Page 1

Martedì 19 Ottobre 2010

Anno XIII - Numero 287

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

FOCUS

ECOCITTÀ

Calabria, una impresa su tre paga puntualmente i fornitori

CULTURA

Belluno 1^ d’Italia, Crotone 102ma, Cosenza la migliore della Calabria

a pag » 28

Convegno ad Altomonte sulla lettura al tempo degli e-book

a pag » 26 e 16

a pag » 21

Il consiglio regionale di ieri ha approvato una proposta di Alfonso Dattolo (Udc) con cui si differisce l’entrata in vigore della legge

Piano casa, proroga per i Comuni Si potrà disporre di ulteriori 45 giorni, rispetto ai sessanta precedenti, per adeguarsi agli strumenti urbanistici IL COMMENTO

Approfondimenti: ossessivamente anti berlusconiani

Carlo Guccione (Pd): un provvedimento giusto per dare la possibilità ai comuni calabresi di essere protagonisti della gestione corretta del territorio. Ora è necessario approvare in tempi brevi i regolamenti attuativi a pag » 6

ORRORE A MILANO

Bando per l’edilizia sociale Scopelliti: ora criteri neutri

di Daniele Capezzone portavoce nazionale Pdl

C’è una domanda alla quale chiunque sia intellettualmente onesto dovrebbe dare una risposta seria e convincente: possibile che, con rarissime eccezioni, quasi tutte le trasmissioni di approfondimento della Rai siano animate da un antiberlusconismo ossessivo? E’ questo un approccio e un atteggiamento da servizio pubblico? Sono, peraltro, inaccettabili e faziose le campagne in corso contro il direttore generale Masi e contro il direttore del Tg1 Minzolini. In primo luogo, va respinto questo metodo di procedere con avvertimenti e intimidazioni. In secondo luogo, il direttore generale andrebbe semmai difeso per gli insulti subiti da un conduttore Rai, cosa più unica che rara nell’intero sistema televisivo dei Paesi occidentali.

REGIONE

Sciolta nell’acido teste anti ‘ndrangheta MILANO - Lea Garofalo, la collaboratrice di giustizia scomparsa a Milano circa un anno fa, è stata uccisa e sciolta nell’acido in un terreno a San Fruttuoso, vicino a Monza. E’ quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip milanese Giuseppe Gennari e notificata ieri dai carabinieri del nucleo investigativo di Milano a sei persone.

REGGIO CALABRIA - «Una delle prime cose che ho fatto, dopo avere preso contezza della legge 36, ho chiesto lumi all’assessore ed al dipartimento dei Lavori Pubblici. Siccome mi regolo secondo la cultura almirantiana, cioè se sbaglia uno di noi deve pagare due volte, ho chiesto che mi fossero fornite assicurazione e delucidazioni, che devo dire, mi hannoconvinto».Cosìilpresidente della Giunta regionale, Giuseppe Scopelliti, ha aperto il suo intervento durante la conferenza stampa, coordinata dal capo ufficio stampa della Giunta, Oldani Mesoraca, dopo le polemiche sul nuovobandoperl’ediliziasociale, iniziativa a cui hanno preso parte l’assessore ai Lavori Pubblici, Pino Gentile, e il dirigente dello stesso dipartimento. a pag » 4

CATANZARO Il Gup: Why Not, troppo risalto mediatico ha determinato una distorta rappresentazione a pag » 16

REGGIO CALABRIA Partito il servizio di sorveglianza dell’esercito, 80 i militari impiegati a pag » 9

COSENZA Strutture di assistenza specialistica 600 lavoratori rischiano il posto a pag » 10

L’INTERVENTO

Doveroso rispetto per i sindacati e per la Fiom di Matteo Colaninno responsabile Sviluppo industriale Pd

Trovo contorte e francamente incomprensibili le considerazioni svolte dell’on. Fabrizio Cicchitto sul Partito Democratico e la manifestazione della Fiom. E non solo in ragione del facile rinvio, che potrei proporre all’on. Cicchitto, agli enormi problemi sorti e ormai di dominio pubblico della sua parte politica, quanto piuttosto per la semplicità della questione. Più che un ossimoro mi pare un distinguo lunare e ai limiti dell’assurdità, costruire, da parte della politica e in particolare della destra, una contrapposizione tutta verbale sul fatto che un grande sindacato si faccia carico di organizzare, in un momento in cui l’Italia patisce una preoccupante perdita di peso industriale e produttivo e quindi economico e sociale, una grande manifestazione sul lavoro. Così come è naturale che Confindustria e tutte le rappresentanze delle imprese mettano in campo, con una frequenza che dà conto della serietà della loro preoccupazione, iniziative pubbliche nelle quali vengono lanciati veri e propri gridi di allarme sulla tenuta del sistema produttivo italiano. Per questo trovo francamente lunare il modo di ragionare di chi, fingendo di chiedersi chi partecipi e chi no delle forze politiche ad una manifestazione sindacale, dimostra niente più che la distanza della politica dalle drammatiche priorità dell’Italia. Personalmente, e proprio per la mia storia di imprenditore e di leader dei giovani di Confindustria, non sarei comunque andato in piazza. Ma ho guardato con doverosa attenzione e grande rispetto la manifestazione.


2

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA LETTERA di Mario Oliverio C’è bisogno di una Sinistra europea e di governo di Mario Oliverio*

Carissimi, vi ringrazio per l’invito ma, come avevo avuto già modo di comunicare a qualcuno di voi, un concomitante impegno istituzionale mi trattiene altrove. Me ne dispiace davvero, perché avrei voluto partecipare volentieri ai lavori del vostro Congresso che, senz’altro, contribuiranno ad elevare la qualità del dibattito politico in Calabria ed in provincia di Cosenza e saranno di forte stimolo alla ripresa di entusiasmo e iniziativa politica da parte di una Sinistra che mai come in questo momento ha bisogno di individuare nuovi percorsi, coinvolgere energie fresche, elaborare proposte ed idee per uscire dall’angolo in cui sembra essersi cacciata. Mi limito, pertanto, ad un brevissimo saluto non formale che vuole essere anche un modesto, modestissimo contributo alla vostra discussione congressuale. Accennavo prima alla crisi della Sinistra. Una crisi che si inserisce in un contesto

più ampio di recessione, che è crisi del sistema globale e che investe un mondo in cui le sacche di povertà aumentano, le differenze si allargano, cresce la fame e la mortalità infantile, si accentuano le distanze tra Nord e Sud, compaiono nuove forme di sfruttamento e di schiavitù. In questo contesto, in cui spesso e volentieri i governi nazionali tentano di rispondere alla crisi con provvedimenti che mortificano lo stato sociale e individuano nei ceti meno abbienti i soggetti su cui calare la scure di nuovi balzelli e nuovi tagli per sanare le finanze degli Stati, si registra anche una lenta ma costante crisi della partecipazione e della democrazia. Un fenomeno, questo, che si avverte in maniera ancor più drammatica nel Mezzogiorno ed in Calabria dove la presenza di una criminalità organizzata sempre più spavalda e pervasiva, i drammatici e annosi problemi che affliggono le nostre popolazioni

SOTTO LA LENTE

di Mario Pirillo*

La mobilitazione del Pd parte dalla base La strada intrapresa dal Commissario Musi non facilita affatto qualsiasi ipotesi di potenziamento del Pd in Calabria. Portando avanti questa metodologia si rischia di danneggiare seriamente il partito bloccando, di fatto, l’impegno di una vasta area moderata nel Pd. Area largamente rappresentativa della realtà calabrese. È un atteggiamento che non può passare inosservato soprattutto per quanti, come me, lavorano da sempre per far crescere il partito e farlo radicare sul territorio. Per arrestare questa deriva autolesionistica il prossimo 22 ottobre organizzeremo una grande mobilitazione che coinvolgerà uomini e donne del Pd che non condividono queste scelte lesive della dignità delle varie anime del partito democratico, scelte che hanno il solo effetto di indebolire il partito. Un incontro che richiamerà tutti quei soggetti che vogliono dare il loro contributo per radicare un partito che sappia interpretare realmente le istanze dei moderati.

*europarlamentare Pd

e i nostri territori ed il forte vento antimeridionalista che arriva impetuoso da Roma, rischiano di lasciar prevalere inesorabilmente il ripiegamento e la rassegnazione. In questo quadro c’è bisogno di una Sinistra moderna che punti ad innovare la sua missione politica, che parli un linguaggio chiaro e comprensibile, che sappia collocare i bisogni e le domande che provengono dai territori in un serio progetto di crescita della società ispirato all’affermazione dei diritti e dei valori della dignità della persona, ma anche all’affermazione del merito. Dare voce ai ceti più deboli, a quanti non hanno più spazio e rappresentanza in un mondo in cui i rapporti sono ormai sempre e quasi esclusivamente improntati al profitto, in cui il lavoro viene spesso mortificato e svalorizzato, la natura violentata e depredata, tutto evolve rapidamente e le giovani generazioni si trovano spesso disorientate, impossibilitate a fronteggiare sfide epocali in tempi rapidissimi: questo mi sembra essere oggi il compito di una Sinistra che voglia interpretare i veri bisogni della gente, intercettare domande ed essere portatrice di un progetto realmente innovativo e totalmente proiettato verso il futuro. Un progetto che sappia indicare soprattutto orizzonti di crescita e di speranza alle nuove generazioni. Se vogliamo realmente cambiare una politica che è diventata sempre più strumento di occupazione del potere e sempre meno occasione per governare processi, per realizzare obiettivi di crescita economica e sociale, per creare condizioni di effettiva libertà e giustizia dobbiamo riguadagnare la fiducia ed il consenso della gente per costruire con essa ed insieme ad essa la piattaforma politica e programmatica sulla quale innestare una coerente ed efficace azione di governo. Occorrono, dunque, forme e contenuti radicalmente nuovi che abbiano la capacità di far convergere, nel rispetto delle diversità, un ventaglio quanto più aperto ed inclusivo di pratiche e culture sociali. Per realizzare tutto ciò c’è bisogno di una Sinistra europea e di governo, laica e riformista, fortemente aperta e plurale, che abbia l’intelligenza ed il buon senso di guardare ad alleanze vaste e sappia

far convergere le diverse anime che in essa convivono intorno ad un programma politico condiviso e unitario. C’è un vasto campo di forze, riformiste, laiche e ambientaliste che ha cominciato ad unificarsi e alle quali è giusto guardare con attenzione, così come è giusto guardare a tutte quelle forze di opposizione che incarnano valori ed ideali importanti. C’è, dunque, bisogno di una Sinistra che sia realmente credibile e alternativa al centrodestra, che sappia definitivamente mettere da parte divisioni e particolarismi e abbandonare una volta per tutte la politica di bottega e di autoconservazione che è stata alla base della grave frammentazione che ha provocato la pesante sconfitta di qualche mese addietro e che oggi, se perseguita, rischia di porci definitivamente fuori dalla storia. Il tempo è tiranno e non lavora affatto a nostra favore. Se non ci muoviamo tempestivamente rischiamo di consegnare il nostro futuro e quello dei nostri figli nelle mani di personaggi inquietanti, che non sanno cosa sia la democrazia e la libertà, che rifiutano il confronto e che alla partecipazione e al dialogo preferiscono il governo delle cricche e delle lobbies. I valori e gli ideali autenticamente riformisti, fortemente ispirati alla democrazia, alla partecipazione, alla laicità, all’uguaglianza e alla giustizia sociale e che appartengono alla nostra storia e alla nostra cultura sono le nostre migliori armi per mandare a casa definitivamente chi ha sempre anteposto e continua ad anteporre agli interessi di tutti, i propri interessi. Sappiamo bene che quella che siamo chiamati a combattere è una sfida che richiede rinunce, sacrifici, schiena dritta, grande coerenza e dignità e, soprattutto, la capacità di mettere in campo idee e prassi di buon governo attente ai bisogni dei cittadini e dei nostri territori, ma sappiamo anche che nessuno che abbia veramente a cuore le sorti del nostro Paese e della nostra terra può rinunciare o sfuggire ad essa. Nella costruzione di questo percorso difficile ma non impossibile il ruolo, il contributo e il peso di Sinistra Ecologia e Libertà sono fondamentali e straordinariamente necessari. *Presidente della Provincia di Cosenza lettera inviata al Congresso di Sinistra Ecologia Libertà


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani

3

PRIMO PIANO

Sciolta nell’acido per impedirle di testimoniare contro le ’ndrine

di Renato Giorgi MILANO - Lea Garofalo, la collaboratrice di giustizia scomparsa a Milano circa un anno fa, è stata uccisa e sciolta nell’acido in un terreno a San Fruttuoso, vicino a Monza. E’ quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip milanese Giuseppe Gennari e notificata ieri dai carabinieri del nucleo investigativo di Milano a sei persone.

Nel provvedimento del giudice si ritiene che l’omicidio della donna sia stato una vera e propria "esecuzione". Le ordinanze di custodia cautelare sono state chieste dal procuratore aggiunto di Milano Alberto Nobili e dai pm Marcello Tatangelo (dda) e Letizia Mannella. Gli arresti sono stati eseguiti tra Lombardia, Calabria e Molise e sono in corso perquisizioni. In base agli accertamenti e alle dichiarazioni di un paio di pentiti, Lea Garofalo, 35 anni, al-

La distruzione del cadavere, per inquirenti e investigatori, ha avuto lo scopo di simulare la scomparsa volontaria della collaboratrice

la quale nel febbraio del 2006 era stato revocato il programma di protezione, tra il 24 e il 25 novembre scorsi, prima di essere assassinata e sciolta nell’acido in un terreno nell’hinterland milanese, sarebbe stata anche interrogata dai suoi esecutori. Dei sei provvedimenti, due sono stati notificati in cella a Carlo Cosco, ex convivente della donna - dalla relazione è nata una figlia ora maggiorenne - e a Massimo Sabatino. I due erano già stati arrestati a febbraio per un precedente tentativo di sequestro, avvenuto a Campobasso nel maggio dell’anno scorso, con lo scopo di uccidere la Garofalo per vendicarsi delle dichiarazioni da lei rese agli inquirenti, a partire dal 2002, contro alcuni affiliati alle cosche della ’ndrangheta di Petilia Policastro (Crotone). Gli altri quattro destinatari del provvedimento del giudice Gennari sono i fratelli di Carlo Cosco, Giuseppe detto Smith (gli è stato contestato anche lo spaccio di stupefacenti) e Vito detto Sergio, e altre due persone, una delle quali accusata solo di distruzione di cadavere. Secondo l’indagine, Carlo Cosco ha organizzato l’agguato teso a Lea Garofalo proprio mentre questa si trovava a Milano con la figlia. Proprio con il pretesto di mantenere i rapporti con la ragazza, legatissima alla madre, Cosco ha attirato la sua ex nel capoluogo lombardo. Almeno quattro giorni

prima del rapimento, ha predisposto un piano, contattando i complici, assicurandosi sia il furgone dove é stata caricata a forza, sia la pistola per ammazzarla "con un colpo", sia il magazzino o il deposito dove interrogarla, e infine l’appezzamento dove si ritiene sia stata sciolta nell’acido. La distruzione del cadavere, per inquirenti e investigatori, ha avu-

I resti di Lea Garofalo, la collaboratrice di giustizia scomparsa a Milano circa un anno fa, sepolti in un terreno vicino Monza to lo scopo di "simulare la scomparsa volontaria" della collaboratrice e assicurare l’impunità degli autori materiali dell’esecuzione. Autori che inquirenti e investigatori hanno identificato in Vito e Giuseppe Cosco, ai quali Lea Garofalo è stata consegnata dagli altri due complici destinatari dell’ordinanza e indicati come i rapitori. L’accusa di omicidio è stata ipotizzata con le aggravanti della premeditazione. A dare l’allarme per prima per la sparizione della donna era stata proprio la figlia della Garofalo e di Cosco.


4

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

PRIMO PIANO Il Governatore e l’assessore ai Lavori pubblici Pino Gentile hanno fatto chiarezza sull’assegnazione dei finanziamenti. Già pronto un nuovo bando regionale

Edilizia sociale, Scopelliti corre ai ripari: «Affermeremo criteri neutri» di Alessandro Caruso REGGIO CALABRIA - «Ci stiamo orientando a mantenere aperto il nuovo bando per almeno un mese, di modo che chiunque possa avere piena contezza dei contenuti e, quindi, possa decidere la propria partecipazione», così ieri, nel corso di una conferenza stampa, il Governatore Giuseppe Scopelliti ha messo una pezza sulla questione relativa al bando emesso in riferimento alla legge 36, quella sull’edilizia sociale. Un bando che aveva fatto discutere per la sua equivocità. Il fatto che fosse stato pubblicizzato solo per un giorno e che sembrasse fatto su misura per favorire le imprese del cosentino ha indotto molti a ricorrere, con successo, al Tar. Da qui la rincorsa ai ripari da parte della Giunta. Giunta che, per bocca del suo presidente e dell’assessore competente ai Lavori pubblici, Pino Gentile, ha preso con immediatezza impegni precisi: nuovo bando, con la dovuta pubblicità, e distribuzione equa delle risorse: «Dai dati riscontrati dal dipartimento, inoltre - ha sottolineato infatti Scopelliti - emerge che circa il 67% delle risorse previste, una somma di poco superiore agli 82 milioni di euro, era destinato alla provincia di Cosenza. Noi pensiamo, invece, che le risorse siano distribuite con un criterio di perequazione territoriale e, naturalmente, rispettando le emergenze. Vogliamo affermare criteri neutri, ecco perché la necessità di un nuovo bando. Non c’è alcuna guerra, ma solo la necessità, l’obbligo, di fare chiarezza». Scopelliti, inoltre, ha sottolineato come la città di Catanzaro sia sta-

Gatto non ci sta: «Sulla sospensione del bando Gentile rifiuta il confronto»

Giuseppe Scopelliti

ta penalizzata dal vecchio bando, ma, ha detto: «Il presidente di Assindustria di quella provincia, forse per interesse personale, continua a difenderne i contenuti. Entro un mese - ha proseguito Scopelliti - produrremo il nuovo bando e tutti avranno l’opportunità di far valere le proprie competenze». Pino Gentile, dal canto suo, ha sostenuto che il vecchio bando non andava bene e a questo giudizio si era giunti dopo attenta valutazione da parte di un pool di esperti giuridici. «Vi sono almeno dieci

Scopelliti: «Noi pensiamo che le risorse siano distribuite con un criterio di perequazione territoriale e rispettando le emergenze»

punti di criticità che abbiamo messo nero su bianco, proprio per evidenziare le nostre giuste ragioni. E i primi ricorsi accolti dal Tar ci stanno dando ragione. Ma poi - si è chiesto Gentile com’è possibile che un bando di così tanta importanza abbia avuto pubblicità per una sola giornata?». L’assessore ha anche ricordato il voto favorevole alla legge 36 del centrodestra in Consiglio regionale. «Ma che quella legge fosse poi attuata attraverso quel bando è tutt’altra cosa». Gentile, infine, ha poi voluto tranquillizzare i comuni che hanno già ricevuto finanziamenti: non li perderanno. E ne ha approfittato per replicare ad alcune dichiarazioni che sanno, come ha detto lui stesso, «di fariseismo». Il riferimento è alle affermazioni di consiglieri regionali che prospettavano la perdita di 500 posti di lavoro. «Nulla di più falso», ha controbattuto l’assessore Gentile.

Tessile San Gregorio, i sindacati dialogano con la Giunta Il consigliere regionale Candeloro Imbalzano e l’assessore alle Attività produttive Antonio Caridi hanno incontrato ieri, a palazzo Campanella, alcune organizzazioni sindacali per affrontare la questione dei lavoratori dell’ex polo tessile di San Gregorio. È stata l’occasione per approfondire alcune problematiche riguardanti il mancato riconoscimento della mobilità in deroga per alcune decine di lavoratori, ex Teca, Tepa, Selene, e Filadelfia. E ancora, la ritardata corresponsione degli ammortizzatori sociali, per altre maestranze, e, soprattutto, per individuare prospettive incoraggianti per il futuro lavorativo. Tutte questioni rimaste ancora sul tappeto ma su cui si è registrata un’apertura da parte delle istituzioni: «Mi sono fatto promotore di questa riunione con i lavoratori dell’ex polo tessile di San Gregorio -

ha detto Imbalzano - che mi avevano fatto espressa richiesta in tal senso. Abbiamo analizzato ulteriormente con l’assessore Caridi, cercando di individuare strade percorribili. In particolare ha aggiunto Imbalzano - abbiamo auspicato un forte interesse della regione Calabria a favore dei lavoratori mortificati in questi anni dall’atteggiamento di imprenditori assai poco attenti agli interessi del territorio». Caridi, da parte sua, con espresso riferimento ad alcuni bandi di prossima pubblicazione, si è detto fiducioso sulla possibilità che imprese veramente serie possano parteciparvi con intenti propositivi ed ha aggiornato l’incontro ad un successivo momento con i rappresentanti dell’assessorato al Lavoro. C.G

- La Regione ha prima deciso di annullare il bando ed ora è alla ricerca impazzata di motivazioni, difficili da trovare; l’assessore Gentile rifiuta il confronto diretto e pubblico. Questa la verità secondo Giuseppe Gatto, presidente di Confindustria di Catanzaro. «La procedura di annullamento - a suo dire - è stata effettuata mediante la partecipazione di un funzionario in gravissimo conflitto di interessi, quale progettista di una delle imprese che ha partecipato al bando, senza conquistare un posto utile in graduatoria». Non solo: la Giunta avrebbe adottato una delibera di annullamento del bando (sospesa dopo pochi minuti), nella quale è stata dichiarata l’esistenza dell’attestazione di regolarità tecnica, senza che ciò risponda al vero, ha aggiunto Gatto. Il numero uno degli industriali del capoluogo non ci sta e annuncia provvedimenti: «La gravità della situazione - ha fatto sapere - impone il rifiuto di qualunque atteggiamento omertoso e anzi mi costringe ad esercitare i legittimi diritti della Gatto Costruzioni spa, specie perché ho l’onore di presiedere Confindustria Catanzaro, la quale svolge quotidianamente una penetrante azione di vigilanza e controllo della legalità, anche e soprattutto quando questa è violata dalle Istituzioni rappresentative».


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO

Comunali a Catanzaro, Noi Sud sta con Traversa

Da sinistra Elio Belcastro e Ferdinando Cosco

di Cesare Giraldi CATANZARO - Il movimento “Noi Sud” sarà presente alle prossime amministrative calabresi con diversi rappresentanti all’intero di altre liste del Pdl. Ormai è ufficiale. Lo hanno dichiarato ieri Ferdinando Cosco e l’onorevole Elio Belcastro, confermando gli impegni assunti a luglio nel corso della conferenza organizzativa tenutasi a Villa San Giovanni alla

presenza dei vertici del partito e, nel mese di settembre, a Summonte (Avellino) durante i lavori del primo Congresso nazionale. Michele Traversa, quindi, comincia ad avere un’idea sempre più chiara della compagine che lo accompagnerà nel suo tentativo di prendersi il Comune di Catanzaro. «Sono convinto – ha dichiarato Cosco – che il nostro partito darà un significativo contributo alla elezione a sindaco dell’onorevole Traversa e che tale

A detta di Cosco "Noi Sud" solo nella provincia di Catanzaro ha già superato i 1.000 iscritti, ma l’obiettivo è raggiungere entro dicembre quota 2.500

elezione sancirà per la città capoluogo l’inizio di una entusiasmante rinascita civile e sociale». Venendo ai numeri, Noi Sud, a detta di Cosco, solo nella provincia di Catanzaro, ha già superato i 1.000 iscritti, ma l’obiettivo è raggiungere entro dicembre quota 2.500. «Siamo in presenza di un fenomeno politico nuovo che, con il contributo del Pdl e di tutti gli altri partiti di centro-destra - ha detto - potrà dare risposte certe alle tante ataviche problematiche che attanagliano questa città e l’intera regione, a partire dalla sanità e dalla disoccupazione giovanile». La loro adesione al progetto di Traversa, del resto, è coerente con il sodalizio con il Governatore Giuseppe Scopelliti che, nonostante alcune incomprensioni in fase di composizione delle liste, hanno deciso di sostenere già dalle ultime elezioni regionali di marzo. Un sodalizio che trae origine anche dalla condivisione delle linee guida a livello programmatico, a partire dalla sanità: «Il rilancio della Calabria e del Mezzogiorno - prosegue Cosco - deve passare necessariamente dalla formazione di nuovi manager soprattutto in sanità. Urge fare ricorso ad amministratori nuovi e capaci, per superare il gap organizzativo e strutturale di questi decenni. Ecco perché condividiamo ed apprezziamo il percorso di risanamento e rimodula-

zione dell’intero settore avviato dal presidente Giuseppe Scopelliti». E ancora sulla sanità, in merito al personale Cosco sostiene che sia necessario ridefinire i criteri per la progressione di carriera, i concorsi, le nomine e gli incarichi: «Criteri che devono rispondere ha continuato - a elementi oggettivi di merito. Più che efficace, a tal

Cosco: «Catanzaro dovrà affrontare con grande coraggio questa sfida e potrà farlo solo con un sindaco autorevole come Michele Traversa» proposito, ci sembra essere stato fino ad oggi il lavoro dell’attuale commissario straordinario dell’Asp Gerardo Mancuso». Traversa per ora ringrazie e raccoglie l’in bocca al lupo dei colleghi di Noi Sud: «Catanzaro dovrà affrontare con grande coraggio questa sfida e potrà farlo solo con un sindaco attento e autorevole come Michele Traversa - ha concluso Cosco - persona certamente capace di interpretare, analizzare e risolvere gli annosi problemi di una città arrivata ormai al capolinea».


6

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

PRIMO PIANO Un ricordo di Francesco Fortugno ha aperto i lavori del consiglio regionale

Piano casa, passa la proroga di 45 giorni per i comuni di Francesco Pungitore REGGIO CALABRIA - Un minuto di raccoglimento per ricordare Francesco Fortugno, il vice presidente del consiglio regionale calabrese ucciso cinque anni fa a Locri, ha aperto i lavori del consiglio regionale di ieri. Successivamente, nel corso dei preliminari, l’aula ha approvato all’unanimità una proposta di Alfonso Dattolo (Udc) con cui si differisce di ulteriori 45 giorni l’entrata in vigore della legge sulla casa per i Comuni che non hanno ancora deliberato di accogliere le indicazioni della nuova normativa. Su questo punto, il consigliere del Pd, Carlo Guccione, pur dichiarandosi d’accordo con Dattolo ha chiesto che siano al più presto elaborati i regolamenti attuativi della legge sul Piano Casa. «Mi ritengo soddisfatto per l’approvazione da parte dell’Aula Il consiglio della modifica di legge sul cosiddetto Piano Casa, proposta da me di ieri ha edall’assessoreGiuseppeGentile, poi approvato nella parte in cui dà la possibilità alle Amministrazioni comunali, l’introduzione sulle quali gravano complesse procedure tecniche-burocratidel che, di disporre di ulteriori 45 question time giorni, rispetto ai sessanta precedenti, per adeguarsi agli strumodificando menti urbanistici» ha commentato Dattolo. Il consiglio ha poi l’art. 122 approvato l’introduzione del cosiddetto question time, modifidel cando l’art. 122 del regolamento regolamento vigente. La proposta di provvedimento amministrativo, di iniziativigente va dei consiglieri F. Talarico, Fedele, Bilardi, Bova, Tripodi, Ciconte, Serra, De Gaetano, Giordano, al cui testo originario (relatore Michele Magno) sono stati apportati tre emendamenti del capogruppo del PdL Luigi Fedele. In particolare, il question time prevede l’interrogazione a risposta immediata, previa una sola domanda, semplice e concisa su argomenti di particolare rilievo politico ed istituzionale, che presentino caratteri d’urgenza o di attualità. Inoltre, si legge nel provvedimento approvato, le interrogazioni a risposta immediata sono svolte dopo l’approvazione del verbale e la lettura delle comunicazioni. Ed ancora: l’interrogazione a risposta immediata deve essere presentata al Presidente del Consiglio inderogabilmente entro le ore 12 del settimo giorno lavorativo antecedente la seduta di svolgimento. Nel caso

Amministrative vertice tra Pdl e Udc REGGIO CALABRIA - In vista della prossime scadenze amministrative in vari comuni della Calabria, il Coordinatore regionale del Pdl Giuseppe Scopelliti, il vicario Tonino Gentile ed il segretario regionale dell’Udc Francesco Talarico, hanno avuto un incontro a Reggio Calabria per fare il punto sull’attuale situazione politica. A riferirlo è un comunicato del coordinamento regionale del Pdl che sottolinea la valenza programmatica dell’iniziativa e conferma lo sforzo organizzativo in atto da parte del centrodestra per confermare la propria leadership a tutti i livelli. «L’appuntamento - prosegue la nota - ha avuto l’obiettivo di rinnovare il felice e positivo percorso comune che ha visto Pdl ed Udc ottenere uno straordinario risultato

di fattispecie particolarmente rilevanti, può essere presentata 48 ore prima dell’orario di convocazione della seduta. Il testo approvato prevede che le interrogazioni presentate sono immediatamente trasmesse per via telematica al Presidente della Giunta. Le interrogazioni, vengono poste all’ordine del giorno, garantendo la partecipazione di tutti i gruppi e tenuto conto della loro consistenza numerica, secondo l’ordine stabilito dal Presidente del Consiglio, sentito il Presidente della Giunta. Il Presidente del Consiglio almeno 48 prima della seduta, invia al Presidente della Giunta ed a tutti i consiglieri l’elenco definitivo delle interrogazioni che saranno svolte nella seduta medesima. Il Presidente della Giunta o l’assessore competente per materia - inoltre - devono motivare formalmente la loro impossibilità a rispondere, indicando allo stesso tempo la data certa ed inderogabile in cui daranno risposta all’interrogazione. L’interrogante, infine, dispone di 2 minuti per illustrare l’interrogazione. Il presidente della Giunta o l’assessore competente per materia o delegato, dispone di 3 minuti per rispondere. L’interrogante ha diritto di replica per non più di un minuto. Il consiglio regionale, concludendo i lavori, ha approvato una proposta di legge di iniziativa del consigliere Franco Morelli (PdL), con cui si dispongono facilitazioni in materia di addizionale Irpef e di tasse automobilistiche in favore di associazioni di volontariato nel campo socio-sanitario. Le associazioni che possono beneficiare delle esenzioni sono quelle iscritte nell’apposito albo regionale. Le autovetture esenti dal pagamento del bollo auto, sono quelle utilizzate per scopi strettamente legati all’attività di servizio fornita.

Disposte anche facilitazioni in materia di addizionale Irpef e di tasse auto in favore di associazioni di volontariato

elettorale lo scorso mese di marzo con la vittoria alle elezioni regionali. La riunione è inoltre servita a porre le basi per discutere di contenuti che successivamente avranno come sintesi ultima la stipula di un dettagliato programma elettorale. Scopelliti, Gentile e Talarico hanno inoltre fatto il punto dell’attuale situazione politica regionale evidenziando che la sinergia e la coesione tra Pdl ed Udc sta consentendo alla Calabria di avviare concretamente quella politica di riforme e tutela degli interessi dei calabresi sin oggi auspicata». «Al termine della positiva riunione - conclude la nota - il coordinatore regionale del Pdl Giuseppe Scopelliti, il vicario Tonino Gentile ed il segretario regionale dell’Udc Francesco Talarico si son dati appuntamento ad altro incontro in cui si discuterà ancora più approfonditamente delle iniziative elettorali comuni da intraprendere». Nei prossimi giorni, dunque, sono previste ulteriori iniziative per definire nel dettaglio la fase di avvicinamento alle prossime scadenze politico - elettorali.

Luigi Rocca


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO Si è riunito il direttivo della Federazione italiana lavoratori legno Edili e affini

Luigi Veraldi nuovo segretario generale regionale della Fillea di Dino Casabona CATANZARO - Il Comitato Direttivo della Federazione Italiana Lavoratori Legno Edili e Affini Cgil Calabria, nella convocazione di ieri ha eletto con votazione unanime, a scrutinio segreto, il suo nuovo Segretario Generale Regionale. La scelta è caduta su Gigi Veraldi con una proposta condivisa dai due centri regolatori, Fillea Cgil Nazionale e Cgil Regionale che è stata presentata all’organismo preposto direttamente dal Segretario Generale Nazionale della Fillea, Walter Schiavella e sulla quale ha espresso il suo accordo il Si riparte con la Segretario Generale della Cgil Calabria, Sergio Genlotta contro co. Gigi Veraldi dirigente della l’illegalità da Cgil viene da una lunga dispiegare con il esperienza sindacale inia fine anni 80 nei sercoinvolgimento di ziata vizi dell’Organizzazione e precisamente nell’Inca di larghe alleanze Catanzaro dove ha messo a sociali e con un frutto la sua polivalenza interessanpiglio pragmatico professionale dosi non solo delle materie previdenziali assistenziali che passa dalla ma da subito si è dimostrasottoscrizione dei to molto attento alle problematicheoccupazionalie Protocolli a quelle fiscali dei lavoratori e dei pensionati, per quest’ ultima attività ha anticipanto la nascita dei Centri di Assistenza Fiscale che nel primo anno della loro attività lo hanno visto responsabile del competente Ufficio di Catanzaro. L’esperienza nell’Istituto di Patronato della Cgil è durata fino al 1997 e nell’ambito della stessa sono stati rivestiti ruoli di Formatore Nazionale e Coordinatore Regionale per l’attività di assi-

stenza e tutela degli Infortuni sul Lavoro e delle Malattie Professionali nonchè Responsabile dell’Ufficio Convenzioni Internazionali per l’assistenza nelle prestazioni pensionistiche Inps in convenzione con gli Serve la Organismi previdenziali stranieri per i nostri connazionali residenti all’estero permanenza di un oltre a quelli della nostra Regione. Nel controllo 1998 assume il primo incarico elettivo di responsabilità politica, ed è proprio la amministrativo Fillea a tenerlo a battesimo, con la elein materia di zione a Segretario Generale della Fillea Cgil di Catanzaro e Lamezia. Un’espe- lavoro su tutto rienza che viene interrotta dopo appena un’anno, per volontà della Cgil che lo il territorio propone e quindi lo elegge Segretario puntando su Generale dell Funzione Pubblica Cgil di Catanzaro. una rinnovata Sempre per la categoria del Pubblico Impiego nel 2001 viene eletto Segretario attività ispettiva Generale Regionale e termina dopo una e di vigilanza lunga e positiva esperienza nel 2009, per scadenza di mandato. Da luglio 2009 ad oggi gli è stato assegnato l’incarico del Diparitmento Confederale Regionale delle Po-

litiche del Lavoro. Una esperienza fatta da un mix di attività di servizio e di politica in favore della Cgil e dei Lavoratori che ha finito per essere determiante per individuare la scelta, la proposta e quindi la elezione a Responsabile della Fillea Calabria. Il neo Segretario nella dichiarazione programmatica ha indicato le line politico-sindacali che impegneranno il suo mandato e quindi l’azione della categoria chiamato a guidare. Innanzitutto la lotta contro l’illegalità da dispiegare con il coinvolgimento di larghe alleanze sociali e con un piglio pragmatico che nel settore passa sicuramente dalla sottoscrizione dei Protocolli sulla legalità da stipulare tra sindacato, controparti e istituzioni per le grandi opere, ma deve anche interessare la permanenza di un controllo amministrativo in materia di lavoro su tutto il territorio puntando su una rinnovata e funzionale attività ispettiva e di vigilanza, sul ruolo attivo della Stazione Unica Appaltante, su quello della Centrale Allarme Emersione a cura della Commissione Regionale per l’emersione del lavoro e da una costante azione sindacale di denuncia. Per le tematiche contrattuali la necessità di un rapporto costruttivo con le altre Oo. Ss. di categoria a partire dalla propedeutica azione unitaria per la redazione delle piattaforme per gli Accordi Integrativi Provinciali del Settore e per la formalizzazione alle controparti dell’apertura del relativo confronto con l’indicazione dei punti da negoziare come deroghe migliorative rispetto allo stesso Ccnl. Per le questioni riguardanti la sicurezza dei cantieri, il richiamo alle regole per l’affermazione di un diritto universale alla salute, costituzionalmente protetto e che riguarda anche la prevenzione per la integrità fisica del lavoratore, ricordando che la inosservanze delle norme sulla sicurezza rapprentano il più delle volte un danno permanente alla salute dei lavoratori.

«Sbloccare le opere pubbliche» REGGIO CALABRIA - «Alla fine della passata legislatura regionale era stato approvato un programma di opere pubbliche che doveva essere attuato da centinaia di Comuni calabresi. Tale piano serviva e serve a dare risposte concrete ai bisogni infrastrutturali delle nostre comunità». Lo afferma in una nota il consigliere regionale del Pd, Demetrio Battaglia. «Inoltre, rappresentava e rap-

presenta - aggiunge - una boccata di ossigeno per tutta l’economia calabrese. Si trattava di quasi 500 piccole e medie opere, di facile ed immediata cantierizzazione che consentivano al comparto edilizio regionale di tamponare una difficile congiuntura economica e finanziaria, mantenendo anche i già minimi livelli occupazionali. Senza una spiegazione razionale e convincente il pro-

gramma è stato sospeso nel mese di giugno dall’ex direttore generale del dipartimento lavori pubblici e, successivamente, l’attuale maggioranza che governa la Calabria, nel mese di agosto, ha decurtato sensibilmente le risorse economiche che sostenevano il piano stesso. Oggi, a distanza di mesi tutto è fermo». «Ai Comuni - prosegue Battaglia - che sono in linea con i parametri finanziari previsti dalla legge e che, in tantissimi casi, hanno attivato le procedure tecniche per realizzare opere coerenti con il dettato normativo non viene formalmente consentito di attivare le procedure per ottenere i finanziamenti e dare il via agli appalti. Ritengo che questa situazione di stallo non porti benefici alla Calabria e rischi, anche di creare con-

tenziosi con le Amministrazioni comunali a scapito dei cittadini. Vi è il pericolo di innescare il solito meccanismo, tutto meridionale, che vede trascorrere tempi biblici tra l’idea progettuale e la realizzazione della stessa. In Calabria le opere pubbliche spesso si realizzano quando non servono più o, peggio ancora, si iniziano e non si concludono perché il quadro economico non è più adeguato. E’ necessario che il dipartimento regionale lavori pubblicisblocchiimmediatamente la situazione accantonando, eventualmente, solo le opere incoerenti o sostituendo i Comuni che non hanno i requisiti per poter attivare i mutui. Il tempo è scaduto». «Il dipartimento - conclude - ha avuto a disposizione 4 mesi per compiere questa operazione. La realtà calabrese non consente ulteriori dilazioni».


8

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

CRONACHE

Gdf scopre evasione fiscale milionaria di Carmela Mirarchi LOCRI - Nella giornata di lunedì 11 ottobre i militari della Guardia di Finanza della Compagnia di Locri hanno operato il sequestro di 7 terreni e un fabbricato di proprietà di un noto imprenditore di San Luca operante nel settore delle costruzioni edilizie: N.S. di anni 52. Si tratta dell’atto conclusivo di una verifica fiscale minuziosa e complessa che ha portato alla luce un’ingente evasione fiscale. L’attiOperato il vità di sequestro di polizia tributa7 terreni ria,esedi proprietà di un guita anche

noto imprenditore di san Luca

mediante accertamenti bancari e riscontri presso clienti e fornitori della ditta verificata, ha evidenziato anche la presenza di numerose fatture per operazioni inesistenti utilizzate dall’imprenditore sanluchese per aumentarefittiziamenteicostiaziendali per circa un milione e mezzo di euro. Alcune di queste fatture erano state autoprodotte dall’imprenditore stesso. La struttura contabile, ovviamente, era stata artatamente creata per eludere i controlli e legittimare i costi fittizi sostenuti. In particolare molta attenzione era stata da-

ta alla rappresentazione dei pagamenti effettuati e delle uscite di denaro in occasione degli acquisti in realtà mai avvenuti. L’attività investigativa dei finanzieri, però, ha superato gli ostacoli che erano stati appositamente posti sul percorso dell’accertamento ed ha inequivocabilmente dimostrato anche la fittizietà dei pagamenti e dei movimenti di denaro. Tre sono i soggetti denunziati in quanto la consistente evasione fiscale e l’utilizzo di fatture false hanno comportato la denunzia sia dell’imprenditore verificato che di due titolari di imprese, operanti nello stesso comprensorio, che hanno emesso i falsi documenti fiscali. A seguito dell’informativa delle Fiamme Gialle di Locri, la dott.ssa Rosanna Sgueglia ha avanzato una richiesta di sequestro preventivo per equivalente al Giudice del-

le Indagini Preliminari il quale ha ritenuto meritevole di accoglimento la proposta formulata dall’organo dell’accusa. Lo strumento penale utilizzato dal Magistrato consente nel caso di evasioni fiscali di importi tali da comportare la denunzia penale, di eseguire il sequestro preventivo di beni di un valore pari alle imposte evase. Lo strumento normativo consente, quindi, di evitare che il patrimonio dell’evasore venga "disperso" facendolo rimanere cautelato per il "risarcimento" all’Erario di quanto evaso in precedenza. In questo caso la Guardia di Finanza è riuscita ad intervenire in tempo "bloccando" un patrimonio che può soddisfare le pretese erariali: i terreni posti sotto sequestrohannoun’estensionedicirca 140.000 mq mentre il fabbricato consiste di un ampio capannone adibito ad uso industriale.

Seminario sul Piano Casa REGGIO CALABRIA - "Il Piano Casa" e la sua applicazione sul territorio in base all’approvazione della recente Legge Regionale che recepisce le novità in materia di edilizia, sarà il tema di un seminario organizzato dall’Assessorato Comunale all’Urbanisticaassiemeall’Ordine Provinciale degli Architetti,

Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori. L’incontro è in programma domani, a partire dalle ore 16, presso la Sala Versace del Ce.Dir. a Reggio Calabria. Si discuterà sulle zone di applicazione della Legge che i Comuni dovranno decidere in breve tempo per dare il via agli interventi per migliorare in partico-

lare il patrimonio edilizio residenziale. Sarà l’assessore comunale all’Urbanistica Demetrio Porcino ad avviare il Seminario.«Salutata con favore la legge sul Piano Casa che la Calabria, anche se per ultima regione in Italia, finalmente è riuscita ad approvare - dichiara Porcino - emerge adesso l’esigenza da parte del mondo professionale ma anche e soprattutto degli uffici tecnici di approfondire alcuni aspetti normativi contenuti nella Legge anche per essere pronti a rispettare quella che è la filosofia della normativa in termini di speditezza dei progetti che verranno presentati. Abbiamo chiesto l’intervento dei tecnici regionali a cominciare dall’ing. Laganà che si è occupato della stesura della legge stessa - prosegue - proprio per superarealcunedifficoltàinterpretative che sono emerse con l’auspicio di poter rispettare gli obiettivi che la legge si propone in termini di riqualificazione».

Un 15enne ed un 16enne arrestati per rapina REGGIO CALABRIA - Hanno 15 e 16 anni gli autori dellarapinaavvenuta nella serata disabato,alleore 20.20 circa, gli autori della rapina in danno di una rivendita di tabacchi del centro di Reggio Calabria. I due avevano agito conpassamontagna ed armati di un grosso coltello. Il proprietario aveva allertato la Sala Operativa della Questura. Un equipaggio delle "volanti", acquisite le prime dichiarazioni della vittima e sulla base delle registrazioni di una telecamera interna, avevano riconosciuto uno dei rapinatori, L.K. di 15 anni. Sono state quindi effettuate alcune perquisizioni tra le quali quella nell’abitazione del sospettatoche aveva portato alla scoperta di alcuni capi d’abbigliamento che corrispondevano a quelli visionati nel filmato videoregistrato, nonchè i passamontagna utilizzati per camuffarsi ed il micidiale coltello utilizzato per la rapina. Le ulteriori attività investigative hanno poi permesso di identificare anche il secondo minorenne, T.G. di 16 anni, catturato nella notte I due minori venivano tratti in arresto per rapina a mano armata ed accompagnati, come disposto dalla Procura dei Minori, presso il centro di prima accoglienza di via Marsala.

Anna Bolle

Pdl Siderno, incontro con i vertici del partito REGGIO CALABRIA All’invito del Coordinatore Provinciale, on. Nino Foti, e del Vice Vicario, Ernesto Reggio, hanno aderito in molti, pressoché la totalità dei componenti del Coordinamento Provinciale finendo così per gremire i saloni di rappresentanza della Sede Ynca di Siderno scelti per l’occasione. A dare il benvenuto e fare gli onori di casa i dirigenti sidernesi del PdL, Michelangelo Vitale ed Antonella Avellis, nonchè il Consigliere Provinciale, Riccardo Ritorto. Proprio quest’ultimo è stato positivamente fatto oggetto di ripetuti interventi. Nei suoi confronti, infatti, viene espressa una corale attestazione di stima e fiducia da parte dei massimi rap-

presentanti del PdL presenti all’incontro, tanto da indicare più volte il suo nome quale "candidato ideale" alla carica di Sindaco di Siderno. Questo almeno quanto emerso dagli interventi dei deputati, on. Santo Versace e on. Lella Golfo, così come evidenziato anche dall’on. Luigi Fedele Capogruppo PdL in Consiglio Regionale. Significativa la presenza, tra gli altri, di un nutrito gruppo di consiglieri provinciali PdL: Biasi, Rao, Porcino, Eroi ed Eraclini. Nino Foti ha introdotto via via gli interventi che unanimemente hanno evidenziato l’importante significato legato alla presenza sul territorio di Siderno dei massimi rappresentanti del partito a livello provinciale, regionale e nazionale.


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani

9

CRONACHE

Partita la sorveglianza dell’esercito a Reggio di Filippo Marra REGGIO CALABRIA - «La presenza dell’Esercito a Reggio Calabria è un segnale importante dell’attenzione dello Stato per la situazione della città» ha detto il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone. «Si tratta - ha aggiunto - di un fatto positivo per il contributo che i militari daranno per la vigilanza di alcuni obiettivi sensibili perché questo Pignatone: consentirà a Polizia, Carabinieri la presenza e Guardia di fidell’Esercito nanza di imè un segnale piegare maggiori risorse per l’attidell’attenzione vità investigativa». Alle 13 l’inidello Stato zio dei servizi di sorveglianza da parte dell’Esercito di quattro obiettivi sensibili per prevenire eventuali intimidazioni da parte della ’ndrangheta. I servizi di sorveglianza vengono attuati,

in particolare, davanti agli uffici della Dda, della Procura generale, della Corte d’appello e dell’abitazione del procuratore generale, Salvatore Di Landro. Il posizionamento dei militari e dei mezzi è avvenuto sotto una pioggia battente. Scarsa l’attenzione da parte della gente, complici anche le avverse condizioni meteorologiche. I servizi di sorveglianza vengono attuati dai militari della brigata Aosta e del reggimento Cosenza, 80 soldati in tutto, di cui 75 operativi. L’impiego dell’Esercito è stato chiesto dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, dopo l’attentato che il 3 gen-

naio scorso è stato compiuto contro la procura generale, cui hanno fatto seguito le intimidazioni contro la procura della Repubblica (un bazooka è stato fatto trovare davanti alla sede della Dda) e contro l’abitazione del Pg Di Landro, davanti al portone della quale è stata fatta esplodere una bomba. L’impiego dei soldati rientra nell’operazione Strade sicure in corso a livello nazionale, con l’utilizzo dell’esercito per la sorveglianza di obiettivi sensibili.

«Più attenzione a manutenzione delle strade» di Giuseppe Moroni REGGIO CALABRIA - «La città ha bisogno di una maggiore attenzione nella manutenzione delle strade, per questo chiediamointerventi immediati da parte dell’Assessore Comunale Paolo Gatto». Lo sostengono, in una nota congiunta, i consiglieri comunali di Reggio Calabria Nicola Pangallo e Vincenzo Polimeri, del Pdl . «I violenti temporali delle ultime settimane - affermano i consiglieri rendono necessari e non più rinviabili interventi per limitare sia i rischi dei pedoni, che spesso si tro-

vano a dover camminare in veri e propri acquitrini, sia quelli degli automobilisti, che devono effettuare slalom rischiosissimi per evitare di distruggere le proprie autovetture a causa le numerose voragini che si sono aperte. Prima di tutto - proseguono gli esponenti del Pdl a Palazzo San Giorgio - c’è da salvaguardare la sicurezza dei cittadini, ma non bisogna sottovalutare i milioni di euro che il Comune sarà costretto a sborsare successivamente, per risarcire eventuali danni causati dalle inadempienze di chi può e deve intervenire». In particolare, il consi-

gliere Polimeni ribadisce «di aver segnalato più volte le condizioni disagiate in cui versano la via Eremo Condera, il quartiere di Condera e la Via Trabocchetto, senza aver ancora constatato interventi concreti per migliorare la situazione. Auspichiamo una maggiore attenzione da parte dell’Assessore Gatto - concludono i consiglieri Pangallo e Polimeni - che ha il dovere di attivarsi immediatamente per scongiurare il rischio che, con l’arrivo della stagione invernale e, quindi, di nuovi temporali, la città rimanga totalmente paralizzata».

Il boss Lo Giudice sarà sentito nuovamente in questa settimana REGGIO CALABRIA - Sarà sentito nuovamente già in settimana Antonino Lo Giudice, il boss della ’ndrangheta che nei giorni scorsi ha deciso di collaborare con la Dda di Reggio Calabria. Dopo l’interrogatorio fiume, protrattosi per due giorni interi, cui Lo Giudice è stato sottoposto, nel carcere di Rebbibbia, a Roma, dal procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, e dall’aggiunto, Michele Prestipino, i primi a sentire il boss pentito sarà la Dda di Catanzaro titolare dell’inchiesta sulle intimidazioni della ’ndrangheta ai magistrati della Procura generale e della Procura della Repubblica di Reggio Calabria di cui Lo Giudice si è attribuito la responsabilità. r.g.

Dipartimento Oasi: successi alla Biennale Europea del Paesaggio REGGIO CALABRIA Il Dipartimento Oasi comunica che nella VI edizione della Biennale Europea delPaesaggiodiBarcellona, il più prestigioso evento a scala mondiale nel settore del paesaggismo, conclusasi sabato 2 Ottobre 2010, ben quattro afferenti del nostro Dipartimento: il prof. Franco Zagari, la prof. Daniela Colafranceschi, il prof. Alessandro Villari e il prof. Valerio Morabito sono stati fra i protagonisti di varie fasi della manifestazione. Il prof. Franco Zagari, è stato presidente della giuria che ha assegnato il premio principale "Rosa Barba" e ha tenuto una conferenza magistrale in seduta plenaria. Il prof. Alessandro Villari è stato nominato membro della giuria del premio alle scuole. La prof. Daniela Colafranceschi, ha presentato il libro "Energyscapes. New/old Energy territories" di Aleksandar Ivancic, ultimo nato della collana Land&ScapeSeries della Editorial Gustavo Gili da lei diretta. Il prof. Valerio Morabito, visiting professor della Penndesign landscape University di Philadelphia,terza istituzione per importanza negli Stati Uniti, ha ricevuto il premio d’onore della sezione scuole con lavori dei suoi studenti.

In 1300 contro la "rottamazione" dela facoltà di Urbanistica REGGIO CALABRIA - Visto che Internet ormai fa parte della nostra quotidianità, è stato certamente utile il fatto che ben 1.300 persone si siano espresse con un click sul "mi piace" della pagina di Facebook "Manteniamo l’identità della Mediterranea" perché non si avviassero alla rottamazione "Urbanistica" e "Storia e Conservazione". Creata il 13 settembre 2010, promossa da studenti della Facoltà, la "pagina" è stata evidentemente sostenuta e gradita anche da chi studente non lo è più, ma lo è stato, ed evidentemente è uscito dall’Università oltre che con una laurea anche con un legame identitario ancora forte e duraturo, e da reggini "qualunque" che da quarant’anni nell’Università "Mediterranea" hanno visto un valore aggiunto altamente qualificante per l’intera città. La comunità della rete si è mobilitata subito dopo la delibera dell’8 settembre 2010 del Consiglio di Facoltà di Architettura che non autorizzava né l’avvio del primo anno della Triennale di "Urbanistica" e di "Storia e Conservazione", né dei primi anni delle Magistrali dei medesimi corsi, ed è un po’ merito degli "internauti", oltre che della reazione della comunità scientifica colpita da un’ingiusta ed intempestiva decisione, se un primo passo indietro c’è stato già nel consiglio del 22 settembre (che autorizzava l’avvio dei primi anni solo delle

Magistrali), finalmente la decisione del Consiglio di Facoltà di Architettura che il 14 ottobre ripristinava una situazione di normalità, autorizzando l’avvio di tutti e cinque gli anni dei corsi di laurea 3 + 2 in "Urbanistica" ed in "Storia e Conservazione". Pertanto, ottimizzate le risorse umane disponibili anche presso altri CdL e rimossi finalmente tutti gli ostacoli che hanno bloccato l’avvio dei corsi del primo anno di "Storia e Conservazione" e di "Urbanistica", che da trenta e trentasei anni hanno rappresentato l’identità e l’originalità della Facoltà di Architettura di Reggio Calabria, e che innegabilmente ne hanno fatto la storia, è stato quanto mai opportuno convocare la Conferenza Stampa di oggi 15 ottobre, dal titolo Formazione e Professione dell’Urbanista e del Conservatore. Realtà e Prospettive, svoltasi presso la Sala Conferenze del Dipartimento "Pau", messa a disposizione dal Direttore del Dipartimento Prof. Enzo Bentivoglio. Tornando alle 1.300 persone (in "cifra tonda"), tante erano al momento in cui si svolgeva la Conferenza Stampa quelle alle quali piace la pagina Fb Manteniamo l’identità della Mediterranea. Marco Gensi


10

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

CRONACHE

«Strutture specialistiche, situazione preoccupante» di Gioia Testa COSENZA - Una delegazione di rappresentanti delle strutture di assistenza specialistica ambulatoriale e di laboratorio della provincia di Cosenza è stata ricevuta ieri mattina dal Presidente Mario Oliverio al quale sono state esposte le problematiche vissute in prima persona come dipendenti e come cittadini. «Ci ritroviamo - hanno affermato i componenti della delegazione - in rappresentanza di circa 600 «600 lavoratori di lavoratori Cosenzaeprovincia che corcorrono il rono il fondato rischiodiritrofondato varsi nell’imrischio di minenza di perdere il posperdere to di lavoro stante la preil posto occupante sidi lavoro» tuazione che è venuta determinandosi dallo scorso 27 Settembre, data a partire dalla quale le strutture presso le quali prestiamo servizio erogano prestazioni totalmente a carico dei cittadini. Da parte nostra non è in atto nessuno sciopero ma una mobilitazione perché le strutture di assistenza specialistica ambulatoriale e di laboratorio non hanno firmato il contratto con la Regione che ha stanziato solo i fondi sufficienti a coprire le spese sanitarie fino al Luglio dell’anno in corso. Da allora, ammalarsi ed avere necessità di ricorrere a prestazioni di Specialistica ambulatoriale e di Laboratorio, anche se in possesso di prescrizione medica, significa per i cittadini essere costretti a sostenere di tasca propria i costi. Abbiamo richiesto un incontro al Presidente della Giunta regionale,

Scopelliti. Al momento non ci è stata data alcuna risposta, anzi lo stesso sostiene di averci incontrato, quando in realtà ha incontrato una delegazione dei datori di lavoro. Le voci che vogliamo far sentire - hanno aggiunto - sono le nostre e quelle della categoria meno tutelata in questa situazione, ovvero l’ammalato. Si parla tanto di arginare la migrazione sanitaria ma al momento pare che anche per una serie di controlli necessari ed urgenti si debbano affrontare viaggi della speranza fuori regione, oppure lunghissime liste d’attesa nelle strutture pubbliche o, ancora, a pagare di tasca propria le prestazioni. C’é da rilevare ed informare che la maggior parte dei disservizi che stanno patendo migliaia di cittadini della provincia di Cosenza sono dovuti ad una iniqua distribuzione delle risorse da parte della Regione che, in barba alle linee guida nazionali, assegna fondi ad aree con meno abitanti. Crediamo che i dati parlino da sé: a Reggio Calabria le risorse per abitante sono pari a 63,08 euro; a Crotone 58,84 euro, a Cosenza 27,01, Catanzaro 13.40 e Vibo Valentia 10,97 euro». Il Presidente Mario Oliverio, ha preso atto della situazione descritta e di quella prospettata ed ha affermato che: «Ritengo che il comparto cui appartengono i lavoratori che ho ricevu-

to sia delicato e importante per le comunità della nostra provincia. Evidenzio che per la Provincia non è stabilita alcuna competenza nel settore della sanità. Tuttavia la nostra Istituzione non può rimanere insensibile dinanzi a tali problematiche. Farò in modo che le problematiche poste siano all’attenzione del Presidente Scopelliti affinché vengano esaminate con la dovuta preoccupazione. La sanità vive un momento non facile è necessario un processo di riforma e profondo riordino nel quale, comunque, ognuno deve fare la sua parte, chiamando a concorrere tutti con responsabilità, non per avere minori servizi ma per tagliare sprechi ed avere prestazioni di qualità, ferma restando la centralità delle strutture pubbliche nella tutela della salute ed una funzione integrativa delle strutture convenzionate che attualmente assolve ad un ruolo importante del quale non può non tenersi conto, al fine di scongiurare situazioni di disagio e in alcuni casi di vera e propria sofferenza per i cittadini. Per queste ragioni - ha concluso Oliverio - è necessario un governo equilibrato dei processi di riorganizzazione dei servizi sanitari guidato dall’interesse esclusivo e supremo della tutela dei cittadini nella cura della salute».

Convenzione per il microcredito COSENZA - E’ stata presentata ieri mattina, nella Sala degli Stemmidell’ArcivescovadodiCosenza, la Convenzione per il microcredito etico-sociale tra l’Arcidiocesi di Cosenza e la Banca Mediocrati, che era già stata firmata aluglio. Si tratta di un’iniziativa che punta alla valorizzazione dell’imprenditoria giovanile e che è stata chiamata "Il Seminatore". Grazie a questo accordo, una serie di piccoli prestiti, fino a 15.000 euro, potranno essere erogati dalla banca a giovani tra i 18

e i 35 anni. Basterà che questi si rivolgano all’Ufficio del Lavoro della Diocesi, che li accompagnerà con la figura di un tutor nelle varie fasi del progetto e che garantirà per il denaro erogato. La novità vera sta in una sorta di ritorno al passato: il tutor sarà preferibilmente un "Garante Morale", come il parroco del paese da cui proviene il giovane che richiede il prestito. In unmondo fatto di numeri, vogliamo cosi’ dare valore allepersone", ha detto il Presidente della Banca Medioc-

rati, Nicola Paldino. «Il Garante Morale sarà il sacerdote che conosce il ragazzo e che può segnalarci le buone idee». Per Mons.Salvatore Nunnari, Arcivescovo di Cosenza-Bisignano, «la Chiesa è garante per dare speranza. E’ un piccolo seme, ma che puòprodurremoltifrutti.Intanto, darà fiducia ai giovani».

Polizia provinciale di Cosenza Hanno preso servizio 25 agenti COSENZA - Hanno preso servizio ieri i 25 vincitori del concorso espletato questa estate. «Il concorso fortemente voluto dal Presidente della Provincia, - recita un comunicato - porta così l’organico del Corpo, che contava 33 unità inservizio a 58 Agenti, che sono ancora lontani dal completare l’organico, che è di circa 98 agenti, ma che comunque danno un valido aiuto ai numerosi servizi che il Corpo deve garantire con le nuove competenze acquisite. I neo-agenti - continua la nota - non saranno destinati da subito nei servizi operativi, in quanto dovranno prima frequentare una serie di corsi addestrativi e formativi, che si terranno per quanto riguarda la parte squisitamente tecno - pratica operativa e addestramento formale, presso la Scuola Allievi della Polizia di Stato di Vibo Valentia, mentre la parte teorica si svolgerà in sede, che gli consentirà di acquisire la preparazione teorica pratica necessaria per far fronte alle varie situazioni operative che potrebbero capitare nei diversi compiti d’istituto. Fra i nuovi assunti - si fa rilevare - è presente una nutrita rappresentanza femminile, 10 donne sui 25 assunti, omaggiate ieri mattina, con un bouquet di fiori dal comandante del corpo dott. Giuseppe Colaiacovo».

Annalisa Amodeo

"Nuova Idea Cittadina" compie 16 anni CASSANO ALLO IONIO - L’associazione culturale "Nuova Idea Cittadina", in occasione del sedicesimo Anniversario della sua fondazione, presieduta da Antonio Franzese, ha promosso un convegno sul tema: "Il ruolo delleassociazioni culturali nel Mezzogiorno, con particolareriguardo alle comunità locali ". L’evento si è svolto nel Teatro comunale. Il coordinamento dei lavori, curato dallo stesso Presidente, si è avvalso del contributo del Sindaco. Gianluca Gallo, tra l’altro responsabile delle pubbliche relazioni della stessa associazione fin dalla sua nascita e della prof.ssa Filomena Minella Bloise, ordinaria di italiano elatino nel liceo scientifico di Castrovillari, recentemente premiata per l’attivita’ culturale nell’ambito del "Premio donna dell’anno- Calabria- Valle del Raganello". Introducendo i lavori, Antonio Franzese dopo aver ringraziato i convenuti, ha ricordato i momenti salienti della vita di questa dinamica associazione, "che si e’ distinta, ha detto - nel corso della sua lunga attivita’, per aver promosso numerosi convegni di studio ed aggiornamento su svariati temi d’interesse pubblico, come i beni culturali, la scuola, il tempo libero e lo sport, la famiglia, la politica ed il territorio.

Incidente mortale sulla statale 107, un morto e due feriti COSENZA - Incidente mortale ieri pomeriggio, intorno alle 18, sulla strada statale 107, nei pressi del città di Cosenza. Una Renault Twingo, con a bordo 3 persone,si è scontrata, per cause in corso di accertamento, con un furgone Fiat Doblò. Deceduto sul colpo uno degli occupanti dell’auto. Feriti gli altri coinvolti nell’incidente. Sul posto sono intervenuti il 118, i Vigili del Fuoco e la Polizia Stradale per i rilievi del caso. Il traffico ha subito forti rallentamenti.

Gino Iritano Carmelo Morise


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani 11

CRONACHE

Uno spazio tutto cosentino alla fiera alimentare di Parigi

Dal 30 ottobre la ottava edizione della festa del cioccolato

di Gianna Borromeo

di S. Marrone

COSENZA - Trecentosettantamila metri quadri di padiglioni per quasi 10 mila espositori provenienti da oltre 100 Paesi; 216 mila visitatori, in stragrande maggioranza operatori e professionisti internazionali del settore agroalimentare, della distribuzione e della ristorazione. Insomma: il Sial, il Salone internazionale dell’agroalimentare di Parigi, ovvero, come recita la slogan di quest’anno, "Il miglior posto al mondo per alimentare il vostro business". Da ieri fino a giovedì prossimo, presso il centro fieristico "Parc des

Alla 24° edizione del “Salon International de l’Agroalimentaire”, c’è anche un grande, elegante spazio Cosenza voluto dalla Camera di commercio Expositions - Paris Nord Villepinte", alla 24° edizione del "Salon International de l’Agroalimentaire", c’è anche un grande, elegante spazio-Cosenza voluto dalla CameradiCommercioperpresentare 16 aziende selezionate in tutta la provincia cosentina per il più qualificato appuntamento del settore alimentare mondiale. Già da stamattina, con l’inaugurazione del salone sono partite a pieno ritmo degustazioni, banchi d’assaggio, incontri e "test and buy" con specialisti e buyers italiani e stranieri, voluti e organizzati dal presidente della Camera di Commercio bruzia, Giuseppe

Gaglioti che ha voluto caratterizzare la missione pargina dedicando un’attenzione particolare alle Clementine di Calabria, il fresco agrume Igp proposto come tipicità-bandiera delle eccellenze cosentine. «Lenostreclementine,infatti,sono state proposte in cento iniziative del Sial - si legge in una nota - dalle cerimonie ufficiali alle conferenze stampa - confezionate in ben cinquemila pezzi in un’originale packacing: una scatolina verde e arancione, una "bomboniera" contenente oltre a un frutto, un piccolo depliant illustrativo in francese e un mini-dvd con un suggestivo documentario sull’agrume e sul territorio che lo produce.Non solo clementine, comunque». Al Sial la Camera di Commercio bruzia mette in mostra sedici aziende coi loro fragranti extravergini, straordinari vini del Savuto, di Donnici e della Valle del Crati, le paste e i prodotti da forno, i formaggi, le conserve alimentari, e ancora, bibite gasate, salumi e insaccati di

Suino Nera di Calabria, tipicità dolciarie, golosità al cedro, ai fichi, alla liquirizia, la "dispensa Cosenzaa", insomma, con le sue eccellenze più ghiotte e genuine. «Le aziende cosentine che abbiamo portato qui al Sial - sottolinea a Parigi Domenico Bilotta, Vicepresidente della Camera di Commercio - espongono le più significativeproduzioniagroalimentari del territorio per presentarle ai buyer europei e mondiali. Le abbiamo selezionate - aggiunge il dottor Bilotta - con un’attenzione particolare ai prodotti di qualità e a quelle eccellenze che negli anni hannoincontratoilfavorecrescente sui mercati internazionali. Scopi dichiarati della nostra presenza sono: migliorare la conoscenza e la consapevolezza dei prodotti cosentini nel Mondo; incentivare la diffusione e l’export; sensibilizzare esperti e specialisti; far conoscere l’offerta commerciale e produttiva allargando i mercati».

COSENZA - Si svolgerà regolarmente a Cosenza nelle giornate del 30 e 31 ottobre e del 1 novembre prossimi la Festa del cioccolato, giunta quest’anno alla sua ottavaedizione. Lo ha annunciato l’Assessore alle attività economiche e produttive del Comune di Cosenza Marco Ambrogio al termine di un incontro svoltosi questa mattina a Palazzo dei Bruzi tra il Sindaco Salvatore Perugini, lo stesso Ambrogio, il Vice Presidente dell’Amministrazione provinciale Mimmo Bevacqua e i rappresentanti della Cns di Cosenza, che organizza la manifestazione, Mauro Zumpano e Giulio Valente, rispettivamente Presidente e Segretario della stessa Confederazione. L’ottava Festa del cioccolato avrà come location l’isola pedonale, il salotto buono della città di Cosenza, dove si sono tenute le ultime edizioni della manifestazione. Grande soddisfazione per l’esito dell’incontro di ieri è stata espressa dall’Assessore Marco Ambrogio. «Si è trovata la soluzione logistica adeguata per far sì che la Festa del cioccolato, evento radicato da anni nella città di Cosenza, continuasse a tenersi nel capoluogo della nostra provincia ha commentato Ambrogio. L’intesa raggiunta con la Cns di Cosenza è frutto diuna forte volontà che ha accomunato l’Amministrazione provinciale e quella di Palazzo dei Bruzi nel superare quegli ostacoli di ordine logistico che

si erano inizialmente palesati. Non abbiamo mai pensato di dover far traslocare altrove la Festa del cioccolato, anche perchè il suo radicamento nel territorio era tale da non far pensare asoluzioni diverse. E’ come se ad un tratto si decidesse, ad esempio, di trasferire la Sagra dell’Uva che ha legami strettissimi con il territorio di Donnici, in un altro posto, lontano dalle sue radici. La Festa del cioccolato è un evento nato a Cosenza, ma aperto a tutti coloro che dal 30 ottobre al primo novembre decideranno di trascorrere il week-end di Ognissanti all’insegna delle golosità nel salotto buono della città dei Bruzi».

Arriva la quarta lettera pastorale di monsignor Bertolone CASTROVILLARI - Sarà presentata oggi a Castrovillari, nei saloni dell’auditorium della Chiesa di san Girolamo, la quarta lettera pastorale di monsignor Vincenzo Bertolone, vescovo della Diocesi di Cassano Ionio. Al centro dell’analisi del Presule, il cruciale argomento della fede in una fase storica delicata in specie per l’Europa, culla del cristianesimo. Lo spunto evangelico di partenza è un episodio tra i più suggestivi narrati nei sinottici: la tempesta, tanto repentina quanto spaventosa, che sta per mandare a picco la barca di Simon Pietro il pescatore, con gli altri discepoli-apostoli e con lo stesso Maestro. È una pagina emblematica, particolarmente cara al Pastore della Chiesa cassanese, che non a caso la ripropone per il secondo anno consecutivo. Con una differenza, però: l’ottica della Lettera pastorale dell’anno precedente era la

metafora "barca di Pietro - Chiesa", che spesso si trova in acque procellose per una complessa serie di avversità, non ultima la fondamentale mancanza di fede dei suoi fedeli. «Quest’anno - spiega monsignor Bertolone - pur non discostandomi da quella situazione, la osservo da una prospettiva diversa, quella su cui mette il dito Gesù, cioè "la fede, anzi la non-fede: Perché avete paura? Non avete ancora fede?" (Mc 4, 35-40)». È quell’avverbio di tempo, che indica il perdurare di una situazione, ad accentuare la rampogna di Gesù ai suoi apostoli e, quindi, a tutti i christifideles. Il Presule fa proprie le parole del Messia e da buon pastore non solo non si perde d’animo, ma predispone ogni strumento per sedare la tempesta, cioè per far rientrare il suo popolo al porto sicuro della salvezza grazie ad una barca sicura e, soprattutto, al

suo Nocchiero. Scrive infatti monsignor Bertolone: «Mi conforta, tuttavia, la speranza che l’amore alla Parola produrrà certamente un benefico rinnovamento nei modi di pensare, di parlare, di comunicare». Insomma, egli è consapevole che il comportamento delle persone deve cambiare, deve essere coerente con lo spirito del Vangelo, che ci addita una vita superiore, ricca e degna dei figli di Dio. «La lettura cristologica», prosegue il documento pastorale, «consente proprio questo». E dopo un excursus per contestualizzare storicamente questo ineguagliabile dono di Dio, il Presule entra in medias res, esaminando e proponendo il più alto modello e interprete della fede, ovvero Gesù, tramite l’alto Magistero della Chiesa. Non poteva infine mancare un delicato e sentito omaggio alla Madre del Cristo, Maria, modello e icona di fede.

Anna Bolle


AVVISO A PAGAMENTO

Regione Calabria Dipartimento Attività Produttive - Settore 2 - Politiche Energetiche, Attività Estrattive e Risorse Geotermiche Registro dei Decreti dei Dirigenti della Regione Calabria N. 12954 del 08/09/2010. Decreto di Autorizzazione Unica ai sensi del D.Lgs. 387/20003 e della L.R. 42/2008 alla costruzione ed all’esercizio del parco eolico denominato “Sambucello”da realizzarsi nel Comune di Marcellinara – Società Marcellinara Wind s.r.l. . IL DIRIGENTE DEL SETTORE POLITICHE ENERGETICHE; ATTIVITA' ESTRATTIVE E RISORSE ENERGETICHE VISTI • La Direttiva 2001/77/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 27 settembre 2001, sulla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità; • Il D.Lgs. 29 dicembre 2003, n. 387 "Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità”; • La Deliberazione del Consiglio Regionale n. 315 del 14/02/2005 che approva il Piano Energetico Ambientale Regionale (P.E.A.R.) della Regione Calabria; • La D.G.R. n.55 del 30.01.2006. che approva il documento “L’eolico in Calabria: Indirizzi per l’inserimento degli impianti da fonti rinnovabili sul territorio regionale”; • Il Decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001 n.. 327 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità” e s.m.i.; • La L.R. n. 42 del 29 Dicembre 2008 “Misure in materia di energia elettrica da fonti energetiche rinnovabili”; • L’allegato Sub 1 alla L.R. n. 42 del 29 dicembre 2008 "Procedure ed indirizzi per l'installazione e l'esercizio di nuovi impianti da fonti rinnovabili, interventi di modifica, potenziamento, rifacimento totale o parziale e riattivazione, nonché opere connesse ed infrastrutture indispensabili alla loro costruzione ed esercizio in applicazione del Decreto Legislativo 29 dicembre 2003, n. 387 di Attuazione della direttiva 2001/77/CE "; VISTO il Decreto dirigenziale del Dipartimento Politiche dell’Ambiente n. 14740 del 03 ottobre 2007, con cui è stato espresso parere positivo circa la compatibilità ambientale a sensi del D.Lgs 152/06 e s.m.i. e dell’art.7 ,comma 3 , del disciplinare allegato alla D.G.R. n° 736/04, dell’ impianto di produzione di energia elettrica da fonte eolica denominato “Sambucello” da realizzarsi nel comune di Marcellinara , nonché per le opere connesse e le infrastrutture indispensabili alla costruzione dell’impianto stesso,come da allegato decreto ,con le seguenti prescrizioni: Siano adottate colorazioni degli aerogeneratori neutra con trattamento antiriflesso in modo da minimizzare la percezione visiva; La rete elettrica interna al parco deve essere realizzata in cavo interrato e nel rispetto dei valori limite di esposizione al campo magnetico; L’aerogeneratore sia dotato di sistema di arresto per motivi di sicurezza quando la velocità del vento risulta superiore a 25 m/s; Le fondazioni degli aerogeneratori siano realizzate con l’estradosso posto ad una profondità non inferiore a 0.80 metri dal piano di campagna a sistemazione avvenuta, tale da permettere la dismissione dell’impianto, il ricarico con terreno vegetale con la restituzione del territorio alla destinazione originaria; Adottare i necessari accorgimenti al fine del riutilizzo del materiale di risulta; I cavi devono seguire esclusivamente percorsi interrati , in banchina lungo la viabilità interna o esistente e posati ad una profondità compresa tra 1.00 m e 1.2 m; La stazione di trasformazione deve essere ubicata in maniera opportuna rispetto alla linea di MT esistente al fine di evitare la realizzazione di nuovi elettrodotti aerei; Non sia prevista nessuna impermeabilizzazione della viabilità interna costruita ex novo per preservare l’assetto idrogeologico del territorio; Le acque meteoriche non assorbite dalla superficie stradale siano convogliate con cunette laterali e indirizzare verso l’impluvio naturale esistente; Sia stimolato , per gli uccelli in genere , il loro afflusso nelle aree limitrofe; Sia , soprattutto durante la fase di costruzione , predisposta un’area esterna all’impianto con interventi predisposti a incrementare la densità delle prede per i rapaci attraverso interventi di miglioramento ambientale , reintroduzione e creazioni di aree protette; Eventuali aumenti della potenza istallata possono essere realizzati mantenendo fisso il numero delle macchine e l’altezza massima delle torri; Per le opere accessorie alla immissione in rete , dovranno essere richieste le autorizzazioni e nulla osta in riferimento alla normativa vigente ad esse applicate , da parte dell’esecutore; Siano gli aerogeneratori rimossi completamente al termine della vita dell’impianto o sia riprestato lo stato originario dei luoghi; Non siano abbattuti alberi di nessuna specie e qualora si dovesse presentare l’esigenza di farlo siano richieste le opportune autorizzazioni agli Enti competenti ad effettuare trapianti di tipo compensativo; CONSIDERATO che la società Anemos S.r.l. con sede legale in Lamezia Terme – CZ -, via Galvani n. 8 P.I. 02813050792 ,in data 12/12/2007 ha presentato domanda di Autorizzazione Unica (acquisita al protocollo del Dipartimento Attività Produttive con il n° 7413/DIP) alla costruzione ed all’esercizio di un impianto di produzione di energia elettrica da fonte eolica denominato “Sambucello” da realizzarsi nel comune di Marcellinara (CZ),composto da n° 7 aerogeneratori per una potenza prevista pari a 5,95 Mw, nonché per le opere connesse e le infrastrutture indispensabili alla costruzione dell’impianto stesso; VISTA la nota del 14/02/2008 con la quale la società Anemos S.r.l. ha trasmesso alla Regione Calabria – Dipartimento Ambiente Segreteria Nucleo Via - il “progetto di adeguamento non sostanziale” dell’impianto eolico denominato “ Sambucello” per una potenza complessiva di 9,45 MW ; VISTA la nota del 21/03/2008 Prot. n°2311 con la quale la Regione Calabria – Dipartimento Ambiente Segreteria Nucleo Via , preso atto dell’inesistenza di modifiche sostanziali alla progettazione originaria , già autorizzata con D.D. n. 14740 del 3/10/2007, ha espresso parere favorevole alla realizzazione delle modifiche indicate nel progetto , approvando l’ impianto di produzione di energia elettrica da fonte eolica denominato “Sambucello” da realizzarsi nel comune di Marcellinara (CZ),composto da n° 7 aerogeneratori, nonché le opere connesse e le infrastrutture indispensabili alla costruzione dell’impianto stesso, per una potenza complessiva di 9,45 MW; VISTA la STMG elaborata da ENEL S.p.A. (nota prot. n. Enel-DIS-25/08/2008- 0399064) per una potenza di connessione pari a 8 MW, che indica lo schema di allacciamento alla rete di Distribuzione MT con tensione nominale 20kV tramite inserimento in antenna con linea dedicata alla cabina primaria di Amato (150/20 kV); VISTA l’accettazione della STMG da parte della società proponente in data 21/10/2008; VISTO il parere di conformità di ENEL S.p.A. (prot. n. Enel-DIS-12/09/2009-0619414) con il quale si comunica che l’impianto di connessione è conforme agli standard tecnici del gestore ; VISTA la documentazione integrativa che la Società " Anemos S.r.l." ha prodotto nei termini di legge con nota prot. n. 5693/Dip del 30/04/2009, così come richiesto dal Settore Politiche Energetiche con nota n. 1016/Dip del 30/01/2009 ai fini dell’adeguamento della domanda di autorizzazione alla L.R. n. 42 del 29/12/2008; VISTA la nota del 20/05/2009 con la quale la società Anemos S.r.l. ha comunicato che in data 19/12/2007 ha costituito la società Marcellinara Wind S.r.l., con sede in Via Caduti sul Lavoro, 9 Catanzaro – P. IVA 02917560795, subentrata in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi relativi alla realizzazione del suddetto parco eolico; VISTA la nota del 2/07/2009 Prot. 7350/Dip con la quale la società Anemos S.r.l ha comunicato che in data 19/12/2007 con atto notarile n. rep. 136.152, registrato a Catanzaro il 10.01.2008 al n. 275 serie 1T, ha costituito la Marcellinara Wind s.r.l. con sede in Via Lidonnici , 27 Catanzaro – P. IVA 02917560795, subentrata in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi relativi alla realizzazione del suddetto parco eolico; VISTA la nota prot. N. 9889/DIP del 14.07.2009 con la quale il Settore Politiche energetiche del Dipartimento attività Produttive della Regione Calabria ha indetto la conferenza dei servizi ai del D.Lgs. 387/03 e della L.R. 42/08 per l’autorizzazione dell’ impianto di produzione di energia elettrica da fonte eolica denominato “Sambucello” da realizzarsi nel comune di Marcellinara (CZ) VISTA la successiva nota del 07/08/2009 Prot. n. 10925/Dip con la quale la Regione Calabria - Settore Politiche Energetiche ha comunicato a tutte le Amministrazioni gli Enti convocati alla Conferenza dei Servizi del giorno 08/09/2009 , la rettifica della potenza dell’impianto da autorizzare, pari a 8 MW; VISTE l’attestazione dell’Amministrazione Comunale di Marcellinara del 27/11/2007 Prot. n. 6932 con cui si certifica che: Le particelle n. 118 del foglio di mappa n. 11 , n. 21 del foglio di mappa n. 12 ,n. 1,3 e 6 del foglio di mappa n. 22 ricadono in Zona Omogenea E (Agricola) in parte in area con carenti caratteristiche idro – geo- morfologico ed in parte in aree edificabili previa sistemazione morfologica; Che l’area non risulta compresa tra i siti d’importanza comunitaria (SIC) ai sensi della direttiva Comunitaria n. 94/43/CEE “Habitat”; Che tutte le aree sono interessate da vincoli tutori di cui all’art. 142 , Comma 1 , lettera G , del D. Lgs 42/2004 , per territorio coperto da boschi; Che tutte le aree sono interessate dalle misure minime di salvaguardia di cui all’art 6, Comma 1 , lettera e) , della L.R. 23/90, per territorio coperto da boschi: Che l’area non risulta compresa tra quelle di cui alla legge 365/2000; Che l’area non risulta compresa tra quelle vincolate dal PAI, Piano di assetto Idrogeologico, approvato con Delibera del C.R. n.115 del 28.12.2001 e modificato con Delibera del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino Regionale n. 58 del 3 agosto 2004; Si specifica inoltre che: le torri n. 3 e n.6 ricadono in parte in area con carenti caratteristiche idro-geo-morfologico e in parte in aree edificabili previa sistemazione morfologica, la torre n. 7 e la n. 2(in parte) in area con carenti caratteristiche idro – geo – morfologico. le strade di collegamento con le varie torri , ricadono in parte in zona edificabile previa sistemazione morfologica ed in parte in area con carenti caratteristiche idro – geo – morfologico; VISTA la successiva attestazione dell’Amministrazione Comunale di Marcellinara Prot. N° 2800 del 29/04/2009 con cui si attesta che l’area ricadente nel Comune di Marcellinara, potenzialmente interessata dal parco eolico in oggetto e dalle infrastrutture funzionalmente connesse allo stesso è identificata catastalmente con le particelle di seguito riportate: Foglio 4 - Particelle:44, 45, 47, 82, 86, 87, 101, 164, 175, 177, 222, 225, 226, 228, 230, 231, 232, 233, 241, 254, 340, 348, 366, 367, 368, 369, 370, 375, 376, 377, 379, 380, 393, 394, 395, 396, 397; Foglio 5 – Particelle: 210, 218, 219, 221; Foglio 10 – Particelle: 7, 14, 15, 16, 17, 78, 168, 235, 256, 261, 262, 263, 265; Foglio 11 – Particelle: 1, 2, 3, 4, 5, 15, 16, 78, 80, 84, 88, 118; Foglio 12 – Particelle: 21, 61; Foglio 22- Particelle: 1, 3, 4, 5, 6; VISTA l’attestazione dell’Amministrazione Comunale di Marcellinara Prot. n. 7038 del 19.10.2009 con la quale si attesta che gli aerogeneratori così come da posizionamento effettuato dalla ditta risultano ricadere in radure di dimensioni variabili ,come evidenziato nella documentazione fotografica allegata ; VISTA l’attestazione dell’Amministrazione Comunale di Marcellinara del 18/11/2009 Prot. n. 7703, con la quale si attesta Che a seguito di sopralluogo effettuato presso i siti degli aerogeneratori contraddistinti con i n. 1 e 2 , così come evidenziato nella documentazione fotografica , non esiste alberatura di alcun tipo . Esistono alberi di pino nel raggio di circa 6 m dal punto dove presumibilmente verranno ubicati gli aerogeneratori in oggetto; Che nel punto esatto dove dovrà essere ubicato l’aerogeneratore contraddistinto con il n. 3, non esiste alberatura di alcun tipo .esistono alberi di pino nel raggio di circa 11 m. dal punto dove presumibilmente verranno ubicato l’ aerogeneratore di cui sopra; Nei siti dove dovranno sorgere gli aerogeneratori contraddistinti con i n. 4 e 7 , non si è potuto accedere per l’impercorribilità della pista , ma da come si evince dalla documentazione fotografica, nelle immediate vicinanze dei siti di che trattasi comunque non esistono alberi di alcun tipo; VISTA l’attestazione dell’Amministrazione Comunale di Marcellinara del 27/07/2010 Prot. n. 4821 ad integrazione e rettifica del certificato prot. 7703 del 18/11/2009, a seguito di sopralluogo effettuato dal responsabile dell’area tecnica , presso i siti degli aerogeneratori n. 1-2-3-4- e 7 con la quale si attesta: Che l’area non risulta compresa tra i siti d’importanza comunitaria (SIC) ai sensi della direttiva Comunitaria n. 94/43/CEE “Habitat” e che non esistono vincoli inibitori ai sensi del D. Lgs. N. 42/2004 e della L.R. 93/90; Che tutte le aree sono interessate dalle misure minime di salvaguardia di cui all’art 6, Comma 1 , lettera e) , della L.R. 23/90, per territorio coperto da boschi: Che l’area non risulta compresa tra quelle di cui alla legge 365/2000(Decreto Soverato); Che l’area di cui all’intervento in oggetto non risulta compresa tra quelle non idonee di cui al P.A.I , Piano di assetto Idrogeologico, approvato con Delibera del Consiglio Regionale n.115 del 28.12.2001 e pubblicata sul B.U.R. Calabria del 25.03.2002; Che nei punti in cui verranno ubicati gli aerogeneratori non esiste alberatura di alcun tipo e gli stessi non ricadono in area edificabile; VISTA l’attestazione dell’Amministrazione Comunale di Marcellinara, Prot. n. 5095 del 06/08/2010 con la quale si attesta che l’area interessata dalla realizzazione del parco eolico denominato “Sambucello” e delle opere connesse non risulta essere sottoposta a vincoli tutori ai sensi dell’art. 142 del D. lgs. N. 42 del 22/01/2004; VISTE la Deliberazione del consiglio Comunale di Marcellinara (CZ) n. 5 del 30/03/2007 avente ad oggetto: Esame e approvazione “Convenzione per lo studio , la realizzazione, la gestione e la manutenzione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonte eolica mediante aerogeneratori”; VISTO il Verbale della Conferenza di Servizi del 23/12/2009 con cui è stato approvato il progetto della società Marcellinara Wind S.r.l., per la realizzazione dell’impianto denominato “Sambucello” composto da 5 aerogeneratori per una potenza nominale pari a 5,70 MW e delle opere connesse e delle infrastrutture indispensabili alla costruzione dell’impianto stesso , a seguito dei pareri favorevoli espressi dagli enti competenti che di seguito si riportano: Ministero della Difesa: Nulla Osta (nota prot. n. M_D/GGEN/02/415999/262/M296-1-08/2009 del 22/12/2009 ) all’istallazione del parco eolico in argomento, a condizione che alla società sia fatto obbligo di attenersi alle direttive STAMADIFESA riguardanti la segnalazione delle opere costituenti ostacolo alla navigazione aerea, sia in fase di realizzazione, che per tutto il tempo di durata dell'attività, sino allo smantellamento dell’opera. Si evidenzia che , data la particolare struttura degli apparati generatori, la quota massima dell’ostacolo dal suolo, da tenere presente per l’applicazione della richiamata direttiva , è data dall’altezza della torre, aumentata dalla dimensione dell’elemento rotante (pala). Considerato che la zona non è stata oggetto di bonifica da residuati bellici e che nei Comuni limitrofi di Borgia (CZ),di Catanzaro e di Maida sono stati rinvenuti n. 9 , n. 6.485 e n. 402 ordigni bellici, il nulla osta è subordinato all'effettuazione, a cura della ditta richiedente ed a proprie spese, delle opere di bonifica da ordigni bellici dell'area in questione, previa richiesta delle relative "prescrizioni Tecniche" al competente 10° Reparto Infrastrutture . Si richiama attenzione sull’obbligo sul quale incorre il proprietario dell’opera, oltre a quello di dotare con immediatezza l’impianto della prescritta segnalazione, di comunicare formalmente, 30 giorni prima dell’inizio dei lavori con lettera raccomandata, al Centro Informazioni Geotopografiche Aeronautiche le caratteristiche e i dati tecnici dell'opera, necessari per la rappresentazione sulle carte aeronautiche; Ulteriore obbligo per il proprietario è costituito dall'immediata comunicazione delle avarie agli impianti di segnalazione da inoltrare al predetto C.I.G.A.; Comando Militare Esercito Calabria: parere favorevole (nota prot. n.0004070 dell’11/06/2009) alla realizzazione dei lavori per la costruzione dell’impianto eolico, fermo restando il diritto dell’Amministrazione Difesa a richiedere eventuale risarcimento danno o a rimuovere limitazioni provocate ad infrastrutture militari durante l’esercizio dei lavori . In considerazione delle caratteristiche dell’opera e che il territorio interessato non risulta essere stato soggetto di bonifica da residuati bellici e che nel Comune limitrofo Catanzaro sono stati rinvenuti n. 6485 ordigni esplosivi si ravvisa l’opportunità di subordinare, il rilascio del richiesto Nulla Osta all’effettuazione da parte della ditta appaltatrice dei lavori, dei necessari interventi di bonifica dell’area in questione; Aeronautica Militare - Comando Scuole A.M./ III Regione Aerea: Nulla Osta (nota prot. CSAM/3RA-RPT11/1208/D.20.03/I1/08/371 del 07/07/2008) per gli aspetti demaniali di competenza .Si evidenzia che per ciò che concerne gli aspetti operativi e di sicurezza del volo, è obbligatorio attenersi alle disposizioni impartite dallo Stato Maggiore della Difesa; Aeronautica Militare - Comando Scuole A.M./ III Regione Aerea: Nulla Osta (nota prot. M_D.ABA001.32122 del 22/06/2009) per gli aspetti demaniali di competenza; Comando in Capo Del Dipartimento Militare Marittimo dello Jonio e del Canale d’Otranto: Nulla Osta (nota prot. n. 019249/UI-DEM/2008 del 24/04/2008 ) alla realizzazione dell’impianto eolico denominato “Sambucello” in ordine ai soli interessi della Marina Militare, non si intravedono motivi ostativi all’adeguamento al progetto dell’impianto eolico; Si ritiene opportuno, tuttavia, sottolineare l’esigenza che la Società interessata provveda all’istallazione della segnaletica ottico - luminosa delle strutture a sviluppo verticale in conformità alla normativa in vigore per l’identificazione degli ostacoli- per tutela del volo a bassa quota; Comando in Capo Del Dipartimento Militare Marittimo dello Jonio e del Canale d’Otranto: Nulla Osta costruzione (nota prot. n. 009547/UI-DEM/2009 del 09/03/2009) alla realizzazione di un cavidotto interrato in MT e della cabina di consegna. Si rappresenta che per quanto di competenza , in ordine ai soli interessi della Marina Militare non si intravedono motivi ostativi alla realizzazione del un cavidotto interrato in MT e della cabina di consegna dell’impianto eolico in oggetto ; Agenzia delle Dogane di Reggio Calabria: Parere favorevole (nota prot. n. A/1457 del 22/01/2008) alla realizzazione del progetto ai soli fini fiscali con le seguenti prescrizioni: Almeno 30 giorni prima della messa in esercizio dell’impianto dovrà essere presentata denuncia dell’officina di produzione di energia elettrica all’Agenzia delle Dogane, che si riserva di sottoporre a verifica l’impianto e di dettare ogni eventuale prescrizione volta alla salvaguardia degli interessi erariali; Integrazione documentale tecnica prodotta con schema elettrico unifilare recante l’individuazione dei punti di inserimento dei misuratori di energia elettrica prodotta, ceduta e consumata per usi esenti e tassati; Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l’Energia - Direzione Generale per le Risorse Minerarie ed Energetiche- Ufficio XXIV - Napoli: Nulla Osta (nota prot. 2329 del 12/05/2008) alla costruzione dell’impianto eolico,considerato che a tutt’oggi l’impianto non interessa zone vincolate da titoli minerari; Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l’Energia - Direzione Generale per le Risorse Minerarie ed Energetiche - Ufficio XXIV - Napoli: Nulla Osta(nota prot. 1413 del 02/04/2009) alla costruzione dell’ elettrodotto di cui trattasi , alla condizione che la Società si impegni a modificare il tracciato nei tratti in cui , all’atto della costruzione dello stesso elettrodotto, fossero in corso lavori minerari temporanei e permanenti ( perforazioni di pozzi, esercizio di impianti fissi di raccolta e trattamento di idrocarburi , ecc..), affinchè vengano rispettate le distanze previste dal D.P.R. 9 aprile 1959, n. 128 sulle “Norme di Polizia delle Miniere e delle Cave” ; Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento Comunicazioni Ispettorato territoriale Calabria: parere favorevole (nota prot. n. 0010264 del 03/09/2009) alla realizzazione dell’impianto eolico in oggetto,a condizione di ricevere dalla Marcellinara Wind srl il progetto esecutivo delle opere e delle eventuali interferenze geometriche e la relazione di calcolo delle forze elettromotrici indotte con impianti della Rete Pubblica di Comunicazione delle varie società autorizzate, al fine di avviare il procedimento di rilascio dei nulla osta di competenza e, al termine dei lavori, la relativa comunicazione per poter permettere ai funzionari preposti la prevista verifica tecnica; Regione Calabria Dipartimento 5 Attività Produttive Settore 2 - Servizio Cave e Miniere: Parere Favorevole (prot. 7476/07 del 28/01/2008) per la costruzione e l’esercizio dell’impianto eolico denominato “Sambucello” sito nel Comune di Marcellinara, a condizione che nel caso di attraversamento , anche per il futuro, di scavi o o impianti per la coltivazione di sostanze minerali di cui al R.D. n 1443 del 29.07.1927 , la società richiedente , rimuova senza vantare alcun diritto o indennizzo o rimborso , qualora richiesto, gli aerogeneratori con relative fondazioni le stazioni di trasformazione e di controllo, i cavidotti interrati; SoRiCal: Parere favorevole (nota prot. 8333 del 20/10/2009) all’intervento a condizione che vengano osservate le seguenti prescrizioni: Il nuovo cavo elettrico sia passato al di sotto dell’estradosso del tubo minimo ad una distanza non minore di un metro; Il cavo sia adeguatamente segnalato con nastro indicante la presenza di un cavo elettrico alimentato; Tra la tubazione dell’acquedotto ed il cavo sia realizzata apposita lastra in cemento di larghezza non inferiore a 1.5 m e lunghezza non inferiore a 2 m sia a dx. che a sx. del tubo; Regione Calabria – Dipartimento n. 6 Agricoltura Foreste e Forestazione Settore n. 5: Parere favorevole provvisorio (nota prot. n. 58763 del 22/12/2009) nei soli riguardi idrogeologici e forestali ad eseguire i movimenti terra strettamente necessari per la realizzazione del parco eolico denominato “Sambucello”, consistente nella realizzazione di n° 5 aerogeneratori , di cui n° 2 aerogeneratori il n° 5 e il n° 6 , delle annesse piste di accesso per la realizzazione delle piazzole e del cavidotto. Si subordina, in fase di progettazione esecutiva , all’adempimento da parte della ditta alle seguenti prescrizioni: I lavori dovranno essere realizzati in maniera da non turbare le condizioni di equilibrio idrogeologico della zona interessata; Le acque meteoriche e superficiali dovranno essere accompagnate fino agli impluvi naturali con opportune canalizzazioni ; Non deve essere alterato l’andamento piano-altimetrico esistente;


AVVISO A PAGAMENTO

REGIONE CALABRIA - Dipartimento Attività Produttive - Settore 2 - Politiche Energetiche, Attività Estrattive e Risorse Geotermiche Devono essere realizzate tutte le opere atte a garantire il normale deflusso delle acque meteoriche; I lavori dovranno essere seguiti secondo il progetto presentato; I movimenti di terra devono essere contenuti al minimo indispensabile ; Dovranno adottarsi tutti gli accorgimenti atti a prevenire franamenti, aggrottamenti ed accumuli di materiale di risulta, che qualora non opportunamente utilizzato, dovrà essere trasportato a discarica autorizzata; L’area oggetto dell’intervento , al fine di una facile individuazione, dovrà essere delimitata con la posa di n° 4 picchetti ben visibili o termini lapidei,così come riportato nell’allegata planimetria, con colorazione in giallo della zona di intervento; Il cavidotto dovrà essere realizzato lungo le piste servizio e strade esistenti; Gli scavi dovranno avere inizio solo dopo che la ditta avrà ottenuto tutte le autorizzazioni prescritte per legge; Prima dell’inizio dei lavori dovrà essere acquisito ogni altro parere e/o n.o. necessario; I lavori dovranno essere completati entro tre anni dalla data di definizione dell’iter burocratico autorizzativo, eventuali proroghe potranno essere concesse su richiesta dell’interessato, valutate le motivazioni addotte; Occorrerà rispettare distanze di opportuna sicurezza delle testate dei fossi e dei confini aree instabili , in dissesto e in erosione: Occorre fare delle indagini puntuali per determinare le caratteristiche geotecniche , dei singoli siti di intervento , condizione propedeutica alla progettazione delle opere di fondazioni; Si prescrive la realizzazione di tutte opportune opere di sostegno eventualmente ritenute necessarie a garantire la stabilità dei luoghi; Le opere di sostegno della rilevata sede dell’aerogeneratore n° 7 dovranno essere opportunamente dimensionate in fase di progetto esecutivo, per lo stesso sito di intervento, dovrà essere verificata inoltre, la stabilità del versante, oggetto d’intervento, in condizione post- operam; La Ditta dovrà presentare regolare computo metrico e stima per la realizzazione del rimboschimento compensativo, prima dell’inizio dei lavori, da definire a soddisfacimento ai sensi dell’art. 7 comma 6 del vigente P.M.P.F; ENAC – Ente Nazionale per l’Aviazione civile: Nulla Osta (nota prot. n.0081031/DIRGEN/AOC del 18/11/2009) alla realizzazione dell’impianto eolico, considerato che: L’Enav ha comunicato con folgio AV/AOP/PSA/SC6780/026170 del 27.10.09, scheda ostacolo n. 6780, che non ha riscontrato implicazioni per quanto di competenza; Con riferimento a quanto riportato negli elaborati allegati alla richiesta , l’opera in oggetto rispetta i vincoli previsti dal Regolamento per la costruzione e l’esercizio degli aeroporti ENAC; Le opere stesse non sono ubicate all’interno delle aree soggette ai vincoli dei piani di richio previsti dall’art. 707 comma 5 del Codice della Navigazione; L’A.M. C.I.G.A. ha dato il proprio parere positivo per qunto concerne le procedure strumentali come da nota n. MDA CIGA/720/1785/T del 18.03.09 Non risultano pertanto implicazioni al riguardo. Amministrazione Provinciale di Catanzaro - Settore Tutela Ambientale – Servizio Risorse Energetiche: Parere favorevole (acquisito nella C.D.S. del 08/09/2009)con riferimento a quanto previsto dalla L.R. 17/2000, con le seguenti prescrizioni: Obbligare la ditta nella costruzione dell’impianto all’ osservanza, in materia di sicurezza, alle norme di cui alla L. 28/06/1986 n. 339 e D.M. 21/03/1988 n. 449, nonché delle norme tecniche UNI-CEI applicabili; Ribadire nella A.U. regionale la salvezza di diritti di terzi, esonerando l’ente Provincia da ogni responsabilità a danni, persone e cose, anche durante l’esecuzione dei lavori; Obbligare la ditta a comunicare l’inizio dei lavori almeno 30 giorni prima e trasmettere Certificato di Regolare Esecuzione dell’Impianto; Obbligare la ditta al ripristino dello stato dei luoghi e ad attenersi a quanto disposto dall’art. 20 della L.R. 17/2000; Amministrazione Provinciale di Catanzaro – Settore Espropri – Servizio Tecnico Concessioni Stradali: Parere preventivo favorevole (nota prot. n. 115732 del 18/12/2009) di massima alla posa del cavidotto, nelle pertinenze stradali, a servizio del parco eolico alle seguenti condizioni: Che sulla S.P: n° 168/1, il cavidotto sia posato sula piano viabile , sul lato sx, rifacendo la fondazione stradale per metà carreggiata e per una profondità pari a mt. 1,20, quindi sia eseguita la fresatura e la bitumatura per tutta la carreggiata stradale, poiché il tratto stradale interessato dagli scavi , di recente è stato oggetto di importanti interventi di bonifica stradale; Che sulla S.P. 167/1 , il cavidotto sia posato nel piano viabile, eseguendo la fresatura e la bitumatura per tutta la carreggiata stradale, e che in corrispondenza di un viadotto , la condotta sia staffata all’esterno dell’impalcato; Si precisa che al fine del rilascio di regolare concessione ai sensi dell’art. 25 del D. Lgs 30.04.1992, n. 285 e s.m.i , la stessa è subordinata all’invio di n. 5 copie di elaborati grafici esecutivi, per ogni strada interessata dalla posa del cavidotto,riveduti e corretti in attinenza alle condizioni sopra riportate,nei quali sia specificato, inoltre il diametro delle condotte; Regione Calabria - Dipartimento n. 8 Urbanistica e Governo del Territorio: Parere di conformità (nota prot. n. 7782 del 20/10/2009) con la quale in conformità a quanto previsto dall’ art. 12 , comma 7 del D. Lgs n. 387/2003, considerato che dette opere non costituiscono variante allo strumento urbanistico e ritenuto pertanto, di non dover assumere nessun provvedimento , fermo restando l’acquisizione di eventuali pareri , nulla osta , assensi comunque denominati e previsti per legge; Regione Calabria - Autorità di Bacino Regionale: parere favorevole ( nota prot. n. 090003789 del 17/11/2009) alla realizzazione dell’opera a condizione che: La profondità della tubazione del cavidotto , nel punto in cui attraversa il fiume Amato, rispetto all’attuale fondo alveo , non sia inferiore a mt 2,50; ARPACAL: Parere favorevole di conformità (nota prot. n. 584/NIR-R/08 del 06/11/2008) dell’opera alla normativa vigente di riferimento. Per le necessarie verifiche si dovrà comunicare l’avvenuta attivazione dell’impianto; Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria: Parere Favorevole (nota prot. 6167 del 06/04/2009) alla costruzione e all’esercizio del cavidotto , con le seguenti prescrizioni inderogabili: All’avvio dei lavori di realizzazione del cavidotto , pur se tale opera sarà realizzata sul tracciato di strade già esistenti, sulla scorta di analoghe esperienze , tutti i lavori di escavazione e di movimento terra dovranno essere controllati da personale tecnico scientifico dell’area archeologica; Nelle aree a maggior indizio archeologico dovranno essere eseguiti sondaggi stratigrafici con conseguente conservazione e valorizzazione di quanto emerso; Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria: Parere Favorevole (nota prot. n. 7722 del 22/12/2009) alla realizzazione delle opere previste, espresso con nota con la quale si precisa che la Direzione Regionale , acquisiti i pareri delle Soprintendenze di Settore competenti per territorio , ritiene che i progettati lavori, siano compatibili con i principi di tutela del Decreto Legislativo 22.10.2004 n. 42 , a condizione che vengano rispettate le seguenti prescrizioni: Che siano eseguite ricerche bibliografiche e di archivio . Allo scopo dovranno essere eseguite ricerche anche negli archivi di Stato e negli archivi storici pubblici e privati (enti locali, notai,privati) ; Dovrà essere acquisita la cartografia storica del territorio ( da ricercare nel Catasto e in Archivi pubblici e privati) ed essere realizzata un nuova cartografia georefenziata sulla quale a livello GIS, dovranno essere riportate le informazioni d’archivio e della ricognizione di superficie vedi punto 4).In seguito , a giudizio del Coordinamento Scientifico, che verrà esercitato dalla Soprintendenza scrivente , potranno prevedersi adeguate elaborazioni cartografiche e topografiche mirate su selezioni archeologiche e storiche. Tutti i rilievi archeologici e topografici , compresa la documentazione grafica relativa ai reperti (ceramica, ecc…), dovranno essere forniti anche in formato vettoriale (es. DXT/DWG) mediante digitalizzazioni manuali delle tavole e dei disegni; Si dovrà procedere ad un’adeguata ricognizione approfondita di tutte le aree del progetto con identificazione e posizionamento di ogni emergenza antica che costruirà la base per una lettura stratigrafica del territorio del progetto; A giudizio del Coordinamento scientifico potranno essere previste nelle zone archeologicamente a rischio , prospezioni geofisiche di tipo archeologico, che integreranno le letture di cui ai precedenti punti; Nelle aree a maggior indizio archeologico dovranno essere eseguiti scavi stratigrafici ed ogni altra specifica analisi del terreno di tipo archeometrico, palino logico e di ogni altro tipo in base ai risultati conseguiti con conseguente conservazione e valorizzazione di quanto emerso; Gli scavi saranno seguiti e diretti dalla Soprintendenza per i Beni archeologici della Calabria ,che, come per i precedenti interventi , ha incaricato il responsabile di zona Dr Roberto Spadea , il quale si avvarrà per le operazioni di scavo, di lavaggio , pulitura , primi restauri, siglatura , inventariazione, schedatura, disegno e fotografia di archeologici con diploma di specializzazione, di disegnatori, di restauratori e di fotografi, tutti di provata esperienza; La Soprintendenza invierà un elenco di collaboratori accreditati presso la stessa , dal quale la società potrà attingere per formulare gli incarichi , cantiere per cantiere , in base alle indicazioni date dalla Soprintendenza stessa sulla esigenze e in relazione alle complessità stratigrafiche riscontrate nelle aree di scavo; Dovrà essere redatta accurata e documentata relazione sullo stato del territorio oggetto dell’intervento. Dal punto di vista Architettonico e Paesaggistico: Che le strade di nuova realizzazione , anche per l’adeguamento dei sentieri carrabili esistenti, siano realizzate esclusivamente con carattere di strada bianca , con fondo in terra battuta o in stabilizzato; Che gli eventuali tagli di alberi necessari per la realizzazione delle piazzole e l’adeguamento della viabilità siano compensate con la messa a dimora di analoghe essenze in eguale numero; Che le piazzole alla base degli aerogeneratori siano adeguatamente inerbite. Anas: Parere Favorevole (nota acquisita in CDS del 08/09/2009) fatti salvi i diritti di terzi. Relativamente ad eventuali attraversamenti o opere che interferiscono con la SS 280 , la ditta dovrà trasmettere al compartimento Anas i relativi progetti esecutivi completi di calcoli statici per il rilascio della concessione; Snam rete gas: Parere Favorevole (nota acquisita in CDS del 08/09/2009) pur essendoci un’interferenza fra il cavidotto e il metanodotto di proprietà della Snam rete gas , a condizione che la società , al momento di eseguire il lavoro di attraversamento richiederà per iscritto a SNAM RETE GAS le prescrizioni da adottare; Consorzio di Bonifica Raggruppati della Provincia di Catanzaro: Parere Favorevole (acquisita nella CDS del 22/10/2009) con la quale il rappresentante dichiara che non esistono interferenze per quanto riguarda impianti irrigui di proprietà dei Consorzi, ma che tuttavia l’intervento potrebbe ricadere su particelle totalmente o parzialmente occupate dai Consorzi. Pertanto si riserva di effettuare le opportune verifiche; Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro – Dipartimento di Prevenzione - S.P.I.S.A.L.: parere favorevole (nota prot. n. 810 del 25/2/2008) non riscontrando violazioni di legge, ferme restando le responsabilità del datore di lavoro nel dare piena applicazione alla normativa vigente in materia di sicurezza ed igiene del lavoro ; Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro – Unità Operativa di Igiene e Sanità Pubblica.: Parere Sanitario Favorevole (nota prot. n.3195 del 08/09/2009) alla variazione non sostanziale delle caratteristiche dimensionali dei pali eolici che verranno istallati restando immutati il loro numero, la localizzazione e le caratteristiche dell’impianto per il quale era già stato espresso parere favorevole in data 29/01/08.Si precisa, inoltre che la società , dovrà comunicare all’Unità Operativa scrivente l’inizio dell’attività della centrale e il collaudo avvenuto , certificare le rilevazioni strumentali attestanti il rispetto dei limitì di tollerabilità previsti dalla normativa vigente; Amministrazione Comunale di Marcellinara: parere favorevole ( nota acquisita nella CDS del 08/09/2009) alla realizzazione dell’impianto eolico; VISTE altresì le note e le comunicazioni degli enti e delle amministrazioni che seguono: TERNA: nota (prot. n. TE/P2000000150 del 09/01/2008) con la quale si comunica che l’ente competente relativamente alla connessione alla rete elettrica è la società ENEL Distribuzione S.p.A.; ARPACAL: nota (prot. 1927 del 1/10/2009)con la quale si riconferma il parere favorevole , trasmesso con nota n. 584/NIR-R/08 del 06/11/2008, riferito al parco eolico composto da n° 7 aerogeneratori dalla potenza nominale di 1, 35 MW per una potenza complessiva di 9,45 MW; Regione Calabria – Dipartimento n.9 Settore n. 2: nota (prot. n. 12565/Dip del 08/09/2009) con la quale si precisa che l’Ufficio non può esprimere alcun parere su progetti preliminari o definitivi. Si esprime parere solo su progetti esecutivi rilasciandone apposita autorizzazione sia ai fini sismici che per quanto attiene all’art. 13 parere geomorfologico; Regione Calabria – Dipartimento n.9 Settore n. 1: nota (prot. n. 5518 del 18/11/09 ) con la quale si prende atto della dichiarazione del legale rappresentante della “Marcellinara wind srl”, con la quale si dichiara che per la realizzazione dell’opera , non è necessario promuovere l’espropriazione di beni immobili; Amministrazione Provinciale di Catanzaro, Settore Protezione Civile e Geologico – Servizio Autorizzazioni Paesaggistiche: (nota prot. 116171 del 21/12/2009) con la quale si comunica che relativamente al progetto di che trattasi , si prende atto che i Consorzi di Bonifica Raggruppati della Provincia di Catanzaro hanno ultimato le verifiche sull’esistenza del vincolo di rimboschimento gravante sull’area , per come si evince dai verbali di consegna trasmessi dalla società Marcellinara Wind.Permanendo ancora dubbi sull’esistenza di vincoli tutori di natura paesaggistica sull’area di sedime degli aerogeneratori, si evidenzia l’impossibilità di esprimere il parere paesaggistico di competenza. Relativamente alle competenze sul demanio fluviale, non si rilevano motivi ostativi agli attraversamenti di tali terreni, precisando che dovrà essere acquisita , prima dell’inizio dei lavori, regolare concessione a titolo oneroso. CONSIDERATO che con nota prot. n. 75075 del 11/08/2010 acquisita al protocollo del Dipartimento Attività Produttive in data 16/08/2010 prot. n. 13689/dip l’ Amministrazione Provinciale di Catanzaro, Settore Protezione Civile e Geologico – Servizio Autorizzazioni Paesaggistiche, alla luce dell’attestazione rilasciata dal Comune di Marcellinara nota prot. 5095 del 06/08/2010, ha comunicato che non è dovuto alcun parere paesaggistico. CONSIDERATO che la Società ha depositato 2 copie del progetto definitivo aggiornato alle determinazioni conclusive della Conferenza dei Servizi ; Ha provveduto a documentare la sussistenza della capacità economica finanziaria; RICHIAMATA la L.R. N. 7 del 13 maggio 1996 recante “Norme sull’ordinamento della struttura organizzativa della Giunta regionale e sulla dirigenza regionale” e ss.mm.ii.; VISTA la D.G.R. n. 253 del 05.05.2009 con la quale è stato confermato l’incarico di Dirigente di Settore all’ing. Ilario De Marco; VISTA la D.G.R. n. 334 del 21.04.2010 con la quale è stata nominata Dirigente Generale la Dott.ssa Maria Grazia Nicolò; VISTO il D.P.G.R. n. 99 del 03 05 2010 con il quale è stato conferito l’incarico di Dirigente Generale del Dipartimento Attività Produttive alla Dott.ssa Maria Grazia Nicolò; VISTA la L.R. n. 34/2002 e s.m.i. e ritenuta la propria competenza RICHIAMATI il decreto n. 13046 del 02/07/09 con cui il Dirigente del Settore Politiche Energetiche ha approvato il modello di schema di convenzione relativo al rilascio dell'autorizzazione unica alla costruzione ed all'esercizio di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili; la Convenzione stipulata con la Società Marcellinara Wind S.r.l., Rep.N° 436 del 14 Maggio 2010

DECRETA di autorizzare, ai sensi e per gli effetti dell’art. 12 del Decreto Legislativo 387/2003 e della L.R. n. 42 del 29.12.2008, la società Marcellinara Wind srl , con sede legale in Catanzaro,in via Caduti sul Lavoro n. 9, P. IVA 02917560795 numero R.E.A di Catanzaro 181373,fatti salvi i diritti di terzi, alla costruzione e all’esercizio: dell’impianto eolico denominato “Sambucello”, per una potenza prevista di 5,70 MW, ubicato nel comune di Marcellinara (CZ), composto da 5 aerogeneratori; delle opere connesse e alle infrastrutture indispensabili alla costruzione dell’impianto con connessione in antenna con linea dedicata alla cabina primaria di Amato sezione a 150/20Kv; il tutto in conformità al progetto definitivo approvato in sede di Conferenza di Servizi e con le prescrizioni così come esposte in premessa che s’intendono qui integralmente riportate. di dare atto che il rilascio della presente autorizzazione e l’approvazione del progetto definitivo equivalgono a dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità e urgenza delle opere, ai sensi e per gli effetti dell’art. 12 comma 1 e 3 del Decreto legislativo n. 387 del 23.12.2003; di demandare, a norma dell’articolo 27 comma 1 del T.U. 380/2001, al Comune Marcellinara (CZ) il controllo e la verifica della regolare e conforme esecuzione delle opere a quanto autorizzato con il presente provvedimento. Gli Enti e le Amministrazioni che nell’esprimere il parere di rispettiva competenza sulla realizzazione e sull’esercizio dell’impianto in oggetto della presente Autorizzazione Unica hanno apposto prescrizioni alla realizzazione dell’opera saranno, altresì, preposti al controllo ed al monitoraggio del rispetto delle prescrizioni medesime e responsabili delle stesse.La Regione Calabria – Settore Politiche Energetiche, Attività Estrattive e Risorse Geotermiche, si riserva ogni eventuale successivo accertamento ulteriore; di notificare il presente decreto alla società istante e al Comune di Marcellinara (CZ); di stabilire che i lavori dovranno iniziare entro 90 giorni dalla data di rilascio dell'autorizzazione unica e concludersi entro il termine di 36 mesi, così come da Dichiarazione Giurata del 23/04/2009. Tale termine è prorogabile per una sola volta con le modalità di cui al punto 11 della L.R. 42/08; di disporre che il presente decreto sarà pubblicato, sul Bollettino Ufficiale della Regione Calabria; di disporre che a cura e spese della Società Marcellinara Wind s.r.l. il presente decreto venga pubblicato su un quotidiano a diffusione regionale e uno a diffusione nazionale. Entro il termine di 60 (sessanta) giorni dalla pubblicazione, i soggetti interessati potranno proporre avverso il presente atto ricorso giurisdizionale al Tribunale amministrativo di Catanzaro, oppure, entro il maggior termine di 120 (centoventi) giorni, ricorso straordinario al Capo dello Stato. Il Dirigente di Settore Ing. Ilario De Marco


14

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

CRONACHE

Pensionato scomparso nel Crotonese, appello dei familiari del 78enne CROTONE - Non si hanno notizie da venerdì scorso di Pietro Brizzi, 78 anni, pensinato di Mesoraca, nel crotonese. L’uomo, nella mattinata del 15, era uscito dalla sua abitazione con alcuni congiunti per raggiungere un appezzamento di terreno di sua propprieta’ in un bosco alla periferia delpaese. Dopo alcune ore, i familiari sono rientrati a casa, pensando che l’anziano fosse rientrato da solo, come faceva solitamente in queste occasioni, o che si trattenesse ancora in campagna come pure era solito fare in altre circostanze. Nonavendolo visto rientrare, sono tornati sul posto trovandovi il cappello ed il portafogli vuoto dell’uomo. A quel punto è stato lanciato l’allarme e sono state avviate ricerche da parte dei Carabinieri e dei volontari del soccorso alpino. Un giovane del posto, secondo quanto reso noto dalla figlia Santina, ha riferito di avergli parlato nel primo pomeriggio, poi nessun’altra traccia. I militari dell’arma avrebbero anche ascoltato due giovani rumeni che avrebbero a loro volta detto di aver visto Brizzi. La figlia, a questo punto, ha rivolto un appello pubblico, invitando chi avesse informazioni a mettersi in contatto con la famiglia o con le forze dell’ordine. Pietro Brizzi, alto circa 1,70 cm, ha i capelli bianchi ed è di corporattura robusta.

Danneggiata la piscina comunale Zurlo: un atto di vandalismo CROTONE - La notte tra domenica e lunedì la piscina dell’Istituto "Pertini" di Crotone è piscina ed i quadri elettrici sono stati distrutti dalle fiamme. «Questo è un atto di vandalismo - dichiara il Presidente della Provincia Stano Zurlo - che mira a non consentirci di terminare i lavori di messa a norma della piscina del Pertini. Non ci faremo intimorire da questi atti. Mi dispiace solo che i giovani atleti crotonesi avranno una pessima immagine di questo nostro territorio.L’impegnodell’enteè di restituire al più presto alla comunità crotonese questapiscinacheèl’unica di tutta la Provincia. Questo è un impegno d’onore della mia giunta. Su questa struttura, in questo periodo, sono state spesetroppeparole,anche se non rivolte alla mia amministrazione, e le parole sono pietre, soprattutto quando queste mirano ad

avvelenare il clima, sono convinto che il nostro territorio abbia già troppe urgenze, non abbiamo bisogno di ulteriori veleni». Alle parole del Presidente Zurlo si aggiungono quelle dell’assessore all’edilizia scolastica Alessandro Carbone. «Sono amareggiato - dichiara Carbone - per quello che è successo. I lavori per la riapertura della piscina procedevano veloci e avremmo restituito agli atleti questa strategica struttura. Quest’atto avrà solo il risultato di fare spendere all’amministrazione risorse importanti che potevano servire peraltre strutture utili alla collettività. In tutti i casi siamo ancora più determinati a restituire la piscina del "Pertini" agli atleti nel minor tempo possibile».

Anna Bolle

Oggi la manifestazione a sostegno di Squillace di Carmelo Morise CUTRO - «Lo Stato, la magistratura, le forze dell’ordine, le istituzioni locali, i sindacati e la società civile, tutti uniti in unico sentimento di ferma condanna, sapranno fornire la giusta reazione per stigmatizzare l’ennesimo atto intimidatorio perpetrato ai danni di un amministratore pubblico calabrese». Il segretario della Commissione regionale contro il fenomeno della mafia, Salvatore

L’assessore all’Ambiente di Cutro è stato vittima di un atto intimidatorio nella serata di martedì scorso

pubblica che l’Amministrazione comunale di Cutro sta programmando per oggi. Garantirò alla popolosa cittadina, non solo la mia presenza istituzionale in qualità di membro dell’organo politico di vigilanza sul fenomeno della mafia, ma porgerò all’assessore Squillace e a tutti i membridell’Amministrazionecutrese tutto il mio supporto affinché, sul territorio, si continui ad operare nel solco della legalità e della trasparenza in ambito amministrativo. Sono questi i due traguardi fondamentali da raggiungere con celerità, se davvero in questa provincia si vuole tornare a parlare di sviluppo economico e rinascita civile». Alla manifestazione ci sarà anche il segretario regionale dell’Italia dei Valori,

Maurizio Feraudo. «Domani - ha detto - parteciperò alla manifestazione alla manifestazione pubblica che il Sindaco Salvatore Migale e la sua Amministrazione hanno programmato per ribadire la ferma condanna all’ennesimo atto intimidatorio perpetrato ai danni di un amministratore pubblico calabrese di Cutro. La Calabria - ha concluso Feraudo - ha bisogno di tutti noi e di uno scatto di orgoglio da parte della società calabrese che porti ad una ribellione nei confronti della criminalità organizzata. Speriamo che questo grande evento non si trasformi nella solita parata di colletti bianchi, ma che sia un grande segnale di speranza».

Pacenza (Pdl), esprime tutta la sua solidarietà e la sua vicinanza all’assessore all’Ambiente del Comune di Cutro, Gaetano Squillace, vittima di un atto intimidatorio nella serata di martedì scorso. «Annuncio fin da subito la mia adesione - prosegue l’onorevole Salvatore Pacenza - alla manifestazione

Sequestrati beni per 6 milioni di euro, 2 arresti CROTONE - Due persone arrestate, beni per 6 milioni di euro sequestrati, tre persone denunciate. E’ il bilancio di un’operazione della Guardia di Finanza di di Crotone. Le persone tratte in arresto sono due imprenditori: C.F.A. di Isola di Capo Rizzuto, colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e attualmente detenuto nellaCasa Circondariale di Catanzaro in quanto già tratto in arresto dagli stessi militari della Compagnia nello scorso mesedi luglio, ritenuto vicino agli ambienti criminali della cosca Arena e C.G. originario di Isola di Capo Rizzuto, ma residente a Parma, sottoposto agli arresti domiciliari. I provvedimenti sono stati emessi dal Gip riguardano beni immobili, mobili, attività economiche e risorse finanziarie. I beni sottoposti a vincolo comprendono l’intero compendio aziendale di una società del settore immobiliare con sede sa Milano ed un terreno di circa 44.000 metri quadri sito nel comune di Isola di Capo Rizzuto ed ubicato a ridosso del porticciolo turistico di Le Castella. Il terreno - secondo quanto reso noto dalla Guardia di Finanza - è di rilevante valore economico poichè ricadente in una zona di espansione intensiva e turistica e rientra nella perimetrazionedelprogrammadiri-

qualificazione urbanistica e, come tale, privilegiato per quanto attiene l’accesso ai finanziamenti pubblici, nonchè unico terreno ancora edificabile nella zona del predetto porticciolo turistico. L’operazione è stata condotta dagli uomini della Compagnia della Guardia di Fianza di Crotone che, a seguito di articolate indagini di polizia giudiziaria, avrebbero fatto luce su un intreccio di rapportieconomici-finanziari,commerciali e societari gestiti da C.F.A., grazie alla collaborazione ed alla disponibilità di 4 soggetti compiacenti, ai quali avrebbe attribuito la titolarità dei beni sequestrati. Esisteva infatti - secondo gli investigatori una evidente necessità da parte di C.F.A. di occultare il bene, distogliendolo dal proprio patrimonio in

maniera tale da eludere le disposizioni in materia di misura di prevenzione patrimoniale, potendo lo stesso ritenere incombente il rischio di provvedimenti di sequestro, essendo a conoscenza di procedimenti penali che lo riguardavano. Dalle indagini e dagli accertamenti di polizia giudiziaria sarebbe emersa la creazione di due società una, con sede a Crotone, amministrata direttamente da C.F.A., e l’altra con sede in provincia di Milano, che,seppuramministrataufficialmente da C.G., era nella realtà stata appositamente creata da C.F.A. e di fatto da lui gestita.

Carla Rossi


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani 15

CRONACHE

Spacciava soldi falsi, arrestato un 46enne già noto all’Arma

VIBO VALENTIA Sette persone denunciate, armi di genere vietato ssequestrate. E’ il bilanco di un’operazione diserviziodeimilitari dell’Arma della Compagnia di Tropea, diretti dal tenente Francesco Di Pinto finalizzato alla sicurezza stradale, con particolare riguardo ai reati per guida in stato d’ ebbrezza alcoolica o uso del cellulare alla guida del veicolo. Nell’ambito dell’attività non sono mancati i controlli relativi al porto ingiustificato di armi, falso materiale commesso da privato o violazione di obblighi imposti dalla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.

di Carmela Mirarchi VIBO VALENTIA - I Carabinieri della Stazione di Cessaniti lo hanno colto in flagrante mentre cercava di pagare la propria consumazione in un bar del piccolo paese a pochi passi dal capoluogo con una banconota da 20 euro contraffatta. Lui, Domenico De Rito, pregiudicato del ’64 residente nel piccolo centro, alla vista dei Carabinieri,

Rinvenuti a casa dell’uomo ben 52 grammi di marjiuana che il De Rito conservava in un cassetto avvolti in alcuni giornali. Per lui sono immediatamente scattate le manette con l’accusa di detenzione e negoziazione di denaro falso che avvertiti dal titolare del locale si sono catapultati in pochi minuti sul luogo, è rimasto a bocca aperta ed ha tentato di giustificare il possesso del denaro falso dicendo di non essersene accorto che qualcuno, forse nel dargli il resto di qualche pagamento, gli avesse restituito la banconota contraffatta. Una scusa sicuramente originale ma che non ha convito gli uomini della Benemerita che, prima hanno perquisito lui, trovandogli un’altra banconota con lo stesso numero di matricola che aveva tentato di spacciare al bar, e poi, dopo un’accurata perquisizione della sua abitazione, altri 60 euro in tagli da 20, identici in tutto e per tutto a quelli che aveva indosso. Evidentemente lasciati da parte in attesa di altri

Sicurezza stradale, sette persone denunciate dai carabinieri di Tropea

Ritrovata la corona della Madonna della chiesa di Santa Ruba

acquisti. Come se non bastasse gli uomini della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia hanno anche rinvenuto a casa dell’uomo ben 52 grammi di marjiuana che il De Rito, in attesa che fossero essiccati, conservava in un cassetto avvolti in alcuni giornali. Per lui sono quindi immediatamente scattate le manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e negoziazione di denaro falso. L’uomo, dopo gli atti di rito, è stato poi trasferito nel carcere di Vibo Valentia dove attenderà le decisioni dell’autorità giudiziaria.

VIBO VALENTIA - E’ stata ritrovata la corona della Madonna dellachiesadiSanta Ruba, un gioiello architettonico stile bizantino - basiliano del X secolo situato lungo la strada che da Vibo Valentia porta a San Gregorio. Il rivenimento è avvenuto a Pizzinni, una frazione di Filandari, nel vibonese, all’interno di una grotta , in località "SantaCristina", ad una decina di chilometri dal luogo dove era stata rubata la notte del 12 ottobre scorso. A denunciare il furto era stato il parroco che si era rivolto ai militari dell’Arma della stazione di San Gregorio diretta dal maresciallo Salvatore Todaro. Rosa Voci


16

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

CRONACHE

«Why not, l’enorme risalto mediatico causa di rappresentazioni distorte» di Carmela Mirarchi CATANZARO - L’inchiesta Why not ha avuto un "enorme risalto mediatico", che ha determinato «una distorta e infedele rappresentazione dall’esterno delle reali e obiettive risultanze delle fonti di prova» facendo dimenticare il vero obiettivo: accertare le responsabilità. E’ quanto sostiene il gup di Catanzaro, Abigail Mellace nelle 944 pagine delle motivazioni della sentenza con la quale, al termine del rito abbreIl gup ha viato, ha condepositato dannato 8 persoe ne ha assolle motivazioni ne te altre 34. Sedella sentenza condo il gup, il clamore ha diOtto le stolto l’attenzione «dal vero condanne obiettivo dell’inchiesta da tutti osannata e salutata come la prima condanna di un sistema politico che mirava alla realizzazione di personaliinteressi:accertarel’illeicità o meno della destinazione di ingenti risorse erogate dalla Regione Calabria e individuare tutti i soggetti che in concreto si erano appropriati indebitamente di tali risorse». Un obiettivo che secondo il gup, durante le indagini sarebbestato«abilmenteseppellito da chi aveva interesse a farlo, sotto una miriade di dichiarazioni, pro-

Lancia coltelli contro marito e poliziotti, arrestata 37enne

palazioni, coraggiose rivelazioni volte a rappresentare la molto più avvincente, inquietante e televisiva realtà di associazioni segrete, logge deviate,congiure di palazzo, accordi clandestini che dapprima operavano occultamente per monopolizzare la gestione degli appalti e delle risorse e che poi, a indagine avviata, tramavano per distruggere ed annientare da un punto di vista economico e di credibilità chi aveva avuto invece il coraggio di denunciare la realtà del malaffare». Tutto ciò, però, secondo il gup, non avrebbe trovato «alcun conforto probatorio essendo stato sconfessata già nella fase delle indagini preliminari e che ha impedito di analizzare con la necessaria obiettività i vari e inconfutabili elementi di prova che emergevano sin da subito». Elementi che «avrebbero permesso di raggiungere un risultato tale da dimostrare che la Regione e per es-

sa ben individuati soggetti pubblici preposti alla guida e alla direzione di importanti settori amministrativi, con reiterate ma distinte azioni criminose», ha assegnato ai consorzi Brutium e Why Not «appalti e progetti in palese violazione di legge operando consapevolmente e intenzionalmente al fine di procurare alle stesse strutture private un ingiusto vantaggio patrimoniale» per progetti "in gran parte inutili". Caterina Merante, principale teste d’accusa dell’inchiesta avviata dall’ex pm di Catanzaro Luigi de Magistris e poi avocata, e due suoi collaboratori in Why Not, tutti e tre, «fedeli e consapevoli collaboratori di Antonio Saladino, hanno in prima persona intessuto rapporti con esponenti del mondo politico e dirigenziale dai quali hanno ottenuto illecitamente commesse ed appalti». Caterina Merante è stata rinviata a giudizio dallo stesso gup.

CATANZARO - Una donna, Leila Reale, di 37 anni, è stata arrestata dagli agenti della polizia di stato a Catanzaro per tentato omicidio plurimo. Nel corso dell’ennesimo litigio la donna ha aggredito il marito per futili motivi. Gli agenti sono intervenuti per porre fine al litigio ma la trentasettenne si è impossessata di tre coltelli da cucina ed ha minacciato i poliziotti ed il marito. Prima di essere bloccata dai poliziotti, ha infine lanciato i coltelli contro il marito colpendo però lo schermo di un televisore che è andato in frantumi. Leila Reale è stata successivamente bloccata ed arrestata.

Rosa Voci

Incendiata l’auto del titolare del centro commerciale "I Due Mari" LAMEZIA TERME - L’automobile dell’imprenditore Marcello Perri è stata incendiata ieri notte a Lamezia Terme. L’auto, un Fiat Panda era parcheggiata nei pressi dell’abitazione dell’uomo. L’incendio è stato spento dai vigili del fuoco. L’episodio è stato denunciato ai carabinieri che hanno avviato le indagini. Marcello Perri, insieme ai fratelli, è il proprietario del centro commerciale "I due Mari" e di altri negozi nella zona di Lamezia Terme. Il padre dell’imprenditore, Antonio Perri, di 71 anni, fu ucciso a Lamezia Terme il 10 marzo del 2003. Recentemente la Corte D’assise d’appello di Catanzaro ha confermato la condanna a trent’anni di reclusione nei confronti di Nicola Paciullo, ritenuto l’autore dell’omicidio. Il delitto fu una vendetta di una cosca di Lamezia Terme per una richiesta estorsiva non soddisfatta.

Prime indagini inquinate CATANZARO - Un "incredibile rapporto personale e confidenziale" creatosi tra Caterina Merante, la principale teste d’accusa dell’inchiesta Why not, ed un sottufficiale dei carabinieri incaricato di seguire le indagini, «ha inciso pesantemente sulla modalità di conduzione delle prime indagini, inquinando in modo irreversibile la genuinità di importanti risultanze investigative, rendendole radicalmente inutilizzabili». Lo scrive il gup Abigail Mellace nelle motivazioni del processo con rito abbreviato. La Merante, che era teste a Catanzaro ma indagata per le stesse vicende dalla Procura di Paola (Cosenza) che la stava intercettando, dopo l’avocazione dell’inchiesta da parte della Procura generale, «era animata dalla volontà di preservarsi da ogni possibile coinvolgimento giudiziario, scaricando su tutti gli altri indagati e rappresentando se stessa come una persona debole e soggiogata».

Dalle intercettazioni, scrive il gup, emerge invece una donna "forte e determinata" che «intrecciava e coltivava una serie di rapporti con tutti quei soggetti che potevano, ancheinconsapevolmente,coadiuvarla nel suo progetto». Tra questi il gup indica «l’incredibile rapporto personale e confidenziale con il marescialloGiuseppeChiaravalloti incaricato dei più delicati atti». Secondo il gup era la Merante il "vero dominus" delle indagini del sottufficiale che «operava attenendosi in primo luogo agli ordini della testimone e cercando, a tutti i costi, di trovare elementi di conferma della credibilità del suo narrato». Il sottufficiale, scrive il gup, «informava pedissequamente la Merante sugli sviluppi delle indagini» e lei gli aveva anche chiesto di bloccare le indagini di Paola. Inoltre era in «costante contatto» con lei nella fase del riscontro delle dichiarazioni della Merante sui rapporti tra Saladino e l’ex presi-

dente della Regione, Agazio Loiero. Inoltre un verbale del 26 marzo 2007 della Merante che doveva essere allegato a un nuovo atto dopo l’avocazione, «é stato completamente modificato, con l’aggiunta di fatti, dichiarazioni, precisazioni che spesso modificano completamente il significato delle prime dichiarazioni». Dalle intercettazioni emerge anche «era la Merante che indicava al maresciallo i nominativi e gli indirizzi dei soggetti nei cui confronti, a suo giudizio dovevano essere dirette le investigazioni».

La causa è un rapporto personale tra Caterina Merante ed un carabiniere

Annalisa Amodio

Prende corpo l’idea della realizzazione di un cimitero per gli animali d’affezione CATANZARO - Prende corpo l’idea della realizzazione a Catanzaro (e sarebbe il primo in Calabria) di un cimitero per gli animali d’affezione, un luogo cioè dove, rispettando rigorosamente le norme igieniche, possano riposare cani, gatti e altri animali da compagnia. Dopo l’approvazione in Consiglio Comunale del nuovo regolamento d’igiene la commissione lavori pubblici di Palazzo De Nobili è tornata a discutere l’argomento. L’organismo consiliare, presieduto da Antonio Gigliotti, ha deciso, su

proposta del consigliere Giuseppe De Gaetano, di lanciare un appello ad enti e a privati cittadini perché mettano a disposizione del Comune un’area idonea, di almeno un ettaro, per la realizzazione della struttura. Se, come ci si augura, enti pubblici o semplici cittadini metteranno a disposizione del Comune un’area idonea, sarà possibile avviare la costruzione di una struttura molto attesa da centinaia di persone che intendono assicurare una dignitosa sepoltura agli animali domestici.


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani 17

CRONACHE

I circoli del Pd criticano il commissariamento CATANZARO - «Apprendiamo con sorpresa che sedicenti circoli del PD del "Basso Jonio e delle Pre Serre Catanzaresi" avrebbero plaudito all’iniziativa del Sen. Adriano Musi di commissariare la Segreteria provinciale del Partito» si legge in una nota. «I circoli del Pd - continua - di Vallefiorita, Palermiti, Satriano, Centrache, Guardavalle, Cenadi, Olivadi, Petrizzi, SanVito, Argusto, Gagliato, Montauro,Montepaone,Gasperina, Stalettì, e i tanti amici e compagni, rappresentativi da sempre del partito locale, come Domenico Frustagli a Sant’Andrea, Francesco Severino a Soverato, Piero Giannini a Santa Caterina, rientranti, per davvero, nel territorio del Basso Jonio e delle Pre Serre Catanzaresi, criticano aspramente la decisione di commissariare il Pd provinciale, ed esprimono solidarietàpoliticaevicinanzaumana a Caterina Corea. Tale scelta, frutto probabilmente della scarsa conoscenza del territorio, può seriamente indebolire l’organizzazione territoriale del partito. In-

Presentata la nuova associazione “Diabete Due Mari” di Mario Mirabello

fatti, la decisione di commissariare il Pd provinciale induce a ritenere che siano stati ignorati gli enormisforziquotidianicompiuti dal segretario provinciale e dalle organizzazioni di base del partito, dai suoi dirigenti e dalle centinaia di militanti che, generosamente, cercano di rappresentare politicamente le popolazioni che vivono in queste zone. Noi pensiamo, che Caterina Corea abbia ben operato e che con la decisione politica di destituirla da segretario del partito si sia interrotto il difficile processo di rinnovamento del partito, così come ha ben sostenu-

to ieri il Segretario cittadino di Catanzaro, Fabio Celia. I circoli delle Pre Serre e del Basso Ionio chiedono che a breve si riconsideri tale decisione e si dia ascolto alla voce del partito che viene dal basso, dalla base, dai tanti militanti e simpatizzanti. Da sempre, infatti, crediamo che sia necessario dare voce a chi nei fatti e non a chiacchiere, cerca con il duro lavoroquotidiano,didarerappresentanza politica alle popolazioni locali, ai loro interessi collettivi, producendo consenso e iniziativa politica. Questa - concludono - è la nostra scelta politica».

CATANZARO - «Il diabete è una malattia insidiosa ed è di fondamentale importanza un’efficace azione di sensibilizzazione per i caratteri clinici della stessa malattia e per le ricadute in termini sociali ed economici». Così il presidente della neonata associazione "Diabete Due Mari", Luciano Ventura, nella conferenza stampa di presentazione, svoltasi presso la Sala Consiglio dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, moderata dal giornalista Raffaele Nisticò ed alla quale hanno partecipato anche il vicepresidente Giancarlo Bossi ed il responsabile scientifico Luigi Puccio, diabetologo presso l’Azienda Ospedaliera Pugliese - Ciaccio. «La Calabria ha proseguito il presidente Ventura - è una delle regioni italiane a più alta prevalenza di malattia diabetica. Sono circa tre milioni i diabetici in Italia, il 4,8% della popolazione generale. Nella no-

stra regione il dato percentuale sale al 6,5%, rappresentando un serio problema non solo medico, ma anche epidemiologico, sociale ed economico». Il presidente Ventura ha quindi esposto, in particolare, lo scopo che l’associazione si prefigge attraverso più azioni coordinate, diffondendo e promuovendo con ogni mezzo e ad ogni livello, in particolare nelle scuole di qualsiasi ordine e grado, la conoscenza del diabete al fine di prevenire l’insorgere della malattia e di favorire la diagnosi precoce e la cura più efficace a coloro che ne risultano colpiti. Importante anche realizzare una serena e proficua collaborazione con il Sevizio Sanitario Locale, i presidi sociosanitari territoriali e le associazioni di volontariato che operano nell’ambito dell’assistenza dei diabetici, sensibilizzando gli organismi politici, amministrativi e sanitari, al fine di migliorare l’assistenza e le condizioni di vita dei diabetici.


18

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

CRONACHE Tredicenne morto, Orlando chiede una relazione a Scopelliti CATANZARO - Il Presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori in campo sanitario e i disavanzi sanitari regionali, l’on. Leoluca Orlando, ha chiesto una relazione al Presidente della Regione Calabria e commissario ad acta per la Sanita’, Giuseppe Scopelliti, in merito al decesso di un ragazzo, avvenuto presso l’ospedale "Pugliese Ciaccio" di Catanzaro. Secondo quanto riferito dai genitori ai Carabinieri, giovedì scorso il tredicenne aveva accusato dolori addominali mentre si trovava a scuola. Portato da un’ambulanza del 118 in ospedale, era stato visitato al pronto soccorso e poi rimandato a casa. Il giorno seguente però, aveva accusato nuovamente forti dolori all’addome ed era stato ricoverato e sottoposto ad intervento chirugico, ma poco dopo e’ deceduto. La madre ha presentato denuncia ai Carabinieri che hanno provveduto a sequestrare la cartella clinica e tutta la documentazione utile, sia al pronto soccorso che in chirurgia. Sul caso, la Procura della Repubblica di Catanzaro ha aperto un fascicolo. «Di fronte a questo episodio - ha detto il Presidente Or-

Leoluca Orlando, presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori sanitari

lando - la Commissione attende di ricevere dalla Regione ogni elemento utile per accertare l’esistenza di responsabilità personali e/o l’esistenza di anomalie funzionali e organizzative, nonchè eventuali provvedimenti sanzionatori o cautelari adottati, per poter poi procedere ad ulteriori adempimenti di competenza».

Orlando: di fronte a questo episodio la Commissione attende di ricevere dalla Regione ogni elemento utile per accertare l’esistenza di responsabilità

La qualità ambientale di Catanzaro continua a perdere colpi CATANZARO - «La qualità ambientale di Catanzaro continua a perdere colpi. E crolla di conseguenza anche la posizione della nostra città nelle classifiche di Ecosistema urbano 2010, l’annuale ricerca di Legambiente sulla sostenibilità delle città italiane» si legge in una nota di Massimiliano Raffaele , Presidente Catanzaro Giovane Massimiliano. «I dati 2009 continua - danno Catanzaro soltanto alla posizione n. 88, in calo di tre posti rispetto alle stesse rilevazioni del 2008, dietro anche a Cosenza (posizione 55) e Reggio Calabria (86). Un campanello da allarme che non può essere ignorato, indice che l’attenzione delle istituzioni nei confronti dell’ambiente e della sua salvaguardia non è assolutamente sufficiente, forse addirittura calata rispetto all’ultimo decennio. E’ necessaria - conclude pertanto un’immediata programmazione di Regione, Provincia e Comune per garantire alla nostra città il pieno rispetto di quei valori che consentirebbero all’ecosistema cittadino di tornare alla sua efficienza: a partire dal trasporto urbano e ai suoi indici di inquinamento, senza dimenticare il sistema idrico, la qualità dell’aria, le acque reflue depurate, la diffusione delle energie rinnovabili, la gestione dei rifiuti e la loro raccolta differenziata».

Carmelo Morise Carmela Mirarchi

«Patologia non prevedibile» CATANZARO - Il Commissario Straordinario dell’Azienda Ospedaliera "Pugliese-Ciaccio", Avv. Elga Rizzo in primis, come donna e madre, esprime «vicinanza ai familiari del piccolo Baltov Zdravko per la sua tragica scomparsa; in qualità di Manager, nella stessa serata di sabato 16.10.2010, acquisita la notizia, costituiva immediatamente una Commissione per l’accertamento dei fatti, invitandola a formulare le proprie conclusioni già nella successiva mattinata di domenica». La Commissione, costituita dal Direttore Sanitario di Presidio, dr. Nicola Pelle, dal direttore del Dipartimento di Emergenza, dr. Mario Verre, dal direttore ff. dell’Uo di Chirurgia, dr. Alfredo Cosentini, dal risk manager aziendale, dr. Giuseppe Leone, dal medico legale, dr. Piercarlo Rizzi, nella stessa mattinata di domenica, come richiesto dal Commissario, presentava le sue conclusioni che di seguito si riassumono. In data 14.10.2010, alle ore 11:49, giungeva presso il Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero "A.Pugliese", il 13enne Baltov Zdravko, in quanto lamentava, dal quel mattino, dolore addominale continuo. «Il ragazzo veniva, mantenuto in osservazione per

circa 7 ore - continua la nota - era sottoposto a visite specialistiche (Chirurgia Pediatrica e Pediatra) ed accertamenti di laboratorio e strumentali. Si riscontrava che il ragazzo presentava gli esiti di pregresso intervento di esofagogastroplastica cui era stato sottoposto all’età di 2 anni, a seguito di ingestione di caustici. In esito alla terapia praticata, le condizioni del ragazzo miglioravano, al punto da consentire, alle ore 18:59, la dimissione, con esplicita raccomandazione verbale, anche scritta sul foglio consegnato all’accompagnatore,

di riportare il ragazzo in Ospedale, in caso di ricomparsa della sintomatologia. Il ragazzo era nuovamente condotto presso il ProntoSoccorsonelpomeriggiodi venerdì (15.10.2010, ore 15:41), quindi a distanza di circa 24 ore dal precedente ingresso, in quanto i familiari riferivano, dalla scorsa notte, ripresa del dolore e, dalla mattina, comparsa di dispnea ingravescente. Il ragazzo versava in gravissimo stato di shock, prontamente trattato con idonea terapia medica e chirurgica, che consentiva di accertare il ricorrere di "infarto intestinale esteso e perforazione ileale in paziente con esiti di pregresso intervento di sostituzione esofagea con trasposizione gastrica". Al termine dell’intervento chirurgico - conclude - il paziente veniva ricoverato in Rianimazione per la terapia intensiva del caso. A fronte del perdurare delle gravi condizioni alle ore 07:30 del 16.10.2010 interveniva l’exitus. La Commissione - conclude - ha rilevato che la patologia accusata dal ragazzo, estremamente rara in quella fascia di età, non era prevedibile nè diagnosticabile in data 14.10.2010, e si è concretizzata in tutta la sua gravità in data 15.10.2010».


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani 19

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

Francesco Cossiga e l’intelligence Inaugurato il master in Intelligence dell’Unical con una giornata dedicata all’ex Presidente della Repubblica COSENZA - "Francesco Cossiga e l’intelligence". Con una giornata di studi in memoria del Presidente emerito della Repubblica si è inaugurata la quarta edizione del master in Intelligence dell’Università della Calabria. La manifestazione, che si è svolta nell’Aula Magna "Beniamino Andreatta", è stata inaugurata dai saluti del rettore Giovanni Latorre, della direttrice del dipartimentodiScienzedell’Educazione Viviana Burza e dal presidente del corso di laurea di Scienze dell’Educazione Giuseppe Spadafora. Inoltre, hanno portato il loro saluto il vicepresidente del Comitato parlamentare per la Sicurezza della Repubblica Giuseppe Esposito e il prefetto di Cosenza Antonio Reppucci. L’introduzione è stata svolta dal direttore del master Mario Caligiuri che ha evidenziato come «Francesco Cossiga è stato un uomo politico che ha considerato l’intelligence come strumento fondamentale dello Stato per garantire la sicurezza e la democrazia». Sono poi seguite le relazioni del generale Carlo Jean (La guerra fredda: «Cossiga ha avuto un ruolo determinante per l’installazione dei missili Cruise e per fare comprendere la natura di Gladio mentre oggi il campo di battaglia sono diventate l’economia e la comunicazione», del prefetto Giulio Cazzella (Il terrorismo: «Cos-

siga ha offerto un contributo rilevante per la riforma della polizia e per dare una cornice istituzionale ai servizi segreti, cosi come nell’avere intuito l’importanza della legislazione sul pentitismo per sconfiggere il terrorismo»), del sociologo Pino Arlacchi (Il Maestro delle

Fonti: «Cossiga era un sincero uomo delle istituzioni che si e’ adoperato affinché il contrasto al terrorismo avvenisse in una cornice democratica, a differenza di altri Stati. Il presidente leggeva le vicende col gusto del paradosso e del coraggio»).

Ha concluso il figlio Giuseppe Cossiga, sottosegretario alla Difesa, che ha annunciato la nascita dell’associazione "Francesco Cossiga", all’interno della quale si aprono interessanti collaborazioni tematiche con il Centro Studi sull’Intelligence dell’Ateneo calabrese. Ai lavori hanno presenziato anche i prefetti di Catanzaro Giuseppina Di Rosa, di Crotone Vincenzo Panico e di Vibo Valentia Laganà, il questore di Cosenza Alfredo Anzalone, il comandante provinciale dei Carabinieri di Catanzaro Salvatore Sgroi, il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza Alessandro Primavera, il comandante del oeparto Operativo dei Carabinieri Salvatore Franzese. Erano inoltre presenti il comandante del Centro di Formazione Intelligence dello Stato Maggiore della Difesa Maurizio Collavoli e in rappresentanza dell’Aisi Alessandro Ferrara. Le lezioni, che dureranno con cadenza settimanale fino al 19 marzo 2010, proseguiranno il 23 ottobre con le lezioni di Mario Caligiuri e Francesco Bruno.

Francesca Grande

Rappresentanti Avo domenica a Cosenza

Approfondimenti sull’Unità d’Italia

COSENZA - Domenica 24 ottobre i rappresentanti dell’Avo- Associazione Volontari Ospedalieri - saranno presenti in tre postazioni: a Cosenza in piazza 11 Settembre e all’ingresso dell’Ospedale civile dell’Annunziata, e a Rende in piazza Luther King, davanti al supermercato Metropolis. Uno stuolo di soci spiegherà ai cittadini come e dove opera l’Avo ed il tipo d’attività che svolge; comunicheranno inoltre che l’Avo è aperta a tutte le persone di buona volontà interessate a dedicare una piccola parte del proprio tempo libero al servizio dei pazienti ricoverati negli ospedali. Per entrare nella famiglia dell’Avo basta dichiarare l’intenzioneadiscriversialcorsodipreparazione.

REGGIO CALABRIA - Con il ciclo di conversazioni dedicate alla letteratura del Risorgimento, curato dalla prof.ssa Francesca Neri, il cui primo incontro, sul tema "La letteratura del Risorgimento/Considerazioni introduttive", si terrà oggi alle ore 18,00 presso la Sala di San Giorgio al Corso, l’associazione culturale Anassilaos inaugura, dopo le manifestazioni dedicate questa estate alla Spedizione dei Mille, una serie di approfondimenti letterari, storici e artistici, dedicati al 150° Anniversario dell’Unità d’Italia. A tale evento è anche dedicato il concorso di pittura, grafica e poesia che ogni anno l’Anassilaos propone alle scuole medieinferiorireggine.


20

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

L’iniziativa è promossa dal Wwf Italia e dall’Associazione nazionale Musei scientifici, orti botanici e acquari

Rende, termina domenica 24 ottobre la settimana della biodiversità RENDE - In occasione dell’ "Anno Internazionale della Biodiversità", dichiarato dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite e in coincidenza con lo svolgimento della decima conferenza sulla diversità biologica a Nagoja (18-29 ottobre), il Wwf Italia e l’Associazione Nazionale Musei Scientifici, Orti Botanici e Acquari, hanno promosso il progetto Biodiversa-mente. In tale ambito, il Cipr (Comitato Italiano Per la Protezione degli Uccelli Rapaci), il Wwf, l’Associazione Italiana Naturalisti (Ain), la Coop. Milvus Ambiente e Natura e Pro Natura-Calabria organizzano, fino a domenica 24 ottobre, presso il Centro di Esperienza "Casa della Natura" di Rende, la settimana della Biodiversità. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare tutti i cittadini al valore della biodiversità e far conoscere il ruolo strategico rivestito sul territorio dai musei naturalistici e dai Centri Natura nella conoscenza e nella conservazione. I nostri ecosistemi (terrestri, marini, fluviali e lacustri) subiscono sempre più l’impatto dovu-

to alle attività dell’uomo. Molti ambienti naturali sono stati colpiti dalla frammentazione che ne ha deteriorato la qualità. Ne sono la causa infrastrutture, espansione di attività industriali e agricole intensive, lo sfruttamento delle risorse non rinnovabili e, più in generale, il consumo del suolo. Impatto, quest’ultimo, aggravato dai cambiamenti climatici già in atto. Questa pressione crescente mette a rischio anche numerose specie animali, vittime del degrado del loro ambiente, della caccia, del traffico illegale. L’Italia

«L’Italia ospita un vero e proprio patrimonio di natura: dentro i nostri confini vivono oltre 57 mila specie animali 9 mila specie di piante, muschi e licheni»

ospita un vero e proprio patrimonio di natura: dentro i nostri confini vivono oltre 57 mila specie animali, più di un terzo cioè dell’intera fauna europea, e 9 mila specie di piante, muschi e licheni, ovvero la metà delle specie vegetali del continente. Per numero assoluto di specie floreali, inoltre, siamo i primi in Europa. L’86% della fauna italiana è terrestre o d’acqua dolce, il restante 14% marino. I più diffusi tra gli animali sono gli insetti, che da soli rappresentano circa i due terzi della fauna italiana. Tra animali e vegetali, ben 5 mila sono i casi di endemismo, ovvero specie che si trovano esclusivamente da noi. Per queste specie l’Italia ha una responsabilità maggiore: se perdiamo queste specie è il mondo intero che le perde! Eppure la biodiversità italiana è seriamente minacciata e rischia di essere perduta per sempre, senza rimedio. Attualmente sono a rischio estinzione: il 68% dei vertebrati terrestri, il 66% degli uccelli, il 64% dei mammiferi, il 76% degli anfibi, il 69% dei rettili e addirittura l’88% dei pesci d’acqua dolce. La si-

“Io lavoro con il cuore”, il Comune di Gagliato ha aderito alla X giornata mondiale per il cuore GAGLIATO-L’Amministrazionecomunale di Gagliato ha aderito alla decima edizione della giornata mondiale per il cuore. Rilevazione gratuita della pressione arteriosa e distribuzione di materiale informativo nella sala consiliare. Dai dati forniti sul sito internet www.fondazionecuore.it Gagliato risulta l’unico comune calabrese che ha aderito."Io lavoro con il cuore" questo è stato lo slogan della giornata mondiale per il cuore 2010, ideata dalla World Heart Federation,che si celebra ogni anno in oltre 100 paesi nel mondo. Sensibilizzare il mondo del lavoro è l’obbietti-

vo della campagna della Fondazione Italiana per il cuore che l’ha promossa in collaborazione con la Federazione di cardiologia e conacuore. Di questo è anche convinto il sindaco di Gagliato Franco Fodaro,ilqualeinsiemeall’Amministrazione comunale ha fortemente voluto aderire alla manifestazione organizzando una giornata di sensibilizzazione e informazione indirizzata a tutti i cittadini, che hanno avuto la possibilità gratuitamente di rilevare la pressione arteriosa e ricevere consigli per prevenire le malattie cardiovascolari.

tuazione non va meglio per la flora vascolare (15%) e le piante inferiori (40%) ovvero alghe, funghi, licheni, muschi, felci.Su tutto questo si rifletterà nella settimana della Biodiversità che si svolgerà presso il CE "Casa della Natura" di Rende con un programma che vede in successione: l’attività di

L’86% della fauna italiana è terrestre o d’acqua dolce, il restante 14% marino. I più diffusi tra gli animali sono gli insetti educazione ambientale con le scuole, l’inaugurazione della sede del Wwf Brutio, la mostra "Biodiversità per immagini", il convegno su "Tutela della Biodiversità: una sfida per il governo del territorio", una visita guidata al Centro Natura del Cupone con escursione lungo il sentiero didattico del Centro visita, una visita all’Orto Botanico dell’Unical, la proiezione del film "Il mistero del lupo", per concludere, domenica, con Cras porte aperte: visite guidate ai centri di recupero de gli animali selvatici ricoverati. «I cittadini - dicono gli organizzatori sono invitati a partecipare alle varie iniziative».


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani 21

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

L’evento è collegato alla quarta edizione della campagna denominata "A ottobre piovono libri 2010"

Convegno ad Altomonte sulla “lettura al tempo degli e-book” ALTOMONTE - Si è svolto ad Altomonte un interessante convegno nazionale sul tema della lettura al tempo degli e-book promosso dal Centro per il libro e la lettura, dall’assessorato alla Cultura della Regione Calabria e dallo stesso Comune di Altomonte. L’evento è collegato alla quarta edizionedellacampagnadenominata "A ottobre piovono libri" promossa dal Centro per il libro e la lettura del Mibac e dal coordinamento degli assessori alla cultura delle Regioni italiane, che per il prossimo quinquennio sarà esercitato dall’assessore Mario Caligiuri.Per merito di "A ottobre piovono libri" in tutta Italia sono in corso di realizzazione oltre 2000 manifestazioni di promozione del libro e della lettura con il coinvolgimento di tutti coloro che lavorano intorno al libro: editori, librai, biblioteche, mediateche, centri culturali, associazioni, ecc.Molte di queste manifestazioni hanno luogo anche in Calabria, per merito soprattutto all’azione di alcune biblioteche, tra le quali si distinguono quelle dei capoluoghi di provincia, in

particolare il Sistema Bibliotecario Vibonese con oltre 18 eventi nella città e sul territorio, compresa la mostra itinerante "Non bacio le mani" promossa dalla casa editrice Rubbettino e la presentazione presso la casa circondariale di Vibo Valentia del volume Gli africani salveranno l’Italia. A fare gli onori di casa ad Altomonte oltre al sindaco Coppola è stato l’assessore alla cultura Mario Caligiuri che si è confrontato con Flavia Cartisano direttrice del Centro del libro, Fabio del Giudice, responsabile dei rapporti istituzionali dell’Associazione Italiana Editori e Mark Bornemann della Dok Library Concept Center di Delft, una delle più importanti e moderne biblio-mediateche d’Europa.Nel suo intervento introduttivo, Mario Caligiuri ha fatto il punto sulla situazione calabrese della lettura, che è molto deficitaria rispetto alla media nazionale. Secondo i più aggiornati dati Istat (2006) le persone di sei anni e più che in Calabria leggono libri nel loro tempo libero sono il 30,5% della popolazione a fronte di una

A fare gli onori di casa, oltre al sindaco Coppola è stato l’assessore alla Cultura Mario Caligiuri che si è confrontato con Flavia Cartisano, direttrice del Centro del libro

media italiana del 43,8%, con tutte le regioni italiane maggiormente sviluppate nettamente sopra la media. Sulla base di questi dati si ripropone una questione meridionale anche nella cultura, da qui la necessità esposta da Caligiuri che la Regione si faccia protagonista di un’azione seria e organica per recuperare questo differenziale. Caligiuri ha ricordato che tra gli obiettivi strategici del governatore Scopelliti, più volte ribaditi, vi è la volontà di operare unaprofondatrasformazioneculturale della Calabria, autentica chiave di volta per cambiare profondamente e stabilmente la società regionale. Tra le cause della mancata lettura Caligiuri ha indicato il basso livello di scolarizzazione che ancora contraddistingue la regione, le manchevolezze di molte istituzioni scolastiche, le difficoltà visive degli anziani e l’inadeguata infrastrutturazione culturale delle città e dei paesi calabresi. Caligiuri dopo aver sottolineato l’importanza della lettura come elemento decisivo per lo sviluppo e per la democrazia - i cittadini che leggono sono cittadi-

ni con più senso critico, capaci di mantenersi aggiornati, efficienti, flessibili e rappresentano quindi un autentico patrimonio sociale con un effetto positivo e misurabile sulla crescita economica e sociale - ha illustrato le iniziative di medio e breve periodo per migliorare la situazione, annunciando l’imminente presentazione di un "Libro verde sulla lettura", strumento aperto alla condivisione degli operatori del settore che conterrà le linee guida per l’adozione dei provvedimenti amministrativi dell’assessorato alla cultura negli anni della legislatura. Tra le azioni prioritarie Caligiuri ha indicato quelle per rendere la scuola più produttiva ed efficiente, la valorizzazione dell’amplissimo patrimonio culturale calabrese (aree archeologiche, centri storici, teatri, musei, patrimonio demoetnoantropologico e storico

Secondo i più aggiornati dati Istat (2006), le persone di sei anni e più che in Calabria leggono libri nel loro tempo libero sono il 30,5% artistico), ma anche una serie di interventi mirati all’infrastrutturazione culturale delle città grandi e piccole. Tra gli obiettivi indicati la riqualificazione delle biblioteche, che dovrebbero diventare delle vere e proprie "agorà" del sapere e della democrazia, la loro trasformazione in mediateche, proprio per evitare che le nuove tecnologie come quella degli e-book, destinata a una rapida affermazione, non diventi la causa per accumulare nuovi ritardi; ma anche politiche per i piccoli centri isolati utilizzando l’affermatissima esperienza delle biblioteche mobili, e interventi per sostenere il libro, gli autori e l’editoria calabrese.

Oggi e domani all’Università della Calabria di Rende in esposizione la mostra “Dall’ordine al caos” RENDE - Volete divertirvi e vedere oggetti, forme, ascoltare musica, intrattenervi e passeggiareinambientivirtualiall’interno di scenari mai visti? Volete portare i vostri bambini a costruire un circuito fisico e a realizzare immagini e suoni dal caos? Volete vedere un film interamente realizzato in 3D? Tutto questo sarà possibile i oggi e domani, nell’Aula Magna dell’Università della Calabria, visitando la mostra dal titolo: "Dall’ordine al caos". L’iniziativa è stata promossa a conclusione del progetto europeo "Scienar",

coordinato per l’Università della Calabria dai professori Pietro Pantano, del dipartimento di Matematica, dalla professoressa Eleonora Bilotta, del dipartimento di Linguistica, e dal prof. Pier Augusto Bertacchini. L’obiettivo principale del progetto è stato quello di costruire tre scenari dedicati ai rapporti tra scienza e arte, nei quali gli artisti hanno trovato ispirazione e strumenti per le proprie creazioni, e gli studenti e gli insegnanti di matematica e scienze hanno scoperto spunti stimolanti sia da fruire in modo non convenzionale sia da utilizzare


22

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

CINEMA E TELEVISIONE NELLE SALE - LA PROPOSTA DEL GIORNO

Tra incubi e pregiudizi esplode l’ironia "Benvenuti al Sud", remake della geniale commedia francese "Bienvenue chez le Ch’tis". Storia di Alberto (Claudio Bisio), responsabile dell’ufficio postale di una cittadina della Brianza, trasferito in un paesino della Campania... Da vedere.

OGGI IN TV

I Cesaroni da oggi ogni martedì Su Canale 5, in prima serata, ancora un appuntamento con "I Cesaroni", la fortunata serie televisiva. La quarta stagione procede senza intoppi e i suoi protagonisti, amatissimi dal pubblico tv, guardano anche al di fuori del set sia per la loro vita professionale che, soprattutto, per quella privata. Mentre Matteo Branciamore continua a ribadire che non ha intenzione di lasciare la serie, ma apre il suo futuro a una carriera da regista, la 17enne Micol Olivieri presenta al pubblico il suo fidanzato: non è una conquista recentissima, visto che stanno insieme da 3 anni e mezzo. Una storia nata in piena adolescenza quando ancora Micol non era nota come Alice Cudicini: e per ora va a gonfie vele. La giovanissima Micol in un’intervista a Top ha presentato il suo fidanzato: si chiama Francesco e stanno insieme da tre anni e mezzo. Unamore nato quando Micol era poco più di una bambina (appena 14 anni) e aveva appena finito di girare la prima serie.


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani 23

APPUNTAMENTI Domenica giornata micologica a Saracena Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CAMIGLIATELLO XX edizione Premio Sila 2010 Il comitato organizzatore del prestigioso Premio Sila, presieduto dal vice presidente dell’Uncem regionale Giuseppe Pipicelli, ha reso noti i nominativi dei personaggi e delle personalità che il 12 novembre , nella localitàturisticadiCamigliatellosilano in Provincia di Cosenza (c/o il Centro Operativo della Comunità Montana Silana), riceveranno il prestigioso encomio che anche quest’anno verrà realizzato appositamente dal noto orafo Michele Affidato. L’evento che giunge alla sua ventesima edizione, godrà del patrocinio istituzionale della Regione Calabria, del Parco Nazionale della Sila, delle province “silane” di Catanzaro,Cosenza e Crotone, dell’Uncem, della Comunità Montana Silana, dei comuni silani di San Giovanni in Fiore, Spezzano della Sila, Cotronei e Taverna. A condurre la cerimonia di consegna del premio, che sarà intervallata da momenti artistici e culturali, sarà il presentatore Domenico Milani con la partecipazione di Italia Caruso. Ogni anno il premio tratta tematiche che riguardano il territorio, quest’anno si parlerà dell’enogastronomia legata alla montagna. CATANZARO I edizione del Festival del vernacolo Andrà in scena fino a fine novembre la prima edizione del Festival del vernacolo Mercuri ammenzu ‘a simana,larassegnadedicataallecompagnie catanzaresi dall’assessorato alla cultura del Comune di Catanzaro e dalla Nave dei folli presso il teatro Masciari. Il Festival proseguirà con appuntamenti settimanali, ogni mercoledì. Per assistere ai sette spettacoli in programma basteranno solo 50,00 euro di abbonamento, mentre i singoli biglietti per le serate saranno di 10,00 euro. Programma, il 20 con Teatro 6 Piccola fucina teatrale che presenterà “U mundu è ‘na rota”. Il 27 ottobre sarà il turno di Incanto con “Giù il cappello”, a seguire, il 3 novembre ci sarà ‘A Trambia con “’U cortila d’a pacia”. Il 10 novembre toccherà a Ottantotto 100, in scena con “Mi para ajeri”, il 17 ai Vecchi giovani con “Non ti pago”.Chiuderàlarassegnail24novembre Trivonà con “Occhiu non vida”. Nel foyer del teatro Masciari, inoltre, per tutta la durata del Festival, saranno esposte le locandine degli spettacoli, presenti e passati, che hanno portato in scena le sette compagnie coinvolte nel progetto; tra i manifestitroverannospazioanchele opere del pittore Fernando Miglietta, “Le maschere della vita”. Inizio spettacoli alle ore 21.00. Concorso Enogastronomico L’Ufficio scolastico Regionale per la Calabria, d’intesa con Catanzaro Fiere Spa, promuove un Concorso Enogastronomico indirizzato agli studenti degli istituti professionali per i servizi alberghieri e ristorazione della regione Calabria. L’ini-

Un momento della conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa

COSENZA - È stata presentata nei giorni scorsi, presso la sala consiliare del Comune di Crosia, la II edizione di "Aspettando il Natale 2010". A coordinare l’incontro il fondatore dell’Animation Agency" Giuseppe Greco, nonché conduttore del nuovo programma "Incontriamoci in Tour", prodotto dalla Multimedia System Production e diretto da Raffaele Minniti, presente in rappresentanza della Multimedia System Production. Presenti il primo cittadino di Crosia Gerardo Aiello, l’assessore al Turismo Biagio Iaquinta, l’assessore al commercio Roberto Bitonto, l’assessore con delega alla Pubblica Istruzione e alla Cultura Natalino Loria, Giuseppe

ziativa prenderà il via all’interno della1^FieraEnogastronomicaMediterranea Food & Beverage - rassegnadell’agro-alimentareimprontata sul Made in Calabria - che si svolge dal 6 al 14 novembre , dalle ore 10.00 alle 20.00, presso il Parco Commerciale “Le Fontane” di Catanzaro Lido. Per la partecipazione occorre presentare, su apposito modello, entro e non oltre il 18 ottobre 2010, una relazione descrittiva della ricetta che si intende realizzare in estemporanea, completa di dosi,procedimento, prodotti tipici utilizzati e motivazione dell’accostamento della stessa ad un vino del territorio. Personale di Aldo Mondino A partire dal 20 novembre , il Maca (Museo Arte Contemporanea Acri) ospiterà la mostra Aldo Mondino. Maestrodifantasmagorie–personale patrocinata dall’Archivio Mondino dedicata al grande artista torinese scomparso cinque anni fa.

Motra "Terra vento pietra" La Galleria Nazionale di Cosenza incontra l’arte contemporanea. L’oc-

Granata, il presidente dei commercianti di Crosia, Mariarosa Prandelli, presidente del Club Residence Capopiccolo di Isola Capo Rizzuto, con 20 anni di esperienza alle spalle nel campo del turismo, e Nero Sergio, responsabile commerciale del sud Italia della bevanda "Yu drink", sponsor ufficiale della manifestazione. Tante le presenze e numerosi i commercianti che hanno partecipato all’incontro e che vorrebbero aderire all’iniziativa. Piena soddisfazione anche per l’assessore al Commercio Bitonto, che ha ringraziato il lavoro che fanno ogni giorni i commercianti del luogo, rappresentati dal loro presidente Giuseppe Granata. Tanta emozione è stata espressa

casione è data dalla Sesta Giornata del Contemporaneo, promossa dall’Amaci - Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani. Palazzo Arnone, sede della Gnc, ospita, infatti, la mostra, a cura di Fabio De Chirico e Andrea Romoli Barberini, "Terra vento pietra", installazioni e sculture a parete di Angelo Aligia. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 7 novembre 2010 , dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle 18.00. LAMEZIA TERME Incontro con Nicador Codreanu Parte l’attività di studio, approfondimento e formazione di Cantiere Laboratorio. Il primo appuntamento pubblico sarà un incontro che si terrà il 23 ottobre , alle ore 18.00, presso il salone dell’Aerhotel Phelipe a Sant’Eufemia-Lamezia Terme. Il tema che verrà affrontato è: “Corneliu Zelea Codreanu, Memoria di un’Identità”.L’incontrosaràpresentato da Vittorio Gigliotti, presidente di Cantiere Laboratorio, mentre interverrà, venuto appositamente dalla Romania, Nicador Codreanu, leader del Movimento Legionario rumeno e nipote di Corneliu Zelea Co-

dall’Assessore al Turismo Biagio Iaquinta, che tanto si è prodigato per la buona riuscita dell’organizzazione della manifestazione "Aspettando il Natale 2010". L’assessore alla Pubblica Istruzione Loria ha parlato di progetti innovativi quali piccoli concorsi interni alle scuole grazie a cui i bambini si cimentano nel "vivere e scoprire le bellezze di Crosia". Mariarosa Prandelli ha colto l’occasione per parlare del prossimo progetto, una splendida vacanza a Carezza, nella storica struttura del "Grand Hotel Carezza". Il soggiorno è dal 14 al 18 dicembre. I posti sono 50 e un pullman partirà proprio da Crosia. Tante le tappe, tra cui la visita ai "Mercatini di Natale" del posto. Ha ringraziato i presenti anche il responsabile commerciale della "Yu drink", che ha detto come la bevanda sia stata creata da un calabrese e sia stata messa in commercio proprio dalla regione Calabria. Giuseppe Greco ha spiegato nel dettaglio le linee guida della manifestazione, che si terrà nella Piazza Dante a Mirto e nella strada adiacente, via Risorgimento, dal 4 al 12 dicembre 2010. L’orario di apertura sarà dalle 16 alle 22 e sabato e domenica intera giornata, così come per la festa dell’Immacolata. Greco ha ricordato che le domande di richiesta di partecipazione dovranno pervenire alla segreteria dell’Animation Agency entro e non oltre il 15 novembre dell’anno 2010.

dreanu.

Presentazione libro di Domenico Marino Oggi , alle ore 17.00, presso la Sala dei Lampadari del Comune di Reggio Calabria, ci sarà la presentazione del libro "L’insostenibile leggerezza del ponte" di Domenico Marino CorsoperlaProfessionediDottore Commercialista e di Esperto Contabile Il presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Reggio Calabria , dott. Carmelo Stracuzzi, comunica che il 27 ottobre , avrà inizio il 2° Corso di preparazione agli esami di Stato per l’eserciziodellaProfessionediDottore Commercialista e di Esperto Contabile. Le lezioni programmate dal Consiglio dell’Ordine in collaborazione con il Corso di Laurea in Scienze Economiche dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, si svolgeranno con cadenza settimanale e terminerannopresumibilmenteil31 maggio 2011, secondo il calendario

e il programma consultabili presso la segreteria dell’Ordine. Il Corso si terrà presso la Sala Convegni dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Reggio Calabria ,Via Tommaso Campanella 38/a. ROSSANO Cerimonia premiazione Premio Letterario "Armando La Torre" La giuria del Premio Letterario Città di Siderno "Armando La Torre", presieduta dal prof. Walter Pedullà, ha proclamato i vincitori della settima edizionedelPremio.Lacerimoniadi premiazione,prevista per giovedì 21 ottobre,pressoilGrandHotelPresident,saràcondottadaPieroMuscari e ospiterà, tra gli altri, il caporedattore Rai Abruzzo Mimmo Logozzo, l’attore sidernese Mico Cundari ed il prof. Domenico AntonioCusato. Secondo Corso Nazionale per Arbitro La Sezione arbitri “Antonio Celestino”diRossano,aderendoall’iniziativa nazionale, come tutte le altre sezioni d’Italia, ha aperto le iscrizioni, che si chiuderanno il 31 ottobre , al secondo corso nazionale per arbitro di calcio della Federazione Italiana Gioco Calcio (Figc), voluto dal presidente Nazionale Marcello Nicchi e dal suo Comitato Nazionale. Al corso, che prenderà il via il 6 novembrealleore15.00,possonoprendere parte gratuitamente tutti i candidati di ambo i sessi che siano cittadini della Comunità Europea, con documentodiidentitàvalido,edicittadini extracomunitari,dotati anche di regolare permesso di soggiorno, che abbiano compiuto alla data dell’esame il 15° anno di età e non abbiano compiuto il 35° anno. SARACENA Giornata Micologica Tutti a funghi! L’Amministrazione Comunale di Saracena ripropone per domenica 24 ottobre , una giornata micologica. Lezione, escursione e degustazione di piatti a base di funghi. Il programma dell’iniziativa di domenica 24 , prevede un primo incontro educativo sul riconoscimento delle specie presenti nel territorio montano, a cui seguirà un’escursione didattica, dopo la ricerca di funghi conosciuti e non a cura di un esperto micologo.Dopo la passeggiata, pranzo con degustazione di piatti a base di funghi presso il Centro Turistico Comunale. CALABRIA Progetto “I Sabati della Frutta di McDonald’s In occasione del ritorno a scuola, McDonald’s propone per il terzo anno consecutivo la propria iniziativa per promuovere il consumo di frutta everduratraibambini.Ognisabato per 8 settimane consecutive fino al 13 novembre ,con l’acquisto di un menu Happy Meal,ilmenu McDonald’s studiato per le esigenze nutrizionali dei bambini, verrà regalataunaconfezionediMeladella Valtellina Igp.


24

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

A sinistra Riccardo Benassi durante una performance

Riccardo Benassi, il silenzio del suono L’uomo e il rapporto con lo spazio nelle opere dell’artista che spiega il mondo con la forza delle vibrazioni Flavia Montecchi Ha una storia precisa alle spalle Riccardo Benassi, fatta di studio e ricerca artistica. Dopo la laurea al Dams di Bologna in storia dell’arte contemporanea, sviluppa negli anni un’attenzione viscerale alle forme del contemporaneo elevando a protagonisti della sua ricerca l’uomo e il rapporto con lo spazio. Il suono diviene la chiave di lettura dei suoi lavori e la sua funzione divulgatrice è messa in relazione tanto con strumenti elettronici quanto con oggetti di uso comune, come è accaduto per il mare di tastiere a terra in "Autoreverse off" del 2007 o nella recente scultura di feltro sonora per "The firts kiss, bending a building" esposta alla Ram, Radio arte mobile lo scorso aprile. Vincitore del premio residenza "6 artista" indetto dalla fondazione del pastificio Cerere di San Lorenzo, Benassi nel suo studio si racconta e spiega la sua arte. Parlaci della tua residenza romana al pastificio Cerere, cosa ti ha lasciato? «È stata segnata dal luogo in cui ho abitato. Ero al quarto piano e il mio studio era collegato da terra con un montacarichi che ho scoperto essere parte fondamentale di tutto l’edificio. Mi affascinava il fatto che fosse un luogo aperto, che permetteva di guardare all’esterno ogni volta che salivi o scendevi. Mi piaceva questa dimensione e ho pensato di volergli affiancare una colonna sonora, regolata dal tempo scandito dal trascorrere delle stagioni. Una colonna sonora del quotidiano per gli ospiti che vi accedevano e così ho fatto. Ciò che si ascoltava, una volta entrati nel montacarichi, erano un insieme di suoni ambigui provenienti da una fonte invisibile perché volontariamente nascosta. Era difficile capire da dove provenissero, e facile confonderli con il rumore del montacarichi stesso. Ho tentato di negare fino all’ultimo la paternità di questo lavoro, ma mi hanno scoperto. Nelle mie opere è difficile vedere esposti speaker audio o fonti sonore; guardare uno speaker vuol dire prendere atto dell’esistenza di un oggetto. L’invisibilità dello strumento porta il fruitore a lavorare con la mente e ne fa-

«Nei miei lavori è difficile vedere esposti speaker audio o fonti sonore. L’invisibilità dello strumento porta il fruitore a lavorare con la mente» cilita la percezione sensoriale di cosa sta ascoltando». Con l’evento "No, no place to sit" per la fondazione hai presentato un cd con tracce sonore semplici e ben definite. Cosa rappresenta nella tua ricerca artistica il suono? «Il suono per me è un medium vero e proprio, è sempre stato l’espediente per lavorare in maniera più diretta e fertile sul tempo. La mia ricerca indaga la sensibilità dell’ascoltatore all’interno di uno spazio dato: voglio che il pubblico si senta libero di scegliere la sua posizione nello spazio e dunque la percezione del suono

L'artista

rispetto alla fonte. Da qui l’attenzione alla condivisione del suono: la comunicazione verbale cessa di esistere nel momento in cui percepiamo sonorità esterne al nostro corpo. Un movimento muscolare entra a far parte della comunicazione non-verbale, mettendo in gioco l’essere umano e la sua capacità di attenzione, e questo lo fa anche la vibrazione sonora». Esistono molti tipi di suono, ad esempio quello urbano. Hai mai avuto la necessità di farlo tuo? «Con il rumore si definisce la soglia minima di attenzione, esso rappresenta insieme l’abitudinario e l’evento che esce

dall’abitudinario, ed è evidente che in un mondo in cui per tutto il novecento è stato sopravvalutato il silenzio ci sia oggi un certo tipo di attenzione al rumore, quello che tu chiami suono urbano. Io non ho mai lavorato con il suono della città, ma il suono della città ha lavorato certamente su di me, influenzando le mie ricerche e le mie scelte». Nel tuo stile artistico gli oggetti assumono una funzione quasi duchampiana, spesso ne ribalti il significato rivalutandone la funzione, senza però decontestualizzarli totalmente. In che modo ti collochi nei confronti di quest’arte? «Ragiono da sempre sull’oggetto quotidiano, mi interessano le interfacce, la possibilità degli esseri umani di dialogare con ciò che li circonda. Non mi è mai bastato che un oggetto fosse lì, solo a dire che esiste così com’è. Ho sempre voluto regalargli la possibilità di essere anche altro, di dargli un momento autoriale che lo allontanasse dalla sua funzione primaria. La prima volta che ho rovesciato un ventilatore su una tastiera mi sono accorto che la suonava benissimo. Poi dall’oggetto, co-


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani 25

IL DOMANI DELLA CULTURA

R. Benassi, Autostrade verticali, 2008

Al Macro gli artisti di San Lorenzo

R. Benassi, "Autoreverse Off", 2007

«Brevità e lunghezza sono entrambe necessarie per un’opera d’arte Equilibrano il tuo lavoro facendoti creare qualcosa che esiste solo per un momento e al contempo per sempre» me definizione dello spazio minimo, la mia attenzione si è rivolta all’architettura come interfaccia, numero primo, con il mondo reale». Il tuo lavoro oscilla da eventi site-specific di una singola serata a progetti a lungo termine che impiegano anni di ricerca. In quale ti riconosci maggiormente? «Sono necessarie entrambe, è il grande bilanciatore: approfondire il più possibile i tuoi studi o metterti alla prova creando qualcosa che esiste solo in quel momento. Credo che questo sia un buon compromesso». Riccardo Benassi è nato a Cremona il 12 gennaio 1982. Si Laurea al Dams di Bologna. Nel 2008 presenta al Mambo "Time code". Nel 2009 ha inizio il progetto Autostrada verticale, con Ingo Niermann, Paolo Frassinelli e Cristiano Toraldo di Francia per il Pac di Ferrara. A novembre torna al Macro di Roma.

L'artista al fianco di una sua opera

R. Benassi, "The first kiss (bending a building)", 2010, (particolare)

L'artista al Pastificio Cerere

A conclusione della residenza invernale al pastificio Cerere di Roma, Riccardo Benassi insieme al secondo vincitore del progetto 6 Artista, Tomaso De Luca, presenta i propri lavori al Macro di via Reggio Emilia dal 27 ottobre al 12 dicembre. Il progetto 6 Artista, concepito da fondazione Pastificio Cerere e associazione Civita con il sostegno di Allianz sostiene i giovani talenti nella loro fase formativa attraverso un periodo di residenza presso il Pastificio Cerere, un luogo che dagli anni Settanta in poi ha visto la nascita e lo sviluppo delle tendenze artistiche più interessanti della capitale, uno spazio in cui gli artisti transitano, vivono e lavorano. Al Macro la nuova stagione espositiva si compone anche delle opere di Carola Bonfili e Luana Perilli, Nico Vascellari, Nicola Carrino, Antony Gormley. Le mostre di Riccardo Benassi e Tomaso de Luca saranno curate da Marcello Smarrelli e saranno accompagnate dalla pubblicazione di un catalogo monografico edito da Mousse. Macro, via Reggio Emilia 54, Roma. Info: www.macro.roma.museum.


26

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

DALL'ITALIA E DAL MONDO Ci vuole una maggiore unità fra i sindacati dice il ministro Sacconi

È Cosenza la miglior ecocittà in Calabria, ma solo al 55mo posto su scala nazionale: Crotone 102ma e penultima

È Belluno l’ecocittà più brava Le calabresi a fondo classifica di Carlo Bassi ROMA - Sul podio ci sono Belluno, Verbania sul Lago Mggiore e Parma. In fondo alla classifica, invece, Palermo, Crotone e Catania. Tutte le calabresi veleggiano nella seconda metà della classifica con Crotone che ha rischiato addirittura di risultare la peggiore d’Italia. Ma l’allarme arriva soprattutto dalle grandi città. Ad eccezione di Torino, infatti, tutti i centri urbani con più di mezzo milione di abitanti hanno peggiorato il loro stato di salute ambientale: tra questi Milano, Roma, Napoli e Trasporto pubblico, Palermo. È quanto emerge isole pedonali, zone a dalla17/aedizionedi traffico limitato, "Ecosistema urbaannuale ricerca depurazione delle acque no", di Legambiente e Ambiente Italia, rearaccolta differenziata lizzato in collaborasono i parametri zione con Il Sole 24ore . La graduatoria si basa su diversi parametri: trasporto pubblico, isole pedonali, zone a traffico limitato, depurazione delle acque, raccolta differenziata. Nella top ten ci sono anche Trento, Bolzano, Siena, La Spezia, Pordenone, Bologna e Livorno. Il dossier evidenzia però la "pessima aria" che si respira a Milano: (63/a in classifica, era 46/a nel

2009) che peggiora in tutti gli indici della qualità dell’aria; e mentre Napoli (96/a, -7 posizioni) e Palermo (101/a, -11) «soccombono» sotto i cumuli di rifiuti nelle strade, a Roma (75/a, -13) i cittadini patiscono gli «effetti dannosi di una mobilitazione scriteriata». «La vera emergenza nelle nostre città - ha sottolineato il presidente nazionale di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza - è rappresentata spesso dalla mancanza di coraggio e modernità da parte di chi le governa». SEGNALI POSITIVI - Ci sono però anche segnali positivi. La conferma di Salerno (19ª, era 34ª nella passata edizione) e la comparsa di Avellino (29ª, 80ª lo scorso anno), ad esempio, avvengono principalmente per un impressionante balzo in avanti nei numeri della raccolta differenziata dei rifiuti, messo insieme a performance complessivamente buone. Segno indiscutibile che qualcosa di buono, con fatica, riesce ad emergere tra le tante difficoltà di un pezzo fondamentale del Paese, il Meridione. La migliore delle città calabresi, come si è detto, è risultata Cosenza, appena a metà classifica, esattamente al 55mo posto. Per il resto un disastro. Reggio Calabria è all’86mo posto, Catanzaro è all’88mo posto, Vibo Valentia tra le ultime cinque, al 99mo posto. Ma i capoluoghi di provincia calabresi - come già detto - li straccia tutti Crotone che è risultata 102ma, insidiando addirittura l’odioso titolo di fanalino di coda nazionale.

ROMA - L’Italia ha una tradizione di pluralismo sindacale ma ora c’è bisogno di creare una maggiore complicità tra le organizzazioni per poter avviare un dialogo pragmatico tra governo e sindacati. Questo il parere del ministro del Lavoro Maurizio Sacconi, commentando durante la trasmissione "Mattino Cinque" la manifestazione della Fiom-Cgil di sabato. Più che una vera piattaforma sindacale, quella di sabato è stata «una manifestazione della sinistra radicale, organizzata indipendentemente dal Pd ma dalla quale il Partito democratico non appare abbastanza indipendente». I veri obiettivi sono stati «la Cisl e la Uil, insieme al governo accusato di «Il peggio del peggio organizzare il sindacato riformista contro la Cgil. Dob- della crisi economica» biamo cercare un dialogo è ormai passato, dice con tutte le organizzazioni sindacali ma dobbiamo an- Sacconi, ma «viviamo che essere pronti a decidere se ci sarà il veto di una sola di una stagione difficile esse», ha detto Sacconi, il per l’occupazione» quale si augura che il nuovo segretario della Cgil Susanna Camusso «voglia ricercare il dialogo e la mediazione con Cisl e Uil» perché "abbiamo bisogno dell’unità sindacale che consentirebbe una mediazione con tutte le varie organizzazioni ma finora queste posizioni non ci sono state". La polemica tra la Cgil e "i sindacati riformisti" è alta, ha spiegato il ministro, «gli slogan e le immagini di sabato erano diffusamente rivolti contro i leader di queste organizzazioni». «Il peggio del peggio della crisi economica» è ormai passato, ha detto Sacconi, ma «viviamo una stagione difficile dal punto di vista dell’occupazione». Da un lato ci sono infatti il ministero ha anche 180 tavoli nei quali vengono affrontate situazioni in corso di trasformazione.

Firmato all’alba di ieri l’accordo per 4.700 esuberi Unicredit ROMA - Dopo lunghe per non dire estenuanti trattative con i sindacati, è stato firmato all’alba di lunedì l’accordo con i sindacati sui 4.700 esuberi di Unicredit previsti dal riassetto per la Banca Unica. L’intesa, da quanto si apprende da fonti sindacali, prevede, per 3 mila persone la possibilità di decidere l’uscita volontaria fino al 15 novembre. Qualora non venga raggiunto il numero prefissato, è prevista l’uscita forzosa a cominciare dai dipendenti che hanno 40 anni di contributi. Entro il 26 novembre prossimo, un accordo specifico regolerà i 6 mila lavoratori in attesa dallo scorso luglio di entrare nel fondo esuberi. Più in generale l’intesa tra la banca e i sindacati prevede la stabilizzazione a tempo indeterminato di 1.700 «apprendisti» e l’assunzione di 1.121

giovani. È stato ottenuto anche l’impegno dell’azienda a privilegiare le assunzioni dei figli dei dipendenti, con due vincoli legati alla laurea e alla conoscenza della lingua inglese. Unicredit non ha invece accettato l’idea di un’ assunzione automatica dei figli dei propri dipendenti destinati al prepensionamento. Ulteriori 1.100 lavoratori che dovranno uscire nel biennio 2014-2015 saranno oggetto di ulteriore trattativa. Più in generale l’intesa tra la banca e i sindacati prevede la stabilizzazione a tempo indeterminato di 1.700 ’apprendisti’ e l’assunzione di 1.121 giovani. Roc

Federico Ghizzoni, l'Ad


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani 27

DALL'ITALIA E DAL MONDO Il gip si riserva tuttavia 48 ore di tempo per un’ulteriore confermadella custodia

Convalidato il fermo di Sabrina Convocata la mamma Cosima di Roberto Carli TARANTO - Sabrina Misseri resta in carcere per il momento: il gip ha infatto deciso i convalidare il fermo ma si è riservato di decidere definitivamente entro 48 ore se emettere ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Sabrina Misseri o se liberarla. I difensori della ragazza, infatti, hanno chiesto nel corso dell’udienza, l’immediata scarcerazione. Secondo quanto si è appreso, il gip, per ora, si è limitato alla convalida del fermo, confermando la correttezza dell’operato degli inquirenti. Ora, alla luce anche delle valutazioni del pm e delle dichiarazioni di innocenza della giovane, deciderà se accogliere la richiesta dell’accusa del carcere per Sabrina o quella della difesa per la scarcerazione. Intanto la madre della ragazza, Cosima Serrano, e la sorella maggiore, Valentina, sono uscite nel primo pomeriggio dalla loro abitazione, la casa degli orrori come la chiama la gente, e sono salite a bordo di un’auto condotta dalla sorella di Cosima, Emma, dirette a Taranto, dove la moglie di Michele Misseri e madre di Sabrina doveva essere interrogata dagli inquirenti. Alle domande dei giornalisti su dove fossero dirette non hanno risposto, ma secondo quanto riferisce l’agenzia Apcom, la donna si sarebbe recata in procura, dove era stata convocata per le 15,30.La polizia giudiziaria della Procura di Taranto

aveva infatti in precedenza notificato degli atti presso la villetta della famiglia Misseri, l’abitazione di Michele Misseri, reo confesso dell’omicidio della nipotina Sarah. Anche la figlia Sabrina è indagata per concorso in omicidio e sequestro di persona. Nel pomeriggio, anche il difensore di Michele Misseri, l’avvocato Daniele Galoppa, è giunto nella casa circondariale di Taranto dove si è svolta l’udienza di convalida del fermo di Sabrina Misseri. Il professionista è entrato senza rispondere alle domande dei cronisti sui motivi del suo arrivo.

VALENTINA «Andate via tutti, non vi sopportiamo più, non avete mai aiutato mia sorella, l’avete rovinata pure voi»

In mattinata, la sorella di Sabrina, Valentina, era stata protagonista di un duro sfogo contro i giornalisti: «Andate via tutti, non vi sopportiamo più, non avete mai aiutato mia sorella, l’avete rovinata pure voi». Anche la madre Cosima ha chiesto ai giornalisti di andare via. Davanti alla villetta di via Deledda, anche ieri, erano presenti numerosi giornalisti e operatori televisivi. Le strade di accesso all’abitazione della famiglia Misseri sono transennate con nastro bianco e rosso. Intanto il direttore generale della Rai, Mauro Masi, ha raccomandato ai direttori delle Reti e delle testate un maggiore equilibrio, anzi il massimo equilibrio possibile nella trattazione dei «più recenti e scabrosi fatti di cronaca». Il riferimento di Masi è evidentemente alla vicenda sull’assassinio di Sarah Scazzi e al gran numero di programmi che sono stati dedicati alla vicenda. Ma gli ultimi sondaggi hanno confermato che la vicenda della povera Sarah Scazzi e l’orrendo delitto hanno letteralmente stregato il pubblico. Come dimostra il fatto che centinaia di persone hanno dedicato il weekend al "turismo dell’orrore".

Intanto il direttore generale della Rai, Mauro Masi, ha raccomandato ai direttori delle Reti e delle testate il massimo equilibrio possibile

Italia e Francia alla testa della resistenza al patto di Carlin ROMA - Come da noi anticipato già la settimana scorsa, l’Italia e la Francia sono alla testa di una campagna per cercare di ammorbidire il potenziale impatto delle nuove regole sui bilanci pubblici che l’eurozona si vuole dare. Lo conferma il Financial Times di ieri scrivendo sulla riunione del Consiglio Ue che, iniziata ieri mattina sotto la guida del presidente Herman Van Rompuy, presenterà le proprie raccomandazioni al vertice dei capi di Stato e di governo in programma a fine mese. E mentre il presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet, ha benedetto le proposte della Commissione «alcune delle quali vanno nella giusta direzione ma servono riforme ancora più ambiziose», l’Italia «sostenuta da Francia e Belgio ha spostato il dibattito via dalle rigide misure proposte dalla Commissione, anche se non è chiaro - argomenta l’Ft - fino a che punto». La Francia, da parte sua, crede che riduzioni obbligatorie del debito possano ottenere l’effetto contrario e addirittura incoraggiare una contabilità discutibile e vendite straordinarie degli asset. Il commissario europeo agli Affari monetari, Olli Rehn, sostenuto da Trichet, Germania e Olanda sostiene la linea dura delle sanzioni "che mordono" - come le ha definite il ministro della Finanze dei Paesi Bassi, Jan Kees de Jager - basate su standard quantitativi e parametri rigidi.Misure destinate a evitare il ripetersi di casi come quello della Grecia.

Valentina Misseri

Napolitano rivendica il ruolo prioritario della università italiana

ROMA - «Per rivendicare mezzi finanziari adeguati a partire dai prossimi mesi bisogna aprirsi a misure di rigorosa razionalizzazione e qualificazione nell’impiego delle risorse con tutto quello che ciò comporta dal punto di vista del governo dell’università così da elevarne efficienza e rendimento». Lo ha affermato il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a Pisa nel corso del suo intervento alla cerimonia di celebrazione del bicentenario di fondazione della Scuola Normale Superiore. «Il ruolo strategico della ricerca e della formazione per lo sviluppo futuro dell’Italia e dell’Europa, per uno sviluppo coerente con il patrimonio di civiltà che esse rappresentano e capace di reggere alle

sfide di un mondo in via di radicale mutamento, non può essere a lungo negato e contraddetto». Ha detto ancora Napolitano: «La consapevolezza di quel ruolo non è separabile dalla più ampia disponibilità e partecipazione al cambiamento necessario cui non possono contrapporsi né interessi particolari né vecchi schemi e tabù». E ancora: «Il riconoscimento della priorità e della valenza strategica della ricerca e della formazione deve riflettersi sia nella scala delle elaborazioni e delle scelte di riforme, sia nella scala degli investimenti di risorse pubbliche». Il Capo dello Stato, rivolgendosi agli studenti, ha sottolineato che «nessuno può fingere di ignorare le difficili condizioni in cui versa il sistema». «Per

quel che mi riguarda - ha aggiunto senza interferire nelle discussione e nelle decisioni che hanno luogo in sede di governo e parlamentari, sento di dover raffermare, e non cesserò di farlo, il rilievo prioritario che he va attribuito, non solo a parole ma nei fatti, alla ricerca e all’alta formazione e dunque all’università».


28

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

FOCUS di Matteo Bulotta CATANZARO - Nel secondo trimestre 2010 solo il 33,54% delle aziende calabresi è stato puntuale nel saldare i propri fornitori. La regione si è piazzata al terzultimo posto nella classifica italiana delle regioni più puntuali nel saldare le fatture ai fornitori. E’ quanto emerge dallo studio condotto da Cribis D&B, società specializzata nella business information nata dall’acquisizione da parte di Crif (gruppo bolognese leader nei sistemi di informazioni creditizie) della filiale italiana di Dun & Bradstreet, tra le prime società al mondo nella business information. Dallo studio emerge inoltre che il 46,92% delle aziende calabresi ha saldato con massimo un mese di ritardo, l’11,55% tra i 30-60 giorni, il 5,16% tra i 60-90 giorni, l’1,84% tra i 90 e i 12 giorni. I cattivi pagatori, cioé quelli che pagano con oltre 4 mesi

La regione si è piazzata al terzultimo posto nella classifica italiana delle regioni più puntuali nel saldare le fatture ai fornitori

Calabria, una impresa su tre paga puntualmente i fornitori

di ritardo sono stati lo 0,99%. Rispetto al 2009, in Calabria i pagamenti sono peggiorati per il 28,18% delle imprese, una delle quote più consistente di tutto il meridione. Per il 48,27% delle impreseinvece i tempi di pagamento sono rimasti invariati, per il 28,54% peggiorati. Tra le province calabresi è Catanzaro la più puntuale (97° posto nella classifica nazionale), seguita da Cosenza (98°), Crotone (100°), Vibo Valentia (101°). Chiude Reggio Calab-

ria (103°), terz’ultima provincia in italia per puntualità. Nella media del Sud (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia) il 34,88% delle aziende paga alla scadenza, il 47,38% fino a 30 giorni medi di ritarso, l’1,62% da 90 a 120 giorni, lo 0,89% oltre 120 giorni. Rispetto a dato medio nazionale, il Sud esibisce il 7,31% di pagatori puntuali in meno, mentre sono il 2,42% in più le aziende meridionali con un ritardo medio infe-

riore ai 30 giorni e il 3,07% in più quelle con un ritardo di 30-60 giorni. «Specialmente nei momenti di difficoltà economica aumentano i rischi e le incertezze, per cui diventa fondamentale conoscere meglio le imprese con cui si sta per fare affari, riducendo il rischio di imbattersi in casi di insolvenza» afferma Marco Preti, amministratore delegato di Cribidis D&B. Cribidis D&B è un’azienda forte-

Rispetto al 2009, in Calabria i pagamenti sono peggiorati per il 28,18% delle imprese, una delle quote più consistenti del Sud mente specializzata e con elevate competenze nella business information - cioè nella fornitura di informazioni economiche e commerciali e servizi a valore aggiunto per le decisioni di business - nata dall’acquisizione da parte di Crif, gruppo globale leader nel settore delle informazioni creditizie bancarie, della filiale italiana di Dun & Bradstreet, tra le prime società al mondo nella business information, con oltre 160 anni di esperienza. Cribidis D&B garantisce i più elevati standard qualitativi e la massima copertura nelle informazioni economiche e commerciali su aziende di tutto il mondo. All’approfondimentoeall’accuratezza delle informazioni unisce flessibilità tecnologica, avanzati modelli di scoring e rating e sistemi di supporto decisionale, per rispondere tempestivamente alle richieste di mercato. Cridis D&B, inoltre, raccoglie milioni di esperienze di pagamento.


Martedì 19 Ottobre 2010

il Domani 29

FOCUS Degustazione di qualità di carne bovina podolica ROMA - Si è tenuta a Roma, promossa dal Consorzio di valorizzazione della carne bovina podolica calabrese di Montalto Uffugo, in collaborazione con altri importanti marchi del made in Calabria, quali "A Pro Zoo", "Fattoria Bio", "Azienda agricola Romano", "Nature Med" e Consorzio dei Vini Calabria Citra, una degustazione di qualità di carne bovina podolica, accompagnata da alcune specialità gastronomiche, come formaggi e salami, e da vini calabresi. All’incontro, tra gli altri, erano presenti anche il presidente nazionale della Confederazione Italiana Agricoltori (Cia), Giuseppe Politi, ed il presidente calabrese, Mauro D’Acri, da sempre convinto della bontà del bovino calabrese, protagonista nella promozione e valorizzazione della carne podolica ed attualmente impegnato nello studio di

nuovi strumenti di intervento nel settore. «L’iniziativa, apprezzata da tutti i partecipanti - afferma in una nota stampa il parlamentare del Partito Democratico Nicodemo Oliverio, capogruppo in Commissione Agricoltura alla Camera - è stata anche l’occasione per sottolineare il ruolo del Consorzio per la valorizzazione della carne bovina promosso dall’organizzazione dei produttori zootecnici "A Pro Zoo", che assieme a strutture specializzate nella commercializzazione e nella ristorazione di qualità ha sviluppato in questi ultimi anni un’azione mirata ad ottimizzare la produzione del bovino podolico calabrese. Si tratta di una carne pregiatissima, di grande qualità, ricavata da bovini che vengono alimentati al pascolo, in ambienti sani, non contaminati. Una carne genuina ed anche di garanzia».

Per cinque giorni 5mila rappresentanti di comunità del cibo, cuochi, docenti, giovani e musicisti da tutto il mondo

Una presenza organizzata di Slow Food Calabria alla quarta edizione dell’incontro Terra Madre di Rachele Gioia ROMA - Per la prima volta ci sarà una presenza organizzata di Slow Food Calabria alla quarta edizione dell’incontro mondiale della rete di Terra Madre che si svolgerà a Torino dal 21 al 25 ottobre 2010, in concomitanza con il Salone Internazionale del Gusto. Lo sottolinea una nota a firma di Marisa Gigliotti. «L’incontro prosegue il comunicato - riunirà, per cinque giorni, oltre 5.000 rappresentanti di comunità del cibo, cuochi, docenti, giovani e musicisti provenienti da tutto il mondo e impegnatiapromuovereunaproduzione alimentare locale, sostenibile. Slow Food Calabria parteciperà con i delegati delle comunità del cibo. Le comunità del cibo sono gruppi di persone che producono, trasformano e distribuiscono cibo di qualità in maniera sostenibile e sono fortemente legate a un territorio dal punto di vista storico, sociale e culturale. Le comunità condividono i problemi generati da un’agricoltura intensiva lesiva delle risorse naturali e da un’in-

dustria alimentare di massa che mira all’omologazione dei gusti e mette in pericolo l’esistenza stessa delle piccole produzioni. La delegazione che rappresenterà la Calabria come Slow Food a Terra Madre quest’anno è molto variegata e comprende 18 delegati, e tra questi 12 sono della provincia diCatanzaro. Sarannopresenti i delegati delle comunità del cibo, ma anche i giovani ed i cuochi di Terra Madre. Durante lo svolgimento di Terra madre si terranno numerosi incontri e seminari, che sono l’occasione per comunicare non solo le problematiche delle produzioni locali in tutto il mondo ma anche e soprat-

Le comunità del cibo sono gruppi di persone che producono, trasformano e distribuiscono cibo di qualità e sostenibile

tutto gli aspetti positivi e le risoluzioni che gli stessi produttori sanno mettere in campo, perchè portatori di una scienza che viaggia con i ritmi della natura, e con le caratteristiche che ogni territorio esprime, escludendo metodi e soluzioni di natura chimica che la terra non riconosce. Slow Food Calabria si sta impegnando molto su questo versante, creando le occasioni di crescita delle comunità, mettendo a disposizione esperti e competenze e creando le occasioni di confronto a più livelli. Il nostro prossimo appuntamento dopo Terra Madre, sarà Terra Madre Day, quando il 10 dicembre celebreremo in tutto il mondo Terra Madre. Il nostro stand al Salone del gusto, nell’area destinata alla regione Calabria si trova nel padiglione 3 , al n° T101. L’area sarà caratterizzata da una torre con la scritta Calabria, e tutto intorno ci saranno gli espositori calabresi e lo stand istituzionale della provincia di Reggio Calabria, l’unica provincia che ha aderito alla manifestazione. Precisiamo che lo stand Calabria è organizzato dallo Slow Food

Calabria, attraverso le sue condotte, le comunità del cibo, i presìdi, con l’impegno e la passione dei soci. Non è lo stand istituzionale della Regione Calabria, che anche quest’anno non partecipa direttamente. Lo stand Slow Food Calabria, con il contributo volontario dei soci e con l’apporto delle due studentesse dell’Università di Scienze gastronomiche che hanno stilato un report per la nostra regione, propone una serie di attività che vi mettiamo in allegato. Sono tutte attvità volte alla promozione del nostro territorio, attraversodegustazioni,laboratori del gusto, incontri diretti con le comunità del cibo e con i produt-

Slow Food Calabria si sta impegnando molto su questo versante, creando le occasioni di crescita delle comunità

tori. E’ un lungo percorso che stiamo portando avanti, e che ha come obiettivo la costruzione dei Granai della memoria (proposti dal nostro presidente Carlo Petrini) e la realizzazione di Terra Madre nella nostra regione».


30

il Domani Martedì 19 Ottobre 2010

ilD motori

a cura s.s.e. mediatag

Le vendite partiranno all’inizio del 2011 anche in Italia

CT 200h: brivido ibrido con la nuova Lexus Andrea Celia Magno

Bmw prepare l’X4, ma dal 2014 Bmw si prepara a lanciare una nuova generazione di SUV. Si tratterebbe del quinto modello di quello che dalla parti di Stoccarda viene chiamato SAV (Sport Activity Vehicle) e andrà a fare concorrenza al nuovo Range Rover Evoque. Una vettura dalle dimensioni più contenute, quindi, sarà il nuovo X4 di BMW(dal2014).

Ford presenta le nuove C-Max Entro la fine dell’anno Ford farà partire le vendite delle versioni rinnovate della C-Max, il monovolume di taglia media dell’azienda americana. La C-Max a cinque posti e la C-Max7, hanno quali punti di forza i 13 cm in più di passo e le dimensioni maggiorate per 5 o 7 passeggeri. In più, un nuovo motore 1.6turboEcoboostda150CV Lexus CT 200h

BMW K 1600GTL: nuova Granturismo su 2 ruote Lexus è il marchio di lusso creato da Toyota nel 1989 per competere con i brand di pari livello di Honda (Acura) e Nissan (Infiniti). Pensato inizialmente solo per il mercato statunitense, il successo che ha accompagnato le automobili Lexus ha indotto la casa madre a estenderne la vendita a tutto il globo. L’ultima novità in casa Lexus, presentata già al Salone di Ginevra a Febbraio 2010, Lexus si butta nel ma ancora in via di presentazione (a Parigi sono stati mercato del svelati altri particolari) è la CT 200h, ibrida di lusso del segmento C segmento C premium, con Premium con la cui Toyota vuole erodere quote del mercato europeo CT 200h: interni adautomobilidelcalibrodi Bmw serie 1 e Audi A3. La ecocompatibili, particolarità della CT 200h motore ibrido, risiede principalmente nelsua ecocompatibilità: ridotti i consumi e la graziealmotoreibridomutuato dalla Prius e capace le emissioni. di sviluppare 136 CV con la Prezzo base al di combinazione fra un probenzina da 1.8 e sotto dei 30.000 E. pulsore uno elettrico che si ricarica da solo grazie al recupero dell’energia in frenata è molto attenta ai consumi (con la possibilità di scegliere 4 modalità di guida) e alle emissioni di Co2 (nella modalità elettrica sono pressoché inesistenti), ma non solo. Gli interni, infatti, per una percentuale dell’80%, sono realizzati in "bio-PET 2", un nuovo tipo di plastica ecologica

realizzata grazie ad una produzione più attenta alla natura. Il design della CT 200h è sportivo, caratterizzato da un baricentro basso e da linee slanciate che danno un’idea di dinamicità ancora più forte se la si guarda frontalmente, con le profonde prese d’aria nel paraurti. Anche il retro si lascia ammirare, senza appesantire il giudizio d’insieme sulla vettura. All’interno dell’abitacolo il cruscotto e la plancia comandi non difettano in praticità,

UnanuovaGranturismodalla grossa cilindrata si affaccia dalle vetrine motociclistiche BMW: è la nuova K 1600 GTL, con un motore 1.6 dalla potenza di 160 CV ideale per chi con la moto, vuole godersi viaggi dalla lunga percorrenza nella maniera più comoda possibile. Tanti gli strumenti elettronici a bordo, fra cui il controllo della trazione e l’ABS e tre differenti modalitàdiguida.

A Milano Honda presenterà un nuovo crossover Il retro della CT 200h

pur restando ancorati ad una salda idea di eleganza: in particolare, il sistema Remote Control consente di utilizzare i comandi nella maniera più intuitiva possibile. Una chicca particolare, inoltre, è costituita dall’impianto hi-fi Mark Levinson che, con i suoi 13 altoparlanti, dà un perfetto effetto Dolby Surround . Quanto a sicurezza, gli standard sono fra i più elevati. Spicca, in questo campo, oltre al quasi obbligatorio controllo elettronico della stabilità, il Pre-Crash Safety , un radar a onde millimetriche che assiste il guidatore in caso di emergenza, riducendo i rischi derivati dagli impatti. In Italia dall’inizio del 2011, il prezzo di base della Lexus CT 200h sarà inferiore ai 30.000 euro.

Al Salone EICMA che dal 2 novembre, a Milano, terrà focalizzata l’attenzione di tutti gli appassionati moto, la Honda presenterà il suo nuovo modello di crossover. Si chiamerà V4, e avrà come tratti distintivi la potenza della cilindrata e un baricentro più basso che la rende una sorta di ibrido fra una moto Enduro e una da strada. Le caratteristiche e tutti i dati tecnici verranno svelati proprio durante l’evento novembrino milanese.


il Domani Martedì 19 Ottobre 2010 31

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

CAMBI

CHIUSURA

VAR. %

21.835,90 21.258,59 24.319,66 22.600,80 21.565,73 11.227,51

0,84 0,93 0,71 0,65 0,25 0,24

Euro

METALLI

US $

UK £

¥en

USD/on

EURO/gr

1373,95

31,52

24,56

0,566

PLATINO

1702,50

39,4

PALLADIO

595,50

13,95

1 Euro

1.0

1.3993

0.87830 113.59

ORO

1 US $

0.71420

1.0

0.62750 81.150

ARGENTO

1 UK £

1.1380

1.5929

1.0 129.27

1 ¥en

0.0088019 0.012317 0.0077303

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

A.S. Roma 1,168 +1,74 17.30.53 1,153 A2A 1,139 +0,26 17.30.07 1,132 Acea 8,44 +0,36 17.30.46 8,385 Acegas-Aps 4,22 -1,11 16.58.18 4,1675 Acotel Group 41,90 -0,95 17.19.07 41,82 Acque Potabili 1,631 -0,55 17.30.09 1,631 Acsm-Agam 1,11 +0,18 17.30.11 1,082 Actelios 2,25 +0,67 17.30.16 2,225 Aedes 0,2141 -1,15 17.30.46 0,2135 Aeffe 0,417 -0,24 16.34.16 0,417 Aegon 4,605 +1,82 16.43.37 4,55 Aeroporto Firenze 12,14 -0,57 16.57.11 12,14 Ageas 2,28 +2,47 16.59.36 2,22 Ahold Kon 0,2432 -0,29 17.01.20 0,2396 Aicon Alcatel-Lucent 2,645 +0,28 17.24.50 2,6325 Alerion 0,48 -0,72 17.30.38 0,475 Allianz 88,85 +1,60 17.20.54 87,33 Amplifon 3,6875 -1,47 17.30.03 3,66 9,89 -0,60 17.30.06 9,80 Ansaldo Sts Antichi Pellettieri 0,523 +2,55 17.30.29 0,50 Apulia Prontop 0,406 +1,50 17.30.15 0,40 Arena 0,0244 -0,41 17.15.24 0,0242 Arkimedica 0,48 +1,91 17.30.51 0,47 Arkimedica 2012 Cv5% 98,30 -0,20 17.24.39 98,25 Ascopiave 1,637 -0,61 17.30.37 1,629 Astaldi 5,435 +0,84 17.30.41 5,35 Atlantia 16,04 -0,43 17.30.27 15,91 Autogrill Spa 9,095 +0,33 17.30.07 9,015 Autostrada To-Mi 10,44 +0,29 17.30.52 10,13 Autostrade Merid 22,36 -0,40 17.30.04 22,15 Axa 13,86 +1,61 16.49.56 13,57 7,56 +1,75 17.30.14 7,38 Azimut B Interm-15 Cv 1,5% 90,33 -0,13 15.15.16 90,26 B&C Speakers 3,395 +3,27 17.30.20 3,2875 106,12 +0,00 16.16.22 105,81 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 Banca Generali 9,41 +1,07 17.30.52 9,00 5,35 +2,29 17.30.47 5,155 Banca Ifis 4,17 4,1725 -0,06 15.51.11 Banca Intermobiliare Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 108,20 +0,11 17.30.07 108,02 4,26 +1,43 17.30.42 4,1875 Banco Popolare 106,53 -0,25 16.48.12 106,21 Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 Banco Santander 9,48 +1,07 16.32.20 9,37 Basf 51,20 +1,59 17.17.09 50,75 Basicnet 3,04 +0,75 17.30.47 3,0125 Bastogi Spa 1,66 -0,60 17.08.09 1,655 Bayer 55,31 +1,17 17.04.17 54,87 45,40 +0,62 17.30.32 44,97 Bb Biotech Bca Carige 1,744 +1,99 17.30.47 1,702 Bca Carige R 111,02 -0,15 9.39.17 111,02 Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat 0,518 +1,07 17.30.56 0,51 Bca Mps 1,047 +1,55 17.30.25 1,025 3,88 -1,52 17.06.16 3,7725 Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna 9,18 +1,33 17.30.45 8,955 3,2675 +1,48 17.30.28 3,21 Bca Pop Etrur-Lazio 3,56 +2,01 17.30.10 3,455 Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio 6,72 +0,52 17.30.33 6,61 0,49 +0,62 17.30.16 0,4845 Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc 3,73 +1,36 15.41.50 3,6975 Bco Desio Brianza 4,0325 +0,81 17.30.47 4,00 Bco Sardegna Risp 9,31 -0,05 16.46.31 9,31 Bee Team 0,4395 +1,27 17.30.00 0,4325 Beghelli 0,639 +0,55 17.00.04 0,633 Benetton Group 5,75 +0,52 17.30.59 5,715 100,10 +0,10 17.30.47 100,00 Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili 0,727 +1,40 17.30.34 0,707 1,495 +0,67 16.12.51 1,412 Best Union Company 0,387 -1,40 17.30.14 0,386 Bialetti Industrie Biancamano 1,48 +1,37 17.30.19 1,45 5,845 +2,19 17.22.00 5,705 Biesse Bioera Sosp. Bmw 49,00 -0,87 17.22.00 48,60 Bnp Paribas 51,98 +0,27 17.30.12 51,54 Boero Bartolomeo Bolzoni 1,849 -0,32 16.15.47 1,83 Bonifiche Ferraresi 28,00 +0,32 16.09.05 27,67 1,314 -0,38 17.30.56 1,293 Borgosesia Borgosesia R 1,407 -0,91 16.56.43 1,405 Bper 12 Cv Sub 3,7% 101,28 +0,06 15.55.11 101,27 7,72 7,785 -1,14 17.30.09 Brembo Brioschi 0,1658 +2,41 17.30.37 0,162 Bulgari 7,125 -0,35 17.30.19 7,07 1,235 +5,38 17.30.45 1,157 Buongiorno Buzzi Unicem 8,28 -0,36 17.30.51 8,24 4,85 -0,46 17.30.56 4,775 Buzzi Unicem Rnc 4,52 4,56 +0,22 17.30.31 Cad It Cairo Communication 2,6975 +0,28 17.30.35 2,6925 1,049 +0,87 17.30.30 1,035 Caleffi 1,98 -0,10 17.30.35 1,97 Caltagirone 1,815 +1,74 17.30.50 1,762 Caltagirone Edit Camfin 0,4115 +4,84 17.30.29 0,397 Campari 4,3675 +0,40 17.30.09 4,335 Cape Live 0,314 +1,29 17.30.05 0,2975 Cape Live Cv 5% 2009-2014 87,34 +1,32 11.45.14 86,50 2,70 -1,46 17.17.14 2,6875 Carraro Carrefour 38,45 -0,62 17.15.24 38,00 Cattolica Ass 19,65 +1,76 17.30.21 19,21 1,811 -0,22 17.30.59 1,804 Cdc Cell Therapeutics 0,304 -1,78 17.30.46 0,30 5,25 5,25 -0,94 17.15.18 Cembre 2,5275 +3,16 17.30.41 2,415 Cementir Holding Centrale Latte To 2,485 -0,20 17.30.38 2,485 0,2705 +1,69 17.30.56 0,2645 Ceramiche Ricchetti Chl 0,1485 +1,71 17.30.06 0,1462 0,289 -0,34 17.30.26 0,2865 Cia 0,703 -1,40 17.30.28 0,7025 Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite 1,612 +1,13 17.30.54 1,583 Class Editori 0,4865 -0,81 17.30.35 0,484 Cobra 1,24 +2,91 17.30.31 1,21 0,7025 -0,50 17.30.54 0,69 Cofide Spa 0,448 +9,67 17.30.30 0,4135 Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv 99,44 +0,44 15.44.32 99,44 Conafi Prestito' 0,9725 -2,75 17.30.42 0,9725 22,15 +0,45 17.30.08 22,10 Cr Bergamasco Credem 5,055 -0,20 17.30.44 5,025 Credit Agricole 11,70 +3,54 16.52.34 11,60 Credito Artigiano 1,338 -0,96 16.54.46 1,334 Credito Valtellinese 3,5575 +1,07 17.30.36 3,5025 0,1597 +0,76 12.23.10 0,153 Crespi 101,25 +0,01 17.10.27 101,03 Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze 1,03 +0,49 15.46.02 1,004 D'Amico 1,099 +0,83 17.30.48 1,082 Dada 5,025 +4,31 17.30.52 4,87 47,81 +0,76 17.23.37 47,47 Daimler 0,91 +1,28 17.30.07 0,8815 Damiani 19,22 -1,13 17.30.51 19,20 Danieli & C Danieli & C Risp Nc 10,84 -1,18 17.30.08 10,75 Danone Datalogic 5,00 -1,57 17.30.53 4,965 De'Longhi 3,995 +1,01 17.30.52 3,9175 Dea Capital 1,306 +0,69 17.30.34 1,284 Deutsche Bank 41,50 +2,04 17.23.17 40,68

Max

Apertura

1,181 1,16 1,145 1,135 8,49 8,395 4,225 42,42 1,663 1,136 2,275 2,2675 0,2183 0,2183 0,4235 4,605 12,14 2,28 0,2458 2,6625 0,485 89,10 3,79 9,945 0,523 0,407 0,0246 0,483 99,39 1,64 5,52 16,15 9,16 10,44 22,56 13,86 7,60 90,70 3,395 106,15 9,48 5,44 4,1725 108,30 4,27 106,89 9,54 51,20 3,065 1,705 55,31 45,50 1,746

2,6525 0,475 87,33 3,7825 9,945 0,50 0,407 0,47 99,39 16,10 9,06 10,39 13,57 7,395

9,28

4,1975 106,21 3,015

1,717

111,17 0,5195 0,5125 1,052 1,026 3,90 9,18 8,955 3,2775 3,25 3,5625 3,49 6,72 6,61 0,4915 3,73 4,0325 4,03 9,43 0,445 0,6395 5,82 5,755 100,10 100,00 0,73 0,7075 1,50 1,495 0,392 1,504 1,478 5,85 5,795 49,32 52,20 1,85 28,00 1,316 1,443 101,50 7,88 0,166 7,175 1,249 8,39 4,8525 4,56 2,745 1,05 1,985 1,815 0,416 4,3775 0,314 87,34 2,755 39,37 19,67 1,815 0,315 5,35 2,5425 2,485 0,275 0,1488 0,29 0,709 1,615 0,4935 1,244 0,706 0,459 99,56 1,012 22,35 5,075 11,70 1,359 3,5625 0,1597 101,30 1,03 1,10 5,11 47,89 0,91 19,51 11,06 5,10 4,07 1,306 41,69

51,78

101,27 7,805 0,162 7,12 1,164 8,31

0,398 4,3525 86,50 19,33 0,3095 2,5025 0,148 1,59 0,70 99,56 5,045 3,5025 101,30

19,50 10,97 4,97

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Sosp. Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Sosp. Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iren Isagro It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Sosp. Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Meridiana Fly Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel

Ora

Min

Max

Apertura

10,05 30,40 1,32 3,4075 13,10 22,46 0,956 1,308 1,484 11,10 1,46 4,40 3,9875 1,32 21,59 16,30 10,06 0,877 0,515 7,04 2,2025

-0,59 +0,40 +0,00 -1,37 -0,38 +2,00 +1,06 +1,55 +2,63 -0,63 -2,01 +0,92 +1,01 -0,23 -0,46 +0,43 +0,40 -0,34 -2,18 +0,36 -0,90

16.09.27 10,01 10,12 10,05 17.30.50 30,03 30,55 30,37 17.04.44 1,319 1,34 1,319 17.22.59 3,36 3,45 3,45 17.30.00 12,99 13,15 13,00 16.49.49 22,10 22,46 17.30.06 0,9435 0,9635 0,946 17.30.01 1,28 1,31 1,282 17.30.20 1,44 1,491 17.30.12 11,08 11,26 17.30.12 1,46 1,498 1,49 16.43.17 4,30 4,40 17.30.56 3,94 4,01 3,945 16.30.26 1,291 1,32 1,291 17.30.06 21,31 21,66 17.30.56 16,11 16,31 16,11 17.30.38 9,915 10,10 10,04 17.30.34 0,877 0,902 0,8825 17.30.03 0,515 0,543 0,5215 17.30.02 6,94 7,09 7,04 17.30.21 2,1825 2,255 2,235

17,49 13,93 14,69 0,8905 17,96 11,72 8,24 8,315 3,50 4,855

+0,23 +0,22 -0,41 -1,06 +0,06 -0,68 -1,38 -0,18 +0,43 -0,92

17.30.11 17,30 17,55 17.30.31 13,70 13,98 17.30.15 14,38 14,80 17.30.12 0,8895 0,905 17.30.29 17,95 17,96 17.30.18 11,64 11,84 17.30.03 8,16 8,35 17.30.50 8,175 8,37 16.59.19 3,415 3,51 17.30.41 4,83 4,9225

9,16 1,89 0,58 8,36 5,28 16,70 1,126 0,384 4,74 27,75 3,0525 0,539 1,16 15,44 4,225 4,00 1,696 3,3925 5,88 4,45 7,815 1,451

+1,67 -1,56 +2,11 +1,03 +1,73 +0,60 -1,49 +1,05 -0,63 -0,82 -0,65 +2,77 +4,13 +0,59 +0,48 -0,31 -1,05 -2,02 -0,17 +1,14 +2,02 +0,28

17.30.41 8,93 9,22 8,95 17.15.51 1,83 1,911 1,895 17.30.05 0,557 0,582 17.30.27 8,24 8,395 8,255 5,29 5,19 17.30.59 5,165 16.53.21 16,53 16,71 16,64 16.13.25 1,096 1,126 16.45.38 0,3775 0,3875 0,386 17.30.44 4,70 4,80 4,80 17.23.11 27,75 27,86 17.30.06 3,0175 3,12 17.30.41 0,524 0,54 17.30.46 1,128 1,19 17.30.59 15,25 15,54 15,25 4,18 4,2625 4,1975 17.30.46 14.25.01 4,00 4,0125 4,01 17.30.39 1,687 1,719 1,715 3,47 3,47 17.22.54 3,385 17.30.52 5,705 6,00 16.10.32 4,3325 4,50 17.30.59 7,55 7,87 7,595 17.30.04 1,443 1,46 1,443

0,874 +1,69 17.15.47 0,8425 14,70 +1,38 17.30.24 14,40 1,439 +0,77 17.30.23 1,398

0,874 14,99 1,439

17,30 13,85 17,95 11,77 8,35 8,33 4,90

14,50

1,458 0,8955 2,30 7,62 9,195 7,085 2,30 7,995 0,4195

-0,88 +2,93 -0,54 -1,10 +2,17 -0,28 +3,60 +0,38 +0,84

17.30.08 1,428 1,492 1,48 17.30.48 0,875 0,8985 0,8765 17.30.47 2,2975 2,3325 2,315 17.30.58 7,62 7,70 17.30.31 8,945 9,25 9,005 16.33.32 6,765 7,085 17.15.59 2,17 2,30 2,25 7,90 8,055 17.15.59 12.21.14 0,4105 0,4195

4,86 2,5825 2,07 0,0142 1,365 1,255 3,0825 3,38 6,67 3,73 25,48 17,75 1,52 0,927 0,074 3,375 2,10 0,3135 0,56

-0,26 +2,38 +2,35 -0,70 +0,00 -1,80 +0,57 -0,59 -0,67 +0,54 +1,72 +2,96 +2,01 +3,23 +1,37 -1,10 +3,96 -0,32 -1,58

17.30.34 17.30.14 17.30.21 17.23.33 17.04.37 17.30.44 17.30.22 17.30.08 17.30.19 17.30.29 17.30.44 17.30.39 17.30.33 17.30.15 17.30.39 17.30.11 17.30.39 17.30.19 16.14.14

4,815 2,5125 2,01 0,0141 1,336 1,251 3,03 3,3775 6,645 3,66 25,10 17,24 1,48 0,9095 0,073 3,32 1,988 0,3115 0,555

4,98 2,585 2,07 0,0144 1,369 1,278 3,10 3,3925 6,725 3,73 25,60 17,90 1,552 0,974 0,0756 3,465 2,11 0,3155 0,5605

1,72 3,4075 0,4515 11,76 20,29 114,20 3,0525 0,199 2,90

+0,59 +0,52 -1,85 -1,26 +0,30 +0,15 +1,75 -0,40 -0,43

16.46.54 17.30.18 16.47.36 17.30.22 17.30.11 17.30.05 17.30.13 17.30.22 17.30.08

1,72 3,3825 0,451 11,73 20,08 110,70 3,00 0,1984 2,8125

1,729 1,728 3,4325 3,395 0,46 11,90 11,82 20,37 20,24 114,29 3,065 3,0025 0,2025 0,1984 2,88 2,9225

7,86 2,77 5,025 7,12 3,3075 0,0522 0,362 1,24 10,49 1,542 1,699 3,14 0,449 2,305 0,1389 6,465 0,4205 0,1522

-0,51 -0,63 -1,28 +1,21 +1,30 -0,38 -3,59 -1,12 +2,34 +1,58 +0,83 -0,16 +1,13 -0,54 +0,00 +2,21 +1,33 +0,46

17.30.50 17.30.05 17.30.02 17.30.37 17.30.29 17.10.38 17.30.13 17.02.40 17.30.44 17.30.06 16.52.54 15.46.06 17.30.16 17.30.34 15.11.15 17.30.00 12.32.18 15.46.45

7,825 2,7025 5,02 7,01 3,23 0,0516 0,358 1,225 10,49 1,51 1,685 3,10 0,4475 2,29 0,137 6,21 0,4015 0,152

7,93 2,7775 5,095 5,08 7,145 7,04 3,3175 3,2575 0,0529 0,0529 0,367 1,25 10,49 1,542 1,515 1,70 3,20 3,185 0,459 0,455 2,33 2,32 0,139 6,465 0,4205 0,153

1,011 -1,46 17.30.42

1,005

1,025

5,13 1,21 2,815 6,275 7,90

5,13 1,18 2,795 6,275 7,785

5,21 1,248 2,82 6,70 7,90

+0,00 -3,20 +0,54 -4,78 +1,67

17.30.56 17.11.01 17.30.35 17.30.30 17.30.18

4,87 2,5175 2,0325 0,0144 1,273 6,72 25,50 17,39 0,9105 3,425 2,02 0,312

5,13

7,82

0,6425 -2,65 17.30.22 1,655 +0,36 17.30.30 1,947 -0,15 17.30.09

0,641 0,6595 0,6465 1,649 1,67 1,938 1,956 1,954

2,495 +0,40 17.30.37 3,7475 -0,07 17.30.30

2,47 2,51 3,655 3,7925

2,49

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sosp. Seteco International Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Sosp. Snia 3% Cv 2010 Sosp. So Pa F Societe Generale Sosp. Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Sosp. Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Ergycapital 2016 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Sosp. Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Warr Unipol 2013 Warr Unipol Prv 2013 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Min

Max

3,37 1,56 6,43 6,21 0,4195 4,1125 10,00 0,5255 0,64 0,842 118,33 1,147 1,023 0,785 6,835 14,13 0,178 0,9175 1,102 0,757 2,0775 6,74 39,08 0,2695 16,43 0,353 0,0475 0,2695 1,483 50,74 0,90 21,50 0,4145 7,025 5,415 11,44 31,80

-2,67 +2,30 +0,63 +0,32 -3,34 -1,26 +0,00 +2,24 +0,79 +0,78 +0,01 -1,29 +2,30 -1,32 +1,94 +1,00 +0,17 +0,27 -0,90 +0,93 +0,97 +0,15 -0,03 -0,18 +1,48 -1,94 +3,04 +0,37 +1,92 +1,48 +28,57 +0,00 +1,47 -0,85 -0,37 +3,62 +0,03

Ora 17.30.04 17.30.35 17.30.59 17.30.59 17.30.51 17.17.08 17.24.27 16.59.21 17.30.46 17.30.45 9.02.24 17.30.25 17.30.53 17.30.23 17.30.49 17.30.43 13.36.21 17.22.56 17.30.41 16.56.07 17.30.23 17.30.22 14.03.52 17.30.16 17.30.59 17.30.42 17.30.36 16.32.16 17.30.26 16.20.10 17.30.02 17.30.07 17.30.37 17.30.53 17.22.35 17.30.20 17.30.58

3,35 1,525 6,38 6,135 0,4155 4,00 9,95 0,5165 0,63 0,8365 118,33 1,133 0,976 0,78 6,705 14,04 0,178 0,865 1,10 0,735 2,035 6,665 39,08 0,2695 16,03 0,3505 0,0461 0,264 1,456 49,81 0,90 20,91 0,402 6,97 5,415 10,86 31,64

3,50 3,46 1,57 6,475 6,42 6,30 6,18 0,435 0,435 4,145 10,00 0,526 0,65 0,86 0,855 118,33 1,16 1,16 1,029 0,8055 6,855 14,27 14,05 0,1819 0,9175 0,89 1,115 1,112 0,757 2,0875 2,0875 6,75 6,75 39,11 0,279 0,274 16,43 0,367 0,36 0,0477 0,2725 0,2665 1,515 1,489 50,74 0,90 21,92 21,30 0,4145 7,07 5,515 5,515 11,49 10,94 31,97 31,76

50,39 37,91 1,558 9,35 7,01 0,595 0,1427 0,84 5,375

-0,22 -0,76 +1,70 -1,42 -0,28 +0,85 +1,49 +2,38 +0,84

15.01.34 15.48.34 17.30.58 17.30.48 17.30.16 17.30.18 17.30.52 17.30.47 17.24.15

50,01 37,91 1,512 9,11 6,93 0,59 0,14 0,84 5,30

50,39 38,00 1,56 1,53 9,49 7,045 0,619 0,144 0,1406 0,84 5,39 5,33

7,10 93,92 82,17 2,7075 3,70

+0,92 -0,14 +1,90 -0,18 -0,13

17.30.21 16.42.38 16.37.00 17.30.22 17.30.06

7,01 7,10 93,92 94,39 80,50 82,37 2,68 2,745 3,695 3,7375

0,113 +11,11 17.30.01 0,1016 42,49 +2,93 17.17.45 41,39 2,36 4,62 69,00 1,712 0,7285

-1,05 +2,90 +0,00 +1,84 +2,61

17.30.04 17.30.44 16.38.50 17.30.53 17.30.44

2,34 4,49 68,51 1,681 0,702

5,685 1,349 11,85 1,85 0,365 1,055 0,26 0,87 19,40 15,02 3,145 3,9275 0,69 0,106 67,85 1,484 39,59 9,58 5,54 7,855 106,60 0,5495 1,902 2,3375

+0,62 +1,28 +2,60 +0,00 +0,97 +0,29 +0,39 +0,29 +0,16 +0,40 +0,96 +0,19 -0,07 +0,00 -0,21 +0,00 +0,71 +0,63 +0,45 +2,41 +0,14 +0,00 +2,42 +2,97

17.30.01 17.30.53 17.30.54 17.15.45 17.30.46 17.30.29 17.30.41 17.30.16 17.12.28 17.30.07 17.30.04 17.30.41 17.19.47 17.30.19 17.30.32 13.49.44 16.59.40 17.30.31 17.30.40 17.30.17 17.30.05 17.18.52 17.30.59 17.30.44

5,605 1,331 11,30 1,85 0,365 1,045 0,2575 0,866 19,27 14,82 3,1075 3,90 0,69 0,1041 67,02 1,484 39,09 9,52 5,40 7,62 106,40 0,5445 1,851 2,245

0,54 0,556 +2,68 17.30.06 0,4325 +0,47 17.30.11 0,4265 4,18 -0,42 14.21.53 4,18 1,335 -0,22 17.30.05 1,317 4,02 +0,50 17.30.16 3,9875 3,65 -1,22 17.30.38 3,64

Apertura

2,745 3,73

0,113 42,54 2,43 2,43 4,62 69,40 1,713 1,692 0,767 0,7165 5,705 1,35 11,87 1,85 0,365 1,066 0,264 0,8755 19,40 15,08 3,1525 3,955 0,7035 0,1069 68,23 1,484 39,62 9,685 5,54 7,90 106,70 0,5515 1,902 2,3375

5,615 11,30 1,045 0,2575 0,8695 14,98 3,1125 3,95 0,699 0,1053 67,84 9,52 7,65 1,853

0,559 0,54 0,439 0,4295 4,18 1,335 4,02 3,695

21,00 +2,44 8,00 +0,00 0,0559 -0,36 0,0037 +2,78 2,30 +0,44 0,0796 +11,02 0,293 +0,34 0,0713 -2,73 0,1651 +1,54 0,096 -4,95

16.15.32 20,70 21,00 16.15.48 8,00 8,00 17.24.32 0,055 0,0566 17.30.14 0,0035 0,0037 17.23.56 2,23 2,3375 2,3375 17.30.06 0,0718 0,0799 0,0718 0,29 0,29 0,299 17.14.03 15.32.40 0,0713 0,0759 16.15.03 0,165 0,1651 14.58.33 0,096 0,096

0,57 -3,88 0,0037 +8,82 0,0245 +0,00 0,01 -15,97 0,019 +7,96 0,0196 +2,62

17.30.47 0,555 0,588 17.30.37 0,0033 0,0037 15.47.28 0,0245 0,0245 17.30.54 0,01 0,0104 0,0104 14.05.41 0,0176 0,019 0,019 17.23.05 0,019 0,0198

0,945 0,197 1,59 0,07

-0,84 +1,55 +5,30 +0,43

17.30.00 0,9315 17.30.34 0,155 17.30.57 1,50 14.40.00 0,0622

0,953 0,9315 0,197 0,17 1,59 0,07 0,0674

0,0025 0,0086 0,0296 0,0295 7,88 0,0738 4,65

-3,85 +3,61 +5,71 +1,38 +0,19 -1,47 -0,32

17.24.27 17.30.01 17.30.35 17.30.14 17.30.16 17.30.58 17.30.11

0,0025 0,0082 0,0278 0,0291 7,755 0,0725 4,62

0,0026 0,0086 0,0303 0,0299 7,895 0,0745 4,70

0,523 +0,58 10.19.30

0,51

0,523

0,0025 0,0083 0,0291 7,875 0,0733


il domani  

Edizione del 19 Ottobre 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you