Issuu on Google+

Sabato 17 Gennaio 2009 Euro 1,00 Anno XII - Numero 16

Calabria

Il Cartellone - Appuntamenti in Calabria (da pag. 34 a pag. 44) Un imponente Teatro Tenda sarà sistemato al Centro Due Mari, tra Lamezia e Catanzaro

Al teatro Sybaris di Castrovillari, spettacolo martedì 20 gennaio

Gianni Morandi, l’8 e 9 maggio in Calabria “Panza, crianza, ricordanza” CATANZARO — Gianni Morandi, l’8 e 9

maggio in Calabria. Il suo Teatro Tenda sarà sistemato al Centro Due Mari, tra Lamezia e Catanzaro. Dopo l’apertura del 12 e 13 marzo con il doppio appuntamento con Fiorella Mannoia, confermato il secondo evento di “Fatti di Musica”. A PAGINA 34

COSENZA

Una piéce di Elfriede Jelinek

CASTROVILLARI — Al teatro Sybaris di Castrovillari martedì 20 gennaio va in scena l’ottavo spettacolo inserito nel cartellone messo a punto dall’amministrazione comunale e da Teatri Calabresi Associati. Si tratta di “Panza, crianza, ricordanza”.

A PAGINA 34

LAMEZIA

La giornata delle famiglie A PAGINA 35

A PAGINA 35

Il Capo dello Stato, ieri in visita a Reggio Calabria, ha incontrato gli universitari esternando nuovi auspici per il Sud

Napolitano ai giovani: sostituite i politici incapaci Dal presidente della Repubblica timori di “vuoti” strutturali per il Mezzogiorno e preoccupazione per Gaza REGGIO CALABRIA — Giorgio Napolitano ha incoraggiato i giovani a prepararsi a sostituire i politici e gli amministratori ritenuti incapaci nel corso del secondo ed ultimo giorno della sua visita in Calabria. Ai rappresentanti degli studenti di Reggio Calabria ha detto: «Preparatevi a sostituirli. E’ essenziale un rinnovamento generazionale nella politica e nell’amministrazione e questo non si decide per decreto ma solo attraverso un vostro sforzo, un impegno, che bisogna a tutti i costi provocare in un sistema che è ancora molto chiuso». Il presidente della Repubblica ha parlato alla facoltà di Architettura.

A PAGINA 32

MALTEMPO

Violentava la figlia minorenne, arrestato CATANZARO — Maltrattementi in

famiglia, violenza sessuale aggravata e atti sessuali con la figlia minorenne. Con queste accuse, gli uomini della Squadra Mobile di Catanzaro, diretta dal Vice Questore Aggiunto Francesco Rattà, hanno arrestato uno straniero di 38 anni. Le indagini erano partite a seguito di un gesto autolesionostico perpretato dalla figlia diciassettenne. A PAGINA 20

Il sindaco Drosi chiama la Regione

A Siena la Reggina è obbligata a far bene

SATRIANO — Passata l’emergenza maltempo, si fa un bilancio dei diversi danni subiti. Il sindaco di Satriano, Michele Drosi. ha organizzato un incontro che si terrà lunedì prossimo, alle ore 10.30 presso la sala consiliare, per coordinare gli interventi.

di Vittorio Ranieri

A PAGINA 30

Un momento della visita del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

CATANZARO Operazione della Squadra Mobile diretta dal Vice Questore Aggiunto Francesco Rattà

CATANZARO

Chiude il centro di solidarietà?

IL PUNTO SULLE CALABRESI

LAMEZIA

«La sede Inps declassata» CATANZARO — «No alla declassamento della sede Inps di Lamezia Terme». E’ il filo conduttore di un ordine del giorno presentato dal consigliere provinciale Pasqualino Ruberto, commissario provinciale dell’Mpa, presentato alla presidenza del consiglio provinciale di Catanzaro e che sarà esaminato il prossimo cinque febbraio.

A PAGINA 24

A PAGINA 29

SOVERATO

Sorvegliato speciale fermato per possesso di cocaina

A PAGINA 21

ercato… sempre e solo mercato. Strano mese quello di gennaio. Da una parte il rettangolo verde e dall’altra le trattative per la compravendita di calciatori che tengono banco praticamente 24 ore su 24. Mentre stiamo andando in stampa, chissà… il Milan sarà anche sul punto di concludere l’affare del secolo, vale a dire la cessione di Kakà agli sceicchi proprietari del Manchester City. Mentre accade ciò, in quella piccola porzione dello stivale italico, il mercato tiene banco… ma per motivi di stretta sopravvivenza. Prendiamo in considerazione il pianeta Reggina. Con la mente rivolta al campo e con l’orecchio teso al drin drin del cellulare nella speranza di buone nuove dalla campagna acquisti: proprio strano il sabato di campionato di Bepi Pillon. L’effetto-allenatore nuovo, in casa amaranto, sembra durato lo spazio di pochi giorni, ovvero quelli che hanno preceduto la gara di Cagliari nella quale s’è vista una buona Reggina. Reggina capace di mettere il bavaglio, tra l’altro, ad una delle compagine più in forma del momento. Poi, nella prima domenica del 2009 ecco tornare gli amaranto alle vecchie, pessime abitudini: poca attenzione in difesa e, di conseguenza, errori pesanti nell’economia della gara. E in tutto ciò, il nuovo trainer aspetta ancora quei rinforzi invocati da tempo: almeno uno per ogni reparto, come ha ribadito sino all’ultima conferenza stampa. Di certo, oggi pomeriggio, nell’anticipo della di campionato, la Reggina non può permettersi passi falsi in quel di Siena. Con o senza volti nuovi, Corradi e compagni hanno l’obbligo di tornare dalla Toscana con un risultato positivo.

M

CONTINUA A PAGINA 48


2 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Un mondo di immagini Gli inglesi si preparano ai giochi olimpici del 2012

Madrid ospita la “Parata della mucca”

Per la terza volta nella storia delle olimpiadi moderne, Londra ospiterà i giochi più attesi

L’iniziativa avrà durata fino al 21 marzo In Ungheria

C’è un gorilla in sala operatoria Un passante osserva una statua realizzata in fibra di vetro con cui è stata adornata la centralissima Piazza dell’Indipendenza, nella capitale spagnola

Il gorilla, una femmina di 32 anni, è stato operato di un fibroma all’utero

Il governo di centro destra lituano, al governo dallo scorso ottobre, ha aumentato le tasse

Protesta per il carovita A pallate di neve contro la polizia

Il primo ministro inglese Gordon Brown visita il Parco Olimpico teatro delle Olimpiadi londinesi del 2012. Si calcola che l’apertura dei giochi porterà la creazione di almeno 23mila nuovi posti di lavoro

La rabbia della Giordania contro l’attacco a Gaza

Per le strade di Amman gli oppositori alla politica di Israele bruciano una bandiera con la stella di David

Numerose le proteste in tutta la Giordania contro l’attacco israeliano a Gaza. L’esercito giordano ha smentito le voci di un attacco a una pattuglia israeliana al confine

Per le strade innevate della Svizzera con bolidi d’epoca

La polizia lituana si protegge dalle palle di neve di fronte al parlamento di Vilnius. La popolazione protesta contro il governo

Nelle città dell’Est E’ psicosi squalo nelle coste Europa si fa alpinismo della Tasmania, in Australia “alternativo” Due assalti contro l’uomo in tre giorni

Sotto, la “vetta” misura 123 metri di altezza

La competizione è un appuntamento immancabile per tutti gli appassionati dei cimeli a quattro ruote

Quello che resta della tavola di un surfista dopo un tentativo di attacco Ogni comunità cinese è pronta a dare vita a uno spettacolo basato sulle tradizoni e sulla storia del Paese

Uno dei concorrenti della Winter Raid 2009 riservata alle vetture storiche mentre sfreccia con la sua Riley Speed Adelphi, automobile risalente al 1936, attraverso le vie del villaggio di Silvaplana, nei pressi di St.Moritz

Un addetto appende le caratteristiche lanterne rosse,simbolo che tutti i cinesi utilizzeranno per la festività del 26 gennaio, per le strade della periferia di Shanghai.

Arrampicatori in cima al campanile della chiesa di S.Pietro di Riga, Lituania

In Cina fervono i preparativi per la cerimonia di avvento del nuovo anno intitolato al bue


4 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

Maggioranza all’attacco: interesse vergognoso

L’ex magistrato si confronta con il figlio Cristiano

Appalti, Di Pietro incassa la solidarietà di Veltroni ROMA - Antonio Di Pietro passa al contrattacco e, dopo aver dato la sua versione dei fatti ai magistrati di Napoli che hanno iscritto il figlio Cristiano nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti dell’imprenditore Alfredo Romeo, fa il punto con i ’suoi’ in Campania. Quindi annuncia la presentazione, nel prossimo esecutivo dell’Italia dei Valori, di un codice etico al quale tutti dovranno adeguarsi. Pena: l’espulsione dal partito. L’essere finito sulle prime pagine di tutti i giornali per la storia del figlio, ancora prima della notizia dell’ennesimo bombardamento a Gaza e dell’allarme di Bankitalia, non lo preoccupa più di tanto. Riconosce che l’Italia «non è un Paese normale» e non risparmia critiche ai media che oggi «offrono interpretazioni completamente e vergognosamente distorte dell’intera vicenda». Ma, cosa «bella e importante», come dice il capogruppo dell’Idv al-

la Camera Massimo Donadi, incassa la «solidarietà» del segretario Pd. «Le differenze politiche tra noi e l’Idv - spiega Veltroni - sono evidenti da tempo. Ma in questo momento voglio esprimere a Di Pietro la mia solidarietà umana e la mia stima nei suoi confronti». «La frase di Veltroni - commenta Donadi - dimostra la sua onestà intellettuale e contribuisce, se ce ne fosse bisogno, a consolidare l’alleanza tra i nostri due partiti». «Quella di Cristiano - osserva il senatore Idv Stefano Pedica - è stata solo una telefonata che è stata strumentalizzata contro il partito». Il coinvolgimento di Cristiano Di Pietro in ’Appaltopoli’ fa gridare allo scandalo la maggioranza. Il presidente dei senatori Pdl Maurizio Gasparri parla di «vergognoso interesse» dei Di Pietro. Secondo il portavoce Fi Daniele Capezzone «Di Pietro farebbe bene a fare pulizia nel suo partito e nel suo pulpito sempre più opaco».

Questa l’accusa con cui è stato rinviato a giudizio

Omicidio volontario al poliziotto che uccise Gabbo La madre in lacrime: nessun perdono per colui che ha portato via mio figlio AREZZO - Rinvio a giudizio per omicidio volontario, senza rito abbreviato: inizierà il prossimo 20 marzo il processo sulla morte di Gabriele Sandri, che vedrà imputato Luigi Spaccarotella. Dopo l’udienza preliminare annullata il 25 settembre scorso per un vizio di forma, stavolta il Gup del Tribunale di Arezzo, Luciana Cicerchia, ha potuto decidere per il rinvio a giudizio dell’agente della Polstrada accusato dell’omicidio di Gabriele Sandri, il giovane tifoso laziale ucciso l’11 novembre 2007 nell’area di servizio autostradale di Badia al Pino, nei pressi di Arezzo. I legali di Spaccarotella, Federico Bagattini e Francesco Molino, avevano insistito sul punto della deviazione del proiettile letale, e avevano chiesto per il loro assistito il rito abbreviato, condizionato a un confronto coi periti balistici e un sopralluogo a Badia al Pino: richiesta che il Gup ha respinto, rinviando tutto alla Corte d’Assise. «Il giudice ha ritenuto che ci siano elementi sufficienti per il rinvio a giudizio, senza entrare nel merito del dolo eventuale o colposo», ha spiegato Molino ai

Daniela Sandri, madre di Gabriele, e il fratello Cristiano

cronisti. «L’impianto accusatorio è solidissimo», ha commentato a sua volta Michele Monaco, legale della famiglia Sandri. Ancora una volta però, come a settembre, il grande accusato è stato anche il grande assente: Spaccarotella non si è presentato ad Arezzo, perché «ci sono dei problemi di carattere familiare», hanno det-

to i legali, perché «non è un fantasma, ma una persona che sta soffrendo», e per evitare «l’assalto mediatico». Sprezzante il commento del padre di ’Gabbo’, Giorgio Sandri: «È da un anno che sono sotto i riflettori, e non ho nulla da temere. Lui evidentemente non ha il coraggio di guardarmi negli occhi». Ma l’agente della

Polstrada, spiega Molino al termine dell’udienza, verrà in aula per il processo dove è imputato: «Per ora non c’era l’opportunità, e non avrebbe dovuto fare dichiarazioni». La rabbia verso Spaccarotella è forte: «Senza il rito abbreviato condizionato Luigi Spaccarotella avrà quello che merita e non potrà usufruire di una riduzione del-

La prima udienza stabilisce l’esclusione delle video-riprese, consentite in futuro solo in caso di accordo tra tutte le parti

Niente telecamere al secondo processo per Mez Folla di giornalisti La difesa di Sollecito attacca Guede: “Giustizia già fatta” PERUGIA - Niente processoshow, almeno via Tv. Così ha deciso la corte d’assise di Perugia, presieduta dal giudice Maffei, su istanza delle parti civili alla prima udienza per l’omicidio di Meredith Kercher. La studentessa inglese in Erasmus a Perugia fu uccisa nella notte tra il primo e il 2 novembre nella casa che condivideva in via della Pergola con altre studentesse, tra cui l’americana Amanda Knox, imputata per omicidio insieme al giovane barese Raffaele Sollecito. Il terzo imputato di concorso in omicidio e violenza sessuale, l’ivoriano Rudy Guede, è già stato condannato in primo grado a trent’anni con rito abbreviato. I famigliari della vittima (non presenti) avevano chiesto che il processo si svolgesse, se non a porte chiuse, in modo da tutelare la dignità della vittima e la riservatezza dei testimoni. Così il collegio ha stabilito di vietare le udienze a telecamere e fotografi, salvo accordo tra tutte le parti. In linea di principio, basteranno i giornalisti, ha detto il giudice Massei, a garantire la pubblicità del

La Corte d’assise deciderà il 6 febbraio

I pm chiedono come prova il memoriale dell’americana PERUGIA - L’ultimo atto della prima udienza del processo Meredith si è consumato intorno alle 16.15 quando il giudice Massei ha ammesso le prove orali e le deposizioni di Amanda Knox e Rudy Guede. Poi «la campanella» ha suonato a Palazzo di Giustizia, rimandando tutti alla seconda udienza che si svolgerà il 6 e 7 febbraio prossimi. La Corte ha lasciato soltanto un aspetto in sospeso: ovvero l’acquisizione come prova del memoriale redatto da Amanda Knox. processo. Che sin dal primo atto ha comunque riconfermato la sua straordinaria capacità di presa mediatica. Una novantina le testate accreditate con circa 140 giornalisti: la conseguenza è stato un iniziale caos che ha visto molti corrispondenti sedersi persino al-

l’interno della “gabbia”. Pochissimi, invece, i semplici curiosi. Oltre agli imputati, era presente anche Patrick Lumumba, che, dopo il carcere ingiustamente scontato per le accuse dell’americana, l’ha accusata di calunnia e segue il processo come parte civile. Tra le

questioni preliminari affrontate ieri mattina, quella relativa alla misura cautelare nei confronti di Sollecito, che la sua difesa ha chiesto di dichiarare inefficace, affermando la nullità dell’interrogatorio di garanzia. Il collegio ha però detto no su tutto. Ha così dichiarato

In una decisione precedente lo aveva definito ammissibile, ma il passaggio successivo è ancora da analizzare, secondo i togati. Questo il calendario di udienze per il momento fissato. La Corte d’assise di Perugia terrà udienza il 6 e il 7 febbraio, il 13 e 14 e il 27 e il 28 dello stesso mese. A marzo indicate le date del 13, 14, 20, 21, 27 e 28. Stabilite anche le date di aprile: 3, 4, 18, 23 e 24. Tutte le udienze cominceranno alle 9 per poi concludersi intorno alle 18. aperto il dibattimento. Al momento di illustrare le fonti di prova l’avvocato Letizia Magnini, parte civile per la proprietaria della casa del delitto, ha chiesto di ammettere documenti per provare il danno. Per l’avvocato Maori, che difende Sollecito, Mez non è stata

Folla di giornalisti al tribunale di Perugia dove si è svolta la prima udienza del processo che vede imputati gli ex fidanzatini

vittima di un omicidio di gruppo ma di un ladro solitario e che la violenza sessuale è stata solo simulata. «Per quella morte, secondo noi, giustizia è già stata fatta con la condanna di Guede» ha aggiunto. Inevitabile la replica degli avvocati Walter Biscotti e Nicodemo Gentile: «Una strategia perdente e processualmente vigliacca». Ma l’avvocato Bongiorno è andata oltre: «Dimostreremo che non ci fu alcun festino, che Raffaele non conosceva Guede e che la prova regina, il dna di Sollecito sul reggiseno di Mez, non regge». Per il legale quando vennero arrestati Amanda e Raffaele «non erano una coppia annoiata in cerca di forti avventure, ma due piccioncini alla prima settimana della loro storia». La difesa della Knox ha chiesto l’inutilizzabilità del memoriale da lei scritto prima di essere portata in carcere e dichiarato inutilizzabile dalla Cassazione. La decisione alla prossima udienza, il 6 febbraio, quando sfileranno i testi dei pm: gli agenti della polizia postale che per primi entrarono nella casa del delitto.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 5

Primo piano

Il padre di Sandri: “Voglio vedere in faccia l’assassino”

E Apicella rischia il licenziamento

Giorno della verità per i pm delle procure in guerra Il Csm decide se trasferirli

A sinistra, Giorgio Sandri, il padre del tifoso ucciso da un colpo di pistola, al suo arrivo al tribunale di Arezzo. Dietro alle sue spalle si può scorgere lo striscione portato dagli ultras della Lazio, con la scritta “E’ ora che sia fatta giustizia per Gabriele” Luigi Apicella, procuratore di Salerno

la pena se giudicato colpevole», ha commentato il padre di Gabriele, Giorgio Sandri. «Sono soddisfatto - ha anche detto, parlando della richiesta rigettata dal Gup di Arezzo - perché così Spaccarotella avrà quello che merita, la Corte d’Assise; non avrà più la possibilità di usufruire di un terzo della pena grazie al rito abbrevia-

to e questo non può che fare piacere». «Non lo perdono», dice la madre con la voce emozionata e commossa, che ieri ad Arezzo aveva portato con sé un album di fotografie del figlio, mentre i tifosi laziali accorsi ad Arezzo, una trentina, deponendo sul prato i loro striscioni per Gabriele, si chiedono come sia possibile che quello che

hanno considerato fin dall’inizio il responsabile di un omicidio sia ancora a piede libero. «Auspico che quantomeno venga preso un provvedimento disciplinare, che Spaccarotella venga allontanato dalla polizia», afferma il padre, mentre per il fratello di ’Gabbo’, Cristiano, «sembra incredibile che per un fatto del genere non

sia stato aperto un procedimento: che poi si sospenda o meno, è un altro discorso, ma il fatto che neanche sia aperto è una cosa grave». Appuntamento dunque al 20 marzo: per quella data però potrebbe non essere più in servizio ad Arezzo il pm Giuseppe Ledda, titolare dell’inchiesta fin dall’inizio, che ha fatto domanda di trasferimento, mentre l’allora procuratore capo Ennio Di Cicco è scomparso questo autunno. «Credo che sia difficile - ha commentato Cristiano Sandri, pensando al processo qualsiasi derubricazione del fatto a omicidio colposo». I familiari prendono la strada del ritorno, abbracciando i ragazzi venuti da Roma. «Io voglio vedere in faccia l’assassino di mio figlio», ha detto ancora una volta Giorgio Sandri. «Spero solo che la prossima volta lo vedrò - ha aggiunto - a meno che non abbia paura degli Ufo, perché la prima volta erano le minacce da Roma, la seconda volta era l’effetto mediatico, la terza forse saranno gli Ufo - ha concluso a giustificare la sua assenza. Io voglio vedere in faccia l’assassino di mio figlio».

ROMA - Oggi la sezione disciplinare del Csm, in camera di consiglio, dovrà decidere se vanno trasferiti d’urgenza i pm protagonisti dello scontro tra le procure di Catanzaro e Salerno, giocato sulle inchieste avocate all’ex pm di Catanzaro Luigi De Magistris; e se il capo della Procura di Salerno Luigi Apicella deve essere anche sospeso dalle funzioni e dallo stipendio e collocato fuori ruolo magistratura, come ha chiesto il ministro della Giustizia. Sono sette i pm che compariranno davanti al «tribunale delle toghe»: per la procura di Salerno oltre ad Apicella, i sostituti Dionigio Verasani e Gabriella Nuzzi; mentre per quella di Catanzaro il procuratore generale Jannelli e i suoi sostituti Alfredo Garbati, Domenico De Lorenzo e Salvatore Curcio. I primi hanno disposto il clamoroso sequestro del fascicolo Why not, che era stato avocato a De Magistris, e le perquisizioni a carico dei colleghi della procura generale di Catanzaro che ne erano diventati i titolari. I secondi sono i firmatari del contro-sequestro e dell’inchiesta sui colleghi di Salerno che li avevano indagati. Tutti sono accusati dal Guardasigil-

É apparsa in forma smagliante, molti sorrisi e anche risate

Amanda colpisce ancora PERUGIA - I ’piccioncini’ entra- processo dedicata a discutere tec- vinta che la verità verrà fuori in no in aula alle 9.30 in punto: lei nicismi e logorata da molte came- questo processo». Riesce a dire la senza un filo di trucco, niente gio- re di consiglio. ragazza americana prima di essere ielli niente abbigliamento da Amanda, dunque, non è più sol- riportata nel cellulare. ’femme fatalè; lui tanto un viso d’an- Che Amanda Knox fosse in forma come un cane ap- La difesa smonta gelo, una fotogra- e per nulla a disagio nell’aula depena bastonato, il mito degli amanti fia, una lettera, o gli ex Affreschi del Tribunale di con la coda tra le una storia di sesso Perugia, lo si è capito fin dal prigambe. E sono due annoiati: “Erano e sangue da crona- mo istante. Sorrideva, giocava sul ragazzini con l’in- due piccioncini” ca nera. Amanda fi- banco degli imputati con il libro coscienza di tutti i nalmente fa traspa- di procedura penale dell’avvocato ventenni, impauriti ma curiosi; e rire le emozioni e parla con i gior- Luciano Ghirga. Amanda protago- media che sono lì per lei, come se L’avvocato Ghirga giustificherà incredibilmente freddi di fronte nalisti, mentre sta per essere tra- nista. La solita Amanda. Amanda l’altro imputato, Raffaele Solleci- l’atteggiamento di Amanda, nel ad un’accusa che potrebbe schiac- sportata di nuovo nella sua «casa» che ovviamente non delude quel- to, facesse parte soltanto di un foto- voltarsi verso i fotografi con il fatto ciare chiunque: quella di essere di Capanne. «Sto bene e sono con- l’opinione pubblica e quei mass gramma di questa storia. che, tra le file riservate ai familiari un assassino. Sono sembrati soprattutto questo Amanda Knox e Raffaele Sollecito, ieri davanti alle Un po’ di rossore quando lei si complimenta per i capelli tagliati telecamere di mezzo mondo e ai giudici che hanno in mano il loro futuro. Non sono più fidanzati (quando l’avvocato Bongiorno ha parlato di ’piccioncini’ si riferiva alla loro breve storia passata) e le Knox di aver ucciso Me- Maori e Marco Brusco, ha più volte chiesto Raffaele loro strade processuali saranno obredith Kercher, gli chie- spiegazioni sullo svolgimento del processo, atSollecito bligatoriamente diverse. deva le impressioni delle tento a non perdersi i passaggi più importanti. entra «Io non ho paura»: dice in un itaprime sette ore davanti Si è anche meravigliato del fatto che i pm non teso liano ormai quasi perfetto Amanai giudici popolari che avessero chiesto il suo interrogatorio, anche in aula da Knox che da un anno e mezzo dovranno giudicarlo. Per nel timore di non poter essere sentito dalla scortato si trova in Italia. Anche se, di quetutta la durata dell’udien- corte, subito però rincuorato dagli avvocati dagli sti 18 mesi, solo tre li ha trascorsi za, il giovane barese è ri- che gli hanno ribadito che in ogni momento agenti fuori dal carcere di Capanne dove masto molto teso, a diffe- del processo avrebbe potuto fare dichiarazioni è stata rinchiusa per l’omicidio PERUGIA - «Sono tranquillo, speriamo vada renza di Amanda che ha sorriso più volte, e si spontanee. Dei due giovani, Raffaele è quello della sua compagna di casa, la stututto bene». Impaurito e quasi a disagio, Raffa- è sciolto solo quando la sua ex fidanzata gli ha che è apparso sicuramente più in difficoltà. dentessa inglese Meredith Kerele Sollecito ha risposto così a chi, alla fine detto che stava bene con i capelli tagliati. «Gra- Spaesato e disorientato. «È lunga, ma aspettiacher. Poche parole, quelle di della prima udienza del processo che lo vede zie» ha mormorato sorridendo e diventando mo, siamo qui» dice in una pausa dell’udienAmanda, che bastano per dare un accusato insieme all’ex fidanzata Amanda rosso. Ai suoi legali, Giulia Bongiorno, Luca za. E ripete: «speriamo che vada tutto bene». senso ad una prima udienza del

Lui magro, teso e speranzoso

li di aver compiuto atti abnormi, violato doveri deontologici e norme di legge. Di qui la necessità, per il ministro, di trasferirli subito. La posizione più pesante è quella di Apicella: solo per lui il Pg della Cassazione Vitaliano Esposito aveva chiesto il trasferimento d’urgenza; una misura giudicata insufficiente da Alfano, che ha rilanciato chiedendo la sospensione. Da capo della procura di Salerno - accusa il ministro - ha «omesso di esercitare» i suoi poteri di controllo per «assicurare il corretto svolgimento dell’indagine e il rispetto delle norme da parte del suo ufficio». E come i suoi sostituti ha dimostrato «un’assoluta spregiudicatezza» firmando provvedimenti il cui scopo non era cercare prove, ma una «acritica difesa di De Magistris». Quanto ai pm di Catanzaro: reagendo con un altro atto abnorme, il contro-sequestro degli atti, anziché ricorrere alle «legittime forme di contestazione previste dall’ordinamento» e mettendo sotto inchiesta i colleghi di Salerno - invece di astenersi - hanno dimostrato «scarso equilibrio». Per questo sono «incompatibili» con il loro ruolo. Amanda Knox sorride guardando ai suoi avvocati. La biondina di Seattle è apparsa distesa per tutta l’udienza

e ai collaboratori degli studi dell’avvocato, c’era una sua zia venuta da Seattle per il processo. E Amanda movimenta anche la giornata del collegio della corte d’assise, chiamato più volte a dover analizzare l’ammissibilità o meno del «famoso» memoriale redatto dalla ragazza americana prima di essere messa in stato di fermo per l’omicidio di Meredith. Il memoriale lo vogliono «sul banco degli imputati» i Pm Mignini e Comodi. Non lo vuole, invece, il pool difensivo di Amanda. In quelle poche pagine Amanda, tra il confuso e l’allucinato, ha scritto di tutto: ha quasi confessato di aver visto chi ha ucciso Meredith, ha poi ritrattato, ha detto che comunque poteva essere vero quello che ha visto perché era completamente confusa e, infine, in quel memoriale, ha persino dubitato che ad uccidere la sua compagna di casa fosse stato il suo ragazzo, Raffaele Sollecito. Il giudice Massei si è riservato di decidere se mettere negli atti o no il memoriale. E poi c’è lui: Raffaele Sollecito, l’imputato non protagonista. Ha cambiato look «Lele»: i capelli lunghi da Arcangelo Gabriele sono stati spazzati via da una capigliatura corta. Sul banco degli imputati è rimasto silenzioso, ha preso appunti e ha dimostrato di volersi giocare la partita per la libertà punto dopo punto.


6 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Già identificato un responsabile

Operava in Kenya, era originario del Cuneense

ROMA - Cresce la preoccupazione per la sorte dei tre operatori della Croce Rossa, tra cui l’italiano Eugenio Vagni, sequestrati giovedì sull’isola di Jolo, nel sud ovest delle Filippine. Secondo una fonte militare, sarebbe stato identificato un responsabile del sequestro: una ex guardia del carcere di Papikul struttura visitata proprio questa settimana dai tre rapiti - che avrebbe legami con il commando armato che ha bloccato e portato via i tre membri della Croce Rossa.

ROMA - Nuova vittima italiana in Kenya. Un missionario, padre Giuseppe Bertaina, è stato ucciso ieri a Langata, uno dei quartieri più poveri di Nairobi, in seguito ad una rapina finita male. Legato e imbavagliato, il sacerdote 82enne, originario del Cuneense, è morto soffocato - forse strangolato - negli uffici dell’Istituto di Filosofia gestito dai padri della Consolata, dove lavorava come docente. E ci sarebbero già tre sospettati - due uomini ed una donna - tra i quali un ex seminarista che era stato cacciato dall’Istituto.

Paura per gli operatori Cri sequestrati nelle Filippine

Anziano missionario ucciso per una rapina finita male

Eugenio Vagni rapito nelle Filippine

La vittima padre Giuseppe Bertaina

A tre settimane dall’inizio della guerra si fa concreta la possibilità di annunciare una tregua unilaterale. Questa sera si riunisce il governo di Tel Aviv

Israele a un passo dal cessate il fuoco Ma a Gaza si combatte ancora e si continua a morire TEL AVIV - A tre settimane dall’inizio, l’operazione Piombo Fuso lanciata da Israele contro Hamas a Gaza volge al termine. «Siamo nel suo atto finale», ha detto ieri un portavoce governativo. A Gaza intanto si continua a combattere: almeno 20 miliziani - dice un portavoce militare a Tel Aviv - sono stati colpiti ieri dal fuoco dei soldati israeliani. E da parte loro i miliziani di Hamas hanno colpito a ripetizione con i loro razzi diverse città israeliane, fra cui Sderot, Ashqelon, Ashdod e Beer Sheva. Ma anche ieri la attenzione è stata polarizzata dalla diplomazia e dalla possibilità che Israele opti adesso per una tregua unilaterale. La questione che per Israele ha carattere prioritario è la lotta al con-

Rafforzata la lotta al traffico d’armi verso Hamas

I passegegri tutti salvi grazie alla sua perizia

Le chiavi della città di New York al pilota eroe dell’Hudson NEW YORK - Il sindaco di New York Michael Bloomberg ha pronte per lui le chiavi della città, la portavoce della Casa Bianca Dana Perino lo ha chiamato eroe, sui blog c’è chi lo vuole nominato senatore dello Stato della Grande Mela al posto di Hillary Clinton: si chiama Chesley Burnett Sulleberger III il pilota grazie a cui tutti e 150 i passeggeri dell’Us Airways 1549 finito giovedì nelle gelide acque dell’Hudson si sono salvati. ’Sully’ ha avuto pochi istanti per decidere quando, immediatamente dopo il decollo dall’aeroporto di La Guardia, l’Airbus che pilotava è stato investito da uno stormo di oche che hanno inceppato i motori. Sulleberger, un trabbando di armi dal Sinai verso Hamas a Gaza. L’obiettivo, si afferma in Israele, è di impedire che al suo confine meridionale si crei

L’Us Airways 1549 finito giovedì nelle gelide acque dell’Hudson Tutti salvi i passeggeri

ex asso dell’Air Force, oltre a far planare il jet in emergenza in una zona dove non esistono spazi aperti se non quello del fiume, ha fatto ogni cosa come si deve: dopo aver dato gli ordini per

un’entità filo-iraniana armata. Negli Stati Uniti il ministro israeliano degli esteri Tzipi Livni ha firmato una intesa con il segretario di Stato Con-

le operazioni di salvataggio ha verificato di persona che sull’aereo non ci fosse più nessuno attraversando due volte avanti e indietro la cabina. Solo allora ha abbandonato l’aereo.

doleezza Rice per una lotta coordinata, su vasto raggio, contro il traffico di armi verso Hamas. La medesima questione è stata discussa ieri al

Cairo da un emissario israeliano, Amos Gilad, che in serata ha riferito al ministro della difesa Ehud Barak.

Secondo la Livni, l’intesa raggiunta con la Rice rappresenta «un salto di qualità» nella lotta al contrabbando delle armi per Hamas. «Si tratterà di operazioni militari e di intelligence da svolgersi nel Mar Mediterraneo, nel Golfo Persico, nel Mar Rosso e anche di fronte all’Africa Orientale, e non solo lungo il confine fra Egitto e Gaza», ha precisato. Vi prenderanno parte Israele, Stati Uniti ed Egitto nonchè «elementi europei», ha aggiunto la Livni. Israele si garantirà il diritto di tornare ad agire sul confine fra Egitto e Gaza, se i passaggi di armi dovessero proseguire. Stasera i vertici israeliani torneranno a consultarsi per verificare se allo stato attuale sia possibile annunciare una tregua unilaterale.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 7

Attualità

Dopo l’atto di indirizzo di Sacconi la clinica friulana non accoglie la Englaro

Per Eluana un altro no Sfuma l’ipotesi Udine Pierpaolo Gratton

UDINE - La casa di cura Città di Udine fa marcia indietro sul caso di Eluana Englaro per il quale, dopo l’atto d’indirizzo del Ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, sembra ancora una volta allontanarsi una soluzione. Stretta tra il groviglio di norme amministrative e la possibile sovrapposizione di competenze tra Stato e Regioni, tra casi di coscienza e possibili ritorsioni, la clinica friulana, alla fine di una riflessione durata oltre un mese, ha deciso di non accogliere Eluana e, quindi, di non attuare il protocollo, che aveva definito nelle settimane scorse, per il distacco del sondino che tiene la ragazza in vita, anche se in stato vegetativo, da 17 anni, cioè da quando rimase gravemente ferita in un incidente stradale. Eluana, quindi, non morirà a Udine, nel Friuli dei suoi avi, così come avrebbe voluto papà Beppino, originario di Paluzza (Udine), che ha sempre detto di voler assecondare quelli che erano i desideri della figlia, cioè di riposare accanto ai nonni paterni. «Se avessimo accettato - ha scritto la clinica oggi - il ministro avrebbe potuto assumere provvedimenti che, per quanto di validità temporanea proprio in virtù delle specifiche pertinenze delle istituzioni, avrebbero messo a repentaglio l’operatività della struttura e, quindi, il posto di lavoro di più di 300 persone, di quelli delle società controllate, oltre ai servizi complessivamente erogati alla comunità». La clinica - sul cui presidente, Antonino Agosto, avevano fatto pressioni in molti non ultimo l’ex ministro della sanità, Francesco Storace - si è quindi tirata indietro, ma la vicenda umana di Eluana è di là dall’essere risolta e ancora tutta da scrivere. Che farà ora papà Beppino, che ha detto comunque di rispettare le decisioni della struttura sanitaria friulana? Porterà Eluana in qualche struttura in Emilia Romagna, visto che il presidente Vasco Errani si è detto pronto ad accoglierla? Come vorrà esercitare il diritto riconosciutogli dalla corte d’Appello di Milano e confermatogli dalla Cassazione? Dopo la decisione della casa di cura, sulla vicenda si sono riaccese le polemiche. Il sottosegretario all’Interno, Alfredo Mantovano, è stato molto chiaro. «La decisione della clinica friulana dimostra che il decreto della Corte d’Appello di Milano, confermato dalla Cassazione, non è eseguibile senza trasformarsi in una diretta lesione del

“L’avevamo scelta per farla stare accanto ai nonni paterni” A sinistra la casa di cura “Città di Udine”. Non accoglierà Eluana, in coma vegetativo da 17 anni A destra il padre di Eluana, Beppino Englaro con la foto della figlia in stato vegetativo da 17 anni

diritto alla vita e quindi in un omicidio». E di rimando, Isabella Bertolini, componente del direttivo del Pdl alla Camera, ha invitato Errani a dire di no, cioè «a non ospitare Eluana per indurle la morte». Pier Ferdinando Casini si è detto d’accordo con l’iniziativa del ministro Sacconi, mentre Storace ha ringraziato la clinica «per aver accolto l’appello a non toglie-

re la vita a Eluana», mentre Eugenia Roccella, sottosegretario al Welfare, ha detto che «la decisione della clinica conferma che nel Servizio sanitario nazionale non possono esistere zone di “extraterritorialità”». A Udine, intanto, Amato de Monte, primario di terapia intensiva dell’ospedale friulano, ha ribadito la propria disponibilità alla fami-

glia Englaro per attuare la sentenza, mentre Gian Luigi Gigli, anche lui friulano, consulente del ministero, si è detto soddisfatto per la decisione della clinica «che evita uno stravolgimento dell’agire medico» e perchè «non può non essere vista con piacere da quanti operano per la tutela dei più fragili». Sul fronte opposto Ignazio Marino

(Pd) ha parlato di «una Italia che arretra sotto le minacce del Governo», mentre Carlo Alberto Defanti ha parlato di ricatto nei confronti della clinica friulana. Sulla questione non sono voluti intervenire il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Renzo Tondo (che nei giorni scorsi ha visitato Eluana), e nemmeno l’amico di famiglia, Ferruccio Saro, che nei mesi

scorsi si erano impegnati per aiutare Beppino. Per Eluana, quindi, tutto torna in alto mare. E a decidere non può che essere papà Beppino il quale ha sempre detto e ribadito di non voler portare la figlia all’estero e, anche, di voler comunque esercitare il diritto riconosciutogli dalla corte d’Appello di Milano e dalla Cassazione.

Sesso protetto? Annullabili le nozze

I carabinieri hanno intensificato il controllo dei tir in ingresso da Ventimiglia

Nascosti con il carico di mattonelle 150 kg di stupefacente. Un poliziotto tra i fermati

L’hascisc dalla Spagna viaggia sul tir GENOVA - C’era anche un poliziotto tra gli otto uomini sorpresi dai carabinieri intorno ad un camion spagnolo proveniente da Ventimiglia che aveva appena scaricato in un deposito di materiale edile a Sant’Olcese (Genova) un bancale con 150 chilogrammi di hascisc. Tutti e otto, cinque italiani e tre spagnoli, sono stati arrestati con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti. Il valore dell’hascisc sequestrato è di circa 150 mila euro all’ingrosso e di oltre 300 mila euro al dettaglio. L’agente di polizia, Paolo Oggianu, di 42 anni, presta servizio al Reparto Mobile di Bolzaneto. Gli altri arrestati sono tra i 26 e i 51 anni.

I ruoli di ciascuno di essi all’interno dell’organizzazione sono tuttora al vaglio dei militari. Al momento non risultano collegamenti con la grande criminalità organizzata ed il gruppo potrebbe essersi formato in maniera estemporanea per entrare nel business del trasporto di hascisc dalla Spagna all’Italia su camion, che ha assunto dimensioni sempre maggiori negli ultimi tempi. Questo ha fatto intensificare ai carabinieri il controllo dei Tir in ingresso a Ventimiglia sull’autostrada dei Fiori. I militari hanno così monitorato il traffico utilizzando lettori automatici di targhe per identificare rapidamente gli autocarri con targa spagnola. Hanno quindi incrociato i dati con i documenti di

vettura, ottenendo così un elenco dei Tir che viaggiavano con carico scarso, tale da non giustificare le spese di un trasporto internazionale. Dopo un Tir trovato tre giorni fa in un’area di servizio del savonese con 635 chili di hascisc nascosto nel carico di crocchette per cani, è stata la volta del camion carico di mattonelle guidato da Piqueras e Grau. I carabinieri l’hanno seguito fino al deposito di Sant’Olcese, dove sono stati insospettiti dalla presenza di un numero elevato di persone. Quando il Tir stava per lasciare il magazzino i carabinieri sono intervenuti ed hanno scoperto i 1500 panetti da 100 grammi ciascuno, confezionati in cubi da 30 chili ciascuno, su un bancale.

Troppa diversità tra le legislazioni nazionali e molti stati frenano

I ministri La Russa e Carfagna firmano un protocollo biennale

PRAGA - Dieci Paesi dell’Unione europea, tra ra maturi perchè molti Stati membri si opponcui l’Italia, sono pronti a rilanciare la «coope- gono», ha detto il commissario Ue Giustizia, razione rafforzata» per semplificare il divorzio Jaques Barrot, confermando lo stallo della e le contese sui figli di coppie situazione. Secondo i Trattati miste europee, ma la Commis- Si chiude con un nulla Ue, tutte le decisioni che risione Europea e molti Stati di fatto la riunione guardano la famiglia vanno membri si oppongono, per pa- tra i ministri prese con l’unanimità degli ura di un’Europa a due velocimembri e ciò crea grosse per unificare le norme Stati tà. difficoltà, in quanto le legislaSi chiude con un nulla di fatto sulla coopera- zioni nazionali sono tra loro molto diverse: ad zione in materia di diritto di famiglia la riunio- esempio, Cipro e Malta non hanno una legge ne informale dei ministri della Giustizia del- sul divorzio, mentre in Olanda e Belgio è l’Unione ieri a Praga. «I tempi non sono anco- consentito il matrimonio tra omosessuali.

ROMA - Una task force contro le vittime di militari donne. Secondo l’Osservatorio nazioatti persecutori e comportamenti intrusivi. nale stalking almeno il 20% degli italiani, Un gruppo di undici carabinieri entrerà pre- soprattutto donne, ne sono stati vittime dal sto in azione contro quel2002 al 2007. l’odioso fenomeno dello Una task force Il protocollo, di durata bienstalking che registra fra le in aiuto nale, prevede iniziative di studonne le vittime privilegiate. delle vittime dio e ricerca, di formazione Lo prevede un protocollo firdel personale dell’Arma, di di atti persecutori mato ieri a Palazzo Chigi, dai collaborazione con enti terriministri Mara Carfagna e Ignazio La Russa e toriali e reti antiviolenza. Intanto prosegue dal comandante dell’Arma dei carabinieri, l’iter parlamentare del ddl contro lo stalking Gianfrancesco Siazzu. Il gruppo di esperti (sarà istituito come reato) che la prossima dei carabinieri sarà composto per lo più da settimana sarà in aula alla Camera.

Le molte facce dell’Europa del divorzio Carabinieri in azione contro lo stalking

ROMA - I coniugi che consumano rapporti sessuali protetti - ai fini di tutelare la salute della donna e del nascituro messi a rischio da una malattia trasmissibile del marito corrono il rischio di vedersi annullare le nozze concordatarie celebrate in chiesa. Lo sottolinea la Cassazione che ha convalidato la sentenza con la quale la corte d’appello di Roma aveva ratificato l’annullamento del matrimonio di Fabio N. ed Elisabetta T. . In particolare, la Cassazione ha respinto il ricorso con il quale Elisabetta T. contestava l’annullamento delle nozze concordatarie con Fabio N, richiesto e ottenuto da quest’ultimo. Secondo la donna, lo Stato non poteva accettare quell’annullamento pronunciato dai giudici ecclesiastici in quanto i coniugi, in accordo, avevano rapporti protetti per evitare la trasmissione ad Elisabetta e all’eventuale nascituro, della ’Sindrome di Reiter’ dalla quale lui era afflitto. Per la Chiesa le pratiche che escludono la prole consentono di invalidare le nozze religiose. Ma Elisabetta ha fatto presente - in Cassazione - che un simile punto di vista «contrasta con l’ordine pubblico italiano che tutela la salute della donna e del nascituro». La Cassazione non ha condiviso la tesi replicando che «la nullità di un matrimonio concordatario per esclusione della prole, quando tale intenzione sia accettata da entrambi i coniugi, non trova ostacolo nella circostanza che la legge statale non include la procreazione tra i doveri del vincolo matrimoniale».


8 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità Vita (Pd): “Contro Michele un nuovo editto bulgaro”

Cicchitto (Pdl): “Con lui Hamas in prima serata senza contraltare”

L’ambasciatore israeliano: “Uno spettacolo vergognoso”

ROMA - «Sotto le ceneri sembra covare la tentazione di un nuovo editto bulgaro». Lo dice Vincenzo Vita, senatore del Pd, membro della commissione di vigilanza Rai.

ROMA - «Sorprende constatare che al momento non ci sia ancora stato un atto di censura da parte dei vertici Rai»: lo dice Fabrizio Cicchitto, presidente dei deputati del Pdl.

ROMA - «Uno spettacolo vergognoso» che speriamo «non si ripeta più». Così l’ambasciatore israeliano in Italia, Gideon Meir, in una lettera alla rai.

Ad “Annozero” lite in tv formato sinistra tra Santoro e Annunziata Maggioranza all’attacco, Napolitano ammette: serve un ricambio politico A Bari dice: disposto a dare una mano

D’Alema offre aiuto al Pd

BARI - Occorre vedere le difficoltà esistenti nel Pd senza mettere «la testa nella sabbia»: nè è convinto Massimo D’Alema, che ieri sera ha parlato a Bari, in un incontro organizzato dall’associazione Red, dei problemi legati alla crisi economica finanziaria internazionale. Una crisi a cui, secondo D’Alema «si risponde ridando forza al progetto del Pd che oggi vive una evidente difficoltà». «E voglio dire - ha aggiunto - una cosa politica: credo che sia sbagliato far discendere da questa difficoltà l’idea che si debba rinunciare a questo progetto». «Vedo venire avanti - ha continuato D’Alema vagheggiamenti neocentristi, appelli identitari. Non mi pare che abbiano un grande senso. Però non si difende questo progetto mettendo la testa nella sabbia». Bisogna, per D’Alema, «vederne le difficoltà, vedere le cose che non vanno, bisogna avere il coraggio di una forte ripartenza».«Abbiamo lavorato poco - ha sottolineato D’Alema - a questa opera fondativa. Credo che sia stato sbagliato non cogliere le opportunità che venivano». Occorre quindi, «una grande opera di ricostruzione organizzativa». Il Pd si è dunque mosso con grande ritardo: «E non voglio - ha precisato - recriminare con nessuno. Sollevo questi problemi - ha concluso - con spirito positivo, di chi dice ’noi siamo disposti a dare una mano».

Scintille a palazzo Sul conduttore fiume di critiche e vanno all’aria antiche alleanze ROMA - L’eco delle granate che piovono su Gaza fende l’aria e rimbomba, facendo tremare i vetri, fin nei Palazzi della politica italiana. Che ne riceve un ulteriore impulso alla frammentazione e alla disarticolazione, in una giornata in cui molti dei tradizionali ancoraggi sembrano saltare e il riposizionamento dei protagonisti diventa all’improvviso la parola d’ordine. Ma andiamo per gradi. Parte tutto da Annozero, la trasmissione tv condotta da Michele Santoro durante la quale l’ospite Lucia Annunziata ad un certo punto giudica la puntata su Gaza totalmente sbilanciata a favore dei palestinesi e lascia lo studio dopo un duro scambio verbale con il conduttore. E’ subito bufera. Gianfranco Fini chiama il presidente Rai Petruccioli e dice: "Ad Annozero si è superato il livello di decenza". Poco dopo il presidente della Camera telefona a Lucia Annunziata, per esprimerle "solidarietà e apprezzamento". A Fini risponde Santoro dal sito: "In un paese normale il livello della decenza lo supera un presidente della Camera che, travalicando i suoi compiti istituzionali, interviene per richiedere una censura nei confronti di un giornalista". Tra parentesi, il sito di Santoro fa anche di meglio e propone una scheda “della coerenza”, ricordando quella volta in cui fu Berlusconi a piantare in as-

Tra Lucia Annunziata e Michele Santoro una lite furibonda in diretta tv durante “Annozero” di giovedì sera: dalle divergenze su Gaza agli insulti personali

so l’Annunziata, colpevole di averlo aggredito verbalmente durante una puntata di “In mezz’ora”. Intanto, però, su Santoro piovono critiche unanimi da destra e da sinistra, con poche eccezioni (Prc,

Pdci, Idv). E persino il mite Walter Veltroni ha qualcosa di antipatico da dirgli, piccato per essere stato invitato dal conduttore ad andare a Gaza invece che in Africa. Un altro strappo a sinistra, insom-

ma, quanto mai imprevisto. Ma non è che il cielo sopra la maggioranza sia tutto sgombro di nubi. Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini hanno tentato ieri a pranzo le divergenze (da Malpensa all’immi-

grazione alla manovra economica) che hanno sconcertato negli ultimi tempi l’elettorato moderato. Ci sono riusciti? Berlusconi ha dovuto fare buon viso a cattivo gioco concedendo un passaggio più “de-

Pranzo di tregua tra i due alleati dopo le ultime polemiche: al partito unico si arriverà per gradi

Berlusconi e Fini al “tavolo” della pace

Berlusconi e Fini, pranzo di tensione

ROMA - «Tutto bene» è la parola d’ordine, dopo la colazione di ieri tra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini a Montecitorio, che riporta la quiete dopo le tensioni dei giorni scorsi. Oltre due ore di colloquio-tregua, gustando

una spigola e sorseggiando vino bianco, con un sostanziale passo avanti sul percorso costituente del Pdl: subito si metterà nero su bianco una sorta di documento ’preliminare’ fissando le tappe della road map che porterà entro un mese alla scrittura di uno statuto e, quindi, il 27 marzo al congresso fondativo del Popolo delle Libertà. Sulla scrittura delle regole il presidente della Camera segna un punto a suo vantaggio, utile a rassicurare i tanti che in An hanno temuto il peggio: il disciogliersi della destra in un contenitore senza regole e democrazia interna, una sorta di Forza Italia allargata con Berlusconi incontestato monarca. Dopo l’incontro, che Berlusconi e Fini concordano nel definire «utile ed amiche-

vole», il premier conviene sulla opportunità di indicare regole per definire gli organismi deputati alle scelte politiche e a quelle su classe dirigente e candidature. Entro un mese si arriverà perciò allo statuto, anche sulla base del lavora già elaborato dal tandem Denis Verdini-Ignazio La Russa. Quanto agli organi, si sarebbe ipotizzato di costituire una sorta di ’parlamentinò (una Assemblea Nazionale di circa 1000 persone), una direzione di un centinaio di membri, un ufficio politico o un esecutivo ristretto di una ventina, con tre coordinatori sotto Berlusconi, che al congresso sarebbe eletto, e non acclamato, presidente, con un sistema di voto che potrà anche essere quello segreto o per alzata di mano.

mocratico” al partito unico del Pdl, che non somigli insomma ad una pura e semplice annessione della Destra a una sorta di Forza Italia allargata. Fini dovrebbe avere ottenuto un impegno di Berlusocni al dialogo con l’opposizione sulle riforme e un maggiore rispetto delle prerogative parlamentari, ma sembra presto per dire che tutto fili liscio dalle parti della maggioranza. Berlusconi, per di più, deve gettare un occhio anche sulla Lega, per evitare ch Bossi si trasformi in una sorta di Di Pietro del centrodestra, u alleato ruvido e riottoso e progressivamente tentato di erodere consensi all’alleanza per trasformarli in voto leghisti. In questo scenario, il tentativo del Pd di inserire un cuneo nelle divisioni del centrodestra rischia di essere vanificato anzitempo dalla dura risposta della Lega all’invito di Walter Veltroni: Roberto Cota spiega che il Carroccio non ha nessuna intenzione di far cadere il governo, ma solo di dare visibilità alle proprie convinzioni in difesa del Nord; e Federico Bricolo invita il leader democratico a pensare piuttosto alle divisioni del suo partito, lacerato dalle tentazioni centrifughe e dalle sirene che l’Udc Casini fa partire in direzione dell’ex Margherita. Forse con uno sguardo a tutto questo il presidente Napolitano ha ieri invitato i giovani ad accelerare il ricambio del personale politico.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 9

Cronache in breve Prostituzione in strada Verona dice ancora no VENEZIA - È in vigore da ieri a Verona la nuova ordinanza contro la prostituzione di strada. Il sindaco Flavio Tosi, infatti, ha firmato il provvedimento, adottato per ripristinare le sanzioni che avevano di fatto eliminato la prostituzione dalle vie cittadine, dopo che la terza sezione del Tar Veneto nei giorni scorsi aveva sospeso l’efficacia di quella del 2 agosto 2008. Il provvedimento varrà su tutto il territorio comunale.

L’ex velina fa promozione alla linea di abbigliamento “Sweet Years” La Satta è in attesa di tornare a lavorare in tv dopo l’esperienza a Striscia

Mancano i fondi L’Italica non salpa CROTONE - La nave rompighiaccio ’Italica’ rimarrà per 3 mesi nel porto di Crotone per mancanza di fondi essendo stati apportati tagli alla ricerca. La nave oceanografica, che da 20 anni porta in Antartide il vessillo italiano per conto del consorzio Programma nazionale ricerche antartiche (Pnra),non è dunque salpata per la prima volta verso il Polo Sud. C’è da sperare che la situazione possa essere risolta quanto prima.

Rifiutata la campagna con i bus atei a Genova GENOVA - È stata rifiutata la campagna pubblicitaria degli atei su due autobus urbani di Genova. La concessionaria IGPDecaux degli spazi pubblicitari sui bus dell’Amt ha infatti deciso di non concedere all’Unione degli atei, razionalisti ed agnostici (Uaar) gli spazi per lo slogan «La cattiva notizia è che Dio non esiste. Quella buona è che non ne hai bisogno». L’Uaar chiede al Comune di revocare la concessione alla IGPDecaux.

Per droga e prostituzione 18 arresti nell’Agrigentino AGRIGENTO - Sono 18 le ordinanze di custodia cautelare che sono state eseguite, durante la scorsa notte, a Licata, dalla guardia di finanza di Agrigento. L’operazione ha portato alla luce un vasto giro di spaccio di sostanze stupefacenti e di prostituzione. 11 degli indagati erano già in carcere.

Esplode petardo in classe Denunciato uno studente ROMA - Fa esplodere un petardo in classe causando un malore a un compagno e all’insegnante e per questo è stato denunciato. È’ successo all’ istituto alberghiero ’Amerigo Vespucci’, a Roma. Protagonista un sedicenne, già sospeso due volte nel corso dell’anno scolastico. Il ragazzo è stato riaffidato ai genitori.

PALERMO - Ha ustioni sul 30% del corpo ed è in prognosi riservata un tunisino di 29 anni che l’altra sera è stato arso vivo da un gruppo di connazionali, dopo una rissa, nella frazione Roccazzo di Chiaramonte Gulfi, in provincia di Ragusa, dove lavora come bracciante agricolo. Dopo le prime cure al «Regina Margherita» di Comiso, il giovane è stato trasferito al Centro grandi ustionati di Palermo dove si trova adesso ricoverato. L’extracomunitario è stato circondato, nel corso di una lite, da alcuni connazionali che lo hanno cosparso di benzina, dandogli fuoco. In pochi istanti è stato avvolto dalle fiamme, spente da alcuni testimoni. Gli aggressori sono invece fuggiti e sono ancora ricercati dai carabinieri. Non si conoscono i motivi che hanno originato la rissa e la spietata vendetta.

Le cinesi vorrebbero due o più bambini PECHINO - La maggior parte delle donne cinesi vorrebbe avere più di un figlio, secondo la Commissione per la Pianificazione familiare. La commissione ha predisposto uno studio. «Il 70,7% delle donne vorrebbe avere due o più figli», ha dichiarato Jiang Fan, vicedirettrice della Commissione. Di queste l’83% desidera un maschio e una femmina. La maggior parte delle intervistate ritiene che un figlio unico possa crescere triste e viziato.

Transessuale violentato e rapinato, tre in cella ROMA - Sotto la minaccia di un coltello e con calci e pugni, tre romeni in via Tiburtina hanno violentato un transessuale ecuadoriano di 37 anni e poi lo hanno rapinato del telefono cellulare, di due anelli d’oro e 170 euro in contanti. I tre di 20, 22 e 26 anni sono stati arrestati dai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma mentre tentavano di allontanarsi a bordo della loro auto.

Giovane bruciato vivo dopo una lite, è grave

Fuga di gas in due scuole Evacuati alunni e maestre Melissa Satta, l’ex velina di Striscia è fidanzata con il calciatore Bobo Vieri

Melissa si dà alla moda

MILANO - L’ex velina si dà alla moda aspettando di trovare un nuovo ruolo in tv. Melissa Satta, in questi giorni, è impegnata con la promozione della linea d’abbigliamento “Sweet Years”. Il marchio, di proprietà, fra gli altri, del fidanzato Christian Vieri (che attualmente gioca nell’Atalanta), è uno dei più in voga fra i giovani. E il merito va anche alla ex velina sarda, che da anni ne è testimonial. La carriera di Melissa in televisione inizia nel 2005 come valletta in televisione, nel programma Mio fratello è Paki-

stano condotto da Teo Mammucari su Canale 5. Nello stesso anno viene scelta come testimonial per la pubblicità della Tim. Dal 26 settembre 2005 inizia l’avventura a Striscia la notizia. Nel 2006 recita nella fiction di Mediaset Il giudice Mastrangelo 2 e ha una parte minore nel film Bastardi (regia di Andrès Arce Maldonado, con Barbara Bouchet, Gérard Depardieu e Giancarlo Giannini). Nell’autunno 2008 conduce insieme a Teo Mammucari il quiz in tre puntate, Primo e Ultimo su Italia 1.

MILANO - Due fughe di gas hanno interessato, quasi alla stessa ora, due scuole milanesi ieri mattina. La più importante è successa alle 8.45 circa, alla scuola elementare ’Martiri di Gorla’ in via Cesalpino 38, dove 300 alunni e 20 maestre sono stati fatti evacuare per una fuga di gas «intensa». Giunti sul posto, i vigili del fuoco hanno messo in sicurezza l’impianto di alimentazione delle caldaie. Verso le 10 l’allarme è rientrato e gli alunni, con le loro maestre, sono potuti rientrare nelle classi. Sempre alle 8.45 circa, una fuga di gas è stata avvertita nella scuola materna di via Madonna Assunta a Bareggio, nel Milanese, dove i bambini non sono potuti entrare nell’edificio.

In Zimbabwe 100 trilioni William pilota Nell’incidente di caccia Un italiano su 5 valgono 33 dollari Usa ma con gli occhiali ferito ufficiale dell’esercito dimentica le guerre NAIROBI - La Banca centrale dello Zimbabwe si accinge ad introdurre una banconota da 100 trilioni (100.000 miliardi) di dollari dello Zimbabwe, che al cambio reale varranno 33 dollari Usa. Lo Zimbabwe è ormai collassato, l’inflazione non è neanche più valutabile (l’ultimo dato, riferito al giugno scorso, la indicava a 231 milioni per cento annui), i prezzi raddoppiano ogni giorno: ma in realtà c’è poco o nulla da comprare.

NAPOLI - Un tenente colonnello dell’esercito, Gaetano Ruoto, 58 anni, è rimasto ferito gravemente nel corso di una battuta di caccia nel Salernitano. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri della compagnia di Eboli, il militare era impegnato in una battuta di caccia al cinghiale con un amico nei pressi del fiume Sele, nel territorio di Serre, quando sarebbe rimasto vittima di un colpo di fucile partito accidentalmente dall’arma del compagno di caccia. L’ufficiale è stato soccorso e portato in ospedale.

Si finge medico per avere le ricariche telefoniche MILANO - Si spacciava per un medico con urgenti doveri lavorativi e contattava alcuni tabaccai della zona per farsi ricaricare il telefono, assicurando all’ interlocutore che, portati a termine i suoi impegni, avrebbe pagato l’accredito. Per questo, una donna di 40 anni, R.M., residente nella Bassa Lodigiana, è stata denunciata per truffa e sostituzione di persona dai Carabinieri di Maleo e Castiglione d’Adda. Per due volte, fingendosi medico. era riuscita ad ottenere ricariche da 25 euro, che non aveva mai pagato.

Il principe William in tenuta Raf

LONDRA - Per la Raf solo chi ha 10/10 di vista può diventare pilota: il principe William è miope ma era ai comandi di un elicottero. Lo testimoniano le immagini del giovane pubblicate dai giornali. Tuttavia, non si tratta di nulla di irregolare: William è un ufficiale dell’esercito e non dell’aviazione, il regolamento stabilisce che i vertici Raf possono fare eccezioni. E così William porta un paio d’occhiali d’ordinanza della Raf ammessi perchè infrangibili.

ROMA - Un italiano su 5 si «dimentica» dei conflitti armati che scoppiano nel mondo. Lo rivela un sondaggio condotto dalla Swg e pubblicato nel terzo rapporto sulle guerre dimenticate «Nell’occhio del ciclone» a cura di Caritas italiana, «Famiglia cristiana» e «Il Regno». Il rapporto, presentato ieri a Roma, mostra come il 20% del campione (nel 2004 era il 17%) non sappia indicare nessun conflitto armato avvenuto nel mondo negli ultimi cinque anni. Se a rispondere sono i giovani, il dato peggiora.

Napoli, sequestrato il gazebo Annuncia suicidio dello storico caffè Gambrinus la polizia lo salva NAPOLI - Sequestrato dai vigili urbani il gazebo dello storico caffè napoletano ’Gambrinus’, nel cuore della città, in piazza Trieste e Trento. Il caffè - che ha tra i suoi clienti anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano - ha visto scattare il sequestro del gazebo, con vista sul teatro San Carlo e piazza del Plebiscito, per assenza del parere positivo della Soprintendenza e del permesso di costruzione.

ATENE - La polizia greca è intervenuta per salvare una ragazza di 14 anni che aveva annunciato su internet la sua itnenzione di suicidarsi. La giovane aveva informato i visitatori di una chat-room che si sarebbe tolta la vita. La squadra contro i crimini elettronici di Salonicco ha rintracciato l’origine dei messaggi nella località di Veria, nel nord della Grecia, ed ha informando in tempo i genitori.


10 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Economia

Detrazione mutuo e bonus famiglia nel 730 del 2009

Compagnie aeree: le previsioni sono per un anno terribile

Il dentista per tutti Cinque sedute a prezzi scontati

ROMA - Arriva la versione definitiva del 730 per il 2009 che è online da ieri, sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate. È il modello di dichiarazione semplificata, utilizzato ogni anno da oltre 13 milioni di contribuenti per comunicare al Fisco i redditi percepiti nel 2008. Quest’anno è prevista tra l’altro la possibilità di un bonus famiglia, detrazioni per abbonamenti ai servizi di trasporto, detrazioni agli studenti fuorisede. In particolare il nuovo 730 prevede tra l’altro la possibilità per i nuclei familiari a basso reddito di chiedere il ’bonus straordinario’, meglio conosciuto come bonus famiglia e l’aumento del limite di detraibilità per interessi passivi su mutui.

FIUMICINO - Dopo un 2008 «drammatico» per le compagnie aeree anche nel 2009 sarà «crisi profonda». Schiacciate da contratti futures sull’acquisto di carburante che ancora non beneficiano del crollo dei prezzi del barile, e dalla domanda in calo per l’impatto della crisi economica, i vettori europei chiuderanno il 2009 con i conti in rosso per un miliardo di dollari, dieci volte peggio del 2008. Nessuna schiarita anche per le compagnie asiatiche, che quest’anno perderanno 1,1 miliardi di dollari. Mentre quelle americane riusciranno a rosicchiare un utile intorno ai 300 milioni di dollari dopo aver perso 3,9 miliardi lo scorso anno. Sono dati Iata.

ROMA - I dentisti dell’Andi (Associazione nazionale dentisti italiani) e dell’Oci (Odontoiatri cattolici italiani) sono pronti e disponibili ad offrire un pacchetto di cinque prestazioni a prezzi concordati per le categorie meno abbienti, che rientrano anche nella social card. L’iniziativa partirà presto nel giro di qualche settimana. L’Andi ha precisato infatti che allo stato attuale il confronto col Ministero al tavolo tecnico è in stato avanzato di definizione, ma non è ancora sufficiente per la pubblicazione degli elenchi dei dentisti iscritti all’Andi che volontariamente aderiranno all’iniziativa. Da lunedì sul sito del Ministero i cittadini potranno consultare il testo dell’accordo.

Incentivi mirati allo sviluppo di quelle meno inquinanti Da Bruxelles il punto sulla crisi che ha colpito le case europee

L’industria dell’auto affonda Via libera alla rottamazione BRUXELLES - Sì ad aiuti pubblici per sostenere il settore dell’automobile, in particolare favorendo il rinnovo del parco macchine attraverso incentivi per la rottamazione, misure fiscali e appalti pubblici. A patto che questi interventi siano coordinati a livello europeo e mirati il più possibile allo sviluppo di auto ’pulite’. Dunque, no ad una «corsa ai sussidi» vecchio stampo, quelli distribuiti a pioggia, che porterebbe ad una inevitabile distorsione della concorrenza e dunque a danni ancor più gravi per il settore. Questa l’indicazione venuta dal vertice informale dei ministri Ue dell’industria, riuniti a Bruxelles per fare il punto sulla crisi che sta colpendo tutte le principali case automobilistiche europee. Proposte concrete sono ora attese per il Consiglio Ue sulla competitività programmato per i primi di marzo. E se diversi Paesi hanno già messo a punto piani dettagliati per salvare l’industria dell’auto vedi Svezia, Spagna, Germania e Francia - anche l’Italia, come ha spiegato il ministro delle Attività Produttive Claudio Scajola, «sta valutando eventuali nuove misure», visto che gli incentivi per l’acquisto di auto meno inquinanti sono scaduti lo scorso 31 dicembre.

Dal vertice dei ministri Ue il sì ad aiuti pubblici coordinati

In Europa nel 2008 oltre un milione in meno di auto vendute rispetto al 2007

Ma Roma vuole aspettare che dall’Ue arrivino direttive precise. «Vedremo con gli altri Paesi europei ha detto il ministro - quali strumenti saranno ritenuti più efficaci e compatibili con le norme Ue». Italia preoccupata La riunione d’emergenza era stata convocata dalla Commissione Ue su richie-

sta di molte capitali europee, alla luce degli ultimi drammatici dati sul settore auto: in Europa nel 2008 oltre un milione in meno di macchine vendute rispetto all’anno precedente, con un crollo delle vendite quasi del 20% in dicembre. In Italia nel 2008 il calo è stato del 13,4%. «L’Italia guarda con grande preoccupazione a questa situazione», ha detto Scajola, sottolineando «la netta riduzione dei volumi produttivi e dei livelli occupazionali». Bisogna dunque reagire con maggiore forza a livello europeo . Ma Roma - ha sottolineato il ministro - dice no «ad azioni isolate di incentivazione che si sono rivelate inefficaci», insistendo invece su «un piano coordinato di interventi che preveda misure fiscali a sostegno della domanda di nuove auto a basso impatto ambientale». Dialogo con Obama Una posizione, quella del ministro italiano, sostanzialmente condivisa dai col-

Auto nuove in Europa Occidentale e performance gruppi europei IN TUTTO L'ANNO

A DICEMBRE

14.712.158

Auto vendute nel 2008

924.646

-7,8%

Variazione sul 2007

-17,8%

-4,4%

Volkswagen

-6,5%

-9,0%

Peugeot-Citroen

-11,8%

-6,9%

Renault

-27,4%

-5,5%

Fiat

-14,5%

-3,5%

Bmw

-20,6%

-5,9%

Daimler (Mercedes)

-14,4%

-15,2%

Jaguar/Land Rover

-30,5%

Europa Occidentale: Ue27 + Efta (Svizzera, Islanda, Norvegia) ANSA-CENTIMETRI

leghi europei e dal commissario Ue all’industria, Gunter Verheugen: «Non abbiamo discusso su un eventuale revival delle vecchie politiche sugli aiuti a pioggia», e tutto ciò che sarà deciso - ha assicurato - rientrerà nel quadro del rispetto delle regole Ue sulla concorrenza e sul mercato interno.

In tempo di portafoglio vuoto si punta al risparmio e all’acquisto low cost

La spesa dal contadino o all’hard discount

ROMA - Le previsioni economiche sul 2009 non lasciano spazio all’ottimismo. E le famiglie, che già da un po’ si trovano a fare i conti con salari fermi e potere d’acquisto in calo, corrono ai ripari. Di fronte al quadro fosco tratteggiato dalla Banca d’Italia, che prevede per quest’anno una contrazione della crescita del 2% ma anche un rallentamento dei salari con ricadute sul potere d’acquisto, da Confindustria, che formula previsioni critiche per la disoccupazione (balzerà dal 6,7 all’8,4% nel 2009), e da Confcommercio, che prevede una riduzione dei consumi per i prossimi anni (-0,7% nel 2009 e fermi nel 2010), con il rischio che, alla fine del 2010, la spesa pro-capite possa risultare inferiore a quella del 2006, i consumatori si rifugiano nel ’low cost’. Una scelta che per molti rappresenta ormai un modo di vivere, per conciliare le spese obbligate con la necessità di tirare la cinghia: e così il cibo si compra all’hard discount, i vestiti all’outlet, al cinema ci va a metà settimana, quando il biglietto costa di meno. La spesa? all’hard discount Mentre la crisi fa strage tra le imprese di piccole dimensioni (secondo Confcommercio il saldo tra im-

prese iscritte e cessate è negativo di oltre 30mila unità nei primi 9 mesi del 2008, di cui quasi 18 mila nel solo commercio al dettaglio), è corsa agli hard discount, dove si fanno acquisti più che nel resto della grande distribuzione e dove, in particolare, cresce la percentuale di famiglie che acquistano alimentari (salita, nei primi 10 mesi del 2008, secondo la Cia, al 10,2% dal 9,7% del 2007). O direttamente dal contadino Sta diventando un’abitudine sempre più diffusa quella di fare la spesa direttamente dal contadino, che consente al consumatore un risparmio del 30%: secondo la Coldiretti, un italiano su due ha acquistato nel 2008 almeno una volta direttamente dal produttore. Ma si moltiplicano anche i gruppi di acquisto popolari contro il carovita, che permettono ai consumatori di acquistare insieme prodotti di prima necessità a un prezzo di favore. Per l’abbigliamento coda all’outlet Presi d’assalto durante i saldi ma anche al di fuori del periodo degli sconti, gli outlet sono diventati la vera ’meccà degli affari, frequentati sia dalle famiglie che dagli irriducibili della griffe, che possono trovare risparmi che oscillano

Tra i 50 ed i 200 euro

Immatricolazioni europee

dal 30% al 50%. O in attesa dei saldi I saldi sono sempre più attesi dai consumatori, che ormai ne chiedono la liberalizzazione. Quest’anno persino il periodo natalizio, di solito particolarmente ’grassò per i commercianti, ha visto le famiglie uscire dai negozi con acquisti poco costosi o addirittura a mani vuote: secondo un’indagine del Centro Studi della Confederazione degli Esercenti Commercianti (Cidec), quasi il 75% dei consumatori ha atteso proprio i saldi per fare acquisti. Auto: no grazie, meglio se a gas La crisi mette in ginocchio anche il settore automobilistico. Le famiglie rimandano l’acquisto dell’auto nuova e cercano di tirare avanti beneficiando intanto dei prezzi dei carburanti in calo. Ma è prevedibile che i costi tornino a salire e quindi chi può cambiare vettura lo fa puntando su gpl e metano, che consentono risparmi nettamente superiori. Al cinema quando costa meno La crisi si abbatte anche sulle spese extra. Ma per chi non riesce a rinunciare a passione come quella del cinema, si può sempre ricorrere alle soluzioni ’low cost’.

Ma bisogna agire subito per contrastare una crisi dell’auto «gravissima» e che - ha sottolineato il commissario Ue - colpisce inevitabilmente altri settori. Una delle preoccupazioni principali è il piano Usa da circa 20 miliardi di dollari per salvare Gm, Ford e Chrysler, col presidente eletto Barack Obama che si è detto pronto a stanziare altri fondi. «Non possiamo soccombere alla politica Usa di aiuti al settore, cosa che renderebbe molto difficile la posizione dell’industria europea, con un aggravarsi della crisi e un aumento della disoccupazione», ha detto Scajola. Per questo, nel documento finale della riunione si sottolinea «la necessità di un dialogo in tempi ravvicinati con la nuova amministrazione statunitense», per affrontare insieme tutte le questioni legate al futuro dell’industria automobilistica «in entrambe le sponde dell’Atlanticò. Più risorse da Bei Intanto i ministri Ue pensano ad un incremento dell’impegno finanziario della Banca europea degli investimenti (Bei) a favore del settore auto: e una delle ipotesi - ha spiegato Scajola - è quella del raddoppio, da 4 a 8 miliardi di euro, della cifra messa a disposizione per il credito alle imprese, «con la possibilità di finanziamenti per singoli progetti fino al 75%». In crisi anche l’usato Un 2008 negativo per l’usato: i passaggi di proprietà delle auto hanno fatto registrare un calo del 4,7%, quelli dei motocicli -0,5%.

“Tagliate” 200mila pensioni ROMA - Per oltre 200mila pensionati pubblici la pensione di gennaio (in pagamento a partire da ieri) potrebbe arrivare ridotta di una somma che varia tra i 50 e i 200 euro. Lo riferisce l’Inpdap, istituto di previdenza dei dipendenti pubblici ricordando che per il 2008 la Finanziaria aveva previsto l’obbligo a decorrere da gennaio per coloro che chiedevano le detrazioni fiscali per familiari a carico la presentazione di una apposita domanda per confermare il diritto alla detrazione stessa. A ottobre i ritardatari erano circa 500mila mentre ad oggi oltre 200mila persone non hanno presentato la domanda. Tra questi ci sono sia coloro che l’hanno dimenticato sia quelli che non l’hanno fatto sapendo di non averne più diritto. L’Inpdap - spiega l’Istituto in una nota - nei mesi di febbraio e marzo 2008 aveva inviato agli oltre due milioni e 600mila pensionati pubblici una comunicazione invitandoli a presentare, entro luglio, la dichiarazione sui familiari a carico. Una nuova lettera era stata spedita a ottobre ai 500mila ritardatari che a quella data non avevano presentato la domanda. Ad oggi l’Istituto calcola che siano oltre 200mila i pensionati che non hanno fatto la richiesta per le detrazioni fiscali per familiari a carico e per queste persone - spiega nella nota - «applica la riduzione della pensione dalla rata di gennaio 2009». Coloro che non hanno presentato la domanda per il 2008 quindi oltre ad avere la decurtazione della pensione a partire da gennaio di quest’anno, dovranno restituire quanto ricevuto indebitamente con gli assegni nel 2008. Le trattenuta saranno applicate a partire dalle rate di pensione di febbraio 2009. Chi invece presentasse la dimostrazione di aver diritto alle detrazioni per il 2008 recupererà le somme che da gennaio 2009 non gli sono state corrisposte.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 11

Attualità

Il primo bersaglio è il raddoppio della produzione da fonti rinnovabili Tra le altre priorità, la salvaguardia del lavoro e del settore dell’auto

Obama punta forte sull’energia pulita I predecessori solo su copie personali

Il futuro Presidente giurerà sulla Bibbia che fu di Lincoln

Il prezioso volume

WASHINGTON - Barack Obama giurerà da presidente sulla Bibbia usata allo stesso scopo da Abramo Lincoln il 4 marzo del 1861. La preziosa copia, mai più usata da allora per l’Inauguration Day, è conservata nella Biblioteca del Congresso e da qualche giorno è stata trasferita in un luogo segreto, prima di esser usata a mezzogiorno di martedì, quando Obama diverrà ufficialmente presidente. La scelta della Bibbia di Lincoln è in controtendenza: in tempi moderni, i presidenti che hanno preceduto Obama e che hanno scelto di giurare sulla Bibbia - il presidente non è costretto a farlo hanno optato per copie di famiglia. La Bibbia che verrà usata da Obama è una copia acquistata dal cappellano della corte suprema, William Thomas Carroll, ed è stata usata esclusivamente per l’atto del giuramento. Il volume è di una semplicità assoluta: rilegata in velluto rosso scuro, la impreziosisce soltanto un piccolo stemma d’oro al centro della copertina.

L’obiettivo è creare un nuovo modello di sviluppo per l’America WASHINGTON - Nella notte elettorale del 4 novembre Barack Obama ebbe la certezza che avrebbe vinto le elezioni quando arrivò la prima proiezione del voto in Ohio. Fu quello il voto decisivo, perchè l’Ohio, Stato a maggioranza bianca e a forte concentrazione industriale, è uno Stato che vota «con i piedi per terra»: vota progetti, programmi, idee concrete. È’ per questo che, a due mesi di distanza da quella notte e da quel voto, è proprio all’Ohio che il presidente eletto ha voluto riservare la sua prima uscita pubblica da quando sta a Washington. Obama ha scelto una città, Cleveland, che è al confine col Michigan (lo Stato delle fabbriche di automobili), e ha scelto una fabbrica, la Cardinal Fastener & Speciality Company di Bedford Heights, che è al confine col nuovo modello di sviluppo possibile, perchè produce parti per enormi turbine eoliche. Mentre nella non lontana Detroit si producono automobili, e la crisi economica si fa sentire come non era mai successo prima, alla periferia di Cleveland si lavora per produrre l’energia del futuro. È’ «emblematico» ha detto Obama «di cosa si deve intendere per nuovo modello di sviluppo». Il presidente eletto è andato alla periferia di Cleveland per far vedere all’America «come» lui intende af-

Il prossimo leader americano indica al Paese la strada da percorrere

frontare la crisi economica. Alla vigilia, in un’intervista al Washington Post, aveva detto che nel settore dell’auto «tutti, dai lavoratori ai manager, dai creditori agli azionisti, devono dare qualcosa». Ieri ha ripetuto lo stesso messaggio ai lavoratori della fabbrica di Cleveland, spiegando per quale motivo in questi giorni lui abbia chiesto al Congresso di approvare un piano di stimolo da 825 miliardi di dollari, necessari sia a tappare le falle apertesi nel sistema bancario, sia a gettare le basi affinchè non si riaprano più. «La priorità è

innanzitutto quella di salvare posti di lavoro», ma la via da seguire è quella di crearne di nuovi analoghi in tutto e per tutto a quelli creati alla Cardinal. «Là dove prima non esistevano sono stati creati milioni di posti di lavoro», ha detto. È’ questo il modello che la nuova America deve seguire, per puntare «a raddoppiare nei prossimi anni la produzione di energia pulita e alternativa». La produzione automobilistica - aveva spiegato Obama al Washington Post - deve puntare su nuovi modelli di business, focalizzandosi su obietti-

vi che siano ad un tempo «realistici» e «sostenibili». Ma quel modello di sviluppo che ruota tutto intorno all’auto deve per forza di cose essere ripensato. La via è quella di progetti come quello che ha portato alla nascita della Cardinal. La sua decisione, anni fa, di specializzarsi nel settore dell’energia eolica oggi si è trasformato in realtà concreta. L’impianto produce parti di enormi turbine e non solo ha raggiunto i suoi obiettivi economici, ma dà anche lavoro a migliaia di persone. Sia essa di esempio per l’America intera.

Cresce l’attesa in tutto il mondo per l’orazione di insediamento che si terrà martedì nel corso dell’Inauguration Day

La storia dei discorsi presidenziali, da Lincoln a Bush Tra i più memorabili quello di Kennedy: chiedetevi cosa potete fare per il Paese WASHINGTON - Alcuni sono entrati nei libri di storia, altri sono rimasti parole al vento. I discorsi con i quali i presidenti degli Stati Uniti inaugurano il loro mandato sono spesso considerati capolavori di oratoria, e c’è grande attesa per quello che pronuncerà il 20 gennaio Barack Obama, che da candidato e poi da presidente eletto, il 4 novembre scorso, ha dimostrato di saper ’volare alto’. Uno dei discorsi più drammatici e citati è quello con cui Abraham Lincoln, il presidente a cui Obama si ispira, chiuse nel 1865 la Guerra civile, esortando il paese a «fasciare le ferite della Nazione», agendo «senza rancore per alcuno, con carità per tutti, con la risolutezza ad agire nel giusto perchè Dio ci permette di vedere cosa è giusto». La retorica ottocentesca era però lontana dall’epoca dei ’sound bites’, delle frasi brevi e a effetto dettate dall’ avvento di radio e Tv. Il XX secolo ha così offerto passaggi rimasti nella memoria collettiva degli americani, come l’esortazione con cui Franklin D.Roosevelt, nel 1933, aprì la propria presidenza

Il bilancio finale del capo dell’Esecutivo uscente

“Lascio un’America libera dall’incubo terrorismo” WASHINGTON - «Mentre gli anni passavano - ha detto ieri George W.Bush nel suo discorso d’addio alla Casa Bianca - la gran parte degli americani è potuta tornare alla vita com’era prima dell’11 settembre. Io non ho mai potuto». Ma lo scenario che il presidente si lascia alle spalle è di quelli difficili da difendere. Due guerre restano incompiute. Saddam Hussein è stato rimosso, catturato e giustiziato, ma Osama bin Laden è ancora a piede nel pieno della Grande Depressione: «L’unica cosa di cui dobbiamo aver paura, è la paura stessa». Poche frasi catturano la presidenza di John F.Kennedy come il suo invito agli americani nel discorso inaugurale del 1961: «Non chiedetevi cosa il paese può fare per voi,

chiedetevi cosa voi potete fare per il paese». Parole che diedero avvio alla stagione dell’ottimismo e dell’entusuasmo. Sentimenti che ispirarono un’intera generazione e ridonarono speranze e fiducia a un popolo intero. Allo stesso tempo, Ronald Reagan nel 1981 sintetizzò

il proprio ottimismo dopo il ’malessere’ degli anni di Jimmy Carter, dicendo agli americani che avevano «ogni diritto di sognare sogni eroici: quelli che dicono che siamo in un’era in cui non ci sono eroi, non sanno semplicemente dove guardare». Bill Clinton, nel

libero. Nelle casse pubbliche Bush lascia un buco di mille miliardi di dollari. Il disastro dei soccorsi in occasione dell’uragano Katrina, nel 2005, è stato tra i punti più bassi della presidenza. Nel discorso d’addio, Bush ha difeso il suo lavoro ponendo l’accento sulla guerra al terrorismo. «Siamo andati all’attacco dei terroristi, portando il combattimento nei loro luoghi: in Afghanistan e in Iraq ora vige la democrazia”. 1993, aprì una nuova era democratica dopo 12 anni di Casa Bianca repubblicana affermando: «Non c’è niente di sbagliato in America che non possa essere curato con ciò che è giusto in America». I concetti di libertà e democrazia, toccati come naturale da ogni neo

Il più breve è stato quello di Lincoln, di sole 135 parole. Il più lungo quello di Harrison, che lesse un testo di 8.445 vocaboli

presidente, hanno in particolar modo caratterizzato i due discorsi inaugurali di George W.Bush, l’ultimo dei quali, nel 2005, fece rumore per la promessa netta di voler «metter fine alla tirannia nel mondo». Non ci sono regole, oltre la consuetudine, che regolino i contenuti e la lunghezza dei discorsi presidenziali. I presidenti di solito evitano di scendere troppo nei dettagli della loro linea politica, come invece accade nei discorsi sullo Stato dell’Unione che il presidente tiene in Congresso. Le parole dell’Inauguration Day servono invece più per definire la ’filosofia’ che orienterà la presidenza. Il discorso più breve fu il primo, quello pronunciato da George Washington nel 1793: solo 135 parole. Il record del più lungo restano le quasi due ore che William Harrison impiegò nel 1841 per leggere un testo di ben 8.445 parole. Uno sforzo eccessivo. L’anziano Harrison, nell’impresa, si raffreddò e morì un mese dopo, passando alla storia come il protagonista della più breve presidenza degli Stati Uniti d’America.


12 Sabato17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

LOTTO & SUPERENALOTTO

A CURA DI PASQUALE SANTILIO*

La decina 30-39 ha maturato un buon ritardo per ambo, sia sulla ruota lombarda che a Tutte

Milano corteggia la trentina ROMA - In questa occasione, desideriamo proporvi per ogni ruota previsioni mirate e ristrette da seguire solo per due estrazioni, vale a dire quella di sabato 17 e per martedì 20gennaio. Come

potete osservare dal box che ospita questi pronostici, vi proponiamo per ogni compartimento un ambo ed una cinquina. I numeri che formano l’ambo sono da giocare anche per

ambata; gli stessi si ripetono anche nella cinquina che deve essere seguita per le sorti di ambo, terno, quaterna e cinquina sulla ruota di riferimento. A vostra discrezione, potete

Le previsioni valide per le prossime 2 estrazioni Bari

59-1

Napoli

1-5-50-55-59

1-10

1-10-11-19-90

Cagliari 26-29 26-29-84-85-89

Palermo 24-78 1-24-72-78-79

Firenze 15-75 15-26-37-75-90

Roma

28-88 8-28-48-72-88

Genova 69-87 69-81-84-87-90

Torino

58-68 50-55-58-59-68

Milano

Venezia 30-90 10-30-40-60-90

33-36 30-33-36-38-39

giocare la cinquina di una ruota anche su Tutte solo per terno, quaterna e cinquina. Vi ricordiamo che l’ambo con cinque numeri paga un premio pari a circa 25 volte la cifra giocata, il terno rende 425 volte la somma puntata, la quaterna 16.000 volte e la cinquina poco meno di 6 milioni ciò che abbiamo scommesso. Ogni pronostico è stato elaborato su base statistica, poiché abbiamo raggruppato gli elementi di convergenza tra le serie più ritardate di ogni singola ruota. Il gioco va abbandonato al conseguimento della prima vincita realizzata nei tempi e con le modalità ora indicate.

I numeri su fondo grigio ed in bianco sono da giocare per ambata e ambo secco. Ogni cinquina, invece, va giocata per ambo, terno, quaterna e cinquina.

I dieci numeri più in ritardo BARI CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE TUTTE

N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT.

59 91 26 58 30 66 83 71 33 70 9 76 1 91 77 94 68 108 40 88 2 91 72 12

SUPERENALOTTO

64 89 19 51 44 56 30 57 25 66 63 68 79 84 38 60 32 77 29 76 69 63 1 9

1 70 54 46 79 46 11 54 27 63 57 51 70 69 19 56 49 64 25 74 82 53 59 8

45 47 79 45 37 44 42 52 36 50 1 50 59 51 57 51 58 64 38 66 24 52 62 8

35 44 72 43 19 42 87 47 22 49 5 46 44 47 13 50 34 56 23 62 86 52 11 5

68 41 21 41 55 42 17 45 13 44 72 42 73 44 21 46 39 56 56 58 54 49 19 4

56 40 23 38 67 40 86 44 86 41 36 39 60 43 1 43 64 56 76 57 84 46 61 4

ritardate ed altre fortemente scompensate. Per tanto, non sono molti gli spunti statistici a cui far riferi-

67-85-87-88-1-72-18

67-85-87-88-1-72-59

67-85-87-88-1-72-11

67-85-87-88-1-72-62

67-85-87-88-1-72-82

67-85-87-88-1-72-19

67-85-87-88-1-72-89

67-85-87-88-1-72-10

67-85-87-88-1-72-77

67-85-87-88-1-72-37

Ogni combinazione è composta da sette numeri e costa euro 3,50. Sono giocate integrali anche dette matematiche.

19 39 57 36 58 38 45 40 57 40 70 39 72 43 18 43 63 48 3 55 23 44 68 4

73 37 89 36 24 36 76 39 87 40 40 37 4 42 86 40 6 47 15 52 41 41 81 4

N UM. FREQ. UM. CAGLIARI FNREQ . N UM. FIRENZE FREQ. N UM. GENOVA FREQ. N UM. MILANO FREQ. N UM. NAPOLI FREQ. UM. PALERMO FNREQ . N UM. ROMA FREQ. N UM. TORINO FREQ. N UM. VENEZIA FREQ. UM. NAZIONALE FNREQ . N UM. TUTTE FREQ.

75 37 42 35 5 33 1 35 14 38 47 36 11 42 76 37 11 44 45 51 7 39 10 3

BARI

Jackpot previsto di

61 17 58 17 32 16 79 17 65 17 16 18 63 16 55 18 26 17 8 17 39 19 46 116

50 16 15 15 40 16 14 16 16 16 80 18 88 16 23 17 9 16 27 16 27 17 42 115

70 16 33 15 14 15 64 16 8 15 2 16 21 15 34 17 19 16 73 16 17 16 90 115

Figure

78 16 42 15 20 15 12 15 66 15 19 15 35 15 63 17 48 16 9 15 33 16 9 114

85 16 73 15 25 15 73 15 81 15 20 15 39 15 53 15 75 16 46 15 74 15 63 112

8 15 1 14 48 15 74 15 82 15 23 15 40 15 72 15 79 16 83 15 76 15 20 111

14 15 11 14 29 14 2 14 7 14 39 14 61 15 84 15 28 15 22 14 18 14 39 111

87 15 17 14 35 14 4 14 9 14 52 14 29 14 11 14 51 15 32 14 20 14 14 110

3 14 71 14 57 14 15 14 53 14 58 14 30 14 18 14 7 14 34 14 26 14 22 110

44

Cadenze

Fig. R.A. R.S. F.A. F.S.

mento per l’individuazione e la selezione di buoni numeri. In questa circostanza, come potete osservare dal box in questo spazio, abbiamo deciso di proporvi un piccolo sistema composta da 10 giocate di 7 numeri ciascuna per una spesa pari a euro 3,50. Sono combinazioni matematiche dove la sestina indicata nel titolo, vale a dire quella composta da 67-85-87-88-1-72 funge da base. Gli altri numeri ruotano nell’ambito del sistema e, come è facile immaginare, alla sortita di almeno tre numeri fissi potremo assicurarci vincite multiple. Per non parlare di esiti straordinari se dovessimo avere la fortuna di centrare quattro o tutte e cinque le fisse da noi previste. Buona fortuna a tutti voi.

IN SESTINA

25

22 19 47 17 9 16 68 17 17 21 13 22 62 16 20 19 14 18 84 21 25 19 88 117

0 2 1 4 1 0 0 0 1

1 2 3 4 5 6 7 8 9

11 10 9 9 11 8 9 11 9

6 2 4 4 6 7 4 6 3

2289 2257 2306 2327 2249 2298 2335 2314 2301

I ritardi attuali e storici così come le frequenze, di un elemento di ciascuna delle 9 serie figurali, nella sestina.

Decine

55

86

N UM. RIT.

0 1 2 3 4 5 6 7 8

0 0 0 2 0 0 1 2 8

8 13 9 14 11 11 8 11 13

4 8 8 4 5 5 5 3 0

2309 2250 2150 2217 2241 2243 2348 2396 2522

I ritardi attuali e storici, così come le frequenze, di un numero di ciascuna delle 10 decine, nella sestina.

18

36

77 53 79 11

88 42 57

37

51

50

48

40

34

32

31

29

66 83 87 79

90

3

76

85

46

43

76

32.000.000,00 €

I dieci numeri più frequenti IN SESTINA

N UM. FREQ.

88

81

Cad. R.A. R.S. F.A. F.S. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0

1 2 3 0 0 1 5 0 1 1

12 13 11 13 9 12 10 10 12 12

4 1 2 11 8 3 1 4 3 5

2133 2083 2090 2048 2072 2078 2016 2066 2032 2058

I ritardi attuali e storici così come le frequenze, di un elemento di ciascuna delle 10 cadenze, nella sestina.

Dec. R.A. R.S. F.A. F.S.

I dieci numeri più in ritardo

Così l’ultimo concorso: 24

90 89

Dieci giocate integrali dal costo di euro 3,50 ciascuna

Il sistema è valido per il concorso odierno

15

3

I dieci numeri più frequenti

Anche la finale 7 e la figura 4 hanno un buon ritardo

8

NAZIONALE 76 46

* Direttore responsabile di SuperLotto

Stop alla decina 80-89: 85-87-88 ci provano! ROMA - Gli ultimi concorsi hanno determinato lo sfaldamento di alcune tra le formazioni tradizionali più

ESTRAZIONE N. 7 DEL 15/1/2009 BARI 44 86 5 85 82 CAGLIARI 44 3 82 9 15 FIRENZE 8 48 29 53 33 GENOVA 80 26 66 18 7 MILANO 15 41 65 30 51 NAPOLI 8 55 90 80 85 PALERMO 24 39 45 63 9 ROMA 25 63 42 3 64 TORINO 28 37 54 70 82 VENEZIA 86 49 18 32 14

275 265 263 262 260 258 255 254 254 252

Super

Lotto in edicola lunedì e venerdì


il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 13

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

GIOCHI & SCOMMESSE

A CURA DELLA REDAZIONE DI

Doppio segno «1» negli anticipi di sabato nella massima categoria

Quote del week-end

Pari in Lazio-Juve Bilbao-Valencia «2» più o meno 1,70/1,75. Prima “fissa” che balza all’occhio eventualmente da aggiungere, quella di Blackburn, dove i Rovers di Sam Allardyce ospitano lo sconquassato Newcastle. Segno «1» offerto generosamente oltre il 2,10 e a nostro avviso da prendere al volo. C’è una squadra in Spagna che in questo momento sta mostrando un calcio molto offensivo e che – dopo un periodo di difficoltà – pare aver ingranato la marcia giusta: il Valencia. In Athletic BilbaoValencia è da provare il segno 2 che sarà certamente ben quotato e che per questo Valencia appare tutt’altro che un azzardo. Altra formazione in grandi condizioni di forma è il Siviglia che negli ultimi 8 giorni ha battuto per ben 3 volte il Deportivo la Coruna (2 volte in Coppa del Re, una volta in campionato).

Milan-Fiorentina Parziale-finale (45°-90°) 1-1

1-X

1-2

X-1

2.30 15

45

4

X-X

X-2

2-1

2-X

2-2

5.70 11

25

15

11

SERIE A

SERIE A

3-0 3-1 3-2

X-1

X-X

X-2

2-1

2-X

30

9

5.20

4

40

14 2.80

2-1

3-0 3-1 3-2

15

60

0-4

1-4 2-4 3-4

0-1 0-2

1-2

0-3 1-3 2-3

80

0-0 1-1

2-2

3-3 4-4 altro

14

13

50 150 20

40 200 175 150 175

Torino-Roma Parziale-finale (45°-90°) 1-X

1-2

X-1

X-X

X-2

2-1

2-X

2-2

7.50 14

30

8

5.20

4

35

14

3

6 6.50 7.50 16 0-0 1-1

13

2-1

3-0 3-1 3-2

10

16

14

50

4-0

0-1 0-2

1-2

0-3 1-3 2-3

0-4

6 6.50

7

17

40

0-0 1-1

2-2

3-3 4-4 altro

13

14

60 150 25

4-1 4-2 4-3

1-2

X-1

25

6

1-2

X-1

50

4

X-X

1-2

0-3 1-3 2-3

0-4

1-4 2-4 3-4

22

50

40

0-0

1-1

2-2

3-3 4-4 altro

12

7

13

50 150 35

Quote 2-1

2-X

2-2

30

13

10

2-1

3-0 3-1 3-2

4-0

4-1 4-2 4-3

7.5

16

28

30

25

1-2

0-3 1-3 2-3

0-4

1-4 2-4 3-4

16

80

2-2

3-3 4-4 altro

7.5

14

70 150 20

6

60

Ath. Bilbao-Valencia Parziale-finale (45°-90°) 1-1

1-X

5.50 14

1-2

X-1

30 5.75

X-X

X-2

2-1

2-X

2-2

5

4.5

33

14 3.75

1-X

1-2

X-1

2.30 15

1-1

50

4

0-1 0-2

12

25

2-1

7 1-2

28

28

25

0-3 1-3 2-3

0-4

1-4 2-4 3-4

10

4-1 4-2 4-3

45 125

50 200 150 125 150

Parziale-finale (45°-90°) 1-1

1-X

1-2

4

12

33 4.50 4.50

4-1 4-2 4-3

1-0 2-0

2-1

60

60 100

6 7.50

8

0-1 0-2

1-2

0-3 1-3 2-3

0-4

1-4 2-4 3-4

0-1 0-2

50

40

70 150 25

4-0

12

Lille-Rennes

60

3-3 4-4 altro

3-0 3-1 3-2

70 150 18

4-0

13

12

14

33

2-2

2-2

15

8.50 7

33

7

2-X

28

3-3 4-4 altro

3-0 3-1 3-2

12

2-1

18 100 70

11

0-0 1-1

X-X

2-2

2-1

28

X-2

5.50 12

0-0 1-1

1-0 2-0

20

60 100

X-1

X-X

X-2

2-1

2-X

2-2

7

30

12

7

Risultato esatto al 90°

50 125

3-0 3-1 3-2

4-0

4-1 4-2 4-3

25

28

60

50

0-4

1-4 2-4 3-4

22

1-2

0-3 1-3 2-3

14

12

40

0-0 1-1

2-2

3-3 4-4 altro

7 5.50 15

85 175 38

8 Quote

Quote

7

7.50 11

6.50 8.50 8.50 22

25

Risultato esatto al 90°

Risultato esatto al 90° 30

4-1 4-2 4-3

Parziale-finale (45°-90°)

6

45 200 150 150 150

20

4-0

30 100 100 100 150

Liverpool-Everton

1-0 2-0

50 150 Quote

Quote

LIGA

20

38

0-1

1-0 2-0

12

2-2

14

6.50 8.50 8

X-2

0-0 1-1

2-X

28

6.5

0-1 0-2

2-1

1-4 2-4 3-4

4.50 11

14

X-2

35

0-2

40

3756 3756 3756 3756 3756 3756 3756 3756 3756 3756 3756

1

X

2

U

O

G

NG

14 15 16 17 18 19 20 21 22 23

Siena-Reggina Milan-Fiorentina Atalanta-Inter Cagliari-Udinese Chievo-Napoli Lecce-Genoa Sampdoria-Palermo Torino-Roma Catania-Bologna Lazio-Juventus

1.85 1.60 4.50 2.20 3.20 2.55 2.00 3.90 1.92 2.85

3.20 3.50 3.33 3.10 3.00 3.00 3.10 3.20 3.10 3.10

4.20 5.55 1.75 3.20 2.25 2.70 3.70 1.90 4.00 2.40

1.65 1.90 1.80 1.75 1.70 1.75 1.78 1.82 1.72 1.82

2.03 1.74 1.84 1.89 1.95 1.89 1.86 1.82 1.93 1.82

1.78 1.65 1.75 1.75 1.82 1.75 1.68 1.82 1.75 1.70

1.86 2.03 1.89 1.89 1.82 1.89 1.98 1.82 1.89 1.95

3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

Livorno-Ascoli Ancona-Albinoleffe Brescia-Pisa Empoli-Avellino Modena-Triestina Parma-Sassuolo Piacenza-Vicenza Rimini-Cittadella Salernitana-Mantova Treviso-Bari Frosinone-Grosseto

1.55 2.35 1.70 1.48 2.55 1.80 2.55 1.90 2.55 2.80 2.50

3.25 2.70 3.10 3.40 2.80 3.00 2.75 2.80 2.75 2.75 2.75

7.00 3.33 5.55 8.00 2.90 4.90 2.95 4.75 2.95 2.70 3.00

1.70 1.75 1.70 1.75 1.70 1.73 1.55 1.65 1.65 1.58 1.70

1.95 1.89 1.95 1.89 1.95 1.92 2.20 2.03 2.03 2.14 1.95

1.75 1.70 1.82 1.75 1.73 1.73 1.78 1.78 1.78 1.78 1.75

1.89 1.95 1.82 1.89 1.92 1.92 1.86 1.86 1.86 1.86 1.89

Inghilterra Premier League 17/01 17/01 17/01 17/01 17/01 17/01 17/01 18/01 18/01 19/01

16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 18.30 14.30 17.00 21.00

3758 3758 3758 3758 3758 3758 3758 3758 3758 3758

18/01 18/01 17/01 17/01 18/01 18/01 18/01 18/01 18/01 18/01

17.00 17.00 20.00 22.00 17.00 17.00 17.00 17.00 21.00 19.00

3764 3764 3764 3764 3764 3764 3764 3764 3764 3764

17/01 17/01 17/01 17/01 17/01 17/01 17/01 18/01 18/01 18/01

3-0 3-1 3-2

50 100

20.45 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 16.00 20.45

Francia Ligue 1

50 100

5.20 4.50 28

28

16/01 17/01 17/01 17/01 17/01 17/01 17/01 17/01 17/01 17/01 19/01

25

10

Risultato esatto al 90° 7

X-X

partita

Italia Serie B

1-4 2-4 3-4

14 60 150 22

1-X

3756 3756 3756 3756 3756 3756 3756 3756 3756 3756

30

3-3 4-4 altro

5.30 14

18.00 20.30 15.00 15.00 15.00 15.00 15.00 15.00 15.00 20.30

0-4

Parziale-finale (45°-90°) 1-1

1-0

PREMIER L.

1-X

25

2-1

Parziale-finale (45°-90°) 1-1

4-1 4-2 4-3

2-0

Parma-Sassuolo 2.80 13

14

4-0

35 175 150 150 175

7.50 12

35 150 150 150 175 25

7

2-2

50

Risultato esatto al 90°

LIGUE 1

Quote

SERIE B

1-0 2-0

2-2

Lazio-Juventus

Risultato esatto al 90°

7

1ª giocata 1-2

18

0-3 1-3 2-3

15

2ª giocata

1-X

8.50 14

10

40 125

pal. avv.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Blackburn-Newcastle Bolton-Manchester Utd Chelsea-Stoke City Manchester City-Wigan Sunderland-AstonVilla West Brom.-Middlesbro’ Hull City-Arsenal WestHam-Fulham Tottenham-Portsmouth Liverpool-Everton

2.10 7.00 1.16 1.90 3.15 2.30 5.35 2.10 1.67 1.62

3.15 3.85 6.00 3.25 3.10 3.15 3.55 3.20 3.40 3.40

3.33 1.45 16.00 3.85 2.20 2.95 1.60 3.33 5.00 5.55

1.75 1.82 2.26 1.75 1.75 1.70 1.89 1.68 1.75 1.75

1.89 1.82 1.52 1.89 1.89 1.95 1.75 1.98 1.89 1.89

1.70 1.92 2.11 1.70 1.70 1.70 1.68 1.70 1.70 1.70

1.95 1.73 1.60 1.95 1.95 1.95 1.98 1.95 1.95 1.95

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Villarreal-Maiorca Real Madrid-Osasuna Barcellona-D. La Coruna Siviglia-Numancia Getafe-Santander Huelva-Sporting Gijon Valladolid-Betis Siviglia Malaga-Espanyol Almeria-Atletico Madrid Atletico Bilbao-Valencia

1.45 1.20 1.25 1.30 2.15 2.15 2.00 1.95 3.00 2.90

3.85 5.75 5.20 4.75 3.15 3.15 3.25 3.25 3.20 3.20

7.00 12.00 10.00 8.88 3.25 3.25 3.50 3.70 2.25 2.30

1.98 2.26 2.31 2.03 1.70 1.80 1.75 1.75 1.89 1.80

1.68 1.52 1.50 1.65 1.95 1.84 1.89 1.89 1.75 1.84

1.75 1.92 1.89 1.84 1.75 1.70 1.75 1.75 1.65 1.65

1.89 1.73 1.75 1.80 1.89 1.95 1.89 1.89 2.03 2.03

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Grenoble-Lione Lorient-Valenciennes Marsiglia-Le Havre Nizza-Auxerre St Etienne-Le Mans Tolosa-Nancy Nantes-Bordeaux Caen-Monaco Psg-Sochaux Lille-Rennes

4.70 1.75 1.33 1.90 1.95 1.95 3.40 2.20 1.53 2.22

3.25 3.15 4.35 3.10 3.00 3.00 3.10 2.90 3.50 2.90

1.75 4.80 9.00 4.10 4.00 4.00 2.10 3.40 6.50 3.33

1.60 1.62 1.85 1.55 1.60 1.58 1.65 1.62 1.67 1.60

2.11 2.07 1.79 2.20 2.11 2.14 2.03 2.07 2.00 2.11

1.85 1.82 1.90 1.87 1.80 1.82 1.82 1.80 1.87 1.70

1.79 1.82 1.74 1.77 1.84 1.82 1.82 1.84 1.77 1.95

Heerenveen-Feyenoord Den Haag-Heracles De Graafschap-Willem Ii Fc Twente-Vitesse Nac-Fc Utrecht Volendam-Az Alkmaar Nec-Ajax Roda Jc-Psv Eindhoven Sparta-Fc Groningen

1.90 2.20 2.50 1.33 1.85 8.00 3.65 4.50 2.50

3.25 3.25 3.25 4.33 3.35 4.25 3.30 3.35 3.30

3.75 2.95 2.55 8.33 3.80 1.35 1.90 1.72 2.50

2.30 2.01 1.95 2.15 2.01 2.30 2.11 2.11 2.21

1.48 1.63 1.67 1.55 1.63 1.48 1.57 1.57 1.52

1.40 1.42 1.50 1.50 1.45 1.47 1.45 1.42 1.40

2.52 2.46 2.25 2.25 2.37 2.32 2.37 2.46 2.52

Spagna Liga

Parziale-finale (45°-90°) 1-1

1-0 2-0

17

40

10 euro = 281.95 euro + ev. bonus

22

1-2

1-1

squadra segno quota Barcellona 1 1.27 Athletic Bilbao 2 2.25 Almeria 2 2.30 Siviglia 1 1.30 Huelva X 3.30

4-1 4-2 4-3

22

segno quota 2 1.45 1 2.15 1 1.18 1 1.57 2 1.65

10 euro = 95.30 euro + ev. bonus

25

12

8

10 euro = 371.63 euro + ev. bonus

4-0

0-1 0-2

70

segno quota X 3.20 1 1.55 1 1.80 2 2.25 2 1.85

28

Quote

Quote

SERIE A

10

17/01 17/01 18/01 18/01 18/01 18/01 18/01 18/01 18/01 18/01

Risultato esatto al 90°

SERIE A

2-1

6 6.50 7.50 12

squadra Bolton Blackburn Chelsea Liverpool Hull City

ora

Italia Serie A

Atalanta-Inter

Risultato esatto al 90° 1-0 2-0

data

I nostri consigli squadra Lazio Milan Siena Chievo Torino

3ª giocata

ROMA - Lazio-Juventus è la partita clou della giornata che concluderà il programma domenica sera. Il pareggio è di gran lunga il risultato più probabile. Si può giocare anche l’esito «Under». L’ultima giornata del girone di andata si apre con SienaReggina da fissa. Sempre sabato altro «1» fisso per il Milan che contro una Fiorentina rabberciatissima non può sbagliare. Nel programma domenicale spicca Atalanta-Inter che potrebbe concludersi con una risicata vittoria dei campioni d’Italia. Per il Napoli a Verona contro il Chievo c’è la grande possibilità di tornare al successo esterno dopo tre mesi. Spalmata su tre giorni la ventiduesima giornata di Premier League. Doppia vittoria in vista per le due grandi protagoniste della passata stagione europea; è un ambo che vale

TS

75 150

33 150 125 175 200

19.00 19.00 19.00 19.00 19.00 19.00 21.00 17.00 17.00 21.00

3753 3753 3753 3753 3753 3753 3753 3753 3753 3753

Olanda Eredivisie 16/01 17/01 17/01 17/01 17/01 18/01 18/01 18/01 18/01

20.45 19.45 18.45 19.45 20.45 14.30 14.30 12.30 14.30

3755 3755 3755 3755 3755 3755 3755 3755 3755

1 2 3 4 5 6 7 8 9

Le classifiche dei maggiori campionati esteri Olanda Inghilterra Spagna Francia Liverpool Man. Utd Chelsea Aston Villa Arsenal Everton Wigan Hull Fulham West Ham Newcastle Bolton Sunderland Portsmouth Man. City Middlesbro’ Stoke Tottenham Blackburn West Brom.

46 44 42 41 38 35 31 27 26 26 23 23 23 23 22 21 21 20 18 18

Barcellona R. Madrid Siviglia Valencia Atl. Madrid Villarreal D. La Coruna Malaga Sp. Gijon Valladolid Ath. Bilbao Santander Getafe Almeria Numancia Betis Recreativo Espanyol Maiorca Osasuna

47 35 35 34 30 30 30 28 24 23 23 22 21 20 20 18 17 15 14 13

Lione Bordeaux Rennes Marsiglia Tolosa Paris Sg Lille Nizza Lorient Nancy Grenoble Le Mans Caen Monaco Nantes Auxerre St. Etienne Sochaux Valenciennes Le Havre

39 38 37 35 34 33 32 30 27 25 25 24 23 23 23 20 19 17 15 12

Az Alkmaar Ajax Twente Psv Nac Breda Heerenveen Groningen Nec Utrecht Willem Ii Heracles Feyenoord Sparta Den Haag Vitesse Roda Jc De Graafschap Volendam

41 38 34 30 29 29 26 26 25 24 20 19 18 15 15 14 13 11

… la TUA migliore scommessa Ogni martedì e venerdì in edicola


14 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

GIOCHI & SCOMMESSE

A CURA DELLA REDAZIONE DI

TGSPORT

Concorso n° 4 del 18/01/2009 - Tripla invece per il posticipo serale tra Lazio e Juventus

In previsione molti segni «X» 2

ATALANTA - INTER

4

5

CHIEVO - NAPOLI

8

TORINO - ROMA

13

11

NOVARA - MONZA

Nei 19 precedenti 6 vittorie dei padroni di casa (l’ultima 20, nella serie C-1 2006/07), 8 pareggi (l’ultimo 2-2, nella coppa Italia Pro 2008/09) e 5 affermazioni del Monza (l’ultima 2-0, nella serie C-1 1996/97). Primo confronto tecnico ufficiale tra Notaristefano e Sonzogni.

1 4

1 2

Nei 73 precedenti il bilancio vede 27 successi biancocelesti (ultimo 2-0, nella finale di coppa Italia del 2003/04), 20 pareggi (ultimo 1-1, nella serie A 2005/06), 26 vittorie bianconere (ultima 3-2, nella serie A 2007/08). Delio Rossi mai vittorioso nei 3 precedenti contro Ranieri: 1 pareggio e 2 sconfitte.

Concorso n° 4 del 18 gennaio 2009 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Atalanta - Inter Cagliari - Udinese Catania - Bologna Chievo - Napoli Lecce - Genoa Sampdoria - Palermo Torino - Roma Pro patria - Reggiana Virtus Lanciano - Benevento Novara - Monza Spal - Verona Venezia - Cremonese Perugia - Cavese Lazio - Juventus

Concorso n° 3 del 17 gennaio 2009 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Milan - Fiorentina Siena - Reggina Ancona - AlbinoLeffe Brescia - Pisa Empoli - Avellino Modena - Triestina Parma - Sassuolo Piacenza - Vicenza Rimini - Cittadella Salernitana - Mantova Treviso - Bari Blackburn R. - Newcastle Manchester City - Wigan Ath. Hull City - Arsenal

Atalanta - Inter Catania - Bologna Chievo - Napoli Torino - Roma Pro Patria - Reggiana V. Lanciano - Benevento

X21 1

Brescia - Pisa Empoli - Avellino Modena - Triestina Piacenza - Vicenza Sunderland - Aston Villa Hull City - Arsenal

Il nostro picchetto X 2 0-1 2 3

4+

20 30 41 22 35 46 19 31 32 48 50 28 52 32

34 42 35 41 34 36 36 42 42 37 35 38 34 33

26 28 27 24 23 23 31 23 27 26 24 24 23 23

32 30 29 19 19 19 18 19 29 32 16 18 19 19

1

X

Il nostro picchetto 2 0-1 2 3

4+

41 51 40 46 60 31 48 43 48 46 27 35 43 26

37 35 35 36 30 35 37 37 34 35 38 34 35 34

1

1

Lanciano imbattuto nei 5 precedenti: il bilancio a favore dei padroni di casa è di 4 vittorie (l’ultima 2-1 nella serie C-1 2004/05) ed 1 pareggio (1-1 nella serie C-1 2002/03). Primo confronto tecnico ufficiale tra Di Francesco e Soda.

X 2

X 432

12

VENEZIA - CREMONESE

Sono 22 i precedenti: 7 vittorie dei lagunari (ultima, 3-2 nella serie B 1996/97), 11 pareggi (ultimo, 1-1 nella serie B 1992/93) e 4 affermazioni lombarde (ultima, 2-1 nella serie C-1 2007/08). Un solo precedente tra i tecnici: vittoria esterna di Mondonico in casa del Crotone di Cuoghi.

1 1

2X 12

1X 2 1

Cagliari - Udinese Lecce - Genoa Sampdoria - Palermo Spal - Verona Venezia - Cremonese Perugia - Cavese Siena - Reggina Ancona - AlbinoLeffe Parma - Sassuolo Rimini - Cittadella Salernitana - Mantova Treviso - Bari

1 1X 1

Lazio - Juventus Lumezzane - Padova 1-0, 2-0, 2-1 Novara - Monza

Milan - Fiorentina Blackburn - Newcastle Man. City - Wigan 1-0, 1-1, 2-1

BIG MATCH - Conc. 3

LAZIO - JUVENTUS

GRUPPO 1

14

1

BIG MATCH - Conc. 4

PERUGIA - CAVESE

Sesto confronto ufficiale a Perugia: 3 vittorie degli umbri (ultima 1-0, nella serie B 1982/83), 1 pareggio (1-1 nella B 1983/84) ed 1 successo della Cavese (1-0 nella serie C-1 2006/07). Prima sfida tecnica ufficiale tra Sarri e Camplone.

SAMPDORIA - PALERMO

Sono 27 i precedenti a Marassi: 14 le vittorie liguri (ultima 3-0, nella serie A 2007/08), 8 i pareggi (ultimo 1-1, nella serie A 2006/07), 5 i successi rosanero (ultimo 2-0, nella serie A 2005/06). Tra Mazzarri e Ballardini bilancio a favore del blucerchiato, 1 vittoria ed 1 pareggio.

9 V. LANCIANO - BENEVENTO

SPAL - VERONA

Sono 19 i precedenti: 7 vittorie della Spal (l’ultima 2-1 nella serie B 1992/93), 8 pareggi (l’ultimo 0-0 nella serie B 1981/82) e 4 affermazioni del Verona (l’ultima 1-0 nella coppa Italia maggiore 1987/88). Un solo precedente tra Dolcetti e Remondina, con successo di quest’ultimo.

GRUPPO 1

10

3

12

PRO PATRIA - REGGIANA

Sono 12 i precedenti Busto Arsizio: 6 vittorie della Pro Patria (l’ultima 1-0 nella serie C-1 2003/04), 4 pareggi (l’ultimo 1-1 nella serie C 1970/71) e 2 affermazioni della Reggiana (l’ultima 2-0 nella serie C-1 2002/03). Tra i tecnici una vittoria esterna di Lerda su Pane.

2X

1X2

432

GRUPPO 3

I precedenti a Torino sono 77: 36 successi granata (ultimo 3-1, nella coppa Italia 2007/08), 28 pareggi (ultimo 0-0, nella serie A 2007/08) e 13 affermazioni giallorosse (ultima 2-1, nella serie A 2006/07). Sono 15 i precedenti tra i tecnici, con bilancio che vede 4 vittorie di Novellino, 6 pareggi e 5 successi di Spalletti.

6

1X

GRUPPO 3

7

12

43

LECCE - GENOA

Sono 14 i precedenti a Lecce: 10 successi pugliesi (ultimo 3-2, nella serie B 2006/07), 2 pareggi (ultimo 0-0, nella serie A 1993/94) e 2 vittorie liguri (ultima 2-0, nella coppa Italia 1996/97). Una vittoria per parte, senza pareggi, il bilancio nelle 2 sfide tecniche ufficiali tra Beretta e Gasperini.

X2

X

GRUPPO 2

ChievoVerona sempre sconfitto nei 2 precedenti in casa contro il Napoli: l’ultima volta è accaduto in occasione del k.o. per 1-2 nella serie B 1999/00. Perfetto equilibrio nei 3 precedenti tecnici ufficiali tra Di Carlo e Reja: 1 vittoria per parte (entrambe per 1-0) ed 1 pareggio, lo score.

CATANIA - BOLOGNA

Sono 13 i precedenti a Catania: 5 vittorie etnee (l’ultima 1-0, nella serie B 1985/86), 6 pareggi (l’ultimo 1-1, nella serie B 2005/06) e 2 successi del Bologna, (l’ultimo 4-1, nella serie B 1986/87). Prima sfida tecnica ufficiale tra Zenga e Mihajlovic.

GRUPPO 2

4

A Cagliari si contano 21 precedenti ufficiali con bilancio che vede 8 vittorie sarde (ultima 2-1, nella serie A 2006/07), 7 pareggi (ultimo 1-1, nella serie A 2004/05) e 6 successi friulani (ultimo 1-0, nella serie A 2007/08). Primo confronto tecnico ufficiale tra Allegri e Pasquale Marino.

2

46 28 24 37 31 18 45 27 26 15 15 34 14 35

22 14 25 18 10 34 15 20 18 19 35 31 22 40

20 19 19 30 30 32 24 26 19 20 33 30 26 32

32 33 23 27 18 19 32 33 26 28 26 27 19 20

22 23 25 28 28 26 27 32 25 22 27 28 32 26

26 27 27 32 30 23 26 27 32 30 32 29 29 22

23 23 31 24 28 28 23 24 23 24 23 25 27 28

19 17 19 17 24 30 19 16 19 18 19 19 25 30

Sistemi integrali

I precedenti ufficiali a Bergamo tra le due formazioni sono 53 con un bilancio di 13 vittorie atalantine (ultima 2-1, nella serie A 1993/94), 17 pareggi (ultimo 1-1, nella serie A 2006/07) e 23 successi interisti (ultimo 2-0, nella serie A 2007/08). Sfida tecnica inedita tra Del Neri e Mourinho.

3

CAGLIARI - UDINESE

Sistemi integrali

1

1 1

X2

1X 1 1

4 DOPPIE Col. 16 Rid. 4

7 DOPPIE Col. 128 Rid. 16

9 DOPPIE Col. 512 Rid. 64

1 TRIPLA 4 DOPPIE Col. 48 Rid. 8

1 TRIPLA 6 DOPPIE Col. 192 Rid. 24

3 TRIPLE 3 DOPPIE Col. 216 Rid. 24

3 TRIPLE 5 DOPPIE Col. 864 Rid. 96

4 TRIPLE Col. 81 Rid. 9

2 X 1X X2 1X 1 X2 X X 1 1 2 1 X

X2 X 1X X2 1X 1 X2 X X 1 1 X2 1 X2

X2 X 1X X2 1X 1X X2 X X 1X 1 X2 1 X2

X2 X 1 X 1X2 1X X2 X X 1 1 X 1 X2

X2 X 1 1X 1X2 1X X2 1X X 1 1 X 1 X2

X2 X 1 X 1X2 1X2 X2 X X 1 1 X2 1 1X2

X2 1X 1 X 1X2 1X2 X2 X X 1 1 X2 1X 1X2

2 1 1 X 1X2 1X2 X X X 1 1 1X2 1 1X2

4 DOPPIE Col. 16 Rid. 4

7 DOPPIE Col. 128 Rid. 16

9 DOPPIE Col. 512 Rid. 64

1 TRIPLA 4 DOPPIE Col. 48 Rid. 8

1 TRIPLA 6 DOPPIE Col. 192 Rid. 24

3 TRIPLE 3 DOPPIE Col. 216 Rid. 24

3 TRIPLE 5 DOPPIE Col. 864 Rid. 96

4 TRIPLE Col. 81 Rid. 9

1 1 1X 1 1 X2 1 1 1 1 X2 1X 1 2

1X 1 1X 1 1 X2 1 1X 1X 1 X2 1X 1 2

1X 1 1X 1 1 X2 1X 1X 1X 1X X2 1X 1 2

1X 1 1X 1 1 1X2 1 X 1 1X X 1X 1 2

1X 1 1X 1 1 1X2 1 1X 1 1X X 1X 1 X2

1 1 1X 1 1 1X2 1 1X 1 1X2 X 1X2 1 X2

1X 1 1X 1 1 1X2 1X 1X 1 1X2 X 1X2 1 X2

1 1 1 1 1 1X2 1X2 1 1 1X2 X 1X2 1 X


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 15

Speciale

Un prodotto a rischio

Arsenico e piombo nel mineral drink acquistabile sul web Allerta del ministero

Anche nel 2009 sono numerose le giornate dedicate alla salute

Per risparmiare occhio al calendario della prevenzione ROMA - Occhio al calendario per chi vuole risparmiare su visite mediche e accertamenti. Anche il 2009 è fitto di giornate dedicate alla salute. Si comincia con l’esame per il cancro alla cervice uterina dal 18 al 24 gennaio. A fine febbraio previste le visite gratuite per la diagnosi di patologie e disturbi del respiro. Dal 23 al 28 marzo ecco la settimana della prevenzione andrologica. Per i primi di aprile prevista la giornata nazionale dell’endometriosi, mentre maggio è il mese dedicato alla tiroide, alle allergie ed al cancro alla pelle. Ottobre è forse il mese più denso. Da segnare in agenda sono anche la Campagna Nastro Rosa di prevenzione del tumore al seno, la giornata mondiale contro l’ictus cerebrale e quella della vista fissata per l’8 ottobre. Inoltre, sempre a ottobre c’è la giornata mondiale della psoriasi e quella del cancro alla bocca.

I manifesti della Campagna Nastro rosa per la prevenzione del tumore al seno (a sinistra) e della Giornata Mondiale contro la psoriasi

Riscontrato anche in Nepal il primo caso di contagio su polli e anatre Secondo l’Oms sono 390 i contagiati in 15 paesi e 247 i decessi totali

Se torna lo spettro aviaria Disinfestazione di un veicolo proveniente dall’India nella città nepalese Kakarvitta E’ la prima volta che l’aviaria arriva nello stato himalayano

Il virus si diffonde soprattutto con le esportazioni illegali ROMA - La comparsa del virus dell’influenza aviaria H5N1 in Nepal è la dimostrazione che questa malattia è tutt’altro che scomparsa e che i Paesi in cui si è endemizzata, come l’India, l’Egitto e l’Indonesia rappresentano potenzialmente una fonte di contagio per tutti gli altri Paesi, attraverso le esportazioni di animali che spesso seguono vie di commercio illegali. Il coordinatore dei progetti per l’Asia Centrale per le malattie animali transfrontaliere della Fao, Giancarlo Ferrari fa il punto sulla diffusione dell’influenza aviaria nel mondo a cinque anni dai primi casi registrati in Asia che hanno provocato l’abbattimento di milioni di animali, soprattutto pollame, il contagio di 390 persone in 15 Paesi e 247 decessi, secondo i dati dell’Oms. «L’influenza aviaria non si risolve dall’oggi al domani - ha detto all’Ansa Ferrari - occorrono investimenti a lungo termine, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. Oggi c’è una maggiore consapevolezza, si riconosce infatti che i tre quarti delle malattie dell’uomo provengono dagli animali». Il pericolo di una possibile pandemia, quindi, resta e viene proprio dai Paesi in via di sviluppo, dove molto si è fatto in questi anni, secondo Ferrari, in termini di formazione del personale e trasferimento di attrezzature, al punto che oggi si può dire che «la situazione dal punto di vista diagnostico è migliorata». Ma molto ancora resta da fare, sul piano normativo, sul potenziamento del servizio veterinario e sui controlli alle frontiere, per bloccare i commerci illegali di animali vivi. Un esempio positivo è quello del-

L’Angola chiude i confini mentre la Tanzania invia operatori sanitari per monitorare la zona

In due mesi Ebola fa 13 vittime in Congo

Ospedale in Angola colpito nel 2005

TANZANIA Il governo della Tanzania ha inviato operatori sanitari nella zona di confine con la Repubblica democratica del Congo per scongiurare un contagio della febbre emorragica di ebola, che ultimamente le cro-

nache sembravano aver dimenticato. Sono 13 le persone decedute per ebola negli ultimi due mesi nella provincia del Kasai Occidentale, nel centro del Congo, e altre 42 quelle infettate. L’Angola ha già chiuso il confine con il Congo per impedire il contagio. «Gli esperti sono stati dispiegati in cinque regioni vicine alla Repubblica democratica del Congo, quali Mbeya, Kagera, Rukwa, Kigoma e Mwanza - ha detto alla France presse un portavoce del ministero della Sanità, Nsachris Mwamwaja - la gente verrà informata su cause, sintomi e misure di prevenzione contro l’ebola». Malattia molto contagiosa, mortale dal 50 al

90 per cento dei casi, la febbre emorragica ha colpito il Congo già in tre occasioni: nel 1976, quando uccise quasi 500 persone da una parte e dall’altra del confine tra il Sudan e il nord-est dell’ex Zaire; nel 1995, quando ci furono 245 vittime nella provincia del Bandundu; infine nel 2007, con 26 casi accertati sempre nella provincia del Kasai. Il virus, dalla caratteristica forma allungata che attacca il sistema nervoso centrale, venne isolato per la prima volta proprio in Congo nel 1976, nel fiume Ebola, da alcuni scienziati tedeschi. Passi in avanti sull’origine della malattia sono stati compiuti negli ultimi anni, ma non sono ancora disponibili né cura né vaccino.

la Turchia che, nel 2005, a seguito della scoperta di un focolaio di influenza aviaria «ha modificato la legislazione inserendo l’influenza aviaria come malattia con obbligo di denuncia e per l’allevatore a cui venivano abbattuti gli animali veniva prevista una compensazione». «È quello che già accade nei Paesi europei - ha detto Ferrari - lo stesso non si può dire dei Paesi in via di sviluppo, in cui non è prevista alcuna compensazione e le norme sanitarie sugli allevamenti non sono così stringenti». Per questo motivo, «dovunque sussistano le condizioni, che si tratti di un piccolo allevamento domestico - ha detto Ferrari - o di un impianto industriale, con l’esposizione ad un animale malato, è possibile che si verifichi un’infezione nell’uomo e bisogna ricordare che il virus ha una mortalità del 50%». Intanto la CiaConfederazione italiana agricoltori «esprime soddisfazione» per la conferma anche per il 2009 dell’indicazione in etichetta dell’origine per le carni avicole. La proroga dell’ordinanza del ministero della Salute del 21 dicembre 2007 sulle misure di protezione e sorveglianza contro l’influenza aviaria, sottolinea la Cia in una nota, permetterà, quindi, ai consumatori di riconoscere la provenienza degli animali e di valorizzare così il «made in Italy» e con esso il lavoro dei nostri produttori. Un’etichettatura chiara e trasparente, afferma la Cia, garantisce, infatti, una reale rintracciabilità del prodotto e costituisce un elemento importante sia per i cittadini e per le loro scelte in campo alimentare e sia per i produttori avicoli.


Pag. 16

CALABRIA il Domani

www.ildomanionline.it

Concessionaria esclusiva di pubblicità telefono 0961996802 fax 0961903421

Sabato 17 Gennaio 2009

Concessionaria esclusiva di pubblicità telefono 0961996802 fax 0961903421

SANITA’ L’Assessorato nomina una commissione di inchiesta sul caso del ragazzo deceduto mentre dall’ospedale di Trebisacce veniva trasportato a Brindisi

Morto in ambulanza, la Regione indagherà Dopo la ricerca vana di un posto in un centro di rianimazione la disponibilità arriva dalla Puglia CATANZARO — Il Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie, su iniziativa del presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, ha provveduto alla nomina di una Commissione d'inchiesta sulla morte di un ragazzo di 28 anni deceduto in ambulanza mentre dall’ospedale di Trebisacce veniva trasferito a Brindisi a causa delle gravi ferite riportate in un tentativo di suicidio. La commissione d'inchiesta della Regione dovrà accertare «eventuali responsabilità - è scritto in una nota - organizzative e pervenire ad una precisa conoscenza di quanto è accaduto. La Commissione ha il compito di relazionare entro martedì prossimo al Dirigente Generale del Dipartimento. Lo stesso Dipartimento rimane a disposizione della competente Autorità Giudiziaria». Il ragazzo ha tentato il suicidio

www.ildomani.it

Reg. Tribunale nr. 64 del 15/7/97

Fondatore

Guido Talarico Direttore

Massimo Tigani Sava Direttore responsabile

Orlando Rotondaro Editore

T&P Editori Direzione, Redazione e Amministrazione

loc. Serramonda - Zona industriale Marcellinara (Cz) 0961/996802 FAX 0961.903801/903907 E-mail: redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it “La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250.”

PUBBLICITA’ LOCALE Concessionaria esclusiva

Mediatag Spa Presidente

Giuseppe Gangale Loc. Serramonda, Zona Industriale 88040 Marcellinara (Cz) tel. 0961.996802 fax 0961.903421 - 903.784 e-mail: info@mediatag.it

NAZIONALE: Piemme Spa via Umberto Novaro, 18 - 00195 Roma tel. 06.377081 - fax 06.3724830 Tariffe a modulo: 46 mm x 19 h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologie euro 77,00 cad. - Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: + 40%.

CENTRO STAMPA Stab. Tipografico De Rose - Montalto U. (Cs) per T&P Editori tel. 0961.996802 GRAFICA

manolibera

Progettazione grafica editoriale e pubblicitaria via Milelli, 1 - Catanzaro tel. 0961.706110 - fax 0961.743764 DIFFUSIONE•ABBONAMENTI Media Services - tel. 0965.644464

L’ospedale di Trebisacce

La Commissione dovrà relazionare entro martedì

lanciandosi dal balcone della sua abitazione. Soccorso da alcuni familiari è stato portato nell’ospedale di Trebisacce dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. I medici, viste le condizioni gravissime in cui versava il giovane, hanno poi deciso di trasferirlo in un centro di rianimazione. Dopo aver contattato alcuni ospedali in Calabria, Puglia, Basilicata e Sicilia è stata trovata la disponibilità nel nosocomio di Brindisi. Per il trasferimento però, secondo quanto si è appreso, non era disponibile l’elisoccorso e quindi è stata utilizzata un’ambulanza a bordo della quale il ragazzo è morto poco dopo la partenza. Sulla vicenda non è stata avviata nessuna inchiesta della magistratura ed i familiari del ragazzo non hanno presentato nessun esposto-denuncia. (Ansa).

Guerzoni aveva diffidato la ditta dell’elisoccorso CATANZARO — Il direttore generale del dipartimento della Salute della Regione Calabria, Andrea Guerzoni, cinque giorni fa ha diffidato la ditta dell’elisoccorso a non interrompere il servizio. La notizia si è appresa in ambienti del dipartimento della salute della Regione. Guerzoni ha inviato una comunicazione alla ditta e per conoscenza ai cinque prefetti della

Calabria ed a tutte le strutture del servizio 118. All’origine dell'interruzione del servizio ci sarebbe il contenzioso sul pagamento di alcuni voli. La diffida alla ditta, si apprende al dipartimento Tutela della Salute, è stata decisa per tutelare i cittadini calabresi e per evitare che venisse interrotto un pubblico servizio. (Ansa).

Corbelli: «Gravissimo il rifiuto di ben diciassette ospedali» COSENZA — Il Movimento Diritti Ci-

vili, promotore della proposta di legge per l’istituzione del Garante della Salute, approvata dal Consiglio regionale calabrese il 30 giugno scorso, interviene sul caso del giovane di Trebisacce. Il coordinatore di Diritti Civili, Franco Corbelli, in una nota, parla di «un nuovo, gravissimo caso di malasanità che si poteva e doveva evitare con un minimo di organizzazione e coordinamento tra le diverse strutture ospedaliere e i responsabili dell’Elisoccorso». «Il Garante della Salute prosegue Corbelli - se fosse stato già operativo avrebbe potuto evitare questa nuova tragedia, perché uno dei compiti di questa nuova struttura è proprio quello di coordinare interventi per casi gravi e urgenti, come nel caso del giovane di Trebisacce. Il Garante della Salute - spiega il coordinatore di Diritti Civili - ha in rete la disponibilità, aggiornata in tempo reale, di tutti gli ospedali della regione e dei mezzi di soccorso e di pronto intervento; è in grado di intervenire tempestivamente, di attivare le procedure di pronto soccorso e far ricoverare nelle strutture ospedaliere specializzate (anche fuori regione) i pazienti in gravi condizioni e che rischiano la vita. A parte comunque quello che sarà il ruolo del Garante della Salute, resta

il nuovo dramma, l’assurda morte del giovane calabrese, al di là di quelle che possono essere le cause e le motivazioni per quanto è accaduto. Un episodio inaccettabile. Un nuovo caso stigmatizza Corbelli - di cattiva sanità e di disorganizzazione. Bisogna accertare i fatti - è quindi l’appello -, indagare perché nessun ospedale dei 17 chiamati addirittura in cinque diverse regioni meridionali (Calabria, Sicilia, Basilicata, Puglia e Campania) ha dato la disponibilità per ricoverare questo ragazzo in coma; occorre spiegare perché l’elisoccorso (pare per la mancanza di una apposita convenzione per questo tipo di interventi considerati secondari!) non ha effettuato il trasporto del paziente da Trebisacce a Brindisi, nell’unico ospedale che, dopo forti pressioni, si era offerto di ricoverarlo. Bisogna acclarare - è il pressing - eventuali responsabilità e, nel caso, perseguirli ai sensi della legge. Quel giovane andava subito ricoverato. Non doveva essere rifiutato da ben 17 ospedali con la giustificazione che non c’era un posto libero in rianimazione in nessuno di questi nosocomi. Possibile - si chiede Corbelli - che in 17 ospedali di ben cinque regioni non si sia riuscito a trovare un solo posto per ricoverare un giovane in coma che rischiava di morire?».

Una indagine della Aaroi evidenzia la grave carenza di posti letto

Rianimazioni, Calabria “cenerentola” d’Italia Il presidente dell’associazione: «Problema dimenticato» CATANZARO — Nella regione alle

prese con conti in rosso e ipotesi di rientro dettate dal governo, insiste un triste primato, conquistato nei reparti di frontiera, le unità di rianimazione. Le spese folli della sanità in questi anni sono lievitate, ma, appunto perché folli, non hanno interessato i capitoli nevralgici del settore. Non hanno riguardato i posti letto delle Rianimazioni, che secondo un censimento del 2005 vedono la Calabria all’ultimo posto in Italia per carenza numerica rapportata al numero di abitanti. Attraverso un monitoraggio effettuato nel 2005, l’Aaroi (Associazione nazionale anestesisti rianimatori ospedalieri italiani) ha rilevato il numero dei posti letto presenti nelle rianimazioni e terapie intensive del Paese. La ricerca è durata circa 12 mesi e ha coinvolto tutti i presidenti regionali dell’associazione. In Italia in base al numero di residenti i posti letto dedicati alla Terapia intensiva dovrebbero rappresentare il 3 per cento del totale dei posti letto di un ospedale (questa - sottolinea l’associazione - l’indicazione contenuta nel Piano sanitario nazionale del 1998). La realtà è però un’altra. Secondo l’indagine infatti ci si deve accontentare in media di una percentuale oscillante intorno al 2,2 per cento. Con il risultato che per avvicinarsi agli standard europei occorrerebbero almeno 3.886 posti letto letto in più. Anche sotto quest’ultimo aspetto la sanità Italiana si presenta a macchie di leopardo. Con il Mezzogiorno che - eccetto il virtuoso Molise - si trova a incassare la situazione più critica.

In base al censimento dell’Aaroi, al Nord vi è un posto letto ogni 14.215 abitanti, al Centro uno ogni 13.601, mentre al Sud ci si deve accontentare di un posto ogni 20.070 abitanti; un posto letto ogni 17.306 residenti nelle isole. «È emergenza al Sud, quindi, dove in Calabria - evidenzia l’Associazione nel dossier definendo la nostra regione la “cenerentola d’Italia” - c’è un solo posto di rianimazione ogni 26.437 abitanti». «In questo quadro, come al solito - avverte nel rapporto il presidente nazionale Aaroi, Vincenzo Carpino -, sono le regioni meridionali a pagare il prezzo più alto, con un numero di posti letto pari solo al 25% dei posti letto necessari. Si dovrebbe, cioè, triplicare in queste realtà il numero dei posti letto attualmente funzionanti». «Della carenza di queste strutture - conclude Carpino - purtroppo se ne parla solo quando si verificano fatti eclatanti, ma subito si tende a dimenticare il problema». Il problema, a questo punto, deve essere tenuto in considerazione allorché la Regione o un eventuale commissario espressione del governo centrale dovranno procedere a mettere i conti della sanità a posto. Si dovrà tagliare dove serve. Magari - come sostiene il ministro Sacconi - portando avanti una razionalizzazione da non tradurre per forza in mere sforbiciate da contabili. Magari recuperando qualche risorsa in più per le eccellenze e le priorità. Magari investendo per le aree critiche (ma poco remunerative) come le unità di Rianimazione. Francesco Ciampa

Concessionaria esclusiva di pubblicità tel. 0961.996802 fax 0961.903421-903784 Sede legale: località Serramonda di Marcellinara


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 17

CALABRIA RIFIUTI La Città dello Stretto vince Cartoniadi Nazionali, le Olimpiadi del riciclo promosse da Comieco. Raccolta aumentata del 339%

Reggio campionessa della “differenziata” Al Comune un premio da 50mila euro per il recupero di beni sottratti alla mafia ROMA — Reggio Calabria si conferma a sorpresa campionessa italiana della raccolta differenziata, vincendo le Cartoniadi nazionali, le “Olimpiadi del riciclo”. Dopo un mese di gara - informa in un comunicato l’ufficio stampa Comieco - si sono concluse le Cartoniadi Nazionali, le “Olimpiadi del riciclo” che hanno visto sfidarsi a colpi di carta e cartone le città di Milano, Roma, Bologna, Firenze, Palermo e Reggio Calabria. La manifestazione, promossa da Comieco (Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) ha visto sei delle maggiori città italiane - tra cui alcune con alti livelli di raccolta differenziata - competere per un mese intero a chi avrebbe incrementato di più la propria raccolta di carta e cartone rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La vittoria e il titolo di “regina italiana del riciclo” - si apprende ancora - sono stati conquistati da Reg-

«Il Presidente Loiero, in audizione parlamentare sul problema dello smaltimento dei rifiuti, ha tracciato una linea di intervento tutta basata, in pratica, su discariche di tal quale e inceneritori. La cosa lascia piuttosto sconcertati. Non solo perché ciò è in contrasto in parte con le normative vigenti in materia, ed in parte con il buonsenso, ma anche perché a decidere le soluzioni non dovrebbe essere lui, bensì il Commissario Governativo per l’Emergenza che, in regime di ennesima proroga (richiesta, tra gli altri, dallo stesso Loiero), ha la responsabilità dell’intero ciclo dei Rsu in Calabria. Nell’intervento riportato COSENZA — Il segretario generale

della Fisascat-Cisl, Gianluca Campolongo, ha sollecitato il Consorzio e i Comuni interessati affinché vengano reperiti i fondi per pagare gli stipendi e la tredicesima ai lavoratori della Vallecrati. I lavoratori hanno intanto proclamato lo stato di agitazione. «Non è possibile - afferma Campolongo - che la società e le amministrazioni comunali si continuano a prendere gioco dei lavoratori che continuano a svolgere il loro lavoro con alto senso del dovere e puntualità. Nessuno sembra intenzionato a voler salvare questa società e nemmeno a preservare i posti di lavoro. Si sta facendo di tutto per far fallire la ValleCrati. Prova né è l'andamento dell'ultima assemblea dei soci pubblici di giorno 13 gennaio. Tutti i soci pubblici avrebbero dovuto convergere sulla ricapitalizzazione, ma invece qualcosa è andato storto e la riunione si è conREGGIO CALABRIA — «Bisogna diradare le troppe ombre che si addensano sul futuro delle cooperative sociali impegnate a Cosenza nei servizi di pulizia e piccola manutenzione. E’ arrivato il momento che Comune e Regione dicano chiaramente se esistono e quali sono le prospettive per quel processo di regolarizzazione dei lavoratori, concordato un anno e mezzo fa con il sindacato e poi improvvisamente interrotto». A chiederlo, in una interrogazione all'assessore regionale alle Politiche sociali, Mario Maiolo, è il capogruppo di Rifondazione comunista, Nino De Gaetano, che si dice «preoccupato per lo stato di in-

gna (con un incremento della raccolta del 265%), seguita da Palermo (che ha fatto registrare un aumento delle quantità pari al 164%). A pari merito le altre città. Le Cartoniadi Nazionali - spiegano dal Comieco - hanno lo scopo di incentivare la raccolta differenziata di carta e cartone nel nostro Paese, cercando di coinvolgere i cittadini su questo tema e di aumentare la collaborazione con gli enti locali. Nel complesso - si stima - la raccolta differenziata di carta e cartone è aumentata di 700 tonnellate, con un incremento medio di circa il 30%. «La vittoria di Reggio Calabria rappresenta un segnale importante per tutto il Sud Italia - ha affermato nel comunicato l’assessore all’Ambiente del Comune di Reggio Calabria, Antonio Caridi - e dimostra come i cittadini del meridione siano in grado di contribuire in modo decisivo a rendere più vivibili ed accoglienti le proprie città. Anche

l’utilizzo del premio per la riconversione dei beni sequestrati alla malavita organizzata dimostra che siamo in presenza di un effettivo cambiamento di mentalità». «E’ stato un ottimo risultato complessivo», ha dichiarato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco. La dimostrazione che il Sud può fare molto quando le amministrazioni locali si impegnano. Nei prossimi mesi ci aspettiamo che la raccolta in media si attesti su un +15%. Questo avverrà grazie ai sindaci che saranno i portabandiera del riciclo di carta e cartone». Tra le sorprese positive - continua la nota -, oltre alle due città del Sud, c’è Roma. I cittadini della Capitale hanno incrementato la raccolta del 37%. L’incremento nella raccolto raggiunto dalle città nella gara se si consolidasse sull’ intero anno consentirebbe il risparmio di emissioni nocive pari al blocco del traffico nelle 6 città per 1 giorno.

COSENZAUna folta schiera di associazioni contesta la linea di azione indicata da Loiero per l’emergenza rifiuti

Cosenza, che pare stia preparando il Piano dell’Ambito Provinciale, nei confronti dell’incenerimento, pratica pericolosa, costosa e, certamente in Calabria, del tutto inutile?». «Gli interrogativi si legge ancora nella nota -sono chiari, le risposte un po’ meno. Associazioni e comitati che da anni si occupano del problema rifiuti e, più complessivamente, della tutela di ambiente, salute e diritti delle popolazioni calabresi, invitano ancora una volta ad abbandonare ogni ipotesi di incenerimento dei Rsu e ad imboccare finalmente la strada della Raccolta Differenziata. Ma in modo chiaro, concreto e soprattutto coerente».

gio Calabria, che è riuscita ad aumentare la sua raccolta ben del 339%: un risultato - sottolineano dal Comieco - che dimostra che il Sud è in grado di fare grandi progressi in questo campo.

Reggio Calabria si aggiudica un premio di 50.000 euro, destinato dall’amministrazione comunale al recupero di beni sottratti alla mafia. Al secondo posto si classifica Bolo-

«Abbandonare la strada degli inceneritori» dalla stampa, tra un’anomalia e l’altra, anche una ipotesi di localizzazione di un inceneritore in pieno Distretto Agroalimentare di Qualità di Sibari». Si apre così la nota dai toni polemici indirizzata al governatore sottoscritta dalle seguenti associazioni: Lipu Rende; Associazione Ambientalista “il riccio” - Castrovillari; Pensieri Liberi Pollino - Lungro; Medici per l’Ambiente - ISDE Italia Cosenza; Comitato contro le di-

scariche Bucita - Rossano Calabro; SdL - Rossano; M. B. - Spezzano Albanese; Associazione per il Wwf - Rossano Calabro; Associazione “NO alle discariche” Rende; Comitato RO. MO. RE. Rende; Comitato Beni Comuni – Cosenza; CIB - UNICOBAS - Cosenza; Forum Ambientalista Calabria; Comitato “NO all’inceneritore e termovalorizzatore” - S. Lorenzo del Vallo; Ingegneria Senza Frontiere - Cosenza; Movi-

mento Ambientalista del Tirreno Cosentino; Rischiozero - Scalea. «Parlando di presidenti, poi - proseguono le associazioni -, sarebbe interessante, e forse doveroso, conoscere, una buona volta, l’opinione in merito allo smaltimento dei Rsu (rifiuti solidi urbani, ndr) della Provincia di Cosenza e del suo Presidente Oliverio. Che è, tra i mille altri impegni, anche Presidente del Distretto Agroalimentare. Come si pone, la Provincia di

COSENZA Lavoratori senza stipendio e tredicesima. Lunedì allo studio la ricapitalizzazione Vibo, sciopero alla Ligeam:

Vallecrati, stato di agitazione

addetta alla manutenzione degli impianti di depurazione

clusa con un nulla di fatto e un ennesimo rinvio. I lavoratori stanchi delle solite promesse da marinaio, già da ieri hanno proclamato lo stato d'agitazione. Nessuna manifestazione o protesta eclatante. Tutti resteranno nei cantieri mantenendo un comportamento pacifico». «Ritorneranno a lavoro - prosegue - solo quando avranno la certezza che verranno loro corrisposte lo stipendio e la tredicesima. Chiediamo un incontro al primo cittadino di Cosenza Salvatore Perugini per capire se esistono le condizioni di un possibile rientro del Comune bruzio all'interno del Consorzio Vallecrati. Grande speranza c'è per l'incontro con il Consorzio fissato per lunedì 19 gennaio. In ta-

«Nel momento i cui si dovesse scegliere la ricapitalizzazione - sottolinea Campolongo - è compito dei soci risollevare la società intervenendo nei meccanismi che hanno reso fallimentare il sistema Vallecrati e presentare un piano industriale che risolva i problemi strutturali dell'azienda. Già da ora diamo disponibilità ad apportare il nostro aiuto in un'eventuale fase di riorganizzazione aziendale. Se invece, malauguratamente, i soci opteranno per la liquidazione, non ci smuoveremo fino a quando non avremo precise garanzie sul futuro occupazionale di tutti gli operatori. Non permetteremo che 400 famiglie restino a spasso dopo anni di duro lavoro e sacrifici». (Ansa).

VIBO VALENTIA — I dipendenti della Ligeam, la ditta impegnata nella manutenzione degli impianti di depurazione in tutta la provincia di Vibo Valentia, hanno deciso di incrociare le braccia. Da quattro mesi non percepiscono lo stipendio a causa dei ritardi accumulati da alcuni Comuni del Vibonese, che non hanno saldato i propri debiti. Lo sciopero rischia di creare seri problemi di natura ambientale: nel caso in cui si dovesse verificare qualche guasto agli impianti di depurazione o alle stazioni di sollevamento, i liquami in alcuni casi finirebbero anche a mare, con grave impatto ambientale. (Agi)

COSENZA Servizi di pulizia e manutenzione, il consigliere regionale si rivolge a Maiolo

nel giugno scorso tra amministrazione comunale e cooperative arrivate a definire, a quanto pare, un percorso che getta dubbi pesanti sull'intera vicenda rendendo ormai improrogabile un chiarimento tra i diversi protagonisti della vertenza». «Per queste ragioni - conclude il capogruppo di Rifondazione - il comune di Cosenza e la Regione devono spiegare ai lavoratori e ai cittadini cosentini come intendano affrontare questo problema occupazionale senza sacrificare l'efficienza di un servizio, come quello della manutenzione e pulizia, assolutamente fondamentale per la città». (AnsA).

“Il sindaco Perugini deve dirci se il Comune può entrare nel Consorzio Vallecrati” le occasione l'organizzazione vorrà capire se esistono le condizioni per ricapitalizzare l'azienda oppure se i soci pubblici hanno intenzione di liquidare la Vallecrati spa».

De Gaetano: «Ombre sulle cooperative» certezza che da tempo vige su questa delicata vertenza». «L'Amministrazione comunale di Cosenza - afferma De Gaetano - ha presentato alla Regione Calabria un progetto per un finanziamento di milioni di euro a favore di queste cooperative sociali. Non è ancora chiaro se l'obiettivo sia, quello di avviare un serio percorso di riqualificazione per i lavoratori o quello di alleggerirsi dal peso economico del paga-

Nino De Gaetano

mento degli stipendi, scaricandolo sulle spalle della Regione Calabria». «Le zone d'ombra - continua De Gaetano - non finiscono qui: pare infatti che alcune cooperative abbiano accumulato centinaia di migliaia di euro di imposte e contributi inevasi tanto da giustificare nella primavera del 2008 il blocco da parte di Equitalia. A ciò si aggiunga l'esclusione del sindacato dalle trattative intercorse


18 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA PARLAMENTO EUROPEO La Corte di giustizia dà ragione all’eurodeputato calabrese, che la spunta su Occhetto

Confermato il seggio di Donnici «L’ennesima affermazione della verità su chi ha tentato di forzare il regolamento» CATANZARO — La Corte di giusti-

zia europea conferma il seggio in Parlamento europeo a Donnici e condanna Occhetto e Parlamento di Strasburgo alle spese. «Qualcuno adesso dovrebbe fare autocritica e chiederci scusa», ha dichiarato, in una nota, l'eurodeputato Beniamino Donnici (Alde) commentando la decisione della Corte europea di respingere il ricorso presentato dal Parlamento europeo e da Achille Occhetto sulla questione del seggio italiano conteso a Strasburgo. In maniera del tutto inusitata e senza precedenti, infatti - prosegue il comunicato -, su parere della Commissione giuridica (presieduta dall'on. Giuseppe VIBO VALENTIA — Fare un bilancio dell’attività della Polizia municipale è cosa inusuale a Vibo Valentia, ma, con ogni probabilità, aver scelto di farlo in questo momento ha voluto rappresentare un messaggio. Le vicende sono note ed il risultato è che in questo momento la polizia municipale è priva di comandante, perché il sindaco ha deciso di allontanare lo storico comandante Domenico Corigliano e non ha inteso per il momento rimetterlo al suo posto malgrado una sentenza in tal senso da parte del giudice del lavoro, che ha dato ragione a Corigliano; perché chi era stato chiamato a prenderne il posto, Nesci, ha deciso di tornare alla guida della polizia provinciale. Lo stesso sindaco Franco Sammarco, con a fianco l’assessore alla Polizia municipale, Pasquale Barbuto, ha ammesso, nel corso dell’incontro come questa «sia stata una stagione difficile per svariati motivi», ma ha dato atto che «nell’anno appena trascorso i Vigili Municipali hanno garantito una efficienza encomiabile». «Gli agenti, che nel corso dell’anno appena trascorso sono aumentati di alcune unità - ha sottolineato ancora Sammarco - sono stati VIBO VALENTIA — Contrastare la

congiuntura economica negativa e contestualmente avviare iniziative sinergiche di promozione in grado di valorizzare le produzioni di eccellenza e favorire lo sbocco su nuovi mercati. È questo il fulcro dell'accordo imbastito tra l'assessorato provinciale alle Attività produttive, guidato da Paolo Barbieri, ed i vertici locali di Confindustria e Cna. All'incontro, tenutosi nella sede dell'Amministrazione provinciale, hanno partecipato, oltre all'assessore, il presidente di Confindustria Vibo Valentia Domenico Arena, il direttore dell'associazione Anselmo Pungitore, e il presidente di Cna Giovanni Cugliari. Una riunione di carattere interlocutorio, come hanno sottolineato i partecipanti, con l'intento di confrontarsi sulle gravi problematiche innescate dalla crisi economica e sugli interventi che possono garantire sostegno al tessuto produttivo locale. In particolare, i rappresentanti delle categorie produttive hanno chiesto l'ausilio della Provincia per elaborare e adottare insieme una strategia di approccio verso nuovi mercati e fornire così alle produzioni locali canali commerciali alternativi. L'idea - esposta da Arena, Pungitore e Cugliari - poggia su una

Gargani), nell'aprile 2007 il Parlamento europeo aveva dichiarato eletto Achille Occhetto nonostante, nel dicembre 2006, il Consiglio di Stato e la suprema Corte di Cassazione, avessero assegnato il seggio a Beniamino Donnici. Di questo contenzioso, che vedeva contrapposto non solo Beniamino Donnici e Achille Occhetto, ma anche la Repubblica Italiana e il Parlamento europeo, si è successivamente occupata la Corte europea, che il 15 novembre 2007 ha ordinato la sospensione immediata della decisione del Parlamento europeo, reinsediando Beniamino Donnici nel suo seggio. Con quest'ultima ordinanza, la

Corte europea non solo ha respinto l'appello presentato dal Parlamento europeo e Achille Occhetto, ma ha anche condannato i ricorrenti a pagare le spese a Beniamino Donnici. Nei prossimi mesi, la Corte dovrà ulteriormente pronunciarsi sull'entità del danno subito dall'On. Beniamino Donnici, in relazione alla grave violazione dei suoi diritti elettorali attivi. «E' l'ennesima affermazione della giustizia e della verità - ha detto ancora Beniamino Donnici su una casta, che ha tentato in tutti i modi di tutelare il potente di turno, forzando le interpretazioni del regolamento interno del Parlamento europeo e rimanen-

do sorda alle sollecitazioni di senso contrario che provenivano dai consulenti giuridici interni all'Istituzione». «Achille Occhetto e soprattutto il Parlamento europeo ne escono malissimo, subendo anche una condanna alle spese che lascerà un'ombra indelebile sulla Commissione Giuridica e sull'intero Parlamento europeo. Aver trascinato la massima istituzione elettiva in quest'avventura - ha precisa poi Donnici - dovrebbe far riflettere i miei tanti colleghi che, da postazioni di rilievo, hanno immaginato di trasferire in Europa le cattive abitudine delle Giunte per l'elezioni del Parlamento italiano».

VIBO VALENTIA Presentato il bilancio annuale dell’attività dei Vigili urbani. Soddisfatto Sammarco

ste difficoltà: «Attualmente è privo di guida dirigenziale; ad agosto la sede è stata oggetto di verifica strutturale che ha interessato tutta l’area delle ex FF. CC. che era stata danneggiata dagli eventi atmosferici del 2006; a settembre con una determina dirigenziale è stato revocato un precedente atto del dirigente di assegnazione di grado. Per quest’ultima questione, l’amministrazione attiva ha contestato esclusivamente modalità e procedure senza mettere in discussione l’esigenza della riorganizzazione di uffici e servizi in atto in un sistema più complessivo che riguarda l’intero personale del comune. Ciononostante non si è voluta scalfire la professionalità di ognuno di essi». Frasi evidentemente dettate dalla necessità di ripristinare un rapporto inevitabilmente incrinato da certe decisioni del sindaco e le sue conseguenze, con addirittura gli interventi della magistratura, una vicenda non ancora conclusa. Pasquale Barbuto ha poi ricordato che attualmente sono 31 gli operatori in servizio presso il Corpo, ovvero circa la metà a quanto previsto: 1 agente ogni 600 abitanti.

Beniamino Donnici

«L’intenso lavoro della Polizia municipale»

Un momento della presentazione del bilancio della Polizia municipale di Vibo Valentia

chiamati a svolgere numerosi servizi per garantire il controllo e la sicurezza del territorio e, nonostante il numero notevolmente ridotto rispetto alle reali esigenze, essi sono stati in grado ugualmente e con grande spirito di sacrificio, a dare il massimo, con risultati che sono senz’altro più che soddisfacenti». «Per questo - ha rimarcato il primo

inquilino di Palazzo Luigi Razza intendo ringraziarli tutti per quanto hanno saputo fare, garantendo fedeltà ed ottemperando ad ordini e regolamenti con l’unico scopo di stare più vicini ai cittadini». Quindi, il sindaco non ha mancato di elogiare anche l’operato dell’assessore al ramo, Pasquale Barbuto: «Ha profuso grande impegno praticando sforzi notevoli per da-

re il meglio in termini di risultati». Con grande senso della realtà, confermando quella che è la nota distintiva del suo carattere l’assessore Barbuto dal canto suo, dopo aver elogiato «per la professionalità ogni singolo agente per la grande mole di impiego esercitato» ha voluto precisare che «il 2008 è stato un anno difficile». Quindi ha spiegato i motivi di que-

VIBO VALENTIA Provincia, Cna e Confindustria insieme per misure antirecessione

Accordo per contrastare la crisi premessa considerata cruciale dagli esponenti del mondo imprenditoriale: concentrare forze e risorse su un unico progetto, che, sebbene articolato, possa dare omogeneità e immediata riconoscibilità all'offerta vibonese. In quest'ottica, Confindustria e Cna hanno chiesto il sostegno della Provincia per diffondere sui mercati esteri i prodotti vibonesi, attraverso la pianificazione dettagliata della partecipazione a fiere e saloni internazionali sotto l'egida di un marchio unico che identifichi le produzioni locali. «Spesso, in termini commerciali, non registriamo alcun riscontro concreto in seguito alla partecipazione sporadica e saltuaria agli eventi fieristici - ha sottolineato Arena - che si trasformano in molti casi in occasioni di "turismo istituzionale". Questi strumenti, invece, dovrebbero essere finalizzati al conseguimento di obiettivi concreti, cioè la sottoscrizione di nuovi contratti e la creazione di vere partnership��. Analisi condivisa dall'assessore Barbieri, che ha proposto la sottoscrizione di un protocollo d'in-

tesa (tutti i partecipanti alla riunione hanno sottolineato la necessità di coinvolgere a questo scopo anche la Camera di Commercio) attraverso il quale consolidare questa collaborazione e fissare obiettivi specifici. A questo proposito si è deciso di avviare subito la costituzione di un tavolo di lavoro che coinvolga tutti i soggetti in questione, al fine di stabilire quali mercati sono potenzialmente più ricettivi e quali eventi fieristici possono rappresentare una reale occasione di rilancio. Una scrematura che riguarderà anche le imprese da promuovere, perché, come è stato sottolineato

La linea fondamentale: concentrare risorse su un progetto ritenuto centrale per rafforzare il territorio

nel corso della riunione, non tutte hanno la capacità produttiva e gli standard qualitativi richiesti dal mercato internazionale. «Sprecare risorse in piccoli eventi fieristici locali - ha rimarcato dal canto suo Cugliari - è assolutamente inutile, perché non c'è nessun ritorno commerciale sul medio e lungo periodo». L'importanza di un marchio territoriale univoco e facilmente identificabile è stata sottolineata con forza dal direttore di Confindustria, Pungitore, che ha sollecitato la Provincia ad impegnarsi affinché si possa raggiungere in breve tempo questo traguardo, evidenziando le ricadute positive che potrebbe avere la diffusione di un logo unico per l'intera produzione locale d'eccellenza. Durante l'incontro, inoltre, sono state affrontate anche altre problematiche, a cominciare dalla difficoltà di accesso al credito bancario. Durissimo il giudizio degli imprenditori, che hanno denunciato situazioni al limite dell'usura: «A Vibo Valentia sono presenti quasi tutti i gruppi bancari - ha affermato Arena - eppu-

Maurizo Bonanno

re i rubinetti del credito sono sempre chiusi o inaccessibili per l'alto costo del denaro, che qui, tra tasse e interessi, può arrivare anche al 26%». Tra i casi più eclatanti citati nel corso del colloquio, anche quello relativo ad imprese vibonesi che comprensibilmente preferiscono registrare la propria sede legale in regioni del nord Italia, perché così riescono ad accedere al credito bancario. Barbieri, nel chiudere l'incontro, ha assicurato massimo sostegno da parte della Provincia, ovviamente nei limiti delle risorse disponibili: «Iniziamo da questo obiettivo, quello relativo all'individuazione dei mercati potenzialmente più promettenti e delle imprese più competitive, ma la partita va giocata su più tavoli - ha affermato l'assessore - dall'ammodernamento delle infrastrutture ad una programmazione di qualità per l'accesso ai fondi europei, dall'istituzione del distretto agroalimentare alla lotta contro ogni forma di abusivismo e irregolarità che pregiudicano la tenuta del tessuto economico e mettono in difficoltà gli imprenditori onesti che vogliono attivamente contribuire alla crescita di questa provincia». Ma. Bo.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 19

CALABRIA SANITA’ L’Associazione italiana dell’ospedalità privata indica alla Regione i paletti della Legge 24. «In questo modo non si razionalizza»

«Così i costi di gestione lievitano» «I circa 2 miliardi di passività non sono serviti a migliorare la qualità dei servizi» CATANZARO — «L’Aiop, pur rispettando lo spirito della legge 24, contrasta quegli orientamenti la cui finalità non è quella di razionalizzare l’organizzazione delle strutture, a vantaggio del cittadino utente ma, di fatto, si risolvono in un aumento squilibrato dei costi di gestione e, quindi, dei costi di sistema». E’ quanto si legge in una nota di Bernardino Scarpino, direttore regionale dell’Aiop, l’associazione italiana dell’ospedalità privata. «A voler affrontare i problemi che bisogna risolvere per rilanciare la qualità della sanità calabrese - si apre così la nota -, non si saprebbe da dove cominciare. C’è tuttavia una opzione primaria e riguarda la spesa sanitaria e l’organizzazione dei servizi. Va da sé che non si può affrontare l’una senza l’altra, per cui sarebbe saggio procedere contestualmente e simultaneamente, evitando di far dipendere i correttivi dell’organizzazione dalla quantificazione della spesa, atteso che l’a-

ver accumulato 2 miliardi circa di passività non è servito a migliorare gli standard qualitativi dei servizi». «La legge 24 approvata a luglio dal consiglio regionale può essere - sottolinea il direttore del’Aiop - un contributo concreto a migliorare la rete ospedaliera, intendendo per rete le due componenti della sanità, quella pubblica e quella privata. Lo spirito della legge è quello di razionalizzare l’organizzazione operativa sia delle strutture pubbliche che di quelle private ma non demanda certamente ai regolamenti attuativi orientamenti finalizzati a penalizzarne la gestione economica, sovraccaricandole di costi che non si traducono in maggiore qualità dei servizi per i cittadini». «Non risponde a verità - viene sottolineato - che l’Aiop stia contrastando la definizione dei regolamenti attuativi che, discendendo da una legge, sono un atto dovuto mentre è vero che l’Aiop, pur rispettando lo spirito della legge,

stione e, quindi, dei costi di sistema. E questo a prescindere da un eventuale adeguamento delle tariffe in alto, non previsto dalla legge 24 e teorizzato soltanto per supportare l’aumento di costi di gestione delle strutture ospedaliere». «Nel merito - continua la nota -, per far capire all’opinione pubblica come stanno le cose e non agli addetti ai lavori che sanno molto bene cosa dispone la legge e cosa debbono essere i regolamenti attuativi, si può fare esempio di un regolamento attuativo che prescrive ad una struttura privata di avere in organico due farmacisti anche se la struttura non dispone di una farmacia. Non si comprende quale sarebbe, nell’interesse del cittadino e della qualità dei servizi, l’utilità di una tale decisione se non quella di innalzare i costi di gestione che, inevitabilmente, in sede di contrattazione, finirebbero per gravare sul sistema e, quindi, sulla spesa globale e sul cittadino».

«Per concludere - si legge ancora nella nota - l’Aiop resta disponibile, per la parte di sua competenza, ad accelerare i tempi di definizione dei regolamenti attuativi ma non si chieda all’Aiop di scardinare nelle proprie strutture quegli equilibri di bilancio necessari per garantire prestazioni di qualità ai cittadini bisognosi di cure. L’Aiop ha già documentato, con un apposito dossier, l’effetto devastante che hanno avuto sulla gestione degli ospedali calabresi i carichi di personale non necessario il cui costo è doppio o triplo rispetto al valore economico delle prestazioni erogate» «Avere attenzione ai bilanci non vuol dire speculare ma - avvertono ancora dall’Aiop - gestire bene le risorse necessarie a fornire prestazioni di qualità ai cittadini. Il contrario di ciò che hanno sinora fatto - con regolamenti, leggi e delibere dirigenti, amministratori e politici responsabili del disastro sanitario della regione».

ROSSANO — La Conferenza dei

Dalla Conferenza dei servizi pareri positivi alla costruzione del presidio. A breve la gara

di Cosenza e il suo direttore generale, Franco Petramala». Aloise ha concluso i lavori sottolineando che questo «caso dimostra che anche in Calabria sono possibili tempi rapidi e sinergie virtuose per realizzare le cose che servono alla nostra regione. Accade quando si costruisce una realtà unitaria tra tutte le forze interessate, c'è gioco di squadra e accordo reale sugli obiettivi ed è interessante notare come, in questo caso, l’accordo iniziale tra i comuni di Rossano e Corigliano sia via via diventato il progetto di questo intero territorio». (Ansa).

servizi per acquisire intese, autorizzazioni e nulla osta previsti dalla legge, che si è svolta ieri mattina a Rossano, introdotta dal Soggetto Attuatore Giuseppe Aloise, segna una tappa fondamentale nel percorso per la costruzione del nuovo ospedale della Sibaritide. Dalla Conferenza sono arrivati pareri sostanzialmente positivi e nessuna obiezione preclusiva. Si apre quindi uno scenario positivo che consentirà in tempi abbastanza brevi la gara per l'esecuzione dell'opera. «Si rivela quindi giusta - è scritto in una nota dell'Ufficio del soggetto atCATANZARO — «Le dichiarazioni

rilasciate dall’assessore regionale all’Agricoltura Mario Pirillo devono destare l’attenzione più accurata delle organizzazioni sindacali regionali, di categoria e confederali, finora costrette a sostenere un confronto stucchevole con la Giunta sul tema della liquidazione dell’Agenzia regionale agricola». A sostenerlo, in una nota congiunta, sono il coordinatore del comitato degli iscritti Fp-Cgil dell’Arssa Davide Colace ed il segretario generale Fp-Cgil Calabria Luigi Veraldi. «Né è un caso proseguono - che Leopoldo Chieffallo reclama l'attuazione ed il rilancio del maxiemendamento che, tra le altre cose, ha sancito la liquidazione dell'Arssa. Dopo più di due anni di indecisioni e di passi falsi, e la pratica impossibilità di percorrere l’iter prefigurato dal piano di dismissione dell’Arssa, il massimo rappresentate dell’ese-

Bernardino Scarpino

contrasta quegli orientamenti la cui finalità non è quella di razionalizzare l’organizzazione delle strutture, a vantaggio del cittadino utente ma, di fatto, si risolvono in un aumento squilibrato dei costi di ge-

Sibaritide, avanti verso il nuovo ospedale tuale dell’ospedale della Sibaritide - l'intuizione del presidente Loiero che per la costruzione dei nuovi quattro ospedali calabresi, punto cardine per una significativa riforma e modernizzazione della rete ospedaliera calabrese, ha spinto per procedure affidate alla Protezione civile con la nomina di un Commissario per l'emergenza sanitaria. Questa scelta sta consentendo procedure molto ra-

pide e semplificate rispetto a quelle ordinarie. In tale contesto il raccordo permanente tra il presidente Loiero e le azioni del Commissario, Vincenzo Spaziante, hanno consentito un gioco di squadra che sta risultando valore aggiunto rispetto al perseguimento degli obiettivi e al rispetto delle scadenze che ci siamo date». Il dottor Aloise ha evidenziato che «opportuna si è rivelata la

scelta di affidare la progettazione degli ospedali alle Aziende sanitarie locali che ha consentito, questo è il caso dell'ospedale della sibaritide, di acquisire una progettazione di livello, adeguato alle punte alte tecnico-scientifiche di una moderna sanità; attraverso competenze interne e con un risparmio consistente di risorse economiche. Per quel che mi riguarda voglio ringraziare l'Asp

ARSSA Il sindacato è contro l’ipotesi di una “migrazione” dei lavoratori verso la Fondazione Terina

Cgil: «Preoccupano le frasi di Pirillo» cutivo calabrese con competenze in agricoltura annuncia l’affidamento delle attività di ricerca di interesse regionale alla fondazione Terina». «I sindacati di categoria regionali in maniera unitaria - prosegue la nota - si apprestano a celebrare una giornata di lotta nei confronti della politica sul personale della Giunta. Le questioni connesse alla liquidazione dell'Arssa rientrano a pieno titolo tra le dolenti note e, di certo, le affermazioni dell'assessore costituiscono in questo senso una novità importante. Le affermazioni rilasciate alla stampa sono nuove e preoccupanti perché, finora, nessuno aveva prefigurato i cambiamenti di status

Mario Pirillo

giuridico che i pubblici dipendenti dell'Agenzia verosimilmente subirebbero, se fossero costretti a “migrare” in un soggetto giuridico quale la Fondazione. A dire il vero l'assessore nell'ultimo incontro pre-natalizio con i sindacati aveva fatto cenno a società in house non ben definite e la Cgil, in particolare, aveva dichiarato la propria indisponibilità a soluzioni diverse dall'intervento pubblico in agricoltura e forestazione, come risultato del processo di dismissione avviato dalla politica regionale. Quindi, le dichiarazioni dell'assessore e dell'ex consigliere regionale, per quanto affidate a mezzo stampa, autorizzano ed inaugurano un confronto, a questo punto,

necessario sulla partita generale della attuazione della L. R. 9/07». «La netta impressione - affermano Colace e Veraldi - è che la politica regionale dietro la cortina fumogena delle indecisioni e dei passi falsi, nasconda l'intento di tradurre le esigenze di razionalizzazione della spesa pubblica, non in virtuose prassi di risparmio, bensì in imperativi di privatizzazione dell'intervento regionale in agricoltura. Nulla è più indefinito, opaco ed insicuro dell'esito preconizzato: la Fondazione Terina è oggi, guarda caso, gestita proprio dall'ex consigliere regionale, Leopoldo Chieffalo che tre anni fa firmò (di concerto con Nicola Adamo) l'emendamento di scioglimento dell'Arssa. Ma questa è un'altra storia sulla quale il giornalismo d'inchiesta nostrano potrebbe esercitarsi. Solo gli ingenui pensano che si tratta semplicemente di una coincidenza». (Ansa).

Servizio a cura della Mediatag settore pubblicità legale

ENTI PUBBLICI E ISTITUZIONI Gli annunci sono presenti sul portale telematico www.aste.eugenius.it

A.T.E.R.P. Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia di CZ Via Lidonnici, 37 - 88100 Catanzaro AVVISO DI PROCEDURA APERTA PER LA LOCAZIONE DI NEGOZI, MAGAZZINI E BOX PER AUTO L'Aterp, con sede in Via Lidonnici n.37- Catanzaro - esperisce una procedura aperta per la locazione di locali, da adibirsi ad uso diverso da abitazione, siti in Catanzaro e Lamezia Terme. Aggiudicazione: al migliore offerente giorno 29/01/2009.Presentazione offerta entro le ore 13,30 del 28/01/2009. Il Bando integrale è consultabile alla Sezione Bandi del sito: www.aterpcz.it all'Albo Pretorio dell'Azienda e dei Comuni di Catanzaro e Lamezia Terme. Per qualsiasi notizia rivolgersi all'Aterp di Catanzaro Via Lidonnici, 37 - tel.0961/8981 IL DIRETTORE AMM.VO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO Dirigente del Servizio Economico Dott.Prof. Gianfranco Colosimo (Dott. Vincenzo Milano)

CROTONE Il responsabile provinciale di Legambiente Paolo Asteriti sul ruolo dei volontari

«Positivo l’albo delle guardie ecologiche» — «L'istituzione dell’albo provinciale delle guardie ecologiche volontarie, che avverà entro il 31 gennaio, è di fondamentale importanza per un territorio così ricco e fragile come il nostro, che ha costante bisogno di controllo». Lo afferma, in una nota, il responsabile provinciale del Wwf di Crotone, Paolo Asteriti.

CROTONE

«Questo risultato - prosegue è stato raggiunto grazie ai nostri volontari e alla collaborazione dell'assessore provinciale all’Ambiente Claudio Liotti. Entro fine febbraio partirà anche un corso per le guardie ecologiche volontarie che controlleranno il territorio, le aree Sic e collaboreranno con il centro recupero rapaci di Rocca di Neto».

«Siamo contrari - conclude il dirigente del Wwf - al taglio di 1.600 alberi per la realizzazione dell'osservatorio astronomico di Savelli. Nonostante abbiano tutti i permessi per realizzarlo, abbiamo dato il parere negativo. Presto terremo un convegno per discutere di questa situazione». (Ansa)


20 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO A conclusione di intense indagini investigative il personale della Squadra Mobile del capoluogo ha eseguito l’ordinanza di custodia cautelare

Maltrattamenti in famiglia, un arresto L’uomo è accusato di violenza aggravata e atti sessuali con la figlia minorenne CATANZARO — A conclusione di intense e particolari indagini investigative, personale della Squadra Mobile del capoluogo, diretta dal Vice Questore Aggiunto dott. Francesco Rattà, ha eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Catanzaro dott. Antonio Giglio nei confronti di un cittadino straniero di trentotto anni. Nei confronti dell’uomo sussistono gravissimi indizi di colpevolezza in ordine ai reati di maltrattementi in famiglia, violenza sessuale aggravata e atti sessuali con la figlia minorenne. Le indagini degli Agenti dell’Ufficio Minori erano partite a seguito di un ge-

sto autolesionostico perpretato dalla figlia 17enne dell’arrestato. Ai poliziotti la ragazza ha svelato fra le lacrime la terribile realtà che da tempo ormai era costretta a vivere fra le mura domestiche. Dichiarazioni che sono state poi confermate davanti al Pubblico Ministero titolare delle indagini dott. ssa Alessia Miele. Ricordi agghiaccianti raccontati da un’adolescente che fin da bambina, dall’età di soli 8 anni, è stata vittima inerme delle attenzioni morbose e delle violenze sessuali del padre. Il tutto è avvenuto in un particolare contesto socio-familiare. La madre della

COSENZA L’appello del leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, sul tragico episodio di giovedì

Cosenza, era ai domiciliari ma spacciava droga: beccato

«Fare luce sulla morte del sottufficiale» COSENZA — Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, chiede che «venga fatta piena luce sulla morte del sottufficiale della Guardia di Finanza trovato giovedì mattina all'interno della sua autovettura, sulla A3, nei pressi dello svincolo di Altilia. Si è avanzata subito l'ipotesi del suicidio - sostiene in una nota Corbelli - ma alcuni importanti elementi fanno sorgere dubbi e sospetti. L'auto si trovava a margine della carreggiata, quasi attaccata ad un muretto, in una semicurva. Un posto insolito per uno che decide di suicidarsi. Il militare prosegue il leader del movimento Diritti civili - si sarebbe

suicidato sparandosi un colpo di pistola mentre guidava, la macchina avrebbe quindi proseguito per alcuni metri e si sarebbe fermata da sola. L'uomo era steso sul sedile di guida in posizione orizzontale, con i piedi che addirittura sporgevano fuori dallo sportello. E' una posizione assolutamente impossibile da realizzare in modo naturale da una persona che si é appena uccisa sparandosi un colpo di arma da fuoco. L'uomo - continua Corbelli - decide di suicidarsi e lo fa, addirittura guidando, il giorno dell'arrivo di Napolitano in Calabria, lungo quella autostrada Sa-Rc presidiata, per il passaggio del Capo dello Stato, in ogni

angolo dalle forze dell'ordine, e proprio quando passa, sulla corsia opposta, il corteo presidenziale, diretto ad Arcavacata? Ammesso che si tratti di suicidio quel sottufficiale non si sarebbe mai sparato mentre era alla guida perché consapevole delle conseguenze drammatiche che il suo gesto avrebbe potuto provocare a tante altre ignare persone. Chiediamo -conclude Corbelli - che non si archivi subito questa morte con la ipotesi del suicidio, che si accertino i fatti, per onorare la memoria di questo bravo sottufficiale e per saper se il presidente Napolitano ha corso qualche pericolo». (Ansa)

COSENZA — I Carabinieri han-

no tratto in arresto a Praia a Mare, con l’accusa di spaccio e detenzione abusiva di cocaina, Vincenzo Vitolo, 36 anni, originario di Pagani (SA) ma da molto tempo residente e conosciuto a Tortora e nell'alto tirreno cosentino, dove gestisce un negozio di abbigliamento. L'uomo era agli arresti domiciliari, ma, avvalendosi del permesso di allontanamento dalla residenza, concessogli in orario lavorativo, ne approfittava per continuare a spacciare. Vitolo è stato sorpreso mentre cedeva una dose di cocaina da un grammo ad un elettricista trentenne del posto, C. M., già noto

giovane e i suoi fratelli, vittime anch’essi di soprusi, sono stati costretti per tutto questo tempo al silenzio dall’uomo che con violenze di ogni genere li minacciava. Solo davanti agli investigatori, sentendosi finalmente al sicuro e protetti, hanno trovato la forza ed il coraggio di raccontare la loro storia dando voce ad anni di sofferenze. Le indagini hanno trovato essenziali elementi di riscontro non solo dalle dichiarazioni delle vittime ma anche da ulteriori accertamenti effettuati con l’ausilio di tecniche investigative. Oggi la ragazza e i suoi familiari sono stati collocati in una struttura protetta.

alle forze dell'ordine, segnalato alla Prefettura come assuntore. La successiva perquisizione personale e domiciliare ha permesso di rinvenire, nascosti nell'abitazione di Vitolo, 50 grammi di cocaina, già suddivisi, confezionati e pronti alla vendita. L'uomo è stato portato nel carcere di Paola. Sequestrato il negozio in cui si è consumata l'azione di spaccio. (Agi)

I carabinieri hanno sequestrato 50 grammi di cocaina

Caso De Magistris, oggi il Csm dovrà decidere sui trasferimenti

VIBO VALENTIA I carabinieri hanno trovato nella macchina di un 25enne oltre 50 bossoli da caccia

CATANZARO — Oggi la sezione disciplinare del Consiglio Superiore della Magistratura, in camera di consiglio, dovrà decidere se vanno trasferiti d'urgenza i pm protagonisti dello scontro tra le procure di Catanzaro e Salerno, giocato sulle inchieste avocate all’ex pm di Catanzaro Luigi De Magistris; e se il capo della Procura di Salerno Luigi Apicella deve essere anche sospeso dalle funzioni e dallo stipendio e collocato fuori ruolo magistratura, come ha chiesto il ministro della Giustizia, Angelino Alfano. Sono sette i pm che compariranno davanti al "tribunale delle toghe": per la procura di Salerno oltre a Luigi Apicella, i sostituti Dionigio Verasani e Gabriella Nuzzi; mentre per quella di Catanzaro il procuratore generale Enzo Jannelli e i suoi sostituti Alfredo Garbati, Domenico De Lorenzo e Salvatore Curcio. I primi hanno disposto il clamoroso sequestro del fascicolo Why Not, che era stato avocato a Luigi De Magistris, e le perquisizioni a carico dei colleghi della procura generale di Catanzaro che ne erano diventati i titolari. I secondi sono i firmatari dell'altra iniziativa senza precedenti: il contro-sequestro degli atti e l'apertura di un'inchiesta sui colleghi di Salerno che li avevano indagati. Tutti sono accusati dal Guardasigilli di aver compiuto atti abnormi, violato doveri deontologici e norme di legge; insomma di aver tenuto

VIBO VALENTIA — L’attività di contra-

comportamenti, che hanno suscitato "clamore" e "scandalo", "incompatibili" con il loro ruolo. Di qui la necessità, per il ministro, di trasferirli subito. La posizione più pesante è quella di Apicella: solo per lui inizialmente il Pg della Cassazione Vitaliano Esposito aveva chiesto il trasferimento d'urgenza; una misura giudicata insufficiente da Angelino Alfano, che ha rilanciato chiedendo la sospensione. Da capo della procura di Salerno - accusa il ministro - ha «omesso di esercitare» i suoi poteri di controllo per «assicurare il corretto svolgimento dell'indagine e il rispetto delle norme da parte del suo ufficio». E come i suoi sostituti ha dimostrato «un'assoluta spregiudicatezza» nell'esercizio delle funzioni, e «un'assenza del senso delle istituzioni», firmando provvedimenti abnormi, il cui scopo non era cercare prove, ma una «acritica difesa di De Magistris». Il ministro della Giustizia non è tenero nemmeno con i pm di Catanzaro: reagendo con un altro atto abnorme, il contro-sequestro degli atti, a quella che ritenevano una perquisizione ingiusta, anziché ricorrere alle «legittime forme di contestazione previste dall'ordinamento», e mettendo sotto inchiesta i loro colleghi di Salerno - invece di astenersi - hanno dimostrato «scarso equilibrio». Per questo sono "incompatibili" con il loro ruolo. (Ansa)

Detenzione abusiva di cartucce, una denuncia sto alla criminalità volta alla repressione di reati continua imperterrita nel territorio vibonese ad opera dei carabinieri. Infatti giovedì pomeriggio, la pattuglia di turno della radiomobile della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia, nel corso di attività finalizzata alla prevenzione e repressione di reati, in materia di armi, procedeva sulla Sp 17, località aeroporto di Vibo Valentia, a numerosi controlli di autovetture con contestuali

perquisizioni. E proprio uno di questi controlli ha portato al rinvenimento, su una autovettura, di diverse cartucce da sparo. Ioppolo Marcello, un giovane venticinquenne, a bordo della propria autovettura, una Suzuki Santana, veniva fermato al posto di controllo dei militari dell’Arma. L’atteggiamento, assunto dal giovane alla vista dei militari e, durante il controllo degli stessi militari operanti, faceva insospettire gli uomini in divisa, tantoche han deciso di ope-

rare una perquisizione personale e veicolare a carico del menzionato Ioppolo. Nel corso del citato atto di polizia giudiziaria, i carabinieri rinvenivano, all’interno del cruscotto anteriore dell’auto dello Ioppolo, ben 53 cartucce: 50 cartucce da caccia cal. 20, e 3 cartucce cal. 12. Accertata l’illecita detenzione, nonché il porto abusivo delle suddette cartucce da parte di Ioppolo, si procedeva al sequestro delle stesse ed al deferimento a piede libero del giovane.

Cosenza, frodi informatiche la Polizia Postale mette in guardia

San Giorgio Morgeto tre uomini denunciati per caccia illegale

COSENZA — La Polizia Postale di Cosenza sta ricevendo numerose denunce e richieste di delucidazioni da parte di utenti internet, che lamentano di trovare nelle proprie caselle di posta elettronica una mole sempre maggiore di messaggi provenienti da sedicenti siti delle Poste Italiane o di E-Bay, il noto sito di compravendita online. Gli agenti della Polizia Postale confermano che «quasi mai questi messaggi sono da ritenersi veri, ma che si tratta invece di operazioni di “phishing”, ovvero tentativi di carpire fraudolentemente i dati degli ignari utenti che rispondessero ai messaggi. Tali dati verrebbero poi sicuramente utilizzati per frodi informatiche. Si invitano pertanto gli utenti ad utilizzare dei

SAN GIORGIO MORGETO — Aco-

programmi antispamming, che possono subito cancellare le mail truffaldine, e a non cadere nella tentazione di rispondere se non si ha certezza che la mail ricevuta non sia davvero proveniente, per qualche valido motivo, dalle Poste o da EBay». Si consiglia soprattutto di non rivelare le proprie password e i numeri di carta di credito. Per ogni indirizzo web che si desiderasse contattare, è poi sempre opportuno digitarlo direttamente nella barra del programma di navigazione, anzichè cliccare sui link proposti, che spesso reindirizzano su siti apparentemente esatti, ma che in realtà si rivelano essere delle copie di quelli veri, utilizzate per carpire i dati sensibili dei navigatori internet.

ra violazioni delle normetive sulla caccia. Tre cacciatori sono stati denunciati a San Giorgio Morgeto, in provincia di Reggio calabria, ai confini del Parco nazionale d'Aspromonte. Per uno di loro l'accusa è quella di bracconaggio perchè aveva con se alcuni esemplari di fringuello. Per gli altri due, la denuncia è scattata per porto di armi improprie. Nel corso dell'operazione, condotta dagli uomini del Corpo forestale in collaborazione con la Lega Italiana protezione uccelli, sono stati multati molti cacciatori per violazioni della legge sulla caccia.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 21

CALABRIA GUARDAVALLE Nella mattinata di giovedì, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Soverato hanno arrestato un sorvegliato speciale

Beccato con 100 grammi di cocaina La sostanza stupefacente sequestrata, sul mercato illecito, avrebbe fruttato circa 60.000 euro GUARDAVALLE — Nella mattinata di giovedì, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Soverato, guidati dal Giancarlo Russo, con l’ausilio dei colleghi della Stazione di Guardavalle, hanno tratto in arresto un giovane di Catanzaro, Agostino Trapasso, 28 anni, sorvegliato speciale di P. S. con obbligo di dimora nel Comune di Catanzaro, ritenuto responsabile dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina, inosservanza degli obblighi della sorveglianza speciale e guida senza patente. Verso le undici di giovedì mattina, un equipaggio dell’Aliquota Radiomobile, diretta dal Mar. Francesco Masi, durante un posto di controllo alla circolazione stradale sulla Statale 106 in Guardavalle Marina, ha notato una Fiat Punto che, alla vista dei militari, rallentava considerevolmente l’andatura nel tentativo di eludere il controllo dei militari. Quest’ultimi, proprio perché insospettiti da tale manovra, hanno, invece, fermato l’autovettura alla cui guida è risultato esserci il Trapasso, privo tra l’altro

Agostino Trapasso

di qualsiasi documento. Nell’avvicinarsi all’auto, i due militari della gazzella hanno visto chiaramente che il giovane alla guida stava cercando di disfarsi di un involucro in plastica. Una volta recuperato lo stesso, i militari hanno appurato che si trattava di polvere bianca confezionata sottovuoto e che successivamente si è rivelata cocaina purissima per un peso complessivo di circa 100 grammi. Una volta

I carabinieri di Soverato

Agostino Trapasso, 28 anni, è stato fermato mentre era a bordo della sua auto

interrogata la banca dati delle Forze di Polizia per appurare pienamente l’identità del conducente dell’autovettura, si è scoperto che il Trapasso era sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P. S. con obbligo di dimora nel Comune di Catanzaro e che quindi in quel momento si era allontanato dal comune di residenza senza la prescritta autorizzazione, violando gli obblighi impo-

stigli dalla misura di prevenzione. Dall’accertamento è emerso inoltre che il Trapasso guidava l’autovettura, risultata di proprietà della moglie, senza aver mai conseguito la patente. Per tutti questi motivi, i militari della Radiomobile hanno dichiarato in stato di arresto il giovane e lo hanno accompagnato presso il Comando Compagnia Carabinieri per il disbrigo delle pratiche di rito. Da qui, il Trapasso è stato tradotto presso il Carcere di Catanzaro-Siano a disposizione dell’A. G. ed in attesa del processo per direttissima. La sostanza stupefacente sequestrata, una volta tagliata e immessa sul mercato illecito, avrebbe fruttato circa 60.000 euro. Un altro duro colpo al traffico illecito delle sostanze stupefacenti messo a segno dai militari della Compagnia Carabinieri di Soverato diretta dal Ten. Emanuele Leuzzi dopo quello inferto lo scorso mese di dicembre con l’operazione denominata “Vigilia” e gli ultimi arresti che hanno consentito di sequestrare ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, marijuana ed hashish.

VILLA SAN GIOVANNI Grazie ad una serie di segnalazioni al 112 i carabinieri sono intervenuti per bloccare il furgone

Ruba cavi di rame dalla stazione, arrestato VILLA SAN GIOVANNI — Una persona

di Gioia Tauro è stato arrestato giovedì pomeriggio dai carabinieri di Scilla per avere rubato alla Stazione Ferroviaria del posto materiale ferroso, cavi di rame e parte di binari fortunatamente non più in uso. L’aumento dei controlli disposti dalla Compagnia di Villa San Giovanni nell’ultimo periodo sul litorale dello Stretto (dalla cittadina di Villa San Giovanni fino al caratteristico borgo di Scilla) ha dato i suoi frutti. Proprio giovedì pomeriggio sono giunte una serie di chiamate al 112 in cui delle persone presenti alla Stazione Ferroviaria di Scilla dicevano che c’era un uomo che stava tagliando dei cavi di rami ed aveva appena preso dei binari. Immediato l’intervento dei carabinieri della locale Stazione che, giunti sul posto, hanno notato un furgone carico di materiale ferroso che si allontanava a tutta velocità. I militari, a sirene spiegato, si sono messi subito dietro al mezzo in fuga. L’inseguimento è durato alcuni minuti lungo la VIBO — «Totale isolamento ed emarqinazione, con consequenziale sovraesposizione della difesa nella delicata questione inerente il nuovo presidio ospedaliero di Vibo Valentia»: a denunciarlo è l'avvocato Luigi Ciambrone che ha fatto parte del collegio difensivo dell'Azienda sanitaria di Vibo costituitasi parte civile nell’ambito del procedimento su presunti illeciti nell'affidamento dell'appalto per la realizzazione del nuovo MESORACA — Giovanni Rizza, pre-

giudicato trentottenne di Mesoraca, era ben contento: dopo oltre un anno e otto mesi di carcere, nel primo pomeriggio del 15.01.2009 era finalmente tornato libero, ma ha scelto un pessimo modo per festeggiare. Si è, infatti, recato presso la Stazione Carabinieri di Mesoraca per essere risottoposto alla sorveglianza speciale, che si era interrotta quando era entrato in carcere. In caserma Rizza, forte della

le sirene dei carabinieri, non aveva potuto fermarsi in quanto i freni non funzionavano. Il conducente è stato identificato in Armando Bevilacqua, 31enne pregiudicato di Gioia Tauro, ed è stato accompagnato in caserma. Gli investigatori hanno raccolto così tutte le testimonianze delle persone presenti all’interno della Stazione Ferroviaria per cercare di capire cosa fosse successo ed hanno catalogato e pesato il materiale all’interno del furgone. Si è scoperto così che nel cassone del mezzo non c’era solo rame e binari asportati nei pressi della Stazione Ferroviaria ma anche altro materiale ferroso inquinante per un peso complessivo di oltre due quintali. Il soggetto, pertanto, è stato dichiaro in arresto per il reato di furto aggravato e ricettazione. Non solo. A Bevilacqua Armando, per la prima volta nella provincia di Reggio Calabria, è stato contestato anche il reato di trasporto di materiale e rifiuti pericolosi introdotto dalla legge nr. 210 del 30 dicembre 2008 (legge di conversione

Il materiale sequestrato

del decreto sull’emergenze rifiuti in Campania) la cui applicabilità è stata estesa anche alla Regione Calabria a seguito del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che ha deliberato lo stato di emergenza nel settore dei rifiuti. I carabinieri hanno effettuato così, insieme a personale delle Ferrovie, un sopralluogo per verificare da dove fossero stati presi i binari ritrovati sul mezzo del nomade e fortunatamente hanno scoperto che il materiale ferroso era stato asportato

da linee non più in uso. L’arrestato è stato trattenuto presso la camera di sicurezza a disposizione della dott. ssa Sara Ombra della Procura della Repubblica del capoluogo reggino in attesa del giudizio direttissimo che si è tenuto questa mattina al termine del quale è stata disposto la misura cautelare dell’obbligo di presentazione dai carabinieri di Gioia Tauro. Il materiale ferroso ed il mezzo sono stati sequestrati così come prevede la nuova normativa.

VIBO VALENTIA La denuncia dell’avvocato Luigi Ciambrone del collegio difensivo dell’Azienda sanitaria

prosegue la nota - abbiamo cercato di fare quanto era possibile ma alla fine è rimasto da solo l'avv. Ciambrone perché a De Caro non è stata rinnovata la convenzione; all'avv. Mascaro non è stato chiesto alcun sostegno di natura amministrativa ed è stata emarginata; nel dicembre 2008, Galasso ha dismesso il mandato in accoglimento di esigenze di bilancio dell'Azienda sanitaria». (Ansa)

Armando Bevilacqua

Strada Statale 18. A tutta velocità e zigzagando tra le altre macchine lungo la strada i carabinieri sono riusciti a bloccare il mezzo all’ingresso di Bagnara Calabra. L’autista si è giustificato dicendo che, pur avendo sentito

«Rimetto il mio mandato perchè lasciato solo» ospedale di Vibo. Ciambrone, in una nota, ha annunciato di avere rimesso il mandato proprio a causa dell'isolamento in cui si è venuto a trovare dopo che ad altri componenti il collegio difensivo non è stato rinno-

vato l'incarico. Ad assistere l'Azienda sanitaria, infatti, oltre a Ciambrone, erano gli avvocati Andrea Galasso, Antonella Mascaro, oltre al responsabile unico del procedimento Vincenzo De Caro. «Nonostante i suc-

cessi del pool - scrive Ciambrone, parlando anche a nome di Galasso con un risparmio per l'Azienda santaria quantificabilie in almeno 150 milioni di euro, lo stesso è stato lentamente scompaginato. Insieme -

MESORACA Un 38enne era finalmente tornato libero ma ha scelto un pessimo modo per festeggiare

Aggredisce carabiniere, rimesso in carcere riacquisita libertà, ha cominicato inizialmente ad assumere un comportamento aggressivo e sfrontato: il militare presente ha cercato di tranquillizzarlo facendolo sedere ed offrendogli un bicchiere d'acqua, ma per tutta

risposta Rizza lo ha aggredito colpendolo a pugni. Intervenuti due altri Carabinieri, Rizza è stato fatto allontanare dalla caserma per prestare soccorso al militare aggredito. Tuttavia il magistrato di turno, tempestivamen-

te notiziato dell'accaduto, ha disposto l'immediato arresto di Rizza per lesioni e violenza a pubblico ufficiale. Ma i "festeggiamenti" per la riacquisita libertà erano solo appena iniziati... Stante l'atteggiamento furioso, sono

intervenuti in supporto anche militari del Norm. Dopo una ricerca in alcuni bar di Mesoraca ove era stato segnalato, Rizza è stato infine rintracciato, tratto in arresto e condotto a Petilia Policastro, ove avrebbe dovuto attendere in camera di sicurezza la mattina del 16.01.2009 per partecipare al rito direttissimo. Giunto a Petilia, però, Rizza ha cominciato nuovamente ad esagitarsi, a urlare che non voleva tornare in carcere.


22 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA IL CASO Ancora alla ribalta il Programma Stages per i migliori dottori calabresi. Loiero scrive a Pietro Ichino

«I soldi della “casta” ai giovani laureati» «Sul suo blog si rivolge direttamente a me. E’ come se si scambiasse Berlusconi per Fini» CATANZARO — Ancora al centro della scena la delibera “Programma Stages” prodotta dal Consiglio regionale. Il giuslavorista senatore Pietro Ichino ha presentato a riguardo una interrogazione parlamentare. e ora il presidente della Regione, Agazio Loiero, replica allo studioso con una lettera diffusa anche a mezzo stampa. Di seguito la missiva, che riceviamo e pubblichiamo: «Gentile Senatore Ichino, ho appreso con stupore, non tanto dell’interrogazione parlamentare che ha inteso rivolgere ai ministri del Lavoro e del Welfare e al ministro per le Politiche Comunitarie riguardo agli stages formativi per i migliori laureati attivati su iniziativa del Consiglio regionale della Calabria, quanto della lettera aperta che Ella, sul suo blog, ha voluto rivolgere direttamente a me. Come ben sa, la mia Regione, fin dalla sua nascita, per ragioni storiche che qui non serve evocare,

dal punto di vista istituzionale, amministrativo e contabile è suddivisa in due realtà separate: la Giunta, che io presiedo, che ha sede a Catanzaro e il Consiglio che ha sede a Reggio Calabria ed è dotato di un proprio bilancio, di una propria autonomia amministrativa e finanziaria e di un proprio personale. Per la parte dell’indirizzo politico-amministrativo, il Consiglio regionale è retto da un Ufficio di presidenza formato, oltre che dal presidente Bova, da due esponenti della maggioranza e da due dell’opposizione. Non a caso, la risposta al Suo intervento è giunta dal presidente Bova, nella sua duplice qualità di presidente del Consiglio regionale e di presidente dell’Ufficio di presidenza dello stesso. Dico questo, ovviamente, non tanto perché voglia prendere le distanze da questa iniziativa, ma per mere ragioni di correttezza istituzionale e per lamentare - non cer-

rebbe quasi come se, per un’iniziativa della Camera dei deputati, in luogo della foto del Presidente Fini campeggiasse sul giornale quella del premier Berlusconi. In merito al provvedimento relativo agli stages formativi, condividerà con me, che l’obiettivo a cui si tende è quello di offrire un futuro dignitoso ai giovani della Regione. Non sfugge il fatto che il sottosviluppo e la conseguente disoccupazione, in particolare quella giovanile, rappresentano i più seri problemi della regione che governo. Si tratta di una disoccupazione il più delle volte estremamente qualificata (laureati, specializzati), cui fa seguito, drammaticamente, la fuga dei nostri migliori talenti. Ebbene, lo scopo, la finalità di questa iniziativa è direttamente legata al desiderio di correggere questa nociva tendenza, che mina direttamente alle gambe del nostro sviluppo, sottraendoci le nostre migliori energie ed eliminando

ogni possibilità di riscatto sociale. A ogni modo, ho colto positivamente lo spirito con cui Ella ha inteso porre un monito sul merito di questa opportunità formativa e sarà mia cura chiedere al presidente Bova di voler predisporre ogni tipo di verifica di carattere giuridico, riguardo la “praticabilità” di tale provvedimento. Un’ultima cosa mi preme infine sottolineare. Come ha già risposto lo stesso presidente Bova, le risorse messe in campo per il progetto formativo sono il frutto di un profondo taglio sui costi della politica regionale, che ha portato a risparmi, a regime, per tre milioni di euro l’anno, sottratti alle spese per i gruppi politici e per i consiglieri. Non mi pare una cosa da poco che il denaro che, prima d’ora, a torto o a ragione, veniva impiegato per la tanta vituperata “casta”, oggi sia impiegato per i nostri giovani laureati».

CROTONE — Si è insediata la consulta per lo sport ed il tempo libero della Provincia di Crotone. L’organismo, che ha parere consultivo e che è presieduto dall'assessore Donato Greco, è stato istituito - si legge in un comunicato stampa - nel 2002 con deliberazione del Consiglio provinciale. Nell’ottobre del 2008 l'assise ha provveduto a modificarne il regolamento. La consulta rivolge attenzione verso la

CROTONE L’assessore Donato Greco: «Contributo alla programmazione del tempo libero»

dei lavori, caratterizzati da molteplici interventi, si è insediato il comitato esecutivo. Per i Comuni, in seno al comitato è stato eletto il rappresentante del Comune di Cutro. «Finalmente - ha dichiarato l'assessore Donato Greco - siamo riusciti ad insediare la consulta che darà certamente un ottimo contributo per quanto riguarda la programmazione delle iniziative sportive e del tempo libero». (Agi).

La sede del Consiglio regionale

to nei suoi confronti - il modo in cui sul Corriere della Sera di oggi (ieri per chi legge, ndr), la notizia sia apparsa corredata dalla mia immagine fotografica. In piccolo, facendo le dovute proporzioni, sa-

Provincia, insediata la Consulta dello sport pratica sportiva intesa come occasione per lo sviluppo della salute e del benessere psico-fisico di tutti i cittadini, compresi i soggetti e le categorie svantaggiate, e favorisce i rapporti con i comuni del territo-

rio per una migliore programmazione sportiva intercomunale. Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti dei comuni di: Crotone, Cutro, Cirò Marina, Cotronei, Caccuri, Carfizzi, Cerenzia, Melis-

sa, Petilia Policastro, Rocca di Neto, San Mauro Marchesato, Savelli, Strongoli e Verzino nonche' i rappresentanti del Coni, della Fin, della Fpi, dell'Us Acli e dell'Ufficio pcolastico provinciale. Nel corso


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 23

CALABRIA Sulla stampa nazionale il governatore lamenta solitudine ma in Calabria, tra le divisioni del partito, primeggia. E il Pdm rispunta a Cosenza

Loiero controlla tutto il Pd Riflettori su Sandro Principe. Il socialista di razza potrebbe tornare in Giunta regionale COSENZA — Qualcuno da qui a poco arriverà a teorizzare che il Pd non è nato per unire ma per difendere le divisioni. Dargli un senso. Un ruolo pratico. Altro che correnti, siamo alle cordate. Dove ti giri giri ce ne sono almeno un paio dietro ogni nome da esporre e l’obiettivo non è la sintesi, nel Pd di Calabria stagione 2009. Ma la vittoria dei solisti, dei leader. Ad ognuno il suo con un unico grande protagonista, allo stato il maggiore azionista Pd bloccato in Borsa per eccesso di ribasso, Agazio Loiero. Ha fatto fare al Pd il giro completo del valzer, il governatore. Ma attorno a lui alla fine è riuscito a controllarlo tutto il partito perché nel frattempo, magari pure fingendo, ha lasciato credere che fosse proprio il presidente della Regione l’emarginato di lusso. L’ha detto al Corriere, l’ha ridetto a Repubblica. Ma gli si è allungato il naso perché nel frattempo i suoi uomini, ed i suoi compromessi, hanno messo radici provincia per provincia. A cominciare da Cosenza dove non inganni la corsa all’ultimo voto per la segreteria provinciale, stavolta vera e non di plastica. Dietro le due cordate, quella che sostiene Franco Bruno e quella che sostiene Benedetto Di Iacovo, c’è lui, Agazio da Catanzaro centro. Che negli ultimi tempi si muove in politica come nella finanza creativa e per anni si sono mossi i magnati dell’economia italiana. Piazza nomi come fossero titoli e poi come va va. È il mercato a decidere lui ne esce sempre perché ha quote COSENZA — La procedura che interessa il rinnovo dei Consigli direttivi di Confindustria Cosenza sta andando avanti. Sono stati rinnovati gli organismi delle sezioni merceologiche Agroalimentare e Cartaria ed Editoriale. Mario Brogna, titolare insieme al fratello Antonio dell’Oleificio Gabro di Lauropoli, è stato riconfermato Presidente della Sezione Agroalimentare. Lo ha eletto l’Assemblea della Sezione che ha provveduto a nominare i componenti del Consiglio Direttivo che, per il prossimo biennio è costituito da Natale Braile (Cantina Sociale del Vino del Pollino), Agostino Bruno (Molino Bruno), Gerardo Colavolpe (Colavolpe Nicola e C.), Antonio Crispino (Calabria Food), Massimo Mazza (Mangimi Fratelli Mazza), Giovanni Battista Pisani (C. O. te. C.), Francesco

Agazio Loiero

dappertutto. Cosenza come Piazza Affari già, è qui che il film del potere prende corpo nel Pd. Perché altrove, a Catanzaro come a Reggio, non c’è storia in partenza. Comanda lui senza nemmeno doversi nascondere più di tanto. Nel capoluogo c’è un suo uomo “diretto” che guiderà l’esercito del partito che qualcuno osa ancora chiamare di Veltroni. A Reggio, da qui l’armistizio con Bova, Loiero dà mandato a Naccari Carlizzi di appoggiare il candidato a segretario provinciale che piace assai al presidente del consiglio. Sarà un trionfo per lui, nessuno gli voterà contro. Un gesto di rispetto e di adeguamento al predominio territoriale di Bova. Ma sulla carta però perché c’è sempre Naccari a presidiare

la zona. E Naccari risponde a Loiero e sennò a chi. Ma è a Cosenza che va in scena il meglio dell’arte contemporanea del Pd applicato a Loiero. Forte delle debolezze altrui, e dei guai che affliggono ora questo ora quello dei volti simbolo dell’era ex diessina, il governatore non avverte nessuna necessità di sentire al telefono ordini di partito. Perché non ne arrivano e né potrebbero. E nell’anarchia si sa, lui ci sguazza. A Cosenza a Franco Bruno è addirittura riuscito il capolavoro di resuscitare non solo Ds e Margherita ma pure il Pdm. Ve lo ricordate il Partito democratico meridionale che Loiero usava in giro come una clava quando l’aria si faceva pesante? A Cosenza domenica 25 sarà in pista e sarà una delle tre liste a sostegno di Franco Bruno segretario. Non una lista ma tre. Non un partito unico ma i vecchi di prima. Tre, come ai bei tempi. Ex Ds, Margherita e Pdm e le sorprese non sono tutte qui. A risultare prima dopo lo spoglio delle schede sarà proprio la lista dell’ex Pdm. Vincerà Mario Pirillo la conta del consenso cosentino teleguidato e c’è un perché, mica è gratis. S’è messo a lavorare per il gruppo solo a patto di prendere più spesso l’aereo per Bruxelles da giugno in poi e ha solo un modo per convincere i notai di Roma. Salire di quota con la conta dei voti, arrivare primo e così sarà. Lo lasceranno primeggiare, rientra nel patto. Tanto si sa, c’è un regista con quote di maggioranza dietro, ed è proprio Agazio. Che

Sandro Principe

stringe accordi quartiere per quartiere fino al punto, spera, di diventare indispensabile. Già, è questo l’obiettivo di Loiero. Tagliare i ponti, e le comunicazioni subliminali, con Roma. Impossessarsi del Pd di Calabria se non di nome, almeno di fatto. Questo lo scopo. Al punto che, senza chiederlo a Veltroni, verrà quasi spontaneo ricandidarlo per la Regione che verrà. Ma è la capitale il suo vero ostacolo perché è da qui invece che vorrebbero spedirlo in Europa. Tra Loiero e Loiero c’è insomma solo Roma come incognita perché se fosse per la Calabria, tappeti rossi quanti ne vuoi. E dove c’è aria di battaglia vera, lui sceglie di non scegliere. Cioè sceglie tutti e due i contendenti. C’è Pirillo dietro

COSENZA Avanti con il rinnovo dei Consigli direttivi. Brogna a capo dell’Agroalimentare

Confindustria, De Rose guida la sezione editoriale

Umberto De Rose

Mario Brogna

Renzelli (Renzelli 1803) e Stefania Rota (Salumificio San Vincenzo). «All’interno della filiera dell’agroalimentare occorre irrobustire i rapporti di collaborazione tra imprenditori - ha dichiarato il Presidente Mario Brogna - superando la dicotomia tra produttori e trasformatori in modo da allungare la catena del valore delle produzioni locali. La strada da percorrere insieme è finalizzata alla valorizzazione delle tante tipicità presenti nella provincia e nella regione, salvaguardandone la qualità fino a farle diventare delle eccellenze riconosciute ed apprezzate da tutti».

Franco Bruno per la segreteria di Cosenza? Nessun rischio perché anche lo sfidante, Benedetto Di Iacovo, è a Loiero che alla fin fine risponde. E se non lo fa lui lo fa Roberto Castagna, altro manager della candidatura dell’ex segretario provinciale della Uil in ottimi rapporti e non da oggi con il governatore. E se non lo faranno nessuno dei due, lo farà Sandro Principe. Lui le rispetterà senz’altro le “quote” di Agazio Loiero nella cordata che spinge Di Iacovo. Chi non gli vuole bene e lo vuole in pensione, a Sandro Principe, lo immagina sindaco per l’ennesima volta del Comune di Rende. E invece il cavallo di razza socialista è l’assessore che vuole e può tornare a fare perché troppo prematuramente, e irrazionalmente, ha smesso di farlo tempo fa. Una pillola che non gli è andata giù, come è ovvio che sia. Ma per ritornare in sella non serviva ripassare dalla strada ex diessina, per Principe. Il Pd ha mille porte se è per questo ma un unico portinaio, al momento. Proprio lui, Agazio Loiero. Che lamenta sulle rotative nazionali d’essere stato abbandonato dal partito e nel frattempo, quando passa da qui, occupa tutte le spa sparse in giro. Lo “controlla” il Pd, il governatore. E gli riesce facile perché gli altri sono troppo azzoppati per stare in piedi. Ma c’è sempre Veltroni in mezzo, tra Loiero 2005 e Loiero 2010. Convincerlo non sarà per niente facile. Domenico Martelli

A guidare la Sezione merceologica Cartaria ed Editoriale di Confindustria Cosenza sarà l’imprenditore Umberto De Rose, titolare dello Stabilimento Tipografico De Rose di Montalto Uffugo. Fanno parte del Consiglio Direttivo gli imprenditori Fausto Aquino (Cooperativa Editoriale calabrese), Francesco Marano (Marano Srl) e Domenico Martelli (Ediratio). Attualmente Umberto De Rose ricopre diversi incarichi: Presidente degli Industriali calabresi, componente della Giunta e del Comitato Mezzogiorno di Confindustria e del Comitato di Presidenza di Confindustria Cosenza. Per conto della categoria che rappresenta ha intrapreso numerose iniziative in direzione dello sviluppo dell’imprenditoria locale, con particolare riferimento ai temi della sicurezza e della legalità.


24 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO La lettera aperta del sacerdote Mimmo Battaglia a Loiero: «Da mesi bussiamo ad ogni porta chiedendo non favori, ma il rispetto dei nostri diritti»

«Il Centro di Solidarietà sta per chiudere» «Vogliamo continuare a crederci ed a lottare, ad essere il segno di speranza che molti apprezzano» di don Mimmo Battaglia* CATANZARO — Egregio Presi-

dente della Giunta Regione Calabria, On. Agazio Loiero, ricordo quel lontano 26 giugno, Giornata Mondiale contro la Droga, in cui lei, appena divenuto Presidente della Regione, partecipò alla nostra festa in piazza. In nome di quella vicinanza le scrivo oggi. Il Centro Calabrese di Solidarietà sta per chiudere le sue porte a ragazzi bisognosi di aiuto e sta per rimettere in strada quelli che già ospita, insieme a tutti i suoi dipendenti. Sta eliminando le esperienze che, in questi anni, hanno aiutato tanti giovani a non approcciare stili di vita negativi, attraverso le molte azioni di prevenzione. Ritardi burocratici nei pagamenti delle rette (del resto irrisorie), il blocco dei progetti della L. R. 45/99, scoperture bancarie, impediscono il proseguire della nostra azione. Le scrivo perché conosco il suo senso di responsabilità verso i bisogni della nostra

Mimmo Battaglia

terra. Non so neppure cose lei possa fare per noi, ma sono cosciente che, in epoca di crisi, strutture come quella che presiedo sono le prime a rischiare di cadere, soprattutto se la burocrazia diventa ostacolo e non facilita la sopravvivenza. Ormai da mesi bussiamo ad ogni porta chiedendo non favori, ma il rispetto dei nostri diritti. Tuttavia da tre mesi i

dipendenti di questo Centro non ricevono gli stipendi ed i nostri fornitori hanno ormai smesso di farci credito. Nel frattempo il nostro lavoro non può fermarsi: le richieste arrivano in continuazione dalla “strada” ed i ragazzi già in programma sono aggrappati con un filo sottilissimo alla speranza che questo Centro rappresenta per loro. Vogliamo continuare a crederci ed a lottare, ad essere questo segno di speranza, che spesso chi amministra il nostro territorio ha dichiarato di apprezzare, di sentire vicino. Ma alle dichiarazioni, ancora una volta, non seguono i fatti, ed i nostri valori, la nostra mission rischiano di essere schiacciati dal peso di una burocrazia inumana, ma più di tutto rischiano di essere schiacciate le persone che di questa storia fanno parte: giovani vite che ritornerebbero alle loro dipendenze, quaranta famiglie improvvisamente senza soldi e senza lavoro, una città impoverita nelle sue risposte. Rischia di essere schiacciato dall’inefficienza

CATANZARO Ieri la conferenza dei capi gruppo per impostare la giornata del 30 gennaio

Campagna di informazione sulle Province CATANZARO — Anche la Provincia di Catanzaro, il prossimo 30 gennaio, così come avverrà in tutta Italia, si riunirà in seduta straordinaria per discutere con i Comuni, i rappresentanti dei partiti, delle imprese, dei sindacati, delle forze sociali e con i cittadini per difendere la dignità delle istituzioni e ribadire la necessità di aprire un confronto reale sulla riorganizzazione del sistema istituzionale del Paese. Ed in vista di questo appuntamento ieri mattina convocata dal presidente del consiglio, Peppino Ruberto, si è riunita la conferenza dei capi gruppo per impostare il lavoro di preparazione per organizzare la giornata di mobilitazione delle Province, per ribadire il valore della democrazia rappresentato nei territori dalle istituzioni locali. Nel corso della riunione sono stati individuati gli aspetti tecnici ed organizzati per preparare l’assise provinciale del prossimo

30 gennaio, nel corso della quale, al termine del dibattito sarà approvato un ordine del giorno con il quale sarà ribadita la centralità istituzionale ed il ruolo che le Province esercitano sul territorio di competenza. Questa mattina i capi gruppo, insieme al presidente del consiglio, hanno lavorato, per organizzare la seduta, anche perché hanno spiegato «i consigli provinciali sono rappresentanze democratiche elette dai cittadini, e per questo chiamati a rispondere di un mandato che ne guida l'azione politica. Siamo stanchi di essere considerati degli sprechi da tagliare. Piuttosto bisogna proseguire nelle riforme che davvero possono portare la semplificazione della pubblica amministrazione, dal Codice delle Autonomie al federalismo fiscale. La mobilitazione del 30 gennaio, è stato spiegato non vuole essere solo una giornata di protesta. Piuttosto sarà l'occasione per

rappresentare ai cittadini il lavoro che le Province svolgono sul territorio, e dare il via ad una campagna di informazione sulla realtà delle Province, dalle funzioni alle risorse investite, dagli investimenti impegnati ai prossimi obiettivi da raggiungere». Anche i consiglieri provinciali di Catanzaro ritengono che abolire le Province sarebbe dannoso e antieconomico. «Piuttosto bisogna proseguire con la riorganizzazione dello Stato, la definizione delle funzioni di ciascuna istituzione, l'eliminazione degli enti strumentali e la semplificazione del sistema». Ed in vista del consiglio provinciale del 30 gennaio prossimo i presidenti dei consigli provinciali delle Province Calabresi si incontreranno lunedì prossimo 19 gennaio alle ore 12 negli uffici della Sacal dell’aeroporto di Lamezia Terme per definire altri aspetti organizzativi ed operativi.

TI HANNO NEGATO UN PRESTITO PERCHÉ SEI

Agazio Loiero

anche il concetto stesso di stato sociale, di solidarietà. La lotta alla droga non si fa con i proclami e con i convegni, ma con l’impegno quotidiano, con l’impegno che ha un costo ed ha risultati concreti, verificabili: bisogna scegliere da che parte stare, e farlo con le azioni, con il rispetto dei diritti e con il sostegno del lavoro qualificato prima che con le intenzioni.

Catanzaro, “La ragione e il tempo”: incontro su Giolitti e lo stato moderno CATANZARO — Il secondo ciclo di

Lezioni del Seminario di formazione culturale e politica, organizzato dalla Associazione culturale “La ragione e il tempo”, prosegue sabato 31 gennaio 2009, alle ore 17 nella Sala Cenacolo dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “E. Scalfaro”, piazza Matteotti, Catanzaro. Il presidente dell’Associazione culturale “La ragione e il tempo” Carlo Scalfaro terrà la lezione sul tema: “Giovanni Giolitti e lo Stato moderno”. «Nell’analisi della formazione dello Stato in Italia, un ruolo centrale è da tutti riconosciuto alla cosiddetta “età giolittiana”» si legge in una nota dell’associazione culturale “La ragione eil tempo”. «Una fase - prosegue -tra le più progressive della storia italiana, segnata però anche da profonde contraddizioni, contrasti e incomprensioni. Giovanni Giolitti, nel quadro controverso dell’epoca, fu lo statista che operò con

PROTESTATO

NO DA BANCHE E FINANZIARIE? MediaConsult AGENZIA D’AFFARI

SEI STANCO DI SENTIRTI DIRE

Via Italia, 51/53 - Info 0961.743398 - 334.6690330 - 334.6690331 88100 CATANZARO - mediaconsultcz@gmail.com

RIABILITAZIONE

TI FINANZIA LA TUA TELEFONA O INVIA UN SMS CON IL TUO NOME E I TUOI DATI ANAGRAFICI UNO STAFF DI ESPERTI E’ A TUA DISPOSIZIONE

Le scrivo pertanto in modo aperto, egregio Presidente, facendo appello a lei ed a chi, come lei, ha seriamente a cuore la qualità della vita di questo territorio, per chiedere che la politica sia ancora segno di attenzione alle povertà, sia ancora capace di sporcarsi le mani nella realtà più dura in cui opera, sia ancora capace di riconoscere e difendere i diritti su cui la nostra storia è fondata e di rispettarli. È il nostro ultimo appello, la morsa delle difficoltà quotidiane ci si stringe addosso, non abbiamo più tempo di cercare altre porte a cui bussare. Non vogliamo porre fine a quest’esperienza, ma da soli non possiamo andare avanti. I ragazzi in programma, le loro famiglie, gli operatori e le loro famiglie, i volontari tutti, attendono con fiducia una risposta, che non vuole essere né di parole né di pacche sulle spalle, ma un segno concreto di giustizia. Con questa attesa fiduciosa porgiamo i nostri saluti. *Presidente del Centro Calabrese di Solidarietà

GRATUITAMENTE

maggiore coerenza sia nella comprensione dei bisogni delle masse popolari, sia nell’affermazione di un ordine più avanzato di democrazia, sia nella formulazione di un programma di rinnovamento. Il famoso “discorso di Dronero” dell’agosto del 1917 resta il più avanzato manifesto politico lanciato da un uomo delle classi dirigenti borghesi nella storia d’Italia». Il Seminario è rivolto a tutti coloro, giovani e meno giovani, che hanno ancora la capacità di porsi e di porre domande sulla nostra storia, sulle idee, sul pensiero e sul mondo in cui viviamo. Il secondo ciclo di Lezioni del Seminario di formazione culturale e politica, organizzato dalla Associazione culturale “La ragione e il tempo”, proseguirà dunque sabato 31 gennaio 2009, alle ore 17 nella Sala Cenacolo dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “E. Scalfaro”, piazza Matteotti, Catanzaro

Finanziamenti e mutui • Cancellazione e riabilitazione • protesti (cambiali o assegni) Aggiornamento • Banche Dati Prestiti personali • Istruzioni pratiche • finanza agevolata Leasing • strumentale e immobiliare Cessione • del Quinto e Delega di Pagamento Visure • on line u.i.c. A 60164


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 25

CALABRIA CATANZARO L’assessore Talarico è al lavoro per realizzare il Pum. A novembre è partita l’indagine che permetterà di razionalizzare i servizi

Un progetto per migliorare la mobilità «Si pianifica e si pongono le basi per superare le criticità in tema di viabilità che ora ha la città» CATANZARO — L’Assessorato alla Mo-

bilità di Catanzaro retto da Roberto Talarico sta organizzando il lavoro del realizzando Piano Urbano della Mobilità. Questa ha lo scopo di verificare il sistema della circolazione e della sosta dell’area urbana, evidenziandone peculiarità e criticità. Uno studio approfondito del traffico e della mobilità è stato realizzato anche grazie a sofisticate apparecchiature. Lungo tutte le principali strade del Capoluogo sono state posizionate delle telecamere. Queste sono servite a calcolare il numero e il tipo di veicoli che ogni giorno e a tutte le ore passavano da quella via. Uno studio scientifico i cui dati della campagna d’indagine realizzata tra il 18 novembre e 18 dicembre sono in elaborazioCATANZARO — Si è tenuta mercoledì

scorso, presso il Salone del Consiglio Provinciale del Coni di Catanzaro, la prima riunione organizzativa dei Giochi della Gioventù 2008-2009, per definire le attività da porre in essere nelle varie scuole aderenti al progetto, nonché nelle feste territoriali che si svolgeranno presso il Poligiovino di Catanzaro Lido nel prossimo mese di maggio. Ha aperto l’incontro il Segretario del Coni di Catanzaro, Santo Senese, che ha portato i saluti del Presidente Sgromo e dell’intera Giunta Provinciale e dopo avere dato le dovute comunicazioni che riguardano la parte amministrativa del progetto ha dato la parola al Prof. Francesco Fratto, Coordinatore Tecnico del Coni di Catanzaro, il quale ha illustrato in modo particolareggiato l’attività da svolgere nelle varie scuole e nelle manifestazioni finali. Come per gli anni passati anche in questa edizione vige l’imperativo del “nessuno escluso” nel senso che è la classe intera a partecipare e quindi tutti gli alunni dovranno essere coinvolti, qualsiasi sia il numero, anche perché nelle manifestazioni finali il punteggio da attribuire ad ogni classe sarà calcolato tenendo conto del numero degli studenti in rapporto al tempo impiegato per ogni attività svolta. Quest’anno ogni plesso scolastico partecipante è stato dotato di un lettore Dvd e di un attrezzo sportivo polivalente che permetterà agli insegnanti di fare esercitare gli alunni nelle varie attività motorie rappresentate nel Dvd allegato alla guida di ogni professore aderente al progetto. Di tale attività sarà dato un saggio nel corso delle manifestazioni finali. Il progetto 2008-2009 è stato integrato dei quattro concorsi di seguito illustrati ai quali le scuole aderenti po-

ne. Ciò servirà a programmare la nuova viabilità cittadina con la redazione del Pum Piano Urbano della Mobilità. Il periodo di rilevazione è stato scelto in quanto il periodo di punta del traffico nella città di Catanzaro. La via di maggiore flusso è viale Europa con 12.000 veicoli al giorno (auto, camion, moto e autobus pubblici e privati). Giovedì 20 novembre si è rilevato che su Viale Europa il maggiore flusso è stato registrato tra le 9 e le 10 e le 19 e le 20. Domenica 23 novembre, sempre nella stessa zona, il traffico maggiore si è avuto tra le 13 e le 14. Stessi rilevamenti sono stati fatti su Viale Magna Grecia, Viale Musofalo, Viale Bisantis, ecc. L’indagine si è articolata per diversi li-

velli: Rilievo dei flussi di traffico in corrispondenza di 13 punti cruciali per l’accesso al centro storico di Catanzaro; considerando i diversi tipi di veicoli in ingresso al Capoluogo; Rilievo dei flussi di traffico in corrispondenza di 19 sezioni interne al centro cittadino; questa indagine punta a quantificare i flussi veicolari che quotidianamente riguardano la città. L’obiettivo è quello di studiare i flussi ed apportare migliorie e correttivi alla mobilità cittadina. Grazie alle indagini, diagrammi e tabelle orarie sarà possibile elaborare un modello di simulazione del traffico e della mobilità che permetterà di razionalizzare i servizi della Catanzaro di oggi ma anche di quella a medio lungo termi-

ne. Molto soddisfatto l’Assessore Roberto Talarico, «grazie a questo lavoro si pianifica, si progettano e si pongono le basi per superare le criticità in tema di mobilità e viabilità che Catanzaro in questo momento ha. Mai prima d’ora si era programmato lo sviluppo della città sotto questo aspetto. Tutto era stato lasciato all’“intuito” della polizia municipale o dell’Amministratore di turno. Con questo studio ci siamo ispirati a quanto maturato a Perugia, che per orografia ricorda la nostra Catanzaro, e di conseguenza si interverrà in modo “scientifico” per risolvere questi problemi e allo stesso tempo si progetta lo sviluppo, anche dal punto di vista della mobilità e della viabilità, della nuova Catanzaro».

CATANZARO Quest’anno ogni plesso scolastico è stato dotato di un lettore dvd e di un attrezzo sportivo

classificate. A partecipare sono: Ic di Belcastro - Andali; Sm Pitagora; Lt Sm Mazzini - Cz; Ic Cropani; Sm Foscolo - Soverato; Sm Chimirri - Cz; Ic Botricello; Icc Alvaro - Petrizzi; Sm Don Milani - Cz; Ic Gimigliano; Icc Alvaro - Chiaravalle; Csm Lampasi - Cz; Ic Taverna n°2 - Albi; Ic Borgia: Sm Todaro - Cz; Ic Taverna n° 2; Ic Borgia Roccelleta; Sm Vivaldi - Cz Lido; Ic Taverna n° 2. - Sorbo; Ist. Maria Ausiliatrice - Soverato; Convitto Naz. le Galluppi - Cz; Ic Sellia Marina. Tutti gli alunni, quindi, dovranno, nei mesi di febbraio, marzo e aprile, esercitarsi sulle attività concordate nel corso della suddetta riunione alla quale hanno partecipato i professori Antonio Fratto (Istituto Comprensivo di Cropani), Antonio Anastasi (Istituto Comprensivo Taverna n° 2 di Sorbo San Basile e Istituto Comprensivo Gimigliano); Paola Vinci (Istituto Comprensivo Sellia Marina); Adriana Maiuolo (Istituto Comprensivo di Borgia e Roccelletta di Borgia); Renata Capicotto (Istituto Comprensivo Taverna N° 2 di Taverna); Giuseppina Fiorenza (Istituto Maria Ausiliatrice di Soverato); Antonio Badolato (Istituto Comprensivo di Botricello); Anna Menzica (Istituto Comprensivo Taverna N. 2 di Albi); Umberto Fulginiti (Istituto Comprensivo Corrado Alvaro di Chiaravalle Centrale); Cinzia Giordano (Istituto Comprensivo Corrado Alvaro di Petrizzi); Antonio Lentini (Scuola Media “Ugo Foscolo” di Soverato); Nicola De Sando (Scuola Media “Pitagora” di Lamezia Terme); Giuseppe Procopio (Scuola Media “V. Vivaldi di Catanzaro Lido); Gaetano Conforti (Scuola Media Lampasi e Todaro di Catanzaro); Paola Cosentino (Scuola Media Mazzini, Scuola Media Chimirri e Scuola Media Don Milani di Catanzaro).

Roberto Talarico

Giochi della Gioventù, parte l’organizzazione

La riunione organizzativa

tranno partecipare. I temi cui dovranno competere sono: Crea la Mascotte, nel quale ogni classe potrà sviluppare una proposta di mascotte; Inventa il tuo foto fumetto, nel quale ogni classe attraverso il nuovo programma di “comiqs. com” potrà utilizzare le proprie immagini per creare una vera e propria storia a fumetti; Intervista doppia, con la quale ogni classe potrà mettere a confronto due soggetti coinvolti nel progetto (ad esempio insegnanti, alunni, genitori ecc.); Gira lo Sport con il quale ogni classe potrà inventare e girare, con propri mezzi, lo spot dei Giochi della Gioventù. Nelle feste finali territoriali ogni scuola sarà rappresentata da una 1ª, una 2ª e una 3ª classe che effettueranno un “percorso” ben definito, la staffetta, il salto in lungo e il lancio del peso. Il Coni di Catanzaro crede molto in questo progetto ritenendolo non un semplice evento, ma una valida e concreta proposta con la quale viene offerto agli alunni della Scuola Secondaria di 1° grado un progetto formativo che ampia, integrandone, le proposte di attività sportive esistenti nella scuola, proponendo occasioni di partecipazione per tutti i ragazzi di ogni classe, avvicinandoli alla pratica sportiva in modo coinvolgente, divertente e motivante. Hanno aderito al progetto 2008-2009 n. 22 plessi scolastici, con n. 47 insegnanti e n. 3241 alunni. Le 22 scuole partecipanti sono state suddivise nei tre raggruppamenti, di seguito elencati, e per ognuno di essi accederanno alla Festa Finale le prime due scuole


26 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Incontro delle commissioni ai “Lavori pubblici ed urbanistica” e alla “viabilità e traffico” della Prima Circoscrizione

Una riunione sui danni del maltempo Meloni: «Risolvere nel minor tempo possibile i disservizi causati dalla pioggia violenta» CATANZARO — Riunione d’ur-

genza indetta congiuntamente dalle commissioni “Lavori pubblici ed urbanistica” e “viabilità e traffico” della Prima Circoscrizione, coordinate rispettivamente da Massimiliano Meloni e Caroleo Paolo. All’ordine del giorno l’analisi dei danni causati dal violento acquazzone che si è abbattuto nei giorni scorsi sulla città e la scelta dei sopralluoghi da effettuare sul territorio della Prima circoscrizione. «Un intervento necessario - fanno sapere i consiglieri della prima circoscrizione- per far fronte alle numerose segnalazioni ricevute dai residenti e aver personalmente constatato, dopo una approssimativa ricognizione effettuata nei giorni scorsi, la gravità della situazione». «Ci impegneremo a verificare entro breve - ci ha spiegato Meloni - i problemi più urgenti. Subito dopo, invieremo le segnalazioni al settore gestione del territorio per il successivo intervento. Tale iniziativa ci consentirà di risolvere nel minor tempo possibile i disservizi causati dal

CATANZARO Alcuni esponenti del Nuovo Psi sottolineano di condividere l’idea di Scozzafava su Frisini

«E’ giunta l’ora di voltare pagina» CATANZARO — «Condividiamo piena-

Massimiliano Meloni

maltempo ai cittadini, in quanto l’intervento da parte degli organi preposti sarà facilitato». In attesa della riunione è già stata attivata una casella di posta elettronica dove si possono segnalare disservizi o situazioni di disagio causate dal maltempo, la stessa commissione effettuerà così un sopralluogo per verificare i relativi problemi. L’indirizzo e-mail è: lavoripubblici. prima@libero. it.

Catanzaro, il progetto dei Papaboys “Bambini futuro del mondo in Cristo” CATANZARO — E’ ripartito ieri mattina il Santo Rosario per i Papaboys della Calabria. Ogni venerdì, dalle ore 9.30 fino alla fine dell’anno scolastico, riprende la preghiera mariana con i bambini della scuola per l’Infanzia Sant’Anna di Catanzaro. Un momento particolare dove i bimbi, con l’ausilio dei genitori e di alcuni insegnanti, oltre ad un sacerdote ed al delegato dei Papaboys della Calabria, si trovano ad imparare la preghiera preferita alla Madonna. Il progetto “Bambini futuro del mondo in Cristo”, già avviato l’anno scorso, riparte con la preghiera e si concluderà nel mese di maggio con un tour di preghiera che verrà effettuato nelle chiese

Diocesi di Catanzaro. L’iniziativa questa volta - è stata fortemente voluta, non solo da Domenico Gareri, noto conduttore televisivo di spettacoli sociali e di talk show ed anche delegato per la Regione Calabria dell’Associazione Nazionale Papaboys, ma in modo particolare dai genitori e dalle insegnanti dei bambini. Quest’ultimi saranno teologicamente seguiti del sacerdote Don Gesualdo De Luca. E’ ripartitodunque ieri mattina il Santo Rosario per i Papaboys della Calabria. Ogni venerdì, dalle ore 9.30 fino alla fine dell’anno scolastico, riprende la preghiera mariana con i bambini della scuola per l’Infanzia Sant’Anna di Catanzaro.

mente il contenuto politico reso pubblico dal documento apparso sulla stampa da parte del compagno Giovanni Scozzafava delegato da ben 150 tesserati della Federazione Provinciale del Nuovo Psi di Catanzaro» si legge in una nota di: Anna Abruzzese (dirigente Provinciale di Federazione del Nuovo Psi); Giuseppe Doria e Maria Vinci (componenti del consiglio di Federazione Provinciale del Nuovo Psi), Pasquale Mazzei (vicesindaco di Caraffa e dirigente provinciale Nuovo Psi); Pasquale Peta e Davide Leone (consiglieri comunali di Caraffa e dirigente provinciale del Nuovo Psi); Giuseppe Chiera (consigliere comunale di Girifalcoe dirigente provinciale del Nuovo Psi) ed Elio Mauro (dirigente del Nuovo psdi). «Infatti - prosegue - quanto emerso in questi ultimi giorni è qualcosa che da tempo covava nell’aria all’interno nel Nuovo Psi della federazione Provinciale catanzarese, un Partito ed una Federazione questa che nel tempo si è rivelata mal gestita e mal governata. Come può il Presidente di Federazione Ff Michelangelo Frisini dichiarare sui quotidiani che il partito ha bisogno di unità e di regole certe essendo stato delegittimato dalla commissione nazionale di garanzia proprio perché, secondo

quanto sentenziato dalla commissione stessa, ha violato le regole statutarie del partito in occasione della convocazione del consiglio di Federazione Provinciale del Maggio 2008 con all’ordine del giorno la sfiducia al “legittimo” Segretario Provinciale Domenico Fulciniti? Perché si limita a dichiarare di non aver mai chiesto (a se stesso!) di tornare in giunta Provinciale (per il momento) e non boccia pubblicamente l’ipotesi di un eventuale rimozione dall’incarico attribuito al consigliere dimissionario assessore socialista Salvatore Garito? Pensiamo che sia il minimo che un Presidente, anche se Ff, per etica politica avrebbe dovuto garantire. Si predica bene ma si razzola male caro Presidente Ff! E poi se esiste qualcuno che ha tenuto il timone ben saldo e la bandiera sventolante con raffigurato il garofano del Nuovo Psi nel centrodestra le lodi vanno sicuramente nella direzione del nostro segretario Regionale Adolfo Collice alla quale nessuno può disconoscerei giusti meriti, che, come ben sappiamo, con enormi sacrifici morali e materiali è riuscito, unitamente al governo Romano guidato dal Segretario Nazionale on. Stefano Caldoro, a mantenere il simbolo che oggi consente di competere alle competizioni elettorali

senza la necessità della raccolta delle firme. Pensiamo dunque che il risultato uscito fuori dalle urne per le elezioni provinciali amministrative 2008 di Catanzaro sia un risultato ormai quasi interamente dissipato e disperso nel consenso e nel peso politico, visto l’ormai inarrestabile emorragia e fuga dal partito. Si - conclude -, siamo perfettamente d’accordo che è giunta l’ora di voltare pagina, Il Nuovo Psi un piccolo partito costruito con il sacrificio di molti ma utilizzato politicamente da pochi singoli non può più continuare in tal modo. Desideriamo allora dare maggiore pregnanza politica dando il giusto valore e coinvolgimento alla base tutta che spesso si ritrova solo a fare da comparsa elettorale e nulla più».

Consiglio provinciale E’ stato convocato per il prossimo 5 febbraio alle ore 9.30 il Consiglio Provinciale di Catanzaro. Lo ha deciso la conferenza dei capi gruppo consiliari convocata dal Presidente del Consiglio Peppino Ruberto. All’ordine del giorno dei lavori anche: approvazione verbale seduta precedente; regolamento disciplina esami per il conseguimento della idoneità attività’ studi di consulenza automobilistica.

REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE E FORESTAZIONE

Avviso ai Viticoltori Contributi per la ristrutturazione e la riconversione dei vigneti (Regg. CE n. 479/08 e 555/08)

Annualità 2009

Satriano, Consulta delle associazioni Tra i componenti Drosi e Sinopoli SATRIANO — Nei giorni scorsi, presso la sala consiliare del comune, debitamente convocata dal sindaco Michele Drosi, si è tenuta una riunione con tutte le associazioni presenti sul territorio. All’incontro hanno preso parte il sindaco e l’assessore alla cultura Alessandro Catalano, e le Associazioni: Pro Loco, Anziani e Dintorni, Canterini dell’Ancinale, Ali D’Aquila, Jonic Music Sound, Pgs, Cooperatori Salesiani, Don Bosco e Noi e i consiglieri comunali Riverso e Altamura. Nel dare avvio ai lavori il sindaco ha evidenziato il lodevole lavoro portato avanti dalle associazioni satrianesi, attive e presenti sul territorio con iniziative culturali e ricreative contribuendo così, ad animare e a ravvivare il paese. Drosi, inoltre ha spiegato il vero motivo della riunione che ha come scopo primario quello della nomina degli organismi della Consulta delle associazioni, pre-

cedentemente costituita tra le associazioni presenti e operanti sul territorio. Dopo un ampio e articolato confronto si è passati alla elezione del direttivo composto da Michele Drosi, che in qualità di sindaco presiede la Consulta, Michele Sinopoli vice presidente, Giuseppina Altamura segretaria, e nella qualità di componenti: Domenico Riverso, Mario Marotti, Vittorio Vono, Ambrogio Ferraroe Teodoro Ferraro. «Con la definizione degli assetti organizzativi della Consulta - spiega il sindaco - si è ulteriormente rafforzata una impostazione basata sulla sinergia e sulla collaborazione tra istituzione e mondo associativo, dalla quale la comunità non può che trarre grande giovamento, sia per la promozione turistica e culturale del luogo che, altresì, per la valorizzazione delle tradizioni e delle personalità di Satriano». Rosanna Paravati

Si rende noto che, per l’annualità 2009, è stata prorogata al 10 febbraio 2009 la scadenza dei termini per la presentazione delle domande di adesione al regime di aiuto per la Ristrutturazione e Riconversione Vigneti, che prevede l’erogazione di contributi in conto capitale per la ristrutturazione e/o riconversione di quei vigneti che risultano in regola con la vigente normativa comunitaria e nazionale di settore. Le richieste di adesione alla misura della ristrutturazione e/o riconversione vigneti per la Regione Calabria, dovranno essere presentate ad Agea per via telematica. Le disposizioni attuative sono contenute nell’Avviso Pubblico approvato con DDG n. 22576 del 23 dicembre 2008, pubblicato sul BUR Calabria, disponibile anche sul sito internet www.assagri.regione.calabria.it.L’Assessore Prof. Mario Pirillo


il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 27

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Il consigliere provinciale Andrea Lorenzo, Presidente commissione pubblica istruzione sulla vicenda dell’istituto comprensivo di Caraffa

«Cerchiamo la condivisione delle scelte» «Il sindaco insisteva sulla necessità di dover salvaguardare la dirigenza in quanto minoranza linguistica» CATANZARO — «In riferimento

all’articolo sul dimensionamento scolastico, apparso sulla stampa in data 14 gennaio 2009, nel quale vengono riportate “con ampio risalto” una serie di dichiarazioni da parte del sindaco di Caraffa che accusa l’amministrazione provinciale di essere rimasta sorda di fronte ai suoi numerosi appelli volti ad ottenere il mantenimento dell’autonomia dell’Istituto comprensivo “Monteleone”, si ritiene che qualsiasi valutazione sulla vicenda possa essere tratta solo da una precisa esposizione di come si sono svolti i fatti» si legge in una nota del Cons. Provinciale Andrea Lorenzo, Presidente Commissione Pubblica Istruzione. «Nella prima Conferenza provinciale tenutasi il 10.11.2008 - prosegue -, l’Amministrazione provinciale di Catanzaro, al fine di salvaguardare le esigenze della minoranza linguistica presente nel Comune di Caraffa, aveva proposto l’accorpamento delle scuole di Cortale alla dirigenza di Caraffa, essendo il comprensorio di Girifalco, di cui Cortale è parte, caratterizzato dalla presenza di due dirigenze scolastiche con deroga a 300 alunni; ma, alla luce della precisa volontà del Comune di Cortale di rimanere accorpato alla dirigenza di Girifalco, per come si evince dalla relativa delibera, la Provincia aveva suc-

cessivamente ipotizzato l’accorpamento delle scuole di Caraffa con il Comune di Girifalco, che di fatto non si è mai dimostrato contrario. Tale soluzione non era stata condivisa dal Sindaco di Caraffa che insisteva sulla necessità di dover salvaguardare la dirigenza in quanto minoranza linguistica, pur non avendo il numero di iscritti previsto dalla normativa nazionale e dalle linee guida della Regione per usufruire della deroga a 300 alunni (gli alunni frequentanti sono infatti 212). L’amministrazione provinciale ha più volte invitato il Comune di Caraffa a trovare ipotesi alternative ma la posizione del Sindaco è sempre stata netta sul mantenimento dell’autonomia pur sapendo di non avere i numeri, e con atto deliberativo proponeva di accorpare a sè le scuole del Comune di Cortale e della frazione di Vena di Maida, pur in mancanza di intesa con i rispettivi Sindaci, o, infine, di confluire sul Comune di Borgia, richiesta formalmente comunicata con nota n. 5404 del 12.12.2008 a seguito della raggiunta intesa con il sindaco di quest’ultimo comune. Tutto ciò, nonostante tale soluzione comportasse la disaggregazione dell’Istituto, dovuta alla necessità di far confluire le scuole di Caraffa su entrambe gli Istituti di Borgia perché sottodimensionati, con gravi conseguenze sulla

«L’amministrazione provinciale ha più volte invitato il Comune a trovare ipotesi alternative» funzionalità e sull’organico. Data l’imminente scadenza per l’approvazione del nuovo dimensionamento, la Provincia si è vista costretta, suo malgrado, ad accorpare Caraffa alle due dirigenze di Borgia. La Regione Calabria - continua- al termine della verifica, con nota 8 gennaio invitava l’Ente provinciale a rivedere alcune criticità legate al nuovo Piano, quattro in tutto tra cui quella relativa a Caraffa, e per le quali chiedeva possibili soluzioni. Da qui la convocazione del comune di Caraffa e dei Comuni limitrofi per giorno 13 al fine di una possibile nuova intesa; tuttavia al termine di una riunione urgente convocata giorno 12 gennaio presso il Dipartimento Istruzione della Regione, si concordava che non vi erano i tempi sufficienti per attivare tutte le procedure volte a pervenire ad una modifica del Piano, soprattutto tenuto conto

CATANZARO L’accusa era già stata archiviata per insussistenza del fatto: la mancata esecuzione di lavori su un muro

Omissione atti, prosciolti due funzionari CATANZARO — Un'accusa di omissione di atti d'ufficio, quella mossa a due funzionari del Comune di Catanzaro, che però era già stata archiviata per insussistenza del fatt. Della decisione gia' assunta nel 2004 su richiesta dell'allora pubblico ministero Isabella De Angelis ha dunque preso atto, ieri mattina, il giudice dell'udienza preliminare Abigail Mellace confermando come Vincenzo Belmonte e Salvatore Montesano, allora in servizio all'uf-

Della decisione ha preso atto il giudice Mellace ficio tecnico del Comune, fossero già usciti completamente indenni dall'indagine a loro carico. Sui due, all'epoca, la Procura aveva svolto indagini per verificare l'ipotesi di omissione di atti d'ufficio relativa-

mente alla mancata esecuzione di lavori urgenti su un muro di sostegno in via Vinicio Cortese, a Catanzaro, danneggiato a causa di un incidente stradale. Il sostituto procuratore titolare aveva però già concluso per la mancanza di elementi a carico dei due funzionari, chiedendo e ottenendo per loro l'archiviazione, come hanno evidenziato ieri i difensori, gli avvocati Sergio Polisicchio e Enzo Savaro (sostituto processuale di Enzo Ioppoli).

CATANZARO Sopralluogo dei tecnici e della Commissione LL. PP del Comune per fare il punto sullo stato del “verde”

Villa Margherita, procede la riqualificazione CATANZARO — Buone notizie da Villa

Margherita: è quanto emerge dal recente sopralluogo effettuato dalla Commissione LL. PP nello storico Parco del Capoluogo unitamente ai tecnici responsabili della progettazione e dei lavori. «Mentre infatti - spiega una nota dei consiglieri comunali Eugenio Riccio, Antonio Gigliotti e Carlo Nisticò - si avviano alla conclusione i lavori in muratura con la ditta impegnata nella pavimentazione della zona sud della Villa, l’incontro è servito a fare il punto della situazione sullo stato del “verde” grazie alla presenza del Presidente della società Catanzaro Servizi, arch. Grillo Giuseppe, che ha garantito un impegno immediato per la manutenzione delle aiuole che nei prossimi giorni saranno rigenerate con nuovi innesti di pregio. L’iniziativa è inoltre servita ad incontrare i rappresentanti di diverse associazioni cittadine che hanno invitato i consiglieri comunali presenti al sopralluogo, Gigliotti e Riccio, a sostituire l’anomalo par-

di quanto seriamente manifestato dai rappresentanti dell’Ufficio Scolastico Regionale che ponevano al 22 gennaio la data ultima per la determinazione degli organici, oltre che un problema di salvaguardia del diritto delle famiglie di effettuare una scelta consapevole del percorso didattico. Fin qui la cronologia degli eventi che, ad una prima lettura, potrebbe sembrare normale prassi amministrativa. Di fatto così non è stato se vogliamo mettere in conto le decine di contatti intercorsi tra questa Amministrazione ed il Sindaco di Caraffa, nonchè i numerosi tentativi di invito alla riflessione sulle soluzioni più opportune e sulla necessità di ricercare delle intese sul territorio da parte dei diretti interessati, Sindaci e Dirigenti scolastici. Ma la determinazione da parte del sindaco di voler mantenere l’autonomia scolastica sul proprio territorio, posizione rimasta isolata in un contesto che ha messo in evidenza l’incapacità da parte di tutti di attivare un dialogo ed un confronto costruttivo al di là dei rigidi confini comunali, ha portato in extremis all’accorpamento con Borgia, al quale l’Amministrazione si è vista costretta suo malgrado e su precisa indicazione del Sindaco Antonio Migliazza. Da qui la forte protesta, sicuramente condivisibile, da parte della comunità scolastica di quel

Comune che si vedeva costretta a dipendere da due dirigenze, nonché le accuse mosse verso questo Ente da parte del sindaco di Caraffa, assolutamente ingiustificate, tenuto conto che, nell’operazione sul dimensionamento, questa Amministrazione ha fatto invece appello al senso di responsabilità ed alla capacità di concertazione degli amministratori dei singoli Comuni; ciò nel pieno rispetto dell’autonomia ad essi riconosciuta ma anche con la consapevolezza che quella che viene definita “governance del territorio” non è un semplice slogan o una formula astratta a cui troppo facilmente si fa ricorso, bensì è un modo di intendere e di operare che pone al di sopra di qualunque interesse o campanile una finalità comune, un progetto unitario volto a dimostrare, nel caso di specie, che la qualità dell’offerta formativa è un qualcosa che prescinde da limiti o confini territoriali, ma si incentra sull’individuo, sulle sue potenzialità e capacità di interagire con il mondo esterno. Pertanto - conclude -, nessuna responsabilità è ascrivibile a questo Ente che, al contrario, ha sempre ricercato e sempre ricercherà l’intesa e la condivisione nelle scelte operate, cercando di superare le criticità attraverso il dialogo, dimostrando apertura e disponibilità nei confronti di tutto il territorio».

Catanzaro, anche in Calabria si annoverano giovani talenti CATANZARO — Fabio Alcaro a soli 23 anni si laureato, lo scorso mese di dicembre, con 110 e lode presso l'Università di Torino in Ingegneria nucleare. Il giovane ha anche vinto una Borsa di Studio per il Dottorato di ri-

cerca triennale presso quell'Ateneo. «Come si vede - si legge in una nota dei parenti -, anche noi meridionali annoveriamo giovani di talento che si faranno certamente strada nella vita».

CATANZARO CENTRO

FITTASI PRESTIGIOSO IMMOBILE loft indipendente, arredato e climatizzato, precedentemente abitato da funzionari di istituti di credito. ANCHE USO FORESTERIA

INFO

334 1875277

CATANZARO CENTRO STORICO CORSO MAZZINI

VENDESI

Villa Margherita

cheggio di Piazzale Trieste, che rappresenta l’entrata del Parco Storico cittadino, con una isola pedonale che dia maggior respiro all’entrata della Villa esaltandone la sua storica e preziosa cancellata. La proposta, valuta-

ta positivamente dai presenti, sarà discussa nei prossimi giorni in una seduta congiunta dalle commissioni LL. PP, Urbanistica e Ambiente, presiedute, rispettivamente, dai consiglieri Gigliotti, Nisticò e Riccio».

ATTIVITA’ COMMERCIALE ADIBITA A BAR Per informazioni chiamare al numero

338/9096746


28 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Lunedì prossimo verrà presentato un articolato documento per portare a conoscenza dei disagi delle strutture

Fondazione Betania incontra la Regione «Chiediamo alla Commissione di voler adottare tutti gli adempimenti necessari ad ovviare i nostri problemi» CATANZARO — «La Commissione Speciale di Vigilanza del Consiglio Regionale della Regione Calabria incontrerà lunedì prossimo 19 gennaio alle ore 11,30 i rappresentanti di Anaste e della Fondazione Betania Onlus, per discutere dei gravi problemi sollevati nei giorni scorsi». A comunicarlo è il responsabile dell’Ufficio Comunicazione della Fondazione Betania Onlus, presieduta dal Sac. Biagio Amato. La Fondazione Betania, insieme ad Anaste-Calabria, presieduta da Michele Garo, avevano chiesto alla Regione un incontro per discutere dei problemi delle strutture. La Commissione Speciale di Vigilanza del Consiglio Regionale della Calabria ha accettato l’incontro. Nel corso della riunione di lunedì prossimo Fondazione Betania e Anaste presenteranno un documento: «In rappresentanza delle Strutture extraospedaliere private accreditate - Rsa, Case Protette, Centri di Riabilitazione e Servizi Said operanti nella Regione Calabria, innanzitutto intendiamo esprimere il nostro sentito ringraziamento al Presidente di codesta Commissione Speciale di Vigilanza del Consiglio Regionale della Calabria, per avere accolto la nostra richiesta di audizione, permettendoci così di portare a conoscenza degli On. Li componenti di tale Commissione alcuni problemi che non permettono alle nostre Strutture di garantire, con la dovuta serenità, la continuità assistenziale a circa 4000 persone anziane e disabili, riconosciute dal Servizio Pubblico, non autosufficienti e non assistibili a domicilio. Problemi che stanno provocando anche una crisi economico-finanziaria tale da obbligare le nostre Strutture, qualora dovessero protrarsi nel tempo, a procedere a licenziamenti di massa dei circa 3000 operatori impegnati nei servizi accreditati. E’ necessario, altresì, evidenziare che nella nostra Regione non esistono servizi pubblici residenziali e semiresidenziali extraospedalieri per garantire tali Livelli essenziali di assistenza (Lea). Non garantire i diritti riconosciuti anche da leggi regionali comporta la chiusura di dette Strutture e la impossibilità di fatto di garantire l’esigibilità dei diritti alla salute a migliaia di persone fragili e sofferenti. Le nostre Strutture, per il 2008, hanno erogato servizi e prestazioni socio-sanitarie a tutte le persone che le Aziende sanitarie calabresi hanno affidato con formale atto di autorizzazione. Così come lo hanno fatto per gli anni precedenti. Per poter erogare tali servizi le Strutture hanno dovuto investire propri capitali per essere in regola con i requisiti strutturali ed organizzativi richiesti dalle norme regionali sugli accreditamenti. Per ciascuna tipologia di prestazione, ed a seconda del livello di intensità assistenziale, la Regione Calabria definisce, dopo una contrattazione con le Strutture interessate, le relative tariffe e le aggiorna periodicamente sulla base dei nuovi costi derivanti dall’applicazione dei nuovi contratti nazionali di lavoro e sulla base dell’aumento del costo annuale della vita. Dopo alcuni anni di trattative, finalmente, il Consiglio Regionale della Calabria, con l’art. 10 della Legge Regionale del 5 ottobre 2007, n. 22 -“Ulteriori disposizioni di carattere ordinamentale e finanziario collegate alla manovra di assestamento del bilancio di

Fondazione Betania nasce a Catanzaro e a Gasperina nel 1944 all’interno del mondo cattolico grazie all’intraprendenza evangelica di don Giovanni Apa, don Giovanni Capelluto, don Nicola Paparo e di una donna consacrata, Maria Innocenza Macrina, per garantire assistenza a persone disabili, anziane e a quelle comunque bisognose a causa della guerra

previsione per l’anno 2007 ai sensi dell’art. 3, comma 4, della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8”, ha riconosciuto un incremento provvisorio del 15% delle rette spettanti alle strutture per le prestazioni

«Non garantire i diritti riconosciuti anche da leggi regionali comporta la chiusura di dette Strutture» giornaliere fornite nel periodo 1 ottobre 2006-31 dicembre 2007. L'iter avviato in Consiglio Regionale ha trovato prosieguo amministrativo in un ulteriore incremento del 5% con la Dgr 285/2008, poi recepita dalla Lr 15/2008 che ha consentito di completare, nella stessa sede del Consiglio Regionale, il processo di rideterminazione delle rette spettanti alle varie tipologie di strutture sanitarie e sociosanitarie extraospedaliere a decorrere dal 1 gennaio 2008. Lo stesso Consiglio Regionale con la cit. Legge Regionale del 5 ottobre 2007, n. 22, agli artt. 17 e 18 ha previsto, tra l’altro, la compartecipazione del Fondo Sociale Regionale – quantificata nella misura del 30% - sulla spesa relativa a prestazioni erogate da RSA per Disabili e Anziani. A seguito di queste normative regionali le Aziende Sanitarie Provinciali della Regione Calabria avrebbero dovuto stipulare i contratti riconoscendo alle Strutture le nuove tariffe stabilite dal Consiglio Regionale. Così il Settore Politiche sociali, del Dipartimento Regionale al Lavoro, avrebbe dovuto partecipare alla stipula di detti contratti impegnandosi a pagare anche il 30% della retta relativa alle Rsa. Invece, ad oggi, il Settore Politiche Sociali si è sempre rifiutato di partecipare alla stesura e stipula dei contratti motivando tale comportamento con la impossibilità di onorare tali impegni a

causa della assoluta carenza di copertura finanziaria della norma sul trasferimento del 30% dalla sanità al sociale. E l’Asp di Catanzaro continua a proporre alle Strutture accreditate la stipula di con-

tratti in cui le tariffe non sono quelle definite dal Consiglio Regionale bensì quelle vigenti prima delle decisioni del Consiglio. E condiziona il prosieguo dei pagamenti delle fatture del 2008 alla sottoscrizione

di questa tipologia di contratti. Addirittura la stessa Asp con la circolare n. 91/Sdg del 08/01/2009 a firma del Direttore Sanitario e del Direttore Amministrativo bloccano i ricoveri, bloccano i pagamenti delle prestazioni del 2008, già rese dalle Strutture e dispongono che i fabbisogni assistenziali di anziani e disabili siano soddisfatti ricorrendo esclusivamente all’assistenza domiciliare. Violando così diritti costituzionali alla salute perché non garantiscono i Livelli essenziali di assistenza riconosciute da leggi nazionali e regionali. Tutte le altre Asp hanno, per conto, condiviso le nostre richieste e hanno accettato di sottoscrivere i contratti del 2008 riconoscendo le tariffe secondo la normativa vigente. Alla luce di quanto sopra, al fine di non pregiudicare ulteriormente una già precaria situazione finanziaria delle strutture interessate, con gravi ripercussioni sia sull’attività assistenziale, sia sul personale dipendente, si chiede agli on. li componenti di codesta spett. le Commissione Regionale di volere adottare, in tempi brevi, tutti gli adempimenti necessari ad ovviare ai problemi sopra esposti, così da consentire alle strutture il corretto espletamento di un servizio essenziale per la comunità calabrese. Uno stato di diritto non è tale se l’applicazione della legge può essere rimessa al libero arbitrio di soggetti tenuti, per contro, a darvi attuazione».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 29

CALABRIA LAMEZIA TERME L’ordine del giorno presentato dal consigliere provinciale Pasqualino Ruberto sarà esaminato il prossimo cinque febbraio

«No al declassamento della sede Inps» «Quella della città è stata la prima agenzia zonale d’Italia istituita nel lontano 1974» CATANZARO — «No alla declassa-

mento della sede Inps di Lamezia Terme». E’ il filo conduttore di un ordine del giorno presentato dal consigliere provinciale Pasqualino Ruberto, commissario provinciale dell’Mpa, presentato alla presidenza del consiglio provinciale di Catanzaro e che sarà esaminato il prossimo cinque febbraio. Ruberto con l’ordine del giorno propone al consiglio provinciale di dare mandato al presidente della Provincia, agli Assessori alle politiche sociali ed alle attività produttive, perché pongano «in essere quanto nelle loro possibilità per favorire il mantenimento della sede sub-provinciale Inps di Lamezia Terme». Inoltre propone di «dare mandato

al presidente del Consiglio di trasmettere l’ordine del giorno al ministro del Welfare ed al Presidente dell’Inps affinché gli stessi si adoperino per il mantenimento della sede sub-provinciale nella città di Lamezia Terme». A spingere il consigliere dell’Mpa Ruberto a presentare l’ordine del giorno contro l’ipotesi della declassificazione della sede di Lamezia il fatto che «l’Inps sta avviando una riorganizzazione che prevede la soppressione di alcune sedi sub-provinciali per trasformarle in semplici agenzie e tra queste interessate potrebbe interessare anche la sede di Lamezia Terme con conseguenti disaggi sia per il personale dell’ente sia per i cittadini utenti». Nell’or-

Lamezia, al “Giovanni Paolo II” è possibile trattare il cheratocono LAMEZIA TERM — Nell’unità operativa Oculistica dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme, diretta dal dr. Umberto Sorrentino, è possibile trattare il cheratocono, una malattia degenerativa dell’occhio che provoca distorsioni delle immagini che appaiono sfocate sia da vicino che da lontano. A causa di tale patologia, infatti, la cornea progressivamente si assottiglia, si indebolisce e tende a incurvarsi verso l’esterno, assumendo una forma conica e compromettendo la capacità visi-

va. In Calabria, e in particolare nel territorio di competenza dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro, è presente tale forma di distrofia della cornea di origine genetica, che si manifesta intorno ai 20-30 anni. L’intervento del tutto indolore, non invasivo e ripetibile, è chiamato cross linking e viene eseguito in day hospital, da specialisti esperti e di provata professionalità, in possesso della specifica abilitazione, al fine di evitare il trapianto di cornea. Si tratta, in pratica, di applicare sulla su-

Pasqualino Ruberto

dine del giorno Ruberto ricorda che «quella di Lamezia Terme è la prima sede zonale d’Italia istituita nel lontano 1974 e che successivamente assunse la denominazione di Sap (Sede autonoma di produperficie interessata un’apposita soluzione fotosensibile e raggi ultravioletti per arrestare la progressione della malattia e per ridurre, in alcuni casi, i danni che ha provocato. Nel presidio ospedaliero di Lamezia, il trattamento, che ha superato il periodo di sperimentazione ed è a carico del servizio sanitario nazionale, viene praticato ormai da due anni dal dr. Michele Sergi, responsabile del centro di patologia corneale, con buoni risultati nel 70% dei casi trattati, che è la media solitamente raggiunta. L’ospedale di Lamezia si colloca, così, tra le strutture ospedaliere pubbliche specializzate per il cross linking corneale e riconosciute sul territorio nazionale per la cura del cheratocono con questa nuova tecnica.

zione) ed infine divenne direzione sub-provinciale». Ruberto avverte che «con il declassamento in agenzia, la sede di Lamezia Terme sarà privata delle aree Risorse umane, contabilità, ispettiva e vigilanza, legale, medico-legale, con la conseguente gestione dei flussi assicurativi e contributivi e dei conti individuali ed aziendali che saranno accorpati alla sede provinciale e regionale». Inoltre ricorda che «il 09 novembre 2007 venne inaugurata la nuova sede Inps di Lamezia Terme, in una struttura grande ed all’avanguardia in via Saverio D’Ippolito che doveva essere il presupposto di un potenziamento dei servizi». Quindi per Ruberto «la soppressione della sede sub-pro-

vinciale Inps sarebbe una ulteriore mortificazione del territorio Lametino dopo il già avvenuto declassamento dell’agenzia delle entrate dello stesso territorio». Da qui la richiesta di Ruberto «di dare mandato al presidente della Provincia, agli Assessori alle politiche sociali ed alle attività produttive, di porre in essere quanto nelle loro possibilità per favorire il mantenimento della sede sub-provinciale Inps di Lamezia Terme ed al presidente del Consiglio di trasmettere questo ordine del giorno al ministro del Welfare ed al Presidente dell’Inps affinché gli stessi si adoperino per il mantenimento della sede sub-provinciale nella città di Lamezia Terme».

Lamezia, la famiglia Lucchino invita a dare un aiuto alll’Airc LAMEZIA TERME — Le famiglie Luc-

chino e Carlei ringraziano la cittadinanza, S. E. il Vescovo, il Sindaco e l’Amministrazione Comunale di Lamezia Terme, l’Amministrazione Provinciale di Catanzaro e le forze politiche che hanno condiviso con loro dapprima la speranza e, infine, il dolore per la scomparsa di Gianni ricambiando così l’amore che lui aveva sempre nutrito per la sua città e per i più deboli. Grazie per ogni vostro sguardo, per ogni vostro gesto, per

ogni vostra preghiera e per ogni vostra parola che ci hanno aiutato ad affrontare un momento così difficile. Il desiderio di Gianni e il nostro era ed è quello di provare a dare ancora una speranza e un aiuto a chi è o sarà vittima di questo terribile male. Chiunque volesse condividere con noi questa volontà può farlo inviando un contributo all’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro sul conto corrente postale n°307272 intestato ad Airc via Corridoni,7 20122 Milano.


30 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Una prima riunione operativa è stata indetta dal sindaco per fare il punto sull’evento calamitoso che ha colpito la città

«Un progetto per la sicurezza del territorio» «Mettere al centro la difesa dei suoli, altrimenti questi eventi fanno ulteriori danni alle casse locali» CATANZARO — Una prima riunione

operativa che fa seguito alla convocazione d’urgenza di mercoledì scorso della giunta, è stata indetta dal sindaco Rosario Olivo, per fare il punto sull’evento calamitoso che ha colpito la città ed in particolar modo la zona marina. Olivo ha anticipato che dopo il varo della delibera con la quale è stato chiesto al governo e alla Regione lo stato di calamità naturale e di emergenza, l’esecutivo, sulla scorta delle relazioni subito predisposte dai dirigenti dei settori: Protezione civili, Gestione del territorio ed Igiene urbana, ha licenziato una prima stima di danni per un ammontare di dieci milioni di euro. Al tavolo con il Primo cittadino sedeva l’intera giunta, il presidente del Consiglio Passafaro, tutti i capigruppo presenti in consiglio, i presidenti delle commissioni consiliari, i dirigenti ed i tecnici dei settori interessati. Due le anticipazioni di Olivo: la prima che la delibera è stata trasmessa al direttore del dipartimento della Protezione civile, Guido Bertolaso ed alla Regione, la seconda e che lo stesso tavolo, che sarà allargato all’Amministrazione provinciale ed ai sindaci dei comuni dell’hinterland colpiti dell’eccezionalità dell’evento calamitoso, lunedì prossimo 19 gennaio alle ore 15, si incontrerà con una delegazione, politico - tecnica, messa in campo dal presidente della giunta Regionale Loiero, per un approfondimento della situazione venutasi a determinare, ma anche sull’avvio di un’opera di prevenzione su possibili ulteriori calamità naturali che possano mettere in ginocchio il fragile territorio comunale. La delegazione regionale sarà capeggiata dal sottosegretaSATRIANO — Passata l’emergenza maltempo, che ha bloccato l’intera regione con pioggia battente, fiumi in piena, mareggiate, forte vento e smottamenti vari, si fa un bilancio dei diversi danni subiti. Il territorio del basso Jonio è stato quello tra i più colpiti dall’ondata di maltempo degli ultimi giorni. Rimangono danni in tutto il territorio, dunque, che ora devono essere riparati. Molti sindaci hanno chiesto lo stato di calamità naturale per il proprio comune così come ha fatto il sindaco di Satriano, Michele Drosi. E, proprio per rendere effettiva la sua richieste, così come quella dei suoi colleghi sindaci, ha organizzato un incontro che si terrà lunedì prossimo, alle ore 10.30 pres-

dell’ospedale militare se non vogliono darlo a noi, lo diano agli organi dello Stato». Per quanto attiene il problema del porto, il Sindaco ha anche anticipato che ha chiesto ai tecnici ed alle Opere Marittime, un quadro sullo stato dell’arte dei lavori. Unanime il coro di consensi all’impostazione data all’emergenza dal sindaco Olivo. Tutti gli interventi, hanno infatti, sottolineato la tempestività e la concretezza con cui si è mosso il primo cittadino che ha seguito in prima persona le operazioni, ma hanno fornito spunti di analisi politica e anche grande interesse sulle questioni importanti che riguardano la città. Cimino: ha sottolineato invece: «Apprezziamo l’iniziativa del sindaco per un confronto più ampio sulle grandi questioni. Piena disponibilità da parte nostra ma che non può essere intesa di copertura di qualche parte politica». Cimino ha chiesto sostegno ai pescatori, ai commercianti, alle imprese che hanno subito danni ed una verifica tecnica sull’effettiva adeguatezza dei lavori del porto. Tallini dal canto sua ha ringraziato il sindaco «per aver avviato questo tipo di dialogo, questo può essere un metodo proficuo per la città e la Provincia che non sono tenute nella debita considerazione in sede regionale. Quindi è necessario parlare il linguaggio della chiarezza e su questo terreno saremo pronti a dare il nostro contributo». «Condividiamo ha dichiarato Tassone - il percorso individuato dal sindaco. Bisogna ora quantificare i danni. Ringrazio anche gli uffici per il lavoro svolto. Da parte mia c’è l’impegno a seguire l’iter in Parlamento. A Roma la Calabria ha una scarsa conside-

razione, dobbiamo, quindi, avviare un grande lavoro di recupero di fiducia e su questo siamo pronti a confrontarci dopo nel rispetto dei ruoli che l’elettorato ci ha assegnato». «Un ringraziamento di sostanza al metodo impostato dal sindaco - ha sottolineato Esposito -che di conseguenza rappresenta anche un plauso al ruolo che l’opposizione ha saputo svolgere in consiglio». Tra le questioni urgenti poste da Esposito il tema della sanità e la realizzazione del nuovo ospedale. Carlo Nisticò ha invece messo in evidenza che«l’emergenza di questi giorni dev’essere posta alla base di una programmazione. Sono favorevole al confronto con l’opposizione. Convergenza che ho sempre perorato e per la quale venivo criticato da chi ora sta dall’altra parte dello schieramento. Avanti, quindi, in maniera responsabile e condivisa». Nisticò ha chiesto più attenzione agli uffici del settore urbanistica ed ha anticipato che un gruppo di privati sono interessati alla costruzione di un porto turistico nella zona Alli - Bellino «Proseguire con questo metodo che noi condividiamo - ha detto invece il consigliere De Gaetano -. Ben vengono i contributi di tutti. L’evento ha messo in risalto la necessità di un’organizzazione sul territorio della Protezione civile comunale. Per farlo ci dobbiamo impegnare tutti a destinare un’apposita somma in bilancio». «Ringrazio tutti per i contributi dati alla risoluzione dei problemi - ha concluso Lodari - che il nubifragio ci ha lasciato, ma anche per gli spunti di carattere politico che certamente saranno da noi ascoltati e recepiti. Insieme dobbiamo impegnarci per difendere questa città».

SATRIANO Lunedì si farà il punto della situazione per quantificare i danni e chiedere lo stato di calamità naturale

zare questo incontro che ritengo necessario per l’intero comprensorio al fine di risolvere i problemi delle imprese, delle infrastrutture e dei cittadini che hanno subito allagamenti nelle proprie abitazioni». Già molto è stato fatto, grazie all’ausilio di ruspe e motopale che hanno sin da subito provveduto a liberare le strade dal fango e dalle pietre, ma molto rimane ancora da fare. Le zone maggiormente colpite sono state la zona marina di Satriano, con una serie di smottamenti e di frane, e anche le scuole che sono rimaste chiuse per due giorni a causa di infiltrazioni d’acqua.

La riunione di ieri

rio, Vincenzo Falcone e dall’assessore Luigi Incarnato e sarà composta da tecnici dei settori Protezione civile e lavori pubblici. Il primo cittadino, ha quindi, ringraziato tutte le strutture tecniche comunali, i Vigili urbani, la Protezione civile, la Provincia, le Società partecipate, ma anche gli organi dello Stato (Prefettura, questura, forze dell’ordine) e della Regione, nonché i vigili del fuoco, sottoposti ad un super lavoro per fare fronte alle prime immediate esigenze, «preoccupandoci per prima cosa ha detto Olivo - dell’incolumità della gente e degli operai che stanno lavorando al porto». «Ci siamo trovati difronte ad un mini uragano, così come l’ha definito Bertolaso, fenomeno che anche la Protezione civile aveva sottovalutato. I pesanti danni subiti dalla città - ha detto ancora il sindaco - confermano le preoccupazioni che ho più volte espresso in ordine alla fragilità del territorio cittadino. Occorre avvia-

re, assieme allo Stato e alla Regione, alla Provincia ed agli stessi Comuni, un grande progetto di risanamento che metta in sicurezza un territorio debole e purtroppo devastato anche dalla mano degli uomini. Decenni di abbandono e di lassismo hanno aggravato la situazione. Occorre, quindi, invertire la rotta e mettere al centro della nostra azione i temi della difesa dei suoli, altrimenti questi eventi finiscono per fare ulteriori danni alle casse degli enti locali. Investire sulla prevenzione, sulla messa in sicurezza dei nostri centri abitati, significherebbe anche dare una grande risposta alla piaga della disoccupazione nella nostra Regione». Nei propositi di Olivo anche la costituzione di un gruppo di emergenza. Confermato dal Primo cittadino l’invitato al Capo dello Stato Giorgio Napolitano «al quale ho consegnato anche un promemoria sulle questioni aperte come una sede distaccata della Rai e l’utilizzo

Maltempo, i sindaci incontrano la Regione so la sala consiliare. «Si farà il punto della situazione - ha dichiarato Drosi - a seguito degli ingenti danni causati dall’alluvione dei giorni scorsi. Credo che sia giusto rendersi conto dei danni subiti, che sono stati notevoli. Solo così si potrà superare questo stato di disagio». All’incontro interverranno l’assessore regionale, Luigi Incarnato, il sottosegretario alla Presidenza, Vincenzo Falcone, il dirigente generale della protezione civile, Salvatore Alcaro e circa 50

Michele Drosi

sindaci del comprensorio oltre ai cittadini e forze politiche. Cosa si chiederà in questo incontro? «Chiederemo alla Regione di adoperarsi per adempiere a tutti gli interventi necessari per riconoscere lo stato di calamità naturale. E’ necessario che la Regione, oltre a predisporre un piano di aiuti, chieda al Governo un tot di risorse necessarie per risanare questo territorio che è stato duramente colpito dall’alluvione. Ho lavorato molto per organiz-

Maria Teresa Folino

Montauro, il sindaco Squillacioti: maltempo, i danni erano evitabili

LAMEZIA TERME Ida D’Ippolito, deputata del Pdl, interviene sui prblemi causati dalle alluvioni

MONTAURO — I disagi vissuti dagli abitanti di località Calalunga di Montauro, conseguenti alle avverse condizioni del tempo dei giorni scorsi potevano essere evitati. Ne è convinta Rosanna Squillacioti, già sindaco e attuale capogruppo di minoranza in consiglio comunale a Montauro. Diverse persone, compresa la stessa Squillacioti che abita nella frazione marina di Calalunga, sono rimaste bloccate nelle proprie case nel corso dell’ultimo grave evento atmosferico, a causa dell’allagamento della zona dovuto all’esondazione dei vicini torrenti. «Disagio evitabile - sostiene la Squillacioti - avendo la mia amministrazione stanziato 30 mila euro per opere relative al deflusso e regimentazione delle acque proprio in località

turale, chiaro e concreto, testato sul piano finanziario, capace di aggredire con soluzioni idonee l'annoso problema della salvaguardia del litorale, sottoposto ad una costante e penetrante erosione marina. Le ultimi devastazioni, causate da violente mareggiate rendono drammatica una situazione già da tempo precaria, che giustifica la richiesta dei sindaci di veder riconosciuto lo stato di calamità naturale al territorio. Gravissimi anche i danni alla viabilità che necessitano di un immediato monitoraggio da parte dell'Anas». La deputata del Pdl, che ha definito la regione Calabria una regione «ad altro rischio ambientale. Si auspica dunque un intervento immediato del Governo».

Calalunga. L’attuale giunta, invece, ha destinato tale somma ad altro intervento, dimenticando la primaria necessità del sottopasso di Calalunga». «Eppure io e la mia giunta - aggiunge la Squillacioti - avevamo previsto una serie di opere per risolvere definitivamente un situazione che si verifica sempre durante l’inverno: la gestione commissariale e le elezioni amministrative hanno fatto allungare notevolmente i tempi di realizzazione di una serie di opere, come il pontino sul torrente Ceci, mentre ora registriamo che soltanto un mese fa si è svolta la conferenza dei servizi per realizzare l’intervento, il cui progetto è stato peraltro rivisitato». Salvatore Taverniti

«Serve un celere intervento del Governo» LAMEZIA TERME — Lo stato di cala-

Ida D’Ippolito

mità naturale per i comuni calabresi danneggiati dal maltempo dei giorni scorsi e l'immediato monitoraggio da parte dell'Anas per risolvere i danni alla viabilità: lo chiede la deputata del Pdl Ida D’Ippolito al Governo con due lettere inviate al capo della Protezione civile Guido Bertolaso e al ministro delle Infrastrutture e Trasporti Altero Matteoli. «L’ondata di maltempo che ha colpito in Calabria numerosi comuni del litorale tirrenico e del comprensorio Lamentino in particolare - afferma la parlamentare - denuncia il grave ritardo del Governo regionale non solo in ordine dell'attuazione, ma, ancor prima, in ordine alla definizione di un piano di intervento strut-


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 31

CALABRIA FALERNA L’ex assessore provinciale Sirianni interviene dopo la pubblicazione di una lettera a Wanda Ferro relativa al Ponte di Castiglione

«Gli ulltimi “arrivati” vogliono prendersi i “meriti”» «Non si legge neanche il nome di Traversa, vero artefice dell’operazione o quello dell’Ing. Costanzo» FALERNA — «Dopo lunghi anni

di attesa e di disagi per i cittadini di Falerna sono stati consegnati i lavori di rifacimento del Ponte di località Castiglione da parte della Provincia di Catanzaro alla ditta Costantino aggiudicataria dell'appalto per cui sono stati stanziati 800mila euro, la notizia è stata diramata da Rosario Aragona consigliere della Provincia di Catanzaro. Grande soddisfazione è stata peraltro espressa dal consigliere provinciale Rosario Aragona, rappresentante del collegio, nel corso del sopralluogo cui hanno preso parte diversi cittadini. L'esponente dell'ente provinciale Aragona ha espresso “un vivo plauso all'attività del presidente della Provincia Wanda Ferro e dell'assessore ai Lavori Pubblici, Salvatore Vescio, per l'interesse dimostrato rispetto al territorio dove a breve saranno appaltati nuovi importanti lavori”. Erano diversi anni che Falerna attendeva il nuovo ponte, infatti un primo progetto risale al 1994. “In primis - precisa ancora il comunicato a firma del consigliere provinciale Rosario Aragona - si parlò di "ristrutturazione" ma dopo diverse diatribe e prese visioni si è perseguita la strada più giusta e cioè quella del rifacimento ex novo”». Anche l’ex Assessore Provincia-

le Giuseppe Sirianni ritiene con questa lettera aperta apparsa sulla stampa al Presidente Ferro di dover esprimere il suo vivo plauso per l’interesse dimostrato rispetto al territorio di Falerna, suo paese natale, ma, alla consegna dei lavori per il rifacimento del Ponte di Località Castiglione, appaltati alla Ditta Costantino per circa 800 mila euro, gli avrebbe certamente fatto piacere leggere, tra quanti si sono impegnati per la realizzazione di detta opera (Ferro-Vescio Aragona), anche il suo nome, «quanto meno per il fatto che rilievi, progetti, ricerca e/o recupero fondi, fin dal lontano 1994, l’hanno visto sempre in prima linea; ma non è tanto la mancata “lettura” del suo nome - si legge in una nota - che ha mortificato l’ex Assessore, quanto è sopratutto non aver “letto”, neanche di passaggio, il nome dell’ex Presidente Traversa, vero artefice dell’operazione, né quello dell’Ing. Costanzo, che ha seguito passo passo la correttezza progettuale e l’esecutività delle opere necessarie al miglioramento di una importante infrastruttura. Che gli ultimi “arrivati” - conclude - vogliano prendersi i “meriti”, in effetti però, non lo indispone più di tanto; l’importante è sapere che effettivamente l’opera si faccia, così come progettata».

LAMEZIA TERME Il consiglio si appresta ad approvare l’esenzione per dieci anni a chi collabora con la giustizia

Racket, niente tributi locali per chi denuncia LAMEZIA TERME — «Il Consiglio comunale di Lamezia Terme deciderà presto l'esenzione da tutti i tributi locali, per dieci anni, per gli imprenditori che collaborano con la giustizia». E' quanto an-

nunciato dal sindaco di Lamezia Gianni Speranza nel corso dell'incontro che si è svolto nella nuova sala riunioni del comune inaugurata ieri alla presenza del presidente della Repubblica Giorgio

Napolitano. Speranza ha riferito che il Tribunale di Catanzaro ha stabilito di concedere all'Amministrazione comunale lametina «una cifra di risarcimento record, ben cinque milioni di euro».

SOVERATO Si è svolta una riunione per discutere gli obiettivi da perseguire per rispondere alle esigenze dei cittadini

Il Pd si prepara al congresso del 25 SOVERATO — Anche a Soverato i de-

mocratici mettono a punto gli ultimi particolari in vista dei congressi del 25 gennaio, giorno in cui attraverso le primarie si determineranno gli organismi dirigenti del Pd della provincia di Catanzaro. La riunione si è svolta presso il Circolo mercoledì sera alla presenza di una gremita assemblea di iscritti e del responsabile organizzativo del Pd Antonio Sorrentino. La discussione è stata aperta ed appassionata e la sintesi del confronto si è raggiunta sugli obiettivi da perseguire per costruire un’alternativa e lavorare, affinché si dia un contributo alla società ed una risposta seria e responsabile alle esigenze dei cittadini. Alla riunione sono intervenuti Fran-

cesco Severino, che ha ripercorso le tappe dell’ultimo periodo, durante il quale è stato difficile portare avanti il duro lavoro finalizzato al radicamento del Partito Democratico a Soverato. Dai vari interventi successivi, da Irma Petrella a Giuseppe Macrina e Nicola Salatino, sono emerse parole di elogio destinate allo stesso Severino, per il lavoro fatto in quest’ultimo mese. Un invito alla compattezza ed alla condivisione dei programmi da intraprendere nell’imminente futuro è arrivato dagli interventi del dott. Pagano e del dott. Tirinato, per questo non sarà soltanto sufficiente determinare il segretario del circolo, bensì lo stesso dovrà rispecchiare un programma politico condiviso, che de-

mocraticamente si deciderà di portare avanti sul territorio. Al termine della riunione l’ufficio adesioni di Soverato e quello di Satriano si sono immediatamente messe al lavoro per presentare nelle prossime ore la lista dei candidati all’assemblea provinciale, coinvolgendo tutti i democratici nella scelta e nella discussione. Inoltre, l’ufficio adesioni di Soverato dovrà presentare una candidatura unitaria a segretario di circolo. Se così non sarà, si procederà al voto di maggioranza come previsto dallo statuto con le primarie del 25 gennaio. Per quanto riguarda i dati delle adesioni al partito, l’ufficio ha comunicato il superamento delle 110 tessere, ma l’obiettivo rimane toccare quota 150.


32 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA REGGIO CALABRIA Il viaggio del Capo dello Stato nella nostra regione è proseguito con la visita all’Università Mediterranea

«Tocca ai giovani cambiare la politica» IL FATTO/1 REGGIO CALABRIA — Tocca ai giovani prepararsi per «un rinnovamento generazionale nella politica e nell’amministrazione che è essenziale e non si decide per decreto, ma solo attraverso lo sforzo delle nuove generazioni, attraverso un impegno e un'apertura che bisogna a tutti i costi provocare in un sistema che è ancora molto chiuso». Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel suo secondo giorno di visita ufficiale in Calabria all’Università Mediterranea di Reggio, ha risposto alla rappresentanza studentesca che lo ha incontrato per chiedergli di sostenere «lo sviluppo e il rilancio del potenziale universitario del sud Italia». Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a Reggio Calabria è tornato ad esprimere il timore “di vuoti” strutturali che caratterizzano le regioni del Mezzogiorno. Nel ricollegarsi ad un intervento per la riduzione del divario dello sviluppo tra il Nord ed il Sud delle regioni in ambito europeo, il Capo dello Stato fa riferimento a «un bilancio critico che fa tutt’uno con quello della strategia di nuova programmazione portata avanti in Italia nei confronti del Mezzogiorno tra gli anni 1998 e 2008». Allo stato attuale, ammonisce Napolitano, dall'aula magna dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, «non è nemmeno dato sapere se il quadro strategico nazionale approvato per il 20072013 resti tutt'ora valido e impegnativo, o se adesso sia destinato a seguire un puro e semplice vuoto di strategia verso il Mezzogiorno». Si tratta, ha spiegato, «di nodi che richiamano da un lato quel dovere di solidarietà tra Nord e Sud che è garanzia costituzionale dell'unità nazionale e quell'impegno all'autocorrezione e all'innovazione che deve essere portato avanti nel Mezzogiorno». Negli ultimi tempi, ha ribadito il Capo dello Stato, «c’è stata una dram-

«Il Sud deve saper guardare all’interno della sua classe dirigente»

La visita di ieri all’Università Mediterranea

matica, non si può nasconderlo, caduta del grado di attenzione da parte di tutte le forze rappresentative del Paese verso la realtà del Mezzogiorno e verso il tema del rapporto tra Mezzogiorno e sviluppo nazionale». Ciò ha voluto dire "in concreto", ha tenuto a precisare Napolitano, «da diversi anni a questa parte, una caduta degli investimenti ordinari dello Stato nelle regioni meridionali, mentre è chiaro che altre risorse e forme d'intervento per il Mezzogiorno, in modo particolare i fondi europei, dovrebbero avere un carattere addizionale e non sostitutivo». Tuttavia il monito del Presidente non riguarda solo l'amministrazione centrale ma chiama in causa anche la responsabilità delle istituzioni rappresentative dello stesso Mezzogiorno: «Si pone in paritempo la questione dell'impiego oculato e produttivo delle risorse pubbliche disponibili delle regioni del Mezzogiorno», ha osservato, «a cominciare dalle regioni dell'obiettivo 1 verso cui sono indirizzati i fondi della politica di coesione della Ue» perchè «la forza del meridionalismo storico è sempre consistita nel non ridursi alla sola denuncia delle respon-

sabilità delle classi dirigenti nazionali, ma nel saper guardare criticamente anche all'interno del Mezzogiorno, della sua stratificazione sociale e della sua classe politica». Il Presidente della Repubblica è intervenuto dall'aula magna dell'ateneo di Reggio Calabria al convegno internazionale “Mezzogiorno euromediterraneo, idee per lo sviluppo”, una due giorni cui hanno partecipato rappresentanti istituzionali e delle Università delle regioni del Sud Italia e del Mediterraneo, dalla Spagna fino alla Grecia toccando tutti gli stati della striscia Nordafricana. Su invito dello stesso Capo dello Stato oggi ha presenziato il convegno anche il commissario Ue per le Politiche regionali, Danuta Hubner, la cui presenza ha rilanciato il ruolo delle strategie di sviluppo dell'area per l'economia dell'intera Unione. La mancanza nel Sud di infrastrutture adeguate, qualità dei servizi pubblici e in generale strategie politiche di sviluppo, ha concluso il Capo dello Stato, è un nodo “da sciogliere più che mai” e «c’è da chiedersi quanto l'attuale crisi economica trovi più vulnerabili sia il nostro Sud sia il Sud del Mediterraneo, o co-

me all'opposto una rinnovata cooperazione per lo sviluppo europeo Mediterraneo possa rappresentare una leva importante per il superamento della crisi, vista anche come occasione di rinnovamento e non soltanto secondo un approccio difensivo e ripetitivo. E' ormai imperativo assillante per la comunità internazionale fermare il conflitto nella Striscia di Gaza e agire sulla strada del dialogo e del negoziato, che non deve essere compromessa e bloccata dal durissimo scontro in atto». E' un accorato appello alla pace in Medio Oriente quello lanciato dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dall'aula magna dell'università Mediterranea di Reggio. «Lo sviluppo del Mediterraneo è legato al processo di pace in Medio Oriente», ha dichiarato il Capo dello Stato, «non occorre che si sottolinei quanto ci angosci e ci appaia devastante, aldilà di ogni analisi delle responsabilità, il conflitto che infuria nella Striscia

di Gaza e che tocca anche il vicino territorio israeliano». Napolitano è intervenuto al convegno internazionale Mezzogiorno euromediterraneo nel corso del quale ha avuto un colloquio privato sia con il rettore di Nablus sia con quello di Tel Aviv. (Agi)

REGGIO CALABRIA L’intervento del governatore della Calabria, Agazio Loiero, al convegno di ieri

«Un ruolo strategico nel Mediterraneo» REGGIO CALABRIA — La Calabria «può avere un ruolo strategico nello sviluppo del bacino euromediterraneo». Questo il nodo centrale dell'intervento del governatore della Calabria, Agazio Loiero, intervenuto al convegno internazionale Mezzogiorno euromediterraneo cui è intervenuto anche il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Prima del convegno, Loiero ha incontrato il Capo dello Stato in Prefettura e ha

riferito di avergli descritto «la vera Calabria e le difficoltà della regione rispetto allo sviluppo produttivo, ma anche rispetto ad una sorta di criminalizzazione di massa che subisce la regione». In questi anni di governo della Calabria, ha ribadito dal palco dell'ateneo di Reggio il governatore, «ci siamo impegnati ad attivare investimenti per un lavoro produttivo, ostacolato dalla mancanza delle infrastrutture, dalla lontananza

REGGIO CALABRIA — L’intervento del

REGGIO CALABRIA Il messaggio di benvenuto del sindaco, Giuseppe Scopelliti, al Presidente

sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Scopelliti: «Signor Presidente, Reggio Calabria, nel porgerle il benvenuto, la ringrazia per averla scelta come tappa della sua visita nella nostra terra di Calabria. Qui, nella più grande ed antica polis della regione, attribuiamo grande significato alla visita del Capo dello Stato e la consideriamo un segno di particolare attenzione in un momento di rilevante progresso socio - culturale di questo lembo di terra patria che, secondo i nostri obiettivi, si candida a diventare un punto di riferimento per le genti del bacino del Mediterraneo. All’orgoglio di averla tra noi, Sig. Presidente, ravvisiamo un nuovo protagonismo, che ci fa recepire puntualmen-

dei mercati, da un credito esoso e soprattutto dalla criminalita' organizzata che fa della Calabria una regione diversa in tutto il panorama europeo». La Calabria, ha aggiunto Loiero, rappresenta «una porta a Sud dell'Europa che può giocare un ruolo centrale nel rafforzamento della stabilità politica e della democrazia nell'attuazione di una zona euromediterranea di liberi scambi». (Agi)

Un momento della visita del Capo dello Stato

«La sua visita è un segno di attenzione» te quella nuova stagione aperta con la riforma del titolo V della Costituzione, che attribuendo specifiche funzioni amministrative, ha offerto finalmente la possibilità alle comunità ed ai suoi governanti, di individuare le strategie e di programmare percorsi di sviluppo adeguati alle potenzialità reali dei territori. Reggio, negli ultimi 10 anni, ha trovato la forza per concretizzare il suo sogno: sta diventando una città turistica! Noi figli del Sud, non sempre sostenuti dai governi che si sono succe-

duti dall’Unità d’Italia in poi, con perseveranza abbiamo ritrovato quelle sinergie istituzionali che ci hanno consentito di avviare quei percorsi di riscatto che speriamo mai nessuno possa intralciare. Le nostre intelligenze, che fuori da questa terra sanno farsi valere, e la nostra volontà di diventare protagonisti attivi e non trarre più sostentamento dall’assistenzialismo, crediamo siano la migliore garanzia per un’inversione di tendenza da cui, sicuramente, trarrà beneficio l’intera

nazione. A Reggio Calabria questa classe dirigente guarda ai giovani ed alla loro crescita, convinta che investire sulle nuove generazioni e sulla meritocrazia rappresenti la vera ipoteca per un futuro diverso da quello dei nostri padri e dei nostri fratelli maggiori costretti ad emigrare. Le politiche per i giovani ci vedono impegnati, assieme alle articolazioni periferiche dello Stato, in un’azione pedagogica contro la criminalità organizzata ed il malaffare. A sostegno dell’azione dell’Ammi-

nistrazione Comunale, grande merito va riconosciuto al Prefetto, alla Magistratura ed alle Forze dell’Ordine, per i determinati ed impagabili sforzi profusi sul territorio, per il quotidiano impegno nella strenua lotta per l’affermazione della legalità. Tale evidente segnale di presenza dello Stato, è stato recepito positivamente dai cittadini, che iniziano a manifestare la loro fiducia nei confronti delle Istituzioni. Una forte e significativa dimostrazione è stata resa da alcuni giovani intraprendenti, cosa impensabile in precedenza, che in questi giorni, inaspettatamente, sono stati protagonisti di un esemplare atto di provocazione, affiggendo sui muri di Reggio manifesti di contrasto al racket».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 33

CALABRIA LAMEZIA TERME Per l’arrivo in città del Presidente Napolitano tante le forze impiegate per garantire le misure di sicurezza

«Una visita ricca di significato» IL FATTO/2

Un grande messaggio di speranza per un territorio che vuole riscattarsi

LAMWZIA TERME — Continua a fare

eco il grande evento che si è concretizzato poco meno di 72 ore fa a Lamezia Terme. La visita del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, su richiesta del sindaco Gianni Speranza e della sua Giunta, ha voluto rendere omaggio e onore alla terza città della Calabria. Una terra da sempre martoriata per i duri fatti di cronaca, ma che in questa occasione ha anche saputo scrivere una bella pagina di storia civile e con tanta gente, l’intera comunità fatta di bambini, giovani e meno giovani, che con il loro calore hanno saputo sottolineare con la giusta importanza, un evento che entra davvero nella vita sociale ed amministrativa di una città che a gran voce chiede riscatto e rispetto della legalità. E questo desiderio, non è emerso solo da chi ha il dovere di dare a vario titolo risposte alla comunità lametina, ma anche dalla gente comune. Dai bambini che pur «non conoscendo il presidente perché sempre visto solo in televisione», si sono ritrovati, con tanto di bandierine e cappellini colorati, lungo le due ali laterali del corso Numistrano per vedere da vicino e magari riuscire anche a stringere la mano a quel «signore tanto importante». E poi i giovani, gli scout, le associazioni locali, tanti adulti e anziani che in una bella giornata di sole, hanno acclamato, speranzosi anche che la visita del presidente Napolitano possa squarciare l’ombra nera nella criminalità organizzata, colui che è il primo cittadino d’Italia. A centinaia, dunque, lungo il corso Numistrano, e altrettanti all’interno dell’ampio piazzale dove, di fatto, si è concretizzata la gradita visita alla presenza delle più alte cariche istituzionali regionali, provinciali e locali e alla presenza oltre che del sindaco Gianni Speranza, della sua Giunta e dell’interro Consiglio, anche dei sindaci del comprensorio presenti in sala, con tanto di fascia tricolore. Presenza importanti, che hanno ovvie mante detto la loro sulla presenza del capo dello Stato a Lamezia, così come lo hanno fatti altri che a vario titolo, si sono trovati piacevolmente coinvolti nell’organizzazione dell’evento. Tra questi, il comandante colonnello della polizia Municipale di Lamezia Terme, Giuseppe Caputo che ha fatto un po’ il bilancio di quanti uomini sono stati impegnati nell’adottare al meglio le mi-

La visita di Napolitano a Lamezia Terme

sure di sicurezza previste dal Quirinale. «Per questa visita, anche se breve ed in forma privata, oltre che a tutte le forze dell’ordine tra Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, è stato impegnato l’intero comando lametino con 58 vigili urbani, 12 volontari dell’Associazione europea delle forze di polizia, 20 dei Vat, 10 della Pargest, 50 + 22 della protezione civile e altri 20 uomini dell’Ampana. Questo è il dispositivo per il territorio della città di Lamezia Terme, in più, come dicevo, ci sono tutte le altre forze dell’ordine che sono intervenuti lungo il percorso per andare a Cosenza e ritorno, aeroporto-Nicastro, Nicastro-Comune e Comune-aeroporto, quindi, tutta una serie di ordinanze riguardo il divieto di sosta con rimozione nei punti dove abitualmente sono più critici per motivi di sicurezza». In questa occasione si è inaugurata la nuova sala del Consiglio comunale di Lamezia, ma non il nuovo Comando come si palesava da qualche tempo. Perché questo? «Perché non siamo ancora pronti. Il nuovo comando, sarà inaugurato a breve e prevediamo già all’inizio di febbraio perché, appunto dovevamo farlo il 20 gennaio in occasione della festa di San Sebastiano questo non è stato possibile per la manifestazione

in corso, il 25 gennaio ci sarà un altro tipo di incontro con Sgarbi che verrà a relazionare nella nuova sala del Consiglio, il primo di febbraio abbiamo la fiera a Sambiase e siamo impegnati fisicamente sulle strade e quindi crediamo di poterlo fare non prima dell’8 di febbraio del mese di febbraio». Riguardo all’organizzazione, c’è anche da aggiungere da altri sono stati i settori curati e oltre alla 49 hostess presenti e ai 174 organi di informazione accreditati tra giornalisti e fotografi e operatori video, nei dieci giorni precedenti alla visita immane è stato anche il lavoro della Lamezia Multiservizi con l’attivazione di pullman e navette per il trasporto di quanti hanno voluto raggiungere in piazza il capo dello Stato. A parlare dell’evento, ovviamente il presidente della municipalizzata, Fernando Miletta. «La visita del presidente Giorgio Napolitano ha rappresentato per tutti noi un grande onore e spero che possa rappresentare anche un contributo importante per il riscatto e per il rilancio della città stessa. Dietro a tutto ciò, ovvie mante, c’è stato il grande impegno del sindaco Gianni Speranza che ha voluto fortemente questa presenza e di tante altre persone che dobbiamo ringraziare e hanno lavorato dietro le quinte affinchè il tutto si svolgesse in

sicurezza e tranquillità. Per Lamezia quello doveva essere un giorno di festa e così è stato. L’arrivo di Giorgio Napolitano, un presidente così ammirato per le sue alti doti morali e culturali e che al di la dell’occasione del quarantennale della di una città che per troppe volte è stata sulle cronache nazionali per esempi negativi, rappresenta una positività, una promozione della città, per i cittadini di Lamezia e anche una maggiore riflessione da parte di tutti sul ruolo e sulle possibilità mancate per cui, la sua visita e il suo incoraggiamento è forte e tale per intraprendere un percorso nuovo e concretizzare quel salto di qualità che la gente si aspetta da tempo». E sempre nell’ottica di quanto di bello e profondo abbia lasciato la visita del presidente Giorgio Napolitano alla comunità lametina, lo ribadisce il presidente dell’Associazione Democrazie e diritti Costantino Fittante. «La cosa che mi preme sottolineare perché è giusto che si faccia, è che l’unica città e l’unica istituzione presso la quale il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano fa tappa, è proprio il Comune di Lamezia Terme. La visita in Calabria ha previsto tre tappe. Una presso l’università di Cosenza, una presso l’università di Reggio Calabria ma l’istituzione pubblica che ha reso

visitare è quella di Lamezia Terme il che assume un grande significato per questa nostra città. Una sorta di riconoscimento per una Lamezia che ha degli elementi di positività che i cittadini dovranno potere apprezzare da una parte e valorizzare dall’altra. Questa visita, seppure in forma privata, assume per tutti noi un grande significato e non bisogna dimenticare che, al di la del quarantennale, il nostro è l’unico comune presso il quale si reca per inaugurare la nuova sala del Consiglio, per scoprire una targa a ricordo dell’evento e, nello stesso per incontrare le istituzioni locali e non». Sulla stessa scia positiva, puntualizzando però anche la piana condivisione con quanto affermato dal sindaco Gianni Speranza circa il suo intervento di benvenuto al Capo dello Stato, Mario Bonacci della Confapi Calabria che ha asserito: «La venuta del presidente è un segno di conoscenza e di attenzione dello Stato rispetto a Lamezia che in questo momento vive certamente dei momenti difficili. Il presidente ci ha portato notizie e dato indicazioni sul proseguo sia a livello nazionale che di Lamezia stessa, speriamo però, che l’attenzione e si riflettori non si spengano una volta che anche l’entusiasmo per questa visita comincia a scemare. Personalmente, credo che un presidente della Repubblica quando si muova solo per porgere i suoi auguri e quindi sono convinto che la scelta di Lamezia, Cosenza e Reggio non siano un caso ma un segno tangibile. D’altronde, non è polemica il fatto che abbia accolto l’invito del sindaco Speranza e scelto la città di Lamezia e non quella di Catanzaro. Catanzaro città capoluogo importante ma Lamezia Terme è questo assume davvero un grande risultato». Tra le tante note positive, che hanno caratterizzato l’emozionante giornata lametina, non è mancata qualche nota polemica. Una di queste, arriva da Anna Mancini, presidente della Caduceo di Lamezia Terme. «Sicuramente questa del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Lamezia, è una visita che ci gratifica senz’altro molto, ma naturalmente non dobbiamo dimenticare che Lamezia come molte realtà italiane, vive della problematiche varie e avrebbero bisogno di ben altro che di una gratificazione passeggera». Antonietta Bruno

LAMEZIA TERME Vincenzo Cutrì capogruppo degli Indipendenti di Centro sul Giorgio Napolitano

«Uno stimolo per la crescita del territorio» LAMEZIA TERME — «La visita del Capo dello Stato Giorgio Napolitano ha rappresentato un momento di grande entusiasmo e partecipazione in tutti noi lametini, ma anche un momento di riflessione per voltare pagina ed imprimere una svolta verso un decisivo processo di cambiamento necessario per un riscatto della nostra terra». Sono le dichiarazioni del capogruppo degli Indipendenti di Centro al comune di Lamezia Terme Vincenzo Cutrì in merito alla visita in

città del Presidente della Repubblica. «La città di Lamezia - continua Vincenzo Cutrì - ha fatto sentire tutto il suo calore al Capo dello Stato e soprattutto ha fatto percepire una precisa volontà di cambiamento come testimoniato dall’impegno sociale e civile che i numerosi giovani e tutti i cittadini hanno manifestato al Presidente Napolitano. L’impegno che deve contraddistinguere tutti noi in qualità di cittadini o di amministratori è quello di far emergere gli

elementi positivi e le potenzialità esistenti sul territorio che possono creare sviluppo in termini di crescita economica e sociale». «Per fare ciò - afferma il capogruppo degli Indipendenti di Centro - è necessario creare quello stretto legame sinergico tra le varie componenti politiche e quel forte sentimento di unità, più volte invocato dal Presidente Napolitano, che è condizione indispensabile per conquistare i futuri traguardi per la nostra comunità».

LAMEZIA TERME — «La visita del Capo dello Stato Giorgio Napolitano ha rappresentato per la città di Lamezia un’occasione importante per trasmettere in tutti noi quella fiducia e quei buoni propositi che devono costituire un presupposto imprescindibile per tutte le categorie sociali e dare così una nuova linfa alla terza città della Calabria». E’ l’intervento del Presidente del Consiglio Comunale Gianfranco Luzzo, alla fine della visita di Giorgio Na-

LAMEZIA TERME L’intervento di Luzzo sulla visita del Presidente della Repubblica

Napolitano a Lamezia Terme

«E’ arrivato un segnale di rilancio» politano a Lamezia Terme. «E’ importante sottolineare - continua il Presidente Luzzo - la nutrita e massiccia rappresentanza giovanile, sono infatti questi il segnale importante e da raccogliere per una città che vuole reagi-

re e proporsi in futuro come una realtà in continua crescita sociale, economica ed anche politica». «Il richiamo alla libertà ed alla legalità in un territorio difficile come il nostro - afferma il Presidente Luzzo -, è stato

molto apprezzato dal Presidente Napolitano, cogliendo il segnale di svolta dato dai giovani e dalla classe imprenditoriale, che non deve costituire un episodio isolato, ma un punto di partenza per reagire all’oppressione cri-

minale presente ancora sul territorio». «E proprio i giovani devono diventare i protagonisti del processo di cambiamento, non solo facendo sentire la loro voce, condizione questa indispensabile in un sistema democratico, ma anche e soprattutto divenendo protagonisti attivi e propositivi del rinnovamento della società. Il mio augurio, infine è che Lamezia possa finalmente avere quella spinta di orgoglio da farla diventare un punto di riferimento».


Pag. 34

APPUNTAMENTI il Domani

Sabato 17 Gennaio 2009

TEATRO - MUSICA - CULTURA - CONVEGNI - DANZA - ARTE - LIBRI - SOCIETÀ

Un colossale Teatro Tenda sarà installato nell’area del Centro Commerciale Due Mari di Lamezia Terme, lungo la superstrada

Gianni Morandi, l’8 e 9 maggio in Calabria Una giuria composta da promoter musicali e giornalisti assegnerà il “Premio alla Carriera” CATANZARO — Gianni Morandi,

l’8 e 9 maggio in Calabria. Il suo Teatro Tenda sarà sistemato al Centro Due Mari, tra Lamezia e Catanzaro. Dopo l’apertura del 12 e 13 marzo con il doppio appuntamento con Fiorella Mannoia al Garden di Rende ed al Cilea di Reggio Calabria, confermato il secondo evento di “Fatti di Musica Radio Juke Box 2009”, la XXIII edizione della rassegna del miglior live d’autore diretta da Ruggero Pegna, dedicata alla “Lotta a leucemie e linfomi dell’Associazione Amena” dell'Ospedale Pugliese di Catanzaro, che premia con il “Riccio d’Argento” del celebre oarfo Gerardo Sacco i migliori concerti d’autore dell’anno. Il secondo riconoscimento del 2009 andrà a Gianni Morandi che con “Grazie a tutti”, il suo imponente nuovo tour prodotto dalla “Ballandi”, sarà l’ 8 e 9 maggio nel colossale Teatro Tenda che sarà

installato nell’area del Centro Due Mari a Lamezia Terme, lungo la superstrada Lamezia/Catanzaro nei pressi dell’uscita di Maida. La giuria della rassegna composta da promoter musicali e giornalisti ha assegnato a Morandi anche il “Premio alla Carriera” con la seguente motivazione: «Per le incredibili emozioni trasmesse in oltre quarant’anni con le sue canzoni, il suo stile ed i suoi concerti. Uno straordinario successo popolare capace di trasformare ogni suo appuntamento dal vivo in un evento di straordinario impatto emotivo e coinvolgimento collettivo per un pubblico di tutte le età». In merito alla scelta della centralissima area tra Lamezia Terme e Catanzaro il promoter Ruggero Pegna ha precisato: «E’ l’unica area rettangolare di diecimila metri quadrati perfettamente agibile, capace di ospitare questa straordinaria struttura e tutti gli spazi connessi, peraltro facilmen-

te raggiungibile da ogni angolo della regione, in quanto si trova in zona baricentrica ed a breve distanza dal nodo autostradale e ferroviario di Lamezia Terme. Ringrazio - ha concluso il promoter la direzione del Centro Due Mari per la concessione dell'enorme superficie esterna necessaria e la preziosa collaborazione». I lavori di montaggio del Teatro di Gianni Morandi inizieranno giorno 1 maggio. I concerti dei giorni 8 e 9 maggio inizieranno alle ore 21.00. Inizialmente la struttura capace di contenere circa tremila persone avrebbe dovuto essere installata in altre aree, risultate non idonee a seguito dei sopralluoghi tecnici. La prevendita dei biglietti al prezzo di euro 40.00 per la poltronissima ed euro 30.00 per la poltrona partirà nella prossima settimana nelel prevendite autorizzate. Per informazioni 0968.441888 oppure www. ruggeropegna. it

COSENZA Oggi e domani spettacolo al Teatro dell’Acquario REGGIO CALABRIA L’incontro si terrà domani presso la Chiesa di San Giorgio al Corso

Sport. Una piéce, di Elfriede Jelinek La figura e l’opera di mons. Giovanni Ferro REGGIO CALABRIA — La figura e l’opera di mons.

COSENZA — Oggi alle ore 21,00 e do-

mani alle ore 18,00 al Teatro dell’Acquario di Cosenza debutto dello spettacolo “Sport. Una piéce” di Elfriede Jelinek. Elfriede Jelinek si è aggiudicata il Nobel per la Letteratura nel 2004, ma la sua produzione teatrale in Italia è ancora molto poco diffusa. Soprattutto, in Italia, è ancora temuta come scrittrice “difficile”, non per ultimo per l’associazione immediata al suo romanzo più noto, La pianista; in questo modo continua a restare ignoto al pubblico italiano un lato completamente diverso dello “spirito jelinekiano”. Il nostro primo tentativo di contribuire alla diffusione del teatro della Jelinek in Italia è avvenuto con La regina degli elfi, messo in scena da Lorenzo Fontana per la X edizione del Festival delle Colline Torinesi (in concomitanza con l’uscita di un’antologia di testi teatrali tradotti da Roberta Cortese per Ubulibri) e che allora ottenne un ottimo riscontro sia di pubblico che di critica. Quella fu la prima occasione per sottolineare che, accanto alla sua ben nota critica alla società - austriaca, soprattutto, ma non solo - di tempi passati e moderni, il teatro della Jelinek non manca di grande ironia, grande cinismo, perfino grande divertissement. Il testo ora scelto per questo secondo tentativo è una pietra miliare nella produzione sia dell’autrice che della

storia del teatro tedesco. La sua prima messinscena è avvenuta nel 1998 al Burgtheater di Vienna con la regia di Einar Schleef, da lei stessa definito uno dei due geni del teatro tedesco dal dopoguerra ad oggi (l’altro è Fassbinder). Quella storica messinscena, a cui ha partecipato anche Roberta Cortese, è stata decisamente imponente: 142 interpreti tra attori, cantanti, comparse e bambini, 5 ore di rappresentazione per la versione breve, 7 ore per quella lunga, con cortometraggi con scene mute dall’Orestea di Eschilo a cura dello stesso Schleef. Un’attrice sola, ora, in questa prima versione italiana del testo. Ad esemplificazione della libertà drammaturgica offerta dalla struttura compositiva dei testi teatrali della Jelinek, ma anche ad esaltazione del lato cinico ed autoironico della stessa autrice, che arriva qui a porsi tra i personaggi protagonisti della pièce con il ruolo di Elfi-Elettra. Non mancano quindi i momenti perfino divertenti in questo testo, che d’altra parte parla, sì, di sport, ma dove lo sport è da intendersi come metafora della guerra e dove i grandi atleti sono assimilati ai grandi guerrieri come Ettore, o Achille, o Pentesilea. Nello sport, come nella guerra, la parola è qui data ai vincitori e ai vinti, alle varie “vittime” e ai “colpevoli”, ossia i carnefici, mentre sulle teste di tutti quanti incombe l’ombra dei media come strumento di potere.

Giovanni Ferro, nato a Castigliole d’Asti il 13 novembre del 1901 e morto a Reggio Calabria il 18 aprile del 1992, Arcivescovo di Reggio Calabria per oltre ventisette anni, sarà al centro di un incontro sul tema “In memoria di mons. Giovanni Ferro/Arcivescovo di Reggio Calabria”, che si terrà domani presso la Chiesa di San Giorgio al Corso, promosso congiuntamente dalla Chiesa di San Giorgio, dalle Acli, dall’Associazione Culturale Anassilaos e dall’Associazione Amici di mons. Ferro. La manifestazione, preceduta dalla Santa Messa (ore 18,30), si aprirà alle ore 19,30 con la relazione dell’on. prof. Giuseppe Reale sul tema “E lui mi disse…” e vedrà gli interventi di Don Antonio Santoro, Parroco della Chiesa, Don Antonio Bacciarelli, Economo Diocesano, del dr. Francesco Massara, Presidente Acli, e del dr. Stefano Iorfida, Presidente dell’Associazione Anassilaos. Dunque ancora un incontro dedicato a Giovanni Ferro, la cui figura con il trascorrere del tempo sempre più giganteggia, a dimostrazione di quanto la città di Reggio Calabria e i reggini siano legati a un vescovo che si spera possa nel più breve tempo salire agli onori degli altari. Nominato Arcivescovo il 14 settembre del 1950, dopo la breve amministrazione apostolica di mons. Moscato e dopo i brevissimi pontificati di Enrico Moltalbetti (1937/1943) e Giovanni Lanza (1943/1950), due grandissimi presuli della Chiesa Universale, il primo caduto vittima dei bombardamenti aerei, il secondo per una improvvisa malattia, mons. Ferro ha avuto modo di dispiegare, nel corso dei lunghi anni in cui ha guidato la Diocesi, la sua capacità di ricostruttore materiale e morale di una città e di una diocesi che le vicende belliche (i bombardamenti aerei e i cannoneggiamenti anglo-americani) e la successiva occupazione militare avevano distrutto e prostrato. Egli si adoperò per la crescita religiosa e civile della città. Nel 1951 e poi ancora nel 1953 si trovò ad affrontare la catastrofica alluvione che tanti lutti provocò alla Provincia di Reggio. In quelle difficili circostanze dimostrò verso le popolazioni così duramente colpite il suo spirito di servizio cristiano e le sue non comuni capacità organizzative. Nel corso del suo go-

verno inaugurò il Seminario Arcivescovile, restaurò in Duomo la Cappella del Santissimo Sacramento gravemente danneggiata dai bombardamenti, costruì nuove parrocchie per venire incontro all’incremento della popolazione, volle e realizzò l’Auditorium San Paolo. Nel 1970 si trovò dolorosamente ad affrontare i mesi duri della Rivolta, con il loro pesante carico di morti e feriti sia tra i dimostranti che tra le forze dell’ordine. Egli difese la città e insieme la legalità, difese i diritti calpestati dei reggini ma si adoperò sempre, da pastore, a placare e sopire gli animi, ben consapevole - come di fatto avvenne - che avrebbe incontrato l’ostilità dei più facinorosi, sia tra la forze politiche nazionali (è ben noto il giudizio ingiusto e ingeneroso sul nostro Arcivescovo dato da Giacomo Mancini, allora tra i leader del Psi) che tra gli stessi rivoltosi. In quelle giornate di rabbia e angoscia, come nei momenti difficili che hanno costellato la storia di Reggio Calabria (rivolte contro le ingiustizie perpetrate dagli occupanti di turno, guerre intestine, razzie, pestilenze ed eventi naturali), nel momento stesso in cui venne meno ogni autorità morale, la città ritrovò nel Vescovo Ferro il padre attento e premuroso, prodigo di consigli, dialogante ma fermo nel difendere i valori religiosi, etici e civili in una Reggio che si sentiva, ancora una volta, ferita dalla storia.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 35

APPUNTAMENTI CALABRIA CASTROVILLARI Va in scena l’ottavo spettacolo inserito nel cartellone messo a punto dall’amministrazione comunale

Al teatro Sybaris la compagnia Krypton “Panza, crianza, ricordanza” è scritto diretto e interpretato da Giancarlo Cauteruccio CASTROVILLARI — Al teatro Sybaris di Castrovillari mar-

tedì 20 gennaio alle 21,00 va in scena l’ottavo spettacolo inserito nel cartellone messo a punto dall’amministrazione comunale e da Teatri Calabresi Associati. Si tratta di “Panza, crianza, ricordanza - tre pezzi dalla solitudine” della compagnia Krypton di Firenze, scritto diretto e interpretato da Giancarlo Cauteruccio. «Lo spettacolo rientra fra i sei che sono nella sezione fuori abbonamento - spiega il sindaco Franco Blaiotta - per una stagione teatrale che sta avendo una buona risposta di pubblico a conferma della scelta, fatta con Tca, di offrire un’ampia varietà di generi, dal livello qualitativo alto, e nello stesso tempo viene premiato lo sforzo che ha fatto l’amministrazione comunale nel tenere il costo dei biglietti molto più basso rispetto alle altre realtà del circondario». Nello spettacolo in scena martedì sera, Giancarlo Cauteruccio affronta il tema della solitudine e della marginalità esistenziale dell’essere contemporaneo e conseguentemente dell’artista contemporaneo che se ne fa interprete e testimone. Travalicando ogni tentativo di rappresentazione, sceglie tre punti cardine che pongono come centrale la questione del corpo e la sua complessità, la sua patologia, la sua dirompenza mnemonica. E non si tratta di un corpo “altro”, ma direttamente del corpo dell’artista dal quale scaturisce l’emergenza creativa, espressiva, esistenziale. Lo affiancano sulla scena Peppe Voltarelli (voce, chitarra, fisarmonica) e Gennaro De Rosa (percussioni) che eseguono una partitura sgorgata dalla REGGIO CALABRIA — Oggi per l’in-

tera giornata (apertura lavori ore 8 chiusura lavori ore 19.30) presso l’Aula Magna della Facoltà di Ingegneria di Reggio Calabria, si terrà il corso di formazione e aggiornamento teorico-pratico sulla raccolta del cordone ombelicale, organizzato dalla “Calabria Cord Blood Bank” (Ccbb) a 3 anni dalla nascita della Banca. La Calabria Cord Blood Bank, nata in seguito alla Delibera Regione Calabria n° 339 del Maggio 2004, è attiva dal gennaio 2006 presso il Centro Unico Regionale Trapianti Midollo Osseo dell’Azienda Ospedaliera “Bianchi-Melacrino-Morelli” di Reggio Calabria. La realizzazione della Calabria Cord Blood Bank consente alla Calabria di far parte del network italiano delle 18 Banche attive presenti sul territorio nazionale e riconosciute dal Centro Nazionale Trapianti e Centro Nazionale Sangue, dal 2007 denominato Italian Cord Blood Network. È così possibile la donazione del sangue di cordone ombelicale anche nella nostra Regione, presso i Centri di Raccolta Regionali (Crr) che hanno aderito al “Progetto Banca cellule cordonali e terapie cellulari”. Il progetto riveste notevole importanza, poiché l’impiego delle cellule staminali a scopo terapeutico trova una sempre più ampia diffusione nella pratica clinica e il sangue prelevato dal cordone ombelicale rappresenta una concreta alternativa al midollo osseo nella terapia di alcune malattie ematologiche, soprattutto nei bambini. Nel sangue cordonale dei neonati a termine sono, infatti, contenute cellule staminali emopoietiche identiche a quelle del midollo osseo. Due terzi dei pazienti che necessitano di un trapianto non hanno, tra i fratelli, un donatore compatibile. Per loro, l’unica speranza consiste nel ricercare un donatore volontario di midollo osseo compatibile al di fuori della famiglia, ma i tempi per la ricerca sono lunghi e solo in un terzo dei casi si riesce a trovare un donatore compatibile. Rispetto al midollo del donatore volontario, le unità di cellule cordonali, raccolte dopo la nascita, in condizioni di sterilità, con una semplice procedura che è priva di rischi per la madre e per il neonato, hanno il vantaggio di essere prontamente disponibili perché già depositate e tipizzate per il sistema Hla e ciò permette di ridurre sensibilmente i tempi di attesa. Inoltre, nei pazienti trapiantati con sangue

scrittura e dall’improvvisazione dal ritmo serrato dell’interprete. I costumi dello spettacolo sono di Massimo Bevilacqua e le luci di Loris Giancola. Cauteruccio, in dialetto calabrese, mette in gioco sé medesimo come corpo unico dell’opera, come vittima e carnefice, come soggetto e oggetto dell’esperienza totale dell’arte, in senso poetico/sentimentale e fisico/patologico. La sua voce particolare, il suo idioma originale, la sua obesità malata, la sua visionarietà, fortemente intrisa di memoria concorrono a creare un’opera teatrale performativa estrema e profonda. In questo nuovo trittico Cauteruccio racconta della solitudine di un corpo estirpato, mobile e immobile, avanti e indietro, dentro e fuori, sazio e affamato, parlante e silente, luce e buio. Le tematiche fulcro di questi tre pezzi dalla solitudine sono: la malattia della fame con “Mi fa fame”, la rabbia dell’incomunicabilità con “Parru sulu” e il dolore della memoria con “M’arricuordu”. I tre momenti, sono caratterizzati da tre diversi oggetti/sculture mentre una sequenza di immagini video unifica l’intero percorso dello spettacolo. Un viaggio poetico dove la fame è un lamento, un’invettiva, un esorcismo all’ossessione del cibo, nella lingua dell’infanzia. Questa ossessione diviene il simbolo del contrasto tra un Occidente opulento e smanioso di consumo e un Oriente povero e privo di risorse; un amaro parallelo tra l’ingordigia morbosa di chi può avere tutto e il bisogno elementare di nutrirsi di coloro che non possiedono nulla. La sua rabbia verso l’incomunicabilità lo porta a parlare da so-

lo con tutti e con tutto. Un’analisi sulla parola nell’era contemporanea, la parola detta, scritta, urlata, stampata, negata; la parola defraudata dal caotico sistema della comunicazione. Il ricordo come serbatoio della memoria a cui attingere quando il “qui e ora” vacilla nell’assedio inesorabile, offrendo una nuova possibilità, forse una via d’uscita. La Compagnia Krypton è stata molto apprezzata negli anni scorsi nel capoluogo del Pollino con “Roccu u stortu” del 2001 di Francesco Suriano, “Ico No clast” del 2002 di Giampaolo Spinato e “B” sempre di Spinato del 2005, e con “Nella solitudine dei campi di cotone” del 2006 di Bernard Maria Koltès. La sede stabile della compagnia è il Teatro Studio di Scandicci (Firenze), e qui, da oltre quindici anni, Krypton ha fondato un concreto laboratorio permanente dedicato all’innesto delle tecnologie digitali all’interno della dimensione creativa, dalle arti sceniche alle sue contaminazioni con l’architettura e la visual art, la poesia, la musica. Giancarlo Cauteruccio regista-attore-scenografo-artista visivo, è noto in Italia e all'estero per la sua particolare poetica basata sul rapporto tra arte e tecnologia. Il suo Teatro di Luce, gli ambienti video, le performances sul paesaggio appartengono ad una sperimentazione avviata fin dalla fine degli anni '70. Nel 2005 Cauteruccio è nella terna del Premio Eti - Gli Olimpici del Teatro con “Ubu c’è”, per il migliore spettacolo di innovazione. L’anno dopo vince il Premio dell’Associazione nazionale critici di teatro per la regia del “Trittico beckettiano”.

REGGIO CALABRIACorso di formazione e aggiornamento teorico-pratico organizzato dalla Calabria Cord Blood Bank

La raccolta del cordone ombelicale cordonale, sono meno frequenti alcune complicanze osservate nei trapianti di midollo. La madre favorevole alla donazione può rivolgersi al proprio ginecologo che le farà compilare il modulo di consenso informato, la sottoporrà ad un’intervista per raccogliere le informazioni cliniche familiari e, infine, eseguirà un prelievo di sangue per gli esami previsti dalla legge per la sicurezza della donazione e per lo studio della compatibilità. Inoltre, sarà invitata

L’impiego delle cellule staminali a scopo terapeutico trova una sempre più ampia diffusione

a recarsi dopo 6-12 mesi dal parto, presso il Servizio di Medicina Trasfusionale più vicino al proprio domicilio, per essere sottoposta ad un secondo colloquio e un altro prelievo di sangue per la conferma dei test già eseguiti. Solo dopo questa valutazione l’unità di sangue cordonale, conservata in azoto liquido a 196°C presso la Calabria Cord Blood Bank, sarà ritenuta idonea per essere disponibile per i pazienti in lista di attesa per il trapianto.

LAMEZIA TERME Domani alle ore 17,30 nella chiesa Cattedrale Rossano, 3ª edizione

Il Vescovo incontra le famiglie

“Città della Musica” domani un concerto

LAMEZIA TERME — Fino al 18 gennaio 2009 si svolge a Città del Messico l’Incontro Mondiale delle Famiglie. L’evento vede coinvolta tutta la Chiesa, pastori e laici, che insieme riflettono sul tema: “La famiglia, formatrice ai valori umani e cristiani”. La formazione e l’educazione della persona nella sua totalità è parte integrante della missione della Chiesa. La famiglia a sua volta, partecipa in modo speciale a questo compito essendo partecipe in un modo suo proprio ed originale alla missione di salvezza della Chiesa. Come ha ricordato il Concilio Vaticano II: «I genitori, poiché hanno trasmesso la vita ai figli, hanno l'obbligo gravissimo di educare la prole: vanno pertanto considerati come i primi e principali educatori di essa. Questa loro funzione educativa è tanto importante che, se manca, può appena essere supplita. Tocca infatti ai genitori creare in seno alla famiglia quell'atmosfera vivificata dall'amore e dalla pietà verso Dio e verso gli uomini, che favorisce l'educazione completa dei figli in senso personale e sociale. La famiglia è dunque la prima scuola di virtù sociali di cui appunto han bisogno tutte le società» («Gravissimum Educationis», 3). In occasione di questo evento mondiale il Vescovo Mons. Luigi Antonio Cantafora, incontrerà tutte le famiglie della Diocesi domani 18 gennaio alle ore 17,30 nella chiesa Cattedrale di Lamezia Terme. Durante la celebrazione eucaristica, il Vescovo conferirà un particolare mandato alle coppie che collaborano

ROSSANO — Continuano i pome-

con l’Ufficio diocesano per la Famiglia e la Vita. Tali coniugi, consapevoli della loro partecipazione alla missione evangelizzatrice della Chiesa, offriranno la loro esperienza culturale e di vita per la formazione delle giovani coppie al sacramento del Matrimonio. Uno speciale mandato sarà conferito dal Vescovo ad una famiglia che nei prossimi mesi andrà in missione in Cina. Giuseppe e Veronica Ferraro, della parrocchia Santa Maria Goretti in Sambiase, insieme ai loro quattro bambini (Carmen, Giacinto, Benedetta e Davide), rispondendo ad una speciale chiamata del Signore, si recheranno ad annunciare il Vangelo in terra di missione. E’ questa un’occasione specialissima per la nostra Diocesi ed il nostro territorio: in un contesto sociale e culturale in cui la famiglia tende a chiudersi su se stessa e a concepirsi sempre più in modo autoreferenziale, Giuseppe e Veronica, che lasceranno il loro lavoro, la loro città e le loro sicurezze, rappresentano certamente un esempio ed uno stimolo. Pertanto sono invitate all’incontro tutte le famiglie della Diocesi, tutti i gruppi, i movimenti e le associazioni; in particolare i gruppi famiglia ed i gruppi missionari presenti sul territorio diocesano. Programma: ore 17,15 accoglienza in cattedrale; ore 17,30 veglia missionaria durante la quale Giuseppe e Veronica offriranno la loro testimonianza; ore 18,30 Santa Messa e conferimento dei mandati.

riggi musicali della terza edizione della Città della Musica, organizzata dall’Assessorato al Turismo e Spettacolo del Comune di Rossano, diretto dalla dottoressa Antonella Converso. Domani alle ore 18.30, a palazzo San Bernardino si esibiranno Marina Luca al pianoforte e Rossella Pugliano al violino. Le due artiste proporranno la sonata n. 24 di Beethoven in fa maggiore denominata “La Primavera” e la sonata n. 2 di Brahms in la maggiore. Marina Luca si è diplomata giovanissima, con il massimo dei voti, presso il conservatorio “Giacomantonio di Cosenza, sotto la guida del maestro Antonella Calvelli. Inoltre ha conseguito la laurea in Filosofia e Scienza della Comunicazione e della Conoscenza con lode presso l’Unical. Ha preso parte alla 46° stagione lirica del Teatro di tradizione “Alfonso Rendano” di Cosenza, in qualità di stagista, maestro sostituto e collaboratore. L’elenco dei premi conseguiti è lunghissimo, ci piace segnalare, fra i tanti, il I Premio al concorso nazionale di esecuzione musicale Città di Cerisano. Rossella Pugliano ha studiato violino presso il conservatorio “Giacomantonio”, sotto la guida dei maestri Massa e Azzaro. Nel 2003 ha vinto l’audizione per l’Orchestra Giovanile Italiana e da allora studia con il maestro Felice Cusano, presso la scuola di musica di Fiesole. Nel 2006 - 2007 ha collaborato con l’Orchestra Cherubini diretta dal Maestro Riccardo Muti.

Nel triennio 2006/2008 il team della Calabria Cbb ha dato avvio a campagne d’informazione, sensibilizzazione e diffusione della cultura della donazione del cordone ombelicale rivolte ai professionisti medici ed ostetrici delle Aziende Ospedaliere e delle Case di Cura private presenti nella Regione Calabria nonché alle mamme in attesa che, nel momento più bello della loro vita, possono compiere questo meraviglioso atto di solidarietà. Grazie all’impegno di professionisti medici, ostetrici ed infermieri dei Centri di Raccolta accreditati, del personale dei Servizi di Immunoematologia Trasfusionale del territorio regionale, del Centro di Tipizzazione Tissutale, delle Uo di Microbiologia, Virologia, Neonatologia dell’Ao “Bianchi-Melacrino-Morelli”, è possibile anche in Calabria realizzare il sogno di tante mamme in attesa: donare il sangue del cordone ombelicale del loro piccolo. Il Direttore Dott. Pasquale Iacopino ha scelto una squadra tutta al femminile, composta dalle Dott. sse Giulia Pucci, Antonella Pontari, Daniela Marcuccio, Renza Monteleone e Irene Bova, che ha portato la Calabria Cord Blood Bank a ottenere il certificato di qualità Iso 9001:2000 nel settembre 2007 e che ora si appresta a ricevere l’accreditamento di eccellenza Fact (Foundatione for the Accreditation of Cellular Therapy). In occasione del corso di formazione, l’Adisco, che svolge un ruolo fondamentale nella promozione della donazione del sangue cordonale e la cui presenza attiva sul territorio è stata di prezioso aiuto in questi tre anni di vita della Calabria Cbb, ha istituito un premio da assegnare, in presenza del Primo Cittadino, ai 3 migliori Centri che si sono distinti per l’impegno degli operatori nella realizzazione del Progetto e per l’applicazione delle procedure operative, atte a migliorare il prodotto raccolto; inoltre, verranno assegnati dei riconoscimenti ai Servizi Trasfusionali che hanno attivamente collaborato con la Calabria Cbb. La consegna dei premi e dei riconoscimenti avverrà in presenza della Consigliera di Parità della Provincia di Reggio Calabria, la d. ssa Daniela De Blasio, che ha seguito le attività della Calabria Cord Blood Bank mostrando una sensibilità non comune e contribuendo in modo prezioso alla diffusione e informazione del progetto “Banca cordone ombelicale”.


36 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

La prima edizione del “Carnevale delle tradizioni” fino al 24 febbraio ad Altomonte

Festival del folklore a Castrovillari IL CARTELLONE

La sesta edizione della mostra europea del presepe a Catanzaro

ALTOMONTE (Cs) - Iniziative di Carnevale Pronto il cartellone del “Primo carnevale delle tradizioni” che si terrà nella città di Altomonte fino al 24 febbraio 2009. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Altomonte ed è ideata e promossa dai giovani dell’associazione culturale denominata “Altomonte in Movimento”.

Febbraio, Gianluca Belardi in “danni di piombo”. Sa- riali 9.00 - 13.00, 16.00 - 20.00 Festivi 10.00 - 13.00, bato 7 marzo, Compagnia Cavea in “Non ti pago”di E. 17.00 - 20.00. De Filippo. CASTROVILLARI (Cs) - Concerto gospel Martedì 4 febbraio 2009, presso la Sala 14 del Protoconvento, nell’ambito dell’iniziativa rientrante nella programmazione del Cosenza Jazz Festival & Musica in Provincia, è in programma una rassegna organizzata dall'Associazione Picanto con il patrocinio della Soprintendenza Base della Calabria, dell'assessorato al Turismo e Spettacolo della provincia di Cosenza e di ben dodici Amministrazioni comunali, si terrà il concerto dei Tenor Legacy, quartetto "piano - less" dei sassofonisti Daniele Scannapieco e Max Ionata con Reuben Rogers al contrabbasso e Clarence Penn alla batteria. La rassegna si concluderà lunedì 16 febbraio 2009 con l’esibizione del quartetto all star band del sassofonista Jimmy Greene, con Xavier Davis al piano, Vicente Archer al contrabbasso e Gregory Hutchinson alla batteria.

CARIATI (Cs) - Studenti a Bruxelles Da lunedì 9 a giovedì 12 febbraio, i sei studenti vincitori della prima edizione del concorso denominato “Diventare Cittadini Europei” dedicato alla memoria di Altiero Spinelli, padre italiano dell’unità europea, saranno a Bruxelles per spendersi il viaggio/premio oggetto del concorso stesso. Gli studenti in questione, lo ricordiamo, sono stati selezionati da una Commissione esaminatrice, riunitasi lo scorso mese di dicembre, presieduta dal direttore dell’Università Popolare di Rossano il prof. Giovanni Sapia e composta da rappresentanti del Consiglio Comunale cittadino, degli istituti secondari coinvolti e dal Movimento Federalista Europeo. Tra i premiati del concorso sopra descritto, frequentanti gli istituti superiori di Cariati, CASTROVILLARI (Cs) - Carnevale e festival folk Ipsaar, Ipsia e Liceo Scientifico, vi sono anche degli studenti residenti a Cirò Marina, a Crucoli ed a Scala Fino a martedì 24 febbraio 2009, è in programma il cinquantunesimo carnevale di Castrovillari & festival inCoeli. ternazionale del folklore”. L’evento, organizzato dalla Pro Loco del Pollino di Castrovillari - presieduta da Giovanni Amato - in collaborazione con l’AmministrazioCASTROVILLARI (Cs) - Spettacoli Primafila Riparte la settima edizione di Primafila. Gli abbona- ne Comunale di Castrovillari e con il contributo degli menti per la rassegna che si terrà a Castrovillari pres- Assessorati al Turismo e Spettacolo di Provincia di Coso il Teatro Sybaris-Protoconvento Francescano fino senza e Regione Calabria e dell’Ente Parco Nazionale al 7 marzo (ore 21.30) e che prevede sette spettacoli del Pollino, sarà diretto artisticamente da Gerardo Boha il costo di 70,00, sono già in vendita presso la Dany nifati. Music di via Mazzini 57/A e la sede dell’associazione Culturale Novecento in Via G. Boccaccio n.14 men- CATANZARO - Mostra “Effetti d’arte” tre, tra le novità di quest’anno, per tutti coloro che saranno presenti sul territorio cosentino, solo nel pe- Niko Citriniti e Giorgia Boccuzzi saranno i protagoniriodo Natalizio, è in vendita l’ abbonamento Festività sti della nuova mostra organizzata al teatro Masciari che prevede tre spettacoli al costo di 37,00. Il pro- di Catanzaro nell'ambito di "Effetti d'arte, "Pop-recycle" gramma degli spettacoli: Sabato 24 gennaio, Compa- prima e dopo lo spettacolo". La vetrina artistica, allegnia teatrale Tisette gruppo del Pierrot in “L’arte del- stita nei locali adiacenti il foyer della storica struttura la commedia”di E. De Filippo. Sabato 7 febbraio, catanzarese e arricchita da pezzi unici che bene rapCompagnia B-Way in “Grease” il Musical. Sabato 28 presentano la fusione tra Pop art e Recycle art, rimarrà aperta fino a mercoledì 28 gennaio e sarà visitabile dalle ore 18.00 fino a tarda sera.

Per segnalare un appuntamento a questa rubrica, inviare una e-mail all’indirizzo di posta elettronica

appuntamenti@ildomani.it o un fax al numero 0961-903801 ALMENO QUARANTOTTO ORE PRIMA DELLO SVOLGIMENTO DELL’EVENTO

CATANZARO - Mostra europea del presepe Fino al 18 gennaio 2009, presso il Complesso San Giovanni - Basilica dell'Immacolata a Catanzaro, dalle ore 9.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00, si terrà la VI mostra europea del presepe. La stessa sarò ospitata nei locali del Parlamento Europeo a Bruxelles dal 28 al 30 gennaio e presso l’Istituto italiano di cultura dal 28 Gennaio al 9 febbraio prossimo. CATANZARO - Mostra di Mimmo Rotella Fino al 20 gennaio, presso la F.lli Verduci Arte di via Duomo al n.18, si terrà la mostra dell’artista Mimmo Rotella. Orario di apertura e chiusura della galleria: fe-

CATANZARO - Esposizione di Mimmo Rotella Rinnovata al Marca l’esposizione delle lamiere di Mimmo Rotella. Dopo cinque mesi di successi ed il grande consenso popolare che ha caratterizzato l’apertura del museo e lo spazio dedicato al maestro catanzarese, è tempo di cambiamenti. Così la mostra delle lamiere si completa con una integrazione che aiuta a comprendere fino in fondo una delle fasi creative più feconde del grande artista catanzarese. Grazie alla collaborazione tra Provincia di Catanzaro e Fondazione Rotella sono infatti giunte a Catanzaro, prevalentemente da importanti collezioni private milanesi, altre 16 opere. La rinnovata esposizione, curata ancora da Alberto Fiz, si protrarrà fino al mese di marzo. CATANZARO - Rassegna espositiva Inaugurata presso il Complesso Monumentale del San Giovanni di Catanzaro, un’ampia rassegna espositiva dedicata ai più grandi pittori calabresi del Seicento, attivi a Roma: Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti, a cura di Rossella Vodret e Giorgio Leone. L’esposizione, voluta dalla Regione Calabria e dalla città di Catanzaro, con il contributo del Comitato Nazionale per le celebrazioni del III centenario della morte di Mattia Preti, presieduto dall’On. Vittorio Sgarbi, è stata organizzata dalla Soprintendenza per i Beni Storico Artistici ed Etnoantropologici del Lazio, diretta da Rossella Vodret. La mostra, visitabile fino a domenica 15 marzo 2009, resterà aperta tutti i giorni della settimana, escluso il lunedì, dalle ore 10.00 alle ore 19.00.

Ogni lunedì sul Domani

LA PIAZZA Settimanale di economia locale con servizi sulle imprese e annunci gratuiti Per chi compra e vende, chi è a caccia di occasioni, chi cerca e offre lavoro. Case, ville, terreni, negozi, garage, auto, moto, accessori, bricolage, dischi, computer, attrezzi, software, mobili, audio-video Per contatti con la Redazione via mail: lapiazza@ildomani.it via fax: 0961-903801


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 37

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“I giovani leggono Dante”, iniziativa a cura del Circolo culturale “Augusto Placanica” a Catanzaro

“Ti racconto i miei diritti”, concorso per studenti IL CARTELLONE

Ultimo appuntamento con la rassegna “Parole chiave” nella Città dei Tre Colli

CATANZARO - Federazione ciclistica, elezione Si terrà oggi, alle ore 15.30, l'assemblea elettiva del Comitato provinciale catanzarese della Federazione Ciclistica Italiana presieduta da Giuseppe Brugnano, candidato al suo terzo mandato consecutivo. L'assemblea è convocata presso la sala consiliare della IV Circoscrizione in piazza Dogana ed è propedeutica al rinnovo delle cariche federali in vista della scadenza del quadriennio olimpico.

o

A O

CATANZARO - Amici della musica L’associazione Amici della musica di Catanzaro presenta la stagione concertistica 2009. Programma: oggi, ore 18.00, presso Palazzo de Nobili, Daniela Ramacher, violino; Mario Cavaceppi, pianoforte; venerdì 30 gennaio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Claudia Antonelli, arpa; Lidia Osha Vkova, flauto. Febbraio: venerdì 6 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, musica e immagini concerto per grandi e piccoli, Maria Vacca, compositrice e interprete al pianoforte; venerdì 13 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Mattia Zappa, violoncello; Massimiliano Mainolfi, pianoforte; venerdì 27 febbraio, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Vladimir Ovcinnikov, pianista. Marzo: venerdì 6 marzo,ore 18.00, presso palazzo de Nobili, sestetto d'archi di Amburgo, Alina Komissarova, violino; Joanna Rundberg, violino; Sonia Reuter, viola; Antje Dampel, viola; Roberto Trainini, violoncello; Joannes Krebs, violoncello; venerdì 20 marzo, ore 20.00, presso Basilica Immacolata, orchestra da camera I solisti di Sofia, Plamen Djurov, direttore. Aprile: venerdì 16 aprile, ore 21.00, presso auditorium A. Casalinuovo, "Voce e notte" il tenore nella grande tradizione musicale napoletana, Giuseppe Talamo, tenore; Francesco Stillitano, pianoforte; venerdì 24 aprile 2009, ore 18.00, presso palazzo de Nobili, Giuseppe Maiorca, pianista. Maggio: venerdì 8 maggio 2009, ore 18.00, palazzo de Nobili, musica e poesia, Antonella Attili, attrice; Francesco Stillitano, pianista; Giusy Verbaro Cipollina, poeta; mercoledì 13 maggio 2009, ore 21.00, presso il teatro Masciari, concerto di chiusura balletto "Etnika" compagnia mvula sungani.stribuiranno le tradizionali ed intramontabili crespelle. CATANZARO - Spettacolo per bambini L'assessorato alle Risorse Educative e Scolastiche, La Media service produzione spettacoli e la Fondazione Politeama presentano: "Primi Passi a Teatro". Il Progetto è finalizzato alla frequentazione dei bambini in teatro, una opportunità di svago domenicale per i genitori da condividere con i propri figli e potranno essere tema di discussione anche nelle scuole di appartenenza. Le rappresenazioni saranno effettuati dalla compagnia teatrale Il Cilindro del Teatro San Raffaele di Roma. Le date saranno: domenica 18 gennaio 2009 con "La Creazione del mondo”, domenica 15 febbraio 2009 con "Le mille e una notte”, domenica 22 marzo 2009 con "I VII Re di Roma” e domenica 19 aprile 2009 con "Un Uomo chiamato Francesco". Il prezzo del biglietto è di Euro 5,00 posto unico. Per informazioni e prenotazioni: biglietteria teatro Politeama 0961501818 / 501819 negli orari di apertura biglietteria oppure fuori orario: cell. 334.2637312 338.6302118. CATANZARO - Concerto lirico Domenica 18 gennaio 2009, alle ore 17.30, presso la sala Concerti del Comune di Catanzaro, si terrà un concerto lirico per canto e pianoforte organizzato dagli Amici dell'opera lirica "Jussi Bjorling" (Adol). CATANZARO - Eventi circolo Placanica Il Circolo di Cultura "Augusto Placanica" sito in via Scalfaro, al numero 15/bis di Catanzaro, presenta il calendario delle prossime attività. Lunedì 19 gennaio alle ore 17.30 presso la sala convegni dell’Istituto Industriale di p.zza Matteotti, conversazione di storia su "Islam: religione, politica, ideologia". Relatore prof. Nicola Fiorita. CATANZARO - Mostra Molè Da lunedì 19 gennaio a mercoledì 28 gennaio, presso la chiesetta di San Omobono di Catanzaro, il maestro Francesco Molè esporrà una serie di disegni e pitture

ispirati alla maternità. CATANZARO - “I comportamenti legati al ruolo” Martedì 20 e mercoledì 21 gennaio, a Palazzo de Nobili, terzo modulo del corso “I comportamenti legati al ruolo”. Iniziativa intrapresa dalla Fondazione centro di formazione permanente presieduta dall’assessore Francesco Granato. Il corso rientra nel programma di riqualificazione e formazione del personale avviata dal centro diretto dal dott Roberto Di Tommaso e che si avvale della collaborazione del settore risorse umane ed organizzazione guidato da Carmelina Screnci. La due giorni di lavoro che vedrà la presenza della dottoressa Barbara Battelli, esperta in comunicazione e relazioni interpersonali, tratterà quattro temi fondamentali che riguardano l’apparato burocratico dell’ente. La qualità del servizio:

Il Politeama ospita “Madre coraggio”

Comune di Catanzaro, dalla Presidenza della Camera di Commercio di Catanzaro e di altri importanti partners privati, si propone come piccola enciclopedia attraverso specifici dialoghi tematici che di volta in volta prendono in esame una pregnante "parola" del nostro tempo e sarà come di consueto moderata da Raffaele Gaetano. CATANZARO - Concorso Unicef In occasione della ricorrenza del 60° anniversario della dichiarazione universale dei diritti umani, il Comitato provinciale dell’Unicef di Catanzaro ha bandito un concorso a premi sul tema “Ti racconto i miei Diritti” per gli alunni delle scuole elementari, medie e del biennio degli istituti superiori della provincia. I termini per l’adesione al concorso da parte delle scuole avverrà attraverso una scheda di adesione che dovrà essere trasmessa al Comitato Provinciale Unicef (c/o Direzione Didattica del 5° circolo- Viale Tommaso Campanella 125-Catanzaro) entro martedì 20 gennaio; i lavori degli alunni, raccolti a cura dei Dirigenti Scolastici dovranno essere trasmessi dagli stessi, in plico sigillato e allo stesso indirizzo su esteso, entro lunedì 20 aprile 2009.

CATANZARO - Assemblea provinciale Pd Giovedì 25 gennaio 2009, il Partito Democratico calabrese terrà una serie di congressi provinciali per l’elezione degli organismi dirigenti. CATANZARO - Assemblea elettiva Il Commissario straordinario Fib Calabria, ha indetto per domenica 25 gennaio 2009, presso la sede del Coni Provinciale di Catanzaro, sala conferenze della Figc – Lnd comitato regionale Calabria sita in via Contessa Clemenza al n.1 di Catanzaro, a partire dalle ore 8.00 in prima convocazione e a partire dalle ore 9.00 in seconda convocazione, l’Assemblea regionale ordinaria elettiva.

Prosegue la stagione teatrale 2008/2009 del Politeama. Martedì 27 e mercoledì 28 gennaio lo spettacolo che animerà il pubblico catanzarese e non solo sarà “Madre coraggio” di Bertold Brecht con Isa Danieli. Si ricorda che la direzione del Politeama, in considerazione delle numerose richieste che stanno arrivando da tutta la regione, ha deciso di anticipare l’inizio delle prevendite per gli spettacoli in programma nel mese di gennaio. i fattori che la determinano; la comunicazione interpersonale l’assertività; le principali norme comportamentali; la metodologia didattica: interventi ed esercitazioni. Sarà l’assessore Francesco Granato a presentare il corso, mentre la dirigente del settore personali, Carmelina Screnci introdurrà i lavori. Tutor del corso, Daniela Gentile, coordinatore Domenico Marino.

CATANZARO - Appuntamento “Parole chiave” Martedì 20 gennaio 2009, alle 18.00, presso l’Auditorium A. Casalinuovo di Catanzaro, con Liliana De Curtis figlia dell'immortale Totò, si terrà l’ultimo appuntamento dell’interessante rassegna culturale denominata “Parole chiave”. La rassegna di alta cultura, promossa dalla Presidenza della Giunta regionale della Calabria con il contributo della Presidenza della provincia di Catanzaro, dall'assessorato alla Cultura del

CATANZARO - Stagione Politeama 2008/2009 Di seguito il programma al completo della stagione teatrale 2008/2009 del Politeama: martedì 27 e mercoledì 28 gennaio “Madre coraggio” di Bertold Brecht con Isa Danieli; martedì 3 e mercoledì 4 febbraio, “Poveri ma belli”, un’idea di Pietro Garinei e Guido Lombardo, con Bianca Guaccero, Antonello Angiolillo e Michele Canfora; giovedì 12 febbraio, “Giselle “di Jules - Henri Vernoy de Saint - Georges e Thèophile Gautier - corpo di ballo del maggio musicale fiorentino; mercoledì 18 e giovedì19 febbraio “La strada” di Tullio Pinelli e Bernardino Zapponi, con Massimo Venturiello e Tosca, tratta dall’omonimo film di Federico Fellini; domenica 22 febbraio “Lo Schiaccianoci” di Pyotr Ilyich Tchaicovsky. Balletto nazionale di Sofia; venerdì 6 marzo “Puppin Sisters live. See the fabulous”; martedì 10 e mercoledì 11 marzo, “Faust” di Johann Wolfgang Goethe, con Glauco Mauri e Roberto Sturno; domenica 15 marzo “Mare notrum”. Concerto del trio Poalo Fresu, Richard Galliano e Jan Lundgren; Giovedì 19 marzo “Recital” di Hirano Midori al violino e Charles Abramovic al pianoforte; giovedì 26 e venerdì 27 marzo “Due dozzine di rose scarlatte” di Aldo De Benedetti, con Leopoldo Mastelloni e Katia Terlizzi; venerdì 3 e sabato 4 aprile, “Momix - Bothanica”. L’ultimo capolavoro di Moses Pendleton; giovedì 9 aprile,“Ludovico Einaudi”, piano solo; venerdì 17 aprile, “La Serena”, con Teresa Salgueiro e Lusitania Ensemble; giovedì 23 aprile, “Domenico Codispoti” in concerto; lunedì 4 maggio, serata d’onore “Tributo ad Armando Trovajoli” con l’.Orchestra e coro del teatro San Carlo di Napoli; venerdì 8 domenica 10 maggio, “High School Musical. Il Politeama al Masciari”. Sabato 21 novembre 2009, “Tutto quello che le donne (non) dicono”, di Francesca Reggiani e Walter Lupo. Sabato 19 dicembre 2009, “Completamente spettinato” con Paolo Migone; Venerdì 22 gennaio 2009, “Outlet”, scritto da Cinzia Leone con Paola Cannatello; Domenica 14 febbraio 2009, “Per tutti Revolution” di Alessandro Siani e Francesco Albanese con la partecipazione di Lello Musella; 21 marzo 2009, Cose che mi sono capitate di Francesco Freyrie e Eugenio Ghiozzi, con Gene Gnocchi; 1 aprile 2009, recital Il meglio di... con Teresa Mannino e Federico Basso.


38 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Il secondo ciclo di lezioni del seminario di formazione culturale e politica a Catanzaro

A Chiaravalle “La notte più bella della mia vita” IL CARTELLONE

La quarta edizione del “Jazz festival e musica in provincia” a Cosenza

CATANZARO - Prevendita biglietti Politeama La direzione del Politeama, in considerazione delle numerose richieste che stanno arrivando da tutta la regione, ha deciso di anticipare l’inizio delle prevendite per gli spettacoli in programma nel mese di gennaio: Madre Coraggio (martedì 27 e mercoledi 28 gennaio). Il botteghino del Politeama, come è noto, è aperto tutti i giorni della settimana, tranne la domenica, dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00.

CATANZARO - Istituzione albo fornitori Inpdap La Inpdap – Direzione Regionale Calabria - informa che è in corso l’istituzione dell’Albo Fornitori Nazionale dell’Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica, realizzato mediante procedura di accesso on-line, accessibile per le imprese attraverso il sito internet dell’Istituto: http://www.inpdap.gov.it" www.inpdap.gov.it. L’iscrizione on-line da parte delle imprese dovrà essere completata entro e non oltre lunedì 26 gennaio. La documentazione cartacea a corredo dovrà pervenire all’ufficio Gare e Contratti entro e non oltre giovedì 26 febbraio. CATANZARO - Seminario di formazione culturale Il secondo ciclo di lezioni del seminario di formazione culturale e politica, organizzato dalla Associazione culturale “La ragione e il tempo”, prosegue sabato 31 gennaio 2009, alle ore 17.00, nella Sala Cenacolo dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “E. Scalfaro”, piazza Matteotti, Catanzaro. Il presidente dell’Associazione culturale “La ragione e il tempo” Carlo Scalfaro terrà la lezione sul tema: “Giovanni Giolitti e lo Stato moderno”. Il seminario è rivolto a tutti coloro, giovani e meno giovani, che hanno ancora la capacità di porsi e di porre domande sulla nostra storia, sulle idee, sul pensiero e sul mondo in cui viviamo. CATANZARO - Biagio Antonacci in concerto Teatri sold out per la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”. Lo show sarà di scena il 31 gennaio al Politeama.

CATANZARO - Variazione orario uffici La Commissione tributaria regionale per la Calabria, sezione di Catanzaro, porta a conoscenza che gli orari di ricezione che si attueranno presso l’ufficio in questione, a partire dal giorno lunedì 2 febbraio 2009 saranno nella mattinata dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, e nel pomeriggio, dalle ore 14.30 alle ore 15.30. CATANZARO - Adol, la stagione L'Adol “Jussi Bjorling” presenta il programma 2008/2009: Sabato 14 febbraio, sul Don Giovanni di Mozart ore 17.30, presso San Giovanni; Sabato 14 marzo, grandi scene da opere Verdiane ore 17.30, presso il Circolo Unione; Sabato 11 aprile, sulla dire-

zione e concertazione d’orchestra nell’opera lirica ore 17.30, presso il CicoloUnione; maggio(data e ora da definire), messa in scena de “La Serva Padrona” di Pergolesi, presso l'Auditorium Casalinuovo. CATANZARO - Invito As Venice Club L’Associazione ”A.s. Venice Club“ con sede in via Cosenza (accanto Sidis di Catanzaro Lido) vi aspetta per festeggiare insieme il rinnovo locali; un modo per far star bene mente e corpo. CATANZARO - Reclutamento Luiss La Luiss, - Libera università internazionale degli studi sociaali “Guido Carli”, sta reclutando i migliori talenti su tutto il territorio nazionale, valorizzando l’eccellenza di un modello che, per la qualità della didattica e dell’ambiente studentesco e il forte collegamento con il mondo del lavoro, forma con cultura d’impresa e vocazione internazionale “classe dirigente” per il Paese. L’evento, organizzato in collaborazione con Confindustria Catanzaro, avrà come oggetto le opportunità di studio e gli sbocchi professionali offerti dalla Luiss: uno dei più importanti atenei italiani, il cui presidente è Luca di Montezemolo. La prova di ammissione ai Corsi della Luiss si terrà lunedì 6 aprile 2009 a Roma e, contemporaneamente, in altre città italiane, tra cui Catanzaro per agevolare gli studenti a svolgere la prova stessa nella propria regione di residenza. CHIARAVALLE (Cz) - Spettacolo teatrale Venerdì 23 gennaio 2009, per la stagione teatrale di Chiaravalle 2008/2009, con Gian Marco Tognazzi e Bruno Armando, sarà in scena lo spettacolo diretto dal regista Armando Pugliese, “La notte più bella della mia vita”. CHIARAVALLE (Cz) - Stagione teatrale 2009 Domenica 15 febbraio “Edipo a Colono” di Sofocle premio olimpico 2008 con Roberto Herlitzka, regia di Ruggero Cappuccio. Sabato 28 febbraio “Lisetta” di T. Falvo con P. Cristiano,Sabina Ermio, T.Falvo, regia di Tonino Falvo. Sabato 14 marzo “Marlene” di Guseppe Manfridi con Pamela Villoresi, David Sebasti, Orso Maria Guerrini, regia di Maurizio Panici. Sabato 21 marzo “L‘amore mio non può”di Lia Levi con Manuela Kustermann regia di Manuela Kustermann. Sabato 4 aprile “La Cena Dei Cretini” di Francis Veber con S. Douani, F. Calderoni,R. Graziosi, regia di F.Calderoni e S. Douani . Sabato 18 aprile “Goodnight Italia” di N. Leonzio,G.Giugliarelli, S.Marino con S. Marino, Federica Innocenzi regia di Lamberto Dorigo. Sabato 9 maggio “I due gemelli veneziani”di Carlo Goldoni, Compagnia teatrale Tempo Nuovo. Abbonamenti: Poltrona 140,00 - ridotto 100,00. CORIGLIANO (Cs) - Convegno - dibattito Sabato 24 gennaio, alle ore 16.30, presso il Centro di

eccellenza di Corigliano Scalo, si terrà un convegnodibattito, organizzato dalla Città di Corigliano Calabro – Biblioteca “F. Pometti” e Mediateca Regionale, sul tema “La passione per la politica. Partiti politici e Amministrazioni comunali a Corigliano Calabro dagli anni ’50 ai giorni nostri. La figura di Pasquale Orsini a dieci anni dalla scomparsa”. Lincontro, sarà utile agli organizzatori anche per tracciare un “amarcord” degli ultimi cinquant’anni di vita politica ed amministrativa cittadina. Interverranno al dibattito, il commissario prefettizio del Comune di Corigliano, Paola Galeone, Giovanni Pistoia ex sindaco di Corigliano e seguiranno le testimonianze di Mario Oliverio, presidente dell’Amministrazione provinciale di Cosenza; Franco Filareto , sindaco della città di Rossano; gli ex sindaci di Corigliano Pasquale Benvenuto, Ernesto Cerbella, Armando De Rosis, Cosimo Esposito, Giovanni Battista Genova, Giuseppe Geraci, Giampiero Morrone e Franco Pistoia. Non è esclusa la pertecipazione dei deputati Giovanni Dima e Cesare Marini, dell’assessore regionale Damiano Guagliardi, dei consiglieri regionali Maurizio Feraudo e Franco Pacenza, dell’assessore provinciale Luciano Manfrinato, dei consiglieri provinciali Pasqualina Straface e Franco Bruno. Nell’occasione sarà presentato il foto-video “La Piazza e la Politica” realizzato dalla Mediateca Regionale di Corigliano. COSENZA - Jazz festival & musica in provincia Fino a lunedì 16 febbraio, si svolgerà la 4ª edizione del Cosenza Jazz Festival & Musica in Provincia 2008/2009. Oltre al capoluogo di regione, coinvolgerà altri 10 Paesi del territorio provinciale quali Belvedere, Cassano allo Ionio, Castrovillari, Civita, Frascineto, Rossano, San Nicola Arcella, Scalea, Spezzano Albanese e Trebisacce.

Ogni lunedì sul Domani

LA PIAZZA Settimanale di economia locale con servizi sulle imprese e annunci gratuiti Per chi compra e vende, chi è a caccia di occasioni, chi cerca e offre lavoro. Case, ville, terreni, negozi, garage, auto, moto, accessori, bricolage, dischi, computer, attrezzi, software, mobili, audio-video Per contatti con la Redazione via mail: lapiazza@ildomani.it via fax: 0961-903801


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 39

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Ritorno a Crotone di Raffaele Paganini per il secondo appuntamento della rassegna “Percorsi”

Franco Battiato in concerto a Cosenza IL CARTELLONE

Appuntamenti con la musica jazz all’Università della Calabria

COSENZA - Incontro all’Holiday Inn Si svolgerà oggi presso l’Hotel Holiday Inn, a Cosenza, Via Panebianco, l’incontro tra rappresentanti di associazioni e movimenti autonomisti per verificare le condizioni politiche e programmatiche per la costruzione di un soggetto unitario che si faccia interprete del risveglio culturale e del riscatto economico e sociale del popolo meridionale. L’incontro, richiesto da delegati di Sicilia, Campania, Basilicata e Puglia è organizzato dai «Comitati per la Calabria» e da «Agra Calabria». Alle ore 12,30 è prevista una conferenza stampa dell’on. Beniamino Donnici, parlamentare europeo, per illustrare decisioni ed iniziative. Interverranno, tra gli altri, Francois Xavier Nicoletti - Presidente Fondazione Eritage, il dott. Enzo Maiorana - Presidente “Noi Meridionali”, Giuseppe Schirinzi di Alleanza federalista, Antonio Ciano – Partito del Sud di Napoli, l’avv. Lanfranco Calderazzo - Presidente “Agorà Calabria”, l’avv. Gianfranco Saccomanno, coordinatore “Comitati per la Calabria” e una delegazione pugliese dei centri di azione agraria.

COSENZA - Teatro Rendano, stagione di prosa Stagione di prosa 2008/2009 presso il teatro comunale "A. Rendano" di Cosenza. Oggi, ore 21.00, domenica 18 gennaio 2009, ore 18.00, Teatro Stabile della Sardegna "Pensaci Giacomino" di Luigi Pirandello, con Enzo Vetrano e Stefano Randisi; sabato 24 gennaio 2009, ore 21.00, domenica 25 gennaio 2009, ore 18.00, Compagnia Gli Ipocriti "Madre coraggio" di Bertolt Brecht, con Isa Danieli; sabato 14 febbraio, ore 21.00, domenica 15 febbraio, ore 18.00, Artisti associati "La variante di Lunenburg" dal romanzo di Paolo Maurensig, con Milva; sabato 21 febbraio, ore 21.00, domenica 22 febbraio, ore 18.00, Area teatromusica "Gloriosa" di Peter Quilter, con Katia Ricciarelli; sabato 28 febbraio, ore 21.00, domenica 1 marzo, ore 18.00, Il Teatro del Carretto "Pinocchio" da Carlo Collodi, regia di Maria Grazia Cipriani; giovedì 5 marzo, ore 21.00, venerdì 6 marzo, ore 21.00, Placet musical "Cenerentola" con Roberta Lanfranchi e Antonio Cupo, regia di Massimo Romeo Piparo; sabato 14 marzo, ore 21.00, domenica 15 marzo, ore 18.00, Gershwin spettacoli "Un Paese di gente per bene" con Gian Antonio Stella e Bebo Storti; sabato 21 marzo, ore 21.00, domenica 22 marzo, ore 18.00, Teatro Stabile delle Marche "Casa di bambola - L'altra Nora" da Henrik Ibsen con Lunetta Savino.

a cura di Centro Jazz Calabria, Cams e Centro residenziale che si terranno, da lunedì 19 a mercoledì 21 gennaio, presso l'Auditorium del Cams, a partire dalle ore 21,00 ed identifcati con il sottotitolo "Bridgetown" - “L'Unical come Bridgetown, Città del ponte e Accademia del Jazz, uno sguardo da quel ponte verso le culture, hub per saperi e linguaggi arti e musiche, scrigno aperto da cui fuoriescono cellule sonore". Il programma dei tre concerti: Lunedì 19 gennaio, Luca Aquino Francesco Villani Duet Heart & Tech. Martedì 20 gennaio, Rosellina Guzzo Trio Feat con Vincenzo Mancuso Celtica - Blues. Mercoledì 21 gennaio, Guido Schiraldi Feat Sanjay (Musica tradizionale Indiana ). COSENZA - Cartellone Teatro Morelli Cartellone teatro Morelli. Teatro: mercoledì 21 e giovedì 22 gennaio, Tognazzi, "La panne"; giovedì 5 e venerdì 6 febbraio, Bianca Guaccero "Poveri ma belli"; Martedì 2 e mercoledì 3 marzo, Amanda Sandrelli "Col piede giusto"; Lunedì 23 e martedì 24 marzo, Andrea

Attesa per Biagio Antonacci al Rendano di Cosenza

AVVISO AI LETTORI Per ottenere la pubblicazione in questa rubrica di appuntamenti riguardanti la cultura, l’arte, lo spettacolo, la convegnistica, e qualsivoglia altro evento, occorrerà che le comunicazioni giungano a questa redazione

ALMENO 48 ORE PRIMA Segnala un appuntamento via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801

COSENZA - Congresso Fnp-Cisl Su decisione del Consiglio generale, venerdì 13 febbraio prossimo si svolgerà a Cosenza, l’ottavo congresso territoriale della Federazione pensionati FnpCisl. COSENZA - “La scuola dei classici” Ritorna “La scuola dei classici”, stagione teatrale specificamente indirizzata alle giovani generazioni, con precipuo intento didattico e formativo. Per il secondo anno consecutivo l'associazione “Porta Cenere”, diretta da Mario Massaro e Natale Filice, in stretta collaborazione con il Comune di Cosenza, assessorato alle Politiche dell'educazione, offre ai dirigenti e ai docenti delle scuole medie inferiori e superiori la possibilità di arricchire l'offerta formativa curriculare con l'indispensabile apporto dei classici teatrali. Gli spettacoli avranno luogo presso il Teatro Comunale Italia "A. Tieri", sito in piazza Amendola a Cosenza e coinvolgeranno solo attori e tecnici professionisti. Per la stagione 2008/2009 i periodi programmati sono i seguenti: da lunedì 23 a sabato 28 febbraio "Anfitrione" di Plauto; ad aprile 2009 "Cavalleria Rusticana" di Giovanni Verga. COSENZA - Più di me tour 2009 Per i 50 anni di Carriera, la signora della canzone italiana, Ornella Vanoni, si esibirà nei principali teatri della penisola. Il suo debutto con il “Più di me tour 2009” il 7 marzo a Cesena. In Calabria, sarà al Teatro Rendano di Cosenza mercoledì 11 marzo. COSENZA - Anteprima stagione di prosa Teatro comunale Alfonso Rendano, anteprima stagione di prosa. Mercoledì 1 aprile concerto di Franco Battiato.

COSENZA - Staffetta Udi Lunedì 19 gennaio 2009, la Città di Cosenza, con una apposita cerimonia, accoglierà l’anfora dell’Udi proveniente da Reggio Calabria, Catanzaro e Lamezia Terme e che sarà consegnata all’Associazione Donne in cammino. L’anfora dell’Udi proseguirà poi il suo viaggio verso altre “stazioni” aderenti al progetto. COSENZA - Appuntamenti di musica jazz L’Accademia del Jazz, il festival nato nel 1992 all'Unical, presenta il prossimo calendario di appuntamenti

COSENZA - Biagio Antonacci in concerto Teatri sold out per la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”. Lo show sarà di scena il 30 gennaio al Rendano di Cosenza. Per ulteriori informazioni è possibile contattare la Esse Emme Musica di Maurizio Senese ai numeri telefonici 0961- 761471, cell 335/5244393 - oppure è possibile contattare il sito internet www.essemmemusica.it.

Teatri sold out per la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”. Lo show sarà di scena il 30 gennaio al Teatro Rendano di Cosenza. Per ulteriori informazioni è possibile contattare la Esse Emme Musica di Maurizio Senese ai numeri telefonici 0961- 761471; 335/5244393 - oppure è possibile contattare il sito internet www.essemmemusica.it. Giordana "L'Otello"; Domenica 5 aprile, Tosca D'Aquino "Ogni anno punto e a capo"; Venerdì 17 e giovedì 18 aprile, Vanessa Gravina "Vestire gli ignudi"; Sabato 16 e domenica 17 maggio, Eduardo Siravo, "Miles gloriosus". Musica: Venerdì 6 novembre, Lucio Dalla; Giovedì 3 dicembre, Gianluca Grignani; Lunedì 21 dicembre, opp.22 opp. 23 Harlem gospel; Giovedì 7 e venerdì 8 gennaio, Hair spray.

CROTONE - Rassegna “Percorsi” Il secondo appuntamento della rassegna “Percorsi”, organizzato dalla Provincia di Crotone, è fissato per il prossimo 21 gennaio con il gradito ritorno a Crotone di Raffaele Paganini con lo spettacolo “Fred Astaire e Ginger Rogers (In the navy)” - musiche: George Gershwin - Glenn Miller - Marco Melia - coreografie: Alfonso Paganini - Luigi Martelletta. Il programma “Percorsi” è una iniziativa della presidenza della Provincia di Crotone. Prezzi: Poltronissima euro10,00 biglietto intero - euro 8,00 biglietto ridotto - Poltrona : euro 8,00 biglietto intero - euro 6,00 biglietto ridotto – Galleria - posto unico: euro4,00. Per informazioni rivolgersi all’assessorato alla Cultura e P.I. della Provincia di Crotone – 0962/952212 - www.provincia.crotone.it.

CROTONE - Escursionismo invernale Da venerdì 23 gennaio, avrà inizio un nuovo ciclo di escursioni organizzate dall'associazione Explora aventi come scenari gli ambienti innevati della provincia di Crotone e del resto della Calabria. La quarta edizione del Corso di escursionismo invernale, si svolgerà nei fine settimana con visite nei territori interni della regione e consentendo di conoscere ed apprezzare alcuni dei più interessanti e suggestivi paesaggi montani con particolare riferimento della Sila crotonese e del massiccio del Pollino. Per informazioni sul programma del corso e per iscriversi: explora_ndo@hotmail.it, tel. 380.6869262.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801


40 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Proseguono gli incontri dell’Università della terza età e del tempo libero a Lamezia Terme

“Fiore di cactus”, spettacolo a Crotone IL CARTELLONE

Il progetto musicale “Good vibration” in programma a Falerna

CROTONE - Teatro Apollo, stagione 2008/2009 Programma stagione2008/2009 del teatro Apollo di Crotone. Martedì 27 e mercoledì 28 gennaio, Nautilus pictures Remo Girone, Eleonora Giorgi "Fiore di cactus" di Pierre Barillet & Jean-Pierre Gredy traduzione Gerardo Guerrieri, regia di Guglielmo Ferro; Martedì 11e sabato 12 febbraio, La contrada - teatro stabile di Trieste Gianfranco Jannuzzo, Daniela Poggi "Il divo Garry" di Noel Coward traduzione Masolino D'Amico regia di Francesco Macedonio; Giovedì 19 e venerdì 20 febbraio, teatro Bellini, Tato Russo "Il paese degli idioti" di Tato Russo - da Fedor Dostoevskij regia di Alvaro Piccardi; martedì 17 e mercoledì 18 marzo, teatro stabile di Calabria Geppy Gleijeses, Gennaro Cannavacciuolo, Lorenzo Gleijeses e la partecipaziopne di Gigi De Luca "Ditegli sempre di si" di Eduardo De Filippo regia di Geppy Gleijeses; Giovedì 2 e venerdì 3 aprile, Tunnel produzioni, Alessandro Siani "Per tutti revolution" regia di Mimmo Esposito; Sabato 18 e domenica 19 aprile, Roma spettacoli Gianfranco D'Angelo, Ivana Monti "Un giardino di aranci fatto in casa" di Neil Simon, adattamento di Mario Scaletta regia di Patrick Rossi Gastaldi. Fuori abbonamenti: Giovedì 26 e venerdì 27 marzo, teatro stabile di Calabria fondazione teatro Piemonte Europa Marianella Bargilli "Alè calais" di O. Guerrieri, regia di Emanuela Giordano. Inizio spettacoli ore 20.30. CROTONE - Torneo mondiale di calcio/5 Il Gruppo sportivo Federazione sindacale di Polizia di Crotone, in collaborazione con la Regione Calabria, la provincia di Crotone, il Comune di Crotone, il Coni e la Camera di Commercio, organizza il Torneo mondiale di calcio a 5 riservato alle forze di polizia e forze armate, che si svolgerà nella città di Crotone dal mercoledì 16 al martedì 20 settembre. FALERNA (Cz) - Good Vibration Venerdì 23 gennaio 2009, a partire dalle ore 22.00, il progetto musicale Good Vibration ideato dal dj Claudio Giordano approderà al Twiga Music Restaurant di Falerna Lido sito in località Schipani. Una miscellanea pazza e continua di musica anni 70/80/90 e nuova dance commerciale verrà proposta dai due dj catanzaresi: Claudio Giordano e Server. A questa iniziativa seguirà anche l’esibizione di uno dei percussionisti più originali della movida notturna calabrese, il noto Davide Tribal. FEROLETO A. (Cz) - EsSensum Mercoledì 21 gennaio, fino al 30 dello stesso mese va in scena, presso Il Casale Art Espace di Feroleto Antico (Cz), l’appuntamento a cadenza mensile con EsSensum. Info: 0968/455023. LAMEZIA T. (Cz) - Biennale d’arte Ha preso il via, e proseguirà fino a giovedì 19 febbraio prossimo, presso il Complesso monumentale di San Domenico e con l’apertura della Sezione storica, la se-

conda edizione del concorso nazionale biennale d’arte di Lamezia. La rassegna verrà quest’anno dedicata a due pittori calabresi recentemente scomparsi, il lametino Nicolino Romeo e il tropeano Albino Lorenzo. Inoltre, da giovedì 22 gennaio la rassegna si arricchirà con la mostra di tutte le opere in concorso e fuori concorso, con chiusura e premiazione giovedì 19 febbraio alle ore 11.30 nel parterre del Teatro Umberto. LAMEZIA T. (Cz) - Incontri Uniter Proseguono gli incontri dell’Uniter, Università della terza età e del tempo libero di Lamezia Terme, che nel corso della programmazione del XX anno accademico dedicato al tema “dare vita agli anni” sta tenendo presso la Casa del sacerdote di via Misiani, una serie di interessanti appuntamenti. Il Programma: mercoledì 21 gennaio 2009, Cesare Perri con “Anoressia e bulimia: il cibo come metafora della relazione”. Mercoledì 28 gennaio, Vincenzo Villella con “Il vero viaggio di Ulisse” di Armin Wolf (con proiezione). LAMEZIA T. (Cz) - Staffetta Udi Oggi, alle ore 17.30, la Città di Lamezia accoglierà con una apposita cerimonia, l’anfora dell’Udi proveniente da Reggio Calabria e Catanzaro e che sarà consegnata all’Associazione Donne in cammino. L’appuntamento sarà a piazza Ardito (Madonnina) e la consegna dell’anfora avverrà da parte della delegazione di Catanzaro alla presidente della Associazione Rinascita del Mediterraneo Onlus. La cerimonia proseguirà in corteo con fiaccolata lungo Corso Numistrano con arrivo alla sala consiliare del Comune di Lamezia Terme. alle ore 18.00 ci sarà il saluto del presidente dell’Associazione, dell’assessore Pari Opportunità, del sindaco e di tutte le autorità presenti, alle ore 18.30 verranno proiettate immagini accompagnate da commenti con sottofondo musicale, interventi e testimonianze significativi su specifiche tematiche legate all’essere donna. Domenica 18 gennaio, alle ore 10.30, ancora incontro nella sala consiliare del Comune con dibattito ed approfondimenti, seguito da un momento musicale. L’anfora, posizionata nella sala, accoglierà i messaggi di coloro che vorranno testimoniare esperienze personali. Lunedì 19 gennaio la staffetta proseguirà per Cosenza. LAMEZIA T. (Cz) - Lamezia Jazz Festival Attesa in tutta la regione per l’avvio del Lamezia Jazz Festival, evento organizzato dall’associazione musicale Bequadro di Lamezia Terme con il contributo del Comune di Lamezia Terme e della presidenza della Regione Calabria e di importanti sponsor privati. Quest’anno infatti in pole position c’è “Fiat-Lancia”, c’è il centro commerciale “I due Mari” ed il Grand Hotel Lamezia. La settima edizione del jazz festival lametino, si svolgerà nell’arco di quattro mesi. I dettagli del programma: oggi presso la Concessionaria Fiat-Lancia “G.Tripodi” di Lamezia Terme alle ore 20.30 si esibirà il complesso strumentale Soscia/Iodice Italian Tango Quartet con Giuliana Soscia alla fisarmonica e Pino Iodice al pianoforte per presentare il cd "Latitango" al Fe-

stival Lamezia Jazz VII edizione.Il concerto, infatti, sarà dedicato al tango argentino con musiche di Astor Piazzolla. Sabato 31 gennaio, si ritorna si ritorna al Teatro Umberto e Lamezia Jazz ospiterà una formazione con un organico particolare due bassi e batteria. Progetto titolato Bassproject nato dall'incontro di due artisti "fuoriclasse". Pippo Matino e Dario Deidda. Sabato 7 febbraio, presso la concessionaria Fiat-Lancia di G.Tripodi, esibizione del Quartetto Tenor Legacy. Sabato 21 marzo, al teatro Umberto, in scena il chitarrista Scott Henderson alla guida della sua Blues Band Henderson. Sabato 28 marzo sempre all’Umberto, Buster Williams 4tet presenterà “Something More”. Coordinatore artistico dell’evento, Tommaso Colloca. Attività parallele alla rassegna. Sabato 17 gennaio alle ore18.00 Concessionaria Fiat-Lancia “G.Tripodi”, ascolto guidato: “Il Tango e Piazzolla”. Sabato 7 febbraio, alle ore 18.00 Concessionaria FiatLancia “G.Tripodi” ascolto guidato: " Be bop: anche per il sax è ora di spiccare il volo”. Domenica 1 febbraio, ore 10.00, Yara Records - Catanzaro, Workshop di Basso elettrico - Docente Pippo Matino. Venerdì 13 febbraio ore 22.00 Jazz Club Rua Sao Joao, Egidio Ventura Trio “Latino Vivo!”. Info: 0968/442864 339/8309044 - bequadro@bequadro.it. LAMEZIA T. (Cz) - Assemblea Fps - Cisl Le Segreterie regionali unitarie della Fps Cisl, già incontratesi nella riunione del 22 dicembre u.s. hanno deciso la convocazione dell’sssemblea dei lavoratori in condizioni di precarietà e difficoltà lavorative per scelte mancate o sbagliate della Giunta Regionale. L’Assemblea si svolgerà il giovedì 26 gennaio alle ore 10.00, presso il Grand Hotel Lamezia Terme. Oltre ai lavoratori, prenderanno parte all’incontro le segreterie confederali regionali.

Ogni lunedì sul Domani

LA PIAZZA Settimanale di economia locale con servizi sulle imprese e annunci gratuiti Per chi compra e vende, chi è a caccia di occasioni, chi cerca e offre lavoro. Case, ville, terreni, negozi, garage, auto, moto, accessori, bricolage, dischi, computer, attrezzi, software, mobili, audio-video Per contatti con la Redazione via mail: lapiazza@ildomani.it via fax: 0961-903801


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 41

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Peccato che sia una sgualdrina” questa sera e domani al Teatro Cilea di Reggio Calabria

“Paola in scena”, l’intero programma IL CARTELLONE

Lo spettacolo “Casa di frontiera” in scena a Morano Calabro

LAMEZIA T. (Cz) - Mostra “Oggettinstabili” Dal 6 - 20 giugno, si terrà la mostra-evento “Oggettinstabili seconda edizione Moti urbani stazionimpossibili”. La partecipazione alla mostra-evento prevede la compilazione dell'apposita scheda di iscrizione redatta in lingua italiana contrassegnando tutti i campi indicati: dati anagrafici del singolo partecipante o del gruppo di lavoro, indirizzo cui si desidera ricevere ogni comunicazione relativa alla mostra-evento, recapito telefonico, indirizzo e-mail, sezione cui si partecipa. Per ritenersi ufficializzata l’iscrizione è necessario allegare copia del versamento (in formato jpg) di euro 25 quale contributo alle spese di produzione dell’evento (spedire scheda e ricevuta versamento in formato jpg a info@400kc.eu. Il versamento di euro 25,00 dovrà essere effettuato con bonifico bancario intestato ad: associazione culturale 400Kc, via dei mille 79, 88046 Lamezia Terme; coordinate bancarie: Iban it 78 y O1030 42841 000003790008 monte dei paschi di Siena filiale di Sambiase; causale del versamento: contributo realizzazione mostra moti urbani stazionimpossibili; termine perentorio fissato per le iscrizioni (incluso versamento), mercoledì 4 febbraio. Le opere selezionate saranno esposte pubblicamente dal 6 giugno al 20 giuno 2009 a Lamezia Terme - inoltre diventeranno patrimonio della Galleria permanente allestita nel sito www.400kc.eu, avranno notevole visibilità attraverso i canali mediatici e gli Enti istituzionali che collaborano con l’associazione. Il luogo della mostra sarà reso noto entro mercoledì 4 marzo. Al termine dell’evento tutte le opere saranno restituite agli artisti (spedite con corriere Sda alle rispettive sedi con spedizione a carico del destinatario). Info: 338/3985193 - 339/5837077 - info@400kc.eu caterina@400kc.eu - carlo@400kc.eu. LAMEZIA T. (Cz) - Concorso diocesano La Fondazione Centro Culturale Paolo VI di Lamezia Terme organizza un concorso rivolto agli studenti delle scuole secondarie di II grado del territorio della Diocesi di Lamezia Terme. La traccia riguarda il tema «San Paolo apostolo, la globalizzazione e i giovani lametini costruttori di speranza» ed è indirizzato agli alunni frequentanti le scuole secondarie di II grado del territorio della Diocesi di Lamezia Terme. Le sezioni previste sono tre: elaborati scritti di qualsiasi genere letterario, ogni forma di creazione artistica e creazioni multimediali o fotografie. Gli elaborati dovranno pervenire entro e non oltre martedì 31 marzo pressola sede della Fondazione Centro Culturale Paolo VI, presso la Curia Vescovile di Nicastro, Via Lissania, 2 ed in ogni plico dovrà essere inserita una scheda che riporti generalità e recapito del concorrente. A fine concorso, sarà premiato il primo lavoro di ogni sezione, con la somma di Euro 400, entro martedì 30 giugno 2009. MONTEPAONE (CZ) - Posa prima pietra Sabato 24 gennaio, alle ore 11.00, si provvederà alla posa della prima pietra della nuova sede Anutel con annessa scuola finanziaria e tributaria degli Enti locali, che dovrà sorgere nel Comune di Montepaone Superiore, in via della Marina. Presenzieranno l’evento, Mons. Antonio Ciliberti, arcivescovo di Catanzaro Squillace, gli organi associativi dell’Anutel e autorità politiche e civili ai vari livelli. MORANO C. (Cs) - “Casa di frontiera”, spettacolo Continua a Morano Calabro la stagione 2008/09 di teatro e musica allestita dall'Associazione culturale “L'allegra ribalta”. L’appuntamento è per domenica 18 gennaio alle 18.30 con lo spettacolo della compagnia castrovillarese Aprustum, “Casa di frontiera”.

PAOLA (Cs) - “Paola in scena”, programma Programma stagione teatrale "Paola in scena" 2008/2008. Oggi, "Sognando il mare" con Dario D’Ambrosi e Lorenzo Alessandri; giovedì 29 gennaio, "Miseria e nobiltà" con Francesco Paolantoni e Nando Paone; venerdì 6 febbraio, "Sunshine" con Sebastiano Somma e Benedicta Boccoli; sabato 28 febbraio, "Da giovidì a giovidì" con Marco Marzocca; sabato 14 marzo, "Come uno scandalo al sole" con Isabella Russinova e Pietro Longhi; lunedì 30 marzo, "L’appartamento

è occupato" con Paola Gassman; lunedì 6 aprile, "Quaranta ma non li dimostra" con Luigi De Filippo. La stagione teatrale, a decorrere da martedì 22 dicembre, prevede due spettacoli al mese, per un totale di otto rappresentazioni. Il costo dell’abbonamento è pari ad euro 120,00 in platea, e ad euro 100,00 in galleria. La prevendita si effettua, tutti i giorni esclusi il mercoledì e il giovedì, al botteghino del teatro Odeon dalle 16.30 alle 21.30 (info 333/494394 – 331/3887161 - www.paolainscena.it). REGGIO C. - Mostra “Reggio 28 dicembre 1908” Prosegue fino a venerdì 30 gennaio, presso la biblioteca comunale “Pietro De Nava” di Reggio Calabria, la mostra “Reggio 28 dicembre 1908: viaggio nella memoria”. Un percorso culturale inserito nelle celebrazioni organizzate in ricordo del centenario del sisma che colpì Reggio e Messina. L’esposizione si compone di libri, giornali ed immagini dell’epoca, nonché di volumi che raccontano la storia della città nei periodi successivi al tragico evento naturale. La vetrina culturale, è visitabile gratuitamente, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 12.30 e nei pomeriggi di lunedì, mercoledì e giovedì dalle 15.00 alle 17.30. REGGIO C. - La Mostra “Notte Santa” Prosegue fino a sabato 31 gennaio 2009 presso le sale espositive Cerere del castello di Scilla, la mostra personale di fotografia di P. Arbitrio denominata “La notte santa - I presepi viventi nella provincia di Reggio Calabria”. REGGIO C. - “Open day” Oggi il Liceo Artistico “Mattia Preti” organizza una attività di orientamento “Open day”. La scuola rimarrà aperta per l’intera giornata per tutti coloro che vorranno conoscere in maniera diretta i percorsi formativi e le attività del Liceo, al fine di operare una scelta più consapevole per il prosieguo degli studi.

REGGIO C. - Teatro Cilea, stagione 2008/2009 “Pensa ad un grande spettacolo. Vieni al Teatro Cilea”. Questo lo slogan che accompagnerà la nuova stagione del teatro comunale di Reggio, presentata dal sindaco Giuseppe Scopelliti, da Serenella Fraschini, consulente per la lirica, da Geppy Gleijeses, per la prosa e dalla dirigente Luisa Spanò. Nel dettaglio il programma prevede: oggi e domenica18 gennaio, Teatro stabile del Veneto (prosa) - “Peccato che sia una sgualdrina”; sabato 24, domenica 25 gennaio, “concerti sinfonici” - M° J. Kovatchev; venerdì 30 e sabato 31 gennaio, Komiko procduction “Miseria e nobiltà”; sabato 7 e domenica 8 febbraio, compagnia del balletto Mimma Testa “Capricci e bisticci ovvero la Principessa sul pisello”; Venerdì 13, sabato 14e domenica 15 febbraio, Teatro stabile “La contrada di Trieste” (prosa) - “Il divo Garry”; domenica 22 e martedì 24 febbraio, “Il pipistrello” (lirica); Mercoledì 25 e giovedì 26 febbraio, Nautilus pictures - Fiore di cactus; Giovedì 12 marzo, concerti sinfonici - M° Veronesi; Sabato 21e domenica 22 marzo, Ballet de “Les parentes terribles” (danza) - produzione in collaborazione con il Teatro dell’opera di Roma; venerdì 27, sabato 28 e domenica 29 marzo, Teatro Bellini di Napoli - Masaniello; Venerdì 3, sabato 4 e domenica 5 aprile, “I due della Città del sole” (prosa) - “Quaranta ma non li dimostra”; giovedì 9e sabato10 aprile, concerti sinfonici - M° Moranti; mercoledì 15 e giovedì 16 aprile, Candoco dance company London (danza) Double bill; sabato 18 e lunedì 20 aprile, Werther (lirica); domenica 26, lunedì 27e martedì 28 aprile, Teatro stabile di Calabria - (prosa) - Ditegli di sì; sabato 9 maggio, serata d’onore: “I più grandi interpreti della danza e della moda”. Per quanto riguarda l’acquisto dei titoli d’ingresso fino asabato l7 novembre, verranno messi in vendita i nuovi abbonamenti; nei giorni 8 e 9 novembre, sarà possibile acquistare gli abbonamenti per la sezione danza e lirica; dal 10 novembre, infine, saranno in vendita i biglietti per i singoli spettacoli di tutta la stagione. La biglietteria resterà aperta dalle 9.30 alle 12.30, al mattino, e dalle 16.30 alle 19.00, al pomeriggio.

REGGIO C. - Eventi Anassilaos Manifestazioni associazione Anassilaos. Il programma: domenica 18 gennaio alle ore 19.30, chiesa San Giorgio al Corso-Acli Calabria con Omaggio a Mons. Giovanni Ferrò. Interverrà l’On. Giuseppe Reale. Martedì 20 gennaio ore 18.00, saletta San Giorgio al Corso, oomaggio a Pierre-Auguste Renoir nel 90º anniversario della morte a cura dell’Anassilaos. Introduce la Prof.ssa Gloria Oliveti. Giovedì 22 gennaio, ore 17.30 Sala Giuditta Levato Consiglio Regionale della Calabria, Poesia e omaggio a Giuseppe Tympani.Interverrà Francesca Neri. Introduce Daniela Pericone. Proiezione di un documentario. Letture a cura del Laboratorio di Lettura dell’Anassilaos. Venerdì 23 gennaio ore 21.00, Saletta San Giorgio al Corso, serate filosofiche con Alessandro Degli Espositi. Martedì 27 gennaio, ore 18.00, Saletta San Giorgio al Corso, Anniversari a cura dell’Anassilaos Giovani. “Giorno della Memoria 2009” con letture di testimonianze, proiezione di documentari e immagini. Presentazione della cartolina commemorativa delle vittime della shoah, realizzata dall’Associazione. Venerdì 30 gennaio, ore 21.00 saletta San Giorgio al Corso, invito alla lettura dei classici della letteratura universale con il prof. Pino Papasergio. REGGIO C. - Leonia, presentazione spot pubblicitari Lunedì 19 gennaio, alle ore 11, il Salone dei Lampadari di Palazzo San Giorgio, ospiterà la conferenza stampa di presentazione degli spot pubblicitari inerenti la nuova campagna della società Leonia, realizzati con la partecipazione del noto duo comico reggino Battaglia e Miseferi. Oltre ai due artisti, all’incontro con gli operatori dell’informazione, sarà presente il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Scopelliti.

REGGIO C. - Incontro con Ciriaco Campus Mercoledì 21 gennaio a Reggio Calabria, si terrà l’incontro in due tempi con Ciriaco Campus. alle ore 15.00, conferenza presso l’Aula Magna di Architettura e alle 18.30, nei saloni di Villa Genoese Zerbi al numero 21. L’evento artistico e culturale, dedicato alla Città di Reggio Calabria in occasione delle Manifestazioni per il centenario del terremoto di Reggio Calabria e Messina è stato realizzato in collaborazione con l’assessorato ai Beni Culturali e Grandi Eventi del Comune, la facoltà di Architettura e l’Ordine degli architetti pianificatori paesaggisti conservatori. REGGIO C. - Presentazione libro Mercoledì 21 gennaio alle ore 16.00, Valentina Tomaselli presententerà presso i locali del Palazzo della Provincia di Reggio Calabria, il libro “Ho preso in mano quella fotografia e…” - edizioni 9muse.net. REGGIO C. - Storia, letteratura, psicologia... L'associazione “Nuovo Umanesimo”, il circolo culturale “G.Calarco” e l'istituto Mediterraneo di psicologia “ImeP” di Reggio Calabria presentano un ciclo di appuntamenti denominato “Incontri di storia, letteratura e psicologia”. Essi avranno come sede l'accademia della Belle Arti, saranno gratuiti. Al termine del ciclo sarà rilasciato un attestato di frequenza. Di seguito il calendario degli incontri: mercoledì 21 gennaio, ore 17.00 -19.00, autore Kafka, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dott.ssa S. Cordiani; martedì 18 febbraio, ore 17.00 19.00, autore D'Annunzio, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dott.ssa D. Belmondo, dott.ssa R. Nucera; mercoledì 18 marzo, ore 17.00-19.00, autore Faulkner, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa F. Farano; mercoledì 15 aprile, ore 17.0019.00, autore Dostojevskji, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; mercoledì 13 maggio, ore 17.00-19.00, autore Ariosto, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dr. G. Quattrone; mercoledì 10 giugno, ore 17.00 - 19.00, autore Hemingway, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; mercoledì 15 luglio, ore 17.00 - 19.00, autore Calogero, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica il dottor Paolo Praticò.


42 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Contemporanea ’08”, rassegna nazionale di arti visive in programma a Rossano

Biagio Antonacci in concerto al Teatro Cilea IL CARTELLONE

“La notte più bella della mia vita” domani sera in scena a Soverato

REGGIO C. - Biagio Antonacci in concerto Teatri sold out per la nuova tournée di Biagio Antonacci “Il cielo ha una porta sola”. Lo show sarà di scena il 29gennaio al Teatro Cilea.

REGGIO C. - Banlieues Show Giovedì 29 gennaio, alle ore 9. 15 e alle ore 11. 30, presso il Teatro Odeon di Reggio Calabria, sito in via Veneto n.77, si terrà lo spettacolo teatrale didattico in lingua francese di Frédéric Lachkar e con Aline D’Andrea, Aurélie Bidault, Nirys Pouscoulous e Véronique Vergari, “Banlieues Show”. REGGIO C. - Circolo Zavattini, proiezioni Anche quest'anno il circolo del cinema "Cesare Zavattini" organizzerà presso la sede del Cai una serie di proiezioni sulla montagna e sul rapporto tra uomo e ambiente. Le proiezioniavranno luogo alle ore 21.00, presso la sede del club Alpino Italiano sez. Aspromonte in via S. Francesco da Paola, 106 Reggio Calabria. Queste le date in programma: martedì 10 febbraio, martedì 10 marzo, martedì 21 aprile, martedì 9 giugno. REGGIO C. - Gianni Morandi con “Grazie a tutti” Confermati i due concerti reggini del tour "Grazie a tutti" del cantante Gianni Morandi per mercoledì 8 giovedì 9 aprile. I concerti inizieranno alle ore 21.00. La tendostruttura sarà installata in località Pentimele, nei pressi del Palasport. Previsti due tipi di biglietto: poltronissima euro 40.00 e tribuna euro 30, compreso diritti di prevendita. I due concerti di Gianni Morandi a Reggio Calabria fanno parte di "Fatti di Musica Radio Juke Box 2009", la XXIII edizione della rassegna del miglior live d'autore italiano e godono del patrocinio e della collaborazione dell' assessorato comunale alla Cultura. RENDE (Cs) - Convegno all’Unical Martedì 20 gennaio 2009, nell’aula Magna dell’Università della Calabria di Rende, la giornata di studio in cui sarà presentata la missione che con lettera prot. 89597 del 20.05.2008 del Ministero della Cultura e del Turismo, ha affidato la direzione scientifica della missione archeologica italiana di Kyme (Turchia) al professore Antonio La Marca del dipartimento di archeologia e storia delle arti, e di conseguenza all’Università della Calabria. Giovanni La Torre, rettore dell’Unical aprirà il convegno con i saluti istituzionali, a seguire Orhan Düzgün (direttore generale degli scavi della Turchia), Haluk Tunçsu (vice Governatore della provincia di Izmir), Raffaele Perrelli (preside della Facoltà di Lettere e Filosofia - Unical), Giuseppe Roma (direttore del Dipartimento di archeologia e storia delle arti), Gino Crisci (preside della Facoltà di Scienze Naturali - Unical), Pietro Dalena (Presidente del corso di laurea in SCPAAM), Maurizio Paoletti (Presidente del corso di laurea magistrale in archeologia), Giovanna De Sensi (Presidente del corso di laurea in scienze dell’antichità), Mario Maiolo (assessore regionale alla programmazione nazionale e comunitaria), Mario Oliverio (Presidente Pro-

vincia di Cosenza), Caterina Greco (Soprintendente per i Beni archeologici della Calabria), Nicola Paldino, presidente del Credito Cooperativo Mediocrati, la banca che da sempre è vicina alle iniziative culturali. Sebastiana Lagona, direttore onorario della missione archeologica relazionerà sulla storia della ricerca archeologica di Kyme eolica, mentre Antonio La Marca illustrerà le linee generali degli scavi nella necropoli turca. Durante la giornata sarà proiettato un filmato su Kyme curato dalla redazione Rai della Calabria.

RENDE (Cs) - Fiorella Mannoia in tour Fiorella Mannoia con il suo nuovo tour teatrale, aprirà il giovedì 12 marzo al teatro Garden di Rende e venerdì 13 marzo al Teatro Cilea di Reggio Calabria, la XXIII edizione della rassegna “Fatti di musica Radio Juke Box 2009” ideata e diretta dal promoter Ruggero Pegna. L’evento sarà abbinato alla “lotta alle leucemie e linfomi dell’amena”. La vendita dei biglietti dei concerti di Fiorella Mannoia a Rende e Reggio Calabria sarà possibile in tutte le prevendite autorizzate elencate al sito www.ruggeropegna.it (Cosenza: Inprimafila e Bar Tosti; Rende: Teatro Garden; Reggio Calabria: Boutique Taxi. Quattro i prezzi dei biglietti: euro 44.50 poltronissima, euro 38,50 poltrona, euro 33,50 ed euro 27,50 per palchi e galleria. Per ulterioi informazioni contattare il numero telefonico0968.441888. ROSSANO (Cs) - Contemporanea ‘08 Fino a sabato 24 gennaio, presso le sale delle esposizioni di Palazzo S. Bernardino a Rossano Centro, si terrà la rassegna nazionale di arti visive “Contemporanea ’08”. SCALEA (Cs) - Global beat moviment Sabato 12 luglio, in località Riva Chiara di Sellia Maria, serata al Tarantula con i "global beat Moviment" un mix di tarantella, pizzica, ska e reggae. SETTINGIANO (Cz) - All’Orso Cattivo Ogni giovedì: "Toda Joia"!!! presso L'Orso Cattivo a Settingiano. Zona ristorante: Dr. Why - il gioco a quiz per locali (ore 21.00); "Toda Joia" - Dj's: Gianluca Napoli, Tatto and Beat&Love (ore 23.30). Zona pub: balli caraibici: salsa, merengue Y bachata (tutta la sera!). Ingresso: 10 euro (solo 5 euro se segnali la tua presenza su www.movidacommunity.it. SETTINGIANO (Cz) - Booling Center Il Booling Center di località Campo, sempre aperto durante la settimana tranne il lunedì, comunica le proprie promozioni: martedì e mercoledì"Più giochi e meno paghi", giovedì e domenica "Promozione coppia", sabato "Birillo rosso". SOVERATO (Cz) - “L’educazione alla legalità” L'Istituto Tecnico Commerciale A. Calabretta di Soverato

insieme con l'Osservatorio Falcone Borsellino Scopelliti di Catanzaro, organizzano un'incontro-dibattito sul tema: "L'educazione alla legalità". La scolaresca si confronterà attraverso domande e riflessioni sulla tematica trattata nel film Gomorra, insieme agli insegnanti e al sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro dott. Marisa Manzini, presente all'iniziativa che si terrà giorno oggi alle ore 10.00 presso i locali della sala conferenze dell'ist. tecnico Comm. A. Calabretta di Soverato. IL programma prevede: saluti prof. Nicola Linardo dirigente scolastico, Carlo Mellea presidente dell'Osservatorio Falcone Borsellino Scopelliti di Catanzaro; domande degli studenti; dibattito; conclusioni dott. Marisa Manzini sostituto procuratore della Repubblica della Dda di Catanzaro.

SOVERATO (Cz) - Teatro del Grillo Domenica 18 gennaio ha ufficialmente inizio la stagione 2009 del Teatro del Grillo di Soverato, che da gennaio a fine aprile ospiterà eccellenti compagnie del teatro italiano oltre alla Compagnia della scuola di teatro Spazioscenico e alla Compagnia del Grillo. Il cartellone sarà inaugurato domenica 18 gennaio con Gian Marco Tognazzi e Bruno Armando in “La Panne – La notte più bella della mia vita” tratto da uno dei racconti più significativi di Dürrenmatt. Nel cast anche Lombardo Fornara, Roberto Tesconi, Franz Cantalupo e Lydia Giordano. Venerdì 13 e sabato 14 febbraio, in scena “l’Edipo a Colono” scritto e diretto da Ruggero Cappuccio per un formidabile Roberto Herlitzka che con questo spettacolo ha anche vinto il Premio Eti - Olimpici del Teatro 2008. La programmazione seguirà domenica 1 marzo con la compagnia Spazioscenico con “Un sesso di troppo”. Un cocktail esplosivo di doppi sensi e situazioni esilaranti condito con un pizzico d'amore e molto buon umore. Franco Procopio dirigerà la divertentissima commedia di James Sherman, campione d'incassi a New York. Domenica 15 marzo, sarà la volta di un cast di straordinari interpreti per rievocare il percorso umano e artistico della Dietrich, che per decenni e fino ai nostri giorni ha sollecitato l’immaginario collettivo. “Marlene”, ultima fatica di Giuseppe Manfridi e novità assoluta della stagione teatrale in corso, vede in scena, per la regia di Maurizio Panici, un’intensa Pamela Villoresi, accompagnata, tra gli altri, da Orso Maria Guerrini e David Sebasti. Domenica 22 marzo, sarà la volta de “L’amore mio non può”. Nel settantennale delle leggi della vergogna razzista, una strepitosa Manuela Kustermann trasforma in poesia una realtà maledettamente violenta. Dall’omonimo romanzo di Lia Levi uno spettacolo applauditissimo. Concluderà la stagione, a partire da sabato 25 aprile, la nuova produzione della Compagnia del Grillo: “Rumori fuori scena” per la regia di Claudio Rombolà. Una irresistibile storia di teatro nel teatro dove ritmo, equivoci e colpi di scena fanno del testo di Frayn una delle farse più fortunate degli ultimi trent’anni. Costo abbonamento a 5 spettacoli 88,00. Turno A: pomeridiana ore 17.00 o primo giorno di rappresentazione. Turno B: serale ore 21.00 o secondo giorno di rappresentazione. Gli abbonati alla stagione precedente possono confermare il posto telefonando o lasciando un messaggio al N. 0967 -23156 oppure tramite e-mail all’indirizzo di posta elettronica "teatrodelgrillo@libero.it"


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 43

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Percorso di avvicinamento e conoscenza del vino sabato 24 gennaio in programma a Stalettì

A Vibo “Buon compleanno Federica” IL CARTELLONE

Esposizione di due nuove opere di Mattia Preti a Taverna

SOVERATO (Cz) - Stagione teatrale Programma della stagione teatrale 2008/09 a Soverato: Venerdì 6 e sabato 7 febbraio “Hair The tribal love rock Musical” direzione musicale Elisa; sabato 28 febbraio “Dr Jekill e Mr Hyde The strange show” di e con Fabrizio Paladin; sabato 7 marzo, Claudio Insegno “Risate al 23° piano” di Neil Simon; sabato 21 marzo, Gaia De Laurentis “Sottobanco” regia Claudio Beccaccini; Sabato 4 aprile Tosca D’Aquino “Ogni anno punto e a capo” di Eduardo De Filippo; giovedì 16 aprile, Sorelle Marinetti “Non ce ne importa niente regia Max Croci”; sabato 25 aprile Teatro instabile d’Aosta Mimondi regia Marco Chenevier; domenica 3 maggio Giorgio Albertazzi “Lezioni americane “di Italo Calvino. SOVERIA M. (Cz) - “La Rosa nel bicchiere” La Rosa nel bicchiere propone un percorso di degustazione, riscoperta e rivalutazione dei prodotti e della cucina tradizionali attraverso un calendario di serate a tema legate allo scorrere delle stagioni. Programma: Tutti i sabato sera e per tutto il periodo natalizio nella tavernetta de La Rosa nel bicchiere Wine bar, degustazione taglieri di salumi e formaggi, musica e crêpes flambées. Per ulteriori e più dettagliate informazioni è possile contattare i numeri di telefono di seguito riportati: 0968/666668 - 349/6886589; o ancora consultare il seguente sito internet www.larosanelbicchiere.it. SQUILLACE (Cz) - Visite guidate L'associazione Largot costituita da guide specializzate munite di patentino e autorizzate dalla Regione Calabria, offre il servizio di visita guidata alla rassegna espositiva allestita al Complesso monumentale del San Giovanni Catanzaro dedicata ai pittori del seicento Francesco Cozza, Gregorio e Mattia Preti info www.calabriaguide.it 0961-34618 333-8002471. Inoltre, la stessa associazione, mette tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30, e dalle 15.00 alle 18.00, a disposizione le guide turistiche che accompagneranno i visitatori al centro storico di Squillace e al Parco archeologico Scolacium di Borgia. Info: 0961/34618 368/7376942 - 347/1094691 - 320/0473698 - www.calabriaguide.it. STALETTI (Cz) - Percorso enologico Sabato 24 gennaio alle ore 20.00, presso il Blanca Cruz di Stalettì, si terrà un percorso di avvicinamento e conoscenza del vino nonchè dell'abbinamento con il cibo; tale percorso si articolerà in più incontri dove verranno esposti i principi dell'enologia la valutazione visiva olfattiva e gustativa del vino e le basi dell'abbinamento enogastronomico. A condurre tale percorso sarà il sommelier Ais, R. Iuliano che presterà le proprie conoscenze scientifiche. Non solo vino di qualità ma anche alta cucina diretta dallo chef Massimo Fratto. Cultura, cucina e musica in una cornice divina. Per informazioni e prenotazioni 333/5736483 Maurizio. TAVERNA (Cz) - Largot, visite guidate La Largot, svolge servizio di visite guidate al museo civico, alla chiesa di San Domenico e chiesa di Santa Barbara e alla galleria di arte contemporanea, per associazioni, scuole, fondazioni e gruppi (min 30 pers.). Il servizio sarà effettuato su prenotazione. Info: 0961/34618 - 368/7376942 - 329/9149079 347/8871177 - www.calabriaguide.it. TAVERNA (Cz) - Opere di Mattia Preti al Museo Due nuovi capolavori di Mattia Preti pertinenti la collezione della Banca di Credito Cooperativo della Sila Piccola si possono ammirare nel Museo Civico di Taverna. Si tratta di un bozzetto ad olio su tela di cm.77x41 raffigurante “San Sebastiano” e di un dipinto di cm.157x122 raffigurante “San Girolamo Penitente”, realizzati entrambi dal Cavalier Calabrese nel ventennio 1680-’90. L’evento consentirà a visitatori e studiosi di apprezzare completamente il corpus delle ventitrè opere pretiane di Taverna conservate (oltre che nella stessa sede museale) nelle Chiese di S.Domenico e S.Barbara. Il prestito, stabilito in forma di de-

posito, è stato eccezionalmente concesso all’Istituzione Culturale tavernese dal Consiglio di Amministrazione della banca presilana presieduto dal presidente Nicoletta e dal Direttore Cariati. Il museo civico è visitabile tutti i giorni, dal martedì alla domenica, (tranne il lunedì) con orari 9.30-12.30 e 16.00-19.00. VIBO V. - “Buon compleanno Federica” Evento speciale il 7 febbraio alle ore 21.00 nel palasport di Vibo Marina, giorno in cui Federica Monteleone avrebbe festeggiato i suoi diciotto anni. Si chiamerà, infatti, "Buon compleanno Federica" l'evento voluto dai genitori della ragazza vibonese prematuramente scomparsa due anni fa a seguito di un intervento chirurgico presso l' Ospedale di Vibo Valentia, diventato un caso nazionale di malasanità. I coniugi Monteleone durante l' evento, a cui parteciperanno tutti gli amici di Federica, presenteranno la "Fondazione Federica per la Vita", destinata a raccogliere fondi per la costruzione di una "Casa del Risveglio" a Vibo Marina. Per questa festa speciale la signora Maria Sorrentino, madre di Federica, ha chiesto il coordinamento artistico-organizzativo di Ruggero Pegna, che ha predisposto numerosi eventi a scopo benefico ed umanitario. "Buon Compleanno Federica" vedrà sul palcoscenico l' omaggio di giovani artisti calabresi tra cui i "Porci Comodi" di Mimmo Labate di Paola, band scelta dal fratello di Federica, le "For Love", tre ragazze diciottenni della scuola di canto di Rosa Martirano, i ragazzi della scuola di danza "Arabesque" frequentata da Federica. In conclusione l'esecuzione di alcuni suoi brani del cuore da "Albachiara" di Vasco Rossi, cantata dalla Martirano, a "Colpo di fulmine" di Anna Tatangelo, la sua cantante preferita, che ha aderito gratuitamente a fare da madrina all' inaugurazione della Fondazione ed alla speciale festa di compleanno. Un omaggio a Federica sarà anche portato dal celebre stilista Anton Giulio Grande e dal maestro orafo Gerardo Sacco che creerà un suo gioiello da donare alla Fondazione. La serata prevede altri momenti emozionanti, come la lettura di pezzi scritti da Federica, quale aspirante giornalista. I coniugi Monteleone hanno reso noto che l'evento sarà patrocinato da Comune e Provincia di Vibo Valentia e dalla Regione Calabria. CALABRIA - Progetto “Accademia del Mare” Un Centro d’eccellenza per le attività di studio, ricerca, innovazione e formazione sul Mediterraneo, con sede all’interno di una delle Aree marine protette più grandi e affascinanti d’Europa, quella di “Capo Rizzuto”. Questo il progetto dell’“Accademia del Mare”, promosso dalla Provincia di Crotone e che verrà presentato lunedì 19 gennaio durante una conferenza stampa presso la galleria d’arte “La Nuova Pesa” in via del Corso 530 a Roma. In occasione dell’appuntamento, il presidente della Provincia di Crotone, Sergio Iritale, presenterà alla stampa i componenti del Comitato scientifico dell’Accademia del mare, personalità di livello nazionale ed internazionale, altamente specializzate ed impegnate nel settore delle scienze umanistiche e della biologia marina. I componenti del comitato scientifico, del quale fanno parte tra gli altri l’exministro dei Trasporti, ed ex- rettore dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, Alessandro Bianchi, e del professore e scrittore, Predrag Matvejevic, contribuiranno all’istituzione e all’elaborazione delle linee guida e di indirizzo delle attività dell’Accademia stessa. CALABRIA - L’artista Zicchinella a Stoccarda Fino al 18 gennaio si terrà a Stoccarda un’importante manifestazione promossa in collaborazione con la Arte Fiera di Stoccarda-Sindelfingen e con l'Istituto Italiano di Cultura di Stoccarda dal titolo “View of Italian Contemporary Art", per promuovere, appunto, in terra di Germania l’arte contemporanea italiana. Fra i 12 artisti selezionati a rappresentare il nostro paese figura anche il catanzarese Joseph Zicchinella. Zicchinella parteciperà all’interno dello spazio espositivo con ben 6 opere facenti parte del ciclo pittorico “Attraversamenti & Residui” che hanno già incontrato il favore di critica e pubblico nelle esposizioni di Milano ed Aosta dello scorso anno. La manifestazione di Stoccarda sarà presentata dal direttore dell’Istituto di Cultura Italiano all’estero dott. Acanfora e da Giuliano Pecelli, vicedirettore della Galleria d’Arte Contemporanea “Poliedro” di Trieste a cui è affidata la promozione e l’allestimento della mostra.

CALABRIA - Notti di Natale Ha ufficialmente preso il via presso la stazione Vaglio Lise di Cosenza, la manifestazione “Notti di Natale 2008/2009”: “In carrozza tra stelle e presepi”. La rassegna itinerante su rotaie che promuove il percorso tra arte, cultura, ambiente, storia e territorio, e che coinvolge i Comuni della provincia di Cosenza e Catanzaro fino a domenica 18 gennaio. Fino a domenica 18 gennaio, la tappa sarà a Cosenza centro. CALABRIA - Cunta Calabria L’Associazione Culturale “Compagnia Teatrale Vibonese” di Vibo Valentia, fino a venerdì 20 marzo presso il nuovissimo Auditorium della Chiesa “Gesù Salvatore” in Vena di Jonadi, presenta la seconda edizione di “Cunta Calabria”. La Calabria si racconta attraverso il teatro popolare e non solo. Il programma: Venerdì 23 gennaio, Associazione Teatrale “Roccella Jonica”. “ Nta casa i Don Rafeli”. Venerdì 6 febbraio, Piero Procopio & Band Cabaret e Musica Popolare. Venerdì 20 febbraio, Associazione Culturale “Nuovo Teatro Aquila” di Pellaro “L’eredità e a jettatura”. Venerdì 6 marzo, “Gruppo Teatrale Anoiano”. Venerdì 20 marzo, Gruppo Teatrale “Giangurgolo” di Gioia Tauro“U muru”. Ingresso pubblico ore 20.30 – Sipario ore 21.00. CALABRIA - Prim’olio IX edizione L’associazione “Saperi e sapori” presenta la IX edizione di Prim’Olio (giornate internazionali per la valorizzazione dell'olivicoltura Mediterranea). Giovedì 29 gennaio, presso la Facoltà di Agraria di Bologna si terrà la presentazione nazionale della “Guida agli extravergini Calabresi”, a conclusione della nona edizione di “Primolio”. CALABRIA - “Alle falde dl Kilimangiaro” Domenica 18 gennaio il Consorzio Sociale Goel e la sua proposta di turismo responsabile "I Viaggi del Goel", saranno ospiti, insieme all'Associazione Donne di San Luca, della trasmissione televisiva "Alle falde del Kilimangiaro", condotta da Licia Colò, che andrà in onda su Rai tre, dalle ore 15 alle ore 17. La trasmissione si propone di far conoscere, in quella puntata, un volto nuovo della Locride, terra di cui si mettono spesso in evidenza gli aspetti negativi, ma che esprime una grande ricchezza di esperienze positive ed iniziative di cambiamento. CALABRIA - Festa di Sant’Antonio Abate Appuntamento a Roma oggi con una tradizione che si rinnova. In occasione delle celebrazioni della festa di Sant’Antonio Abate, protettore degli animali e di tutti gli allevatori, che ricorre il 17 gennaio l’Associazione Italiana Allevatori, ha voluto celebrare solennemente la festività del grande santo di origine egiziana. L’Associazione provinciale Allevatori di Cosenza, (Apa.) presieduta da Pietro Molinaro, non è voluta mancare all’appuntamento che prevede una santa messa in Piazza San Pietro celebrata dal Cardinale Angelo Comastri dove la grande famiglia degli allevatori farà confluire tutte le razze di animali in rappresentanza di tutto l’allevamento nazionale. Oltre cento allevatori, sono partiti dalla provincia di Cosenza per partecipare a questo appuntamento di fede, di testimonianza e di festa che vuole consolidare il legame con una fede profondamente radicata e legata alla radice cristiana del mondo zootecnico. L’Apa di Cosenza ricorda che da diversi anni porta avanti il progetto “stalle aperte” che si sta affermando sempre di più come una occasione di dialogo tra gli imprenditori ma anche con l’intera società e con particolare riferimento al mondo della scuola di ogni ordine e grado. La festa di Sant’Antonio Abate è per L’Associazione Allevatori Italiani anche un modo di rendere omaggio ai veri protagonisti della zootecnia nazionale: allevatori, tecnici, operatori ai più diversi livelli, che rappresentano un importante patrimonio di competenza e professionalità, una risorsa tecnica e socioeconomica per il Paese e la speranza per un futuro di progresso del settore a servizio del bene comune.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax: 0961-903801


44 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA Al centro della puntata di ieri di “Inchiostro Elettronico” il tema della giustizia, la politica, il cinema e le potenzialità del mondo agricolo

Contro la crisi giovani, cultura e istituzioni Ospiti della trasmissione condotta da Tigani Sava, Nunzio Sigillò, Giuseppe Mangone ed Eugenio Attanasio lo del P. m., per come avviene nel sistema attuale. Infine, dovrà risolversi il problema delle intercettazioni, che, nonostante esista una normativa che ne regola l’utilizzo, vengono ormai utilizzate dalle Procure in maniera troppo disinvolta e generica. Il Governo intende restringere l’ambito dei reati per i quali sarà possibile disporre le intercettazioni (sostanzialmente riducendoli ai reati più gravi, specie di terrorismo e mafia) e, soprattutto, aumentare le sanzioni per chi ne diffonda i contenuti prima della fine delle indagini». Il presidente regionale della Cia, Giuseppe Mangone, è intervenuto in maniera particolare sulle questioni legate all’agricoltura, connesse alla crisi economica internazionale e allo sviluppo regionale. «L’agricoltura - ha affermato Mangone - può essere considerata a tutti gli effetti una grande occasione per lo sviluppo della Calabria, a patto che sussistano condizioni di

CATANZARO — Si è chiusa con la

puntata di ieri la terza settimana del 2009 di “Inchiostro elettronico”, una trasmissione che ogni giorno, dal lunedì al venerdì, viene trasmessa in diretta dagli studi televisivi di Telesapazio, dalle 14 alle 16, su Telespazio Tv; è possibile seguirla in replica sempre sullo stesso canale all’una di notte, mentre sulla seconda rete, Telespazio Tv Studi03, a partire dalle 20.30. Numerosi i temi trattati: giustizia, cinema, crisi economica, settore agroalimentare, politica. Anche in questo appuntamento il conduttore Massimo Tigani Sava, direttore della testata giornalistica regionale “Il Domani della Calabria” nonché portavoce dell’Associazione di giornalisti “Jonici”, ha dato ampio spazio alla lettura dei giornali locali e nazionali. Hanno avuto la possibilità di confrontarsi su moltissimi temi di attualità gli ospiti in studio: Nunzio Sigillò, avvocato penalista; Giuseppe Mangone,

Massimo Tigani Sava

presidente regionale Cia Calabria e Eugenio Attanasio, presidente della Cineteca della Calabria. Quest’ultimo ha commentato: «Da Cannes risuonano ancora forti le parole di Martin Scorsese, creatore della “Word Cinema Foundation”, una sorta di Cineteca Mondiale in difesa del patrimonio delle immagini. “Il cinema è oggi la memoria più preziosa, poiché parla delle nostre radici, della nostra identità, rappresentando un ponte tra il passato ed il futuro. Abbiamo il dovere di difenderlo e conservarlo e noi autori dobbiamo sentire più di tutti questa responsabilità. Autori come Walter Salles, il regista brasiliano di “Central do Brasil”, Ermanno Olmi, Souleimane Cissè, fanno parte di questo progetto; anche Giorgio Armani ha annunciato la sua volontà di sostenere questa intelligente fondazione. Non è facile far capire l’importanza del lavoro che svolgono le cineteche nel mondo, salvando dalla distruzione fisica le pellicole di celluloide e, con esse, un giacimento di arti visive e memoria storica». Attanasio ha poi posto l’accento sulla meritoria attività della Cineteca della Calabria: «Come Cineteca della Calabria abbiamo compiuto negli anni un lavoro certosino raccogliendo opere legate al territorio in tutti gli archivi del mondo; l’ultima è una versione di “Carne inquieta”, un film girato in Calabria e tratto da Leonida Repaci, con un giovane Raf Vallone,

Un momento della trasmissione: da sinistra Attanasio, Mangone e Sigillò

presso la Cineteca Corsa; per non parlare delle opere di Vittorio de Seta, che, proprio Scorsese, ha voluto al Tribeca film Festival di New York. Siamo forniti di moltissimo materiale di interesse scientifico, oggetto di studi e ricerche di tanti giovani che lavorano sulle tesi nelle Università e nelle Accademie italiane e che la Cineteca vorrebbe mettere a disposizione in maniera consona ad un percorso di studi, come si fa nelle Biblioteche, con attrezzature e spazi appositi. Oggi la Cineteca dispone di due stanzette che non riescono neppure a raccogliere tutte le attrezzature in dotazione, come la bellissima moviola 16 mm, dono del maestro Vittorio De Seta». Infine Attanasio ha concluso: «Le iscrizioni raccolte nel primo percorso sperimentale sul cinema documentario, promosso in collaborazione con l’assessorato alle politiche giovanili, dimostrano che c’è un grande interesse per il cinema da parte dei giovani catanzaresi, ed ora ci vuole un luogo fisico per raccogliere tutto questo importante discorso sul cinema. Per ora le attività sono state sparse tra tutta la Calabria, l’Italia e l’Estero; l’ultima, quella su “Corrado Alvaro, sceneggiatore cinematografico” alla New York University in novembre, poi ripresa nel ricco cartellone curato dall’Assessorato comunale alla Cultura. I film hanno il potere di portare in giro l’immagine di una Calabria e di una Catanzaro che finalmente produce cultura. Sono più che maturi i tempi per stabilizzare questa struttura composta da ricercatori e studiosi di tutte e cinque le province calabresi, che hanno deciso di impegnarsi in questo ingrato e difficile settore. Riprendendo le parole di Ermanno Olmi, citando Verdi, “Torniamo all’antico, faremo qualcosa di veramente moderno”». L’avvocato Nunzio Sigillò ha trattato il tema della riforma della giustizia: «Nei prossimi giorni inizierà in Senato l’esame della riforma della giustizia che, già indicata tra le priorità del programma del governo Berlusconi, ha subìto un’improvvisa e decisa accelerazione dopo le note vicende che hanno riguardato le indagini incrociate tra le Procure di Catanzaro e di Salerno. A questo punto, dopo uno scontro istituzionale di tale portata, che non era mai arrivato a tali livelli, non è più procrastinabile tentare di risolvere il nodo giustizia. Tale posizione della maggio-

ranza è sostanzialmente condivisa ed auspicata, sia pure con alcuni distinguo, finanche dal Capo dello Stato e da tutte le forze politiche, anche di opposizione (Pd, Radicali), tranne che da Di Pietro, che insiste in un atteggiamento di assoluta chiusura ad ogni intervento in tal senso. Rimane da vedere se, in Aula, si riuscirà a raggiungere quell’intesa necessaria per realizzare una riforma condivisa, fortemente invocata dal Presidente della Repubblica, o se si procederà a colpi di maggioranza. Da quanto si è appreso dalle dichiarazioni del ministro Alfano, il Governo non intende procedere mediante decretazione, ma presenterà immediatamente un disegno di legge sui punti critici più urgenti (specialmente in materia di intercettazioni) e poi, a febbraio, un disegno di legge di più ampio respiro, per la riforma costituzionale con i nodi più delicati: bipartizione del Csm e separazione delle carriere. I punti nodali della crisi della giustizia, al centro della riforma, sono sostanzialmente: la durata dei procedimenti civili e penali; la separazione delle carriere di giudici e P. m.; una regolamentazione più stringente dell’utilizzo delle intercettazioni e della loro divulgazione. Servono correttivi immediati e di pronta applicazione, quali possono essere: un forte ridimensionamento del collocamento fuori ruolo dei magistrati (che sempre più spesso ed in numero sempre mag-

Per diventare i protagonisti di “Inchiostro elettronico” occorre rivolgersi alla redazione contattando il numero: 3484929505

Vitaliano Marino e Franco Selvaggio

giore, cessano temporaneamente le loro funzioni per assumere incarichi dentro le istituzioni, come consulenti, esperti, professori universitari, ecc.), che è un ulteriore motivo di confusione e di sfiducia (perchè il Giudice che “lavora” alle dipendenze della politica o delle istituzioni perde quelle caratteristiche di garanzia ed imparzialità che dovrebbero sempre contraddistinguerne l’operato) e finisce per aggravare ulteriormente la carenza di organico negli uffici giudiziari; urge una regolamentazione dell’accesso alla professione e degli avanzamenti di carriera, non solo in base all’anzianità, ma legata anche al merito ed alla produttività. Quanto alla separazione delle carriere, la necessità della “terzietà” del Giudice rispetto alla difesa ed all’accusa, solennemente proclamata dall’articolo 111 della Costituzione, è un’esigenza di civiltà e di giustizia che è fortemente richiesta dall’avvocatura penale per garantire un processo giusto ed equilibrato che già esiste in molti Stati occidentali, quali Spagna e Portogallo». Infine l’avvocato Sigillò ha concluso: «Altro punto di particolare importanza, su cui probabilmente potrebbe esserci molta resistenza, riguarda l’obbligatorietà dell’azione penale e la sottoposizione del P. m. all’Esecutivo, con l’affidamento dell’iniziativa di indagine direttamente alla polizia giudiziaria, che verrebbe così sottratta alla direzione ed al control-

sostegno e di affidabilità da parte delle Istituzioni, sia regionali, sia statali ed europee, e da parte del sistema creditizio. C’è ancora molto da fare in materia di agricoltura, sia a livello di infrastrutture, per facilitare i traffici, sia a livello di ricambio generazionale e specializzazione delle aziende. Ma le condizioni di partenza ci sono e questo settore può essere strategico, anche in un periodo di crisi. Come Cia in tal senso siamo molto impegnati per favorire la diffusione della consapevolezza fra le giovani generazioni di questo potenziale, come pure di modelli di vita e abitudini alimentari più sane, proprio a partire dalla riscoperta dei nostri territori. Per questo, ad esempio, siamo presenti nelle scuole. Ma siamo attenti anche a promuovere il valore sociale delle aziende agricole, pronte ad accogliere chi vive condizioni di disagio, come ex detenuti, soggetti diversamente abili, per favorirne il reinserimento sociale o l’inserimento nel mondo del lavoro». Per diventare i protagonisti di “Inchiostro elettronico”, qualora aveste voglia di segnalare notizie che meritano la giusta attenzione, occorre scrivere all’indirizzo di posta elettronica: inchiostroelettronico@telespaziotv. com o contattare il numero 3484929505. Preziosa la collaborazione dello staff tecnico e della redazione. Rita Macrì


il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 45

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

L’INIZIATIVA

“ZEMANLANDIA”

La Panini propone la figurina speciale per l’Inter campione d’inverno

Zdenek in un film Sarà presentato a febbraio nel corso della Bit

Decine di tifosi infuriati hanno manifestato sotto la sede rossonera Intanto il fuoriclasse brasiliano stasera gioca contro la Fiorentina Si è dimesso dopo lo scandalo E la stampa ironizza sul milanista

Pillon sposta Cirillo sulla fascia In avanti Corradi e Brienza

La proposta del City

La trattativa è ancora in pieno svolgimento

La maxi offerta secondo quanto riportato dai tabloid inglesi

273 mln Il valore economico dell'affare

121

Calderon non è più il presidente del Real

Calderon saluta Non è più il presidente del Real Madrid

Kakà esulta con Seedorf. Lo sceicco Al Mansour, proprietario del Manchester City, avrebbe detto ad alcuni amici che Kakà ha già firmato per il suo club

62

60

mln

30

mln

mln

mln Galloppa, centrocampista del Siena

IMPOSTE VARIE

COSTI ACCESSORI

A KAKÀ (15 annui per 4 anni)

AL MILAN

15 15 15 15 ANSA-CENTIMETRI

MADRID - Un addio tra le lacrime. Ramon Calderon non è riuscito a trattenerle mentre leggeva il messaggio con cui ha ufficializzato le dimissioni da presidente del Real Madrid, coinvolto nello scandalo svelato dal quotidiano Marca riguardo le irregolarità dell’ultima assemblea per l’approvazione del bilancio, con la presenza di almeno dieci persone non autorizzate che hanno preso parte alle votazioni. «Non ne sapevo nulla, lo giuro - ha ripetuto Calderon- Ma volevano la mia testa e io non potevo fare altro che dimettermi». Il vicepresidente Vicente Boluda assume la presidenza del Real. «Perfino Kakà ha un prezzo»: è il titolo ironico di ieri a tutta pagina di Marca sulla «faraonica offerta» del City per il brasiliano che più di una volta aveva detto no al Real.

Reggina in trasferta La rincorsa salvezza fa tappa a Siena SIENA - Un mini torneo di tre gare per scalare la classifica e rilanciare le proprie ambiziosi di salvezza: è quello che la Reggina comincerà oggi a Siena, nell’anticipo pomeridiano, e proseguirà con il Chievo in casa e Torino in trasferta. In difesa torna Valdez a far coppia con Lanzaro al centro. Il Siena recupera Vergassola e Zuniga. Le probabili formazioni. Siena (4-3-1-2): 46 Manitta; 2 Zuniga, 15 Brandao, 90 Portanova, 30 Del Grosso; 8 Vergassola, 5 Codrea, 14 Galloppa; 10 Kharja; 18 Ghezzal, 32 Maccarone. All. Giampaolo Reggina (4-4-2): 30 Campagnolo; 5 Cirillo, 55 Lanzaro, 16 Valdez, 33 Santos; 77 Sestu, 8 Barreto, 35 Carmona, 17 Barillà; 9 Corradi, 81 Brienza. All. Pillon

Il caso Kakà slitta a lunedì Negli Emirati già danno l’affare per concluso MILANO - La giornata decisiva sarà lunedì, perchè per Kakà la famiglia conta e quindi le decisioni importanti si prendono con papà. E l’ingegner Bosco Izecson Pereira Leite sta per arrivare dal Brasile per parlare con Adriano Galliani e capire se suo figlio deve davvero fare le valigie per andare al Manchester City. Mentre da Abu Dhabi arrivano notizie contradditorie, prima con la certezza della firma, poi con un possibile rialzo del giocatore sull’ingaggio. L’unica certezza, al momento, è che la trattativa è in corso e che ci sono due tifoserie in attesa: quella rossonera, tutt’altro che ben disposta a perdere un giocatore come Kakà, e quella inglese, che inizia invece a sognare in grande. La curva del Milan ha già chiarito in vari modi alla dirigenza di via Turati che Kakà è considerato un giocatore-simbolo insostituibile e oggi ribadirà il concetto al Meazza con un grosso striscione. Nel frattempo, pe-

L’anticipo Beckham si gioca il posto con Flamini

Viola senza i portieri Jovetic sostituisce Mutu MILANO - L’argomento del giorno è il futuro di Kakà, ma questa sera il Milan deve giocare l’anticipo con la Fiorentina. Ancelotti ha un dubbio a centrocampo: Flamini e Beckham si giocano il posto al fianco di Pirlo e Ambrosini. In attacco confermato il tridente brasiliano. Nella Fiorentina emergenza portieri: Frey ha un problema al ginocchio e Avramov è stato messo ko dall’influenza. In porta va Storari, con Seculin in panchina. L’attaccante viola Osvaldo è a un passo dal Bologna: la Fiorentina intascherebbe 7 milioni. Tre giornate a Ronaldinho In coppa Italia, il giudice sportivo ha squalificato per tre giornate Ronaldinho con la prova tv per una gomitata a Rozenhal nel corso del secondo tempo della partita con la Lazio. Le probabili formazioni di Milan-Fiorentina. Milan (4-3-2-1): 12 Abbiati; 15 Zambrotta, 3 Maldini, 19 Favalli, 18 Jankulovski; 84 Flamini, 21 Pirlo, 23 Ambrosini; 22 Kakà, 80 Ronaldinho; 7 Pato. All. Ancelotti Fiorentina (4-3-1-2): 13 Storari; 21 Comotto, 2 Kroldrup, 5 Gamberini, 6 Vargas; 22 Kuzmanovic, 88 Felipe Melo, 18 Montolivo; 24 Santana; 11 Gilardino, 8 Jovetic. All. Prandelli rò, è stata notevolmente aumentata la presenza di forze dell’ordine davanti alla sede del Milan, dove per tutto ieri si sono visti gruppi di tifosi in cerca di notizie sul futuro del brasiliano. Striscioni, petardi, scritte sul marciapiede, cori per cercare di convincere Silvio Berlusconi e

Adriano Galliani a non vendere Kakà. Che, ieri mattina, è andato regolarmente a Milanello, dove ha chiuso l’allenamento abbracciando Ancelotti. E oggi sarà comunque al suo posto nella formazione titolare che giocherà contro la Fiorentina in quella che potrebbe anche essere la

Serie A: la 19ª giornata PARTITE OGGI 18.00

Siena-Reggina 20.30

Milan-Fiorentina

ARBITRI

Giannoccaro Rosetti

DOMANI 15.00

Atalanta-Inter Cagliari-Udinese Catania-Bologna Chievo-Napoli Lecce-Genoa Sampdoria-Palermo Torino-Roma

Rizzoli Peruzzo Ayroldi Farina Pinzani Stefanini Rocchi

20.30

Lazio-Juventus

Morganti

CLASSIFICA Inter Juventus Milan Napoli Genoa Fiorentina Lazio Roma Palermo Catania Atalanta Udinese Cagliari Sampdoria Siena Lecce Bologna Torino Reggina Chievo

43 39 34 33 32 32 30 27 26 25 24 23 22 20 19 17 16 15 13 10

ANSA-CENTIMETRI

sua ultima partita in maglia rossonera. Negli Emirati danno l’affare già per fatto - sostiene il sito Arabian Business - e lo sceicco Mansour bin Zayed, proprietario del Manchester City, avrebbe già informato i suoi collaboratori della conclusione positiva della trattativa con Kakà, che

riceverebbe l’incredibile cifra di circa 550 mila euro a settimana, con un premio di ingaggio vicino ai 10 milioni di euro solo per la firma sul contratto. Ma è lo stesso sito a correggere in parte il tiro, nel corso della giornata: Kakà avrebbe chiesto un 20% in più a compensazione

Ancelotti vede il Milan attrezzato con o senza il suo campione della mancata partecipazione alla Champions League, e fonti vicino alla proprietà del City parlano di probabile firma domani. Più cauti i toni a Milanello: «Spero di allenare Kakà ancora a lungo ma, con o senza di lui, gli obiettivi del Milan non cambiano» ha detto Ancelotti. Sdegnato Sir Alex Ferguson, allenatore del Manchester United, secondo cui «l’offerta del Manchester City è veramente folle, eccessiva, pazzesca». I 120 milioni che vale il cartellino di Kakà per il Manchester City è la stessa quota del fondo per la scuola nella Finanziaria 2009. Somma inoltre inserita dopo le proteste sui tagli sollevate dalle scuole paritarie. Poi, ancora, i gol di Kakà valgono un quarto delle risorse che lo Stato spenderà in social card per i meno abbienti (a regime 450 milioni), e la cifra di 120 milioni vale sei volte la dotazione che il decreto anticrisi destina agli affitti per famiglie in difficoltà.


46 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

Sci E adesso la discesa

Tennis Seppi trova subito Federer all’Australian Open

Fill secondo sfiora l’impresa BOLZANO - Gli sciatori sudtirolesi non finiscono mai di stupire. Peter Fill si è trasformato in eccellente slalomista conquistando così la piazza d’onore nella supercombinata di Wengen alle spalle del campione locale Carlo Janka. Oggi la discesa: l’Italia gioca la carta di Peter Fill e del giovane Christof Innerhofer.

Squalifica con lo sconto Volandri fuori per tre mesi

Fill ha sfiorato l’impresa

ROMA - Tre mesi di squalifica per doping sono stati inflitti all’azzurro del tennis Filippo Volandri, trovato positivo ad antiasmatico salbutamolo. L’Itf ha riconosciuto le attenuanti: l’azzurro non voleva migliorare le sue prestazioni. Sorteggio sfortunato per Andreas Seppi a Melbourne, che pesca Federer.

Filippo Volandri

Formula Uno Presentata la nuova McLaren

Dennis dà l’addio alle corse Hamilton vuole vincere tutto LONDRA - Nel giorno dell’addio di Ron Dennis, che dal primo marzo lascerà la guida del team McLaren, il neo-campione del mondo Lewis Hamilton rilancia la sfida: «Voglio entrambi i titoli mondiali». Alla presentazione della nuova monoposto è Dennis a rubare la scena con l’annuncio del suo addio alle corse. Una notizia sussurrata da mesi nei corridoi della Formula 1, ma nondimeno accolta con stupore. Dal primo marzo sarà Martin Whitmarsh ad assumere il pieno controllo della scuderia, attesa al debutto il 29 marzo nel Gp di Melbourne. Dennis rimarrà presidente esecutivo del gruppo McLaren.

Calcio Zarate-Rocchi-Pandev nel posticipo di domani L’assenza di Chiellini costringe Ranieri a inventarsi la difesa

Troppi infortuni quest’anno

Roma a nervi tesi Paga il medico

Tre punte per tre punti Contro la Juventus sarà una Lazio d’attacco ROMA - Il tridente per i tre punti. Delio Rossi non ha dubbi. Obiettivo, battere la Juventus e nel posticipo domenicale dell’Olimpico schiererà dal primo minuto il trio Zarate-Pandev-Rocchi. Saranno loro a dover piegare la difesa dei bianconeri (la seconda migliore dopo quella dell’Inter, ma priva di un elemento fondamentale come Chiellini), loro il compito di regalare a Rossi la prima vittoria in campionato - per l’allenatore riminese sulla panchina laziale - contro una grande del calcio italiano. Da quando, nell’estate del 2005, il presidente Lotito ha affidato la Lazio a Rossi, questi non è mai riuscito a portare a casa i tre punti contro Inter, Milan e Juventus. Nei 18 precedenti contro le tre big della seria A, i biancocelesti hanno ottenuto appena sette punti. La statistica che riguarda i soli confronti diretti con i bianconeri parla invece

di due pareggi (nel 2005-06) e due sconfitte (2007-08, nel 2006 la Juve era in B in seguito a Calciopoli). Per invertire il trend negativo, Rossi ha deciso di puntare sui tre attaccanti che hanno abbattuto la Reggina al Granillo e che fin ora hanno trascinato la squadra sino alle soglie di quel quarto posto che coincide con la qualificazione alla prossima Champions League. Così, anche durante l’allenamento di ieri, il mister laziale ha testato il tridente pesante che sarà sorretto da un centrocampo composto dai francesi Meghni e Dabo, e dall’argentino Ledesma. Quest’ultimo, poi, proprio domenica sera festeggerà la 100/ma presenza ufficiale con la maglia della Lazio. Per quanto riguarda la difesa, Rossi potrà contare sul rientro dello svizzero Lichtsteiner che si piazzerà sulla fascia destra. Sull’altro versante agirà Radu mentre, al centro, saranno

Diakitè e Rozehnal a prendere in consegna Del Piero e Amauri. Dopo il Siena e il Catania, la Lazio: via una avanti l’altra, nel segno della rimonta. Non si ferma la rincorsa della Juventus, attesa nell’ultima giornata dell’andata da una delicata trasferta. A sentire il massimo dirigente bianconero, gli ingredienti per fare bene ci sono tutti. «L’Inter ha un gruppo di giocatori poderoso e non a caso l’ho sempre definita portaerei», ricorda Cobolli Gigli. «Senza voler fare paragoni - aggiunge subito - la Juventus ha però dimostrato di essere squadra». E l’Inter è lì, a soli quattro punti. Davvero pochi per una formazione che sta attraversando un ottimo momento. E che non ha nessuna intenzione di mollare. «Ci aspetta una gara molto difficile - osserva il baby centrocampista Marchisio a Juventus.it - ma noi vogliamo continuare a fare bene».

Pandev è pronto a lasciare il segno anche domani sera

«Dobbiamo essere pronti a sfruttare ogni occasione per recuperare punti in classifica - continua - magari sperando in qualche buona notizia da Bergamo (dove è impegnata l’Inter), un campo dove c’è sempre da soffrire». I nerazzurri sono avvisati, ma prima di guardare agli altri bisogna vincere all’Olimpico di Roma, lo stadio in

cui la Juve sogna di giocare la finale di Champions League fra qualche mese. Juve in emergenza in difesa: Zebina e Knezevic sono sempre al palo, Grygera è squalificato e Salihamidzic non è ancora guarito. Come Chiellini, ancora alle prese con l’affaticamento muscolare che l’ha bloccato a inizio anno.

ROMA - Prima il botta e risposta a distanza tra Spalletti e Ancelotti, poi la questione Mexes, sempre con il Milan di mezzo, adesso il medico sociale, Mario Brozzi, che salta. Non c’è pace per la Roma. Il 2009 non è certo iniziato all’insegna della tranquillità per i giallorossi, che inseguono la Champions ma devono fare i conti anche con assenze importanti. A parte lo squalificato Perrotta, domani a Torino mancheranno i lungodegenti Totti e Tonetto, Doni e probabilmente Vucinic, che si è fermato nell’allenamento mattutino per una contrattura muscolare al flessore della coscia destra. Chissà se l’infortunio del montenegrino, miglior realizzatore giallorosso al momento, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Comunque sia, poche ore dopo è arrivato il comunicato della società: «L’A.S. Roma Spa rende noto di aver risolto il proprio rapporto di consulenza professionale con il dottor Mario Brozzi, quale responsabile sanitario della società». A pesare nella decisione sarebbe stata la gestione dell’infortunio di Alberto Aquilani. Ora il posto di Brozzi dovrebbe essere preso dal suo vice e ortopedico, Stefano Del Signore, probabilmente affiancato da un vero e proprio medico sociale.

Inchiesta Vip L’attaccante dell’Inter contro l’ex paparazzo per gli scatti con alcune ragazze durante una festa nella sua villa

Adriano accusa Corona: “Voleva manipolare le foto” Coco, invece, scagiona il fotografo nella prima udienza del processo milanese

Luciano Moggi e altri 23 imputati a Napoli

Un tribunale tutto rosa Martedì inizia Calciopoli NAPOLI - Sarà un tribunale tutto al femminile quello chiamato a giudicare martedì prossimo 24 imputati del processo di Calciopoli, tra i quali l’ex dg della Juve Luciano Moggi. Il collegio della nona sezione del Tribunale è stato appena formato, dopo l’esclusione di un giudice risultato incompatibile, e sarà composto dal presidente Teresa Casoria e dai consiglieri Maria Pia Gualtieri e Francesca Pandolfi. Il dibattimento comincerà regolar-

Igor Greganti

MILANO - Nell’udienza milanese in cui si sono incrociati il passato, Francesco Coco, e il presente, Adriano, dell’Inter, sono arrivate per Fabrizio Corona, imputato per i presunti fotoricatti ai danni di alcuni vip, due testimonianze di diverso tenore: una pro e una contro. Se l’ex terzino, che giocò anche sulla sponda rossonera, ha spiegato in aula e ai cronisti fuori, di non aver «mai ricevuto minacce» dal ’fotografo dei vip’ siciliano (che, anzi, ha salutato con calore), l’attaccante brasiliano invece ha raccontato di aver sentito dire da Corona che «poteva usare quelle foto manipolandole», che il sale presente in una sua festa privata, sui giornali poteva diventare cocaina. Corona, dal canto suo, ha definito le accuse mosse dalla Procura milanese «solo aria fritta». L’Imperatore, in jeans e scarpe da ginnastica bianche, dopo aver dispensato sorrisi per i fotografi e autografi, si è seduto davanti ai giudici della quinta sezione penale e, visibilmente nervoso, ha risposto alle domande del

pm Frank Di Maio, parlando di quella “grigliata” che si era tenuta nel settembre 2006 nella sua villa, in provincia di Como. «Ero con dei miei amici e con delle ragazze cilene che avevamo conosciuto, non erano prostitute - ha spiegato - abbiamo usato un po’ d’alcol, ma

non ero ubriaco». Le foto del party, «scattate da una delle ragazze», vennero pubblicate da un sito svedese e poi rimbalzarono anche in Italia. «Di qualsiasi cosa faccia io - si è lamentato il bomber - c’è la foto sul giornale, ma in quell’occasione non stavo facendo nulla di male».

Secondo l’accusa, Corona tentò di estorcere ad Adriano 30 mila euro per il ritiro di quegli scatti dal mercato. «Mio cugino - ha raccontato Adriano - mi disse che Corona chiedeva soldi, ma io non volevo pagare e non ho pagato». Adriano ha raccontato di aver sentito, men-

mente: il presidente del Tribunale di Napoli Carlo Alemi ha disposto la sostituzione di uno dei magistrati che facevano parte del collegio B della nona sezione, il quale è risultato incompatibile in quanto, nella precedente funzione di giudice per le indagini preliminari, aveva autorizzato alcune intercettazioni telefoniche nell’ambito dell’inchiesta Calciopoli. Il processo comincerà alle 9.30 al Palazzo di Giustizia al Centro Direzionale. tre era in macchina con un suo amico (un factotum che lo aiutava anche in quella vicenda), Corona dire in vivavoce che «poteva usare quelle foto manipolandole e che il sale sul tavolo poteva essere inteso come cocaina». Quello invece era «solo sale grosso e io mi stavo ab-

Francesco Coco, ex terzino di Milan, Inter e Nazionale ha detto di non aver mai ricevuto minacce dal fotografo Corona

bassando sul tavolo solo per fare la foto». Il vicedirettore generale dell’Inter, Stefano Filucchi, chiamato a testimoniare, ha spiegato di aver incontrato Corona. Gli proponeva di acquistare le foto, «perchè - ha raccontato - diceva che non era opportuno che uscissero. Io la ritenni moralmente un’estorsione». Da parte sua, invece, Coco ha spiegato di non essersi mai sentito «nè minacciato, nè ricattato». Ha chiarito di aver pagato 6 mila euro a Corona per non far uscire foto che lo ritraevano in compagnia di una ragazza, «che poteva sembrare un trans», all’uscita della discoteca Hollywood nel settembre 2006, «solo per bloccare le malelingue che da qualche anno, quando ero all’Inter, mi dipingevano come un trans, un drogato, un puttaniere, un nottambulo». Riguardo alle foto scattate quando era in un’altra discoteca milanese, ha detto di aver deciso lui stesso «di farle pubblicare su Novella 2000, perchè non avevo nulla da nascondere». Prossima udienza il 29 gennaio, fra i testimoni l’attaccante della Fiorentina ed ex Milan Alberto Gilardino.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 47

SPORT Nell’anticipo di oggi in Toscana amaranto in cerca del “colpo” esterno per dimenticare la sconfitta con la Lazio

S E R I E

A

I tre punti...a tutti i costi! REGGINA

Krajcik dal primo minuto. Coppia d’attacco, Brienza-Corradi

REGGIO CALABRIA — I tre punti, co-

sti quel che costi. Dopo l’ennesima sconfitta, quella della scorsa settimana contro la Lazio al Granillo e la conseguente riconferma alla penultima posizione della classifica, la Reggina per la prima trasferta dell’anno non ha alternative alla vittoria. La situazione è delicata e difficile ed un’altra debacle rischierebbe di ingarbugliarla ancora di più. Oltre che scalfire ulteriormente l’umore del gruppo. Con questi presupposti i tre punti appaiono necessari, se si vuole uscire dal tunnel della crisi in cui la squadra è entrata e se si vuole ancora coltivare il sogno di tagliare il traguardo di una nuova permanenza nell’Olimpo del calcio. In attesa che la società corra ai ripari intervenendo sul mercato con calciatori di qualità ed esperienza, tocca a mister Bepi Pillon trovare le soluzioni per evitare che la “barca” amaranto continui lentamente ad affondare. Dal suo arrivo, il trainer ha cercato di dare un'impronta di gioco alla sua nuova squadra, ma al tempo stesso ha dovuto con amarezza constatare che il gruppo non dispone della personalità necessaria per imporsi sull'avversario. Ed è soprattutto su questo aspetto, oltre che su quelli tattici, che il trainer ha dovuto lavorare. Pillon spera che quanto fatto in settimana possa aver corretto alcune delle ingenuità e degli errori commessi sin qui e si augura che alcune sue direttive possano rivelarsi necessarie per poter aver la meglio su un avversario di pari grado. In settimana sono stati provati e riprovati schemi e soluzioni di gioco per contrastare la squadra di Giampaolo. E per questo motivo non si escludono novità nella formazione iniziale. Per la trasferta odierna, Pillon potrà contare su Carmona e Valdez. Il primo rientra dopo un aver scontato una giornata di squalifica, mentre il difensore torna disponibile dopo lo stop di parecchie settimane per un infortunio al ginocchio. L’impiego di quest’ultimo appare tuttavia difficile, considerato che ancora il giocatore non è al top della condizio-

2ª D I V I S I O N E VIGOR LAMEZIA LAMEZIA TERME — Si aggregherà

martedì prossimo il nuovo acquisto Domenico Falco e potrà, pertanto, essere “impiegato” da mister Ammirata in occasione del derby di domenica 25 gennaio al “D’Ippolito” contro il Cosenza. Il giovane attaccante casertano proveniente dall’Ascoli, costituisce, quindi, un altro importantissimo tassello nel “nuovo” mosaico della Vigor che, pian piano, sta prendendo forma e che lascia ben sperare per il prosieguo del campionato. La “missione salvezza” è tuttavia già partita, grazie alla vittoria di domenica scorsa in casa contro l’Isola Liri. Adesso occorre dare prova di continuità a cominciare già da domani con la difficilissima trasferta abruzzese in casa del Pescina che anche questa stagione si propone con piglio autoritario nei quartieri alti della classifica. Dopo la “partitella” del giovedì contro la Berretti, gli uomini di Fofò hanno svolto ieri una sola seduta e oggi, contrariamente al solito, partenza

REGGINA 4-4-2

CAMPAGNOLO

A MICROFONO APERTO di Antonio Latella

KRAJCIK

LANZARO

CIRILLO

SANTOS

BANDO AL DISFATTISMO

SESTU

BARRETO

CARMONA

BARILLA’

angoscioso senso di sfiducia che pervade la tifoseria, rimasto latente fino a poche settimane fa, oggi si manifesta in tutta la sua drammatica realtà. Il popolo amaranto è preoccupato, nervoso, deluso. Assiste con crescente tensione all'approssimarsi della conclusione del calciomercato, che consumerà le ultime speranze di salvezza per la compagine dello Stretto. Fino a questo momento si è mosso poco. D’altra parte è comprensibile l’attendismo del direttore sportivo Martino. Ha assunto la responsabilità dell'area tecnica da due settimane e finora ha avuto la possibilità di vedere all’opera la squadra solo in una circostanza. Ecco perché gli interventi sulla rosa dei calciatori vanno operati, almeno per il momento, "cum grano salis". Sfoltire e ricostruire: il primo verbo piace di più al presidente Foti, che è sempre stato capace di piazzare il colpo giusto proprio nelle ultime ore della campagna trasferimenti. Il “giochetto” gli è riuscito quasi sempre. Al patron amaranto è andata male solo l’ultima volta, ed i risultati sono stati disastrosi: a disposizione del

BRIENZA

CORRADI

L’

All: Pillon

L’allenatore della Reggina Bepi Pillon

ne. La novità potrebbe essere rappresentata dall’impiego di Matej Krajcik dal primo minuto. Una decisione che il trainer assumerà definitivamente questa mattina quando avrà valutato le possibilità che il giocatore slovacco, che ancora parla e capisce poco la nostra lingua, sia pronto per entrare in campo. Con il suo ingresso, il pacchetto difensivo subirebbe qualche modifica, con Krajcik che andrebbe a ricoprire la corsia destra, Santos quella sinistra, mentre Lan-

zaro e Cirillo agirebbero da centrali. A centrocampo si registra il rientro di Carmona, che affiancherà Barreto, con Sestu sulla destra e Barillà sulla sinistra. L’attacco invece sarà affidato alla coppia Brienza-Corradi. A dirigere l’incontro sarà l’arbitro Giannoccaro di Lecce il cui lavoro sarà coadiuvato dagli assistenti Bernardoni di Modena, Masotti di Bologna e Banti di Livorno.

malcapitato Nevio Orlandi è stato messo un organico che, al tempo stesso, è pletorico ed inadeguato. Eccessivo dal punto di vista numerico, perché composto da 29 elementi. Inadatto alla serie A, perché gli uomini di categoria si contano sulle dita di una mano. Eppure, nonostante ciò, non ci sentiamo di aderire al partito dei “disertori”. La Reggina ce la può fare. E’ riuscita a salvarsi nonostante undici punti di penalizzazione. Ha realizzato la stessa impresa lo scorso anno, nonostante, a cinque giornate dal termine, fosse pressoché retrocessa. Perché non dovrebbe ripetersi questa volta? Restano venti giornate di campionato. Annullare il gap è possibile, anche perchè la Reggina ci ha sempre abituati a gironi di ritorno caratterizzati da una media-punti altissima. E allora bando al disfattismo. A cominciare da Siena. Contro i toscani, lo scorso anno, cominciò la lenta risalita della squadra. Speriamo di ripeterci in questa circostanza, anche perché il “Franchi” in passato è stato prodigo di soddisfazioni per i colori amaranto.

Angela Latella

Il fantasista “salterà” il match di domani e Cacciaglia sarà in campo dall’inizio. Falco si aggregherà martedì

Contro il Pescina Vigor Lamezia senza Riccobono alle 8,30 per il ritiro di Avezzano dove, nelle adiacenze dell’albergho, svolgeranno nel pomeriggio la seduta di rifinitura. Purtroppo non ci sarà Riccobono che, dopo la risonanza al ginocchio destro e un ulteriore accertamento, per precauzione, il tecnico ha deciso di non convocarlo anche in virtù del fatto che, nel corso della settimana, il fantasista biancoverde non si è allenato. Sicuramente, sarà in campo nel derby col Cosenza. Detto, ciò, la Vigor che affronterà domani il Pescina dovrebbe scendere in campo con la seguente formazione: Panìco tra i pali. Linea difensiva formata da Ciminari a destra e Marinelli a sinistra. Centrali, Pascuccio e Filippi. A centrocampo Ciotti a destra e Carraro a sinistra.

Quindi, esordio dal primo minuti per l’ex sangrino, Cacciaglia che farà coppia con Lopetrone. In avanti, Sergi e Ragatzu. Ad Vezzano è prevista anche una nutrita rappresentanza di tifosi biancoverdi pronti come sempre a incitare la squadra. La gara di domani sarà diretta dal signor, Alberto Fiamingo di Pisa. Coadiuvato da Antonello Grispigni di Roma e Leopoldo Belmonte di Frosinone. Unico precedente ad Avezzano, l’incontro dello scorso anno, valevole per la 21ª giornata del campionato di C2, giocata il 20 gennaio 2008. I biancoverdi si imposero per 2-1 con una doppietta di Marasco. r. s.

Il fantasista biancoverde, Vincenzo Riccobono


48 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPORT 2ª D I V I S I O N E

L’esperto centrocampista giallorosso mette in guardia i compagni: avversario spigoloso. Ci attente un match difficile

Berardi: attenti al Manfredonia CATANZARO

CATANZARO — Rinviata a data da destinarsi la riapertura del settore distinti e della tribuna est. Non è arrivata neanche ieri mattina l’attesa fumata bianca da parte della Commissione di vigilanza. Al termine del sopralluogo svolto al “Ceravolo”, i membri della stessa Commissione hanno preso atto dello stato di avanzamento dei lavori optando, tuttavia, per un nuovo sopralluogo che presumibilmente avverrà la prossima settimana. Ma ciò non significa che in vista del primo match casalingo del 2009 i tifosi giallorossi non debbano tornare (finalmente) a riempire gli spalti dell’ex “Comunale”. Con o senza settore distinti, i ragazzi di Nicola Provenza hanno bisogno di calore e di quella spinta che solo il pubblico di fede giallorossa sa regalare. In questo senso, nelle ultime ore, si stanno sprecando gli inviti e gli appelli della tifoseria organizzata. Per quanto concerne l’aspetto prettamente agonistico, ieri mattina, è proseguita la preparazione di Gimmelli e compagni in vista dell’incontro col Manfredonia. Preparazione che, detto per inciso, è ormai giunta agli sgoccioli anche se il volto dell’undici titolare è tutto da decifrare. Di certo, sarà Benincasa a prendere il posto dello squalificato Zaminga. Da valutare, invece, chi sarà il sostituto in attacco dell’acciaccato Antonio Montella. Al momento, Falomi sembra favorito su Ian-

E mister Provenza inizialmente dovrebbe optare per il 4-4-2

Pasquale Berardi

nelli. La rifinitura di stamattina potrebbe chiarire qualcosina di più in questo senso. E poi c’è sempre il dilemma del modulo tattico. Coi pugliesi guidati in avanti dall’ex Mauro Marchano ci sarà spazio per il collaudato 4-4-2 o per un più offensivo 4-3-3? Nel corso della settimana, Provenza ha provato e riprovato lo schema di gioco tanto caro a Zdeneck Zeman ma la sensazione è che le tre punte si potranno vedere in azione in casi particolari. Come dire, il tecnico giallorosso anche in virtù dell’arrivo di Andrea Pippa, sta accarezzando l’idea di varare il 4-3-3… qualora le situazioni di gioco lo dovessero richiedere. Magari, sin dalla prossima partita. Almeno

inizialmente, contro il Manfredonia il trainer non dovrebbe discostarsi dal caro e collaudato 4-4-2. Capitolo Frisenda. Il gruppo giallorosso s’è stretto intorno all’ex bomber dell’Igea Virtus per non disperdere un elemento importante per squadra e spogliatoio. Il buon Rino, infatti, rappresenta un elemento fondamentale per il prosieguo della stagione. Eloquente una dichiarazione del centrocampista Pasquale Berardi. «Non penso si debba parlare di un caso Frisenda» ha sottolineato. «Rino è da quasi un anno fermo commenta -. Capisco che voglia recuperare il tempo perso. Innanzitutto, però, deve cercare di ritrovare la miglior forma. E poi, è un ragazzo intelligente e sa bene che tutti dobbiamo remare nella stessa direzione per raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissi. Gennaio è un mese veramente particolare, forse il più difficile perché il mercato aperto consente anche molte turbative. Il gruppo, invece, deve restare sereno e tranquillo poiché il bene del Catanzaro viene prima di tutto». Berardi, infine, non ha usato troppi giri di parole per dire che partita sarà quella di domani: «Col Manfredonia ci attende un match difficile, spigoloso. Già domenica scorsa abbiamo avuto la riprova di come il girone di ritorno costituisca un altro campionato». Vit. Ran.

RANIERI dalla prima Ingoiato il boccone amaro del dietro-front di Emiliano Bonazzoli, adesso tutti aspettano che il dg Martino metta a segno i colpi giusti per dare quantità e qualità alla truppa dello Stretto. Se si parla di mercato, poi, la mente vola a quel che accade a Crotone. Nella città pitagorica, è da oltre un mese che i tifosi non sentono parlare d’altro se non di partenze, partenze e ancora partenze. Nonostante quanto dichiarato dalla dirigenza a fine dicembre, quello splendido giocattolo costruito dal duo Ursino-Moriero non sembra destinato ad essere smantellato completamente. Andranno via gli elementi con la busta paga più pesante ma l’ossatura del Crotone dovrebbe (il condizione è d’obbligo) restare in piedi. Vedremo quel che accadrà. Nella seconda divisione, invece, le big sono passate direttamente dalle parole ai fatti. Prendiamo il caso di Cosenza e Catanzaro. Nonostante un grandissimo girone d’andata, i due club calabresi hanno sondato il mercato operando in maniera mirata. E non è un caso che il gol vittoria della capolista, in quel di Barletta, sia stato siglato dal neo acquisto Mortelliti. Non è un caso che, ad Aversa, il tecnico giallorosso, Nicola Provenza, abbia gettato nella mischia l’attaccante Falomi senza pensarci su due volte. Il 23enne proveniente dall’Arezzo ha ripagato la fiducia del mister con un buon secondo tempo e con la palla dell’1-0 servita sui piedi di Max Caputo. A fronte delle buone intenzioni, il mercato vigorino sta decollando negli ultimi giorni. I grossi nomi non sono arrivati ma è stato il bomber Sergi, il classico cavallo di ritorno, a regalare la prima vittoria stagione alla formazione di Fofò Ammirata. Vittorio Ranieri

Iniziativa del club “Massimo Palanca” Domenica mattina al club “Massimo Palanca” di Catanzaro Marina, sito in via Genova n° 12, ci sarà la distribuzione di album e figurine della mitica Edizione Panini, stagione 2008-2009. Per il sesto anno consecutivo la distribuzione gratuita avverra nei locali del club per confermare il consolidato binomio calcistico culturale con la storica azienda che si distingue per la collezione dei calciatori. L’inizio della consegna è prevista per le ore 10,00 e si concluderà al termine delle scorte purtroppo limitate. Sarà di nuovo l’occasione per rivedere tanti bambini e tanti adulti sia del club sia del quartiere stesso e con loro si cercherà di ravvivare l’ambiente calcistico catanzarese. (Club Massimo Palanca)


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 49

SPORT 2ª D I V I S I O N E

QUI COSENZA Domani al San Vito prima sfida tutta calabrese. In campo Moschella e Ramora

Occhiuzzi e Parisi out COSENZA

COS E N ZA — Ora è ufficiale due giocatori importanti per gli equilibri del Cosenza non saranno disponibili per la gara di domenica contro la Vibonese di Galfano. Né Occhiuzzi né Parisi sono riusciti a recuperare dai rispettivi guai fisici. A questo punto la formazione è già del tutto fatta per Mimmo Toscano con Moschella che giocherà al centro della difesa e Ramora che esordirà dal primo minuto davanti al pubblico amico. Anche oggi i due titolari di Toscano non si sono allenati con i compagni e insieme agli altri indisponibili guarderanno la gara dalla tribuna. Dicevamo già ieri che fra infortuni e influenza Toscano ha gli uomini contati. La rosa Bruzia comunque consente di stare tranquilli e di mettere insieme una formazione di tutto rispetto. Notizia di giornata (fonte Cosenzachannel. it). Massimo Morelli è partito per Cesenatico per cercare di curare i fastidi che lo stanno perseguitando ormai da mesi. Non sappiamo quali siamo le cure a cui si sottopongono i giocatori che si recano nel centro specialistico emiliano, ma sta di fatto che riescono a risolvere i

2ª D I V I S I O N E

VIBONESE

VIBO VALENTIA — La Vibonese prepara il “derby impossibile” al San Vito dando segnali rassicuranti e tranquillizzando ambiente e squadra. E’ questa la prima considerazione da fare alla luce di quanto accaduto nelle ultime ventiquattrore. Da un paio di settimane ormai si parlava, giorno per giorno con voce sempre più alta, dello stato d’animo di Gaetano Di Mauro. Quello che da tempo è entrato nel cuore dei tifosi rossoblù di fede consolidata con il soprannome di “metronomo”, per le sue qualità di saper dettare i tempi a tutta la squadra, da qualche settimana era tentato da una serie di iniziative che lo volevano portare lontano da Vibo Valentia. Prima Brindisi e Nocerina, ma il no del giocatore era arrivato perché non intendeva scendere di categoria (le due squadre giocano in serie D); poi la professione di fede rossoblu da parte del giocatore che ha sempre detto di trovarsi bene a Vibo Valentia e di avere un ottimo rapporto con la società apprezzando la serietà ed il senso della parola data dei suoi dirigenti; quindi, i nuovi tentativi provenienti da Lamezia e Barletta, ma anche in questo caso Di Mauro nicchiava non volendo fare torto alla Vibonese passando a squadre che giocano nello stesso girone; infine le avances del Varese. Queste ulti-

Catania, Battisti e Bernardi recuperano. Certo lo schieramento a due punte

A sinistra il tecnico del Cosenza, Mimmo Toscano. Qui a fianco, il centrocampista Occhiuzzi che domani “salterà” il derby del San Vito contro la Vibonese.

problemi in pochissimo tempo. I casi Cantoro e Galantucci sono emblematici: dopo essere tornati dal Nord Italia sono miracolosamente guariti. Altro forfait certo è quello di Andrea Musacco che ha ancora la febbre e che non sarà certamente della partita. Al suo posto Luca Chianello che ritrova una maglia

da titolare dopo alcuni mesi. Invece ieri si sono allenati regolarmente Catania, Battisti e Bernardi che hanno recuperato dalla febbre. Battisti e Bernardi dovrebbero essere nella formazione titolare mentre per Catania la presenza in campo dipenderà dallo schema tattico che vorrà mettere in campo Toscano. A guardare la partitella con

la Berretti disputat agiovedì, sembrerebbe certo lo schieramento a due punte con Mortelliti in appoggio e Ramora sulla destra. Il recupero del buon Lele però potrebbe far optare per uno schema con una punta e tre giocatori d’attacco alle sue spalle. Staremo a vedere, domani nel corso della rifinitura se ne saprà certamente qualcosa in più.

Arbitro. Arbitrerà l’incontro di domenica alle 14:30 al San Vito fra Cosenza e Vibonese, il sig. Bagalini Roberto della sezione di Fermo. Il sig. Bagalini sarà coadiuvato dagli assistenti Santangelo Michele della sezione di Salerno e Di Lascio Paolo anch’egli della sezione di Salerno.

QUI VIBOAmbiente comunque sereno dopo il rinnovo contrattuale dell’esperto Di Mauro

proposito dell’attacco; si rinfranca tutto l’ambiente perché questa firma, sul prolungamento del contratto di Di Mauro, vuol dire una sola cosa e smentisce quei profeti di sventura che ipotizzavano una Vibonese in smantellamento: niente di tutto questo, c’è evidentemente il progetto per una Vibonese del futuro che ha già un punto fermo nel suo nuovo capitano, Gaetano Di Mauro. Dunque, se sul fronte dei nuovi arrivi non si segnala alcunché, in vista del derby col Cosenza la dirigenza ha almeno offerto al proprio allenatore un ambiente rasserenato che può guardare al futuro e tutta la squadra, con la conferma di Di Mauro, riceve una boccata d’ossigeno perché destinataria di un messaggio inequivocabile: chi lavora seriamente e con altrettanta serietà si confronta con la società non sarà abbandonato. Intanto, il presidente Santino Gurzillo è a Firenze per assolvere ai suoi compiti di consigliere federale. Sarà questa un’occasione utile per scambiare quattro chiacchiere con quei colleghi con i quali sono già aperti i contatti: ad esempio, del Benevento per sbloccare la vicenda Di Piazza, o della Roma per sapere di Bianchini e Della Penna e chissà che chiacchierando chiacchierando non spunti qualche nuova idea. Nel frattempo, Angelo Galfano si trasforma anche in manager e mantiene in prima persona contatti diretti col ds del Palermo Sabatini per sollecitare l’arrivo di qualcuno tra Romeo, Costantino e Misuraca. Insomma, un Galfano in stile Ferguson, uomo società: allenatore e manager per il bene della propria squadra.

La squadra di mister Galfano pronta per il “derby impossibile”

L’esperto centrocampista rossoblù, Gaetano Di Mauro

me, in verità, avevano fatto sbandare colui che, con l’uscita di scena di Ruscio, diventa il capitano rossoblù: perché Varese è una piazza importante e con una gloriosa storia calcistica alle spalle, perché la squadra attualmente guida il suo girone di Seconda divisione, perché per lui era pronto un interessante biennale. Gaetano Di Mauro ha tenuto duro: con lealtà ha prospettato la situazione alla società ed ha avuto conferma di quella serietà che lui stesso aveva già notato nei dirigenti rossoblu. Risultato: da ieri Di Mauro ha firmato un prolungamento del contratto altrimenti in scadenza il prossimo 30 giugno e ogni cosa si è risolta con piena soddisfazione di tutti i protagonisti della vicenda. Perché in questa storia non è solo Di Mauro o solo la Vibonese a guadagnarci. Certo, anche loro, perché Di Mauro è ora tranquillo sul suo più immediato futuro, la Vibonese è tranquilla che su di lui può contare per programmare la stagione in corso e la successiva; soprattutto, la squadra è tranquilla, perché non perde il suo punto di riferimento, il suo metronomo o la sua luce che dir si voglia; si rasserena pure l’allenatore che, perso Ruscio, sa di non doversi inventare anche il centrocampo, dopo i problemi che lo attanagliano a

Carmelo Grandinetti

Maurizio Bonanno


Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

50 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani TRIBUNALE DI CATANZARO IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE dott.sa ANDRICCIOLA nella procedura esecutiva n. 4/99 R.G.E. DISPONE Precedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n. 1: Struttura ricettiva costituita da campeggio e residence in Sellia Marina, Località Donna Iapica (fg. 20, part. 872, sub. 2.3.4) al prezzo base di euro 3.327.687,50. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c è fissata per il giorno 18/03/2009. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c,in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente, per essere ammesso alla vendita, dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12 del giorno precedente l’udienza fissata, una busta sigillata recante, la data della vendita e il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un ASSEGNO Circolare “Non Trasferibile” intestato a “ Cancelleria Tribunale di Catanzaro proc.n… d’importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 5.000,00. L’aggiudicatario,dovrà versare il prezzo d’acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva Catanzaro, 26 novembre 2008 L’operatore giudiziario Ficchi Miryam °°°°°°°°°° Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott.ssa Maria Carmela Andricciola nella procedura esecutiva n.86/1983 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente benimmobile: Lotto unico: terreno con sovrastante fabbricato in Sellia loc. Piccola Fol. 14 part. 5 - 69. Prezzo base 37.800,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 18 marzo 2009 ore di rito. Nella medesima udienza è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità nonché assegno circolare “non trasferibile” intestato al Tribunale di Catanzaro proc. Es. n. 86/1983 di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto a titolo d deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti l’aumento minimo è fissato in euro 500,00. L’aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte di acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il suddetto termine oltre che nelle forme di legge anche mediante le seguenti inserzioni www.eugenius.it - Il Domani. °°°°°°°°°° PRIMA SEZIONE CIIVLE Il Giudice Dott.ssa Maria Carmela Andricciola ha pronunciato la seguente ORDINANZA nella procedura esecutiva n. 262/92 R.G.E., pendente tra …OMISSIS visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto 1: capannone artigianale in Petrizzi, mq 323,00 in catasto al foglio 15, p.lla 668, sub 2,3,4,5 Prezzo euro 130.220,00 Lotto 2: magazzino in Petrizzi, corso Umberto 93, in catasto al foglio 11, p.lla 448, sub 2 Prezzo euro 5.950,00 Lotto 3: appartamento in Montepaone Via nazionale 186, in catasto al foglio 10, p.lla 80, sub 1 Prezzo euro 70.125,00 Lotto 4: box cantina in Montepaone via nazionale, 186, in catasto al foglio 10, p.lla 80, sub 2 Prezzo euro 11.900,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente,depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 262/92 RGE un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 17.03.2009 restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 18.03.2009. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00 per il lotto 1 e euro 500,00 per i restanti lotti. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 28.10.2008 Il Giudice °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE

PROGETTO

A CURA DELLA

Dott.ssa Maria Carmela Andricciola nella procedura esecutiva n. 82/1997 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n.1 - Quota pari a ∏ di una appartamento sito in Borgia, alle località Roccelletta, int. E, con annesso giardino riportato in catasto al foglio 45, particella 72, Sub 5 - Prezzo base Euro 11.930,00 Lotto n. 2 - Quota pari a ∏ di una appartamento sito in Sorbo San Basile, alla località Vaccaro, int. 3 e riportato in catasto al foglio 7, particella 61, sub 3 Prezzo base Euro 4.747,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il giorno 18.3.2009 ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n. 82/1997” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in Euro 500,00 per entrambi i lotti. L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo di acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza e la perizia vengano pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - Il Domani. Catanzaro, 29 Dicembre 2008 °°°°°°°°°° PRIMA SEZIONE CIIVLE Il Giudice dell’esecuzione dott.ssa Maria Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 3706/04 R.G.E., pendente tra …OMISSIS visti gli atti; attesa l’opportunità di procedere alla vendita dell’intero cespite non essendo lo stesso divisibile; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: appartamento in Soverato, Via Giovanni Bosco, 190, mq 136, in catasto al foglio 12, p.lla 60, sub 9; Prezzo euro 100.937,50 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa, unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 3706/04 RGE un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 17.3.2009 restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 18.03.2009. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 04.11.2008 Il Giudice Dott.ssa Maria Carmela Andricciola °°°°°°°°°° Prima sezione civile Il Giudice, dott.ssa Maria Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Letti gli atti del proc. N. 58/90 fall. Vista la richiesta del Curatore in data 09.10.2008 DISPONE Procedersi alla vendita ai pubblici incanti dei seguenti beni: IMMOBILI IN TAVERNA, LOC. VILLAGGIO MANCUSO, in catasto foglio 35 part 261 Lotto 1) garage in catasto sub 13; Prezzo base d’asta euro 2.200,00 oltre iva Lotto 2) garage in catasto sub 17; Prezzo base d’asta euro 2.200,00 oltre iva Lotto 3) garage in catasto sub 22; Prezzo base d’asta euro 2.200,00 oltre iva Lotto 4) garage in catasto sub 45; Prezzo base d’asta euro 2.200,00 oltre iva Lotto 5) garage in catasto sub 46; Prezzo base d’asta euro 2.200,00 oltre iva Lotto 6) garage in catasto sub 50; Prezzo base d’asta euro 2.700,00 oltre iva Lotto 7) cantina in catasto sub 25; Prezzo base d’asta euro 480,00 oltre iva Lotto 8) cantina in catasto sub 28; Prezzo base d’asta euro 580,00 oltre iva Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. La vendita avrà luogo davanti al Giudice Delegato, nell’aula delle pubbliche udienze del tribunale in data 11.3.2009, ore 9.30. Ogni offerente, per essere ammesso all’incanto, dovrà depositare in cancelleria, entro le ore 12 del giorno precedente alla vendita, una somma pari al 10 % del prezzo base, restando a carico della Curatela le spese di trasferimento. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a euro

MEDIATAG

500,00. per ogni lotto. L’Aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni 60 dalla data di aggiudicazione. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, 45 giorni prima della vendita per inserzione sul quotidiano il Domani, nella rivista Aste del mese anteriore alla vendita, e nel sito internet www.aste.eugenius.it. Manda alla cancelleria per la comunicazione e per quant’altro di competenza. Catanzaro 23.10.2008 Il Giudice Dott.ssa Maria Carmela Andricciola. °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Il Giudice dell’Esecuzione, dott. Cavallo, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nella procedura esecutiva n. 18/03 R.G.E. pendente tra Banco di Napoli e “omissis” visti gli atti; Dispone Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: LOTTO 1. Piena proprietà per la quota di 1000/1000 relativamente a appartamento sito in Comune di Catanzaro, quartiere Lido, Loc. Bellino, Via SS. 106 n. 4. Composto da ingresso, cucina, pranzo, soggiorno, n. 2 Camere da letto, bagno, lavanderia, deposito e balconi. Confinante con: corte condominiale da tre lati, vano scala e con proprietà “omissis”, posto al P1 sviluppa una superficie lorda di circa mq. 127. Identificato in Catasto: Partita 1024690 intestata a “omissis”, foglio 85 mappale 122, subalterno 3, categoria A/3, classe 2, Prezzo euro 61.508,39. LOTTO 2. Piena proprietà per la quota di 1000/1000 relativamente a magazzino sito in Comune di Catanzaro, quartiere Lido, Loc. Bellino, Via SS 106 n. 4. Composto da unico locale, con due ingressi (anteriore e posteriore), due finestre a vasistas laterali, l’interno è suddiviso in due soppalchi con struttura in telaio in ferro e legno. Con annessa corte condominiale, confinante con corte condominiale da tre lati, e proprietà “omissis” posto al piano terra, sviluppa una superficie Lorda complessiva di circa mq. 48. Identificato in Catasto: Partita 1024690 intestata a omissis”, foglio 85 mappale 122, subalterno 11, categoria C/2, classe 6, della superficie catastale di mq. 48, posto al piano terra. Prezzo euro 14.229,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato: Tribunale di Catanzaro proc. n. 18/03 portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12,00 del giorno 17.03.2009, restando le spese di trasferimento a carico della procedura. L’udienza per la deliberazione sull’offerta, ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti, ex art. 573 c.p.c., è fissata in data 18 MARZO 2009. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in Cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano “ Il Domani “, nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro lì 18.06.2008 Il Giudice Dott. Cavallo °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dr. Giuseppe Cava nella procedura esecutiva n.47/04 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Appartamento in Catanzaro, via IV Novembre (F. 79, P.lla 291, sub 9) Euro 56.109,37 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 04.03.09 Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un „Assegno Circolare Non Trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n............” di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo è fissato in euro 4.000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data dí aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell’aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per Ia presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - II Domani Catanzaro, 10 dicembre 2008 TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 C.P.C. NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 53/2001 R.E. SI RENDE NOTO Che il giudice dell’esecuzione nella procedura n. 53/01

Per informazioni 0961 996802

R.E., promossa da: LO PREIATO ISABELLA, con ordinanza del 29/10/2008 ha disposto la vendita senza incanto dei seguenti beni immobili nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano: 1) Terreno sito nel comune di Maida, località Motta, Via Adorno, superficie di mq 4.950, foglio 56, particella 298, qualità uliveto, classe 2, reddito dominicale euro 26,84, reddito agrario euro 14,06 Valore del bene euro 31.324,30; 2) Terreno sito nel comune di Maida, località Motta, Via Adorno, superficie di mq 3.151 mq, foglio 56, particella 485, qualità uliveto, classe 1, reddito dominicale euro 22,78, reddito agrario euro 9,76 Valore del bene euro 19.189,80; 3) Fabbricato sito nel comune di Maida, località Motta, Via Adorno, superficie catastale 138 mq, foglio 56, particella 486, categoria A/3, classe 2, consistenza 6,5 vani, rendita euro 312,20 Valore del bene euro 33.697,28 4) Magazzino, per la quota di 1/4, sito nel comune di Maida, località Motta, Via Adorno, consistenza 86,00 mq, foglio 56, particella 304, sub 2, categoria C/6, classe 1, rendita euro 124,36 Valore del bene euro 7.593,80 Gli interessati a presentare offerta di acquisto possono esaminare i beni in vendita chiedendo di accede agli immobili, previa preventiva comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 cpc. FISSA La vendita senza incanto per il 04.03.2009 ore 9,30 e segg. presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso che la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 18.03.2009 ore 9,30 e segg. al prezzo base d’asta così come sarà determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 04.03.2009 all’esito della vendita senza incanto. Ogni concorrente per essere ammesso all’incanto deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi). All’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad. es. procura speciale o certificato camerale); In caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. Con l’istanza di partecipazione da presentarsi in busta chiusa senza segni di riconoscimento deve essere depositato l’assegno circolare non trasferibile, intestato a “Poste Italiane S.p.a “ tramite cui effettuare il versamento della cauzione in ragione di un decimo del prezzo base d’asta. In ogni caso le spese di trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità. L’offerta di acquisto è irrevocabile, salvo che: il giudice ordini l’incanto, siano decorsi 120 gg dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta. Il termine ultimo per depositare istanza di partecipazione nella cancelleria delle esecuzioni del Tribunale di Lamezia Terme è entro e non oltre le ore 13:00 del giorno 03.03.2009 per la vendita senza incanto e termine fino alle ore 13:00 del 17.03.2009 per la vendita con incanto; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta. Gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione. L’aggiudicatario dovrà versare: a) la differenza del prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “ Poste Italiane S.p.a.” b) depositare idonea ed aggiornata certificazione ipocatastale concernente l’immobile posto in vendita ed attestante le risultanze delle visure catastali e dei registri immobiliari, nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla cancelleria. L’aggiudicatario dovrà provvedere a proprie spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli, alla sanatoria e/o condono di eventuali irregolarità urbanistiche entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. Il creditore procedente provvederà a inserire l’avviso di vendita sul sito internet www.astegiudiziarie.it, per una sola volta su un quotidiano di informazione a diffusione locale a scelta per una sola volta sulla rivista “Aste giudiziarie” Ulteriori informazioni potranno essere chieste in cancelleria. Lamezia Terme, lì CANCELLIERE C1 F.to (Bruna BERNARDI) °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°. 83/2000 RGE ha disposto la vendita senza incanto di un lotto, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, per l’udienza del 11.3.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto del medesimo lotto per l’udienza del 25.3.2009 Lotto uno - “Appartamento per civile abitazione di circa 167 mq sito in Maida, frazione Vena, alla via Scanderberg n. 7, composto da seminterrato adibito a garage con rampa di accesso esterna, corte recintata, piano terra adibito a zona giorno con soggiorno-angolo cottura e un bagno, primo piano destinato a zona notte, con tre camere e un bagno, cui è possibile accedere con scale interna. L’immobile, non accastatato, insiste su un appezzamento di terreno riportato nel NCT di detto Comune al foglio 17, p.lle 276 e 472 “. Prezzo base euro 134.000,00 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL G.E. HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVENGA ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1. VENDITA SENZA INCANTO - ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione


Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 51 del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; - l’offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito: 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’articolo 568 e più sopra ricordato: e) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.,”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto - l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell’ immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fine alle ore 13.00 del giorno 10 marzo 2009 con le modalità e per i prezzi base dì cui sopra; - per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 11 marzo 2009, ore 9.30 e segg.; 2. VENDITA CON INCANTO - essa deve aver luogo al prezzo minimo sopra indicato di euro 134.000,00 per il lotto unico suddetto - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 6.000,00. - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell’ istanza di partecipazione all’ incanto, termine fino alle ore 13.00 del giorno 24 marzo 2009, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra: - per il giorno 25 marzo 2009, ore 9.30 e segg. la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; SI AVVISA, ALTRESÌ, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - l’immobile viene posto in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, così come identificato, descritto e valutato dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediate assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” in mancanza, si provvederà a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effet-

PROGETTO

A CURA DELLA

tuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.1/05 R.G.E., richiesta da BANCA ANTONVENETA ABN AMBRO (già Banca Antoniana Popolare Veneta S.p.A.) SI RENDE NOTO che il giorno 11.03.2009 alle ore 9:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita senza incanto dei seguenti beni immobili, alle seguenti condizioni dei seguenti lotti: - lotto n. 1 prezzo base: euro 69.400,00 descrizione del lotto: “unità immobiliare per civile abitazione a due livelli sita in San Pietro a Maida, alla via Oberdan, riportata nel NCEU di detto comune al foglio 13, p.lla 356, sub 3, cat. A/6. classe 3, vani 2,5 e sub 4, cat. A/6, classe 2, vani 1,5. L’immobile consiste in una porzione dell’unità abitativa di fatto unita con il sub 4 della stessa particella. Allo stato l’immobile edificato in muratura, risulta essere ristrutturato, giusta concessione edilizia n. 13/92 del 1304.92, ma in difformità del progetto presentato. - lotto n. 2 prezzo base: euro 20.350,00 descrizione del lotto: locale seminterrato adibito a deposito sito in San Pietro a Maida., località Tozzolello, con superficie di mq. 110, riportato nel NCEU di detto comune al foglio 14, p.lla 823, sub 2, in corso di costruzione. Ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo di pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; L’offerta deve essere depositata presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, entro le ore 13:00 del giorno 10.03.2009 e dovrà consistere in una dichiarazione in regola con il bollo contenente l’indicazione del numero di rge della procedura, l’indicazione del prezzo offerto, del bene (lotto) cui si riferisce e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta, nonché ancora generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile, e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) e essere corredata da copia di documento di identità dell’offerente o valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; all’offerta in busta chiusa e senza segni di riconoscimento deve essere allegato per la cauzione l’assegno circolare non trasferibile, intestato a Poste Italiane spa in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; l’offerta è irrevocabile salvo che a) il Giudice ordini l’incanto, b) siano decorsi 120 gg. dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine indicato, 2) se è inferiore al prezzo base, 3) se l’offerente non presta cauzione a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto. Le spese di trasferimento sono a carico dell´aggiudicatario come pure le attività e i costi per la cancellazione delle formalità. Qualora la vendita senza incanto non abbia luogo viene fissata la data del 25.03.2009 ore 9:30 e segg. per la vendita ai pubblici incanti dei beni su descritti al prezzo base di euro 69.400,00 per il lotto n.1 e di euro 20.350,00 per il lotto n.2. Le offerte di acquisto devono essere presentate presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari entro le ore 13:00 del giorno 24.03.2009; con le modalità ed il prezzo base di cui sopra. Le offerte in aumento non devono essere inferiori a euro 3.000,00 per il lotto n. 1 ed a euro 900,00 per il lotto n. 2. Deve essere depositato unitamente alla domanda di partecipazione alla vendita assegno circolare intestato a Poste Italiane spa non trasferibile in ragione di un decimo del prezzo base d´asta. Si stabilisce altresì che gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita avviene a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 gg. dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa, in mancanza si provvederà a norma degli artt. 587 c.p.c. Maggiori informazioni in Cancelleria il Giudice dell´Esecuzione Dott. Alessandro Brancaccio °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.36/05 R.G.E., richiesta da BANCA ANTONVENETA ABN AMBRO (già Banca Antoniana Popolare Veneta S.p.A.) SI RENDE NOTO che il giorno 11.03.2009 alle ore 9:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita senza incanto del seguente bene immobile, alle seguenti condizioni: - lotto n. 4 prezzo base: euro 72.562,5 descrizione del lotto: “due aree urbane ubicate in Lamezia Terme, in via Miceli. Catastalmente riportate nel NCEU di detto comune al foglio 24, p.lla 1144, sub 16 e 17, della superficie catastale di mq 645, sulle aree è presene un distributore di carburanti costruito con concessione edilizia e successiva variante. Occupato dalla ditta esercente l’attività di distributore, su di esso gravano servitù di passaggio e divieto di sosta. Ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo di pagamento e di ogni altro elemento utile

MEDIATAG

alla valutazione dell’offerta; L’offerta deve essere depositata presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, entro le ore 13:00 del giorno 10.03.2009 e dovrà consistere in una dichiarazione in regola con il bollo contenente l’indicazione del numero di rge della procedura, l’indicazione del prezzo offerto, del bene (lotto) cui si riferisce e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta, nonché ancora generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile, e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) e essere corredata da copia di documento di identità dell’offerente o valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; all’offerta in busta chiusa e senza segni di riconoscimento deve essere allegato per la cauzione l’assegno circolare non trasferibile, intestato a Poste Italiane spa in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; l’offerta è irrevocabile salvo che a) il Giudice ordini l’incanto, b) siano decorsi 120 gg. dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine indicato, 2) se è inferiore al prezzo base, 3) se l’offerente non presta cauzione a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto. Le spese di trasferimento sono a carico dell´aggiudicatario come pure le attività e i costi per la cancellazione delle formalità. Qualora la vendita senza incanto non abbia luogo viene fissata la data del 25.03.2009 ore 9:30 e segg. per la vendita ai pubblici incanti del bene su descritto al prezzo base di euro 72.562,5. Le offerte di acquisto devono essere presentate presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari entro le ore 13:00 del giorno 24.03.2009; con le modalità ed il prezzo base di cui sopra. Le offerte in aumento non devono essere inferiori a euro 3.000,00. Deve essere depositato unitamente alla domanda di partecipazione alla vendita assegno circolare intestato a Poste Italiane spa non trasferibile in ragione di un decimo del prezzo base d´asta. Si stabilisce altresì che gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; la vendita avviene a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 gg. dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a Poste Italiane spa, in mancanza si provvederà a norma degli artt. 587 c.p.c. Maggiori informazioni in Cancelleria il Giudice dell´Esecuzione Dott. Alessandro Brancaccio °°°°°°°°°° N. 63/1999 Reg. Es. Imm. AVVISO DI VENDITA IL PROFESSIONISTA DELEGATO NOTAIO DOTTOR MARIO BILANGIONE PRESSO ASSOCIAZIONE NOTARILE PROCEDURE ESECUTIVE DI LAMEZIA TERME Piazza della Repubblica - Lamezia Terme nella Procedura Esecutiva proposta da “CREDITO EMILIANO S.p.A.” Visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell’Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 22/03/2007 nella Procedura Esecutiva n. 63/1999 R.E. Visto che sono andati deserti i precedenti esperimenti d’asta e che non appare opportuno ridurre ulteriormente il prezzo base d’asta; Visto l’art. 569 c.p.c. AVVISA che in data 11 marzo 2009 alle ore 11,00, nel Palazzo di Giustizia di Lamezia Terme, Piazza della Repubblica, piano primo seminterrato, presso i locali dell’Associazione Notarile, si terrà la vendita con incanto dei seguenti immobili: LOTTO N. 1: In territorio del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, porzione immobiliare facente parte del fabbricato per civile abitazione, ubicato alla Contrada Capizzaglie, e precisamente il locale magazzino al piano terra della consistenza catastale di mq. 55,00, con i relativi diritti sulle quote dei beni comuni non censibili (corte); riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, con le indicazioni: foglio di mappa 31 particella 968/sub. 4, località Capizzaglie, Piano T., categoria C/2, classe 2, zona censuaria 1, consistenza mq. 55, rendita catastale euro 213,04. Prezzo base euro 18.562,50 (diciottomila cinquecentosessantadue euro virgola cinquanta) Cauzione euro 1.856,25 (euro milleottocentocinquantasei virgola venticinque) Aumento minimo euro 928,13 (euro novecentoventotto virgola tredici) LOTTO N. 2: In territorio del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, porzione immobiliare facente parte del fabbricato per civile abitazione, ubicato alla Contrada Capizzaglie, e precisamente il locale magazzino al piano terra della consistenza catastale di mq. 48,00, con i relativi diritti sulle quote dei beni comuni non censibili (corte); riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, con le indicazioni: foglio di mappa 31 particella 968/sub.5, località Capizzaglie, Piano T., categoria C/2, classe 2, zona censuaria 1, consistenza mq. 48, rendita catastale euro 185,92. Prezzo base euro 16.200,00 (sedicimila duecento euro virgola zero zero) Cauzione euro 1.620,00 (euro mille seicentoventi virgola zero zero) Aumento minimo euro 810,00 (euro ottocentodieci virgola zero zero) LOTTO N. 3: In territorio del Comune di Lamezia Terme, sezione Nicastro, porzione immobiliare facente parte del fabbricato per civile abitazione, ubicato alla Contrada Capizzaglie, e precisamente l’appartamento posto al piano primo, composto da sei vani catastali, con i relativi diritti sulle quote dei beni comuni non censibili (corte); riportato nel corrispondente Catasto Fabbricati del Comune di Lamezia Terme, sezione

Per informazioni 0961 996802

Nicastro, con le indicazioni: foglio di mappa 31 particella 968/sub.6, località Capizzaglie, Piano 1°., categoria A/4, classe 3, zona censuaria 1, vani 6, rendita catastale euro 257,20. Prezzo base euro 76.482,25 (settantaseimila euro quattrocentoottantadue virgola venticinque) Cauzione euro 7.648,23 (euro settemila seicentoquarantotto virgola ventitre) Aumento minimo euro 3.824,12 (euro tremila ottocentoventiquattro virgola dodici) - Gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, senza alcuna garanzia per evizione, molestie e pretese di eventuali conduttori; con gli accessori, dipendenze, pertinenze, servitù attive e passive esistenti e diritti proporzionali sulle parti dell’edificio che devono ritenersi comuni a norma di legge (ed eventuale regolamento di condominio). - I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima a firma dell’esperto dott. agr. Salvatore Giuseppe Vescio da Lamezia Terme, che può essere consultata dall’offerente, ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l’esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni e consultabile presso i locali dell’Associazione e sul sito internet www.aste.eugenius.it., sul mensile “Aste Infoappalti”del mese antecedente la vendita e sul quotidiano “Il Domani” della Calabria E’ possibile chiedere un finanziamento pari al 70/80% del prezzo base agli Istituti di credito che hanno aderito all’intesa con il Tribunale di Lamezia Terme, ossia: Banca Carime, San Paolo IMI-Banco di Napoli, Banca Popolare di Crotone, Monte dei Paschi di Siena, Banca di Catanzaro. I mutui saranno garantiti da ipoteca da iscrivere sullo stesso immobile posto in vendita. Maggiori informazioni potranno essere chieste alle banche interessate. - Se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione verrà immediatamente restituita dopo la chiusura della gara, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare alla medesima, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo: in tale caso la cauzione è restituita solo nella misura dei 9/10 (nove decimi) dell’intero e la restante parte è trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. In caso di dubbi sulla sussistenza dei motivi giustificati per la mancata partecipazione alla gara, l’offerente si rivolgerà al Giudice, che disporrà in merito alla restituzione dell’intera cauzione o respingerà la relativa domanda. - A norma dell’art. 46 DPR 06/06/2001 n. 380 l’aggiudicatario, qualora l’immobile si trovi nelle condizioni previste per il rilascio del “Permesso di Costruire in Sanatoria”, dovrà presentare a proprie esclusive spese domanda di “Permesso in Sanatoria”, entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferimento. - Sono a carico dell’aggiudicatario tutte le spese per il trasferimento degli immobili nonché quelle relative alla cancellazione della trascrizione del pignoramento e di tutte le formalità con i relativi compensi spettanti al professionista delegato per le operazioni successive alla vendita, come liquidati dal G.E.. La pubblicità, le modalità di presentazione delle domande e le condizioni della vendita sono regolate dalle «Condizioni generali in materia di vendite immobiliari delegate» allegate al presente avviso. Lamezia Terme, lì 15 dicembre 2008 il notaio delegato dottor Mario Bilangione CONDIZIONI GENERALI IN MATERIA DI VENDITE IMMOBILIARI DELEGATE Le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore 12,00 del giorno 5 marzo 2009. Sulla busta dovranno essere indicate le sole generalità di chi presenta l’offerta, che può anche essere persona diversa dall’offerente, il nome del professionista delegato, la data della vendita e il numero della procedura. Nessuna altra indicazione - né il bene per cui è stata fatta l’offerta né l’ora della vendita o altro - deve essere apposta sulla busta; Il termine di versamento del saldo prezzo, nonché degli ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dalla aggiudicazione. L’offerta dovrà contenere: - il cognome, nome, luogo e data di nascita, codice fiscale, domicilio, stato civile, recapito telefonico del soggetto cui andrà intestato l’immobile (non sarà possibile intestare l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’offerta), il quale dovrà anche presentarsi alla udienza fissata per la vendita. Se l’offerente è coniugato e in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Se l’offerente è minorenne, l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del giudice tutelare; se l’offerente agisce quale legale rappresentante di altro soggetto, dovrà essere allegato certificato del registro delle imprese da cui risultino i poteri ovvero la procura o l’atto di nomina che giustifichi i poteri; - i dati identificativi del bene per il quale l’offerta è proposta; - l’indicazione del prezzo offerto, che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell’avviso di vendita, a pena di esclusione; - l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. All’offerta dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità dell’offerente, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato al sottoscritto Notaio, per un importo pari al 10 per cento del prezzo offerto, a titolo di cauzione, che sarà trattenuta in caso di rifiuto dell’acquisto. Ove l’offerta riguardi più lotti ai sensi dell’articolo precedente, potrà versarsi una sola cauzione, determinata con riferimento al lotto di maggior prezzo. Nessuna somma sarà richiesta, in questa fase quale fondo spese. L’offerta presentata è irrevocabile. L’offerente è tenuto a presentarsi all’udienza sopra indicata di persona, o a mezzo di mandatario munito di procura speciale. I procuratori legali possono fare offerte per persone da nominare. In caso di aggiudicazione, l’offerente è tenuto al versamento del saldo prezzo e degli oneri, diritti e spese di vendita nel termine indicato in offerta, ovvero, in mancanza, entro 60 giorni dalla aggiudicazione mediante due distinti assegni circolari non trasferibili intestati al sottoscritto Notaio, uno quale differenza prezzo di aggiudicazione e uno pari al venti per cento del prezzo stesso quale presumibile importo per spese. In caso di inadempimento, la aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà tutte le somme versate. L’aggiudicatario potrà versare il prezzo tramite mutuo ipotecario con garanzia sul medesimo immobile oggetto della vendita, rivolgendosi alle banche il cui elen-


Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

52 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani co sarà reperibile presso il professionista delegato e presso il sito del Tribunale; In caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base della offerta più alta. Il bene verrà definitivamente aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto. La vendita avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive; che la vendita è a corpo e non a misura; che eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; che la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore -, per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. L’immobile viene venduto libero da iscrizioni ipotecarie e da trascrizioni di pignoramenti. Se esistenti al momento della vendita, eventuali iscrizioni e saranno cancellate a spese e cura dell’aggiudicatario; che se occupato dal debitore o da terzi senza titolo, la liberazione dell’immobile sarà effettuata a cura del custode giudiziario ove nominato. Ogni onere fiscale derivante dalla vendita sarà a carico dell’aggiudicatario. Per tutto quanto qui non previsto si applicano le vigenti norme di legge. Quanto alla vendita con incanto, ferme le disposizioni sopra indicate, se compatibili, valgono le norme di cui agli artt. 576, 580, 584 e 585 c.p.c. Gli offerenti dovranno dichiarare la propria residenza nel Circondario del Tribunale di Lamezia Terme o eleggere domicilio in Lamezia Terme. OFFERTE IN AUMENTO DI UN QUINTO: A norma dell’art. 584 c.p.c., avvenuto l’incanto, possono ancora essere fatte offerte di acquisto entro il termine perentorio di 10 giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell’incanto. Pertanto l’aggiudicazione diverrà definitiva decorsi 10 giorni senza offerte in aumento. Divenuta definitiva l’aggiudicazione dovrà essere versata nei sessanta giorni successivi la differenza del prezzo di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato al sottoscritto Notaio nonché il venti per cento del prezzo di aggiudicazione sempre mediante assegno circolare non trasferibile intestato al sottoscritto Notaio quale presumibile importo per spese. Tali offerte potranno essere depositate presso l’indirizzo sopra indicato, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al Giudice dell’Esecuzione. °°°°°°°°°° R.E. n. 80/1994 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all’udienza del 15 ottobre 2008; preso atto dell’istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custodi del bene pignorato sono gli esecutati; considerato che la natura e la destinazione di tale bene, unitamente alla carenza di elementi probatori da cui poter evincere il concreto pericolo del relativo deterioramento nelle more della definizione della procedura di vendita, inducono a ritenere che la sostituzione degli esecutati con un terzo quale custode giudiziario non abbia, allo stato, utilità, ex art. 559, comma 4, c.p.c, come novellato dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, fermo restando l’obbligo degli stessi di rendere il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell’esperto, in ordine sia all’individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c, come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 260.000,00, alla vendita coattiva del seguente bene: lotto unico - “appezzamento di terreno sito in Nocera Torinese, località Marina De Luca, della superfìcie di mq. 625, su cui insiste un fabbricato a piano terra comprendente un appartamento per civile abitazione di sei vani e due magazzini di mq. 45 e mq. 18, con corte di pertinenza esclusiva. Il terreno è riportato nel NCT di detto comune al foglio 20, p.Ua 36/b, mentre il fabbricato è distinto nel NCEU al foglio 20, p.lla 124, sub 3, cat. C/2, classe 1, sub 4, cat. A/3, classe 1, e sub 5, cat. C/2, classe 1”; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l’esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d’ora la data per gli incanti; EVIDENZIATO, QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO ED A NORMA DEL VIGENTE TESTO DELL’ART. 571 COD. PROC. CIV., CHE: - ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; - l’offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’articolo 568 e più sopra ricordato; c) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane spa”, in misura non inferiore al

PROGETTO

A CURA DELLA

decimo del prezzo da lui proposto; - l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; EVIDENZIATO, QUANTO ALL’EVENTUALE, SUCCESSIVA VENDITA AGLI INCANTI, CHE: - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 260.000,00; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori ad euro 11.000,00; - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in razione dì un decimo del prezzo base d’asta - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO. - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c, dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fino alle ore 13.00 del giorno 10 febbraio 2009, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c, ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 11 febbraio 2009, ore 9.30 e segg.; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO. - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13.00 del giorno 24 febbraio 2009. con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 25 febbraio 2009, ore 9.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE. ALTRESÌ, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI. SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita1 nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediate assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.”2; in mancanza, si prowederà a norma dell’art. 587 c.p.c; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c; DISPONE. QUANTO ALLA PUBBLICITÀ IN FUNZIONE DELLA VENDITA. CHE: - su impulso del procedente, sia predisposto l’avviso di

MEDIATAG

vendita, da pubblicare all’albo dell’Ufficio; a cura, rischio e spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.) del medesimo soggetto, sia data pubblicità3: - 1 La Cancelleria manterrà riservate le notizie sull’identità degli offerenti fino all’udienza o all’esperimento degli incanti. - 2 Qualora il procedimento si fondi su credito fondiario, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41 co. 4 - D.Lgs. 1.9.93 n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e. - 3 Il testo vigente della norma di riferimento per la pubblicità Art(art. 490 c.p.c.) è il seguente: Articolo 490 (Pubblicità degli avvisi). - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su di un quotidiano d‚ informazione a diffusione locale a scelta del creditore, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque orni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell‚incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, sulla rivista periodica “Aste Info Appalti”, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, e della relazione di stima dell’esperto sul sito Internet www.aste.eugenius.it, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell ‘incanto; - il creditore procedente possa, inoltre, dare pubblicità della presente ordinanza, a sua cura ed ove lo ritenga opportuno: - a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), con pubblicità muraria, da effettuarsi nei Comuni di Lamezia Terme e di ubicazione degli immobili, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; - a sue spese (non rimborsabili neppure ex art. 2770 cod. civ.), ad un’ulteriore forma di pubblicità dal medesimo prescelta, da eseguirsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto; - la pubblicità muraria e l’ulteriore pubblicità prescelta sono dichiarate sin d’ora non necessarie ai fini dell’esperibilità della vendita; - della prova della pubblicità elettronica e a mezzo stampa ˜ da depositarsi in cancelleria almeno dieci giorni prima delle vendite - sia fatto carico al creditore procedente o surrogante; AVVERTE fin d’ora le parti che, ove all’udienza fissata per la celebrazione dell’incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, si riserva di applicare immediatamente - e cioè a quella stessa udienza -l’articolo 591 cod. proc. civ., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, in quello stesso contesto sentendo le parti e provvedendo sulla disposizione dell’ amministrazione giudiziaria o sulla fissazione di una nuova vendita; ONERA Quando la legge dispone che di un atto esecutivo sia data pubblica notizia, un avviso contenente tutti i dati, che possono interessare il pubblico, deve essere affisso per tre giorni continui nell’albo dell’ufficio giudiziario davanti al quale si svolge il procedimento esecutivo. In caso di espropriazione di beni mobili registrati, per un valore superiore a 25.000 euro, e di beni immobili, lo stesso avviso, unitamente a copia dell’ordinanza del giudice e della relazione di stima redatta ai sensi dell’articolo 173-bis delle disposizioni di attuazione dei presente codice, è altresì inserito in appositi siti internet almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto Il giudice dispone inoltre che l’avviso sia inserito almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell’incanto una o più volte sui quotidiani di informazione locali aventi maggiore diffusione nella zona interessata o, quando opportuno, sui quotidiani di informazione nazionali e, quando occorre, che sia divulgato con le forme della pubblicità commerciale. La divulgazione degli avvisi con altri mezzi diversi dai quotidiani di informazione deve intendersi complementare e non alternativa<2). Sono equiparati ai quotidiani, i giornali di informazione locale, multisettimanali o settimanali editi da soggetti iscritti al Registro operatori della comunicazione (ROC) e aventi caratteristiche editoriali analoghe a quelle dei quotidiani che garantiscono la maggior diffusione nella zona interessata(3). Nell’avviso è omessa l’indicazione del debitore(4). (1) Il secondo comma è stato così sostituito dall’articolo 2, co. 3, teff, e), n. 4.1., del D.L 14.3.05 n. 35, conv. con mod. in L. 14.5.05 n. 80; la formulazione originaria prevedeva la pubblicazione sul F.A.L, ma questo era stato soppresso dall’articolo 31 L. 24.11.00 n. 340, il cui co. 4 prevedeva la necessità di un regolamento per l’individuazione dei mezzi di pubblicità sostitutivi, da emanarsi entro i 120 gg. dall’entrata in vigore della Legge (e cioè entro l’8.3.01): ma detto regolamento non è stato mai emanato. (2) Il terzo comma è stato così sostituito dall’articolo 52, co. 76, della L. 28.12.01 n. 448. (3) Periodo introdotto dall’articolo 80, co. 46, della L. 27.12.02 n. 289. (4) Parole aggiunte dall’articolo 174, co. 9, D.Lgs. 20.6.03 n. 196. DA’ ATTO di non disporre, allo stato, la sostituzione del custode per le motivazioni innanzi espresse; ORDINA ai debitori di presentare il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c, a far data dal pignoramento entro e non oltre il 15 gennaio 2009, con espresso avviso che, in caso di inottemperanza, l’omissione sarà valutata ai fini dell’eventuale nomina di un custode esterno. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME Ufficio notifiche - Esec. Protesti Lamezia Terme, 12/11/2008 Avv. Sirianni Francesco - a mani dello stesso dA’ ATTO di non disporre, allo stato, la sostituzione del custode per le motivazioni innanzi espresse; ORDINA ai debitori di presentare il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c, a far data dal pignoramento entro e non oltre il 15 gennaio 2009, con espresso avviso che, in caso di inottemperanza, l’omissione sarà valutata ai fini dell’eventuale nomina di un custode esterno. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME Ufficio notifiche - Esec. Protesti Lamezia Terme, 12/11/2008 Avv. Sirianni Francesco - a mani dello stesso il creditore procedente di notificare entro il 15 gennaio 2009 la presente ordinanza ai creditori di cui all’art. 498 che non sono comparsi;

Per informazioni 0961 996802

DA’ ATTO di non disporre, allo stato, la sostituzione del custode per le motivazioni innanzi espresse; ORDINA ai debitori di presentare il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c, a far data dal pignoramento entro e non oltre il 15 gennaio 2009, con espresso avviso che, in caso di inottemperanza, l’omissione sarà valutata ai fini dell’eventuale nomina di un custode esterno. TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME Ufficio notifiche - Esec. Protesti Lamezia Terme, 12/11/2008 TRIBUNALE DI PAOLA SEZ.FALLIMENTARE Avviso di vendita immobiliare con incanto L’Avv. Eugenia Capano, Curatore del Fallimento n.43615/95, avvisa che saranno posti in vendita i seguenti immobili: Lotto 1: Appartamento per civile abitazione mq 133, 1° piano fabbricato in Tortora Via Strada I n.10, registrato in catasto con denuncia di variazione n.842 presentata all’UTE di Cosenza il 25/3/1987 con i seguenti dati prot. 4780/03 sub a loc. Impresa con corte esclusiva di mq 225 denunciata con schede mod.97 nm.4781 e 4782 del 14/5/1983. Confinante per due lati con strade comunali, per un lato con Mantellicani Rosina mar. Farmaco per l’altrro lato con Mantellicani Rosa. Prezzo base: euro35.831,00. Lotto 2: appartamento per civile abitazione sito in Tortora, Via Teresa Lanzillotti, p.t., superficie lorda mq 188, censito in catasto alla partita 2219, foglio 47, p.lla 226 subalterno 1, consistenza 5 vani, con corte esclusiva mq 40 e corte (quota 1/2) mq 145. Prezzo base: euro40.357,00. La vendita avrà luogo nella sale udienze del Tribunale di Paola l’11/3/2009 alle ore 11.45. Per ulteriori informazioni rivolgersi alla Cancelleria Fallimentare del Tribunale Paola tel. 0982/6221219 Il Curatore Avv. Eugenia Capano °°°°°°°°°° - UFFICIO FALLIMENTI - Sentenza n. 540- 22/97 fall. Tribunale di Paola Il Giudice Delegato Dott.ssa Claudia Pingitore, letta l’istanza depositata in dta 26 novembre 2008, con cui il curatore del fallimento sentenza n. 540- 22/97 Fall. Tribunale di Paola, ha chiesto che venga disposta la vendita all’incanto della porzione immobiliare appresso descritta visti gli artt. 104,105, 108 L.F. e 569 e 576 c.p.c.; ORDINA La vendita dell’incanto, in lotti separati, delle seguenti porzioni immobiliari acquisite all’attivo fallimentare: - un’unità immobiliare urbana uso deposito sito nel Comune di Praia a Mare, alla Via Longo snc., confinante ad ovest con Via Longo e proprietà Massara, ad est, sud e nord con proprietà De Rosa, censito in catasto al foglio 29, particella 374 sub 3 e 375, piano terra, categoria C/2 classe U di mq. 38; L’unità immobiliare in oggetto sarà cedute nel suo attuale stato di fatto e diritto, come meglio risulta dalla perizia di stima redatta dal CTU Arch. Gimigliano e depositata in data 4 aprile 2000 alla quale si fa integrale rinvio per quanto non riportato nella presente ordinanza; DETERMINA Così il prezzo dell’incanto: - euro 14.460,79 STABILISCE Che l’incanto avrà luogo davanti a sé il 11.03.2009 allle ore 11.50, alle seguenti condizioni: 1) - coloro che intendono partecipare all’asta dovranno far pervenire alla Cancelleria dell’Ufficio Fallimentare, entro le ore 13,00 del giorno precedente la vendita, una domanda redatta su carta da bollo, contenente l’indicazione del proprio numero di codice fiscale (o di partita I. V.A. in caso di società) e della propria residenza, e l’elezione del proprio domicilio nel Comune di Paola; 2) - Alla domanda dovrà essere allegato un assegno circolare trasferibile, intestato allo stesso offerente, di importo pari al 30% del prezzo base, di cui il 10% a titolo di cauzione e ed il 20% per le spese presuntive di vendita; 3) - Nel corso della gara, la minsura minima dll’aumento da apportarsi alle offerte sarà di euro 1.000,00, con l’obbligo di primo rilancio sul prezzo base; 4) - entro sessanta giorni dalla gara, l’aggiudicatario dovrà versare il prezzo dell’acquisto, dedotto l’importo della cauzione già prestata, mediante assegno circolare intestata alla Curatela Fallimentare. In caso di inadempimento, il medesimo sarà dichiarato decaduto dal diritto, con perdita della cauzione a titolo di multa, salva l’eventuale condanna a pagare la differenza di cui la seconda parte dell’art. 587 c.p.c.; 5) - nello stesso termine e con le modesime modalità di cui a precedente punto 4, l’aggiudicatario dovrà integrare la somma preventivamente depositata a titolo di spese presuntive di vendita fino a raggiungere del 20% del prezzo di aggiudicazione, sotto pena di decadenza dalla aggiudicazione medesima ai sensi del citato articolo 587 c.p.c.; 6) - le spese di vendita e di cancellazione delle formalità ipotecarie, nonché le imposte e le tasse saranno a carico dell’acquirente. Non vi sono spese notarili o di mediazione. 7) - il Curatore dovrà provvedere a tutti gli adempimenti relativi alla trascrizione del dereto di trasferimento ed alla richiesta di cancellazione delle fomalità iscritte o trascritte a carico delle porzioni immobiliari in oggetto. L’ esecuzione della volture catastali è rimessa, invece, all’iniziativa dell’acquirente. DISPONE Che la vendita in oggetto sia preceduta: a) dall’affissione nell’albo di questo tribunale di un avviso contenente tutti i dati di cui alla poresente ordinanza da effettuare, a cura della cancelleria fallimentare, almeno una settimana prima del giorno fissato per la vendita e per almento tre giorni consecutivi; b) dall’inserzione di un sintetico annuncio economico nella pubblicità del quotidiano locale “ Il domani della Calabria”, sul supplemento “Aste” e sul sito internet www.aste.eugenius.it per almento una uscita, che il Curatore dovrà effettuare entro il quarantacinquesimo giono anteriore alla suddetta data fissata per la vendita; c) dalla notifica della presente ordinanza ai creditori ammessi al assivo del fallimento con diritto di prelazione sulle prozioni immobiliari in oggetto, nonché ai creditori ipotecari iscritti, che il Curatore dovrà effettuare almeno dieci gioni prima della vendita. Paola, 5 dicembre 2008 F.to il Giudice delegato Claudia Pingitore


il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 53

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPECIALE MOTORI Auto - Moto - Nautica Automobili - Moto - Accessori - Ricambi - MINI QUAD - 110cc a benzina 4 tempi 12 cv, accensione elettronica, solo fuori strada, portata 180 kg. Euro 450 incluso consegna a domicilio. Tel. 320-7935230

- NAUTICA - vendesi barca semicabinata modello Glastron. Mt 7,20, motore 280 cv anno 2004 con garanzia. Barca totalmente ricondizionata, chiglia nuova di zecca, tendalino, frigo, 2 scale di risalita, supporto ausiliario. Tel. 339-8152564/ 329- 0755294 - NAUTICA - vendesi carrello traino appendice 3, 5 q. come nuovo. Prezzo vero affare Tel. 333-3208062 - NAUTICA - vendo moto d'acqua Yamaha Wave Runner 4 tempi Cc 1100 Cv 138 3 posti con poche ore di navigazione euro 7500,00. Per info: (ore pasti) 348-4709710 - NAUTICA - vendo gommone mt. 3.60 con carrello omologato Tel. 349 - 4791446 - ROULOTTE - Roller mod. Gorilla m. 4,10 completa di stufa,frigo, cucina e lavello incorporati, più veranda. Prezzo 1.500 euro tattabili. Tel. 339-4477093 - ROULOTTE - vendo Elnagh mod. briscola m. 3,25 targata e con libretto di circolazione, tassa pagata. Tenda, veranda e frigo. Tenuta in garage. Euro 2.000. Tel. 339 - 6331789 - TRATTORE - vendo n. 2 ruote per trattore agricolo consumate al 20%, marca stomil misure 13:6/24. Prezzo complessivo euro 200,00. Tel. 329-1873014 - TRAILER - per trasporto cavalli dell’Umbra Romorchi ad un posto, con pedana anteriore, pedana posteriore e porta d’ispezione. Prezzo 2000 euro trattabili. Tel. 333-4564111 ACCESSORI AUTO-MOTO - AUTO - centraline auto, riprogrammano /rimappano centraline auto, sia benzina che diesel ed anche mjet a partire da 200 euro. Info 329-3033734 email: easy-power@libero.it

- AUTO - vendo barre portatutto mod. Clio II,originali Renault perfette, come nuovo a metà prezzo euro 60,00.Tel.328-8157867 - AUTO - vendo fari allo Xenon idonei da installare in tutte le auto, facilmente anche da soli, doppia centralina professionale. Valore 400 euro svendo a 180 euro. Possibile vederli tramite Mms tel. 347-7123789 - AUTO - kit conversione fari allo xenon per tutte le auto, nuovi, garanzia, fattura, qualsiasi prova, vendo a 70 euro completi di tutto, con centraline digitali per Cambus, possibile foto, mms, email, fax. Tel. 393-7123789 - AUTO - vendesi a Bagnara Calabra (Rc) pezzi di ricambio usati, ma in ottime condizioni, per Ford Fiesta 1.1 non catalitica (anno 1991 e dintorni); tutto a metà prezzo. Per info: Tel. 0966372580/ 3349436849 (Gianni). - AUTO - vendo bauletto litri 35 completo di staffa per fissaggio marca Kap per FlyPiaggio Cell. 339-4731321 - AUTO - Pezzi di ricambio Ford Fiesta anno1988: fari anteriori, sedile posteriore, cintura.ottimo prezzo. Tel. 329-1873014 - AUTO - Pezzi di ricambio usati ma in ottime condizioni per Ford Fiesta (anno 1991), tutto a metà prezzo. Tel. 0966-372580 / 3383444894 - MOTO - vendo i seguenti terminali di scarico: coppia marmitte Yamaha bt 1100 bull dog pari al nuovo; terminali Suzuki dr 65orse - 750 big. Prezzo occasione. Tel. 393-2773209 - MOTO - vendesi motore per moto Honda Hornet Cb600F Km 7000. Euro 500,00. Tel. 3290033688 - MOTO - vendesi Casco Arai Professional , colore nero, seminuovo. Telefono 347-3470717 - MOTO - vendo motore Honda SP1 completo di impianto elettrico-alimentazione. Bicilindrico, 136cv, 6 marce. Ottimo per prototipi su terra. Euro 2000 trattabili. Tel. 348-2636567 - MOTO -vendo ricambi racing per Cbr 600 9198: forcella Kayaba rovesciata 50mm, para-

fanghi carbonio, carena vtr con serbatoio, mono racing Fg e Holhins, pedane arretrate e semimanubri ergal, Termignoni, statore, motore 1994, coppia cerchi normale e con posteriore maggiorato, kit rapporti. Tel. 3482636567 COMPRAVENDITA MOTO USATE TRATTATIVA PRIVATA - HONDA - Hornet 600 colore nero anno '02 (causa inutilizzo). Specchietti e frecce in carbonio,cupolino, antifurto immobilize,gommata da 1200 km. Prezzo vero affare. Euro 3300,00 tratt. Tel. 333-5032216 - HONDA - Shadow 90cc, anno 1998, colore bordeaux, motore perfetto, carrozzeria in discrete condizioni, 600 euro tratt. zona Belvedere M.mo Tel . 338-3252061 - HONDA - Pantheon 125 cc. 2 tempi. Perfetto. Blu metallizzato. Euro 1.300. Tel. 335-455858 -HARLEY DAVIDSON - modello custom 53c . anno 99. colore unico bianco perla. Accessoriata con sella touring, schienalino, borsa laterale in cuoio. porta targa. Kit dynajet, frecce e altro.Cedo anche sella singola e coppia di terminali screem eagle. Euro 5.000 revisionata. Tel 329-8416206 - HONDA - Foresight 250. Km 5075 Prezzo affare. Tel 0961-717131 - KAWASAKI - En 500, colore rosso e nera km 14000 anno maggio 2001 come nuova, tagliandi sempre fatti al concessionario Kawasaki di Rossano Scalo (Cs). Tel. 348-6955074 -PIAGGIO - vendesi Hexagon 125 cc 4 tempi anno 2001 col. nero. Ottime condizioni, motore nuovo. Euro 1200,00 trattabili. Tel. 3295457084 -TRIUMPH - Speed Triple ‘03. Nera, ottime condizioni, unico proprietario, tagliandata e accessoriata. Tel. 331-3604430 -VESPA - modello 1958 buone condizioni di carrozzeria. Motore bloccato. Senza targa nè documenti. Euro 800. Tel. 329-6068413

- YAMAHA - R1 anno 2003, in ottime condizioni, (tagliandata e revisionata) colore blu prezzo 7.000 euro. Tel. 339-8152564 COMPRAVENDITA AUTO USATE TRATTATIVA PRIVATA - AUDI - A4 2.5 tdi quattro station wagon grigio quarzo 109.000 km lug. 2002 full optional, navigatore satellitare tv prezzo 23.000 euro. Tel. 0961-753903/0961-753918 - AUTO - Chiosco mobile per frutta e verdure o altre cose. Prezzo affare Tel. 333-3208062 -FIAT- fiorino 1700 D.P.K. anno 97. Perfetto km 1200 mila. Vendo euro 2900,00. Tel. 3333208062 - FIAT - Ducato 1.9, anno 1998. Coibentato, con certificato atp in perfette condizioni. Garanzia totale euro 7.000,00 Tel. 338-8162887 - FIAT - barchetta colore nero assetto corsa km 68.000 interni in pelle rossa euro 8.000,00.Per info 331-5257181 - FIAT - Doblò 1.9 d Anno 2002, con coibentazione isotermica a norma Atp e gruppo frigo. in perfette condizioni, gommato nuovo e revisionato. Usato garantito. Euro 7.200,00 Tel. 0968-97707 - FIAT - Ducato 2.8 Jtd anno 2002, con coibentazione isotermica a norma Atp e gruppo frigo. Appena gommato e revisionato. Garanzia totale. Euro 13.500,00 Tel. 096897707 - FORD - vendesi ford transit anno 85 doppia cabina con cassone gemellato in perfetta condizione euro 3.500,00. Per info 331-52571 - MERCEDES -Vendo Mercedes Clk 270 cd anno 2005 come nuova full optional: interni pelle-cambio automatico-navigatore schermo 5'. Per info: (ore pasti) 348-4709710 - OPEL- vendesi fuooristrada Opel Frontera "Sport" anno 1993, benzina con impianto Gpl elettronico. Ottime condizioni - motore e carrozzeria perfetti. Gomme nuove - Trattativa privata. Tel. 0961-791505/338-3964656

Coupon di prenotazione annuncio L’inserto de “il Domani” in uscita ogni lunedì Spett.le T&P Editori, si prega di voler pubblicare gratuitamente il seguente annuncio in “La Piazza”, rubrica del giornale quotidiano “Il Domani della Calabria”. Vi comunico, inoltre, che siete sollevati da ogni eventuale responsabilità circa i dati personali inseriti sul presente coupon oltre che per i contenuti dell’inserzione stessa.

Gli annunci possono essere così spediti: a) A mezzo fax al numero telefonico 0961/903801; b) A mezzo e-mail all’indirizzo: lapiazza@ildomani.it; c) A mezzo posta ordinaria all’indirizzo: Il Domani, rubrica La Piazza - località Serramonda - zona industriale Marcellinara (CZ); d) Consegna diretta, da lunedì a sabato mattina, ore 9.30-18.00, presso lo stesso indirizzo.

Scegli la Sezione (es. Auto-Moto; Case; Hardware; ... Vedi elenco pubblicato a lato): TESTO DA PUBBLICARE (max 35 parole) - OBBLIGATORIO IN STAMPATELLO

“La Piazza” fornisce solo ed esclusivamente un servizio gratuito e non interviene in alcun modo e in alcuna forma nelle eventuali trattative che dovessero intercorrere tra potenziali venditori e acquirenti.

SEZIONI DISPONIBILI Auto - Moto - Nautica Automobili - Moto - Motorini - Accessori - Ricambi - Nautica Hardware e Software PC - Mac - Periferiche - Componentistica - Software Inserire il recapito telefonico, cellulare o fisso, nel testo dell’annuncio (obbligatorio)

Per la casa Arredamento - Edilizia / Sanitari / Riscaldamento - Elettrodomestici e Casalinghi - Fai da te e giardinaggio - Traslochi & C.

DATI PERSONALI (obbligatorio)

Firma leggibile

Cognome e Nome

Case e Attività Commerciali Vendita e affitti, uso abitazione e uso commerciale Viaggi, Sport e Tempo libero Intrattenimenti - Sport - Viaggi - Strumenti musicali - Bici - Fitness Nautica - Dischi - Cd musicali - Libri - Fumetti - Francobolli - Monete

Via Città

Prov.

E-mail

Tel.

Tipo documento di riconoscimento

Audio - video e Telefonia Audio - Video - Telefonia - Proiettori - Home theatre Di tutto un po’ Salute - Animali domestici - Finanziamenti - Altro non previsto Cerco e offro lavoro

N. Doc.

Carta d’identità

Patente

C.A.P.

Passaporto

Data rilascio (gg/mm/aa)

Autorità che ha rilasciato il documento Autorità che ha rilasciato il documento I dati vengono raccolti dall’Azienda in conformità a quanto previsto del D. L. gs 196/2003. Il trattamento dei dati, che sarà effettuato anche con mezzi informatici, ha come finalità la soddisfazione degli utenti. I dati forniti verranno utilizzati esclusivamente per raggiungere le finalità espresse dal contesto in cui li si fornisce. Le richieste di cancellazione da “La Piazza” degli annunci pubblicati vengono accettate ed eseguite solo a seguito di apposito invio a “il Domani”, da parte degli interessati, di Raccomandata PP.TT. a.r. - La cancellazione dell’annuncio avverrà nella prima uscita utile dalla data di ricezione.


54 Sabato 17 Gennaio 2009 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPETTACOLI - TV - COSTUME - TURISMO sata dalla quarta alla sesta misura. Il playboy Gianluca, nella casa è già riuscito a strappare un bacio ad “Atomic Titten”. E le immagini hanno già fatto il giro del mondo. Su Facebook sono oltre 150 i gruppi nati a supporto (e non) della prorompente concorrente della casa più “spiata” d’Italia. Quanto mai stravaganti i nomi dei gruppi fondati nel social network, alcuni addirittura con settemila iscritti. “Risparmiamo l’acqua, facciamo la doccia con Cristina Del Basso”, “Scommetto di poter trovare 500.000 persone che amano Cristina”, “Quelli che aspettano l’esplosione del reggiseno di Cristina Del Basso”, “Cristina Del Basso dalla quarta alla sesta... non solo in autostrada”, “Noi che guardiamo il Gf per Cristina”, solo per citarne alcuni. Altri addirittura azzardano di più: “Cristina Del Basso Velina” e, proprio a voler esagerare, “Cristina Del Basso presidente della Repubblica”. Per non parlare poi dei commenti, ce ne sono di straordinari: «Io sta ragazza la stimo e le voglio già bene!», «Ha la millesima», «Come prendere la vita di petto», «Può benissimo comprarsi la macchina senza airbag!!», «Ragazzi io sono impazzito, non scherzo, aiutatemi». E c’è pure chi lancia il coro: «Nuda! Nuda! Nuda!». Insomma, il popolo di Facebook è assolutamente euforico. Proprio l’avvenente ventunenne è stata oggetto delle critiche di Alessandra Mussolini intervenuta come ospite nella striscia pomeridiana sul Gf condotta da Barbara D’Urso: «E’ la corazzata Potionkin - ha detto la deputata. - Noi donne non siamo così, è un vecchio cliché. Bisognerebbe arrestare il chirurgo... ha ROMA — Un successo extra large per il Grande Fratello. L’edizione che ha preso il via solo da qualche giorno sembra destinata a battere ogni record d’ascolto. E tanto merito, per questo exploit mediatico, va accreditato alla prorompente Cristina Del Basso, la super maggiorata concorrente regina dell’auditel. La sua sesta misura è entrata di diritto nella speciale classifica dei sogni proibiti. Povera Alessia Marcuzzi, offuscata da cotanto generoso décolleté. Su internet sta dilagando la Cristinamania. La ragazza di Varese è stata già soprannominata “Atomic Titten”. I suoi video on-line vanno a ruba e sul web ormai si va lenti

Super maggiorate è l’ora della riscossa Nel fotino in alto, la prorompente Cristina, protagonista dell’edizione del Grande Fratello che, proprio grazie ai suoi fans, sta battendo ogni record di ascolto. La bella ragazza è già un idolo su internet

perfino quando si scaricano le sue immagini in “streaming” sotto la doccia. Cristina si insapona, si sciacqua, si gira, fa finta di niente e ci ride su. Consapevole che sono tutti lì incollati al video, come i go-

losi davanti al bancone della pasticceria. E siamo solo all'inizio. Anche se c'è qualcuno che ha un po’ da ridire sui seni grandi e rifatti, come quello di Cristina che, per sua stessa ammissione, è pas-

Le più cliccate sul web

più silicone che cervello. Credo che sia un handicap, noi donne siamo anche altro. Siamo anche cervello e non so se lì ce n’è rimasto». Ma nessuno ha cambiato idea. Forza Cristina!


il Domani Sabato 17 Gennaio 2009 55

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPETTACOLI-TV

T&P Editori, Mediatag e Manolibera declinano ogni responsabilità in relazione a cambiamenti nei palinstesti, i quali vengono rilevati da Internet, seppure su siti ufficiali

RAIDUE

RAIUNO 06:00 ATTUALITÀ Euronews 06:10 TELEROMANZO Incantesimo 9 06:30 RUBRICA Sabato & domenica 09:35 RUBRICA Settegiorni 10:25 RUBRICA ApriRai 10:35 RUBRICA Appuntamento al cinema 10:40 RUBRICA Tuttobenessere 11:30 RUBRICA Occhio alla spesa 12:00 GIOCO La prova del cuoco 13:30 Telegiornale 14:00 RUBRICA Easy Driver 14:30 RUBRICA Effetto sabato 17:00 Tg 1 17:10 RUBRICA A sua immagine 17:40 Tg 1 L.I.S. 17:45 RUBRICA Passaggio a Nord Ovest 18:50 QUIZ L'Eredità 20:00 Telegiornale 20:30 NEWS Rai Tg Sport 20:35 GIOCO Affari tuoi 21:30 VARIETÀ Ballando con le stelle 00:05 Tg 1 00:10 RUBRICA Applausi 00:50 Tg 1 Notte 01:00 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 01:05 Estrazioni del Lotto 01:10 RUBRICA Appuntamento al cinema 01:15 FILM La ragazza con l'orecchino di perla 02:45 ATTUALITÀ Città amara 03:15 MINISERIE L'ispettore Sarti 04:50 TELEFILM Aeroporto internazionale 05:20 VIDEOFRAMMENTI SuperStar 05:50 RUBRICA Agenzia RiparaTorti

R A D I O F R E Q U E N Z E MESSINA Studio 55 diffusion 98.700, 87.500

R. CALABRIA Touring 104.4, 103.7, 101.1 Energie 90.00 Radio DJ Club Studio 54 101.8 - 102.9 (Jonio CatanzaroCrotone, 102 - 106.3; Tirreno, 106.5)

COSENZA Sound 100.600, 98.700 (a Vibo, 96.8, /101.1; a Catanzaro, 101.2/ 96.800/107.6; a Lamezia, 96.8/91.6; costa tirrenica, 101; costa ionica, 98.7; Cosenza, 100.6/98.7 Castrovillari, 97.0 Crotone, 101.0/107.6; Reggio Calabria e Messina, 94.3

RAITRE

06:00 VIDEOFRAMMENTI Zibaldone Cose a caso 06:10 Tg 2 Sì, viaggiare 06:20 RUBRICA L'avvocato risponde 06:30 RUBRICA Inconscio e magia 06:45 VARIETÀ Mattina in famiglia 07:00 Tg 2 Mattina 08:00 Tg 2 Mattina 09:00 Tg 2 Mattina 09:30 Tg 2 Mattina L.I.S. 10:00 Tg 2 Mattina 10:15 RUBRICA Sulla via di Damasco 10:45 RUBRICA Quello che 11:25 RUBRICA ApriRai 11:35 VARIETÀ Mezzogiorno in famiglia 13:00 Tg 2 Giorno 13:25 RUBRICA Dribbling 14:00 MUSICALE Scalo 76 presenta: X Factor Il processo 15:30 MUSICALE Scalo 76 17:10 RUBRICA Sereno variabile 18:00 Tg 2 18:10 TELEFILM The District 19:00 REAL TV X Factor La settimana 19:35 SITUATION COMEDY Piloti 20:00 TELEFILM Friends 20:25 Estrazioni del Lotto 20:30 Tg 2 20.30 21:05 TELEFILM Cold Case Delitti irrisolti 21:50 SERIE TV Justice 22:45 RUBRICA Sabato sprint 23:20 Tg 2 23:30 Tg 2 Dossier 01:50 REAL TV X Factor La settimana 02:20 Meteo 2 02:25 RUBRICA Appuntamento al cinema 02:30 Tg 2 Sì, viaggiare 02:45 TALK SHOW Il caffè 03:45 VARIETÀ Cercando cercando 04:15 RUBRICA NET.T.UN.O 05:45 RUBRICA Quarto potere 05:50 Tg 2 Sì, viaggiare

Cosenza centrale 94.100, 104.00 Tir Rossano 95.350 Radio Cosenza Nord 102.000; 98.400 Radio Punto Nuovo 91.800 Sibari, Corigliano - 103.000 Paola, Amantea, Tropea - 91.500 Costa Tirrenica, Cosentina

CROTONE Nove Nove Network 99.00

CATANZARO Radio Amore 94.6;106.5 Radio Valentina 96.100; 100.600 104.8 Radio Squillace 92.00

VIBO VALENTIA Radio Onda Verde 92.200; 98,00

08:00 Tg 5 Mattina 08:50 MUSICALE Loggione 09:30 RUBRICA Amici libri 10:00 RUBRICA Superpartes 10:40 TALK SHOW Maurizio Costanzo Show 13:00 Tg 5 13:40 REAL TV Grande Fratello 14:10 REAL TV Amici 15:30 ROTOCALCO Verissimo Tutti i colori della cronaca 18:15 REAL TV Grande Fratello 18:50 QUIZ Chi vuol essere milionario? 20:00 Tg 5 20:30 TG SATIRICO Striscia la notizia La voce della supplenza 21:10 SHOW La Corrida (dilettanti allo sbaraglio) 00:00 TALK SHOW Maurizio Costanzo Show 01:30 Tg 5 Notte 02:00 TG SATIRICO Striscia la notizia La voce della supplenza 02:30 TELEVENDITA Mediashopping 02:45 FILM TV Strange Relations Drammatico 04:15 TELEVENDITA Mediashopping 04:30 REAL TV Grande Fratello 05:00 SITUATION COMEDY Tutti amano Raymond 05:30 Tg 5 Notte

LA 7 06:00 Tg La7 07:00 ATTUALITÀ Omnibus Weekend 09:20 RUBRICA L'intervista 09:50 MUSICA Sinfonia n. 9 in fa magg. op. 90 Classica 10:40 FILM L'assassino è quello con le scarpe gialle 12:30 Tg La7 12:55 NEWS Sport 7 13:00 TELEFILM Cuore e batticuore 14:00 TELEFILM Jack Frost 16:00 FILM TV Lassie: missione di pace Avventura 17:55 FILM Lo sbarco di Anzio

06:55 CARTONI ANIMATI Angelina ballerina 07:10 CARTONI ANIMATI Garfield e i suoi amici 07:25 CARTONI ANIMATI I Puffi 07:35 CARTONI ANIMATI Baby Looney Tunes 07:50 CARTONI ANIMATI Tom & Jerry Kids 08:05 CARTONI ANIMATI Bratz 08:20 CARTONI ANIMATI Le avventure di Jimmy Neutron 08:40 CARTONI ANIMATI Imbarchiamoci in un grande viaggio 09:05 CARTONI ANIMATI Mermaid Melody Principesse sirene 09:35 CARTONI ANIMATI Mostri e pirati 09:50 CARTONI ANIMATI Transformers 10:15 CARTONI ANIMATI Yu-gi-oh GX 10:40 CARTONI ANIMATI Bernard 10:45 SITUATION COMEDY Una pupa in libreria 11:20 TELEFILM V.I.P. 12:25 TELEGIORNALE Studio Aperto 13:00 NEWS Studio Sport 13:40 SITUATION COMEDY La vita secondo Jim 14:05 FILM Per vincere domani The Karate Kid 16:35 FILM Mai dire Ninja 18:30 TELEGIORNALE Studio Aperto 19:00 SITUATION COMEDY Tutto in famiglia 19:30 FILM Una promessa è una promessa 21:10 FILM Mi sono perso il Natale 23:00 TELEFILM Invasion 00:50 SHOW Poker1mania 01:50 NEWS Studio Sport 02:30 TELEVENDITA Shopping By Night 02:45 FILM The Martins 04:15 FILM Niente per bocca

MTV

20:00 Tg La7 20:30 SERIE TV Doctorology 21:10 FILM Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Africa? 23:25 RUBRICA La valigia dei sogni 00:05 TELEFILM The Practice Professione avvocati 01:00 Tg La7 01:25 RUBRICA M.O.D.A. 02:00 TELEFILM The Practice Professione avvocati 03:50 ATTUALITÀ CNN News

RADIO RADIOUNO 6,08 Italia , istruzione per l’uso 7,34 Questioni di soldi 8,35 Golem 9,08 Radio anch’io 10,06 Il bacio del milennio 12,00 Come vanno gli affari 12,36 Radioacolori 14,08 Con parole mie 15,06 Ho perso il trend 16,06 Baobab 17,00 Come vanno gli affari 19,23 Ascolta si fa sera 19,33 Zapping 21,03 Zona Cesarini - Musica Club 22,34 Uomini e camion 0,38 la notte dei misteri 2,02 Non solo verde/Bella Italia RADIODUE 6,00 Incipit 6,01 Il cammello di radio 2 8,45 Una strana coincidenza. Storia per la radio 9,00 Il ruggito del coniglio 11,00 3131 Chat 12,00 Il cammello di radio 2 15,00 Acquario «I topi ballano» 16,00 Il cammello di radio 2 16,35 Top 10 Singles 18,00 Caterpillar 19,00 Fuori giri 20,00 Al-

06:00 Tg 5 Prima pagina

le otto della sera. Il racconto delle cose e dei fatti 20,37 Dispenser 20,50 Il cammello di radio 2 22,00 Boogie nights 24,00 Il pittore 2,01 3131 Chat 2,50 Alle otto della sera (replica) RADIOTRE 6,00 Mattinotre - Lucifero 7,15 Radio Tre Mondo 9,01 Mattinotre 10,00 Radio Tre Mondo 10,30 Il sigillo di Luffenbach 10,50 I concerti di mattinotre 11,40 Arrivi e partenze 11,45 La strana coppia 12,15 Tournèe 12,30 La musica di domani 13,00 La Barcaccia 14,00 Fahrenheit 14,10 Diario Italiano 14,30 Invenzioni a due voci 18,00 Cento lire 18,15 Invenzioni a due voci 19,03 Hollywood party 19,50 Radiotre Suite 20,00 Teatro giornale 20,30 Concerto dell’orchestra del teatro comunale di Bologna 23,30 Storia alla radio 24,00 Notte classica

07:00 MUSICALE Wake Up! 09:00 MUSICALE Pure Morning 11:00 RUBRICA Lovetest 12:00 MUSICALE Hitlist Italia 14:00 CARTONI ANIMATI Full Metal Panic 14:30 CARTONI ANIMATI Nabari 15:00 SHOW Made 16:00 TELEGIORNALE Flash 16:05 MUSICALE My Video 17:00 TELEGIORNALE Flash 17:05 MUSICALE Into the Music 18:00 TELEGIORNALE Flash 18:05 MUSICALE Into the Music

19:00 TELEGIORNALE Flash 19:05 RUBRICA Making the Video 19:30 RUBRICA Mtv 4 Peace 20:00 TELEGIORNALE Flash 20:05 REALITY SHOW America's Best Dance Crew 21:30 MUSICA 40 Hottest Hotties of the 90'S 22:30 TELEGIORNALE Flash 22:35 MUSICALE Mtv The Most 23:30 REAL TV Real World: Hollywood 00:30 REAL TV Wild Boyz 01:00 MUSICALE Yo! 02:00 MUSICALE Party Zone 04:30 MUSICALE

IL FILM DI OGGI

RETE 4

ITALIA 1

CANALE 5

07:00 CARTONI ANIMATI Storie per bambini 08:00 RUBRICA Il videogiornale del Fantabosco 08:45 RUBRICA Accipicchia: Ci hanno rubato la lingua! 09:00 TALK SHOW Tv Talk 10:30 RUBRICA Art News 11:00 RUBRICA TGR I nostri soldi 11:15 RUBRICA TGR EstOvest 11:30 RUBRICA TGR Levante 11:45 RUBRICA TGR Italia Agricoltura 12:00 Tg 3 12:25 ROTOCALCO TGR Il Settimanale 12:55 RUBRICA TGR Bell'Italia 13:20 REPORTAGE TGR Mediterraneo 14:00 Tg Regione 14:20 Tg 3 14:50 RUBRICA TGR Ambiente Italia 15:50 Tg 3 Flash LIS 15:55 RUBRICA Sabato Sport 17:25 Campionato italiano Pallanuoto 18:10 RUBRICA 90° minuto Serie B 18:55 Meteo 3 19:00 Tg 3 19:30 Tg Regione 20:00 ATTUALITÀ Blob 20:10 TALK SHOW Che tempo che fa 21:30 RUBRICA Speciale Superquark 23:25 Tg 3 23:40 Tg Regione 23:45 RUBRICA Correva l'anno 00:35 Tg 3 00:45 Tg 3 Agenda del mondo 01:00 Tg 3 Sabato notte 01:15 RUBRICA Appuntamento al cinema 01:25 RUBRICA Fuori orario. Cose (mai) viste

06:20 Tg 4 Rassegna stampa 06:40 SITUATION COMEDY Vita da strega 07:10 TELEVENDITA Mediashopping 07:35 TELEVENDITA Tre minuti con Mediashopping 07:40 MINISERIE L'avvocato Porta 09:55 FILM TV Doppia indagine Giallo 11:30 Tg 4 Telegiornale 11:40 MINISERIE Le ali della vita 13:30 Tg 4 Telegiornale 14:00 SHOW Pomeriggio con Retequattro 14:05 RUBRICA Forum: Sessione pomeridiana del sabato 15:00 FILM TV Poirot: il pericolo senza nome Giallo 17:00 TELEFILM Detective Monk 18:00 RUBRICA Pianeta mare 18:50 SHOW Pomeriggio con Retequattro 18:55 Tg 4 Telegiornale 19:35 TELEFILM Walker Texas Ranger 21:30 FILM The Hard Corps 23:35 RUBRICA Guida al campionato 00:20 FILM TV Atomic Truck Azione 02:10 Tg 4 Rassegna stampa 02:25 SHOW Ieri e oggi in Tv special 03:40 FILM TV Dentro il cimitero Horror 04:25 TELEVENDITA Mediashopping 04:40 SOAP OPERA Febbre d'amore

OGGI IN T Una promessa è una promessa Italia 1 ore 19,30 Regia: Brian Levant. Cast: James Belushi Arnold Schwarzenegger, Simbad Titolo originale Jingle all the Way. Genere: Commedia Durata 88 min. Produzione: USA 1996. Sotto Natale un importante uomo d'affari, subissato dal lavoro e dai clienti, non trova il tempo di occuparsi della famiglia e di mantenere una promessa fatta al figlioletto: regalargli Turbo Man, giocattolo esaurito da tempo in tutti i negozi. Lo ostacolano un infido vicino di casa, bambini terribili, un poliziotto pedante. Per riacquistare la fiducia e il rispetto dei suoi cari deve trasformarsi in effetto speciale.

La ragazza con l’orecchino di perla Rai 1 ore 01.15

Regia: Peter Webber. Cast: Scarlett Johansson, Colin Firth, Tom Wilkinson, Judy Parfitt, Cillian Murphy., Essie Davis, Anna Popplewell, Joanna Scanlan, Alakina Mann, Chris McHallem, Gabrielle Reidy, Rollo Weeks, Anaïs Nepper, Melanie Meyfroid, Nathan Nepper Genere: Drammatico Produzione: Gran Bretagna, Lussemburgo 2003. Delft (Olanda), 1665: la giovane Griet, protestante, entra a servizio in casa del pittore Johannes (Jan) Vermeer (1632-75). Nonostante le differenze di età, censo, cultura, tra l'artista e la servetta nasce un'intesa, persino artistica, che scatena gelosie e ripicche all'interno della famiglia (cattolica) e scandalo all'esterno anche perché Vermeer la fa posare come modella per

95’ uno dei suoi più celebri quadri: Ragazza con turbante. I critici che hanno liquidato il 1° lungometraggio per il cinema dell'inglese P. Webber, montatore, documentarista ed eclettico regista televisivo, come un commerciale esempio di Midcult hanno due torti: trascurare la sua natura romanzesca e non storico-biografica e limitarsi a spregiare la puntigliosa mimesi (luci e colori di Eduardo Serra) con cui la pittura di Vermeer è stata trasposta in immagini audiovisive. I suoi meriti maggiori sono, invece, drammaturgici: la galleria dei personaggi della famiglia Vermeer sullo sfondo di un ambiente sociale e religioso descritto di scorcio con notazioni efficaci. Spicca, comunque, nella parte di Griet, l'interpretazione di S. Johansson (Lost in Translation). Sceneggiato da Olivia Hetreed dal best seller di Tracy Chevalier.



il domani