Issuu on Google+

Martedì 14 Settembre 2010

Anno XIII - Numero 252

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

POLITICA

SCUOLA

Berlusconi conferma: no alle elezioni, avanti fino al 2013

LE GIOIE

Scopelliti inaugura l’anno scolastico Dice: «Insieme ce la possiamo fare»

a pag » 15

Di Anas, stradale e benzinai: come scoprire perché ti piace la Calabria

a pag » 6

di Carlo Bassi a pag » 2

Un importante passo avanti verso una democratica chiarezza che metta tutti al riparo dai sospetti

Trasparenza sui patrimoni degli eletti

Conforta il dato che la decisione è stata presa dal Consiglio regionale all’unanimità L’INTERVENTO

Indignati dalle parole di Brunetta e Tremonti

E, a dimostrazione del fatto che la nuova amministrazione calabrese è decisa a diventare inglese, viene annunciata anche l’introduzione del "question time", come alla Camera dei comuni... di Carmela Mirarchi a pag » 4

PRIMO GIORNO DI SCUOLA

FISCO Nuove regole per agenti e mediatori

di Annamaria Principe Generazione Italia Presidente circoli tematici

A distanza di pochi giorni dalla conferenza stampa di Catanzaro, durante la quale l’onorevole Angela Napoli, coordinatrice regionale di Generazione Italia, ha presentato i circoli tematici regionali "Legalità, Sicurezza e Immigrazione" e "Lavoro e Impresa", alla presenza dei rispettivi responsabili Vincenzo Albanese e Annamaria Principe, mi sento in dovere, anche nella mia qualità di responsabile regionale dei circoli tematici - che fanno capo direttamente alla coordinatrice regionale onorevole Angela Napoli -, di fare alcune considerazioni in merito alle affermazioni dei ministri Renato Brunetta e Giulio Tremonti. Sono indignata che due ministri si siano potuti esprimere in maniera così grave, superficiale e offensiva nei confronti della Calabria.

IL COMMENTO

Manifestazioni contro il ministro Gelmini ROMA -Manifestazioni anche folcloristiche contro il Ministro e la sua riforma, nonché per i precari. Ma Mariastella Gelmini replica serena: è sempre così da anni, quale che sia il colore del Governo, ma capisco chi protesta. E intanto promette: 230mila precari riassorbiti entro 7-8 anni.Proteste e dimostrazioni anche in Calabria. L’articolo a pagina 14

Caro Renato chiedi scusa ai calabresi e al Pdl di Francesco Nucara

È stato pubblicato sulla G.U. del 4 settembre 2010 n. 207, il Decreto Legislativo n. 141 del 13/08/2010 con il quale vengono recepite le tutele europee per i finanziamenti collegati all’acquisto di beni e servizi. In pratica con tale Decreto viene attuata la direttiva europea sul credito al consumo (direttiva 2008/48/Ce). Il nuovo provvedimento, entrerà in vigore il 19 settembre 2010 e detterà trale altre, nuove regole sull’ esercizio delle professioni di agente e mediatore creditizio. In particolare con il nuovo provvedimento viene stabilita l’incompatibilità della figura professionale dell’agente con quella del mediatore, e il potere di vigilanza e controllo spetterà alla Banca d’Italia. a pag » 10

Segretario nazionale del Partito repubblicano

Caro Renato, sei un ottimo ministro della Repubblica. Stai facendo un buon lavoro per modernizzare la struttura della pubblica amministrazione. Quando però dici che Napoli, Caserta e la Calabria sono il cancro dell’Italia, dimostri di essere andato oltre la soglia della crisi di nervi, per sprofondare in un abisso senza ritorno. Caro Ministro, ti consigliamo di fermarti un attimo, prima di parlare del Mezzogiorno. Anche Salvemini parlava dei ’cafoni’ meridionali. In quelle parole non c’era traccia di razzismo, ma la partecipazione sentita a un dramma nazionale. Tu, caro Renato, invece, semplifichi tutto. Dimentichi la storia recente e passata. Scimmiotti Umberto Bossi, forse nel tentativo di riconquistare quel primato che i veneziani Ti hanno recentemente negato, nella Tua candidatura a sindaco della città. Ma soprattutto dimentichi che il Tuo partito di riferimento non è la Lega, ma il Pdl. Ed il Pdl può ancora svolgere una funzione di carattere nazionale, solo perché quel "cancro" ha votato in massa per Silvio Berlusconi, nella speranza di un riscatto politico e sociale che tarda a manifestarsi. Basterebbero queste considerazioni per rimettere a posto le cose e dare a Cesare quel che è di Cesare. Vorremmo ricordare che quella Mestre di cui il Ministro è tanto fiero è cresciuta grazie al lavoro di migliaia di immigrati meridionali che hanno lavoratosodo,accontentandosi,per anni, di un pugno di lenticchie. Solo per questo meriterebbero più rispetto. Caro Renato ripensaci e chiedi scusa non solo ai calabresi ma a tutti i meridionali.


2

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI IL COMMENTO di Annamaria Principe Indignati dalle parole di Brunetta e Tremonti E del mondo del lavoro. Il ministro Brunetta gode di ampio credito presso il Presidente del Consiglio e, con le sue parole, tradisce quale sia, non solo il proprio, ma anche il reale convincimento di gran parte della compagine governativa che, se ci fosse ancora bisogno di conferme, considera il Meridione e la Calabria come regioni da abbandonare al proprio destino e da cancellare dallo scenario economico nazionale. Il ministro Brunetta non è persona di secondo piano, almeno nel contesto in cui opera, e non può disconoscere l’enorme contributo che il Meridione ha dato per la crescita della nazione e, in particolare, delle aree industrializzate del nord; oggi, mentre è in corso il processo di attuazione del federalismo fiscale, le sue parole destano inquietudine e dovrebbero indurre, nell’intera classe politica calabrese di qualsiasi colore politico, un sussulto di orgoglio e di ribellione. Altrettanto grave è stata l’affermazione del ministro Tremonti in

STUDENTI& INSEGNANTI

merito alla legge 626 sulla sicurezza nei posti di lavoro. Per il titolare del dicastero dell’economia la legge 626 sarebbe «un lusso che non possiamo permetterci» perché diminuisce la competitività delle imprese. Il messaggio che passa è quello di una diminuzione degli standard di sicurezza a scapito della incolumità e della vita stessa dei lavoratori. Proprio in questi giorni in cui, ancora una volta, degli onesti lavoratori hanno dato il loro ulteriore contributo di sangue alla competitività di alcuni imprenditori, le parole del ministro Tremonti appaiono preoccupanti in quanto dimostrano che egli non ritiene una priorità l’esigenza sociale di tutelare la vita umana garantendo ambienti di lavoro integri e conformi alle normative vigenti. I circoli tematici regionali "Lavoro e Impresa", "Legalità, Sicurezza e Immigrazione", "Giustizia", "Professionisti", "Ambiente". "Agricoltura" e "Riforme

di Oriana Tavano

Da Messina a Cosenza grande mobilitazione Pochi giorni dopo le prime campanelle che segnano l’inizio del nuovo anno scolastico, ha preso il via ieri la grande mobilitazione regionale del mondo della scuola calabrese davanti alla sede della Prefettura di Cosenza. Dopo il sit-in dei precari della scuola e del Movimento Diritti Civili di Franco Corbelli, mercoledì scorso davanti alla sede Rai calabrese a Cosenza, i lavoratori del settore hanno concordato una serie di iniziative comuni per portare avanti quella che Corbelli ha definito «una giusta e sacrosanta battaglia civile e sociale ». Intanto va avanti lo sciopero della fame dei precari, due di loro lo fanno a tempo indeterminato, tutti gli altri a rotazione per un giorno. Anche Corbelli farà lo sciopero della fame per un giorno. Mentre a Messina ha attirato l’attenzione di tutto il Paese la manifestazione promossa dai precari di Agrigento e sostenuta da alcuni sindacati e politici, chev ha lo scopo di creare "un ponte per la scuola" con un chiaro riferimento al progetto di costruzionedel Ponte che dovrebbe riunire la sponda sicula alla Calabria. "Invadiamo lo Stretto", questo lo slogan dell’iniziativa. L’appuntamento per circa 1500 persone, giunte da tutta la Sicilia e dalle città del sud, a Piazza Cairoli, il salotto buono della città sicula ha dimostrato che nessuno intende mollare.

Istituzionali", coordinati dall’onorevole Napoli anche come parlamentare di Futuro e Libertà per l’Italia con determinazione metteranno in atto azioni di forte contra-

sto avverso tali deleteri e discriminanti convincimenti, ancora più allarmanti in quanto appartengono ad uomini di governo.

Vincenzo Albanese, Angela Napoli, Annamaria Principe

Di Anas, stradale e benzinai: come scoprire perché ti piace la Calabria Forse troverete strano che il vostro indignato speciale dedichi spazio ad un episodio sul quale non solo non c’è da indignarsi, ma, al contrario solo compiacersi. Mi costa anche un po’ di fatica perché , avendo fatto male i calcoli, dopo Rende sulla A3 a salire, ho clamorosamente mancato l’appuntamento con l’area di Tarsia per una questione di due chilometri e mezzo. Punizione sufficiente in questi casi è il senso di coglionaggine e agitazione. Elegante tanichetta rossa alla mano non hai nemmeno il tempo di metterti in cammino che accosta la stradale. Gentilissima ti offre uno strappo ma avverte: al ritorno non potrai girare con la benzina in mano, è vietato. Saluti con gratitudine, e secondo miracolo calabrese: il benzi-

naio suggerisce di farti dare uno strappo dal giovane di bottega del meccanico. Dopo nemmeno 15 minuti sono di nuovo in piazzola, Terzo miracolo: sul posto trovo una squadra di emergenza Anas di Cosenza Nord: il capo cantoniere Antonio De Lio, con Salvatore Cariati, Francesco Domma, Salvatore Genzano e Renato Falsetta mi stavano cercando lungo la scarpata e facendo la guardia all’auto che nella fretta avevo lasciato aperta con dentro due computer e altre cosette. Io sarò anche un cretino. Ma è un lusso che ti puoi permettere quando incontri gente tanto civile e tanto gentile.

Carlo Bassi


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani

3

PRIMO PIANO

Salone della Casa, successo per le aziende calabresi

di Gino Marra CATANZARO - L’Assessore alle Attività Produttive Antonio Caridi si è detto soddisfatto, a conclusione dell’edizione 2010 di Macef Autunno (salone internazionale della Casa) che si è conclusa a Milano, per il lavoro fatto ed il successo registrato dalle aziende calabresi. «Un lavoro - ha detto l’assessore regionale alle Attività produttive, Caridi - che ha pro-

dotto la realizzazione del padiglione "Calabria" all’interno del quale hanno trovato spazio ben trenta aziende dei diversi settori produttivi, che hanno potuto presentare al meglio, in una cornice di alta qualità, la loro produzione. In questa ottica - ha continuato Antonio Caridi - va valutato l’impegno dell’Assessorato che ha inteso valorizzare l’immenso patrimonio di risorse ambientali, culturali e professionali di cui è ricca la Calabria».

Caridi: il Macef ha rappresentato un primo passo di aggregazione dell’offerta commerciale calabrese che esprime la volontà di un impegno più ampio

Allo stesso tempo, l’Assessore ha manifestato la piena soddisfazione per l’apprezzamento pubblicamenteesternatodalleAssociazioni di categoria maggiormenterappresentativedelmondo produttivo. Alla manifestazione sono stati presenti circa 1.600 espositori provenienti da tutto il mondo, con un 12,5% di "new entry" e ritorni di prestigio nei settori della Decorazione, della Tavola e del Regalo ed ancora circa 1.200 operatori professionali (buyer) provenienti da oltre venti Paesi, tra cui Usa, Germania, Gran Bretagna, Francia. Un’edizione ricca ed accurata in cui la Calabria si è ritagliata spazi assolutamente significativi, cogliendo anche risultati concreti ed immediati con la creazione di una vera e propria rete di contatti e l’acquisizione di un interessante numero di ordini. Secondo l’Assessore Caridi:«Unodegliobiettiviprincipali della scelta della Regione di presentare la propria offerta in un unico padiglione, riguardante l’artigianato artistico di qualità e del comparto dell’oggettistica, è stato dettato dalla necessità di ottimizzare le risorse e rendere maggiormente univoca l’offerta delle produzione regionale. Il "Macef", di fatto,- ha proseguito l’assessore regionale calabrese rappresenta un’opportunità unica di visibilità e di contatto con il mercato nazionale ed estero, e questo ha spinto ad una rifles-

sione sull’offerta che le aziende Calabresi possono presentare all’interno di una fiera di queste dimensioni e più in generale ad un mercato che si presenta sempre più globalizzato e pieno di sfide che le imprese, da sole, non potrebbero affrontare». Sono, queste, le motivazioni di fondo che hanno indotto la Regione, secondo Caridi, ad accogliere l’invito ad essere tra i protagonisti di un’esperienza che rientra nel novero di iniziative volte a superare la crisi, puntando sulle risorse strategiche del nostro Paese. «Per questa ragione - ha proseguitp l’Assessore - si è inteso promuovere una partecipazione associata, da parte della Regione Calabria, mediante l’impegno coordinato delle cinque Camere di Commercio e del Coser Calabria, per presentare un’offerta unitaria delle eccellenze produttive calabresi. La fiera del Macef ha, dunque, rappresentato - ha concluso - un primo passo di aggregazione dell’offerta commerciale calabrese che esprime la volontà e la necessità di un impegno più ampio che dovrà servire a canalizzare verso un’unica direzione, orientata alla crescita della nostra imprenditoria, le enormi potenzialità di competenza e capacità dei calabresi per raggiungere quegli standard di sviluppo che sono confacenti alla storia, alla cultura ed alle tradizioni della nostra Regione».


4

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

PRIMO PIANO

Sì alla legge sulla pubblicità dei patrimoni dei consiglieri

di Carmela Mirarchi REGGIOCALABRIA-IlConsiglio regionale ha approvato all’unanimità e senza far registrare interventi, una proposta di legge sottoscritta dal presidente del consiglio, Francesco Talarico, e dai consiglieri Bova (Misto), Fedele (Pdl), De Gaetano (Federazione della sinistra), Ciconte (Autonomia e diritti), Bilardi (Scopelliti presidente), Principe

(Pd) e Giordano (IdV), che ha per finalità «le modalità intese ad assicurare la pubblicità della situazionepatrimonialeetributaria di consiglieri regionali, assessori esterni, sottosegretari regionali, rappresentati di nomina delConsiglio regionale in vari enti». Tra le indicazioni previste dalla normativa, che, come ha affermato il presidente del Consiglio Francesco Talarico, «innova le disposizione della legge 5 luglio del 1982, n.441» la comunicazione

da parte dei soggetti interessati, "entro tre mesi dalla proclamazione o dalla nomina", di una dichiarazione, fra l’altro, "concernenti i diritti reali sui beni mobili ed immobili iscritti in pubblici registri; le azioni di società; le quote di partecipazione in società", con l’apposizione della formula "sul mio onore affermo che la dichiarazione corrisponde al vero". In caso di inadempimenti, la legge prevede che il presidente del

Consiglio o il presidente della Giuntadiffidinol’interessato,sino a rendere nota la diffida pubblicandola sui Bollettini Ufficiali. Inoltre, il presidente Francesco Talarico ha annunciato all’Aula l’introduzione sin dalla prossima seduta consiliare, prevista per il 28 settembre, del question time. «Una novità assoluta - ha detto Talarico - nelle procedure istituzionali del Consiglio regionale, che andrà comunque regolata nel corso di un’apposita riunione dei presidenti di gruppo», Il Consiglio regionale ha poi approvato all’unanimità una mozione presentata unanimemente da vari consiglieri con cui si chiede il riconoscimento dello stato di calamità per la città di Reggio Calabria duramente colpita da un recente nubifragio. Il Consiglio, su proposta del capogruppo del Pdl, Luigi Fedele, infine, ha deciso di demandare al presidente Francesco Talarico l’attivazione dei poteri sostitutivi per le nomine in scadenza negli enti sub regionali di competenza di Palazzo Campanella. Proprio sulla questione delle nomine è intervenuto ieri il commissario regionale del Pd, Musi. «Organi di stampa danno per assunte decisioni relative all’indicazione di nominativi destinati a incarichi di pertinenza del Consiglio regionale. Si tratta - ha continuato Musi - rispetto a quanto emerso dalla riunione dei capi-

gruppo d’opposizione e come mi comunica il capogruppo del partito, Sandro Principe, di notizie infondate». Ha precisato Adriano Musi, che ha aggiunto: «In ogni caso tra deroghe, mancate scelte ed assenze si consentono solo furbizie di cui occorre chiedere conto a coloro che a questa condizione ci hanno portato. Tentare di addossare la colpa di questa si-

Il presidente Talarico ha annunciato all’Aula l’introduzione del question time. Una novità nelle procedure istituzionali tuazione ad una sola persona - ha aggiunto Musi - presentandola come la riduzione del ruolo di un’area culturale è ricercare comode vie di fuga che non rispettano l’intelligenza di chi legge. I problemi di un partito - ha dichiarato ancora Musi - non si risolvono scappando dalle responsabilità o lasciando il potere decisionale in mano a pochi. Noi andiamo avanti, ragionando - ha concluso il commissario del Pd sul perché di una situazione che responsabilizza tutti e non assolve nessuno».


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani

5

PRIMO PIANO

La denuncia del senatore Musi, commissario del Pd in Calabria: servono più servizi

«La Regione taglia la sanità ma aumenta i costi della politica» di Anna Bolle CATANZARO - «Il Pd è solidale con le popolazioni calabresi preoccupate, come sta avvenendo nella cittadina di Cariati e del suo hinterland, per le ricadute del nuovo piano di rientro del deficit sanitario che la Giunta regionale sottoporrà al Governo nei prossimi giorni». Lo ha dichiarato ieri il sen. Adriano Musi, commissario regionale del Pd, che ha aggiunto: «Siamo consapevoli che la situazione è complessa eche le misure da attivare sono ormai una necessità. In questi giorni - ha sottolineato - è bastata qualche indiscrezione sulle scelte del governo

regionale per creare tensioni e azioni eclatanti nei diversi territori calabresi, preoccupati per le sorti dei presidi ospedalieri di riferimento. Il piano dovrà produrre servizi efficienti eliminando gli sprechi, per il rilancio del sistema sanitario calabrese. Ma per fare ciò - ha continuato - c’è bisogno di un approccio vincolato all’assunzione di parametri e criteri universali sull’intero territorio calabrese, senza privilegi e senza mortificazioni. Non è perseguibile una politica fondata sulla logica di due tempi, intervenendo solo sul pubblico rinviando il resto a data da destinarsi, ne è possibile

piegare il diritto alla salute a criteri di contabilità. E c’è bisogno di un rapporto autorevole nei confronti del Governo centrale che deve garantire alla Calabria le risorse necessarie al risanamento del sistema sanitario. Questo implica una gestione oculata delle risorse economiche della Regione. L’aumento dei costi delle strutture del Consiglio regionale, di cui si apprende in questi giorni, - ha fatto rilevare Musi - non va però in questa direzione. Quindi - ha concluso chiediamo che la Regione destini meno soldi alla politica e più risorse ai servizi sanitari».

Parisi, segretario sindacato dei giornalisti: intimidazioni, smascherare i soliti ignoti REGGIO CALABRIA - «In una regione come la Calabria, dove le buste contenenti proiettili e lettere minatorie sono, ormai, all’ordine del giorno in tutte le categorie sociali e professionali, si rischia di far cadere l’attenzione sul grave ed effettivo rischio che molti giornalisti corrono, quotidianamente, nello svolgere il mestiere di cronisti». A sostenerlo è Carlo Parisi, segretario del Sindacato dei giornalisti della Calabria, in merito alle intimidazioni subite da numerosi giornalisti. «In Parisi su Brunetta: una situazione simile, purtroppo, solidarietà, frasi da bar dello sport non marce, manifestazioni e dovrebbero essere girotondi - ha aggiunto servono a poco. Finipronunciate da un ministro scono infatti per fare il cui stanno veramente a cuore gioco sia di chi vuole alimentare il clima di terrole sorti del nostro Paese re e la cultura del sospetto, sia di chi costruisce le proprie fortune, economiche e professionali, grazie al professionismo dell’antimafia. Il caso Terry Jones - ha sostenuto Parisi - dovrebbe averci insegnato qualcosa. A volte, amplificare certe notizie serve solo a portare alla ribalta pazzi esaltati come il pastore americano o, come nel caso del "tormentone" minacce in

Calabria, a far credere a chi le manda che basta una cartolina per fermare la libertà di stampa. Lo abbiamo detto al prefetto di Reggio Calabria, Luigi Varratta, ed capo della Polizia, Antonio Manganelli. Lo ribadiamo adesso. Non smascherare i soliti ignoti rischia di rendere indefinibile il confine tra minacce e folklore. Nei giorni scorsi - ha proseguito Parisi del sindacato dei giornalisti - il governatore della Calabria ha annunciato il proposito del ministro della Difesa di inviare l’esercito a Reggio Calabria. Alla Calabria non servono migliaia di soldati ma qualche investigatore in più. Se il Governo tiene effettivamente alla Calabria - ha concluso Parisi - mandi più investigatori e magistrati. E, soprattutto, ricordi a Renato Brunetta che è ministro di una Repubblica che comprende anche quella Calabria che, più di tante altre regioni, ha contribuito a farlo accomodare sulla sedia che occupa. Frasi da bar dello sport non dovrebbero essere pronunciate da un ministro cui stanno veramente a cuore le sorti del nostro Paese. La sola, bizzarra, ipotesi di pensare ad un’Italia senza la Calabria fa soltanto il gioco di chi, come la ’ndrangheta, finora ci ha marciato grazie alle colpevoli connivenze di importanti pezzi dello Stato».


6

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

PRIMO PIANO

I Verdi: destinare ai precari i fondi per il Ponte sullo Stretto di Messina CATANZARO - «I Verdi sono con i precari della scuola che domenica hanno manifestato sullo Stretto di Messina: la scure della Gelmini è un vero e proprio atto di violenza. Il governo sa perfettamente che i precari, negli ultimi anni,hanno portato avanti l’istruzione pubblica e che senza di loroil mondo della scuola pubblica avrebbe subito il collasso e la paralisi». Lo dichiara il Presi-

dente nazionale dei Verdi Angelo Bonelli che aggiunge: «Gli otto miliardi di euro destinati al Ponte sullo Stretto di Messina, un’opera inutile e un regalo per le lobbies del cemento siano destinate alle vere priorità del Paese, a partire dalla scuola e dai tanti precari a cui il governo Berlusconi sta rubando il futuro: il Ponte non è una priorità mentre il futuro di centinaia di migliaia di inse-

gnanti a cui è stato dato un irresponsabile ben servitosi. Noi Verdi siamo solidali con tutti i precari che stanno dando vita ad azioni di lotta e a scioperi della fame contro questi tagli indiscriminati - conclude Bonelli -. Il tagli della Gelmini e di Tremonti rischiano di compromettere il servizio dell’istruzione pubblica. Ogni giorno che passa il governo Berlusconi fa arretrare il Paese».

In tanti hanno preso parte alla manifestazione a Rosarno. La dichiarazione del presidente della Regione: da qui parte un grande messaggio di accoglienza

Scopelliti inaugura l’anno scolastico «Insieme noi ce la possiamo fare» di Carmela Mirarchi ROSARNO - E’ iniziata puntuale la manifestazione per l’apertura ufficiale dell’anno scolastico in Calabria presso il liceo Piria di Rosarno. Numerose le autorità presenti, dal prefetto di Reggio Calabria Luigi Varratta all’assessore provinciale alle politiche sociali Attilio Tucci e poi l’assessore regionale Caligiuri, il presidente Scopelliti, il procuratore generale dellaRepubblicadiReggioCalabria Di Landro, il vescovo di Locri Gerace Fiorini Morosini. «Benvenuti nella città non della videosorveglianza ma nella città della cultura», così ha salutato gli ospiti il dirigente scolastico del liceo Piria di Rosarno Mariella Russo ricordando che Rosarno non è la città del male ma la città dove si fa cultura e si educano le coscienze. E’ stata condizionata dalla pioggia che è arrivata all’improvviso lamanifestazioneregionaleindetta in occasione dell’apertura dell’anno scolastico a Rosarno davanti al liceo scientifico Piria. Il presidente della Giunta regionale Giuseppe Scopelliti, dopo avere

ringraziato il direttore dell’Ufficio scolastico regionale per aver scelto Rosarno come sede della manifestazione ha detto che «da qui parte un grande messaggio di accoglienza a tutta la Calabria e al resto del Paese. Da qui la scuola insieme alla Regione - ha aggiunto Scopelliti - investe sulla legalità e sulla integrazione». Il governatore ha salutato il procuratore generale di Reggio Calabria, Salvatore Di Landro

evidenziando che «scuola e istituzioni devono fare squadra perché sennò non si cresce tutti insieme. Se non facciamo rete - ha detto rallentiamo i processi di crescita sociali e culturali della regione. La scuola assolve un ruolo importante di aggregazione e di crescita ma noi abbiamo anche fatto qualcosa in questa direzione, noi siamo stati la prima Regione che ha cercato di dare delle risposte ai precari della scuola» ricordando il protocollo d’intesa che ha sottoscritto con il ministro Gelmini. Scopelliti ha rivolto un saluto ai ragazzi delle varie delegazioni delle scuole calabresi giunti a Rosarno, ricordando loro che non è facile effettuare il cambiamento spronandoli a lavorare insieme «perché insieme - ha detto - ce la possiamo fare». Il procuratore Di Landro, nel suo intervento, ha ricordato che le proprie origini familiari affondano nel mondo della scuola dal momento che i propri genitori eranoinsegnanti.L’altomagistrato ha invitato alunni e docenti ad investire sulla legalità. Sulla stessa linea il prefetto di Reggio Calabria Luigi Varratta il quale ha ricordato che tra poco Rosarno tornerà alle urne (ricordiamo che le elezioni amministrative sono state indette da Maroni per il prossimo 28 e 29 novembre). «Occorre puntare sulla scuola ha detto Varratta - e spero che Rosarno dopo i fatti di gennaio scorso si metta alle spalle un periodo nero anche se non ho mai creduto che la gente di Rosarno sia xenofoba e intollerante». «Oggi è un giorno ricco di significati ha detto l’assessore regionale regionale alla Pubblica istruzione, Mario Caligiuri - perché riconferma la centralità della scuola nella politica regionale. Oggi è significativo che insieme scuola e istituzioni investano sulla legalità e sulla integrazione interrazziale». A conclusione della manifestazione il vescovo di Locri mons. Giuseppe Fiorini Morosini che ha impartito la benedizione

Mercurio, dirigente Usr : Rosarno e la Calabria ripartono dalla scuola ROSARNO - «Rosarno e la Calabria ripartono dalla scuola. Da sei anni abbiamo istituzionalizzato questa festa dell’inizio dell’anno scolastico e quest’anno per la prima volta abbiamo avuto la presenza dei vertici della Regione Calabria,

«Alla scuola spetta un processo di educazione che sviluppi la diversità, la tolleranza, la difesa dei diritti umani. Lavoriamo per evitare che diventi simbolo di strumentalizzazione politica» una presenza significativa». Lo ha detto Francesco Mercurio, dirigente dell’Ufficio scolastico regionale all’apertura dell’anno scolastico a Rosarno ieri mattina. «Alla scuola spetta un processo di educazione che sviluppi la diversità, la tolle-

ranza, la difesa dei diritti umani e la giustizia - ha detto Mercurio. Lavoriamo per evitare che la scuola diventi anche un simbolo di strumentalizzazione politica». Mercurio ha ricordato le priorità che la scuola calabrese

ha davanti che riguardano l’edilizia scolastica, la sicurezza e i trasporti e ha chiesto l’intervento dell’assessore regionale ai trasporti per risolvere i problemi dei collegamenti con le scuole. Ha mandato un messaggio ai 40 mila operatoridellascuolainCalabria e ai 360 mila studenti. «Lavoriamo - ha detto il dirigente dell’Ufficio scolastico regionale - perché la scuola non diventi un progettificio e soprattutto lavoriamo perché la scuola diventi una vera agenzia culturale che educhi i ragazzi ad un nuovo percorso di vita». Ha ricordato infine coloro che per effetto del ridimensionamento scolastico quest’anno sono rimasti fuori dall’attività scolastica ed è scattato un applauso da parte di tutti. cm


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani

7

PRIMO PIANO

Sel: la difesa della scuola pubblica è una lotta di tutta la società CATANZARO - Sinistra Ecologia Libertà ritiene «la scuola pubblica fattore fondamentale per lo sviluppo culturale ed economico del Paese, ora messa a rischio per i tagli indiscriminati del Governo Berlusconi che vanno a colpire la qualità del sistema scolastico e il diritto al lavoro di migliaia di docenti precari. Il ministro Gelmini - continus - chiama tutto questo "riforma epocale" «La Gelmini rifiuta il ma di epocale c’è solo il depauperamento della scuola confronto con coloro pubblica. Il ministro Gelmini nega l’evidenza dei che manifestano dati come l’aumento degli la loro drammatica alunni e la corrispondente diminuzione dei docenti e situazione mettendo a del tempo scolastico. Il mirischio la salute» nistro Gelmini rifiuta il confronto con i lavoratori della scuola che stanno manifestando la loro drammatica situazione

Musi, commissario del Pd, dopo le dichiarazioni del Ministro: l’atteggiamento del governo nei confronti del sud è di disprezzo

«Brunetta e la Gelmini sono i nemici del Mezzogiorno» di Carmelo Morise CATANZARO - «L’atteggiamento tenuto dal governo nei confronti del Mezzogiorno è di totale disprezzo. Lo dimostrano l’abbandono della scuola pubblica, con il licenziamento in tronco di centinaia di precari calabresi e siciliani, costretti a protestare sulle due sponde dello Stretto, e le vergognose dichiarazioni del ministro Renato Brunetta, un uomo non all’altezza dei suoi compiti e delle sue responsabilità, che considera Calabria e Campania non due regioni dalle grandi potenzialità inespress, bensì un cancro sociale da estirpare, offendendo così alcuni milioni di cittadini italiani». Lo afferma il senatore Adriano Musi, commissario del Pd in Calabria. «Gelmini e Brunetta dice Musi - saranno ricordati come i peggiori ministri della storia repubblicana. La prima attua politiche di ridimensionamento che colpiscono il sistema scolastico proprio in quelle regioni dove maggiormente si dovrebbe puntare sull’educazione e la cultura come elemento di contrasto all’il-

legalità; il secondo si esprime con frasi indegne di un ministro della Repubblica. Brunetta - dice Musi - dovrebbe dimettersi e ritirarsi nella sua regione. Le parole del ministro della Funzione Pubblica ben sintetizzano - sottolinea - il pregiudizio di cui è impregnata la politica di questo governo, che sottrae risorse al Mezzogiorno e se ne compiace, abbandonandosi a frasi che tendono a liquidare semplicisticamente una grande questione irrisolta. Del resto, continua - non c’è altro da aspettarsi da un governo che da tempo ha dichiarato guerra alla cultura ed alla scuola pubblica, distiguendosi per un disinteresse manifesto verso ogni tipo di servizio pubbli-

«I ministri Gelmini e Brunetta saranno ricordati come i peggiori ministri della storia repubblicana»

co. A Gelmini e Brunetta chiediamo di attivarsi presso il ministro dell’Economia affinchè - aggiunge il parlamentare del Pd dopo la Guardia di Finanza, mandi in Calabria ed anche in Campania le risorse di cui sono state private con la revoca dei fondi Fas e garantisca i mezzi necessari per supportare il lavoro della magistratura antimafia ed i soldi occorrenti ai fini di un sistema scolastico efficiente, rispondendo alle legittime aspettative dei precari ai quali - conclude - esprimiamo la nostra solidarietà». Sulle dichiarazioni di Brunetta è intervenuto anche il capogruppo dell’Udc alla Regione, Pasquale Tripodi: «Non è certamente ragionando con i se che si può costruire qualcosa e, al tempo stesso, non è nemmeno bello né da stimolo per i calabresi sentirsi considerare quasi un male da estirpare a vantaggio dell’intero Paese. Al posto del Ministro Brunetta - conclude Tripodi - avrei, piuttosto, segnalato il percorso positivo, all’insegna del cambiamento, della trasparenza e del coraggio avviato dal Governo Scopelliti».

mettendo anche a rischio la propria salute. Sel è vicina ai precari della scuola nella loro lotta per il diritto al lavoro, alle famiglie e ai loro figli per il diritto ad un’istruzione di qualità per tutti, diritti sanciti dalla nostra Costituzione. Sosteniamo e partecipiamo - conclude la nota - alle forme di mobilitazione che sono state indette dai Sindacati e dal Coordinamento dei lavoratori precari perché la difesa della scuola pubblica è una lotta di tutta la società».

r.c.

Istruzione, Scopelliti riceve i precari: pronti ad aumentare le risorse REGGIO CALABRIA - Il Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti ha ricevuto ieri a palazzo Campanella a Reggio Calabria i lavoratori precari della scuola rappresentati dai sindacati Rdb Usb. Al tavolo dei lavori con il Governatore, erano presenti il Presidente del Consiglio Regionale Francesco Talarico, l’Assessore regionale all’Istruzione Mario Caligiuri ed il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico regionale Francesco Mercurio. Dopo aver ascoltato le istanze dei precari, insoddisfatti per i tagli ministeriali, il Presidente ha ricordato che la Calabria, lo scorso mese di giugno, è stata la prima regione d’Italia a sottoscrivere un protocollo d’intesa con il Ministro Gelmini attraverso il quale, con il progetto denominato "Una scuola per la democrazia" si prevede l’occu-

pazione di circa 1000 docenti, tra i 1522 perdenti posto in Calabria. In pratica, si tratta di nuovi interventi per migliorare la qualità dell’istruzione attraverso l’impiego prioritario del personale docente e Ata (ausiliari, tecnici e amministrativi) abilitato, iscritto nelle graduatorie a esaurimento, che nell’anno scolastico 2008 - 2009 aveva ricevuto un incarico annuale senza avere la possibilità di stipulare lo stesso contratto per l’anno 2009 2010 e per il 2010-2011. Il personale impegnato nelle attività scolastiche della Regione potrà avere una supplenza breve, massimo trenta giorni, cosa non prevista in precedenza. «La Regione - ha ricordato Scopelliti - ha destinato 7 milioni di euro per queste iniziative proget-

tuali». Nel corso dell’incontro è stato deciso di aprire un tavolo tecnico di concertazione con istituzioni e sindacati per stabilire assieme le azioni da mettere in campo. «Siamo inoltre disponibili ha concluso il Presidente Scopelliti - ad aggiungere nuove risorse per venire incontro alle istanze dei precari calabresi». Scopelliti si è detto inoltre disponibile a rappresentare, con il Direttore Mercurio, le istanze dei perdenti posto davanti al Ministro Gelmini. Al termine della riunione l’assessore Mario Caligiuri si è soffermato con i rappresentanti dei Rdb Usb manifestando la volontà dell’ente di concretizzare a breve il tavolo tecnico.

Rosa Voci


8

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

IMPRESE E LAVORO A Reggio, inaugurato il primo impianto fotovoltaico della Provincia. L’assessore Neri: «Progetto di assoluta valenza economica e che coinvolge imprese e lavoratori locali»

La Provincia ti porta il sole in casa In arrivo il secondo bando pubblico REGGIO CALABRIA - Sorge sul terrazzo del condominio "Orchidea" in via Calveri a Reggio Calabria, il primo impianto fotovoltaico realizzato dalla Provincia di Reggio Calabria, assieme al consorzio "Ambiente e futuro". «Noi oggi inauguriamo questo impianto, realizzando così una parte importante del nostro programma che era quello di portare anche in Provincia di Reggio Calabria l’energia rinnovabile ha dichiarato il presidente della provincia Giuseppe Morabito. «Tutto questa sarà "a costo zero" per la Provincia - ha proseguito - sottolineando che non saranno impegnati e investiti soldi pubblici. Contiamo di realizzare, inoltre, un grande risparmio energetico. Sarà questo un modo - ha spiegato il massimo rappresentante della Provincia - per migliorare la qualità di vita dei cittadini, contribuendo a migliorare l’ambiente attraverso l’utilizzo di una delle forme di produzione di energia più pulita, quello del sole. Aggiungiamo a questo anche il ritorno economico di questa iniziativa che interesserà una larga fascia di cittadini. Infine, gli aspetti ambientaliamioavviso, fortemente collegati con la vocazione turistica di questo territorio. Promuovere e diffondere l’utilizzo dell’energia rinnovabile contribuirà - ha spiegato il presidente Morabito - a mantenere più puliti il nostro mare e l’aria di questo territorio con Giuseppe Morabito effetti positivi per lo sviluppo del turismo, vera opportunità di crescita e di lavoro per la nostra provincia. Lo slogan che abbiamo scelto per il secondo bando sarà: "La provincia porta il Sole in casa". Con il quale contiamo - ha concluso - di realizzare in tutta la Provincia di Reggio oltre 10.000 nuovi impianti, in aggiunta ai 3.000 già previsti con il primo». L’impianto realizzato nel condominio di via Calveri ha una potenza di 3 kw. Monta pannelli

policristallini, i più indicati per il tipo di insolazione presente in Calabria. «La potenza di 3 kw - hanno spiegato i responsabili del Consorzio "Ambiente e Futuro" - è il limite imposto dalla legge per ottenere, sia i contratti di energia di scambio, sia gli incentivi per questo tipo di installazioni». L’investimento del consorzio "Ambiente e futuro" tra primo e secondo bando, ammonta a circa 36 milioni di euro, «la metà dei quali resteranno sul territorio per le attività che abbiamo delegato ad aziende locali, per montaggi, manutenzione, progettazione e quant’altro. Anche per i quadri elettrici di comando è stata scelta una impresa calabrese». «Possiamo vantare il record di essere la prima Provincia in Italia ad aver avviato una iniziativa di questo tipo», ha evidenziato l’assessore provinciale all’Ambiente Giuseppe Neri. «E lo abbiamo fatto superando enormi problemi di carattere logistico ed organizzativo. La cosa che mi preme evidenziare - ha proseguito - è l’assoluta valenza economica di questo progetto che non impegna alcuna risorsa pubblica. Altro aspetto, non meno importante, il coinvolgimento di imprese e lavoratori locali per l’installazione, la manutenzione e la progettazione degli impianti. Imprese selezionate tramite bando pubblico. Con il secondo bando, partirà la campagna "La Provincia ti porta il sole in casa" e ciò

consentirà di realizzare oltre 10.000 nuovi impianti, in cui coinvolgeremo anche i comuni che avevano partecipato alla precedente edizione. Questo sarà un bando completamente nuovo: perché sarà L’impianto realizzato nel più snello e più veloce rispetto a quello precedente. Sono previsti condominio di via Calveri impianti tra 3 kw e 20 kw. Questo perché - ha concluso Neri - inte- ha una potenza di 3 kw. resserà non solo privati cittadini, I pannelli policristallini ma anche imprese, industrie, attività alberghiere, o bed & breakfa- che monta sono i più st; insomma un ampio ventaglio indicati per il tipo di di attività commerciali della nostra provincia». insolazione presente Il nuovo bando sarà presentato il 15 settembre a Palmi, il 16 a Gio- in Calabria iosa Ionica ed il 20 a Reggio Calabria. Il bando si aprirà il 20 settembre. «Sarà un bando "a sportello" - ha spiegato l’Assessore Giuseppe Neri - che contiamo di tenere aperto, sicuramente, fino al mese di dicembre. Il meccanismo che abbiamo messo in moto come provincia è ormai rodato. A regime, contiamo di realizzare tra due e trecento impianti al mese. L’invito, quindi, rivolto a tutti, è quello di partecipare senza indugi». Ettore Zonno

Unioncamere: «Necessario un marchio unico per il "Sistema Calabria"» CATANZARO - «In virtù delle azioni che la nuova Giunta regionale sta portando avanti, diventa ormai improcrastinabile la concretizzazione di un’unica agenzia di coordinamento per il marchio calabrese sotto la direzione della Regione in sinergia con Unioncamere Calabria e le associazioni di categoria, al fine di poter promuovere l’intero sistema Calabria in modo univoco, con coerenza e senza individualismi». Sono le parole del presidente dell’Unione regionale delle Camere di commercio della Calabria Fortunato Roberto Salerno intervenuto sul tema della promozione delle produzioni calabresi di eccellenza. «Gli inevitabili processi di internazionalizzazione contribuiscono a spostare la prospettiva dalla competizione tra aziende alla competi-

zione tra territori. Ecco perché diventa indispensabile fronteggiare insieme, in unità e coerenza, questa nuova sfida al fine di conseguire vantaggi per le singole aziende e per l’intero sistema socio-economico calabrese. Tuttavia, è necessario che le produzioni calabresi siano contraddistinte non solo dalla tipicità ma anche e soprattutto dall’eccellenza, ecco perché l’Agenzia, con il supporto di Unioncamere Calabria, dovrà accompagnare le aziende della regione in un percorso condiviso di miglioramento continuo. Ciò potrà contribuire a far leva sulle attuali aree di criticità, valorizzando contestualmente i punti di forza delle nostre produzioni al fine di immettere sul mercato il meglio che i nostri imprenditori saranno capaci di offrire».

Fortunato Roberto Salerno


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani

9

IMPRESE E LAVORO Reggio, giornata per il Mezzogiorno promossa dal Forum delle persone

In Calabria sale del 20% la produzione, nonostante l’adesione dei viticoltori alla vendemmia verde. Ottimo lo stato di salute del vigneto

Vendemmia 2010: qualità buona e quantità in leggero ribasso di Ettore Zonno ROMA - Poco più di 45 milioni di ettolitri: questo il quantitativo previsto da Ismea e Unione italiana vini per la vendemmia 2010 attualmente ancora in corso. La cautela usata nelle prime stime produttive di luglio sembra quindi essere stata più che opportuna. Dalla ricognizione dei vigneti effettuatacongiuntamenteall’inizio di settembre, infatti, risulta che la campagna di quest’anno potrebbe essere in linea con quella del 2009 o addirittura leggermente inferiore (-1%). Il dato attesterebbe per il quinto anno consecutivo i volumi italiani abbondantemente sotto la soglia dei 50 milioni di ettolitri. Se per le regioni del Nord si prevede un sostanziale aumento, nel Centro si oscilla tra situazioni stabili e una lieve flessione. Al Sud, invece, a partire dall’Abruzzo e dalla Puglia si registrano significative riprese produttive dopo le decise flessioni dello scorso anno, senza tuttavia tornare ai volumi fatti registrare nei tre anni precedenti all’entrata in vigore della nuova Ocm. Particolarmente importanti, invece, le perdite regi-

strate nelle isole maggiori. La qualità, nel complesso, si presenta buona ma molto dipenderà dagli ultimi 20-25 giorni prima della raccolta, in cui sarà fondamentale un clima caldo, ma non umido, con alte temperature diurne e situazioni più fresche di notte, per rallentare la retrogradazione della componente acida. L’indagine è stata effettuata sulla base dei monitoraggi sul “vigneto Italia” realizzati dalla rete di rilevazione Ismea e dalle oltre 500 imprese socie di Uiv dislocate su tutto il territorio nazionale, con le quali è stato approntato un metodo di rilevazione continuo e puntuale. Quest’anno ad aumentare l’incertezza sugli esiti della campagna appena iniziata, c’è da computare anche la variabile legata agli effetti della “vendemmia verde”, attivata per la prima volta, che, di fatto, ha tolto materia prima dal circuito produttivo. A contenere ulteriormente le produzioni sono intervenute anche le estirpazioni con premio. Nel 2010 sono state accolte domande per 10.741 ettari che si vanno ad aggiungere a quelle per gli 11.571 ettari dello scorso anno. Emblematico è il caso della Sicilia che

ha sommato l’effetto vendemmia verde alle estirpazioni e a un fisiologicocaloproduttivo,arrivando così a stimare una perdita rispetto allo scorso nell’ordine del 20%. Con l’inizio delle operazioni di raccolta, inoltre, qualche problema si è presentato anche in Emilia Romagna, mentre Veneto e Puglia confermano sostanzialmente gli incrementi attesi all’inizio dell’estate. Si riconferma anche il ritorno del “vigneto Italia” ad un calendario “normale”, dopo i forti anticipi del 2009. Il lungo inverno, oltre che da piogge persistenti, infatti, è stato caratterizzato dal freddo che ha rallentato lo sviluppo vegetativo per cui quasi tutte le fasi fenologiche sono slittate in avanti rispetto allo scorso anno.

La qualità, nel complesso, si presenta buona ma molto dipenderà dagli ultimi 25 giorni prima della raccolta, in cui sarà fondamentale un clima caldo ma non umido e fresco di notte

GAL "Valle del Crocchio": Colosimo confermato presidente CROPANI - Si è riunita l’Assemblea dei soci del G.A.L. (Gruppo di azione locale) Valle del Crocchio nella sede in Cropani, per il rinnovo delle cariche sociali. Il presidente uscente, Franco Colosimo, ha illustrato i risultati conseguiti ed i programmi per raggiungere un vero sviluppo duraturo per il territorio di propria competenza. Sono seguiti interventi con commenti e dichiarazioni di voto da parte dei numerosi partecipanti che hanno portato alla riconferma del presidente Colosimo per acclamazione. Sono stati, poi, eletti i membri del consiglio di amministrazione nelle persone di Santo Bubbo, presidente della comunità montana Presila catanzarese; Bruno Colosimo, sindaco del comune di Cropani; Emanuele Dardano, delegato della Confederazione italiana agricoltori di Catanzaro;

Masino De Fazio, delegato della Federazione interprovinciale Coldiretti di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia; Elena Grimaldi, delegata della Confagricoltura di Catanzaro; Mario Marchio, sindaco del comune di Cerva. Il presidente, infine, ha preso la parola per esprimere la propria gratitudine e dichiarare il suo impegno totale a portare avanti il lavoro, iniziato tanti anni fa e finalizzato allo sviluppo del territorio. «Compito difficile, appesantito dalla crisi che sta stritolando le aree più deboli», queste le parole di Colosimo, «compito che affronterò forte dell’ausilio che mi verrà dai consiglieri eletti e da tutti i soci. Faremo tutto il possibile e, se necessario, tenteremo l’impossibile per dimostrare che, se fermamente voluti, anche i sogni diventano realtà».

REGGIO CALABRIA - Una giornata dedicata al Mezzogiorno e alle sue “questioni” ancora aperte a quasi 150 anni dall’Unità d’Italia ma anche un evento di portata nazionale per rendere partecipi tutte le forze sociali del Paese ad una iniziativa di «mobilitazione per il riscatto economico e sociale» delle regioni meridionali. Accogliendol’allarmelanciato dalla Cei, il Forum L’obiettivo è rendere nazionaledellepersoneedelle associazioni di ispirazione partecipi tutte le forze cattolica nel mondo del sociali del Paese ad una lavoro, costituito da Acli, Cisl, Cdo, Confartigianato, iniziativa di «mobilitazione ConfcooperativeeMovimento cristiano lavoratori pro- per il riscatto economico muove l’evento “Classe diri- e sociale» delle regioni gente, bene comune, sviluppo - Ripartire dai valori per meridionali un nuovo Mezzogiorno” in programma martedì 28 settembre a Reggio Calabria, presso la Sala Calipari del Consiglio regionale ed in simultanea a Napoli, Bari e Palermo. L’iniziativa è stata presentata ieri in conferenza stampa presso la sede regionale Cisl di Lamezia Terme, a cui sono intervenuti i rappresentanti regionali delle organizzazioni che compongono il Forum: Paolo Tramonti, segretario Cisl; Vincenzo Massara, presidente Mcl; Walter Fonte, segretario regionale Confartigianato; Katia Stancato, presidente Confcooperative Calabria; Giancarlo Sudano, direttore di Cdo Calabria e Filippo Salatino, segretario Centro studi Acli Calabria. Il 28 settembre, a partire dalle ore 10, la manifestazione si svolgerà in videoconferenza e sarà Natale Forlani, portavoce del Forum, ad aprire i lavori. A seguire Sua Eminenza il Cardinal Crescenzio Sepe, Arcivescovo metropolita di Napoli, in qualità di rappresentante della Chiesa, darà la sua testimonianza al Forum. Nella Sala Calipari di Reggio Calabria, come nelle altre sedi, la manifestazione si svolgerà quindi secondo il programma locale e sarà il presidente nazionale di Confcooperative, Luigi Marino ad illustrare la sua relazione sui temi caldi del Mezzogiorno. A seguire verranno presentati testimonianze delle forze sociali, del lavoro, del mondo universitario, dell’imprenditoria e dell’associazionismo fra le quali porterà il suo contributo anche Giuseppe Pignatone, procuratore capo di Reggio Calabria. Le conclusioni saranno affidate a Raffaele Bonanni, segretario generale Cisl, trasmesse in videoconferenza dalla Fiera d’Oltremare di Napoli. Sono cinque i punti programmatici per il rilancio del Mezzogiorno contenuti nel Manifesto del Forum: trasparenza delle istituzioni, con il lancio della “Carta dei diritti dei cittadini”; rifiuto di utilizzare la Pubblica amminisrazione come bacino di assunzioni per risolvere il problema della disoccupazione al Sud; promozione di programmi di educazione alla legalità; diffusione di azioni di contrasto al sottoutilizzo di giovani e donne nel mercato del lavoro; adozione, da parte delle amministrazioni con il concorso delle forze sociali, delle associazioni del volontariato e del mondo ecclesiale, di programmi condivisi di contrasto alla povertà. Il Manifesto può essere letto e sottoscritto attraverso il sito internet forumlab.org.

EZ


10

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

APPUNTAMENTI CON IL FISCO

Nuove regole per agenti e mediatori Con il recepimento della direttiva Ce in materia di credito al consumo previste nuove regole per le due professioni È stato pubblicato sulla G.U. del 4 settembre 2010 n. 207, il Decreto Legislativo n. 141 del 13/08/2010 con il quale vengono recepite le tutele europee per i finanziamenti collegati all’acquisto di beni e servizi. Il nuovo provvedimento, entrerà in vigore il 19 settembre 2010 e detterà tra le altre, nuove regole sull’esercizio delle professioni di agente e mediatore creditizio. Il Decreto Legislativo n. 141 del 13/08/2010 ha istituito per gli agenti e mediatori un organismo che gestirà gli elenchi e la domanda di iscrizione agli albi per le due figure professionali. Per gli agenti ed i mediatori creditizi il Decreto Legislativo ha modificato radicalmente adempimenti e obblighi per la tutela dell’ onorabilità, della solvibilità e delle competenze. Le nuove regole prevedono l’incompatibilità assoluta delle due professioni, incompatibilità che sarà estesa anche ai collaboratori, infatti è vietata la contestuale iscrizione

nell’elenco degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Sono previsti due albi distinti per agenti e mediatori nonché un esame severo per uscire dalla deregulation della consulenza finanziaria. Secondo le disposizioni transitorie i soggetti già iscritti nei due elenchi hanno sei mesi dalla costituzione del nuovo organismo di vigilanza per richiedere l’iscrizione nei nuovi albi previa presentazione della documentazione che ne attesti i requisiti. Chi ha poi svolto la professione per almeno tre anni sui cinque precedenti, è esonerato dalla prova di esame. Ma comunque è tenuto alla formazione continua. Sul fronte del microcredito è prevista l’istituzione di un organismo, di diritto privato con personalità giuridica ed ordinato in forma di associazione, con autonomia organizzativa, statutaria e finanziaria competente per la gestione dell’elenco di cui all’articolo 111, comma 1, e delle relative sezioni separate.

L’organismo così come quello per gli agenti e mediatori e quello per i confidi è sottoposto alla vigilanza della Banca d’Italia e può imporre agli iscritti il divieto di intraprendere nuove operazioni o disporre la riduzione delle attività per violazioni di disposizioni legislative o amministrative. Anche sul fronte dei Confidi, vi è l’Organismo che svolge ogni attività necessaria per la gestione dell’elenco nonché delle relative sezioni separate: fissa la misura dei contributi a carico degli iscritti; vigila sul rispetto da parte degli iscritti della disciplina cui sono sottoposti. L’Organismo, può svolgere ogni attività necessaria per la gestione dell’elenco, determinare la misura dei contributi a carico degli iscritti, entro il limite dell’1% dell’ammontare dei crediti garantiti e riscuote i contributi e le altre somme dovute per l’iscrizione nell’elenco.

Prezzi di trasferimento, le novità del restyling di luglio

Unico 2010 e notificazione degli atti Con l’entrata in vigore del D.L. 78/2010 conv. con modif. L. 122/2010, scompare da Unico 2010 la possibilità di comunicare il domicilio per la notificazione degli atti

La compilazione della suddetta sezione era quindi facoltativa e come prevedeva il suddetto art. 60, comma 1, lett. d) D.p.r. n. 600/1973 era riservata a coloro i quali intendevano farsi notificare gli atti o gli avvisi dell’Agenzia delle Entrate ad un indirizzo diverso rispetto alla residenza anagrafica ma comunque nell’ambito del Comune del proprio domicilio fiscale. In alternativa il contribuente poteva comunicare il diverso indirizzo di notificazione al competente ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate tramite: lettera raccomandata con avviso di ricevimento (anche successivamente alla data di presentazione della dichiarazione).Fino all’approvazione del D.L. 78/2010 (conv. con modif. L. 122/2010) l’art. 60, comma 1, lett. d) D.p.r. n. 600/1973 prevedeva che: "è in facoltà del contribuente di eleggere domicilio presso una persona o un ufficio del Comune del proprio domicilio fiscale per la notificazione degli atti o degli avvi-

si che lo riguardano. In tal caso l’elezione di domicilio deve risultare espressamente dalla dichiarazione annuale ovvero da altro atto comunicato successivamente al competente ufficio imposte a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento". A tal fine nel modello Unico 2010 era stata predisposta l’apposita sezione "Domicilio per la notificazione degli atti". Il D.L. 78/2010 conv. con modif. L. 122/2010 all’art. 38 comma 4 dispone che: " all’art. 60 del D.p.r. 600/73 sono apportate le seguenti modificazioni al primo comma, lettera d), le parole [dalla dichiarazione annuale ovvero da altro atto comunicato successivamente al competente ufficio imposte] sono sostituite dalle seguenti [da apposita comunicazione effettuata al competente ufficio], e dopo le parole [avviso di ricevimento] sono inserite le seguenti [ovvero in via telematica con modalità stabilite con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate]" Alla luce di quanto previsto dalla "Manovra correttiva" l’elezione per la notificazione degli atti tributari: non transita più dalla dichiarazione annuale; avviene solamente tramite comunicazione all’Ufficio competente dell’Agenzia delle Entrate. Il D.L. 78/2010 è entrato in vigore il 31 maggio 2010, quindi di conseguenza la novità sopraesposta si applica già a partire da Unico 2010. La seconda novità introdotta dal D.L. 78/2010 consiste nel fatto cha la comunicazione all’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate potrà avvenire anche mediante modalità telematica. Le modalità con cui avverrà l’invio telematico verranno stabilite con apposito Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate.

I prezzi di trasferimento devono essere determinati, dalle imprese affiliate a gruppi internazionali, seguendo le direttive Ocse. Con il restyling del luglio scorso, il capitolo IX sulle ristrutturazioni di gruppo tratta anche del disconoscimento, da parte delle amministrazioni, della transazione. Due sono i casi in cui è previsto il disconoscimento: 1) se la forma differisce dalla sostanza; 2) quando parti indipendenti, in circostanze simili, non avrebbero pattuito le condizioni in esame. Il non trovare contratti liberi, simili a quelli pattuiti tra affiliate, non è decisivo: sono leciti anche comportamenti spiegabili solo con logica di gruppo. Se, però, esistono vantaggi per il gruppo, devono fissarsi prezzi di trasferimento tali da soddisfare l’interesse di ciascuna affiliata o con eventuale indennizzo se l’affiliata viene spogliata di attività o con nuovi prezzi post ristrutturazione. La ristrutturazione può anche essere motivata da vantaggi fiscali a livello di gruppo, ma l’interesse della singola affiliata deve essere preservato come sarebbe stato fra parti indipendenti.

DT PAGINA REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON "FISCAL FOCUS" diANTONIOGIGLIOTTI


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani 11

SICUREZZA & AMBIENTE Secondo il New York Times il Vecchio continente possiede il 73% del fotovoltaico solare installato del mondo

Rinnovabili 2009, l’Europa prima nel solare, boom di eolico in Cina di Giuseppe Tetto L’Europa sempre più amica del sole. Stando a quanto riferisce il New York Times infatti i dati del 2009 dicono che l’Europa ha il 73% del fotovoltaico solare installato del mondo, un dato anche migliore del previsto. Ad elaborare i dati è stato l’Istituto Energetico Europeo che per il nono anno consecutivo ha presentato il Photovoltaics Status Report, dal quale emerge che in totale circa 7,4 gigawatt di nuovi impianti solari fotovoltaici sono stati installati a livello mondiale nel 2009 (a quanto pare saranno superati nel 2010). Di questi, 5,8 Gw si trovano in Europa (80% a livello mondiale secondo SmartPlanet). La capacità totale del globo allo stato attuale parla di 22 Gw di energia fotovoltaica installata, e così in Europa ne troviamo circa il 73%. A guidare la classifica è come al solito la Germania che continua a dominare il mercato europeo del solare, con 3,8 Gw

aggiunti nel 2009. A livello mondiale l’energia solare vede l’Italia scalare la classifica, raggiungendo il secondo posto (0,73 Gw), seguita da Giappone (0,48 Gw) e Stati Uniti (0,46 Gw). Uno smacco per gli americani, tra i primi a puntare sulle energie rinnovabili, e che oltre a calare nell’installazione dell’energia solare, crollano anche dal punto di vista dell’eolico. Il Ny Times riferisce di come la Cina abbia superato gli Stati Uniti, costruendo la prima grande fattoria eolica off-shore al di fuori dell’Europa. Si

tratta della centrale eolica di Shanghai che ha una capacità di 102 Mw. Anche se Cape Wind ha appena ricevuto l’approvazione finale sui requisiti per la costruzione, e può finalmente iniziare i lavori, non è stato fatto tutto abbastanza velocemente. Questa sarà la prima fattoria eolica off-shore degli States, ma la Cina l’ha già superata. La Wind Farm da 102 Mw si chiama Donghai Bridge, è composta da turbine da 34, 3 Mw, è costata il corrispettivo di 265 milioni di euro, e sarà in grado di

A livello mondiale l’energia solare vede l’Italia scalare la classifica, raggiungendo il secondo posto (0,73 Gw), seguita da Giappone con 0,48 Gw e Stati Uniti (0,46 Gw)

Un’iniziativa che vede insieme al lavoro agricoltori, aziende e ambientalisti

Pronto un patto per solare di qualità in campagna di Giulio Crocitti Un patto per di qualità tra agricoltura, ambientalisti, aziende e università per bloccare le speculazioni sui campi agricoli per realizzare parchi fotovoltaici. Un’iniziativa questa che ha visto il suo battesimo al convegno organizzato da Univerde su "Solare, agricoltura e territorio: opportunità e precauzioni" nell’ambito di Zeroemission, a Roma. Al patto partecipano Wwf e Università. «Occorre adottare un principio di precauzione - ha detto l’ex ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio che ha promosso l’iniziativa come presidente della Fondazione Univerde - perché non ci siano conflitti tra mondo agricolo e solare. E il nostro obiettivo è quello di far partire un tavolo permanente di confronto entro fine mese». Al fianco di Univerde la Coldiretti, l’organizzazione degli imprenditori agricoli. «Non basta installare molto - ha detto Stefano Masini responsabile ambiente Coldiretti - ma installare bene. Acco-

gliamo quindi con grande interesse la costituzione di questo tavolo perché non vorremmo risolvere le questioni nei tribunali». Quindi no a deregulation ma «linee guida - ha detto Luca Rubini del Centro di ricerca interuniversitario - per definire aree marginali senza valore naturalistico o produttivo». Obiettivi mirati visto che in Italia la superficie agricola disponibile per impianti fotovoltaici è di circa 80.000 Km2. Potenziale che potrebbe creare seri problemi di impatto. Dal canto loro le aziende sono pronte al confronto. «Il solare - ha detto Andrea Fontana, ad di Fotowatio Renewable Ventures Italia - rappresenta una diversificazione per terreni poco produttivi o incolti». E stima che se i 3.000 Mw di tetto previsti dal nuovo Conto Energia venissero installati tutti sul suolo, l’incidenza sarebbe pari a circa due terzi dell’isola di Pantelleria. Per il rispetto delle regole, infine, secondo Fabio Patti, direttore vendite della Yingli Green Energy Italia «si potrebbe prevedere una sorta di certificazione su base volontaria».

generare energia sufficiente per 200.000 famiglie. Le stime ufficiali del Governo indicano che il parco eolico sarò in grado di produrre elettricità sufficiente a fare a meno di 100.000 tonnellate di carbone all’anno, con tutti i vantaggi a livello ambientale che conosciamo. Ma non finisce qui perché altri quattro parchi eolici sono in programma vicino a Shanghai, e fanno pensare che le rilevazioni dell’anno prossimo saranno anche migliori per il colosso asiatico che sembra avere energie infinite.

Il NY Times riferisce di come la Cina abbia superato gli Stati Uniti, costruendo la prima grande fattoria eolica offshore al di fuori dell’Europa. Si tratta della centrale eolica di Shanghai che possiede una capacità di 102 Mw


12

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

BANDI & AVVISI DI GARA

Bando per la selezione di 347 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale Generalità: È indetto un bando per la selezione di 347 volontari, da avviare al servizio nell’anno 2010 nei progetti di servizio civile in Calabria presentati dagli enti di cui all’Allegato 1, approvati dalla Regione Calabria (di seguito: "Regione") ai sensi dell’articolo 6, comma 4, del decreto legislativo 5 aprile 2002, n. 77, e utilmente collocati in graduatoria. L’impiego dei volontari nei progetti decorre dalla data che verrà comunicata dall’Ufficio nazionale per il servizio civile agli enti e ai volontari - tenendo conto, compatibilmente con la data di arrivo delle graduatorie e con l’entità delle richieste, delle date proposte dagli enti - secondo le procedure e le modalità indicate al successivo articolo 6, a seguito dell’esame delle graduatorie. La durata del servizio è di dodici mesi. Ai volontari in servizio civile spetta un assegno mensile di 433, 80 euro. Progetti, posti disponibili e criteri di selezione: I criteri adottati dagli Enti per la selezione dei volontari, le informazioni concernenti i progetti utilmente collocati nelle graduatorie, le relative sedi di attuazione, i posti disponibili, le attività nelle quali i volontari saranno impiegati, gli eventuali particolari requisiti richiesti, i servizi offerti dagli enti, le condizioni di espletamento del servizio, nonché gli aspetti organizzativi e gestionali, possono essere richieste presso gli enti titolari dei progetti medesimi, o consultati sui rispettivi siti internet. Requisiti e condizioni di ammissione: Ad eccezione degli appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia, possono partecipare alla selezione i cittadini italiani, senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età, in possesso dei seguenti requisiti: - essere cittadini italiani; - non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici, o di criminalità organizzata; - essere in possesso di idoneità fisica, certificata dagli organi del servizio sanitario nazionale, con riferimento allo specifico settore d’impiego per cui si intende concorrere. I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine di presentazione delle domande e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio. Non possono presentare domanda i giovani che: a) già prestano o abbiano prestato servizio civile in qualità di volontari ai sensi della legge n. 64 del 2001, ovvero che abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista; b) abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi. Presentazione delle domande: La domanda di partecipazione in formato cartaceo, indirizzata direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto, deve pervenire allo stesso entro le ore 14.00 del 4 ottobre 2010. Le domande pervenute oltre il termine stabilito non saranno prese in considerazione. La tempestività delle domande è accertata dall’ente che realizza il progetto mediante apposizione sulle stesse del timbro recante la data di acquisizione. La domanda deve essere:

- redatta in carta semplice, secondo il modello in "Allegato 2" al presente bando, attenendosi scrupolosamente alle istruzioni riportate in calce al modello stesso. Copia del modello può essere scaricata dal sito internet dell’Ufficio serviziocivile.it - sezione modulistica, oppure sul sito regione.calabria.it/formazionelavoro - sezione servizio civile; - firmata per esteso dal richiedente, con firma da apporre necessariamente in forma autografa, accompagnata da fotocopia di valido documento di identità personale, per la quale non è richiesta autenticazione; - corredata dalla scheda di cui all’"Allegato 3", contenente i dati relativi ai titoli. Il previsto certificato medico di idoneità fisica, rilasciato dagli organi del servizio sanitario nazionale, dovrà essere prodotto successivamente dai soli candidati utilmente collocati nelle graduatorie. E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di servizio civile nazionale da scegliere tra i progetti inseriti nel presente bando, tra quelli inseriti nei restanti bandi regionali e delle province autonome o nel bando nazionale. La presentazione di più domande comporta l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti inseriti nei bandi innanzi citati. Procedure selettive: La selezione dei candidati è effettuata, ai sensi dell’art. 8 del decreto legislativo n.77 del 2002, dall’ente che realizza il progetto prescelto. L’ente cui è rivolta la domanda verifica in capo a ciascun candidato la sussistenza dei requisiti previsti dall’art. 3 del presente bando (limiti di età; possesso della cittadinanza italiana; assenzadi condanne penali) e provvede ad escludere i richiedenti che non siano in possesso anche di uno solo di tali requisiti. L’ente dovrà inoltre verificare che: - la domanda di partecipazione sia necessariamente sottoscritta in forma autografa dall’interessato e sia presentata entro i termini prescritti dall’art.4 del presente bando; - alla stessa sia allegato fotocopia di un documento di identità in corso di validità. La mancata sottoscrizione e/o la presentazione della domanda fuori termine è causa di esclusione dalla selezione, analogamente alla mancata allegazione della fotocopia del documento di identità; è invece sanabile l’allegazione di una fotocopia di un documento scaduto. L’ente dovrà attenersi nella procedura selettiva ai criteri verificati e approvati in sede di accreditamento o di valutazione del progetto, provvedendo a dare adeguata pubblicità agli stessisul proprio sito internet, ovvero agli elementi di valutazione contenuti nel Decreto n. 173dell’11 giugno 2009 del Capo dell’Ufficio Nazionale. Nel caso in cui siano utilizzati i criteri dettati dall’Ufficio, l’ente valuta i titoli presentati e compila per ogni candidato, a seguito del colloquio, la scheda di valutazione, secondo il modello in "Allegato 4", attribuendo il relativo punteggio e dichiarando non idonei a svolgere il servizio civile nel progetto prescelto i candidati che abbiano ottenuto nella scheda di valutazione un punteggio inferiore a 36/60. I candidati si attengono alle indicazioni fornite dall’ente medesimo in ordine ai tempi, ai luoghi e alle modalità delle procedure selettive. L’ente, terminate le procedure selettive, compila le graduatorie relative ai singoli progetti, ovvero alle singole sedi di progetto in ordine di punteggio decrescente attribuito ai candidati, evidenziando quelli utilmente selezionati nell’ambito dei posti disponibili, per i quali acquisisce il certificato di idoneità fisica al servizio civile con specifico riferimento al settore di impiego richiesto.

*Il testo integrale del bando è disponibile su www.regione.calabria.it nella sezione "Bandi e avvisi di gara" alla voce "Regione Calabria"


14

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

POLITICA ED ECONOMIA NAZIONALE La Ue vede la nostra crescita al rialzo: più 1,1 per cento nel 2010 ROMA - Negli ultimi tempi la ripresa economica ha guadagnato terreno nell’Ue. Durante il secondo trimestre del 2010 la crescita del Pil è stata «particolarmenteforteemaggiormente orientata verso la domanda interna di quanto precedentemente anticipato». Mentre l’attività dovrebbe affievolirsi nel secondo semestre dell’anno, gli effetti di parte del dinamismo che ha caratterizzato il secondo trimestre saranno alla base di un "leggero miglioramento" del profilo trimestrale rispetto alle previsioni di primavera. È quanto scrive la Commissione europea nelle "Previsioni intermedie dell’Ue". Revisioni notevolmente al rialzo per il Pil reale danno attual-

mente una crescita, per tutto il 2010, all’1,8 per cento nell’Ue e all’1,7 per cento nell’area dell’euro. Per l’Italia la commissione Ue prevede una crescita dell’1,1 per cento nel corso dell’anno (+0,8 la precedente stima di maggio). Il Belpaese dovrebbe crescere dello 0,5 per cento nel III trimestre e dello 0,2 per cento negli ultimi tre mesi dell’anno. A guidare la crescita del Vecchio Continente, come sempre, la "locomotiva" Germania che secondo le previsioni dovrebbe crescere del 3,4 per cento nel 2010, in netto miglioramento dal +1,2 per cento stimato a maggio dalla commissione europea. Olli Rehn, Affari economici e monetari

Gelmini: in 7-8 anni assorbiremo tutti i precari di M. Bazzucchi ROMA - «Rispetto tutti coloro che protestano. Questo non è il primo anno, e non ricordo anni scolastici che non siano stati accompagnati da proteste». Lo ha dichiarato il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, che ha voluto celebrare l’apertura dell’anno scolastico che inagugura la riforma dell’istruzione superiore che porta il suo nome, presso la

scuola ospedaliera del Policlinico Gemelli di Roma. «Da quest’anno - ha proseguito il ministro - la scuola mette al centro non gli interessi corporativi, ma il diritto degli studenti ad avere una scuola di qualità, indipendentemente dal ceto sociale». «Occorre restituire prestigio, rigore e attenzione alla qualità della didattica. Proprio ieri - ha spiegato Gelmini - abbiamo effettuato un controllo con gli uffici scolastici regionali e riteniamo

che l’anno scolastico possa essere avviato in maniera regolare. Tutte le immissioni in ruolo sono state fatte così come le supplenze sono state assegnate». «Per quanto riguarda i precari ha aggiunto - sono stati siglati gli accordi con le Regioni. Il lavoro oneroso che si compie tra fine agosto e i primi di settembre è stato completato nel migliore dei modi e crediamo che questi possano essere riassorbiti nei prissimi sette-otto anni. Ora il governo ha predisposto questa riforma ma la sfida deve essere raccolta innanzitutto dagli insegnanti perché a loro tocca l’onere di applicarla e di collaborare per rendere

«Da quest’anno la scuola mette al centro non gli interessi corporativi, ma il diritto degli studenti ad avere una scuola di qualità»

insegnanti».Le immissioni in ruolo sono state fatte e le supplenze sono state assegnate, mentre per quanto riguarda i precari, ha aggiunto, sono stati siglati gli accordi con le regioni. Il ministro ha confermato la stima, 7-8 anni, per assorbire tutti i 230mila precari.

la scuola davvero un’istituzione eccellente. Occorre restituire a questa realtà che credo sia uno degli elementi unificanti del paesela giusta considerazione e il giusto valore. Oggi la sfida è degli

Chiesta l’immediata apertura di un tavolo di confronto per la riforma

Fisco: Cisl e Uil insieme in piazza il 9 ottobre «È giusto che chi è single paghi più tasse di un padre di famiglia che deve mantenere quattro o cinque persone»

ROMA - Cisl e Uil insieme in piazza il 9 ottobre per lo sviluppo e la riforma del fisco. I segretari generali delle due confederazioni, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, chiedono al governo l’immediata apertura di un "tavolo di confronto" con le parti sociali per una "riforma integrale del fisco". Una riforma che accanto alla "priorità nazionale" della lotta all’evasione fiscale punti in particolare alla riduzione delle tas-

se "per i pensionati, le famiglie e le imprese", come strumento di una politica per lo sviluppo. «Sulle tasse non demorderemo», avverte Bonanni. «E occorre cambiare passo», osserva Angeletti. Entrambi determinati, dunque, a raccogliere e, anzi, a spronare il governo sulla strada che sia il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che il ministro dell’Economia Giulio Tremonti, hanno indicato più volte. La riforma fiscale, infatti,

nel duplice aspetto della semplificazione del sistema e della riduzione della pressione, è tra i cinque punti programmatici su cui il premier intende responsabilizzare il Parlamento fino alla fine della legislatura. Il metodo è stato indicato dal ministro Tremonti: la riforma fiscale «la faremo con le parti sociali», ha assicurato intervenendo sabato scorso alla scuola di formazione del Pdl a Gubbio.


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani 15

DALL'ITALIA E DAL MONDO Il premier ribadisce che avrà una forte maggioranza in Parlamento sui 5 punti

Berlusconi conferma: no a elezioni avanti fino al 2013 di M.T. Squillaci ROMA - «Ci sono due Berlusconi: uno cattivo e impresentabile che si trova sui giornali italiani, che sono quasi tutti di sinistra, e un altro apprezzato statista che viene elogiato nei vertici internazionali, per il suo passato da tycoon, per i suoi 16 anni di esperienza in politica e per i contenuti delle sue proposte». Così Silvio Berlusconi è intervenuto telefonicamente alla puntata di ieri di "Mattino Cinque". Di ritorno dalla Russia, domenica il premier si è concesso un bagno di folla alla festa dei giovani del Pdl. Dal palco di Atreju ha annunciato il proseguimento della legislatura, e la fiducia nella lealtà dei finiani, annunciando il voto dell’Aula sui 5 punti di programma. Concetti ribaditi nella telefonata di ieri: «La maggioranza resterà quella che gli italiani hanno votato: i finiani hanno dichiarato a più riprese di volere essere leali con gli italiani e rispettare il programma, e su questo sono assolutamente sicuro. E tranquillo».

Berlusconi ha poi allontanato di nuovo la minaccia di elezioni anticipate: «Escludo che si debba andare a votare. La situazione è sotto controllo e in Parlamento ci sono le condizioni per andare avanti fino al 2013». «Gli italiani - ha continuato - vogliono che andiamo avanti e che continuiamo a fare le riforme. Già fatte la riforma della scuola, dell’Università, per ridurre la burocrazia, la riforma del processo civile e molte altre. Nei prossimi tre anni faremo le altre, quelle dei 5 punti». Fra i quali, ha ricordato ancora una volta dopo il clamoroso annuncio di oltre una settimana fa, non rientra il cosiddetto "processo breve". Il premier lo ha così confermato: «Il processo breve non rientrerà nei 5 punti. Non perché non serva una legge sulla durata ragionevole dei processi. Ma quando ci sono di mezzo io, la sinistra sostiene che sia una legge ad personam che pot-

rebbe incidere anche su altri processi e per questo ho pregato i miei parlamentari di non includere questo provvedimenti nei cinque punti». Il Presidente del Consiglio ha quindi dichiarato che il governo e la maggioranza attuali non hanno intenzione di cambiare la legge elettorale «perché proprio questa legge ha tolto il Paese dalla ingovernabilità».

«Il processo breve non rientrerà nei 5 punti. Non perché non serva una legge sulla durata ragionevole dei processi. Ma quando ci sono di mezzo io...»

«Escludo che si debba andare a votare. La situazione è sotto controllo e in Parlamento ci sono le condizioni per andare avanti fino al 2013»

Un grazie a Tony Blair

Quanto alla Lega, che in questi giorni mostra un certo nervosismo, Berlusconi rassicura: «Con Bossi c’è rapporto solido e amicizia personale vera, basata sulla lealtà reciproca. Sappiamo intenderci con poche parole e da questo è nato rapporto politico molto solido, basato sulla lealtà reciproca e la volontà di entrambi di fare le riforme utili al Paese». Berlusconi ha quindi affrontato il dossier dell’economia, spiegando che la nomina del nuovo ministro per lo Sviluppo economico è una «questione di poco tempo», anche se ancora «non posso dire il nome». Quindi ha ribadito che «durante il mio interim al ministero non c’è stato alcun vuoto, ma un pieno di oltre 300 decisioni, tra cui la ‘legge Berlusconi’ sulla libertà d’impresa che è una vera e propria rivoluzione liberale». Quanto alla crisi, ha continuato il premier, «l’abbiamo affrontata bene» e «l’Ue e l’Ocse hanno confermato. Non credo possa esserci una nuova ricaduta». Berlusconi ha poi sottolineato la tenuta dell’economia italiana grazie «alla solidità delle imprese, ai risparmi delle famiglie, ma anche alle politiche di rigore e di sviluppo» messe in campo dal governo. «Abbiamo dato prova di saper gestire una crisi difficile, svolgendo anche un ruolo di leadership in Europa», ha concluso. Infine, c’è stato il tempo per un ringraziamento all’ex premier britannico Tony Blair: «Ha scritto su di me ciò che tutti mi riconoscono, dopo avermi conosciuto» .

Con l’approvazione di 26 emendamenti costituzionali, Erdogan la spunta

Per la Turchia un altro passo importante verso l’Europa di G. De Andreis ROMA - Con l’approvazione di 26 emendamenti costituzionali che ne ridisegnano l’intero sistema giudiziario, la Turchia compie un passo in avanti verso l’adesione all’Unione europea. Rafforzati i diritti delle donne e dei bambini, modificata la struttura della Corte costituzionale, più limiti ai tribunali militari: sonoquestiicambiamentifondamentali stabiliti con il sì pronunciato dai cittadini in un referendum votato in concomitanza con il trentesimo anniversario del colpo di stato militare del 12 settembre 1980. Accompagnato da forti polemiche e domenica anche da violenti scontri in molte parti del Paese, il referendum è stato approvato dal 58 per cento degli elettori e costituisce una grande vittoria per il partito della Giustizia e dello sviluppo (Akp) del premier Recep Tayyip Erdogan in vista delle elezioni politiche previste per il 2011. "Questo risultato significa che il Paese ha finalmente superato i suoi limiti storici e si avvia

verso una democrazia avanzata basata sulla supremazia della legge", ha commentato il premier. Complimenti a Erdogan sono giunti anche dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, e dalla Commissione europea. L’esecutivo Ue, in particolare, in una nota ha definito "un passo nella giusta direzione" le modifiche costituzionali fornite dal referendum, sottolineando che "toccano molti dei problemi che ostacolavano l’adeguamento della Turchia ai criteri di accesso all’Unione". Non mancano tuttavia le polemiche: gli oppositori degli emendamenti ritengono che ora il sistema giudiziario sia subordinato alla volontà del governo. Scontri tra opposte fazioni o con la polizia si sono verificati a Istanbul e nelle aree a maggioranza curda. Non si può dire riuscito, tuttavia, il tentativo di boicottaggio da parte del Partito della democrazia e della pace (Bdp) e delle altre formazioni nazionaliste curde. Un’affluenza alle urne del 77 per cento toglie ogni dubbio sulla legittimità della competizione. Solo nell’Anatolia sud-orientale gli elettori hanno di-

sertato in massa i seggi elettorali, in particolare ad Hakkari dove l’affluenza non ha raggiunto il 7 per cento. A puntare sul no erano soprattutto i repubblicani del Chp, che nelle loro aree di principale influenza, come a Izmir, sono andati oltre il 60 per cento. Ma sia nella capitale Ankara sia a Istanbul, oltre che in quasi tutto il sud-est del Paese, è stato il sì a dominare, determinando la vittoria di Erdogan. Il primo ministro, secondo quanto affermato nei giorni scorsi, in quest’anno che manca alle prossime elezioni punterà alla risoluzione di due problemi che al momento costituiscono un ostacolo invalicabile all’accesso della Turchia all’Unione europea: i curdi e Cipro. Quest’ultimo, in particolare, richiederà un’azione immediata: a dicembre è infatti previsto un esame della questione da parte dell’Ue. Tayyip Erdogan


16

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

MAPPAMONDO Grazie Fernando per la vittoria più bella La prima cosa che ha detto: chi non è un pilota non può capire che cosa voglia dire vincere a Monza al volante di una Ferrari. La vittoria di Fernando Alonso, di nuovo in corsa per il titolo mondiale piloti, è stata arricchita dal terzo posto dell’altro ferrarista Felipe Massa.


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani 17

DALL'ITALIA E DAL MONDO

Le banche avranno 10 anni per adeguarsi al Basilea 3

prevista attualmente. Ma, in considerazione dell’esigenza di non compromettere la ripresa in corso , è prevista molta gradualità, in modo da permettere alle banche di continuare ad assicurare i necessari flussi di credito all’economia.

di Roberto Carli ROMA - Il comitato di Basilea sulla vigilanza bancaria ha dato il via libera tecnico al nuovo accordo Basilea 3 per rafforzare il patrimonio delle banche ed evitare crisi globali future. Il rafforzamento dei requisiti patrimoniali concordato ieri viene attuato essenzialmente in due modi: in primo luogo si chiede una decisa ricomposizione dei requisiti patrimoniali verso gli strumenti di qualità più elevata, si potenzia cioè il cosiddetto Common Equity composto da capitale più riserve. L’attuale requisito minimo per il patrimonio complessivo non cambia e resta all’8 per cento in rapporto alle attività ponderate per il rischio, ma le banche che oggi stanziano il 2 per cento come common equity nel regime Basilea 3 dovranno avere il 4,5 per cento di questo capitale di alta qualità; inoltre il Tier one, cioè il requisito del patrimonio di base che include anch’esso altri strumenti di qualità rafforzata, passa dal 4 al 6 per cento.

In secondo luogo secondo quanto è stato stabilito dai banchieri centrali verrà richiesto alle banche di mantenere un cuscinetto ("buffer") di capitale aggiuntivo sopra i minimi, pari al 2,5 per cento; questo cuscinetto, spiega il comunicato, potrebbe anche aumentare nelle fasi di surriscaldamento del credito. Anche il buffer dovrà essere composto di capitale di elevata qualità . La nuova calibrazione dei requisiti è quindi più severa di quella

6%

Dall’attuale 4%: è il nuovo livello di garanzia del Tier One per assicurare un’adeguata piattaforma patrimoniale delle banche contro i rischi futuri

L’effetto di diluizione nel tempo dell’applicazione delle regole è legato a tre meccansimi: in primo luogo c’è un’entrata in vigore graduale dei minimi e dei buffer per la conservazione del capitale (al 2013 requisiti più bassi, poi innalzamento graduale; introduzione del buffer solo in un secondo tempo); in secondo luogo, le nuove e più severe regole sulle deduzioni dal patrimonio di vigilanza entreranno in vigore progressivamente; infine, gli strumenti di capitale

Il giorno dopo il via libera all’accordo di Basilea 3 ha preso il via la seconda giornata di riunioni alla sede della Bri, Banca dei regolamenti nternazionali oggi ammessi verranno esclusi a mano a mano e quelli sottoscritti dai governi,come ad esempio i Tremonti bonds, potranno rimanere integralmente per un periodo lungo. Come effetto di questi meccanismi, i nuovi requisiti saranno a regime pienamente solo nel 2020, cioè tra 10 annni e gli strumenti non più computabili nel patrimonio saranno completamente esclusi solo a partire dal 2023. Ci sarà quindi molto tempo per l’aggiustamento da parte delle banche. Il giorno dopo il via libera all’accordo di Basilea 3 ha preso il via la seconda giornata di riunioni alla sede della Bri, la Banca dei Regolamenti Internazionali. Per l’Italia era presente il governatore Mario Draghi, il direttore generale Fabrizio Saccomanni e il vice Ignazio Visco. Draghi ha parlatoe in qualità di presidente dell’Fsb, il Financial stability board, dopo la conferenza stampa del numero uno della Bce Jean Claude Trichet di fine mattinata.


18

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

CRONACHE

Gerardo Mancuso è stato raggiunto da una lettera con 2 proiettili

Minacce di morte rivolte al commissario dell’Asp di Giacomo Bono CATANZARO - Minacce di morte al Commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, Gerardo Mancuso. E’ stata inviata una lettera con due proiettili calibro nove e una frase: «Se uno solo dei lametini viene spostato, lui e la sua famiglia andranno al cimitero». La frase, sgrammaticata, è scritta al computer e inserita in una normale busta gialla con sopra l’indirizzo dell’Asp catanzarese, ed è stata intercettata sabato mattina all’ufficio posatale di Lamezia terme. Ad accorgersi della busta "anomala" per via del rigonfiamento dei proiettiAd accorgersi della li, un dipendente dell’ufbusta "anomala", un ficio che ha subito alleri funzionari delle dipendente dell’ufficio tato Poste i quali, a loro volta, che ha immediatamente hanno avvisato i carabinieri della Compagnia allertato i funzionari lametina. I militari dell’Arma hanno predelle Poste levato la busta gialla e sentito alcuni dipendenti, mentre la Procure della Repubblica ha avviato le indagini per risalire all’autore del gesto intimidatorio. Il Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti in relazione alla lettera di minacce recapitata al Commissario Straordinario dell’Asp di Catanzaro Gerardo Mancuso informa una nota dell’Ufficio Stampa della Giunta gli ha espresso «sincera solidarietà per il vile atto in-

timidatorio subito. La nostra azione di cambiamento non piace a quelle lobby che hanno gestito la sanità per tanti anni. Le numerose intimidazioni prosegue il Governatore della Calabria - non fermeranno le nostre attività volte a dare ai calabresi un sistema sanitario efficiente. Per questo - conclude il Presidente Scopelliti - invito il Commissario Mancuso, che già in poco tempo ha ottenuto risultati importanti, a continuare nella sua positiva attività per l’Asp di Catanzaro, ribadendogli il mio appoggio e la mia vicinanza». «Esprimo tutta la mia solidarieta’al Commissario straordinario dell’Asp di Catanzaro, GerardoMancuso, per la vile intimidazione subita. Si tratta di un gesto inqualificabile che va condannato fermamente, posto in essere nell’inutile tentativo di fermare il cammino di cambiamento avviato dal presidente Giuseppe Scopelliti».

E’ l’affermazione del consigliere regionale del Pdl, nonche’ presidente della terza Commissione consiliare "Attivita’ sociali, sanitarie, culturali, formative", Nazzareno Salerno, per il quale «Mancuso sta svolgendo un lavoro di granLa Procure della dequalita’ e non sara’ certo un atto deprecabile a Repubblica ha, intanto, rallentare lasua azione. Gli interventi che sono avviato le indagini stati avviati e quelli che per risalire stanno per avere luogo nel settore sanitario - ri- all’autore del gesto lancia Salerno- vanno nel senso dell’eliminazione intimidatorio degli sprechi e del raggiungimento di standard di efficienza: obiettivi che Mancuso ha dimostrato di poter centrare con la sua preparazione e la sua determinazione. La vicinanza del centrodestra e di tutto il popolo calabrese daranno ulteriore impulso ad un progetto che niente e nessuno riuscira’ a bloccare».

Il commissario straordinario del Pugliese-Ciaccio ha ridefinito il ruolo e i compiti del dottore Alfonso Ciacci CATANZARO - Il commissario straordinario dell’azienda ospedaliera "Pugliese-Ciaccio" di Catanzaro comunica di aver provveduto ad una ridefinizione del ruolo e dei compiti del dott. Alfonso Ciacci presso la Direzione dei servizi sanitari Aziendali. «Con lodevole senso di responsabilità, il dott. Alfonso Ciacci - scrive - ritiene non cumulabili i due ruoli di dirigente di struttura semplice conquello di delegato alla funzione di direttore

«Istituzioni compatte contro il crimine organizzato» CATANZARO - «In Calabria la compattezza delle istituzioni si rende sempre piu’ necessaria per combattere il crimine organizzato». Lo dichiarano, in una nota congiunta, i parlamentari Franco Bevilacqua, Ida D’Ippolito, Giovanni Dima, Nino Foti, Lella Golfo, Vincenzo Speziali e Michele Traversa, che hanno partecipato, a Reggio Calabria, all’Assemblea dell’Associazione Nazionale Magistrati. «Concordiamo con il pensiero espresso dal Presidente dell’Anm, Luca Palamara, secondo cui la Magistratura non sara’ lasciata da sola - affermano i Senatori e i Deputati del Pdl - e aggiungiamo che, come i Magistrati, anche le Istituzioni, che operano in prima linea sul territorio calabrese, hanno bisogno di appoggio da parte di tutte le componenti».

dei servizi sanitari aziendali. Il Commissario - si legge - ringrazia il Dott. Ciacci per la professionalità e capacità collaborativa dimostrata e chiede al dottore di proseguire la propria attività in veste consulenziale».

r. c.


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani 19

CRONACHE

Indagati per tentata estorsione aggravata dalle modalità mafiose CATANZARO - Hanno risposto lungamente alle domande del giudice per le indagini preliminari distrettuale di Catanzaro Assunta Maiore, Otello Rizzo, 50 anni, e GregorioPellegrino, 55, entrambi di Staletti’, titolari didue ditte edili, finiti in carcere all’alba di sabato con l’operazione "Caterpillar", scattata per l’esecuzione di un’ordinanza cautelare, perche’ indagati per tentata estorsione aggravata dalle modalità mafiose. I due uomini, nel corso deirispettivi interrogatori di garanzia tenutisi ieri, hanno respinto con decisione le accuse che gli vengono mosse dalla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo calabrese.

Caraffa, incendiata una scuola In corso le indagini dei carabinieri CATANZARO - Un incendio,probabilmentedinatura dolosa, è stato appiccatonell’edificio cheospitala scuola materna, elementare e media di Caraffa, un centro alle porte di Catanzaro. Il fuoco si e’sviluppato in biblioteca, distruggendo materialididatticiesuppel-

lettili, mentre in un secondo punto dell’edificio lefiamme si sono spente senza provocare ulteriori danni. Sulfatto indagano i carabinieri della locale stazione, intervenuti dopo la segnalazione di un operaio che ha trovato l’ immobile invaso dal fumo.

Speranza: buon anno scolastico a tutti i ragazzi LAMEZIA TERME - Il sindaco Terme, Gianni Speranza, accompagnato dall’assessore condelega alla Pubblica istruzione, Giusi Crimi, si è recato nelle scuole della città per il primo suono della prima campanella eha rivolto un saluto a studenti, insegnanti e personalescolastico. «Invio un messaggio - ha detto Speranza - di auguri e dibuon inizio di anno scolastico a tutti gli studenti lametini. Spero che sia un anno felice e sereno per tutti. Sono preoccupato e vicino ai tanti precari che, in queste Il sindaco ore, stanno protestando contro i tadi Lamezia gli alla scuola e contro il ministro si è recato Gelmini. nelle scuole A loro va tutta la per salutare mia solidarietà nella convinzione tutti i ragazzi che il diritto all’istruzione e al lavoro siano le basi fondamentali di un paese moderno e di una società civile».

Gli studenti lametini, dunque, hanno iniziato questo nuovo anno scolastico con gli auguri e la vicinanza del sindaco della città.

Giusy Lento

«Sono preoccupato e vicino ai tanti precari che, in queste ore, stanno protestando contro i tagli alla scuola»


20

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

CRONACHE

Ospedale "Cosentino", in tanti alla manifestazione di Beatrice Grasso CARIATI - Il territorio è perfettamente nelle condizioni di rivendicare un Hub, un cosiddetto ospedale di riferimento, letteralmente il fulcro di un più ampio sistema a rete. Sarebbe, questa, una delle tante ipotesi, ad oggi escluse dal piano di rientro regionale, sul quale si confronteranno i sindaci del Basso Jonio Cosentino e del Crotonese domani, alle ore 16,30, presso il Centro Sociale. Fortissima partecipazione, ieri mattina, alla manifestazione di protesta. L’intero territorio, rappresentato dal mondo della scuola, dell’associazionismo e dellachiesa,dalle La rivendica- istituzioni politicheedaisemplici zione di un cittadini, è sceso instradaperdire, ospedale di con una sola riferimento voce, "no" alla chiusura del "Vitfra i punti torio Cosentino". IlsindacoFilippo all’odg Sero ha dichiarato: «La grandissima partecipazione di gente dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, che le nostre rivendicazioni non sono velleitarie, ma rispondono ad una reale esigenza delle comunità di questo territorio. Il grande sostegno dei cittadini del Basso Jonio Cosentino e dell’alto Crotonese all’azione istituzionale condotta in questi giorni dai Sindaci dimostra, altresì, la volontà palese delle comunità a intraprendere ogni necessaria azione a tutela del nostro ospedale e del più elementare dei diritti: il diritto alla salute. Lo smantellamento della rete ospedaliera che si vuole imporre dall’alto, da Catanzaro e da Roma, è inac-

cettabile. Esso risponde a calcoli ragionieristici e omette ogni concreta azione di riorganizzazione della sanità sul nostro territorio. A prescindere da chi sia il committente politico d questo piano di rientro, forte è l’impressione che esso piuttosto che mirare a costruire una rete ospedaliera efficiente, efficace ed in grado di dare risposte adeguate al fabbisogno di prestazioni, serva, come purtroppo è sempre avvenuto in Calabria, a bilanciare privilegi. Non si vede in questo piano di rientro la coerenza rispetto alla volontà di cambiamento che ha consentito al Governatore Scopelliti di conseguire un vasto consenso popolare. Ritengo però che ci siano i tempi ed i margini utili per trovare una soluzione condivisa per garantire

«Lo smantellamento della rete ospedaliera che si vuole imporre dall’alto, da Catanzaro e da Roma, è assolutamente inaccettabile»

il diritto e la tutela della salute. Sta al Presidente Scopelliti, uomo delle istituzioni, cogliere questa opportunità. Per quel che ci riguarda, se questo disegno dovesse essere portato avanti, continueremo a manifestare il nostro più fermo dissenso assieme alle nostre comunità anche con azioni forti, determinate ed eclatanti. Ringrazio tutti coloro che ci hanno manifestato la loro solidarietà e la loro vicinanza. Dagli esponenti politici ai cittadini. In particolare ringrazio la Chiesa e S.E. Mons. Santo Marcianò - VescovodellaDiocesiRossano-Cariati per la solidarietà umana e cristiana che ci ha manifestato e per la condivisione delle nostre sacrosante rivendicazioni». Si ricorda che domani, alle ore 19 si terrà una fiaccolata, organizzata dalla parrocchia "Cristo Re", che dal piazzale della parrocchia, percorrendo, in corteo, la SS 106 raggiungerà l’ospedale "Cosentino". Altri attestati di solidarietà sono arrivati dall’associazione "Cariatesi in Germania", dal Consigliere provinciale di Wainblingen Alfonso Fazio, dal giornalista argentino Aniello Di Iorio e da Antonio Hugo Caruso, dal calciatore Vittorio Tosto e dall’On. Franco Laratta.

Esposizione di sculture in vetro a Palazzo Sanseverino COSENZA - Sabato 9 ottobre 2010, in occasione della sesta edizione della Giornata del Contemporaneo organizzata dall’associazione Amaci, la suggestiva cornice di Palazzo Sanseverino, sede del Maca (Museo Arte Contemporanea Acri), si arricchirà di un’installazione di oltre trenta sculture in vetro, realizzate dall’artista Silvio Vigliaturo, rappresentanti le Amazzoni, con lance d’acciaio e variopinti scudi, anch’essi in vetro. Le maestose e variopinte sculture fungono da vettori di messaggi appassionati e contemporanei che l’artista indirizza allo spettatore, come nel caso dell’Amazzone, che da sempre trova posto nella poetica di Vigliaturo, e quando le armi vengono che egli arricchisce di signifipoggiate al terreno. cati che la tramutano in una categoria umana del presente. L’Amazzone è uno dei più grandi risultati della modernità, il simbolo della sua mescolanza più riuscita; è la donCarmine Vero na che, in seguito a una lotta costante, è stata capace di cancellare quelle differenze che la separavano dall’uomo Oltre trenta le e che le erano state imposte opere realizzate da secoli di società maschiliste. dall’artista Tuttavia non bisogna erroneamente pensare, come ci Silvio Vigliaturo, hanno insegnato la storia e rappresentanti le l’epica, che l’Amazzone sia tale soltanto in guerra. Amazzoni L’intenzione di Vigliaturo attraverso quest’installazione è proprio quella di mostrare come la tempra della donna-guerriero non svanisca nelle parentesi di riposo,

Giornata del trekking urbano, proseguono i preparativi COSENZA - Cosenza si prepara alla VII Giornata nazionale del Trekking urbano, che si svolgera’ domenica 31ottobre, con un omaggio al 150 anni dell’Unita’ d’Italia e alle pagine del Risorgimento scritte sul proprio territorio.L’edizione cosentina della manifestazione ambientalista e culturale che si svolge ogni anno nelle citta’ della retecapitanata dal Comune di Siena, e’ preparata dal Settore programmazione e sviluppo economico in collaborazione con l’Ufficio Europe Direct e questa volta trattera’ in particolare delle drammatiche giornate che ebbero come epilogo la morte dei fratelli Bandiera e dei martiri del 1844. Il programma prevede un percorso che parte dal Vallone di Rovito - Ara dei Fratelli Bandiera per proseguire lungo Piazza Fratelli Bandiera -Museo dei Brettii, via dei Martiri, vico Sant’Agosti-

no, Salita dei Tribunali, via Don Luigi Maletta -Galleria nazionale, via Gian Vincenzo Gravina, corso Plebiscito-Chiesa San Salvatore, piazza Piccola, via Santa Lucia-Palazzo Cultura, piazza Marco Berardi-San Francesco D’Assisi, corso Vittorio Emanuele II, via Archi di Ciaccio, via Antonio Serra, piazza 15 marzo, corso Bernardino Telesio, piazza Giani Parrasio-caffe’ Renzelli, piazza Duomo. Il tempo di percorrenza e’ calcolato in 3 ore e mezza. Si parte alle ore 17. I partecipanti saranno coinvolti attivamente nella ricostruzione di momenti storici cittadini, mentre operatori del centro storico lungo il percorso offriranno degustazioni di prodotti tipici. La Giornata nazionale del Trekking urbano, che associa la volonta’ di incentivare abitudini di vita piu’ sane alla riscoperta di luoghi e tradizioni.


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani 21

CRONACHE

Dall’Amministrazione comunale di Cariati gli auguri agli alunni

«Partecipare alla vita sociale Anche questa è scuola» CARIATI - Anno scolastico 2010-2011, primo giorno all’insegna della cittadinanza attiva per gli studenti di Cariati. Sero e Perri: «Partecipare alla vita della società in cui si vive manifestando insieme per difendere o rivendicare diritti fondamentali come quello alla salute. Anche questa è scuola». Dall’Amministrazione Comunale gli auguri di un buon anno scolastico ad alunni, docenti e personale scolastico ed amministrativo. «L’apertura delle scuole - dichiarano il sindaco Filippo Sero e l’assessore alla Cultura Cataldo Perri coincide con un periodo particolare per la comunità, non solo cariatese, ma interterritoriale. La vicenda ospedale coinvolge, infatti, direttamente o indirettamente, quanti, quotidianamente, si Sero e Perri: «L’apertura recano, per studio o lavoro, a Cariati. E non delle scuole coincide solo. Fino ad oggi Cariati con un periodo partico- harappresentatopertanti, dall’entroterra alle citlare per la comunità, tadine affacciate sul a cavallo tra le due non solo cariatese, ma mare, provincie di Cosenza e Crotone, (si parla di 70 interterritoriale» Mila abitanti), un vero e proprio punto di riferimento per l’offerta e le prestazioni sanitarie. È per questo che si è avvertita l’esigenza di interessare delle iniziative di protesta in atto, contro l’ipotesi chiusura del presidio ospedaliero "Vittorio Cosentino", anche le scolaresche che oggi, hanno disertato le aule per prendere parte alla manifestazione di disapprovazione. Partecipazione e cittadinanza attiva sono vocaboli

«Partecipazione e cittadinanza attiva sono vocaboli e, insieme nozioni, che ogni cittadino dovrebbe imparare, anche a mettere in pratica. Sin dai banchi di scuola»

e, insieme nozioni, che ogni cittadino dovrebbe imparare, anche a mettere in pratica. Sin dai banchi di scuola. Agli alunni ed agli insegnanti, agli studenti ed ai professori, a tutti i figli accompagnati dai genitori a scuola ed all’asilo - concludono Sero e Perri- giunga l’augurio nostro personale e dell’Amministrazione Comunale; un augurio a migliorarsi e migliorare la società di domani».

Nicola Guerra

Protestano i 19 studenti iscritti all’Itcg E. Fermi di San Marco Argentano probabilmente respinti dalla scuola COSENZA - Comincia male l’anno scolasti a San Marco Argentano: 19 studenti che hanno fatto domanda di iscrizione presso l’Itcg ’Enrico Fermi’, per geometri e ragionieri, forse saranno respinti dalla scuola. Nelle scorse settimane il dirigente scolastico, Giuseppe Giudice, aveva inoltrato una richiesta per la costituzione di una nuova prima classe, che si sarebbe resa indispensabile per l’aumento di iscritti registrato. Dall’uf-

ficio scolastico provinciale la risposta e’ stata pero’ negativa. Il dirigente aveva poi avanzato la richiesta di poter autorizzare una classe articolata, cioe’ formata da studenti dei due percorsi presenti nella scuola, che avrebbero condiviso le materie comuni in modo da razionalizzare le spese. Ma anche questa soluzione non e’ stata accettata dall’ufficio scolastico competente.

Il sindaco Perugini e l’assessore Napoli salutano gli alunni COSENZA - E’ iniziato dalle scuole elementari di via Roma, il terzo circolo "Lidia Plastina Pizzuti", aCosenza, il giro del sindaco Salvatore Perugini e dell’assessore alle politiche educative Franco Napoli attraverso le scuole elementari e medie della citta’, in occasione dell’apertura ufficiale del nuovo anno scolastico 2010-2011. Poco dopo il suono della prima campanella, il Sindaco Perugini e l’Assessore Napoli hanno varcato la soglia della scuola elementare "Plastina Pizzuti" per portare l’augurio di buon inizio di anno scolastico da parte dell’Amministrazione comunale. A fare gli onori di casa, il dirigente Gerardo Napoletano che ha accompagnato gli amministratori durante la visita nelle aule. Ad accogliere il sindaco, ovunque bambini sorridenti, gia’ alle prese con i primi compiti in classe e per niente ti-

midi. Sono stati tanti, infatti, coloro che hanno rivolto al primo cittadino le domande piu’ disparate. "Papa’ mi ha detto che ieri ti ha incontrato in un bar" - ha simpaticamente esclamato un alunno della IV C. Prima di lasciare le scuole elementari di via Roma per proseguire la sua visita negli altri istituti scolastici, Perugini ha ricordato che per la scuola "Plastina Pizzuti" e’ in arrivo un finanziamento di 800 mila euro dallo Stato che servira’ alla sua ristrutturazione e l’auspicio manifestato dal primo cittadino e’ che i soldi arrivino prima possibile.

Maria Belfatto


22

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

CRONACHE

Maxi sequestro di prodotti contraffatti a Gioia Tauro GIOIA TAURO - Oltre unmilione di prodotti per la scuola contraffatti, sono stati sequestrati nel mese di agosto nel porto di Gioia Tauro. Guardia di finanza e personale della dogana hanno intercettato zainetti, colori, materiale di cancelleria e oggettistica varia, tutto rigorosamente falso e riproducente le immagini di noti personaggi dei fumetti quali Disney, Dragonball, Spider-man, Barbie, Winx, Tom & Jerry, o di squadre di calcio come Barcellona, Chelsea, Manchester United, Milan. Il materiale, del valore di oltre un milione di euro, proveniva tutto dalla Cina e, ufficialmente era destinato ad un paese del Nord Africa, ma secondo gli investigatori, sarebbero finiti sul Il materiale, mercato italiano del valore di ed europeo grazie a triangolaoltre un milio- zioni e false dichiarazioni. ne di euro, I proventi del traffico di mateproveniva riale contraffatto dalla Cina vengonopoireinvestiti in altre attività delittuose dalle organizzazioni criminali presenti elevatissimi rischi per l’ordine e la sicurezza pubblica. Solo una piccola parte dei guadagni, infatti, rimane nelle tasche dell’ultimo anello della filiera, rappresentata prevalentemente da cittadini extracomunitari. «Desidero esprimere il mio plauso alla Guardia di Finanza che ha sequestrato a Padova e Gioia Tauro milioni di articoli per la scuola contraffatti, infliggendo un duro colpo a questo tipo di attività illecita che nuoce all’economia italiana e alla salute dei nostri bambini», così il Ministro per le Politiche Europee, AndreaRonchi.

Coniugi feriti da colpi di pistola: arrestati due fratelli di Fedele Bianco

«Le due operazioni - osserva il ministro - dimostrano ancorauna volta quanto sia esteso e minaccioso il fenomenodellacontraffazione,ancor più grave quando interessa il mercato dei giochi e dei prodotti destinati ai ragazzi. Occorre sempre ricordare che contraffazione vuol dire lavoro nero, lavoro minorile, sfruttamento dei più deboli e criminalità organizzata. Attività che danneggiano il sistema economico, attentano alla sicurezza e alla salute dei consumatori e violano i più elementari diritti dei lavoratori. Le operazioni odierne sono importanti per l’entità straordinaria del sequestro di pezzi, ma hanno an-

che un alto valore simbolico perché avvenute proprio nel giorno di riapertura delle scuole. Serve però - aggiunge Ronchi - anche un salto di qualità nel campo non solo della prevenzione e della repressione ma anche in quello dell’ informazione, soprattutto quella rivolta verso i giovani, grandi fruitori di Internet dove ormai viaggia una rilevante - e spesso pericolosa per la salute - quota del fenomeno».

La Guardia di finanza e il personale della dogana hanno intercettato zainetti, colori, materiale di cancelleria e oggettistica falsi

«I proventi del traffico di materiale contraffatto venivano reinvestiti in altre attività delittuose dalle organizzazioni criminali»

Monica Belgrado

REGGIO CALABRIA - Sono stati arrestati dalla polizia due fratelli del rione Terreti di Reggio Calabria che nei giorni scorsi hanno ferito a colpi di pistola due coniugi nel corso di una lite sorta per problemi legati alla rivendicazione di un confine tra due proprietà. Si tratta di Giovanni Giordano di 59 anni e del fratello Antonio, commerciante, di qualche anno piu’ giovane. Il primo e’ stato arrestato dagli uomini della sezione volanti della questura dopo che si era barricato in casa, il secondo, invece, e’ stato bloccato sull’autostrada Salerno - Reggio Calabria nei pressi di Altilia Grimaldi, nel Cosentino, dagli agenti della polizia stradale della sottosezione di Lamezia Terme. L’uomo era a bordo di un furgone e nel marsupio aveva ancora la pistola, una calibro 9 per 21, usata nella sparatoria. I due dovranno rispondere di duplice tentato omicidio. Il maggiore dei fratelli Giordano si trovava agli arresti domiciliari che gli erano stati concessi a seguito di indulto per una condanna a 14 anni di carcere per l’uccisione di uno zio. Ieri sera i fratelli Giordano hanno litigato con una coppia di vicini di casa, nonche’ parenti: Vincenzo Siclari, 39 anni, e Maria Morabito di 43. Ad un certo punto per far valere le proprie ragioni Giovanni ed Antonio Giordano, prima l’uno poi l’altro,

hanno impugnato l’arma aprendo il fuoco contro i rivali. L’uomo e’ stato ferito alla schiena ed in altre parti del corpo, mentre la donna alla gamba destra. Vincenzo Siclari, dopo il suo ricovero agli Ospedali riuniti, e’ stato sottoposto ad intervento chirurgico e ricoverato in rianimazione; meno gravi inSi tratta vece le condizione della di Giovandonna. Quanni Giordo sul posto sono arrivati i dano e poliziotti delle volanti, del fratelGiovanni Giordano si e’ bar- lo Antonio ricato in casa, ma poi si e’ arreso agli agenti. L’altro complice, invece, si e’ dato alla fuga poi interrotta sulla Salerno Reggio Calabria.

Morabito: la protesta dei precari della scuola è anche la nostra REGGIO CALABRIA - : «La protesta dei Precari della Scuola che hanno manifestato i massa a Villa San Giovanni e Messina, è anche la nostra protesta. Quella di una Provincia del Sud che a causa di una politica miope ed antimeridionalista del Governo centrale sta subendo danni irreversibili sul piano economico e sociale. Le scelte del Governo nel comparto Scuola stanno indebolendo la scuola italiana, ma soprattutto hanno messo in seria difficoltà migliaia di famiglie». Lo afferma il presidente della Provincia di Reggio Calabria, Giuseppe Morabito. «E’ inaccettabile il fatto - aggiunge Morabito - che tagli così indiscriminati e generalizzati abbiano colpito all’interno dei nuclei familiari entrambi i coniugi. Una ritorsione inaccettabile per chi si porta alle spalle anni di sa-

crifici, di impegno professionale, di dedizione all’insegnamento ed attenzione agli studenti di una terra già troppo piena di problemi. Tra i manifestanti non c’erano solo precari espulsi dal sistema scolastico, c’erano anche tanti docenti in servizio. Dal Governo centrale si afferma che l’Italia ha superato brillantemente la crisi economica internazionale, ed ha saputo salvaguardare la pace sociale. Abbiamo molti dubbi a tal proposito, soprattutto guardando agli effetti della riforma del sistema scolastico. Colpire la cultura, l’istruzione, la scuola - conclude Morabito - è una politica, che non guarda agli effetti delle proprie decisioni, ma soprattutto non sa trovare soluzioni adeguate in un settore così determinante per il futuro dell’Italia». Maria Rita Giorla


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani 23

CRONACHE

Monsignor Morosini in occasione dell’inizio dell’anno scolastico

Scuola, il vescovo di Locri: il Governo sia sensibile di Beatrice Viola LOCRI - «Pensando, alle difficoltà con le quali si apre questo nuovo anno scolastico,con la chiusura di sezioni e di plessi scolastici, con la perdita di posti di lavoro e con la difficile situazione dei precari, esprimo a tutti la mia solidarietà e prego il Signore che illumini chi ci governa perché si mostri sensibile ai problemi di tutti». E’ quanto ha sostenuto il vescovo diLocri-gerace, mons. Giuseppe Fiorini Morosini, nel suo messaggio in occasione dell’inizio dell’anno scolastico. Rivolto ai ragazzi ha poi aggiunto: «Forgiatevi un carattereforte per saper resistere domani a tutte le suggestioni del male, che persone senza scrupolo «Se amate i vostri figli, suscitano in voi allettanaiutateli a crescere nel dovi con il denaro facile. Sia il vostro impegno il bene, non coprite modo migliore per eventuali lacune o errori dimostrare che anche voi scommettete sulla speperché altrimenti ranza e su un futuro midella nostra Locrinon cresceranno bene» gliore de e della nostra Calabria. Educatevi al bene, alla legalità, al rispetto delle istituzioni. Fate tesoro di ogni buon consiglio e di tutti i sacrifici che genitori e insegnanti fanno per voi. La vita è fatica, e questo tipo di scorciatoie finiscono sempre per spingervi nell’abisso, alcune volte senza ritorno. Siate saggi». «Mi rivolgo anche a voi genitori - ha proseguito mons.Morosini -. Se li amate veramente, aiutateli a crescere nel bene, non co-

«Pensando alle difficoltà con le quali si apre questo nuovo anno scolastico, con la chiusura di sezioni e di plessi scolastici, con la perdita di posti di lavoro, esprimo a tutti la mia più profonda solidarietà»

prite eventuali lacune o errori perché altrimenti essi non cresceranno bene. Educateli al sacrificio, al rispetto, al dovere responsabile, a produrre i frutti che tutti, soprattutto voi, si aspettano da loro. Non accontentatevi della semplice promozione, spingete i vostri figli allo studio responsabile e collaborate con la scuola, partecipando agli incontri scuola-famiglia. Non lasciate soli gli insegnanti, pretendendo da loro miracoli alla fine dell’anno, o, peggio, ritenendoli responsabili del poco rendimento dei vostri figli, soprattutto se siete stati assenti dalla vita scolastica. Mi rivolgo anche voi dirigenti scolastici, insegnanti, personale non docente: siete la famiglia che accoglie a scuola questi ragazzi e giovani. La società scommette sulla scuola. Scommettete sempre sul dialogo, sulla comunione, sull’accoglienza».

L’evento sportivo “Fit The Beat - Live Music Fitness Event” protagonista all’arena Ciccio Franco REGGIO CALABRIA - L’Aspic per lo Sport esplode all’ Arena "Ciccio Franco" con l’evento sportivo "Fit The Beat - Live Music Fitness Event" organizzato con il patrocinio della Regione Calabria, della Provincia e del Comune di Reggio Calabria, nonché con la collaborazione dell’ASI Reggio Calabria. L’ evento, con DJ in live, ha animato il cuore di Reggio Calabria offrendo agli atleti giunti da tutte le province calabresi e dalla vicina Sici-

lia, nonché al pubblico uno spettacolo unico. La selezione musicale ed il remix del DJ Fitness Roberto Nobile in stretta collaborazione con il mixaggio in diretta del DJ storico Gianni Sanfilippo, ha accompagnato i tecnici esperti Cugliandro e Zappia nelle specifiche discipline dello step e dell’aerobica, coinvolgendo il pubblico protagonista.

Inaugurata una scuola media nel quartiere Cannavò REGGIO CALABRIA - E’ stata inaugurata, dal sindaco Giuseppe Raffa, la nuova scuola media nel quartiere di Cannavo’ a Reggio Calabria. All’inaugurazione, oltre al sindaco Raffa, erano presenti l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Sebastiano Vecchio, l’Assessore alla Polizia Urbana, Amedeo Canale, il consigliere Comunale Giuseppe Martorano, la dirigente scolastica, Anna Delfino, il presidente della XII Circoscrizione, Demetrio Fotia assieme al consigliere Demetrio Cara. L’apertura della nuova scuola, nel popoloso quartiere, ha determinato nei genitori e negli studenti molta soddisfazione considerato che gli studenti adesso possono frequentare una struttura in grado di raggruppare tutte le classi in un edificio strutturalmente concepito per mettere gli studenti nelle condizioni di studiare in

modo ottimale. «La nuovastruttura scolastica - ha detto il Sindaco Raffa - testimoniala sensibilita’ e l’impegno concreto dell’Amministrazione Comunale nell’affrontare e risolvere i problemi legati alla realizzazione di edifici scolastici nell’intero territorio comunale. Siamo particolarmente felici continua Raffa - nel pensare che siamo riusciti a dare ai numerosi giovani studenti residenti nella zona una struttura a norma in grado di favorire un adeguato e funzionale svolgimento delle attivita’ scolastiche». Soddisfazione e stata espressa anchedall’Assessore alla Pubblica Istruzione Sebastiano Vecchio. «Nella nuova struttura - ha detto Vechio - oltre alla scuola media ospiteremo anche alcune classi delle scuola materna».


24

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

CRONACHE

Da tutto il mondo per discutere di naturismo CROTONE - Il nudismo etico e il nudismo consumistico possono coabitare: è quanto è emerso nel 32/mo congresso mondiale del naturismo che si èchiuso nei giorni scorsi a Isola Capo Rizzuto. Un appuntamento che ha richiamato delegazioni da tutto il mondo per discutere dei temi che interessano il particolare settore turistico e la filosofia di vita naturista. «Il naturismo - ha sostenuto il presidente della Fenait, laFederazione italiana naturisti, Gianfranco Ribolzi - affinché sia compreso, deve essere praticabile, accessibile al maggior numero di persone anche ’cedendo’ alla richiesta di quel comfort necessario per vivere meg«Nudismo eti- lio. Se l’etica naturico e consu- sta esige dei sacrifici, questi demistico, sen- vono essere dettati del senso del za eccessi, limite, dal rispetto della natura, possono non come semcoabitare» plice modo di dire, perché rispettarelanatura significa per l’umanità preservare il suo habitat. Così il nudismo etico e il nudismo consumistico, senza eccessi s’intende, possono coabitare, anche se i centri naturisti a indirizzo commerciale operano una semplice promozionenudista,ossiaquelnudismo comodo, da roulotte, da camper, da grill, da bungalow, da hotel da crociera». «Insomma - ha concluso Ribolzi se la filosofia naturistapersegue il benessere totale della persona nell’ambito del cosiddetto ’vivere secondo natura’, il naturismo commerciale può contribuire alla sua realizzazione perché permette

al naturismo etico di sopravvivere in un mondo in cui abbiamo visto molti movimenti scomparire per non aver compreso l’ineluttabilità della legge dell’evoluzione». Al congresso hanno partecipato i vertici delle federazioni nazionali e internazionali: il presidente della Inf-Fni (International naturism federation) Sieglinde Ivo, il vicepresidentedellaInf-FniGeorgeVolak, l’addetto alle pubbliche relazioni per l’Europa della Inf-Fni, Mick Ayers. Il tema dei lavori è stato "Naturismo etico e naturismo commerciale", un confronto, è stato rilevato, «fra dueaspetti estremamente importanti per analizzare la coesistenza di due mondi ormai presenti nel movimento: quello associativo che difende e diffonde l’idea na-

Ribolzi: affinché sia compreso, deve essere praticabile, accessibile al maggior numero di persone anche cedendo a quel comfort

Zurlo: per chi lo pratica nei luoghi deputati, rappresenta l’affermazione della libertà

turista e quello commerciale che la utilizza, la protegge e la qualifica». L’obiettivo era quello di diffondere l’aspetto "imprenditoriale" del particolare modello vacanziero, per permettere a numeri sempre maggiori di turisti di poter praticare il naturismo senza dover rinunciare a quei comfort che sono ormai parte integrante della vita di ognuno. Ai lavori ha partecipato anche il presidente della Provincia di Crotone, Stanislao Zurlo, che ha evidenziato come la Provincia abbia deciso di «attivarsi per appoggiare questainiziativa perché crediamo che possa dare una ottima immagine al territorio, troppo spesso associato a eventi poco lusinghieri e negativi. L’esempio dato dal Camping Pizzo Greco nella gestione e nell’organizzazione di questo evento mondiale è stato pregevole. E perciò va utilizzato come modello».

Cesare Greco

CROTONE - «Eventi come questo rappresentano una importantissima azione di marketing territoriale che veicolano, a livello internazionale, l’immagine del crotonese e che, quindi, fanno bene al nostro territorio». Queste le parole del presidente della Provincia di Crotone, Stano Zurlo, partecipando nei giorni scorsi alla conferenza tenutasi al Camping "Pizzo Greco" di Isola Capo Rizzuto sede del congresso mondiale del naturismo. Un appuntamento di grande importanza per i turisti "senza costume" che coinvolge le federazioni naturiste dell’intero pianeta. «Come amministrazione provinciale ha dichiarato Zurloabbiamo inteso supportare l’evento anche perché il naturismo,per chi lo pratica nei luoghi deputati, rappresenta l’affermazione della libertà dell’uomo». A Zurlo ha fatto eco il vice presidente dell’Ente ed assessore al Turismo, Gianluca Bruno. «Come governo provincialepuntiamo -ha detto- alla valorizzazione del Camping Village Pizzo Greco che daoltre 30 anni opera in questo comparto turistico offrendo una strutturaall’avanguardia dal punto di vista sia organizzativo che gestionale. Una struttura come poche in Italia. Isola Capo Rizzuto -ha concluso Bruno- la località di punta del turismo crotonese». Anche l’assessoreprovinciale

Associazione mafiosa, emesse ordinanze di custodia cautelare CROTONE - Operazione antimafia nei giorni scorsi, condotta dagli agenti della squadra Mobile di Crotone che stanno eseguendo nuove ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip distrettuale a carico di altrettante persone accusate di associazione mafiosa, estorsioni e danneggiamenti ai danni di imprenditori locali, traffico di sostanze stupefacenti. L’operazione è scaturita dalle inchieste denominate "Heracles" e "Perseus" a carico di 93 indagati; lo scorso anno, erano state sgominate la cosca Vrenna-Corigliano-Bonaventura e quella dei Papaniciari. Tra i destinatari delle misure cautelari figurano, anche il boss del gruppo scissionista dei Papaniciari, Pantaleone Russelli, di 37 anni, reggente della cosca, nonchè i suoi più stretti collaboratori.

alle Attività produttive, Alessandro Carbone, è intervenuto alla conferenza sottolineando la positività dell’ iniziativa sia per l’ immagine che per l’economia". Sono inoltre intervenuti il presidente del «Puntiamo Consiglio provinciale, Bene- alla valodetto Proto rizzazione che ha ricordato la diffudel Camsione della cultura naturi- ping Pizzo sta, ed il vice Greco» presidente del Consiglio Raffaele Martino.

r. c.


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani 25

CRONACHE

Il comandante della Polizia provinciale ha emanato il bando

Bando per regolarizzare la pubblicità abusiva in città di Benedetta Furla VIBO VALENTIA - Al via la regolarizzazione per l’occupazione abusiva degli spazi e delle aree pubbliche lungo le strade provinciali di Vibo Valentia. A darne notizia è il comandante della Polizia provinciale, Giuseppe La Fortuna, che ha emanato il relativo bando, pubblicato venerdi’ scorso. «Il provvedimento punta a risolvere una problematica annosa, legataalla presenza lungo la rete viaria provinciale di istallazioni pubblicitarie e passi carrabili non autorizzati - spiega La Fortuna -. La recente approvazione da parte del Consiglio provinciale del regolamento sull’occupazione di spazi e «Il provvedimento punta aree pubbliche, consente ora di mettere ordine a risolvere una proble- in un settore che ha visto la proliferazione di numatica annosa, legata merosi abusi, spesso con alla presenza di instal- conseguenze rischiose per la viabilita’». lazioni pubblicitarie Il bando prevede untermine di 60 giorni dalla non autorizzate» data di pubblicazione, entro ilquale chi e’ interessato puo’ presentare domandadiregolarizzazione,compilandol’apposito modello, reperibile sia presso l’Ufficio concessioni (Via Cesare Pavese - tel 0963/997223 997292) che sul sito internet della Provincia (www.provincia.vibovalentia.it) e sul blog dell’Ufficio stampa (www.ufficiostampavv.blogspot.com). Il provvedimento consente agli utenti non in regola

«La recente approvazione da parte del Consiglio provinciale del regolamento sull’occupazione di spazi e aree pubbliche, consente ora di mettere ordine in un settore che ha visto la proliferazione di abusi»

di sanare la propria posizione pagando soltanto due annualita’ pregresse, oltre alla sanzione prevista dal nuovo codice della strada. Decorsi i 60 giorni fissati dal bando, gli impianti pubblicitari ed i passi carrabili non in regola saranno soggetti a provvedimento di rimozione, con l’obbligo di ripristino dei luoghi. «Una vera epropria svolta nella gestione delle aree pubbliche di competenza della Provincia - aggiunge dal canto suo il presidente della Francesco De Nisi -. Innanzitutto perché si punta a razionalizzare l’uso di questi spazi, evitando il proliferare caotico di cartelloni che deturpano il paesaggio comprome perché sarà possibile per l’Ente incassare regolarmente i canoni previsti per le installazioni pubblicitarie ed i passicarrabili autorizzati».

Al via un circuito didattico per l’insegnamento della lingua italiana rivolto ai migranti e agli extracomunitari residenti VIBO VALENTIA - Il Sistema bibliotecario vibonese e l’associazione culturale "Tra mondi", con la collaborazione dello scrittore Eraldo Affinati, aprono a Vibo Valentia un circuito didattico per l’insegnamento della lingua italiana, rivolto ai migranti e agli extracomunitari residenti. L’iniziativa rientra all’interno del progetto Penny Wirton, già attivo a Roma da diversi anni. A partire da ottobre, una serie di scuole, animate da volon-

tari, apriranno le attività didattiche in diversi centri calabresi, tra cui Castrovillari, Trebisacce e Mormanno. Sarà possibile accedere a differenti livelli di preparazione: dalle prime basilari nozioni grammaticali sino al confronto con i primi testi scritti. La scuole prevede anche momenti di aggregazione, in cui i partecipanti sono chiamati a raccontare la propria vita. .

Picchia la moglie e aggredisce i carabinieri, manette a un 47enne VIBO VALENTIA - Quando sono arrivati i carabinieri lo hanno trovato con in mano un corpo contundente con cui stava aggredendo la moglie, dopo averla riempita di pugni e schiaffi, ma alla vista dei militari anziche’ desistere ha aggredito anche loro. Immobilizzato e’ stato tratto inarrestato con l’accusa resistenza, oltraggio a pubblico ufficiale e porto di oggetti atti ad offendere. Il fatto e’ avvenuto nel pomeriggio di sabato a Capistrano, un comune del vibonese, dove i militari dell’Arma diretti dal maresciallo Angelo Faraca, hanno evitato che venisse portato a termine il brutale atto di violenza nei confronti della moglie, atti che sono all’ordine del giorno con conseguenze molto piu’ tragiche. Autore della brutale violenza un 47enne R.C., noto alle forze dell’ordine, che e’ stato rinchiusonelle carceri di Vibo.


26

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Esterno di palazzo Barberini

Appuntamento il 19 settembre con riapertura delle sale rinnovate e possibilità di visitare anche la villa Farnesina Chigi e l’Orto botanico

Palazzo Barberini, riapre dopo due anni con ingresso gratuito e musica barocca Silvia Novelli Giuditta che taglia la testa a Oloferne di Caravaggio, La Fornarina di Raffaello, l’Adorazione dei pastori di El Greco, la Madonna col bambino di Filippo Lippi, Cristo e l’adultera di Tintoretto, Venere e Adone di Tiziano. Sono solo alcuni dei capolavori conservati in una delle dimore signorili più belle della capitale: palazzo Barberini. Costruito tra il 1625 e il 1633, l’edificio presenta uno spettacolareatrioaninfeo.Autore del progetto è Carlo Maderno, coadiuvato da Francesco Borromini. Il cantiere passa dal 1629 sotto la direzione di Bernini sempre con la collaborazione di Borromini, cui si devono numerosi particolari costruttivi e decorativi quali l’elegante scala elicoidale nell’ala ovest del palazzo, con la quale dialoga lo scalone d’onore berniniano a pianta quadrata nell’ala est. Il grande salone al

piano nobile è stato decorato nel periodo 1633-1639 da Pietro da Cortona con un affresco che raffigura Il trionfo della divina provvidenza e il compiersi dei suoi fini sotto il pontificato di papa Urbano VIII Barberini. Dopo due anni di restauro, il prossimo 19 settembre riapre al pubblico con sale rinnovate e tesori da riscoprire. Per celebrare l’evento, la Soprintendenza Speciale per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico e per il Polo museale della città di Roma, diretta da Rossella Vodret, ha ideato e organizzato per domenica, dalle 19 alle 24, la Notte a palazzo Barberini. L’evento prevede visite guidate, musiche, luci nelle due sedi della Galleria nazionale di arte antica a palazzo Barberini e galleria Corsini, affiancate per l’occasione da villa Farnesina Chigi e dall’Orto botanico. L’accesso ai diversi luoghi sarà gratuito fino ad esaurimento e non sarà necessaria al-

Il salone al piano nobile è stato decorato nel periodo 1633-1639 da Pietro da Cortona con un grande affresco

cuna prenotazione per le visite. Un servizio navetta collegherà piazza Barberini con il nucleo dei siti trasteverini. A palazzo Barberini verrà offerta la possibilità di passare una serata all’insegna dell’arte con visite guidate alle nuove sale ma anche intrattenimento. Il cortile e i giardini inter-

ni verranno infatti illuminati e la notte sarà animata dalle musiche barocche coordinate da Michele Gasbarro, direttore del Roma festival barocco. Per la prima volta saranno illuminati e aperti di notte i saloni della galleria Corsini e i giardini di palazzo Corsini e dell’Orto botanico.

Dall’indiano Yusuf Arrakal alla giapponese Aihara Misa, dal corso Louis Schiavo alla scozzese Annemarie Murland, alla spagnola Teresa Picornell. Sono i cinque protagonisti di Oriente e Occidente. Espressioni di arte contemporanea,collettivain calendario dal 13 settembre al 9 ottobre alla galleria Tondinelli di Roma. Gli artisti presentano le loro opere quali cartine di tornasole del paese d’appartenenza, ma soprattutto ricorrono a quello spirito di contaminazione tra Oriente e Occidente che oggi, ancor più di ieri, rappresenta un arricchimento culturale sia per il creatore dell’opera sia per il pubblico. A tal proposito Floriana Tondinelli, curatrice della rassegna insieme a Costanzo Costantini, afferma: «Ri-

tengo la pluralità dei linguaggi un valore che può solo far crescere un artista, senza snaturarlo. Le contaminazioni sono tali nella loro essenza, che è proprio quella di non creare condizionamenti». Dunque Oriente e Occidente propone i lavori di un artista sensibile e attento all’ambiente sociale come Arrakal («C’è un angoscioso essere, disturbato e in difficoltà, da qualche parte dentro di me», dichiara) e quelli di Misa che con la sua pittura emozionale dà vita a geometrie che rammentano interi quartieri visti dall’alto. E ancora, i colori cangianti di Schiavo, espressione dei suoi frequenti viaggi nell’Africa del nord, la pittura raffinata e ricca di dettagli della Murland, con al centro l’elemento naturalistico, e le soluzioni cromatiche scelte dalla Picornell, vero e proprio ponte tra passato e presente. «Nel corso del-

la collettiva si avrà modo di osservare le opere di cinque artisti che si confrontano sul terreno comune della pittura, offrendo l’emozionante vissuto del proprio paese», conclude la curatrice. Info: www.galleriatondinelli.it.

Alla galleria Tondinelli di Roma dal 13 settembre al 9 ottobre

Tra Oriente e Occidente le creazioni di cinque artisti in un dialogo costruttivo con l’altro Massimo Canorro

Caravaggio, Giuditta che taglia la testa a Oloferne

L'opera di Louis Schiavo


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani 27

IL DOMANI DELLA CULTURA

Addio a Claude Chabrol narratore dei vizi borghesi Il regista francese è stato uno tra gli esponenti della Nouvelle vague Giorgia Bernoni Se fosse stata una pellicola a sua firma il cadavere sarebbe stato ritrovato all’interno di una camera elegante in un casa dalle vetrate ampie ma sempre con le tende accostate, con un sottofondo musicale al limite tra un allegro andante e un tappetino da film dell’orrore. Amava le atmosfere ricercate ma poco rassicuranti, sempre in bilico tra familiare e perturbante, il regista francese Claude Chabrol venuto a mancare domenica scorsa. Nato a Parigi nel 1930, Chabrol è stato tra i maggiori esponenti della corrente artistica Nouvelle vague, il movimento cinematografico francese nato sul finire degli anni Cinquanta e

che annovera tra i suoi fondatori anche François Truffaut e Jean-Luc Godard. Chabrol fece il suo ingresso nel mondo della celluloide da giovanissimo come proiezionista in un piccolo paesino francese e successivamente si è dedicato alla scrittura in veste di critico pubblicando, nel 1957 con Eric Rohmer, un volume sull’amatissimo Alfred Hitchcock. Come produttore partecipa all’avvio della Nouvelle vague con il suo primo film, "Le beau Serge", a cui seguirà I cugini (1959). Negli anni settanta avviene l’incontro con l’attrice Isabelle Huppert che diventa una delle interpreti preferite dal regista. Si apre così la stagione della maturità di Chabrol che ritroverà la sua nuova stella in moltissimi film, fino alla Commedia del potere del 2006, passando per una memorabile Madame Bova-

Claude Chabrol

ry del 1991. Sul piano del giallo e del noir coglie grande successo con il sodalizio con Michel Serrault (I fantasmi del cappellaio da Simenon) e Jean Poiret (L’ispettore Lavardin). Il suo volto apparirà nel rullo che ricorda ogni anno i grandi cineasti scomparsi, in onda durante la premiazione degli Oscar il 27 febbraio prossimo.

Ai Mercati di Traiano, fino al 14 novembre, oltre cento fotografie per ricordare gli anni dal 1950 al 1960 specchio di un’Italia ottimista e in rapido cambiamento

La Dolce vita celebra le sue star nel decennio d’oro di Roma Massimo Canorro «Mi auguro che queste fotografie restituiscano l’immagine di un’Italia ottimista e in costante miglioramento. Un paese che salda i suoi debiti». È l’auspicio di Marco Panella , curatore della mostra La dolce vita. 1950-1960. Stars and celebrities in the italian fifties". Promossa dal comune di Roma e Cinecittà Luce, la rassegna ospitata dai Mercati di Traiano fino al 14 novembre propone cento foto selezionate dall’Archivio Luce e cento rotocalchi degli anni Cinquanta sul tema della dolce vita. Tra i protagonisti immortalati ci sono Gina Lollobrigida, Alberto Sordi, Grace Kelly, Vittorio Gassman, Sofia Loren, «divi e celebrità ritratti in situazioni spontanee, ad esempio quando firmano

autografi. Nessuna foto di mestiere», precisa il curatore, aggiungendo che «nella mostra emerge l’Italia di Poveri ma belli, Bellissima, Lo sceicco bianco, Il sorpasso, un racconto sociale presentato attraverso gli scatti di un paese che rinasce dopo la guerra». A fargli eco è Luciano Sovena, amministratore delegato dell’Istituto Luce, che rammenta come «l’esposizione ben ripropone il cinema e il gossip di tanti anni fa. L’archivio si compone di cinquemila foto - dal 1925 al 1970 - e quelle selezionate per la mostra credo rappresentino le più caratteristiche». Dunque un percorso per immagini all’interno del quale fascino, bellezza, divismo e celebrità entrano nel quotidiano, filtrati dalla leggerezza mondana di quegli anni. «Cambiano i riti del corteggiamento, del tempo libero e dell’informazione.

Audrey Hepburn in arrivo a Ciampino, Roma 1959

Oggi arriva a vendere un milione di copie, Epoca cinquecentomila. I rotocalchi supportano l’informazione popolare», dichiara Panella. Il cinema, gli amori, i vizi e gli scandali dei divi vengono seguiti dal pubblico con passione, testimoniando, così com’è nell’intento di questa rassegna, la

Un percorso per immagini all’interno del quale fascino bellezza, divismo e celebrità entrano nel quotidiano filtrati dalla leggerezza mondana di quegli anni

capacità e la voglia di far tornare a sognare. Il percorso raccoglie 100 foto selezionate dall’Archivio Luce e 100 rotocalchi degli anni ‘50, un racconto per immagini con i volti ed i personaggi entrati nell’immaginario degli italiani, filtrati dalla leggerezza mondana dell’epoca. Set naturale di questa vita è Roma, ma tutta l’Italia ne è contagiata. Quell’Italia degli anni ’50 dove più della metà della popolazione parla solo il dialetto e dove sono oltre 6 milioni gli analfabeti. La stessa Italia dove però si vendono tantissimi dischi (18 milioni solo nel ’58) e si frequenta quasi ogni giorno il cinematografo (nel ’53 ce n’è uno ogni 33.000 abitanti per una spesa complessiva di 93 miliardi di lire), dove si beve Coca Cola, si balla il rock’n roll, si risparmia e si guarda al futuro. Info: www.mercatiditraiano.it

La sua pellicola “Somewhere” trionfa alla mostra del cinema

Il Leone di Venezia a Sofia Coppola Annarita Guidi

Terminata la kermesse è tempo di bilanci con le passioni di famiglia che stregano la giuria

Una sorpresa? Forse no. Le passioni famigliari hanno stregato la giuria di Venezia 67 come se, in un attimo, si fosse verificata una convergenza, un incrocio di immagini e ricordi. Chissà se Quentin Tarantino, applauditissimo capo dei giurati del concorso, avrà pensato al finale di "Kill Bill", allasuasposavendicatriceriunita alla propria figlia. Chissà se Vincent Gallo premiato con la coppa Volpi per la sua interpretazione in "Essential killing" di Jerzy Skolimowski, avrà gioito anche per questo Leone d’oro di padri e figli, magari rievocando gli intrighi di

Sofia Coppola premiata a Venezia

uno dei suoi lavori più recenti, Segreti di famiglia. Quel film era firmato da Francis Ford Coppola e, chissà, forse ha portato fortuna. A Sofia Coppola - fra l’altro ex fidanzata del presidente Tarantino - che vince questa edizione con il suo “Somewhere ”, viaggio nel cinema e nella vita, strappo

autobiografico di un padre attore perduto nei meandri di una popolarità sterile e di una figlia che gli farà ritrovare il gusto per la vita. A bocca asciutta il nutrito e promettente gruppo di film nostrani, con l’eccezione del premio Controcampo italiano a 20 sigarette di Aureliano Amadei mentre la sezione Orizzonti, rinnovata quest’anno nelle forme e nella ricerca di futuro, incorona il messicano Nicolas Pereda e il suo "Verano de goliat", storie intrecciate nella città di Huilotepec. La coppa Volpi per l’interpretazione femminile è stata conquistata da Ariane Labed con "Attenberg" della regista Athina Rachel Tsangari.

A bocca asciutta gli italiani, unica eccezione 20 sigarette che vince la sezione Controcampo


28

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

Mario Biondi

L’annuncio della data catanzarese, il 30 settembre, è stata accolta con entusiasmo in tutta la Calabria

Mario Biondi in concerto: il Barry White italiano al Festival d’Autunno CATANZARO-Crescel’attesaper la "Summer Session" del Festival d’Autunno che giorno 30 settembre vedrà protagonista il soul man italiano Mario Biondi nella sua unica data in Calabria. La grande disponibilità dell’artista a chiudere il suo tour trionfale a Catanzaro sta per essere ricambiata con affetto dal pubblico che, a pochi giorni dall’apertura della segreteria della manifestazione diretta da Antonietta Santacroce, non ha mancato di acquistare i biglietti di un evento che si preannuncia come una interessante anteprima dell’ VIII edizione del Festival d’Autunno. «In questi mesi - dice Antonietta Santacroce - Mario Biondi ha confermato di non essere un fenomeno passeggero, ma un artista vero legato alle tradizioni della musica soul e di artisti del calibro di Lou Rawls, di Isaac Hayes e di Barry White. L’annuncio della data catanzarese è stata accolta con entusiasmo non solo in tutta la Calabria ma anche dai fan delle regioni limitrofe. In questi giorni abbiamo avuto diverse richieste di biglietti dalla Campania e dalla

Sicilia - sottolinea la direttrice artistica del Festival d’Autunno a conferma del grande seguito che accompagna il cantante nei vari concerti. Questo interesse dà maggiore rilevanza all’unico concerto che il cantante terrà nella nostra terra». L’artista catanese, che agli inizi della sua carriera è stato ingiustamente identificato con il suo brano di maggior successo "This is what you are", da circa un anno si trova ai vertici delle classifiche di vendita degli album con il suo ultimo lavoro "If", il cui singolo "Be lonely" è uno dei brani di punta delle radio di mezzo mondo. Per il concerto, che si terrà al Gran Teatro "Le Fontane", sarà possibile acquistare i biglietti on line con carta di credito o Postepay presso i circuiti Ticket One o sul sito del Festival d’Autunno, presso la segreteria della manifestazione sita in Via Spasari (dietro le Poste) e presso le prevendite di Catanzaro, Cosenza, Crotone, Roccella Jonica e Reggio Calabria. Appassionato di musica soul, Mario Biondi forgia il suo particolare timbro vocale ascoltando i

Antonietta Santacroce

«In questi mesi - dice Antonietta Santacroce Mario Biondi ha confermato di essere un artista vero legato alle tradizioni della musica soul e di artisti del calibro di Rawls, Hayes e Barry White»

dischi di personaggi come Lou Rawls, Al Jarreau e Isaac Hayes. La svolta arriva nel 2004 con This is what you are . Il singolo era stato pensato per il mercato giapponese, ma arriva anche sul tavolo delle radio europee. Il famoso dj inglese Norman Jay lo inserisce a sorpresa nella scaletta del suo programma alla BBC1 e la voce di Mario Biondi, prima ancora del suo nome, si diffonde in tutto il vecchio continente. Arriva il riconoscimento del Consolato britannico alla Cerimonia di premiazione dell’associazione UK-Italy Business. Nel 2006 esce il suo primo album, Handful of Soul , inciso col gruppo High Five Quintet, che lo porta alla ribalta facendogli conquistare, dopo soli tre mesi, il primo dei due dischi di platino. Nello stesso anno partecipa al progetto benefico Alex - Tributo ad Alex Baroni interpretando il brano L’amore ha sempre fame . È del 2007 la partecipazione come celebrità al Festival di Sanremo, dove duetta con Amalia Grè nel brano Amami per sempre . Nello stesso anno ha pubblicato un singolo intitolato No matter ,

Miss Italia 2010: è reggina la calabrese giunta alla finalissima. «Il mondo della moda mi affascina» REGGIO CALABRIA - È reggina ed ha 19 anni, la contendente calabrese al titolo di Miss Itala. Maria Elena Scaramozzino dopo una serie di votazioni, ha raggiunto il traguardo della finalissima. Maria Elena è arrivata a Salsomaggiore vincendo prima la fascia di "Miss Giochi dello Stretto" a Catona di Reggio Calabria e poi la sua finale regionale a Scilla. Ha detto di partecipare perché «il mondo della moda mi affascina particolarmente. Spero che il concorso mi dia la possibilità di entrarne a far parte». Un’altra miss reggina, la Miss Calabria Denise Barbuto, eliminata nella

prima serata, si è presa una rivincita vincendo la fascia nazionale di "Miss Liabel Italia" che le vale un contratto di lavoro con l’azienda di abbigliamento intimo e mail sponsor di Miss Italia. «Ora, dopo la soddisfazione del titolo nazionale conquistato dalla nostra Miss Calabria Denise Barbuto - ha sostenuto Beniamino Chiappetta, agente regionale di Miss Italia in Calabria - trepidiamo e sosteniamo tutti con grande affetto la nostra Maria Elena Scaramozzino. Confidiamo che come al solito tutti i calabresi sosterranno al massimo le nostre miss. Incrociamo le dita».

Maria Elena Scaramozzino

in collaborazione con il dj Mario Fargetta. Ha interpretato cover di brani molto famosi come Just the Way You Are , composta nel 1978 da Billy Joel e interpretata anche daBarry White . Nel novembre del 2007 viene pubblicato il doppio album con la Duke Orchestra , I love you more – Live registrato al Teatro Smeraldo di Milano nell’ottobre dello stesso anno. Nel doppio cd è inclusa This is What You Are come ghost-track . Nel 2008 viene coinvolto dalla Walt Disney nel progetto di remake de Gli Aristogatti . Biondi è interprete delle due colonne sonore del film d’animazione Everybody Wants to be a Cat ( Tutti quanti voglion fare il jazz nella versione italiana) e Thomas O’Malley ( Romeo il gatto del Colosseo ). Nel febbraio 2009 è stato ospite al Festival di Sanremo. Ha duettato con Karima Ammar (in gara nella sezione giovani), nella canzone

L’artista catanese da un anno è ai vertici delle classifiche con il suo ultimo lavoro "If", il cui singolo "Be lonely" è uno dei brani di punta delle radio internazionali Come in ogni ora . Sul palco del Tatro Ariston, Burt Bacharach, produttore del disco e autore di uno dei brani, ha diretto l’orchestra ed ha suonato il pianoforte. Ha duettato con Renato Zero nel brano Non smetterei più , contenuto nel nuovo album Presente . Il 9 maggio scorso ha partecipato alla sesta puntata della seconda edizione del talent show di Rai Uno Ti lascio una canzone , esibendosi in alcuni duetti con giovani promesse della canzone. Il 6 novembre è uscito in nuovo album, anticipato dal singolo Be Lonely . r.c.


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani 29

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI za moda" e "Ragazza fotogenia" e alla calabrese Alessia Iannice la fascia di " Ragazza spettacolo". Durante la serata molti sono stati i momenti di emozione e solidarietà, come la premiazione a Sal-

In piazza Prefettura si è svolta sabato sera la finalissima nazionale presentata dal conduttore Marco Liorni

Concorso “Miss Cinema 2010”, premiata a Catanzaro Lidia Comini CATANZARO - Non solo moda e spettacolo, ma anche emozione e solidarietà. Si è svolta in Piazza Prefettura la finalissima del concorso " Una ragazza per il cinema moda e fotogenia", un colpo del promoter Tonino Galli che è riuscito a far valere la candidatura di Catanzaro come sede della finalissima della sua ventiduesima edizione. Un concorso che negli anni ha visto percorrere la sua fortunata passerella da molte giovani ragazze ambiziose di entrare nell’ambito mondo dello spettacolo da protagoniste. Quest’anno la location prescelta per la finale nazionale del concorso è stata appunto il capoluogo di Regione che sabato sera ha visto sfilare cento dieci bellezze alla presenza di molti noti personaggi. L’evento, presentato dal noto conduttore televisivo Marco Liorni, con la collaborazione di Deborah Felli, è stata aperta con un momento musicale di grande portata, dovuto alla cantante di origini calabresi Chiara Ranieri reduce dal noto reality "X factor",

che ha deliziato i numerosi presenti con i suoi brani. Poi il via ufficiale alla gara, con le centodieci ragazze che hanno affrontato prima il momento "moda" rappresentando tre note aziende e poi attraversato la passerella in abiti intimi, il tutto alla presenza di un parterre di ospiti di assoluta eccezione tra cui gli attori Daniela Fazzolari e Pietro Genuardi della soap "Cento Vetrine", Patrick Pugliese ex concorrente del Grande Fratello ora inviato di "Striscia la notizia", la ballerina Jennifer direttamente da "Ciao Darwin", il cantante Angelo Iossa reduce da

Quest’anno la location prescelta per la finale nazionale del concorso è stata il capoluogo di Regione che sabato sera ha visto sfilare centodieci bellezze alla presenza di molti noti personaggi

"Amici", la ballerina trasformista Irina e i "Jackon friend" nella giuria alcuni rappresentanti di famose società di produzioni come la "Endemol Italia"e "Magnolia"; proprio quelle che hanno realizzato i reality televisivi di maggiore successo degli ultimi anni. La fascia di "Miss Cinema 2010" è stata indossata da Lidia Comini diciannovenne di Sassari, il secondo e terzo posto è stato assegnato rispettivamente a Sophie Lopez di Ragusa e Naomi Norci di Livorno, e, a seguire, il premio alle siciliane Giada Contino e Silvia Anzà rispettivamente "Ragaz-

A seguire, il premio alle siciliane Giada Contino e Silvia Anzà rispettivamente "Ragazza moda" e "Ragazza fotogenia" e alla calabrese Alessia Iannice la fascia di " Ragazza spettacolo" vo Veneziano, ex gieffino, in memoria dell’amico Pietro Tariconetragicamentescomparsonei mesi scorsi, e grande emozione alla premiazione di Giusy Versace, nipote dell’omonimo stilista, che ha ricevuto il premio "Calabria nel cuore" in quanto prossima partecipante alle Paraolimpiadi dove appunto rappresenterà la Calabria. Tra i premiati anche l’ assessore al turismo Roberto Talarico che ha ricevuto la targa al premio "Calabria Arte" per i meriti raggiunti con la "Notte Piccante" evento che da quattro anni è capace di coinvolgere l’intera Regione. Con lui una targa è andata anche allo stilista Antongiulio Grande. Insomma, una serata di emozione, bellezza e spettacolo che avrà un suo momento di ulteriore gala anche durante la Notte Piccante con le vincitrici che sfileranno sul palco principale, ancora una volta in Piazza Prefettura. Con l’augurio che questo sia l’inizio di una lunga e ricca carriera nell’ambito mondo dello spettacolo.

“Notte piccante 2010”, al San Giovanni “Alfonsina y el mar” con la presenza di Amanda Sandrellli CATANZARO - Per sotanziare la sua connostazione culturale la "Notte Piccante" ufficializza il primo dei suoi eventi di spettacolo con "Alfonsina y el mar", nient’altro che la storia struggente di Alfonsina Storni, donna coraggiosa e appassionata, la presenza sensibile di un’attrice come Amanda Sandrelli, il bando neon vibrante di Cesare Chiacchiaretta, la chitarra virtuosa di Giampaolo Bandini. Promette intensità di emozioni, sabato 25 settembre nella cornice d’incanto del complesso monumentale San Giovanni questo appuntamento scelto dall’assessore Roberto Talarico. Il concerto/recital, prodotto da Parma Concerti e

organizzato in collaborazione con "Armonie d’arte Festival", viene presentato in esclusiva per il meridione. Lo spettacolo è dedicato ad Alfonsina Storni, poetessa argentina di origine svizzera vissuta nel primo Novecento. Figlia di industriali caduti in disgrazia, Alfonsina, amica di grandi scrittori come Garcia Lorca, morì suicida in mare. Da quel tragico epilogo nacque "Alfonsina y el mar", brano a lei dedicato composto da Gabriel Ramirez, con le parole di Felix Luna. Una canzone che tornerà in questo spettacolo in una originale interpretazione grazie all’interpretazione offerta da Amanda Sandrelli.

La protagonista, Amanda Sandrelli

r.c.


30

il Domani Martedì 14 Settembre 2010

MOTORI

Potremo vederla per strada già a novembre

Micra: vestito nuovo per i suoi i 18 anni Andrea Celia Magno

Juaguar XJ75 Platinum Concept Il lusso in casa Jaguar aumenta con la nuova XJ75, creata appositamente per festeggiare i 75 anni della casa del giaguaro. I colori dominanti della futura ammiraglia inglese saranno il bianco e il nero, miscelati in un sapiente contrasto così da rendere al massimo l’effetto di classe che ha sempre contraddistinto le automobiliJaguar.

Nuovi motori per la Fiat Panda Fiat ha annunciato il rilascio di nuovi motori per la Panda 2011. Si comincia con il classico e irreprensibile 1.3 Multijet 16V da 75 Cv con DPF di serie che rispetterà la normativa Euro 5 e avrà minori consumi. Si passa al 1.2 benzina 8V da 69 CV, che sarà anch’esso Euro 5. Novità e restyling sottili sia negli esternichenegliinterni. La nuova Nissan Micra

Dopo aver compiuto 18 anni, Nissan regala un vestito completamente nuovo alla Micra, che riguarda soprattutto l’aspetto del frontale della vettura, dove vengono smussati gli spigoli evidenti nelle altre versioni e vengono allungati i fari verso il retro: il risultato è una maggiore sensazione di rotondità. Oltre al muso, il rinnovamento sale anche sul tetto, che adesso è più lungo e ha un Per festeggiare i nuovo design che ha permessoallacasagiapponese 18 anni di Micra, di guadagnare qualche centimetro per la testa di Nissan propone chi siede davanti, nello spauna nuova zio complessivo dell’abitae di rendere più aeroversione della city colo dinamico il design. L’aspetto della Micra è nuovo car: rinnovati anche se si presta attencompletamente il zione ai montanti più sottiche ottimizzano la visibifrontale e il tetto. li, lità dall’interno. ImpercetPer i clienti Nissan tibilmente modificata in lunghezza(soltanto6centiun bonus/sconto metri in più), la nuova Micra è sensibilmente più legdi 2200 Euro gera (-35 Kg): accorgimento che, stando a quanto dichiarato dalla casa, permette di consumare 5 litri/100 km con l’unica motorizzazione disponibile, il 1.2 a tre cilindri da 80 CV. In primavera verrà aggiunto il 1.2 turbo a iniezione diretta e 98 CV, sempre benzina, mentre non è prevista una motorizzazione diesel per una macchina pensata appositamente per la

città e per la scelta ben ponderata dalla Nissan di rivalutare al massimo le quotazioni del suo 3 cilindri benzina. La funzionalità cittadina della nuova Micra è data anche dalla maggiore leggerezza dello sterzo, che la rende particolarmente maneggevole in situazioni di parcheggio più ristretto, e dall’esistenza della sola versione a 5 porte pensata esclusivamente per il comfort di chi deve stare dietro. La plancia comandi spicca soprattutto per la praticità; praticità che viene

Rivisitazione per la Bentley Continental GT Anche la Bentley non farà mancare una sua anteprima al Salone di Parigi dei primi di ottobre. Sarà la volta della Continental GT, rifinita da particolari e nuovi accorgimenticheriguardanoigruppi ottici a Led e una diversa distribuzione della trazione integrale. Sono migliorate anche le prestazioni e i consumi del classico motore W12, a cui si aggiungerà dalla fine del2011unmotoreV8.

Ford riceve il premio Ecoglobe Il retro della Micra

estesa anche al bagagliaio che passa dai 265 litri fino ai 1132 ribaltando i sedili. Sempre nell’abitacolo i passeggeri potranno notare la particolare silenziosità anche quando, in accelerazione, il motore diventa un po’ più rumoroso. Della nuova Micra sono 4 gli allestimenti disponibili: Visia, Comfort, Acenta e Tekna, che variano nei prezzi dai 10950 Euro del primo fino ai 14200 dell’ultimo allestimento. Per il cambio automatico bisogna aggiungere mille euro supplementari, ma per chi sia già stato un cliente Nissan, l’azienda prevede un bonus fedeltà di 2200 euro: ottimo tasso di sconto per un’automobile i cui prezzi sono equivalenti a quelli delle altre city car concorrenti. In strada da novembre.

Ford ha ricevuto il prestigioso riconoscimento Ecoglobe per lo sviluppo di tecnologie per il rispetto dell’ambiente. Ad essere premiato è stato il programma ECOnetic, integrato nei motori della Fiesta ECOnetic, appunto. Ma una menzione speciale sono l’hanno avuta tutte le tecnologie ecologiche sviluppate dall’azienda americana: EcoBoost; Duratorq TDCi; Trasmissione PowerShift; Auto-Start-Stop eECOmodefralealtre.


Martedì 14 Settembre 2010 il Domani 31

APPUNTAMENTI Convegno “Roma Tropea, andata e ritorno” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari BORGIA Intersezioni 5 Fino al 3 ottobre , presso il parco archeologico di Scolacium (Borgia, Catanzaro),eMarcaCatanzaroacura di Alberto Fiz si terrà la mostra catalogo Electa.

"Roma Tropea, andata e ritorno". E’ il titolo del convegno, organizzato dall’associazione "Attivamente Coinvolte" che si terrà mercoledí 15 settembre a Tropea alle ore 11.00 presso la sala del Museo Diocesano, sito il piazza Duomo. L’iniziativa vede protagonista l’Osservatorio nazionale, che giunge da Roma per fotografare la violenza contro le donne sul territorio italiano. Nel corso del convegno verrà presentato il lavoro svolto dall’Associazione e dai prestigiosi partner, nell’ambito del progetto promosso dal Ministero delle Pari Opportunità STREGA: Strumenti efficaci di intervento di prevenzione e contrasto della violenza sulle donne. Parteciperanno all’evento, che vede come coordinatore di pregio il giornalista RAI Pasqualino Pandullo: Francescantonio Stillitani, Assessore alle politiche sociali della Regione Calabria, Bruno Calvetta, Direttore generale assessorato regione Calabria alle politiche sociali, Francescop De Nisi, Presidente della Provincia di Vibo ValentiaTeresa Blandino, Consigliera di parità della Provincia di Vibo, Adolfo Repice, Sindaco di Tropea, Mariagrazia Passuello, Presidente di Solidea, Istituzione di genere femminile della provincia di Roma, Giovan Battista Sgritta, Ordinario di scienze statistiche dell’Università "La Sapienza" Parteciperanno all’iniziativa anche il Presidio Ospedaliero di Tropea nella Direttore sanitario dott. Mazzitelli e l’Istituto di Istruzione di tropea rappresentato dalla dott.ssa B. Lento

CATANZARO Conferenza stampa illustrazione progetto Anchequest’annoilGruppoGiovani Imprenditori di Confindustria Catanzaro, attraverso i proventi derivati dal Gran Gala di Beneficenza, insieme all’impresa Gatto Costruzioni Spa, ha inteso garantire un forte intervento sulla sfera sociale sostenendo e migliorando la qualità della vita dei soggetti più deboli e, quindi, dei “bambini che soffrono”. E tutto ciò, lo ha realizzato devolvendo il ricavato della manifestazione al progetto “L’ospedale in casa del bambino”. Presso la sede di Confindustria Catanzaro (Via Eroi) si terrà la conferenza stampa fissata per giovedì 16 settembre , alle ore 11.00, per illustrare, sia il programma che le finalità ed i risultati raggiunti con la cura di tre piccoli pazienti. Elton John in concerto

Giovedì 23 settembre , al Teatro Politeama di Catanzaro, si terrà un grande evento Elton John in concerto accompagnato da Ray Cooper VIII edizione Festival d’Autunno Giorno 30 settembre al Gran Teatro "LeFontane"MarioBiondiinaugura la "Summer Session". Il tour "Spa-

zio tempo 2010", iniziato ad ottobre dello scorso anno subito dopo l’uscita dell’album "If". Università Focus sulla Riforma Gelmini Una serie di incontri, con i responsabili nazionali dei partiti, dedicati alla riforma universitaria in discussione in Parlamento. E’ l’iniziativa che il Rettore dell’Università della Calabria, Prof. Giovanni Latorre, ha deciso di promuovere, a partire dal prossimo 30 settembre , nell’Aula Magna "Beniamino Andreatta", dove si alterneranno i leaders delle forze politiche italiane invitati a discutere del contenuto della riforma Gelmini. "Scuola estiva Francesco Fiorentino" Dal 20 al 23 Settembre , nella sala polivalente del nostro Lieo Classico, si svolgerà il consueto seminario della scuola estiva di alta formazione

"Francesco Fiorentino". Le lezioni avranno inizio alle ore 17.00 e si c oncluderanno alle ore 19.00. "Antimassoneria, 300 anni di storia" Apriràgiovedì16Settembre2010la mostra che raccoglie oltre 250 documenti tra editti, libri, manifesti, periodici, quotidiani, francobolli e litografie sulla differenza e i preconcetti verso la massoneria in quasi 3 secoli. La mostra sarà ospitata nel Cento Monumentale S. Giovanni COSENZA Inizio nuovo anno accademico del Piccolo Coro del Teatro “Rendano” di Cosenza. Giovedì16settembre,riprenderanno le attività del coro di voci bianche voluto dal direttore artistico del “Rendano” Antonello Antonante e che si avvale dei preziosi insegnamenti dei maestri Maria Carmela Ranieri, che lo dirige, e Luca Bruno che ne è il pianista accompagnatore. I bambini del Piccolo coro si ritroveranno alla Casa delle Culture dove, una volta a settimana, ogni giovedì, seguiranno i corsi programmati, divisi in due turni: il primo dalle 16,00 alle 17,00 e il secondo dalle 17,30 alle 18,30. Per richieste di informazioni si può scrivere all’indirizzo mail piccolocororendano@hotmail.it oppure telefonare al numero 3286622288. Festival della musica “Abstract 2010” Un evento unico e tra i più grandi d’Italia, considerato tra quelli più spettacolari del “Dance Floor Internazionale”. E’ “Abstract 2010”, vero e proprio

Festival della musica dance internazionale che il 18 settembre sarà ospitato, con inizio alle 20.30, allo Stadio San Vito di Cosenza per iniziativa della “P.J. Master Production” di Paolo Marozzo e con il patrocinio dell’Assessoratoallosport,spettacolo ed eventi guidato da Francesca Bozzo. 15^ edizione della Luzzi-Sambucina Si svolgerà domenica 26 settembre l’ottava prova del Trofeo Italiano Velocità Montagna girone sud, organizzata dalla dinamica Scuderia Tebe Racing coordinata dal noto pilota locale Eugenio Molinaro, Presidente del Comitato Organizzatore, con la collaborazione dell’Automobile CLUB Cosenza. 1° Festa Del Pane Sabato 18 e domenica 19 settembre , si terrà presso Donnici Infe-

"Bell’Italia...quando la storia si mette in ghingheri" Una celebrazione alternativa ai 150 anni dell’Unità d’Italia che si volgerà il 15 settembre , alle ore 18, nel Salone Consiliare del Comune di Cosenza, e il 16 settembre , alle ore 21, nel Chiostro di Santa Chiara, nel centro storico della città. Come spiegato da Cinzia Greco, ideatrice del progetto, il tutto è nato da una ricostruzione storica delle acconciature da parte di Giuseppe Scaramuzzo e da questi è nata l’idea di unire tutte le arti per raccontare l’evoluzione storica. GERACE "Infoday" Giorno 17 settembre 2010 - Spazio Aperto Giovani - via Aldo Moro Lamezia Terme Contemporary Art 2010 Kristina Kurilionok Pramantha Arte contemporary art gallery - Via San Giovanni n. 1 - I° piano . Fino al 24 settembre - apertura martedì, mercoledì, giovedì dalle ore 18.00 alle 20.00 - ingresso gratuito REGGIO CALABRIA Pentedattilo Film Festival . 16/19 settembre , Borgo antico di Pentedattil.Vedizionedel"Pentedattilo Film Festival", concorso internazionale di cortometraggi.

riore, nell’mbito del programma delle "Vacanze cosentine", promosso dall’Assesorato alle attività economiche e produttive. Sagra dell’uva Dall’8 al 10 Ottobre si terrà a Donnici (cs) la trentesima edizione della Sagra dell’uva e del vino.

Concerto del Parto delle Nuvole Pesanti Giovedì 16 settembre 2010 ore 22.30 a Pentedattilo, si terrà il concerto del Parto delle Nuvole Pesanti, organizzato dal Comune di Melito di PortoSalvoinoccasionedell’apertura del "Pentedattilo Film Festival".

ROSARNO "Festival nel Festival" Fino ad oggi , nell’ambito del Magna Graecia Teatro Festival "la Calabria tra incontro e confronto".

Altro ospite di fama mondiale molto atteso èGoran Bregovic che concluderà l’intero festival la serata di oggi.Ospiti internazionali che danno alla manifestazione quella connotazionemulticulturaleemultietnica,in linea col messaggio che la direzione artistica e il governo regionale vogliono trasmettere alla Calabria e a tutto il Paese. Gli spettacoli, con inizio alle 21.30, si terranno nei locali del liceo scientifico "R. Piria" in via Modigliani. ROSSANO "Festa 900 anni da nascita" Dal 17 settembre al 5 ottobre 2010 si terrà il novenario per promuovere sempre più la figura di San Nilo, in comunione anche con le altre diocesi dove il santo ha lsciato un’impronta del suo pellegrinare SAN DONATO DI NINEA Festa d’autunno sagra delle castagne Nei giorni 5, 6 e 7 novembre , a San Donato di Ninea (Cs) si terrà la Festa d’Autunno (Sagra delle Castagne) una delle più rinomate e conosciute sia in calabria che fuoti dai confini. Si svolge nel centro storico con la riapertura dei vecchi locali da adibire a mostra e vendita di artigianato e gastronomia locale. SIMERI CRICHI Al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica ad una maggiore attenzione verso l’ambiente, e sui rischi per l’economia del perdurare di una tale situazione di degrado, oggi alle ore17.00pressolasalaconsiliaredel comune di Simeri Crichi si terrà un convegno nel corso del quale interverranno i seguenti relatori: Dott. Dimitar Ouzounov (Docente di Biologia vegetale presso l’Università della Calabria) Prof. Francesco Santopolo (Agronomo patologo) Dott. Avellino Costa (Dottore Magistrale in Scienze del Turismo) Dott. Emilio Grimaldi (Giornalista e blogger) Dott. Salvatore Procopio (Assessore all’ecologia del comune di Botricello). STALETTI’ XXVII Congresso della società italiana di filosofia del diritto La Società Italiana di Filosofia del Diritto,hasceltolaCalabriapercelebrare il suo XXVII congresso "Diritto e politica. Le nuove dimensioni del potere". L’iniziativa si terrà nella sala delle conferenze dell’hotel Villaggio Guglielmo, a Copanello di Stalettì, dal 16 al 18 settembre. VIBO VALENTIA Modà tour in concerto Domenica 3 ottobre , alle ore 21.30, si terrà il concerto dei Modà. Ingresso gratuito



il domani