Issuu on Google+

Venerdì 15 Gennaio 2010 Anno XIII - Numero 14

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

TERREMOTO

ECONOMIA

MAFIA

Forse più di 100mila i morti e si teme per 100 italiani

La finanza cresce il doppio e famiglie ed aziende scendono

Lotta al pizzo: De Tommaso sugli scudi, Criaco commenta

a pag » 24

di Carlo Bassi a pag » 25

di Giuseppe Tetto a pag » 4

Il settimanale britannico parla di “pulizia etnica di tipo balcanico” ma assolve la cittadinanza e spiega che il problema è l’incapacità economica italiana

Economist: Rosarno non è razzista

L’Italia del Sud, e non solo, non si adegua alla globalizzazione senza sussidi e lavoro nero IL COMMENTO

Porto di Gioia Tauro priorità nazionale

Nel giorno della lucida analisi del settimanale britannico è tutto un via vai fra Roma e la Calabria: arrivano Margherita Boniver e Pierluigi Bersani L’INTERVENTO in un gran concerto di solidarietà con un occhio alle Regionali Latella, Mirarchi, Bassi pag » 9, 10, 14 e 24

Roma città più popolosa di Calabria

di Giuseppe Candido

di Salvatore Larocca segretario generale Filt Cgil

È da mesi che stiamo lavorando, con grande senso di responsabilità e grande determinazione, in "silenzio" senza grandi proclami, ma con concretezza, abbiamo preferito lavorare per produrre risultati utili senza buttare fumo negli occhi. Già dal mese di settembre, abbiamo utilizzato lo strumento delle ferie residue per arginare la piena, salvaguardando il salario dei lavoratori dipendenti Mct, e cercando di mantenere l’occupazione anche delle imprese terze. Intanto, ci siamo attivati per comprendere gli scenari che si prospettavano per tutti i lavoratori portuali e preciso tutti, non faremo distinzioni in base al colore della tuta, è un problema sociale enorme, che si abbatte indistintamente sulle famiglie di tutti i lavoratori. Consapevoli, che gli strumenti che abbiamo a disposizione per affrontare l’emergenza, potranno non essere uguali per tutti. La finalità dovrà essere unica, mantenere l’occupazione in questa fase difficile, ma allo stesso tempo programmare interventi mirati allo sviluppo del sistema Porto, che ci consentano, di ripartire al più presto verso un rilancio concreto delle attività portuali. Non possiamo permetterci un declino dell’unica realtà produttiva della Regione, stiamo ancora pagando pesantemente in questo territorio, tutti gli errori fatti nel passato, che non hanno prodotto risultati in termini di insediamenti produttivi e conseguenti ricadute occupazionali. Dei risultati prodotti a Gioia Tauro in termini di traffici in questi anni... segue a pag » 2

Se denunci chi sfrutta diventi un clandestino

LAMEZIA-«Ogginonsiparladi Regionali. Ho letto di alcune mie dichiarazioni, ma io non hooffertoniente a nessuno. C’è un’interlocuzione con l’Udc, come facciamo in tutte le regioni per cercare di vedere le condizioni ottimali. Tutto qua». Pierluigi Bersani, ieri a Lamezia Terme, ha risposto così ai giornalisti. Ma pare ci sia stato un tentativo per far fare un passo indietro a Loiero per aprire ai centristi.

Quando si lascia la propria terra in cerca di un futuro migliore di quello che l’Africa o altre parti del mondo ti prospettano non lo si fa per diventare criminali o violenti rivoltosi. Si emigra, si lascia la propria patria spinti dalla miseria e, soprattutto noi calabresi dovremmo ricordacelo bene, visto che migranti lo siamo stati pure noi. La Calabria ha cominciato "bene" il nuovo anno: prima l’ordigno esplosivo alla procura di Reggio Calabria. Poi, dopo la befana, al posto del carbone i migranti di Rosarno in rivolta. Quei migranti che normalmente coltivano i nostri campi e fanno quei lavori che noi calabresi non vogliamo più fare, si sono scatenati dopo essere stati presi a colpi di carabina con fucili ad aria compressa. Feriti, auto distrutte, cassonetti spaccati e rovesciati sull’asfalto, alcune abitazioni danneggiate. Il bilancio di una sorta di guerriglia urbana accesa per la violenta protesta di alcune centinaia di extracomunitari, lavoratori dell’agricoltura, accampati in condizioni disumane in una ex fabbrica e in un’altra struttura fatiscente. Le immagini di Enzo Iacona lo avevano già raccontato e, risale al maggio dello scorso anno, la notizia dell’arresto di alcuni "imprenditori" di Rosarno con l’accusa di aver ridotto alcuni immigrati, sia regolari sia irregolari, in condizioni di schiavitù. In passato, nel dicembre del 2008, due giovani spararono da un’auto dei colpi di arma da fuoco contro due ragazzi africani di ritorno dai campi. Che sia scoppiata la protesta, la rivolta violenta, non ci devrebbe dunque meravigliare.

di Domenico Martelli a pag » 10

segue a pag » 2

Sentenze, obblighi e certificazioni

Presentato l’assessore ai “calabroromani” ROMA - Ieri al Campidoglio, nella Sala del Carroccio è stato nominato dal sindaco capitolino Gianni Alemanno un delegato ai rapporti con la comunità calabrese. Si chiama Domenico Naccari, ha 41 anni, è avvocato penalista ed è stato eletto alle ultime elezioni amministrative consigliere comunale a Roma. di Alessandro Caruso a pag » 6

Bersani, ultimo tentativo per convincere Loiero

- Verifiche La Corte di cassazione ha ritenuto validi i termini della durata delle operazionidiverificafiscaleprevisti dallo Statuto dei diritti del contrtibuente (articolo 12 comma 5). - Interessi A partire dal 1° gennaio 2010 gli interessi legali, cioè gli interessi dovuti per legge come obbligo accessorio a quello del pagamento di una somma di denaro, avranno un coefficiente pari all’1%. a pag » 6


2

il Domani Venerdì 15 Gennaio 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI IL COMMENTO di Salvatore Larocca Porto di Gioia Tauro, priorità nazionale ...ne hanno beneficiato anche gli altri porti nazionali. I sacrifici, le professionalità degli operai di Medcenter, hanno contribuito in modo determinante allo sviluppo del porto; la disponibilità e l’elevata velocità di acquisizione delle professionalità, nello svolgere le attività nella movimentazione delle merci, con risultati in termini qualitativi riconosciuti ai lavoratori di Gioia Tauro a livello mondiale, hanno concretizzato la scommessa di chi ha dato l’anima per il lavoro. Questa è l’ennesima fase dove bisogna dimostrare buon senso, siamo convinti che in questi giorni, chi ha fatto solo proclami, senza proporre soluzioni, non sente affatto la tensione dei lavoratori del porto, per il semplice motivo, che non sono obbligati ad agire, tanto lo faranno gli altri. Saranno gli altri ad assumersi le responsabilità, saranno i soliti confederali ad agire per poi essere criticati del lavoro svolto. E’ infatti risaputo che chi non lavora difficilmente sbaglia. La Filt-Cgil, insieme alle altre organizzazioni, è disposta a lottare per difendere il salario di tutti lavoratori del porto, con ogni tipo di strumento. I dipendenti non possono e non devono subire la crisi tutta sulle loro spalle. Da parte nostra come sempre abbiamo dimostrato, spesso in silenzio e lavorando dietro le quinte, di saper operare con responsabilità. Sapremo valutare con gli strumenti adeguati cosa è meglio per la tutela del diritto fondamentale quale è il lavoro. La soluzione del problema porto di Gioia Tauro deve essere assunta come priorità nazionale anche per questo abbiamo chiesto alla regione calabria un tavolo al governo. E lo faremo insieme ai lavoratori, così come lo ab-

L’INTERVENTO di Giuseppe Candido Se denunci chi sfrutta sei un clandestino

biamo fatto nelle partecipatissime assemblee che abbiamo tenuto nella giornata di lunedì u.s., dove abbiamo esposto la procedura avviata dall’Azienda, e le risultanze della riunione tenuta sabato a Palazzo Alemanni, dove grazie anche al lavoro svolto dal neo Sottosegretario Laganà, sono stati messi a disposizione da parte della Regione strumenti utili ad affrontare la grave crisi in atto. Strumenti concreti, immediatamente esigibili, risposte vere non chiacchere, risultato anche questo costruito con discrezione, da chi ha preferito fare in questi giorni, invece che parlare. Non c’è alcuna intenzione di polemizzare, il nostro unico fine è risolvere il problema, che non può essere sottovalutato da parte di nessuno, e noi non lo stiamo certo facendo. Anche perché il porto è l’unica realtà, che ha garantito in questi anni, un’occupazione stabile a centinaia di lavoratori, consentendo a tutti di poter costruire un futuro sulle basi di un solido rapporto di lavoro. Gli effetti della crisi, sono già pesantissimi per il nostro territorio, dove centinaia di lavoratori precari sono rimasti tagliati fuori; altri lavoratori indiretti, che lavoravano in attività contigue al porto, sono stati licenziati o sono sotto tutela degli ammortizzatori, in attesa di una ripresa che tardava ad arrivare; questa ulteriore fase rischia, di far cadere nella disperazione sociale tutti i lavoratori e le loro famiglie. La soluzione del problema porto di Gioia Tauro deve essere assunta come priorità nazionale, anche per questo abbiamo chiesto insieme alla Regione Calabria un tavolo al Governo.

E’ il destino dei subalterni sfruttati. Dicono che sono "clandestini", "irregolari" perché privi del permesso di soggiorno. Ma irregolari lo saremmo anche noi se, lo Stato che ti dovrebbe concedere o negare il permesso di soggiorno in soli venti giorni non rispetta la sua stessa legge e te lo da dopo mesi, quando magari è già scaduto. Nonostante le nuove procedure elettroniche in alcune città come Roma l’arretrato è abnorme e le questure non riescono smaltirlo. E successo a Gaouossou Ouattarà, migrante regolare di origini Senegalesi residente da anni in Italia e militante dei Radicali italiani che, sotto la guida gandhiana del partito di Pannella e Bonino, dallo scorso 13 dicembre ha intrapreso, assieme ad altri 300 migranti, uno sciopero della fame, un’azione di lotta nonviolenta, per "dare corpo all’iniziativa" volta a chiedere legalità, per chiedere allo Stato il rispetto della sua stessa legge sull’immigrazione. E così scopriamo che è l’Italia, lo Stato italiano, l’irregolare di turno che non considera perentori i termini di legge e costringe gli immigrati che hanno un lavoro, che hanno già un permesso di soggiorno che deve solo essere rinnovato, a restare illegali, clandestini per forza nella terra promessa. Però questa "notizia", la notizia di uno Stato irregolare nel rispettare la sua stessa legge, non fa affatto notizia. La notizia diventano le violenze di Rosarno. Così, armati di spranghe, bastoni e rabbia per essere stati presi con le carabine, i migranti africani di Rosarno hanno invaso le strade mettendo "a ferro e fuoco" il piccolo centro calabrese già tristemente noto per le infiltrazioni della ’ndrangheta nelle istituzioni locali e per la presenza, sul territorio, delle cosche. In risposta sassaiole, fucilate per scacciare i "’niguri". Ma a Rosarno, si sappia, nulla si muove se le "famiglie prevalenti" non lo vogliano e per cui, oggi, la procura sta indagando sul ruolo svolto proprio dalla ’ndrangheta che potrebbe aver voluto "cavalcare" la rivolta per fini ancora da chiarire. I calabresi sono, per natura antropologica, tendenti all’accoglienza ma la ’ndrangheta della legge sull’accoglienza votata all’unanimità dal Consiglio regionale calabrese se ne infischia. Risultato: due migranti gambizzati, due colpiti con delle

spranghe, feriti da entrambe le parti. Uno degli extracomunitari versa in condizioni critiche. Oltre 700 sono stati trasferiti da Rosarno nei Cpt di Bari e di Crotone, a Sant’anna, per evitare che fossero ancora oggetto di aggressioni. Il cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato Vaticano, ha fatto un accorato appello finché cessi subito la violenza denunciando esplicitamente le "gravi condizioni di lavoro" cui sono costretti gli immigrati. "La situazione in Calabria preoccupa e affligge tutti - ha detto l’alto prelato - soprattutto per le gravi condizioni di lavoro a cui sono sottoposti i migrati, che pure rendono un servizio prezioso all’agricoltura e all’attività locale". Maroni dice che la condizione d’illegalità e di non rispetto della legge dell’immigrazione sia la vera causa del problema. Spesso si sente affermare che la mafia esiste come organizzazione anche in altri paesi e si tende ad associare qualsiasi comportamento violento, illegale, al concetto di mafia, di criminalità organizzata. Per cui "il clandestino" che si organizza in lotta violenta è un criminale organizzato, quasi al pari della ’ndrangheta. Così facendo, però, si corre il rischio di sbiadirne, ancora una volta

Gli africani si sono ribellati alla ‘ndrangheta e, probabilmente, è proprio questa la loro vera colpa e in maniera sistematica, il problema per cui se tutto può essere mafia, se ogni comportamento violento, di sopraffazione, può considerarsi antropologicamente mafioso, allora nulla è mafia. Questo degrado invece, potrebbe proprio essere il frutto amaro dello strapotere della ’ndrangheta presente sul territorio calabrese ed è, per dirla alla Mario Draghi, "pervasivo delle pubbliche amministrazioni". Uno strapotere che viene, di fatto, accettato da noi calabresi. Gli africani, invece, si sono ribellati alla ’ndrangheta e, probabilmente, è proprio questa la loro vera colpa: quella di aver collaborato con i carabinieri.

:: www.ildomani.it ::

il Domani

Editore

Pubblicità

Centro Stampa

Direzione

T&P Editori srl

il Sole 24 Ore Spa System

Stabilimento Tipografico De Rose

Guido Talarico Massimo Tigani Sava (sviluppo) Orlando Rotondaro (responsabile)

Redazione

Francesco Pungitore (caposervizio) ::Reg. Trib n. 64 del 15 - 7 - 1997::

Recapiti telefonici-fax-email - Calabria Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 - Roma Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312

roma@ildomani.it redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it appuntamenti@ildomani.it

Guido Talarico Amministratore

Giuseppe Gangale (pubblicità) Alessio De Grano (Product Manager) Cesare Marullo (finanza) Carlo Taurelli Salimbeni (revisione e controllo) Franco Arcidiaco (distribuzione) Silvana Di Silvestro (personale) Direzione Redazione Amministrazione Loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 | Fax 0961.903801 Roma Via Archimede 201 (Rm) Tel. 06.45427170/1 | Fax 06.99700312 La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990, n 250

Direzione generale: Andrea Chiapponi Direzione amministrativa: via Monterosa, 91 - 20149 Milano Coordinamento Area Calabria Mediatag Spa loc. Serramonda - Zona Ind.le Marcellinara (Cz) Tel. 0961.996802 attendere e comporre il 4 Fax 0961.903421/903784 info@mediatag.it | www.mediatag.it Tariffa a modulo: 46 mm x 19 mm h. Commercialeeuro 103,00 - Occasionaleeuro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 - Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q.euro 78,00 - Necrologieeuro 77,00 cad. Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: 40%

contrada Pantoni - Marinella 87040 Montalto Uffugo (Cs) tel. 0984-934382

Services e partnership Lumsa (Roma) - AT Press Guido Talarico Editore Spa (Roma) - Lapresse(agenzia fotografica - Torino) Il Velino (Roma) - Manolibera Ediratio - Media Services Città del Sole sas Speaker Network Fondazione Italianieuropei Fondazione Fare Futuro Fondazione Formiche Fondazione Roma


4

il Domani Venerdì 15 Gennaio 2010

PRIMO PIANO

L’imprenditore che calza George Clooney e Tom Cruise sotto scorta per aver denunciato il tentativo di estorsione della mafia. Criaco: «I calabresi imparino il senso della legalità»

Lotta al pizzo: Cosimo De Tommaso dice no al racket della ’ndrangheta di Giuseppe Tetto

COSENZA - C’è chi rimane inerte, lasciando indifferente che le cose facciano il loro corso, serrando lo sguardo solo sul prorpio orticello. C’è chi si accorge dell’evento sconvolgente che lo sta investendo ma lo osserva, lo annusa, lo modella fino a farlo suo, trasformandolo da anomalo a normale, come fosse una parte invitabile della realtà. C’è chi invece combatte, chi, desideroso di cambiare la condizione in cui si trova, non scelta, costretta, lotta per affermare lo propria individualità. C’è chi, come Cosimo De Tommaso, ha dichiarato aperta la sua intima battaglia contro la ’ndrangheta. Sassantenne ex direttore di Confindustria Cosenza, DeTommaso ora è un imprenditore che produce scarpe di alta qualità. Discendente di un artigiano calzaturiero fiorentino, suo omonimo, che in Francia, così racconta la tradizione, fece calzare le sue scarpe a Napoleone Bonaparte, nel 2000 De Tommaso, in pensione e senza alcun problema economico, aprì a Castrolibero un laboratorio calzaturiero artigianale e dal 2006 creò punti vendita in Giappone e Stati Uniti. Poi, due anni fa, nuovo stabilimento a Paola, a due passi dal santuario di San Francesco venerato in tutto il Sud. Oggi il nome dell’imprenditore cosentino è celebre in tutto il mon-

«Non l’ho fatto per me. Se avessi voluto avrei potuto scegliere di chiudere la fabbrica e godermi la pensione. L’ho fatto per i miei figli e per le nuove generazioni che, se va avanti così, non avranno speranze e futuro» afferma De Tommaso

do; basti pensare che confezionò le scarpe di George Clooney e Tom Cruise calzate nella notte degli Oscar 2008. Logico che l’occhio della malavita cadesse sui suoi affari. L’11 gennaio, De Tommaso è volato dritto in Questura a denunciare che davanti allo show room di calzature inaugurato il 24 ottobre 2009 a Cosenza, sono stati depositati una tanica di benzina, un accendino e due proiettili. Un gesto che non lascia adito a dubbi: o paghi o sai come puoi finire. E l’insurrezione di De Tommaso contro il "potere prestabilito" ha avuto i suoi frutti: la riunione del comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, è stato deciso di assegnare una tripla tutela alla famiglia De Tommaso: sotto casa, in fabbrica e davanti allo show room cosentino. «Un gesto che ha una valenza doppia: far comprendere agli imprenditori e ai commercianti che pagano il pizzo che lo Stato si schiera dalla loro parte e far capire alle cosche o ai cani sciolti che da esse comunque dipendono per sopravvivere, che la risposta dello Stato è forte e chiara». E il messaggio dell’ex direttore di Confindustria Cosen-

za è ancora più forte: «Non ci ho pensato un minuto - dichiara dalle pagine del Sole24Ore - e ho denunciato. Non l’ho fatto per me. Se avessi voluto avrei potuto scegliere di chiudere la fabbrica e godermi la pensione. L’ho fatto per i miei figli e per le nuove generazioni calabresi che, se va avanti così, non avranno speranze e futuro». De Tommaso si è schierato e con lui lo Stato e Confindustria, con il presidente di Cosenza, Renato Pastore. E quella dell’associazione degli industriali della Calabria è solo la riconferma dell’impegno profuso contro il fenomeno mafioso che colpisce gli imprenditori calabresi. Va ricordato, infatti, la bella iniziativa intrapresa il 13 novembre scorso dal presidente Umberto De Rose con la creazione dello slogan "Io il pizzo non lo pago". «Il nostro obiettivo - ha detto De Rose - è quello di non lasciare più l’imprenditore isolato, non sarà più il singolo a denunciare ma la collettività». Tra i progetti avviati da Confindustria Calabria anche la sensibilizzazione degli studenti con un concorso per le scuole sulla cultura alla legalità, perchè «è da giovani che bisogna avere la

Cosimo De Tommaso

netta distinzione tra ciò che è illegale e ciò che è legale». Spetta quindi ai calabresi decidere di seguire sempre questi esempi o restare ai piedi della ‘ndrangheta. Evocativa a questo proposito è una frase di Giocchino Criaco, tratta da un’intervista rilasciata sempre per il Sole24Ore : «I calabresi devono mettere fine a secolari piagnistei, devono osservare le regole e chiedere il rispetto dei diritti. Se si accetta anche solo una volta di tradire lo stato e la legalità si diventa ricattabili ed è

Gioacchino Criaco ha raccontato la ‘ndrangheta da dentro, in due romanzi, Anime Nere e Zefira, editi da Rubbettino, narrando impietosamente la Calabria e i calabresi

finita. La libertà ha un prezzo, è una conquista che costa dolorosa fatica». Perché Criaco, scrittore di Africo, sa che l’unico modo di sconfiggere il cancro calabrese è che vengano fuori tanti De Tommaso che affermino il diritto alla legalità, consapevole che è dal basso che deve partire il cambio di rotta; lo Stato da solo serve a ben poco e i recenti fatti di Reggio e Rosarno ne sono la prova: la risposta «scontata quanto scomposta» dello stato centrale, come un «rullo compressore» schiaccia tutti, «i più cattivi, i meno cattivi e gli ex cattivi. Lo stato torna ad essere un nemico, per tutti, e tutti tornano disciplinatamente al vecchio ordine». In questo modo «si combattono gli effetti della mafia, la manovalanza, non le origini e, dunque, i suoi vertici».

«I calabresi devono mettere fine a secolari piagnistei, - dice Criaco - devono osservare le regole. Se si accetta anche solo una volta di tradire lo Stato e la legalità si diventa ricattabili ed è finita. La libertà ha un prezzo, è una conquista che costa dolorosa fatica»


Venerdì 15 Gennaio 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO

Un seminario per spiegare i bandi Pia e Pia Giovani

Il Presidente Giuseppe Gatto

di Alessio De Grano Un’ottima iniziativa di Confidustria Catanzaro, quella di promuovere un seminario tecnico che spiega agli imprenditori, più e meno giovani, quali sono le modalità di partecipazione, i requisiti e i benefici dei nuovi strumenti per la fiscalità agevolata Pia, pacchetti integrati di agevolazioni. "Un messaggio culturale per abbandonare l’idea del

posto fisso, e per dare una motivazione forte ai giovani che vogliono fare impresa" così ha commentato l’evento il presidente di Confindustria Catanzaro Giuseppe Gatto. Tanti i temi e le indicazioni date, cominciando da i bandi in essere come la 266, bando per le agevolazioni al commercio e la somministrazione di bevande alcoliche nei centri storici, che propongono una sovvenzione fino a 100 mila euro, per passare ai prossimi bandi sul turismo che

La cultura del ricordo In occasione del Trigesimo della morte della Signora CONCETTA PROCOPIO sarà celebrata una messa in suffragio sabato 16 gennaio alle 15.30 nella Chiesa Matrice di Borgia, CZ. In occasione del Trigesimo della morte della Signora ROSA SGRO’ sarà celebrata una messa in suffragio sabato 16 gennaio alle ore 16.30 nella Chiesa Matrice di Borgia, CZ. In occasione del 1° Anniversario della morte del Signor VITTORIO CHIARELLA sarà celebrata una messa in suffragiovenerdi15gennaioalleore15.30 nella Chiesa di S.S.Rosario di Borgia (CZ). In occasione del Trigesimo della morte della Signora SERAFINA FALVO sarà celebrata una messa in suffragio giovedi 14 gennaio alle ore 17.00 nella Chiesa Madonna del Carmine di Lamezia Terme. In occasione del 1° Anniversario della morte del Signor PIERO MURINITI sarà celebrata una messa in suffragio giovedi 14 gennaio alle ore15.00 nella Chiesa Matrice di Borgia (CZ). In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora CATERINA MARUCA sarà celebrata una messa in suffragio venerdi 15 gennaio alle ore 16.00 nella Chiesa Matrice in Settingiano, CZ. E’ mancataall’affettodei suoi cari la Signora CARLOTTA CHIELLINO I funerali saranno celebrati giovedì

14 gennaio alle ore 14.45 nella Chiesa S. Anna Rione Fortuna (CZ). In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora CARMELA MAZZUCA sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 15 gennaio alle ore 16.00 nella Chiesa di San Pio X a Catanzaro. In occasione del 1° Anniversario della morte della Signora CLELIA RINALDI sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 15 gennaio alle ore 17.30 nelDuomo di Catanzaro. In occasione del Trigesimo della morte del Signor AGAZIO VARANO sarà celebrata una messa in suffragio venerdì 15 alle ore 18.00 nella Chiesa di San Nicola a Squillace Lido (Cz). È mancato all’affetto dei suoi cari il Signor NICOLA RHODIO Le esequie si svolgeranno venerdì 15 alle ore 15.30 nella Cattedrale di Squillace (Cz). È mancata all’affetto dei suoi cari la Signora BENEDETTA VIGNOZZI I funerali si svolgeranno venerdì 15 alle ore 15.30 nella Chiesa di Santa Croce a Pontepiccolo, Catanzaro. Si è spenta serenamente la Signora VITTORIA LEMBO I funerali saranno celebrati venerdì 15 alle ore 15.00 nella Chiesa Matrice di Borgia (Cz).

"Un messaggio culturale per abbandonare l’idea del posto fisso, e per dare una motivazione forte ai giovani che vogliono fare impresa" così Giuseppe Gatto

presto verranno emanati e pubblicati. Le vere indicazioni sono però avvenute sul bando Pia G, pacchettiintegratidiagevolazioni per i giovani, che mirano ad aiutarele costituentiimpreseper i giovani e forniscono aiuti sostanziali allo start up delle microimprese. Uno strumento nuovo quello dei Pia che impone una visione progettuale ampia e la capacità di avere una visione dell’impresa a tutto campo. "Strumento di qualità", è stato definito dal dirigente del dipartimento attività produttive Iracà, "che guarda in modo complesso allo sviluppo della regione e integra i fondi su differenti campi, e richiede però uno sforzo di utilizzo nei fatti". In effetti il bando per la costituzione di microimprese non è semplice,ma costituisceuno strumento flessibile ed efficace per le necessità del tessuto imprenditoriale nascente della regione, per quanto nella futura programmazione sarebbe il caso di rendere i Pia ancora più snelli e magari più settorializzati. Tanti gli spunti e le indicazioni del seminario tenuto brillantemente dal dott. Emilio Mazza, esperto del settore. Fino a 170 mila euro, questa la possibile somma in conto capitale che ogni microimpresa, costituita o costituenda, può richiedere per un massimo del 50% della spesa totale.Possonopartecipareoccupati ed inoccupati dai 18 ai 40 anni e, può essere richiesto un ulte-

riore 30%, per una sommanon superiore ai 30 mila euro per le spese di start up. Senza dubbio una buona iniezione di fiducia, ma non sarà facile per giovani imprenditori recuperare il restante 50% della spesa totale del progetto, tanto più che in questo bando non esiste un fondo di garanzia che invece è stato previsto per altri pacchetti di agevolazioni. Cer-

Fino a 170 mila euro, questa la possibile somma in conto capitale che ogni microimpresa, può richiedere per un massimo del 50% della spesa totale to un buon progetto troverà sicuramente del capitale di appoggio, e in ogni caso è prevista la partecipazione di altre imprese fino al massimo del 49%. Inoltre molte sono state lenovità che presto verranno presentateper migliorareil settore dell’imprenditoria, come i 120 milioni per il piano delle infrastrutture in corso di approvazione. O i 51 milioni di euro per i fondi di garanzia regionale, un nuovo strumento orientato alle imprese, strutturato per incentivare il modello confidi con garanzie dirette.


6

il Domani Venerdì 15 Gennaio 2010

PRIMO PIANO

Si chiama Domenico Naccari ed è consigliere comunale a Roma. Alla giornata della sua investitura ha partecipato gran parte della comunità calabroromana

Alemanno nomina il suo delegato ai rapporti con i calabresi di Alessandro Caruso ROMA - Si chiama Domenico Naccari ed è il nuovo delegato del Comune di Roma ai rapporti con la comunità calabrese capitolina. Ieri mattina nella sala del Carroccio del Campidoglio ha ricevuto l’investitura dal sindaco di Roma Gianni Alemanno alla presenza di moltissimi calabresi eccellenti, tra cui il candidato del centrodestra alle elezioni regionali e sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Scopelliti. Lo scopo della delega sarà quello di rappresentare un punto di riferimento istituzionale per promuovere attività e iniziative di carattere culturale che vadano a inserirsi nel percorso, già Da sinistra Antonella Freno e Domenico Naccari iniziato da tempo, finalizzato ad avvicinare sempre di più la Calabria e la Capitale. Una prima tappa di questo programma era stato il vorrò cominciare il mio operato - ha rilevato - è gemellaggio tra i musei capitolini e il museo quella di contribuire da Roma a raccontare e civico di Reggio Calabriasvoltosi a novembre far conoscere una Calabria che non è solo quelscorso, che contemplava lo scambio di presti- la di cui ultimamente si è parlato con riferimengiose opere d’arte tra i due poli artistici. L’even- to all’ordigno di Reggio e alla rivolta di Rosarto di ieri, voluto e organizzato anche dall’asses- no». Giuseppe Scopelliti gli ha fatto da padrino. sore alle Attività culturale di Reggio Antonella Il Sindaco di Reggio ormai a Roma è di casa. Freno, è il suggello di un legame profondo che «Questo è un altro degli ottimi risultati della feliavvicina il Sindaco Alemanno a tutti i calabresi ce amministrazione di Alemanno. Questa scelta che vivono a Roma (circa 500mila): «Questa rappresenta una via per preparare l’amminimanifestazione è il primo passo verso la strazione comunale romana all’assorbimento creazione di una Consulta cittadina delle rap- della riforma federalista che entrerà in vigore a presentative regionali presenti a Roma - ha breve. Un delegato ai rapporti con la comunità spiegato il Sindaco -. La mia intenzione è quella calabrese è un modo per rafforzare l’azione di di fare di Roma la Capitale d’Italia e degli Ita- governo della città e per tenere un occhio e un liani in tutti i sensi, dove ogni regione possa es- orecchio sul territorio». sere rappresentata anche a livello istituzionale». In rappresentanza della prestigiosa comunità Il Sindaco ha risposto a tutte le malelingue che calabrese romana sono intervenuti, tra gli altri, erano circolate fino al giorno prima sulla sua di- gli onorevoli Giovanni Dima, Francesco Bevisinvoltura nella concessione di deleghe spiegan- lacqua e Santo Versace, Alfredo Antoniozzi, assessore alla Casa del Comudo che «si tratta di una delega ne di Roma, Peppino Accrogratuita, come lo sono anche le gliano, della C3 InternaScopelliti: «Questa scelta altre che abbiamo istituito». tional, Alessandro Cassiani, Domanico Naccari, 41 anni, rappresenta una via per presidente dell’Ordine degli avvocato penalista, adesso doAvvocati di Roma, Giuseppe vrà, tra l’altro, catalizzare le at- preparare l’amministrazione Chiaravalloti,vicepresidente tività delle 20 associazioni culcomunale romana del Garante della Privacy, turali presenti su Roma, con Badescu, nonché cui è già in ottimi rapporti: all’assorbimento della riforma Ramona autorevoli esponenti della «Questa mia nomina ha un magistratura, dell’avvocatusenso culturale e non politico. federalista» ra e della sanità. Una delle battaglie da cui

Il Campidoglio, sede del Comune di Roma

HANNO DETTO RAMONA BADESCU Delegata del Comune di Roma ai rapporti con la comunità romena «Conosco bene quanto sia importanteperlecomunità cittadine avere una rappresentanza istituzionale. I calabresi sono 500mila a Ramona Badescu Roma e anche qualitativamente sono una delle realtà su cui si fonda il prestigio di Roma. Meritano un punto di riferimento istituzionale. Per un sindaco questo è un utile strumento per conoscere bene le particolarità e radici di una fetta di popolazione. Amo la Calabria e i calabresi e spero che si possa riuscire anche così a battere alcuni pregiudizi negativi». GIOVANNI DIMA Deputato del Pdl, ex assessore all’Agricoltura nella giunta Chiaravalloti « Siamo molto contenti di questo risultato. È un bel riconoscimento per una comunità, quella calabrese, che accompagna da sempre la crescita culturale e sociale di questa magnifica città. Ci auguriamo che sia anche la chiave per un rafforzamento sotto il profilo politico della nostra presenza qui. È sempre piacevole partecipare a queste manifestazioni di stima nei confronti di una comunità come la nostra che viene spesso rappresentata Giovanni Dima non nel migliore dei modi».

Alfredo Antoniozzi

ALFREDO ANTONIOZZI Assessore alle politiche per la Casa del Comune di Roma

Da sinistra: Domenico Naccari, Gianni Alemanno e Giuseppe Scopelliti

«Anche io da calabrese sono molto soddisfatto di questa nomina. Del resto i calabresi e i romani da molto tempo camminano insieme. Basti pensare alle migliaia di persone che sono venute qui a studiare tanti anni fa. I buoni uffici tra queste due comunità si sono già svolti in varie occasioni. Non è di molto tempo fa la notizia dell’intitolazione di una piazza di Roma al pittore calabrese Mattia Preti. Anche noi da Roma possiamo fare qualcosa per la sfortunata Calabria: riconoscerele sue ricchezze e le sue potenzialità e promuoverle. Del resto noi calabresi siamo, rispetto ad altri, particolarmente legati alle nostre origini e alla nostra terra. Soprattutto noi che, per motivi professionali o di altro genere, l’abbiamo lasciata tanti anni fa».


Venerdì 15 Gennaio 2010

il Domani

7

PRIMO PIANO

Non più di 30 giorni per le verifiche presso il contribuente Il limite massimo è stato riconosciuto dalla Corte di cassazione

Tempi verifiche fiscali di Gaia Mutone

La Corte di cassazione ha ritenuto validi i termini della durata delle operazioni di verifica fiscale previsti dallo Statuto dei diritti del contrtibuente (articolo 12 comma 5). Lo Statuto in particolare stabilisce che i tempi delle operazioni di verifica fiscale che avvengono presso la sede del contribuente ed effettuate degli operatori civili e militari dell’amministrazione fiscale non possono superare i trenta giorni lavorativi, prorogabili per ulteriori trenta giorni lavorativi nel caso in cui nel corso delle indagini emergano delle ragioni di elevata complessità opportunamente evidenziati e motivati dal dirigente dell’ufficio.

Da ricordare che il termine "permanenza" non coincide con la durata complessiva della verifica, la quale oltre alle ispezioni effettuate presso il contribuente, prevede una fase di rielaborazione di quanto acquisito e riscontri di coerenza esterna (circolare 1/2008 della Guardia di finanza). Le operazioni di accertamento non devono del resto compromettere la normale attività dell’impresa sottoposta al controllo, sia che si tratti di un’attività imprenditoriale di tipo professionale o artistica. Gli stessi operatori del Fisco sono tenuti ad osservare a tal fine alcune norme di condotta: "tutti gli accessi, ispezioni e verifiche fiscali sono effettuati sulla base di esigenze effettive di indagine e controllo sul luogo e si svolgono in modalità tali da arrecare la minore turbativa possibile allo svolgimento delle attività stesse nonché alle relazioni commerciali e professionali del contribuente" con i fornitori, con i propri clienti, con gli

enti finanziari e con gli altri soggetti. Per questo non è possibile lasciare ai verificatori la più ampia discrezionalità circa i tempi di permanenza presso il contribuente. Il termine dei trenta giorni si riferisce all’effettiva permanenza presso la sede del contribuente per esigenze propriamente ispettive, considerando quindi "le giornate lavorative effettivamente ivi trascorse" a decorrere dalla data di accesso per svolgere le operazioni di controllo, con l’esclusione di singoli episodici contatti connessi ad adempimenti procedurali come notifiche, prelevamenti, consegna atti ecc. Eventuali difficoltà dei verificatori a completare l’attività di controllo entro i trenta giorni procedurali non possono essere motivo di superamento dei limiti temporali stessi, e qualora si andasse oltre i termini l’accertamento potrebbe essere dichiarato illegittimo.

Interessi legali 1%

Certificazione utili 2010 Il modello approvato dall’Agenzia delle entrate dovrà essere consegnato entro il 28 febbraio 2010 per gli utili relativi al 2009

Con il provvedimento 12/12/2009, l’Agenzia delle entrate ha approvato il modello di certificazione degli utili, con le relative istruzioni per la compilazione, che dovrà essere consegnato entro il 28 febbraio 2010. In particolare la certificazione vale per: gli utili derivanti dalla partecipazione a soggetti Ires, residenti e non residenti in territorio italiano; gli utili, in qualunque forma, corrisposti a soggetti residenti a partire dal 1° gennaio 2009 con l’esclusione degli utili assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o a imposta sostitutiva; attestazione dei dati relativi ai proventi derivanti da titoli e strumenti finanziari (articolo 4, comma 2, lettera "a" del Tuir); dati relativi ai proventi da contratti di associazione in partecipazione e cointeressenza (articolo 44, comma 1, lettera "f" del Tuir).

Le certificazioni rilasciate fino alla data del presente provvedimento restano in vigore purchè i dati contenuti siano conformi a quelli richiesti nel nuovo schema di certificazione. In sintesi il modello di certificazione va presentato per certificare gli utili derivanti da partecipazioni in soggetti Ires, residenti o no sul territorio italiano, corrisposti in qualunque forma a soggetti residenti a partire dal 1° gennaio 2009. La principale novità presente nel modello consiste nell’inserimento di un apposito campo destinato agli utili corrisposti dalle Società di investimento immobiliare quotate (Siiq) e dale Società di investimanto immobiliare non quotate (Siinq): tali utili sono assoggettati ad una ritenuta alla fonte a titolo di acconto del 20%, se sono relativi all’esercizio dell’attività che beneficia del regime fiscale di esenzione. La ritenuta è ridotta al 15% per quegli utili di esercizio conseguiti a segito di contratti di locazione di immobili abitativi perfezionati sulla base di accordi definiti in sede locale tra le organizzazioni di proprietà edilizia e le organizzazionidiconduttorimaggiormenterappresentative. Le certificazioni saranno utilizzate dai destinatari per la compilazione della propria dichiarazione dei redditi. Il modello non va utilizzato se gli utili sono stati assoggettati a ritenute alla fonte a titolo deinitivo di imposta o imposta sostitutiva. Di conseguenza non si applica sugli utili derivanti da partecipazioni non qualificate, soggetti alla ritenuta a titolo di imposta del 12,5%. I non residenti possono utilizzarela certificazioneper ottenere nel paese di residenza il credito d’imposta relativo alle imposte pagate in Italia.

A partire dal 1° gennaio 2010 gli interessi legali, cioè gli interessi dovuti per legge come obbligo accessorio a quello del pagamento di una somma di denaro, avranno un coefficiente pari all’1%, due punti in meno rispetto al tasso del 3% in vigore fino al 31 dicembre. Il tasso degli interessi legali è stabilito dal ministero del tesoro. Infatti, la riduzione avviene per effetto dell’articolo 1 del decreto firmato dal ministero dell’Economia e delle Finanze del 4 dicembre 2009. Il provvedimento si uniforma alle disposizioni del Codice civile che impone il calcolo dell’interesse legale sulla base del rendimento medio annuo lordo dei titoli di Stato della durata non superiore ai dodici mesi e tenuto conto del tasso di inflazione registarto nel corso dell’anno. Ciò determina delle novità negli interessi per la riscossione e il rimborso dei tributi. Tra le ripercussioni di carattere fiscale si evidenzala modificadegli importidovuti all’Erario per i versamenti eseguiti a seguito di ravvedimento operoso, cioè la possibilità di regolarizzare le violazioni e le omissioni tributarie, prima che le stesse siano contestate o siano iniziate ispezioni o verifiche o di altre attività amminitrative di cui l’autore dell’omissione abbia avuto formale conoscenza, in via spontanea con il versamento di sanzioni ridotteil cui importto varia in relazione alla tempestività del ravvedimento e al tipo di violazione commessa. In questo caso, oltre al pagamento dell’imposta dovuta e della relativa sanzione amministrativa, si dovrà provvedere al versamento del tasso legale che sarà calcolato dal giorno successivo a quello della scadenza fino al giorno del pagamento compreso.


8

il Domani Venerdì 15 Gennaio 2010

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' E’ quanto dichiarato dal candidato alla presidenza, Giuseppe Scopelliti al termine di un importante incontro con partiti e movimenti che sostengono la sua “corsa” in vista delle elezioni di fine marzo

Regionali, il Pdl punterà su liste trasparenti e candidature selezionate REGGIO CALABRIA - Giuseppe Scopelliti, candidato del centrodestra per le elezioni regionali in Calabria, ha promosso un incontro operativo con i rappresentanti di partiti e movimenti alleati con il Pdl per cominciare a definire i contenuti del programma, rafforzare le alleanze e individuare i criteri delle candidature. Nell’ampio dibattito, al quale hanno partecipato tutti i rappresentanti, sono stati affrontati i temi più significativi dell’attuale momento politico in Calabria e in particolare sono stati approfonditi i temi della legalità che rappre-

sentano una scelta di campo chiara e decisiva. Le forze politiche hanno inteso proporre un messaggio trasparente sulle candidature che si stanno selezionando in tutta la regione in queste settimane e la cui presentazione è prevista per fine febbraio. A tale propo-

sito, Scopelliti ha chiesto pubblicamente al segretario regionale del Pd, Carlo Guccione di sottoscrivere insieme un patto per evitare che tutte le liste non vengano inquinate da presenze criminali, dirette o indirette e di allargarlo ai rappresentanti di partiti minori

E dalle Associazioni un invito: «Non candidare chi ha due legislature...» CATANZARO - Le Associazioni Calabria Futura. Calabria protagonista e Abc Calabria hanno rivolto un appello al candidato del Pdl alla presidenza della Regione, Giuseppe Scopelliti e al segretario regionale del Pd, Carlo Guccione, chiedendo che non vengano candidati alle elezioni regionali coloro che hanno già fatto due legislature. «Il rinnovamento della classe politica - affermano le associazioni in un documento - è alla base della buona politica. Ma come possono essere ancora credibili politici noti ed arcinoti che sono stati a destra, al centro ed a sinistra e che hanno tre, quattro o forse cinque legislature regionali. Dopo 15, 20, probabilmente 30 anni di politica, con carriere spesso immeritate e comunque con davanti a sé la Calabria in ginocchio di questi giorni, non è ora che costoro cedano il passo ai giovani, alle donne, ai talenti calabresi ed alle competenze presenti sul territorio? La “casta” non è una parola offensiva nei con-

fronti della politica bensì un sistema fatto di politici che si difendono il posto vicendevolmente e che escludono tutti gli altri, a maggior ragione le donne. Che ora il coordinatore del Pdl, Scopelliti, chieda di stringere un patto, per liste che non comprendano condannati o rinviati a giudizio, al segretario del Pd Guccione, suona davvero strano. Facciano, invece, qualcosa di meno retorico e di più concreto. Se non vogliono raccontare frottole ai calabresi, Scopelliti e Guccione s’impegnino a non candidare persone che abbiamo fatto già due legislature regionali o nazionali, e cioé che siano da dieci anni, a vario titolo, nelle istituzioni. Dopo dieci anni, si è dato il meglio di sé e in Calabria si può vedere a occhio nudo di cosa sono state capaci le classi dirigenti finora, figuriamoci dopo 15, 20 o addirittura, com’è il caso di taluni, 30 anni di politica senza essere riusciti a migliorare minimamente la qualità della vita della Calabria».

del centrosinistra. Inoltre, il candidatoallapresidenza ecoordinatore regionale del Pdl, che nelle prossime ore incontrerà ulteriori organizzazioni politiche, ha concluso la riunione puntualizzando che "oggi le forze del cambiamento si identificano con il centro destra ed ha proposto il seguente documento sulle candidature approvato all’unanimità: I partiti e i movimenti che fanno parte della coalizione elettorale che sostengono la candidatura di Giuseppe Scopelliti a governatore della Calabria per le prossime elezioni regionali del 28 e 29 marzo si impegnano a non candidare: “chi è indagato o è stato rinviato a giudizio o è stato destinatario di una misura cautelare personale, non annullata in sede di impugnazione, per un reato di mafia, di criminalità organizzata o contro la libertà personale e la personalità individuale; chi ha avuto comminata una sentenza di condanna, ancorché non definitiva ovvero ha patteggiato una pena, per un reato di mafia, di criminalità organizzata o contro la libertà personale e la personalità individuale; chi è indagato in seguito ad un reato per cui sia stata emessa ordinanza di custodia cautelare in carcere; chi è stato condannato, ancorché in via non definitiva, ovvero ha patteggiato una pena per reati commessi contro la Pubblica amministrazione (corru-

Giuseppe Scopelliti

zione nelle diverse forme previste e concussione); chi è stato destinatario di misure interdittive personali o patrimoniali, ancorché non definitive, previste dalla legislazione antimafia. L’incompatibilità viene meno nel caso in cui, prima della data di pubblicazione della convocazione dei comizi elettorali, interviene sentenza definitiva di proscioglimento o di annullamento delle misure interdittive”. Erano presenti all’iniziativa: Filippo Marcello Cordova (Rifondazione Dc), Francesco Labonia (Alleanza di Centro), Gabriele Limido

“Ho chiesto a Guccione di sottoscrivere insieme a noi un patto per evitare presenze inquinate, dirette o indirette” (La Destra), Vincenzo Cedro (Riformisticristiani),AntonioCaccuri (Movimento per la salute), Giuseppe Falbo (Movimento per l’Italia), Giuseppe Minnella (Fiamma tricolore), Francesco Corso (Movimento Calabria), Lillo Manti (Dc), Carmelo Forgione (Partito democratico cristiano)e

Why Not, Corte d’Appello rigetta ricusazione Gup CATANZARO - La Corte d’appello di Catanzaro ha rigettato, perché inammissibile, l’istanza di ricusazione nei confronti del Giudice per le udienze preliminari, , Abigail Mellace, che sta tenendo l’udienza preliminare nei confronti degli indagati dell’inchiesta Why Not su presunti illeciti nella gestione dei fondi pubblici. La notizia si è appresa ieri mattina a margine dell’udienza preliminare nei confronti di 58 indagati per la gran parte dei quali la Procura generale ha chiesto il rinvio a giudizio. Come è noto, l’istanza di ricusazione era stata presentata il 18 dicembre scorso dalla teste d’accusa, Caterina Merante, dopo che il settimanale “L’Espresso” aveva

pubblicato un articolo nel quale si faceva riferimento a presunti rapporti di conoscenza tra il marito del giudice Mellace e Antonio Saladino, principale indagato in Why Not. Sulla richiesta di ricusazione la Procura generale di Catanzaro aveva espresso parere di inammissibilità per un errore di forma nella presentazione dell’istanza che è stata depositata alle cancellerie della Procura generale e dell’Ufficio del Giudice per le indagini preliminari invece che a quella della Corte d’Appello, così come previsto dal codice di procedura penale.

r.c.


Venerdì 15 Gennaio 2010

il Domani

9

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA'

Nella cittadina della Piana la visita di Margherita Boniver: «Siamo contro ogni forma di razzismo»

Rosarno, dal Comitato Schengen piena solidarietà dopo le violenze ROSARNO - Riflettori sempre puntati su Rosarno. Una settimana fa, in questo comprensorio del reggino, era in atto uno scontro sociale tra immigrati e cittadini del posto. Oggi, dopo quella brutta pagina in cui non sono mancate marcate forme di razzismo, la cittadina della Piana è al centro di un viavai di rappresentanti delle istituzioni, dei partiti, dell’associazionismo e della società civile. Ieri, tra le altre presenze si sono registrate quelle del Comitato Schengen, Immigrazione ed Europol, e del segretario del Pd Pierluigi Bersani. Il Comitato Schengen - guidato dalla presidente

Margherita Boniver

Lettera di Costantino del Cidis al Presidente della Repubblica REGGIO CALABRIA - Il presidente del Comitato interprovinciale per il diritto alla sicurezza, Demetrio Costantino ha inviato una lettera al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che il prossimo 21 gennaio sarà a Reggio Calabria per portare la sua solidarietà dopo l’attentato intimidatorio compiuto ai danni della Procura generale reggina lo scorso 3 gennaio. «Illustrissimo Signor Presidente - scrive Costantino -, grande è l’attesa per la Sua visita in provincia di Reggio Calabria. Essa attraversa momenti difficili per le drammatiche vicende di Rosarno, per la presenza di una pericolosa e potente criminalità, per l’esistenza di antichi e nuovi problemi ecoDemetrio Costantino nomici e sociali ponendola, purtroppo, in coda nelle graduatorie per ricchezza, legalità, qualità della vita. E il rischio è che, ritardando o non affrontando con il necessario impegno i problemi, il tessuto sociale si sgretoli e si laceri sempre più con gravissime conseguenze per l’intera comunità». Costantino, nella sua lettera, evidenzia «l’urgenza di utilizzare a fini produttivi le risorse disponibili, realizzare le grandi e piccole opere pubbliche, difendere l’ambiente, garantire

il rispetto dei diritti dei cittadini. Per questo ci permettiamo di richiamare l’attenzione dei ceti politici ricordando che tra i principali diritti previsti dalla Costituzione c’è l’articolo 35 che prevede che “la Repubblica tuteli il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni” e che all’articolo 36 prevede per il lavoratore “una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a se e alla famiglia una esistenza libera e dignitosa”. Costantino, nel sottolineare come in Calabria «oltre il 50% dei giovani è senza lavoro, migliaia di lavoratori sono rimasti senza alcuna occupazione anche per le ripercussioni della crisi economica e finanziaria, la povertà è crescente e maggiori sono i pericoli per lo stesso ordine pubblico», cita come esempio il caso del lavoratore della Comarc, Nino Quattrone, licenziato da qualche mese. Quest’ultimo ha messo in atto una protesta «che si sta svolgendo dinanzi la prefettura di Reggio Calabria da 9 giorni. Il Suo richiamo, signor Presidente - scrive infine Costantino fatto in altre circostanze ai ceti politici, di favorire politiche verso il Mezzogiorno,dovrebbe certo essere di stimolo per promuovere un cambiamento della situazione. E noi ci auguriamo che esse vogliano comprenderlo». Angela Latella

Margherita Boniver e composto da Ivano Strizzolo (vicepresidente), Giovanni Paladini e Teresio Delfino - ha avuto una serie di incontri con le istituzioni locali, con la commissione straordinaria (guidata dal prefetto Domenico Bagnato) che regge le sorti della locale amministrazione comunale sciolta per mafia, con i cittadini, con i rappresentanti delle forze dell’ordine, delle agenzie umanitarie e dell’imprenditoria. Una visita che ha avuto l’obiettivo di «portare la solidarietà alle istituzioni ed alle rappresentanze cittadine che investono sull’etica della responsabilità contro ogni forma violenza, di xenofobia e razzismo». Il primo incontro è stato con il prefetto Luigi Varratta assieme al quale, poi, è stata fatta visita al cittadino extracomunitario rimasto ferito negli scontri della scorsasettimana,ricoveratopresso l’ospedale di Polistena. L’onorevole Boniver e gli altri componenti il Comitato parlamentare di controllo sull’at-

tuazione ed il funzionamento della Convenzione di applicazione dell’Accordo di Schengen e di vigilanza sull’attività dell’unità nazionale Europol «hanno espresso - come ha dichiarato la presidente - solidarietà alla Procura generale reggina per la bomba fatta esplodere davanti all’ingresso dello stabile che la ospita. Su questo episodio, il prefetto ci ha illustrato la situazione di Rosarno,fornendocielementiper avere un’idea su quanto è accaduto». Subito dopo la visita in ospedale agli extracomunitari feriti, Margherita Boniver ha sostenuto di aver constatato che gli interessati sono «accuditi e curati molto

Vicinanza anche alla Procura generale di Reggio dopo la bomba al Tribunale bene. Non so - ha detto - se si tratti di immigrati irregolari, comunque il ministro dell’Interno Roberto Maroni ha detto che, a quanti hanno subito violenze, sarà concesso un permesso speciale di soggiorno. E di ciò mi rallegro molto». A Rosarno sono quasi scomparsi gli immigrati, ma è rimasto un clima rovente di polemiche e di accuse. Antonio Latella

Sequestrate dai Nas 11 tonnellate di insaccati di Sandro Viscardi CATANZARO - Il Nas di Catanzaro, nel corso di un’operazione di controllo della della salubrità effettuata a livello nazionale, ha proceduto alla chiusura di un deposito di materie prime utilizzate per la produzione di insaccati. Nel corso degli accertamenti è emerso che il deposito, oltre ad essere stato avviato senza denuncia di inizio attività all’autorità sanitaria, era in carenti condizioni igienico-sanitarie e strutturali.All’interno sono state trovate circa 11 tonnellate di prodotti che sono stati sequestrati. Nell’ambito delle

attività di controllo della salubrità delle carni e delcontrasto alla macellazione abusiva, sempre i carabinieri hanno denunciato negli ultimi giorni 11 persone, chiuso 7 impianti di macellazioneesequestrato200 capi di bestiame e oltre 12 tonnellate di carne in tutto il teritorio italiano. Le principali irregolarità riscontrate riguardano l’utilizzo di locali non autorizzati alle operazioni di lavorazione delle carni, o privi dei requisiti minimi igienico-sanitari, e lo stoccaggio di prodotti privi delle indicazioniriguardantilarintracciabilità o tenuti in cattivo stato di conservazione.


10

il Domani Venerdì 15 Gennaio 2010

POLITICA REGIONALE E ATTUALITA' Rosarno, il portavoce della Regione: abbiamo distribuito tutto il denaro ROSARNO - La Regione, dopo avere stanziato 50mila euro per i comuni della Piana di Gioia Tauro interessati dal fenomeno dell’immigrazione all’indomani della rivolta degli extracomunitari del dicembre 2008, «ha anticipato un terzo della somma, così come previsto dalle regole, aspettando la rendicontazione degli interventi da parte dei Comuni di Rosarno, San Ferdinando,

Gioia Tauro e Rizziconi; rendicontazione che è stata presentata dai Comuni solo il 2 dicembre del 2009. Il 4 dicembre la Regione ha predisposto il pagamento e quindi l’accredito dei successivi fondi, e cioé 39mila euro, dato che il finanziamento era cresciuto a 54mila euro». A dirlo è stato Pantaleone Sergi, portavoce del presidente della Regione Agazio Loiero, incontrando i gior-

nalisti, a Rosarno, insieme al dirigente regionale della Protezione civile e degli Affari sociali, in merito alle polemiche sugli interventi della Regione. «La Regione - ha aggiunto - ha accreditato questa somma attraverso le tesorerie regionali il 4 gennaio del 2010 immediatamente dopo le feste perché gli istituti bancari erano chiusi».

Il segretario nazionale del Partito democratico, ieri a Lamezia Terme, ha parlato dei contatti con il partito di Casini precisando: io non ho offerto niente a nessuno

Regionali, Bersani: «Con l’Udc per ora c’è solo un’interlocuzione...» LAMEZIA TERME - «Oggi non si parla di Regionali. Ho letto di alcune mie dichiarazioni, ma io non ho offerto niente a nessuno. C’è un’interlocuzione con l’Udc, come facciamo in tutte le regioni per cercare di vedere le condizioni ottimali. Tutto qua». A parlare in questi termini, il segretario nazionale del Partito democratico, Pierluigi Bersani, ieri a Lamezia Terme, rispondendo ai giornalisti in merito ad alcune notizie di stampa circa l’offerta della presidenza della Regione Calabria che il Pd avrebbe fatto all’Udc. Bersani, a Lamezia, prima tappa di un tour che lo ha portaton poi a Palmi e Rosarno ha dunque espresso le sue riflessioni parlando di approccio ma nulla più con l’Udc di Casini. In serata, a Roma, si è riunito poi il "caminetto" del Pd che ha avuto al centro proprio le candidature alle Regionali di marzo. Ieri mattina vari organi di informazione, calabresi e nazionali, riferiscono di un accordo che potrebbe essere raggiunto in Calabria tra Pd e Udc che prevederebbe appunto la candidatura alla presidenza di un esponente del partito di Casini, ovvero Roberto Occhiuto. Ma torniamo alla visita di Bersani in Calabria. «Noi siamo qui per esserci - riferendosi ai fatti di Rosarno - Non bisogna accettare che passi l’idea che non si può fare niente davanti a dei fatti che hanno colpito l’opinione pubblica. Far passare l’idea che il più grande partito di opposizione vuol mettere mani e piedi in queste dif-

ficoltà, in questi problemi e cercare di aiutare una riscossa che venga presa come un tema nazionale. Calabria-Italia credo che sia ora di ribadirlo». Così ancora Bersani, sempre da Lamezia Terme, da dove è partita la Giornata nazionale della solidarietà nel corso della quale il segretario nazionale del Partito democratico ha incontrato sindacati, associazioni di categoria e partenariato oltre a esponenti politici per affrontare i temi del lavoro e della legalità dopo i fatti di Rosarno. Giunto a Lamezia, Bersani ha subito presiedendo un incontro con gli esponenti regionali di Cgil, Cisl e Uil, e le associazioni dicategoria Coldiretti, Cia, Confindu-

Bersani ha presieduto un incontro con gli esponenti regionali di Cgil, Cisl e Uil, e le associazioni di categoria stria, Confartigianato ed esponenti del partenariato. Insieme al segretario del Pd, ci sono tra gli altri l’ex ministro alla Salute, Livia Turco; il segretario del Pd Carlo Guccione, vari parlamentari e dirigenti regionali del Partito democratico. «Legalità e lavoro - altro tema affrontato da Bersani - E’ su queste due questioni che fondiamo la nostra piattaforma ed oggi siamo qui anche per ribadire il lavoro

Muore in ospedale, 4 medici indagati CATANZARO - Quattro medici dell’ospedale di Catanzaro sono indagati nell’ambito di una inchiesta sulla morte di un giovane di 30 anni ricoverato nella struttura sanitaria per essere sottoposto ad un intervento chirurgico a seguito delle ferite riportate in un incidente stradale avvenuto il 6 gennaio scorso a Crotone. Il sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro, Alessia Miele, ha affidato l’incarico al medico legale che dovrà ora effettuate l’autopsia per accertare le cause del decesso.

insieme alla legalità - ha puntualizzato il leader nazionale del Patito democratico - Vorrei ricordare - ha aggiunto - che ieri in Parlamento siamo riusciti a mettere sotto il Governo su un argomento non banale che riprende la parola Mezzogiorno e che riprende la parola lavoro per i giovani del Mezzogiorno attraverso un piano straordinario. Se non cam-

miniamo su due gambe, lavoro e legalità, noi non riusciamo ad affrontare le situazioni». Insomma, per quanto attiene l’alleanza per le Regionali, bisogna ancora attendere. Pierluigi Bersani

r.c.

IL RETROSCENA - L’ultimo tentativo per dire ad Agazio Loiero di fare un passo indietro... COSENZA - Guardati ad a uomo da un esercito di giornalisti Pierluigi Bersani e Agazio Loiero si smarcano lo stesso con un paio di finte e su un marciapiedi di Palmi lo trovano il tempo per dirsi un paio di cose "pesanti". È il leader nazionale del Pd, a conclusione di una giornata mediaticamente forte sulle violenze di Calabria, che fa l’esplicita richiesta. Caro Agazio, questo il senso del pensiero di Bersani, la palla la giochi tu ed è giusto che sia così. Prova a fare un passo indietroperò, mostra in qualche modo disponibilità a metterti da parte a favore di un allargamento immediato della coalizione prevedendo magari una presidenza Udc per battere le destre. Dai un messaggio forte e chiaro subito e in poche ore vediamo che succede. Un tentativo, quello che chiede Bersani a Loiero. Visibile, rintracciabile,

E’ il leader nazionale del Pd, a conclusione di una giornata mediaticamente forte, che fa l’esplicita richiesta senza trucchi e soprattutto pressoché immediato, il tempo stringe. C’è più o meno tutto, in questo tentativo. C’è intanto il rispetto assoluto del ruolo preponderante del governatore nella faccenda, da qualsiasi parte la si voglia interpretare. C’è poi la consapevolezza che tocca al Pd, il partito ammiraglia della coalizione che si deve formare, fare la prima mediatica mossa. E poi c’è pure tattica nel "dire" di Bersani. Niente più alibi da offrire allo Scudo di Casini,Occhiutoe Tassone.Quellidell’Udc vogliono che Loiero responsabilmente sacrifichi la sua legittima aspirazione a tutto vantaggio della vittoria finale del gruppo? Ecco il "sacrificio" di Loiero. Vogliono guidare in prima persona la battaglia contro Scopelliti? Facciano pure. Il massimo che si possa ottenere ma ad una condizione, pensa Bersani anche senza dirlo. Non può essere il leader nazionale del Pd a muovere pedine saltando logiche e metodi "del posto". Non può essere il segretario nazionale a barattare poltrone strategiche. Se vuole, e se ne capisce la portata, deve farlo direttamente il governatore Loiero. La "mossa", se letta bene, in realtà potrebbe rafforzare del tutto il governatore perché "stanerebbe" le reali intenzioni dell’Udc senza offrire tempi supplementari e giochi sotto il tavolo. Una volta per tutte. Domenico Martelli


Venerdì 15 Gennaio 2010

il Domani 11

TRASPORTI, ENTI LOCALI A rilevarlo uno studio della Svimez sugli andamenti per regione delle entrate e spese dei Comuni

Chiesto nuovo collegamento per Petilia

Crescita del 25%, tra il 1999 e il 2007, sugli enti locali al Sud a fronte dell’aumento del 16,9% del Centro-Nord

Aumento delle entrate al Sud anche se le spese non tendono a diminuire Roma Crescita del 25 per cento tra il 1999 e il 2007 delle entrate sugli enti locali al Sud, a fronte di un aumento del 16,9 per cento del Centro-Nord. Nonostante la cospicua crescita, nello stesso periodo sono aumentate anche le spese e per ciò il saldo resta negativo. Il dato emerge da uno studio dello Svimez sugli andamenti per regione delle entrate e spese dei Comuni in relazione agli equilibri di bilancio previsti dal patto di stabilità e pubblicato sull’ultimo numero della Rivista Economica del Mezzogiornotrimestraledella Svimez.Nellaricercasisottolinea quindi, la riduzione del divario delle entrate tra Centro-Nord e Sud, passando rispettivamente dal 30 per cento al 20 per cento, per poi arrivare nel lungo periodo a una stima differenziale del 10 per cento. Esaminando i vari dati si è constatato che le entrate pro capite del Centro-Nord nel 1999 erano pari a 793 euro a valori correnti diventando 810 nel 2007, per poi arrivare nel lungo periodo a 813. Nello stesso periodo nel Mezzogiornoil recupero è decisamente più forte. Infatti i 582 euro pro capite del 1999 salgono nel 2007 a 660 e volano nel lungo periodo a 730. Ciò significa che ne-

gli anni in questione, l’aumento delle entrate è stato pari al 25,4 per cento del Sud contro il 16,9 per cento del Centro-Nord. Vi sono comunque, forti differenze tra le diverse regioni del Meridione. In Molise si registra l’aumento più cosistente, negli anni esaminati, da 613 a 763 euro. Al secondo posto si colloca la Campania, da 622 a 725 euro, seguita dalla Basilicata che passa da 643 a 763 euro e dalla Calabria, da 572 a

664. Alla fine della lista si trovano la Puglia, da 505 a 543 euro e l’Abruzzo che da 616 euro passa a 642. Si rileva inoltre, che nello stesso periodo Liguria, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio e Piemonte hanno visto diminuire le entrate pro capite, mentre la Lombardiaè passata da 767 a 983 euro. Più contenuta invece,la crescitadell’Umbria,da 800 a 814 euro. Anche se dai vari dati si vede una crescita delle en-

trate, non si può non ricordare l’ aumento progressivo delle spese nelle due ripartizioni che si è avuto nello stesso periodo preso in esame, portando perciò il bilancio a un saldo negativo. Nel 1999 la differenza tra le entrate e le uscite era praticamente nulla, con un 32 euro pro capite al Centro-Nord e di 33 euro al Sud. Nel 2007 i valori erano diventati meno quattro euro al Nord e più un euro euro al Sud. In base alle stime Svimez la situazione però tende a peggiorare. I valori nel 2011 saranno pari a meno venticinque euro al Centro-Nord e meno sette al Sud diventando nel lungo periodo meno dieci e meno ventidue. Dallo studio si rileva inoltre che «per gli enti locali a minore capacità fiscale i minori livelli di spesa comportano una sottodotazione di risorse rispetto alfabbisogno riferito ad un livello standard di servizi. Mentre i Comuni più ricchi sono in grado di ridurre sia la spesa che la pressione fiscale sui cittadini». In conclusione «la forte crescita delle entrate tributarie al Sud assicura un sostanziale pareggio di bilancio, ma non copre completamente tutte le spese, lasciando ad esempio scoperto l’ammortamento dei mutui».

Crotone In un incontro tenutosi ieri mattina nella sala dei Gruppi, il presidente della III Commissione consiliare, Pietro Caligiuri, è intervenuto per assicurare che «La Provincia di Crotone si attiverà immediatamente nei confronti della Regione Calabria in modo tale che il collegamento Petilia Policastro-Università della Calabria, effettuato dalle Ferrovie della Calabria, venga al più presto riattivato». All’incontro con la presenza di varie personalità,si è cercato di trovare subito una soluzione per il rispetto degli studenti e della Calabria. Hanno partecipato il consigliere provinciale Antonio Scigliano, Barberio e Mongiardi (per le Ferrovie della Calabria), l’assessore comunale di Petilia Policastro Luigi Carvelli ed il consigliere comunale petilino Mario Carvelli. La questione è nata per la soppressione nel 2007 dell’autobus che veniva utilizzato dagli studenti universitari di sei comuni del crotonese con frequenza giornaliera. La cancellazione della corsa ha causato, naturalmente, gravi disagi agli studenti che vorrebbero raggiungere l’Università senza doversi porre il problema di come andare. E proprio per questo, con il proposito di risolvere al più presto la questione, il presidentedellaCommissioneTrasporti Pietro Caligiuri si è impegnato a richiedere un incontro con l’assessore regionale ai Trasporti, Demetrio Naccari Carlizzi nonché con i dirigenti regionali del settore. Il consigliere provinciale Antonio Scigliano, dal canto suo, ha proposto di chiedere ai comuni di Cotronei, Mesoraca, Petilia Policastro, Roccabernarda, San Mauro Marchesato, Santa Severina, apposite delibere consiliari per richiedere una nuova autorizzazione sul percorso Petilia-BivioCalusia tra la strada statale 107 e Cosenza. Luana Rocca


12

il Domani Venerdì 15 Gennaio 2010

ECONOMIA, IMPRESE, COMMERCIO Codacons: «Creato un circolo vizioso È stato istituito un Fondo di solidarietà»

«A causa del caro vita l’indebitamento dei calabresi cresce in maniera esponenziale» di Carmela Mirarchi CATANZARO - «L’indebitamento dei calabresi cresce in maniera esponenziale. Tanto avviene non solo per beni di prima necessità come la casa, ma anche per acquistare elettrodomestici, per pagare le spese mediche o la comunione dei bambini». A sostenerlo è il Codacons in una nota. «Così, mentre prima ci si rivolgeva in banca solo per grandi acquisti - prosegue il Codacons - ora si è costretti a domandare credito anche per fare la spesa. Da queste considerazioni emerge che, a causa del caro-vita, per poter mantenere lo stesso tenore di vita le famiglie calabresi sono costrette ad indebitarsi.Chiedereun prestito e rimandare a tempi migliori il pagamento, ma il pericolo sta proprio qui. Se ora si rimane allettati dall’idea di comprare e iniziare a pagare il prossimo anno non dimentichiamo che prima o

poi arriverà il momento di saldare le rate e lo stipendio, purtroppo, non sarà aumentato». Il Codacons, prosegue sostenendo che, «continua a ricevere segnalazioni di cittadini costretti a chiedere un finanziamento non per effettuare acquisti, ma per pagare altri prestiti. Un circolo vizioso che rischia di generare una nuova categoria di poveri. Ma questo fenomeno dilagante della richiesta di finanziamenti lascia spiragli sempre più ampi al rischio usura. La legge 108/1996 stabilisce che scatta l’usura quando il tasso supera del 50% il tasso medio rilevato ufficialmente ogni trimestre e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. E’ bene chiarire

Ulixes: si all’isola pedonale su corso Mazzini

che il "tasso" cui deve farsi riferimento è il Taeg, cioé il tasso annuale effettivo globale, che deve comprendere anche tutte le spese accessorie: costi della pratica, costi di commissioni varie, spese di assicurazione. Tali spese, infatti, non sono incluse nel Tan, il tasso annuale nominale». «Per comprendere se siamo vittime di usura - afferma il Codacons - occorre far riferimento al Taeg che indica il costo reale del finanziamento. La clausola di un mutuo o di un finanziamento che prevede tassi usurari deve essere considerata nulla. La legge 108/96 prevede che laddove siano pattuiti tassi usurari il malcapitato non dovrà versare alcuna som-

ma a titolo di interessi essendo tenuto a restituire solo il capitale. Ovviamente per i contratti stipulati prima dell’entrata in vigore della legge è sempre possibile chiedere la riduzione degli interessi al di sotto della soglia di usura, altrimenti tutti gli usurai potrebbero ben sostenere di aver concordato gli interessi prima del 1996». Il Codacons, conclude ricordando che «è stato anche istituito un Fondo di solidarietà che eroga mutui quinquennali senza interessi, il cui importo è commisurato agli interessi estorsivi pagati. Le domande di accesso al Fondo devono essere indirizzate alla Prefettura del luogo dove si è verificata l’usura».

I commercianti: siamo vittime di soprusi «Difficile pagare con bancomat o carta» CATANZARO - Il periodo dei saldi è sempre quello più caldo e più redditizio per le attività commerciali, e quello in cui al Codacons giungono più segnalazioni e lamentele. E quest’anno la segnalazione più curiosa non riguarda il singolo cittadino che ha acquistato un capo difettoso ovvero un prezzo in saldo non rispettato ma, addirittura, sono gli stessi commercianti a lamentarsi di essere vittime di soprusi. «La situazione paradossale si è venuta a creare nella zona adiacente il Parco commerciale "Le Fontane" di Ca-

tanzaro» spiega il Codacons. «Alcuni commercianti segnalano la situazione di enorme imbarazzo nei confronti dei clienti per l’impossibilità di effettuare pagamenti tramite bancomat o carta di credito. A partire dal 5 gennaio 2010 la linea telefonica smette di funzionare a causa di un problema di certo non imputabile agli utenti. A tutt’oggi, nonostante le ripetute segnalazioni permane il disservizio e le conseguenze negative per i commercianti». Il Codacons, nella persona dell’avvocato Francesco Di

Lieto, sottolinea come «ancora una volta la Calabria sia discriminata da Telecom, e le segnalazioni vengono spesso rimandate o addirittura ignorate e non è possibile che in un grande centro commerciale come "Le Fontane", nato da poco ed in crescente espansione si debba registrare un disservizio simile. Il Codacons ha già provveduto a diffidare Telecom per avere l’immediata riattivazione delle linee telefoniche,oltre al risarcimento dei danni causatiagli utenti.La situazioneè davvero critica per i commercianti».

CATANZARO - «Quello a cui i catanzaresi stanno assistendo da giorni è uno stillicidio di dichiarazioni pro e a contro la zona a traffico limitato e la pedonalizzazione di Corso Mazzini, pervenute da più parti, politiche, partitiche, sindacali, di categoria, culturali» si legge in una nota dell’associazione Ulixes. «Non possiamo nasconderci che da anni Catanzaro ha intrapreso una strada percorsa verso una riqualificazione del suo centro storico. Da molto tempo si tenta di fare di Catanzaro una città universitaria, che trovi nel fermento giovanile nuova linfa per ridestarsi da un passato circoscritto nei margini di un ceto impiegatizio troppo spesso distratto. In questo senso ci pare vada l’istituzione della zona a traffico limitato e di una parziale pedonalizzazione di Corso Mazzini, che, come qualcuno ha ricordato, si inserisce nel solco della restituzione delle città ai cittadini, tendenza che a livello nazionale e internazionale va affermandosi. Di questo, in fin dei conti si tratta, di ridare la città ai cittadini, Catanzaro ai catanzaresi. Non deve più succedere che un borgo bellissimo come Catanzaro preferisca le comodità dei motori alla sua storia e al piacere di vivere in una condizione salutare il centro per noi e i nostri figli, a riparo dai gas di scarico e dalla bruttezza delle nostre auto in confronto alla bellezza della nostra città. Detto questo, non si può fare a meno di considerare la cronica mancanza di parcheggi adiacenti il centro storico, la necessità di potenziare in maniera importante, nel numero e negli orari, i servizi di trasporto pubblico con cui i catanzaresi devono, però, prendere dimestichezza».


Venerdì 15 Gennaio 2010

il Domani 13

ECONOMIA, IMPRESE, COMMERCIO La Federazione segue con attenzione le vicende della Bcc di San Vincenzo la Costa, Cosenza

Commissariamento della Bcc «Giusta azione di Bankitalia» COSENZA - La Federazione Calabrese delle Banche di Credito Cooperativo segue con attenzione le vicende della Banca di Credito Cooperativo di San Vincenzo la Costa, in provincia di Cosenza. «Al riguardo - si legge in una nota della Federazione Calabrese delle Banche di Credi-

«Tutti i provvedimenti assunti dalla Banca d’Italia sono ponderati, misurati ed adottati nella prospettiva di eliminare distorsioni nella gestione bancaria» to Cooperativo -, intende, innanzitutto, puntualizzare che il provvedimento di commissariamento non mira a far venir meno, come sembra trasparire da alcuni recenti articoli di stampa, un punto di riferimento per l’economia locale nella zona di competenza

della Banca, semmai a definire le condizioni per un pieno rilancio della stessa BCC. Del resto, tutti i provvedimenti assunti dalla Banca d’Italia sono ponderati, misurati ed adottati nella prospettiva di eliminare ogni possibile distorsione nella gestione bancaria.Per questi motivi i soci ed i clienti della Bcc di San Vincenzo La Costa possono, con tranquillità, continuare ad operare con la Bcc. Inoltre, possono contare sulla rete del Credito Cooperativo che, attraverso il Fondo di Garanzia dei Depositanti, garantisce i loro risparmi e affianca le singole Bcc nei momentidi ordinariae straordinaria gestione. A tal fine la Federazione Calabrese -continua la nota - sta sviluppando un dialogo sempre più serrato e proficuo con la Filiale di Catanzaro della Banca d’Italia che è un interlocutore fondamentale e prezioso per promuovere la sana e prudente gestione delle Banche di Credito Cooperativo associate alla Federazione. In questa prospettiva, il 16 dicembre scorso si è tenuto, presso la sede della Federazione, a Rende (Cs), un incontro fra gli

esponenti della Banca d’Italia e delle Bcc associate per un proficuo scambio di idee sulla situazione dell’economia calabrese e delle Banche di Credito Cooperativo che operano nella Regione. Nella logica di collaborazione con l’Organo di Vigilanza, la Fe-

«Federazione Calabrese affiancherà e sosterrà i Commissari affinché si creino tutte le condizioni per restituire la Bcc al territorio e alla comunità locale» derazione Calabrese - conclude affiancherà e sosterrà, senza riserve, i Commissari che stanno operando presso la Bcc di San Vincenzo la Costa, affinché si creino tutte le condizioni per restituire la Bcc al territorio e alla comunità locale cui appartiene».

Cia di Reggio Calabria e di Cosenza: «Giuste le scelte di Dattola e Gaglioti» COSENZA - La Cia delle province di Cosenza e Reggio Calabria, rispettivamente il presidente Barbarossa Francesco e il presidente Antonio Inuso hanno confermato ai presidenti delle Camere di Commercio dellerispettiveprovince,GiuseppeGaglioti e Lucio Dattola, la totale «condivisione delle ragioni che hanno portato, nelle scorse settimane, ad intraprendere l’azione di dare vita alla costituzione dell’Unione regionaleNord-Sud. Le Cia di Reggio Calabria e «Non era più possibile di Cosenza ritengono non fosse più possibile proseguire nel proseguire nel disconodisconoscere le giuste scere le giusteesigenzee che provenesigenze e prerogative prerogative gono dal 64% del tessuprovenienti dal 64% del to imprenditoriale della Calabria, rappresentato tessuto imprenditoriale» dalle due province, in un momento di crisi come quello attuale. In particolare - sottolineano - la Camera di Commercio di Cosenza da molti anni andava ricercando un diverso rapporto di rappresentatività all’interno dell’Unione regionale delle Cciaa e già, l’uscita dalla stessa del 2000 era sintomo di un malessere che, il rientro nel 2005 non ha potuto far esprimere a causa del commissariamento. Successivamente, non si è voluto tenere in nessuna considerazioneil precedente voto,

all’unanimità, di recesso dall’Unione regionale, che i consigli camerali delle due Camera di Commercio calabresi avevano espresso. Questo sarebbe dovuto essere il segnale per porre le premesse ed aprire un serio dibattito per un nuovo corso nell’azione dell’Unione regionale. Cosa che evidentemente non è avvenuta. Vi è inoltre da sottolineare che l’azione della precedente Unione regionale, che non ha di fatto consentito di dispiegare alle imprese allocate nelle due province di Cosenza e di Reggio Calabria, le loro reali potenzialità di sviluppo, né nei processi di internazionalizazione, cosi necessari oggi per portare questa nostra regione a competere nei mercati globali, né facendo svolgere alle due province detentrici di oltre il 65% della economia regionale il loro ruolo di locomotive di sviluppo, perseguendo in logiche di mantenimento di posizioni, che in questa delicata fase di crisi possono infliggere il definitivo colpo mortale al nostro già debole tessuto economico e sociale. La Confederazione Italiana Agricoltori della provincia di Cosenza, in particolare, ha condiviso e sostenuto il presidente Gaglioti dall’inizio del suo mandato, in questa azione di rilancio della Camera di Commercio di Cosenza, come tra l’altro è stato condiviso dalla totalità della rappresentanza di categoria che siede nel consiglio di amministrazione».

Franco Ferro(Idv) «Condannare un istituto di credito così sano è una palese incongruenza» COSENZA - «Sono rammaricato per la decisione e il disagio creati dal commissariamento della banca di credito cooperativo di San Vincenzo la Costa ad opera della Banca d’Italia». E’ quanto afferma, in una nota, Franco Ferro, dirigente di Idv e presidente dell’associazione nazionale degli Intemediari assicurativi. «Sono vicino all’azione dei soci e dei clienti dell’istituto di credito - prosegue Ferro - perché troppe volte abbiamo assistito al depredamento delle nostre risorse e, in tempi così duri, condannare un istituto di credito così sano è una palese incongruenza anche perché è un attacco diretto all’alimentazione del tessuto sociale. E’ forte dunque la mia apprensione per il futuro della banca. Mi appello all’importanza del Credito Cooperativo - prosegue la nota - che ha rappresentato la prima reale opportunità per la gente comune di utilizzare i servizi finanziari e ha permesso a milioni di operai, di piccoli imprenditori - artigiani, agricoltori, professionisti - e alle loro famiglie di ricevere fiducia, ottenere il credito e migliorare la propria condizione di vita, consentendo loro di costruire le proprie aspirazioni, far crescere le comunità locali e quindi un paese intero. Le Bcc - conclude la nota - rappresentano il concetto dell’auto-aiuto, ossia dell’impegno collettivo a vantaggio del bene comune, riuscendo nell’intento di includere migliaia di persone nella vita economica e sociale ed per questo motivo che va tutelata e difesa. Io sono al loro fianco».


14

il Domani Venerdì 15 Gennaio 2010

AMBIENTE E AGRICOLTURA La Giunta su proposta dell’assessore all’Urbanistica Michelangelo Tripodi ha approvato il Qtr/P «Non sarà più possibile quell’aggressione selvaggia alle coste che in Calabria è stata consentita»

Sì al Quadro territoriale regionale Regolarizzato l’uso del territorio di C.M. CATANZARO - La Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Urbanistica e al Governo del Territorio Michelangelo Tripodi, ha approvato, nella sua ultima seduta, il documento finale del Quadro Territoriale Regionale con valenza Paesaggistica (Qtr/P), con allegate le norme tecniche di attuazione. Il testo è stato trasmesso al Consiglio regionale per la definitiva approvazione prima della scadenza della legislatura. «Per la prima volta - ha dichiarato

Tripodi - con l’approvazione del Qtr, la Regione si è dotata di uno strumento di regolazione dell’uso del territorio, che finora non era stato mai assunto, autorizzando così il distorto uso del territorio e del paesaggio che è stato praticato in Calabria, con devastanti effetti sull’assetto dell’ambiente e la tenutaidrogeologicadelterritorio stesso». Il Qtr/P è l’atto fondamentale di attuazione della Legge Urbanistica Regionale, la n. 19/2002, e si colloca come strumento prioritario di regolazione della pianificazione urbanistica e territoriale

della Regione Calabria, coordinandosi con i Piani territoriali di coordinamento delle Province e con i Piani strutturali comunali e associati,che sarannod’ora in poi tenuti ad adeguarsi alle indicazioni del Qtr in quanto atto regolatore di valenza generale. Il testo del Qtr/P, che ha fatto seguito ad una lunga e intensa fase di elaborazione di concertazione con le Province e con le parti sociali anche attraverso la recente Conferenza di pianificazione articolata sul territorio, è stato definito, su impulso dell’assessore Tripodi, da un gruppo tecnico-scien-

«Troppa tolleranza verso l’illegalità Lavoro nero sconfina in schiavismo» ROMA- «I fatti di Rosarno stanno uscendo rapidamente dalle pagine dei giornali, ma la realtà che hanno segnalato resta presente e diffusa nel Paese: c’é stata e c’é troppa tolleranza verso l’illegalità, verso la diffusione di un lavoro nero che sconfina nello schiavismo»lo sottolinea Paola Menetti, presidente nazionale di Legacoopsociali, che chiede un confronto tra istituzioni e soggetti sociali. Per Menetti «sostenere che la responsabilitàpriPaola Menetti, ma è degli stessiimmipresidente nazionale grati e la ridi Legacoopsociali: sposta è la loro caccia«C’é bisogno di ristabilire ta, vuol dire nient’altro legalità, che è condizione chealimendi una possibile convivenza tare intolleranza e civile e di sviluppo nuove future emerin ampie zone genze. C’é di questo Paese» bisogno di ristabilire legalità, che è condizione di una possibile convivenza civile e di sviluppo in ampie zone di questo Paese. Ma non può darsi legalità se non fondata sul riconoscimento ed il rispetto dei diritti inalienabili di ogni essere umano, a partire dalle condizioni di vita e di lavoro. In questa direzione - prosegue - ci pare vadano gli impegni importanti annunciati dal ministro Sacconi in queste ore, e ne attendiamo i concreti sviluppi. Sempre meno ci pare sostenibile la contraddizione tra la realtà di un paese che degli immigrati ha bisogno e si avvale, in agricoltura come nell’industria, e fin dentro le proprie case per l’assistenza, e politiche sull’immigrazione orientate a enfatizzare le sole categorie dell’emergenza e della difesa dell’ordine pubblico. L’esperienza delle tante nostre cooperative sociali - con-

clude Menetti - che nella stessa Calabria, come in tutto il Paese, ogni giorno si misurano con la realtà dell’immigrazione, ci sostiene nel ribadire l’esigenza di politiche che connettano in modo trasparente rispetto della legalità, capacità di accoglienza e percorsi di integrazione, destinando a questo scopo le necessarie risorse. Serve a questo scopo un ben più vivo e concreto dialogo tra istituzioni e soggetti sociali ed economici, a livello nazionale e nei territori, convinti come siamo che una società capace di accogliere e integrare piuttosto che respingere e umiliare, sia più giusta e più sicura e anche più attiva e capace di sviluppo».

tifico di lavoro guidato da Alberto Clementi e composto da Giuseppe Fera, Giuseppe Scaglione, Albero Riparo, con il supporto per la parte normativa di Paolo Urbani e da una equipe di esperti. Il gruppo è stato coordinato da Maria Grazia Buffon, dalla responsabile dell’ufficio del Piano Rosaria Amantea e da Antonio De Marco. Il Qtr/P ha fatto peraltro seguito all’approvazione e sottoscrizione del Protocollo d’intesa del 23 dicembre tra Regione e direzione generale del Ministero dei Beni Culturali e Paesaggistici che ha regolamentato l’intesa tra Stato e Regione in materia di tutela paesaggistica in esecuzione al Codice dei Beni Culturali e Paesaggistici, avendo assunto il Qtr/P anche gli

elementi di tutela del paesaggio attraverso i Piani Paesaggistici d’Ambito. L’assessore Tripodi, nel ringraziare tutti coloro i quali hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato ha affermato che «l’attuazione di questo provvedimento costituisce un fatto rivoluzionario per la Regione, che non era riuscita dalla sua nascita ad oggi a darsi uno strumento di regolazione e di governo della pianificazione territoriale, nonché di tutela del territorio e del paesaggio. Grazie al Qtr/P - ha aggiunto l’assessore all’Urbanistica - non sarà più possibile quell’aggressione selvaggia al territorio ed alle coste che in Calabria è stata consentita dalla mancanza di norme ed ha prodotto in questi anni ben 800 milioni di metri cubi di costruzioni in cemento, con la deturpazione dell’ambiente e del paesaggio». Infine Tripodi ha evidenziato che «l’approvazione del Qtr/P è uno degli atti fondamentali e qualificantidelprocessodirinnovamento della Calabria portato avanti dalla Giunta regionale. Si tratta di provvedimento storico che segnerà il futuro della Calabria ridando speranzaa quanti credono nei processi di salvaguardia del territorio, dell’ambiente e del paesaggio e contro la speculazione selvaggia e il consumo abnorme del territorio».


Venerdì 15 Gennaio 2010

il Domani 15

UNIVERSITA' E SCUOLA Cersosimo: giusto premiare ed incentivare una componente fondamentale della comunità

I voucher di 1.500 euro sono destinati ai docenti della scuola statale calabrese primaria e secondaria

Aggiornamento degli insegnanti Sono pronte 3200 teacher card di Car.Mir. CATANZARO - «Sono più di 3.200 gli insegnanti calabresi che beneficeranno della teacher card, il voucher di 1.500 euro per l’aggiornamento e la formazione dei docenti della scuola statale calabrese primaria e secondaria, concesso dalla Regione a seguito del bando indetto dall’assessorato all’Istruzione, alta formazione e ricerca, con una dotazione di risorse pari a 4 milioni e mezzo di euro». La graduatoria dei docenti beneficiari della teacher card è in pubblicazione da oggi sul sito della Regione Calabria. «Dopo i 27 mila buoni premio erogati agli studenti meritevoli - ha affermato il vicepresidente della Giunta regionale Domenico Cersosimo abbiamoritenutogiustopremiare ed incentivare un’altra componente fondamentale della comunità scolastica: i professori più meritevoli delle nostre scuole, quelli che si sono distinti per un’assidua presenza nelle aule e che hanno presentato un programma di autoapprendimento individuale capace di avere dei ri-

All’UmG primo corso in Chirurgia Ricostruttiva e Funzionale del Pavimento Pelvico di Mario Mirabello

flessi positivi per la crescita di una istituzione scolastica sempre più di qualità. La teacher card - ha detto ancora Cersosimo - è lo strumento per far compiere un salto in avanti alla conoscenza ed alle competenze all’interno della scuola calabrese. Con il voucher di 1.500 euro, i docenti beneficiari potranno migliorare le proprie conoscenze informatiche, grazie all’acquisto di hardware e software specifici finalizzati ad

elevare la qualità della didattica, potrannoaggiornareequalificare le loro competenze professionali attraverso l’iscrizione a corsi intensivi di studio e di qualificazione,perfezionareulteriormente il loro back-ground con l’acquisto di libri e testi di natura didattico-scientificaedialtrepubblicazioni, riferite alle materie di insegnamento,utili al loro aggiornamento». La "teacher card" ha avuto un impatto molto diffuso se

si considera che cinquemila sono state le domande pervenute, circa un migliaio le scuole coinvolte, tra primarie e secondarie, e 3223 quelle finanziate, pari a circa il 20% del bacino dei docenti provvisti dei requisiti prescritti dal bando. Altre domande, circa 500, sono state ammesse, ma non finanziate per esaurimento delle risorse attualmente disponibili. «A questo proposito - ha affermato il vicepresidente-laRegioneCalabria sta valutando di incrementare la dotazione finanziaria iniziale, in conformità con quanto previsto, per allargare lo spettro dei beneficiari. Perché siamo convinti ha affermato infine Cersosimo che la teacher card, oltre ad essere un segno di attenzione e di fiducia verso una delle categorie della scuola, quella dei docenti, che può dare un contributo importante ai processi di sviluppo delle dinamiche del mondo educativo e formativo, potrà avere dei riverberi importanti anche sugli altri colleghi dei docenti meritevoli, al fine di favorire una crescita complessiva del sistema dell’istruzione calabrese».

CATANZARO - Presso l’Aula Magna dell’Edificio delle Bioscienze della Università "Magna Graecia" di Catanzaro si è tenuto il primo corso in "Chirurgia Ricostruttiva e Funzionale del Pavimento Pelvico". Un evento voluto dal prof. Fulvio Zullo, direttore della Cattedra di Ostetricia e Ginecologia dell’Ateneo catanzarese, presidente del corso e dal dott. Stefano Palomba, della Cattedra di Ostetricia e Ginecologia della stessa Università, curato, per quel che concerne la segreteria organizzativa, dalla Società "Promo.dea" di Catanzaro. Il corso, articolato in due giornate,con sessioniteoricopratiche, è stato riservato a specialisti in ginecologia, urologia e chirurgia generale, a medici di medicina generale, ad ostetriche e ad infermieri di sala operatoria ed ha visto

la partecipazione, in qualità di relatori, di illustri dicenti di riconosciuta fama nazionale ed internazionale.Dopoi salutidelMagnifico Rettore dell’Università "Magna Graecia" di Catanzaro, Francesco SaverioCostanzo, del direttore generale dell’Azienda Ospedaliera "Mater Domini" di Catanzaro, Antonio Belcastro e del Direttore Sanitario della predetta Azienda, Caterina De Filippo, il convegno è stato aperto da una lettura magistrale del prof. Giulio Nicita, professore Ordinario di Urologia presso l’Università degli Studi di Firenze ed attuale Presidente dell’Associazione Italiana di Urologia Ginecologica e del Pavimento Pelvico, sul tema : "Le fistole vescico - vaginali. Il prof. Massimo Moscarini, della Cattedra di Ginecologia e Ostetricia - Università "La Sapienza"

di Roma - ha aperto il ciclo degli interventi, relazionando sul tema "Chirurgia demolitiva: necessità o abitudine", soffermandosi sulle nuove tecniche di preservazione uterina in ambito di chirurgia del pavimento pelvico, «che - ha evidenziato - ad oggi trovano applicazione non solo nella preservazione della fertilità, ma come alternativa alla chirurgia demolitiva. I vantaggi della preservazione uterina comprendonouna chirurgia meno invasiva che sembra accompagnarsi a disturbi urinari, defecatori e sessuali postchirurgici inferiori rispetto all’approccio demolitivo. Sembrerebbero ridursi, inoltre, la perdita ematica, il dolore postoperatorio, i tempi di degenza e di ritorno alle normali attività quotidiane».Sul «trattamentodel difetto centrale» ha intrattenuto i parteci-

Presentazione Project work realizzati dagli studenti di Economia Aziendale dell’UmG CATANZARO - Oggi alle 10 presso la sede della Ifm si svolgerà la presentazione finale dei project work realizzati dagli studenti dell’ultimo anno del corso di laurea interateneo in Economia Aziendale dell’Università Magna Græcia. «I lavori - ha detto Ernesto De Nito, docente di OrganizzazioneAziendalepressoil Corso di Laurea in Economia Aziendale sono stati concepiti dagli studenti dei corsi di OrganizzazioneAziendale dopo un percorso di approfondimento realizzato con la società Ifm, una dinamica realtà imprenditoriale del settore Ict. La finalità del lavoro è duplice: un momento di incontro tra il mondo accademico e quello imprenditoriale ed una opportunità didattica per analizzare tematiche teoriche attraverso il confronto con una esperienza aziendale». I project work non si sono limitati solo all’analisi ed allo studio della struttura esistente, ma contengono anche idee e proposte relative ai modelli di organizzazione e gestione aziendale. Introdurranno i temi dell’incontro Ernesto De Nito e Rocco Reina, docenti di Organizzazione Aziendale presso il Corso di laurea in Economia Aziendale dell’Ateneo catanzarese. Interverranno alla presentazione dei lavori l’Ingegnere Saverio Fascì, Direttore Generale Ifm, Ilaria Abramo, Presidente del Cda Ifm e Antonia Abramo, consigliere del Cda Ifm delegato alla gestione dei rapporti con il mondo accademico. I project work sono stati realizzati dagli studenti dell’ultimo anno del corso di laurea interateneo in Economia Aziendale dell’Università Magna Græcia.

Il corso è stato riservato a specialisti in ginecologia, urologia e chirurgia panti al corso il prof. Fulvio Zullo, della Cattedra di Ginecologia e Ostetrica - Università degli Studi "Magna Graecia" di Catanzaro - , oltre che presidente del corso . «Il trattamento chirurgico del difetto centrale - ha affermato il relatore richiedelasospensioneapicalecon o senza la rimozione dell’utero. Le opzioni chirurgiche comprendono gli approcci addominale, laparoscopico e vaginale». Sull’incontinenza urinaria si è soffermato il prof. Rocco Damiano, della Cattedra di Urologia "Università degli Studi "Magna Graecia".


18

il Domani Venerdì 15 Gennaio 2010

LAVORO E SINDACATI

Il sindacato indice per oggi lo sciopero dei lavoratori dell’azienda di Catanzaro e annuncia un sit-in davanti alla sede della Giunta regionale per protestare contro i tagli al personale

Manifestazione Fiom Cgil contro i licenziamenti Sielte

I «licenziamenti di massa» di cui parla la Fiom sono stati decisi all’indomani del vertice tra azienda, Governo e sindacati e riguardano 550 lavoratori per lo più impiegati nei cantieri calabresi

di Oriana Tavano CATANZARO - Otto ore di sciopero e una manifestazione davanti alla sede della Giunta regionale nella mattinata di oggi per protestare contro i «licenziamenti di massa» decisi dall’azienda Sielte di Catanzaro. Ad annunciarlo è il segretario generale della Fiom Cgil Calabria, Mario Sinopoli. La decisione della Fiom di indire una settimana di sciopero regionale, che culmina nella manifestazione dei lavoratori in programma per oggi, è maturata a seguito dell’incontro tra Governo, Sielte Spa e sindacato, tenutosi presso il Ministero del Lavoro lo scorso 28 dicembre a Roma. Nella trattativa l’azienda ha rigettato tutte le proposte avanzate dal sindacato e ha deciso di varare un

Il consigliere regionale Amendola denuncia «i gravi disservizi all’Ufficio invalidi di Lamezia»

piano di licenziamenti che prevede la messa in mobilità e il licenziamento di oltre 550 lavoratori per la maggior parte collocati nel Mezzogiorno e soprattutto in Calabria. Lo sciopero, inziato lo scorso 11 gennaio fino alla giornata di ieri, prosegue oggi per 8 ore consecutive con una manifestazione davanti alla sede della Giunta regionale a Catanzaro per chiedere al presidente Loiero e all’assessore alle Attività produttive Sulla, «di stare a fianco dei lavoratori calabresi degli appalti telefonici dice Sinopoli - che lottano per salvare il posto di lavoro in un settore vitale per l’ammodernamento infrastrutturale della nostra regione. Una lotta - ha concluso che andrà avanti finché l’azienda non ritirerà i licenziamenti e tornerà a sedersi al tavolo della trattativa al Ministero». Il 40% di questi lavoratori, come si apprende dalla nota del segretario Fiom, sono calabresi, provenienti dai cantieri ormai chiusi di Cosenza, Lamezia, Catanzaro, Crotone e Vibo. I licenziamenti previsti per i cantieri aperti, invece, colpirebbero pesantemente i lavoratori

dei cantieri di Catanzaro, Reggio Calabria, Gioia Tauro e Locri. Il dato che più allarma il segretario Fiom è che così facendo «si taglia in un settore che ha grandi potenzialità di mercato, se si considerano gli investimenti massicci preannunciati dal Governo sulla banda larga e sul settore delle telecomunicazioni».

Una delle manifestazioni della Cgil

LAMEZIA TERME - Il consigliere regionale del Partito democratico con delega alla Salute, Franco Amendola, ha presentato un’interrogazione al presidente della Giunta regionale, «con la quale - è scritto in una nota - segnala la grave situazione che si registra oramai da tempo presso l’Ufficio invalidi del Distretto sanitario di Lamezia Terme». Disservizi e disfunzioni, che, come sostiene Amendola, «si stanno ripercuotendopesantementesugli utenti, tutti soggetti deboli come invalidi, malati cronici e anziani, nella totale e palese indifferenza delle competenti autorità sanitarie locali e provinciali». L’Ufficio è il punto di riferimento per circa novemila persone, tutte affette da patologie invalidanti, i

quali, però, si legge nella nota del consigliere Pd, si sono spesso trovati costrettia segnalare«lunghissimi tempi di attesa per ricevere importanti ausili per la cura delle loro patologie, come pannoloni, carrozzine, materassi antidecubi-

to e medicinali, a causa della disorganizzazione dell’Ufficio e per la mancanza di personale qualificato». Persone che si sono per questo trovate costrette a fare ricorso a strutture e servizi privati. «L’intero servizio - sostiene

Amendola - è gestito da un numero esiguo di personale che non è preparato al disbrigo delle pratiche richieste per le varie forme di assistenza che l’Ufficio deve garantire». Infine, il consigliere regionale ritiene «urgente e doveroso» intervenire presso la dirigenza dell’Asp di Catanzaro e preme su Loiero affinché «le inefficienze segnalate vengano prontamente rimosse. Per eliminare tali disservizi si deve attuare, per Sinopoli, «il distaccamento in forma definitiva del personale». Ciò per provvedere al «soddisfacimento delle richieste degli invalidi, dei malati cronici e degli anziani in tempi certi e in maniera efficiente».


Venerdì 15 Gennaio 2010

il Domani 19

SANITA' E WELFARE

Ieri vertice in Regione per discutere il rilancio della rete ortopedica di Oriana Tavano CATANZARO - I problemi della rete ortopedica e traumatologica dell’intera Calabria sono stati al centro di un vertice svoltosi nella sede dell’assessorato alla Salute della Regione Calabria, presieduto dal vicedirettore generale vicario Nino Bonura e dalla dottoressa Rosalba Barone. Il vertice scaturisce da una precisa richiesta contenuta in una lettera dei primi di gennaio del presidente regionale dell’Otodi, Ortopedici e traumatologi ospedalieri d’Italia, Giuseppe Barilaro, primario all’ospedale Pugliese di Catanzaro. Barilaro chiede la verifica e il miglioramento delle condizioni di lavoro degli addetti ai vari reparti di ortopedia, con la finalità di avviare quello che Barilaro ha definito «un ciclo nuovo di collaborazione fattiva e di rapporto recuperato tra utenti e sanitari». Barilaro ha sottolinetao il fatto che gli ortopedici sono stati costretti a dare prestazioni «non programmabili e spesso in situazioni di estrema carenza di ri-

La sede della Regione Calabria

sorse o di particolare stress lavorativo». È proprio da questo che è scaturita la richiesta di Barilaro, accolta dal Dipartimento regionale alla Salute con la convocazione del vertice a Catanzaro, nel corso del quale si è discusso sulle varie problematiche e «si è preso atto dell’estrema dinamicità dei vertici regionali - dichiara Barilaro - per razionalizzare la rete regionale di ortopedia e traumatologia, al fine di garantire una migliore assistenza, pur nelle

Molti punti di discussione all’ordine del giorno, la qualità delle prestazioni, il confronto con l’Università, le disponibilità di materiali e le prestazioni ambulatoriali. Creata una commissione che dovrà redigere il piano operativo, di cui fa parte il presidente “Otodi” Barilaro

ristrettezze dettate dal piano di rientro». Molti punti di discussione all’ordine del giorno, tra cui la qualità e la sicurezza delle prestazioni, il confronto con l’Università, le disponibilità di materiali e le prestazioni ambulatoriali. È stata, inoltre, creata una commissione ristretta che dovrà redigere il piano operativo della rete, di cui fa parte, tra gli altri, lo stesso Barilaro insieme al rappresentante del sindacato di categoria, il dott.Gaetano Topa.

Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori sanitari, il 15 febbraio fissata missione a Catanzaro ROMA - La Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori sanitari ha deciso una serie di audizioni riguardanti i punti nascita, la sanità carceraria e la situazione finanziaria della Regione Lazio. Ha inoltre deciso di effettuare delle missioni a Catanzaro, Palermo, Messina e Catania. L’ufficio di presidenza della Commissione, presieduto da Leoluca Orlando, ha deliberato le audizioni delle prossime settimane: mercoledì 20 gennaio, in relazione all’inchiesta della Commissione sui punti-nascita; mercoledì 27 gennaio, in relazione al filone di inchiesta sulla sanità carceraria; mercoledì 3 febbraio in relazione alla situazione finanziaria della Regione Lazio. L’Ufficio di presidenza ha programmato per lunedì 15 febbraio una missione a Catanzaro per incontrare i familiari delle vittime di presunti errori sanitari in Calabria, e nei giorni lunedì 22 e martedì 23 febbraio una missione a Palermo, Messina e Catania, per un esame complessivo dei punti di criticità fin qui denunciati.


il Domani VenerdĂŹ 15 Gennaio 2010 21

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI

CHIUSURA

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

24.208,60 0,62 23.805,99 0,62 25.443,91 0,44 24.531,65 0,46 23.219,84 -1,06 11.381,50 0,35

METALLI

VAL. ACQUIST

VAL. VENDITA

Euro/Dollaro

1,4417

1,4418

ORO

Euro/Sterlina

0,8987

0,8994

ARGENTO

Euro/Yen

133,44

133,53

Euro/Franco Sv.

1,4736

1,4759

VAR. %

USD/on

EURO/gr

1 141,75

25,28

18,76

0,418

PLATINO

1615,50

36,13

PALLADIO

453,50

10,32

I TITOLI DI BORSA AZIONI

A.S. Roma A2A Acea Acegas-Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm-Agam Actelios Aedes Aeffe Aegon Aeroporto Firenze Ahold Kon Aicon Alcatel-Lucent Alerion Allianz Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pellettieri Apulia Prontop Arena Arkimedica Arkimedica 2012 Cv5% Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Spa Autostrada To-Mi Autostrade Merid Axa Azimut B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers Banca Generali Banca Ifis Banca Intermobiliare Banca Italease Banco Popolare Banco Santander Basf Basicnet Bastogi Spa Bayer Bb Biotech Bca Carige Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat Bca Mps Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili Best Union Company Bialetti Industrie Biancamano Biesse Bioera Bmw Bnp Paribas Boero Bartolomeo Bolzoni Bonifiche Ferraresi Borgosesia Borgosesia R Bouty Healthcare Bp-10 Cv 4,75% Bper 12 Cv Sub 3,7% Brembo Brioschi Bulgari Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc Cad It Cairo Communication Caleffi Caltagirone Caltagirone Edit Camfin Campari Cape Live Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro Carrefour Cattolica Ass

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

0,861 1,432 7,22 4,1525 67,49 1,815 1,03 3,77 0,21 0,522 4,9125 14,18

-0,29 +0,56 +0,14 +1,28 +0,78 +2,54 -2,37 -0,79 +0,96 +0,48 -0,35 -0,21

16.20.32 17.30.58 17.30.25 16.20.08 17.30.15 16.22.53 16.30.22 17.30.50 16.30.42 17.30.10 17.01.36 13.54.26

0,855 0,867 1,416 1,432 7,19 7,29 4,10 4,1525 66,41 68,84 1,78 1,82 1,03 1,084 3,77 3,85 0,208 0,2125 0,515 0,53 4,9125 4,985 13,84 14,19

0,86 1,43 7,26 4,15

0,325 2,58 0,533 85,66 2,965 13,68 0,627 0,458 0,0364 0,7355 100,20 1,52 5,995 18,86 9,045 10,60 16,60 17,06 9,225 89,60 2,60 8,53 7,40 3,29 0,7585 5,595 11,70 42,66 1,929 2,185 54,95 50,70 1,875 2,92 119,01 0,612 1,287 4,7675 11,21 4,20 5,45 7,63 0,662 4,095 4,305 10,51 0,4945 0,7255 6,24 98,90 0,605 1,48 0,612 1,546 5,76 1,55 32,02 58,49 19,00 1,47 34,29 1,382

+5,52 +2,58 +1,91 -1,30 +0,42 +0,59 +4,76 +4,21 -0,82 -0,61 -0,03 +0,20 -1,15 +2,00 -0,05 -0,66 +0,42 +1,49 +0,27 +0,69 -0,57 +1,97 +0,89 -0,15 +0,00 -0,09 -2,26 +1,60 +0,16 +1,63 +0,88 +0,36 +0,48 +0,00 -0,30 +1,49 -1,00 -0,16 -0,36 +0,12 +1,49 +1,06 -0,67 +0,31 +0,82 +0,10 +1,13 +0,14 +0,00 -0,28 +0,83 +1,37 -0,65 +3,27 -0,52 -3,12 +2,24 +0,67 -5,00 +1,38 -1,29 +0,58

16.30.47 16.56.34 16.30.50 17.24.27 17.30.54 17.30.54 16.30.01 16.30.55 16.30.16 16.30.46 16.24.45 17.30.02 17.30.01 17.30.20 17.30.47 17.30.26 16.12.30 14.07.30 17.30.29 15.32.12 16.30.02 17.30.33 17.30.30 16.30.48 17.30.49 17.30.01 17.08.22 17.21.44 16.30.42 12.24.48 16.49.16 17.30.07 17.30.17 15.58.22 12.13.46 17.30.04 17.30.45 15.52.31 17.30.21 17.30.48 17.30.45 17.30.02 16.30.00 16.20.38 16.30.10 16.30.28 16.24.11 16.30.06 17.30.21 17.30.55 17.30.56 16.30.11 16.30.40 16.30.32 17.30.26 16.30.04 16.38.07 17.24.39 16.30.47 17.09.28 16.30.48 16.07.42

0,312 2,5625 0,525 85,41 2,9125 13,58 0,5905 0,45 0,0362 0,72 100,20 1,506 5,96 18,65 9,01 10,55 16,40 16,99 9,19 89,20 2,5975 8,375 7,35 3,29 0,755 5,56 11,58 42,00 1,912 2,14 54,48 50,30 1,872 2,9175 119,01 0,602 1,273 4,6925 11,10 4,15 5,38 7,545 0,662 4,00 4,2825 10,34 0,488 0,723 6,23 98,86 0,598 1,47 0,6085 1,50 5,685 1,55 31,84 58,13 19,00 1,428 34,28 1,347

0,34 2,5925 0,533 87,35 2,995 13,81 0,689 0,47 0,0368 0,7455 100,50 1,522 6,15 18,93 9,165 10,75 16,75 17,06 9,32 90,00 2,60 8,54 7,50 3,38 0,76 5,645 11,93 42,70 1,948 2,185 54,95 51,35 1,889 2,92 119,38 0,6135 1,309 4,77 11,35 4,215 5,47 7,645 0,668 4,095 4,305 10,53 0,495 0,733 6,32 99,27 0,612 1,55 0,64 1,567 5,845 1,566 32,02 58,90 19,00 1,472 35,44 1,382

1,195 101,42 105,64 5,20 0,2082 6,155 1,142 12,05 7,53 5,75 3,02 1,05 2,40 1,864 0,3055 7,345 0,354 91,48 2,5175 34,69 23,10

-0,25 +0,07 +0,39 -0,57 +0,24 +3,53 +0,53 +1,26 +0,94 +0,09 +0,17 -1,78 -0,83 +1,30 +0,00 +0,62 +2,02 -0,27 -0,69 -0,14 +0,35

16.30.13 16.40.39 17.19.10 17.30.03 16.30.34 17.30.14 17.30.30 17.30.49 17.30.10 17.20.22 17.30.11 13.31.56 16.30.52 16.30.33 16.30.47 17.30.15 16.03.54 13.44.31 16.30.20 17.19.02 17.30.14

1,195 101,35 105,23 5,195 0,2055 5,975 1,131 11,97 7,48 5,665 2,965 1,034 2,35 1,811 0,3055 7,285 0,343 91,48 2,50 34,40 23,05

1,195 101,42 101,40 105,64 5,27 5,235 0,2082 6,155 6,00 1,15 12,10 11,97 7,55 5,775 5,775 3,02 1,055 2,42 1,864 1,811 0,3115 0,3115 7,345 7,325 0,354 92,98 92,98 2,5725 2,5725 34,75 34,75 23,78 23,19

1,818 1,084 3,80 0,21

0,332 0,5305 2,98 13,71 0,65 0,452 0,0364 0,7455 100,50 6,135 18,71 9,085 10,71 16,60 9,26 89,70 2,60 8,40 3,30 0,759 5,63 1,926

1,884

1,307 11,35 4,1975 5,40 7,575 0,668 4,285 0,488 0,7325 6,32 0,607 1,55 0,62 1,50

58,67 35,26

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Apertura

Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze

2,16 0,837 4,7225 3,245 2,41 0,54 0,187 0,30 0,9755 1,918 0,673 2,05 0,72 0,8885 105,88 1,20 24,00 5,595 12,86 1,885 5,60 0,208 105,28 0,815

+2,01 +2,39 -0,37 -0,46 +0,84 -5,76 +0,59 -3,85 -0,31 +0,16 +1,28 +0,00 +2,13 -0,89 +0,27 +0,00 +0,00 -0,44 +0,39 +0,64 +1,36 +1,46 +1,18 +3,03

16.30.22 16.30.48 16.06.05 17.30.44 17.30.18 16.30.48 16.30.11 16.30.18 11.52.59 17.30.02 16.30.55 17.05.27 16.30.22 16.30.52 16.16.41 11.54.00 12.19.15 17.30.56 16.56.25 16.24.06 17.30.30 15.51.07 17.30.12 16.30.07

D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Enia Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurofly Eurotech Eutelia Everel Group Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Filatura Di Pollone Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fmr Art'E' Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R Fortis France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin

1,293 5,62 36,89 1,028 19,87 9,965 43,35 4,075 3,125 1,242 50,64 10,13 23,71 2,27 5,40 15,21 28,80 1,15 1,353 1,232 13,08 1,853 3,82 4,15

-0,69 -0,88 +2,59 +0,69 +1,95 +1,68 -3,60 -0,49 +0,24 +0,08 +0,36 -0,29 -1,21 +0,22 +0,37 -2,06 -0,52 -0,09 +0,07 -1,68 +3,89 -0,59 -0,65 +0,00

17.30.59 17.30.38 15.37.42 17.02.09 16.30.25 16.30.17 16.53.11 17.30.18 16.30.41 17.30.06 17.30.46 17.11.29 17.30.24 17.30.02 16.38.46 17.30.57 15.13.26 17.30.42 17.30.05 17.30.22 16.23.37 17.30.44 17.30.25 17.30.41

1,286 1,325 5,57 5,77 36,76 36,89 1,018 1,045 19,69 20,08 19,90 9,94 10,15 10,00 43,22 45,00 4,075 4,0975 3,10 3,175 3,1375 1,237 1,254 50,25 50,96 10,13 10,21 10,19 23,70 24,21 24,01 2,265 2,2975 5,325 5,44 5,44 15,05 15,77 28,48 28,80 1,147 1,168 1,158 1,351 1,353 1,23 1,26 1,258 12,59 13,20 1,84 1,88 3,80 3,93 4,145 4,17 4,1675

27,00 18,50 5,69 9,70 0,76 0,66 9,365 0,155 2,895 0,372

+0,00 +1,48 +1,61 +0,36 +0,26 -2,22 +2,69 +2,24 +0,26 -1,06

17.03.14 17.30.53 17.30.28 17.30.50 16.30.55 16.30.48 17.30.22 16.30.11 17.30.54 16.30.25

26,90 27,39 27,22 18,34 18,60 18,37 5,56 5,72 5,60 9,65 9,76 9,70 0,745 0,765 0,7575 0,6555 0,6885 0,6885 9,21 9,44 9,22 0,152 0,1573 0,152 2,8525 2,905 2,88 0,372 0,3855 0,372

13,82 7,535 9,88 1,223 18,41 10,84 6,20 6,61 4,64 4,46 0,4335 0,1988 11,23 4,60 0,575 11,72 8,10 2,76 17,28 1,214 0,63 6,35 29,10 2,29 0,606 1,618 19,00 4,8525 2,685 2,31 3,50 6,00 4,70 4,30

-0,14 +0,20 -0,20 -0,97 +0,33 +0,84 +0,81 +0,23 -0,54 +0,17 +0,81 +1,95 +0,09 -0,49 -0,86 -0,34 +0,50 -0,27 -1,03 +0,33 -1,41 +0,16 -3,96 +0,44 +1,68 -1,94 +0,64 -0,46 +0,19 +2,78 +0,65 -4,46 +0,00 +1,60

17.30.00 17.30.45 17.30.48 17.23.25 17.30.01 17.30.18 17.30.59 17.30.21 17.22.07 17.30.41 16.30.05 12.06.09 17.30.44 16.30.30 16.14.40 17.30.58 17.30.23 17.20.50 17.05.56 16.15.24 16.30.27 15.23.01 17.12.23 17.18.35 17.30.44 16.59.36 17.30.20 17.30.30 16.30.56 17.30.23 17.19.55 16.21.33 11.19.17 16.30.52

13,78 7,48 9,865 1,223 18,30 10,78 6,15 6,595 4,60 4,45 0,4185 0,195 11,18 4,60 0,575 11,63 8,075 2,7225 17,28 1,214 0,63 6,30 29,00 2,285 0,599 1,60 18,92 4,845 2,685 2,27 3,3825 5,87 4,6325 4,16

Hera

1,68

2,10 0,8245 4,7125 3,22 2,355 0,54 0,1831 0,30 0,975 1,91 0,671 2,05 0,71 0,886 105,50 1,20 24,00 5,50 12,73 1,871 5,52 0,206 104,00 0,791

Max

-0,83 17.30.23 1,671

2,20 2,115 0,865 0,86 4,7275 4,7125 3,2975 2,43 0,573 0,5525 0,1876 0,186 0,315 0,985 0,985 1,947 1,935 0,683 0,671 2,085 0,72 0,712 0,90 105,88 1,201 24,01 5,69 5,635 12,97 1,90 1,895 5,625 5,555 0,209 0,206 105,28 0,83 0,794

13,94 13,93 7,65 7,57 10,04 1,265 18,54 18,51 10,91 10,85 6,255 6,21 6,66 6,60 4,64 4,50 4,4825 0,434 0,4185 0,1995 11,34 11,29 4,60 0,5765 0,576 11,83 11,80 8,135 8,095 2,795 17,84 1,214 0,646 0,646 6,43 29,80 2,29 0,6125 0,608 1,798 1,649 19,07 18,98 4,895 4,895 2,7375 2,69 2,3125 2,27 3,55 3,50 6,385 4,70 4,30 4,2975 1,702

1,70

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iride Isagro It Holding It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank

5,05 0,9575 13,14 1,582 0,998 1,944 0,848 2,57 8,62 8,44 7,87 7,55 0,3275 0,60 3,855 3,2025 2,4625 0,0842 1,59 1,385 3,6075

-3,99 -1,79 -1,20 +0,89 -2,63 +0,67 +0,18 +0,29 -1,15 +3,37 +0,26 +0,40 +0,77 -3,23 +3,77 +0,71 +0,61 -4,32 +0,63 +0,36 -1,16

17.30.51 16.30.27 17.24.32 17.30.47 17.16.05 16.24.36 16.30.45 17.30.13 16.19.06 17.30.40 16.54.00 17.30.52 16.30.31 16.30.15 17.30.17 17.30.25 17.30.29 16.30.10 16.21.37 17.30.09 17.30.16

3,7175 10,23 5,445 32,47 22,86 1,93

+0,75 +1,29 +1,59 +0,65 +0,40 -0,21

15.09.42 17.30.39 17.30.07 17.30.20 17.30.42 14.43.35

Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridie Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Omnia Network Panariagroup Parmalat Permasteelisa Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prima Industrie Axa+W Prysmian

0,9095 0,172 8,87 2,375 0,495 0,905

+0,00 -3,48 -0,06 +0,42 -1,30 +2,84

17.00.54 16.30.38 17.30.50 16.30.15 16.17.23 16.30.52

2,2225 3,9125 14,18 18,97

+0,57 +2,09 +1,14 +1,34

17.30.31 2,21 17.30.30 3,81 17.30.50 14,09 17.30.38 18,77

2,745 0,1431 1,446

+1,48 17.30.17 2,7075 -1,11 16.30.00 0,1422 +0,35 16.30.28 1,44

6,24 3,32 5,86 8,635 4,53 2,5825 0,5605

+3,14 +0,00 +1,65 +0,17 +1,23 +0,49 -3,36

17.30.54 16.30.01 17.30.14 17.30.49 17.30.50 15.52.57 16.14.45

6,10 6,34 3,22 3,3475 5,785 5,90 8,54 8,70 4,475 4,54 2,5825 2,625 0,5605 0,598

2,1175 2,23 4,0025 1,735 3,09 0,1652 7,205 0,4555 0,142 0,2685 1,409 108,50 5,50

-1,05 -1,54 -1,11 +0,00 +0,08 +0,73 +0,07 +1,22 -1,11 -0,19 +3,07 +0,00 +0,92

17.30.27 15.55.47 16.30.33 16.30.16 17.30.59 15.55.05 17.30.29 14.27.32 16.30.38 13.28.42 16.30.57 9.40.14 17.30.22

2,115 2,23 4,0025 1,731 3,08 0,1649 7,15 0,45 0,14 0,262 1,345 108,50 5,415

2,8875 5,49 9,20

+1,94 17.30.08 -4,02 11.25.09 +1,66 17.30.10

2,74 5,49 9,08

0,556

+5,10 16.30.06

0,55 0,5645 0,5595

Ratti Rcf Group

4,985 5,22 5,20 0,9575 0,981 0,97 13,14 13,35 13,29 1,56 1,614 1,564 0,993 1,01 1,927 1,948 0,8405 0,86 0,855 2,5575 2,5925 2,58 8,42 8,72 8,19 8,49 8,265 7,595 7,87 7,55 7,695 0,3175 0,3275 0,325 0,592 0,634 0,60 3,70 3,855 3,795 3,1775 3,21 3,2025 2,44 2,4775 2,45 0,0828 0,097 0,09 1,559 1,592 1,37 1,399 1,383 3,56 3,675 3,63 3,7175 10,11 10,26 5,385 5,485 31,73 32,83 22,83 23,24 1,915 1,958

3,63 10,21 5,40 32,26 22,86 1,93

0,897 0,915 0,9145 0,1703 0,1805 0,1791 8,775 8,89 8,835 2,3325 2,385 2,3625 0,495 0,505 0,505 0,8805 0,9095 2,225 3,94 14,25 19,05

3,81 14,09 18,88

2,75 2,7175 0,145 0,1422 1,46 1,444 6,10 5,79 8,675 4,505 2,62

2,17 2,15 2,27 4,10 4,05 1,77 1,755 3,13 3,10 0,1676 7,29 7,15 0,4555 0,45 0,1442 0,1416 0,2685 1,409 108,50 5,50 2,90 5,70 9,27

1,858 1,86 12,98 21,35 2,0275 4,30 2,955 1,20 0,4595 0,47 0,5225 12,14 0,451 0,84

+1,42 -0,53 +0,00 +0,76 -0,37 +0,94 +1,29 +1,87 +2,00 +1,73 +0,29 +1,25 -1,42 -0,83

17.30.26 17.30.06 16.30.38 17.09.11 16.30.32 14.47.49 16.30.41 16.30.18 17.30.45 16.25.21 17.30.29 17.30.09 14.48.24 17.30.26

1,803 1,87 1,85 1,889 1,881 12,98 13,01 13,01 21,35 21,35 1,988 2,06 2,05 4,30 4,33 2,925 2,965 2,965 1,20 1,22 1,219 0,4525 0,464 0,453 0,464 0,4725 0,5195 0,529 0,524 11,86 12,22 0,451 0,47 0,4575 0,833 0,848

1,093 1,053 1,003 8,94 1,223 13,55

-1,53 +0,57 -1,67 -5,40 -35,97 +0,67

16.30.14 1,09 16.30.56 1,05 16.30.53 1,003 17.30.17 8,915 17.30.12 1,11 17.30.55 13,31

1,137 1,076 1,003 9,68 2,375 13,63

1,137 1,05

0,379 0,98

+2,16 13.11.01 0,3735 -2,00 16.30.09 0,965

0,379 1,055

0,379 0,975

9,35 1,43 13,55


22 Venerdì 15 Gennaio 2010 il Domani

FINANZA I TITOLI DI BORSA AZIONI

Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Realty Vailog Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010

Prezzo ultimo contr. Var %

1,273 0,7775 2,2975 2,4675 5,19 39,55 0,254 15,84 0,46 0,1127 0,423 1,27 67,75 0,374 16,51 0,5015 6,03 5,58 0,6005 24,46

+0,47 -1,46 -0,11 -0,10 -0,95 +0,13 +3,25 -0,63 +2,00 +6,83 +1,93 +1,44 -0,44 +3,03 +0,06 -2,24 -0,49 -0,36 +1,18 +0,82

Ora

17.30.28 17.30.35 17.30.51 16.30.37 17.30.02 16.21.08 17.30.18 17.30.28 16.30.37 16.30.23 16.30.51 15.04.25 12.07.29 16.05.47 17.23.20 16.30.44 16.37.33 17.19.21 16.30.32 17.30.21

Min

1,259 0,773 2,2625 2,435 5,19 38,54 0,2475 15,84 0,452 0,1049 0,417 1,221 67,75 0,363 16,30 0,485 5,97 5,505 0,593 24,35

Max

Apertura

1,28 1,277 0,785 0,782 2,2975 2,4675 2,435 5,38 5,33 39,71 0,2575 15,99 0,461 0,4565 0,115 0,1122 0,4295 0,419 1,27 68,47 0,374 0,363 16,56 0,5235 6,11 6,01 5,665 5,65 0,624 0,595 24,57 24,45

57,00 +2,02 16.47.42 56,27 57,00 35,40 +2,70 15.51.08 35,32 36,00 2,235 -0,33 17.30.17 2,2125 2,2675 2,25 10,23 -4,57 16.30.45 10,23 10,48 10,48 6,09 +3,22 16.30.07 5,87 6,09 5,93 0,688 -0,07 16.30.05 0,6835 0,689 0,1919 +10,61 17.30.01 0,1763 0,1948 0,178 1,06 +0,95 17.30.24 1,06 1,06 5,275 -1,49 17.30.58 5,275 5,47 6,615 -1,27 17.30.28 6,585 6,77 6,68 93,95 +0,05 16.48.53 93,66 93,95 67,27 +0,46 17.12.31 67,26 67,90 67,59 2,9525 +1,46 16.30.15 2,95 2,98 2,955 3,4375 -1,22 17.30.14 3,415 3,4875 3,485 0,1357 +3,19 16.30.06 0,1311 0,1365 0,1325 95,01 -1,75 13.44.37 95,01 95,10

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Trevisan Cometal Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Azxaz Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv

Ora

Min

Max

Apertura

0,1225 50,14

-1,05 16.30.11 0,1225 0,1262 0,1262 +0,44 17.10.22 50,14 50,59

2,1725 4,22 70,37 1,27 0,332

+1,64 -2,76 -0,89 +3,25 +0,45

17.30.53 13.53.18 16.24.49 16.30.37 15.32.56

2,155 4,22 70,37 1,216 0,332

2,195 4,34 71,00 1,27 0,335

6,315 1,28 14,90 2,8475 0,1001 1,027 0,0992 0,7635 18,69 16,40 2,985 2,44 0,1681 51,50 1,243 44,89 12,20

+0,80 -1,16 +0,20 +0,26 +0,00 -2,10 +0,00 -0,20 +1,03 +2,76 +0,42 +1,46 -0,18 -0,37 +0,00 -0,73 +2,18

17.30.15 16.30.03 16.30.01 16.48.16 15.55.04 17.30.42 16.30.36 17.30.33 17.10.03 17.30.26 17.30.01 16.30.41 17.30.37 17.30.39 16.30.00 17.09.35 16.30.13

6,285 1,27 14,42 2,80 0,1001 1,025 0,0989 0,76 18,55 16,21 2,97 2,4125 0,1681 51,29 1,242 44,50 12,01

6,38 1,30 14,94 3,00 0,1002 1,058 0,1005 0,774 18,85 16,50 2,99 2,4975 0,1725 52,35 1,249 45,64 12,25

7,065 10,40 111,09 0,9035 2,295 0,1056 2,85 22,49 0,9425 0,628

+4,74 -0,95 +0,07 +0,45 +0,88 +2,62 +0,00 -0,88 +0,32 +1,29

17.22.27 17.30.01 16.49.52 17.21.15 17.30.07 17.30.30 17.08.23 17.08.59 17.30.03 17.30.59

6,80 10,34 110,81 0,896 2,28 0,1033 2,835 21,66 0,94 0,625

7,36 6,80 10,52 10,51 111,30 0,9095 2,3175 2,295 0,1089 0,1051 2,87 22,49 0,9575 0,947 0,632 0,6255

4,34 1,216 6,36 2,86 0,1002 1,056 0,0991 0,767 16,33 2,9775 2,46 0,1699 51,89 1,242 12,20

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2010 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Mid Ind C 2010 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Retelit 08-11 Warr Snia 2010 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Min

Max

4,305

-2,16 14.50.43

Ora

4,20

4,46

Apertura

1,469 4,69 3,745

+1,31 16.30.25 1,469 -0,21 16.30.40 4,62 +0,74 17.30.20 3,735

1,469 4,69 3,80

4,69 3,76

21,40

+2,79 17.08.36 19,99

21,95

21,95

0,0626 0,0791 5,18 0,0535 0,387 0,519 0,1347 0,1378

-0,16 -2,94 +2,78 +0,19 +3,61 +1,87 +0,00 -0,72

15.14.21 16.25.39 16.53.42 15.19.34 17.30.21 17.30.24 14.55.17 16.10.49

0,061 0,063 0,063 0,079 0,082 5,05 5,185 0,0527 0,0558 0,0527 0,375 0,393 0,3755 0,5055 0,524 0,509 0,1268 0,138 0,138 0,1344 0,1387

0,0314 0,27 0,0127 0,081 0,0362 0,1399 0,022 0,1395 0,8585 0,25 0,1346 0,0058 0,0048 0,049 5,78 0,1839 3,91 0,461 0,57

+6,44 +2,47 -9,29 +0,00 +6,16 +0,65 -7,56 -0,36 -2,50 +8,70 -0,30 +0,00 -2,04 +0,00 +2,30 -0,05 +0,71 +0,22 -0,17

13.55.59 16.56.52 16.30.44 11.32.57 16.30.40 17.30.22 16.30.17 16.30.03 17.16.43 13.29.36 16.30.57 16.22.49 17.12.52 17.30.15 17.30.08 16.22.29 17.30.41 16.30.01 16.30.39

0,03 0,263 0,0125 0,081 0,036 0,137 0,0214 0,1395 0,858 0,23 0,1305 0,0055 0,0048 0,049 5,685 0,1815 3,88 0,461 0,554

0,0314 0,275 0,0149 0,081 0,042 0,1448 0,022 0,1395 0,8875 0,25 0,135 0,0058 0,0049 0,05 5,78 0,1877 3,9475 0,4695 0,57

0,0314 0,0125 0,036 0,1426 0,0214 0,875 0,0055 0,0049 5,75 0,185 0,4695 0,554

FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

AZ. ITALIA Abn Amro Master Az. Italia Alboino Re Allianz Az. Italia Cl. L Allianz Az. Italia Cl. T Allianz Azioni Italia All Stars Arca Azioni Italia Bim Az. Italia Bim Az. Small Cap Italia Bipiemme Italia Bnl Azioni Italia Bnl Azioni Italia Pmi Bpvi Az. Italia Carige Az. Italia Cl. A Carige Az. Italia Cl. B Carismi Dynamic Italia Cl. A Carismi Dynamic Italia Cl. B Ducato Geo Italia Cl. A Ducato Geo Italia Cl. Y Eurizon Azioni Italia 130/30 Eurizon Azioni Pmi Italia Eurizon Focus Azioni Italia Eurom. Azioni Italiane Fondersel Italia Fondersel Pmi Fondit. Eq. Italy Cl. R Fondit. Eq. Italy Cl. T Gestielle Italia Cl. A Gestielle Italia Cl. B Gestnord Azioni Italia Imi Italy Interf. Eq. Italy Leonardo Italian Opportunity Mediolanum Risparmio Italia Crescita Nextam Partners Az. Italia Optima Az. Italia Optima Small Caps Italia Pioneer Az. Crescita Sai Italia Soprarno S&P/Mib Symphonia C.To Az. Italia Symphonia C.To Az. Italia Small Cap Synergia Az. Italia Synergia Az. Small Cap Italia Ubi Pramerica Azioni Italia Vegagest Az. Italia Cl. A Vegagest Az. Italia Cl. B Zenit Azionario Cl. I Zenit Azionario Cl. R AZ. AREA EURO 8a+ Eiger Agora Equity Bipiemme Euroland Caam Azioni Qeuro Ducato Geo Euro Blue Chips Cl. A Ducato Geo Euro Blue Chips Cl. Y Epsilon Qeq. Eurizon Azioni Alto Dividendo Euro Eurizon Focus Azioni Euro Fondo Alto Az. Intra Az. Area Euro Leonardo Euro Symphonia C.To Az. Euro Ubi Pramerica Azionario Etico Ubi Pramerica Azioni Euro Vegagest Az. Area Euro Cl. A Vegagest Az. Area Euro Cl. B Zenit Eurostoxx 50 Plus Cl. I Zenit Eurostoxx 50 Plus Cl. R AZ. EUROPA Abn Amro Master Az. Europa Allianz Az. Europa Cl. L Allianz Az. Europa Cl. T Allianz Multieuropa Anima Europa

-0,30 -0,64 -0,68 -0,68 -0,54 -0,74 -0,60 -0,60 -0,85 -0,99 -1,24 -0,64 -0,63 -0,63 +0,44 +0,51 -0,70 -0,70 -0,80 -0,63 -0,79 -0,70 -0,92 -0,74 -0,84 -0,85 -0,72 -0,71 -0,71 -0,83 -0,84 -0,30 -0,74 -0,78 -0,74 -0,67 -0,85 -0,81 +0,00 -0,58 -0,59 -0,55 -0,56 -0,68 -0,42 -0,43 -0,90 -0,90 -1,30 -1,22 -1,10 -1,12 -1,04 -1,03 -1,13 -1,10 -1,21 -1,12 -0,66 -0,57 -1,11 -0,49 -0,55 -0,03 -0,03 -1,06 -1,06

-0,36 -0,90 -0,91 -0,69 -0,51

14,843 6,231 21,327 20,991 4,205 20,334 7,293 7,14 16,058 18,127 5,358 4,932 5,503 5,562 3,621 3,324 14,069 14,394 17,478 4,724 12,44 20,497 19,682 15,364 11,526 11,61 13,462 13,752 10,746 22,805 8,977 9,119 17,145 4,734 5,746 5,635 13,586 18,137 5,00 11,50 3,72 6,273 5,819 5,091 6,441 6,503 9,597 9,495 4,618 4,143 4,491 12,677 6,351 6,518 4,538 26,917 13,879 14,77 5,753 5,455 5,77 5,046 5,567 7,055 7,055 4,672 4,648

5,329 15,637 15,439 7,046 3,881

VARIAZ. QUOT.

Arca Azioni Europa -0,82 Bancoposta Az. Euro -1,03 Bim Az. Europa -0,86 Bipiemme Europa -0,75 Bipiemme Iniziativa Europa -1,01 Bnl Azioni Europa Crescita -0,82 Bnl Azioni Europa Dividendo -0,57 Bpvi Az. Europa -0,70 Caam Europe Eq. -0,80 Carige Az. Europa Cl. A -0,78 Carige Az. Europa Cl. B -0,77 Carismi Dynamic Europe Stocks Cl. A +0,19 Carismi Dynamic Europe Stocks Cl. B +0,43 Consultinvest Azione -0,56 Ducato Geo Europa Cl. A -0,83 Ducato Geo Europa Cl. Y -0,82 Ducato Geo Europa Pmi Cl. A -1,06 Ducato Geo Europa Pmi Cl. Y -1,05 Epsilon Qvalue -0,83 Eurizon Azioni Pmi Europa -1,09 Eurizon Focus Azioni Europa -0,81 Eurom. Europe Eq. F. -0,69 Fms - Equity Europe -1,01 Fondaco Eu Sri Eq. Beta -0,75 Fondersel Europa -0,77 Fondit. Eq. Europe Cl. R -0,77 Fondit. Eq. Europe Cl. T -0,77 Gestielle Europa Cl. A -0,86 Gestielle Europa Cl. B -0,86 Gestnord Azioni Europa -0,69 Imi Europe -0,81 Interf. Eq. Europe -1,05 Investitori Europa -0,74 Laurin Eurostock -0,72 Mc Fdf Europa Cl. A -0,75 Mc Fdf Europa Cl. B -0,73 Mediolanum Amerigo Vespucci -0,66 Mediolanum Europa 2000 -0,75 Nextam Partners Az. Europa -0,65 Optima Az. Europa -0,79 Pioneer Az. Europa -0,66 Pioneer Az. Valore Europa A Dist. -0,60 Ras Lux Eq. Europe -0,74 Sai Europa -0,75 Soprarno Dj Euro Stoxx 50 -0,90 Symphonia Multi S. Europa -0,40 Synergia Az. Europa -0,92 Talento Comp. Europa -0,73 Ubi Pramerica Az. Europa -0,95 Unibanca Az. Europa -0,74 Vegagest Az. Europa Cl. A -0,60 Vegagest Az. Europa Cl. B -0,60 AZ. ENERGIE E MATERIE PRIME Eurizon Azioni Energia E Materie Prime -1,15 AZ. SALUTE Eurizon Azioni Salute E Ambiente -0,46 AZ. FINANZA -0,74 Eurizon Azioni Finanza Fondit. Euro Finan. Cl. R -1,00 Fondit. Euro Finan. Cl. T -1,01 AZ. INFORMATICA Eurizon Azioni Tecnologie Avanzate -0,51 AZ. ALTRI SETTORI Alpi Risorse Naturali -0,59 +0,21 Ducato Immobiliare Cl. A Ducato Immobiliare Cl. Y +0,22 Fms - Equity Gl. Resources -0,33 Fondit. Euro Cycl. Cl. R -1,88 Fondit. Euro Cycl. Cl. T -1,87 Fondit. Euro Defen. Cl. R -0,63 Fondit. Euro Defen. Cl. T -0,64 Fondit. Euro Tmt Cl. R -0,52 Fondit. Euro Tmt Cl. T -0,51 Fondit. U.S. Tmt Cl. R +0,04 Fondit. U.S. Tmt Cl. T +0,04

9,283 4,435 9,832 12,688 6,535 11,237 2,952 3,815 4,112 5,435 5,657 4,189 3,96 8,486 10,645 10,932 18,783 19,268 5,134 7,635 8,127 13,741 8,731 87,113 12,852 8,99 9,055 6,885 7,02 8,393 17,998 5,737 4,969 3,727 6,465 3,67 5,607 14,693 4,858 2,894 14,514 6,613 39,458 10,23 3,977 5,292 6,128 116,515 5,508 5,933 4,602 4,641 8,991

14,249

17,231 6,241 6,271 3,716

5,887 8,432 8,662 10,687 10,606 10,694 11,621 11,717 5,402 5,431 2,431 2,45

VARIAZ. QUOT.

Interf. Inter. Securities New Economy Optima Tecnologia Vegagest Mobiliare Re Cl. A Vegagest Mobiliare Re Cl. B AZ. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Ducato Etico Geo Cl. A Ducato Etico Geo Cl. Y Eurizon Azionario Internazionale Etico Merrill Lynch M. S. Spec. Eq. Pioneer C.I.M. - Global Gold And Mining BIL. AZIONARI Aureo Primaclasse Crescita Bipiemme&Co - Comp. 70 Ducato Mix 50-100 Cl. A Ducato Mix 50-100 Cl. Y Ducato Mm Equity 50-100 Cl. A Ducato Mm Equity 50-100 Cl. Y Eurom. Dinamico Fondit. Core 3 Cl. R Fondit. Core 3 Cl. T Igm Fdf Bilanciato Az. Cl. A Igm Fdf Bilanciato Az. Cl. B Imindustria Ubi Pramerica Portafoglio Aggressivo Ubi Pramerica Privilege 4 BIL. BILANCIATI Abn Amro Master Bilanciato Allianz Multi50 Arca Bb Arcacinquestelle Comp. C 50 Aureo Primaclasse Dinamico Azimut Bilanciato Bancoposta Mix 2 Bim Bilanciato Bipiemme Inter. Bipiemme&Co - Comp. 50 Carige Bilanciato 50 Cl. A Carige Bilanciato 50 Cl. B Consultinvest Bilanciato Ducato Mix 30-70 Cl. A Ducato Mix 30-70 Cl. Y Ducato Mm Equity 30-70 Cl. A Ducato Mm Equity 30-70 Cl. Y Epsilon Dlongrun Eurizon Bilanciato Euro Multimanager Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Eurom. Bilanciato Fideuram Performance Fondersel Fondit. Core 2 Cl. R Fondit. Core 2 Cl. T Fondo Alto Bilanciato Gestielle Global Asset 2 Gestnord Bilanciato Euro Imi Capital Mc Fdf Bilanciato Cl. A Mc Fdf Bilanciato Cl. B Mediolanum Elite 60 L Mediolanum Elite 60 S Nextam Partners Bilanciato Sai Bilanciato Sai M. L. Din. Symphonia C.To Patrim. Globale Symphonia Multi S. Largo Synergia Bilanciato 50 Ubi Pramerica Portafoglio Dinamico Ubi Pramerica Privilege 3 Val. Resp. Bilanciato Vegagest Sintesi Dinamico BIL. OBBLIGAZIONARI Abn Amro Master Bilanciato Obbl. Allianz Multi20 Arca Te - Titoli Esteri Arcacinquestelle Comp. A/B 25

-0,61 -0,71 -0,44 -0,44

31,023 2,526 4,099 4,099

-0,29 -0,35 -0,30 -0,32 +0,23 +0,23 -0,51 -0,58 -0,59 -0,24 -0,24 -0,39 -0,31 -0,35

3,734 4,229 3,716 3,77 3,907 3,961 32,524 9,863 9,939 4,502 4,545 12,20 5,109 5,137

+0,14 2,849 +0,14 2,917 -0,51 5,607 +0,10 5,101 -1,77 8,196

-0,03 +0,06 -0,43 -0,33 -0,15 -0,40 -0,13 -0,32 -0,03 -0,33 -0,52 -0,49 -0,31 -0,19 -0,21 +0,16 +0,16 -0,43 -0,37 -0,18 -0,31 -0,33 +0,06 -0,15 -0,45 -0,45 -0,28 -0,16 -0,43 -0,32 -0,31 -0,33 -0,22 -0,23 -0,27 -0,26 +0,02 -0,33 -0,04 -0,30 -0,13 -0,13 -0,47 -0,52

17,594 4,695 30,923 4,508 3,939 23,906 5,93 22,06 11,933 4,873 5,949 6,041 5,064 4,174 4,237 4,273 4,329 6,228 34,893 6,053 23,665 26,621 11,33 45,054 9,953 10,016 15,473 12,147 14,981 30,283 6,058 4,502 4,99 9,554 5,999 3,464 4,323 5,122 5,488 5,652 5,37 5,326 6,506 5,577

-0,04 9,36 +0,12 5,70 -0,16 15,918 -0,11 5,333

VARIAZ. QUOT.

Aureo Primaclasse Valore -0,04 4,925 Azimut Scudo -0,05 7,509 Bancoposta Inv. Protetto 90 +0,11 5,439 Bipiemme Mix -0,26 5,775 Bipiemme Pià Bilanciato 30 -0,24 5,018 Bipiemme Visconteo -0,20 34,055 Bipiemme&Co - Comp. 30 -0,08 5,141 Bnl Protezione -0,25 22,812 Caam Qbalanced -0,30 8,666 Carige Bilanciato 30 -0,29 5,23 Carismi Dynamic Mix 15 +0,08 3,976 Carismi Dynamic Mix 30 +0,15 3,98 Ducato Mix 10-50 Cl. A +0,00 4,84 Ducato Mix 10-50 Cl. Y +0,00 4,91 Ducato Mm Equity 10-50 Cl. A +0,07 4,553 Ducato Mm Equity 10-50 Cl. Y +0,09 4,595 om. Moderato +0,00 6,435 Fondit. Core 1 Cl. R -0,27 10,342 Fondit. Core 1 Cl. T -0,26 10,403 Gestielle Global Asset 1 -0,10 8,77 Mediolanum Elite 30 L -0,14 5,099 Mediolanum Elite 30 S -0,14 9,824 Symphonia C.To Bilanciato Equilibrato Italia-0,22 5,482 Symphonia Multi S. Adagio +0,02 5,764 Synergia Bilanciato 30 -0,15 5,44 Ubi Pramerica Bilanciato Euro A Rischio Contr.-0,27 5,897 Ubi Pramerica Portafoglio Moderato +0,05 5,733 Ubi Pramerica Privilege 1 +0,04 5,494 Ubi Pramerica Privilege 2 -0,05 5,465 Vegagest Sintesi Audace -0,29 5,472 OB. EURO GOVERNATIVI BT Abn Amro Master Monetario +0,00 10,157 +0,01 15,808 Allianz Monetario Arca Mm - Monetario -0,05 14,774 Bancoposta Monetario +0,02 6,181 Bg Focus Monetario +0,02 16,286 Bim Obbl. Bt +0,03 6,518 Bipiemme Monetario +0,02 12,13 Bipiemme Tesoreria Fondo Per Le Imprese +0,01 6,897 Bnl Obbl. Euro Bt +0,04 7,448 Bpvi Bt +0,00 6,291 Caam Breve Termine +0,01 7,456 Carige Monetario Euro Cl. A +0,06 11,553 Carige Monetario Euro Cl. B +0,06 11,307 Civ. Forum Iulii Prudenza Cl. A +0,04 5,479 Civ. Forum Iulii Prudenza Cl. B +0,02 5,522 Consultinvest Bt -0,02 5,002 Cr Cento Monetario Plus -0,02 5,765 Credit Suisse Monetario Cl. B +0,03 7,757 Credit Suisse Monetario Cl. I +0,03 7,81 Ducato Fix Euro Bt Cl. A -0,05 6,285 Ducato Fix Euro Bt Cl. Y -0,05 6,327 Eurizon Focus Obbl. Euro Bt -0,01 15,315 Eurom. Prudente +0,01 8,459 Fideuram Security +0,00 9,561 Fondersel Reddito -0,02 14,175 Fondit. Euro Bond St Cl. R +0,05 7,846 Fondit. Euro Bond St Cl. T +0,05 7,877 Fondit. Euro Currency Cl. R +0,00 7,865 Fondit. Euro Currency Cl. T +0,01 7,891 Fondo Alto Monetario +0,01 7,068 Gestielle Bt Euro Cl. A +0,03 7,565 Gestielle Bt Euro Cl. B +0,01 7,612 Gestielle Cedola +0,03 6,601 Imi 2000 +0,00 16,889 Interf. Euro Currency +0,00 6,68 Intra Obbl. Euro Bt +0,02 5,651 Laurin Money +0,01 6,926 Leonardo Monetario -0,05 6,067 Mediolanum Risparmio Corrente +0,03 13,801 Nordfondo Obbl. Euro Bt +0,01 8,989 Optima Reddito B.T. -0,04 6,674 Optima Riserva Euro +0,00 5,29 Passadore Monetario +0,01 7,142 Pioneer Monetario Euro +0,02 13,122

VARIAZ. QUOT.

Soprarno Pronti Termine +0,04 5,165 Synergia Obbl. Euro Breve Termine +0,02 5,05 Teodorico Monetario +0,01 7,477 Ubi Pramerica Euro Bt +0,03 6,71 Unibanca Monetario +0,00 5,744 Val. Resp. Monetario +0,02 5,844 Vegagest Obbl. Euro Bt Cl. A +0,05 5,843 Vegagest Obbl. Euro Bt Cl. B +0,03 5,877 Zenit Monetario Cl. I +0,03 7,547 Zenit Monetario Cl. R +0,04 7,512 OB. EURO GOVERNATIVI M/L TERM +0,05 5,815 Abn Amro Master Obbl. Euro M-Lt Allianz Reddito Euro Cl. L +0,12 32,083 Allianz Reddito Euro Cl. T +0,11 31,465 Anima Obbl. Euro +0,10 7,134 Arca Anfiteatro Bond Corporate +0,00 4,988 Arca Rr +0,00 8,944 Azimut Reddito Euro -0,02 15,664 Bancoposta Obbl. Euro +0,15 6,805 Bim Obbl. Euro +0,07 6,795 Bipiemme Europe Bond +0,15 7,378 Bipiemme Pià Obbligazionario +0,07 5,412 Bnl Obbligazioni Euro M-L T +0,12 6,702 Bpvi Obbl. Euro +0,02 6,646 Carige Obbl. Euro Cl. A +0,09 10,642 Carige Obbl. Euro Cl. B +0,11 10,741 Carige Obbl. Euro Lt Cl. A +0,16 5,485 Carige Obbl. Euro Lt Cl. B +0,16 5,566 Carismi Bond Euro Cl. A -0,14 5,527 Carismi Bond Euro Cl. B -0,13 5,584 Ducato Fix Euro Mt Cl. A -0,13 7,594 Ducato Fix Euro Mt Cl. Y -0,14 7,676 Epsilon Qincome +0,00 7,378 Eurizon Focus Obbl. Euro +0,06 14,008 Eurom. Reddito +0,11 15,291 Fondaco Euro Gov Beta +0,09 118,691 Fondersel Euro +0,11 7,959 Fondit. Euro Bond Lt Cl. R +0,21 7,139 Fondit. Euro Bond Lt Cl. T +0,21 7,188 Fondit. Euro Bond Mt Cl. R +0,10 10,781 Fondit. Euro Bond Mt Cl. T +0,10 10,835 Gestielle Lt Euro Cl. A +0,15 8,143 Gestielle Lt Euro Cl. B +0,15 8,215 Gestielle Mt Euro Cl. A +0,03 15,006 Gestielle Mt Euro Cl. B +0,03 15,128 Imi Rend +0,11 9,464 Interf. Euro Bond Lt +0,21 8,067 Interf. Euro Bond Mt +0,10 8,112 Interf. Euro Bond St 1-3 +0,09 6,927 Interf. Euro Bond St 3-5 +0,07 11,399 Intra Obbl. Euro +0,03 5,877 Italfortune Euro Bond +0,00 8,44 Leonardo Obbl. -0,07 7,55 Mediolanum Euromoney +0,16 6,424 Mediolanum Italmoney +0,11 6,568 Nordfondo Obbl. Euro Mt +0,06 17,277 Optima Obbl. Euro -0,01 6,949 Ras Lux Bond Europe +0,16 56,212 Sai Eurobbligazionario -0,01 12,734 Synergia Obbl. Euro Medio Termine +0,10 5,118 Ubi Pramerica Euro M-Lt +0,12 6,843 Unibanca Obbl. Euro +0,03 5,798 Vegagest Obbl. Euro Cl. A +0,05 6,444 Vegagest Obbl. Euro Cl. B +0,06 6,505 Vegagest Obbl. Euro Lt Cl. A -0,10 6,252 Vegagest Obbl. Euro Lt Cl. B -0,10 6,252 Vgr Coro Obiettivo Reddito +0,04 5,581 OB. EURO CORPORATE INV. GRADE Arca Bond Corporate +0,10 6,954 Bipiemme Corporate Bond +0,07 7,28 Caam Corporate 3 Anni +0,00 104,505 Caam Corporate Giugno 2012 +0,00 5,189 Carige Corporate Euro Cl. A +0,42 6,394 Carige Corporate Euro Cl. B +0,42 6,444 Ducato Etico Fix Cl. A -0,06 5,26

VARIAZ. QUOT.

Ducato Etico Fix Cl. Y -0,08 5,313 Ducato Fix Imprese Cl. A +0,11 6,441 Ducato Fix Imprese Cl. Y +0,11 6,51 Eurizon Focus Obbl. Euro Corporate +0,04 5,577 Eurizon Obbl. Euro Corporate Bt +0,03 7,481 Fondit. Euro Corporate Bond Cl. R +0,10 8,342 Fondit. Euro Corporate Bond Cl. T +0,11 8,378 Interf. Euro Corporate Bond +0,10 4,956 Nordfondo Obbl. Euro Corporate +0,07 7,551 Pioneer Obbl. Euro Corporate Etico A Dist. +0,08 4,99 Sai Obbl. Corporate +0,11 6,516 Synergia Obbl. Corporate +0,06 5,354 Ubi Pramerica Euro Corporate +0,18 7,712 OB. EURO HIGH YIELD Ducato Fix High Yield Cl. A +0,08 7,705 +0,08 7,828 Ducato Fix High Yield Cl. Y Eurizon Focus Obbl. Euro High Yield +0,04 7,05 Fondit. Bond Euro High Yield Cl. R -0,09 13,799 Fondit. Bond Euro High Yield Cl. T -0,09 13,847 Interf. Bond Euro High Yield -0,11 7,592 OB. DOLLARO GOVERNATIVI M/L TERM Arca Bond Dollari +0,42 8,198 +0,40 5,475 Azimut Reddito Usa Bnl Obbl. Dollaro M-L T +0,43 5,669 Ducato Fix Dollaro Cl. A +0,29 7,016 Ducato Fix Dollaro Cl. Y +0,28 7,085 Fondit. Bond Usa Cl. R +0,48 7,671 Fondit. Bond Usa Cl. T +0,49 7,716 Gestielle Bond Dollars Cl. A +0,56 8,26 Gestielle Bond Dollars Cl. B +0,55 8,353 Interf. Bond Usa +0,47 6,659 Nordfondo Obbl. Dollari +0,40 12,945 OB. INTERNAZ. GOVERNATIVI Abn Amro Master Obbl. Inter. +0,52 8,53 +0,59 14,833 Allianz Redd. Gl. Cl. L Allianz Redd. Gl. Cl. T +0,59 14,561 Alpi Obbl. Inter. +0,30 7,131 Arca Bond - Obbl. Estere +0,36 11,953 Aureo Obbligazioni Globale +0,18 7,96 Bim Obbl. Globale +0,29 5,603 Bipiemme Pianeta +0,48 9,055 Bpvi Obbl. Inter. +0,48 5,609 Carige Obbl. Inter. Cl. A +0,62 5,485 Carige Obbl. Inter. Cl. B +0,63 5,578 Carismi Bond Internaz. Cl. A -0,15 5,853 Carismi Bond Internaz. Cl. B -0,23 5,694 Ducato Fix Globale Cl. A +0,00 8,147 Ducato Fix Globale Cl. Y +0,01 8,218 Ducato Mm Global Bond Cl. A +0,08 5,043 Ducato Mm Global Bond Cl. Y +0,10 5,071 Eurizon Obbl. Internazionali +0,37 8,079 Eurom. Inter. Bond +0,17 8,286 Fondersel Inter. +0,30 13,347 Fondo Alto Inter. Obbl. +0,20 5,884 Gestielle Obbl. Inter. Cl. A +0,53 6,122 Gestielle Obbl. Inter. Cl. B +0,54 6,198 Imi Bond +0,54 15,046 Mc Fdf Global Bond Cl. A -0,08 5,241 Mc Fdf Global Bond Cl. B -0,08 5,192 Mediolanum Intermoney +0,44 6,145 Merrill Lynch M. S. Bonds +0,00 5,338 Optima Obbl. Euro Glob. +0,12 6,893 Sai Obbl. Inter. +0,29 7,686 Ubi Pramerica Obbl. Globali +0,46 5,443 Vegagest Obbl. Inter. Cl. A +0,47 5,502 Vegagest Obbl. Inter. Cl. B +0,51 5,552 OB. INTERNAZ. CORPORATE INV. GRADE +0,02 5,683 Arca Anfiteatro Global Bond Ubi Pramerica Obbl. Globali Corporate +0,30 6,638 OB. INTERNAZ. HIGH YIELD Ubi Pramerica Obbl. Globali Alto Rend. -0,04 8,402 OB. YEN Ducato Fix Yen Cl. A -0,04 4,54 Ducato Fix Yen Cl. Y -0,04 4,576 Fondit. Bond Japan Cl. R +1,08 8,774


il Domani Venerdì 15 Gennaio 2010 23

FINANZA FONDI D’INVESTIMENTO VARIAZ. QUOT.

Fondit. Bond Japan Cl. T +1,08 Interf. Bond Japan +1,09 OB. PAESI EMERGENTI Arca Bond Paesi Emerg. +0,00 +0,10 Bipiemme Em. Markets Bond Bnl Obbl. Emerg. +0,02 Ducato Fix Emerg. Cl. A -0,03 Ducato Fix Emerg. Cl. Y -0,03 Eurizon Focus Obbl. Emergenti +0,07 Eurom. Emerg. Mkts Bond +0,24 Fondit. Bond Global Emerg. Mkts Cl. R +0,05 Fondit. Bond Global Emerg. Mkts Cl. T +0,05 Gestielle Emerging Markets Bond Cl. A +0,11 Gestielle Emerging Markets Bond Cl. B +0,12 Interf. Bond Global Emerg. Mkts +0,08 Mc Fdf High Yield Cl. A +0,17 Mc Fdf High Yield Cl. B +0,18 Nordfondo Obbl. Paesi Emerg. +0,05 Optima Obbl. Emerg. Mkts +0,00 Pioneer Obbl. Paesi Emerg. A Dist. +0,15 Vegagest Obbl. Paesi Emergenti Cl. A +0,20 Vegagest Obbl. Paesi Emergenti Cl. B +0,20 OB. ALTRE SPECIALIZZAZIONI Anima Conv. -0,82 -0,02 Azimut Trend Tassi Caam Obbligazionario Euro +0,02 Consultinvest Obbl. +0,04 Consultinvest Obbl. Mt -0,02 Ducato Fix Conv. Cl. A -0,08 Ducato Fix Conv. Cl. Y -0,07 Eurizon Focus Obbl. Cedola +0,02 Eurizon Obbligazionario Etico +0,05 Fondit. Inflation Link. Cl. R +0,18 Fondit. Inflation Link. Cl. T +0,19 Gestielle Obbl. Corporate Cl. A +0,07 Gestielle Obbl. Corporate Cl. B +0,08 Groupama Italia Bond Sel. Fund +0,12 Interf. Inflation Linked +0,17 Mediolanum Risparmio Reddito +0,16 Mediolanum Vasco De Gama +0,11 Nordfondo Obbl. Conv. -0,39 Pioneer C.I.M. - Euro Conv. Bonds -0,38 Pioneer C.I.M. - Euro Fixed Income +0,18 Pioneer Obbl. Euro A Dist. +0,15 Ras Lux St Dollar +0,00 Ras Lux St Europe +0,03 Symphonia C.To Obbl. Area Europa +0,11 Ubi Pramerica Obbl. Dollari +0,42 OB. MISTI Anima Fondimpiego -0,44 Arca Obbl. Europa -0,05 Azimut Contofondo -0,02 Azimut Solidity -0,01 Bancoposta Mix 1 +0,03 Bim Corporate Mix +0,06 Bipiemme Pià Bilanciato 15 -0,10 Bipiemme Sforzesco +0,03 Bnl Per Telethon +0,21 Ca Multimanager Difensiv +0,00 Carige Bilanciato 10 -0,04 Civ. Forum Iulii Rendita Cl. A -0,11 Civ. Forum Iulii Rendita Cl. B -0,11 Cr Cento Misto Best -0,15 Eurizon Diversificato Etico -0,04 Eurizon Rendita -0,17 Eurizon Soluzione 10 -0,09 Fondo Alleanza Obbl. -0,04 Fondo Alto Obbl. -0,12 Fucino Dynamic +0,09 Gestielle Etico Per Ail Cl. A -0,11 Gestielle Etico Per Ail Cl. B -0,12 Intesa Casse Del Centro Prot. Din. -0,09 Leonardo 80/20 +0,02 Nextam Partners Obbl. Misto +0,00 Nordfondo Etico Obbl. Misto Max 20% Az. -0,05 Pioneer Obbl. Pià A Dist. +0,24 Sai M. L. Prud. +0,15 Sai Performance -0,01 Symphonia C.To Patrim. Glob. Reddito -0,01 Synergia Bilanciato 15 -0,06 Total Return Obbl. -0,69 Ubi Pramerica Portafoglio Prudente +0,08 Val. Resp. Obbl. Misto +0,02 Vegagest Sintesi Moderato -0,13 Zenit Obbligazionario Cl. I +0,05 Zenit Obbligazionario Cl. R +0,05 OB. FLESSIBILI +0,06 Arca Cedola Corporate Bond Arca Cedola Corporate Bond Ii -0,08 Arca Cedola Governativo Euro Bond -0,08 Arca Cedola Governativo Euro Bond Ii -0,18 Aureo Cash Dynamic +0,02 Bg Focus Obbligazionario -0,09 Bipiemme Premium +0,06 Bipiemme Risparmio +0,05 Bnl Target Return Liquidità +0,02 Caam Soluzione Tassi -0,06 Civ. Forum Iulii Strategia Cl. A -0,05 Civ. Forum Iulii Strategia Cl. B -0,05 Consultinvest High Yield -0,13 Consultinvest Monetario -0,04 Consultinvest Reddito -0,04 Ducato Fix Rendita Cl. A -0,02 Ducato Fix Rendita Cl. Y -0,01 Eurom. Total Return Flex 2 +0,03 Ritorni Reali +0,19 Symphonia C.To Bond Flessibile -0,02 Ubi Pramerica Active Duration +0,09 Ubi Pramerica Total Ret. Prudente +0,04 Vegagest Obbl. Flessibile +0,02 Volterra Total Return Obbl. -0,08 LIQUIDITA' AREA EURO Agora Cash +0,00 +0,02 Allianz Liquidità Cl. A Allianz Liquidità Cl. At +0,00 Allianz Liquidità Cl. B +0,00 Anima Liquidità +0,00 Arca Anfiteatro Tesoreria +0,02 Arca Bt - Breve Termine +0,01

VARIAZ. QUOT.

8,82 Arca Bt - Tesoreria +0,02 5,282 Aureo Liquidità +0,00 Azimut Garanzia +0,02 13,013 Bnl Cash +0,02 5,897 Caam Eonia +0,00 20,615 Caam Liquidità +0,01 12,669 Carige Liquidita' Euro Cl. B +0,02 12,896 Carige Liquidità Euro Cl. A +0,02 10,938 Carismi Liquidita' Cl. B -0,02 6,582 Ducato Fix Monetario Cl. A +0,01 10,041 Ducato Fix Monetario Cl. I +0,01 10,074 Ducato Fix Monetario Cl. Y +0,01 9,891 Epsilon Cash +0,02 10,034 Eurizon Focus Tesoreria Euro Cl. A +0,01 10,352 Eurizon Focus Tesoreria Euro Cl. B +0,03 6,952 Eurizon Liquidità Cl. A +0,00 5,033 Eurizon Liquidità Cl. B +0,00 8,122 Eurom. Conservativo +0,00 6,863 Eurom. Contovivo +0,01 9,316 Fideuram Moneta +0,00 6,969 Fondaco Euro Cash +0,01 7,049 Fondo Liquidità +0,00 Gestielle Cash Euro Cl. A +0,00 6,077 Gestielle Cash Euro Cl. B +0,01 8,954 Mediolanum Risparmio Monetario +0,02 5,528 Nextam Partners Liquidità +0,02 5,217 Nordfondo Liquidità +0,00 5,094 Optima Money +0,02 8,702 Pensplan Invest Cash +0,07 8,819 Pioneer Liquidità Euro +0,00 6,17 Sai Liquidità +0,01 5,481 Symphonia C.To Monetario +0,01 13,613 Synergia Monetario +0,00 13,676 Synergia Tesoreria +0,00 7,023 Ubi Pramerica Euro Cash +0,03 7,11 Vegagest Monetario Cl. A +0,00 5,711 Vegagest Monetario Cl. B +0,00 13,438 Vgr Coro Tesoreria +0,00 11,261 LIQUIDITA' AREA DOLLARO 10,197 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro +0,03 -0,01 5,422 Eurizon Focus Tesoreria Dollaro ($) 5,837 FLESSIBILI -0,39 15,217 8a+ Gran Paradiso -0,29 6,56 8a+ Latemar -0,06 144,956 8a+ Monviso +0,00 66,153 Abis Flessibile +0,04 9,298 Abn Amro Expert A-Rt100 +0,02 4,585 Abn Amro Expert A-Rt200 Abn Amro Expert A-Rt400 +0,02 19,425 Abn Amro Expert A-Rt50 +0,08 8,262 Adb Globale Quantitativo +0,02 5,225 Agora Selection -0,37 7,861 Agora Valore Protetto +0,06 5,799 Agoraflex +0,07 5,452 Alarico Re -0,27 5,238 Allianz F100 Cl. L -0,64 9,762 Allianz F100 Cl. T -0,65 5,751 Allianz F15 Cl. L -0,02 5,00 Allianz F15 Cl. T -0,02 5,48 Allianz F30 Cl. L -0,12 5,514 Allianz F30 Cl. T -0,12 5,623 Allianz F70 Cl. L -0,35 5,844 Allianz F70 Cl. T -0,36 7,907 Anima Fondattivo -0,32 6,044 Aqqua +0,00 6,934 Arca Anfiteatro Bond Plus +0,23 5,562 Arca Anfiteatro Conservative Flex -0,04 8,803 Arca Anfiteatro Corporate Absolute Return -0,02 4,484 Arca Anfiteatro Corporate Breve Termine +0,00 6,358 Arca Anfiteatro Total Return +0,00 6,399 Arca Capitale Gar. Dicembre 2013 -0,10 5,676 Arca Capitale Gar. Giugno 2013 -0,29 6,078 Arca Corporate Bt -0,02 5,97 Arca Rendimento Assol T3 -0,14 6,623 Arca Rendimento Assol T5 +0,00 8,21 Aureo Defensive -0,04 4,781 Aureo Finanza Etica -0,03 16,996 Aureo Flex Euro -0,71 7,069 Aureo Flex Italia -0,53 5,257 Aureo Flex Opportunity -0,21 4,346 Aureo Plus +0,02 5,992 Aureo Primaclasse Flessibile +0,00 5,987 Aureo Rendimento Assoluto -0,26 5,453 Azimut Strategic Trend -0,32 8,181 Azimut Trend -0,28 8,145 Azimut Trend America -0,87 Azimut Trend Europa -0,66 5,337 Azimut Trend Italia -0,57 4,997 Azimut Trend Pacific +0,89 5,165 Bancoposta Centopiu' 2007 +0,00 4,992 Bancoposta Centopià -0,17 5,227 Bancoposta Extra -0,15 6,716 Bg Focus Azionario -0,57 6,492 Bim Flessibile -0,70 7,86 Bipiemme Flessibile -0,07 9,943 Bipiemme Obiettivo Rendimento +0,03 4,98 Bnl Target Return Conservativo -0,04 5,606 Bnl Target Return Dinamico -0,29 5,703 Bnp Pa. 100% E Pià - Grande Asia -0,15 5,39 Bnp Pa. 100% E Pià - Grande Europa +0,02 5,46 Bnp Pa. Equipe Attacco -0,31 7,349 Bnp Pa. Equipe Centrocampo -0,15 18,313 Bnp Pa. Equipe Difesa +0,02 18,583 Caam Absolute +0,00 6,563 Caam Dynamic Allocation -0,23 5,941 Caam Equipe 1 +0,00 5,05 Caam Equipe 2 -0,02 5,653 Caam Equipe 3 -0,02 10,495 Caam Equipe 4 -0,19 5,268 Caam Eureka China Double Win +0,00 5,152 Caam Eureka Double Call +0,00 Caam Eureka Double Win +0,00 5,54 Caam Eureka Double Win 2013 +0,00 5,596 Caam Eureka Dragon +0,00 5,073 Caam Eureka Ripresa 2014 +0,00 5,711 Caam Formula Euro Eq. Option 2013 +0,00 6,605 Caam Formula Euro Eq. Option Due 2013 +0,00 5,682 Caam Formula Gar. 2012 +0,00 8,764 Caam Formula Gar. 2013 +0,00

5,774 5,717 12,329 22,177 101,944 8,963 6,362 6,308 5,297 8,522 8,612 8,593 6,262 7,659 7,693 7,306 7,474 11,096 11,84 14,621 116,146 7,591 7,054 7,087 5,50 5,84 6,21 6,16 5,925 5,061 11,539 7,427 5,029 5,05 7,298 5,862 5,894 5,637 11,583 16,841

5,17 5,108 5,063 5,616 5,144 4,917 4,655 16,404 4,11 4,849 6,332 6,858 4,503 4,02 3,952 5,345 5,274 5,122 5,053 27,015 26,49 13,40 5,041 7,262 5,593 5,634 5,156 3,252 5,156 5,104 5,53 5,174 4,91 5,065 6,075 9,92 17,679 4,85 5,978 5,378 5,647 5,018 18,902 8,446 12,23 16,061 6,117 5,247 5,301 5,229 23,067 3,953 2,784 5,779 4,998 12,514 5,501 5,04 4,469 4,781 5,42 5,228 5,226 5,236 5,177 5,107 4,726 5,37 5,45 5,617 5,08 5,696 5,206 4,535 4,572 5,029 4,888

VARIAZ. QUOT.

Caam Formula Gar. Due 2013 +0,00 4,88 Caam Formula Gar. Emerg. Mkt Eq. Recall 2013 +0,00 4,991 Caam Formula Gar. Emerg. Mkt Eq. Recall 2014 +0,00 5,024 Caam Formula Gar. Eq. Recall 2013 +0,00 4,883 Caam Formula Gar. Eq. Recall 2014 +0,00 5,261 Caam Formula Gar. Eq. Recall Due 2013 +0,00 4,902 Caam Formula Gar. High Diversification 2014+0,00 4,837 Caam Formula Gar. Mercati Emerg. +0,00 5,645 Caam Formula Private Dividend Opp. +0,00 4,956 Caam Pià +0,02 5,593 Caam Premium Power -0,04 5,122 Caam Private Alfa +0,00 4,817 Caam Qreturn -0,65 5,681 Caam Soluzione Azioni -0,78 4,967 Caam Strategia 95 -0,20 4,976 Carige Flessibile Cl. A +0,06 5,172 Carige Flessibile Cl. B +0,06 5,167 Carige Flessibile Piu' Cl. B +0,02 4,566 Carige Flessibile Pià Cl. A +0,02 4,53 Carismi Absolute Perf. Cl. A -0,02 4,819 Carismi Absolute Perf. Cl. B -0,02 4,897 Carismi Pratico Cl. A +0,00 6,075 Carismi Pratico Cl. B +0,00 6,122 Consultinvest Alto Dividendo -0,52 3,259 Consultinvest Mercati Emergenti -0,46 4,951 Consultinvest Multimanager Flex -0,19 4,855 Consultinvest Plus +0,10 5,241 Cr Cento Premium +0,00 3,805 Ducato Etico Flex Civita Cl .A -0,07 4,233 Ducato Etico Flex Civita Cl. Y -0,05 4,323 Ducato Geo Europa Alto Pot. Cl. A -0,71 2,227 Ducato Geo Europa Alto Pot. Cl. Y -0,71 2,237 Ducato Geo Europa Pmi Alto Pot. Cl. A -0,41 13,566 Ducato Geo Europa Pmi Alto Pot. Cl. Y -0,41 13,582 Ducato Geo Italia Alto Pot. Cl. A -0,23 4,759 Ducato Geo Italia Alto Pot. Cl. Y -0,25 4,795 Ducato Mm Cash Premium Cl. A +0,00 4,733 Ducato Mm Cash Premium Cl. Y +0,00 4,793 Ducato Mm Cash Premium Plus Cl. A +0,00 4,176 Ducato Mm Cash Premium Plus Cl. Y +0,00 4,25 Ed. De Roth. Multigestion - Trend Global -0,24 4,92 Epsilon Qreturn -0,63 6,453 Eurizon Focus Gar. Dicembre 2012 +0,06 5,11 Eurizon Focus Gar. Giugno 2012 +0,04 5,124 Eurizon Focus Gar. I Sem. 2006 +0,06 5,258 Eurizon Focus Gar. I Trim. 2007 -0,04 5,157 Eurizon Focus Gar. Ii Sem. 2006 -0,04 5,246 Eurizon Focus Gar. Ii Trim. 2007 -0,02 5,115 Eurizon Focus Gar. Iii Trim. 2007 -0,18 5,043 Eurizon Focus Gar. Iv Trim. 2007 -0,06 5,179 Eurizon Focus Gar. Marzo 2013 +0,04 5,15 Eurizon Focus Gar. Settembre 2012 +0,04 5,095 Eurizon Focus Profilo Dinamico -0,14 5,089 Eurizon Focus Profilo Moderato +0,06 5,239 Eurizon Focus Profilo Prudente +0,02 5,443 Eurizon Focus Rend. Ass. 2 Anni +0,00 5,225 Eurizon Focus Rend. Ass. 3 Anni -0,02 5,494 Eurizon Focus Rend. Ass. 5 Anni +0,00 4,901 Eurizon Obiettivo Rendimento +0,00 8,045 Eurizon Team 1 Cl. A +0,05 5,977 Eurizon Team 1 Cl. G +0,05 5,977 Eurizon Team 2 Cl. A +0,00 5,632 Eurizon Team 2 Cl. G +0,00 5,632 Eurizon Team 3 Cl. A -0,04 4,677 Eurizon Team 3 Cl. G -0,04 4,689 Eurizon Team 4 Cl. A -0,15 3,882 Eurizon Team 4 Cl. G -0,15 3,894 Eurizon Team 5 Cl. A -0,37 3,728 Eurizon Team 5 Cl. G -0,35 3,741 Eurom. Flex Dividend -0,27 13,331 Eurom. Real Assets -0,10 4,156 Eurom. Strategic +0,03 3,206 Eurom. Total Return Flex 3 -0,02 4,597 Eurom. Total Return Flex 4 +0,01 6,877 Federico Re +0,02 5,184 Fms - Absolute Return -0,09 9,30 Fondaco Absolute Return +0,90 94,561 Fondersel Duemila +0,61 93,706 Fondit. Flexible Dynamic Cl. R -0,98 6,49 Fondit. Flexible Dynamic Cl. T -0,96 6,492 Fondit. Flexible Growth Cl. R -0,06 8,928 Fondit. Flexible Growth Cl. T -0,06 8,992 Fondit. Flexible Income Cl. R -0,06 8,524 Fondit. Flexible Income Cl. T -0,06 8,551 Fondit. Flexible Multimanager Cl. R -0,05 9,587 Fondit. Flexible Multimanager Cl. T -0,05 9,651 Fondit. Flexible Opportunity Cl. R -0,14 7,871 Fondit. Flexible Opportunity Cl. T -0,13 7,903 Formula 1 Balanced -0,18 6,588 Formula 1 Conserv. -0,08 6,577 Formula 1 High Risk -0,42 7,061 Formula 1 Low Risk -0,01 6,734 Formula 1 Risk -0,33 6,694 Gestielle Global Asset Plus +0,00 5,35 Gestielle Harmonia Dinamico -0,19 5,316 Gestielle Harmonia Moderato -0,02 5,271 Gestielle Harmonia Vivace -0,28 5,366 Gestielle Total Return -0,27 14,239 Gestnord Asset Allocation -0,65 4,769 Igm Fdf Flessibile Cl. A +0,02 4,041 Igm Fdf Flessibile Cl. B +0,05 4,072 Interf. System 100 -0,30 9,457 Interf. System 40 -0,02 11,096 Interf. System Flex +0,03 10,334 Intra Assoluto +0,10 5,735 Intra Flessibile +0,02 6,049 Investitori Flessibile -0,06 6,364 Kairos Partners -0,62 5,652 Kairos Partners Income +0,00 6,689 Kairos Partners Small Cap -0,22 9,424 Mc Fdf Flex High Volatility Cl. B -0,37 3,722 Mc Fdf Flex Low Volatility Cl. A +0,08 5,22 Mc Fdf Flex Low Volatility Cl. B +0,08 5,211 Mc Fdf Flex Medium Volatility Cl. A -0,02 5,597 Mc Fdf Flex Medium Volatility Cl. B -0,03 3,713 Nextam Partners Flessibile -0,34 4,732 Obiettivo Nordest Sicav -0,23 4,28 Open Fund Ritorno Assoluto Var 2 +0,71 4,551 Open Fund Ritorno Assoluto Var 4 +0,87 3,806

VARIAZ. QUOT.

Paritalia Orchestra +0,00 Pioneer Target Controllo -0,02 Pioneer Target Equilibrio -0,19 Pioneer Target Sviluppo -0,30 Profilo Best Funds -0,05 Profilo Elite Flessibile +0,02 Sofia Flex +0,00 Soprarno 0 Ritorno Assol 6 Cl. A +0,00 Soprarno 0 Ritorno Assol 6 Cl. B -0,08 Soprarno 1 Ritorno Assol 5 Cl. A +0,04 Soprarno 1 Ritorno Assol 5 Cl. B +0,04 Soprarno Contrarian Cl. A -0,38 Soprarno Contrarian Cl. B -0,38 Soprarno Global Macro Cl. A -0,04 Soprarno Global Macro Cl. B -0,04 Soprarno Inflazione +1,5% Cl. A +0,09 Soprarno Inflazione +1,5% Cl. B +0,09 Soprarno Relative Value Cl. A -0,13 Soprarno Relative Value Cl. B -0,11 Symphonia C.To Asia Flessibile +0,52 Symphonia C.To Fortissimo -0,38 Symphonia C.To Italia Flessibile -0,14 Synergia Total Return -0,17 Total Return -1,43 Ubi Pra. Total Ret. Moderato Cl. A +0,06 Ubi Pra. Total Ret. Moderato Cl. B +0,06 Ubi Pramerica Active Beta -0,06 Ubi Pramerica Alpha Equity -0,24 Ubi Pramerica Total Ret. Dinamico -0,10 Unibanca Plus -0,02 Vegagest Flessibile +0,12 Vegagest Mb Absolut -0,06 Vegagest Mb Strategic -0,10 Vegagest Rendimento -0,17 Vgr Coro Obiettivo Rendimento -0,06 Volterra Dinamico -0,21 Volterra Total Return Globale -0,36 Zenit Absolute Return Cl. I -0,14 Zenit Absolute Return Cl. R -0,14 Zenit High Trend 0-100 Fdf +0,00 Zenit Zerocento Fdf -0,32 ASSICURATIVI Antonveneta Vita Armonico 2007 +0,68 +0,96 Attivo 2007 Azionario Globale +1,34 Azionario Specializzato +1,42 Bilanciato Euro +0,55 Bilanciato Globale +0,93 Dinamico +0,91 Elios Gestione Attiva Azionario +1,45 Elios Gestione Attiva Euromoneta +0,00 Elios Gestione Attiva Obbligazionario +0,48 Elios Gestione Attiva Trend +0,92 Elios Gestione Attiva Trend Dinamico +0,91 Elios Gestione Attiva Trend Equilibrato +0,55 Elios Gestione Attiva Trend Plus +0,92 Elios Gestione Attiva Trend Protetto +0,25 Elios Previdenza Armonico +0,84 Elios Previdenza Attivo +1,14 Elios Previdenza Protetto +0,25 Elios Previdenza Sicuro +0,24 Equilibrato +0,56 Monetario +0,00 Obbligazionario Euro +0,25 Obbligazionario Misto +0,27 Protetto 2007 +0,08 AURORA ASSICURAZIONI S.P.A. Meieaurora Balanced +0,65 Meieaurora Bond +0,17 Meieaurora Unit Share +0,96 New Balanced +0,52 New Bond +0,07 New Share +0,91 Unietic +0,07 Winvest Linea Bilanciata +0,81 Winvest Linea Dinamica +1,12 Winvest Linea Prudente +0,51 AXA MPS FINANCIAL Aggressivo +0,62 Azionario Europa +0,42 Azionario Giappone -0,07 Azionario Pacifico -0,08 Azionario Paesi Emergenti +0,38 Azionario Sector +0,41 Azionario Top Ten +0,29 Azionario Usa -0,29 Carattere Attento -0,01 Carattere Dinamico -0,04 Carattere Equilibrato +0,07 Carattere Forte +0,18 Carattere Sereno +0,07 Conservativo +0,07 Dinamico +0,18 Linea Forte Shield +0,04 Linea Forte Shield 8 +0,04 Linea Forte Shield Crescente -0,89 Linea Forte Shield Double +0,05 Linea Forte Shield Sviluppo -0,33 Mplife 100/1 +0,03 Mplife 100/2 +0,03 Mplife 90/1 +0,08 Obbligazionario Europa -0,08 Obbligazionario Opportunita -0,10 Protetto +0,03 BCC VITA Bcc Vita Equity America -0,02 -0,09 Bcc Vita Equity Asia Bcc Vita Equity Europa +1,56 Bcc Vita World Global Bond -0,15 Bipiemme Vita Spa Bpm Az 30 +0,17 Bpm Az 50 +0,18 Bpm Az 80 +0,19 Bpm Az Flex +0,23 Bpm Financial Audace +0,26 Bpm Financial Aurora Dicembre 2002 +0,18 Bpm Financial Aurora Giugno 2002 +0,18 Bpm Financial Aurora Marzo 2002 +0,18

73,136 5,313 5,281 22,29 5,89 5,466 0,693 5,023 5,092 5,075 5,084 3,693 3,695 4,75 4,796 5,41 5,435 5,237 5,284 5,782 2,588 5,083 5,24 2,35 5,211 5,227 4,768 5,034 5,018 5,242 7,371 3,132 3,087 5,273 5,355 5,279 5,535 5,645 5,584 1,245 4,693

9,909 9,58 8,046 9,596 11,411 10,722 13,691 15,075 11,405 11,666 11,717 8,694 10,031 7,243 10,517 11,587 12,629 12,487 12,776 14,489 11,854 13,265 12,39 10,612

9,885 8,69 8,867 10,21 9,909 10,813 10,524 11,41 10,003 12,418 9,638 8,15 7,205 15,86 19,955 6,603 10,40 5,237 10,754 11,163 10,40 8,999 10,755 11,785 10,168 11,15 11,15 10,998 11,764 9,112 10,045 10,004 9,599 11,938 9,975 12,805 4,231 4,687 4,696 5,26

5,84 5,59 5,23 4,37 3,83 5,44 5,52 5,46

VARIAZ. QUOT.

Bpm Financial Aurora Ottobre 2002 Bpm Financial Equilibrato Bpm Financial Fortezza Gennaio 2003 Bpm Financial Geographic Areas Bpm Financial Global Bond Bpm Financial Industrial Sectors Bpm Financial Prudente Bpm Financial Riserva Euro Bpm Financial Vita Azionario Bpm Financial Vita Bilanciato Bpm Financial Vita Obbligazionario BNL VITA Bnl Vita Capital Unit 30 Bnl Vita Capital Unit 60 Bnl Vita Capital Unit 90 CARDIF Assicurazioni Spa Azionario Rimini 2 Bds Valore Azionario Bds Valore Bilanciato Bds Valore Obbligazionario Cardif Azionario Cl. A Cardif Azionario Cl. B Cardif Bilanciato Cl. A Cardif Bilanciato Cl. B Cardif Obbligazionario Cl. A Cardif Obbligazionario Cl. B Flexible Profilo Cl. A Obbligazionario Misto Rimini 2 Pargest Globale 60 Cl. A Spazio Effervescente Spazio Naturale CARIGE VITA NUOVA Carige Unit Dinamicamente Protetta Carige Unit Protezione Attiva Carige Unit Tre Garanzie - 3g Gestilink Arancio Dinamica Gestilink Blu Moderata Gestilink Verde Prudente Cattolica Assicurazioni Bpbari Freeway Country Bpbari Freeway Desert Bpbari Freeway Jungle Cattolica Azionario Cattolica Bilanciato Cattolica Fondo Protetto Cattolica Obbligazionario Cividale Percorso Azionario Cividale Percorso Obbligazionario Creberg Sim Formula Life Azionario Creberg Sim Formula Life Bilanciato Ferrara Investire Azionario Ferrara Investire Obbligazionario Fuoriclasse Balanced Fuoriclasse Bond Fuoriclasse Equity Fuoriclasse High Tech Nuove Rotte Progetto Attivo Bond Progetto Attivo Equity Progetto Attivo Mix Soluzione Dinamica Soluzione Prudente Soluzione Vivace CENTROVITA ASSICURAZIONI Centrovita Anni 40 Centrovita Anni 50 Centrovita Anni 60 Centrovita Anni 70 Centrovita Anni 80 Centrovita Azionario Centrovita Azionario Blue Centrovita Azionario Green Centrovita Azionario Plus Centrovita Bilanciato Centrovita Bilanciato Plus Centrovita Eag 2005 Centrovita Eag 2006 Centrovita Obbligazionario Centrovita Obbligazionario Blue Centrovita Obbligazionario Plus Orchestra Regina DUOMO PREVIDENZA S.P.A. Duomo Unit Dynamic Duomo Unit Moderate GENERTELLIFE S.P.A. Adria Equilibrio Aptus I Aptus Ii Aptus Iii Bg 2005- 2015 Bg 2005- 2020 Bg 2005- 2025 Bg 2005- 2030 Bg Azionario I Bg Azionario Ii Bg Bilanciato I Bg Bilanciato Ii Bg Dinamico Espansione Espansione 2000 Sviluppo Sviluppo 2000 Tirreno Unit Equilibrio Tirreno Unit Protezione Tirreno Unit Sviluppo Valore Ina Assitalia Fondo Ina Valore Attivo Fondo Valute Estere Nuovo Fondo Ina Intesavita Spa Accumulazione Crescita Dinamica Eurounit Azionario Eurounit Dinamico Eurounit Equilibrato Eurounit Prudente

+0,18 +0,22 +0,18 +0,65 +0,17 +0,31 +0,39 +0,31 +0,22 +0,37 +0,15

5,43 4,50 5,53 3,12 5,97 3,19 5,12 6,44 4,55 5,48 6,84

-1,58 +2,23 +1,11 +0,49 -1,62 +2,18 -0,89 +1,38 +0,07 +0,09 -1,59 +0,09 +0,39 +2,19 +0,16

63,297 99,962 137,575 178,727 86,135 140,316 123,124 192,66 165,472 214,371 75,203 107,912 182,465 112,381 171,552

-0,47 +0,39 -3,04 +0,98 +0,73 +0,63 +0,40 +2,01 +0,65 -20,89 +1,24 +3,16 +0,31 +1,10 +8,92 +1,71 +2,15 +0,29 +0,38 +0,99 +0,73 +0,59 +0,29 +1,21

3,421 3,595 0,255 4,01 4,253 5,264 4,766 11,137 11,243 4,302 4,662 3,33 5,503 4,49 5,446 3,151 1,426 5,517 4,514 3,689 4,271 5,095 6,148 3,597

+0,17 10,274 -0,04 8,275 -0,08 6,35

+0,19 +0,49 -0,02 +0,63 +0,36 +0,29

5,16 102,39 5,192 3,655 5,029 6,629

-0,03 150,95 -0,30 163,309 +0,56 117,739 +1,56 119,844 +2,34 96,40 +1,18 108,519 +2,08 58,087 +1,20 57,999 +1,20 132,612 +0,47 148,558 +0,48 175,222 +0,00 1.038,80 +0,00 1.049,92 -0,44 187,553 -0,69 122,007 -0,44 208,673 -0,10 72,888 -0,09 105,47 +0,67 2,097 +0,06 4,858

+0,75 +0,62 +1,53 +1,98 +0,36 +0,65 +0,85 +0,93 +2,03 +1,81 +1,21 +0,74 +1,84 +1,67 +1,13 +0,76 +0,65 +0,80 +0,26 +1,42 +0,11

6,066 5,067 4,701 3,958 10,271 9,651 8,88 8,483 2,263 2,592 4,004 5,188 8,228 2,922 2,943 4,351 3,865 5,806 5,80 5,136 6,166

+0,07 4,085 -0,74 1,078 +0,18 7,778

+0,83 +0,40 +1,18 -0,26 -0,18 -0,07 -0,02

5,195 5,976 4,628 3,031 4,902 5,459 6,302

VARIAZ. QUOT.

Gpa Accordo +0,03 Gpa Accordo 2 +0,03 Gpa Acuto +1,54 Gpa Acuto 2 +1,54 Gpa Armonia +0,91 Gpa Armonia 2 +0,91 Gpa Motivo +0,26 Gpa Motivo 2 +0,25 Gpa Private Bond -0,06 Gpa Private Global Guaranteed +0,49 Gpa Private Global High +4,36 Gpa Private Global Low +0,55 Gpa Private Global Medium +1,61 Intesa Vita Azionario America Growth +0,00 Intesa Vita Azionario America Value +0,77 Intesa Vita Azionario Cina -0,39 Intesa Vita Azionario Europa Growth +0,32 Intesa Vita Azionario Europa Value +0,00 Intesa Vita Monetario Dollaro -0,23 Intesa Vita Monetario Euro -0,01 Intesa Vita Obbligazionario Euro +0,73 MEDIOLANUM VITA S.P.A. Az. Dinamismo -0,61 Az. Dinamismo Bis -0,63 Az. Fedeltà +0,00 Az. Intraprendenza -0,66 Az. Intraprendenza Bis -0,66 Az. Protezione -0,10 Balanced -0,39 Balanced Bis -0,43 Country -0,68 Country Bis -0,66 Dinamic -0,57 Dynamic Bis -0,57 Eurobond Breve Termine +0,01 Eurobond Opportunità -0,16 Eurobond Sviluppo +0,00 Euroequity Opportunità -0,67 Euroequity Protezione -0,11 Euroequity Sviluppo -0,61 Moderate -0,28 Moderate Bis -0,32 Obbligazionario Breve Termine Bis +0,02 Obbligazionario Crescita -0,17 Obbligazionario Crescita Bis -0,21 Obbligazionario Evoluzione Bis -0,10 Obbligazionario Liquidità +0,02 Obbligazionario Moderazione +0,00 Obbligazionario Moderazione Bis -0,06 Opportunity -0,70 Opportunity Bis -0,71 Prudent +0,02 Prudent Bis +0,02 Sector -0,67 Sector Bis -0,71 MILANO ASSICURAZIONI Previlink Azionario -0,58 Previlink Bilanciato -0,28 Previlink Monetario +0,03 Previlink Obbligazionario +0,11 RISPARMIO E PREVIDENZA S.P.A. Crfc Gentile Dinamico +0,77 Crfc Gentile Equilibrato +0,65 Eurolink - C.V. Dinamico +1,57 Eurolink - C.V. Equilibrato +0,76 Eurolink - C.V. Risparmio +0,38 Formula Link In Prima +0,53 Formula Link In Seconda +0,68 Formula Link In Terza +1,26 Gestivita Azionario +0,65 Gestivita Bilanciato +0,51 Gestivita Obbligazionario +0,08 U.L. Patavium Dinamico +1,83 U.L. Patavium Equilibrato +0,73 SARA VITA S.P.A. Multistrategy Az. Intern. +2,05 Multistrategy Az. Intern. G.A. +2,01 Multistrategy Obbl. Europeo +0,10 Multistrategy Obbl. Globale +0,10 Profilo Guardian -0,10 Unipol Assicurazioni Uninvest Arcosereno -0,15 Uninvest Azioni Pià +0,25 Uninvest Crescita +0,06 Uninvest Equilibrio +0,08 Uninvest Flessibile +0,00 Uninvest Grande 7 +0,28 Uninvest Grande Vita +0,13 Uninvest Mach 7 +0,06 Uninvest Otto&Mezzo +0,07 Uninvest Performance Europa -0,21 Uninvest Risparmio +0,20 Uninvest Valore +0,13 ZURICH LIFE AND PENSION Dws Controllo -0,09 Dws Crescita -0,67 Dws Equilibrio -0,30 Dws Evoluzione -0,21 Dws Protezione +0,01 Dws Prudenza -0,16 Dws Sicurezza +0,02 Dws Sviluppo -0,38

674,43 648,41 390,10 332,10 504,98 443,98 619,89 582,51 716,12 579,26 323,80 658,57 531,22 8,251 8,981 21,403 10,126 11,253 8,584 10,861 11,162

3,448 3,957 2,26 3,182 3,909 5,852 4,586 4,651 3,335 3,898 4,006 4,396 6,739 6,693 6,663 4,14 6,449 4,426 5,016 5,004 5,528 6,577 5,27 5,204 6,65 6,561 5,414 3,703 4,053 6,196 5,496 3,281 4,083 2,916 4,247 6,179 5,501

3,537 5,922 12,978 13,08 11,943 10,715 9,447 7,858 8,455 10,087 11,675 7,826 9,167 7,702 8,035 9,165 9,482 9,90

119,23 106,901 13,431 12,193 6,649 107,04 102,274 111,325 104,093 7,583 13,367 12,002 5,271 6,421 7,415 4,702 7,749 5,621 5,415 3,635


24

il Domani Venerdì 15 Gennaio 2010

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE

L’Economist assolve Rosarno: non è razzismo, ma solo incapacità italiana Si è andati avanti con trucchi con i sussidi ma di fondo non ci si è adeguati alla globalizzazione di Carlo Bassi ROMA - L’ Economist ci ha ormai abituati ad analisi spesso provocatorie ma sempre lucide. Raramente, però lucida come quella dell’ultimo numero del settimanale britannico che va in edicola oggi. Dopo aver definito quella effettuata nei confronti degli immigrati africani in modo piuttosto pungente «una pulizia etnica di una rapidità, una cattiveria e una completezza balcaniche», e aver raccontato ai suoi lettori che cosa è successo nella cittadina calabrese, il settimanale passa poi ad analizzare le cause economiche reali del problema che ritiene di poter rintracciare non tanto in atteggiamenti razzisti bensì nei guasti economici e sociali della zona. Nella sua lettura degli scontri di Rosarno dei giorni scorsi e delle loro conseguenze, l’ Economist in-

titola "La miseria del Sud, un brutto scontro razziale riflette letensioni sociali e i problemi eco-

nomici del Meridione". Il settimanale descrive Rosarno, e per estensione tutta la Calabria, come "un posto senza legge", dominato dalla’Ndrangheta, dove un esercito di immigrati lavora nelle campagne in condizioni ’’terrificanti". A Rosarno, ad esempio, continua, ognuno di loro guadagna 25 euro al giorno, ma ne cedono 5 a sorveglianti probabilmente collegati alla ’Ndrangheta. E contribuiscono, con la loro manodopera, molte volte illegale, e comunque a bassissimo costo, a mandare avanti un’economia - quella della raccolta delle arance, dei mandarini o dei limoni - che altrimenti nonsarebbe"competitiva"difronte alle importazioni di agrumi dalla Spagna o dal Brasile, con gli stessiprodottiimmessisul mercato a prezzi più convenienti. Spes-

soinfatti,moltiagricoltoripreferiscono far marcire la frutta nei campi piuttosto che organizzare una raccolta, che costerebbe loro molto di più: «E la mancanza di lavoro, e di profitto - scrive il giornale - genera amarezza sia tra gli immigrati che tra la popolazione locale». L’ Economist individua perciò negli scontri di Rosarno soprattutto la conseguenza del «fallimento dell’economia del Mezzogiorno a misurarsiconlaglobalizzazione». Dopo essere andati avanti per anni supplendo ai problemi di competitività con trucchetti con i sussidi europei (ora in netto ribasso) e con manodopera a basso costo quando non apertamente illegale, come quella degli africani di Rosarno, nemmeno questo è più stato sufficiente. Come ha detto la Coldiretti calab-

rese - ricorda l’ Economist - il succo concentrato d’arancia di Spagna e Brasile poteva essere acquistato a 1,27 euro al chilogrammo, a metà dicembre, 53 centesimi meno del costo di produzione in Italia. Gente venuta apposta per la raccolta non serviva più. Alla fine - conclude l’analisi - le vere colpe degli africani «non sono state quelle di essere illegali ma di essere liquidabili su due piedi». In più, conclude, una buona parte della forza di cinque milioni di immigrati è illegale e «molti di loro sostengono parti dell’economia che altrimenti non potrebbero essere competitive». Un’analisi che a nostro giudizio dovrebbe far pensare Roma più che Rosarno. Perché non si tratta solo di una realtà degli agrumi: come scrive il settimanale britannico si applica a quasi tutto in agricoltura.

La Farnesina invita chi sappia di connazionali sull’isola ad avvertirla

Si teme per decine di italiani ad Haiti ROMA - Sono 80 gli italiani riusciti a mettersi in salvo dopo il violento terremoto che ieri ha colpito Haiti, mentre si teme per altre decine di connazionali, secondo quanto riferito dalla Farnesina che aggiunge che «ci sono serie ragioni per essere preoccupati».Se qualche lettore ha ragione di sospettare che amici e parenti si trovassero ad Haiti può avvertiredirettamentel’unità di crisi del ministero degli Esteri al numero 06 36225 . «Ci sono 80 italiani in salvo», ha detto oggi FabrizioRomano, il capo dell’unitàdi crisi della Farnesina, parlando delle persone che sono state contattate sull’isola.La Farnesina ha detto di aver ricevu-

to "qualche decina" di chiamate da familiari di persone che si trovavano ad Haiti aggiungendo però che sull’isola potrebbe esserci un numero indefinito di persone che non lo hanno comunicato. Secondo i dati del ministero degli Esteri, il numero ufficiale degli italiani iscritti all’anagrafe consolare ad Haiti è di 182, ai quali si aggiungono 12 connazionali che si sono iscritti al sito "Dove siamo nel mondo".«Il numero (di circa 190) è quello di iscritti all’anagrafe consolare ma non vuol dire che quelle persone si trovassero fisicamente ad Haiti. Alcuni di questi iscritti possono aver lasciato il Paese senza comunicarlo e c’è un numero indefinito di persone che

si possono trovare sull’isola senza averlo comunicato», ha spiegato Romano aggiungendo che «ci sono ragioni serie di essere preoccupati e noi lo siamo». Il responsabile dell’unità di crisi ha detto però che non ci sono «notizie di italiani coinvolti nel crollo della sede Onu». Parlando di un albergo -- il "Montana" -- dove si teme possano essere alloggiati diversi italiani, Romano ha detto: «Non abbiamo avuto nessun contatto con italiani che si trovavano" in quell’hotel. Rispondendo a una domanda sull’eventuale presenza di vittime sotto le macerie dell’hotel, Romano ha detto: «Il rischio c’è».

Si sente la gente gridare ma si è impotenti Gli abitanti di Haiti hanno trascorso un’altra notte dormendo nei parchi e per le strade, nel timore che potessero verificarsi altre scosse di assestamento dopo il violento terremoto che tre giorni fa ha distrutto case ed edifici governativi, seppellendo sotto le macerie un numero ancora imprecisato di persone, ma si fanno cifre assurde, centomila o anche più. Anche di notte si sentivano lamenti e grida d’aiuto ma i volontari non hanno altri mezzi che le proprie mani nude. Mentre scosse anche sdi magnitudo 5 continuavano a scuotere l’isola. Gli Stati Uniti, gli stati europei e la Cina stanno mandando team per i soccorsi, con unità cinofile e attrezzature, mentre governi e gruppi umanitari offrono tende, sistemi di filtraggio dell’acqua,

cibo e telecomunicazioni.Ma fino a ieri non c’erano ancora operazioni di soccorso organizzate e degne di questo nome, per liberare dalle macerie chi vi è ancora intrappolato o per portare via i corpi delle vittime mentre i medici sul posto, il Paese più povero dell’emisfero occidentale, non hanno a disposizione l’attrezzatura adatta per curare i feriti, per di più con tutti gli ospedali crollati. I corpi delle vittime si vedono ancora lungo molte strade della città: sotto le macerie, ai margini delle vie e caricati a bordo di camion. Alcuni corpi sono stati coperti sommariamente con lenzuola bianche mentre da sotto le macerie di odono le voci di persone che invocano aiuto mentre poco lontano i superstivi intonano canti religiosi invocando pietà.


Venerdì 15 Gennaio 2010

il Domani 25

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE

La finanza cresce il doppio e famiglie ed aziende scendono I dati del presidente dell’Istat rivelano anche che in soli dieci anni sono triplicate le uscite di utili e le rimesse all’estero

di Carlo Bassi ROMA - L’Italia che negli anni bui contava sulle rimesse dei propri emigrati come risorsa di valuta estera pregiata nelle proprie partite invisibili della bilancia dei pagamenti, si trova oggi nella situazione opposta. E negli ultimi dieci anni, a tutto il 2008, la quota del Prodotto interno lordo che ha preso la via dell’estero, sotto forma di partenza di utili o investimento delle multinazionali oppure rimesse degli emigrati verso i Paesi di origine si è praticamente

triplicata, dal 3,9 oper cento del 1999 all’11,8 per cento del 2008. Il dato sorprendente, per non dire preoccupante, è stato illustrato dal presidente dell’Istat Enrico Giovannini ieri nel corso di un convegno dell’istituto Aspen ospi-

In questi 10 anni, la quota finita alla finanza è quasi doppia, dal 4,6 al 9,4% per cento, quella delle aziende dal 37,8 al 24,4%

tato dalla stessa Istat. Giovannini, 53 anni, in carica dall’agosto scorso, noto e apprezzato all’estero dove ha vissuto a lungo, lasciando il segno soprattutto all’Ocse, ha illustrato diversi dati piuttosto interessanti. Come ha spiegato ha spiegato ampiamente Giovannini nel suo intervento, ad esempio, dal 1999 al 2008, il Pil «è cresciuto poco, circa del 10 per cento, mentre se si guarda il reddito delle famiglie la crescita è stata inferiore a quella del Pil»: fatto 100 il reddito disponibile riferito al 1999, nel 2008 l’indice è passato a 107 se si considera il reddito disponibile

lordo, e a 109,1 tendendo in considerazione anche i servizi forniti alle famiglie, ma l’indice del Pil è salito a 111 punti, con un’evidente perdita secca per le famiglie. Quanto alla disposizione del prodotto interno lordo, i dati presentati da Giovannini evidenziano, tra il 1999 e il 2008, la sostanziale stabilità della quota destinata alle piccolissime imprese (dal 9,7 per cento del 1999 all’11,4 per cento del 2008), mentre ha registrato una notevole flessione la quota delle imprese dei servizi e del commercio, che passa dal 37,8c al 24,4 per cento. Resta sostanzialmente stabile, la quota assor-

Tasso base della Bce fermo all’uno per cento, forse fino alla fine di settembre

Trichet: ripresa, ma la disoccupazione cresce Trichet: ripresa in atto, forse sarà più forte delle attese ma disoccupazione per i 16 Paesi dell’eurozona probabilmente «salirà ancora un po’» per effetto di trascinamento della crisi di Carlo Bassi

ROMA - Come ampiamente previsto dai mercati e dagli analisti, al termine del consiglio mensile di politica monetaria l’istituto centrale di Francoforte ha optato per una conferma dei tassi di riferimento.Il board della Banca centrale europea ha confermato i tassi all’ll’attuale minimo record ddell’un per cento, stabilito a maggio dell’anno scorso con ul’ultimo di una serie di tagli decisi per dare liquidità ai mercati du-

rante la crisi globale del 2008. Invariati anche i tassi di depositi e prestiti overnight, rispettivamente a 0,25% e 1,75%. Condotto la scorsa settimana, l’ultimo sondaggio Reuters ha mostrato la piena unanimità tra gli economisti: tutti gli ottanta analisti interpellati che hanno scommesso su una conferma dello status quo di politica monetaria. La mediana delle attese raccolte indica inoltre tassi fermi all’uno per cento fino

alla fine del terzo trimestre e in risalita a 1,5 per cento per fine anno.Nella consueta conferenza stampa dopo il meeting, il presidenteJean ClaudeTrichetha confermato che la ripresa è in atto e forse sarà più forte delle aspettative, ma che il tasso di disoccupazione nei 16 Paesi dell’eurozona probabilmente «salirà ancora un po’», rallentando i consumi. Proprio per questo motivo ha spiegato Trichet i tassi attuali restano «appropriati» con i prezzi «moderati» e con l’attività economica di Eurolandia che «a fine 2009 ha continuato ad espandersi». Secondo la Bce nei prossimi mesi l’inflazione procederà su valori «sotto controllo», ha aggiunto Trichet. «Per il breve termine è attesa attorno all’1% e sul medio termine su valori moderati». «Per il 2010 il Consiglio della banca centrale europea si attende un tasso di crescita del Pil moderato.

bita dallo Stato (dal 44,1 al 42,9 per cento) mentre aumenta la parte di Pil destinata alle imprese finanziarie (dal 4,6 al 9,4 per cento) e all’estero (come detto dal 3,95 all’11,8). Le risorse di quest’ultima categoria, ha precisato Giovannini, sono costituite da «profitti di imprese multinazionali, o nazionali con sede all’estero, e le rimesse degli immigrati. Quindi, a parità di Pil, una parte

11,8

Del Pil la percentuale di risorse finanziarie uscite sotto forma di utili e rimesse degli immimigrati, il triplo in 10 anni maggiore è finita all’estero e non alle famiglie». Ma da un punto di vista strettamente economico il dato che più da pensare è quello che evidenzia come sia raddoppiata negli ultimi dieci anni la quota di ricchezza nazionale che non va alle famiglie e finisce alle banche e al mondo finanziario, mentre si è ridotta di un terzo la quota andata alle imprese. Questo gap di ricchezza è finito quindi in cinque canali principali: le società finanziarie, le imprese, le risorse finite all’estero, le famiglie produttrici (o microimprese) e la pubblica amministrazione. In questi dieci anni, quindi, la quota finita alla finanza è quasi raddoppiata, passando come abbiamo visto dal 4,6 al 9,4 per cento, mentre quella delle aziende è diminuita di un terzo, scendendo dal 37,8 al 24,4. Più stabili, invece - ha concluso Giovannini, gli andamenti delle quote di ricchezza finite alle amministrazioni pubbliche (come detto sopra dal 44,1 al 42,9 per cento) e alle famiglie impegnate a produrre (dal 9,7 all’11,4 per cento).


AsteInfoappalti

26 Venerdì 15 Gennaio 2010 TRIBUNALE DI CATANZARO Prima sezione civile Il Giudice dell’esecuzione, Dott.ssa Gioia, nel procedimento n. 154/00R.G.E. con ordinanza del 25 novembre 2009 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: Appartamento per civile abitazione in Sellia Marina, loc. Finocchiaro, in catasto al foglio 20, p.lla 1168 sub. 4, vani catastali 6,5 Prezzo euro 114.129,53 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 154/00 portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 16.03.2010, restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex. art. 573 c.p.c. é fissata in data 17.03.2010. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Catanzaro 25.11.2009 F.to Il Giudice °°°°°°°°°° Prima sezione civile Il Giudice dell’esecuzione, Dott.ssa Gioia, nel procedimento n. 142/02 R.G.E. con ordinanza del 25 novembre 2009 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: LOTTO DI VENDITA N. 1: Piena proprietà per la quota di 1000/1000 relativamente a appartamento sito in Sellia Marina, via Piani D’Agazio, in NCEU al Foglio 7 part. 410, nat. A3, sup. mq. 210 VALORE DI STIMA LOTTO DI VENDITA N. 1 = euro 71.539,455 (euro settantunomilacinquecentotrentanove/455). Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria del Tribunale. L’offerente, con la presentazione dell’offerta, dichiara di conoscere lo stato degli immobili. L’udienza ex. art. 512 é fissata in data 17.3.2010, ore 09,00. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno precedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità nonché un assegno circolare “non trasferibile” intestato a Tribunale di Catanzaro proc. n. 142/2002 RE, di importo pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione; Saranno a carico della procedura le spese di trasferimento. In caso di gara le offerte in aumento non potranno essere inferiori a euro 1.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni 60 dalla data di aggiudicazione tramite deposito in cancelleria. Catanzaro 25/11/2009 F.to Il Giudice °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Il Giudice dell’ esecuzione, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 36/06 R.G.E pendente tra - E -visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: lotto 1: Immobile In Catanzaro, fraz. Gagliano, loc. Timpone Buda comprendente locale a piano terra, piccolo deposito e corte annessa, in catasto al foglio 9 p.lla 286 sub. 1, 2 e 3 prezzo euro 158.257,50 lotto 2: appartamento in Gagliano di Catanzaro Via Orti 61, in catasto al foglio 17 p.lla 336 sub 2 prezzo euro 100.000,OO lotto 3: appartamento in Decollatura, Via Risorgimento, p.t.; in catasto al foglio 21 - p.lla 65 sub 2 prezzo euro 54.000,00 lotto 4: quota di 1/2 di appartamento in Catanzaro, Vicolo Scalella 10 in catasto al foglio 48 p.lla 1000 sub. 3 prezzo euro 19.200,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobìle. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 36/06 recante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 16.03.2010, sono a carico dei procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. é fissata in data 17.03.2010 Aumento minimo in caso di gara euro 1000,00 L’aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante Inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, Il Giudice Dott.ssa Maria Carmela Andricciola °°°°°°°°°° Sez. Esecuzioni immobiliari AVVISO DI VENDITA Si rende noto che il Sig. G.E. della procedura esecutiva rubricata al n. 34/2006 R.G. Es., ha disposto la ven-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

dita senza incanto dei seguenti beni immobili, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano e che comunque l’offerente depositando l’offerta dichiara di conoscere, stato meglio descritto nelle relazioni tecnico-estimative in atti consultabili in Cancelleria e a cui si rinvia: Lotto unico: porzione di fabbricato sito al piano primo con sottotetto totalmente abusivo, in Satriano C.da Martelli, in catasto al foglio 2 particella 303 sub 2. PREZZO BASE: euro 75.000,00 UDIENZA di vendita ex art. 572 cpc e eventuale gara tra gli offerenti = 31.3.2010 AUMENTO MINIMO in caso di gara = euro 1.000,00 DEPOSITO cauzionale per essere ammesso alla vendita = 10% del prezzo base o proposto a titolo di cauzione, da depositare unitamente all’offerta di acquisto in busta chiusa e sigillata e contenente la domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità nonché un A.C. non trasferibile intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n° 34/2006 RGE”, entro le ore 12.00 del giorno antecedente alla vendita presso la Cancelleria dell’intestato Tribunale. DEPOSITO PREZZO residuo = entro 60 gg. dalla data di aggiudicazione presso la Can-celleria dell’intestato Tribunale. Spese di trasferimento a carico della procedura. Maggiori informazioni sono acquisibili presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari. °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott.ssa Gioia Nella procedura esecutiva n. 75/92 r.g. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni siti in Sersale: Lotto 1: Quota 1/2 magazzino in Via Casolini (f. 20, p.lla 1075, sub. 2) euro 1.530,00 Lotto 2: Terreno in località Nocelle (f. 27, p.lle 737,694,695,697,698,323, 264,233,324) euro 39.900,00 Lotto 3: Terreno in località Nocelle (f. 27, p.lle 161,162) euro 2.305,00 Lotto 4: Quota 1/2 terreno in località Nocelle (f. 27, p.lla 138) euro 542,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in si cui trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. é fissata per il giorno 31 MARZO 2010. Nella medesima data é fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria), in bollo, fotocopia del documento d’identità nonché un Assegno Circolare “Non trasferibile” intestato a “Tribunale di Catanzaro proc. n. 75/92” di un importo pari al 10% del prezzo offerto a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti, l’aumento minimo é fissato in euro 500,00 L’aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d’acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta (60) giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto. Si dispone altresì che l’ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it; - Il Domani Catanzaro lì 9 Dicembre 2009 L’operatore Giudiziario Dott. Salvatore Aiello °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Il Giudice dell’esecuzione, dott.ssa Giovanna Gioia, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 207/92 RGE Visti gli atti, DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: appartamento su tre piani in Catanzaro, via Maddalena n.11, mq. 233,98 e terrazza di mq. 86,63 in catasto al foglio 48, part. 1046 sub.3. Perzzo Euro 130.000,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro, proc. N.207/92 RGE recante un importo pari al 10% del prezzo proposto, a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 16.03.2010. Sono a carico del procedimento le spese di trasferimento. L’udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l’eventuale gara tra gli offerenti ex art.573 c.p.c. é fissata in data 17.03.2010. Aumento minimo in caso di gara Euro 500,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste e nel sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza Catanzaro, Il Giudice Dott.ssa Giovanna Gioia °°°°°°°°°° Il Giudice dell’esecuzione, esaminati gli atti della procedura di espropriazione immobiliare n. 196/97 Dispone Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto unico: capannone industriale sito in Marcellinara, loc. Serramonda, costituito da quattro piani fuori

A CURA DELLA

MEDIATAG

terra, sup.lorda mq.1547, in catasto al fol. 16, P.lla 164 PREZZO BASE D’ASTA euro 522.113,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L’udienza di vendita ex art.572 cpc é fissata per il giorno 17 marzo 2010 ore 9,30. Nella medesima data é fissata l’udienza ex art.569 cpc in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo,fotocopia del documento di identità,nonché assegno circolare non trasferibile intestato a Tribunale di Catanzaro proc.n.196/97 di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L’offerente,depositando offerta,dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. In caso di gara tra più offerenti,l’aumento minimo é fissato in euro 3000,00. L’aggiudicatario dovrà versare il prezzo d’acquisto in Cancelleria,dedotta la già versata cauzione,entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento relative all’immobile aggiudicato saranno a carico della procedura. TRIBUNALE DI LOCRI - CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570 c.p.c.) che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 25/96 promossa da CREDITO FONDIARIO, DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell’allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 29. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI LOTTO n. 1: Unità immobiliare da destinarsi ad uso commerciale, posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 7, di circa 43 mq.; PREZZO BASE: Euro 12.900,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 2: Unità immobiliare da destinarsi ad uso commerciale, posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 8, di circa 35 mq.; PREZZO BASE: Euro 10.500,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 3: Unità immobiliare da destinarsi ad uso commerciale, posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 9, di circa 29 mq.; PREZZO BASE: Euro 8.700,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 4: Unità immobiliare adibita ad uso commerciale (supermercato), posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 10, di circa 443 mq., con annesso deposito al piano seminterrato, riportato al NCEU al foglio 16, part. 797, sub 39, di circa 367 mq.; PREZZO BASE: Euro 398.050,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 5: Unità immobiliare da destinarsi ad uso commerciale, posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 11, di circa 80 mq.; PREZZO BASE: Euro 38.450,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 6: Unità immobiliare da destinarsi ad uso commerciale, posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 15, di circa 165 mq.; PREZZO BASE: Euro 57.750,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 7: Unità immobiliare da destinarsi ad uso commerciale, posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 16, di circa 77 mq.; PREZZO BASE: Euro 21.650,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 8: SOSPESO (ord. del 13.03.2007 confermata con ord. del 30.04.2007) LOTTO n. 9: Unità immobiliare destinata ad uso commerciale (sala giochi), posta al piano 1° di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 19-20, di circa 73 mq.; PREZZO BASE: Euro 42.340,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 10: Unità immobiliare destinata ad uso commerciale (ristorante), posta al piano 1° di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 2122-23 di circa 239 mq.; PREZZO BASE: Euro 138.620,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 11: Unità immobiliare non ancora completata, posta al piano 1° di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 24, di circa 157 mq.; PREZZO BASE: Euro 62.800,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 12: Unità immobiliare non ancora completata, posta al piano 1° di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 25, di circa 136 mq.; PREZZO BASE: Euro 54.400,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 13: Unità immobiliare destinata ad abitazione, posta al piano 2° di un fabbricato a quattro piani

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 28, di circa 181 mq.; PREZZO BASE: Euro 86.880,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 14: Unità immobiliare destinata ad abitazione, posta al piano mansarda di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 29, di circa 185 mq.; PREZZO BASE: Euro 88.800,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 15: Unità immobiliare destinata ad abitazione, posta al piano mansarda di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 30, di circa 155 mq.; PREZZO BASE: Euro 74.400,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 16: Unità immobiliare destinata ad abitazione, posta al piano mansarda di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 31, di circa 143 mq.; PREZZO BASE: Euro 52.910,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 17: Unità immobiliare non ancora completata, posta al piano 1° di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 34, di circa 114 mq.; PREZZO BASE: Euro 54.720,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 18: SOSPESO (ord. del 13.03.2007 confermata con ord. del 30.04.2007) LOTTO n. 19: SOSPESO (ord. del 13.03.2007 confermata con ord. del 30.04.2007) LOTTO n. 20: Unità immobiliare destinata ad abitazione, posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 37, di circa 204 mq.; PREZZO BASE: Euro 97.920,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 21: SOSPESO (ord. del 13.03.2007 confermata con ord. del 30.04.2007) LOTTO n. 22: Unità immobiliare destinata ad autorimessa, posta al piano seminterrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 40, di circa 31 mq.; PREZZO BASE: Euro 10.850,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 23: Unità immobiliare destinata ad autorimessa, posta al piano seminterrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 41, di circa 25 mq.; PREZZO BASE: Euro 8.750,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 8: SOSPESO (ord. del 13.03.2007 confermata con ord. del 30.04.2007) LOTTO n. 25: Unità immobiliare destinata a deposito, posta al piano seminterrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 43, di circa 28 mq.; PREZZO BASE: Euro 9.800,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 26: Unità immobiliare destinata a deposito, posta al piano seminterrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 44, di circa 140 mq.; PREZZO BASE: Euro 28.000,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 27: Unità immobiliare destinata a deposito, posta al piano seminterrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 45, di circa 152 mq.; PREZZO BASE: Euro 30.400,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 28: SOSPESO (ord. del 13.03.2007 confermata con ord. del 30.04.2007) LOTTO n. 29: Unità immobiliare destinata ad autorimessa, posta al piano seminterrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 47, di circa 15 mq.; PREZZO BASE: Euro 5.250,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 30: Unità immobiliare destinata ad autorimessa, posta al piano seminterrato di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 49, di circa 20 mq.; PREZZO BASE: Euro 7.000,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 31: Unità immobiliare destinata a deposito, posta al piano terra di un fabbricato a quattro piani fuori terra con seminterrato, ubicato nel Comune di Bianco, via C. Colombo, riportato al NCEU al foglio 16, particella 797 sub 50, di circa 43 mq.; PREZZO BASE: Euro 37.490,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO; LOTTO n. 32: SOSPESO (ord. del 13.03.2007 confermata con ord. del 30.04.2007) PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l’ordinanza di vendita del 17.05.2006(punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all’esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all’udienza del 04.03.2010 DA RIDURRE DI 1/4 alle seguenti condizioni: - entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; - l’offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta é prestata;


AsteInfoappalti

27 Venerdì 15 Gennaio 2010 - l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari “NON TRASFERIBILI” intestati all’offerente, che, a cura dell’offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; - le offerte in aumento, nel caso di cui all’art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato; - l’importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per quanto non indicato vedere l’ordinanza di vendita del 17.05.2006 - punti da 1 a 29- riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all’udienza del 06.05.2010, con il prezzo riportato nell’ordinanza di vendita DA RIDURRE DI 1/4 alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d’asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione é restituita nella misura stabilita dall’art. 680 cpc; - l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E’ PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA é: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: dr. Giovanni LANZAFAME (Tel. 0964.342040). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA’. Locri, 12 gennaio 2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI - Sezione Civile - Esecuzioni - R.E. Imm.: 25/1996 IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE ..... OMISSIS ...., ORDINA ai debitori di fornire al nuovo custode il rendiconto dell’attività svolta fino ad oggi, nonché ogni documento necessario al fine di adempiere compiutamente l’incarico affidatogli; - DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI SU DESCRITTI; - STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell’art. 569 cpc, con il metodo dell’incanto, alle seguenti condizioni: 1) L’immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, é ammesso a offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l’offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l’indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l’indicazione della volontà di avvalersi, ve ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; F) la dichiarazioe di aver letto la relazione di stima (consultabile sull’apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell’immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l’offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria del Tribunale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della partita IVA; I) la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l’esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l’effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l’autorizzazione del giudice tutelare ove l’offerente sia un minore; 4) l’offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell’esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l’esame delle offerte; C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l’offerta é prestata; 5) l’offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente, che a cura dell’offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) l’offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se é inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l’offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) l’offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l’incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8) l’offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbli-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

il Domani

che udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all’esame delle offerte; 9) l’udienza di vendita é fissata per il giorno 13.03.2007, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; si procederà all’esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l’ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10) in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all’art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11) in caso di mancata aggiudicazione, l’importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; 12) in caso di aggiudicazione, l’offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito bancario intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione acceso presso un qualsiasi Istituto bancario; 13) in caso di aggiudicazione, l’offerente: - potrà avvalarsi della facoltà di subingresso nel mutuo, assumendosene gli obblighi relativi, secondo quanto indicato nell’art. 41 comma V, T.U.B. (versamento alla banca di quanto dovuto per rate scadute, accessori e spese entro 15 gg. dall’aggiudicazione); - nel termine di gg. 50 dall’aggiudicazione, dovrà versare direttamente alla banca mutuante Fonspa la parte del prezzo corrispondente al credito della medesima vanto per capitale, accessori e spese (salva la facoltà di subingresso nel mutuo di cui infra); a tal fine, sarà l’Istituto che potrà avvalersi della facoltà di subingresso nel mutuo, mutuante a comunicare tempestivamente l’importo del credito; nel termine di gg. 60 dall’aggiudicazione dovrà versare l’eventuale differenza tra il prezzo di aggiudicazione e le somme già versate alla banca, detratto l’importo della cauzione, in un libretto di deposito intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione acceso presso un qualsiasi istituto bancario; 14) in caso di aggiudicazione, inoltre, l’offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’esecuzione), e nello stesso termine, l’importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all’uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l’emanazione del decreto di trasferimento; 15) il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II cpc (richiamato dall’art. 574, III co., cpc); 16) maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri, oppure presso il custode giudiziario, dott. G. LANZAFAME; 17) la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all’Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell’art. 555 cpc; B) il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale é pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l’avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; 18) la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Bianco, Ardore, Bovalino (invitando all’uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all’udienza di vendita; B) l’attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 19) ove si debba procedere all’incanto, e cioé per il caso in cui non siano proposte offerte d’acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell’art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall’art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo a qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d’ora per l’udienza del 07.06.2007 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 20) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; 21) la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all’offerente in udienza nonché l’indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l’offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l’acquisto della prima casa; 22) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell’incanto; 23) se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione é immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione é restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte é trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 24) l’aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l’importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all’art. 587 cpc in caso di mancato deposito;

A CURA DELLA

MEDIATAG

25) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 cpc) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 26) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all’art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all’incanto; 27) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 28) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l’aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo é trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell’esecuzione; 29) alla medesima udienza fissata per l’incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all’art. 591 cpc (ammissione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. ...... OMISSIS ....... Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 17.5.2006 F.to IL GIUDICE DELL’ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell’esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 149/92 promossa da BANCA POPOLARE DI POLISTENA, DISPONE LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO 1 - “Piena proprietà di una unità immobiliare in Gioiosa Jonica, via Madama lena, costituito da un fabbricato a due piani fuori terra ed un cantinato, catastalmente riportato al foglio di mappa n. 32 part. 835 sub 4 (deposito e magazzino), 5 (appartamento), 6 (lastrico), 7 (lastrico)” Prezzo base del lotto: Euro 495.600,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo Deposito per spese: 15% del prezzo LOTTO 2 - “Piena proprietà di un terreno in Roccella Jonica (RC), c.da Lucchi, catastalmente riportato al foglio di mappa n. 40, part. 251” Prezzo base del lotto: Euro 45.540,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo Deposito per spese: 15% del prezzo L’incanto avverrà, con il prezzo su indicato all’udienza del 04.03.2010, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno antecedente l’incanto, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all’offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato; L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: a) l’immobile pignorato sarà posto all’incanto a corpo e nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell’Arch. B GRASSO), che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, specie con riguardo alla descrizione, alla condizione urbanistica ed al loro stato di conservazione; b) le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato. c) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all’inizio effettivo dell’udienza di vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base d’asta sopraindicato da imputarsi per il 10% a titolo di cauzione e per il 15% a titolo di spese presuntive di vendita (salva integrazione successiva, anche per l’ipotesi in cui il bene dovesse essere assoggettato ad IVA) mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all’offerente; d) la domanda di partecipazione all’incanto dovrà riportare le complete generalità dell’offerente, l’indicazione del codice fiscale e, nell’ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società di poteri conferiti all’offerente in udienza; e) l’aggiudicatario dovrà dichiarare la propria residenza ed eleggere domicilio in Locri ai sensi dell’art. 582 c.p.c., posto che in mancanza le notificazioni e le comunicazioni saranno eseguite presso la Cancelleria; f) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d’incanto (art. 584 c.p.c.) e se l’offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; g) l’aggiudicatario, nel termine perentorio di gg. 60 dall’aggiudicazione, dovrà depositare il residuo prezzo, detratto l’importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito bancario intestato alla procedura e vincolato all’ordine del Giudice dell’Esecuzione acceso presso un qualsiasi istituto Bancario; h) il mancato versamento del prezzo residuo comporterà la decadenza dell’aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l’aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all’art. 587 co II c.p.c.; i) agli offerenti non aggiudicatari verranno restituite le somme depositate per spese e cauzione, subito dopo la chiusura dell’incanto. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la

Per informazioni 0961 996802

www.aste.eugenius.it ::

Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. RINVIA PER IL PROSIEGUO ALL’UDIENZA DEL 04.03.2010. Estratto conforme per uso pubblicità. LOCRI, 08 gennaio 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell’Esecuzione, DR. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 32/01 promossa da CREDITO EMILIANO. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO Unità immobiliare cosituita da un localemagazzino adibito a bar-pizzeria con antistante porticato facente parte del fabbricato “A”, a quattro piani fuori terra, di un complesso edilizio comprendente 4 edifici contrassegnati dalle lettere A-B-CD, sito nel Comune di Caulonia Marina via Nazionale106 traversa IXX n. 4, riportato nel NCEU alla partita 3300 foglio di mappa 116 particella 455 sub.7 cat.C/1 classe 5^ mq.51 Prezzo base del lotto: euro 52.700,00 Deposito per cauzione euro 5.270,00 Deposito per spese: euro 7.905,00 L’incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5, all’ udienza del 04.03.2009 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data ----alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino all’ inizio effettivo dell’udienza, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto, una somma pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà) mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari non trasferibiliintestati all’ offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: euro 2.000,00. L’aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall’incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all’udienza del 04.03.2010. Estratto conforne per uso pubblicità. Locri, 13.01.2010 Esatte: euro14,62 per bollo - euro 7,10 per diritti. TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA Ufficio fallimentare Il Giudice Delegato - preso atto dell’istanza formulata dal Curatore in data 2 dicembre 2009, - visto che per l’udienza di vendita fissata per il 3.12.2009 non é stata presentata alcuna offerta di acquisto; - ritenuto di dovere procedere a nuovo tentativo di incanto, dispone nuova vendita con incanto dei seguenti beni immobili di pertinenza del Fallimento n. 1/2004: Unico lotto: - terreno aziendale sito in Vibo Valentia alla via Collelia Pantano (Zona Industriale), avente superficie di mq. 20.000, comprensivo di una cava di sabbia, riportato nel N.C.T. del Comune di Vibo Valentia al foglio n. 54, particella n. 7, seminativo, classe 2, are 26 e centiare 70, R,D. euro 7,58. R.A. euro 3,45; - terreno aziendale sito in Vibo Valentia alla via Collelia Pantano (Zona Industriale), riportato nel N.C.T. del Comune di Vibo Valentia al foglio n. 54, particella n. 140, pascolo, classe unica, ettari 1, are 73, centiare 30, R.D. euro 13,43, R.A. euro 8,95. Il prezzo di stima del terreno (a + b) = euro 20.000,00; - fabbricato in cemento armato composto da due elevazioni fuori/terra della superfìcie totale di mq. 285,60, non ancora accatastato. La vendita avverrà con ulteriore riduzione di 1/4 (un quarto) del prezzo base per come già ridotto di º dell’unico lotto in vendita, di seguito descritto e così per euro 48.976,17, oltre Iva per euro 9.795,23, totale complessivo euro 58.771,40 (già ridotto ed ivato). Offerta minima in aumento euro 700,00. Deposito per cauzione (10%) = euro 5.877,14 (58.771,40 x 10%). L’offerta dovrà esser presentata con apposita istanza di partecipazione indirizzata al G.D. del Fallimento n. 1/2004 e depositata presso la Cancelleria Fallimentare entro le ore 12,00 del giorno precedente la vendita. Per il resto, dispone, che la nuova vendita con incanto avvenga alle medesime condizioni e con le stesse forme di pubblicità di cui all’ordinanza di vendita del 27/28.11.2008, che si conferma. Fissa per la nuova vendita con incanto l’udienza del 25 marzo 2010, ore 10,30. Vibo Valentia, lì 9-10/12/2009. II Cancelliere Il Giudice Delegato (Dott.ssa Valentina Paglionico) °°°°°°°°°° Estratto per pubblicazione R.G. 54/99 Procedura di espropriazione immobiliare promossa da INAIL Il giudice dell’esecuzione con ordinanza del 26.9.2006 ha disposto procedersi alla vendita del seguente bene immobile Lotto n.1: quota pari a 2/15 del terreno sito in Vibo Valentia fraz. Piscopio località Mandre di ha 2.01.90 fg.52, p.lla 34, qualità seminativo arboreo classe 2. La quota di pertinenza del debitore é di mq. 2690. Prezzo base euro.4.304,00 STABILISCE per la vendita con incanto l’udienza del 9/3/10 con le seguenti modalità: - Le offerte non potranno essere inferiori a euro 350,00. - Ciascun offerente dovrà depositare, entro le ore 11 del giorno precedente la vendita, unitamente all’istanza di partecipazione all’incanto una somma pari al 25% del prezzo base d’asta da versarsi mediante deposito su libretto bancario di cui 10% a titolo di cauzione e 15% a titolo di spese; Entro 30 giorni dall’aggiudicazione definitiva l’aggiudicatario dovrà depositare il prezzo di aggiudicazione dedotta la cauzione, su libretto bancario intestato alla procedura con vincolo al G.E. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale. Vibo Valentia, 11/11/09 IL CANCELLIERE D.ssa Liliana Addesi


28

il Domani Venerdì 15 Gennaio 2010

CULTURA E ASSOCIAZIONI L’iniziativa in programma oggi presso il Centro Agroalimentare, è accompagnata da una mostra micologica curata dalla Op Piante e Fiori di Calabria che riunisce i maggiori vivaisti

Prima giornata di agrumicoltura stamattina a Lamezia Terme LAMEZIA TERME - Si svolgerà oggi dalle ore 10,30 a Lamezia Terme presso il Centro Agroalimentare, la prima giornata di agrumicolturaemostrapomologica promossa dalla Op Piante e Fiori di Calabria, il consorzio che riunisce i maggiori vivaisti della Regione, in collaborazione con la Camera di Commercio, la CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) e la COMALCA (Consorzio mercato agricolo alimentare Calabria) di Catanzaro. «L’obiettivo dell’evento - dice Franco Lucia, Presidente della OP Piante e Fiori di Calabria - in linea con la strategia di consorzio già avviata con successo lo scorso anno, è far conoscere a tutti gli operatori attivi nel comparto agrumicolo, tecnici, vivaisti oltre che ai consumatori, le varietà di agrumi più innovative e significative. L’elemento di grande novità dell’iniziativa sarà la presentazione di quattro specie varietali agrumicole: Mandalate (la raccolta inizia a fine febbraio e si pro-

Franco Lucia: «L’obiettivo dell’evento è far conoscere a tutti gli operatori attivi nel comparto agrumicolo - tecnici, vivaisti oltre che ai consumatori - le varietà di agrumi più innovative e più significative» lunga a tutto aprile, i frutti resistono bene sulla pianta, il sapore è simile a quello del mandarino Avana), Lemox (la raccolta inizia a fine settembre e si prolunga a tutto gennaio, la persistenza dei frutti sulla pianta è alta), Mandared (la raccolta inizia a metà febbraio e si prolunga a tutto aprile, la persistenza dei frutti sulla pianta è media, il sapore è intermedio tra quello del clementine e del Tarocco), Alkantara (la raccolta inizia a fine novembre e si prolunga a gennaio, la persistenza dei frutti sulla pianta è elevata, il sapore è molto simile a quello del genitore clementine)». «E’ innegabile - afferma Lucia che l’agrumicoltura calabrese

Lamezia Terme

Il nastro inaugurale della kermesse sarà tagliato da Paolo Abramo. I saluti introduttivi sono stati affidati a Gianni Speranza, mentre le conclusioni a Piero Amato

ramo, Presidente Camera di Commercio di Catanzaro - conclude Lucia - mentre i saluti introduttivi sono stati affidati a Gianni Speranza Sindaco del Comune di Lamezia Terme ed a Leopoldo Chieffallo Presidente del Centro Agroalimentare di Lamezia Terme, le conclusioni a Piero Amato Assessore all’Agricoltura della Regine Calabria».

Re. A. con i suoi 32 mila ettari coltivati ad agrumeto e con il 48% della produzioneagricola regionale costituisceunarisorsadistraordinaria rilevanza strategica. La crisi di mercato in cui versa il settore è strutturale e indubbiamente l’unica strada da intraprendere per essere competitivi è quella della qualità e dell’innovazione, a partire dal materiale vivaistico che deve essere certificato». «L’attuale momento di crisi - prosegue Lucia - deve essere affrontato con l’introduzione di varietà, portainnesti e tecniche colturali che si prefiggono l’obiettivo di migliorare sia la produttività che le caratteristiche organolettiche dell’agrume oltre che ampliare il periododicommercializzazionee di soddisfare le esigenze del consumatore». «A tale proposito, abbiamo previsto nel corso della giornata agrumicola un importante incontro dibattito dal titolo "Innovazioni varietali per il rilancio dell’agrumicolturameridionale"-continua Lucia - alla presenza di personalità di primo piano del mondo della ricerca e delle istituzioni quali FabioMoschella- VicePresidente Nazionale dell’Organismo Interprofessionale Ortofrutta Italia CIA Nazionale, Sabrina Blasco Dirigente Servizio Fitosanitario Dipartimento Agricoltura Regione Calabria, Vincenzo Palmeri - Facoltà di Agraria Università di Reggio Calabria, Francesco Cufari - Divulgatore ARSSA Servizio Fitosanitario Regione Calabria, Pierluigi Taccone - Presidente Coppi ed illustri esponenti del CRA (Centro di Ricerca per l’Agrumicoltura e le colture mediterranee) di Acireale (CT), la più importante istituzione di ricerca del nostro Paese». «Il nastro inaugurale della kermesse sarà tagliato da Paolo Ab-

“Gli italiani nelle altre Americhe” Presentazione del libro a Cosenza COSENZA - Oggi, presso la Libreria Ubik (Via Galliano, 4-trav. Piazza XI settembre), alle re 18.00, sarà presentato il libro dal titolo "Storie di italiani nelle altre Americhe: Bolivia, Brasile, Colombia, Guatemal e Venezuela" scritto dall’autore Vittorio Cappelli. Intervengono: Matteo Cosenza, direttore de "Il Quotidiano della Calabria" e Anna Rosa Macrì, giornalista Rai. Sarà presente l’autore. La storia collettiva e le molteplici vicende individuali dell’emigrazione italiana in America Latina hanno toccato anche i Paesi e i luoghi più insospettati. Tra i Caraibi, le Ande e l’Amazzonia si sono snodate catene migratorie coraggiose e dinamiche che hanno saputo fare i conti con economie, popolazioni e culture di territori remoti e sconosciuti, contribuendo non poco alla loro trasformazione, anche in contesti politici particolarmente difficili. Luogo di partenza di questi flussi migratori è stato assai spesso un territorio di frontiera dell’Appennino meridionale, situato

tra Campania, Basilicata e Calabria, che ha dato la stura alla più precoce e ardita emigrazione in partenza dal Mezzogiorno d’Italia già nell’Ottocento. In questo volume, l’autore racconta, con stile spedito e brillante, vicende spesso eccentriche ma fortemente emblematiche, ricostruendo piste migratorie trascurate o del tutto dimenticate e privilegiando le emergenze individuali e collettive che meglio rappresentanole sorprendenticonnessioni tra le storie molteplici di quest’Italia migrante e la storia complessa e variegata del "nuovo mondo" latino. Ne risulta che dal Guatemala al Brasile (metropolitano e amazzonico), passando per la Colombia e il Venezuela, si è dispiegata una presenza italiana "minore" che ha lasciato il segno nei punti più alti della cultura latinoamericana - dai romanzi di Gabriel García Márquez alle poesie di Vicente Gerbasi - e ha plasmato stilisticamente il moderno sviluppo urbano delle grandi capitali, come di tante piccole città, tra il XIX e il XX secolo.


Venerdì 15 Gennaio 2010

il Domani 29

CULTURA E ASSOCIAZIONI Il recital del pianista russo è in programma per sabato 16 gennaio a Catanzaro. Il direttore artistico del teatro, Mario Foglietti: «Lo inseguivamo da quattro anni da quando, cioè, l’ho sentito suonare a La Coruna, in Spagna»

“Le note incantate” di Grigory Sokolov Esclusiva internazionale al Teatro Politeama CATANZARO - E’ considerato uno dei cinque più grandi pianisti del nostro tempo: assieme a Martah Argherich, Radu Lupu, Maurizio Pollini e Kristian Zimmerman, compone il ristretto club di talenti. Grigory Sokolov, russo di Leningrado, è la nuova, straordinaria esclusiva internazionale del Politeama di Catanzaro. Il recital del virtuoso pianista, intitolato "Le note incantate", è in programma per sabato 16 gennaio."Lo inseguivamo da quattro anni - sottolinea il direttore artistico Mario Foglietti - da quando, cioè, l’ho sentito suonare a La Coruna, in Spagna, in compagnia di Domenico Codispoti. Sokolov mi ha letteralmente stregato. Dopo Zimmermann, il Politeama, nel giro di pochi anni, si è assicurato un altro dei componenti del "club dei cinque" . Il repertorio di Grigory Sokolov e’ particolarmente ampio e va da Bach a Beethoven, da Brahms a Chopin, da Schubert a Scriabin, da Prokofiev a Rachmaninov e Tchaikovksy. " Perdere un suo ascolto - ha scritto un’autorevole critico - significa privarsi di qualcosa di ormai molto raro nel panorama concertistico mondiale". Al Politeama di Catanzaro - unica tappa al sud Italia - il Maestro suonerà un programma ideato in esclusiva. I suoi recital ricevono ovunque trionfali accoglienze. La critica esalta la serietà e la profondità del suo pensiero musicale unitamente all’originalità interpretativa e all’infinito dominio tecnico. Nato a Leningrado, Grigory Sokolov ha intrapreso gli studi musicaliall’etàdi cinque anni e a sedici, ancora studente, ha raggiunto fama mondiale vincendo il Primo Premio al Concorso Tchaikovsky di Mosca. Tutti coloro che ebbero l’occasione di ascoltare Grigory Soko-

Il repertorio dell’artista è ampio e va da Bach a Beethoven, da Brahms a Chopin, da Schubert a Scriabin, da Prokofiev a Rachmaninov Nella foto, il pianista russo Grigory Sokolov

lov all’inizio della carriera ricordano la maturità delle sue esecuzioni e l’incredibile forza del suo pianismo. Il suo repertorio è stato fin dagli esordi particolarmente ampio e spesso il pubblico ha avuto modo di ascoltarlo in programmi che ai grandi classici affiancavano autori talvolta inusuali del repertorio clavicembalistico e del XX secolo. In 40 anni di carriera Grigory Sokolov ha suonato nelle più importanti sale da concerto del mondo e ha collaborato con più di duecento direttori tra cui Myung-Whung Chung, Valery Gergiev, Neeme Järvi, Sakari Oramo, Trevor Pinnock, Andrew Litton, Walter Weller, Moshe Atzmon, Herbert Blomstedt e molti altri. Benché l’attività con orchestra negli ultimi anni abbia avuto un ruolo sempre più marginale, Grigory Sokolov ha comunque trovato spazio per collaborazioni con importanti orchestre quali la Philharmonia di Londra, il Concertgebouw di Amsterdam, i Münchner Philharmoniker, la New York Philharmonic, la Montreal Symphony, l’Orchestra del Teatro alla Scala e le Filarmoniche di Mosca e di San Pietrobur-

L'incontro sulla Seconda Guerra mondiale è organizzato dall'associazione Anassilaos

go. Nella stagione 2008/09 il pubblico europeo potrà ascoltare Grigory Sokolov in recital alla Konzerthaus di Vienna, alla Philharmonie di Berlino, al Théâtre des Champs-Elyséesdi Parigi,al Concertgebouw di Amsterdam e ancora a Monaco, Amburgo, Zurigo, Madrid, Barcellona, Helsinki, Stoccolma etc. Nell’estate del 2009 suonerà al Festival di Salisburgo, al Klavier Festival Ruhr, al Festival de Colmar e al Festival de La Roque d’Anthéron.

Nato a Leningrado, ha intrapreso gli studi musicali all’età di 5 anni e a 16, ancora studente, ha raggiunto la fama mondiale

Settantesimo anniversario dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, incontro REGGIO CALABRIA - Si terrà martedì 19 gennaio 2010 alle ore 18,00 presso la Sala di San Giorgio al Corso il terzo degli incontri che la Sezione giovanile dell’Associazione Culturale Anassilaos dedica al 70° anniversario dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale (1939/1945) che il 10 giugno del 1940 vide l’ingresso nel conflitto anche dell’Italia. A relazionare, dopo i saluti del Presidente dell’Anassilaos Giovani Tito Tropea, lo storico e studioso di fatti bellici Giuseppe Marcianò che parlerà sul tema "Ottobre 1939/maggio 1940:la strana Guerra" analizzando tutti quegli eventi politici e militari che caratterizzaronoimesichevanno dalla conquista della Polonia da parte della Germania e dell’Unione Sovietica (settembre/ottobre 1939) fino all’inizio delle operazioni militari in Francia nel maggio 1940. Un periodo sostanziale di stasi delle operazioni militari tra i paesi in guerra per il quale si parlò di Sitzkrieg ("guerra seduta") o komischer Krieg ("guerra comica" o "guerra strana"). A Occidente tedeschi e francesi si fortificarono dietro le rispettive linee (Linea Maginot e Linea Sigfrido), mentre l’aviazione inglese si limitò a sganciarevolantinipropagandistici sulla Germania. In realtà non mancarono eventi bellici come l’aggressione dell’URS alla Finlandia (30 novembre), che attirarono l’attenzione delle cancellerie del continente sulla situazione della Scandinavia o scaramucce come l’incidente cosiddetto di Altmark, dal nome del vascello tedesco che

trasportava prigionieri inglesi, che il 16 febbraio del 1940 fu sequestrato dalla Royal Navy britannicainviolazionedellaneutralità della Norvegia. L’unico fronte che vide impegnati tedeschi e britannici fu quello dell’Atlantico nel quale le due flotte nemiche si affrontarono fin da subito volendo gli inglesi porre un blocco economico-commerciale alla Germania. Furono mesi anche di segreti, quanto inutili, tentativi per giungere alla pace. La strana guerra o guerra finta ebbe comunque fine con l’aggressione nazista alla Danimarca e alla Norvegia (9 novembre) che aprì la campagna militare degli alleati, soprattutto inglesi, nel paese scandinavo che, al contrario della Danimarca, tentò di resistere all’invasione e con l’attacco ai neutrali Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo del 10 maggio 1940 che apriva di fatto la campagna di Francia e l’ingresso in guerra dell’Italia, un evento al quale l’Associazione Anassilaos il prossimo 10 giugno, nel settantesimoanniversario,dedicherà un incontro specifico e ricco di particolari che servirà da approfondimento.

A relazionare, dopo i saluti del presidente dell’Anassilaos Giovani Tito Tropea, lo storico e studioso Giuseppe Marcianò


Venerdì 15 Gennaio 2010

il Domani 31

APPUNTAMENTI L’introduzione alla "Lucia di Lammermoor" è il prossimo appuntamento degli Amici dell’opera lirica

Adol, stagione 2010 Introduzione alla "Lucia di Lammermoor" a cura dell’Adol a Catanzaro • CATANZARO Premio Vivarium L’Associazioneculturale“Accademiadei Bronzi”, in collaborazione con le Edizioni Ursini di Catanzaro e Radio Squillace, promuove e organizza la 2ª edizione del premio “Vivarium”di poesia, saggistica e narrativa. La partecipazione è gratuita e il montepremi totale è di 6.000 euro. Alla sezione A, dedicata a S.S. Giovanni Paolo II, si partecipa inviando tre poesie inedite in lingua italiana, contenute nei 35 versi, di cui almeno una a tema religioso o ispirata ad argomenti di carattere sociale.Alla sezione B, dedicata a Flavio Magno Aurelio Cassiodoro (Squillace, 490 circa – Monastero di Vivarium 583 circa), si partecipa con un saggio inedito di argomento religioso,storicoosociale,oppureconuntesto inedito di narrativa (romanzo o racconti). I lavori non dovranno superare le 200cartelledattiloscritteformatoA4..Gli elaborati dovranno essere spediti in duplice copia, con firma ed indirizzo dell’autore, entro il 31 marzo 2010, unitamente alla scheda di partecipazione che potrà essere scaricata dal sito www.ursiniedizioni.it o richiesta via fax al n. 0961.782980.L’invio dei testi dovrà avvenire solo con posta prioritaria, intestando il plico a “Nuova Accademia dei Bronzi”, Via Sicilia 26 – 88100 Catanzaro. Per eventuali informazioni scrivere a premiovivarium@gmail.com. • CATANZARO Mostra di Antoni Tàpies A una settimana dall’inaugurazione, al Museo Marca è stata inaugurata nella giornatalamostradiAntoniTàpies,figura centrale nella storiadell’arte contemporaneainternazionale,chepotràessere visitate fino al 15 marzo. Cinquanta le opere esposte negli spazi del Marca, un gruppo di lavori monumentali, in gran partemai visti in Italia, focalizzati sull’indagine degli ultimi tredecenni: dipinti, sculture, muri, disegni, composizioni grafiche e libri illustrati provenienti da importanticollezionipubblicheeprivate italiane e straniere, a testimoniare la straordinaria vitalità dell’artista e l’attualità di una ricerca che ha attraversato tuttal’artedeldopoguerraponendosicome elemento di costante autocoscienza. All’inaugurazione ha partecipato, tra gli altri, Juan Manuel Bonet uno dei maggiori esperti internazionali di Antoni Tàpies, storico e critico d’arte che ha ricoperto importanti incarichi come la direzionedell’Ivam di Valencia e del Reina Sofia di Madrid. Numerosi sono stati i segnali di un interessamento e di un forte consenso a questa nuova iniziativa del Marca. Dagli articoli già apparsi su diverse riviste nazionali come Dove e Inside ai ripetuti contatti già avviati dalle maggioritestate italiane.

• CATANZARO Adol, stagione2009/2010 Adol, Amici Dell’Opera Lirica "Jussi

migliorareladizioneelapraticascenica; laureatielaureandicheaspirinoaconseguire un titolo integrativo spendibile nei curricula; giovani avviati a varie professioni per le quali sia necessario sviluppare le tecniche relazionali; docenti e persone interessate ad acquisire e sviluppare tecniche di valorizzazione dell’espressività. Le lezioni si svolgeranno in forma intensivaattraversometodologieinnovative.Ilcorsohaladuratadi15h edèarticolato in 5 lezioni di 3 h cad. Venerdì 22 gennaio, ore 16.00 - 19.00; sabato 23 gennaio, ore 10.00 - 13.00 e 16.00 19.00; domenica 24 gennaio, ore 10.00 13.00 e 16.00 - 19.00. Scadenza iscrizioni per lo stage a numero chiuso, martedì 19 gennaio (farà fede la data di registrazione). Info: 348/0980689 amfc@libero.it www.accademiachopin.it.

Bjorling" presenta il programma 2009/2010: 13 febbraio 2010, introduzione alla "Lucia di Lammermoor", pressoCircoloUnione,ore17.30;27febbraio 2010 , concerto in ricordo del Maestro Florida Cilurzo, presso Circolo Unione, ore 17.30; 27 marzo 2010, da definire; 24 aprile 2010, Grandi scene d’Opera "La pazzia" presso Circolo Unione ore 17.30; 22 maggio 2010, 2° incontro su Mozart-Da Ponte "Le Nozze di Figaro" presso Circolo Unione ore 17.30. • CHIARAVALLE Stagione teatrale L’associazione culturale Tempo Nuovo presenta la stagione teatrale 2010. Venerdì 15 gennaio , "Un ispettore in casa birling" di Jonn Boynton Priestley; regiadiGiancarloSepe,conPaoloFerrari, Andrea Giordana; sabato 6 febbraio , "Rumori fuori scena" di Michael Frayn; regia di Claudio Rombolà con la Compagnia del Grillo; sabato 27 febbraio, "Prova d’attore" da Cechov e Pirandello; regia diRemoGironeconRemoGirone;sabato 13 marzo, "La guerra spiegata ai poveri"diEnnioFlaiano;regiadi FrancescoFrangipaneconMassimilianoBenvenuto,VanessaScalera;venerdì19marzo, "Vogliamoci tanto bene" testo e regia di Carlo Buccirosso, con Carlo Buccirosso, Maria del Monte; domenica 28 marzo , "Roma ore 11" di Elio Petri; regia di Anna Damiani con Manuela Mandracchia, Mariàngeles Torres; sabato 17aprile, "Il rompiballe", di Francis Veber; regia di FrancoProcopioconlaCompagniaTempo Nuovo.

• GIOIOSA J. (Rc) “Gioiosa Città Mercato” Organizzata dall’amministrazione Comunale,assessoratoalleAttivitàProduttive e dalla Pro Loco, riapre i battenti la Fiera “Gioiosa Città Mercato”. La manifestazione è diventata una vetrina del commercio e dell’economia di Gioiosa Ionica, compresa la vasta area territorialecircostante. L’allestimento di spazi espositivi con ingresso gratuito, è previsto all’interno di una“tecnostruttura”(appositamenterealizzata), di circa mille metri quadri, capace di accogliere comodamente 2.500 persone. La struttura, fornita di energia elettrica, sarà internamente divisa con “box” assemblabiliinbasealleesigenzedeisingoli operatori ed ospiterà anche intrattenimenti musicali, performance artistiche e convegni. Parallelamente alla Fiera ci saranno opportunità di confronto su progetti, idee e prodotti innovativi delle aziende del territorio. • LAMEZIA T. (Cz) Stagione di prosa Programma Teatro comunale Politeama di Lamezia Terme, stagione di prosa 2009/2010,direzioneartisticaAngela Dal Piaz: sabato 16, domenica 17 gennaio2010, produzione Indie Occidentali srl, Col piede giusto, una commedia di

Un'immagine della città di Catanzaro

Angelo Longoni, con Amanda Sandrelli, Blas Roca Rey, Eleonora Ivone,SimoneColombari, scene Alessandra Panconi e Leonardo Conte, costumi Marco Maria della Vecchia, disegno luci Stefano Stacchini, regia Angelo Longoni; mercoledì 27, giovedì 28 gennaio 2010 , in esclusiva per la Calabria, produzioni teatrali Paolo Poli culturale con il contributo di RegioneToscanasistemaregionaledello spettacolo - Ministero per i beni e le attività culturali - direzione generale per lo spettacolo dal vivo, Sillabari, due tempi di Paolo Poli, liberamente tratti da Goffredo Parise con Paolo Poli, e con Luca Altavilla, Alfonso De Filippis, Alberto Gamberini, Giovanni Siniscalco, scene Emanuele Luzzati, costumi Santuzza CalÏ, consulenza musicale Jazqueline Perrotin, coreografie Alfonso De Filippis, regia Paolo Poli; sabato 6, domenica 7 febbraio 201 0, artisti riuniti, Il giuoco delle parti, di Luigi Pirandello con Geppy Gleijeses, Marianella Bargigli, e con Leandro Amato, Massimo Cimaglia, Antonio Ferrante, Franco Ravera, Ferruccio Ferrante, Antonella Familiari, Francesco Pupa, Francesco Sgrò,regiaElisabettaCourir.giovedì18, venerdì19febbraio2010,ilteatroEliseo - Arca Azzurra teatro - Ministero dei beni e delle attività culturali Regione Toscana - teatro comunale Niccolini - Comunedi San Casciano Val di Pesa, Le conversazioni di Anna K, liberamente ispirato a La metamorfosi di Franz Kafka, con Giuliana Lojodice, e con Massimo Salvianti,GiulianaColzi,LuciaSocci,Dimitri Frosali, Andrea Costagli, Alessio Venturini,sceneDanieleSpisa,costumiGiuliana Colzi, luci Marco Messeri, musica originale e adattamento Vanni Cassori e Jonathan Chiti, testo e regia Ugo Chiti; sabato 27, domenica 28 febbraio , nuovo allestimento, produzione teatroe società, La strana coppia, di Neil Simon, con mariangela D’Abbraccio,Elisabetta Pozzi,econSilvanaDeSantisealtri4attori, scene Alessandro Chiti, musiche DanieleD’Angelo,luciLuigiAscione,costumi Maria Rosaria Donadio, regia FrancescoTavassi.

• LAMEZIA TERME

Programma Uniter Uniter università della terza età e del tempo libero presenta il programma del XXI anno accademico novembre 2009, dicembre-gennaio2010. Programma: Gennaio 2010 , ore 17.00: mercoledì 13: prof. Giovanni Cimino, "La scelte dellanatura: la chiralità"; venerdì 15 : prof.ssa Costanza Falvo D’Urso, Storia e sentimenti nelsaggio di MarcelloSorge"EddaCianoeilcomunista" mercoledì 20 : prof. Giovanni Torchia, "Genesi di vulcani e terremoti"; venerdì 22 : dott. Paolo Macrì (FondazioneTommasoCampanellaperlaricerca e lacura dei tumori Campus Universitario"SalvatoreVenuta"diGermanetoUniversità Magna Graecia), "Terapia chirurgica e insufficienza respiratoriacronica: che impatto sulla qualità di vita?"; mercoledì 27 : dott. Salvatore Canneto, "Tra letteratura e politica:"tiranno" e"tirannide"nell’operadiVittorioAlfieri"; venerdì 29 : prof.ssa Maria Josè De Santis, "Simone Weil, umanista europea che ha difeso i bisognidell’anima, nel centenario della morte". • REGGIO CALABRIA Reggio Film Fest Il Reggio Calabria Film Fest aprirà mercoledì 3 febbraio 2010, con l’anteprima mondiale del nuovo film di Kevin Spacey, la commedia "Father of invention" con la regia di Trent Cooper. La sesta edizione del festival voluto dal Comune di Reggio Calabria ed organizzato dalla Minerva Pictures, diretta da Gianluca Curti, si terrà dal 3 al 6 febbraio 2010 . • SELLIA MARINA (Cz) L’AccademiaMusicaleFryderykChopin diSelliaMarinadirettadalMaestroElviraMirabelliorganizzapressol’Hotel106 nei giorni 22 e 23 e 24 gennaio 2010 lo stage di comunicazione scenica tenuto daFiorettaMariattriceedocentedirecitazione di Amici di Maria De Filippi assiemeaGennaroColangelodocenteuniversitario e direttore artistico di eventi. Lo stage è rivolto a: attori, cantanti, danzatori e artisti vari che necessitanodi rafforzare la comunicazione espressiva e

• SOVERATO (Cz) "Incontriamocia teatro" “IncontriAmOci a teatro” è il titolo della rassegna 2009/2010 del “Teatro comunale di Soverato”, diretta da Gregorio Calabretta. Di seguito il programmacompleto delle due rassegne: il 18 gennaio , “Uomo e galantuomo" con FrancescoPaolantoni,ore21.00;11gennaio, “Tradimenti” con Nicoletta Braschi, ore 21.00;5febbraio,“L’ebreo”conOrnella Muti e PinoQuartullo, ore 21.00; 11 febbraio, “Fiore dicatus” con Eleonora Giorgi, ore 21.00; 22 febbraio , “Vogliamoci tanto bene” con Carlo Buccirosso, ore 21.00; 3 marzo , “Dal Derby al Nuovo” con TeoTeocoli, ore 21.00; 12 marzo,“LeNozzediFigaro”diGregorio Calabretta,ore21.00;19marzo,“Ciaksi suona” del Classic Movies Quartet con KatiaRicciarelli,ore21.00.Primipassia teatro: 23 gennaio , Don Chisciotte, ore 18.30; 13 febbraio , Odissea, ore 18.30; 13marzo , La favola dell’amore, ore 18.30; 17 aprile, Il magodi OZ, ore 18.30. • TAVERNA (CZ) Mostra di pittura Sarà visitabile fino all’11 aprile 2010 la grande mostra “Cavalieri, dai templari a Napoleone” allestita a cura di Alessandro Barberio e Andrea Merlotti, nella monumentale reggia di Venaria Reale (Torino), alla quale è stato prestato dal MuseoCivicodiTaverna,inaccordocon l’Amministrazione Comunale e la competenteSoprintendenzadellaCalabria,il capolavoro di Mattia Preti raffigurante “La Predica di S. Giovanni Battista" con l’Autoritratto dell’Artista”. Il prestito, curatodaldirettoredelmuseoprof.Giuseppe Valentino che ha inoltre redatto la scheda per il catalogo pubblicato da Electa, pone il Cavalier Calabrese, assieme ad autori quali Rubens, Tiziano e Goya, tra i più importanti protagonisti della storia dell’arte europea. La mostra racconta le vicende degli ordini cavallereschi, dai Templari e Teutonici fino agli ordini di merito, in un viaggio che dal medioevo all’illuminismo è ripercorribile nelle nuove Sale delle Arti.



il domani