Issuu on Google+

Giovedì 13 Novembre 2008 Euro 1,00 Anno XI - Numero 313

Calabria

Il Cartellone - Appuntamenti in Calabria (da pag. 33 a pag. 43) CATANZARO Gli appuntamenti live musicali del People disco club sempre con grandi ospiti

REGGIO CALABRIA Un successo di pubblico senza precedenti

CATANZARO — Partiranno domani con l’atteso concerto della giamaicana Dailu Miller, gli appuntamenti live del People disco club di Catanzaro. Una serie di avvenimenti eccezionali, che vedranno sulla scena mostri sacri della musica internazionali. Una di loro, appunto, la grande Dilu.

REGGIO CALABRIA — Un successo

Concerto della giamaicana Dailu Miller La sagra del maiale 2008

A PAGINA 33

CATANZARO

senza precedenti che ha sbaragliato i traguardi delle scorse edizioni. Affermazione piena per la Sagra del Maiale, di San Salvatore. In migliaia hanno partecipato alla manifestazione durata l’intera giornata di domenica.

Il pensiero sociologico A PAGINA 33

SOVERATO

Il laboratorio teatrale A PAGINA 34

A PAGINA 34

REGIONE L’assessore alla Sanità ha comunicato la sua decisione con una lettera arrivata nella serata di ieri sul tavolo del presidente Loiero

Vincenzo Spaziante si è dimesso

Adesso svolgerà a tempo pieno il ruolo di commissario di governo per l’emergenza CATANZARO — L’assessore regio-

nale alla Sanità, Vincenzo Spaziante, ha rassegnato le dimissioni con una lettera arrivata in serata sul tavolo del presidente della Regione, Agazio Loiero. Lo ha reso noto, confermando così alcune voci circolate ieri pomeriggio, il portavoce del presidente Pantaleone Sergi, il quale ha spiegato che «Loiero non ha preso alcuna decisione in merito». «Anche in questa occasione - ha aggiunto il portavoce del presidente - Spaziante ha confermato eleganza istituzionale e amore verso la Calabria». A PAGINA 15

ECONOMIA Pesanti analisi di Eurispes, Bcc e Bankitalia

Calabria in piena crisi

Novembre, ovvero un mese cruciale

COSENZA — La Calabria sta at-

di Valter Leone

traversando uno dei periodi di crisi più gravi degli ultimi quattro anni. E’ quanto emerge da uno studio dell’Eurispes, presentato dal presidente della Bcc Mediocrati. Segnali di rallentamento sono registrati anche da Bankitalia. Vincenzo Spaziante

IL PUNTO SULLE CALABRESI

TORRE RUGGIERO

la foto)torna all’attacco riaprendo la polemica sui concorsi per primario al Pugliese-Ciaccio di Catanzaro confezionando una proposta di legge che presenterà a giorni in Consiglio regionale e che a suo avviso frenerà il direttore generale Enzo Ciconte, «che - è la tesi - si candiderà alle prossime elezioni regionali». Chiunque abbia ricoperto la carica di direttore generale nella sanità non può candidarsi alla Regione per almeno cinque anni a decorrere dalla fine dell’incarico. Questa la proposta presentata da Tallini ieri mattina con una conferenza stampa ad hoc.

er chi segue questa rubrica, sa bene che da diverso tempo si è indicato il mese di novembre come snodo cruciale per una più nitida cartolina della vetta del campionato di Seconda divisione. A oggi, i fatti lo confermano. E, calendario alla mano, nel tardo pomeriggio di domenica 30, a conclusione delle partite della quattordicesima giornata, potremmo incominciare ad avere un po’ tutti le idee molto più chiare. Evidentemente, il nostro discorso è riferito al primo posto, quello che, a fine campionato, garantisce la promozione diretta in Prima divisione. A oggi la lotta per il gradino più alto vede coinvolti la capolista Cosenza e la coppia Catanzaro-Gela, quattro lunghezze più giù. Con nove punti in palio nelle prossime tre gare “novembrine”, è chiaro che il discorso potrebbe essere allargato anche a Pescina e Cassino, attardate in questo momento. Il Cosenza conferma di essere imbattibile al San Vito dove ha raccolto il massimo dei punti in sei gare. Il dato diventa ancora più imponente se si prende in considerazione anche lo scorso campionato di Serie D: in ventitré gare casalinghe, con Toscano in panchina i rossoblu ne hanno vinte ventuno, più un pareggio e una sconfitta (rispettivamente Rosarno e Nocerina nella passata stagione). Quella cassaforte di cui abbiamo parlato nella scorsa settimana, rappresenta, indubbiamente, la marcia in più del Cosenza. Nelle prossime tre giornate i silani giocheranno due volte in trasferta (Andria e Cassino) con in mezzo la sfida casalinga col Monopoli. Il fiore all’occhiello di Catanzaro e Gela rimane quell’imbattibilità che dura ormai da ben undici giornate.

A PAGINA 14

A PAG. 49

Ancora intimidazioni A PAGINA 31

A PAGINA 18

CONSUMA E SPENDI CALABRESE I novelli di San Martino e l’olio extravergine

L’INTERVENTO

Feste d’autunno a Lamezia e a Cleto

Lo sviluppo della montagna il contributo degli agricoltori

Grande successo per i protagonisti dell’autunno: vino, castagne e olio lo scorso fine settimana hanno tenuto banco in diverse aziende, trasformate per l’occasione in luoghi di festa. Le Cantine Davoli di Lamezia Terme hanno ospitato nella bella tenuta verde di Santa Eufemia Vetere visitatori di ogni tipo. Nella tenuta dell’azienda agricola Longo, sempre domenica, sono stati presentati i “Novelli di San Martino”: “One 2008”, della Cantina Valle del Savuto, e gli olii extravergine dei frantoi cletesi, circa una ventina, riuniti per l’occasione a celebrare l’assaggio dell’olio nuovo ottenuto da cultivar carolea.

di Michele Drosi* CATANZARO — L’iniziativa promossa dall'Uncem sulla montagna, a Petronà, ha avuto il merito di far emergere un tema non sempre adeguatamente considerato, soprattutto in una regione come la Calabria, che ha un territorio che per il 93% è collinare e montano.

*Vice presidente Cia Calabria

A PAGINA 13

A PAG. 20

CATANZARO

Ospedale Pugliese-Ciaccio Tallini attacca Ciconte CATANZARO — Mimmo Tallini (nel-

P


2 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Un mondo di immagini In Iraq la fame attanaglia un milione di persone

A Dubai voli in mostra con l’Elishow 2008 dedicato agli elicotteri

La situazione è migliorata sensibilmente nel 2005 erano 4 milioni a trovavarsi nelle stesse condizioni

L’evento promuove l’industria aerea All’asta le perle della sovrana

L’ambito tesoro di Catherine Un aereo e un elicottero degli Emirati Arabi A Dubai sono presenti sia mezzi civili che delle forze militari

Il prezioso collier regale valutato all’asta di Londra tra i 500 e i 700mila dollari

Il presidente ha fornito il drammatico bilancio visitando le zone danneggiate lo scorso sabato a Camagey

Sotto gli occhi di Castro una Cuba distrutta dalla furia degli uragani

Circa un milione di iracheni vivono ancora «nell’insicurezza alimentare», senza poter accedere a una «quantità sufficiente di cibi necessari a svolgere una vita normale»: è quanto è emerso da un rapporto condotto dal Programma alimentare mondiale Onu

A Tunisi il forum africano dei ministri delle finanze

Grande vertice per l’analisi dell’impatto della crisi globale nell’economia di tutto il continente

Donald Kaberuka presidente della banca dello sviluppo africano ieri a Tunisi L’incontro promosso anche dalle Nazioni Unite

Ancora militari Onu in Congo per scongiurare la guerra

I danni causati in due mesi dagli urugani Gustav, Ike e Paloma raggiungono i 10 miliardi di dollari. Lo ha rivelato il presidente cubano Raul Castro

Trucco e parrucco L’acqua viola la “privacy” futuristico per Prepotente entra nelle case gheishe moderne L’inondazione piega l’intero Vietnam

Il China fashion Week in Beijing

Altri 3mila militari che si aggiungono ai 17mila già presenti in Congo, il più grosso contingente Onu al mondo

Un uomo spinge una piccola barca per uscire dalla sua casa inondata E’ in atto in Spagna una ricerca per salvare e far riprodurre gli animali selvatici

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite è intenzionato a inviare un ulteriore contingente di peacekeeper per evitare una nuova guerra nella Repubblica Democratica del Congo. Lo ha annunciatoieri il responsabile delle truppe dell’Onu

Un esemplare di lince fotografata nel centro Olivilla a Jaen nella Spagna meridionale dove vivono tredici felini

Una modella sfoggia in passerella una creazione tutta colori e paillettes

In uno zoo della Spagna campagna a favore delle linci in cattività


rilancia

+ OPINIONI diamo spazio alla tua voce + SPORT Lega Pro, lotto e scommesse + WEB il tuo giornale ovunque

www.ildomani.it

( dedicato a chi da 12 anni dice che chiudiamo )


4 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Primo piano

Poco meno di un quarto della popolazione ricorre ai mezzi pubblici

Innamorati dell’auto e del cellulare

Usano la macchina per andare in ufficio quasi sette italiani su dieci

Passione cellulare A lato, traffico a Roma

ROMA - In auto e col telefonino. Potrebbe essere questo lo stereotipo dell’italiano 2007 in base all’ Annuario Istat, che segnala più di 35 milioni di auto in circolazione, e 81,6 milioni di linee di telefonia mobile. Negli ultimi dieci anni la mobilità è cresciuta in misura maggiore di quanto non sia accaduto in passato, e la quota di trasporto continua a indirizzarsi su strada, dove lo scorso anno il parco autoveicoli ha sforato i 40 milioni. Tra i mezzi di trasporto privato il più utilizzato è l’auto (usata per recarsi al lavoro dal 69,7%), mentre poco meno di un quarto della popolazione usa i mezzi pubblici urbani, e il 16,8% quelli extra-urbani. Per la

Nel 2007 il parco autoveicoli si è avvicinato a quota 40 milioni

telefonia, invece, i dati di fine 2006 registrano 7,4 milioni di abbonati alla rete fissa, 81,6 milioni di linee mobili (erano 71,9 all’inizio del 2006), e 73,7 milioni di carte prepagate (65,3 milioni dodici mesi prima).

L’Annuario Istat 2008 fotografa il Paese: ne esce un cittadino appagato da rapporti familiari e amicizie ma scontento della propria situazione economica anche prima del terremoto delle Borse

Tutti un po’ più poveri

La metà delle famiglie fatica a sbarcare il lunario ROMA - Era già crisi. Prima che esplodesse la bolla dei mercati finanziari, prima del crollo delle Borse e del crac di colossi dell’industria internazionale, le famiglie italiane già avvertivano le prime difficoltà economiche, e nel 2007 ben il 53,7% (con una punta del 64,2% al Mezzogiorno) si dichiarava insoddisfatto della propria situazione economica. È quanto emerge dall’Annuario Istat 2008, che fotografa il Paese nelle sue mille sfaccettature, dal costume alla giustizia, dal lavoro all’ambiente. Per confermare vecchie tendenze, e talvolta registrare qualche sorpresa. Più bimbi ma anche più over 80, più auto e telefonini, più divorzi e più suicidi, sono alcuni dei dati rilevati dall’Istituto. Che segnala anche la centralità dei rapporti familiari (di cui peraltro gli italiani sono soddisfatti al 90%), e la difficile situazione dell’istruzione, con un italiano su quattro che ha solo la licenza elementare. Ecco, in sintesi, i principali aspetti rilevati dall’ Annuario. Più occupati ma più insoddisfatti Cresce l’occupazione, ma non la soddisfazione economica degli italiani che anzi, nel 2007, cala di molto rispetto agli anni precedenti. La quota di soddisfatti è scesa nel 2007 al 43,7% dal 64,1% del 2001. Il problema però non è il lavoro: il numero di occupati è salito dell’1% complessivo, con +1,3% fra le donne e +0,8% fra gli uomini. A contribuire all’aumento è comunque anche la componente straniera, passata dal 5,9% del 2006 al 6,5% nel 2007. Segno più anche per la spesa pensionistica (ma in questo caso i dati sono del 2006), che è risultata pari al 15,16% del Pil (+0,06 punti percentuali rispetto al 2005: gli assegni di invalidità, vecchiaia e superstiti sono aumentati sia nel numero (+0,7%) sia nell’ammontare (+4%). Casseforti piene, infine, anche lo scorso anno, quando i depositi bancari hanno sfiorato i 750 miliardi (+2,9%). Fuma un italiano su 5 Un italiano su 5 fuma, mentre 3 su 4 amano pranzare a casa mangiando soprattutto pane, pasta e riso, e si sentono in buona salute. I fumatori sono il 22,2%. Le malattie cardiovascolari

Poca istruzione

Solo la licenza elementare per uno su quattro

Poveri a Roma nel mercato rionale di Val Melaina raccolgono generi di prima necessità in terra tra gli scarti

sono la prima causa di mortalità, seguite dai tumori. Quasi 40% italiani soffre di malattie croniche Cresce l’incidenza delle malattie croniche, sfiorando il

40%. Dichiara di esserne affetto il 39,2% dei residenti in Italia. Un fenomeno legato all’invecchiamento delle popolazione. Le percentuali, infatti, aumentano nelle fasce di

età più anziane. Contenti di rapporti familiari e amicizia Gli italiani sono soddisfatti dei loro rapporti familiari e delle loro amicizie. A dichiararsi

contento dei rapporti in famiglia è infatti il 90,1% dei cittadini dai 14 anni in su, percentuale che scende all’82,5% se si guarda ai soddisfatti dei rapporti d’amicizia.

ROMA - In Italia una persona su quattro ha al massimo la licenza elementare. È quanto emerge dall’annuario statistico italiano 2008. Secondo l’Istat la quota di persone con qualifica o diploma di scuola secondaria superiore è attualmente del 32,4% mentre la quota relativa a chi possiede un titolo universitario è pari al 10,2%. L’incidenza di chi ha al massimo la licenza elementare - pari nel complesso della popolazione al 25,9% - risulta ormai estremamente bassa per le classi più giovani: 1,8% tra i giovani di 15-19 anni contro il 70,1% tra gli ultra sessantacinquenni. Il rapporto dell’istituto di statistica evidenzia, tra le altre cose, che la selezione scolastica è più forte nelle scuole secondarie di secondo grado soprattutto nel primo anno dove quasi due ragazzi su 10 non superano gli scrutini di fine anno.

Più culle dopo tanti anni di calo ma restiamo comunque una nazione che invecchia

Ancora poco e saremo 60 milioni L’incremento, quasi mezzo milione soltanto l’anno scorso, è dovuto in larga parte all’aumento degli immigrati

Gli italiani corrono verso quota 60 milioni, ma l'incremento, quasi mezzo milione soltanto nel 2007, è dovuto in larga parte all'aumento degli immigrati

ROMA - Gli italiani corrono a passi veloci verso quota 60 milioni, ma l’incremento (quasi mezzo milione soltanto nel 2007) è dovuto in larga parte all’aumento degli immigrati. È quanto rileva l’Annuario statistico italiano 2008 dell’Istat. Alla fine del 2007 i residenti in Italia sono 59.619.290, circa 488.000 in più rispetto all’anno precedente. Tale incremento si deve al saldo attivo del movimento migratorio (+494.871 unità) che neutralizza l’effetto negativo del saldo naturale (-6.868 unità) sul quale ha influito l’aumento della mortalità nel Mezzogiorno.

donna (da 1,35 nel 2006), livello più alto registrato negli ultimi anni. Ma ormai un italiano su cinque ha più di 65 anni e anche i «grandi vecchi» (dagli ottanta anni in su) rappresentano il 5,3% della popolazione italiana. Al gennaio 2008 l’indice di vecchiaia (rapporto tra la popolazione con più di 65 anni e quella con meno di 15) registra un ulteriore incremento, raggiungendo un valore pari al 142,6%. Considerando i dati a livello internazionale (2006), il nostro paese, con un indice pari a 139,9%, è quello maggiormente investito dal fenomeno dell’invecchiamento.

Al primo gennaio 2008 gli stranieri residenti erano 3.432.651 con un incremento di 493.729 unità rispetto all’anno precedente; attualmente gli stranieri iscritti in anagrafe rappresentano il 5,8% della popolazione totale, un valore che conferma il

trend crescente degli anni precedenti. In Italia nascono più figli, con una inversione di tendenza dopo tanti anni di calo, ma la popolazione continua ad invecchiare sempre di più. La fecondità delle donne italiane nel 2007 è salita a 1,37 figli per


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 5

Primo piano

Singolare pronuncia del tribunale ecclesiastico per una coppia di Amalfi

Se la suocera è invadente il matrimonio è nullo Gemma e Antonio hanno rotto dopo quattro mesi dalla cerimonia SALERNO - Quando la coppia scoppia è colpa della suocera. Questo almeno secondo i giudici della Corte di Appello di Salerno che, con una sentenza senza precedenti, hanno confermato la leggenda popolare secondo la quale la parola suocera è sempre sinonimo di guai. Di certo lo sarà stato per la storia di Antonio e Gemma, protagonisti di un matrimonio finito in pezzi appena quattro mesi dopo le nozze. Una storia d’amore come tutte le altre, quella dei due sposini di Amalfi, suggellata con il matrimonio celebrato nella chiesa di Sant’Andrea nel gennaio del 1998. Una grande storia d’amore, garantiscono amici e conoscenti, con una sola ombra: quella invadente e sempre più petulante della mamma di lei. Un’om-

Il tribunale ecclesiastico e la corte d’appello hanno accordato a un giovane di Amalfi l’annullamento del matrimonio perchè la suocera era invadente e petulante Del resto la moglie era stata “avvertita”

bra talmente pesante che, pochi giorni prima del matrimonio, Antonio aveva promesso alla futura sposa di chiedere il divorzio se la suo-

E’ giallo a Udine sulla morte di una 37enne

cera avesse continuato a interferire nella loro relazione. Promessa puntualmente mantenuta. Ad aprile, infatti, Antonio si rivolse a un legale

per chiedere l’annullamento del matrimonio. «Non ce la facevo più - spiega - la mia vita si era trasformata in un inferno». L’annullamen-

to, che arrivò quasi inaspettato, venne pronunciato dal Tribunale ecclesiastico Interdiocesano Salernitano-Lucano. Dopo il pronuncia-

mento del tribunale ecclesiastico, arrivò anche la decisione del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, che rendeva esecutivo l’annullamento. Finito in frantumi il matrimonio, Gemma ha quindi deciso di rivolgersi alla Corte di Appello di Salerno per chiedere il riconoscimento della sentenza ecclesiastica nello Stato italiano, probabilmente stanca della controversia giudiziaria innescata dal marito. I giudici del tribunale hanno dichiarato efficace nell’ordinamento italiano la sentenza.

Per loro il pubblico ministero ha chiesto complessivamente 108 anni di reclusione

Giovane uccisa in casa Si chiude il processo per il pestaggio alla Diaz con tre spari alla schiena Alla sbarra 29 tra agenti e dirigenti di polizia Atteso in serata il verdetto per quella che fu definita “macelleria messicana”

No global all’interno della scuola Diaz dove 60 ragazzi rimasero feriti in un pestaggio da parte delle forze dell’ordine

Chiara Carenini

L'estreno della villa dove è stata uccisa Tatiana Tulissi

UDINE - Sono proseguiti per tutta la giornata gli accertamenti degli investigatori dopo l’omicidio di Tatiana Tulissi, la donna di 37 anni trovata uccisa da tre colpi di pistola alla schiena sulla soglia della sua abitazione a Manzano (Udine). Oltre ai riscontri e alle testimonianze raccolte dai Carabinieri, il Procuratore della repubblica, Antonio Biancardi, ha lanciato un appello affinchè «se c’è qualcuno che sa qualcosa, si faccia avanti e parli, anche anonimamente». Nessuna pista d’indagine viene trascurata, neppure quella della rapina. Gli investigatori stanno sentendo tutte le persone che in qualche modo possono aiutare le indagini - amici, parenti, conoscenti della vittima - e sono in cerca di un movente. Per quanto riguarda la dinamica del delitto, è stato accertato che contro Tatiana Tulissi sono stati sparati cinque colpi di revolver. Due l’hanno colpita di striscio alle spalle mentre gli altri tre l’hanno centrata e uno, alla schiena, è stato probabilmente quello mortale. L’autopsia sarà eseguita stamattina.

Ore di angoscia per il padre Beppino Englaro

Eluana deve ancora aspettare La Cassazione ritarda la sentenza MILANO - Potrebbe arrivare nelle prossime ore il verdetto della Cassazione sul ricorso della Procura Generale di Milano contro il decreto con cui la Corte d’Appello civile, lo scorso luglio, aveva dato il via libera all’interruzione dell’idratazione e dell’alimentazione artificiali che tengono in vita Eluana Englaro, da quasi 17 anni in stato vegetativo permanente. Mentre sulla vicenda si riaccendono le polemiche e scorrono fiumi di parole, Beppino Englaro, che «nel rispetto della volontà» di sua figlia è chiamato al difficile compito - sem-

Eluana Englaro

mai ne avrà la definitiva facoltà di «staccare la spina», si è chiuso in una silenziosa attesa. Ancora incertezza sui tempi di deposito.

GENOVA - Prenderà il via stamani alle 10, nell’aula bunker di Palazzo di Giustizia a Genova, l’ultima udienza del processo ai 29 agenti e dirigenti di polizia per l’irruzione nella scuola Diaz durante il G8 di Genova. Dopo due brevi repliche delle difese, al termine di un processo durato tre anni per un totale di oltre 200 udienze, il tribunale presieduto da Gabrio Barone si ritirerà in camera di consiglio. La sentenza potrebbe essere letta già in serata. Il tribunale deciderà se accogliere, totalmente o parzialmente, o rigettare le richieste dei due pm: oltre 108 anni di reclusione complessivi. Il processo che si chiude oggi è stato lungo e complesso e riguarda quanto avvenne il 21 luglio 2001: Genova, sede del summit delle otto grandi nazioni del mondo, sconvolta dalla guerriglia, è sotto choc per la morte di Carlo Giuliani, ucciso da un proiettile sparato dal carabiniere Mario Placanica in piazza Alimonda. La notte del 21 luglio, nella scuola Diaz, scelta dal Comune di Genova come ostello per i no global arrivati da tutta Europa, avviene l’irruzione da parte della polizia al termine della quale oltre 60 ragazzi rimangono feriti, alcuni dei quali in modo grave. La polizia arresta 93 ragazzi, tutti poi prosciolti. In quel frangente, vengono sequestrate due bottiglie molotov che, secondo l’ accusa, vennero trovate per strada e poi portate all’ interno della scuola per giustificare gli arresti. Le immagini dei volti feriti, dei pestaggi, del sangue nei locali della scuola devastata hanno fatto il giro del mondo

come le parole del giornalista inglese Mark Covell, che subì lesioni gravissime alla testa. Uno dei funzionari di polizia imputati, Michelangelo

Fournier definì in aula la scena che gli si parò davanti una «macelleria messicana». Le indagini sono state affidate a Enrico Zucca e Francesco

Cardona Albini, due dei magistrati di punta della procura di Genova. Le indagini su quell’irruzione, sulle lesioni, sugli arresti arbitrari e sull’episodio delle molotov sono state lunghe e difficili fino alla richiesta di rinvio a giudizio depositata nell’ufficio del gup il 4 marzo 2004. Il giudice Daniela Faraggi ha accolto, il 26 giugno 2004, tutte le richieste dell’ ufficio inquirente. Tra i 29 imputati, nomi di grande prestigio per la polizia: Francesco Gratteri, allora dirigente del Servizio centrale operativo oggi a capo dell’ Anticrimine; Giovanni Luperi, ex vicedirettore dell’ Ucigos attuale capo dipartimento analisi dell’Aisi (l’Agenzia di informazioni e sicurezza interna, l’ ex Sisde), Gilberto Calderozzi, ex vicedirettore dello Sco, oggi capo del Servizio centrale operativo.

Il giovane fu picchiato al comando dei vigili di Parma perchè scambiato per un delinquente

Sono dieci gli iscritti nel registro degli indagati per il pestaggio “razzista” di Emmanuel PARMA - Non solo agenti, ma anche un ispettore capo e un commissario capo figurano iscritti nel registro degli indagati della Procura di Parma per la vicenda del presunto pestaggio di Emmanuel Bonsu Foster, il ghanese di 22 anni fermato per errore perchè «scambiato per il “palo” di un pusher» nel corso di un’operazione antidroga condotta dal “Nucleo di pronto intervento del corpo” lo scorso settembre. Gli inquirenti hanno notificato l’avviso di garanzia a dieci vigili. Percosse aggravate, ca-

Emmanuel Bonsu Foster

lunnia e ingiuria, falso ideologico e materiale, violazione dei doveri d’ufficio: queste le accuse ipotizzate dalla Procura. Le percosse sarebbero state inferte da più agenti sia nel corso dell’operazione antidroga al parco ex Eridania, dove Bonsu sarebbe stato placcato da vigili in borghese senza che gli fosse mostrato il tesserino di riconoscimento, sia durante il trasporto in auto al comando, nonostante il ragazzo di colore fosse ammanettato, e in ultimo negli uffici della sede centrale del corpo.


6 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Un provvedimento allo studio del ministero

I carabinieri hanno denunciato due cinesi

ROMA - È necessario reintrodurre i dazi sui cereali. Lo ha ribadito dall’Eima di Bologna il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia. «Siamo stati il Paese - ha detto il ministro - che ha chiesto i dazi sui cereali per difendere gli agricoltori, che lo scorso anno vendevano il mais a 23 euro al quintale, mentre oggi assistono ad un crollo del prezzo, sceso fino a 9 euro». «Da parte nostra - ha aggiunto - continueremo a lavorare per tutelare gli agricoltori: occorre restituire reddito e dignità a chi lavora la terra».

PRATO - Avevano trasformato un’abitazione in una mensa industriale abusiva, dove venivano confezionati cibi che poi venivano venduti al pubblico in un chiosco. Per questo, a Carmignano, i carabinieri della stazione e del nas hanno denunciato due cinesi di 45 e 55 anni. Le accuse vanno dall’abuso edilizio alla violazione delle misure di protezione di prodotti di origine animale importati dalla Cina, al contrabbando di alcolici al commercio di alimentari, alle violazioni igienico sanitarie nella conservazione di prodotti alimentari.

Ecco i dazi sui cereali a difesa degli agricoltori

Gestivano in casa una mensa “abusiva”

Zaia propone nuovi dazi sui cereali

Gestivano in casa una mensa “abusiva”

Angem e Ancst lanciano l’allarme: appalti al massimo ribasso per la ristorazione collettiva sono nemici giurati del “mangiar sano”. E “si rischia di servire schifezze ai clienti”

“Non si risparmi sulla qualità del cibo” Ogni giorno siedono nelle mense oltre 5 milioni di persone ROMA - Le gare d’appalto per la ristorazione collettiva che guardano solo al prezzo minimo e poco alla qualità rendono concreto il rischio di far mangiare schifezze ai clienti delle mense, a cominciare da bambini e malati. In questi termini di prezzi all’osso per i gestori mense, si paventa inoltre il rischio chiusura per le aziende corrette e l’irrompere invece della concorrenza sleale che utilizza lavoro in nero e non si preoccupa di quello che finisce sui patti. L’allarme giunge da Angem e Ancst, l’associazione gestori mense aderente a Fipe e l’Associazione delle cooperative di servizi aderente a Legacoop. Secondo i calcoli del cen-

Per le associazioni il sistema attuale, che privilegi i costi, è “immorale”

Aboliti gli standard di vendita per 26 prodotti alimentari

Cetrioli ricurvi e carote nodose da oggi avranno vita più facile BRUXELLES - L’Ue ha approvato la proposta della Commissione europea di abolire gli standard di vendita in Europa di 26 prodotti ortofrutticoli sui 36 esistenti. Lo annuncia l’esecutivo europeo, «soddisfatto» perchè all’interno del Comitato di gestione Ue non si è formata una maggioranza di blocco e la proposta ha potuto ricevere il via libera. Il provvedimento sopprime le regole sulla dimensione, il peso e la qualità di origine di alimenti come cipolle, melanzane e albicocche, mentre lascia in vigore gli standard commerciali per dieci prodotti ortofrutticoli che Bruxelles ritiene rappresentro Studi Fipe, corrisponde a 4,60 euro il prezzo medio di un pasto fornito da un servizio mensa, ciò

Un cetriolo ricurvo L’Ue ha abolito gli standard di vendita per 26 prodotti

tativi per il mercato. Tra questi ci sono gli agrumi, le mele, le pesche e i pomodori. «Una nuova era comincia per i cetrioli ricurvi e per le carote nodose», ha commentato la

vuol dire che mangiare a mensa un pasto completo costa meno di un pasto consumato in casa, per non

Commissaria Ue all’Agricoltura, Mariann Fischer Boel. «Questa iniziativa - sottolinea Fischer Boel - concretizza la nostra volontà di ridurre inutili pesi amministrativi».

parlare di quelli al bar e ristorante. Fipe stima che per un semplice spuntino al bar con un panino, una

bottiglietta di acqua minerale e un caffè ci vogliono 4,34 euro. Con queste premesse non è difficile capire

quanto stia diventando difficile fornire ogni giorno un servizio di ristorazione fondato sulla qualità e sicurezza. Tutto ciò a fronte di una realtà che vede ogni giorno oltre 5 milioni di persone consumare un pasto nei 20mila punti di servizio gestiti dalle aziende di ristorazione collettiva. Per oltre 1 milione di alunni delle materne e 860mila delle elementari spesso il pasto in mensa è quello principale della giornata. I guai, secondo le associazioni, nascono tutti da un sistema di appalti che è «a dir poco immorale, sia perchè il prezzo ha quasi sempre un peso decisivo sia perchè mancano i reali requisiti di qualità e sicurezza».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 7

Attualità

Italia lontana dai livelli europei Al Regio di Torino in 1300 per la “lectio magistralis” del presidente Contro una proposta di legge

Scuola debole per l’Istat

ROMA - Lo dice anche l’Istat che la scuola è «una priorità nel nostro Paese». Lo dichiara Maria Coscia, responsabile Scuola Pd. L’Istat sottolinea come siamo lontani dai livelli europei. E dalla meta di portare l’85% dei ragazzi al diploma.

La Costituzione raccontata da Scalfaro

TORINO - E mentre il mondo della scuola è scosso ancora dalle proteste, i giovani riscoprono la storia della Repubblica e di coloro che hanno scritto i suoi principi fondamentali. Oltre 1.300 persone, in maggioranza studenti, hanno partecipato ieri, al Teatro

Regio di Torino, alla lectio magistralis del presidente emerito della Repubblica, Oscar Luigi Scalfaro, in occasione del 60/o anniversario della Costituzione. L’iniziativa è stata promossa dal Consiglio regionale piemontese e dal Comitato resistenza e Costituzione.

I blogger italiani in guerra

ROMA - Blogger italiani in guerra: alla Camera una proposta di legge che, di fatto, impedirebbe a molti blog di esistere perchè si prevede l’obbligo di «iscrizione nel Registro degli operatori di comunicazione». Il 17 protesta davanti a Montecitorio.

Niente sciopero domani per il sindacato di Bonanni, la Snals e l’Ugl Ma da tutta Italia arriveranno a Roma migliaia di docenti e studenti

Il fronte della scuola perde la Cisl Ha convinto il decreto tecnico varato nei giorni scorsi ROMA - La Gelmini ha spuntato una lancia: quella della Cisl che, con Ugl e Snals, ha deciso di revocare lo sciopero proclamato per domani, 14 novembre. Ma gli altri - Cgil, Uil e, soprattutto, gli studenti - scenderanno in piazza per protestare contro la legge 133 e anche perchè poco convinti delle novità introdotte con il decreto legge «tecnico» n.1 180 varato la scorsa settimana dal consiglio dei ministri e pubblicato martedì in Gazzetta ufficiale (quello su concorsi e alleggerimento del blocco del turn over). Il ministro, che martedì aveva avuto una riunione-fiume con i sindacati, ieri ha incontrato la Conferenza dei rettori la quale ha ribadito il proprio apprezzamento sul decreto legge appena firmato dal Presidente della Repubblica, che contiene provvedimenti a favore delle università più virtuose e prevede, tra l’altro, l’assunzione di nuovi ricercatori. Ai rettori il ministro ha anche esposto le linee guida per l’università sottolineando la necessità di ridurre i corsi di laurea non indispensabili e le sedi distaccate. Oltre che dalla rappresentanza istituzionale dei rettori, un’apertura di credito al Governo è arrivata dunque anche dalla Cisl. «Abbiamo deciso la revoca dello sciopero

Gli universitari alla Sapienza per due giorni di assemblee

Studenti incatenati a Firenze

Una lezione all’aperto a Napoli

Bonanni (Cisl): no allo sciopero

Incursione dell’Onda al Salone dell’Abcd GENOVA - L’Onda, con circa 3mila studenti, porta la contestazione ad «Abcd», il Salone italiano dell’educazione, fino a venerdì alla Fiera di Genova, tre giorni dedicati alla scuola, alla formazione e all’orientamento con un programma di 170 eventi tra laboratori, seminari e workshop, ed una sezione dedicata alla fascia dei «pulcini» da zero a sei anni in collaborazione con la Fondazione Carlo Collodi. I giovani si sono dati appuntamento davanti ai cancelli della Fiera ieri alle 9 e una volta entrati nel padiglione B (dove si tiene l’iniziativa) intonando canti, cori e slogan contro il ministro Gelmini e la sua riforma, hanno raggiunto lo stand del ministero dell’Istruzione «occu- ha spiegato Antonio Marsilia, segretario generale Cisl Università perchè il ministro con il documento sottoscritto ieri (martedì Ndr) si

è impegnato a modificare alcuni passaggi importanti della manovra governativa sull’università e a dare risposte concrete alle richie-

pandolo simbolicamente» e tracciando la scritta «no alla 133» con una bomboletta spray. Le urla del dissenso hanno risuonato alla Fiera per un’ora circa, poi, gli studenti, in un corteo non autorizzato, hanno attraversato la città fino alla centrale piazza De Ferrari. E l’Onda ha trovato una propria rappresentazione artistica anche nello spazio del Salone riservato al liceo artistico statale Klee-Barabino, che ha raffigurato il movimento come una grande onda costituita da una vasta gamma di toni azzurri e blu. Intorno alle dieci e mezzo la situazione è tornata alla normalità e così la kermesse ha preso il via. ste contenute nella piattaforma per lo sciopero del 14 novembre». Risposte che sono bastate anche all’Ugl e allo Snals Confsal: en-

trambe le sigle hanno fatto retromarcia sullo sciopero revocandolo. Oggi è in calendario anche un incontro del ministro della Pubbli-

ca amministrazione, Renato Brunetta, con i presidenti degli enti di ricerca. Insomma, Mariastella Gelmini si è data da fare, in questi ultimi giorni, per scongiurare un «bis» del 30 ottobre (sciopero e manifestazione della scuola dimostratisi, a guardare le adesioni, un successo). Ma la Cgil già martedì («complessivamente - aveva detto il segretario generale della Flc, Mimmo Pantaleo al termine dell’incontro con il ministro - vengono riconfermati i tagli previsti dalla legge 133 e l’impianto del decreto Brunetta») e la Uil ieri («al momento - ha spiegato Alberto Civica, segretario generale della Uil università non ci sono ragioni per una revoca») non si sono fatte convincere dalle rassicurazioni del ministro. E neanche gli studenti. Vanno avanti con le loro iniziative di protesta. Domani saranno in piazzain tanti: centomila ne sono attesi nella Capitale, dal Nord e dal Sud del Paese, e tra questi, circa 4.000 dormiranno nelle facoltà occupate de «La Sapienza», in vista dell’assemblea nazionale degli atenei che si terrà sabato e domenica nella città universitaria. Oltre a diversi treni speciali, venerdì a Roma è previsto anche l’arrivo di circa quaranta autobus privati. In corteo anche i ragazzi delle scuole superiori.

Bruxelles accetta e detta le condizioni sul garante esterno che riferirà passo passo

Gli effetti di “Aquila selvaggia” si sono fatti sentire anche ieri con ritardi e cancellazioni

BRUXELLES - Il piano Cai per la rinascita di Alitalia può decollare e lo può fare senza il peso della restituzione allo Stato dei 300 milioni di euro del prestito ponte. A farsi carico del rimborso sarà la ’bad company’ attraverso gli introiti che il liquidatore Augusto Fantozzi dovrà realizzare con la cessione degli asset a prezzi di mercato. Il verdetto tanto atteso dalla cordata di imprenditori italiani guidata da Roberto Colaninno (ora manca solo la scelta del partner estero) è giunto ieri dalla Commissione europea. Ed è stato illustrato durante una conferenza stampa dal vicepresidente respon-

ROMA - Cancellazioni e ritardi nei voli Alitalia anche ieri per gli strascichi dello sciopero selvaggio, terminato martedì. La situazione sembra in via di miglioramento ma la regolarità resta a rischio a causa dello ’sciopero bianco’, cioè la rigida applicazione del regolamento, da venerdì scorso, da parte di piloti e assistenti di volo del ’fronte del no’ a Cai. E l’Alitalia non esclude altre cancellazioni di voli. I maggiori disagi ieri, al terzo giorno nero per chi viaggia in aereo con Alitalia, all’aeroporto di Fiumicino li hanno avuti i passeggeri stranieri. Il commissario straordi-

Il piano Cai ottiene il via libera dall’Ue

E i 300 milioni da restituire con la vendita di attività Saranno tre i garanti indipendenti da scegliere in tempi stretti

sabile per i trasporti Antonio Tajani. A vigilare sulle modalità di vendita degli asset Alitalia a Cai e su altri delicati passaggi dell’operazione - riferendo periodicamente

alla Commissione Ue - sarà un garante indipendente (’monitoring trustee’, nel gergo comunitario) scelto da Bruxelles tra una rosa di tre candidati che l’Italia dovrà proporre in tempi strettissimi.

Ancora disagi nei voli e negli aeroporti

Aperto un procedimento per i danni causati Gli stranieri quelli che hanno sofferto di più lo sciopero a singhiozzo

nario della compagnia, Augusto Fantozzi, ha fatto sapere che per i turbamenti dell’ordinaria attività di volo, nonchè danni agli utenti, negli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Linate, ha dato man-

dato ai legali di procedere contro ignoti. Lunedì prossimo, le quattro sigle sono state convocate dal ministero del Welfare per chiarimenti sulla cassa integrazione straordinaria e mobilità.


8 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Attualità

Migliaia gli accampati nel centro di Madrid per comprare la casa dei “sogni” L’imprenditore edile Moreno vende 2000 appartamenti al costo di 120mila euro

Il mondo non fa sconti, il costruttore sì La corsa all’immobile sta provocando seri problemi di sicurezza al sindaco della città

L’arrembaggio alla casa scontata rende l’idea della fame di case a prezzi accessibili che in Spagna sta affliggendo soprattutto le coppie giovani

MADRID - Da lunedì migliaia di persone bivaccano nelle tende montate nei giardini pubblici di Fuenlabrada, un Comune della cintura di Madrid, dopo che il costruttore Josè Moreno ha annunciato che sabato venderà 2.000 appartamenti al prezzo di 120.000 euro l’uno a chi arriverà per primo. L’arrembaggio scatenato da Moreno, che sta provocando seri problemi di ordine pubblico al sindaco della località, dà un’idea della fame di case a prezzi accessibili, che in Spagna affligge soprattutto le coppie giovani. Eppure sul mercato ci sono oltre mezzo milione di nuovi alloggi invenduti, esattamente 502.983 disponibili alla vendita al 31 luglio scorso, secondo un rapporto del ministero della Casa, citato dal quotidiano El Pais. Vale a dire, il 21,6% in più degli alloggi di nuova costruzione rimasti invenduti alla fine del 2007. Uno stock che, secondo quanto dichiarato al Congresso nei giorni scorso dal ministro al ramo, Beatriz Corredor, aumenterà a 650.000 abitazioni entro la fine dell’anno. Ma che gli esperti del settore stimano che arriverà a sfiorare i 920.000 alloggi. Sono le due facce della stessa medaglia, la fine della «bolla» immobiliare, scoppiata già nell’estate del 2007, che ha avuto il doppio effetto di far crollare il mercato delle costruzioni e paralizzare quello immobiliare. Nonostante il grosso stock di invenduto, i prezzi sono diminuiti in maniera minima e comunque

le e delle grandi città (6,7%). Tuttavia la caduta dei prezzi immobiliari dovrebbe arrivare al 23% perchè il mercato possa riattivarsi: una percentuale che si basa sulla differenza fra i costi medi di un affitto e quelli di un’ipoteca. Così, mentre a Fuenlabrada centinaia di giovani fanno a botte per aggiudicarsi quattro muri a buon mercato, il paesaggio spagnolo pullula di città fantasma. Come Sesenna, a 40 chilometri da Madrid, in piena Castiglia, dove il noto costruttore Francisco Hernando, nei tempi d’oro della speculazione edilizia aveva promesso di costruire «la più grande zona residenziale di Spagna»: 13.500 appartamenti per 40.000 abitanti, in un’urbanizzazione con campi di calcio, piscine, un parco e vari centri commerciali. Del maxi-intervento urbanistico in tre anni sono stati realizzati solo 3.500 alloggi, dei quali solo 1.000 venduti, in cui oggi vivono in tutto tremila persone. A causa della crisi finanziaria e immobiliare il progetto è paralizzato, ma molti degli acquirenti, che avevano comprato gli alloggi a fine speculativo, non si lamentano. I pochi che avevano acquistato le abitazioni per uso proprio, sedotti dal prezzo di 180.000 euro per un appartamento di 90 metri quadri, rispetto ai 400.000 che costa in media a Madrid, oggi vivono in un deserto, senza urbanizzazioni e servizi, perduto nella pianura di Castiglia.

non sufficiente perchè la domanda possa incontrare l’offerta. Negli ultimi 12 mesi, i prezzi dei nuovi alloggi sono calati di uno scarso 0,3%, secondo i dati dell’Istituto nazionale di Statistica. Sono addirittura aumentati dello 0,7%, secondo le statistiche del ministero della casa. La

caduta è invece stata di un sostanzioso 6,5%, stando alle stime della società di tassazioni Tinsa. Il maggiore deprezzamento, secondo la società, è registrato dagli immobili della costa mediterranea (-8,9%), seguito da quelli delle aree metropolitane (-7,6%) e da quelli della capita-

Le due donne uccise da un commando

Caccia ai cristiani in Iraq Sorelle assassinate in casa BEIRUT/BAGHDAD - Continua la caccia ai cristiani nella città settentrionale irachena di Mossul: ieri, due donne - due sorelle - sono state assassinate a sangue freddo da un commando che ha fatto irruzione nella loro casa. È stata una vera e propria esecuzione mirata. E non solo: anche la loro madre è stata ferita dagli assalitori, che prima di andarsene hanno piazzato una bomba, poi esplosa all’arrivo dei soccorritori, uccidendo due poliziotti e ferendone alcuni altri. Da mesi Mossul è al centro di una campagna scatenata contro i cristiani con omicidi, aggressioni, minacce e intimidazioni, che hanno indotto nelle settimane scorse almeno 13-15mila persone alla fuga dalla città. Un esodo. «Si stima che più di 2.200 famiglie, pari a circa 13mila persone, siano fuggite da Mossul. Si tratta di più della metà della popolazione cristiana di Mossul», ha affermato già due settimane fa l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). Nei giorni scorsi oltre 700 famiglie avevano deciso di tornare alle loro case, rassicurate dalle autorità, compreso il premier Nuri al Maliki, che avevano promesso una maggiore protezione. Ma il duplice assassinio di ieri, «l’esecuzione mirata», le spingerà a fuggire di nuovo, ha detto una fonte locale citata dall’agenzia AsiaNews, affermando che si tratta di un fenomeno che rientra in «un gioco politico». Un gioco politico da inserire nel quadro della spartizione del potere in vista delle elezioni provinciali in programma per la fine di gennaio, per le quali il Parlamento ha peraltro approvato una legge ad hoc che riduce sensibilmente lo spazio alle minoranze: avranno solo sei seggi, su 440. Ai cristiani ne andranno tre, in altrettante delle 18 province irachene: Baghdad, Ninive e Bassora (che hanno rispettivamente 57, 37 e 37 seggi). Ne avevano chiesti nove. Di fatto una situazione peggiore degli anni del regime di Saddam Hussein, quando i cristiani in Iraq godevano di una relativa libertà, tanto che alcuni di loro arrivarono anche ad avere incarichi importanti, come il vice premier Tareq Aziz. Alla fine degli anni ’90 erano oltre un milione, sparsi in tutto il Paese e soprattutto al Nord. Ora sono meno di 500mila. «Vogliono cancellare i cristiani dall’Iraq», è stato il commento dal vicario patriarcale di Baghdad, mons. Shlemon Warduni, alla notizia dell’approvazione della nuova legge per le elezioni provinciali. «A questo punto è meglio non avere neppure questa elemosina. È una questione di diritti umani», ha aggiunto, sostenendo amaramente che è «meglio morire con dignità che vivere nel disprezzo».

Nir Barkat vince le municipali, è lui il nuovo sindaco laico della città

L’intento di Barkat, il sindaco-imprenditore facoltoso dell’high tech: trasformare Gerusalemme «in una delle città più influenti al mondo»

Il mago dell’high tech israeliano ottiene le chiavi di Gerusalemme L’imprenditore dell’alta tecnologia batte con il 52% gli ultraortodossi

GERUSALEMME- Le elezioni municipali che si sono svolte martedì in Israele e che hanno interessato 160 comuni sono state caratterizzate da una bassa percentuale di votanti, 42% la media nazionale, confermando una tendenza in atto da tempo, dalla relativa emarginazione delle liste presentate dai grandi partiti, rimasti alla finestra, e dall’emergere in centri importanti di personalità che si sono qualificate indipendenti e con proprie liste. Il risultato che appare sicuramente di maggior rilievo, anche per la sua valenza politica, è stata a Gerusalemme la vittoria del laico Nir Barkat, imprenditore di successo nel campo dell’alta tecnologia, che col 52% dei voti, ha sconfitto il candidato di parte dell’elettorato ebraico ultraortodosso Meir Porush, al quale è andato il 43%. Barkat ha dovuto la vittoria sia al sostegno dei laici, poco più di un terzo della popolazione cittadina, sia a quello della destra religiosa nazionalista che, questa volta, non

Il neo sindaco discute con un ultraortodosso al mercato

ha voluto votare per il candidato ultraortodosso. Come da tradizione invece, la popolazione araba di Gerusalemme est ha boicottato le elezioni. Barkat, che politicamente era partito su posizioni molto moderate vicine a quelle di ’Peace Now’, ha poi virato verso destra il suo messaggio - insistendo sull’in-

divisibilità di Gerusalemme - allo scopo di attirare su di sè anche i voti di una parte di quell’elettorato. Una mossa che ha avuto successo ma che non è stata premiata allo stesso modo per quanto riguarda i numeri in seno al consiglio comunale, dove Barkat avrà vita non facile nel cercare di costituire

una coalizione di maggioranza. Vuole trasformare Gerusalemme «in una delle città più influenti al mondo» il nuovo sindaco di 49 anni. Nato a Gerusalemme e figlio di un professore di fisica, all’età di 30 anni Barkat ha abbandonato la carriera militare intrapresa fra i paracadutisti per dedicarsi ad inizia-

tive di high-tech. Alla fine degli anni Ottanta ha creato un’impresa, la Brm, che fu fra le prime a mettere a punto programmi di ’anti-virus’ per i computer. Negli anni successivi Barkat sarebbe divenuto un imprenditore molto facoltoso grazie al successo conseguito da due altre società, BackWeb e

Checkpoint, a lui legate. Nel 2003, pur proseguendo attività disparate nel settore del high-tech, Barkat ha presentato per la prima volta la candidatura alla carica di sindaco, ma è stato sconfitto dall’ortodosso Uri Lupolianski. Per aggiudicarsi quest’anno la vittoria è stato costretto ad ingraziarsi i favori di un settore determinante: quello degli ebrei nazional-religiosi. Nella campagna elettorale Barkat - che un tempo era ritenuto vicino alle posizioni di Pace Adesso - ha assunto toni nazionalistici, criticando in particolare la disponibilità di dirigenti di Kadima a rinunciare a rioni arabi di Gerusalemme est. Ha già anticipato che dall’interno del municipio lotterà attivamente contro qualsiasi piano di spartizione politica della città. Le municipali a Tel Aviv hanno invece visto la riconferma del sindaco Ran Huldai con poco più del 50% dei voti. Ma qui la novità di rilievo è stato il relativo successo del comunista Dov Henin, che si era candidato per la prima volta, e che è riuscito a ottenere il 34% dei voti, soprattutto dei giovani, con un messaggio volto a fare di Tel Aviv una città per tutti e non solo per i ricchi (accusa rivolta a Huldai) e dai contenuti sociali e ecologici.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 9

Attualità

Google Earth lancia on line la visita tridimensionale della città

Internet “sbircia” nella vita dell’antica Roma Un’esplorazione virtuale nella capitale del 320 d. C. che consentirà l’accesso ai 6.700 edifici ricostruiti

Viaggio tra le rovine e gli antichi monumenti

ROMA - Un viaggio virtuale online tra rovine e monumenti della capitale, ricostruiti in 3D da Google ‹GOOG.O›: è quanto propone il progetto Roma Antica, presentato ieri in Campidoglio, presente il sindaco Gianni Alemanno. Come ricorda una nota, Roma Antica è un livello tematico di Google Earth, sovrapponibile alle rappresentazioni geospaziali offerte dall’applicazione di Google. Comprende una raccolta di 6.700 edifici dell’antica Roma ricostruiti in 3D e visualizzabili fin nei più minimi dettagli. Utilizzando gli strumenti di navigazione di Google Earth si può "volare" sopra la città di Roma ed esplorare una rappresentazio-

Buon compleanno al candidato re più impaziente della storia del Galles

ne virtuale di come appariva la città nel 320 D.C., all’epoca dell’Imperatore Costantino. È inoltre possibile "entrare" in molte delle case contenute nel modello, per osservarne le architetture nei minimi dettagli.

Compleanno da primato per il principe Carlo d’Inghilterra che ancora aspira al trono Per la mega-festa Camilla non ha badato a spese con Rod Stewart special guest del galà

I 60 anni dell’eterno erede Un solo “no” tra gli invitati Muti stanco delle “bizze” reali LONDRA - Erede al trono da quando aveva tre anni, il principe Carlo d’Inghilterra questo venerdì diventerà il primo principe di Galles a compiere 60 anni senza essere ancora diventato re. Celebre per il suo tormentato primo matrimonio con Diana, per la sua relazione adulterina con il suo amore di sempre Camilla e per il suo impegno in favore delle cause ambientaliste, Carlo d’Inghilterra non ha mai atteso con impazienza l’ascesa al trono. Realizzando già molto tempo fa che avrebbe passato gran parte della sua esistenza come erede e non come monarca, Carlo ha sfruttato al massimo questa sua condizione costruendosi un’attività commerciale e dandosi da fare, con ottimi risultati, sul fronte della beneficenza e della vita pubblica. Con la sua ’Princès Trust’, un’organizzazione caritatevole fondata nel 1976, ha aiutato migliaia di ragazzi sfortunati a farsi largo nella vita. Un vero «principe moderno» - non soltanto per il fatto di essersi divorziato e poi risposato in nozze civili - Carlo è stato uno dei primi a pronunciarsi, già nel lontano 1984, a favore dell’agricoltura biologica. La sua linea di prodotti alimentari, Duchy Originals, è oggi uno dei più diffusi marchi di cibi biologici del Regno. Più controverse le sue idee nei confronti della medicina e della tecnologia: proprio negli ultimi anni il principe si è attirato una valanga di critiche da parte della comunità medica e scientifica, pronunciandosi contro i presunti pericoli delle nanotecnologie e incoraggiando la gente a affidarsi alle terapie alternative anzichè alla medicina tradizionale. Ma la vera differenza tra il suo 50esimo compleanno ed il suo 60esimo è che questa volta la sua Camilla, sposata in seconde nozze nell’aprile del 2005, gli sarà accanto a tutti gli effetti. È stato insieme a lei che il principe ha cenato lunedì sera in compagnia del presidente francese Nicolas Sarkozy e di Carla Bruni ed è stata proprio lei a organizzare tutti i festeggiamenti per quest’ultimo compleanno. E per lo sposo, bisogna dire, Camilla non ha badato a spese: a intrattenere i 200 invitati della festa che si terrà sabato

I sigari Avana in Argentina

Un club per gli intenditori del “cubano”

Il principe Carlo d’Inghilterra festeggia 60 anni e si aggiudica il primato dell’aspirante al trono più “anziano” del Galles

sera (il giorno dopo il suo compleanno) nella tenuta di Highgrove: sarà niente meno che Rod Stewart che, secondo la stampa, avrebbe rinunciato al suo abituale cachet da 1

milione di sterline per esibirsi di fronte alla coppia reale e ai loro illustri invitati. Tra gli altri eventi in programma per questa settimana di ’Buon Compleanno’, un galà be-

nefico in favore della Princès Trust, a cui parteciperanno tra gli altri l’attore comico Rowan Atkinson e Robin Williams. Non tutto però è filato liscio nei preparativi: Riccardo

Muti, prescelto per dirigere la Philharmonic Orchestra ha gettato la spugna perchè stanco dei ripetuti tentativi del principe e di Camilla di modificare il programma.

BUENOS AIRES - Cuba non sembra aver paura della crisi per il mercato dei sigari Avana extralusso. Con dei soci argentini, la Habanos SA, una società mista cubano-britannica, ha acquisito un cosiddetto ’petit hotel’, come si definiscono a Buenos Aires le magioni storiche, dove aprirà il suo quinto club nel mondo - dopo Pechino, Hong Kong, Tokio e Praga - nell’ambito del programma ’Cohiba Atmosphere’, destinato appunto ad aumentare le vendite all’estero, non solo dell’omonimo sigaro ma anche dei Partagas, dei Romeo e Giulietta e dei Montecristo. L’esecuzione del progetto ha richiesto un forte investimento ed il club destinato ai fumatori degli Avana di lusso verrà aperto il prossimo marzo. Dopo il turismo ed il nichel, l’industria dei sigari è la terza voce per importanza di Cuba, vi lavorano almeno 300.000 persone.

Risale a circa 75 anni fa la prima immagine del mostro di Loch Ness che diede il via al mito moderno

Nessie che vive solo nelle fotografie

Dopo lo scatto del 1933 la creatura venne immortalata solo altre due volte Ma erano falsi ad arte accertati LONDRA - Il primo riferimento alla creatura nel lago risale al 565 dopo Cristo, nella biografia di Santa Columba, ma la sua celebrità contemporanea ha solo 75 anni. Tanti, infatti, ne sono passati da quel 12 novembre del 1933, quando Hugh Grey scattò la prima fotografia del mostro di Loch Ness. Foto finita poi in prima pagina dello ’Scottish Daily Record’ con il titolo «Misterioso oggetto nel lago di Loch Ness». Il quotidiano scozzese, a caccia di uno scoop, andò però ben oltre: diede di fatto i natali a Nessie, uno dei miti più celebri del Novecento. «Lo scatto di Hugh Grey è il

Una copia del mitico mostro del lago, collocata nel laghetto dell'Eur a Roma in occasione della presentazione del film “The Water horse”

primo di sempre e questa è la sua particolarità», dice Adrian Shine, del Loch Ness and Morar Project, l’ente che ha coordinato i molti progetti scientifici che, senza successo, si sono gettati all’inseguimento di Nessie. «È anche la più difficile da interpre-

tare - prosegue - ed è stato suggerito che in realtà si tratti di un doppio negativo raffigurante un Labrador con in bocca un bastone. Ma in realtà potrebbe essere qualunque cosa». Il mostro tornò a far capolino, questa volta sul ’Daily Mail’, il 21 aprile

del 1934. È lo scatto più famoso, quello che raffigura Nessie come un mostro marino dal collo lungo, molto simile a un dinosauro. La foto fu scattata dal ginecologo Robert Kenneth Wilson. «È l’immagine a cui la maggior parte delle persone fa riferimento quando pensa al mostro di Loch Ness - dice ancora Shine - ma è un falso accertato». Il terzo avvistamento ’documentato’ risale invece al 14 luglio del 1951. Ma anche in questo caso si tratta di un falso costruito ad arte. Con l’avvento della fotografia a colori però, gli avvistamenti del mostro di Loch Ness si sono fermati.


10 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Cronache in breve Con Google un aiutino per prevenire l’influenza ROMA - Un nuovo strumento di Google, Google Flu Trends, permette di mappare e visualizzare i picchi influenzali in tempi record. Secondo i test il nuovo servizio consentirebbe di individuare le epidemie di influenza anche due settimane prima del Centers for Disease Control and Prevention, una delle principali organizzazioni del dipartimento della salute degli Stati Uniti.

Si mormora di fiori d’arancio in vista per la top model australiana e il suo eterno fidanzato Orlando Bloom, star de “I Pirati dei Caraibi”

Woodcock lascia la procura di Potenza ROMA - Dopo una lunga permanenza lascia la procura di Potenza il pm Henry John Woodcock per trasferirsi in quella di Napoli, sua città di origine e nella quale risiede la moglie. Proprio ieri il plenum del Csm ha dato il suo via libera definitivo, dopo il primo sì che gli aveva accordato la Terza Commissione di Palazzo dei marescialli. Woodcock andrà a ricoprire uno dei nove posti di sostituto procuratore a Napoli messi a concorso dal Csm.

Si smorza la crociata contro le baleniere SYDNEY - La crociata dell’Australia contro le baleniere giapponesi nei mari antartici si è abbassata di tono con l’avvicinarsi della stagione estiva, dopo anni di ostilità in cui si è rasentata la crisi diplomatica. Il prossimo mese G re e n p e a c e non manderà navi, dopo che il governo giapponese ha indicato che farà scortare le baleniere dalla guardia costiera. E il governo australiano si concentra sull’azione diplomatica.

Due morti nell’esplosione di una ditta di effetti speciali TOKYO - Due persone sono morte in seguito a una forte esplosione in un edificio di tre piani nel quartiere di Shibuya, nel centro di Tokyo. L’incidente ha interessato la sede di una ditta che produce esplosivi usati per gli effetti speciali cinematografici.

Riprendono le ricerche dell’aereo precipitato CARACAS - Due unità con robot sottomarini hanno ripreso a scandagliare le acque attorno a Los Roques alla ricerca di resti dell’aereo caduto. Finora è stato impossibile localizzare il relitto scomparso il 4 gennaio 2008, dopo la partenza da Caracas con 14 persone a bordo, tra cui otto italiani.

LA SPEZIA - Un giudice spezzino ha riconosciuto 50mila euro di risarcimento danni per «castità forzata» a una donna spezzina di 55 anni costretta a rinunciare al sesso, negli ultimi otto anni, a causa dell’impotenza sessuale del marito provocata da un grave incidente stradale. La sentenza le ha riconosciuto il «diritto ad avere rapporti col proprio partner», fra i diritti inviolabili previsti dalla stessa Costituzione, che riconosce la famiglia come società naturale fondata dal matrimonio. L’uomo, investito da una moto mentre procedeva in bicicletta sui tornanti cittadini, aveva subito vari traumi, era poi caduto in depressione e aveva iniziato a soffrire di impotenza. C’è stata una transazione fra il responsabile e la vittima, come avviene di norma. Ma la moglie dell’uomo si è spinta oltre.

In attesa di “giudizio” il papà di Ciccio e Tore BARI - Il gip del tribunale di Bari Giulia Romanazzi deciderà all’esito dell’udienza dell’11 dicembre prossimo se archiviare l’indagine della procura di Bari su Filippo Pappalardi, il papà di Ciccio e Tore. L’uomo è stato prima accusato di aver ucciso i figli e poi solo di abbandono di minore seguito da morte. Alla richiesta di archiviazione si è opposta la mamma dei due fratellini, Rosa Carlucci, che ha chiesto al gip di rinviare a giudizio l’ex marito.

Tonnellate di amianto in una fabbrica dismessa FIUMEFREDDO (CATANIA) - Tonnellate di Eternit, contenente amianto, sono state trovate e sequestrate da militari della gdf nell’ex fabbrica dell’ex cartiera Siace, realizzata nella valle naturalistica del Fiumefreddo di Sicilia. Il sito, realizzato su un’area di 400 mila metri quadrati è di proprietà della Provincia. Da verificare se solventi chimici tossici rinvenuti all’interno dell’ex fabbrica siano smaltiti secondo legge.

Ottiene risarcimento per “castità forzata”

Ucciso a 15 anni da suoi coetanei La modella australiana Miranda Kerr potrebbe finalmente convolare a giuste nozze con Orlando Bloom

Miranda e Orlando presto sposi Orlando Bloom è uno degli attori più amati dalle donne. Ora le sue fan potrebbero avere un brutto colpo: sembra che la star della saga "I Pirati Dei Caraibi" abbia serie intenzioni con la sua dolce metà. Vorebbe addirittura, secondo indiscrezioni, convolare a giuste nozze con la top-model australiana Miranda Kerr, la fidanzata di sempre. Si mormora, infatti, che i due si siano ufficialmente fidanzati e che stiano pensando seriamente ai fiori d'arancio. Una

fonte ha rivelato al magazine americano Star: "Stanno parlando di sposarsi entro un anno. Hanno avuto un periodo un po' turbolento ma si amano e lei vuole diventare sua moglie". Come non capire la splendida Miranda? Quale donna non vorrebbe impalmare un uomo come Orlando Bloom? Non resta che augurarle di centrare presto il suo obiettivo ed aspettare il giorno delle nozze.

LONDRA - Un ragazzino di 15 anni è morto dopo essere stato colpito al petto da un colpo di arma da fuoco a Derby, a nord di Londra. La polizia ha dichiarato che il giovane si trovava in compagnia di alcuni amici quando è stato raggiunto dal proiettile. Trasportato d’urgenza in ospedale il giovane è morto poco dopo per le ferite riportate. Agenti di polizia e cani hanno setacciato l’area del delitto in cerca di indizi per risalire agli autori dell’omicidio di cui si ignora completamente il movente. Quella della violenza tra minori è una piaga che attanaglia la società britannica. Dall’inizio dell’anno sono rimasti uccisi oltre 50 adolescenti.

Accecato dalla gelosia Vivere con Abramovich Ritrovata 17enne sequestra l’ex fidanzata non è una passeggiata scappata di casa

Bandito solitario rapina l’anagrafe

BOLOGNA - Accecato dalla gelosia, e incapace di accettare la fine della relazione, ha tenuto segregata una notte in cantina l’ex fidanzata, seviziandola con un coltello e costringendola a un rapporto sessuale. La squadra Mobile di Bologna ha arrestato un tunisino di 31 anni, Ben Rohma Tarek, per violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni personali aggravate nei confronti di una barista trentenne di origine cubana.

NOLI (SAVONA) - Rapinato l’ufficio dell’anagrafe del Comune di Noli. Un bandito, col volto coperto da un casco, si è presentato nel locale del municipio dove in quel momento era presente solo una dipendente. Il malvivente, sicuramente italiano e non armato, ha intimato all’impiegata di consegnare il denaro che custodiva nei cassetti. Una volta arraffato il bottino, non più di 700 euro, il bandito è fuggito in moto.

SANNICOLA (LECCE) - È stata trovata in ottime condizioni di salute una 17enne di Sannicola di Lecce, allontanatasi dalla casa del fratello, a Pavia. La giovane era a casa di un suo conoscente, un uomo di 30 anni di Sannicola, che è stato denunciato per sottrazione consensuale di minore. La giovane si era recata volontariamente dal suo conoscente dopo aver lasciato la casa del fratello che, non avendo più notizie, ne aveva denunciato la scomparsa. I carabinieri la stavano cercando in tutt’Italia.

Rubano in piena notte 300 quintali di castagne BORGO SAN LORENZO (FIRENZE) - Trecento quintali di castagne, per un valore commerciale stimato in 150 mila euro, sono stati rubati la notte scorsa in una ditta che si occupa di distribuzione industriale di ortofrutta nel comune di Vicchio, in provincia di Firenze. I ladri sono riusciti a entrare nella ditta dopo aver forzato una porta antipanico. Poi, rotta la serratura di un cancello, hanno fatto entrare nell’area dell’azienda un camion sul quale, utilizzando i muletti della ditta, hanno caricato una quarantina di pancali di castagne.

Il miliardario Roman Abramovich

MOSCA - Non è stata una vita da favola, al di là di quello che scrivevano i giornali, quella di Irina, ex moglie del miliardario russo Roman Abramovich: lo afferma lei stessa nella prima intervista dopo il divorzio, all’edizione russa del periodico “Ok”. «Vivevo nella paura costante per i miei cinque figli», ha detto la donna: «temevo rapimenti». Ogni passeggiata non poteva avvenire senza la presenza di «un vero e proprio esercito di guardie del corpo».

Spacciava droga davanti alle scuole ROMA - Uno studente di 17 anni che spacciava hashish davanti a degli istituti scolastici è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo alcuni giorni di appostamenti nei pressi di una serie di scuole dove il giovane era stato più volte notato dal personale scolastico, i militari lo hanno individuato e bloccato mentre attendeva alcuni suoi coetanei per rifornirli di droga.

Jean Paul Gaultier veste l’acqua minerale ROMA - Dopo Christian Lacroix anche Jean Paul Gaultier firma la nuova bottiglia dell’acqua minerale Evian. Gaultier ha realizzato ben due versioni: Evian “Pret-a-porter” è luccicante, vestita di cristalli e lettere che abbracciano la bottiglia in un gioco che rimanda alla purezza dell’acqua. Evian “Haute Couture”, in soli 7 esemplari al mondo, sarà, invece, battuta all’asta e i ricavi andranno a Ramsar, associazione che si batte per preservare le Zone Umide di Importanza Internazionale.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 11

Economia

Bolletta del gas con lo sconto per i più disagiati

Costerà di più il canone Telecom dal primo febbraio

Tremonti: banchieri a casa o in galera se la banca fallisce

ROMA - Arriva il bonus per il gas: 400 milioni di euro, destinati alle famiglie numerose o disagiate, per contrastare il caro-tariffe. Il Ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola ha infatti varato la relativa bozza di decreto che - si legge in una nota - «prevede sconti sulle bollette del gas» e che sarà ora inviata alle Commissioni parlamentari che dovranno esprimere un parere e all’Autorità per l’energia e il gas, che con propria delibera definirà i criteri applicativi. Si stima che il bonus gas sarà operativo entro due mesi. Complessivamente, dunque, dice Scajola, «nelle prossime settimane i cittadini e le famiglie a basso reddito avranno a disposizione risorse già disponibili per circa 1,2 miliardi di euro».

ROMA - L’aumento del canone di Telecom Italia ha avuto ieri il primo sostanziale via libera dall’Autorità per le tlc e il rialzo richiesto dall’ex monopolista, pari a 1,26 euro in più, dovrebbe scattare a partire dal primo febbraio. Il Consiglio dell’Autorità ha dato una sorta di prima approvazione allo schema di provvedimento relativo alla proposta Telecom, che prevede di portare il canone dagli attuali 12,14 a 13,4 euro al mese per i clienti residenziali, milioni di famiglie abbonate al principale operatore fisso in Italia. L’ultima manovra di adeguamento del canone per la clientela residenziale era stata attuata a luglio 2002. Con la manovra tariffaria, Telecom si appresta a incassare circa 160 milioni di euro di maggiori entrate l’anno.

ROMA - Per sostenere la liquidità delle banche ma soprattutto il travaso da queste all’economia reale il Governo pensa alla sottoscrizione di obbligazioni. E presto il meccanismo sarà messo a punto con i decreti che arriveranno dopo il G20 (attesi entro il 25 novembre). È quanto spiega, durante un’audizione alla commissione Finanze in Senato sulla crisi dei mercati, il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, ribadendo la posizione del Governo sulle banche: non è intenzione dell’esecutivo entrare nel loro capitale. Lo scopo è garantire il passaggio di liquidità e comunque gli istituti di credito rispondono con i loro vertici davanti alla legge. Dunque: «se la banca fallisce i banchieri vanno a casa, o vanno in galera».

Confronto Governo-Cisl-Uil- Confindustria a palazzo Grazioli Il summit ad escludendum spacca il sindacato e scatena un putiferio

All’incontro riservato col premier non c’è posto per la Cgil ROMA - L’incontro ’ad eslcudendum’ tra governo-Cisl-Uil-Confindustria senza la Cgil scatena un putiferio nel sindacato e accorcia i tempi per la proclamazione dello sciopero generale da parte della confederazione diretta da Guglielmo Epifani. Il direttivo dell’organizzazione sindacale ha infatti dato mandato alla segreteria di proclamare la mobilitazione nazionale a sostegno della piattaforma ’anti-crisi’ indicando già ieri la data: il 12 dicembre, giornata in cui si sarebbe dovuto svolgere lo sciopero dei metalmeccanici della Fiom. Restano invece confermate le altre iniziative di lotta, a partire da quella unitaria del 14 novembre per l’università, da cui si è tuttavia sfilata la Cisl, e quella di sabato 15 novembre dei lavoratori del commercio, settore in cui Cisl e Uil sono andati alla firma separata sul contratto. La proclamazione dello sciopero ha ieri messo l’accento sulla spaccatura tra Cgil da un lato e Cisl e Uil dall’altro, aggravata dall’incontro che ieri l’altro si è tenuto a Palazzo Grazioli tra esponenti del governo, i segretari di Cisl e Uil e Confindustria. «Quello che è accaduto martedì sera, se confermato, è gravissimo, una cosa senza precedenti», dice aprendo in mattinata i lavori del direttivo Cgil il segretario Gugliel-

Ennesimo rosso

La rabbia di Epifani Sciopero generale il 12 dicembre

Piazza Affari ancora giù

Da sinistra il presidente Berlusconi, il segretario della Cgil, Epifani, il leader della Cisl Bonanni e della Uil Angeletti

mo Epifani, convinto che ciò apra «un problema formale nei rapporti con le altre organizzazioni sindacali e con la Confindustria». Di più, sostiene l’organizzazione nel documento finale del direttivo, «questo fatto, insieme, racchiude l’esistenza di una conseguente relazione tra lo stato del confronto sulla riforma del

modello contrattuale e la volontà del Governo di dividere le organizzazioni sindacali e premere in direzione di un accordo separato». Un accordo senza la Cgil che arriverebbe quindi dopo quello sugli statali e dopo quello sul commercio di questa estate, mentre proprio ieri la Cisl e l’Ugl si sono sfilate dallo sciope-

ro indetto per l’università a cui, per il momento, continua ad aderire invece la Uil. L’incontro ’segreto’ a Palazzo Grazioli, che la Uil continua a negare, ha suscitato però anche l’irritazione dell’Ugl, il sindacato più vicino politicamente alla maggioranza di governo. «Pensavamo che la stagione de-

I regolamenti variano da Comune a Comune generando malcontento

Serranda selvaggia nel giorno della festa? Una confusione che fa male alla concorrenza L’Antitrust sollecita a rivedere le regole e lasciare libertà di decidere agli esercenti ROMA - È una vera e propria babele di regolamenti locali quella che disciplina l’apertura dei negozi, soprattutto nei giorni festivi e negli orari notturni. C’è il Comune che vieta l’apertura domenicale al supermercato ma non anche alle botteghe o al grande centro commerciale; quello che lascia aprire i negozi al centro ma non in periferia. E infine quello che vieta di notte la distribuzione di alimenti dalle macchinette; ovvero proprio nell’orario in cui gastronomie o ristoranti sono verosimilmente chiusi. È quanto evi-

C’è il Comune che vieta l’apertura domenicale al supermercato ma non anche alle botteghe o al centro commerciale

denzia l’Antitrust in una dettagliata segnalazione al governo e agli enti locali. L’Autorità auspica che «gli enti territoriali rivedano quelle regolamentazioni che non con-

sentono agli esercizi commerciali una libera determinazione delle modalità di svolgimento della propria attività economica». Alcune di queste norme - prose-

gue l’Autorità - sono «ingiustificatamente restrittive della concorrenza oltre che in contrasto con la disciplina nazionale» che ha liberalizzato in alcune zone e per taluni tipi di commercio l’apertura dei negozi.Con riguardo alle restrizioni sulle aperture dei negozi, l’Autorità fa presente di avere ricevuto nei mesi di aprile, maggio e giugno 2008 «numerose denunce» attraverso cui sono state segnalate talune discipline regionali e regolamentazioni degli enti locali ritenute restrittive della concorrenza.

gli incontri riservati fosse terminata con la scorsa legislatura. Nel rapporto tra governo e parti sociali c’è ormai un problema di metodo che, se possibile, viene prima ancora di quello di merito», afferma il segretario, Renata Polverini, che questa mattina ha convocato d’urgenza la segreteria. Si difende invece il segretario della Uil, Luigi Angeletti: «se c’è, da molti mesi a questa parte, un piano preordinato di divisione del sindacato, questo è quello posto in essere dalla sola Cgil», dice, definendo «sconsiderata» l’affermazione di Gianni Pagliarini, responsabile lavoro del Pdci, secondo il quale il mancato invito, martedì, della Cgil è «in linea col programma della P2». Il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, tenta in un primo momento di smorzare i toni: «Incontri informali ci sono e ci saranno sempre, quel che contano sono i dati politici», dice inizialmente ma poi, a fine giornata, attacca sullo sciopero: «Rispetto le libere decisioni della Cgil, tuttavia le considero mosse da valutazioni più politiche che sindacali». La polemica incalza. «In un momento di crisi economica e di difficoltà del Paese un governo responsabile dovrebbe lavorare per unire e costruire percorsi condivisi», sostiene Anna Finocchiaro, presidente del gruppo Pd a Palazzo Madama, giudicando «gravissimo ciò che è avvenuto». Il segretario del Prc, Paolo Ferrero, esprime «totale e piena solidarietà alla Cgil, che il governo delle destre cerca di isolare trattando solo con i sindacati amici».

MILANO - Ennesimo tonfo per Piazza Affari, al pari della altre borse europee. Il Mibtel ha ceduto il 2,25% a 15.833 punti e lo S&P/Mib il 2,33% a 20.227 punti, con scambi in linea con la media delle ultime sedute per 2,28 miliardi di euro di controvalore. Sotto pressione ancora una volta il comparto bancario, ad eccezione di Unicredit, che ha diffuso dati trimestrali migliori delle attese degli analisti, confermando di fatto la validità dell’intervento dello scorso ottobre ed escludendo quindi nuovi aumenti di capitale. Tensione anche sull’energia e su Fiat, mentre ha chiuso poco mossa Telecom, favorita anche dall’esame da parte dell’Autorità per le telecomunicazioni della proposta avanzata dal gruppo di aumentare il canone residenziale mensile di 1,26 euro. Sotto tensione in una seduta che ha bocciato nuovamente Intesa Sanpaolo (-6,86% a 2,34 euro), reduce dallo scivolone della vigilia dopo i dati dei 9 mesi. Giù anche Bpm (-5,58% a 4,4 euro), mentre i dati dei primi 9 mesi hanno pesato anche su FondiariaSai (-4,71% a 16 euro), nonostante l’annuncio dell’amministratore delegato Fausto Marchionni, secondo il quale il dividendo «sarà cash e competitivo con qualsiasi altro investimento sul mercato». Bene Unicredit (+0,65% a 1,87 euro), che ha comunque chiuso abbondantemente sotto ai massimi raggiunti nel corso della seduta, quando il titolo ha toccato quota 2,02 euro In rosso i titoli dell’energia, con Eni (-3,24% a 16,75 euro), Enel (-2,64% a 5,16 euro) e Saipem (-2,92% a 14,65 euro), che scontano l’andamento delle quotazioni del greggio, giunto a quota 57 dollari al barile, che influenzano anche le valutazioni delle altre fonti energetiche.


12 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Speciale

Reparto maternità

A mamme e bebè l’ospedale regala una valigetta per l’allattamento

I dati emergono da un rapporto del Fondo delle Nazioni Unite

Allarme per lo stato di salute delle donne nel mondo ROMA - Peggiora lo stato di salute delle donne nel mondo, in particolare di quelle che vivono nei paesi in via di sviluppo: Aids, mortalità da parto e gravidanze, violenze sessuali, mutilazioni genitali, sono i dati negativi. Tutto questo emerge dal rapporto 2008 sullo stato della popolazione dell’Unfpa (Fondo delle nazioni unite per la popolazione, reso noto dall’Aidos (Associazione donne per lo sviluppo). Ecco alcune cifre: i 2/3 dei 960 milioni di analfabeti e i 3/5 del miliardo di persone povere sono donne. Il 61% dei sieropositivi Hiv nell’Africa sub-sahariana sono donne; nella regione caraibica è il 43%. In tutto il mondo è tra il 15% e il 71% la percentuale di donne che hanno subito violenza fisica o sessuale da parte del partner. Ogni giorno 1.600 donne e oltre 10.000 neonati muoiono per complicazioni della gravidanza.

La situazione è grave nei paesi in via di sviluppo. Il 61% dei sieropositivi nell’Africa sub-sahariana è costituito da donne, il 43% nella regione caraibica

Il boom delle separazioni porta alla promiscuità nei rapporti intimi Registrato tra le 40enni il picco massimo delle infezioni sessuali

Se la coppia “scoppia” La donna matura che tradisce tende a non usare precauzioni

“Gli amanti” di Renè Magritte (1928). Negli ultimi anni si è avuto un incremento di separazioni e divorzi, la ricerca di nuovi partner aumenta nelle donne il rischio infezioni

NIZZA - Aumentano le infezioni sessuali tra le donne quarantenni: un effettto diretto della ’coppia che scoppia’, ovvero del crescente numero di divorzi e separazioni che segnano proprio questa fascia di età con la conseguente ricerca di nuovi partner ed un aumento della promiscuità sessuale. A segnalare il fenomeno, intervenendo al Congresso dell’Organizzazione europea per la ricerca sulle infezioni e neoplasie genitali (Eurogin) apertosi a Nizza, è la direttrice del Centro di ginecologia e sessuologia clinica dell’Ospedale San Raffaele Resnati di Milano, Alessandra Graziottin. Ma a crescere, sottolinea l’esperta, sono anche i comportanenti a rischio da parte dei giovanissimi, a parire «da un aumento sostenuto dei rapporti sessuali di tipo orale e senza protezione, che espongono alla possibilita di contrarre virus pericolosi con l’hpv, causa di varie forme tumorali». Dunque, due le fasce di età più a rischio per comportamenti sessuali, sia pure per ragioni diverse. «Il picco delle infezioni genitali, come i condilomi causati dal virus Hpv - spiega Graziottin si registra nella fascia 15-24 anni, quando maggiore è la promiscuità sessuale, ma la curva dell’incidenza delle infezioni continua fino ad oltre i 65 anni ed un aumento consistente si registra proprio tra le 40-50enni». Un fenomeno, rileva, «che riflette una tendenza di costume: in questa fascia di età, infatti, negli ultimi anni si è avuto un trend di aumento di separazioni e divorzi». La crisi di coppia, è l’analisi dell’esperta, «porta alla ricerca di nuovi partnet, e vari indicatori ci dicono come sempre tra le 40en-

ni sia anche in crescita il costume del ’tradimento’». Una «promiscuità sessuale» non accompagnata, però, avverte Graziottin, da un atteggiamento di prevenzione: «Le donne più mature non si proteggono - sottolinea - ed usano poco il preservativo. Questo perchè ritengono che il rischio di contrarre infezioni sia in qualche modo confinato ai giovani». Niente di più sbagliato: «il messaggio da diffondere - avverte Graziottin - è che il condom va usato sempre. Inoltre, bisogna invitare anche le 40enni a vaccinarsi contro il virus Hpv, causa di molte patologie genitali». La prevenzione, in campo sessuale, può infatti evitare conseguenze spesso gravi: le infezioni sessuali, come quelle causate dal virus Hpv, rileva la specialista, ’hanno un fortissimo impatto anche psicologico”. Lo dimostra uno studio della stessa sessuologa, in via di pubblicazione sulla rivista ’Journal of sexual medicine’: “tali patologie spiega - incrinano fortemente la sicurezza e l’autostima delle donne, tanto che un 10% smette completamente di avere una vita sessuale per lunghi periodi, e si verifica in molti casi una frattura insanabile nella coppia”. La prevenzione dunque, ribadisce la sessuologa, è “fondamentale e passa, in misura sostanziale, anche da un più ampio uso del preservativo”. A dimostrarlo sono i numeri: la prevalenza di infezioni come i condilomi è di 7 casi per 1000 nelle regioni del Centro-Sud dell’Italia, contro i 4,9 casi per 1000 del Nord, dove, sottolinea, “l’uso del condom è decisamente più alto”.

Un caso medico in Germania: una mutazione genetica rende il ricevente immune al virus Hiv

Il midollo trapiantato lo guarisce dall’Aids

Un esito imprevisto del trapianto

ROMA - Un trapianto di midollo per curare una leucemia ha dato un risultato soprendente: il paziente, un americano che vive in Germania, è guarito dall’Aids. Il caso è riportato dal Wall Street Journal: il midollo trapiantato

appartiene a un donatore che ha una mutazione genetica che lo rende immune al virus Hiv, che è stata trasmessa al ricevente. Il particolare del Dna che ’chiude la porta’ al virus è già noto da tempo, e fa sì che sulla superficie cellulare non appaia una molecola chiamata Ccr5, una delle ’chiavi’ che usa l’Hiv. La mutazione appare in circa l’1% della popolazione europea, mentre è assente in Africa, Asia e Sudamerica. Gero Hutter, un ematologo della Berlin Charitè Medical university, ha scelto fra 80 potenziali donatori compatibili per il trapianto a un paziente 42enne affetto da leucemia e da Aids il numero 61, portatore della mutazione ’fortunatà.

Seicento giorni dopo il trapianto non c’era traccia di virus nel sangue del malato, nonostante avesse interrotto ogni altra cura. «Sono stato molto sorpreso - spiega Hutter avevo sospeso le cure antiretrovirali per evitare che interferissero con il trapianto, ma avevo intenzione di farle riprendere al paziente dopo qualche tempo». Il caso è stato presentato alla comunità scientifica alla Conference on Retrovirus and Opportunistic infections di Boston, e molti ricercatori lo stanno studiando: l’opinione pù comune è che il virus sia ancora nell’organismo del paziente, ma non riesca a penetrare le cellule. Il caso berlinese dà comunque un impulso alle ricerche su farmaci.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 13

SPECIALE CONSUMA E SPENDI

Frutti e prodotti di stagione protagonisti di una domenica all’insegna delle tipicità e dell’economia locale

Festa grande a Lamezia e Cleto CALABRESE CATANZARO — Grande successo per i protagonisti dell’autunno: vino, castagne e olio lo scorso fine settimana hanno tenuto banco in diverse aziende, trasformate per l’occasione in luoghi di festa. Le Cantine Davoli di Lamezia Terme hanno ospitato nella bella tenuta verde di Santa Eufemia Vetere, frazione rurale alle porte della Città della Piana, visitatori di ogni tipo: dai curiosi, ai consumatori fedeli, ai bambini, agli ospiti istituzionali. Presenti fra gli altri, infatti, per brindare con il novello Valdamato 2008, anche il primo cittadino, Gianni Speranza, l’on. Ida d’Ippolito e l’on. Egidio Chiarella. Complici i “Calabruzi” e la loro allegra musica tradizionale, si è svolta nell’entusiasmo generale la giornata nata per promuovere il vino da bere giovane, per questo detto novello, ma poi diventata occasione buona anche per presentare il resto della produzione, trascorrere una giornata all’aperto e gustare il classico e sempreverde abbinamento che vede la bevanda di Bacco unita all’altrettanto tipico frutto della stagione: le caldarroste. «Questo è per noi un appuntamento fisso, che aspettiamo per incontrare i nostri consumatori abituali, ma anche per presentare a nuovi visitatori la tenuta e le produzioni - spiega la signora Margherita Davoli, soddisfatta della buona riuscita della manifestazione -. Il novello, infatti, nonostante sia molto apprezzato sul mercato, viene ancora confuso con il vino tradizionale. In realtà viene realizzato con il procedimento della macerazione carbonica, quindi differente dal metodo classico. Giornate come questa servono anche per parlare di questo, con assoluta naturalezza e semplicità, con chi non è un esperto del settore, ma è interessato a sapere che cosa beve e cosa produce la sua terra». Effettivamente, in una bella giornata autunnale come quella riservata all’occasione dal Golfo di Santa Eufemia, è un gran bel vedere tutta questa gente interessata: bambini che si divertono nel verde e adulti che si intrattengono a chiacchierare all’ombra degli uliveti con un buon bicchiere di novello. Serve a non dimenticare che la nostra è una regione a vocazione agricola, che siamo secondi solo alla Puglia nella classifica nazionale di produttori di extravergine e che i prodotti della tavola generano economia ed una virtuosa serie di indotti (turismo in primis). Come afferma il sindaco Speranza, bicchiere alla mano: «La forza dei nostri territori è nelle piccole e medie imprese, capaci di restituire attraverso la genuinità delle produzioni l’immagine positiva della nostra terra. Consumarli permette di cogliere due obiettivi in un colpo solo». Stessa scena bucolica alle porte del bel borgo medievale di Cleto (un po’ abbandonato, per la verità e purtroppo, ma ugualmente di grande fascino). Nella tenuta dell’azienda agricola Longo, sempre domenica, sono stati presentati i “Novelli di San Martino”: “One 2008”, della Cantina Valle del Savuto, e gli olii extravergine dei frantoi cletesi, circa una ventina, riuniti per l’occasione a celebrare l’assaggio dell’olio nuovo ottenuto da cultivar carolea, tipica della zona. L’iniziativa, che ha riservato un’area espositiva anche a numerose aziende agro-alimentari del circondario, organizzata in collaborazione con la Pro Loco di Cleto, e con il contributo della Coldiretti Cosenza e della Cia, ha dato prova di grande vitalità per il territorio del basso Tirreno cosentino, come lo stesso assessore all’agricoltura della Regione Calabria, Mario Pirillo, di casa da queste parti, ha voluto sottolineare: «Giornate come

Il sindaco Speranza: «Consumare locale aiuta il territorio»

I Calabruzi con il sindaco Speranza e Domenico Davoli delle omonime cantine

La signora Margherita Davoli nelle cantine di famiglia con il marito e il novello 2008

Un momento della manifestazione nella cantina di Lamezia Terme

L’azienda Longo durante l’affollata festa di domenica per i “Novelli di San Martino“

questa dimostrano una grande verità: la migliore promozione per i prodotti calabresi sono i calabresi». Al di là del gioco di parole dell’assessore, il concetto è chiaro: più si acquista consapevolezza della potenzialità dei propri prodotti, più capacità si ha di proporli e di venderli. Non solo in Calabria, e non solo ai calabresi. E la stessa Daniela Bruni, per le Cantine Valle del Savuto, insiste sull’argomento: «Il territorio, da quando abbiamo deciso di dedicare questa giornata alle produzioni locali e di accogliere in azienda i visitatori, risponde e lo fa sempre meglio: questo a dimostrazione del fatto che la voglia di conoscere i prodotti locali c’è, come pure di capire come e dove nascono. E’ una giornata di festa, attraverso la quale però passano significati importanti per l’economia del territorio». Un’economia che sempre più, come da tempo si sente dire, dovrebbe acquisire la fisionomia bella e pulita del turismo enogastronomico e naturalistico, paesag-

gistico, rurale, verde... di nomi ne ha tanti questo modo di intendere lo sviluppo basato sulla conservazione e valorizzazione delle risorse autoctone. E l’azione portata avanti dalle singole aziende in questa direzione è davvero importante: avvicinare in atmosfere festose e conviviali il consumatore è un modo per ricordargli che sul territorio si producono alimenti genuini, che attraverso le produzioni tipiche, come l’olio o il vino, è possibile mantenere produttivi i territori, proteggendoli dal dissesto idrogeologico, da una parte, e dall’abbandono dall’altra. Ed è anche un modo per educare ad uno stile di vita più sano che aiuta l’economia locale. Concetti che sono alla base del progetto culturale “Consuma e spendi calabrese”, portato avanti dall’associazione di giornalisti “Jonici”. Fa piacere, insomma, scoprire che a divertirsi così si fa bene non solo a se stessi ma anche alla propria terra. Rosalba Paletta

L’assessore Pirillo con D. Longo davanti al frantoio aziendale a Marina di Savuto

Feste e sagre: solo folklore? No, secondo l’assessore Pirillo

La cultura dell’economia rurale CLETO — Tra castagne, olio e vino,

crescono le sagre, le feste e le manifestazioni che mettono al centro la terra, il ritmo delle stagioni e la convivialità. Ma al di là dell’aspetto folkloristico, pur sempre affascinante, cresce anche la possibilità di costruire economia attorno a queste realtà? Lo abbiamo chiesto, a margine della manifestazione organizzata a Marina di Savuto, all’assessore regionale all’agricoltura Mario Pirillo. Lei gode di una visione d’insieme del panorama agricolo ed economico calabrese: qual è la sua idea sullo stato dell’arte? «Sta crescendo, e di molto, la consapevolezza delle nostre potenzialità. La castagna, ad esempio, sempre più viene vista come prodotto tipico su cui puntare non solo a livello alimentare, ma anche per l’arte povera, in artigianato. Lo dico per via delle proposte giunte nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale, di importanza cruciale». Sotto quali aspetti, principalmente? «Direi formazione e giovani, è un binomio inscindibile, che accompagna tutto il Programma, insieme alla valorizzazione dei nostri prodotti tipici». Che cosa cambia rispetto al passato per un giovane che vuole fare impresa a partire dall’agricoltura? «Cambia che oggi ha l’aiuto della Regione per tutto l’iter che deve compiere, a partire dal primo insediamento, per cui riceve cinquanta mila euro, di cui trentacinque a fondo perduto, e quindici per la contrazione di mutui destinati al miglioramento fondiario, per poi proseguire insieme a noi sul piano della promozione e della commercializzazione. La nostra preoccupazione è che il giovane non si trovi abbandonato a

metà strada, come è successo in passato». Il momento non è particolarmente favorevole, si pensi per esempio alle banche. Come risente questo settore del clima generale? «Ho temuto anch’io che la debolezza del sistema bancario potesse scoraggiare chi volesse intraprendere, grazie al Psr, un progetto. Ma a giudicare dalle domande giunte (sono più di diecimila e quattrocento quelle monitorate fina ad ora) mi devo ricredere: evidentemente chi ha fatto domanda ritiene di poter fare affidamento anche sulle banche. Tra l’altro non dimentichiamo che l’altra grande novità oggi è il fondo di garanzia, che può ristorare le aziende in difficoltà». L’altro grande nodo sono i tempi: quali deve aspettarsi un giovane intraprendente? «Prima di tutto si deve sapere che sono ammessi a finanziamento i progetti realizzati a partire da gennaio 2007. Poi, le domande verranno valutate entro fine anno; per i primi di gennaio verranno emessi i decreti ed entro sei/dodici mesi si dovranno realizzare le opere. I pagamenti arriveranno a partire da giugno 2009». Ros. Pal.

«Sta crescendo, e di molto, la consapevolezza del valore della terra. Puntiamo tutto sui giovani»


Pag. 14

CALABRIA il Domani

www.ildomanionline.it

Giovedì 13 Novembre 2008

SANITA’ Il consigliere regionale Tallini torna all’attacco e chiede al governatore la testa del dg del Pugliese-Ciaccio

«La nomina di Ciconte è nulla» «Si ripianerà il deficit con un mutuo trentennale che pagheremo noi e i nostri figli» CATANZARO — Quale carta migliore della sanità per lanciare la sua prima proposta di legge in qualità di consigliere regionale dei Popolari europei verso il Pdl? Mimmo Tallini torna all’attacco riaprendo la polemica sui concorsi per primario al PuglieseCiaccio di Catanzaro confezionando una proposta di legge che presenterà a giorni in Consiglio regionale e che a suo avviso frenerà il direttore generale Enzo Ciconte, «che - è la tesi - si candiderà alle prossime elezioni regionali». Chiunque abbia ricoperto la carica di direttore generale nella sanità non può candidarsi alla Regione per almeno cinque anni a decorrere dalla fine dell’incarico. Questa la proposta presentata da Tallini ieri mattina con

“Incompatibilità sostenuta dal Dipartimento della Funzione pubblica” www.ildomani.it

Reg. Tribunale nr. 64 del 15/7/97

Fondatore

Guido Talarico Direttore

Massimo Tigani Sava Direttore responsabile

Orlando Rotondaro Editore

T&P Editori Direzione, Redazione e Amministrazione

loc. Serramonda - Zona industriale Marcellinara (Cz) 0961/996802 FAX 0961.903801/903907 E-mail: redazione@ildomani.it catanzaro@ildomani.it “La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250.”

PUBBLICITA’ LOCALE Concessionaria esclusiva

Mediatag Spa Presidente

Giuseppe Gangale Loc. Serramonda, Zona Industriale 88040 Marcellinara (Cz) tel. 0961.996802 fax 0961.903421 - 903.784 e-mail: info@mediatag.it

NAZIONALE: Piemme Spa via Umberto Novaro, 18 - 00195 Roma tel. 06.377081 - fax 06.3724830 Tariffe a modulo: 46 mm x 19 h. Commerciale euro 103,00 - Occasionale euro 114,00 - Legale Sentenze Appalti euro 129,00 Corsi di Formazione euro 129,00 - R.P.Q. euro 78,00 - Necrologie euro 77,00 cad. - Economici euro 0,62 a parola. Supplemento Colore: + 40%.

CENTRO STAMPA Stab. Tipografico De Rose - Montalto U. (Cs) per T&P Editori tel. 0961.996802 GRAFICA

manolibera

Progettazione grafica editoriale e pubblicitaria via Milelli, 1 - Catanzaro tel. 0961.706110 - fax 0961.743764 DIFFUSIONE•ABBONAMENTI Media Services - tel. 0965.644464

La conferenza stampa di ieri al Comune; da sinistra: S. Costanzo e M. Tallini

una conferenza stampa ad hoc nella sala consiliare del Comune di Catanzaro affiancato da Sergio Costanzo capogruppo Mpa alla Provincia e prossimo, con altri politici presenti per l’occasione nell’Aula Rossa, a traghettare nei Popolari europei di ispirazione galatiana. Il disegno normativo fa il paio con la richiesta rivolta al presidente della Giunta regionale Agazio Loiero di «revocare immediatamente il direttore generale Ciconte». Il motivo del pressing: dalla Presidenza del Consiglio dei ministri (Dipartimento della Funzione pubblica) - spiega Tallini con tanto di documentazione consegnata ai giornalisti - a seguito di parere chiesto dal consigliere con nota del 6 ottobre, il 4 novembre è arrivata la risposta secondo cui in base al decreto legislativo 502 del ’92 “la carica di direttore generale è altresì incompatibile con la sussistenza di un rapporto di lavoro dipendente, ancorché in regime di aspettativa senza assegni, con l’unità sanitaria locale presso cui sono esercitate le funzioni” e ciò vale anche nel caso delle aziende ospedaliere. Dun-

que - è il ragionamento - l’incompatibilità scatta anche per Ciconte nonostante dirigente di Cardiologia in aspettativa. Ma perché chiedere la testa di Ciconte? «Niente di personale, so che sta poco bene e sul piano umano Ciconte ha la mia solidarietà; questa conferenza stampa - premette Tallini - è rivolta agli organismi regionali», e in particolare a Loiero. Il governatore è destinatario di una missiva in cui si avverte che in base alla legge la condizione del dg ricade nella nullità della nomina. Il che vuol dire che “potrebbe essere eccepita l’illegittimità degli atti” del manager con eventuali conseguenti danni erariali. Il movente di questo attacco frontale è dato innanzitutto dai concorsi per primario da cui sono scaturiti ricorsi e malumori in ordine sparso (anche le dimissioni dei direttori sanitario e amministrativo all’epoca dei fatti). «Ho cercato - scandisce Tallini - di dare voce al dissenso che all’interno dell’Azienda è venuto fuori per la prima volta in maniera aperta». Da qui anche la richiesta di revoca, anche perché «il Tar non è mai entrato nel me-

Rifiuti tossici a Crotone, l’Arpacal: ad oggi nessun motivo di allarme CROTONE — «Ad oggi, rispetto alle matrici ambientali analizzate nel corso di questo monitoraggio preliminare, non ci sono motivi di allarme. I bambini della scuola S. Francesco di Crotone non hanno respirato aria malsana, né tantomeno bevuto acqua inquinata. E nella zona non risultano valori di radiazioni del territorio». E' quanto dichiarato ieri, nel corso di un incontro pubblico con i genitori delle scolaresche del plesso San Francesco di via Cutro a Crotone, dal direttore del Dipartimento provinciale Arpacal di Crotone, Teresa Oranges, in riferimento alle analisi che l'agenzia ambientale calabrese ha immediatamente svolto all'indomani dei fatti di cronaca emersi dalla indagine “Black Mountains” che la Procura della Repubblica di Crotone sta svolgendo nel comprensorio. Oranges, nel corso dell'incontro, ha spiegato i risultati del monitoraggio preliminare, realizzato in queste settimane, delle matrici ambientali potenzialmente inquinate da conglomerato idraulico catalizzato (Cic). I dati dell'indagine, che - si apprende dall’Arpacal - saranno

costantemente aggiornati non appena ottenuti nuovi risultati analitici, sono già consultabili sul sito web dell'Arpacal, all'indirizzo www. arpacal. it. «Il lavoro svolto dal task force che - è detto in una nota dell’agenzia - il direttore generale dell'Arpacal, Vincenzo Mollace, ha istituito nell'immediatezza dei fatti emersi dall'indagine della Procura, e che subito ha svolto degli accertamenti sui luoghi interessati - ha dato così dei primi risultati analitici, immediatamente trasmessi all'assessore regionale alle Politiche dell'Ambiente, prof. Silvio Greco, al Dipartimento regionale per la Tutela della Salute, al Comune e alla Provincia di Crotone». «Riteniamo di dare così il nostro contributo, come ente tecnicoscientifico della Regione - dichiara nel comunicato il direttore generale dell'Arpacal - all'individuazione dei fattori di pressione ambientale che insistono su quel territorio, informando la popolazione e le istituzioni su tutti i risultati acquisiti, non appena refertati ufficialmente». Catanzaro, 12 novembre 2008

rito» della posizione di Ciconte. I comunicati stampa su questa vicenda sono stati inviati a ritmo di tamburo battente. Nelle note si è fatta anche menzione alla richiesta di documentazione relativa al concorso «rilasciata però con molto ritardo e in maniera incompleta». Tallini torna sul punto con una conferenza stampa per allontanare - dice il pericolo e la sorpresa di comunicati in formato ridotto. Rilancia sul dg con giro largo. Contesta «l’esternalizzazione di una serie di servizi anche per il trasporto di documentazione sanitaria» e «una serie di assunzioni di medici e infermieri a contratto». Bacchettate per «una notevole lievitazione di costi in settori conosciuti a Ciconte e a mio avviso da approfondire». E ancora: «Quanto è costata all’Azienda la commissione ispettiva» che «finora ha elaborato solo un regolamento mai applicato» e che «garantisce ai componenti un gettone di 250 euro a seduta»? Critiche anche «per una serie di consulenze e per la formazione avviata senza un criterio ben preciso». Di più, «sono state acquistate delle macchinette per il controllo del personale che a distanza di mesi non sono ancora state attivate: sono state spese centinaia e centinaia di euro in una azienda dove a volte mancano anche le siringhe». Tutto ciò - è il triste bilancio - avviene «in una azienda ospedaliera in mezzo al guado» con una ristrutturazione «che va a rilento», e con un nuovo orientamento sul nuovo ospedale: Loiero supportato dalla «base» - i sanitari incontrati, dice Tallini, con una partecipazione «poco opportuna» alla festa dei vincitori del concorso per primario - «non fa cenno all’ospedale nuovo a Germaneto (vicino il Campus universitario), che in verità non si

farà». Alla luce dei colpi di coda di cui sopra, «staremo a vedere cosa accadrà», «se la Regione starà col prosciutto sugli occhi» salvando Ciconte «mentre per un effetto mediatico revoca il direttore generale di Vibo, Domenico Stalteri (sospeso dopo il black-out nella Rianimanzione dello Jazzolino; ndr) nonostante non abbia provocato danni». Il buco della sanità. Il ruolo di contestatore “autonomo”, Tallini lo gioca fino in fondo, non potendo fare a meno di lanciare l’affondo sul deficit della sanità, questione per la quale «un po’ di autocritica bisogna farla». Si tratta di cifre che «ci fanno terrorizzare», «fonti ufficiose parlano di un buco di due miliardi e duecento milioni di euro, quasi una finanziaria». Le ragioni che hanno portato i conti in rosso? «La sanità è stata gestita guardando più all’occupazione dei posti di potere, secondo un metodo politico-clientelare, che alla gestione finalizzata a dare servizi efficienti ai cittadini». «Loiero - è l’allarme - cercherà di ripianare il buco in parte con 500 milioni di euro della Regione, in parte con fondi dello Stato e per il resto mediante mutuo trentennale che dovremo pagare noi, i nostri figli e i figli dei nostri figli». Insomma, si preannunciano tempi duri. E la vicenda dei primari non sarà certo la prima preoccupazione dei calabresi. Francesco Ciampa

Proposta di legge contro la candidatura dei direttori generali

Accesso al credito Un momento di confronto ed analisi sui temi dell'accesso al credito. Questo il significato dell'iniziativa promossa dal Confidi Magna Grecia ed in programma venerdì 14 novembre, con inizio alle ore 10.30, presso la Sala delle Commissioni Consiliari del Palazzo della Provincia di Cosenza. «L'incontro di venerdì prossimo - ha dichiarato il presidente del Confidi Magna Grecia, Francesco Coscarella - è il momento conclusivo di un percorso formativo che, grazie anche al contributo dell'Amministrazione Provinciale di Cosenza che ha finanziato il progetto, ha avuto come obiettivo quello di aiutare le imprese consorziate a formare personale qualificato addetto alla gestione finanziaria».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 15

CALABRIA SANITA’ Lettera di dimissioni a Loiero. «Un gesto per rafforzare la tua Giunta». Sul piano di rientro «sovranità piena della Regione»

Spaziante lascia l’Assessorato

«Ancora al servizio della Calabria nella posizione di Commissario di governo» CATANZARO — L'assessore regionale alla Sanità, Vincenzo Spaziante, ha rassegnato le dimissioni con una lettera arrivata sul tavolo del presidente della Regione, Agazio Loiero. La notizia viene lanciata dalle agenzie ieri intorno alle 19. Lo ha reso noto, confermando così alcune voci circolatenel pomeriggio, il portavoce del presidente Pantaleone Sergi, il quale - si apprende dall’Ansa - ha spiegato che «Loiero non ha preso alcuna decisione in merito». «Anche in questa occasione - ha aggiunto il portavoce del presidente - Spaziante ha confermato eleganza istituzionale e amore verso la Calabria, manifestando ulteriormente la propriastima e l'apprezzamento nei confronti di Loiero e dell'azione di

governo soprattutto nel settore della Sanità, dove si è lavorato e si lavora per imprimere una netta discontinuità con il passato, quella discontinuità che ha fatto venire alla luce i nodi antichi e mai risolti». «Tra i motivi che hanno spinto l'assessore Spaziante a mettere a disposizione del presidente l’incarico - ha spiegato ancora Sergi - la delicatezza del momento che impone scelte coraggiose per assicurare una sanità adeguata ai bisogni dei calabresi». In un passaggio della sua lettera, Spaziante - secondo quanto battuto dalle agenzie - scrive a Loiero: «Da qui in avanti la responsabilità del settore non può essere divisa e quella tecnica, da me fin qui espressa, de-

ve coincidere per intero con quella politica. Per quanto posso valutare io, al più alto livello politico-istituzionale al quale normalmente si esplica». Spaziante, come ha spiegato ancora nella lettera a Loiero, ha riconfermato il proprio impegno «al servizio della Calabria in un'altra e più efficace posizione», quella di commissario di governo per l’emergenza. In serata giunge in redazione anche un comunicato del portavoce di Loiero. «Nella sua lettera di dimissioni - scrive Sergi - l'assessore alla Sanità Vincenzo Spaziante, ha inteso ringraziare il presidente della Regione Agazio Loiero per il sostegno avuto (“Non mi hai mai fattosentire solo,

mai ho sentito limiti o condizionamenti alla mia attività”), e si è augurato che il suo gesto “oltre a esserlo nella sostanza” venga anche “percepito da tutti in modo limpido e trasparente come un gesto finalizzato esclusivamente a rafforzare la Calabria e la tua giunta”, con la prospettiva di garantire “la sovranità piena della Regione nel campo delle politiche sanitarie”». «Secondo quanto Spaziante ha detto nella lettera di dimissioni, nella contrattazione per il piano di rientro nel settore della Sanità, che la Regione si appresta a fare “c'è bisogno del massimo di autorevolezza politico-istituzionale”, e tale autorevolezza, fa intendere Spaziante, solo il presidente Loiero può averla».

CATANZARO — Tacciono il presi-

Il problema di fondo è il nodo del debito. Venerdì nuovo dibattito in Consiglio regionale

ni e che dovrà portare a quelle che il presidente Loiero ha più volte definito «scelte ineludibili». Se si riuscirà a mettere mano ad un serio progetto di risanamento, di taglio di costi e strutture e quindi di contenimento della spesa - questo l'orientamento che circolava ieri sera negli ambienti politici calabresi - sarà la classe politica regionale a gestire questa difficile stagione di tagli. Altrimenti, è la conclusione negli stessi ambienti politici, ci penserà qualcun altro. Ed in questo caso è inevitabile che non ci potrà essere alcun ragionamento che possa tenere conto di particolarità e di funzionamenti di strutture sparse sull’intero territorio regionale. (Ansa).

dente della Regione, Agazio Loiero, e l'assessore Vincenzo Spaziante, dopo la diffusione - da parte del portavoce del presidente - della lettera di dimissioni dello stesso Spaziante. Loiero e l’ex assessore ieri erano entrambi a Roma e non ci sono state dichiarazioni ufficiali da parte di entrambi. Troppo delicata la fase che si è aperta con l'ufficializzazione delle dimissioni di Spaziante, che ha consegnato una lettera a Loiero martedì prima della riunione della Giunta e di cui è stato reso edotto l'intero esecutivo dallo stesso Loiero. Dimissioni che erano nell'aria da CATANZARO — «Come da copione! Continua la registrazione del film che la Giunta regionale calabrese sta girando da qualche mese sul tema della sanità!». Esordisce così la parlamentare del Pdl Angela Napoli in una nota sulle dimissioni di Spaziante. Dimissioni che - prosegue - «erano nell'aria, così come era nell'aria l'assunzione dell'incarico, da parte dello stesso, di Commissario per l'emergenza socio sanitaria della Regione Calabria. Il tutto nel mentre la Regione sta per essere commissariata a causa dell'enorme disavanzo proprio nel settore sanità». «E pensare - tuona ancora Angela Napoli - che il Governatore Loiero ha appena richiamato tutti sulla necessità di eliminare gli sprechi, al punto tale che gli ammalati della Piana di Gioia Tauro stanno per essere costretti a mettere i loro letti di degenza in mezzo alla strada! Ma certamente il Presidente Loiero dirà a tutti degenti ed a tutti i cittadini calabresi che sono costretti a prendere “il treno della speranza”, quale sarà lo stipendio mensile del dottore Spaziante nel nuovo incarico e quanto tale stipendio si discosti da quello di assessore regionale». CROTONE — «Allo stato attuale,

pur presentando il materiale presente nello scavo archeologico dell'ospedale analogie visive con la fosforite, che, da quanto si dice, sarebbe stata utilizzata un pò ovunque nella città, non esiste alcun tipo di analisi che ne accerti l'esatta natura». E' quanto afferma il direttore generale dell'Azienda sanitaria di Crotone, Vincenzo Domenico Scuteri. «L'azienda sanitaria - è detto in una nota dell'Asp di Crotone - si è attivata immediatamente affinché l'Arpacal effettui le indagini necessarie per stabilire l'esatta natura chimica del materiale presente nello scavo e l'eventuale radioatti-

Vincenzo Spaziante

E adesso la partita è tutta politica settimane visto che la partita è tutta politica, quella riguardante il nodo della sanità, con i ministri del Governo Berlusconi che più volte hanno ribadito (per ultimo Sacconi domenica a Treviso) che i conti in rosso della sanità calabrese porteranno di qui a poco alla nomina di un commissario governativo, sulla falsariga di quanto già avvenuto nel Lazio. Spaziante, nella lettera a Loiero, si è anche augurato che il suo gesto,

«oltre a esserlo nella sostanza», venga anche «percepito da tutti in modo limpido e trasparente come un gesto finalizzato esclusivamente a rafforzare la Calabria e la tua giunta», con la prospettiva di garantire «la sovranità piena della Regione nel campo delle politiche sanitarie». Secondo Spaziante, nella contrattazione per il piano di rientro nel settore della Sanità che la Regione si appresta a fare, «c'è bisogno del

massimo di autorevolezza politicoistituzionale» e tale autorevolezza, fa intendere Spaziante, può averla solo il presidente Loiero. Del nodo sanità Loiero ha già informato il Consiglio regionale nell’ultima riunione del 5 novembre scorso. La discussione riprenderà venerdì pomeriggio ed è ovvio che a questo punto non si potrà non tenere conto della nuova situazione. Il problema di fondo è il debito che si è accumulato nel corso degli an-

La parlamentare del Pdl: «Copione già visto». Il consigliere regionale: «Che funzione ha il commissario?»

Le reazioni maliziose di Napoli e Chiappetta «La mancata comprensione di quest'ultimo delicato passaggio, nel governo della sanità calabrese, è certamente da addebitare non all'inefficacia delle dichiarazioni ma, evidentemente, alla nostra non adeguata competenza nell'interpretare messaggi criptati». Afferma in una dichiarazione battuta dall’Ansa, il capogruppo dei Popolari europei verso il Pdl nel Consiglio regionale, Gianpaolo Chiappetta. «Il comunicato sulle dimissioni da assessore alla Sanità di Vincenzo Spaziante - aggiunge Chiappetta è quanto di più meravigliosamente incomprensibile si potesse leggere. Con equivalente “eleganza istituzionale e amore verso la Calabria”, per parafrasare le considerazioni del portavoce del Presidente, vorremmo infatti capire il perché si fa coincidere il richiamo ad una necessaria discontinuità dal passato con le dimissioni dell’assessore. Peraltro il passato, relati-

Angela Napoli

vamente al quale sarebbe opportuno cambiare, è lo stesso che ha visto protagonisti i soggetti che oggi affermano come necessario un cambiamento di rotta. C'è stato un Consiglio regionale nel quale, in-

vece che numeri, cifre e analisi certe, si sono ascoltate dichiarazioni di principio e rinvii ulteriori. Siamo alla vigilia di una nuova riunione dell'assise regionale e nel bel mezzo di questi due avvenimenti, senza peraltro avere certezze ma solo indiscrezioni su un presunto e mostruoso deficit sanitario, l’unico segnale che giunge dal governo regionale riguarda la sostituzione dell’assessore, confermata solo dopo insistenti e ripetute indiscrezioni. Questo ennesimo episodio e soprattutto la tempistica degli avvenimenti ci induce a ritenere che dietro all'intera vicenda ci sia evidentemente qualcosa di non chiaramente detto. Ipotesi confermata, lo ribadiamo, dalla natura criptica del comunicato del portavoce». «Vorremmo comprendere, da subito - dice ancora Chiappetta - per quali reali ragioni si indichi Spaziante come commissario e non più come assessore. Siamo in presenza di una mutazione terminologica

oppure c'è dell'altro? E soprattutto cosa significa affermare che “la responsabilità” del settore non può essere divisa e quella tecnica deve coincidere con quella politica. Ci chiediamo allora quale funzione abbia sin qui svolto il Presidente e quale significato abbia il ruolo di assessore alla Sanità se c'è un commissario. Insomma, la gestione di queste vicende, il deficit annunciato e ancora non conosciuto, le dichiarazioni interlocutorie, il richiamo ad un passato da parte di coloro i quali ne sono stati in pieno protagonisti, le notizie confermate solo per arginare le indiscrezioni trapelate rendono, ancora una volta, evidente una avventatezza che francamente ci sorprende. Nella migliore delle ipotesi ci troviamo di fronte al malcelato tentativo di arginare l'onda d'urto che sta per investire il governo regionale con la diffusione di un catastrofico bilancio nella gestione del sistema sanitario». «Quanto poi alle precisazioni sul gesto di Spaziante e le parole di forzato elogio - conclude Chiappetta - ci sembrano la conferma di un adagio sempre attuale: “a pensare male si fa peccato ma... ”».

CROTONE L’Asp si è attivata affinché si stabilisca la natura chimica di un materiale presente nell’area archeologica

Scavi all’Ospedale, indagini dell’Arpacal vità», provvedendo, inoltre, «a segnalare la vicenda alla magistratura per chiedere le opportune verifiche. In ogni modo, in seguito all'esito delle analisi - ha sostenuto Scuteri - l'azienda provvederà ad effettuare la messa in sicurezza dell'area». Scuteri ha poi sostenuto «che l'ospedale di Crotone è stato realizzato alla fine degli anni Sessanta, quando non esistevano norme in materia di regolamentazione per l'utilizzo di mate-

L’Azienda sanitaria inoltre ha segnalato la vicenda anche alla magistratura per chiedere le opportune verifiche

riali di scarto delle industrie chimiche per la realizzazione di sottofondi stradali». Intanto, a Crotone, è polemica per un rapporto del 1997 dell'Organizzazione mondiale della sanità, confermato da un rapporto della stessa Oms del 2001, da cui si evince che i casi di tumore a Crotone sono superiori del 46% alla media regionale, che, però, da allora non è mai stato preso in considerazione. Ansa

Vincenzo Domenico Scuteri


16 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Durante un servizio di controllo, gli agenti della Volante si sono recati nell’abitazione del 28enne per accertare la sua presenza in casa

Vìola gli arresti domiciliari, denunciato Nella stessa giornata di martedì il Questore Arturo De Felice ha emesso tre avvisi orali CATANZARO — Diverse operazio-

prevenzione inflittagli, è stato denunciato in stato di irreperibilità all’Autorità Giudiziaria. Nella stessa giornata di martedì, inoltre, il Questore di Catanzaro Dott. Arturo De Felice ha emesso tre Avvisi Orali di P. S. nei confronti di un 26enne residente a Girifalco, di un uomo di cinquantaquattro anni lametino e di un siciliano di sessantacinque anni residente a Lamezia Terme, tutti e tre con precedenti di Polizia.

ni sono state effettuate nei giorni scorsi da parte degli agenti della Questura del capoluogo. Martedì sera, il personale della Squadra Volanti, durante un normale servizio di controllo del territorio nella zona sud del capoluogo, si è recato nell’abitazione del 28enne B. M., Sorvegliato Speciale di P. S. con obbligo di soggiorno in questo comune, per accertare la sua presenza in casa così come disposto dal provvedimento a suo carico. Il pregiudicato al momento dell’arrivo degli Agenti, intorno alle ore 23.00, non è stato trovato però nel suo appartamento e pertanto, per aver violato le prescrizioni della misura di LOCRI — Le emittenti televisive, tra cui due tedesche ed una francese, potranno riprendere le fasi del processo ai 14 imputati delle cosche di San Luca. A deciderlo sono stati i giudici della Corte D'Assise di Locri disponendo che le riprese delle fasi del processo avvengano in modo discreto e senza le immagini degli imputati e dei familiari presenti alle udienze. Nel corso del processo i difensori di alcuni imputati hanno sollevato

Proseguono i servizi di controllo del territorio SAN LUCA Le emittenti televisive, tra cui due tedesche ed una francese, potranno riprendere il dibattimento

Processo alle cosche anche in tv una serie di eccezioni preliminari. La prima riguarda l’inutilizzabilità delle intercettazioni ambientali e telefoniche e delle videoriprese perché, secondo i difensori, sono state eseguite senza le autorizzazioni. I di-

Cosenza, un traffico di automobili scoperto dalla Guardia di Finanza TORTORA — La Guardia di Finanza di Scalea, nel corso di un servizio per il controllo del territorio, ha sequestrato alcune autovetture rinvenute in un garage a Tortora. I finanzieri, in particolare, hanno scoperto un deposito di auto in parte smontate ed in parte perfettamente funzionanti già avviate alla rottamazione, presso centri in provincia di Cosenza e Potenza, e con targhe non corrispondenti al numero di telaio attribuito alle stesse autovetture all'atto del-

l'immatricolazione. E' stata inoltre denunciata una persona, di nazionalità polacca, presente nel garage al momento dell'intervento, resasi responsabile dei reati di riciclaggio e di truffa ai danni dello Stato. Le autovetture presenti all'interno del garage erano di fatto in uso ed in possesso del cittadino polacco. I finanzieri, al termine del controllo, hanno provveduto a sequestrare cinque autovetture e parte della documentazione correlata alle auto. (Agi)

fensori di Giovanni Strangio hanno chiesto che la posizione del loro assistito torni alla fase dell'udienza preliminare. Il Gup, infatti, ritenne che l'avvocato Eugenio Minniti, difensore di Giovanni Strangio, era in-

compatibile con il suo ruolo perché difendeva anche un imputato della cosca avversaria, Francesco Pelle, detto “Ciccio Pakistan”. L'avvocato Minniti ha quindi sostenuto che con la decisione del Gup fu ridotta l'azio-

Cosenza, annullato il divieto di espatrio per padre Fedele CATANZARO — E’ stato annullato il divieto di espatrio per padre Fedele Bisceglia, arrestato due anni fa e attualmente sotto processo a Cosenza con l'accusa di aver violentato una suora. Il Tribunale della Libertà di Catanzaro in sede di riesame ha annullato l'ordinanza del Tribunale di Cosenza per il divieto di espatrio di padre Fedele accogliendo, così, le tesi della difesa.

ne difensiva di Strangio. Sulle eccezioni della difesa i giudici della corte d'assise di Locri decideranno nella prossima udienza, fissata per il 12 dicembre. La Provincia di Reggio Calabria si è costituita parte civile nel processo ai 14 componenti delle cosche protagoniste della faida di San Luca. L'ammissione della parte civile è stata decisa dai giudici della Corte d'Assise di Locri dinanzi ai quali è in corso il processo.

IL CASO Il Gup di Napoli deve decidere sull’ammissione come parti offese di 5 associazioni tra cui una calabrese

Plasma infetto, al via l’udienza preliminare NAPOLI — Al via a Napoli l'udienza preliminare per omicidio colposo plurimo che vede imputati l'ex-direttore del servizio farmaceutico del ministero della Salute, Duilio Poggiolini, e l'imprenditore del settore sanità, Guelfo Marcucci. Il Gup Loredana De Girolamo deve decidere sull'ammissione a parti offese di 5 associazioni, tra le quali Lagev e altre analoghe costituite in Sicilia, Calabria e Liguria, nonchè il Comitato 210 che

le raccoglie tutte, in rappresentanza di 409 vittime di infezioni da Hcv o Hiv, o di entrambe, contratte per trasfusioni con emoderivati prodotti con plasma infetto. Questa mattina i familiari delle vittime hanno mostrato davanti ai cancelli del palazzo di Giustizia napoletano le foto dei loro congiunti vittime di un caso di malasanità originato dal mancato blocco di sacche infette e che, per le trasfusioni fatte dal 1970 al 1985, ha provo-

cato 2.605 decessi. In aula a Napoli è presente anche Lorraine Smith, avvocato americano che rappresenta in una causa analoga già incardinata a San Francisco riguardanti alcune delle vittime italiane; con lei gli avvocati Stefano Bertone ed Ermanno Zancla in rappresentanza delle associazioni. Presenterà richiesta di costituzione di parte civile anche Angelo Magrini, presidente dell'associazione politrasfusi italiani. (Agi)

VIBO VALENTIA Avevano il divieto assoluto di dimora nella provincia ma non lo avevano rispettato

Fratello e sorella dal carcere ai domiciliari VIBO VALENTIA — Pochi giorni fa il

Gip presso il Tribunale di Vibo Valentia aveva disposto nei loro confronti il divieto assoluto di dimora nella provincia di Vibo Valentia. Provvedimento che gli uomini della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia avevano provveduto immediatamente a notificare. Evidentemente i due germani di Pizzo, Giuseppe e Francesca Di Iorgi, di 43 e 35 anni, ben conosciuti dalle forze dell’ordine, hanno deciso di sfidare la sorte e di continuare imper-

territi a fare avanti ed indietro dalla città tirrenica, forse sperando di non essere visti dagli uomini dell’Arma. Purtroppo per loro martedì pomeriggio si sono accorti di come, non solo i militari della Stazione Carabinieri di Pizzo li avessero notati violare sistematicamente i divieti loro imposti, ma soprattutto che le puntuali segnalazioni all’autorità giudiziaria vibonese si siano tramutate in un provvedimento cautelare ben più grave del divieto di dimora a cui erano sottoposti.

Infatti gli uomini della Benemerita hanno aspettato che i due, arrestati sabato scorso dagli uomini dell’Arma di Lamezia Terme con l’accusa di resistenza e violenza ai danni di alcuni militari, fossero rimessi in libertà e quindi hanno provveduto a rintracciarli in pochi minuti ed a notificargli il nuovo provvedimento cautelare degli arresti domiciliari. Così i due fratelli sono usciti dalle carceri per vedersi rinchiudere all’interno del proprio appartamento.

COSENZA Da tempo Giuseppe Parrotta era tenuto sotto controllo da parte degli investigatori

Armi e droga, arrestato un 35enne COSENZA — La squadra mobile di Cosenza ha arrestato Giuseppe Parrotta, di 35 anni, nato a Bergamo, ma residente a Cassano allo Ionio, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e munizionamento per armi da fuoco. Nella sua abitazione, tra l'altro, gli agenti hanno trovato 150 dosi di eroina, 60 dosi di cocaina, ed una confezione in cellophane contenente 60 grammi di cocaina pura. Da tempo

Parrotta era tenuto sotto controllo dagli investigatori che lo ritenevano al centro di un giro di spaccio nell'area di Cassano. Dopo alcuni appostamenti e pedinamenti, gli agenti hanno deciso di perquisire, all'alba, la sua abitazione. All'interno hanno trovato cinque cartucce per fucile cal. 12 caricate a pallettoni; tre cartucce caricate a palla singola; due cartucce caricate a palle elicoidali; 21 cartucce per pistola cal. 9 per

21; e altre 29 cartucce. Successivamente, in un terreno nella disponibilità di Parrotta, all'interno della cuccia del suo pastore tedesco, gli agenti hanno trovato la droga. I poliziotti, infine, in un'area vicina hanno trovato una pistola cal. 9 per 21 completa di caricatore ma senza proiettili. Sull'arma sono stati disposti accertamenti balistici per verificare se sia stata usata in fatti criminosi. (Ansa)

Ricercato per truffa informatica beccato latitante originario di Cirò PERUGIA — E' stato rintracciato

tra Bastia Umbra e Assisi dove viveva con la propria convivente e arrestato dalla squadra mobile di Perugia il latitante Antonio De Franco, 42 anni, originario di Cirò Marina, ricercato nell'ambito di un'indagine della magistratura di Firenze legata all'uso di numeri telefonici a tariffazione maggiorata come gli 899. E' accusato di truffa informatica. L'ordinanza di custodia cautelare nei suoi confronti era

stata emessa nel giugno scorso. Da allora De Franco aveva fatto però perdere le sue tracce. E' stato però rintracciato dalla polizia che stava già svolgendo accertamenti su di lui in relazione a un presunto giro di usura. Prima di far perdere le sue tracce l'uomo, risultato già inquisito in passato, svolgeva attività nell'ambito della compravendita di auto. Quando è stato rintracciato dalla squadra mobile, De Franco non ha opposto resistenza. (Ansa)


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 17

CALABRIA CATANZARO Un’importante battaglia civile è stata vinta dal movimento Diritti Civili. Soddisfatto il leader Franco Corbelli

Disabile avrà l’insegnante di sostegno I genitori della piccola Martina, per effetto del Decreto Gelmini, avrebbero dovuto ritirarla da scuola CATANZARO — Un’altra impor-

tante battaglia civile è stata vinta. La piccola Martina, la bambina disabile calabrese di sette anni, nata senza un braccino, senza un piedino e con paresi facciale, potrà continuare a frequentare la scuola Elementare di Catanzaro, dove è iscritta alla Prima classe. La bambina, per effetto del Decreto Gelmini, aveva avuto ridotto l’insegnante di sostegno a due sole ore al giorno. Le condizioni della bambina erano però tali che la piccola non poteva restare da sola in classe neppure un minuto e quindi i suoi giovani genitori si erano visti costretti ad annunciare che l’avrebbero ritirata dalla scuola. La bambina avrà adesso un educatore che l’assisterà nelle ore non coperte dalla insegnante di sostegno. Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, che si è battuto per settimane a favore di questa piccola disabile, con una serie di iniziative e appelli alle autorità scolastiche preposte e al Governo, esprime «grande soddisfazione per la battaglia vinta», parla di «importante conquista civile» e ringrazia “la Provincia di Catanzaro, il Presidente Wanda Ferro, che di fronte a questo caso umano e di ingiustizia è intervenuta mettendo a disposizione dei fondi dell’Ente provinciale per la copertura finanziaria del servizio di assistenza (educato-

Franco Corbelli

Corbelli: «Questa è un’importante conquista civile» re) alla bambina». «La piccola Martina avrà per due ore una insegnante di sostegno e per il resto della giornata scolastica un educatore che la seguirà e assisterà. La bambina potrà così continuare ad andare a scuola. Ho sentito al telefono la mamma della bambina che mi ha comunicato la bella notizia. Purtroppo quella di Martina sembrava una battaglia impossibile, perché per effetto del Decreto del

CRONACA IN BREVE Locri, autotrasportatore bloccato e rapinato Un autotrasportore di Rosarno, titolare di una ditta individuale di autotrasporti, ha denunciato di essere stato rapinato mentre alla guida del suo camion percorreva la ss 106. Secondo quanto riferito dai Carabinieri, che indagano sull'accaduto, il fatto si darebbe verificato all'altezza di Ardore, in contrada Pantano, dove due malviventi a volto coperto, di cui uno armato di pistola, a bordo di una motocicletta, avrebbero affiancato il mezzo costringendo l'autista, sotto la minaccia della pistola, a fermarsi ed a cedere il camion con il suo contenuto. Immediate ricerche hanno permesso di rinvenire successivamente l'autocarro, abbandonato e svuotato della merce, in località Vurgia del comune di Ardore. Il furgone trasportava quarantasette condizionatori d'aria marca daikin; trentanove macchine da cucire marca Toyota; cinquantadue consolle Sony playstation, ultimo tipo. La merce rubata ha un valore complessivo di sessantamila euro circa.

Reggio Calabria, arma clandestina nel ristorante: arrestato I carabinieri della stazione di Ardore hanno arrestato un ristoratore del luogo per detenzione di un'arma clandestina. Nel corso di una perquisizione nella pizzeria dell'uomo, Bruno Pollichieni, di 42 anni, i militari dell'Arma hanno rinvenuto una pistola Maser calibro 9, mimetizzata sotto una pedana in legno. L'arma, con matricola abrasa, è in perfetto stato di conservazione. La pistola è stata sequestrata e il ristoratore associato nella casa circondariale di Reggio Calabria a disposizione dell'autorità giudiziaria di Locri.

Reggio Calabria, una denuncia per furto e danneggiamento Un uomo, C. G., di 50 anni, é stato denunciato dagli agenti della polizia di Stato a Reggio Calabria per furto e danneggiamento. Il cinquantenne è accusato di aver rubato una borsa all'interno di una automobile parcheggiata in una zona centrale di Reggio Calabria. Nel corso di una perquisizione l'uomo è stato trovato in possesso di un paio di occhiali di proprietà della vittima.

Ministro dell’Istruzione l’insegnante di sostegno era stato ridotto a sole due ore. In questo modo, di fatto, la bambina sarebbe stata ritirata dalla scuola. Adesso con i fondi della Provincia di Catanzaro e con l’educatore il problema si risolve, in attesa che il Governo riveda le sue decisioni e annulli i tagli indiscriminati agli insegnanti di sostegno e permetta ai tanti bambini disabili di avere, come è loro sacrosanto diritto, il maestro in classe. Il caso di Martina era purtroppo un fatto particolarmente grave. Nei giorni scorsi la bambina aveva avuto, a scuola, una crisi, era caduta e si era fatta male. La mamma aveva dovuto soccorrerla e portarla dal medico per le cure. Per questo Diritti Civili aveva intensificato la campagna umanitaria chiedendo, con una serie di appelli, pubblicati sulla stampa calabrese (che ringrazio per l’attenzione e la sensibilità), alle autorità competenti di intervenire per questo caso umano, di far subito assegnare l’insegnante di sostegno a questa bambina, senza un braccino, senza un piedino, con una paresi facciale, di far rispettare i diritti di questa piccola disabile, già così duramente colpita e segnata dal destino. La riforma per cambiare la scuola non deve penalizzare, ma aiutare i bambini malati e portatori di gravi handicap, come la piccola Martina».

Cosenza, uno studio: mortalità incidenti doppia rispetto alla media nazionale COSENZA — La provincia di Cosenza, con i suoi 155 comuni, ha un tasso di mortalità per incidenti stradali (17 decessi nel 2006 ogni 100 mila abitanti) quasi il doppio della media nazionale. I dati sono stati resi noti dalla Fondazione Luigi Guccione onlus che, con l'assessorato ai trasporti della Provincia di Cosenza, sta organizzando le iniziative in vista della Giornata Mondiale del Ricordo delle vittime della strada indetta dalle Nazioni Unite e dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. La Fondazione ha realizzato un sito internet (www. worlddayremembrance. org) sul quale sono disponibili tutte le informazioni per quanto riguarda la sicurezza stradale. «Abbiamo chiesto - è scritto in una nota - a Comuni, Province e Regioni che la notte tra il 15 e il 16 novembre tutti i palazzi pubblici e i monumenti fossero illuminati, per "far luce" sull'evento mondiale". E' stato organizzato anche un incontro durante il quale si discuterà dell'avvio di una sperimentazione su quattro obiettivi forti per le politiche di sicurezza stradale: l'assistenza alle vittime ed ai familiari - in particolare contro i traumatismi da incidente - la manutenzione delle strade, educazione e la formazione, i controlli e le sanzioni e pene. All'incontro parteciperà il Direttore Generale della Direzione Generale per la sicurezza stradale del Ministero Infrastrutture e Trasporti, Ing. Sergio Dondolini e le Organizzazioni economicosociali nazionali della filiera della sicurezza stradale. (Ansa)

Polia, sequestrato fabbricato e denunciata la proprietaria

Gli uomini della Forestale

VIBO VALENTIA — Un’altra operazione del Corpo Forestale dello Stato in provincia di Vibo Valentia volta alla tutela dell’ambiente. La tutela dell’ambiente e del paegaggio, infatti, resta sempre tra gli obiettivi primari dell’operato del Comando Provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Vibo Valentia. In tale contesto, negli ultimi giorni sono state portate a termine due distinte operazioni dal personale dei Reparti di Polia e Vibo Valentia. In località Prestia del Comune di Polia (Vv) il personale del locale Comando Stazione, durante un normale controllo del territorio, ha accertato l’esecuzione di lavori edili che interessavano un fabbricato, distinto in due corpi, di vecchia costruzione. I lavori consistevano, per ciò che concerne il primo corpo, nella realizzazione di una platea in calcestruzzo di venticinque mq circa, sulla quale era stato fissato un box in legno e ricoperto con lamiera grecata mentre, per quanto riguarda il secondo corpo, era stato eseguito un ampliamento del manufatto esistente, con la creazione di una stanza ed un bagno, aventi dimensione di venti mq circa, un porticato, anch’esso con struttura in legno e lamiera grecata disedici mq circa, una pavimentazione in cemento battuto, di trenta mq circa, ed un parapetto in muratura. Alla richiesta da parte degli Agenti della Forestale di esibire le relative autorizzazioni necessarie, gli operai presenti, impegnati nei lavori in questione, non erano in grado di fornire notizie in merito. Si dava, pertanto, inizio alle indagini di rito. Grazie all’ausilio di strumentazione satellitare Gps, il personale della squadra Forestale costatava subito che i manufatti insistevano su un’area sottoposta a vincolo idrogeologico, appartenente a privati. Gli accertamenti proseguivano, quindi, presso l’Ufficio Tecnico del Comune di Polia. Qui il personale operante prendeva atto che i lavori si stavano eseguendo in totale assenza di relative autorizzazioni sia per ciò che concerne il settore urbanistico-edilizio e sia per quanto riguarda il vincolo idrogeologico. Proprietaria dell’immobile, e responsabile dell’abuso, ri-

sultava essere P. C., di anni 59, da Roma. Di conseguenza si procedeva, da parte degli Agenti Forestali, a sottoporre a sequestro penale entrambi i corpi del manufatto, mentre l’Ufficio Tecnico del Comune di Polia provvedeva, contestualmente, ad emettere il dispositivo di sospensione dei lavori. La P. C. veniva, pertanto, deferita all’Autorità Giudiziaria per violazione alla normativa urbanisticaedilizia ed al vincolo idrogeologico. Gli Agenti del Comando Stazione di Vibo Valentia, a seguito segnalazioni pervenute da parte di privati cittadini, avvalorate altresì da un articolo pubblicato su un quotidiano locale nei giorni precedenti, hanno accertato l’esistenza di un’area di oltre 2.000 mq adibita a discarica abusiva in località Barone del comune di Stefanaconi, in provincia di Vibo Valentia, costituita da rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi di vario genere quali lastre di eternit, carcasse di veicoli a motore, materiale proveniente da demolizione di fabbricati, residui ferrosi, beni durevoli dimessi, suppellettili e quant’altro. Gli stessi Agenti, inoltre, appena giunti sul posto avevano modo di appurare che l’area interessata non era altro che una proprietà privata utilizzata in passato come discarica comunale, oramai chiusa da anni. Difatti, si rammenta che per tutte queste tipologie di discariche è stata disposta la chiusura con il Decreto Legislativo n. 22/1997 (Decreto Ronchi). Ma nonostante la chiusura e i divieti imposti dalle vigenti normative che regolamentano tutta la gestione dei rifiuti, il personale operante ha potuto costatare che l’attività illecita di smaltimento veniva praticata, fortunatamente da poco tempo, ad opera di ignoti. Di conseguenza l’area, posta sotto sequestro e messa a disposizione della competente Autorità Giudiziaria, veniva data, inoltre, in consegna ad un rappresentante dell’Amministrazione Comunale al fine di attivare le procedure per la bonifica del sito. Le indagini, mirate all’individuazione degli autori, sono tutt’ora in corso da parte del personale Forestale del Comando Stazione di Vibo Valentia.


18 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA IL DOSSIER Bankitalia dedica un’analisi alla situazione complessiva della nostra regione. Disoccupazione aumentata del 12 per cento

Economia calabrese in frenata Imprese manifatturiere in calo: saldo tra iscrizioni e cancellazioni contrassegnato dal segno meno CATANZARO — L’attività economica in Calabria, nella prima parte del 2008, ha confermato i segnali di rallentamento registrati alla fine dell’anno precedente. Lo comunica Bankitalia, in un’analisi dedicata all’economia regionale. «La riduzione degli ordinativi nel settore manifatturiero, più pronunciata nei primi mesi dall'anno - spiegano gli analisti dell'istituto d’emissione - si è accompagnata a una diminuzione dell'utilizzo degli impianti e a un calo della produzione. Analoghi segnali di rallentamento sono stati registrati anche nei principali comparti dei servizi, fatta eccezione per la grande distribuzione commerciale. E' cresciuto il numero di occupati, soprattutto tra le forze lavoro femminili e i lavoratori autonomi; il tasso di disoccupazione è però aumentato». E ancora: «Coerentemente con i segnali di rallentamento dell’economia reale, i prestiti bancari hanno registrato nella prima parte del 2008 una decelerazione, dovuta soprattutto alla componente a lungo termine. Le famiglie hanno prevalentemente indirizzato i flussi di risparmio verso i titoli di stato e le obbligazioni». Secondo i risultati del sondaggio congiunturale della Banca d'Italia su un campione di imprese industriali con sede in re-

gione, «quasi i tre quarti delle imprese dichiarano di aver rispettato nella prima parte del 2008 i programmi di investimento formulati a fine 2007. Per il 2009 circa il 60 per cento delle imprese prevede un livello della spesa per investimenti stabile rispetto alla spesa effettuata nell’anno in corso. E' proseguito il calo del numero delle imprese manifatturiere: secondo i dati di Infocamere-Movimprese, nel primo semestre dell'anno l'indice di sviluppo (pari al saldo tra iscrizioni al registro delle imprese e cessazioni, in rapporto al numero di imprese attive all’inizio del semestre) e' stato pari a -1,9 per cento (- 2,1 per cento nel primo semestre del 2007)». Il numero di imprese attive nel settore del commercio al dettaglio in regione ha continuato a ridursi. Nel primo semestre del 2008, in base ai dati di Infocamere- Movimprese, il saldo negativo tra iscrizioni e cessazioni è stato pari allo 0,8 per cento del totale delle imprese attive a inizio periodo, rimanendo sui medesimi livelli del corrispondente periodo del 2007. Un altro indicatore delle difficoltà economiche viene offerto dai dati dell’Anfia: le immatricolazioni di autovetture in Calabria sono diminuite del 14,9 per cento tra gennaio e settembre del 2008 rispetto allo stesso pe-

riodo dell'anno precedente». Per quanto riguarda gli scambi con l’estero, lo studio di Bankitalia evidenzia che «in base alle informazioni dell’Istat, nel primo semestre del 2008 il valore delle esportazioni è cresciuto del 4,5 per cento rispetto allo stesso semestre dell'anno precedente, in decelerazione rispetto a dicembre 2007 (30,1 per cento). Questo dato si compara con una crescita nazionale del valore delle esportazioni pari al 5,9 per cento. Il maggiore contributo alla crescita è stato apportato dalle esportazioni di mezzi di trasporto; sono stati altresì rilevanti i contributi delle esporta-

zioni di prodotti dell'agricoltura, caccia e pesca, di prodotti alimentari, bevande e tabacco e di articoli in gomma e materie plastiche; sono invece diminuite le esportazioni di macchine e apparecchi meccanici ed in minor misura le esportazioni di prodotti chimici, fibre sintetiche e artificiali. Le importazioni hanno raggiunto il valore di circa 305 milioni di euro, in aumento del 5,0 per cento rispetto al primo semestre del 2007. «Il più rilevante contributo alla crescita delle importazioni - si fa rilevare - è riconducibile alla componente delle macchine e degli apparecchi meccanici». Per quanto riguarda invece l'occupazione, in Calabria è aumentata, nei primi sei mesi dell'anno, rispetto allo stesso periodo del 2007, dell’1,1 per cento, pari a circa 7.000 unità. Il dato è riportato nell’analisi di Bankitalia, che cita dati Istat. «La crescita degli occupati in regione - si legge nelle note della Banca d'Italia - ha interessato soprattutto la componente femminile (1,7 per cento), risultando più intensa di quella rilevata in media nel Mezzogiorno (0,4 per cento) sebbene in linea con il dato nazionale (1,3 per cento). L’occupazione è cresciuta nella componente del lavoro autonomo (4,5 per cento) mentre è diminuita in quella del lavoro dipendente (0,2

per cento). Tale crescita ha coinvolto tutti i settori economici con l'eccezione dell’agricoltura (- 20,0 per cento) e dell'industria in senso stretto (-1,1 per cento)». Sempre nel primo semestre del 2008 «il numero di persone disoccupate è aumentato del 16,2 per cento, pari a circa 12 mila unità; in particolare, è cresciuto il numero delle persone disoccupate con esperienze di lavoro pregresse (22,5 per cento). Il tasso di disoccupazione è aumentato di 1,5 punti percentuali al 12,6 per cento; il divario rispetto al corrispondente dato nazionale è salito da 5,1 a 5,6 punti percentuali. In base ai dati Inps, le ore autorizzate di Cassa integrazione guadagni fanno rilevare gli analisti di Bankitalia - sono cresciute del 6,6 per cento con significativi incrementi nei settori dell'industria meccanica e tessile, del commercio e dell'edilizia. La crescita del tasso di disoccupazione si è tuttavia associata alla diminuzione di oltre 8 mila unità, pari all'1,2 per cento, della popolazione inattiva, invertendo una tendenza in atto dal 2002. «Tale decremento - è scritto ancora nel dossier di Bankitalia - ha determinato un aumento di un punto percentuale del tasso di attività, salito al 50,2 per cento». (Agi).

Servizio a cura della Mediatag settore pubblicità legale

ENTI PUBBLICI E ISTITUZIONI Gli annunci sono presenti sul portale telematico www.aste.eugenius.it

COMUNE DI SERSALE (Provincia di Catanzaro) ESITO DI GARA Con Determinazione n° 255 del 20/10/2008 è stato aggiudicato definitivamente l’appalto per l’affidamento dell’esecuzione dei lavori di: “Realizzazione Nuovo Impianto Depurazione e Relativi collettori Fognari”. Codice identificativo gara CIG 0194989DFF. Alla gara mediante procedura aperta ex art. 55 D.Lgs. 163/06 e s.m.i. hanno partecipato n° 28 ditte concorrenti. La soglia di anomalia è stata determinata ai sensi art. 86 D.Lgs. 163/06 e smi, nel ribasso del 26,516%. Aggiudicataria dell’appalto è risultata la ditta CO.GE.FPR s.r.l., con sede in Botricello (CZ) Via A. Moro n° 5, che ha offerto un ribasso del 26,171% sull’importo dei lavori posto a base di gara. IL RESPONSABILE DELL’AREA TECNICA (Ing. Salvatore LOGOZZO) C.O.BO. SOCIETA’ COOPERATIVA AGRICOLA Ai Signori Soci Loro sedi

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA I Soci della Cooperativa C.O.BO. sono convocati in Assemblea ordinaria in prima convocazione il giorno 02 dicembre 2008, alle ore 9,30 presso la sede della cooperativa sita alla Contrada Difesa del Comune di Borgia, per trattare del seguente ORDINE DEL GIORNO 1) Rinnovo carica Amministratore Unico. Qualora nella riunione di prima convocazione del giorno 02 dicembre 2008, risultasse insufficiente il numero dei soci presenti prescritto dall’articolo 22 dello Statuto Sociale per la valida costituzione dell’Assemblea, questa è sin d’ora convocata in Seconda convocazione

per il giorno 03 dicembre 2008 alle ore 18,00, stessa sede con il medesimo ordine del giorno Borgia, lì 11 novembre 2008 L’Amministratore Unico Antonio Riillo Prevedendo di non poter raggiungere il quorum necessario per la validità dell’assemblea in prima convocazione, si pregano i Signori Soci di intervenire alla riunione in seconda convocazione.

L’istituto di statistiche: «Crisi tra le più gravi negli utlimi quattro anni»

Anche l’Eurispes scatta una fotografia “grigia” COSENZA — La Calabria e la pro-

vincia di Cosenza in particolare stanno attraversando uno dei periodi di crisi più gravi degli ultimi quattro anni. E’ quanto emerge da uno studio dell'Eurispes, presentato martedì dal presidente regionale dell’istituto di statistiche, Raffaele Rio, e dal presidente della Bcc Mediocrati, Nicola Paldino. «Stando ai risultati dell’indagine relativa all’andamento congiunturale della provincia di Cosenza - scrive l'Eurispes - si è in presenza nel 2007 di una situazione economica difficile, che stenta a risalire. Tale periodo, da considerarsi negativo, si è registrato forse anche alla luce di quegli elementi di debolezza strutturali e di difficoltà in cui versa l'intera economia regionale. Gli imprenditori locali hanno toccato nell'ultimo periodo il punto di crisi più basso degli ultimi quattro anni. In particolare, le imprese cosentine, che già nei dodici mesi precedenti stavano scontando un anno congiunturale non particolarmente positivo, mostrano un allungamento della fase di difficoltà». Sempre secondo l'Eurispes, «si assiste ad una riduzione dell'attività produttiva dovuta principalmente ad una contrazione del portafoglio ordini complessivo (saldo pari a 32,2%). Il calo degli ordinativi e della produttività delle aziende ha, quindi, avuto ripercussioni concrete anche sul giro d'affari (saldo pari a 48,1%) che, nel 2007, ha continuato la discesa gia' registrata negli anni precedenti. La situazione congiun-

turale, in affanno già nel 2004, viene confermata dagli imprenditori locali che anche nel 2007 hanno attraversato una situazione decisamente preoccupante, registrando un calo dei principali indicatori con saldi sempre in area negativa». In particolare, secondo lo studio, gli ordinativi hanno seguito un andamento decrescente tra il 2004 e il 2007, con un saldo che nell’ultimo anno di rilevazione ha segnato un picco in area negativa raggiungendo -32,2% (contro il -9,3% del 2004). «Conseguentemente - emerge dall’analisi - anche il fatturato, che già nel 2004 aveva toccato saldi negativi (- 22%), segue un trend in forte discesa che precipita considerevolmente nel 2007 (- 48,1%). In un siffatto scenario, i livelli occupazionali registrano variazioni consistenti, infatti, le aziende della provincia che nel 2004 avevano registrato un saldo positivo dell'occupazione (+ 1%), nel corso degli anni hanno gradualmente ridotto l'inserimento di nuovi occupati nelle proprie aziende facendo registrare nel 2007 un saldo negativo dell'indicatore mai raggiunto nel periodo esaminato (26,9%)». Se complessivamente l'indice di fiducia generale delle piccole e medie imprese cosentine, che anche quest'anno risulta negativo, si mantiene su livelli quasi analoghi a quelli dello scorso anno, sperimentando, comunque, una leggera flessione (3,5) passando dal 57,9 al 54,4, in realtà questo risultato è frutto di tendenze

piuttosto contrastanti. «Tali valori - è spiegato nello studio sono stati ottenuti ponendo come base e valore discriminante 100, valori al disopra di esso indicano un trend positivo valori al di sotto un andamento negativo. Il fenomeno più importante da segnalare è un forte calo del clima di fiducia sui fattori esogeni, in primis la ripresa della situazione economica regionale che rispetto all'anno scorso segna un brusco calo di ben 23,4 punti passando dal 52,6 al 29,2 e sulla situazione generale del settore, che mostra una flessione, anche se meno accentuata, di 13,7 punti, attestandosi al 46,8 a fronte del 60,5 dei dodici mesi precedenti. In termini di propensione all'investimento si verifica un calo di quasi 5 punti: l'indice passa dal 57,7 al 52,9, una tendenza questa, che dimostra più che una cautela una scarsa fiducia tra gli imprenditori, che come più sopra evidenziato, sono molto preoccupati dalla bassa crescita del proprio settore, e ancora di più da una congiuntura economica locale e regionale in forte affanno. In agricoltura, nel 2007 si è registrato uno stato della congiuntura sostanzialmente appesantito dai peggioramenti registrati in termini di fatturato, indicatore fortemente condizionato dalla flessione degli ordinativi che anticipano il prolungarsi di una fase scarsamente dinamica già evidenziata nei periodi precedenti. (Domani ampio servizio con la relazione integrale)


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 19

CALABRIA COSENZA Gli ex della Quercia divisi sulla guida dei Democratici. Quasi chiuso il cerchio per Oliverio di nuovo alla Provincia

Bruno segretario, bufera nel Pd

Mario Franchino sarebbe pronto a sfidare il prescelto di Adamo con tanto di primarie COSENZA — Magari qualcuno c’è rimasto male per i metodi, per la “forma”. Qualcun altro invece se l'è presa per la sostanza, sempre la stessa alla fine dai tempi della Quercia cosentina a finire nell’ibrido del Pd. O forse è solo pretattica per altri ancora ma un dato è certo, nel cuore più cuore che ci sia del Pd “alla cosentina”, è bufera. L’indicazione (imposizione?) di Franco Bruno al vertice della segreteria provinciale del partito, annunciazione volontaria e preconfezionata di Nicola Adamo, non è piaciuta affatto a buona parte degli ex diessini oggi anche a malincuore traslocati nel Pd. Qualcuno l’ha definita anche una coltellata nel petto già sanguinan-

La sintonia latita dietro una parvenza di ritrovata unità COSENZA — Giacomo Mancini,

dopo una vita di militanza, lascia il Partito socialista e aderisce al Popolo delle Libertà. L’annuncio in una conferenza stampa, martedì mattina a Montecitorio, circondato dallo stato maggiore di Fi: Denis Verdini, coordinatore di Forza Italia, Fabrizio Cicchitto, capogruppo alla Camera, Gaetano Quagliariello, vice capogruppo al Senato. Nel sito personale di Mancini (www. giacomomancini. it) è riportato l’intervento che lo stesso ha svolto in conferenza stampa per spiegare i motivi che lo hanno indotto a lasciare il suo partito storico e entrare nel Pdl: «Anche in Italia, come nelle grandi democrazie, si sta rafforzando un sistema in cui due soli partiti si contendono la guida del Paese. In questo nuovo quadro, Silvio Berlusconi, il Governo che dirige e il partito che guida, sono gli unici e i soli riferimenti per i riformisti. E per chi, come me, è socialista e può vantare una gloriosa e centenaria storia familiare socialista è naturale stare dalla parte di chi realizza le riforme

te dell’ex Quercia e minaccia battaglia tosta. Il vertice serioso dell’altra sera tra i maggiorenti del partito ne doveva stabilire di cose, a partire dalla definitiva nomination di Mario Oliverio per la presidenza della Provincia dopo una lunga raucedine dei vertici regionali, ma è sull’indicazione del segretario provinciale che è scoppiata la bagarre. Che non tutti hanno colto o non hanno voluto cogliere. Mario Franchino, ex segretario cittadino e provinciale della Quercia, non è stato tenero con Nicola Adamo reo di aver indicato Franco Bruno come si fa per solito in un rogito di donazione da un notaio. Poche parole e una firma. Se ne sono dette abbastanza e anche in modo cruento, i due. Per la verità non si sono mai amati abbastanza ma la strada che hanno preso e il diverso significato che hanno dato nel tempo alla vita politica li ha tenuti ben lontani. Non l'altra sera però

arretra e minaccia di peggio, in prospettiva. Forte, pare, di una “cordata” da non sottovalutare all'interno dell'ex Quercia è pronto a candidarsi per le primarie proprio contro Franco Bruno, contro il candidato indicato da Nicola Adamo. Una data indicativa per quel voto tutto da decifrare e costruire potrebbe essere quella del 21 dicembre. Prima c'è da iniziare (correttamente) il tesseramento e organizzare le location sparse in giro (non ci sono e nessuno poteva pensare che sarebbero cadute dal cielo). Ma l'ottimismo in questo senso ha preso il sopravvento e chi se ne intende giura che una volta avviata la macchina camminerà da sola, finalmente. Le regole arriveranno, pare di capire. È la sintonia che latita perché dietro una parvenza di unità ritrovata (la nomination di Oliverio mette tutti a tacere anche se sono da decifrare i contorni della “quadra”) c’è inve-

ce fuoco sottocenere. Evidentemente il “patto” che ha finalmente interrotto i silenzi su Oliverio prevede che agli ex margheriti tocchi la segreteria provinciale ma un conto sono i progetti di carta, altro è il terreno di gioco. E spingersi in progressione a incasellare già da ora tutte le poltrone sparse in giro potrebbe essere un rischio. Gli imprevisti ci sono sempre dietro l’angolo e uno di questi, per chi ha disegnato la “pensata”, è proprio l’ira di Mario Franchino. Pronto a sfidare Franco Bruno il 21 dicembre. Vuole fare il segretario pure lui e vagli a spiegare che non si può. Le regole glielo consentono.

Ufficializzato il passaggio con Berlusconi: «E’ da coerenti stare con chi fa le riforme»

classe dirigente determinata, autonoma nei giudizi ed espressione del territorio calabrese. A Giacomo Mancini - conclude Gentile - ho gia ribadito in altre occasioni la mia sincera disponibilità a costruire un nuovo percorso politico». «La scelta di Giacomo Mancini di passare con il centrodestra la rispetto molto, però forse più che dal cuore è stata ispirata dalla ragione», afferma il presidente del Parco del Pollino, Domenico Pappaterra, esponente socialista del Pd, ospite ieri mattina della trasmissione “Sound Café” di Radio Sound. «Credo - ha aggiunto Pappaterra - che se Giacomo avesse potuto scegliere con il cuore non avrebbe fatto una scelta che lo porta in uno schieramento che non è consono alla storia della tradizione socialista. Non c’è dubbio che i rapporti deteriorati negli ultimi due anni, dopo la battaglia al Comune di Cosenza a successivamente per le politiche, hanno allargato le distanze tra il gruppo dirigente del centrosinistra, e del Pd in particolare, e Mancini».

quando il corpo a corpo c'è stato. Un po' troppo per pensare che anche questa volta una rimpatriata tra vecchi amici è sufficiente per spalmare balsamo nel Pd alla cosentina. E infatti Franchino non

Mancini e le ragioni dell’approdo al Pdl e contro chi le osteggia. Impegnarsi con chi ha iniziato a cambiare il Paese e contro chi favoleggia di un pericolo per la democrazia e si limita ad agitare la piazza». «Considero giusto e coerente prosegue Mancini - lavorare insieme a chi predilige i fatti alle chiacchiere, premia i meriti e taglia gli sprechi, investe nei diritti e nelle garanzie per i cittadini e lotta contro gli ingiusti privilegi delle corporazioni. Per questi motivi ho scelto di partecipare al progetto del Pdl e di spendermi per il suo successo. Insieme a mia moglie, ringrazio di cuore Denis Verdini per la grande opportunità che mi offre, e tutti i dirigenti nazionali e calabresi di Forza Italia per l'accoglienza calorosa che mi hanno riservato. Sono l'ultimo arrivato, e per questo mi impegnerò con umiltà, ma anche con grande determi-

Pubblicità

Scoperto negli U.S.A. il preparato ad uso topico che favorisce l’erezione peniena

Erezione del Pene? Prova Gratis* l’Efficacia di «Stimoxina®» Trattamento prova gratuito* in Farmacia La pomata non può intervenire nella cura di patologie quali le disfunzioni erettili ma applicata localmente sui genitali di utilizzatori sani alimenta la stimolazione sensoriale coadiuvando le erezioni del pene NEW YORK - A New York sono stati resi noti i risultati dei test di autovalutazione, compiuti sull’ultimo ritrovato ad uso topico, che massaggiato direttamente sul corpo del pene di volontari sani, si è dimostrato efficace nel favorire l’erezione fisiologica del pene. L’innovativo preparato è arrivato anche nelle farmacie

Franco Bruno

italiane grazie alla società Lloyd Pharma di Londra. Il nome del trattamento è “Stimoxina”. Leggere attentamente le modalità d’uso. Non è un farmaco. Utilizzare con il consiglio del farmacista. Nei test effettuati dai ricercatori “Stimoxina” non ha provocato controindicazioni. LLOYD PHARMA

* Ritagli l’articolo e lo consegni in una delle Farmacie concessionarie Lloyd Pharma, riceverà una confezione prova gratuita di “Stimoxina” per favorire l’erezione peniena. Le Farmacie che sono sprovviste dei campioni gratuiti di Stimoxina, potranno richiederli alla Lloyd Pharma. Offerta valida sino ad esaurimento. Scadenza 31/12/2008 (DC)

Giacomo Mancini

nazione. Il Presidente Berlusconi ha fissato la sfida: fare del Pdl il grande partito dell’innovazione e del cambiamento capace di conquistare la fiducia di tutti i riformisti, dei liberali e CATANZARO — Due giorni dedicati alle reti ciclabili e alle opportunità collegate alla mobilità urbana e al turismo sostenibile, attraverso un convegno nazionale promosso dalla Regione e presentato questa mattina, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a Catanzaro, dall'assessore regionale ai Trasporti, Demetrio Naccari Carlizzi. Il convegno è in programma per il 14 ed il 15 novembre prossimi nella sala del Convento dei frati minori di Roccella Jonica, in provincia di Reggio Calabria, e sarà un momento di lancio per gli investimenti a favore delle aree destinate alle due ruote. Gli obiettivi degli investimenti, alcuni dei quali già avviati in Calabria, sono stati illustrati dall'assessore ai Trasporti, che ha evidenziato come «anche l'utilizzo della bicicletta è parte del sistema della mobilità», coinvolgendo anche la salute dei cittadini e il turismo. Rispetto a quest'ultimo tema, Naccari Carlizzi ha sottolineato l'attrazione turistica che può derivare dalla realizzazione delle reti ciclabili: «Bisogna realizzare queste reti ha detto - per offrire ai turisti opportunità significative per almeno tre giorni di permanenza». In cima alle risposte da fornire per rispondere al-

dei moderati e di rappresentare così più della metà degli italiani. Fin da subito iniziando dalla mia terra che è vittima di un lungo periodo di malgoverno, mi rimboccherò le maniche conclude Mancini - per contribuire a vincere questa sfida ambiziosa». «La presenza dell'on. Giacomo Mancini nel Pdl arricchisce la tradizione socialista libertaria del nostro Paese», afferma, in una dichiarazione, il senatore Antonio Gentile, del Pdl. «In Calabria con Mancini, anche da sponde diverse - aggiunge Gentile - abbiamo denunciato l'arretratezza politica e la miopia amministrativa della Giunta Loiero. Oggi queste battaglie possiamo farle assieme con il sostegno dell'on. Verdini e dell’on. Cicchitto, che con grande lungimiranza guardano al riscatto del Mezzogiorno e della Calabria facendo leva su una

Domenico Martelli

Il 21 dicembre potrebbe essere dedicato alle primarie

Presentato un convegno promosso dall’Assessorato regionale ai Trasporti

Turismo e reti ciclabili

Un momento della conferenza stampa con l’assessore Carlizzi

le nuove richieste di turismo, Naccari Carlizzi ha ricordato i beni culturali e quelli naturalistici, che si legano nel cicloturismo. «La riscoperta e la valorizzazione di strade carrozzabili risalenti al XIX e XX secolo, sentieri, argini di torrenti e tracciati ferroviari - ha aggiunto l'assessore ai Trasporti - possono rappresentare una vera e propria risorsa economica, sottraendo anche i luoghi al de-

grado naturale dei territori non vissuti». Due le giornate in programma a Roccella Jonica, dunque, con una prima di natura tecnica e la seconda dedicata allo sviluppo della mobilità urbanistica, con l'obiettivo dichiarato dall'assessore ai Trasporti di realizzare interventi in ogni provincia, partendo dai centri a dimensione turistica dove la richiesta di mobilità ciclistica è molto diffusa.


20 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA L’INTERVENTO Il vicepresidente della Cia Calabria, Michele Drosi: «La politica rivaluti le aree interne. Non solo l’Arco Alpino»

Il contributo degli agricoltori alla montagna

«Riscoprire il valore delle tradizioni, dei prodotti tipici, della biodiversità e delle fonti rinnovabili» di Michele Drosi* CATANZARO — L’iniziativa promossa dall'Uncem sulla montagna, a Petronà, ha avuto il merito di far emergere un tema non sempre adeguatamente considerato, soprattutto in una regione come la Calabria, che ha un territorio che per il 93% è collinare e montano. La rinascita della montagna è un problema di rilevanza nazionale che riguarda quasi il cinquanta per cento del Paese, coinvolge oltre il 20 per cento della popolazione ed interessa circa cinquemila comuni su ottomila. Anche da qui deriva la necessità di impegni finanziari più adeguati per la montagna e di maggiore tutela per gli abitanti delle zone montane, non solo per quelli dell’Arco Alpino, che già sono oggetto di “Accordi” e di “Convenzioni”, ma anche per quelli che vivono nelle aree montagnose dell’Appennino e del Sud Italia. Queste aree, infatti, non presentano una situazione omogenea e maggiori difficoltà si riscontrano in particolare nel Mezzogiorno e, quindi, in Calabria, dove più forte è l'e-

sodo giovanile e più preoccupanti i fenomeni di emarginazione e di degrado territoriale. L'economia agricola delle aree montane vive oggi una crisi diversa da quella degli anni passati, talvolta meno appariscente per la presenza di alcuni casi di rivalorizzazione di ambiti montani, ma non per questo meno grave e complessa. In molte realtà, infatti, si è verificata una destrutturazione dell'economia, della società e della cultura che si manifesta con l'esodo rurale, soprattutto dei giovani, a seguito di una disattenzione della politica agricola comunitaria e nazionale, a cui si contrappongono solo alcune isole di sviluppo turistico ed industriale. Questa crisi di carattere qualitativo dell'economia montana, ed agricola in particolare, si traduce in una consistente diminuzione del reddito prodotto, con relativo indebitamento della base economica di tutta la comunità rurale. Per invertire questa tendenza è necessario che la società e l'economia capiscano fino in fondo l'importanza di puntare con decisione alle risorse della monta-

Vibo, Stabilimento Certosa: stop ai licenziamenti collettivi VIBO VALENTIA — Inatteso, ma gradi-

to, molto gradito si apre uno spiraglio nella vertenza dello stabilimento della Certosa di Polia. Nel momento in cui il territorio vibonese vive una fase di grave crisi occupazionale, la chiusura di un altro sito produttivo e la conseguente perdita di posti di lavoro rappresentava una reale calamità. E questo era accaduto ai 25 dipendenti dello stabilimento licenziati a causa della cessazione dell'attività produttiva. Il successivo intervento del Prefetto di Vibo Valentia ha permesso l'apertura di un tavolo tecnico per affrontare le problematiche connesse alla crisi aziendale. E così, dopo due incontri si è giunti alla stipula di un accordo che impegna la ditta al riconoscimento del 100% dei crediti vantati dai lavoratori, da elargire entro 48 mesi a partire dal prossimo febbraio, l'immediato ritiro dei licenziamenti e la conseguente ripresa dell'attività già da domani mattina. Una svolta in positivo, finalmente, che ha visto parte attiva i lavoratori ed i sindacati, le istituzioni

con il prefetto Sodano e gli stessi responsabili dell'Azienda che ha dato prova di voler salvare un marchio riconosciuto ed apprezzato sul mercato attraverso un progetto aziendale che oltre a confermare gli attuali livelli occupazionali. possa prevedere, in un prossimo futuro, un incremento della produttività. Un momento di speranza, dunque, in un territorio altrimenti destinato a cupe previsioni. Soddisfazione è stata espressa dalla segretaria provinciale della Cgil. Donatella Bruni, segretaria generale provinciale, ricostruisce i vari passaggi che hanno portato a questa favorevole via d’uscita. «Ricordiamo che lo scorso 16 ottobre - ricostruisce Donatella Bruni - i 25 dipendenti dello stabilimento “La Certosa Srl” ricevevano un telegramma che li informava del licenziamento immediato a causa della cessazione dell'attività produttiva. Il sabato successivo, 18 ottobre, le organizzazioni sindacali ottenevano un incontro con il prefetto di Vibo Valen-

Vibo, Sammarco chiede più tempo alla maggioranza VIBO VALENTIA — S’è preso dieci giorni, prima di assumere le decisioni consequenziali. Si è preso dieci giorni perché ha capito che, ragionandoci su, può risolvere la questione a sua favore. La riunione di maggioranza, organizzata dal presidente del Consiglio comunale Marco Talarico, ha dato risultati contrastanti, ma una certezza, che gioca a favore del sindaco: di andare a casa prima della scadenza, mollando poltrone ed indennità nessuno ne ha voglia. Ecco, allora, che il sindaco teoricamente stretto all'angolo da una serie di ultimatum ed atteggiamenti di rottura, ha capito che, comunque vada, via non lo mandano e così ha chiesto, o meglio ha preso, tempo in modo da rivoltare la situazione a proprio favore.

Proviamo a ricostruire com'è andata. Innanzitutto, gli assenti, che hanno fatto più rumore dei presenti. Pdm, ovvero i bruniani, e riformisti, ovvero i sorianesi (ma non quelli vivono a Soriano, ma quelli che riconoscono l'ex leader socialista - ai tempi della Prima repubblica - Michele Soriano come loro guida) non si sono presentati. Un primo segnale forte di malessere è stato rappresentato da queste assenze. Quindi, i presenti: un Udeur fortemente critico, il ritorno dei Socialisti buttati in malo modo (Vito Pitaro) dalla precedente giunta Sammarco, ed il resto che sarebbe il Pd ex Ds, ovvero quelli più vicini al sindaco. Nessuno ha lesinato critiche e sulla graticola c'è stato sempre lui, solo lui: Antonio Iannello, l'ineffabile assessore ai Lavori

Michele Drosi

gna, delle loro indiscusse biodiversità, dei paesaggi, delle acque, delle tradizioni, del legno, delle fonti rinnovabili, degli spazi per lo sport e il tempo libero e soprattutto dei prodotti tipici alimentari. Gli agricoltori, infatti, svolgono una funzione centrale per la tutela e la valorizzazione delle montagne. Occorre, pertanto, favorire l'iniziativa delle imprese, garantendo strumenti, supporti e condizioni tia, Ennio Mario Sodano, al fine chiarire la vicenda dei licenziamenti da noi ritenuti illegittimi, perché non preceduti da alcuna concertazione e quindi con l'impossibilità di attivare gli ammortizzatori sociali previsti dalle norme vigenti. Durante l'incontro emergeva la necessità di un confronto con le aziende interessate: La Certosa SrL e Acque Certosa Srl, e dell'apertura di un tavolo tecnico per affrontare le problematiche connesse alla crisi aziendale». «Il motivo del contendere tra lavoratori ed azienda - spiega quindi la segretaria della Cgil - riguarda stipendi arretrati relativi agli anni 2006 e 2007 e l'incertezza di un futuro per lo stabilimento, stante la indisponibilità dell'impresa di fornire un piano aziendale, più volte richiesto dalle organizzazioni sindacali. Dopo due incontri che non avevano sortito gli effetti auspicati, oggi si è finalmente giunti alla stipula di un accordo che impegna la ditta». All'incontro erano presenti i funzionari Cirillo e Auteri in rappresentanza di sua eccellenza il Prefetto di Vibo Valentia, che si sono dichiarati garanti di questo accordo. Maurizio Bonanno

pubblici, l'uomo forte della Giunta Sammarco, più croce che delizia per il sindaco, che continua (ha continuato anche in questa sede) a difenderlo, manco l’avesse sposato, con il serio rischio di affondare insieme a lui. Gli appunti sono stati quasi tutti indirizzati al tema dei lavori pubblici (ed al teatro perso), eppure c'è chi ha pensato che, non riuscendo a scardinare l'alleanza Sammarco-Iannello, vi possa essere un'altra strada per avere soddisfazione: se non si può avere la testa dell'assessore, siano date in cambio le teste di qualche dirigente! Il tono via via più pacato ha fatto comprendere al sindaco che non vi è la volontà di andare via anticipatamente e così Sammarco ha ascoltato con attenzione, ha incassato, non ha reagito e, con saggia calma, ha chiesto tempo per ragionare, valutare, decidere: dieci giorni… e poi la città vivrà il suo risveglio! Ma. Bo.

di crescita e competitività. D'altra parte, le produzioni tipiche agricole e forestali montane, oltre ad essere in linea con i criteri di gestione sostenibile delle risorse naturali, alimentano, di fatto, percorsi di marketing territoriale che, in un momento in cui è necessario adeguare i comportamenti alle esigenze di lotta all'inquinamento climatico e alla perdita di biodiversità, diventano un elemento di competizione tra sistemi complessi. La produzione dei prodotti tipici locali e dell'agriturismo, la tutela delle colture agricole tradizionali e il supporto alle diversità alimentari sono, quindi, gli elementi essenziali per il rilancio e lo sviluppo della montagna. Tuttavia, l'identità delle montagne ha bisogno di essere tenuta viva da una equilibrata distribuzione e da una permanenza sul territorio di servizi sociali e pubblici, come le strutture socio-sanitarie e scolastiche, sapendo che la loro eventuale chiusura può significare la morte di intere comunità. Nel contempo è necessario contribuire ad elevare le condizioni di vita e di lavoro anche con un sostegno

strutturale agli investimenti. Il governo del territorio, e in particolare di queste aree, passa attraverso un sostegno diretto a chi vive ed opera in montagna. L'agricoltore di montagna e l'azienda agricola multifunzionale, dunque, sono soggetti che devono essere positivamente coinvolti in un processo di valorizzazione economica, sociale ed ambientale delle aree montane. In tale ottica è necessario un impegno più puntuale dell'Unione Europea per una definizione più mirata dei territori montani che consenta l'istituzione di un “obiettivo montagna” per premiare le “esternalità positive”, connesse all'esercizio dell'attività agricola. Così come è urgente che il Governo centrale si impegni a dare corso ad un adeguamento della legge sulla montagna, consentendone una più aggiornata e concreta attuazione. Anche in Calabria, che è la seconda regione montana d'Italia, il Consiglio e la Giunta devono mettersi al lavoro, avviando un proficuo confronto con tutte le forze interessate, per essere all'altezza delle nuove sfide. *Vicepresidente Cia Calabria

Rischio idrogeologico, appalto per 3 milioni Sono terminate le procedure di gara per l'affidamento dei servizi di “Studio e perimetrazione di metodologie e tecniche per la mitigazione del rischio idrogeologico”. Si tratta di un appalto di servizi del valore complessivo di 3,5 milioni di euro, previsti dal Por Calabria 2000-2006, suddiviso in tredici lotti funzionali, attraverso il quale il dipartimento Lavori Pubblici per il tramite dell'Autorità di Bacino, finanzia Università ed enti di ricerca pubblici e privati, accreditati presso il Ministero per la Ricerca Scientifica, affidando importantissimi servizi di studio e sperimentazione di nuove tecnologie per la mitigazione del rischio idrogeologico. «Per Regioni come la Calabria - ha detto l'assessore Luigi Incarnato tra le più esposte del Mediterraneo ai rischi naturali, come purtroppo testimoniano le recenti tragedie di Crotone, Soverato e Vibo Valentia, diamo un grande significato a questa iniziativa. Resto convinto che senza un territorio sicuro e monitorato viene meno qualsiasi presupposto per lo sviluppo economico e sociale e, di conseguenza, qualsiasi altra politica di intervento rischia di produrre, come purtroppo è avvenuto in passato, spese senza ritorno».

CATANZARO CENTRO

FITTASI PRESTIGIOSO IMMOBILE loft indipendente, arredato e climatizzato, precedentemente abitato da funzionari di istituti di credito. ANCHE USO FORESTERIA

INFO

334 1875277

CATANZARO CENTRO STORICO CORSO MAZZINI

VENDESI

ATTIVITA’ COMMERCIALE ADIBITA A BAR Per informazioni chiamare al numero

338/9096746


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 21

CALABRIA CATANZARO I numeri che ancora dividono il Paese sono stati al centro dell’incontro promosso dall’Ateneo. Sono intervenuti anche Costanzo, Cersosimo e Veltri

All’Università la riflessione sul Sud «Serve una politica ordinaria per la scuola perchè solo questa rappresenta il fondamentale ascensore sociale» CATANZARO — Reale e surreale si

intrecciano, interscambiano e ricombinano all’interno dei tanti microcosmi che compongono il nostro Sud, una realtà che ormai è diventata uno stereotipo. Spunti di riflessione questi che, alla luce anche di tutti quei dati, quelle ricerche e quelle statistiche sulla delicata situazione socio-economica del Sud, ci trasmettono la complicata - e sembrerebbe, a prima vista, compromessa - realtà sociale del Mezzogiorno, ma allo stesso tempo quanto di surreale un Paese possa far registrare all’interno dei suoi stessi confini. Considerazioni queste che propongono, in chiave critica e dialettica, la necessità un’analisi che parta dal piccolo, dal micro, che sia disaggregata, su tutto quello che il sistema formativo in tutta la sua filiera, la politica, la società civile possano e debbano compiere per dare un futuro e una connotazione, non più esclusivamente negativa, alla parola “Sud”. Un Sud che sappia affrancarsi dai particolarismi e campanilismi vari che lo affliggono, che ripensi al gusto di cooperare insieme con la forza delle idee, dell’entusiasmo e della progettualità, per guardarsi responsabilmente nelle sue tantissime debolezze ma anche nelle sue piccole oasi di normalità, per non dire eccellenze, ripartendo dalla scuola, dall’università, dall’investimento sul sapere e sulla conoscenza, dall’etica della responsa-

Da sinistra Costanzo, Viscomi, Barni, Cersosimo e Veltri

bilità, dalla promozione della mobilità sociale come punto di rottura, di svolta e cambiamento per la realizzazione di nuove e insperate opportunità. E “Sud(r) reale: I numeri che ancora dividono il nostro Paese” è stato proprio il tema dell’incontro, promosso dall’Ateneo di Catanzaro, all’interno delle iniziative culturali dell’UniversityClub, che si è svolto l’11 novembre scorso al Campus di Germaneto. Economia, Scuola, Università, Lavoro, Società Civile queste alcune delle parole-chiave che hanno guidato i ragionamenti dei partecipanti al dibattito. La conversazione, che si è tenuta nella sala dell’UnyClub è stata introdotta dall’intervento del Rettore dell’U-

niversità di Catanzaro, Francesco Saverio Costanzo, e si è giovata dei qualificati contributi del Vice Presidente della Regione Calabria, Domenico Cersosimo, del Responsabile dell’Ansa per la Calabria, Filippo Veltri, dei Professori Antonio Viscomi, Ordinario di Diritto del Lavoro all’Università Magna Graecia, e Tullio Barni, Coordinatore della Commissione Cultura dell’Ateneo. «Dal punto di vista analitico - ha detto il VicePresidente Cersosimo - la parola Mezzogiorno è ormai logora. Sta diventando, infatti, uno stereotipo negativo. Sicuramente oggi che la parola Sud appare quasi come una barriera per il confronto, un approccio di analisi a li-

vello micro e soprattutto diacronico, evitando così contrapposizioni o comparazioni durissime da sostenere, ci porrebbe in una situazione favorevole per superare la cosiddetta sindrome del fracasso, per cui la percezione disastrosa della realtà imporrebbe la facile credenza che gli sforzi verso il cambiamento siano vani. In realtà c’è ancora un oceano di cose da fare. Purtroppo - ha spiegato il Professor Cersosimo - assistiamo alla caduta delle classi dirigenti nel nostro Paese. E a tutto questo bisognerà fare attenzione perché nel momento in cui arriverà la crisi reale, allora sarà la stessa crisi a tagliare il superfluo, a filtrare ciò che può servire dall’inutile. Ecco perché - ha ammonito Cersosimo - senza investimenti nella crescita del sapere il Paese tutto è condannato al declino. Serve una politica ordinaria per la scuola, servono buone politiche per l’università, perché solo la scuola rappresenta il fondamentale ascensore sociale, che genera domande di cambiamento contro il mantenimento di quello status quo che si esplica, il più delle volte, nell’individualismo del viver bene». «In questa occasione mi fa piacere sottolineare - ha detto il Rettore Francesco Saverio Costanzo, nel presentare l’incontro- il senso e il significato di eventi culturali simili promossi all’interno dell’Università, luogo di elaborazione critica del sapere e della conoscenza. E’ fondamen-

tale, infatti, soprattutto ora, che, all’interno di ciascuna comunità universitaria, si sviluppi un senso di partecipazione attiva alla vita socio-culturale del proprio territorio di riferimento attraverso tali momenti di riflessione critica, e sicuramente costruttiva e propositiva, con l’intento di incidere concretamente nella realtà, interrogandosi, scambiando esperienze ed opinioni, proponendo e attuando azioni, comportamenti positivi». E una proposta al termine della conversazione è stata già avanzata: un universitybus per fare il giro di tutti i paesini della Calabria per diffondere una nuova responsabilità e consapevolezza critica tra i giovani e la società attraverso la cultura e i valori di uguaglianza della conoscenza e del sapere. Perché, in fondo, citando Italo Calvino da “Le città invisibili”- ripreso da Filippo Veltri nel corso del suo intervento: «L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio». E’ proprio questa allora la scommessa di riscatto per il nostro Sud.


22 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARODopo il blocco attuato dai mezzi e dai dipendenti delle autolinee Romano l’assessore Naccari Carlizzi ha chiarito la posizione della Regione

«Non bisogna usare i lavoratori come scudo»

«Gli imprenditori devono capire che se in passato la delega era in mano all'Anav oggi non è più così» CATANZARO — «L'Anav è abitua-

ta a immaginare di avere la delega ai trasporti che, invece, è in campo al presidente della Regione e all'assessore delegato. L'Anav deve capire che il trasporto pubblico locale non nasce per dare risposte alle aziende ma per il diritto alla mobilità dei cittadini». Dopo il blocco attuato a Catanzaro dai mezzi e dai dipendenti delle autolinee Romano, con l'annuncio di manifestazioni di protesta ancora più dure da parte dell'associazione di categoria, l'assessore regionale ai Trasporti, Demetrio Naccari Carlizzi, conversando con i giornalisti a margine di una conferenza stampa, ha confermato la linea della Regione chiarendo la situazione e le condizioni di dialogo. «Ho grande rispetto per tutti sino alla sfinimento - ha aggiunto l'assessore - con decine e decine di riunioni, ma le risposte disponibili sono all'interno della normativa». Naccari Carlizzi non ha digerito la protesta attuata dalle autolinee Romano di Crotone: «Gli operai sono stati mandati per il ritardo di un giorno nei pagamenti, se pensano di usare i

lavoratori come scudi umani hanno sbagliato interlocutori, non ci prestiamo a fare pazzie». Una posizione che, secondo il responsabile dei Trasporti, non è frutto di rigidità, ma del rispetto delle leggi. «Loro hanno già ricevuto nove dodicesimi di un contratto - ha sottolineato l'assessore - che non hanno firmato, è impossibile pretendere il resto senza il contratto, per poi avere la possibilità di non firmare con la conseguente evasione di Irap e Iva. Avremmo un abuso gravissimo se applicassimo solo parte della riforma che conviene alle imprese, eludendo invece la legge dello Stato». Naccari ha spiegato anche la vicenda relativa all'unica anticipazione fornita dalla Regione ad un'azienda, lamentata da altre società: «Si tratta della società pubblica Atam di Reggio Calabria - ha affermato Naccari Carlizzi - che ha ricevuto le an-

«Le risposte disponibili sono nella normativa»

ticipazioni a settembre, quando ancora non si poneva il problema della firma del contratto. Dopo una settimana di protesta, di un'azienda che è pubblica e non privata, la Prefettura ha chiesto di avviare le anticipazioni e il dirigente ha firmato il decreto. Rispetto, invece, alle posizioni di aziende private, alle autolinee Romano abbiamo chiesto anche una liberatoria e forse, visti i comportamenti, abbiamo sbagliato anche ad anticipare le somme concesse fino ad oggi. Anche Lirosi si è fermato - ha proseguito l'assessore nonostante ha avuto 8 milioni di euro cinque mesi fa. A questo punto, gli imprenditori devono dimostrare di essere tali, capendo che su questo abbiamo dato una svolta perchè se in passato la delega era in mano all'Anav oggi non è più così. Se il sistema imprenditoriale vede la Regione come una mucca o come un salvadanaio, vuol dire che faremo subito le gare per rientrare nella forbice di spesa compresa tra 70 e 115 milioni di euro. Credo comunque - ha concluso Naccari Carlizzi - che firmeranno in molti».

CATANZARO Soddisfazione di Cgil, Cisl e Uil per la delibera proposta dall’assessore ai Trasporti Demetrio Naccari Carlizzi

«La riforma dà garanzia di modernizzazione» CATANZARO — Soddisfazione di

Cgil, Cisl e Uil per la delibera proposta dall’assessore ai Trasporti Demetrio Naccari Carlizzi nella seduta di Giunta, svoltasi per il processo di riforma e razionalizzazione del trasporto pubblico locale. La valutazione positiva del provvedimento è stato espresso nel corso di un incontro, svoltosi ieri pomeriggio a Catanzaro nella sede della Giunta di via Massara, incontro che era stato richiesto dai sindacati per garantire i diritti fondamentali dei lavoratori messi in discussione dal comportamento inaccettabile di alcune aziende. «Il regime di concessione che ha, da sempre, prodotto incertezze e criticità per il lavoro nel settore e per l’efficienza dei servizi ai cittadini viene superato grazie alle leggi regionali di riforma 18/2006 e 15/2007 con strumenti più idonei al governo del settore» si legge in uan nota

della Giunta. «La riforma dà garanzia di modernizzazione prosegue - e pone le condizioni perché tutte le criticità che continuamente coinvolgano lavoratori e aziende anche a causa di decisioni e pressioni spesso strumentali, come registrate nei giorni scorsi a seguito di discutibili atteggiamenti assunti da aziende del settore, necessitano che i diritti dei lavoratori siano ancorati ad un sistema di certezze di regole. Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti, dal canto loro, nel sottolineare la strategicità del trasporto nello sviluppo della regione hanno sollecitato la Giunta regionale a proseguire nel processo di riforma del tra-

Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti dicono sì alla riforma

sporto pubblico locale senza incertezze nella visione di un trasporto efficiente ed efficace. A tal fine -conclude -, per monitorare lo stato di riforma e la sua attuazione, nella direzione della tutela dei livelli occupazionali e della qualità dei servizi, l’assessore Naccari Carlizzi e i sindacati confederali hanno convenuto di promuovere un monitoraggio attivo su tutte le criticità aziendali attuali e future».

Influenza «Meglio prevenire che curare l’influenza” con questo principio, dal 18 novembre prenderà avvio la campagna antinfluenzale promossa dall’Asp d’intesa con i Medici di medicina generale al fine di assicurare ai cittadini ultrasessantacinquenni e quelli affetti da patologie croniche di recarsi presso l’ambulatorio del proprio medico di fiducia per la somministrazione del vaccino» dichiara il Direttore del Dipartimento di Prevenzione, Bernardo Cirillo.

TI HANNO NEGATO UN PRESTITO PERCHÉ SEI

Catanzaro, Commodari: predisporre un piano regionale dei trasporti CATANZARO — «Dopo Lirosi è toccato a Romano, sono sempre “lor signori” a decidere se in questa regione si ha diritto alla mobilità» si legge in una nota di Pino Commodari di Rifondazione Comunista. «Quanto sta accadendo in questi giorni prosegue -, riteniamo, è la dimostrazione che le politiche fin qui adottate non funzionano. Va ricordato che nel settore della mobilità, della viabilità e dei trasporti, la Regione ha un ruolo fondamentale. Di conseguenza, riteniamo che l’obiettivo deve essere quello di una politica vicina agli interessi popolari e in difesa del territorio, contrariamente a quanto è stato realizzato in questi anni con le privatizzazioni attuate nei settori dei trasporti, che sta favorendo gli interessi di gruppi economici e di cordate politiche, ma che non ha comportato alcun beneficio per gli utenti dei servizi. La Regione Calabria deve garantire gli interessi dei lavoratori delle autolinee e di tutti coloro che, ogni giorno, si muovono con estrema difficoltà dalla propria abitazione per raggiungere il luogo di studio o di lavoro. II traffico e la mobilità - continua - aumentano continuamente e sempre più velocemente, così come i costi e le ricadute sulla collettività. Le strade sono sempre meno sicure e non sono più, e non saranno mai, sufficienti per far fronte a tutta questa domanda di mobilità su gomma. In questi anni non si è stati capaci di definire un quadro programmatico di riferimento ed un sistema di relazioni condivise con il territorio, gli Enti locali, le forze economiche e sociali e di predisporre un Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità che tenga conto delle esigenze dei territori e dei cittadini. L’obiettivo principale, quindi, a livello regionale deve essere la predisposizione di un Piano regionale dei trasporti e della mobilità e di una nuova legge sul trasporto pubblico locale, con l’obiettivo di trasportare nel modo giusto e nel tempo giusto. Va affrontato il nodo del riequilibrio modale del sistema dei trasporti, tanto suI piano della programmazione quanto su quello degli interventi conseguenti. Va rilanciato l’impegno per la predisposizione di un Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità, significa definire sia

PROTESTATO

NO DA BANCHE E FINANZIARIE? MediaConsult AGENZIA D’AFFARI

SEI STANCO DI SENTIRTI DIRE

Via Italia, 51/53 - Info 0961.743398 - 334.6690330 - 334.6690331 88100 CATANZARO - mediaconsultcz@gmail.com

RIABILITAZIONE

TI FINANZIA LA TUA TELEFONA O INVIA UN SMS CON IL TUO NOME E I TUOI DATI ANAGRAFICI UNO STAFF DI ESPERTI E’ A TUA DISPOSIZIONE

GRATUITAMENTE

gli obiettivi di riequilibrio che le priorità di intervento utili al suo raggiungimento. Un Piano che modelli, finalmente, un sistema della mobilità e dei trasporti integrato ed intermodale, in cui la ferrovia ed il trasporto pubblico locale siano concorrenziali all'automobile privata. Un sistema che offra la possibilità al cittadino calabrese di muoversi all'interno della Regione con uno o più mezzi pubblici e con un solo biglietto. Un sistema che faccia del trasporto pubblico il suo punto di forza. Per fare tutto ciò, diventa prioritario: il potenziamento e riammodernamento delle infrastrutture ferroviarie e del trasporto pubblico locale. Non potrà esistere un Servizio Ferroviario Regionale senza l' ammodernamento e il potenziamento della rete ferroviaria storica (sia quella dell’ex Ferrovie dello Stato, che quella delle ex Ferrovie Calabro – Lucane). L'assenza di investimento e le carenze infrastrutturali sono la causa dell'inadeguatezza dell' offerta rispetto alla domanda di mobilità espressa dai cittadini calabresi; affrontare, in particolare, lo sviluppo dell'infrastrutturazione per il trasporto pubblico delle città e delle aree interne, integrato con il Servizio Ferroviario Regionale; reintrodurre nella normativa regionale (per ciò che concerne il Trasporto pubblico locale) la facoltà in capo all’Ente locale di affidare direttamente il servizio a propria azienda, società o consorzio, a fronte delle possibilità concesse dalla legislazione vigente ( Superamento dell'obbligatorietà delle gare per l'affidamendo del servizio di trasporto pubblico locale - prevista dall'attuale normativa regionale - applicando la recente modifica del Tu degli Ee. ll. (art 113) che prevede, per le aziende a capitale pubblico, l'affidamento diretto del servizio senza gare); garantire le esenzioni tariffarie per disabili e pensionati; garantire agevolazioni tariffarie a studenti e lavoratori. Il Piano dei trasporti - conclude - e della mobilità, riteniamo, deve coinvolgere il territorio, i cittadini ed i Consigli comunali in particolare, le organizzazioni sindacali e gli studenti. Esso deve essere il risultato di una grande partecipazione democratica, per garantire il diritto alla mobilità dei cittadini».

Finanziamenti e mutui • Cancellazione e riabilitazione • protesti (cambiali o assegni) Aggiornamento • Banche Dati Prestiti personali • Istruzioni pratiche • finanza agevolata Leasing • strumentale e immobiliare Cessione • del Quinto e Delega di Pagamento Visure • on line u.i.c. A 60164


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 23

CALABRIA CATANZARO Il Cis, comitato insegnanti di sostegno, critica l’atteggiamento dell’Ufficio Scolastico Regionale che non darebbe risposte

«L’Usr continua a negare l’evidenza»

«Siamo stanchi di avere ormai da anni mezze risposte, smentite e conferme in contemporanea» CATANZARO — «Non resta altro da fare che complimentarsi con l’incredibile e al limite ormai del grottesco atteggiamento dell’Ufficio Scolastico Regionale, che continua a negare un’evidenza ormai sotto gli occhi di tutti» si legge in uan nota della Cis, comitato insegnanti di sostegno. «L’inadeguatezza di questo nostro Ufficio Scolastico - prosegue la nota - a dare risposte su una questione importante e delicata come quella del sostegno è ormai fin troppo evidente, anche ai nostri cari politici locali che elegantemente la ignorano da mesi. Dall’ormai lontano 2 ottobre, genitori, insegnanti e associazioni di tutela che portano avanti questa battaglia (che non doveva neanche iniziare) hanno chiesto al Direttore dell’Usr ulteriori approfondimenti e ri-valutazioni in merito ai posti esistenti, ad anno scolastico iniziato, dunque quando già i tagli imposti dalla Finanziaria avevano cominciato a dare purtroppo, frutti concreti anche a Catanzaro. I genitori hanno posto delle istanze di disagio reale, producendo documentazioni riferite alla gravità delle diagnosi dei propri figli e manifestando con dignità il proprio sconcerto per l’illegittimità e l’arroganza di provvedimenti che li penalizzano oltremodo e li lasciano sempre più ai margini di quella società in-civile che dovrebbe tutelarli e che si era prefissata di integrarli con percorsi speciali, ma nella scuola di tutti, garantendoli sempre. La normativa in merito è notevole, ma disattesa appieno. Si potrebbe dire: “qui muore la legge 104 del ‘92”, che gli altri Paesi civili ci invidiano. Lo stato forma insegnanti specializzati a tutela del bambino diversamente abile per poi togliere loro il lavoro, volendo ridurre così con il loro stipendio da fame il debito pubblico! Nella conferenza stampa-monologo(visto che non ha più voluto incontrare le parti) il Direttore Generale Mercurio con la “ palesata sensibilità” con cui si autocelebra, spiega che i posti in deroga non sono più previsti e che

l’informazione su questa vicenda “è scorretta”! Ma già da tempo sulla sua scrivania ci sono i provvedimenti dell’Usr di Cagliari del 2 ottobre (120 posti “ulteriori”), Bologna dell’8 ottobre(211 posti in “incremento”), che decretano, passaggi testuali, “interventi ampiamente in deroga per sostenere situazioni di particolare disagio sociale e territoriale”. Disagi evidentemente segnalati perché le modifiche a livello regionale per raggiungere la famigerata media nazionale del rapporto 12 hanno creato una inaccettabile decurtazione delle ore specie nei casi gravi (rapporti fino a 1-3,1-4), se non la completa assenza dell’insegnante di sostegno per chi, lo ribadiamo da tempo, è la risorsa della classe, cioè il bambino diversamente abile, ma che per la logica dei numeri è lì, abbandonato a se stesso e affidato spesso ai salti mortali dell’insegnante di classe o all’aiuto di qualche collaboratore. Caro Direttore spiegano -, i posti in deroga non sono “fantomatici” o a “detta di molti”, come lei asserisce, ma verità ampiamente documentate e con l’iscrizione di quel Ministero di cui ci pare lei sia un dipendente, e che lei sembra disconoscere con tanta sicurezza. Ci scusi, ma qui ci siamo persi, non riusciamo a capire più, sarà perché stanchi da anni ormai di avere mezze risposte, smentite e conferme in contemporanea, atteggiamenti sufficienti o di stizza, errori di piccola e grossa taglia ecc. Sarebbe ora di fare chiarezza e tenere un atteggiamento conforme alla legge ministeriale che chiede agli Usr e agli Usp la trasparenza negli atti amministrativi che non abbiamo mai avuto, mai. Violando ogni norma sulla trasparenza l’Ufficio Scolastico (ma citiamo solo un caso) non pubblica ad esempio i 24 posti decretati il 5 settembre sulle assegnazioni provvisorie, impedendo a terzi di tutelare i propri diritti controllando la propria posizione ed eventualmente facendo ricorso, perché convoca per telefono e non rende pubbliche queste opera-

CATANZARO — «In preparazio-

CATANZARO La Cgil sta incontrando i lavoratori per informarli sui motivi del mancato accordo e sull’azione di protesta

ne dello sciopero previsto per domani del lavoro pubblico sono state intensificate le relative assemblee dei lavoratori ed è prevista per la stessa giornata una manifestazione regionale che si terrà presso il Cinema Comunale di Catanzaro» si legge in una della Cgil. «Durante le assemblee - proseguono Genco e Veraldi - presso le varie sedi degli uffici pubblici Calabresi la Cgil sta incontrando i lavoratori per informarli sui motivi per i quali l'accordo non è stato sottoscritto dalla nostra organizzazione e sulla conseguente azione di protesta con la necessità di una massiccia partecipazione alla suddetta giornata di sciopero. Ancora una volta stiamo chiarendo e non solo ai pubblici dipendenti, ma anche a tutta la cittadinanza, la nostra posizione rispetto alla mancata sottoscrizione che mette in evidenza che il Protocollo sul Pubblico Impiego firmato il 30 Ottobre, solo da una parte delle Organizzazioni Sindacali, non può essere considerato un successo per i pubblici dipendenti e nemmeno un esempio da seguire nelle relazioni sindacali del nostro paese». «La prima grave incongruenza - chiariscono anche Tonino Meliti e Alfredo Iorno -rispetto all'accordo è quella della previsione di

zioni sul sito, proprio a dimostrazione di regolarità e trasparenza. Siamo arcistufi di venire a sapere perché “si sparge la voce” di sedi e posti dati o tolti, di regolamenti “interpretati”, di inspiegabili e inaccettabili “sotterfugi”, di magici “rimescolamenti” di posti per favorire questo o quello, di improvvise convocazioni. Il disagio territoriale e le esigenze reali per incrementare i posti Catanzaro li ha dimostrati eccome e solo chi vive ogni giorno la scuola, può sapere quanto siano reali e urgenti. Quali i vostri “interventi concreti” a favore della disabilità? Forse gettare fumo negli occhi dell’opinione pubblica sbandierando 20 posti mai dati sull’organico di fatto, ma unicamente esistenti tra fine luglio e primi di agosto come passaggi in ruolo da graduatoria e concorso (quindi organico di diritto) che non ha certo concesso il Dirigente (visto che si stava ancora per insediare?) Avremmo voluto capire di più e meglio, specie questa perequazione tra province che ha messo vergognosamente in ginocchio Catanzaro! A mettere il dito nella piaga della nostra classe docente ormai svilita della sua dignità professionale e a puntarlo ancora contro le palesi e inaccettabili bugie di questo Ufficio arriva in data 23 ottobre in risposta all’interrogazione del sottosegretario Pizza la decisione del Dirigente Usr della Sicilia che “ha potuto autorizzare”. Ulteriori 46 posti a Catania e 26 a Palermo, per un totale di 72 nuovi posti. Continuino l’Usr e l’Usp a dire il falso, a non dare risposte. Direttore, se è nel giusto, smentisca fatti, prove; neghi l’impegno reale profuso dagli altri Uffici Scolastici e che ha prodotto effetti concreti a favore della diversabilità. Il ministro saprà nelle mani di chi sono i nostri figli e il nostro futuro lavorativo? Ministro caro, le sono giunte sulla scrivania le istanze di Catanzaro? Capiamo conclude - che è tanto presa dalla sua avvincente riforma, ma sappia che, come al solito, siamo figli di un Dio minore»

Rdb-Cub Università: No alla trasformazione in Fondazioni CATANZARO — «Con il decreto del 6 novembre «il governo cambia tattica, cercando con qualche elemosina, al diritto allo studio, ai concorsi, all'edilizia universitaria, interlocutori istituzionali, dato che con il movimento preferisce confrontarsi con insulti e manganellate». A sostenerlo è la Rdb-Cub Università, in merito alla riforma Gelmini. «Da questo decreto - è scritto in una nota - esce rafforzata la riforma che andrà a legittimare norme e progetti di trasformazione degli atenei in Fondazioni, tagli e affossamento degli atenei non virtuosi, blocco delle stabilizzazioni, tagli ai salari e ai posti del personale tecnico-amministrativo». «La Baronia - afferma la RdbCub - pur diffidente considera questo decreto un passo avanti anche se insufficiente, il Pd accetta la logica premiale degli atenei virtuosi e anche la prospettiva di trasformazione delle università pubbliche in Fondazioni. Segnali di ambigua prudenza vengono dai sindacati confederali che, al di là delle dichiarazioni roboanti, non si discostano più di tanto dalla

nanziaria. Infine esprimiamo un giudizio negativo rispetto al rapporto tra il risultato dell'intesa e quanto conseguito con gli incrementi economici nei due bienni precedenti, quando a fronte di un'inflazione stimata al 2%, i lavoratori pubblici hanno ricevuto un aumento rispettivamente di 103 e 101 Euro, nel mentre nell'attuale condizione con un'inflazione raddoppiata si offrono, secondo la nostra stima, 68 Euro e relativamente all'indennità di vacanza contrattuale sono disponibili solo 8 Euro lordi mensili che corrisponderebbero a 104 Euro in un anno e che ancora una volta smentirebbero le affer-

«Il Protocollo sul Pubblico Impiego non è considerato un successo per i pubblici dipendenti»

«Bisogna riaprire l’Università ai bisogni della società»

Esercito a scuola ll Comando Militare Esercito “Calabria”, nell’ambito delle proprie attività Istituzionali, ha promosso un ciclo di conferenze nelle scuole che si svolgerà in ambito Regione Calabria con l’obiettivo di portare ai giovani calabresi l’offerta occupazionale proposta dallo Stato Maggiore dell’ Esercito. Per tale scopo, il “CME Calabria”, sarà presente domani alle ore 9 Liceo Artistico e alle ore 11 presso Istituto Tecnico Commerciale “L. Enaudi” con un proprio team qualificato per promuovere, in particolare, il Bando di Concorso per i Volontari in Ferma Prefissata di anni L’iniziativa è stata accolta con grande entusiasmo dai Dirigenti Scolastici, Prof. Afeltra Silvana del Liceo Artistico e dal Prof. Gallo Mario Antonio dell’ Istituto Tecnico Commerciale “L. Einaudi” che hanno inteso così fornire una favorevole occasione orientativa per il successivo inserimento dei giovani studenti nel mondo del lavoro.

Domani lo sciopero del pubblico impiego risorse disponibili per lo stesso, che non ammontano a 6 Miliardi di Euro, per come affermato dal Ministro Brunetta, ma possono contare su soli 5,071 Miliardi di Euro per come previsto dall'art.3 del ddl della Finanziaria. Risulta chiara la difficoltà per il rinnovo dei Ccnl pubblici con incrementi a regime che per il 2007 ammonterebbero al 3,08% e senza alcuna risposta certa rispetto ai previsti tagli di Gennaio prossimo, che qualora dovessero essere restituiti non possono certamente essere barattati come incrementi contrattuali. Non spetta sicuramente alla Cgil spiegare come sia possibile la sottoscrizione di un contratto che relativamente alla contrattazione integrativa preveda incrementi non definiti e come tra l'altro sarebbe possibile interpretare la restituzione dei tagli come una sorta di risultato contrattuale esigibile. Inoltre quale valore assegnare ad un protocollo che non reca la sottoscrizione del Ministro dell'Economia se non il sospetto che rispetto allo stesso accordo non esisterebbe la copertura fi-

tradizionale politica di tenere il sacco alla baronia tuonando contro i tagli ma ignorando le pesantissime responsabilità della casta baronale che ha portato il sistema universitario sull'orlo del fallimento sia per la gestione disastrosa degli atenei sia per le riforme privatistiche e aziendalistiche che hanno portato avanti sotto dettatura della Confindustria». «Proprio a causa della crisi dell'Università pubblica - prosegue la nota - una vera riforma è urgente e necessaria. Ma per cancellare, e non continuare, le sciagurate riforme baronali e confindustriali. Bisogna riaprire l'Università ai bisogni della società, fare sistema tra gli atenei nella didattica e nella ricerca, garantire la mobilità sociale, investire sulla gioventù e restituire dignità e diritti alla massa dei precari e ai lavoratori tecniciamministrativi».

mazioni di chi pretestuosamente afferma che tale indennità ammonterebbe a 165 Euro annue. Come è del tutto evidente manca una risposta seria alla attuale crisi del paese che in questa fase avrebbe dovuto essere affrontata con un aumento dei salari in grado di incentivare la domanda e con la previsione della stabilizzazione dei lavoratori precari per i quali invece, così rimanendo le cose, per il prossimo luglio è previsto il licenziamento. Così si è voluta aprire una fase cruenta della vita del nostro paese che per risposta sta ricevendo la mobilitazione, gli scioperi e che sicuramente influenzerà la stagione dei rinnovi contrattuali. Per questi motivi in Calabria scioperiamo domani ed invitiamo alla massima partecipazione i lavoratori pubblici, garantendo a quest'ultimi che l'impegno della Cgil Calabrese continuerà anche nei giorni successivi e sarà mirato a sottoporre al giudizio dei lavoratori pubblici calabresi l'intesa da noi non sottoscritta». «In questo compito - si legge ancora nella nota - di grande democrazia vorremmo

essere accompagnati da Cisl e Uil che quell'accordo hanno firmato e che se il giudizio dei lavoratori dovesse essere negativo dovrebbero provvedere a ritirarne la firma. Questa sfida non deve essere persa e siamo sicuri che il lavoro pubblico calabrese risponderà a questo prova con un ruolo di necessario protagonismo in grado di contribuire anche per il futuro della Pa, attraverso un'azione di protesta che influenzerà oltre che i rinnovi contrattuali anche le riforme, il rinnovamento, la trasparenza e la legalità da mettere al servizio di adeguate risposte ai diritti di cittadinanza e per il sostegno allo sviluppo dell'economia regionale. Dunque domani giornata di sciopero dei lavoratori del pubblico impiego che si concluderà con una manifestazione presso il Cinema Comunale di Catanzaro. Il tutto è legato alla evidente mancanza di una risposta seria alla attuale crisi del paese che in questa fase avrebbe dovuto essere affrontata con un aumento dei salari in grado di incentivare la domanda e con la previsione della stabilizzazione dei lavoratori precari per i quali invece, così rimanendo le cose, per il prossimo luglio è previsto il licenziamento.


24 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Il consigliere comunale Riccio soddisfatto dell’opera del Questore De Felice che anche nella zona sud sta ottenendo risultati brillanti

«Positivo impegno delle forze dell’ordine»

«Inoltre verrà ampliata la videosorveglianza anche a Santa Maria, all’Università e al Centro Agroalimentare» CATANZARO — «Che la nostra

città non sia esente da problemi legati alla sicurezza lo si sapeva già, nonostante il luogo comune che vuole rappresentarla come isola felice all’interno di un contesto, quello calabrese, dove la criminalità organizzata è una dannosissima quanto capillare “industria”» si legge in una nota del Consigliere Comunale Eugenio Riccio, Delegato alle politiche della Sicurezza. «Già altre volte prosegue -, e non di rado, è stato fatto giustamente rilevare come anche nel capoluogo di regione la problematica indotta dal malaffare della macrocriminalità sia purtroppo presente accanto ai soliti e più diffusi fenomeni di microcriminalità. Ecco perché salutiamo con soddisfazione l’impegno che le forze dell’ordine sembrano aver messo in campo con la finalità precisa di contrastare la situazione e garantire condizioni di vivibilità, soprattutto laddove i cittadini catanzaresi lamentano e vivono con drammatica consapevolezza e frustrazione le difficoltà oggettive derivanti dalla illegalità. Si tratta di fenomeni presenti in modo particolare in alcuni territori della città, segnatamen-

te in quelli della zona sud. Nel quartiere marinaro - continua Riccio - il questore Arturo De Felice, che al momento del suo insediamento a Catanzaro aveva promesso grande intensità nell’attività di controllo del territorio con una polizia di prossimità, ha disposto l’ottima presenza costante di una volante nell’arco delle ventiquattro ore, ciò che contribuisce a presidiare una zona calda e popolosa del capoluogo di regione. Sempre presso il lido cittadino si registrano i brillanti risultati con arresti e denunce da parte della locale Stazione Carabinieri. Ulteriori segnali di presidio del territorio e contrasto al malaffare ravvisiamo nei servizi ad hoc predisposti nella zona sud della nostra città grazie alle iniziative messe in campo dal Comandante Provinciale dei Carabinieri, colonnello D’Angelo, con perquisizioni nei quartieri a rischio (Pistoia, Aranceto, Corvo). Analoghi interventi vengono effettuati dalla Polizia di Stato che sta disponendo servizi continui nelle medesime zone cittadine. Non c’è dubbio che accanto alla maggiore presenza delle forze dell’ordine ed ai risultati conseguiti stia

migliorando la percezione dei cittadini che abitano nei quartieri a sud della città, soprattutto alla marina, rispetto al tema della sicurezza. Si aggiunga che a giorni verrà ampliata ed attivata la videosorveglianza in alcuni punti critici quali il crocevia di Santa Maria, l’Università Magna Grascia, il Centro Agroalimentare. La marina sarà interessata dalla videosorveglianza nelle zone di Piazza Anita Garibaldi, Corso Progresso, Lungomare (altezza Bar Cremino), zona porto, dopolavoro ferroviario. In un momento in cui, a livello nazionale, c’è una bassa percezione della sicurezza da parte della gente, interventi come quelli sopra menzionati pur non risolvendo alla radice le cause dei problemi possono sicuramente contribuire a rafforzare il concetto indispensabile di presidio del territorio, e dare un segnale evidente di vicinanza alla popolazione. Tale vicinanza conclude - deve essere garantita tutto l’anno e bisognerà lavorare perché si rafforzi ancora di più il controllo delle zone a rischio affinché gli operatori del malaffare vengano isolati e il concetto di legalità sia diffuso maggiormente».

Catanzaro, Confindustria: domani l’incontro sui modelli organizzativi CATANZARO — «Il Dlgs. 231/01 ha introdotto, per la prima volta nel nostro ordinamento, la responsabilità amministrativa e penale, per specifiche tipologie di reato commesse da amministratori e dipendenti delle imprese» si legge in una nota di Dario Lamanna (Confindustia). «A seguito dell'entrata in vigore della legge regionale n. 15 del 21 giugno 2008 - prosegue - di "Adeguamento al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231", entro il prossimo 31 dicembre, tutte le imprese che operano in regime di convenzione con la Regione Calabria, sono tenute ad adeguare i propri modelli organizzativi a quanto statuito dal suddetto decreto legislativo. In particolare, l'art. 54 prevede che il mancato adeguamento alla normativa in oggetto comporta l'impossibilità a rinnovare o stipulare alcuna convenzione con la Regione Calabria. A tal pro-

posito, Confindustria Catanzaro, in collaborazione con affermati professionisti particolarmente esperti nella materia, ha inteso promuovere un momento di approfondimento con tutti gli associati, per analizzare compiutamente la materia e le sue immediate ricadute sull'attività d'impresa. In tale direzione conclude -, Confindustria Catanzaro organizza domani alle ore 16 e 30, presso la propria sede (Sala “Guglielmo Papaleo” via Eroi 1799), uno specifico seminario tecnico “I modelli organizzativi in ottemperanza al Dlgs 231/01”, cui parteciperanno oltre il Presidente di Confindustria Catanzaro, Giuseppe Speziali, l’ing. Stefano Cucurachi ed il dott. Ottorino Pomicio della Tuv Italia e l’ing. Antonio Borello, Integra srl». Domani dunque presso la sede di Confindustria Catanzaro l’inocntro relatico al Dlgs 231/01

Il convegno sulla gestione del rischio clinico

Catanzaro, Cfs: stabilizzati 75 operai a tempo determinato

CATANZARO — “Gestione del rischio clinico e della responsabilità professionale delle Aziende Sanitarie”, è l’argomento di un interessante convegno tenutosi nell’Aula Magna dell’Istituto “Scalfaro” di Catanzaro, organizzato dalla segreteria provinciale della Cisl Medici, in collaborazione con il Comlas (società scientifica dei medici legali delle Aziende Sanitarie). La complessità strutturale e organizzativa delle attività svolte in ambito sanitario impone la promozione e l’adozione di strumenti efficaci a garantire la sicurezza degli utenti e dei lavoratori. L’attenzione agli errori ed agli incidenti che possono verificarsi durante le cure si è acuita anche per il maggiore interesse del cittadino alle problematiche inerenti la salute, per l’assiduità con cui i mezzi di comunicazione segnalano casi di malpratice e per la consequenziale crescita esponenziale dei premi assicurativi. Ciò ha portato negli ultimi anni, ad una crescita della cosiddetta “medicina di-

CATANZARO — Si è concluso positivamente l'iter avviato dal Corpo Forestale dello Stato per la stabilizzazione nella provincia di Catanzaro di 75 operai a tempo determinato per come indicato dalla Legge 266/2005. Lo rende noto un comunicato stampa dello stesso corpo. Si tratta di operai, alcuni dei quali con anzianità lavorativa di oltre dieci anni, che il Cfs annualmente assumeva ai sensi della Legge n°124/1985 per impiegarli in attività di tutela, salvaguardia e promozione delle Riserve Naturali dello Statonella Sila Catanzarese. I lavoratori, ora con contratto a tempo indeterminato, proseguiranno ad operare alle dipendenze del Reparto del Cfs denominato "Ufficio territoriale per la biodiversità", diretto dal Vice Questore Aggiunto Forestale Nicola Cucci. «Siamo molto soddisfatti - recita la nota del Cfsdella stabilizzazione di operai che con la loro professionalità e com-

CATANZARO Cisl medici in collaborazione con il Comlas ha organizzato l’incontro presso l’Istituto “Scalfaro”

fensiva”. Nel convegno sono stati trattati argomenti relativi all’individuazione del rischio clinico, agli strumenti necessari per la sua prevenzione e gestione nelle organizzazioni sanitarie, alla responsabilità professionale ed alle tutele assicurative degli operatori sanitari. Hanno aperto i lavori il Segretario Nazionale della Cisl Medici dottor Giuseppe Garraffo ed il segretario provinciale dottor Nino Accorinti sottolineando come nel contratto nazionale di lavoro, recentemente sottoscritto, «è stato posto l’ accento sulla tutela legale e sulla copertura assicurativa del dirigente medico. Le Aziende dovranno provvedere ad attivare tali istituti di garanzia per il dirigente medico, a favorire l’ottimale funzionalità dei sistemi di gestione del rischio clinico e a garantire idonee modalità e sistemi di assistenza legale e medico legale al verificarsi dell’evento avverso. Ciò per non fare del medico il capro espiatorio di quel che non va in sanità attribuendogli

responsabilità ed errori che sono anche degli organi di vertice. Non si può certamente difendere chi sbaglia ma occorre prevenire gli errori non dimenticando gli aspetti positivi, i medici corretti e la medicina che funziona». E’ stato sottolineato che il rischio clinico, nato come processo decisionale di tipo preventivo con una connotazione di tipo difensivo, è diventato un insieme di procedure finalizzate al miglioramento della qualità delle cure ed allo studio degli eventi indesiderati. Attualmente il tema del rischio clinico si pone come problematica di rilevanza nazionale che interessa vari settori dell’assistenza sanitaria. Il convegno si è concluso con una sessione che si è occupata in modo approfondito della responsabilità professionale degli operatori sanitari e delle strutture del Ssn con un’ ampia esposizione dagli aspetti giuridici in senso stretto alla responsabilità civile e penale di tutti gli operatori sanitari per finire con gli aspetti assicurativi.

petenza hanno contribuito nel corso degli anni alla attuazione di qualificati modelli gestionali delle Aree Protette della Sila. Nell'organico entrano operai in possesso di varie qualifiche, dal boscaiolo al muratore, dal motoseghista al falegname; ma anche collaboratori scientifici e guide naturalistriche che verranno impiegati in interventi selvicolturali ed in attivita' di manutenzione e gestione delle infrastrutture destinate alla educazione ambientale e promozione delle Aree Protette della Sila, realizzate dal Corpo Forestale dello Stato nel Centro Visita "A. Garcea" in loc. Monaco-Villaggio Mancuso e nel Centro Visita di loc. Buturo. Un ringraziamento - conclude la nota - va anche alle organizzazioni sindacali di categoria: Uil, Cisl e Cgil che hanno operato congiuntamente al Corpo Forestale dello Stato per il raggiungimento del prezioso traguardo».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 25

CALABRIA CATANZARO “Immigrati ed Anziani, insieme per vivere meglio” sarà presentato nell’ambito del 2° convegno internazionale sulla qualità del welfare

Il progetto dell’Asp a Riva del Garda Questo successo dimostra che anche dal nostro territorio possono nascere esperienze avanzate di tutela della salute CATANZARO — «Dalla sanità catanza-

rese arriva un esempio positivo di innovazione e flessibilità». Con questa breve, ma significativa motivazione, l’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro è stata selezionata per presentare i contenuti ed i risultati del progetto denominato “Immigrati ed Anziani, insieme per vivere meglio”, nell’ambito dei lavori del 2° convegno internazionale sulla qualità del welfare, che si si terrà a Riva del Garda da oggi al 15 novembre. Il progetto realizzato dall’Asp di Catanzaro riguarda un innovativo sistema di servizi domiciliari integrati in cui per l’erogazione dei servizi socio-assistenziali sono stati impiegate circa 15 donne straniere, opportunamente selezionate e formate. L’iniziativa è stata realizzata nel terriCATANZARO — Brillante afferma-

zione del catanzarese Giovanni Grillo, giovane chef dello storico ristorante marinaro “La Brace” di Mimmo Stillo, classificatosi al secondo posto al “Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce”, svoltosi a Fano e giunto alla sua sesta edizione. Una manifestazione unica nel suo genere, in cui i sedici concorrenti in gara (quindici in rappresentanza delle regioni italiane che si affacciano sul mare più il rappresentante della città ospitante, Fano per l’appunto) si sono posti a confronto in una disfida concentrata sui brodetti e sulle zuppe di pesce. La giuria, composta tra l’altro da sei tra i più quotati gourmet d’Italia (Fiammetta Fadda di “Panorama”, Marco Bolasco del “Gambaro Rosso”, Eleonora Cozzella di “Kataweb Cucina”, Andrea Grignaffini di “Spirito Divino”, Luciano Pignattaro de “Il Mattino”, presieduti da Enzo Vizzari de “La guida dell’Espresso”) ha assegnato al giovanissimo chef calabrese il prestigioso premio. Si tratta di un piatto presentato alla perfezione dal giovanissimo chef calabrese (22 anni), al CATANZARO — «In merito alle re-

centi polemiche apparse sulla stampa relativamente all’operato del Coordinatore Provinciale Uilpa Difesa conseguenti ai contenuti della trasmissione della 7 “exit uscita di sicurezza”, la scrivente Segreteria Nazionale esprime piena solidarietà e condivisione dell’operato del proprio dirigente sindacale sopraccitato» si legge in un comunicato che Coordinatore Pro-

torio del distretto socio-sanitario di Catanzaro Lido ed ha permesso di mantenere nella propria abitazione oltre 20 anziani e/o disabili a rischio di ricovero presso strutture residenziali. A relazionare all’importante assise scientifica di Riva del Garda, dove si confronteranno le più avanzate esperienze internazionali in campo sociale e sanitario, saranno il dr. Maurizio Rocca e il dr. Franco Caccia, rispettivamente direttore sanitario e dirigente sociologo dell’azienda sanitaria di Catanzaro. «Pur a fronte di diverse difficoltà, afferma il dr. Rocca, i successi ottenuti con la nostra sperimentazione, documentata dal gradimento registrato presso le popolazioni e dai diversi riconoscimenti ottenuti dal progetto a livello nazionale, dimostra co-

me vi siano soluzioni possibili per le richieste dei cittadini che non richiedono investimenti in strutture, bensì flessibilità e creatività organizzativa. La salute dei cittadini è un impegno condiviso tra soggetti ed istituzioni diverse, ed anche nelle risposte è necessario fare squadra per realizzare un circuito virtuoso tra aziende sanitarie, comuni ed organizzazioni non-profit. E’ sicuramente un nuovo approccio per un territorio che finora è stato abituato a misurare la qualità dell’offerta sanitaria solo attraverso la quantità delle strutture presenti. L’obiettivo del benessere si raggiunge sempre più attraverso una politica di promozione volta a incidere sui “determinanti di salute» che chiamano in causa condizioni socio-economiche da cui spesso discen-

dono gli stili di vita, politiche ambientali, sistema di relazioni, livelli di istruzione.. «Siamo riusciti a realizzare una buona prassi, vale a dire un esempio di sanità da imitare - precisa il Franco Caccia ideatore del progetto, perché abbiamo cercato una nuova soluzione ai mutati bisogni di assistenza dei cittadini, sempre più interessati a servizi socio-sanitari erogati a domicilio. In particolare, aggiunge il sociologo, siamo riusciti a raggiungere una sintesi virtuosa tra le istanze generate dai due principali fenomeni sociali in atto nelle società moderne: invecchiamento della popolazione, con relative richieste di servizi, aumento di donne straniere presenti sul territorio, motivate a trovare un lavoro. Se è vero che da diversi anni, anche nel nostro territorio

provinciale, si è registrato un forte aumento dell’offerta di servizi domiciliari da parte di “badanti” straniere, spesso in maniera sommersa, è pur vero che le istituzioni pubbliche per troppo tempo sono rimaste a guardare. E’ necessario colmare un vuoto di coordinamento e recuperare il ruolo del pubblico attraverso interventi integrati in aree strategiche quali l’analisi e la valutazione dei bisogni delle persone da assistere a domicilio». Il progetto dell’azienda sanitaria catanzarese dimostra che anche dal nostro territorio possono nascere esperienze avanzate di tutela della salute. Ciò che appare evidente è che le trasformazioni sociologiche in atto nella popolazione sono sfide da cogliere per dare vita ad un nuovo modello di assistenza.

CATANZARO Successo per il giovane chef dello storico ristorante marinaro “La Brace” di Mimmo Stillo

mente spinati prima della loro cottura. Pesci che vanno dalla coda di rospo, merluzzo, triglie, seppie, ai crostacei, gamberi, cozze, vongole, più qualche variante di pescata. Il tutto con pomodorini rigorosamente pachino, aglio, peperoncino, sale ed olio extravergine d’olivo quanto basta viene servito con uno spruzzo di erba cipollina e crostini di pane». Top secret, invece, per quanto concerne l’intero procedimento. «Questo -se mi è consentito - è un segreto della cucina. Piuttosto invito tutti a venire a gustare questo piatto, facendolo precedere, magari, da un primo, sempre rigorosamente a base di pesce, ad esempio le mezze lune al profumo di mare con un ripieno di pescatrice e merluzzo, completandolo il pasto con una nostra speciale mousse». Come dire: signori, il pranzo è servito. Resta solo da aggiungere: “buon appetito” assaporando una cucina di inventiva e di modernità, a conferma che la scuola di pensiero di Mimmo Stillo risulta ancora una volta vincente.

Grillo secondo al Festival delle Zuppe di Pesce servizio dello storico ristoratore Mimmo Stillo, garanzia assoluta di qualità espressa attraverso il suo ristorante, che da oltre mezzo secolo offre alla propria clientela una incredibile selezione di materie prime, unite ad un servizio impeccabile ed una assoluta attenzione per la cucina. «Essere stato premiato alla mia giovane età - ha sottolineato Giovanni Grillo - è stato per me motivo di grande orgoglio, anche perché sono ritornato a casa, da Fano, con un bagaglio di esperienza non indifferente. Quello che ho maggiormente apprezzato della manifestazione è il fatto che la stessa ha dato la possibilità a diverse tradizioni di incontrarsi in cucina e questo è proprio ciò che dà la spinta all’innovazione dei piatti». Da parte sua, Mimmo Stillo, vero talent scout, possiamo dirlo, di intere generazioni di chef, così spiega la partecipazione del “suo” Giovanni al festival

Il piatto vincente è stata la zuppa dello Ionio, una combinazione di aromi con tutte le qualità dei pesci Internazionale di Fano. «Ho ritenuto portarlo - ha evidenziato non soltanto per premiare le sue notevoli capacità, ma anche per una crescita professionale che, alla sua giovane età, è importante per il prosieguo di quella che è e che sarà la sua professione. Devo aggiungere che, per quel che mi riguarda, l’essere stato il mio locale prescelto a rappresentare la Calabria mi riempie di gioia, una soddisfazione che ripaga

Catanzaro, Uilpa difesa a sostegno di Di Donna vinciale Uilpa Difesa di Catanzaro ha ricevuto dal corrispettivo Direttivo Nazionale. «Il Di Donna sottolinea il segretario Sandro Colombi - Coordinatore Provinciale Uilpa Difesa ed evidentemente per

un refuso di stampa è stato indicato impropriamente come Coordinatore Provinciale Uilpa. Le affermazioni contenute nel comunicato del Coordinatore Provinciale Uilpa Difesa non fanno che rispecchiare

l’intera mia famiglia dai continui sacrifici che, in questa attività, si devono giornalmente sopportare». Già, perché oltre al “patron” Mimmo, all’attività dell’azienda, ora allargata con l’apertura del nuovo ed elegante locale a mare in quel di Giovino, collaborano la moglie signora Adriana e i due figli Patrizia e Nicola, mentre per quel che concerne la cucina, oltre al premiato Giovanni Grillo, c’è tutta l’esperienza dello chef Antonio Orlando, da oltre trenta anni dedito all’arte culinaria. Insomma uno “staff ” in cucina e fuori di primissimo ordine, che, giornalmente, invade i palati della vasta clientela. Ritornando al “piatto vincente” è lo stesso Mimmo Stillo, che ha ricevuto anche una pergamena di partecipazione, a spiegarne le qualità dei vari ingredienti. «La zuppa dello Ionio - ha chiarito - è una combinazione armonica degli aromi, con tutte le qualità dei pesci, interauna realtà evidente conclamata non suscettibile a nostro avviso di interpretazioni, ma evidenzia una situazione che la scrivente Os non ha mai mancato di evidenziare in tutte le sedi istituzionali. Gli interventi di questa Os in merito a questi argomenti si sono sempre caratterizzati per uno spirito costruttivo e tesi alla ricerca di soluzioni nell’interesse comune dell’Amministrazione e di coloro che operano e

Mario Mirabello

lavorano nel Ministero Difesa. Confidiamo - conclude - On. le Ministro La Russa sulla sua sensibilità politica che saprà ben distinguere le sterili polemiche giornalistiche da una legittima attività del sindacato tesa a denunciare disfunzioni e sprechi, che ha sempre evitato di creare contrapposizioni fra lavoratori con diverso status giuridico per i quali questa Os ha sempre manifestato grande rispetto».


26 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA CATANZARO Si è svolta ieri la prima udienza che vede imputato un professionista del capoluogo arrestato lo scorso dicembre

Abusi sulla figlia, al via il processo Nominato un perito che dovrà trascrivere un colloquio fra la presunta piccola vittima e sua madre

Il palazzo di giustizia

CATANZARO — Si è svolta ieri, davanti al tribunale di Catanzaro, la prima udienza del processo a carico del giovane professionista catanzarese arrestato lo scorso dicembre con l'accusa di abusi sessuali sulla figlioletta che ha meno di dieci anni. Il collegio presieduto dal giudice Antonio Saraco (a latere Emanuela Folino ed Assunta Maiore) ha nominato un perito che si occuperà di trascrivere un colloquio fra la presunta piccola vittima e sua madre, in cui la prima avrebbe raccontato quanto accaduto con il papà. In attesa del deposito della perizia, il processo è stato dunque rinviato al 28 gennaio. L'imputato finì in manette a metà dicembre dopo

circa un anno di indagini dei poliziotti della sezione della Squadra mobile specializzata nei reati in danno di minori, e coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica Simona Rossi. Poi, tre giorni dopo, lasciò il carcere di Siano per decisione del giudice per le indagini preliminari Camillo Falvo, che accolse la richiesta dei difensori Enzo De Caro e Antonio Rania, concedendo i domiciliari all'uomo, il quale adesso è completamente libero. Infine, il diciotto settembre scorso, il rinvio a giudizio da parte del gup Antonio Battaglia, che ha portato il professionista sul banco degli imputati, ieri, per rispondere delle gravissime accuse. Accuse che

egli aveva respinto in ogni modo, già nel corso del lungo interrogatorio di garanzia, durante il quale si dilungò nel riferire i rapporti con la sua ex moglie la cui denuncia, che fece partire le indagini della Polizia, sarebbe a suo dire solo un cumulo di calunnie dette per vendetta nei confronti del marito separato. La donna raccontò che al ritorno da una delle visite della bambina al padre, si accorse che qualcosa non andava dalle frasi pronunciate dalla figlia, la quale avrebbe fatto esplicito riferimento ad atti sessuali. I poliziotti poi verificarono i racconti della bimba trovando dei riscontri oggettivi, ed inoltre, dalla perizia informatica effettuata sul computer dell'uomo dopo la perquisizione domiciliare, risultò che il professionista avrebbe detenuto e divulgato attraverso la rete Internet, secondo l'accusa, materiale pedo-pornografico. L'imputato, dal canto suo, spiegò allora che in passato aveva a sua volta denunciato la moglie per inosservanza del provvedimento che gli riconosceva la facoltà di vedere sua figlia, e che oltre un anno addietro, e dunque prima che la donna lo denunciasse, aveva presentato un esposto al Tribunale dei minorenni di Catanzaro «poichè - spiegarono i legalidell’uomo - la figlioletta aveva raccontato, alla presenza di testimoni, di aver visto la madre fare l'amore con altra persona».

Soverato, per Luigi Campise rito abbreviato il 10 dicembre CATANZARO — E' prevista per il dieci di dicembre la sentenza nei confronti di Luigi Campise, imputato per l'omicidio aggravato della giovane ex fidanzata Barbara Bellorofonte, uccisa a colpi di pistola a Montepaone, sulla costa ionica catanzarese, nel febbraio del 2007. Ieri, davanti al giudice dell'udienza preliminare di Catanzaro, Antonio Battaglia, questa data è stata fissata per la trattazione del giudizio abbreviato, con la requisitoria del pubblico ministero Alessia Miele, la discussione degli avvocati di parte civile Enzo De Caro e Paolo Naso (rappresentano i genitori della vittima, Giuseppe Bellorofonte e Lucia Cosentino, e suo fratello Daniele), e di Salvatore Staiano, difensore di Campise. Il quindici ottobre, il dottore Giuseppe Carbotti, chiamato a pronunciarsi dal gup dopo che questi aveva preso visione degli esiti cui era giunto il consulente tecnico di parte della difesa di Campise, aveva concluso per la piena capacità di intendere e volere dell'imputato, sia pur rilevando alcune problematiche della personalità dell'uomo

che, però, non hanno compromesso la capacità del reo confesso al momento del delitto, nè quella attuale di stare in giudizio. Luigi Campise rimase in custodia cautelare per un anno, dopo aver sparato -il ventotto febbraio del 2007 - quattro colpi contro la sua ex fidanzata diciannovenne, spirata tragicamente in ospedale dopo venti giorni di coma. L'imputato finì in manette per aver confessato di aver premuto ripetutamente il grilletto contro Barbara, al culmine di una presunta crisi di gelosia dovuta all'intenzione della ragazza di troncare la loro relazione.

L’omicidio, a colpi di pistola, era avvenuto nel febbraio del 2007 a Montepaone


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 27

CALABRIA CATANZARO Ieri durante l’assise tanti gli argomenti posti all’ordine del giorno. Per primo è stato esaminato un documento relativo agli atti intimidatori a Talarico

Consiglio provinciale, approvati tutti i punti Wanda Ferro ha dato anche lettura di una lettera inviata al ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini CATANZARO — Sono stati tutti approvati gli argomenti posti all'ordine del giorno dei lavori del consiglio provinciale di Catanzaro. Come primo atto dei lavori l'assemblea provinciale, dopo l'approvazione del verbale della seduta precedente, ha esaminato e discusso un documento che è stato approvato ad unanimità in relazione agli intimidatori nei confronti del consigliere provinciale Franco Talarico. Documento che è stato predisposto dal presidente del consiglio Peppino Ruberto, e fatto proprio dalla conferenza dei capi gruppo consiliari. Il Consiglio esprime la più totale solidarietà al consigliere Franco Talarico ed alla sua famiglia ed inoltre condanna «con fermezza e determinazione gli attacchi gravi ed inaccettabili che offendono non solo un uomo delle istituzioni come l’Onorevole Talarico e la sua famiglia, ma anche la libertà e l'intera democrazia. Questi vili attentati si legge nel documento - devono essere contrastati con durezza da tutti gli organi Istituzionali e non, ognuno con i propri ruoli e le proprie competenze». Il consiglio provinciale invita «Talarico ad andare avanti con coraggio con il suo impegno politico e civile per l'interesse della sua città, della Provincia e dell'intera Regione». Anche perché sottolinea il consiglio provinciale «tali episodi non devono essere sottovalutati: è necessario - si legge ancora nel documento - che tutte le Istituzioni promuovano una riflessione per individuare risposte forti sul pia-

no culturale e sociale per dire no ad ogni forma di intimidazione. Piena fiducia è rivolta all' attività delle Autorità competenti affinché si individuino al più presto i responsabili dell' accaduto». Alla seduta del consiglio non era presente Talarico, perché come ha fatto sapere con una lettera inviata al presidente del consiglio impegnato a Roma per «concomitanti impegni istituzionali non rinviabili». Talarico comunque ha inteso «ringraziare tutti per la vicinanza e la solidarietà espressa, in questi momenti difficili, a me e alla mia famiglia». Sull'argomento sono interventi i consiglieri provinciali, Pasqualino Ruberto, che ha invocato sostegno anche per i vari imprenditori presi di mira dalla criminalità, Enzo Bruno, che sottolineato la necessità di una maggiore attenzione su Lamezia Terme, il presidente della Provincia, Wanda Ferro che ha rinnovato la solidarietà a Talarico, Pietro Putame, il quale ha esortato tutti a non fermarsi alle sole parole, ed il consigliere Emilio Verrengia. Subito dopo il presidente Ferro ha dato lettura di una lettera inviata al ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini, a nomea suo e del presidente del consiglio provinciale, Peppino Ruberto, con la quale chiede «una applicazione della riforma, meno impersonale e che tenga in conto le peculiarità del territorio». «Onorevole Ministro, questa - scrive la Ferro - non è la prima, né l'ultima, lettera che le perviene in merito alla Riforma da lei avviata, ma pure ri-

le condizione e che, su tali presupposti, hanno comunque avuto il coraggio di crearsi una famiglia». La Ferro ricorda al Ministro che «il Consiglio provinciale dell'Ente da me amministrato, ha espresso nella seduta del 5 settembre scorso la propria «solidarietà a questi insegnanti, pur esprimendo apprezzamenti per gli sforzi operati dall'Ufficio scolastico regionale che sta cercando di venire incontro alle esigenze dei docenti». Quindi la Ferro chiede al Ministro della Istruzione «un riesame di quanto determinato, nell'ambito della nostra Regione, prevedendo una applicazione meno impersonale e che tenga in conto le peculiarità del territorio». La lettera è stata condivida dall'intera assemblea provinciale che ha approvato, poi, ad unanimità un ordine del girono presentato dal Ferro in relazione al fondo aree sottoutilizzate. Un ordine del giorno con il quale il consiglio provinciale di Catanzaro chiede al Governo centrale che «nella ripartizione dei fondi Aree sottosviluppate di complessive euro 63 miliardi di cui 12 miliardi di euro sul programma 2007/2013 ed euro 2.4 miliardi, in via assolutamente prioritaria,1'85 % venga impegnato per interventi infrastrutturali del Mezzogiorno, come previsto dalla legge istitutiva del fondo medesimo». Inoltre chiede al governo che «all'interno di questo programma vengano reintegrati i fondi per gli interventi di ammodernamento e potenziamento della viabilità secondaria nelle Regioni

Sicilia e Calabria - Legge 27/12/2006 n. 296, art. 1 comma 1152 (finanziaria 2007) e Legge 24/12/2007, n.244 art. 2 comma 538 (finanziaria 2008)». Ordine del giorno che è stato deciso di inviarlo «ai Parlamentari Nazionali Calabresi, per attivarsi ed adoperarsi con proposte ed iniziative del caso per attuare e realizzare gli obiettivi di cui alle richiamate premesse». Il consiglio inoltre chiede «al Presidente della Regione Calabria, di sostenere le suesposte richieste al Governo, nell' ambito dei rapporti Stato-Regioni». A maggioranza, poi, con il voto contrario del centrosinistra il consiglio ha approvato le variazioni di bilancio. Mentre ad unanimità con l'astensione dei consiglieri di minoranza il consiglio ha approvato nove debiti fuoribilancio. Ad unanimità l'assemblea provinciale ha approvato il piano provinciale di riparto finanziario per il diritto alla studio, il regolamento della commissione provinciale pari opportunità tra uomo e donna, le norme per la costituzione ed il funzionamento della stessa commissione. E sempre ad unanimità il consiglio ha approvato i criteri generali per l'affidamento di incarichi esterni. Al centro della discussione anche due ordini del giorno quello presentato dal consigliere dell'Mpa, Pasqualino Ruberto, in merito alla realizzazione dell'aeroporto di Sibari e dal consigliere Emilio Verrengia, in relazione alla problematiche relative all'Istituto Superiore di Polizia Penitenziaria.

CATANZARO — «Migliorare l’organiz-

CATANZARO A Palazzo De Nobili l’incontro rivolto al personale enti locali presieduto dall’assessore alle risorse umane

prio ieri - ha concluso Granato - la dirigente del settore, dottoressa Carmelina Screnci, ha predisposto la rimodulazione della commissione per la selezione verticale interna dalla categoria B a quella di C, mentre la giunta, nell’ultima seduta, ha approvato la delibera per l’assegnazione di dieci borse di studio destinate ai lavoratori ed alla lavoratrici di palazzo de Nobili». I lavori del seminario sono proseguiti con le introduzioni affidate alla dottoressa Carmelina Screnci, dirigente del settore personale. Mentre le due sessioni studio hanno visto impegnati i relatori: dott Massimo Massara, psichiatra, il dott Giuseppe Cosentini, direttore unità operativa protezione aziendale dell’Asp di Catanzaro, il dott Antonio Meliti, segretario generale Cgil funzione pubblica di Catanzaro, la dottoressa Mary Trapani, presidente consorzio Laif di Rende, docente università della Calabria. Le conclusioni sono state affidate al dott Paolo Olliana, direttore generale di palazzo de Nobili.

zazione per migliorare il lavoro». E’ stato questo il tema della seconda giornata di formazione organizzata dalla Fondazione Centro di formazione permanente del personale enti locali presieduta dall’assessore alle risorse umane, Francesco Granato. L’incontro è stato aperto dallo stesso Presidente Granato, il quale, ha portato anche i saluti del sindaco Rosario Olivo, ed ha poi presentato il seminario spiegando come l’appuntamento «si inserisce in quel percorso formativo che il Centro, diretto dall’avv Roberto Di Tommaso, sta sviluppando riscuotendo grande interesse da parte dei destinatari. Un lavoro didattico che tiene conto delle difficoltà che il dipendente pubblico deve quotidianamente affrontare». L’assessore ha sottolineato l’impegno che l’amministrazione Olivo sta indirizzando al settore del personale. «Impegno - ha spiegato - contrassegnato, dalla nascita del Centro di formazione, ma anche da una serie di CATANZARO — Saranno intitolate a personaggi benemeriti dell’amministrazione comunale, le dieci borse di studio in favore dei lavoratori e delle lavoratrici di palazzo De Nobili. Lo ha deciso la giunta, presieduta dal sindaco Rosario Olivo, accogliendo una proposta dell’assessore alle risorse umane e professionali, Francesco Granato. Le borse di studio del valore di mille euro ciascuna verranno destinate a sei lavoratrici donne e quattro maschi che si iscrivono a corsi di laurea per il conseguimento di titoli accademici o a master in discipline attinenti alle varie aree di attività istituzionale proprie degli Enti Locali. «Da più anni in campo internazionale, comunitario e nazionale il datore di lavoro, privato e pubblico, è chiamato ad occuparsi di un tema di estremo interesse sociale: la parità sostanziale fra uomini e donne nel lavoro - ha spiegato Grana-

tengo dovuto, nella mia veste di Amministratore, farmi portavoce delle problematiche della scuola e degli insegnanti, anche connesse alle particolari difficoltà del nostro territorio ed alle conseguenze negative che una rigida applicazione della riforma potrebbe produrre. Le evidenzio, innanzitutto - prosegue la Ferro - che, anche per via della peculiare conformazione morfologica del territorio, la Calabria è tra le regioni italiane con il maggior numero di comuni caratterizzati da disagio abitativo e, conseguentemente, con plessi, per le scuole di ogni ordine e grado, in prevalenza inferiori a cinquanta, cento alunni». Alla luce di tale situazione di disagio, «è evidente scrive la Ferro al Ministro - che i tagli di personale, ma soprattutto l'accorpamento delle scuole e dei plessi sottodimensionati, non farebbero che aggravare il già complesso contesto sociale, sia in termini di dispersione scolastica che di disagio per le famiglieì». «Particolare difficoltà, per come rivelatomi dai cittadini, scaturirà - sottoliena al Ministro la Ferro - anche dalla prevista contrazione degli insegnanti di sostegno, che potrebbe rendere vani gli sforzi, sin qui prodotti, per perseguire un inserimento sociale di tanti disabili». Il presidente della Provincia di Catanzaro fa rilevare al ministro che «a tali conseguenze connesse all'istruzione, si vanno ad aggiungere le ripercussioni sul lavoro precario di tanti insegnanti che, ormai, lavorano da parecchi anni in ta-

La seconda giornata di formazione

azioni come l’adozione del codice di condotta per la tutela della dignità delle lavoratrici e dei lavoratori del comune con l’obiettivo di prevenire e combattere fenomeni di mobbing e realizzare concrete azioni positive di genere. Abbiamo anche istituito la giornata di ringraziamento dei lavoratori cessati dal servizio ed alcuni momenti di aggregazione attraverso l’iniziativa artistico - culturale artisti in Comune». E’ stato anche affrontato il tema della valorizzazione e lo sviluppo della carriera del personale attraverso le selezioni verticali interne riferite al 2007 e 2008 e l’avvio di reclutamento del personale esterno, sempre riferito allo stesso biennio, che porterà ad un incremento totale della dotazione organica di ulteriori settanta unità. «Pro-

I relatori

CATANZARO Premio del valore di mille euro che verrà destinato a sei lavoratrici donne e a quattro maschi

Dieci borse di studio a favore dei lavoratori to. Tant’è - ha proseguito - che l’obiettivo prioritario del Programma Obiettivo 2008, elaborato dal Comitato Nazionale per le Pari Opportunità, sulla base di quanto stabilito dalla legge 125/1991 è quello di promuovere la presenza femminile nel mondo del lavoro, per qualità e quantità, in una ottica di reale parità e di pari opportunità. La donna, a parità di qualifica, si è impegnata di più nella formazione professionale, altre che per l’acquisizione di un titolo di studio superiore, utile per l’affermazione personale e per la progressione di carriera e miglioramenti del trattamento retributivo». «L'accrescimento e l'aggiornamento professionale del perso-

nale dipendente- ha aggiunto il sindaco Rosario Olivo - sono un investimento fondamentale e un metodo d'azione permanente finalizzato al costante adeguamento delle competenze. Questo favorisce il consolidarsi di una nuova cultura gestionale improntata all’obiettivo di sviluppare l’attività professionale delle risorse umane. Il tutto a sicuro vantaggio dell’efficienza e della moderna azione della macchina amministrativa. E’ tanto forte il convincimento di quest’Amministrazione, ampiamente diffuso e condiviso anche dalle organizzazioni sindacali - ha aggiunto il primo cittadino - che ci ha portato all’istituzione della Fondazione “Centro di for-

mazione permanente per il personale degli Enti Locali” in forma associata tra enti locali limitrofi, di cui il Comune di Catanzaro è capo fila. La Fondazione ha, infatti, l’ambizioso obiettivo di pianificare, organizzare e somministrare, con economie di scala, formazione professionale in forma permanente e di alta qualità come del resto sta già avvenendo. L’istituzione delle dieci borse di studio, che intitoleremo a personaggi benemeriti di questa amministrazione- ha concluso Olivo - vuole significare un intreccio del principio delle pari opportunità e dello strumento dell'aggiornamento professionale costruito su una strategia nuova».

Il Circolo del Pd Proseguono a ritmo incalzante gli incontri del Coordinamento Provvisorio del Partito Democratico di Catanzaro Lido. A tal proposito è stato programmato un incontro con l’amministrazione comunale, con la quale si intende discutere per inquadrare le prospettive del quartiere e per analizzare gli eventuali benefici che deriveranno dal piano triennale. Questo sarà, dunque, l’argomento al centro del dibattito organizzato per domani alle 17 presso la sede del Circolo Territoriale di Lido, durante il quale i democratici incontreranno il Sindaco Rosario Olivo. Ad introdurre la discussione sarà il Coordinatore territoriale Carlo Bonifati, che stimolerà i presenti sul tema dello sviluppo di Lido, quartiere considerato dai democratici una risorsa enorme per l’intera provincia. All’incontro prenderà parte il Coordinatore Provinciale e consigliere regionale Piero Amato.


28 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA LAMEZIA TERME Il Cda della società di gestione dell’aeroporto ha ritenuto solido il quadro economico dello scalo della Piana

«Sacal, la situazione finanziaria è sotto controllo» Approvata l’importante pratica del progetto della nuova aerostazione che sostituirà l’attuale infrastruttura LAMEZIA TERME — Nonostante il momento di particolare difficoltà del trasporto aereo ed i continui cambiamenti nello scenario nazionale ed internazionale, il quadro economico riguardante lo scalo di Lamezia Terme e la sua Società di gestione rimane solido. Il Cda di Sacal dopo attento esame dei “numeri” dello scalo ed in particolare delle voci più importanti di bilancio, «non ha ritenuto necessaria alcuna convocazione di Assemblea Straordinaria dei Soci quale necessità per far fronte in particolare alle implicazioni economiche della vicenda AlitaliaCai. Questione, com’è noto, dai forti e complessi elementi di criticità proprio sul piano dei crediti verso le Società di gestione aeroportuali italiane (insieme naturalmente a diversi altri fornitori); e ciò sia riguardo il pregresso, che per quanto riguarda l’attività odierna e dell’immediato futura, svolta dal vettore». Il presidente di Sacal Eugenio Ripepe per far fronte al problema, si è mosso per tempo e nel concreto, adeguatamente supportato da Assaeroporti, con una specifica azione rivendicativa sul versante economico, alla quale il Commissario Alitalia-Cai, Fantozzi, ha dato a dire il vero puntuale risposta, significando la piena disponibilità della «Società a sanare i ritardi in tempi ragionevolmente brevi e dando dunque un segnale di significativa solvibilità. Analoga soluzione è stata trovata con la Compagnia Air One, che ha firmato un preciso piano di rientro». «Intanto - fa notare Ripepe - per tornare ad Alitalia-Cai va osservato che il vettore continua a volare

con regolarità sullo scalo di Lamezia Terme. Dai contatti in corso, le prospettive di collaborazione non presentano inoltre soluzione di continuità, evidenziando al contrario nuove possibili opportunità, naturalmente da valutare e cogliere appieno una volta entrata a regime Cai e quindi ridisegnato il suo network. Si tratta comunque - precisa il presidente - di una fase in continua e rapida evoluzione e quindi in costante cambiamento. Una fase che ci impone il massimo impegno manageriale ed un costante monitoraggio, da affrontare con la consapevolezza che sussistono grandi fattori di rischio ed instabilità che possono sempre, come si dice, cambiare le carte in tavola». Il Cda Sacal, oltre alcuni adempimenti istituzionali, ha poi approvato l’importante pratica del progetto della nuova aerostazione (che sostituirà completamente l’attuale infrastruttura, oramai insufficiente e tecnicamente inadeguata al volume di traffico) in linea con il lavoro svolto dalla Commissione di gara per il Concorso di progettazione e premiando il progetto presentato dal raggruppamento di imprese guidato da “Engco” insieme a “Air Support”, “Promoproject” ed ai professionisti Giorgio Papa, Sergio Rotella, Francesco Schioppa. E’ stata, dunque, individuata «in questa fase la migliore e più confacente soluzione tecnico-architettonica. Sulla base degli esiti del Concorso, il Cda Sacal procederà a breve all’affidamento della progettazione definitiva della nuova aerostazione e quindi al successivo appalto dei lavori-

LAMEZIA Dopo gli attestati di solidarietà a Talarico la critica di Francesco Mastroianni al Pd

«Così la sinistra fa la corte all’Udc» LAMEZIA TERME — «Ho assistito alla

manifestazione indetta dall’Amministrazione Comunale in segno di solidarietà nei confronti del segretario regionale dell’Udc, Francesco Talarico, vittima di due atti intimidatori in pochi giorni» si legge in una nota di Francesco Mastroianni. «I giornali prosegue - hanno dato ampio risalto alle polemiche innescate dagli evidenti tentativi di strumentalizzazione politica dei gravi episodi, e gran parte degli interventi degli esponenti del centrosinistra - soli politici presenti sul palco accanto a Talarico - sono stati la evidente continuazione di quei tentativi, forse con una maggiore dose di ipocrisia. Andiamo con ordine: - se in questi primi anni del terzo Millennio c’è stato un simbolo istituzionale di lotta alla criminalità mafiosa e alla corruzione politica, quello è stata certamente Angela Napoli, la parlamentare di Alleanza Nazionale che, da componente e da vicepresidente della Commissione Nazionale Antimafia, ha lanciato accuse circostanziale facendo nomi e cognomi. Ebbene, sul palco Angela Napoli con c’era. E non c’erano nemmeno gli imprenditori che a Lamezia hanno trovato il coraggio di dire no alle estorsioni. Nel suo intervento, il Presidente del Consiglio Regionale,

esponente del Pd, riferendosi alle intimidazioni a Talarico, si è chiesto: “Perché l segretario dell’Udc? Perché proprio oggi? ” Già, perché? Non è la prima volta che Talarico – al quale va la mia solidarietà – è oggetto di atti intimidatori; così come di atti intimidatori è già stato più volte vittima il consigliere comunale dello stesso partito, Nicolino Mazzocca. E, allora, perché la manifestazione di solidarietà è stata indetta oggi e non sei mesi fa o due anni fa? Lo stesso Talarico, il Sindaco Speranza, il Presidente Loiero e altri intervenuti hanno richiamato la necessità di stare attenti quando si decidono le candidature e il Sindaco ha anche ricordato che Lamezia ha subito due scioglimenti del Consiglio comunale per condizionamento mafioso. Ma, chi ha deciso certe candidature al Comune nel 1991 e nel 2001 (soprattutto nel 1991)? Chi ha deciso altre candidature del centrosinistra alla Regione Calabria nel 2005? La sinistra tutta, a cominciare dal Sindaco, faccia uno sforzo e cerchi di ricordare. Intanto, visto che a sinistra, con molta ipocrisia e con la compiacenza di gran parte dei mezzi di informazione, ci si erge interpreti della legalità, voglio ricordare quello che ha scritto un parlamentare di Sinistra: Nando

Dalla Chiesa, figlio del generale ucciso a Palermo dalla mafia (e anche dalla politica): “…c’è a sinistra un approccio al potere e alla politica che va criticato impietosamente. ”. Al Sindaco voglio invece rivolgere qualche domanda: a) E’ segno di legalità e trasparenza amministrativa il fatto che il Consiglio comunale non abbia provveduto all’elezione del Difensore Civico previsto dallo Statuto comunale? b) Perché nessuno risponde alle gravissime dichiarazioni rilasciate da Roberto Costanzo subito dopo la seduta del Consiglio comunale che ha visto il salvataggio della Giunta ad opera del Presidente Luzzo e del consigliere Mazzocca, entrambi eletti con l’opposizione? c) Perché nessuno risponde alle domande da me poste dopo le accuse del dimissionario consigliere comunale Raffaele Misuraca in merito alla compravendita di consiglieri? d) Perché nessuno ha mai risposto alla lettera dell’associazione culturale “Angelo Savelli” sulla gestione delle “attività culturali” finanziate dal omune? A me - conclude - viene il dubbio che la manifestazione di solidarietà a Franco Talarico sia stata messa in piedi soprattutto per far fare passerella agli esponenti del centrosinistra. … E per fare la corte all’UdC».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 29

CALABRIA LAMEZIA TERME Dopo circa vent’anni le richieste dei vigili sono state esaudite con il trasferimento nello stabile di località Maddamme

La nuova sede della Polizia Municipale

Il comandante Caputo: «Questo consentirà un evidente risparmio di risorse economiche e umane» LAMEZIA TERME — Dopo circa vent’anni il Comando della Polizia Municipale lascia la sede di Piazza S. D’Acquisto e si trasferisce nel nuovo stabile in località Maddamme. Una sede sicuramente più prestigiosa e dotata di ogni comfort, con annesso un ampio garage capace di accogliere tutti i mezzi in dotazione al Corpo e un’apposita area per consentire una più razionale sistemazione degli archivi. «Da tempo - si legge in una nota - i vigili chiedevano di lasciare i vecchi locali, ormai non rispondenti alle più elementari norme della legge riguardante i luoghi di lavoro e, l’Amministrazione comunale, conscia della situazione che si era venuta a creare, ha disposto l’immediato trasferimento del Comando nella stessa zona dove insistono gli uffici più importanti. Tutto ciò consentirà una migliore sinergia tra i vari settori del Comune, con evidente risparmio di risorse economiche e umane. Il Comandante del Corpo, Giuseppe Caputo, a fronte del particolare mo-

Sellia Marina, un arresto e 2 espulsioni nell’ambito di controlli contro clandestini SELLIA MARINA — Un cittadino

La nuova sede di località Maddamme

mento, auspica la comprensione dei cittadini che, per un lasso di tempo, comunque di breve durata, affronteranno oggettivi disagi o qualche ritardo nell’istruttoria di pratiche che li riguardano. Tutto sarà compensa-

to, - aggiunge il Comandante, - quando avremo il Comando a pieno regime, da un servizio più efficiente ed efficace, così da rispondere alle esigenze della cittadinanza e alle aspettative dell’Amministrazione comunale».

marocchino è finito in manette e due sono stati accompagnati nel Centro di accoglienza di Lamezia Terme per la successiva espulsione, nell'ambito dei controlli del territorio disposti dalla Compagnia di Sellia Marina. E’ questo il bilancio delle attività di ieri svolte dai Militari dell’Arma. Nel corso di alcuni servizi, disposti dal capitano Alberto Pigozzo, i carabinieri del Nucleo radiomobile hanno notato i tre cittadini stranieri e dai successivi controlli è emerso che un marocchino era stato già colpito, nel 2007, dal decreto di espulsione, e per questo è stato arrestato. Gli altri due

erano, invece, sprovvisti dei permessi di soggiorno e per questo sono stati espulsi dal territorio italiano. Oggi è in programma l'udienza di convalida per l'uomo finito in manette.

Oggi è in programma l’udienza di convalida per l’uomo finito in manette

LAMEZIA TERME Ieri l’incontro organizzato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria

Giornata nazionale Orientagiovani LAMEZIA TERME — Organizzata dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria della provincia di Catanzaro, si è tenuta ieri presso l’Istituto professionale Industria e artigianato di Lamezia Terme diretto da Maria Silvana Bordino, la XV edizione della giornata nazionale Orientagiovani. Un appuntamento divenuto ormai consuetudine e necessario, secondo i giovani imprenditori della provincia di Catanzaro diretti dal loro presidente Daniele Rossi, «necessario per affinchè gli studenti delle scuole medie superiori possano fare le scelte giuste per il proprio futuro». In questa ottica si è sviluppata, infatti, la seduta con gli studenti dell’Ipsia di Lamezia. Istituto quest’ultimo, che ha collaborato di buon grado all’iniziativa di Confindustria proprio perché ha nella sua storia formativa ed educativa l’idea di indirizzare i propri allievi verso un percorso lavorativo sicuro. Tanti, infatti, sono gli stage promossi presso aziende locali, calabresi ed italiane, e tanti anche i corsi specifici sia nel settore moda che in quello della meccanica. Per questi stessi ragazzi, ieri, dunque, anche l’in-

Alcuni momenti dell’incontro di ieri presso l’Istituto professionale

contro con i giovani imprenditori e i consigli di chi, prima di loro, ha percorso la via dell’occupazione ottenendo buoni risultati. Suggerimenti, che sono arrivati principalmente da Anna Sciortino della Società Metis Agenzia di lavoro interinale; da Vincenzo Bertucci del Gruppo giovani di Catanzaro, che si è molto soffermato sulla determinazione a volere fare e sullo sviluppo delle competenze, ma so-

prattutto del presidente Rossi e del docente dell’Università Magna Grecia di Catanzaro, Tullio Barni. E mentre quest’ultimo convinto «dell’obbligo intellettuale e morale che deve avere un docente, dopo avere fatto una attenta diagnosi della situazione, di stare vicino ai giovani riconciliandoli con il futuro» è stato abbastanza negativo sul fattore “orientamento” in Italia poiché ancora si assiste alla mobilità so-

ciale per cui, ««il figlio di un laureato sarà un laureato mentre il figlio di un operaio sarà tendenzialmente un operaio»», il secondo ha improntato la sua partecipazione su un diverso modo di approcciarsi al mondo lavorativo. Per Daniele Rossi, infatti «i primi passi per una presentazione nel circuito lavorativo, non è tanto la presentazione del curriculum vitae, quanto il sapersi presentarsi dinnanzi ad un possibile datore di lavoro, dimostrando le reali motivazioni e competenze». Per i giovani di Confindustria della provincia di Catanzaro, quindi, il “trucco” c’è e deve essere bene riposto se si vogliono centrare i propri obiettivi. «I giovani devono avere più consapevolezza dei

propri mezzi e dei propri pregi. Devono svegliarsi e cominciare a camminare con le proprie gambe perché i ragazzi calabresi sono i migliori sia dal punto di vista dello studio che lavorativo». E per loro, anche il consiglio del Gruppo dei Giovani imprenditori: «Siamo in Calabria. In una terra che offre ben poco sotto l’aspetto lavorativo, per cui bisogna puntare tutto sulla qualità. Il mio suggerimento per loro - aggiunge Rossi - è quello di studiare e di prepararsi nelle università calabresi, di perfezionarsi nelle lingue all’estero e poi ritornare in Calabria, ella loro terra, a lavorare per aiutarla a crescere». Antonietta Bruno


30 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA LAMEZIA TERME Al centro del convegno la scienza agraria. Chiarito quanto questo importante settore si sia evoluto negli anni

L’incontro di “Progresso e vita” Tra i temi affrontati: la riforma della politica agricola comune e le strategie competitive delle imprese LAMEZIA TERME — Riforma della

politica agricola comune (pac) e le strategie competitive delle imprese agricole. Questo il tema che ha caratterizzato la sedicesima edizione dedicata alle “Idee nuove in agricoltura” promossa dell’associazione Progresso e vita del presidente Vincenzo Costanzo. Un convegno dedicato alla scienza agraria e a quanto questo importante settore si è evoluto egli anni. Dall’introduzione dei sussidi e incentivi alla produzione agricola per aumentare la quantità dei prodotti, alle misure adottate per fissare i livelli minimi di prezzo e via via fino al mercato comune che diverrà prima Comunità europea e poi, con Grecia, Inghilterra, Spagna e Portogallo, Unione europea. Un excursus storico dal 1945 al 1992 curato da Costanzo, che ha intrattenuto i suoi ospiti anche sul progetto di riforma McSharry con il quale si è cercato di ridurre l'onere della politica agricola comu-

I relatori

nitaria; la riforma Fischler che ha puntato sulla rinnovazione del settore fino alla nascita della Pac che è diventata oggi, la più importante delle politiche agricole adottate dall'Unione europea. Una po-

litica comunitaria che ha stravolto positivamente il settore raggiungendo, tra l’altro, due tra i maggiori obiettivi prefissati. Soddisfare gli agricoltori grazie ad un prezzo minimo garantito per le

produzioni, e l’orientamento delle imprese agricole verso una maggiore capacità produttiva limitando i fattori della produzione, aumentando lo sviluppo tecnologico e utilizzando delle migliori tecniche agronomiche. Tutti argomenti di grande rilevanza e necessari per arrivare ai giorni nostri con la discussione delle nuove strategie competitive delle numerose imprese agricole, e l’ultima Pac entrata in vigore per il periodo 2005 - 2013 e che ha il compito di garantire l'autosufficienza alimentare della Comunità europea nonché di correggere gli squilibri e gli eccessi di produzione della stessa Politica agricola comune. Confronti costruttivi e scambi di vedute, che hanno visto come primi attori dell’ultima edizione di Progresso e vita, tra gli altri, l’assessore alla Pubblica istruzione del Comune di Lamezia Terme, Milena Liotta, il presidente della fondazione regionale Terina,

Leopoldo Chieffallo; il presidente della Bcc Giuseppe Spagnuolo; il dirigente del servizio programmazione territoriale di Lamezia Terme, Luigi Muraca al quale lo stesso Vincenzo Costanzo ha chiesto di adoperarsi per un maggiore controllo sui mercati generali cittadini; il docente dell’Università di Perugia, ordinario di Economia e Politica Agraria, Angelo Frascarelli; il prof. Antonio Cimato della Ivalsa-Cnr Firenze; Giovanni Egosteo e Maria Teresa Russo che si sono intrattenuti sulle “strategie di difesa e contaminazioni”, e il vicepresidente della provincia di Catanzaro, Maurizio Vento che, nonostante una giornata piena di impegni istituzionali, si è intrattenuto per discutere sulle “agroenergie ed energie rinnovabili” legate alle “nuove opportunità per l’agricoltura, l’ambiente, l’economia e il benessere collettivo”. Antonietta Bruno

SIMERI CRICHI Con frequenza settimanale l’Arpacal pubblica sul sito i dati relativi alla qualità dell’aria

Centrale Edison, proseguono i monitoraggi SIMERI CRICHI — Continua con frequenza settimanale la pubblicazione, sul sito web www. arpacal. it, dei dati relativi al monitoraggio della qualità dell’aria della Centrale Edison situata nel territorio di Simeri Crichi; «i dati, come è noto, - spiega una nota dell’Arpacal - sono elaborati e validati dal Servizio Tematico Aria del Dipartimento provinciale di Catanzaro dell’Arpacal (Agenzia regionale per la protezione dell’Am-

biente della Calabria). Intanto, per dare le opportune risposte ad alcune segnalazioni giunte dalle associazioni ambientaliste su alcuni dati presenti nel rapporto settimanale dell’Indice di Qualità dell’Aria - in particolare l’indicazione di anomalie strumentali dell’analizzatore del biossido d’azoto (N02) - il responsabile del Servizio Aria del Dipartimento Arpacal di Catanzaro, dott. Clemente Migliorino, spiega che «è stato

La comunità di Carlopoli partecipa alla Giornata mondiale del diabete «CARLOPOLI — La Comunità Montana il Comune di Carlopoli e l’unità di Pediatria dell’Ospedale di Soveria Mannelli daranno vita alla Giornata Mondiale del Diabete in linea con l’Organizzazione Mondiale di Sanità che senza mezzi termini parla di questo male come “epidemia”. Se da una parte l’iniziativa è stata proposta da Ernesto Saullo, dirigente del reparto di pediatria, dall’altra ad accoglierla Giacomo Muraca, Presidente della Comunità Montana e il sindaco di Carlopoli, Bruno Arcuri. L’evento sarà proposto un po cme succederà in altre città d’Italia, che illumineranno di blu - il colore della manifestazione - i monumenti più significativi. Qui, è stato deciso di illuminare l’abbzia di Corzazzo dalle 18 alle 22 di domani. Un gioco cromatico di luci ed ombre realizzato dalla Tim srl un’azienda del posto con sede a Cicala. Tutto per dare visibilità alle campagne informative ed educative sul diabete e, in generale, per sollecitare l'attenzione politica dei governi e degli organi di informazione nei confronti di questa malattia. Domani inaugurerà anche l'Anno del bambino e dell'adolescente con diabete: infatti, a partire da quella data e per un anno, fino al 13 ottobre 2009, in Italia e nel mondo si svolgeranno una serie di iniziative volte a divulgare una "cultura del diabete e una cultura della salute" e a creare una rete di solidarietà a favore di chi vive la condizione diabete. La serata sarà molto suggestiva tanto che, all’appello non mancheranno i sinda-

ci del comprensorio che hanno dato la loro disponibilità. Un fatto sincronizzato con le maggiori città del mondo quali: Bruxelles, Londra, Ginevra, Monaco di Baviera, Melbourne, Chicago, Toronto, Montreal e Tokyo. In Italia, sono sino ad ora più di trenta i monumenti che sono stati illuminati di blu il 14 novembre del 2007: la Reggia di Caserta; il Castello Svevo a Cosenza; la fontana di Piazza Pitagora a Crotone; Palazzo Nieddu a Locri; Piazza Unità d'Italia a Trieste; Castel Sant'Angelo a Roma; il Teatro Carlo Felice a Genova; Piazza Cavour a Milano, la Valle dei Templi ad Agrigento; Ponte Vecchio a Firenze; la Torre di Pisa; il Palazzo della Gran Guardia a Verona. La Giornata Mondiale del Diabete, organizzata dalla Federazione Internazionale del Diabete in collaborazione con l'Organizzazione Mondiale della Sanità, è la principale campagna informativa internazionale su questa patologia ideata in considerazione dell'aumentata incidenza del diabete in tutto il mondo. La prima giornata ha avuto luogo nel 1991, e da allora l'interesse intorno a tale evento è progressivamente aumentato, arrivando a coinvolgere più di 350 milioni di persone, compresi opinion leaders, operatori della salute, bambini, adulti e gli stessi malati. La scelta del giorno 14 novembre, per celebrare questo evento, coincide con la data di nascita di Frederic Banmting che, insieme a Charles Best, nell'ottobre 1921 fu il primo a scoprire l'insulina.

tempestivamente segnalato il problema al tecnico della società addetta alla manutenzione, il quale dopo aver analizzato lo strumento, ha comunicato la necessità di dover effettuare una manutenzione straordinaria di calibratura del misuratore. Tale operazione, essendo di carattere "straordinaria", ha richiesto tempi lunghi di intervento. Proprio da ieri il tecnico sta lavorando sul posto per effettuare la manutenzione».

La centrale Edison di Simeri Crichi

GIMIGLIANO Codici ha inviato una diffida al Comune per l’immondezzaio rinvenuto in località Marra

«L'emergenza rifiuti anche in collina» GIMIGLIANO — «L'emergenza rifiuti non risparmia nemmeno le zone collinari» si legge in auna nota di Codici. «Apprendiamo - prosegue - dagli organi di stampa dell’ immondizzaio rinvenuto nelle vicinanze dell’ex discarica in località Marra a Gimigliano. Un degrado assoluto che provoca una tristezza infinita. Siamo arrivati al punto che, anzichè ammirare le meraviglie della natura che ci circonda lungo i vari luoghi che attraversiamo durante le nostre passeggiate nella zona presilana catanzarese, siamo costretti ad assistere allo spettacolo pietoso, quello cioè di constatare gli enormi cumuli di immondi-

zia sparsi lungo le strade, vere e proprie discariche a cielo aperto aperto. E quale posto può essere migliore di uno spiazzo in collina lontano dagli occhi indiscreti per creare una discarica improvvisa senza il rispetto delle normative e priva di alcuna precauzione? Oggi la situazione sta raggiungendo il punto di massimo degrado con il proliferare di discariche a cielo aperto in diverse zone della Calabria». «Crediamo ancora nella preservazione della natura e lottiamo per la salute dei cittadini dichiara Marcella Rosetta, Segretaria regionale di Codici-

Festival d’autunno ieri è stata la giornata del noto gruppo Pfm CATANZARO — Prosegue con successo il Festival d’autunno diretto da Tonia Santacroce. Ieri la conferenza stampa dei Pfm che si sono esibiti nella stessa serata. Dopo Haispray e Lucio Dalla ieri è stata la giornata della Premiata Forneria Marconi, gruppo musicale italiano del genere rock progressivo che ha avuto grande popolarità negli anni '70, sia in Italia sia a livello internazionale (in Gran Bretagna, negli Stati Uniti, ma anche in Giappone).

La conferenza stampa di ieri al Politeama

deve essere evitato ogni danno o pericolo per la salute, l'incolumità, il benessere e la sicurezza della collettività e dei singoli; deve essere garantito il rispetto delle esigenze igienicosanitarie ed evitato ogni rischio di inquinamento dell'aria, dell'acqua, del suolo e del sottosuolo, nonché ogni inconveniente derivante dall’inquinamento atmosferico. Pertanto L’Associazione Codici ha inviato diffida al Comune di Gimigliano affinchè vengano adottati gli opportuni e necessari provvedimenti per tutelare la salute dei cittadini e per difendere l’ambiente nel quale viviamo».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 31

CALABRIA TORRE DI RUGGIERO — Grave

atto intimidatorio, ieri, nel comune di Torre di Ruggiero. La casa dell’assessore all’agricoltura del Comune di Torre di Ruggiero, Vincenzo Chiefari, è stata data alle fiamme. L’abitazione si trova in contrada Logge. Una bottiglia incendiaria è stata collocata sotto un materasso. A occuparsene sono i carabinieri di Cardinale. C’è allarme e preoccupazione nel

TORRE DI RUGGIERO Grave atto intimidatorio ai danni dell’abitazione situata in contrada Logge

Incendiata la casa dell’assessore Chiefari comprensorio, già scosso per i colpi di pistola dell’altra notte alla stazione di servizio dell’Agip di Chiaravalle Centrale il cui gestore è il consigliere comunale di Torre di Ruggiero,

Salvatore Chiefari, e componente la Comunità montana Fossa del Lupo in rappresentanza dello stesso Comune. In quella occasione sono state recuperate dai carabinieri tre

ogive ma non è stato possibile risalire ai colpevoli e all’arma utilizzata. «La situazione è grave - commenta il sindaco Giuseppe Pitaro di Torre di Ruggiero - vedremo a breve il da farsi,

interpellando, per avere significativi riscontri, le Autorità preposte alla repressione ma anche al controllo del territorio. La condizione di isolamento dell’entroterra calabrese non aiuta a rasserenare gli animi. Ciò che serve è sicuramente solidarietà, ma anche attenzioni concrete. In gioco - ha concluso il primo cittadino - è la libertà di amministrare e la stessa agibilità politica».

PALERMITI Guido Gullà, 53 anni, è imputato per l’omicidio che avvenne nella notte tra il 13 e 14 ottobre del 2002

Uccise la moglie, iniziato il processo

Secondo l’accusa la donna sarebbe morta a seguito delle botte ricevute dal marito CATANZARO — E' iniziato ieri,

davanti alla Corte d'assise di Catanzaro, il processo a carico di Guido Gullà, 53 anni, di Palermiti, imputato per l'omicidio della moglie, Maria Egidia Truglia, morta la notte tra il 13 e 14 ottobre del 2002, secondo l'accusa a seguito delle botte che lui le avrebbe dato. Ammesse le richieste di prova presentate dal pubblico ministero Alessia Miele, e dal difensore, Giuseppe Commodaro, la Corte presieduta dal giudice Giuseppe Neri (a latere Rosario Murgida) ha poi fissato due date - il 12 febbraio ed i 12 marzo - per l'audizione dei testimoni (nel procedimento sono parti civili il padre e la ma-

dre della donna uccisa, Vito Truglia e Caterina Gullà, oltre alla figlia Antonella Gullà rappresentata dall'avvocato Vincenzo De Caro). Gullà è stato rinviato a giudizio dal giudice dell'udienza preliminare di Catanzaro Abigail Mellace lo scorso 19 luglio, a quasi sei anni di distanza da quella notte in cui Maria Egidia Truglia morì, nell'abitazione dei genitori dove si era rifugiata dopo l'ennesima lite col marito. L'uomo, originario di Palermiti, ma da tempo residente a Nervino, piccolo comune dell'hinterland milanese, era stato rintracciato a Montauro mentre percorreva a piedi una strada secondaria, nel tentativo,

L’uomo, dopo l’omicidio, era stato rintracciato e arrestato a Montauro mentre percorreva a piedi una strada secondaria

forse, di raggiungere la locale stazione ferroviaria e fare ritorno in provincia di Milano, dove fino a poco tempo prima risiedeva. Fu arrestato, con l'accusa di omicidio preterintenzionale aggravato, dai carabinieri che tentarono di ottenere spiegazioni circa il suo essersi allontanato da casa proprio nelle ore in cui si cercava di capire le ragioni della morte di sua moglie, il cui cadavere risultava coperto di lividi. Dall'esame autoptico sul corpo della donna risultarono lesioni osteoviscerali, ematomi, ecchimosi e contusioni mentre la causa della morte, fu stabilito, sarebbe stato uno "shoch ipovolemico determinato da

trauma toracico addominale chiuso". Poi, dalle indagini disposte dall'allora sostituto procuratore Giovanna Mastroianni, emersero diversi elementi a carico di Gullà. I litigi tra i coniugi sarebbero andati avanti da diverso tempo e quello che successe nel lontano ottobre del 2002 per la Procura sarebbe stato solo l'ennesimo litigio finito in tragedia. L'uomo, secondo l'accusa, nel corso di una violenta discussione avrebbe picchiato la vittima, che chiese asilo nella casa dei genitori. Ma le ferite e i lividi che le aveva causato Gullà, sempre stando alle accuse, furono talmente gravi da provocarne la morte. (Agi)

PETRONA’ L’incontro è stato organizzato nell’auditorium del palazzo Colosimo dall’Uncem Calabria

Montagna, quali politiche? Convegno PETRONÀ — «Le Comunità montane in Italia sono passate da 330 a 180, le indennità sono scese anche del 70% e gli organismi delle stesse del 60%. Abbiamo dato anche in Calabria passando da 26 a 20 Comunità montane, ma ora chiediamo». Parola di Enrico Borghi, presidente Unione nazionale Comunità montane. L’amministratore sceso dal Piemonte è stato invitato martedì scorso nel paese dei funghi e delle castagne per parlare alla Conferenza regionale sulla montagna sul tema “La montagna tra conservazione e sviluppo: quali politiche? ”. Borghi aveva qualche sassolino nelle scarpe: «La casta non siamo noi. Ricordo che l’Italia ha 945 parlamentari: un’enormità se si pensa che l’America ne ha meno della metà. Delle comunità montane si parla solo di come gestirle e da chi farle gestire, ma non si dice cosa debbano fare. E’ giunto il momento: non difendiamo un’istituzione, ma un’idea, un progetto. L’I-

talia non può parlare solo alle coste e alla città, perché così facendo perde un tesoro, un patrimonio. Partiamo da due presupposti: la Calabria è la seconda regione per territorio montano e qui i forestali devono diventare una forza produttiva». Borghi non era solo dietro il tavolo dei relatori. L’incontro è stato organizzato nell’auditorium del palazzo Colosimo dall’Uncem Calabria, in sinergia con il Comune di Petronà e la Comunità montana presila catanzarese. L’Uncem era rappresentata da Vincenzo Mazzei nelle vesti di responsabile regionale, mentre Santino Bubbo c’era nel duplice ruolo di rappresentante di Comune e Ente montano. Il primo ha fatto un appello alla Giunta regionale affinché «dia voce al 93% del territorio costituito da montagna e collina vessato da emigrazione e disoccupazione, invece di pensare solo ai portaborse». Mazzei ha promesso di voler parlare di montagna nell’interesse dei giovani e

Amaroni, Presepi aperti al via dal sedici novembre AMARONI — Partirà dal 16 novembre

2008 fino al 16 gennaio 2009 VIII edizione “Presepi aperti” 2008/2009 che vede tra i patrocinanti la curia di Catanzaro metropolitana CatanzaroSquillace, il comune di Amaroni, la regione Calabria, la provincia di Catanzaro, consorzio di bonifica Alli-punta Copanello Catanzaro, la prima circoscrizione di Catanzaro, la comunità montana Fossa del Lupo Chiaravalle Centrale, il comune di Chiaravalle Centrale, il comune di Vallefiorita, il comune di Girifalco, il comune di Risch gemellato con il comune di Amaroni (Svizzera), la chiesa di Santa Barbara VeM Amaroni, la chiesa San Sergio e soci Vallefiorita, la stazione carabinieri di Squillace, l'ufficio postale di Amaroni, la direzione didattica statle

di Squillace, l'istituto comprensivo statale di Squillace, il comune di Squillace, l'associazione culturale Castellense di Squillace, radio Squillace, il Coe sede operativa di Olivadi, l'associazione Amici del favo di Caltagirone, le officine musicali amaronesi, l'ass. ne pro loco di Amaroni, l'archeoclubs di Amaroni, il centro ricreativo di Amaroni degli anziani, l'associazione nazionale Angeli Blu di Borgia, il Wwf di Amaroni, l'on. Mario Tassone comm. ne par. re antimafia, la camera di commercio di Catanzaro, la rivista nazionale delle nazioni di Roma 100 presepi, www. calabriawebtv. it Soverato, scuola media statale di Amaroni, scuola elementare di Amaroni, scuola materna statale di Amaroni, la direzione provinciale delle poste di Catanzaro».

con il settore agricolo, promuovendo «risorse energetiche, servizi e innovazione tecnologica». Santino Bubbo ha invece posto l’accento sul fatto che «la Costituzione non ha trovato concreta attuazione in tema di montagna, un’area in cui vengono meno i servizi e i cittadini si sentono spettatori passivi, subalterni alle lobby, agli interessi forti e a interlocutori sovente sordi». C’era anche la Provincia di Catanzaro con Nicolino Montepaone che ha reso edotti i presenti sul fatto che «l’ente intermedio abbia ora un assessorato per le politiche di montagna». Il dibattito è stato moderato dal competente giornalista Rai Pietro Melia che, nell’introdurre gli interventi, si è spinto più in là per denunciare «l’abbandono di un territorio con viabilità inaccettabile e senza infrastrutture tecnologiche». Hanno chiesto udienza anche Michele Drosi, presidente regionale piccoli comuni, rappresentante Cai e Sindaco d Satriano; il presi-

Un momento del convegno

dente regionale Coldiretti Pietro Molinaro; Giovanni Iannuzzi, responsabile Confagricoltura. E hanno risposto all’invito anche i sindaci di Cerva e Andali, Mario Marchio e Giuseppe Costantini. Tutto è andato per come previsto anche grazie al prezioso contributo della Cooperativa Segreti mediterranei, dell’assessore comunale Giovanni Folino, dell’associazione Insieme e dell’associazione volontari Carabinieri. C’è però un post scriptum con

nota dolente: gli assessori regionali Francesco Sulla e Mario Pirillo, anche se tra gli oratori, non hanno partecipato allo scambio dialettico perché impossibilitati. Cose che capitano, anche se succedono troppo spesso ai piedi dei monti della Sila piccola dove i politici regionali si vedono solo quando si è in procinto di andare a votare: via le urne, resta l’invisa demagogia. Vincenzo Bubbo

AMARONI La manifestazione, a favore dell’associazione onlus, si svolgerà presso il villaggio Guglielmo l’11 dicembre

Cena di beneficenza per Città Solidale AMARONI — L'assessore Rocco An-

tonio Devito interviene per parlare della Fondazione "Città Solidale" onlus: «da molti anni si occupa di dare sollievo a varie forme di disagio sociale organizzando e gestendo l'accoglienza di minori a rischio di devianza, di donne e minori vittime di maltrattamento, di persone senza fissa dimora e di adulti italiani e stranieri in difficoltà. Nel corso della sua storia la Fondazione ha potuto offrire opportunità educative e sollievo alle più svariate sofferenze di oltre 1000 fra bambini, ragazzi e adulti italiani e stranieri. Complessivamente al suo interno sono impiegate 25 persone dalle professionalità diverse che, coadiuvate da un buon numero di volontari, prestano

il loro servizio con grande dedizione. Al momento la Fondazione gestisce quattro case di accoglienza e un centro di progettazione sociale, e si impegna periodicamente nell'organizzazione di tavole rotonde e convegni per divulgare informazioni e dati, oltre che per sensibilizzare il territorio alle problematiche sociali, comprese quelle emergenti. I periodici confronti pubblici con le realtà nazionali, in cui viene illustraro il lavoro della Fondazione mettono in evidenza l'impegno qualitativamente molto alto e costantemente aggiornato degli operatori, e permettono di offrire alla Calabria una visibilità migliore di quella cui, purtroppo, siamo abituati. Recentemente la Fondazione si è impe-

gnata in un ulteriore sforzo: l'acquisto di una nuova struttura che possa offrire oltre che un nuovo centro di accoglienza, anche un centro di formazione altamente qualificato. Siamo certi che questi obiettivi possano essere condivisi, e per questo si sta organizzando una cena di beneficenza che si terrà presso il Villaggio Guglielmo di Copanello l'11 dicembre. La cena sarà un occasione piacevolmente animata e prevede anche l'estrazione di un premio che consisterà in un fine settimana in beauty farm e in un orologio. Confidiamo nell'interessamento a questa iniziativa e aspettiamo fiduciosi le prenotazioni. Telefonate al numero 0961 780321 per ulteriori informazioni e prenotazioni».


32 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

CALABRIA BADOLATO Il seguito della lettera con cui il capogruppo dell’opposizione aveva denunciato le gravi omissioni dell’amministrazione su varie interrogazioni

Il Prefetto chiede spiegazioni al sindaco La minoranza aveva chiesto anche che fine avevano fatto i 105mila euro incassati dal cimitero comunale BADOLATO — Il Prefetto di Catanzaro ha scritto al sindaco di Badolato invitandolo a fare chiarezza in ordine alla lettera aperta con cui Tonino Parretta (capogruppo dell'opposizione “Cuore per Badolato”) nelle scorse settimane aveva denunciato le gravi omissioni dell'amministrazione su varie interrogazioni. «La situazione, divenuta insostenibile si legge in una nota a firma del Partito Democratico di Badolato - è stata da noi denunciata anche di fronte alla continua arroganza dell’amministrazione comunale “La Vela” che ha deciso di dare qualche risposta solo dopo la nostra azione presso la Prefettura. Il non rispetto della legge, l’inosservanza delle norme e dei regolamenti trovano una richiesta di chiarimenti con la notificata lettera-invito della Prefettura di Catanzaro, per quanto (cosa semplicemente assurda) ancora oggi non possiamo rendere edotta la

cittadinanza sull'ammontare economico di diverse iniziative come le somme utilizzate per la pulizia del paese, nei mesi di luglio e agosto 2008. Una pulizia sacrosanta - spiega la nota - proprio per questo, non capiamo perchè su una cosa tanto giusta si tengano nascosti gli importi e, cosa non meno importante, le modalità di tali lavori. Inoltre, continua - che fine hanno fatto i 105 mila euro incassati dal cimi-

Il Pd: «Sarebbe opportuno rendere di pubblico dominio la cifra»

tero comunale (zona ampliamento) e perchè si è omesso, come da nostra pubblica richiesta, di rendere nota sulla somma sostenuta dai badolatesi per la manifestazione del Beach Soccer. Sarebbe opportuno rendere di pubblico dominio la cifra, quantomeno per fare capire che tipo di politica “per lo sport” ha in mente l'amministrazione. Senza vergognarsene». Il Partito Democratico ed il Gruppo consiliare “Cuore per Badolato” «chiedono chiarezza contabile, “evitando - aggiungono - comportamenti superficiali da parte di assessori e sindaco che faticano a capire che sono solo amministratori e non i padroni del paese. Comportamenti che, come si è visto, fanno solo indispettire e provocano pessime figure con i dovuti interventi dell'autorità prefettizia». Rosanna Paravati

SATRIANO La festa è iniziata con la deposizione della corona dei fiori da parte del sindaco Drosi

La cerimonia in ricordo dei caduti SATRIANO — La comunità dei cittadini satrianesi, come tutti gli anni, ha ricordato le vittime di tutte le guerre, una ricorrenza coincisa quest’anno con la festa del Santo patrono San Teodoro. E’ stata una solenne manifestazione, alla quale hanno preso parte autorità civili, militari, reduci combattenti, invalidi di guerra, e tanti cittadin. La cerimonia ha avuto inizio nella pIazza Monumento dedicata al Milite Ignoto, dove, in un clima di totale commozione, si sono svolte le dovute onorificenze, la deposizione della corona dei fiori ai piedi del monumento da parte del sindaco Michele Drosi, l’alzata della bandiera seguita dal suono del silenzio e poi, dall’Inno di Mameli, e del Piave, da parte della banda città di Girifalco, momento in cui tanta emozione ha caratterizzato il volto di ognuno. Altrettanto emozionante la lettura, da parte dell’assessore Alessandro Catalano, dei nomi dei caduti satrianesi durante le due guerre mondiali, seguita dal discorso di rito del primo cittadino che ha ricordato e reso omaggio ai caduti di tutte le guerre. “La commemorazione dei caduti - dice il sindaco - è un evento importante per la storia d’Italia: rappresenta il giorno di unità nazionale, la giornata delle Forze Armate e del combattente”. Drosi ha anche lanciato un grande messaggio di pace e di amicizia per riconfermare l’impegno forte contro le guerre e per un mondo di pace. «Con questo augurio - aggiunge - voglio rivolgere il mio pensiero ai caduti di tutte le guerre per aver combattuto e immolato la propria vita per la libertà della propria patria, valore alto al quale devono ispirarsi le nuove generazioni se vogliamo una società più giusta e più solidale». Il sindaco infine, ha evidenziato il ruolo importante della compagnia dei carabinieri e della Polizia municipale che, con il loro impegno costante. garantiscono ordine e sicurezza in tutto il paese. Nel concludere il suo circostanziato discorso, Drosi ha fatto riferimento alla festa di San Teodoro, auspicando che da

I festeggiamenti a Satriano

TORRESi è concluso il campo scuola organizzato dall’Associazione di Volontariato Go’el

Gli studenti e la globalizzazione TORRE DI RUGGIERO — «Si è concluso

il 31 ottobre scorso il campo scuola organizzato dall’Associazione di Volontariato Go’el di Fuscaldo a cui hanno partecipato 40 studenti del secondo ciclo della Scuola Primaria di Girifalco, guidati dalle insegnanti Rosa Petitto e Franca Vonella». E’ scritto in un comunicato diramato dall’Associazione di volontariato Go’el. «L’iniziativa, finanziata dalla Regione Calabria - continua la nota - nell’ambito del Por Calabria - Misura 3.6 “Prevenzione della dispersione scolastica e formativa”, Azione 3.6. b “Progetti integrati per la prevenzione ed il recupero della dispersione scolastica nella scuola dell’obbligo nelle aree a massimo rischio sociale e nelle aree rurali interne”, si è svolta nella casa S. Maria delle Grazie di Torre di Ruggiero, gestita dai giovani della Cooperativa Sociale Segni Nuovi, ed ha permesso ai piccoli partecipanti di conoscere più da vicino i meccanismi della globalizzazione a partire dal gesto quotidiano del fare la spesa. Obiettivo di fondo del percorso formativo ed educativo - spiega la presidente dell’Associazione di Volontariato Go’el Giuliana Scofano - era infatti accompagnare i ragazzi in una riflessione sui propri consumi e sulle possibilità che ciascuno di noi ha di esercitare una forma di cittadinanza attiva a partire dai propri gesti e dalle proprie semplici scelte quotidiane, per contribuire in modo concreto alla costruzione di un mondo più equo. Nel viaggio che ha condotto ragazzi, docenti ed animatori da Girifalco a Torre di Ruggiero si è fatta subito tappa in un supermercato di Chiaravalle: qui, divisi in tre diversi gruppi, i piccoli consumatori sono stati incaricati di acquistare il necessario per una merenda pomeridiana, per una prima colazione e per un break di metà mattina. Ogni gruppo ha scelto i criteri che avrebbero guidato la spesa, ma una cosa era fissata per tutti: il budget economico. Le esperienze simboliche - afferma la dott. ssa Teresa Pupo, referente didattico-educativa - sono importanti per aiutare i ragazzi a lasciarsi coinvolgere nei percorsi educativi che gli adulti desiderano proporre loro. La spesa è un gesto che anche i bambini vivono insieme ai loro genitori e spesso è un gesto fatto senza pensarci troppo o, a volte, carico di aspettative per i più piccoli. Partire da una spesa simbolica compiuta in autonomia dai

ragazzi ci ha permesso di stimolare i ragazzi ad una riflessione sui propri consumi quotidiani e sui criteri su cui si basano normalmente le scelte di acquisto e di consumo, con particolare attenzione al ruolo giocato dalla moda e dalla pubblicità. E la fantasia non è proprio mancata alle animatrici dell’Associazione Go’el, che attraverso un grande gioco veramente divertente ed appassionate, hanno saputo guidare gli alunni e le loro maestre a cosa c’è “dietro” un qualsiasi prodotto acquistato in un qualsiasi negozio. Dietro ai prodotti che acquistiamo - afferma il piccolo Luigi - c’è la storia di tante persone, a volte anche di bambini sfruttati o peggio, schiavi di adulti senza scrupoli, il cui obiettivo è solo quello di guadagnare tanti soldi. Grazie al grande gioco io e i miei compagni abbiamo scoperto la storia di tre persone: un produttore di caffè, un bambino assassinato perché difendeva i diritti dei bambini che lavorano ed una ragazzina, che ha visto morire le sue compagne di lavoro in un incendio in fabbrica. E se il gioco, i gesti simbolici hanno saputo ben introdurre i temi forti del campo scuola, le attività didattiche sono riuscite ad andare in profondità, aiutando i partecipanti diventare sempre più consapevoli dei meccanismi che “stanno dietro” ai prodotti di consumo normalmente disponibili sugli scaffali dei supermercati, facendo luce sull’impatto sociale e ambientale che il sistema di commercio internazionale ha oggi su molti paesi e in modo particolare sui paesi più poveri. Allora, nei gruppi, grande fermento: schede didattiche, discussioni, sondaggi, giochi di ruolo e lezioni frontali hanno impegnato i piccoli studenti che non hanno risparmiato energie e si sono lasciati condurre dall’entusiasmo dei docenti, delle animatrici e delle infaticabili docenti Franca e Rosa, preziose presenze materne che, oltre a fornire utilissimi consigli didattici ed educativi, hanno aiutato i ragazzi, alla prima esperienza fuori casa per più giorni, a scacciare la malinconia che ogni tanto di faceva sentire. Altra attività molto apprezzata dai ragazzi è stata quella laboratoratoriale; la scelta proposta era fra quattro diversi laboratori tematici: “art attack”, “la prova del cuoco”, “il piccolo chimico”, “radiofriends”. “Imparare facendo” è stato il motto che ha accompagnato tutto il pomeriggio di lavoro».

Girifalco, De Stefani è capogruppo del Pd al consiglio comunale buon soldato, il Santo Protettore satrianese possa guidare il percorso e l’operato amministrativo verso il bene di tutta la collettività. Una manifestazione intensa e fortemente sentita, in cui la comunità satrianese si è ritrovata a commemorare i patrioti che per il Paese hanno versato il loro sangue. rilevando quanto sia giusto che la memoria debba fermarsi, almeno per un giorno, nel ricordo di quei giovani che hanno perso la loro vita per onorare la propria patria. Quindi un lungo corteo ha raggiunto la Chiesa per la celebrazione della Santa Messa dedicata anche al santo patrono San Teodoro nella ricor-

renza annuale della festività. Durante l’omelia il parroco don Michele, si è soffermato sull’amore per la vita, un amore evidenziato dagli stessi caduti che, come Cristo, hanno sacrificato la propria vita per la democrazia, la libertà e la pace e per il bene e l’amore dell’umanità, ricordando come San Teodoro fosse stato anch’egli un soldato, un santo pronto a sacrificare la propria vita, per essere coerente con i suoi principi di fede. Dopo la Santa Messa è seguita la processione con l’effige del santo per le vie principali del paese, allietata dalle note melodiose del gruppo bandistico. Rosanna Paravati

GIRIGALCO — A Filippo Giovanni De

Stefani, nominato capogruppo del Pd in seno al Consiglio comunale girifalcese, giungono gli auguri di buon lavoro dal coordinatore del locale Circolo del suo partito, Salvatore Loiarro. «Sono sicuro che l’impegno e la passione politica che animano il consigliere De Stefani contribuiranno a rendere più incisiva l’azione dell’amministrazione comunale» scrive Loiarro in una nota diramata ieri. De Stefani va, quindi, a sostituire nel ruolo il consigliere Vincenzo Olivadese. A scegliere De Stefani il sindaco Rocco Signorello e gli altri esponenti del partito eletti nel civico consesso nonché il coordinamento del Circolo. «La nomina del consigliere De Stefani è avvenuta al termine di un cordiale e sereno confronto, quale

sintesi di un ragionamento politico sulle scelte da fare - prosegue Loiarro -, certamente un impegno difficile, quello cui è stato chiamato De Stefani, che arriva in un momento in cui è notevole il lavoro da fare per recuperare il ruolo e la funzione che il nostro Comune ha smarrito ma il neocapogruppo potrà portarlo avanti sapendo di avere alle spalle un partito nel quale militano intelligenze ed esperienze espresse autorevolmente dal presidente Loiero e dal coordinatore Amato. Insieme lavoreremo per costruire un Partito Democratico più forte e più consapevole delle proprie potenzialità e per dare ai nostri giovani la speranza di un domani migliore. Lina Vacca


Pag. 33

APPUNTAMENTI il Domani

Giovedì 13 Novembre 2008

TEATRO - MUSICA - CULTURA - CONVEGNI - DANZA - ARTE - LIBRI - SOCIETÀ

CATANZARO La grande vocalist giamaicana aprirà la scena degli eventi musicali in programma promossi dal noto locale cittadino

Dailu Miller al People disco club Una torrenziale miscela di musica delle origini calypso, mambo, afro, reggae, blues e sapori black CATANZARO — Partiranno domani con l’atteso concerto della giamaicana Dailu Miller, gli appuntamenti live del People disco club di Catanzaro. Una serie di avvenimenti eccezionali, che vedranno sulla scena mostri sacri della musica internazionali. Una di loro, appunto, la grande Dilu dalla Giamaica Scheol. Una nuova ma già apprezzata stella del blues moderno e della contaminazione etnica. Arriva da Runaway Bay, Dailu, ma da qualche anno si è stabilita in Italia, esattamente in Piemonte, senza mai restarci troppo in verità, ma comunque esperienza che le ha permesso, dopo anni di lavoro all’Ambasciata americana di Kingstone, di fare lunghe e alquanto partecipate tournèe negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Una Patria, l’Italia, che le ha fatto scoprire nuovi orizzonti musicali. Da qui ha inizio, infatti, la sua grande passione per il Blues. Genre poi approfondito assieme ai suoi musicisti che hanno saputo trovare una dimensione originale ma saldamente ancorata alla più genuina tradizione afro-americana. In questi ultimi otto anni, Dailu

Dailu Miller

Miller ha partecipato a decine di spettacoli e inanellato concerti nei contesti più disparati: si è esibita a supporto di Mariah Carey e Jestofunk, ha partecipato a Free American Voices, ha cantato con Arthur Miles, Ginger Brew, and the All Star Gospel Insomnia e Mad Professor, fino alla responsabilità della colonna sonora dello show teatrale di Enrico Montesano. In questo periodo, sta promovendo il suo

nuovo cd “Ain’t I All That Woman”. Lo spettacolo della Miller è una torrenziale miscela di musica delle origini - calypso, mambo, afro reggae e blues - e sapori black assorbiti in giro per il mondo: funk, soul, rhythm and blues con profonda inspirazione al sound di CcRogers e Aretha Franklin, al funk e alla disco dance anni 70: Donna Summer, Gloria Gaynor, Otis Redding, B. B. King. Dailu Miller sa abilmente fondere la voce potente, la presenza scenica e l’esuberante personalità. Sarà accompagnata da Domenico, “Mimmo” Donato alle percussioni e da Ivan “Shado” ritrovato al piano. I suoi spettacoli, noti per essere una torrenziale miscela di musica delle diverse origini, sono contraddistinti dalla capacità dell’artista di saper fondere la potente voce alla presenza scenica oltre che alll’esuberante personalità con la sua brillante e alquanto imponente presenza. Un fiume in piena, insomma, pronto a travolgere il grade pubblico calabrese nella sala Harlem del People Disco Club. r. s.

Il pensiero sociologico contemporaneo Catanzaro, prosegue il “Seminario di formazione culturale e politica” CATANZARO — Proseguono le

Lezioni del “Seminario di formazione culturale e politica” dedicato ai giovani, ma comunque aperto a tutti coloro che considerano la Politica una espressione alta dell’esperienza umana. Con la sesta Lezione dedicata alla massima espressione del pensiero sociologico contemporaneo si concluderà il primo ciclo del Seminario che ha affrontato l’evoluzione del pensiero politico occidentale, dalla “polis” ateniese alla “res publica romana”, dal “Principe” di Machiavelli allo “Stato assoluto” di Hegel, dal liberalismo al socialismo, alla dottrina sociale cristiana. La sesta Lezione sarà dunque tenuta sabato 22 novembre, alle ore 17, nella Sala Concerti del Palazzo Municipale di Catanzaro, da Carlo Scalfaro, presidente della Associazione cul-

COSENZA — Sabina Guzzanti contro tutto e tutti con il suo “Vilipendio tour” martedì sera in scena al teatro Rendano di Cosenza. Dal “caso piazza Navona” al governo Berlusconi e ai suoi ministri, dalla Finocchiaro a Papa Ratzinger. In oltre due ore di spettacolo, organizzato dal promoter Roberto Iacobino, la Guzzanti a suon di rap e di danza maori ha raccontato al pubblico il “vilipendio” che ha commesso: «Tutto è successo quando sono stata invitata a piazza Navona - ha detto - per partecipare ad una manifestazione lo scorso 8 luglio e mi sono detta vediamo che succede se dico quello che penso. Una tragedia. Il giorno dopo scoppia il caso e su tutti i giornali vengo descritta come pazza, posseduta, odiosa, stridula, volgare, disgustosa, populista. Questo è stato det-

COSENZA In scena martedì sera con il suo “Vilipendio tour” la showgirl lancia stilettate al ministro Carfagna

Mostra d’antiquariato al via la 3ª edizione sabato a Cosenza

CROTONE — Martedì 18 novembre alle ore 18, in piazza Rino Gaetano a Crotone, la Provincia di Crotone presenterà il progetto della nuova piscina Coni di via Cristoforo Colombo. Alla conferenza saranno presenti, tra gli altri, il presidente della Provincia, Sergio Iritale, l’olimpionico Michele D’Oppido, il presidente del Coni, Romeo Fauci, il presidente regionale della Fin (federazione italiana nuoto), Daniele Paonessa, appassionati di nuoto ed ex atleti, oltre che le “vecchie glorie” del nuoto e della pallanuoto crotonese. La Provincia di Crotone invita alla manifestazione le testate giornalistiche e tutti i cittadini che vorranno avere contezza di come sarà la nuova piscina. «Ci sono cose che hanno segnato la storia del nostro vivere a Crotone. La piscina Coni è senza dubbio una di queste», ha dichiarato Sergio Iritale.

COSENZA — Sarà inaugurata sa-

bato prossimo 15 novembre, alle ore 17, presso l’ex deposito delle Ferrovie dello Stato in Piazza Matteotti, la terza edizione della Mostra d’antiquariato, organizzata dall’Associazione Antiquari Calabresi, presieduta da Francesco Di Maria, e patrocinata dall’Assessorato alla cultura del Comune di Cosenza, guidato da Salvatore Dionesalvi. La mostra resterà aperta fino al prossimo 23 novembre. In esposizione mobili, quadri e oggetti d’arte del ‘600, ‘700 ed ‘800. La mostra, aperta dalle 10 alle 20, sarà arricchita da due stand, uno dedicato al design storico e l’altro agli abiti da sposa vintage di Vallì.

Sabina Guzzanti contro tutti al Rendano to di me, non di Geronzi o Provenzano. Infatti io sono una showgirl, ma questa (mostrando in video delle foto di Mara Carfagna, ndr) è una ministra». Dalla Carfagna alla Prestigiacomo, da Lucia Annunziata a Caprarica, dall'antifascismo a Fassino. «Non c'é bisogno delle intercettazioni - ha aggiunto Sabina Guzzanti - per capire come é diventato ministro la Carfagna. Proprio lei ora mi ha chiesto due milioni di euro di risarcimento (bella donna sì, ma che prezzi), ma perché non mi ha fatto causa penale?. E poi nelle ultime intercettazioni che riguardavano Saccà, che è di queste parti, e Berlusconi, ma ditemi cosa c'é

Sabina Guzzanti

di privato nel chiedere raccomandazioni e poi Saccà in cambio dell'aiuto dato a Berlusconi avrebbe chiesto il suo sostegno per costruire una casa di produzione in Calabria. Così da Cosenza a Hollywood». ìE sulle note di “Ndrangheta, 'ndrangheta, 'ndra” la Guzzanti torna a parlare di piazza Navona, di Sgarbi, del caso Mills, del Pd (“chiuso per inventario”), dell'“autocritica” di Bertinotti, di Di Pietro che «almeno è l'unico che parla, certo con i suoi limiti, non ha neanche un partito che è a gestione familiare», delle tv alternative di Veltroni e D'Alema che «ormai non hanno più niente da fare». E sull'infor-

turale “La ragione e il tempo”, coordinatore del Seminario, già segretario regionale della Cgil Calabria, sul tema: “Società, etica e politica nel pensiero di Zygmunt Bauman”. Zygmunt Bauman, professore emerito di Sociologia nelle Università di Leeds e di Varsavia, è autore di studi fondamentali del pensiero sociologico contemporaneo. Segnaliamo, nella sua vastissima produzione, “Cultura come prassi” 1973, “La decadenza degli intellettuali: da legislatori a interpreti” 1987, “La libertà” 1988, “Modernità e Olocausto” 1989, “Le sfide dell’etica” 1993, “Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone” 1998, “La solitudine del cittadino globale” 1999, “Modernità liquida” 2000, “Vite di scarto” 2005, “Fiducia e paura nella città” 2005, “Consumo, dunque sono” 2008. mazione manipolata, poi ha aggiunto: «Repubblica ha riportato l'intervista a Saviano, ma non ha mandato nessun giornalista a fare le domande vere. Ad esempio in campagna elettorale Veltroni é venuto in Calabria e ha detto “non vogliamo i voti della mafia”, ma a lui che gliene frega tanto qui c'é la 'ndrangheta». Dopo le affermazioni sul Papa a piazza Navona, per la Guzzanti «almeno l'accusa di vilipendio mi è stata utile perché avevo finito di scrivere lo spettacolo, ma non avevo il nome, avevo pensato a “sesso con il leader”, ma poi ho detto no perché così si pensa a uno spettacolo sulla Carfagna e chi se ne frega della Carfagna». «Considero un enorme privilegio - ha concluso Sabina Guzzanti salutando il pubblico avere trascorso queste due ore in cui siamo stati liberi insieme».

CROTONEPresso la sede della Provincia la presentazione del progetto Anche Cosenza aderisce

Una nuova piscina per il Coni

alla giornata mondiale per le vittime della strada

Il progetto al computer

COSENZA — Sabato 15 novembre, alle ore 16,30 a Cosenza una manifestazione per le vittime della strada. Una Provincia con i suoi 155 Comuni e le organizzazioni economico-sociali nazionali non solo per commemorare le vittime della strada ma anche per costruire progetti concreti da sperimentare in un'ambito territoriale di una provincia su 4 aree: un Centro nazionale di assistenza per le vittime della strada e per i loro familiari; una scuola di alta formazione per la sicurezza stradale; la messa in sicurezza delle infrastrutture attraverso una loro manutenzione programmata; la predisposizione di un piano di controlli efficaci e costanti per il rispetto delle norme del Codice della strada.


34 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA SOVERATO — Domani alle ore

14,45, presso il teatro comunale, si terrà l’inaugurazione del Laboratorio teatrale interscolastico, un progetto pensato dall’accademia “officina teatrale” e promosso dall’ assessorato alla cultura del comune di Soverato che metterà a disposizione - per la realizzazione dello stesso - il teatro comu-

SOVERATODomani al teatro comunale lo start del progetto interscolastico promosso dall’assessorato alla Cultura

L’inaugurazione del laboratorio teatrale nale. L’accademia, a sua volta, metterà a disposizione i suoi docenti. Il progettista, dott. Antonio Pellegrino, sarà altresì coordinatore del progetto

che prevede più moduli: interpretazione, dizione, elementi di regia, canto, scenografia e scenotecnica, scrittura creativa. Finalità del progetto è quel-

la di accostare i giovani al teatro e all’arte in generale, ma cosa più importante, il progetto nasce anche con una motivazione sociale: offrire ai gio-

vani uno spazio in cui potersi esprimere, un luogo in cui potersi incontrare, un’attività in cui potersi impegnare. Le scuole medie superiori di Soverato hanno offerto la loro collaborazione e allo stato attuale circa cento ragazzi risultano già iscritti al laboratorio. r. s.

REGGIO CALABRIA In migliaia hanno partecipato alla manifestazione della comunità di San Salvatore durata per l’intera giornata di domenica

Sagra del maiale in riva allo Stretto

Per la XIV edizione richiamo per i palati più legati alla tradizione con frittole, salsiccia alla brace e ragù REGGIO CALABRIA — Un successo senza precedenti che ha sbaragliato i traguardi delle scorse edizioni. Affermazione piena per la Sagra del Maiale, di San Salvatore, edizione 2008. In migliaia hanno partecipato alla manifestazione durata l’intera giornata di domenica. «Un livello di presenza mai visto per la nostra Sagra, segno di un successo, di una fiducia crescente nelle nostre iniziative, ma soprattutto che l’idea di portare la Sagra di domenica, distribuendola tra pranzo e cena, è stata molto apprezzata da tutti – sottolinea Nino Ripepi, presidente della Pro Loco Reggio Calabria San Salvatore». Un’idea fortemente condivisa dall’intero consiglio di amministrazione, capace di coinvolgere ed entusiasmare in questa faticosa avventura la comunità di San Salvatore al completo. Frittole, salsiccia alla brace, ragù di carne di maiale. Un attraente richiamo per i palati più esigenti, e più legati alla tradizione della nostra terra. Hanno risposto tantissimi all’invito della Pro-Loco Reggio Calabria San Salvatore, con la XIV Edizione della Sagra del maiale. Considerando i due appuntamenti di pranzo e cena, sono stati quasi settemila i visitatori che hanno affollato le strade del popoloso quartiere collinare di Reggio. Una giornata senza un attimo di noia, con la mattinata dedicata alle escursioni nelle chiese e fra i resti dell’antico borgo medievale di Motta Sant’Agata, accompagnati dalle guide della Pro-Loco, che hanno illustrato e spiegato ai visitatori la storia e l’origine luoghi visitati. Le curiosità e l’esposizione di prodotti tipici, nei mercatini allestiti dai produttori della zona: sottolii, marmellate, prodotti della terra, antichi giochi, alcuni dei quali oggi praticamente sconosciuti, e poi l’arti-

“Liberi tutti”, 2º appuntamento Domenica si concluderà la rassegna di workshop e performance d'arte "Crivu" che vede collaborare con il Museo dello Srumento Musicale di Reggio Calabria ( il museo si trova proprio dietro la Pineta Zerbi) e l'associazione socio-culturale "Liberi tutti" con il duo "Fragments of Sound" composto da Giancarlo e Francesco Mazzù. Nel primo appuntamento Matilde Politi e Simona Di Gregorio "Vogghiu cantari e darimi bonutempu" canti in siciliano di ieri e di oggi dal repertorio tradizionale sicililano e nel secondo "Queremos paz project" Gianni Piscinelli (attore teatrale), Vito Savino (musicista con studi approfonditi di pittura in applicazione alle arti visive), Giacomo Mongelli (musicista) che hanno fuso le varie espressioni artistiche in un unico "momento". Il 16 novembre ci sarà l'ultimo appuntamento "Fragments of Sound" ed anche in quest'occasione la performance prevede due parti: Il WorkShop con inizio alle ore 1 e la Performance con inizio alle ore 21, intervallati da un aperitivo-buffet con qualche stuzzichino e del buon vino offerto dal Museo dello Strumento Musicale. Il suono come effetto della vibrazione di un corpo. Suoni arcaici ed elettronici si mescolano continuamente, creando associazioni e dissonanze cangianti in un universo di emozioni generate, in tempo reale, dai due musicisti. Questo proporranno Giancarlo Mazzù (e(c) lectric guitar, loops, digital and analog delay, radio, noises) e Francesco Mazzù (tibetan and indian bells, drums, singing bowls, salterio, stones) domenica pomeriggio dalle 18.

I visitatori impegnati a mangiare

gianato locale, con la lavorazione del legno e del ferro per creare oggetti di uso comune e di arredamento della casa. Le immagini d’epoca. Una mostra fotografica ha riproposto tanti momenti della vita di un tempo, quando a scandire il passare degli anni erano le cerimonie, le processioni, le prime comunioni, gli eventi lieti e quelli tristi, o i piccoli traguardi di scuola, raggiunti tra elementari, e medie nei casi più fortunati, prima di diventare lavoratori, della campagna, entrando così di colpo nel mondo degli adulti. Un mondo che non c’è più, ma che per questo non bisogna dimenticare, o magari rinnegare di fronte alla moderna rivoluzione tecnologica. A tavola, tutti d’accordo. Preserviamo, valorizziamo il nostro passato, le nostre tradizioni, il nostro territorio. Davanti ad un buon bicchiere di vino, ad un buon piatto di maccheroni al sugo, alle frittole fumanti appena tirate fuori dalla caldaia, tanti motivi per entusiasmarsi ed innamorarsi di questo passato e di un territorio ancora poco conosciuto ma ricco dei valori veri della nostra terra. Obiettivi riusciti in

pieno quelli della Sagra di San Salvatore, e della sua Pro-Loco che nella valorizzazione e promozione del territorio ha fatto una delle sue finalità principali, coinvolgendo fattivamente l’intero quartiere. «Era proprio quello che ci eravamo posti come consiglio di amministrazione, ponendo a base dell’intero lavoro della pro loco la valorizzazione della nostra area, riscoprendo natura, gastronomia, cultura, usi e tradizioni. Un obiettivo che riteniamo di aver raggiunto - prosegue il Presidente Ripepi, già proiettato alle prossime iniziative in calendario: quelle legate alle festività natalizie e quelle del carnevale. Un ringraziamento sentito - conclude Nino Ripepi - va al Sindaco di Reggio Giuseppe Scopelliti, ed agli assessori Antonio Caridi, Sebastiano Vecchio ed alle società partecipate “Multiservizi Spa” e “Leonia Spa”, per la preziosa collaborazione fornita per la riuscita di questa iniziativa. Consentitemi, però, in ultimo, ma non per ultimo, di ringraziare tutti i paesani di San Salvatore, senza l’impegno dei quali nulla avremmo potuto fare».

REGGIO CALABRIA Sarà di scena il 14 ed il 15 novembre realizzato in esclusiva per il Cilea

Il “Gran Galà Internazionale di Tango” REGGIO CALABRIA — Come ogni anno anche l’inaugurazione 2008/2009 del teatro Francesco Cilea di Reggio Calabria è stata affidata alla danza. La danza in grande stile, quella delle etoile internazionali, delle stelle che direttamente da Buenos Aires, in Argentina, si danno appuntamento in riva allo Stretto per proporre il tango. Il “Gran Galà Internazionale di Tango”, realizzato in esclusiva per il Cilea, sarà, dunque, di scena il 14 ed il 15 novembre. «Questa volta ho voluto costruire un Galà diverso dal solito - ha affermato Maria Pia Lotta, direttore artistico per la danza generalmente aprivamo con il

ballo classico o contemporaneo, questa volta, per la prima volta, una serata di Gala dedicata al tango. Un ampio ventaglio di brani che attraversano il vasto territorio, all’incrocio tra tradizione e ricerca in una formula inedita, forte proprio della varietà. Attraverso questo Galà il pubblico reggino potrà notare il profilo cangiante e ricco, come nessun altro, di un ballo che non ha smesso di incorporare nella sua musicalità infinite suggestioni, soprattutto perché attinge da tutte le danze, da tutti i ritmi e da tutti i costumi, e vuol essere un omaggio a tutti coloro che amano questa forma di espressione. Sono felice di aver

scoperto che nella nostra città, nella nostra provincia, ed anche nella dirimpettaia Sicilia, ci sono molti cultori del tango che spero vengano ad assistere a questo spettacolo unico». Cinque tra la coppie più prestigiose di tangueros che saranno accompagnate dal vivo dalla musica del quartetto musicale Pentango e dalla preziosa voce del baritono Federico Longhi. Uno spettacolo irripetibile, quindi, interamente dedicato al pubblico reggino. Domani alle ore 12, al teatro Cilea, si terrà un incontro con i protagonisti della serata e con il direttore artistico Maria Pia Liotta.

RICERCA PERSONALE QUALIFICATO Si precisa che tutte le inserzioni relative alla ricerca di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile che femminile, essendo vietata ai sensi dell’art. 1 della legge 9/12/77 nr. 903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l’accesso al lavoro, indipendente dalle modalità di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attività. L’inserzionista è impegnato ad osservare tale legge.

SPA

è la concessionaria di pubblicità esclusiva dei mezzi : AsteInfoappalti QuiEconomia il Domani della Calabria QuiSardegna Nord e di un qualificato sistema internet come www.aste.eugenius.it | www.calabriacity.com | www.ildomani.it Inoltre rappresenta, per la Calabria, importanti gruppi editoriali nazionali . Nel quadro di un programma di sviluppo della Divisione Pubblicità locale

ricerca

nr. 5 SALES ACCOUNT/ambosessi per le province di

Catanzaro | Vibo Valentia | Crotone | Cosenza | Reggio Calabria ai quali verrà affidato un importante elenco clienti da sviluppare, per prodotto di vendita, nella provincia di competenza. Ricerchiamo diplomati o neolaureati, brillanti e responsabili con spiccate capacità relazionali che dimostrino costanza e tenacia nel raggiungimento degli obiettivi. Offriamo: la possibilità di entrare in un’azienda innovativa e che da sempre forma i migliori venditori del settore attraverso formazione e supporto costante sul campo; un importante compenso provvigionale con erogazione di anticipi mensili commisurato alle effettive capacità. incentivi al raggiungimento degli obiettivi; mandato Agente Enasarco sede di lavoro: Calabria Si richiede: disponibilità all’iscrizione all’Albo Agenti e auto propria. SEDE DI LAVORO: province di Catanzaro, Vibo Valentia, Crotone, Cosenza, Reggio Calabria DIVISIONE AZIENDALE: Vendite Pubblicità Locale TIPOLOGIA CONTRATTO: Agente di Commercio Inviare dettagliato curriculum vitae a : Mediatag Spa - Selezione Fax : 0961.903421 | Email: info@mediatag.it Località Serramonda- Zona Ind.le , 88040 Marcellinara (Cz) Ai sensi degli articoli n°1 L.903/77 e n°4 L.125/91 questo annuncio è diretto a candidati dell’uno e dell’altro sesso. Informativa ai sensi del D. Lgs 196/2003. La gestione dei dati avviene nel pieno rispetto del D. Lgs 196/2003 ed in qualsiasi momento l´Interessato potrà esercitare i diritti di cui all´articolo 7.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 35

APPUNTAMENTI CALABRIA CATANZARO La Messa di requiem si trasforma in una rappresentazione teatrale e come tale viene ospitata al Politeama

“Requiem per Manzoni: esequie da teatro” Gli Amici del Teatro Politeama si inventano un tema originale e significativo dell’arte verdiana di Franco Brascia CATANZARO — Alessandro Manzoni è uno dei più grandi scrittori della letteratura italiana, ma anche l’esponente più importante del romanticismo italiano. Autore di molte opere, Manzoni vive il rapporto con il suo tempo interpretandone gli ideali e l’impegno morale. Sempre teso alla ricerca di una lingua “viva” come appare, soprattutto, ne “I promessi sposi”, il celebre romanzo storico che, oltre ai suoi contenuti, andrebbe forse di più evidenziato per la sua originalità, atteso che rivoluzionò l’intera concezione del genere particolarmente in quel suo continuo alternarsi di racconto e riflessione. Al punto da giustificare tanto la definizione di romanzo dei fatti, quanto quella di romanzo delle idee. Il genere del romanzo non è però l’unico con il quale si confronta Alessandro Manzoni: egli infatti andrebbe anche di più ricordato per le altre sue composizioni artistiche avendo scritto anche liriche di stampo neoclassico. E particolarmente per “Gli inni sacri” dell’età giovanile che costituiscono una vera svolta nella poesia manzoniana: il fondamentale evento della conversione infatti non investe solo la vita privata, ma è anche alla base di un profondo ripensamento dell’attività letteraria. Sfugge di frequente, infine, l’attività letteraria manzoniana nel campo del teatro dove le opere composte segnano la rinascita del genere in Italia dopo l’esperienza dell’Alfieri. Infatti, all’epoca in cui Manzoni compose le sue famose tragedie, l’Adelchi e il Conte di Carmagnola, il genere teatrale ripercorreva nella forma, nello stile e nei contenuti - la classica tradizione aristotelica delle tre famose unità: tempo, luogo e azione. Le tragedie manzoniane rompono completamente questo quadro diventando del tutto originali per struttura e spirito. Non solo perché respingono le unità aristoteliche assumendo un’articolazione piena e libera delle vicende per quanto concerne sia lo spazio che il tempo, ma quanto perché in esse si introduce il coro. Che richiama le visioni della vecchia tragedia greca con la importanza che viene riferita all’insieme di personaggi raggrumati in un gruppo di cittadini di ogni età e condizione sociale che dialoga con il personaggio singolo. Per di più, le tragedie manzoniane inseriscono una ulteriore originalità che soppianta lo schema precedenCOSENZA — L’esordio della X

edizione de “La Scuola a Cinema” è affidato, domani, al Cinema Citrigno di Cosenza, alle ore 14.30, a “Il cacciatore di aquiloni” (2008), regia di Marc Forster. Primo film in cartellone per la rassegna che coinvolge gli studenti di 20 istituti scolastici cosentini e dell’hinterland. Un’iniziativa promossa dalla Società Kostner e dall’associazione Anec-Calabria in collaborazione con l’assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Cosenza e l’Agis Scuola. Un’edizione dedicata al tema delle “problematiche sociali”.

Il teatro Politeama

Il cartellone proposto gode del consenso delle più celebri riviste specializzate del settore... te, del risvolto educativo all’amor patrio, per introdurre i grandi temi moralistici del tempo e della nostra attualità. Allorché scior Lixander morì, la sua fama era possente ed ecco perché riuscì a scomodare per l’occasione principi e autorità per partecipare ai suoi funerali, i quali comunque rivestirono un momento solenne ottenendo la partecipazione di tutta Milano. Il corteo funebre attraversò corso Vittorio Emanuele e giunse fino al Cimitero monumentale. L’anno dopo, nel primo anniversario della morte, Giuseppe Verdi, grande estimatore dello scrittore lombardo, gli dedicò la sua “Messa di requiem” che personalmente diresse la mattina nella Chiesa di San Marco e la sera nel teatro della Scala. Proprio al Teatro per rimarcare con ciò la sua fortissima sensibilità verso il teatro, non da intendersi questo come vasto effetto scenico, ma come solida coscienza dello spettacolo drammatico. Anche in questa occasione della composizione dedicata a Manzoni non si staccò da questo senso della espressione drammatica. In una manifestazione di ori-

ginalità creativa in cui la composizione non è mai fredda, né decorativa, né artificiosa in un linguaggio che è poesia essenziale con cui si rappresenta e si intona la musica. “Messa di requiem” si trasforma, perciò, in una rappresentazione teatrale e come tale viene ospitata al Politeama di Catanzaro. E dalla quale l’Associazione”Amici del Teatro Politeama” ha preso la spinta per trarne un tema originale e significativo dell’arte verdiana - “Requiem per Manzoni: esequie da teatro” - sviluppato in una propria conferenza anche esplicativa dello spettacolo che andrà in scena sabato prossimo. La guida all’ascolto è stata curata dal maestro Rosario Raffaele, compositore e direttore d’orchestra catanzarese, pianista, docente di teoria musicale presso l’Accademia Internazionale dello spettacolo. Con una relazione eccellente ed esaustiva con cui il maestro ha descritto caratteristiche storiche, spirituali e musicali dell’opera e di cui riportiamo un breve ma significativo estratto: «Il Requiem per Alessandro Manzoni rappresenta una delle opere più geniali e tra le più amate dal pubblico, e definendola “opera” si fa volontariamente riferimento, non solo al lavoro compositivo, ma alla polemica che accompagnò fin dalla prima, il 22 maggio 1874, la messa del Cigno di Busseto Dichiaratamente ateo e massone, Verdi colse nel testo religioso quei contenuti spirituali umani che annullano l’uomo di fronte all’ineluttabilità della morte, ma lo consolano nell’abbandono alla

... tanto da consentire al Politeama di inserirsi nel circuito dei più rinomati teatri italiani speranza del perdono. Così, da una rielaborazione del materiale musicale composto in precedenza per omaggiare la morte di Gioacchino Rossini, il compositore trae tutti gli spunti necessari alla costruzione di un’opera che venne subito criticata per la teatralità. Verdi in verità non negò mai la presenza di questo carattere nella sua Messa, egli era un compositore d’opere liriche e non avrebbe mai potuto snaturarsi e, seppure la sua Messa di Requiem non si addica all’auditorio di una chiesa, ciò nonostante nessuno, compresi i credenti più fervidi, può restare impassibile o criticamente scandalizzato ascoltando con quanta delicatezza il “coro-umanità” chiede perdono per i proprio peccati, all’inizio dell’opera. E che dire poi dell’ira divina nel giorno del Giudizio universale, quando tutte le anime supplicheranno il perdono a un Dio che allora appare vendicatore e dispensatore di giustizia per tutti, rappresentata in maniera così efficace dalle note e dagli accenti del Dies irae. Ma in fine, la tanto sospirata pietà giunge, come a ricor-

COSENZA Domani l’esordio della X edizione de “La Scuola a Cinema” affidato al film di Marc Forster

Al Citrigno “Il cacciatore di aquiloni” In programma, durante l’anno scolastico, pellicole di successo legate al mondo dei giovani, di ultima uscita o prossimi nelle sale. 5 film (i prossimi: “Pa-RaDa”, “Il Papà di Giovanna”, “Gomorra” e “La Classe”) che affrontano, soprattutto, il difficile tema dei rapporti interpersonali. Il cinema può essere per i più giovani non solo un momento d’intrattenimento ma anche di formazione culturale,

questo l’obiettivo de “La Scuola a Cinema”. I cinque film avranno cadenza mensile e i ragazzi avranno la possibilità di elaborare e riflettere in aula, con gli insegnati, delle tematiche affrontate. A conclusione del progetto gli studenti raccoglieranno i loro appunti e le loro riflessioni in una pubblicazione curata dalla società Kostner, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Co-

senza. «Si tratta di un progetto in cui l’amministrazione comunale di Cosenza crede fortemente spiega l’Assessore Maria Lucente - un’iniziativa che coinvolge le nostre scuole e che cresce di anno in anno, grazie all’impegno dell’Agis Scuola e degli operatori locali». «Il nostro obiettivo - spiega il Presidente Anec Calabria, Giuseppe Citrigno - è quello di far

dare la “Divina provvidenza” di manzoniana memoria, nelle ultime flebili note in recto tono emesse dal Soprano: Libera me, Domine, de morte aeterna, in die illa tremenda…Forti di queste brevi osservazioni, sarà opportuno dunque prepararsi ad un ascolto completo, che tenga conto del significato dei testi sacri, in quanto ispirazione teologica di chi prega, ma che rivolga anche l’attenzione ad aspetti esclusivamente musicali rappresentanti il primo linguaggio che aveva in mente Giuseppe Verdi all’atto di comporre.» La conferenza ha avuto inizio con il preliminare intervento del presidente dell’Associazione cui è seguita l’introduzione dell’avv. Marcello Furriolo, direttore generale della Fondazione del Politeama, il quale ha voluto evidenziare il ruolo di connessione fattiva dell’Associazione Amici del Politeama con l’attività del teatro. La quale connessione dovrà svilupparsi in ulteriori effetti collaborativi. Furriolo principalmente si è valso dell’occasione per porre in evidenza che, già sin dall’inizio della stagione teatrale, il Politeama ha offerto, a un vastissimo pubblico formato non solo da catanzaresi, delle eccezionali rappresentazioni accolte anche dalla critica con grande favore ed entusiasmo. Infatti, Il barbiere di Siviglia, nella sua produzione scenica originale, ha avuto il privilegio di essere commentato dalle grandi testate giornalistiche nazionali che hanno ritenuto l’opera prodotta dal Politeama di grande pregio artistico, specie per la originalità degli effetti creativi. Idea, la nuova composizione di Cristina Cavalloni, “assolutamente originale e fuori di ogni tempo”, con la sua proposta musicale incentrata su una grande scelta di hit di Charles Aznavour ma rielaborati ed interpretati secondo una vena tutta modern jazz - è stata accolta da un Teatro strapieno con lunghi e scroscianti applausi. Infine, con lo stesso entusiasmo è stato accolto, dal pubblico del Teatro, il trio di Danilo Perez in un concerto favoloso in cui Lee Konitz, colosso vivente della migliore musica jazz, ha mostrato la performance della sua eccezionale vena espressiva. Ma, tutto il cartellone della stagione appena iniziata, ha concluso Furriolo, gode del consenso specie delle celebri riviste specializzate in spettacoli teatrali, tanto da consentire al Politeama di inserirsi nella panoramica dei più rinomati teatri italiani. riflettere le nuove generazioni utilizzando come strumento di rielaborazione il cinema. I ragazzi, accompagnati dai loro insegnanti, scopriranno l’arte cinematografica, efficace mezzo di decodificazione della realtà che li circonda- continua Citrigno -. In questi 10 anni è cresciuta, infatti, la partecipazione delle scuole del territorio e il coinvolgimento in sala. Scuola a Cinema è un’iniziativa originale nel panorama nazionale, elogiata dall’Agis. Si tratta, infatti, dell’unico progetto autofinanziato, in Italia, che mira a promuovere il cinema nelle giovani generazioni».


36 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Un seminario di studio sul tema “Gesù e la Montagna: la rivoluzione dell’amore” nella Città dei Tre Colli

“Diagonal Jazz” a Catanzaro IL CARTELLONE

Seconda edizione della rassegna regionale di cucina a Bagnara Calabra

BAGNARA C. (Rc) - Rassegna regionale di cucina L'associazione professionale cuochi italiani, l’Unione cuochi Regione Calabria, delegazione provinciale Reggio Calabria, invitano alla conferenza stampa per la II rassegna regionale di cucina, pasticceria e sculture artistiche & 1° trofeo "Costa viola" riservato agli istituti alberghieri e ai centri di formazione professionale turistici alberghieri, giorno 15 novembre, alle ore 15.30, presso il castello Ruffo di Bagnara Calabra (Rc), in via Nazionale. Info: 392/2335781. L'evento si terrà giorno 17 e 18 novembre, dalle ore 13.00, presso l'hotel ristorante Sporting club "Villaggio del Pino" a Melia di Scilla. Programma dell'evento: lunedì 17 novembre, ore 13.00 - 15.00, registrazione dei cuochi concorrenti; ore 15.00-17.00, presentazione dei piatti in gara; ore 18.00, riunione assembleare dei cuochi della Regione Calabria: relazioni sulle attività svolte e sui programmi futuri dell'associazione nazionale e della sua delegazione regionale; ore 20.00, cena di gala all'insegna della tipicità gastronomica calabrese con i cuochi partecipanti, alla presenza delle autorità e della stampa; saluti di circostanza e conferimento dei premi della rassegna per le varie categorie; assegnazione del I trofeo Costa Viola e delle pergamene di merito. Martedì 18 novembre, ore 8.30, visita guidata dei panorami e delle località della Costa Viola: Campo Calabro, Villa San Giovanni, Bagnara Calabra, Palmi: aperitivo e buffet offerto dal centro commerciale "Le Palme"; ore 14.00, rientro in hotel, pranzo a buffet e saluti di commiato. CATANZARO - “Diagonal Jazz 2008” L'associazione culturale Vivarium, Università Popolare Calabrese, Catanzaro, presentano il "Diagonal jazz 2008", fino a venerdì 14 novembre 2008. Di seguito il programma: venerdì 14 novembre, Eri Yamamoto (Jap) Solologue, Eri Yamamoto pianoforte, presso il complesso monumentale San Giovanni, ore 21.30, ingresso 7 euro. CATANZARO - Concorso di pittura e di scultura L’associazione di volontariato “Angologiro”, presieduta da Bianca Maria De Angelis, ha indetto un concorso di pittura e scultura per i ragazzi frequentanti l’ultimo anno all’Istituto d’Arte di Squillace ed al liceo artistico di Catanzaro. I ragazzi avranno tempo fino al 15 gennaio per aderire al concorso con le loro opere, che saranno visionate da un’apposita giuria. Per fine maggio si conosceranno, poi, i nomi dei sei vincitori che riceveranno premi in denaro, dell’importo di 750 euro (per i primi due classificati delle categorie “pittura” e “scultura”), di 500 (per i secondi classificati) e di 250 euro (per i terzi classificati). Le opere resteranno esposte nella bellissima “Villa Linda” di Sant’Elia, a cui fa capo l’associazione. CATANZARO - “Salviamo l’Azienda Amc” Il Cub trasporti coordinamento regionale della Calabria organizza per oggi una conferenza stampa alle ore 9.00, presso la struttura aziendale Amc di Catanzaro, dal tema "Salviamo l’azienda Amc dalla bancarotta”. CATANZARO - “Crisi istituzioni e devianze giovanili” Si terrà oggi alle ore 10.30 presso l’Istituto professionale per il Commercio “Maresca” di Catanzaro, il convegno-seminario organizzato dalla Commissione Consiliare alla Sicurezza e alla legalità della Provincia di Catanzaro dal titolo: “Crisi delle istituzioni e devianze giovanili”. Introdurranno i lavori il presidente della commissione consiliare Mario De Onofrio ed il vice presidente Emilio Verrengia, porteranno un saluto il presidente della Provincia Wanda Ferro ed il presidente del Consiglio Peppino Ruberto. Interverranno il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Francesco Coluccio, il dirigente scolastico, Gesualdo Campese e Carmelo Carabetta docente all’Università di Messina. Hanno dato la loro adesione il prefetto di Catanzaro, Sandro Calvosa e parteciperanno i responsabili delle forze di Polizia della provincia di Catanzaro. CATANZARO - Famiglia, progetto nazionale Continua a Catanzaro il progetto nazionale che porta la famiglia… al “centro”. Le famiglie interessate, con figli in età compresa tra i 6 e gli 11 anni, possono iscriversi al corso gratuito, articolato in 10 incontri, che si terrà ogni giovedì dalle 16.30 alle 19.30 a partire da oggi, nei locali della scuola elementare di Corvo. Il percorso è rivolto ad un numero massimo di 15 famiglie. Ogni incontro formativo prevede una parte in cui il gruppo dei bambini ed il gruppo dei genitori lavo-

rano separatamente ed una parte in cui genitori e bambini saranno insieme nel gruppo famiglia che si concluderà con un momento conviviale di rinfresco per tutti i partecipanti. A Catanzaro gli uffici di segreteria sono situati presso il settore prevenzione del Centro Calabrese di Solidarietà in via Fontana Vecchia 44 e la sede formativa presso la scuola elementare di Corvo dell’ VIII Circolo didattico di Santa Maria di Catanzaro. Per ulteriori informazioni contattare il numero telefonico: 0961/745518; oppure scrivere una mail all’indirizzo di posta elettronica di seguito riportato: ccs.prevenzione@virgilio.it. CATANZARO - Presentazione progetti Por 2008 Oggi alle 10.00 si terrà, presso l'Auditorium "Scopelliti" del Liceo "Fermi" sito in viale Crotone, una conferenza divulgativa con la presentazione da parte degli alunni dei progetti Por 2008 realizzati. Saranno presenti funzionari della Regione, docenti dell'Università di Cosenza, rappresentanti degli Uffici scolastici regionale e provinciale. CATANZARO - Ristorante Antonio Abbruzzino, serate Il ristorante “AntonioAbruzzinoaltacucinalocale”, località S. Janni (Cz), presenta il programma degli eventi che si realizzeranno durante l’arco dell’anno composto da serate a tema quali: gastronomie regionali con la presenza di uno chef proveniente dalla regione stessa; al fine di valorizzare i prodotti regionali lo chef proporrà dei piatti abbinati ai vini di un’azienda vinicola calabrese; saranno inoltre proposte in base alla stagionalità degli ingredienti serate a tema come per esempio funghi, castagne, cacciagione, cioccolato e altri prodotti. Programma: oggi, La cantina; giovedì 20 novembre, Regionale (la Campania); giovedì 27 novembre, Ebbrezza di mare; giovedì 4 dicembre, La cantina; giovedì 11 dicembre, Regionale (Valle d’Aosta); giovedì 18 dicembre, Bontà riconosciuta “la cacciagione”. CATANZARO - Circolo Placanica, iniziative A cura del Circolo di cultura ”Augusto Placanica” presentazione del calendario delle prossime attività del circolo:oggi, ore 17.30, (in sede) “Storia del sindacato dei medici ospedalieri con unico rapporto di lavoro”. Presentazione del libro del dott. Giuseppe Zimatore, introduzione di Pasquale Alcaro; 20 novembre, 27 novembre, ore 17.30, presso l'auditorium Casalinuovo I giovani leggono Dante; 6 dicembre, ore 17.30, presso la sala conferenze istituto tecnico industriale "La riforma protestante", relatore dott. Ricca. CATANZARO - “Gesù e la Montagna”, seminario Il 14 novembre 2008, alle ore 16, presso l’Aula S. Petri della Curia Arcivescovile di Catanzaro, si svolgerà un seminario di studio sul tema “Gesù e la Montagna: la rivoluzione dell’Amore” che costituisce l’argomento del progetto formativo di questa Pastorale destinato agli alunni delle scuole superiori per l’anno scolastico in corso. Le relazioni saranno tenute da: don Francesco Brancaccio, docente di Teologia Fondamentale presso il Seminario Teologico di Cosenza, 1 rappresentante dell’Associazione Giuristi Cattolici, prof. Domenico Corea, primario Ostetricia Ospedale Lamezia Terme, prof. Antonio Nisticò, docente di storia e filosofia presso il Liceo Sc. “Guarasci” di Noverato. Modera: dott.ssa Annamaria Fonti. CATANZARO - Stelle al merito del lavoro Un riconoscimento del valore di chi si è distinto in tutta la vita lavorativa per laboriosità, perizia e rettitudine morale, ma anche per impegno sociale e civile. E’ questo il senso della cerimonia che si svolgerà venerdì 14 novembre, alle ore 10, presso la Sala del Consiglio provinciale di Catanzaro, nel corso della quale saranno presentati alla cittadinanza, alle autorità e ai rappresentanti del mondo del lavoro e delle imprese, i 9 nuovi Maestri del Lavoro della provincia di Catanzaro. Nel corso della cerimonia il presidente della Provincia di Catanzaro, Wanda Ferro, consegnerà un riconoscimento ai lavoratori decorati con la “Stella al Merito del Lavoro” nell’anno 2008. I Maestri del Lavoro che riceveranno il riconoscimento sono: Walter Adinolfi (Enel Servizi); Marcello Astorino (Abramo Printing); Carmela Aulicino (Enel Distribuzione); Francesco Brutto (Istituto di Vigilanza Privata Notturna e Diurna - Catanzaro); Renato Caroleo (Telecom Italia); Giuseppe Nisticò (Co.Ma.C. srl – Soverato); Massimo Pirrò (Cibus srl); Vittorio Pistoia (Enel Distribuzione); Ferdinando Righini (Intesa SanPaolo). La cerimonia, che si svolge per la prima volta nella provincia di Catanzaro, è de-

stinata a diventare uno dei principali appuntamenti che il Consolato Provinciale dei Maestri del Lavoro, guidato dal console provinciale Francesco Saverio Capria, ha in programma di organizzare ogni anno. Nel corso della cerimonia - cui prenderanno parte anche il console regionale della Federazione Pasquale Scalise, il componente della Commissione nazionale Franco Larizza, i consoli provinciali della Calabria, oltre ai rappresentanti delle imprese e alle massime autorità civili e religiose della provincia - saranno consegnati dei riconoscimenti anche ai “Maestri del Lavoro” della provincia di Catanzaro che nel 2008 hanno raggiunto i traguardi dei 30 e dei 10 anni di appartenenza alla Federazione dei Maestri del Lavoro. I premiati sono: Andrea Sinicante (30 anni di appartenenza); Bernardino Rezzoagli e Antonio Spanò (10 anni). Le “Stelle al merito del lavoro” sono assegnate a coloro che, nell'ambito delle loro attività, si siano particolarmente distinti per singolari meriti di perizia, laboriosità e di buona condotta morale; oppure abbiano con invenzioni o innovazioni nel campo tecnico e produttivo migliorato l'efficienza degli strumenti, delle macchine e dei metodi di lavorazione; o ancora abbiano contribuito in modo originale al perfezionamento delle misure di sicurezza del lavoro; o infine si siano prodigati per istruire e preparare le nuove generazioni nell'attività professionale. CATANZARO - Presentazione abiti da sposa “Favole abiti da sposa” presenta la collezione 2009 nei giorni 14-15-16 novembre dalle ore 10.00 alle ore 20.00. Ingresso gratuito presso lo show room di S.Elia Catanzaro in via D.Bpano' Bolani 89/b. Info: 0961/761596 - www.favolesposi.it. Ai partecipanti buono sconto del 20 %. CATANZARO - Presentazione romanzo Sabato 15 novembre 2008 alle ore 17.00, presso la sala concerti del Comune di Catanzaro, sarà presentato il secondo romanzo della scrittrice Anna Pascuzzo. Parlerà del romanzo, in qualità di ralatore, il professore Gigi La Rosa. Il titolo è "Le colonne di Emma", la casa editrice è veneta: Altromondo Editore di Padova. Coprotagonista del romanzo è Emma. CATANZARO - “Canto per te... Franco” “Canto per te ... Franco”,sabato 15 novembre 2008ore 20.25, presso l’Auditorium Casalinuovo. La famiglia Franconieri, in collaborazione con l'assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro, i Centri Sociali del Comune di Catanzaro, l'Associazione Sacro Cuore di Catanzaro, la Gdl Produzioni Artistiche Musicali, presenta “Canto per te...Franco”, II edizione del memorial dedicato a Franco Franconieri. Tra gli ospiti della serata: Brigitte Valentino, Salvatore Chiefalo, Giovanna Dardano, Stefano Greco, Ilaria & Giuliana Grande, Antonio La Salvia, Gino Celli, Mara Franconieri, Lucrezia, Anna Folino, Pino Colao, Adriano Fasano, Rosalba Chiarella, Francesco Carmine Fera & Anna Maria Bagnato, Michele Tosi, Anna laura, Ettore Capicotto, Mimmo Mancini, Ulisse. I cantanti saranno accompagnati dalla GDL band (versione storica): basso Piero Dardano, chitarre Sergio Turcomanni, tastiere Antonio Gallelli, batteria Gianfranco Caroleo. Coreografie: Alessandra Badolato & Federica Borromeo. Ospite della serata: Piero Procopio. Presenta: Giagià Rubino. Ingresso gratuito ad invito. Per info: 339/7444018. CATANZARO - Abbonamenti Politeama Il calendario della campagna abbonamenti del Teatro Politeama 0per la stagione 2008-2009 è stato definito. Programma: fino al 28 novembre campagna nuovi abbonamenti “prosa”; fino al 7 gennaio 2008 campagna abbonamenti “danza/balletto”; fino a lunedì 20 novembre campagna abbonamenti stagione Teatro Masciari. Il botteghino del Politeama è aperto dalle 10.00 alle 13.00 e alle 16.30 alle 19.00. Sono già disponibili le brochure dei programmi del Politeama e del “Politeama al Masciari”.

Segnala un appuntamento a questa rubrica regionale: via mail: appuntamenti@ildomani.it via fax:

0961-903801


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 37

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Conferenza stampa di presentazione della quinta edizione di “Ri... Vista” nella Città dei Tre Colli

Stage di danza a Catanzaro IL CARTELLONE

Prosegue sabato 15 novembre la stagione teatrale del Politeama

CATANZARO - Stagione Politeama 2008/2009 Politeama, programma 2008/2009: 15 novembre, Messa da Requiem per soli cori e orchestra. Roma Sinfonietta Orchestra diretta da Francesco Lanzillotta e nuovo coro lirico sinfonico romano diretto da Stefano Cucci; 29/30 novembre, Il letto ovale di Ray Cooney - John Chapman. Con Maurizio Micheli, Maria Laura Baccarini e Pierluigi Misasi; 5 dicembre, Tu mi fai girar. Tour 2008 di Patty Pravo; 12 e 14 dicembre, Turandot, produzione del teatro Francesco Cilea di Reggio Calabria; 22/23 dicembre 2008, Massimo Ranieri, Canto perché non so nuotare.... da 40 anni. Lo show è accompagnato da un orchestra tutta al femminile; 1 gennaio 2009, concerto di Capodanno - Moscow State Radio and Tv Symphony orchestra; 5/6 gennaio 2009, Il giorno della Tartaruga - commedia musicale di Garinei e Giovannini. Con Chiara Noschese e Christian Ginepro; 9/10 gennaio 2009, Miguel Angel Zotto, Il ritorno di Buenos Aires Tango. Partner di Zotto Daiana Guspero e 13 ballerini; 14/15 gennaio 2009, Portami tante rose. it il Musical, di Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime. Con Valeria Valeri e i ragazzi di Amici; 27/28 gennaio 2009, Madre coraggio di Bertold Brecht. Con Isa Danieli; 3/4 febbraio 2009, Poveri ma belli, un’idea di Pietro Garinei e Guido Lombardo, con Bianca Guaccero, Antonello Angiolillo e Michele Canfora; 12 febbraio 2009 - Giselle di Jules - Henri Vernoy de Saint - Georges e Thèophile Gautier - corpo di ballo del maggio musicale fiornentino; 18/19 febbraio 2009 - La strada di Tullio Pinelli e Bernardino Zapponi, con Massimo Venturiello e Tosca, tratta dall’omonimo film di Federico Fellini; 22 febbraio 2009 - Lo Schiaccianoci di Pyotr Ilyich Tchaicovsky. Balletto nazionale di Sofia; 6 marzo 2009 - Puppin Sisters live. See the fabulous; 10/11 marzo 2009 - Faust di Johann Wolfgang Goethe, con Glauco Mauri e Roberto Sturno; 15 marzo 2009 - Mare notrum. Concerto del trio Poalo Fresu, Richard Galliano e Jan Lundgren; 19 marzo 2009 - Recital di Hirano Midori al violino e Charles Abramovic al pianoforte; 26/27 marzo 2009, Due dozzine di rose scarlatte di Aldo de Benedetti, con Leopoldo Mastelloni e Katia Terlizzi; 3/4 aprile 2009, Momix - Bothanica. L’ultimo capolavoro di Moses Pendleton; 9 aprile 2009, Ludovico Einaudi, piano solo; 17 aprile 2009, La Serena, con Teresa Salgueiro e Lusitania Ensemble; 23 aprile 2009, Domenico Codispoti in concerto; 4 maggio 2009, serata d’onore. Tributo ad Armando Trovajoli. Orchestra e coro del teatro San Carlo di Napoli; 8/10 maggio 2009, High School Musical. Il Politeama al Masciari: 21 novembre 2009, Tutto quello che le donne (non) dicono, di Francesca Reggiani e Walter Lupo. 19 dicembre 2009, Completamente spettinato con Paolo Migone; 22 gennaio 2009, Outlet, scritto da Cinzia Leone con Paola Cannatello; 14 febbraio 2009, Per tutti Revolution di Alessandro Siani e Francesco Albanese. Con la partecipazione di Lello Musella; 21 marzo 2009, Cose che mi sono capitate di Francesco Freyrie e Eugenio Ghiozzi, con Gene Gnocchi; 1 aprile 2009, recital Il meglio di... con Teresa Mannino e Federico Basso. CATANZARO - Buddha Style Domenica 16 novembre 2008 al Red Pub Cafè, sito in località Giovino a Catanzaro Lido, nuovo appuntamento con il Buddha Style, a partire dalle ore 19.00, dj set Claudio Giordano live percussion Davide Tribal. CATANZARO - Stage di danza La scuola di danza Nuova Ariadne di Catanzaro sede di via

M.Greco 116 organizza per giorno 16 novembre uno stage di danza tenuto dal ballerino e coreografo di fama mondiale Michele Oliva. Prenotazioni al numero 338/5756900. CATANZARO - “Incontri diVino” Il direttivo dell’associazione “Il Pungolo per Catanzaro” rende noto che si svolgeranno tre “incontri diVini” nei giorni 17 e 24 novembre alle 21.00 al Moma (ex Zula) di Catanzaro. Si tratta di un percorso enoculturale diretto dal sommelier Tommaso Biamonte che si svilupperà secondo un esame visivo, olfattivo e gustativo. Un modo divertente ed istruttivo per avvicinarsi al vino, conoscerne la sua profondità e per abbinarlo correttamente alla cucina. Info: 334/6246568. CATANZARO - “Catanzaro Jazz Fest” Ha preso il via la XII edizione del “Catanzaro Jazz Fest”. L’inizio degli spettacoli è previsto per le ore 20.45. Programma: 18 novembre, all’auditorium Casalinuovo, Matt Wilson’s Arts and Crafts; 25 novembre, al complesso San Giovanni, Phil Markowitz Trio; 3 dicembre, presso il museo Marca, Erin Bode Quartet. CATANZARO - Sud Sound System in concerto Catanzarock, Kissusenti, Catanzion, Calabria Reggae promotion presentano Sud Sound System & Bag a Riddim band in concerto "dammene ancora tour",il 21 novembre, alle ore 23.00, presso il People ex Sesto senso a Catanzaro, unica data in Calabria. Ingresso 14 euro. CATANZARO - Ufficio scolastico, iniziative Nell’ambito del Piano provinciale di intervento per la valorizzazione ed il potenziamento dell’ Educazione motoria e sportiva nella Scuola dell’Infanzia e Primaria, avranno luogo le seguenti iniziative promosse dall’Ufficio scolastico di Catanzaro: venerdi 21 novembre, alle ore 9.00, presso la direzione didattica Statale del 10° Circolo - Via Forni - Catanzaro Lido, saranno proposte alle insegnanti dell’area motoria le linee guida “tecniche“ per la realizzazione delle attività di GiocoAtletica e GiocoSport, rispettivamente IV classe e V classe ed eventuali indicazioni sulla Giornata Provinciale dello Sport. CATANZARO - Seminario di formazione politica Proseguono le lezioni del “Seminario di formazione culturale e politica” dedicato ai giovani, ma comunque aperto a tutti coloro che considerano la politica una espressione alta dell’esperienza umana. Con la sesta lezione dedicata alla massima espressione del pensiero sociologico contemporaneo si concluderà il primo ciclo del seminario che ha affrontato l’evoluzione del pensiero politico occidentale, dalla “polis” ateniese alla “res publica romana”, dal “Principe” di Machiavelli allo “Stato assoluto” di Hegel, dal liberalismo al socialismo, alla dottrina sociale cristiana. La sesta lezione sarà dunque tenuta sabato 22 novembre, alle ore 17.00, nella Sala Concerti del Palazzo Municipale di Catanzaro, da Carlo Scalfaro, presidente della Associazione culturale “La ragione e il tempo”, coordinatore del Seminario, già segretario regionale della Cgil Calabria, sul tema: “Società, etica e politica nel pensiero di Zygmunt Bauman”.

CATANZARO - Presentazione libro Il 22 novembre, con inizio alle 17.30, nei Saloni del Circolo Unione, presentazione del volume “Pagine dell’Ottocento catanzarese” di Francesca Rizzari Gregorace, pubblicato nei giorni scorsi dalle Edizioni Ursini di Catanzaro ed inserito nella collana “Galassie”. Alla presentazione, a cura dell’Associazione culturale “Accademia dei Bronzi”, con l’autrice e l’editore, interverranno G. Battista Scalise, (Responsabile culturale dell’Accademia dei Bronzi e delle Edizioni Ursini), Rossella Capitelli Pascali, e Oreste Sergi. Voce narrante: Elvia Gregorace.Il volume edito da Ursini offre una suggestiva presentazione della società catanzarese ottocentesca, evocando spunti reali di vita quotidiana, basata su convivenze tra le varie classi sociali. Non mancano modi di dire, canzoni popolari, filastrocche e fiabe ambientate in determinati spazi urbani e ispirate a fenomeni sociali. CATANZARO - Vinicio Capossela in concerto Vinicio Capossela con ”Da solo on la strada” nell’ambito della stagione del Festival d’autunno: sabato 22 novembre al teatro Politeama, alle ore 20.45. Prezzi : euro 36 I ordine, euro 31 II ordine, euro 26 III ordine, euro 21 IV ordine, euro 16 V ordine, compresa prevendita. Biglietteria del Festival d’autunno :corso Mazzini,15(vicino museo S.Giovanni),oppure www.festivaldautunno.com. Orario 11-14 e 17-20. Info: 389/0931362. CATANZARO - Corso di formazione in Oncologia Prosegue, nella sede dell’Ordine dei Medici di Catanzaro, in via Settembrini, il corso di formazione in Oncologia. Coordinato dal dr Stefano Molica, direttore della Soc di Oncologia medica dell’A.O. Pugliese-Ciaccio, il corso è articolato in quattro moduli (rispettivamente sabato 22 novembre e sabato 13 dicembre 2008) per un totale di 30 ore di formazione ed è accreditato presso il ministero del Welfare secondo il programma di educazione continua in medicina (Ecm) del ministero della Salute. Il progetto formativo è patrocinato dall’ordine dei medici chirurghi di Catanzaro e dall’Ipasvi di Catanzaro. CATANZARO - “Lo spettro di me stesso” Il 22e il 23 novembre, nella località Gagliano Materdomini, verrà girato il film mediometraggio dal titolo "Lo spettro di me stesso", regia Enzo Cittadino, sceneggiatura Masciari Antonello, con uno staff di attori famosi. Con il patrocinio dell’ assessorato alla Cultura e Spettacolo di Catanzaro, produzione Ass. Calabria cinema e cultura. CATANZARO - Quinta edizione di “Ri... Vista” Si svolgerà il 24 novembre, dalle ore 21.00, la quinta edizione di "Ri... Vista", tradizionale kermesse del "beat" catanzarese. Ideata e promossa da Filippo Capellupo, con l'organizzazione di Fausto De Gregorio e Pino Ranieri, la manifestazione rappresenta una rassegna qualificata di artisti locali che ripropongono le musiche e le atmosfere degli anni 60/70. Sarà ancora il "Teatro Masciari" di Catanzaro la storica "location" dell'evento che quest'anno, condotto da Eugenio Nisticò e Paola Cristofalo, sarà l'occasione per la consegna dei premi "Beat One" e "N. Monizza". I particolari dello spettacolo saranno illustrati in una conferenza stampa che si terrà il 17 novembre alle ore 16.30, presso il consueto ritrovo beat della pizzeria "da Faustino" a Catanzaro Sala.


38 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Proseguono con un omaggio a Ingmar Bergman le “Proiezioni d’autunno” nella Città dei Bruzi

Mostra d’antiquariato a Cosenza IL CARTELLONE

“Il Barbiere di Siviglia” in scena questa sera al Teatro Rendano

CATANZARO - “Approccio ai censimenti” La Prefettura di Catanzaro e l'Istat, con la collaborazione delle associazioni professionali degli ufficiali di anagrafe e stato civile, hanno organizzato un incontro di carattere provinciale con i responsabili degli uffici di statistica e degli uffici di anagrafe dei comuni, denominato "Approccio ai censimenti", che si svolgerà presso la prefettura di Catanzaro Salone "Liberty" il 27 novembre,dalla ore 9.00 alle ore 17.00. CATANZARO - Ens, seminario Il Consiglio regionale Ens Calabria annuncia che sabato 29 novembre 2008 alle ore 9.00 presso la “Sala Consiliare” dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro si terrà il seminario dal titolo: “Seminario sulla didattica multimediale ed interattiva nell’ambito di una piena integrazione del bambino sordo”. CATANZARO - Ens, incontro Cgsi Calabria Il Consiglio regionale Ens Calabria annuncia che sabato 29 novembre con inizio alle ore 16.00, presso l’Ex Enel “Arca” sito in Piazza Matteotti a Catanzaro, si svolgerà il “I incontro regionale Cgsi Calabria”. CATANZARO - Calabria film festival La fondazione Calabria Film Commission, nell’ambito della II edizione del Calabria Film Festival, bandisce tre concorsi per reclutare talenti nei campi narrativo ed audiovisivo: “Un racconto da vedere”; “Aree protette della Calabria”;” Cinema, ambiente, paesaggio”. Giurie di esperti, dal 2 al 6 dicembre, a Catanzaro, premieranno le opere migliori. Ulteriori informazioni: www.calabriafilmcommission.eu www.cometafilm.com. CATANZARO - Adol, presentazione stagione L'Adol, amici dell’opera lirica “Jussi Bjorling” Catanzaro, presenta il programma 2008/2009: 6 dicembre, introduzione all’opera “Turandot” ore 17.30, presso il Circolo Unione; 20 dicembre, ricordo di G.Puccini nel 150°della nascita ore 17.30, presso il Circolo Unione; gennaio (data da definire), concerto augurale nuovo anno ore 17.30, presso il Comune; 14 febbraio, sul Don Giovanni di Mozart ore 17.30, presso San Giovanni;14 marzo,grandi scene da opere Verdiane ore 17.30, presso il Circolo Unione; 11 aprile, sulla direzione e concertazione d’orchestra nell’opera lirica ore 17.30, presso il Cir.Unione; maggio(data e ora da definire), messa in scena de “La Serva Padrona” di Pergolesi, presso l'Auditorium Casalinuovo. CATANZARO - Gran galà di beneficenza La Cagliostro Comunication Srl annuncia il II Gran galà di beneficenza che si svolgerà a Catanzaro presso l’auditorium “Casalinuovo”, sabato 13 dicembre. Lo spettacolo (che prevede la presenza della meravigliosa Rosalia Misseri) è patrocinato dall’Aisla (Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica) ed è inteso alla raccolta fondi per la ricerca contro questa terribile malattia. L’organizzazione è curata anche da “Una Curva di Solidarietà” insieme all’associazione internazionale supporters Catanzaro del presidente Andrea Amendola. All’interno dello spettacolo, in esclusiva per La Cagliostro comunication, ci saranno Francesca Chillemi, attrice, Miss Italia 2003 e Anna Safroncik, attrice, prossimamente al cinema con “La Matassa” di Ficarra e Picone e tra poco su Canale 5 con la fiction “Un veterinario per caso”. Testimonial della beneficenza sarà Roberta Morise (L’Eredità - Rai), in esclusiva per la Cagliostro Comunication s.r.l. Conduttrici della serata, sempre in esclusiva per la Cagliostro comunication, saranno, Stella Sabbadin (Controcampo - Mediaset) e Ivana La Piana (Notti D’oro – La7 Gold). La serata vedrà poi, oltre al cabaret di Enzo Colacino, le performaces canore di Avril (Vincitrice Mtv 2007) di Ania (Sanremo, in uscita con il suo nuovo Album “Nuda”) e Manuela Zanier (Cantante attrice anche lei in uscita con il suo nuovo album). A sorpresa la serata offrirà anche un altro ospite canoro Top Secret. Verrà poi premiata la vincitrice di questo mini festival canoro. La serata sarà allietata dalla compagnia di danza “Luisa Squillacioti”, che si esibirà in una serie di balletti. Il tutto sarà ripreso dalle telecamere, regionali e nazionali, della Rai. Invitato speciale della serata Gianni Brucculeri, fotografo ufficiale di “Chi”, “Diva e donna”, “Vanity fair” e “Gossip”. Gli abiti della serata saranno curati dallo stilista Ettore Matera. Il trucco e le acconciature saranno curati da Antonella hair style. Lo spettacolo continuerà anche il giorno dopo, il 14 dicembre, presso lo stadio “Nicola Ceravolo”,

in occasione della gara interna dell’Fc Catanzaro, dove verranno raccolti altri fondi da destinare alla beneficenza. COSENZA - “Proiezioni d’autunno” Le“Proiezioni d’autunno” andranno avanti fino al 19 dicembre. A chiudere sarà un omaggio ad Ingmar Bergman che ha anche aperto il ciclo con “Sussurri e grida”. COSENZA - Campagna di tesseramento al Pd Il presidente della Commissione provinciale di Garanzia Raffaele Zuccarelli rende noto che si svolgerà fino al 23 novembrela campagna di tesseramento e di adesione al Pd nella provincia di Cosenza. COSENZA - “Songs for Ulan”, live Oggi, alle ore 22, @ La Grange Club - Viale Trieste, 6 (Cs), live: “Songs for Ulan (Stoutmusic Records, Ita) + shirt vs tshirt dj set (rock/wave/postpunk). Ingresso libero. Info: www.myspace.com/partyzanevent. COSENZA - “Il Barbiere di Siviglia” Sta per alzarsi il sipario sulla nuova stagione lirica del Teatro “Rendano” di Cosenza. Oggi, alle ore 20.30, è infatti in programma la “prima” de “Il Barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini per la regia di Mimmo Calopresti che dell’opera lirica rossiniana ha plasmato una rilettura estremamente innovativa che ha debuttato il 23 ottobre scorso al “Politeama” di Catanzaro. Grazie alla collaborazione tra la Fondazione Politeama ed il “Rendano” di Cosenza l’allestimento del “Barbiere di Siviglia” ora approda anche nel teatro di tradizione cosentino con debutto giovedì e replica sabato 15 novembre, sempre alle 20.30. Anche per le due recite del “Barbiere di Siviglia” si conferma il rapporto, già consolidatosi nelle passate stagioni, tra Teatro “Rendano” e mondo della scuola. Non essendo stato possibile, però, allestire delle vere e proprie anteprime per le scuole, così come era avvenuto fino allo scorso anno, al fine di favorire comunque l’approccio dei giovani all’opera lirica ed alla fruizione della cultura nelle sue diverse articolazioni, l’Amministrazione comunale e la Direzione artistica del Teatro “Rendano” hanno deciso di riservare 100 posti di galleria (50 per ogni recita del “Barbiere di Siviglia”) agli studenti delle scuole medie della città. I nuovi abbonamenti per i due titoli della stagione lirica (oltre al “Barbiere di Siviglia” il cartellone prevede “Tosca” di Giacomo Puccini il 12 ed il 14 dicembre) ed i biglietti per le singole rappresentazioni sono in vendita, presso il botteghino del “Rendano” aperto dalle ore 9.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00. COSENZA - Soff, progetto per giovani e imprese Il Soff (Servizio orientamento e fabbisogno formativo) della Provincia di Cosenza inaugura una nuova stagione di attività con l'avvio di una serie di progetti rivolti ai giovani e alle imprese del territorio. L'assessore alla Formazione professionale Mimmo Bevacqua, il dirigente del settore Lucio Sconza e il responsabile del Soff Giancarlo Vivone, illustreranno i contenuti e caratteristiche delle singole attività nell'ambito di una conferenza stampa oggi, alle ore 11.00, presso la sede dell'assessorato alla formazione professionale (ex Inapli) in via Cesare Gabriele, 49 Cosenza. Nella stessa occasione verranno presentati il nuovo sistema di identità visiva del servizio e la campagna istituzionale che nelle prossime settimane sarà on air in tutto il territorio provinciale. COSENZA - “La scuola a cinema” Primo appuntamento con “la scuola a cinema”, venerdì 14 novembre, alle 14.30, con la proiezione del film "Il Cacciatore di Aquiloni". COSENZA - Presentazione romanzo Il 15 novembre 2008, alle ore 18.00, presso il Circolo Culturale “Giuseppe Saragat” - Onlus (Via Molinella n. 19, Cosenza), avrà luogo la presentazione del romanzo, dal titolo “Tempo”, edito lo scorso mese di giugno per “Cicorivolta Editore”. La presentazione sarà curata dalla dott.ssa Luisa Conforti, vice presidente del circolo culturale, e dal prof. Francesco Fontana dell'Università della Calabria. COSENZA - Mostra d’antiquariato Sarà inaugurata sabato 15 novembre, alle ore 17.00, presso l’ex deposito delle Ferrovie dello Stato in Piazza Matteotti, la

terza edizione della mostra d’antiquariato, organizzata dall’Associazione Antiquari Calabresi, presieduta da Francesco Di Maria, e patrocinata dall’Assessorato alla cultura del Comune di Cosenza, guidato da Salvatore Dionesalvi. La mostra resterà aperta fino al 23 novembre. In esposizione mobili, quadri e oggetti d’arte del ‘600, ‘700 ed ‘800. La mostra, aperta dalle 10.00 alle 20.00, sarà arricchita da due stand, uno dedicato al design storico e l’altro agli abiti da sposa vintage di Vallì. COSENZA - Rendano, anteprima stagione di prosa Teatro comunale Alfonso Rendano, anteprima stagione di prosa. 22 novembre, Motus X racconti crudeli della giovinezza; 29 novembre, Sergio Staino, Disegnare una canzone; 12 dicembre, Teatro Italia - Aroldo Tieri, Ascanio Celestini, Pecora nera; 13 dicembre, Teatro P, Uccelli - Spettacolo di Piazza. Opera 2008: novembre, Il Barbiere di Siviglia, libretto Cesare Sterbini, musiche di Gioachino Rossini; dicembre, Tosca, Libretto di V. Sardou, L. Illica, G. Giacosa, musica di Giacomo Puccini. Concerti: 2 gennaio 2009, gran concerto di Capodanno; 11 marzo, Ornella Vanoni; 1 aprile, Franco Battiato. ABBONAMENTI: Fino a oggi i vecchi abbonati della stagione lirica potranno rinnovare l’abbonamento, con la conferma del posto che occupavano lo scorso anno, esercitando il loro diritto di prelazione per i due titoli in cartellone: “Il Barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini, per la regia di Mimmo Calopresti (in scena il 13 ed il 15 novembre) e “Tosca” (12 e 14 dicembre), opera con la quale il teatro di tradizione cosentino rende omaggio a Giacomo Puccini, in occasione dei 150 anni dalla nascita. La “Tosca”, per la regia di Marco Belussi, segna il ritorno all’opera lirica della cantante Denia Mazzola Gavazzeni. Il botteghino del “Rendano” per la conferma dei vecchi abbonamenti è aperto dalle ore 9.30 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00. COSENZA - Gran prix open “The best” Giorno 22 novembre, presso il Cineteatro Italia si terrà il gran prix "The best", con ingresso gratuito. Programma: ore 15.00, galà della danza; ore 16.00, inizio pesatura atleti; ore 18.30, inizio gara bodybuilding. Info: 333/3989908 333/8434685. COSENZA - “La scuola dei classici” Ritorna “La scuola dei classici”, stagione teatrale specificamente indirizzata alle giovani generazioni, con precipuo intento didattico e formativo. Per il secondo anno consecutivo l'associazione “Porta Cenere”, diretta da Mario Massaro e Natale Filice, in stretta collaborazione con il Comune di Cosenza, assessorato alle Politiche dell'educazione, offre ai dirigenti e ai docenti delle scuole medie inferiori e superiori la possibilità di arricchire l'offerta formativa curriculare con l'indispensabile apporto dei classici teatrali. Gli spettacoli avranno luogo presso il Teatro Comunale Italia "A. Tieri", sito in piazza Amendola a Cosenza e coinvolgeranno solo attori e tecnici professionisti. Per la stagione 2008/2009 i periodi programmati sono i seguenti: dal 24 al 28 novembre “L'uomo dal fiore in bocca – La carriola” di L. Pirandello; dal 23 al 28 febbraio "Anfitrione" di Plauto; ad aprile 2009 "Cavalleria Rusticana" di Giovanni Verga. COSENZA - Associazione Jonica, stagione 2008 Riprende la stagione concertistica 2008 organizzata dall’Associazione Culturale Jonica mercoledì 29 novembre al Teatro Rendano di Cosenza con il concerto di Ambrogio Sparagna & Orchestra Pizzicata in “Tarantella d’amore”, concerto di balli popolari & serenate. E’ uno spettacolo dedicato al repertorio di serenate e, in particolare, ai balli popolari dell’Italia centro-meridionale. Lunedì 1 dicembre al teatro Morelli, appuntamento con il pianista Franco D’Andrea, uno dei più grandi pianisti di jazz di oggi. Mercoledì 16 dicembre al teatro Rendano di Cosenza è il momento danza con la compagnia Bucarest National Opera Ballet che presenterà “Cenerentola”. Lunedì 22 dicembre Sarah Jane Morris, vera e propria stella della musica leggera internazionale, sensuale cantautrice che si muove agilmente fra rock, blues, jazz e soul accompagnata al pianoforte dal grande Danilo Rea per un recital dal titolo “Angels at Christmas”. Ultimo appuntamento della stagione, sabato 27 dicembre al teatro Rendano di Cosenza con un coro di grande bravura per la prima volta in Italia:il concerto gospel di Earnest Pugh & The Assembly per rinnovare la tradizione natalizia che coniuga musica e preghiera. Tutti i concerti inizieranno alle ore 20.30. Info: 0984/21412 - info@profserv.it.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 39

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Conferenza stampa di presentazione della “Settimana della precarietà” domani a Gioia Tauro

A Cosenza “la XII notte” IL CARTELLONE

“Svuotare-Sottrarre-Pregare”, mostra a Lamezia Terme

COSENZA - Cartellone Teatro Morelli Cartellone teatro Morelli. Teatro: 25 - 26 novembre, Mario Scaccia, "La XII notte"; 12 - 13 dicembre, Vittoria Belvedere "L'altro lato del letto"; 21 - 22 gennaio, Tognazzi, "La panne"; 5 - 6 febbraio, Bianca Guaccero "Poveri ma belli"; 2 - 3 marzo, Amanda Sandrelli "Col piede giusto"; 23 - 24 marzo, Andrea Giordana "L'Otello"; 5 aprile, Tosca D'Aquino "Ogni anno punto e a capo"; 17 - 18 aprile, Vanessa Gravina "Vestire gli ignudi"; 16 - 17 maggio, Eduardo Siravo, "Miles gloriosus". Musica: 6 novembre, Lucio Dalla; 3 dicembre, Gianluca Grignani; 21 dicembre, opp.22 opp. 23 Harlem gospel; 7 - 8 gennaio, Hair spray. COSENZA - Teatro Rendano, stagione di prosa Stagione di prosa 2008 presso il teatro comunale "A. Rendano" Cosenza. Sabato 17 gennaio, ore 21.00, domenica 18 gennaio, ore 18.00, Teatro Stabile della Sardegna "Pensaci Giacomino" di Luigi Pirandello, con Enzo Vetrano e Stefano Randisi; sabato 24 gennaio,ore 21.00, domenica 25 gennaio, ore 18.00, Compagnia Gli Ipocriti "Madre coraggio" di Bertolt Brecht, con Isa Danieli; sabato 14 febbraio, ore 21.00, domenica 15 febbraio, ore 18.00, Artisti associati "La variante di Lunenburg" dal romanzo di Paolo Maurensig, con Milva; sabato 21 febbraio, ore 21.00, domenica 22 febbraio, ore 18.00, Area teatromusica "Gloriosa" di Peter Quilter, con Katia Ricciarelli; sabato 28 febbraio, ore 21.00, domenica 1 marzo, ore 18.00, Il Teatro del Carretto "Pinocchio" da Carlo Collodi, regia di Maria Grazia Cipriani; giovedì 5 marzo, ore 21.00, venerdì 6 marzo, ore 21.00, Placet musical "Cenerentola" con Roberta Lanfranchi e Antonio Cupo, regia di Massimo Romeo Piparo; sabato 14 marzo, ore 21.00, domenica 15 marzo, ore 18.00, Gershwin spettacoli "Un Paese di gente per bene" con Gian Antonio Stella e Bebo Storti; sabato 21 marzo, ore 21.00, domenica 22 marzo, ore 18.00, Teatro Stabile delle Marche "Casa di bambola - L'altra Nora" da Henrik Ibsen con Lunetta Savino. CROTONE - Beethoven Acam, concerti La società Beethoven Acam presenta la stagione concertistica 2008. Sabato 15 novembre, concerto del duo Maurizio Zanchetti - Baritono; Giancarlo Peroni - pianoforte in.. “Donne schizzate”, musiche di: Ezio Monti, presso l'auditorium liceo musicale “O.Stillo”, inizio ore 19.00; domenica 16 novembre, concerto dell'orchestra da camera "Orfeo Stillo", solista: Masha Diatchenko - violino; dr.: M° Fernando Romano; musiche di: N.Paganini - P.De Sarasate - G.Dinicu, presso la Chiesa dell’Immacolata, inizio ore 19.00; domenica 23 novembre, concerto del quartetto Hyo soon lee - soprano, Ju mi Kim - mezzosoprano; Seung Taek Kim - tenore; Paolo Subrizi, pianoforte; musiche di: W.A.Mozart - G.Bizet - J.Hoffenbach - G.Puccini - G.Rossini - L.Delibes - G.Donizetti, presso l'auditorium istituto Ipstcp “S.Pertini”, inizio ore 19.00; domenica 30 novembre, concerto del duo Ginevra Schiassi - soprano, Stefano Malferrari - pianoforte, "Le più belle arie" di E.Satie - F.Poulenc - J.Brahms - R.Strauss - W.A.Mozart - G.Verdi - G.Puccini, presso l'auditorium istituto Ipstcp “S.Pertini”, inizio ore 19.00. CROTONE - Teatro Apollo, stagione 2008/2009 Programma stagione2008/2009 del teatro Apollo di Crotone. 26, 27 novembre, Emilia romagna teatro fondazione,

Nuova scena arena del sole teatro stabile di Bologna in "Così è (Se vi pare)" di Luigi Pirandello regia di Massimo castri; 11-12 dicembre, DiElleI grandi eventi in "900 napoletano" scritto e diretto da Bruno Garofalo; 8, 9 gennaio2009, gli ipocriti, A. Casagrande, G. Esposito, T. Taiuti in "La scampagnata dei tre disperati" "Francesca Da Rimini" due atti unici tratti da Antonio Petito, regia di Antonio Casagrande; 14 - 15 gennaio, teatro stabile del Veneto, teatro biondo stabile di Palermo, teatro stabile di Verona Gat Gaia aprea "Peccato che sia una sgualdrina" di John Ford, traduzione Enrico Groppati adattamento e regia di Luca De Fusco; 27 - 28 gennaio 2009, Nautilus pictures Remo Girone, Eleonora Giorgi "Fiore di cactus" di Pierre Barillet & Jean-Pierre Gredy traduzione Gerardo Guerrieri, regia di Guglielmo Ferro; 11 - 12 febbraio, La contrada - teatro stabile di Trieste Gianfranco Jannuzzo, Daniela Poggi "Il divo Garry" di Noel Coward traduzione Masolino D'Amico regia di Francesco Macedonio; 19 - 20 febbraio, teatro Bellini, Tato Russo "Il paese degli idioti" di Tato Russo - da Fedor Dostoevskij regia di Alvaro Piccardi; 17 - 18 marzo, teatro stabile di Calabria Geppy Gleijeses, Gennaro Cannavacciuolo, Lorenzo Gleijeses e la partecipaziopne di Gigi De Luca "Ditegli sempre di si" di Eduardo De Filippo regia di Geppy Gleijeses; 2 - 3 aprile, Tunnel produzioni, Alessandro Siani "Per tutti revolution" regia di Mimmo Esposito; 18-19 aprile, Roma spettacoli Gianfranco D'Angelo, Ivana Monti "Un giardino di aranci fatto in casa" di Neil Simon, adattamento di Mario Scaletta regia di Patrick Rossi Gastaldi. Fuori abbonamenti: 26 - 27 marzo, teatro stabile di Calabria fondazione teatro Piemonte Europa Marianella Bargilli "Alè calais" di Osvaldo Guerrieri, regia di Emanuela Giordano. Inizio spettacoli ore 20.30. CROTONE - “Delirio tour” con Beppe Grillo L' unica tappa calabrese del "Delirio Tour", il nuovo spettacolo di Beppe Grillo, in un primo momento in programma per giorno 10 dicembre, alle ore 21.15, al Palacorvo di Catanzaro, sarà invece effettuata al Palamilone di Crotone,il 10 dicembre. Ulteriori informazioni: 0968/441888 - www.ruggeropegna.it. Messi in vendita i biglietti soltanto di posto a sedere (platea: euro 30.00; tribuna: euro 25.00, compreso diritti di prevendita), per un totale di 2800 biglietti disponibili fino ad esaurimento. Informazioni: www.ruggeropegna.it - 0968/441888. (Prevendite autorizzate - Crotone: Boutique Top Teen 0962/21889; Botricello: Bar Royal, 0961/967173; Catanzaro: Bar Mignon, 0961/741000, Catanzaro Lido: Bar Cremino, 0961/34370; Cosenza: In Prima Fila, 0984/795699; Lamezia T.: Crash & Clap, 0968/27538, Uffici Pegna, 0968/441888; Reggio C.: Boutique Taxi, 0965/332383; Roccella: Remix, 0964/863421; Rossano: Ottica Pugliese, 0983/513516; Soverato: Quelli del toto, 0967/521189; Vibo V.: Discomania, 0963/42250). GIOIA T. (Rc) - Settimana della precarietà Venerdì 14 novembre, a Gioia Tauro presso la Sede della Cgil della Piana, alle ore 11.30, si terrà una conferenza stampa in cui verrà illustrata la settimana della precarietà che si svolgerà dal 17 al 23 novembre, con una serie di iniziative sul territorio della Piana e nello specifico verrà illustrata, la giornata “migrantirazzismo”che si terrà il prossimo 18 novembre a Rosarno. Alla conferenza interverranno: Antonino Calogero Segr.Gen Flai-Cgil - Mina Papasidero segr.Gen FilleaCgil - Claudia Carlino Segr.Gen Filcams-Cgil - Valerio Ro-

mano Segr.Gen Nidil-Cgil - Antonio Cimino Segr.Gen.Reg Nidil-Calabri - Rappresentanti dell’Associazione Ominia. LAMEZIA T. (Cz) - Mostra di Antonio Pugliese Il centro A. Savelli-Arte Contemporanea e l'ass. culturale Sukiya, nell'ambito della normale programmazione 2008/09, hanno presentato la personale del maestro Antonio Pugliese, artista in ambito nazionale. La mostra del maestro ha per titolo "Svuotare sottrarre pregare" e resterà aperta nella elegante galleria Sukiya, sita in via Ticino 11 di Lamezia Terme, fino al 30 novembre dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle 18.00 alle 20.00. LAMEZIA T. (Cz) - “Cinzia Nania works” Le opere di Cinzia Nania saranno esposte fino al 22 novembre, nel Complesso Monumentale di San Domenico a Lamezia . LAMEZIA T. (Cz) - Ai donatori di organi E' indetta la conferenza stampa dal direttore generale dell'Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, Pietro Morabito, che si svolgerà oggi, alle ore 10.30, presso la sede degli uffici amministrativi della ex As 6, in via A. Perugini, Lamezia Terme. All'incontro, che riguarderà i riconoscimenti ai cittadini donatori di sangue, di midollo, di plasma, di piastine e di sangue cordonale, parteciperanno Giuseppe Maione, referente d'ambito di Lamezia Terme; Paolo Marcianò, responsabile nazionale politiche sociali dell'Avis; Rocco Chiriano, presidente provinciale dell'Avis di Catanzaro; Sebastiano Sofi, dirigente del servizio trasfusionale del presidio ospedaliero di Lamezia Terme. LAMEZIA T. (Cz) - “Il volto e la notte” Scenari visibili, laboratorio indipendente sulle nuove drammaturgie. A partire dalla lettura di natura morta in un fosso di Fausto Paravidino, è nato un confronto sul disagio giovanile e sull'assenza di comunicazione tra generazioni, da un processo di libera interpretazione e dialogo nasce “Il volto e la notte” con Maria Teresa Guzzo, Gianluca Vetromilo, Armando Canzoniere, Dario Natale, al Teatro Umberto Lamezia Terme, oggi alle ore 11.15. In collaborazione con l'Istituto tecnico L.Einaudi di Lamezia Terme. LAMEZIA T. (Cz) - Spettacolo al Samart Il Samart presenta in Calabria l'evento Baz il cabarettista di Colorado Cafe venerdi 14 novembre. Gradita la prenotazione allo 0968/53459. Il Samart pub si trova in via rettifilo bagni lamezia terme. Le serate degli spettacoli sono il venerdi con serata live, sabato va in scena il movimiento latino. Il ristorante è aperto anche a pranzo con menu a prezzo fisso. Info: 0968/53459. LAMEZIA T. (Cz) - “Il sabato del Casale” Sabato 15 novembre, ore 21.00, presso il Casale nuovo appuntamento con il sano e puro divertimento “Il sabato del Casale”. Una nuova avventura musicale con Enzo Ruberto ed il DeeJay Marco con karaoke, animazione, giochi e premi. Nel corso della serata Dancing with Marco con musica commerciale anni 70-80 - latino - latino-americani e balli di gruppo.


40 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Secondo modulo del corso “Comunicare sicurezza” in programma a Reggio Calabria

“Romantic commedy” a Paola IL CARTELLONE

Congresso regionale Adiconsum Calabria il 21 novembre a Lamezia

LAMEZIA T. (Cz) - Fiera del libro calabrese Sedici case editrici delle cinque Province della Calabria partecipano alla Fiera del libro calabrese prima edizione, fortemente voluta dall’associazione “Sinergie Culturali” e realizzata grazie alla collaborazione della libreria Biblos, sita negli stessi locali di via Leonardo da Vinci di Lamezia Terme. Programma: 18 novembre, ore 17.00, tavola rotonda con la partecipazione di editori e rappresentanti delle istituzioni. Conduce Giancarla Rondinelli. Nei locali della libreria Biblos presso il centro pastorale di Via Leonardo da Vinci, 2, sarà possibile visitare gli stand librari allestiti dagli editori calabresi. Orari: 8.00-13.00/ 16.00-20.00. LAMEZIA T. (Cz) - Congresso regionale Adiconsum Secondo Congresso regionale Adiconsum Calabria il 21 novembre, con inizio alle ore 10.00, presso il Grand Hotel Lamezia sito in Lamezia Terme (Cz) in P.zza Lamezia. LAMEZIA T. (Cz) - Lamezia Jazz Festival Attesa in tutta la regione per l’avvio del Lamezia Jazz Festival, evento organizzato dall’associazione musicale Bequadro di Lamezia Terme con il contributo del Comune di Lamezia Terme e della presidenza della Regione Calabria e di importanti sponsor privati. Quest’anno infatti in pole position c’è “Fiat-Lancia”, c’è il centro commerciale “I due Mari” ed il Grand Hotel Lamezia. La settima edizione del jazz festival lametino, si svolgerà nell’arco di quattro mesi (partirà il 20 dicembre 2008 e chiuderà nel marzo 2009). Torna quale coordinatore artistico della rassegna Lamezia Jazz Tommaso Colloca. Info: 0968/442864 - 339/8309044 - bequadro@bequadro.it. LAMEZIA T. (Cz) - Mostra-evento “Oggettinstabili” Dal 6 - 20 giugno, si terrà la mostra-evento “Oggettinstabili seconda edizione Moti urbani stazionimpossibili”. La partecipazione alla mostra-evento prevede la compilazione dell'apposita scheda di iscrizione redatta in lingua italiana contrassegnando tutti i campi indicati: dati anagrafici del singolo partecipante o del gruppo di lavoro, indirizzo cui si desidera ricevere ogni comunicazione relativa alla mostra-evento, recapito telefonico, indirizzo e-mail, sezione cui si partecipa. Per ritenersi ufficializzata l’iscrizione è necessario allegare copia del versamento (in formato jpg) di euro 25 quale contributo alle spese di produzione dell’evento (spedire scheda e ricevuta versamento in formato jpg a info@400kc.eu. Il versamento di euro 25,00 dovrà essere effettuato con bonifico bancario intestato ad: associazione culturale 400Kc, via dei mille 79, 88046 Lamezia Terme; coordinate bancarie: Iban it 78 y O1030 42841 000003790008 monte dei paschi di Siena filiale di Sambiase; causale del versamento: contributo realizzazione mostra moti urbani stazionimpossibili; termine perentorio fissato per le iscrizioni (incluso versamento): 4 febbraio 2009. Le opere selezionate saranno esposte pubblicamente dal 6 giugno al 20 giuno 2009 a Lamezia Terme - inoltre diventeranno patrimonio della Galleria permanente allestita nel sito www.400kc.eu, avranno notevole visibilità attraverso i canali mediatici e gli Enti istituzionali che collaborano con l’associazione. Il luogo della mostra sarà reso noto entro il 4 marzo 2009. Al termine dell’evento tutte le opere saranno restituite agli artisti (spedite con corriere Sda alle rispettive sedi con spedizione a carico del destinatario). Info: 338/3985193 - 339/5837077 - info@400kc.eu - caterina@400kc.eu - carlo@400kc.eu. LOCRI (Rc) - Presentazione “Calabria Palcoscenico” L’Amministrazione comunale della Città di Locri, il sindaco Francesco Macrì, l’assessore alla Cultura Francesco Commisso, organizzano una conferenza di illustrazione del calendario completo della rassegna teatrale “Calabria Palcoscenico” 2008 che si terrà oggi, alle ore 17.00 presso la Sala Giunta, Palazzo di Città. Per l’occasione sarà presente anche l’attore Nino Racco che interverrà con una sub-conferenza spettacolo. PAOLA (Cs) - Festival internazionale d’organo IV Festival Internazionale d’Organo “Città di Paola”. La manifestazione è organizzata e diretta dal maestro Matteo Francesco Golizio, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Paola e della Provincia di Cosenza, nonché la grande collaborazione della Comunità dei Frati Minimi di Paola e dell’Associazione Musicale “Arte Organistica”. Appuntamento a sabato 15 novembre alle ore 18.00, sempre presso la Nuova Chiesa del Santiario di San Francesco di Paola. Sarà ospite l’organista austriaco Kristian Scnheider.

PAOLA (Cs) - “Paola in scena”, programma Programma stagione teatrale "Paola in scena" 2008/2008. 22 dicembre,"Romantic commedy" con Marco Columbro e Mariangela D’Abbraccio; 17 gennaio, "Sognando il mare" con Dario D’Ambrosi e Lorenzo Alessandri; 29 gennaio, "Miseria e nobiltà" con Francesco Paolantoni e Nando Paone; 6 febbraio, "Sunshine" con Sebastiano Somma e Benedicta Boccoli; 28 febbraio, "Da giovedì a giovidì" con Marco Marzocco; 14 marzo, "Come uno scandalo al sole" con Isabella Russinova e Pietro Longhi; 30 marzo, "L’appartamento è occupato" con Paola Gassman; 6 aprile, "Quaranta ma non li dimostra" con Luigi De Filippo. La stagione teatrale, a decorrere dal 22 dicembre, prevede due spettacoli al mese, per un totale di otto rappresentazioni. Il costo dell’abbonamento è pari ad euro 120,00 in platea, e ad euro 100,00 in galleria. La prevendita si effettua, tutti i giorni esclusi il mercoledì e il giovedì, al botteghino del teatro Odeon dalle 16.30 alle 21.30 (info 333/494394 – 331/3887161 - www.paolainscena.it). PETRONA’ (Cz) - Raduno fuori strada Petronà club 4x4 off road organizza, con il patrocinio del Comune di Petronà, un raduno nazionale fuori strada nei percorsi fangosi e rocciosi della Presila. Partenza da località Cona il 16 novembre alle ore 9.00. Il club consiglia pneumatici tassellati e cinghia di traino. Possibilità di pernottamento. Per adesioni: 338/4435948 oppure 366/5007265. REGGIO C. - “Comunicare sicurezza”, corso Si terrà fino al 5 dicembre il secondo modulo del corso “Comunicare sicurezza”, destinato al personale della Polizia Provinciale. Dopo la prima parte che ha trattato le tecniche di relazione e comunicazione personale, utile a un miglioramento organizzativo e relazionale delle attività del Corpo della Polizia provinciale di Reggio Calabria, la formazione continua ora affrontando più specificamente l’approccio sociologico e giuridico della criminologia, trattando devianza e crimine in generale e nel contesto della provincia di Reggio Calabria. Il corso, decisamente voluto dal presidente della Provincia avv. Giuseppe Morabito e dal comandante del Corpo della Polizia Provinciale dr. Domenico Crupi sarà modulato con lezioni teoriche e analisi di casi specifici attinenti alla realtà locale. Dopo la presentazione a cura del dr. Giuseppe Rotta, coordinatore regionale Conscom Calabria (Registro Nazionale Sociologi e Consulenti della Comunicazione) docente di Sociologia, autore di numerose pubblicazioni a carattere sociologico ed antropologico, nonché direttore della rivista di Scienze Sociali “Helios Magazine”, che relazionerà anche sul tema “La devianza e la criminalità minorile in Provincia di Reggio Calabria”, seguirà la parte relativa alla sociologia giuridica con tema “Introduzione alla devianza e concetti di criminologia” trattata dal prof. Rosario Lombardo, docente e giornalista, mentre la criminologia e nell’ambito del sistema giuridico italiano sarà materia trattata dall’avv. Mario Plutino, Consigliere dell’Ordine degli Avvocati reggino e coordinatore regionale dell’Aiga che affronterà “Reati ambientali e contro il patrimonio ed il sistema di pene e sanzioni”. Il dr. Salvatore Romeo, psicoterapeuta, componente del comitato scientifico della rivista di scienze sociali Helios Magazine affronterà il tema: “Devianza e comportamenti criminosi” e la dr.ssa Antonella Giglietto, psicologa, aderente a Conscom, già coordinatrice di progetti sviluppati in diverse scuole della provincia e per contro dell’Amministrazione provinciale di Reggio Calabria, autrice di pubblicazioni a carattere psicologico tratterà il tema delle “Forme di devianza: prevenzione e controllo”. La Dr.ssa Giulia Serranò consigliere Cisme, aderente a Conscom (Registro Nazionale Sociologi e Consulenti della Comunicazione) tratterà il tema: “Immigrazione e criminalità”. REGGIO C. - “Reggio photo fest” Si svolgerà in riva allo Stretto fino al 22 novembre la prima edizione del “Reggio photo fest”, in altre parole il festival del fotogiornalismo italiano e internazionale organizzato dall’associazione culturale “Ater Raster” e dall’assessorato comunale ai Beni Culturali e Grandi Eventi, retto da Antonella Freno con la direzione artistica dei fotoreporter Francesco Cufari ed Adriana Sapone. Il festival sarà un’occasione per conoscere le opere di grandissimi nomi della fotografia internazionale, che giungeranno a Reggio anche per esporre le loro realizzazioni. Cittadini e turisti potranno perciò ammirare centinaia di scatti provenienti da tutto il mondo. Nell’ambito del festival, che sarà ospitato dall’elegante cornice rappresentata dal foyer del teatro Francesco Cilea, si terrà anche il contest “Reggio in pixel”, al quale hanno già aderito numerosi fotoamatori e diversi professionisti del set-

tore. Si tratta di un’occasione che il Comune di Reggio Calabria, insieme ai due direttori artistici, desidera offrire ai tanti appassionati. I vincitori, oltre ad esporre durante il Festival, saranno premiati da un noto fotografo di livello nazionale e le immagini vincitrici, inoltre, saranno utilizzate dall’Amministrazione per produrre materiale promozionale sulle proprie iniziative istituzionali. REGGIO C. - “Riciclo aperto”, manifestazione Oggi, il 14 e il 15 novembre, in occasione della Settimana dell’Educazione allo Sviluppo Sostenibile organizzata dall’Unesco, 100 impianti per il riciclo e alla produzione di carta e cartone aprono i loro cancelli per raccontare a tutti i cittadini come la carta, attraverso il processo del riciclo, può tornare a nuova vita. Riciclo Aperto – questo il nome della manifestazione – ha ospitato dal 2001 oltre 100.000 persone che hanno potuto toccare con mano il ciclo del riciclo. Quest’anno, inoltre, per la prima volta in Italia, Riciclo Aperto viene inaugurato dalle Cartoniadi Nazionali, la gara che per la prima volta vedrà scendere in campo sei tra le maggiori città italiane (Milano, Roma, Firenze, Bologna, Palermo e Reggio Calabria) per contendersi il titolo di Regina del riciclo italiana: la sfida è a chi riuscirà in 30 giorni – dal 15 novembre al 15 dicembre- a incrementare di più la propria raccolta differenziata di carta e cartone rispetto allo stesso periodo del’’anno precedente. La prima classificata riceverà un premio di 50.000 euro da devolvere in progetti di natura ambientale o sociale, che verranno stabiliti con un referendum dai cittadini stessi. REGGIO C. - Consiglio regionale Tornerà a riunirsi venerdì 14, alle ore 11.00, la conferenza dei presidenti dei gruppi in Consiglio regionale. Venerdì, prima dell’avvio della seduta consiliare fissata per le ore 15.00, i capigruppo proseguiranno il dibattito per programmare l’attività istituzionale. REGGIO C. - Appuntamento musicale al Csoa Appuntamento musicale al C.s.o.a. Cartella di Gallico, in via Quarnaro I. Venerdì 14, sempre alla 22, il palco del Cartella ospiterà invece i romani Rein. La band, ormai attiva da dieci anni, proporrà la sua patchanka militante: una miscela di canzone d'autore, punk e rock inglese, folk irlandese, francese e slavo e un deciso innesto di sonorità come ska, reggae e dub. REGGIO C. - Giornata mondiale del diabete Un avvenimento parte per la Locride dalla storica Gerace. Il sito più rappresentativo del territorio sarà la piazza privilegiata dalla quale decollerà per la zona la tre giorni dedicata alla giornata mondiale di sensibilizzazione sul diabete. Qui a partire dal 14 novembre, la Cattedrale si illuminerà di blu, contemporaneamente ad altri 50 monumenti in Italia in onore dell’anno “Internazionale del bambino e dell’adolescente con diabete” designato dall’Idf international diabetes foundation. La Cattedrale si accenderà di luci giorno 14, e rimarrà così visibile sino al 17 novembre. Il programma della tre giorni di manifestazione prevedrà nell’ordine: la sera del 14 novembre, l’illuminazione della Cattedrale di Gerace che così sarà a fianco di alcune delle più grandi città del mondo aderenti all’iniziativa tra queste Bruxelles, Londra, Ginevra, Monaco di Baviera, Melbourne, Chicago, Toronto, Montreal e Tokyo. In Italia, saranno più di cinquanta i monumenti che saranno illuminati di blu la sera del 14 novembre. Nel pomeriggio di sabato 15 novembre, alle ore 18.00, nella Chiesa di S. Francesco di Gerace, si svolgerà un incontro pubblico di informazione scientifica riguardante le novità più recenti del trattamento del diabete in età pediatrica. L’iniziativa, organizzata dall’amministrazione Comunale di Gerace e all’azienda sanitaria di Locri, in collaborazione con l’associazione Giovani diabetici della Locride (Agdl), vedrà la partecipazione in qualità di relatori dei pediatri del servizio ospedaliero di diabetologia pediatrica dell’ospedale di Locri. Quindi giorno 16 novembre, la manifestazione toccherà la piazza dei Martiri di Locri, a partire dalle ore 9.00. In questo caso azienda sanitaria ed il Comune di Locri, in collaborazione con le associazioni dei pazienti con diabete e di altre associazioni di volontariato, organizzeranno una giornata di informazione e di sensibilizzazione sul diabete. Durante la giornata, in piazza, medici e pediatri dei servizi ospedalieri di diabetologia dell’ospedale di Locri eseguiranno gratuitamente, a tutti coloro che ne faranno richiesta, un controllo riguardante alcuni fattori di rischio e la determinazione della glicemia su goccia di sangue prelevata con semplice puntura del dito.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 41

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Stelle del tango nel mondo”, spettacolo in scena domani sera al Teatro Francesco Cilea

Sagra dei vini a Reggio Calabria IL CARTELLONE

“Clé per Cri - Il frutto del tuo cuore”, iniziativa nella Città dello Stretto

REGGIO C. - Teatro Cilea, stagione 2008/2009 “Pensa ad un grande spettacolo. Vieni al Teatro Cilea”. Questo lo slogan che accompagnerà la nuova stagione del teatro comunale di Reggio Calabria, presentata dal sindaco Giuseppe Scopelliti, da Serenella Fraschini, consulente per la lirica, da Geppy Gleijeses, per la prosa e dalla dirigente Luisa Spanò. Una stagione che si aprirà il 14 novembre, con le “Stelle del tango nel mondo”, uno spettacolo realizzato in esclusiva per il teatro Cilea. Nel dettaglio il programma prevede: novembre: 14-15, Le stelle del tango nel mondo (danza) - Gran galà internazionale di tango; 17-18, Giorgio Albertazzi (prosa) - Lezioni americane; 21-22, concerto M° Julian Kovatchev (concertistica); dicembre: 5-7, Turandot (opera lirica); 13-14, Politeama Genovese - Teatro Colosseo - Teatro ventaglio smeraldo - “Hair”; 16-17,Russian state ballet - Mosca (danza); 22-23, concerto lirico di Natale - M° C. Montanaro; gennaio: 10-11,compagnia opera Italia (danza) - Carmen..una storia mediterranea; 16-17-18, Teatro stabile del Veneto (prosa) - Peccato che sia una sgualdrina; 24-25, concerti sinfonici - M° J. Kovatchev; 30-31, Komiko procduction - Miseria e nobiltà; febbraio: 7-8, compagnia del balletto Mimma Testa - Capricci e bisticci ovvero la Principessa sul pisello; 13-14-15, Teatro stabile La contrada di Trieste (prosa) - Il divo Garry; 22-24, Il pipistrello (lirica); 25-26, Nautilus pictures - Fiore di cactus; marzo: 12,concerti sinfonici - M° Veronesi; 21-22, Ballet de 2Les parentes terribles” (danza) - produzione in collaborazione con il Teatro dell’opera di Roma; 27-28-29, Teatro Bellini di Napoli - Masaniello; aprile: 3-4-5, I due della Città del sole (prosa) - “Quaranta ma non li dimostra”; 9-10, concerti sinfonici - M° Moranti; 15-16, Candoco dance company London (danza) - Double bill; 18-20, Werther (lirica); 26-27-28, Teatro stabile di Calabria - (prosa) - Ditegli di sì; maggio: 9, serata d’onore: “I più grandi interpreti della danza e della moda”. Per quanto riguarda l’acquisto dei titoli d’ingressofino al 7 novembre, verranno messi in vendita i nuovi abbonamenti; nei giorni 8 e 9 novembre, sarà possibile acquistare gli abbonamenti per la sezione danza e lirica; dal 10 novembre, infine, saranno in vendita i biglietti per i singoli spettacoli di tutta la stagione. La biglietteria resterà aperta dalle 9.30 alle 12.30, al mattino, e dalle 16.30 alle 19.00, al pomeriggio. REGGIO C. - “Informazione, Antimafia, Istituzioni” Il 14 novembre, ore 11, sala antistante l’aula del Consiglio Comunale di Reggio Calabria ( Palazzo S.Giorgio – Piazza Italia ) , incontro con la stampa sul tema: “Informazione, Antimafia, Istituzioni”. Interverranno: Giuseppe Soluri, presidente regionale dell’Ordine dei Giornalisti calabresi; don Pino Strangio, rettore del Santuario Madonna di Polsi; Pino Zito, segretario generale Uil della Provincia di Reggio Calabria. Introduce Demetrio Costantino, presidente Cids. REGGIO C. - “Crivu”, conclusione rassegna Domenica 15 si concluderà la rassegna di workshop e performance d'arte "Crivu" che vede collaborare con il Museo dello Srumento Musicale di Reggio Calabria ( il museo si trova proprio dietro la Pineta Zerbi ) e l'associazione socio-culturale "Liberi tutti" con il duo "Fragments of Sound" composto da Giancarlo e Francesco Mazzù.Il 16 novembre ci sarà l'ultimo appuntamento "Fragments of Sound" ed anche in quest'occasione la performance prevede due parti: il WorkShop con inizio alle ore 18.00 e la Performance con inizio alle ore 21.00, intervallati da un aperitivo-buffet con qualche stuzzichino e del buon vino offerto dal Museo dello Strumento Musicale. Il suono come effetto della vibrazione di un corpo. Suoni arcaici ed elettronici si mescolano continuamente, creando associazioni e dissonanze cangianti in un universo di emozioni generate, in tempo reale, dai due musicisti. Questo proporranno Giancarlo Mazzù (e(c)lectric guitar, loops, digital and analog delay, radio, noises) e Francesco Mazzù (tibetan and indian bells, drums, singing bowls, salterio, stones) domenica pomeriggio dalle 18.00. Costo iscrizione: performance euro 5; workshop + performance euro 8. REGGIO C. - Sagre di prodotti calabresi Il Club Unesco promuove una cultura di pace, incentivando lo scambio internazionale e la conoscenza delle culture delle diverse comunità di stranieri residenti in città. In tal senso, di concerto con Il Tipico (che ne ha proposto l’organizzazione), ha co-organizzato una serie di sagre per la valorizzazione dei prodotti tipici locali. Si svolgono di sabato sera, e sono aperte ai soci di questo club Unesco Re Italo, ed ai simpatizzanti (Soci di Accademia Kronos Calabria e di altre Associazioni Culturali ed Ambientali), nonché ai soci del CinefotoClub Vanni Andreoni di Reggio e del centro studi Colocrisi. Presso i locali de Il Tipico, viene allestita una mostra di prodotti artigianali, foto d’autore, dipinti e sculture sugli argomenti di volta in volta trattati. L’iniziativa, denominata Vini e Sapori, è articolata con il seguente programma: sabato 15 novembre, ore 20.00, circa, sagra dei vini. La sagra si

svolge presso la sede del centro studi Colocrisi a Sambatello di Gallico, nell’ambito delle manifestazioni indette dall’associazione. Sabato 22 novembre, ore 20.00, circa, sagra del miele. I soci possono gustare i prodotti tipici locali, come da menù, provvedendo al rimborso individuale (per i costi di acquisto degli alimenti e la preparazione), alla struttura ospitante de Il Tipico, di euro 10,00 per ciascuna serata. REGGIO C. - Consegna del Premio Anassilaos Sabato 15 alle ore 17.30 presso la sala Nicholas Green del Consiglio regionale della Calabria la cerimonia di consegna del 20°Premio Anassilaos di Arte Cultura Economia e Scienze e del Premio per la Pace Papa Giovanni Paolo II. REGGIO C. - “Clé per Cri”, iniziativa Le Clementine Igp di Calabria saranno protagoniste dell’iniziativa “Clé per Cri - il frutto del tuo cuore…per la Sicurezza Stradale”, promossa a Reggio Calabria dalla Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale e dalla Croce Rossa Italiana, in collaborazione con Groupama Assicurazioni, per sostenere progetti di sensibilizzazione e informazione, volti a combattere il terribile dramma dell’incidentalità stradale nel nostro Paese. Domenica 16 novembre in piazza Duomo a Reggio Calabria, sotto il gazebo della Croce Rossa Italiana, verranno distribuiti, a fronte di una offerta, sacchetti da 1 kg di clementine del Consorzio Clementine Igp di Calabria, insieme a materiale informativo sulle iniziative, in tema di sicurezza stradale, sviluppate dalla Fondazione Ania e da Groupama Assicurazioni. I fondi raccolti andranno a sostenere progetti di sicurezza stradale, con l’obiettivo di prevenire gli incidenti e ridurre drasticamente il numero di vittime sulle strade. L’iniziativa di solidarietà avrà come testimonial il calciatore della Nazionale Italiana e centrocampista del Milan, Rino Gattuso, fondatore dell'Associazione 'Forza Ragazzi' che promuove attività a favore dei giovani. REGGIO C. - Rassegna del circolo Zavattini Con l’anteprima costituita dal film sul cambiamento delle donne italiane tra anni ’60 e ’70 “Vogliamo anche le rose” di Alina Marazzi ha preso il via la rassegna annuale del circolo del cinema “Cesare Zavattini”. Particolare importanza riveste però la manifestazione collegata al film della regista milanese. La serata è infatti organizzata con gli uffici delle consigliere di Parità della Regione Calabria Stella Ciarletta e della Provincia di Reggio Calabria Daniela De Blasio. Sarà ospite la giornalista reggina Adele Cambria e il vice presidente della Giunta regionale Domenico Cersosimo. La rassegna, che accompagnerà i soci dello “Zavattini” prosegueil 17 novembre, con Sfiorarsi di Angelo Orlando;il 24 novembre, con Coverboy di Carmine Amoroso, e infine lunedì 1 dicembre, Jimmy della collina di Enrico Pau. Il costo della tessera per tutte le proiezioni è di 15 euro. Le proiezioni avranno luogo presso il Cineteatro Aurora e i tesserati avranno l’opportunità di scegliere tra due proiezioni che si svolgeranno presso il Cinema Aurora in Via S. Caterina alle ore 18.00 e alle ore 21.00, ad eccezione della serata d’apertura del 29 settembre, che inizierà alle 20.00, e per la quale l'ingresso è libero. REGGIO C. - “Il Sud verso il federalismo” Mercoledì 19 alle ore 16.30, presso la Sala conferenze del dipartimento di Scienze storiche, giuridiche, economiche e sociali della Facoltà di Giurisprudenza - via T. Campanella, n. 38 Reggio Calabria – si terrà il convegno “Il Sud verso il federalismo”. Ai saluti del rettore Massimo Giovannini, seguiranno tre relazioni: nell’ordine, del prof. Antonino Spadaro - ordinario di Diritto costituzionale nell’Università Mediterranea, del prof. Lucio Villari, ordinario di Storia contemporanea nell’Università di Roma 3 e dell’on. Agazio Loiero, presidente della Giunta e della Regione Calabria. REGGIO C. - Storia, letteratura, psicologia... L'associazione “Nuovo Umanesimo”, il circolo culturale “G.Calarco” e l'istituto Mediterraneo di psicologia “ImeP” di Reggio Calabria presentano un ciclo di appuntamenti denominato “Incontri di storia, letteratura e psicologia”. Essi avranno come sede l'accademia della Belle Arti, saranno gratuiti. Al termine del ciclo sarà rilasciato un attestato di frequenza. Di seguito il calendario degli incontri: 19 novembre, ore 17.00-19.00, autore Leopardi, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dr. A. Monorchio; 17 dicembre, ore 17.00-19.00, autore Hawthorne, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dr. G. Quattrone; 21 gennaio 2009,ore 17.00-19.00, autore Kafka, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dott.ssa S. Cordiani; 18 febbraio, ore 17.00-19.00, autore D'Annunzio, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dott.ssa D. Belmondo, dott.ssa R. Nucera; 18 marzo, ore 17.00-19.00, au-

tore Faulkner, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa F. Farano; 15 aprile, ore 17.00-19.00, autore Dostojevskji, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; 13 maggio, ore 17.00-19.00, autore Ariosto, relatore parte letteraria prof.ssa C. Sicari, relatore parte psicologica dr. G. Quattrone; 10 giugno, ore 17.00-19.00, autore Hemingway, relatore parte letteraria prof. G. Lombardo, relatore parte psicologica dott.ssa A. Rossi; 15 luglio, ore 17.00-19.00, autore Calogero, relatore parte letteraria dr. S. Mangione, relatore parte psicologica dr. Paolo Praticò. REGGIO C. - Accompagnatori di escursionismo Il Cai Reggio offre ai soci la possibilità di partecipare al III corso propedeutico alla formazione degli accompagnatori di escursionismo (Ae) in Aspromonte da venerdì 21 al 23 novembre.Il corso propedeutico é requisito indispensabile per la successiva frequenza al corso di formazione per accompagnatore di escursionismo. Info: giuseppe.romeo@gruppogdm.it - 339/4628019. REGGIO C. - Seminari della Fondazione Field Nel pomeriggio di giorno 28 novembre e nella mattinata del 29 novembre, a Reggio Calabria nelle sedi del Consiglio regionale e provinciale, si terranno i seminari di studi annuali della fondazione Field, organizzati unitamente alla Regione Calabria. L'appuntamento di quest'anno avrà come tema: "Pubbliche amministrazioni per lo sviluppo locale", e vedrà la partecipazione di autorevoli studiosi e testimonial. Programma: 28 novembre, alle ore 15.00, presso la sala consiglio regionale della Calabria, saluti: Giuseppe Bova, presidente del consiglio regionale della Calabria; Anna Nucera, consigliera di amministrazione Field; relazioni: Antonio Viscomi, ordinario diritto del lavoro Università degli studi Magna Graecia; Francesco Manganaro, ordinario di diritto amministrativo univesità degli studi "Mediterranea" Reggio Calabria; Enrico Caterini, ordinario di diritto privato università della Calabria, Cosenza; Francesco Timpano, ordinario di politica economica università cattolica del Sacro Cuore Piacenza; Vittorio Daniele, ricercatore di economia politica università degli studi "Magna Graecia" Catanzaro; interventi: Luigi Bulotta, dirigente generale bilancio e patrimonio Regione Calabria; Anna Maria Cardamone, dirigente generale fondazione Field; Domenico Carnevale, dirigente generale dipartimento lavoro, politiche famiglia, formazione professionale, cooperazione e volontariato Regione Calabria; Giuseppe Fragomeni, dirigente generale presidenza giunta Regione Calabria; Andrea Guerzoni, dirigente generale dipartimento tutele della salute e politiche sanitarie Regione Calabria; Antonio Izzo, dirigente generale personale Regione Calabria; Salvatore Orlando, dirigente generale dipartimento programmazione nazionale e comunitaria Regione Calabria; conclusione: Demetrio Naccari Carlizzi, assessore bilancio e patrimonio della Regione Calabria. Giorno 29 novembre, alle 9.30, presso la sala consiglio provincia di Reggio Calabria, saluti: Giuseppe Morabito, presidente della provincia di Reggio Calabria; Francesco Cicione, consigliere di amministrazione Field; introduce: Antonio Viscomi, università degli studi "Magna Graecia" Catanzaro; intervengono: Carmela Frascà, assessore al personale Regione Calabria; Mario Maiolo, assessore al lavoro Regione Calabria; Tiziano Treu, vice presidente della XI commissione permanente lavoro e previdenza sociale - senato della Repubblica; coordina: Mario Muzzì, presidente fondazione Field; intervista al presidente della giunta regionale della Calabria Agazio Loiero dal tema: "Federalismo e organizzazione burocratica. Opportunità e vincoli per la Regione Calabria”, con i giornalisti: Domenico Nunnari, Paolo Pollicheni, Roberto Occhiuto, Tonino Licordari, Massimo Tigani Sava. REGGIO C. - “Expo dello Stretto” Calabria eventi associazione promozionale, presenta la 1ª Expo dello Stretto. La nuova mostra mercato con spettacoli, convegni, degustazioni, intrattenimento, luna park, artigianato, antiquariato, edilizia, che si terrà il 5-6-7-8 dicembre, a Reggio Calabria presso il parco Pentimele. Ingresso gratuito. Info: 348/2774698 - calabriaeventi.rc@libero.it. REGGIO C. - Circolo Zavattini, proiezioni Anche quest'anno il circolo del cinema "Cesare Zavattini" organizzerà presso la sede del Cai una serie di proiezioni che hanno come tema la montagna o, più genericamente, il rapporto tra uomo e ambiente naturale. Le proiezioni, a ingresso libero, avranno luogo alle ore 21.00, presso la sede del club Alpino Italiano sez. Aspromonte in via S. Francesco da Paola, 106 Reggio Calabria. Queste le date in programma: martedì 9 dicembre, martedì 16 dicembre, martedì 13 gennaio 2009, martedì 10 febbraio, martedì 10 marzo, martedì 21 aprile, martedì 9 giugno 2009.


42 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

Rappresentazione teatrale di Rachele Ammendola sul dramma umano di Dalida a Serrastretta

“Così è se vi pare” in scena a Rende IL CARTELLONE

Percorso di avvicinamento al vino in programma a Stalettì

REGGIO C. - Gianni Morandi con “Grazie a tutti” Confermati i due concerti reggini del tour "Grazie a tutti" di Gianni Morandi per l’ 8 e il 9 aprile 2009. I concerti inizieranno alle ore 21.00. La tendostruttura sarà installata in località Pentimele, nei pressi del Palasport. Previsti due tipi di biglietto: poltronissima euro 40.00 e tribuna euro 30, compreso diritti di prevendita. I due concerti di Gianni Morandi a Reggio Calabria fanno parte di "Fatti di Musica Radio Juke Box 2009", la XXIII edizione della rassegna del miglior live d'autore italiano e godono del patrocinio e della collaborazione dell' assessorato comunale alla Cultura. RENDE (Cs) - Corso formativo di lingua spagnola L’Istituto Superiore Calabrese di Politiche Internazionali (Iscapi), che ha sede presso l’Università della Calabria, ha organizzato un corso formativo in “Full Immersion” di lingua spagnola e cultura colombiana. Il corso è organizzato nell’ambito del programma Pitagora Mundus in collaborazione con l’Universidad Sergio Arboleda di Bogotà. Il corso avrà inizio il 24 novembre 2008 con una durata complessiva di 12 settimane – tra l’Iscapi (in Italia) e l’ Università Sergio Arboleda (Bogotá,Colombia)e si articola in 3 periodi di studio. Il primo periodo si svolgerà a Cosenza e comprende 20 ore di insegnamento suddiviso in 2 lezioni settimanali di 150 min. Il corso propone lo sviluppo di due macro-aree linguistiche, quali la comprensione e l’interazione orale e la comprensione e produzione di brani scritti. Gli obiettivi inerenti la prima macro-area si basano su attività formative che mirano al raggiungimento di competenze pratiche, mentre per quanto riguarda la seconda macro-area, si mira al raggiungimento di competenza di analisi e produzione di testi scritti. Il secondo periodo si svolgerà a Bogotà in Colombia e prevede 4 settimane di studio presso l’Università Sergio Arboleda, Bogotá- Colombia, articolato in lezioni, seminari, workshop. Il terzo periodo conclusivo del corso avrà luogo a Cosenza e prevede la preparazione per l’esame Dele (Diploma de Español como Lengua Extranjera), attraverso lezioni frontali che si svolgeranno nell’arco di 3 settimane, per un totale di 12 ore suddivise in due incontri settimanali. La domanda di iscrizione va presentata entro e non oltre le ore 1.00 dioggiutilizzando il sito dell’Iscapi www.iscapi.org nell’area formazione – corsi di lingua. Al termine del corso sarà rilasciata la relativa certificazione da parte dell’Iscapi e dall’Università Sergio Arboleda di Bogotà. Al termine del corso, agli studenti che ne faranno richiesta sarà rilasciato l’attestato di iscrizione all’esame per l’ottenimento della certificazione Dele – Diplomas de Español como Lengua Extranjera. Info: 0984/493131 - 348/9389612 - info.colombia@iscapi.org. RENDE (Cs) - “Incontriamoci a teatro” Il teatro Garden Rende presenta "Incontriamociateatro" stagione teatrale 08/09. 28-29-30 novembre, "Così è se vi pare" di Luigi Pirandello, regia di Massimo Castri; 07-08 dicembre, "'900 napoletano" con Gennaro Cannavacciuolo e Rosaria De Cicco; 18-19 dicembre, Angela Pagano "Lillipupa", regia Antonio Calenda; 10-11 gennaio, La scampagnata dai tre disperati Francesca da Rimini. Le frasi più comiche del teatro classico napoletano Giovanni Esposito, Tonino Taiuti, con la partecipazione di Antonio Casagrande, regia di Antonio Casagrande; 27-28 gennaio (fuori abbonamento) Croatian national ballet theatre "Il lago dei cigni" musiche Piotr Ilich Chaikovskij; 12-13 febbraio, Giorgio Albertazzi "lezioni americane" di Italo Calvino; 17-18 febbraio, Gianfranco Jannuzzo, Daniela Poggi, "il divo Garry" di Noel Coward; 13-14 marzo, Marina Malfatti "Va' dove ti porta il cuore" dal best seller di Susanna Tamaro; 04-05 aprile, "Per tutti" di e con Alessandro Siani; 21-22 aprile, Gianfranco D'Angelo, Ivana Monti "Un giardino d'aranci fatto in casa" di Neil Simon; data da definire, centro teatrale Meridionale "Liolà" di Luigi Pirandello. Inizio spettacoli ore 20.30. Biglietti e/o abbonamenti: 0984/795699. Info: 0962/905416 0984/33912. RENDE (Cs) - “J&B”, prossimi corsi J&B servizi organizzazione e metodo, presenta i prossimi corsi. "Buone pratiche di relazione, comunicazione ed assistenza” (II edizione), presso l'aula magna Università della Calabria, 6 e 7 - 13 e 14 dicembre, ore 9.00 - 17.00, crediti 36, destinatari: tutte le professioni sanitarie. Per informazioni è possibile rivolgersi alla segreteria nei giorni dal lunedì a venerdì, dalle ore 9.00 alle 13.00, al numero 0984/837852. ROSSANO (Cs) - “I 10 anni dell’Uem e dell’Euro” L’Ufficio Europa del Comune di Rossano rende noto che, per celebrare il decimo anniversario dell’Euro, la Commissione Europa lancia Eurocompetition, un concorso on line rivolto ai giovani europei. Eurocompetition invita gli studenti - di età compresa tra i 10 e i 14 anni - della “zona Euro” e della Slovacchia a prendere parte alle celebrazioni realizzando un poster sul tema “I 10 anni dell’Uem e dell’Euro”. I poster dovranno esprimere i pensieri dei partecipanti su ciò

che l’Euro ha fatto per i cittadini europei, quali benefici ha portato l’unione monetaria e come vedono il futuro della moneta unica. Il bando di concorso è aperto fino al 31 dicembre 2008. Una giuria di esperti selezionerà 16 vincitori nazionali, ciascuno dei quali si aggiudicherà una fotocamera digitale e la possibilità di vedere il proprio poster stampato ed esposto alla mostra della Commissione Europea di Bruxelles. Fra questi 16 sarà scelto un vincitore assoluto che riceverà un premio speciale, per ora coperto dal segreto. ROSSANO (Cs) - Volontariato, aperte iscrizioni La Pro Loco di Rossano, in collaborazione con l’Upli Comitato Calabria – Provincia di Cosenza, ed il patrocinio del Comune di Rossano assessorato ai Servizi Sociali e Pubblica Istruzione, comunica alla cittadinanza, che sono aperte le iscrizioni al servizio di volontariato europeo – Programma Gioventù. Le attività devono: svolgersi in un paese diverso da quello in cui risiede il volontario; non avere scopo di lucro e non essere retribuite; essere programmate, attuate ed avere un seguito in uno spirito di collaborazione fra volontari e organizzazioni di invio e accoglienza; apportare un valore aggiunto all'organizzazione di accoglienza e alla comunità locale; non essere sostitutive di un'attività lavorativa, del servizio militare o di formule alternative; avere una durata limitata nel tempo (fino a dodici mesi); prevedere la partecipazione di almeno uno Stato membro dell'Ue. Possono prendere parte all'Azione Sve tutti i giovani di età compresa, in linea di massima, tra i 18 e i 25 anni all'inizio della loro attività come volontari, legalmente residenti in uno dei paesi del programma o in un paese terzo ammesso al programma. In circostanze giustificate, valutate caso per caso, sono ammesse alcune eccezioni al limite massimo, che viene elevato fino ad anni 30 di età, per i giovani con minori opportunità. Non è consentito imporre il pagamento di quote di partecipazione. Inoltre, è possibile documentarsi e scaricare gli allegati per la presentazione della domanda sul sito del Comune di Rossano www.rossano.eu, oppure sul sito della Pro Loco Rossano www.prolocorossano.it. La domanda in duplice copia, corredata da fotocopia del documento di riconoscimento valido, dalla Scheda Sve e dal Cv europeo, va consegnata a mano, in busta chiusa, presso gli uffici Pubblica Istruzione e Servizi Sociali del Comune di Rossano, con la seguente dicitura: domanda per partecipare allo sve servizio volontario europeo, alla c.a. della Pro Loco Rossano. Il termine per la presentazione delle domande scade inderogabilmente oggi alle ore 13.00. Per ulteriori informazioni si può contattare il presidente della Pro Loco Federico Smurra ( 0983/03 07 60). ROSSANO (Cs) - Stabilizzazione precari, incontro L’assessore al Personale Giovanni Zagarese ha concordato con i sindacati confederali, un incontro, previsto per lunedì 17 novembre, alle ore 12.30, presso la sala Giunta della sede comunale, per affrontare la questione della stabilizzazione occupazionale dei lavoratori Lpu ed Lsu. In particolare si discuterà del Dgr n. 550 del 4 agosto 2008 riguardante la stabilizzazione dei precari. SANT’AGATA DEL B. (Rc) - Infanzia e adolescenza In occasione del 19° anniversario della convenzione sui diritti dell’infanzia, in collaborazione con altre realtà parrocchiali, l’oratorio “Il Solco” propone la "Giornata per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza", presso la chiesa di Sant'Agata V e M, giorno 20 novembre, alle ore 17.45. SERRASTRETTA (Cz) - Dalida, rappresentazione Rappresentazione teatrale di Rachele Ammendola sul dramma umano di Dalida, a Serrastrettail 22 novembre, alle ore 21, nei locali dell’ex Parco Pingitore. SETTINGIANO (Cz) - All’Orso Cattivo Ogni giovedì: "Toda Joia"!!! presso L'Orso Cattivo a Settingiano. Zona ristorante: Dr. Why - il gioco a quiz per locali (ore 21.00); "Toda Joia" - Dj's: Gianluca Napoli, Tatto and Beat&Love (ore 23.30). Zona pub: balli caraibici: salsa, merengue Y bachata (tutta la sera!). Ingresso: 10 euro (solo 5 euro se segnali la tua presenza su www.movidacommunity.it. SOVERATO (Cz) - Stagione teatrale 2008/2009 Programma della stagione teatrale 2008/09 a Soverato: 15 novembre Lella Costa – Amleto di William Shakespeare; 28 – 29 novembre Peter Pan il Musical regia Maurizio Colombi; 19 dicembre Compagnia Donati Olesen Comedy Show regia G. Donati e J. Olesen; 3 gennaio Caprioglio Scaccia La Dodicesima Notte di William Shakespeare; 6 gennaio Concerto Lirico Vocale “Una voce poco fa” a cura del Maestro Vito Cristofaro; 10-11 gennaio Tullio Solenghi L’Ultima Radio regia di Marcello Cotugno; 6-7 febbraio Hair The tribal love rock Musical direzione musicale Elisa; 28 febbraio Dr Jekill e Mr Hyde The strange show di e con Fabrizio Paladin; 7 marzoClaudio Insegno Risate al 23°piano di Neil Simon;21 mar-

zo Gaia De Laurentis Sottobanco regia Claudio Beccaccini; 4 aprile Tosca D’Aquino Ogni anno punto e a capo di Eduardo De Filippo; 16 aprile Sorelle Marinetti Non ce ne importa niente regia Max Croci; 25 aprile Teatro instabile d’Aosta Mimondi regia Marco Chenevier; 3 maggio Giorgio Albertazzi lezioni americane di Italo Calvino. SOVERATO (Cz) - Cineforum, seconda stagione E’ iniziata, presso la sala conferenze dell'Istituto tecnico statale per Geometri, via Trento e Trieste, Soverato, la seconda stagione di Cineforum. Il tema affrontato quest'anno sarà: emigrazione e integrazione razziale nel cinema. Il calendario del Cineforum sarà il seguente: giovedì 27,ore 9.00, proiezione del film "Saimir"; ore 10.30 pausa; ore 11.00, incontro con l'avv. Eugenio Attanasio e con il prof. Giovanni Scarfò. Dibattito con gli studenti. L’11 dicembre, ore 9.00, proiezione del film "Lettere dal Sahara"; ore 11.00 pausa; ore 11.15 incontro con il regista Vittorio De Seta, Cissokho Soungoutouba, con l'avv. E. Attanasio ed il prof. Giovanni Scarfò. SOVERIA M. (Cz) - A “La Rosa nel bicchiere” La Rosa nel bicchiere propone un percorso di degustazione, riscoperta e rivalutazione dei prodotti e della cucina tradizionali attraverso un calendario di serate a tema legate allo scorrere delle stagioni. I prossimi appuntamenti: sabato 29 e domenica 30 novembre, Week end castagne. Programma: pranzo di oggi, a tema (castagne) e vino novello. Caldarroste e degustazione tartufo alle castagne. Partenza. Sabato 13 dicembre, “Il baccalà”. Un week-end tra i sapori e i colori di un nuovo mese. Cena a tema, passeggiata domenicale con raccolta delle castagne, caldarroste e tartufo alle castagne, caminetto scoppiettante, pranzo della domenica. Vini: Novello Cantine Lento; Novello Cantine Statti. E’ possibile prenotare l’intero week end o solo la domenica. Tutti i sabato sera e per tutto il periodo natalizio nella tavernetta de La Rosa nel bicchiere Wine bar, degustazione taglieri di salumi e formaggi, musica e crêpes flambées. Info: 0968/666668 – 349/6886589 - www.larosanelbicchiere.it. SQUILLACE (Cz) - Visite al centro storico L'associazione Largot costituita da guide specializzate munite di patentino e autorizzate dalla Regione Calabria mette tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30, e dalle 15.00 alle 18.00, a disposizione le guide turistiche che accompagneranno i visitatori al centro storico di Squillace e al Parco archeologico Scolacium di Borgia. Info: 0961/34618 - 368/7376942 - 347/1094691 - 320/0473698 - www.calabriaguide.it. SQUILLACE (Cz) - Aggiornamento per imprese Agrimedformazione (Formazione e innovazione tecnologica). Aggiornamento professionale (alta formazione) di sostegno per professionisti e imprese dal tema: “Testo Unico della sicurezza Dlgs. 9 aprile 2008, n. 81: ruolo dei vari operatori nel processo edilizio con particolare riferimento al cantiere, che si terrà presso la sede Efepir, Squillace Centro storico, Contrada Miciulla (vicino caserma dei carabinieri), il 15 novembre, alle ore 9.00. Per iscrizione inviare una email con i propri dati anagrafici, indirizzo di posta elettronica e numero di telefono a: masterefepircalabria@alice.it - 0961/911220. Quota di partecipazione: costo zero per i partecipanti. (Trattasi di attività promozionale e di sostegno per professionisti e imprese). Ai partecipanti verrà rilasciato l’attestato di frequenza al corso di aggiornamento professionale. Presentazione: dr. Tommaso Innocenti (Presidente Efepir Calabria). Posti disponibili: max 60 posti. Le lezioni sono frontali - durata dell’aggiornamento cinque ore. Termine iscrizione 11 novembre. Info: www.progettazioneinnovazione.com - www.lavoripubblici.biz. SQUILLACE (Cz) - Convegno Magna Graecia E’ stato presentato il convegno della rete di scuole “Magna Graecia”, presso la Sala Consiliare del Comune di Borgia, previsto per il 19 novembre presso il Villaggio Club Porto Rhoca di Squillace Lido, dove si terrà il convegno della rete di scuole “Magna Graecia”. Al convegno parteciperanno delegazioni delle 20 scuole in rete, posizionate sull’intero territorio regionale, delegazioni di istituzioni scolastiche provenienti dalla Grecia nonché rappresentanti di Enti locali della Calabria e della Grecia. STALETTI’ (Cz) - Conoscenza del vino Venerdì 28 novembrea partire dalle ore 20.00, presso il Blanca Cruz nella cornice del Golfo di Stalettì, si terrà un percorso di avvicinamento e conoscenza del vino nonchè dell'abbinamento con il cibo; tale percorso si articolerà in più incontri dove verranno esposti i principi dell'enologia, la valutazione visiva olfattiva e gustativa del vino e le basi dell'abbinamento enogastronomico. A condurre tale percorso sarà il sommelier Ais Iuliano che presterà le proprie conoscenze scientifiche. Non solo vino di qualità ma anche alta cucina diretta dallo chef Massimo Fratto. Info: 333/5736483.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

APPUNTAMENTI CALABRIA

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 43

SEGNALARE A: FAX 0961.903801 - E-MAIL: APPUNTAMENTI@ILDOMANI.IT

“Un respiro profondo di mare. La Calabria di Cesare Pavese”, convegno sabato 15 novembre a Vibo

“Tra lingua e dialetti” a Vibo Valentia IL CARTELLONE

Stage oliogastronomico rivolto ad alcuni studenti in Calabria

STALETTI’ (Cz) - “ManGiando e Parlando diVino” La Tavernella wine a restaurant organizza “ManGiando e Parlando diVino... percorso di avvicinamento al vino”. Si tratta di 5 incontri con il sommelier Roberto Iuliano che avranno inizio il 28 novembre, alle ore 20.30. Per la partecipazione è necessaria l'iscrizione. Info: 333/5736483. TAVERNA (Cz) - Largot, visite guidate La Largot, svolge servizio di visite guidate al museo civico, alla chiesa di San Domenico e chiesa di Santa Barbara e alla galleria di arte contemporanea, per associazioni, scuole, fondazioni e gruppi (min 30 pers.). Il servizio sarà effettuato su prenotazione. Info: 0961/34618 - 368/7376942 329/9149079 - 347/8871177 - www.calabriaguide.it. TAVERNA (Cz) - Opere di Mattia Preti al Museo Due nuovi capolavori di Mattia Preti pertinenti la collezione della Banca di Credito Cooperativo della Sila Piccola si possono ammirare nel Museo Civico di Taverna. Si tratta di un bozzetto ad olio su tela di cm.77x41 raffigurante “San Sebastiano” e di un dipinto di cm.157x122 raffigurante “San Girolamo Penitente”, realizzati entrambi dal Cavalier Calabrese nel ventennio 1680-’90. L’evento consentirà a visitatori e studiosi di apprezzare completamente il corpus delle ventitrè opere pretiane di Taverna conservate (oltre che nella stessa sede museale) nelle Chiese di S.Domenico e S.Barbara. Il prestito, stabilito in forma di deposito, è stato eccezionalmente concesso all’Istituzione Culturale tavernese dal Consiglio di Amministrazione della banca presilana presieduto dal presidente Nicoletta e dal Direttore Cariati. Il museo civico è visitabile tutti i giorni, dal martedì alla domenica, (tranne il lunedì) con orari 9.30-12.30 e 16.00-19.00. TIRIOLO (Cz) - Sagra delle castagne Le Proloco associate: Tiriolo, S.Pietro Apostolo, Pratora, Amato e Settingiano presentano "La sagra delle castagne". 15 novembre, a S. Pietro Apostolo, la Pro Loco, capeggiata dalla presidente Rosetta Mazza, ci farà degustare quanti più possibili piatti tipici a base di farina di castagna, non mancheranno i dolci al miele di castagna e naturalmente non mancherà l'accompagnamento folk. Le fisarmoniche e gli organetti allieteranno la manifestazione. Proseguiremo in quel di Amato, che pur non essendo un borgo a caratteristiche tipicamente castanicole, già da parecchio tempo svolge una funzione di traino per questo prodotto. La Pro loco presenterà delle novità caratteristiche della farina di castagna e non potranno certo mancare "le caldarroste", il folklore e gli organetti faranno compagnia agli astanti. La manifestazione avrà inizio alle 16.00. Il tempo delle castagne conclude la sua passeggiata a Tiriolo, laddove ad aspettare gli ospiti ci saranno le ciambelle di castagna, i dolci al miele di castagna e non ultimo "Sua eccellenza la caldarrosta". I balli sociali, la fisarmonica e gli organetti ci accompagneranno per tutto il pomeriggio. I prodotti saranno distribuiti gratuitamente dalla Pro loco di Tiriolo, guidata dal presidente Paone e dai suoi collaboratori: Paonessa, Ferragina, Donato, Paone, Colacino, Lubello. Specialità castanicole potranno essere degustate al residence alberghiero "Due Mari". TIRIOLO (Cz) - “Lottiamo contro il fuoco” Il 15 novembre, alle 16.00, al Centro attività sociali di Tiriolo, convegno “Lottiamo contro il fuoco. Discutiamo insieme sulla campagna Aib 2008”. Programma: saluto del presidente dell'ass.ne; saluto del sindaco di Tiriolo; relazioni: ass.ne "Diavoli Rossi": relazione attività Aib 2008, esperienza dei volontari del servizio civile "Le mappe del rischio incendi boschivi; un esempio: il Comune di Tiriolo" a cura di Raffaele Paone; com.nte prov.le Cfs dott. Spanò; com.nte prov.le Vvf, ing. Occhiuzzi; rappresentante della Regione Calabria; rappresentante/i del dipartimento naz.le della Pc; coordina: Maria Rita Galati, giornalista di "Calabria Ora"; interventi: prefettura di Catanzaro, vice prefetto dott. Pultrone, presidente Amministrazione prov. di Catanzaro, com.te reg.le Cfs gen. Caracciolo, dir. reg. settore protezione civile, dott. D. La Gamma, dir. Pc amministrazione prov. di Catanzaro, presidente Csv di Catanzaro, Caterina Salerno; rappresentanti delle organizzazioni del volontariato; dibattito. VIBO V. - Convegno su Cesare Pavese Organizzato e sponsorizzato dalla Giacinto Callipo Conserve Alimentari SpA, si svolgerà il 15 novembre 2008 presso il Valentianum di Vibo Valentia, con inizio alle 9.15 un convegno nazionale di studi su Cesare Pavese dal titolo: “Un respiro profondo di mare.. La Calabria di Cesare Pavese”. VIBO V. - “Venerdì della Dante Alighieri” Con la presentazione dei "Venerdì della Dante Alighieri", ha preso il via l'attività di un antico comitato provinciale cultu-

rale. Programma: il 21 novembre, Lorenzo Meligrana tratterà il tema "Tra lingua e dialetti", il ritorno del dialetto nell'opera di Mario Roperto "Addoccussì va 'u mundu". VIBO V. - “Vibo - Presepi 2008”, mostra/concorso La Pro Loco di Vibo organizza la IV edizione della mostraconcorso “Vibo-Presepi 2008” che si terrà nella Chiesa rinascimentale di San Michele. La partecipazione è gratuita e suddivisa in due sezioni: privati; scuole, associazioni, enti, ecc... L'autore è libero nella scelta dei materiali da utilizzare e del tema da rappresentare. La tecnica d'esecuzione ed il tema andranno debitamente illustrati nella scheda di presentazione dell'opera che andrà presentata al momento della consegna del presepe. Ogni partecipante può presentare più presepi per la mostra, ma solo due per il concorso. Ogni partecipante dovrà far pervenire i presepi, presso la Chiesa di San Michele con mezzi propri entro e non oltre il 10 dicembre, e ritirarli entro e non oltre il 12 gennaio 2009. I presepi non ritirati entro tale data resteranno in proprietà alla Pro Loco. Giorno ed ora della consegna e del ritiro, vanno preventivamente concordati con la Pro Loco. I presepi verranno giudicati da una giuria competente ed il giudizio sarà insindacabile. L'iscrizione dovrà pervenire, su apposito modello (uno per ogni presepe presentato), entro e non oltre il 29 novembre, presso la Pro Loco e potrà avvenire anche via fax (0963 45300) o tramite e-mail : info@prolocovibovalentia.it. Le domande pervenute oltre i termini fissati non saranno prese in considerazione, o comunque, esaminate dopo quelle prodotte nei tempi utili. La mostra, la cui inaugurazione avverrà sabato 13 dicembre, alle ore 18.00, resterà aperta sino al 5 gennaio 2009, nei seguenti orari: tutti i giorni: ore 10.00 - 12.00/ 17.00 - 20.00. A mezzanotte del 24, la Chiesa accoglierà la suggestiva “ Processione del Bambinello” con personaggi in costume ed accompagnata dalla dolce musica degli zampognari e dal “Gran Falò di Natale”. VILLA S. GIOVANNI - 100 anni dal terremoto del 1908 In occasione della ricorrenza del centenario del terremoto del 1908, l’Istituto superiore per la Protezione e la ricerca ambientale (Ispra), la Regione Calabria, la Regione Sicilia, l’Arpa Sicilia, l’Arpa Calabria, l’Ordine regionale dei geologi di Sicilia e l’Ordine regionale dei geologi della Calabria organizzano un convegno dal tema: “Cento anni dopo il terremoto del 1908. Gli effetti allora e il rischio ambientale oggi nell’area dello Stretto” oggi al Grand Hotel de la Ville a Villa San Giovanni. Tale iniziativa rientra nell’ambito delle attività dell’anno internazionale del Pianeta Terra, proclamato dall’assemblea generale generale delle Nazioni Unite. Programma: ore 9.00, registrazione dei partecipanti; ore 9.30, saluto delle autorità: Agazio Loiero, presidente Regione Calabria; Giuseppe Morabito, presidente Provincia Reggio Calabria; Giuseppe Scopelliti, sindaco Reggio Calabria; Giancarlo Melito, sindaco di Villa San Giovanni. Interverranno nella discussione su “Il rischio ambientale da terremoto nell’area dello Stretto”: Luca Guerrieri, Michele Gerbino, Eutizio Vittori, Giuseppe Trombino, Cesare Capitti, Francesco Falco, Fabrizio Vasile, Eugenio Ripepe, Umberto Sorrenti, Giuseppe Cricrì. Discuteranno di “Sismicità e rischio”: Vincenzo Mollace, Fabio Procopio, Leonardo Santoro, Gianvito Graziano, Paolo Cappadona, Piergiorgio Nicoletti, Mauro Cristalli. Ore 16.00, discussione e conclusioni. CALABRIA - “Prim’olio”, IX edizione L'associazione “Saperi e sapori” presenta la IX edizione di Prim’Olio (giornate internazionali per la valorizzazione dell'olivicoltura Mediterranea). Eventi previsti: fino 14 novembre, “Oliogastronomico” stage in Calabria degli studenti dell’Università di scienze gastronomiche di Pollenzo (Cuneo); 17 - 22 novembre, III edizione di Frantoi Aperti, visite guidate negli oleifici regionali con possibilità di degustazione e acquisto degli oli extra vergini d’oliva di nuova produzione; 28 novembre, ore 19.30, presso Hotel President - Siderno, serata a tema sull’olio d'oliva oro giallo di Calabria....prezioso alimento, organizzato in collaborazione con il Rotary Club Locri; 11 dicembre, presso l'università di Bologna - facoltà di agraria, presentazione gli oli extravergini Calabresi ed altre specialità regionali peculiarità organolettiche e tipicità. CALABRIA - Un “matrimonio piccante” La Divina Commedia recitata in Italiano e subito dopo in dialetto calabrese. La nduja di Spilinga abbinata al Chianti classico. L’Accademia del peperoncino ha organizzato un vero e proprio “matrimonio piccante” fra la Calabria e la Toscana a conclusione del tour che vuole esportare fuori regione la formula vincente del peperoncino Festival di Diamante. L’appuntamento è a Pisa dal 14 al 16 novembre nella splendida cornice della “Stazione Leopolda” che per l’occasione diventa “LeopoldaPic”.

CALABRIA - Stage oliogastronomico Fino al 15 novembre, l’olio calabrese è al centro dello stage tematico“Oliogastronomico” degli studenti del terzo anno dell’Università di scienze gastronomiche di Pollenzo (Cn). Grazie all’associazione Saperi e Sapori di Palmi, che organizza la nona edizione della manifestazione PrimOlio - giornate per la valorizzazione dell’olivicoltura mediterranea - 11 studenti, tra cui 4 stranieri, saranno ospiti sul territorio calabrese principalmente per scoprire le produzioni artigianali dell’olio.Oggi,gli stagisti saranno in visita al centro oleario della Conasco a San Ferdinando (Rc) e poi si sposteranno a San Calogero (Vv) dove visiteranno il salumificio Sap di Salvatore Pugliese, specializzato nella produzione della ‘nduja. Nel pomeriggio, dopo la visita all’azienda Marino a Gallina di Reggio Calabria, dedicata alla coltivazione del bergamotto, è prevista una visita alla facoltà di agraria dell'Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria e l’incontro con alcuni docenti. Seguiranno gli appuntamenti con gli assessori, provinciale e regionale all'agricoltura Antonio Scali e Mario Pirillo. Venerdì 14, gli studenti visiteranno le aziende agricole Statti e De Lorenzo a Lamezia Terme. CALABRIA - “Accademia del Tempo libero” E’ già in corso il programma per il mese di novembre dell’“Accademia del tempo Libero”. Numerose le attività culturali, ricreative e sportive che riempiranno le giornate dei soci. Da questo mese, infatti, sono previsti incontri anche al mattino con corsi di yoga, di training autogeno e di bocce. Il ricco programma del sodalizio culmineràsabato 15 novembrecon un appuntamento musicale molto interessante: il “Concerto di fiati”, eseguito dalla “Concert Band” di Melicucco, diretta dai Maestri Maurizio Managò e Gaetano Pisano; flauto Solista il M.°Alessandro Carere. Oggi è previsto il Torneo di scopone e venerdì 14 i soci si incontreranno in discoteca, all’Aquarius, per una trascorrere una Serata di musica, ballo e rustici. Lunedì 17 si svolgerà la riunione del gruppo di lavoro del settore “Cultura”; martedì 18 appuntamento per un viaggio ideale con “Immagini dal mondo”, a cura di Antonio Dimauro; mercoledì 19 riunione di gruppo “Progetti”; giovedì 20 “Giacomo Puccini e il suo tempo”, soprano Federika Gallo: un tuffo indietro nel tempo con la voce di Carlo Vicedomini che commenterà l’ambiente storico dell’epoca con la regia di Maurizio Bascià. Sabato 22 e domenica 23 i soci saranno visiteranno Cosenza, Spezzano, Altomonte e Lungro. Il gruppo “Animazione e ricreazione” si riunirà lunedì 24; martedì 25 verrà trasmesso il “Video sulla Varia di Palmi” a cura di Enzo Barone, immagini inedite di Calabria a cura di Antonio Sollazzo. Mercoledì 26 si terrà la riunione del “Settore Giovani”;giovedì 27 sarà ospite dell’Accademia Elio Musco, specialista in Gerontologia, Geriatria e Neurofisiopatologia-Università di Firenze per parlare di “Genetica-Ambiente-Fortuna”. Il mese dell’Accademia si concluderà il 29 novembre con i Giochi a squadre, regia di Bruno Aloi. CALABRIA - Progetto “Fabbrica Verde” Confindustria Crotone ha aderito al progetto Fabbrica Verde, promosso dal dipartimento Politiche dell’ambiente della Regione Calabria e relativo alla realizzazione di una iniziativa per la sensibilizzazione delle imprese sul tema dei rifiuti. Il progetto sarà realizzato a cura dell’Rti Psm associati srl - Dekmatis di Sandro Turano Snc, aggiudicatari della gara. Il progetto, finanziato dalla misura 1.7 del Por Calabria 2000-2007, prevede quattro cicli di seminari di tre giornate ciascuno articolati sui seguenti contenuti: Le politiche ambientali di impresa: il rapporto impresa e ambiente; I sistemi di gestione ambientale; La certificazione dei sistemi di gestione ambientale; Economia dell’ambiente; Marketing aziendale e comunicazione d’impresa; Contabilità ambientale; Introduzione alle politiche di gestione ambientali per il controllo dell’inquinamento; Gli indicatori macro-economici ed energetici di sostenibilità; Green procurement. Ciascun tema sarà trattato in maniera concreta con presentazione di casi studio e l’indicazione delle opportunità che le aziende “verdi” possono cogliere anche in termini di priorità nell’accesso a finanziamenti agevolati. Al termine di ciascun ciclo verrà rilasciato un attestato ufficiale di partecipazione. Il calendario dei seminari è il seguente: 13-18-20 novembre, presso Confindustria Vibo Valentia; 24-26-27 novembre, presso Confindustria Cosenza. CALABRIA - “Autunno ecologista” "Autunno ecologista", programma delle giornate di dibattiti e approfondimenti politici promossi dalla federazione regionale dei Verdi Calabria. Programma: "Educazione ambientale" a Crotone sabato 15 novembre 2008;"Controlli ambientali e qualità della vita", a Sibari, domenica 16 novembre 2008; "Protocollo di Kyoto: Energia rinnovabile", a Montalto Uffugo, sabato 22 novembre 2008; "Il ruolo della Sinistra nel nostro paese", a Paola (Cs), sabato 29 novembre.


44 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

LOTTO & SUPERENALOTTO

A CURA DI PASQUALE SANTILIO*

La cadenza 3 e le figure 5 e 6 convergono su 23 e 33: ecco i capigioco della nostra previsione

Tutte aspettano la cadenza 3 ROMA - Vincere un ambo su ruota con soli tre numeri e al primo tentativo, può considerarsi una delle più grandi aspettative di un giocatore. Questo é quanto accaduto nell’ estrazione di martedì 11 novembre grazie alla sortita dell’ ambo 10-90 a Palermo con le previsioni consigliate nel box qui a lato. A beneficio di coloro i quali ci leggono per la prima volta, ricordiamo che i pronostici presentati in questa particolare griglia sono da giocare per una sola estrazione per le sorti di ambata, ambo e terno. Pertanto, il risultato ora evidenziato ha prodotto anche la vincita di due ambate oltre a quella dell’ ambo per un premio complessivo pari a 105 volte circa la cifra scommessa. In questa occasione ritorniamo a trattare la cadenza 3, già analizzata nel servizio di martedì, per la perdurante assenza per ambo su Tutte le ruote giunta a 5 estrazioni; certamente non si tratta di un ritardo elevato visto che, la stessa in passato , é mancata sempre su Tutte per 13 concorsi consecutivi senza fornire la vincita dell’ ambo. Tuttavia, come da consuetudine, proviamo a ricercare nell’ ambito della statistica, alcune convergen-

ze per la formulazione di una previsione d’ insieme e, nel contempo, speculativa. Confermando le indicazioni suggerite per la cadenza 3 sulla ruota di Roma la volta scorsa, consideriamo anche il ritardo per ambo su Tutte delle figure 5 e 6 al fine di perseguire l’ intento poc anzi dichiarato, cioé mettervi a disposizione una previsione dotata di un elevato grado di affidabilità nel breve- medio periodo. Il 23 e il 33, sono i numeri di convergenza, poiché appartenenti alla cadenza 3 ed alle figure 5 e 6; questa coppia é l’ ambo secco da giocare su Tutte e, in particolare sulle ruote di Roma, Firenze, Venezia e Genova per le prossime tre, quattro estrazioni. La coppia segnalata rappresenta la soluzione più ambiziosa, ma per garantirci comunque l’ esito positivo, sarà opportuno considerare tutti gli elementi della serie (3-13-23-33-43-53-6373-83) a fronte però di un premio decisamente più modesto. Destinate anche qualche centesimo alla sorte del terno, non si sa mai...Buona fortuna.

CAGLIARI FIRENZE GENOVA MILANO NAPOLI PALERMO ROMA TORINO VENEZIA NAZIONALE TUTTE

N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT. N UM. RIT.

29 87 3 76 13 61 18 78 64 77 74 100 49 88 3 95 41 94 43 101 37 65 86 8

62 87 88 58 68 61 23 77 11 67 11 86 46 71 30 69 68 80 14 89 2 63 1 7

4 66 25 50 8 52 48 57 74 54 54 57 1 63 77 66 24 62 40 60 3 59 5 5

90 79 44 72 81 72 89 72 88 86 88

ESTRAZIONE N. 136 DELL’11/11/2008 BARI 65 48 15 84 72 CAGLIARI 41 35 47 70 87 FIRENZE 22 28 73 64 14 GENOVA 52 6 64 7 90 MILANO 48 66 82 12 20 NAPOLI 61 71 82 13 85 PALERMO 10 34 78 90 47 ROMA 6 7 45 14 31 TORINO 83 27 82 28 84 VENEZIA 58 9 19 11 16

Le previsioni sono valide per ambata, ambo e terno

NAZIONALE 70 87 78 21 35

Bari Cagliari Firenze Genova Milano Napoli Palermo Roma Torino Venezia Nazionale

24 1 5 15 9 3 2 27 49 17 10

59 63 31 46 90 50 54 49 28 47 9 48 31 60 36 62 90 55 81 54 34 51 60 5

64 61 13 45 54 46 25 47 84 46 59 48 79 56 59 62 72 53 87 51 62 47 75 5

I dieci numeri più frequenti

13 52 86 43 45 43 83 43 33 42 56 45 18 53 35 54 88 50 29 48 72 47 67 4

1 42 53 42 17 39 33 40 77 40 63 40 8 52 23 49 32 49 25 46 1 44 2 3

47 38 14 40 30 38 10 39 19 38 69 39 51 48 12 43 16 48 24 42 69 35 4 3

58 38 61 40 27 36 32 38 25 38 26 34 45 47 5 39 15 46 88 39 61 31 18 3

78 38 27 38 49 36 66 37 60 36 14 33 14 45 32 39 21 37 38 38 55 28 21 3

N UM. FREQ. UM. CAGLIARI FNREQ . N UM. FIRENZE FREQ. N UM. GENOVA FREQ. N UM. MILANO FREQ. N UM. NAPOLI FREQ. UM. PALERMO FNREQ . N UM. ROMA FREQ. N UM. TORINO FREQ. N UM. VENEZIA FREQ. UM. NAZIONALE FNREQ . N UM. TUTTE FREQ.

BARI

ROMA - L’ oggettiva difficoltà di centrare il “6”, rappresentata dalle 622 milioni di possibili combinazioni, ci obbliga a ricorrere a criteri di individuazione e selezione dei numeri tali da metterci a disposizione pochi elementi per la riduzione e/o condizionamento dei sistemi altrimenti non giocabili in modo integrale dato l’ elevato costo. Uno di questi criteri é quello delle convergenze, cioé la ricerca di quel numero che appartiene a due o tre delle formazioni in maggior ritardo o più frequenti in un dato momento. Analizzando l’ attuale situazione statistica, abbiamo osservato l’ assenza dalla combinazione vincente con uno dei rispettivi elementi, della decina 70-79 e della figura 5: il 77 é la conver-

genza di cui abbiamo parlato poc’anzi, in quanto appartenente sia alla decina 70-79 che alla serie figurale 5. Pertanto, lo stesso sarà la fissa del nostro sistema unitamente al 45 super latitante. Anche in questa circostanza, vi proponiamo un elaborato di 17 numeri da giocare a garanzia del “4” per una spesa di 17 euro. Gli altri elementi che completano il sistema, sono stati scelti avendo considerato il ritar-

69 16 15 15 81 15 14 16 16 16 23 15 47 15 23 17 19 15 34 16 27 16 88 116

70 16 47 15 6 14 68 16 44 16 37 15 71 15 72 17 20 14 51 16 39 16 42 115

78 16 78 15 14 14 2 14 81 15 72 15 88 15 11 16 27 14 82 16 20 15 81 113

3 15 81 15 20 14 7 14 7 14 2 14 89 15 28 16 42 14 18 15 74 15 22 112

8 15 84 15 57 14 9 14 8 14 19 14 26 14 84 16 75 14 83 15 11 14 23 112

87 15 17 14 63 14 13 14 36 14 39 14 30 14 55 15 76 14 27 14 18 14 39 112

2 14 41 14 18 13 31 14 53 14 50 14 39 14 63 15 77 14 53 14 33 14 53 112

do e la frequenza delle formazioni tradizionali e lo scompenso che alcune di loro hanno potuto maturare nell’ ultimo periodo. Un altro numero che potrebbe entrare di diritto nel nostro pronostico é l’ 86, poiché é quello più ritardato su Tutte le ruote del Lotto ed é anche di figura 5.

61

11 10 9 9 11 8 9 11 9

84 82 104 90 83 87 108 98 80

2272 2243 2286 2306 2229 2282 2316 2290 2284

I ritardi attuali e storici così come le frequenze, di un elemento di ciascuna delle 9 serie figurali, nella sestina.

Decine 0 1 2 3 4 5 6 7 8

0 0 0 1 0 1 0 5 2

8 13 9 14 11 11 8 11 13

95 73 82 112 64 94 97 93 106

2290 2232 2130 2199 2216 2225 2328 2384 2504

I ritardi attuali e storici, così come le frequenze, di un numero di ciascuna delle 10 decine, nella sestina.

I dieci numeri più in ritardo 65

58

70

33.500.000,00 €

N UM. RIT.

45

83

40 56 17 84

69 62 64

87

122

85

51

44

39

35

34

33

87 66 79

76

3

90

51

48

47

I dieci numeri più frequenti IN SESTINA

N UM. FREQ.

88

81

Cad. R.A. R.S. F.A. F.S. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0

0 0 1 1 0 0 1 0 2 0

12 13 11 13 9 12 10 10 12 12

106 91 73 75 69 83 76 86 65 92

2117 2069 2078 2028 2051 2063 2003 2049 2017 2033

I ritardi attuali e storici così come le frequenze, di un elemento di ciascuna delle 10 cadenze, nella sestina.

Dec. R.A. R.S. F.A. F.S.

45-77-86-76-14-23-73-1-69 49-72-90-88-64-82-34-17

IN SESTINA

48

Cadenze

0 0 0 0 3 0 0 2 1

1 2 3 4 5 6 7 8 9

Pronostico della settimana

Così l’ultimo concorso:

Jackpot previsto di

90 17 64 16 70 15 79 17 65 17 20 16 35 15 18 17 14 15 73 17 15 16 84 117

Fig. R.A. R.S. F.A. F.S.

Con 17 euro, proviamo a dare la caccia ai 33 milioni del jackpot La statistica consiglia una combinazione con numeri alti

22

50 17 42 16 32 16 73 17 24 17 16 19 21 15 34 19 26 16 84 19 25 17 20 118

Figure

Decina 70-79 e figura 5: il 77 è la convergenza

10

22 19 33 16 10 16 12 17 17 19 13 19 62 18 20 20 9 16 8 19 17 20 78 119

Il ritardo in sestina con uno dei rispettivi elementi, ne giustifica il gioco

SUPERENALOTTO

6

69 58 29 48 63 24 23 54 67 44 38

* Direttore responsabile SuperLotto

I dieci numeri più in ritardo BARI

Previsioni

83

275 263 261 259 259 258 253 252 252 251

Super

Lotto in edicola lunedì e venerdì


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 45

Sport

LIVERPOOL IN CRISI

VERSO IL 2018

Debiti per 425 milioni All’orizzonte la svendita dei “gioielli”

Inghilterra, Belgio, Olanda vogliono ospitare i Mondiali

Stasera alle 20,30 l’anticipo della dodicesima giornata di serie A I liguri sognano l’Europa, i bianconeri la scalata della classifica

Test sotto le stelle per Juve e Genoa Ranieri deciso: “Noi ci siamo, oltre Del Piero c’è la squadra” TORINO - Non solo punizioni fantastiche, ma anche influsso benefico sui compagni. Claudio Ranieri benedice il Del Piero in versione taumaturgica. Ma aggiunge anche con orgoglio: «Un campione non basta a fare una squadra. Noi ci siamo, eccome». La vigilia di una partita difficilissima per i bianconeri, quella con il Genoa, si consuma ancora sull’argomento dell’anno, la straordinaria abilità balistica di Alex. Ma Ranieri aggiunge che il valore del capitano va ben oltre al tasso tecnico: «E’ un punto di riferimento importante per i compagni, che li fa essere positivi. Mi ricordo quando giocavo io: sapevo che Palanca da un momento all’altro avrebbe potuto segnare su punizione o su calcio d’angolo ed entravo in campo caricato. Alex è la nostra bandiera, però sappiamo e lui per primo, che la squadra non può essere solo un campione. Quando Maradona andò a Napoli, gli azzurri erano in zona retrocessione e poi costruirono quel gruppo fantastico di cui Diego divenne il simbolo». Una squadra, la Juventus, che si sta ritrovando anche nell’organico. Recupera Marchisio (in panchina) e Camoranesi finalmente dovrebbe essere pronto al rientro, anche se part time: «E’ vero, sia a Madrid che a Verona mi ha detto che ancora non se la sentiva di rientrare. Però martedì l’ho visto particolarmente voglioso, si è fermato dopo la fine dell’ allenamento per un surplus di lavoro. Sono molto soddisfatto». Parlare di turn over forse è troppo (sono ancora fuori Buffon, Trezeguet, Zanetti, Zebina, Salihamidzic e Poulsen), però Ranieri deve pensare anche all’Inter, da cui lo divide una distanza di tempo anomala, dieci giorni. Il tecnico non lo dice, ma si intuisce che gli scoccia assai questo anticipo a giovedì (sabato lo stadio di Torino è occupato dalla

Gasperini punta su Diego Milito “Sarà lui il nostro faro”

Ranieri tiene a precisare che la Juve non è solo Del Piero

Il contingente più numeroso negli ultimi 5 anni

Francesi e brasiliani la Champions è cosa loro

PARIGI - I giocatori francesi formano il contingente più numeroso tra gli europei in Champions League negli ultimi cinque anni. Lo rivela uno studio tecnico condotto dall’Uefa, dal quale emerge che nella stagione 2007-’08 dopo i francesi (58) si piazzano gli spagnoli (53), seguiti da italiani (52), portoghesi (48), tedeschi (41) e turchi (36). Solo 28 i rappresentanti della colonia innazionale di rugby), con tre giorni preziosi in meno per recuperi importanti: «Va bene così. Quest’anno è successo di tutto...», si limita a commentare. Sta di fatto che le novità non saranno molte: al massimo riposa Mellberg con il ritorno di Grygera, rientra Nedved per De Ceglie, che potrebbe avvicendare Molinaro e ritorna Amauri accanto a Del Piero. Iaquinta è

glese, nonostante i tre club arrivati alle semifinali dell’ultima edizione. Rapportato al totale delle ultime cinque annate, il numero di calciatori francesi sale a 325, davanti a spagnoli (288) e italiani (253). Ma estendendo la ricerca a livello mondiale emerge che la nazionalità più rappresentata in Champions è quella brasiliana con 354 giocatori (96 nella scorsa stagione). pronto a dare fiato al capitano a partita in corso. Il Genoa incute grande rispetto, se non qualcosa in più: «Ha meccanismi collaudati, sa chiudersi bene e riaprirsi altrettanto bene. Ci vorrà una grossa prestazione, contro i rossoblù, perchè stiamo bene entrambi. Se vi serve per un titolo, si può dire che per entrambe le squadre può essere il match verità». Più in generale,

sulla anomala situazione di testa, con tante squadre ammassate in pochi punti, Ranieri la vede così: «A noi questa situazione va bene, perchè aumentano gli scontri diretti e la soglia di attenzione della squadra». Esame per il Genoa «La gara con la Juve è il nostro esame di maturità, a prescindere dal risultato». Giampiero Gasperini non si nasconde e alla vigilia della sfida con i bianconeri toglie la maschera alle ambizioni del suo Genoa rivelazione del campionato. Ben sapendo che forse si tratterà addirittura dell’esame di laurea, anche perchè sinora in trasferta la sua squadra ha raccolto molto meno che in casa. Gasperini guida la lunga lista degli ex bianconeri, di cui fanno parte anche Palladino, Sculli, Criscito, Olivera, Gasbarroni, Paro (indisponibile). Non è un ex Milito, ma la Juventus lo teme come il pericolo maggiore. Gasperini sottolinea: «E’ un tesoro in termini di gol, oltre che per l’apporto alla manovra. Ha mille pregi e, su tutti, una classe eccelsa». Parole di stima anche per il collega Ranieri: «Una persona equilibrata che gode di giusta considerazione», evidenzia Gasperini. Le probabili formazioni. Juventus (4-4-2): 13 Manninger, 21 Grygera, 33 Legrottaglie, 3 Chiellini, 28 Molinaro, 16 Camoranesi, 22 Sissoko, 30 Tiago, 11 Nedved, 8 Amauri, 10 Del Piero. (12 Chimenti 4 Mellberg 29 de Ceglie 19 marchisio 32 Marchionni 20 Giovinco 9 Iaquinta). All. Ranieri Genoa (4-3-3): 83 Rubinho, 15 Sokratis, 25 Biava, 13 Ferrari, 4 Criscito, 7 Rossi, 88 Thiago Motta, 28 Juric, 14 Sculli, 22 Milito, 10 Palladino (73 Scarpi, 26 Bocchetti, 3 Potenza, 68 Vanden Borre, 11 Olivera, 17 Jankovic, 18 Gasbarroni). All. Gasperini Arbitro: Rocchi di Firenze

Una partita considerata ad alto rischio e per questo motivo la trasferta è vietata

A Napoli stop ai tifosi del Cagliari Il presidente della Lega calcio Matarrese protesta: “Adesso basta, chiederemo a Maroni”

L’incontro del 23 novembre è stato valutato rischioso da parte del Comitato per la sicurezza delle manifestazioni

ROMA - I tifosi del Cagliari non potranno seguire la squadra nella trasferta a Napoli. Lo ha deciso il Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive (Casms) dopo che l’incontro è stato definito ad alto rischio dall’Osservatorio sulle manifestazioni sportive. Nella riunione di ieri il Casms ha anche stabilito alcune

stabilita la vendita del tagliando singolo per tutti. Ma al presidente della Lega calcio, Antonio Matarrese, le limitazioni non vanno bene. «Siamo stanchi di subire mortificazioni, chiediamo di tornare alla normalità e lo chiediamo a voce alta. Tutto va per il meglio, mandiamo una forte richiesta al ministro Maroni; ora basta».

limitazioni per altre due gare di serie A, Lecce-Roma e Inter-Juventus, considerate a rischio, senza però vietare la trasferta ai tifosi

romanisti e juventini. Per la prima è stata decisa la vendita di un biglietto singolo solo per gli ospiti, mentre per il derby d’Italia è stata

Empoli e Reggina fuori dalla coppa Italia Ai friulani sono serviti 10 rigori per vincere

Samp e Udinese con il vento in coppa

ROMA - Udinese e Sampdoria sono le prime due squadre che guadagnano l’accesso ai quarti di finale di coppa Italia. La Sampdoria si è qualificata per i quarti di finale di coppa Italia battendo l’Empoli per 2-1 a Genova. I liguri, in dieci uomini dal 36’ del primo tempo per l’espulsione di Daniele Dessena, si sono imposti grazie alle reti di Emiliano Bonazzoli al 31’ e Bruno Fornaroli nel primo minuto di recupero del primo tempo. Per l’Empoli a segno Francesco Lodi al 62’. Nei quarti di finale la Sampdoria incontrerà l’Udinese. L’Udinese che ha battuto la Reggina 8-7 (0-0 dopo i supplementari) dopo due ore e 50’ minuti di gioco e 20 calci di rigore di cui quattro sbagliati. I rigori hanno concluso una partita estenuante e che l’Udinese ha terminato in no-

ve a causa delle espulsioni di Belardi alla fine del secondo tempo regolamentare (ma Hallfredsson sbaglia il rigore successivo) e Quagliarella nel secondo tempo supplementare.

Traballa la panchina di Schuster, si parla di Ramos

Real Madrid sempre più giù Si fa eliminare da una squadra di B MADRID - ’K.O.’, ’Crisi’, ’Real verguenza’, ’Un Madrid da ridere’, sono alcuni dei titoli con i quali la stampa spagnola fustiga la squadra di Bernd Schuster, ingloriosamente eliminata dalla Coppa del Rey dal

Real Union di Irun, un club di seconda divisione B, battuto per un 4-3 insufficiente, nonostante la tripletta di Raul. Per la seconda volta in una settimana, quando ancora risuonavano le ovazioni riservate a Del Piero dopo la sconfitta con la Juve, il Bernabeu ha tributato al termine dell’incontro scroscianti applausi al Real Union, per amplificare l’effetto-umiliazione di quella che Marca qualifica come ’la miseria bianca’. La squadra ha incassato 32 reti dall’inizio della stagione. AS, come Marca, dà conto dei pronostici già aperti nella Casa Bianca sull’eventuale successore di Schuster: Juande Ramos, di recente svincolatosi dal Tottenham, o Miguel Angel Portugal, i nomi ricorrenti. «Non mi preoccupa il mio futuro, però capisco che altri abbiano dubbi», le parole di Schuster.

Esce la biografia del fantasista della Sampdoria

Esce la biografia di Cassano: “Senza calcio sarei stato un ladro” GENOVA - «Ho avuto tra le 600 e le 700 donne, 20 delle quali appartenenti al mondo dello spettacolo». E ancora: «Il calcio mi ha salvato dal diventare un delinquente». E’ solo un assaggio di quanto confessa Antonio Cassano nella sua prima biografia autorizzata, «Dico tutto», in vendita da mercoledì. Il fantasista della Samp si racconta a partire da quel Bari-Inter che gli cambiò la vita, il 18 dicembre del 1999, permettendogli di mostrare il suo talento e di non diventare «un rapinatore o uno scippatore. In vita mia non ho mai

lavorato, perchè non so fare nulla». Nel libro si parla anche delle liti con gli allenatori: «Con tutti tranne che con Fascetti...».


46 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

Sport

Tennis Affronterà Murray già qualificato

Rugby Secondo Test Match a Torino

SHANGHAI - Prima vittoria per Roger Federer (7-6 (7/4), 6-4 su Stepanek) al Master di Shanghai e semifinali conquistate da parte del britannico Andy Murray grazie alla seconda vittoria di fila a spese del francese Gilles Simon in soli due set con il punteggio di 6-4, 6-2. Questi i verdetti della giornata di ieri che ha vissuto l’abbandono per infortunio dello statunitense n.6 del ranking Atp Andy Roddick. Murray si è assicurato la semifinale nel gruppo rosso qualunque sia il risultato del suo ultimo match di domani proprio con Federer.

TORINO - Rivoluzione in prima linea nella nazionale azzurra di rugby che sabato a Torino affronta l’Argentina nel secondo Test Match della stagione. Il ct azzurro Nick Mallet ha comunicato ufficialmente la formazione. La scelta di rivoluzionare l’attacco è dovuta agli errori commessi nello scorso match: «L’Argentina ha un pacchetto di mischia eccezionale, sarà una partita di forti contatti, ci siamo allenati in questi giorni per esserne all’altezza. I cambi in prima linea vanno in questa direzione», ha precisato Nick Mallet.

La semifinale è a un passo Federer punta il Master

Sarà un’Italia nuova a sfidare l’Argentina

Federer ha battuto Stepanek

Il ct dell’Italia Nick Mallet

Spazio a chi non ha mai disputato il derby: Delio Rossi punta sull’effetto entusiasmo Sarà la prima stracittadina per Carrizo, Radu, Rozenhal, Lichtsteiner, Brocchi e Zarate

La Lazio prova a volare con gli esordienti C’è grande attesa per le magie di Zarate Tutti si aspettano grandi cose da lui ROMA - La carica degli esordienti. Di quelli che non hanno mai preso parte nel campionato italiano al derby del Cupolone. La sfida tra Roma e Lazio di domenica sera sarà la prima per ben sei calciatori in maglia biancoceleste. Tutti i reparti avranno almeno un elemento digiuno di stracittadine. Delio Rossi si affiderà loro per superare i cugini giallorossi, a una sestina che in un modo o nell’altro ha però già avuto a che fare con le emozioni di questa particolare partita. A difendere la porta laziale ci sarà ovviamente Juan Pablo Carrizo. L’argentino è forse quello che meno di tutti accuserà l’impatto con l’atmosfera dello stadio Olimpico, perchè nella sua carriera ha già disputato quello che viene considerato il derby più caldo del globo: River Plate-Boca Juniors. In difesa ben tre saranno all’esordio: Stefan Radu, David

Il prefetto prova a fidarsi dei tifosi: “Nessun limite, stadio aperto a tutti”

Gli ultrà concedono una tregua solo per domenica

Panucci tira su la Roma: “Non siamo inferiori”

ROMA - «Non siamo inferiori alla Lazio». Christian Panucci sfodera tutto il suo orgoglio in vista del derby e parla del momento della Roma e di come la squadra si prepara ad affrontare la stracittadina. «Alla Lazio vanno fatti i complimenti - assicura il difensore Sta mostrando un grande calcio, ma non ci sentiamo da meno. Di inferiore abbiamo solo la classifica. Sappiamo che in attacco sono molto bravi. Sarà un bel derby e noi abbiamo la possibilità di vincerlo». I tifosi della curva hanno emesso un duro comunicato in cui viene criticato l’atteggiamento della squadra. A questi tifosi non è bastata la vittoria sul Rozenhal e Stephan Lichtsteiner. Il romeno, tenuto a riposo nell’ultimo turno da Rossi perchè diffidato, tornerà sulla fascia sinistra e potrà finalmente paragonare la sfida con la Roma a quelle che ha vissuto contro la Steaua indossando la maglia della Dinamo Bucarest. Il centrale ceco è invece un

Panucci carica la Roma in vista del derby. L’esperto difensore è convinto di non essere inferiore alla Lazio

Chelsea per ’perdonare’ la falsa partenza della stagione, ma per la gara con la Lazio faranno una eccezione. Come spiegano nell’ultima frase del comunicato: «Domenica - si leg-

giramondo che in carriera ha già militato in 5 diversi campionati (Rep. Ceca, Belgio, Francia, Inghilterra e Italia) partecipando a diverse stracittadine. L’ultima, il Tyne-wear derby che ha disputato nel Newcastle contro il Sunderland. Infine, lo svizzero, che ha tolto il posto sulla fascia destra al

ge - sosterremo la nostra maglia nella partita più sentita del campionato, per il derby dimenticheremo quanto ’valete’ come squadra ma soprattutto come società».

romano De Silvestri e ha partecipato in Francia col Lilla al derby del nord contro il Lens, avrà l’ennesimo banco di prova per dimostrare le qualità messe in mostra in questa prima parte di stagione, che ne hanno fatto un titolare inamovibile. Sulla linea mediana ci dovrebbe essere Cristian Brocchi.

Il condizionale è d’obbligo perchè il centrocampista ieri non si è allenato col resto del gruppo per un leggero risentimento all’adduttore della gamba sinistra. Se potrà scendere in campo avrà l’opportunità di paragonare la stracittadina romana con quella di Milano. Assente certo sarà invece il brasilia-

no Francelino Matuzalem, che dovrà aspettare il girone di ritorno per poter dire: «Anche io ho giocato almeno una volta il derby di Roma». Chi sicuramente pronuncerà questa frase è Mauro Zarate. L’attaccante argentino, nato calcisticamente nel Velez Sarsfield, è l’uomo del momento. Tutti i tifosi biancocelesti si attendono da lui il lampo in grado di illuminare la partita. Stadio aperto a tutti «Nessuna limitazione per le tifoserie di Roma e Lazio in vista del derby»: questa la decisione del Comitato presieduto dal prefetto Mosca. L’Osservatorio del Viminale ha comunque indicato il livello 3 di rischio per la gara e richiesto il rafforzamento delle misure di sicurezza. Mosca ha sottolineato che «la decisione del Comitato è una prova di fiducia nei confronti delle tifoserie».

Il brasiliano dell’Inter ieri si è rivisto in campo, però è difficile che Mourinho lo convochi per la trasferta di sabato a Palermo

Adriano si è allenato, ma resterà ancora in castigo La società si schiera dalla parte del tecnico e segue il giovane esterno Witsel MILANO - Dopo il forfait di martedì, Adriano è tornato ad allenarsi ieri mattina nel centro sportivo di Appiano Gentile. Evidentemente l’attacco influenzale che lo aveva fermato non era così grave e ieri ha lavorato a parte. Molto improbabile, comunque, che Mourinho lo convochi per la trasferta di Palermo e si prospetta quindi la quinta partita da spettatore per il brasiliano, per il quale la cessione a gennaio o a giugno è tutt’altro che un’ipotesi da scartare. L’amministratore delegato dell’Inter Ernesto Paolillo ha voluto chiudere la questione, che resta comunque l’ennesima fastidiosa vicenda legata a un giocatore che sembra proprio non trovare pace: «Ieri Adriano si è allenato regolarmente e quindi è tutto a posto - ha detto Paolillo -. Quello che fa l’allenatore, lo fa la società: siamo tutti uniti». Che ci sia unità tra staff tecnico e società è sicuro, ma è evidente che l’indisciplina del brasiliano rischia di togliere concentrazione a un ambiente che non può concedersi distrazioni, soprattutto in un

Il centrocampista può tornare in panchina

Il Milan si coccola Ronaldinho e ritrova le geometrie di Pirlo MILANO - Riprendere a macinare punti per non perdere il ritmo nel testa a testa con l’Inter. E’ questo l’imperativo in casa Milan, dove il deludente pareggio contro il Lecce ha lasciato non poche recriminazioni legate alle polemiche con l’arbitro sollevate da Carlo Ancelotti e subito messe a tacere dall’alto da parte di Adriano Galliani. «Non ci siamo assolutamente punzecchiati, io e Ancelotti abbiamo un rapporto inossidabile», assicura l’amministratore delegamomento così delicato. Mourinho ieri mattina ha avuto un colloquio col giocatore e domani, alla vigilia della trasferta di Palermo, il tecnico di Setubal chiarirà il futuro che attende il brasiliano sempre più ai margini di una società che, anche quest’anno, ha

fatto e sta facendo di tutto per recuperarlo. Ad Appiano Gentile, l’Inter ha disputato una partitella con la formazione Africa Sports National di Abidjan, squadra campione della Costa d’Avorio allenata da Salvatore Antonio Nobile (38 presenze nerazzurre dall’esta-

te ’87 al novembre ’88), in Italia per uno stage. A parte hanno lavorato Maicon, Muntari, Zanetti e Ibrahimovic. Ancora terapie per Jimenez, il cui rientro diventa sempre più lontano, nonostante manchi ormai da tanto tempo e Mourinho lo citi nel corso delle

to rossonero ribadendo che la ’linea societaria’ è «non parlare più degli arbitri». Fin qui i rossoneri hanno fatto grande affidamento su Ronaldinho, ma a livello di gioco hanno messo in evidenza parecchie carenze. Lacune che potrebbero essere colmate presto con il ritorno di Andrea Pirlo, il vero play della squadra che è fermo da settembre per uno strappo muscolare. Ha ripreso ad allenarsi e domenica con il Chievo ha buone chance di tornare in panchina. varie conferenze stampa come un’assenza pesante. Intanto gli uomini mercato nerazzurri sono sulle tracce di Axel Witsel, centrocampista classe 1989 in forza allo Standard Liegi, eletto nella passata stagione come miglior giovane del campionato.

Witsel, classe 1989, è nel mirino dell’Inter a caccia di rinforzi. Sul giovane centrocampista c’è anche il Manchester United

E’ un esterno, che può giocare anche come centrale di centrocampo ed è già nel giro della nazionale con 5 presenze all’attivo e un gol, segnato peraltro nella gara d’esordio contro il Marocco. Lo Standard Liegi lo valuta 7 milioni di euro, l’Inter però dovrà fare molta attenzione alla concorrenza del Manchester United che vorrebbe portarlo in Inghilterra già a gennaio, considerato che Hargreaves dovrà star fermo fino a fine stagione per l’infortunio al ginocchio destro e sir Alex Ferguson avrebbe sollecitato la società ad acquistare Witsel come sostituto ideale. L’attualità però è il campionato. Dopo la partita col Palermo, l’Inter è attesa dal big match di San Siro contro la Juventus, che l’anno scorso in campionato concesse solo un punto su sei ai nerazzurri, sbancando proprio lo stadio milanese grazie a un regalo di Burdisso simile al primo gol regalato ai ciprioti dell’Anorthosis in Champions League. Chissà se anche questa volta l’argentino osserverà la sfida dalla tribuna.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 47

SPORT Negli ottavi di finale del torneo tricolore l’Udinese supera gli amaranto dopo la lotteria dei rigori (8-7)

S E R I E

A

Reggina fuori dalla coppa REGGINA

UDINE — Doppio errore di Halfredsson dal dischetto e la Reggina scende dal treno della Coppitalia. L’Udinese passa il turno e brinda; la squadra di Orlandi recita il mea culpa per aver perso una ghiotta occasione per una boccata d'ossigeno che l'avrebbe aiutata sul piano psicologico. Il risultato finale è stato di 8 a 7 per i friulani che hanno terminato la gara in nove uomini per l'espulsione prima di Belardi, poi, al 12' del secondo tempo supplementare, di Quagliarella per fallo da tergo su Sestu. La partita, nonostante i due allenatori abbiano utilizzato calciatori che in campionato trovano poco spazio, è stata a tratti anche bella. Entrambe le squadre avrebbero potuto vincere prima della lotteria dei rigori se solo non ci fossero stati errori e grandi interventi dei portieri, soprattutto del giovane amaranto Marino. La formazione calabrese è stata anche sfortunata. Lo scriviamo non per fornire l'alibi, quanto per onestà intellettuale. Allo stadio “Friuli” è stato visto anche Giovanni Galeone. Un caso, oppure c'è da pensare che Foti voglia sostituire Orlandi? Nel primo tempo è la Reggina ad avere la più ghiotta delle occasioni per passare in vantaggio. Ma Sestu, partito in contropiede, pecca di egoismo e si fa parare il rasoterra da Belardi. L'ex avellinese avrebbe potuto servire Viola o Stuani, ma non l'ha fatto. Non è stata tuttavia questa la sola possibilità avuta dalla formazione di Orlandi per passare in vantaggio. Udinese e Reggina, che per uno scherzo del calendario, in una settimana sono chiamate ad affrontarsi due volte ( ieri

2ª D I V I S I O N E

Al 43’ del secondo tempo regolamentare Hallfredsson spreca il gol decisivo UDINESE REGGINA

8 7

Udinese: Belardi, Zapata (20'st Lukovic), Obodo, Sanchez (43’ st Koprivec), Felipe, Asamoah, Motta, Nef, Pasquale, Floro Flores (1'st Quagliarella), Sala. All. Marino. Reggina: Marino, Alvarez (4’st Ceravolo), Cosenza, Basso, Costa, Sestu, Tognozzi, Viola, Hallfredsson, Di Gennaro (34'st Rakic), Stuani (13'st Barillà). All. Orlandi Arbitro: Antonio Giannoccaro Note: Ammoniti: Basso, Cosenza, Alvarez, Barillà, Costa, Tognozzi, Obodo. Espulsi: 40'st Belardi, 12’sts Quagliarella. 43’ st Hallfredsson manda alto un calcio di rigore Sequenza rigori: Lukovic (gol), Tognozzi (gol), Obodo (gol), Ceravolo (gol), Sala (gol), Barillà (gol), Motta (parato), Viola (parato), Felipe (gol), Costa (gol), Nef (gol), Rakic (gol), Asamoah (gol), Basso (gol), Pasquale (fuori), Hallfredsson (parato), Koprivec (gol), Marino (gol), Lukovic (gol), Tognozzi (fuori). Una fase di Udinese-Reggina. (Immagine tratta dal sito regginacalcio. com)

negli Ottavi di Coppitalia e domenica in campionato), hanno schierato le cosiddette seconde linee: i friulani con un inconsueto 4-4-2 e gli amaranto con l’ormai classico 4-4-1-1, con Hallfredsson dietro Stuani. Il team di Marino pressa alto sui portatori di palla della Reggina e quest'ultima, giocando con una punta, agevola gli esterni che si sganciano a sostegno dei centrocampisti. Alcuni buoni sprazzi di gioco in un campo allentato dalla pioggia e davanti a poco più di seicento spetta-

tori. Al 16’ c’è un’azione dubbia in area bianconera quando su cross dal fronte sinistro di Di Gennaro un avversario spinge in area Stuani. Ma sono i padroni di casa al 18’ ad avere la prima palla gol della gara: Pasquale si allunga sulla sinistra e crossa dal fondo, ma Motta incorna ed alza sopra la traversa. Al 24' timida replica della Reggina con Di Gennaro, che, servito da Hallfredsson, batte debolmente e Belardi para. Alla mezz’ora Stuani si presenta solo davanti al pipelet friulano, il qua-

le respinge con i piedi, poi il colpo di testa di Viola è impreciso e l’Udinese viene graziata. Sbaglia, due minuti dopo, anche Floro Flores, il quale al 43’ viene imitato da Motta. Poi la grossa occasione di Sestu. Nella ripresa il trainer di casa Marino manda in campo Quagliarella ed i friulani prendono in mano il gioco e lo tengono per lunghissimi tratti. La Reggina viene schiacciata, ma quando si allunga in contropiede mette paura ai locali. All’11’ grande intervento di Ma-

rino in angolo su iniziativa di Motta. Otto minuti dopo, per ben due volte, Barillà tenta la via della rete: più pericoloso, perché in diagonale, il secondo tentativo. Su errore di Sestu, Quagliarella viaggia verso la porta amaranto, ma sulla sua strada incontra uno straordinario Marino pronto a deviare in angolo e sul tiro dalla bandierina il portiere amaranto blocca il colpo di testa di Felipe. Unìazione per parte prima del rigore sbagliato di Halfredsson: al 29’ Belardi para di piede su Ceravolo; al 33ì Marino salva in angolo su Motta. Al 41’ Rakic, lanciato in area, viene atterrato dal portiere di casa, che viene espulso, e calcio di rigore per la Reggina. Ma Hallfredsson sciupa il penalty mandando sopra la traversa. Si va ai supplementari. E dopo appena 20 secondi Ceravolo tira da lontano e colpisce la traversa. L’Udinese vuole vincere, ma Pasquale (al 3’) di testa manda a lato un pallone invitante. A sbagliare è anche Barillà, il quale al 4' non arriva per la deviazione su servizio di Hallfredsson. I calabresi, poi si rendono pericolosi all'11' e al 14' con Rakic. L’emozione dei rigori: segnano nell'ordine Lukovic, Tognozzi, Obodo, Ceravolo, Sala, Barillà; sbagliano Motta e Viola ( tiri entrambi parati). Vanno ancora a rete Felipe, Costa, Nef, Rakic, Asamoah e Basso; sbagliano Pasquale (alto) e Hallfredsson (parato). E’ poi la volta dei due portieri che si battono a vicenda, quindi realizza Lukovic, mentre sbaglia Tognozzi. Altra mazzata psicologica sulla squadra. Antonio Latella

Le dichiarazioni rilasciate ieri da Galfano e Lico hanno suscitato reazioni negli ambienti istituzionali

VIBONESE

VIBO VALENTIA — Quanti soloni popolano Vibo Valentia! E sono tutti esperti, in grado di pontificare su ogni settore della vita pubblica. Calcio compreso, ovviamente. E così, la leale, onesta denuncia dell’allenatore della Vibonese, Angelo Galfano, ha suscitato reazioni le più diverse. Qualcuno ha immaginato che si sia trattata di una ricerca di giustificazioni per spiegare l’involuzione del gioco della squadra nelle ultime partite. Altri – addirittura! – vi hanno visto una spaccatura tra allenatore e società. Com’è possibile pensare una simile sciocchezza? E’ stato lo stesso Galfano, e poi alla nostra intervista lo ha ribadito pure il preparatore atletico Carlo Lico, a dire che le soluzioni sarebbero state pensate e ragionate di concerto con la società, dunque? Accordo perfetto. Piuttosto, perché negare l’evidenza? Vibo Valentia è priva di strutture sportive: le ultime realizzate (stadio Luigi Razza con campo in erba e tribuna, piscina comunale, palazzetto dello sport, campo da bocce e da tennis) sono tutti progetti avviati o ultimati durante la Giunta D’Agostino, poi nulla… anzi, si continua a discutere, ma non

Strutture sportive A Vibo Valentia monta la polemica

Le dichiarazioni di mister Galfano (nella foto) e del preparatore atletico della Vibonese, Lico in tema di mancanza di strutture sportive hanno suscitato numerose polemiche. In basso la piantina della stadio “Luigi Razza”.

a lavorare, intorno al campo di Piscopio. La realtà di Vibo Valentia è drammaticamente questa; e i professionisti del calcio chiamati a difendere i colori del-

la città di Vibo Valentia devono fare i conti con questa triste realtà. Sono professionisti seri, attaccati al proprio lavoro e leali con la società e con l’am-

biente; di conseguenza, non vi sono dubbi sul livello del loro impegno confermato domenica scorsa contro l’Isola Liri, quando le loro condizioni fisiche cominciavano ad essere deficitarie (lo ha ammasso il preparatore atletico), eppure non si sono tirati indietro un solo istante cercando la vittoria fino al triplice fischio finale dell’arbitro. Però, che certe difficoltà esistano è la verità e solo gli struzzi (si dice così?) non vogliono vederli. Si cerchi una soluzione tampone e poi, chi ne ha autorità e mezzi, faccia lavorare gli amministratori

locali in modo che Vibo Valentia si avvicini almeno ad una città degna di questo nome. Concludere i lavori del campo di Piscopio, ad esempio, sarebbe una soluzione praticabile. Una cosa è certa: come se si fosse vittime di una maledizione, questa città rischia di distruggere quel poco di buono che ancora resiste. Tra questi, c’è il calcio e la Vibonese: salviamola. Stringiamoci attorno con la passione tipica di un tifoso vero: pontefici e soloni vadano… in un altro paese! Maurizio Bonanno


48 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPORT 2ª D I V I S I O N E

Ancora un paio di settimane e mister Provenza potrà sfogliare la margherita per la composizione dei reparti

Quando l’abbondanza fa bene CATANZARO

CATANZARO — Prego, avanti il prossimo. Si può racchiudere in queste poche parole il nuovo, probabile, problema di Nicola Provenza. A scanso di equivoci, si tratterà di un grattacapo piacevole. Ci riferiamo a quella che si configura come l’abbondanza che, a breve, regnerà nel clan giallorosso. Proprio così. Problemi d’abbondanza in vista per il gastroenterologo di Nocera Inferiore. Ancora un paio di settimane, e Provenza, per esempio, potrà sfogliare la margherita per la composizione dei reparti dalla cintola in sù. Una volta, infatti, che Rino Frisenda tornerà abile e arruolabile, in attacco ci saranno ben cinque elementi, tra l’altro di assoluto valore, per 2/3 maglie da titolare. Tutto dipenderà da che modulo adotterà il tecnico. Di certo, ci sarà tanta sana concorrenza tra i vari A. Montella, Iannelli, Caputo, Marchano e per l’appunto Frisenda. E che dire poi del-

In attacco rientrerà Frisenda per una sana concorrenza con Montella, Iannelli, Caputo e Marchano la linea mediana? A centrocampo, attualmente, abbiamo tre centrali di ruolo, ovvero Berardi, Zaminga e Benincasa, e tanti esterni. Col rientro di Cardascio, che già domenica s’è accomodato in panchina, Provenza potrà veramente sbizzarrirsi nel disegnare le corsie laterali nel suo 4-4-2. Come cursori, il trainer potrà contare su Criniti, Mangiacasale, Cardascio e i due jolly Tomi e Armenise in grado di giocare, indifferentemente, da terzini sinistri o esterni di centrocampo. E a gennaio, poi, tornerà Francesco Corapi! Insomma, sembrano veramente lontani i tempi in cui, soprattutto dopo l’infortunio dello stesso Corapi, provenza non sapeva quasi a che santo votarsi per via di un organico che, nel corso della settimana, si allenava sempre col 60% degli effettivi. Chi non ricorda i giorni che hanno preceduto il derby di Lamezia Terme con la grande emergenza che regnava in casa giallorossa? La

bravura di Provenza, quando la squadra era falcidiata da infortuni, è stata quella di non prendersela mai con la sfortuna (cosa che fanno quasi tutti i suoi colleghi) e di far sentire importante chi (come per esempio Mangiacasale) non aveva trovato molto spazio. La bravura di Provenza è stata anche quella di tornare sui suoi passi e di reintegrare chi, come Luis Criniti, era stato messo fuori rosa dandogli fiducia e ricevendo, in cambio, buone prestazioni. Diciamocela tutta, la più bella immagine di questo Catanzaro, imbattuto, con la migliore difesa d’Italia e secondo in classifica sono i volti e i dribbling dei vari Mangiacasale e Criniti. Alzi la mano chi, in estate, avrebbe mai immaginato l’Effeccì vincente e convincente anche grazie ai suoi giovani e sconosciuti, al grande pubblico, gregari…

CATANZARO — I suoi interventi sono sempre tanto decisi e puntuali, quanto eleganti. Un giocatore dal forte temperamento, un baluardo insuperabile nella difesa del Catanzaro. Stiamo parlando di Roberto Di Maio, al suo primo anno con la maglia giallorossa, domenica contro la Val di Sangro ancora protagonista, nonostante la sfortunata deviazione sulla rete abruzzese. Proprio lui, che sfruttando la prestanza fisica e l’altezza ha realizzato il primo gol in assoluto della stagione nella gara di esordio con l’Aversa Normanna, concedendo il bis, sempre al “Ceravolo”, nell’importante match con il Pescina. Insomma determinante sempre nella buona e nella cattiva sorte. «Diciamo che i gol preferisco farli nella porta avversaria, però può capitare che una volta tanto la palla s’infili nella propria rete, come è accaduto domenica scorsa. Una brutta sensazione, quella provata, considerato soprattutto che il tiro calciato da Epifani non era poi così imprendibile. Purtroppo il mio colpo di testa ha letteralmente spiazzato Mancinelli, al quale non è rimasto altro che raccogliere la sfera dal fondo del sacco. Sono stati minuti brutti quelli successivi al misfatto, soprattutto da un punto di vista psicologico. In ogni caso siamo stati bravi a superare quel momento ed a trovare, nell’immediatezza, la rete del due a uno, prima del definitivo tre a uno, a coronamento di una vittoria meritata». Autorete a parte, un match giocato all’insegna della determinazione. «Assolutamente sì! Ritengo che domenica abbiamo disputato una delle migliori partite casalinghe, con la squadra che è stata brava nel portarsi in vantaggio nel primo tempo, non sfruttando comunque alcune occasioni

L’INTERVISTA«Andremo a Melfi col piglio giusto per portare a casa un altro risultato positivo»

do alla classifica, che vede relegata all’ultimo posto la formazione lucana. Non dimentichiamo che la stessa, reduce dal pareggio esterno di Noicattaro, in casa segna parecchi gol, grazie soprattutto alle capacità realizzative di De Angelis, tra l’altro capocannoniere del girone. Non sarà facile, ma con il consueto piglio giusto, la concentrazione e soprattutto la grande voglia di fare bene, il Catanzaro è in grado di ritornare a casa con un ennesimo risultato positivo, che, oltre a fare classifica, naturalmente, metterebbe tutti noi nelle condizioni ottimali per sfruttare al meglio i prossimi due consecutivi turni interni con Gela e Barletta». Hai parlato di classifica: come la giudichi dopo le prime undici giornate. «Si tratta di una graduatoria che, a mio giudizio, può considerarsi giusta. Il Cosenza, attuale capolista, è formazione che in casa ha avuto un cammino perfetto, vincendo sei incontri su sei, perdendo due volte, però, in trasferta. Questo ci fa ben sperare, perché significa che anche loro hanno delle difficoltà. Continuando, non vi è dubbio che il secondo posto del Catanzaro, in condominio con il Gela, è oltre modo meritato, anzi, azzarderei, che due punti in più li avremmo potuti avere (vedi pari interno con l’Igea Virtus), così come le posizioni di Pescina e Cassino rispecchiano quelle che sono le doti tecniche delle due squadre. Per quel che ci riguarda, dobbiamo vivere alla giornata, domenica dopo domenica. Sono certo che, alla fine, potrebbe anche esserci una sorpresa. Non chiedetemi quale! ». Intanto attendiamo dal difensore, con il vizietto del gol, la sua personale terza rete. E se venisse domenica proprio da Melfi?

CATANZARO — Buone notizie

NOTIZIARIO Buone notizie dall’infermeria. Oggi il test infrasettimanale

dall’infermeria. Il mediano Bruno è oramai completamente abile e arruolabile. Anche nella doppia seduta, ha confermato di aver completamente superato il problema muscolare che l’aveva tenuto fermo ai box nelle ultime settimane. Senza dubbio, col suo rientro in squadra, Nicola Provenza ha una freccia in più nell’arco. Una freccia che gli potrebbe consentire anche di variare schema, per passare dal collaudato 4-42, andato più volte in scena di recente, ad un modulo con tre centrocampisti e tre “guastatori” offensivi. In quest’ultimo ca-

Mister Nicola Provenza

Di Maio, vero baluardo della difesa giallorossa Il difensore Roberto Di Maio un vero e proprio baluardo del reparto arretrato giallorosso.

valide per chiudere i conti. L’unica cosa che abbiamo sbagliato è stato l’approccio al secondo tempo, presentandoci in campo alquanto deconcentrati, tanto da subire il pareggio, che, autorete a parte, era nell’aria, avendo gli

abruzzesi colpito in precedenza un palo pieno. Comunque tutto è bene quel che finisce bene, alla luce che abbiamo avuto una veemente reazione, concretizzata con le due decisive segnature».

Merito tutto vostro o qualche demerito dell’avversario? «Senza dubbio merito nostro. La Val di Sangro non si è rivelata formazione di poco conto, anzi è scesa in campo per giocarsi la partita, come dimostrano le due punte schierate sin dall’inizio. Vorrei ribadire che il nostro obiettivo, allorquando scendiamo in campo, è quello di vincere sempre e ciò indipendentemente dal tasso tecnico dell’avversario ed anche indipendentement se giochiamo al cospetto del pubblico amico o in trasferta». Che significato dai al fatto che la difesa del Catanzaro, unitamente al Gela, è quella meno perforata di tutta la categoria Pro. «Stiamo raccogliendo i frutti di un lavoro impostato sin dal ritiro estivo e basato sul gruppo. Se infatti abbiamo incassato quattro gol, il merito va attribuito a tutti i reparti: dai centrocampisti agli attaccanti compresi, all’insegna, quindi, dell’uno per tutti e tutti per uno. Aggiungiamo anche che la nostra è una squadra che corre e corre molto e quindi lascia poco spazio all’avversario». Domenica la trasferta di Melfi: un’altra gara utile ad allungare l’imbattibilità. «Un impegno certamente da non sottovalutare, magari dando uno sguar-

Bruno completamente abile Anche Cardascio è arruolabile so, troverebbe posto anche Max Caputo che potrebbe agire o alle spalle della coppia IannelliMontella oppure con l’ex catanese a supporto dello stesso Montella per una sorta di 4-3-3.

Ma queste son tutte congetture, anche perché chi ben conosce Provenza sa bene che il trainer non è abituato a gettare nella mischia (sin dal primo minuto) elementi che non sono perfetta-

mente recuperati o che vengono da settimane di stop. Magari, potrebbe esserci spazio anche per il recuperato Cardascio. Qualcosina in più la si capirà soltanto oggi pomeriggio, nel

Vittorio Ranieri

Mario Mirabello

corso del consueto test infrasettimanale di oggi. Tornando alla doppia seduta di ieri, affrontato il discorso-Bruno va detto che Ciano si è allenato ma con cautela. L’ex capitano della Pro Vasto riprenderà a forzare a pieno regime soltanto dalla prossima settimana. In mattinata, sul rettangolo verde di Giovino, la squadra ha svolto un lavoro prettamente atletico basato sulla resistenza alla velocità. Corapi, invece, ha fatto solo piscina. Nel pomeriggio, è stato il turno delle consuete esercitazioni tecnico-tattiche. Vit. Ran.


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 49

SPORT 2ª D I V I S I O N E

Intanto è ancora polemica con l’Associazione arbitri

COSENZA

COSENZA — Ieri abbiamo ipo-

tizzato che la presa di posizione fosse una ripicca ad un modo di comportarsi della società che aveva sedimentato dei privilegi nella classe arbitrale cosentina. Oggi, dopo che un quotidiano ha riportato l’intervista a Francesco Scarcelli, che non è altro che il presidente dell’Aia sezione di Cosenza, fra le righe si lascia trapelare un malcontento legato alla mancata emissione degli accrediti da parte della società ai tesserati Aia. Tale stato di cose sarebbe conseguente ad uno screzio verificatosi nel corso di una partita della formazione Berretti (Cosenza-Gela) fra un dirigente e un collaboratore dell’arbitro. Non abbiamo voglia di fare alcun commento ma rimettiamo a voi la cronaca di quanto sta accadendo, certi che ci saranno dei nuovi episodi di questa vicenda. Intanto, sono ripresi gli allenamenti con Mimmo Toscano che in conferenza stampa a ribadito i concetti chiave del dopo gara elogiando i suoi atleti per la pazienza dimostrata nell’affrontare la gara di domenica. Senza questa pazienza non si sarebbe venuti a capo di una squadra arroccata in difesa come l’Igea Virtus vista al San Vito. Undici uomini dietro la linea della palla non sono uno scherzo e scardinare la resistenza de-

2ª D I V I S I O N E VIGOR LAMEZIA

Trasferta di Andria Lavoro intenso dei rossoblù silani Il centrocampista rossoblù, Occhiuzzi. In basso, il tecnico Toscano

gli uomini di Castellucci non è stato facile. Lo abbiamo detto che le partite meno belle per gli spettatori sono forse quelle più belle per i tecnici e Toscano ieri ha ribadito il concetto. Dalle

impressioni avute da bordo campo pare che non ci siano grosse novità riguardo agli infortunati. Dalle indiscrezioni trapelate e da quanto riferito dallo stesso interessato in

un’intervista ai microfoni di Radio Ciroma, le condizioni di Aniello Parisi sono in via di miglioramento e domenica dovrebbe essere certamente fra la truppa dei convocati. Per i restanti atleti rossoblù si attende il prosieguo di questa lunga settimana che porterà gli uomini del presidente Damiano Paletta allo stadio comunale “Degli Ulivi”. In questo stadio, anni orsono, i rossoblù si scontravano in sfide contro i padroni di casa ma sul palcoscenico della serie B. altri tempi, oggi il palcoscenico è differente ma la voglia di emergere per il Cosenza e immutata. Calendario rossoblù: il Cosen-

Prosegue la preparazione in vista del match di domenica contro il Noicattaro

Ancora incerto il recupero del centrocampista Sanso

za calcio 1914 ha aderito all’invito dell’Associazione italiana persone down sezione di Cosenza per la realizzazione di un calendario. L’appuntamento è per le ore 10 di domani allo stadio San Vito. I ragazzi e i calciatori verranno fotografati da Riccardo Tucci. Dagli scatti fotografici verrà ricavato il calendario 2009 della stessa associazione. L’iniziativa, voluta dal presidente della sezione di Cosenza Lucia Ruggiero, per il Cosenza calcio è stata curata dal responsabile dei rapporti con la tifoseria Marcello Spadafora. Carmelo Grandinetti

E oggi al D’Ippolito consueto test infrasettimanale contro i dilettanti dell’Oratorio Frassati

LAMEZIA TERME — Dopo la ripresa di

martedì, ieri doppia seduta d’allenamento per la Vigor Lamezia di mister Fofò Ammirata. La squadra si è ritrovata come al solito allo stadio provinciale “Carlei”. Ancora incerti i recuperi di Sanso e Scalese alle prese, entrambi, con un fastidioso stato febbrile. In vista dell’importante match casalingo di domenica prossima con il Noicattaro, la Vigor dovrà fare a mano di Amita, appiedato per un turno dal giudice sportivo. Assenti anche Lopetrone, Pascuccio e Angotti, tre pedine importanti nella rosa biancoverde per le quali, con diverse soggettività, il recupero è ancora piuttosto lungo. Per quanto riguarda Stroffolino, vi è da dire che il difensore aveva già smaltito l’infortunio (pubalgia) e a Barletta il tecnico lo aveva portato in panchina. Insomma, l’emergenza infermeria continua anche se - obiettivamente - i recuperi di Carraro e Riccobono hanno consentito alla squadra di elevare notevolmente il tasso tecnico e i risultati stanno arrivando. Certo, si dovrà continuare sulla scia delle ultime tre domenica. Tre turni significativi che hanno fatto lievitare la classifica da due a nove punti e senza subire alcuna rete. Ora, come ha avuto modo di evidenziare ieri il centrocampista Carraro, bisogna sfatare il tabù del “D’Ippolito” e centrare la prima vittoria stagionale in casa. Il Noicattaro arriva dal pareggio interno con il Melfi e si trova a 11 punti in classifica.

MERCATOLa punta giallorossa potrebbe rafforzare il reparto biancoverde

Idea Marchano per l’attacco? LAMEZIA TERME — La scarsa vena fi-

Il centrocampista biancoverde Giuseppe Sanso. Ancora incerto il suo rientro in squadra.

Quale migliore occasione per superare i pugliese e allungare ancora? In attesa della sfida di domenica, oggi pomeriggio Ammirata cercherà di schierare la formazione da opporre alla compagine dell’ex Di Muro, in occasione del test infrasettimanale. Al “D’Ippolito”, sparring partner dei biancoverdi sarà l’Oratorio Frassati, compagine cittadina che milita nel campionato di Terza categoria. r. s.

nalizzatrice dell’attacco biancoverde è il vero problema della Vigor. Il classico “tallone d’achille”. Come è noto, con l’arrivo di Carmine Donnarumma la società di via Marconi ha dato ampio mandato al dg per rafforzare i ranghi a partire proprio dal reparto avanzato. Al di là dei nomi circolati nelle scorse settimane (Macrì e Docente), c’è attualmente chi non trova spazio in alcune compagini. E’ il caso dell’attaccante 26enne del Catanzaro, Mauro Marchano. Potrebbe essere lui il “colpo” di mercato in casa biancoverde? Secondo indiscrezioni l’affare potrebbe chiudersi a fine dicembre anche in virtù del fatto che, nella squadra di mister Provenza, la punta non trova spazio. Marchano è vincolato ai giallorossi già dal-

LEONE dalla prima E non è poco, specie in un campionato ricco di insidie qual è quello di Seconda divisione. Entrambe hanno anche la migliore difesa del campionato con soltanto quattro gol al passivo. I giallorossi, inoltre, restano l'unica squadra professionistica in Italia che non ha subito gol nelle partite in trasferta. Numeri che ribadiscono, se mai ce ne fosse stato bisogno, la reale

forza delle due squadre. Per rimanere allo snodo cruciale di cui sopra, le prossime tre partite vedranno la squadra di Provenza una volta in trasferta a Melfi e poi la doppia casalinga con Gela (attesissimo scontro diretto) e Barletta. Per i siciliani, invece, è in arrivo la doppia trasferta: domenica farà visita alla Val di Sangro e poi il già citato big match del

Mauro Marchano

la pasata stagione con contratto biennale che, pare, aggirarsi intorno a 100mila euro. Un ingaggio che potrebbe essere accessibile, magari diviso fra le due società, visti i buon rapporti tra Donnarumma, Provenza e Improta. Ceravolo, quindi il 30 novembre davanti al proprio pubblico con il Noicattaro. Un azzardo provare a indicare qualche pronostico, però il calendario delle prossime giornate potrà fare sbizzarrire i tifosi. Carta e penna e via ai giochini: il mini ciclo delle tre gare “novembrine” è pronto a regalare tante emozioni. Valter Leone


Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

50 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell’esecuzione dott. Cava nella procedura esecutiva n. 205/93 R.G.E. ORDINA Procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti immobili: LOTTO UNICO: appartamento in Badolato M.na alla via Spasari 85 (f. 28, p.lla 253, sub. 4) Prezzo base d’asta euro 10.687,50 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L’udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 14 gennaio 2009, ore 9,30. Nella medesima data è fissata l’udienza ex art. 569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte d’acquisto. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta, entro le ore 12 del giorno precedente la vendita, con una somma pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione. L’offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell’immobile. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. L’aggiudicatario, dovrà versare, in cancelleria, il prezzo di acquisto dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. La presente ordinanza deve altresì pubblicarsi per estratto, oltre che nelle forme di legge, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d’acquisto mediante le seguenti inserzioni: - Quotidiano “Il Domani”; www.aste.eugenius.it; rivista mensile Aste. °°°°°°°°°° PRIMA SEZIONE CIVILE Il Giudice dell´esecuzione, dr.ssa Maria Carmela Andricciola, ha pronunciato la seguente ORDINANZA Nel procedimento n. 74/07 R.G.E. pendente tra BANCA CARIME E OMISSIS Visti gli atti, DISPONE Procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: Terreno in Botricello di mq 2070 su cui insiste un fabbricato in catasto al foglio 6 p.lla 2509; PREZZO: Euro 189.000,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L´offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell´immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato al Tribunale di Catanzaro proc. n. 74/07 recante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 13.01.2009, sono a carico del procedimento le spese di trasferimento. L´udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c e per l´eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c è fissata in data 14.01.2009. Aumento minimo in caso di gara euro 2000,00 L´aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano “Il Domani”, nella rivista Aste e sul sito internet www.ASTE.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 30/09/08 Il Giudice Dott.ssa Maria Carmela Andricciola TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.141/1997 RGE, promossa da Banca MPS SpA con ordinanza emessa all’udienza del 23.07.2008 ha disposto la vendita senza incanto dei lotti nn. 1 e 2, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano per l’udienza del 14.01.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto del medesimo lotto sette nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 28.01.2009 lotto n. 1 - “appezzamento di terreno sito in Martirano Lombardo, località Pompe, esteso per mq. 5860, riportato nel NCT di detto comune al foglio 20, p.lla 4, qualità seminativo di III classe”; Valore euro.1.977,75 lotto n. 2 - “magazzino e piccola corte ubicati in Martirano Lombardo, alla Via G. Colosimo. Il magazzino è riportato nel NCEU di detto comune al foglio 14, p.lla 520, cat. C/3, classe U, esteso per 78 mq., mentre la corte, con superficie di mq. 74,70, viene individuata nel NCT al foglio 14 ed è parte integrante dell’attuale p.lla 1033”; Valore euro.6.952,50 SI RENDE ANCORE NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1. VENDITA SENZA INCANTO - ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; - l’offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito: 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’articolo 568 e più sopra ricordato: e) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.,”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto - l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola

PROGETTO

A CURA DELLA

con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fine alle ore 13.00 del giorno 13 gennaio 2009 con le modalità e per il prezzo base dì cui sopra; - per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 14 gennaio 2009, ore 9.30 e segg.; 2. VENDITA CON INCANTO - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 1.977,75 per il lotto n. 1 e di euro 6.925,50 per il lotto n. 2; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta, come indicato per entrambi i lotti; - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell’ istanza di partecipazione agli incanti termine fino alle ore 13.00 del giorno 27 gennaio 2009, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra: - per il giorno 28 gennaio 2009, ore 9.30 e segg. la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; SI AVVISA, ALTRESÌ, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VISI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediate assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” in mancanza, si provvederà a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi

MEDIATAG

°°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PIGNORATI EX ART.569 COMMA 3 CPC SI RENDE NOTO Che il Giudice dell’Esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n°.74/2000 RGE, promossa da Banca MPS SpA con ordinanza emessa all’udienza del 23.07.2008 ha disposto la vendita senza incanto del lotto unico, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 14.01.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto del medesimo lotto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 28.01.2009 lotto uno - “fabbricato distribuito su tre livelli sito in Painopoli, via Togliatti, residence Tulipano, riportato nel NCEU di tale comune al foglio di mappa 6, p.lla 771, sub 1, p.lla 773, sub 1, p.lla 771, sub 6”; Valore euro.46.500,00 SI RENDE ANCORE NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1. VENDITA SENZA INCANTO - ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; - l’offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito: 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’articolo 568 e più sopra ricordato: e) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.,”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto - l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fine alle ore 13.00 del giorno 13 gennaio 2009 con le modalità e per il prezzo base dì cui sopra; - per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 14 gennaio 2009, ore 9.30 e segg.; 2. VENDITA CON INCANTO - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 46.500,00; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori al 3% del prezzo base d’asta; - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell’ istanza di partecipazione agli incanti termine fino alle ore 13.00 del giorno 27 gennaio 2009 ore 9.30 e segg., con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra: - per il giorno 28 gennaio 2009, ore 9.30 e segg. la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; SI AVVISA, ALTRESÌ, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VISI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO:

Per informazioni 0961 996802

- gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediate assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” in mancanza, si provvederà a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi °°°°°°°°°° ESTRATTO PER PUBBLICAZIONE DELL’AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI EX ART. 569 COMMA 3 - CPC NELLA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N. 53/99 RE si rende noto che il giudice dell’esecuzione nella procedura esecutiva immobiliare n° 53/99 RGE con ordinanza del 13.02.2008 ha disposto la vendita senza incanto in unico lotto, nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 14.01.2009 ed ha fissato, per il caso in cui la stessa non abbia luogo, la vendita con incanto del medesimo lotto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova per l’udienza del 28.01.2009: lotto n. 1 - “terreno agricolo nel comune di Feroleto Antico di circa 2.540 mq., adibito per 2/3 a seminativo irriguo e per 1/3 ad agrumeto, riportato nel relativo catasto al folgio 24, p.lla 199”, Prezzo base euro. 28.248,00 SI RENDE ANCORE NOTO CHE IL GE HA STABILITO CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1. VENDITA SENZA INCANTO - ciascun offerente, tranne il debitore, è ammesso a formulare offerte per l’acquisto personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, presentando presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari, dichiarazione, in regola con il bollo, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo, del modo del pagamento e di ogni altro elemento utile alla valutazione dell’offerta; - l’offerta è irrevocabile, salvo che: 1. il giudice ordini l’incanto; 2. siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; - l’offerta non è efficace: 1) se perviene oltre il termine stabilito: 2) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell’articolo 568 e più sopra ricordato: e) se l’offerente non presta cauzione, a mezzo di assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.,”, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto - l’offerta deve consistere in una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, del prezzo offerto, del bene (e del lotto) cui si riferisce l’offerta e ogni altro elemento utile alla valutazione di questa; - detta dichiarazione deve, altresì, recare le generalità dell’offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi) ed essere corredata da copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - all’offerta, da depositarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere allegato l’assegno circolare per la cauzione, come innanzi indicato; all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte; le buste saranno aperte all’udienza fissata per l’esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cadono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari delle offerte di acquisto, ex art. 571 c.p.c., dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, termine fine alle ore 13.00 del giorno 13 gennaio 2009 con le modalità e per il prezzo base dì cui sopra; - per l’esame delle offerte di acquisto, ai sensi dell’art. 572 c.p.c., ovvero per la gara sulle medesime, se presentate in misura superiore ad una, l’udienza del giorno 14 gennaio 2009, ore 9.30 e segg.; 2. VENDITA CON INCANTO - essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato di euro 28.248,00 per il lotto unico; - le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori ad euro 1.550,00 per il lotto unico; - ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante, a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di r.g.e. della procedura, il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie


Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 51 generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi); - all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità del concorrente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale); - in caso di dichiarazione di partecipazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile, intestato alle “Poste Italiane s.p.a.”, tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione), in ragione di un decimo del prezzo base d’asta; - all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti, ove comparsi; - in ogni caso, le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità; - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell’ istanza di partecipazione agli incanti termine fino alle ore 13.00 del giorno 27 gennaio 2009, con le modalità e per il prezzo minimo di cui sopra: - per il giorno 28 gennaio 2009, ore 9.30 e segg. la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato e meglio descritto nella relazione dell’esperto in atti, cui si fa espresso riferimento, con le modalità e per il prezzo base di cui innanzi; SI AVVISA, ALTRESÌ, CHE LA VENDITA AVVIENE ALLE SEGUENTI CONDIZIONI, SIA QUALORA VISI FACCIA LUOGO SENZA INCANTO, SIA QUALORA VI SI FACCIA LUOGO CON INCANTO: - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; - l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione mediate assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane s.p.a.” in mancanza, si provvederà a norma dell’art. 587 c.p.c.; - soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonché del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla Cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell’art. 586 c.p.c.; Lamezia Terme, lì IL CANCELLIERE (C/1) Bruna Bernardi °°°°°°°°°° - UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI AVVISO DI VENDITA DI BENI IMMOBILI ex art. 569 Comma 3 C.P.C. NELLA PROCEDURA IMMOBILIARE N. 22/96 R.E. SI RENDE NOTO Che il giudice dell’esecuzione nella procedura n. 22/96 R.E., promossa da: MEDIOSUD s.p.a, con ordinanza del 15/10/2008 ha disposto la vendita senza incanto, in unico lotto del seguente bene immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: LOTTO UNICO - Unità Immobiliare a destinazione laboratorio artigianale Via G. Marconi II trav. Ex Comune di Nicastro ora Lamezia Terme. Intero piano seminterrato a destinazione attività artigianale dotato di quattro locali oltre servizi igienici, per una superficie complessiva di circa 610 mq. I locali sono accessibili mediante una rampa carrabile dalla pubblica via G. Marconi 2° trav. Riportato in catasto al foglio 24 sez. Nicastro, p.lla 345 sub 8 cat. C/3 consistenza mq 610, piano seminterrato. Valore del bene euro 203.704,88. Gli interessati a presentare offerta di acquisto possono esaminare il bene in vendita chiedendo di accedere all’immobile, previa preventiva comunicazione scritta al debitore-custode, nei giorni e nelle ore indicati dal combinato disposto ex artt. 519 e 147 cpc.. FISSA La vendita senza incanto per il 04/02/2009 ore 12 presso il Tribunale Ordinario di Lamezia Terme e, per il caso che la predetta vendita non abbia eventualmente esito, in via sussidiaria, la vendita con l’incanto per il 18.02.2009 al prezzo base d’asta così come sarà determinato, ai sensi dell’art. 568 cpc, in data 04/02/09 all’esito della vendita senza incanto. Chiunque, tranne il debitore, intenderà partecipare alla vendita, dovrà depositare, a titolo di cauzione, il decimo del prezzo offerto nella vendita senza incanto a prezzo base d’asta nel caso di partecipazione all’incanto. La presentazione dell’offerta di acquisto irrevocabile fino al giorno della vendita dovrà: 1) essere depositata nella cancelleria esecuzioni del Tribunale di Lamezia Terme a decorrere dal nono giorno antecedente e fino alle ore 12,00 del giorno precedente la vendita; 2) le offerte in busta chiusa sigillata e siglata con indicazione di un pseudonimo dovranno recare la seguente intestazione “Procedura esecutiva n.

PROGETTO

A CURA DELLA

22/96 R.E. - Giudice dell’esecuzione Dr. A. Brancaccio udienza di vendita del …, devono essere effettuate inserendo la detta busta, oltre alla domanda di partecipazione alla vendita, assegno circolare intestato a “POSTE ITALIANE S.P.A.” per cauzione, come sopra detto; 3) contenere la dichiarazione di residenza o l’elezione di domicilio ex art. 174 disp. Att. Cpc; 4) dichiarare espressamente di conoscere ed accettare, l’elaborato peritale, acquisito agli atti della procedura e consultabile in cancelleria; 5) manifestare la volontà di avvalersi della facoltà prevista dall’art. 585 c. 3 cpc in tema di finanziamento degli aggiudicatari da parte degli istituti di credito; 6) entro il termine di sessanta giorni, (sessanta nel caso di vendita con incanto) da quando l’aggiudicazione sarà divenuta definitiva in favore dell’unico offerente ovvero del migliore offerente l’aggiudicatario dovrà: a) versare, nelle forme dei depositi giudiziari, il prezzo di aggiudicazione detratto l’importo già versato a titolo di cauzione e contestualmente, versare b) ex art. 179 bis disp. Att. Cpc. Nelle forme dei depositi giudiziari, giudiziari il 20% del prezzo di aggiudicazione a titolo di deposito per presumibile ed approssimativo ammontare delle spese di vendita e trasferimento, ivi incluse quelle concernenti le attività di controllo della documentazione ipo-catastale e di redazione del decreto di trasferimento ove eventualmente delegate ai sensi dell’art. 591 bis cpc la somma così depositata verrà imputata prima di tutto alle spese; c) depositare, idonea ed aggiornata certificazione ipocatastale concernente l’immobile posto in vendita ed attestante le risultanze delle visure catastali e dei registri immobiliari. 7) l’aggiudicatario dovrà provvedere a proprie spese alla voltura catastale dell’immobile trasferitogli, alla sanatoria e/o condono di eventuali irregolarità urbanistiche entro 120 giorni dalla notifica del decreto di trasferiment DETERMINA Le seguenti ulteriori specifiche modalità a) senza incanto: 1) in caso di unica offerta che superi il valore dell’immobile determinato a norma dell’art. 568 cpc aumentato di 1/5, la stessa è accolta; 2) in caso di unica offerta inferiore a tale valore, sarà sufficiente il dissenso del creditore procedente a farla respingere; in difetto di ciò ed ove il creditore procedente non richieda la prosecuzione del procedimento di vendita con lo svolgimento dell’incanto l’Ufficio potrà non far luogo alla vendita laddove ravvisi l’opportunità di ottenere un risultato migliore con il sistema dell’incanto da effettuarsi alle condizioni e con i termini fissati con la presente ordinanza. 3) in caso di pluralità di offerte non si effettuerà gara sull’offerta più alta se questa supera di almeno 1/5 il valore dell’immobile determinato ex art. 568 cpc ritenendosi che non vi è seria probabilità di migliore vendita all’incanto semprecché da parte degli altri offerenti non vi sia espressa adesione alla gara sull’offerta più alta. In tal caso, l’Ufficio inviterà gli offerenti alla gara mediante offerta palese ovvero scheda segreta, sull’offerta più alta, con rialzo minimo non inferiore ad euro. 2.000,00. b) con incanto: 1) all’offerta che ometta di partecipare all’incanto personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, sarà restituita, nella misura di nove decimi dell’intero, la prestata cauzione essendo la restante parte della stessa trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione; 2) l’aumento minimo da apportare all’offerta è, sin d’ora, fissato nella misura di euro. 2.000,00 rispetto al prezzo base d’asta, sicché, in presenza di più offerte, l’Ufficio inviterà gli offerenti alla gara, sull’offerta più alta, mediante offerta palese, ovvero, scheda segreta; 3) in caso di offerte, dopo l’incanto, formulata nel termine perentorio di dieci giorni successivi all’aggiudicazione provvisoria e che superi di almeno 1/5 quello raggiunto nell’incanto e risulti accompagnata da cauzione pari al doppio di quella fissata da questo Ufficio per partecipare all’incanto, l’Ufficio procederà ai sensi dell’art. 584 cpc.. Con espressa avvertenza che nel caso di diserzione della gara indetta a norma del 3° comma l’aggiudicazione diventerà comunque definitiva ad a carico degli offerenti in aumento sarà pronunciata la perdita della prestata cauzione, il cui importo sarà in tal modo trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. Ulteriori informazioni potranno essere chieste in cancelleria. Lamezia Terme li, 28 ottobre 2008 Il Cancelliere C/1 Bruna Bernardi °°°°°°°°°° SI RENDE NOTO Che il GE nella procedura esecutiva immobiliare n. 123/96 ha disposto la vendita del seguente immobile nello stato di fatto e di diritto in cui si trova: LOTTO 5 appartamento per civile abitazione sito in Tropea, Via Conicella snc - p.4 - sup. commerciale mq 144,94 al NCEU del comune al fg. 3, p.lla 491, sub 25, cat. A/3, cl. I, vani 7. Prezzo base euro 110.000,00 Fissa vendita con incanto: - per la presentazione presso la Cancelleria delle Esecuzioni immobiliari dell’istanza di partecipazione agli incanti, termine fino alle ore 13,00 del giorno 20.01.2009 con le modalità e il prezzo minimo di cui sopra; - per il giorno 21.01.2009 ore 9,30, la vendita ai pubblici incanti dell’immobile sopra indicato con le modalità ed il prezzo base di cui innanzi. Ogni concorrente, per essere ammesso all’incanto, deve presentare istanza di partecipazione, in regola con il bollo, recante a pena di inefficacia, l’indicazione del numero di rge della procedura; il bene o il lotto cui l’istanza stessa si riferisce, le proprie generalità (nome,cognome,luogo e data di nascita,codice fiscale,residenza,stato civile e, se coniugato,regime patrimoniale tra i coniugi); all’istanza di partecipazione deve essere allegata copia di valido documento di identità dell’offerente e, se necessario, valida documentazione comprovante i poteri e la legittimazione dello stesso (es. procura speciale o certificato camerale); in caso di dichiarazione presentata da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l’esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; con l’istanza di partecipazione, da presentarsi in busta chiusa, senza segni

MEDIATAG

di riconoscimento, deve essere depositato assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiane Spa” tramite cui effettuare il versamento della cauzione (ed in conto prezzo di aggiudicazione) in ragione di un decimo del prezzo base d’asta); all’esterno della busta vanno annotati, a cura del cancelliere ricevente, il nome, previa identificazione di chi materialmente provvede al deposito, il nome del giudice dell’esecuzione e la data dell’udienza fissata per la vendita; le buste saranno aperte all’udienza stabilita per l’incanto alla presenza degli offerenti ove comparsi; le spese del trasferimento cedono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservate le attività ed i costi per la cancellazione delle formalità. evidenziato, quanto alla vendita all’ incanto che: essa deve aver luogo al prezzo sopra indicato; le offerte in aumento, a pena di inammissibilità, non devono essere inferiori a a euro 4.500,00. Stabilisce, altresì, che la vendita avviene alle seguenti condizioni - gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall’esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative; - la vendita è a corpo e non a misura, eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; - la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per i vizi o mancanza di qualità, nè potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o di difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti da eventuali necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni; l’aggiudicatario dovrà versare la differenza del prezzo (detratta dal prezzo di aggiudicazione la cauzione di cui sopra) entro un termine massimo di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione mediante assegno circolare non trasferibile intestato a “Poste Italiani spa”, in mancanza,si provvederà a norma dell’art. 587 cpc; soltanto all’esito degli adempimenti precedenti, della produzione di aggiornati certificati catastali e di aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene nonchè del pagamento delle spese di trasferimento da parte dell’aggiudicatario, per come liquidate dalla cancelleria, sarà emesso il decreto di trasferimento ai sensi dell’art. 586 c.p.c. Lamezia Terme, 27 settembre 2007 Il GE Dott.Alessandro Brancaccio °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA Procedura esecutiva immobiliare n. 68/2006 R.E. (nominativi omessi ex art. 174 del D. Lgs. n. 196/2003) II professionista delegato avv. Francesca Misuraca, con studio in Lamezia Terme (CZ), Via Garibaldi n. 3, nella procedura esecutiva indicata in epigrafe promossa da AGOS ITAFINCO S.P.A., visto il provvedimento di delega, ex art. 591 bis c.p.c., delle operazioni di vendita, emesso dal Giudice dell’esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme dott. Alessandro Brancaccio in data 7.3.2008 sciolta la riserva presa in data 7.10.2008, ritenuto necessario fissare la vendita con incanto del bene pignorato visti gli artt. 569, 576 e 591 c.p.c. AVVISA che nella data e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita con incanto del seguente bene immobile: LOTTO UNICO Complesso immobiliare con destinazione agrituristica alberghiera, di recente costruzione, realizzata in strutture portanti in cemento armato, solai in latero-cemento, muratura esterna ed interna in mattoni forati. Rifiniture esterne ed interne in materiale di ottima qualità e manifattura, con giardino esterno arredato e corredato di piscina, posti auto e piantumazione a verde. Il complesso espone targa pubblicitaria con 4 stelle, ha una superficie complessiva di mq. 2.080 e si sviluppa su 4 livelli. Al piano seminterrato, su una superficie lorda di mq. 530, sono allocati i servizi principali (centrale termica, celle frigorifere, gruppo elettrogeno, lavanderia, cucina, spogliatoi, servizi igienici del personale, centrale aria condizionata) ed un locale tavernetta. Al piano terra, su una superficie lorda di mq. 730, trovasi la hall con angolo bar, una sala di attesa, la reception, l’ufficio, due sale ristorante, disimpegni e servizi vari nonché un portico di circa mq. 70. Al primo piano, su una superficie lorda coperta di mq. 400, sono allocate 10 camere, ciascuna con bagno e balcone, spogliatoi e servizi per il personale, nonché un terrazzo di circa mq. 40. Al piano secondo-sottotetto, su una superficie di mq. 270, sono allocati i locali di sgombero e di alloggio del personale nonché un terrazzo aperto di mq. 40 circa. Il complesso immobiliare gode di una magnifica vista panoramica di tipo collinare ed è situata nel verde, sopra ad una collinetta, a pochi km dal centro abitato, facilmente raggiungibile. È posta in Curinga (CZ), Località Croce Cappello o Iencarello ed è censita al Catasto di siffatto Comune al foglio di mappa 56, particella 332, sub 5, piano S1 - T - 1° - 2°, categoria D2. L’opera risulta realizzata secondo i vari progetti allegati sia alla concessione edilizia che alle successive varianti e non ci sono da segnalare irregolarità di natura edilizia-urbanistica. Il Comune di Curinga, verificata la conformità dell’opera realizzata, ha rilasciato, in data 15.11.2005, il certificato di agibilità per attività agrituristica alberghiera. Il bene di cui sopra risulta meglio descritto nella relazione di stima a firma del geom. Francesco Sgrò che deve essere consultata dall’acquirente ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l’esistenza di eventuali oneri, pesi nonché difformità edilizie ed urbanistiche a qualsiasi titolo gravanti sul bene stesso. La relazione è consultabile presso lo studio del professionista delegato, dal lunedì al venerdì, dalle ore 16,00 alle ore 18,00, previo appuntamento telefonico ed altresì sul sito internet www.aste.eugenuis.it. Prezzo base euro 3.536.000,00 (Euro tremilionicinquecentotrentaseimila/00)

Per informazioni 0961 996802

Rilancio minimo euro 176.800,00 (Euro centosettantaseimilaottocento/00) Data dell’incanto 15 gennaio 2009, ore 15,00 e segg. Luogo dell’incanto: studio del professionista delegato avv. Francesca Misuraca sito in Lamezia Terme (CZ), Via Garibaldi n. 3, telefono 0968.24353, telefax 0968.441516, e-mail avv.francescamisurac@tiscali.it In tale data, per aggiudicarsi il bene, sarà necessario effettuare almeno un rilancio del prezzo base, in misura non inferiore al minimo sopra indicato, a pena di inammissibilità. Si avvisa che: la vendita del bene avviene nello stato di fatto e di diritto in cui il bene medesimo si trova, così come identificato, descritto e valutato dall’esperto nella relazione, senza alcuna garanzia per evizione, molestie e pretese di eventuali conduttori, con tutte le pertinenze, accessori, ragioni ed azioni, servitù attive e passive eventualmente esistenti. la vendita �� a corpo e non a misura ed eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. L’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità e/o difformità della cosa venduta nonché oneri di qualsiasi genere (ivi inclusi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla necessità di adeguamento degli impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell’anno in corso e dell’anno precedente non pagate dal debitore) per qualunque motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione di prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione del bene. gli interessati potranno esaminare l’immobile posto in vendita facendone richiesta scritta al custode giudiziario avv. Francesca Misuraca, con studio sito in Lamezia Terme (CZ), Via Garibaldi n. 3, telefono 0968.24353, telefax 0968.441516, e-mail avv.francescamisurac@tiscali.it che, previo appuntamento da concordarsi anche telefonicamente, provvederà ad accompagnare gli interessati medesimi presso l’immobile suddetto. È possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI per la concessione di mutui agli aggiudicatari. È possibile conseguire, presso lo studio del professionista delegato o presso il sito ABI, l’elenco delle banche aderenti all’iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme: si invitano gli offerenti a contattare direttamente le sedi delle agenzie o filiali incaricate dalle banche stesse, delle quali sarà disponibile anche il recapito telefonico, presso lo studio del professionista delegato o presso il sito ABI. Il termine di versamento del saldo del prezzo nonché di ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita come quantificati dal professionista delegato è di 60 giorni dalla data della vendita, mediante deposito su un libretto di deposito postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all’ordine del Giudice, già acceso presso Monte Dei Paschi di Siena s.p.a., Agenzia di Lamezia Terme. Qualora il procedimento si basi su credito fondiario, al versamento su libretto sarà sostituito, ai sensi e per gli effetti dell’art. 41, comma IV, del D. Lgs. 1.9.1993 n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato, entro il termine suindicato e detratto un eventuale accantonamento per spese di procedura a carico della massa, nella misura che sarà quantificata dal professionista delegato. In caso di inadempimento, l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà tutte le somme versate. Solo all’esito degli adempimenti succitati nonché della produzione di aggiornati certificati sia catastali che relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene verrà emesso il decreto di trasferimento ex art. 586 c.p.c.. Le spese di trasferimento del bene sono a carico dell’aggiudicatario, cui restano riservati altresì i costi e le attività per la cancellazione delle formalità nonché i relativi compensi spettanti al professionista delegato per le operazioni successive alla vendita, come liquidati dal G. E.. In aggiunta al prezzo di aggiudicazione, è a carico dell’aggiudicatario il pagamento delle somme necessarie per la sanatoria degli eventuali abusi (e, quindi, quelle somme dovute a titolo di oblazione, di canoni concessori, etc.). L’aggiudicatario dovrà dichiarare la propria residenza nel Circondario del Tribunale di Lamezia Terme od eleggere domicilio in Lamezia Terme (CZ). La pubblicità, le modalità di presentazione delle domande e le condizioni di vendita sono regolate come segue: VENDITA CON INCANTO A norma dell’art. 579 c.p.c., ognuno, tranne il debitore, è ammesso a fare offerte all’incanto, personalmente od a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell’art. 579, ultimo comma, c.p.c.. Le domande di partecipazione all’incanto dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore 13 del giorno 14 gennaio 2009. Le stesse dovranno essere presentate presso lo studio del professionista delegato, dal lunedì al venerdì, negli orari di ufficio. Nessuna annotazione dovrà essere apposta sulla busta. Sulla busta medesima dovranno essere annotate, a cura del professionista delegato ricevente o di suo delegato, il nome, previa identificazione, di colui che materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell’esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per la vendita all’incanto. L’assegno per la cauzione dovrà essere inserito nella busta, che il professionista delegato od il proprio delegato ad hoc sigillerà idoneamente al momento del deposito. Le buste saranno aperte alla data, ora e luogo fissati per l’incanto, alla presenza degli offerenti, ove comparsi. L’offerente deve presentare presso lo studio del professionista delegato una dichiarazione, in regola con il bollo, che dovrà contenere, a pena di inefficacia: l’indicazione del numero di R.G.E. della procedura. il prezzo offerto, che non potrà essere inferiore al prezzo a base d’asta indicato nell’avviso di vendita a pena di inefficacia. l’identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l’istanza di partecipazione. le generalità del concorrente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, recapito telefonico, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi e, se in comunione lega-


52 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPORT SERIE B1/F La FrigorCarni di coach Montemurro incontra in casa il sestetto Orion Volley Napoli

Il Soverato passa al tie break

Un successo che per il presidente Matozzo può essere definito tale solo a metà

PALLAVOLO SOVE RATO NAPOLI

3 2

Da sopra in senso orario: la squadra, i tifosi e il coach

SOVERATO — «Nonostante la vittoria il presidente non è soddisfatto!». Queste le parole con cui Antonio Matozzo, presidente della Frigorcarni, incornicia un successo che può essere definito a metà! Vince sì, la Frigorcarni, ma subendo, e non poco amaramente, in alcuni momenti decisivi del match. Basti pensare che una partita da aggiudicarsi senza troppi sudori si è conclusa al tie-break con molta fatica. Eppure le battute iniziali sembrano promettere bene! A parte i numerosi errori in battuta, infatti, durante il primo set, la Frigor non sbaglia nulla, ogni muro è in cam-

po, tutte gli schemi funzionano ed anche la difesa copre bene tanto che neanche un attacco del Napoli va a segno. Cosa succede allora, nel secondo set quando si ha l’impressone che le ragazze di Montemurro subiscano una trasformazione? Non sembrano esserci spiegazioni ed anche il coach è costretto ad effettuare numerosi e continui cambi. Dov’è la Savostianova che tutti dovrebbero temere e che centra solo 14 punti, meno della centrale Vanni? Sarà che il Napoli sulle prime non racconta il massimo di se stesso? Non pare. Piuttosto sono le giocatrici della Frigorcarni a mostrare una pallavolo da

Gli annunci d’asta sono presenti anche sul sito internet: www.aste.eugenius.it

(25/13; 13/25; 25/18, 17/25, 15/11) Frigorcarni Soverato: Mazzetti F.; Natali S. (Lib); Scilì G.; Russo P.; Rotondo S.; Savostianova E. (Cap); Delfino M.; Scilipoti F.; Vanni Y.; Spassova T.; Carloni S. All.: Francesco Montemurro; 2° Domenico Piccolo Orion Volley Napoli: Pizzabiocca P.; Montenegro V.; Trimaldi D.; Armonia M.; Califano S. (Lib); Lentini G.; Erbetta L.; De Marinis F.; Escher M.; Di Cristo A. (Cap). All.: Giuseppe Nica Arbitri: Paolo Casalino; Giuseppe Russo

Notaio Beatrice ROMANO in Vibo Valentia Via Corsea N. 14, entro due giorni prima della data fissata per l’incanto entro le ore 12,00, corredate di un libretto di deposito bancario nominativo contenente i predetti importi per cauzione e conto spese intestato al partecipante e vincolato al sottoscritto Notaio delegato con l’indicazione della procedura acceso presso le filiali di Vibo Valentia della Banca Carime, Banca Popolare di Crotone, Credem, Monte dei Paschi di Siena ovvero tramite degli assegni circolari non trasferibili intestati al sottoscritto notaio delegato contenenti i predetti importi. Si precisa che tutte le attività che, a norma degli artt. 576 e seguenti c.p.c., debbono essere compiute nella cancelleria del Tribunale o davanti al Giudice dell’Esecuzione, sono effettuate dal Notaio delegato presso il suo ufficio. La partecipazione all’incanto presuppone la conoscenza integrale dell’ordinanza di vendita e della relazione di stima, ambedue agli atti di causa e che potranno essere consultate presso il suddetto ufficio notarile. L’offerente dovrà inoltre depositare, unitamente a cauzione e deposito spese: - domanda di partecipazione all’incanto in bollo in cui dovrà precisare se il versamento del prezzo avverrà con l’erogazione a seguito di contratto di finanziamento che preveda il versamento diretto delle somme erogate in favore della procedura e la garanzia ipotecaria di primo grado sul medesimo immobile oggetto di vendita ai sensi dell’art. 585 III comma; - se persona fisica, fotocopia di un documento di identità e del codice fiscale, ed estratto per riassunto dell’atto di matrimonio (o certificato di stato libero); - se società o persona giuridica, certificato del registro delle imprese (o del registro persone giuridiche), attestante la vigenza dell’ente ed i poteri di rappresentanza, nonché fotocopia di un documento di identità del o dei rappresentanti legali; - in caso di intervento di un rappresentante volontario, originale o copia autentica della procura; - in caso di avvocato che presenti offerta per persona da nominare, la riserva di nomina dovrà essere effettuata nell’istanza di partecipazione all’incanto; Le spese di vendita, successive e dipendenti e quelle per la cancellazione delle formalità inerenti alla procedura sono disciplinate dall’art. 5 del D.M. 25 maggio 1999 n. 313. Ciascun aggiudicatario, ai sensi dell’art. 41 comma 5 D.Lgs. n.358/1993, ha facoltà di subentrare nel contratto di finanziamento purchè entro 15 giorni dalla data di aggiudicazione definitiva paghi al creditore fondiario, proporzionalmente al bene aggiudicatogli, le rate scadute, gli accessori e le spese. Ciascun aggiudicatario, ove non intenda avvalersi della facoltà anzidetta, dovrà ai sensi dell’art.41 comma 4 D.Lgs. n.358/93, entro il termine di giorni 30 dall’incanto, corrispondere direttamente al creditore fondiario, senza attendere il prosieguo della procedura e la graduazione dei creditori, il prezzo di aggiudicazione - dedotta la cauzione, fino alla concorrenza del credito fondiario per capitale, accessori, e spese; ciascun aggiudicatario dovrà poi versare entro lo stesso termine mediante assegno circolare non trasferibile intestato al notaio delegato la somma corrispondente all’eventuale eccedenza del prezzo di aggiudicazione rispetto al credito fondiario. Il pagamento diretto al creditore fondiario dovrà essere effettuato dall’aggiudicatario esclusivamente nell’ipotesi in cui il medesimo creditore abbia effettuato istanza o presentato dichiarazione di intenti in tal senso, da depositarsi presso il suddetto ufficio notarile entro le ore 12 del giorno precedente a quello fissato per l’incanto. In mancanza, il

PROGETTO

A CURA DELLA

pagamento integrale dovrà essere effettuato all’ufficio notarile ENTRO 30 GG. dall’incanto tramite libretto di deposito bancario nominativo contenente il predetto importo intestato al partecipante e vincolato al sottoscritto Notaio delegato con l’indicazione della procedura acceso presso le filiali di Vibo Valentia della Banca Carime, Banca Popolare di Crotone , Credem, Monte dei Paschi di Siena ovvero mediante assegno circolare non trasferibile intestato al notaio delegato. Ai fini di cui sopra, la Banca creditore fondiario dovrà, tassativamente entro giorni cinque dall’aggiudicazione definitiva (giorni quindici dall’incanto), far pervenire all’ufficio notarile la propria dichiarazione di credito, con il dettaglio del capitale, rate scadute, interessi e spese; nonché, trattandosi di vendita in lotti, la quota proporzionale del credito riferita a ciascun lotto. L’aggiudicatario che non si avvalga della disposizione di cui all’art. 41 comma 5 D.Lgs. n.358/1993, entro il termine perentorio di trenta giorni dall’incanto, dovrà versare il prezzo di acquisto dedotta la cauzione su un libretto di deposito bancario nominativo contenente il predetto importo intestato all’aggiudicatario e vincolato al sottoscritto Notaio delegato con l’indicazione della procedura, acceso presso le filiali di Vibo Valentia della Banca Carime, Banca Popolare di Crotone, Credem, Monte dei Paschi di Siena. A norma dell’art. 584 c.p.c., potranno essere presentate offerte dopo l’incanto. In caso di presentazione di offerte in aumento, per la relativa gara verrà pubblicato apposito avviso specificante le condizioni della gara e del pagamento. Il primo offerente in aumento dovrà effettuare l’offerta nel termine perentorio di dieci giorni dall’incanto; gli altri legittimati dovranno depositare le offerte, a pena di inammissibilità, due giorni prima del giorno fissato per l’incanto entro le ore 12. Per partecipare alla gara di aumento dovrà essere versata una cauzione pari al doppio della cauzione versata ai sensi dell’art. 580 c.p.c. e versato un deposito per le spese della vendita pari al 20% del prezzo offerto, mediante un libretto di deposito bancario nominativo contenente i predetti importi per cauzione e conto spese intestato al partecipante e vincolato al sottoscritto Notaio delegato con l’indicazione della procedura acceso presso le filiali di Vibo Valentia della Banca Carime, Banca Popolare di Crotone, Credem, Monte dei Paschi di Siena ovvero tramite assegni circolari non trasferibili intestati al sottoscritto notaio delegato contenenti i predetti importi. Potranno partecipare alla gara, oltre all’aggiudicatario provvisorio gli offerenti in aumento e gli offerenti che hanno partecipato al precedente incanto purchè entro il termine di due giorni prima della data fissata per il nuovo incanto entro le ore dodici abbiano versato la cauzione fino all’importo del doppio di quella versata ai sensi dell’art. 580 c.p.c. Una copia del presente avviso sarà trasmessa alla Cancelleria perchè provveda alla pubblicità prescritta dalla legge all’art. 490 c.p.c.; altra copia verrà pubblicata, per estratto e per una volta, su un giornale o periodico avente diffusione locale. Vibo Valentia lì 10 luglio 2008 IL NOTAIO D.ssa Beatrice Romano °°°°°°°°° AVVISO D’ASTA PROCEDURA ESECUTIVA IMMOBILIARE N.RO 32/84 R.G.E. LA SOTTOSCRITTA D.SSA BEATRICE ROMANO, NOTAIO

dimenticare e la squadra campana non ci pensa su un attimo a restituire il favore di lasciare le avversarie a 13, punteggio subito nel primo set. Sarà la sinistra del campo ad essere avversa o viceversa la destra favorevole, ma a seconda del lato in cui si gioca le sorti del set mutano. Il 3°, difatti, le soveratesi lo chiudono con facilità e l’indice alzato della Vanni ad inizio gioco appare come un presagio di buon auspicio. Manca solo un set e la vittoria è di casa. Le atlete, tuttavia, «non hanno grinta», come sottolinea il presidente Matozzo, non mantengono la giusta concentrazione che serve per infierire e sferrare il col-

IN TROPEA, - SU DELEGA DEL GIUDICE DELL’ESECUZIONE avvisa che il predetto Giudice, in merito all’esecuzione di cui sopra, promossa da BANCO DI NAPOLI S.p.a., con ordinanza di vendita HA DISPOSTO IL PROCEDERSI ALLA VENDITA AL PUBBLICO INCANTO CHE SI SVOLGERA’ - A CURA DEL SOTTOSCRITTO NOTAIO IL GIORNO 18 dicembre 2008 ALLE ORE 19,15 PRESSO L’UFFICIO NOTARILE IN VIBO VALENTIA, VIA CORSEA N. 14, PIANO 1°, DEL BENE IMMOBILE MEGLIO DESCRITTO NELLA RELAZIONE DI STIMA, NELLO STATO DI FATTO E DI DIRITTO IN CUI OGGI SI TROVA POSTO IN VENDITA IN UNICO LOTTO: - Lastrico solare ,del fabbricato sito in Comune di Briatico frazione San Costantino alla Via Provinciale ubicato al piano terzo esteso metri quadrati 209,71 (duecentonove virgola settantuno) circa, riportato in Catasto Urbano al foglio di mappa 15 particella 474 sub 8, Via Provinciale per San Costantino, piano terzo. - Prezzo base d’asta euro 6.213,00 (seimiladuecentotredici virgola zero zero) Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a 1.000 (mille) euro. Gli offerenti dovranno DEPOSITARE, A TITOLO DI CAUZIONE, UNA SOMMA PARI AL 10%(dieci PER CENTO) DEL PREZZO BASE D’ASTA ED IN CONTO SPESE, UNA SOMMA PARI AL 20%(venti PER CENTO) DEL PREZZO BASE D’ASTA. DALLA PERIZIA RISULTA CHE IL FABBRICATO DI CUI FA PARTE L’IMMOBILE POSTO IN VENDITA E’ STATO SANATO IN BASE ALLE LEGGE 47/85 giusta CONCESSIONE EDILIZIA IN SANATORIA NUMERO 42 . NON RISULTA RILASCIATO IL CERTIFICATO DI ABITABILITA’. L’aggiudicatario potrà ricorrendone i presupposti e nei termini ivi previsti, avvalersi delle disposizioni di cui agli artt. 46 comma V del T. U. di cui al D.P.R. 380/01 e di cui all’art. 40, sesto comma, della legge 47/1985. Le domande di partecipazione all’incanto dovranno essere presentate presso l’ufficio del sottoscritto Notaio Beatrice ROMANO in Vibo Valentia Via Corsea N. 14, due giorni prima la data fissata per l’incanto entro le ore 12,00, corredate di un libretto di deposito bancario nominativo contenente i predetti importi per cauzione e conto spese intestato al partecipante e vincolato al sottoscritto Notaio delegato con l’indicazione della procedura acceso presso le filiali di Vibo Valentia della Banca Carime, Banca Popolare di Crotone, Credem, Monte dei Paschi di Siena ovvero tramite degli assegni circolari non trasferibili intestati al sottoscritto notaio delegato contenenti i predetti importi. Si precisa che tutte le attività che, a norma degli artt. 576 e seguenti c.p.c., debbono essere compiute nella cancelleria del Tribunale o davanti al Giudice dell’Esecuzione, sono effettuate dal Notaio delegato presso il suo ufficio. La partecipazione all’incanto presuppone la conoscenza integrale dell’ordinanza di vendita e della relazione di stima, ambedue agli atti di causa e che potranno essere consultate presso il suddetto ufficio notarile. L’offerente dovrà inoltre depositare, unitamente a cauzione e deposito spese: - domanda di partecipazione all’incanto in cui dovrà precisare se il versamento del prezzo avverrà con l’erogazione a seguito di contratto di finanziamento che preveda il versamento diretto delle somme erogate in favore della procedura

MEDIATAG • Per informazioni 0961 996802

po finale. La fortuna, certo, non aiuta e le professioniste tecnicamente ineccepibili che compongono la rosa della Frigorcarni e che ad inizio partita hanno fatto paura e male alle avversarie, vengono messe in difficoltà da ragazzine con poca esperienza. L’orgoglio, però, non manca, e messe al muro le giocatrici della Frigor tirano fuori, troppo tardi ormai, quella cattiveria che avrebbe dovuto contraddistinguere l’intero match e che consente loro di rimpinguare di soli due punti lo score della classifica aggiudicandosi il tie-break per 15 - 11. Clara Varano

e la garanzia ipotecaria di primo grado sul medesimo immobile oggetto di vendita ai sensi dell’art. 585 III comma; - se persona fisica, fotocopia di un documento di identità e del codice fiscale, ed estratto per riassunto dell’atto di matrimonio (o certificato di stato libero); - se società o persona giuridica, certificato del registro delle imprese (o del registro persone giuridiche), attestante la vigenza dell’ente ed i poteri di rappresentanza, nonché fotocopia di un documento di identità del o dei rappresentanti legali; - in caso di intervento di un rappresentante volontario, originale o copia autentica della procura; - in caso di avvocato che presenti offerta per persona da nominare, la riserva di nomina dovrà essere effettuata nell’istanza di partecipazione all’incanto; Le spese di vendita, successive e dipendenti e quelle per la cancellazione delle formalità inerenti alla procedura sono disciplinate dall’art. 5 del D.M. 25 maggio 1999 n. 313. L’aggiudicatario, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall’INCANTO, dovrà versare il prezzo di acquisto dedotta la cauzione su un libretto di deposito bancario nominativo contenente il predetto importo intestato all’aggiudicatario e vincolato al sottoscritto Notaio delegato con l’indicazione della procedura, acceso presso le filiali di Vibo Valentia della Banca Carime, Banca Popolare di Crotone, Credem, Monte dei Paschi di Siena ovvero tramite degli assegni circolari non trasferibili intestati al sottoscritto notaio delegato contenenti complessivamente il predetto importo. A norma dell’art. 584 c.p.c., potranno essere presentate offerte dopo l’incanto. In caso di presentazione di offerte in aumento, per la relativa gara verrà pubblicato apposito avviso specificante le condizioni della gara e del pagamento. Il primo offerente in aumento dovrà effettuare l’offerta nel termine perentorio di dieci giorni dall’incanto; gli altri legittimati dovranno depositare le offerte, a pena di inammissibilità, due giorni prima del giorno fissato per l’incanto entro le ore 12. Per partecipare alla gara di aumento dovrà essere versata una cauzione pari al doppio della cauzione versata ai sensi dell’art. 580c.p.c. e versato un deposito per le spese della vendita pari al 20% del prezzo offerto, mediante un libretto di deposito bancario nominativo contenente i predetti importi per cauzione e conto spese intestato al partecipante e vincolato al sottoscritto Notaio delegato con l’indicazione della procedura acceso presso le filiali di Vibo Valentia della Banca Carime, Banca Popolare di Crotone, Credem, Monte dei Paschi di Siena ovvero tramite degli assegni circolari non trasferibili intestati al sottoscritto notaio delegato contenenti i predetti importi. Potranno partecipare alla gara, oltre all’aggiudicatario provvisorio gli offerenti in aumento e gli offerenti che hanno partecipato al precedente incanto purchè entro il termine di due giorni prima della data fissata per il nuovo incanto entro le ore dodici abbiano versato la cauzione fino all’importo del doppio di quella versata ai sensi dell’art. 580 c.p.c. Una copia del presente avviso sarà trasmessa alla Cancelleria perchè provveda alla pubblicità prescritta dalla legge all’art. 490 c.p.c.; altra copia verrà pubblicata, per estratto e per una volta, su un giornale o periodico avente diffusione locale. Vibo Valentia lì. 16.07.2008 IL NOTAIO D.ssa Beatrice Romano


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 53

SPORT SERIE C/M Il team di mister Rotundo riesce ad imporsi in casa sul Mirto realizzando la terza vittoria consecutiva

L’Atletico Panarea bussa 5 volte CALCIO A CINQUE ATLETICO PANAR EA M I RTO

Una partita interessante ed equilibrata fin dai primi minuti di gioco

5 4

Marcatori: I tempo: 2’, 5’ Benenati, 26’ Bisignano A.; II tempo: 2’ Benenati, 4’, 29’ Cipolla Fr., 9’ Zurlo, 15’ Cipolla Fa, 19’ Pignataro. Atletico Panarea: Scerbo, Sportelli, Zurlo, Trapasso, De Santis G., Barbuto, Cipolla Fr, Bisignano C., Cipolla Fa, Corea, Bisignano A., De Santis A. All. Rotundo. Mirto: Federico, Falcone, Pignataro, Forciniti, Loria, Cretella, Romano, Cosenza, Pace, Morrone, Benenati. All. Madeo. Arbitri: Alessi di Taurianova e Zirilli di Reggio Calabria. CATANZARO — L’Atletico Pana-

rea di mister Rotundo riesce ad imporsi in casa, con il punteggio di cinque a quattro, nei confronti del Mirto, realizzando cosi la terza vittoria consecutiva della stagione. Partita interessante fin dai primi minuti di gioco. Al 2’ sono gli ospiti a portarsi in vantaggio con Benenati, che riesce a sfruttare un indecisione in uscita del portiere De Santis A. Tre minuti dopo il rad-

Atletico Panarea

doppio del Mirto, ancora con Benenati, bravo ad involarsi tutto solo verso la rete ed infilare l’estremo difensore De Santis A. in uscita con un perfetto rasoterra, dopo aver intercettato un pallone sulla linea mediana del campo. Sul doppio svantaggio la formazione di casa prende finalmente forza e coraggio, riuscendo più volte a mettere in difficoltà la retroguardia ospite, trovando comunque l’estre-

mo difensore ospite Federico sempre pronto ad opporsi, con estrema efficacia, alle conclusioni di Zurlo e Cipolla Fabio. Al minuto 26 il quintetto catanzarese riesce ad accorciare le distanze con Bisignano A., molto bravo ad anticipare il suo diretto avversario sulla linea di centrocampo ed a battere a rete con un potente destro che termina nell’angolo basso alla destra di Federico. Prima della fine del

SERIE C/M Giallorossi ad un solo punto dalla capolista Fata Morgana

tempo è ancora l’Atletico Panarea a rendersi pericoloso sotto porta avversaria, ma è bravo il portiere ospite ad opporsi, con grande reattività, ad una conclusione di Cipolla Fa. Il secondo tempo si apre con la terza rete ospite, siglata ancora una volta da uno scatenato Benenati, a conclusione di una veloce ripartenza. Non si abbatte la formazione di Rotundo, che macina gioco, riuscendo nuovamente a riaccorciare le distanze con Cipolla Fr. al 4’, su un perfetto assist proveniente dalla destra ad opera di Barbuto; al numero sette di casa non resta altro da fare che accompagnare la palla in rete con il piatto destro. Il Mirto prova subito a riportarsi in vantaggio e si rende pericoloso con il tutto fare Benenati, che da due passi calcia a botta sicura; nella circostanza è bravo De Santis A. a neutralizzare il tiro dell’attaccante ospite. Cresce l’entusiasmo dei numerosi tifosi presenti al Pala Pentone, con i padroni di casa che al 9’ portano il punteggio in parità, grazie al gol firmato da Zurlo, che di testa raccoglie e spedisce in rete, sulla linea di porta, un cross di

Barbuto. Da questo momento in poi la retroguardia ospite viene tenuta sotto l’assedio dei locali, che tentano più volte la via del gol, ma l’estremo difensore ospite da una parte e la sfortuna dall’altra rendono difficile la realizzazione. I locali raccolgono comunque i frutti di una supremazia territoriale, portandosi in vantaggio, grazie alla rete messa a segno da Cipolla Fa., che, ricevuta la sfera da Bisignano C., converge al centro e con un forte tiro trafigge l’estremo difensore ospite. Proprio nel momento migliore dell’Atletico, arriva al minuto 19 il pareggio del Mirto con Pignataro, lesto a concludere una veloce azione di contropiede. Il match non è ancora chiuso, perché proprio allo scadere del tempo regolamentare viene fischiato il sesto fallo in favore dell’Atletico. Alla battuta si porta Cipolla Fr., che con un siluro manda la palla nell’angolino alto, alla sinistra del portiere ospite. Finisce cinque a quattro in favore dei padroni di casa, con gli ospiti, comunque, degni antagonisti. Mario Mirabello

BASKET Presentata all’Università della Calabria

La Catanzarese S. Gallo cala il “poker” al Rende

“Giovani a Canestro” al via la VI edizione!

CATANZARESE RENDE

CATANZARO — Un percorso lungo un anno. Questo è il senso di “Giovani a Canestro”. Il progetto, arrivato alla sua quarta edizione, è stato presentato all’Università della Calabria, all’interno del XV Congresso Nazionale di Medicina dell’Adolescenza (Sima). Un anno di lavoro e di sport durante il quale venti ragazzi in età adolescenziale si alleneranno quattro giorni a settimana a Catanzaro come una vera e propria squadra di basket. Aspetto medico e aspetto tecnico si fondono per mettere al centro l’adolescente e la sua attività sportiva. Lo staff tecnico che seguirà i ragazzi è di primo livello. Il coordinatore tecnico sarà Pasquale Iracà, allenatore nazionale e formatore F. i. p., che ha spiegato nei dettagli cosa i ragazzi andranno a fare dal punto di vista tecnico; allenatore Simona Pronestì; vice allenatore Sonia Smacchia; preparatore fisico Rosario Scarfone. Per la Fip (Federazione Italiana Pallacanestro) era presente il presidente del Comitato di Cosenza Rito Vuono. L’ideatore del progetto e responsabile dello stesso è il dottor Giuseppe Raiola, past president del Sima e neo presidente della Magam. «I ragazzi che faranno parte della squadra - ha spiegato - saranno sottoposti a test fisici e medici che permetteranno di tarare la proposta sulle reali esigenze dei giovani atleti. Particolare attenzione, infine, verrà posta alla metodologia e all’aspetto psicologico vista la criti-

4 2

La VI giornata

Marcatori: I tempo: 10’ Cipparrone (rig); II tempo: 12’ Benvenuto, 16’, 30’ Corea, 26’ Agrippino, 32’ Lanciano. Catanzarese: Patruno, Mardente, Lanciano, Cipparrone, Corea, D’Elia, Virgolino, La Cava, Bruni, Gallucci, Voci, Sperlì. All. Fregola. Rende: Tagliente, Bueti, Benvenuto, Agrippina, Vincillao, Amoruso, Arcuri, Provenzano. All. Cariello. Arbitri: Siclari e Pungitore di Reggio Calabria. Note: Ammoniti: Benvenuto e Bueti (Rende).

Atletico Panarea-Mirto Maestrelli-Kroton Fata Morgana-O. San Fr. Mimmo Polistena-Siderno Carpe Diem Cs-Gallinese Catanzarese-Rende S. Giuseppe Ros. - Zona ’02

CATANZARO — Una Catanzarese Stefano Gallo molto attenta e ben messa in campo conquista la terza vittoria consecutiva, consolidando la seconda posizione in classifica, ad un solo punto dalla capolista Fata Morgana. La formazione allenata da Gino Fregola non ha mai subito l’avversario, avendo solo il demerito di non chiudere la gara nel primo tempo, per poi metterla in bilico nei minuti finali per una leggerezza in fase difensiva. I “giallorossi” hanno creato molto, concedendo quasi nulla per tutto l’arco della gara, sprecando comunque tanto sotto porta. Il Rende si è presentato con una squadra molto tonica e ben messa in campo, ma con poche individualità capaci di creare superiorità numerica. Il quintetto ospite ha lottato, non dandosi mai per vinto, mentre, per quanto concerne i padroni di casa, hanno creato gioco con imbucate sul pivot, giunte sia dal centro, che dai due laterali. La

Gallinese-Catanzarese Kroton-Siderno Mirto-Fata Morgana Oratorio San Fr. -Mimmo Polistena San Giuseppe-Carpe Diem Cs Rende-Atletico Panarea Zona 2002-Maestrelli

5-4 5-5 6-3 2-0 4-6 4-2 6-7

Classifica Fata Morgana 16, Catanzarese 15, Zona 2002 12, Gallinese 11, Maestrelli 10, Atletico Panarea, Oratorio San Fr., San Giuseppe Ros. 9, Mirto 7, Mimmo Polistena, Rende 6, Carpe Diem Cs, Kroton, Siderno 4.

La VII giornata

rabbia, la voglia e la mentalità vincente hanno fatto il resto: nei quattro minuti finali Lanciano e compagni hanno pressato con foga e con rabbia l’avversario, andando a vincere la gara sul filo di lana. Cronaca. Al 5’ scambio Cipparrone - Corea sulla fascia sinistra, con questo ultimo che si trova da solo davanti a Tagliente, ma manda a lato. Due minuti più tardi palla da Cipparrone a Corea, che batte a botta sicura da pozione centrale e ravvicinata. Miracolo di Tagliente, con la sfera che finisce sul palo. Al 10’ il vantaggio dei locali: Lanciano mette al centro, Bueti tocca con le mani in area. Il consequenziale calcio di rigore viene trasformato da Cipparrone, con un forte

tiro, alla sinistra del portiere. Minuto 15: Mardente per Voci, che è bravo a girarsi, con l’estremo difensore Tagliente che non si lascia sorprendere. Sul finire del tempo lo stesso portiere si rende ancora protagonista, deviando in angolo una conclusione di Lanciano. Nella ripresa al 7’ Corea si libera del suo avversario e calcia di sinistro dai dodici metri; palla di poco a lato. Al 12’ azione di Agrippino che, dalla fascia sinistra scarica per Benvenuto, lesto a calciare di prima intenzione da posizione centrale e ingannare Patruno. Piattone all’angolino per l’uno a uno. Al 16’ Mardente subisce fallo nei pressi dell’area di rigore; ne nasce una punizione interessante con Lanciano che prepara il tiro, ma poi inganna tutti servendo Corea sul secondo palo, che di piatto sinistra porta la sua squadra sul due a uno. Al minuto 26 Mardente viene pressato da Benvenuto nei pressi dell’area di rigore; il giocatore catanzarese lo salta, facendosi però soffiare la palla da Agrippino, che con un preciso tocco centra la porta difesa da Patruno per il due a due. Al 30’ Mardente e Lanciano ripartono in contropiede. Il capitano serve D’Elia sulla fascia destra; cross di questo ultimo al centro, sul quale Corea, come un falco, si fa trovare pronto sul secondo palo. Nei minuti di recupero la Catanzarese aumenta il bottino delle reti grazie ad un tiro libero di Lanciano (sesto fallo: Bueti su Cipparrone) che infila l’angolino basso alla sinistra del portiere rendese. Finisce quattro a due ed è festa all’Agrario. Mar. Mir.

Venti adolescenti si alleneranno 4 giorni a settimana a Catanzaro cità propria dell’età adolescenziale. Ma la cosa più importante - ha concluso Raiola - è che i ragazzi non sono di nostra proprietà. Anche se investiamo su di loro, non esistono cartellini di vincolo, saranno sempre liberi di andare dove vogliono». Alla conferenza stampa per la presentazione della quarta edizione di “Giovani a canestro”, esponenti del mondo politico hanno patrocinato l’evento con la loro presenza. La senatrice Dorina Bianchi ha sottolineato l’importanza di questa iniziativa, definendo «l’adolescenza età più impegnativa, nella quale però si sviluppano delle abitudini che devono essere il più possibile sane. Spero allora che il calcio non sia più il solo sport nazionale. Mi auguro che attraverso questo progetto anche il basket, che è sport di squadra sano, diventi sempre più praticato». Dello stesso avviso l’onorevole Beniamino Donnici, parlamentare europeo, il quale ha sottolineato «la dimensione umana alla quale “Giovani a canestro” riporta lo sport. In questa società convulsa, globalizzata e piena di contraddizioni - ha ammonito Donnici - anche lo sport è una droga. L’eccessiva competitività per la vittoria a tutti i costi e i corpi che si trasformano in totem, rappresentano l’anti sport. La bellezza di questa squadra, allora, è proprio quella di avere l’ambizione di ricercare il connubio mens sana in corpore sano». Ma. Mi.


54 Giovedì 13 Novembre 2008 il Domani

Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPETTACOLI - TV - COSTUME - TURISMO Presente alla Btc, la più prestigiosa fiera del settore del turismo congressuale, che si è svolta nella capitale presso la Nuova Fiera di Roma

Chronos, un grande gruppo in crescita L’evento è stato utile per far conoscere gli impegni e i progetti per il futuro attraverso uno stand informativo CATANZARO — Il Gruppo Chronos il 6 e il 7 novembre è stata presente con proprio stand alla Btc, la più prestigiosa fiera del settore del turismo congressuale che si è svolta a Roma presso la Nuova Fiera di Roma. La partecipazione alla fiera rientra tra le nuove strategie di espansione del gruppo che con questa iniziativa va a chiudere un anno di grandi ed importanti novità quale la creazione di nuove aree di lavoro con apertura verso nuovi mercati, ricerca di partners, nuovi rapporti con le istituzioni e soprattutto sviluppo professionale ed è stata l’occasione per presentare la versione cartacea della nuova brochure. Pertanto la Btc è stata la sede ideale per far conoscere il proprio impegno e i propri progetti per il futuro attraverso uno stand informativo che ha calamitato l’attenzione dei visitatori e dei bayers, soprattutto stranieri, che hanno apprezzato le proposte e le soluzioni progettate e prospettate dalla società che con omaggi di artigianato calabrese hanno promosso la nostra Regione. Lo spazio è stato gestito da due delle Project Leader della società, Maria Bianco e Laura Bucci, oltre che dal dott. Giacomo Borrino, ospite della manifestazione in rappresentanza di Italcongressi Pco Calabria, che hanno istaurato rapporti commerciali con committenti stranieri per l’organizzazione di grandi eventi. Questa esperienza ha generato una rifles-

Il personale della Chronos

Il gruppo viene considerato il migliore nel suo settore ma ha sempre l’umiltà di voler imparare

sione nella Chronos «non siamo un grande gruppo, non siamo una piccola azienda, ma il meglio di tutte e due - hanno dichiarato dalla Chronos - soprattutto pur essendo stati i primi in questo settore e considerati ancor oggi i migliori, abbiamo ancora l’umiltà di voler imparare, di emozionarci ed emozionare con il nostro lavoro, di non sentirci mai appagati e come dicono i Rolling Stones I can get not satisfaction».


Il Domani dà spazio alle Tue libere opinioni su politica, economia, società, sport. Scrivi a: opinioni@ildomani.it

SPETTACOLI-TV

T&P Editori, Mediatag e Manolibera declinano ogni responsabilità in relazione a cambiamenti nei palinstesti, i quali vengono rilevati da Internet, seppure su siti ufficiali

RAIDUE

RAIUNO 06:00 ATTUALITÀ Euronews 6:05 RUBRICA Anima Good News 6:10 TELEROMANZO Incantesimo 9 6:30 Tg 1 6:45 ATTUALITÀ Unomattina 7:00 Tg 1 7:30 Tg 1 L.I.S. 7:35 Tg Parlamento 8:00 Tg 1 8:20 Tg 1 Le idee 9:00 Tg 1 9:30 Tg 1 Flash 10:00 RUBRICA Verdetto Finale 10:50 RUBRICA Appuntamento al cinema 11:00 RUBRICA Occhio alla spesa 11:25 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 11:30 Tg 1 12:00 GIOCO La prova del cuoco 13:30 Telegiornale 14:00 Tg 1 Economia 14:10 RUBRICA Festa italiana 16:15 ATTUALITÀ La vita in diretta 16:50 Tg Parlamento 17:00 Tg 1 17:10 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 18:50 QUIZ L'Eredità 20:00 Telegiornale 20:30 GIOCO Affari tuoi 21:10 SERIE TV Raccontami Capitolo II 23:15 Tg 1 23:20 ATTUALITÀ Porta a Porta 0:55 Tg 1 Notte 1:25 PREVISIONI DEL TEMPO Che tempo fa 1:30 Estrazioni del Lotto 1:35 RUBRICA Appuntamento al cinema 1:40 RUBRICA Sottovoce 2:10 RUBRICA FuoriClasse Canale scuola lavoro 2:40 VIDEOFRAMMENTI SuperStar 3:10 FILM I tre moschettieri 4:50 DOCUMENTARIO Misteri notte 5:45 ATTUALITÀ Euronews

06:00 VARIETÀ Scanzonatissima 6:15 Tg 2 Medicina 33 6:20 REAL TV L'isola dei famosi 6:55 RUBRICA Quasi le sette 7:00 RUBRICA Cartoon Flakes 9:45 RUBRICA Un mondo a colori 10:00 Tg2punto.it 11:00 TALK SHOW Insieme sul Due 13:00 Tg 2 Giorno 13:30 Tg 2 Costume e società 13:55 Tg 2 Medicina 33 14:00 MUSICALE Scalo 76 Cargo 14:45 RUBRICA Italia allo specchio 16:15 TALK SHOW Ricomincio da qui 17:20 TELEFILM The District 18:05 Tg 2 Flash L.I.S. 18:10 NEWS Rai Tg Sport 18:30 Tg 2 18:50 REAL TV L'isola dei famosi 19:35 TELEFILM Squadra speciale Cobra 11 20:25 Estrazioni del Lotto 20:30 Tg 2 20.30 21:05 ATTUALITÀ Annozero 23:20 Tg 2 23:35 TALK SHOW Artù 1:15 RUBRICA Tg Parlamento 1:25 RUBRICA Magazine sul 2 Galleria 1:55 RUBRICA Almanacco 2:00 Meteo 2 2:05 RUBRICA Appuntamento al cinema 2:15 Tg 2 Costume e società 2:25 MINISERIE Un bambino in fuga tre anni dopo 3:10 RUBRICA Inconscio e magia 3:25 VARIETÀ Cercando cercando 3:50 DOCUMENTI Effetto ieri 4:10 RUBRICA I nostri problemi 4:15 RUBRICA NET.T.UN.O 5:45 Tg 2 Costume e società

R A D I O F R E Q U E N Z E MESSINA

Studio 55 diffusion 98.700, 87.500

R. CALABRIA

Touring 104.4, 103.7, 101.1 Energie 90.00 Radio DJ Club Studio 54 101.8 - 102.9 (Jonio CatanzaroCrotone, 102 - 106.3; Tirreno, 106.5)

COSENZA

Sound 100.600, 98.700 (a Vibo, 96.8, /101.1; a Catanzaro, 101.2/ 96.800/107.6; a Lamezia, 96.8/91.6; costa tirrenica, 101; costa ionica, 98.7; Cosenza, 100.6/98.7 Castrovillari, 97.0 Crotone, 101.0/107.6; Reggio Calabria e Messina, 94.3

RAITRE

Cosenza centrale 94.100, 104.00 Tir Rossano 95.350 Radio Cosenza Nord 102.000; 98.400 Radio Punto Nuovo 91.800 Sibari, Corigliano - 103.000 Paola, Amantea, Tropea - 91.500 Costa Tirrenica, Cosentina

CROTONE

Nove Nove Network 99.00

CATANZARO

Radio Amore 94.6;106.5 Radio Valentina 96.100; 100.600 104.8 Radio Squillace 92.00

VIBO VALENTIA Radio Onda Verde 92.200; 98,00

06:00 Tg 5 Prima pagina

8:15 RUBRICA La storia siamo noi

8:00 Tg 5 Mattina

9:15 RUBRICA Verba volant Prima 9:55 RUBRICA Cominciamo bene

10:00 Tg 5 11:00 RUBRICA Forum

12:00 Tg 3

13:00 Tg 5

12:25 Tg 3 Chièdiscena

13:40 SOAP OPERA Beautiful

12:45 ATTUALITÀ Le storie Diario ita-

14:10 TELEROMANZO CentoVetrine

liano

14:45 TALK SHOW Uomini e donne

13:05 TELENOVELA Terra nostra

16:15 REAL TV Amici

14:00 Tg Regione

16:55 ROTOCALCO Pomeriggio Cin-

14:20 Tg 3 14:50 RUBRICA TGR Leonardo

que

15:00 RUBRICA TGR Neapolis

17:55 Tg5 minuti

15:10 Tg 3 Flash LIS

18:50 QUIZ Chi vuol essere milionario?

15:15 RUBRICA Trebisonda

20:00 Tg 5

17:00 GIOCO Cose dell'altro Geo 17:50 RUBRICA Geo & Geo

20:30 TG SATIRICO Striscia la notizia La voce della supplenza

18:15 PMeteo 3

21:10 SERIE TV Distretto di polizia 8

19:00 Tg 3 19:30 Tg Regione

23:30 REPORTAGE Terra!

20:00 ATTUALITÀ Blob

0:30 RUBRICA Nonsolomoda Globish

20:10 TELEROMANZO Agrodolce 20:35 TELEROMANZO Un posto al sole

News 1:00 Tg 5 Notte 1:30 TG SATIRICO Striscia la notizia

21:05 Tg 3 21:10 SHOW Non perdiamoci di vista

La voce della supplenza

23:10 TALK SHOW Parla con me

2:05 TELEVENDITA Mediashopping

0:00 Tg 3 Linea notte

2:15 REAL TV Amici

0:10 Tg Regione

3:00 TELEVENDITA Mediashopping

1:00 RUBRICA Appuntamento al ci-

3:15 Tg 5 Notte

nema

3:40 SITUATION COMEDY Otto sotto

1:10 RUBRICA Cult Book 1:40 MUSICALE La musica di Raitre (mai) viste 2:25 ATTUALITÀ Rai News 24

un tetto 5:25 TELEVENDITA Tre minuti con Mediashopping 5:30 Tg 5 Notte

LA 7 06:00 Tg La7 7:00 ATTUALITÀ Omnibus 9:15 ATTUALITÀ Omnibus Life 10:10 TELEGIORNALE Punto Tg 10:15 RUBRICA Due minuti un libro 10:25 TELEFILM Il tocco di un angelo 11:30 TELEFILM Matlock 12:30 Tg La7 12:55 NEWS Sport 7 13:00 TELEFILM Cuore e batticuore 14:00 FILM Memphis Belle 16:05 TELEFILM MacGyver 17:05 DOCUMENTARIO Atlantide Storie di uomini e di mondi 19:00 TELEFILM Stargate

SG-1 20:00 Tg La7 20:30 ATTUALITÀ Otto e mezzo 21:10 TELEFILM Stargate SG-1 23:40 TELEFILM Sex and the City 0:05 TELEFILM The L Word 0:40 Tg La7 1:05 Tg La7 1:30 ATTUALITÀ Otto e mezzo 2:10 TELEFILM Star Trek: Deep Space Nine 3:10 TELEFILM Alla corte di Alice 4:10 RUBRICA Due minuti un libro 4:15 ATTUALITÀ CNN News

RADIO RADIOUNO 6,08 Italia , istruzione per l’uso 7,34 Questioni di soldi 8,35 Golem 9,08 Radio anch’io 10,06 Il bacio del milennio 12,00 Come vanno gli affari 12,36 Radioacolori 14,08 Con parole mie 15,06 Ho perso il trend 16,06 Baobab 17,00 Come vanno gli affari 19,23 Ascolta si fa sera 19,33 Zapping 21,03 Zona Cesarini - Musica Club 22,34 Uomini e camion 0,38 la notte dei misteri 2,02 Non solo verde/Bella Italia RADIODUE 6,00 Incipit 6,01 Il cammello di radio 2 8,45 Una strana coincidenza. Storia per la radio 9,00 Il ruggito del coniglio 11,00 3131 Chat 12,00 Il cammello di radio 2 15,00 Acquario «I topi ballano» 16,00 Il cammello di radio 2 16,35 Top 10 Singles 18,00 Caterpillar 19,00 Fuori giri 20,00 Al-

8:40 ATTUALITÀ Mattino Cinque

9:20 RUBRICA Cominciamo bene

le otto della sera. Il racconto delle cose e dei fatti 20,37 Dispenser 20,50 Il cammello di radio 2 22,00 Boogie nights 24,00 Il pittore 2,01 3131 Chat 2,50 Alle otto della sera (replica) RADIOTRE 6,00 Mattinotre - Lucifero 7,15 Radio Tre Mondo 9,01 Mattinotre 10,00 Radio Tre Mondo 10,30 Il sigillo di Luffenbach 10,50 I concerti di mattinotre 11,40 Arrivi e partenze 11,45 La strana coppia 12,15 Tournèe 12,30 La musica di domani 13,00 La Barcaccia 14,00 Fahrenheit 14,10 Diario Italiano 14,30 Invenzioni a due voci 18,00 Cento lire 18,15 Invenzioni a due voci 19,03 Hollywood party 19,50 Radiotre Suite 20,00 Teatro giornale 20,30 Concerto dell’orchestra del teatro comunale di Bologna 23,30 Storia alla radio 24,00 Notte classica

06:30 TELEVENDITA Tre minuti con Mediashopping 6:35 CARTONI ANIMATI David Gnomo amico mio 6:50 CARTONI ANIMATI Franklin 7:05 CARTONI ANIMATI Doraemon 7:20 CARTONI ANIMATI Le avventure di Piggley Winks 7:50 CARTONI ANIMATI Alla ricerca della valle incantata 8:15 CARTONI ANIMATI Casper 8:30 CARTONI ANIMATI Scooby Doo 9:05 TELEFILM Starsky & Hutch 10:05 TELEVENDITA Tre minuti con Mediashopping 10:10 TELEFILM Supercar 12:15 RUBRICA Secondo voi 12:25 TELEGIORNALE Studio Aperto 13:00 NEWS Studio Sport 13:40 CARTONI ANIMATI What's My Destiny Dragon Ball 14:05 CARTONI ANIMATI Naruto Shippuden 14:30 CARTONI ANIMATI I Simpson 15:00 TELEFILM Paso Adelante 15:55 TELEFILM Wildfire 16:50 CARTONI ANIMATI My Melody sogni di magia 17:10 CARTONI ANIMATI SpongeBob 17:25 CARTONI ANIMATI Idaten Jump 17:50 CARTONI ANIMATI Il laboratorio di Dexter 18:05 CARTONI ANIMATI Batman 18:30 TELEGIORNALE Studio Aperto 19:00 TELEVENDITA Tre minuti con Mediashopping 19:05 SITUATION COMEDY Tutto in famiglia 19:35 REAL TV La talpa 20:30 GIOCO La ruota della fortuna 21:10 REALITY SHOW La talpa 1:00 SHOW Poker1mania 2:00 NEWS Studio Sport 2:25 TELEVENDITA Tre minuti con Mediashopping 2:30 TELEGIORNALE Studio Aperto La giornata 2:45 MUSICALE Talent 1 Player 3:10 TELEVENDITA Shopping By Night 3:30 TELEFILM A-Team 4:10 TELEVENDITA Shopping By Night 4:30 FILM La casa dell'orco 5:55 NEWS Studio Sport

MTV 07:00 MUSICALE Wake Up! 9:00 MUSICALE Pure Morning 11:30 RUBRICA Love test 12:30 MUSICALE MTV 10 of the best 13:30 MUSICALE Lazarus 14:00 SHOW Mtv Confidential 14:30 TELEFILM Life of Ryan 15:00 MUSICALE TRL Total Request Live 16:00 TELEGIORNALE Flash 16:05 MUSICALE Into the Music 17:00 TELEGIORNALE Flash 17:05 MUSICALE Into the Music 18:00 TELEGIORNALE Flash 18:05 MUSICALE Lazarus 18:30 MUSICALE Lazarus: The Soundtrack

RETE 4

ITALIA 1

CANALE 5

06:00 ATTUALITÀ Rai News 24

2:20 RUBRICA Fuori orario. Cose

il Domani Giovedì 13 Novembre 2008 55

19:00 TELEGIORNALE Flash 19:05 SHOW Mtv Confidential 19:30 GIOCO Next 20:00 TELEGIORNALE Flash 20:05 SITUATION COMEDY Clueless 21:00 TELEFILM Reaper 22:00 SHOW Neurovisione 22:30 TELEGIORNALE Flash 22:35 TALK SHOW Very Victoria 23:30 SHOW Italo Americano 0:30 MUSICALE Brand: New 1:30 MUSICALE Into the Music 3:00 MUSICALE Insomnia 5:40 TELEGIORNALE News

06:30 TELEVENDITA Mediashopping 7:05 SITUATION COMEDY Vita da strega 7:30 TELEFILM Charlie's Angels 8:30 TELEFILM Hunter 9:30 SOAP OPERA Febbre d'amore 10:30 TELENOVELA Bianca 11:30 Tg 4 Telegiornale 11:40 SOAP OPERA My Life 12:40 TELEFILM Un detective in corsia 13:30 Tg 4 Telegiornale 14:00 RUBRICA Sessione pomeridiana: il tribunale di Forum 15:00 TELEFILM Hamburg Distretto 21 15:55 FILM Quel certo non so che 18:40 SOAP OPERA Tempesta d'amore 18:55 Tg 4 Telegiornale 19:35 SOAP OPERA Tempesta d'amore 20:20 TELEFILM Walker Texas Ranger 21:10 FILM Don Camillo e l'onorevole Peppone 23:20 RUBRICA I bellissimi di Rete 4 23:25 FILM Psycho 1:40 Tg 4 Rassegna stampa 2:05 MUSICALE Le canzoni di Tiziano Ferro 3:35 FILM Una meravigliosa notte (Non è mai troppo tardi) 5:05 RUBRICA Peste e corna e gocce di storia 5:10 TELENOVELA Terra nostra 2 La speranza

OGGI IN TV MEMPHIS BELLE La 7 ore 14,00

Regia: Michael Caton-Jones. Cast: Matthew Modine Eric Stoltz, Tate Donovan Genere Guerra, colore Durata: 101 minuti. Produzione Gran Bretagna 1990. Dura vita di dieci giovanotti che compongono l'equipaggio di un B-17 (fortezza volante) durante la loro 25ª e ultima missione di bombardamento sulla Germania. Raramente era stata presentata con tanta puntigliosa efficacia la vita a bordo di un bombardiere. Prodotto dall'inglese David Puttnam e da Catherine Wyler, figlia del regista William Wyler che nel 1944 aveva girato il documentario omonimo di 41 minuti.

Psycho IL FILM DI OGGI Rete 4 ore 23.25 Regia: Gus Van Sant Cast: Julianne Moore, Vince Vaughn, Anne Heche, Viggo Mortensen, William H. Macy, Philip Baker Hall Genere Thriller, colore Produzione USA 1998. Non è un rifacimento del film di Hitchcock, ma il suo clone a colori, la sua copia: G. Van Sant ha ricalcato inquadratura per inquadratura il modello. È un prodotto replicante, ma non al cento per cento. A parte lo spostamento dell'azione nel 1998 che ha conseguenze irrilevanti (la somma sottratta salita, decuplicata, a quattrocentomila dollari, gli abiti, le automobili, l'arredamento delle stan-

109’

ze), la sceneggiatura di Joseph Stefano apporta una mezza dozzina di piccole varianti tra cui la più importante è un accenno di masturbazione mentre Norman Bates fa il voyeur, così come V. Vaughn suggerisce un sottotesto di omosessualità nel comportamento del personaggio. Tutto il resto è identico, compresi i titoli di testa di Saul Bass, la fantomatica vecchia casa in gotico californiano, la colonna musicale di Bernard Herrmann, con minime manipolazioni (quasi impercettibili per lo spettatore medio) nell'orchestrazione di Danny Elfman, musicista di Tim Burton. Ottimo e funzionale il colore di Chris Doyle, ben noto ai fans del miglior cinema di Hong Kong.



il domani