Page 1

il

Domani dello Sport Il domani dello sport

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

Domenica 15 Luglio 2012 > euro 1,00 > Anno XV - Nr. 172

SANITÀ

ISTITUZIONI

TRASPORTI Giuseppe Scopelliti Luigi Fedele rinnova ha ottenuto il pieno la propria volontà consenso da parte di contribuire dei suoi Assessori in modo concreto sul lavoro svolto al sostentamento negli ultimi anni della Sogas a pag. 2

www.ildomanidellosport.it

Corigliano Calabro sempre più isolata, la CGIL è disposta a fare la sua parte ma serve una vera proposta politica

a pag. 3

a pag. 4

Le parole di “Therminator”: «Sono nato per segnare. E’ la mia grande occasione»

FIORETTI GIALLOROSSO CATANZARO

Cosentino presenta il nuovo bomber: «Con noi può segnare 60 gol»

REGGINA

a pag. 6

Gli amaranto proseguono la preparazione, Dionigi insiste per il momento sulla cura della fase difensiva a pag. 7

SP. RECIFE-PORTUGUESA

All’interno supplemento GIOCHI E SCOMMESSE del 15/7/2012

1

Consiglia

1.85

1.90

X

3.50

3.30

JUVENTUS

Antonio Conte ritorna nel ritiro di Chatillon dopo l’udienza di Roma sulle scommesse. Carobbio è stato “sistemato” a pag. 11

2

3.65

3.70


2 il Domani dello Sport

Domenica 15 Luglio 2012

CRONACA CALABRIA SCOPELLITI, SIAMO TUTTI CON TE

SANITÀ Pioggia di consensi da parte del mondo politico sul lavoro del Presidente della Regione

I

Andrea Splendore

l tema Sanità è sempre in cima all’Ordine del Giorno in Calabria. Dalla conferenza stampa tenuta venerdì 13 dal Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti - che, in qualità di Commissario per il Piano di Rientro, ha presentato il bilancio consuntivo relativo al 2011 - sono emersi molti elementi importanti e altrettanti motivi di speranza in un futuro migliore. Sentito ed entusiastico il coro di tanti assessori che hanno voluto commentare e dire la loro sulla relazione fatta da Scopelliti (nella foto, a destra). Iniziamo dall’Assessore regionale al Personale Domenico Tallini: «Un bilancio particolarmente positivo, sia in termini di risparmi, che dal 2009 a oggi ammontano a circa 150 mila euro, che in termini di servizi. Stiamo, infatti, assistendo ad una intelligente riconversione di strutture, all’eliminazione di sprechi e alla migliore utilizzazione del personale attraverso la valorizzazione delle professionalità e delle qualità esistenti. Un impegno che Scopelliti sta portando avanti con grande passione e con lo sguardo particolarmente attento a quelle che sono le esigenze dei cittadini e del territorio calabrese. Penso, ad esempio, alla rimodulazione dei ticket e alla diminuzione della

Domenico Tallini: «Un bilancio particolarmente positivo, sia in termini di risparmi che in termini di servizi»

mobilità verso altre regioni grazie al miglioramento delle prestazioni ed alla riduzione delle liste d’attesa». E’ il turno dell’Assessore regionale all’Urbanistica Piero Aiello che sottolinea l’importanza del bilancio fatto dal Presidente Scopelliti: «Malgrado i tagli del Governo Monti che si stanno fortemente ripercuotendo anche nella nostra regione, il Presidente Scopelliti ha saputo operare con grande oculatezza in questo momento difficile privilegiando i bisogni della gente rispetto agli sprechi che, invece, sono stati fatti negli anni passati, riducendo, ad esempio, sensibilmente la spesa farmaceutica e valorizzando ogni risorsa utile al miglioramento dei servizi. Sono certo che si continuerà su questa strada del rilancio della nostra offerta in termini di assistenza sanitaria, con le capacità professionali e le apprezzate qualità specialistiche che contraddistinguono le diver-

FITTASI

Giacomo Mancini: «Le cifre illustrate e la metodologia utilizzata dimostrano come non mai che la strada intrapresa è quella giusta» se strutture presenti sull’intero territorio regionale». Gli replica l’Assessore al Bilancio Giacomo Mancini: «Ieri (venerdì ndr) a Vibo è stata una giornata importante per la sanità calabrese. Il Presidente Scopelliti ha dimostrato come è possibile tagliare le spese superflue e con una gestione oculata ridurre il disavanzo. Le cifre illustrate e la metodologia utilizzata dimostrano come non mai che la strada intrapresa è quella giusta. Sono particolarmente soddisfatto

per questi risultati importanti, per i 144 milioni di euro risparmiati in 2 anni e di come la gente ha percepito il nostro modo di operare. In un momento delicato come quello attuale, i risultati ottenuto hanno una valenza duplice. Il piano di rientro ha certamente condizionato il nostro agire, l’applicazione dei ticket è il frutto di mal gestioni passate. Nonostante tutto, nonostante lo scetticismo iniziale di qualcuno, Scopelliti e i manager hanno svolto un lavoro encomiabile, così come il dipartimento salute dell’ente ed i sub commissari. I numeri non posso essere smentiti. A breve lo stesso Scopelliti illustrerà con i sub commissari la riorganizzazione della rete ospedaliera. Ed a chi parla oggi di ragioneria sanitaria, chiediamo, sommessamente: cosa ha fatto concretamente ieri per ridurre sprechi e sperperi?». Parole di elogio e, soprattutto, di incoraggiamento per il grande e

il Domani dello Sport Direttore GUIDO TALARICO Direttore responsabile FRANCESCO ARCIDIACO Redazione Calabria Tel. 0961.023922 Loc. Serramonda 88044 Marcellinara (CZ) redazione@ildomani.it EDITORE T&P Editori SRL - Tel. 0961.023922 Loc. Serramonda 88044 Marcellinara (CZ) Testata reg. - trib. Cz n. 64 del 15/7/1997

incessante lavoro svolto dal Presidente della Regione Calabria sono arrivate anche dall’Associazione nazionale senza scopi di lucro “Fare salute”, che ha sede a Roma. Nella persona del presidente Floriano Faragò, il sodalizio in questione si è così espresso nei confronti del Commissario per il Piano di Rientro: «Bene, da “Fare salute”, al Presidente Scopelliti per gli interventi che sta promuovendo finalizzati alla tutela della salute e della sanità dei cittadini calabresi, alla luce dei risparmi di gestione emersi, circa 144 milioni di euro dal 2009. Finalmente si iniziano a vedere dati reali senza tagli a servizi essenziali e funzioni. “Fare salute” si sta impegnando affinché il Governo riduca i tempi, ormai troppo lunghi, per i nuovi ospedali calabresi». Proprio a corredo, e nel più ampio discorso della Spending Review, riportiamo l’annuncio della Vicepresidente della Regione Antonella Stasi: «già da lunedì 16 luglio saremo a Roma al Ministero dell’economia per partecipare attivamente ai tavoli tecnici convocati con le regioni, per discutere concretamente sui numeri e affrontare le problematiche sui tagli previsti nello Spending Review: Sanità, Tpl, ma anche riduzione dei tribunali e accorpamenti delle province. L’apertura di tavoli di confronto rappresentano un primo segnale che premia la determinazione con cui il Presidente Scopelliti, insieme con altri presidenti di Regione, nel corso dell’ultima riunione con il Premier Monti, hanno manifestato tutta la loro preoccupazione sottolineando la non condivisione di provvedimenti che rischiano di diminuire drasticamente servizi ai cittadini. Da lunedì perciò saremo determinati a far valere le nostre ragioni». conclude la Stasi.

già il Domani

R.O.C. Numero 5606 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990 n. 250 e seguenti modifiche PUBBLICITÀ Nazionale, locale e giudiziaria MEDIATAG SPA SEDE CALABRIA LOC. SERRAMONDA 88044 MARCELLINARA (CZ) Tel. 0961.023922 - Fax 0961.903421 Tariffa a modulo 46x19 mm h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 129,00 - Corsi di formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologio euro 77,00 cad. - Economici euro 0,62 a paro-

la. Supplemento colore: 40% Distribuzione Media Services (Calabria) CENTRO STAMPA Stabilimento tipografico DE ROSE C/da Pantoni Marinella 87040 MONTALTO U. (CS) Tel. 0984.934382 Responsabile del trattamento dati Dlgs 96/2003 FRANCESCO ARCIDIACO


Domenica 15 Luglio 2012 il Domani dello Sport

3

CRONACA CALABRIA

SOGAS, TEMPI ANCORA LUNGHI TRASPORTI La procedura d’infrazione della CE blocca il pagamento delle quote

L’

Carlo Liguori

Assessore regionale ai Trasporti Luigi Fedele, intervento giovedì alla riunione della Sogas, società di gestione dello Stretto, che si è svolta nei locali dello scalo reggino, ha precisato che «si è trattato di un incontro al quale la Regione, rappresentata dalla mia persona in qualità di assessore ai trasporti, ha partecipato attivamente, con spirito di collaborazione e condivisione d’intenti, così come testimonia il verbale della seduta. Atteggiamento, peraltro, condiviso per primo dal presidente Scopelliti che si è sempre speso per elevare la qualità e l’efficienza dei servizi e per incrementare il più possibile lo sviluppo e la competitività dello scalo reggino». Entrando nel merito della riunione con i soci della società di gestione del “Tito Minniti”, Fedele ha inoltre affermato «di aver più volte ribadito la ferma volontà dell’ente che rappresento di contribuire in modo concreto al sostentamento della

La crescita della Sogas è da imputare anche al contributo della Regione che si è sempre battuta per creare una struttura moderna

Sogas attraverso il versamento delle quote (il 15%) che toccano alla Regione. Purtroppo, però, il pagamento delle quote stabilite è bloccato dalla procedura di infrazione avviata dalla Commissione Europea nei confronti della Regione Calabria. Una vicenda - ha spiegato l’Assessore - che risale ai tempi della Giunta Loiero e che, ancora oggi, provoca un impedimento oggettivo per il versamento delle quote stesse. Proprio in quell’occasione, le somme richieste per ripianare i debiti della Sogas non erano state versate dall’allora amministrazione di centrosinistra che, invece di adempiere all’impegno ha notificato la situazione dello scalo reggino alla Commissione Europea che è stata costretta ad avviare la procedura d’infrazione, per aiuti di Stato, tuttora in atto. In ogni caso, e proprio per rispondere all’intenzione convinta della Giunta Scopelliti, che conserva alla base l’obiettivo reale di mettere in campo tutte quelle azioni necessarie che servano ad una ripresa effettiva dello scalo in riva allo Stretto, questa amministrazione ha già stanziato in bilancio la somma da utilizzare per il pagamento delle quote in oggetto, ad oggi, bloccato dalla procedura d’infrazione avviata dalla Commissione UE. Stiamo studiando - ha detto ancora Fedele - ogni aspetto della questione, da qui la richiesta di tempo da noi avanzata, e stiamo affrontando le diverse problematiche legate ad

una così importante vicenda che contiamo di risolvere a breve. Inoltre occorre ricordare, a testimonianza del fatto che la Regione si è sempre posta in prima linea per lo sviluppo dell’aeroporto dello Stretto, che il Governatore Scopelliti, sostenuto da tutta la Giunta, ha avviato una serie di azioni efficaci per aumentare il traffico di voli e passeggeri che si sono concretizzate con un impegno di ingenti risorse per favorire accordi commerciali con diverse compagnie aeree. La crescita della Sogas - ha aggiunto Fedele - è, quindi, da imputare anche al contributo evidente della Regione, che si è sempre battuta per creare una struttura moderna e competitiva. Diamo atto, senza dubbio, alla buona gestione dell’amministrazione Porcino,

come va dato merito alla Provincia di Reggio Calabria di aver reperito i fondi necessari per ripianare le perdite della Sogas. Ma l’impegno della Giunta regionale, che va verso il rilancio delle condizioni di uno scalo quanto mai necessario alla nostra terra, è innegabile». A proposito di aeroporti, l’Assessore regionale ai Trasporti ha parlato anche di quello di Lamezia Terme annunciando che sono stati intensificati, in via sperimentale, i servizi per il collegamento verso lo stesso scalo. Per rispondere all’esigenza reale di garantire una maggiore mobilità dei turisti e dei cittadini calabresi che usufruiscono dell’aeroporto di Lamezia sono già attivi, fino alla fine di agosto, due servizi di collegamento dall’aeroporto di Lamezia Terme verso le

località turistiche del vibonese e verso la zona del tirreno-cosentino. «Abbiamo realizzato questi servizi - ha detto Fedele - senza alcun maggiore onere per il bilancio regionale e anche grazie alla collaborazione delle aziende di trasporto pubblico locale, al fine di fornire una risposta concreta alle esigenze del territorio e un ulteriore incentivo allo sviluppo dello scalo lametino secondo quanto ha sempre sostenuto dal Governatore Scopelliti». Nello specifico, quindi, il servizio prevede tre collegamenti giornalieri, dal venerdì alla domenica, per la tratta Praia a Mare-Lamezia Terme Aeroporto e ritorno, mentre due collegamenti sempre nelle stesse giornate da RicadiLamezia Terme Aeroporto e ritorno.

COMUNICATO STAMPA

Affidato firma le Colonne d'Oro del Magna Graecia Film Festival

S

ono dell'orafo crotonese Michele Affidato le Colonne d'oro con cui verranno premiati artisti ed addetti ai lavori del mondo cinematografico italiano nell'ambito della IX edizione del Magna Graecia Film Festival. Le statuette andranno, fra gli altri, ad Alessandro Haber per la carriera, a Gaetano Curreri e Fabrizio Foschini degli Stadio, per la colonna sonora di “Posti in piedi in paradiso”. Tra gli eventi speciali assegnazione della colonna d'Oro alla carriera ad Alessandro Haber e Angela Molina. Continua, dunque, per il sesto anno consecutivo, la collaborazione tra il maestro orafo Michele Affidato ed il prestigioso festival del cinema che si tiene dal prossimo 28 luglio al 4 agosto nel catanzarese, tra Mon-

tepaone e Squillace, sotto la direzione artistica di Gianvito Casadonte e la presidenza del Maestro Ettore Scola. Martedì 10 luglio, presso la sala riunioni del Credito Cooperativo di Montepaone si è tenuta la conferenza stampa di presentazione ufficiale del programma della IX edizione del Magna Grecia Film Festival. Erano presenti, oltre al direttore artistico Gianvito Casadonte, il presidente della Provincia di Catanzaro, Wanda Ferro; il presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico; il sindaco di Montepaone, Franco Froio; il presidente del Consiglio comunale di Montepaone, Massimo Rattà; l'assessore al Turismo di Montepaone, Giuseppe Macrì; l'assessore alla Cultura di Squillace, Berenice Brutto; Matteo

Tubertini, responsabile importexport Caffè Guglielmo e l'orafo Crotonese Michele Affidato. Madrina di questa edizione sarà Anna Falchi che presenterà lo speciale del Magna Graecia Film Festival che andrà in onda su Raiuno il 9 agosto alle 22.45. Michele Affidato reincontrerà Anna Falchi anche in agosto a Cirò Marina, nell'ambito della seconda sezione del Premio Filottete, ideato dall'avvocato Cataldo Calabretta, di cui Anna Falchi cura, quest'anno, la nuova sezione dedicato al mondo della fiction. In realtà, quella tra l'orafo crotonese e la showgirl è un rapporto che va oltre il Magna Grecia Film Festival e il Premio Filottete: la splendida Anna Falchi, infatti, sarà la testimonial della

nuova linea di gioielli griffati Michele Affidato. Anna Falchi, per i prossimi due anni presterà il suo volto alle collezioni di monili del maestro Affidato. Mentre lavora per questi ed altri eventi estivi di caratura naziona-

le, Michele Affidato ha inaugurato lo scorso lunedì 9 luglio, in corso Mazzini a Catanzaro, un punto vendita, voluto dell'imprenditrice Francesca Abramo, che ha come esclusivista i gioielli del marchio Affidato.


4 il Domani dello Sport

Domenica 15 Luglio 2012

CRONACA CALABRIA

SPOSATO (CGIL): «A CORIGLIANO SERVE UN PIANO POLITICO SERIO» ISTITUZIONI Il sindacato si dichiara «pronto a fare la propria parte con chiarezza»

S

Carlo Liguori

indacati molto attivi contro la criminalità. «E' preoccupante e desolante la discussione politica che si è aperta nella città di Corigliano Calabro sul tema delle alleanze politiche, quando ancora non sono certi i destini dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose del Comune». Lo afferma Angelo Sposato, segretario generale della Cgil comprensoriale «E' preoccupante e desolante denuncia - l’assenza di una proposta politica che punti a dare un quadro di riferimento programmatico alla gestione commissariale che non conoscendo il territorio, le sue dinamiche economiche e sociali, fatica a gestire una fase delicata per la vita di un comune variegato ed eterogeneo. Si chiede solo conto del lavoro degli altri ma non si riesce a costruire un movimento, una proposta seria che possa dare ai cittadini Coriglianesi un quadro di prospettiva futura, di fiducia e speranza». Cosa bisogna fare? Posto un problema bisogna anche cercare la soluzione. «Riteniamo sia doveroso interrogarsi - ha aggiunto - su

come attivare al più presto, un momento di discussione sui temi economici- sociali e politici che possano rimettere al centro degli interessi della Comunità Coriglianese il lavoro, i giovani, la legalità, lo sviluppo economico, i beni comuni». Un intervento a difesa della propria città. «La città di Corigliano - dice è un patrimonio dell'intero territorio che non può essere lasciato solo. Per queste ragioni - riporta l’Agi - occorre rilanciare un’azione che coinvolga tutto il partenariato economico-sociale, le associazioni, le forze politiche sane, i cittadini, la Chiesa, per un rilancio e una proposta che rimetta al centro l’area urbana e il territorio». Per Sposato, quindi, «la Cgil è pronta a fare la sua parte. Per fare ciò è però opportuno che anche la politica faccia la sua parte con chiarezza e senza infingimenti. La polemica sulle alleanze di questi giorni sostiene - sta disorientando i cittadini. Si avverte un calo di tensione sui temi della legalita', quasi non fosse successo nulla di eclatante, con un tentativo di normalizzare ciò che normale non è. Come Cgil riteniamo debba prevalere l’etica della responsabilità e

della morale. Chi crede che si possano costruire percorsi con chi è stato protagonista attivo negli anni passati con ruoli di primo piano nella giunta comunale a guida Pdl e della maggioranza in consiglio comunale che lo ha sostenuto e che ha determinato lo scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose, troverà la più

ferma opposizione sociale dei cittadini e della Cgil che è costituita parte civile nel processo Santa tecla». E poi ancora. Il suo intervento è tanto corposo quanto ricco di argomentazioni valide e da prendere in considerazione. «Riteniamo - dichiara - che le forze politiche sane, ma anche i cittadini comuni, abbiano il

cura generale della Repubblica presso la Corte d’appello di Genova. Un provvedimento per il quale si era reso irreperibile. Ventrici, quindi, era ricercato dal mese di maggio, sia a Gioia Tauro che a Genova, città nella quale risiedeva dal 1988. Il giorno di Ferragosto del 1988 era stato fatto oggetto di tentato omicidio nella centrale piazza Matteotti ai Gioia Tauro e, per tale motivo, era emigrato a Genova. I reati per i quali si era arrivati all’emissione del provvedimento della procura generale di Genova sono diversi: spaziano dall'associazione a delinquere, alla

ricettazione, al contrabbando, alla spendita di monete false. Nell’appartamento sono state rinvenute cinquantasei

banconote delle vecchie lire da 50.000, su cui sono in corso accertamenti per accertare se siano false. erto sarà riparato - conclu-

dovere di sollecitare gli organismi nazionali dei partiti per creare a Corigliano un'osservatorio sociale ed evitare che rientri dalla finestra quello che il Capo dello Stato, con lo scioglimento per infiltrazioni mafiose, ha sbattuto fuori dalla porta». Parole spesso sentite, ma raramente ascoltate.

Arrestato latitante a Gioia Tauro: Ventrice accusato di contrabbando e associazione per delinquere

E

ra latitante dal maggio scorso, perché accusato di associazione per delinquere, ricettazione, contrabbando e spendita di monete false. Ed era anche riuscito a nascondersi bene, ma nella serata di venerdì riporta l’agenzia di stampa Agi - , Girolamo Ventrice, 69 anni, è stato arrestato dagli agenti del commissariato di polizia di Gioia Tauro. L’uomo, quindi, è stato trovato in un appartamento di via Tommaso Campanella a Gioia Tauro, nel Reggino. Ventrice era latitante in quanto colpito da provvedimento di unificazione di pene concorrenti emesso il 17 maggio scorso dalla pro-

de - tenuto conto della sensibilità e dell'intelligenza del Ministro Francesco Profumo. Un affare non concluso. (cl)


Domenica 15 Luglio 2012 il Domani dello Sport

5

CRONACA CALABRIA

ANTIDROGA: L’OPERAZIONE “VILLAGE” PORTA A 9 ARRESTI LAMEZIA TERME Distrutte dalla polizia coltivazioni per oltre 300 piante di cannabis

U

Andrea Splendore

n’operazione antidroga è stata eseguita ieri mattina a Lamezia Terme dalla Polizia, per l’esecuzione di nove provvedimenti cautelari emessi nei confronti di altrettante persone ritenute responsabili di numerosi episodi di cessione di stupefacente del tipo eroina,hashish e canapa indiana. Lo spaccio avveniva nella zona di Sambiase , nei pressi del Villaggio Kennedy (da qui il nime in codice “Village” dato all’operazione) ed è stata accertata all'esito di complessa attività investigativa. Otto le persone arestate, mentre un'altra risulta al momento irreperibile. Gli arrestati, quasi tutti giovanissimi, secondo l’accusa, gestivano di fatto l’attività di spaccio al minuto nella zona di Sambiase. Ad uno degli arrestati sono contestati anche un episodio di violenza sessuale e la detenzione illegale di un’arma. Sono impegnati nell’operazione 50 uomini del Commissariato di Lamezia Terme, della Squadra Mobile di Catanzaro, del Reparto Prevenzione Crimine Calabria e unità cinofile antidroga di

Vibo Valentia. I particolari saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terra' alle ore 11 al Commissariato di P.S. di Lamezia Terme alla presenza del Procuratore della Repubblica Domenico Prestinenzi e del Questore di Catanzaro, Guido Marino.. Gli uomini della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia, con il supporto dei loro colleghi del Nucleo Elicotteri del capoluogo e dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria” hanno rinvenuto una piantagione di marjiuana nell'agro del Comune di Filandari. I Carabinieri della locale Stazione, che da settimane stanno battendo a tappeto alcune zona dove già in passato sono state rinvenute decine di piantagioni, hanno notato, durante un sopralluogo con l’elicottero, delle strane piante messe a dimora su un terreno demaniale ubicato in località Spana. Così si sono fatti strada tra la fitta vegetazione fino a raggiungere una piazzola di un’ottantina di metri quadrati di estensione pazientemente realizzata su un terreno demaniale e dove qualche anonimo quanto illegale

coltivatore, aveva fatto crescere oltre 300 piante di cannabis indica irrigate da un sistema di irrigazione che attingeva acqua direttamente da un piccolo ruscello presente nell’area. Gli uomini dell’Arma, in oltre 3 ore

di lavoro, hanno rimosso tutta la piantagione, in cui alcuni esemplari erano già arrivati alla ragguardevole altezza di oltre due metri. Tutta la coltivazione - riporta l’agenzia di stampa Agi -, d’in-

tesa con la Procura della Repubblica del capoluogo, è stata quindi immediatamente distrutta dai militari dopo gli accertamenti del caso. Un attacco duro alle organizzazioni criminali.

Al Jerreau si esibisce al Parco della Biodiversità di Catanzaro: unica tappa calabrese per il mito

S

ono iniziati al Parco della Biodiversità di Catanzaro i lavori di preparazione per l’atteso primo e unico concerto in Calabria di Al Jarreau del prossimo 17 luglio alle 21.30. Il grande palcoscenico che ospiterà il mitico cantante americano sara' montato davanti alle gradinate dell'anfiteatro. Per l’eccezionale evento musicale saranno ritinteggiati anche i camerini e i bagni della struttura incastonata in uno dei parchi più belli e attrezzati d'Europa. Dopo James Taylor dello scorso marzo, per “Aspettando Settembre al Parco”, la scelta di Wanda Ferro, presidente della Provincia di Catanzaro, è caduta su una delle maggiori icone della musica mondiale, un artista unico, capace di spaziare in generi diversi e sempre con eleganza e originalità, dal jazz al pop, dal R&B allo swing. Al Jarreau, che mercoledì scorso

ha incantato il pubblico di “Umbria Jazz” nella sua prima apparizione italiana di questo tour europeo, è l’unico cantante al mondo ad aver vinto il Grammy Award, l’oscar mondiale della musica, per bene sei volte in tre diverse categorie:

Pop, Jazz, R&B. Grandi musicisti comporranno la sua super band: Joe Turano, tastiere, sassofono, direzione musicale, John Calderon, chitarre, Mark Simmons, batteria, Chris Walker, basso, Larry Williams, tastiere. Tra le curiosita'

dell’evento, le insolite richieste gastronomiche di Al Jarreau per la cena post concerto nel suo enorme bus: salmone, sushi, zuppa di spinaci frullati, acqua di cocco, melone e miele. La storia artistica di Al Jarreau è da vera superstar. Nel ’78 e nel ’79 vince il Grammy per il jazz, rispettivamente con “Look to the Rainbow” e “All fly home”; nel 1982 come migliore cantante pop, con l'album “Breakin Away”; nel 1993 e nel 2007, infine, si aggiudica due Grammy per la “Best Male R&B Vocal Performance” e per la “Best Traditional R&B Vocal Performance”, questo insieme a George Benson e Jill Scott. In tutto, sono state ben dodici le nomination ai Grammy collezionate durante la sua straordinaria carriera, suggellata da ben 58 album, tra inediti, raccolte ed eventi. Nel 1985 partecipò anche al super gruppo “USA for Africa”, insieme a Michael Jackson e Steve Wonder.


6 il Domani dello Sport

Domenica 15 Luglio 2012

SPORT CALABRIA

ECCO “THERMINATOR” FIORETTI COSENTINO: «SEGNERÀ 60 GOL»

CATANZARO Presentato il nuovo attaccante giallorosso: oltre 30 reti nella passata stagione

T

Andrea Splendore

roppo piccola la saletta del Benny Hotel per accogliere l’abbraccio di tifosi e giornalisti a Giordano Fioretti. Tutto vero, Therminator è a Catanzaro e il prossimo anno giocherà con la maglia giallorossa dell’Uesse. Cosentino e il suo staff, per l’ennesima volta, dimostrano che vogliono fare le cose per bene. C’era un giocatore da prendere, l’hanno preso. SCOPRIAMO IL NUOVO ASSO L’attaccante che ha segnato più di tutti, 33 gol a Gavorrano, e che lo scorso anno non ha nemmeno badato a trattative e corte da fidanzatini segnando doppietta contro il Catanzaro, oggi varca il Sansinato e poggia la firma su un foglio con la carta intestata del Catanzaro calcio. Qualche mese fa ci ha purgato, nonostante sapesse… Ecco le sue prime parole da giocatore dell’Uesse, come riportate da Caanzaroinforma.it. «A Cozza non andarono giù quei due gol – dice il bomber – ma poi al telefono ci siamo subito chiariti e la trattativa è andata avanti. Sono qui e ne sono onorato. Arrivo per la prima volta in carriera in una società importante e con una piazza di alto livello. Spero di ricambiare con le prestazioni l’entusiasmo che già stamattina la tifoseria mi fa percepire». Si, perché Fioretti, classe 85 e nato a Roma, entra al Benny Hotel accompagnato da un applauso e un coro dei circa 50 tifosi presenti. Uno di loro gli mette la sciarpa giallorossa al collo. Lui ringrazia, si siede, ascolta. Ascolta Cosentino che parla come Cosentino. Ovvero con simpatia, emozione, passio-

Il presidente: «Seguiamo questo giocatore da mesi. Per lui abbiamo fatto uno strappo alla regola, ma ci è venuto incontro»

ne. Un uomo che non si annoia e non ti annoia mai. Un uomo particolare. Il presidente. «Farà 60 gol, perché noi giochiamo meglio del Gavorrano. Ma se si ferma a 37 non gli diciamo niente». Cero non manca un po’ di sana leggerezza nelle sue parole. Il presidente prende consensi e poi si sbottona. «E’ da sei mesi che gli andiamo dietro. Trattativa lunga e difficile ma alla fine abbiamo raggiunto un accordo. Siamo andati un po’ oltre il nostro tetto massimo ma anche il giocatore ha abbassato le sue pretese. Se la piazza lo farà sentire importante farà oltre 50 gol e raggiungeremo il nostro obiettivo». Giordano Fioretti, a Catanzaro accompagnato dal fratello (che sembra il sosia) arriva in comproprietà con il Gavorrano e firma un biennale. Alla sua presentazione anche il Direttore Generale toscano Filippo Vetrini.

L’anno scorso segnò una doppietta proprio contro Cozza: «Ma poi ci siamo chiariti e la trattativa è andata avanti. Ora spero di ricambiare» Si parla di calcio, come preferisci quindi giocare bomber? «Gioco per il gol, gioco per segnare. Mi piace stare in area di rigore e vedere la porta. Con il tempo ho imparato anche a sacrificarmi per la squadra ma in tutta onestà sono uno che ha bisogno di andare a rete». Un finalizzatore. Diverso da Masini, e con lui può convivere. «Gioco con un’altra punta o avanti a due mezze ali. Non è un problema. Mi metto sempre a disposizione del mister». Cozza assente al tavolo dell’acquisto numero 1. Presenti Pecora e il procuratore del giocatore. Pecora più posato del presidente. «Abbiamo fatto uno sforzo notevole per averlo qui. Speriamo si possa ripetere sui

numeri della scorsa stagione». Dal canto suo “therminator” dice che la piazza - e consequenziali pressioni – non gli fanno paura. Non gli fa paura far gol anche «se firmerei per 20 reti in C1. Ma non è questo l’importante. Vanno bene anche 10 se servono al Catanzaro per raggiungere l’obiettivo». Fioretti 4 anni fa giocava in Eccellenza, poi il grande salto con il Figline in C1 e qualche occasione persa. In C1 ha fatto 9 gol in 26 presenze (non sempre da titolare) poi l’esplosione in Toscana e adesso Catanzaro. «La mia grande occasione della carriera». Quindi 180 centimetri di attaccante asciutto con un taglio di capello vintage e accento romano deciso. Sorridente per l’affetto dei tifosi, mai impaurito. Convinto dei fatti suoi e la doppietta a Gavorrano contro l’Uesse, in piena trattativa, ne sono la testimonianza. Cozza quel giorno disse che Fioretti non avrebbe mai giocato a Catanzaro. Oggi è qui e allora ha ragione lui. Ma si è parlato anche di altro. QUESTIONE MASINI: Cosentino ha poi anche parlato dell’altro attaccante, Masini. L’Ascoli, dopo i 21 gol

dello scorso anno, non molla la presa e chiede al Catanzaro di pagare l’intero ingaggio al giocatore. “Spropositato compenso” dirà Cosentino e quindi gioco al ribasso e occhio ad altri attaccanti. «Perché adesso, lassù a Milano, ci guardano tutti come ad una società seria. Lo dimostra l’invito al Viareggio». Ma lo dimostrano anche le parole di Vetrini. «Fioretti è qui perché questa società ha un modello unico ed efficiente in Italia. Tra le tante proposte, questa una delle motivazioni che ci hanno fatto scegliere Catanzaro». CAMPAGNA ABBONAMENTI Distinti chiusi, problema. Ma non per i biglietti. La società

sta pensando ad un prezzo intermedio nonostante l’assenza del settore sotto la tribuna stampa. «Stiamo valutando alcune situazioni - ha spiegato Cosentino. I tifosi sappiano che saranno prezzi di mercato ma che preferiamo chiedere qualche euro in più e far vedere calcio anziché proporre cifre molto popolari e fornirvi uno spettacolo indegno. Anzi, sono sicuro che i tifosi saranno contenti, e mi ringrazieranno, di spendere qualcosa in più ma assistere a grande calcio». Cosentino invita la tifoseria a pagare il biglietto, stare vicini alla squadra e guardare con ottimismo al futuro. Qui si scrive la storia. Finalmente è finita l’era del “gratis è meglio”.


Domenica 15 Luglio 2012 il Domani dello Sport

7

SPORT NAZIONALE

ARMELLINO: «DIONIGI È’ UN VERO MAGO DELLA FASE DIFENSIVA»

REGGINA Il gruppo amaranto prosegue la preparazione: si studia il modulo 3-4-3

A

Luca Ogrilio

casa Sant’Agata si registra una pausa per quanto riguarda il programma delle conferenze stampa, ma sul sito della Reggina Calcio è intervenuto Marco Armellino, che ha commentato l’inizio di preparazione: «Partire in ritiro e conoscere le abitudini della società e del nuovo mister ha detto - , è decisamente un grande vantaggio». DIONIGI E LA DIFESA «Ogni allenatore ha il suo modo di fare. Al momento stiamo curando la fase difensiva: ora ho capito perché il Taranto è stata una delle difese meno battute d'Europa. Cercheremo di trarre vantaggio dai consigli del tecnico e ripetere quanto fatto dal Taranto». IL MODULO «Stiamo provando il 3-4-3, con due mediani. Ho sempre fatto questo ruolo e spero di trovarmi ancora meglio». LA RIVELAZIONE «I nuovi? Quando il presidente Foti compra qualcuno, sa quello che prende. Spero possano darci una grossa mano. Hatemaj? Un bel cavallo, fisicamente un ani-

male. Speriamo si inserisca presto in questo gruppo». OBIETTIVI «Cercare di fare meglio dell'anno scorso, sperando di raggiungere gli obiettivi prefissi dalla società». Sul fronte mercato intanto qualcosa è tornato a muoversi. Mauro Facci, direttore sportivo del Latina, si sarebbe dovuto incontrare questa settimana a Milano con Simone Giacchetta per definire i passaggi di Adam Kovacsik e Francesco Cernuto al club laziale. Tuttavia, per esigenze dello stesso Latina - che soltanto mercoledì ha ricevuto il benestare della Covisoc relativo all’iscrizione in Lega Pro - l’appuntamento tra le due società è stato rinviato alla prossima settimana. Nel frattempo, il portiere magiaro continua ad allenarsi al Sant'Agata agli ordini di Dionigi, mentre Cernuto, non convocato per il ritiro, attende la fumata bianca per iniziare questa nuova avventura, dopo il positivo biennio al Treviso. Prima esperienza fuori dai campi del Sant’Agata invece per Giuseppe Paviglianiti (classe 1993). Il giovane esterno sinistro

MANIFESTAZIONI

della Primavera amaranto passa infatti al Castel Rigone, compagine umbra che milita in serie D. Come comunica il sito della Reggina Calcio, Paviglianiti si trasferisce alla corte del tecnico Bocchini a titolo temporaneo. LE NUOVE MAGLIE La collezione Reggina 2012-

2013 è realizzata in tessuto 100% poliestere elastico, la cui grammatura è stata perfettamente equilibrata nel rapporto tra la giusta leggerezza e la migliore resistenza. Le rifiniture delle maniche e del collo sono a costina, tutti gli inserti sono cuciti e studiati in modo da risultare impercettibili a contatto con la pelle. Il logo Reggina è

realizzato in alta definizione mentre tutti i loghi Givova sono ricamati. Sono applicati in transfer, infine, i dettagli “Reggina Calcio” sul retro e “Identità Reggina” sul fianco destro. Il prodotto finale è, dunque, di altissima qualità, studiato con il principale di stupire l’osservatore e dare comfort a chi lo indossa.

Respira lo sport: una corsa per la Lega Italiana Fibrosi Cistica

arà una competizione comS pletamente dedicata alla Lega Italiana Fibrosi Cistica Onlus

il Trofeo della Solidarietà, organizzato dall’A.S.D. Cicloturistica 2001 nell’ambito della campagna nazionale della LIFC “Respira lo Sport!100 eventi sportivi per la Fibrosi Cistica” (www.respiralosport.it). L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Reggio Calabria. La corsa, una cronometro a squadre per amatori appartenenti anche a società diverse, si svolgerà oggi, dalle ore 8.30, sul Lungomare Falcomatà di Reggio Calabria. La quota di partecipazione, di 15,00 euro per iscritto, sarà interamente devoluta in beneficenza alla LIFC, per la ricerca scientifica e per il miglioramento della qualità dei centri di assistenza. Hanno già aderito all’iniziativa oltre cento

ciclisti provenienti da Calabria e Sicilia. “Respira lo Sport! 100 eventi sportivi per la Fibrosi Cistica” è la prima campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi, ideata dalla LIFC, che unisce a doppio filo lo sport, la salute e la solidarietà L’attività sportiva, per i pazienti affetti da FC, è infatti un importantissimo elemento per vivere meglio e più a lungo, in quanto lo sport, abbinato ad una corretta fisioterapia respiratoria, migliora la capacità polmonare ad aiuta a rimuovere le secrezioni di muco dalle vie respiratorie. All’A.S.D. Cicloturistica 2001 e a tutti i partecipanti al Trofeo della Solidarietà va un sentito ringraziamento da parte della LIFC, per l’importante contributo a sostegno della campagna “Respira lo Sport!”. (lo)


8

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI In danno di proc. nr.10/01 R.G.E., SI RENDE NOTO che il giorno 24.10.2012 alle ore 09:30 e segg. nella sala delle pubbliche udienze di questo Tribunale, avanti al G.E., si procederà alla vendita con incanto del seguente bene immobile, alle seguenti condizioni: prezzo base lotto unico: € 26.100,00 Elenco beni immobili lotto unico: immobile per civile abitazione sito in Lamezia Terme, località Ginepri, villaggio Lamezia Golfo, con superficie complessiva di 61,86 mq, posto nel corpo di fabbrica 1 scala C, riportato in NCEU del Comune di Lamezia Terme al foglio 23, part.lla 183 sub 32, cat A/3, classe 4, vani 3. • è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 23.10.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; • le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; • ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) • ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; • l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; • in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; • non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; • all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); • con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; • all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all’incanto; • le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; • la mancata partecipazione all’incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l’incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, ove l’offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; • a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 di quello

Domenica 15 Luglio 2012

raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; • tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all’art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all’incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all’art. 584 c.p.c.. • Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell’art. 584, comma 3, c.p.c., l’aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; • in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; • è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; • gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; • la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. • Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; • l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; • soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme ***** SI RENDE NOTO Che il GE nella procedura esecutiva immobiliare n.110/95 ha disposto la vendita del seguente immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: lotto unico: quota pari a 2/3 della nuda proprietà di un immobile ad uso deposito sito nel comune di Lamezia Terme, loc. Scinà, riportato nel NCEU al fg. 34, p.lla 547, sub 7, cat. C/1, cl. I, consistenza mq 860. Prezzo base € 113.611,76 • Fissa in relazione alla vendita con incanto: per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari delle offerte di acquisto dell’ immobile sopra descritto, termine fino alle ore 13,00 del giorno 09.10.2012, con le modalità del prezzo base di cui sopra; - per l’esame delle offerte di acquisto, ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 10.10.2012 ore 9,30 e segg. • Ciascun offerente, tranne il debitore è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; • l’offerta è irrevocabile, salvo che: il giudice ordini l’incanto; siano decorsi centoventi

giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta. • L’offerta non è efficace: 1)se perviene oltre il termine stabilito; 2)se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’art.568 cpc; se l’offerente non presta cauzione a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane Spa”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; • l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene e del lotto cui si riferisce l’offerta ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; detta dichiarazione deve altresì recare le generalità dell’offerente (nome,cognome,luogo e data di nascita,codice fiscale,residenza,stato civile e,se coniugato, regime patrimoniale tra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri e la legittimazione dello stesso (es. procura speciale o certificato camerale); • in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; • le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti ove comparsi; le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; • evidenziato, quanto alla vendita agli incanti che: essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di € 113.611,76; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a € 30.000,00 • Stabilisce, altresì, che la vendita avviene alle seguenti condizioni – gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; - la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per i vizi o mancanza di qualità, nè potrà essere revocata per alcun motivo. • Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o di difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere – ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti da eventuali necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore – per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiani spa”, in mancanza,si provvederà a norma dell’art. 587 cpc; • soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonchè del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento ai sensi dell’art. 586 c.p.c. Lamezia Terme, 13.06.2012 Il GE Dott.FORESTA ***** UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART. 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO CHE Che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n. 151/1992 RE R.G.E. con ordinanza emessa all’udienza del 20.06.2012, ha disposto la vendita con incanto del lotto unico nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 17.10.2012 LOTTO UNICO - “appezzamento di terreno sito in Cortale, località Petrolata estese are 52,16 attualmente coltivato a seminativo e, in piccola parte, ad uliveto, esso comprende un fabbricato rurale di 0,66 are al quale si accede dalla strada provinciale, il terreno è riportato in NCT del predetto comune censuario al foglio di mappa 15, particella 139 (di are 51,50) seminativo irriguo erborato, R.D. £ 82.400, R.A. £ 20.600 il fabbricato rurale è censito al foglio di mappa 15, particella 140 ( di are 0,66)”; Prezzo base d’asta euro 8.620,28 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: VENDITA CON INCANTO: essa deve aver luogo al prezzo base di euro

Info - 0961.023931

8.620,28 per il lotto unico; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo posto a base d’asta; • ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) • ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; • l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; • in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; • non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; • all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); • con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; • all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all’incanto; • le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; • a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; • tali offerte si fanno a norma dell’art. 571 e, prima di procedere alla gara di cui all’art. 573, il Cancelliere da pubblico avviso dell’offerta più alta a norma dell’art. 570 c.p.c.; • in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; • è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; • è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 16.10.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; • è fissata, per il giorno 17.10.2012, ore 09.30 e segg.,, la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA


9 LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: • gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; • la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; • l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D. Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; • soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 26.06.2012 Il funzionario giudiziario Deborah Chirico ***** UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART. 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO CHE Che il Giudice dell’ Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n°191/93 R.G.E. con ordinanza emessa all’udienza del 20.06.2012 ha disposto la vendita con incanto del lotto unico nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 17.10.2012 LOTTO UNICO: appezzamento di terreno sito in agro di Platania dell’estensione di Ha.3.04.15, dislocato in più appezzamenti, censiti al N.C.T. del Comune di Platania al foglio n°.15 part. 176, 177, 224, 228 e foglio 14 part. 126. Detto bene è in comproprietà al 50% con altro soggetto. Prezzo Base €. 4.800,00 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: VENDITA CON INCANTO: • essa deve aver luogo al prezzo base di euro 4.800,00 per il lotto unico; • le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; • ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) • ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre

Domenica 15 Luglio 2012

alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; • l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; • in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; • non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; • all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); • con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; • all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all’incanto; • le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; • a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; • tali offerte si fanno a norma dell’art. 571 e, prima di procedere alla gara di cui all’art. 573, il Cancelliere da pubblico avviso dell’offerta più alta a norma dell’art. 570 c.p.c.; • in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; • è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; • è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 16.10.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; • è fissata, per il giorno 17.10.2012, ore 9.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: • gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; • la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. • Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; • l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel

contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; • soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 26.06.2012 Il funzionario giudiziario Deborah Chirico ***** UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART. 569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO CHE Che il Giudice dell’Esecuzione, nella procedura esecutiva immobiliare n° 3/97 R.G.E. con ordinanza emessa all’udienza del 20.06.2012 ha disposto la vendita con incanto di più lotti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 17.10.2012 PRIMO LOTTO: n° 1 appartamento, in un edificio di maggiore consistenza, sito al terzo piano fuori terra, con soprastante copertura piana, composto da 2 vani e accessori, in località Ginepri a Lamezia Terme (ex Comune di S. Eufemia Lamezia), distinto con l’interno 14 scala “D”;- identificato in Catasto al foglio di mappa 23 p.lla 289 sub 102 Sezione Censoria di S. Eufemia, in corso di costruzione;- superficie commerciale, pari a mq 47,20. Prezzo base d’asta euro 8.500,00 SECONDO LOTTO: n° 1 posto auto, sito al piano seminterrato di un fabbricato di maggiore consistenza, in località Ginepri a Lamezia Terme (ex S. Eufemia Lamezia),identificato in catasto al foglio di mappa 23 p.lla 289 sub 157 Sezione Censoria di S. Eufemia, categoria C/6, classe 1, consistenza mq 19, rendita catastale euro 20,61. Prezzo base d’asta euro 1.200,00 SI RENDE ANCORA NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: VENDITA CON INCANTO: essa deve aver luogo al prezzo base di euro 8.500,00 per il lotto primo ed euro 1.200,00 per il lotto secondo; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori ad 3% del prezzo posto a base d’asta; • ognuno, ai sensi dell’art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all’incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l’ordinario mandato alle liti; nell’ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all’art. 583, comma 1, c.p.c.) • ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell’ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest’ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; • l’istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; • in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; • non sarà possibile trasferire l’immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l’istanza; • all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società);

Info - 0961.023931

• con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; • all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all’incanto; • le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell’aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell’art. 581 c.p.c.; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l’aggiudicazione provvisoria; • a norma dell’art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l’incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/6 quello raggiunto nell’incanto; l’aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; • tali offerte si fanno a norma dell’art. 571 e, prima di procedere alla gara di cui all’art. 573, il Cancelliere da pubblico avviso dell’offerta più alta a norma dell’art. 570 c.p.c.; • in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; • è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo “ABI” per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; • è fissato, per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del 16.10.2012, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; • è fissata, per il giorno 17.10.2012, ore 09.30 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: • gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; • la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. • Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; • l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l’aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all’assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall’aggiudicazione, a norma dell’art. 587 c.p.c.; • soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest’ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì 26.06.2012 Il funzionario giudiziario Deborah Chirico


10 il Domani dello Sport

Domenica 15 Luglio 2012

SPORT

PSG RE INDISCUSSO, SPENDE IL TRILPO DEI CLUB SPAGNOLI

CALCIOMERCATO In Europa si fanno follie, ma i francesi sono irraggiungibili

Q

Giuseppe Mosca

uando manca circa un mese all’inizio dei principali campionati, il Calciomercato 2012 offre un quadro a due velocità, se non a tre. C’è chi fagocita calciatori, chi vende per rifondare e chi, invece, si limita a guardare. Il Paris Saint Germain da solo spende il triplo di tutti i club spagnoli. La Premier League investe, ma le follie non sono all’ordine del giorno. La Serie A vende i pezzi migliori e, con un occhio e mezzo ai bilanci, prova a rinnovarsi. Da Est, intanto, premono i nuovi ricchi di Russia e Cina. Il punto fermo, per non dire immobile, è rappresentato dal calcio spagnolo che deve fare i conti con una campagna acquisti all’insegna dell’austerity: freno a mano tirato, gli affari nel paese campione del mondo e fresco “ri-campione” d’Europa si contano sulle dita di una mano. A un mese dall’inizio della Liga 2012-2013, i club della massima divisione hanno speso complessivamente 31,3 milioni di euro. Il totale equivale più o meno alla metà della somma, circa 65 milioni di euro, che il Paris Saint Germain dello sceicco Tamim bin Hamad Al Thani stanzia per l'acquisto di Zlatan Ibrahimovic e Thiago

La società francese è vicina a superare quota 100 milioni di euro con gli ultimi acquisti “italiani” Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva

Silva dal Milan. La società transalpina si avvia a superare la soglia del 100 milioni grazie allo shopping “Made in Italy”: circa 30 sono serviti per strappare Ezequiel Lavezzi (nella foto, sopra) al Napoli, una decina abbondante sanciranno l’acquisto del baby Marco Verratti dal Pescara. Il ds Leonardo sta sistemando i bilanci dei club italiani e parallelamente sta allestendo il super-team per il tecnico Carlo Ancelotti. Il PSG sta seguendo la linea tracciata un anno fa con i 42 milioni investiti per il cartellino di Javier Pastore. L’estate 2011, invece, sembra lontanissima lontanissima per gli aficionados spagnoli: un anno fa le società della Liga spesero 358 milioni di euro, movimentando un mercato inferiore solo a quello di Premier League (553 milioni) e Serie A (per As, affari per 465 milioni). I club nostrani,

invece, anche quelli di primo piano, stanno cedendo in sequenza i propri pezzi pregiati. Il Milan e l’Inter, in particolare, sono in fase di ristrutturazione. Via i veterani, con i loro contratti pesanti, e apertura di un nuovo ciclo. La Juventus, invece, investe e arricchisce la rosa campione d’Italia con innesti mirati: Kwadwo Asamoah, Mauricio Isla, Sebastian Giovinco e Lucio, in attesa di un big in attacco. Il mercato tricolore non è faraonico, ma sembra lontano anni luce dalle sabbie mobili della Liga. La Spagna è in crisi e le sofferenze del sistema bancario, storico pilastro dei top club, si riflettono sulle strategie dei colossi del pallone: Real Madrid e Barcellona, abituati a staccare assegni pieni di zeri, devono adattarsi alla nuova situazione e non riescono, per il momento, ad entrare nella top ten continentale

delle società più attive sul mercato. I blancos finora non hanno effettuato nemmeno un’operazione per modificare la rosa che, agli ordini di Josè Mourinho, ha vinto la Liga 2011-2012. Il Barcellona ha piazzato un solo colpo, acquistando l’esterno Jordi Alba dal Valencia: 14 milioni di euro non sono una follia, ma bastano e avanzano per confezionare l’affare più costoso di un’estate nella quale 10 società di prima divisione, sinora, non hanno speso un euro. I quotidiani sportivi, che d’estate accendono i riflettori su arrivi e partenze in zona Santiago Bernabeu e Camp Nou rimangono in attesa: il Real insegue il croato Luka Modric, regista del ricco Tottenham che non ha bisogno di fare cassa. Il Barça in teoria ha circa 26 milioni ancora da investire, visto il probabile budget complessivo di 40 milioni stanziato per l’estate. Meglio aspettare le idee dello sceicco Abdullah Bin Nassar Al-Thani, cugino del calciofilo parigino, che potrebbe accendere i fuochi d’artificio con il suo Malaga. Intanto, si guarda con un pizzico d’invidia a quello che succede negli altri paesi, vicini e lontani. Le valanghe di rubli e yuan a disposizione di società russe e cinesi rischiano di diventare un incubo: a Est, infatti, cominciano a spostarsi giocatori “veri” e non solo vecchie glorie a caccia dell’ultimo ingaggio. L’Anzhi, dopo aver convinto Samuel Etòo, ora viene accostato a

In Spagna, i guai del sistema bancario condizionano i club più ricchi. In Italia, il mercato è più vivo ma non si può certo considerare faraonico Wesley Sneijder, altro big interista. A Shanghai, Didier Drogba è stato appena accolto in maniera trionfale. L’ivoriano può diventare il testimonial di un nuovo calcio che, in panchina, schiera già Marcello Lippi. E’ impossibile competere finanziariamente con i nuovi ricchi. Ed è difficilissimo tenere il passo di chi, al portafoglio gonfio, può abbinare appeal e tradizione. In Inghilterra, ad esempio, si aspettano le mosse del Manchester City, trionfatore in Premier League: lo sceicco Mansur bin Zayed Al Nahyan ha appena prolungato il contratto del manager Roberto Mancini e si prepara a piazzare almeno un paio di colpi con le risorse. Il Manchester United, che non dispone delle risorse dei concittadini, deve necessariamente puntellare la rosa se vuole tornare al top. Il Chelsea di Abramovich ha appena vinto la Champions League e si è rinforzato col gioiellino Eden Hazard, pagato una trentina di milioni. Spende pure il Liverpool che ha preso Fabio Borini (nella foto a sinistra) dalla Roma per circa 13 milioni di euro.


Domenica 15 Luglio 2012

il Domani dello Sport

11

SPORT NAZIONALE

CONTE: «PENSO SOLO ALLA JUVE»

CALCIOSCOMMESSE Il tecnico bianconero è uscito sereno dall’udienza di Roma

A

Andrea Splendore ddirittura un volto disteso. «Finalmente ho potuto dire la

verità». Antonio Conte attendeva il confronto con gli 007 federali da tempo. Da quando sono iniziate a filtrare le prime indiscrezioni sugli interrogatori in Procura di Cremona e in quella federale del pentito e suo grande accusatore Filippo Carobbio. «Ho potuto raccontare la verità in un clima molto sereno - ha sottolineato il tecnico al termine della sua audizione durata circa tre ore e 40 minuti -. Ribadisco: sono contento per aver potuto dire la verità. Da stasera torno in Valle d'Aosta a fare quello che mi riesce meglio, vincere e fare l’allenatore». A Chatillon ieri si è radunata la sua Juve. Lui, però, dopo i saluti di rito, ha preferito raggiungere subito Roma per preparare al meglio la sua difesa in un summit con i suoi legali Luigi Chiappero, Antonio De Rensis e infine Michele Briamonte. L’obiettivo era smontare le accuse di Carobbio, suo ex giocatore ai tempi di Siena che lo tira in ballo proprio per la stagione 2010/2011 in cui i toscani raggiunsero la promozione in Serie A. LA SINTESI DELLA VICENDA Le dichiarazioni di Carobbio riferite a Conte sono circostanziate al pareggio per 2-2 di Novara-Siena, del 30 aprile 2011 e al successo per 1-0 in AlbinoLeffe-Siena del 29 maggio 2011.

«Lo stesso Conte ci rappresentò che potevamo stare tranquilli in quanto avevamo raggiunto l’accordo con il Novara per il pareggio», raccontò in Procura federale il centrocampista lo scorso 29 febbraio. E ancora: «Fummo tutti d'accordo, squadra e allenatore, di lasciare il risultato all’AlbinoLeffe». Come già anticipato la difesa di Conte, per ribattere alle pesanti accuse, ribadite da Carobbio anche nell'audizione di martedì, ha presentato una memoria con 15 testimonianze giurate di chi era presente alla ormai famosa riunione tecnica che ha preceduto Novara-Siena. Testimonianze che smentirebbero Carobbio, e che si sommano a quelle rese negli uffici federali da altri tesserati senesi. Oggi avrebbero negato tutto anche i bianconeri toscani Marcelo Paez Larrondo e Alessio Sestu. Altro elemento della linea scelta da Chiappero e De Rensis è l’acredine tra la moglie di Conte e quella di Carobbio che, in occasione di una festa, le avrebbe rinfacciato il mancato permesso concesso dal tecnico a suo marito quando lei era incinta. Una ruggine tra Conte e Carobbio, dovuta anche allo scarso impiego del giocatore, che avrebbe in qualche modo inficiato le ricostruzioni fatte dal pentito ai federali. Ma Carobbio, ritenuto finora altamente credibile dal pool del Procuratore Stefano Palazzi, non ci sta ad essere screditato e, mentre il suo ex tecnico era sotto torchio, ha commentato ai microfoni di Rtl 102.5 la linea difensiva del bianconero

con un pizzico neanche velato di sarcasmo. «Secondo te può essere una cosa normale? - si è domandato - Può essere una difesa logica? Però a me non interessa, io sono sereno». Come sereno e sorridente è apparso Conte all’ingresso di via Po, verso le 15.10, sostenuto dal coro di un gruppetto di tifosi bianconeri che lo hanno acclamato, abbracciato e baciato al grido “Alè, Antonio Conte”. CONTE RIPARTE «Mi sono tolto un peso, stasera torno in Valle d’Aosta a fare quello che mi riesce meglio, vincere e fare l’allenatore», è il

Cina: tifosi in delirio per Drogba pronto un contratto stellare

C

entinaia di tifosi in delirio hanno accolto Didier Drogba all’aeroporto di Shanghai. L’attaccante ivoriano si appresta a vestire la maglia dello Shenhua, dove ritrova Nicolas Anelka, suo compagno di reparto al Chelsea. I fan del giocatore, la gran parte dei quali con indosso la casacca con la scritta “Drogba 11”, si erano svegliati all'alba per raggiungere lo scalo, distante una trentina di chilometri

dalla metropoli, e poter assistere all'avvenimento. All’apparire del giocatore nella hall degli arrivi sono partiti cori scanditi con il suo nome, in uno sventolio di bandiere ivoriane e mazzi di fiori, mentre un imponente cordone di sicurezza faticava non poco per tenere a freno l’entusiasmo. Drogba non ha deluso i suoi nuovi tifosi, si è soffermato per stringere mani e firmare autografi in un caos crescente, tra malori

di ammiratrici e lacrime di gioia, sotto gli sguardi un pò perplessi degli altri passeggeri. Con non poche difficltà l'ex Blues è riuscito ad aprirsi la strada fino alla macchina che lo aspettava fuori dall’aeroporto, sempre circondato dai tifosi. Drogba, 34 anni, ha firmato un contratto per due stagioni e mezza, secondo la stampa da 254 mila euro a settimana. Incredibile.

suo auspicio e quello dei supporter bianconeri. Oggi è rimasto a lungo negli uffici dei federali anche il presidente del Grosseto, Piero Camilli, chiamato a difendersi dalle accuse di alcuni suoi ex tesserati per le presunte combine di Salernitana-Grosseto e AnconaGrosseto dell’aprile 2010. «Io sono uno per bene, non sono mai andato in galera», si è sfogato Camilli al termine della sua audizione per poi tuonare a distanza di qualche ora. «Ho chiesto un faccia a faccia con Marco Turati e Paolo Acerbis, i due ex giocatori del Grosseto che mi accusano di aver comprato la partita con l'Ancona del 30 aprile 2010,

finita 1 a 1. Voglio vedere se hanno il coraggio di ripetere quanto affermato guardandomi in faccia». Sul match discusso con la Salernitana, invece ha infine precisato. «Turati ha detto che io avrei dato 3-4 mila euro a Mariano Stendardo, un mio ex giocatore, per organizzare la combine. Ma io sono una persona per bene, non ho mai comprato partite e non frequento, come chi mi accusa biscazzieri, personaggi loschi e bande di zingari». E proprio Stendardo è stato convocato dai federali martedì prossimo, assieme a Nicola Mora, per fornire la sua versione dei fatti.


12 il Domani dello Sport Domenica 15 Luglio 2012

GIOCHI & SCOMMESSE

a cura della redazione di

NORVEGIA Adeccoligaen

Start, casa dolce casa Ull/Kisa: scatta l’ora

Start - Alta 1 Kongsvinger - Bryne Under Notodden - Hodd 2 Strommen - Baerum 1 Sarpsborg - Bodo/Glimt Goal

IL TURNO PRECEDENTE

IL TURNO SUCCESSIVO

(12ª GIORNATA)

(13ª GIORNATA) Hamkam - Tromsdalen 15-07 Kongsvinger - Bryne “ “ Notodden - Hodd “ “ Ranheim - Mjondalen “ “ Sandefjord - Ull/Kisa “ “ Sarpsborg - Bodo/Glimt “ “ Start - Alta “ “ Strommen - Baerum “ “

Il pronostico di TS

La possibile sorpresa Sandefjord - Ull/Kisa

Baerum Notodden 6-0 PARTITE- DAL 08-07 AL 18-07 Bodo/Glimt - Ranheim 0-3 Bryne - Sandefjord 0-1 Hodd - Start 0-0 Mjondalen - Kongsvinger 2-1 Tromsdalen - Sarpsborg 0-0 Alta - Strommen 2-3 Ull/Kisa - Hamkam Pos.

NOTODDEN START STROMMEN KONGSVINGER RANHEIM BODO/GLIMT BAERUM HODD MJONDALEN ALTA

9 HODD 0-7 ▼ 2-0 ▲ 1-3 ▼ 2-3 ▼ 0-4 ▼ 0-6 ▼ . . .

BRYNE TROMSDALEN HAMKAM BAERUM RANHEIM START NOTODDEN SARPSBORG SANDEFJORD

0-1 2-3 5-0 2-0 1-1 0-0

X

Classifica START ULL/KISA RANHEIM SARPSBORG BODO/GLIMT SANDEFJORD TROMSDALEN STROMMEN MJONDALEN KONGSVINGER HAMKAM BRYNE HODD NOTODDEN ALTA BAERUM

HAMKAM BODO/GLIMT BAERUM MJONDALEN HODD ALTA TROMSDALEN ULL/KISA BRYNE SARPSBORG

11

RANHEIM

SANDEFJORD KONGSVINGER STROMMEN NOTODDEN HODD BODO/GLIMT MJONDALEN ALTA BAERUM

▼ ▲ ▲ = = . . .

PT

PARTITE G V N P

RETI F S

25 24 22 22 21 18 18 18 18 16 15 13 11 9 8 5

12 11 12 12 12 12 12 12 12 12 11 12 12 12 12 12

28 22 23 22 23 17 17 18 15 17 16 14 16 11 17 21

7 8 6 6 6 5 5 5 5 5 4 3 3 3 1 1

4 0 4 4 3 3 3 3 3 1 3 4 2 0 5 2

1 3 2 2 3 4 4 4 4 6 4 5 7 9 6 9

13 13 13 15 14 17 17 20 20 17 17 19 22 28 22 30

ALTA ULL/KISA HODD BRYNE SANDEFJORD SARPSBORG HAMKAM START STROMMEN

1-1 = 1-2 ▼ 3-2 ▲ 2-2 = 2-1 ▲ 0-0 = . . .

22 MJONDALEN 0-3 ▼ 4-0 ▲ 1-2 ▼ 3-2 ▲ 1-1 = 3-0 ▲ . . .

START BAERUM HAMKAM SANDEFJORD STROMMEN KONGSVINGER RANHEIM NOTODDEN BODO/GLIMT

5 4 2 2 4 2 3 3 4 3 2 2 3 3 1 1

18

15 TROMSDALEN 0-0 = 2-1 ▲ 1-1 = 0-5 ▼ 3-0 ▲ . Pos. . . .

IN CASA V N P

3-0 2-1 1-1 0-3 2-2 2-1

0 0 3 3 1 2 2 2 1 0 2 2 1 0 2 1

0 1 0 1 1 2 1 1 1 2 2 3 3 3 4 4

RETI F S 18 2 11 5 10 3 13 11 12 6 9 7 8 6 10 8 10 7 11 7 9 7 9 9 10 7 10 8 13 14 14 13

KONGSVINGER STROMMEN RANHEIM NOTODDEN ALTA BAERUM MJONDALEN BRYNE BODO/GLIMT ULL/KISA

18

SANDEFJORD

▲ ▲

RANHEIM BODO/GLIMT ALTA MJONDALEN TROMSDALEN BRYNE ULL/KISA BAERUM HODD

= ▼ = ▲ . . .

FUORI V N P 2 4 4 4 2 3 2 2 1 2 2 1 0 0 0 0

4 0 1 1 2 1 1 1 2 1 1 2 1 0 3 1

1 2 2 1 2 2 3 3 3 4 2 2 4 6 2 5

RETI F S 10 11 13 9 11 8 9 8 5 6 7 5 6 1 4 7

11 8 10 4 8 10 11 12 13 10 10 10 15 20 8 17

REGOLAMENTO Promosse le prime 2. La 3ª, la 4ª e la 5ª al playoff con la terz’ultima della Eliteserien. Retrocedono le ultime 4. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto in primis della differenza reti e poi, del maggior numero di reti segnate.

13

16 BRYNE 0-1 ▼ 0-4 ▼ 3-1 ▲ 1-1 = 6-2 ▲ 1-2 ▼ . . .

BAERUM HODD ULL/KISA TROMSDALEN SARPSBORG SANDEFJORD KONGSVINGER HAMKAM START

18 ULL/KISA 3-0 ▲ 0-4 ▼ 2-2 = 3-0 ▲ 1-2 ▼ 1-0 ▲ . . .

HODD TROMSDALEN BRYNE SARPSBORG START SANDEFJORD HAMKAM STROMMEN KONGSVINGER

3-1 1-0 0-2 2-2 2-2 0-1

▲ ▲ ▼ = = ▼

«UNDER» Bryne Kongsvinger Alta Hodd Notodden Start Strommen Tromsdalen Hamkam Mjondalen Ranheim Sandefjord Sarpsborg

6 6 5 5 5 5 5 5 4 4 4 4 4

(4-2) (2-4) (2-3) (4-1) (2-3) (1-4) (3-2) (4-1) (3-1) (1-3) (3-1) (2-2) (1-3)

«OVER» Baerum Bodo/Glimt Mjondalen Ranheim Sandefjord Sarpsborg Ull/Kisa Alta Hamkam Hodd Notodden Start Strommen

10 9 8 8 8 8 8 7 7 7 7 7 7

(6-4) (4-5) (5-3) (2-6) (4-4) (5-3) (4-4) (5-2) (3-4) (3-4) (4-3) (4-3) (3-4)

. . .

24 3-1 ▲ 2-1 ▲ 2-0 ▲ 2-1 ▲ 0-2 ▼ . Pos. . . .

«GOAL» Baerum Alta Sarpsborg Strommen Tromsdalen Bryne Mjondalen Ranheim Hamkam Hodd Sandefjord Start Kongsvinger

9 8 8 8 8 7 7 7 6 6 6 6 5

(5-4) (5-3) (5-3) (4-4) (3-5) (4-3) (4-3) (3-4) (3-3) (2-4) (4-2) (2-4) (2-3)

«NO GOAL»

SARPSBORG MJONDALEN ALTA BAERUM ULL/KISA BRYNE TROMSDALEN BODO/GLIMT HODD HAMKAM

22 BODO/GLIMT 3-1 ▲ 3-1 ▲ 1-0 ▲ 1-2 ▼ 2-2 = 0-0 = . . .

HAMKAM SANDEFJORD START STROMMEN NOTODDEN RANHEIM SARPSBORG KONGSVINGER MJONDALEN

21 0-0 = 4-0 ▲ 0-3 ▼ 0-0 = 4-0 ▲ 0-3 ▼ . . .

START NOTODDEN MJONDALEN BODO/GLIMT BAERUM ULL/KISA HODD ALTA TROMSDALEN BRYNE

25 ALTA 7-0 ▲ 0-3 ▼ 3-0 ▲ 3-2 ▲ 2-0 ▲ 0-0 = . . .

TROMSDALEN SARPSBORG SANDEFJORD KONGSVINGER HAMKAM STROMMEN START RANHEIM NOTODDEN

8

STROMMEN

1-1 = 1-3 ▼ 2-2 = 1-1 = 0-3 ▼ 2-3 ▼ . . .

KONGSVINGER NOTODDEN RANHEIM BODO/GLIMT MJONDALEN ALTA BAERUM ULL/KISA TROMSDALEN

18 BAERUM 1-0 ▲ 0-2 ▼ 2-1 ▲ 0-0 = 2-2 = 3-2 ▲ . . .

MJONDALEN SARPSBORG START HODD KONGSVINGER NOTODDEN STROMMEN SANDEFJORD RANHEIM

5 1-2 ▼ 0-1 ▼ 2-3 ▼ 0-2 ▼ 2-6 ▼ 6-0 ▲ . . .

Notodden Bodo/Glimt Kongsvinger Hodd Sandefjord Start Ull/Kisa Bryne Hamkam Mjondalen Ranheim Alta Sarpsborg

10 8 7 6 6 6 6 5 5 5 5 4 4

(5-5) (4-4) (3-4) (5-1) (2-4) (3-3) (3-3) (3-2) (3-2) (2-3) (2-3) (2-2) (1-3)


Domenica 15 Luglio 2012 il Domani dello Sport 13

GIOCHI & SCOMMESSE

a cura della redazione di

ISLANDA

«UNDER»

Urvalsdeild IL TURNO SUCCESSIVO (11ª GIORNATA) Keflavik - KR Reykjavik Valur - Hafnarfjor Vestman - Fram R. Fylkir - Grindavik IA Akranes - Selfoss Stjarnan - Breidablik

15-07 “ “ 16-07 “ “ “ “

La possibile sorpresa IA Akranes-Selfoss

1-0 0-4 2-4 2-0 2-2 4-0 1-1

HAFNARFJOR FRAM R. SELFOSS BREIDABLIK GRINDAVIK FYLKIR KEFLAVIK STJARNAN IA AKRANES

ATA ▲ PUT IS GIÀ D= ▲

FYLKIR VALUR HAFNARFJOR FRAM R. SELFOSS BREIDABLIK KR REYKJAVIK GRINDAVIK KEFLAVIK STJARNAN

1 2

2

15 KR REYKJAVIK

KEFLAVIK VESTMAN VALUR HAFNARFJOR FRAM R. SELFOSS BREIDABLIK KR REYKJAVIK FYLKIR GRINDAVIK

Il pronostico di TS

Fylkir-Grindavik 1-1 Valur-Hafnarfjor

= . .

13 GRINDAVIK 3-1 ▲ 0-8 ▼ 1-0 ▲ 2-1 ▲ 1-1 = 1-2 ▼ . . .

SELFOSS IA AKRANES BREIDABLIK VESTMAN KR REYKJAVIK VALUR FYLKIR HAFNARFJOR KEFLAVIK

2-0 2-1 3-1 1-2 4-1 2-1 1-1

Classifica

PT G

KR REYKJAVIK HAFNARFJOR STJARNAN KEFLAVIK VESTMAN BREIDABLIK IA AKRANES FYLKIR VALUR FRAM R. SELFOSS GRINDAVIK

23 20 19 15 14 14 14 13 12 9 8 6

23

VALUR

FYLKIR KEFLAVIK STJARNAN IA AKRANES VESTMAN GRINDAVIK HAFNARFJOR FRAM R. SELFOSS

▲ ▲ ▼ ▲ ▲ = . .

6 3-3 = 2-2 = 0-2 ▼ 1-3 ▼ 1-4 ▼ 2-0 ▲ . . .

IA AKRANES STJARNAN GRINDAVIK VESTMAN VALUR HAFNARFJOR FRAM R. SELFOSS BREIDABLIK KR REYKJAVIK

11 9 10 11 9 10 10 10 10 10 10 10

PARTITE V N P 7 6 5 4 4 4 4 3 4 3 2 1

2 2 4 3 2 2 2 4 0 0 2 3

2 1 1 4 3 4 4 3 6 7 6 6

RETI F S 23 27 23 19 17 8 14 12 13 11 13 14

14 9 17 16 9 12 22 18 14 16 20 27

KR REYKJAVIK FYLKIR KEFLAVIK STJARNAN IA AKRANES VESTMAN VALUR GRINDAVIK FRAM R.

GRINDAVIK BREIDABLIK KR REYKJAVIK FYLKIR KEFLAVIK STJARNAN IA AKRANES VESTMAN VALUR

1 2 2 2 2 0 0 2 0 0 1 1

RETI F S

V

0 16 7 0 15 3 0 10 7 2 6 8 0 7 2 3 5 8 2 8 15 1 6 4 1 9 3 4 7 10 4 7 12 3 6 13

2 3 3 3 2 1 2 1 1 1 1 0

VESTMAN

0-2 ▼ 8-0 ▲ 4-2 ▲ 2-2 = 7-2 ▲ Pos. . . . .

KEFLAVIK STJARNAN IA AKRANES GRINDAVIK VALUR HAFNARFJOR FRAM R. SELFOSS BREIDABLIK

8

STJARNAN

14 SELFOSS 1-1 = 2-2 = 0-4 ▼ 1-2 ▼ 2-7 ▼ 0-2 ▼ . . .

5 3 2 1 2 3 2 2 3 2 1 1

20

12 HAFNARFJOR 1-3 ▼ 4-0 ▲ 2-3 ▼ 2-1 ▲ 0-2 ▼ 0-2 ▼ . . .

IN CASA V N P

3-3 0-2 1-3 1-2 2-2 1-3

= ▼ ▼ ▼ = ▼ . . .

IA AKRANES VESTMAN VALUR HAFNARFJOR FRAM R. SELFOSS BREIDABLIK KR REYKJAVIK FYLKIR

FUORI N P 1 0 2 1 0 2 2 2 0 0 1 2

2 1 1 2 3 1 2 2 5 3 2 3

RETI F S 7 12 13 13 10 3 6 6 4 4 6 8

7 6 10 8 7 4 7 14 11 6 8 14

REGOLAMENTO La vincente in Champions League. La 2ª e la 3ª in Europa League insieme alla vincente della Coppa d’Islanda. Retrocedono le ultime 2. In caso di arrivo a pari punti si tiene conto della differenza reti.

9

14 FRAM R. 0-1 ▼ 4-1 ▲ 4-0 ▲ 3-1 ▲ 2-0 ▲ Pos. . . . .

BREIDABLIK KR REYKJAVIK FYLKIR KEFLAVIK STJARNAN IA AKRANES VESTMAN VALUR HAFNARFJOR

2-0 ▲ 1-2 ▼ 0-1 ▼ 0-2 ▼ 2-4 ▼ 2-0 ▲ . . .

FRAM R. SELFOSS GRINDAVIK KR REYKJAVIK FYLKIR KEFLAVIK STJARNAN IA AKRANES VESTMAN

7 7 5 5 5 4 4 4 3

(4-3) (4-3) (4-1) (3-2) (1-4) (2-2) (0-4) (3-1) (1-2)

«OVER» KR Reykjavik Stjarnan Grindavik Selfoss IA Akranes Keflavik Fylkir Hafnarfjor Valur

8 8 7 7 6 6 5 5 5

(5-3) (3-5) (4-3) (4-3) (4-2) (2-4) (1-4) (3-2) (3-2)

«GOAL» KR Reykjavik Stjarnan Fylkir Grindavik Selfoss IA Akranes Keflavik Vestman Hafnarfjor

9 9 7 7 7 6 5 5 4

(5-4) (4-5) (3-4) (3-4) (4-3) (3-3) (3-2) (2-3) (2-2)

14

19 BREIDABLIK 1-1 = 1-4 ▼ 3-2 ▲ 2-2 = 4-2 ▲ 3-1 ▲ . . .

Breidablik Fram R. Fylkir Keflavik Valur Hafnarfjor IA Akranes Vestman Grindavik

0-2 2-0 2-0 2-1 1-1 0-4

«NO GOAL»

▼ ▲ ▲ ▲ = ▼ . . .

Breidablik Fram R. Keflavik Valur Hafnarfjor IA Akranes Vestman Fylkir Grindavik

8 7 6 6 5 4 4 3 3

(5-3) (4-3) (2-4) (2-4) (3-2) (1-3) (2-2) (2-1) (2-1)


Domenica 15 Luglio 2012 il Domani dello Sport 15 a cura della redazione di

GIOCHI & SCOMMESSE


il domani  

Edizione del 15 Luglio 2012

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you