Issuu on Google+

Venerdì 17 Aprile 2009 Anno XII - Numero 105 Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA

CORIGLIANO

ALTOMONTE

COSENZA

REGGIO CALABRIA

SPORT - CALCIO

Marchi contraffatti fermato un uomo

Teschio umano in un torrente

Le avances della Regione su Salvatore Magarò

Città Metropolitana Bova: parole in libertà

2ª DIVISIONE L’editoriale

All’interno di una Mercedes pantaloni di famose “griffe”

L’attività di monitoraggio era condotta dalla Why Not

Offerto un posto in Giunta per non passare col Pdl

E per Nicola Adamo bisogna uscire dal reggiocentrismo

Finale incandescente per le calabresi

di Emilia Manco > Pag 27

> Pag 25

di Oreste Parise > Pag 24

> Pag 34

di Valter Leone > Pag 41

Imponente operazione condotta dai militari della Guardia di Finanza a seguito di un sequestro di 300 grammi di stupefacenti

Traffico di droga, sette arresti A incastrare gli indagati numerose intercettazioni telefoniche. Lo spaccio concentrato a Catanzaro Lido e in provincia CATANZARO — Sono finiti in manette

CONFINDUSTRIA

i sette componenti di una presunta banda di spacciatori che operava fra Catanzaro Lido e Cropani e lungo tutta la fascia ionica. I baschi verdi della Guardia di finanza di Sellia Marina e gli uomini della Compagnia di Lido hanno portato a termine ieri una vasta operazione antidroga finalizzata a contrastare lo spaccio di stupefacenti nel Catanzarese. Le indagini delle Fiamme Gialle sono state coordinate dal sostituto procuratore Simona Rossi, l’inchiesta è stata portata avanti per ben 2 anni e si è conclusa all'alba di ieri. Le misure restrittive sarebbero state emesse dunque al termine di una complessa attività durante la quale sono stati arrestati in flagranza di reato tre spacciatori e sequestrati circa 300 grammi di droga, fra cui hashish, marijuana e materiale usato per confezionare cocaina. di Carmela Mirarchi > Pag 17

L’INTERVENTO

Non profit il terzo pilastro

Legge anti-pizzo? De Rose scettico CATANZARO — «L’idea di sanzionare per legge chi paga il pizzo? Non mi appare efficace». E’ il commento del Presidente degli Industriali Umberto De Rose alla proposta “antipizzo” di Sulla. > Pag 15

CASTROVILLARI Bambina muore nel sonno, indaga la Procura CASTROVILLARI — Una bambina di sette anni, Veronica, da tempo sofferente di epilessia, è morta nel sonno la scorsa notte a Castrovillari. Il procuratore della Repubblica Franco Giacomantonio, ha disposto un’indagine conoscitiva. > Pag 28

L’INCHIESTA Le vacanze erotiche dei calabresi Le mete proibite dei viaggiatori del sesso

CATANZARO

In loco, c'è poco da fare, diventa complicato. Il paese è piccolo, e come si dice, la gente mormora. E allora, ci siamo chiesti, i calabresi che si dilettano con il sesso a pagamento, dove vanno? Frugando qua e là abbiamo trovato la risposta. In vacanza.

CATANZARO — Un fronte comune contro la chiu-

di Ludovico Casaburi > Pag 14

di Carmela Mirarchi > Pag 18

di Emmanuele Francesco Maria Emanuele

Gli obiettivi principali del welfare state, ovvero la riduzione della povertà, del disagio sociale, delle disuguaglianze di reddito e la creazione dei presupposti (istruzione, abitazione, sanità) per l’accesso alle pari opportunità, fino al definitivo svuotamento delle sacche di disagio e di povertà all’interno del tessuto sociale, furono assunti nei programmi di governo di quasi tutti i progetti industrializzati negli anni successivi alla fine della II Guerra mondiale. Era, d’altronde, prevedibile, visto il grande sacrificio richiesto dalla belligeranza e ricaduto, in primo luogo, proprio sulle condizioni delle classi popolari, la ripresa dell’attenzione verso i temi dello stato sociale. La particolare situazione politica internazionale determinatasi nel secondo dopoguerra ripropose, dunque, con particolare enfasi, l’attualità dei temi del welfare state. > Pag 2

Università, l’appello di Tassone sura delle scuole di specializzazione dell’Università di Catanzaro. E’ stato Mario Tassone, deputato dell’Udc, a lanciare l’appello.

SPETTACOLI

CATANZARO

Il V Reggio Calabria Film Fest

Incarichi alla Regione, chiesto il giudizio degli indagati

REGGIO CALABRIA — Al Teatro Comunale Francesco Cilea e al Cinema Odeon il Reggio Calabria Film Fest. Quella di quest’anno, che si terrà dal 22 al 25 aprile, è la quinta edizione del festival voluto dal Comune ed organizzato dalla Minerva Pictures, diretta da Gianluca Curti.

CATANZARO — Richiesta di rinvio a giudizio per tutti gli indagati, ma solo

> Pag 43

> Pag 20

per alcune delle accuse inizialmente contestate. Queste le richieste che il pm ha fatto ieri al gup al termine della requisitoria per le cinque persone indagate nell’ambito dell’inchiesta che ha riguardato la Regione Calabria.

CATANZARO

VIBO VALENTIA

Elezioni comunali di giugno sono 26 i paesi al voto

Porto e marina autonoma parla il sindaco Sammarco

CATANZARO — Il 2009, per la provincia di Catanza-

ro, è l’anno in cui diversi comuni si preparano ad una importante scadenza: quella del rinnovo dei propri consigli comunali. Per questa occasione, il prefetto Sandro Calvosa, nel rispetto del decreto del Ministero dell’Interno, ha convocato per i giorni di sabato sei e domenica sette giugno i comizi elettorali per l’elezione diretta del primo cittadino e per il rinnovo dei consiglieri comunali. I comuni che sono chiamati all’appuntamento elettorale di giugno sono: Albi, Amaroni, Amato, Botricello, Cardinale, Cortale, Cropani, Curinga, Falerna, Fossato Serralta, Gagliato, Gimigliano, Marcedusa, Marcellinara, Motta Santa Lucia, Miglierina, Olivadi, Pentone, Pianopoli, San Floro, San Pietro a Maida, Sellia, Sellia Marina, Soveria Mannelli, Squillace e Zagarise.

CATANZARO — Lo incontriamo a Catanzaro, alla conferenza indetta dal governatore Agazio Loiero, che con la disponibilità di oltre 500 milioni programma il rilancio dei poli urbani della Calabria. Per pochi minuti distogliamo il sindaco Franco Sammarco dal tema del giorno facendolo soffermare sul nodo del porto e sulle pressioni di parte della società civile che tifa per Vibo Marina autonoma. Sul primo punto il sindaco respinge le accuse di inerzia, sul secondo rigetta ogni ipotesi di scissione. «I soldi non sono stati spesi perché non potevano essere spesi. Si tratta di risorse la cui decorrenza partiva dal 2009 poi differita dal 2010, e questo non per inattività dell’ente Comune ma perché il Provveditorato generale alle opere pubbliche di Palermo sta stendendo il progetto, che è ancora in una fase preliminare».

di Maria Teresa Folino > Pag 21

di Francesco Ciampa > Pag 30


2 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

D2.0 DALLA RETE AL DOMANI L’idea

Il meglio del web calabrese

Il meglio del web nazionale

Il motore del nuovo welfare

"Cu pulici sa piggiari, u maritu sa trovari"

Web, sempre meno uomini e più donne

"Cu pulici sa piggiari, u maritu sa trovari", chi sa acchiappare le pulci, sa trovare marito. Continua il viaggio tra i detti calabresi più simpatici e significativi, che si caratterizzano per la loro popolarità e per il loro significato. Questo detto era riferito alle donne. In particolar modo si usava e si usa nelle discussioni a sfondo di pettegolezzo su chi rimane zitella, che non ha avuto la capacità di trovarsi un marito, cosa ritenuta difficile alcune volte. Chi è abile nelle piccole cose cu pulici sa pigliari, lo è pure nelle grandi u maritu sa trovari. Questo credo il senso del proverbio.

Gli uomini statunitensi sono ormai in minoranza online, ma costituiscono ancora il principale punto di riferimento per gli inserzionisti e per chi concepisce la maggior parte dei siti web. A rivelarlo è la società specializzata in ricerche di mercato eMarketer. Negli Stati Uniti, con 95,9 milioni di individui gli uomini costituiscono il 48,2% degli utenti della Rete, mentre la restante percentuale è coperta dai 103,2 milioni di donne statunitensi. Stando ai dati forniti da eMarketer la Rete è destinata a diventare sempre più rosa, grazie a un aumento costante delle donne che si collegano online e che entro il 2013 ridurranno gli uomini al 47,9%, con una differenza di circa 10 milioni di utenti. Tratto da Webnews.it

di Emmanule Francesco Maria Emanuele Alla base del rinnovato interesse mostrato nei confronti di questi argomenti vi fu, soprattutto, la presa di coscienza, da parte dei governanti, che, nei Paesi liberi, la capacità di coniugare i principi e gli obiettivi della democrazia con le politiche sociali rappresentasse la principale e decisiva risposta fattuale dell’Occidente all’attacco ideologico condotto dal totalitarismo collettivista contro le pretese ingiustizie delle "economie" di mercato.[...] Tangibile ed innegabile è, in ogni caso, il fatto che, oggi, la maggior parte dei Paesi europei, alle prese con la competitività sullo scenario globale, è impegnata a rivedere verso il basso i programmi di spesa sociale, per poter ridurre la pressione tributaria e liberare risorse da destinare alla ristrutturazione produttiva. D’altra parte, grosso ostacolo a ciò è costituito dalla consapevolezza che l’espansione delle spese sociali, che ha caratterizzato i trascorsi decenni, ha irrigidito i bilanci pubblici nelle componenti delle spese per il personale addetto e per quelle di natura previdenziale, generando un vasto ambito di prestazioni in cui ampie fasce di popolazione ritengono, ormai, di vedere "diritti acquisiti" non modificabili. Non v’è, perciò, da sorprendersi che l’ormai cospicua letteratura in materia, [...] diviene invece incerta e sfuggente, stretta tra i problemi dell’efficienza e quelli dell’equità, riguardo il futuro del welfare state. [...] Possibili modifiche ed innovazioni alle politiche per il welfare state si cominciano a delineare: la programmazione delle spese complessive in rapporto alle tendenze macroeconomiche;[...] la riduzione delle "rendite" non associate a beni meritori; la definizione dei titoli al beneficio sociale e delle forme del suo finanziamento; la separazione degli interventi finalizzati alla lotta alla povertà da quelli finalizzati alla redistribuzione dei redditi; la più estesa applicazione del principio del beneficio, rispetto alla tassazione generale, e l’introduzione di nuove forme di compartecipazione alle spese; l’impulso ed il sostegno al volontariato, e da ultimo, l’intervento di nuovi soggetti nell’offerta dei servizi sociali, anche in concorrenza tra di essi.

Tratto da tropeaperamore.myblog.it

A Rossano Convegno “Legalità e sicurezza”

Nasce ’Jpeggy’, web-gallery per i talenti fotografici

Il Comune di Rossano, Assessorato alla Legalità e alla Sicurezza guidato da Giovanni Fortino, in collaborazione con il Sindacato Italiano Appartenenti Polizia, ha organizzato il convegno "Legalità e sicurezza, fondamenti di democrazia per lo sviluppo"che si terrà sabato 18 aprile, alle ore 11, nella sala rossa di Palazzo San Bernardino. Al convegno parteciperanno il Sindaco di Rossano Franco Filareto, l’Assessore alla Sicurezza del Comune di Rossano Giovanni Fortino, il Presidente dell’Associazione Nazionale Antimafia "Riferimenti" Adriana Musella, il Presidente dei Giovani Industriali di Cosenza Fortunato Amarelli, il Direttore della Scuola Diocesana di Formazione Socio-Politica Salvatore Martino, il Vice Presidente della Federazione Italiana Antiracket Renato De Scisciolo, il Parlamentare Marco Minniti e Giuseppe Tiani. Tratto da sibarinet.it

Nasce ’’Jpeggy - the art of shooting over IP’’ (www.jpeggy.it), il progetto con cui Telecom Italia celebra l’Anno Europeo della Creativita’ e dell’Innovazione e stimola l’affermazione di nuovi talenti fotografici grazie al Web 2.0 e alle potenzialita’ di Internet. Jpeggy e’ una galleria d’arte online, un luogo di esposizione e confronto aperto ai talenti fotografici italiani che per tutto il corso dell’anno potranno diventare protagonisti di una grande mostra sul Web. Un comitato scientifico composto da curatori, giornalisti ed esperti di fotografia selezionera’ le immagini piu’ interessanti tra quelle proposte attraverso la pagina dedicata su Flickr, la nota community di photosharing online, e le pubblichera’ sulla home page di Jpeggy all’interno di una ’’Photo Cloud’’, ovvero una suggestiva nuvola di immagini in continua evoluzione.

La foto del giorno

tratto da Adkronos.com

Vini italiani, la Calabria va bene. Lo dice Confcommercio

Susan Boyle, brutto anatroccolo ma voce da angelo, incanta gli Uk

Vini italiani in difficoltà, in un anno "La bruttina stagionata" ha fatto il scendono del 2% le imprese attive nel suo tempo ma in un’epoca in cui settore, ora sono oltre 1700 in meno. Tratta da Corriere.it l’immagine è tutto, il concetto torna Bene Calabria (+40) e Marche (+ 27) e di grande attualità e ha il sapore in discesa Sicilia (-704), Piemonte Proteste a Parigi - Lavoratori del settore energetico in della rivincita. Il successo è stato (-319), Veneto (-242). Tra le province piazza a Parigi durante le 24 ore di sciopero proclamato ottenuto ai provini di Britains Got bene Messina, Napoli e Brescia, ma in contro i tagli del personale e degli stipendi Talent una cantante che va contro ribasso per numero di imprese ogni standard visto prima d’ora sui Trapani, Asti e Agrigento. È quanto palcoscenici dei talent show di tutto emerge da un’ indagine della Camera il mondo. Lei si chiama Susan di commercio di Milano sui dati del Boyle, ha una voce incredibilmente registro delle imprese al quarto trimestre 2007 e 2008. toccante e ha sbaragliato i tre scettici giudici e l’intero pubblico che l’aveva accolta tra risate di scherno, ammutoliti dalla bella perforTratto da Agi.it mance. Tratto da Pinkblog.it

Matitate - Il meglio di ieri

Dadaumpa Da Magazine

Da Corriere.it

Dicono che i calabresi vadano a divertirsi in giro per il mondo in cerca di sesso facile o a pagamento. Dicono che le mogli invece non partono... ma trovino lo stesso come divertirsi.

Edito da Edizioni Scientifiche Italiane

il Domani

Editore

Direzione Guido Talarico Massimo Tigani Sava Orlando Rotondaro (responsabile) Redazione Francesco Pungitore (caposervizio) Maurizio D’Agostino (proto) *** redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it roma@ildomani.it sport@ildomani.it appuntamenti@ildomani.it tel. 0961.996802 | fax 0961.903801/927 www.ildomani.it

T&P Editori srl Guido Talarico Amministratore Giuseppe Gangale (pubblicità) Benedetta Geronzi (marketing) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale) Direzione, Redazione e Amministrazione loc. Serramonda - Zona Industriale Marcellinara (Cz) regi. Trib. n. 64 del 15-7-1997 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990 , n. 250

Pubblicità

Centro stampa

Il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Industriale Marcellinara (Cz) tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 fax 0961.903421/784 info@mediatag.it Tariffe a modulo: 46 mm x 19 h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologie euro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: + 40%.

Services e partnership Lumsa (Roma) - Graphic Coop (Siena) Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Italpress (Palermo) - Lapresse (agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera - Settimio News Il Cristallo sas - AT Press - Ediratio Media Services - Città del Sole sas Speaker Network


4 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

Per il Vaticano la data è “da confermare”

Benedetto XVI probabilmente in Abruzzo il primo maggio

Per la festa dei lavoratori il Papa andrà in Abruzzo CITTA DEL VATICANO - Il primo maggio potrebbe essere il giorno giusto. Prende corpo l’ipotesi che il papa scelga questa data per compiere quella visita alle popolazioni colpite dal terremoto, che ha in mente di fare da quando il sisma si è abbattuto sull’Abruzzo. Per il Vaticano comunque la data «al momento» è ancora «una ipotesi da confermare». Sembra che anche i sindacati stiano valutando di essere presenti tra i terremotati il giorno della festa dei lavoratori. Il papa, - sulle orme di Wojtyla che si recò tra le popolazioni colpite sia in Irpinia nell’80 (a 48 ore dal terremoto, insieme al presidente della Repubblica Sandro Pertini) che ad Assisi nel 2007 (le scosse furono in settembre e il papa, dopo una prima idea di partire subito per l’Umbria, andò il successivo gennaio) - sarà dunque tra i terremotati, per manifestare quella «partecipazione» per la quale oggi il presidente della Repub-

blica Giorgio Napolitano lo ha ringraziato a nome della comunità nazionale. Benedetto XVI, che ha raccontato di seguire la vicenda «fin dalla prima scossa», si è reso presente nei giorni scorsi sia inviando il segretario mons. Georg Gaenswein e il segretario di Stato Tarcisio Bertone ai funerali di Stato, che facendo pervenire al vescovo dell’Aquila Giuseppe Molinari danaro, uova di pasqua per i bambini, calici e paramenti sacri. La Chiesa italiana si è fatta presente mercoledì con la visita del presidente della Cei Angelo Bagnasco, mentre il segretario della Cei mons. Mariano Crociata ha partecipato ai funerali di Stato e ha celebrato la messa della domenica di Pasqua in una tendopoli. Per i terremotati era stato, domenica di Pasqua, il primo dei saluti papali dopo il messaggio «Urbi et Orbi»: rivolto agli «uomini e donne d’Italia, in particolare a quanti soffrono a causa del terremoto» .

E’ morta un’altra vittima, il bilancio sale a 295

Berlusconi promette “Via le tendopoli prima del freddo” Allarme degli psicologi: sono in aumento tra gli sfollati depressioni e patologie L’AQUILA - «Prima che arrivi il freddo dell’autunno chiuderemo tutte le tendopoli». Lo promette Silvio Berlusconi, in visita ieri a Poggio Picenze. «Abbiamo - sottolinea il premier - la volontà di far sì che entro la fine dell’estate ci siano abitanti dentro nuove case». Il premier ha assicurato che ''il governo non vuole costruire delle baraccopoli'' e che ''si procederà in tempi stretti con una regia nazionale e tante singole responsabilità locali legate ai cantieri'' "Stiamo lavorando per togliere le persone dalle tende, sia sul piano della ricostruzione, sia sul piano della ricerca dei fondi, come abbiamo fatto ieri" ha detto ancora Berlusconi. "Stiamo lavorando, direi con esiti che lasciano ben sperare, sia sul piano della ricostruzione, sia sul piano dei fondi. Ieri abbiamo individuato la disponibilità dei fondi: siamo sereni al riguardo". Intanto, a dieci giorni da quel terribile 6 aprile, non è ancora terminata la conta delle vittime: un ragazzo di 19 anni è morto in ospedale a Roma per le ferite riportate. Il bilancio sale a 295 morti. E si segnalano nuove angosce: incubi, panico, depressione. E gli psichiatri te-

Le tendopoli che ospitano gli sfollati

mono, presto, una «esplosione» del disagio psicologico tra coloro che hanno vissuto l’esperienza terremoto. Un primo dato già preoccupa: è in aumento, affermano gli esperti, l’uso di psicofarmaci e ansiolitici tra gli sfollati. Donatella Galliano, psicologa dell’emergenza, è arrivata nella tendopoli di Tempera, po-

chi chilometri fuori l’Aquila, sin dal suo allestimento. È venuta qui con l’associazione psicologi per i popoli, che lavora in diretto contatto con la Protezione civile nelle situazioni di calamità. Una cinquantina gli psicologi impegnati nelle tendopoli delle zone colpite dal sisma. All’inizio, racconta l’esperta, «i sopravvissuti ad un evento cata-

strofico come questo, quasi non si rendono conto dell’accaduto. Così sono le esigenze primarie, apparentemente banali, a prendere il sopravvento: gli occhiali che non si hanno più, o gli assorbenti introvabili». Una prima reazione ad un trauma troppo grande per poter essere immediatamente elaborato. Poi, arriva il peggio: «Passato lo

Il premier in cattedra recita una poesia di Palazzeschi e distribuisce regali per allietare i giovani allievi in classe dopo il sisma

Ritorno a scuola senza il suono della campanella A Poggio Picenze la prima struttura scolastica riavvia la propria attività POGGIO PICENZE - È mancato solo il suono della campanella ieri mattina nelle tre scuole-tenda di Poggio Picenze, la prima struttura scolastica a riavviare la propria attività nell’area colpita dal sisma del 6 aprile. La campanella non ha suonato perchè manca ancora la corrente nella tendopoli che ospita una comunità di circa mille persone, allestita dalla Protezione civile della Regione Campania, ma i bambini erano eccitati come in un primo, vero, giorno di scuola. Sulla lavagna hanno scritto: «Siamo contenti di essere di nuovo insieme, questa è una scuola speciale che ci permette di ricominciare». Ed anche la loro giornata è stata speciale, con la presenza del premier Silvio Berlusconi e del ministro della Pubblica Istruzione, Mariastella Gelmini, a sottolineare l’importanza dell’evento. «Un piccolo segnale ma molto importante - ha detto il ministro perchè riaccende la speranza di un ritorno, anche se lento, verso la normalità». Ma la tensione nel campo non manca. E arriva anche la contestazione: «vergognatevi,

La denuncia per un’abitazione acquistata tre mesi fa

“L’ho comprata antisismica Invece è crollata come le altre” L’AQUILA - «Ho comprato una casa tre mesi fa, i soldi di una vita. Mi avevano detto, assicurato, che era antisismica, invece è crollata». È la denuncia presentata nelle ultime ore agli investigatori che stanno indagando sui crolli del terremoto dell’Aquila. Dopo i primi giorni, in cui la preoccupazione di tutti era rivolta altrove, adesso i cittadini sempre più numerosi vanno dai carabinieri, dalla polizia e dalla Guardia di finanza per denundateci i 440 milioni (i risparmi in caso di election day, ndr) invece di fare passerelle», grida uno degli sfollati. Poi, però, tutto torna tranquillo. Nelle tre tende azzurre hanno trovato sistemazione 30 degli 80 bambini della scuola «Ignazio Silone», 500 metri più in là, resa

inagibile dal terremoto. Gli altri hanno trovato per ora sistemazione lungo la costa con le loro famiglie. Sui banchi, ieri, hanno trovato dei fiori, penne e quaderni e un cornetto ripieno di crema. Hanno ritrovato anche tutti e sei i loro insegnati, emozionati come loro, e

forse anche più. Non hanno trovato, invece, Loris e Alena, i loro compagni della 5/a elementare, uno italiano l’altra macedone, uccisi nel sonno dal crollo delle loro abitazioni. Li ricorda padre Giorgio, nella preghiera che precede la cerimonia di inaugurazione. «È so-

ciare crolli apparentemente inspiegabili. E non solo. Le denunce, secondo quanto si è appreso, riguardano case costruite in cemento armato che sono crollate mentre altre, lì vicino, sono rimaste intatte; edifici regolarmente collaudati eppure lesionati in modo tale da renderli assolutamente inagibili. Molto spesso, questi esposti sono corredati da foto e filmati di come era l’immobile prima del terremoto e, in alcuni casi, anche delle fasi di costruzione. prattutto nel loro ricordo - aggiunge il sindaco di Poggio Picenze, Nicola Menna - che abbiamo voluto ripartire dai bambini, per trarre da loro la forza di ricominciare». «Questi bambini - fa eco il ministro Gelmini - hanno subito un trauma molto forte e la scuola

Nelle tre scuole-tenda (sx) i ragazzi hanno trovato sui banchi fiori, penne, quaderni e un cornetto ripieno alla crema

può e deve aiutarli a superarlo». Nel frattempo, a ridargli un pò di allegria e di serenità ci pensa il premier. «Sono il maestro arrivato da Roma», scherza Berlusconi entrando nella prima tenda: «Se siete bravi e preparati ho dei regali per voi». Poi si siede in cattedra e, tra una battuta e l’altra, recita anche una poesia, Rio Bo di Aldo Palazzeschi: «Tre casettine dai tetti aguzzi, un verde praticello...» recita il premier. Ma i bambini non la sanno. Allora, via coi regali: qualche pallone da calcio e da football americano, il pallone originale che useranno per la finale di Champions a Roma e tante magliette di Milan e Juve. Prima delusione: ne avanzano due rossonere. «E tu Mariastella quale maglietta vuoi?», chiede scherzosamente al ministro Gelmini. Seconda amarezza: «Quella della Juve». Ma il premier incassa con eleganza: «bene, eccola, espulsa dal governo però». I bambini ridono e Berlusconi li accarezza e firma autografi. «Speriamo che conservino sempre questo sorriso», commenta una delle insegnanti.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 5

Primo piano

“Il governo non vuole costruire delle baraccopoli''

Per evitare infiltrazioni della mafia

Grasso propone di creare “task force”

«Abbiamo - sottolinea il premier - la volontà di far sì che entro la fine dell’estate ci siano abitanti dentro nuove case». Il premier ha assicurato che ''si procederà in tempi stretti con una regia nazionale e tante singole responsabilità locali legate ai cantieri'' Preoccupazioni per gli interessi mafiosi nella ricostruzione

stordimento iniziale, dopo i primi giorni, ci si inizia a rendere conto, si ricomincia a pensare». Ed è proprio in questa fase, sottolinea la psicologa, che i disagi psicologici cominciano a presentarsi: «È negli ultimi giorni che stiamo registrando - dice - evidenti situazioni di scompenso, anche patologico». La gente sfollata nei campi comincia

a star male: depressione, ansia, attacchi di panico, fobie come la paura del buio e del sonno (perché il terremoto ha colpito di notte). Paura patologica di avvicinarsi a qualunque struttura in muratura, crisi di nervi anche al più piccolo rumore, manifestazioni di aggressività. E tra i bambini, tendenza ad isolarsi ed incubi notturni e diur-

ni. Così, aumenta anche la richiesta di farmaci, soprattutto sonniferi e ansiolitici. «Adesso inizia la fase peggiore. afferma la psicologa - Per il momento non sono stati necessari ricoveri, ma ci aspettiamo un’esplosione di situazioni patologiche da disturbi post-traumatici, anche se transitorie». La tenda degli psicolo-

gi, nella tendopoli, è sempre aperta. Ogni sera, una riunione con gli esperti della Protezione civile per fare il punto della situazione. Ci vorra' almeno un anno per uscire dall'emergenza nelle zone colpite dal sisma in Abruzzo. E' la previsione di Patrizia Ravaioli, direttore generale della Croce Rossa Italiana, che sottolinea: "Il primo mese dopo il disastro è di emergenza totale, ma dopo comincia una fase di post-emergenza che deve far fronte ai bisogni delle popolazioni, che sono enormi. La Croce Rossa farà la sua parte, ma ci vorrà almeno un anno, forse di piu'". La priorità, finita la fase "acuta" del dramma, e' ora quella di ricostruire, da tutti i punti di vista: "Dobbiamo assistere queste persone dal punto di vista sanitario, sociale, ricreare il reddito, far ripartire le attivita'. Ora e' fondamentale ridare a questa gente la possiblità di costruirsi da soli un futuro". Per questo, annuncia Ravaioli, "partirà un censimento di vulnerabilità, che valuti caso per caso le esigenze (chi aveva un mutuo, chi ha perso i macchinari, chi la casa) e consenta di intervenire con progetti mirati, ridando la parola a queste persone".

ROMA - Creare una «task force» che sarà possibile consultare e darà tutto l’aiuto necessario al procuratore dell’Aquila per evitare i rischi di infiltrazione della criminalità organizzata nella ricostruzione delle zone terremotate. A questo sta pensando il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso. «Ho già in mente di costituire un gruppo di lavoro nel mio ufficio ha detto durante la trasmissione di Canale 5 “Panorama del giorno” condotta da Maurizio Belpietro - composta da magistrati ed esperti anche nelle criminalità che più tradizionalmente operano in Italia». La task force è la risposta all’ intenzione manifestata dal procuratore dell’Aquila Alfredo Rossini di chiedere la collaborazione della Direzione nazionale antimafia. Nel ricordare che il ministro della Giustizia Angelino Alfano ha già dato la massima disponibilità per cercare di colmare i vuoti di organico negli uffici abruzzesi, Grasso ha spiegato: «Il nostro ufficio potrebbe occuparsi di tutta la parte che già esiste di reati di competenza della Direzione di-

strettuale antimafia applicando già qualche magistrato per sgravare la Procura dell’Aquila che si occupa delle indagini ordinarie. Questo certamente lo faremo». Sempre all’interno del programma condotto da Belpietro Grasso ha aggiunto che il suo non è un allarme su qualcosa che sta accadendo, ma un’attenzione per il futuro: “non voleva essere un allarme sui rischi di infiltrazioni della criminalità organizzata nelle ricostruzione delle zone terremotate perché non ci sono ancora le condizioni. La fase della ricostruzione comincerà quando sarà finita quella delle emergenze. In realtà è una attenzione vigile che viene fuori dalle esperienze passate". Lo ha detto il pm"Ancora forse non sono nemmeno definiti i processi per le responsabilità della ricostruzione in Irpinia - ha spiegato - e quindi è giusto che tutti i soldi dello Stato vadano interamente ai cittadini della provincia dell'Aquila e non ad arricchire persone e fare in modo che non facciano gli sciacalli con le casse dello Stato così come hanno fatto con le case".

Contributo statale per ricostruire o ristrutturare. Mutui agevolati

Difficile che possa concretizzarsi l’ipotesi di una tassa sui ricchi. Berlusconi: «non c’è stata nessuna decisione»

ROMA - “Pesare i danni”, fare l’in- gnativo, della ricostruzione: qui si zione, tra le priorità ovviamente ventario delle esigenze, poi pianifi- tratta di tempi medio-lunghi e per c’è quella di restituire una «vera care gli interventi e infine definire gli interventi di questo genere ci casa» a chi l’ha persa. Che il presiil budget che serve per ricostruire sono diverse fonti alle quali attinge- dente del Consiglio, oggi, prometl’Abruzzo: è questa re. Tra queste, l’Ese- te sarà un traguardo da tagliare enla tabella di marcia Proposta Isvap: cutivo potrebbe de- tro l’autunno con l’aiuto dello Stache il governo sta assicurazione cidere di fare leva, to: chi vuole ristrutturare o ricoseguendo con secondo quanto si struire potrà contare su sostegni l’obiettivo di mette- contro calamità apprende, anche «fino ad una cifra del 33% - annunre a punto il decre- obbligatoria sul fondo da 9 mi- cia infatti - e mutui a tasso agevolato per l’emergenza liardi creato di re- to al 4% fino al 50% del valore terremoto entro giovedì della pros- cente presso la presidenza del Con- dell’immobile». Sembra invece dif- lusconi - Io assolutamente ho detto neralizzata sulle calamità naturali» sima settimana, quando si dovreb- siglio. ficile che possa concretizzarsi l’ipo- che non c’è stata nessuna decisio- che renderebbe «meglio accettabibe tenere il Consiglio dei ministri Se è vero che il pacchetto di inter- tesi di una tassa sui ricchi: «Qual- ne». Sul fronte della casa c’è chi le» un’eventuale obbligatorietà di a L’Aquila. Al momento, molte le venti è ancora in fase di progetta- cuno l’ha evocata - minimizza Ber- avanza una polizza «copertura ge- polizza sulle abitazioni. È quanto ipotesi in campo, ma per le decisioni occorrerà attendere ancora un pò, oggi alle 17 la riunione per Una commissione ad hoc per i beni culturali, 900 quelli danneggiati decidere. «Adesso nessuno può ragionevolmente fare cifre», spiega Berlusconi. Anche se, aggiunge, questo non vuol dire che trovare le risorse sia un problema. «Ieri abbiamo individuato - assicura infatti emergenze. Ma anche entro la prossima settimana un elenco con 38 Il ministro a margine dell’inaugurazione della presenterà una “Lista di nozze” da beni artistici da restaurare, con indicazioni di scuola del campo terremotati di presentare agli amici che spesa e di tempo. «Questo elenco io lo sottoporuna “lista Poggio Picenze - la possibilità di già dai primi momenti rò a tutti gli amici che si erano offerti nell’imdi nozze“ fondi e siamo sereni al riguardo». hanno offerto solidarietà. mediatezza». Il restauro sarà comunque «un per quelli Due i fronti sui quali l’Esecutivo A L’Aquila per la prima lavoro lungo e difficile, che impegnerà anni, che hanno lavora: da una parte, l’emergenza volta dopo il disastro del ricorda Bondi. Ma non c’è da perdere tempo. offerto di questi primi giorni e per la qua6 aprile, il ministro dei Anche perchè i monumenti danneggiati a solidarietà le c’è a disposizione il Fondo imBeni culturali, Sandro L’Aquila e nel circondario, sottolineano tecnici previsti del ministero dell’EconoL’AQUILA - Subito un commissario ad hoc per Bondi, annuncia le prime decisioni. Berlusconi della soprintendenza, sarebbero circa 900. E mia, da cui sono stati prelevati i i beni culturali - sarà Luciano Marchetti, vetera- lo sostiene. È lui, sul sagrato della Quattrocente- almeno il 60% dei beni culturali, in Italia, primi cento milioni ma che ha anno del terremoto di Marche ed Umbria - l’in- sca Chiesa di San Bernardino, a rivelare l’idea 140-150 mila edifici, è a rischio sismico. Prevecora a disposizione più del doppio ventario dei danni e la richiesta al Consiglio dei della Lista di nozze. Il ministro dei Beni cultura- nire si può per gli esperti, e costa molto meno (il totale oscilla tra i 200-250milioMinistri di 50 milioni di euro per le prime li, dice il Premier, si è impegnato a presentare che ricostruire. ni di euro). Poi c’è il capitolo, impe-

sostiene Giancarlo Giannini, presidente e direttore generale dell’Isvap, l’istituto di sorveglianza del comparto assicurativo italiano. Riguardo alla possibile adozione del provvedimento Giannini dice: «come autorità di vigilanza ci siamo sempre dedicati allo studio del problema, presentando e supportando proposte e anche adesso stiamo lavorando a questo intervento». Giannini spiega poi che «finora il freno è sempre stato determinato a livello politico-generale, dalla considerazione che l’obbligatorietà della polizza verrebbe percepita come una tassa». Infatti «poi è la fiscalità generale che paga i danni» tuttavia, a fronte dei 27 milioni di abitazioni italiane risultanti dal censimento 2001, le modalità per rendere obbligatoria l’assicurazione dell’immobile «sono da studiare e approfondire» in quanto «il problema non è da poco». La soluzione indicata da Giannini sembra essere quella di «assicurare tutti gli eventi di calamità naturale» ipotesi che «contribuirebbe a garantire una maggiore mutualità». La «la copertura generalizzata di questi eventi potrebbe contribuire a far accettare meglio da parte di un abitante della Valpadana che sarebbe molto poco interessato dal rischio sismico ma magari più alle esondazioni» gli oneri della polizza.

Fino al 33% per la casa

Bondi fa l’elenco delle opere lesionate


6 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Vicino alla Fiera di Roma un uomo ha perso la vita. L’assassino si è costituito

“Ho saputo solo dopo di avere ucciso” Reo confesso l’omicida del parcheggio Il difensore: “Ha reagito perché perdente nella lotta” ROMA - Arrestato l’assassino di Aldo Murgia ucciso mercoledì sera a Roma dopo una lite per un parcheggio. L’uomo, 32 anni, si è costituito in Procura. I carabinieri del nucleo investigativo erano arrivati a casa dell’uomo ma avevano trovato solo la moglie. L’uomo abita poco distante dalla via, nei pressi della Fiera di Roma dove ha aggredito Murgia. L’accoltellamento mortale è arrivato al termine di una lite per il parcheggio davanti alle moglie e ai figli sia della vittima sia dell’aggressore. È durato oltre un’ora l’interrogatorio dell’uomo. L’omicida, assistito dall’avvocato Lamberto Picconi, si è costituito in procura dal pm Pierluigi Cipolla che ha emesso un decreto di fermo per omicidio volontario aggravato dai futili motivi. Con

L'uomo che ha ucciso Aldo Murgia dopo una lite scoppiata per un parcheggio conteso

ancora sul volto i pesanti segni della colluttazione avvenuta mercoledì notte è stato scortato dai carabinieri nel carcere di Regina Coeli dove nei

prossimi giorni sarà sottoposto ad interrogatorio da parte del gip per la convalida del fermo. L’omicida, a quanto si è appreso, avrebbe am-

messo le sue responsabilità spiegando al pm di non aver avuto alcuna intenzione di uccidere Murgia ma di essersi trovato a mal partito du-

rante la colluttazione in cui stava avendo la peggio. L’uomo ha precedenti penali per spaccio di sostanze stupefacenti fin da quando era minorenne. «Il mio assistito è roso dai rimorsi, ha trascorso la notte nella sua abitazione e soltanto la mattina dopo ha saputo di aver ucciso». Così dichiara l’avvocato Lamberto Picconi, difensore di Murgia. «Sosterrò in sede di interrogatorio di garanzia l’omicidio preterintenzionale. La ricostruzione dei fatti, secondo il mio assistito, diverge da quella che ne hanno dato gli organi di stampa: il mio assistito sostiene di non aver cominciato lui la lite. Non ha inseguito nessuno ma tutto si è svolto nello spazio di sette, otto metri. Il mio assistito sostiene di aver trovato per primo quel parcheggio, e in ogni caso anche l’altra persona poi aveva trovato parcheggio. Lui si è sentito in una posizione di svantaggio ed ha tirato fuori il coltello. Ma è stata una colluttazione nella quale lui stava avendo la peggio, come ha sostenuto durante l’interrogatorio. In ogni caso è un uomo distrutto dai rimorsi».

Il fratello di lei ora ha un polmone perforato Meno 11%, solo gli omicidi restano da record a Napoli e Catania

Ubriaco picchia la moglie Le città non si accorgono del calo di reati e manda all’ospedale il cognato E la voglia di sicurezza cresce in periferia Il ministro Maroni: “Si può parlare di allarme, non di emergenza”

La relazione tra i due durava da circa quattro anni

BOLOGNA - Dopo avere picchiato per l’ ennesima volta la compagna, ha ferito a coltellate il cognato, intervenuto per soccorrere la sorella. L’aggressione è avvenuta mercoledì sera davanti a un condominio di via Serlio, alla periferia nord di Bologna, dove i carabinieri hanno arrestato Maurizio Nasca, 59 anni, palermitano. L’uomo è accusato di avere colpito al torace e alle mani, con un coltello da cucina, il fratello della compagna, 42 anni, anch’ egli di origine palermitana, ora ricoverato all’ospedale Sant’Orsola con un polmone perforato e una prognosi di 40 giorni. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, Nasca è rientrato a casa verso le 22.30 completamente ubriaco e, senza alcun motivo, ha cominciato a malmenare la compagna, una trentottenne bolognese con la quale ha una relazione da circa quattro anni che ha deciso di telefonare al fratello. Quando il cognato ha suonato il campanello, Nasca ha afferrato un coltello e si è precipitato sotto casa, avventandosi contro di lui.

Prima di andare a letto le avevano somministrato un farmaco

Bimba muore nel sonno Soffriva di epilessia

CASTROVILLARI (CS ) - Una bambina di sette anni, Veronica, da tempo sofferente di epilessia, è morta nel sonno mercoledì notte a Castrovillari. Il decesso è avvenuto nell’abitazione della famiglia in un quartiere popolare della cittadina del Pollino. La bambina è stata trovata morta dai genitori nel suo lettino. La famiglia della bambina vive in condizioni economiche disagiate. Entrambi i genitori, che hanno altri tre figli, sono disoccupati. Nella tarda serata alla bambina, a causa di una crisi epilettica, era stato somministrato un farmaco. Il pro-

Trovata morta nel lettino

curatore della Repubblica di Castrovillari ha disposto un’indagine conoscitiva sulla morte di Veronica che è stata affidata alla Polizia.

ROMA - La richiesta di sicurezza continua a crescere nel Paese anche se i dati del Viminale rilevano una diminuzione dei reati. Nonostante ciò resta alto il numero degli omicidi specialmente nelle aree metropolitane, in particolare a Napoli e Catania. «C’è allarme sicurezza, ma non c’è emergenza», ha più volte detto il ministro dell’Interno Roberto Maroni, che in recenti informative al Parlamento ha rilevato come, tra il 2007 e il 2008, in totale, il calo dei reati è stato dell’11%. In particolare, le rapine sono diminuite del 12% e quasi del 9% i reati sessuali (in tutto 4.400 nel 2008). Un recente studio, commissionato dal ministero dell’Interno all’Università Cattolica di Milano, ha sottolineato come il fenomeno dell’immigrazione ha accentuato i problemi di sicurezza specialmente nelle periferie delle città. L’analisi sulla criminalità, non automaticamente associata all’immigrazione, ha rilevato come gli omicidi siano diminuiti in città come Torino, Firenze, Palermo e Napoli; anche se il tasso di omicidi resta alto a Napoli e Catania; stabile il numero degli omicidi a Milano, Roma e Bologna, in aumento a Genova. A Roma e provincia la flessione dei reati, tra il 2007 e il 2008, è stata del 27%, in particolare del 28% per i furti e le rapine. Intanto il governo si muove nel campo della sicurezza. Una somma di 379 milioni di euro sottratti alle organizzazioni criminali sono disponibili da utilizzare per la sicurezza in forma di una tantum. Lo ha annunciato nei giorni scorsi il ministro dell’Interno Maroni, ai

Si toglie la vita GROSSETO - Un uomo di 54 anni si è tolto la vita gettandosi dal quinto piano dell’ospedale di Massa Marittima (GR) dove si trovava ricoverato da qualche giorno per accertamenti medici. L’uomo si sarebbe allontanato dal reparto per raggiungere il V piano dal quale si sarebbe poi gettato precipitando nel cortile interno. L’uomo non ha lasciato alcun biglietto per spiegare i motivi del suo gesto.

Formaggi e batteri BRUXELLES - Ritirati dal commercio due lotti di formaggio ’Gorgonzola Dop Solo Italia’. Il formaggio conteneva la presenza del batterio «listeria monocytogenes», rilevata dal fabbricante dopo una serie di controlli e segnalata dall’Italia alla Commissione europea, che ha permesso poi di trasmettere l’informazione ai paesi interessati. Si tratta di una infezione alimentare trasmessa dal bestiame all’uomo.

Rapinatore ferito BRESCIA - Un uomo che era entrato in un bar a Roccafranca, nel bresciano, per rubare videopoker e macchinette cambiasoldi, è stato colpito da un mattone lanciato da una finestra dal proprietario del locale. Il furto è avvenuto mercoledì notte e il ferito era insieme a due complici che sono riusciti a fuggire con il bottino. Il ladro è ora ricoverato in gravi condizioni nell’ospedale civile di Brescia.

Sentenza modello ROMAti sul posto di lavoro la Cassazione ha confermato la condanna di Claudio A., capo delle hostess di terra all’aeroporto Caselle di Torino, che faceva continue e sgradevoli avances alle dipendenti imponendo loro mansioni più gravose rispetto agli altri lavoratori. Claudio A. lasciava intendere che permessi o ferie sarebbero stati concessi solo dietro prestazioni sessuali.

Drogati e sbadati ROMA - Sono entrati nella casa di un uomo di 40 anni, a Monte Mario, pensando che fosse quello indicatogli come casa di uno spacciatore ma si erano sbagliati. Il proprietario alla loro richiesta di cocaina è scoppiato a ridere ma i due pregiudicati, tossicodipendenti, non hanno gradito la presa in giro e lo hanno riempito di calci lasciandolo a terra. I carabinieri hanno arrestato i due malviventi. Reati diminuiti ma escalation di omicidi in alcune città

sindacati di polizia. I 7 sindacati (Siulp, Siap-Anfp, Silp-Cgil, Ugl ps, Consap, Coisp, Uilps) hanno denunciato la scarsità di fondi di-

sponibili e l’attuale carenza di organico pari a 7.000 unità e la prospettiva di giungere nel 2012 ad una riduzione di 12.000 poliziotti.

Risposero al fuoco dei rapinatori, pena patteggiata

Ladro ammazzato nell’inseguimento Per gli agenti due anni di carcere POTENZA - Rocco Sileo, di 46 anni, e Francesco Percoco, di 28 - il vicebrigadiere e il carabiniere che, la notte dell’8 maggio 2007, spararono durante l’inseguimento dei ladri che avevano rubato un bancomat, a Potenza, uccidendo Teodoro Santoro, di 51 anni, hanno patteggiato ieri una condanna a due anni di reclusione (pena sospesa) davanti al gup. Quella notte attraverso il sistema satellitare i Carabinieri intercettarono il furgone dei rapinatori e durante l’inseguimento spararono numerosi colpi e dissero di averlo fatto rispondendo ai proiettili sparati dai ladri.

Fallisce e li sgozza SAN PAOLO - Un’industriale fallita brasiliana ha ammazzato la famiglia per “evitarle la sofferenza di vivere senza soldi”. Roselani Radaelli Piccinini Davila, di 47 anni, ha confessato ieri alla polizia di Porto Alegre di aver sgozzato nel sonno, con un coltello, il marito, la sorella gemella e la figlia di sei anni di quest’ultima. Avrebbe poi cercato di uccidersi finendo in ospedale senza rischio di vita.

Sequestro capi falsi

Carcere per due militari

MILANO - La Guardia di finanza di Cremona ha sequestrato oltre 120 mila capi di abbigliamento e accessori contraffatti in due depositi a Brescia e a Sesto Fiorentino gestiti da cinesi. Il valore complessivo della merce si aggira intorno ai 4 milioni di euro. Gli abiti venivano prima importati nei depositi, poi partivano per essere immessi sul mercato in Lombardia e in altre province del nord Italia.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 7

Attualità

Gioielliere reagisce a Milano, grave uno dei malviventi raggiunto da quattro colpi

Picchiato dai rapinatori estrae la pistola e spara

CINISELLO BALSAMO (MILANO) - È stato picchiato selvaggiamente da un uomo che è entrato nella sua gioielleria per rapinarlo, a Cinisello Balsamo (Milano), ma lui ha reagito sparando e lo ha ferito in modo grave. Ora i due sono entrambi in ospedale, e nel Milanese si scatenano, ancora una volta, le polemiche sulla sicurezza dei commercianti e sull’uso legittimo delle armi. Il gioielliere Remigio Radolli, 59 anni, si trova ora ricoverato al Bassini, dove è stato trattenuto in osservazione: è stato prima colpito con il calcio di una pistola al capo e poi, come ha raccontato il figlio «picchiato a sangue». Ha riportato una estesa ferita, suturata con 18 punti, e forse alcune costole rotte. Fuori dal negozio, due complici vestiti con pettorine della nettezza urbana, non sono riusciti a entrare a dare manforte al complice, e sono fuggiti al primo sparo. Il bandito invece, trasportato all’ospedale Niguarda di Milano dove è stato sottoposto a un’operazione chirurgica, si trova in prognosi riservata. I medici non escludono che se la possa cavare ma è in gravi condizioni. Del caso si occupano i carabinieri del Gruppo di Monza, che hanno ricostruito l’accaduto in attesa degli accertamenti scientifici. Erano da poco passate le 9.30 quando il gioielliere ha fatto entrare nel negozio l’uomo, che ha chiesto di vedere un orolo-

In fuga i due complici che attendevano all’esterno Il fermo immagine, tratto da Sky Tg24, mostra Remigio Radolli, il gioielliere che ieri, nel suo negozio ha sparato ferendo un rapinatore

Il bandito non è stato identificato perché privo di documenti gio. Ma appena il titolare, che era solo (la moglie lo raggiunge in genere in tarda mattinata) si è chinato per prenderlo, lo ha aggredito. Poi, secondo il racconto del commerciante, ha cominciato a picchiarlo selvaggiamente, fino a quando Radolli ha estratto un revolver dalla tasca e ha sparato tre colpi. Ma l’aggressore non si è fermato, anzi, gli ha strappato l’ar-

ma di mano e, forse, a sua volta ha sparato. Poi, sempre lottando, i due sono finiti sul retro, in un ampio box dove il rapinatore si è accasciato lasciando a terra anche la pistola. Nel negozio, che è stato posto temporaneamente sotto sequestro, è stata recuperata anche l’arma del gioielliere, una calibro 22 da otto colpi regolarmente detenuta. All’interno ne era rimasto

solo uno inesploso. Tre erano nel corpo del rapinatore, che non è stato ancora identificato anche se il proprietario ha raccontato che «aveva l’accento dell’Est Europa». Radolli viene descritto come un uomo estremamente tranquillo dai cittadini del quartiere, dove la sua gioielleria è attiva da oltre trent’anni. L’uomo ha due figli: Davide, che ha una gioielleria a

I precedenti 18 Feb 2008

23 Mar 2008

21 Mar 2008

26 Mag 2008

9 Lug 2008

NICOLOSI (Catania) Un gioielliere di 48 anni spara e uccide a colpi di pistola due dei tre banditi che erano entrati nella sua gioielleria per una rapina, armati di pistole giocattolo GIUGLIANO (Napoli) Un agente di polizia penitenziaria spara e uccide uno dei tre rapinatori che avevano tentato di rubargli i soldi appena prelevati in banca minacciandolo con pistole giocattolo BAGNOLO MELLA (Brescia) Un uomo di 74 anni uccide a colpi di pistola un rapinatore che era entrato nella sua abitazione FUCECCHIO (Firenze) Un imprenditore di 47 anni spara e uccide, durante un tentativo di rapina, un ladro che si era introdotto nella sua villa SAN ROCCO (Siena) Un gioielliere spara e uccide un rapinatore che assieme a un complice aveva fatto irruzione nel suo negozio ANSA-CENTIMETRI

Monza, e Fabio, che lavora in un colorificio a 20 metri dal negozio dove è stato aggredito il padre. Sul posto è arrivato anche Matteo Salvini, deputato della Lega Nord, annunciando l’intenzione «di far candidare alle prossime Provinciali il tabaccaio Giovanni Petrali e il gioielliere Giuseppe Maiocchi, protagonisti di episodi analoghi.

A tradirli una telefonata di uno dei ragazzi alla madre: “Non mi sono reso conto di quello che ho fatto”

Omicidio Ambrosio, fermati tre romeni NAPOLI - Tre immigrati romeni autori (ancora «presunti» per la legge, non certo per l’evidenza delle prove) del delitto di Posillipo sono stati catturati ieri dalla polizia. Prima, durante e dopo la tragica rapina nella villa Gaiola a Posillipo, hanno infatti collezionato una serie di passi falsi da guinness dei primati. È quanto emerge dalle indagini della squadra mobile di Napoli che hanno portato all’esecuzione di tre decreti di fermo: i destinatari sono Marius Vasile Acsiniei, 22 anni, muratore che fino a qualche mese fa aveva lavorato da giardiniere nella villa degli Ambrosio, Valentin Dimitru, 22, stalliere, e Calin Petrica, 24 anni, operaio in un autolavaggio. Tutti incensurati. secondo la ricostruzione degli inquirenti giunti a Posillipo su un autobus di linea i tre si sono avventurati verso la villa. I tre, già completamente ubriachi di vino, sono convinti che in quel momento la villa non sia abitata e restano sorpresi quando si accorgono dei coniugi, svegliati dai rumori. È questione di attimi. Colpiscono con violenza l’imprenditore e la moglie, uccidendoli all’istante. Senza scomporsi più di tanto, i tre si abbandonano al saccheg-

Uno degli immigrati era il giardiniere dei coniugi Uno dei tre immigrati romeni fermati per l'omicidio Ambrosio

gio, rovistano cassetti, aprono armadi e comodini, lasciando impronte dappertutto che hanno cercato di cancellare, con l’aiuto di un panno bagnato. Poi, completamente sbronzi, si dividono il bottino (due cellulari, orologi, soprammobili e denaro) e scappano via. Alle

nove della sera l’ultimo passo falso, quello fatale: Acsiniei, l’ex giardiniere, utilizza uno dei cellulari rubati. Non solo, ma al telefono, parlando con la madre che vive in Romania, confessa il delitto: «Ho ucciso due persone, non sapevo quello che facevo». La madre lo

supplica di tornare al suo paese ma lui fa lo spavaldo: «Se arrivano, sparo ai poliziotti». I poliziotti arrivano ieri mattina e lui si fa catturare senza fare storie. Crolla subito facendo i nomi dei complici, che verranno bloccati nel giro di qualche ora.

Durante una lite familiare non gradisce l’intromissione

L’uomo condannato per l’omicidio del ristoratore romano Frontelli

CREMONA - Ha aggredito la polizia con uffici della Questura, dove è stato identificaun’ascia, per questo un romeno è stato arre- to e arrestato. Deve rispondere di lesioni stato mercoledì pomeriggio a Cremona. aggravate e di resistenza a pubblico ufficiaI poliziotti sono arrivati in le. Uno degli agenti un appartamento di via FaUn’altro episodio che semiè rimasto ferito bio Filzi, nel quartiere Sanna sgomento e rabbia che t’Ambrogio, per sedare una sfocia molto spesso, nelle con una prognosi grossa lite familiare che avemetropoli, in una sorta di di sei giorni va allertato i vicini di casa caccia al romeno. Numerosi ma l’uomo non ha gradito l’intrusione e si raid con tanto di bastoni e volti coperti è scagliato con l’ascia contro gli agenti. contro locali e luoghi frequentati da immiUno è rimasto ferito con una prognosi di grati nella zona di Rome nei mesi scorsi. In sei giorni. Il romeno è stato portato negli due mesi se ne contano almeno cinque.

ROMA - Condannato in primo grado a 30 delitto è già stato condannato in via definitiva anni di carcere per l’omicidio di Mauro Fron- a 16 anni di reclusione un altro romeno, telli, titolare del ristorante «Luna Piena», nel Daniel Diaconu. Determinanti, ai fini dell’asquartiere romano Testaccio, soluzione di Bajan, il test del La vittima fu il romeno Florin Bajan è stadna compiuto sui reperti, in strangolata to assolto ieri dalla terza corparticolare su un lenzuolo te di assise di appello per nella sua abitazione verde recuperato nella stanza non aver commesso il fatto. da letto della vittima, che ha il 26 febbraio 2005 Frontelli fu trovato morto nelscagionato l’imputato. Non la sua abitazione il 26 febbraio 2005. Era solo, non sono state neanche rilevate impronstato strangolato con la cintura di un accappa- te digitali del romeno sulla scena dell’omicitoio, coperto con un lenzuolo e con in bocca dio. La sentenza è stata emessa dal collegio un pacchetto di fazzoletti di carta. Per quel presieduto da Elio Quiligotti.

Colpisce con un’ascia poliziotto, arrestato Il test del dna sui reperti l’ha assolto

La Confcommercio offre la solidarietà al gioielliere e ricorda che “è lui la vittima”, mentre la Procura di Monza attende di sentire il gioielliere e decidere per cosa indagarlo e la Lega annuncia manifestazioni. E tra la folla che si è raccolta davanti al negozio si impreca contro le bande di stranieri “che vengono a rapinare, come se non bastasse la crisi”.

Casolare lager per 42 stranieri Senza finestre e il bagno fuori FOGGIA - Un casolare fatiscente, trasformato in lager, in cui erano rinchiusi 42 cittadini romeni senza acqua nè servizi di prima necessità, è stato scoperto all’alba di ieri da agenti del commissariato di polizia di Cerignola. Nel casolare, che si trova in località ’Borgo Tressanti’, non c’erano bagni nè lavandini; un unico bagno a cielo aperto era all’esterno della struttura. I romeni, tra i quali una decina di donne, dormivano su materassi messi per terra. Dai primi accertamenti, pare che fossero lì per lavori di campagna, in particolare per la raccolta di carciofi. Erano incaricati di raccogliere il prodotto, di lavarlo - ma con acqua di pozzo, non potabile di selezionarlo e di sistemarlo in cassette. Alla fine di questo lavoro per ogni carciofo prendevano due centesimi di euro. Proprio per verificare anche le condizioni igieniche con cui veniva trattato il prodotto, insieme alla polizia si sono recati sul posto anche alcuni vigili sanitari dell’Asl. I romeni saranno ora condotti nel commissariato di Cerignola e interrogati dal pm Livia Giorgio. Gli investigatori stanno anche valutando la posizione dei titolari della masseria.


8 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Referendum Il presidente del Consiglio ieri alle tendopoli de L’Aquila “ Come avrei potuto far cadere il governo con i problemi che ha l’Italia!?”

Lega era pronta alla crisi, no a election day “Voteremo il 21 giugno” Parola di Berlusconi

Silvio Berlusconi lo chiede a scampati al terremoto e volontari di un piccolo campo nel borgo di Picenza, una frazione dell’Aquila

Milena Di Mauro

L’AQUILA - C’è l’Abruzzo da ricostruire dopo il terremoto, una crisi economica mondiale da affrontare, il G8 da fare alla Maddalena con il mondo che guarda l’Italia. «E vi pare che sarebbe stato responsabile far cadere il governo per la data del referendum?». Silvio Berlusconi lo chiede a scampati al terremoto e volontari di un piccolo campo nel borgo di Picenza, una frazione dell’Aquila. È a loro, che lo ascoltano con sguardo interrogativo e con altre priorità nella mente, che vuole spiegare una scelta che, vista da qui appare lontana: il referendum si farà il 21 e non il 7 giugno perchè un partito della maggioranza, la Lega, altrimenti avrebbe messo in crisi il governo. Al Cavaliere sta davvero molto a cuore che si capisca qui in mezzo alle tende, alle cucine da campo, alle macerie che stanno tutto intorno - che «francamente non sarebbe stato responsabile inseguire, con il referendum, una situazione molto positiva per il Pdl, cioè il raggiungimento non solo di un sistema bipolare, ma addirittura bipartitico». No, non si poteva fare. Perchè sarebbe caduto il governo, cosa che oggi il Paese non può certo permettersi. «E mi spiace che altri interpretino come una debolezza del premier e del Pdl aver ceduto ad una preci-

sa richiesta di un partito della maggioranza che, ove non accolta, avrebbe fatto cadere il governo in un momento come questo», si accora Berlusconi. «Ma lasciamo da parte le polemiche, che veramente non mi toccano - allontana la questione - La decisione di votare il 21 giugno è presa. Spero verrà confermata dall’ufficio di presidenza del Pdl. E queste polemi-

che sono veramente fuori luogo, perchè adesso dobbiamo pensare al benessere dei cittadini». Tutti pensano subito che Berlusconi oltre a rispondere all’opposizione che lo accusa di sprecare denaro pubblico in virtù di un ’ricatto’ di Bossi - abbia in mente la secca nota di mercoledì scorso del presidente della Camera Gianfranco Fini: «Sarebbe un peccato se per la

paura di pochi il governo rinunciasse a tenere il referendum il 7 giugno, spendendo centinaia di milioni che potrebbero essere risparmiati». Ma Berlusconi, più tardi, smentisce netto: «Non parlavo a Fini, rispondevo all’opposizione che ci ha accusato di disperdere i fondi dello Stato, diffondendo cifre non vere». In ogni caso, taglia corto il premier «probabilmente decideremo nella prossima riunione di governo che il referendum sia abbinato ai ballottaggi». «L’election day - dice ancora - dal punto di vista costituzionale suscitava diverse perplessità e molti costituzionalisti consultati vi avevano visto un vizio. Inoltre gli elettori, in certe grandi città, avrebbero avuto davanti fino a sette schede, con sistemi di voto tutti diversi uno dall’altro. E qualcuno che avesse la mia età si sarebbe trovato in difficoltà». E comunque, «bisognava scegliere tra una cosa e l’altra»: far cadere il governo o accettare di bocciare l’election day con un parziale ’sprecò di denaro. «Certo, cifre lontanissime da quella circolata di 400 milioni. E noi abbiamo scelto di non far cadere il governo, di ridurre al minimo gli sprechi e di puntare sul voto accorpato ai ballottaggi per le amministrative», chiude il discorso Berlusconi, rimettendosi a fare coraggio agli sfollati, promettendo che il governo non li lascerà soli.

«Per colpa del senatur tutti gli italiani pagheranno questa tassa” Il segretario del Partito Democratico Dario Franceschini

Il leader del Pd: “Il rifiuto del buon senso costa 400 milioni”

Franceschini: “Il Cavaliere piegato al ricatto di Bossi”

ROMA - «Purtroppo me lo aspettavo: non è la prima volta che Berlusconi fa dei proclami e poi si piega senza esitazione ai ricatti della Lega». Così Dario Franceschini, commenta le affermazioni del presidente del Consiglio sull’impossibilità di svolgere insieme referendum e elezioni europee. «Questo modo di fare di Berlusconi - aggiunge il segretario del Pd - mi fa dire ’mi piego ma non mi spezzo’. L’importante è che tutti gli italiani sappiano che saranno consumati 400 milioni per il rifiuto di fare una cosa di buon senso. Noi lo chiedevamo da settimane e, di fronte all’emergenza terremoto e alla crisi, era complicato dire di no». «La Lega - conclude Franceschini - ha ottenuto il cedimento da Berlusconi. Noi la chiameremo ’Bossi-tax’ perchè è veramente una tassa che pagheranno tutti gli italiani». Nessun compromesso, nessuna «ipotesi subordinata», nessuna mediazione. Per i referendari sull’election day non si discute. E non si discuterà fino a che l’atto formale, firmato dal presidente della Repubblica, di indizione della consultazione per una data diversa dal 7 giugno, non dirà che è davvero finita. Per il momento, neanche la scadenza di ieri del termine ultimo di 50 giorni per fissare l’election day, è considerata un ostacolo invalicabile: «Si può sempre fare un decreto», dice Giovanni Guzzetta. Unica concessione all’ipotesi che si voti il 21 giugno, è un avvertimento alla Lega: se così alla fine dovesse essere, «tutti gli elettori italiani sapranno chi è il principale responsabile di questo scempio». «Abbiamo chiesto un incontro urgente al premier - si mostra ottimista Guzzetta, presidente del comitato - Siamo in attesa di incontrarlo». Ma Silvio Berlusconi non si fa sentire e, anzi, dall’Abruzzo conferma l’accordo con la Lega per la data del 21: «Probabilmente decideremo nella prossima riunione di governo che il referendum sia abbinato ai ballottaggi».

Dal Consiglio europeo critiche. Ma il governo italiano rassicura

Thomas Hammarberg relatore del rapporto per i diritti umani

“Passi insufficienti per il razzismo” Carol Annecy

STRASBURGO - Sguardo preoccupato quello che dall’Europa parte verso il nostro paese riguardo al discorso sulle tendenze italiane verso il razzismo e la xenofobia. Il governo italiano, nell’ultimo anno, ha fatto ’passi insufficienti sul fronte della lotta al razzismo’. Nella dichiarazione del Consiglio d’Europa c’è tutta la preocupazione dell’Europa nei confronti del nostro Paese. “Preoccupato dai resoconti che evidenziano una tendenza al razzismo e alla xenofobia, che sfocia in atti violenti, rivolti contro immigrati, Rom e Sinti o cittadini italiani con origini straniere, anche in ambito sportivo”. L’Italia ha risposto sostenendo che il governo ha già preso o sta prendendo le misure necessarie. Le osservazioni dell’Italia sono state inviate all’organizzazione internazionale a Strasburgo e pubblicate ieri insieme al rapporto del commissario per i diritti umani, Thomas Hammarberg. Le autorità italiane sottolineano soprattutto il lavoro che sta conducendo l’Unar (Ufficio nazionale anti discriminazione razziale), che ha il compito di investigare su atti o espressioni accusati di avere carattere razzista e che attualmente - si legge - sta conducendo anche un’inchiesta su un discorso tenu-

“Preoccupano le misure che sono state prese sui clandestini” to durante un raduno della Lega Nord. Inoltre, per migliorare la situazione di Rom e Sinti è stato creato un fondo di 100 mln di euro. Nel rapporto, il Commissario Hammarberg ha anche scritto della ’mancata osservanza da parte dell’Italia delle richieste di sospendere l’esecuzione delle espul-

sioni verso Paesi sospettati di praticare la tortura’. Il governo rassicura il Consiglio d’Europa che sono state già prese tutta una serie di nuove misure per migliorare la situazione delle minoranze Rom e Sinti. “Le autorità italiane prendano in seria considerazione il giudizio del Consiglio d’Europa sui progressi insufficienti fatti nel nostro Paese nella lotta al razzismo”: è la raccomandazione della sezione italiana di Amnesty International. «Le preoccupazioni espresse dal

commissario Hammarberg - dice Riccardo Noury, portavoce italiano di Amnesty - meritano di esse-

re considerate con attenzione da parte delle autorità italiane. Da tempo, Amnesty International se-

Per Livia Turco del Pd oggi è una giornata nera sul fronte immigrazione. In poche ore cinque barconi

Lampedusa, continuano gli sbarchi

Livia Turco deputato Pd

PALERMO - È’ calmo, da ieri, il mare del Canale di Sicilia. E dal nordafrica sono ripresi i viaggi della speranza. In poche ore, cinque barconi, con a bordo, in tutto, più di 500

migranti, hanno solcato le acque del Mediter- dunque, approdare a Lampedusa o proseguiraneo diretti a Nord. Due hanno raggiunto il re verso Porto Empedocle, meta imposta, da porto di Lampedusa, uno è stato avvistato a mesi, alla maggior parte degli extracomunitapoche miglia dall’isola. Altre due imbarcazio- ri avvistati nelle acque delle Pelagie. Come ni sono state intercettate in acque di compe- quelli approdati stamattina nei tre sbarchi tenza maltese per gli intervenconsecutivi che hanno portati Sar. Gli extracomunitari Più di 500 to sull’isola, complessivamenche viaggiavano sulle due car- clandestini hanno te, 343 persone. Tra di loro rette, in tutto 154, sono stati solcato le acque anche 60 donne e due bambisoccorsi da un mercantile batni. Con la ripresa degli arrivi del Mediterraneo tente bandiera panamense, il sulle coste siciliane sono torPinar E. Le autorità de La Valletta, infatti, nate le polemiche sulla politica del Viminale ritengono che l’avvistamento sia avvenuto a sull’immigrazione. Di «giornata nera» per il 112 miglia dalle loro coste e che il porto più ministro dell’Interno ha parlato la deputata vicino sia quello della maggiore delle Pela- del Pd Livia Turco, sollecitando le dimissiogie. Il cargo con a bordo i migranti potrebbe, ni di Maroni.

gnala il pericolo che dichiarazioni, linguaggi e provvedimenti di natura discriminatoria possano non solo comportare una minore tutela per i diritti di gruppi di persone già vulnerabili (come migranti, richiedenti asilo e minoranze etniche) ma anche dare un segnale di via libera ad atti di natura violenta e xenofoba». Il rapporto del Consiglio d’Europa sul razzismo «è una bocciatura per l’Italia». Lo afferma Filippo Miraglia, responsabile immigrazione dell’Arci, per il quale il giudizio europeo è «più che condivisibile». È «La deriva razzista e la progressiva criminalizzazione degli stranieri in Italia hanno come causa principale l’immagine negativa che dà chi dello straniero chi ricopre ruoli istituzionali. Basta vedere come Maroni ha reagito alla bocciatura della Camera della norma relativa all’ allungamento dei termini nei Cie. Maroni ha detto sono furibondo». «Essere bacchettati dal Consiglio d’Europa sui progressi insufficienti dell’Italia nella lotta al razzismo - secondo Margherita Boniver, Pdl, presidente del comitato parlamentare di controllo sull’attuazione del trattato di Schengen - può significare una sola cosa: una scarsa informazione in tempo reale su come è vissuto il fenomeno dell’immigrazione clandestina in Italia».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 9

Attualità

In appello gliene danno sedici perché ha agito in preda a un raptus

Uxoricida sconterà la metà degli anni

POTENZA - Uno dei tanti omicidi passionali, stavolta legato alla gelosia di un marito incapace di accettare che la moglie potesse tornare libera e ricominciare una vita con a fianco un altro uomo. Insomma, si era trattato del classico ‘o con me o con nessun altro’. Un caso che a Potenza si era concluso con una condanna in primo grado a 30 anni. Ma la Corte d’Assise d’appello ha rivisto quella sentenza, dimezzando la pena a Francesco Panico, l’uomo che nel 2006 a Montescaglioso (Matera) ha ucciso la moglie a coltellate. «Ha colpito alla cieca perché in preda a un raptus di gelosia», questa la difesa del suo legale Emilio Nicola Buccico, che ha convinto la Corte d’Assise a condannare l’uxoricida a 16 anni di carcere, annullando la sentenza di primo grado. Ma la giustizia italiana non è fatta solo di sconti di pena e scarcerazioni ‘facili’. Se l’altro ieri la Cassazione aveva stabilito sanzioni per i giudici che liberarono

La Suprema Corte invece non fa sconti all’aiutante del mostro del Circeo

Angelo Izzo, uno dei mostri del Circeo, ieri è diventata definitiva la condanna a 30 anni di reclusione per Luca Palaia, l’uomo di 29 anni che ha aiutato Izzo nel duplice omicidio di Carmela Linciano e della figlia Valentina Maiorano avvenuto nel maggio 2005 in una villetta di Ferrazzano, a pochi chilometri da Campobasso. La Prima sezione penale della Cassazione ha infatti confermato la condanna a Palaia emessa il 27 novembre 2008 dalla Corte d’Assise d’Appello di Campobasso. In primo grado, il complice di Izzo era stato condannato a 24 anni di reclusione. Palaia venne arrestato il 30 maggio 2005 insieme a Izzo - che godeva del regime di semilibertà - e a Guido Palladino (proprietario della villetta), poche ore dopo il duplice omicidio avvenuto per soffocamento a opera di Izzo. Per questo nuovo efferato crimine il ’mostro del Circeo’ è stato condannato all’ergastolo. Palladino ha patteggiato una pena di tre anni e due mesi di reclusione.

Reazioni dalla Dda antimafia di Bari dopo il rilascio di presunti mafiosi per i ritardi del gup Respinte le critiche ai problemi causati dai maxiprocessi, sarebbe questione di organizzazione

Scarcerati per “debolezza” Il 28 aprile fissate le audizioni dei vertici giudiziari davanti al Csm ROMA - Il caso ha fatto sobbalzare sulla seggiola il ministro della giustizia Angelino Alfano, che non ha perso un secondo a sguinzagliare i suoi ispettori. Ma lo stesso organo di autogoverno delle toghe non è rimasto con le mani in mano, avviando un’istruttoria. C’è già la data delle audizioni: il 28 aprile la prima commissione del Consiglio superiore della magistratura sentirà i presidenti della Corte d’appello e del Tribunale di Bari e il capo dell’ufficio gip-gup per appronfondire le cause del mancato deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado per il maxiprocesso ’Eclissi’ da parte dell’allora gup Anna Rosa De Palo, oggi presidente del Tribunale per i minorenni. Il mancato adempimento ha avuto come conseguenza decine di scarcerazioni di presunti boss e narcotrafficanti legati al clan Strisciuglio. Era davvero impossibile per il gup, nel termine massimo di quindici mesi, depositare le motivazioni ed evitare di vanificare le carcercarazioni salutate a suo tempo come successo della Dda? Il presidente della sezione gip-gup del capoluogo, Giovanni Leonardi, mercoledì, scoppiato il ‘caso’, ha fatto riferimento a carichi di lavoro incompatibili con i termini di legge: istruire maxiprocessi come quello ‘Eclissi’ che vedeva imputate 160 persone (quasi tutte condannate in primo grado), aveva in particolare sottolineato, crea problemi gestionali, se affidati a un solo giudice con rito abbreviato. E anche la Camera penale di Bari ha ricollegato l’accaduto ai «limiti propri dei maxiprocessi» e alla «carenza di organico» nella magistratura barese. Ma sull’utilità di istruire maxiprocessi ieri è intervenuto il coordinatore della Dda di Bari, il procuratore aggiunto Marco Dinapoli: «Il compito della procura è raccogliere prove e sostenere l’accusa in giudizio. Le strategie processuali sono di nostra competenza e crediamo di operare nel migliore dei modi». «Se delinquono in tanti - ha continuato - non è colpa nostra. Cosi come non è colpa nostra se il sistema giudiziario

Radiato i giorni scorsi

Si riaccende la solidarietà a Edy Pinatto

Il caso di Bari riaccende i riflettori sui problemi della giustizia italiana: organici insufficienti e complessità gestionale

non è in grado di gestire queste situazioni». Secondo il coordinatore della Dda, «c’è una debolezza del sistema giustizia che è evidente. È l’organizzazione che non riesce a gestire una domanda di giustizia così elevata». Dello stesso tenore le dichiarazioni rese dal pm della Dda Desiré Digeronimo che ha istruito e sostenuto l’accu-

sa nel processo di primo grado al clan Strisciuglio: «La procura - ha sottolineato Digeronimo - ha l’obbligo di esercitare l’azione penale verso tutti coloro nei cui confronti emergano responsabilità penali nel rispetto delle norme del Codice di procedura penale che impongono, nel caso in cui si tratti di fatti connessi in modo soggettivo

ed oggettivo, di essere trattati in un unico processo. La frammentazione del materiale probatorio con una moltiplicazione di processi non risponde a logiche di strategia processuale, visto che i fatti da provare riguardano un unico clan mafioso, e spesso risulta di difficile gestione con il sistema dell’incompatibilità dei giudici». «Pro-

prio in considerazione della necessità di istruire un maxiprocesso ha concluso - da tempo gli uffici della Dda utilizzano il sistema della completa informatizzazione degli atti processuali che, attraverso i collegamenti ipertestuali, rendono possibile una visione completa ed organica del materiale probatorio acquisito».

BARI - La Dda di Bari non ha alcun elemento per poter riarrestare i 21 presunti mafiosi e trafficanti scarcerati mercoledì perché il giudice che il 16 gennaio 2008 li ha condannati non è riuscito finora a depositare le motivazioni. Negli ultimi tempi le indagini della procura antimafia - a quanto è dato sapere - hanno tra l’altro riguardato i nuovi affiliati al clan mafioso, ritenuto il più pericoloso e agguerrito di Bari che può contare su circa 300 ’arruolati’, tra uomini, donne e ragazzini. Proprio nei giorni in cui scoppia il caso analogo del giudice di Bari, si moltiplicano gli attestati di solidarietà all’ormai ex giudice Edy Pinatto, radiato dall’ordine per aver impiegato otto anni a scrivere le motivazioni di una sentenza. Un tam tam partito qualche giorno fa, quando le Sezioni Unite della Cassazione hanno rigettato il ricorso del magistrato contro il provvedimento del Csm.

I quattro che hanno seminato terrore sull’autostrada Piacenza-Torino uccidendo una donna ora sono a casa

Presto liberi i lanciatori di sassi dal cavalcavia In primo grado ebbero 27 anni ma a luglio avranno estinto il loro debito con la società soggetto a vari sconti nel tempo

Ai componenti della banda del cavalcavia, arrestati nel 1997, i 27 anni per omicidio volontario furono ridotti di un terzo in appello. Indulto e benefici vari hanno fatto il resto

ALESSANDRIA - Domiciliari per la banda del cavalcavia. I fratelli Franco, Paolo e Alessandro Furlan e il cugino Paolo Bertocco da alcuni giorni hanno lasciato il carcere di Ivrea (Torino) dove stavano scontando 18 anni e 4 mesi per il lancio di sassi dal cavalcavia dell’autostrada Piacenza-Torino che il 26 dicembre 1996 provocò la morte di Maria Letizia Berdini, che viaggiava in auto con il marito. I Furlan e Bertocco hanno ottenuto di scontare gli ultimi mesi in detenzione domiciliare nelle rispettive abitazioni di Tortona (Alessandria). Il fine pena scadrà all’ini-

lan e il cugino erano stati agli arresti domiciliari sino a luglio 2001, quando la condanna era diventata definitiva. In questi anni avevano già ottenuto dei permessi. Mentre Alessandro Furlan e Bertocco, dopo iniziali ammissioni, avevano poi ritrattato di aver fatto parte della «banda dei sassi», i fratelli Franco e Paolo hanno sempre sostenuto di essere estranei alla sassaiola. Erano finiti nell’inchiesta insieme ad un altro loro fratello, condannato in primo grado e assolto in appello, e Loredana Vezzaro e Roberto Siringo, assolti dalla Corte d’Assise.

zio di luglio: oltre ai tre anni dell’indulto, beneficiano della liberazione anticipata, 45 giorni ogni sei mesi di detenzione, concessa in base alla buona condotta. Condannati in primo grado a 27 anni e sei mesi per omicidio volontario della

Berdini e tentato omicidio di altri automobilisti in transito sull’autostrada, in appello avevano ottenuto lo sconto di un terzo per il rito abbreviato, sentenza confermata in Cassazione. Arrestati a metà gennaio 1997, dopo alcuni mesi di carcere, i Fur-


10 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Cronache in breve Piatti firmati in dono ai ristoranti ospitali MILANO - Piatti firmati da designer di fama in dono a quei ristoranti che, di tanto in tanto, decideranno di offrire gratuitamente un pranzo agli anziani assistiti dai servizi sociali del Comune di Milano. Un designer all’anno, fino al 2015, decorerà un piatto di ceramica che sarà offerto gratuitamente ai ristoranti, aderenti all’iniziativa ’Il piatto del cuore’ e poi sarà messo in vendita a un prezzo minimo di 50 euro.

La Klum, modella, stilista e conduttrice tv è sposata dal 2005 con Seal La donna ha già tre figli, due nati dal matrimonio con il cantante

Susanna Agnelli in convalescenza ROMA - Susanna Agnelli è ricoverata al policlinico Agostino Gemelli per i postumi di un intervento traumatologico all’anca e al femore, effettuato dopo che due settimane fa era caduta accidentalmente nel bagno di casa. La Agnelli, sorella dello scomparso Gianni, ha 86 anni è stata Ministro degli Esteri durante il governo Dini. Attualmente è presidente di Telethon. Il decorso sta procedendo regolarmente.

Firenze indisciplinata sulle quattro ruote FIRENZE - Otto fiorentini su dieci parcheggiano in seconda fila per fare una commissione veloce, e tre su dieci non esitano a suonare il clacson se l’auto che li precede non scatta al semaforo verde. Questi alcuni dati di un’indagine commissionata all’istituto di ricerca Nextplora e resi noti dal Centro studi e documentazione della compagnia di assicurazione Direct Line. Il sondaggio è stato compiuto due settimane fa su un campione di 500 cittadini.

Fu uccisa in pineta Al via secondo grado FIRENZE - È in svolgimento in Corte d’Assise d’Appello a Firenze il processo di secondo grado per la morte di Annalisa Vincentini, 24 anni, uccisa da un colpo di pistola il 19 agosto del 2002 nella pineta di Chioma, nel Livornese. Nel 2008 per l’omicidio venne condannato a 30 anni Andrei Orul.

Ponte pasquale Pochi turisti a Perugia ROMA - È un bilancio «fortemente negativo» quello tracciato dalla Federalberghi per l’andamento del turismo nell’ ultimo ponte pasquale in provincia di Perugia con il 70 per cento dei posti letto rimasti vuoti nello Spoletino e sulle rive del Trasimeno. Le tariffe invariate o diminuite non sono bastate a richiamare clienti.

PARIGI - Singolare protesta delle militanti del gruppo femminista «La Barbe» (la barba), che si sono appostate ieri mattina a Parigi all’entrata dell’assemblea generale del L’Oreal, per protestare contro la «dominazione maschile» ai vertici del gruppo, numero uno mondiale dei cosmetici. «Come in molti altri gruppi, ci sono troppe poche donne nel Consiglio di amministrazione della L’Oreal, tre donne su 14», ha denunciato un’attivista. «Eppure sappiamo che le donne se ne intendono di bellezza», ha aggiunto una collega. Il gruppo ha replicato affermando che «il numero di donne nel consiglio di amministrazione della L’Oreal supera il 20% in confronto alle aziende quotate in borsa, che è del 10», mentre «il 15% dei membri del comitato esecutivo sono donne contro il 6,3% in media per le aziende in borsa».

Muore Accame, studioso di destra ROMA - Giano Accame, giornalista, studioso, direttore del Secolo d’Italia, è stato uno degli intellettuali di primo piano della destra italiana. Morto ieri a Roma avrebbe compiuto 81 anni il 30 luglio - aveva un record unico tra i giovani di Salò: si arruolò la mattina del 25 aprile 1945: «La sera ero già in galera. Non ho mai fatto il miles gloriosus anche per questo. Avevo 16 anni», disse in una recente intervista.

Accoltella la moglie arrestato a Piombino PIOMBINO (LI) - Un cittadino marocchino, T.S. di 37 anni è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio aggravato per aver accoltellato alla gola la moglie, anch’essa originaria del Marocco, di 39 anni. Secondo la prima ricostruzione l’aggressione è nata in seguito a un litigio familiare. Per lei la prognosi è di 12 giorni. T.S., con precedenti a carico per reati contro la persona, è stato trasferito in carcere.

Donne “barbute” contro l’Oreal

Gli obesi sull’aereo pagano due biglietti La modella ha sfilato per gli stilisti più importanti della moda internazionale

Heidi, ti sorridono i bimbi

ROMA - Fiocco in arrivo per Heidi Klum e Seal: secondo il settimanale statunitense In Touch Weekly infatti la modella sarebbe incinta di quattro mesi: la notizia sarebbe confermata da alcune indiscrezioni riguardanti il nuovo guardaroba di Heidi, di alta moda ma indiscutibilmente pre-maman. Per la coppia si tratterebbe del quarto figlio: Seal è padre adottivo della prima figlia di Klum, Leni, mentre dalla modella ha avuto Henry e Johan. La versatile modella tedesca che è anche stilista

Nessun 6 né 5+

Mancano donatori L’appello nel Lazio ROMA - Quest’anno sono stati effettuati più di 3mila trapianti, ma il numero dei donatori non è sufficiente. Sono questi i dati resi noti dal presidente della regione Lazio, Piero Marrazzo. Su 5 milioni di abitanti solo 1.197 hanno espresso nella regione la volontà di donare. Per Marrazzo, nel Lazio, “servirebbero 50 donatori per ogni milione di abitanti, ora la media è al 21,1”.

Da Primavalle l’inizio di anni di violenza ROMA - «Da quest’atto di violenza è cominciata la lunga serie di morti di destra e di sinistra che hanno insanguinato, negli anni ’70, questa città per 10 anni». Alemanno, ha così ricordato Virgilio e Stefano Mattei nel giorno del 36/esimo anniversario del rogo di Primavalle avvenuto il 16 aprile 1973 e nel quale morirono i figli dell’allora segretario Msi della zona. Deponendo una corona d’alloro sotto le finestre dell’appartamento colpito, Alemanno ha definito l’attentato «uno degli atti di violenza più vigliacchi avuti in questa città».

e conduttrice televisiva aveva, nel 1992, ha rinunciato a laurearsi come fashion designer per calcare le passerelle. Turbolenta la sua vita sentimentale. Dopo il divorzio da Rin Pipino nel 2003, Heidi si fidanza prima con Anthony Kiedis, il cantante dei Red Hot Chili Peppers, e poi con Flavio Briatore. Con l’italiano la storia finisce nel 2004. Il 10 maggio 2005 Heidi si sposa in Messico in gran segreto con il cantante britannico Seal. A rivelarne le foto il magazine People.

Estrazioni del 16/04/2009 BARI

17

43

9

60

68

CAGLIARI

30

87

55

24

84

FIRENZE

54

23

72

19

30

GENOVA

17

1

37

59

14

MILANO

3

71

14

87

10

NAPOLI

38

83

6

63

67

9

68

66

56

13

ROMA

62

18

72

23

49

TORINO

28

82

87

22

57

VENEZIA

64

31

16

88

55

NAZIONALE

28

25

75

62

53

Jolly

Super Star

38

54

62

64

28

PALERMO

3

9

17

ANSA-CENTIMETRI

Nessun 6, nè 5+ al Superenalotto. Ai 5: 35.416,58 euro; ai 4: 249,06 euro; ai 3: 13,39 euro. Superstar. Al 5: 885.414,50 euro; ai 4: 24.906 euro; ai 3: 1.339 euro; ai 2: 100 euro; agli 1: 10 euro; agli 0: 5 euro

NEW YORK - Tempi duri per gli obesi: la United Airlines ha annunciato tariffe doppie per gli oversize. Il provvedimento - si legge in una nota della compagnia Usa riguarda quei passeggeri «impossibilitati a occupare una sola poltrona, che non riescono ad allacciare la cintura di sicurezza malgrado l’ausilio degli apparecchi di cinture addizionali per allargare la circonferenza, e che non riescono ad abbassare i braccioli che separano un posto dall’altro». Le nuove linee guida sono valide nei casi in cui i voli sono pieni e non è possibile assegnare ai passeggeri «in carne» due posti liberi. Misure analoghe sono già state adottate da Delta Air Lines e SouthWest Airlines.

Si è spento il nipote di Sigmund Freud LONDRA - Meglio conosciuto per la partecipazione a vari programmi radio e tv della Bbc e per aver prestato il volto a una pubblicità di cibo per cani, è morto Sir Clement Freud, nipote del celebre psicoanalista Sigmund e fratello dell’artista Lucian. Clement Freud aveva 84 anni e aveva lavorato come corrispondente sportivo ed enogastronomico, ristoratore, gestore di night club e deputato liberaldemocratico.

Strappa il Corano Gli bruciano casa SANA’A - Un cittadino dello Yemen strappa le pagine del Corano, il libro sacro dell’islam. Qualcuno lo vede addirittura «calpestare» il volume e va a dirlo in giro. I fedeli, radunatisi nella moschea del quartiere per la preghiera dell’alba del giorno dopo decidono di inviare una spedizione punitiva. Un gruppo di persone inferocite incendia la casa dell’uomo, il cui gesto avrebbe potuto anche costargli la vita. E’ quanto emerge da un articolo nelle pagine del quotidiano degli Emirati Arabi Uniti, ’Albayan’ che cita testimonianze oculari.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 11

Economia

Oltre 500 euro in più per mangiare, secondo le associazioni dei consumatori

L’inflazione torna al ’69 Ma la spesa è più cara L’inflazione in Eurolandia

disfazione di Scajola fanno da contraltare le dichiarazioni delle associazioni dei consumatori ma anche degli agricoltori. Adusbef e Federconsumatori ricordano che il calo del tasso di inflazione avviene a fronte di una forte contrazione dei consumi e che comunque i prezzi dei generi alimentari restano alti, tanto che nel 2009 le famiglie italiane dovranno spendere per l’alimentazione ben 564 euro l’anno in più. Da Codacons una stima ancora più salata: per gli alimenti arriva una stangata di 692 a famiglia. Quanto a Cia e Confagricoltura, protestano: mentre i prezzi nei campi vanno a picco, i prodotti alimentari venduti al dettaglio restano cari. Infine i commercianti. Puntano l’indice sul calo della domanda interna e la crisi economica. Confesercenti parla di dati confortanti per famiglie e imprese che però fanno intravedere un rischio deflazione. Mentre per il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, la «crisi dei consumi è strutturale e non si vedono segnali di ripresa».

Pesa in Europa l’effetto incentivi

Il mercato dell’auto riprende a correre E il Lingotto vola ROMA - Continua il recupero del mercato dell’auto in Europa sulla scia degli incentivi messi in campo sui maggiori mercati. A marzo secondo i dati diffusi dall’ Associazione costruttori europei dell’auto (Acea) - le immatricolazioni di auto nuove in Europa (27 paesi Ue più quelli Efta) sono ammontate a 1.506.249 unità, contenendo il passivo al 9,0% rispetto allo stesso mese del 2008 dopo i cali del 18,3% di febbraio e del 27% di gennaio. Gli incentivi fanno tornare il sereno anche in Italia (+0,2%) e in Francia (+8,0%) e fanno schizzare in alto il mercato tedesco (+39,9%), dove, come rileva il Centro Studi Promotor, sono state imponenti le risorse, fino a cinque miliardi di euro, stanziate dal governo per favorire la ripresa della domanda di auto. Su questi mercati in ripresa si distingue Fiat Group Automobiles, nel frattempo mobilitato per chiudere il matrimonio con Chrysler, a cui il presidente Montezemolo attribuisce un 50% di probabilità, riservandosi co- Il presidente Montezemolo munque un eventuale «piano B». Fga riporta in alto a marzo le immatricolazioni (+14,7%) e sale di quota al 9,2%, quasi due punti percentuali in più rispetto al pari mese 2008 (7,4%). Ottimi i risultati in Germania, con un balzo record del 212,8% e una quota al 7,6% che lo fa diventare il principale costruttore estero presente sul mercato tedesco. Ma riscontri positivi arrivano anche dalla Francia, dove Fga aumenta i volumi del 25,1%, tre volte tanto la crescita registrata dal mercato. E dopo un marzo in luce, anche aprile, secondo le previsioni dovrebbe proseguire positivo.

ROMA - Inflazione mai così bassa dal 1969. A marzo i prezzi al consumo hanno registrato un +0,1% rispetto a febbraio scorso e un +1,2% rispetto a marzo 2008, che segna appunto un record dal febbraio 1969 quando l’indice su base tendenziale fu dell’1,2%. Sempre in crescita, ma in frenata, i prezzi dei prodotti alimentari e della spesa quotidiana e con segno meno sono i prezzi della benzina su base tendenziale. La conferma arriva dall’Istat. Soddisfatto il ministro dello Sviluppo economico, Scajola, che parla di consumi «stabili» e segnali «incoraggianti». Critici i consumatori: fanno notare che i prezzi degli alimenti restano alti e prevedono ’stangate’ per le famiglie nel 2009. A marzo frena la crescita dei prezzi dei prodotti della spesa di tutti i giorni e i prodotti alimentari. Per il raggruppamento dei prodotti acquistati con maggior frequenza si registra un aumento dello 0,1% rispetto a febbraio e dell’1,1% su marzo 2008, in ral-

lentamento rispetto a febbraio scorso quando l’incremento era risultato pari all’1,6%. Cresce su base tendenziale del 3% il capitolo ’Prodotti alimentari e bevande alcoliche’ e frena la crescita tendenziale dei prezzi di pane e cereali che registrano un +4,4% rispetto

Intesa tra Abi e sindacato

Per circa un terzo delle aziende l’ostacolo maggiore alla crescita è la mancanza di risorse

Cassa integrazione Anticipa la banca ROMA - I lavoratori sospesi dal lavoro a zero ore e in attesa del pagamento dall’Inps della Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria potranno ritirarla anticipatamente allo sportello bancario. Questo l’obiettivo dell’accordo fra l’Associazione Bancaria Italiana (Abi) e le Organizzazioni sindacali confederali e di categoria (Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Dircredito-Fd, Fabi, Fiba/Cisl, Fisac/Cgil, Silcea, Sinfub, Ugl Credito e Uilca). L’accordo, che riprende quello siglato da diverse banche, è nato «alla luce della situazione economica in atto nel Paese, per cui sono sempre più opportune la convergenza delle azioni ed il rafforzamento della collaborazione tra gli attori sociali». Abi e sindacati hanno così definito una procedura attraverso la quale le banche aderenti alla convenzione anticipano, in attesa del pagamento diretto da parte dell’Inps, i trattamenti di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria a favore di coloro che sono stati sospesi dal lavoro a zero ore. L’anticipazione delle indennità può essere richiesta dal lavoratore fino all’80% della retribuzione con un massimo di 900 euro mensili. In base alla convenzione, le banche aderenti valuteranno l’adozione di condizioni di favore per evitare oneri aggiuntivi in coerenza alle finalità e alla valenza sociale dell’iniziativa. Il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi conferma, intanto, l’allungamento della Cassa integrazione ordinaria, così come chiesto nelle scorse settimane dalla Cgil che sollecitava un raddoppio delle 52 settimane attualmente previsto. Il ministro del Lavoro ha assicurato che il cosiddetto allungamento avviene grazie a due circolari Inps: la prima che uscirà nei prossimi giorni che garantisce un conteggio diverso delle settimane, e la seconda che avvia una sorta di «ordinarizzazione della Cig straordinaria».

Variazione % annua dei prezzi al consumo 5 4 3

Area Euro 3,6 3,6 3,6

3,3

3,7

Italia (indice armonizzato europeo) 4,0 4,0

4,2

3,9

4,0 4,0 3,8 3,7 3,6

2

3,6

3,2

0,6

2,7 2,4 2,1

1,4 1,5 1,6

1

1,1

1,1

1,2

0

MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC GEN FEB MAR 2008 2009 Fonte: Eurostat/Istat ANSA-CENTIMETRI

al marzo 2008 (a febbraio la crescita annua era del 5,6%). Passando alla benzina, c’è un «sensibile» aumento congiunturale (+1,8%), ma l’aumento tendenziale scende a -15,9% (dal -15,7% registrato a febbraio). Passando alla lettura dei dati diffusi dall’Istat, alla sod-

Soffre l’80% delle piccole imprese del Sud E più della metà non farà investimenti

A essere più esposte alla crisi sono quelle dei servizi e del commercio BARI - Oltre l’80% delle piccole e medie imprese (Pmi) del Mezzogiorno risente in modo significativo della crisi economica, tanto che più della loro metà (il 54,9%) non farà investimenti sino al 2010. Non solo, ma il 38,1% delle stesse imprese ritiene di essere ostacolato da vari fattori nel tentativo di fare ricerca e innovazione, un’impresa su due fa fronte con difficoltà al proprio fabbisogno finanziario e il rapporto con le banche resta comunque difficile. È quanto emerge da una ricerca Confcommercio-Format su Mezzogiorno e Pmi presentata in un convegno di Confcommercio nell’ambito della tappa a Bari del Roadshow Pmi. Per circa un terzo delle imprese del Sud l’ostacolo maggiore all’avvio di programmi d’investimento è la mancanza di risorse, mentre il 31,6% delle Pmi investirebbe con l’aiuto pubblico. Ad essere più esposte alla crisi sono le imprese del commercio e dei servizi, in particolare per il calo delle vendite (69,2%), l’aumento dei prezzi praticati dai fornitori (36,8%) e l’accesso al credito (23,3%). Le difficoltà finanziarie delle piccole e medie imprese del Sud sono legate inoltre al ritardo e all’irregolarità dei pagamenti (48,7% e 43,9%) e al fatturato insufficiente (22,1%). Quanto all’offerta di finanziamenti da parte delle banche, il 38,4% delle Pmi rileva una riduzione del credito disponibile, il 33,4% segnala un peggioramento dei tempi di durata del credito e il 34,2% riscontra un aumento dei costi di istruttoria.

Guardando al futuro l’85% delle Pmi ritiene che gli interventi strutturali più importanti e urgenti debbano riguardare le agevolazioni finanziarie

Guardando al futuro, l’85% delle piccole e medie imprese ritiene che gli interventi strutturali più importanti e urgenti debbano riguar-

dare le agevolazioni finanziarie. Seguono la realizzazione o il miglioramento delle infrastrutture di trasporto, quali strade e autostrade

(75,8%), ferrovie (69%) e aeroporti (59,9%) e il miglioramento della sicurezza del territorio (69,1%). Il 68,2% delle Pmi del Mezzogiorno, in prevalenza le imprese di maggiori dimensioni di Campania, Calabria e Puglia, ritiene ’molto’ o ’abbastanza’ utile l’idea di una ’Banca per il Sud’, cioè di una banca dedicata agli investimenti nel Meridione. Un rapporto diverso con il sistema bancario, misure di sostegno agli investimenti e in generale agevolazioni fiscali, infine un impegno determinato nei confronti della legalità e della sicurezza: sono queste in sintesi le priorità chieste dalle piccole e medie imprese per uscire dalla crisi. A richiamarle è stato il presidente nazionale di Confcommercio, Carlo Sangalli.

La presidente Marcegaglia: puntare su economia verde e risparmio energetico

Da Confindustria un cauto ottimismo “Deboli segnali che il peggio è passato”

ROMA - La situazione economica resta difficile ma si intravedono primi segnali di un’uscita dal tunnel che consentono all’Italia di ritornare sul cammino della crescita. A sostenerlo è il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, che a margine della X lezione Angelo Costa alla Luiss osserva: «Certo la congiuntura rimane complicata, ma emerge qualche debole indicatore che il peggio lo abbiamo visto. Possiamo cominciare un difficile cammino di ritorno alla crescita». «Ora che ci sono i primi segnali di miglioramento. Dobbiamo riflettere - afferma Marcegaglia - su quale sarà il mondo che avremo davanti quando usciremo dalla crisi». Secondo il numero uno di Confindustria bisognerà «cavalcare i nuovi driver di crescita». In primis «servirà più capitale e quindi bisognerà spin-

gere per una maggiore aggregazione e capitalizzazione delle imprese perchè l’accesso al credito sarà difficile». Poi si dovrà puntare sull’«economia verde» che la Marcegaglia definisce come «nuova grande frontiera industriale» e aggiunge: «vogliamo essere protagonisti di questa nuova frontiera, vogliamo cavalcarla e ridurre il gap rispetto ad altri Paesi come la Germania». Proprio sull’economia verde e sul risparmio energetico insiste il leader degli industriali che propone, in occasione del G8 delle imprese in calendario per la prossima settimana, di «studiare un meccanismo globale che porti ad un accordo internazionale». E osserva: «Stiamo ragionando sulla logica della carbon tax. Condivido il fatto che possa essere un meccanismo di pressione importante verso i paesi che non aderiscono all’accordo».

Per un negozio su due

Denaro di “plastica” megliodei contanti ROMA - Un commerciante su due preferisce i pagamenti con il ’denaro di plastica’ rispetto a quelli in contanti. È il risultato di un sondaggio realizzato dall’Ispo per la campagna promossa da Pagobancomat e Visa per favorire la diffusione delle carte di pagamento. Ridurre i pagamenti in contante - sottolineano Visa e Pagobancomat - «per i negozianti vuol dire aumentare la sicurezza contro furti, rapine e falsi, e allo stesso tempo migliorare la gestione del proprio bilancio. Per questo, un numero sempre maggiore di negozi grandi e piccoli accettano il denaro di plastica: il 93% degli esercizi commerciali ha un Pos». Oltre la metà degli esercenti (52%), secondo l’Ispo, preferisce quindi i pagamenti con le carte a quelli in contante e «questo è vero soprattutto per chi gestisce un’attività più grande: il 59% degli esercenti con più di 5 dipendenti predilige la moneta elettronica, contro il 46% di quelli con un solo dipendente». Altro fattore discriminante per la scelta tra carte e contante è l’importo del pagamento: il 52% dei commercianti vede di buon occhio il denaro di plastica soprattutto per le transazioni al di sopra dei 20 euro. Rispetto alle preferenze dei consumatori, poi, quasi la metà dei negozianti è convinto che i clienti preferiscano pagare con le carte (46%), ma le proporzioni cambiano in modo significativo se si considerano solo le risposte di quelli che hanno (73%) o non hanno il Pos (21%), oppure se si focalizza l’attenzione su singoli settori, come ad esempio gli alberghi e i ristoranti (71%) o le agenzie di viaggio e gli autonoleggi (82%). Inoltre, secondo più di un terzo degli intervistati i clienti evitano, se possono, gli esercizi che non accettano il denaro di plastica (36%), soprattutto quando devono acquistare un prodotto al dettaglio (48%), scegliere un albergo o un ristorante (49%), prenotare un viaggio o noleggiare un’auto (52%).


12 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Economia

Chieste misure urgenti per il rilancio del comparto Dal governo un fondo di 20 milioni per i prepensionamenti

L’editoria, il grande malato Il settore esce da un 2008 difficile Il 2009 si annuncia pure peggio

Primi spiragli a partire dal 2010

Crolla la pubblicità e la crisi si aggrava

ROMA - Nel periodo 2007-2008 ammontare (-2%), interrompenil mercato dell’editoria giornali- do la fase di leggera ripresa che, stica ha registrato una fase di ri- dopo un quinquennio negativo, piegamento in tutte le sue com- si era manifestata nel 2006 ponenti e sul piano pubblicitario (+0,9%). Nel 2008 si può stimaè in atto una forre una contraziote diminuzione ne degli utili deldegli investimenl’ordine del 30% ti. La fase recessied un contempova è prevista in raneo raddoppio attenuazione soldelle perdite. tanto nel 2010. Nel 2000 i ricavi In particolare i pubblicitari rapricavi dei quotipresentavano il diani si sono con58% del fatturatratti più veloceto editoriale dei mente dei costi. quotidiani. Nel Nel 2007 ad una 2007 - spiega la flessione del fatFieg - l’incidenturato editoriale za si è ridotta al dell’1,4% aveva Carlo Malinconico 49,4%. Dopo fatto riscontro l’incremento del un calo molto più contenuto dei 2007 (+3,1%), il mercato pubblicosti operativi (-0,8%) con conse- citario ha accusato nel 2008 una guente riduzione del margine flessione del 2,8%. Il calo è culoperativo lordo aggregato minato nel dicembre 2008: ri(-7,7%). Nel 2008 per i ricavi spetto allo stesso mese 2007, ha operativi c’è stata una flessione fatto registrare una variazione nedel 4,3%, imputabile al calo dei gativa del 10%. Tutti i mezzi hanricavi da pubblicità (-6,0%) e no sofferto questo andamento, in vendite (-2%). Il margine operati- particolare la stampa. Ma a prevo lordo aggregato è diminuito di occupare è, soprattutto, concluoltre il 61%, attestandosi intorno de il rapporto Fieg, il calo della al 3% del fatturato editoriale. Le commerciale nazionale (-9,5%) vendite medie a numero hanno che rappresenta il bacino dal fatto registrare nel 2007 e nel quale i quotidiani hanno attinto 2008 due flessioni dello stesso le maggiori risorse.

I sottosegretari alla presidenza del Consiglio Gianni Letta (sx) e Paolo Bonaiuti (dx) con il presidente della Fieg, Carlo Malinconico

Angela Majoli

ROMA - L’editoria esce da un 2008 «difficilissimo», ma il 2009 potrebbe rivelarsi peggiore, se non saranno adottate «misure prioritarie e urgenti di rilancio del settore»: nell’attuale contesto, infatti, «le imprese non possono sopravvivere», «nè essere pronte a riprendere a pieno regime l’attività quando si avvierà la ripresa». È l’appello lanciato dal presidente della Federazione italiana editori giornali (Fieg), Carlo Malinconico, a Governo e Parlamento. L’occasione è stata l’assemblea annuale della Fieg, alla presenza, tra gli altri, dei sottosegretari alla presidenza del Consiglio Gianni Letta e Paolo Bonaiuti e del nuovo capo del Dipartimento editoria Elisa Grande. Per il governo, «la partita più urgente è la difesa dei posti di lavoro», ha commentato Bonaiuti, annunciando che a breve sarà aperto il tavolo, con la collaborazione del ministro del Welfare Maurizio Sacconi, per destinare i fondi per i prepensionamenti, per i quali però «lo stanziamento di 20 milioni rappresenta un limite insuperabile». In prospettiva, verranno poi gli Stati generali del settore e «una legge di sistema condivisa». Nella ricetta anticrisi degli editori, ha spiegato Malinconico, prioritari sono «gli interventi per rendere ef-

fettivo il quadro degli ammortizzatori sociali» anche «in situazioni di crisi prospettica». Ma servono anche «misure di carattere anticongiunturale, ha aggiunto il presidente della Fieg, da disporre in via d’urgenza e per »almeno due anni«, tempo utile a superare l’emergenza. In testa alle richieste della Fieg, «la reintroduzione del credito d’imposta per l’acquisto (o il consumo) della carta». Poi «la previsione, sulla scorta dell’esperienza di alcuni Paesi europei, di un’ulteriore riduzione dell’aliquota agevolata per l’Iva per il

comparto dell’editoria; la detassazione degli utili reinvestiti in misura incrementale rispetto all’anno precedente in campagne pubblicitarie e in iniziative di promozione della lettura; l’esclusione del costo del lavoro giornalistico dal calcolo della base imponibile ai fini Irap; un compiuto sistema di responsabilità e sanzioni per assicurare il rispetto delle disposizioni in materia di pubblicità istituzionale sulla carta stampata, disposizioni secondo cui il 60% (fino al 2012, il 50% dal 2013) della spesa per acquisti di spazi pubblicitari deve essere destinata alla stampa». Tali misure, ha

detto Malinconico, potrebbero essere in gran parte finanziate con i risparmi ottenuti anticipando la norma del nuovo regolamento per l’editoria secondo la quale il debito di Palazzo Chigi nei confronti di Poste per le tariffe di abbonamento postale va rapportato «a condizioni di mercato». In vista degli Stati generali dell’editoria, attesi con favore dalla Fieg come iniziativa utile per formare un panorama completo per il legislatore e quindi come primo passo verso una riforma di sistema, Malinconico ha anche suggerito misure complementari per il sostegno e il rilancio delle imprese editoriali. Tra queste, la creazione di un fondo per la nuova occupazione, la formazione e la multimedialità; forme di sostegno alla modernizzazione della rete delle edicole e della distribuzione dei giornali; il riconoscimento economico dello sfruttamento dei contenuti giornalistici nelle rassegne stampa; il finanziamento di una campagna nazionale per la promozione della lettura con la previsione di una settimana dedicata a tale obiettivo. Proposta, quest’ultima, alla quale il governo sta già lavorando, ha ribadito Bonaiuti. L’editoria, ha detto in conclusione Malinconico, va «stimolata e incoraggiata, se del caso richiamata a compiere scelte severe».

L’indice Mibtel è salito dell’1,77% a 14.371 punti mentre lo S&P/Mib è cresciuto dell’1,93% a quota 18.154

Piazza Affari col segno più, volano gli assicurativi Prosegue il momento Le chiusure delle Borse sì di Fiat Dow Jones New York * +0,67 Bene i bancari Cede Mediaset Nasdaq MILANO - Seduta di alti e bassi, comunque più che positiva per Piazza Affari, che ha chiuso in rialzo: l’indice Mibtel è salito dell’1,77% a 14.371 punti mentre lo S&P/Mib è cresciuto dell’1,93% a quota 18.154. Gran corsa per alcuni titoli assicurativi, bene anche i bancari e Fiat. Boom per Fondiaria e Unipol, più cauta Generali In un contesto solido per i titoli assicurativi europei (l’indice Dj Stoxx di settore è cresciuto poco meno di tre punti percentuali), Fondiaria Sai, finita anche in asta di mobilità verso fine seduta per un eccessivo strappo al rialzo, è salita del 15,85% finale a 11,51 euro, mentre Unipol, il cui amministratore delegato Carlo Salvatori ha previsto il primo trimestre dell’anno positivo, è aumentata del 10,45% a quota 0,86. Anche Mediolanum è in forte ripresa (+8,19% a 3,13), mentre più cauto è stato il titolo Generali, in aumento comunque del 2,66% a 14,65 euro. Gli operatori di Borsa indicano un riposizionamento degli investitori su un comparto che meno di quello bancario aveva seguito il re-

New York *

+1,84

Parigi

+1,76

Londra

+2,13

Milano

+1,77

Amsterdam

+1,10

Zurigo

+1,94

Francoforte

+1,31

Tokyo

+0,14

Hong Kong

*dati di metà giornata

I dati economici Usa evidenziano una stabilizzazione

Giù i sussidi disoccupazione I listini europei festeggiano MILANO - Le Borse europee festeggiano l’inatteso calo nelle richieste di sussidi di disoccupazione Usa. Gli utili comunicati da colossi del calibro di Nokia e JpMorgan Chase hanno contribuito ad aumentare la fiducia sul fatto che il peggio della recessione sia ormai alle spalle. Brillanti Credit Suisse (+6,9%) e Deutsche Bank (+5,2%), galvanizzate dalla notizia di un utile superiore alle attese messo a segno nel trimestre da JpMorgan. Il gigante dei telefonini Nokia è salito invece dell’8,9%, dopo aver assicurato che raggiungerà gli obiettivi di redditività. Vivace il comparto siderurgico, dopo che il Credit Suisse ha promosso il giudizio sull’intero settore, con ArcelorMittal in crescita del 2,7%. «I dati economici - ha spiegato un gestore - stanno evidenziando alcuni segnali di stabilizzazione. I numeri stanno diventando meno brutti e stanno dando coraggio agli investitori per tornare di nuovo sul mercato». In giornata è risultato migliore delle previsioni anche l’indice della Fed di Filadelfia, che sintetizza l’andamento del comparto manifatturiero nel distretto industriale statunitense, salito ad aprile a -24,4 da un calo di 35 a marzo. Tra le ’blue chip’ del Vecchio Continente Barclays ha segnato un balzo dell’8,2%, dopo che il presidente Robert Diamond ha commentato i risultati migliori delle attese realizzati da Goldman Sachs e da Wells Fargo non sono da considerarsi un caso isolato.

-0,55 ANSA-CENTIMETRI

cupero delle ultime settimane Bene i bancari, forti anche Saipem e Impregilo Buona giornata in Piazza Affari anche per i titoli del credito dopo che Jp Morgan, la seconda banca statunitense, ha chiuso il primo trimestre con un utile a 2,14 miliardi di dollari, fa-

cendo meglio delle previsioni. Sul listino milanese il titolo Mediobanca è cresciuto del 5,50% a 7,38 euro, Monte dei Paschi di Siena del 3,52% a 1,26, Unicredit del 3,28% a 1,82, Ubi banca del 2,98% a 9,69, Banca popolare di Milano dell’1,91% a 4,12, Intesa SanPaolo del-

l’1,09% a 2,31 euro. Tra i titoli a minor capitalizzazione del comparto, spicca il rialzo del 19,40% a 0,8 euro registrato da Banca Profilo. Tra altri ’big’ del listino, molto bene hanno chiuso Saipem e Impregilo, in aumento finale dell’8,16% a 15,51 euro e del 6,02% a quota

2,33. Fiat cresce dopo dati vendita, bene Pirelli Anche grazie ai dati sulle immatricolazioni delle auto in Europa sostenute dagli incentivi statali e al buon risultato societario con il guadagno di due punti percentuali nella quota di mercato con-

Seduta più che positiva per Piazza Affari che ha chiuso in rialzo grazie anche al boom dei titoli assicurativi

tinentale, Fiat ha registrato una seduta di ulteriore consolidamento in Borsa: il titolo ha chiuso in crescita del 2,36% a 7,17 euro, tra scambi comunque leggermente inferiori alla media dell’ultimo mese di contrattazioni. In aumento anche il risultato finale di Pirelli (+1,13% a 0,25 euro), mentre ha chiuso in forte calo la controllata del settore immobiliare Pirelli Re, scesa dell’8,34% a 4,56 euro dopo i forti rialzi delle ultime sedute. Domani è in programma l’assemblea della società. Mediaset cede su taglio rating e ipotesi su Telecinco Le ipotesi di fusione tra reti televisive private in Spagna, compresa la controllata di Mediaset, Telecinco, e la decisione di Goldman Sachs di tagliare il rating da ’buy’ a ’neutral’, lasciando comunque invariato il prezzo obiettivo a 5,50 euro, non hanno fatto bene al titolo Mediaset, che è sceso del 2,15% a 3,86 euro. Tra i titoli principali, deboli anche Finmeccanica (-0,95% a 9,41 euro) e Parmalat (-0,67% a 1,63), mentre Telecom Italia ha registrato una limatura dello 0,38% a 1,04 euro.


PAGINA 13

CALABRIA il Domani

Venerdì 17 Aprile 2009

www.ildomani.it

I Carabinieri di Roma hanno scoperto un’organizzazione di falsari attiva in più regioni

Il presidente di Federfarma spiega il rifiuto dei 6 milioni

Soldi falsi, arresti anche in Calabria

Defilippo attacca: «La proposta della Regione era inaccettabile»

Si parla di un sequestro di un’ingente quantità di denaro, milioni di euro di Alessandro Caruso ROMA - Altro che una roba da “Banda degli onesti”. L’operazione che è stata condotta dal Comando dei Carabinieri Antifalsificazione Monetaria di Roma, ha portato alla scoperta di una vera e propria organizzazione che aveva fatto della produzione di banconote false un’attività di assoluta rilevanza, con estensione in varie regioni del Centro Sud e con un “fatturato” anche non trascurabile. Si parla, infatti, di un sequestro di un’ ingente quantità di banconote false per un valore che ammonterebbe a diversi milioni di euro. L’operazione “Michelangelo”, così è stata battezzata, che è stata portata avanti dai Carabinieri di Roma con il supporto dei comandi competenti per territorio, è cominciata dalle prime ore della giornata di ieri ed è stata diretta a disarticolare una complessa organizzazione criminale dedita alla produzione e distribuzione di banconote false. Le indagini finora hanno circoscritto la rete di distribuzione di queste banconote in varie regioni del Centro-sud: la Calabria, la Campania, la Puglia e il Lazio. In queste regioni, per adesso, sono già state emesse le prime misure cautelari in carcere nei confronti di otto persone. Si tratta di un’organizzazione sulle cui tracce le forze dell’ordine indagavano già da tempo e che si intrecci anche con altre piste risalenti a qualche anno fa, ma localizzate nella stessa area geografica. Percominciaresipotrebbericordare, ad esempio, che questa operazione, coordinata dalla Procura di

L’operazione Michelangelo, così è stata battezzata, è cominciata dalle prime ore della giornata di ieri e ha portato finora all’arresto di otto persone in più regioni. Anche in Calabria

Alcune banconote false

Napoli – sezione ambiente e territorio - scaturisce da un’indagine avviata nel settembre 2007 nei confronti di un’associazione per delinquere finalizzata alla falsificazione di documenti d’identità. Ma si può anche risalire a circa un anno fa, quando a Melissano, in provincia di Lecce, fu sgominata un’organizzazione che aveva fatto della produzione di valuta falsa un vero e proprio business, che si ramificava in varie zone d’Europa, perché una parte di banconote false sarebbe dovuta restare nel Salento, mentre un’altra fetta dei 10 milioni di euro falsi in tagli di banconote da 50 avrebbe dovuto raggiungere la Campania. Il resto in Svizzera e Austria, nei Paesi della Comunità europea in generale, ma anche nelle città dell’Est, dove l’Euro è tuttora una valuta non proprio corrente e per questo più facilitata a mischiarsi con la cartamoneta “buona” che sforna la Banca centrale europea. In quel caso era stata proprio questa particolare forma complessa di distribuzione a fare inserire il gruppo dei falsari, scoperti dai carabinieri del “Nucleo operativo antifalsificazioni monetarie (Noam) di Roma e dai militari della Compagnia di Casarano, in una più ampia organizzazione di contraffattori a livello internazionale.

Nel caso dell’operazione “Michelangelo”, invece, sempre a Melissano è stata smantellata una stamperia clandestina completamente attrezzata e utilizzata dal gruppo criminale per produrre le banconote false appartenenti ad una insidiosissima tipologia di contraffazione offset. Ancora non si sa se le due operazioni siano collegate, ma di certo c’è che l’operazione, portata a termine dai Carabinieri di Roma, ha avuto senz’altro il merito di portare alla luce un’attività che per quantità di denaro contraffatto e per vastità della zona interessata da questo traffico, si qualifica come una delle più grandi e più importanti degli ultimi tempi.

Anche un anno fa era stata scoperta un’organizzazione che falsificava e distribuiva valuta falsa e che aveva la sua base a Melissano, dove ora è stata smantellata una stamperia

Le motivazioni del Riesame sul sequestro dell’archivio dell’ex consulente

Genchi ha agito secondo le norme ROMA - Gioacchino Genchi non ha violato le guarentige dei parlamentari interessati all’acquisizione dei tabulati del traffico telefonico. Il consulente acquisì i tabulati "agendo di volta in volta in forza al decreto autorizzatorio emesso dal pm LuigiDeMagistriscomunicandogli ogni emergenza di conoscenza storica circa il coinvolgimento di membri del Parlamento come soggetti intestatari delle utenze". È uno dei passaggi delle motivazioni del Tribunale del Riesame di Roma, che lo scorso 8 aprile aveva annullato il sequestro del cosiddetto Archivio Genchi, chiesto e ottenuto dalla procura. In due diversi provvedimenti, rispettivamente di 22 e 12 pagine, il Riesame, presieduto

dal giudice Francesco Taurisano, spiega che Gioacchino Genchi, indagato di abuso d’ufficio (la raccolta dei tabulati doveva avvenire previa autorizzazione alla Camera) e accesso abusivo a sistema informatico, ha agito su disposizione dell’ex pm De Magistris e che se non lo avesse fatto sarebbe venuto meno al suo incarico violando la legge. Per quanto riguarda l’accesso, ritenuto illecito, alla anagrafe dell’Agenzia delle Entrate il Riesame osserva che Genchi "non ha arrecato nocumento" ai soggetti interessati alla raccolta dei dati. "L’ipotesi di diffusione dei dati - si legge nel provvedimento - non argomentata dal pm esige che i dati personali siano comunicati a più

soggetti indeterminati". L’inchiesta sul presunto archivio dell’ex consulente dell’ex pm Luigi De Magistris è coordinata dagli aggiunti, Nello Rossi e Achille Toro, e dal pm Andrea De Gasperis. Il fascicolo per le ipotesi di reato di abuso d’ufficio, accesso abusivo a sistema informatico, era stato aperto in seguito alla trasmissione degli atti, compresa l’imponente messe dati (milioni di utenze telefoniche) trasmessa nell’ambito dei fascicoli "Why not" e "Poseidone",dallaprocuragenerale di Catanzaro che aveva avocato le stesse inchieste affidate all’ex pm Luigi De Magistris, poi trasferito a Napoli. A.C

ROMA - Federfarma torna sulla questione della gestione sanitaria in Calabria e sulle motivazioni che l’avrebbero spinta a rifiutare la proposta di sei milioni di euro dalla Regione. E a parlare è il presidente Vincenzo Defilippo: «Il mancato accordo tra Federfarma e Regione Calabria, è il rifiuto di una proposta assurda che si cela dietro ragioni di risparmio di spesa pubblica, ma che di fatto danneggerebbe i cittadini, costretti in mancanza di accordo a fare riferimento alle farmacie territoriali, in luogo del farmacista di fiducia o semplicemente di zona». Guerzoni, secondo Defilippo, non può far finta di disconoscere i disagi che deriverebbero alla popolazione dalla mancanza di capillarità delle farmacie territoriali.« Per non parlare dei Servizi che da tempo le farmacie private calabresi prestano a favore del proprio bacino d’utenza - aggiunge il presidente di Federfarma - senza riscontro economico alcuno, a differenza di quanto accade in altre Regioni d’ Italia». Il riferimento è al fatto che Guerzoni abbia elogiato il sistema iniziato dall’Emilia Romagna e dalla Sardegna, dove proposte analoghe da parte delle rispettive regioni sono state accettate.«Ha omesso di rilevare - ha affermato Defilippo - che la conformazione geografica della Sardegna, per citarne una, è molto diversa dalla nostra e questo basta a fare la differenza se si vuole tenere in primo piano l’interesse dei cittadini. È estremamente facile ergersi a primo della classe attribuendo ad altri la responsabilità dell’insuccesso». La proposta avanzata da Guerzoni, sostiene Federfama , è fatta per essere respinta. È al di sotto della media nazionale, è tanto antiremunerativa per i farmacisti quanto antieconomica per la Regione Calabria. «Dove sta il risparmio tanto agognato? Non sono le farmacie private ad “alzare il tiro” ma la concretezza di chi, più di tutti, quotidianamente ha contatti con i fruitori di un servizio dovuto e che ritiene di avere il compito di portare nella farmacia quante più pre-

Al centro Vincenzo Defilippo

stazioni possibili, oltre al singolo farmaco». Secondo gli studi fatti dalla Federazione dei farmacisti il risparmio generato dalla mancata remunerazione della distribuzione, non è la giusta soluzione alla grave situazione di bilancio della spesa sanitaria regionale perché il taglio oltre ad essere solo apparente sarebbe di certo un taglio alla qualità ed ai servizi. La distribuzione diretta dei farmaci ad alto costo rappresenterebbe un ulteriore peso da gestire per la Regione. Se i farmacisti di farmacia privata chiedono la distribuzione per conto con un rimborso spese di 10 euro a pezzo in luogo dei 6 proposti è perché sanno di poter dare di più al cittadino. Anche Franco Corbelli, Responsabile Nazionale del movimento Diritti Civili concorda con Federfarma perché il risultato finale del sistema ipotizzato da Guerzoni allontanerebbe il cittadino dal Servizio Pubblico laddove il binomio farmaco-malato deve farsi più stretto:« L’invito rivolto da Guerzoni alla delegazione di Federfarma Calabria di provvedere a cambiare i politici per ottenere ciò che oggi la Regione rifiuta di concedere - dice Corbelli contiene l’implicita ammissione dellasoggettivitàeparzialitàdelle decisioni assunte per conto della Regione stessa da un organismo, quale è l’Assessorato alla Salute, dal compito molto difficile e delicato. Diversamente non si spiegherebbe perché lo stesso auspichi per Federfarma un ricambio dei soggetti al potere». Alessio De Grano


14 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

CALABRIA INCHIESTA Dove vanno i nostri conterrai in cerca di sesso a pagamento

Le vacanze erotiche dei calabresi Fausto da Catanzaro: "mi scialai proprio". Tonino da Reggio: "quanto viagra"! di Ludovico Casaburi In loco, c’è poco da fare, diventa complicato. Il paese è piccolo, e come si dice, la gente mormora. Essere scoperti con le mani nel sacco non è poi così raro, dunque meglio evitare. In strada, non c’è cosi tanta "scelta": la vendita al "dettaglio" di sesso è pressoché inensistente. Qualche sporadica apparizione di una asiatica, di una nigeriana o, magari, qualche massaggiatrice a domicilio ma nulla di più "organizzato", nulla di più "caratteristico". E allora, ci siamo chiesti, i calabresi che si dilettano con il sesso a pagamento, che voglio osare o strafare dove vanno? Frugando qua e là, sentendo un pò di appassionati clienti (rigorosamente anonimi) e di interessate agenzie di viaggio abbiamo trovato la risposta: in vacanza! La caliente Cuba, l’esotica Thailandia o il sempreverde Brasile (moda o no, sono non meno di 80.000 le partenze italiane ogni anno verso il "sambodromo" a cielo aperto). Ma anche l’inossidabile Est europeo (Ungheria su tutte), piuttosto che Austria, Germania e la novità Svizzera (Ginevra e Zurigo sono considerate la nuova mecca del turismo erotico), senza mai dimenticare la "stupefacente" Amsterdam. Queste le mete preferite dai nostri conterranei. Non solo, perché in base alla divisione per zone di questa immaginaria cartina geografica del sesso, si possono dedurre anche le (reali) disponibilità finanziarie delle varie province calabresi. Se dunque chi sceglie i tropici e l’Asia, fatta una spesa decisamente più impegnativa per il viaggio aereo (si può fare con meno di 800 euro prenotando in anticipo se si vola verso Ovest, un po’ di più se si va a Bangkok o Sinagapore), può trovare "intrattenimento" a partire dai 10 euro per arrivare ai 150, chi invece preferisce mete più prossime, come appunto le succitate europee, si ritroverà a sborsare anche fino a 5.000 euro per una notte di follie

Prostituzione: cosa dice la legge vigente

Uno dei tanti night di Amsterdam

La caliente Cuba, l’esotica Thailandia o il sempreverde Brasile ma anche l’inossidabile Est europeo, piuttosto che Austria, Germania e la novità Svizzera con Ginevra e Zurigo come nuova mecca del turismo erotico, senza dimenticare la "stupefacente" Amsterdam, sono queste le mete sessuali preferite dai calabresi

con una - è il caso di dirlo - vera professionista del sesso. Ecco dunque, divisi per gusti, gli itinerari preferiti dai calabresi: i catanzaresi prediligono la Germania e i Caraibi, i vibonesi puntano dritti verso la Thailandia e più in genere l’Asia, mentre sono i cosentini a preferire il verdeoro Brasile. I metropolitani reggini e i crotonesi restano invece legati alla tradizione europea: Budapest non delude mai e l’Austria sa farsi rispettare. "Quanto Viagra ho consumato!", ci ha confidato con un pizzico di vanità Toni da Reggio. Ma tutti, comunque, negli ultimi anni tendono a curiosare più che altro nella vicina Svizzera. Proprio così, il più neutrale dei territori negli ultimi anni ha saputo ritagliarsi una fetta non indifferente del mercato della prostituzione d’alto profilo: eh si perché a Ginevra ad esempio, in strada non c’è verso di trovar trac-

cia di compagnia, ma nelle case sono ben 2.300 le prostitute regolarmente censite e in attività. La legge, in Svizzera, è legge anche riguardo alle "scostumate". Tutto, ma proprio tutto, è regolarizzato come il fatidico orologio, dai controlli delle forze dell’ordine (per es. in caso di intromissioni mafiose sono gli stessi gestori dei locali a denunciare l’illecito) alla connivenza della stampa (che mai e poi mai spettegolerebbe su quel politico o quell’imprenditore). E così, in totale tranquillità e anonimato, per una sessione "standard" a base di jacuzzi, massaggio e sesso "finché si vuole" (proprio così, la resistenza è tutto) con una delle ragazze dalle mille nazionalità che popolano la terra dei quattro cantoni, al cliente occorrono 500 franchi l’ora, circa 330 euro. "A Berna mi scialai proprio", ci ha detto Fausto di Catanzaro. E allora buon viaggio a tutti.

La normativa vigente in fatto di prostituzione fa fede al disegno di legge datato 11 settembre 2008: messo a punto dal ministro per le Pari Opportunità Mara Carfagna, il ddl che contiene le nuove "Misure contro la prostituzione", ha modificato la legge Merlin del 1958, introducendo per la prima volta il reato di esercizio della prostituzione in luogo pubblico o aperto al pubblico, senza distinzioni di trattamento tra prostitute e clienti: è infatti previsto l’arresto da cinque a quindici giorni con ammenda da 200 a 3000 euro sia per chi offre prestazioni sessuali, sia per chi le richiede. Le misure previste mirano ad eliminare la prostituzione in strada e soprattutto a contrastarne lo sfruttamento, tutelando la dignità e i valori della persona umana. Pene più severe dunque per chi organizza o partecipa a un’associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione. Quanto alla prostituzione minorile, essa è punibile con il carcere fino a 12 anni e con multe fino a 150mila euro per chi sfrutta in tal senso un minore o lo induce alla pratica; carcere e ammenda anche per chi compie atti sessuali con un minorenne. Lu.Cas.

L’Italia è il settimo paese al mondo nel consumo di pornografia via web e in pay per view

Porno, lo preferisco elettronico Ogni giorno 200.000 italiani comprano film hard sulle tv satellitari o su internet ROMA - Se non si può usufruirne di persona a pochi passi da casa, e se non si ha la possibilità di viaggiare, magari all’estero, per approfittarne, la soluzione che resta è di cercare un diverso "tipo" di prostituzione. Parliamo di quella elettronica, via internet dunque, o satellitare, ovvero quella offerta dalla televisione in pay per view. L’uomo italiano, spesso in difficoltà davanti a un computer quando si tratta di adoperarlo per mansioni di carattere più "serioso", ha invece dimostrato negli ultimi anni di sapersi ben adattare alle funzionalità del pc e della rete in particolare quando la temperatura "sale". Non c’è software che non possa essere legalmente (o illegalmente) scaricato o comprato per raggiungere il paradiso fittizio che il web sa offrire. In tal senso vediamo un po’ di numeri. Il primo dato significativo se si parla di sesso on demand è quello che riguarda i ricavi provenienti

dal porno: il giro d’affari nel mondo si aggira attorno alla cifra iperbolica di 70 miliardi di euro. La suddetta somma prende in considerazione tutto ciò che è pornografia, da film a siti internet (sono addirittura 414 milioni i siti monotematici, ovvero il 15% del totale dei portali), dagli acquisti via tv satellitare alle prestazioni offerte via telefono, così come vi rientrano anche i guadagni dei sex-shop. La nostra bella Italia si piazza al 7° posto della speciale classifica dei ricavi: imbattibile è la Cina con i suoi 19 miliardi di euro, seguita dalla Corea del Sud e dal Giappone, quindi gli Usa. Il maschio italico - e si parla solo di maschi data l’assenza totale di fonti attendibili sul consumo femminile del porno, che c’è ma su cui si tace - si attesta su una spesa di circa 900 milioni di euro (fonte Eurispes), solo per quel che riguarda il sesso via computer, quello cioé tecnicamente meno “ufficiale”. A quell’indotto va aggiunto

Sesso on demand: il giro d’affari nel mondo tocca i 70 miliardi di euro, somma che racchiude tutto ciò che è porno, da film a siti web - sono 414 milioni i siti dedicati, cioé il 15% del totale - dagli acquisti via sat alle prestazioni al telefono, così come i guadagni dei sex-shop Jenna Jameson, diva del porno

il ricavo dei film a pagamento comprati ogni notte da circa 200.000 italiani sui canali “hot” del bouquet di Sky, che fanno guadagnare alla piattaforma satellitare ogni settimana circa 2 milioni di euro (fonte Sole 24 Ore). Ma tra tutti, esclusi gli obsoleti dvd (ormai in sede di smantellamento) e il cartaceo (estinto), il mercato

che davvero non ha eguali se si parla di sesso a pagamento è il video sesso via web, ovvero la forma più anonima, veloce, sicura e in proporzione a buon mercato di “intrattenimento” sessuale, che genera un così gigantesco movimento di denaro da aver destato anche l’attenzione del nostro Governo, che prontamente ha

avuto l’idea di tassare il sesso virtuale con la cosiddetta Pornotax, imposta peraltro ancora in via di definizione. Funziona così: si va su uno dei siti dedicati - uno dei più in voga, ad esempio, ha nell’indirizzo un numero “caro” al sesso - e si “noleggia” una ragazza in video chat oppure un film. Il costo per la ragazza è di 0,07 centesimi di euro al minuto, il noleggio del film in streaming si aggira sui 6 euro per 48 ore. Una volta ottenuto (se così si può dire...) il servizio desiderato, si chiude. Solo questo “esercizio” frutta alle casse dei gestori circa 300 milioni di euro annui. Irrintracciabile invece, e dunque assolutamente non decodificabile è il mercato dei cosiddetti siti peer to peer: musica, cinema, software, ma soprattutto materiale pornografico viene quotidianamente scaricato illegalmente da fonti piratesche. E non c’è Pornotax che tenga. Ludovico Casaburi


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 15

CALABRIA Ecco la squadra delle candidature dipietriste: tutte donne Il presidente di Confindustria Calabria chiede maggiore sicurezza per le imprese

Lilia Infelise guida De Rose contesta l’Idv alle Europee le misure antipizzo ROMA - Anche l’Italia dei Valori, la lista guidata da Antonio Di Pietro, e che ora annovera tra le sue file anche il magistrato Luigi De Magistris, si prepara alle elezioni Europee. E lo fa annunciando anche un nuovo assetto della classe dirigente che, questa volta, veste di rosa. La squadra dei candidati in Calabria e nel collegio del Sud, infatti, sarà guidata dall’economista Lilia Infelise: «Ho deciso che dovevamo riprenderci le chiavi di casa, che dovevamo riuscire a far ascoltare anche la nostra voce», ha commentato così la sua decisione la neo candidata dell’Italia dei Valori nella conferenza stampa di presentazione delle candidature per le Europee. Lilia Infelise guiderà una squadra composta da altre sei donne, che puntano ad andare in Europa con il partito dell’Idv, e che si sono dette stanche di una politica che non ha più nulla da dire e che rappresenta ormai solo "un’oligarchia" che ha perso di vista l’interesse collettivo. Di Pietro, insomma, per costruire la nuova classe dirigente del suo partito decide di dire basta "ai soliti riciclati della politica" e di rivolgersi, invece, sul serio, alla tanto celebrata società civile scommettendo su sette donne quasi tutte del Sud. Le sette nuove punte di diamante della formazione dipietrista sono: Erminia Gatti, 34 anni molisana; Cristina Scaletti, 40

Illeader dell'Idv Antonio Di Pietro

anni medico immunologo; Luisa Capelli, editore di 48 anni; Dringa Milito Pagliara, avvocato esperta in diritto internazionale, che parla correttamente quattro lingue; Elisabetta Rolli, architetto abruzzese; Marianna Anastasia, avvocato lavorista di 28 anni pugliese; Lilia Infelise, economista specializzata nel recupero di aree deboli, tornata in Calabria per tentare di cambiare le cose nella sua regione. Con questo schieramento Di Pietro punta a decisamente ad appropriarsi di qualche seggio al Parlamento europeo, ma anche a consolidare sempre più il peso specifico della sua componente politica all’interno della coalizione di centro sinistra.

Alessio De Grano

Oggi a Cosenza presentazione del libro "La Fiaccola Tricolore"

Tatarella jr racconta la destra COSENZA – Oggi, alle ore 16.30, nel salone di rappresentanza del Comune di Cosenza, si terrà la presentazione del libro di Fabrizio Tatarella "La fiaccola Tricolore antologia della giovane destra dal dopoguerra ad oggi". L’ incontro sarà un’occasione di confronto tra vari esponenti della politica locale e regionale, tra cui forse anche Giuseppe Scopelli-

ti, sindaco di Reggio e coordinatore regionale del Pdl. L’appuntamento è stato organizzato e promosso dal circolo Re Alarico di Cosenza, dal circolo Fuego di Rende e dai componenti di Azione Giovani. Oltre all’autore, interverranno Fabrizio Falvo, consigliere PDL al Comune, Fausto Orsomarso, che è stato dirigente regionale di AN. A.C

Si è conclusa la serie di incontri di Greco con gli attori del settore

Al via nuove politiche ambientali ROMA - Si è conclusa ieri la serie di incontri preparatori alla rivisitazione della normativa ambientale regionale, che hanno visto come protagonisti l’assessoreregionale all’Ambiente Silvio Greco e tutti gli azionisti di riferimento. Dopo aver incontrato le associazioni ambientaliste, i rettori delle Università calabresi, gli assessori al ramo delle Province e dei maggiori comuni della regione, ieri è stata la volta di un panel d’esperti in tematiche ambientali. «Da

adesso ha inizio il periodo più faticoso - ha detto l’assessore Greco – ma anche il più stimolante per chi come noi ha in mente di dare alla Calabria non solo una legge che possa rappresentareunmomento di svolta normativa, ma anche e soprattuttoculturale, d’altronde quello che desideriamo è semplicemente una regione normale con diritti e doveSilvio Greco ri». A.D.G

ROMA -È arrivata pronta la risposta del presidente di Confindustria Calabria Umberto De Rose alla dichiarazione, fatta ieri dall’ assessore alle Attività Produttive Francesco Sulla relativa alla sanzione amministrativa a chi paga il pizzo. «L’idea di sanzionare, addirittura per legge, chi paga il pizzo sembra essere un’ iniziativa certamente capace di provocare grande interesse mediatico, ma che francamente non mi appare efficace e finalizzata a tutelare l’impresa danneggiata». Queste le parole di De Rose, parole che sembrano remare nella direzione opposta a quella dettata da Sulla. De Rose sostiene infatti che il fenomeno del pizzo è difficile e complesso, e non basta di certo una sanzione amministrativa a debellarlo, sanzione che anzi danneggerebbe ancor di più le imprese già vessate dalla richiesta criminale di soldi. «Le formule dogmatiche e le certezze ispiratrici di questo tipo di proposte, che di tanto in tanto vengono fuori, non hanno alcun legame né fondamento con l’articolazione e la complessità del fenomeno di cui le imprese sono vittime spesso solitarie, per le quali, più che una nuova cultura d’impresa, sarebbe necessario costruire un quadro ed un contesto di certezze. Certezze giuridiche, certezze amministrative, certezze finanziarie e così via! Non è solo un problema di etica imprenditoriale, sulla quale, posso assicurare, Confindustria così come tutte le altre Associazioni di categoria, stanno quotidianamente

Il presidente di Confidunstria Umberto De Rose

lavorando, è soprattutto un problema complessivo di contesto: la presenza dello Stato, la sicurezza del cittadino e delle imprese, la certezza

Le formule dogmatiche e le certezze ispiratrici di questo tipo di proposte che di tanto in tanto vengono fuori, non hanno alcun legame né fondamento con l’articolazione e la complessità del fenomeno di cui, è sempre bene ricordarlo, le imprese sono vittime solitarie

della pena, l’efficienza e la trasparenza amministrativa, il ruolo delle Associazioni Imprenditoriali. Quello che posso dire, - ha proseguito De Rose - è che iniziative come quelle avviate dalla Confindustria calabrese con il codice etico e la costituzione di parte civile, o dalla Confesercenti e dalla Confcommercio attraverso attività di analisi, di proposte e di interventi significativi, mi appaiono iniziative serie ed efficaci ». Le proposte di Confindustria Calabria, che sono in linea del resto con l’orientamento generale dell’organizzazione a livello nazionale, si propongono l’intento di contrastare il fenomeno del pizzo con misure più organiche, struturali e meno "politiche". Tuttavia quello di Sulla, resta un tentativo che testimonia un importante interessamento delle istituzioni. Alessio De Grano


16 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

CALABRIA EDUCAZIONE ALLA LEGALITA’ Siglato ieri dalle parti il protocollo d’intesa per l’avvio di un progetto di formazione

Firmato l’accordo tra Unical e Usr Presentato dal direttore Mercurio anche il progetto di solidarietà per i ragazzi delle scuole abruzzesi CATANZARO — E’ stato firmato

ieri il protocollo d’intesa tra l’Ufficio scolastico regionale per la Calabria e il Dipartimento di Scienze dell’educazione dell’Unical per l’avvio di un progetto di formazione dei docenti sull’educazione alla cittadinanza attiva e alla legalità. Il direttore dell’Ufficio, il dott. Francesco Mercurio, ha incontrato ieri, nella sede dell’Ufficio scolastico di Catanzaro Lido, la professoressa Viviana Burza, Direttrice del Dipartimento di Scienze dell’educazione, accompagnata dal professore delegato dal Magnifico Rettore dell’Università della Calabria ai rapporti dell’ateneo con le scuole, il professore Giuseppe Spadafora. Ha aperto la discussione il dott. Mercurio che ha introdotto la tematica oggetto della stipula del protocollo, che prevede l’introduzione nella didattica di discipline che contribuiscano ad una crescita “sana”, come egli stesso l’ha definita, degli studenti. A questo proposito verranno predisposti dei gruppi di lavoro con il compito di definire le nuove materie da inserire negli ordinamenti scolastici, in seguito diffuse alle scuole che, in piena autonomia, decideranno se adottare il progetto. Esso si articolerà in tre fasi: la prima, attraverso la formazione dei docenti; la seconda, che trasferirà le cono-

Giuseppe Spadafora, Francesco Mercurio e Viviana Burza

scenze acquisite dai professori agli studenti; e, infine, una terza fase che vedrà il coinvolgimento delle famiglie come parte attiva della formazione della persona. «I fondi per realizzare l’iniziativa - ha spiegato Mercurio - verranno messi a disposizione delle scuole che decideranno spontaneamente di aderire al progetto da parte del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e dall’Ufficio stesso sulla base della legge 440. Tali fondi - ha concluso Mercurio - serviranno per sostenere le attività formative a cura del Dipartimento di Scienze dell’educazione con il contributo dell’Ufficio scolastico sul tema

della cittadinanza attiva e della legalità». Il professore Spadafora è intervenuto per avvalorare la necessità di una riforma che introduca nelle scuole la conoscenza degli strumenti a disposizione del popolo per vigilare sull’operato delle istituzioni e per esprimere, appunto, la volontà popolare, nel rispetto della legalità e delle norme giuridiche, attraverso l’organizzazione di protocolli di ricerca che coinvolgono anche i dipartimenti giuridici e che rappresentano: «Un compito e una sfida - ha detto Spadafora compiuti in sinergia dall’Università della Calabria e dall’Ufficio scolastico regionale per

far comprendere ai ragazzi i concetti di cittadinanza attiva e legalità, spesso troppo confinati nell’ambito dell’educazione civica. I nostri interventi - ha continuato il professore - devono essere mirati ad un sistema complessivo per migliorare la struttura culturale e organizzativa della scuola, che rappresenta il cuore della democrazia e della crescita umana, tentando di contrastare quella parte del mondo che vive al di fuori della legalità, promuovendo la formazione sul territorio e investendo sul capitale umano che rappresenta la nostra speranza per il futuro». La professoressa Burza, direttrice del Dipartimento di Scienze dell’educazione, ha iniziato il suo discorso ponendo l’accento sull’attività di ricerca che il Dipartimento svolge per quanto riguarda lo studio della formazione umana, dimostrandosi soddisfatta del fatto che si sia giunti a concretizzare questo progetto offrendo come banco di prova alla mera teoria di una ricerca, la realtà operativa delle scuole. La professoressa ha ribattuto sull’importanza della formazione come via di accesso alla democrazia e all’educazione alla convivenza democratica. «Noi auspichiamo un contatto concreto con le scuole - ha dichiarato la Burza - per capire le istanze dei ragazzi che saran-

no i cittadini di domani. Cercheremo di avviare un progetto formativo su temi delicati in una realtà complessa e problematica qual’è quella calabrese, dove esistono ancora sacche di marginalità e disagio, cercando di vincere una battaglia importante da cui, mi auguro, scaturiscano a cascata altre iniziative positive che possano offrire alla nostra Regione nuove possibilità di sviluppo». Nel corso della conferenza il Direttore Mercurio ha voluto introdurre un importante progetto di solidarietà, promosso dall’Ufficio scolastico con il patrocinio del Ministero e degli Enti locali, che vedrà le scuole calabresi intente ad ospitare i compagni abruzzesi nei convitti presenti nei numerosi istituti scolastici del territorio, dove i ragazzi potranno svolgere attività didattiche di supporto al vuoto scolastico causato dalla brusca interruzione dell’anno a causa del terremoto, insieme a tante attività ludico-sportive, in un’ottica di socializzazione e di sensibilizzazione dei ragazzi ai temi di attualità che investono il paese, attraverso un’educazione alla solidarietà, che nulla togliere alla legalità e alla cittadinanza attiva, rappresenta un valore importante da tramandare alle nuove generazioni. Oriana Tavano


Pag. 17

il Domani

CATANZARO

Venerdì 17 Aprile 2009

Redazione: loc. Serramonda - Z.I. Marcellinara (Cz) - tel. 0961.996802 | fax 0961.903801 - E-mail: catanzaro@ildomani.it | www.ildomani.it

CRONACA Le indagini delle Fiamme Gialle sono state coordinate dal sostituto procuratore Simona Rossi, l’inchiesta è stata portata avanti per ben 2 anni

Droga, 7 arresti della Guardia di Finanza Il materiale probatorio è costituito in prevalenza dal contenuto di numerose conversazioni telefoniche CATANZARO — Sono finiti in manet-

te i sette componenti di una presunta banda di spacciatori che operava fra Catanzaro Lido e Cropani e lungo tutta la fascia ionica. I baschi verdi della Guardia di finanza di Sellia Marina e gli uomini della Compagnia di Lido hanno portato a termine ieri una vasta operazione antidroga finalizzata a contrastare lo spaccio di stupefacenti nel Catanzarese. Le indagini delle Fiamme Gialle sono state coordinate dal sostituto procuratore Simona Rossi, l’inchiesta è stata portata avanti per ben 2 anni e si è conclusa all'alba di ieri. Le misure restrittive sarebbero state emesse dunque al termine di una complessa attività durante la quale sono stati arrestati in flagranza di reato tre spacciatori e sequestrati circa 300 grammi di droga, fra cui hashish, marijuana e materiale usato per confezionare cocaina. Ad emettere i provvedimenti di custodia cautelare per i presunti giovani spacciatori, tutti tra i 20 e i 30 anni, è stato il Gip Camillo Falvo su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro. Le sette persone indagate per spaccio di droga ed in carcere da ieri mattina sono: Armando Fiorentino, 22 anni di Catanzaro; Marco Spallino, 30 anni nato a San Giorgio a Cremano ma residente a Catanzaro; Claudio Francesco Chiaravalloti, 21 anni di Catanzaro; Andrea Forte, 22 anni nato a Roma ma residente a Catanzaro; Carlo Alberto Borromeo, alias “Charly”, 21 anni nato a Bologna ma residente a Catanzaro; Stefano Spiridetti, alias "il Negro", 29 anni di Catanzaro; Giuseppe Rotundo, 29 anni di Catanzaro. Per altre quattro persone indagate il gip di Catanzaro Camillo Falvo non ha concesso i provvedimenti cautelari richiesti. Gli indagati, tutti del Catanzarese, che non sono al momento in custodia cautelare in carcere sono due donne, di 23 e 33 anni, e due uomini, di 28 e 34 anni. Il Gip di Catanzaro, Camillo Falvo, ha parlato ieri di un quadro indiziario

ni delittuose». Con queste parole il giudice per le indagini preliminari Falvo ha motivato ieri la concessione dei sette provvedimenti di custodia cautelare in carcere per i giovani indagati per spaccio ed arrestati ieri all'alba dai baschi verdi della Guardia di Finanza. Le Fiamme Gialle per le indagini, durate 24 mesi, si sono avvalse anche di metodologie tecnicamente avanzate. «Il materiale probatorio - ha spiegato il gip - è costituito in prevalenza dal contenuto di numerose conversazioni telefoniche e tra presenti intercettate». Nelle 68 pagine dell'ordinanza di custodia cautelare viene precisato che le conversazioni captate sono riscontrate dagli esiti di attività di indagine collaterali» come servizi di osservazione, pedinamenti, sequestri di stupefacenti, arresti in flagranza. In altri casi il contenuto delle intercettazioni non è stato ritenuto sufficiente, per questo motivo anche se gli indagati sono undici solo per sette persone sono stati emessi i provvedimenti di custodia cautelare. «Vi sono - ha evidenziato il gip una serie di ipotesi di contestazione per le quali, sebbene i termini delle conversazioni si mostrano altamente indizianti, soprattutto perché si inseriscono in un modus operandi,

La Guardia di Finanza ha arrestato ieri all’alba 7 componenti di una organizzazione che spacciava droga sul Lungomare di Lido e in tutta la fascia jonica del Catanzarese. I ragazzi in manette hanno tra i 20 e i 30 anni

Affidata la perizia sul figlio delle modalità delle condotte, del carattere organizzato e continuativo dell'attività delittuosa ed e i guadagni da essa ricavabili, sintomatici della natura non occasionale e non circoscrivibile nel tempo delle azio-

USURA Il giudice dell’udienza preliminare ha ritenuto non suffragata l'aggravante del "metodo mafioso"

Operazione Caorsa, processo da rifare CATANZARO — E' tutto da rifare

nel processo a carico delle 14 persone coinvolte nell'inchiesta antiusura della Dda di Catanzaro nome in codice "Caorsa". Il giudice dell'udienza preliminare distrettuale Gabriella Reiillo, chiamata a pronunciarsi sulla richiesta di rinvio a giudizio per le accuse di usura ed estorsione, al termine delle discussioni di accusa e difesa ha ritenuto non suffragata l'aggravante del "metodo mafioso" contestata dal pubblico ministero Gerardo Dominijanni, e dunque, trattandosi a questo punto di reati di cui è competente la Procura ordinaria, ha rinviato gli atti all'Ufficio di Vibo Valentia, poiche' quella è la provincia in cui le condotte piu' gravi si sarebbero consumate. Il pm di Vibo, a questo punto, dovrà ripartire dall'avviso di conclusione delle indagini, per 12 degli indagati, e cioé: Roberto Cuturello, 41 anni, di Limbadi; Mariano Fiamingo, 35, di

Zungri; Giovanni Franzé, 46, di Stefanaconi; Antonio La Rosa, 46, di Tropea; Domenico Mancuso, 30, di Limbadi; Francesco Trapasso, 40, di Gimigliano; Francesco Zavvaro, 31, di Tropea; Giuseppe Zaccaro, 29, di Tropea; Giuseppe Zinnà, 45, di San Calogero; Salvatore Scarfone, 51 anni, di Catanzaro; Marcello Comità, 34 anni, di Settingiano; Vittorio Gentile, 34 anni, di Catanzaro. Le posizioni degli ultimi due accusati, e cioé Pasquale Seva, 43, di Tropea, e Pasquale Seva, 43, di Tropea, sono state stralciate per difetti di notifica, e per loro si tornerà davanti al gup di Catanzaro l'8 maggio. I vari indagati furono destinatari di un provvedimento cautelare di diversa natura (custodia in carcere, arresti domiciliari e obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria), eseguito a fine ottobre dalle squadre Mobili di Catanzaro e Vibo Valentia, i cui investiga-

Carmela Mirarchi

CONIUGI UCCISI La Corte d’Assise ha scelto i dottori Corasaniti e Panzera

CATANZARO — E' stato conferito

«molto solido circa la sussistenza dei delitti in contestazione». Per i sette indagati in relazione ai quali «si è ritenuto sussistere la gravità indiziaria, ricorre l'esigenza cautelare alla luce della gravità dei fatti contestati,

tuttavia, a mio avviso l'estrema laconicità e genericità dei contenuti dei colloqui e, soprattutto, la possibilità che essi si possano prestare ad interpretazioni alternative, non consente di ritenere integrato i necessario quadro di gravità indiziaria utile all'emissione della misura richiesta». Il gip Camillo Falvo ha precisato che per i sette finiti in carcere è stata «ravvisata l'attualità del pericolo di reiterazione dei reati, documentata dalla complessiva attività investigativa, la quale lascia presupporre l'operatività attuale dei soggetti». Secondo il gip esisterebbero diversi elementi che evidenzierebbero «la concretezza e l'attualità del pericolo di reiterazione criminosa, fronteggiabile soltanto con l'applicazione della misura cautelare massima, primo fra tutti il perdurante collegamento degli indagati con l'ambiente in cui delitti sono maturati e la loro concreta proclività a delinquere». Per i sette giovani, che secondo quanto è emerso dalle indagini avrebbero spacciato droga soprattutto sul Lungomare di Catanzaro Lido nelle ore serali, si attendono ora gli interrogatori di garanzia dove saranno difesi dai loro avvocati.

tori ritennero di aver svelato un giro di usura che si sarebbe esteso da una provincia all'altra, di cui sarebbero rimasti vittime un commerciante del capoluogo calabrese e la sua famiglia, caduti nella trappola tesa da presunti esponenti delle cosche più potenti di Vibo, i Mancuso e i La Rosa. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, compiuta dopo una lunga indagine avviata nel 2005 grazie ad alcune fonti confidenziali ed a successivi riscontri, prima della collaborazione della vittima, il commerciante catanzarese si sarebbe rivolto a piccoli usurai del posto per alcuni prestiti, prima di finire con l'essere indirizzato direttamenteai rappresentanti delle cosche del vibonese. Con il tempo, i parenti del commerciante, impegnati nell'attività di famiglia, sarebbero finiti nel giro dell'usura, dove si sarebbero praticati tassi di interesse che potevano variare tra il 10 e il 50% mensili.

ieri l'incarico ai periti scelti dalla Corte d'assise di Catanzaro per pronunciarsi sul grado di capacità di intendere e volere di Pasquale De Marco, 36 anni, di Catanzaro, imputato per il duplice omicidio pluriaggravato e l'occultamento dei cadaveri dei suoi genitori, Luigi De Marco e Maria Grazia Campisano, 71 e 59 anni, scomparsi il martedì 5 giugno del 2007 dalla loro villetta situata a Simeri mare (Cz), nel villaggio Eucaliptus. Si tratta dei dottori Gregorio Corasaniti e Francesco Panzera, i quali, più precisamente, dovranno pronunciarsi sulla capacità che l'imputato avrebbe avuto all'epoca del fatto, quando

i coniugi De Marco scomparvero, per essere ritrovati cadaveri il 20 ottobre seguente, sotterrati sotto un ponte in una strada parallela alla Statale 106, nel Crotonese, avvolti in due teli di plastica. I medici avranno 60 giorni di tempo per depositare la perizia, e dunque si tornera' in aula per sentirli il 9 luglio prossimo. La Corte d'assise presieduta dal giudice Giuseppe Neri (a latere Rosario Murgida) ha deciso alla scorsa udienza di disporre una nuova perizia psichiatrica "super partes", ulteriore cioé rispetto a quelle già effettuate in passato dai consulenti di accusa e difesa, accogliendo in tal senso una richiesta avanzata dall'avvocato Piero Mancuso.


18 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

CATANZARO CITTÀ SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE I vertici del'Udc si sono riuniti ieri alla presenza dell’on. Tassone per lanciare un appello alle istituzioni

«Si rischia di svuotare l’Università» «Cambiare i moduli della politica per difendere l’Ateneo. Così ci portano verso un futuro incerto» CATANZARO — I vertici del'Udc si so-

no riuniti ieri mattina presso la sede catanzarese per discutere del ruolo dell'Università Magna Graecia alla luce delle recenti decisioni del Governo nazionale. E' stato Mario Tassone, deputato dell'Udc, a lanciare l'appello a tutta la classe parlamentare ed istituzionale calabrese per realizzare un fronte comune contro la chiusura delle scuole di specializzazione del'Università di Catanzaro. «Chiudere le specializzazioni - ha esordito Tassone - vuol dire svuotare di significato e potenzialità l'Università di Catanzaro e interrompere un percorso di crescita mettendo in dubbio anche il futuro della regione». All'incontro erano presenti esponenti regionali e cittadini del partito di centro che insieme hanno fatto chiarezza sulla situazione dell'Università Magna Graecia sottolineando che quella del trasferimento delle scuole di specializzazioni non è altro che il primo passo verso il totale declino della facoltà di Medicina. Durante la riunione sono state esaminate anche le condizioni del Campus di Germaneto. «Erano previsti degli alloggi e la creazione di un vero e proprio centro culturale che doveva essere rinomato in tutta la nazione» hanno detto alcuni esponenti dell'Udc «ma il piano di sviluppo sembra addormentato». L'Università di Catanzaro è stata voluta da tutti, diversi i fondi impiegati per la sua realizzazione, è ora sembra arrivato il momento di sostenerla e di rilanciarla. Il punto fondamentale è che il trasferimento delle scuole di specializzazione provocherà un effetto a catena impedendo il decollo dell'Ateneo. «Questa decisione del Governo potrebbe significare la morte per le facoltà del capoluogo» hanno detto i vertici regionali dell'Udc. Per proteggere l'Umg occorre dunque che tutte le istituzioni e i politici si uniscano impedendo che venga compromesso il futuro della struttura. «E' necessario però - ha dichiarato l'on Tassone - che i campanilismi vengano messi da parte in quanto l'Università Magna Graecia deve essere un vanto per l'intera Provincia e per tutta la Calabria». Con l'attuazione del piano del Governo ecco quello che accadrà agli studenti catanzaresi. Molti saranno costretti ad emigrare per frequentare le scuole di

Legge elettorale, lo Scudo vuole reintrodurre il voto di preferenza

L’onorevole Tassone e i vertici dell’Udc alla conferenza stampa di ieri

specializzazioni. Questo causerà un aumento della spesa per molte famiglie calabresi, accadrà quindi che quella che è ora una spesa dello stato diventerà un costo in più per molti nuclei familiari. La questione però potrebbe avere dei risvolti ancora più negativi per la regione. «Nelle scuole di specializzazione in medicina - spiega uno specializzando presente alla riunione dell'Udc - fondamentale è il rapporto diretto con i docenti. Molti ragazzi decideranno, per evitare di dividere in due il loro percorso di studio, di inscriversi direttamente nelle Università dove poi frequenteranno con certezza anche i corsi di specializzazione». Questo avrà come conseguenza non solo il declino del facoltà di Medicina di Catanzaro ma anche la fuga di cervelli dalla Calabria. «In Calabria gli specializzandi di Medicina sono di aiuto anche nelle strutture private e il loro trasferimento causerà sicuramente anche un calo nella qualità delle prestazioni sanitarie». Quello che è emerso nel corso dell'incontro di ieri è che con la decisione di trasferire le scuole di specializzazione il Governo spinge indietro al Calabria, che nella ricerca e nell'Università conserva la sua speranza. Sulla questione delle borse di studio e sulla proposta del capogruppo del Pd al Comune di Catanzaro Tassone è stato critico. «Se mi chiedono bonus o interventi tampone io dico di no. Questi non servono. Si tratta di integrazioni che vanno bene ma alla base ci deve essere un progetto e dei

fondi. Se in questa occasione la Calabria si dividerà avremo perso una battaglia fondamentale per il nostro futuro». Tassone sottolinea che nella nostra regione si è investito davvero molto per creare un Campus con delle facoltà di altissimo livello. «Che significa ora tagliare la ricerca?» si domanda il deputato dell'Udc. «Di questo passo - ha proseguito - l'Università di Catanzaro diventerà un qualunque presidio ospedaliero e questo non deve accadere». «E' necessario cambiare i moduli della politica per difendere l'Università- sottolinea l'on. Tassone -. Dobbiamo prendere coscienza e consapevolezza che non è una battaglia per le facoltà, è una battaglia sulla qualità del sapere e una sfida perché l'Università svolga il suo ruolo. Perché se svuotano le scuole di specializzazione e ci tolgono anche le possibilità di ricerca - ha concluso Tassone - ci portano verso un futuro molto incerto». L'Udc dunque ha ribadito ieri il suo no deciso all'ateneo dimezzato e alla dipendenza dell'unica facoltà di Medicina della Calabria da quella di Napoli. Da ricordare infatti che proprio a Napoli e a Bari il Governo ha deciso di trasferire alcune delle specializzazioni più importanti come: neurochirurgia, cardiologia, chirurgia dell'apparato digerente, chirurgia maxillo-facciale, chirurgia vascolare, farmacologia, malattie infettive, medicina legale e delle assicurazioni, microchirurgia, biologia. Carmela Mirarchi

CATANZARO — «Con la collocazione al centro lottiamo per il superamento del bipolarismo e per avere un riscontro sul piano elettorale. Abbiamo vinto la battaglia per le preferenze alle europee, ora dobbiamo proseguire anche per ottenerle alle elezioni per il Parlamento». Lo ha detto il deputato dell'Udc e vice segretario vicario del partito, Mario Tassone, a margine di una conferenza stampa che si è svolta ieri mattina a Catanzaro. «C'e' attenzione nei confronti

del nostro partito. Riteniamo - ha aggiunto Tassone - importante il riferimento ai valori e non la somma di sigle degli altri schieramenti che tra l'altro sta dimostrando di avere problemi». Analizzando la situazione calabrese in vista delle europee, Tassone ha confermato la candidatura dell'ex senatore Gino Trematerra. «Per il resto - ha concluso - stiamo lavorando in una circoscrizione, come quella del Sud, che ha cinque regioni ed è molto complicata».

Protesta degli autisti soccorritori, busta paga di marzo dimezzata CATANZARO — Negli ultimi giorni gli oltre 90 autisti soccorritori della provincia di Catanzaro hanno avuto una brutta sorpresa. Con atto monocratico, di cui non si conosce ancora bene la paternità, l’Azienda Sanitaria ha disposto la cancellazione della relativa indennità. In poche parole gli autisti soccorritori si sono visti decurtare la busta paga di marzo di una competenza sostanziale. Immediata la reazione del gruppo il quale, nel corso di un’affollata assemblea tenuta nei loca-

li del 118 di Lido, ha approvato la richiesta di un incontro urgente con i vertici dell’Asp. E così i delegati Salvatore Cosco, Angelo Vonella e Tonino Renda sono stati ricevuti dal Direttore Sanitario Maurizio Rocca. I delegati degli Autosti Soccorritori hanno quindi richiesto un colloquio con la Direzione Strategica dell’Asp. Il dirigente Rocca si è mostrato molto sensibile alle garbate rimostranze mosse dalla fondamentale categoria ed ha promesso una risposta entro pochi giorni.

Comune, procede bene il progetto per il rilancio dei centro sociali CATANZARO — Procede bene il pro-

getto di rilancio dei centri sociali che l’amministrazione Olivo sta realizzando attraverso un poule di associazioni che operano nel settore. E’ quanto emerso nel corso dei lavori della commissione Politiche sociali, convocata dal presidente, Valerio D’Andrea, per fare il punto sullo stato di attuazione del progetto e per individuare nuove e più rispondenti forme di aggregazione nei centri. Alla convocazione del presidente

D’Andrea hanno risposto le associazioni: Meristema, il Mantello, Raggi, e Cooperativa utilità pubblica, l’assessore Ventura ed il consigliere Costannzo. L’assessore Ventura ha spiegato le finalità del progetto avviato che comprende «attività rivolte sia gli anziani che i giovani in un percorso di integrazione attraverso iniziative di formazione». Nel corso della discussione è emersa l’esigenza di un potenziamento dell’offerta, ma anche delle strutture.


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 19

CATANZARO CITTÀ CONSIGLIO PROVINCIALE Approvato il regolamento relativo alla caccia al cinghiale e quello riguardante le ispezioni sugli impianti termici

Al centro la questione dell’area urbana Sì anche all’avvio di una iniziativa politica per affrontare la questione della statale 106 CATANZARO — Sono stati tutti esa-

minati i punti all'ordine del giorno dei lavori del consiglio provinciale di Catanzaro, che in apertura di seduta ha osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime del terremoto dell'Abruzzo. Ad unanimità il consiglio ha approvato il regolamento relativo alla gestione faunistica venatoria del cinghiale e il regolamento per quanto riguarda l’effettuazione degli accertamenti e delle ispezioni degli impianti termici. Mentre il dibatto politico si è concentrato su due ordini del giorno presentati dalla minoranza: quello relativo all' area urbana Lamezia - Catanzaro e quello riguardate la messa in sicurezza della statale 106. Due temi che hanno appunto caratterizzato la seduta del consiglio e sui quali - riferisce una nota dell'ufficio stampa - maggioranza e minoranza se pur con sfumature diverse si sono ritrovate d'accordo sulla necessità di avviare un sereno confronto con le diverse istituzioni per promuove lo sviluppo dell'area centrale dell'Istimo e mettere in sicurezza la statale 106. Ad illustrare l'ordine del giorno sull'area urbana Catanzaro - Lamezia è

stato il consigliere provinciale Pierino Amato, il quale ha confidato di «non nutrire gelosie verso la città metropolitana di Reggio Calabria», ma si è detto «preoccupato che si voglia puntare ad un'area integrata dello Stretto. Questa - ha detto Amato - è un'altra cosa che coinvolge un'altra regione e che potrebbe penalizzare la nostra regione». Per quanto riguarda l'area urbana Catanzaro - Lamezia per Amato «è la Provincia che deve essere protagonista dello sviluppo centrale di quest'area centrale della Calabria, coinvolgendo tutti». Amato ha definito strano che il dibattito sull'area si «svolga su iniziativa di singoli comuni». Per Amato bisognerebbe ripartire dal documento del 1991 e la Provincia di Catanzaro dovrebbe «assumere un ruolo di coordinamento». Per Amato poi «non hanno senso i movimenti autonomisti, non hanno senso le battaglie autonomistiche» e che «occorre superare i localismi ed i provincialismi». Nel suo intervento, la presidente della giunta Wanda Ferro, ha sottolineato l'importanza dei rapporti istituzionali «al di là delle appartenenze di schieramento». La presidente

della Provincia, poi, ha ricordato che «fondamentale per lo sviluppo del territorio provinciale sarà il piano territoriale di coordinamento con il quale saranno indicati degli indirizzi di sviluppo ai quali si dovranno richiamare i piani strategici». Per quanto riguarda la statale 106 ad unanimità è stato approvato l'ordine del giorno presentato dalla minoranza con il quale si dà mandato ai Presidenti della Giunta e del Consiglio di attivare una iniziativa politica per affrontare la questione coinvolgendo in questo confronto anche la Regione e l'intera deputazione calabrese «perché si attivino a livello nazionale a individuare le necessarie risorse economiche per mettere in sicurezza il tratto di strada statale che corre lungo la fascia ionica catanzarese». Mentre su proposta del Presidente della Provincia la conferenza dei capigruppo oggi indicherà i consiglieri che rappresenteranno l'assemblea provinciale (uno di maggioranza e l'altro di minoranza) nel coordinamento dei movimenti a difesa della fascia ionica che si costituirà sabato prossimo nel corso di una assemblea che si terrà a Soverato.

Il 15 aprile si è tenuta la prima riunione. Elette la presidente e la sua vice

Commissione pari opportunità, al via i lavori CATANZARO — Si è tenuta il 15 aprile nei locali dell’Amministrazione Provinciale, la prima riunione della neo costituita Commissione Provinciale Pari Opportunità, alla presenza della Presidente dell’Ente Wanda Ferro, dell’Assessore alle Pari Opportunità Sergio Polisicchio, del Direttore Generale Manlio Impera, della Consigliera di Parità Sonia Munizzi e delle Commissarie. All’ordine del giorno la nomina della Presidente e della Vice Presidente che, con voto segreto, sono

risultate Elena Morano Cinque (eletta con 10 preferenze) e Lucia Catrambone (eletta all’unanimità). La Presidente eletta ha ringraziato tutte le convenute per la stima accordatale ed ha assicurato che l’attività della Commissione proseguirà in continuità col passato e con il coinvolgimento attivo degli altri Organismi di Parità, quali il Comitato Provinciale Pari Opportunità e le Consigliere di Parità nonché con il contributo di tutte le colleghe Commissarie. Per la carica di Presi-

Rischio sismico, il Convitto Galluppi chiude per le necessarie verifiche CATANZARO — A seguito delle notizie in merito all’elevato rischio sismico della struttura di Corso Mazzini si è riunito il Consiglio d’Istituto del Convitto Galluppi di Catanzaro. Alla riunione hanno inteso intervenire il Pre-

sidente della Provincia Wanda Ferro ed i tecnici del settore edilizia scolastica dell’ente. L’Amministrazione Provinciale ha precisato di non essere a conoscenza dello studio in merito al rischio sismico al quale ha fatto

dente dell’organismo di parità si era proposta anche Maria Silvana Bordino, presidente uscente, la quale ha ottenuto soltanto 7 preferenze. Al termine dei lavori, le Commissarie hanno ritenuto opportuno devolvere il gettone di presenza della riunione a sostegno delle popolazioni d’Abruzzo colpite dal terremoto. Già dalla prossima riunione la Commissione stilerà la programmazione delle attività progettuali che avranno come finalità la crescita ed il coinvolgimento del territorio. riferimento la testata locale ed i responsabili del Convitto, da parte loro, hanno escluso la possibilità che in passato ci siano state indagini da parte di tecnici esterni alla Provincia in merito alla sicurezza dell’edificio. A questo punto, in via cautelativa ed al fine di provvedere alle necessarie verifiche, il Presidente Ferro ha disposto l’immediata chiusura delle strutture del Convitto Galluppi, decisione condivisa dal Consiglio d’Istituto.

Wanda Ferro: Reggio città metropolitana, un valore aggiunto per una parte del sud CATANZARO — «La città metropolitana di Reggio Calabria è il riconoscimento ad una parte del Sud. Si tratta di un valore aggiunto». Lo ha detto ieri amttina, intervenendo durante la riunione del Consiglio, la presidente della Provincia di Catanzaro, Wanda Ferro. Per quanto riguarda l'area urbana Catanzaro - Lamezia, Ferro ha rilevato che «la Provincia non intende rinunciare alla sua parte nel rispetto dei ruoli istituzionali degli altri Enti nel valorizzare questa parteimportante della Calabria. Guardando al suo sviluppo in un contesto globale a quello calabrese, evitando di fare una guerra tra poveri. Dobbiamo abdicare - ha aggiunto - alla sindrome del brutto anatroccolo che ci vede come il sud del sud e non invece il nord di quel sud al quale tutti dovremmo guadare». Per la Ferro «bisogna assumere con responsabilità un'impostazione che contribui-

Wanda Ferro

sca alla coesione provinciale e regionale, bandendo i localismi». La Ferro ha così sottolineato la necessità di sostenere lo status di Reggio abbandonando ogni campanilismo.

Agricoltura, la Cia dal Prefetto Calvosa per discutere sull’accesso al credito CATANZARO — Una delegazione di imprenditori della Cia-Confederazione Italiana Agricoltori della Provincia di Catanzaro guidata dal Presidente Franco Lucia, e dal Vice Presidente Vincenzo Traversa, è stata ricevuta da Se il Prefetto di Catanzaro, Sandro Calvosa, al quale è stato prospettato lo stato di disagio in cui versa il settore agricolo sempre più alle prese con uno stato di crisi devastante. «Gli agricoltori - ha detto Franco Lucia rivolgendosi al Prefetto - operano in una situazione economica in cui i prezzi all’origine, ossia quelli pagati al produttore, sono in caduta libera a fronte dei costi di produzione sempre più in rialzo». È stata, quindi, illustrata al Prefetto una serie di richieste alla base della piattaforma rivendicativa della Cia, tesa a richiamare l’attenzione del Governo e del Parlamento affinché vangano emanati dei provvedimenti in favore del settore. Di notevole rilievo la tematica inerente l’accesso al credito. Franco Lucia ha chiesto al Prefetto «l’istituzione di un tavolo ad hoc per le

imprese agricole nell’ambito dell’Osservatorio sul Credito istituito dal Governo presso le Prefetture». La Cia è fortemente preoccupata in quanto se non si interviene sul versante del credito alle imprese, si corre il rischio che gli oltre 10.000 progetti presentati dalle aziende agricole all’Assessorato Regionale all’Agricoltura per il Psr 20072013, non vengano realizzati per mancanza di capitale circolante da parte delle imprese. Occorre avviare una fase concertativa con gli istituti di credito affinchè gli stessi assicurino e facilitino la concessione di prestiti alle imprese finalizzati alla realizzazione degli interventi strutturali. «La Cia auspica - conclude Lucia -, infine, un pieno coinvolgimento dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura affinché la Regione stessa possa attivare strumenti adeguati, come i fondi di garanzia, per rendere maggiormente accessibile e fruibile il credito alle imprese, e l’elevazione delle anticipazioni finanziarie per i progetti del Psr dal 20% al 50% sul contributo concesso».


20 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

CATANZARO CITTÀ INCARICHI ALLA REGIONESono cinque le persone accusate nell'ambito dell'inchiesta che ha riguardato il settore delle opere acquedottistiche

Chiesto il rinvio a giudizio per gli indagati Il 21 aprile si terranno le ultime discussioni dei legali, poi la decisione del gup CATANZARO — Richiesta di rin-

vio a giudizio per tutti gli indagati, ma solo per alcune delle accuse inizialmente contestate. Queste, in sintesi, le richieste che il pubblico ministero Alessia Miele ha fatto ieri al gup Antonio Giglio, al termine della requisitoria per le cinque persone indagate nell'ambito dell'inchiesta che ha riguardato la Regione Calabria, ed in particolare il settore delle opere acquedottistiche. Si tratta di dirigenti e funzionari dell'Ente: Tommaso Laporta, 56 anni, di Botricello, attuale consigliere provinciale di Catanzaro, ma coinvolto nella sua qualità di responsabile del procedimento del dipartimento Lavori pubblici ed Acque della Regione Calabria (relativamente agli anni dal 2001 al 2004); Carmelo Salvino, 55enne di Rogliano (Cs), dirigente di settore pro tempore dello stesso dipartimento; Giuseppe Tortorella, 64enne di Villa San Giovanni, quale dirigente di settore pro tempore della Ragioneria della Regione; Domenico Barrile, 64enne di Patti (Me), responsabile del procedimento del dipartimento Lavori pubblici e Acque della Regione (relativamente all'anno 2000); Elisabetta Vivaldi, funzionario del settore Ragioneria. Abuso d'ufficio, falso, truffa aggravata e tentata truffa, i reati a vario titolo loro con-

testati dall'ex sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro Luigi De Magistris, titolare dell'indagine condotta dai militari del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza, che passarono al setaccio documenti, disciplinari d'incarico, decreti di impegni di spesa e di liquidazione, relativi agli anni compresi fra il 2000 e il 2004, per scoprirne, stando ai risultati delle investigazioni, alcuni retrodatati, altri ingiustamente "frazionati" o "duplicati", altri privi della necessaria firma del dirigente generale, insomma emessi in violazione di norme. Il tutto, secondo le accuse, per una gestione irregolare dell'assegnazione di incarichi di consulenze a professionisti esterni alla Regione. Accuse che però il nuovo pm titolare non ha mantenuto in tutto, chiedendo di mandare gli indagati sotto processo solo per alcuni capi, e contestualmente di proscioglierli per altri. La parola è passata in seguito agli avvocati Tripepi (difensore di Tortorella), e Carnuccio, sostituto processuale dell'avvocato De Nicolò (difensore di Vivaldi). Il 21 aprile si terranno le ultime discussioni dei legali, poi la decisione del gup. Per il momento c’è stata la richiesta di rinvio a giudizio per tutti gli indagati, ma solo per alcune delle accuse inizialmente contestate.

COMUNE A stabilirlo un’apposita conferenza di servizi convocata per esaminare la proposta di Riccio e Nisticò

Piazzale Trieste sarà isola pedonale CATANZARO — Piazzale Trieste diverrà isola pedonale. Lo ha stabilito un’apposita conferenza di servizi convocata per esaminare la proposta avanzata dai consiglieri comunali: Eugenio Riccio e Carlo Nisticò. Alla riunione erano presenti: Gigliotti, Riccio, Nisticò e il luogotenente Badalamenti. Dopo un’ampia discussione, sulla proposta di interdire l’area al transito ed alla sosta veicolare al fine di dare decoro all’ingresso del parco storico della Città,

nonché agli attigui palazzi sede del Comune e del Comando provinciale dei carabinieri, è stato deciso che piazzale Trieste diventi isola pedonale. Il settore gestione del territorio, quindi, provvederà, entro quindici giorni, a posizionerà appositi inibitori di transito a scomparsa unitamente ad alcune piante ornamentali. La Catanzaro servizi metterà a disposizione il parcheggio del Politeama per la sosta dei mezzi di servizio del Comune e provvederà, una volta

La denuncia di Catanzaro nel cuore: Scopelliti (Pdl ) non è super partes CATANZARO — «Beppe Scopelliti deve dimettersi due volte! Le dichiarazioni che rilascia sono gaffes, non possono più passare inosservate né devono finire nel dimenticatoio, specialmente quando si pensi che per costui si è addirittura ipotizzata la candidatura a presidente della regione, ciò che aggrava di molto la sua posizione rispetto ad ogni cosa che proclama» si legge in una nota di Catanzaro nel cuore. «All’importante incontro di mercoledì scorso tenutosi presso il Comalca di

Catanzaro per illustrare il progetto riguardante le otto polarità urbane ipotizzate nella nostra regione, l’unico assente era lui. L’ennesima gaffe di Scopelliti dovrebbe indurre lo stesso Pdl a trarre le opportune conseguenze. Scopelliti si è tradito o, per meglio dire, ha espresso in modo chiaro qual è il suo pensiero, qual è la considerazione che egli ha di un ruolo che dovrebbe essere super partes. Noi siamo convinti che egli danneggi la Calabria intera con la sua rincorsa al risentimento».

sgomberata l’area, alla cura degli alberi presenti sul sito. Il Comando provinciale dei carabinieri custodirà le chiavi per il funzionamento dei dissuasori in modo da consentire l’accesso, esclusivamente, in situazioni di emergenza o di cerimonie di rappresentanza istituzionale. L’ufficio mobilità, infine, provvederà ad emanare apposita ordinanza delimitando, su via Iannoni, tre parcheggi per automezzi comunali di servizio o di pronto intervento.

In breve... Disagi acqua Lunedì prossimo, 20 aprile dalle ore 8 e fino al termine dei lavori, sarà interrotta l’erogazione dell’acqua nella zona sud della città. A risentire del problema, quindi, saranno le utenze di Catanzaro marina, Casciolino, viale Crotone e Giovino. Parco Romani Domenico Iaconantonio, ha convocato per martedì prossimo 21 aprile alle ore 12, il Collegio di Vigilanza del Pru. La riunione si terrà nella sala commissioni di palazzo de Nobili.


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 21

CATANZARO PROVINCIA E SOVERATO SOVERATO E’ stato approvato all’unanimità il nuovo schema di delibera portato all’attenzione del consiglio comunale

Depuratore, sì alla gestione associata L’impianto di località “Corvo” è utilizzato anche da San Sostene, Davoli e Satriano SOVERATO — Approvato dal consiglio comunale il nuovo schema di convenzione per la gestione consortile del depuratore di località “Corvo”. All’esito dell’assise, convocata dal presidente del civico consesso, Giancarlo Tiani, hanno espresso parere favorevole tutti i gruppi presenti, di maggioranza e di opposizione. Una decisione unanime, dunque, che consentirà di procedere celermente alla riorganizzazione funzionale dell’importante servizio. L’impianto, posizionato a sud della città, è affidato ai comuni di Soverato, Satriano, Davoli e San Sostene. Tutti gli enti sono stati chiamati, in questi giorni, ad approvare in

Il sindaco Raffaele Mancini

separata sede, ognuno per le proprie competenze, un analogo schema di delibera. L’affidamento in gestione codifica, peraltro, una parte sostanziale del servizio che è quella relativa ai costi di manutenzione. Su questo specifico argomento, in passato, non sono mancati gli attriti tra le diverse amministrazioni comunali chiamate a corrispondere la propria quota-parte. Uno dei casi più eclatanti è esploso, ad esempio, quando si è trattato di pagare il canone elettrico e il comune di Soverato si è dovuto sobbarcare l’onere di un pagamento d’urgenza onde evitare il blocco del sistema di smaltimento delle condotte fognarie.

SELLIA MARINA A promuoverla è stata l’associazione Auser “Totò Gallella”

Iniziativa per prevenire i disturbi all’udito SELLIA MARINA — Ha suscitato in-

teresse la prima iniziativa dell’associazione Auser “Totò Gallella” di sottoporre gratuitamente a visita otorinolaringoiatra e ad esame audiometrico molti anziani selliesi. L’idea, nata per favorire la prevenzione e per curare alcuni disturbi dell’udito, ha avuto il merito di stimolare gli anziani, che il più delle volte sottovalutano i problemi all’udito, a sottoporsi a visita preventiva. L’associazione Auser, presieduta da

Salvatore Durante, da tempo sensibile alle dinamiche sociali della terza età, per l’organizzazione della giornata, ha coinvolto la responsabile dell’associazione “Graziella Ciancio” di Catanzaro, Lucia Arabia, la quale, si è prodigata a far giungere sul posto lo specialista in otorinolaringoiatria, dott. Mellea e un tecnico per l’esame audiometrico, la signora Piterà. I due professionisti hanno rilevato una consistente percentuale di persone con

disturbi all’udito alle quali hanno consigliato di effettuare ulteriori e più approfonditi esami. Una giornata, dunque, all’insegna della prevenzione e della collaborazione che, secondo quanto riferito dal segretario dell’associazione Auser, Alfio Bella, ha creato i presupposti per ripetere l’iniziativa negli anni successivi, magari estendendo l’interesse ad altre specifiche patologie. Giuseppe Fittante

CATANZARO Il prefetto Sandro Calvosa ha convocato i comizi

Ventisei i comuni al voto CATANZARO — Il 2009, per la pro-

vincia di Catanzaro è l’anno in cui diversi Comuni si preparano ad una importante scadenza: quella del rinnovo dei propri Consigli Comunali. Per questa occasione, il prefetto di Catanzaro, dottor Sandro Calvosa, nel rispetto del decreto del Ministero dell’Interno del primo aprile 2009, ha convocato per i giorni di sabato sei e domenica sette giugno i comizi elettorali per l’elezione diretta del primo cittadino e per il rinnovo dei consiglieri comunali. I Comuni che sono chiamati all’appuntamento elettorale di giugno sono i seguenti ventisei: Albi, Amaroni, Amato, Botricello, Cardinale, Cortale, Cropani, Curinga, Falerna, Fossato Serralta, Gagliato, Gimigliano, Marcedusa, Marcellinara, Motta Santa Lucia, Miglierina, Olivadi, Pentone, Pianopoli, San Floro, San Pietro a Maida, Sellia, Sellia Marina, Soveria Mannelli, Squillace e Zagarise. Il Prefetto Calvosa ha anche reso noto che sono stati convocati i comizi elettorali per sabato venti e domenica ventuno giugno 2009 per lo svolgimento dell’e-

ventuale turno di ballottaggio: in caso di parità di voti, infatti, si procederà ad un turno di ballottaggio fra i due candidati che hanno conseguito il maggior numero di voti, da effettuarsi la seconda domenica successiva al primo turno. In caso di ulteriore parità viene eletto il più anziano di età. Dunque è aperta, ufficialmente, la fase preparatoria che porterà i cittadini a scegliere il loro candidato a sindaco e la sua lista di appartenenza. Scelta che potrebbe portare ad un cambio o ad una riconferma dello schieramento politico attuale dei diversi Enti. Maria Teresa Folino

SOVERIA MANNELLI Diversi gli incontri propedeutici promossi da Filippo Garofalo, Angelo Montoro e Francesco Colosimo SATRIANOI lavori di ristrutturazione erano stati sospesi a fine gennaio

Si delinea un nuovo progetto politico Dissequestrata la chiesa matrice SOVERAI MANNELLI — L’obiettivo è

contribuire al rinnovamento della classe politica, dei metodi e delle scelte di sviluppo. E’ il punto fondamentale sancito negli incontri propedeutici promossi da Filippo Garofalo, Angelo Montoro e Francesco Colosimo, per la composizione di una lista che partecipi alle elezioni comunali del prossimo giugno. «Un proposito condiviso dichiara M. F. Garofalo - per permettere discontinuità con il passato e coinvolgere i giovani ad occuparsi in prima persona del futuro del proprio paese». Comincia, dunque, a delinearsi il nuovo progetto politico, che avrà una chiara ispirazione civica e conta tra i suoi ideatori dirigenti e iscritti delle va-

rie componenti politiche. Le riunioni susseguite hanno anche posto l’accento sulle varie problematiche che attanagliano il territorio nel suo percorso di crescita sociale, economica e culturale. «E’ nostra intenzione incrementare il dibattito politico, cercando di spostare l’attenzione sui problemi concreti del paese e delle frazioni». Diversi gli argomenti discussi alla presenza anche dei responsabili delle varie realtà associative, produttive ed ecclesiastiche, per trovare soluzione alle esigenze manifestate dai cittadini. Si è parlato di sanità, giovani, occupazione, famiglie, viabilità e sport. «Sono emerse criticità ed emergenze in tutti i settori della vita pubblica. E’

stato compiuto un’ampia analisi affinché il nostro impegno sociale sia quanto più possibile vicino alla gente, per noi principio fondamentale dell’impegno sociale». Sui candidati alla carica di consigliere comunale vige ancora il massimo riserbo. Il programma elettorale, con cui sarà chiesta la fiducia agli elettorali, è ormai in via di ultimazione, si attende solamente il contributo finale dei componenti della lista. «Perché - concludono i promotori - il piano degli interventi che proporremo dovrà essere modellato pure sulle affinità, esperienze e passioni dei nostri candidati. Non abbiamo lasciato nulla al caso, insomma, per presentarci compatti, seri e competenti».

SATRIANO — Rintocchi di campane a festa hanno annunciato ai cittadini satrianesi il dissequestro della chiesa matrice “Santa Maria D'Altavilla”, i cui lavori di ristrutturazione avviati da tempo, erano stati sospesi a fine gennaio a seguito di una indagine avviata dalla Procura della Repubblica. Tutto questo ha causato malcontento e agitazione tra la popolazione e la stessa Amministrazione Comunale che, da subito, affiancata dall'avvocato Franco Maida, si è adoperata nell'intento di sbloccare i lavori. Finalmente, con grande gioia di tutta la cittadinanza, il sequestro è stato revocato e il Giudice per le indagini preliminari Antonio Bat-

taglia, ne ha disposto il dissequestro al fine di proseguire i lavori necessari per la messa in sicurezza della Chiesa Matrice satrianese. Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Michele Drosi, il quale ha dichiarato il suo compiacimento relativo al dissequestro, e la piena fiducia nella magistratura che ha agito con professionalità, auspicando, infine, una imminente ripresa dei lavori affinchè la Chiesa possa essere restituita al culto e ai fedeli satrienesi. Tanta felicità dunque per i cittadini di Satriano che tra qualche tempo potranno tornare nella loro chiesa. Rosanna Paravati


22 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

LAMEZIA TERME CITTÀ IL FATTO Il volo dell’Alitalia era partito da Reggio Calabria alle 14. Il Comandante si è fermato per problemi tecnici

Atterraggio d’emergenza a Lamezia Codacons: «Cai deve spiegarci cosa è accaduto. Sulla sicurezza ora vogliamo garanzie» LAMEZIA TERME — L'aereo Reg-

gio Calabria - Milano dell'Alitalia è atterrato per problemi tecnici nell'aeroporto di Lamezia Terme. A spingere il comandante ad atterrare nello scalo lametino è stato il lampeggiare di una spia all'interno della cabina di comando. Un segnale che ha costretto il comandante dell'aereo, partito alle 14 da Reggio Calabria, a chiedere di atterrarenello scalo lametino per una verifica ai motori. I 160 passeggeri sono stati fatti scendere dall'aereo e si trovano attualmente nell'aeroporto in attesa di poter ripartire. In merito all’accaduto è intervenuto il Codacons che ha chiesto «garanzie da parte di Cai circa il livello di sicurezza dei voli della compagnia e spiegazioni sulle cause che hanno prodotto il guasto al motore e determinato un nuovo atterraggio di emergenza», in riferimento al volo Alitalia partito da Reggio Calabria e di-

Volontari e operatori di pace, iniziano le giornate formative LAMEZIA TERME — Anche la città

retto a Milano Linate. «Si tratta ha ricordato Carlo Rienzi, presidente Codacons - di un incidente che fa seguito a quello del 14 marzo scorso quando un aereo dell'AirOne, ora Cai, fu protago-

nista di un atterraggio di emergenza a causa di fumo a bordo del velivolo». Il volo sarebbe atterrato per problemi tecnici poco dopo la sua partenza da Reggio Calabria.

TERREMOTO ABRUZZO Da una settimana l’Associazione operatori di Polizia è impegnata nella raccolta

Partito il pick up con i beni primari LAMEZIA TERME — È partito ieri da Lamezia verso Roma, il primo pick-up dell’Associazione operatori di Polizia impegnata, da una settimana circa, a reperire sul territorio generi di prima necessità per i terremotati dell’Abruzzo. L’iniziativa, che ha visto scendere in campo in prima persona il comandante interregionale del Corpo, generale Mario Catroppa, e che proseguirà anche nei prossimi giorni, si è concretizzata nella mattinata di ieri alla presenza di tre operatori della regione Lazio che hanno provveduto a fare un primo rifornimento del materiale raccolto, frutto della grande sensibilità di alcune aziende lametine sensibili all’evento sismico che ha gravemente leso la Comunità aquilana. Statti, Standa Giò-casa; Eurodrink; oleificio Strangis; panificio Bernardi tutti di Lamezia e oleificio Nancy della vicina Pianopoli, sono stati tra i più virtuosi nel donare e oltre a generi di prima necessità, importante è stato il contributo di pasta (500 kg.) e di olio extra vergine d’oliva (500 Lt.). Una prima operazione di sostegno dunque, suggellata dalla presenza anco-

Il momento della partenza

ra, del Corpo dei Carabinieri e della Polizia municipale di Lamezia che sotto le direttive del maggiore Aldo Rubino, hanno verificato e garantito le operazioni di carico, trasporto e destinazione del donato. Grato ai cittadini e alle aziende lametine soprattutto, che hanno risposto all’appello di solidarietà avanzato dall’associazione operatori di polizia, lo stesso generale Catroppa che si è detto «fiero della

sensibilità della gente di Lamezia che, nonostante le difficoltà di una crisi che sta mettendo in ginocchio l’intera economia nazionale, non si è tirata indietro e con grande spirito di solidarietà, ha donato quanto ha potuto e questo, non può che fare onore a questa gente che contribuisce, nel suo piccolo, a rendere grande questa terra». Anto. Bru.

di Lamezia si apre alle giornate formative regionali per “volontari e operatori civili di pace”. Un’opportunità unica nel suo genere, rientrante nell’omonimo ed inedito progetto interamente finanziato dal Ministero degli Esteri e curato, in Calabria, dall’Associazione di solidarietà internazionale “Un ponte per…” nella persona del referente regionale Giovanni Crotti e, a Lamezia, dalla referente dell’associazione Integrazioni e formatrice, Alessandra Cugnetto, e che coinvolgerà circa 300 tra adulti e ragazzi di terzo e quarto superiore. Lezioni mirate e molto più accurate per i ragazzi rispetto agli adulti il cui corse è fissato per lunedì prossimo presso la sede della Polizia Municipale di via Perugini, che si terranno presso il locale istituto professionale di Stato “Luigi Einaudi” diretto da Franco Cappelli e che comprenderanno nello specifico, elementi di teoria e analisi del conflitto; metodi di trasformazione del conflitto, intervento creativo nonviolento ed efficace in conflitti violenti o potenzialmente violenti; teoria e pratica nel lavoro di gruppo, team work, leadership e ruoli nonché comunicazione non violenta, ascolto attivo, espressione sensitiva e non-dogmatica, rispondere in modo nonviolento se confrontati con violenza fisica o verbale. A rendere noti i termini di tale percorso formativo, lo stesso referente Crotti che oltre alla validità dell’iniziativa, fortemente abbracciata anche dalla città di Lamezia e dal sindaco Gianni Speranza, ha messo in evidenza la grande opportunità che si vuole dare ai partecipanti e in modo particolare, agli studenti poiché non solo verrà rilasciato loro un attestato di partecipazione che molte scuole trasformeranno in credito formativo, ma perché questa esperienza darà un chance in più per un eventuale servizio civile o missione all’estero considerato che tutti gli aderenti, sia assi giovani che adulti, verranno inseriti in un data base nazionale e all’occorrenza, potrebbero essere chiamati per formare gruppi civili di pace. Gruppi che opereranno non necessaria-

mente in zone di conflitto (attualmente 33 sono le guerre tra globali e regionali nel mondo ndr) ma ovunque c’è bisogno di portare avanti quel messaggio della nonviolenza, dell’intermediazione e di conciliazioni tra verità e riconoscimento delle ragioni. Durante la presentazione alla stampa, utile anche a rimarcare il riconoscimento dal 2007 degli interventi civili di pace nonché del progetto in questione che per la prima volta viene così strutturato in Italia, coinvolgendo appieno otto regioni italiane quali Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Campania, Calabria e Lombardia e, tra queste, cinque realtà territoriali della nostra regione quali Lamezia, appunto ma anche Vibo, Palmi, Reggio e la locride, di grande rilevanza è stato l’intervento del primo cittadino Gianni Speranza. Il sindaco che ha voluto rimarcare la vocazione alla solidarietà di una città attiva che sa fare parlare di se anche di tante cose belle e costruttive. Il corso di formazione in questo caso, ma anche di tante piccole e grandi cose quali potrebbe essere l’”Ospedale Lamezia” costruito in Africa nei territorio in cui Padre paolino svolge la sua missine a favore dei bambini poveri del luogo. “Concretezze che vanno oltre le angoscianti ipocrisie degli affari economici e della politica” ha aggiunto poi, e che hanno trovato riscontro nelle parole espresse dell’assessore comunale Elvira Falvo che assieme alla formatrice Alessandra Cugnetto ha parlato di “diritto alla pace”, ma anche del dirigente scolastico dell’”Einaudi” Cappelli che ha ribadito il fondamentale ruolo della scuola ed il ritorno alla legalità anche attraverso queste pratiche, nonché di don Fabio, coordinatore della Diocesi di Lamezia per quanto riguarda i giovani, che pur impegnato nella grande manifestazione lametina del 30 e 31 aprile prossima e rientrante nel più grosso progetto “Agorà dei giovani” si è detto disponibile ad eventuali collaborazioni poiché “la pace unisce gli uomini e l’impegno di tutti è forgiare uomini di pace”. Antonietta Bruno


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 23

LAMEZIA TERME CITTÀ POLITICA Si è svolta ieri la seconda riunione interpartitica dei gruppi di centrodestra tutti in contrapposizione a Speranza e al suo operato

«La Giunta non ha un programma» Tra gli obiettivi dell’incontro: trovare soluzione alle problematiche urgenti della città LAMEZIA TERME — Si è svolto ieri presso la sede del Pdl di Lamezia, il secondo incontro interpartitico cittadino che ha visto riunite tutte le forze di centrodestra per discutere dei vari problemi della città e capire, al di fuori di quelle che potrebbero essere delle future coalizioni elettorali, se ci sono interessi convergenti e bozze di programmi comuni da portare avanti per il bene della città. Forze in contrapposizione alla Giunta Speranza e al suo operato, individuati nei rappresentanti di Lameziaprovinciaenonsolo; dei Repubblicani; dell’Udeur; del Nuovo Psi; del Movimento per le autonomie e de La Terza via che anche in questo secondo incontro, dopo una prima seduta di qualche settimana fa in cui si è deciso di avviare un tavolo di lavoro comune, e che anche nella giornata di ieri ha dato i suoi buoni frutti. Tanti gli argomenti affrontati, infatti, e tante le diverse opinioni espresse sulla problematica della discarica comunale, del piano strutturale ma, soprattutto, di quello che dovrà essere il futuro, o meglio la posizione chiara, di quelli che oggi si trovano all’opposizione. In tal senso, chiaro il pensiero espresso da Francesco Grandinet-

La riunione di ieri

ti, leader del movimento Lameziaprovinciaenonsolo lieto della presenza “nel gruppo allargato” dell’Udeur e Socialisti con i quali si cercherà di studiare nuove strategie di sviluppo della città e un confronto ancora più ampio, che dovrebbe abbracciare, sempre secondo Grandinetti, anche gli esponenti dell’Udc cittadino. Forza di centro quest’ultima, che ancora non si è espressa su alcuna posizione. Una seconda seduta costrutti-

va, dicevamo, che ha trovato “terreno fertile” anche negli esponenti del Pdl, come spiegato Luigi Muraca, attraverso il quale si sta cercando di individuare traiettorie comuni su delle problematiche urgenti ed importanti quali potrebbero essere, il piano strutturale e il bilancio di prossima approvazione in Consiglio. Intento è il loro, di verificare se questi potranno essere migliorati ed emandati nell’interesse della cittadini. Altra cosa sono i

contenuti e le condizioni politiche per avviare un dialogo costruttivo che potrebbe portare, in futuro anche a delle scelte elettoralistiche al momento non ancora valutate. Scelte allo stato embrionale, come sottolineato nella stessa occasione dal coordinatore provinciale del Mpa, Pasqualino Ruberto che in tal senso è stato molto chiaro nell’esprimere posizione sua e del movimento che rappresenta. «La presenza nostra ha un significato ben preciso - ha detto - noi vogliamo discutere in questa città con tutte quelle forze politiche che hanno in mente di operare insieme per costruire un programma comune. Questo però, non va confuso con gli incontri interpartitici di questi ultimi mesi perché non si sta costruendo nessuna coalizione né si sta pensando ad un sindaco comune. Si sta solo discutendo di tutte quelle problematiche che ci vedono in contrapposizione con alcuni provvedimenti amministrativi di questa Giunta, ma ciò non può essere il semplice collante a costruire una coalizione alternativa». Confronto non sulle diverse “simpatie” politiche ma sui programmi dunque, che porterà il Movimento della autonomia a decidere non

prima della avvenute elezioni europee. Un punto fermo in tal senso, come ferma pare essere la posizione dei Repubblicani con quanto dichiarato da Armando Chirumbolo che sempre nell’interesse della crescita della città, non ha parlato di eventuale stesura di una bozza di programma, bensì della volontà a superare tutti quegli ostacoli legati alla “cattiva gestione della cosa pubblica”. Problemi all’origine, secondo l’opinione comune delle forze presenti, sottolineate ancora dal neo-commissario cittadino dell’Udeur Antonio Folino in rappresentanza di un leader di partito candidato alle europee nel Pdl e del coordinatore del Nuovo Psi, Giovanni Scalzo che cerca, del gruppo di opposizione, la soluzione a tutti i problemi della gestione del Centrosinistra. «L’attuale Giunta - ha detto quest’ultimo - continua a navigare a vista. Non ha un programma preciso e continua ad essere succube di ricatti. Noi questo non lo possiamo più accettare così come non accettiamo più che la terza città della Calabria resti al palo mentre le altre realtà calabresi si muovono e crescono». Antonietta Bruno

DISCARICA I consiglieri comunali del Pdl chiedono un consiglio per verificare l’esistenza di un nuovo sito DISCARICA Nicolino Panedigrano attacca il primo cittadino

«La posizione del sindaco è fuorviante» «Perchè non ha difeso la città?» LAMEZIA TERME — I Consiglieri co-

munali del PdL (Mario Magno, Antonio Saladino, Francesco Chirillo, Pino Scicchitano, Luigi Muraca, Francesco De Biase, Faffaele Mazzei) hanno inviato una richiesta di convocazione urgente del consiglio comunale al Presidente del Consiglio Comunale di Lamezia Terme. «Negli anni scorsi si sono tenuti diversi consigli comunali al fine di trattare ed approfondire sia la questione ambientale del territorio lamentino sia quella relativa all’ampliamento della discarica sita in località stretto» si legge nella richiesta del Pdl. «Nell’ultimo consiglio comunale tenutosi in data 7 luglio 2008 -continua - fu approvato, come risoluzione finale del dibattito consiliare, un ordine del giorno con il quale si istituiva una commissione speciale d’indagine con il compito di verificare il ciclo di smaltimento dei rifiuti e la situazione della discarica consortile. Successivamente a quel consiglio comunale, il Sindaco di Maida inviava una lettera al comune

di Lamezia Terme, con la quale proponeva la realizzazione di una discarica con termovalorizzatore ai confini tra il suo comune e quello di Cortale. Il commissario regionale per l’emergenza nei giorni scorsi sulla stampa ha dichiarato che a seguito del parere negativo della Regione, dei consigli comunali e dei cittadini della piana di Gioia Tauro non si potrà più realizzare l’ampliamento del termovalorizzatore. La proposta dei sindaci di Maida e di Cortale appare opportuna al fine di verificare una possibile collocazione nel sito da loro indicato di un termovalorizzatore con annessa discarica e relativo recupero energetico. La protesta effettuata nei giorni scorsi dai proprietari dei vigneti che dovrebbero essere espropriati ai fini dell’ampliamento della discarica di località stretto, dal Sindaco di Feroleto Antico e di Maida, sui quali territori insistono attività commerciali e dai rappresentanti delle associazioni Confagricoltura, Coldiretti, Associazione “Strade del Vino”,

Cia, Cna, Confindustria e Slow Food, ha avuto un ampio eco sulle televisioni e sulla stampa nazionale e regionale ponendo la problematica in risalto. Appare fuorviante la posizione del Sindaco di Lamezia Terme». I consiglieri del Pdl chiedono «di voler convocare un Consiglio Comunale aperto alla Deputazione Nazionale, ai rappresentanti lametini nei Consigli Regionale e Provinciale, al Presidente della Multiservizi, al Commissario per l’Emergenza Ambientale ed al Presidente della Giunta Regionale, all’Assessore all’Ambiente della Regione, al Presidente della Giunta Provinciale, ai rappresentanti degli Industriali ed alle Organizzazioni di categoria, ai sindaci di Maida, Cortale e Feroleto Antico, al fine di verificare l’esistenza di altro sito idoneo per la realizzazione della nuova discarica con annesso il termovalorizzatore al fine di salvaguardare i terreni agricoli e le attività commerciali di località stretto e procedere successivamente alla bonifica dell’intero sito».

LAMEZIA TERME — «Sull'amplia-

mento della discarica di località Stretto che invade i vigneti Doc delle Cantine Statti l'Amministrazione Speranza continua a negare ogni responsabilità , scaricandola sul Commissario Straordinario che ha operato la scelta del sito, ma ècomunque riuscita ancora una volta nel miracolo di rimanere con il cerino acceso in mano» si legge in una nota di Nicolino Panedigrano. «Una cosa che, putroppo, per questa amministrazione non è una novità - continua - ma che invece in certa misura è diventata un suo costume. Chi non ricorda la bufala della Biofata. Fu un'operazione propagandata con strepito di fanfare a ridosso delle elezioni politiche del 2006 dall'allora sottosegretario Galati, il quale arrivò a posare la prima (e tragicamente unica) pietra dell'intervento, promettendo mirabolanti investimenti agro-industriali e centinaia di posti di lavoro. Anche in quella occasione l'Amministrazione Speran-

za - continua -, appena insediatasi, insistette in capriole tecnico amministrative nel vano tentativo di inseguire quei fantomatici e mai stanziati finanziamenti e restò poi, con il cerino in mano della perdita dei finanziamenti per aver promosso una nuova cordata di imprenditori che non si videro finanziare il becco di un quattrino. Con la questione dell'ampliamento della discarica il problema è però, molto più grave - conclude -, perché il Sindaco Speranza nelle aspettative di chi lo ha sostenuto elettoralmente (e noi fummo tra quelli) doveva star li per promuovere lo sviluppo economico e produttivo della città e non, invece, per subire da un Commissario Straordinario le scelte di governo del suo territorio. Speranza allora, invece di dire come al solito io non c'entro e rimpallare la responsabilità sul Commissario Straordinario, si sarebbe dovuto mettere alla testa delle iniziative per la tutela del nostro territorio dall'invasione della monnezza altrui».


Pag. 24

il Domani

COSENZA

Venerdì 17 Aprile 2009

Service a cura di Ediratio e AT Press - E-mail: redazione@ildomani.it | www.ildomani.it

Il consigliere regionale socialista, presidente della commissione regionale Riforme, sempre in bilico tra i due poli

Cosa non si fa per avere Magarò Il governatore Loiero gli avrebbe offerto un posto in giunta pur blindarlo nel centrosinistra COSENZA — Lo scacchiere regionale è scosso dal posizionamento dei componenti della giunta e del consiglio che in vari modi sono interessati alle prossime elezioni locali ed europee, alcuni alla rincorsa di candidature come l'assessore Pirillo, altri per essere in bilico tra gli schieramenti. Tra questi è certamente Salvatore Magarò a presentare la posizione più delicata, poiché ha dichiarato di voler seguire le sorti di Giacomo Mancini nel Pdl ma attualmente, però, mantiene la presidenza della commissione Riforme in consiglio regionale che gli consente di conservare i giusti privilegi , compreso il piccolo esercito di collaboratori, opportunità preziosa in attesa del momento in cui potrà acquisire una posizione definita dopo il traghettamento nell'altro versante.

Salvatore Magarò

Luigi Incarnato

Per impedirgli di presentare una propria lista “satellite” alle provinciali cosentine, sembrerebbe che gli sia stata offerto direttamente dal governatore Loiero l'assessorato che oggi è di Luigi Incarnato, il quale, pur godendo in consiglio del sostegno di due consiglieri, viene accreditato di un consenso marginale e comunque ininfluente rispetto al possibile esito del confronto elettorale. In questa fase la maggioranza regionale è blindata e le preoccupazioni sono tutte prospettiche. Il partito socialista o quello che rimane dopo fughe e riposizionamenti non interessa più a nessuno ed Incarnato viene ormai considerato un generale senza truppa. Ma nonostante “l'avance” pare sia stata ripetuta anche da Cesare Marini, Magarò ha opposto un garbato ma netto rifiuto. Que-

sto lascia intendere che la sua lista scenderà in campo lo stesso e la sua definitiva trasmigrazione nel campo avverso è ormai prossima e occorre posizionarsi per il confronto alle regionali che potrebbe presentare scenari ancora inesplorati. Le elezioni provinciali di Cosenza costituiscono il vero campo di battaglia del prossimo giugno, un terreno dove confrontare alleanza e strategie. L'equilibrio bipartisan che ha consentito di bilanciare il potere tra una classe politica diventata intercambiabile per qualsiasi maggioranza sembra stia saltando per l'irrompere di forze autonome ed indipendenti che sconvolgono il quadro. Magarò ha fretta di scendere in campo con la sua corazzata, se c’è. Deve contrattare la sua forza. Adesso. Oreste Parise

Guccione non ha dubbi: ci sono le stesse condizioni dell’asse precedente Presentati i libri del filosofo pugliese e di Spartaco Pupo

«I fondi Por 2007-2013 faranno una brutta fine» COSENZA — "Con il Mezzogiorno ri-

parte l'Italia" è l'ambizioso the freddo che Luca Bianchi, Armando Cirillo, Carlo Guccione, Franco Laratta e Cesare Marini servono nel salone di rappresentanza del Comune. C'è il primo timido caldo di stagione fuori la porta ma non è né l'unica né la più dignitosa delle cose da raccontare. Metti quattro anime di sinistra purosangue al tavolo ma c'è il Sud che batte cassa al centro del piatto e se qualcuno s'illude che le bordate siano solo per il berlusconismo s'illude e non poco. Se Luca Bianchi recita a soggetto e con parsimonia la parte del dotto numerologo delle disgrazie che starebbe combinando il centrodestra al governo tocca a Carlo Guccione tirare ceffoni in serie ai compagni di cordata. D'ufficio lo schiaffetto scontato al governo del Pdl, che per Carletto è assai attento agli equilibri del grande Nord e distratto assai da Roma in giù. Non fa notizia che sia uno col suo passato a pensarla così. Quello che la fa, la notizia, è il seguito. La Calabria non ha assolutamente bisogno di più risorse comunita-

Carlo Guccione

rie, questo il primo missile. Bastano e avanzano quelle che ci sono. Quel che conta è saperli spendere, i fiumi d'oro di milioni di euro e il film andato in scena fin qui è desolante assai, a sentire Guccione. Che infatti non si sottrae a pro-

nunciare il de profundis al Por 20072013. Ci sono tutte le premesse, ha detto chiaramente l'ex segretario della Quercia, perché anche per questo asse vada in scena un "sacco". Neanche un euro speso né programmato, fin qui. Solo parole al vento. Manca la progettualità e la professionalità, per non parlare dell'eticità. Dei fondi 2000-2006 non c'è traccia da nessuna parte e in giro non si intravede nemmeno un'opera realizzata con quei fondi. Guccione va oltre il concetto e parla di un Pd distante razionalmente dai problemi del Sud e della Calabria in particolare. Di un assetto di potere regionale stantio e anchilosato su se stesso. Di qui la svolta, necessaria. Occorre, e lui si augura fortemente che possa nascere nel Pd, un'anima autonomista e meridionalista che prenda a cuore le sorti di questa terra riprogrammando e spendendo quei benedetti soldi nell'unico modo possibile che c'è per non profondare del tutto. Ovviamente cambiando gli attori del presente sennò la minestra servita in tavola sempre quella sarà alla fine.

Allo stadio impianto fototermico tra i più grandi del Sud

Una passeggiata domenicale sui luoghi dei Fratelli Bandiera

COSENZA — Con una spesa totale di

COSENZA — Il Fai (Fondo per l'am-

circa 300.000 euro ed un lavoro durato pochi mesi a Cosenza si è realizzato uno degli impianti fototermici più imponenti del Mezzogiorno e d'Italia. Grazie a questa innovazione, allo stadio - si legge in una nota del Comune - c'è ora acqua calda a sufficienza per assicurare tutti i servizi a utenti e calciatori, con un risparmio di circa 8.000 euro all'anno. Lo stesso sistema assicura il tepore delle piscine di Campagnano oltre alle docce calde, che potrebbero essere fino a 750 al giorno senza problemi. Ancora, all'asilo nido e alla scuola materna ed elementare “Alvaro” di via Livatino si sono coperte tutte le esigenze igieniche e di mensa per bambini e personale. Gli impianti sono stati realizzati dal Comune.

biente italiano) sarà presente anche a Cosenza. «Il gruppo - spiega una nota da poco costituito come momento preparatorio della delegazione Fai, si presenta alla città e al suo hinterland con un'iniziativa culturale, di taglio storico e artistico, molto suggestiva perché simbolica ed emblematica per la stessa storia d'Italia». L'appuntamento è per domenica 19 aprile 2009 con “una passeggiata sui luoghi dei Fratelli Bandiera”. I componenti del Gruppo cosentino del Fai presentano l'evento come un “itinerario guidato alla scoperta di curiosita' e immagini”. E così le tappe del viaggio nella storia toccheranno Palazzo Arnone, l'allora sede del Tribunale in cui i due fratelli veneziani, in tre udienze dal 15 al 24 luglio 1844, furono condannati a

morte; il Vallone di Rovito, il sito in cui Attilio ed Emilio Bandiera, con altri sette patrioti, vennero fucilati; la Chiesa di Sant'Agostino, luogo sacro che entra nella storia perché i Bandiera lì furono sepolti, poi spostati nel Duomo di Cosenza; solo nel 1870, infatti, venne effettuata la traslazione a Venezia. Si chiudeva, così, una delle pagine più emblematiche della storia d'Italia che, se approfondita, può offrire uno spaccato esclusivo della vita politico-sociale di metà Ottocento, soprattutto nel Mezzogiorno d'Italia. E il Fai, che ha il compito istituzionale di far conoscere e preservare il patrimonio culturale e ambientale d'Italia, ha scelto di approfondire queste pagine di storia nazionale, per una volta “ambientate” in Calabria e a Cosenza.

La questione meridionale è vecchia, parola di Veneziani Dure critiche all’autonomismo della new generation COSENZA — Una "doppia" culturale

di rilievo, nel segno di un rapporto di amore-odio verso un meridionalismo, oggetto del desiderio e fardello ingombrante. Questo il tema della manifestazione svoltasi ieri nel ridotto del teatro Rendano, nel corso della quale sono stati presentati "Sud" l'ultima fatica di Marcello Veneziani per i tipi della Mondadori, e "Telesio", una densa monografia di Spartaco Pupo, docente Unical, dedicata all'illustre pensatore cosentino di cui ricorre quest'anno il centenario. Il dibattito, significativamente intitolato "Tra Telesio e Veneziani", è stato animato dalla partecipazione di Pietro Mancini, giornalista e presidente della fondazione Mancini, da Domenico Barile, imprenditore e capogruppo del Pdl alla Provincia di Cosenza, Mario Caligiuri, docente Unical, e Manuel Grillo, editore e presidente dell'associazione Settecolori. Non sono mancati dei cenni polemici, sull'attuale politica culturale delle istituzioni calabresi. "Stiamo tentando un'opera di restauro culturale della nostra dignità di meridionali, of-

fuscata dalle recenti cronache giudiziarie e dalle tristi faccende di malaffare che si sono verificate ovunque", ha dichiarato Barile. "Le nostre istituzioni, ad esempio, hanno fatto poco per valorizzare i tesori della Calabra: si pensi al centenario telesiano, che ha dato adito a uno "scippo" da parte dell'università di Firenze". Dirompente e originale come sempre Veneziani: "La questione meridionale è da archiviare. Il sud va pensato al di fuori del meridionalismo. Altrimenti rischia di diventare un nord "in ritardo" con i tempi". Si al federalismo fiscale "purché non coinvolga funzioni che è opportuno che restino dello Stato". Veneziani critica tuttavia l'autonomismo "che rischia di diventare una sorta di leghismo rovesciato". Pupo si sofferma, invece, sulla centralità di Telesio: «È nato cinquant'anni dopo la morte di Machiavelli. Perciò, il suo pensiero e la sua stessa biografia sono il passaggio tra umanesimo e rinascimento. Un passaggio che parte da sud». Saverio Paletta

MEDIATAG RICERCA SU COSENZA Per il lancio di nuovi prodotti editoriali su Cosenza e provincia selezioniamo

AGENTI PUBBLICITARI (ambosessi) per la seguenti zone:

Cosenza città, Cosenza area Jonio, Cosenza area Tirreno Inviare dettaglio curriculum a info@mediatag.it. Trattamento economico di sicuro interesse.

• • •

Costituirà titolo preferenziale possedere una laurea in marketing, scienze delle comunicazioni o relazioni sociali. L’anticipo provvigionale sarà in grado di soddisfare le candidature più qualificate. Inquadramento Enasarco

Per un appuntamento selettivo gli interessati possono inviare il proprio curriculum al seguente indirizzo di posta elettronica:.......................................................... info@mediatag.it oppure al numero di fax: ............................................................................................. 0961.903421 o per posta indirizzata a: ..... MEDIATAG SPA - Loc. Serramonda 88040 Marcellinara (Cz) I dati contenuti nel curriculum verranno trattati esclusivamente ai fini della selezione del personale. La presente ricerca è estesa a persone di entrambi i sessi ai sensi della legge 903/77


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 25

COSENZA CITTÀ COSENZA — “Loro” (le contrae-

rei mediatiche di Pd e Pdl) se le danno di santa ragione con manifesti innegianti numeri futuribili che costano poco, oggi come oggi? Facciano pure, pensa Roberto Occhiuto, il guastafeste che sta in mezzo con lo Scudo di Casini e che ce la metterà tutta pur di far votare un turno di spareggio quindici giorni dopo l’appuntamento del 6 giugno. Io svelo subito il piatto che servirò ai contendenti, questa la strategia. Ed ecco la Provincia che immagina il giovane deputato Udc. «Ho “l'insolita” ambizione dice - di rappresentare ai cittadini la mia idea in ordine alla Provincia che vorrei e che ho in mente. È una questione, più che di stile, di rispetto per la collettività che si ha l'ambizione di rappresentare. Per esser chiaro, mi piacerebbe, anche questa volta, lasciare il segno concreto della mia attività attraverso il governo dei problemi, come ho fatto al consiglio regionale e come sto tentando di fare al Parlamento. La mia vuole essere, in questa campagna elettorale - continua una presenza da protagonista in ordine alla capacità di delineare il nuovo ed innovativo assetto della Provincia. Che sarà un ente di coordinamento tra i Comuni, si limiterà a stabilizzare, certamente, i propri lavoratori ma non assumerà altri precari. Rafforzerà la propria missione nelle competenze devolutele, sull'ambiente, sulla formazione professionale. La “mia” Provincia porterà - ecco il piatto forte - da 12 a 6 il numero degli assessori. La “mia” Provincia sarà un ente capace di intercettare investimenti, più che di gestire risorse pubbliche. Su tutto ciò e su tanto altro ancora aspetto, forse invano, di ascoltare gli altri candidati. Per ora mi pare evidente conclude - che il confronto sia più sui numeri e sulle percentuali che sulle cose concrete che si vorrebbero, forse, realizzare».

Il candidato dell’Udc alla presidenza della Provincia prova a smarcarsi dai due blocchi

Se passa la linea di Occhiuto «Immagino un ente snello e pratico, con 6 assessori e non 12» In località Montino di Altomonte da personale Why not

Ritrovato un teschio COSENZA — Sembra una storia da

Il palazzo della Provincia di Cosenza e, nel riquadro, Roberto Occhiuto

Vagliolise ore 12,42: disagio annunciato... Una fila insolita davanti alla biglietteria di Vaglio Lise intorno a mezzogiorno di ieri sedici aprile. Tanti sportelli, ma solo un impiegato. Tutti aspettano civilmente il proprio turno. Una signora si attarda per una questione di rimborsi, ma nessun segno di impazienza. Alle 12.42 l'impiegato avverte che servirà l'ultimo cliente e poi chiuderà bottega, inesorabilmente. Siamo rimasti in tre a protestare per un po', ma invano perché una tendina scende come una cortina di ferro impedendo qualsiasi protesta. Un signore si affretta verso la Polfer per denunciare l'accaduto. Vi è una spiegazione burocratica, come è ovvio. Quella mattina non vi sono sostituti possibili ed il turno del nostro zelante impiegato termina esattamente a quell'orario, con qualche secondo di tolleranza. Dura lex, sed lex commenterebbero i dotti. Ma qui tutto ciò sa proprio di ottusità. Sentirsi dire che dopo nove ore di sportello si è sfiniti è proprio una beffa. Si può credere che abbia iniziato il turno alle 3.42 con una fila chilometrica che lo aspettava impaziente?

film horror vecchio stile, di quelle che sembrano appartenere al passato ma che all’occorrenza ritornano d’attualità. Il fatto risale allo scorso 8 aprile, ma è stato reso noto solo ieri. Una squadra addetta al monitoraggio idrografico del Torrente Fiumicello nell'ambito del progetto “Monitoraggio della rete idrografica” di Why not outsourcing, ha scoperto, in località Montino nel comune di Altomonte, i resti di un teschio che inequivocabilmen-

te è umano. Le Forze dell'ordine sono state immediatamente avvertite del rinvenimento inquietante, avvenuto su una sponda del fiume. Dopo alcuni minuti - secondo quanto reso noto dai responsabili del progetto - è giunto sul luogo del ritrovamento un rappresentante della polizia municipale che, dopo un sopralluogo, ha ritenuto opportuno comunicare l'accaduuto al comandante dei vigili urbani ed al medico legale dell'Asp.

13 praticanti nella squadra dell’avvocatura del Comune COSENZA — Nuovo assetto per lo

staff legale e contenzioso del Comune di Cosenza. Da lunedi' saranno al lavoro tredici praticanti che hanno colto l' opportunita' di formarsi alla professione e soprattutto di conseguire l'esame di abilitazione alla fine del praticantato partecipando all'avviso pubblicato dall'amministrazione comunale del capoluogo bruzio. Questa mattina primo incontro con l'assessore al ramo Damiano Covelli,

il dirigente Ugo Dattis e lo staff dell'Avvocatura, presente il consigliere comunale Antonio Ciacco. Covelli ha porto il benvenuto dell'Amministrazione ai giovani praticanti - rispetto ai quali si sottolinea una prevalente presenza femminile - informandoli del clima di grande collaborazione che troveranno negli uffici. «Sono certo che questo percorso rappresentera' per voi una validissima esperienza - ha detto Covelli».

Per Franco Corbelli l’ospedale cittadino è privo di margini di sicurezza Il leader della nuova sinistra ieri in città per un comizio

«L’Annunziata rischia una fine abruzzese... » COSENZA — La tragedia abruzze-

se è diventata una sorta di termometro istituzionale anche per la Calabria che ovviamente non fi ma mancare nulla quando si tratta di avaznare inquietanti critiche. Un termometro che, innanzitutto, misura i rapporti tra gli enti. In questo caso, tra la provincia di Cosenza, zona ad alto rischio sismico e quella dell'Aquila, dove il rischio si è, purtroppo, tramutato in realtà. A tal proposito, ieri mattina, Stefania Pezzopane, presidente della Provincia dell'Aquila, ha mandato un messaggio a Mario Oliverio, presidente della Provincia di Cosenza. "Grazie per l'affetto che ci state dimostrando", si legge tra l'altro nel messaggio indirizzato ad Oliverio che, con la sua collega abruzzese si era messo in contatto sin dalle prime ore del 6 aprile. La presidente aquilana ha anche invitato Mario Oliverio per il prossimo 23 Aprile, alle ore 11,30 all'Aquila, quando nella città colpita dal disastroso sisma arriveranno i rappresentanti delle Province italiane. Ma ben altre febbri sono misurate dal termometro sismico. In particolare, quella che potrebbe provocare l'allarme sulla condizione delle nostre infrastrutture. Si tratta di una battaglia a cui, da giorni, si dedica Franco Corbelli, leader del movimento Diritti civili, il quale, in una nota, si dice «fortemente preoccupato per la sicurezza, oltre che delle

L’ospedave civile di Cosenza

scuole, degli edifici pubblici e delle abitazioni più fatiscenti, dei presidi sanitari» e ha lanciato, in particolare, l'allarme per il «caso dell'ospedale civile regionale di Cosenza, molto vecchio e assai pericoloso, che rischia (in caso di forte evento sismico) di fare la fine di quello dell'Aquila, crollato a seguito del sisma». Corbelli chiede che «venga fatta una immediata verifica sulla stabilità e sicurezza della struttura, che si renda noto, se esiste, un (recente) certificato di agibilità di questo vecchio nosocomio, che ha quasi ottanta anni di attività». Infatti, «l'ospedale dell'Annunziata, uno dei più grandi e importanti della Calabria, venne costruito agli inizi degli an-

ni trenta, naturalmente senza alcun criterio antisismico. È una struttura che ha poi, nel corso degli anni, subito delle piccole modifiche, ampliamenti e ristrutturazione. Ha quasi 80 anni di vita che rendono per questo inevitabilmente, oggettivamente e fisiologicamente pericolosa la struttura. È nota a tutti la grande importanza del nosocomio regionale dell'Annunziata di Cosenza, che accoglie pazienti da tutta la provincia e anche dal resto della regione, che svolge per questo, ogni giorno, un ruolo molto importante, decisivo in molti casi per salvare delle vite umane». Perciò, conclude Corbelli «dopo la tragedia dell'Abruzzo, i piccoli terremoti di questi ultimi giorni, in provincia di Cosenza e nel resto della regione, devono suonare come un campanello d'allarme. Bisogna prevenire, intervenire subito permettere in condizioni di sicurezza l'importante struttura ospedaliera cosentina». Intanto continua incessante anche dalle nostre parti la gara della solidarietà nei confronti dei terremotati dell’Abruzzo. Dopo il gesto di alcuni docenti Unical, che hanno anticipato di volersi privare di parte delle remunerazioni interviene il rettore Latorre pubblicamente a ringraziarli mentre banca Carime mette a disposione un conto corrente per raccogliere immediatamente adesioni finanziarie che possano servire per la ricostruzione.

Vendola rilancia la sfida e riscopre Mancini senior «La crisi è figlia di un cow boy di nome Reagan» COSENZA — Scrivere una storia

inedita in cui proiettare il futuro della Sinistra italiana; ecco l'ambizione di Nichi Vendola, giunto nella città bruzia nei panni di leader del movimento Sinistra e Libertà e di capolista alle prossime Europee, per la circoscrizione del Meridione. Il racconto inedito che il presidente della Regione Puglia vorrebbe scrivere non ha più per protagonisti i compagni di un tempo, i militanti di Rifondazione, tranne quelli che insieme a lui ne hanno abbandonato le file. Nuovi compagni sembrano invece i protagonisti di questa avventura politica, dai socialisti ai Verdi. Sul palco di piazza Kennedy, nel centro di Cosenza, insieme a Nichi Vendola ci sono personalità della sinistra con storie ed identità diverse: Mimmo Talarico, Eva Catizone, Gianni Papasso, Luigi Incarnato e Franco Pignataro. Quella che Vendola vuole scrivere insieme a loro, sembra una storia di condivisione, soprattutto delle tradizioni e delle esperienze. L'apertura al panorama socialista, o quantomeno a vedute di più ampio respiro sull'identità della sinistra hanno segnato l'intervento di Vendola sin dalle prime battute. "Venticinque anni fa svolgevo l'attività di giornalista e giunsi in Calabria. Mi trovai innanzi una regione in cui la 'ndrangheta era forte. Cosenza, rispetto a tutto questo, si distinse, come fucina culturale. È in questa

città - ricorda Vendola - che conobbi Giacomo Mancini. È così che conobbi il fascino di un grande meridionale, del quale ascoltavo le parole, mentre la mia diffidenza si scioglieva come neve al sole". Vendola, , mostra attraverso il ricordo di Mancini l'apertura ad un nuovo orizzonte politico. Calata giù ogni maschera in merito all'importanza di un'unità compatta per far "tornare la Sinistra nel Parlamento italiano" Vendola non manca di pragmatismo e concretezza. Ricorda aree della Calabria come Soverato, colpita dall'alluvione e poi il sisma dell'Abbruzzo. "Tali tragedie non hanno bisogno di sguardi compassionevoli, ma di chi non ha paura a dire la verità. La tragedia ed i morti non derivano da calamità naturali, bensì da calamità artificiali e, nel caso dell'Abbruzzo, dal ruolo svolto dai palazzinari". E sulla crisi economica? "Essa avrà una vittima spiega Vendola -: un'intera generazione di giovani ai quali il governo Berlusconi ha già provveduto a togliere la speranza di una pensione. Precarietà e disoccupazione divengono così gli incubi individuali di tutti quelli ai quali è stato tolto anche il senso della collettività. L'individualismo dilaga, mentre i politici parlano a masse che sperano omologate". Melissa Cosenza


26 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

TIRRENO COSENTINO SCALEA Sul progetto di “Torre Talao” è scontro tra l’amministrazione comunale e gli ambientalisti TIRRENO Sono Amantea, Cetraro, Belvedere, Scalea e Praia

Porto, chiesta la conferenza dei servizi Polarità urbane per lo sviluppo SCALEA – Sul porto di “Torre Ta-

TIRRENO - Sono nove le “polarità

lao” a Scalea continua il dibattito in vista dell’appuntamento del 15 maggio. Reiterata dalla Federazione dei Verdi di Scalea, Partito Democratico cittadino, Rifondazione Comunista dell’Area Tirrenica, Partito dei Comunisti Italiani, Wwf Calabria, Vas Calabria, Italia Nostra, Centro Studi Attilio Pepe di Scalea e dalle Associazioni, La Scossa, Rischio Zero, Ecologisti del Lao, Forum Ambientalista e dal periodico il Faro, la richiesta al primo cittadino di Scalea, Mario Russo e al responsabile del procedimento, Pier Paolo Barbarello, di partecipazione alla Conferenza dei Servizi sul porto di “Torre Talao”, che dovrà decidere sul progetto definitivo, il cui appalto per la costruzione dell’opera è stato aggiudicato nei mesi scorsi, alla ditta Cem di Napoli. Oltre alle forze politiche e alle associazioni già citate, si sono unite alla richiesta, anche il Sindacato Cgil di Scalea, il Movimento Ambientalista del Tirreno e il Lions Club dell’Alto Tirreno. Le Associazioni, hanno riproposto la richiesta di partecipazione alla Conferenza dei Servizi indetta per il prossimo 15 maggio, “al fine di dare un apporto collaborativo e chiarificatore sulla realizzazione del porto turistico, nei limiti che l’ordinamento consente alle associazioni e ai comitati portatori di interessi diffusi”. L’Ufficio Tecnico Servizio Lavori Pubblici del comune di Scalea, come è noto, ha respinto l’istanza di partecipazione alla Conferenza dei Servizi fissata per il prossimo 15 Maggio. “Le scriventi – si legge in una nota – sono ben consce dei pote-

urbane di riferimento” individuate dalla Giunta regionale per rappresentare i nodi trainanti dello sviluppo del territorio della regione Calabria. Ad illustrare le polarità è stato ieri mattina il presidente della Regione Agazio Loiero durante un incontro al quale hanno partecipato i presidenti delle Province, i sindaci dei capoluoghi e di numerose altre realtà interessate dall’iniziativa. La disponibilità finanziaria per l’intervento è di 550 milioni di euro, 390 dei quali, destinati alle aree urbane che saranno messi a bando entro giugno prossimo. Gli altri 160 milioni saranno destinati alla mobilità nelle aree urbane. I poli urbani sono divisi in sistemi territoriali metropolitani dell’innovazione e della compe-

La zona dove dovrebbe sorgere il porto di Torre Talao

ri derogatori della Pubblica Amministrazione, ma non possono esimersi dall’evidenziare che l’ordinamento, per poter ben funzionare, richiede il rispetto di una riserva dell’Amministrazione locale e quindi del consenso popolare, anche per salvaguardare diritti di azione e di reazione dei cittadini e di tutti i soggetti portatori di interessi diffusi. Diversamente argomentando ��� continua la nota – il rischio che si corre è che quello che ciò che appare a prima vista blindato, si riveli debole e non regga all’urto con un esercizio diretto e dirompente della sovranità popolare. Ulteriormente – precisano – che il rifiuto espresso dall’Ente, risulta basato su una inaccettabile motivazione atteso che il diniego si basa, per comodità, esclusivamente sulla circostanza che “il

caso di specie esula dalla previsione di cui all’articolo 5 del Dpr 447/1998”. Ancora una volta, le forze politiche e le associazioni, che sono intenzionate a partecipare all’appuntamento del 15 maggio, ricordano al responsabile del procedimento, Pierpaolo Barbarello e al sindaco, Mario Russo, che “alla conferenza può intervenire qualunque soggetto, portatore di interessi pubblici o privati, individuali o collettivi nonché i portatori di interessi diffusi costituiti in associazioni o comitati, cui possa derivare un pregiudizio dalla realizzazione del progetto”. In conclusione i soggetti su citati dichiarano “Se non c’è nulla da nascondere, perché vietare la nostra partecipazione alla conferenza dei servizi?”. Emilia Manco

titività e in sistemi urbani intermedi che prevedono il sistema della Costiera Paolana (Amantea, Cetraro, Belvedere Marittimo, Scalea e Praia a Mare). “Con questo provvedimento, adottato dalla Giunta - ha asserito Loiero - tiriamo le reti di un lavoro durato quattro anni nel corso del quale abbiamo puntato sul partenariato istituzionale. Con il piano sui poli urbani immaginiamo che questi elementi possano procedere verso un assetto unitario del territorio per il quale pensiamo ad una unità di fatto”. Il presidente della Regione ha anche ricordato come la centralità delle Aree urbane costituisca per l’Unione Europea il riferimento di assetto principale nella gestione delle politiche di sviluppo. emi.man.

IN BREVE TORTORA - Montesano candidato con “Calabria Riformista” Sarà Mario Montesano il candidato al collegio n° 34 di Scalea della lista “Calabria Riformista” alle prossime elezioni provinciali. La decisione è stata ufficializzata già da tempo. Il candidato si dichiara orgoglioso di questa candidatura in una lista di ispirazione socialista, alle prossime consultazioni provinciali. Ha aderito a questo ambizioso progetto che ha come componente fondamentale l’amore per il territorio e per la nostra terra. Montesano in questi luoghi ha dato il cuore, la passione, mettendo in campo, una differenza sostanziale tra chi usa la politica e chi la politica vuole farla. Mario Montesano, insegnante in pensione, è da oltre quaranta anni in politica con i Socialisti. E’stato sindaco del Comune di Tortora, consigliere e assessore provinciale, consigliere alla Comunità Montana Alto Tirreno di Verbicaro, vicesindaco dal 2005/2007 con l’attuale amministrazione Silvestri poi passato all’opposizione per divergenze politiche ed attualmente consigliere di opposizione. Ha aderito al gruppo “Calabria Riformista”, che fa capo al consigliere regionale Salvatore Magarò e nel corso dell’iniziativa ha sottolineato che “sarà una spina nel fianco” come elemento nel quadro tradizionale del sistema partitico. emi.man.


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 27

IONIO COSENTINO CORIGLIANO La merce è stata trovata a bordo di una mercedes guidata da un 46enne del luogo, fermato sull’A3 nei pressi di Lauria

Marchi contraffatti, sequestri della Gdf L’uomo, segnalato all’a.g., dovrà rispondere del reato di commercializzazione di articoli falsi e ricettazione CORIGLIANO - Le fiamme gialle della Guardia di Finanza di Lauria, durante specifici controlli finalizzati al contrasto del fenomeno della contraffazione dei marchi, hanno sequestrato merce recante falsi marchi. Una pattuglia lungo l’A3 Salerno – Reggio Calabria nel territorio del comune di Lauria, ha intimato l’alt ad un’autovettura sospetta, una Mercedes 250, ed ha rinvenuto al suo interno diverse buste di cellophane contenenti pantaloni con marchi contraffatti. Il responsabile, un 46enne F.M. residente a Corigliano Calabro, è stato segnalato all’autorità giudiziaria della procura di Lagonegro per i delitti di commercializzazione di articoli contraffatti e ricettazione. Continua senza sosta l’impegno delle fiamme gialle per contrastare la diffusione del dilagante fenomeno della contraffazione nella prospettiva di arginare il commercio e la vendita di tali prodotti al fine di evitare concorrenza sleale, turbative sociali, danno economico e soprattutto frode a danno dei consumatori. Insomma un altro colpo dato al mercato degli indumenti contraffatti che in questi ultimi tempi sta invadendo il territorio provinciale cosentino.

ROSSANO Riunione operativa degli stati generali del partito

Elezioni, l’Udc scalda i motori ROSSANO - In vista delle consultazioni per il rinnovo del Consiglio provinciale e del Parlamento europeo del 6 e 7 giugno, nei giorni scorsi si è tenuta una riunione che ha visto la partecipazione di tutti i componenti ed iscritti del partito. Scopo dell’incontro è stato quello di nominare un coordinatore politico responsabile per la prossima campagna elettorale. Su proposta dei consiglieri comunali Mario Smurra e Vincenzo Scarcello, all’unanimità è stato nominato Giovanni Caruso -attuale Presidente dell’UDC del partito di Rossano - che, ha accettato l’incarico conferitogli, ringraziando tutti. Egli ha espresso la ferma volontà di continuare a lavorare per il partito e portare avanti la linea politica tenuta nelle passate elezioni politiche, volta a difendere la storia, i valori e la tradizione del centro moderato, facendone aumentare i consensi per un’auspicabile vittoria e poter eleggere i propri rappresentanti nell’amministrazione provinciale. Altra decisione presa e votata all’unanimità, è stata quella di candidare al consiglio provin-

ciale per il collegio 1 Rossano Paludi l’avvocato Vincenzo Scarcello capogruppo dell’UDC in seno al consiglio comunale; mentre per il collegio 2 Rossano Scalo Gino Uva, che è conosciuto, per aver ricoperto l’incarico di consigliere e capogruppo del CDU, risultando il primo degli eletti. Le candidature in parole sono state accolte con vivo entusiasmo, atteso che, sia Uva che il capogruppo Scarcello mostreranno ancora una volta la coerenza e l’affidabilità del partito, facendosene portavoce. Ampio ed articolato è stato il dibattito con numerosi interventi tra cui quelli di Giuseppe Graziano, e Gianfranco Gallo, i quali hanno confermato la linea del partito. Il presidente – coordinatore Caruso, nel ringraziare tutti e nell’esprimere viva soddisfazione per quanto deciso,esprime anche soddisfazione per l’ingresso nel partito a riprendere attivamente l’attività politica di Giandomenico Federico già consigliere comunale del CCD ed assessore, al quale a giorni sarà formalizzato un incarico nel partito a livello provinciale.

LAINO BORGO – La Centrale del Mercure e la valutazione di incidenza. Nella sala del Consiglio comunale di Rotonda, venerdì tre aprile, è ritornata alla ribalta la questione sulla “Centrale a biomasse del Mercure” in un’affollata assemblea convocata e presieduta dal sindaco Giovanni Pandolfi. Presenti sindaci lucani e calabresi, associazioni locali e regionali per la protezione dell’ambiente, molti cittadini dell’area calabro lucana. I fatti nuovi riguardano le numerose inadempienze da parte dell’Enel riscontrate dallo staff tecnico amministrativo al servizio del Comune di Rotonda, che ha evidenziato, tra le altre, una grave irregolarità nel numeroso carteggio messo in piedi dall’Enel per ottenere i permessi alla riconversione e riapertura della centrale. La Centrale è stata riconvertita per l’alimentazione a biomasse ed è co-

LAINO BORGO Riconversione e riapertura della centrale, inadempienze da parte dell’Enel

Centrale a biomasse di oltre 30 Mv di potenza – afferma il presidente Mazzilli - che richiede enormi quantità di biomasse non reperibili in loco, a meno che non si vogliano tagliare i boschi e gli alberi secolari del Parco. Il legname viene dai territori dell’Est Europa e viene portato alla Centrale con 80 Tir al giorno in un’interminabile processione di fumi e di inquinamento di Co2”. Lo stesso Wwf ha presentato a giugno del 2008 un’istanza di revoca in autotutela alla Regione Basilicata, in cui ha chiesto di annullare l’atto di Compatibilità ambientale in mancanza del parere dell’Ente Parco del Pollino. Il Wwf aveva rilevato che lo studio era piuttosto generico, senza reali approfondimenti sugli impatti della centrale sulla biodiversità dell’area al cui interno vivono numerose specie protette.

CASSANO — Sulla scia della nuova stagione, alle porte della prossima competizione elettorale, si continuano ad attuare gli obiettivi rimasti in sospeso e ancora da concretizzare. Il Comune di Cassano allo Ionio ha, infatti, espletato la gara d’appalto per l’affidamento dei lavori riguardanti la “realizzazione di un’area attrezzata per il gioco e lo svago in via Taranto a Sibari” così recita il comunicato dell’ufficio stampa. La commissione di gara, presieduta da Mario Oriolo, responsabile del settore lavori pubblici dell’ente, dopo avere esaminato le offerte pervenute, ha aggiudicato i lavori, con il criterio del massimo ribasso sull’importo a base d’asta di 75.098,13 euro, all’impresa “Fasanella arch. Eugenio”, con il ribasso del 30,990%. Il progetto di realizzazione del parco gioco per i bam-

CASSANO Espletata la gara d’appalto per l’affidamento dei lavori riguardante la realizzazione dell’area

Le Fiamme gialle con la merce sequestrata

IN BREVE CORIGLIANO - “Un volto nuovo”, no all’aumento della Tarsu No all’aumento della tassa sui rifiuti. “Un volto nuovo” e per il gruppo Giovanni Coppola, è intervenuto sulla ventilata ipotesi di un aumento della Tarsu. “La sensibilità e la professionalità del Commissario Prefettizio Dott.ssa Paola Galeone – si legge in una nota - ha prevalso sulla tecnica che la stessa avrebbe dovuto applicare circa l’equilibrio di bilancio. La dott.ssa dimostra, ancora una volta, ai quanti hanno governato il nostro comune che per fare bene c’è bisogno di tanta volontà e amore verso questo nostro paese. La Tassa Rifiuti Solidi Urbani non subirà alcun aumento. Il Commissario studierà una soluzione alternativa assieme ai tecnici comunali per garantire l’equilibrio di bilancio ma non aumenterà i tributi. E’ stato lanciato l’invito ad unire le forze al fine di evitare l’aumento della Tarsu a tutte le forze politiche e non, ma nessuno ha aderito a questa iniziativa del Movimento “Un Volto Nuovo”.

Emilia Manco

Centrale a biomasse, valutazione d’incidenza stituita quasi esclusivamente da “cippato”, cioè legna combustibile trasformata in panetti non presenti nell’hinterland della Centrale stessa. L’irregolarità consiste nell’invalidità del parere di compatibilità ambientale emesso da parte della Regione Basilicata, perché privo del preventivo nulla osta dell’Ente Parco del Pollino, nel quale appunto ricade la Centrale. La centrale dell’Enel ricade all’interno della Zps “Pollino Orsomarso”, oltre che nell’area a protezione 2 del Parco del Pollino, ma tutto questo non è stato sufficiente a proteggere il territorio dall’ottica distorta del presunto sviluppo economico a tutti i costi proposto dalla politica locale e regionale. Il pare-

re del Parco, secondo la “Legge quadro sulle aree protette” è propedeutico alla valutazione di incidenza, per cui, fa notare il Comune di Rotonda, detta valutazione, che ovviamente è favorevole alla riconversione della Centrale, non è valida. Ad avvalorare la tesi dell’invalidità si aggiunge la circostanza che erroneamente l’Ufficio di compatibilità ambientale della Regione Basilicata ha affermato che la Centrale è in stretta adiacenza all’area del Parco del Pollino, mentre essa è all’interno del perimetro del Parco e all’interno della Zps. Un’altra incongruenza è il decreto conclusivo della Conferenza dei servizi del 1992 da parte della Pro-

vincia di Cosenza che rilasciò il nulla osta alla riconversione della Centrale senza che vi fosse la progettazione definitiva. Resta comunque il fatto che manca il preventivo nulla osta dell’Ente Parco del Pollino, e non è solo un atto formale, perché questo Ente ha il potere - dovere di verificare la congruenza degli interventi sia con le norme istitutive del Parco che con le previsioni urbanistiche dei Comuni del Parco. Il Wwf Basilicata ha già espresso in ripetute occasioni la sua contrarietà alla Centrale per motivi di difesa ambientale e protezione degli abitanti del territorio del parco. “E’ inammissibile che all’interno del più grande Parco naturale di Europa sorga una

Presto un parco giochi per bambini bini, elaborato da Carlo De Giacomo, responsabile del settore urbanistica del comune, individua come luogo di ubicazione dell’opera stessa un’area a lato di via Taranto in Sibari, sulla quale strada è posizionato l’ingresso principale. Il sito è pianeggiante anche se posto su date livelli sfalsati tra loro di circa i metro. La soluzione progettuale che si propone crea uno scenario che ben si integra con l’ambiente circostante e si propone di colmare la carenza di opportunità di gioco libero all’aria aperta, fornendo alla popolazione locale un’occasione di socialità al di fuori della scuola e di altre atti-

Uno scorcio di Cassano

vità disciplinate. Il progetto in questione prevede il corredo dell’area sia con giochi tradizionali quali scivoli, altalene, dondoli, giostre, sia con giochi “nuovi” come casette, torri, ponti, strutture di arrampicata connessi tra loro in un’unica struttura multifunzionale. Particolare attenzione si pone sulla sicurezza delle attrezzature da utilizzare e a considerare il parco come un “tutt’uno organico”, sulla base di un’offerta ludica varia ed equilibrata. Nella medesima area di gioco, sono previste altresì strutture di svago per tutte le età come un campetto per bocce e spazi per il relax. L’area su cui insiste il pro-

emi.man.

getto è di circa 800mq, presenta una forma rettangolare regolare, con i percorsi e gli spazi che si sviluppano all’interno che seguono di massima l’andamento e l’inclinazione del terreno esistente, al fine di ridurre al minimo i movimenti di terra. A partire dall’ingresso principale, tramite un percorso pedonale è possibile giungere fino alla parte terminale dell’area. Sia nella zona prossima all’ingresso che nelle aree laterali e terminali del parco, accessibili tramite tale percorso, sono presenti aree di gioco, di svago e a verde distribuiti in maniera equa ed equilibrata. Sono previsti, inoltre, la sistemazione di piccole, di sistemi di illuminazioni, di uscite di sicurezza e di emergenza, nonché elementi di arredo urbano. Caterina La Banca


28 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

IONIO COSENTINO ROSSANO Il sindaco crede che l’area della sibaritide così organizzata, porterà lo sviluppo tanto atteso. Ringraziamenti al governatore Loiero

Polarità urbane, Filareto ottimista «Non possiamo assistere ad una Calabria che viaggia a due velocità». In arrivo 390 milioni di euro per il territorio ROSSANO – “La notizia comu-

nicata ieri, a Lamezia Terme dal Presidente della Regione Calabria Agazio Loiero riguardante l’istituzione dei Poli Urbani, per i quali si prevedono investimenti, che saranno messi a bando entro giugno prossimo, pari a 550 milioni di euro, 390 dei quali per le Aree Urbane ci riempie di orgoglio perché conferma la lungimiranza dell’amministrazione comunale nel perseguire con la Città di Corigliano un discorso unitario circa l’Area Urbana”. Così la nota stampa diffusa dall’esecutivo rossanese circa l’istituzione dei poli urbani. Le aree individuate dalla Giunta regionale come Poli Urbani sono 8 fra cui Le città della Sibaritide (Nucleo Centrale Corigliano Rossano). Si tratta di uno strumento istituzionale, al quale a breve si uniranno altri strumenti al fine di creare un primo sistema integrato e compiuto della pianificazione territoriale regionale. Alla conferenza stampa, durante la quale il governatore ha annunciato l’importante provvedimento erano presenti per il Comune di Rossano il Sindaco Franco Filareto ed i Dirigenti Giuseppe Graziani (Urbanistica e Assetto del Territorio) e Giuseppe Passavanti (Informazione). “La programmazione messa in campo dalla Giunta Filareto continua a dare frutti concreti – si legge ancora nel documento - Anche il bando sui centri storici ha avuto una sua specifica attenzione. Infatti è in fase di pubblicazione la graduatoria dei progetti più significativi per i quali Rossano è in corsa con una propria progettazione congruente e qualificata che sarà sicuramente premiata”. Il Sindaco Franco Filareto ha espresso la sua soddisfazione al Presidente Loiero ed all’intero

CORIGLIANO «Rischiamo l’esclusione dai programmi regionali»

Sui “Poli” i dubbi della Straface CORIGLIANO — “Corigliano Cala-

bro non può rischiare di rimanere fuori dalla programmazione dei ‘poli urbani’ deliberati dalla Giunta Regionale che ha individuato un polo strategico anche nella Sibaritide”. A sostenerlo è Pasqualina Straface, Consigliere Provinciale a Cosenza e Candidata per il Centrodestra alla carica di Sindaco a Corigliano Calabro. “La Giunta Regionale – spiega la Straface - ha infatti determinato una disponibilità complessiva di 550 milioni di euro che saranno messi a bando entro il prossimo mese di giugno, 390 dei quali destinati alle aree urbane, i rimanenti 160 milioni per la mobilita' nelle aree stesse. La coincidenza delle elezioni amministrative del 67 giugno – sostiene Straface - pone

Panorama di Rossano e, in basso, il sindaco Franco Filareto

esecutivo calabrese sostenendo che le decisioni prese rappresentano un passo in avanti significativo per l’unità della regione e per la tanto invocata qualità degli interventi. Filareto ha richiamato, però, l’esigenza di esprimere politiche premiali per i comuni virtuosi

cioè per quelli che hanno programmato rispettando tempi e indicazioni. “Non possiamo assistere – ha spiegato il primo cittadino - ad una Calabria a due velocità ovvero a posizioni di attesa che ritardano meccanismi di spesa”. “La giornata lamettina - ha commentato dla canto suo l’assessore all’ Area Urbana Giovanni Zagarese - i suoi esiti e gli effetti che produrrà sono la migliore risposta ad un centrodestra retrivo sempre e comunque in opposizione a politiche che stanno dando frutti significativi. Continuino pure su questa strada nel mentre l’Amministrazione Comunale lavora nella convinzione che le aree urbane saranno motore di sviluppo e che la loro identificazione porterà all’attivazione delle procedure per definire i protocolli istituzionali di sviluppo”.

TREBISACCE La chitarrista è interprete di musica popolare. Domani al via il suo live tour

Miriam, l’ultima cantastorie calabrese TREBISACCE – Miriam Scarcello, chitarrista e interprete di musica popolare, è una delle ultime cantastorie del sud Italia. E’ diplomata in pianoforte e canto, è maestra di musica, ma è soprattutto una studiosa delle antiche sonorità popolari. Da anni si dedica alla ricerca musicale, per far riaffiorare i canti e le melodie originali della Calabria più profonda. A Trebisacce, domani sarà presentato il suo live tour 2009 dalle case discografiche Don’t worry records e Music show di Rolando D’angeli, con la produzione artistica del calabrese Luca Catalano e l’A.S.D. Danza di Giusy Palermo e il patrocinio della Provincia di Cosenza. Miriam ha un gruppo di quattro musicisti che la accompagnano (chitarra, violino, contrabbasso, percussioni). La sua carriera è costellata di successi. Nel giugno 2002 Raitre le ha dedicato un servizio speciale come cantastorie e interprete unica ed originale del canto calabrese. Ha svolto attività musicali presso l’Università della Calabria, ha partecipato all’estate concertistica culturale di Maratea (PZ), si è esibita nelle più importanti piazze e nei teatri

CASTROVILLARI Sulla vicenda la Procura ha aperto un’inchiesta

Bimba epilettica muore nel sonno CASTROVILLARI — Una bambina di sette anni, Veronica, da tempo sof-

ferente di epilessia, è morta nel sonno a Castrovillari nella notte tra mercoledì e giovedì. Il decesso è avvenuto nell’abitazione della famiglia in un quartiere popolare della cittadina del Pollino. La bambina è stata trovata morta dai genitori nel suo lettino. La famiglia della bambina vive in condizioni economiche disagiate dal momento che entrambi i genitori, che hanno altri tre figli, sono disoccupati. A causa di una crisi epilettica, la sera priòa del decesso, alla bambina era stato somministrato un farmaco. Il procuratore della Repubblica di Castrovillari, Franco Giacomantonio, ha disposto un’indagine conoscitiva sulla morte di Veronica che è stata affidata alla Polizia. Sgomento per la morte della bambina è stato espresso dal vicepresidente regionale della Calabria del Movimento cristiano lavoratori, Leonardo De Marco, secondo il quale “la vicenda di Veronica è il simbolo della precarietà in cui troppe famiglie sopravvivono a Castrovillari. Veronica è il simbolo di una società dimenticata che oggi grida il suo bisogno disperato di aiuto”.

Cassano, la Caritas diocesana apre l’internet social point CASSANO IONIO — Promosso

Miriam Scarcello

della costiera amalfitana. Ha partecipato al famoso premio “Naples in the World” indetto dalla regione Campania, dove è stata premiata per la “particolarità e l’originalità nell’interpretazione del canto calabrese”, è stata ospite del Giffoni Film Festival nel 2002 e 2003, e continua a esibirsi in tutte le piazze della Calabria e della Basilicata. Il concerto-recital che propone è un affascinante viaggio cantato e

raccontato del cuore del Sud, della Calabria e della sua gente, uno spettacolo di poesia e musica per far rivivere antiche emozioni: tarantelle, ballate, serenate, stornelli a doppio senso, ninne nanne e antichi canti d’amore; uno spettacolo emozionante di teatro, tessuto di favole, racconti, sogni, dolori ed allegria, di colori e sapori dimenticati. Tania Paolino

ancora una volta Corigliano Calabro in seria difficoltà per mancanza di una programmazione strategica, certamente in posizione favorevole rispetto agli altri paesi che costituiscono il polo urbano individuato della Sibaritide, come Rossano, Francavilla e Cassano”. “Chiederemo quindi alla Regione Calabria – prosegue Straface - che i termini per la presentazione delle adesioni ai bandi da parte del Comune di Corigliano Calabro, riferiti alla nuove polarità urbane, tengano conto della lunga fase di Commissariamento dell’amministrazione comunale, consentendo al Sindaco e all’esecutivo di elaborare possibili progetti mirati allo sviluppo del territorio che tengano conto delle caratteristiche e delle vocazioni naturali”.

dalla Caritas diocesana di Cassano Ionio, apre i battenti in città l’Internet social point. Lo rende noto la stessa Caritas, che col suo direttore, don Pierfrancesco Diego, spiega che l’iniziativa, nata su impulso della Caritas e dalla collaborazione della Regione Calabria, consisterà nell’offerta gratuita di un servizio di navigazione in rete assistito da personale e tutor, impegnati a fornire supporto ed assistenza per l’attivazione e l’utilizzazione della carta nazionale dei servizi, nonché per il primo utilizzo dei servizi erogati attraverso lo specifico portale regionale. <<E’ nostro intento – aggiunge don Diego – garantire pari opportunità di accesso ad un servizio ormai essenziale, le cui modalità di utilizzo, se correttamente inquadrate in un’ottica cristiana, possono contribuire all’edificazione di una società migliore e più giusta. Dalle postazioni dell’Internet social point, installate nella sede della Caritas diocesana in Vi-

co Torto Ospizio a Cassano centro (nelle adiacenze della chiesa di sant’Agostino), sarà possibile navigare nelle pagine web di internet; accedere alla propria casella di posta elettronica direttamente dal web; spedire e ricevere messaggi di posta elettronica. Per fruire del servizio l’utente dovrà compilare la scheda di registrazione, con l’indicazione dei propri dati e con l’espressa dichiarazione di accettazione delle norme previste dal regolamento. Gli infraquattordicenni dovranno essere accompagnati da un genitore. Ogni utente potrà utilizzare le postazioni per un'ora al giorno (o per più tempo in caso di disponibilità della postazione), con prenotazione e durante gli orari di apertura al pubblico della struttura, ovvero dal lunedì al venerdì, dalle ore 16,30 alle ore 19,30. Per maggiori informazioni, contattare la Caritas diocesana di Cassano, all’utenza telefonica 0981 71007. Caterina La Banca


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 29

CROTONE E PROVINCIA L’assessore alle Attività produttive del Comune di Crotone difende le istanze della produzione vitivinicola del Cirotano

«L’Enoteca non è un fatto di campanili» «Nella nostra provincia si concentrano gli sforzi di oltre 1.200 produttori» CROTONE — «L’istituzione della sede

dell’enoteca regionale non è un fatto di campanile. Non è certamente questa considerazione a farci prendere posizione sulla candidatura del cirotano quale sede di questa importante risorsa rispetto ad altri contesti». Torna alla ribalta la “questione Enoteca”, che tante critiche ha portato alla Regione. Stavolta scende in campo l’assessore alle Attività produttive del Comune di Crotone, Cesare Spanò. La difesa del Cirotano, «è frutto - dichiara, in una nota, Spanò - di un ragionamento che come amministrazione comunale abbiamo con convinzione sostenuto, mesi addietro, con un apposito provvedimento di giunta a sostegno della candidatura del territorio crotonese quale sede dell’Enoteca Regionale. E’ basato sul fatto che la strada del vino in Calabria passa da Crotone. Ciò non è solo un modo di dire, perché nella nostra provincia sono realmente concentrati gli sforzi di oltre milleduecento produttori. Un territorio che con una superficie di 2.200 ettari coltivati offre una produzione di oltre centomila litri l’anno. Si tratta - prosegue l’assessore - di un ragionamento sostenuto attraverso le politiche che come amministrazione abbiamo intrapreso per il com-

Cesare Spanò

parto vitivinicolo con la partecipazione al Vinitaly, la più importante vetrina italiana del settore, dove abbiamo presentato l’atlante dei vini della provincia di Crotone che ha riscosso grande apprezzamento da parte di tutti gli addetti del settore. O, ancora, con la organizzazione di VinCalabria, una serie di manifestazioni che hanno avuto come fulcro il pianeta vino e che hanno avvicinato al mondo della viticoltura un grande pubblico. L’istituzione dell’enoteca regionale nel nostro territorio non è, ribadisco, solo un fatto di campanile perché la tradizione vitivinicola crotonese è ancor di più rafforzata dagli

standard di qualità e di eccellenza che hanno raggiunto i nostri vini. Un luogo - spiega Spanò - dove fare formazione, promozione è quanto mai opportuno per sostenere un settore che può realmente fungere da traino all’economia di un territorio come il nostro. Qualità, esperienza, professionalità, tradizione: ci sono tutti gli ingredienti perché l’enoteca regionale possa diventare una realtà nel nostro territorio». Non si può prescindere - avverte l’assessore - dall’istituzione di una struttura importante come una enoteca regionale senza guardare a quello che è l’elemento centrale di tutto il pianeta vino: il vino stesso. E’ a cascata che partendo proprio dal vino che, concentricamente, si possono sviluppare tutte quelle attività che portano alla valorizzazione del prodotto e allo sviluppo economico. Se si parte al contrario si rischia di non ottenere il risultato sperato». «Ribadiamo - conclude Spanò - la nostra assoluta convinzione che questa struttura debba sorgere nel crotonese e, comunque, continueremo come amministrazione comunale a sostenere il settore con nuove ed ulteriori iniziative che possano sempre di più valorizzare un prodotto che è un vanto per Crotone».

Proseguono gli incontri dell’Amministrazione comunale di Crotone rivolti alle scuole primarie

I piccoli concittadini di Pitagora...

tri con le scuole nell’ambito del progetto “Concittadini di Pitagora”. Sono stati gli alunni delle quarte classi del IV circolo accompagnate dalle docenti Angela Godano, Teresa Sapia e Antonella Adamo ad animare i tradizionali incontri con gli amministratori comunali nella sala consiliare del Comune di Crotone. Incontri che, come ha ricordato l’assessore

alla pubblica istruzione, Eugenia Garritani, «sono diventati una piacevole consuetudine e proseguiranno fino alla conclusione dell’anno scolastico». Il progetto prevede, tra l’altro, incontri con le scuole di pertinenza comunale, proposti dall’amministrazione comunale attraverso l’ufficio pubblica istruzione e il gruppo di professionisti del marketing territo-

SAVELLI — Evitare che l’osservato-

rio astronomico a Savelli si traduca nell’abbattimento di oltre 1.500 piante ad alto fusto. E’ l’appello contenuto in una missiva al sindaco sottoscritta dalle associazioni ambientaliste: Associazione Explora, Enpa Crotone, Lipu Crotone, Lipu - Croce di Magara, Italia Nostra e Wwf Crotone. Di seguito la lettera: «Gentile Sindaco, La ringraziamo per averci risposto con l'articolo del 20 marzo u. s.. Almeno lei. E' vero che che siamo abituati al silenzio delle istituzioni, eppure credevamo che, dato il clima pre-elettorale, anche qualcuno in Provincia avrebbe trovato un po' di tempo e di parole per difendere la bontà dell'opera. Ci preme chiarire che il nostro intento non è quello di semplicemente criticare, ma di meglio conoscere e, come facilmente comprensibile dalla lettura del testo, di rivolgere un appello affinché venga affrontato con maggiore ponderazione l’iter amministrativo per la realizzazione dell’osservatorio astronomico a Savelli. Si tratta di evitare che 1.590 piante ad alto fusto, che hanno decine di anni di età, vengano tagliate per far posto all’ennesima opera che non tiene in alcun conto il contesto in cui si inserisce! Sindaco, Lei sa bene che il progetto che cita, quello dell’osservatorio, non è l’unico realizzato in zona, difatti ne esiste, da pochi anni, uno a Bocchigliero e nel meridione ce ne sono molti altri. Sa quanto sono fruiti? E il fatto che, forse, sarà il più grande del meridione cosa dovrebbe essere? Una garanzia? O un particolare pregio che vale a bilanciare il taglio certo delle piante? Naturalmente l’osservatorio va

realizzato se esistono attendibili studi che indichino che verrà fruito e non costruendo l’ennesima opera, sperando che qualcuno ci vada. Ci chiediamo se a tale fine sia stato predisposto uno studio di fattibilità dell'opera. Ci permetta ancora un’osservazione: è veramente convinto che una pianta d’alto fusto possa essere sostituita da una messa a dimora da pochi anni? Che in termini paesaggistici, di emissioni di ossigeno, di vita animale gravemente incisa dall'abbattimento siano la stessa cosa, che il bilancio sia in pareggio? Crede che giovani piante possano svolgere la stessa funzione di salvaguardia del territorio rispetto a possibili dissesti idrogeologici di esemplari adulti e con apparati radicali sviluppati? La regimazione delle acque sarà assicurata dalle piante che non metterete a dimora in zona o dalle opere artificiali che realizzerete dopo il taglio? E' veramente convinto che quegli alberi siano beni fungibili? Lei sa altrettanto bene che l’altro progetto citato, quello relativo ai boschi da seme, non è legato affatto a quello dell’osservatorio: si tratta di due cose distinte, una con un enorme impatto su un territorio pregiato, l’altra che dovrebbe mitigare i danni fino ad ora arrecati e puntare, finalmente, ad un utilizzo razionale del soprasuolo boschivo. In effetti, Lei parla di aree libere da rimboschire. Bene, allora è inutile tagliare da una parte e realizzare in un’altra: che si faccia l’osservatorio, ma che venga realizzato nelle aree già libere. Se così non fosse saremo costretti ad annoverarla di diritto in quella schiera di uomini politici che quando desiderano una bistecca mettono a fuoco la stalla».

Crotone, iniziati i lavori del muro di Corso Mazzini

Gli alunni del IV circolo, protagonisti di “Concittadini di Pitagora”

CROTONE — Proseguono gli incon-

Osservatorio astronomico a Savelli: i dubbi delle associazioni ambientaliste

riale. I bambini delle scuole hanno affidato i loro pensieri a dei componimenti consegnati all’assessore Garritani. In particolare si sono soffermati sulla tragedia che ha colpito l’Abruzzo esprimendo pensieri di solidarietà ai loro coetanei oggi costretti a vivere e studiare nelle tendopoli. E, naturalmente, tanti pensieri, osservazioni, domande sulla città.

Sono iniziati ieri i lavori di rispistino del muro di Corso Mazzini a Crotone. Mezzi in azione già dalle prime ore del mattino per la prima parte dei lavori finalizzati al ripristino delle condizioni strutturali del muro oggetto di un crollo durante gli eventi atmosferici del dicembre scorso. «La realizzazione dell'intervento - comunica l'amministrazione comunale - consentirà l'apertura della carreggiata stradale attualmente preclusa, ripristinando il traffico. Tutte le opere previste in questa prima fase, che si concluderà entro il prossimo 15 maggio, compresi i movimenti di terra per la rimozione del materiale di riporto, accumulato nei diversi anni a seguito della realizzazione delle soprastanti opere, sono lavori propedeutici alla piu' complessa opera di sistemazione definitiva che includerà, così come dettato dalle norme tecniche di attuazione del Piano Regolatore Generale del Comune, la regimazione delle acque piovane, il consolidamento di tutta l'area e la ricostruzione del muro di contenimento».


30 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

VIBO VALENTIA CITTÀ Il sindaco Franco Sammarco respinge l’accusa di inerzia rispetto al rilancio della portualità. «A maggio partono i primi lavori»

«Sul Porto non abbiamo colpe» «L’autonomia della zona marina renderebbe il territorio ancora più debole» CATANZARO — Lo incontriamo

a Catanzaro, alla conferenza indetta dal governatore Agazio Loiero, che con la disponibilità di oltre 500 milioni programma il rilancio dei poli urbani della Calabria, Vibo inclusa. Per pochi minuti distogliamo il sindaco Franco Sammarco dal tema del giorno facendolo soffermare sul nodo del porto e sulle pressioni di parte della società civile che tifa per Vibo Marina autonoma. Sul primo punto il sindaco respinge le accuse di inerzia della sua amministrazione, sul secondo rigetta deciso ogni ipotesi di scissione. Sindaco, come risponde alle polemiche sulle risorse per il rilancio del porto di Vibo finanziate dal governo centrale e però non spese a livello locale? «I soldi non sono stati spesi perché non potevano essere spesi. Si tratta di risorse la cui decorrenza iniziale partiva dal 2009 poi differita dal 2010, e questo non per inattività dell’ente Comune ma perché il Provveditorato generale alle opere pubbliche di Palermo sta stendendo il progetto, che è ancora in una fase preliminare. Ciò comporta che non ci possono essere accreditamenti per il 2009. Al contrario se ci fossero stati non ci sarebbe stato il progetto: delle due bisogna scegliere una sola opportunità, e la più favorevole consiste nell’ultimazione del progetto per l’avvio di lavori attesi da tutti». In termini pratici, cosa significherebbe il rilancio della portualità? «Sul rilancio della portualità questa Amministrazione, nella fase finale della sua stagione, vuole dedicarsi tantissimo. Intanto abbiamo avviato incontri ravvicinati per discutere della portualità in termini strategici; inoltre alcuni lavori stanno per iniziare: interessano una banchina, la banchina Fiume, per l’impiego di 3 milioni di euro. Più in generale, stiamo cercando di individuare delle ipotesi concrete che guardino allo sviluppo turistico-portuale, essenziale per l’area vibonese. A tal proposito, all’inizio di aprile abbiamo fatto una riunione con la Capitaneria di Porto e la Provincia (i primi soggetti deputati) e nei prossimi giorni aggregheremo tutti i soggetti in-

teressati a queste idee progettuali per avviare una fase concreta e passare ai fatti». Ma quali sono i tempi per arrivare ai primi lavori sul porto? «I primi lavori, già aggiudicati il mese scorso, saranno quelli della banchina Fiume e inizieranno di sicuro a maggio. Ci sarà una banchina più ampia che offrirà ulteriori opportunità per avere un porto più vivibile e più frequentabile. Non dimentichiamo che in questo mese il Comune ultima uno dei due lungomari: la via Emilia, un’ampia strada ormai con marciapiedi per una migliore fruibilità anche delle aree portuali».

Cosa pensa delle spinte per Vibo Marina e dintorni autonomi, Comune a sé stante? «Sono molto rispettoso delle valutazioni di ognuno, soggetti individuali o associazioni che siano. Dico solo che, in un momento in cui si punta all’aggregazione, disaggregare enti storicamente uniti pur nelle disvalenze che spesso ci sono state non fa raggiungere l’equilibrio necessario a portare il Comune ad una maggiore solidità. Spesso abbiamo dimostrato di essere deboli, e lo saremmo ancor di più nel caso concretizzassimo certe ipotesi».

COMUNE Braccio di ferro tra ex ds e area cattolica: i primi tifano per Miceli gli altri per Piro

Pd spaccato sulla scelta del capogruppo

Dal Pd in casa Udc: Talarico fa gli auguri a Greco e Guzzillo

VIBO VALENTIA — È un momen-

LAMEZIA TERME — «Esprimo sod-

Panoramica di Vibo Marina

to di incertezze intorno alla maggioranza che regge il sindaco Franco Sammarco. E tutto va consumandosi all’interno ed intorno al Pd. Mentre l’Udc presentava ufficialmente i due nuovi consiglieri comunali, Bruno Greco e Santino Gurzillo, transitati dal Pd, quel che resta del gruppo consiliare - una pattuglia, comunque, numerosa perché, pur avendo perso altri 4 consiglieri che sono andati a formare il Pdm e Michele Furci passato all’Idv, hanno acquisto i tre ex Udeur - si riuniva per procedere alla nomina del nuovo capogruppo in sostituzione proprio di Michele Furci. Doveva essere quasi una formalità ed invece è stata l’occasione per scatenare anche all’interno del gruppo consiliare quei malumori sempre meno sommessi e sempre più crescenti che stanno di fatto bloccando il partito a livello provinciale facendone ormai un caso unico nazionale non avendo ancora provveduto, proprio a causa di questi scontri, alla nomina dei dirigenti. Innanzitutto, il forte malumore nei riguardi del sindaco Sammarco, uomo del Pd, al quale si è chiesto in maniera chiara la rimodulazione della giunta alla luce dei nuovi equilibri. E già su questo punto la discus-

Sul sindaco pesa lo scontento dei Democratici che chiedono un rimpasto della Giunta sione diventa non poco complessa. L’attuale giunta comunale è composta da dieci assessori e di questi la quota Pd appare poco rappresentativa delle attuali forze in campo e poco equilibrata al proprio interno. Sono da accreditare al Pd: Enzo Insardà (ex Ds), Enzo Romeo (ex Margherita), Carmelo Aiello (ex socialisti), Giovanni Colace (ex Udeur), Pasquale Contartese (Riformisti), Antonio Iannello (ex Ds ma inserito in quota al sindaco); gli altri assessori sono Fusca per i Socialisti, gruppo autonomo all’interno del Consiglio, e ben tre (il vice sindaco Antonino Daffinà, Pasquale Barbuto e Giuseppe Mirabello) in quota Pdm, che oggi conta solo 4 consiglieri. Alla luce di questa suddivisione, quella che viene definita la “rimodulazione” appare necessaria ed inevitabile, tenendo presente l’altra novità, da inse-

rire anche questa nel gruppo di maggioranza: la nascita del nono gruppo consiliare dell’Italia dei Valori rappresentata da Michele Furci. La discussione, a questo punto, si è fatta accesa e politicamente delicata. Ed è stata fonte principale del forte contrasto che ha provocato praticamente un inatteso nulla di fatto sulla nomina del nuovo capogruppo in Consiglio comunale. Tutto rinviato di almeno ventiquattrore (almeno, si spera possano bastare) con la sintesi chiusa su uno scontro a due in rappresentanza delle due “anime” forti presenti nel partito. E così, il consistente gruppo ex Ds si è arroccato sul nome di Michelangelo Miceli, mentre il gruppo di ispirazione, diciamo così, cattolica punta sul nome di Mariano Piro. Una sfida, come si può ben comprendere, che non è tanto sui nomi scaturiti, ma sulle posizioni che vengono rappresentate, con le inevitabili ripercussioni sulla distribuzione degli altri eventuali incarichi con l’occhio rivolto alla “rimodulazione” della giunta comunale. Il tutto finisce con il creare una situazione di stallo con il Consiglio comunale già chiamato a riunirsi in seconda convocazione per questo pomeriggio. Maurizio Bonanno

Francesco Ciampa

disfazione per l’adesione all’Udc dei consiglieri comunali di Vibo Valentia, Santino Guzzillo e Bruno Greco, autorevoli rappresentanti delle istituzioni che sapranno apportare un contributo qualificato per l’affermazione del nostro progetto politico, pienamente radicato e in forte crescita». E’ quanto afferma, in una nota, il segretario regionale dell’Udc, il consigliere regionale Francesco Talarico. «Il sostegno di Guzzillo e Greco è un’ulteriore conferma - prosegue Talarico - alla linea autonoma decisa alle elezioni politiche del 2008 a difesa dei valori, delle idee e del simbolo, che ha preso una maggiore consistenza con l’avvio del Partito della Nazione. La scelta dei due esponenti istituzionali evidenzia - continua la nota - il buon operato del segretario provinciale, Francescantonio Stillitani, e del commissario cittadino Salvatore Bulzomì, impegnati in una gestione aperta, unitaria e responsabilmente finalizzata al conseguimento del bene collettivo». «Ai due consiglieri comunali rivolgo - conclude Talarico - un proficuo augurio di buon lavoro, certi che il loro fattivo impegno saprà dare gli esiti sperati per un’attività volta alla concreta valorizzazione e alla crescita di una città importante in funzione dello sviluppo complessivo della nostra regione».


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 31

VIBO VALENTIA E PROVINCIA Oltre sei quintali di lastre in eternit e lamiere rinvenute dai carabinieri in località Bitonto, alle porte della città di Vibo

Sequestrata mega discarica abusiva Sigilli su un’area estesa per più di 140 metri quadri e invasa da rifiuti speciali VIBO VALENTIA — Alcune settimane fa dalle colonne di un noto quotidiano era stato lanciato l’allarme del pericolo inquinamento della località Bitonto del capoluogo. In particolare si evidenziava come fossero state notate decine di lastre di eternit ammassate nell’erba a pochi metri da diverse abitazioni di nuova costruzione site alle porte di Vibo. Lastre, come è ben noto, altamente inquinanti e le cui polveri sono alcune tra le principali cause nell’insorgere dei tumori all’apparato respiratorio. Gli uomini dell’Arma della Compagnia di Vibo Valentia, con il supporto dei loro colleghi VIBO VALENTIA — È stata firmata dal sindaco di Pizzo, Fernando Nicotra, con la Regione Calabria, dipartimento politiche ambientali, una convezione per il finanziamento relativo alla predisposizione del piano di caratterizzazione dell’area dell’Angitola, in vista della bonifica della stessa, cioè della zona che un tempo era utilizzata come discarica. La convezione consente al comune, grazie ad un finanziamento di circa 200mila euro, di avviare quelle procedure tecniche che consentiranno all’ente di avviare, poi, tutte le attività di bonifica dell’area. Un intervento finanziario ottenuto grazie all’interessamento del vice presidente del consiglio regionale della Calabria, Francescantonio Stillitani, il quale, si era fatto promotore di sostenere la richiesta avanzata dal Comune alla Regione Calabria Stillitani esprime il suo compiacimento per l’impegno della Regione nei confronti del Comune di Pizzo. «Si tratta - commenta - di una finanziamento importante che

Lastre di eternit e lamiere zincate nell’area posta sotto sequestro dai carabinieri

Nuovi passi verso la bonifica

sull’autovettura di un insegnante

permetterà al Comune di Pizzo di risanare un’area importante ai fini della valorizzazione del territorio dal punto di vista turistico». Sul piano prettamente pratico il piano di caratterizzazione è atto a descrivere in modo completo le caratteristiche del sito, le componenti ambientali ivi presenti e le relazioni tra attività svolte, tipo di contaminazione ed estensione della stessa. Soddisfatto per la firma della convezione e per il finanziamento del progetto anche l’assessore comunale all’Ambiente, Holmo Marino, il quale spiega che «si tratta di un monitoraggio ambientale della vecchia discarica per individuare che tipo di rifiuti sono stati depositati». «Un intervento - aggiunge - finalizzato ad individuare le caratteristiche delle componenti ambientali (interne ed esterne

VIBO VALENTIA — Alcuni colpi di

al sito), le condizioni necessarie alla protezione ambientale ed alla tutela della salute pubblica, per poi procedere alla bonifica della intera area». Marino spiega che si tratta di un passaggio importante e che dimostra «l’impegno del comune in tema di ambiente e di salvaguardia del territorio». Inoltre il piano di caratterizzazione prevede le analisi da effettuare per quantificare l’entità dell’inquinamento e procedere quindi alla bonifica dell’area. Sono delle indagini preliminari che verranno eseguite per determinare se nelle matrici ambientali del sito si abbia o meno il superamento dei CLA, e le investigazioni eseguite a seguito della presentazione del progetto di bonifica ed in particolare dell’approvazione del Piano di caratterizzazione. «Effettuato il piano di caratterizzazione - dichiara il sindaco

«Calabriaexcelsa è a costo zero» ra al confronto e profondo rispetto per le opinioni altrui, a patto però che non si falsifichi la realtà dei fatti con il fine di alimentare ad arte una polemica strumentale». L’assessore provinciale al Turismo, Gianluca Callipo, stigmatizza così le recenti dichiarazioni dell’esponente di Sinistra democratica, Pino Tassi, in merito alla sottoscrizione tra Provincia e Fondazione Paolo Di Tarso di un protocollo d’intesa che consentirà alle imprese turistiche vibonesi di accedere gratuitamente ad una piattaforma on line di promo-commercializzazione. «Sinceramente mi lascia molto perplesso il tono sprezzante usato da Tassi e la gran quantità di inesattezze che hanno accompagnato la sua presa di posizione, abbagli così clamorosi che privano le sue critiche di qualunque credibilità - afferma Callipo nella sua replica -. Innanzitutto, come già fatto nel corso della conferenza stampa di presentazione del protocollo d’intesa, voglio ribadire che l’intera operazione è a costo zero per la Provincia, che non dovrà sborsare un solo euro, a differenza di quanto afferma Tassi che paventa lo sperpero di denaro pubblico. La Fondazione Paolo Di Tarso non ha scopi di lucro e, come si legge nel suo statuto, persegue

no che non aveva intenzione di pagare gli elevati costi di smaltimento, fossero in avanzato stato di degradazione e già cominciassero a presentare i primi segni di cedimento strutturale. È così scattato il sequestro di tutta l’area, oltre 140 metri quadri, e la segnalazione alle competenti autorità per la rimozione e lo smaltimento di tutto il materiale tossico ritrovato. Continua così a ritmo serrato l’attività antinquinamento degli uomini della Benemerita che, in vista del periodo estivo, stanno passando al setaccio l’intero territorio vibonese.

AREA DELL’ANGITOLA Comune di Pizzo e Regione firmano una convenzione per il monitoraggio Colpi di pistola

L’assessore Callipo replica a Tassi difendendo l’iniziativa di promozione on-line delle imprese turistiche

VIBO VALENTIA — «Massima apertu-

dell’8° elinucleo di stanza nel capoluogo, hanno deciso di vederci chiaro sull’intera vicenda, battendo palmo a palmo l’intera area per verificare l’effettiva estensione dell’inquinamento ed avviare i provvedimenti di legge. Così mercoledì scorso gli uomini della Stazione di San Gregorio D’Ippona hanno rinvenuto, a poche centinaia di metri da alcune abitazioni, oltre 6 quintali di lastre di eternit e lamiere zincate abbandonate da ignoti tra l’erba alta della zona. I militari dell’Arma hanno anche potuto verificare come tutti i rifiuti speciali, probabilmente lì ammassati da qualcu-

esclusivamente obiettivi di utilità sociale, tra cui la promozione del turismo italiano e del brand Italia nel suo complesso». «Tassi - continua Callipo - sottolinea che esistono già decine di siti internet che svolgono attività di commercializzazione on line dei pacchetti turistici, cercando così di sminuire la portata di un progetto che non ha alcuna velleità di sostituirsi ad altri canali di vendita già eventualmente utilizzati dagli operatori vibonesi, ma soltanto di offrire un’opportunità in più alle imprese locali, soprattutto le più piccole, dando loro la possibilità di accedere gratuitamente a questa piattaforma entro il 30 giungo 2009, senza versare la quota di iscrizione pari a 2mila e 500 euro. In più, ad ogni operatore interessato verrà offerta assistenza, anche questa gratuita, per l’elaborazione e l’organizzazione delle informazioni relative alla propria offerta turistica. Non si comprende, allora, quale “danno” per le casse pubbliche o per gli operatori turistici scaturisca da questo meccanismo, elaborato con l’obiettivo preciso di evitare qualsiasi esborso, incentivando però concretamente la commercializzazione dei pacchetti turistici. In quest’ottica, si inserisce anche il basso importo delle royalty che

dovranno versare le imprese presenti sul sito, ma solo nel caso in cui vendano il proprio prodotto attraverso il portale stesso: esclusivamente in questa circostanza, infatti, le aziende saranno dovute alla corresponsione del 10 per cento di quanto fatturato, molto al di sotto del 25-30 per cento che solitamente viene chiesto da altri portali internet che svolgono attività analoghe. Un vantaggio a tutto tondo per gli operatori interessati, dunque, che non offre alcun appiglio per speculazioni politiche. Tanto più che la Fondazione Paolo Di Tarso ha già siglato tempo fa un accordo con la Regione, che ha pure deliberato sul nome che dovrà avere il portale calabrese, Calabriaexcelsa appunto. La Provincia, quindi, non ha imbastito intese con uno sconosciuto “privato”». «Infine - conclude l’assessore - non posso che biasimare il linguaggio sarcastico usato da Tassi per muovere critiche ingenerose verso un’iniziativa animata esclusivamente dalla voglia di fare. Concetti ribaditi da me stesso al rappresentante Sd in Consiglio provinciale, Barbara Citton, che mi ha chiesto delucidazioni sul progetto prima che il coordinatore del suo partito decidesse di rilasciare dichiarazioni alla stampa locale».

Nicotra - si procederà alla bonifica dell’area attorno alla foce del fiume Angitola che sarà bonificata da parte del Comune di Pizzo, che ha espletato le procedure amministrative per la gara di appalto». Il risanamento ambientale della zona circostante lo sbocco del corso d'acqua sarà realizzato da una ditta che si è aggiudicata la gara con il ribasso del 20%. Sarà un’operazione di pulizia che rimuoverà tutta una massa di rifiuti presenti nel luogo. «Si tratta - commenta ancora Nicotra - di una vera e propria azione di rimodulazione ambientale. Rappresenta un’iniziativa di grande valore ambientale e sociale». Per la bonifica dell’area è prevista una spesa di un milione e duecento mila euro. Ma. Bo.

pistola, di cui due andati a segno, sono stati esplosi mercoledì notte all’indirizzo dell’autovettura di Francesco Pagano, 47 anni, docente di lettere in una scuola media del vibonese. Il fatto è avvenuto a Nicotera Marina, centro turistico della provincia di Vibo Valentia, dove l'uomo risiede e dove al momento degli spari era parcheggiata l'auto, una Hyundai. Qualche mese addietro Pagano aveva subito un analogo attentato. Secondo quanto appreso dall’agenzia di stampa Agi, l'uomo, che insegna nel vicino comune di San Calogero, collabora con il “Quotidiano della Calabria”. Non si ferma l’onda di violenza scandita da intimidazioni e attentati che sta investendo senza sosta il territorio vibonese. Si tratta di una escalation di violenza su cui sono chiamati a riflettere tutti: classe politica e società civile.

Ferrovie, domani notte riapre la linea tra Mileto e Vibo-Pizzo VIBO VALENTIA — Riapre dalla mezzanotte di domani, con un anticipo di circa quaranta giorni rispetto ai tempi programmati, la linea ferroviaria Tirrenica interrotta fra le stazioni di Mileto e Vibo Pizzo. E’ quanto rendono noto, in un comunicato, le Ferrovie dello Stato La circolazione in entrambi i sensi di marcia avverrà - si apprende ancora - su un solo binario, mentre sull’altro proseguiranno i lavori di consolidamento dell’infrastruttura. Da domenica 19 aprile verrà quindi ripristinato l’orario dei treni in vigore prima dell’interruzione dello scorso 25 febbraio. Inoltre, cesseranno tutte le limitazioni e le deviazioni di percorso adottate per la deviazione del traffico ferroviario lungo la linea alternativa Eccellente - Rosarno. In particolare - prosegue il comunicato -, i treni a lunga percorrenza limitati nella stazione di Lamezia (gli Eurostar e l’Intercity Plus 590/521, da e per Roma) arriveranno e partiranno nuovamente da Reggio Calabria. Non saranno più instradati via Tropea anche i rimanenti

Intercity Plus, gli Intercity Notte e gli Espressi. Tornano a circolare sulla linea Tirrenica tutti i treni Espressi da e per la Sicilia, confermati integralmente durante il periodo dell’interruzione. Interamente ripristinata anche l’offerta dei treni regionali, anch’essa modificata durante l’interruzione. Nel percorrere il tratto di linea ancora interessato dai lavori sul binario adiacente, i treni ridurranno precauzionalmente la velocità e potranno quindi allungare i tempi di viaggio fino a 15 minuti. I lavori, iniziati da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) il 25 febbraio, sono stati necessari si legge ancora nella nota - per consolidare un tratto di linea ferroviaria di mezzo chilometro, interessato nel dicembre 2008 da un consistente movimento franoso causato dal dissesto idrogeologico del terreno. I tecnici hanno ricostruito integralmente e con particolari accorgimenti circa duecento metri di linea ferroviaria. L’investimento complessivo, per l’intervento e le opere connesse, è stato di 21 milioni di euro.


Pag. 32 Venerdì 17 Aprile 2009

REGGIO il Domani

Service a cura di Speaker Network - E-mail: redazione@ildomani.it | www.ildomani.it

LAVORO Le selezioni per 170 dipendenti dell’Assemblea legislativa di palazzo Campanella saranno caratterizzate da un regime di oggettività

Un “concorso super-trasparente” I 1700 candidati saranno chiamati a rispondere a un quiz composto da 50 domande a risposta multipla REGGIO CALABRIA — Il secondo atto del “concorso super-trasparente” bandito dal Consiglio regionale è stato presentato ieri. Ed anche le prossime prove (quelle scritte) della selezione per 170 dipendenti dell’Assemblea legislativa di palazzo Campanella saranno caratterizzate da un regime di massima oggettività e trasparenza. E’ quanto ha annunciato il presidente dell’assise, Giuseppe Bova, nel corso di una conferenza stampa. All’incontro con i giornalisti hanno partecipato tra gli altri Giulio Carpentieri, segretario generale del Consiglio, e Plinio Venturini, amministratore della società “Cnipec”, che gestisce le procedure concorsuali. La seconda fase del concorso prenderà avvio il prossimo 22 giugno e si protrarrà fino al 26 dello stesso mese. I 1700 candidati saranno chiamati a rispondere a un quiz composto da 50 domande a risposta multipla: 45 saranno di cultura professionale e si differenzieranno in base alle diverse figure per le quali si concorre; le ultime cinque, invece, avranno ad oggetto la conoscenza di una lingua straniera e verteranno sulla cultura generale. Rispetto alle prove preselettive che REGGIO CALABRIA — Città ed

Accademia di Belle Arti continuano a crescere assieme. Questa collaborazione - che chiude un lungo periodo di “estraneità” - non è certo una novità, anche se il rapporto è stato esaltato ieri nel corso della cerimonia d’inaugurazione dell’anno accademico. Sandro Manganaro, direttore di questa struttura d’eccellenza, nei temi affrontati nella sua relazione ha inserito uno spaccato dell’immagine dell’Accademia reggina «che tutti - ha detto - abbiamo costruito giorno dopo giorno, incoraggiati dalle tante attenzioni riservateci che si sono tradotte verso quanto abbiamo fatto, ma anche in offerte di collaborazione e di intese su iniziative comuni. Senza mai cadere nella tentazione dell’autoreferenzialità, abbiamo incrementato il dialogo sia con gli istituti di alta cultura che operano in città sia con i soggetti politico - amministrativi, rimanendo fedeli alla nostra mission, che consiste nel dare rilevanza all’incidenza sociale dell’arte ed a promuovere e diffondere la cultura del bello». La cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 20082009 ha registrato, tra le altre, la presenza del filosofo Marcello Veneziani e di altri rappresentanti del mondo scientifico ed intellettuale. In apertura della cerimonia, il presidente dell’Accademia, Marcello Parisi, ha ricordato le vittime del terremoto de L’Aquila. Sul percorso di crescita dell’Accademia di Belle Arti, in sintonia con quello registrato dalla città, Sandro Manganaro ha ricordato la collaborazione con il Comune «per la valorizzazione dei beni artistici, contribuendo alla realizzazione della Pinacoteca civica e dichiarandoci d’accordo con il sindaco Giuseppe Scopelliti di esporre, nel prossimo me-

Scopelliti si dice d’accordo con l’ipotesi di rimandare alcune grandi opere

«Il ponte può aspettare» ROMA — «Il ponte sullo Stretto di Messina può aspettare e le risorse per la costruzione dell'operasimbolo del governo Berlusconi possono essere impiegate per affrontare l'emergenza del terremoto in Abruzzo». Lo dice Giuseppe Scopelliti, sindaco di Reggio Calabria, che si dice d'accordo con l'ipotesi da più parti ventilata di rimandare alcune grandi opere per affrontare l'emergenza

del sisma. «Rispetto alla grande tragedia dell'Abruzzo facciamo tutti un passo indietro - dice Scopelliti, a Roma per la conferenza di presentazione del Reggio Calabria Film Fest, in programma dal 22 al 25 aprile -. Sarà il governo a decidere, ma per quanto ci riguarda, di fronte a situazioni così drammatiche, credo sia giusto e doveroso dire che possiamo anche aspettare». (Agi)

Venturini, Latella, Bova e Carpentieri

si sono svolte nei mesi di ottobre e novembre dello scorso anno, le differenze sono essenzialmente due: i test saranno corretti in giornata, con la comunicazione immediata del risultato; e, soprattutto, non verrà messa a disposizione dei candidati alcuna banca dati contenente i quiz. Nel corso della conferenza stampa, il presidente Bova ha illustrato ai giornalisti il complicatissimo mec-

canismo teso a garantire il massimo della trasparenza. Una decina di giorni prima dell’inizio delle prove, infatti, verrà pubblicamente effettuato il sorteggio dei quesiti su un archivio che, a seconda del concorso, va da cinquemila a settemila domande. Il computer con cui si procederà a questo adempimento, assieme alle buste contenenti i questionari, verrà sigillato e chiuso all’interno della cassaforte di

palazzo Campanella, controllata giorno e notte da un sistema di telecamere a circuito chiuso. All’interno di quel locale blindato erano già stati depositati gli elaborati relativi alla prova preselettiva: dunque, un’area “off limits” a cui nessuno avrà accesso. Si tratta, com’è evidente, di misure molto restrittive. «Il nostro obiettivo - ha spiegato Bova - è quello di assicurare ai calabresi che il concorso viene

espletato in maniera seria e onesta, in modo tale che i vincitori di questa selezione siano effettivamente i più preparati. E’ vero, si tratta di prove difficili - ha aggiunto il presidente del Consiglio regionale - ma questo era davvero l’unico modo che conoscevamo per dare ai nostri cittadini pari opportunità di accesso ad un ufficio pubblico».

UNIVERSITA’ Comune e ateneo continuano a crescere assieme con nuovi progetti

ti diversamente abili, iscritti presso le scuole secondarie di secondo grado della città, dell’intera area dello Stretto e della provincia tutta. Progetto che mira a strutturare e a seguire percorsi tesi alla promozione delle potenzialità latenti. «Non solo orientamento - ha evidenziato Parisi - ma anche integrazione piena. Quella scolastica dei diversamente abili solleva, infatti, una problematica molto complessa che non si evidenzia esclusivamente in ambiti scolastici, ma chiama in causa l’intera società nei suoi atteggiamenti e nelle sue istituzioni». Un progetto ambizioso perchè l’Accademia «intende proporsi - secondo il presidente - come polo di riferimento e di orientamento per l’integrazione dei diversamente abili nel mondo universitario».

Accademia di belle arti al via l’anno accademico di vivere di ciascuno di noi». Nella relazione del prof. Manganaro non sono mancati riferimenti agli aspetti legislativi che regolano il funzionamento delle Accademie di Belle Arti ed i ringraziamenti ai rappresentanti delle istituzioni per la sensibilità dimostrata nei confronti di questa struttura culturale e formativa della città dello Stretto. Il presidente Parisi ha parlato anche del progetto, da lui sostenuto, di orientamento a favore di studen-

Relatori e platea per l’inaugurazione dell’anno accademico

Antonio Latella

Ant. Lat.

MEDIATAG RICERCA SU REGGIO CALABRIA Per il lancio di nuovi prodotti editoriali su Reggio C. e provincia selezioniamo

AGENTI PUBBLICITARI (ambosessi) per la seguenti zone:

Reggio Calabria città Inviare dettaglio curriculum a info@mediatag.it. Trattamento economico di sicuro interesse.

• • • se di luglio alla Maddalena per il G8, i Bronzi di Riace». Il direttore Manganaro ha quindi sottolineato come nell’era della globalizzazione l’Accademia reggina sia stata protagonista di «significative operazioni nel cam-

po della comunicazione estetica: nel convincimento che il bello deve occupare un posto di prim’ordine nella scala dei valori dei bisogni personali, giacché, al di là del saper meravigliare, favorisce il desiderio della gioia

Costituirà titolo preferenziale possedere una laurea in marketing, scienze delle comunicazioni o relazioni sociali. L’anticipo provvigionale sarà in grado di soddisfare le candidature più qualificate. Inquadramento Enasarco

Per un appuntamento selettivo gli interessati possono inviare il proprio curriculum al seguente indirizzo di posta elettronica: ......................................................... info@mediatag.it oppure al numero di fax: ............................................................................................. 0961.903421 o per posta indirizzata a: .... MEDIATAG SPA - Loc. Serramonda 88040 Marcellinara (Cz) I dati contenuti nel curriculum verranno trattati esclusivamente ai fini della selezione del personale. La presente ricerca è estesa a persone di entrambi i sessi ai sensi della legge 903/77


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 33

REGGIO CALABRIA CITTÀ A pochi giorni dalla nascita del Popolo delle Libertà, Bruno Ferraro e Pino Palmisano, evidenziano le fasi che hanno portato al soggetto politico

«Per un grande partito, grandi intelligenze» «Lotteremo per lo sviluppo di politiche che vedono l’uomo al centro del sistema» REGGIO CALABRIA — «Un grande

LA NOTA Loiero e Scopelliti senza sparring partner

La campagna elettorale sul ring della prima ripresa L’area metropolitana l’oggetto dello scontro REGGIO CALABRIA — Il gong della lunga campagna elettorale per le

Regionali è suonato mercoledì a Lamezia. E l’area metropolitana di Reggio è diventata all’improvviso il ring della prima ripresa in una sfida tra boxeur d’eccezione: il presidente della Regione Agazio Loiero e il sindaco Giuseppe Scopelliti. Il primo ad affondare un diretto è stato il governatore, che si è detto felice per il riconoscimento dello “status” di Città metropolitana per la maggiore polis calabrese, dichiarandosi al contempo preoccupato dinanzi alla prospettiva di una grande area integrata dello Stretto. La nota che riportava le dichiarazioni dell’inquilino di palazzo Alemanni, fin dall’immediatezza della sua divulgazione sulle agenzie di stampa, ha fatto rapidamente il giro della regione: da Lamezia, che ha ospitato la convention del Pdl, a Reggio, dove la velina è stata stampata in un elevatissimo numero di copie nelle sedi istituzionali; pochine, invece, alla Provincia, il cui presidente Morabito è apparso fin troppo tiepido sull’argomento; qualcuna in più a palazzo San Giorgio, dove l’interesse è senz’altro maggiore; parecchie nell’“astronave” di via Cardinale Portanova, in cui erano riuniti i capigruppo del Consiglio regionale. L’universo ricevente si è poi allargato, ieri, quando la questione è stata ripresa dai giornali. Agli occhi dei reggini - è un dato inconfutabile - Loiero sembra aver commesso una clamorosa topica. Un errore davvero inaspettato da parte di un politico di lungo corso e scafato come il capo dell’esecutivo calabrese. Le sue dichiarazioni sono apparse debolucce dal punto di vista giuridico ed istituzionale, nella parte in cui paventavano i rischi di una “scissione” di questo territorio rispetto al resto della Calabria: basta dare un’occhiata alle prerogative delle città metropolitane, che aggiungono appena qualche competenza in più rispetto alle attuali province, ma fanno sempre salvi i poteri centrali delle Regioni. Tutto ciò appare ancora più strano ed inspiegabile, perché proviene da un protagonista della vita parlamentare per diverse legislature: Loiero ha vistosamente voluto ignorare la circostanza che, per creare una sorta di “Regione dello Stretto”, sarebbe necessario fare ricorso ad una complessa procedura di modifica della Costituzione. Ma l’errore del governatore è apparso ancora più marchiano dal punto di vista politico. Perché i reggini, si sa, hanno molti difetti (tra cui il campanilismo) ma dispongono anche di un forte senso di appartenenza alla comunità locale. Anzi, sia per ragioni culturali che antropologiche, in fondo i cittadini di Reggio e del suo hinterland si sentono da sempre più simili ai messinesi che non ai cittadini di Catanzaro o di Cosenza. Altro che il rischio di una “subalternità” rispetto alla Sicilia come è stato adombrato. Scopelliti non ha avuto difficoltà a cavalcare la tigre. Il lanciatissimo sindaco della più popolosa città calabrese, a sua volta, un errore lo ha commesso. Ed è stato quello di tirare per la giacchetta Peppe Bova, presidente (reggino) del Consiglio regionale al quale ha chiesto di rimbrottare Loiero. Era una provocazione del tutto sbagliata, perché rivolta a chi non ha mai inteso partecipare alla rissa politico-campanistica. D’altronde, il pensiero di Bova sull’area metropolitana dello Stretto è noto da tempo, come conferma un progetto di legge a sua firma, depositato la bellezza di cinque anni fa. Così facendo, Scopelliti - che ambisce legittimamente ad essere candidato alla presidenza della Regione - ha dato l’impressione di essere un uomo di parte. Prima si è rivelato troppo “reggio-centrico”, poi si è dimostrato troppo spostato a destra. Una linea che strategicamente non lo aiuta affatto nella corsa alla poltrona più importante in Calabria, come gli ha garbatamente fatto notare Wanda Ferro. a. r. l.

partito ha bisogno di grandi intelligenze, ma anche di grandi tolleranze e grandi capacità d’integrazione e interazione tra i vari soggetti che lo compongono». Questa frase estrapolata da una nota stampa di Bruno Ferraro e Pino Palmisano, rispettivamente capogruppo in Consiglio comunale e segretario provinciale di Democrazia Cristiana per le Autonomie, bene si presta ad una decodifica, perché detta, anzi scritta, a pochi giorni dalla nascita del Popolo delle Libertà. Ferraro e Palmisano evidenziano - in apertura della nota - le fasi che hanno portato alla nascita del nuovo soggetto politico. Lo fanno con un excursus che parte dal referendum di Mario Segni del 1993 e, attraverso varie tappe, tocca la nascita di Forza Italia, la democratizzazione dell’Msi An, lo scioglimento della Democrazia Cristiana (“che da perno fondamentale andava ad assumere ruoli marginali delle alleanze”) che, di fatto, hanno “spostato il perno del sistema delle ideologie del ‘900 in valori e principi di riferimento”. Il percorso di Ferraro e Palmisano si conclude con la leadership di Berlusconi e la nascita del Popolo delle Liberta. Fin qui il discorso, che segue in modo pedissequo l’evoluzione della storia politica italiana degli ultimi 15 anni, non fa una grinza. Poi i due politici, si augurano che in questa nuova sfida vengano banditi per sempre le logiche correntizie (ex

a. l.

“Legal…insieme”, educazione alla legalità REGGIO CALABRIA — “Legal…in-

sieme” è il titolo del nuovo percorso di educazione alla legalità che prenderà il via domani a Reggio Calabria per iniziativa del Sindacato Unitario Lavoratori di Polizia (Siulp) e della Giunta distrettuale reggina dell’Associazione Nazionale Magistrati. Il progetto verterà sul tema di scottante attualità dell’abuso e della violenza sui minori. Il primo incontro è in programma (inizio ore 9,30) presso la scuola Media “Spanò Bolani”, mentre nel prossimo mese di maggio l’iniziativa interesserà il liceo scientifico “ Alessandro Volta” e il magistrale “Gullì”. Nel corso degli incontri è prevista anche la proiezione di un cortometraggio, realizzato dallo stesso Siulp, dal titolo “L’inferno degli angeli”: uno spaccato di triste quotidianità che racconta l’abuso e la violenza subita da una minore all’interno delle mura domestiche. All’iniziativa di

Le eccellenze turistiche del territorio L’iniziativa è anche l’occasione per “premiare” le eccellenze turistiche del nostro territorio, strutture di qualità ed enogastronomia tipica, con l’attribuzione dei marchi “Ospitalità Italiana” e “Tradizioni Reggine – saperi e sapori in tavola” 2009 a circa 70 esercizi della provincia. Il Marchio Ospitalità Italiana avviato su scala nazionale da Isnart è destinato alle strutture ricettive che garantiscono ai clienti un’o-

«Il ruolo dei governi e dello Stato, le questioni sociali sono argomenti troppo importanti per essere sminuite da lotte intestine per qualche posto di coordinatore cittadino»

Domani al via l’iniziativa del Siulp e della Giunta distrettuale dell’Associazione Nazionale Magistrati

I risultati dell’Osservatorio Provinciale, in collaborazione con Is.na.r.t., sulla recettività nel Reggino

REGGIO CALABRIA — Questa mattina nel Salone della Camera di Commercio di Reggio Calabria verranno presentati i risultati dell'Osservatorio Provinciale sul Turismo realizzato dalla Camera di Commercio in collaborazione con Is. na. r. t.; uno strumento che consente di monitorare i fenomeni, interpretare le dinamiche, verificare le esigenze e supportare le imprese per la competitività sui mercati dell’offerta turistica.

Bruno Ferraro

Fi, ex An, ex Dc) perché - sostengono - è indispensabile marciare assieme verso il bene comune. Siamo all’auspicio, oppure è partito il primo avvertimento? I due esponenti della Democrazia Cristiana, indicando il nuovo soggetto politico, parlano di «un contenitore dove noi porteremo le nostre istanze di cattolici moderati e dove lotteremo per lo sviluppo di politiche che vedono l’uomo al centro del sistema, non come singolo soggetto, ma facente parte di una comunità nazionale che agisce per la libertà e nella libertà. Non ci interessano gli equilibri interni dei numeri, non ci appartengono i tentativi di occupare posti e spazi all’interno del nuovo partito». Nel linguaggio della storica “balena bianca” questo modo di ragionare appartiene ai piccoli microcosmi (nella prima Repubblica si chiamavano correnti) di un grosso soggetto politico in cui convivono diverse anime, con interessi sociali, culturali ed economici diversi. Attenzione, sembrano dire Ferraro e Palmisano, perché la globalizzazione - madre sempre gradiva della crisi mondiale - «il rinnovato ruolo dei governi e dello Stato, le questioni sociali (soprattutto quelle del Mezzogiorno, le nuove povertà e del ruolo della famiglia) sono argomenti troppo importanti per essere sminuite da lotte intestine per qualche posto di coordinatore cittadino».

spitalità accogliente e qualifìcata attraverso un livello di servizio conforme a determinati requisiti. Il marchio “Tradizioni Reggine – saperi e sapori in tavola” è riconosciuto dalla Camera di Commercio di Reggio Calabria alle imprese di ristorazione che si differenziano per la tipicità dell’offerta eno-gastronomica, legata alla tradizione e all’utilizzo di prodotti tipici del territorio.

domani prenderanno parte i segretari regionale e provinciali dell’organizzazione sindacale (Franco Caracciolo, Ferdinando Spagnolo e Castrenze Militello) e per la sezione reggina dell’Associazione Nazionale Magistrati Carlo Indelicati (Gip del locale tribunale), Rodolfo Palermo ( Consigliere di Corte d’Appello). Agli incontri in programma, inoltre, è prevista la partecipazione di Domenico Santoro ( Gip del

tribunale di Palmi) e della psicologa Eva Gerace. “Educare alla legalità – si legge in una nota del Siulp – significa prevenire il disagio sociale che un individuo può trasformare in uno dei mali della nostra società. Un ragazzo, per crescere in armonia con se stesso, deve porre alla base la cultura delle legalità, per comprendere meglio le funzioni delle regole nella vita sociale e i valori della democrazia”.

RICERCA PERSONALE QUALIFICATO Si precisa che tutte le inserzioni relative alla ricerca di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile che femminile, essendo vietata ai sensi dell’art. 1 della legge 9/12/77 nr. 903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l’accesso al lavoro, indipendente dalle modalità di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attività. L’inserzionista è impegnato ad osservare tale legge.

Ottica Piemme Gruppo Piemme Lab. Sas

Società espansione in tutto territorio nazionale SE LE Z IONA

personale dinamico motivati e possibilità di carriera marketing • Commerciale • Responsabile Responsabile alle vendite • amministrazione • Addetti • Rappresentanti Per informazioni inviare curriculum

info@otticapiemme.it fax

0961/391914

N. Verde 800-925225


34 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

REGGIO CALABRIA CITTÀ AREA METROPOLITANA/1 L’analisi del Presidente del Consiglio regionale della Calabria, Giuseppe Bova, in merito all’istituzione del nuovo ente

«Solo in Calabria c’è stata divisione» «Parole in libertà e offese gratuite anche da pezzi importanti del Pd e del Pdl» REGGIO CALABRIA — «La nostra

Roulotte sotto il viadotto nel “mirino” delle volanti

REGGIO CALABRIA — Questa volta “vittime” degli interventi mirati sulla prevenzione nel settore sicurezza sono stati i componenti di una carovana di nomadi, accampati con le loro roulotte sotto il viadotto (nella parte terminale) dello svincolo Porto dell’autostrada Salerno – Reggio. Dodici persone in tutto, alcune delle quali con precedenti penali. Nei loro confronti è stata applicata l’ordinanza del sindaco di Reggio sulla sicurezza del territorio. L’iniziativa ha visto protagonisti i poliziotti della sezione Volanti della Questura, impegnati in uno dei tanti servizi disposti dal questore Carmelo Cosabona e coordinati dal vice questore aggiunto Gerlando Costa. Gli agenti, una volta scoperto questo piccolo accampamento hanno disposto un controllo accurato delle persone, appartenenti a diverse famiglie provenienti dalla provincia di Catania e, per questo, li hanno scortati fino agli uffici della questura. Qui, dopo aver

REGGIO CALABRIA — «E’ bene che

alle polemiche sorte intorno alla istituzione dell’area metropolitana di Reggio Calabria si ponga fine». Queste le parole dell’onorevole Nicola Adamo, presidente del gruppo consiliare del Partito Democratico al Consiglio Regionale della Calabria. «Ho la sensazione - prosegue Adamo - che il confronto non sia sull’opportunità o la giustezza della scelta votata dalla Camera dei Deputati. Mi pare evidente, infatti, che ci sia un uso strumentale di tale questione per definire e anticipare un profilo di propaganda elettorale intorno alla leadership regionale. Se si insiste su questa strada si finisce con il riaccendere infauste contrapposizioni municipalistiche che produrrebbero più danni di quanto sia avvenuto agli inizi degli anni ‘70. In quegli anni, infatti, sull’onda del boom economico - spiega il rappresentante del Pd - che caratterizzava la crescita del Paese la stessa rottura che si consumava tra i territori calabresi si svolgeva intorno alle prospettive di sviluppo della nostra regione, oggi, invece, a fronte della grave crisi generale si tratta di riconquistare persino la speranza per il futuro della Calabria. In riferimento alla istituzione della area metropolitana sarebbe più opportuno che l’attenzione ora

contestato la violazione dell’ordinanza sindacale sul contrasto allo stazionamento di caravan sul territorio cittadino, i poliziotti hanno sequestrato gli automezzi, affidandoli in consegna giudiziaria agli stessi proprietari, i quali, poi sono stati allontanati dal territorio della città dello Stretto. L’attività di controllo della sezione Volanti, sempre ieri, ha portato al denuncia a piede libero all’autorità giudiziaria di un cittadino russo di 35 anni, clandestino in Italia, perché trovato in possesso ingiustificato di strumenti atti allo scasso. Il giovane - secondo quanto riferisce la questura è stato fermato per un controllo perché, con fare sospetto, è stato visto aggirarsi tra le autovetture in sosta. All’interno del borsello, lo straniero custodiva una tronchesina, una placca antitaccheggio e lastre di alluminio del tipo usato per impedire il funzionamento dei rilevatori posti in prossimità delle casse degli esercizi commerciali.

realtà è piena di problemi, alcuni più antichi, altri più recenti. Il lavoro, un ambiente vivibile, la sicurezza, un sistema sanitario efficiente, una crescita sostenibile, sembrano ai più obiettivi oltre il nostro orizzonte. Su di essi, oggi, grava la crisi straordinariamente pesante che attraversa il mondo intero e, in contemporanea, un’inquietudine profonda che deriva dal disastroso terremoto in terra d’Abruzzo». A dichiararlo è Giuseppe Bova, Presidente del Consiglio regionale della Calabria. «La conseguenza ovvia - prosegue Bova - dovrebbe essere quella che tutti, sottolineo tutti, a partire da quelli che hanno responsabilità politiche ed istituzionali, si agisse avendo come priorità esclusiva il bene comune, lavorando sodo e ricercando una effettiva unità d’intenti, al di là e al di fuori degli interessi di bottega, di campanile o, semplicemente, di parte. Purtroppo le cose non vanno in tale direzione. Così, a mali oggettivi, si aggiunge una litigiosità tanto gratuita quanto pericolosa, che sorvola le questioni di merito, distrae dagli impegni più urgenti, divide quello che doverosamente e responsabilmente dovrebbe stare unito sopra ogni cosa. Per questo - spiega il presidente del consiglio regionale ogni occasione è utile per mettere in pratica il vecchio teatrino: questa volta lo spunto, si fa per dire, nasce dalla decisione della Camera di far diventare dieci le aree metropolitane, da nove quali erano originariamente ipotizzate, nella logica antica che oltre Napoli o Bari non si dovesse comunque procedere. Insomma, l’Italia, la modernizzazione necessaria, un nuovo progetto unitario per il sistema Paese, dovevano avere quel confine invalicabile. Così la pietra dello scandalo diventa che Reggio di Calabria e la sua provincia vengano assunte a decima area metropolitana d’Italia. Tuonano settori della Lega, amplificano grandi quotidiani del Nord; ma come, sostengono, Verona, che è più grande, più ricca e più sviluppata, no, e Reggio Calabria sì? Fanno finta di non sapere che l’area di cui si parla riguarda non solo una provincia, ma anche l’altra sponda

Giuseppe Bova

dello Stretto. Il fine evidente è quello di nascondere la verità perché non se ne faccia nulla. E’ storia vecchia e in qualche modo normale con i tempi che corrono. Però i due maggiori partiti italiani, Pd e Pdl, non ci stanno e, una volta tanto, la “Padania padrona” resta con le pive nel sacco. Tutto risolto? No. Volete che in Calabria non si litighi anche su questo? Detto, fatto: così è. Volano irresponsabilmente parole in libertà e offese gratuite ed anche pezzi importanti del Pd e del Pdl, che hanno rilevanti responsabilità amministrative, mentre in Parlamento hanno votato uniti, qui si dividono. Se non lo avessi sotto gli occhi, non ci crederei. In nessuna delle altre nove regioni italiane in cui sono state istituite le aree metropolitane c’è stata divisione e nemmeno discussione su questo; da noi sì. Ci si riempie la bocca di paroloni, evocando irresponsabilmente vecchie divisioni di campanile che con la situazione di oggi non c’entrano proprio nulla. Fermatevi, riflettete, confrontiamoci: alla Calabria serve “essere parlata”, come diceva il nostro Corrado Alvaro. Oggi più che mai. Il confronto deve essere civile, pacato, veritiero; l’opposto di una lunghissima, velenosa campagna elettorale tesa a strumentalizzare tutto e il contrario di tutto. Una discussione nel merito ci farebbe affermare che la futura Città metropolitana avrebbe tutte le prerogative

AREA METROPOLITANA/2 Il presidente del gruppo consiliare del Pd, Nicola Adamo

«Cerchiamo tutti di superare le barriere regginocentriche» si concentrasse sui contenuti e sulle opportunità che tale istituto potrebbe attivare per lo sviluppo delle aree interessata e anche al fine di favorire la promozione e il consolidamento del sistema territorio regionale, e della sua coesione e crescita. Dobbiamo pervenire ad un rinnovato patto tra i diversi territori regionali partendo dalla concertazione sociale e istituzionale e decidendo quali funzioni strategiche assegnare ad ognuno dei potenziali poli di sviluppo e punti di forza della Calabria. In questo contesto trovo giusta e di forte interesse regionale la scelta di istituire l’area metropolitana dello Stretto. Se ci si attarda nelle angustie provincialistiche la Calabria intera è destinata ad una ulteriore marginalità. Non mi pento di essere stato il primo a rilanciare questa proposta di

Nicola Adamo

area metropolitana, all’indomani del voto al Senato sulla legge delega sul federalismo. Ho interpretato che, alla luce delle nove città che venivano proposte, la mancata previsione nel testo del Governo della città metropolitana dello Stretto fosse stata anch’essa una ragione del voto contrario espresso dal Senatore Franco Bruno. Hanno fatto bene successivamente quei parlamentari calabresi che hanno sottoscritto, tra gli altri Maria Grazia Laganà e Marco Minniti, l’emendamento poi approvato dalla Camera dei Deputati. L’idea della città metropolitana dello Stretto è patrimonio storico della cultura progressista dei partiti del centro sinistra. Un’idea in sostanza che storicamente è stata contrapposta ad una visione di chiusura municipalistica che ha costituito persino un carat-

della vecchia Provincia e qualche altra in più, quale la responsabilità della pianificazione e delle reti. Potremmo, ancora, facilmente rilevare - analizza Bova - come qualsiasi attenzione nazionale ed europea sulle altre aree metropolitane del nostro Paese avrebbe ricadute automatiche e positive anche sulla Calabria. Più in generale, l’ammodernamento dei collegamenti tra queste aree finirebbe per riguardare l’insieme della realtà italiana e calabrese. Messina e la sua provincia rappresentano così non il rischio o la divisione, ma la chiave per l’Area metropolitana dello Stretto. D’altronde, la Calabria com’è stata finora la conosciamo bene. Comunque sia andata per l’Italia, qui se ne è beneficiato poco o nulla. Certo, hanno pesato tanto le miopie, le scelte o, se volete, le rinchiusure di tante classi dirigenti del Paese. Ma, solo questo? E noi? Cosa ci viene da una visione della Calabria quale una sorta di vecchia “riserva indiana”? Dove ci porta la paura del nuovo, l’assenza di coraggio? Come indichiamo alle nuove generazioni un percorso per il futuro? Io rispondo che questo è il momento dell’audacia, dell’autonomia, dell’assunzione piena della responsabilità. Come e di più rispetto a quel 22 dicembre del 1985, quando con un referendum dicemmo “no” alla costruzione a Gioia Tauro di una mega centrale a carbone e di un terminal carbonifero, aprendo così la strada al “miracolo” del porto. Come allora, anche oggi la scelta di battermi per la Città metropolitana non è stata per nulla improvvisata. Ho passato tutta la mia vita in Calabria, in tutta la Calabria, faticando tutti i giorni per servire le ragioni dei più deboli e dell’intelligenza al servizio del bene comune e del progresso dei calabresi. Così, nel 2003, a viso aperto ho posto la questione della Città metropolitana in Consiglio regionale e, su questa strada, ho continuato nei periodi successivi. Nelle passate settimane ho lavorato, assieme a tanti altri, perché questa buona idea si realizzasse. Così continuerò a fare - conclude -, con testardaggine, convinto, come sono, che l’esempio sia il seme del germoglio successivo». tere identitario nei decenni scorsi dalle forze di destra e di cui oggi si alimenta il Sindaco Scopelliti. Il sistema regionale ha senso di esistere se si superano confini e chiusure municipalistiche; oggi la città metropolitana è un potenziale esempio di superamento delle barriere regginocentriche e può essere l’opportunità di valorizzare i diversi sistemi urbani calabresi, a cominciare da quelli cosentini e da quella dell’asse Catanzaro-Lamezia. Orbene, quando il sindaco di Reggio Calabria va sopra le riga, quando si lascia andare in dichiarazioni che appalesano una mancanza di senso istituzionale e di una visione regionalista il centro sinistra calabrese non può accettare questo terreno di confronto e di polemica. A noi è affidato il compito di governare la Calabria fino al 2010; il tempo che rimane a disposizione dobbiamo impiegarlo con efficacia per realizzare trasformazioni sociali ed economiche che puntino alla modernizzazione, alla crescita ed alla coesione sociale del sistema regionale. Le idee, i progetti e le risorse non mancano - conclude Adamo -: non attardiamoci in diversivi ed, invece, operiamo con pragmatismo e con la consapevolezza della forza del mandato che i calabresi ci hanno assegnato nel 2005».


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 35

REGGIO CALABRIA E PROVINCIA Presentato al centro civico “Alfonso Ciprioti “ del rione Arghillà un progetto del comune varato grazie al fondo per le politiche migratorie

Idee per l’integrazione dei Rom Sette azioni, da sviluppare in più settori, tese a prevenire i fenomeni di emarginazione sociale e discriminazione REGGIO CALABRIA — L’integra-

zione sociale dei rom, in particolare di origine rumena, è al centro di un progetto del comune di Reggio, varato grazie al fondo per le politiche migratorie. Nella scelta del Ministero della Solidarietà Sociale, quelle di Reggio, Roma e Napoli sono le tre amministrazioni pilota di un articolato programma di integrazione ed inclusione sociale. La scelta della città dello Stretto non è certo casuale, ma essa si inserisce - secondo Tilde Minasi, assessore alle Tematiche Sociali dell’Amministrazione di palazzo San Giorgio - nel contesto dell’attività di inclusione sociale avviata con «la delocalizzazione dei nomadi i quali, aiutati ad uscire dai campi, sono stati trasferiti in alloggi di edilizia popolare più consoni alle loro esigenze e con l’adeguato accompagnamento e sostegno». E se lo smantellamento del ghetto del 208 ha cancellato una delle vergogne della città, i nuovi insediamenti popolari, dove hanno trovato posto molte delle famiglie dell’ex caserma del rione Sbarre, sono fonte di degrado e di emarginazione di questa minoranza che, nonostante grandi sforzi (anche di natura economica) resta ai margini della convivenza civile. Il progetto - presentato al centro civico “Alfonso Ciprioti “ del rione Arghillà - si basa su sette azioni, da sviluppare in più settori, tese a prevenire i fenomeni di emarginazione sociale e discriminazione. Il quartiere Arghillà, uno dei siti dormitori di Reggio, già appesantito dalla presenza di nuclei rom che si portano dietro usi e costumi a volte difficili da comprendere, sta assumendo i connotati di

Forze a sostegno delle imprenditrici con Terziario Donna Confcommercio

Un momento della presentazione

un nuovo ghetto. Per questo vi è l’esigenza di tutelare e favorire la convivenza tra rom e indigeni, anche attraverso l’applicazione del principio di parità di trattamento per minori ed adulti nell’ambito delle prestazioni sociali e dell’accesso ai servizi pubblici. Il Comune ha già affidato un numero cospicuo di progetti, che, come priorità d’azione, hanno il supporto alla frequenza scolastica primaria e secondaria inferiore; l’avvio di moduli formativi per docenti; attività in grado di affiancare i mediatori; il supporto pomeridiano extra scolastico; percorsi di alfabetizzazione per grandi e piccini; il sostegno alle famiglie ed alla creazione di un centro aggregativo all’interno dell’ex Centro per il Commercio Estero, presente proprio ad Arghillà. Il piano avrà una durata di dodici mesi e la sua strutturazione comprende, tra l’altro, attività di comunicazione tese a dare visibilità alle iniziati-

ve, sia singole che nel complesso. L’iniziativa “mira anche ad un rilancio del territorio di Arghillà ha sottolineato Tilde Minasi - che passi dall’integrazione dei rom tramite l’attuazione di sinergie e la collaborazione di ognuno, come ha dimostrato il tavolo permanente avviato già da qualche mese per la creazione di una rete finalizzata al raggiungimento di tale obiettivo». Per l’integrazione degli adulti di questa comunità saranno, tra l’altro, destinate borse lavoro ed azioni di orientamento formativo ed informativo. L’attuazione del piano minori - adulti vedrà impegnati diverse istituzioni ed articolazioni periferiche dello Stato: l’ufficio scolastico provinciale, i servizi sociali, le articolazioni locali della giustizia minorile ed altri attori sociali in grado di incidere non solo sui singoli ma anche sui nuclei familiari. Angela Latella

LOCRI Una visita istituzionale che rientra nelle celebrazioni del centenario della nascita di Monsignor Michele Alberto Arduino

La visita del Nunzio Apostolico LOCRI — Francesco Macrì, sindaco di Locri, ha ricevuto monsignor Giuseppe Bertello, Nunzio Apostolico per l’Italia e la Repubblica di San Marino. Una visita istituzionale che rientra nelle celebrazioni del centenario della nascita di Monsignor Michele Alberto Arduino, Vescovo della Diocesi di Locri-Gerace dal 1962 al 1972. Il sindaco Macrì ha accolto Monsignor Giuseppe Bertello, giunto al Palazzo di Città con il vescovo di Locri-Gerace mons. Giuseppe Fiorini Morosini e don Cornelio Femia, insieme a tutti gli assessori ed i consiglieri comunali, compresi i rappresentanti della minoranza, dipendenti comunali, l’assessore provinciale Attilio Tucci, diversi sindaci della Locride, i rappresentanti delle Forze dell’ordine del territorio, il manager dell’Asl 9 Locri, Giustino Ranieri, dirigenti scolastici e una delegazione di giovani studenti. Il sindaco ha fatto pervenire i saluti del Prefetto di Reggio Calabria Francesco Musolino. A nome degli altri sindaci presenti è intervenuto il primo cittadino di Antonimina, Luciano Pelle, il quale ha evidenziato il ruolo di guida e di indirizzo per la Comunità svolto dalla Chiesa. Sulle politiche giovanili è intervenuto anche l’assessore Attilio Tucci, che ha portato i saluti del Presidente della Provincia di Reggio Calabria Giuseppe Morabito. Parole di apprezzamento e di fiducia nei confronti della Chiesa per il grande la-

Monsignor Giuseppe Bertello a Locri

voro di aggregazione e sostegno sono giunte dal Presidente del Consiglio Vincenzo Carabetta, che ha posto l’accento anche sulla rinascita culturale di Locri e della Locride, e dai rappresentanti della minoranza intervenuti per l’occasione, Sergio Laganà e Giuseppe Mammoliti. In rappresentanza dei Consiglieri di Maggioranza ha portato i saluti il Vice sindaco Giovanni Calabrese. Nel suo intervento il vescovo Mons. Giuseppe Fiorini Morosini ha rilevato il ruolo del Nunzio Apostolico, quale ambasciatore della Santa Sede, e uomo di Chiesa al servizio delle terre di frontiera. A questo Mons. Fiorini ha sottolineato la volontà dallo stesso Nunzio Apostolico, manife-

stata in occasione della nomina a vescovo di Locri, di celebrare la commemorazione del centenario della nascita di Mons. Arduino, quale riconoscimento per il suo insegnamento morale e spirituale che ha accompagnato Mons. Bertello all’inizio del cammino cristiano, entrambi nati a Foglizzo Cavanese, in provincia di Ivrea. Al termine dell’incontro il sindaco Francesco Macrì ha reso omaggio a Mons. Bertello del “Pegaso” effige della Città di Locri, altri omaggi quelli consegnati dall’assessore Tucci, un crocifisso artigianale in ferro battuto, e il delicato ed emozionante saluto dei giovanissimi studenti della scuola Maria Santissima che hanno letto una poesia.

Le promotrici del Terziario Donna di Confcommercio

REGGIO CALABRIA — Nella provin-

cia di Reggio Calabria c’è una nuova forza al sostegno delle donne che fanno impresa. Un gruppo di imprenditrici di vari settori operanti sul territorio ha, infatti, istituito ufficialmente il gruppo provinciale Terziario Donna della Confcommercio di Reggio Calabria con la nomina a votazione del proprio rappresentante istituzionale e del vicario. Il gruppo si è costituito in seguito a una serie di incontri realizzati nell’ultimo mese presso la Confcommercio di Reggio Calabria, che hanno visto anche la presenza della presidente nazionale del gruppo, Maria Lucia Galdieri. La presidente eletta è l’architetto Roberta Caldovino, imprenditrice nel settore del turismo extralberghiero. Vice Presidente è l’imprenditrice del settore turistico alberghiero Dina Porpiglia, anche lei architetto. Durante l’incontro sono state ribadite le linee programmatiche e gli intenti del gruppo Terziario Donna quale organizzazione rappresentativa delle imprenditrici associate al sistema Confcommercio (che sono circa il 50% dell'intera base associativa), operanti nei settori del commercio, del turismo, dei servizi e delle piccole e medie imprese. Roberta Caldovino ha affermato: «Terziario Donna Confcommercio avrà un ruolo fondamentale per far ripartire lo sviluppo e per fronteggiare la crisi. Le donne imprenditrici si possono assumere la responsabilità di tale passaggio perché hanno i numeri e l’autorevolezza per farlo. La forza oggettiva di Terziario Donna e la sua potenzialità di innovazione meritano un’attenzione più che dedicata da parte dei soggetti che ne rappresentano gli interessi e, soprattutto, che ne possono determinare le direttrici di crescita. Per questo ci siamo poste come primo obiettivo la promozione di tavoli di lavoro tecnici e la rappresentanza nelle

Istituzioni. Questo obiettivo è quanto mai opportuno e necessario per fare chiarezza sulle caratteristiche dell’imprenditorialità femminile terziaria e per capire come si dovrà evolvere per assumere nuove responsabilità di sviluppo. In tal senso, il primo intento avviato per affrontare il tema della crisi economica, essendo le imprese femminili considerate più fragili nel sistema creditizio, sarà il monitoraggio, così da verificare e intervenire nel caso in cui le banche assumano atteggiamenti più restrittivi e penalizzanti nei confronti delle imprese femminili. Contestualmente Terziario donna si è fatta promotrice di un’iniziativa che partirà da giugno, denominata “Dfactor” che premierà le donne che soggiorneranno almeno una notte nella città di Reggio Calabria con particolari sconti e gadget in tutte le strutture affiliate. Dina Porpiglia ha sottolineato che «Fare rete è vitale per conquistare competitività ed efficienza nei mercati, soprattutto a livello internazionale, ma è altrettanto importante per analizzare le problematiche che ciascuna di noi si trova quotidianamente ad affrontare e, così, trovare soluzioni comuni. Puntiamo a riunire nell’associazione un numero sempre maggiore di aderenti che potranno contribuire a creare una proficua visione di sintesi delle singole esperienze in grado di dare concretezza alla specificità femminile nel campo imprenditoriale e in quello professionale». Il Consiglio direttivo è composto da rappresentanti del settore commercio, turismo e servizi: Maria Rita Abate, Domenica Amodeo, Stefania Caridi, Enza D’Amico, Valentina De Grazia, Antonietta Laezza, Angela Malara, Caterina Marchese, Tiziana Pedà, Arianna Romeo. La responsabile per l’ufficio stampa è l’esperta in comunicazione Valentina De Grazia.

La 43ª edizione di “Giugno locrese” Tante le categorie in gara. La serata conclusiva il 28 giugno LOCRI — Al via la 43esima edizione del “Giugno Locrese”. Nei prossimi giorni sul sito del Comune si potrà accedere ai bandi. Il concorso culturale si richiama alle edizioni precedenti. Per l’edizione 2009 del Giugno Locrese sono previste le categorie di poesia in lingua e in vernacolo; la categoria della “estemporanea di pittura”; la categoria del

concorso fotografico. Confermato anche il premio “Umberto Ferraro” con le cinque sezioni: Politica, Cultura, Giustizia, Imprenditoria, Giornalismo. La serata conclusiva sarà condotta dalla giornalista Anna La Rosa, e si svolgerà domenica 28 giugno nel corso di una serata ufficiale che sarà tenuta nella corte del Palazzo di Città.


36 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

LA PUNTA DEL LIVERPOOL

IN ARGENTINA

Fernando Torres si vede in serie A “Mi piacerebbe giocare da voi”

Il San Lorenzo ha scelto Diego Simeone è il nuovo tecnico

Coppa Uefa Il Werder elimina l’ultima italiana rimasta in corsa Diego illumina la scena un’altra volta: il 3-3 promuove i tedeschi Turnover biancoceleste per l’anticipo di domani

L’amministratore del Milan non svela le strategie future

L’attaccante argentino Mauro Zarate

Adriano ha concluso l’esperienza all’Inter

La Lazio a Genova dosa le energie in vista della coppa

Galliani stoppa le voci “A noi Adriano non è mai interessato”

ROMA - Voltare pagina dopo la bella vittoria nel derby. Questo l’obiettivo della Lazio in vista della doppia trasferta in casa di Genoa (campionato) e Juventus (semifinale di ritorno di Coppa Italia). La squadra di Delio Rossi, dopo il bagno di folla di mercoledì durante l’amichevole infrasettimanale, ha ripreso a intensificare il lavoro in vista della gara di Marassi di domani pomeriggio. Difficilmente Rossi riproporrà lo stesso undici titolare che ha superato per 4-2 la Roma. Un po’ perchè a centrocampo ci saranno da scontare le assenze per squalifica di Matuzalem e Brocchi, un po’ perchè si cercherà di far riposare qualche elemento in vista del match contro la Juve (22 aprile) che potrebbe regalare la finale di coppa Italia.

MILANO - Uno dei peggiori incubi dei tifosi interisti è vedere Adriano risorgere con la maglia del Milan. Soprattutto ora che l’ora del divorzio è vicina e l’Inter sa di non poter impedire nulla al brasiliano. Ma a tranquillizzarli ci ha pensato l’ad rossonero Adriano Galliani. Un attaccante svincolato e quindi a costo zero come l’ormai ex Imperatore potrebbe essere una buona occasione per diverse squadre, ma evidentemente non per il Milan. «Nessuno di noi ha mai pensato ad Adriano, il Milan non c’entra in questa vicenda che è dell’Inter», ha chiarito Galliani che di mercato continua a ripetere di non voler parlare fino al termine della stagione. «Ho le idee chiarissime in testa ma - ha tagliato corto Galliani - non le comunico all’esterno».

Arrivederci Europa

Inler e Quagliarella nel primo tempo avevano illuso i padroni di casa Udinese (4-3-3): Handanovic 6, Zapata 6 (38’ st Isla sv), Felipe 7, Domizzi 5, Pasquale 6, Inler 7, D’Agostino 7 (38’ st Obodo sv), Asamoah 8, Sanchez 6 (33’ pt Pepe 6), Quagliarella 7, Floro Flores 5 (80 Belardi, 99 Sala, 18 Zimling, 24 Lukovic). All. Marino 7 Werder Brema (4-3-1-2): Wiese 6, Fritz 6, Mertesacker 6, Naldo 6, Pasanen 6 (21’ st Boenisch sv), Tziolis 6.5, Frings 7, Ozil 7, Diego 8 (38’ st Niemeyer sv), Almeida 7 (41’ st Rosenberg sv), Pizarro 7 (33 Vander, 6 Baumann, 14 Hunt, 15 Prodl). All. Schaaf 7 Arbitro: Hansson (Svezia) 5 Reti: nel pt 15’ Inler, 28’ Diego, 30’ e 38’ Quagliarella; nel st 15’ Diego, 28’ Pizarro Ammoniti: Domizzi, Inler, Almeida, Zapata e Asamoah Note: Diego al 27’ del secondo tempo sbaglia un calcio di rigore concesso per fallo di Domizzi sullo stesso brasiliano

Diego festeggiato dai compagni: anche ieri ha trascinato il Werder con una doppietta

Il brasiliano e Pizarro hanno capovolto la situazione

Si pensa al mercato alla vigilia della sfida con la Juve

All’Inter tutti hanno un prezzo Ibra in vendita per 100 milioni MILANO - Non è più un match scudetto, ma resta pur sempre una partita che tutti vogliono vincere a prescindere dalle implicazioni di classifica. Per questo, mercoledì Massimo Moratti ha spiegato chiaramente che domani a Torino «si va per vincere» anche perchè la Juventus «è l’avversaria con la A maiuscola», secondo la definizione di Marco Tronchetti Provera. I dieci punti di vantaggio possono rendere indolore un’eventuale sconfitta ma Josè Mourinho non ha alcuna intenzione di perdere una sfida di prestigio, di cui ha ben capito l’importanza sin dal giorno del suo arrivo a Milano. Il tecnico portoghese avrà a disposizione quasi tutta la rosa visto che, tra i giocatori più impiegati, solo Maicon è infortunato, oltre ad Adriano che è ormai da considerarsi un ex tesserato nerazzurro. Se Ibrahimovic e Balotelli sono le due punte a cui si affiderà l’attacco dell’Inter, resta ancora da capire il modulo a cui si affiderà il tecnico di Setubal per mettere in difficoltà i bianconeri. Marco Tronchetti Provera, membro del cda dell’Inter, ha spiegato che di fronte a un’offerta di 100 milioni, anche Zlatan Ibrahimovic potrebbe essere ceduto: «Bisognerebbe chiederlo a Moratti ma credo di conoscere la risposta: di fronte a questi numeri sarebbe difficile rifiutare». UDINE - E’ finita ieri sera la stagione europea del calcio italiano. L’Udinese è stata eliminata dalla Coppa Uefa. La squadra friulana, ultima italiana superstite nelle coppe europee, ha pareggiato per 3-3 a Udine con i tedeschi del Werder Brema nel ritorno dei

quarti di finale subendo l’eliminazione in virtù del 3-1 subito nella gara di andata. La formazione del tecnico Pasquale Marino ha ceduto nella ripresa dopo avere portato in perfetto equilibrio il doppio confronto al termine dei primi 45 minuti.

Lo svedese dell’Inter non è incedibile

Marino ga scelto una formazione decisamente a trazione anteriore con Floro Flores, Quagliarella e Sanchez nel tridente offensivo e un centrocampo tutto qualità e velocità composto da D’Agostino, Inler e Asamoah. Il tedesco Schaaf recupera all’ultimo istante

Diego e lo schiera dietro a Pizarro e Hugo Almeida. In vantaggio al 15’ grazie a una conclusione da fuori area dello svizzero Gokhan Inler, l’Udinese al 28’ ha incassato il pareggio tedesco per un gol del brasiliano Diego. A riaccendere le speranze

dei padroni di casa è stata poi una doppietta di Fabio Quagliarella, autore di due gol al 30’ (pallonetto su lancio in verticale) e al 38’ (stop di petto e conclusione di sinistro dal limite dell’area). Nel secondo tempo Diego ha realizzato il 3-2 al 60’ per poi ottenere e fallire al 72’ il dubbio calcio di rigore del possibile pareggio (parata del portiere sloveno Samir Handanovic). Trenta secondi dopo il penalty il Werder - artefice dell’eliminazione del Milan nei sedicesimi di finale - ha definitivamente spento la rincorsa dell’Udinese pareggiando grazie ad un gol del peruviano Claudio Pizarro, andato a segno al 73’ sugli sviluppi di un corner grazie ad un’amnesia collettiva della difesa bianconera. Le altre qualificate: le semifinali vedranno due derby. Dinamo Kiev-Shakhtar Donetsk e Werder Brema-Amburgo.


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 37

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

Calcio Il centrocampista gioca a Bilbao

Calcio L’unico precedente risale al 1977

FIRENZE - La Fiorentina punta al centrocampista dell’Athletic Bilbao, Javi Martinez. Secondo quanto riporta il quotidiano inglese Daily Mirror, il giocatore che, è una delle maggiori giovani promesse del club basco, sarebbe seguito da tempo dai viola. Strappato dall’Athletic ai cugini dell’Osasuna nel 2006 per ben 6 milioni di euro, una cifra considerevole vista la giovane età del calciatore al momento del trasferimento (18 anni), Javi Martinez oltre che nelle mire della Fiorentina sarebbe tenuto d’occhio anche dal Liverpool, sempre attento col suo manager spagnolo Rafa Benitez ai migliori talenti del calcio iberico. A quanto scrive il Daily Mirror, il club gigliato starebbe però stringendo la morsa attorno al giocatore dell’Athletic che di fronte a un’offerta importante sarebbe pronto a fare le valigie per l’Italia.

MILANO - La Lega calcio naviga sempre più concretamente verso il commissariamento, come ha confermato l’infruttuosa riunione di ieri a Milano. Se anche l’Assemblea del 30 aprile, nonostante l’ottimismo manifestato da Galliani, non produrrà effetti la Figc non potrà che compiere l’ulteriore, inevitabile passo. L’ultimo (e l’unico finora) commissario straordinario della Lega Calcio fu Franco Carraro. Era l’estate del 1977 e Carraro, già presidente della Federcalcio, venne nominato ’ad interim’ dal consiglio federale che aveva preso atto della ’vacanza di governabilità’ della Confindustria del calcio. La spaccatura di allora era profonda almeno quanto quella di oggi. Le divisioni tra A e B siano profonde più di allora col baratro scavato dai miliardi (adesso di euro) dei diritti tv. Ma ci sono ancora quasi quindici giorni di tempo.

Fiorentina e Liverpool seguono Javi Martinez

Lega calcio va verso il commissariamento

Il talento dell’Athletic Bilbao (a destra) piace a tante squadre

Antonio Matarrese è il presidente in carica della Lega calcio

Formula Uno Cambio di strategia per problemi di sicurezza Il Cavallino avrà i nuovi diffusori solo il 10 maggio in Spagna

La Ferrari smonta il Kers Domenica si corre GP della Cina la gara in Cina Domenicali ammette: “Mondiale in salita” SHANGHAI - Il mondiale di Formula 1 della Ferrari è in salita, ma non chiuso. Stefano Domenicali, responsabile della gestione sportiva della scuderia di Maranello, e Felipe Massa - che l’anno scorso ha sfiorato la vittoria iridata - spronano il team a reagire. E’ vero, la decisione della Corte d’Appello della Fia che ha sancito la regolarità dei diffusori usati da Brawn GP, Toyota e Bmw, ha complicato la stagione. Ma ora bisogna mettersi al lavoro per rientrare in gioco. Così come dovranno fare Renault, Red Bull e Sauber-Bmw. «Voglio aspettare le motivazioni - ha affermato Domenicali a Shanghai, dove domenica si disputerà il terzo gran premio della stagione - sono molto curioso». Domenicali ha sottolineato che la decisione della Corte d’appello è stata estremamente veloce, «così mi hanno detto tutti coloro che l’hanno seguita». «Un tema delicato come questo ha proseguito - avrebbe dovuto essere discusso e risolto prima dell’inizio della stagione». Agendo in questo modo vengono

Briatore contro la Fia: “Oltre ai regolamenti ci sono anche i principi da rispettare”

Circuito di SHANGHAI

19 Aprile, ore 9.00 LUNGHEZZA 5,451 km DISTANZA TOTALE

305,066 km Nº DI GIRI

56

LA FRENATA PIÙ IMPORTANTE*

RECORD POLE 2004 - Rubens Barrichello

1'34''012

GIRO RECORD IN GARA 2004 - Micheal Schumacher

1'33"238

Velocità di ingresso Velocità di uscita Durata

320 Km/h 78 km/h 2,5" 200

DOMANI ore 8.00 Qualifiche Rai Due - Sky Sport 2

DOMENICA ore 9.00 Gara

*Fonte:

Armstrong al Giro E’ arrivata la conferma

L’americano sta recuperando dalla frattura e prenderà parte alla corsa italiana

MILANO - Lance Armstrong ha confermato dagli Stati Uniti agli organizzatori la sua partecipazione al Giro d’Italia. L’ufficio stampa della Rcs-Sport ha detto che il texano «sarà al via da Venezia il prossimo 9 maggio del Giro del Centenario, secondo quanto annunciato dal direttore della corsa rosa Angelo Zomegnan» a Fidenza (Parma). Armstrong, 37 anni, vincitore di sette Tour de France, ha impostato un programma di recupero intenso dopo la caduta di tre settimane fa nella Vuelta a Castilla y Leon che gli ha procurato la frattura della clavicola. Resta ovviamente da verificare la sua condizione per un impegno di tre settimane di corsa.

400

0

ANSA-CENTIMETRI

«sollevati dubbi sulla regolarità del campionato» e questo è «un peccato». «Non mi piace vedere i titoli che parlano della Ferrari contro Ross Brawn (il direttore della Braw GP, il cui pilota Jenson Button ha vinto in Australia e in Malaysia), sette squadre su dieci la pensano come noi», ha preci-

Ciclismo Dopo l’infortunio in Spagna

100

300

sato. Secondo Domenicali nella vicenda «ci sono tanti elementi che vanno nella direzione di creare confusione nella Fota (l’associazione delle scuderie di F1)». La Fota discuterà della sentenza e della sue conseguenze in una prossima riunione che probabilmente si terrà dopo il Gran pre-

mio di Bahrein del 26 aprile. La Ferrari sta lavorando a un’auto col nuovo diffusore che, ha detto Domenicali, sarà pronto per il Gran Premio di Spagna, il 10 maggio a Barcellona. Fino ad allora «sarà un campionato in salita» ma la Ferrari non intende gettare la spugna, anche se correrà «in dife-

Vela L’italiano torna in acqua già a fine mese in Francia

Soldini lancia la sfida nella Class 40 MILANO - Archiviata la sfortunaLa stagione prevede ta esperienza con i trimarani oceaquattro competizioni nici, Giovanni Soldini si è buttato a capofitto nella Class 40 e dopo i “Sarà difficile, successi dello scorso anno (primo c’è più equilibrio” nella The Artemis Transat, ex Ostar, e quarto nella Quebec-Saint Malo) si appresta a nuove sfide tra cui, per la prima volta, la Rolex Fastenet Race. Quattro le regate che lo vedranno protagonista, in doppio e in equipaggio. In barca con lui prenderà posto anche la francese Karine Fauconnier, sua avversaria nelle traversate atlantiche Lo skipper si prepara a tornare in acqua con i trimarani. Il resto dell’equipaggio sarà deciso di giato anche Andrea Pendibene, giovolta volta in base alle caratteristi- vane promessa della classe Miniche dei singoli e delle regate. Oltre transat. Il primo impegno dell’ana Ciccio Manzoli, Alberto Sonino no sarà il Grand prix petit Naviree Marco Spertini, Soldini ha ingag- Douarnenez (Francia) tra il 30 apri-

le e il 3 maggio; seguirà tra il 29 e il 31 maggio la Transmanche; il 5 luglio partirà per Les Sables-HortaLes Sables (dalla Francia al Portogallo e ritorno); il 9 agosto sarà alla partenza del Rolex Fastent Race da Cowes (Inghilterra). Durante la pausa invernale Soldini ha fatto importanti lavori alla barca (cambio delle sartie e dei timoni e sistemazione della chiglia) per affrontare la concorrenza che nella Class 40 si sta facendo sempre più agguerrita. «Sono felice - ha detto alla presentazione delle regate - di tornare a navigare con i colori di Telecom Italia. Abbiamo lavorato molto sulla barca per migliorare ogni dettaglio. Il livello in Class 40 è diventato più alto, ci saranno competizioni molto più difficili».

sa» i prossimi due Gran Premi. Domenicali ha poi spiegato che nel fine settimana di Shanghai la Ferrari non monterà il kers, dopo i problemi che si sono verificati nella prima parte della stagione. «E’ un problema di sicurezza - ha spiegato - e su questo non possiamo permetterci distrazioni». Briatore contro la Fia «Il Mondiale ora se lo giocano Nakajima, Barrichello e Glock. E’ come se Reggina, Lecce e Bari fossero prime in serie À»: così Flavio Briatore. Il capo della Renault attacca la Fia sui diffusori. «Quando si parla di regolamenti si parla anche di principi - dice - Abbiamo sempre pensato con la Ferrari e gli altri che l’effetto suolo fosse vietato. Questa era la direzione della Fia. L’anno scorso la Renault voleva fare la stessa cosa e siamo stati fermati dalla Fia. Un problema così va risolto prima di un Gp». Ieri il presidente della McLaren-Mercedes Ron Dennis ha lasciato la guida della McLaren Racing. Dennis aveva annunciato l’addio già a gennaio.

Tennis L’azzurra affronterà Lucie Safarova

La Schiavone va avanti Federer fuori a sorpresa

L’azzurra ha superato in due set la ceca Nicole Vaidisova a Barcellona

ROMA - Francesca Schiavone accede ai quarti di finale del torneo Wta di Barcellona: ha battuto la ceca Nicole Vaidisova 6-2 6-3. Fuori Sara Errani. Prossima avversaria della tennista milanese sarà la ceca Lucie Safarova, vincitrice proprio della Errani, testa di serie n.7. Safarova si è imposta 6-3 6-3. Oggi sarà impegnata anche Roberta Vinci contro la bielorussa Anastasya Yakimova. Sorpresa nel tennis maschile. Roger Federer, n.2 del mondo, è stato eliminato agli ottavi di finale da Stanislas Wawrinka (6-4, 7-5) al torneo Atp di Montecarlo. E’ la prima volta dal 2002 che lo svizzero, finalista negli ultimi tre anni, esce ai quarti di finale nel Principato.


AsteInfoappalti

38 il Domani

Venerdì 17 Aprile 2009 TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIVILE UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell’Esecuzione, dott. Giuseppe Cava, letti gli atti della procedura esecutiva n. 105/2003 R.G. Espr.; ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: DESCRIZIONE IN ALLEGATO Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 3 giugno 2009 con riduzione di un quarto del prezzo base. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente, per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità, nonché assegno circolare “non trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n. 105/2003 R.G.E.” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in Euro 3.000,00. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria il prezzo di acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 cpc entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte di acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto oltre che nelle forme di legge anche mediante le seguenti inserzioni: - sul sito internet www.aste.eugenius. it.; - mediante pubblicazione sul quotidiano “il Domani”; Catanzaro 25.3.2009 Il Giudice Dott. Giuseppe Cava allegato: - Lotto 1 - Immobile sito in Comune di Isca sullo Ionio Via dei Platani, 3, in Catasto foglio n. 24 mappale 654 sub 2 - prezzo base Euro 8.564,25; - Lotto 2 - Appartamento sito in Comune di Isca sullo Ionio - Via dei Platani, 3, in Catasto foglio n. 24 mappale 654 sub 3 - prezzo base Euro 21.131,25; - Lotto 3 - Appartamento sito in Comune di Isca sullo Ionio - Via dei Platani, 3, in Catasto foglio n. 24 mappale 654 sub 4 - prezzo base Euro 11.865,00; - Lotto 4 - Appartamento sito in Comune di Isca sullo Ionio - Via dei Platani, 3, in Catasto foglio n. 24 mappale 654 sub 5 - prezzo base Euro 12.364,50; TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME R.E. n. 11/2008 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all’udienza del 12 marzo 2009; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode del bene pignorato è l’esecutato; considerato che la natura e la destinazione di tale bene, unitamente alla carenza di elementi probatori da cui poter evincere il concreto pericolo di un suo deterioramento nelle more della definizione della procedura di vendita, inducono a ritenere che la sostituzione dell’esecutato con un terzo quale custode giudiziario sia, allo stato, indefettibile, ex art. 559, comma 4, c.p.c., come novellato dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, fermo restando l’obbligo di rendere il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c.; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell’esperto, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 111.000,00, alla vendita coattiva del seguente bene: lotto unico - “laboratorio di arti e mestieri di mq. 74, ubicato in Lamezia Terme, viale dei Mille, n. 192, piano terra, suddiviso con pareti in cartongesso in quattro vani più servizi igienici e due ingressi autonomi, riportato nel NCEU al foglio 15, p.lla 458, sub 9”; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l’esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d’ora la data per gli incanti; evidenziato, quanto alla vendita senza incanto ed a norma del vigente testo dell’art. 571 cod. proc. civ., che: - ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’ari 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; - l’offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’articolo 568 e più sopra ricordato; e) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane spa”, in misura non inferiore al decimo del prezzo

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

da lui proposto; - l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; evidenziato, quanto all’eventuale, successiva vendita agli incanti, che: - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 111.000,00; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 5.000,00; - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta: - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO, - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fino alle ore 13.00 del giorno 9 giugno 2009, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; - per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 10 giugno 2009, ore 9.30 e segg.; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO. - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13.00 del giorno 23 giugno 2009, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 24 giugno 2009, ore 9.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE, ALTRESÌ, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediate assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.”; in man-

A CURA DELLA

MEDIATAG

canza, si provvederà a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; DISPONE, QUANTO ALLA PUBBLICITÀ IN FUNZIONE DELLA VENDITA, CHE: - su impulso del procedente, sia predisposto l’avviso di vendita, da pubblicare all’albo dell’Ufficio; - a cura, rischio e spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.) del medesimo soggetto, sia data pubblicità: - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su di un quotidiano di informazione a diffusione locale a scelta del creditore, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto’, - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, sulla rivista periodica “Aste Info Appalti”, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, e della relazione di stima dell’esperto sul sito Internet www.aste.eugenius.it, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto’, - il creditore procedente possa, inoltre, dare pubblicità della presente ordinanza, a sua cura ed ove lo ritenga opportuno: - a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), con pubblicità muraria, da effettuarsi nei Comuni di Lamezia Terme e di ubicazione degli immobili, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; - a sue spese (non rimborsabili neppure ex art. 2770 cod. civ.), ad un’ulteriore forma di pubblicità dal medesimo prescelta, da eseguirsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; - la pubblicità muraria e l’ulteriore pubblicità prescelta sono dichiarate sin d’ora non necessarie ai fini dell’esperibilità della vendita; - della prova della pubblicità elettronica e a mezzo stampa da depositarsi in cancelleria almeno dieci giorni prima delle vendite - sia fatto carico al creditore procedente o surrogante; AVVERTE fin d’ora le parti che, ove all’udienza fissata per la celebrazione dell’incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, si riserva di applicare immediatamente - e cioè a quella stessa udienza -l’articolo 591 cod. proc. civ., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, in quello stesso contesto sentendo le parti e provvedendo sulla disposizione dell’amministrazione giudiziaria o sulla fissazione di una nuova vendita; ONERA il creditore procedente di notificare entro il 25 maggio 2009 la presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 che non sono comparsi; DA’ ATTO di non disporre, allo stato, la sostituzione del custode per le motivazioni innanzi espresse; ORDINA al debitore di presentare il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c., a far data dal pignoramento entro e non oltre il 25 maggio 2009, con espresso avviso che, in caso di inottemperanza, l’omissione sarà valutata ai fini dell’eventuale nomina di un custode esterno. Lamezia Terme, lì 12 marzo 2009-04-04 Il Giudice dell’esecuzione Fto.dott. Alessandro Brancaccio Depositato in Cancelleria oggi 13.mar.2009 Il Cancelliere C1 fto Bruna Bernardi °°°°°°°°° N.R.G.E. 25/97 SEZ. ES. IMM.IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Letti gli atti del procedimento esecutivo; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode del bene pignorato è la debitrice; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell’esperto, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare che della stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006; ORDINA per il giorno 3 giugno 2009, ore 9.30, la vendita senza incanto del seguente bene immobile: lotto unico: “Appezzamento di terreno di 8304 mq., sito in Pizzeria, Località Mirandella, riportato nel NCT di tale Comune al foglio 20, p.lle 182, 184, 185, 199, 200, 201, 202, 203”; Gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente a quote condominiali relative. La vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere -ivi compresi -, ad es. quelli urbanistici ovvero derivanti dall’eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore -, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. Il prezzo base d’asta è di euro 24.912,00. Ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare, entro le ore 13.00 del giorno 1 giugno 2009, nella Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari,

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di R.G.E. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi). All’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale). In caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta. All’esterno della busta vanno annotati, a cura del Cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, ci chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi. Le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori ad euro 1.200,00. Il pagamento del prezzo di aggiudicazione, dedotta la cauzione già prestata, deve essere effettuato dall’aggiudicatario nella Cancelleria delle esecuzioni Immobiliari entro il sessantesimo giorno dalla data di aggiudicazione, mediante assegno circolare intestato alle “Poste Italiane s.p.a.” Soltanto all’esito dell’adempimento precedente, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.. La pubblicità della presente ordinanza di vendita deve essere effettuata nel termine di quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto mediante: - affissione, su impulso del creditore procedente, da parte della predetta Cancelleria, nell’albo di questo Tribunale, di un avviso contenente tutti i dati riportati nella presente ordinanza; - inserzione, a cura del creditore procedente, per almeno una volta, sul quotidiano di informazione locale “Il Domani”; - inserzione, a cura del creditore procedente, sulla rivista periodica “Aste Info Appalti” e sul sito Internet www.aste.eugenius.it. Lamezia Terme, 4 marzo 2009. Il Cancelliere Il Giudice dell’Esecuzione °°°°°°°°° N.R.G.E. 2/2007 SEZ. ES. IMM.IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Letti gli atti del procedimento esecutivo; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode del bene pignorato è uno dei debitori; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell’esperto, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare che della stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006; ORDINA per il giorno 10 giugno 2009, ore 9.30, la vendita con incanto dei seguenti beni, meglio descritti nella relazione dell’esperto in atti: lotto 1): “Quota pari ad 1/2 della proprietà di un terreno agricolo, coltivato ad uliveto, esteso per 3080 mq, sito nel Comune di Sorbo San Basile, riportato nel relativo Catasto al foglio n.42, p.lla 89”; lotto 3): “Piena proprietà di un terreno edificabile di mq 1344, sito nel Comune di Carlopoli, riportato nel relativo Catasto al foglio 4, p.lla 404”; Gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente a quote condominiali relative. La vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere -ivi compresi -, ad es. quelli urbanistici ovvero derivanti dall’eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore -, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. Il prezzo base d’asta è di euro 30.800,00 per il lotto n.1 e di euro 100.800,00 per il lotto n.3, . Ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare, entro le ore 13.00 del giorno 9 giugno 2009, nella Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di R.G.E. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi). All’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale). In caso di dichiarazione di partecipazione presentata da


AsteInfoappalti

39 il Domani

Venerdì 17 Aprile più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta. All’esterno della busta vanno annotati, a cura del Cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, ci chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi. Le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori ad euro 1.200,00 per il lotto n.1 e ad euro 4.500,00 per il lotto n.3. Il pagamento del prezzo di aggiudicazione, dedotta la cauzione già prestata, deve essere effettuato dall’aggiudicatario nella Cancelleria delle esecuzioni Immobiliari entro il sessantesimo giorno dalla data di aggiudicazione, mediante assegno circolare intestato alle “Poste Italiane s.p.a.” Soltanto all’esito dell’adempimento precedente, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.. Nel caso in cui la vendita con incanto non abbia luogo FISSA per la presentazione dell’istanza di partecipazione agli incanti, da effettuarsi presso la competente Cancelleria, termine sino alle ore 13.00 del giorno 23 giugno 2009, con le modalità e per i prezzo minimi sopra indicati; per il giorno 24 giugno 2009, ore 9.30, la vendita senza incanto degli immobili sopra indicati e meglio descritti nella relazione dell’esperto in atti, con le modalità e per i prezzi base su indicati La pubblicità della presente ordinanza di vendita deve essere effettuata nel termine di quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto mediante: - affissione, su impulso del creditore procedente, da parte della predetta Cancelleria, nell’albo di questo Tribunale, di un avviso contenente tutti i dati riportati nella presente ordinanza; - inserzione, a cura del creditore procedente, per almeno una volta, sul quotidiano di informazione locale “Il Domani”; - inserzione, a cura del creditore procedente, sulla rivista periodica “Aste Info Appalti” e sul sito Internet www.aste.eugenius.it. Lamezia Terme, 11 marzo 2009. Il Cancelliere °°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI BANDO DI VENDITA SENZA INCANTO DI BENI IMMOBILI NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 92/95 R. E. SI RENDE NOTO Che il giudice dell’esecuzione nella procedura n. 92/95 con ordinanza del 4/3/09 ha disposto la vendita senza incanto, in più’ lotti dei seguenti beni immobili PRIMO LOTTO QUALITÀ’ DELL’IMMOBJLE: Terreno Agricolo UBICAZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga (CZ) località “Malia” COMPOSIZIONE: Superficie mq 2170, coltivato a uliveto. DESCRIZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga foglio di Mappa n°6 p.lla 8 qualità: uliveto, classe 2 R.D. euro 12,33; R. A.: euro 6,72 Prezzo base d’asta euro 15.200,00 SECONDO LOTTO QUALITÀ’ DELL’IMMOBILE: Terreno con destinazione urbanistica a zona “E” per mq 326 e per la restante superficie in “zona D”, sottozona “D2” da sottoporre a strumentazione urbanistica esecutiva. UBICAZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga (CZ) località “ Grivi o Tremolo”. COMPOSIZIONE: Superficie mq 1940, coltivato a vigneto. DESCRIZIONE CATASTALE: Comune di Curinga foglio di mappa n° 13 p.lla n. 184 qualità vigneto, CL. 3 R.D. euro 12,02; R.A. 6,51 Prezzo base d’asta euro 12.600,00 TERZO LOTTO QUALITA’ DELL’IMMOBILE: terreno Agricolo UBICAZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga località “Pomillo Calamaio” COMPOSIZIONE: Superficie mq. 1220 attualmente incolto DESCRIZIONE CATASTALE: Comune di Curinga foglio di mappa n. 36 p.lla n.47 qualità uliveto, CLASSE 4; R.D. euro 2,52 R.A. euro 2,52 Prezzo base d’asta euro 3.700,00 QUARTO LOTTO QUALITÀ’ DELL’IMMOBILE: terreno agricolo UBICAZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga località “ Cunsillo o rupa” COMPOSIZIONE: superficie mq 4150, attualmente incolto DESCRIZIONE CATASTALE: Comune di Curinga foglio di mappa n. 40 p.lle nn. 30,46,49, qualità querceto classe U (P.lle 30 e 46) e seminativo irriguo classe 2 (p.lla 49) R.D. euro 9,45; R.A. euro2,70 Prezzo base d’asta euro 10.400,00 QUINTO LOTTO QUALITÀ’ DELL’IMMOBILE: terreno agricolo UBICAZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga località “Rupa” COMPOSIZIONE: Superficie mq. 2400 attualmente incolto DESCRIZIONE CATASTALE: Comune di Curinga foglio di mappa n. 54 plla n.26 qualità: seminativo IR classe 2 R.D. euro 8,06 R.A. euro 3,72 Prezzo base d’asta euro 4.800,00 FISSA La vendita senza incanto per il 10/6/2009, ore 9,30, presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme.

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

STABILISCE Che, le offerte in busta chiusa sigillata e siglata con indicazione di un pseudonimo dovranno recare la seguente intestazione “ Procedura esecutiva n° 92/95 R.E. Offerta di partecipazione alla vendita senza incanto Giudice dell’esecuzione Dr. BRANCACCIO” udienza di vendita del 10/6/2009. Le offerte di acquisto, irrevocabili fino al giorno della vendita, devono essere effettuate inserendo in detta busta,oltre alla domanda di partecipazione alla vendita, 1) assegno bancario non trasferibile intestato a “POSTE ITALIANE SPA” per cauzione 2) assegno bancario non trasferibile intestato a “POSTE ITALIANE SPA” per spese da presentarsi nella cancelleria delle esecuzioni. Le offerte potranno essere presentate in Cancelleria fino alle ore 12,00 del giovedì precedente la vendita, il 10% del prezzo base a titolo di cauzione, 20% del prezzo base a titolo di deposito per il presumibile importo delle spese di trasferimento L’offerta non sarà ritenuta valida se non è dichiarata espressamente irrevocabile fino al giorno della vendita. In caso di unica offerta che non superi di almeno un quarto il valore dell’immobile sarà sufficiente il dissenso di un creditore intervenuto a farla respingere; In caso di pluralità d’offerte non si effettuerà gara sull’offerta più alta se questa supera di almeno un quarto il valore dell’immobile semprecchè da parte degli altri offerenti non ci sia espressa adesione alla gara sull’offerta più alta. In tal caso il Giudice inviterà gli offerenti alla gara mediante offerta scheda segreta sull’offerta più alta con rialzo minimo non inferiore ad euro. 1.000,00 Il termine per il versamento del residuo prezzo non potrà essere superiore ai 60 giorni dall’aggiudicazione. L’aggiudicatario dovrà depositare in cancelleria entro il termine citato dall’ordinanza ai fini del trasferimento, idonea ed aggiornata certificazione concernente l’immobile posto in vendita ed attestante le risultanze delle visure catastali e dei registri dell’aggiudicatario. Gli offerenti dovranno indicare il proprio codice fiscale, la propria residenza ed eleggere domicilio nel comune di Lamezia Terme. Ulteriori informazioni potranno essere chieste in cancelleria. Lamezia Terme, 10/3/2009 IL CANCELLIERE (C1) (Bruna Bernardi) TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 54/99 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA SpA, ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/2, su un terreno sito nel Comune di Benestare località Ancona, riportato nel NCT alla partita 6333, foglio di mappa 18 particella 239 uliveto classe 1^ di are 00.05.60, in ditta ................... proprietaria per 1/2, ............................ proprietario per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 4.338,00 Deposito per cauzione: “ 433,80 Deposito per spese: “ 651,00 2° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/2, su un terreno sito nel Comune di Benestare località Ancona, riportato nel NCT alla partita 6144 foglio di mappa 18, particella 217, uliveto, classe 1^ di are 00.08.40 e particella 220, vigneto, classe 1^, di are 00.11.50 in ditta ............. proprietaria per 1/2, ................. proprietario per 1/2; alla partita 4519 foglio di mappa 18, particella 40 uliveto classe 1^ di are 00.10.70, particella 41 vigneto classe 1^ di are 00.09.40, particella 218 uliveto classe 1^ di are 00.10.70, particella 219 uliveto classe 1^ di are 08.70, particella 221 vigneto classe 1^ di are 00.08.20, in ditta .............. proprietaria per 1/2, ............................ proprietario per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 41.895,00 Deposito per cauzione: “ 4.189,50 Deposito per spese: “ 6.284,00 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5 + 1/5, all’udienza del 04.06.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà) mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari “non trasferibili” intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 200,00 per il 1° Lotto ed Euro 2.000,00 per il 2° Lotto. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 04.06.2009. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 10 aprile 2009 IL CANCELLIERE °°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 51/97 promossa da Mediocredito del Sud SPA (Ordinanza del 27.4.2004 e 12.05.2005, 09.10.2007) ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI 1^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a deposito posta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U., alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 1, cat. C/2, classe 2^ di mq.211,66 in ditta Prezzo base del lotto: euro 62.964,00 Deposito per cauzione: euro 6.296,40 - Deposito

A CURA DELLA

MEDIATAG

per spese: euro 9.444,00 2^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 2, cat. C/2, classe I^ di mq. 264,48, in ditta Prezzo base del lotto: euro 55.075,00 Deposito per cauzione: euro 5.507,50 - Deposito per spese: euro 8.261,00 3^ LOTTO - Unità immobiliare per civile, abitazione posta al secondo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 3, cat. A/3, classe 2^ di mq. 178,48, in ditta Prezzo base del lotto: euro 47.786,00 Deposito per cauzione: euro 4.778,60 - Deposito per spese: euro 7.168,00 4^ LOTTO - Unità immobiliare indivisa in corso di costruzione posta al terzo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 4, 352,20, in ditta .. Prezzo base del lotto: euro 52.387,00 Deposito per cauzione: euro 5.238,70 Deposito per spese: euro 7.858,00 5^ LOTTO - Unità immobiliare, adibita a deposito posta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3195 foglio di mappa 27, particella 1724 sub 3, di mq. 503,42, in ditta omissis Prezzo base del lotto: euro 149.751,00 Deposito per cauzione: euro 14.975,10 - Deposito per spese: euro 22.462,00 6^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3195 foglio di mappa 27, particella 1724 sub 4, di mq. 503,42, in ditta ... Prezzo base del lotto: euro 119.807,00 Deposito per cauzione: euro 11.980,70 - Deposito per spese: euro 17.971,00 7^ LOTTO - Unità immobiliare adibita e deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3195 foglio dl mappa 27, particella 1724 sub 5, di mq. 374,68, in ditta omissis Prezzo base del lotto: euro 72.450,00 Deposito per cauzione: euro 7.245,00 Deposito per spese: euro 10.867,00 8^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3195 foglio di mappa 27, particella 1724 sub 6, di mq. 374,68, in ditta ... Prezzo base del lotto: euro 72.450,00 Deposito per cauzione: euro 7.245,00 - Deposito per spese: euro 10.867,00 9^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a cantina-deposito posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 2 cat. C/2 classe 2^, di mq. 35,28, in ditta Prezzo base del lotto: euro 4.200,00 Deposito per cauzione: euro 420,00 - Deposito per spese: euro 630,00 10^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a garage posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune dl Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 3, cat. C/6 classe 1^, di mq. 22,92, in ditta Prezzo base del lotto: euro 2,728,00 Deposito per cauzione: euro 272,80 Deposito per spese: euro 410,00 11^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a cantina-deposito posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partite 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 4, cat. C/2 classe 2^, di mq. 26,47, in ditta Prezzo base del lotto: euro 3.150,00 Deposito per cauzione: euro 315,00 Deposito per spese: euro 472,00 12^ LOTTO - Unità immobiliare adibita e cantina-deposito posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 5, cat. C/2 classe 2^, di mq. 37,82, in ditta Prezzo base del lotto: euro 4.500,00 Deposito per cauzione: euro 450,00 Deposito per spese: euro 675,00 13^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione posta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partite 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 6, cat. A/2 classe 2^, di mq. 221,24, in ditta Prezzo base del lotto: euro 85.560,00 Deposito per cauzione: euro 8.556,00 Deposito par spese: euro 12.830,00 14^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 7, cat. A/2 classe 2^, di mq. 222,10, in ditta Prezzo base del lotto: euro 85.900,00 Deposito per cauzione: euro 8.590,00 - Deposito per spese: euro 12.880,00 15^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3349 foglio di mappa 27 particella 1713 sub 8, cat. A/2 classe 3^, di mq. 113,67, in ditta prezzo base del lotto: euro 37.575.00 Deposito per cauzione: euro 3.757,50 - Deposito per spese: euro 5.635,00 16^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione comprendente una porzione del piano sotterraneo, piano terra e primo piano con annessa canti-

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

na al piano seminterrato e lavanderia con lastrico solare al secondo piano di un fabbricato in pietra e mattoni di antica costruzione sito nel Comune dl Gioiosa Jonica, via Cairoli n. 18, riportato nel N.C.E.U. alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1158 sub 2, cat. A/2 classe 1^, di mq. 191,46, in ditta Prezzo baso del Lotto: euro 28.480,00 Deposito per cauzione: euro 2.848,00 - Deposito per spese: euro 4.272,00 17^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a cantina-deposito posta al piano terra di un fabbricato in pietra e mattoni di antica costruzione sito nel Comune di Gioiosa Ionica, via Carrobia n. 6, riportato nel N.C.E.U. alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1158 sub 3, cat.C/2 classe 2^, di mq. 33,28, in ditta Prezzo base del lotto: euro 5.940,00 Deposito per cauzione: euro 594,00 - Deposito per spese: euro 891,00 18^ LOTTO - Vasto appezzamento di terreno diviso in due da una strada comunale con annessa casa rurale sito nel Comune di Gioiosa Jonica riportato nel NCT alla partita 3593 foglio di mappa 34 particella 336 agrumeto di are 00.08.00 classe 2^; particella 1570 agrumeto di are 00.00.45 classe 1^; particella 1572 agrumeto di are 00.08.00 classe 2^; particella 1573 agrumeto di are 00.02.00 classe 2^, in ditta ... proprietario, ... usufruttuario generale prezzo base del lotto: euro 24.660,00 Deposito per cauzione: euro 2.466,00 Deposito per spese: euro 3.700,00 19^ LOTTO - Terreno sito nol Comune di Gioiosa Jonica riportato nel NCT alla partita 7087 foglio di mappa 28 particella 362 uliveto di are 00.37.90 classe 2^; particella 137 fabbricato rurale di are 00.00.64, in ditta omissis proprietario per 1/2, omissis proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 34.000,00 Deposito per cauzione: euro 3.400,00 Deposito per spese: euro 5.100,00 20^ LOTTO - 21^ LOTTO 22^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione a piano terra sita nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica alla via Lungomare Cristoforo Colombo, riportato nel NCEU alla partita 1000656 foglio di mappa 18 particella 583 sub 3 cat. A/3, classe 3^ di mq. 117,88, in ditta ... usufruttuaria ... proprietario per 10/20 ... proprietaria per 10/20 Prezzo base del lotto: euro 35.070,00 Deposito per cauzione: euro 3.507,00 - Deposito per spese: euro 5.260,00 23^ LOTTO - 24^ LOTTO - 25^ LOTTO - 26^ LOTTO 27^ LOTTO - 28^ LOTTO - 29^ LOTTO - 30^ LOTTO L’incanto avverrà, con i prezzi indicati nelle ordinanze del 23.7.2004 e del 27.4.2004, all’udienza del 04.06.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data—- alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita, a revoca di ogni precedente statuizione le seguenti condizioni: a) l’immobile pignorato sarà posto all’incanto a corpo, e nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’arch. T. Certomà) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, specie con riguardo alla descrizione ed alla condizione urbanistica; b) le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato; c) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12.00 del giorno anteriore all’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base d’asta sopraindicato da imputarsi per il 10% a titolo di cauzione e per il 15% a titolo di spese presuntive di vendita, mediante consegna in Cancelleria -Ufficio Esecuzioni Immobiliari- di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; d) la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale, e nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita Iva in tale istanza dovrà anche essere indicato se l’offerente intende avvalersi della agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; e) l’aggiudicatario dovrà dichiarare la propria residenza ed eleggere domicilio in Locri ai sensi dell’art. 582 c.p.c., posto che in mancanza le notificazioni e le comunicazioni saranno eseguite presso la Cancelleria; f) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/6 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art.584 c.p.c) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 25% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi per il 10% a cauzione e per il 15 % a spese di vendita; g) l’aggiudicatario, nel termine perentorio di gg. 60 dell’aggiudicazione, dovrà depositare il residuo prezzo, detratta l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione; h) il mancato versamento del prezzo residuo comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co. II cpc; i) agli offerenti non aggiudicatari verranno restituite le somme depositate per spese e cauzione, subito dopo la chiusura dell’incanto. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 04.06.2009. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri, 18.02.2009 Esatte: N. 2 marche da Euro 14,62 per bollo - Euro 7,23 per diritti. Il Cancelliere


AsteInfoappalti

39 il Domani

Venerdì 17 Aprile più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta. All’esterno della busta vanno annotati, a cura del Cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, ci chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi. Le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori ad euro 1.200,00 per il lotto n.1 e ad euro 4.500,00 per il lotto n.3. Il pagamento del prezzo di aggiudicazione, dedotta la cauzione già prestata, deve essere effettuato dall’aggiudicatario nella Cancelleria delle esecuzioni Immobiliari entro il sessantesimo giorno dalla data di aggiudicazione, mediante assegno circolare intestato alle “Poste Italiane s.p.a.” Soltanto all’esito dell’adempimento precedente, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività e i costi per la cancellazione delle formalità, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.. Nel caso in cui la vendita con incanto non abbia luogo FISSA per la presentazione dell’istanza di partecipazione agli incanti, da effettuarsi presso la competente Cancelleria, termine sino alle ore 13.00 del giorno 23 giugno 2009, con le modalità e per i prezzo minimi sopra indicati; per il giorno 24 giugno 2009, ore 9.30, la vendita senza incanto degli immobili sopra indicati e meglio descritti nella relazione dell’esperto in atti, con le modalità e per i prezzi base su indicati La pubblicità della presente ordinanza di vendita deve essere effettuata nel termine di quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto mediante: - affissione, su impulso del creditore procedente, da parte della predetta Cancelleria, nell’albo di questo Tribunale, di un avviso contenente tutti i dati riportati nella presente ordinanza; - inserzione, a cura del creditore procedente, per almeno una volta, sul quotidiano di informazione locale “Il Domani”; - inserzione, a cura del creditore procedente, sulla rivista periodica “Aste Info Appalti” e sul sito Internet www.aste.eugenius.it. Lamezia Terme, 11 marzo 2009. Il Cancelliere °°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI BANDO DI VENDITA SENZA INCANTO DI BENI IMMOBILI NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 92/95 R. E. SI RENDE NOTO Che il giudice dell’esecuzione nella procedura n. 92/95 con ordinanza del 4/3/09 ha disposto la vendita senza incanto, in più’ lotti dei seguenti beni immobili PRIMO LOTTO QUALITÀ’ DELL’IMMOBJLE: Terreno Agricolo UBICAZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga (CZ) località “Malia” COMPOSIZIONE: Superficie mq 2170, coltivato a uliveto. DESCRIZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga foglio di Mappa n°6 p.lla 8 qualità: uliveto, classe 2 R.D. euro 12,33; R. A.: euro 6,72 Prezzo base d’asta euro 15.200,00 SECONDO LOTTO QUALITÀ’ DELL’IMMOBILE: Terreno con destinazione urbanistica a zona “E” per mq 326 e per la restante superficie in “zona D”, sottozona “D2” da sottoporre a strumentazione urbanistica esecutiva. UBICAZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga (CZ) località “ Grivi o Tremolo”. COMPOSIZIONE: Superficie mq 1940, coltivato a vigneto. DESCRIZIONE CATASTALE: Comune di Curinga foglio di mappa n° 13 p.lla n. 184 qualità vigneto, CL. 3 R.D. euro 12,02; R.A. 6,51 Prezzo base d’asta euro 12.600,00 TERZO LOTTO QUALITA’ DELL’IMMOBILE: terreno Agricolo UBICAZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga località “Pomillo Calamaio” COMPOSIZIONE: Superficie mq. 1220 attualmente incolto DESCRIZIONE CATASTALE: Comune di Curinga foglio di mappa n. 36 p.lla n.47 qualità uliveto, CLASSE 4; R.D. euro 2,52 R.A. euro 2,52 Prezzo base d’asta euro 3.700,00 QUARTO LOTTO QUALITÀ’ DELL’IMMOBILE: terreno agricolo UBICAZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga località “ Cunsillo o rupa” COMPOSIZIONE: superficie mq 4150, attualmente incolto DESCRIZIONE CATASTALE: Comune di Curinga foglio di mappa n. 40 p.lle nn. 30,46,49, qualità querceto classe U (P.lle 30 e 46) e seminativo irriguo classe 2 (p.lla 49) R.D. euro 9,45; R.A. euro2,70 Prezzo base d’asta euro 10.400,00 QUINTO LOTTO QUALITÀ’ DELL’IMMOBILE: terreno agricolo UBICAZIONE DELL’IMMOBILE: Comune di Curinga località “Rupa” COMPOSIZIONE: Superficie mq. 2400 attualmente incolto DESCRIZIONE CATASTALE: Comune di Curinga foglio di mappa n. 54 plla n.26 qualità: seminativo IR classe 2 R.D. euro 8,06 R.A. euro 3,72 Prezzo base d’asta euro 4.800,00 FISSA La vendita senza incanto per il 10/6/2009, ore 9,30, presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme.

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

STABILISCE Che, le offerte in busta chiusa sigillata e siglata con indicazione di un pseudonimo dovranno recare la seguente intestazione “ Procedura esecutiva n° 92/95 R.E. Offerta di partecipazione alla vendita senza incanto Giudice dell’esecuzione Dr. BRANCACCIO” udienza di vendita del 10/6/2009. Le offerte di acquisto, irrevocabili fino al giorno della vendita, devono essere effettuate inserendo in detta busta,oltre alla domanda di partecipazione alla vendita, 1) assegno bancario non trasferibile intestato a “POSTE ITALIANE SPA” per cauzione 2) assegno bancario non trasferibile intestato a “POSTE ITALIANE SPA” per spese da presentarsi nella cancelleria delle esecuzioni. Le offerte potranno essere presentate in Cancelleria fino alle ore 12,00 del giovedì precedente la vendita, il 10% del prezzo base a titolo di cauzione, 20% del prezzo base a titolo di deposito per il presumibile importo delle spese di trasferimento L’offerta non sarà ritenuta valida se non è dichiarata espressamente irrevocabile fino al giorno della vendita. In caso di unica offerta che non superi di almeno un quarto il valore dell’immobile sarà sufficiente il dissenso di un creditore intervenuto a farla respingere; In caso di pluralità d’offerte non si effettuerà gara sull’offerta più alta se questa supera di almeno un quarto il valore dell’immobile semprecchè da parte degli altri offerenti non ci sia espressa adesione alla gara sull’offerta più alta. In tal caso il Giudice inviterà gli offerenti alla gara mediante offerta scheda segreta sull’offerta più alta con rialzo minimo non inferiore ad euro. 1.000,00 Il termine per il versamento del residuo prezzo non potrà essere superiore ai 60 giorni dall’aggiudicazione. L’aggiudicatario dovrà depositare in cancelleria entro il termine citato dall’ordinanza ai fini del trasferimento, idonea ed aggiornata certificazione concernente l’immobile posto in vendita ed attestante le risultanze delle visure catastali e dei registri dell’aggiudicatario. Gli offerenti dovranno indicare il proprio codice fiscale, la propria residenza ed eleggere domicilio nel comune di Lamezia Terme. Ulteriori informazioni potranno essere chieste in cancelleria. Lamezia Terme, 10/3/2009 IL CANCELLIERE (C1) (Bruna Bernardi) TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’Esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 54/99 promossa da MONTE DEI PASCHI DI SIENA SpA, ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/2, su un terreno sito nel Comune di Benestare località Ancona, riportato nel NCT alla partita 6333, foglio di mappa 18 particella 239 uliveto classe 1^ di are 00.05.60, in ditta ................... proprietaria per 1/2, ............................ proprietario per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 4.338,00 Deposito per cauzione: “ 433,80 Deposito per spese: “ 651,00 2° LOTTO: Diritti vantati, in ragione di 1/2, su un terreno sito nel Comune di Benestare località Ancona, riportato nel NCT alla partita 6144 foglio di mappa 18, particella 217, uliveto, classe 1^ di are 00.08.40 e particella 220, vigneto, classe 1^, di are 00.11.50 in ditta ............. proprietaria per 1/2, ................. proprietario per 1/2; alla partita 4519 foglio di mappa 18, particella 40 uliveto classe 1^ di are 00.10.70, particella 41 vigneto classe 1^ di are 00.09.40, particella 218 uliveto classe 1^ di are 00.10.70, particella 219 uliveto classe 1^ di are 08.70, particella 221 vigneto classe 1^ di are 00.08.20, in ditta .............. proprietaria per 1/2, ............................ proprietario per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 41.895,00 Deposito per cauzione: “ 4.189,50 Deposito per spese: “ 6.284,00 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5 + 1/5, all’udienza del 04.06.2009, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà) mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari “non trasferibili” intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 200,00 per il 1° Lotto ed Euro 2.000,00 per il 2° Lotto. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 04.06.2009. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Addì, 10 aprile 2009 IL CANCELLIERE °°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 51/97 promossa da Mediocredito del Sud SPA (Ordinanza del 27.4.2004 e 12.05.2005, 09.10.2007) ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI 1^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a deposito posta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U., alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 1, cat. C/2, classe 2^ di mq.211,66 in ditta Prezzo base del lotto: euro 62.964,00 Deposito per cauzione: euro 6.296,40 - Deposito

A CURA DELLA

MEDIATAG

per spese: euro 9.444,00 2^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 2, cat. C/2, classe I^ di mq. 264,48, in ditta Prezzo base del lotto: euro 55.075,00 Deposito per cauzione: euro 5.507,50 - Deposito per spese: euro 8.261,00 3^ LOTTO - Unità immobiliare per civile, abitazione posta al secondo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 3, cat. A/3, classe 2^ di mq. 178,48, in ditta Prezzo base del lotto: euro 47.786,00 Deposito per cauzione: euro 4.778,60 - Deposito per spese: euro 7.168,00 4^ LOTTO - Unità immobiliare indivisa in corso di costruzione posta al terzo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1725 sub 4, 352,20, in ditta .. Prezzo base del lotto: euro 52.387,00 Deposito per cauzione: euro 5.238,70 Deposito per spese: euro 7.858,00 5^ LOTTO - Unità immobiliare, adibita a deposito posta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3195 foglio di mappa 27, particella 1724 sub 3, di mq. 503,42, in ditta omissis Prezzo base del lotto: euro 149.751,00 Deposito per cauzione: euro 14.975,10 - Deposito per spese: euro 22.462,00 6^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3195 foglio di mappa 27, particella 1724 sub 4, di mq. 503,42, in ditta ... Prezzo base del lotto: euro 119.807,00 Deposito per cauzione: euro 11.980,70 - Deposito per spese: euro 17.971,00 7^ LOTTO - Unità immobiliare adibita e deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3195 foglio dl mappa 27, particella 1724 sub 5, di mq. 374,68, in ditta omissis Prezzo base del lotto: euro 72.450,00 Deposito per cauzione: euro 7.245,00 Deposito per spese: euro 10.867,00 8^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a deposito posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3195 foglio di mappa 27, particella 1724 sub 6, di mq. 374,68, in ditta ... Prezzo base del lotto: euro 72.450,00 Deposito per cauzione: euro 7.245,00 - Deposito per spese: euro 10.867,00 9^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a cantina-deposito posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 2 cat. C/2 classe 2^, di mq. 35,28, in ditta Prezzo base del lotto: euro 4.200,00 Deposito per cauzione: euro 420,00 - Deposito per spese: euro 630,00 10^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a garage posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune dl Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 3, cat. C/6 classe 1^, di mq. 22,92, in ditta Prezzo base del lotto: euro 2,728,00 Deposito per cauzione: euro 272,80 Deposito per spese: euro 410,00 11^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a cantina-deposito posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partite 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 4, cat. C/2 classe 2^, di mq. 26,47, in ditta Prezzo base del lotto: euro 3.150,00 Deposito per cauzione: euro 315,00 Deposito per spese: euro 472,00 12^ LOTTO - Unità immobiliare adibita e cantina-deposito posta al piano sotterraneo di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 5, cat. C/2 classe 2^, di mq. 37,82, in ditta Prezzo base del lotto: euro 4.500,00 Deposito per cauzione: euro 450,00 Deposito per spese: euro 675,00 13^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione posta al piano terra di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partite 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 6, cat. A/2 classe 2^, di mq. 221,24, in ditta Prezzo base del lotto: euro 85.560,00 Deposito per cauzione: euro 8.556,00 Deposito par spese: euro 12.830,00 14^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione posta al primo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3349 foglio di mappa 27, particella 1713 sub 7, cat. A/2 classe 2^, di mq. 222,10, in ditta Prezzo base del lotto: euro 85.900,00 Deposito per cauzione: euro 8.590,00 - Deposito per spese: euro 12.880,00 15^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione posta al secondo piano di un fabbricato sito nel Comune di Gioiosa Jonica, via Rocco Gatto trav. Privata, riportato nel N.C.E.U. alla partita 3349 foglio di mappa 27 particella 1713 sub 8, cat. A/2 classe 3^, di mq. 113,67, in ditta prezzo base del lotto: euro 37.575.00 Deposito per cauzione: euro 3.757,50 - Deposito per spese: euro 5.635,00 16^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione comprendente una porzione del piano sotterraneo, piano terra e primo piano con annessa canti-

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

na al piano seminterrato e lavanderia con lastrico solare al secondo piano di un fabbricato in pietra e mattoni di antica costruzione sito nel Comune dl Gioiosa Jonica, via Cairoli n. 18, riportato nel N.C.E.U. alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1158 sub 2, cat. A/2 classe 1^, di mq. 191,46, in ditta Prezzo baso del Lotto: euro 28.480,00 Deposito per cauzione: euro 2.848,00 - Deposito per spese: euro 4.272,00 17^ LOTTO - Unità immobiliare adibita a cantina-deposito posta al piano terra di un fabbricato in pietra e mattoni di antica costruzione sito nel Comune di Gioiosa Ionica, via Carrobia n. 6, riportato nel N.C.E.U. alla partita 2602 foglio di mappa 27, particella 1158 sub 3, cat.C/2 classe 2^, di mq. 33,28, in ditta Prezzo base del lotto: euro 5.940,00 Deposito per cauzione: euro 594,00 - Deposito per spese: euro 891,00 18^ LOTTO - Vasto appezzamento di terreno diviso in due da una strada comunale con annessa casa rurale sito nel Comune di Gioiosa Jonica riportato nel NCT alla partita 3593 foglio di mappa 34 particella 336 agrumeto di are 00.08.00 classe 2^; particella 1570 agrumeto di are 00.00.45 classe 1^; particella 1572 agrumeto di are 00.08.00 classe 2^; particella 1573 agrumeto di are 00.02.00 classe 2^, in ditta ... proprietario, ... usufruttuario generale prezzo base del lotto: euro 24.660,00 Deposito per cauzione: euro 2.466,00 Deposito per spese: euro 3.700,00 19^ LOTTO - Terreno sito nol Comune di Gioiosa Jonica riportato nel NCT alla partita 7087 foglio di mappa 28 particella 362 uliveto di are 00.37.90 classe 2^; particella 137 fabbricato rurale di are 00.00.64, in ditta omissis proprietario per 1/2, omissis proprietaria per 1/2 Prezzo base del lotto: Euro 34.000,00 Deposito per cauzione: euro 3.400,00 Deposito per spese: euro 5.100,00 20^ LOTTO - 21^ LOTTO 22^ LOTTO - Unità immobiliare per civile abitazione a piano terra sita nel Comune di Marina di Gioiosa Jonica alla via Lungomare Cristoforo Colombo, riportato nel NCEU alla partita 1000656 foglio di mappa 18 particella 583 sub 3 cat. A/3, classe 3^ di mq. 117,88, in ditta ... usufruttuaria ... proprietario per 10/20 ... proprietaria per 10/20 Prezzo base del lotto: euro 35.070,00 Deposito per cauzione: euro 3.507,00 - Deposito per spese: euro 5.260,00 23^ LOTTO - 24^ LOTTO - 25^ LOTTO - 26^ LOTTO 27^ LOTTO - 28^ LOTTO - 29^ LOTTO - 30^ LOTTO L’incanto avverrà, con i prezzi indicati nelle ordinanze del 23.7.2004 e del 27.4.2004, all’udienza del 04.06.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data—- alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita, a revoca di ogni precedente statuizione le seguenti condizioni: a) l’immobile pignorato sarà posto all’incanto a corpo, e nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’arch. T. Certomà) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, specie con riguardo alla descrizione ed alla condizione urbanistica; b) le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato; c) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino alle ore 12.00 del giorno anteriore all’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base d’asta sopraindicato da imputarsi per il 10% a titolo di cauzione e per il 15% a titolo di spese presuntive di vendita, mediante consegna in Cancelleria -Ufficio Esecuzioni Immobiliari- di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; d) la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale, e nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita Iva in tale istanza dovrà anche essere indicato se l’offerente intende avvalersi della agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; e) l’aggiudicatario dovrà dichiarare la propria residenza ed eleggere domicilio in Locri ai sensi dell’art. 582 c.p.c., posto che in mancanza le notificazioni e le comunicazioni saranno eseguite presso la Cancelleria; f) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/6 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art.584 c.p.c) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 25% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi per il 10% a cauzione e per il 15 % a spese di vendita; g) l’aggiudicatario, nel termine perentorio di gg. 60 dell’aggiudicazione, dovrà depositare il residuo prezzo, detratta l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione; h) il mancato versamento del prezzo residuo comporterà la decadenza dall’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co. II cpc; i) agli offerenti non aggiudicatari verranno restituite le somme depositate per spese e cauzione, subito dopo la chiusura dell’incanto. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 04.06.2009. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri, 18.02.2009 Esatte: N. 2 marche da Euro 14,62 per bollo - Euro 7,23 per diritti. Il Cancelliere


40 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

SPORT Rotto il silenzio: al Sant’Agata si torna a parlare. Gli auspici di mister Orlandi in vista del match con l’Atalanta

S E R I E

A

«Mi aspetto i tre punti...» REGGINA

REGGIO CALABRIA — Al Sant’Agata si ritorna a parlare. Dopo la conferenza stampa di martedì del presidente Lillo Foti e parte della squadra - la prima dopo la sospensione decisa alla fine di gennaio -, ieri sono ripresi anche gli incontri tra i giornalisti e Nevio Orlandi. Il tecnico amaranto ha parlato delle condizioni della squadra, ma soprattutto di cosa è mancato finora e di cosa si aspetta in questo rush finale del torneo, visti i buoni propositi fatti pubblicamente ad inizio di settimana. «A differenza di quanto successo finora ha spiegato Orlandi -, mi aspetto che la squadra faccia risultato. Risultato che non è arrivato neanche quando abbiamo offerto delle buone prestazioni. In queste sette partite che ci rimangono da giocare, la Reggina deve mantenere la concentrazione per tutti e novanta minuti, altrimenti rischia di incorrere in qualche altro risultato negativo come successo in qualche circostanza». Secondo il tecnico amaranto, ciò che ha contribuito a portare la squadra in questa situazione di classifica, oltre alla mancanza di risultati, anche «il venir meno della condizione di qualche giocatore. Pensavamo - ha proseguito - che qualcuno avrebbe potuto rendere di più, ma così non è stato. E poi se ci troviamo ultimi in classifica lo dobbiamo ad una serie di errori commessi. Per vincere bisogna andare in gol. Sono proprio questi che ci sono mancati in tutto questo tempo. Quando si tira in porta e si sbaglia, vuol dire che c’è imprecisione. Forse è mancato qualcosa anche sotto l’aspetto emotivo. Ma la volontà di segnare c’è sempre stata. Di azioni ne abbiamo costruite, è mancata, credo, solo la stoccata finale». Gol che Orlandi si augura possa vedere realizzati già contro l’Atalanta, una delle tre squadre battute dalla Reggina nel corso dell’attuale campionato. Dell’avversario di turno, il tecnico ha detto: «E’ una squadra tranquilla, che gioca un buon calcio, dinamica ed ordinata sotto l’aspetto tattico. E’ un gruppo che gioca sereno e per questo è facilitato dal punto di vista psicologico. L’Atalanta è do-

2ª D I V I S I O N E

“A Bergamo scenderà in campo chi starà meglio”. Carmona in dubbio A MICROFONO APERTO di Antonio Latella

UNA PARTITA PER UOMINI VERI orremmo ma non possiamo. Ed allora, anche in un venerdì 17, parliamo di Reggina. Che strazio, presidente Foti. E lo è ancora di più quando riavvolgiamo il nastro per ascoltare il suo profluvio d’ottimismo che, martedì scorso ha caratterizzato la conferenza stampa e che, di fatto, ha segnato la ripresa del dialogo tra la Reggina Calcio e la città. Apriamo una breve parentesi per osservare che, questo dialogo, forse, è stato avviato in ritardo. Cioè quando le speranze di salvezza si sono ridotte al lumicino. Vede, presidente: Lei, il tecnico ed i calciatori avete assunto un impegno d’onore con il popolo amaranto e, naturalmente, con la città tutta. In quella circostanza, Lei ed i suoi siete apparsi sinceri e per questo, anche chi scrive, ha deciso di non chiudere il rubinetto della fiducia. Chiudiamo gli occhi per oscurare la triste realtà ed andiamo avanti. Ma sino a domenica. Perché, dopo la trasferta di Bergamo, ancorché le distanze dovessero rimanere inalterate anche in seguito ad un risultato negativo dei nostri “eroi”, non siamo più disposti a credere alle favole e pretendiamo un mea culpa. Ma non per ghigliottinare nessuno, tanto meno chi, come Lei, quest’anno, ha speso tanti quattrini per un progetto

V

Il tecnico della Reggina, Nevio Orlandi

tato di un ottimo attacco: Doni e Floccari rendono pericoloso il reparto offensivo». Il tecnico infine ha parlato delle condizioni generali della squadra: «Intanto scenderà in campo chi mi avrà dato durante la settimana prova di star bene sotto il profilo fisico, psicologico e tattico. Mancheranno Barillà e Lanzaro, che sono squalificati e nel corso degli ultimi allenamenti proverò le soluzioni più giuste da adottare a Bergamo. Per il resto stiamo tentando di recuperare chi ancora è infortunato, come Corradi, che ha avuto un problema muscolare importante. Per quanto riguarda Vigiani, bisogna dire che non ha giocato per 150 giorni. Ma sta migliorando la sua condizione. Cozza invece ha ripreso da giorni ad allenarsi col gruppo. Ripeto: scenderà in

campo chi starà meglio». Nel corso dell’allenamento di ieri si è infortunato Carmona. Il centrocampista sudamericano ha rimediato una botta al ginocchio destro che lo ha costretto a lasciare il campo in anticipo. Le sue condizioni verranno valutate oggi, ma in caso non dovesse farcela a sostituirlo sarà Hallfredsson. Nella partitella in famiglia giocata ieri, sono andati a segno il centrocampista islandese, Ceravolo, Sestu, Vigiani, Stuani e Rakic, che ha realizzato una doppietta. Ancora a parte, Alvarez, Adejo e Corradi. Quest’ultimo ha giocato gli ultimi dieci minuti del test. Ci sono dunque buone possibilità che possa recuperare per domenica. Angela Latella

Prosegue la preparazione dei rossoblù. Mister Toscano pensa alla trasferta pugliese

COSENZA

COSENZA — La preparazione in

vista della trasferta di Monopoli prosegue e il Cosenza troverà in terra di Puglia una squadra che ha quasi raggiunto il suo obiettivo stagionale. La squadra del presidente Floriana Ladisa ha subito una rivoluzione nelle ultime settimane: via Gabriele Geretto al suo posto è arrivato una vecchia conoscenza del calcio cosentino, Gigi De Rosa. La formazione biancoverde è stata costruita per raggiungere una tranquilla salvezza e il direttore sportivo, Giovanni Manzari (anche lui allontanato insieme a Geretto) ha, con pochi fondi a disposizione, costruito una compagine imbottita di giovani che non hanno fatto mancare il loro impegno e la loro voglia di raggiungere il traguardo sperato. Nelle ultime settimane Geretto non è più riuscito ad infondere le giuste motivazioni ai suoi ragazzi tanto

che, purtroppo, fino ad oggi, è risultato fallimentare. Nel calcio, come nella comunicazione, non mancano le scappatoie per salvarsi, magari, in angolo. Ma il tiro dalla bandierina, che prima o poi dovrà essere battuto, non sempre trova pronto il difensore, o il portiere, a rinviare il pallone lontano dall’area di rigore. Ci spiace scrivere queste cose, perché, come i nostri lettori sanno (ed anche Lei ne è al corrente) la Reggina, nel bene e nel male, fa parte della nostra vita di reggini e di operatori dell’informazione. Ed una probabile, ahinoi, quasi certa, retrocessione declassa anche i giornalisti che, dopo dieci esaltanti anni, diventano di serie B. Torniamo all’impegno assunto dai calciatori. Pensando a quelle parole immaginiamo che a Bergamo scenderanno in campo undici leoni intenzionati a stendere al tappeto l’avversario e a conquistare una vittoria che manca dallo scorso anno. Da un secolo. Per ottenere i tre punti nessuno, diciamo nessuno, può tirarsi indietro. Perché anche i calciatori della Reggina dovranno mettersi in testa che la retrocessione resterà come una macchia indelebile anche sulla coscienza di chi, fino ad oggi, ha puntualmente percepito gli emolumenti contrattuali.

Cosenza, Galantucci-Mortelliti coppia d’attacco a Monopoli che dal mese di gennaio erano arrivati solo pareggi e sconfitte. Così la dirigenza ha deciso di prendere una decisione difficile ma certamente azzeccata. Appena arrivato De Rosa ha messo subito a frutto il lavoro della precedente gestione tecnica (mettendoci certamente del suo) e ha riportato alla vittoria il Monopoli con un due a uno sul campo della Vibonese. Fra tutti gli uomini che Manzari aveva portato alla corte di Geretto, certamente il più interessante è Fabio Ceccarelli, capocannoniere del girono C della Lega Pro 2 con quattordici centri in ventiquattro gare disputate. Per l’attaccante classe ’83 nativo di Frascati anche una splendida rete al San Vito, con un pallonetto che non lasciò scampo ad Ambrosi nell’uno a uno finale della gara del 23 novembre. Altri punti di forza di questa formazione sono certamente Santarelli (difensore prelevato in estate dalla

Cisco Roma che ha realizzato già quattro reti) e Minopoli, esperto centrocampista napoletano. L’ambiente monopolitano intanto non è del tutto sereno. Digerita senza troppi patemi la dipartita di Geretto e accolto bene De Rosa, il tifosi biancoverdi non hanno compreso molto l’allontanamento del direttore sportivo, Manzari. Alcuni tifosi hanno preannunciato una certa contestazione per la società considerato che se la squadra è in una posizione di classifica tranquilla, lo si deve anche a chi ha messo insieme il gruppo di calciatori. Staremo a vedere, certo è che ai supporter del Cosenza non sarà riservato un tappeto rosso all’arrivo allo stadio considerata le vecchie ruggini mai sanate fra le tifoserie. L’acredine risale a venti anni fa quando diecimila cosentini arrivarono al “Veneziani” mettendo in atto una vera e propria invasione di Monopoli. Ci si augura che prevalga il buon senso e che anche domenica si possa assistere ad una bella giornata di sport. Per quanto riguarda la preparazione dei lupi, ancora fermi ai box Chianello e Danti che non saranno disponibili per domenica. Recuperato Ramora, dal primo minuto spazio alla coppia d’attacco Galantucci - Mortelliti. Carmelo Grandinetti


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 41

SPORT 2ª D I V I S I O N E

In vista della difficile trasferta contro la Val di Sangro il tecnico spera nel recupero dell’attaccante

Galfano punta su Taua VIBONESE

Nell’ambiente rossoblù si cerca di trovare la forza per reagire

VIBO VALENTIA — Quell’interro-

gativo che noi per primi abbiamo lanciato dopo la partita maledetta contro il Monopoli sta diventando una sorta di assillo. Alla domanda «Taua è un equivoco?», fatta considerando il poco giocato dall’ attaccante in questa tribolata stagione, la Vibonese vuole dare una risposta forte e convincente. E così, staff tecnico, staff medico, società e squadra – ma soprattutto, il giocatore, del quale apprezziamo la professionalità e la forza d’animo che lo conferma un professionista serio – sono impegnati a dare la risposta richiesta direttamente sul campo. Questo vuol dire che, mentre il resto della squadra prosegue con il tradizionale allenamento settimanale e la partitella di prova del giovedì, Vincent Taua, continua un lavoro a parte ma intenso e soprattutto si sottopone con frequenza ai controlli medici, con il chiaro intento di rispondere presente domenica per la delicatissima gara di Atessa contro Val di Sangro. E’ questa la notizia più importante che si vuole dare da parte della Vibonese: Taua sarà in campo e contribuirà alla resurrezione calcistica della Vibonese. Ed allora, tutta la squadra ha voluto trasformare in impegno personale le dichiarazioni del presidente Gurzillo che continua a dirsi sicuro che la Vibonese rimarrà in Seconda divisione e che domenica può tentare il colpaccio e ritornare a Vibo Valentia con un’inattesa, ma sperata, voluta e cercata, vittoria. Per il resto, Angelo Galfano continua a dirsi sicuro dei suoi ragazzi e dell’armonia che regna nella squadra: spogliatoio unito, tutti concentrati, nessuno che sia disposto a darsi per vinto, tutti con la voglia di lottare per raggiungere quello che era e resta l’unico obiettivo programmato per questa stagione: la salvezza.

2ª D I V I S I O N E VIGOR LAMEZIA

L’EDITORIALE

VERSO UN FINALE INCANDESCENTE S

Il tecnico della Vibonese, Angelo Galfano

Al di là degli schemi, al di là delle disposizioni tattiche, al di là del’analisi dell’avversario e delle riflessioni sui propri errori, il lavoro da fare è quello di recuperare psicologicamente questi giocatori che, a causa della giovane età e della inevitabile inesperienza, sono apparsi deboli caratterialmente. Insomma, un lungo lavoro da fare nella testa dei giocatori, per far capire loro che la forza al si trova al proprio interno, con la voglia di riscatto e l’orgoglio da buttare in campo insieme all’anima: così si ottengono le vittorie più intense. «Una squadra di calcio – è la teoria di Angelo Galfano – è fatta di sottilissimi equilibri, sempre pre-

cari e sempre da rafforzare. Basta che, per un qualche motivo, salti qualcosa ed ecco che tutto sembra precipitare; è sufficiente individuare la crepa ed intervenire ed allora tutto si aggiusta e tutto ricomincia a girare per il verso giusto. Ecco – afferma il tecnico rossoblù – in questo momento il mio compito è proprio questo: motivare la squadra, individuare le corde giuste di ciascuno e toccarle in modo da ottenere il massimo da questi ragazzi che per impegno e serietà sono ammirevoli. Ma nel calcio non basta, servono i risultati ed il nostro lavoro punta a ritrovare quei risultati».

iamo agli sgoccioli ma si annuncia un finale incandescente. Domenica la Seconda divisione torna in campo per la giornatanumerotrenta,laquint’ultimadi una lunga ed estenuante stagione. La capolista Cosenza ha già cominciato il conto alla rovescia per dare il via i festeggiamenti per la seconda promozione consecutiva: dodici punti di vantaggio sono un margine che, inevitabilmente, invitano a guardare alle prossime partite con un pieno di ottimismo. La squadra di Toscano sarà di scena a Monopoli, dove troverà una squadra che grazie alla pesantissima vittoria di Vibo si è messa nelle condizioni di centrare con tranquillità l’obiettivo della salvezza chiesto al nuovo allenatore De Rosa chiamato al posto di Geretto la scorsa settimana. Ma il match più interessante è in programma a Gela dove arriva il Catanzaro per novanta minuti che potrebbero segnare il destino del secondo posto, con un piccolo vantaggio a favore della squadra di Cosco che deve ancora recuperare una partita, quella con la Val di Sangro non giocata per il terremoto che ha colpito l’Abruzzo. C’è grande attesa soprattutto attorno alla squadra di Provenza, chiamata a cancellare le due sconfitte consecutive. Una prova di forza da parte del gruppo, anche per dimostrare che quelli di Atessa e del Ceravolo con il Melfi sono stati soltanto due incidenti di percorso. La griglia dei playoff non è ancora definita e le altre tre squadre, Andria, Pescina VdG e Cassino, che si contendono due posti cercheranno di sfruttare al massimo il fattore campo. L’undici di Chiancone ospita il Noicattaro ancora non del tutto fuori dal-

la bagarre dei playout, e poi è sempre un derby. Il Pescina VdG ospita il più che tranquillo Barletta, al quale manca davvero poco per festeggiare la permanenza in Seconda divisione. Non si annuncia semplice la sfida che attende, invece, la squadra di Patania: a Cassino arriva il Manfredonia che adesso comincia ad accarezzare il sogno della salvezza diretta. Crocevia fondamentale per la Vibonese che andrà a fare visita alla Val di Sangro: la squadra di Petrelli ha fatto del campo amico la propria fortezza che la sta portando verso la salvezza. Davanti al proprio pubblico è ancora imbattuta, unica squadra del girone insieme alla capolista Cosenza. E c’è sempre la sfida di Gela da recuperare. E’ chiaro che Galfano si gioca una fetta di campionato: altri passi falsi non sono ammessi, altrimenti dovrà rassegnarsi ai playout. Ancora più complicata è la situazione della Vigor Lamezia, il cui aggancio ai playout rimane appeso a un sottilissimo filo di speranza. Davanti c’è chi continua a rallentare, ed ecco che sfruttando al massimo la doppia al “D’Ippolito”, domenica con l’Igea Virtus e la prossima settimana con l’Aversa Normanna, potrebbe davvero cominciare a sperare nel miracolo. Chiudono la giornata il derby campano Aversa Normanna-Scafatese con l’undici di Sergio di fatto obbligato a vincere e l’altro scontro diretto Melfi-Isola Liri con i lucani che potrebbero imprimere l’accelerata decisiva verso quella salvezza che a fine girone d’andata sembrava poco più di una chimera. Buon campionato a tutti e appuntamento a mercoledì prossimo.

Maurizio Bonanno

Il tecnico ieri ha provato il tridente offensivo, Falco-Sergi-Ragatzu

Una Vigor a trazione anteriore domenica contro l’Igea Virtus

LAMEZIA TERME — Pensa a un 4-

3-3 mister Pierini per cercare di scardinare la difesa dell’Igea Virtus. Ieri, infatti, nel corso del consueto test infrasettimanale in famiglia, disputato allo stadio comunale “D’Ippolito”, il tecnico biancoverde ha schierato tra i pali Forte (vice Panìco), linea difensiva da destra a sinistra formata da Sanso, Lopetrone, Filippi e Marinelli. Centrocampo a tre con Ciotti, Carraro e Clasadonte. Tridente offensivo con Falco, Sergi e Ragatzu. Da sottolineare che Lopetrone è stato schierato nel ruolo di centrale difensivo per l’assenza di Cascone che comunque domenica dovrebbe far parte dell’undici titolare. Per quanto riguarda il resto, infermeria nuovamente affollata con Pascuccio e Ciminari che difficilmente recupereranno per il prosieguo del campionato. E poi ancora fermi ai box (si sono allenati

di Valter Leone

Nella foto l’attaccante della Vigor Lamezia Domenico Falco che insieme a Michele Sergi e Mauro Ragatzu forma il tridente offensivo dei biancoverdi.

a parte), Riccobono e Di Donato. Insomma, fino al termine della stagione prosegue la striscia negativa in casa Vigor. Pierini, come il suo predecessore Ammirata, dovrà continuare a fare di necessità virtù cercando di allestire un organico competitivo che possa ridare speranze di agguantare i play-out. Intanto, per quanto riguarda il galoppo di ieri, la formazione “titolare” si è mossa discretamente bene con ottime trame in fase offensive e con inserimenti coordinati e vincenti dei centrocampista. In particolare si è messo in evidenza il giovane Clasadonte che già a Noicattaro aveva disputato un’ottima gara. Anche Ciotti si è rivisto col piglio giusto e la fase di possesso palla, almeno ieri, non è dispiaciuta. Esiste la consapevolezza di dovere fare bene domenica contro l’Igea Virtus che sicuramente si presenterà a Lamezia con la voglia di mettersi al riparo da spiacevoli sorprese per evitare di farsi risucchiare nella zona play-out. Senza dubbio il match contro i siciliani assume una valenza fondamentale. Tifosi ospiti. Secondo quanto appreso, dovrebbero essere non meno di venti i sostenitori al seguito della formazione igeana. Tanti sono i biglietti richiesti dalla società di via Marconi. r. s.


42 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

SPORT 2ª D I V I S I O N E

NOTIZIARIO Nove reti nel test di ieri contro gli Allievi di mister Salerno. In evidenza gli attaccanti

Giallorossi in “palla”. Gela avvisato CATANZARO

Mister Provenza: buon galoppo! Intenso e utile per proporci al meglio domenica

CATANZARO — Per la truppa

giallorossa, quella di ieri è stata la giornata del test sulla palla. Prove tecniche di formazione, quindi, in vista della trasferta di domenica a Gela, tanto importante, quanto determinante ai fini della classifica, in particolare dopo la seconda consecutiva sconfitta di sabato scorso contro il Melfi, tra l’altro la prima interna della stagione. Sul terreno del “Pala Giovino”, il tecnico Provenza, nei due tempi regolamentari disputati contro la formazione “Allievi nazionali” (arbitro Bronzino), ha fatto ruotare tutta la rosa a disposizione, con le eccezioni di Pippa, Caputo e Parisi che comunque si sono allenati in palestra, oltre a Cardascio, alle prese con la riabilitazione del ginocchio infortunato presso un centro della regione. Nella prima frazione di gioco, lo stesso tecnico, davanti al portiere Cristofaro, ha schierato Ciano e Tomi difensori esterni, con i rientranti (dopo la giornata di squalifica) Gimmelli e Di Maio centrali; a centro campo Benincasa e Bruno sulle fasce, con Zaminga centrale. A seguire, Corapi, dietro le due punte Antonio Montella e Iannelli. Gli allievi nazionali, allenati da mister Salerno, si sono presentati in campo con: Mancinelli in porta, Scigliano, Bria e Noto difensori, Benincasa P., Critelli, Levato e Figliomeni centrocampisti, Tolomeo, Cittadino e Giampà in attacco. Risultato sbloccato verso il ventesimo minuto: cross di Ciano, con Iannelli che di testa impegna Mancinelli, sulla cui respinta lo stesso attaccante mette in rete. Qualche minuto dopo il raddoppio: assist di Benincasa per l’accorrente Antonio Montella, che d’esterno CATANZARO — Tre sconfitte sul grop-

pone negli ultimi quattro incontri. Quattro poi gli stop dall’inizio del girone di ritorno. Qualcosa, obiettivamente, non va nel motore di quel Catanzaro che, soltanto sino a febbraio, s’era segnalato come una compagine formidabile. Compagine formidabile, dura a morire e senza macchia. Come dire, sino allo scorso 15 febbraio (prima del match di Barcellona Pozzo di Gotto) la parola sconfitta era sconosciuta nel vocabolario di Gimmelli e compagni. Il tutto con un primato europeo costituito da 21 giornate di imbattibilità sino alla fatal Sicilia col ko rimediato per mano dell’Igea Virtus. Tra marzo e aprile sono maturate altre tre sconfitte (due delle quali in trasferta). Nelle ultime 8 gare, la truppa di Nicola Provenza ha conquistato 10 punti, frutto di tre vittorie (Vigor Lamezia, Monopoli e Andria) ed un pari (in quel di Scafati). Confrontando il cammino delle Aquile tra l’andata e il ritorno, inevitabilmente, i “numeri” non sono proprio identici… tutt’altro. Nel girone d’andata, trascorse dodici giornate, il Catanzaro vantava 28 punti in cascina. Adesso, sempre dopo dodici turni, l’Fc è a quota 18. A Conti fatti: -10 sulla tabella di marcia rispetto alla prima parte del torneo. E veniamo alla più stretta attualità ovvero alla debacle interna col Melfi. Al “Ceravolo”, le Aquile non lasciavano l’intera posta in palio dal mese di gennaio 2008. Nell’occasione era stato il Real Marcianise a bat-

A sinistra, il tecnico del Catanzaro, Nicola Provenza. Sopra, un gruppo di giallorossi durante l’allenamento. La squadra si prepara in vista del big-match di domenica in casa del Gela.

beffa Mancinelli. Da registrare l’uscita dal campo del difensore Tomi (leggera contusione al quadricipite destro), sostituito da Armenise. Cambio di modulo nei secondi quarantacinque minuti; si passa dal 4-3-1-2 al “canonico” 44-2. Il tecnico catanzarese manda sul terreno di gioco, con Saraco in porta, Francesco Montella ed Armenise, quali difensori esterni, con la coppia centrale formata da Di Meglio e De Franco. A centrocampo, Mangiacasale e Gaglione esterni, con Berardi e Sorrentino al centro. In attacco il duo Frisenda-Falomi. Qualche cambiamento anche

tra la formazione allenatrice. Mister Salerno schiera il seguente undici: Lanzo; Scigliano, Bria, Noto, Arieti; Cavallaro, Marturano, Levato; Tolomeo, Cittadino, Catanzaro. Seconda frazione di gioco che si apre con una doppietta di Frisenda (assist di Mangiacasale e tap-in vincente dell’attaccante la prima segnatura; cross dalla sinistra da parte di Gaglione, con lo stesso Frisenda che controlla di destro per poi battere a rete di sinistro il secondo gol). Il cinque a zero porta la firma di Berardi, che conclude con un tiro dalla lunetta una azione personale. Ancora tre reti,

ad opera, rispettivamente, di Falomi (di testa su assist di Mangiacasale), Frisenda (passaggio vincente di Gaglione), intervallate dall’autorete del giovane Benincasa P., dopo una traversa colpita da Frisenda, che subito dopo lascia il posto all’ivoriano Diarrà. L’ultima segnatura della giornata porta la firma di Falomi, lesto a riprendere una respinta di Lanzo su una precedente conclusione di Berardi. Risultato finale 9-0. «Un buon lavoro svolto da entrambe le formazioni scese in campo nei due tempi – ha sottolineato mister Provenza -. Interessa molto valutare, a

questo punto della stagione, l’intensità del lavoro stesso, tenuto conto che questa è una squadra che ha svolto sempre la preparazione settimanale su dei ritmi importanti, sia mentali che fisici, per cui non è semplice mantenere le energie al cento per cento. Al di là dell’aspetto tattico, l’allenamento sulla palla è stato senza altro utile per verificare la voglia della squadra di proporsi sempre in maniera intelligente, con volontà e collaborazione. Certamente un buon viatico per l’impegno di domenica a Gela».

STATISTICHEPreoccupa l’attuale ruolino di marcia: tre sconfitte negli ultimi quattro incontri

Barletta. Sulla carta, almeno per il momento, i pugliesi hanno una flebile possibilità di agganciare la zonaplay off che dista sei lunghezze. Tra dieci giorni, magari, saranno nella classica condizione di chi non ha più nulla da chiedere al campionato. Il 3 maggio, al “Ceravolo” sarà la volta della madre di tutti i derby, ovvero la sfida coi cugini del Cosenza. E poco importa che, addirittura, i Lupi possano arrivare a Catanzaro col biglietto-promozione già staccato. Quel giorno, infatti, i rossoblù di sconti non ne faranno e le Aquile, dal canto, saranno chiamate a tentare la conquista dei tre punti per mille motivi. Il 10 maggio sarà la volta della gara di Noicattaro per chiudere il campionato ospitando, al “Ceravolo”, l’Isola Liri. Detto per inciso, la squadra laziale potrebbe arrivare in Calabria con la necessità di conquistare punti-salavezza. Un calendario, per certi versi, amletico e che preoccupa un po’ per il recente ruolino fuori casa della truppa di Nicola Provenza. I “numeri” al riguardo sono chiari. Due domeniche fa, nella cornice della Valle del Sangro, è maturata la seconda sconfitta consecutiva in trasferta. Ma non solo. Negli ultimi quattro incontri giocati lontano dal “Ceravolo”, le Aquile hanno lasciato l’intera posta in palio in ben tre occasioni (vedi gare con Igea Virtus, Pescina e appunto Val di Sangro).

Aquile, che fine ha fatto la squadra formidabile del girone d’andata?

tere il Catanzaro targato-Cittadino. Poi, una lunghissima imbattibilità casalinga durata 422 giorni. E adesso, anche il calendario non sembra proprio agevolare i giallorossi, non fosse altro perché Gimmelli e com-

pagni giocheranno tra le mura amiche soltanto in due occasioni sino al termine della regular season. Da qui alla fine della stagione, le Aquile incontreranno o formazioni impegnate nella lotta per evitare i play out op-

pure dirette concorrenti per i play off o la promozione. Domenica prossima, a Gela, in palio ci sarà la poltrona di vice-capolista. Una sorta di anticipo dei play off. Di ritorno dalla Sicilia ecco un’altra trasferta: quella di

Mario Mirabello

Vittorio Ranieri


Pag. 43

APPUNTAMENTI il Domani

Venerdì 17 Aprile 2009

TEATRO - MUSICA - CULTURA - CONVEGNI - DANZA - ARTE - LIBRI - SOCIETÀ

REGGIO CALABRIA Tutto il meglio del cinema italiano, dal 22 al 25 aprile, al Teatro Comunale Francesco Cilea e al Cinema Odeon

Al via la quinta edizione del Film Fest Anche quest’anno l’attesissima kermesse ospiterà i protagonisti più acclamati del settore REGGIO CALABRIA — Al Teatro Co-

munale Francesco Cilea e al Cinema Odeon il Reggio Calabria Film Festretrospettiva sul cinema italiano, volge lo sguardo ai grandi attori e registi che hanno fatto la storia del cinema made in Italy, senza trascurare le giovani promesse. Quella di quest’anno, che si terrà dal 22 al 25 aprile, è la quinta edizione del festival voluto dal Comune di Reggio Calabria ed organizzato dalla Minerva Pictures, diretta da Gianluca Curti, che si inserisce nel quadro di iniziative che da alcuni anni l’Amministrazione comunale porta avanti per rendere la Città calabrese un polo di attrazione turistica e culturale. «Obiettivo del festival - spiega una nota - è la riproposizione, il recupero e la rivalutazione di alcuni autori e opere rare del nostro cinema, soprattutto di genere, affrontando anche tematiche legate alla produzione, alle nuove forme distributive, ai nuovi linguaggi di produzione e fruizione digitali, attraverso i numerosi incontri e dibattiti

Il sindaco Scopelliti alla presentazione del Film Fest

con il pubblico. Nato nel 2005, il Reggio Calabria Film Fest ha sempre puntato tutto sugli ospiti e sui personaggi del nostro cinema, privilegiando il dialogo con il pubblico, approfondendo alcuni aspetti come quello produt-

tivo, ad esempio, la direzione degli attori, la funzione del regista, ecc. il cuore del festival sono appunto le serate in cui si delinea accuratamente un profilo professionale ma anche umano dei vari protagonisti ospiti del fe-

CATANZARO La mostra, curata dal prof. Angelo Delli Santi, è in corso fino al 10 maggio al Centro “Open Space”

Il rumore dell’erba, rassegna d’arte

puntamento della Rassegna di arte contemporanea “In-Out quattro”, ciclo di mostre, eventi, incontri, promossi ed organizzati, per la stagione artistica 2008/09. La mostra, curata dal prof. Angelo

Delli Santi, critico d’arte e curatore indipendente, presenta tre giovani artisti: Danilo De Mitri, Maria Elena Diaco, Giovanni Felle, differenti per formazione, geografie e linguaggi visivi (dalla pittura alla fotografia, dall’installazione all’opera plastica). Gli artisti sono accomunati da una ricerca che percorre l’attualità del dibattito contemporaneo dove il loro lavoro comunica identità diverse e tematiche legate al loro retroterra culturale. Danilo De Mitri intreccia passato e presente in una sorta di neo-figurazione tutta al femminile, dove Eros e Tanatos, amore e morte dialogano in una simbiosi senza tempo. Maria Elena Diaco evoca nella bidimensionalità delle sue icone una triade di colori e segni: l’oro antico, il bianco e una scrittura indecifrabile ripercorrendo così la culture antichissime della civiltà Orientale. Giovanni Felle stigmatizza la quotidianità con elementi

Borgia, “Mediterraneo in arte” dal 25 aprile al parco Scolacium

Catanzaro, domenica arte contemporanea al museo Marca

BORGIA — Il sito archeologico Scola-

CATANZARO — Domenica 19 aprile

Il critico Angelo De Santi durante la presentazione

CATANZARO — È in corso sino al 10 maggio 2009 al Centro per l’Arte Contemporanea “Open Space” di Catanzaro, la mostra “Il rumore dell’erba – nuove presenze nell’arte contemporanea”, quarto ap-

cium è oramai abituato ad accogliere tra le sue rovine e nei locali museali l’espressione contemporanea dell’arte, sia attraverso installazioni che attraverso concorsi dedicati all’arte: anche in questa occasione il pubblico è invitato ad una collettiva di pittura. Grazie all’interessamento dell’artista calabrese Rosa Spina, che è una tra le più interessanti esponenti italiane della fiber art, corrente d’arte contemporanea di origine americana, la mostra itinerante, che verrà ospitata nell’arco di un anno in diversi siti storici di città italiane, fa una delle sue prime tappe proprio qui al Parco Archeologico di Scolacium, grazie al sostegno del comune di Borgia. La mostra, dal 25 aprile al 4 maggio, prende il nome di Mediterra-

neo in arte, per le influenze culturali e geografiche dei luoghi espositivi, proprio in memoria di questi luoghi adagiati nel mar Mediterraneo, che sono stati testimoni di numerosi passaggi di popoli e di diverse culture. Esporranno un gruppo di artisti di diversa provenienza sia geografica che stilistica, ma che hanno reso tutti ugualmente, nella propria ricerca, la diversità espressiva una ricchezza da condividere. Il giorno dell’inaugurazione della mostra, il 25 aprile, alla presenza del Sindaco e dell’Assessore alla cultura del Comune di Borgia, della direttrice del Parco Archeologico ci saranno i saluti delle autorità, ed è inoltre prevista una presentazione introduttiva alla collettiva da parte del critico d’arte Lara Caccia.

2009 dalle ore 16.00 alle 20.30 il Marca, Museo delle Arti di Catanzaro, dedicherà un pomeriggio all’arte contemporanea, proponendo una serie di momenti dedicati sia al pubblico adulto che ai bambini. Alle 17.00 Conversazioni sull’arte: un dialogo diretto a mediare l’approccio verso i linguaggi figurativi contemporanei ed accostarsi all’arte del presente; non mancherà un momento di confronto ed approfondimento su Reflections, la mostra monografica in corso dedicata all'artista americano Alex Katz. La conversazione vedrà la partecipazione di Lara Caccia, critico d’arte, e sarà aperta a quanti operano nel campo della contemporaneità sul territorio ed a tutti gli appassionati.

stival, riproponendo spezzoni più significativi dei loro film e ricostruendo le tappe salienti della loro attività. L'indimenticabile ultima serata dell'edizione del 2007 con Carlo Verdone al Teatro Comunale Francesco Cilea dimostra proprio come un festival di cinema possa essere un'occasione non solo per celebrare un grande attore e regista che ha superato la ventina in lungometraggi e la trentina in anni di attività, ma anche per costruire un momento di puro spettacolo che sia anche riflessione sul “fare cinema”. Anche quest’anno l’attesissima kermesse, che puntualmente ospiterà i protagonisti più acclamati del cinema italiano nel suggestivo Teatro Comunale Francesco Cilea, durante le quattro intense giornate interamente dedicate alla settima arte, accoglierà dibattiti, proiezioni, anteprime, incontri con gli artisti, premiazioni, sorprese e rivelazioni. Mentre nella sala del Cinema Odeon si svolgeranno altre proiezioni pomeridiane e serali. Tra le sue peculiarità, il Festival di

Reggio Calabria si distingue per il suo intento didattico. Ogni mattina ci saranno, infatti, incontri tra studenti e addetti ai lavori, in cui i professionisti del settore affronteranno tematiche legate alla produzione, distribuzione e fruizione di cinema. Lo spazio dedicato ai giovani però non si esaurisce qui: durante la serata finale verranno premiati i tre cortometraggi vincitori del Concorso CortoRaro. Nelle due serate di apertura sarà Laura Freddi ad affiancare nella conduzione il direttore artistico del festival, Gianluca Curti, mentre le ultime due serate saranno condotte da Veronica Maya, la giovane nuova promessa di Rai1. Non mancheranno momenti di forte emozione. Come ogni anno, tanti saranno i riconoscimenti assegnati: Premio Rc FilmFest ad un grande autore o interprete del cinema italiano, Premio Città di Reggio Calabria ad una grande personalità dello spettacolo italiano, Premio alla carriera e tanti altri. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti. Info: 0965 23163

semplici e di uso corrente (frutta, ortaggi, indumenti, ecc.), evocando e scandendo, in uno spazio bianco, frammenti di “nature morte”. I tre giovani artisti rappresentano, con la loro significativa ricerca, punte avanzate del dibattito artistico contemporaneo, come ha ben evidenziato, nella presentazione della mostra il critico, prof. Angelo Delli Santi, il quale ha affermato la complessità dei diversificati linguaggi: dai “concetti indissolubili di Danilo De Mitri, alla catarsi conoscitiva di Maria Elena Diaco, allo scarto di significato di Giovanni Felle”. La mostra è visitata da numerose personalità del mondo dell’arte e

della cultura (artisti, critici, docenti, operatori culturali, studenti) e registra lusinghieri giudizi. È in distribuzione un significativo documento edito da Open Space contenente testo critico del curatore, apparato iconografico e note biografiche sugli artisti. La mostra ha il patrocinio morale, per il valore della stessa, dell’Assessorato alla Cultura del Comune e della Provincia di Catanzaro. Il Centro Open Space (Via Romagna, 55 Catanzaro) è aperto nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 17.00 alle 20.00 e anche per appuntamento. Info: Tel. 0961/61839, e-mail: openspace. artecont@tele2.

CATANZARO La replica di “Pilu e cuntrapilu” Giovedì 23 aprile, il Teatro Hercules di viale degli Angioini, alle ore 21,00, replica “Pilu e cuntrapilu”, testo e regia di Piero Procopio. Trucchi e costumi Angela Rotella, fonica Francesco Iacopino, Direttore di scena Andrea Saccardi. Sul palcoscenico oltre allo stesso Procopio, Angela Rotella, Martina Procopio, Biagio Bianco, Stella Surace, Antonella Apa, Franco Procopio, Tonino Angeletti, Gori Mirarchi e Marianna Rotella. Durante la serata sarà realizzato l’audiovisivo della commedia che da tempo molti fans del Teatro di Piero aspettano.


44 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA PRIMAVERA DEL CINEMA ITALIANO A Nicolas Vaporidis è stato assegnato, dal presidente della Provincia di Cosenza, il Premio Federico II

Tutto esaurito per la serata inaugurale Previsto l’incontro con Fabiomassimo Lozzi, il regista di “Stare Fuori” COSENZA — A Nicolas Vaporidis il Premio Federico II come “Attore dell’anno”. Mille fan in delirio ad attendere il bell’attore di “Notte prima degli esami”. Mercoledì sera, al Cinema Citrigno, l’attore di “Notte prima degli esami” ha ricevuto il premio Federico II dal Presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio. La statuetta che rappresenta l’ottagono, simbolo della storia della città di Cosenza, è stato disegnato dall'artista Marta Occas e realizzato dai maestri orafi della gioielleria Scintille. Tutto esaurito per la serata inaugurale della manifestazione, una folla di mille giovanissimi ha assaltato il Citrigno per applaudire sul red carpet il suo beniamino. Ben 1300 spettatori per le prime tre proiezioni del festival. «Sono stato sia a Cannes che a Venezia ma un festival così, rivolto al pubblico, ti dà la possibilità di vivere il contatto diretto, di sentire il calore e l’affetto dei propri fan». Commenta così a caldo l’attore di “Notte prima degli esami” accolto da applausi e ovazioni. Un incontro con il pubblico in cui il protagonista di “Iago” ha raccontato di sé, dei suoi progetti futuri, del successo dell’ultimo suo film diretto da Volfango De Biasi, della sua vita privata (la nonna è di origine calabrese di Gerace!). Ad ideare la manifestazione l’Associazione culturale “Le Pleiadi”, il suo Presidente, Giuseppe Citrigno e il direttore artistico, Alessandro Russo. Tra i partner ufficiali che danno il loro prezioso contributo alla macchina organizzativa dell’evento: la Provin-

Nicolas Vaporidis alla Primavera del cinema Italiano

cia di Cosenza, la Fondazione Carical, La Bcc Mediocrati, Confindustria-Cosenza, Agis, la Società Kostner. Con loro anche l’Anec (Associazione nazionale esercenti cinema) che collabora attivamente alla manifestazione, così come la 01 Distribution; affiancati da numerosi partner locali. All’incontro dibattito con l’attore hanno partecipato: il Presidente della Provincia Mario Oliverio, il direttore artistico del festival, Alessandro Russo. E anche ieri sera è continuata “La Primavera del cinema Italiano”. Per la sezione “evento” al Supercinema Modernissimo, alle ore 21, “Pascal Vicedomini incontrerà Giuseppe Bertolucci”, a seguire la proiezione del film “La rabbia di Pasolini” di

Bertolucci. Domani, invece, terzo appuntamento dedicato al cinema indipendente con l’incontro con Fabiomasssimo Lozzi, il regista di “Stare Fuori”: Fabiomassimo Lozzi, uno dei più promettenti interpreti del cinema indipendente italiano, sarà il protagonista della terza serata de “la primavera del cinema Italiano. Oggi, alle ore 20.30, al Supercinema Modernissimo la proiezione del suo ultimo film “Stare fuori” e a seguire il dibattito con il regista. Per la sezione “Back stage” della III edizione de “La Primavera del cinema Italiano, ” L’incontro con Fabiomassimo Lozzi scrittore, sceneggiatore e autore soprattutto di documentari e corti. Rappresentante più che degno del cinema indipendente d’autore italiano, al suo secondo lungometraggio dopo l’opera prima low budget "Altromondo", film di sperimentazione, fra opera teatrale e documentario incentrato sul tema dell’omosessualità. Alla serata, ospite anche il protagonista del film, il giovane e di talento Ivo Micioni (tra i protagonisti anche del successo di Ferzan Ozpetek “Saturno contro” e del film di Marco Amenta La Siciliana Ribelle). “Stare Fuori” (2009) un film surreale e delirante con un’intensa e suggestiva colonna sonora, dove tutto è eccessivo ed estremo che si differenzia -coraggiosamente- dalla corrente produzione italiana. Amore folle e morboso, sesso disperato, ossessioni, sentimenti esasperati, allucinazioni, lacrime a piè sospinto, fughe, rimpianti, morte sono i temi portanti.

Sette storie sulla scala di seta, libro

Catanzaro, “Ospedale Online Tv” prosegue il viaggio nella Sanità

CARIATI — Storie emblematiche di vi-

CATANZARO — Si parlerà di

CARIATI L’ultimo lavoro di Assunta Scorpiniti racconta la Calabria attraverso lo sguardo delle donne

ta; ritratti di donne che hanno vissuto e operato nella nostra terra; spunti per riflettere su una presenza rilevante sotto l’aspetto sociale, culturale ed umano, capace di rispondere ai bisogni di una famiglia o di un gruppo e di apportare dei mutamenti. Da un pò di tempo Assunta Scorpiniti, scrittrice, ricercatrice e giornalista, racconta la Calabria attraverso lo sguardo delle sue donne. Un lavoro che prosegue con il volume Sette storie sulla scala di seta, edito, in 96 pagine formato pocket, dalla casa editrice cosentina “Progetto 2000”, con cui ha già pubblicato racconti e numerosi libri. La scala di seta, ricorda il titolo di un’opera lirica di Rossini; in questo caso, oltre a dare il nome alla collana dedicata “alle don-

ne nella scrittura e per la scrittura”, diretta dalla stessa autrice, è intesa nel senso di una tipica espressione delle donne dell’area jonica calabrese, che dicono «ci vuole na scala i sìta» quando si tratta di affrontare un’impresa ardua, ma possibile se c’è impegno, determinazione, concretezza nell’agire. A sottolinearlo è anche l’effetto fonico prodotto dall’allitterazione contenuta nel titolo del libro, che, volutamente, richiama il significato della salita, della volontà di progredire; è, infatti, la caratteristica che lega le protagoniste del libro: un’insegnante che, con la sua lunga vita, ha attraversato la storia di un secolo; un’antica donna del mare, che ha svolto il mestiere di pescatrice; una suora missionaria in un’opera di promozione della donna, nella lonta-

na Africa; una maestra di ago e filo che ha portato nel suo paese il glamour di stilisti famosi; una levatrice condotta venuta dal nord che accoglieva la nuova vita con un sorriso; la pioniera delle donne calabresi nel cuore dell’Europa e il suo impegno per l’integrazione dei connazionali in terra straniera; una bambina che, con la curiosità dello sguardo, segue il percorso migratorio della sua famiglia. Il volume sarà presentato mercoledì 22 aprile, con inizio alle ore 18.30, presso il salone parrocchiale di “Cristo Re” di Cariati Marina. Oltre ad Assunta Scorpiniti, interverranno il parroco don Mosè Cariati, l’editore Demetrio Guzzardi, rappresentanti delle locali associazioni femminili e della comunità parrocchiale.

ematologia nella settima puntata della rubrica televisiva “Ospedale online Tv”, condotta da Domenico Gareri e trasmessa all’interno del talk show “Verso Camelot”. Prosegue, pertanto, il viaggio all’interno dell’azienda ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” da parte del nuovo format televisivo che, ricordiamo, è stato trasmesso ieri alle ore 23 su Telejonio ed in replica domenica 19 aprile alle ore 19 e lunedì 20 alle ore 12.50. Sabato 18 aprile, alle ore 15, “Ospedale online tv” andrà in onda su Calabria Tv ed in replica domenica 19 aprile alle ore 18.20 e martedì 21 al-

le ore 18.20. Lunedì 20 aprile, alle ore 21.30 (ed in replica martedì 14 alle ore 17.00), la trasmissione andrà sulle frequenze di Oasi Tv (canale 848 del pacchetto Sky) mentre martedì 21 aprile alle ore 21 e mercoledì 22 aprile, alle ore 15, sarà visibile su Rete Azzurra. Come già detto in apertura, nella prossima puntata si concluderà il viaggio nel reparto onco-ematologico del presidio ospedaliero “De Lellis”. In compagnia della dott. ssa Caterina Consarino e del dott. Domenico Magro si approfondirà, rispettivamente, il discorso sull’oncologia pediatrica e su quella adulti.


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 45

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Torneo di biliardo sportivo, memorial “Giovanni Barone”, fino al 19 aprile nella Città dei Tre Colli

Corsi di cucina a Botricello IL CARTELLONE

“Omaggio a Leonida Repaci”, rassegna in programma oggi a Catanzaro

aprile: oggi, “La Serena”, con Teresa Salgueiro e Lusitania Ensemble; giovedì23 aprile, “DomenicoCodispoti” in concerto; il 4 maggio, serata d’onore “Tributo ad Armando Trovajoli” con l’.Orchestra e coro del teatro San Carlo di Napoli; l’8 e il 10 maggio, “High School Musical. Il Politeama al Masciari”. Il21 novembre, “Tutto quello che le donne BOTRICELLO (Cz) - Corsi di cucina (non) dicono”, di Francesca Reggiani e Walter Lupo. 19 diSono aperte le iscrizioni ai corsi di cucina dell’Agriturismo cembre, “Completamente spettinato” con Paolo Migone; 22 La Casa di Botro. Le lezioni avranno la durata di due ore per gennaio, “Outlet”, scritto da Cinzia Leone con Paola Canuna volta alla settimana (sabato) per 5 settimane. Ogni cor- natello; 14 febbraio , “Per tutti Revolution” di Alessandro so sarà composto da 8 corsisti per gruppo. Costo euro 120.00. Siani e Francesco Albanese con la partecipazione di Lello Musella; 21 marzo, Cose che mi sono capitate di Francesco Freyrie e Eugenio Ghiozzi, con Gene Gnocchi; 1 aprile, reBOTRICELLO (Cz) - Aspiranti miss, selezioni cital Il meglio di... con Teresa Mannino e Federico Basso. BIANCO (Rc) - Memorial Paolo Musolino L'associazione memorial Paolo Musolino, scacchi, cultura e solidarietà benefica organizza il 3° memorial "Paolo Musolino" presso il lido "Le dune bianche" giorno 1, 2 agosto.

La Roma Touirng di Francesco Corea esclusivista per la provincia di Catanzaro 2009, comunica che sono aperte le iscrizioni per tutte le eventuali partecipanti al gran galà di selezione per le aspiranti miss. Tale evento si svolgerà il 7 giugno presso il Copacabana di Botricello. Per informazioni ed iscrizioni contattare il 338-7699009 oppure scrivere a maria.ciambrone@libero.it. L' iscrizione è completamente gratuita.

CATANZARO - Marca, attività per le scuole Fino a maggio all’interno del nuovo museo cittadino si svolgerà un inedito progetto di didattica museale, “La porta magica”, pensato per le scuole del territorio. Si vuole così proporre il Marca come centro educativo permanente attraverso laboratori creativi. Info: lab.mediterreaneo@gmail.com, 338/4216232, 347/5025375.

CASTROVILLARI (Cs) - “Settimana della Cultura”

La manifestazione “Settimana della Cultura”che quest’anno ha lo slogan “La cultura è di tutti: partecipa anche tu”, ha lo scopo di favorirne la conoscenza e di trasmettere l’amore per l’arte, per i documenti ad una sempre più ampia platea di cittadini. Il tema della mostra esposta nei locali della Sezione di Archivio di Stato di Castrovillari dal 18 aprile al 9 maggio 2009, esclusi i giorni festivi, orario di visita dal lunedì al giovedì ore 9,00-16,00, venerdì-sabato ore 9,00-13,00, vuole far conoscere attraverso i documenti “L’Evoluzione del Territorio del Pollino attraverso la Cartografia”. CASTROVILLARI (Cs) - Madonna del Riposo Il Club Alpino Italiano – Sezione di Castrovillari in collaborazione con Radio Nord Castrovillari –per riprendere il tradizionale pellegrinaggio in omaggio alla Madonna del Riposo- invita tutti i cittadini domenica 19 aprile 2009 alla 5ª passeggiata alla Madonna del Riposo di Monte Sant’Angelo - Pasquetta dei castrovillaresi. Programma: ore 9, ritrovo in Piazza Giovanni XXIII - Semicerchio (allu tunnu); ore 9.30, partenza; ore 11.30, arrivo alla Cappella (m665); ore 12, escursione facoltativa per la cima di Monte Sant’Angelo (m794); ore 13, colazione a sacco preferibilmente a base di prodotti tipici locali. Durata A/R: 4 ore. Escursione facile per tutti - Si consigliano abbigliamento e scarpe comode, cappellino, impermiabile, colazione a sacco, acqua, fotocamera, binocolo. La partecipazione è aperta a tutti ma soprattutto a famiglie, associazioni, suonatori che hanno il desiderio di stare insieme non per accontentarsi del poco ma con poco accontentarsi tutti. Per informazioni: Club Alpino Italiano – Sezione di Castrovillari, Via Cristoforo Pepe 74, 87012 Castrovillari. Organizzazione: M. Filomia 339.6142500 - F. Martino 348.0010440. La manifestazione sarà seguita in diretta da radio nord castrovillari.

CATANZARO - Stagione Politeama 2008/2009 Di seguito il programma al completo della stagione teatrale 2008/2009 del Politeama che si protrarrà fino all’1

CATANZARO - Torneo di biliardo sportivo Il Circolo Aics “Mattia Preti” di Catanzaro Lido, in collaborazione con la Fibs provinciale e la IV Circoscrizione, ripete l’esperienza del torneo di biliardo sportivo “Memorial Giovanni Barone”. Fino al 19 aprile infatti si sfideranno numerosi professionisti e non del tappeto verde, nei locali del Circolo presieduto da Giuseppe Barone, zio del giovane scomparso in un tremendo incidente stradale. Diverse saranno le categorie che si contenderanno la vittoria finale, nel corso di un torneo che va oltre la passione sportiva. Giovani e meno giovani si sfideranno nel ricordo di una giovane vita spezzata, al quale lo zio dedica questo torneo, considerata la passione che il ragazzo scomparso condivideva proprio sui tavoli dove si contenderanno la vittoria 64 giocatori, che si sfideranno nelle discipline dell’Italiana e della Goriziana. Diversi i giocatori di un certo livello, sia nazionale che regionale, ma anche e soprattutto gli amici di sempre di Giovanni, Raffaele Dornio e Francesco Castiglia, quest’ultimo una giovane promessa del biliardo. Al primo classificato saranno consegnate 500 euro più il trofeo e saranno premiati i primi quattro che si qualificheranno per le semifinali e la finale, che si disputerà alle 15.00 del 19 aprile. CATANZARO - Corsi di preparazione per l’università Sono aperte le iscrizioni ai corsi di preparazione ai test per l’ammissione al primo anno di Medicina, Odontoiatria, Veterinaria, Farmacia, Professioni sanitarie. Info line Form Service: 0961/792770.

ci alla ribalta", Marco Lodola; Ugo Nespolo; Giorgio Chiesi; 50 pezzi unici, fino al al 4 maggio. Mostra a cura di: Salvatore Falbo. Realizzazione e progetto mostra: Stefano Falbo. Orari galleria: tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.00; e dalle 16.30 alle 19.30 - domenica su appuntamento. CATANZARO - “Omaggio a Leonida Repaci”

La Compagnia Teatro del Carro, in collaborazione con L’Ardis – Agenzia Regionale per il Diritto allo Studio Universitario – presenta presso l’Antico Oratorio del Carmine di Catanzaro, la rassegna “Omaggio a Leonida Repaci”, che comprende tre serate di mise en espace su uno dei più grandi autori del ‘900 italiano. Rappresentazioni: oggi ore 18,30 “Calabria” (la Poesia). CATANZARO - “Le arti figurative in Calabria” Un’esplorazione delle arti figurative in Calabria è il tema proposto dal Kiwanis Club di Catanzaro. Il Presidente del Kiwanis Club di Catanzaro ing. Gaetano Costa rende noto che oggi alle ore 17,30 presso l'auditorium dell'Istituto Tecnico Industriale "E. Scalfaro" di Catanzaro (Piazza Matteotti) si svolgerà l'incontro "Le arti figurative in Calabria Percorsi - Prospettive e Sviluppo per i Giovani". All'incontro prenderanno parte Antonio Argirò (assessore alla Cultura del Comune di Catanzaro); Rocco Pangaro (Direttore dell'Accademia delle Belli Arti a Catanzaro ); Cesare Mulè (cultore di storia regionale); Silvio Vigliaturo (Maestro d'Arte). CATANZARO - Insediamento nuovo comitato Udc Oggi alle ore 17.00 presso la sede di via San Nicola in Catanzaro ci sarà l’insediamento del nuovo comitato cittadino Udc di Catanzaro. CATANZARO - Preziosi in argento e pietre dure “…dietro la maschera che usiamo noi uomini, c’è un cuore di fuoco!” (Paulo Coelho). E’ proprio questa citazione che ha ispirato la nuova collezione di preziosi in argento e pietre dure di Ingrid Panetta, che si terrà oggi,18, 19 aprile presso la sala dell’Arca a Piazza Matteotti. Pietre grezze all’esterno che rivelano un lucido splendore dentro di esse, fuse con i bagliori e i riflessi nascosti dell’argento. CATANZARO - Rinviata “Festa della primavera”

La manifestazione “Festa della Primavera” già fissata per oggi prossimo nel Parco delle Biodiversità di Catanzaro, in conseguenza della gravissima calamità che ha colpito l’Abruzzo e che ha richiesto la presenza sul posto anche dei nostri Vigili del Fuoco, è stata rinviata ad altra data.

CATANZARO - Il venerdì “Gira intorno a te” Ogni venerdìpresso il Girasole Country Club, via Lucrezia della Valle 102/3 Catanzaro sono organizzati party a tema sotto la CATANZARO - Concerto Over Time denominazione comune di "Gira intorno a te!". Info: 347/0379298 - Prenotazione tavoli (chiamare dalle ore 16:00) Oggi, alle ore 22.30, concerto Over Time tributo Beatles di Catanzaro presso il Super Tonnina's pub di Catanzaro lido. 0961.752545. La band catanzarese è formata da: Francesco Iaconantonio (voce e tastiere) 18 anni; Davide Corosiniti (batteria) 30 CATANZARO - “Luci alla ribalta”, mostra anni; Francesco Viscomi (basso) 26 anni; Valerio Dolce La storica sede della galleria Verduci, presenta la mostra "Lu- (chitarra) 18 anni.


46 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Incontro sul tema “Giovani, politica e merito” lunedì 20 al complesso monumentale del San Giovanni

“Materia e colore”, mostra a Catanzaro IL CARTELLONE

Presentazione del blog “Universo minori” nella Città dei Tre Colli

CATANZARO - Rinviata inaugurazione scuola Si comunica che essendo stato proclamato per venerdì 10 aprile il lutto nazionale e si svolgeranno i funerali solenni per le vittime del terremoto in Abruzzo, si è ritenuto opportuno rinviare l’inaugurazione della prima scuola materna parificata aziendale dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro per oggi alle ore 11,00. CATANZARO - Approfondimenti penalistici Partito il ciclo di seminari organizzato dalla Camera Penale di Catanzaro “Alfredo Cantàfora”, dal titolo “Approfondimenti penalistici”, valido ai fini dell’assolvimento dell’obbligo di formazione professionale continua, così come stabilito dal Regolamento approvato dal Consiglio Nazionale Forense il 13 luglio 2007. Il corso, anche quest’anno, potrà contare sull’apporto di illustri relatori che tratteranno argomenti di grande attualità e di sicuro interesse per gli addetti ai lavori. Sarà strutturato in sei incontri che si terranno presso l’aula magna del Seminario San Pio X di Catanzaro: oggi, “Scienza, pseudoscienza e fantascienza nelle indagini criminalistiche di medicina legale”, Prof. Dott. Francesco Introna (Professore ordinario di Medicina Legale e delle Assicurazioni nell’Università degli Studi di Bari) e “Difensore e prova tecnica, tra insidie metodologiche e suggestioni valutative”, prof. avv. Leonardo Iannone (Presidente della Camera Penale di Trani – Docente di Diritto Penitenziario nell’Università degli Studi di Bari); 8 maggio 2009, “Il concorso di persone nel reato” prof. avv. Tullio Padovani (Professore ordinario di Diritto Penale nell’Università degli Studi e presso la Scuola Superiore S. Anna di Pisa) e prof. avv. Luigi Fornari (Professore ordinario di Diritto Penale nell’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro); 15 maggio 2009, “Il regime delle impugnazioni penali, fra legge Pecorella, sentenze della Corte Costituzionale e della Corte di Cassazione e progetti di riforma” dott. Giovanni Canzio (Direttore dell’Ufficio del Massimario della Corte di Cassazione) e prof. avv. Giovanni Aricò (Professore associato di Istituzioni di diritto e procedura penale nell’Università degli studi di Salerno). Il ciclo di incontri si concluderà il 13 giugno, con l’intervento dell’avv. Ettore Randazzo (responsabile Scuole Unione delle Camere Penali Italiane) sul tema “Deontologia e tecnica del penalista nell’esame incrociato”.

Conquest, voce e danza; presso il complesso Monumentale del San Giovanni in P.za Garibaldi,1. Inizio concerti ore 21.30. Ingresso 10,00 euro. Abbonamento ai 3 concerti 25,00 euro. Per informazioni e e prenotazioni telefonare al numero 360/985949.

serbizzi...e u nunnu 'mparaventu", testo di Nino Gemelli, regia di F.Passafaro. Orario spettacoli: venerdì ore 21:00, domenica ore 18:30.Costo biglietti: intero 8,00 euro, ridotto (studenti universitari e ragazzi fino a 12 anni) e "galleria" 6,00 euro. Abbonamento a 6 spettacoli in platea 40,00 euro. Per informazioni, biglietti e abbonamenti recarsi presso il Teatro Incanto, via G.Rito 11 (parco dei principi) a CatanCATANZARO - “Universo minori”, presentazione blog zaro sala, telefonare al 3348339997 o 3202516302, o collePresentazione del blog "Universo Minori. Un ingresso tra il garsi al sito www.associazioneincanto.it. mondo dell'infanzia e dell'adolescenza, presso la sala consiliare di Palazzo De Nobili il 18 aprile Catanzaro ore 11.00. CATANZARO - “Riformismo, consenso, classe” L’'evento è stato patrocinato dal Comune di Catanzaro e dall'assessorato alle Politiche sociali del Comune di Catanzaro. L'associazione culturale “La ragione e il tempo” organizza una tavola rotonda su “Riformismo, consenso, classe. Le idee di fronte alla crisi”, presso l'aula del consiglio comunale - Catanzaro, lunedì 20 aprile, alle ore 17.00. Introduce e CATANZARO - Adol, la stagione L'Adol “Jussi Bjorling” presenta il programma 2008/2009 coordina: Carlo Scalfaro, presidente associazione cultura"La ragione e il tempo"; discutono: Agazio Loiero, presiche viene riportato di seguito: il 18 aprile 2009 ore 17,30 le dente della Giunta Regionale della Calabria; Marco Minnipresso Circolo Unione incontro su "Grandi Scene da Opere ti, deputato, segretario regionale del Pd; Valerio Donato, orVerdiane". Per ragioni organizzative la prevista messa in sce- dinario di diritto privato Università Magna Graecia; Arna de "La Serva Padrona" di Pergolesi prevista per il mese di mando Vitale, preside del liceo classico "P. Galluppi". maggio 2009 all'auditorium Casalinuovo avverrà nel prossimo anno sociale, in data da stabilire. CATANZARO - “Giovani, politica e merito” Il direttivo dell’associazione Il Pungolo per Catanzaro renCATANZARO - “Materia e Colore”, mostra de noto che lunedì 20 aprilealle ore 17,30 presso la sala con“Materia e Colore”, questo il titolo della mostra di pittura e vegni del Complesso Monumentale del San Giovanni di Cascultura che si inaugura sabato 18 aprile alle ore 18,00 pres- tanzaro si svolgerà l’incontro-dibattito sul tema “Giovani, so il complesso monumentale del San Giovanni di Catanza- politica e merito”. All’incontro prenderanno parte Francero. Protagonisti dell’esposizione sono due artisti di grande va- sco Pitaro (Presidente dell’Assocazione Il Pungolo per Calore. Il pittore Raimondo Cefaly e la scultrice, Maria Mancu- tanzaro), Francesco Delzìo (autore), Carmelo Carabetta so. Si tratta di un interessante connubio fra artisti che certa- (Prof. di Sociologia all’Università di Messina), Wanda Fermente raccoglierà il consenso del grande pubblico, anche in ro (Presidente della Provincia di Catanzaro), Antonio Argirò virtù della simbiosi, pittura-scultura che accomuna da sem- (Assessore alla Cultura del Comune di Catanzaro), Florinpre l’esperienza professionale e il percorso artistico di Rai- do Rubbettino (Editore) e Sergio Rizzo (Presidente Anci Camondo Cefaly (nipote del grande Andrea) e di Maria Mancu- labria Giovani). Il tema dell’incontro è di particolare inteso che con le sue sculture offre uno spaccato oltremodo ori- resse ed attualità riguardando direttamente le generazioni dei giovani ed il loro rapporto con il mondo della politica e ginale della realtà. con il criterio del merito. CATANZARO - Us Acli, conferenza stampa

Conferenza stampa di presentazione della presidenza e del Consiglio provinciale dell’Us Acli di Catanzaro eletti in occasione del VIII Congresso Provinciale nonché della presentazione dei progetti più rilevanti che questo Comitato organizzerà nell’estate 2009 e delle specifiche programmatiche relative all’attività del quadriennio 2009/2012. La conferenza avrà luogo sabato 18 aprile CATANZARO - Diagonal Jazz 2009 alle ore 10,30 presso la Sala Conferenze dell’Istituto L’associazione culturale Vivarium upc di Cz e la Regione Ca- Tecnico Commerciale “B. Grimaldi” sito in via Alessandro labria - Agenzia al diritto allo studio (Ardis) - nel quadro del- Turco n° 32 di Catanzaro. le attività culturali rivolte agli studenti universitari della città, presentano “Musiche del contemporaneo: la forma canzone, quale propaggine primaverile di Diagonal Jazz”. Il festival catanzarese - che giunge con questa ennesima produzione alla sua XVI edizione - in tale occasione si caratterizza artisticamente incentrando l’attenzione sulla cosiddetta forma Canzone. “Diagonal Jazz XVI ed. spring session, musiche del contemporaneo. La forma canzone”. Venerdì 17 aprile,Sabina Meyer con la partecipazione di Marco Siniscalco in Cruelly Coy; Sabina Meyer, voce; Marco Siniscalco, basso elettrico; giovedì 30 aprile, Dave Burrell, Leena Conquest in Leena Conquest sings the songs of Dave Burrell; Dave Burrell, pianoforte e composizione; Leena

CATANZARO - “Ccè ’ncuna cosa cchi on quatra” Teatro Hercules, traversa viale degli Angioini, domenica 19 aprile alle ore 19,30 la Compagnia Teatrale “Theatron” di Gasperina (Cz) presenta “Ccè ‘ncuna cosa cchi on quatra”. Testo e regia: R. Squillacioti. CATANZARO - Teatro Incanto, programma Il Teatro Incanto di Catanzaro presenta la stagione teatrale '09. 19 aprile, Compagnia teatro Hercules in "A scacammi n'atra", testo di Nino gemelli, regia di P.Procopio; 1-3-8-10-15-17-2224 maggio, la compagnia del Teatro incanto in "dui cambari e

CATANZARO - Confesercenti, assemblea elettiva La Confesercenti invita a partecipare ai lavori dell'assemblea elettiva regionale che si terrà lunedì 20 aprile, presso la sala delle culture palazzo della provincia in piazza Rossi. Programma dei lavori: ore 11.30, introduce: Antonino Marcianò, presidente regionale della Confesercenti; interventi: Giuseppe Galati, commissione parlamentare, su "attività produttive, commercio e turismo"; Agazio Loiero, presidente della regione Calabria; conclusioni: Marco Venturi, presidente nazionale Confesercenti.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 47

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa “Pandora” martedì 21 a Catanzaro

Settimana della cultura a Cosenza IL CARTELLONE

Lo spettacolo “Goodnight Italia” in scena domani a Chiaravalle Centrale

CATANZARO - Presentazione “Pandora” Presso la Sala delle Conferenze di Confindustria – Via Eroi 1799, - Catanzaro, martedì 21 aprile alle ore 10,30, l’Anmil (Associazione Nazionale fra Mutilati ed Invalidi sul Lavoro) terrà una conferenza stampa per presentare l’iniziativa denominata Pandora, “Progetto Accompagnamento Nazionale Disabili per Ottimale Reinserimento Aziendale”, promossa per richiamare l’attenzione sul tema sempre più scottante della sicurezza sul lavoro e la delicata situazione occupazionale in Italia i quali richiedono un impegno costante nella sperimentazione di nuove strategie, nuovi metodi e nuovi strumenti per il ricollocamento dei lavoratori infortunati. L’iniziativa ha avuto il contributo del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. CATANZARO - “Buon compenso del diabete” La "Campagna nazionale Bcd - Informati. Alleati. Protetti.", arriva in Calabria.L'"Unità mobile del buon compenso del diabete" sarà a Catanzaro in Piazza Basilica Immacolata martedì 21 aprile, dalle 9.00 alle 17.30, per informare e sensibilizzare i cittadini sull'importanza del raggiungimento del buon compenso del diabete. Presentazione alla stampa: il dr. Agostino Gnasso, presidente regionale Sid; sarà a disposizione dei giornalisti per presentare contenuti e strumenti della campagna presso l' "Unità mobile del Bcd". Per il patrocinio offerto all’iniziativa si ringraziano: la Regione Calabria;l'amministrazione Provinciale di Catanzaro; il Comune di Catanzaro.

niMaratona della “Magna Graecia”, corsa amatoriale su strada, organizzata dalla nuova associazione sportiva dilettantistica "Rari Nantes Cirò Marina", nata con l’obbiettivo di organizzare manifestazioni sportive, culturali, formative e ricreative del comprensorio calabrese. La manifestazione sportiva prevede un percorso dai 10km ai 18Km (ancora da definire il chilometraggio esatto). Il giorno della gara è fissato per domenica 21 giugno 2009, in alternativa in caso di maltempo si terrà domenica 28 giugno. Per le iscrizioni e tutti gli aggiornamenti fino ad inizio manifestazione si può visitare il sito www.minimaratona.it. COSENZA - Corsi di cucina, aperte le iscrizioni La Federazione Italiana Cuochi, l’Associazione Provinciale Cuochi Cosentini e Amira, Associazione Maitres Italiani Ristoranti e Alberghi, rendono noto che su www.aiscalabria.blogspot.com e su www.aiscalabria.it sono inserite le programmazioni complete dei corsi proposti per il nuovo anno: finger food, pasta fresca, antipasti di mare, cucina classica e sommelerie. Per informazioni e iscrizioni 3331807088 oppure info@aiscalabria.it" info@aiscalabria.it.

COSENZA - “Calabria 2009-Ricognizione di Pittura” “Il talento, la qualità creativa e lo spirito artistico legati alle radici del Mediterraneo, che si esprimono in modo diffuso e variegato, devono poter trovare, anche attraverso iniziative come quella che inauguriamo questa sera, l’energia per proiettare nel mondo l’immagine reale e veritiera della nostra terra. La tempra che esprimiamo deve diventare ambizione per liberarci dai falsi e negativi stereotipi, restituendo l’identità culturale che ci ha caratterizzato per secoli”. Così il Presidente della Provincia Mario Oliverio ha salutato l’inaugurazione della Mostra “Calabria 2009-Ricognizione di Pittura”, questo pomeriggio, al taglio del nastro presso la Galleria d’Arte Provinciale Santa Chiara, in Salita Liceo, che rimarrà aperta al pubblico fino a lunedì 15 giugno prossimo.

CATANZARO - Amici della musica L’associazione Amici della musica di Catanzaro presenta la stagione concertistica 2009. Di seguito si riporta l’intero programma delle iniziative: aprile: 24 aprile 2009, ore 18, presso palazzo de Nobili, Giuseppe Maiorca, pianista. Maggio: 8 maggio, ore 18, palazzo de Nobili, musica e poesia, Antonella Attili, attrice; Francesco Stillitano, pianista; Giusy Verbaro Cipollina, poeta; il 13 maggio , ore 21.00, presso il teatro Masciari, concerto di chiusura balletto "Etnika" compagnia mvula sungani.stribuiranno COSENZA - Consegna premio Agis “Andrea” e “Giulia” ovvero e Emanuele Bosi e Mary Petruolo le tradizionali ed intramontabili crespelle.

CATANZARO - “Riabilitazione della spalla” Venerdì 29 e sabato 30 maggio 2009, a Catanzaro, nella sala convegni “Casa delle Culture” presso la sede dell’ Amministrazione provinciale, in Piazza dell’Immacolata, si terrà il “Corso di formazione sulla chirurgia e riabilitazione della spalla” rivolto ai medici specialisti in fisiatria, ortopedia, ai medici di medicina generale ed ai terapisti della riabilitazione. CHIARAVALLE C. (Cz) - Stagione teatrale 2009 Programma stagione teatrale 2009 del teatro Tempo Nuovo di Chiaravalle Centrale: sabato 18 aprile, "Goodnight Italia" di N. Leonzio, G.Giugliarelli, S.Marino; regia di Lamberto Dorigo con Salvatore Marino, Federica Innocenzi; sabato 9 maggio, "I due gemelli veneziani" di Carlo Goldoni, compagnia Teatrale Tempo Nuovo. CIRO’ (Kr) - Minimaratona della Magna Graecia Domenica 21 giugno 2009 si svolgerà a Cirò Marina, la I Mi-

di “Questo piccolo grande amore” (“Q.P.G.A”), i fidanzatini d’Italia, arriveranno oggi, alle ore 10.30, al Cinema Citrigno di Cosenza. A loro sarà consegnato il “Premio Agis Scuola Nazionale”.

COSENZA - Cartellone Teatro Morelli Cartellone teatro Morelli. Teatro: oggi e giovedì 18 aprile, Vanessa Gravina "Vestire gli ignudi"; Sabato 16 e domenica 17 maggio, Eduardo Siravo, "Miles gloriosus". Musica: Venerdì 6 novembre, Lucio Dalla; Giovedì 3 dicembre, Gianluca Grignani; Lunedì 21 dicembre, opp.22 opp. 23 Harlem gospel; Giovedì 7 e venerdì 8 gennaio, Hair spray. COSENZA - “Catasto strade provinciali” Oggi, alle ore 16.30, presso la sala degli Specchi del Palazzo della Provincia, si terrà la presentazione del "Catasto strade provinciali". Saranno presenti sindaci, amministratori locali, assessori e consiglieri provinciali, rappresentanti delle forze dell'ordine. Introduce: Luigi Oliva, responsabile servizio informatico provincia di Cosenza; relazioni: Vito Nicolicchia, responsabile area Centro Sud - El-

dasoft S.p.A.; Alberto Novello, capo progetto catasto strade - Giove s.r.l.; interventi: Arturo Riccetti, assessore alla viabilità, infrastrutture, patrimonio - Provincia di Cosenza; Giuseppe Gagliardi, assessore ai trasporti Provincia di Cosenza; Pietro Mari, assessore all'urbanistica e governo del territorio - Provincia di Cosenza; conclude: il presidente della Provincia Gerardo Mario Oliverio; coordina: Mariuccia De Vincenti, addetto stampa presidenza. COSENZA - Calendario eventi La Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici della Calabria, diretta da Fabio De Chirico, ha in programma, dal 18 al 23 aprile, un ricco e variegato calendario di eventi: convegni, conferenze scientifiche, anteprime di mostre, spettacoli, presentazione di libri e periodici. Eventi culturali a Palazzo Arnone - Palazzo Arnone, 18 - 23 aprile; settimana della cultura 18 - 26 aprile. Sabato 18 aprile, alle ore 10.30, "Storie di restauri S. Giovanni Battista a La Valletta"; lunedì 20 aprile, alle ore 18.00, "L'Immacolata nei rapporti tra l'Italia e la Spagna"; martedì 21 aprile, ore 11.00, "...al di là del tempo" di Pasquale "Ninì" Santoro; mercoledì 22 aprile, alle ore 16.00, "Esperide - cultura artistica in Calabria. Storia - documenti - restauro"; giovedì 23 aprile, alle ore 16.30, "Vallet e ciftit - Vallje: danze tradizionali coreutiche".

COSENZA - Corso di formazione per medici Il Registro Tumori dell’Asp di Cosenza, a meno di un anno dalla sua istituzione, è già nel pieno dell’attività. Sabato 18 aprile 2009, presso la Sala degli Specchi del Palazzo della Provincia di Cosenza, ore 8.30, verrà presentato nell’ambito di un corso di formazione rivolto ai medici di medicina generale. Parteciperanno all’evento l’On. Agazio Loiero, Presidente della Regione Calabria, Franco Petramala, direttore Generale dell’Azienda Sanitaria di Cosenza, l’On. Gerardo Mario Oliverio, Presidente della Provincia di Cosenza e il Sindaco della città, Salvatore Perugini. Insieme a loro il dott. A. Guerzoni, Dirigente Generale del Dipartimento della salute e il dott. G. Brancati, Dirigente del Settore Prevenzione. Sarà, invece, il dott. A. Scalzo, Direttore Sanitario dell’Asp a presentare le attività che si terranno durante la giornata. Alla manifestazione interverrà il Professore Mario Fusco, Responsabile per l’Italia Meridionale ed insulare dell’ AIRTUM (Associazione Italiana Registro Tumori). Significativa la scelta di un dipinto di Franco Azzinnari, famoso artista calabrese, “Soffiava una fresca brezza” come immagine rappresentativa dell’iniziativa.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801


48 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Evento sportivo di arti marziali denominato “No painno gain” a Isca sullo Jonio

A Crotone “scrivere rende liberi” IL CARTELLONE

Concerto dei Pan Atlantic il 24 aprile al Teatro Rendano

COSENZA - “Sagrantino day international”

COSENZA - “Itinerari sperimentali”, gruppo teatrale

In Calabria il 20 aprile c’è il “Sagrantino Day International”, una degustazione che coinvolge oltre 4 mila sommelier. E’ in programma lo stesso giorno in 43 città del mondo, da Washington a Cosenza. In Calabria i sommelier si troveranno a Cosenza la sera del 20 aprile per degustare il vino umbro: il “Sagrantino di Montefalco Docg”, secco e passito. Durante la degustazione guidata saranno assaggiati 6 diversi tipi di Sagrantino secco annate 2004 e 2005, un Sagrantino Passito di una delle due vendemmie e altri 6 calici di “Montefalco Doc”, annata 2006.

Il gruppo teatrale “Itinerari sperimentali”, composto da operatori, volontari ed utenti del Centro di Salute Mentale (Csm) di Cosenza è stato selezionato- mediante concorso a cui hanno partecipato le compagnie di teatro del disagio di tutt’ Italia-, per la 4ª Biennale di Teatro Impegnato Nel Disagio Psichico “Treatrò anch’io”. La manifestazione si svolgerà il prossimo 25 maggio presso il Teatro Comunale “P.A. Guglielmi” di Massa. I teatranti porteranno in scena “La Luna in Maschera”, regia di Jerry Mussaro, una rivisitazione della maschera di Pulcinella che diventa pretesto e stimolo per rappresentare l’universalità della condizione umana. Lo spettacolo è stato ideato e realizzato all’interno del Corso di Formazione svoltosi nell’ottobre 2008, attivaCOSENZA - Associazione Jonica, stagione to da Itinerari Sperimentali, in collaborazione con altre asUna stagione concertistica ricca di grandi artisti, quella or- sociazioni di volontariato e dalla Formazione Asp Cosenza ganizzata dall’Associazione Culturale Jonica in collabora- e finanziato dal Centro Servizi Volontariato (Csv) di Cozione con il Comune di Cosenza. Programma: il 24 aprile, senza. sempre al teatro Rendano, concerto dei Pan Atlantic, uno straordinario quintetto jazz composto da musicisti italiani, francesi, austriaci, danesi e americani, guidati da BOBBY PREVITE e GIANLUCA PETRELLA. Mercoledì 6 maggio in programma l’inusuale mix dello spettacolo TAP OLÈ: un'esplosione di ritmo ed energia dove il virtuosismo e la passionalità della chitarra spagnola sono combinati con la precisione e l'eleganza delle coreografie e la spontaneità dell'improvvisazione.Venerdì 15 maggio, al Teatro “A. Rendano” si esibirà il giovanissimo DANIELE PAOLILLO, vero talento del pianoforte.Mercoledì 3 giugno al Teatro “A. Rendano” ancora un appuntamento con la musica classica: il Trio “CESAR CUI” formato da Iride Varani al flauto, Mariella Veltri al violino e Francesca Infante al pianoforte. Lunedì 15 giugno al Teatro “A. Rendano, LELLO ARENA incanterà il pubblico con ‘O CUNTO D’O SUDATO”, traduzione in chiave partenopea dell’ Histoire du Soldat di Ramuz su musica di Igor Stravinskij con: Lello Arena, Yari Gugliucci, Biancamaria D’amato, Barbara Giordano e l’ orchestra dal vivo “Officina Musicale” composta da otto elementi diretta da Orazio Tuccella. Mercoledì 15 ottobre al Teatro Rendano in scena la formazione rumena dei Taraf de Haidouks che presenta il suo nuovo progetto originale dedicato ai compositori classici che si sono ispirati a temi delle musiche tradizionali: “MASKARADA”. Eseguiranno brani di Bartok, Khachaturian, Ketelbey e Manuel de Falla, "re-tziganizzati" alla propria maniera. Il 25 novembre al teatro Morelli un TRIO LIRICO composto da Vincenzo Nizzaro, baritono; Pamela Chiriaco, soprano e Giuseppe Di Stefano, tenore accompagnati al pianoforte dal m° Amelia Aguglia. Sempre a novembre al teatro Morelli in data ancora da definire andrà in scena l’operetta “MY FAIR LADY” un musical del 1956 di Alan Jay Lerner, autore del libretto su musiche di Frederic Loewe, adattato dall´opera Pigmalione di George Bernard Shaw. Lunedì 21 dicembreal teatro Rendano l’HARLEM GOSPEL CHOIR, uno dei più importanti cori gospel del mondo.Il 27 dicembrearriverà sul palco del teatro Rendano il balletto più rappresentato durante le festività natalizie: “LO SCHIACCIANOCI” su musiche di Tchaikovsky nell’allestimento del Russian State Ballet Of Volga. Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 20,30. Il costo dell’abbonamento per i 12 appuntamenti è di132 euro. COSENZA - Lilt, raccolta fondi Moda Movie non è solo glamour, cinema e spettacolo ma è anche momento di riflessione sulle tematiche sociali. Infatti anche quest’anno per la XIII Edizione, la Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori di Cosenza) è partnership nel sociale con l’associazione Creazione e Immagine presieduta da Sante Orrico. Per questa edizione l’associazione Creazione e Immagine devolverà un abito realizzato dallo stilista Nino Massa alla Lilt, al fine di raccogliere fondi utili a quest’ultima. La raccolta fondi avverrà tramite una manifestazione, nella quale saranno venduti dei biglietti, che daranno la possibilità di partecipare ad una riffa conclusiva in cui sarà estratto il vincitore dell’abito in oggetto. Inoltre l’abito, sarà presentato in anteprima durante la conferenza stampa che si terrà il 18 maggio nel Salone degli Specchi presso il Palazzo della Provincia di Cosenza, e ufficialmente lo vedremo protagonista della passerella nella serata conclusiva del 25 maggio al Teatro Rendano.

COSENZA - Concerto di Claudio Baglioni

Dopo i Negramaro e Roberto Benigni, Piazza XV Marzo (piazza Prefettura), il 29 giugno ospiterà un big della canzone italiana, Claudio Baglioni. Si chiamerà “Gran Concerto – Qpga”, il nuovo spettacolo live del cantautore romano. Il terzo progetto, ispirato a Qpga, dopo il film e il romanzo, non è un semplice tour, ma una vera e propria opera moderna, il racconto in musica di un grande amore, cui seguirà un viaggio tra i pezzi storici del repertorio dell’artista. Una formula fortemente innovativa e altamente spettacolare con la quale, per la prima volta, sarà la dimensione live ad anticipare i contenuti di un album ancora inedito: il nuovo doppio cd del musicista, che verrà pubblicato dopo l’estate e che sarà possibile scoprire e ascoltare integralmente nell’esecuzione dal vivo. Una rappresentazione nella quale, grazie ad un super-schermo ciclorama, saranno le grandi immagini a fare da commento alla musica. Immagini inedite, che cinque troupe cinematografiche stanno filmando e che consentiranno di interpretare i passaggi della storia, attraverso una serie suggestiva e incalzante di salti temporali, interazioni fantastiche tra passato e presente. L’organizzazione dell’intero evento è curata dalla Iacobino Team. CROTONE - Egidio Ventura latino vivo!

Libreria Cerrelli Crotone presenta Egidio Ventura latino vivo! by Lamezia jazz. Egidio Ventura, piano; Rocco Riccelli, tromba; Pino Mazzulla, basso; Gigi Giordano, batteria, oggi, alle ore 21.00, presso la libreria Cerrelli in Via Emanuele 13/15 a Crotone. Infoline: 0962/21073. CROTONE - “Scrivere rende liberi” Nell’ambito del programma del festival “Culture in... Movimento 2008/2009” – Quarta Edizione – finanziato dalla Provincia di Crotone al Circolo Arci “Culture in... Movimento”, oggi, alle ore 21:00, presso la “Libreria Cerrelli” di Crotone si terrà una serata di musica e letteratura dal titolo “Scrivere rende liberi”. Egidio Ventura al piano, Rocco Riccelli alla tromba, Pino Mazzulla al basso e Gigi Giordano alla batteria, presenteranno “Latino Vivo”, un progetto di Egidio Ventura, prodotto da Lamezia Jazz, nato dopo un lungo periodo di riflessione sui modi di concepire il pianoforte all'interno di una visione contemporanea della tradizione e del repertorio cubano. Il colore della tradizione cubana incontra le geometrie armoniche delle improvvisazioni jazzistiche. Durante la serata, inoltre, saranno pubblicati, sulla brochure di presentazione della serata, i racconti elaborati nel corso dell'iniziativa organizzata lo scorso tre aprile, sempre nell'ambito del Festival “Culture in... Movimento”, dal titolo “Sei parole per un racconto”. Inoltre, durante la serata, è prevista degustazione del vino dell'Azienda Viti Vinicola “Du Cropio” - Cirò, di Giuseppe Ippolito.

CROTONE - Teatro Apollo, stagione 2008/2009 Programma stagione2008/2009 del teatro Apollo di Crotone: sabato 18 e domenica 19 aprile, Roma spettacoli Gianfranco D'Angelo, Ivana Monti "Un giardino di aranci fatto in casa" di Neil Simon, adattamento di Mario Scaletta, reCOSENZA - Moda Movie, XIII edizione gia di Patrick Rossi Gastaldi. Fuori abbonamenti: Giovedì La XIII Edizione di Moda Movie dal tema” Femme Fata- 26 e venerdì 27 marzo, teatro stabile di Calabria fondaziole” ha preso il via con la selezione dei 15 giovani stilisti che ne teatro Piemonte Europa Marianella Bargilli "Alè calais" prenderanno parte alla manifestazione che si svolgerà a di O. Guerrieri, regia di Emanuela Giordano. L’inizio degli Cosenza dal 23 al 25 maggio. spettacoli è previsto alle 20.30.

CROTONE - “Voler bene all’Italia” Anche quest’anno, alcuni tra i sobborghi più affascinanti e peculiari della nostra terra, apriranno le loro porte ai cittadini e ai turisti, per mostrare lo splendore di immensi tesori ancora troppo sconosciuti. Nel corso della conferenza stampa, saranno presentate tutte le attività previste per questa sesta edizione di “Voler bene all’Italia” alla quale hanno aderito numerosi comuni calabresi.La manifestazione regionale quest’anno si terrà domenica 19 aprile nel piccolo centro di Carfizzi (Kr). CROTONE - Concerto vocale e strumentale Il presidente della società Beethoven Acam, prof.ssa Mariarosa Romano, comunica che domenica 19 aprile, si terrà il concerto vocale e strumentale presso l'auditorium del liceo musicale "O. Stillo" (Largo Panella - nei pressi del parco delle rose) di Crotone alle ore 19.00. CROTONE - “Quanto è bello pedalare...” Sempre sotto lo slogan "quanto è bello pedalare sotto questo sole tra le vie della propria città" con un cappellino e una t-shirt con il logo della manifestazione 2009, mentre il traffico urbano è limitato alle auto e la sicurezza garantita dalle forze dei vigili urbani e della prociv; le associazioni promotrici delle manifestazioni As Bicincittà, Uisp, As Verde Azzurro, sono in stretto contatto con quelle locali per la miglior riuscita delle iniziative così programmate: a Crotone per il 24 maggio, a Mesorca per il 17 maggio, con il bistrò e tutti i circoli uisp del paese; Ciro’Marina per il 31 maggio, con la collaborazione della Pro Loco di Nicodemo Martino; con Cotronei per il 2 giugno, Strongoli Marina per il 21 giugno, con la collaborazione con il moto club; invece per Isola Cr e, Cutro, Torretta di Crucoli tra 17 maggio o 31, o altre date in maggio o giugno, con i diversi soggetti storici dell’organizzazione locale.

CROTONE - Torneo mondiale di calcio/5 Il Gruppo sportivo Federazione sindacale di Polizia di Crotone, in collaborazione con la Regione Calabria, la provincia di Crotone, il Comune di Crotone, il Coni e la Camera di Commercio, organizza il Torneo mondiale di calcio a 5 riservato alle forze di polizia e forze armate, che si svolgerà nella città di Crotone dal 16 al 20 settembre. ISCA SULLO J. (Cz) - “No painno gain” In data 18 aprile 2009 ore 18,30 ad Isca Marina provincia di Catanzaro e precisamente all’Open space studio, si svolgerà un evento sportivo di arti marziali, denominato “No painno gain” (senza dolore non si ottiene). Ci saranno incontri di kick boxing, thai boxe ed mma cioè arti marziali miste. L’evento è valevole per le selezioni ai mondiali che si terranno a Rimini 1-2-3 maggio 2009. Per la prima volta in Calabria la Kombat League, federazione leader nel settore degli sport da combattimento, organizza con la collaborazione dell’accademia arti marziali di Soverato e cioè la Zeus sporting club del M° Vito Gidari e la Scorpion Teem del M° Carlo Conte di Napoli, un evento basato sulle arti marziali miste. Infatti ormai il futuro degli sport da ring sarà basato sull’Mma, sport che deriva dal pancrazio e dalla lotta da strada. Pionieri leader sono stati i Brasiliani negli anni 50 con il Vale tudo dove nasce lo sport estremo da ring, subito dopo gli Asiatici e gli Americani ed infine gli Europei. Evento da non perdere. La manifestazione è patrocinata dall’amministrazione comunale di Isca sullo Jonio. LAMEZIA T. (Cz) - Al Samart... Il Samart avvisa la clientela che apre a pranzo il martedì, mercoledì, giovedì e venerdì con menù di carne e specialità di stocco. Le serate degli spettacoli sono il venerdì con serata live, sabato con il movimiento latino. Aperto anche a pranzo con menù a prezzo fisso. Info: 0968/53459.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax:

0961-903801


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 49

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Il Sabato del Villaggio”, rassegna di incontri tra letteratura e filosofia a Lamezia Terme

Sagra della soppressata a Petronà IL CARTELLONE

La mostra di pittura “Verità e bugie di vita” in programma a Locri

LAMEZIA T. (Cz) - Appuntamenti Uniter L'Uniter, Università della terza età e del tempo libero, presenta XX Anno Accademico 2008/2009 III Bimestre. Aprile, ore 17.00: oggi: prof. Italo Leone, Alcyone: il riposo del superuomo; 22 mercoledì: prof.ssa Costanza Falvo D’Urso, La Storia: il più celebre e discusso tra i romanzi di Elsa Morante; 24 venerdì: prof. Lucio Leone, Sui banchi di scuola nell’antica Roma (con video proiezione); 29 mercoledì: Bruno Tassone, Il Cantastorie. Maggio, ore 17.00, mercoledì 6:prof. Antonio Bagnato, Lorenzo Milani: il prete, l’educatore, il sovversivo; venerdì 8: prof. Daniele Macris, Aspetti di cultura, lingua e civiltà greca di Calabria; mercoledì 13: don Pino Falvo, Chiesa locale e Chiesa Universale; venerdì 15: Francesco Longo, La poesia canta l’amore, pianoforte: Claudia Mancini e Giovanna Muraca voce recitante: Caterina Menichini e Rosina Paonessa; mercoledì 20: prof. Vincenzo Villella, Giovanni Valentino Gentile, antitrinitario di Scigliano e avversario di Calvino, decapitato a Berna nel 1566;venerdì 22: prof. Giovanni Cimino e altri, Genio e follia nella scienza e nell’arte; mercoledì 27, prof.ssa Vittoria Butera, Il potere dello sguardo; venerdì 29, assemblea dei soci. Alla fine di marzo scade il termine ultimo per iscriversi all’Uniter.

LOCRI (Rc) - “Futbolito”, calcio a 5 Per il terzo anno consecutivo l’Associazione giovanile “Portale Giovani”, organizza l’evento sportivo “Campionato di calcio a 5. Città di Locri” denominato Futbolito. La manifestazione, patrocinata come sempre dall’assessorato alle Politiche giovanili e sportive della città locrese, vedrà per il 2009 gareggiare ben 12 squadre che tenteranno di conquistare il titolo della terza edizione. Il gruppo di “Portale Giovani” sarà accompagnato per tutto il campionato dalla collaborazione della cooperativa G.o.a.l. (Giovani Operatori Animazione Legalità) e dalla società “Amatori Calcio Locri”. Quest'anno il torneo è aperto ad atleti di ogni età, le iscrizioni sono già iniziate e il 5 maggio si inizierà a disputare il campionato a girone unico, dove le prime 8 squadre si qualificheranno per le sfide infuocate dei quarti di finale, le vincenti accederanno alle semifinali e poi alla finale secca.

LOCRI (Rc) - “Giugno locrese” Al via la 43esima edizione del “Giugno Locrese”. Nei prossimi giorni sul sito del Comune si potrà accedere ai bandi. Il concorso culturale si richiama alle edizioni precedenti. Per l’edizione 2009 del Giugno Locrese sono previste le categorie di poesia in lingua e in vernacolo; la categoria della “estemporaLAMEZIA T. (Cz) - Inaugurazione salumeria nea di pittura”; la categoria del concorso fotografico.ConferIl 18 aprile apre a Lamezia Terme sarà inaugurata la salu- mato anche il premio “Umberto Ferraro” con le cinque seziomieria Fiorucci “L'angolo dei sapori". L'organizzazione del- ni: Politica, Cultura, Giustizia, Imprenditoria, Giornalismo. l'evento è stata affidata all'agenzia di eventi e spettacoli Mou- La serata conclusiva sarà condotta dalla giornalista Anna La lin Rouge di Christian Napoli. Rosa, e si svolgerà domenica 28 giugno 2009 nel corso di una serata ufficiale che sarà tenuta nella corte del Palazzo di Città. LAMEZIA T. (Cz) - “Percorriamo il cambiamento” P4C prepare for change "Percorriamo il cambiamento: dalla green economy alle politiche generazionali" a Lamezia Terme il 18 aprile, presso il teatro Umberto I, alle ore 10.30. Coordina: Giuseppe Soluri, presidente ordine dei giornalisti della Calabria; saluti: Agazio Loiero, presidente giunta regionale Calabria; interverranno: Egidio Chiarella, presidente comitato per la qualità e la fattibilità delle leggi - Regione Calabria; Francesco Cicione, vice presidente Field Regione Calabria; Silvestro Greco, assessore all'ambiente e tutela delle acque della Regione Calabria; Demetrio Naccari Carlizzi, assessore al bilancio e trasporti regione Calabria; Andrea Losco, parlamentare Europeo Pd membro commissione economico - monetaria; conclusioni: Francesco Rutelli, senatore della Repubblica. LAMEZIA T. (Cz) - “Il Sabato del Villaggio” Torna la rassegna di incontri tra letteratura e filosofia «Il Sabato del Villaggio» che sabato 18 aprile alle ore 18.00, nella cornice dell’Auditorium dell’Istituto Magistrale di Lamezia Terme, vedrà protagonista Bice Biagi, figlia del grande e indimenticato maestro del giornalismo televisivo e della carta stampata Enzo Biagi.

LAMEZIA T. (Cz) - Mostra “Oggettinstabili” Dal 6 - 20 giugno, mostra-evento “Oggettinstabili II edizione Moti urbani stazionimpossibili”. La partecipazione alla mostra-evento prevede la compilazione dell'apposita scheda di iscrizione redatta in lingua italiana contrassegnando tutti i campi indicati: dati anagrafici del singolo partecipante o del gruppo di lavoro, indirizzo cui si desidera ricevere ogni comunicazione relativa alla mostra-evento, recapito telefonico, indirizzo e-mail, sezione cui si partecipa. Per ritenersi ufficializzata l’iscrizione è necessario allegare copia del versamento (in formato jpg) di euro 25 quale contributo alle spese di produzione dell’evento (spedire scheda e ricevuta versamento in formato jpg a info@400kc.eu. Le opere selezionate saranno esposte pubblicamente dal 6 giugno al 20 giuno 2009 a Lamezia - inoltre diventeranno patrimonio della Galleria permanente allestita nel sito www.400kc.eu, avranno notevole visibilità attraverso i canali mediatici e gli Enti istituzionali che collaborano con l’associazione. Al termine dell’evento tutte le opere saranno restituite agli artisti (spedite con corriere Sda alle rispettive sedi con spedizione a carico del destinatario). Info: 338/3985193 - 339/5837077 info@400kc.eu caterina@400kc.eu carlo@400kc.eu. LOCRI (Rc) - Mostra di pittura

L’Amministrazione comunale della Città di Locri presenta la mostra personale di pittura “Verità e bugie di vita”, di Antonio Bosco. La mostra si svolge nel salone di Palazzo Teotino – Nieddu del Rio e resterà aperta fino al 18 aprile con apertura dalle ore 10.30 alle 13.00 e dalle 17.30 alle 20.30. Ingresso gratuito.

Nazionale della Sila, aderendo all’iniziativa che, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, è promossa da un ampio Comitato Promotore, fra cui operano Legambiente e Federparchi, organizzano una manifestazione rivolta alla valorizzazione del territorio e dei prodotti enogastronomici che lo caratterizzano. L’iniziativa si colloca all’interno di un evento dall’eco nazionale il cui scopo è quello di richiamare l’attenzione sui Parchi e sulle aree protette per dare loro la visibilità meritata.In particolare, i veri protagonisti della manifestazione sono i piccoli Comuni, realtà fatte di coesione sociale, di convivialità, di laboriosità, di saperi e di conoscenze che si sono mantenute vive e preziose nel tempo. Fra questi, quelli ricadenti all’interno del territorio del Parco Nazionale della Sila che aderiscono all’iniziativa, aprendo le porte della città nel proporre le proprie eccellenze, sono i Comuni di Pedace, Bocchigliero, Longobucco, Spezzano della Sila e Petronà. Il Comune di Pedace e l’Ente Parco Nazionale della Sila organizzano “La giornata del cantastorie Goloso”, dedicata alla riscoperta degli antichi sapori, attraverso un itinerario del “Gusto Silano” dove gli odori ed i profumi del bosco invitano il viaggiatore stanco a soffermarsi davanti ad uno splendido paesaggio ancora incontaminato, fatto di alberi secolari e laghi lucenti. La manifestazione avrà inizio alle ore 10:00, presso la Piazza Municipio di Pedace, con l’esibizione dei “Tamburinari della Presila”, proseguirà alle 10:30 con la sfilata itinerante per i borghi della città accompagnata dalla musica della Banda Musicale Città di Pedace, cui seguiranno la Preparazione del Piatto – Pasta e Ceci e Pappardelle al cinghiale e la Degustazione dei piatti con assaggi di salumi e formaggi tipici. Alle ore 13:00, la Banda Musicale Città di Pedace chiuderà la manifestazione con l’Inno Nazionale d’Italia, tributo ad un Paese le cui tradizioni culturali, popolari, sociali, e le cui risorse paesaggistiche e naturalistiche rappresentano una fonte inesauribile di ricchezza ed il motore propulsivo di uno sviluppo consapevole del territorio.

MAIDA (Cz) - Festa regionale minivolley L'Asd Gss sport, comitato regionale Fipav Calabria, settore Fipav scuola e minivolley Calabria, comitato provinciale Catanzaro organizzano la festa regionale minivolley giorno 25 aprile, presso il centro commerciale Due Mari - Maida. La prima tappa regionale di minivolley e U13. PETRONA’ (Cz) - Sagra soppressata e capicollo La Pro-loco presenta, con il patrocinio dell’assessorato provinciale al Turismo, la I sagra della soppressata e del capiMAIDA (Cz) - Gianni Morandi in concerto collo. La manifestazione, promossa dal presidente della Dopo l'apertura con Fiorella Mannoia a Rende ed al Cilea di Pro-loco Giuseppe Muraca insieme ad altri iscritti, si terrà Reggio, confermato il secondo evento di "Fatti di Musica Ra- giorno 19 aprile con il seguente programma: ore 16, distridio Juke Box 2009" , la XXIII edizione della rassegna del mi- buzione e degustazione di soppressata e capicolli, insieme glior live d’autore diretta da Ruggero Pegna, dedicata alla "Lot- a vino novello. Balli e musiche, in serata, della locale scuota a leucemie e linfomi dell'Associazione Amena dell'Ospeda- la di danza Free Dance dei maestri Mario Gallo e Caterina le Pugliese di Catanzaro, che premia con il "Riccio d'Argento" Carpino. La festa si terrà in piazza Angelo Muraca. del celebre orafo Gerardo Sacco i migliori concerti d'autore dell'anno. Il secondo riconoscimento del 2009 andrà a Gianni Morandi che con "Grazie a tutti", il suo imponente nuovo tour PISCOPIO (Vv) - Festa degli Sconosciuti prodotto dalla "Ballandi", sarà l’ 8 e il 9 maggio al Teatro Ten- Prosegue la 51° edizione della Festa degli Sconosciuti e la da che sarà installato nell'area del Centro Due Mari a Lame- 11ª Festa di Giamburrasca. La manifestazione è patrocinazia Terme, lungo la superstrada Lamezia/Catanzaro nei pres- ta dalla Regione Calabria, dalla Provincia di Vibo Valentia, si dell' uscita di Maida. Avviata la vendita dei biglietti per i con- dal Comune di Vibo Valentia e dal Comune di Ricadi. Il procerti di Gianni Morandi del 8 e 9 maggio presso il Teatro Ten- gramma sarà il seguente: oggi alle ore 15,00 proseguimenda Lottomatica che sarà installato nell'area del Centro Due to delle selezioni c/o Biblioteca Comunale di Vibo Valentia; Mari a Maida, lungo la superstrada Lamezia/Catanzaro. La il 18 c.m. alle ore 19,00 esibizione di Teddy Reno, assieme prevendita dei biglietti al prezzo di euro 40.00 per la poltro- agli artisti selezionati, presso la sala convegni "Giuseppe nissima ed euro 30.00 proseguirà fino ad esaurimento nelle Berto" di Ricadi (Vv). prevendite autorizzate. Previsto anche uno sconto di quattro euro a biglietto per comitive di almeno venti persone, fino ad PRAIA A MARE (Cs) - Mostra esaurimento delle disponibilità. I concerti inizieranno alle ore Il Museo Comunale di Praia a Mare apre alla mostra del21.00. Info: 0968.441888 - www.ruggeropegna.it. l'artista Thomas Diego Armonia italiano di nascita e parigino d'adozione, che ha fatto dell’arte un mezzo di esclusività grazie ad un connubio rarissimo tra pittura, moda, oro e stoMONTAURO L. (Cz) - Finale Miss il Domani Sabato 18 aprile, alle ore 21.30, finale del concorso di bellez- ria antica e che resteranno nel Museo fino al 3 di maggio za "Miss il Domani 2009" sesta edizione, presso la struttura del- 2009. l'hotel Calalonga a Montauro Lido, organizzato dalla F&V di Franco e Veneranda Arena. Ingresso libero. REGGIO C. - Presentazione libro La storia della scuola elementare “Principe di Piemonte” di Reggio Calabria rappresenta un tassello importante della PARGHELIA (Vv) - Accademia Kronos, assemblea vita della città e della comunità reggina. Il volume “Il PrinL'assemblea regionale di Accademia Kronos Calabria si terrà cipe di Piemonte” di Mimma Suraci, edito dalla Città del Sosabato 25 e domenica 26 aprile, presso il Villaggio Aurum "Sab- le Edizioni, ricostruisce gli eventi legati alla sua nascita e albie Bianche" di Parghelìa. L'incontro si svolge pochi giorni pri- la sua lunga attività che l’ha resa autentico luogo di educama dell'assemblea Nazionale di Roma del 30 aprile. Lorario è zione e di crescita culturale per Reggio Calabria. La sua coil seguente: sabato 25, dalle ore 10.00 alle 13.00, e dalle ore struzione cominciò negli anni successivi al terremoto del 16.00 alle ore 19.00; domenica 26, dalle ore 9.00 alle ore 12.30; 1908 nella vasta area adiacente al Castello Aragonese, per con l’ordine del giorno: presentazione del consiglio Regiona- terminare solo nel 1925, quando fu intitolata a Umberto, file Ak della Calabria, ruoli nazionali, ruoli regionali, funziona- glio di Vittorio Emanuele III e principe di Piemonte. Il vomento coordinamento; presenza di Accademia Kronos in Ca- lume sarà presentato oggi alle ore 17,00 presso la stessa labria (Sezioni, comitati, delegazioni) e presentazione re- scuola, alla presenza del dirigente scolastico Enzo Zolea. Insponsabili - presidenti - segretari; costituzione nuove sezioni terverranno, oltre alla stessa autrice, lo storico Franco Aril(modalità, obblighi, programma - tipo delle iniziative); rela- lotta che si soffermerà sul contesto storico e socio culturale, zione sulle iniziative 2008 e primi mesi 2009 delle sezioni; pro- e la professoressa Rità Spanò, autrice della prefazione, che mozione attività regionali. illustrerà nel dettaglio i contenuti del saggio. Saranno presenti anche numerosi ex alunni, tra cui diverse personalità della città, come Mons. Domenico Nunnari. L’incontro sarà PEDACE (Cs) - La giornata del cantastorie goloso accompagnato anche dall’esecuzione di alcuni canti da parDomenica 19 aprile 2009, il Comune di Pedace e l’Ente Parco te del coro della scuola.


50 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Retrospettiva sul cinema italiano a partire dal 22 maggio al Teatro Francesco Cilea

Settimana della cultura a Reggio IL CARTELLONE

Incontri di storia, letteratura e psicologia nella Città dello Stretto

REGGIO C. - In memoria delle vittime del terremoto La Società Dante Alighieri, Comitato di Reggio Calabria, dedica alla memoria delle vittime del sisma del 1908 e alle vittime del terremoto che ha sconvolto recentemente l'Abruzzo, la cerimonia che si svolgerà oggi, alle ore 16,00, nell'Aula Magna dell'Università per Stranieri in Via Torrione, n. 95 di questa città. REGGIO C. - Turismo, presentazione risultati Oggi,ore 9.30 nel Salone della Camera di Commercio di Reggio Calabria, verranno presentati i risultati dell'Osservatorio Provinciale sul Turismo realizzato dalla Camera di Commercio in collaborazione con Isnart. REGGIO C. - Programma aprile Anassilaos L'associazione culturale Anassilaos presenta il programma aprile. Oggi,presso la Chiesa San Giorgio al Corso, omaggio a Don Primo Mazzolari nel 50° della morte. Ore 18.30, Santa Messa; ore 19.15, inaugurazione della mostra fotografica "San Giorgio Martire nell’arte figurativa"; ore 19.30, omaggio a Don Primo Mazzolari nel 50° Anniversario della morte. Incontro sul tema "un prete scomodo ma anche un profeta della Chiesa e del cattolicesimo democratico e sociale". Interverrà il dr. Franco Massara, martedì 21 aprile, ore 18.00, presso la sala San Giorgio al Corso, in memoria della "Grande Torino" la squadra di calcio pluricampione d'Italia nel 60° anniversario della Tragedia di Superga (4 maggio 1949). Intervento del dr. Francesco Palamara, venerdì 24 aprile, presso la Chiesa San Giorgio al Corso, consegna del premio Anassilaos San Giorgio Città di Reggio Calabria. Ore 19.15, saluto delle autorità; ore 19.30, proiezione del video realizzato da Giacomo Marcianò "San Giorgio tra arte storia e leggenda"; ore 19.45, consegna del premio; martedì 28 aprile, ore 18.00, presso la sala san Giorgio al Corso, incontro sul tema "La donna nella letteratura calabrese". Interviene la dr.ssa Maria Festa, saggista e studioso di letteratura. Presidente d’onore dell’associazione Anassilaos. REGGIO C. - Comunità montane, manifestazione

Oggi, alle ore 10.00, si terrà a Reggio Calabria, presso il Consiglio Regionale, la manifestazione indetta dalle Segreterie Regionali Fp. di Cgil, Cisl, Uil e dall’Uncem, per porre all’attenzione dei rappresentanti della massima assise calabrese, la situazione in cui versano le Comunità montane. REGGIO C. - Cgil, Cisl, Uil, iniziativa Le Segreterie Unitarie di Cgil, Cisl e Uil convocano per oggi alle ore 11,00 l’assemblea generale dei lavoratori delle Comunità Montane presso la sede del Consiglio Regionale della Calabria. A tale manifestazione hanno assicurato il sostegno e la partecipazione l’Uncem Calabria e tutti gli amministratori delle Comunità. REGGIO C. - Accademia Kronos e Club Re Italo Calendario delle attività promosse da Accademia Kronos Calabria e dal Club Unesco Re Italo di Reggio. Aprile: domenica 19, ore 8.00, escursione culturale (Pscs), Gallicianò, area di cultura Grecanica, chiesa ortodossa, conoscenza e valorizzazione tradizioni, arte e culinaria grecanica (Kumelca); lunedì 20, ore 17.00, presso il tipico, riunione club Unesco Re Italo; giovedì 23, ore 18.00, presso il tipico, riu-

nione accademia Kronos; dal 30 aprile al 3 maggio,assemblea nazionale federazione italiana club Unesco Cagliari; maggio: giovedì 7, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, incontro Pscs su gestione attività di promozione culturale; domenica 7, ore 8.00, escursione naturalistica (Pscs) Aspromonte, Cascate note come “Maesano” sull’Amendolea (“‘u scicciu ra spana”), diga sul Menta itinerario lungo il torrente Amendolea (in pullman fino alla diga, percorso a piedi diga - cascate); domenica 17, ore 8.00, escursione culturale club Unesco Re Italo (Giovani insieme) Palmi ed aree limitrofe (con la collaborazione del Club Unesco di Palmi); domenica 24, ore 8.00, escursione naturalistica (Pscs), Lago Costantino, San Luca (casa natale di Corrado Alvaro), itinerario parco letterario. Percorso a piedi da Pietra Longa (andata) e lungo la Fiumara Bonamico (ritorno), + visita borgo (Club Unesco); giovedì 28, ore 16.00, presso la sala consiliare circoscrizione Santa Caterina, riepilogo attività Pscs e incontro con stranieri; giovedì 28, ore 18.00, presso il tipico, riunione accademia Kronos; domenica 31, ore 8.00, escursione culturale naturalistica (Pscs), San Giorgio Morgeto, Castello, borgo, itinerario articolato, incontro con amministrazione comunale e gruppi di volontariato; giugno 2009: domenica 7, ore 8.00, escursione naturalistica culturale (Pscs), Scilla, traversata dello Stretto con barche di pescatori, Ganzirri, Capo Peloro. Visita guidata parco letterario “Horcynus Orca” e centri urbani interni (Club Unesco);mercoledì 17, ore 17.00, presso la sala palazzo storico della provincia, convegno e proiezione video escursioni Pscs; giovedì 25, ore 18.00, presso il tipico, riunione Kronos; venerdì 26, ore 19.30, presso la sala ristoro, conviviale con stranieri (Pscs).

REGGIO C. - Circolo Zavattini, proiezioni Anche quest'anno il circolo del cinema "Cesare Zavattini" organizzerà presso la sede del Cai una serie di proiezioni sulla montagna e sul rapporto tra uomo e ambiente. Le proiezioniavranno luogo alle ore 21.00, presso la sede del club Alpino Italiano sez. Aspromonte in via S. Francesco da Paola, 106 Reggio Calabria. Queste le date in programma: il 21 aprile, 9 giugno. REGGIO C. - Settimana della Cultura L’Archivio di Stato di Reggio Calabria, anche quest’anno, partecipa alla XI Settimana della Cultura. Per riflettere su questi temi si terrà presso l’Archivio di Stato di Reggio Calabria un incontro durante il quale parleranno della ricerca d’Archivio gli studiosi Maurizio de Marco- Dalla famiglia alla comunità. La genealogia come strumento di ricerca, Roberta Filardi- Ricerca documentaria e didattica. Le "Giornate Fai di Primavera – Apprendisti ciceroni" a Reggio Calabria, Alessandra Romeo- L’amore per la ricerca alla base del volontariato in Archivio, Antonino Sapone- Storie dell’altro mondo. L’emigrazione calabrese tra gli archivi nazionali e americani. L’incontro avrà luogo il 22 aprile alle ore 17,00 presso la Sala Conferenze dell’Archivio di Stato di Reggio Calabria sito in via Lia traversa Casalotto. REGGIO C. - “Reggio Calabria film fest” Al via la 5a edizione del “Reggio Calabria film fest retrospettiva sul cinema italiano”. Appuntamento a Reggio Calabria dal 22 al 25 aprile al Teatro Comunale Francesco Cilea. Sarà assegnato il premio "Corto raro" al miglior cortometraggio pervenuto.

REGGIO C. - Psico bar, incontri La cooperativa Imep, Istituto mediterraneo di psicologia che riunisce attorno alla dimensione psicologica professionisti del settore, offre alla cittadinanza reggina una nuova occasione di approfondimento riguardo i temi della Psicologia. La formula è quella originale degli Psico bar. Incontri per discutere, condividere e confrontarsi in un contesto da svago e aggregazione presso Caffè Italia in Via Miraglia n.6 a partire dalle ore 18.30. Di seguito il programma: martedì 28 aprile: “Ho fame di...?” - Il rapporto tra il cibo e le emozioni, con la partecipazione della dott.ssa S. Cordiani (psicologa, counselor adleriano); giovedì 07 maggio: “Ecce homo” - L’autostima ed il rapporto con se stessi, con la partecipazione della dott.ssa A. Rossi (psicologa); 21 maggio: “Alla ricerca dell’adrenalina” - La dipendenza da rischio, con la partecipazione della dott.ssa F. Salzone (psicologa). Gli incontri si terranno a partire dalle ore 18.30, presso il Caffè Italia in Via Miraglia n.6 a Reggio Calabria. Psico-bar è ad ingresso libero per tutti . Psico-bar è a cura della dott.ssa Maria Scordo e della dott.ssa Simona Cordiani. Info: 328.1918853/347.9673649 - www.cooperativaimep.it Prenotazioni: urp@cooperativaimep.it.

REGGIO C. - Storia, letteratura, psicologia... L'associazione “Nuovo Umanesimo”, il circolo culturale “G.Calarco” e l'istituto Mediterraneo di psicologia “ImeP” di Reggio Calabria presentano un ciclo di appuntamenti denominato “Incontri di storia, letteratura e psicologia”. Essi avranno come sede l'accademia della Belle Arti, saranno gratuiti. Al termine del ciclo sarà rilasciato un attestato di frequenza. Di seguito il calendario degli incontri: 13 maggio 2009, ore 17.00-19.00, autore Ariosto, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dr. G. Quattrone; mercoledì10 giugno, ore 17.00 - 19.00, autore Hemingway, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; mercoledì 15 luglio 2009, ore 17.00 - 19.00, autore Calogero, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica il dottor Paolo Praticò. REGGIO C. - “Italia Nostra”, conversazioni “Dai Paesaggi Sensibili dello Stretto ai Paesaggi Culturali della nostra città”: Italia Nostra di Reggio vuol porre così all’attenzione della cittadinanza, nei prossimi mesi, su tutti gli aspetti positivi dell’archeologia, della storia, della stessa edilizia di Reggio. E lo fa attraverso una serie di conversazioni tenute da soci e da esperti, che si svolgeranno presso la Sala Convegni della Biblioteca Comunale di Via Tripepi, introdotti dal Presidente dell’Associazione protezionista, Arch. Pino Bertone.La prima conversazione, che darà inizio al ciclo, sarà tenuta dall’Arch. Alberto Gioffrè, Socio fondatore di Italia Nostra di Reggio, sul tema del “Recupero dell’edilizia abusiva” (come rinnovare e valorizzare la maglia urbana del degrado): il terzo appuntamento sarà curato dalla Dott.ssa Rossella Agostino, già Presidente della Sezione reggina, sul tema dell’Archeologia e quotidianità della vita. Seguiranno altre conversazioni, sempre di mercoledì, il 20 maggio 2009, il 17 giugno 2009, il 23 settembre 2009, il 21 ottobre 2009, il 25 novembre 2009, per poi riprendere nell’anno successivo. Relatori saranno: il Dott. Franco Arillotta, il Prof. Franco Zagari, l’Ing. Claudio Bertonelli, la Prof.ssa Martorano Costabile, l’Arch. Nino Pellicanò, l’Ing. Giuseppe La face, ma la Conversazione del 21 ottobre sarà imperniata sul libro.


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 51

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Festival delle migrazioni e delle culture locali a partire dal 22 maggio in programma a Riace

“Il teatro è vita” a San Pietro a Maida IL CARTELLONE

“Rumori fuori scena” sabato 25 aprile in programma a Soverato

RENDE (Cs) - “De Andrè canta De Andrè” Partita la vendita dei biglietti per "De Andrè canta De Andrè" del 15 maggio 2009 alle ore 21.15 al Teatro Garden di Rende (Cosenza), grande omaggio a Fabrizio De Andrè con il concerto del figlio Cristiano che ne eseguirà tutti i maggiori successi, anche attraverso ricordi personali. L'evento fa parte della XXIII edizione della rassegna "Fatti di Musica Radio Juke Box", la rassegna del miglior live d'autore ideata e diretta da Ruggero Pegna abbinata alla "Lotta a Leucemie e Linfom" dell' A.m.e.n.a. di Catanzaro (associazione per le malattie ematologiche neoplastiche dell'adulto).

presidente dei Giovani Industriali di Cosenza Fortunato Amarelli, il direttore della Scuola Diocesana di Formazione Socio-Politica Salvatore Martino, il vice presidente della Federazione Italiana Antiracket Renato De Scisciolo, il Parlamentare Marco Minniti, il Segretario Generale Siap Nazionale (Sindacato Italiano Appartenenti Polizia) Giuseppe Tiani. Al meeting, moderato dal giornalista Matteo Lauria, interverranno anche il Presidente della Provincia di Cosenza Mario Oliverio, il Segretario Generale Regionale Uil Calabria Roberto Castagna e il Dirigente del III Circolo Didattico di Rossano Rosa Pirillo.

RIACE (Rc) - Festival delle migrazioni Riace ha deciso di dar vita alla prima edizione di A – Accoglienza. Festival delle migrazioni e delle culture locali che si svolgerà dal 22 al 24 maggio:un concorso per filmaker aperto a tutti su temi attuali e importanti quali il recupero della memoria, delle tradizioni e della cultura materiale e ancora dell’accoglienza, della solidarietà, della condizione dei profughi e dell’incontro fra culture diverse. Un festival che cerca anche l’interesse dei giovani attraverso una sezione per cortometraggi a tema libero e una su videoclip musicali. Il concorso si articola in quattro sezioni di partecipazione: Cortometraggi a tema libero; Migranti aperto a storie e incontri visti dai migranti e/o dai nativi, in Italia, come in altri paesi, con particolare attenzione al Mediterraneo, nonché a inchieste e reportage sulle dinamiche che si creano nella società, nella politica e nella cultura; Culture locali cultura materiale aperta a film relativi alla ricerca e alla salvaguardia di culture, società, lingue e tradizioni locali, compresa la “cultura materiale”, e il loro rapporto con la modernità; Videoclip Musicali aperta a videoclip musicali a tema libero della durata massima di 6', senza preclusioni di stili o di generi musicali. Gli aspiranti partecipanti dovranno inviare i propri lavori entro il 30 aprile 2009 e troveranno tutte le informazioni sulla iscrizione nel sito www.riaceinfestival.it . L’iniziativa è promossa da: Comune di Riace, Rete Comuni Solidali, Asgi-Associazione Studi Giuridici Immigrazione e Associazione Città Futura Don Giuseppe Puglisi Riace.

SAN PIETRO A M. (Cz) - “Il teatro è vita” E’ al via la II stagione teatrale “Il teatro è vita”. La manifestazione è organizzata dall’associazione “Pier Giorgio Frassati” di San Pietro a Maida in collaborazione con: l’Aido (Associazione Italiana Donazione Organi); l’Atec (Associazione Trapiantati Epatici Calabresi); la Proitalia (Dipartimento Cultura e Donazione Organi), con il patrocinio dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro e sostenuta dalla Mediabet. Questi gli appuntamenti previsti: 18 aprile 2009 “Volare” di Dario D’Ambrosi con Dario D’Ambrosi e Lorenzo Alessandri e per finire sabato 30 maggio 2009 “Concerto del Complesso Bandistico Giovanni Paolo II” di San Pietro a Maida”. L’Ingresso è gratuito.

ROSSANO (Cs) - Stagione teatrale, programma La città di "Rossano la bizzantina" presenta la stagion 2009 presso il teatro San Marco, Teatro per tutti a Teatro. Programma: oggi, Adolfo Adamo in "Serendipity" con Chiara Pavoni; musiche E.Cupellini, C.Rizzuti; scenografia N.Tornello; regia di A.Adamo, (Unica data in Calabria); 22 aprile, compagnia Corrado Abbati in collaborazione con associazione internazionale operetta Trieste con gli allestimenti dell’ente lirico teatro G. Verdi Trieste presentano: "Al cavallino bianco" di Hans Muller e Erik Charell; musiche di Ralph Benatzky; orchestra dal vivo - direttore Marco Fiorini;adattamento e regia Corrado Abbati (Unica data in CalabriaCampagna abbonamenti: abbonamento poltronissima, euro 80.00; abbonamento poltrona euro 60.00; abbonamento speciale “Carta Giovani” euro 40.00; speciale abbonamenti famiglia: due abbonamenti interi (poltronissima o poltrona) danno diritto ad un abbonamento omaggio per un figlio di età inferiore a 14 anni. A tutti gli abbonati verrà offerto l’ingresso gratuito per lo spettacolo “Serendipity" del 17 aprile. Biglietti: platea poltronissima euro 20.00; A Teatro con (Se acquisti due biglietti poltronissime) euro 35,00; platea poltrona euro 15.00; A Teatro con (Se acquisti due biglietti poltrona) euro 25,00; galleria euro 10.00; cinque con (Per gruppi di sei) euro 50,00. Acquisto biglietti presso il Teatro San Marco tre giorni prima di ogni spettacolo.Biglietti spettacolo “Serendipity” del 17 aprile; platea (posto unico) euro 10.00; galleria (posto unico) euro 5.00. Informazioni generali saranno presenti nella rete internet ai seguenti indirizzi: \n www.rossano.eu - www.generazionefutura.com www.sibarinet.it - www.teatro.org - www.jblasa.com; email: ufficio stampa@rossano.eu; info@generazionefutura.com; 360/39.56.26; 0983/529.224. Tutti possono usufruire gratuitamente del servizio di prenotazione telefonica. La prenotazione bloccherà le poltrone fino ad un giorno prima dello spettacolo, trascorso questo tempo se i biglietti non verranno ritirati le poltrone verranno rivendute. ROSSANO (Cs) - “Legalità e sicurezza”, convegno Il Comune di Rossano, assessorato alla Legalità e alla Sicurezza guidato da Giovanni Fortino, in collaborazione con il sindacato Italiano Appartenenti Polizia, ha organizzato il convegno “Legalità e sicurezza: fondamenti di democrazia per lo sviluppo” che si terrà sabato 18 aprile, alle ore 11:00, nella sala rossa di Palazzo San Bernardino. Al convegno parteciperanno il sindaco di Rossano Franco Filareto, l’assessore alla Sicurezza del Comune di Rossano Giovanni Fortino, il presidente dell’Associazione Nazionale Antimafia “Riferimenti” Adriana Musella, il

Per partecipare gli autori e/o le Case Editrici devono fare pervenire le opere, con l’indirizzo ed il recapito telefonico dell’autore e l'indicazione della sezione per la quale concorrono, entro la data del 30 aprile 2009 al seguente indirizzo: Premio letterario Città di Siderno presso Aldo De Leo Via C.Battisti, 75 - 89048 Siderno (Rc). La partecipazione al premio comporta la piena accettazione del presente bando. SIMERI CRICHI (Cz) - Maratona Stracrichi L'associazione volontari italiani sangue Avis comunale di Simeri Crichi organizza la 2ª maratona Stracrichiil 14 giugno, ore 16.00, presso la piazza Martiri a Simeri Crichi. Per ulteriori informazioni: 368/560945 - 333/9725089. SOVERATO (Cz) - Al Bar Mario Progamma Bar Mario: ogni mercoldì dott. why; giovedì Isa e il so karaoke; venerdì francysdrag queen; domenica scandlo con tesy voice superkaraoke.1, 2, 3 maggio festa della birra.

SOVERATO (Cz) - “I giovani per la legalità” L'osservatorio Falcone Borsellino Scopelliti organizza per lunedì 20 aprile, alle ore 16.00, presso la sala conferenze dell'Itc "A. Calabretta" di Soverato, una conferenza stampa in cui verranno annunciati i vincitori del premio nazionale "i SCALEA (Cs) - Global beat moviment giovani per la legalità", indetto dall'osservatorio, dedicato Il 12 luglio 2009, in località Riva Chiara di Sellia M., sera- quest'anno a Giovanni Falcone.

ta al locale Tarantula con i "global beat Moviment" un mix di tarantella, pizzica, ska e reggae.

SETTINGIANO (Cz) - Booling Center Il Booling Center, aperto durante la settimana tranne il lunedì, comunica le proprie promozioni: martedì e mercoledì "Più giochi e meno paghi", giovedì e domenica "Promozione coppia", sabato "Birillo rosso". SETTINGIANO (Cz) - All’Orso Cattivo Ogni giovedì: "Toda Joia"!!! presso L'Orso Cattivo a Settingiano. Zona ristorante: Dr. Why - il gioco a quiz per locali (ore 21.00); "Toda Joia" - Dj's: Gianluca Napoli, Tatto and Beat&Love (ore 23.30). Zona pub: balli caraibici: salsa, merengue Y bachata (tutta la sera!). Ingresso: 10 euro (solo 5 euro se segnali la tua presenza sul sito www.movidacommunity.it. SIBARI - Settimana della Cultura

Il Ministero per i beni e le attività culturali, in collaborazione con tutti i suoi istituti, promuove la Settimana della Cultura, quest’anno giunta all’XI edizione con lo slogan "la cultura è di tutti, partecipa anche tu". In questo contesto Silvio Vigliaturo - che da anni ha una solida collaborazione con l’Unical ed è, insieme a Gerardo Sacco e Santo Versace, testimonial nel mondo dell’ateneo calabrese - espone una collezione di sculture in terracotta e una serie di installazioni e opere in vetro presso il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, che raccoglie tutte le testimonianze materiali della Sibaritide dall’età protostorica all’età romana, ed in particolare il ricco e glorioso passato di quella che fu una delle più importanti poleis della Magna Grecia: Sybaris. Mostra: Kleombrotos - Vigliaturo, una lettera dal passato, presso il museo nazionale archeologico della Sibaritide, località Casa Bianca, a Sibari (CS); vernissage: 18 aprile,alle ore 11.00; orario mostra: tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.30. Lunedì chiuso. Curatori: Anna Lucia Casolaro, Domenico Marino, Vittorio Amedeo Sacco; testi di: Bernard Légé e Vittorio Amedeo Sacco; periodo: dal 18 aprile al 31 maggio. Info: 0981/79391-2 - www.museovigliaturo.it. SIDERNO (Rc) - Premio “Armando La Torre” E’ indetta la sesta edizione del Premio Letterario Città di Siderno “Armando La Torre” che si articola nelle sezioni di narrativa e saggistica. Il premio, patrocinato dal Comune di Siderno, dalla Regione Calabria e dalla Provincia di Reggio, gode del riconoscimento del Ministero per i Beni e le Attività culturali. Regolamento: narrativa, si partecipa con opere di narrativa scritte in lingua italiana e pubblicate dal 1°gennaio 2008 alla data del presente bando. Ogni autore o Casa Editrice può partecipare con più opere; saggistica: si partecipa con opere di saggistica scritte in lingua italiana e pubblicate dal 1° gennaio 2007 alla data del presente bando. Ogni autore o Casa Editrice può partecipare con più opere, presentando per ognuna di esse cinque copie; giuria: le opere saranno esaminate da una giuria tecnica composta da autorevoli esponenti del mondo della cultura, il cui giudizio è insindacabile ed inappellabile.

SOVERATO (Cz) - Slow food, inziative culturali

L’associazione Slow food di Soverato promuove una serie di iniziative culturali rivolte alla conoscenza e valorizzazione delle caratteristiche culturali e sociali del territorio e si pone l’obiettivo di promuovere iniziative rivolte all’acquisizione di strumenti di conoscenza del "gusto" da parte di cittadini sempre più attenti e numerosi. Tra queste azioni rientra il progetto in corso presso l’istituto alberghiero di Soverato che pone l’accento sulla necessità che i futuri operatori del settore enogastronomico diventino i depositari della cultura e della tradizione del territorio. Gli incontri di educazione sensoriale e alimentare, con presentazione dei prodotti calabresi (Olio, formaggio, miele, vino, salumi), hanno un contributo economico di compartecipazione concesso dall'assessorato alla pubblica istruzione della Provincia di Catanzaro. Gli incontri sono articolati in 5 moduli, uno per ogni prodotto, curati dagli esperti Slow Food e si tengono nell’istituto alberghiero Ipssar di Soverato durante le attività didattiche di valorizzazione della cucina tradizionale. In questa esperienza sono coinvolte alcune classi del corso serale, coordinate dal professore Raffaele Colosimo, docente di scienza dell’alimentazione. La programmazione è così articolata: presentazione e discussioni preliminari in aula: aprile. Presentazione con proiezioni presso la sala biblioteca dell'ipssar: salumi, lunedì 20 aprile, ore 17.00-20.00; formaggi, giovedì 23 aprile, ore 17.00-20.00; vino, lunedì 27 aprile, ore 17.00-20.00; olio, giovedì 30 aprile, 17.00-20.00. Conclusione: martedì 5 maggio, ore 17.00-20.00: presentazione dei prodotti, incontri con i produttori, laboratori del gusto.

SOVERATO (Cz) - Teatro del Grillo Ha ufficialmente avuto inizio la stagione 2009 del Teatro del Grillo di Soverato, che da gennaio a fine aprile ospiterà eccellenti compagnie del teatro italiano oltre alla Compagnia della scuola di teatro Spazioscenico e alla Compagnia del Grillo. Programma:concluderà la stagione, a partire da sabato 25 aprile, la nuova produzione della Compagnia del Grillo: “Rumori fuori scena” per la regia di Claudio Rombolà. Una irresistibile storia di teatro nel teatro dove ritmo, equivoci e colpi di scena fanno del testo di Frayn una delle farse più fortunate degli ultimi trent’anni. Costo abbonamento a 5 spettacoli 88,00. Turno A: pomeridiana ore 17.00 o primo giorno di rappresentazione. Turno B: serale ore 21.00 o secondo giorno di rappresentazione. Gli abbonati alla stagione precedente possono confermare il posto telefonando o lasciando un messaggio al N. 0967 -23156 oppure tramite e-mail all’indirizzo di posta elettronica di seguito riportato "teatrodelgrillo@libero.it". SOVERATO (Cz) - Stagione teatrale Programma della stagione teatrale 2008/09 a Soverato: sabato 25 aprile 2009 Teatro instabile d’Aosta Mimondi regia Marco Chenevier; domenica 3 maggio 2009 Giorgio Albertazzi “Lezioni americane “di Italo Calvino.


52 Venerdì 17 Aprile 2009 il Domani

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Prima edizione del trofeo regionale di pallamano domenica 19 aprile a Vallefiorita

“Festa della birra” a Soverato IL CARTELLONE

Conferenza stampa di Italia dei Valori oggi a Vibo Valentia

SOVERATO (Cz) - Festa della birra Il bar Mario comunica che è in fase terminale la definizione del programma che si terrà in occasioe della seconda Festa della birra- Città di Soverato nei giorni 1-2-3 maggio 2009.All'interno di detta manifestazione si esibiranno gruppi musicali di vario genere, (taranta, pizzica, cover etc..)prestigiatori, cabaretisti. L'organizzazione della festa della birra - Soverato 2009 - comunica che, all'interno della manfestazione, vi sarà l'assegnazione del premio Giorgio Gioviale - dedicato alla memoria del giovane soveratese deceduto tragicamente più di vent'anni fa. Il premio è riservato agli artisti che vorranno esibirsi nei giorni 1-2-3 maggio come cabarettisti, musicisti e consiste in una somma messa a disposizione della famiglia Gioviale e dall'organizzazione. Programma: ve-

nerdì 1 maggio, apertura ore 17.00; ore 17.30, Dr. Why – Gioco a Quiz Interattivo - in gara i quartieri di Soverato ; ore 18.30 , Festival Di Cabaret - Ospiti Iduecò... (Duo Cabarettistico Calabrese); ore 20.30, sagra della melanzana – Piatto unico a base di melanzane; ore 21.00, ironia e cabaret con le Drag Queen (Francys); ore 22.00, concerto Dei Marasà. Sabato 2 maggio, ore 17.30, finale regionale del Dr. Why – Gioco a Quiz Interattivo; ore 19.00, Mago Florius (spettacolo di Magia e Cabaret); ore 20.00, sagra del panino con la salsiccia; ore 20.30, festival di cabaret - Ospite Cesare Gallarini (Comico e autore, collabora ai testi con Aldo, Giovanni e Giacomo e I Fichi D’India); ore 22.00, concerto degli Ariacorte (Pizzica Salentina). Domenica 3 maggio, ore 17.30, Il Fantastico mondo dei Bambini – Festa con maschere e gadgedts per i bambini; ore 18.30, festa del mangione – Gara a premi per chi mangia più panini; ore 19.30, Tesy Voice - Gara di Superkaraoke e Superpremio; ore 20.30, sagra della trippa; ore 21.00, finale del Festival Di Cabaret - Ospite Francesco Addeo e il Suo Cabaret Magico; ore 22.00, concerto di Mimmo Cavallaro ( Tarantapower).Per ulteriori informazioni rivolgersi al numero 3280715176 oppure inviare mail a barmario.vs@libero.it. SOVERIA M. (Cz) - “Scrittori in campagna” Riscoprire il legame fra scrittura, arte e natura. Questo lo spirito di “Scrittori in campagna”, quindici weekend in aziende agrituristiche che si terranno nei mesi di marzo e aprile all’insegna della riscoperta dei territori rurali del nostro paese. A organizzare l’iniziativa è “Leggere:tutti”, mensile diretto da Giuseppe Marchetti Tricamo, in collaborazione con Agri@tour e Anagritur, con il patrocinio del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Si tratta una serie di weekend letterari con la partecipazione di scrittori che pernotteranno in agriturismo e animeranno gli incontri in programma, aperti, oltre che agli ospiti, alla popolazione rurale del territorio circostante. L 'iniziativa avvicina gli scrittori in campagna, in un luogo sicuramente più consono alla scrittura e alla lettura. Partita dal Lazio e dalla Toscana, farà tappa in Calabria il 18 e il 19 aprile presso l’agriturismo la rosa nel bicchiere di Soveria Mannelli. L’incontro calabrese “Sequenze di gusto”, vedrà la partecipazione del critico cinematografico Christian Uva, che intratterrà gli ospiti parlando del connubio tra cinema italiano, cibo e letteratura. Dibattiti, proiezioni, letture e gastronomia allieteranno gli ospiti dell’agriturismo che a cena potranno gustare alcuni “piatti cinematografici” celebri, ripresi da quelle pellicole che hanno reso grande il cinema italiano del ‘900 e i suoi protagonisti dal Couscous di Marrakesh Express alla sacher torte di Nanni Moretti.Il weekend sarà così formulato: sabato 18 aprile alle ore 17.30 incontro con Christian Uva che parlerà di “Cinema, cibo e letteratura”, a seguire “cena cinematografica” con la degustazione di piatti cinematografici celebri. Domenica 19 aprile alle ore 10.00 colazione con l’autore che parlerà di “Cinema e nuove tecnologie digitali”, seguirà il pranzo della domenica a base di prodotti tipici. Per info e prenotazioni: 096866664275 - 0968666668 3496886589, info@larosanelbicchiere.it, www.larosanelbicchiere.it.

SQUILLACE (Cz) - Visite guidate L'associazione Largot costituita da guide specializzate munite di patentino e autorizzate dalla Regione Calabria, offre il servizio di visita guidata alla rassegna espositiva allestita al Complesso monumentale del San Giovanni Catanzaro dedicata ai pittori del seicento Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti info www.calabriaguide.it 0961-34618 333-8002471. Inoltre, la stessa associazione, mette tutti i giornidalle 9.30 alle 12.30, e dalle 15.00 alle 18.00, a disposizione le guide turistiche che accompagneranno i visitatori al centro storico di Squillace e al Parco archeologico Scolacium di Bor-

gia. Per ulteriori informazioni contattare i numeri di tel: 0961/34618 - 368/7376942 - 347/1094691 - 320/0473698 - oppure consultare il sito internet di seguito riportato www.calabriaguide.it. TAVERNA (Cz) - Largot, visite guidate La Largot, svolge servizio di visite guidate al museo civico, alla chiesa di San Domenico e chiesa di Santa Barbara e alla galleria di arte contemporanea, per associazioni, scuole, fondazioni e gruppi (min 30 pers.). Il servizio sarà effettuato su prenotazione. Info: 0961/34618 368/7376942 - 329/9149079 - 347/8871177 - o visitare il sito www.calabriaguide.it. TAVERNA (Cz) - Opere di Mattia Preti al Museo Due nuovi capolavori di Mattia Preti pertinenti la collezione della Banca di Credito Cooperativo della Sila Piccola si possono ammirare nel Museo Civico di Taverna. Si tratta di un bozzetto ad olio su tela di cm.77x41 raffigurante “San Sebastiano” e di un dipinto di cm.157x122 raffigurante “San Girolamo Penitente”, realizzati entrambi dal Cavalier Calabrese nel ventennio 1680-’90. L’evento consentirà a visitatori e studiosi di apprezzare completamente il corpus delle ventitrè opere pretiane di Taverna conservate (oltre che nella stessa sede museale) nelle Chiese di S.Domenico e S.Barbara. Il prestito, stabilito in forma di deposito, è stato eccezionalmente concesso all’Istituzione Culturale tavernese dal Consiglio di Amministrazione della banca presilana presieduto dal presidente Nicoletta e dal Direttore Cariati. Il museo civico è visitabile tutti i giorni, dal martedì alla domenica, (tranne il lunedì) con i seguenti orari 9.30-12.30 e 16.00-19.00. TAVERNA (Cz) - Al Mattia Pub Programma del Mattia Pub di Taverna: sabato 18 aprile, serata Live con Rubiera blues Cover Ligabue; venerdì 24, gara di Karaoke con Lisa e Ercole; sabato 25, Il cervellone con movida Calabria. Per info Lia Tommaso 338/1065099 myspace.com/mattiapub - mattiapublia@libero.it. VALLEFIORITA (Cz) - Trofeo regionale pallamano Le società sportive di pallamano Vallefiorita e Catanzaro Lido, in collaborazione con: Urbi Calabria, Unione regionale bonifiche e irrigazioni per la Calabria, il Comune di Vallefiorita, la Pro Loco di Vallefiorita, comunità montana Fossa del lupo e con il patrocinio della Figh - comitato regionale Calabria pallamano, organizzano per domenica 19 aprile, il 1° trofeo regionale di pallamano "Città di Vallefiorita", riservato alle squadre maschili e femminili della categoria under 16. Parteciperanno le squadre maschili di: handball Catanzaro Lido/Vallefiorita - handball Lamezia 95 pallamano Calabria Crotone pallamano Reggio Calabria; e le squadre femminili di: handball club Catanzaro - handball Lamezia 95 aspak Caulonia - As handball Cosenza. In caso di pioggia il torneo sarà rinviato ad altra data. Programma della manifestazione: mattina: ore 8.45, arrivo delle squadre presso il punto accrediti della manifestazione sito in Via dello Stadio, nei pressi dello stadio comunale di Vallefiorita, per il ritiro del materiale. (Divise da gioco ed altri gadget); ore 9.00, inizio manifestazione. Tutte le gare si disputeranno presso la palestra comunale di Vallefiorita e saranno arbitrate da personale Figh con il seguente programma: fase di qualificazione (tempi da 20') ore 9.15, femm, Hc Catanzaro - H. lamezia 95; ore 10.15, masch, H. catanzaro/Vallefiorita - Handball Cosenza; ore 11.15, femm, Aspak Caulonia - Handball Cosenza; ore 12.15, masch, Pall. Calabria - Pall. Reggio Calabria; ore 13.30, pausa pranzo, ritiro presso il punto accrediti del cestino offerto dalle ditte Gualtieri Antonella e Le Zagare, da consumarsi presso gli spalti del campo di calcio adiacente. Nel corso della giornata sarà distribuita alle squadre acqua Calabria. I genitori, parenti e amici dei partecipanti che volessero pranzare potranno usufruire dell'offerta di un pasto completo a menù fisso concordato con l'organizzazione al prezzo di euro 10,00 a testa salvo eventuali extra da consumarsi presso i seguenti esercizi pubblici: ristorante La Piazzetta; bar Il Ponte; pizzeria Tabù. In questo caso è gradita la prenotazione anticipata, possibilmente entro venerdì. Pomeriggio: ore 15.00, ripresa delle gare con il seguente programma: incontri di finale - (tempi da 15' per 3 e 4 posto; e da 20' per 1 e 2 posto); ore 15.00, femm. finale per 3 e 4 posto; ore 15.30, masch, finale per 3 e 4 posto; ore 16.00, femm, finale per 1 e 2 posto; ore 17.00, masch, finale per 1 e 2 posto; ore 18.00, al termine delle finali si effettuerà la premiazione di tutte le squadre; ore 18.30 circa, rientro delle squadre. Autorità presenti alla manifestazione: per il Coni, comitato olimpico nazionale italiano, Antonio Sgromo, presidente provin-

ciale di Catanzaro; Claudio Perri, presidente provinciale di Crotone; per la Figh, federazione italiana giuoco Handball pallamano, Giovanni Filice, consigliere nazionale Figh; Gaetano Conforti, presidente comitato regionale Figh; Raffaele Caputo, consigliere del comitato regionale Figh, presidente provinciale di Reggio Calabria; Giuseppe Neto, responsabile regionale settore scuola Figh; Francesco Torchia, responsabile regionale settore tecnico Figh; Francesco De Vita, presidente regionale settore arbitri; per gli enti locali: Bruno Giovanni, sindaco di Vallefiorita; Manno Grazioso, presidente Urbi Calabria; Bruno Enzo, presidente comunità montana "fossa del lupo"; Sestito Antonio, presidente pro loco Vallefiorita. Per ogni altra informazione: 0961/919639 - 388/1929839 - 340/7487497 - 338/9147809 Catroppa62@libero.it. VIBO V. - “Italia dei Valori”, conferenza stampa Oggi,alle ore 11.30, presso il Palazzo Municipale di Vibo Valentia, Italia dei Valori terrà una conferenza stampa per annunciare l'adesione al partito del consigliere comunale Michele Furci. Saranno presenti il segretario regionale di IdV Aurelio Misiti, il commissario provinciale Giovanni Bianco e il responsabile cittadino del partito, Sergio Barbuto. VIBO V. - Memorial Gaglioti L'Asd Gss sport, comitato regionale Fipav Calabria, settore Fipav scuola e minivolley Calabria, comitato provinciale Vibo Valentia organizzano 4° minibeachvolley - 3° memoriale Gaglioti, giorno 24 maggio, al lido Chiringuito di Pizzo Calabro (Vv). Inoltre saranno allestite due aree per permettere ai bambini più piccoli (dai 3 ai 5 anni e non solo) di poter colorare o giocare con la sabbia. VILLA S. GIOVANNI (Rc) - Magnagrecia bianconera Si terrà il 26 aprile 2009 presso l’Altafiumara Resort, nella splendida cornice naturale di Santa Trada tra Villa San Giovanni e Scilla, la prima edizione del "Premio Magnagrecia bianconera”, istituito dal Coordinamento Juventus Club Doc della Calabria. Il Coordinamento regionale ha deciso di assegnare il primo "Premio Magnagrecia bianconera” alla società Fc Juventus, al fine di testimoniare il grande amore e la profonda passione che lega moltissimi calabresi alla Vecchia Signora del calcio italiano. In rappresentanza della Juventus sarà presente una nutrita e prestigiosa delegazione, costituita dal team manager Gianluca Pessotto, i calciatori Sebastian Giovinco e Giorgio Chiellini, il presidente onorario del coordinamento Juventus Club doc Mariella Scirea, il responsabile del Coordinamento Club doc Ezio Morina. Alla kermesse juventina saranno inoltre presenti numerose autorità del mondo calabrese sportivo, giornalistico, culturale ed anche religioso. La manifestazione, che si concluderà con una cena di gala, rigorosamente ad inviti, sarà presentata dalla giornalista e conduttrice di Juventus Channel, Valeria Ciardiello. Il "Premio Magnagrecia bianconera" verrà realizzato dal celebre maestro orafo Gerardo Sacco. CALABRIA - Concorso enologico internazionale La curiosità degli eno-appassionati per le bottiglie originali da inserire nelle proprie collezioni si unisce in una formula di marketing territoriale innovativa con il web. Per l’edizione 2009 de “La Selezione del Sindaco”, il concorso enologico internazionale che elegge il vino-simbolo delle Città del Vino di tutta Italia (dal 22 al 24 maggio, Istituto Agrario di San Michele all’Adige, Trento; info www.selezionedelsindaco.it), la piccola produzione d’eccellenza italiana sbarca sul web e punta all’e-commerce: per conoscere o acquistare le originali bottiglie dell’unica rassegna internazionale che prevede la partecipazione congiunta dell’azienda e del comune in cui sono localizzati i vigneti, riservata ai vini Docg, Doc e Igt con una produzione tra le 1.000 e le 50.000 bottiglie, basterà un click su www.dilloconilvino.it. Questo è l’obiettivo di un accordo che le Città del Vino hanno sottoscritto con il nuovo portale: www.dilloconilvino.it. Questo portale prevede la partecipazione al concorso senza oneri per le aziende che si associano al servizio. CALABRIA - Tournèe teatrale dei Fichi d’India Quattro le date in Calabria della lunga tournèe teatrale di Bruno Arena e Massimo Cavallaro, in arte “I Fichi d’India”. Programma: il 29 e il 30 aprile al Cinema Teatro Garden di Rende, il 1 Maggio al Palamilone di Crotone e il 2 maggio al polifunzionale Open Space di Isca Marina. Per informazioni www.essemmemusica.it.


il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 53

APPUNTAMENTI CALABRIA - L’APPROFONDIMENTO Si svolgerà il 19 aprile la 3° giornata nazionale dell’agriturismo. La manifestazione regionale si terrà presso la “Fattoria Sant’Anna” di Laureana di Borrello

Alla scoperta dei paesaggi agrari «Siamo soddisfatti del risultato ottenuto: sono circa 47 le aziende agrituristiche che hanno aderito» CATANZARO — E’ stata presentata

dalla Confederazione Italiana Agricoltori della Calabria unitamente a Turismo Verde “la Terza Giornata Nazionale dell’Agriturismo” che si svolgerà domenica 19 aprile. La “Fattoria Sant’Anna” di Laureana di Borrello, in provincia di Reggio Calabria è stata scelta come location dove si terrà la manifestazione regionale, così come evidenziato da Rosa Critelli, presidente di Turismo Verde Calabria e vicepresidente nazionale: «Rappresento l’Associazione per l’agriturismo, l’ambiente ed il territorio che lo scorso dicembre è stata riconosciuta anche come associazione nazionale di protezione ambientale con decreto legge del Ministro dell’Ambiente. Siamo soddisfatti del risultato ottenuto visto che sono circa 47 le aziende agrituristiche che hanno aderito all’iniziativa che si svolgerà su tutto il territorio regionale - ha puntualizzato Rosa Critelli -. Questo è il terzo anno che viene organizzata con successo una manifestazione che mira a valorizzare le innumerevoli attività che si svolgono all’interno delle aziende agricole. Tra queste la produzione e la trasformazione di prodotti alimentari e artigianali, la cura e l’allevamento del bestiame, l’attenzione per le piante. Vorremmo che queste importanti attività vengano correttamente promosse e meglio sfruttate per incentivare il turismo, specie nelle aree interne del nostro territorio – ha aggiunto Rosa Critelli -. Anche quest’anno abbiamo scelto tra le nostre aziende associate un agriturismo, la “Fattoria Sant’Anna” di Laureana di Borrello, dove si svolgerà la manifestazione regionale e il convegno “Agriturismo è... cultura del paesaggio agrario”, uno slogan significativo per ribadire che l’agricoltura è connessa anche con il mondo dell’arte e della cultura. In altre aziende si svol-

Nella foto da sinistra: Franco Belmonte, Michele Drosi, Giuseppe Mangone, Rosa Critelli

geranno iniziative di carattere provinciale; quel qualcosa in più rispetto alla semplice ospitalità e ristorazione come ottime degustazioni, interessanti visite guidate, prelibati pranzi a base di prodotti tipici, lezioni didattiche, brevi corsi sulla trasformazione dei prodotti: dal latte ai formaggi, dalla frutta alla marmellata, dal grano al pane. Vorremmo che su tutto il territorio regionale i cittadini calabresi partecipassero attivamente alle iniziative messe in atto dalle varie realtà dislocate in ogni angolo della Calabria; un modo per trascorrere una domenica diversa, una giornata speciale. Vorrei soffermarmi sul termine speciale, il contrario di normale, ad indicare la straordinarietà dell’evento che vede i tradizionali luoghi di lavoro delle famiglie, titolari delle varie aziende agricole, diventare spazi aperti al flusso turistico». Infine Rosa Critelli ha concluso: «Si potranno ap-

prezzare le produzioni di qualità dando la possibilità a tutti i visitatori di comprendere pienamente come nasce e vive un’impresa agricola multifunzionale nei vari contesti territoriali». Giuseppe Mangone, presidente regionale della Cia, ha posto l’accento sulla posizione della Confe-

“Agriturismo è... cultura del paesaggio agrario”, uno slogan significativo per far riflettere

derazione Italiana Agricoltori rispetto alla proposta di legge regionale “disciplina dell’attività agrituristica, didattica e sociale”, licenziata recentemente dalla II° Commissione del Consiglio Regionale: «Bisogna che le Istituzioni tutelino le aziende agricole. La Cia vuole fornire un quadro di proposte per contribuire a realizzarne lo sviluppo sul territorio. A proposito della proposta di legge regionale sull’agriturismo vorrei rimarcare l’esigenza di modificare gli articoli 6 e 10. Nello specifico l'art. 6 andrebbe rivisto nel punto C del Comma 1, riguardante “il numero dei posti tavola per pasto: massimo 60 su media annua”, che potrebbe essere di 80 posti massimo per pasto salvo eventi particolari, previa comunicazione al Comune». Per ciò che concerne l’articolo 10 il presidente Mangone ha espresso la necessità di modificare il comma 2 nei punti A e B: «Al fine di contribui-

re alla realizzazione e alla qualificazione delle attività agrituristiche, alla promozione dei prodotti agroalimentari regionali, nonché alla caratterizzazione regionale dell’offerta enogastronomica calabrese, la somministrazione di pasti e bevande deve rispettare la percentuale minima dei prodotti propri dell’azienda del 40% (salvo per le aziende ubicate in aree montane). Mi spiego meglio: minimo il 40% del valore dei prodotti e delle materie prime utilizzate e trasformate, anche attraverso lavorazioni esterne, deve essere rappresentato da prodotti propri dell’azienda. La rimanente parte dei prodotti e delle materie prime deve provenire da aziende agricole, singole o associate, collocate nella zona ove l’azienda ricade nell’ambito regionale, nella misura di almeno il 30%. La rimanente quota di prodotti impiegati nella somministrazione, nella misura del 25%, deve provenire da artigiani e industrie agro-alimentari della zona e comunque riferirsi a produzioni agricole regionali o di zone omogenee contigue di regioni limitrofe. Se l’amministrazione si impegnerà per modificare questi due articoli, credo avremo la legge migliore d’Italia». Sul valore dell’agriturismo Mangone ha commentato: «Una risorsa straordinaria per i nostri territori rurali, in grado di mostrare la bellezza dei nostri paesaggi agrari ai turisti che dovrebbero apprezzare i servizi che vengono offerti: sempre più di qualità. Lo slogan “Agriturismo è… cultura del paesaggio agrario” è nato proprio dalla consapevolezza che la percezione degli elementi fondamentali dello stupendo paesaggio deve coinvolgere un numero sempre maggiore di cittadini, con l’augurio che sempre più numerosi aderiranno alla nostra iniziativa». Rita Macrì


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Venerdì 17 Aprile 2009 55

Spettacoli e tv filmintv Rete4 Ore 21,10 08.00 08.20 09.00 09.30 10.00 10.50 11.00 11.25 11.30 12.00 13.30 14.00 14.10 16.15

TG1 (Ultime notizie) TG1 LE IDEE (Attualità) TG1 (Ultime notizie) TG1 FLASH (Ultime notizie) VERDETTO FINALE APPUNTAMENTO AL CINEMA OCCHIO ALLA SPESA (Attualità) CHE TEMPO CHE FA TG1 (Ultime notizie) LA PROVA DEL CUOCO (Gastronomia) TELEGIORNALE (Ultime notizie) TG1 ECONOMIA (Affari) FESTA ITALIANA LA VITA IN DIRETTA

Ore 21.10 - “I Raccomandati” Otto nuovi aspiranti artisti Condotto da Pupo 17.00 17.10 17.15 18.50 20.00 20.30 21.10 23.15 23.20 00.20 00.50 01.20 01.25 01.30 02.00 02.35 03.10 04.05 05.00 05.45 06.10 06.30

TG1 (Ultime notizie) CHE TEMPO FA (Ultime notizie) LA VITA IN DIRETTA L’EREDITÀ TELEGIORNALE (Ultime notizie) AFFARI TUOI (Spettacolo con giochi) I RACCOMANDATI TG1 (Ultime notizie) TV 7 (Attualità) L’APPUNTAMENTO - SCRITTORI IN TV TG1 NOTTE E TG1 LE IDEE (Ultime notizie) CHE TEMPO FA (Ultime notizie) APPUNTAMENTO AL CINEMA SOTTOVOCE (Talk show) RAI EDUCATIONAL - TEATRO IN CORTO (Cultura) SUPERSTAR OVERLAND 10: COMO - PECHINO IN BICI DON MATTEO 6 HOMO RIDENS EURONEWS (Ultime notizie) INCANTESIMO 10 SABATO & DOMENICA

CANALE 08.00 08.40 10.00 10.05 11.00 13.00 13.40 14.10 14.45 16.15 18.00 18.05 18.50

TG5 MATTINA (Ultime notizie) MATTINO CINQUE (Attualità) TG5 (Ultime notizie) MATTINO CINQUE (Attualità) FORUM TG5 (Ultime notizie) BEAUTIFUL (Telenovela) CENTOVETRINE (Telenovela) UOMINI E DONNE (Talk show) POMERIGGIO CINQUE TG5 MINUTI (Ultime notizie) POMERIGGIO CINQUE CHI VUOL ESSERE MILIONARIO - EDIZIONE STRAORDINARIA (Spettacolo con giochi)

08.05 LOLA E VIRGINIA (Animazione) 08.20 I MIEI AMICI TIGRO E POOH (Animazione) 08.45 LE AUDACI INCHIESTE DI MISS PRUDENZA (Animazione) 09.15 TGR - MONTAGNE (Natura) 09.45 RAI EDUCATIONAL TRACY & POLPETTA (Cultura) 09.55 METEO 2 (Ultime notizie) 10.00 TG2PUNTO.IT (Attualità) 11.00 INSIEME SUL DUE (Attualità) 13.00 TG2 - GIORNO (Ultime notizie) 13.30 TG2 COSTUME E SOCIETÀ (Attualità) 13.50 TG2 SÌ VIAGGIARE 14.00 ITALIAN ACADEMY 2 15.00 ITALIA ALLO SPECCHIO (Attualità) 16.15 RICOMINCIO DA QUI 17.20 LAW & ORDER 18.00 METEO 2 (Ultime notizie) 18.05 TG2 - FLASH L.I.S. (Ultime notizie) 18.10 RAI TG SPORT 18.30 TG2 (Ultime notizie) 19.00 PILOTI (Sitcoms) 19.30 SQUADRA SPECIALE COBRA 11 20.30 TG2 (Ultime notizie) 21.05 E.R. MEDICI IN PRIMA LINEA 22.40 DEAD ZONE (Fantascienza) 23.25 TG2 (Ultime notizie) 23.40 L’ERA GLACIALE (Talk show) 01.15 ITALIAN ACADEMY 2 01.50 METEO 2 (Ultime notizie) 01.55 APPUNTAMENTO AL CINEMA 02.00 TG2 COSTUME E SOCIETÀ. REPLICA (Attualità) 02.15 LE RAGAZZE DI PIAZZA DI SPAGNA 02.45 CRONACA NERA BIANCA E ROSA (Attualità) 03.15 CERCANDO CERCANDO

ITALIA

RETE

08.05 08.20 08.25 08.30 09.27 09.33 10.20 11.17 11.23 12.15 12.25 13.02 13.40 14.05

17.37 17.43 18.28

20.00 TG5 (Ultime notizie) 20.31 STRISCIA LA NOTIZIA - LA VOCE DELLA SUPPLENZA (Attualità) 21.11 I CESARONI 3 23.31 MATRIX (Attualità) 01.30 TG5 NOTTE (Ultime notizie) 02.00 STRISCIA LA NOTIZIA - LA VOCE DELLA SUPPLENZA (Attualità) 02.32 MEDIASHOPPING (Acquisti) 02.45 THE GUARDIAN 03.30 MEDIASHOPPING (Acquisti) 03.42 GRANDE FRATELLO 9 04.13 SQUADRA EMERGENZA (Azione) 05.30 TG5 NOTTE (Ultime notizie) 06.00 TG5 - PRIMA PAGINA (Ultime notizie) 08.00 TG5 MATTINA (Ultime notizie)

Ore 20.35 - “Un posto al sole” Soap opera In foto Valentina Pace

03.50 VIAGGIO IN OMAN, TRA DESERTO E LA COSTA MUSCAT 04.05 RILETTO 04.15 NET.T.UN.O. - NETWORK PER L’UNIVERSITÀ OVUNQUE (Cultura) 05.45 QUASI LE SETTE (Attualità)

Ore 23.40 - “L’era glaciale” Talk Show Condotto da Daria Bignardi

19.00 19.30 19.50 20.05 20.30 21.10 23.00 23.15 00.12 00.17

EVVIVA PALM TOWN (Animazione) MAGILLA GORILLA (Animazione) UGO LUPO (Animazione) LA RIVINCITA DEI NERDS 2 (Commedia) TGCOM (Ultime notizie) LA RIVINCITA DEI NERDS 2 (Commedia) LA MIA FLOTTA PRIVATA (Commedia) TGCOM (Ultime notizie) LA MIA FLOTTA PRIVATA (Commedia) SECONDO VOI (Attualità) STUDIO APERTO (Ultime notizie) STUDIO SPORT DRAGON BALL GT (Animazione) NARUTO THE MOVIE - LA PRIMAVERA NEL PAESE DELLA NEVE (Animazione) I SIMPSON (Animazione) SMALLVILLE KYLE XY (Fantascienza) SCOOBY-DOO E IL FANTASMA DELLA STREGA (Animazione) TGCOM (Ultime notizie) SCOOBY-DOO E IL FANTASMA DELLA STREGA (Animazione) STUDIO APERTO ANTICIPAZIONI (Ultime notizie) STUDIO SPORT I SIMPSON (Animazione) CAMERA CAFÉ RISTRETTO (Sitcoms) CAMERA CAFÉ (Sitcoms) LA RUOTA DELLA FORTUNA (Spettacolo con giochi) LE IENE SHOW LE IENE.IT ALIEN VS PREDATOR (Orrore) TGCOM (Ultime notizie) ALIEN VS PREDATOR (Orrore)

Ore 21.10 - “Le Iene show” Conducono Paolo Kessisoglu, Luca Bizzarri e Ilary Blasi 01.10 POKER1MANIA 02.05 STUDIO SPORT 02.30 STUDIO APERTO - LA GIORNATA (Ultime notizie)

“Entrapment” Il signore del furto

(Usa ‘99) Con Sean Connery, Will Patton e Catherine Zeta-Jones. Rocambolesche avventure eurasiatiche di Robert “Mac” Dougal, inafferrabile e solitario asso nel furto di opere d’arte alla vigilia della pensione. Avventura

Rete 4 Ore 23,20

10.00 COMINCIAMO BENE (Talk show) 12.00 TG3 - RAI SPORT NOTIZIE - TG3 METEO 12.25 TG3 CIFRE IN CHIARO (Affari) 12.45 LE STORIE - DIARIO ITALIANO (Attualità) 13.05 TERRA NOSTRA (Telenovela) 14.00 TG REGIONE - METEO (Ultime notizie) 14.20 TG3 - METEO 3 (Ultime notizie) 14.50 TGR LEONARDO (Attualità) 15.00 TGR NEAPOLIS (Attualità) 15.10 TG3 FLASH L.I.S. (Ultime notizie) 15.15 TG3 GT RAGAZZI (Cultura giovanile) 15.20 DOUBLE TROUBLE 16.00 TG3 GT RAGAZZI (Cultura giovanile) 16.30 MELEVISIONE 16.50 FARÒ STRADA 17.00 COSE DELL’ALTRO GEO 17.50 GEO & GEO 18.15 METEO 3 (Ultime notizie) 18.20 GEO & GEO 19.00 TG3 (Ultime notizie) 19.30 TG REGIONE - METEO (Ultime notizie) 20.00 BLOB (Attualità) 20.10 AGRODOLCE (Telenovela) 20.35 UN POSTO AL SOLE (Telenovela) 21.05 TG3 (Ultime notizie) 21.10 MI MANDA RAITRE (Attualità) 23.10 PARLA CON ME (Talk show) 00.00 TG3 LINEA NOTTE (Ultime notizie) 00.10 TG REGIONE - METEO (Ultime notizie) 01.00 APPUNTAMENTO AL CINEMA 01.10 RAI EDUCATIONAL - ECONOMIX (Attualità) 01.40 APRIRAI (Cinema) 01.50 FUORI ORARIO. COSE (MAI) VISTE (Cinema) 01.55 IL BATTELLIERE DEL FIUME PADMA

14.30 15.00 15.50 16.40

Ore 21.10 - “I Cesaroni” Serie tv con Antonello Fassari, Elena Sofia Ricci e Max Tortora

08.00 RAI NEWS 24 MORNING NEWS (Attualità) 08.15 RAI EDUCATIONAL - LA STORIA SIAMO NOI (Cultura) 09.15 VERBA VOLANT (Tempo libero) 09.20 COMINCIAMO BENE - PRIMA

08.10 09.00 10.05 10.30 11.30

“Suspect zero” Serial killer contro Fbi

17.05 BOY GIRL - QUESTIONE DI... SESSO (SkyCinemaPiu24) 17.15 BECOMING JANE - IL RITRATTO DI... (SkyCinema1) L’UOMO OMBRA TORNA A CASA (SkyCinemaClassics) 17.25 I RACCONTI DI TERRAMARE (SkyCinemaMania) 17.30 LE AVVENTURE DEI RAGAZZI VINCENTI (SkyCinemaFamily) 17.35 TERMINAL VELOCITY (SkyCinemaHits) 17.40 THE MATADOR (SkyCinemaMax) 18.45 COLPO D’OCCHIO (SkyCinemaPiu24) 18.55 SETTE SPOSE PER SETTE FRATELLI (SkyCinemaClassics) 19.10 IL DIARIO DI UNA TATA (SkyCinemaFamily) 19.25 INTRIGO PERVERSO (SkyCinemaMax) PARANOID PARK (SkyCinemaMania) 19.30 EMPIRE. PARTE 1 (SkyCinema1)

(Usa ‘04) Con Aaron Eckhart e Ben Kingsley. Gioco di specchi tra serial killer e poliziotto dell’Fbi. L’agente dell’Fbi Thomas Mackelway è chiamato a indagare su una serie di omicidi all’apparenza non collegati tra loro. Drammatico

Italia 1 Ore 23,15

Ore 19,25 “Paranoid park” Film thriller con Gabe Nevins Sky cinema Mania

“Alien vs Predator” Si salvi chi può

(Usa ‘04) Con Raoul Bova, Sanaa Lathan e Ewen Bremner. Una spedizione di scienziati si reca in Antartide: resteranno coinvolti nella feroce lotta tra 12 Aliens e 5 giovani Predators sopravvissuti nei secoli. Fantascienza

Presenterà su Rai1 I sogni son desideri

Balivo, nuova Cenerentola

HUNTER (Poliziesco) NASH BRIDGES FEBBRE D’AMORE (Telenovela) ULTIME DAL CIELO (Fantasia) TG4 TELEGIORNALE (Ultime notizie)

19.35 L’AMORE SI FA LARGO (SkyCinemaHits) 20.45 UNA CENA - CORTO SOTTO 5’ (SkyCinemaMania) 21.00 SQUADRA 49 (SkyCinemaMax) EMPIRE. PARTE 1 (SkyCinema1) UNA GIORNATA PARTICOLARE (SkyCinemaClassics) FRENCH KISS (SkyCinemaFamily) SHOOT’EM UP - SPARA O MUORI (SkyCinemaPiu24) 21.05 UN BACIO ROMANTICO - MY BLUEBERRY NIGHTS (SkyCinemaMania) 21.15 IO E BEETHOVEN (SkyCinemaHits) 22.35 L’AMORE SECONDO DAN (SkyCinemaPiu24) NEXT (SkyCinema1) 22.45 EROS (SkyCinemaMania) 22.55 PECCATO CHE SIA UNA CANAGLIA (SkyCinemaClassics) 23.00 RESURRECTION MARY (SkyCinemaMax) IL RISVEGLIO DELLE TENEBRE (SkyCinemaFamily) 23.10 LA VIE EN ROSE (SkyCinemaHits)

03.30 04.10 05.10

OMNIBUS LIFE (Attualità) PUNTO TG (Attualità) DUE MINUTI, UN LIBRO MOVIE FLASH F/X (Poliziesco) MOVIE FLASH MATLOCK TG LA7 (Ultime notizie) SPORT 7 (Ultime notizie) L’ISPETTORE TIBBS IL MAGNIFICO AVVENTURIERO (Azione) MOVIE FLASH RELIC HUNTER (Azione) ATLANTIDE - STORIE DI UOMINI E DI MONDI JAG - AVVOCATI IN DIVISA TG LA7 (Ultime notizie) OTTO E MEZZO (Attualità) NIENTE DI PERSONALE VICTORY TG LA7 (Ultime notizie) MOVIE FLASH 25 ORA - IL CINEMA ESPANSO (Cinema) OTTO E MEZZO (Attualità) ALLA CORTE DI ALICE DUE MINUTI, UN LIBRO

11.00 12.00 13.00 14.00 14.30 15.00 16.30 16.35 17.00 17.05 18.00 18.05 19.00 19.05 20.00 20.05 21.00 21.30 22.30 23.00 23.05 00.00 00.30 01.30 03.00 05.40 07.00

LOVE TEST CHART BLAST THE FABOULOUS LIFE OF MTV CONFIDENTIAL (Reality-TV) NEXT (Reality-TV) TRL - TOTAL REQUEST LIVE FLASH (Ultime notizie) METRO STATION SPECIAL FLASH (Ultime notizie) DOWNLOAD HITS FLASH (Ultime notizie) DOWNLOAD HITS FLASH (Ultime notizie) HLI DOWNLOAD EDITION FLASH (Ultime notizie) NOBILE MOBILE SPECIAL (Bambini) STASERA NIENTE MTV IL TESTIMONE (Attualità) I SOLITI IDIOTI (Commedia) FLASH (Ultime notizie) MTV WORLD STAGE DIARY OF BRAND: NEW INTO THE MUSIC INSOMNIA NEWS (Ultime notizie) WAKE UP

09.15 10.10 10.15 10.20 10.25 11.25 11.30 12.30 12.55 13.00 14.00 16.00 16.05 17.05

Ore 15.30 - “Intrigo a Stoccolma” Film spionaggio con Paul Newman e Diane Baker 11.40 12.25 13.25 13.30 14.05 15.30 16.07 16.14 17.24 17.31 18.40 18.45 18.55 19.35 20.30 21.10 22.02 22.09 22.52 22.59 23.15 23.20 00.20 00.27 00.58 01.05 01.25 01.50 03.35 03.40 04.20 06.10 06.30 07.10

UN DETECTIVE IN CORSIA RENEGADE ANTEPRIMA TG4 (Ultime notizie) TG4 TELEGIORNALE (Ultime notizie) SESSIONE POMERIDIANA: IL TRIBUNALE DI FORUM INTRIGO A STOCCOLMA (Dramma) TGCOM (Ultime notizie) INTRIGO A STOCCOLMA (Dramma) TGCOM (Ultime notizie) INTRIGO A STOCCOLMA (Dramma) TEMPESTA D’AMORE ANTEPRIMA TG4 (Ultime notizie) TG4 TELEGIORNALE (Ultime notizie) TEMPESTA D’AMORE WALKER, TEXAS RANGER ENTRAPMENT (Azione) TGCOM (Ultime notizie) ENTRAPMENT (Azione) TGCOM (Ultime notizie) ENTRAPMENT (Azione) I BELLISSIMI DI RETE 4 (Cinema) SUSPECT ZERO (Poliziesco) TGCOM (Ultime notizie) SUSPECT ZERO (Poliziesco) TGCOM (Ultime notizie) SUSPECT ZERO (Poliziesco) TG4 - RASSEGNA STAMPA (Ultime notizie) MAL D’AFRICA PESTE E CORNA E GOCCE DI STORIA BLUE MURDER (Poliziesco) FEBBRE D’AMORE (Telenovela) TG4 - RASSEGNA STAMPA (Ultime notizie) WEST WING - TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE MEDIASHOPPING (Acquisti)

ROMA - Caterina Balivo è la nuova conduttrice de I sogni son desideri, ultima versione del format francese riadattato in Sogni di Raffalla Carrà e poi ne Il treno dei desideri di Antonella Clerici. Per sei puntate, da martedì 21 aprile, la Balivo, con la partecipazione di Marco Liorni, al suo debutto in Rai, darà spazio a sogni che avranno uno sfondo anche un po’ sociale, con particolare attenzione all’Italia che lotta per la legalità. “Caterina sarà una fatina con i piedi per terra e Liorni il nostro inviato nel sud che sta cercando di alzare la testa” spiega Massimo Romeo Piparo, fra gli autori del programma.

curiosità dalla rete Si scarica gratis con MTV Mobile

Jpeggy, arriva l’arte on line

Oggi con MTV Mobile “Powered by Tim” tutti i possessori di cellulare di qualsiasi operatore mobile potranno scaricare gratuitamente dalla library musicale tre brani in formato Mp3 DRM free.

Nasce Jpeggy la prima galleria d’arte on line. Progetto di Telecom Italia per celebrare l’Anno Europeo della Creatività e dell’Innovazione.

Presto in Italia gli skill games Lottomatica e King.com hanno raggiunto un accordo per distribuire in Italia gli “skill games ”offerti dal sito in oltre 50 paesi nel mondo.

A New York la YouTube Simphony Orchestra Dopo mesi di audizioni interattive per selezionare 96 musicisti la YouTube Simphony Orchestra ha debuttato alla Carnagie hall di New York. L’intero concerto è visibile su YouTube da ieri.

19.00 20.00 20.30 21.10 00.00 01.05 01.25 01.30



il domani