent - Mechelen 6-2 PARTITE DAL 04-11 AL 06-11 Genk - Kortrijk 2-2 Beerschot - Mons 2-0 Lierse - OH Leuven 3-1 Waregem - St. Trond 0-0 Westerlo - Lokeren 2-4 Cercle B. - Anderlecht 1-0 Standard L. - FC Bruges 2-1

Il pronostico di TS OH Leuven-Standard 2 Anderlecht-St. Trond 1 Kortrijk-Gent 2 Bruges-Cercle Under Genk-Westerlo 1

La possibile sorpresa X2 o 2

Mons-Lierse

0-2 ▼ 2-0 ▲ 0-1 ▼ 1-0 ▲ 1-3 ▼ 2-1 ▲ 4-1 ▲ 2-2 = .

ANDERLECHT OH LEUVEN WAREGEM MECHELEN MONS FC BRUGES LOKEREN GENK GENT

PT G

ANDERLECHT GENT CERCLE B. FC BRUGES STANDARD L. KORTRIJK GENK BEERSCHOT MONS LOKEREN OH LEUVEN MECHELEN WAREGEM LIERSE ST. TROND WESTERLO

29 26 26 22 22 21 20 17 17 15 14 14 12 12 7 7

IL TURNO SUCCESSIVO

WAREGEM ANDERLECHT ST. TROND OH LEUVEN FC BRUGES LOKEREN MONS MECHELEN KORTRIJK

3-1 0-1 4-3 6-1 0-2 3-1 1-1 6-2

MONS KORTRIJK GENK GENT WESTERLO CERCLE B. BEERSCHOT LIERSE STANDARD L.

26

LOKEREN

LIERSE FC BRUGES MECHELEN MONS GENK GENT KORTRIJK WESTERLO BEERSCHOT

▼ ▲ ▲ ▼ ▲ = ▲ .

PARTITE V N P

13 13 13 13 13 13 13 13 13 13 13 13 13 13 13 13

9 8 7 6 6 6 5 4 4 4 4 4 2 2 1 1

2 2 5 4 4 3 5 5 5 3 2 2 6 6 4 4

2 3 1 3 3 4 3 4 4 6 7 7 5 5 8 8

RETI F S 26 32 18 26 16 20 25 24 25 19 15 15 11 9 19 11

3-1 0-2 1-1 1-6 1-1 0-2 3-2 1-3

WESTERLO GENK CERCLE B. LIERSE ANDERLECHT WAREGEM ST. TROND FC BRUGES OH LEUVEN

▼ = ▼ = ▼ ▲ ▼ .

1-0 0-3 0-0 2-0 0-5 1-0 1-1 2-1

CERCLE B. WAREGEM ANDERLECHT FC BRUGES ST. TROND MECHELEN OH LEUVEN MONS LOKEREN

5 5 4 4 6 5 3 3 4 1 3 3 2 1 0 1

1 0 3 1 1 1 3 4 3 1 2 0 3 4 2 2

0 2 0 1 0 0 1 0 0 4 1 3 2 1 4 4

V

19 5 19 7 11 6 15 7 12 3 12 2 12 6 13 7 20 10 5 9 11 8 7 8 7 8 5 5 12 18 9 13

4 3 3 2 0 1 2 1 0 3 1 1 0 1 1 0

GENK

ST. TROND STANDARD L. OH LEUVEN ANDERLECHT LOKEREN MONS FC BRUGES KORTRIJK WESTERLO

▼ = ▲ ▼ ▲ = ▲

17 1-2 2-0 2-3 1-1 4-2 2-2 2-3 2-0

RETI F S

22

.

15 BEERSCHOT 1-1 = 1-2 ▼ 2-0 ▲ 3-3 = 3-1 ▲ 1-3 ▼ 1-4 ▼ 4-2 ▲ .

IN CASA V N P

10 18 11 18 17 14 20 21 22 21 24 26 17 16 32 24

14 STANDARD L.

OH LEUVEN

(14ª GIORNATA) OH Leuven - Standard L. 18-11 Genk - Westerlo 19-11 Kortrijk - Gent “ “ Lokeren - Beerschot “ “ Mechelen - Waregem “ “ Mons - Lierse “ “ Anderlecht - St. Trond 20-11 FC Bruges - Cercle B. “ “

21 GENT

KORTRIJK

Classifica

FUORI N P 1 2 2 3 3 2 2 1 2 2 0 2 3 2 2 2

FC BRUGES MONS LOKEREN KORTRIJK CERCLE B. BEERSCHOT WESTERLO GENT WAREGEM

▲ ▼ = ▲ = ▼ ▲ .

2 1 1 2 3 4 2 4 4 2 6 4 3 4 4 4

7 13 7 11 4 8 13 11 5 14 4 8 4 4 7 2

5 11 5 11 14 12 14 14 12 12 16 18 9 11 14 11

REGOLAMENTO Le prime 6 ai play-off per la Champions League. Dalla 7ª alla 14ª ai play-off per l’Europa League. La vincente della Coppa del Belgio in Europa League. Le ultime due ai play-out. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto del numero di vittorie.

20 WESTERLO 4-3 3-0 1-1 0-1 1-3 2-0 5-4 2-2

7

STANDARD L. ST. TROND LIERSE WAREGEM OH LEUVEN ANDERLECHT MECHELEN LOKEREN GENK

▲ = ▼ ▼ ▲ ▲ = .

0-1 2-0 0-0 1-1 1-1 1-2 0-1 2-4

1-2 1-5 0-2 0-1 1-2 2-2 1-0 2-6

▼ ▼ ▼ = ▲ ▼ .

= = = ▼

1-3 0-2 1-0 1-1 1-2 0-1 1-1 0-0

«UNDER» Lierse Cercle B. Waregem Kortrijk Standard L. Westerlo Anderlecht Lokeren OH Leuven FC Bruges Genk Gent Beerschot

9 8 8 7 7 7 6 6 6 5 5 5 5

(5-4) (4-4) (4-4) (4-3) (4-3) (3-4) (1-5) (3-3) (2-4) (3-2) (3-2) (3-2) (4-1)

«OVER» Mechelen FC Bruges Genk Gent Beerschot Mons St. Trond Anderlecht Lokeren OH Leuven Kortrijk Standard L. Westerlo

9 8 8 8 8 8 8 7 7 7 6 6 6

(4-5) (3-5) (4-4) (4-4) (3-5) (5-3) (4-4) (5-2) (3-4) (4-3) (2-4) (3-3) (4-2)

▼ ▼

12

GENT BEERSCHOT KORTRIJK WESTERLO LIERSE STANDARD L. CERCLE B. ST. TROND MECHELEN

▼ ▲

.

14 WAREGEM

MECHELEN

RETI F S

▼ ▼ ▲ = ▼ ▼ = =

«GOAL» Beerschot Mons FC Bruges Gent Mechelen OH Leuven Genk Lokeren St. Trond Waregem Cercle B. Standard L. Westerlo

11 11 10 9 9 9 8 8 8 8 7 7 7

(5-6) (7-4) (3-7) (4-5) (4-5) (6-3) (3-5) (3-5) (5-3) (5-3) (4-3) (3-4) (5-2)

.

«NO GOAL»

17 LIERSE

MONS OH LEUVEN MECHELEN FC BRUGES LOKEREN KORTRIJK GENK GENT BEERSCHOT LIERSE

1-3 5-1 1-2 3-3 3-1 0-2 1-1 0-2

▼ ▲ ▼ = ▲ ▼ = ▼ .

12

LOKEREN CERCLE B. WESTERLO STANDARD L. WAREGEM ST. TROND ANDERLECHT OH LEUVEN MONS

1-1 0-0 0-0 0-2 2-1 0-2 0-4 3-1

29 ST. TROND

ANDERLECHT

=

KORTRIJK GENT BEERSCHOT GENK STANDARD L. WESTERLO LIERSE CERCLE B. ST. TROND

= = ▼ ▲ ▼ ▼ ▲ .

2-0 1-0 3-2 1-0 5-0 2-1 4-0 0-1

GENK WESTERLO GENT CERCLE B. BEERSCHOT LIERSE STANDARD L. WAREGEM ANDERLECHT

▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▼ .

7 3-4 0-2 3-4 2-2 2-4 2-0 1-1 0-0

FC BRUGES

MECHELEN LOKEREN MONS BEERSCHOT GENT KORTRIJK GENK STANDARD L. CERCLE B.

▼ ▼ = ▼ ▲ = = .

I 10 numeri più in ritardo BA CA FI GE MI NA PA RM TO VE NZ TT

Rit. 55

51

9

64

49

48

44

43

42

62

59

56

50

49

34 71 54 36 65 45 16

Rit. 82

60

41

37

34

57

55

46

41

38

46

6

37

44

43

2 64

36

33

13 43 49 46 64 35 85 27 67 74

Rit. 88

75

74

17 28 73

Rit. 65

54

54

69

64

1

24

48

46

34 79 36 64 75

Rit. 96

74

67

47

40

57

56

7

59 25 30 11

8

56 33 72 5

37 37

36 36

52 35 34

49 34 34

44 32 33

29 80 57 28 54 68 66 39 19 79

Rit. 133 70

41

39

37

71 64 41 60 16 58 40 68

7

4

Rit. 74

58

62

50

60

50

55

49

55

48

54

44

44

41

38

59 64 51 58 89 31 67 37 73 26

Rit. 79

77

62

59

58

57

51

42

42

39

26 21 50 31 65 75 33 78 86 70

Rit. 80

75

70

60

60

57

53

50

49

47

6 90 14 62 60 30 81 47 19 28

Rit. 77

64

55

51

49

47

45

42

41

37

36 59 74 23 82 13 33 51 61 1

Rit. 9

7

BEERSCHOT LIERSE STANDARD L. ST. TROND MECHELEN OH LEUVEN WAREGEM ANDERLECHT FC BRUGES

2-1 0-0 0-0 2-2 2-1 2-0 1-1 1-0

▲ = = = ▲ ▲ = ▲ .

7 7 7 6 6 6 5 5 5 5 4 4 4

(3-4) (4-3) (3-4) (3-3) (4-2) (2-4) (4-1) (3-2) (1-4) (2-3) (3-1) (2-2) (0-4)

6

5

5

4

4

4

I 10 numeri più in ritardo

I 10 numeri più frequenti

84 61 64 63 13 58 60

17 68 14 24 10 26 61 11 41 75

Rit. 70

2-1 ▲ 2-1 ▲ 2-1 ▲ 1-1 = 2-0 ▲ 1-2 ▼ 4-5 ▼ 1-2 ▼ .

26

10eLOTTO

LOTTO 80 62

22 CERCLE B.

Anderlecht Kortrijk Lierse Cercle B. Standard L. Westerlo Genk Lokeren St. Trond Waregem Gent Mechelen OH Leuven

4

3

BA CA FI GE MI NA PA RM TO VE NZ TT

57 5

20 24 46 11 14 30 48 77 16

15

14

14

14

62 1

4

38 42 81

5

32 59 83

Freq.19 Freq.18

16 17

17

30 73 90

Freq.19

16

78 4

Freq.19

16

16

15

17

16

7

17 25 67

15

15

16 15

15 15

21 56 17 33 71 16

16

15

15

15

14

14

15

14

2

14 18

14

3

14

14

14 14

6 53

14

14

16

16

16

15

15

15

14

12 76 30 40 55 22 51 64

Freq.20

16

15

15

15

14

14

14

14

14

Il sistema 14 numeri Ridotto a garanzia di 1 “4” con 4 numeri e 1 fissa 47 Combinazioni 34 € 17,00 Pronostico: 3, 4, 25, 27, 31, 33, 35, 37, 42, 47, 54, 55, 75, 86

3 25 3 25 27 3 4 3 33 3 25 3

25 27 4 33 31 4 31 25 47 33 27 4

31 33 27 35 33 35 33 27 54 37 31 37

33 42 31 37 42 42 35 37 55 42 47 47

47 47 47 47 47 47 47 47 75 47 54 54

86 55 54 54 54 54 55 55 86 55 55 55

7 31

13

13

53 59 81 1 12

11

11

9

12 36 13 9

9

8

I 10 numeri più frequenti NUMERO 38 FREQUENZA 14

62 21 30 48 66 83 22 76 87 13

12

12

12

12 12

11

11

11

16 numeri

16

16

16

6

24 46 88 38 42 43

Garanzia di due “7” con 10 numeri Combinazioni 16 - € 16,00

Freq.20

16 18

17

16

16

15 16

15 16

15 15

14 15

14 15

70 14 33 41 84 16 52 74 37 50

Freq.17

16

37 9

Freq.19

18

16

16

16

58 53 60 17

16

16

15

15

1

40 67 12 18

15

25 36 13 34 51 89

Freq.17

17

15

15

15

15

14

15

2

21 29 50

14

37 12 30 38 78 14

1

14

14

15

15

Freq.130 128 124 121

25 25 25 37 4 31 27 31 42 27 27 4

Il sistema

25 12 52

Freq.21

14

14

14

14

6

42 4

121 120 116 114 114 113

NELLA SESTINA 45 49 54 90 74 67 69 38 32 79 FREQUENZA 39 39 39 39 36 33 33 33 33 31

4 4 4 31 3 27 4 3 35 3 4 3

7 13

41 30 49 55 70 12 58 74 18 22

I 10 numeri più frequenti

I 10 numeri più in ritardo

8 29 18 15

14 37 38 79 22 62 78 10 31 36

Freq.16

SUPERENALOTTO NELLA SESTINA 10 82 17 49 31 42 51 50 20 87 RITARDO 45 43 42 41 41 37 35 33 30 28

NUMERO RITARDO

33 31 27 42 25 37 35 37 47 42 33 33

42 37 47 47 47 47 37 47 54 47 37 47

47 47 55 75 54 54 42 55 55 75 47 54

75 75 75 86 75 75 47 75 75 86 86 86

27 3 25 25 3 4 31 4 3 33

31 25 37 27 35 31 33 25 27 35

35 31 42 35 37 42 35 35 33 42

47 35 47 47 47 47 37 47 35 47

54 42 54 55 55 55 47 75 47 55

86 47 86 86 86 86 75 86 75 86

Pronostico: 3, 5, 12, 13, 14, 28, 29, 33, 54, 55, 56, 64, 65, 75, 80, 81 12

14

28

29

33

54

56

64

65

75

3

5

13

29

33

55

56

64

65

75

3

5

14

28

29

54

55

56

65

80

3

12

13

28

33

54

55

64

65

80

12

13

14

33

54

55

56

75

80

81

3

5

12

13

14

28

29

64

75

80

3

5

12

13

14

28

33

56

65

81

5

12

13

29

54

55

64

65

80

81

3

12

13

28

29

54

55

56

75

81

3

5

14

28

33

54

55

64

75

81

3

5

12

13

14

28

54

55

80

81

5

13

28

29

33

54

56

64

80

81

3

12

14

29

33

55

56

64

80

81

3

13

14

29

33

54

65

75

80

81

5

12

28

29

33

55

65

75

80

81

29

33

54

55

56

64

65

75

80

81


12 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

TOTOGUIDA SCOMMESSE SPAGNA Liga

Barça ad handicap Levante, ko in vista orna la Liga col solito leit-motiv del duello Real-Barça. L’impressione è che la formazione di Mourinho abbia complessivamente più fame di quella di Guardiola. Il Barcellona, infatti, pur non avendo mai perso ha lasciato per strada già diversi punti. Troppe gare pareggiate che con maggiore convinzione avrebbero potuto concludersi con la vittoria. Nel prossimo week-end i catalani potrebbero avere una buona occasione per accorciare le distanze. Se la vedranno, infatti, col Saragozza. I bookmakers quotano l’«1 con handicap» ben superiore ad una rete, segno che tutti si aspettano la goleada. Per il Real, invece, l’ostacolo è di ben altro livello. E’ di scena a Valencia, contro l’attuale terza forza della Liga. Oltre tutto, stiamo parlando di una formazione che in casa è imbattuta ed ha

fatto ben quattordici punti su diciotto. A noi sembra che il Real sia troppo in forma per correre il rischio della sconfitta, ma la gara non sarà facile. Si potrebbe puntare anche su un pareggio che comunque gli consentirebbe di rimanere da solo in testa. Momento difficile per il Levante che, dopo l’inizio scoppiettante, adesso è costretto in trincea. La trasferta a Madrid contro l’Atletico non è per niente facile. Intanto perché la squadra della capitale ha una classifica che va migliorata, poi perché in casa va piuttosto bene. Per il Levante potrebbe arrivare una nuova sconfitta.

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

T

(12ª GIORNATA) Betis - Malaga 0-0 PARTITE DAL 05-11 AL 06-11 Levante - Valencia 0-2 Maiorca - Siviglia 0-0 Ath. Bilbao - Barcellona 2-2 Espanyol - Villarreal 0-0 Getafe - Atl. Madrid 3-2 Granada - Santander 0-0 R. Madrid - Osasuna 7-1 Rayo Vallecano - R. Sociedad 4-0 Saragozza - Sp. Gijon 2-2

Il pronostico di TS Barcellona-Saragozza1/hcp Valencia-Real Madrid X Atl. Madrid-Levante 1 R. Sociedad-Espanyol 1 Sp. Gijon-Getafe Under

La possibile sorpresa Siviglia-Athletic Bilbao X

(13ª GIORNATA) Barcellona - Saragozza 19-11 Valencia - R. Madrid “ “ Villarreal - Betis “ “ Atl. Madrid - Levante 20-11 Granada - Maiorca “ “ Osasuna - Rayo Vallecano “ “ R. Sociedad - Espanyol “ “ Siviglia - Ath. Bilbao “ “ Sp. Gijon - Getafe “ “ Santander - Malaga 21-11

Classifica

PT G

R. MADRID BARCELLONA VALENCIA LEVANTE SIVIGLIA MALAGA ESPANYOL RAYO VALLECANO ATH. BILBAO OSASUNA ATL. MADRID BETIS VILLARREAL GETAFE MAIORCA SARAGOZZA SP. GIJON SANTANDER GRANADA R. SOCIEDAD

28 25 24 23 18 17 16 15 14 14 13 13 11 10 10 10 9 9 9 8

2-2 5-0 1-0 3-0 0-0 1-0 5-0 2-2

= ▲ ▲ ▲ = ▲ ▲ = .

2-0 1-1 2-2 0-0 0-3 0-3 2-0 0-0

▲ = = = ▼ ▼ ▲ = .

0-1 1-1 0-1 0-0 0-2 0-1 2-1 0-0

▼ = ▼ = ▼ ▼ ▲ = .

1-0 1-2 1-2 0-2 0-0 2-3 0-1 0-4

▲ ▼ ▼ ▼ = ▼ ▼ ▼ .

Ricardo “Kakà” festeggia un gol per il Real Madrid

BETIS MALAGA VILLARREAL R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON BARCELLONA

SARAGOZZA GETAFE LEVANTE R. MADRID RAYO VALLECANO ESPANYOL SANTANDER MALAGA VILLARREAL

VILLARREAL R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON BARCELLONA SIVIGLIA GRANADA

GETAFE LEVANTE R. MADRID RAYO VALLECANO SANTANDER BETIS MALAGA VILLARREAL R. SOCIEDAD

0-4 0-0 0-1 1-2 2-0 2-1 1-1 2-2

▼ = ▼ ▼ ▲ ▲ = = .

ESPANYOL BETIS MALAGA VILLARREAL R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON

IN CASA V N P

7 6 9 9 8 14 13 13 14 24 14 15 17 17 16 22 16 15 12 18

5 5 4 4 4 4 3 2 2 3 3 2 2 2 2 2 1 1 1 1

10 3-4 0-0 2-2 2-0 0-3 0-1 1-3 2-2

▼ = = ▲ ▼ ▼ ▼ = .

4-3 0-1 0-1 1-4 0-2 0-1 0-1 0-0

4 2 3 3 0 1 2 2 1 0 0 2 0 0 0 0 1 0 1 1

▼ ▼ ▼ ▼ ▼ ▼ =

▼ ▲ = = = ▼ ▼ =

BARCELLONA SIVIGLIA GRANADA MAIORCA ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE LEVANTE R. MADRID

SIVIGLIA GRANADA MAIORCA ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE LEVANTE R. MADRID RAYO VALLECANO

SIVIGLIA

OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON BARCELLONA SANTANDER GRANADA MAIORCA ATH. BILBAO

▼ ▲ ▲ ▲ ▼ =

10 ▼ ▲ ▼ = = = ▼ ▲ .

1 3 1 2 5 2 0 2 2 3 1 0 3 1 2 2 1 3 0 0

1 15 1 0 8 6 1 5 2 1 7 4 0 2 2 3 2 7 4 5 8 2 7 10 2 5 6 3 5 21 4 2 12 4 5 9 3 1 10 4 5 11 3 3 11 3 6 12 3 6 11 3 5 13 4 2 9 5 5 13

= ▼ ▲ = = ▲ ▲ ▲ .

REGOLAMENTO Le prime 4 in Champions League. La 5ª e la 6ª in Europa League insieme alla vincente della Coppa del Re di Spagna. Retrocedono le ultime 3. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto degli scontri diretti.

SANTANDER RAYO VALLECANO ESPANYOL BETIS MALAGA VILLARREAL R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA

28 0-0 6-2 4-0 4-1 4-0 3-0 1-0 7-1

▲ ▼ = = = ▼ ▲ ▼ .

RAYO VALLECANO ESPANYOL BETIS MALAGA VILLARREAL R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID

= ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲ .

13 LEVANTE 4-0 0-5 0-0 0-0 1-1 0-3 3-1 2-3

23 2-1 3-1 1-0 3-0 3-0 3-2 0-2 0-2

▲ ▲ ▲ ▲ ▲ ▲

= = = ▼ ▲ = ▲ ▼ .

LEVANTE R. MADRID SANTANDER ESPANYOL BETIS MALAGA VILLARREAL R. SOCIEDAD OSASUNA

.

1-2 2-6 1-1 0-1 2-0 2-0 0-2 4-0

= ▲ = ▲ = = ▼ = .

MALAGA VILLARREAL R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON BARCELLONA SIVIGLIA

= = = ▼ ▼ = ▲ = .

ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE LEVANTE R. MADRID RAYO VALLECANO ESPANYOL BETIS SANTANDER

▼ = ▼ ▲ ▲ ▼ ▲

14 0-1 1-1 2-1 3-1 1-1 3-0 1-1 2-2

▼ ▲ ▲ = ▲ = =

17 1-0 0-0 3-2 0-3 0-4 0-2 2-1 0-0

9 8 8 8 7 7 6 6 6 6 6 5 5 5 5 5 4 4 3 3

(6-3) (4-4) (3-5) (3-5) (4-3) (5-2) (3-3) (4-2) (2-4) (2-4) (2-4) (2-3) (3-2) (1-4) (3-2) (5-0) (2-2) (3-1) (1-2) (0-3)

«OVER» Barcellona R. Madrid Osasuna Saragozza Ath. Bilbao Atl. Madrid Malaga R. Sociedad Sp. Gijon Espanyol Getafe Levante Siviglia Villarreal Maiorca Santander Betis Rayo Vallecano Valencia Granada

8 8 7 7 6 6 6 6 6 5 5 5 5 5 4 4 3 3 3 2

(5-3) (5-3) (3-4) (3-4) (4-2) (3-3) (4-2) (2-4) (1-5) (2-3) (2-3) (3-2) (4-1) (3-2) (2-2) (0-4) (1-2) (2-1) (3-0) (0-2)

«GOAL» Ath. Bilbao Getafe Osasuna Sp. Gijon Maiorca R. Sociedad Saragozza Siviglia Valencia Espanyol Levante R. Madrid Rayo Vallecano Atl. Madrid Barcellona Betis Malaga Santander Villarreal Granada

9 6 6 6 5 5 5 5 5 4 4 4 4 3 3 3 3 3 3 2

(5-4) (3-3) (2-4) (2-4) (3-2) (2-3) (2-3) (4-1) (4-1) (1-3) (2-2) (4-0) (1-3) (2-1) (0-3) (1-2) (2-1) (1-2) (2-1) (1-1)

=

.

9 MALAGA 0-0 0-0 1-1 0-3 0-1 2-2 1-0 0-0

.

18 ATH. BILBAO 0-0 1-0 0-0 2-1 0-0 2-2 1-2 0-0

«UNDER» Granada Betis Rayo Vallecano Valencia Maiorca Santander Espanyol Getafe Levante Siviglia Villarreal Ath. Bilbao Atl. Madrid Malaga R. Sociedad Sp. Gijon Osasuna Saragozza Barcellona R. Madrid

▼ ▼

14 RAYO VALLECANO 15 0-0 1-1 2-2 1-3 3-0 2-2 2-0 1-7

SANTANDER R. MADRID SP. GIJON RAYO VALLECANO BARCELLONA ESPANYOL SIVIGLIA BETIS GRANADA MALAGA

RETI F S

24 R. MADRID 2-2 0-1 1-0 1-1 1-1 1-0 3-1 2-0

OSASUNA

16 ▼

FUORI N P

VALENCIA

SP. GIJON BARCELLONA SIVIGLIA GRANADA MAIORCA ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE LEVANTE

.

0-1 1-0 2-3 0-0 0-0 2-2 1-3 3-2

24 6 26 0 12 7 10 5 9 6 10 7 4 5 7 3 12 8 9 3 12 2 5 6 8 7 7 6 5 5 6 10 4 5 2 2 2 3 4 5

ATL. MADRID

.

1-0 1-3 0-4 1-0 1-0 1-0 1-2 0-0

0 0 0 1 1 1 1 2 1 0 0 2 1 1 2 2 3 1 2 2

V

10 0-2 2-1 2-2 1-1 1-1 1-2 0-5 0-0

0 1 2 0 1 0 1 1 3 2 3 1 2 3 2 2 2 3 3 2

RETI F S

13

.

9 GETAFE

SP. GIJON ATL. MADRID SANTANDER BARCELLONA SIVIGLIA GRANADA MAIORCA ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE

39 34 17 17 11 12 9 14 17 14 14 10 9 12 8 12 10 7 4 9

8 ESPANYOL

R. SOCIEDAD GRANADA MAIORCA ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE LEVANTE R. MADRID RAYO VALLECANO ESPANYOL

1 0 1 2 1 4 5 4 3 3 4 6 4 5 5 5 6 4 6 7

9 MAIORCA

GRANADA R. SOCIEDAD OSASUNA VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON BARCELLONA SIVIGLIA SANTANDER MAIORCA

1 4 3 2 6 2 1 3 5 5 4 1 5 4 4 4 3 6 3 2

11 BETIS

VILLARREAL MAIORCA ATH. BILBAO SARAGOZZA GETAFE LEVANTE R. MADRID RAYO VALLECANO ESPANYOL BETIS

9 7 7 7 4 5 5 4 3 3 3 4 2 2 2 2 2 1 2 2

RETI F S

25 SARAGOZZA

BARCELLONA VALENCIA ATL. MADRID SP. GIJON SANTANDER SIVIGLIA GRANADA MAIORCA ATH. BILBAO SARAGOZZA

11 11 11 11 11 11 11 11 11 11 11 11 11 11 11 11 11 11 11 11

PARTITE V N P

▲ = ▲ ▼ ▼ ▼ ▲ = .

«NO GOAL» Granada Atl. Madrid Barcellona Betis Malaga Santander Villarreal Espanyol Levante R. Madrid Rayo Vallecano Maiorca R. Sociedad Saragozza Siviglia Valencia Getafe Osasuna Sp. Gijon Ath. Bilbao

9 8 8 8 8 8 8 7 7 7 7 6 6 6 6 6 5 5 5 2

(5-4) (4-4) (6-2) (4-4) (3-5) (4-4) (3-5) (4-3) (3-4) (1-6) (4-3) (3-3) (3-3) (4-2) (2-4) (2-4) (3-2) (3-2) (4-1) (1-1)


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport 13

SPORT IL DUELLO IL CORSIVO

Facciamo la festa all’amico Reja

Bentornato, mister. Questa è sempre casa sua. Lo sappiamo noi e lo sa lei. Se il Napoli oggi è un albero dai frutti succosi il merito è anche di chi ha piantato i semi nel terreno brullo della C e della B e di chi ha fatto riannusare per primo il profumo d’Europa a questa città che se n’era scordato l’odore. Ecco perchè a Reja andrà stasera un altro grande applauso, come già accadde l’anno scorso. Quel fascio di fiori, raccolto sotto la curva nascondendo le lacrime di commozione a fatica, lo ricordiamo ancora: sotto la buccia ruvida di friulano tutto d’un pezzo mister Edy

ha un cuore d’oro. E un pezzettino di quel cuore l’ha lasciato qui, in questa città e in questo stadio. Niente retorica, niente storielline stereotipate, inutile aspettarsi favori in nome della vecchia amicizia. Ce la giochiamo alla pari, mister, ricordando ancora le emozioni da mille e un infarto dell’anno scorso al San Paolo, quando Cavani era Cavani e il cielo sempre più azzurro su Fuorigrotta. Ma ricordando anche la partita d’andata all’Olimpico, quando tutti i suoi ex ragazzi vennero ad abbracciarla, prima e dopo la lezione che la Lazio aveva dato agli azzurri. Mazzarri negli spogliatoi la guardava un po’

ingelosito per tanto affetto. Abbassò lo sguardo, nell’incrociare il rivale, WalterOne. Oggi - forse - se ne sarà fatto una ragione. Troppo forte il legame tra Reja e Napoli. Tra Reja e tutto quello staff che ha condiviso con lui gioie e dolori. L’altroieri nella sede del Napoli è arrivata anche una sua telefonata di saluti, dal vecchio mister. In sottofondo la sua risata finto-burbera, da uomo vero che vive col giusto distacco i problemi di classifica e di emergenza infortunati. «Come state? Tutto bene? Che dice il presidente? E Mazzarri?». Mai interrotto veramente il cordone ombelicale con i compagni d’avventura, giu-

sto così. Stasera ce lo ritroveremo di fronte. Lui alzerà gli occhi verso quegli spalti che furono i suoi e si commuoverà di nuovo. Scontato. Lacrime prima. Speriamo anche dopo. Perchè ci sono tutti gli ingredienti per far festa a Fuorigrotta. Anche a lei, mister, faremo festa. In senso stretto, omaggiandola per i suoi anni gloriosi su quella panchina. E durante e dopo la gara in senso lato. Non se ne avrà a male, Reja. Le vogliamo bene lo stesso. Fab.Pic

LA VIGILIA Il tecnico biancoceleste non piange per gli assenti e sogna l’impresa

Edy, è il derby del cuore Fabrizio Piccolo «Complimenti a Mazzarri. Il Napoli ha avuto un ciclo con me, De Laurentis e Marino; poi c’è stata una crescita con giocatori importanti che hanno fatto sì che questa squadra possa ambire a grandissimi risultati». Ecco, questo è Reja. Il Clint Eastwood di ieri che oggi sfida il suo passato. Senza rinnegarlo. Un galantuomo che si gioca tanto, stasera al San Paolo, ma che una parola negativa sul Napoli non la dirà mai. Chiaro che si augura di uscire a braccia alzate da Fuorigrotta, perchè come dice lui stesso è "un esame di laurea". Lassù Reja non ce l’ha trovata, la Lazio. Ce l’ha portata con la forza e la volontà. Tappandosi le orecchie quando i tifosi lo fischiavano e pensando solo al lavoro sul campo. Per raccoglierne poi i frutti. Non è nello stile di Reja fare piagnistei per cui anche le tante assenze non diventano un alibi. Non ci saranno Klose e Dias e Biava non èaltop.EppureEdydice:«Nonmi lamento, ho una rosa adeguata. Sappiamo bene che il campionato si decide da marzo. Ma le prossime 3 gare per noi sono esami molto importanti». Il forfait più pesante è quello di Klose: «Sappiamo che Klose non si può sostituire, ma abbiamo calciatori affidabili». E il suo pensiero va a Cisse, che sarà l’unica punta. «Deve giocare come sa. In trasferta è andato molto bene, mi basterebbe se ripetesse queste prestazioni. Non deve cercare il gol a tutti i costi. Forse è meno tranquillo rispetto all’inizio della stagione, quando segnava. Ma a me interessa che faccia i movimenti giusti». Nessuna paura, dunque: «Andiamo a Napoli per giocarci la nostra partita. Conta la testa, la volontà di dare il massimo. Scendiamo in campo con rispetto per l’avversario ma senza timore, perchè la gara è alla nostra portata. Anche l’anno scorso non meritavamo di perdere. In trasferta abbiamo avuto un rendi-

IL PROGRAMMA

Super-sabato con tre big-match NAPOLI - Questo il programma con gli arbitri, gli assistenti ed i quarti uomini delle gare della dodicesima giornata di serie A che si giocheranno tra oggi pomeriggio, stasera, domani mattina, domani pomeriggio e domani sera: OGGI, ORE 18 Inter-Cagliari : Damato di Barletta (De Pinto-Barbirati/Guida)

Due (e mezzo) gli anni alla Lazio di Reja, cinque quelli sulla panchina azzurra. Per il tecnico biancoceleste è un derby

«Klose insostituibile però giocheremo per vincere L’importante è la mentalità L’anno scorso meritavamo di più» mento ottimo, veniamo da 4 vittorie e vogliamo andare avanti così». Il Napoli è fermo da 3 settimane: «Ha avuto la possibilità di recuperare più energie rispetto a noi anche se qualcuno è reduce dagli impegni con le Nazionali. Non credo che Mazzarri risparmierà giocatori in vista della sfida di Champions. Vengono da un periodo di riposo, hanno le energie necessarie. Assieme alla Juve è la squadra più aggressiva. Non so per quanto possa tenere questi ritmi così alti: gioca con grande intensità e potrebbe concederci spazi. Dobbiamo approfittarne».

LE STATISTICHE

Maz cerca la vittoria n.100 in A La Lazio è imbattuta da 297’ NAPOLI - Napoli e Lazio sono 2 MAZ CERCA LA NUMERO 100 delle 4 squadre a non aver ancora Mazzarri è ad un passo dalla centesubito rigori a sfavore: le altre due sina vittoria in A della carriera. Le atsono Novara ed Udinese. L’ultimo tuali 99 sono state ottenute alla guiconcesso contro gli azzurri risale da di Reggina, Sampdoria e Napoli. IMBATTUTI - L’ulall’8 maggio 2011 timo gol subito dalin Lecce-Napoli la Lazio risale allo 2-1, realizzato da scorso 26 ottobre Corvia; da allora (1-1 col Catania). sono trascorse 12 L’autore del gol sigiornate di camcilianofuBergessio pionato. L’ultimo al 63’: da allora soassegnato a no trascorsi i ressfavore della Lazio è datato 3 aprile Marchetti: il portiere della Lazio è im tanti 27’ di quel match, più le intere 2011, realizzato proprio da Cavani in Napoli-Lazio partite vinte contro Cagliari (3-0), 4-3: da allora sono trascorse 17 Zurigo e Parma (doppio 1-0 giornate di campionato, che fanno casalingo, rispettivamente in Eurodella Lazio la squadra che da più pa League ed in campionato), per tempo non riceve un rigore contro. un totale di 297’ di inviolabilità.

OGGI, ORE 20.45 Fiorentina-Milan : Mazzoleni di Bergamo (Romagnoli Di Fiore/Banti) Napoli-Lazio : Rizzoli di Bologna (Maggiani-Nicoletti/Gervasoni) DOMANI, ORE 12.30 Bologna-Cesena : Celi di Campobasso (Passeri-Niccolai/Rocchi) DOMENICA, ORE 15 Catania-Chievo : Tagliavento di Terni (Iannello-Crispo/Gavillucci) Genoa-Novara : Giannoccaro di Lecce (Bianchi-Tonolini/Viti) Juventus-Palermo : Bergonzi di Genova (Di Liberatore-Padovan/Peruzzo) Parma-Udinese : Romeo di Verona (Faverani-Stefani/Irrati) Siena-Atalanta : Doveri di Roma 1 (Viazzi-Copelli/Tozzi) DOMANI, ORE 20.45 Roma-Lecce : Brighi di Cesena (Carrer-Galloni/Baratta)


14 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

SPORT LA VIGILIA Mazzarri chiude la porta per qualche ora alla Champions: l’obiettivo è risalire in campionato

LAZIO IN MY MIND Vietato parlare del City Tre punti per il riscatto Pasquale Tina NAPOLI - Il celeste che gli frulla in testa da giorni è soltanto quello della Lazio. L’altro - quel del City - è rimasto fuori la porta. Prego, ripassare stanotte. Ora non c’è posto. Perché la sfida contro Reja e la sua truppa non va sottovalutata. Il goriziano è lassù in vetta e si gode questa seconda giovinezza. Ha sogni tricolori e vuole espugnare quello che è stato il suo stadio. Walter Mazzarri risponde con la solita concretezza. Celeste Lazio all’orizzonte, l’altro è quasi vietato nominarlo. Il discorso vale anche per la squadra: «Penso proprio di sì. Siamo maturati sotto questo punto di vista». Tra l’altro, la posta in palio è davvero importante. Addirittura decisiva. Reja ha sette lunghezze di vantaggio (e una partita in più) e Mazzarri deve accorciare per evitare di compromettere il cammino in campionato. Un croce-

Il tecnico rifiuta l’etichetta di gara cruciale: «Non è ancora così Faremo un bilancio al termine di questo ciclo terribile»

via. O meglio un bivio. Ed è fondamentale prendere la giusta direzione. Altrimenti la strada si complica e diventa una salita ripida. Mazzarri - però - non ci casca e scaraventa via la pressione eccessiva: «Non sono d’accordo con questa analisi. Il campionato è ancora lungo. Anche lo scorso anno, dopo la sconfitta dell’Olimpico, avevamo diversi punti da recuperare e poi tutti sapete come è andata. Sarà una gara difficile e insidiosa, ma non certo decisiva. Concentriamoci unicamente sui nostri avversari». Il condottiero azzurro non si fida delle assenze altrui, Klose e Dias su tutti: «Ma sono forti lo stesso. Giocatori come Sculli e Rocchi possono metterci in difficoltà. E poi noi non abbiamo Britos dall’inizio del campionato. Tutti abbiamo degli infortunati e siamo abituati». Il Napoli recupera Gargano, ma il Mota dovrebbe partire dalla panchina. Dzemaili sarà confermato al fianco di Inler e l’uruguaiano subentrerà in corso d’opera. Mazzarri lo fa capire: «Devo fare delle valutazioni in mediana. Ho tre giocatori da alternare in queste quattro partite e devo evitare infortuni». Nessuna novità, invece, in attacco. Tridente delle meraviglie abile e arruolato. Hamsik è tirato a lucido: «Ha avuto modo di staccare la spina e ha ritrovato smalto e brillantezza». Gli altri

due no: «Li vedrò durante la partita, in questi giorni non ho avuto modo di allenarli: questo è il destino di chi è impegnato con le nazionali». Ma dovranno fare ancora la differenza. Il Napoli dipende dalle loro prodezze per cominciare nel migliore dei modi il ciclo terribile. Nove partite, sei al San Paolo: «È importante giocare davanti al nostro pubblico. Devono darci una grossa mano». Dopo aver salutato Reja, ovviamente. Mazzarri non si pone il problema di come sarà ricordato quando non ci sarà più: «Sinceramente sono al Napoli e non penso a queste cose. Ora sono concentrato sulla partita». Che non sarà decisiva. Il tour de force sì: «Capiremo finalmente a che punto siamo e potremmo stilare un bilancio dopo diciotto gare di campionato. A me naturalmente piacerebbe vincerle tutte». Ma adesso c’è la Lazio. E bisogna partire con il piede giusto.

Gargano recuperato ma non sarà titolare: «Ho tre mediani, devo alternarli bene nelle prossime 4 sfide per evitare infortuni nel momento-clou»


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport 15

SPORT I NUMERI Il club che contende al Napoli gli ottavi di Champions è un carrarmato

City, una media da paura IN EUROPA

Cristiano Ronaldo

In Spagna il Real Madrid ha tre punti in meno a parità di partite Più indietro il Barcellona Anche il Bayern perde nel confronto

La gioia del City: lo squadrone di Mancini è una macchina da guerra

Nicola Sellitti NAPOLI - Schiacciasassi. Macchina da guerra da successi e reti. Si avvicina per il Napoli la sfida del San Paolo contro il Manchester City. E in attesa di vedere i CitizenssbarcareaCapodichino,il tifo azzurro può annotare le cifre messe assieme dai campioni di Roberto Mancini nei primi tre mesi di Premier League. Trentuno punti in undici gare. L’unica squadra riuscita a fermare Silva e compagni è stato il Fulham a casa sua in settembre. La media punti è stratosferica: 2.82 per gara. Primato assoluto nelle prime quattro categorie del calcio inglese. Come rivela l’analisi di SportingIntelligence.com, il City precede gli odiati cugini del Manchester United che fanno registrare 2.36 punti per gara. A seguire c’è il Charlton (2.35) in League One, terza divisione. Sul terzo gradino ideale del podio ec-

CIFRE RECORD

Roberto Mancini

Con 2.82 punti per gara il Manchester ha il primato assoluto nelle prime 4 categorie del calcio inglese Precede in graduatoria lo United, il Charlton ed il Newcastle

co il Newcastle (Premier League) che festeggia così la cessione dei diritti di denominazione del St. James’s Park - ora Sport Direct Arena per la gioia della proprietà cheincassadiecimilionidisterline l’annodallosponsorelarabbiadei tifosi - con 2.27 di media. Nella top ten seguono Southampton (Championship, seconda divisione), Southend (League Two), Tottenham (Premier League), Crawley(LeagueTwo,quartadivisione), Huddersfield (League One) e il Chelsea di Villas Boas. La media punti dei Blues (2.0 per partita) consentirebbe al club di Abramovic di giocarsi la vetta in serie A mentre il City in Inghilterra conta già nove punti di vantaggio. MEDIA GOL SPAVENTOSA Non finisce qui. I Citizens dominano anche la graduatoria della media gol per gara (3.55). Trentanove reti, ventitré in sei gare lontano dall’Etihad Stadium. Numeri irreali, con i soli Red Devils di Fer-

Trentanove reti ventitrè in sei gare lontano da casa Dzeko è anche vicecapocannoniere in Premier League con 10 gol fatti guson a restare nei paraggi (28 reti), lontani di un punto netto percentuale (2.55). Anche la classifica cannonieri della Premier League certifica lo stato di grazia del City. Con il bosniaco Dzeko a quota dieci reti, uno in meno di Van Persie dell’Arsenal. El Kun Aguero segue con nove marcature. Completano il reparto offensivo Balotelli con cinque gol e Silva con quattro. Altro pericolo per il Napoli: la capacità dei calciatori di Mancini a fare gol da fuori area. Undici reti, altro record assoluto in Premier. Un jol-

ly a disposizione in ogni gara di campionato. Il cecchino è sempre Dzeko con tre reti, seguono Aguero e Adam Johnson a due, Barry, Balotelli, Millner e Silva con uno. TRA LE BIG D’EUROPA - E lo spessore della stagione sinora prodotta dai Citizens è dimostrato anchedalladiversaandaturarispetto alle altre big d’Europa nei rispettivi campionati nazionali. Il Real Madrid ha tre punti in meno e ugual numero di gare disputate nella Liga. Più indietro il Barcellona con 25 punti in undici gare. In Bundesliga il Bayern Monaco, capolista nel girone del City e del Napoli, fa corsa solitaria ma la media(28puntiin12gare)èlontana da quella dei Citizens. Così come per il Paris Saint Germain che profuma di petroldollari in Ligue 1. La creatura di Leonardo e dell’ex palermitano Pastore ha accumulato trenta punti, un punto meno del City con due gare disputate in più.

IN RETE

FACEBOOK NAPOLI Laprimatappadi avvicinamentoallagaracontro ilManchesterCity,martedì seraalSanPaolo,èamaraper itifosiazzurri.Sulquotidiano conservatoreinglese"The Guardian"c’èl’invitoaitifosi Citizensdinonindossarela magliadelclubingiroper Napoli,perilrischiodiessere aggrediti.«Gliinglesisono deglisfigati»diceSalvatore Comunesuunadellepagine Facebookpiùcliccatesu EdinsonCavani.«Stesseroa casaloro,sonoiprimia ubriacarsiperpoifaredanni» accusaSalvatore Calabrese.Antonio Nataleinvitaall’autocritica: «Lorohannoimparatodailoro errorieadessohannostadi sicuriconfamiglieebambini.E noi?Quandoimpariamo?».Il

Matadorèl’incuboricorrente deitifosidelManchesterCity, comescriveTheDailyMail. «Fannobene,perchémartedì seraCavaniglienefadue» pronosticaAntonioPerillo. GrèSimonePorzioè ironico:«NeppureaFootball Managerpossonoacquistare ElMatador».Efioccano commentianchesulle dichiarazionidell’uruguaiano cheaccoglierebbeabraccia apertel’eventualearrivodi Balotelliinmagliaazzurra. «Sarebbeunabellacoppia» rifletteTotòDeNegri. «BalotellieCavani,ildiavoloe l’acquasanta»commenta CarloTascione.Per GonzaloGilNavarro l’acquistodiSuperMarionon sarebbepositivoperilNapoli perché«nonèunabuona

FACEBOOK CITY persona,potrebbecrearesolo problemiallasquadra». AndreaMartinellièun grandesostenitoredell’ex interista:«Potreirisultaredi parteperchésonobresciano, interistaesimpatizzantedel CitymatrovocheBalotelli abbialecarteinregolaper diventarepiùfortedel Matador.Devecrescere comecalciatoreecome persona».Intantoiprincipali quotidianiuruguaianiscrivono dellapossibilecessionedel MatadoralCityagennaio.Per JorgeNavailclubdello sceiccoAlMansournonha bisognodiCavani:«Hanno giàquasi10attaccanti,non hannobisognodiunaltro». ni.se.

Dieciretiin583minuti.Una mediasimileaquelladiMessi eCristianoRonaldonellaLiga. ItifosidelNapolitemonoil genioelapotenzadiMario BalotellimaDzekoèlatassa delgolinmagliaCitizens.Reti dafuoriarea,ditesta,tocchi letaliinareadirigore.Un repertoriocompleto, presentatoinunaclipsul canaledigitaledelManchester City,CityTv.«Proviamoafar salireilcontodeisuoigol controilTottenhamquesto weekend»diceCaleb Marquissullapaginaufficiale Facebookdellasquadradi RobertoMancini.Per MarcusBalotelliHillla puntabosniaca"è decisamentepiùfortedi Rooney".Ilconnazionaledi Dzeko,AminHordasricorda

iprimiseimesibuiinInghilterra dell’exattaccantedel Wolfsburg,criticatodamedia etifosi:«Lascorsastagione tuttisostenevanocheDzeko fosseunpessimocalciatore, orapossonovederecomei bosniacigiocanoalcalcio. ForzaCity,forzaDzeko».Per MarkoDragutinovic«ci sonoalmenoventicalciatori nellaPremierpiùfortidilui».Per l’indianoSunnyBoxeador "sitrattadiunattaccante magnificochericordail brasilianoRivaldo".DaDzeko adAguero.Sullafinestra virtualeCitizensèpostatoun videodell’esordio dell’argentinoinInghilterra controloSwanseail17 agosto.Dueretieunassistin 30’.«Resterànellamia memoriapersempre»siesalta

SiDodman.«ElKun,il miglioredisempre»scrive VictorMunoz.PerRafi Better"sonostatiidieci minutipiùbellidellamiavita".E perBayuVansterKsriwijjaya "Agueroacquistasemprepiù confidenzaconicompagni, partitadopopartita".Per ImranSikderl’argentino«èil calciatorechepiùsiavvicina aglistandarddirendimentodi LeoMessi».VusiMathe sottolineacome«siastato rapidol’adattamentodi Agueroairitmi,alladifferente culturacalcisticainglese rispettoallaLiga.AlCityèun grandeattaccanteconalta mediagolperlasquadradi campionichegiocaperlui». ni.se.


16 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

SPORT LA STORIA De Laurentiis e Lotito divisi da campo e Palazzo

Aurelio e Claudio c’eravamo tanto amati Fabrizio Piccolo NAPOLI - In principio fu amicizia e stima. Un po’ perchè il presidente del Napoli non ha mai nascosto simpatie per la Lazio, la seconda squadra del cuore del figlio Edo e quella che seguiva quando la sua unica attività era il cinema e la Filmauro.Unpo’perchèquell’eccentrico latinista del patròn biancoceleste aveva idee parzialmente condivisibili, dallo stadio di proprietà alle modifiche sui contratti dei fuori-rosa.PoiperòtraDeLaurentiis e Lotito l’amicizia si è interrotta. Oggi i numeri uno di Napoli e Lazio lottano in campo - stasera al San Paolo - e fuori, nei Palazzi della Lega. Curiosa, la coincidenza. La prima vera forte lite tra i due, chiusasi addirittura in rissa in un noto ristorante milanese, risale a fine marzo. A pochi giorni proprio da quel pirotecnico 4-3 del Napoli sulla Lazio nella passata stagione. LA LITE A MILANO - Doveva essere una cena del consiglio di Lega organizzata nel clima ideale per trovare un accordo sui diritti tv ma si passò dai bacini (di utenza) ai

pugni. Diversità totale di vedute, tra De Laurentiis - in versione boxeur anche se lui non ha mai confermato - e Lotito che tentò di reagiremavennebloccatodaGalliani e sccessivamente "placcato" "arrestato" dal corpulento ad del Catania Lo Monaco. Poi la pace e la stretta di mano, prima della gara in campo dalle mille ed una emozioni. LA NUOVA ALLEANZA - I rapporti però sono sempre rimasti tesi e le ultime manovre sono la testimonianza dell’allontanamento tra i due. Un paio di settimane fa, negli uffici romani di De Laurentiis, ci fu un lungo colloquio tra il presidente azzurro ed i dirigenti della Roma Baldini e Fenucci. Obietti-

Tra i presidenti delle due società che si affrontano stasera al San Paolo c’è una spaccatura sulla governance futura in Lega

vo: fare fronte comune nel Palazzo su temi caldi, dai diritti tv alla governance futura della Lega. Parecheall’incontrocifosseroanche rappresentanti di Palermo, Udinese e Fiorentina. Nessuno delle tre big tradizionali nè della Lazio. Un’occasioneperrilanciareun’tavolo’ alternativo al trio Milan-Inter-Juve, mentre Lotito segue altre piste. Come sul presidente del ConiPetrucci,cheilpatrònbiancoceleste non ama per nulla (colpa anche del contenzioso sull’affitto dello stadio Olimpico), al contrario del collega azzurro. E come sull’attuale presidente di Lega, Maurizio Beretta (che nell’ambiente veniva scherzosamente chiamato "Dimmi Claudio", per il suo feelng con Lotito) che invece non convince De Laurentiis. Si saluterannocordialmente,questasera a Fuorigrotta. In campo però la storia cambia. La Lazio è prima e Lotito vorrebbe ritrovarla ancora lassù al 90’, il Napoli insegue e De Laurentiis vorrebbe rivevere le emozioni dell’anno scorso. A litigare, magari, ricominceranno dopo.

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis

Il presidente della Lazio, Claudio Lotito


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport 17

SPORT

Un presepe tradizionale in esposizione

Pulcinella con la bandiera azzurra. San Gennaro osserva

LA CITTÀ Viaggio nelle botteghe dei maestri pastorai, dove è forte la passione per il calcio

A nuje ce piace ’o presepio Gaetano Brunetti NAPOLI - Il "Sommo" Lucariello in "Natale in Casa Cupiello" avrebbe desiderato sentire dal suo Nennillo: «Sì papà, me piace ‘o presepio. Chillo overo però!». Già, perchéaNapolisirischiadiperdere il valore del presepe, quello vero, non il panorama imbrattato da statuine alla moda che richiamano personaggi del gossip che nulla hanno a che fare con la poesia e la storia dei Pastorai. A Via Antonio De Curtis c’è una piccola bottega, quella dei De Francesco , maestri pastorai da più generazioni. Loro difficilmente modellano statuine del Cavani di turno, ma il Napoli è la loro grande passione e si fonde con questo mestiere sotto molteplici aspetti: «Il presepio è una cosa seria, non è necessariofaremarketingperportare i pastori nel mondo. Ogni statuina ha una sua storia. Basti pensare che le prime due figure che vanno messe sono il pescatore e il cacciatorecomesegnodisostentamento dell’uomo; ecco possiamo fare un parallelo col Napoli, i tifosi

Come ti costruisco una statuina da presepio

La bottega della famiglia De Francesco, tutti sono all'opera

rappresentano il sostentamento di questasquadra»,spiegaconfierezza Salvatore De Francesco . Ancheloro, comunque, hanno omaggiato più volte il Napoli: «Qualche anno fa, ai tempi della Serie C, creai una carovana di Pulcinella-tifosi in viaggio sui ciucciarielli.AndavanoversolaSerieA e l’Europa; adesso sono finalmentearrivatiallameta»sostieneIvan,

«Ai tempi della C creai una carovana di Pulcinella-tifosi in viaggio sui ciucci verso l’Europa Sono finalmente arrivati alla meta»

studente ma già maestro pastoraio. Casa De Francesco è uno scrigno di passione nel cuore della vecchia Napoli. A dare colore ad ogni statuina è Melania , che ironicamente racconta: «Mio fratello ha modellato un ciuccio, il pezzo sarà esposto in una mostra a Verona! Il giorno dopo Napoli-Juve partirà per il Veneto con ... la vittoriaintasca».Ognunolavedea modo suo: «La passione è forte, su ogni vestito che cucio metto un po’ d’azzurro, è il colore delle nostre radici", ribadisce la signora Luisa , sarta e decoratrice. Il Napoli è il sogno di tutti, l’obiettivo comune è la vittoria: «Sarebbe bello passare il turno di Champions, son sicura che potremmo farcela, battiamo il City e non se ne parla più», confida un’ottimista Angela Viola , professoressa e maestra di arte presepiale. La maggior parte dei tifosi vuole però lo scudetto: «Facciamo un bel filotto in campionato battendo Lazio, Atalanta e Juventus; vincere aiuta a vincere», sostiene Luigi Vanni , cultore della tradizione pastorale napoletana. Non è dello stesso avviso Vincenzo Maz-

La bottega del maestro pastorario Ferrigno

La decoratrice «Su ogni vestito che cucio ai pastori metto sempre un po’ d’azzurro È il colore delle nostre radici» zocchi , titolare della Settecentesca Presepi: «Perché accontentarsi? Cominciamo a battere la Lazio ed il Manchester, poi passiamo all’Atalanta e alla Juve». Con un pizzico di filosofia il prof. Antonio Canone , scultore di professione, confida: «Il Napoli ha una colonna che non tutti possono permettersi. Quella sul presepe è spezzata e rappresenta l’inizio del Cristianesimo, il Matador che è "intero" raffigura l’inizio del "Cavanesimo". Sarà decisivo». E se il Napoli vince, questo Natale si presenterà come Iddio comanda, direbbe Eduardo: " Cu tutt’ ‘e sentimenti!".


18 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

SPORT

Dalla Serie A alla Lega Pro: il problema esoneri cresce sempre di più. A Gavorrano arriva Buso. Provenza, invece, rischia

Com’è difficile fare l’allenatore Matteo Brancati “E’ difficile ovunque questo mestiere”. Il buon Bruno Pesaola, ex calciatore e allenatore argentino naturalizzato italiano, già nel lontano 1969 ci aveva visto bene in una famosa intervista. Aveva capito tutto per quanto concerne questo faticoso lavoro,ovvero l’allenatore. Fare il tecnico non è facile, non basta solo mettere in campo 11 giocatori e dare indicazioni dalla panchina, dietro quelle indicazioni c’è tanto, ma tanto sacrificio. Oggi come oggi l’allenatore lo possiamo paragonare ad un genitore; si, avete capito bene. Durante la settimana i giocatori si ritrovano a parlare, scherzare, discutere animatamente con il tecnico, un po’ come un padre di famiglia che interloquisce con un figlio che chiede consigli. Ecco fare l’allenatore è diventato cosi importante. Capita , però in alcuni casi, che il mister, nome dato sin dai tempi delle scuole calcio, venga trattato in maniera non corretta. Si, stiamo parlando del problema esoneri, che negli ultimi anni è aumentato in maniera esponenziale dalla Serie A alla Seconda divisione, non contando le serie non professionistiche.Si è partiti ques-

L'AVVERSARIO

Franco Fabiano, allenatore dell'Arzanese

Il match casalingo contro il Catanzaro di Ciccio Cozza sarà giocato sul "Bisceglia" di Aversa. L’impianto "De Rosa" di Arzano non può infatti attualmente ospitare le gare interne della compagine partenopea In panchina siede l’artefice della promozione in Lega Pro

Guido Pagliuca, esonerato dal Gavorrano

ta estate con l’immediato esonero di Pioli dalla guida del Palermo, per poi continuare con Donadoni, sollevato dalla panchina del Cagliari, Bisoli del Bologna. Gasperini dell’Inter. Stiamo parlando di Serie A, in cui bastano 2-3 risultati negativi per mettere in discussione un tecnico che fino ad allora aveva

fatto benissimo. Esistono, poi, due presidenti, Maurizio Zamparini e Massimo Cellino, soprannominati "mangiallenatori", in virtù dei loro numerosissimi esoneri. A volte non basta far vedere un gioco spettacolare, perché il calcio è cosi: i presidenti, i tifosi, vogliono innanzituttoilrisultato,epoiilgioco.Per

informazioni chiedere al boemo Zdenek Zeman, ora al Pescara, in passato esonerato in parecchie occasioni per una serie di amare sconfitte. Amare perché la sua compagine giocava bene, ma perdeva anche quando il risultato di 1-0 ( ipotizziamo) poteva andare bene. In Lega Pro, nel campionato

di Seconda divisione, l’ultimo a pagare è stato l’allenatore del Gavorrano, Guido Pagliuca, esonerato dalla società toscana per gli ultimi risultati deludenti. Al suo posto è stato “chiamato” Renato Buso, ex allenatore della formazione Primavera della Fiorentina. A Campobasso, invece, rischia Nicola Provenza, appeso ad un filo. L’Italia, come ben sappiamo, è intransigente sotto il punto di vista degli obiettivi. Quando non arrivano una serie di vittorie la “colpa” è sempre dell’allenatore, il primo a pagare anche quando è il minor responsabile. Purtroppo non si tiene conto di scarso impegno dei calciatori, in alcune piazze, di problemi societari, di penalizzazioni che minano la tranquillità di tutto un ambiente. L’allenatore è una sorta di precario, mai sicuro del posto di lavoro che detiene, ma la cosa curiosa è, che quasi sempre, funge come parafulmine a tutte le situazione che riguardano la propria rosa. E allora, in bocca al lupo tecnici italiani e non, se dovesse arrivare l’ennesimo esonero della stagione, saprete già che la colpa non è tutta vostra. Ricordatevi che dalla A alle Lega Pro la solfa non cambia.

La squadra biancoceleste è passata dall’Eccellenza alla Lega Pro nel giro di tre stagioni

L’Arzanese al primo anno fra i professionisti Arzano è un piccolo centro abitato dacirca35milaanimechesorgeai confini con Napoli ed esattamente con il quartiere Secondigliano. Come altri paesi dell’ hinterland napoletanoArzanocomponeilfulcro del settore secondario partenopeo tanto da essere soprannominata la “Brianza del Sud”. Lo sport arzanese ha sempre fatto leva sulla pallavolo che fino al 2006 ha regalato tante soddisfazioni alla comunità cittadina. La prima squadra di volley era l’Original Marines Arzano che ha militato nel campionato di A1 nella stagione 2005/2006 e che aveva nel proprio team la regista e palleggiatrice Maurizia Cacciatori. Nella stagione successiva la squadra disputò il campionato di A2 ma dovette abbandonare l’olimpo della pallavolo professionistica perchè non sostenuta a doverefucostrettaacedereiltitolo a Milano. Da quando la pallavolo ha deciso di agire in pianta stabile solo sul settore giovanile, l’Arzane-

se Calcio 1924 può essere considerata la prima realà sportiva del territorio. Il sodalizio del presidente Umberto Serrao disputa quest’anno il campionato di Seconda Divisione in Lega Pro nello stesso girone del Catanzaro di Cozza dopo aver sempre disputato campionati dicaraturainferiorefral’Eccellenza e la serie D. Storica fu la promozione dall’Eccellenza al torneo interregionale della stagione sportiva 2009-2010 quando in panchina sedeva l’allenatore Ciccio Troise che riuscì a condurre i suoi solo al secondopostoinclassifica.Ipartenopei vennero comunque ripescati al termine della stagione e ammessi al torneodi serie D dove riuscirononell’impresadellaseconda promozioneconsecutivaconiltecnico Fabiano al timone. Nella scorsa stagione furono decisivi per vincere il campionato elementi del calibro di Carotenuto( vecchia conoscenza del beach soccer catanzarese), Montaperto, Manzo, Noviello e Imparato. Il primo Maggio

2011 l’Arzanese conquistò la promozione storica fra i professionisti. Nell’attuale stagione il presidente Serrao ha deciso di adottare una politica tesa al rilancio di alcuni giovani circondati però da elementi più maturi seppur non di elevata esperienza nei campionati professionistici. Il più “anziano” della squadra è Ciro Manzo che a 32 anni è punto di riferimento del team biancoceleste. La piccola curiosità è che il centrocampista napoletano ha incrociato il Catanzaro nel 1994 quando il suo nome figurava fra le linee dell’Albanova squadra poi scomparsa dal calcio professionistico. I difensori Imparato e Salvati, rispettivamente di 31 e 30 anni sono due dei perni della difesa che hanno collezionato in due già 3 reti nel campionato in corso. A proposito di gol da tenere sotto stretta osservazione è anche il centrocampista Salvatore Sandomenico che pur avendo solamente 21 anni è riuscito a mettersi in mostra siglando già tre

marcature quest’anno. Il bomber della squadra è l’ex Feldi beach soccer Catanzaro Pasquale Carotenuto che dopo aver vestito la maglia azzurra della Nazionale di calcio sulla spiaggia, si è proposto alle cronache del calcio professionistico ottenendo finora soddisfacenti risultati anche dal punto di vista personale. Sette gol per lui sono un ottimo bottino per un giocatore che è risorto all’età di 29 anni. L’Arzanese, una delle piacevoli sorprese di questo torneo,hafinoracollezionato21punti che la relegano al nono posto in classifica frutto di un buon attacco e una difesa che staziona al quarto posto della speciale classifica delle retroguardie più perforate. Nelle ultime uscite i biancocelesti napoletanihannocollezionatonelle ultime otto gare solamente sette punti frutto di una vittoria e sette pareggi.

Simone Nisticò


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport 19

SPORT L’attaccante e l’esterno sinistro sono due fra i giocatori più utilizzati dal tecnico Ciccio Cozza

Carboni-Squillace, proprio una bella intesa CATANZARO - Salvatore Carboni e Tommaso Squillace rispettivamente numero 11 e numero 3 del Catanzaro che sta regalando belle soddisfazioni ai tifosi giallorossi. I duenonsonosolostatiiprotagonisti del consueto incontro settimanale con la stampa, ma anche e soprattutto(parlandodicalciogiocato) prime donne anche della bella prestazione di mercoledì contro il Gavorrano. Nella gara contro i toscani proprio Carboni e Squillace hanno dimostrato di avere un particolare feeling e non è un caso che le azioni più pericolose costruite dal team di Ciccio Cozza partano spesso e volentieri da alcuni dialoghi e triangolazioni rapide e nello stretto fra i due. Il primo a prendere la parola all’interno della “tenda-stampa” del “Ceravolo” è statoSalvatoreCarboni.Itrepunti “scacciacrisi” sono finalmente arrivati, anche se magari parlare di crisi è stato un pò prematuro “ Se tutte le crisi sono queste ben vengano. Sicuramente ci mancava la vittoria, ci serviva come il pane per avere fiducia nei nostri mezzi, allenarci con serenità e dare morale alla squadra oltre a dimostrare a noi stessi che se siamo lì in alto non è un caso”. Carboni poi spen-

de due parole anche sulla singolare vicenda dei "goleador per caso", ovvero i difensori, che stanno sostituendo con dovizia le punte implicate in una vera e propria crisi d’astinenza. “Spero che non diventi un problema -rivela l’attaccante delle aquile. Credo che sia piùimportantevedervincereilCatanzaro. Sicuramente fa piacere segnare ma se segnano Mariotti o Accursisonoaltrettantocontento”. E’ un Carboni che non segna ,ma che prende tante botte durante le partite. “Si è vero – ammette sconsolato – Prendere tanti falli è importante in questa categoria perchè se battiamo bene i calci piazzati possiamo far gol e portare a casa la vittoria”. Già dalla prossima giornata il Catanzaro dovrà vedersela con un avversario rognoso come l’Arzanese. Poi sarà il turno di Paganese e Vigor Lamezia. Un trittico difficile da affrontare. “Si – conferma Carbonigià qualche settimana fa avevo detto che dopo le due trasferte di Campobasso e L’Aquila, la Vibonese, l’Isola Liri e il Gavorrano avremmo superato il periodo difficile. Ineffetti avevo sbagliato perché sono tutte partite difficilissime. Il campionato è livellato e dobbiamo

affrontare tutte le partite con la stessa foga agonistica della partita di mercoledì”. Proprio sulla prestazione contro i maremmani l’attaccante non ha dubbi: “abbiamo disputato una partita perfetta e dobbiamo continuare su questa linea, dare continuità ai risultati e

Squillace contrasta un avversario

non perdere”. Attenzione però perché Carboni potrebbe sentire il peso della diffida in cui è incorso dopol’ammonizionedimercoledì. “Io penso a far bene domenica. Purtroppo sono stato ammonito per un’ingenuità è vero. L’aver

spostato la palla mi ha causato questa diffida ma ragionare con il senno di poi non serve a nulla”. Dopo Carboni è il turno di Squillace che inizia analizzando la bella vittoria contro il Gavorrano. “Ci voleva proprio questa vittoria perché vincere fa sempre bene al morale, anche se noi non ci eravamo mai buttati giù perché sapevamo di aver disputato comunque delle ottime prestazioni pur giocando su campi difficili. Domenicaabbiamocondottounapartita perfetta concretizzando le azioni ben costruite e non subendo praticamente nulla. La difesa non ha avuto particolari apprensioni”. Una vittoria, quella contro il Gavorrano che comunque calza a pennello visto che qualcuno cominciava a dubitare della vera forza del gruppo. “Si – dichiara apertamente l’esterno calabrese – in queste ultime settimane abbiamo subito critiche ingiuste. Non abbiamo mai demeritato ma giocare sempreconsquadre chesichiudono non è facile. Troviamo più difficoltà nel costruire azioni con questo genere di squadre anche se a volte è stata anche la sfortuna a negarci qualcosa contro squadre votate alla difensiva”. Il numero

tre giallorosso, e ciò non è stato nascosto nemmeno dal tecnico Cozza,haperòbisognodiunavalida alternativa, qualcuno cioè che possa farlo rifiatare nei momenti di stanchezza. Mercoledì altra sostituzione per lui nei minuti finali del match che comunque non dovrebbe ledere più di tanto la fiduciadeltecniconeisuoiconfronti.A tal proposito Squillace con un tocco di diplomazia dichiara: “il mister più volte ci ha detto che in campo scende chi sta bene senza badare a turn over”. Squillace poi tornasull’impegnoconl’Arzanese. “Lorosonounasquadraabbastanza fisica. C’è qualche giocatore davanti con buone qualità. Sarà dura anche perché andiamo a giocare in casa loro, ma noi affrontiamo ogni impegno per vincere”. A chi gli chiede se comunque ha ancora intenzione di far gol direttamente dalla bandierina, lui con estrema sicurezza risponde: “ si, mi sono posto questo obiettivo. Io ci provo, se arriverà non sarà di certo un caso perché si è visto in alcune partite che ho calciato volutamente in porta”.

Simone Nisticò


20 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

SPORT Due assenze importanti per mister Costantino che deve rinunciare già a Sinicropi

Vigor, contro il Melfi assenti gli squalificati De Luca e Marchetti Matteo Brancati LAMEZIA TERME - Continua la preparazione della Vigor Lamezia in vista dell’importante incontro controilMelfi.Al“D’Ippolito”arriva il Melfi, avversario tutt’altro che abbordabile. La sfida arriva dopo la beffa subita a L’Aquila, in cui la compagine vigorina meritava ampiamente la vittoria. Ma niente drammi, ora la testa deve essere rivolta solo a domani. Contro i gialloverdi, mister Costantino avrà grossi problemi di formazione, in virtù delle squalifiche di De Luca e Marchetti, ammoniti mercoledi e costretti cosi allo stop forzato. Due perdite importanti per una squadra sfortunata sotto porta e che ha raccolto meno di quanto seminato, almeno in tre partite. Per la loro sostituzione, la rifinitura in programma questa mattina sarà utile per capire qualcosa in più. Out sempre il lungodegente Sinicropi, fermo dalla gara contro la Paganese per una distrazione muscolare alla coscia. Ancora incerti i tempi di recupero per un giocatore importante nella retoguardia vigorina.Da domani inizierà un trittico difficile per Mangiapane e compagni, che domenica prossima saranno impegnati nella difficile trasferta di Campobasso, prima dell’atteso derby del 4 dicembre contro il Catanzaro. Intanto, la società di Via Marconi, attraverso il sito ufficiale, comunica l’apertura della prevendita per il match di domenica pomeriggio. Di seguito il comunicato: «E’ iniziata la prevendita relativa alla gara "Vigor Lamezia - Melfi" in

Alessandro Erra, allenatore del Sambiase

Il Gizzeria vuole proseguire nel momento positivo anche contro il Real Savutano

Intanto il sodalizio biancoverde ha comunicato i punti vendita per l’acquisto dei tagliandi per la gara di domani programma domenica 20 novembre prossimo alle ore 14.30 presso lo Stadio Guido D’Ippolito di Lamezia Terme. I biglietti per assistere all’incontro, in vendita per mezzo del circuito Bookingshow, possono essere acquistati presso le rivendite abituali che sono: Bar Tabacchi Corapi Massimiliano in via G. Marconi (adiacente allo Stadio D’Ippolito) e Bar Tabacchi

‘‘

Torcasio Michele in via Del Progresso (di fronte concessionaria Peugeot). I botteghini dello Stadio sarannoapertiilgiornodell’incontro dalle ore 9.30. Si ricorda di munirsi con largo anticipo del biglietto al fine di evitare lunghe code ai botteghini a ridosso dell’inizio della gara e di recarsi allo Stadio muniti di un documento di identità valido da esibire sia al momento dell’acquisto del tagliando che all’ingresso a richiesta del personale addetto ai varchi di accesso». Oltre alla prima squadra, sarà un week-end impegnativo anche per il settore giovanile della Vigor Lamezia. Nuovamente fuori casa la Berretti guidata da mister Antonio Gatto. I Lametini dopo il brutto stop subito in casa del Milazzo cercheranno l’immediato riscatto in casa dell’Ebolitana. L’incontro

avrà luogo oggi pomeriggio con inizio alle ore 14:30 presso lo stadio comunale “Dirceu” di Eboli. Allievi e Giovanissimi Nazionali saranno invece di scena domenica, nel pomeriggio i primi, in mattinata i secondi. I ragazzi di mister Saladino dopo la sfortunata e immeritata sconfitta rimediata contro la Paganese si ritroveranno di fronte la terza forza del campionato il Sorrento. Al Rocco alle ore 15 incontro quindi da non perdere. Sempre al Rocco Riga ma alle ore 11 altro derby calabrese per i Giovanissimi. Domenica scorsa i biancoverdi avevano avuto la meglio sulla Vibonese ora invece cercheranno continuità di risultati contro la Reggina. Impresa non facile, gli amaranto al secondo posto in graduatoria, sono tra le formazioni più quotate del girone.

Prosegue la corsa del Gizzeria Calcio, dopo la brillante vittoria conquistata ad Accaria, verso il vertice della classifica nel campionato di terza categoria. La formazione abilmente guidata da mister Buccinnà con i tre punti conquistati lontano dalle mura amiche ha mostrato contro un avversario valido solidità, maturità e compattezza. E’ solare che con tali caratteristiche l’undici del team della pantera nera, ha la possibilità di recitare un ruolo da protagonista nel raggruppamento. In piena zona playoff contro il Real Savutano, il team del presidente Gennaro Caterina ha l’occasione di poter agganciare la vetta della classifica guidata dalla Terina. La sfida contro i lametini sembra essere il primo vero banco di prova per il Gizzeria Calcio chiamato ad una prova di carattere sul campo amico contro una delle formazioni destinate ad effettuare l’ambito salto di categoria. L’atteso match di domenica prossima oppone una delle migliori difese del campionato, ci si attende, dunque, un match interessantissimo. Fernando G. Isabella

Il Sambiase prepara la sfida con la Nissa con una ritrovata tranquillità Vanessa Paola Dopo i ben quattro punti conquistati negli ultimi due incontri il Sambiase è atteso da un’altra trasferta oltre lo Stretto. I giallorossi si recheranno a Caltanissetta in casa della Nissa. La formazione siciliana è dietro il Club delle Due Torri in graduatoria. Pertanto, un incontro, scontro diretto in chiave salvezza, alquanto delicato. «Loro – afferma il tecnico Alessando Erra – sono una squadra abbastanza vivace, aventi in organico tanti giovani di qualità. Hanno quattro punti in meno di noi e questa parti-

tapotrebberappresentareper loro l’ultima spiaggia per accorciare la classifica. Dobbiamo evitare che questo avvenga. Dobbiamo cercare di tenerli a distanza». Una sfida quella contro la Nissa a cui il Sambiase arriva senza dubbio con maggiore tranquillità ed entusiasmo rispetto a qualche settimana fa. «Affronteremo questa partita – spiega il trainer giallorosso – con spirito battagliero, spirito fiducioso soprattutto in virtù degli ultimi due risultati positivi. Vi è all’interno del gruppo una certa armonia, ma anche la consapevolezza che bisogna fare diversi risultati positivi per potersi tirare fuori dal-

le zone calde. Quello che abbiamo fatto fino ad ora non è sufficiente. Dobbiamodarecontinuitàaquanto di buono abbiamo raccolto negli ultimi due incontri, soprattutto domenica in quanto si tratta di uno scontro diretto». Non sarà, di certo,unapartitafacile,neèconvito Erra. «La Nissa è una squadra dotata di giovani di qualità, molto vivace, che cerca sempre di giocare. Sicuramente il fatto di essere una formazione molto giovane è sia un punto di forza che un punto debole, in quanto spesso peccano di inesperienza».Un incontroquindidanonsottovalutare per Morelli e compagni.


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport 21

SPORT I giallorossi sono ancora rabbiosi per la sfortunata trasferta molisana

Planet Catanzaro riprendere la corsa dopo Venafro La Volo Virtus cerca la vittoria contro il Trapani per continuare a sognare

L'organico completo della Planet Basket Catanzaro

CATANZARO - Una settimana particolare in cui la Planet Catanzaro ha archiviato la sconfitta contro Venafro che ha lasciato l’amaro in bocca perché sfuggita dimanoproprionegliistantifinali. Inevitabili i rimandi a domenica scorsa come conferma coach Tunno «La partita di domenica lascia l’amaro in bocca perché è stata decisa da episodi non fortunati, nel finale una palla in mano a Cattani avrebbe potuto cambiare tutto ma alla fine non è andata così. Lo sport però è fatto anche di questo io sono contento della prestazione dei miei ragazzi e ho il massimo rispetto per gli avversari mi dispiace solo per qualche scelta arbitrale che non ho condiviso. Voglio però

Un momento del match di Busnago

adesso guardare avanti perché a Catanzaro arriva la Magic Team Benevento un’altra squadra forte che ci supera in classifica di soli due punti. Benevento ha molti giocatori di categoria superiore e vorrà venire qui per vincere. Io però penso che se giochiamo co-

«La vicinanza dei tifosi ci carica spero che domenica insieme possiamo ottenere la vittoria con un avversario difficile da battere»

‘‘

me domenica senza lasciare troppo spazio agli avversari possiamo vincere che a questo punto diventa un obiettivo primario. Abbiamo dimostrato di poter mettere in discussione qualsiasi avversario specie tra lemura amichesono quindi fiducioso e sicuro dei miei ragazzi». Non nasconde la determinazione coach Tunno che aspetta domenica per un pronto riscatto. Intanto negli spogliatoi l’aria è serena e si tasta con mano la voglia di Cattani e compagni di tornare alla vittoria. «Domenica in casa scendiamo in campo con molta caricacommenta Antonino Pate- io invito il pubblico a seguirci perché l’appoggio della gente è per noi importante e non solo invitiamo il

pubblico durante le partite ma anche negli allenamenti settimanali in cui ci piacerebbe che in tanti venissero a vedere come e quanto lavoriamo. La vicinanza dei tifosi ci carica e spero che domenica insieme possiamo arrivare alla vittoria contro un avversario non facile da superare». Sei vittorie e una sola sconfitta per la Magic team di Benevento che nel suo roaster include Novatti tra i migliori realizzatori del girone e Alessio Paci noto per i suoi assist che mandano agevolmente i compagnia canestro. Per il Catanzaro si fa spazio Saccardo nelle statistiche che valutano i migliori giocatori del girone.

Vittoria importante quella di sabato scorso per la Volo Virtus contro la Mondo Giovane Messina. La formazione guidata da Ninì Colloca non solo ha dimostrato di riuscire a competere con squadre dal valore superiore a quella lametina, ma anche saputo riscattare immediatamente il black out della trasferta di Ragusa.Praticamente perfetti in tutti i fondamenti i biancorossi hanno regalato spettacolo ad un pubblico tornato numeroso al Pala Sparti. Tante le emozioni offerte ai tifosi soprattutto da Antonio Ferraro. Il pallavolista sta ritrovando lo smalto dell’attaccante – ricevitore dopo le vari stagioni disputate nel ruolo di libero a Vibo Valentia. Oggi pomeriggio i Lametini saranno impegnati nell’ostica trasferta in casa dell’Eclisseocchiali Trapani. I Siciliani aventi come obiettivo un campionato di vertice si ritrovano quinti ad un solo punto di distanza dai biancorossi. Una vittoria per la Volo Virtus potrebbe davvero essere l’inizio di un campionato diverso, non solo orientato al raggiungimento della salvezza. Vanessa Paola

L’Assitur Soverato si prepara alla prossima gara al “Palascoppa” SOVERATO - L’Assitur Corriere Espresso Soverato, dopo la sconfitta di Busnago rimediata nell’ ultimo turno di campionato, si prepara ad affrontare al Pala Scoppa la neopromossa compagine del Terre Verdiane Fontanellato. La squadra di coach Botti si trova a sette punti in classifica e si sta ben comportando in questa parte inizialedicampionato;èreducedalla vittoria casalinga contro il Mercato San Severino per tre set a uno, ed arriva in Calabria per giocarsi la sua partita. Si tratta di una squadrachenonvaassolutamente sottovalutata,comestàpiùvolteribadendo coach Marco Breviglieri

durante questa settimana. Nonostante si tratti di una neopromossa, il Terre Verdiane Fontanellato dispone di giocatrice che conoscono bene la categoria, coma la Do Carmo, la centrale Sestini e la schiacciatrice Costanza Manfredini.Unimpegnodaprendereconla dovuta concentrazione, dunque, per le cavallucce marine che hanno, come ribadito più volte, la necessità di scrollarsi da dosso questo periodo negativo e per far ciò la migliore medicina è la vittoria che ancora non è arrivata in questa stagione. Intanto, dopo i fatti incresciosi di Busnago, con icori poco ospitali che si ascoltavano

sulle tribune del palasport lombardo durante la gara, è giunta la risposta del presidente della società brianzola, il quale ha affermato, dopo un confronto che si è avuto tra lo staff dirigenziale del Busnago e lo staff tecnico che nulla è successo, quindi che nessun coro sia partito durante il match; purtroppo questo non è vero, perché la società del presidente Matozzo possiede un video con tanto di audio dove si sentono proprio i cori “ benvenuti in Italia “, rivolto alle nostre ragazze.

M.S.S.


www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it | www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

22 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 68/1989, con ordinanza emessa all'udienza del 06.10.2011, (prima utile a seguito del rinvio d'ufficio dell'udienza del 28.09.2011), ha disposto la vendita con incanto del lotto unico nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per il 18.01.2012; lotto unico - "appartamento sito in Lamezia Terme, Via S. Miceli, piano 1, interno 2, scala B, esteso per mq. 103, riportato in catasto alla partita 10767, foglio di mappa 24, particella 1039, sub 9, categoria A/3; classe 3; vani 4,5"; prezzo base d'asta euro 61.587,75; SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO - essa deve aver luogo al prezzo base, di euro 61.587,75 per il lotto unico; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d'asta; - ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; - le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art.

Sabato 19 novembre 2011

581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; - a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; - è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 17.01.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - è fissata, per il giorno 18.01.2012, ore 09.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 14 novembre 2011 Il funzionario giudiziario Leonilda Bonaddio

il Domani °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 114/1996, con ordinanza emessa all'udienza del 06.10.2011, (prima utile a seguito del rinvio d'ufficio dell'udienza del 28.09.2011) ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 18.01.2012; lotto 1 - "terreno di mq 27 sito in Lamezia Terme, alla via Indipendenza, censito nel catasto terreni alla partita 9234, fg. n. 20, p.lla 331", prezzo base d'asta euro 393,75; lotto 2 - "quota pari a 1/5 della proprietà di un terreno agricolo esteso per 2590 mq., riportato nel relativo catasto alla partita 19257, fg. n. 45, p.lla 164, qualità vigneto, e p.lla 258, qualità uliveto", prezzo base d'asta euro 1.165,50; lotto 3 - "appartamento rustico di circa 104 mq., sito in Lamezia Terme, località Scinà, n. 176, censito nel catasto urbano alla partita 1008226, fg. n. 34, p.lla 441, sub 12, in corso di costruzione", prezzo base d'asta euro 8.690,62 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO - essa deve aver luogo al prezzo base di euro 393,75 per il lotto n. 1, di euro 1.165,50 per il lotto n. 2 e di euro 8.690,62 per il lotto n. 3; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d'asta; - ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; - le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione

| AsteInfoappalti all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; - a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; - è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 17.01.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - è fissata, per il giorno 18.01.2012, ore 09.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria Il Sole 24 Ore - Info 0961.023922


www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it | www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

23 del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 14 novenbre 2011 Il funzionario giudiziario Leonilda Bonaddio °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART. 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO CHE Che il Giudice dell'Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n°98/93 R.G.E. con ordinanza emessa all'udienza del 12.10.2011, ha disposto la vendita con incanto del lotto primo nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l'udienza del 18.01.2012 PRIMO LOTTO: Porzione del fabbricato in Nocera Ternese, alla via Canale, costituita dal locale sito al piano seminterrato, adibito ad autorimessa, avente una superficie di mq. 292,50 circa ed un'altezza di mq. 2,2 é individuato in NCEU alla partita 2251, foglio 26 p 357, subalterno 7, categoria C/6, classe I, consistenza 290, rendita £. 435.000; l'immobile non è conforme alla vigente normativa urbanistica e la relativa domanda di sanatoria è stata presentata in data 1.3.l995 con versamento di tutte le oblazioni; Prezzo base d'asta euro 14.492,46 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: VENDITA CON INCANTO - essa deve aver luogo al prezzo base di euro 14.492,46 per il lotto primo; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo posto a base d'asta; - ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; - le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'in-

Sabato 19 novembre 2011

canto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; - a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte si fanno a norma dell'art. 571 e, prima di procedere alla gara di cui all'art. 573, il Cancelliere da pubblico avviso dell'offerta più alta a norma dell'art. 570 c.p.c.; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; - è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 17.01.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - è fissata, per il giorno 18.01.2012, ore 09.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 14.11.2011 Il funzionario giudiziario Leonilda Bonaddio °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART 569 COMMA 3 CPC

il Domani SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 28/2002, con ordinanza emessa all'udienza del 06.10.2011, (prima utile a seguito del rinvio d'ufficio dell'udienza del 28.09.2011), ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per il 18.01.2012; lotto uno - "quota pari a 1/3 di un magazzino destinato a deposito sito in Lamezia Terme, località Maruca, riportato nel NCEU del detto comune, sezione Sant'Eufemia, al foglio 4, p.lle 425 sub 10, cat. C/2, classe 2, della superficie di mq. 10"; prezzo base euro 843,85; lotto due - "quota pari a 1/3 di un magazzino destinato a deposito sito in Lamezia Terme, località Maruca, riportato nel NCEU del detto comune, sezione Sant'Eufemia, al foglio 4, p.lle 425 sub 11, cat. C/2, classe 2, della superficie di mq. 35"; prezzo base euro 2.953,33; SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI VENDITA CON INCANTO - essa deve aver luogo al prezzo base di euro 843,85 per il lotto n. 1 e di euro 2.953,33 per il lotto n. 2; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d'asta; - ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; - le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazio-

| AsteInfoappalti ne provvisoria; - a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; - è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 17.01.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - è fissata, per il giorno 18.01.2012, ore 09.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 14.11.2011 Il funzionario giudiziario Leonilda Bonaddio

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria Il Sole 24 Ore - Info 0961.023922


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport 25

DALL'ITALIA E DAL MONDO Il premier ci casca. Beccato con un "pizzino" di E. Letta. È giallo Inciucio o semplice invito a collaborare? Quello di ieri "pizzicato" tra le dita di Monti era un biglietto a firma di Enrico (Letta, ndr), che per qualche momento ha fatto pensare a una trama sommersa. «Mario quando vuoi dimmi forme e modi con cui posso esserti utile dall’esterno. Sia ufficialmente (Bersani mi

chiede per es. di interagire sulla questione dei vice) sia riservatamente. Per ora mi sembra tutto un miracolo! E allora i miracoli esistono.Enrico»,cosìrecitavail pizzino, fotografato da un reporter a Montecitorio. Dai sospetti, però, si è passati subito alle minimizzazioni.CihapensatoBersani a gettare acqua sul fuoco:

non facciamone un caso. Gli ha fatto eco Vannino Chiti: «Dove sta lo scandalo? Non inventiamo polemiche quando non ce n’èbisogno.Abbiamobisognodi una fase senza polemiche o almeno di polemiche giuste». A.C

Montecitorio dà la fiducia al nuovo governo. Solo 61 i no: i leghisti più la Mussolini e Scilipoti

La Camera dice 556 sì a Monti

Cesare Giraldi ROMA - Chiamatelo il Professore, non il presidente. Questo ha detto ironicamente il nuovo premier italiano. L’era Monti inizia con il migliore degli auguri, quello che è stato sancito dalle Camere. Ieri il suo governo ha incassato anche la fiducia di Montecitorio: 556 voti favorevoli e 61 contrari, dopo aver ottenuto ieri l’altro quella larghissima del Senato con 281 sì. I 61 voti contrari alla fiducia al governo Monti sono dei 59 deputati leghisti più Domenico Scilipoti e Alessandra Mussolini. Il prossimo Consiglio dei ministri si terrà lunedì a mezzogiorno. All’ordine del giorno dovrebbe esserci il decreto su Roma Capitale. Il Professore ha spiegato che quel-

«Misure e sacrifici saranno in un pacchetto - ha detto il premier - ma gli sforzi saranno chiesti a chi finora ha dato meno» la ottenuta dal Parlamento è una fiducia «molto, molto ampia ma che era attesa». Per quanto riguardailprogrammadelgoverno,«misure e sacrifici saranno in un pacchetto - ha detto il premier - ma gli sforzi saranno chiesti a chi finora ha dato meno». Monti ha poi comunicato che incontrerà il duo Merkel-Sarkozy a Strasburgo do-

ve «daremo contributo permanente alla soluzione dei problemi dell’euro». Il Professore ha auspicato l’inizio «di un clima nuovo per quanto riguarda il modo di parlarsi, il dialogo tra le forze politiche». Lo spirito del governo, ha aggiunto, non sarà da «manipolo di tecnici che vogliono dimostrare superiorità rispetto a politici ma ci accingiamo a questa opera con molta umilità e consapevoli che nulla faremo senza la fiducia del Parlamento». Monti ha spiegato che «se riusciamo a lavorare in un clima più pacato aiutiamo il Paese per le riforme incisive e strutturali ma anche le forze politiche ad averemaggiorecredibilitàerispetto. Sono a disagio da cittadino quando vedo la crescente distanza e la decrescente considerazione dell’opinione pubblica verso la classe politica, è ingiustificato». Prima di ottenere la fiducia, in Aula, il Professore ha ringraziato Berlusconi per il senso di responsabilità istituzionale e per il suo contributo a rendere semplice la successione a Palazzo Chigi e ha salutato Gianni Letta seduto in uno dei palchi. «Non c’è nessuna contraddizione tra quanto già deciso sul federalismo e l’avere istituito un dicastero per la Coesione nazionale che è un valore che interessa tutti», ha detto il premier, scongiurando le critiche leghiste. Poi ha scherzato citando Spadoli-

BREVI Ruba l’oro, arrestato marocchino a Fano

Vendesi patente, scoperta la truffa dei camionisti

I carabinieri di Fano hanno identificato e denunciato E.R.Y, 23 anni, marocchino già noto alle forze di polizia, perunarapinacompiutaieriin unnegozioperlacompravendita di oro e preziosi. Il giovane, che è riuscito a far perdere le proprie tracce, è accusato di essere entrato nelnegozioavoltoscopertoe armato di taglierino, di aver minacciato la titolare e di essersi fatto consegnare 800 euro per poi fuggire a piedi. Subito dopo il fatto, la vittima una cinquantenne del posto ha avvisato il 112. Alla donna sono state mostrate le foto di alcuni pregiudicati, tra i quali hariconosciutoilmarocchino.

Patenti facili per diventare camionisti, pagando per superare esami tenuti da funzionari compiacenti. È quanto ha scoperto la polizia stradale di Torino, che ha arrestato sei persone: tre ingegneri della Motorizzazione civile, due titolari di autoscuole e un istruttore. L’ ipotesi di reato è associazioneperdelinquerefinalizzata alla corruzione e al falso materiale e ideologico in atto pubblico.Dodicipersoneche avevano ottenuto la patente pagando per superare gli esami sono state denunciate. Le indagini erano partite a dicembre 2010 dopo un serviziodelTgsatirico"Strisciala notizia". Secondo quanto ac-

L’accusa, per lui, è di rapina aggravata. Le ricerche dell’uomodapartedeicarabinieri, coordinati dal capitano Cosimo Giovanni Petese, sono ancora in corso, come pure diverse perquisizioni e controlli su pregiudicati stranieri sia a Fano, nelle zone del Pincio e della stazione ferroviaria, che in alcuni comuni vicini.

certato dagli investigatori, coordinati dal pubblico ministeroAndreaPadalino,lepersone che intendevano prendere la patente C o CE senza essere preparati, avrebbero pagato più del dovuto (fino a 2.000 euro anzichè 900) alle autoscuole, che a loro volta avrebbero contattato i funzionari della motorizzazione di Torino.

ni: «I presidenti passano i professori restano - aggiungendo - vi prego se possibile di non usare più la metafora di "staccare la spina" in riferimento a questo governo altrimenti penseremo di essere un rasoio o un polmone artificiale». Prima di recarsi a Montecitorio Monti ha avuto il suo primo incontro con Papa Benedetto XVI a Fiumicino dove il premier lo ha raggiunto per un breve colloquio pri-

ma del viaggio papalein Benin. Fiducioso Silvio Berlusconi. Dal suo scranno alla Camera ascolta interessato. Poi commenta: «Monti è partito bene». L’ex premier ha anchedichiaratodinonavermaidetto «staccherò la spina, anche con riferimento a questo Governo. È unainvenzionegiornalistica».Sulle parole di Monti dedicate a lui e a Letta, Berlusconi dice: «Ce le meritiamo».

Fronte comune Pdl-Pd. La Lega dice no ROMA - Lunga la sfilza delle dichiarazioni di voto anche ieri alla Camera.Ma,infondo,senzaparticolari sorprese. Gli equilibri delle forze politiche sono stati simili a quelli registrati il giorno precedente al Senato. Dal Pdl è arrivato un augurio al governo ma senza un avvertimento sulla patrimoniale: «La fiducia sarà convinta - ha detto Angelino Alfano nel suo intervento - sebbene questo esecutivo abbia il peccato originale che affligge qualunque governo non siaespressionedirettavotopopolare. Questo - ha aggiunto - è un sacrificio sul piano dei principi ma è un atto di responsabilità prima di tutto per Silvio Berlusconi" che ha compiuto "un atto d’amore" verso l’Italia "nel momento più difficile. Non ci sarà nessuna opposizione a rivedere l’imposta sull’Ici - ha aggiunto - ma resta la contrarietà ad una patrimoniale. Noi non siamo e mai saremo il partito della recessione». Dal Pd, invece, unafiduciaincondizionata:«Noi-ha detto Bersani - non cercheremo mai di dettarvi i compiti e neanche ci aspettiamo che voi facciate su tutto, quelchefaremmonoi.Visosterremo lealmente e lo faremo però con l’orgoglio delle nostre idee con la bussola delle nostre idee». Anche Futuro e libertàsièschieratacompattaafavore del governo: «Oggi le garantiamo il sostegno convinto e costruttivo - ha spiegato Italo Bocchino -. Il problema è che mentre la ricchezza degli

La Camera dei Deputati

italiana in dieci anni è raddoppiata, non s’è equamente distribuita. Lei si troverà davanti a riforme difficili, sappia che non troverà la maggioranza quasi bulgara di ieri al Senato e che ci sarà oggi alla Camera. Ma la nostra ci sarà sempre, perchè vogliamounpaesediverso».Unmessaggio di riappacificazione è giunto anche dall’Udc: «Siamo chiamati a ricucirel’Italiadopoincomprensioni e risse - ha detto Pierferdinando Casini -, si volta pagina nel nome dell’Italia e degli italiani. Questa pagina l’ha svolta il Parlamento che riassume la volontà del popolo». L’Idv è stata più sul chi va là. Il suo leader Antonio Di Pietro ha sottolineato: «Una fiducia che non sarà al buio perché prima vogliamo sapere quale sarà il vostro programma che ancora non conosciamo. Il ministro per lo Sviluppo economico come si comporteràinconcreto?Cosacifarà con quei quattro soldi che avrà a disposizione: il ponte di Messina o la difesa del territorio che affonda con le piogge? Ma soprattutto le farà pagare le frequenze televisive?». Incalza Di Pietro: «Allo stesso modo non sappiamo cosa farà in concreto il Guardasigilli Severino che in passato ha mostrato scetticismo sulle intercettazioni». Unica contraria la Lega. «Abbiamo paura che sia vorace come i poteri forti di cui è espressione», ha detto Reguzzoni, motivando il suo voto contrario.


26 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

DALL'ITALIA E DAL MONDO LA REAZIONE Emma Bonino vuole più politica europea: «Penso che l’Europa si sia mossa troppo poco e troppo tardi per mancanza di istituzioni politiche che potessero far fronte alla vicenda»

Draghi dalla Bce: giù i tassi rimedio alla crescita debole Andrea Morrone Una lucida fotografia della situazione economica che sta colpendo L’Ue e un appello a una politica monetaria più coesa. Queste sono state le linee principali del primo intervento di Mario Draghi da presidente della Bce. «Nell’Eurozona sono aumentati i rischi al ribasso con una attività più debole che rende moderate le pressione sui prezzi, costi e salari. È per questo che il 3 novembre la Bce ha deciso di ridurre i suoi tassi di interesse di 25 punti base, agendo in piena conformità al suo mandato di mantenere la stabilità dei prezzi nel medio termine». Lo ha affermato il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi nell’intervento di apertura all’European Banking Congress. Draghi ha sottolineato come nella maggior parte delle economie avanzate si prevede un Pil più debole per via dell’andamento dei vari componenti della domanda aggregata. Il presidente della Bce ha chiesto dove fosse l’attuazione delle decisioni di ampio respiro fatte dai politici europei per rispondere alla crisi e ha sottolineato come per il futuro all’unione serva una governance economica molto più forte. In particolare, ha aggiunto, «è urgente attuare le decisioni del Consiglio europeo e dei summit Ue, visto che è passato un anno e mezzo dal vertice che ha lanciato l’Efsf, quattromesida quello che ha messo a disposizione tutte le garanzie per il fondo salva-Stati e quattro settimane dal summit che ha aumentato di quattro volte le sue risorse». La situazione delle banche non è ignota all’ex presidente della banca d’Italia: «Siamo consapevoli delle attuali difficoltà per le banche - ha poi affermato - provocate dalle tensioni sui titoli di Stato, dall’accesso più difficile ai finanziamenti dei mercati e alla carenza di garanzie». Draghi ha evidenziato anche ’’le sfide di alzare i livelli del capitale e i rischi ciclici legati al rallentamento dell’economia. «Finora - ha aggiunto - la Bce ha adottato diverse misure non

«Nell’Eurozona sono aumentati i rischi al ribasso con una attività più debole che rende moderate le pressione sui prezzi, costi e salari» convenzionali per garantire che il finanziamento a breve termine non rappresenti un problema per le banche dell’eurozona, come le aste di liquidità illimitata e le operazioni di rifinanziamento a più lungo termine, oltre a tre operazioni supplementari in dollari e al lancio di un secondo programmi di acquisti di covered bond». Continuità, consistenza e credibilità sono, secondo il numero uno della Bce, i tre principi sui quali si deve basare la politica monetaria nellasituazioneattuale.Inparticolare, su quest’ultimo punto Draghi ha evidenziaro come «acquistare credibilità sia un processo lungo e faticoso, ma mantenerla è una sfi-

da continua, mentre perderla può essere molto veloce, e la storia ci insegna che riconquistarla ha un pesante costo sociale ed economico». Realistiche e disilluse sono state le reazioni dall’Italia. Le affermazioni del presidente della Bce, Mario Draghi, sul rischio recessesione a causa di una crescita sempre piu debole «non credo sia allarmismo, ma davvero quello che ci aspetta». Ne è convinta la vice presidente del Senato, Emma Bonino, che a margine del Forum delle donne d’impresa del Mediterraneo spiega: «Penso che l’Europa si sia mossa troppo poco e troppo tardi per mancanza di istituzioni politiche che potessero far fronte alla vicenda e quindi oggi il contagio è alto». Recentemente «avevamo fatto un appello per il rafforzamentodelfondosalvastati, appello però che non ha dato molto esito - aggiunge - perchè il motore franco-tedesco, anzi tedescoè piuttostoresistente.Per questo - conclude - credo che per tutte le cose messe insieme l’avvertimento di Draghi non sia allarmismomaquellochedavverocispetta».

Germania, catena di omidici si segue la pista neonazista Più che una cellula, in Germania potrebbe aver operato una vera e propria rete di neonazisti. Questo quanto confermato ieri da fonti prossime all’inchiesta sui dieci casi di omicidi - di nove immigrati ed un ufficiale di polizia - compiuti negli ultimi anni in Germania e rimasti insoluti. E i sospetti sono ora saliti a quattro, due in più rispetto a quelli già fermati, ha reso noto il procuratore capo dello stato Harald Range. Ma per il direttore dell’Ufficio federale di Investigazioni Criminali, Joerg Ziercke, emergeranno nuovi collaboratori: «Potrebbe trattarsi di una vera e propria rete», ha avvertito. A Berlino si è tenuta intanto una riunione dei ministri di Giustizia e dell’Interno dei Laender per analizzare gli errori compiuti nell’inchiesta e possibili riforme nei servizi di sicurezza. La decisione principale presa è stata quella di creare un registro nazionale dei neonazisti come quello che già esiste per gli estremisti islamici, ha spiegato il ministro dell’Interno, Hans-Peter Friedrich, che ha ammesso «mancanze» ed «errori» nell’operato delle forze di sicurezza.

Poca igiene, l’allarme africano: muoiono 2000 bimbi al giorno Circa 2000 bambini in Africa subsahariana muoiono ogni giorno a causa delle infezioni causate da mancanza di acqua potabile e servizi igienici inadeguati. Lo rivela un rapporto dell’organizzazione internazionale WaterAid alla vigilia del World Toilet Day e pubblicato da Africa Review. Secondo il documento 4 persone su 10 non hanno accesso all’acqua potabile, mentre 7 su 10 non dispongono di servizi igienici adeguati. A meno di un’azione urgente, rivela il rapporto, quasi tutti i governi dell’Africa subsahariana non riusciranno a raggiungere gli obiettivi di sviluppo del Millennio di ridurre entro il 2015 la percentuale di persone senza servizi igienici. Per invertire la tendenza i governi dovrebbero investire almeno il 3,5 % del pil nazionale nel settore dei servizi igienici e canalizzare in modo piùequolerisorseidrichetraicittadinipoveri.

NEWS

Elezioni in Russia, Stalin e il Che accendono una polemica tra partiti

Nasce il portale Ue per gli immigrati che vogliono venire nei Paesei membri

Unacampagnaelettoraleall’ultimosanguequella chesistasvolgendoinquestigiorniinRussia. Unadiquellechefannodiscutereedibattere. L’ultimaquerelleaddirittura,hatiratoinballoStalin eCheGuevara.Eierièarrivatol’ammonimento dellaCommissioneelettoralerussaalPartito comunista,peraverusatoleimmaginidiStaline CheGuevarasenzachiedereilconsensoagli eredi-equindiviolandolaleggesuldiritto d’autore-eperloslogan«èarrivatoilmomentodi cambiareilpotere»,inodoredi«estremismo». Sfiorasempredipiùilgrottescolacampagnaelettoralerussaperleelezioni legislativedel4dicembre.L’iniziativadelpartitocomunistaregionalediKhabarovsk, estremoorienterusso,haindottolacommissioneelettoraleatirareinballolalegge chetutelalaproprietàintellettualeeachiedereallapoliziaunaperiziasulloslogan peraccertaresevisianorisvoltiestremistici,comeriferisceilquotidiano Kommersant. AnatoliGroncenko,leadercomunistalocale,hadefinitoassurdeleaccuse, sottolineandotral’altrochesitrattanondifotomadigraficadigitale.Glihafattoeco VadimSoloviov,capodelserviziolegaledelpartitocomunista,ricordandochenonsi puòparlaredialcunaviolazioneperl’usodell’immaginediuominipoliticigiàmortie datemposimbolidelpartito.L’unicacriticafondataparequelladellasedelocaledell’ ongMemorial,chehadefinitol’usodell’effigiediStalinunaffrontoperifamigliari dellevittimedellarepressione.

Dove si chiede il permesso di lavoro in Germania? Un cittadino non comunitario ha bisogno di un permesso di soggiorno per studiare in Spagna? Se un lavoratore si sente sfruttato a chi si può rivolgere? Sono queste alcune delle domande alle quali l’Unione europea si propone di rispondere con una nuova iniziativa lanciata oggi: un portale Internet dedicato ai cittadini di Stati terzi che desiderano vivere e lavorare nell’Ue-27. Si chiama Portale Ue dell’immigrazione (ec.europa.eu/immigration) ed è stato presentato dalla commissaria europea per gli Affari Interni, Cecilia Malmstrom. «Il portale è pratico, di facile utilizzo fornisce informazioni comprensibili sulla Ue e sulle politiche di immigrazione nazionali - ha detto la commissaria - i lavoratori, gli studenti, i ricercatori e gli immigrati che vogliono unirsi alle loro famiglie possono trovare qui informazioni adatte alle loro esigenze». Molte persone che «vogliono immigrare nell’Unione europea non sanno cosa questo comporta, non sanno come chiedere il permesso di residenza, non sanno se c’è‚ bisogno o meno di un visto, non conoscono i possibili rischi - ha spiegato la Malmstrom -. Da parte loro, gli immigrati che si trovano gi... nell’Unione europea non conoscono sempre i propri diritti». Per questo, ha concluso, «è nell’interesse di tutti noi migliorare la comunicazione in quest’area; questoèl’obiettivodelnuovoportale».


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport 27

IN CALABRIA Vendola: liberare le risorse per il Sud

«Bisogna fare una politica industriale per il sud - dice il leader di Sel - che si occupi di cantieri navali, di Irisbus,di quelle «E’ necessario liberare risorse grandi vertenze che raccontano peril Sud, ma finchè c’e’è il vincolo del patto di stabilità anche un Sud che ha un potenziale sulle spese per investimenti noi produttivo enorme, ma che da siamo paralizzati». Lo ha detto il troppo tempo viene umiliato da presidente della Regione Puglia una classe dirigente piena di odio». Nichi Vendola a margine di un convegno organizzato a Napoli dalla Fiom Cgil sullo sviluppo del Mezzogiorno. Rosa Voci

La Calabria a "Food and Hotels China" L’assessorato regionale all’Agricolturapartecipa, per il secondo anno consecutivo, alla piattaforma mondiale dedicata all’agroalimentare "Food and Hotels China" (FHC), in corso di svolgimento a Shanghai. «L’iniziativa - ha dichiarato l’assessore regionale all’Agricoltura Michele

Trematerra - ha l’obiettivo di promuovere i prodotti agricoli calabresi, per una loro commercializzazione in un mondo ormai proiettato costantemente verso il futuro che non è mai sazio dei propri traguardi. Con il suo miliardo e mezzo di persone la Cina ospita oltre un terzo della popolazione mondiale. Ed è proprio Shanghai il principale punto d’ingresso delle produzioni

italiane con il 38% dell’interscambio Italia-Cina. Da questi pochi numeri - ha aggiunto Trematerra - si evince subito l’importanza che ha la presenza delle aziende calabresi a questo evento fieristico. Dodici sono le aziende presenti, che hanno portato all’attenzione dei visitatori della fiera i loro prodotti. a.b.

I dati sono stati presentati ieri nel tradizionale aggiornamento congiunturale Autorità di gestione fondi Por: nessuna bocciatura dall’Ue

Bankitalia: stop alla ripresa la disoccupazione è salita

«La Regione Calabria ha avviato una procedura di modifica del Programma Operativo tesa unicamente a modificare i tassi di cofinanziamento del Por sui singoli Assi». Così, è scritto in una nota, l’Autorità di Gestione del Por Calabria FSE 2007/2013 Bruno Calvetta, replica alle dichiarazioni del consigliere regionale Mario Maiolo che aveva sostenuto che la Commissione europea ha bocciato la riprogrammazione. «In altre parole - prosegue Calvetta - la procedura non incide in alcun modo sulla programmazione, sull’importo che la Calabria ha avuto originariamente assegnato né sulle relative strategie del Programma che restano assolutamente invariate; la modifica inciderà invece sulla differenziazione temporale per Asse dell’entità della richiesta di rimborso alla Commissione. La risposta, per e-mail, della Commissione Europea, a leggerla nella sua versione completa e non attraverso l’artefatta estrapolazione di singoli periodi messi insieme afferma l’autorità di gestione non costituisce una bocciatura della procedura, ma la condivisione con i membri del Comitato di Sorveglianza del Programma dell’esigenza di chiarire alcuni aspetti che la stessa ritiene utile approfondire, ciò rientra nell’ambito del continuo e costruttivo confronto con le istituzioni comunitarie. La stessa Commissione Europea ha più volte riconosciuto in diverse sedi istituzionali la capacità dell’attuale amministrazione regionale di aver rimesso il Programma sui giusti binari della piena attuazione». cm

di Carmela Mirarchi CATANZARO - Nella prima parte del 2011 si è arrestata la fase di ripresa iniziata lo scorso anno. L’attività industriale si è mantenuta debole, con effetti negativi sull’accumulazione di capitale. Questi i dati principali presentati ieri mattina a Catanzaro dalla Banca d’Italia, nel tradizionale aggiornamento congiunturale di novembre. L’andamento del settore delle costruzioni ha riflesso la dinamica sfavorevole del comparto delle opere pubbliche, nonché la debolezza del mercato dell’edilizia residenziale. Il settore dei servizi ha ristagnato, pur in presenza di qualche moderato segnale di miglioramento in alcuni comparti. Nella media dei primi sei mesi l’occupazione ha continuato a calare, il tasso di disoccupazione è salito, mentre il tasso di attività e il tasso di occupazione sono scesi ai

livelli minimi dal 2004. I prestiti bancari erogati a residenti in Calabria hanno continuato a crescere a un ritmo modesto, anche se lievemente al di sopra della medianazionale.Ilcreditoalleimprese ha rallentato sia per l’indebolimentodelladomandadifinanziamenti sia per il perdurante orientamento di maggiore prudenza delle banche sulle condizioni di offerta. I prestiti concessi alle famiglie hanno invece registrato ritmi disviluppo in linea con i livelli di fine 2010. Il tasso d’ingresso in sofferenza, pur mostrando segnali di lieve miglioramento, permane al di sopra della media nazionale.L’attivitàindustrialenei primi mesi del 2011 si mantiene debole. Secondo gli indicatori qualitativi dell’Istat, il saldo dei giudizi formulati dalle imprese su ordini e produzioni, pur in miglioramento, rimane ancora fortemente negativo. Anche i risultati

LAMEZIA TANO GRASSO SI DIMETTE DA ASSESSORE

L’ex assessore: «Il mio progetto culturale non ha trovato sintonia nel Comune» Il sindaco: una giornata triste per la città L’assessore alla cultura del Comune di Lamezia Terme, Tano Grasso, si è dimesso. La decisione, già annunciata ieri ai suoi collaboratori, è stata ufficializzata ieri mattina nelcorso di una conferenza stampa. Grasso ha lasciato intendere che la decisione era stata assunta da tempo: «Il mio progetto culturale per Lamezia ha detto - non ha trovato sintonia nellamacchinacomunale.«Hodeciso diaccettare l’incarico di assessoreallaCulturadiLameziaperchèdopo 20 anni nel movimento Antiracket mi era stata offerta la possibilità di fare una cosa nuova, di poter contrastarela mafia attraverso la cultura: avevo l’opportunità di mettere insiemeculturaeantimafiaeprovarea costruire un percorso che dal basso

riuscisse a modificare la mentalità mafiosa, costruendo una nuova coscienza civile» ha detto Tano Grasso.«Avevocreduto-haaggiuntol’ex assessore - che lavorando attraverso la cultura si potesse togliere l’ossigeno alla mafia. La questione che più di tutte mi ha pesato - ha sottolineato TanoGrasso - è che purtroppo non siamo riusciti a costruire una sintonia tra la struttura comunale e il progetto culturale che io ho portato». «Questa è una giornata assolutamente triste per me e per l’intera Giunta, perchè Tano Grasso è una persona di elevato rilievo e questa notizia ci rattrista molto» ha detto il sindaco Gianni Speranza.

del sondaggio congiunturale svolto tra settembre e ottobre dalla Banca d’Italia su un campione di imprese regionali con almeno 20 addetti segnalano un rallentamento della congiuntura nel settore. Il saldo tra la quota di aziende che hanno registrato un incremento del fatturato e quelle che hanno registrato un calo è negativo, in misura pressoché analoga allo stessoperiododell’annoprecedente.Il gradodiutilizzodegliimpiantisièattestatosuvalorisuperiorial 60 per cento, ancora inferiori di circa 10 punti percentuali rispetto ai valori massimi registrati prima della crisi economico finanziaria. Il clima di incertezza derivante dalla debolezza del quadro congiunturale, nonché gli ampi margini di capacità produttiva inutilizzata, hanno ridotto l’attività di investimento: il 39% delle imprese intervistate dalla Banca d’Italia ha effettuato nel 2011 una spesa inferiore a quella già prevista in calo all’inizio dell’anno; oltre un terzo ha dichiarato che ridurrà i propri investimenti nel 2012. Secondo i dati di Unioncamere-Movimprese, il saldo demografico delle im-

prese industriali è risultato nuovamente negativo: nel primo semestre dell’anno in corso il saldo tra iscrizioni al registro delle imprese e cessazioni, in rapporto al numero di imprese attive all’inizio del semestre, è stato pari a -2,0% (-1,5% nel 2010). Il tasso di disoccupazione è salito al 12,9%, restando inferiore alla media del Mezzogiorno, mentre sono sensibilmente cresciute le ore autorizzate della Cassa integrazione guadagni.

A cura: Mediatag Spa coord. area Calabria

Enti Pubblici e Istituzioni Gli annunci sono presenti sul sito www.aste.eugenius.it

COMUNE DI CATANZARO Comando di Polizia Municipale - Via Daniele - Catanzaro - Italia Tel. 0961.393931 - 0961.393911 - Fax 0961.393940 sito internet: www.vigilicatanzaro.it indirizzo mail: vigili@vigilicatanzaro.it

Estratto Bando di Gara - CIG n° 3551908733 OGGETTTO: Affidamento del servizio di notifica dei verbali del codice della strada elevati negli anni 2012-2013

ENTE APPALTANTE: Comune di Catanzaro - Comando di Polizia Municipale IMPORTO A BASE DI GARA: € 1,40 iva esclusa, la base è rapportata al costo del servizio dell’intera procedura per ogni singolo verbale, escluse spese postali. IMPORTO PRESUNTO GLOBALE: € 100.000,00 iva esclusa, riferito ai due anni di servizio - oltre al rimborso delle spese postali anticipate dalla ditta. AGGIUDICAZIONE: all’offerta economicamente più vantaggiosa, art. 83 D. Lgs. 163/2006, secondo i seguenti criteri: Offerta Economica: punti 75 - Offerta Tecnica: punti 25 I punteggi sono assegnati per come indicato nel capitolato. TERMINI RICEZIONE OFFERTE: ore 10.00 del 19/12/2011 APERTURA OFFERTE: ore 9.30 del 20/12/2011 Bando integrale pubblicato su Albo Pretorio e scaricabile dal sito internet. Catanzaro lì 15/11/2011 IL DIRIGENTE Gen. Giuseppe Antonio Salerno


28 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

IN CALABRIA ’NDRANGHETA Undici arresti a Reggio. La cosca Tegano-De Stefano controllava le società del comune

Le mani dei clan sulla Multiservizi Pignatone: indagine su 20 anni di intrecci societari, andremo fino in fondo «Conquestoprovvedimentodelgip TommasinaCotroneosichiudonoventi annidiattivitàdiindaginesugliinteressi economicidellacoscaTeganoesullazona grigiacheintuttoquestotempoha affiancatoquestopotentesodalizio criminale».E’unodeipassaggi dell’interventodelprocuratorecapodella DdaGiuseppePignatoneperdescriverei contenutidell’operazioneAstrea,eseguita lascorsanottedallaGuardiadifinanzadel comandoprovincialediReggioCalabria chehaprodottoundiciarrestiincarcere perconcorsoesternoinassociazione mafiosa.«Leindagini-haproseguito Pignatone-naturalmentenonsifermano quiesuccessivamentesarannosemprepiù profonde,sottoilprofilopenale,nei confrontidiquellapartedisocietàcivile chefavorisceleorganizzazionimafiose. Oggi,sonostatieseguitiprovvedimentidi sequestroacaricodinumeroseditte impegnateinlavoriedili,einparticolare, lequoteintestateallafamigliaRechichi, sociodiminoranzadellaMultiservizi, societa’dicuidetienelamaggioranza delleazioniilComunediReggio Calabria.Voglioinoltrericordareche ZumboGiovannieisuoifamiliariarrestati stanotte,avevanoinquestianniofferto numeroseconsulenzeallacoscaTegano conl’obiettivodievitareprovvedimentidi sequestroediconfiscadibeni.PeraltrohaaggiuntoPignatone-ilruolodel

commercialistaGiovanniZumboera emersoancheinunadelletestimonianze resedalcollaboratoredigiustizia AntoninoFiumeechedescrivonoi contattichelostessoZumboavevacon GiovanniDeStefano,figliodelboss Giorgio,assassinatonel1977in Aspromonte,chedimostranolafluiditàdi significativirapportitraquestedue persone.L’indagine-hasottolineato Pignatone-hafattoemergerecheZumbo Giovanni,l’avvocatessaFrancesca Toscano,moglie,lasorellaMariaPorzia Zumboedilmaritodicostei,Roberto Emo,arotazionesonostatisocidella societàchegestisceunagrandestruttura sportivadiParcoPentimele,realizzatadal ComunediReggioCalabria.Leindagini hannopermessodiricostruirevent’annidi costruzioneescomposizionediquote societarie,unsistemadiscatolecinesiche siamoriuscitiadaprireeverificarefino allaconclusionedellascorsanotte,con l’arrestodiquestafettadizonagrigiache hapermessoallacoscaTeganodi costruiresolidebasieconomiche».

C.M.

di Anna Bolle REGGIO CALABRIA - Si è svolta a Reggio Calabria un’operazione della Guardia di finanza contro la cosca Tegano della ’ndrangheta. Sono stati eseguti 11 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di affiliati alla cosca e di alcuniprofessionisti,inparticolare commercialisti e avvocati, che avrebbero rappresentato secondo gli investigatori la cosiddetta "area grigia" al servizio delle cosche. Uno dei provvedimenti restrittivi riguarda il commercialista Giovanni Zumbo, già in carcere perché coinvolto in altre inchieste da cui è emerso il suo ruolo di "talpa" al servizio delle cosche, alle qualiavrebbefornitoinformazioni riservate su inchieste in corso apprese in ambienti giudiziari ed investigativi. Provvedimento restrittivo emesso dal gip di Reggio Calabria su richiesta della Dda anche per la moglie di Zumbo, Maria Francesca Toscano, che è un avvocato, e altri due la sorella del commercialista, Patrizia Zumbo, e il marito di quest’ultima, Roberto Emo, che fa il commercialista. Un’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa anche controGiovanniTegano,capodel-

la cosca, già detenuto, ed un altra contro l’imprenditore Giuseppe Rechichi, che avrebbe svolto il ruolo di prestanome della cosca. La cosca Tegano della ’ndranghe-

Nell’ambito dell’ operazione sono stati sequestrati beni mobili e immobili per un valore di 50 milioni di euro. Tra i beni sequestrati anche la Recim e Gestione Servizi ta sarebbe riuscita a ottenere il controllo, attraverso una serie di passaggi societari predisposti da alcuni professionisti e avvalendosi di prestanome, di una parte del capitale privato della societa’ municipalizzata di Reggio Calabria Multiservizi spa, che gestisce alcuni servizi del Comune. E’ quanto è emerso dall’indagine della Guardia di finanza che ha portato all’esecuzione di 11 ordinanze di custodia cautelare contro affiliati alla cosca Tegano appartenenti alla cosiddetta "area grigia" della ’ndrangheta. In particolare, secondo quanto è emerso dagli accertamenti della Guardia di finan-

za, la Rec.im srl controlla il 33% del capitale sociale della Gestione servizi territoriali srl, che a sua volta ha il controllo del 49% della Multiservizi. Nel corso dell’operazione eseguita la scorsa notte sono state fatte numeroseperquisizioniinstudicommerciali e legali di Reggio Calabria. Nell’ambito dell’operazione sono stati sequestrati beni mobili e immobili per un valore di 50 milioni di euro. Tra i beni sequestrati ci sono le società Recim e Gestione Servizi Territoriali attraverso le quali, secondo gli accertamenti della Guardia di Finanza, la cosca controllava il 49% della multi-servizi Spa, società municipalizzata del comune di Reggio Calabria. Sono stati sequestrati anche 15 unità immobiliari tra fabbricati e terreni, otto autoveicoli e numerosi conto correnti bancari. Eseguite dunque 11 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip di Reggio Calabria su richiesta della Dda nell’ambito dell’operazione Astrea contro la cosca Tegano. I provvedimenti sono stati notificati in carcere a Giovanni Tegano, capo della cosca; Giovanni Zumbo, commercialista, e Giuseppe Rechichi,imprenditoreepresunto prestanome della cosca Tegano. Lealtrepersonenondetenutecontro le quali sono stati emessi i provvedimenti restrittivi sono Maria Francesca Toscano, avvocato, moglie di Giovanni Zumbo; Patrizia Zumbo, sorella di Giovanni; il marito di quest’ultima, Roberto Emo, anch’egli commercialista; Rosario Rechichi, fratello di Giuseppe, ed altri quattro imprenditori presunti prestanome dei Tegano: i fratelli Maurizio ed Antonio Lavilla ed Antonino e Giovanni Rechichi.

Idv: la‘ndrangheta domina nell’economia e nelle istituzioni «L’inchiesta "Astrea" consegna un quadro tragico e drammatico rispetto agli altissimi livelli di infiltrazione e di totale dominio della ‘ndrangheta nell’economia e nelle istituzioni, a partire dal comune di Reggio Calabria». Si legge in una nota di Aldo De Caridi Ivan Tripodi, Segretario cittadino IdV. «Una vergogna senza limiti che evidenzia l’enorme degrado provocato dal Pdl e dal centrodestra. L’inchiesta "Astrea" evidenzia, con chiarezza e senza sofismi, che il Comune di Reggio è, nei fatti, in società con la ‘ndrangheta. Quanto accaduto non ci sorprende affatto. Infatti, da molto tempo, abbiamo ripetutamente, pubblicamente, dichiarato, basta leggere i nostri comunicati degli ultimi mesi, che le società miste del comune di Reggio rappresentano il vero crocevia e il grumo di tutti i grandi interessi illeciti e illegali della città.L’inchiesta "Astrea" consegna una verità limpida e indelebile: la Multiservizi è una palude, nella quale, come recentemente affermato anche dal pentito Moio, le cosche della ‘ndrangheta sono presenti con il 49% del capitale sociale. Auspichiamo, inoltre, che il neo-Ministro degli Interni Cancellieri e il Prefetto Varratta assumano le iniziative più idonee e opportune per ristabilire gli indispensabili valori della legalità e dell’etica nella città e nel Comune di Reggio Calabria».

NEWS

FURTO

SLOT MACHINE

LUMIA

Tre individui, dei quali uno armato di pistola, con il volto coperto da passamontagna, hanno fatto irruzione nell’abitazione di R.T., 68 anni a Gioia Tauro, titolare del bar tabacchi denominato "Mister Bar" e, dopo averla percossa con il calcio della pistola, si sono impossessati di due borse contenenti numerose ricariche telefoniche e la somma contante pari ad euro 4.000 circa. L’immediato intervento delle pattuglie dei Carabinieri di Gioia Tauro ha consentito di intercettare l’autovettura Fiat Grande Punto in fuga con i tre malviventi. Dopo un breve inseguimento, venivano bloccati ed identificati in: Rocco De Maio, cl. 1985 (conducente del mezzo e pregiudicato); Francesco De Maio, cl. 1991 (incensurato); Antonio La Rosa, cl. 1991(incensurato). I malviventi sono stati disarmati e tutti tratti in arresto per il reato di rapina in concorso. La vittima accompagnata in ospedale era giudicata guaribile in 7 giorni.

Sanzioni amministrative per 32.000 euro e sequestro di 6 slot machine illegali: questo è il bilancio dell’operazione anti gioco d’azzardo degli uomini della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia. Ad agire sono stati i militari della Stazione di Vibo Valentia che hanno controllato un noto bar a pochi passi dal centro cittadino e giornalmente frequentato da centinaia di persone. I militari dell’Arma, nel corso dell’ispezione, hanno scoperto come il titolare dell’attività, M.P. cinquantenne di Vibo Valentia, avesse realizzato nel retro del proprio locale una stanza, da cui si accedeva mediante una posta a specchio praticamente invisibile, in cui aveva sistemato ben 6 slot machine. Una vera e propria sala giochi illegale. Per l’uomo è così scattata immediatamente la pesante sanzione amministrativa mentre i macchinari sono stati sequestrati in attesa di essere distrutti.

«L’operazione eseguita ieri dalla guardia di finanza e guidata dalla Procura di Reggio Calabria mette in luce il solidissimo sistema di collusioni di cui gode la mafia calabrese». Lo afferma il senatore del Pd Giuseppe Lumia, componente della Commissione antimafia. «Una rete di colletti grigi - ha aggiunto - composta da uomini appartenenti ai servizi segreti deviati, alla massoneria, da liberi professionisti e persone vicine a certi ambienti politici locali. E’ proprio da queste relazioni torbide che la ’ndrangheta trae la forza necessaria per fare affari, condizionare l’economia, le istituzioni e la pubblica amministrazione. Un sodalizio criminale che lamagistraturaeleforzedell’ordinepossonodisarticolare solo attraverso il sostegno e la collaborazione dei partiti e della società civile».

Anna Bolle

Rosa Voci

Anna Bolle


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport 29

IN CALABRIA Il presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, è stato ieri mattina in visita al procuratore della Repubblica di Catanzaro, Vincenzo Antonio Lombardo. Nel corso dell’incontro, secondo quanto si è appreso, sono stati trattati vari argomenti, tra i quali quello dei rifiuti, anche alla luce delle inchieste condotte dalla Procura sulla discarica catanzarese di Alli che giovedì hanno portato all’arresto, tra gli

Rifiuti, Scopelliti incontra Lombardo altri, del proprietario della società che gestisce l’impianto, sequestrato nell’ottobre scorso ma ancora in attività per decisione dell’autorità giudiziaria. Sempre giovedì, nell’ambito dello stesso filone d’inchiesta, la Procura ha chiesto l’interdizione dai pubblici uffici del

Commissario per l’emergenza ambientale Graziano Melandri. Sulla richiesta il gip si pronuncerà dopo avere sentito, il 21 novembre prossimo, lo stesso Melandri. «Quella di Scopelliti - ha detto Lombardo è stata una visita di cortesia nel corso della quale abbiamo

parlato dei problemi che riguardano la Calabria. Ci è stato rivolto un invito a partecipare ad eventuali future iniziative sul tema ambientale e dei rifiuti, qualora vi fossero tavoli istituzionali per discutere di problemi generali e da parte nostra c’é una disponibilità di massima a partecipare».

Rosa Voci

RIFIUTI Commissario: ci potrebbero essere fattori pregiudizievoli per il lavoro dell’Ufficio Interpellanza dei deputati del Pd: basta, il Commisariamento è costato 1mld CATANZARO - «I recenti sequestri di discariche abusive e la richiesta di interdizione del Commissario per l’emergenza ambientale Graziano Melandri, coinvolto per l’inchiesta sulla gestione della discarica di Catanzaro, impongono un intervento urgente del Parlamento che già si è occupato in passato della situazione dei rifiuti in Calabria». Lo sostiene la deputata del Pd Doris Lo Moro, promotrice di un’interpellanza urgente, che insieme al capogruppo del Pd nella commissione di inchiesta sul ciclo dei rifiuti, pone ai nuovi ministri in carica di «porre in essere gli impegni assunti dal precedente esecutivo con la votazione all’unanimità della risoluzione che lo impegnava a porre in essere tutti gli interventi utili a creare le condizioni per una gestione ordinaria del ciclo integrato dei rifiuti». L’interpellanza, che è stata depositata dal gruppo del Pd, è scritto in una nota, «mette in rilievo una serie di criticità non risolte, nonostante siano stati numerosi gli atti di indirizzo licenziati dal Parlamento, chiamando in causa la stessa Regione Calabria accusata di non aver accompagnato un processo di svolta. L’inerzia ed i mancati interventi di bonifica, già finanziati, non hanno fatto altro che aggravare e facilitare la malavita che nel settore dello smaltimento dei rifiuti. I commissariamenti degli ultimi 14 anni - si legge nell’interpellanza - hanno causato una spesa di oltre un miliardo di euro senza contribuire in alcun modo alla risoluzione del problema».

cm

Gravi vicende giudiziarie Melandri si è dimesso di Carmela Mirarchi CATANZARO - Graziano Melandri si è dimesso dall’incarico di Commissario Delegato per il superamento dell’emergenza nel settore dei rifiuti solidi urbani nel territorio della regione Calabria. Melandri oggi ha inviato la lettera di dimissioni al Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli, sottolineando che la decisione è maturata «alla luce degli sviluppi delle note vicende giudiziarie che potrebbero determinare fattori pregiudizievoli per il lavoro dell’Ufficio». Il Capo della Protezione Civile, dopo aver preso atto delle dimissioni, in una lettera ha voluto esprimere al dott. Graziano Melandri "tutta la riconoscenza mia personale e del Dipartimento per l’attività efficacemente svolta e per l’impegno profuso nello svolgimento dell’incarico». Melandri è indagato dalla

Il Comissario dimissionario Melandri

Procura di Catanzaro per la violazione della disciplina dei reati in materia di imposte sui redditi nell’ambito di un’inchiesta sulla gestione della discarica catanzarese di Alli che giovedì ha portato all’arresto dei vertici della società Enertech che gestisce l’impianto.

Sempre giovedì la Procura ha chiesto per Melandri e per due funzionari dell’Ufficio del Commissario l’interdizione dall’esercizio di pubblico ufficio. Il gip, prima di decidere, aveva fissato l’interrogatorio di Melandri e dei due funzionari per il 21 novembre. Le

L'EMERGENZA

Il sindaco di Catanzaro Traversa: pronto ad emanare una ordinanza contingibile ed urgente per requisire l’impianto di Alli CATANZARO - A seguito delle note vicende giudiziarie che stanno interessando la gestione della discarica di Alli, il sindaco di Catanzaro Michele Traversa ha nuovamente contattato il presidente della Giunta regionale, Giuseppe Scopelliti, al fine di individuare le possibili soluzioni per far fronte all’emergenza ambientale nel capoluogo. «In attesa di risposte rassicuranti da parte del governatore Scopelliti - spiega il sindaco Traversa -, e comunque dopo un confronto con il prefetto di Catanzaro Antonio Reppucci, che chiederò di incontrare al più presto, valuterò con il Settore legale del Comune la possibilità di emanare

una ordinanza contingibile ed urgente per requisire l’impianto di Alli. In tal modo, il Comune subentrerà nella gestione dell’impianto, in modo da garantire il servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Il provvedimento, legato al carattere di eccezionalità ed urgenza della situazione che si è venuta adeterminare, sarà finalizzatoaprevenireilpericoloper la salute e l’igiene pubblica rappresentato dall’accumularsi di rifiuti nelle strade. Una situazione che continua ad aggravarsi con il trascorrere dei giorni, per cui è necessario riavviare immediatamente l’attività dell’impianto che, dopo gli ultimi interventidiadeguamento,ècapacedismaltire in tutta sicurezza ed efficienza 100 tonnellate di rifiuti al giorno».

dimissioni sono giunte al termine di una giornata ricca di note da ogni parte che invocavano la fine di un Commissariamento che per molti era una anomalia che non aveva comunque prodotto nessun risultato. Di questa avviso, per esempio, era il consigliere regionale del Pd Maiolo che in una nota resa pubblica poche re prima delle dimissioni di Melandri aveva detto: «Diventa sinceramente difficile comprendere i motivi del prorogarsi del commissariamento sull’emergenza rifiuti in Calabria dopo 14 anni di commissariamento, 12 diversi commissari, un costo della sola struttura commissariale di 15 milioni di euro, condanne in tre lodi arbitrali subite dall’ufficio del commissario per oltre 100 milioni di euro per opere mai realizzate, la gestione di somme per oltre il miliardo di euro. Di contro ha aggiunto - ne abbiamo ottenuto chetuttoilsistemadellediscariche è affidato ai privati; risultati insignificanti sul piano della raccolta differenziata; gravissimi problemi di illegalità e infiltrazione della ’ndrangheta; il pressoche’ totale fallimento di tutte le società miste costituite dal commissario con una spesa di oltre 40 milioni di euro; affidamento di appalti in spregio alle regole della contrattualista pubblica; una inondazione di ordinanza commissariali che fino al 2006 avevano superato la cifra di oltre 4.800. Ciò che doveva essere unaesperienzatransitoriaedeccezionale, capace di produrre scelte rapide e definitive, si è radicata come una complessa e duratura gestione "extra ordinem" che ha introdotto conflitti istituzionali devastanti e incomprensibili, nella totale assenza di pubblicità, correttezza e trasparenza. Estromettere i Comuni, e quindi le comunità che esprimono l’Amministrazione di livello locale, dalla gestione della vita delle comunità - ha proseguito l’esponente del Pd - è una anomaliaistituzionale,cheintroducealterazioni alle normali competenze di enti e organi pubblici».


30 il Domani dello Sport Sabato 19 Novembre 2011

IN CALABRIA Il deputato del Pd ha parlato con il Premier. Misiti chiede al nuovo Governo investimenti in infrastrutture

Laratta a Monti: la Calabria soffre

ROMA - «Un minuto prima dell’inizio del voto di fiducia alla Camera, mi sono avvicinato al banco del Governo per fare gli auguri al presidente Monti. Ho avuto modo di dirgli, in una battuta, che "la Calabria soffre molto. E che da noi la disoccupazione giovanile sfiora il 50%. Che abbiamo bisogno di risorse e investimenti"» si legge in una nota del deputato del Pd Franco Laratta. «Il prof Monti ha ascoltato attenta-

mente, facendomi anche capire che conosce bene la situazione del Sud. Appena ne avrò la possibilità, anche in sede parlamentare o in altra occasione, dirò a Monti che la scommessa del Sud si vince con investimenti veri per le infrastruttute, attuando il Piano per le Zone Franche Urbane (già previsto da Prodi e cancelalto da Tremonti) con l’obiettivo vero di avviare la fase per realizzare una grande Zona FrancacheinteressituttalaCalabria - ha detto -. Occorre, inoltra, salvare il porto di Gioia Tauro ed investire contro il dissesto idrogeologico. Ma prioritaria è l’emergenza occupazione». Di ieri è anche l’inziativa molto ironica dello stesso deputato Laratta di «Assegnare il Premio Nobel per l’economia a Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti. Un riconoscimento da assegnare "per la straordinaria e coraggiosa gestione della crisi che ha colpito l’Italia. Che può riassumersicosi:peraveresostenutoche "La crisi è solo psicologica"; per averla poi affrontata con la social card; per avere affrontato la gravissima situazione del Mezzogiorno, approvando ben 5 volte il fantasioso Piano per il Sud». A Monti

Pdl sul nuovo Governo ha detto invece: «Visto il delicato momento che si trova ad affrontare la politica italiana, e più in generale quella europea auspico che si torni a parlare dei partiti, non solo come presidi di democrazia, ma anche e soprattutto come fabbriche del buon governo per il futuro. La proposta avanzata dal presidente Napolitano di insediare un governo tecnico nel corso dell’attuale legislatura è stata dettata da una situazione di estrema urgenza».

CATANZARO Vsioi nOtciaGarain:i Vsioi nOtciaVsius:

VaiSM . aari4,1 Pz.zaBilF.andeira4,

LAMEZA I TERME(CZ) Vsioi nOtciaRocca:

VaiTura2,ti6

MONTEPAONELD I O(CZ) Vsioi nOtciavIanue:

CC . L.eVeel

SOVERATO(CZ) Vsioi nOtciavIanue:

CS.oUmbertoI

CAMPORASG .O I VANN(ICS) Vsioi nOtciaMuto:

MONTATURA I GGO I OMtuinA N acoppai

CorsotaIil5,55/7

CARA I TM I (.CS) Vsioi nOtciaScorpni ti:

seacqusi delintaintrifelsso.

COSENZA Vsioi nOtcia: Vsioi nOtcia:

Vndàtfi3oail1/2/011. Regoalmenotpcersnlorcit.t

Qusaegnitail egoloniro? FALI

ieri si è rivolto anche l’ex Sottosegretario Misiti che, dopo aver fatto gli auguri al nuovo Governo, ha anchechiestointerventiurgentipe rleinfrastrutture.«Gliinvestimenti in infrastrutture sono fattori rilevanti per accrescere la produttività totale dell’economia, a questo scopo si sono unificate le competenze su Sviluppo Economico, Infrastrutture e Trasporti. Questo è l’accenno all’industria delle costruzioni nelle dichiarazioni pro-

grammatiche di Monti - ha dichiarato l’On. Prof. Ing. Aurelio Misiti-. La speranza di tutti è quella di realizzare un piano di opere pubbliche in tutto il Paese -ha continuato Misiti- affinché venga superata la stagnazione dell’economia, in quanto sappiamo, per consolidata esperienza internazionale a partire dalla crisi Usa del 1929, che il fattore determinante per superare lacrisieconomicaèsemprel’industria delle costruzioni. La persistente scarsità di risorse finanziarie pubbliche -segnala ancora l’On. Misiti- comporterà necessariamenteilricorsoalprojectfinancing, possibile anche nel Sud del Paese, dove si possono utilizzare assettsinfrastrutturaliesistenti,già finanziati a fondo perduto dallo Stato al fine di rendere bancabili i nuovi progetti. Il nuovo Governo -conclude Misiti- dovrà porre mano con decisione all’attuazione della riforma dell’Anas. prevista dalla legge vigente, nonché a una profonda riforma del sistema ferroviario e favorire la concorrenza, mettendo cosi i cittadini di ogni territorio al centro degli interessi generali dello Stato». Il consigliere regionale Salvatore Pacenza, del

VaiStazoine2, VaiPanebainco4,824/86 VaICaolprese6,16/3

MRITOCROSA I (CS) Vsioi nOtciaScorpni ti:

VaiNazoinael1,66

ROGLA I NO(CS) Vsioi nOtciaGarofaol :

VaiAG . uarasc9,i0A

SCALEA(CS) Vsioi nOtcia:

CS.oMedteiraneo3,193/21

ROCCADN I ETO(KR) VsionOtciaLO ’ rzizonteV:aiEncrioBenirlguer GO IA I TAURO(RC) Vsioi nOtciaLaganà:

TESTDELLOSTRESSVSIVI O

GRATUTIO

VaiRoma1,43

GO IO I SAJONCI A(RC) VsionOtciaA ilF.gostnio:

VaiLaTzoraIiversa3,

CercaclientrootcioniCaalbraipùivcinoescopri siervzieisculsvieielpromozoinaitededciate. wwwv.sionotcianti.·umeroverde800536303

RZIZCI ON(IRC) Vsioi nOtciaBxioi :

Pz.zaMuncipoi2,0

CampagnapatrocniatadaSO-SIoceitàOftam l oolgciatIaailna

SERRASB. RUNO(VB) Vsioi nOtcia2000:

VaiGM . P.sian1,i3

etlsnItonsoutsicealvatsideml edciocusatcilh,eVosinOcitacongsaidelfiutaerpeoirdciamenet.

°

1,11


Sabato 19 Novembre 2011 il Domani dello Sport 31

IN CALABRIA REGIONE La scelta dopo che Scopelliti e Talarico hanno lasciato i lavori

La conferenza stampa della Minoranza: Scopelliti deve ascoltarci

Ieri un Consiglio infuocato Minoranza abbandona l’Aula

«Abbiamo voluto abbandonare l’aula perché, dopo un monologo di due ore del presidente Scopelliti, ci è sembrato poco rispettoso che la minoranza dovesse parlare alle sedie vuote». E’ quanto ha affermato il capogruppo regionale del Pd, Sandro Principe, nel corso di una conferenza stampa convocata per protestare «contro questo modello di cultura delle istituzioni. Siamo usciti per evitare di parlarci addosso e perché aspiriamo a contribuire con le nostre idee a migliorare la sanità in Calabria». Il consigliere Enzo Ciconte, ha detto che «la nostra intenzione è costruire, partecipare, ed il presidente Scopelliti farebbe bene ad ascoltarci . La sanità, almeno a Catanzaro, è allo sbando e a tutt’oggi non si è riusciti a risolvere uno solo dei vecchi problemi». Per Emilio De Masi, di Idv: «Scopelliti deve tenere conto anche del contributo di chi non è maggioranza. Invece, da parte sua c’é insofferenza al confronto. A Crotone abbiamo raccolto in pochissimi giorni oltre diecimila firme con il proposito di costruire soluzioni,. Invece, Scopelliti ci ha preannunciato di volere depositare una denuncia alla Procura della Repubblica. Lungi dallo spaventarci, continueremo la nostra azione democratica». Bruno Censore, del Pd, ha detto che «a Tropea sono scese per strada migliaia di persone che hanno ascoltato le parole del vescovo. Solo per citare qualche dato a Tropea due soli medici garantiscono 2.250 accessi oncologici l’anno e per il nuovo ospedale a me pare che la data del 31 dicembre 2015 si stia avvicinando velocemente ed ancora non si è visto nulla. A Tropea non c’é stata alcuna strumentalizzazione perché chi difende i malati difende un diritto fondamentale previsto dalla Costituzione». Alla conferenza stampa non hanno preso parte i consiglieri di minoranza Bova, Mirabelli, Tripodi, Adamo e Loiero. Sulla questione Guccione ha reso noto che: «In questi mesi Scopelliti ha cocciutamente rifiutato ogni forma di dialogo e concertazione con le rappresentanze istituzionali e con il sistema delle autonomie locali calabresi».

cm

di Carmela Mirarchi REGGIO CALABRIA - Un Consiglio regionale infuocato quello di ieri che si è occupato anche dei temi della sanità. Il Consiglio regionale, in avvio di seduta, ha approvato una mozione sulla "violazione del diritto alla mobilità dei cittadini e sui disservizi del sistema ferroviario calabrese e l’abbandono del territorio da parte del Gruppo Ferrovie dello Stato", primofirmatarioilpresidentedell’Assemblea Francesco Talarico, con alcuni capigruppo consiliari. Scopelliti intervenendo sulla questione ha detto: «Nel 2006 c’erano le risorse per poter investire ed offrirel’altavelocità.Quandoilministro Bianchi disse queste cose le reazioni non sono state eclatanti. La nostra battaglia di oggi non è facile perché si scontra con la realtà dei numeri. Ma la radice dei nostri problemi nasce da una stagione di penalizzazioni che oggi paghiamo interamente». Sulla mozione hanno inizialmente espresso voto contrario i consiglieri Adamo, Bova e Principe, ma quando la maggioranza, con l’impegno del presidente Talarico, ha recepito le indicazioni di Principe di chiedere l’avvio di un tavolo tecnicopermanentenelqualepresentare anche una proposta con la quale andare all’interlocuzione conilGovernoeconl’amministratore delegato delle Ferrovie, Moretti, è arrivato il voto unanime dell’Aula. Si è passati così alla discussione sul tema della sanità. «Al 31 dicembre prossimo possiamo

anticipare di avere recuperato 131 milioni di euro per minori spese». Ha detto il presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti. «Un lavoro duro - ha aggiunto - ma necessario.Devoperòanchedireche chi ieri ha votato il piano di ridimensionamento e di chiusura degli ospedali, oggi, va in giro per la Calabria a fomentare e veicolare falsità.EaTropea,dovesiregistrano però annualmente 180 ricoveri in day hospital e di conseguenza, in presenza di questo dato, abbiamo razionalizzato e non chiuso alcun servizio, o, ancora peggio, a Crotone. Lì non solo abbiamo aumentato i posti di dialisi da 16 a 19, ma abbiamo istituito nuovi servizi come emodinamica, razionalizzando l’esistente. A Crotone, per queste falsità - ha aggiunto Scopelliti - ho deciso di depositare una precisa denuncia alla Procura della Repubblica perché non si può strumentalizzare il bisogno della gente in maniera così vergognosa. La sanità non può essere terreno di speculazione politicamasfidaaltatrachipropone il modello migliore». Subito dopo è intervenuto l’ex presidente dellaGiunta,AgazioLoiero.«Sulla sanità - ha detto - il Consiglio regionale deve ritornare ad essere protagonista delle scelte. Il perduraredelcommissariamentopostula un abbassamento del confronto democratico.Sappiamotutticheil disastroattualeèvecchiodidecenni. Nonostante questo il buono che c’é nel sistema sanitario calabrese non è stato certamente sconfitto.

Ecco perché ho proposto al presidente Talarico di individuare un metodo affinché con cadenza temporale, qui, si possa discutere di ogni argomento con dati certi e veritieri». Il Consiglio regionale, subito dopo l’intervento dell’ex presidente della Giunta, Agazio Loiero, ha interrotto i lavori poiché tutti i gruppi di minoranza hanno abbandonato la seduta ed hanno convocato ad horas una conferenza stampa nell’aula commissioni del Consiglio regionale sui temi della sanità. «Scopelliti e Talarico - ha detto il capogruppo del Pd Sandro Principe - hanno lasciato i lavori. A quel punto ce ne siamo andati anche noi non prima di avere depositato il documento che abbiamo approvato ieri, tutti insieme noi capigruppo di minoranza, in cui sono contenute le nostre posizioni sulla sanità e le richieste al presidente - commissario Scopelliti. Quando il confronto è su un tema così decisivo - ha ag-

giunto Principe - il rispetto delle istituzioni vorrebbe che il presidente della Giunta seguisse il dibattito e che il Consiglio facesse attenzione. Altrimenti ci si parla solo addosso». Dopo l’uscita della minoranza la seduta del Consiglio regionale è ripresa. Il presidente della Giunta, Scopelliti, è rientrato e sta assistendo ai lavori. Il dibattito sulla relazione del presidente Scopelliti ha avuto inizio con l’intervento del consigliere del Pdl Giuseppe Caputo. Durante questa secondapartedellasedutaScopellitihaparlatodeirisultatiraggiunti in questi anni di governo del centro destra. Per il consigliere Grillo è stato da «irresponsabile ed incomprensibile abbandonare i lavori consiliari. Da vice presidentedelGruppoScopelliti-aggiunge - rilevo che i membri dell’opposizione hanno strumentalizzato la temporanea assenza del Presidente Scopelliti per lasciare l’Aula consiliare».

Il Governatore: raggiunti molti risultati Il Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti ha relazionato sulla sanità, argomento all’ordine del giorno del Consiglio regionale. «Nel Documento di Programmazione Economica e Finanziaria-hadettoScopelliti-abbiamoelencatotuttii gravi problemi che si sono accumulati in questi anni e che devono essere assolutamente aggrediti con tenacia, costanza, responsabilità e senso dell’etica. Siamo partiti dall’idea che il Piano di Rientro non può essere considerato un mero strumento coercitivo di riduzione dei costi della sanità, ma piuttosto uno strumento che possa abituare tutti gli attori della sanità ad avere una maggiore sensibilità sul valore del denaro pubblico. I risultati conseguiti in questi mesi sono stati numerosi. Se ci riferiamo alle azioni di contesto, annoveriamo in particolare la riorganizzazione ed il rafforzamento della Struttura Dipartimentale per rafforzare il ruolo di coordinamento e di monitoraggio della Regione sugli atti delle Aziende sanitarie ed ospedaliere; le migliori e più incisive relazioni con le Aziende sanitarie ed ospedaliere attraverso appositi atti organizzativi, che hanno

consentito di migliorare laprossimità erogativa, di ridurre i ricoveri ospedalieri, di riconvertire le strutture che non offrono sicurezza e continuità assistenziale, di migliorare la gestione aziendale e di avviare l’attività di omogeneizzazione della contabilitàgeneralepropedeuticaallecontabilitàanalitica ed al controllo di gestione; lo snellimento delle procedure ed il miglioramento della performance del personale sanitario, attraverso anche l’attivazione di appositi progetti formativi finalizzati alla diffusione della cultura della Valutazione nelle Aziende, in armonia con i principi espressi dalla riforma Brunetta. Ed ancora: l’attivazione di tutte le procedure per accelerare il processo di costruzione del Sistema informativo sanitario regionale, il cui bando di gara è già stato pubblicato ed è in fase di aggiudicazione. Nel frattempo si è proceduto ad individuare tutti i flussi informativi ed informatici, attraverso il decreto 101/2011 che ha messo la parola fine ai comportamenti autoreferenziali da parte di alcuni operatori del mondo sanitario, senza la possibilità di riscontri oggettivi. Sono state avviate inoltre le fasi per la

realizzazione dei quattro ospedali (Sibaritide, della Piana di Gioia Tauro, di Vibo Valentia e di Catanzaro) il cui cronoprogramma prevede la consegna delle nuove strutture entro il 31 dicembre 2015. La Regione ha già provveduto ad integrare le risorse statali con una propria quota di compartecipazione finanziaria, pari a 190 milioni di euro, di cui 110 milioni già versati sulla contabilità speciale del Commissario delegato. Sono state avviate altre iniziative mirate al miglioramento dell’organizzazione strategico-territoriale del servizio sanitario regionale e gli effetti della mobilità passiva, a fronte della quale, analizzando i dati, si registra una netta riduzione tra il 2009 ed il 2010, frutto di un’idonea politica regionale che ha cercato di ridare fiducia ai cittadini in termini di miglioramento della qualità prestazionale. Altra fondamentale attività avviata è quella del pagamento dei debiti pregressi, attraverso la costituzione della Bad Debt Entity (BDE)». Il Presidente, ha ringraziato i subcommissari Pezzi e D’Elia e la struttura commissariale «per il grande impegno sin qui profuso».



il domani