Page 1

Martedì 15 Febbraio 2011

Anno XIV - Numero 45 Abbinata obbligatoria il Domani più TelespazioSport

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

IL FORUM

IL SONDAGGIO

Haiti un anno dopo il sisma: ancora tutta da ricostruire

TURISMO Presentate inziative della Regione Scopelliti: 27 milioni di turisti

Al minimo dal 2005 il consenso di Berlusconi

a pag » 24 e 25

a pag » 5

a pag » 9

Sgominato il traffico internazionale di droga gestito dai calabresi. Dopo tre anni si conclude l’operazione Marcos

’Ndrangheta al Nord, arrestate 18 persone La rivelazione dell’intercettato Marcello Sgroi: «Qui è tutto in mano ai calabresi e noi siamo i loro amici» IL COMMENTO

Terzo Polo, Pd e Idv: un orrore politico

Un lavoro iniziato nel 2007 ha permesso ai carabinieri del capoluogo lombardo di fermare il giro di droga con origine in Colombia e destinazione in Italia. Arrestate 18 persone tra cui calabresi. Sequestrati 1,5 kg di cocaina e 6,5 di hashish. a pag » 8

IL DIBATTITO

UN, DUE, TRE

di Daniele Capezzone

Liste bloccate, Scopelliti: non belle, ma necessarie

portavoce nazionale Pdl

Toni e contenuti dell’intervento di Gianfranco Fini fanno di lui un dipietrista aggiunto, oltre che un altoparlante delle procure. Quanto a quella che ha definito la sua proposta a Berlusconi, quella di dimettersi insieme, si tratta di un’ipotesi ridicola. E’ Fini che deve dimettersi, non altri, e per due ragioni. Primo: è lui che ha tradito la volontà popolare, tentando la strada fallimentare del ribaltone. Secondo: è lui che abusa del suo incarico, con la terza carica dello Stato trasformata in uno sgabello per i suoi comizi di parte. Non si capisce davvero con quale faccia possa raccontare agli italiani di poter ricoprire un incarico super partes. Poi c’è Pierferdinando Casini che si candida a nuovo Prodi. I toni e le scelte sempre più antiberlusconiane svelano un’intenzione ormai chiara: quella di essere scelto come capofila di un’armata Brancaleone che tenga insieme sinistra e terzo polo. Un errore politico drammatico.

Innerhofer, un uomo, un medagliere Due azzurri sul podio nella super combinata ai Mondiali di sci alpino. Christof Innerhofer ha conquistato la medaglia d’argento davanti all’altro azzurro Peter Fill, bronzo. Sesta posizione in super combinata per l’altro azzurro Paolo Pangrazzi. Per Innerhofer si tratta della terza medaglia nella rassegna iridata in svolgimento in Germania dopo l’oro in Super G e il bronzo in discesa: ha così eguagliato il record di Zeno Colò del 1950.

Tutto nasce da un’esigenza: arginare il rapporto tra politica e ’ndrangheta. È così che è maturata l’idea del governatore Giuseppe Scopelliti di proporre le liste bloccate anche per le elezioni regionali calabresi. Un’idea che rischia di essere impopolare, soprattuttoperchéripetesostanzialmente il canovaccio di quel "porcellum" tanto criticato. Scopelliti lo sa bene, e ieri, nel corso del forum organizzato ad hoc a Catanzaro, ha riconosciuto: «So che il porcellum non va bene, ma qui in Calabria c’è un’esigenza». L’agenda è già fitta. Si parte il 22 febbraio, quando in Consiglio regionale sarà presentato un ordine del giorno per vedere che tipo di dibattito si possa aprire nella massima sede legislativa. Ma non mancano le polemiche. di Alessandro Caruso a pag » 7

CATANZARO Why Not, ieri sentiti alcuni testimoni «Rapporti trasversali Saladino - politica» a pag » 11

LAMEZIA TERME Si dimette il capogruppo Udc: «Il modo di agire di Talarico porterà al tracollo» a pag » 15

TAURIANOVA Arrestato il responsabile del ferimento di un 28enne ancora in coma: è un minorenne a pag » 26

L’INTERVENTO

Buon compleanno a tutti noi per il 40° di Confesercenti di Marco Venturi Presidente Confesercenti

Quaranta anni fa, il 14 febbraio 1971, all’inizio di un decennio complesso e difficile per l’economia internazionale e per l’Italia nasceva a Roma la Confesercenti. Buon compleanno Confesercenti. Buon compleanno a donne ed uomini che hanno lavorato e lavorano per aprire pagine nuove e positive della nostra comune esperienza di cui siamo legittimamente orgogliosi. Il miglior regalo che possiamo farci è quello di festeggiare questi 40 anni guardando al futuro con quella determinazione, passione e coesione che ci hanno caratterizzato e che ci hanno consentito di affrontare le tante sfide che hanno segnato il cammino dei nostri primi 40 anni di vita associativa. Qualche anno fa per sintetizzare il senso di questo nostro comune percorso usammo lo slogan "dalla bottega all’impresa" che sottolineava la volontà della nostra Confederazione di caratterizzare il suo impegno per far crescere le piccole imprese sia sul piano dimensionale, sia su quello innovativo, in modo da consentire alle Pmi di reggere meglio le sfide del mercato. Questa scelta di non chiudersi ha consentito una continua espansione della nostra rappresentanza, tanto che man mano, dopo essere entrati con forza e convinzione nel campo del turismo, abbiamo allargato i nostri orizzonti anche ai servizi, all’artigianato, ed ora, da ultimo, alle piccole e medie imprese industriali.


2

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA NOTA No alle liste bloccate di Marco Marchese*

Sul settimanale Panorama di questa settimana Giuseppe Scopelliti, Presidente della Giunta regionale della Calabria, annuncia di voler proporre la riforma della legge elettorale eliminando le preferenze e introducendo il sistema delle liste bloccate. La riforma rientrerebbe nella strategia di contrasto alla ‘ndrangheta e a suo avviso con le liste bloccate le segreterie dei partiti si darebbero un maggior senso di responsabilità perché candiderebbero solo persone pulite e poco interessate a fare accordi con la criminalità nella rincorsa al consenso ad ogni costo. Poi, sempre secondo il pensiero del Presidente Scopelliti, fra un paio di legislature si potrebbe tornare al sistema delle preferenze.I Radicali esprimono tutta la loro contrarietà verso le liste bloccate pur anche temporaneamente perché queste rappresentano la più alta espressione di un sistema politico chiuso ed escluden-

te, non democratico e rispondente soltanto alle esigenze dei partiti. Non è sano il principio secondo cui poche persone, e cioè le segreterie dei partiti, debbano scegliere i consiglieri che sarebbero chiamati a rappresentare i calabresi in Consiglio. Questa scelta, inoltre, non darebbe alcuna garanzia quale sistema efficace di contrasto alle infiltrazioni della ‘ndrangheta sui processi elettorali, poiché proprio la corruzione di pochi, o addirittura di una sola persona, lascia lo spazio sufficiente per inserire chi ha fatto patti inconfessabili. La proposta Radicale di riforma del sistema elettorale regionale è nota da qualche tempo e si basa sulla divisione del corpo elettorale in trenta collegi uninominali che esprimerebbero con voto maggioritario e a turno unico un consigliere regionale per collegio (potrebbe essere interessante introdurre pure un sistema di primarie, ma opportunamente regolato

IL PARTITO DEI PENSIONATI

dalla Legge per evitare i deludenti esperimenti degli ultimi anni). Il vero problema delle infiltrazioni mafiose nella politica regionale nasce dal sistema attuale non per la preferenza che l’elettore può esprimere, ma dall’estensione del collegio elettorale che è su base provinciale. In questo modo le cosche fanno valere il loro maggiore punto di forza e cioè la presenza omogenea sul territorio regionale che pur rappresentando in numeri assoluti una minoranza in termini di voti che possono controllare, facendoli confluire su un unico candidato ha l’effetto della quasi certezza dell’elezione della persona scelta. Con il sistema del collegio uninominale a turno unico l’ambito elettorale è molto più piccolo, abbraccerebbe circa 40.000 elettori su un’estensione territoriale modesta e quindi il peso elettorale delle cosche mafiose sarebbe notevolmente depotenziato. Con il collegio uninominale a turno unico le segreterie dei partiti avrebbero davvero sulle loro spalle il peso della responsabilità di scegliere o

portare alle primarie, i migliori candidati possibili, a pena di perdere le elezioni. Fra l’altro i candidati dovranno essere legati strettamente al territorio del collegio a beneficio della rappresentanza territoriale in Consiglio che con il sistema attuale produce uno sbilanciamento a favore dei grandi centri urbani a scapito di larghissime zone territoriali che non trovano rappresentanza. La nostra proposta, fra l’altro, porta il numero dei Consiglieri da cinquanta a trenta, riducendo notevolmente i costi dell’organo consiliare, mantenendone la sua piena efficacia. Su due cose siamo d’accordo con il Presidente Scopelliti: la necessità di cambiare la legge elettorale regionale e la necessità di trovare un sistema che contrasti efficacemente il condizionamento della ‘ndrangheta sul voto. Le proposte adesso sono due, quindi si dia inizio alla discussione.

*Direzione Calabria Radicale

di Carlo Fatuzzo

Garantire un minimo di dignità Devono destare preoccupazione i sempre più frequenti casi di pensionati che si impossessano di prodotti alimentari nei supermercati. Non sono certamente dei ladri ma onesti cittadini che hanno lavorato una vita e che in vecchiaia, con pensioni ultramodeste, molte volte da fame, non riescono neppure ad acquistare di che vivere. Questa situazione non può lasciare indifferenti le Istituzioni perché è la prova di un disagio crescente e di una povertà sempre più estrema che va radicandosi e caratterizzando una consistente fetta della nostra società. Il Partito Pensionati ritiene che lo Stato debba garantire a tutti i cittadini un minimo di dignità economica e, nel caso dei pensionati, appare di tutta evidenza, che si rende indispensabile una rivalutazionedellepensionipiùbasseedelevarequantomenotuttelepensioniminime e sociali al tetto del vecchio "milione" voluto, a suo tempo, dal provvedimento Berlusconi, secondo le rivalutazioni operate nel tempo. Non è credibile che chi ha versato contributi per 40anni riceva una pensione, tante volte, inferiore ai 500euro al mese. La richiesta del Partito Pensionati non è né demagogica né impossibile da attuare.

Amore e debolezze, questi gli ingredienti della storia d’amore, ormai finita da cinque anni, tra Simona Ventura e Stefano Bettarini. L’ex calciatore rivela che la loro storia era finita per l’incapacità di lui di soprassedere a qualche mancanza della compagna: «La scelta di lasciarsi è maturata perché non sono riuscito a perdonare...»


4

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

ITALIA Luca Delfino assolto per il delitto Biggi, il pm aveva chiesto 25 anni

Botta e risposta tra la Commissione europea e il Viminale. Maroni: «Abbiamo avanzato proposte rimaste senza risposta»

Clandestini, Ue: «Italia non vuole aiuti». Maroni:«Falso» di Filippo Mammì ROMA - La Commissione europea ha fatto sapere di «essere molto sorpresa» per le accuse di risposta «lenta e burocratica» mosse dal ministro dell’Interno Roberto Maroni nell’ambito degli aiuti per fronteggiare l’emergenza sbarchi dalla Tunisia e riportate dalla stampa italiana: «Siamo pronti ad aiutare e a dimostrare solidarietà all’Italia» ha replicato ieri la portavoce della Commissione Cecilia Malmstrom aggiungendo anche: «Già sabato scorso avevamomossoproposte di aiuti al Viminale: « Chiediamo governo italiano, ma l’intervento del Frontex, ci è stato risposto chiaramente "no, l’agenzia europea grazie"».Nella stessa giornata di ieri, il miper il pattugliamento nistro Maroni ha commentatoleafferdel Mediterraneo, e mazioni della Malml’impegno di tutta l’Ue» stromsostenendoinvece il contrario: «Non ho mai rifiutato gli aiuti della Commissione Europea per risolvere la situazione dei clandestini» e la sua portavoce, Isabella Votino, ha spiegato: «É vero che il ministro e la signora Malmstrom si sono incontrati sabato scorso - ha detto - e Maroni ha avanzato alcune proposte come gestire i centri per gli immigrati, rimpatriare i

clandestini e l’impegno di tutti i Paesi dell’Ue a farsi carico dei rifugiati, ma rispetto a queste richieste non abbiamo ricevuto ancora alcuna risposta; in ogni caso non vogliamo certo polemizzare con la Malmstrom, ma con l’Europa dalla quale ci aspettiamo fatti concreti».Anche il governo provvisorio della Tunisia ha fatto sapere di essere «pronto a cooperare» con l’Italia e l’Ue per fronteggiare l’emergenza, ma ha anche ribadito che non gradirà «alcuna ingerenza negli affari interni tunisini». E proprio ieri sera il ministro Frattini si è incontrato con il primo ministro tunisino Mohammed Gannouchi e, prima dell’incontro, aveva dichiarato: «Sono sicuro che la collaborazione tra Italia e Tunisia sarà più intensa delle volte passate - ha annunciato - e l’Italia ha già pronti mezzi navali e terrestri per aiutare il paese nordafricano per fermare questa forte ondata migratoria che parte dalle sue coste».Anche Maroni ha ribadito più impegno chiedendo una convocazione urgente del Consiglio Europeo dei capi di Stato e di Governo «per elaborare una strategia», affrontare meglio la difficile situazione e richiedere l’intervento del Frontex, l’agenzia europea per il pattugliamento del Mediterraneo. Il ministro dell’Interno ha inoltre dichiarato che ogni giorno alle 15.30 si terrà una riunione tecnica al Viminale a cui seguirà una seduta del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica per decidere le misure di contrasto e di controllo degli sbarchi.

GENOVA L uca Delfino è stato assolto nel processo per l’omicidio di Luciana Biggi, la donna uccisa il 28 aprile 2006 nel centro storico di Genova. La sentenza è giunta dopo cinque ore di camera di consiglio: è stata letta dal presidente della Corte d’Assise di Genova, Anna Ivaldi. Il pubblico ministero Enrico Zucca aveva chiesto per lui 25 anni. Delfino è stato assolto «per non aver commesso il fatto» in base all’articolo 530, secondo comma, che corrisponde all’insufficienza di prove. Alla lettura della sentenza l’imputato, completamente rasato, è rimasto impassibileIl caso aveva profondamente colpito l’opi- Per un altro delitto nione pubblica nazionale: la Biggi, 36 anni, fu trovata a analogo, una donna con terra in vico San Bernardo, la gola squarciata, Luca in una pozza di sangue. Aveva la gola squarciata pro- Delfino è stato babilmente da un coccio di vetro. Aveva tentato di difen- condannatoa 16 anni in dersi, tanto che nella collutvia definitiva tazione era rimasta ferita. Dopo un anno di indagini, un nuovo omicidio. Antonietta Multari venne colpita mortalmente a coltellate l’8 agosto 2007. Delfino già da un anno era nel mirino degli inquirenti, che però non potevano arrestarlo per l’assenza di prove schiaccianti. Scattarono immediatamente le indagini, che portarono questa volta al fermo dell’uomo: per il secondo omicidio, è stato condannato a 16 anni e otto mesi, confermati in Cassazione. Ieri il proscioglimento per l’omicidio della Biggi. Le indagini, per questo caso, potrebbero dunque ricominciare.

Ruby in lingerie per il nuovo spot del libro di Alfonso Marra ROMA - Frasi sconclusionate in slip e reggiseno. Così si è presentata la diciottenne Karima El Marough, in arte Ruby Rubacuori, nell’ennesima variazione dello spot sul libro "Labirinto Femminile" di Alfonso Luigi Marra, dopo le già criticate performance di Manuela Arcuri e Lele Mora come testimonial per la stessa reclame. L’avvocato - scrittore Marra, che ha il suo studio nel centro direzionale di Napoli, ha quindi scelto una nuova testimonial per pubblicizzare il suo pamphlet, ultimo capitolo della sua pluriennale battaglia contro le banche. Lo spot è stato pubblicato on line proprio il 13 febbraio mentre, in tutta Italia, si svolgeva la protesta "Se non ora, quando ?" delle donne italiane contro Berlusconi e a favore della dignità della donna, e con addirittura i sottotitoli in russo, arabo e giapponese; nel filmato, che du-

ra 60 secondi, la ragazza magrebina al centro delle inchieste sulle feste di Arcore viene, dopo appena due secondi, spogliata da un individuo travestito da Mandrake ed inizia mezza nuda a pubblicizzare il prodotto con a fianco le copertine in sovrimpressione dei libri di Marra. Lo svolgimento, puramente trash, vede la ragazza, con la mano perennemente sul seno, parlare del libro come «epistolario sullo strategismo sentimentale» e che tratta di «etichettatura e riforma costituzionale europea» per finire col «signoreggio primario e secondario», che dovrebbe essere il pezzo forte del libro, e con la perla dell’invito a consultare il sito fermiamolebanche.it per chiedere di «ricalcolare dall’inizio il saldo del tuo conto corrente». Vien voglia di disertare le librerie ! F.M.

Red


Martedì 15 Febbraio 2011 il Domani

ITALIA In un sondaggio Demos la fiducia nel premier è in grave calo: oggi vincerebbe il centrosinistra

Berlusconi a Napolitano: «Serve il mio sì per sciogliere le Camere» di Bruno Tosatti ROMA - «Napolitano non pensa a sciogliere le Camere». Intervistato ieri a Mattino Cinque il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è tornato così sul monito del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Nel colloquio al Quirinale di venerdì scorso il capo dello Stato avrebbe infatti prospettato al premier la possibilità di sciogliere il Parlamento se fossero proseguiti i conflitti istituzionali. Ma, ha puntualizzato Berlusconi, «la Costituzione prevede che, senza una formale crisi di governo, per interrompere anticipatamente una legislatura occorre che il presidente della Repubblica consulti sia i presidenti delle Camere che il presidente del Consiglio», il quale, ovviamente, sarebbe contrario. D’altra parte «finché vi è un esecutivo che governa e una maggioranza che lo sostiene, non esistono ragioni per sciogliere il Parlamento», avrebbe garantito lo stesso capo dello Stato, come riferito da Berlusconi nel prosieguo dell’intervista. E se già venerdi il

presidente del Consiglio aveva rassicurato Napolitano, affermando di avere i numeri in Parlamento per continuare la legislatura e che la maggioranza alla Camera si stava rafforzando, ieri il premier è stato anche più esplicito, parlando dati alla mano: «alla Camera sono convinto che arriveremo presto a una maggioranza di 325 deputati, più che sufficiente per portare avanti il programma di governo sia in aula che nelle commissioni. Al Senato la maggioranza è ampia quindi credo che dopo aver completato la squadra di governo avremo la possibilità di mandare avanti anche le riforme che gli italiani si aspettano». Il Cavaliere respinge dunque ogni ipotesi di elezioni anticipate: «è una proposta irricevibile» quella che il leader di Fli Gianfranco Fini aveva avanzato domenica, dicendosi pronto a dimettersi se il premier avesse abbandonato palazzo Chigi per andare al voto. «È una cosa parados-

sale dal punto di vista istituzionale che il presidente della Camera abbia chiesto le dimissioni del presidente del Consiglio auspicando una crisi extraparlamentare » ha commentato Berlusconi, prima di rinnovare la sua critica nei confronti della posizione dell’ex-alleato: «credo sia arrivato il momento per tutti di verificare se il nuovo ruolo che si è ritagliato Fini sia compatibile con quello di presidente

Berlusconi ha fatto i conti sulla maggioranza: «Alla Camera arriveremo presto a 325 deputati, più che sufficienti sia in aula che nelle commissioni»

Secondo il sondaggio svolto da Demos e pubblicato da Repubblica la popolarità del presidente del Consiglio è scesa di 18 punti in un anno precipitando al 30,4 per cento

superpartes previsto dalla Costituzione». Un deciso cambio di rotta quello del premier, fino a poco tempo fa disposto ad affrontare le urne qualora si fosse ritenuto necessario, che dalle colonne di Repubblica il politologo Ilvo Diamanti ha provato ieri a spiegare con i risultati del sondaggio svolto dall’istituto di ricerca politica e sociale Demos. Secondo le stime dell’Atlante Politico della Demos infatti l’attuale coalizione di governo, allargata alla Destra di Francecso Storace, in caso di elezioni oggi perderebbe nettamente il confronto (57% a 43%) con una ipotetica "grande alleanza" di opposizione, che dal Terzo polo arrivasse fino a Sinistra ecologia e libertà, passando per il Pd e l’Idv. Ma anche in una competizione tripolare il centrosinistra (Pd e Idv insieme a Sel) vincerebbe comunque con 6 punti di scarto. E non sono confortanti neanche i dati sulla popolarità del premier, scesa al 30,4% (cioè ai minimi del 2005) mentre la classifica dei leader è solidamente guidata dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti col 50,4% di gradimento, seguito Pier Ferdinando Casini (40,2%), Pier Luigi Bersani (39,2%), Gianfranco Fini (35,3%) e Umberto Bossi (31,6%), tutti in crescita rispetto a dicembre. Ma non si consideri questo un segnale di definitiva decadenza del Cavaliere, ammonisce Diamanti, ricordando il dato di settembre 2005, «quando il Cavaliere sembrava avviato a una sconfitta pesante alle elezioni politiche dell’anno seguente. Il che suggerisce di usare cautela, prima di darlo per finito, visto come sono andate le cose in seguito».

Dal centrodestra arrivano le critiche verso le donne scese in piazza domenica

Berlusconi: «Manifestazione di parte e faziosa, vergogna» di C.Brangia ROMA - «Una mobilitazione di parte, faziosa, contro la mia persona da parte di una sinistra che cavalca qualsiasi mezzo per abbattermi». È questo il giudizio espresso ieri mattina dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nel corso dell’intervista telefonica rilasciata a Mattino Cinque di Maurizio Belpietro, sulla manifestazionechedomenicahariunito un milione di donne (e uomini) in tutta Italia. Eppure non un solo simbolo di partito o sindacato era presente ieri l’altro nelle 230 piazze italiane, mentre ad esempio lo stesso stato maggiore del Pd, presente a piazza del Popolo a Roma, è rimasto lontano dal palco, in mezzo alla folla. L’intenzione era di «chiedere più rispetto per libertà e i diritti delle donne», sebbene, è vero, alcuni slogan invocassero le dimissioni del premier a seguito delle vicende del caso Ruby. Ma sono «la procura di Milano e i media

che hanno calpestato la dignità delle mie ospiti esponendole al pubblico ludibrio senza alcuna ragione e alcun riguardo» ha affermato Berlusconi, aggiungendo: «è davvero una grande vergogna». «Tutte le donne che hanno avuto modo di conoscermi - ha poi spiegato il presidente del Consiglio - sanno quanta sia la considerazione che ho per loro e sanno che mi sono sempre comportato con grande attenzione e grande rispetto.

Sia nelle mie aziende che nel mio governo ho sempre valorizzato le donne al massimo perché sono davvero convinto che abbiano una marcia in più rispetto agli uomini: sono più brave a scuola, all’università, sono più intelligenti e più responsabili. Quindi ho fatto sempre in modo che ogni donna si senta, come dire, speciale». E sono state proprio le donne dell’esecutivo, ad aver avviato il dibattito politico

già domenica, promuovendo la definizione largamente condivisa nel centrodestra di una mobilitazione «per fini politici», portata avanti dalle «solite eroine snob della sinistra», stando alle parole del ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini. A questa critica si aggiunge quella mossa dal ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla, intervenuta ieri dalle colonne del Corriere della Sera . Con una lettera inviata al quotidiano il ministro ha aperto un confronto tra il senso della protesta di domenica e quello che fu del femminismo degli anni Settanta, «resuscitato fuori dal tempo per mascherare un uso tutto politico e "personalizzato" della questione femminile». D’altro canto, riflette la Brambilla parlando delle «signore di sinistra», «non volevano per sé quella libertà di disporre della propria vita, che oggi le giovani donne esercitano in maniera sconosciuta alle loro nonne e forse anche alle loro madri? Le loro scelte vanno quindi rispettate, senza giudicarle».

5


6

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

ECONOMIA Calano le entrate tributarie, bene le vendite di Bpt trentennali e a 5 anni

Debito pubblico a 1,843.2 mld in calo rispetto a novembre di Carlo Bassi ROMA - Il debito pubblico è cresciuto a fine 2010 del 4,5% rispetto a un anno prima, in base ai dati della Banca d’Italia. Ma è in calo rispetto al picco toccato lo scorso novembre (1.868,7 miliardi). È quanto emerge dal Bollettino statistico sulla finanza pubblica della Banca d’Italia. Nel dettaglio, l’ammontare del debito pubblico italiano si è attestato a fine dicembre 2010 a quota 1.843,2 miliardi a dicembre 2010, rispetto ai 1.763,9 miliardi dello stesso mese del 2009. Il dato sulla crescita del Pil sarà noto solo il primo marzo 2011, ma secondo le ultime previsioni del governo, è atteso un aumento dell’1,2% circa, con un valore assoluto di 1.554,718 miliardi. Se questi dati fossero confermati, il rapporto debito/Pil salirebbe dal 115,9% del 2009 al 118,6% del 2010, sostanzialmente in linea con la previsione del governo (118,5%). Si tratterebbe del dato più elevato dal 1997. Nel Bollettino di Bankitalia sono stati resi noti anche i dati relativi alle entrate tributarie, calcolate secondo il criterio della cassa. Nel 2010 si sono attestate a quota 397,541 miliardi, in calo di poco più dello 0,97% rispetto ai 401,454 miliardi registrati nel 2009. Il dato emerge dai dati del Bollettino sulla Finanza pubblica pubblicato oggi da Bankitalia.

Nel solo mese di dicembre, le entrate sono state pari a 70,780 miliardi (71,139 miliardi a dicembre 2009). Sempre in tema di debito pubblico, ieri il Tesoro ha collocato nuovi BTp (Buoni del Tesoro poliennali). I rendimenti dei titoli a cinque anni messi in asta sono saliti al 3,77%, 10 punti base in più rispetto all’ultima analoga asta. Ma il collocamento ha registrato una forte domanda: a fronte di un’offerta di 3,5 miliardi di euro le richieste hanno sfiorato i 5 miliardi ( per la precisione 4,907 miliardi). Sempre in giornata il ministero di Via

Venti Settembre ha collocato 1,676 miliardi di BTp a 30 anni, con un rendimento del 5,51%. Anche in questo caso la risposta del mercato è stata superiore all’offerta di buoni polienna: la domanda è stata infatti pari a 3,454 miliardi. Un dato confortante sulla fiducia dei risparmiatori, piccoli e grandi, nei confronti delle finanze del Paese.

Sempre in tema di debito pubblico, ieri il Tesoro ha collocato nuovi BTp I rendimenti dei titoli a cinque anni messi in asta sono saliti al 3,77%

Se questi dati fossero confermati, il rapporto debito/Pil salirebbe dal 115,9% del 2009 al 118,6% del 2010,in linea con la previsione del governo

Ufficiale il sorpasso: la Cina scavalca il Giappone, è seconda al mondo

ROMA - È ufficiale il sorpasso già preannunciato da queste colonne il mese scorso: la Cina sorpassa il Giappone e da oggi, alle 8.50 ora di Tokyo, poco dopo la mezzanotte in Europa, è diventato realtà ciò che molti prefiguravano da giorni. L’economia cinese (cresciuta nel 2010 del 10,3%) ha scavalcato quella giapponese nella classifica mondiale, e ora è al secondo posto dopo gli Stati Uniti. La conferma è venuta con la pubblicazione da parte dell’istituto di statistica giapponese dei dati del Pil dell’ultimo trimestre 2010. Il Pil del Giappone, in termini nominali, è risultato pari a 5.474,2 miliardi di dollari, secondo le statistiche pubblicate a Tokyo. Il governo giap-

Da Obama tagli su tutto il fronte per 1.100 miliardi

ponese precisa che il Pil della Cina ha raggiunto dal suo canto l’equivalente di 5.878.6 miliardi di dollari. L’economia cinese ha superato i suoi vicini nel 2010 e diviene la seconda più grande del mondo, dietro gli Stati Uniti, un posto che era invece stato occupato dall’economia giapponese da ben 43 anni. La Cina ha da anni un tasso di crescita vicino o superiore al 10%, ma il suo aumento del Pil nel 2010 è stato del 10,3%. Pesantemente colpita dalla recessione globale nel 2008 e 2009, l’economia del Giappone si è ripresa nel 2010, la crescita ha raggiunto il 3,9% di crescita , ma questo risultato non permette a Tokyo di mantenerelasuasecondaposizione. Kaoru Yosano, ha ammesso che «è

di Roberto Carli ROMA - Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, ha annunciato una finanziaria per il 2012 che punta a tagliare il deficit di 1.100 miliardi di dollari nell’arco dei prossimi 10 anni. L’ammontare della manovra è di 3.700 miliardi di dollari. Secondo i dati anticipati dalla Casa Bianca, prima della presentazione ufficiale alle

16.30 ora italiana, il deficit di bilancio degli Usa quest’anno toccherà il record di 1.600 miliardi di dollari, pari al 10,9% del Pil, in rialzo dalla precedente stima del governo di 1.400 miliardi. Nel 2012 il deficit scenderà a 1.100 miliardi e nel 2015 a 607 miliardi di dollari, pari al 3,2% del Pil. La Casa Bianca rivede al ribasso le stime di crescita per il 2011 e ritocca al rialzo quelle per la disoccupazione. Il pil americano crescerà quest’anno del 2,7% contro il 3,6% precedentemente stimato. Il tasso di disoccupazione si attesterà al 9,3%, ovvero 0,3 punti percentuali in più rispetto alle precedenti stime.

meritevole di lode» quanto fatto da Pechino, grazie agli sforzi compiuti da governo e popolazione. Secondo il ministro la forte crescita della Cina «porterà anche qualche beneficio all’economia nipponica». Il Giappone, pur cedendo la seconda piazza mondiale alla Cina, resta comunque 10 volte più ricco del vicino asiatico, come dimostrano i dati del Pil pro capite diffusi dal Fondo monetario internazionale. Secondo i dati non ancora ufficiali nel 2010 ogni cinese ha guadagnato circa 3.600 dollari, contro una cifra dieci volte più alta dei giapponesi.


Martedì 15 Febbraio 2011 il Domani

APPROFONDIMENTI Angela Napoli, Fli: «I partiti non sanno scegliere i candidati»

Scopelliti ieri durante il Forum a Catanzaro

Il governatore spiega le ragioni della sua proposta, ma apre le porte al dialogo. Dal centrosinistra arriva la prima bocciatura al progetto

Liste bloccate, Scopelliti le vuole ma senza creare strappi di Alessandro Caruso CATANZARO - Tutto nasce da un’esigenza: arginare il rapporto tra politica e ’ndrangheta. È così che è maturata l’idea del governatore Giuseppe Scopelliti di proporre le liste bloccate anche per le elezioni regionali calabresi. Un’idea che rischia di essere impopolare, soprattutto perché ripete sostanzialmente il canovaccio di quel "porcellum" targato Calderoli. Scopelliti lo sa bene, e ieri, nel corso del forum organizzato ad hoc a Catanzaro, ha riconosciuto: «So che il porcellum non va bene, ma qui in «Incontrerò il mondo Calabria c’è un’esigenza». L’agenda è dell’informazione, la già fitta. Si parte il 22 società calabrese, febbraio, quando in Consiglio sarà preascolterò ma avverto sentatounordinedel giorno per vedere forte l’esigenza che che tipo di dibattito si faccia qualcosa» si possa aprire nella massima sede legislativa. Le preferenze, si sa, sono il migliore strumento del metodo democratico. Scopelliti stesso è cresciuto da giovane militante missino con il sistema delle preferenze. E allora: «Perché avanzo questa proposta? Noi non possiamo più vivere con chi vaa cercare i voti alla ’ndrangheta. Occorre innescare un meccanismo nuovo. Magarilimita-

to a due legislature, vediamo, dibattiamo, confrontiamoci.Incontrerò il mondo dell’informazione, la societàcalabrese, ascolterò ma avverto forte l’esigenza che si facciaqualcosa». La provocazione è stata lanciata. Dopo l’intervista shock a Panorama, che ha avuto un’eco mediatica nazionale, il dibattito è iniziato e si sta facendo sempre più incalzante. Non mancano le critiche. Soprattutto in merito al ruolo che i partiti in Calabria andrebbero a occupare, allo stato pessimo in cui versano partiti e politica in Calabria, fino alla mancanza di criteri morali ed etici. Il dilemma è sempre lo stesso: è meglio una democrazia malata o accettare qualche piccola restrizione pur di avere un sistema onesto e trasparente? Dal centrosinistra non hanno dubbi. E Bruno Censore, del Pd, chiude la porta del dialogo al governatore bocciando la sua proposta senza esitazione: «Quando si parla di rappresentanza politica e, quindi, dilegge elettorale - sostiene Censore - non si può prescindere da un diritto inalienabile e da un caposaldo della democrazia: la sovranità popolare. Per questo dico no all’ipotesi di adottare un sistema che emula quello del cosiddetto porcellum». Intanto arriva la notizia che il Governo impugnerà la legge regionale sulle incompatibilità approvata recentemente dall’Assemblea regionale. Lo ha anticipato Scopelliti, spiegando che la notizia gli è stata data dal ministro Raffaele Fitto, che oggi sarà in Calabria per illustrare il piano per il Sud.

Cisterna, magistrato della Dda, invoca le liste bloccate ROMA - Le liste bloccate hanno mandato "in fumo" il potere delle cosche di condizionare l’elezione dei parlamentari. Parola di magistrato antimafia. Secondo quanto sostiene Alberto Cisterna, della Direzione distrettuale antimafia, infatti, «le liste di "nominati" su base regionale sono una vera e propria dannazione per i padrini che non sono in grado di far eleggere alcun parlamentare con il proprio voto. Il proporzionale a preferenza multipla è stato, invece, una pacchia per il clientelismo e le infiltrazioni». Un parere la cui autorevolezza sembrerebbe smentire le ragioni dei contrari all’introduzione del "porcellum" anche in Calabria. Lo pensa anche Franco Laratta, deputato Pd componente della commissione Antimafia. A suo dire, però, c’è una soluzione alternativa: il modello provinciale, quello definito uni-

nominale corretto: il territorio viene diviso in collegi in cui ogni gruppo presenta un solo candidato. Il problema secondo Laratta è un altro: «Il massimo dell’inquinamento mafioso si può avere proprio con l’elezione diretta del presidente di una Regione. Come la mettiamo in questo caso? Come si fa a garantire che il presidente della Regione viene eletto senza il concorso determinante dei clan mafiosi? E nel frattempo gli consentiamo di scegliere i candidati certi delle liste bloccate? Visto che alla fine sarà il candidato presidente che avrà l’ultimo potere di scelta». Ad ogni modo la "cura" del sistema delle preferenze esiste già. È la legge Lazzati, che prevede la decadenza degli eletti a tutti i livelli per il voto dei clan mafiosi, quando venga accertato. C.G

Angela Napoli

ROMA - Onorevole, cosa ne pensa della proposta di Scopelliti di bloccare le liste anche nel sistema elettorale calabrese? «Andrebbe bene se i partiti avessero acquisito il rispetto della legalità a un codice di autoregolamentazione. Ma purtroppo questo non esiste perché i partiti vanno alla ricerca del risultato elettorale e non della qualità dei candidati». Non vede quindi margini di applicabilità in Calabria? «No, lo dimostrano anche le ultime elezioni regionali. Molti dei candidati, da quanto emerge dalla relazione della commissione Antimafia che stiamo redigendo, hannoavutodeicollegamen- «Serve più responsabilità. ti con la criminalità. I partiti hanno dimostrato di non sa- Altrimenti nulla pere scegliere i candidati». Eppure il magistrato Cister- garantisce che un partito na ha rimarcato il valore be- possa decidere di nefico di questa legge sul candidare gente come piano nazionale... «Cisterna dimentica i casi Cosentino, Dell’Utri e Cuffa- Zappalà o Fragomeni» ro». E allora da dove può arrivare la garanzia della "pulizia" e trasparenza di una lista? «Solo dai partiti stessi. Dovrebbero fare sottoscrivere prima dell’elezione a tutti i candidati un codice etico, pena la decadenza. Serve maggiore responsabilità. Altrimenti nulla garantisce che un partito possa decidere di sua volontà di candidare gente come Zappalà o Fragomeni, che con le liste bloccate, probabilmente, sarebbero stati candidati lo stesso». E allora lasciamo le preferenze? «Si, anche perché il Parlamento ha approvato la legge Lazzati, che è già sufficientemente adeguata per evitare il voto di scambio».

A.C

7


8

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

IN CALABRIA L’intercettato: «Qui è tutto in mano ai calabresi e noi gli siamo amici»

Il giro partiva dalla Colombia e arrivava a Milano. Le perquisizioni e gli arresti sono stati effettuati in varie città italiane, da Parma a Reggio

Sgominato un clan della droga gestito dai calabresi del Nord di Cesare Giraldi MILANO - È iniziata nelle prime ore del mattino di ieri la giornata dei carabinieri di Milano, che, a seguito di un lavoro durato circa tre anni, sono riusciti a smascherare un traffico internazionale di droga. Con gli arresti di ieri, quindi, si è conclusa l’operazione denominata Marcos, che, ancora una volta, ha fatto emergere la pericolosa sinergia tra la criminalità calabrese e il capoluogo lombardo, divenuto quasi il centro nevralgico delle attività criminali che la ’ndrangheta svolge in tutto il Nord Italia. Anche in questo caso, da quanto è emerso dalle indagini, i calabresi svolgevano un ruolo di primo piano. Lo hanno confermato anche alcune intercettazioni che hanno rivelato alcuni degli equilibri gerarchici esistenti all’interno dell’organizzazione. Secondo la ricostruzione, lo "svincolo" strategico in Italia era la città di Milano, dove ieri sono stati compiuti gli ultimi arresti. Ma l’origine del traffico era la Colombia. Per avere un’idea sull’entità del

giro che è stato sgominato basta dare un’occhiata alle cifre: complessivamente, dal 2007 ad oggi, l’operazione Marcos ha portato, infatti, all’arresto di 18 persone e al sequestro di 1,5 Kg di cocaina, 6,5 Kg di hashish e 2 di marijuana, oltre a due pistole. L’accusa è di spaccio di stupefacenti aggravatadallagrandequantità.Ma l’impianto accusatorio avrebbe potuto essere molto più grave, se solo non si fosse aperta la pista polacca: la mancanza della partita più grossa, 1.130 kg di cocaina, che non è mai arrivata in Italia perché intercettata nel febbraio scorso dalla polizia polacca, ha infatti impedito di contestare il reato di traffico internazionale. I

Le indagini hanno avuto inizio alla fine del 2007 nell’ambito della collaborazione con la Drug Enforcement Administration americana

principali personaggi che orbitavano intorno a questo colossale acquisto sono Antonino Paviglianiti, 59 anni, parente di Domenico Paviglianiti (elemento di spicco della ’ndrangheta), Marcello Sgroi, di 59 anni, e Luciano Bertelli, di 58, ritenuti vicini ai compratori, e i fratelli Antonio e DomenicoVottari,rispettivamente di 39 e 42 anni che, secondo i carabineri, gestirebbero lo spaccio nel milanese tra Cesate e Garbagnate. Sette perquisizioni sono state compiute dai carabinieri anche in provincia di Reggio Calabria, a Villa S.Giovanni, S.Eufemi ad’Aspromonte e Sinopoli. Le misure cautelari scattate ieri sono state 16, nei confronti di altrettanti cittadini italiani dediti al trafficointernazionaledisostanze stupefacenti. Sono state eseguite anche 17 perquisizioni in varie province lombarde, a Reggio Calabria e a Parma, nei confronti di ulteriori soggetti emersi nel corso delle investigazioni. Le indagini hanno avuto inizio alla fine del 2007 nell’ambito della collaborazione con la Drug Enforcement Administration statunitense stanziata a Milano.

MILANO - I calabresi avrebbero giocato un ruolo cruciale e strategico nell’organizzazione dedita al traffico internazionale di droga. Lo ha confermato una delle intercettazioni che ha reso possibile la conclusione dell’operazione Marcos, condotta dai carabinieri di Milano. «Milano ad esempio è in mano ai calabresi e noi siamo molto amici dei calabresi».Conquesteparole si esprime (senza sapere di LA RIVELAZIONE essere ascoltato) un intermediario della droga arrestato «Dappertutto, in Italia durante l’ultima operazione è tutto comandato da dei carabinieri di Milano, conclusasi ieri mattina con siciliani e calabresi! l’esecuzione di 16 ordinanze di custodia cautelare, tra cui Milano ad esempio è in quella che lo riguarda. mano ai calabresi» «Ma dappertutto, in Italia dice ancora Marcello Sgroi è tutto comandato da siciliani e calabresi! Milano ad esempio è in mano ai calabresi e noi siamo molto amici dei calabresi... quando tu verrai qui (dice l’uomo a un membro dei cartelli colombiani, ndr) vedrai che conosceremo tutti i calabresi e andremo in Calabria...». La frase è estrapolata da un’intercettazione ambientale durante la quale Sgroi, di 59 anni, parla con il suo referente in Colombia presumibilmente, secondo i carabinieri, per accreditare i suoi clienti calabresi nell’acquisto di una grande partita di droga, oltre mille chili, destinata all’Italia ma mai giunta qui perché intercettata dalla polizia polacca all’aeroporto di Varsavia nel febbraio del 2009, particolare che ha reso vano il tentativo di imputare ai fermati anche il reato di traffico internazionale di droga.

C.G

A cura: Mediatag Spa coord. area Calabria

Enti Pubblici e Istituzioni Gli annunci sono presenti sul sito www.aste.eugenius.it

Intrieri: dobbiamo combattere gli abusi sui minori

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA SETTORE VII - STAZIONE UNICA APPALTANTE Via C. Pavese - 89900 Vibo Valentia - Tel: 0963/997378 - fax 0963-997282 - 997219

REGGIO CALABRIA - «La proposta di legge Chiappetta-Nucera per i minori vittime di abusi è particolarmente importante». A sostenerlo è Marilina Intrieri, garante dell’infanzia e dell’adolescenza. Il reato di sfruttamento della prostituzione minorile, ha spiegato la Intrieri, è molto cambiato nel corso degli anni sia per consistenza numerica sia per qualità e la proposta di legge Chiappetta - Nucera mira a riaffermare la intangibilità della persona, dei bambini e degli adolescenti. L’abuso sui minori è un grave fenomeno in aumento che necessita di urgenti e appropriati interventi. In Calabria i dati segnalano che gli atti di violenza sono consumati, per lo più in ambito familiare; è il genitore a rendersi quasi sempre responsabile di ripetuti abusi sui figli minorenni (specialmente figlie) all’insaputa

dell’altro genitore, il quale, in gran parte dei casi, è poi l’ autore della denuncia. «Ma le denunce sostiene Intrieri - sono ancora troppo poche. Numerosissimi gli abusi commessi da persone a cui iminori vengono affidati in custodia, cura, legati da rapporti di parentela, frequentazione, conoscenza. Lo sfruttamento dei piccoli ad uso commerciale si inquadra nel degrado crescente della condizione di vita loro e dei loro genitori. In Calabria, la povertà è uno degli elementi determinanti che vede addirittura le madri responsabili di tale gravissimo reato nei confronti dei propri figli». Moltissimi bambini, quelli più vulnerabili, vengono costretti e usati dalle organizzazioni criminali e mafiose, ad esempio, nella microcriminalità e nel commercio di droghe. A.M

ESTRATTO BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA STAZIONE APPALTANTE: Provincia di Vibo Valentia - Via C. Pavese - tel. 0963/997378. AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE: Associazione Comuni di Rombiolo, di Limbadi di San Calogero - soggetto capofila comune Rombiolo. OGGETTO: Servizi di igiene urbana per tutto il territorio dei Comuni di Rombiolo, San Calogero e Limbadi. - CUP; C62110000110006 CIG:0901895B49 - Importo dell’appalto €. 860.365,940 oltre IVA di cui a base di gara € 846.001,47 ed €. 14.364,47 per oneri sicurezza - importo a base di gara così ripartito € 632.036,85 per servizi di igiene urbana ed €. 213.964,62 per fornitura materiali. PROCEDURA DI GARA: Aperta, ai sensi degli arti. 3 comma 37 - arti. 55 comma 5 e 66 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.; TERMINE PRESENTAZIONE OFFERTE: 29/3/2011 alle ore 12,00; Prima seduta pubblica giorno 30/3/2011 ore 9.00 presso Amministrazione Provinciale; Eventuale seconda seduta pubblica il giorno 13/4/2011 ore 9.00. CRITERIO AGGIUDICAZIONE: L’appalto sarà esperito ai sensi dell’art. 55 comma 5 del D.lgs 163/2006 e con il criterio di cui agli arti. 83 e 84 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i.; SOGGETTI AMMESSI ALLA GARA: I soggetti di cui all’art. art. 34, comma 1 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.; È consentita la presentazione di offerte da parte di soggetti di cui all’art. 34, comma 1, lettere d) ed e) dello stesso decreto legislativo n. 163/06 e s.m.i., anche se ancora non costituiti. Tempo utile per l'esecuzione del servizio: anni uno. Il bando e disciplinare di gara sono disponibili sui siti Internet www.provincia.vibovalentia.it e www.regione.calabria.it. Vibo Valentia, lì 2/2/2011 Il Dirigente Dott.ssa Edith Macrì


Martedì 15 Febbraio 2011 il Domani

9

IN CALABRIA Corbelli rivolge appello a Scopelliti per bambina gravemente malata

Presentate le inziative della Regione Calabria: Scopelliti si prefigge per il prossimo triennio di superare i 27 milioni di presenze

Più turismo con il nuovo logo e il filmato per la Bit di Oriana Tavano CATANZARO - Superare in Calabria i 27 milioni di presenze: è l’obiettivo che la Regione si prefigge per il prossimo triennio. Aumentare l’attrazione turistica della nostra Regione, puntando sul patrimonio naturalistico, storico, artistico e gastronomico regionale. La proposta viene dal presidente della Regione Giuseppe Scopelliti che ha presentato anche un logo "futurista" che identificherà la proposta, ispirato alla produzione del calabrese Umberto Boccioni, uno degli artisti di punta del movimento. «Per presentare il brand Calabria - ha detto Scopelliti - abbiamo inteso evidenziare la nostra filosofia che è quella della costruzione di un percorsolegatoall’immagineealla capacità di programmare lo sviluppopuntandosull’accoglienza e sulla valorizzazione delle bellezze». Su questa scia, un filmato di cinque minuti dedicato ai luoghi di maggiore attrazione turistica della Calabria, con la colonna sonora dei Nuju e del Parto delle Nuvole pesanti. È il documenta-

rio che sarà distribuito a tutti i 600 buyers che parteciperanno alla Borsa italiana del turismo di Milano in programma dal 18 al 20 febbraio. Iniziativa presentata in anteprima a Catanzaro dal presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, dal direttore generale del Dipartimento Raffaele Rio, e dal dirigente del settore Pasquale Anastasi. Nello spazio del Villaggio Calabria della Bit, nel corso dei tre giorni di durata della manifestazione, ci saranno momenti promozionali dedicati all’offerta marina calabrese, puntando l’obiettivo su Diamante e la Riviera dei Cedri, e ancora sull’offerta turistica della provincia di Crotone che offriranno occasioni

«La nostra filosofia mira a costruire un percorso legato all’immagine puntando sull’accoglienza e sulla nostre bellezze»

di incontro interregionali sulle proposte di eccellenza della regione. Il calendario della presenza calabrese, il 18 febbraio, prevede, tra l’altro, iniziative di presentazione di attività culturali (come il 500/mo anniversario della nascita di Luigi Lilio), una conferenzastampadellaFederparchi Calabria sui parchi e le aree protette e la presentazione di Onda Calabra con un workshop promosso dall’assessorato regionale alla Cultura. Sabato prossimo verrà presentato l’undicesimo rapporto sul turismo in Calabria realizzato dal Dipartimento regionale mentre il 20 febbraio saranno illustrate le attività della Calabria Film Commission per il 2011. In riferimento ai dati relativi al Por 2007-2013, Scopelliti ha sottolineato che, nell’ambito del settore,all’attodell’insediamento, la sua giunta ha rilevato «una mancanza di governance interna, scarsa capacità di spesa e un sistema Calabria che ha beneficiato di soli 969 mila euro su una disponibilità di 164 milioni. Abbiamo lavorato per cercare di costruire prospettive concrete. La stagione degli spot non ci appartiene».

COSENZA - Il leader del movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, rivolge un appello alle istituzioni competenti per il caso di una bambina calabrese, Giulia, di un anno, figlia di una coppia poverissima, affetta da gravi patologie, in cura presso l’ospedale Bambin Gesù di Roma. La mamma della bambina ha scritto una accorata lettera a Corbelli chiedendo un suo intervento. «I genitori della piccola - «Una famiglia assai scrive Corbelli nell’appello danovemesidevonoperiodi- indigente, vivono camente portare la bambina con la misera pensione a Roma per le cure necessarie. Purtroppo si tratta di una di invalidità del padre famiglia assai indigente, vivono con la misera pensione della piccola, di soli di invalidità del padre della 265 euro al mese» piccola, di soli 265 euro al mese. Sono quindi, come mi scrivono nella missiva, nell’impossibilità di poter far fronte alle spese per recarsi a Roma. Vivono afferma Corbelli - una situazione drammatica, di assoluta disperazione. Sino ad oggi hanno pagato, per alcuni viaggi, le spese grazie alla solidarietà di Facebook. La mamma nella lettera racconta il dramma di questa bambina che da quando è nata è costretta a passare da un ospedale all’altro, prima di scoprire le malattie di cui era affetta. Dai nosocomi calabresi sino al Bambin Gesù di Roma, dove da nove mesi viene periodicamente ricoverata per le cure. La mamma della piccola Giulia mi scrive che sino ad oggi non ha avuto un aiuto da nessun Ente. Rivolgo un appel-

Il leader del movimento Diritti Civili Franco Corbelli

lo al presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, che invito, anche nel suo ruolo di commissario della sanità calabrese, a occuparsi personalmente di questo drammatico caso. Aiutare questa bambina e la sua famiglia è dovere delle Istituzioni, in un Paese civile».

Turisti in Calabria: nel 2010 -2,7% arrivi e -2,3% presenze CATANZARO - Nel 2010 in Calabria è stata registrata una flessione del 2,7 per cento negli arrivi e del 2,3 per cento delle presenze nel comparto turistico. Sono questi i dati emersi nel corso della conferenza stampa che il presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, ha tenuto a Catanzaro per presentare la nuova programmazione del settore. Nello specifico, la Calabria si conferma meta per il turismo di prossimità, dal momento che nel 2010 hanno alloggiato nelle strutture ricettive calabresi circa 1,488 milioni di turisti (arrivi) generando 8,257 milioni di pernottamenti (presenze). Scendono arrivi e presenze degli italiani (rispettivamente -2,5 per cento e -2,1 per cento), così come calano gli stranieri con un meno 3,7 per cento di arrivi e un -3,8

per cento di presenze. Si conferma il dato stagionale, considerato che durante i mesi di luglio e agosto si è registrato il 60 per cento dei pernottamenti dell’intero anno, con una percentuale che rispetto al 2009 è rimasta stabile per il periodo di riferimento. Le criticità maggiori, invece, si sono registrate a giugno e settembre. Nel corso della conferenza stampa di Catanzaro, in cui Scopelliti ha incontrato i giornalisti per presentare le strategie turistiche regionali per i prossimi anni, il governatore ha, però, posto l’accento sulla nuova strategia di promozione turistica che mira ad aumentare le presenze nel prossimo triennio puntando sulle proposte di eccellenza della regione. Strategia che, secondo il presidente della Regione, potrebbe far sperare in una poten-

ziale impennata delle presenze turistiche sul nostro territorio. Scopelliti è, poi, passato ad illustrare le attività della Calabria Film Commission per il 2011. In particolare, sulla scelta di finanziare la realizzazione del film di Antonio Albanese "Qalunquemente" da parte della Calabria Film Commission , il presidente della Regione Calabria ha sottolineato che «non intendiamo intervenire perché ci toccherebbe parlare di chi ci ha preceduto». «La scelta di sostenere la realizzazione del film che non ho visto e del quale non posso dire alcunché - ha aggiunto Scopelliti - è stata fatta da chi ha governato prima. La presenza della Film Commission come istituzione la ritengo giusta perché può rappresentare un veicolo fondamentale per promuovere il turismo».


10

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

IN CALABRIA Fedele: il consigliere Guccione sciorina dati sui fondi strutturali

L'università Magna Graecia di Catanzaro

La vicepresidente della Regione e l’assessore alla Cultura hanno illustrato i due avvisi all’Università Magna Graecia di Catanzaro

Stasi e Caligiuri presentano i bandi di ricerca scientifica di Vania Notaro CATANZARO - La vicepresidente della Regione Antonella Stasi e l’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri hanno presentato ierimattina,all’UniversitàMagna Graecia di Catanzaro, i nuovi bandi relativi alla ricerca scientifica pubblicati dalla Regione e dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. «La Calabria - ha sottolineato l’assessore Caligiuri introducendo la presentazione delle inziative - dispone di ingenti risorse da investire nella ricerca a sostegno delle imprese. Il bando regionale per la costituzione dei Poli di innovazione di 34 milioni di euro e il bando del Miur per i distretti tecnologici e i laboratori di 160 milioni di euro sono due importanti opportunità a sostegno delle imprese della region». All’incontro informa una nota dell’ufficio stampa della Giunta regionale -, coordinato dal direttore generale del Dipartimento Cultura Massimiliano Ferrara, ha partecipato il dirigente del Miur Fabio Filocamo e sono intervenuti rappresen-

tanti delle imprese regionali e nazionali oltre che dell’Università e dei centri di ricerca. L’obiettivo dell’incontro è stato quello di illustrare i due bandi ai soggetti maggiormente interessati e cercare di risolvere eventuali criticità o dubbi relativi alla presentazione delle proposte. Nel corso della presentazione, si è fatto il punto sui due bandi in atto: quello regionale “Bando per la costituzione e l’ampliamento dei Poli di Innovazione regionali”, di 32 milioni di euro con scadenza 15 marzo, e quello ministeriale nell’ambito del Programma operativo nazionale "Ricerca e Competitività" di 160 milioni di euro con scadenza 22 marzo che prevede due azioni de-

Si tratta del bando regionale per i Poli di innovazione di 34 milioni di euro e il bando del Miur per i distretti tecnologici di 160 milioni

nominate "Distretti tecnologici e relative reti" e "Laboratori pubblico-privati e relative reti". «La Calabria può avere un nuovo sviluppo finanziando la ricerca delle imprese» è in sintesi il messaggio lanciato dalla vicepresidente Stasi e dall’assessore Caligiuri, i quali hanno proseguito nella politica dell’ascolto, dando risposte alle numerose domande pervenute dai presenti. La vicepresidente Antonella Stasi ha aggiunto che «si tratta di interventi significativi che, se opportunamente utilizzati, permetteranno alle imprese della nostra regione di individuare nuovi percorsi di crescita in grado di proiettare la Calabria oltre la crisi». Gli esponenti regionali hanno assicurato che velocizzeranno i tempi di esame delle domande e valutaranno la possibilità di realizzare un piano di monitoraggio sui progetti finanziati. Stasi e Caligiuri hanno concluso sostenendo che «per utilizzare in modo produttivo le risorse, c’è bisogno dell’impegno di tutte le aziende innovative della Calabria e delle università e centri di ricerca, oltre al sostegno di tutta la collettività nazionale».

CATANZARO - «È proprio vero che di fondi strutturali in molti ne parlano, ma in pochi lo fanno con cognizione di causa e con consapevolezza. Carlo Guccione sciorina dati e numeri interpretandoli in maniera critica, senza accorgersi che quelle cifre e quei numeri che egli cita confermano quanto di buono è stato fatto in termini di spesa dei fondi europei dalla nuova Giunta Scopelliti». A Il capogruppo del Pdl sostenerlo, il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale, in Consiglio regionale: Luigi Fedele. «Compren«Quei numeri che egli diamo benissimo - dice Fedele - che il consigliere sia stato cita confermano quanto troppo impegnato ad animare l’interessantissimo dibatti- di buono è stato fatto to all’interno del Pd e, di con- dalla nuova Giunta» seguenza, è stato poco attento alle cose che veramente interessano ai calabresi. In soli nove mesi, grazie all’importante lavoro del governatore Scopelliti e dell’assessore Mancini, la Calabria ha recuperato la disponibilità di un miliardo di euro circa per costruire nuovo sviluppo, siglando il fondamentale Apq per Gioia Tauro che ha portato in Calabria 500 milioni di euro attraverso i quali sarà potenziato quel porto e sarà realizzato un moderno sistema infrastrutturale che collegherà la nostra terra al resto d’Italia e di Europa. Ed ancora, in brevissimo tempo, ha sbloccato altri 500 milioni di euro sui Pisl che da due anni languivano nei cassetti della regione e che serviranno ai comuni calabresi per dotarsi di opere e servizi che

Luigi Fedele

miglioreranno la vita dei nostri concittadini». «Insomma - conclude Fedele - la nuova stagione della Calabria parla il linguaggio dei fatti che grazie all’impegno del governatore Scopelliti e dell’assessore Mancini hanno preso fortunatamente il posto alle chiacchiere del passato».

La Cgil si mobilita per il diritto alla salute e alle cure mediche CATANZARO - La Cgil sarà presente oggi con presidi di lavoratori e pensionati presso le sedi ospedaliere, i distretti e le Asp per «rivendicare, a partire dai luoghi in cui vanno garantite le cure, la piena esigibilità del diritto alla salute». «Le misure fin qui predisposte dalla Regione - si legge in una nota congiunta a firma di Mimma Iannello e Sergio Genco, rispettivamente segretaria regionale e segretario generale della Cgil Calabria - appaiono inadeguate a garantire sbocco alle esigenze di risanamento, di rilancio e di riqualificazione complessiva del Sistema sanitario regionale. I provvedimenti adottati, di dubbia efficacia, puntano infatti ad un sostanziale sottodimensionamento della sanità in un mix di tagli nazionali e regionali che scaricano la loro iniquità sul mondo del lavoro e delle famiglie. Il

caos ed il malessere generato dalla vicenda dei ticket - proseguono i segretari - è emblematica dell’approssimazione con cui si affrontano scelte di particolare impatto sociale che la Cgil si è misurata nel confronto regionale per mitigarne gli effetti e per sostenerne la revisione. La disattivazione imminente dei primi 6 presidi ospedalieri sui 18 da riconvertire, senza una contestuale azione di costruzione di una rete di servizi sociosanitari di territorio e senza il rafforzamento delle strutture ospedaliere Hub e Spoke che dovranno ricevere il sovraccarico di bisogni sanitari, rischiano di tradursi in un ulteriore caos che porterà i cittadini calabresi a peregrinazioni rischiose fra un ospedale e l’altro prima di avere un ricovero sicuro. E mentre la verifica del Piano di rientro al tavolo Massicci tarda ad arrivare, le li-

ste di attesa si allungano, i casi di malasanità non accennano a diminuire, reparti ospedalieri strategici sono privi delle figure professionali necessarie al loro funzionamento, la rete dell’emergenza è un colabrodo, dell’integrazione socio-sanitaria e della medicina di territorio non c’è traccia, le migrazioni sanitarie sono destinate ad aumentare per la disattivazione di presidi ospedalieri di confine e per l’insicurezza generale delle cure, i percorsi clinici sono un labirinto, il rapporto pubblico- privato segna nuovi squilibri, pezzi di sanità sono consegnati a poteri criminali altri al controllo asfissiante della politica e delle spinte neoterritoriali, mentre la SUA - concludono continua ad essere carente del personale per assolvere a pieno alla funzione di controllo, risparmio e trasparenza della spesa».


Martedì 15 Febbraio 2011 il Domani 11

CRONACHE WHY NOT Ieri durante il processo il racconto di Portafoglio assunto da Obiettivo Lavoro

Ex consigliere regionale: rapporti trasversali Saladino - politica di Carmela Mirarchi CATANZARO - Era stato assunto da Obiettivo Lavoro per lavorare in uno dei progetti finanziati dalla Regione Calabria, ma poi, in realtà, svolgeva le sue mansioni nella segreteria provinciale dei Democratici di Sinistra di Catanzaro. E’ questo in sintesi il racconto fatto da Giuseppe Portafoglio sentito ieri nel processo Why Not sui presunti illeciti nella gestione dei fondi pubblici. Nel processo, in corso dinanzi ai giudici del tribunale di Catanzaro, sono imputate 27 persone, tra le quali ex assessori ed ex consiglieri regionali. «Ero disoccupato - ha raccontato Portafoglio - e mi sono rivolto all’agenzia interinale Obiettivo Lavoro per trovare un’occupazione. Per cercare di velocizzare la pratica mi sono poi rivolto all’allora consigliere regionale dei Ds Franco Amendola, chiedendogli se poteva interessarsi della mia vicenda. Dopo qualche giorno fui chiamato dalla Why Not ed ebbi un contratto per cinque mesi come consulente. Ma in realtà io svolgevo le mie mansioni nella segreteria provinciale dei Ds di Catanzaro». Il testimone ha poi aggiunto che «quando Franco Amendola divenne parlamentare, ho smesso di lavorare per Why Not e entrai sono entrato nella segreteria dell’onorevole». Nel corso dell’udienza

«Per cercare di velocizzare la pratica mi sono rivolto all’allora consigliere regionale dei Ds Franco Amendola, chiedendogli se poteva interessarsi»

del processo è stato sentito anche il maresciallo della Guardia di finanza Maurizio Gallo, il quale ha raccontato le indagini svolte sui progetti finanziati dalla Regione Calabria e svolti dal Consorzio Brutium. «Abbiamo acquisito - ha detto Gallo - una serie di documenti del Consorzio Brutium e della Why Not. Ci rendemmo subito conto che in concreto il personale assunto dalla Why Not era gestito direttamente dai dipartimenti della Regione. Addirittura la Why Not chiese ai suoi dipendenti di realizzare un

Portafoglio era stato assunto da Obiettivo Lavoro per lavorare in uno dei progetti finanziati dalla Regione Calabria, ma poi, in realtà, svolgeva le sue mansioni nella segreteria provinciale dei Democratici di sinistra di Catanzaro report nel quale spiegavano l’attività che concretamente svolgevano presso la Regione. I rapporti trasversali tra l’imprenditore Antonio Saladino, ex presidente della Compagnia delle opere della Calabria, e alcuni esponenti politici calabresi del centrodestra e del centrosinistra sono stati descritti da uno dei principali testi d’accusa nel processo Why Not, Giuseppe Tursi Prato, ex consigliere regionale della Calabria dal 1990 al 1995. Tursi Prato, condannato in via definitiva a sei anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione, fu sentito nell’ottobre del 2007

«Scuola Fortuna, dare chiarimenti» CATANZARO - L’associazione Il Pungolo interviene sulla situazione del X circolo didattico. «Il Comune di Catanzaro - si legge in una nota - a seguito di accertamenti tecnici, ha disposto la chiusura della scuola del quartiere Fortuna (X Circolo). Ci sono pervenute, a seguito di ciò, numerose segnalazioni dei genitori degli alunni del X Circolo. Vi è, infatti - continua la nota de Il Pungolo - che a seguito della chiusura della scuola le famiglie sono state catapultate in una situazione di totale emergenza, con difficoltà ad avere notizie in merito a quello che stava accadendo, e con il successivo dirottamento dei piccoli alunni presso altri istituti scolastici

diversi dalla scuola nella quale si erano già pienamente integrati. Inoltre, ai genitori, ad oggi, nulla è stato comunicato in ordine al percorso che il Comune avrebbe avviato al fine di rendere di nuovo agibile la scuola e ai tempi dei necessari lavori. Nulla di nulla. Il provvedimento di chiusura della scuola (su cui nessuno obietta alcunchè) è, inoltre, arrivato a seguito di altri accertamenti eseguiti lo scorso anno scolastico dei cui esiti mai nulla è stato comunicato alle famiglie. Ed allora, l’augurio è che il Comune di Catanzaro voglia dare un quadro chiaro e netto a tutti i genitori in ordine a tutti i fatti che hanno determinato la chiusura della scuole».

dall’ex pm di Catanzaro ed attuale europarlamentare dell’Idv, Luigi De Magistris, nel corso delle indagini preliminari. Per circa due ore il testimone, rispondendo alle domande dell’accusa e della difesa, ha ricostruito i rapporti tra Saladino, principale indagato dell’inchiesta Why Not, ed alcuni esponenti politici regionali. Tursi Prato conobbe Saladino nel 1991 e da lui «ho appreso - ha detto durante la deposizione - il sistema che riguardava il lavoro interinale in Calabria. Dopo l’approvazione della legge regionale sul lavoro interinale - ha aggiunto Tursi Prato - vennero concordati i progetti, i costi ed il personale da assumere. Si era creato una sorta di sistema a rete ed ogni assessore regionale, sia nella giunta presieduta da Chiaravalloti che in quella di Loiero, aveva il suo progetto e le sue persone da sistemare. Quello che emergeva era uno spaccato di trasversalismo tra esponenti del centrodestra e del centrosinistra». Il teste dell’accusa ha poi ricordato anche l’impegno di Saladino in occasione della campagne elettorale per le regionali del 2005. «Saladino decise di appoggiare Loiero - ha proseguito - nonostante la Compagnia delle Opere fosse schierata con il centrodestra. Secondo Saladino, Sergio Abramo, candidato del centrodestra, non avrebbe vinto le elezioni e quindi si schierò con Loiero». Quando Agazio Loiero divenne Presidente della Regione Calabria ci furono, sempre secondo il teste, dei problemi sui progetti. «Saladino mi disse - ha ricordato Tursi Prato - che Loiero non voleva rinnovare i progetti della precedente giunta presieduta da Giuseppe Chiaravalloti. Di questa vicenda parlammo durante una cena alla quale c’erano tra gli altri, Saladino e l’allora vice presidente della Regione, Nicola Adamo».

Progetti del Rotary "Alma Mater" e "Punto Rotary" di Mario Mirabello

CATANZARO - Nell’ambito della iniziativa, diretta a condurre l’azione del Rotary, sempre più attenta e vicina alla problematica sociale ed economica che interessa soprattutto le fasce più deboli, il Club "Catanzaro 1951" ha realizzato due progetti di indubbia valenza e precisamente "Alma Mater" e "Punto Rotary", inaugurati nei locali della Casa del Bambinello Gesù, alla presenza delle autorità civili, religiose e militari e del Governatore del Distretto Calabria - Campania, Ing. Michelangelo Ambrosio. A fare gli onori di casa il presidente del Rotary Club "Catanzaro 1951", Luigi Noto, che nel suo intervento ha inteso innanzitutto ringraziare tutti coloro che hanno offerto la loro disponibilità per un impegno così ambizioso. «Si tratta - ha sottolineato il presidente del Rotary, Luigi Noto - di un doppio centro di accoglienza che inauguriamo in coincidenza con il sessantesimo anniversario della fondazione del Club. Due obiettivi che in ogni caso non è stato facile raggiungere in così breve tempo». A disposizione cinque mini appartamenti, posti sullo stesso piano dell’immobile ubicato nelle vicinanze dell’Ospedale "Ciaccio", del "Pugliese" e di altre strutture ospedaliere. Di non minore valenza sociale il progetto "Punto Rotary", una struttura dove, in maniera gratuita, le fasce sociali più deboli, possono ricevere assistenza medica, psicologica, legale, ecc.

Scuola Fortuna, incontro con Gatto CATANZARO - Ieri si è tenuto il consiglio del X circolo aperto dall’Assessore Danilo Gatto e dal consigliere Amedea Rizzuto. Giovanni Costa, papà di un bambino che frequenta l’ istituto, ha accusato il dirigente e gli esponenti politici rei, a suo avviso, di non aver pensato alla sicurezza di tutti i bambini. Secondo Costa «l’edificio era perfettamente a norma, dopo otto mesi è stata dichiarata l’inagibilità. Ora l’interrogativo che mi pongo è questo: i nostri figli, in questi mesi, hanno frequentato un istituto inagibile? Di chi sarebbe stata la responsabilità se fosse accaduto qualcosa di irreparabile? Noi non dobbiamo ringraziare nessuno per tutte le soluzioni

che saranno adottate perché non ci dobbiamo scordare che stiamo lottando per un nostro diritto». Durante il consiglio il dirigente ha dato notizia dei sopralluoghi effettuati durante la mattinata di ieri, nei quali sono state visionati altri locali per scongiurare i doppi turni. Ancora incerta la ripresa della scuola, i bambini potrebbero ricominciare a scaglioni le attività didattiche, non appena sarà fatto il necessario in tutte le aule messe a disposizione.

Anna Bolle


12

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

CRONACHE Per il capogruppo: l’ordinanza del Tar scava un solco tra il Comune e i cittadini

Tallini: chiederemo a Traversa di riaprire Corso Mazzini di Anna Bolle CATANZARO - «Non avendo più, se mai l’ha avuto, il consenso dell’opinione pubblica, la Giunta comunale ha avuto bisogno della magistratura per imporre le sue discutibili scelte. L’ordinanza del Tar Calabria sui ricorsi proposti dai commercianti del centro storico contro la disordinata e sgangherata "organizzazione" dell’isola pedonale non risolve i problemi, anzi li aggrava perché scava un solco profondo tra i commercianti e l’Amministrazione». E’ quanto si legge in una nota di Domenico Tallini, Capogruppo Pdl al Comune di Catanzaro . «Invece - continua Domenico Tallini - di arrivare a scelte condivise che servissero ad evitare la morte del commercio sul corso, la Giunta Olivo ha esasperato i termini del confronto, costringendo gli operatori, stremati dalla crisi, a ricorrere alla magistratura amministrativa. Oggi i commercianti subiscono, oltre al danno del calo del loro fatturato, la beffa di una

sentenza che li obbliga anche al pagamento delle spese processuali. Pur rispettando le decisioni dei giudici, non posso che confermare il nostro giudizio negativo non tanto sull’isola pedonale in quanto tale, quanto sull’approssimazione e sul pressapochismo con cui è stata realizzata, determinando il collasso di quasi tutte le attività commerciali. Torno a ripetere - aggiunge Tallini -:

«L’ordinanza del Tar sui ricorsi proposti dai commercianti contro la disordinata “organizzazione” dell’isola pedonale non risolve i problemi, anzi li aggrava»

avete contato quanti sono i negozi chiusi dal Cavatore a Santa Caterina? E’ questo il "centro di questi giorni" che sogna l’assessore all’urbanistica Soriero? E’ questo il risultato di cinque anni di centrosinistra? Il Popolo della Libertà è convinto che il centro storico può risollevarsi solo con le leve del commercio di qualità. Pertanto, chiederò al candidato sindaco Michele Traversa di adottare come primo atto, una volta eletto, la riapertura di corso Mazzini da piazza Matteotti a piazza Grimaldi, destinando a Ztl il solo e significativo tratto tra piazza Grimaldi a piazza Santa Caterina, opportunamente riqualificato. Garantendo - conclude il capogruppo del Pdl al Comune - una disciplinata mobilità sul corso, i negozi del centro riceveranno una boccata di ossigeno, mentre i cittadini non rinunceranno al loro diritto di avere un’area pedonale importante. Ogni scelta sarà condivisa e partecipata e non ci sarà bisogno di alcun ricorso al Tar».

Il primo matrimonio in abiti d’epoca CATANZARO - Ennio Spina e Beata Wòjtowicz sono i primi due innamorati che hanno inaugurato quella che l’assessore al Marketing del Comune, Roberto Talarico, vorrebbe diventasse una tradizione: sposarsi, in abiti d’epoca, magari nel giorno di San Valentino, a Palazzo De Nobili. Dove, nell’800, si consumò la drammatica storia d’amore tra Rachele De Nobili e Saverio Marincola. Due giovani che, come i più famosi Romeo e Giulietta, furono costretti a non poter coronare il loro sogno di vivere insieme, per il contrasto delle famiglie. «Il mio obiettivo - ha spiegato Talarico - è che questa manifestazione culturale possa essere una promozione della storia della città capoluogo e, di conseguenza, possa incentivare il turismo e far vivere a tutti questa romantica, ma anche drammatica storia d’amore».

r. c.


Martedì 15 Febbraio 2011 il Domani 13

CRONACHE L’incontro è stato organizzato da Confindustria Catanzaro con il senatore Vincenzo Speziali, referente dell’Associazione interparlamentare Italia – Corea del Sud

L’Ambasciatore di Corea del Sud incontra gli imprenditori di Carmela Mirarchi CATANZARO - L’Ambasciatore di Corea del Sud Kim Young-Seok ha incontrato ieri mattina una folta delegazione di imprenditori catanzaresi. L’incontro è stato organizzato da Confindustria Catanzaro in concerto con il senatore Vincenzo Speziali referente dell’Associazione interparlamentare Italia Corea del Sud allo scopo di avGettate le viare rapporti di collaborazione e basi di un commerciali tra i ulteriore due territori. Su espressa richiefecondo sta di Confinduinterscambio stria Catanzaro l’incontro si è commerciale svolto presso la Camera di Commercio di Catanzaro per allargare la partecipazione a tutte le associazioni di categoria e datoriali. Il Presidente della Camera di Commercio di Catanzaro Paolo Abramo ha ringraziato l’Ambasciatore per l’opportunità offerta e ha partecipato il largo interesse della imprenditoria calabrese e catanzarese in particolare all’incremento degli interscambi

commerciali con uno dei Paesi col maggior tasso di incremento del Pil con il quale è potenzialmente possibile realizzare crescenti attività di export. Il senatore Vincenzo Speziali si è detto particolarmente felice di avere propiziato l’incontro tra i massimi esponenti dell’industria catanzarese e l’Ambasciatore sud coreano cha ha avuto modo di incontrare da qualche mese a Roma, in seguito al suo recente insediamento. Due, secondo il senatore Speziali, i settori che possono maggiormente trarre profitto dall’instaurarsi di stabili rapporti commerciali tra Calabria e Corea: l’agroalimentare (in particolare l’enologia che in Calabria ha compiuto passi da gigante negli ultimi anni) e il turismo. In questo senso particolare interesse ha suscitato

Lo scopo è di avviare rapporti di collaborazione e commerciali tra i due territori. Partecipazione allargata alle categorie

l’iniziativa di incaricare due tour operator, coreano l’uno e calabrese l’altro, nell’organizzare un primo volo charter Seul - Lamezia. Il Presidente di Confindustria Catanzaro Giuseppe Gatto ha annunciato che nell’ambito della prossima visita della delegazione confindustriale italiana in Corea in occasione degli incontri preparatori alla Expo 2012 a Seul, Confindustria Catanzaro avrà una partecipazione autonoma proprio per approfondire specificità di rapporto. L’Ambasciatore Kim Young Seok si è detto particolarmente impressionato dalla cordialità incontrata a tutti i livelli nella sua visita calabrese, nella quale ha avuto modo di gettare le basi di un ulteriore fecondo interscambio di ordine commerciale, turistico e culturale. L’Ambasciatore ha ricordato come è stato già firmato un accordo di Free Trade tra i due Paesi, che entrerà in vigore in luglio. Nell’ambito di questo accordo è possibile favorire da subito un incremento dell’interscambio con le aziende calabresi, soprattutto nell’ambito dell’export di qualità cui la penisola sud coreana è particolarmente interessata. L’Ambasciatore ha consegnato una elegante cornice in madreperla.

Kim Young-Seok in visita al Comune CATANZARO - Il sindaco Rosario Olivo, assieme all’assessore Tommasina Luccheti e al capo di gabinetto Eugenio Parisi, ha ricevuto, ieri, l’ambasciatore della Corea del Sud Kim Young-Seok. Accompagnato dal senatore Vincenzo Speziali, presidente dell’associazione italo-coreana, il diplomatico si è intrattenuto con il primo cittadino, colloquiando sul possibile istaurarsi di rapporti commerciali, in particolare nel settore turistico, tra il capoluogo di regione e la Corea. «Siamo davvero onorati per questa attenzione che ci ha voluto riservare» ha detto il sindaco, che ha dato alcune indicazioni sulla storia della città, sottolineando, in par-

ticolare, gli aspetti paesaggistici di Catanzaro, sul mare e a pochi passi dalla montagna. «Seguiamo con interesse le vicende del vostro Paese - ha aggiunto il sindaco - e ammiriamo la vitalità con la quale sta decollando verso il futuro, dopo aver superato anni molto difficili». Dal canto suo, Kim Young-Seok ha ringraziato «per la splendida accoglienza ricevuta», avvalorando l’ipotesi di una collaborazione che possa produrre una relazione feconda di scambi e di conoscenze. Al termine dell’incontro, Olivo ha consegnato all’ambasciatore e alla delegazione presente una targa con il simbolo della città e alcuni volumi sulla Calabria e sul capoluogo.

Successo per il progetto del Rotary Club Tre Colli CATANZARO- Grande successo per il progetto del Rotary Club Catanzaro dedicato alla prevenzione della droga e dell’alcool. Il Governatore Distrettuale Michelangelo Ambrosio è intervenuto sabato 12 febbraio, alla giornata formativa presso la scuola media Rodari in Via Daniele. Michelangelo Ambrosio è rimasto colpito ed ha potuto constatare di persona il valore dell’ attività del Rotary di Catanzaro. Questo successo è meritodell’operadavvero unica, eccezionale dei soci Enzo e Massimo che, unitamente alle preziose energie esterne al club, rendono possibile l’operatività del progetto con modalità e contenuti didattici superlativi che non possono che essere ammirati da tutto il corpo docenti e dai dirigenti delle varie scuole.

Incontro voluto da Comune e Svimez sui 150 anni dall’Unità CATANZARO - Domani alle ore 16 nella sala del consiglio di palazzo de Nobili, si terrà una iniziativa di rilievo nazionale promossa dal Comune e della Svimez dal titolo: "Nord e sud a 150 anni dall’Unità d’Italia". Per l’occasione sarà in Calabria il nuovo presidente della Svimez, professor Adriano Giannola, il quale, nella tarda mattinata, alle ore 12,30, sarà ricevuto a palazzo Alemanni dal presidente della giunta regionale. Nel pomeriggio il professor Giannola sarà ospite del Comune dove nella sala del consiglio illustrerà una relazione sul programma nazionale della Svimez relativo ai 150 anni dell’Unità d’Italia.

La candidatura a Capitale della cultura CATANZARO - Il Comune si candida per la designazione della Città di Catanzaro, Capoluogo della Calabria, quale "Capitale Europea della Cultura per l’anno 2019". Lo ha deciso la giunta comunale presieduta dal sindaco Rosario Olivo, sentita la proposta dell’assessore alla cultura, Antonio Argirò. Il riconoscimento è stato introdotto nel 1999 dal Parlamento europeo e dal Consiglio d’Europa che hanno fissato un’azione comunitaria denominata "Capitale Europea della Cultura" per gli anni 2005-2019 al fine di valorizzare la ricchezza, la diversità e le caratteristiche comuni delle culture europee e contribuire a migliorare la conoscenza reci-

proca tra i cittadini europei. «La Città di Catanzaro, in questi ultimi anni, ha intrapreso un percorso virtuoso di crescita culturale - ha spiegato Argirò - avvicinandosi, sempre più, alla dimensione di Città Europea che, accanto alle funzioni di governo che le derivano dal suo status di Capoluogo della regione Calabria, pone grande attenzione ed incentiva i valori dell’accoglienza e delle moltepliciespressioniartisticheeculturali. Abbiamo, inoltre, dato seguito a specifiche sollecitazioni di disporre l’avvio delle procedure necessarie per la designazione della Città di Catanzaro quale "Capitale Europea della Cultura per l’anno 2019».


14

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

CRONACHE Si è concluso con una condanna a un anno cinque mesi e dieci giorni di reclusione ciascuno il giudizio abbreviato a carico di Pietro Guzzo, 37 anni, e della moglie 28enne

Incendiarono il proprio negozio, coniugi condannati di Carmelo Morise BOTRICELLO - Si è concluso con una condanna a un anno cinque mesi e dieci giorni di reclusione ciascuno il giudizio abbreviato a carico dei catanzaresi Pietro Guzzo, 37 anni, e della moglie di quest’ultimo, Concetta Viscomi, 28 anni, entrambi commercianti, accusati di aver dato fuoco al proprio negozio, a Botricello,perinTutto iniziò tascare i soldi dell’assicurail 10/12 zione. La senten2008 quando za è arrivata ieri dalgiudice esplose il dell’udienza preliminare Assunta negozio di Maiore, che ha animali parzialmente accolto la richiesta formulata dal pubblico ministero Paolo Petrolo, il quale aveva sollecitato una pena di quattro anni ciascuno per la coppia, nonchè delle parti civili - si tratta di Sviluppo Italia, che concesse il prestito d’onore necessario a marito e moglie per avviare l’attività, e del proprietario dell’immobile incendiato -, cui il giudice ha riconosciuto 10.000 euro a titolo di

provvisionale in attesa che il risarcimento del danno venga liquidato in sede civile -. I coniugi, chiamati a rispondere di ben otto capi d’accusa - tra cui truffa aggravata a Svi,incendiodolosoaggravato,uccisione di animali, e simulazione di reato -, come richiesto dal difensore Salvatore Iannone sono stati contestualmente scagionati da parte delle accuse a loro carico, e precisamente sono stati assolti dall’imputazione di rovina di edifici, mentre è stato dichiarato il non luogo a procedere per il danneggiamento d’auto e per la truffa all’assicurazione per difetto di querela, ed è stato derubricato il capo d’accusa relativo all’incendio doloso. Per i fatti che ieri gli sono costati la condanna Guzzo e la Viscomi erano stati inizialmente de-

Per i fatti contestati Guzzo e la Viscomi erano stati inizialmente denunciati e poi raggiunti da un’ordinanza di custodia ai domiciliari

nunciati e poi, nel marzo del 2009, raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari. Tutto iniziò nel 10 dicembre 2008 quando, nel cuore della notte, un’esplosione innescata con liquidoinfiammabiledistrussecompletamente il negozio di animali, di cui era titolare la donna, situato sulla strada statale 106, a Botricello. Dopo alcuni giorni di indagini, i carabinieri della locale stazione che stavano indagando scoprirono che Guzzo si trovava rinchiuso in casa propria e non era fuori sede come aveva detto sua moglie, e che l’uomo aveva diverse ustioni sul corpo. La coppia finì sotto la lente degli investigatori finchè il sostituto procuratore titolare del caso, Francesco De Tommasi, ebbe a disposizione sufficienti elementi per chiedere e ottenere dal giudice delle indagini preliminari Gabriella Reillo un provvedimento di custodia cautelare. Secondo gli inquirenti Guzzo e la Viscomi tentarono di procurarsi illegalmente i soldi dell’assicurazione per superare le difficoltà finanziarie in cui versavano. Così sempre stando alle accuse, l’uomo si fece chiudere nel locale che avevano preso in affitto per aprire il negozio e, con della benzina, accese il fuoco.

Controlli dei carabinieri di Sellia Marina SELLIA MARINA - Nell’ultimo fine settimana i Carabinieri della Compagnia di Sellia Marina hanno tratto in arresto Alessandro Sestito, operaio di Soveria Simeri di 33 anni, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Inoltre un 38enne di Botricello, F.E., è stato invece segnalato all’autorità amministrativa in qualità di assuntore di sostanze stupefacenti, poichè trovato in possesso di alcuni grammi di hashish. I militari hanno rintracciato 5 clandestini, fra provenienti dal Pakistan e dall’Afghanistan, fra i quali anche un minore. I clandestini molto probabilmente erano sbarcati a Crotone poche ore prima. I clandesti-

ni sono stati deferiti i stato di libertà per il reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato. Il minore è stato invece accompagnato preso una struttura per minori a Catanzaro Lido. I controlli alla circolazione stradale hanno consentito di controllare quasi 200 automezzi, 300 persone, alcune di interesse operativo. Diverse le perquisizioni e le contravvenzioni al codice della strada, soprattutto per il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza e per la guidacontemporaneaall’utilizzodeltelefono cellulare. Quasi tutti i conducenti sono stati sottoposti al controllo con l’etilometro, risultato positivo per 8 persone.

Il Comune di Sant’Andrea restiturisce fondi regionali S. ANDREA JONIO - «L’Amministrazione di "Primavera Andreolese", era riuscita a farsi finanziare nel 2009 il completamento della rete fognante a S.Andrea Marina, per un importo di 550.000 euro a fondo perduto» si legge in una nota di Antonio Giuseppe Commodari. «Il Comune di S.Andrea Jonio, con al governo "Primavera Andreolese", ha proceduto ad appaltare e ad eseguire i lavori, ma non tutti comuni sono stati così celeri, tant’è che la Regione Calabria è stata costretta a prorogare le convenzioni degli interventi fino al 32.12.2010. L’Amministrazione Comunale di "Raggio di Sole" ha imposto la chiusura dei lavori al 30 giugno 2010. Il risultato è stato quello di avere restituito alla Regione Calabria la somma di 32.171,16 euro».

“Ne valeva la pena”, Spataro presenta il suo libro a Soverato SOVERATO - Qualche giorno fa presso l’Istituto Tecnico Commerciale di Soverato, "Antonino Calabretta" si è tenuta la presentazione del libro "Ne valeva la pena" di Armando Spataro, Procuratore aggiunto a Milano. L’iniziativa è stata promossa dall’Osservatorio Falcone-Borsellino con la collaborazione della scuola soveratese. Spataro è stato seguito attentamente dalla platea. Il libro "Ne valeva la pena" come si legge nella copertina tratta de "il caso Tobagi, le Brigate Rosse, il sequestro di Abu Omar, la ‘ndrangheta al Nord, ovvero alcune delle inchieste più scottanti raccontate da un magistrato che le ha dirette".

Risanamento del ponte sul fiume Simeri SIMERI CRICHI - L’Amministrazione Provinciale di Catanzaro ha aggiudicato la gara d’appalto per i lavori di risanamento del ponte sul fiume Simeri: l’investimento complessivo è pari a 500mila euro e l’intervento consentirà di ripristinare il traffico veicolare sull’arteria stradale chiusa nell’inverno scorso e che collega importanti comuni, da Soveria Simeri a Zagarise, con il capoluogo. L’impresa aggiudicataria dell’appalto è l’Ati Trombi costruzioni Srl e Mg Disgaggi Snc, che ha offerto in sede di pubblico incanto il ribasso del 33%, vincendo la gara con un nutrito numero di concorrenti e ben 57 offerte pervenute. L’inizio dei lavori, dopo le

verifiche ed i tempi necessari per l’iter burocratico, è previsto in primavera, e così, considerati i tempi progettuali per l’esecuzione dei lavori fissati in sei mesi, l’arteria sarà fruibile per il prossimo autunno. Con questo intervento l’AmministrazioneProvincialecompleta un primo ciclo di appalti, sostenuti interamente con le risorse del proprio bilancio, che hanno segnato l’attenzione dell’ente di Palazzo di Vetro per l’intero comprensorio di Soveria Simeri particolarmente disagiato dai danni alluvionali dello scorso inverno.

C. Mirarchi


Martedì 15 Febbraio 2011 il Domani 15

CRONACHE La lettera di dimissioni inviata a Cesa e a Trematerra: l’eletto è irraggiungibile

Il capogruppo Udc Mastroianni lascia, in polemica con Talarico di Rosa Voci LAMEZIA TERME - Si è dimesso dal partito il capogruppo dell’Udc al Comune di Lamezia Terme, Salvatore Francesco Mastroianni. Mastroianni ha scritto una lettera in cui motiva la sua decisione "irrevocabile" al segretario nazionale Lorenzo Cesa e al coordinatore regionale, Gino Trematerra. «Convinto dalla vostra tenacia - afferma Mastroianni - e dal coraggio nell’individuazione di un percorso politico più aderente alle necessità del Paese, assieme ad altri amici avevo aderito all’Udc, nella cui lista mi sono candidato lo scorso anno, diventando uno dei due consiglieri e capogruppo nel Consiglio comunale di Lamezia Terme. Con grande entusiasmo, inoltre, mi sono impegnato nelle concomitanti elezioni regionali a sostenere, in tutta la provincia di Catanzaro, la candidatura dell’allora segretario regionale Franco Talarico, postosi come rappresentante del cambiamento. In tanti ci siamo impegnati al fine di determinare quel grande risultato, dal quale doveva nascere un nuovo partito, democratico, trasparente, partecipato e vicino alla gente all’interno del quale non avrebbero dovuto trionfare il personalismo ed il clientelismo, ma i meriti e le capacità. Invece, immediatamente dopo le elezioni, acquisito il

potere, tutto è finito in una bolla di sapone. L’eletto è diventato irraggiungibile, il suo telefono squilla ma lui non risponde, nel partito non si decide nulla, gli incarichi vengono affidati non in base ad una scelta condivisa ma solo in base al criterio della fedeltà ed alla sottomissione al capo. Dopo vari tentativi volti a far riflettere chi ha la responsabilità di tutto ciò sostiene ancora Mastroianni - sono giunto all’amara conclusione che questo partito non vuole crescere, anzi, si lavora

scientificamente per allontanare quanti non sono allineati e sottomessi. Questo modo di fare e di agire porterà al tracollo dell’Udc».

«L’eletto è diventato irraggiungibile, nel partito non si decide nulla, gli incarichi vengono affidati solo in base al criterio della sottomissione al capo» Franco Talarico

«Con grande entusiasmo mi sono impegnato a sostenere la candidatura dell’allora segretario regionale Talarico, postosi come rappresentante del cambiamento»

Mobilitazione Cgil, l’adesione del Pd LAMEZIA TERME - «Il Partito Democratico di Lamezia Terme intende dare la sua convinta adesione alla mobilitazione generale che la Cgil ha inteso avviare in tutta la regione per richiamare l’attenzione sulla grave situazione sanitaria calabrese» si legge in una nota del Pd. «L’adesione è motivata principalmente dalla grave situazione che si registra non solo sul territorio cittadino ma anche nell’intero ambito lametino in mancanza di prospettive chiare di rilancio del settore e di una politica trasparente e dialogante che tenga nella dovuta considerazione le giuste istanze che dal territorio si stanno manifestando - continua -. E’ una presa di coscien-

za collettiva che ci unisce ed alla quale il Pd di Lamezia Terme intende contribuire con tutto il suo peso e per questa ragione a breve intende promuovere anche una sua autonoma iniziativa. La sensazione che si ha è che il centrodestra non abbia alcuna idea sul da farsi e rincorra solo questa o quella emergenza senza un piano trasparente e ben delineato. Quello della sanità pubblica è argomento dirimente dell’azione di qualsiasi governo regionale. I cittadini lo hanno ben chiaro - conclude - perché lo vivono sulla loro pelle, lo stesso non sembra essere per molte forze politiche di centrodestra pronte ad accusare i passati governi».

Tanica di benzina davanti la casa di Bevilacqua del Pdl LAMEZIA TERME - Intimidazione ai danni del capogruppo del Pdl nel Consiglio provinciale di Catanzaro, Gianpaolo Bevilacqua. Persone non identificate hanno lasciato una tanica don benzina davanti l’abitazione dell’esponente del Pdl, a Lamezia Terme. Bevilacqua ha denunciato l’intimidazione ai carabinieri. Il Coordinamento provinciale del Pdl, in una nota, ha espresso "profonda solidarietà" a Bevilacqua, parlando di «vile atto intimidatorio. Siamo certi del fatto - ha aggiunto - che un simile gesto non fermerà l’azione politica amministrativa che il consigliere Bevilacqua in tanti anni di attività ha dimostrato di portare avanti. Anche il vicepresidente del Consiglio provinciale, Emilio Verrengia, ha espresso solidarietà al consigliere Bevilacqua per l’intimidazione subita. «Un atto - afferma Verrengia al quale Bevilacqua saprà reagire con forza e concepito probabilmente da qualcuno che pensa di condizionare l’attività politica del consigliere». «Solidarietà e sostegno a continuare nella sua azione politica al vice presidente della Sacal Giampaolo Bevilacqua vittima di un ignobile atto intimidatorio». E’ quanto ha affermato invece il deputato del Pdl On. Giuseppe Galati. «Questi gesti criminali - continua Galati - cercano, senza riuscirci, di destabilizzare l’azione politica di chi si impegna quotidianamente al servizio della collettività e contribuisce a creare un futuro migliore per la nostra Regione».

Controlli dei carabinieri, 2 arresti LAMEZIA TERME - I Carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme nel corso del fine settimana hanno arrestato due persone: in particolare la Stazione di Lamezia Terme Principale ha arrestato (C.G. classe 1973) per violazione degli obblighi imposti dalla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. mentre i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno arrestato un cittadino polacco per tentata rapina (R.A. classe 1967). Il primo arresto è scattato in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme nei confronti di un lametino (C.G. classe 1973), già Sorvegliato Spe-

ciale di P.S.. L’uomo, nel periodo in cui era sottoposto alla citata misura di prevenzione personale, era stato segnalato all’A.G. per violazione degli obblighi imposti dalla misura stessa e, pertanto, condannato alla pena di mesi 6 di reclusione. L’arrestato è stato tradotto presso il carcere cittadino. Il secondo arresto è scattato nel tardo pomeriggio di domenica quando un giovane lametino, alla guida della propria autovettura, giunto all’altezza di un incrocio veniva fermato da un uomo che a piedi faceva segno di fermarsi. Avvicinatosi all’auto, l’uomo ha estratto un coltello minacciandolo di consegnargli i suoi averi.


16

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

CRONACHE

La nota del Pd che attacca il presidente Scopelliti sulla sanità

Pd: cardiochirurgia negata per creare un centro a Reggio di Carmelo Morise COSENZA - «Il recente consiglio comunale tenutosi a Cosenza, centrato sulla sanità nel capoluogo e provincia, ha evidenziato con chiarezza la volontà del governatore Scopelliti e della sua giunta di lasciare ancora una volta senza risposta la legittima domanda di salute che viene da uno dei più vasti territori provinciali d’Italia» si legg in una nota del Partito Democratico. «Certo non tralasciamo di ricordare insieme con i cittadini calabresi la sistematica negligenza dei tanti, anzi troppi, precedenti amministratori, in particolare quelli espressi dalla nostra provincia, senza distinzione di schieramento - continua -. QuesIl recente consiglio to esercito non proprio sulla sanità ha efficiente in materia di sanità, fa il paio con il noevidenziato con strosmemoratogovernatore, anch’egli presente chiarezza la volontà da circa venti anni sulla del governatore scena politica calabrese e certo con ruoli da Scopelliti e della giunta non comparsa (prima consigliere regionale, poi assessore, poi presidente del consiglio regionale ecc ecc). Tanto premesso, le affermazioni fatte da Scopelliti nel corso del consiglio comunale aperto di Cosenza hanno delineato un futuro senza prospettive. Sembra che al peggio non c’e’ mai fine. Entrando nel merito delle due specifiche e legittime istanze finalizzate alla riqualificazione dell’offerta sanitaria per Cosenza e la sua

miologiche. Presidente, è questa la cultura della rete e la logica del piano di rientro?. E a proposito di piano di rientro, il decisionismo esasperato a ridurre i costi, sta comportando un carico fiscale tra i più alti d’Italia a fronte di una of«Il decisionismo ferta sanitaria approssimativa, povera di risorse esasperato a ridurre i e carente in programmazione. I tagli sono neces- costi sta comportando sari, ma solo quelli che un carico fiscale tra i più prendono di mira gli sprechi non quelli che si alti d’Italia a fronte di abbattono indiscriminatamente anche sugli inve- offerta sanitaria povera» stimenti,indispensabilise mirati al potenziamento dei territori oltre che degli ospedali. La stessa scelta del commissariamento della sanità calabrese - conclude il Pd - voluta dal governatore si sta rivelando per i calabresi un insieme di oneri e disagi, oltre ad un insostenibile carico tributario a cominciare dai ticket».

vasta provincia - nuovo ospedale e cardiochirurgia basate non su un capriccio di campanile ma, come più volte ribadito, su evidenze epidemiologiche, logistiche e strutturali, la risposta è stata esplicitamente negativa, non altrettanto chiara e conseguenziale è stata la motivazione del diniego. Una risposta che avrebbe dovuto mortificare anche la classe politica cosentina di centrodestra! E’ appena il caso di ricordare che solo qualche mese fa lo stesso Scopelliti nonché il commissario dell’Azienda Ospedaliera avevano in parte garantito su entrambi gli obiettivi, che vengono sconfessati adesso con banali pretesti e con vecchi atti amministrativi. Scopelliti è stato "chiaro" nel negare a Cosenza la cardiochirurgia e con la stessa "chiarezza" ha annunciato che in alternativa a Reggio Calabria a giugno partirà un centro cardochirurgico, tacendo sulle motivazioni razionali sia logistiche che epide-

Iniziati i lavori di carotaggio disposti dalla Procura della Repubblica nell’area della ex Legnochimica a Rende RENDE - Sono iniziati ieri mattina i lavori di carotaggio disposti dalla Procura della Repubblica di Cosenza nell’area della ex Legnochimica, a Rende. L’area, chein passato fu anche teatro di un devastante incendio, era già stata sequestrata perchè si sospetta contenga, interrati, pericolosi rifiuti chimici. Si tratterebbe dei residui industriali dell’azienda, ora dismessa, che si occupava della lavorazione di legnami. Molte le denunce

degli abitanti della zona, che da anni lamentano nauseabondi odori che si levano dall’area. Le analisi sui campioni prelevati dovranno chiarire se e quanto è inquinata l’area sequestrata e ora sottoposta a carotaggio, che si estende per circa sette ettari.

Incendio distrugge 3 capannoni, danni per milioni di euro CORIGLIANO CALABRO - Ammonta a milioni di euro il danno già provocato dall’incendio che ieri ha interessato tre capannoni nell’area industriale di Corigliano Calabro, nel Cosentino, in contrada Insiti. Si tratta di un frantoio oleario, una fabbrica per la trasformazione degli agrumi e un deposito di prodotti alimentari, tutte e tre appartenenti ai fratelli Acri. Sono seriamente danneggiate le strutture e le attrezzature contenute all’interno, mentre non ci sono conseguenze per gli operai e gli impiegati delle strutture, le quali sono riuscite ad allontanarsi grazie all’allarme lanciato dai lavoratori impegnati nel primo capannone colpito dalle fiamme. Sul luogo dell’incendio sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri che hanno avviato le indagini per accertare le cause dell’accaduto. L’incendio sarebbe stato provoca-

to da un corto circuito, sviluppatosi dal sottotetto di una delle strutture. E’ quanto è emerso da una prima ricostruzione sulle ipotesi del rogo fatta dai vigili del fuoco che hanno lavorato per circa tre ore per avere ragione delle fiamme. A prendere fuoco inizialmente nel sottotetto di uno dei tre capannoni sono stati alcuni cartoni e del materiale plastico. I lavoratori sono riusciti a mettersi in salvo e a dare l’allarme dopo che le fiamme si sono propagate successivamente alle altre due strutture. Nelle tre aziende danneggiate dall’incendio lavoravano una sessantina di dipendenti, tra operai e impiegati. I carabinieri hanno sequestrato i tre capannoni. In base a quanto accertato dai primi riscontri gli investigatori escludono la pista dolosa, optando per un incidente: probabilmente un cortocircuito.

r.c.


Martedì 15 Febbraio 2011 il Domani 17

CRONACHE Il capogruppo al Comune: polemiche sulla cardiochirurgia e sul nuovo presidio

Adamo (Pdl): sull’ospedale c’è la disinformazione del Pd di Anna Bolle COSENZA - «Per qualcuno la campagna elettorale regionale non si è conclusa, oppure ha deciso di avviare con largo anticipo la prossima. Altrimenti non si spiegano la veemenza ed i toni utilizzati sul tema della sanità da alcuni esponenti politici del Pd». Lo afferma, in una nota, il capogruppo del Pdl al Comune di Cosenza, Vincenzo Adamo. «Il Presidente Scopelliti - aggiunge - ha tenuto per sé la delega sulla sanità, consapevole del fatto che su questo settore era evidente il ritardo maggiore e più grave per le sorti della comunità che andava a governare. Se per Loiero la sanità calabrese poteva essere paragonata alla Fiat, per i cittadini calabresi somigliava tanto alla Parmalat. Da questa situazione il presidente Scopelliti è partito; con un piano di rientro concepito, deciso e strutturato dal precedente governo di centrosinistra e dal quale i soggetti di cui sopra oggi prendono le distanze. Nella nostra provincia, e a Cosenza in particolare - dice ancora Vincenzo Adamo - la polemica raggiunge i livelli più alti, con una quotidiana ed incessante campagna di disinformazione su due temi: il nuovo ospedale e la cardiochirurgia. Il presidente Scopelliti, prima di fare l’annuncio del nuoco ospeda-

le, si pone il sacrosanto problema di trovare le risorse disponibili per realizzare l’opera. Non chiusura sull’argomento ma approccio finalmente serio e responsabile. Sul secondo argomento appare chiara la mistificazione, condita da campanilismo d’annata. Si fa apparire come uno scippo ciò che in realtà è stato deciso dalla precedente giunta regionale, attraverso criteri che oggi non possono essere

messi in discussione. La rivendicazione sterile e monotematica appare, in tutta la sua evidenza, pretestuosa. La sanità a Cosenza ha problemi che vanno al di là della cardiochirurgia e non possono essere trascurati».

«Se per Loiero la sanità calabrese poteva essere paragonata alla Fiat, per i cittadini calabresi somigliava tanto alla Parmalat»

«Scopelliti ha tenuto per sé la delega sulla sanità, perché su questo settore era evidente il ritardo maggiore e più grave per le sorti della comunità che andava a governare»

Filareto incontro sui problemi Ospedali riuniti Rossano Corigliano

ROSSANO - Il sindaco di Rossano Francesco Filareto ha organizzato un incontro sulle problematiche e le prospettive Ospedali Riuniti Rossano - Corigliano. All’incontro sono stati invitatati: il Commissario Asp Cosenza, De Rose; ilSindaco di Corigliano, Pasqualina Straface; il Direttore Sanitario Presidio Ospedaliero di Rossano, Dott. Luigi Palumbo; il Direttore Sanitario Presidio Ospedaliero di Corigliano, Dott. Luigi Carino; il Comitato Cittadini Sibaritide; Cigl- Cisl - Uil - Rossano. «In qualità di autorità sanitaria locale, portavoce del disagio e delle preoccupazioni dei cittadini e degli operatori sanitari, nonché della richiesta del Comitato dei cittadini della Città e del territorio - si legge nell’invito -

invito ad un incontro urgente entro e non oltre la corrente settiman da tenere possibilmente presso le sedi dell’Area Urbana di Rossano Corigliano». Rivolgendosi a De Rose Filareto dice: «Le rappresento che i due Presidi Ospedalieri di Rossano e Corigliano, dopo il depotenziamento di quelli di periferia cosiddetti "minori" di Cariati e Trebisacce, non hanno avuto il richiesto e peraltro concordatoincrementoqualitativoe quantitativo di risorse umane, strumentali ed economiche. Le conseguenze sull’offerta e sui servizi sanitari, in termini di cura e assistenza e sulla tempestività della risposta della stessa sono gravi e al limite imminente di un’emergenza dai profili allarmanti anche sotto l’aspetto so-

«A Rogliano stanno distruggendo il Santa Barbara» di F. Marra ROGLIANO - «Stanno distruggendo il Santa Barbara, ora basta non possiamo più sopportare di vedere questa struttura depauperata e mortificata nel lavoro di tanti bravi professionisti ed operatori». E’ quanto affermato dal sindaco Gallo in merito alle ultime indiscrezioni sull’ospedale cittadino. Per il sindaco di Rogliano infatti «il commissario Gangemi non ha mantenuto le promesse sancite in tre atti deliberativi smentiti non solo dal presidente della Regione Calabria, ma, soprattutto, smentiti nei fatti da comportamenti assurdi. Al Santa Barbara stanno smantellando tutti i servizi con trasferimento di personale, rimane sulla carta il DaySurgery ed è vergognoso - ha detto Gallo - quello che sta accadendo al Punto di Primo Intervento. Gli ammalati sono sballottati da Rogliano a Cosenza e poi di nuovo a Rogliano. Ora vogliono smantellare il settore di Radiologia con il trasferimento di personale e depotenziare, quindi, un altro servizio importante». «Vogliamo riposte subito, prima della competizione amministrativa, altrimenti - ha concluso il primo cittadino inizieremo una protesta fortissima con coinvolgimento di tutte le popolazioni del Savuto. Vogliamo capire anche chi è con noi e contro di noi tra i politici che puntualmente vengono a chiedere voti. Siamo veramente stanchi di questa situazione».

ciale. Ci preoccupa lo stato del Pronto Soccorso, che, pur servendo un’utenza di circa 200.000 persone sparse in un ampio territorio, è paurosamente deficitario di personale medico e para-medico nonché di garanzie di tutela dello stesso. Ci preoccupa l’assoluta carenza di strumentazione diagnostica che è per di più obsoleta e comunque incapace di rispondere alla forte domanda di esami da parte dei cittadini dell’aria vasta della Sibaritide. Perciò - conclude - convinto che il dialogo e la concertazione istituzionali, siano le vie e gli strumenti per affrontare le problematiche e le criticità suddette, le porgo l’invito pressante per un’iniziativa congiunta da tenere in tempi brevissimi».


18

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

CRONACHE

La botola dei veleni

La denuncia del deputato Franco Laratta e di Carlo Guccione

«A Paola una centralina telefonica uccide 6 persone» di Filippo Marra PAOLA - Sei componenti di una famiglia sarebbero morti per tumori provocati dalle emissioni tossiche di una centralina telefonica. Il nucleo familiare al centro della vicenda viveva a Paola, sul Tirreno cosentino, in una casa adiacente alla centralina. La vicenda è stata denunciata da due esponenti del Pd, il deputato Franco Laratta ed il consigliere regionale della Calabria Carlo Guccione, che hanno preannunciato la presentazione di interpellanze. La prima a morire, nel 1984, è stata la moglie del capofamiglia, Natalina Politano. Seguono i decessi di due figlie, Gabriella e Annamaria (agosto e dicembre 1988). Nel 2000 Il deputato Laratta ed muore anche una terza il consigliere regionale figlia, Patrizia, e negli anni a seguire il capofamiGuccione hanno glia, Vincenzo Politano e la zia Bernardina. L’unipreannunciato la ca superstite della famipresentazione di glia ora chiede giustizia ed il riconoscimento dei interpellanze danni subiti dall’ente telefonico ora di proprietà delle Poste italiane. Vincenzo Politano lavorava come custode nella vicina Azienda di Stato per i Servizi Telefonici poi diventata Iritel e poi ancora Telecom, la stessa che aveva loro dato una casa posta all’interno di un enorme caseggiato dove abitavano anche altri dipendenti. L’aria attorno alla casa era sempre pesante, ma tutto sembrava normale. Vincenzo Politano e la mog-

lie pensavano che i cattivi odori fossero prodotti dal lavoro delle turbine. Nel 1984, però, muore la moglie di Vincenzo Politano, Natalina. Il 6 agosto del 1988, a soli 39 anni, muore per carcinoma alle ovaie anche la figlia più grande, Gabriella. L’8 dicembre dello stesso anno tocca alla seconda sorella, Annamaria. Nel 2000 se ne va anche Patrizia. Negli anni a seguire morì Vincenzo Politano e la zia Bernardina. L’unica figlia superstite della famiglia, Antonella, decise di avviare una lunga battaglia giudiziaria con l’aiuto dell’avvocato Sabrina Mannarino del foro di Paola. Nel 1992 quella centralina fu smantellata e la Procura di Paola aprì una inchiesta da cui emerse che all’interno esistevano ben 226 accumulatori di piombo sottoposti giornalmente a manutenzione ordinaria. Da questi accumulatori si sprigionavano sostanze tossico nocive quali il solfato di piombo che diventavano ancora più nocive

sotto l’azione dell’acido solforico-sostanze classificate dallo Iarc- cancerogeno umano, gruppo 1, nonché vapori tossici provenienti dai raddrizzatori al selenio. Dall’inchiesta vennero fuori anche altre gravissime inadempienze. Il 30 «Nel 1992 la Procura novembredel2007arrivò il rinvio a giudizio per due di Paola aprì una dirigenti della centralina che nel processo vennero inchiesta da cui dichiarati non colpevoli emerse che all’interno con non luogo a procedere nei loro confronti, ma il esistevano ben 226 danno ambientale prodotto fu riconosciuto e accumulatori di piombo» questo ha premesso alla famiglia Politano e a quanti sono rimasti vittima di quelle esalazioni di intentare una causa civile contro l’ente telefonico ora di proprietà delle Poste italiane.

Il consigliere regionale del Pd, Carlo Guccione

Detenuto rumeno si suicida nel carcere di Castrovillari Da gennaio è il settimo caso, troppe carenze CASTROVILLARI - Ieri mattina, poco prima delle 10, nel carcere di Castrovillari, in provincia di Cosenza, si è suicidato un detenuto di origine rumena. L’uomo ha usato dei lacci per impiccarsi, dopo che l’agente era passato per il consueto giro di controllo. «Il corpo dell’uomo- afferma Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe, sindacato autonomo polizia penitenziaria - è stato trovato subito dopo dallo

stesso agente che è intervenuto prontamente, ma non c’è stato niente da fare per salvare la vita al detenuto. Il trend dei suicidi nel 2011 è simile a quello del 2010, anno in cui ne abbiamo registrati 66. I suicidi sono già 7 da gennaio. Purtroppo, sovraffollamento e carenza di personale non consentono nessun tipo di prevenzione».

La Bcc Mediocrati dona 35 pc alla Diocesi di Cosenza COSENZA - 35 computer, con relativi monitor, sono stati donati ieri mattina dalla Bcc Mediocrati alla Diocesi di Cosenza che, a sua volta, ha distribuito le apparecchiature informatiche tra le parrocchie e gli uffici diocesani. Con i parroci erano presenti: mons. Salvatore Bartucci, Vicario generale dell’arcivescovo di Cosenza-Bisignano; Nicola Paldino, presidente della Bcc Mediocrati; Giuseppe Ianniello, responsabile area manager della società Ecs Italia. «Nel giorno dell’amore - ha sottolineato il presidente della Bcc Mediocrati, Nicola Paldino - Bcc e Diocesi tornano ad incontrarsi. Per noi è tributo alla memoria di Don Carlo De Cardona, il nostro fondatore, l’apostolo delle Casse Rurali calabresi». Giuseppe Ianniello, responsabile area manager della società Ecs Italia, ha spiegato il ruolo di Ecs

nella donazione. «La nostra società è partner informatico della Bcc Mediocrati. Quando il presidente della Banca ci ha coinvolti in questa operazione siamo stati lieti di poter dare il nostro contributo a favore delle Parrocchie». Ianniello, inoltre, si è detto disponibile a proseguire il rapporto Bcc - Diocesi organizzando corsi di formazione informatica gratuita per i parroci della Diocesi di Cosenza. «Il dono è un gesto importante - ha sottolineato Don Salvatore Bartucci, Vicario della Diocesi - ma ancora più importanti sono i valori sottostanti». Nel ricordare l’opera di De Cardona, Don Bartucci ha evidenziato l’immediata disponibilità della Bcc Mediocrati al momento della inaugurazione della Fondazione antiusura intitolata a Don Carlo.

r.c.


il Domani

|

AsteInfoappalti

19

Martedì 15 Febbraio 2011

TRIBUNALE DI CATANZARO CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell'Esecuzione Dr.ssa Damiani Song nella procedura esecutiva n. 19/1986 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n. 1 F. 6 - Particella 102 Sub. 2. al prezzo base di euro 16.031,25. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 13 APRILE 2011. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569 cpc in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia dei documento d'identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. 19/86" di un importo pari al 10% del prezzo base o dei prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 3.000,00. in L'aggiudicatario, dovrà versare Cancelleria, il prezzo d'acquisto dedotta la già versata cauzione entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicati entro il termine di quarantacinque giorni, oltre che nelle forme di legge, mediante le seguenti inserzioni www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro, 27.01.2011 °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'esecuzione, dr.ssa Giovanna Gioia ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 58/07 R.G.E. pendente tra e visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: lotto 1: locale ad uso laboratorio artigianale, in Montepaone, Via degli Aurunci s.n.c., sup. mq 410, in catasto al foglio 10 p.lla 398 sub. 3 prezzo base: euro 142.699,50. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 58/07 recante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 05.04.2011, sono a carico del procedimento le spese di trasferimento. L'udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l'eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in

data 06.04.2011. Aumento minimo in caso di gara euro 3.000,00. L'aggiudicatario, dovrà versare 1l prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 10.11.2010 °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che nella procedura esecutiva n. 48/08 R.G.Espr. Il Giudice dell'esecuzione, dr.ssa Maria Carmela Andricciola, visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita, Ha disposto la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico "Villetta a due pani unifamiliare con annessa corte di mq 400,00, in loc. Colaierni del Comune Girifalco, in catasto al fg. 47 part.43 sub 1" al prezzo base di euro 133.861,50: ha fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 05 aprile 2011 ore 12,00; Ha fissato per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 3.000,00, l'udienza del 06 aprile 2011 ore 9.30; ha disposto che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro Procedura n. 48/08" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria. sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica; L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione; spese di trasferimento a carico della procedura esecutiva; ha disposto che il creditore procedente provveda. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all'art.498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano "Il Domani", con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executivis. Ha mandato alla cancelleria di provvedere all'avviso previsto dagli artt.49A e 570 c.p.c. Ha disposto che nelle suddette forme di pubblicità siano omessi l'indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rivelare l'identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Catanzaro, 10 novembre 2010 °°°°°°°°°° Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dr.ssa Giovanna Gioia

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

nella procedura esecutiva n. 235/91 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni siti in Botricello: Lotto n. 3: Appartamento in Botricello, via Firenze n. 22, piano primo, in catasto al F.5, art.94, sub.1101 - Euro 25.312,50 Lotto n. 5: Due appartamenti in Botricello, Via Firenze n. 22, sup. 70,61 e 70,22 piano primo in catasto al foglio 5, p.lla 94, sub. 3 e 4. Euro 10.575,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 06 aprile 2011. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita (05 aprile 2011), una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. 235/91 RGE" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. L'aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico dell'aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro, 10 novembre 2010 °°°°°°°°°° Avviso di vendita di beni immobili pignorati ex art 569 c.p.c., comma 3 Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL CANCELLIERE comunica che il Giudice dell'Esecuzione, dr.ssa Gioia, nella procedura esecutiva n. 251/91 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n. 1): Unità immobiliare in Belcastro, Via Oberdan, n. 11, costituita da un vano a piano terra, mq 31,68 in Catasto foglio 11, part. 38 sub. 1. prezzo euro 6.750,00 Lotto n. 2): Unità immobiliare in Belcastro, Via D'Orso, n. 89, costituita da un vano a piano terra e appartamento al primo piano, in Catasto foglio 10, part..18 sub.4. prezzo euro15.750,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L'udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 06 aprile 2011. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d'acquisto, Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita (05 aprile 2011), una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria

domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un Assegno Circolare Non Trasferibile intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. 251/91 RGE" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 500,00. L'aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell'aggiudicatario Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani. Catanzaro, 10 novembre 2010 °°°°°°°°°° Avviso di pignoramento dei beni immobili pignorati ex art.569 c.p.c., comma 6 Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dr.ssa Giovanna Gioia nella procedura esecutiva n. 46/88 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene in Catanzaro: Lotto n. 3: Unità immobiliare, piano terra, uso deposito, in Catanzaro, località Santa Domenica, foglio 37, p.lla 214, Zona 4, Categoria C2, con terreno circostante. Euro 5.675,10 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 06 aprile 2011. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita (05 aprile 2011), una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un Assegno Circolare "Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. 46/88" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 500,00. L'aggiudicatario, dorà versare in Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico dell'aggiudicatario. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni:

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

20

Martedì 15 Febbraio 2011 - www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro, 10 novembre 2010 °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell'Esecuzione Dr. Gioia nella procedura esecutiva n. 100/2009 R.G.E. Il Giudice dell'Esecuzione, dott. Giovanna Gioia, a scioglimento della riserva assunta in data 04.11.2010, dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: LOTTO 1: appartamento sito in Soverato (CZ), Via Vivaldi, in catasto al fg 12 particella 140, sub. 13, al prezzo base di euro 232.596,00; LOTTO 2: villa residenziale sita in Satriano (CZ), Contrada Martelli, in catasto al fg 2 particella 523, al prezzo base di euro 368.804,00; Fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 05.04.2011 ore 12:00. Fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 1.000,00 l'udienza del 06 APRILE 2011 ore 9.30. Dispone che le offerte d'acquisto siamo presentate in una busta chiusa unitamente ad un assegno circolare "Intestato a "Tribunale di Catanzaro procedura n. 100/2009" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica. L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte alla notifica della presente ordinanza i creditori di cui all'art. 498 c.p.c. non comparsi, nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito Internet www.aste.eugenius.it e diffusione il quotidiano "Il Domani", con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in excutvis. Manda alla Cancelleria di provvedere all'avviso previsto ex artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nelle suddette forme di pubblicità siano omessi l'indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rivelare l'identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Catanzaro, 12.11.2010 IL GIUDICE

TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 42/05 R.G.E. G.E. Dr. Francesco Murgo Custode Giudiziario: Avv. Patrizia Carella Lotto 1: Piena ed intera proprietà di un magazzino sito nel comune di Crotone Prezzo base: euro 308.496,00 Rilancio: euro 2.000,00 Vendita senza incanto: 20.04.2011 Vendita con incanto: 27.04.2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita

Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, o presso il custode giudiziario Avv. Patrizia Carella - Tel. 0962/23846 consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI R.E. n. 67/2010 IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all'udienza del 16 dicembre 2010; preso atto dell'istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custodi del bene pignorato sono i debitori; considerato che la natura e la destinazione del compendio pignorato, unitamente alla carenza di elementi probatori da cui poter evincere il concreto pericolo di un relativo deterioramento nelle more della definizione della procedura di vendita, inducono a ritenere che la sostituzione dei debitori con un terzo nell'attività di custodia giudiziaria, non abbia, allo stato, utilità, ex art. 559, comma 4, c.p.c, come novellato dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, fermo restando l'obbligo di rendere il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c.; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell'esperto, in ordine sia all'individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569,571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 122.000,00, alla vendita coattiva del seguente bene: lotto unico - "appezzamento di terreno di mq. 2160 sito in Nocera Terinese, località Marinella, Passo Bagni, facente parte di un complesso di lottizzazione, riportato nel NCT al foglio 20, p.lla 89"; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l'esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d'ora la data per gli incanti; EVIDENZIATO, QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO, CHE: - ciascun offerente, ai sensi dell'art. 571, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l'acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.), presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del bene (e del lotto) cui l'offerta si riferisce, del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - l'offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme; - in caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta; - L'OFFERTA È IRREVOCABILE, SALVO CHE: 1. il giudice ordini l'incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - L'OFFERTA NON È EFFICACE: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell'articolo 568 e più sopra ricordato; c) se l'offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane spa", in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; - all'offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l'assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per l'esame delle offerte; le buste saranno aperte all'udienza fissata per l'esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; nel caso di mancata comparizione dell'offerente o degli offerenti l'aggiudicazione sarà comunque disposta, fatta salva l'applicazione delle previsioni di cui all'art. 572, commi 2 e 3, c.p.c.; in caso di più offerte valide, si procederà a gara sull'offerta più alta secondo il sistema delle schede o buste segrete, fatta salva l'applicazione dell'art. 573, comma 2, c.p.c.; - in alternativa alle modalità di cui sopra, la presentazione delle offerte di acquisto può avvenire anche mediante l'accredito, a mezzo di bonifico o deposito su conto postale o bancario intestato alla procedura esecutiva ed acceso o da accendersi, nel secondo caso, presso il "Monte dei Paschi di Siena S.p.A." - filiale di Lamezia Terme, di una somma pari ad un decimo del prezzo che si intende offrire e mediante la comunicazione, a mezzo telefax o posta elettronica, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi, di una dichiarazione contenente le indicazioni di cui allo stesso art. 571 c.p.c.; detto accredito deve avere luogo non oltre cinque giorni prima della scadenza del termine entro il quale possono essere proposte le offerte d'acquisto; fin d'ora si prevede che, quando l'offerta è presentata con le modalità alternative, il termine per il versamento del prezzo e di ogni altra somma è di novanta giorni; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria

restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; EVIDENZIATO, QUANTO ALL'EVENTUALE, SUCCESSIVA VENDITA AGLI INCANTI, CHE: - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 122.000,00; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a euro 6.000,00; - ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udien-

Info 0961 996802


il Domani

| AsteInfoappalti

21

Martedì 15 Febbraio 2011 za fissata per la vendita all'incanto; - le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; - a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; FISSA, IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO, - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del giorno 5 aprile 2011, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; - per l'esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell'art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, ai sensi dell'art. 573 c.p.c., l'udienza del giorno 6 aprile 2011, ore 12.00 e segg.; FISSA, NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del giorno 19 aprile 2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 20 aprile 2011, ore 12.00 e

segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE, ALTRESI', CHE VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; DISPONE, QUANTO ALLA PUBBLICITÀ IN FUNZIONE DELLA VENDITA, CHE: - su impulso del procedente, sia predisposto l'avviso di vendita, da pubblicare all'albo dell'Ufficio; - a cura, rischio e spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.) del medesimo soggetto, sia data pubblicità: - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su di un quotidiano di informazione a diffusione locale a scelta del creditore, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su una rivista periodica, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, e

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

della relazione di stima dell'esperto su un sito Internet individuato ai sensi dell'art. 173 ter disp. att. c.p.c. e di cui è data notizia in Cancelleria, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - il creditore procedente possa, inoltre, dare pubblicità della presente ordinanza, a sua cura ed ove lo ritenga opportuno: - a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), con pubblicità muraria, da effettuarsi nei Comuni di Lamezia Terme e di ubicazione degli immobili, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), a ulteriori forme di pubblicità dal medesimo prescelte, da eseguirsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - la pubblicità muraria e l'ulteriore pubblicità prescelta sono dichiarate sin d'ora non necessarie ai fini dell'esperibilità della vendita; - della prova della pubblicità elettronica e a mezzo stampa - da depositarsi in cancelleria almeno dieci giorni prima delle vendite - sia fatto carico al creditore procedente o surrogante; AVVERTE Fin d'ora le parti che, ove all'udienza fissata per la celebrazione dell'incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, si riserva di applicare immediatamente e ciò a quella stessa udienza - l'articolo 591 cod. proc. Civ., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, in quello stesso contesto sentendo le parti e provvedendo sulla disposizione dell'amministrazione giudiziaria o sulla fissazione di una nuova vendita; ONERA il creditore procedente di notificare entro il 20 febbraio 2011 la presente ordinanza ai creditori di cui all'art. 498 che non sono comparsi; DA' ATTO Di non disporre, allo stato, la sostituzione del custode per le motivazioni innanzi espresse; ORDINA Ai debitori di presentare il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c., a far data dal pignoramento, entro e non oltre il 20 febbraio 2011, con espresso avviso che, in caso di inottemperanza, l'omissione sarà valutata ai fini dell'eventuale nomina di un custode esterno. Lamezia Terme, lì 16 febbraio 2010 Il Giudice dell'esecuzione dott. Alessandro Brancaccio °°°°°°°°°° UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI R.E. n. 75/2009 IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE letti gli atti del procedimento e sciolta la riserva assunta all'udienza del 2 dicembre 2010; preso atto dell'istanza di vendita formulata dal creditore procedente; rilevato che custode dei beni pignorati è il debitore; considerato opportuno, nonostante lo stato di comproprietà del compendio, disporre comunque la vendita delle quote, per la cui acquisizione è verosimile un interesse dei contitolari non debitori, soprattutto in ragione del loro esiguo valore di mercato; considerato, altresì, che lo stato di contitolarità del compendio, la natura e la destinazione dello stesso, unitamente alla carenza di elementi probatori da cui poter evincere il concreto pericolo di un relativo deterioramento nelle more della definizione della procedura di vendita, inducono a ritenere che la sostituzione del debitore con un terzo, quale custode giudiziario, non abbia, allo stato, utilità, ex art. 559, comma 4, c.p.c., come novellato dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, fermo restando l'obbligo dello

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria

stesso di rendere il conto di gestione, ex artt. 560 e 593 c.p.c.; rilevato che i beni contraddistinti come lotti 1A, 1B, 1C, 1D, 1E, 1F, 1G risultano alienabili nella misura di 1/2 , mentre i rimanenti 1H, 1I, 2A, 2B, 2C nella misura di 1/6, non sussistendo alcun elemento documentale da cui evincere lo stato di mero comproprietario in capo a , dante causa del debitore; ritenuto di poter condividere e prendere a fondamento del prosieguo della procedura le conclusioni della relazione dell'esperto, in ordine sia all'individuazione del compendio immobiliare che alla stima del relativo valore di mercato; ravvisate, pertanto, le condizioni per procedere, ai sensi degli artt. 569, 571 e 576 c.p.c., come novellati dalle leggi 80/2005, 263/2005 e 51/2006, al prezzo base di euro 5.550,00 per il lotto n. 1A, di euro 3.487,50 per il lotto n. 1B, di euro 3.150,00 per il lotto n. 1C, di euro 3.150,00 per il lotto n. 1D, di euro 825,00 per il lotto n. 1E, di euro 750,00 per il lotto n. 1F, di euro 3.425,00 per il lotto n. 1G, di euro 1.258,33 per il lotto 1H, di euro 80,00 per il lotto 1I, di euro 2.306,67 per il lotto n. 2A, di euro 6840,00 per il lotto n. 2B, di euro 9.411,67 per il lotto n. 2C, alla vendita coattiva dei seguenti beni immobili: lotto 1A - "quota pari ad 1/2 della piena proprietà di un terreno sito in Carlopoli, località Grillo, avente una superficie di mq 740, riportato nel NCT al foglio 8, p.lla 407"; lotto 1B - "quota pari ad 1/2 della piena proprietà di un terreno sito in Carlopoli, località Grillo, avente una superficie di mq 465, riportato nel NCT al foglio 8, p.lla 63"; lotto 1C - quota pari ad 1/2 della piena proprietà di un terreno sito in Carlopoli, località Grillo, avente una superficie di mq 420, riportato nel NCT al foglio 8, p.lla 448"; lotto 1D - quota pari ad 1/2 della piena proprietà di un terreno sito in Carlopoli, località Grillo, avente una superficie di mq 420, riportato nel NCT al foglio 8, p.lla 449"; lotto 1E - quota pari ad 1/2 della piena proprietà di un terreno sito in Carlopoli, località Grillo, avente una superficie di mq 110, riportato nel NCT al foglio 8, p.lla 450"; lotto 1F - quota pari ad 1/2 della piena proprietà di un terreno sito in Carlopoli, località Grillo, avente una superficie di mq 100, riportato nel NCT al foglio 8, p.lla 451"; lotto 1G - quota pari ad 1/2 della piena proprietà di un terreno sito in Carlopoli, località Grillo, avente una superficie di mq 685, riportato nel NCT al foglio 8, p.lla 478"; lotto 1H - quota pari ad 1/6 della piena proprietà di un terreno sito in Carlopoli, località Lustra, avente una superficie di mq 7550, riportato nel NCT al foglio 12, p.lla 62"; lotto 1I - quota pari ad 1/6 della piena proprietà di un terreno sito in Carlopoli, località Lustra, avente una superficie di mq 480, riportato nel NCT al foglio 12, p.lla 63"; lotto 2A - "quota pari ad 1/6 di un locale adibito a garage sito in Carlopoli, località Grillo, via Vittorio Emanuele III n°95, avente una superficie di mq 34.60, riportato nel NCEU al foglio 8, p.lla 757 (ex 204), sub1, cat.C/6, classe 1"; lotto 2B - quota pari ad 1/6 di un'unità abitativa sita in Carlopoli, località Grillo, via Vittorio Emanuele III n°95, piano terra, avente una superficie di mq 102.60, riportato nel NCEU al foglio 8, p.lla 757 (ex 204), sub 2, cat. A/4 classe 3"; lotto 2C - quota pari ad 1/6 di un'unità abitativa sita in Carlopoli, località Grillo, , via Vittorio Emanuele III n°95, piano primo, avente una superficie di mq

Info 0961 996802


il Domani

| AsteInfoappalti

22

Martedì 15 Febbraio 2011 137.20, oltre mq 13.25 di balconi, riportato nel NCEU al foglio 8, p.lla 757 (ex 204), sub 3, cat. A/3, classe 1"; rilevato che occorre fissare i termini per la presentazione delle offerte di acquisto senza incanto, la successiva udienza per l'esame delle stesse e, per il caso in cui non abbia per qualsiasi motivo luogo la vendita senza incanto, fin d'ora la data per gli incanti; EVIDENZIATO, QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO CHE: - ciascun offerente, ai sensi dell'art. 571, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l'acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.), presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del bene (e del lotto) cui l'offerta si riferisce, del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - l'offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme; - in caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta; - L'OFFERTA È IRREVOCABILE, SALVO CHE: 1. il giudice ordini l'incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - L'OFFERTA NON È EFFICACE: 1) se perviene oltre il termine stabilito; 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell'articolo 568 e più sopra ricordato; c) se l'offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane spa", in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto; - all'offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l'assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il

nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per l'esame delle offerte; le buste saranno aperte all'udienza fissata per l'esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; nel caso di mancata comparizione dell'offerente o degli offerenti l'aggiudicazione sarà comunque disposta, fatta salva l'applicazione delle previsioni di cui all'art. 572, commi 2 e 3, c.p.c.; in caso di più offerte valide, si procederà a gara sull'offerta più alta secondo il sistema delle schede o buste segrete, fatta salva l'applicazione dell'art. 573, comma 2, c.p.c.; - in alternativa alle modalità di cui sopra, la presentazione delle offerte di acquisto può avvenire anche mediante l'accredito, a mezzo di bonifico o deposito su conto postale o bancario intestato alla procedura esecutiva ed acceso o da accendersi, nel secondo caso, presso il "Monte dei Paschi di Siena S.p.A." - filiale di Lamezia Terme, di una somma pari ad un decimo del prezzo che si intende offrire e mediante la comunicazione, a mezzo telefax o posta elettronica, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi, di una dichiarazione contenente le indicazioni di cui allo stesso art. 571 c.p.c.; detto accredito deve avere luogo non oltre cinque giorni prima della scadenza del termine entro il quale possono essere proposte le offerte d'acquisto; fin d'ora si prevede che, quando l'offerta è presentata con le modalità alternative, il termine per il versamento del prezzo e di ogni altra somma è di novanta giorni; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; EVIDENZIATO, QUANTO ALL'EVENTUALE, SUCCESSIVA VENDITA AGLI INCANTI, CHE: - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 5.550,00 per il lotto n. 1A, di euro 3.487,50 per il lotto n. 1B, di euro 3.150,00 per il lotto n. 1C, di euro 3.150,00 per il lotto n. 1D, di euro 825,00 per il lotto n. 1E, di euro 750,00 per il lotto n. 1F, di euro 3.425,00 per il lotto n. 1G, di euro 1.258,33 per il lotto 1H, di euro 80,00 per il lotto 1I, di euro 2.306,67 per il lotto n. 2°, di euro 6840,00 per il lotto n. 2B, di euro 9.411,67 per il lotto n. 2C; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 5% del prezzo base di ciascun lotto; - ognuno, ai sensi dell'art. 579, comma 1, c.p.c., tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte all'incanto personalmente, a mezzo di mandatario munito di procura speciale o di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, comma 3, c.p.c. (il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.) - ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, deve presentare istanza di

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l'indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l'istanza stessa è riferita, il prezzo proposto, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa), l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima; - l'istanza, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da depositare in copia conforme; - in caso di istanza presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza; - all'istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società); - con l'istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle "Poste Italiane s.p.a.", tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d'asta; - all'esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell'esecuzione e la data dell'udienza fissata per la vendita all'incanto; - le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.; la mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario; nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria; - a norma dell'art. 584 c.p.c., infatti, avvenuto l'incanto, possono essere presentate offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 quello raggiunto nell'incanto; l'aggiudicazione, pertanto, diverrà definitiva ove, decorsi dieci giorni, non siano state presentate offerte in aumento; - tali offerte potranno essere depositate presso la Cancelleria, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria

e verrà pronunciata a carico degli offerenti (salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo) la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati; - è possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente protocollo "ABI" per la concessione di mutui agli aggiudicatari; l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme è reperibile presso la Cancelleria; FISSA IN RELAZIONE ALLA VENDITA SENZA INCANTO, - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del giorno 5 aprile 2011, con le modalità e per il prezzo base di cui sopra; - per l'esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell'art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, ai sensi dell'art. 573 c.p.c., l'udienza del giorno 6 aprile 2011, ore 12.00 e segg.; FISSA NEL CASO IN CUI LA VENDITA SENZA INCANTO NON ABBIA LUOGO, - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle istanze di partecipazione alla vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale della presente ordinanza, termine fino alle ore 13.00 del giorno 19 aprile 2011, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 20 aprile 2011, ore 12.00 e segg., la vendita ai pubblici incanti del compendio immobiliare sopra indicato, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; STABILISCE ALTRESI', CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l'aggiudicatario dovrà versare la differenza

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

23

Martedì 15 Febbraio 2011 del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane s.p.a." (qualora il procedimento si fondi su credito fondiario e l'aggiudicatario non intenda avvalersi della facoltà di subentrare nel contratto, all'assegno circolare sarà sostituito, ex art. 41, comma 4, D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato per capitale, interessi e spese con collocazione privilegiata, entro lo stesso termine e detratto un accantonamento per spese nella misura che sarà indicata dal g.e.); in mancanza, si provvederà a dichiarare la decadenza dall'aggiudicazione, a norma dell'art. 587 c.p.c.; - soltanto all'esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento, da effettuarsi contestualmente a quello della differenza del prezzo di aggiudicazione, nella misura del 20% di quest'ultimo, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; DISPONE, QUANTO ALLA PUBBLICITÀ IN FUNZIONE DELLA VENDITA, CHE: - su impulso del procedente, sia predisposto l'avviso di vendita, da pubblicare all'albo dell'Ufficio; - a cura, rischio e spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.) del medesimo soggetto, sia data pubblicità: - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su di un quotidiano di informazione a diffusione locale a scelta del creditore, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, su una rivista periodica, pubblicità da effettuarsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - in ogni caso, per una sola volta, della presente ordinanza, escluse le note, e della relazione di stima dell'esperto su un sito Internet individuato ai sensi dell'art. 173 ter disp. att. c.p.c. e di cui è data notizia in Cancelleria, almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - il creditore procedente può, inoltre, dare pubblicità della presente ordinanza, a sua cura ed ove lo ritenga opportuno: - a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), con pubblicità muraria, da effettuarsi nei Comuni di Lamezia Terme e di ubicazione degli immobili, almeno

quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - a sue spese (rimborsabili ex art. 2770 cod. civ.), a ulteriori forme di pubblicità dal medesimo prescelte, da eseguirsi almeno quarantacinque giorni prima del termine per la presentazione delle offerte o della data dell'incanto; - la pubblicità muraria e l'ulteriore pubblicità prescelta sono dichiarate sin d'ora non necessarie ai fini dell'esperibilità della vendita; - della prova della pubblicità elettronica e a mezzo stampa - da depositarsi in cancelleria almeno dieci giorni prima delle vendite - sia fatto carico al creditore procedente o surrogante. AVVERTE fin d'ora le parti che, ove all'udienza fissata per la celebrazione dell'incanto, questo non abbia luogo per qualunque motivo, si riserva di applicare immediatamente e cioè a quella stessa udienza - l'articolo 591 cod. proc. civ., senza alcun rinvio intermedio o ulteriore, in quello stesso contesto sentendo le parti e provvedendo sulla disposizione dell'amministrazione giudiziaria o sulla fissazione di una nuova vendita. ONERA il creditore procedente di notificare entro il 25 febbraio 2011 la presente ordinanza agli eventuali creditori di cui all'art. 498 che non sono comparsi; DA' ATTO di non disporre, allo stato, la sostituzione del custode per le motivazioni innanzi espresse; ORDINA al debitore di presentare il conto di gestione ex art. 560 e 593 cpc a far data dal pignoramento entro e non oltre il 25 febbraio 2011, con espresso avviso che, in caso di inottemperanza l'omissione sarà valutata ai fini dell'eventuale nomina di un custode esterno. Lamezia Terme, lì 2 dicembre 2010 Il Giudice dell'esecuzione f.to Dott. Alessandro Brancaccio

TRIBUNALE DI LOCRI PROCEDURA FALLIMENTARE n. 1096 R.F. IL GIUDICE DELEGATO - visti gli atti della procedura fallimentare iscritta nel R.F. al n. 1096; - letta l'istanza in data 29 marzo 2010, con cui il curatore ha chiesto che la vendita del bene immobiliare acquisito all'attivo fallimentare sia eseguita dal giudice delegato secondo le disposizioni del codice di procedura civile (e precisamente con le modalità e le forme di pubblicità previste dall'art. 108 L.F. nella vecchia formulazione, la quale disposizione indicava come prioritaria la vendita con

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

incanto); - considerato che l'istanza è conforme al supplemento del programma di liquidazione, presentato dal curatore ex art. 104 ter c. 5 L.F., approvato dal comitato dei creditori: - richiamata la relazione del C.T.U. ing. Odoardo Barbarello depositata in Cancelleria l'11.03.2010; - ritenuto, quindi, di dover procedere alla vendita con il sistema dell'incanto; - letti gli artt. 104 ter, 107 c.2, 576 e ss. c.p.c.; ORDINA la vendita all'incanto per l'udienza del 02 maggio 2011, ore 09,30, da tenersi innanzi a sé, dei seguenti beni immobili nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano anche in riferimento alla legge n. 47/85 e meglio descritti in ogni parte compresi i dati catastali ed i confini (che qui si intendono integralmente riportati) nella consulenza estimativa sopra richiamata che forma parte integrante della presente ordinanza. LOTTO UNICO: "Quota parte (1/2) del diritto di proprietà su appartamento posto all'ultimo piano di edificio condominiale a cinque piani, sito in Roccella Jonica, via Roma 125, riportato nel catasto fabbricati di Roccella Jonica, al fgl.42, part.lla 1048 sub 9, cat. A/3, cl. 1 (cons. 7 vani)" Prezzo base del lotto (IVA esclusa se dovuta): Euro 83.300,00 - Deposito per cauzione: 10% del prezzo; - Aumento minimo: Euro 2.500,00. Il curatore, qualora gli immobili posti in vendita siano assoggettati ad IVA, dovrà indicare la relativa aliquota di legge in sede di apertura dell'incanto; l'IVA dovrà essere interamente versata dall'aggiudicatario - unitamente al prezzo residuo - entro il termine perentorio di 60 giorni dalla provvisoria aggiudicazione. Coloro che intendono partecipare all'incanto dovranno in Cancelleria - nel termine perentorio sino alle ore 13,00 del giorno precedente l'udienza di vendita - personalmente o a mezzo di mandatario munito di procura speciale: a) - depositare apposita domanda in carta semplice; b) - versare la somma sopra determinata per cauzione a mezzo di assegni circolari intrasferibili intestati all'offerente. Il Cancelliere incaricato avrà cura di: 1. ricevere le domande ed i versamenti depositati sino alle ore 13,00 del giorno precedente l'udienza di vendita; 2. annotare su tali domande e versamenti l'ora, il giorno, il mese e l'anno di presentazione; 3. allegare al fascicolo d'ufficio - prima dell'inizio dell'incanto - tutte le domande presentate e la prova dei versamenti effettuati. Se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che

AsteInfoappalti è un Progetto a cura della Mediatag Spa coordinamento area Calabria

lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione. L'aggiudicatario, entro il termine perentorio di giorni 60 dalla provvisoria aggiudicazione dovrà versare il residuo prezzo e l'IVA, detratta la cauzione già corrisposta, su un libretto di deposito giudiziario vincolato al fallimento; dovrà, inoltre, versare nel medesimo libretto di deposito e nello stesso termine, l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento. Il mancato versamento nel suddetto termine perentorio del prezzo residuo e dell'IVA comporterà la decadenza dall'aggiudicazione e l'incameramento della cauzione da parte del curatore. Tutte le spese relative alla vendita, comprese quelle inerenti la cancellazione di trascrizioni ed iscrizioni gravanti sul bene, sono a carico dell'aggiudicatario. Ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria (con le forme di cui all'art. 571 c.p.c.) offerte di acquisto entro il termine di giorno dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 c.p.c.) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; le offerte in aumento andranno effettuate in cancelleria con le forme di cui all'articolo 571 cpc, prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, ind"ce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui sopra; se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara così indetta, l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti in aumento, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo sarà incamerato dal curatore. In caso di asta deserta avrà luogo altro esperimento d'incanto il giorno 23 maggio 2011 - ore 9,30, con riduzione di 1/4 del prezzo base (e dell'aumento minimo) fissato per ogni lotto al 1° incanto. LOCRI, lì 22 gennaio 2011 IL GIUDICE DELEGATO Dr. SERGIO MALGERI

Info 0961 996802


24

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

IL FORUM L’avvocato Evel Fanfan racconta al “Domani” le sofferenze del suo popolo

Una ricostruzione difficile: «Ad Haiti serve ancora aiuto» di Gaia Mutone ROMA – Sono passati esattamente tredici mesi dal terribile terremoto che il 12 gennaio 2010 ha colpito Haiti. Più di un anno da un evento che ha provocato oltre 220 mila vittime, ferito altre centinaia di migliaia di persone, lasciato senza un tetto sulla testa quasi due milioni di civili già piegati dalla povertà e distrutto praticamente ogni edificio esistente sull’isola. Sin dai primissimi giorni dopo il sisma, la visibilità che i media hanno dato alla tragedia ha favorito una mobilitazione internazionale senza precedenti, che ha coinvolto soggetti governativi, paragovernativi e associazioni benefiche di ogni tipo e grandezza. Dopo un anno però emergono pesanti ombre su un modello umanitario che non ha tenunto conto delle richieste della popolazione haitiana e su una ricostruzione, ancora non iniziata, che non ha un piano e che è passata in secondo piano rispetto all’epidemia di colera scoppiata lo scorso ottobre. Completano il quadro l’instabilità politica aggravatasi con le contestatissime elezioni del 28 novembre, la corruzione dilagante e l’aumento delle violenze nelle tendopoli ancora strapiene. Per cercare di tracciare un quadro preciso della situazione attuale abbiamo invitato nella nostra redazione romana Evel Fanfan, avvocato haitiano presidente dell’associazione Aumohd (Action des unités motivées pour une Haiti de droit), Gaelle M. Celestin (rappresentante dell’associazione in difesa delle donne Gfanm Ayisyen Yo) e Italo Cassa (La Scuola di Pace), che ci hanno spiegato cosa sta succedendo ad Haiti. Monsieur Fanfan, può dirci qual è la situazione ad Haiti e come sta andando la ricostruzione? «Siamo ancora in uno stato di completa precarietà. Non c’è uno Stato, e quando dico Stato intendo i tre poteri, legilativo, esecutivo e giudiziario, la ricostruzione ancora non è cominciata e ci troviamo a combattere contro un’epidemia di colera che da quando è scoppiata, in ottobre, ha già fatto quasi 4 mila vittime. Epidemia di colera che se non era prevebibile era però immaginabile dato che le centinaia di migliaia di persone che si trovano ancora nei campi di fortuna, o meglio per la strada, vivono in condizioni igieniche pessime e in una situazione di promiscuità estrema che espone donne e bambini ad ogni tipo di violenza». Ma in tutto questo non c’è qualcuno che vigila per assicurare un minimo di controllo? «No, non c’è controllo. Bisogna premettere anche che il terremoto è arrivato in un Paese in cui lo Stato era già debole. Poi il sisma ha distrutto i palazzi e le strutture del governo e decimato i quadri, mentre quelli che sono sopravvissuti hanno lasciato Haiti, emigrando in Canada, negli Stati Uniti e in Europa. Quindi quando le Ong, grandi, medie e piccole, sono arrivate sull’isola non hanno trovato nessuno a coordinare i soccorsi». E come hanno agito le Ong? «Tutte le Ong arrivate ad Haiti non avevano confidenza con il terreno e non sapevano come muoversi. Una delle conseguenze è stata che un buon 65 per cento del denaro che era stato stanziato dalla comunità internazionale e dalle organizzazioni benefiche, anziché essere impiegato per fornire assistenza diretta alla popolazione colpita fornendo cibo, medicine e accesso all’acqua potabile, è stato "dirottato" su "progetti di funzionamento" delle Ong, per assicurarne cioè

e che interagisca con questa e non tanto con la politica. Faccio un esempio: quando si volevano stanziare i 30 milioni di dollari per le elezioni noi, società civile, ci siamo opposti perché volevamo che quei soldi andassero in aiuto diretto alla popolazione, che fossero impiegati per comprare cibo e assistere le persone che sono per la strada. Così non è stato. Di qui la decisione di presentare una petizione alla comunità internazionale per fermare questa forma di funzionamento. Vogliamo chiedere un’audizione al parlamento europeo per spiegare la situazione e chiedere che venga definito un protocollo». Il sisma ha creato molta confusione. Per esempio, alle persone che a Port au Prince erano in lista per ricevere una casa nuova perché la loro era stata distrutta dal terremoto, se ne aggiungevano altre che venivano da fuori e che "approfittavano" dell’emergenza per ottenere la loro prima casa. «È vero, ma è stata una situazione provocata. Dopo il terremoto abbiamo chiesto allo Stato di fare un censimento delle vittime del terremoto e di assistere le persone dove si trovavano, ma è stato fatto il contrario e i poveri si sono mischiati alle "vere" vittime del sisma. Anche le Ong si sono concentrate nella capitale e il risultato è che si è creato il sovraffolamento che ha contribuito allo scoppio dell’epidemia di colera. Anche il rappresentante delle Nazioni unite ci ha risposto che non avevano i mezzi per andare in provincia e assistere la gente fuori Port au Prince». Qual è la priorità per Haiti? «Ristabilire la giustizia, perché solo con questa è

il funzionamento: per comprare veicoli, per organizzare una rete di trasporti e per pagare il personale». Quando si parla di Ong ci si riferisce ad una costellazione di soggetti molto diversi tra loro. Tutte però hanno in comune la necessità di appoggiarsi ad un potere politico locale per realizzare politiche sanitarie e sociali. Come hanno aggirato la mancanza di strutture governative? «La maggior parte delle Ong gode di molta credibilità, ma lasciate a loro stesse, in un primo momento, è anche successo che alcune organizzazioni siano dovute scendere a compromessi per pagare il personale». Bisognerebbe quindi avviare una seria riflessione, a livello internazionale, sull’attuale modello umanitario per slegarlo dalla politica? «Certamente. Dovrebbe essere definito un codice, una sorta di protocollo che regoli il funzionamento delle Ong nei paesi colpiti da tragedie umanitarie. Bisognerebbe limitare i rapporti tra Ong e Stato; impedire che si vengano a creare legami che possano alimentare clientelismi e corruzione. Si dovrebbe puntare ad un modello assistenziale che rispetti la società

Le foto documentano le attività della Scuola di Pace portate avanti ad Haiti

possibile controllare le Ong e i flussi di denaro, impedire che vengano arrestate illegalmente centinaia di persone, come avviene adesso, fermare la corruzione e l’impunità per chi non rispetta i diritti civili e avviare una ricostruzione nella quale vengano impiegati lavoratori con un regolare statuto e non in maniera da favorire sfruttamento e mancanza di sicurezza». Appunto. La ricostruzione. Gli haitiani sono coinvolti? «No, non c’è neanche un piano. Persino nella commissione che dovrebbe occuparsene (quella presieduta da Bill Clinton) siamo tagliati fuori: il nostro rappresentante nella realtà è solo uno spettatore e non ha potere decisionale, che invece è tutto nelle mani del presidente Clinton, in aperto contrasto con la nostra costituzione. A questo mi riferisco quando dico che bisogna definire un protocollo per le Ong e che garantisca alla popolazione colpita dalla tragedia umanitaria di partecipare alla ricostruzione del proprio Paese. Di fatto, invece, è stata imposta una egemonia internazionale».


Martedì 15 Febbraio 2011 il Domani 25

IL FORUM Con il sisma, completamente annichilito il già fragile sistema sociale organizzato

La tragica storia della Perla delle Antille, tra povertà e speranza di Francesco Pungitore ROMA – Immaginate di essere catapultati, all’improvviso, in un Paese in cui lo Stato, nella sua accezione più ampia, non esiste. Un Paese nel quale l’amministrazione della giustizia sconfina, spesso e volentieri, nell’arbitrio, nella prevaricazione, e nel quale il sistema educativo è totalmente assente. Immaginate, a questo punto, di essere circondati da cumuli informi di rifiuti e macerie. Non c’è acqua, né per bere né per lavarsi. E intanto, l’ombra di una epidemia di colera si fa sempre più pesante. Quando il Sole illumina le strade, tanti volti sembrano materializzarsi dal nulla. Sono figure gentili, che portano aiuti sulle loro pesanti jeep. Le loro parole rincuorano, ma difficilmente scaldano le tendopoli sferzate dal freddo della sera. Né garantiscono tutela ai più deboli: alle donne, ai bambini. Tutto questo è Haiti, ad un anno dal devastante terremoto che ha desertificato una nazione intera. Non sono crollate solo le case, i palazzi istituzionali e le baracche. Si è schiantato al suolo tutto. È in questo difficile contesto che Evel Fanfan e Gaelle Celestin conducono la loro battaglia in difesa dei diritti degli uomini e delle donne sopravvissuti alla tragedia del 2010. Ed è qui che Italo Cassa ha condotto i volontari della “Scuola di Pace”, impegnandosi in una importante ed apprezzata opera di assistenza. Il Domani ha voluto dare voce alle loro storie, proponendosi come spazio di informazione e riflessione su questa complessa realtà. In verità, nella "Perla delle Antille" non si viveva bene neanche prima del sisma. Ma anche quel poco che c’era, quella fragile parvenza di sistema sociale organizzato, è completamente annichilito.Vivere, oggi, ad Haiti significa "sopravvivere". Un destino tragico che sembra seguire una traccia profonda radicata nella storia. L’isola viene strappata dalla sua idilliaca condizione di isolamento il giorno stes-

Da sinistra: Gaia Mutone, nella redazione di Roma del Domani, intervista Evel Fanfan, Gaelle Celestin e Italo Cassa

so in cui Colombo approda con le sue caravelle. E subito gli invasori europei Le macerie sono celebrano il loro insediamento con un genocidio. Nel giro di 50 anni, in un ancora dove le ha lavacro di sangue, della etnìa "taino" non resta che il ricordo. Segue la stagione lasciate il della schiavitù: milioni di africani trasci- terremoto. Ancora nati in catene nel Mar dei Caraibi per lavorare nelle miniere e nelle piantagioni difficile l’accesso di cacao e canna da zucchero. Schiavi che, però, trovano il coraggio di ribellar- all’acqua potabile. si. Il fuoco della rivolta divampa quando C’è da reinventare appare sulla scena un capo, un leader. Una figura quasi mitica che, nell’orgo- un Paese glioso racconto di questo popolo, viene paragonata a Socrate, o a Gesù. Questo generale di colore che parla francese e si ispira ai valori della Rivoluzione del 1789 si chiama

Toussaint L’Ouverture . Conduce i suoi fratelli neri alla guerra ed alla libertà. E paga la sua vittoria con la prigionia, trovando la morte proprio in un carcere di quella nazione, la Francia, che gli aveva infuso gli ideali di fratellanza universale ed uguaglianza. Il sogno dell’indipendenza si trasforma in un incubo nei secoli seguenti. Haiti paga duramente, prima, l’occupazione militare statunitense e, poi, la dittatura dei Duvalier (padre e figlio). Non trova pace neanche negli anni più recenti, tra colpi di stato e scontri tra gruppi rivali. Oggi c’è un presidente eletto, René Préval. Ma manca tutto il resto. Il terremoto ha stabilito che bisogna ricominciare da zero. Oggi bisogna reinventare un Paese, cancellando, possibilmente per sempre, la traccia di dolore che la storia moderna sembra avere impresso nell’anima di questi luoghi.

Vademecum per dare un sostegno concreto La migliore donazione è quella “settoriale”, mirata ad un progetto. Richiedere sempre la documentazione Orientarsi nella Babele delle Organizzazioni non governative non è semplice e, come molte volte ha insegnato la storia, è sempre meglio informarsi prima di effettuare una donazione ad una delle tante associazionibenefichemobilitate nei teatri delle grandi emergenze umanitarie. Un consiglio che danno gli addetti ai lavori è di contattare direttamente l’ente a favore del quale si vorrebbe effettuare la donazione e richiedere la documentazione che testimoni che la somma devoluta sia stata effettivamente spesa per quello a cui era stata destinata. Materiale fotografico e documentazione cartacea sono sempre un’assicurazione in più. Assicurarsi anche che l’ente in questione abbia dei recapiti veri e che ci sia sempre il modo di contattare i responsabili. Il passaparola è un’altra garanzia. Fare donazioni mirate a singoli progetti evitando di donare denaro a soggetti

che non abbiano un programma di assistenza messo nero su bianco o dal carattere generalista. Si può decidere di aiutare le donne, i lavoratori o di contribuire ai progetti che mirano a far tornare sui banchi di scuola i bambini. Riferimenti AUMOHD (Ong riconosciuta dalle organizzazioni internazionali) Campo d’azione: centri di detenzione, le prigioni, i commissariati e sotto-commissariati, fabbriche tessili, quartieri poveri e conflittuali. Presta assistenza legale gratuita alle vittime di ingiustizia. Contatto: Evel Fanfan, avvocato difensore dei diritti umani. 19, Delmas 49, Port au Prince, Haiti. Phone: 509 36894269, 509 34297129. E-mail: presidentaumohd@yahoo.fr oppure fanfanmel@yahoo.fr La Scuola di Pace C.P. 4096, 00182 Roma Appio www.lascuoladipace.org Tel: 06/95558064 Tel.: 340/0585167

Francesco Pungitore, caposervizio del Domani, accoglie in redazione l'avvocato Evel Fanfan


26

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

CRONACHE Si tratta di un minore, bloccato dagli agenti del commissariato di Taurianova della polizia. Antonio Battaglia è stato ferito con un colpo di pistola in una saletta del suo bar sul corso

Arrestato il responsabile del ferimento di Battaglia di Giuseppe Viola TAURIANOVA - E’ stato arrestato dalla polizia il responsabile del ferimento, accaduto lunedì sera a Tarianova, di Antonio Battaglia, di 28 anni, titolare di un bar, che ora è in coma farmacologico nell’ospedale di Reggio Calabria. Si tratta di un minore, bloccato dagli agenti del Commissariato di Taurianova della polizia. AnBattaglia è Secondo gli tonio stato ferito con un colpo di pistoinquirenti la in una saletta il ragazzo del suo bar sul corso principale circolava della cittadina da tempo con del reggino. Ilminoreresponuna pistola sabile del ferimento, che non ha precedenti, è stato arrestato dal personale del Commissariato di polizia di Taurianova. Secondoquantoaccertatodagliinquirenti il ragazzo circolava da tempo con una pistola in tasca. Le condizioni del commerciante ferito, che è si trova ricoverato in coma farmacologico negli ospedali riuniti di Reggio Calabria, seppu-

re gravissime, sono giudicate stazionarie dai sanitari. Un conto di 20 euro non pagato. E’ questo il movente del tentato omicidio del barista Antonio Battaglia commesso da un minore di 15 anni, S.G., appartenente ad una famiglia, secondo quanto riferito dagli investigatori, legata alla ’ndrangheta. Secondo la ricostruzione fatta dalla polizia, il tentato omicidio e’ scaturito da una lite tra Battaglia ed il minore per un conto di 20 euro non pagato e del quale il barista aveva chiesto al giovane il saldo. Il minore, al culmine della lite, ha estratto una pistolacalibro 6.35 che deteneva illegalmente. Il barista, non appena ha visto l’arma, ha tentato di fuggire, ma è stato raggiunto da un colpo di pistola

alla testa. Il minore si è poi allontanato, ma si è costituito successivamente al Commissariato di Taurianova accompagnato dai suoi legali, gli avvocati Clara Veneto e Tiziana De Santis. Il minore ha deciso di costituirsi dopo che i poliziotti, malgrado la mancanza di collaborazione da parte delle persone che hanno assistito al tentato omicidio, erano riusciti ad identificarlo. S.G, su disposizione del Procuratore della Repubblica dei minorenni di Reggio Calabria, Carlo Macrì, è stato rinchiuso nel carcere minorile di Reggio. E’ accusato di tentato omicidio aggravato, porto e detenzione abusivi di arma e munizioni e ricettazione.

Le condizioni del commerciante ferito, che si trova ricoverato in coma farmacologico, seppure gravissime, sono giudicate stazionarie

Il tentato omicidio sarebbe scaturito da una lite per un conto di 20 euro non pagato e del quale il barista aveva chiesto al giovane il saldo

Reati ambiente, i minori in Arpacal REGGIO CALABRIA - Favorire nel minore, che ha commesso un reato ambientale, l’acquisizione di una maggiore consapevolezza dei danni provocati ed indurlo a riflettere sulle motivazioni del proprio comportamento. E’ questo uno degli obiettivi del "Progetto Messa alla Prova- intervento di Mediazione / Riconciliazione ex art. 28 D.P.R. 448/88", che vedrà coinvolti il Dipartimento provinciale di Reggio Calabria dell’Agenzia regionale per la protezionedell’ambientedellaCalabria (Arpacal) e l’Ufficio Servizio Sociale per i Minorenni di Reggio Calabria del Dipartimento Giustizia Minorile del Ministero della Giustizia. La conven-

zione tra i due enti è stata siglata venerdì scorso dal direttore del Dipartimento provinciale di Reggio Calabria dell’Arpacal, dr.ssa Angela Maria Diano, e dal direttore dell’Ufficio Servizio Sociale per i Minorenni di Reggio Calabria, dr.ssa Giuseppina Garreffa. Nel dettaglio, con l’accordo raggiunto, che costituisce la prima occasione di collaborazione tra i due Enti, l’Agenzia ambientale calabrese diventa soggetto attivo nell’impegno di recupero sociale dei minori coinvolti nel circuito penale. La convenzione prevede l’inserimento del soggetto che ha commesso un reato ambientale, nelle attività di competenza istituzionale dell’Arpacal.

Effetti del piano di rientro sulla sanità in un incontro LOCRI - Degli effetti del Piano di rientro sulla sanita’ nella Locride si e’ parlato durante un incontro dibattito organizzato dal Rotary Club di Locri presieduto da Girolamo Monteleone. Hanno relazionato Gian Luigi Scarfidi, dirigente del settore Piano di Rientro del dipartimento Salute, e Rosanna Squillacioti, commissario dell’Azienda Sanitaria Provinciale 5 di Reggio Calabria. IlPiano di rientro significa "sacrifici" che, pero’, non devono penalizzare l’utenza e, soprattutto, la qualita’ dei servizi erogati.Nessunrepartoverra’ chiuso presso l’Ospedale di Locri per la cui ristrutturazione e messa in sicurezza vi e’ un finanziamento di 14 milioni di euro. Per il nosocomio e’ stata chiesta l’istituzione del posto fisso di Polizia; sul territorio saranno aperte nuove postazioni del 118.

«È grave quanto accaduto sul decreto “mille proroghe”» REGGIO CALABRIA - «Quanto accaduto in Commissione Bilancio al Senato sul decreto "mille proroghe" è di una gravità inaudita. A Gioia Tauro questo governo ha assegnato solo mortificazioni e briciole». A sostenerlo, in una nota, è il segretario provinciale di Reggio Calabria di Alleanza per l’Italia, Sergio Laganà. «E’ stata gettata la maschera: la maggioranza dominata ericattata dalla Lega - aggiunge - vuole fare chiudere il porto e spostare sempre più l’asse della logistica nazionale verso Nord». Laganàcritica«labocciaturadegliemendamenti presentati dall’Api per la riduzionedelletassediancoraggio».

Cgil: «Peggiorate le situazioni familiari» REGGIO CALABRIA - «Non bastava la crisi, la mancanza di lavoro, le difficoltà delle famiglie che non arrivano alla fine del mese! Ad aggravare la già difficile situazione dei calabresi ci pensa ora il presidente della Giunta Regionale on. Giuseppe Scopelliti che, con decreto della stessa Giunta Regionale n.19 del 25 ottobre scorso, stabilisce dal 1 gennaio 2011 i nuovi criteri per l’esenzione del ticket sanitario. Questi criteri vanno nella direzione di escludere interi nuclei familiari peggiorando di fatto il criterio precedente che considerava esenti dalla compartecipazione alla spesa sanitaria,singoli

soggetti e famiglie per patologie e reddito Isee fino a 10mila euro(circa 20mila euro Irpef)», si legge in una nota della Cgil Reggio.Locri. «Con il nuovo criterio dunque - prosegue la nota - si restringe la platea degli esenti. Per fare un esempio: mentre un nucleo familiare composto da 5 persone padre, madre e 3 figli superiori a sei anni di età con un reddito complessivo annuo Irpef che supera i 12.910 euro, non ha diritto all’esenzione del ticket sanitario,al contrario un pensionato ultra sessantacinquenne che ha un reddito Irpef annuo fino a 36.151 euro oltre 3.000 euro al mese di pensione ha diritto all’esenzione del ticket sanitario.


Martedì 15 Febbraio 2011 il Domani 27

CRONACHE I carabinieri della Stazione di Rosario Valanidi hanno tratto in arresto Santo Paviglianiti

In manette un pastore 67enne per incendio di rifiuti speciali REGGIO CALABRIA - I carabinieri della Stazione di Rosario Valanidi della Compagnia di Reggio Calabria nella giornata di domenica, hanno tratto in arresto Paviglianiti Santo, classe 67, pastore, con l’accusa di incendio di rifiuti speciali. Nel corso di controllo del territorio, infatti, i militari notavano un denso fumo nero in località Serro Valanidi e, recatisi sul posto, notavano che a bruciare era un cumulo di rifiuti abbandonati (frigoriferi, lavatrici, pneumatici e materiale plastico in genere). Notavano anche la presenza di un soggetto che, intento ad appiccare altro fuoco, alla vista dei militari, si allontanava velocemente. Raggiunto a piedi nei campi l’uomo, un pastore di Rosario Valanidi frazione Trunca, veniva bloccato e sottoposto a perquisizione. Indosso lo stesso non aveva nulla ma a seguito di un’accurata ispezione dei luoghi, a circa 5metri dal punto in cui il pastore era stato raggiunto e fermato, venivano rinvenuti un accen-

dino e un giornale arrotolato di cui l’uomo ammetteva di essersi disfatto nella fuga. Accompagnato in Caserma l’uomo indicava altresì il luogo in cui aveva lasciato, nei pressi dell’area, dei petardi a candelotti usati, a suo dire, per tenere lontani i lupi ma che nella circostanza potevano essere impiegati per alimentare il fuoco con la polvere pirica contenuta.

Il Paviglianiti è stato tratto in arresto con l’accusa di incendio di rifiuti speciali, incendio che ha riguardato un’area -divenuta discarica abusiva- di circa 600 mq.

Nel corso di controllo del territorio i militari hanno notato un denso fumo nero in località Serro Valanidi e, recatisi sul posto, hanno visto che a bruciare era un cumulo di rifiuti abbandonati

L’uomo non aveva nulla con sé, ma a seguito di un’accurata ispezione dei luoghi, a circa 5metri dal punto in cui il pastore era stato raggiunto, sono stati rinvenuti un accendino e un giornale

Fedora Grasso

«Guasta la fontana di piazza Carmine» REGGIO CALABRIA - «Mi corre l’obbligo d’intervenire per sensibilizzare le Autorità competenti, al fine di riparare la fontana monumentale di "Piazza Carmine", che non zampilla più acqua». Ad affermarlo è Nuccio Pizzimenti, presidente della Commissione "Risorse Finanziarie" del Pdl, al "Centro Storico" del Comune di Reggio Calabria. Spiega l’esponente del Popolo della Libertà: «Sollecitato anche da numerosi residenti e commercianti della zona, sono intervenuto con apposita istanza, tramite la Multiservizi Spa, vedi pratica n. 2085 del 14 Febbraio 2011, per fare riparare la fontana in oggetto». Nuccio Pizzimenti, che è anche dirigente del Coordinamento Pdl Grande Città Reggio Calabria, conclude la nota stampa: «Augurandomi che l’intervento sia eseguito ad opera d’arte. Mi piace ricordare che "Piazza Carmine" è stata riqualificata dall’Amministrazione comunale, ed oggi è un punto di ritrovo importante nel cuore del "Centro Storico" della nostra Città Metropolitana».


28

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

CRONACHE L. Manfredi deve scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione e pagare 2.600 euro di multa

Trasportava in macchina circa un kg di droga, ridotta la pena CROTONE - La Corte d’appello di Catanzaro, ieri, ha scontato la pena inflitta in primo grado a Luigi Manfredi, crotonese di 36 anni, finito in manette dopo che la Polizia di Catanzaro lo sorprese mentre trasportava in macchina circa un chilogrammo di droga. In primo grado, il primo aprile 2008, l’uomo fu riconosciuto colpevole, oltre che di detenzione illegale e trasporto di sostanze stupefacenti, anche di riciclaggio di auto, e fu condannato a cinque anni direclusione. Ma quest’ultimo reato, ieri, e’ stato derubricato dai giudici (presidente Palma Talerico, consiglieri Donatella Garcea e Alessandro Bravin) in quello di ricettazione, e la pena e’ stata dunque ridotta a tre anni e quattro mesi di reclusione e 2.600 euro di multa. Manfredi (difeso dall’avvocato Pietro Pitari), residente a Isola Capo Rizzuto (Crotone), fu arrestato il 4 febbraio del 2005 dagli uomini della Squadra mobile di Catanzaro lungo la Strada statale 106 Jonica, mentre transitava in localita’ Roccelletta di Borgia con direzione Catanzaro Lido, a bordo di una Citroen. A seguito della perquisizione i poliziotti trovarono, ben occultato sotto il cassetto del sedile anteriore dell’auto, circa un chilo di hashish, accuratamente confezionato in dieci involucri da cento grammi l’uno, divisi in due pacchetti da mezzo

chilo ciascuno. Davanti al giudice per le indagini preliminari Manfredi disse poi che lo stupefacente era destinato ad uso personale. Dopo la convalida dell’arresto, il gip concesse all’uomo i domiciliari.

In primo grado, l’uomo fu riconosciuto colpevole, oltre che di detenzione illegale e trasporto di sostanze stupefacenti, anche di riciclaggio di auto, e fu condannato a cinque anni di reclusione

Maria Franco

A seguito della perquisizione i poliziotti trovarono, ben occultato sotto il cassetto del sedile anteriore dell’auto, circa un chilo di hashish

Proto: amaro attentato a Muraca CROTONE - «Il clima di terrore che imperversa nella provincia di Crotone allarmaparticolarmente.L’attentatointimidatorio ai danni del dirigente comunale di Isola di Capo Rizzuto, Raffaele Muraca è l’amara conferma che esiste un attacco frontale alle istituzioni dello Stato, atteggiamento insopportabile che mira ad indebolire ogni possibile slancio ad un cambiamento invece essenziale. Dimostrando, inoltre, la codardia di chi non conosce altre regole se non quelle di una violenza becera ed antidemocratica. In qualità di presidente del Consiglio della Provincia di Crotone, chiedo alla magistratura ed alle forze dell’ordine di attenzionare

quanto continua ad accadere nel territorio di Crotone, dove il potere della criminalità sta dimostrando una particolare pervasività in ogni ambito. La mia solidarietà all’ennesima vittima di una subcultura che tutti insieme abbiamo il dovere di rifiutare e combattere», afferma Benedetto Proto, presidente del Consiglio provinciale di Crotone. Il capogruppo Idv in seno al Consiglio provinciale,SalvatoreBonofiglio,afferma che «da sempre l’impegno nella politica attiva e la rettitudine nel suo nuovo incarico da dirigente nel Comune di Isola in un settore fondamentale, hanno contraddistinto Raffaele Muraca, persona dalle grandi doti umane».

Oltre 100 tunisini bloccati su un treno dalla polizia CROTONE - Oltre un centinaio di cittadini tunisini, per la precisione 118, tutti uomini e adulti, sono stati bloccati dalla polizia alla stazione di Bologna, mentre viaggiavano su un Intercity notturno proveniente da Reggio Calabria e diretto a Milano. Dalle prime informazioni, la maggior parte sarebbero saliti sul treno a Crotone e potrebbero fare parte dei gruppi di immigrati sbarcati in Italia nei giorni scorsi e affidati a centri "Cara", per i richiedenti asilo, della Calabria e della Puglia. All’arrivo a Bologna, pare che tutti fossero in possesso del biglietto ferroviario, ma erano senza documenti. Per questo - spiega la polizia - sarà necessario procedere al fotosegnalamento per stabilire identità e provenienze. Oltre ai tunisini con il biglietto per Milano, alcuni avevano un biglietto per proseguire il viaggio fino a Ventimiglia (Imperia). E’ dunque probabile che fossero diretti in Francia o in altri paesi del Nord Europa, forse per raggiungere parenti. Durante le procedure di foto segnalamento, le forze dell’ordine si sono schierate per evitare che qualcuno tenti di allontanarsi dalla stazione. In tarda mattinata di ieri, nel piazzale Est sono arrivati anche una ventina di attivisti del centro sociale Tpo, per portare solidarietà ai tunisini. A quanto si è appreso, nei giorni scorsi altri piccoli gruppi di immigrati avevano viaggiato sullo stesso convoglio, l’Intercity Night 784, sempre muniti di biglietto e senza creare problemi a livello ferroviario.

In città la banda larga di Vodafone CROTONE - La banda larga di Vodafone arriva in Provincia di Crotone. Con la copertura di Cerenzia, con 1255 abitanti, prosegue il progetto "1000 Comuni" per portare la banda larga in un Comune al giorno nei prossimi tre anni, fino a un totale di 1000. «Il progetto 1000 Comuni che fa tappa oggi a Cerenzia, primo comune del Crotonese ad esser raggiunto dall’iniziativa, rappresenta il nostro contributo concreto per portare la banda larga nei Comuni in digital divide - ha sottolineato MauroTornatore, direttore Regione Sud di Vodafone Italia -. Grazie alla tecnologia via radio offriamo, in modo rapido edefficiente, ac-

cesso ad internet ad una velocità di almeno 2 Mbps adeguata a gestire le principali applicazioni web e con prestazioni paragonabili alla banda larga fissa, compatibili con i più moderni e diffusi dispositivi di comunicazione sia in casa che in mobilità». Prosegue, dunque, il progetto "1000 Comuni" per portare la banda larga in un Comune al giorno nei prossimi tre anni, con la banda larga di Vodafone che arriva in provincia di Crotone.

r. c.


Martedì 15 Febbraio 2011 il Domani 29

CRONACHE L’esposizione è realizzata sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica

“Splendori sacri”, prolungato fino al 13 marzo l’evento di Antonio Larosa MILETO - La mostra "Splendori Sacri Tesori della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea" avrà prosecuzione fino al 13 marzo prossimo. Il prolungamento dell’evento espositivo, realizzato nel Museo statale di Mileto sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica, si è reso necessario in virtù del considerevole afflusso di pubblico, soprattutto giovanile e studentesco, e delle numerose richieste pervenute. Inaugurata lo scorso 25 settembre, la mostra ha registrato, altresì, un ottimo riscontro da parte degli organi di stampa nazionali e internazionali e ha portato alla ribalta di un pubblico anche extraregionale un territorio naturalmente vocato alla cultura. La proroga è stata resa possibile grazie alla disponibilità fornita dal vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, mons. Luigi Renzo, e da tutti i prestatori delle opere esposte. La mostra organizzata dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria, a cura di Fabio De Chirico e di Rosanna Caputo, permette di riscoprire tesori nascosti di indubbia bellezza e di portare alla luce opere che evidenziano un patrimonio storico e artistico assai rilevante.Splen-

dori Sacri è altresì occasione per ammirare in prima assoluta il restauro del ciborio fanzaghiano di Serra San Bruno. Il soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria Fabio De Chirico così sottolinea: «il pubblico sta premiando il grande lavoro fatto e la qualità della proposta. Il prolungamento dell’evento è un atto dovuto anche perchè la mostra serve da “catalizzatore positivo” all’immagine complessiva del territorio vibonese».

VIBO VALERNTIA - Lo vedono che percorre contro mano una strada e gli intimano l’alt ma lui, per tutta risposta, invece di chiedere scusa e rassegnarsi alla contravvenzione si scaglia contro i Carabinieri. L’assurda vicenda è avvenuta ieri notte nel centralissimo corso Umberto I di Mileto. I Carabinieri, che stavano eseguendo un posto di controllo proprio sull’importante arteria stradale, hanno visto nella notte un’autovettura che procedeva tranquillamente contro mano in una delle strade laterali. Immediatamente hanno intimato l’alt al veicolo e chiesto l’esibizione dei documenti di guida e circolazione all’autista Ferdinando Garistina, macellaio 35 enne della cittadina. L’uomo si è immediatamente giustificato dicendo di dover correre a casa perché la propria madre stava male ed i Carabinieri gli hanno consentito di allontanarsi alcuni minuti per sincerarsi delle condizioni della parente a patto di lasciargli tutti i documenti e di tornare subito. E così è stato, ma quando il Garistina si è ripresentato poco dopo, invece di accettare le conseguenze dell’infrazione, si è messo ad inveire contro i militari aggredendoli e minacciandoli. Immediatamente per lui sono scattate le manette e l’arresto con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, oltre che, logicamente, i verbali per le infrazione al codice della strada riscontrate.

Il prolungamento dell’evento espositivo si è reso necessario in virtù del considerevole afflusso di pubblico, soprattutto giovanile e studentesco

La proroga è stata resa possibile grazie alla disponibilità fornita dal vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, monsignor Luigi Renzo

Un centro per l’impiego a San Calogero VIBO VALENTIA - La Provincia attiverà a San Calogero una sede decentrata del Centro per l’impiego. La Provincia attiverà un Centro d’iniziativa locale per l’occupazione (Cilo) a San Calogero, così come previsto da una delibera di giunta emanata alcuni mesi fa. A darne notizia è l’assessore al Lavoro Michelangelo Mirabello, che - d’accordo con il presidente Francesco De Nisi - ha deciso di rendere pienamente operativa l’iniziativa, accogliendo in questo senso anche le istanze del consigliere provinciale Aurelio Maccarone. La sede decentrata del Centro provinciale per l’impiego sarà attivata a costo zero per l’Ente, che allestirà i nuovi uffici in al-

cuni locali situati nella sede municipale, messi gratuitamente a disposizione dal sindaco Nicola Brosio. Per quanto riguarda il personale necessario, saranno impiegati dipendenti già in organico alla Provincia e residenti nell’area di competenza del Cilo. L’attivazione dei nuovi uffici, che opereranno in rete con il Centro per l’impiego, consentirà agli abitanti della zona di usufruire dei servizi specifici erogati dal Cpi senza essere costretti a raggiungere la città capoluogo. «Un servizio molto atteso dalla comunità di San Calogero, che non graverà sulle casse della Provincia, grazie alla collaborazione con il Comune ha sottolineato Maccarone».

Resistenza a pubblico ufficiale, arrestato 35enne

Salvaguardia ambiente, un arresto TROPEA - Un arresto e tre denunce. E’ questo il bilancio di un servizio dei carabinieri della Compagnia di Tropea diretti dal tenente Francesco Di Pinto teso alla salvaguardia dell’ambiente. In particolare, i militari dell’Arma della stazione di Rombiolo, al comando del marescialloCarminePica,hannotratto in arresto un imprenditore di 28 anni, A. P., del luogo sorpreso a rimuovere i sigilli in una cava di materiale inerte precedentemente sequestrata e affidatagli in custodia. A Santa Domenica di Ricadi, lungo la costavibonese,inlocalità"Casablanca", i militari dell’Arma, diretti dal maresciallo Vincenzo Boerio, hanno invece

denunciato un’ imprenditrice turistica di 55 anni del luogo, M.M., per aver fatto eseguire lo sbancamento di un’area al fine di costruire una strada in un’area soggetta a vincolo paesaggistico. Deve rispondere di una serie di reati ambientali insieme agli esecutori dei lavori.

re. v.


30

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

IL DOMANI DELLA CULTURA

I protagonisti del Discorso del re in una scena del film

Colin Firth trionfa agli oscar britannici, nessuna statuetta però al regista. Il riconoscimento va invece al direttore di "The social network"

Il discorso del re fa incetta di Bafta a Londra Emma Martano Pioggia di premi sul Discorso del re ma ovviamente Colin Firth giocava in casa: il film sul sovrano balbuziente ha collezionato a Londra riconoscimenti a valanga tra cui quello per il miglior attore, il miglior film, il miglior film britannico, la migliore attrice non protagonista, il miglior attore non protagonista, la migliore sceneggiatura originale, la miglior colonna sonora originale. Unico neo: il regista. Si è aggiudicato la statuetta David Fincher di Social Network. Una sorpresa. Questo il risultato più eclatante dei Bafta, i premi che la British accademy of film and television arts consegna due settimane prima della notte degli Oscar: un test analogo a quello dei Golden Globes, il premio della Hollywood foreign press di Los Angeles. Poche, ma sentite parole, quando l’attore britannico ha ricevuto la statuetta nella cerimonia della

Royal opera house che potrebbe preludere a quella degli Academy awards: «Il giorno del mio primo incontro con il regista Tom Hooper dovevo andare dal medico per un esame banale ma spiacevole. L’incontro fu meno spiacevoledell’esamedalmedico. Ma col passare del tempo ho scoperto che i metodi di Tom erano almeno altrettanto spiacevoli di quell’esame». Con il premio Colin diventa il secondo attore dopo Rod Steiger negli anni Sessanta a ricevere due Bafta consecutivi. Tra i premi speciali quelli attribuiti ai film di Harry Potter (presente il cast e l’autrice J.K. Rowling che ha evocato le sue resistenze a passare i suoi libri ai produttori di Hollywood) e al re dell’horror Christopher Lee, una sorta dell’Oscar alla carriera per un attore che ha 88 anni. Nathalie Portman ha vinto come migliore attrice ma non ha potuto partecipare alla premiazione. Miglior attrice non protagonista è stata

Batteri presenti in natura capaci di salvare le opere d’arte dalle aggressioni dello smog e dalle piogge acide. A questo si appella un gruppo di ricercatori desiderosi di salvaguardare il patrimonio artistico del nostro Paese che, in gran parte, vanta un’età non indifferente. Il sistema è semplice: basta ricoprire il monumento sporco con una sorta di formulato contenente dei batteri adatti e voilà, dopo poche ore, le patine nere vengono rimosse in piena sicurezza per l’operatore e per l’ambiente, conservando i materiali originali. La scoperta è merito dei ricercatori del dipartimento di Scienze e

Biorestauro scoperto da un gruppo di ricercatori l’elisir per la conservazione dell’arte Marilisa Rizzitelli

Colin Firth ai Bafta awards 2011 insieme a sua moglie

Con il premio Colin diventa il secondo attore dopo Rod Steiger negli anni ’60 a ricevere due Bafta consecutivi

tecnologie alimentari e microbiologiche della facoltà di Agraria dell’università Milano che, negli anni necessari per passare dalla sperimentazione al brevetto del prodotto "bio" Micro4art, hanno curato la Pietà Rondanini, alcune guglie del Duomo di Milano e parte della facciata dell’università Statale e di Santa Maria delle Grazie. Micro4art è da qualche mese sul mercato grazie all’azienda Micro4you, spinoff dell’università di Milano, creata con l’obiettivo di sviluppare, produrre e commercializzare prodotti a base microbica, rispettosi dell’ambiente. Ora bisogna solo sperare che l’ennesimo successo dei ricercatori italiani venga tenuto in debito conto. E che le innumerevoli opere d’arte conservate dall’Italia possono du-

Helena Bonham Carter che in un abito ad alto contenuto di ruches di Vivienne Westwood ha ringraziato i reali «che tanto hanno contribuito» alla sua carriera. Oltre alla parte di Elisabetta, la Regina Madre, quest’anno Helena ha dato la voce alla Regina rossa in Alice nel paese delle meraviglie del marito Tim Burton. Miglior atto-

re non protagonista è stato Geoffrey Rush, nei panni di Lionel Logue, il logopedista che aiuta il re balbuziente a superare l’impedimento. Tra i cartoni animati ha vinto Toy Story 3. Come film straniero il Bafta è andato allo svedese The Girl With the Dragon Tattoo, tratto dal romanzo di Stieg Larsson.

rare ancora per molto tempo salvaguardate dagli stessi "agenti" che ne potrebbero decretare la morte. Info:http://microforyou.com.

Micro4art è da qualche mese sul mercato grazie a Micro4you

Michelangelo Rondanini, La pietà


Martedì 15 Febbraio 2011 il Domani 31

IL DOMANI DELLA CULTURA

Esterno del teatro Ariston di Sanremo

Clooney il grande assente per la Canalis. Non solo. Assente, con molta probabilità anche il mattatore Roberto Benigni seppur invitato

Riparte Sanremo tra polemiche e molte ironie Camilla Mozzetti Ancora poche ore e il discutissimo Sanremo 2011 prenderà il via. Tutto è pronto dal palco dell’Ariston per accogliere quella che sembra esser passata già alla storia, prima ancora di esser iniziata, come l’edizione più "dibattuta" degli ultimi anni. Gianni Morandi, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu insieme al duo femminile Elisabetta Canalis e Belen Rodriguez. Inutile tornare a citare le cronache che hanno accompagnato i preparativi della 61esima edizione della canzone italiana dove i pettegolezzi hanno in qualche modo occupato lo spazio dei concorrenti in gara. Dalla Canalis che sembra aver lasciato a casa il fidanzato (George Clooney) alla Rodriguez, implicata mesi fa nello scandalo delle discoteche milanesi che animavano la movida notturna a suon di droghe, il cui fidanzato non sembra ben disposto a restare a casa (Fabrizio Corona). «Sarà il nostro festival non quello di Fabrizio e George», hanno detto le due donne ieri in conferenza stampa dopo aver disertato il primo appuntamento con i cronisti lo scorso novembre. «Il mio fidanzato è impegnato in Ohio a girare un film da regista – ha detto la Canalis – Spero che trovi il tempo di vedere qualcosa in tv. Ma qui non verrà». Ma Sanremo per molti è quasi un’istituzione. Sarebbe bene allora, per non urtare la sensibilità degli italiani, ricostruire, almeno in superficie, questo alone di importanza. Gianni Morandi promette molto, ieri in conferenza stampa ha già decretato il successo per questa

edizione che lo vede come conduttore di punto. Compresibile del resto. E per i cantanti? La tipologia di gara resta quella di sempre: big e nuove proposte che si alterneranno sul palco da questa sera fino a sabato. Tra gli artisti conclamati Patty Pravo presenta il brano Il vento e le rose. Emma e i Modà, dati fin da ora come i superfavoriti, concorrono con il testo Arriverà, mentre Luca Madonia, insieme a Franco Battiato, firma L’alieno. Torna all’Ariston Giusy Ferreri con il Mare d’immenso, La Crus canta Io confesso mentre la ringiovanita Anna Oxa si esibirà con il brano La mia anima di uomo. Tre colori per Tricarico in gara tra i big, mentre Nathalie presenta Vivo sospesa. E poi ancora Luca Barbarossa e Raquel Del Rosario, Roberto Vecchioni, Anna Tatangelo, Max Pezzali che torna dopo mesi di silenzio, Davide Van De Sfroos e il conclamato Albano. Tra i giovani in gara, invece, figurano Serena Abrami, Roberto Amadè,Anansi,Btwins,Gabriella Ferrone, Raphael Gualazzi, Marco Menichini e Micaela. Sono molte, poi, le novità che faranno da cornice a questa edizione di Sanremo, una delle tante quella promossa da Eni che racconterà a suo modo il Festival di Sanremo. Un’inedita formula di telepromozione tra animazioni digitali e 3d, nell’ambito della comunicazione pubblicitaria, vedrà, per volere dell’azienda, la voce narrante di Gianni Morandi e la creatività di Hello! Savants, giovani talenti, italiani di nascita ma olandesi d’adozione, raccontare l’appuntamento. Dai piani alti di viale Mazzini il direttore di

Luca Bizzarri e Elisabetta Canalis nel back stage dello spot pubblicitario del festival

Rai Uno Mauro Mazza confida nel successo della settimana canora. In conferenza stampa il direttore ha espresso una speranza: «È il mio secondo festival da direttore ma l’emozione è la stessa della prima volta. Mi piacerebbe che Sanremo fosse il fatto centrale della settimana. Le cose che accadono intorno, quest’anno non danno questa certezza. Ma lasciatemi coltivare questa speranza». Di certo non mancherà l’ironia sottile del duo maschile delle Iene. Luca e Paolo, già dalle prime battute alla stampa hanno detto: «Volevamo fare gli auguri a tutti perché oggi (ieri ndr) è San Valentino, la festa nazionale dei fioristi di Arcore». Non mancherà, dunque, la satira sulla situazione politica negli sketch del duo sul palco dell’Ariston. Gag che i comici si sono rifiutati finora di provare di fronte ad altri. «Non vi preoccupate, i testi li abbiamo consegnati. Ad un certo Julian Assange...», ha aggiunto Paolo tra le risate della sala stampa. Ancora incerta la presenza sul palco di Sanremo di Roberto Benigni per la serata di giovedì. Dall’entourage del regista-attore fanno sapere che la presenza del premio Oscar per quest’anno è «totalmente esclusa». Gianmarco Mazzi, direttore artistico del festival, dal canto suo, confida nella possibilità di avere il grande mattatore anche quest’anno. E intanto da mercoledì sarà in vendita la compilation del festival 2011 con 17 brani tra big e giovani proposte. Pubblicata da Rhino/Warner Music, la compilation, oltre ad essere venduta tramite i canali tradizionali, verrà distribuita anche nelle edicole.


32

il Domani Martedì 15 Febbraio 2011

SPECIALE SANREMO

Basta sberleffi snob Sanremo come Cannes Siamo arrivati all’esame, eh?, esordisce Gianni Morandi che parla, giustamente, di canzoni: «Spero che la gente le canti già da mercoledì mattina e di cantanti «ricordiamo che i protagonisti sono loro, i 14 + 8 Giovani» Gianni Morandi e Belen cantano Volare in sala stampa all’Ariston. È successo dopo una domanda sull’assenza, definita ’’clamorosa’’, di Volare al festival di Sanremo: ««È stata talmente festeggiata, cantata, che non ha bisogno di essere ricordata - ha replicato Morandi - La cantai tre anni fa, erano i 50 esatti. Se proprio ne sentiamo tanto la mancanza, possiamo benissimo cantarla con il gruppo». Belen ha preso la palla al balzo e ne ha quindi intonato insieme a Gianni alcune note, in italiano e in spagnolo. Piccolo fuori programma alla conferenza stampa di presentazione del festival che oggi apre i battenti. «Siamo in conferenza stampa non possiamo rispondere», ha poi detto Belen Rodriguez rispondendo al telefono di Gianni Morandi durante la conferenza stampa: la suoneria era entrata in conflitto col sistema audioprovocandounpasticcio.

Gli artisti italiani non dovrebbero più avere un atteggiamento snob nei confronti di Sanremo, che invece può essere sfruttato dall’industria musicale per vendere dischi: ne sono convinti Gianni Morandi e Gianmarco Mazzi, che alla conferenza stampa di presentazione del festival di Sanremo dicono: «Non bisogna più avere un atteggiamento critico, un po’ snob nei confronti di Sanremo - dice Morandi - Se uno ha un bel progetto, una bella canzone, deve usare questo palcoscenico. Il festival di Sanremo dovrebbe essere considerato come il festival di Venezia e di Cannes,ediventareunagrandissimamostradellacanzoneitaliana».


&

Abbinata obbligatoria Numero 15 TelespazioSport più il Domani del 15 Febbraio 2011 euro 1,00

Scommesse

Sfida delicata per la squadra di Allegri a San Siro contro il Tottenham Si gioca l’andata degli ottavi di finale della massima manifestazione europea. I rossoneri per mettere al sicuro il discorso qualificazione devono vincere con due gol di scarto senza subire reti

2.1 Il Milan affronta la squadra allenata da Redknapp. Il match potrebbe decidersi nella ripresa. E l’X al 45’ paga più del doppio

2.0 L’altro ottavo di Champions mette di fronte Valencia e Schalke. Le reti non dovrebbero mancare e l’Over 2,5 ci potrebbe stare

Milan stasera serve l’impresa

2.2 Trasferta in Grecia per il City di Mancini nell’anticipo di Europa League. Gara meno semplice del previsto con il pari a metà gara nell’aria

Champions League

Europa L.

Ligue 1

Altri giochi

Al Mestalla Valencia favorito contro lo Schalke di Raùl

Mancini corsaro in terra ellenica

Il Lille mantiene saldo il comando

Lotto, riflettori puntati sull’unico centenario

Dopo il derby perso contro il Manchester United Mancini cerca subito un pronto riscatto per il suo City. Partita non facile sul campo dellʼAris Salonicco nellʼanticipo dellʼandata dei sedicesimi di finale di Europa League. Nonostante lʼambiente caldo, titpico degli stadi ellenici, gli inglesi partono favoriti. Quota bassa per il «2», da provare lʼ«X» al 45°: vale il doppio.

Dopo 23 giornate il Lille è sempre più al comando della Ligue 1 francese. Il successo di domenica scorsa gli ha permesso di mantere inalterato il distacco con le dirette inseguitrici. La 24ª giornata si apre con lʼanticipo di venerdi tra Lione e Nancy. LʼOL, dopo il colpaccio in trasferta nellʼultimo turno, gode dei favori del pronostico.

Prima estrazione della nuova settimana con le luci dei riflettori inevitabilmente puntate sullʼunico numero con ritardo “a tre cifre”. Il 32 in corrispondenza della ruota di Roma manca allʼappello da 144 turni e potrebbe farsi vedere da un momento allʼaltro.

La seconda gara dʼandata degli ottavi di finale di Champions League vede impegnate il Valencia e lo Schalke 04. Gli spagnoli, dopo i due successi in campionato lʼultimo in trasferta sul campo dellʼAtletico Madrid, partono favoriti al Mestalla. Partita dal sapore particolare per Raùl. da pagina 3

a pagina 6

da pagina 9

a pagina 14


2 Martedì 15 Febbraio 2011 Ronaldo addio al calcio con lacrime: “Mi sembra di morire” "Oggi sono qui ed ho una emozione grandissima che non riesco neanche a parlare. Annuncio che sto chiudendo la mia carriera come calciatore professionista. Una carriera che è stata bellissima, meravigliosa, emozionante. Ho avuto molti

problemi ma grandi e infinite vittorie". Con queste parole Ronaldo ha chiuso la sua carriera professionistica. A 34 ani uno dei più grandi giocatori delle ultimi decenni ha deciso di fermarsi e lo annuncia in conferenza stampa, a San Paolo, nella sede

del suo ultimo club, il Corinthians. Ronaldo rivela anche di essere affetto da una particolare patologia alla tiroide, scoperta ai tempi del Milan, e risponde così a tanti che negli ultimi due anni hanno ironizzato sui suoi chili di troppo. "Quattro anni fa nel

Giochi e politica

Prova TV Tre giornate a Lavezzi Duro colpo quello inflitto dal giudice sportivo al fantasista del Napoli Ezequiel “Pocho” Lavezzi. Sabato sera lontano dagli occhi dellʼarbitro, ma non da quello delle telecamere, il Pocho ha risposto con la stessa moneta al romanista Rosi che per primo ha sputato addosso al napoletano. Il giudice, non tenendo conto delle due ammonizioni rifilate per uno scambio di spinte sempre tra i due contendenti e non relative allo sputo non riportato nel referto, si è potuto avvalere così della prova televisiva affibiando ben tre turni di squalifica a tutte e due i giocatori. Per Rosi, già in diffida, le giornate salgono a quattro per lʼammonizione presa. Ricordiamo che lo sputo è da considerarsi alla stregua del gioco violento perciò le tre giornate sono, per così dire, il minimo sindacale. Per i giallorossi, vista anche la prova di sabato sera del giovane terzino, il danno è minimo. Cosa diversa per il Napoli di Mazzarri, che dovrà affrontare nellʼordine Catania, il Milan a San Siro e Brescia senza il suo giocatore più talentuoso. De Laurentis dovrebbe inflig-

Le altre squalifiche

gere una bella multa al “Pocho” che rischia di comprommetere i sogni di gloria della sua squadra.

Senza contare che lo sputo resta il gesto più brutto che si possa vedere dentro il campo. Stesso discorso per Rosi.

Oltre alle tre giornate di stop con la prova tv, Rosi dovrà scontarne una quarta per l'ammonizione subita nel match contro il Napoli quando già era diffidato. Il giudice sportivo ha squalificato per due turni l'allenatore del Lecce De Canio per avere "al termine della gara assunto un atteggiamento intimidatorio nei confronti dell'arbitro, afferrandolo per un braccio e addossandosi petto contro petto". Due turni di stop anche a Guillermo Giacomazzi (Lecce) per avere rivolto "espressioni ingiuriose" all'arbitro. Sono 14, infine, gli squalificati per un turno. Questo l'elenco: Federico Balzaretti (Palermo), Hugo Armando Campagnaro (Napoli), Jedaias Neves, Gustavo Schiavolin e Ruben Olivera (Lecce), Marco Cassetti e Daniele De Rossi (Roma), Davide Mandelli e Gennaro Sardo (Chievo), Thiago Motta (Inter), Marco Parolo (Cesena), Aleandro Rosi (Roma), Alexis Sanchez (Udinese), Mohammed Sissoko (Juventus)

Sanremo: gli scommettitori puntano su i Modà e Emma Comincia ufficialmente domani la 61° edizione del Festival di Sanremo, ma gli scommettitori sembrano già avere le idee chiare su chi puntare. Alla vigilia della partenza è infatti boom di giocate per Emma e i Modà, che riscuotono un grande successo anche nelle agenzie di scommesse. Le conferme - scrive l'Agicos - arrivano da Sisal Match Point, che registra un vero e proprio plebiscito per la vincitrice della nona edizione di Amici di Maria De Filippi, che insieme ai Modà presenta il brano "Arriverà": circa il 70% delle giocate finora sono infatti finite finora su di loro. Briciole invece per tutti gli altri: al di là della Tatangelo, che ha registrato un 7% di preferenze tra gli scommettitori di Match Point, tutti gli altri nono sono andati oltre il 5% (Max Pezzali, Nathalie, Giusy Ferreri), mentre altri non arrivano all'1% (La Crus, Al Bano, Barbarossa-Del Rosario). Le giocate su Sanremo confermano comunque la grande popolarità, restando, dopo le scommesse sportive, l'evento più atteso dagli scommettitori. Finora volumi di gioco nelle attese, in attesa del boom atteso per oggi e domani.

Milan ho scoperto di soffrire di un disturbo che si chiama ipotiroidismo - ha detto Ronaldo - un disturbo che rallenta il metabolismo, e per controllarlo occorre assumere degli ormoni che nel calcio non sono ammessi, sono considerati doping".

Mille proroghe: presentati diversi emendamenti sui giochi Dalla soppressione dell'Unire alle richieste di fondi per la lotta contro le ludopatie, alle 'lotterie immobiliari'. Sono diversi gli emendamenti al Milleproroghe che interessano il settore Giochi, bocciati dalle commissioni ma ripresentati in aula, dove il provvedimento è atteso per questo pomeriggio. Molto attivo il Pd - segnala Agicos - che con Giovanni Legnini, insieme ai senatori Lusi, Marini e Micheloni, propone di sopprimere l'Unire e destinare i soldi risparmiati a coprire le tasse non versate (fino al 2014) dai terremotato abruzzesi. Dai democratici arriva in assemblea anche un ordine del giorno che chiede al governo di "garantire in tempi brevi la soppressione dell'Unire" e "valutare l'opportunità di destinare quota parte dei risparmi derivanti dalla soppressione dell'Unire agli interventi di ricostruzione nelle aree terremotate dell'Abruzzo". Sempre targato Pd, dalla senatrice Emanuela Baio, è stato riproposto in aula un emendamento con cui si chiede di destinare il 40 per cento delle entrate del Bingo a progetti per la cura delle ludopatie. Dalla Svp c'è un ordine del giorno sulle "lotterie immobiliari", il meccanismo secondo cui un proprietario di casa può bandire autonomamente una sorta di lotteria per vendere la propria abitazione, emettendo biglietti a un determinato prezzo. Riapparse anche le proposte di modifica di Vita (Pd) e Poli Bortone sull'innalzamento dello 0,5 per cento del prelievo erariale sugli apparecchi da intrattenimento.


Martedì 15 Febbraio 2011 3

OTTAVI DI FINALE GARE DI ANDATA

Torna la Champions Questa sera si giocano i primi due ottavi di finale. Vale 1.70 il successo del Valencia sullo Schalke e del Milan sul Tottenham

F

inalmente si torna a respirare aria dʼEuropa. Tra stasera e domani la massima competizione continentale regalerà le emozioni di un poker di incontri tutto da seguire. Il Milan, in serata, misura le ambizioni di un Tottenham (privo di Bale) che tanto ha fatto soffrire lʼinter durante la fase a gironi. Lʼobiettivo è sfatare il tabù inglese: prima lʼArsenal, poi lo United sono stati fatali negli ultimi anni ai rossoneri, a questo punto della competizione. Ibrahimovic guiderà i rossoneri nellʼimpresa, per dimostrare che la

sua luce, oltre che in campionato, può brillare anche in Europa. Sempre questa sera, al Mestalla, va in scena Valencia-Schalke. I tedeschi si affida-

Nelle foto: a sinistra rafel Van der Vaart, a destra Robinho

Quote Better - Pal. 7495 - ore 20:45 Data N. 15/02 15/02 16/02 16/02

Antepost Snai vin. Champions Squadra BARCELLONA REAL MADRID CHELSEA MANCHESTER UTD INTER MILAN BAYERN MONACO ARSENAL TOTTENHAM ROMA VALENCIA LIONE MARSIGLIA SCHALKE 04 ALTRO

no allʼeterno Raul: lui sì che, dallʼalto della sua esperienza (e dei 12 gol segnati al Valencia con la maglia del Real) potrebbe davvero fare la differenza. Domani, invece, tutto il fascino di Arsenal-Barcellona. Un remake della sfida andata in scena la scorsa edizione: a Londra fu 2-2, al ritorno, invece, Messi-Arsenal finì 4-1. I Gunners, trascinati da Cesc Fabregas, meditano il riscatto. Ma non sarà semplice. AllʼOlimpico la Roma sfida gli ucraini dello Shakhtar (il loro campionato è terminato a novembre), allenati da una vecchia conoscenza del calcio italiano: Mircea Lucescu. Molto dipenderà dai giallorossi dato che la banda dei giovani dello Shakthar ha ben poco da perdere. Nel primo round, quote pro-Roma.

Quota 3,00 5,50 5,50 10,0 18,0 18,0 20,0 25,0 28,0 50,0 75,0 200 200 125 100

1 3 2 4

Partita Valencia Milan Arsenal Roma

Schalke 04 Tottenham Barcellona Shakhtar D.

1

X

2

1,70 4,20 1,70 1,90

3,50 3,60 3,65 3,40

5,00 1,80 4,75 4,00

Passaggio del turno Champions - quote BETTER fine gioco 08/03/11 08/03/11 08/03/11 08/03/11 08/03/11 08/03/11 08/03/11

Ora Pal. 20:45 8 20:45 9 20:45 10 20:45 11 20:45 12 20:45 13 20:45 14

Squadre Milan Tottenham Valencia Schalke 04 Inter Bayern Monaco Lione Real Madrid Arsenal Barcellona Marsiglia Manchester Utd Fc Copenhagen Chelsea

1 1.65 1.65 1.80 4.00 4.00 3.50 6.50

2 2.10 2.10 1.90 1.20 1.20 1.25 1.08

Classifica marcatori Champions League Giocatore Eto'o Messi Gomez Soldado Anelka Benzema Borriello Ibrahimović Ronaldo Bale

Totale 7 6 6 5 5 4 4 4 4 4

Squadra Inter Barcelona Bayern Valencia Chelsea Real Madrid Roma Milan Real Madrid Tottenham

Giocatore Totale Squadra Giocatore Eduardo 3 Shakhtar D. Eran Zahavi Fàbregas 3 Arsenal Huntelaar Pavlyuchenko 3 Tottenham Frei Gignac 3 Marseille Inzaghi Rodríguez 3 Barcelona Vela Chamakh 3 Arsenal Defoe Bastos 3 Lyon van der Vaart Luiz Adriano 3 Shakhtar D. Ribéry Chadli 3 Twente Sturridge Matheus 3 Braga Walcott

Totale 3 3 3 2 2 2 2 2 2 2

Squadra H. Tel-Aviv Schalke Basel Milan Arsenal Tottenham Tottenham Bayern Chelsea Arsenal


4 Martedì 15 Febbraio 2011 Ottavi di finale

Milano

Gara d’andata

Stadio: G. Meazza

Milan Tottenham Rossoneri senza l’incubo Bale, out per infortunio. Allegri teme l’organizzazione degli inglesi, che dopo quasi cinquant’anni tornano ad assaporare l’atmosfera della doppia sfida ad eliminazione diretta in Champions Il match

Pato o Robinho il dubbio Spurs, torna Van derVaart

1 X 2 1 X 2 1 X 2 1 X 2 1 X 2 1,70 3,50 5,00 1,70 3,65 4,75 1,70 3,50 5,00 1,75 3,45 4,75 1,73 3,45 4,70

Milan in testa in campionato, ma per i rossoneri la Champions esercita sempre un fascino particolare. Allegri deve fare la conta a centrocampo, tra infortuni e giocatori indisponibili, vedi gli acquisti di Gennaio. In avanti ballottaggio Pato-Robinho, con questʼultimo favorito. Il Tottenham dovrà fare a meno della sua stella Bale, messo ko da problemi alla schiena, al suo posto Kranjcar; in avanti Van der Vaart farà coppia con Crouch.

Risultato Esatto 1-0

2-0

Under/Over

2-1

3-0

0-3

1-3

2-3

0-4

3-2

4-0

4-1

4-2

4-3

1-4

2-4

3-4

0-0

1-1

2-2

1X2 45’ 1

Doppia chance

X

2

1X

X2

12

1,13 2,04 1,26

Goal/No Goal

3-3

1,5 UNDER OVER

3,20 1,28

4-4 ALTRO

Segna sq. casa

2,5 UNDER OVER

Ultimi incontri Lecce Milan Milan Sampdoria Catania Milan Genoa Milan

Milan Bari Cesena Milan Milan Lazio Milan Parma

1-1 3-0 2-0 1-2 0-2 0-0 1-1 4-0

Competizione UEFA Champions League Coppa delle Coppe Coppa Intercontinentale Supercoppa UEFA UEFA Europa League

G V P 219 116 53 30 17 10 10 4 1 12 7 3 68 35 15

S 50 3 5 2 18

Anno 2009/10 2007/08 2006/07 2005/06 2004/05

G 8 8 15 12 12

S 3 2 3 2 2

V 2 4 9 5 8

P 3 2 3 5 2

Segna sq. ospite

GOAL

NO GOAL

SI

NO

SI

NO

1,70

2,00

1,12

4,80

1,51

2,30

Inizio gara: 20:45 Tv: Sky Sport1 Rit.: 09/03/11 Arbitro Stéphane Lannoy (FRA) Assistenti Eric Dansault (FRA) Laurent Ugo (FRA) Quarto arbitro Clément Turpin (FRA)

I precedenti tra le squadre Milan Pareggio Tottenham Totale

Il 2 a 0 è a 6,50 No Goal, quota 2,00 Milan che partiva nettamante favorito anche prima che i problemi alla schiena mettessero ko Gareth Bale. Senza il gallese gi Spurs perdono molto in fase di spinta in più, lontano da casa, nella fase a gironi non hanno mai vinto. Per il risultato esatto occhi di riguardo perciò per l’opzione No Goal, 2,00 la quota. Per chi se la sente di rischiare qualcosa in più il 2 a 0 paga 6,50 la posta.

Tottenham

Info match

Posizione Ottavi di finale Ottavi di finale Vincitore Semifinali Finale

1-2

1,80 1,85 Somma Gol 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 0 1 2 3 4 4+ 3,5 UNDER OVER 2,70 17,0 50,0 4,00 5,25 10,0 30,0 17,0 9,50 12,0 4,20 2,90 3,60 4,80 5,20 1,22 3,60

2,25 2,10 5,50

2 2 2 7 7 17 0 50%

0-2

Parziale finale

No Goal

I numeri

0-1

80,0 50,0 60,0 200 150 150 200 12,0 6,50 12,0 50,0 150 30,0

Milan Partite vinte Partite pareg. Partite perse Gol segnati Gol subiti Cartellino giallo Cartellino rosso Possesso palla

3-1

6,50 6,50 7,50 14,0 13,0 25,0 35,0 30,0 50,0 125 11,0 22,0 16,0

i nostri consigli

1

Da provare

Quote extra

0 0 0 0

I numeri Partite vinte Partite pareg. Partite perse Gol segnati Gol subiti Cartellino giallo Cartellino rosso Possesso palla

Ultimi incontri 3 2 1 18 11 9 2 49%

Everton Tottenham Tottenham Newcastle Fulham Blackburn Tottenham Sunderland

Tottenham Charlton Man Utd Tottenham Tottenham Tottenham Bolton Tottenham

2-1 3-0 0-0 1-1 4-0 0-1 2-1 1-2

Competizione UEFA Champions League Coppa delle Coppe UEFA Europa League Coppa UEFA Intertoto

G 16 33 86 4

V 8 20 51 1

P 3 5 20 0

S 5 8 15 3

Anno Posizione 1961/62 Semifinali

G 8

V 4

P 1

S 3


Martedì 15 Febbraio 2011 5 Valencia

Ottavi di finale

Stadio Mestalla

Gara d’andata

Valencia Schalke 04 Pronostico favorevole agli spagnoli sempre temibili nelle sfide casalinghe. Tedeschi che vengono da una vittoria in campionato e si affidano all’esperienza dell’eterno Raùl, che torna a respirare aria di casa Il match

Entusiamo valenciano Tedeschi d’esperienza

1 X 2 1 X 2 1 X 2 1 X 2 1 X 2 1,70 3,50 5,00 1,70 3,50 5,00 1,70 3,50 5,00 1,77 3,50 4,50 1,73 3,40 4,80

Una vittoria, quella di Madrid sul campo dellʼAtletico, pesante in ottica terzo posto. Il Valencia torna sul palcoscenico europeo più importante sulle onde dellʼentusiasmo. Fattore campo da sfuttare per gli spganoli che, nella fase a gironi, al Mestalla hanno concesso punti solo al Manchester United. Anche lo Schalke viene da una vittoria in campionato; Magath, come sempre, si affida all sua coppia gol pesante Huntelaar-Raùl.

Risultato Esatto 1-0

2-0

Under/Over

2-1

3-0

0-3

1-3

2-3

0-4

3-2

4-0

4-1

4-2

4-3

1-2

1,5 UNDER OVER

1-4

2-4

3-4

0-0

1-1

2-2

3-3

3,00 1,33

4-4 ALTRO 2,5 UNDER OVER

1,70 2,00 Somma Gol 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 0 1 2 3 4 4+ 3,5 UNDER OVER 2,70 17,0 50,0 4,00 5,25 10,0 30,0 17,0 9,50 9,50 4,10 2,80 3,60 5,20 5,60 1,20 3,85

1X2 45’ 1

Doppia chance

X

2

1X

X2

12

1,13 2,04 1,26

2,25 2,10 5,50

Goal/No Goal

Segna sq. casa

Ultimi incontri 3 2 1 15 4 8 0 46%

Valencia Villarreal Levante Valencia Valencia Santander Valencia Atl.Madrid

Competizione UEFA Champions League Coppa delle Coppe Supercoppa UEFA UEFA Europa League Coppa UEFA Intertoto

G 90 19 3 99 12

V 43 10 2 45 7

P 26 5 0 32 3

S 21 4 1 22 2

Anno 2007/08 2006/07 2004/05 2002/03 2000/01

G 8 12 6 14 19

V 3 5 2 8 10

P 2 4 1 4 7

S 3 3 3 2 2

Espanyol Valencia Valencia Deportivo Malaga Valencia Hercules Valencia

2-1 4-2 0-1 2-0 4-3 1-1 2-0 1-2

Segna sq. ospite

GOAL

NO GOAL

SI

NO

SI

NO

1,75

1,90

1,13

4,70

1,55

2,20

Inizio gara: 20:45 Tv: Sky Sport1 Rit.: 09/03/11 Arbitro Aleksei Nikolaev (RUS) Assistenti Tikhon Kalugin (RUS), Anton Averianov (RUS) Quarto arbitro Maksim Layushkin (RUS)

I precedenti tra le squadre Valencia Pareggio Schalke 04 Totale

Risultato esatto 3 a 1 a quota 13,0 Gara, presumibilmente, impostata sul ritmo dai padroni di casa. Caratteristiche diverse quelle dei tedeschi che si appoggeranno molto su loro attaccanti. Valencia che si lascia preferire nel pronostico, dovendo suggerire un possibile risultato finale la quota offerta per il 3 a 1, (13,0) è alta ma non un azzardo. Per chi non vuole rischiare il Goal è bancato a 1,75.

Schalke 04

Info match

Posizione Fase a gironi Quarti di finale Fase a gironi Quarti di finale Finale

0-2

Parziale finale

Goal

I numeri

0-1

80,0 50,0 60,0 200 150 150 200 9,50 6,50 15,0 60,0 200 30,0

Valencia Partite vinte Partite pareg. Partite perse Gol segnati Gol subiti Cartellino giallo Cartellino rosso Possesso palla

3-1

6,50 6,50 7,50 14,0 13,0 28,0 40,0 35,0 60,0 125 11,0 20,0 17,0

i nostri consigli

1

Da provare

Quote extra

0 1 0 1

I numeri Partite vinte Partite pareg. Partite perse Gol segnati Gol subiti Cartellino giallo Cartellino rosso Possesso palla

Ultimi incontri 4 1 1 10 3 11 1 43%

Karabukspor Eskisehirspor Schalke 04 Hannover Schalke 04 Schalke 04 Dortmund Schalke 04

Schalke 04 Schalke 04 Amburgo Schalke 04 Norimberga Hoffenheim Schalke 04 Friburgo

0-3 1-1 0-1 0-1 3-2 0-1 0-0 1-0

Competizione UEFA Champions League Coppa delle Coppe UEFA Europa League Coppa UEFA Intertoto

G 37 14 65 12

V 15 9 32 10

P 7 2 16 2

S 15 3 17 0

Anno 2008/09 2007/08 2005/06 2001/02 1958/59

G 2 10 6 6 7

V 1 3 2 2 3

P 0 2 2 0 2

S 1 5 2 4 2

Posizione Terzo turno di qualific. Quarti di finale Fase a gironi Fase a gironi Quarti di finale


6 Martedì 15 Febbraio 2011 Sedicesimi di finale

Salonicco

Gara d’andata

Stadio: K. Vikelidis

Aris Sal. Man City Antipasto dei sedicesimi di Europa League tra i greci e l’undici di Mancini Trasferta insidiosa su un campo inviolato da ben 24 Euro-partite Stavolta, tuttavia, la serie positiva potrebbe interrompersi Il match

Dimenticare lo Utd City d’assalto

1 X 2 1 X 2 1 X 2 1 X 2 1 X 2 5,50 3,60 1,63 6,00 3,50 1,60 5,50 3,70 1,60 5,30 3,50 1,65 5,75 3,50 1,57

Dal derby allʼEuropa League, tutto in pochi giorni. Il Man City si rituffa in Europa per dimenticare la delusione rimediata nel derby con lo United e mettere lʼipoteca sul passaggio del turno. Tra le 2 squadre non ci sono precedenti ma per quanto fatto vedere nella fase a gironi, il City merita chiaramente i galloni di squadra favorita. Anche in questo primo round, su un campo davvero “caldo”. Il 2 si gioca intorno allʼ1.60 e ci può stare.

Risultato Esatto 1-0

2-0

Under/Over

2-1

3-0

0-3

1-3

2-3

0-4

4-1

4-2

4-3

1X2 45’ 1

1-4

2-4

3-4

0-0

1-1

2-2

Doppia chance

X

2

1X

X2

Goal/No Goal

0-2

1-2

3-3

1,5 UNDER OVER

3,10 1,30

4-4 ALTRO

12

2,15 1,11 1,24

Segna sq. casa

2,5 UNDER OVER

Ultimi incontri Aris Sal. Xanthi 0-2 Aris Sal. Kavala 1-0 Panathinaikos Aris Sal. 1-0 Aris Sal. Panionios 0-2 Ergotelis Aris Sal. 0-0 Aris Salonica PAOK 0-0 AEK Atene Aris Sal. 1-2 Aris Sal. Olympiakos1-2

Competizione Coppa delle Coppe UEFA Europa League

G 2 46

V 0 19

P 1 13

S 1 14

Anno 2008/09 2007/08 2005/06 2003/04 1999/00

G 2 6 2 4 4

V 1 2 0 1 1

P 0 2 1 2 2

S 1 2 1 1 1

NO GOAL

SI

NO

SI

NO

1,75

1,90

1,57

2,20

1,11

5,00

Pari a metà gara La posta è doppia Non sarà una passeggiata per il City di Mancini in quel di Salonicco. Tradizionalmente i campi di calcio ellenici sono dei “catini” infernali. Il City potrebbe risentirne almeno per un tempo. Ambientamento a parte, la gara si presenta nel complesso equilibrata e il City, comunque favorito, potrebbe spuntarla nella ripresa. Il pari à metà gara è pagato 2.20. Si può senz’altro provare.

Manchester City

Inizio gara: 18:00 Tv: Sky Sport1 Rit.: 22/02/11 Arbitro Alberto U. Mallenco (SPA) Assistenti Fermin M. Ibanez, J. Carlos Y. Jiménez Quarto arbitro José L. Paradas Romero

I precedenti tra le squadre Aris Pareggio Man City Totale

Segna sq. ospite

GOAL

Info match

Posizione Secondo turno qualific. Fase a gironi Primo turno Secondo turno Secondo turno

0-1

1,75 1,90 Somma Gol 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 0 1 2 3 4 4+ 3,5 UNDER OVER 10,0 17,0 30,0 12,0 5,50 4,00 50,0 17,0 2,55 10,0 4,20 2,90 3,70 5,00 5,10 1,22 3,60

5,30 2,20 2,15

3 1 2 7 5 9 0

4-0

Parziale finale

Aris Salonicco Partite vinte Partite pareg. Partite perse Gol segnati Gol subiti Cartellino giallo Cartellino rosso

3-2

13,0 12,0 28,0 33,0 25,0 50,0 125 10,0 6,50 14,0 70,0 250 20,0

Under

I numeri

3-1

11,0 22,0 18,0 85,0 60,0 65,0 250 175 175 250 6,50 6,50 7,50

i nostri consigli

2

Da provare

Quote extra

0 0 0 0

I numeri Partite vinte Partite pareg. Partite perse Gol segnati Gol subiti Cartellino giallo Cartellino rosso

Ultimi incontri 3 2 1 11 6 5 0

Leicester Man City Man City Wolves Man City Leicester Aston Villa Man City Notts Co. Man City Birmingham Man City Man City West Brom Man Utd Man City

2-2 4-3 4-2 1-0 1-1 2-2 3-0 2-1

Competizione UEFA Champions League Coppa delle Coppe UEFA Europa League

G 2 18 44

V 0 11 23

P 1 2 12

S 1 5 9

Anno 2008/09 2003/04 1978/79 1977/78 1976/77

G 16 6 8 2 2

V 10 4 3 0 1

P 2 2 3 2 0

S 4 0 2 0 1

Posizione Quarti di finale Secondo turno Quarti di finale Primo turno Primo turno


Martedì 15 Febbraio 2011 7 Recupero Premier League

BIRMINGHAM - NEWCASTLE

Recupero da «X» Under/Over in casa Under

Over

9

4

Under/Over fuori casa

Premio interessante per l’ipotesi di un pari nel match di Premier League Sfida piuttosto equilibrata come confermano le quote

Under/Over 1.5 in casa Under

Over

4

9

L

ʼaddio di Andy Carroll non è ancora stato digerito in casa Newcastle. I Magpies non vincono da 5 partite (una sconfitta e 4 pareggi) e stasera la trasferta sul campo del Birmingham (2 vittorie a seguire in Premier League) non sarà delle più semplici. I padroni di casa si affidano ai gol del gigante Zigic (nella foto), già decisivo nel match vinto per 1-0 contro lo Stoke nellʼultima di campionato. Va sottolineato come in casa il Birmingam sia la squadra che ha collezionato il maggior numero di pareggi: 7. Al contrario, il Newcastle mostra scarsa propensione a dividere la posta lontano dal St James Park. Appena 3 pareggi, contro Wolverhampton, Sunderland e Blackburn, nellʼultimo weekend di Premier League. Da qualche giornata a questa parte, tuttavia, i Magpies fanno registrare proprio la prevalenza di segni «X». In un match che presenta quote piuttosto equilibrate, chissà che proprio il pareggio non risulti lʼopzione vincente. Con una quota che permetterebbe di triplicare e più la posta...

Nikola Zigic (Birmingham)

Under/Over 3.5 in casa Under

Over

11

2

Goal/No Goal in casa Goal

No Goal

6 0

2

7

Somma Gol in casa 1 2 3 4 4+

2

5

2

2

0

Ultimi incontri Birmingham Wolves Birmingham Birmingham Blackpool Birmingham Man Utd Birmingham West Ham Birmingham

Tottenham Birmingham Man Utd Arsenal Birmingham Aston Villa Birmingham Man City Birmingham Stoke City

1-1 1-0 1-1 0-3 1-2 1-1 5-0 2-2 0-1 1-0

Under

Over

8

5

Under/Over 1.5 fuori casa Under

Over

5

8

Under/Over 3.5 fuori casa Under

Over

11

2

Goal/No Goal fuori casa Goal

No Goal

6 0

1

7

Somma Gol fuori casa 1 2 3 4 4+

4

3

3

1

1

Ultimi incontri Newcastle Newcastle Tottenham Wigan Newcastle Sunderland Newcastle Fulham Newcastle Blackburn

Liverpool Man City Newcastle Newcastle West Ham Newcastle Tottenham Newcastle Arsenal Newcastle

3-1 1-3 2-0 0-1 5-0 1-1 1-1 1-0 4-4 0-0

La quota da provare

Somma Goal Birmingham da 2 Osservando le cifre relative alla squadra di casa, si nota come il Birmingham fa registrare una prevalenza di partite interne con Somma Goal pari a 2. Spicca il numero 5: un numero che si fa senzʼaltro notare. Quanto al Newcastle, fuori casa prevale lʼ1 con riferimento alla Somma Goal. Proviamo a dare ragione al Birmingham: 2 gol in questo match valgono... triplo.

i nostri consigli

X

Under

1 X 2 1 X 2 1 X 2 1 X 2 1 X 2 2,35 3,25 2,90 2,45 3,30 2,75 2,45 3,20 2,85 2,45 3,20 2,85 2,46 3,15 2,80

Focus

Quote extra Risultato Esatto 1-0

2-0

2-1

Under/Over 3-0

3-1

3-2

4-0

4-1

4-2

4-3

0-3

1-3

2-3

0-4

1 4 0 5 0 4

1,5 UNDER OVER

1-4

2-4

3-4

0-0

1-1

2-2

3-3

2,75 1,38

4-4 ALTRO 2,5 UNDER OVER

1,63 2,10 Somma Gol 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 0 1 2 3 4 4+ 3,5 UNDER OVER 4,00 12,0 24,0 5,00 5,00 5,50 24,0 12,0 4,50 8,00 3,50 3,00 3,50 5,50 5,25 1,20 3,90

Parziale finale

1X2 45’ 1

Doppia chance

X

2

1X

X2

Goal/No Goal

12

1,41 1,50 1,30

Fulham GIOCATORE L. Bowyer N. Žigic S.Larsson

1-2

35,0 25,0 30,0 100 75,0 80,0 150 8,00 6,00 14,0 75,0 300 30,0

3,00 2,15 3,30

ES AM

0-2

7,00 10,0 9,50 30,0 20,0 25,0 85,0 65,0 70,0 125 7,50 11,0 10,0

Segna sq. casa

NO GOAL

SI

NO

SI

NO

1,83

1,83

1,33

2,85

1,37

2,70

0 4 0 4 0 3

GIOCATORE C. Tioté F. Coloccini J. Perch

ES AM

0 8 1 3 0 5

Risultato esatto Attenzione all’1-1 In questo recupero di campionato il pareggio potrebbe accontentare tutti. Per 2 squadre al momento fuori dalla zona a rischio, un punto farebbe comodo. Dovendo ipotizzare un possibile risultato esatto, puntiamo sull’1-1. Va ricordato che in casa il Birmingham segna poco, anzi pochissimo (peggior attacco del torneo), tanto quanto il Newcastle: 12 reti ciascuna.

Il Meteo previsto

Chelsea ES AM

Segna sq. ospite

GOAL

Ammonizioni ed Espulsioni GIOCATORE C. Gardner R. Johnson S. Dann

0-1

GIOCATORE J. Barton K. Nolan A. Carroll

Pioggia

Info Match Stadio St Andrews Stad.

ES AM

0 5 0 5 0 4

Temperatura prevista 2° - 7°

Inizio 20:45 TV

Sky


8 Martedì 15 Febbraio 2011 UNDER 2,5 SQUADRA NIZZA BREST AUXERRE TOLOSA RENNES MONTPELLIER LILLE MONACO BORDEAUX VALENCIENN. CAEN MARSIGLIA LIONE LENS LORIENT ARLES ST.ETIENNE NANCY PARIS SG SOCHAUX

TOT C F 18 16 16 15 15 14 14 14 13 13 13 13 13 13 13 12 12 11 10 8

8 8 7 9 8 6 6 9 8 4 7 6 8 7 7 7 4 7 3 4

10 8 9 6 7 8 8 5 5 9 6 7 5 6 6 5 8 4 7 4

24ª giornata

Francia H

anno vinto le prime quattro, ha steccato il Psg. Questi i verdetti della giornata appena trascorsa in Ligue 1, con il Lille capolista che mantiene 5 punti di vantaggio sul Rennes e 6 sul Marsiglia. Il vero colpo lʼha fatto il Lione, capace di andare a passeggiare su un campo ostico come quello del St Etienne. Ora Lisandro Lopez e compagni vedono la zona Champions e intravedono il Lille. Proprio la capolista fa visita domenica pomeriggio al Montpellier, reduce dal deludente pareggio per 0-0 sul campo dellʼArles ultimo in classifica. Il Marsiglia che vince e rimane in scia del Lille ha il volto felice del bomber Gignac. Sua la doppietta che, di rimonta, ha consentito allʼOM di ribaltare il vantaggio iniziale del Sochaux e centrare 3 punti davvero preziosi. Sabato lʼOlympique sfida il St Etienne, appena maltrattato dal Lione. Per condizione fisica e morale, il pronostico non può che sorridere ai signori del Velodrome. Il Rennes sta stupendo tutti e, per non venir meno, ha infilato la sua sesta vittoria casalinga consecutiva contro il Nizza. Resta da verificare la tenuta in trasferta, dove il Rennes ha ottenuto solo 2 punti nelle ultime 6 gare (perdendo malamente a Sochaux per 5-1). Per non perdere altre posizioni in classifica, il Psg cerca punti sul campo del Nizza mentre il Bordeaux, sconfitto dal Caen, rischia a Lorient.

OVER 2,5 SQUADRA SOCHAUX PARIS SG NANCY ARLES ST.ETIENNE BORDEAUX VALENCIENN. CAEN MARSIGLIA LIONE LENS LORIENT MONTPELLIER LILLE MONACO TOLOSA RENNES BREST AUXERRE NIZZA

TOT C F 15 13 12 11 11 10 10 10 10 10 10 10 9 9 9 8 8 7 7 5

8 9 5 5 7 4 7 4 5 4 5 4 5 6 3 2 4 3 4 3

7 4 7 6 4 6 3 6 5 6 5 6 4 3 6 6 4 4 3 2

Quote TotoSi - Pal. 7539 Data Ora N.

GOAL 2,5 SQUADRA

TOT C F

AUXERRE ST.ETIENNE SOCHAUX LILLE VALENCIENN. BORDEAUX PARIS SG LIONE MARSIGLIA LENS NANCY CAEN MONACO MONTPELLIER BREST TOLOSA ARLES RENNES NIZZA LORIENT

17 16 15 15 15 14 14 14 13 13 12 11 10 9 9 9 8 8 8 8

9 9 8 7 8 7 8 5 6 7 4 3 4 7 5 3 5 5 5 4

8 7 7 8 7 7 6 9 7 6 8 8 6 2 4 6 3 3 3 4

NOGOAL 2,5 SQUADRA

TOT C F

ARLES RENNES NIZZA LORIENT MONTPELLIER BREST TOLOSA MONACO CAEN NANCY MARSIGLIA LENS BORDEAUX PARIS SG LIONE SOCHAUX LILLE VALENCIENN. ST.ETIENNE AUXERRE

15 15 15 15 14 14 14 13 12 11 10 10 9 9 9 8 8 8 7 6

7 7 6 7 4 6 8 8 8 8 5 5 5 4 7 4 5 3 2 2

8 8 9 8 10 8 6 5 4 3 5 5 4 5 2 4 3 5 5 4

18/02 19/02 19/02 19/02 19/02 19/02 19/02 20/02 20/02 20/02

20:45 19:00 19:00 19:00 19:00 19:00 21:00 17:00 17:00 21:00

5 1 2 3 4 6 7 8 9 10

Partita Lione Auxerre Brest Caen Lens Marsiglia Lorient Montpellier Nizza Tolosa

Classifica Squadre Punti Lille 45 Rennes 40 Marsiglia 39 Lione 38 Paris SG 38 St.Étienne 35 Montpellier 34 Tolosa 33 Bordeaux 31 Brest 31 Lorient 31 Valenciennes 29 Sochaux 28 Nancy 28 Caen 27 Nizza 26 Auxerre 25 Monaco 24 Lens 24 Arles 9

Nancy Arles Monaco Valenciennes Sochaux St Etienne Bordeaux Lille Psg Rennes

1

X

2,10 1,50 1,38 2,30 2,30 1,55 2,50 3,10 3,30 2,40

3,20 3,75 4,00 3,10 3,10 3,65 3,00 3,10 3,10 3,00

Totale G 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23 23

V N 12 9 11 7 10 9 10 8 10 8 9 8 9 7 10 3 7 10 8 7 9 4 7 8 8 4 8 4 7 6 6 8 4 13 4 12 5 9 1 6

P 2 5 4 5 5 6 7 10 6 8 10 8 11 11 10 9 6 7 9 16

2 Under Over 3,40 6,75 9,50 3,10 3,10 6,20 2,85 2,30 2,20 3,00

1,60 1,77 1,70 1,50 1,55 1,70 1,55 1,58 1,58 1,50

2,10 1,87 1,95 2,30 2,20 1,95 2,20 2,15 2,15 2,30

in casa F 42 26 32 34 34 32 20 25 28 23 27 28 36 26 24 15 28 23 22 11

S 22 17 19 24 24 28 23 24 25 24 30 25 29 35 32 24 29 24 35 43

G 12 12 11 12 12 11 11 11 12 11 11 11 12 12 11 11 11 12 12 12

V 8 8 6 6 6 5 5 6 4 4 7 6 7 5 3 5 2 3 4 1

N 3 3 4 5 4 4 3 2 5 6 2 3 3 1 3 3 7 6 4 4

P 1 1 1 1 2 2 3 3 3 1 2 2 2 6 5 3 2 3 4 7

fuori F 24 18 17 16 21 20 14 13 14 12 17 19 25 13 10 11 14 10 14 8

S 11 6 8 7 12 15 10 7 12 7 6 11 11 18 17 9 13 10 16 20

G 11 11 12 11 11 12 12 12 11 12 12 12 11 11 12 12 12 11 11 11

V 4 3 4 4 4 4 4 4 3 4 2 1 1 3 4 1 2 1 1 0

N 6 4 5 3 4 4 4 1 5 1 2 5 1 3 3 5 6 6 5 2

P 1 4 3 4 3 4 4 7 3 7 8 6 9 5 5 6 4 4 5 9

F 18 8 15 18 13 12 6 12 14 11 10 9 11 13 14 4 14 13 8 3

S 11 11 11 17 12 13 13 17 13 17 24 14 18 17 15 15 16 14 19 23


Martedì 15 Febbraio 2011 9

LIONE - NANCY

Bentornato Lione Dopo aver superato a pieni voti l’esame St Etienne, la squadra di Puel prepara il bis casalingo Allo stade de Gerland arriva un Nancy che ha sempre steccato nelle ultime 3 trasferte disputate Under/Over in casa

Under 8

Over 4

Goal/No Goal in casa

Goal 5

No Goal 7

I

l successo sul campo del St Etienne parla chiaro. Chi vuole diventare campione di Francia, questʼanno, dovrà fare i conti con il Lione. LʼOlympique si prepara a ricevere un Nancy reduce dal successo per 3-1 sullʼAuxerre. Buon risultato ma non abbastanza per spaventare la squadra di Puel. Anche perchè fuori casa gli ospiti hanno perso le ultime 3 trasferte disputate. Segno «1» da giocare.

Yoann Gourcuff (Lione)

Il nostro pronostico

1

Over

Info match Data 18/02/11 Ora 20:45 Stadio Municipal de Gerland TV Sportitalia And. Nan.-Lio. 2-3

Lione Paris SG Lione Tolosa Lione Auxerre Lorient Lione Bordeaux Lione

1-3 2-2 1-2 2-0 1-1 1-1 3-0 2-1 0-0 1-4

Under 4

Over 7

Goal/No Goal fuori casa

Goal 8

No Goal 3

Ultimi incontri

Ultimi incontri Lens Lione Montpellier Lione Marsiglia Lione Lione Valenciennes Lione St.Étienne

Under/Over fuori casa

1 -

X -

2 -

1 X 2 1 X 2 1 X 2 1,45 3,85 7,50 1,45 4,00 7,00 1,50 3,75 6,75

Parziale finale 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 2,00 14,0 31,8 3,50 5,30 12,9 17,0 14,0 12,5

Quote extra

1X2 45’ 1 X -

2 -

Doppia chance Goal/No Goal 1X X2 12 G NOG 1,07 2,41 1,23 2,00 1,67

Somma Gol Under/Over 1,5 0 1 2 3 4 4+ UNDER OVER 8,50 4,05 3,10 3,60 4,95 5,85 3,35 1,25 Segna sq. casa Segna sq. ospite Under/Over 3,5 SI NO SI NO UNDER OVER 1,13 4,60 1,76 1,90 1,30 3,05

Nancy Nancy Arles Nancy Nancy Tolosa Lille Nancy Brest Nancy

Valenciennes St.Étienne Nancy Sochaux Paris SG Nancy Nancy Montpellier Nancy Auxerre

2-0 1-1 1-1 1-0 2-0 1-0 3-0 1-2 2-1 3-1

AUXERRE - ARLES

Thriller da «1» Sfida che riguarda la parte bassa della classifica tra l’Auxerre e il fanalino di coda Arles I padroni di casa hanno assoluta necessità di vincere e vista la modestia dell’avversario possono farcela Under/Over in casa

Under 7

Over 4

Goal/No Goal in casa

Goal 9

No Goal 2

P

adroni di casa in caduta libera, ospiti fermi da tempo allʼultimo posto. Con queste premesse, il match tra Auxerre e Arles non può essere davvero una promessa di spettacolo. LʼAuxerre ha una chance forse irripetibile per ritrovare i 3 punti e rimettersi in corsa per la salvezza. Contro una squadra che sta collezionando tutti i record negativi possibili, la vittoria è dʼobbligo.

Julien Quercia (Auxerre)

Il nostro pronostico

1

NG

Info match Data 19/02/11 Ora 19:00 Stadio Abbé Deschamps TV Sportitalia And. Arl.-Aux. 0-4

Auxerre Tolosa Auxerre Marsiglia Auxerre Auxerre Monaco Auxerre Lille Auxerre

1-1 1-2 1-1 1-1 1-1 1-1 1-1 2-0 1-1 3-1

Under 5

Over 6

Goal/No Goal fuori casa

Goal 3

No Goal 8

Ultimi incontri

Ultimi incontri St.Étienne Auxerre Lens Auxerre Montpellier Lione Auxerre Caen Auxerre Nancy

Under/Over fuori casa

1 -

Quote extra

X -

2 -

1 X 2 1 X 1,35 4,35 9,00 1,33 4,50

Parziale finale 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 1,80 14,9 36,5 3,70 5,65 18,2 17,8 14,9 18,0 1X2 45’ 1 X -

2 -

Doppia chance Goal/No Goal 1X X2 12 G NOG 1,03 2,81 1,20 2,20 1,55

2 1 X 2 9,00 1,38 4,00 9,50

Somma Gol Under/Over 1,5 0 1 2 3 4 4+ UNDER OVER 9,50 3,85 3,05 3,65 5,10 6,55 3,15 1,28 Segna sq. casa Segna sq. ospite Under/Over 3,5 SI NO SI NO UNDER OVER 1,10 5,35 2,00 1,68 1,25 3,35

Arles Valenciennes Arles Arles St.Étienne Arles Rennes Arles Marsiglia Arles

Bordeaux Arles Nancy Lille Arles Nizza Arles Paris SG Arles Montpellier

2-4 3-0 1-1 0-1 2-0 0-0 4-0 1-2 1-0 0-0


10 Martedì 15 Febbraio 2011

BREST - MONACO

Fuori non si vince Monegaschi reduci dal prezioso successo in chiave salvezza contro il Lorient Trasferta non impossibile ma per una squadra che in trasferta non sa vincere… Under/Over in casa

Under 8

Over 3

Goal/No Goal in casa

Goal 5

No Goal 6

A

rles a parte, in coda la situazione del campionato francese è tutta da definire. Sono diverse le squadre a rischiare e tra queste cʼè il Monaco. Situazione quasi inevitabile per chi, fuori casa, ha vinto solo una volta (contro il Nancy). I monegaschi vogliono dar seguito ai 3 punti ottenuti con il Lorient e lo faranno sul campo del Brest che, in casa, ha perso solo un incontro. Consigliabile il pareggio.

Bruno Grougi (Brest)

Il nostro pronostico

X

Under

Info match Data 19/02/11 Ora 19:00 Stadio Francis Le Blé TV Sportitalia And. Mon.-Bre. 0-1

Brest Lens Brest Montpellier Brest Marsiglia Caen Brest Nancy Brest

2-1 4-1 3-1 0-0 1-1 0-0 1-3 2-0 2-1 3-0

Under 5

Over 6

Goal/No Goal fuori casa

Goal 6

No Goal 5

Ultimi incontri

Ultimi incontri Rennes Brest Paris SG Brest Nizza Brest Brest Lorient Brest Valenciennes

Under/Over fuori casa

1 -

X -

2 -

1 X 2 1 X 2 1 X 2 2,30 2,95 3,25 2,30 2,90 3,25 2,30 3,10 3,10

Parziale finale 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 3,60 11,5 25,7 4,45 4,40 5,95 21,5 11,5 5,20

Quote extra

1X2 45’ 1 X -

2 -

Doppia chance Goal/No Goal 1X X2 12 G NOG 1,32 1,55 1,32 1,90 1,75

Somma Gol Under/Over 1,5 0 1 2 3 4 4+ UNDER OVER 7,00 3,45 2,80 3,85 6,30 9,15 2,70 1,38 Segna sq. casa Segna sq. ospite Under/Over 3,5 SI NO SI NO UNDER OVER 1,31 2,95 1,45 2,45 1,15 4,35

Lille Monaco Rennes Monaco Paris SG Monaco Auxerre Monaco Tolosa Monaco

Monaco Nizza Monaco St.Étienne Monaco Sochaux Monaco Marsiglia Monaco Lorient

2-1 1-1 1-0 0-2 2-2 2-1 1-1 0-0 2-0 3-1

CAEN - VALENCIENNES

Sfida da Goal Match che riguarda la parte medio bassa della graduatoria tra 2 squadre di pari livello In un contesto senza un vero padrone potrebbe scaturirne un pareggio (con reti) Under/Over in casa

Under 7

Over 4

Goal/No Goal in casa

Goal 3

No Goal 8

L

a matricola Caen sa tirare fuori la grinta al momento giusto. Squadra che pareggia poco ma capace di exploit notevoli come il blitz compiuto a Bordeaux nellʼultima di campionato. Il Valenciennes, forse appagato dal successo sul Brest, difficilmente porterà via lʼintera posta (finora lo ha fatto solo una volta, sul campo del Monaco). Puntare sul Goal sembra soluzione adeguata, per chi vuole rischiare allora è «X».

Grégory Leca (Caen)

Il nostro pronostico

X

Goal

Info match Data 19/02/11 Ora 19:00 Stadio Michel d'Ornano TV Sportitalia And. Val.-Cae. 2-1

Caen Sochaux Caen Nizza Rennes Caen Caen Auxerre Lorient Caen

2-1 0-3 1-0 0-0 1-0 1-3 2-0 2-0 0-2 1-2

Under 9

Over 3

Goal/No Goal fuori casa

Goal 7

No Goal 5

Ultimi incontri

Ultimi incontri Paris SG Caen Tolosa Caen Caen Brest Lens Caen Caen Bordeaux

Under/Over fuori casa

1 -

Quote extra

X -

2 -

1 X 2 1 X 2 1 X 2 2,30 3,00 3,20 2,20 3,00 3,40 2,30 3,10 3,10

Parziale finale 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 3,60 11,5 25,7 4,45 4,40 5,95 21,5 11,5 5,20 1X2 45’ 1 X -

2 -

Doppia chance Goal/No Goal 1X X2 12 G NOG 1,32 1,55 1,32 1,87 1,77

Somma Gol Under/Over 1,5 0 1 2 3 4 4+ UNDER OVER 7,50 3,55 2,90 3,80 5,90 8,50 2,72 1,37 Segna sq. casa Segna sq. ospite Under/Over 3,5 SI NO SI NO UNDER OVER 1,31 3,00 1,43 2,50 1,17 4,10

Valenciennes Arles Valenciennes St.Étienne Sochaux Valenciennes Valenciennes Paris SG Rennes Valenciennes Valenciennes Tolosa Montpellier Valenciennes Valenciennes Lione Lens Valenciennes Valenciennes Brest

3-0 1-1 2-1 1-2 1-0 2-1 2-1 2-1 1-1 3-0


Martedì 15 Febbraio 2011 11

LENS - SOCHAUX

Un «1» di misura Padroni di casa in piena zona retrocessione e con la necessità di fare punti contro una diretta rivale. Di contro un Sochaux che, lontano da casa, non riesce proprio a ingranare. Oltre all’ «1» occhio l’Under Under/Over in casa

Under 7

Over 5

Goal/No Goal in casa

Goal 7

No Goal 5

S

contro salvezza con i padroni di casa, staccati di quattro punti dai rivali, e reduci dal pareggio in casa del Paris Saint Germain. Una sola vittoria in undici gare il misero bottino messo insieme in trasferta dal Sochaux. Le quote ci parlano di una sfida, sulla carta, equilibrata, e proprio per questo probabilmente condizionata dal basso punteggio. Buono il 2,10 per puntara al segno «1», lʼUnder è una buona alternativa.

Issam Jemaa (Lens)

Il nostro pronostico

1

Under

Info match Data 19/02/11 Ora 19:00 Stadio Félix Bollaert TV SportItalia And. Soc.-Len. 3-0

Lione Lens Auxerre Lens Lens St.Étienne Caen Lens Valenciennes Lens

1-3 4-1 1-1 3-0 2-2 2-1 2-0 1-0 1-1 0-0

Under 4

Over 7

Goal/No Goal fuori casa

Goal 7

No Goal 4

Ultimi incontri

Ultimi incontri Lens Brest Lens Lorient Bordeaux Lens Lens Lille Lens Paris SG

Under/Over fuori casa

1 -

X -

2 -

1 X 2 1 X 2 1 X 2 2,00 3,15 3,75 2,00 3,10 3,80 2,10 3,20 3,40

Parziale finale 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 3,20 11,9 26,5 4,05 4,50 6,55 19,7 11,9 5,80

Quote extra

1X2 45’ X 1 –

2 -

Doppia chance Goal/No Goal NOG G 1X X2 12 1,27 1,65 1,30 1,82 1,82

Under/Over 1,5 Somma Gol 4 4+ UNDER OVER 3 2 1 0 8,00 3,60 2,95 3,75 5,55 7,80 2,80 1,35 Segna sq. casa Segna sq. ospite Under/Over 3,5 UNDER OVER NO SI NO SI 1,20 3,80 1,45 2,45 1,26 3,30

Sochaux Caen Sochaux Nancy Sochaux Monaco Paris SG Sochaux Nizza Sochaux

Lorient Sochaux Valenciennes Sochaux Bordeaux Sochaux Sochaux Rennes Sochaux Marsiglia

2-0 0-3 2-1 1-0 1-1 2-1 2-1 5-1 1-0 1-2

MARSIGLIA - ST.ÉTIENNE

Quote casalinghe Alla rincorsa del primato il Marsiglia, reduce da due vittorie intene consecuitive, ospita una squadra che, in trasferta, già in quattro occasioni ha portato a casa il bottino pieno. Buona l’opzione No Goal Under/Over in casa

Under 6

Over 5

Goal/No Goal in casa

Goal 6

No Goal 5

P

rofumo dʼEuropa al Velodrome. Il Marsiglia può rientare a pieno titolo nella corsa per il primato, ma il Saint Etienne è squadra da prendere con le molle visto che in classifica è staccato di soli quattro punti e a ridosso delle posizioni che valgono un posto nellʼEuropa che conta. Buoni i numeri della squadra di Deschamps nelle sfide interne, ospiti comunque a loro agio lontano da casa, già quattro le vittorie.

Esultanza del Marsiglia

Il nostro pronostico

1

NG

Info match Data 19/02/11 Ora 19:00 Stadio Vélodrome TV SportItalia And. St.E.-Mar. 1-1

Montpellier Rennes Marsiglia Marsiglia Lione Marsiglia Bordeaux Marsiglia Arles Marsiglia

4-0 0-0 1-0 1-1 1-1 0-0 2-1 0-0 1-0 1-2

Under 8

Over 4

Goal/No Goal fuori casa

Goal 7

No Goal 5

Ultimi incontri

Ultimi incontri Marsiglia Marsiglia Nizza Auxerre Marsiglia Brest Marsiglia Monaco Marsiglia Sochaux

Under/Over fuori casa

1 -

Quote extra

X -

2 -

1 X 2 1 X 2 1 X 2 1,55 3,70 6,00 1,52 3,75 6,25 1,55 3,65 6,20

Parziale finale 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 2,10 13,6 31,2 3,45 5,15 11,9 16,8 13,6 11,4 1X2 45’ X 1 -

2 -

Doppia chance Goal/No Goal NOG G 1X X2 12 1,09 2,30 1,24 2,00 1,67

Under/Over 1,5 Somma Gol 4 4+ UNDER OVER 3 2 1 0 8,50 3,85 3,05 3,65 5,10 6,55 3,15 1,28 Segna sq. casa Segna sq. ospite Under/Over 3,5 UNDER OVER NO SI NO SI 1,25 3,35 1,74 1,95 1,15 4,40

Nancy St.Étienne Valenciennes St.Étienne St.Étienne Bordeaux Monaco St.Étienne St.Étienne Arles Lille St.Étienne Lens St.Étienne St.Étienne Tolosa Montpellier St.Étienne St.Étienne Lione

1-1 1-1 2-2 0-2 2-0 1-1 2-1 2-1 1-2 1-4


12 Martedì 15 Febbraio 2011

LORIENT - BORDEAUX

Pari d’Europa Il Llorient in casa è una delle formazioni migliori di tutto il campionato e punta a sfruttare al meglio il fattore campo in una sfida importante per la rincorsa ad un posto in Europa. Tanto equilibrio, paga bene la «X» Under/Over in casa

Under 7

Over 4

Goal/No Goal in casa

Goal 4

No Goal 7

A

ppaiate in classifica, in corsa per un posto in Europa. Numeri più che lusinghieri quelli del Llorient nelle undici sfide allo Stade du Moustoir, sono già sette le vittorie casalinghe. Di contro un Bourdeaux che, in trasferta, ha la tendenza al pareggio, ben cinque, con qualche difficoltà difensiva. Lʼimportanza della posta in palio ispira la «X», ma non è per nulla da sottovalutare lʼopzione legata al Goal.

Il nostro pronostico

Maxime Baca (Lorient)

X

Goal

Info match Data 19/02/11 Ora 21:00 Stadio Yves Allainmat Le Moustoir TV Sportitalia And. Bor.-Lor. 1-0

Lorient Rennes Lorient Lens Lorient Montpellier Lorient Brest Lorient Lorient

2-0 2-0 6-3 3-0 3-0 0-0 3-0 2-0 0-2 3-1

Under 5

Over 6

Goal/No Goal fuori casa

Goal 7

No Goal 4

Ultimi incontri

Ultimi incontri Sochaux Lorient Lille Lorient Tolosa Lorient Lione Lorient Caen Monaco

Under/Over fuori casa

1 -

X -

2 -

1 X 2 1 X 2 1 X 2 2,40 3,00 3,00 2,30 2,90 3,25 2,50 3,00 2,85

Parziale finale 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 4,00 11,2 24,9 4,80 4,25 5,50 23,4 11,2 4,70

Quote extra

1X2 45’ 1 X -

2 -

Doppia chance Goal/No Goal 1X X2 12 G NOG 1,36 1,46 1,33 1,87 1,77

Somma Gol Under/Over 1,5 0 1 2 3 4 4+ UNDER OVER 7,50 3,55 2,90 3,80 5,90 8,50 2,72 1,37 Segna sq. casa Segna sq. ospite Under/Over 3,5 SI NO SI NO UNDER OVER 1,34 2,85 1,40 2,65 1,17 4,10

Arles Bordeaux St.Étienne Bordeaux Sochaux Bordeaux Marsiglia Bordeaux Lione Bordeaux

Bordeaux Lille Bordeaux Rennes Bordeaux Lens Bordeaux Nizza Bordeaux Caen

2-4 1-1 2-2 0-0 1-1 2-2 2-1 2-0 0-0 1-2

MONTPELLIER - LILLE

Colpo esterno Trasferta non facile per la capolista sul campo di una squadra che è insegue un piazzamento europeo per la prossima stagione. Segno «2», quota 2,30; sarebbe il quinto in campionato per il Lille. Under/Over in casa

Under 6

Over 5

Goal/No Goal in casa

Goal 7

No Goal 4

C

apolista con cinque lunghezze sulla prima inseguitrice. Prosegue senza intoppi il cammino del Lille, reduce dal rotondo successo sul Tolosa. La trasferta di Montpellier non è delle più agevoli, ma la squadra di Renè Girard, in casa, già in tre circostanze ha conosciuto il sapore amaro dela sconfitta. Quota molto interessante, 2,30, quella per la vittoria del Lille, in trasferta la migliore squadra del campionato.

S. Dumont Gervinho (Lille)

Il nostro pronostico

2

Goal

Info match Data 20/02/11 Ora 17:00 Stadio de la Mosson et du Mondial 98 TV Sportitalia And. Lil.-Mont. 3-1

Montpellier Montpellier Lione Montpellier Auxerre Montpellier Valenciennes Montpellier St.Étienne Montpellier

0-1 4-0 1-2 0-0 1-1 0-0 2-1 1-2 1-2 0-0

Under 8

Over 3

Goal/No Goal fuori casa

Goal 8

No Goal 3

Ultimi incontri

Ultimi incontri Nizza Marsiglia Montpellier Brest Montpellier Lorient Montpellier Nancy Montpellier Arles

Under/Over fuori casa

1 -

Quote extra

X -

2 -

1 X 2 1 X 2 1 X 2 3,25 3,10 2,20 3,25 3,00 2,25 3,10 3,10 2,30

Parziale finale 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 5,20 11,5 21,5 5,95 4,40 4,45 25,7 11,5 3,60 1X2 45’ 1 X -

2 -

Doppia chance Goal/No Goal 1X X2 12 G NOG 1,55 1,32 1,32 1,82 1,82

Somma Gol Under/Over 1,5 0 1 2 3 4 4+ UNDER OVER 8,00 3,60 2,90 3,75 5,70 8,15 2,72 1,37 Segna sq. casa Segna sq. ospite Under/Over 3,5 SI NO SI NO UNDER OVER 1,41 2,60 1,29 3,10 1,18 4,00

Lille Bordeaux Lille Arles Lille Nizza Lille Lille Auxerre Lille

Monaco Lille Lorient Lille St.Étienne Lille Nancy Lens Lille Tolosa

2-1 1-1 6-3 0-1 1-1 0-2 3-0 1-0 1-1 2-0


Martedì 15 Febbraio 2011 13

NIZZA - PARIS SG

Psg corsaro Si affrontano due formazioni che non attraversano un grande periodo di forma. Padroni di casa invischiati in zona retrocessione, i parigini, occhio al «2», non possono perdere altro terreno dalla vetta Under/Over in casa

Under 8

Over 3

Goal/No Goal in casa

Goal 5

No Goal 6

I

nvischiato in zona retrocessione e con un ruollino di marcia altalenante nelle sfide interne. Nizza in difficoltà, tre sconfitte nelle ultime quattro gare, quello che ospita un Paris Saint Germain, che non se la passa tanto megio, visto il solo punto guadagnato nelle ultime due giornate di campionato. Comunque buono il rendimento esterno dei parigini, già quattro le vittorie, ed il 2,20 offerto per il quinto «2» è un ottima quota.

Guillaume Hoarau (PSG)

Il nostro pronostico

2

Goal

Info match Data 20/02/11 Ora 17:00 Stadio du Ray TV Sportitalia And. PSG-Niz. 0-0

Montpellier Nizza Marsiglia Nizza Brest Nizza Lille Nizza Sochaux Nizza

0-1 1-1 1-0 0-0 1-1 0-0 0-2 2-0 1-0 2-0

Under 7

Over 4

Goal/No Goal fuori casa

Goal 6

No Goal 5

Ultimi incontri

Ultimi incontri Nizza Monaco Nizza Caen Nizza Arles Nizza Bordeaux Nizza Rennes

Under/Over fuori casa

1 -

X -

2 -

1 X 2 1 X 2 1 X 2 3,45 3,15 2,10 3,40 3,10 2,15 3,30 3,10 2,20

Parziale finale 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 5,60 11,5 20,6 6,35 4,40 4,25 26,2 11,5 3,40

Quote extra

1X2 45’ 1 X -

2 -

Doppia chance Goal/No Goal 1X X2 12 G NOG 1,60 1,29 1,32 1,82 1,82

Somma Gol Under/Over 1,5 0 1 2 3 4 4+ UNDER OVER 8,00 3,60 2,90 3,75 5,70 8,15 2,72 1,37 Segna sq. casa Segna sq. ospite Under/Over 3,5 SI NO SI NO UNDER OVER 1,43 2,50 1,27 3,20 1,18 4,00

Paris SG Lione Paris SG Valenciennes Paris SG Nancy Paris SG Arles Rennes Paris SG

Caen Paris SG Brest Paris SG Monaco Paris SG Sochaux Paris SG Paris SG Lens

2-1 2-2 3-1 1-2 2-2 2-0 2-1 1-2 1-0 0-0

TOLOSA - RENNES

Il «2» paga 3,00 Impegno non agevole quello che attende la prima inseguitrice della capolista Lille. Il Tolosa, in casa, concede poco ma non è un azzardo puntare sulla quinta vittoria esterna della fomazione di Antonetti Under/Over in casa

Under 9

Over 2

Goal/No Goal in casa

Goal 3

No Goal 8

S

taccata di cinque punti dalla capolista Lille, la rincorsa del Rennes passa dalla trasferta sul campo, insidioso, del Tolosa, reduce proprio dalla sconfitta subita in trasfreta contro la prima della classe. In casa però la cose vanno decisamente meglio per la formazione di Elie Baup, vincente in sei degli undici incontri disputati allo Stadium de Toulouse. Vale comunque un tentativo, vista la quota (3,00), puntare sul segno «2».

Franck Tabanou (Tolosa)

Il nostro pronostico

2

Under

Info match Data 20/02/11 Ora 21:00 Stadio Stadium TV Sportitalia And. Ren.-Tol. 3-1

Marsiglia Tolosa Caen Tolosa Lorient Tolosa Nancy Tolosa Monaco Tolosa

0-1 1-2 1-0 2-0 3-0 2-1 1-0 2-1 2-0 2-0

Under 7

Over 4

Goal/No Goal fuori casa

Goal 3

No Goal 8

Ultimi incontri

Ultimi incontri Tolosa Auxerre Tolosa Lione Tolosa Valenciennes Tolosa St.Étienne Tolosa Lille

Under/Over fuori casa

1 -

Quote extra

X -

2 -

1 X 2 1 X 2 1 X 2 2,35 3,00 3,10 2,30 3,00 3,15 2,40 3,00 3,00

Parziale finale 1/1 1/X 1/2 X/1 X/X X/2 2/1 2/X 2/2 3,80 11,2 25,4 4,65 4,25 5,80 22,5 11,2 5,00 1X2 45’ 1 X -

2 -

Doppia chance Goal/No Goal 1X X2 12 G NOG 1,33 1,50 1,33 1,90 1,75

Somma Gol Under/Over 1,5 0 1 2 3 4 4+ UNDER OVER 7,25 3,45 2,80 3,85 6,30 9,15 2,70 1,38 Segna sq. casa Segna sq. ospite Under/Over 3,5 SI NO SI NO UNDER OVER 1,33 2,90 1,43 2,55 1,15 4,35

Lorient Marsiglia Rennes Bordeaux Rennes Caen Rennes Sochaux Rennes Rennes

Rennes Rennes Monaco Rennes Valenciennes Rennes Arles Rennes Paris SG Nizza

2-0 0-0 1-0 0-0 1-0 1-0 4-0 5-1 1-0 2-0


14 Martedì 15 Febbraio 2011

Estrazione del 12/02/2011 BARI CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE

90 1 77 29 18 90 19 53 34 71 2

33 32 74 8 88 51 90 37 2 79 29

3 42 69 30 33 21 57 46 64 86 19

16 36 24 20 27 81 86 42 33 6 64

23 5 25 27 86 6 39 40 63 60 39

L’ultima combinazione vincente Uno è uscito, un altro Concorso n. 19 di sabato 12/02/2011 no e così stasera, in occasione della prima 1 3 19 23 61 78 Jolly 36 estrazione della settiNumero SuperStar mana, le luci dei riflet16 tori sono tutte puntate MONTEPREMI 3.889.243,37 EURO Nessun 6 Jackpot 16.172.212,47 sul 32 in corrisponJACKPOT Nessun 5+1 denza della ruota di Ai 43 “5” euro 13.567,13 PROSSIMO CONCORSO Ai 2.984 “4” euro 195,50 Roma che, dall’alto Ai 97.327 “3” euro 11,98 18.000.000 EURO dei suoi 144 turni di assenza. rappresenta Nella tabella seguente vengono riportati tutti i novanta l’unico “centenario” a numeri in ordine decrescente di ritardo I numeri più ritardatari disposizione.

LE NOSTRE PREVISIONI PER STASERA Per Ambo 72-73 su Bari e Tutte Per Ambo e Terno 18-32-57 su Roma Per Terno e Quaterna 32-42-67-75 su Firenze Per Terno, Quaterna e Cinquina 5-44-45-54-55-88 su Venezia

N.

Rit.

N.

Rit.

N.

Rit.

N.

Rit.

N.

Rit.

N.

Rit.

24 18 80 53 28 2 40 66 33 82 85 57 36 42 60

54 53 50 44 40 39 38 38 37 35 35 31 30 30 28

38 9 48 51 16 56 29 7 74 21 39 14 44 26 73

24 23 23 23 22 20 19 18 18 17 17 16 16 15 15

75 76 31 69 17 34 59 5 77 79 50 87 90 4 88

15 15 14 14 13 13 13 12 12 12 11 11 11 10 10

6 8 67 86 12 13 15 46 27 35 58 64 68 72 22

9 9 9 9 8 8 8 8 7 6 6 6 6 6 5

30 62 70 71 37 45 49 63 25 32 43 52 65 10 11

5 5 5 5 4 4 4 4 3 3 3 3 3 2 2

20 41 55 83 47 54 81 84 89 1 3 19 23 61 78

2 2 2 2 1 1 1 1 1 0 0 0 0 0 0

Notorius più Enrico Bellei: un tandem di sicuro affidamento che ci permette di individuare (ancora una volta) nel n.17 dello schieramento la base della corsa. Piace Niagara As nonostante il numero e Nunca Mas (18).

Ancora una giornata allʼinsegna del trotto. Il numero 17 può essere quello buono in entrambe le corse. A Trieste può risalire Marciano, con Monte Fato (n.16) prima alternativa. In prima fila attenzione a Galateo Light (n.6).

N. 658 - MONTECATINI (trotto) - Ippodromo Sesana - m. 1.640

N. 644 - TRIESTE (trotto) - Ippodromo Montebello - m. 1.660

Ore 19.00 - Premio "M. Di Grano" - Euro 22.660,00

Ore 14.00 - Premio "Val Gardena" - Euro 9.680,00

N. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

Cavallo Ioel Memory Michelle Zs My Somolli Gb Ethos Blue Mendel Mp Galateo Light Miez Melody Dechiari Giorgio Trio Grillodelf. Rex Lancillotto Fks Isaak Bi Ipposs Guantanamo Kyu Lady Men Monte Fato Marciano Iper Wise

FAVORITI 17 16 6 8 5 12

Metri

Marciano Monte Fato Galateo Light Melody Dechiari Mendel Mp Isaak Bi

1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660 1660

Guidatore C. Schipani M. Volpato Luca Talpo R. Totaro E. Montagna F. Pisacane P. Scamardella Ch. Nardo Alf. Gamboz M. Galeazzi Fr. Facci G. D'Ambruoso S. Valentino Vil. Martellini M. Trevellin R. Destro Jr V. P. Toivanen P. Leoni

Ultim. Prest. Valutazione 8-12-rp-6 3-9-3-7 ra-11-4-8 5-rit-4-5 4-5-5-2 4-rsc-6-6 5-6-1-6 1-rit-17-rp 7-8-9-7 rp-3-2-2 rp-5-rp-7 rp-3-4-5 1-2-12-1 1-1-1-4 2-1-10-13 3-3-rp-2 3-3-1-rp 7-12-1-9

DA TENER PRESENTE POSSIBILI SORPRESE 7 18 10 11 14 4

3 My Somolli Gb Miez 9 Giorgio Trio Iper Wise 15 Lady Men Grillodelf. Rex 1 Ioel Memory Lancillotto Fks Guantanamo Kyu Ethos Blue

ll l ll lll llll llll lll llll ll lll lll llll l lll ll llll llll lll

IL NOSTRO ORDINAMENTO TUTTI I NUMERI TRIS 17 12 14 1

16 7 4 2

6 8 5 18 10 11 3 9 15 13

N. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

Cavallo National Lindy Nora Vald Naima di Piaggia Neckar dei Greppi Nicol Grad Nemesi Rab Naif Bi Nemo Dl Nezerdy Allez Niklas As Noodles Bieffe Niagara As Never Bi Narkita Ninfa d'Alfa Negus Bi Notorius Om Nunca Mas

FAVORITI 17 12 18 16 15 11

Notorius Om Niagara As Nunca Mas Negus Bi Ninfa d'Alfa Noodles Bieffe

Metri

Guidatore

1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640 1640

Mass. Matteini A. D'Ettoris Pat. Baldi E. Baldi R. Gradi C. Palomba M. Di Nicola M. Barbini Fr. Piccirillo Fel. Facci R. Pezzatini G. Lombardo Jr Fed. Esposito M. Esper G. Fantini A. Greppi E. Bellei A. Baveresi

Ultim. Prest. Valutazione 5-rp-3-ra 4-2-3-16 7-rsc-rp-3 rp-7-2-8 rit-rp-6-7 6-7-4-4 1-1-2-9 5-2-9-2 4-2-rp-ra rp-3-7-3 9-4-1-2 3-2-rp-1 7-5-rsc-6 1-4-6-2 8-3-4-1 rp-2-4-2 4-5-2-1 4-5-2-3

DA TENER PRESENTE POSSIBILI SORPRESE 7 Naif Bi 6 Nemesi Rab 14 Narkita 10 Niklas As 13 Never Bi 8 Nemo Dl

5 Nicol Grad 3 Naima di Piaggia 4 Neckar dei Greppi 9 Nezerdy Allez

l l ll ll ll lll lll lll ll lll llll llll lll lll llll llll llll llll

IL NOSTRO ORDINAMENTO TUTTI I NUMERI TRIS 17 11 13 9

12 7 8 2

18 16 15 6 14 10 5 3 4 1


L’applicazione permette la consultazione sul tuo iPad delle vendite giudiziarie in pubblicità sul magazine Asteinfoappalti, edizione nazionale e Calabria

L’applicazione si può scaricare GRATIS nell’iTunes App Store

cerchi casa? ...prova all’incanto!


16 Martedì 15 Febbraio 2011

LE PARTITE DI OGGI

Quote BETTER Data 20.30

Ora Pal 7542 9

Camp. BEL LIERSE

20.45

7521

1

CH.LG. VALENCIA

20.45

7521

3

CH.LG. MILAN

18.00

7521

13

20.45

7536

20.45

1 X 2 under 2.65 3.20 2.45 1.77

over 1.87

SCHALKE 04

1.70 3.50 5.00

1.68

2.02

TOTTENHAM

1.70 3.65 4.75

1.78

1.90

EU.LG. ARIS SALONICCO MAN CITY

6.00 3.50 1.60

1.70

2.00

1

ING A BIRMINGHAM

NEWCASTLE

2.45 3.30 2.75

1.63

2.10

7536

3

ING B CARDIFF

BURNLEY

1.90 3.35 3.75

1.82

1.82

20.45

7536

4

ING B DONCASTER

IPSWICH TOWN

2.40 3.20 2.75

1.75

1.90

20.45

7536

5

ING B SHEFFIELD UTD READING

2.75 3.20 2.40

1.75

1.90

20.45

7536

6

ING B WATFORD

PRESTON

1.60 3.60 5.25

1.95

1.70

20.45

7536

19

ING L1 WALSALL

DAG & RED

2.05 3.25 3.30

1.95

1.70

20.45

7536

20

ING L1 MILTON K. DONS LEYTON ORIENT

2.20 3.20 3.00

1.82

1.82

20.45

7536

21

ING L1 YEOVIL

PETERBOROUGH

2.75 3.20 2.35

2.30

1.50

20.45

7536

22

ING L1 EXETER

SWINDON

2.05 3.25 3.30

1.87

1.77

20.45

7536

23

ING L1 BRISTOL ROVERS BOURNEMOUTH

3.45 3.35 1.95

2.05

1.63

20.45

7536

24

ING L1 HARTLEPOOL

CHARLTON

2.60 3.20 2.50

1.82

1.82

20.45

7536

25

ING L1 OLDHAM

CARLISLE

2.00 3.30 3.35

1.77

1.87

20.45

7536

26

ING L1 NOTTS COUNTY COLCHESTER

2.10 3.25 3.15

1.82

1.82

20.45

7536

27

ING L1 TRANMERE

SHEFFIELD WED

2.85 3.20 2.30

1.85

1.80

20.45

7536

39

ING L2 STEVENAGE

OXFORD UTD

2.05 3.25 3.30

1.75

1.90

20.45

7536

40

ING L2 SOUTHEND

WYCOMBE

2.40 3.20 2.70

1.70

1.95

20.45

7536

41

ING L2 ROTHERHAM

ACCRINGTON

1.90 3.30 3.70

1.82

1.82

20.45

7536

42

ING L2 BURY

CHESTERFIELD

2.30 3.20 2.85

1.75

1.90

20.45

7536

43

ING L2 NORTHAMPTON MORECAMBE

1.85 3.40 3.80

1.77

1.87

20.45

7536

44

ING L2 TORQUAY UTD

BURTON ALBION

1.95 3.30 3.50

1.82

1.82

20.45

7536

45

ING L2 ALDERSHOT

LINCOLN CITY

2.05 3.25 3.30

1.82

1.82

20.45

7546

1

MOTHERWELL

2.25 3.25 2.90

1.68

1.98

SCO

Partita MECHELEN

ABERDEEN

I RISULTATI DI IERI FRA B METZ

AC AJACCIO

2-2

GER B ERZ. AUE

1860 MONACO

1-0

ITA B

TORINO

1-0

LPRO VERONA

REGGIANA

1-0

OLA B DEN BOSCH

F. SITTARD

1-1

OLA B DORDRECHT

VOLENDAM

4-1

OLA B EMMEN

CAMBUUR

0-4

TUR

KAYSERISPOR

2-0

NOVARA

FENERBAHCE

ANTEPOST SNAI SERIE A MILAN INTER NAPOLI JUVENTUS ROMA

1,75 3,75 6,00 30,0 50,0

Editore Infospazio srl Viale de Filippis 107 - CATANZARO Tel. 0961.77.16.04 Direttore Resposabile Terri Boemi

LAZIO FIORENTINA SAMPDORIA PALERMO GENOA ALTRO

100 300 300 300 300 75,0

Stampa Stabilimento tipografico De Rose Contrada Pantoni - Marinella 87040 - Montalto Uffugo CS Autoriz. richiesta il 13/01/11

il domani  

Edizione del 15 Febbraio 2011

Advertisement