Issuu on Google+

CASSANO A BOGLIASCO

GB, SI SCIOGLIE LA NAZIONALE

RISATE e abbracci al centro sportivo di Bogliasco, sede tecnica della Sampdoria, nel pomeriggio di ieri: Antonio Cassano ha fatto visita ai suoi ex compagni di squadra ed ai dirigenti, ricevendo la solita accoglienza calorosa.

E’ GIÀ finito il sogno olimpico: la nazionale di calcio della Gran Bretagna è stata sciolta. Dalla prossima edizione, infatti, Scozia, Galles, Irlanda e Inghilterra parteciperanno con le singole federazioni al torneo calcistico.

Mercoledì 10 ottobre 2012

Euro 0,40 > Anno XV - N. 249 SEDE: T&P Editori SRL - Tel. 0961.023922 - Loc. Serramonda - 88044 Marcellinara (CZ)

Nazionale «Se sarò in campo? Fosse per me giocherei anche in porta Ma rispetterò le scelte di Prandelli»

Monsieur Verratti speranza azzurra «Parigi non è stata una mia scelta, in serie A hanno preferito puntare su giocatori già affermati» FIRENZE – «Andare a giocare questi giorni, proverò a dare delle all’estero non è stata principalmen- risposte se mi chiamerà in causa –la te una mia decisione. Io da tre anni promessa di Verratti, pensando algioco titolare in pianta stabile nelle la trasferta degli azzurri contro squadre dove sono stato, ma ci sono l’Armenia -. Le responsabilità fanclub italiani che hanno preferito no parte del calcio e io devo dimopuntare su giocatori già pronti, più strare di meritare la fiducia che Prandelli e Ancelotti hanno su di esperti per il presente». Marco Verratti non le manda a di- me. Per me si prospetta un grande re, anzi si toglie qualche sassolino futuro?ColParis SaintGermainho dalle scarpe nei confronti del calcio solamente fatto tre partite, per esitaliano, con club importanti che sere un giocatore importante ne donon hanno puntato su di lui. «Qui vrei fa almeno trenta. Non penso al in Italia –dice dal ritiro di una nazio- futuro ma al presente». Facile reggere alle pressioni, con nale che dovrebbe lanciarlo come titolare – difficilmente mi davano la una calma così: «Non mi sento una possibilità di giocare subito e dimo- persona importante, ho solo 19 anstrare il mio valore. Però quando si ni e la fortuna di giocare in nazionaè prospettata la possibilità di anda- le». Prandelli nei giorni corsi ha re a giocare nel Paris Saint Ger- sottolineato come nel calcio italiamain, grazie alla stima di Leonardo no, rispetto a quello estero, il ritmo di gioco è molto più base Ancelotti non ho esiso, lento: «Forse è vero, stito due volte a dire di anche se fin quando non sì. Il calcio italiano brugiochi in serie A in mezcia i giovani? Questo no zo al campo non te ne –prosegue il giovane rerendi conto. Anche col gista lanciatodal PescaParis Saint Germain abradiZeman –El Sharaabiamo incontrato molte wy gioca nel Milan. Ci difficoltà contro il Porto sono squadra e squain Champions League dre, c’e chi nel ruolo mio perchè hanno un ritmo era già sistemato oppualtissimo». Sulla sua avre altre non avevano voventura al Paris Saint glia di cambiare». Germain è altrettanto Dopo essere esploso a sincero: «Parigi, non Pescara la scorsa stadevo dirlo io, è una città gione è dovuto “emigrafantastica. C’è tutto, e re”all’estero per cercare sembra di vivere con di poter dimostrare il l’immaginazione perproprio valore. E il giochè non sembra vera – vane talento azzurro ci sottolinea il centrocamha messo poco per far inpista azzurro - è una namorare i tifosi del Pagrande soddisfazione il ris Saint Germain. fatto che i tifosi del Paris «Non so se giocherò la Saint Germain cantino prossima partita il mio nome durante le dell’Italia, ma giocherei partite, però so benissianche in porta.... Sicumo che devo continuare ramente mi farebbe piacere giocare anche da Verratti in conferenza stampa così, perchè il campionato è iniziato adesso, e trequartista. Il mister farà le sue scelte, io cercherò di ri- nel calcio la cosa più importante è spettare le sue consegne che darà in confermarsi».

«Ancelotti crede in me ma devo ancora confermarmi»

Marco Verratti, il centrocampista ex Pescara adesso al Paris Saint Germain

LA SCHEDA Testa alta e piedi buoni E’ l’erede di Pirlo LANCIATO agli onori delle cronache sportive da Zdenek Zeman e dal suo Pescara dei miracoli, Marco Verratti è considerato sin dalla sua adolescenza uno dei giocatori più promettenti del panorama calcistico italiano. Nato nel 1992 a Pescara, si fa subito notare in quello che è uno dei settori giovanili più attrezzati e prolifici di tutta Italia per la sua Verratti ai tempi del Pescara capacità di creare gioco e per l’innata propensione a giocare a testa alta, disegnando geometrie perfette per i suoi compagni di squadra. Nelle giovanili e nella nazionale under 16, viene schierato da trequartista classico e regala assist a volontà ai suoi compagni. L’esordio in Lega Pro arriva nel 2008, a sedici anni e firma il primo gol qualche giornata più tardi, regalando al Pescara la vittoria contro la Sangiustese nella Coppa Italia. L’arrivo di Zeman, però, gli cambia la vita: il boemo lo fa diventare un interno di centrocampo e giornata dopo giornata cresce, fino a portare insieme ai suoi compagni la squadra in Serie A. In estate, la convocazione in Nazionale di Prandelli ed il trasferimento in Francia, al Psg, alla corte di Ancelotti.

Serie B: fiducia da ritrovare

Prima divisione: è in prova

Seconda divisione

Crotone il problema è solo psicologico

Catanzaro col gruppo c’è anche Russotto

Costantino «La Vigor deve stare tranquilla»

a pagina 4

a pagina 5

a pagina 4


2

Mercoledì 10 ottobre 2012

CALCIO

Il capo della Polizia stringe i tempi e scuote il mondo della pedata sui nuovi filoni di indagine

Scommesse, il calcio trema ancora Manganelli annuncia imminenti sorprese. Procura federale al lavoro MILANO–Il capo della Polizia Antonio Manganelli non fornisce dettagli, ma le sue parole bastano da sole per agitare il mondo del calcio, già duramente provato dalle inchieste sul calcioscommesse le quali hanno tolto il coperchio ad «alcuni comportamenti scorretti che hanno già portato a clamorose risposte». Manganelli aveva già prefigurato scenari inquietanti il 5 marzo di quest’anno e, puntualmente, a fine maggio scattò la terza ondata di arresti nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Cremona in cui furono arrestati anche il laziale Stefano Mauri e l’ex genoano Omar Milanetto. Nella città lombarda le novità sono attese soprattutto dall’arrivo in Italia da Almir Gegic, ritenuto al vertice del gruppo di scommettitori degli zingari, latitante dal giugno del 2011 perchè pende nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare per l’inchiesta della Procura di Cremona. Gegic ha di recente ribadito la suaintenzione di tornare in Italia per costituirsi e il suo arrivo potrebbe dare nuova linfa al procedimento del procuratore Roberto di Martino. Altra inchiesta a Bari, dove ex giocatori fuori rosa della società pugliese sono stati sentiti di recente dai carabinieri come persone informate dei fatti su due nuove partite di serie B perse dai biancorossi: Bari-Treviso (10 maggio 2008, 0-1) e Salernitana-Bari (23 maggio 2009, 3-2). Tutto questo mentre a Bari l’inchiesta ha già visto dei patteggiamenti, su tutti quello di Andrea Masiello, che ha patteggiato al pena a 22 mesi ed è tra i principali indagati a Cremona mentre è stato sentito come

Decide la Disciplinare

Batosta Sculli fuori un mese ROMA - Mano pesante della Commissione Disciplinare della Figc in merito ai fatti di Genoa-Siena, quando dopo le proteste dei supporter genoani i giocatori rossoblù furono costretti a togliere le maglie. La Commissione Disciplinare ha deciso di squalificare per un mese Giuseppe Sculli e di comminare al Genoa un’ammenda di 30 mila euro. Sono state stralciate, invece, le posizioni degli altri giocatori del Genoa, incluso il capitano Marco Rossi, che fu criticato da tutti per la scelta. La posizione di Sculli, a dispetto degli altri giocatori, è molto più grave: secondo il Procuratore Federale, il giocatore avrebbe reso “dichiarazioni non veritiere alla Procura in quanto perfettamente a conoscenza dei tumulti per la gara Genoa-Siena, riferitigli direttamente e confermati tramite cellulari da uno dei capi ultrà”. La Commissione Disciplinare ha parzialmente accolto queste ipotesi ed ha comminato una squalifica di un solo mese, rispetto ai tre mesi chiesti dalla Procura Federale in occasione del deferimento. Il capo della Polizia Antonio Manganelli

persona informata sui fatti dai carabinieri pugliesi l’allenatore della Juventus Antonio Conte che a Cremona è invece indagato per associazione a delinquere e frode sportiva. Altro fronte Napoli, dove è aperto un procedimento sulle presunte combine, ma le novità più recenti sono venute dalla visita della Guardia di Finanza nelle sedi della Figc a Roma e in quelle del Napoli, a Castelvolturno e, sempre a

Roma, negli uffici della Filmauro, la società di produzione cinematografica del presidente Aurelio De Laurentis. Un’inchiesta ancora senza nomi iscritti nel registro degli indagati e che nasce da una serie di segnalazioni arrivate in procura su presunte irregolarità riguardo i contratti di alcuni calciatori professionisti che sono stati ceduti dalla società partenopea ad altre squadre. Si vuole verificare la correttezza dei rapporti tra

giocatori e procuratori e la regolarità delle posizioni anche dal punto di vista fiscale. Nell’inchiesta sul calcioscommesse, invece, Matteo Gianello, ex terzo portiere del Napoli, e Silvio Giusti, centrocampista che ha militato nelle serie minori prima di approdare al Chievo sono stati raggiunti da un avviso di chiusura delle indagini, che prelude allarichiesta dirinvio agiudizio, mentre l'inchiesta prosegue per altri.

QUI FIORENTINA

Individuati 12 siti, si lavora con il Comune

Montella, l’entusiasmo viola e il caso Zeman «De Rossi? Sono contento di starne fuori»

«Entro il 2016 la Roma avrà stadio e scudetto»

ROMA – C’è entusiasmo intorno alla Fiorentina di Vincenzo Montella: «Ci sono stati tanti cambiamenti con l’input e l’entusiasmo della famiglia Della Valle, e adesso stiamo raccogliendo delle soddisfazioni senza dimenticare che siamo solo all’inizio di un percorso –ha spiegato Montella, presente a Roma assieme ai giocatori Borja Valero, Gonzalo Rodriguez e Adem Ljajic per la campagna di “Save the Children” contro la mortalità infantile che la Fiorentina sostiene dal 2010 –. Ho riportato il sorriso nell’ambiente viola? Mi sembra un concetto estremizzato, diciamo comunque che l’ambiente ha ridato il sorriso anche a me, si sta provando a costruire qualcosa di importan- Vincenzo Montella a Roma te. Cosa ne penso della frattura tra Zeman e De Rossi? Sono in parte contento di non dover affrontare questo problema direttamente, e quindi non ci entro assolutamente».

FONDATORE E DIRETTORE Guido Talarico DIRETTORE RESPONSABILE Francesco Arcidiaco EDITRICE: T&P Editori SRL Tel. 0961.023922

Loc. Serramonda 88044 Marcellinara (CZ) DISTRIBUZIONE Media Services (Calabria)

Il Domani dello Sport - già il Domani, Testata reg. - trib. Cz n. 64 del 15/7/1997, R.O.C. Numero 5606. La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla Legge 7 agosto 1990 n. 250 e seguenti modifiche.

STAMPA: Finedit srl Castrolibero (CS) - Via M. Preti

In abbinamento obbligatorio con Il Quotidiano della Calabria

Pubblicità: Publifast srl Sede: via Rossini, 2 - 87040 Castrolibero (Cs) Tel. 0984-4550300 - Fax 0984-851041

UFFICI: Reggio Calabria 89100 Via Cavour, 30 - Tel. 0965.23386 - fax 0965.23386 Catanzaro 88100 Piazza Serravalle, 9 - Tel. fax 0961.701540 Vibo Valentia 89900 corso Vittorio Emanuele III, 58 - Tel. fax 0963.43006

Pallotta si sbilancia e sogna in grande ROMA–Scudetto e nuovo stadio, insieme. L'accoppiata vincente, già uscita sulla ruota di Torino in casa Juventus, rappresenta anche l’american dream di James Pallotta, finanziere di Boston intenzionato a passare alla storia come il presidente della rivoluzione romanista. Il numero uno del club di Trigoria, abituato a trattare coi numeri, ne ha fissato uno preciso sul calendario: 2016. Tra quattro anni la sua Roma dovrà infatti giocare lontana dall’Olimpico, in un impianto di proprietà, e cucirsi nuovamente sulle maglie il tricolore. Un traguardo ambizioso, ma «quando si fanno certi investimenti il rendimento potenziale è fondamentale. Se vuoi guadagnare devi costruiree puntaresuirisultati di lungo periodo». «Io avrei usato il Colosseo, ma mi hanno detto che era occupato. Scherzi a parte, siamo quasi pronti – ha aggiunto -: abbiamo già avuto numerosi incontri con il Sindaco di Roma e con gli uffici tecnici del Comune. Abbiamo esaminato 100 siti, ne abbiamo selezionati 12 e infine siamo arrivati a una short list di 3 aree. Ora siamo alla scelta finale: lo stadio, che avrà 60mila posti, negozi e ristoranti, è stato progettato da un architetto di fama mondiale come Dan Meis (autore dello Staples Center di Los Angeles, ndr) e

NAZIONALE

Il tour de force di Gigi Buffon

Il capitano della nazionale italiana, Gianluigi Buffon

FIRENZE– Tra Juventus e è così lontano e nel mezzo ci azzurro sarà un vero tour sarà la Confederantions de force. «In effetti in 45 Cup che va onorata». Appuntamenti ai quali giorni giocherò 15 partite tra campionato, Cham- Buffon non vuol mancare e pions e Nazionale» dice lo stesso vale per Pirlo a diGianluigi Buffon. Per que- spetto di chi suggerisce che sto il club bianconero è in se uno punta ad allungarsi apprensione, per questo la carriera dovrebbe lasciatra Antonio Conte e Cesare re la nazionale: «Dipende Prandelli sono intercorsi da cosa si vuole da noi stessi colloqui per capire come – risponde Buffon – Io pregestire gli 8 giocatori ju- ferisco la qualità alla quanventini che costituiscono tità, finchè avrò la forza di l’ossatura della Nazionale giocare a alti livelli contia partire da Pirlo, parso af- nuerò altrimenti mi farò da faticato in questo primo ma parte. Pirlo fa benissimo a già intenso scorcio di sta- continuare tra Juve e Nagione. «Ma da qui a dire che zionale se i risultati sono laJuvefa resistenzaaman- questi, Andrea poiè così indare i suoi giocatori in Na- telligente da sapere lui quando non si sentirà più zionale ce ne corre». al top». Davanti ai NOTIZIAmugugni RIO. Prime del club prove di 11 bianconero anti-Armec'è chi obietnia per la ta che in Nazionale campionato di Cesare si sono diPrandelli sputate solo nell’allena7 partite e la mento di Champions questo ponon è neppumeriggio a re a metà giCoverciano. roni. «Vero Il ct ha però bisoschierato gna anche con il moduconsiderare lo 4-3-1-2 il lasso di Buffon tra i tempo in cui pali, difesa si sono gio- Mario Balotelli a Coverciano con da decate queste stra a sinigare, io ne stra Magho fatte 11 in gio, Barza33 giorni gli, Bonucci che non soe Criscito; no poche Pirlo verticonsiderance basso a do anche i centrocamviaggi. E da po, De Rossi qui a breve arriverò a 15 in 45 giorni – e Marchisio in mezzo, Monrisponde Buffon – Ogni tolivo nel ruolo di trequartanto ci sarebbe utile usu- tista, in attacco Balotelli al fuire di una settimana inte- cui fianco sono stati alterra per sentirsi davvero alle- nati Giovinco e Osvaldo. nati in vista dei successivi Nella partitella a ranghi misti della parte conclusiimpegni». Al di là di tutto comun- va dell’allenamento, Pranque nessuno sembra voler delli ha invece provato un mollare questa Italia che ha 4-3-3 con Osvaldo punta deciso di intraprendere la centrale, Balotelli a destra e strada del rinnovamento, Giovinco a sinistra. Seduta regolare per il tanto meno i “senatorI” che sentono di avere ancora portiere della Fiorentina tanto da dire e da dare: «In Emiliano Viviano, che quequesta Nazionale adesso la sta mattina aveva momencertezza è un progetto che il taneamente interrotto la ct intende portare avanti seduta per un problema al coinvolgendo forze fresche ginocchio destro. Oggi in programma che stanno maturando e consacrandosi su palco- un’unica seduta mattutiscenici importanti. Tutti na, presso il centro tecnico noi speriamo che l’evolu- di Coverciano, a partire dalzione di questi ragazzi con- le 10,30: nel pomeriggio tinui sia dal punto di vista partenza in aereo, da Pisa, tecnico che caratteriale an- alla volta di Yerevan in Arche perchè il Mondiale non menia.

Prandelli prova il tridente in attacco con Mario Balotelli

James Pallotta a Trigoria

dovrà essere pronto per i campionati europei del 2016». Insomma la tempistica per Pallotta è già chiara, più difficile al momento è indicare con sicurezza la zona in cui sorgerà effettivamente lo stadio. In ballottaggio ci sono infatti progetti che potrebbero interessare un’area tra i 30 e i 100 ettari: i terreni di cui si parla sono quelli a Tor di Valle, in pole position, oppure quelli del Gazometro a Ostiense, vicino al campo in zona Testaccio, in quella che potrebbe essere una operazione amarcord.


3

CALCIO

Mercoledì 10 ottobre 2012

Serie B. Il portiere protagonista nella vittoria con il Novara. Dionigi recupera Armellino

Reggina, la rinascita di Baiocco «Ho commesso degli errori, è vero, ma ora sono felice dei complimenti» di RINO TEBALA REGGIO CALABRIA – Baiocco è tornato a convincere. Contro il Novara ha salvato il risultato, consentendo alla Reggina di tornare anche a vincere. I complimenti sono d’obbligo per il portiere amaranto, che ha così commentato: «Ho certamente dato qualcosa in più, e sono contento. Contro il Novara sono tornato al miglior rendimento, spero di continuare così. Mi sento più sicuro, fa bene a me, a tutta la difesa e alla squadra». Baiocco è anche contento della fiducia datagli dal mister: «In panchina non c’è possibilità di migliorare e mettersi in corsa, mi sento bene, spero che il mister mi rinnovi la fiducia. Se sarà così, lo ripagherò ancora una volta. Il posto di titolare, in ogni caso, è sempre in bilico, solo il mister può sapere chi sarà il prescelto in ogni gara». Baiocco si sente più protetto da una difesa con quattro marcatori: «Sì, con quattro marcatori ci si sente più sicuri in porta, contre c’è propensione offensiva e si sta sulle spine. Nel primo caso, i meccanismi difensivi sono, forse, più favorevoli ai portieri». Domenica prossima ci sarà il Livorno, un altro avversario temibile che arriva a Reggio col dente avvelenato: «Arriva da una brutta batosta interna e sarà arrabbiato, per noi è un problema in più. Speriamo che ci sottovalutino, noi li af-

fronteremo con la massima concentrazione. Oggi penseremo ai movimenti da attuare in campo, all’atteggiamento tattico da tenere. Dopo lo scivolone, arriveranno determinati, dovremo stare in guardia». «I miei errori solo fuori casa? A Empoli è stato un peccato di emozione, essendo all’esordio in B e data la mia giovane età. A Verona, può succedere. Di certo la sfortuna ce la creiamo noi, avrò sbagliato io a fare qualcosa in quell’intervento. Secondo me è cambiato qualcosa dopo essere stato messo fuori dal mister: si è creata cattiveria in me stesso, che mi ha spinto a dare di più di quanto davo prima». Dagli errori ai complimenti, Baiocco spera di fare il bis domenica sera: «Mi sono capitati degli svarioni, in particolare fuori casa, che hanno penalizzato la squadra, con l’aiuto dei compagni sto ritrovandomi, spero di essere ancora determinante. Mi ha fatto veramente piacere passare ai complimenti e sentirli, soprattutto, dal tecnico. La vittoria col Novara la sento anche mia, ci dà tanto morale, la mentalità sta cambiando. Dobbiamo migliorare soprattutto dal punto di vista difensivo, ma siamo sulla strada giusta». NOTIZIARIO. La Reggina oggi effettuerà una doppia seduta edomani proseguiràcon allenamenti a porte chiuse con un’altra doppia seduta. Venerdì, invece, allenamento

Oggi al Tnas per riavere i tre punti

GIUDICE B E LEGA PRO Un turno a Barillà Rizzo e Ulloa MILANO – Il Giudice sportivo di serie B ha inflitto un’ammenda di 6 mila euro alla Pro Vercelli per cori razzisti nei confronti di un calciatore avversario. Quattordici, invece, i giocatori squalificati: Per due giornate fermato Ceccarelli (Cesena) e per una Scalise (Ascoli), Tonucci (Cesena), Biraghi (Cittadella), Calil (Crotone), Iorio (Grosseto), Paghera (Lanciano), Mazzoni (Livorno), Surraco (Modena), Lazzari, Ludi (Novara), Barillà, Rizzo (Reggina), Porcari (Spezia). In Prima divisione stop per un turno a D’Anna, Rajcic (Benevento), Ulloa (Catanzaro), Bertoncini (Frosinone), Tiboni (Prato), Galuppo (San Marino), Statella (Tritium). In Seconda divisione tre turni a Sorrentino (Aversa Normanna) e Ginestra (Salernitana), due a Modica (Campobasso) e uno a Paparusso (Poggibonsi).

serale, alle ore 19:30, allo stadio “Granillo”. Sabato pomeriggio è prevista la seduta di rifinitura e domenica la gara in notturna, in posticipo, alle ore 20:45.Dionigi cherecupera Armellino, ma perde per squalifica i titolari Barillà e Rizzo, dovrà reinventare il suo centrocampo. La Lega Serie B, intanto, ha presentato la Serie B Tv, il nuovo canale televisivo della Lega che inizierà a trasmettere alle 17.30 di sabato 13 ottobre, in occasione dell’anticipo della nona giornata tra Juve Stabia e Bari. Su Serie B TV andranno in onda, sulla piattaforma digitale terrestre, in alta qualità,tutte lepartite della Serie bwin, escluso un anticipo e un posticipo di ogni giornata (in onda su Mediaset Premium), su nove canali della piattaforma DVB-T2 di Europa 7. Durante la settimana gli

incontri saranno poi trasmessi in replica, insieme agli highlights di anticipo e posticipo. Serie B TV trasmetterà sul digitale terrestre di seconda generazione (DVB-T2), che richiede un decoder T2 o una TV con il T2 integrato. Condurrà la diretta da studio il giornalista sportivo, Massimo Caputi, che è anche direttore editoriale della testata. TNAS. Oggi, il Tribunale Nazionale Arbitrato sullo Sport, alle 16, terrà udienza allo Stadio Olimpico di Roma, in merito all’ultimo grado di giudizio su “scommessopoli”. I legali della Reggina saranno impegnati a convincere i giudici sull’innocenza della società amaranto, chiedendo, pertanto, la restituzione dei tre punti di penalizzazione con cui la squadra ha iniziato la sua stagione in B. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Il portiere amaranto Paolo Baiocco, 23 anni

Il nuovo scandalo. Venti atleti nel mirino sulle “cittadinanze facili”

Passaportopoli, c’è anche la città di Reggio FERMO –Sono una ventina le posizioni di calciatori di serie A e calcio a cinque, e di pallavoliste in forza a squadre minori di volley finite sotto la lente dei carabinieri della Compagnia di Fermo che indagano sul traffico di nazionalità italiane “facili”. Un’inchiesta che finora vede iscritte nel registro degli indagati 34 persone, fra procuratori sportivi eintermediari, amministratori e funzionari comunali. I Carabinieri stanno facendo controlli incrociati sulla cittadinanza ottenuta da decine di stranieri, per lo più sudamericani, attraverso il riconoscimento dello iure

sanguinis: una procedura che consente ai figli di italiani all’estero il riconoscimento della cittadinanza italiana. Il raggiro si articolerebbe in una triangolazione fra le città di Fermo, Latina e Reggio Calabria, dove in passato sono stati scoperti illeciti della stessa natura. Fra gli atleti brasiliani e argentini che hanno ottenuto cittadinanze “sospette” figurerebbero anche ragazzi di 18, 19 e 20 anni, appartenenti a club nazionali di calcio a cinque. Due, secondo gli investigatori, i personaggi che dal Fermano tenevano le fila dell’organiz-

zazione per delinquere e si occupavano della formalizzazione delle pratiche, potendo contare sulla connivenza di un funzionario dell’Ufficio anagrafe del Comune di Fermo, finito sotto inchiesta e sollevato dall’incarico. Il suo avvocato dice che dalla procura non è arrivata «alcuna comunicazione sulla conclusione delle indagini. Siamo fermi allo scorso gennaio, quando poi il mio assistito è stato interrogato dai carabinieri. Nel frattempo è stato rimosso dall’ufficio anagrafe, ma in attesa della fase processuale continua a lavorare in Comune, in un altro settore».

Seconda divisione. L’esterno: «C’è voglia di far bene»

Hinterreggio, la ricetta di Anzilotti «Occorrono impegno e sacrificio» di GIUSEPPE CILIONE REGGIO CALABRIA – «Bisogna voltar pagina e pensare subito alla gara di domenica prossima. Dobbiamo ripartire dallagrande voglia che c’è in tutto il gruppo e pedalare». Guarda avanti Luca Anzilotti, il giovane esterno basso di sinistra che ha siglato il suo primo gol fra i professionisti nella sfortunata sfida di lunedì contro L’Aquila al “Granillo” quando, raccogliendo un bel cross di Figliomeni, ha mandato la palla alle spalle dell’estremo difensore ospite per il momentaneo pareggio dell’Hinterreggio. Buona la prova del talento biancazzurro che ha finanche sfiorato la doppietta proprio sui titoli di coda. «Sono contento per il gol - ha commentato l’esterno toscano - ma al contempo sono molto amareggiato e dispiaciuto per il risultato. Purtroppo la mia rete non è servita a niente alla fine dei conti. A chi dedi-

co il gol? Alla mia famiglia che mi è stata molto vicino quando lo scorso anno sono stato fermo per un brutto infortunio». Per la prima volta, Gaetano Di Maria ha schierato lasquadra col 34-3 sin dal primo minuto. Il conforto del risultato non c’è stato, ma l’esperimento non è detto che venga accantonato e lo stesso Anzilotti non crede che, alla base della sconfitta, ci possa essere la disposizione tattica del mister. «Il modulo - ha aggiunto il giovane - conta e non conta, io mi trovo bene sia con la difesa tre che a quattro, sia nel pacchetto arretrato che a centrocampo. Sono giusto numeri poi siamo noi che scendiamo in campo e facciamo la partita». Luca Anzilotti cerca di caricare il gruppo.«Dobbiamo faredipiù -sottolinea - tutti, sin dal prossimo allenamento; dobbiamo tornare a lavorare sodo e con l’impegno e il sacrificio cercare di raggiungere la pri-

SERIE A

ma vittoria. In questa prima fase di campionato ci siamo espressi a sprazzi, dobbiamo solo lavorare, trovare ritmo e risultato. Venivamo da ottime prestazioni contro Aprilia, Gavorrano e la stessa Coppa Italia, peccato, c’è molta amarezza». «All’Hinterreggio, al momento conclude Anzilotti - manca la vittoria. C’è tanta voglia di far bene, siamo un gruppo nuovo che, giorno per giorno, deve lavorare sul campo e migliorare sotto tutti i punti di vista». L’Hinterreggio riprende, oggi, gli allenamenti che condurranno alla sfida di domenica prossima contro l’Arzanese quando Franceschini e compagni proveranno a sfatare il tabù vittoria in campionato. In vista del match in terra campana, non ci dovrebbero essere assenze, ad eccezione di Gianni Lavrendi, fermo da diverse settimane causa pubalgia. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

L’esterno Luca Anzilotti

SERIE B

8ª GIORNATA - 21/10, ORE 15

CLASSIFICA

Atalanta – Siena Cagliari – Bologna Chievo – Fiorentina Genoa – Roma Inter – Catania Juventus – Napoli Lazio – Milan Palermo – Torino Parma – Sampdoria Udinese – Pescara

Juventus Napoli Inter Lazio Roma Fiorentina Catania Sampdoria (-1) Genoa Torino (-1)

(ore 12.30) (ore 20.45) (20/10, ore 18) (20/10, ore 12.30)

19 19 15 15 11 11 11 10 9 8

Bologna Pescara Milan Chievo Parma Udinese Atalanta (-2) Palermo Cagliari Siena (-6)

7 7 7 6 6 6 5 5 5 2

9ª GIORNATA - 14/10, ORE 15

CLASSIFICA

Cesena – Crotone Cittadella – Modena Empoli – Ascoli Juve Stabia – Bari Lanciano – Pro Vercelli Novara – Brescia Reggina – Livorno Sassuolo – Varese Spezia – Ternana Verona – Grosseto Vicenza – Padova

Sassuolo Livorno Verona Spezia Varese (-1) Ternana Brescia Bari (-7) Padova (-2) Cittadella Modena (-2)

(13/10, ore 18) (13/10, ore 18) (ore 20.45)

(ore 12.30)

19 16 15 13 13 13 12 10 10 10 10

Juve Stabia Ascoli (-1) Vicenza V. Lanciano Cesena Novara (-4) Pro Vercelli Crotone (-2) Reggina (-3) Empoli (-1) Grosseto (-6)

9 9 9 7 7 6 6 5 5 3 1


4

Mercoledì 10 ottobre 2012

CALCIO

Serie B. La società ha rinnovato la partnership con l’Aism: il logo sarà impresso sulla maglia

Crotone, Drago lavora sulla testa Il tecnico torna da Coverciano: l’obiettivo è quello di ritrovare motivazioni di VINCENZO MONTALCINI CROTONE – Secondo giorno di lavoro per il Crotone orfano temporaneamente del tecnico Massimo Drago, impegnato in una due giorni del corso di Coverciano per il master da allenatore di “Prima Categoria Uefa”. I pitagorici si sono ritrovati nel pomeriggio a Steccato di Cutro agli ordini di Peppe Galluzzo. Galardo e compagni, dopo il riscaldamento di rito, sono stati impegnati in percorsi di resistenza aerobica a cui hanno fatto seguito delle esercitazioni tattiche sul possesso palla. Per finire ancora lavoro fisico con un lavoro aerobico specifico. Per oggi, invece, è prevista una doppia seduta di allenamenti: mattina nella palestra allestita presso lo stadio Ezio Scida e pomeriggio a Steccato di Cutro per lavorare direttamente sul campo. Ieri il giudice sportivo ha reso sono di aver affibbiato al brasiliano Caetano Calil un turno di squalifica dopo il doppio giallo rimediato sabato scorso ad Ascoli. Il brasiliano, quindi, sarà assente nella partita che domenica il Crotone affronterà a Cesena e non sarà facile sostituirlo visto che è l’unico in grado di muoversi in un certo modo tra la linea di centrocampo e quella d’attacco, fungendo da “finto centravanti”. In alternativa Drago potrebbe schierare un tridente vero e proprio

Calci nostri

Fasti e (tanti) nefasti Cozza? Pessimista ccoci imperterriti a per l’arrivo del Livorno, salmodiare sui fasti che è secondo in classifica. e sui nefasti (è pro- Attenzione dunque: «Voprio il caso di dirlo) del cal- glio, sempre voglio (come cio calabrese. Cominciamo poetava l’Alfieri) battere il dai “nefasti” e cioè dal 2-0 Livorno”, mugugna Dionsubito dal Crotone ad gi. Deve essere e sarà il colAscoli. Un risultato che paccio che darebbe fiato e non farebbe una grinza e fiducia all’ambiente e annon ammetterebbe dubbi, cora di più in classifica. Ne ma non ditelo a Drago che riparleremo. di dubbi e grinze sul risul- E nell’underground calabrese che cosa è tato ne ha a iosuccesso? E’ sa, con partisuccesso che il colare riguarCatanzaro, a do verso le deViareggio, cisioni dell’arsoccombe per bitro e nean3-1 da cui il che a dirlo, il “pessimissisolito ricorso mo” pensiero alla sfortuna. di Cozza che diMa quel che è ce “pensiamo certo è che si alla salvezza”! stanno infiCi sembra eclando troppe cessivo, per sconfitte quanto è suc(comprese cesso; non a caquelle casalinso dalla serie A ghe). Col tirar alle ultimissidelle somme è me divisioni si necessario dice sempre che la barca che “il campioCrotone camnato è lungo”, bi di corsa la Davide Dionigi quindi già enrotta, altrimenti già dalla prossima trare in crisi dopo poche nona giornata saremo a settimane di torneo è asparlare di come fare per surdo. Pensiamo subito insalvarsi, il che francamen- vece a rifarci la faccia conte non è da Krotone, con tro la Nocerina, poi rifaremo i calcoli. tanto di K. Sabato prossimo si và a Più giù in Seconda DivisioCesena con cui il Crotone ne, idem con le tradizionali patate o piselli sarebbe alla (a vostro gusto pari con 2 cari lettori) per punti in clasquanto riguarsifica in più da la Vigor La(7) se non mezia che ti peravesse dovude in casa conto recuperatro la Salernitare 2 punti di na. Per piacere penalizzazioprovi a rifarsi ne. Per cui domenica con possiamo l’Aversa! Idem, contare su se non peggio, e un buon risenza patate e sultato? Se piselli, Hinterguardiamo reggio che perinsieme la de per 4-2 con classifica sial’Aquila. Ricormo in perfetdiamoci che la ta parità ovVigor e l’Hinvero 2 vittoterreggio non rie, 1 pareghanno ancora gio e ben 5 Francesco Cozza vinto una partisconfitte. Da questa parità ne deriva che ta: grati se ci informerete con buone probabilità, sull’evento. Drago, faccia lei, per ri- Scendiamo ancora di un mettersi in classifica e mo- gradino, andiamo in sere D, dove il Cosenza in casa rale. Ed eccoci ai “fasti” della del Messina perde per 3-2. Reggina che batte il Nova- Intanto domenica l’attenra al Granillo con un bel de il derby con il Montalto, gol di Ely, virgulto emer- mentre domenica corsa gente già convocato anche l’altro derby fra il Montalto per la Nazionale giovanile. e il Sambiase è finito in paSabato prossimo, in not- rità. turna, ancora a Granillo © RIPRODUZIONE RISERVATA

E

Il tecnico del Crotone, Massimo Drago sta seguendo il supercorso di Coverciano

con Pettinari centrale e Gabionetta e Ciano sugli esterni. Oggi gli allenamenti verranno diretti nuovamente da Drago che in questi giorni dovrà lavorare soprattutto sulla testa e sul morale dei suoi ragazzi. Un punto racimolato in cinque partite è davvero una miseria, ma questo gruppo ha tutte le potenzialità per tirarsi fuori, e in fretta, da questa situazione. Di sicuro a livello tecnico ci sono almeno 9-10 squadre inferiori al Crotone e con un pizzico di convinzione e concretezza in più si potrebbe ritrovare quell’entusiasmo che ha sempre accompagnato la squadra ne-

gli ultimi mesi. E’ chiaro che ci vorrebbe una bella vittoria, ma già ritornare da Cesena con un risultato positivo servirebbe a muovere la classifica dopo tre stop consecutivi. CROTONE E AISM. La società ha rinnovato la partnership con l’Aism, l’Associazione italiana sclerosi multipla, annunciando che anche in questa stagione sulla casacca ufficiale della squadra rossoblù sarà impresso il logo dell’associazione che in provincia di Crotone è guidata da Luciana Gaccione. La Lega dovrebbe ufficializzare il tutto nei prossimi giorni e i pitagorici potrebbero indossare

la maglia già nell’anticipo del 19 ottobre con il Novara. SERIE B TV. Sempre ieri è stata annunciata dalla Lega di B la nascita della “Serie B Tv”, una nuova piattaforma visibile sul digitale terrestre grazie alla quale sarà possibile assistere alle gare della serie cadetta avvalendosi di un impianto digitale di seconda generazione o di una televisione con “T2” integrato. La Tv sarà in funzione già da questo fine settimana e sul sito www.legaserieb.it sarà possibile reperire informazioni sulle modalità e sui prezzi per la visione delle varie gare. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Seconda divisione. Tre turni di stop a Ginestra per la testata a Giuffrida

«La Vigor deve restare tranquilla» Costantino: «Bisogna agire su intensità e determinazione» di PASQUALINO RETTURA LAMEZIA TERME (Cz) - Argomenti triti e ritriti in casa Vigor Lamezia. La squadra si esprime bene però non fa gol. Riceve complimenti ma intanto la classifica piange. I numeri poi la dicono tutta. Un solo golfatto insei partite,mai unapartita vinta, due sconfitte consecutive e quattro pareggi. Insomma, va bene la sfortuna ma qualcosa che non va ci dovrà pure essere. O no? « Nelle partite precedenti spiega a tal proposito il tecnico della Vigor, Massimo Costantino, nel corso della consueta analisi a freddo del match della domenica ma anche su come i biancoverdi intenderanno uscire da questa situazione - - non siamo stati bravi noi a realizzare i due calci di rigore e qualche altra occasione da rete, però se dobbiamo andare a commentare la partita di domenica tutt'altro posso andare a dire ai ragazzi tranne che rimproverare qualcosa per la partita di domenica». E ora? «Dobbiamo rimanere tranquilli e sereni - rimarca Costantino - perché la rabbia non porta grandi prestazioni, domenica avevamo la rabbia giusta ed è arrivata questa prestazione. Non dobbiamo andare in eccesso da questo punto di

nico biancoverde - se vista perché subentrerà guardiamo la nostra il nervosismo e qualche classifica, perché non cartellino in più, invece penso che in queste sei dobbiamo sempre manpartite la Vigor Lamezia tenere la giusta rabbia e abbia meritato di fare 4 la giusta concentraziopunti, ma almeno il dopne». Le prospettive per pio se non il triplo. Ora la verità non aiutano. lavoreremo cercando di Domenica prossima si allenarci sull'intensità e va ad Aversa e poi la sesulla determinazione conda trasferta consenel voler giocare a calcio, cutiva a Foligno. Brutti quello che abbiamo ceravversari. Costantino cato domenica, e basta. però parla del primo: Questo è quello che ci ha «Posso anche dire che portato a creare le tante avrei preferito affrontapalle gol, noi dobbiamo re un'altra squadra, pefare questo e non pensarò in questo momento Massimo Costantino re che bisogna vincere non è importante contro chi giochiamo. L'Aversa è una squa- per forza, perchè altrimenti non vinci». GINESTRA.Tre turni di stop all’attacdra di categoria e sappiamo che è un avversario composto da calciatori impor- cante della Salernitana per la testata a tanti, però per noi in questo momento Giuffrida. Alla Salernitana anche 1000 ogni avversario è uguale. Dobbiamo solo euro di multa «perchè persona non idencercare di vincere -una partita - evidenzia tificata, ma riconducibile alla società, in- e per fare questo non credo sia determi- debitamente presente nel recinto di gionante chi affronteremo. Certo, fuori casa co, al termine della gara, assumeva attegè sempre più difficile». La classifica giamento provocatorio verso il pubblico ed i tesserati della squadra avversaria». preoccupa? «Siamo un po' increduli - osserva il tec©RIPRODUZIONE RISERVATA

PRIMA DIVISIONE GIRONE B 7ª GIORNATA - 14/10, ORE 15 Avellino – Perugia Benevento – Andria Carrarese – Prato Catanzaro – Nocerina* Gubbio - Barletta Latina - Frosinone Paganese - Pisa Sorrento - Viareggio

di EMANUELE GIACOIA

Bindoni di Venezia Rocca di Vibo Valenzia Ghersini di Genova Aureliano di Bologna Saia di Palermo Ros di Pordenone Martinelli di Roma Abisso di Palermo *15/10 ore 20.45

SECONDA DIVISIONE GIRONE B CLASSIFICA

7ª GIORNATA - 14/10, ORE 15

CLASSIFICA

Latina (-1) Frosinone (-1) Avellino Viareggio Pisa Gubbio Benevento Prato

Arzanese – Hinterreggio Baroni di Firenze Aversa N. – Vigor Lamezia Minelli di Varese Fondi – Aprilia Bellotti di Verona Gavorrano – Campobasso Soricaro di Barletta L’Aquila – Foligno Ferrari di Mestre Martina Franca – Melfi Casaluci di Lecce Poggibonsi – Chieti Strocchia di Nola Salernitana – Borgo a Bugg. Tardino di Milano Teramo – Pontedera Rapuano di Rimini

Aprilia Pontedera Chieti (-1) Martina Franca Poggibonsi Teramo L’Aquila Arzanese Salernitana

12 12 11 11 11 10 9 9

Perugia (-1) Paganese Nocerina Andria (-1) Catanzaro Sorrento Barletta Carrarese

9 8 7 6 5 4 2 0

16 13 12 11 11 11 10 8 8

Gavorrano Aversa Melfi Vigor Lamezia Borgo a Buggiano Foligno Hinterreggio Campobasso (-2) Fondi

7 6 6 4 4 4 3 3 2


5

CALCIO

Mercoledì 10 ottobre 2012

Prima divisione. Potrebbe essere l’elemento giusto per migliorare la rosa. Si pensa alla Nocerina

Catanzaro, c’è Russotto in gruppo Il centrocampista romano in prova. Cozza dovrà decidere se tenerlo di FRANCESCO IULIANO

con la maglia della Lodigiani nella stagione 2005-2005 CATANZARO –Sguardi bas- prima di trasferirsi in Svizsi ebocche cucitealla ripresa zera dove gioca in serie A con degli allenamenti. La scon- il Bellinzona. Rientrato in fitta di Viareggio, è inutile Italia, ha vestito le maglie di nascondersi, ha smorzato Treviso, Napoli, Crotone, anl’entusiasmo che sino a qual- cora Bellinzona, quindi Croche giorno fa era palpabile tone e Carrarese. La scorsa nell’ambiente. Sugli spalti, stagione è stato a Livorno poi, solo una decina di tifosi prima di essere ceduto ancoche si sono accomodati sulle ra una volta alla Carrarese. poltroncine della tribuna Russotto, dunque, arriva a centrale per assistere, anche Catanzaro in prova. Spetterà loro in silenzio, all’allena- a Cozza, nei prossimi giorni, decidere se temento della nerlo o rispesquadra. dirlo al mittenTre i gruppi te. Considerati ben distinti sul i precedenti, terreno del però, il centro“Ceravolo”: campista poquello dei portrebbe essere tieri con il prequel valore agparatore La giunto che, al Serra, quello momento, con i protagosembra mannisti della parcare al Catantita di domenizaro. ca scorsa (che La squadra hanno eseguidi Cozza, infatto un lavoro deti, dopo sei turfaticante) e il ni di campioresto del grupnato, stenta a po, agli ordini prendere le midel secondo, Andrea Russotto, 24 anni sure agli avD’Urso. Marino e Quadri, gli unici due in- versari. Lo score dei risultati fortunati, (quest’ultimo negativi ottenuti nella primolto probabilmente rien- ma parte del campionato (tre trerà contro il Pisa domenica sconfitte, due pareggi ed 28 ottobre prossimo), hanno una sola vittoria nella partilavorato a parte con il prepa- ta di esordio), fanno capire che, evidentemente, qualcoratore Brancati. nell’organizzazione Non c’era il tecnico Cozza, sa, impegnato a Coverciano per dell’organico, non è andato un corso di aggiornamento. come si sperava. A differenza delle altre La novità di ieri pomeriggio, nonostante tutto, è stata la squadre neo promosse, inpresenza, nel gruppo, di An- fatti, il Catanzaro è quello drea Russotto, centrocam- che si è rinnovato meno di pista romano, classe ’88. La tutti. E non inganni il numecarriera di Russotto inizia ro degli acquisti effettuati

nell’estate scorsa. Undici elementi, quasi tutti scelti dagli organici di società di Seconda divisione. Alla luce dei risultati, forse, una scelta azzardata, se si considera chemolti diquesti ancora non hanno avuto la possibilità di dimostrare il loro valore tecnico. Di fatto, quella che scende in campo è, per otto undicesimi, la stessa della passata stagione ad eccezione degli innesti di Fiore, Benedetti e Fioretti. Senza andare a ricercare eventuali colpe o responsabilità, specie in un momento dove, più che parlare, sarà più utile e vantaggioso iniziare a lavorare con un piglio e con un’attenzione diversa da quella avuta sino ad ora: c’è da pensare al prossimo impegno che vedrà i ragazzi di Cozza impegnati contro la Nocerina.

Una partita, quella in programma lunedì sera al Ceravolo che, per il Catanzaro, potrebbe avere il sapore dell’ultima spiaggia considerato che, con la gara numero sette di campionato, si esaurisce metà del girone di andata. Permanere nella parte bassa della classifica, infatti, potrebbe far entrare la squadra in un tunnel da dove si farebbe fatica ad uscirne. E oggi, alla ripresa degli allenamenti, il tecnico dovrà iniziare a valutare le possibili soluzioni per ovviare alle assenze di Quadri e di Ulloa che ieri pomeriggio, è stato fermato per un turno dal Giudice sportivo. Centrocampo da reinventare, dunque, per Cozza che dovrà pensare come arginare le giocate di due ex come Corapi e Bruno. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

I giallorossi con Cozza durante la seduta di ieri pomeriggio

Eccellenza. L’esterno rossonero: «Possiamo fare grandi cose, ma serve intensità»

Corigliano: «Castrovillari, siamo da vertice» di MICHELE MARTINISI

Nella scorsa settimana la squadra aveva provato diverse soluzioni, e probabilmente anche quella appena cominciata sarà fatta da una serie di allenamenti dedicati a movimenti e dispozione in campo nelle due fasi, studiando anche cambiamenti da apportare a gara in corso. Mancini ricorda infatti come «durante la partita può succedere di tutto. A Vibo abbiamo avuto la superiorità numerica per un’ora e passa, però volevo che la squadra rimanesse in partita senza scoprirsi troppo ed evitando così di subire un secondo gol. Anche per questo non sono passato alla difesa a 3 dopo l’espulsione del giocatore avversario, avendo trovato pochi spazi non volevo ingolfare i pochi esistenti, mentre noi siamo stati molto bravi a concederli portando avanti un possesso palla sterile».

Ieri alla ripresa degli allenamenti l’atmosfera era tranquilla e serena. Questo Castrovillari sta iniziando a capire quella che è la sua forza e quello che deve essere il suo obiettivo. Francesco Corigliano, uno dei migliori di questa prima parte del torneo, analizza quella che è stata la gara contro di domenica e traccia un primo bilancio sul Castrovillari. «Abbiamo fatto una bella gara, peccato per non aver portato a casa l’intera posta. Forse un pizzico di disattenzione ci è costata molto cara, ma questo è il calcio per cui dobbiamo subito pensare a rifarci al più presto», afferma l’esterno sinistro rossonero arrivato quest’estate dalla Nuova Gioiese. «Ora - continua - dobbiamo pensare a battere il Siderno domenica e conquistare tre punti. Se abbiamo intenzione di stabilirci nei piani alti della classifica dobbiamo continuare a non fare sconti a nessuno tra le mura amiche». «E’ squadra viva, vogliosa di fare bene - sottolinea Corigliano - sono certo che abbiamo le possibilità per fare un campionato di vertice. Io sono fiducioso perché questo è un grande gruppo allenato da un ottimo tecnico. Un mix perfetto per credere di poter fare grandi cose». Corigliano, poi, battezza i migliori del campionato. «Noi possiamo rimanere in alto se giochiamo con la stessa intensità vista fino ad ora. Alla fine questo porterà risultati. Per il resto Gioiese e il Rende sono le favorite ma attenzione al Guardavalle». Intanto, migliorano le condizioni dell’infortunato De Luca i cui tempi di recupero si accorciano.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L’esterno sinistro Francesco Corigliano in azione con la maglia rossonera

CASTROVILLARI (Cs) – Che ci sia un poco di rammarico per il pareggio contro la Silana questo è normale, ma per il resto questo Castrovillari sembra essere già proiettato verso la sfida interna contro il Siderno di domenica prossima. A San Giovanni in Fiore i tre punti sono sfumati nel finale, un vero peccato, ora però bisogna subito riprendere la marcia casalinga per non perdere terreno sulle battistrada.

Serie D. Difficile il recupero di Aguglia e Morelli per la gara con la capolista Gelbison

«Sambiase poco equilibrato a Vibo» Mancini analizza la sconfitta: «Non ho visto in campo lo spirito giusto» di GIANLUCA GAMBARDELLA

Capitan Giovanni Cordiano nella gara di Vibo

LAMEZIA TERME (Cz) –Ripresa degli allenamenti all’insegna dell’analisi di quanto visto in campo a Vibo per il Sambiase, con qualche nuvola carica di pioggia a bagnare il primo allenamento settimanale dei giallorossi al “Gianni Renda”. In settimana si dovranno verificare le condizioni degli acciaccati (pare difficile che Aguglia e Morelli possano recuperare per questa domenica), ma ripartire anche dalla brutta prestazione offerta al “Razza”. Mister Mancini ammette che «c’è rammarico per non essere riusciti a giocarci la partita a pieno. Tutte le partite vanno giocate con il giusto spirito, e anche la buona prestazione di chi ha trovato spazio dal primo minuto, come Guerrieri, non può essere valutata al meglio per quanto fatto dall’intera squa-

dra». Un “non gioco”, quello offerto dal Sambiase per alcuni tratti della gara, frutto sia di un approccio sbagliato alla gara (come già denunciato da Mancini in merito al primo tempo con il Palazzolo), quanto anche ad aver dovuto arretrare Cordiano sulla linea dei difensori, cambiando così il playmaker basso (Guerrieri ha struttura fisica e caratteristiche diverse rispetto all’ex Vibonese), scelta che ha avuto conseguenze in entrambi le fasi del gioco giallorosso (e non a caso anche l’under Carrozza, fino ad ora protagonista del gioco, è sembrato un po’in ombra). Mancini non nasconde che «gli equilibri che si erano trovati sono venuti un po’ meno, perché hai modificato due reparti insieme, ma in emergenza bisogna saper trovare anche soluzioni alterntative».

SERIE D GIRONE I

ECCELLENZA

6ª GIORNATA - 14/10, ORE 15

CLASSIFICA

Acireale – Agropoli Cosenza – Montalto Licata – Palazzolo Messina – Comp Normanno Nissa – Ribera Pro Cavese – Vibonese Ragusa – Città di Messina Sambiase – Gelbison Savoia – Noto

Gelbison Cosenza Messina Savoia Ragusa Vibonese Sambiase Città di Messina C. Normanno

14 13 13 12 11 11 10 10 9

Agropoli Montalto Ribera Pro Cavese Noto Palazzolo Acireale Nissa Licata

9 7 6 4 4 4 4 3 2

6ª GIORNATA - 14/10, ORE 15,30

CLASSIFICA

Bocale – Sersale Brancaleone – Silana Castrovillari – Siderno Catona – Rende Guardavalle – Roccella Isola Capo Rizzuto – Acri Nuova Gioiese – Soverato Paolana – San Lucido

Nuova Gioiese Guardavalle Rende Sersale Soverato Catona Acri Isola Capo Rizzuto

13/10 ore 14.30

16 12 11 9 9 8 8 7

Castrovillari Roccella Bocale Silana Paolana Siderno Brancaleone San Lucido

7 7 6 5 4 3 3 1


6

Mercoledì 10 ottobre 2012

CALCIO

Serie D. Il tecnico individua la causa del ko: «Ci siamo fatti schiacciare negli ultimi 15’»

«Cosenza, è vietato abbattersi» Gagliardi: «Grande prestazione e qualche ingenuità, ma siamo sempre noi» di ALFREDO NARDI COSENZA – Dura da digerire, ma bisogna farlo al più presto. Gianluca Gagliardi è deluso come tutta la squadra per la sconfitta di Messina: tanti i rimpianti, ma tanta anche la voglia di rialzarsi, evitare gli errori che hanno portato al ko e ripartire di slancio in classifica. Lo stesso tecnico lo aveva detto la scorsa settimana: si deve arrivare a dicembre ed essere lì fra le prime, perché poi il campionato prenderà una piega ben precisa. Vietato abbassare la guardia, dunque, vietato demoralizzarsi. Ma non si può non ripercorrere ciò che è accaduto al “Celeste”. «E’ scontato che siamo delusi - dice il tecnico rossoblù - ci hanno tolto l’imbattibilità, ma non la credibilità. Il Cosenza è lì e se la gioca. L’ottima prestazione della squadra è stata sottolineata da tutti, in primis dagli avversari. A 7’ dal termine eravamo in vantaggio, se avessimo evitato quell’ingenuità sull’ultimo gol saremmo qui a parlare di altro. Per i primi 45 minuti il Cosenza ha dominato, subendo solo un tiro in porta, nel finale è arrivato il calo». Già, il calo. Gagliardi spiega cosa è successo nella seconda frazione di gioco. «Il problema è che ci siamo abbassati troppo - continua il tecnico soprattutto nell’ultimo quarto d’ora. Una squadra esperta non può farsi schiacciare perché la nostra forza è sempre stata quella di difenderci alti. Il loro laterale sembrava il Tassotti dei tempi migliori. Era già successo altre volte, ma in quei casi eravamo riusciti a proporci meglio. A Mes-

Salvo Arcidiacono controllato dal messinese Cappello

BREVI SERIE D ED ECCELLENZA Savoia: esonerato Vitter, panchina ad Amura TORRE ANNUNZIATA – Cambio in casa Savoia. Esonerato il tecnico Vitter, arriva l’ex mamertino Sasà Amura. L’anno scorso alla direzione del Milazzo, allenatore del Catania Primavera sotto la gestione Lo Monaco. «Per me è un onore allenare questa squadra», le sue prime parole.

Catona-Rende è l’anticipo tv di sabato 13 SARA’ Catona-Rende l’anticipo di Eccellenza di sabato prossimo. La gara è in programma alle 14,30 e sarà naturalmente in diretta tv. Sabato 20 ottobre, invece, toccherà a Soverato-Castrovillari.

sina non è successo. Un calo di concentrazione? Non so, ma so per certo che non ci abbiamo dormito e questo è stato il nostro cruccio nelle ultime 48 ore. Sarà stata la tensione, la mancanza dei liquidi per il gran caldo (quest’ultima eventualità è riferita al cambio forzato dei ‘93 Pesce e Salvino: da allora la partita è stata solo in salita, ndr). Frlez? Ha commesso una piccola ingenuità sulprimo gol, masul secondo non ha alcuna colpa. Fiore, invece, ha fatto ancora una volta la differenza. Scigliano? E’ stato condizionato dall’ammonizione. Aveva paura di essere espulso. Ha sofferto Tiscione, ma quando quest’ultimo ha segnato, ironia della sorte, lo aveva contenuto e seguito bene». Gagliardi può essere dunque deluso per la sconfitta, ma di certo non si deprime. Gli viene chiesto anche se il momento è maturo per inserire Guadalupi. «E’la solita storia dice - se gioca tizio e sbaglia si rimpiange caio e viceversa. Purtroppo qualcuno deve restare fuori e poi non si deve per forza giocare dall’inizio per essere decisivi. Guadalupi è uno dei nostri punti di forza. In ogni caso, tutto quello che avevamo preparato - sottolinea - lo stavamo facendo, abbiamo creato tantissime occasioni e questo non è indice di una squadra in crisi. Ora dobbiamo solo lavorare e guardare avanti, al prossimo impegno contro il Montalto. Di certo, non ci abbattiamo». Ieri i rossoblù si sono allenati tutti. Oggi doppia seduta. Gassama potrà tornare a giocare fra meno di un mese. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Promozione A. De Luca striglia la squadra: «Chi non si sacrifica può andare via»

Amantea: il presidente sospende i compensi di ROBERTO SAVERINO AMANTEA (Cs) – Se il calcio a tinte blucerchiate non è scomparso è stato solo per merito suo. Ha preso in mano le redini di un club destinato ad un triste declino e l’ha rimesso in sesto, ricreando entusiasmoeridando fiduciaall’Amantea. Dinamico, determinato, attivo e propositivo in ogni settore, anche nel calcio Egidio De Luca ha deciso, assieme ai propri familiari, di investire mezzi e risorse, per fare bella figura e anche qualcosa di utile, com’è nel suo stile, ma adesso che la squadra ha iniziato a rilento il campionato di Promozione, il presidente ha inteso fare un bel discorsetto al gruppo, reduce dal ko di Cutro, non mancando di esternare il proprio disappunto per un cammino inferiore alle attese. «Sono venuto qui ad Amantea per salvare la squadra –attacca il presidente - assumendomi sacrifici economici con i miei figli che stanno trascurando le nostre attività a Roma per il bene di Amantea, della mia terra natia, di tanti giovani che si attendono nuove opportunità e per dare loro possibilità di socializzazione, di divertimento e di svago. Sono venuto, tuttavia, anche per vincere e portare efficienza e

serietà,disponibilitàe rigoresportivo.In prio come fanno tutte le altre squadre. A queste prime giornate, però, non ho avu- chi non va bene il sacrificio che sto chieto le risposte che mi aspettavo da parte dendo può fare le scelte che preferisce». Proprio per cercare di uscire da questa della squadra». Il patron blucerchiato non accetta alibi: situazione e per dare un ulteriore scosso«Arbitraggi negativi e rigori non dati, ne alla squadra, il presidente ha anche degol in fuorigioco e giustificazioni varie ciso di intervenire sulla struttura del con me nontengono. Io voglio irisultati e club: «Ho deciso che la dirigenza sportiva verrà condivisa e quindi mio questi devono arrivare dal figlio Bernardo condividerà campo. La nostra classifica con Pino Trotta il ruolo di dipiange e siamo ben lontani rettore sportivo, suddividendai programmi iniziali». dosi le competenze quanto a Da qui parte il primo provmarketing, campagna acvedimento: «Ho invocato per quisti e cessioni e Settore gioquattro settimane impegno e vanile. E’ un lavoro troppo dedizione in nome dei colori gravoso per uno solo: in due blucerchiati, ma non ho avuverrà svolto sicuramente in to quell’impegno, quellapasmaniera migliore». sione, quell’attaccamento Il presidente si aspetta delche mi sarei aspettato. A quele risposte a partire dalla gara sto punto sono costretto a interna con il Cremissa, reagire allo stato delle cose deludenti per me e tutta la cit- Egidio De Luca (Amantea) quando sarà in tribuna «a seguire il match assieme all’avtadinanza. Da oggi saranno bloccati i rimborsi spese dei tesserati vocato Ciambrone, consulente delle giovadell’Amantea e tra quattro giornate, sul- nili della Juventus. Mi auguro che i ragazla base dei risultati, deciderò se sbloccar- zi sappiano fare tesoro delle mie parole e li. Da oggi io e la mia famiglia seguiremo che in questi giorni possano trovare quelpersonalmente gli allenamenti, che do- la convinzione che finora è mancata». vranno essere quattro e non più tre, pro©RIPRODUZIONE RISERVATA

PROMOZIONE A

Serie D. Il tecnico lancia un altro segnale

Vibonese, ora Soda aspetta un portiere Serve un estremo difensore under

Antonio Soda in panchina parla col suo vice Corrado

di ANTONINO SCHINELLA VIBO VALENTIA – Ora bisognerà vederlo in campo. Ma prima, però, occorrerà avere un po’ di pazienza. Già, perché tesserare in serie D un calciatore extracomunitario richiede tempi più lunghi. Perciò, salvo clamorosi ma difficili sviluppi, difficilmente l’ultimo arrivato in casa rossoblù potrà prendere parte alla spedizione di Cava de’ Tirreni. In sostanza, per vedere all’opera Habib Eseola bisognerà pazientare ancora un po’. Il giovane attaccante ucraino, che si è messo in mostra in Calabria prima in Eccellenza con la maglia del Soverato (9 reti in 24 presenze) e poi nell’Hinterreggio (4 centri in 19 apparizioni), verosimilmente, non sarà tra i disponibili. Esordio rinviato, quindi, per un centravanti sul quale la società di via Piazza d’Armi ha riposto molte speranze, come peraltro è emerso dalle parole di Pippo Caffo che lo ha paragonato nientepopodimeno che a Doukura. E a proposito di Pippo Caffo. Dalla vittoria contro il Sambiase è emerso un dato inoppugnabile: l’entusiasmo del presidente. Domenica scorsa, Caffo è stato visto tripudiante, in tribuna. Novanta minuti, metà dei quali passati ad incitare la squadra, ad esultare. Anche negli spogliatoi, altra cosa insolita per uno abbastanza schivo e riservato, si è concesso spontaneamente ai giornalisti. L’ha fatto per parlare della partita, per parlare della Vibonese. Ha elogiato i tifosi e li ha implorati a seguire la squadra sul cam-

po della Cavese. E poi, infine, ha risposto al tecnico Tonino Soda, il quale, qualche minuto prima, davanti ai cronisti aveva lanciato il nuovo, l’ennesimo e garbato appello alla società. «E’ solo questione di ore. Siamo ai dettagli ormai. Manca solo la firma per suggellare una trattativa che è praticamente chiusa», ha riferito Caffo. «E’ un attaccante. Un extracomunitario, che lo scorso anno si è messo in bell’evidenza in serie D. Il nome? Lo annunceremo solo quando arriverà la firma: per ora, non lo dico». Caffo, insomma, ha anticipato di 24 ore l’annuncio ufficiale. Ma non è finita qui. Già, perché il ritrovato entusiasmo del presidente potrebbe condurlo, assieme agli altri soci, ad accontentare ulteriormente Tonino Soda. L’allenatore continua ad aspettare ancora un portiere, un estremo difensore under che gli consentirebbe di avere molte più variabili davanti. Il tecnico rossoblù, d’altronde, non ne ha mai fatto un mistero. Questo, in estrema sintesi, è il Soda pensiero: la Vibonese, è vero, ha dei limiti, ma è comunque una squadra capace di dare fastidio a chiunque. A condizione che giochi a ritmi alti. Però, se questo organico venisse puntellato, la Vibonese potrebbe inseguire obiettivi diversi rispetto a quelli prefissati. Tonino Soda, quindi, ha lanciato il segnale. Sta al presidente, adesso, accoglierlo. Ma, con l’entusiasmo che ha dimostrato domenica scorsa, tutto adesso può succedere. © RIPRODUZIONE RISERVATA

PROMOZIONE B

6ª GIORNATA - 14/10, ORE 15,30

CLASSIFICA

Amantea – Cremissa Arsenal Trebisacce – Cutro Corigliano – Real San Marco Fuscaldo – Promosport Praia – Garibaldina Presila – Audace Rossanese Rocca Calcio – Roggiano Torretta – Scalea

A. Rossanese Garibaldina Corigliano Scalea A. Trebisacce R. San Marco Presila Cutro

(13/10)

(13/10)

15 11 10 12 9 8 8 7

Cremissa Rocca C. Torretta Praia Amantea Roggiano Promosport Fuscaldo

5 4 4 4 4 4 4 2

6ª GIORNATA - 14/10, ORE 15,30

CLASSIFICA

Bovalinese – Real Catanzaro Gallicese – Gioiosa Jonica Gimigliano – Bianco Marina Gioiosa – San Calogero Montepaone – Reggiomediterranea Polistena – Palmese Sporting Davoli – Rizziconi Taurianovese – Virtus Villese

Gallicese 13 Bianco 10 10 Taurianovese Gioiosa Jonica 9 Reggiomediterranea 9 Marina Gioiosa 8 Palmese 8 Rizziconi 8

(13/10)

(13/10)

Montepaone San Calogero Sporting Davoli Gimigliano Bovalinese V. Villese Polistena Real Catanzaro

7 7 5 5 4 4 3 0


7

CALCIO

Mercoledì 10 ottobre 2012

Serie D. Il centrocampista torna al San Vito da ex: «Rispetto per i rossoblù ma nessun timore»

Catalano: «Il Montalto vi stupirà» «Meritavamo 10-12 punti. E appena rientreranno Piemontese e Sifonetti...» MONTALTO UFFUGO (Cs) – Il Montalto ritrova il suo cervello. La qualità di Vincenzo Catalano è fondamentale per gli schemidi FrancoGiugno, e dopo un lungo infortunio il centrocampista è ormai a un passo dalrecupero completo. «Il periodo più brutto ormai è alle spalle, anche se c’è ancora tanto da lavorare per arrivare al top della condizione». Una noiosa distorsione alla caviglia lo ha tenuto lontano dal campo per tutto il pre campionato e le prime giornate. A Licata un piccolo assaggio e domenica scorsa con il Messina mezz’ora di gara. E con lui in campo si è accesa la luce del centrocampo biancoceleste. Un recupero importante, grazie al lavoro del professore Pino Pincente e dello staff del dottore Giuseppe Canonaco. Catalano pronto a tornare dal primo minuto? «Dipendesse da me giocherei sempre, anche infortunato. Le scelte spettano soltanto all’allenatore. Per il bene del Montalto io mi metto a disposizione: non è un problema partire dalla panchina e giocare a gara in corso». Assieme a Paonessa forma una coppia di centrocampisti fra le migliori del campionato. «Ciccio lo conosco benissimo, abbiamo giocato assieme anche a Rossano. Però in questo momento c’è Giorgio Pistininzi che sta facendo benissimo, così come Crescibene un altro che lavoro sodo durante la settimana». Il Montalto finora Catalano lo ha prevalentemente seguito dalla tribuna. «A parte la partita d’esordio con la Vibonese, dove eravamo condizionati dai tanti problemi di formazione, per il resto abbiamo giocato della ottime gare. Ma siamo stati bersagliati dalla sfortuna: penso alla sfida con la Gelbison dove il gol subìto in pieno recupero non mi è sembrato dei più leciti; il rigore fallito nel finale con la Pro Cavese e il clamoroso furto del Messina domenica scorsa. Con un pizzico di fortuna in più, il Montalto invece dei 7 attuali, avrebbe dovuto avere tra i 10 e i 12 punti. Meritati. Al completo, appena tornerano Piemontese e Sifonetti, questo Montalto

stupirà tutti». Catalano è un altro dei tanti ex Cosenza che domenica tornerà al San Vito da avversario. Stagione 2002-2003, una partita in coppa Italia contro il Catania. «L’allenatore era Sala. A dicembre sono andato via, direzione Rossano. A fine stagione il fallimento del club e la mia scelta di andare a Rende. Proprio con i biancorossi mi sono preso la mia rivincita, vincendo al San Vito e centrando la promozione nella “vecchia”serie C2». Quello fra Catalano e il Cosenza non è stato un rapporto facile ma il centrocampista non porta rancore. «Noi siamo una matricola e loro la squadra più forte del campionato, assieme al Messina. Il discorso promozione, alla fine, sarà un discorso che riguarderà soltanto loro due. Il Cosenza va sempre rispettato, per la forza che ha e per il blasone. Ma allo stesso tempo nessun timore: noi andremo al San Vito per fare bella figura, con lo spirito che contraddistingue il Montalto. Noi quest’anno vogliamo toglierci qualche soddisfazione. Già da domenica prossima». Vincenzo Catalano è nato a Rossano (Cs) il 19 giugno 1984

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Centro del dottore Canonaco, ex medico sociale del Cosenza

Il primo anno del Cmr a Bologna COSENZA – Un anno di soddisfazioni per il Centro di medicina manuale nella città di Bologna. Giuseppe Canonaco, ex medico sociale del Cosenza calcio, ha festeggiato il primo anno di attività. Un evento speciale, con la presenza di numerosi atleti professionisti italiani e no, come Daniele Caimmi, Stefano La Rosa, campionedi cross,Anna Incerti, campionessa europea di maratona, Rosalba Consoli, vicecampionessa europea, e il campione olimpionico dei 5000 metri Niagabo Venuste, uno dei dieci uomini più velici al mondo. Una serata mondana, anche grazie all’incoraggiamento di tanti pazienti provenienti dal mondo dello spettacolo che hanno scelto il

Giuseppe Canonaco

Cmr di Bologna, da Maurizio Solieri, chitarrista di Vasco Rossi, a Ricky Portera, musicista a tutto tondo, chitarrista degli Stadio e chitarrista dell’indimenticabile Lu-

PRIMA CATEGORIA A

cio Dalla, e numerose modelle che hanno scelto il centro per la riabilitazione o per il solo body welness. Un esempio di eccellente sanità oltre i confini territoriali. «Un grazie anche agli amici di Cosenza - dice Canonaco - che hanno sostenuto il centro con simpatia e grande spirito di fratellanza e un grazie ai numerosissimi amici di Bologna, che hanno accolto lostaff conla consueta gentilezza, con autentica stima per le doti professionali ma anche e, soprattutto per quelle umane». Serata particolare per Felice Arieta (anche lui ex Cosenza), responsabile della fisioterapia del centro e indiscusso relation man nel contesto urbano bolognese.

Promozione A. Serve maggiore grinta

E il Corigliano prepara la sfida col San Marco Organico in crescita gara dopo gara Pacino dirige la seduta di allenamento dei suoi ragazzi

di MATTEO MONTE CORIGLIANO (Cs9 – Il Corigliano Schiavonea, dopo la trasferta di Lamezia contro la Promosport, ha ripreso ad allenarsi con grande determinazione. Pacino è al lavoro su molti aspetti, e la gara di domenica ha evidenziato in maniera netta pregi e difetti dei bianco azzurri. Alla formazione attuale, che almeno fino a dicembre non subirà variazioni ne in entrata che in uscita, è mancata la giusta cattiveria per portar a casa tre punti tutto sommato alla portata. Nulla da eccepire sulla voglia di fare risultato della Promosport vista in campo domenica, ma il livello tecnico dei bianco azzurri è certamente superiore. Arcidiacono comincia a girare ed a capitalizzare al massimo ogni pallone toccato, Brillante illumina, anche se ancora un po’ troppo a corrente alternata, Vasso combatte con grinta in ogni centimetro del campo. A centrocampo Triolo mette ordine, in difesa si sba-

glia pochissimo: insomma un ottimo team, con ricambi all’altezza. Ma per addormentare le partite e vincere senza rischiare bisogna mettere a segno il colpo vincente al momento giusto. Al momento la squadra di Pacino, per dirla con una metafora tennistica, ha il braccino corto. C’è classe, doti tecniche, ma a volte si ha l’impressione di vedere una squadra a corrente alternata, impegnata più a compiacersi dopo una triangolazione ben riuscita che a correre per recuperare un pallone perso. Sabato, contro il San Marco, tra le mura amiche, occorrerà badare al sodo, e cercare di imporre il proprio gioco dal primo all’ultimo minuto. Oggi è prevista una seduta di allenamento molto impegnativa, partita undici contro undici. Questa partita potrebbe dare allo staff tecnico chiare indicazioni sull’undici da schierare dal primo minuto nel prossimo incontro di campionato. © RIPRODUZIONE RISERVATA

PRIMA CATEGORIA B

6ª GIORNATA - 14/10, ORE 15,30

CLASSIFICA

Fiumefreddo-Young Boys Cassano Luzzese-Grimaldi Olympic Acri-Pietrafitta Orsomarso-Peppe Zaccaro Frascineto Parenti-Aprigliano Real Piane Crati-San Fili (13/10) Serrapedace-Bisignano Sp. Francavilla-Juvenilia Alto Jonio (13/10)

Luzzese Serrapedace Real Piane Crati Sp. Francavilla Y. B. Cassano San Fili Grimaldi Juvenilia Alto Jonio

9 9 7 6 6 6 6 5

Fiumefreddo Orsomarso Parenti Aprigliano Olympic Acri P. Zaccaro Frasc. Bisignano Pietrafitta

5 3 3 1 1 1 0 0

PRIMA CATEGORIA C

6ª GIORNATA - 14/10, ORE 15,30

CLASSIFICA

Cariati-Roccabernarda Santacroceravolo-Mirto Crosia Krosia-Cotronei Nuova Torre Melissa-Mesoraca Petronà-Casciolino 2007 Pro Catanzaro-Sant'Anna Pro Mesoraca-Cropani Scandale-La Sportiva Cariatese

Sant'Anna Cotronei L. S. Cariatese Roccabernarda Cropani Casciolino 2007 Santacroceravolo Pro Mesoraca

(13/10)

9 6 6 6 6 5 5 4

Mirto Crosia Cariati Petronà Pro Catanzaro Nuova Torre Melissa Scandale Mesoraca Krosia

4 3 3 3 3 2 2 0

PRIMA CATEGORIA D

6ª GIORNATA - 14/10, ORE 15,30

CLASSIFICA

Badolato-Campora Fronti-Raffaele Nicastro Laureanese-Pianopoli Petrizzi-Bivongi Pazzano Prasar-Marina di Nicotera Real Pianopoli-Galatro Serrese-Filogaso Stilese A. Tassone-Soriano 2010

Soriano 2010 Filogaso Fronti Badolato Petrizzi Campora Serrese Raffaele Nicastro

(13/10)

(13/10)

9 9 6 6 6 6 5 4

Stilese A. T. Marina di Nicotera Bivongi Pazzano Prasar Laureanese Pianopoli Galatro Real Pianopoli

4 4 3 3 3 1 0 0

6ª GIORNATA - 14/10, ORE 15,30

CLASSIFICA

Antonimina-Benestarnatilese (13/10) Bianchese-Deliese Caulonia 2006-Comprensorio Lazzaro Cittanovese-Locri (13/10) Palizzi-Bagnarese Real Acciarelcampese-Africo (13/10) Santa Cristina-Villa San Giuseppe (13/10) Taureana-Real (13/10)

Benestarnatilese Caulonia 2006 Taureana Deliese Palizzi Bagnarese Compr. Lazzaro Villa San Giuseppe

9 7 7 6 6 6 5 5

Santa Cristina Bianchese Real R. Acciarelcampese Locri Africo Cittanovese Antonimina

4 3 3 2 2 1 0 0


8

Mercoledì 10 ottobre 2012

VOLLEY

Serie A1 maschile. Intanto si muove il mercato: a Vibo potrebbe arrivare l’egiziano Badawi

Tonno Callipo, l’emozione di Lavia Una “prima” indimenticabile per il giovane talentuoso schiacciatore di Rossano di FRANCESCO IANNELLO VIBO VALENTIA – Una domenica da ricordare a lungo. Un’impresa storica che ha reso euforico l’inizio di settimana in casa Tonno Callipo Vibo. Una gioia per tutti, ma anche e soprattutto per Antonio Lavia, classe 1994, 18 anni da compiere a dicembre. Quello del gioiellino di Rossano è stato un esordio speciale coronato dalla prima volta in campo in un palazzetto come il PalaTrento e con il dolce sapore della vittoria. In lui la società punta molto, a partire da Blengini e del resto Lavia è davvero un giovane di talento. Sull’argomento è intervenuto il supervisore generale, Michele Ferraro. «Domenica per me è stata una serata veramente speciale sia per la storica vittoria sia per l’esordio di Antonio che è stato la classica ciliegina sulla torta. Ho conosciuto Antonio nel 2008 e da allora ho avuto il piacere di seguirlo personalmente e in alcune occasioni anche di dovermi sostituire ai suoi genitori. Anche per questo sono felicissimo di questo esordio; penso che si tratti di un giovane con grandissime potenzialità che, sono sicuro, farà parlare di sé negli anni a venire. Certamente - aggiunge Ferraro - questo è solo l’inizio di un lavoro lungo e difficile e spero che il tempo premi il suo carattere e soprattutto il suo grande coraggio. Desidero condividere questo mio stato d’animo con i nostri tecnici Tonino Chirumbolo, che lo ha avuto all’inizio della sua carriera, e Claudio Torchia con il quale ha lavorato intensamente negli ultimi due anni». Ed ecco il commento dello stesso Lavia: «È stato molto emozionante per me scendere in campo a Trento. Ringrazio coach Blengini che quest’anno ha fortemente voluto che io facessi parte

A2 maschile. Sorrisi in casa Caffè Aiello

De Patto e Fabroni esaltano Corigliano «E Padura Diaz è stato fantastico» di ALFONSO LABONIA CORIGLIANO (Cs) – A tre giorni dalla splendida prestazione di Loreto in casa rossoneraè tempodianalizzare con calma il match. Buona sicuramente la prestazione in attacco e a muro, si è sofferto un po’in ricezione, molto bene grazie anche alla vena in fase punto dell’italo-cubano Padura Diaz, miglior realizzatore con 18 punti, in campo dal primo punto, così per come deciso da coach Jeliazkov, al posto di Giombini (out per un problema fisico che lo ha bloccato durante la settimana). Buona la prova, nel complesso, anche dell’olandese volante Van Garderen che, come mostrato anche in fase precampionato, ha confermato di essersi subito ambientato con la sua nuova squadra. Ok anche Marretta, con 13 palloni a terra e molta grinta in campo riversata anche per spronare i compagni. Queste le parole del direttore sportivo della Caffè Aiello, Pino De Patto: «Abbiamo fatto un piccolo passo in avanti in un torneo che sarà difficilissimo. Abbiamo ancora molto da lavorare per migliorarci. Per adesso comunque ci godiamo questi tre punti e, poi, si torna in palestra. Un plauso va a Padura Diaz, che domenica ha raccolto i frutti di un grande lavoro d’allenamento fatto in estate». Grande soddisfazione è stata espressa anche dal

Mohamed Badawi “El Moneim” in azione (foto tratta dal sito fivb.org)

della prima squadra. Non dimenticherò mai l’opportunità che mi è stata offerta e cercherò di contraccambiarla con impegno e dedizione. Un pensiero particolare - dice un emozionatissimo Lavia lo dedico alla mia famiglia che ha accettato che io la lasciassi quando avevo 14 anni e ho deciso di vivere questa esperienza a Vibo, così come ringrazio la mia prima società di Rossano, dove ho iniziato la mia attività. In questi anni - aggiunge il giovane giallorosso - ho avuto modo di fare molte esperienze: dai raduni con la Nazionale, alle finali di categoria, al quarto posto del Trofeo delle Regioni, e di lavorare con tecnici competenti come Tonino Chirumbolo e Claudio Torchia. Sono onorato di poter vestire la maglia della Tonno Callipo, una società della mia regione con un presidente come Pippo Callipo».

Novità di mercato in casa Tonno Callipo. Secondo alcuni rumors dei ben informati pare che a Vibo possa arrivare il tanto agognato terzo schiacciatore. Il nome è quello di Mohamed Badawi “El Moneim”, classe 1986, schiacciatore alto 1,97 cm. Un giocatore di livello internazionale che milita nello Zamalek Cairo, club col quale si appresta a disputare il mondiale per club in programma a Doha. Nazionale egiziano, miglior ricevitore nella Champions League africana 2009, ma soprattutto martello dal braccio pesante. Nel 2009 sempre a Doha, sempre nel mondiale per Club, uno scatenato Badawi mise paura ai futuri campioni del mondo di Trento timbrando qualcosa come 27 punti. Dovesse essere lui il terzo schiacciatore a Vibo ci sarebbe davvero da divertirsi sul serio. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Il ds Pino De Patto

palleggiatore dei rossoneri, Marco Fabroni, anche lui autore di un ottima partita: «Non potevamo iniziare meglio, nonostante un campo difficile come quello di Loreto e Giombini fuori. Padura Diaz ha fatto un’ottima partita, abbiamo incontrato una squadra forte, lottato nei primi due set punto a punto, poi nel terzo abbiamo preso il largo e credo meritatamente vinto. Iniziare così ti dà un’iniezione di fiducia niente male. Cercheremo di vincere sempre, ogni partita, e di lottare per le posizioni di alta classifica». Alla prima uscita stagionale la Caffè Aiello ha mostrato ai suoi avversari di avere muscoli e grinta da vendere, qualità probabilmente anche trasferite da coach Jeliazkov e, rispetto agli altri anni, di non subire affatto il fattore trasferta. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonio Lavia, 18 anni

A2 femminile. Archiaviato il ko con Mazzano B2 maschile. Troppi infortuni, niente test con Lamezia

Diomede rialza il Soverato Cosenza salta la prima? «A San Casciano il riscatto» Lo Squinzano potrebbe annunciare il ritiro di DANIELA CRITELLI

mossa arrivata in Calabria entusiasta e che ha giocato a viso aperto». La forte centrale lombarda è consapevole SOVERATO (Cz) –Che sia rimasto l’amaro in bocca per la prestazione di domenica è chiaro che il gruppo di cui fa parte è giovane e necesa tutti ma lo stesso timoniere del Soverato, sita di fiducia: «Non bisogna disperare, siaMarco Breviglieri, lo aveva preannunciato, mo solo alla prima gara e una sconfitta ci può affermando che la gara contro Mazzano sa- stare. È normale che chi ci segue vorrebbe rebbe stata aperta a qualsiasi risultato. Certo sempre vederci vincere ma bisogna considequando al primo turno si affronta una neo rare che questa è la seconda partita che giochiamo considerato che nella promossa, che viaggia sulle ali gara di andata con la formaziodell’entusiasmo e non ha nienne siciliana in campo è sceso un te da perdere, una sconfitta è sestetto rimaneggiato per mopreventivabile e lo sa bene Sovetivi burocratici. Dobbiamo anrato che ha mostrato, anche cora amalgamarci al meglio e con Mazzano, gli stessi problelavoreremo in questa direzione mi della gara contro Marsala ma continuo a credere nelle poanche se la formazione ionica è tenzialità di questo gruppo». sembrata, inizialmente, molto Nota positiva per la formaziopiù determinata a portare a cane ionica le prestazioni a muro sa il risultato. delle centrali, fondamentale nel Con il capitano biancorosso, quale sia la Diomede che la Trala centrale Valeria Diomede, vaglini hanno fatto davvero beanalizziamo una sconfitta, anne anche nella gara di esordio. cora più bruciante perché rime«Siamo contente delle nostre diata sul parquet amico del Paprestazioni nel a muro - dice la laScoppa, che ha incitato le sue Diomede - segno che abbiamo beniamine fino all’ultimo Valeria Diomede, 32 anni fatto bene durante la preparascambio. «È stato un esordio amaro - afferma capitan Diomede - anche zione. Ora bisogna lavorare per ottenere gli perché abbiamo giocato davanti al nostro stessi risultati anche negli altri fondamenpubblico. Nelle gare precedenti con il Marsa- tali». E per la prossima gara i propositi della la, in coppa Italia, siamo riuscite a centrare la biancorossa sono chiari: «Proveremo a tiravittoria e il passaggio del turno seppur in re fuori il carattere mostrato nelle gare con il grande sofferenza, domenica, invece, ci è Marsala ed è certo - conclude la centrale bremancato proprio il carattere, avremmo do- sciana - che faremo il 100% per provare a vinvuto avere maggiore determinazione sotto cere il prossimo match col San Casciano». rete per provare a contrastare una neo pro© RIPRODUZIONE RISERVATA

COSENZA – È saltata l’amichevole tra la Carrefour Lamezia e la DeSetaCasa Cosenza programmata per oggi al pala Marconi di Lamezia. Problemi fisici accusati da vari atleti ne hanno consigliato il rinvio a data da destinarsi. Ciccio Piccioni e Luigi Porfida, infatti, hanno accusato problemi muscolari e non sarebbero stati della partita, così come Diego Andropoli, alle prese con un problema muscolare alla schiena, ancora fermo ai box. Intanto Cosenza continua a lavorare in vista dell’avvio del campionato. La prima uscita rossoblù sarebbe in trasferta in quel di Squinzano. Il condizionale si obbliga perché dalla Puglia arrivano voci che vorrebbero la formazione pugliese pronta a ritirarsi dal campionato prima dell’avvio. Ipotesi che se trovasse conferma sarebbe una iattura per tutto il torneo. Un campionato con una squadra in meno sconvolgerebbe i piani di tutte le società e fornirebbe ancora una volta la faccia triste della crisi che attanaglia la

Coach Zoran Jeroncic

pallavolo. Ma l’allenatore Zoran Jeroncic pensa poco a questa eventualità. Il suo pensiero è rivolto al lavoro della squadra, ai miglioramenti a cui la stessa è chiamata. Un lavoro continuo, incessante sui fondamentali che alla lunga porterà enormi benefici al gioco della squadra. Intanto, si sono aggregati alla prima squadra, or-

mai quasi costantemente, nelle sedute di allenamento alcuni giovani della Cosenza pallavolo che giocheranno il torneo di serie D e il campionato Under 19. Si tratta di giovani di buone qualità che rispondono al nome di Ceravolo, Longo, Mirabelli e Ferrise. Ognuno ben costruito per il ruolo che saranno chiamati a svolgere nel campionato di competenza. Giovani di prospettiva il cui merito principale va ai loro attuali allenatori Perri e Andropoli, senza trascurare la buona base tecnica data dal loro primo tecnico, Dario Rovito che li ha svezzati al gioco del volley. Ieri in palestra tanto lavoro tecnico. Marano a torchiare i liberi e Jeroncic a tenere in tensione il muro e la difesa. I due tecnici mettono tanta passione nel lavoro settimanale e la squadra che non vuole deludere questa passione mette tanto sudore ed energia. Tutto in attesa di sapere se domenica la DeSetaCasa Cosenza sarà in campo oppure no. r. a. © RIPRODUZIONE RISERVATA


Mercoledì 10 ottobre 2012

9

BASKET

Dna. Bolignano conferma lo stesso quintetto di domenica scorsa: unico assente Zampolli

Viola, c’è l’ostacolo Mirandola Gli emiliani a caccia del primo successo: una insidia in più per i reggini di MARIO VETERE

La Viola Reggio Calabria durante un time out

REGGIO CALABRIA – Ancora un impegno esterno per la Viola, di scena questa sera alle ore 20.30 in terra emiliana, sul parquet del Mirandola, formazione ancora alla ricerca della prima vittoria in campionato. Che la stagione di A dilettanti fosse dura e impegnativa già si percepiva dalla composizione geografica delle squadre partecipanti, distribuite uniformemente su tutta l’Italia. Il calendario delle gare conosce poche soste, tant’è che la squadra reggina ha optato per rimanere fuori casa per preparare al meglio la partita di questa sera. I nero-arancio sono reduci dalla vittoria esterna contro Omegna giocata a Verbania, in Piemonte, domenica scorsa. Coach Bolignano e lo staff societario, proprio per evitare ulteriori e faticosi viaggi, ha preferito far trasferire

la squadra direttamente nei pressi di Mirandola per preparare la gara di questa sera. La sfida contro gli emiliani si presenta con molte incognite, legate principalmente alla voglia di riscatto della formazione di coach Tinti, sconfitta sia nell’esordio contro Ferrara che nella trasferta in Sicilia contro Agrigento. Per i reggini c’è da valutare il grado di reazione dei padroni di casa che proprio contro la Moncada hanno impressionato per l’approccio alla partita, soprattutto nei primi due quarti. Il gioco del Mirandola si affida principalmente al quintetto base, formato da Pilotti, Venturelli, Pignatti, Losi e Mancin, con qualche rotazione dalla panchina affidata principalmente a Sgobba e Mantovani. In casa Viola si presenta la stessa situazione della gara contro Omegna, con l’assenza di Zampolli che costringerà coach Bolignano a chiede-

re di più a tutto il reparto piccoli, soprattutto in termini offensivi. La determinazione dei giocatori nero-arancio vista nell’ultima partita di campionato, sembra dare maggiore ottimismo ai tifosi reggini, desiderosi di scoprire le reali potenziali di questa nuova Viola che rivedremo in casa, domenica prossima, contro Matera alle ore 12.00. Per la sfida di questa sera arbitrerà la coppia, Saraceni-Maschio. Queste le probabili formazioni: DINAMICA MIRANDOLA: Pilotti, Venturelli, Pignatti, Losi, Mancin, Sgobba, Mantovani, Vorzillo, Mazic, Fantinelli. Allenatore: Tinti. VIOLA REGGIO CALABRIA: Mariani, Ammannato, Caprari, Fontecchio, Fabi, Germani, Quaglia, Rappoccio, Viglianisi, Scozzaro. Allenatore: Bolignano. © RIPRODUZIONE RISERVATA


10

Mercoledì 10 ottobre 2012

VARIE

Volley coppa Calabria. Maschile: Rende, Lamezia, Roccella, Catona, Cetraro, Soverato, Pizzo e Palmi

Le 16 squadre che volano ai quarti Donne: Paola, Pizzo, Palmi, Castrovillari, Cosenza, Crotone, Lamezia e Reggio di SAVERIO ALBANESE PALMI (Rc) – La terza eultima giornata della prima fase della 22ª edizione della coppa Calabria ha completato il quadro delle otto formazioni che in campo maschile e femminile continueranno la corsa ai quarti di finale per la conquista dell’ambito trofeo vinto nella ultima edizione dalla Pallavolo Crotone in campo femminile e Golem Cinquefrondi in quello maschile. I verdetti conclusivi hanno promosso nel volley rosa la Pallavolo Paola, Pizzo Dream Volley, Eurofiscon Palmi e Bioresolve Avolio Volley Castrovillari come migliore seconda, che si uniscono alle già promosse Infotec Service Cosenza, Pallavolo Crotone, Asd Volleyball Lamezia e Cuore Reggio Calabria. Nel torneo maschile proseguono l’avventura la Pallavolo Milani Rende, Next Atlas Asd Lamezia, 18 Karati-Volley Roccella e Graphic Neon Catona seconda miglior classificata che raggiungono Don Russo Volley Cetraro, Fuosion Volley Soverato, Athletes Wordl Pizzo e Susan Bowling San Nicola Palmi. Il torneo femminile è stato avaro di sorprese con le otto formazioni qualificate che disputano il massimo torneo regionale femminile, mentre le sorprese sono arrivate dal torneo maschile dove Susan Bowling San Nicola Palmi, Athletes Wordl Pizzo e 18 Karati-Volley Roccella, formazioni che militano in serie D, hanno passato il turno vincendo con merito i rispettivi gironi. Nella giornata conclusiva si registrano le vittorie col più classico dei punteggi della Eurofiscon Palmi contro la matricola Costa Viola Volley Villa San Giovanni (25-11, 25-17, 25-15), la Pallavolo Crotone sulla Asd Volley Fidelis (25-9, 25-16, 25-22), la Asd Lamezia nel

derby contro Asd C. S. Giovanile (25-9, 25-22, 25-16), il Pizzo contro Dream Volley sulla Paper Moon Siderno (25-17, 25-19, 25-19) e del Castrovillari nell’unico exploit esterno sul campo del Cus Cosenza prezioso per il passaggio del turno (0-3 con parziali di 26-28, 14-25, 22-25). La tetragona formazione del Cuore Reggio Calabria in rimonta nella stracittadina contro l’Ottica Mandelli (2628, 25-17, 25-15, 25-16); l’altro derby reggino sorride alla Futura che in quattro parziali ha avuto ragione della Virtus 1962 (26-28, 25-16, 25-18, 25-15). Il derby cosentino premia con meritola Pallavolo Paola che liquida la pratica Gm Volley Cosenza ancora in fase di rodaggio in quattro parziali (25-14, 25-17, 12-25, 25-11), così come la neopromossa Infotel Service nella stracittadina sulla DeSetaCasa Cosenza (25-18, 25-20, 21-25, 25-12). Molto incerto e combattuto il match tra le catanzaresi della Stella Azzurra e le lametine della Atlas Tecagas vinto dopo due ore e mezzo dalla

formazione di casa al tiebreak (25-18, 13-25, 25-20, 16-25, 19-17). Nel torneo maschile da segnalare la convincente affermazione della Milani Rende contro la DeSetaCasa Cosenza 3-1 (24-26, 25-23, 19-25, 20-25) nella contesa agonisticamente più combattuta; ai fini della qualificazione prezioso successo anche per la Graphic Neon Catona che supera senza troppi patemi d’animo i giovanissimi reggini della Mymamy (25-20, 25-20, 2514); stesso identico punteggio col quale lo Spes Praia Volley “griffa” il successo sulla Scuola Volley Paola (25-22, 25-21, 25-17); il derby lametino premia la maggiore tenacia della Nest Atlas Asd che rifila un perentorio 3-0 all’Asd Lamezia Volley (25-18, 25-18, 25-19). Il derby Jonico premia 3-1 (30-28, 25-18, 18-25, 25-23) il 18 Karati Roccella guidato da Vincenzo Carrozza sulla più quotata formazione del Bovalino che vale una insperata quanto meritata storica qualificazione ai quarti. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Tennis. A Castrovillari 118 i partecipanti

A Zurzolo il primo memorial intitolato a Vinicio Falcone Finale combattuta con Manlio Belgrado di MICHELE MARTINISI

Mariangela Neri (Mandelli RC)

AUTOMOBILISMO Un Iaquinta da applausi nella Formula Renault 2000 al Mugello CASTROVILLARI (Cs) – Bellissima gara per il castrovillarese Simone Iaquinta nel campionato italiano Formula Renault 2000 sul circuito del Mugello dove in gara1 ha sfiorato il podio (quarto) e in gara2 si è confermato essere nella top ten. Un risultato che lo stesso pilota castrovillarese definisce «di rilievo». In particolare la prima manche dove «mi aspettavo e sapevo di poter fare ancora meglio; partivo sesto e ho concluso quarto non senza qualche problemino accusato al motore soprattutto sui rettilinei (perdevo circa 10 Km/h di velocità) che non mi ha permesso di attaccare la “Top 3”». Ma anche la seconda manche rimane una gara condotta al massimo. «Purtroppo i problemi avuti in gara1 al propulsore non sono stati risolti con le modifiche apportate dai tecnici del motore. Partito ottavo ma dopo un bell’avvio ero già quinto alla prima curva; ho fatto una gara tutta in difesa e alla fine ho chiuso decimo. Ringrazio la Renault sport Italia e il team Oregon che come premio per essere stato sempre veloce anche con qualche difficoltà, mi hanno concesso come premio un test gratuito con la Megane Trophy il peossimo 22 ottobre a Barcellona, tra l’altro il giorno del mio compleanno». m. m. Simone Iaquinta alla guida del suo bolide

CASTROVILLARI (Cs) – Giancarlo Zurzolodel Tennis Club Lamezia è il vincitore del 1° memorial Vinicio Falcone, torneo di tennis nazionale riservato agli atleti di terza e quarta categoria disputato al campo del Queen’s Tennis club presso il Centro sportivo Casa del Ferroviere a Castrovillari. Ben 118 i partecipanti provenienti da tutte le province calabresi e lucane, suddivisi nelle categorie di singolare maschile,doppio misto e doppio maschile, e un torneo amatoriale di singolare maschile riservato agli atleti castrovillaresi. Il torneo è stato dedicato alla memoria del compianto e indimenticato Vinicio Falcone, un grande appassionato di tennis ottimo giocatore, uno dei pionieri di questo sport a Castrovillari. È stata la moglie Teresa a premiare il vincitore del torneo che ha consegnato un bellissimo dipinto di suo figlio al vincitore assoluto. Zurzolo ha battuto in finale Manlio Belgrado dell’Asd Rossano sport, classifica 3.5, che ha tenuto testa al più giovane avversario, in un match intenso e spettacolare arrendendosi,

però, con il punteggio di 63, 6-4. Il terzo posto se l’è aggiudicato il fratello Fulvio Belgrado, mentre il quarto posto è andato ad Amedeo Stasi, del Tc Castrovillari. Nel doppio maschile, ha confermato la sua supremazia la coppia Carlo MedurieGian Piero Senatore superando in due set (6-4, 6-3) la valida coppia composta dall’atleta di casa, Giovanni Gugliotta e Nunzio Tripoli del Sc Corigliano. Terzo posto per Damiano CovellieTonino Colacidel Tc Queen’s, mentre la quarta posizione è stata raggiunta da Mario Rainis e Giuseppe Gallicchio del Ct Altomonte. Nel tabellone riservato ai non classificati, la vittoria è andata a Giuseppe “Marat” Panebianco del Tc Castrovillari che ha avuto la meglio su Davide Greco di Cirò Marina, tesserato con il Tc Crotone, 4-6, 6-3, 6-2 il risultato finale. Terzo posto per Romoaldo Panebianco del Tc Castrovillari e quarto posto per Antonino Ponticelli del Tc Laino Borgo. Il doppio misto è andato alla coppia Damiano Covelli e Patrizia Trudu, del Tc Queen’s , che hanno superato Francesco e Viviana Tommasini con il punteggio di 6-4, 6-7, 6-1.

Doppio maschile alla coppia Meduri-Senatore

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Judo. La Kodokan Cosenza domina a Paola Calcio a 5 - serie C2. Aggredito l’arbitro De Luca

Under 23, ecco gli 8 calabresi Botte da orbi e partita sospesa qualificati per le finali di Rimini Città di Fiore-Popily era sul 2-2 di FRANCESCO OLIVERIO

Da sinistra: il maestro Gianluigi Rota, Antonio Scarpelli, Samuele Petitto ed Eugenio Giordano

di ANDREA TRAPASSO PAOLA (Cs) – Entra subito nel vivo l’attività agonistica dello judo dopo la pausa estiva. Il primo impegno per gli atleti calabresi si è tenuto a Paola e ha visto come protagonisti le categorie maschili e femminili degli Under 23, che si sono sfidati nelle qualificazioni per le finali nazionalidi Riminiin scenai prossimi27 e 28 ottobre. La Kodokan Cosenza riprende da dove aveva terminato la scorsa stagione, dominando la competizione e collocandosi al primo posto della classifica società a quota 52 punti, seguita poi nell’ordine da Fortitudo Reggio Calabria (20 punti), Amici della Polizia Vibo Valentia (16), Judo Club Paola (16) e Judo Milone Crotone (10). Il team bruzio stacca tre biglietti per la tra-

sferta romagnola con Samuele Petitto (kg 66), Antonio Scarpelli (kg 73) ed Eugenio Giordano (kg 81), costretto ad eliminare in finale il compagno di squadra Emilio Morrone. Conquista il pass per Rimini anche Vincenzo Filippo (kg 90) del Judo Club Paola, mentre nei 100 kg si qualifica il vibonese Marco Villapane. Nella categoria femminile doppio colpo della Fortitudo Reggio Calabria che qualifica Jolanda Bellerè (kg 52) e Debora Sala per i pesi massimi, mentre nei 70 kg è vincente la crotonese Giuseppina Macrì, che batte in finale la cosentina Valeria Giordano. In attesa delle finali le squadre calabresi saranno impegnate domenica prossima nel trofeo “Città di Lamezia Terme”, riservato alle categorie Ragazzi ed Esordienti B. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

SAN GIOVANNI IN FIORE (Cs) – Botte da orbi e partita sospesa nel Girone A della serie C2 di Calcio a 5 a San Giovanni in Fiore, tra la Città di Fiore e il Popily, con l’arbitro De Luca di Paola, che ha sospeso la gara sul punteggio di 2-2. Gli animi durante l’incontro si sono surriscaldati dopo un calcio di punizione dal limite del Popily con una baruffa tra il gialloblù Giovanni Madia e un difensore, da qui un’espulsione temporanea e la reazione della panchina dei cosentini, che è entrata in campo. Il tutto mentre i tifosi ospiti sono entrati in campo con la situazione che è precipitata, con l’arbitro che è stato colpito da un giocatore della Popily, prima di essere scorato dai dirigenti di casa negli spogliatoi. Solo l’intervento dei carabinieri della locale stazione ha riportato la calma, con la società sangiovannese che ha decretato un silenzio stampa, in attesa delle decisioni da parte del Giudice sportivo del Comitato regionale della Figc.

Foto di gruppo per la Città di Fiore 2012-2013

Un episodio “increscioso”, che ha macchiato una splendida giornata di sport con la Città di Fiore, che era attesa alla prima gara casalinga del campionato dopo il prezioso pareggio di Pietrafitta (2-2). Solo a tarda ora, l’arbitro De Luca ha lasciato gli spogliatoi, accompagnato dai dirigenti sangiovannesi. Un week-end triste, dunque, per il futsal calabrese, che sempre più si vede raccontare fatti di cronaca, che nulla hanno a che fare con lo sport. Ma prima delle decisioni

degli organismi della giustizia sportiva calabrese, previste per oggi, i ragazzi della Città di Fiore, oggi sono attesi all’appuntamento casalingo in coppa Italia contro il Kroton guidato da De Santis, con la possibilità di pensare al calcio giocato. Il trainer forense Umberto Federico avrà a disposizione l’intero organico. Un motivo in più per ripartire subito, per cercare di dimenticare quanto prima una delle pagine più brutte dello sport sangiovannese. © RIPRODUZIONE RISERVATA


11

VARIE

Mercoledì 10 ottobre 2012

Calcio a 5 femminile - serie A. Di Anto Zavettieri la rete della bandiera. Domenica c’è il Taranto

Il Locri non ha scampo a Palermo Le ragazze amaranto, al debutto nel massimo campionato, finiscono ko LOCRI – Non è bastata la rete di Anto Zavettieri. Una marcatura storica, la prima in serie A, per le ragazze dello Sporting Locri, uscite sconfitte dal match inaugurale giocato a Palermo e perso per 4-1. Un ko che non ha comunque intaccato le sicurezze delle ragazze amaranto, che hanno evidentemente pagato l'impatto con la massima serie. Il team del tecnico Armeni è scesoin campocon Ceravolo tra i pali, Imma Sabatino in cabina di regia, sugli esterni Anto Sabatino e Valentina Minciullo, il pivot Azzurra Agostino. In panchina: Valentina Tenio, Daniela Taverniti, Anto Zavettieri, Daniela Babuscia, Valentina De Leo. Nonostante la sconfitta, che ci sta alla luce della superiorità manifestata dalle ragazze palermitane, la squadra ha espresso una prestazione apprezzabile, sebbene si debba migliorare in tanti spetti. D'altra parte tutta la rosa portata da Armeni esordiva per la prima volta in serie A e tutto sommato nonostante la “sofferenza” non ha demeritato la categoria. Si sono distinte in particolar modo sia il portiere Ceravolo, autrice di notevoli parate che hanno tenuto la squadra “aggrappata” al punteggio, sia il centrale Babuscia: la numero 3 amaranto sta vivendo una seconda giovinezza a Locri, segno che forza di volontà e umiltà pagano sempre. Così a fine gara il tecnico Armeni: «Prima di tutto complimenti al Cus Palermo, è davvero una bella squadra. Io mi ritengo soddisfatto nonostante la sconfitta perché sapendo che noi siamo ancora un cantiere aperto, si può davvero provare a fare l'impresa visto come è andata la gara di Palermo. C'è solo tanto da lavorare e soprattutto da restare sereni, abbiamo visto il livello e ora dobbiamo portare il nostro su quei livelli. Dopo tanta gavetta e tanti sacrifici, c'è un'enorme soddisfazione

Tennistavolo serie B1. Campani più forti

Mondello non basta Dmt Petroli sconfitta Prevedibile ko con il S. Espedito di ROBERTO SAVERINO

Per le ragazze dello Sporting Locri un debutto con sconfitta in quel di Palermo

far parte di questi ambienti. Sono rimasto anche contento e ringrazio i 20 tifosi amaranto giunti a Palermo». Il capitano Daniela Taverniti ha sottolineato il fatto che tutte erano molto emoziona-

te: «Solo adesso ci rendiamo conto dove siamo e sappiamo che dobbiamo lavorare molto. Siamo determinate a far del bene mostrando le nostre qualità, cercando di dare sempre il massimo».

Nel prossimo turno lo Sporting Locri riceverà, domenica alle 17,00 al palasport cittadino, il Real Statte di Taranto (vice campione d'Italia). r. s. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

TUFFI Mondiali juniores, 7° Tocci e 17ª la Bilotta COSENZA – Un altro settimo posto, stavolta dal trampolino sincronizzazione metri tre, per Giovanni Tocci ai Mondiali juniores in corso di svolgimento ad Adelaide in Australia. Un piazzamento che fa il paio con il settimo posto con cui il tuffatore ha chiuso la gara dal trampolino da tre metri. In coppia con Gabriele Auber, l’atleta della Tubisider Cosenza e dell’Esercito Italiano ha totalizzato 293.67 punti. Rammarica il fatto che la zona podio sia rimasta lontano di soli dodici punti, nonostante la buona prestazione. Oro ai britannici Daley-Laugher (338.35), argento ai russi Kuzmin-Popkov(307.92), bronzo agli australiani Barnard-Taylor(305.88). Diciassettesima su 34 partecipanti Laura Bilotta (nella foto) al suo esordio mondiale dal trampolino metri uno e finale mancata di sette lunghezze con 362.30 punti. Sul podio nell’ordine, le cinesi Liu Jiao(421.00) e Chen Yagi(416.55) e l’australiana Brittany Broben(415.95) che per soli 0.25 punti, ha strappato il bronzo all’italiana Elena Bertocchi che aveva chiuso al primo posto i preliminari. Oggi toccherà ancora a Laura Bilotta dal trampolino metri tre e al fratello Francesco impegnato dal trampolino metri uno. Francesco Catizone

Tennistavolo serie C1. Che bravo Perri

VIBO VALENTIA – Una sconfitta prevedibile, anche se con maggiore attenzione e fortuna in alcuni momenti topici della gara si poteva mettere maggiore pressione agli avversari per giocarsela fino alla fine. Comincia con un ko l'avventura della Dmt Petroli TT Piscopio nel torneo di Serie B1. A battere i ragazzi del presidente Totò Carnovale è stata la formazione del S.Espedito Napoli, una delle candidate alla vittoria finale. Un ko come da pronostico, insomma, alla luce del valore degli avversari: Mattia Galdieri (classificato 2ª categoria numero 104) ed i fratelli Davide e Alessandro Gammone (entrambi 2ª categoria, rispettivamente 53 e 87). Tutti e tre avanti in classifica rispetto ai giocatori vibonesi: Concetto Testiera (2ª categoria, numero 115), Marcello Mondello (3ª categoria numero 189) e Corrado Mastroianni (numero 213, 3ª categoria). Non è bastata, alla Dmt Petroli, la prova super di Marcello Mondello, capace di regolare Alessandro Gammone e Mattia Galdieri, vincendo entrambi gli incontri disputati. Solo sconfitte per Mastroianni e per il nuovo acquisto del club, l’esperto Concetto Testiera. Archiviata questa battuta d’arresto, sabato prossimo c'è la possibilità di ri-

Marcello Mondello (foto Lo Gatto)

scattarsi con il Brindisi, sulla carta avversario inferiore alla Dmt Petroli. Una sfida da vincere in chiave salvezza, visto che questo è l’unico obiettivo della squadra vibonese. Risultati 1ª giornata: Fiaccola Castellana Grotte Top Spin Messina 2-5, Casamassima - Solarino Siracusa 2-5, TT Brindisi Astra Valdina Messina 0-5, S.Espedito Napoli -Dmt Petroli TT Piscopio 5-2. Classifica: Astra Valdina Messina, Top Spin Messina, Solarino Siracusa e S.Espedito Napoli 2, Dmt Petroli TT Piscopio, Casamassima, Fiaccola Castellana Grotte e Brindisi 0. Prossimo turno: Top Spin Messina - Casamassima, Astra Valdina - Fiaccola, Solarino - S.Espedito Napoli, Dmt Petroli TT Piscopio TT Brindisi. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Tennistavolo serie C2 Tennistavolo serie C2 Tennistavolo serie D

La Edil Arena dà spettacolo Il Galaxy Reggio sciupa tutto

Antares Crotone Gli Amatori già in forma Reggini A Cassano si aggiudicano sfida in famiglia il derby

VIBO VALENTIA – Due vittorie e altret- set a zero per il proprio avversario. Di tanti ko. Comincia così l'avventura delle Marco Colica gli altri due punti degli squadre calabresi nel girone Q del cam- Amatori Reggini, la cui formazione era pionato nazionale di Serie C1. Un bilan- composta anche da Francesco Falsone. Vince in trasferta pure il TT Piscopio cio che non soddisfa per l'incredibile ko della Polisportiva Galaxy di Reggio Cala- che in questo torneo gioca con il marchio bria, caduta ad Acireale dopo essere stata della Edil Arena Big Mat. I ragazzi prelein vantaggio per 4-2. Luca Migliardi, vati dal Luzzi e guidati da Gerardo Mondello s'impongono a Giuseppe Neri e AlesMessina contro la sio Cuzzocrea si sono Pingnet regalando persi sul più bello, cespettacolo e ottimi dendo gli ultimi tre colpi. A trascinare il incontri. Brucia, in gruppo il talento di particolare, la sconEros Perri, autore di fitta di Cuzzocrea, che ben tre punti, menin vantaggio di due tre Moris Federico e set, si è fatto rimontaSteven Fiore hanno re dal siciliano Giudicompletato l'opera ce e anche Neri, nella conquistando un gara decisiva, ha cepunto a testa. duto al quinto set, con Risultati 1ª giornal'ultimo set condotto ta: Acireale - Galaxy punto a punto e per- La formazione della Edil Arena Big Mat 5-4, Catanzaro - Euduto per 9-11. Netta, invece, la sconfitta del TT Catan- reka Catania 1-5, Pingnet Messina - Edil zaro checede incasa aipiù titolatisicilia- Arena TT Piscopio 2-5, Albatros Zafferani dell'Eureka Catania per 1-5. Di Santo na - Amatori Reggini 4-5. Basile l'unico punto dei catanzaresi. Classifica: Eureka Catania, Edil Arena Nulla da fare, invece, per Giovanni Mar- Big Mat, Amatori Reggini e Acireale 2, Galaxy, Albatros Zafferana, Pingnet, tino e Antonio Celi. Sofferta, ma meritata l'affermazione Catanzaro 0 degli Amatori Reggini che si impongono Prossimo turno: Galaxy - Catanzaro, all'ultimo set contro l'Albatros Zaffera- Pingnet - Acireale, Eureka Catania na. Atrascinare i reggini èstato Salvato- Amatori Reggini, Edil Arena - Albatros re Amato, che ha conquistato tre punti e Zafferana. che è stato capace di vincere l'ultima garo. s. ra, quella decisiva, rimontando da due ©RIPRODUZIONE RISERVATA

VIBO VALENTIA – Nella sfida in famiglia disputatasi nella scuola media di Lauropoli Antonio Mastroianni, Francesco Tucci e Antonio Rosario Lombardi hanno avuto la meglio su Antonio e Ivan Sallorenzo e Luca Lombardi, tutti del Cassano. L'Antares Crotone con Martino Giordano, Gianluca e Domenico Visone ha travolto il Catanzaro, ma Antonio Pane, Simone Cavallaro e Alessio Morrone hanno retto l'urto, tanto che tre gare si sono concluse al quinto set e pure negli altri match vi è stata una fiera resistenza. A Spezzano Albanese, invece, la Bashkim pareggia con il New Kroton per 3-3. Per i locali due punti per Paolo Cucci ed uno per Andrea Longo, mentre per gli ospiti due punti per Antonio Cusato e uno per Mariano Occhipinti. Risultati 1ª giornata: Cassano A - Cassano B 6-0, Catanzaro - Antares Crotone 0-6, Bashkim - New Kroton 3-3. Ha riposato: Castrovillari. Classifica: Antares e Cassano A 2, Kroton e Bashkim 1, Castrovillari, Catanzaro e Cassano B 0 Prossimo turno: New Kroton Catanzaro, Antares- Castrovillari, Cassano B - Bashkim. Riposa Cassano A. ro. s.

VIBO VALENTIA – Nel girone Sud del torneo di C2, buon debutto per la Dmt Petroli TT Piscopio che batte il TT ed Altro grazie ai punti dell'esperto Antonio Rovere e dei giovani Andrea Gentile e Pierfrancesco Pace. Il Polistena (non bastano i punti di Silvestro e Ferrari) cade in casa dell'Atlantide (due punti a testa per Curello e Suraci) mentre nel derby gli Amatori Reggini (due punti Aldo Fedele ed uno Demetrio Gattuso e Massimo Greppi) piegano il Galaxy (a segno con Massimo Mittiga ed Emilio Pellegrino) in una partita molto equilibrata, nella quale, curiosamente, identico è stato il totale dei punti complessivi conquistati dalle due squadre (228 a testa). Risultati 1ª giornata: TT ed Altro RC - Dmt Petroli TT Piscopio 0-6, Atlantide - Polistena 4-2, Amatori Reggini - Galaxy RC 42. Ha riposato Casper RC Classifica: Dmt Petroli, Atlantide e Amatori Reggini 2, Casper, Galaxy, Polistena e TT ed Altro 0 Prossimo turno: Amatori Reggini - Atlantide, Polistena - TT ed Altro, Dmt Petroli TT Piscopio TT Casper. ro. s.

VIBO VALENTIA – Netta vittoria dell'Atlantide B (due punti a testa per Jurgen Marchese, Ivan Caero e Rocco Longo) nel match in famiglia con l'Atlantide A. Il TT Bagnara supera i ragazzini della Dmt Petroli TT Piscopio per 4-2. Fra i locali i punti sono di Francesco Caratozzolo, Antonino Militano, Pietro Savoia e Rosario Siciliano. Per gli ospiti doppio exploit di Vittorio Terranova. Tanta buona volontà per Michele Carnovale e da segnalare che nel team ospite ha giocato anche la giovanissima Marzia Terranova. Il TT Catanzaro (Tammè, Caldesi e Mongiardo) ha travolto il Polistena, mentre è stata rinviata la sfida tra il Cinquefrondi e la Planet Sport Rizziconi. Risultati 1ª giornata: Atlantide A - Atlantide B 0-6, Bagnara Dmt Petroli 4-2, Catanzaro -Polistena 6-0, Cinquefrondi - Planet Sport rinviata Classifica: Atlantide B, Catanzaro e Bagnara 2, Cinquefrondi, Planet Sport, Dmt Petroli, Atlantide A e Polistena 0. Prossimo turno: Atlantide B Cinquefrondi, Planet Sport - TT Catanzaro, Polistena - Bagnara, Dmt Petroli TT Piscopio - Atlantide A. ro. s.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Catanzaro travolge Polistena


12

MercoledĂŹ 10 ottobre 2012


il domani