Page 1

Giovedì 09 Dicembre 2010

Anno XIII - Numero 338

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

STRAGE LAMEZIA La carovana del Giro d’Italia darà il suo omaggio ai 7 ciclisti uccisi

REGIONE

FOCUS Porto di Gioia, Mct auspica un clima aziendale più sereno e consapevole

Contributi alle cooperative sociali, Giordano interroga

a pag » 5

a pag » 4

a pag » 28

La forte denuncia di Angela Napoli dopo la pubblicazione su “Libero” degli indirizzi mail dei parlamentari di Futuro e Libertà

«Mi vogliono morta perché sto con Fini» «Ci definiscono traditori e allora qualcuno mi ha pure scritto che vuole addirittura impiccarmi» IL COMMENTO

Riforma Gelmini protesta giusta ma senza violenza

«Non c’è dubbio che finire nelle liste di proscrizione per giorni e giorni fomenti L’INTERVENTO gesti violenti. Sono quattro giorni che noi tutti del Fli siamo assediati da mail di insulti e di minacce di morte» ha detto Angela Napoli intervenendo a KlausCondicio di Francesco Pungitore a pag » 3

SILVIO BIS - PROVE TECNICHE

Emersione, l’inversione di tendenza parte proprio dalla nostra regione

di Emanuele Fiano presidente forum Sicurezza del Pd

Protestare contro la riforma Gelmini, da parte di studenti, ricercatori e docenti, è sacrosanto. Lanciare bombe carta contro polizia e carabinieri no. Così come ci auguriamo che sempre le forze dell’ordine cerchino fino in fondo di evitare ogni possibile scontro fisico con chi esercita il proprio diritto di critica. Secondo quanto si apprende, gli incidenti avvenuti a Milano in occasione della Prima della Scala sono stati probabilmente provocati da una minoranza che ha utilizzato la giusta protesta degli studenti contro la riforma Gelmini per provocare comunque disordini. La protesta violenta indebolisce la mobilitazione del mondo dell’Università e dà argomenti alla destra che vuole fare di tutta l’erba un fascio.

LAVORO

Tra i finiani riemergono le “colombe” ROMA - Italo Bocchino liquida le voci di un suo possibile incontro riservato con Berlusconi. Il capogruppo alla Camera di Fli smentisce il faccia a faccia e ribadisce, però che «non c’è nessuna preclusione» ad un Berlusconi bis, purché il premier si dimetta e lo faccia entro il 14 dicembre. «Non c’è nessuna preclusione a un’ipotesi del genere - dice Bocchino all’Adnkronos - a noi interessa il programma e che la maggioranza venga allargata all’Udc».

CATANZARO - Emersione del lavoro irregolare: l’inversione di tendenza parte dalla Calabria. Si respira aria di legalità ed il vento, questa volta, soffia da Sud e parte dai giovani. A confermarlo sono i dati elaborati dalla Commissione Regionale della Calabria per l’emersione del lavoro non regolare, nel corso di un importante progetto denominato "La legalità cresce sui banchi di scuola: giovani giornalisti in azione". L’obiettivo è stato quello di fornire l’arma dell’informazione, primo passo verso la cultura del "lavoro regolare", strettamente legato ad un altro concetto chiave: quello di "legalità". L’attività, suddivisa in tre momenti, formazione, informazione ed azione sul campo, si è svolta in soli 40 giorni. a pag » 4

CATANZARO Il gazebo del Pdl in piazza anche senza autorizzazione: «Pronti ad incatenarci» a pag » 18

REGGIO CALABRIA Incontro dei giornalisti a Locri: serve unità per il bene dell’informazione a pag » 11

COSENZA Atto vandalico ai danni della stazione meteo nella zona dei monti dell’Orsomarso a pag » 13

La legalità cresce con i nostri giovani costruttori di futuro di Benedetto Di Iacovo Presidente Commissione Regionale per l’Emersione del lavoro non regolare

In questa lunga avventura che ha impegnato la Commissione che ho l’onore di presiedere, abbiamo toccato con mano una realtà straordinaria che spesso non viene raccontata sui canali televisivi o sui media in generale: una realtà composta da migliaia di giovani studenti e docenti, dirigenti scolastici, rappresentanti delle istituzioni. Una comunità straordinaria motivata ad affrancare la Calabria dalle sue emergenze e farla diventare una regione "normale". Con la nostra "Carovana della Legalità" abbiamo incontrato "l’altra faccia" della Calabria, quella che si adopera per costruire un futuro migliore e lo fa ogni giorno con ogni mezzo; con la passione di chi crede che un futuro migliore in questa terra sia possibile. Abbiamo macinato migliaia di chilometri, a tutte le latitudini di questa regione, per illustrare un Progetto in cui da sempre abbiamo fortemente creduto; in cui hanno fortemente creduto il governatore, On. Giuseppe Scopelliti e il suo esecutivo, nonché i partners, l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Ordine regionale dei Giornalisti, tutti convinti per davvero che la legalità cresce, come recita il titolo del progetto, sui banchi di scuola. Cioè da piccoli. E l’universo scolastico è centrale rispetto al tema dell’educazione alla legalità, del rispetto delle regole, della prevenzione. Da questi banchi si formano le nuove generazioni, quelle che guideranno la Calabria legale e regolare del domani. Il futuro appartiene a loro, a questi giovani studenti. Ed è fondamentale, per lo sviluppo del nostro territorio... continua a pag » 2


2

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI L’INTERVENTO » » dalla prima » » La legalità cresce: i giovani, costruttori di futuro ...che chi ha vissuto e sofferto il sottosviluppo a causa dell’illegalità diffusa, di una cultura fortemente penalizzante, guidi per mano i giovani di oggi verso quel riscatto da tutti auspicato e che anche noi adulti abbiamo da sempre sognato si realizzasse prima. Lungo questo tour abbiamo parlato al cuore di questi giovani, abbiamo rivolto loro messaggi di speranza, convinti che la legalità, quale condizione esenziale per un mercato del lavoro regolare, non sia un’utopia ma che, al contrario, è possibile se si costruisce quotidianamente, con piccoli gesti, piccoli comportamenti che faranno grande una regione ricca di risorse, ma, paradossalmente povera e indebolita su più fronti. Una terra, in compagnia di altre regioni del Mezzogiorno, costantemente agli ultimi posti nelle classifiche socio-economiche le quali, un mese sì e l’altro pure, segnano il destino ineluttabile di un’area destinata a convivere con l’illegalità e la criminalità; con indici

elevatissimi di lavoro nero. Allora ecco che un’inversione di rotta è doverosa. Tanto più è alto il livello di legalità in un territorio, maggiore è il grado di sicurezza, intesa sia quale sicurezza vissuta sul luogo di lavoro, sia quale percezione della sicurezza di una prospettiva lavorativa serena e regolare. La diffusione della cultura della legalità rappresenta pertanto un’azione speculare al contrasto all’irregolarità nel mercato del lavoro. La Calabria è una regione con il più alto tasso di lavoro irregolare, ma anche con una elevata incidenza di lavoro minorile. Infatti più di uno studente su tre, a seguito della somministrazione dei nostri questionari, ha dichiarato di aver avuto esperienze di lavoro irregolare. La legalità ed un mercato del lavoro regolare, sicuro e soprattutto legale, non è qualcosa che possiamo lasciare agli altri, in luoghi lontani, ma qualcosa che dobbiamo creare e salvaguardare giorno dopo giorno,

AGRICOLTURA E OGM di Giancarlo Galan* Non ho mai messo in discussione la competenza delle Regioni e Province autonome sia in materia di coltivazione di piante Geneticamente Modificate, sia in materia di elaborazione delle norme di coesistenza tra le stesse e le colture convenzionali e biologiche. Nel contempo, desidero però sottolineare che su questo tema ritengo che bisogna sgombrare il campo da pregiudizi di natura ideologica, affrontando il problema sulla base della legislazione attualmente in vigore a livello europeo e nazionale. E’ importante sottolineare infatti che la Commissione Europea, nell’ultimo Rapporto formulato al Parlamento Europeo sulla coesistenza tra colture convenzionali, biologiche e geneticamente modificate ha precisato che le Regioni che si dichiarano "Ogm free", fanno una pura dichiarazione politica che non costituisce però un obbligo legale. La procedura per imporre un divieto necessita pertanto del supporto di dati scientifici solidi che l’Italia non possiede, anche per mancanza di attività di sperimentazione, in grado di dimostrare, in maniera inequivocabile, la possibile esistenza di un danno sulla salute o sull’ambiente. Inoltre, l’iter del dibattito che si è avviato in sede comunitaria, su ipotesi di modifiche legislative in materia di autorizzazione alla coltivazione, non dà certezza né sull’esito né sui tempi. Infatti, la proposta di concedere maggior potere agli Stati Membri in materia di divieto alla coltivazione di piante geneticamente modificate, è stata contestata dal Servizio giuridico del Consiglio dell’Ue che ha emanato un parere nel quale solleva forti dubbi circa la compatibilità della proposta legislativa avanzata dalla Commissione Europea, sia con il Trattato dell’Unione Europea sia con le regole del commercio internazionale. Ecco perché ritengo invece che la strada maestra da percorrere, anche per imporre divieti e definire sanzioni e controlli, sia quella di definire le normative regionali sulla coesistenza, allo scopo di arrivare alla definizione di un quadro normativo chiaro in materia. Infine, sulla base di quanto detto ritengo sia autolesionistico bloccare la sperimentazione su piante geneticamente modificate e reputo che un Paese come l’Italia debba garantire e sostenere il progresso della scienza e la libertà di ricerca. *ministro politiche agricole

coltivando legami di rispetto di tutti, di amicizia e fiducia nelle rispettive comunità ed istituzioni democratiche, attraverso le nostre azioni ed il nostro esempio. Precondizione di tutto sono la "cultura della legalità" ed una corretta educazione ad essa. La prima si esplica nel rispetto delle persone e nella partecipazione di tutti i cittadini alla vita sociale, politica ed economica; la seconda, aiuta a sviluppare la consapevolezza che condizioni quali dignità, libertà, solidarietà, sicurezza vanno perseguite, volute e una volta conquistate, vanno protette e difese nel tempo. Il Progetto "la legalità cresce sui banchi di scuola" ha avuto queste finalità. La nostra speranza, per le ragazze e i ragazzi che sono ancora tra i banchi di scuola, è che seguendo l’esempio e la testimonianza portata in tutta la Regione da quella che i mass media hanno definito "la carovana della legalità", si possa costruire in Calabria un futuro, in cui il lavoro irregolare, quello illegale e le ingiuste ed inaccettabili morti bianche, siano solo un triste ricordo del passato. Sono proprio l’educazione alla legalità e la cultura del "Buon Lavoro", il punto di partenza imprescindibile per raggiungere una meta difficile sì, ma nella quale bisogna credere fermamente. Ecco perché sono fermamente convinto che dovranno essere proprio i ragazzi e le ragazze i nuovi "costruttori di futuro e di legalità". Agli studenti, ai docenti, ai partner, il Dott. Mercurio e il Dott. Soluri, nonché al Dirigente Generale della Presidenza Zoccali, all’assessore al Lavoro Stillitani e alla Istruzione Caligiuri, nonché al Dirigente del Dipartimento Lavoro Calvetta, un ringraziamento speciale e sincero. Così come ringrazio tutti i soggetti istituzionali che a vario titolo hanno partecipato all’iniziativa. Un ringraziamento particolare al Governatore Giuseppe Scopelliti per aver creduto fin da subito in un progetto dedicato al futuro dei giovani, alla legalità e allo sviluppo della regione. Infine un sentito ringraziamento al Presidente della Repubblica, On. Giorgio Napolitano e al Ministro della Giustizia, On. Angelino Alfano per aver concesso l’Alto Patrocinio e lo speciale Premio di Rappresentanza al Progetto.


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani

3

PRIMO PIANO

Angela Napoli: mi vogliono morta perché sto con Fini

di Francesco Pungitore CATANZARO - Minacce di morte alla parlamentare calabrese finiana Angela Napoli. E’ stata lei stessa a denunciare l’accaduto, intervenendo al programma KlausCondicio, la trasmissione web condotta dal noto giornalista Klaus Davi. Minacce che, a parere dell’esponente di Futuro e Libertà, hanno una matrice ben precisa: quell’ac-

cusa di “tradimento” recentemente affibbiata dal quotidiano Libero ai deputati ed ai senatori che hanno lasciato il Pdl per aderire alla nuova formazione di centrodestra. «Non c’è dubbio che finire nelle liste di proscrizione per giorni e giorni fomenti gesti violenti. Sono quattro giorni che noi tutti del Fli siamo assediati da mail di insulti e minacce, anche di morte» ha detto la deputata. E alla domanda di Klaus Davi «dopo la pubblica-

«Qualcuno mi ha scritto che vuole addirittura impiccarmi rifacendosi alla storia, secondo cui i traditori venivano impiccati»

zione degli indirizzi mail su Libero lei riceve anche minacce di morte?», la deputata ha risposto: «Sì. Mail di odio e di disprezzo, per fortuna alternate anche a mail di sostegno. Qualcuno mi ha scritto che vuole addirittura impiccarmi rifacendosi alla storia, secondo cui i traditori venivano impiccati. Non sono cose piacevoli, soprattutto considerato che già vivo scortata per le minacce che ho subìto da clan ’ndranghetisti. Sono comportamenti mafiosi, non c’è dubbio, le minacce... siamo lì. Comportamenti simili a quelli dei clan che mi vogliono morta. Questo clima di odio ha portato già ad atti di violenza contro il consigliere comunale del Fli a Riccione». Solo pochi giorni fa, Angela Napoli aveva incontrato i giornalisti, in Calabria, in qualità di coordinatore regionale di Fli, assieme al deputato Fabio Granata. Una occasione ben diversa, per celebrare il successo di adesioni al movimento che fa capo al presidente della Camera, Gianfranco Fini. «I big del Pdl calabrese aveva detto la Napoli con la sua consueta schiettezza - non hanno aderito al nostro movimento e ho premesso che in questo nuovo partito le porte sono aperte per tutti tranne che per i collusi, i malfattori e gli affini. Non va sottaciuto il fatto, a questo proposito, che è aperta tuttora in Commissione parlamentare antimafia l’inchie-

sta sul Codice etico che abbiamo varato all’unanimità. Tra poco verrà fuori la relazione: non si conoscono ancora i nomi, ma possiamo dire che la Calabria e, quindi, il consiglio regionale non è esente da responsabilità. A maggior ragione, qualora dovesse poi esserci, a costituzione del partito avvenuta, qualche richiesta di adesione al nostro partito, sarà

Minacce di morte alla parlamentare calabrese finiana Angela Napoli. È stata lei stessa a denunciare l’accaduto a KlausCondicio valutata. Senza sottacere che ci sono state già richieste anche di ex parlamentari calabresi e che personalmente mi sono assunta la responsabilità di non accoglierle perché si tratta di personaggi che sono stati comunque intaccati da vicende giudiziarie». «Inizialmente - ha detto ancora la parlamentare - siamo stati catalogati come quattro gatti. Adesso le adesioni sono numerosissime e aumentano giorno dopo giorno. E c’è una richiesta di adesioni soprattutto di giovani senza colorazioni politiche».


4

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

PRIMO PIANO A confermarlo sono i dati elaborati dalla Commissione regionale della Calabria per l’emersione del lavoro non regolare, nel corso del progetto “La legalità cresce sui banchi di scuola”

Emersione, l’inversione di tendenza parte proprio dalla nostra regione CATANZARO - Emersione del lavoro irregolare: l’inversione di tendenza parte dalla Calabria. Si respira aria di legalità ed il vento, questa volta, soffia da Sud e parte dai giovani. A confermarlo sono i dati elaborati dalla Commissione Regionale della Calabria per l’emersione del lavoro non regolare, nel corso di un importante progetto denominato "La legalità cresce sui banchi di scuola: giovani giornalisti in azione". L’obiettivo è stato quello di fornire l’arma dell’informazione, primo passo verso la cultura del "lavoro regolare", strettamente legato ad un altro concetto chiave: quello di "legalità". L’attività, suddivisa in tre momenti, formazione, informazione ed azione sul campo, si è svolta in soli 40 giorni, nel corso dei quali sono stati coinvolti circa 20 Istituti scolastici superiori, contattati e formati 5000 studenti, ai quali sono stati somministrati 2500 questionari. Nel corso della terza fase del progetto gli studenti si sono immedesimati nei panni di piccoli reporter, realizzando interviste video ai massimi esponenti della legalità ed alle figure rappresentative della società calabrese in genere creando, inoltre, brevi documentari sulla legalità e sulla regolarità del lavoro. Un progetto, proposto dalla Commissione emersione, guidata da Benedetto Di Iacovo di rilevanza nazionale, visti i risultati ed i coinvolgimenti in corso d’opera. Condiviso dalla Presidenza della Giunta Regionale con l’Alto patrocinio del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano e del Ministro della Giustizia, on. An-

gelino Alfano, in partnership con l’Ufficio Scolastico regionale della Calabria, diretto da Francesco Mercurio, l’Ordine dei giornalisti calabresi,presiedutodaGiuseppe Soluri e la stessa Presidenza della Regione, attraverso il suo Dipartimento, diretto da Francesco Zoccali, la Commissione ha portato avanti un progetto pensato non per i ragazzi ma da realizzare con i ragazzi, che rientra in una serie di attività volte ad offrire l’immagine di una Calabria che non è solo‘ndrangheta,caporalatoesfruttamento ma è anche legalità, lavoro regolare, formazione e futuro, rappresentato dai giovani che in soli due mesi, hanno fatto proprio e stanno facendo circolare, uno slogan: "Il lavoro regolare fa bene". «Attraverso Il progetto -

ha dichiarato il Presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti - che ho fortemente sostenuto e promosso, si percepisce con mio grande orgoglio, che la gioventù calabrese, così come questa nuova Amministrazione Regionale, ha concretamente voglia di cambiare. Ciò rappresenta un altro segnale importante di come il vento, in Calabria, stia soffiando nella giusta direzione. Cimentandosi nel ruolo, tanto difficile quanto delicato di giornalisti, per creare i vari documentari e le riviste, i giovani calabresi hannotoccatoconmanol’annoso problema del lavoro sommerso, una delle principali problematiche che affliggono il territorio e che interessa ben 144 mila soggetti in posizione di irregolarità,

Contributi alle cooperative sociali, Giordano interroga CATANZARO - Giuseppe Giordano, consigliere regionale dell’Idv ha presentato una interrogazione a risposta immediata al presidente della giunta regionale e all’assessore Stillitani sulla mancata assegnazione dei contributi alle cooperative sociali che gestiscono beni confiscati alla criminalità organizzata per sapere se effettivamente è stata impegnata la complessiva somma di euro 600.000,00 stanziata sul bilancio regionale 2010 e se sono state effettuate le dovute liquidazioni. «In caso contrario - chiede Giordano - chiedo di sapere quali iniziative si intendono intraprendere per sollecitare il Dipartimento interessato perché compia entro l’anno in corso tutti gli atti consequenziali. Diversi soggetti gestori degli immobili confiscati - continua Giordano- nonostante i vari solleciti al Dipartimento interessato, non hanno ricevuto alcuna rassicurazione sulla erogazione dei contributi che rappresentano un valido supporto alle loro attività e dalla lettura della proposta bilancio di previsione 2011 risultano stanziati sul medesimo capitolo la somma di euro 250.000,00 senza l’indicazione di residui passivi presunti, allora - conclude Giordano - ho il timore che un mancato provvedimento finalizzato all’impegno e alla liquidazione delle somme entro il 31 dicembre prossimo rischia di far venir meno le risorse previste nel bilancio 2010 a favore delle suddette cooperative».

ai quali vanno aggiunti più di 50 mila minori. Per tale motivo un plauso al Presidente della Commissioneemersionelavoro,Benedetto Di Iacovo, per aver saputo coniugare legalità e regolarità del lavoro in un progetto che ha saputo coivolgere ed entusiasmare gli studenti». «Con quella che i media hanno definito la "Carovana della Legalità - ha spiegato il Presidente della commissione Emersione, Benedetto Di Iacovo - abbiamo incontrato "l’altra faccia" della Calabria, quella che si adopera per costruire un futuro migliore e lo fa quotidianamente, con ogni mezzo. La Calabria - ha proseguito - è una regione con il più alto tasso di lavoro irregolare, ma anche con una elevata incidenza di lavoro minorile. Infatti due studenti su tre, a seguito della somministrazione dei nostri questionari, ha dichiarato di aver avuto esperienze di lavoro irregolare. Ciò spinge ad insistere e ribadire come, la legalità ed un mercato del lavoro regolare, sicuro e soprattutto legale, non è qualcosa che possiamo lasciare agli altri, in luoghi lontani, ma qualcosa che dobbiamo creare e salvaguardare giorno dopo giorno, coltivando legami di rispetto reciproco, di amicizia e fiducia nelle rispettive comunità ed istituzioni democratiche, attraverso le nostre azioni ed il nostro esempio. Precondizione di tutto - ha concluso Benedetto Di Iacovo - sono la "cultura della legalità" ed una corretta educazione ad essa». Il progetto si concluderà sabato 11 dicembre con un grande evento seguito in diretta nazionale anche da alcune

reti Rai. Una giornata di festa per i giovani e momento informativo ed importante per gli adulti: ad esibizioni di musica e comicità, se ne alterneranno altri in cui saranno messi in onda i documentari realizzarti dagli studenti, ed inoltre un gruppo di giovani "giornalisti in erba", intervisteranno in diretta il Presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti che sarà inoltre insignito, con uno speciale Premio Rappresentanza, assegnato dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per "l’impegno nella promozione del lavoro regolare che sta caratterizzando il suo mandato e per aver voluto in Calabria la sede dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni confiscati alla mafia". Del medesimo riconoscimento sarà investito anche il Procuratore Generale, Dr. SalvatoreDiLadro, per "l’impegno profuso ogni giorno, in prima linea, nella lotta alla criminalità". Per l’occasione sarà distribuito uno "Speciale", intitolato "Calabria: la legalità cresce"... che, in 24 pagine, racchiude il viaggio di 40 giorni percorsi seguendo la rotta della legalità, raccontato in un completo "Diario di Bordo",dalPresidentedellaCommissione emersione, Benedetto Di Iacovo. Oltre mille studenti (che indosseranno la maglietta con lo slogan "la legalità cresce sui banchi di scuola") e le più alte cariche istituzionali della Regione Calabria, affolleranno il Teatro del centro Agroalimentare di Lamezia Terme, trasformandolo in una distesa di legalità.


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani

5

PRIMO PIANO La carovana del Giro d’Italia darà il suo omaggio ai 7 ciclisti uccisi

I segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil responsabili delle politiche del lavoro hanno sollecitato il Governatore e l’assessore Stillitani

«Un tavolo nazionale per discutere di Lpu e Lsu» CATANZARO - I segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil responsabili delle politiche del lavoro, hanno sollecitato il presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, e l’assessore al lavoro, Francescantonio Stillitani, «a voler chiedere come Giunta regionale l’apertura di un tavolo di confronto nazionale al ministero del Lavoro congiuntamente ai ministeri della Funzione Pubblica e del Tesoro per riproporre le deroghe e gli incentivi ministeriali, con risorse straordinarie ed aggiuntive, volte a favorire la contrattualizzazione dei precari presso tutti gli enti che utilizzano Lpu-Lsu». Una problematica, quella della stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità che continua a preoccupare le forze sindacali calabresi, coinvolgendo migliaia di famiglie da svariati anni senza mai trovare una via di sbocco definitiva. «L’impegno ed i documenti prodotti dalla terza commissione regionale - hanno scritto i sindacalisti Claudia Carlino, Domenico Zannino e Luciano Prestia in una lettera a Scopelliti e Stillitani

L'assessore Stillitani

«Servono deroghe e incentivi ministeriali con risorse straordinarie ed aggiuntive volte a favorire la contrattualizzazione»

- costituiscono una base importante ed utile alla stabilizzazione dei 5.400 Lsu-Lpu. La legge regionale in fase di preparazione può essere emendata connotandola di tutti gli accorgimenti normativi ed economici utili a raggiungere ottimi risultati. E’ evidente però che se non interverrà una modifica di carattere nazionale che consenta di derogare al blocco del turn over, al patto di stabilità per i comuni superiori a 5.000 abitanti e ai limiti di spesa riferiti al 2004 per gli enti entro i 5.000 abitanti i risultati non saranno soddisfacenti». «La mancata rassicurazione da parte della Giunta circa la disponibilità delle risorse per la retribuzione delle integrazioni per gli ultimi mesi del 2010 - proseguono i sindacalisti - e la mancata disposizione circa la proroga delle convenzioni, nonché la totale copertura del fabbisogno del 2011 pongono i lavoratori in uno stato di grandissima preoccupazione. Se nella riunione convocata per il 9 dicembre dall’assessore Stillitani non saranno pervenute le rassicurazioni necessarie, verrà proclamato lo stato di agitazione».

LAMEZIA TERME - Il direttore del Giro d’Italia, Angelo Zomegnan, ha annunciato che il 14 maggio, quando la carovana sarà in Calabria, ci sarà una commerazione dei sette ciclisti travolti e uccisi domenica scorsa sulla statale 18 a Lamezia Terme. Lo ha reso noto il consigliere regionale della Calabria, Mario Magno, che nei giorni scorsi aveva fatto una richiesta in tal senso allo stesso Zome- Intanto, è in stato di gnan. «Vi confermo - ha scritto il coma farmacologico direttore del Giro a Magno Domenico Strangis, uno di essere a vostra disposizione per condividere un dei tre ciclisti rimasti momento in memoria degli sfortunaticicloturistiquando feriti domenica scorsa il Giro d’Italia approderà in a Lamezia Terme Calabria il 14 maggio». «Ho seguito le esequie in tv - ha scritto Zomegnan a Magno - perché non ho avuto la possibilità di venire a Lamezia Terme e sono rimasto colpito. La prego di allargare le condoglianze ai familiari delle vittime». Intanto, è in stato di coma farmacologico Domenico Strangis, uno dei tre ciclisti rimasti feriti domenica scorsa a Lamezia Terme dopo essere stati investiti da un’auto che ha ucciso sette loro compagni. Strangis, le cui condizioni si sono aggravate già da martedì, è ricoverato nel reparto di rianimazione dell’Ospedale di Cosenza dove i medici gli hanno indotto il coma per salvaguardare le funzioni vitali. I problemi dell’uomo sono soprattutto di natura neurologica. Ieri Strangis è

stato anche sottoposto a dialisi. Non destano preoccupazione, invece, le condizioni degli altri due feriti.

«Precari della sanità, un problema creato dal centrosinistra» CATANZARO - In merito alla problematica dei precari della sanità, la Presidenza della Giunta Regionale precisa ha diffuso una articolata nota di precisazione. «Le problematiche del personale precario in servizio presso le Aziende Provinciali e le Aziende Ospedaliere del servizio sanitario regionale calabrese - è scritto nella nota - come dimostrano alcuni articoli apparsi recentemente sui quotidiani locali, sembrano essere diventate il nuovo cavallo di battaglia dell’opposizione. Evidentemente l’attuale minoranza dimentica di avere governato per i precedenti cinque anni, in cui era già ben evidente il fenomeno, oppure, ove ne fosse consapevole era impegnata in compiti più importanti di ciò che oggi, che non amministra più la Regione, fa assurgere a problema fondamentale». «Il Commissario per l’attuazione del

Piano di Rientro Giuseppe Scopelliti, con i sub-Commissari Pezzi e Navarria e con la struttura tecnica della Regione, ha affrontato questa problematica fin dal primo momento del commissariamento. E’ ben noto che il blocco del turn-over, comportato automaticamente dal commissariamento dovuto - è bene ricordare - alle gravi inadempienze della precedente amministrazione, ha complicato fortemente la situazione già delicata dei precari della sanità.Tuttavia è impensabile che non vengano garantiti i Livelli Essenziali di Assistenza (Lea), aspetto che il Governatore Scopelliti ha sempre ribadito; ciò che comunemente viene definito "piano di rientro" in realtà è "il piano di razionalizzazione e riqualificazione del servizio sanitario regionale della regione Calabria" e, pertanto, è illogico che un si-

mile obiettivo possa comportare l’abbassamento dei Lea». «La struttura commissariale - conclude la nota precisazione - di concerto con il Dipartimento Tutela della salute, si è già confrontata con i Commissari delle Aziende Sanitarie effettuando una ricognizione ed un monitoraggio dei contratti in scadenza anche in rapporto al piano di riconversione già formalizzato. Da questa attività, che si concluderà nella prossima settimana, verranno sottoposte al Commissario le necessità professionali per il mantenimento dei Lea. Nell’attuale contesto regionale, il problema dei precari della sanità è certamente una criticità del sistema calabrese, aggravata anche delle scelte della precedente Giunta Regionale, che ha autorizzato nuove assunzioni in luogo della stabilizzazione dei lavoratori che già operavano».

re. ro.


il Domani

|

AsteInfoappalti

6

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Giovedì 9 Dicembre 2010

TRIBUNALE DI CATANZARO PRIMA SEZIONE CIIVLE Il Giudice dell'esecuzione, dott. Giuseppe Cava, ha pronunciato la seguente Ordinanza Nel procedimento n. 136/07 R.G.E. pendente tra … omissis Visti gli atti; rilevato che l'esecutato è proprietario della quota di 1/2 del bene pignorato, atteso che per la restante parte non vi è prova dell'accettazione dell'eredità di … Dispone procedersi la vendita senza incanto dei beni seguenti: lotto 1: quota di 1/2 di appartamento in Isca sullo Ionio Viale della Libertà, in catasto al foglio 24, p.lla 316, sub. 3 prezzo Euro 33.202,50 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa, unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 136/07 recante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 25.01.2011, sono a carico dell'aggiudicatario le spese di trasferimento. L'udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l'eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 26.01.2011. Aumento minimo in caso di gara euro 1.000,00. L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 29.09.2010 Il Giudice Dott. Giuseppe Cava °°°°°°°°°° Esecuzione n. 635/89 R.G.E. AVVISO DI VENDITA DEL PROFESSIONISTA DELEGATO Giudice dell'Esecuzione: Dr. Alfredo Aloisi Delegato alla vendita: Dr. Francesco Lacava AVVISO DI VENDITA Il sottoscritto Dott. Francesco Lacava, con Studio in Catanzaro Via Francesco Acri n. 30, Dottore Commercialista - professionista delegato alle operazioni di vendita dal Giudice dell'esecuzione, Dott. Alfredo Aloisi, giusta ordinanza disposta nell'udienza del 12 ottobre 2010, FISSA Innanzi a sé e presso il proprio Studio in Catanzaro Via Francesco Acri n. 30 per il giorno Martedì 25/01/2011 alle ore 10.00 il primo esperimento per la vendita con incanto ai sensi dell'articolo 570 c.p.c. e segg. delle quote di capitale di SRL oggetto di pignoramento e indicate di seguito, analiticamente descritti nella perizia redatta dal medesimo Dr. Francesco Lacava ed allegata al fascicolo della esecuzione che potrà essere consultata dall'eventuale offerente ed alla quale si fa espresso rinvio per tutto ciò che concerne l'esistenza di eventuali pesi e oneri a qualsiasi titolo gravanti sui beni. Nel caso di asta deserta viene fin da ora fissato il secondo esperimento di vendita per il giorno 22/02/2011 stesso luogo ed ora con il valore ridotto di un quinto, e ove deserto anche questo, un ulteriore esperimento che si terrà il 22.03.2011 nello stesso luogo ed ora senza prezzo base ovvero al miglior offerente. I soggetti interessati ad acquistare le quote di cui trattasi sono messi a conoscenza fin da ora che la Società cui la partecipazione si riferisce è iscritta al Registro Imprese n. 00176850790 e REA n. CZ 68467. UNICO LOTTO composto da: Quota di partecipazione del Sig. XY avente valore nominale di euro 99.840,00 stimato euro 103.535,00, pari al 12,2525% del capitale sociale di euro 814.840,00 nella Società … corrente in Catanzaro PREZZO BASE AL PRIMO ESPERIMENTO: Euro 103.535,00 MODALITA DI PARTECIPAZIONE E DI PRESENTAZIONE DELLE OFFERTE PER LA VENDITA CON INCANTO Le istanze di partecipazione al primo esperimento devono essere presentate presso lo Studio del Professionista Delegato Dott. Francesco Lacava Dottore Commercialista in Catanzaro Via Francesco Acri n. 30, entro le ore 13.00 di lunedì 24/01/2011. Il prezzo base, come disposto dall'ordinanza del G.E., è stabilito per il primo esperimento in euro 103.535,00. Alle domande di partecipazione dovrà essere allegata, a titolo di cauzione, a pena di inefficacia un assegno circolare intestato al professionista delegato Dr. Francesco Lacava procedura esecutiva n.635/89 in ragione di 1/10 del prezzo base. In caso di aggiudicazione, il saldo dovrà essere versato nel termine massimo di giorni 60 (sessanta) dall'incanto, pena la decadenza dall'aggiudicazione ai sensi dell'art.587 c.p.c.. Le offerte in aumento ai sensi dell'art. 584 c.p.c. dovran-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

no essere accompagnate da assegno circolare intestato e con le medesime modalità indicate al comma precedente nella percentuale prevista e commisurata al prezzo offerto in aumento. Le offerte relative agli eventuali esperimenti successivi dovranno pervenire rispettivamente entro le ore 13:00 di lunedì 21/02/2011 per il secondo esperimento e di lunedì 21/03/2011 per il terzo esperimento, accompagnate da assegno circolare intestato e con le medesime modalità indicate sopra nella percentuale ivi indicata e commisurata al prezzo offerto. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine massimo di 60 (sessanta) giorni dall'aggiudicazione, il saldo prezzo di aggiudicazione ed oneri tributari, detratta la cauzione versata. Il mancato versamento del saldo entro il termine sopra indicato comporterà la perdita della cauzione versata. La presentazione delle offerte o delle domande di partecipazione all'incanto presuppone la conoscenza integrale dell'ordinanza di vendita e della relazione di stima in atti. Si precisa che, oltre al prezzo di aggiudicazione, tutti gli importi occorrenti per il trasferimento delle quote oggetto di vendita compresa eventuale cancellazione di eventuali gravami, saranno a carico dell'aggiudicatario. Per tutto quanto qui non previsto si applicano le vigenti norme di legge. Il presente avviso verrà affisso, come da ordinanza del G.E. disposta nell'udienza del 12.10.2010 all'Albo del Tribunale di Catanzaro e pubblicato per estratto sul settimanale "Aste Infoappalti Edizione Calabria". All'apertura delle buste o all'incanto dovrà essere presente il rappresentante del creditore procedente. Maggiori informazioni possono essere fornite dal Delegato alla vendita Dott. Francesco Lacava Dottore Commercialista - tel 0961/721891 - fax 0961/742950 - e.mail dr.stlacava@tiscali.it Catanzaro, 07.12.2010 Il Delegato alla vendita Dott. Francesco Lacava °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Il Giudice dell'esecuzione, dott.ssa Giovanna Gioia, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 4753/08 R.G.E. pendente tra Condominio Iris E F.A.+2 visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto con riduzione di 1/4 del prezzo a base d'asta dei beni seguenti: lotto 1: Appartamento in Catanzaro Via Gallucci, piano 4 in catasto al foglio 33 p.lla 62 sub.18, mq 122 prezzo a base d'asta euro 256.200,00, prezzo ridotto di 1/4 euro 192.150,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 4753/08 recante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 25.01.2011, sono a carico del procedimento le spese di trasferimento. L'udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l'eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 26.01.2011. Aumento minimo in caso di gara euro 2.000,00. L'aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Catanzaro, 29.09.2010 Il Giudice Dott.ssa Giovanna Gioia °°°°°°°°°° Avviso di vendita di beni immobili pignorati ex art. 569 c.p.c. Cancelleria esecuzioni immobiliari IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dr.ssa Giovanna Gioia nella procedura esecutiva n. 3/88 r.g.e. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n.1: Appartamento sito in Badolato (CZ), in catasto foglio 28, p.lla 354 sub.9 Prezzo base d'asta euro 29.236,00 Lotto n.2: Appartamento sito in Badolato (CZ), in catasto foglio 28, p.lla 354 sub.10 Prezzo base d'asta euro 27.591,00 Lotto n.4: Appartamento sito in Badolato (CZ), in catasto foglio 28, p.lla 354 sub.12 Prezzo base d'asta euro 27.591,00 Lotto n.6: Appartamento sito in Badolato (CZ), in catasto foglio 28, p.lla 354 sub.14 Prezzo base d'asta euro 24.711,00 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria., L'udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 09 febbraio 2011. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 c.p.c., in caso di mancanza

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12.00 del giorno antecedente la vendita (08 febbraio 2011), una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un "Assegno Circolare Non Trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. 3/88 RGE" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 1000,00 L'aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento sono a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per Ia presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.annunci.it - Il Quotidiano Catanzaro, 13 ottobre 2010 °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell'Esecuzione Dr. Gioia nella procedura esecutiva n. 225/1996 R.G.E. Dispone la vendita senza incanto dei compendi pignorati di seguito descritti: lotto 2 appezzamento di terreno in Chiaravalle Centrale. In catasto al fg. 38 p.lla 794 - prezzo base euro 10.809,75; lotto 3: terreno con sovrastanti fabbricati in Chiaravalle. In Catasto al fg.38 p.lle 303, 304, 305, 306. Prezzo base euro 68.456,25; lotto 4 terreno in Chiaravalle. In catasto al fg. 38 p.lle 329 e 330 Prezzo base 7.446.00; lotto 6 quota pari a 3/4 terreno in Cardinale In catasto fg.23 p.lla 9 prezzo base euro 2.064,00; lotto 7 quota pari a 3/4 terreno in Cardinale. In catasto fg.19 p.lle 21,23,24,25 prezzo base euro 8.966,00; lotto 8 quota pari a 3/4 terreno in Cardinale. In catasto fg 19 p.lle 36,37 e 39 prezzo base euro 5.854,00. Gli immobili venduti nello stato di fatto e diritto, in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L'udienza di vendita ex art. 572 c.p.c. è fissata per il giorno 26 GENNAIO 2011. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569 c.p.c., in caso di mancanza di offerta di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12:00 del giorno antecedente la vendita una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenete domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità, nonché assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro Procedura n. 225/96" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 1000,00. L'aggiudicatario, dovrà versare in cancelleria, il prezzo di acquisto-dedotta la già versata cauzione- entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art. 498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza della perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - il Domani Catanzaro, 29 settembre 2010 °°°°°°°°°° Sez. Esecuzioni immobiliari AVVISO DI VENDITA Si rende noto che il Sig. G.E. della procedura esecutiva rubricata al n. 37/2002 R.G. Es., dr. G. Cava, con provvedimento del 20.10.2010, ha disposto la vendita senza incanto dei seguenti beni immobili, nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano e che comunque l'offerente depositando l'offerta dichiara di conoscere, stato meglio descritto nelle relazioni tecnico-estimative in atti a cui si rinvia (per maggiori informazioni c/o Cancelleria) LOTTO 1 Terreni siti in comune di PALERMITI - CZ. Identificati in catasto: foglio 30 part. 35, 36, 51, 193, 197, 196, 199. Prezzo base euro 68.035,50 LOTTO 2 Terreno sito in comune di PALERMITI - CZ, fondo Busici. Identificato in catasto al foglio 30 part. 123. Prezzo base euro 9.264,75 LOTTO 3 Terreno sito in comune di PALERMITI - CZ, fondo Montagna. Identificato in catasto: foglio 10

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

part. 134, 135, 147, 148, 177, 178, 179, 180, 198, 204, 233. Prezzo base euro 108.221,25 LOTTO 4 Terreno sito in comune di PALERMITI - CZ. Identificato in catasto foglio 6 part. 212. Prezzo base euro 1.480,50 LOTTO 5 magazzino in Palermiti via Regina Elena in catasto al foglio 7 part. 466 sub 2 Prezzo base euro 23.803,50 LOTTO 6 unità abitativa in Palermiti via Regina Elena in catasto al foglio 7 part. 466 sub 1. Prezzo base euro 21.825,00 LOTTO 7 piena proprietà (comune ed indivisa) per la quota di 500/1000 relativamente a villa bifamiliare in corso di costruzione in Palermiti località Castania viale Regina Elena su terreno identificato al foglio 7 part. 310; piena proprietà (comune ed indivisa) per la quota di 500/1000 relativamente a terreno in Palermiti in località Castania identificato con foglio 7 particella 309; piena proprietà (comune ed indivisa) per la quota di 1000/1000 relativamente a terreno in Palermiti in località Montagna identificato con foglio 13 particelle 95 - 122. Il tutto è censito nel Catasto Terreni di Palermiti al foglio 7 mappale 310 (su cui insiste il fabbricato in corso di costruzione); al foglio 7 part. 309 (terreno annesso) e foglio 13 part. 95 e 122 (terreno annesso). Prezzo base 97.500,00 LOTTO 8 piena proprietà per la quota di 1000/1000 relativamente a magazzino/deposito in corso di costruzione in Palermiti Loc. "Castania" (via Regina Elena) in catasto al foglio 7 part. 466 sub 3. Prezzo base15.150,00 UDIENZA DI VENDITA = 02.02.2011 ore 9,30 AUMENTO MINIMO in caso di gara = euro 3.000,00 DEPOSITO cauzionale per essere ammesso alla vendita = 10% del prezzo base o offerto, da depositare con A.C. non trasferibile intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n° 37/2002 RGE" unitamente alla domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo e a fotocopia del documento di identità, inserendo il tutto in busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice, entro le ore 12.00 del giorno precedente la vendita presso la Cancelleria dell'intestato Tribunale DEPOSITO PREZZO residuo = entro 60 gg. dalla data di aggiudicazione presso la Cancelleria dell'intestato Tribunale Spese di trasferimento a carico della procedura esecutiva, tranne che per i lotti n. 2 e n. 4, per i quali il GE ha disposto che le spese di trasferimento siano poste a carico degli aggiudicatari.

TRIBUNALE DI CROTONE Fallimento n. 16/05 G.D.: Dr. Michele Sessa Lotto Unico: Piena proprietà per la quota di 1000/1000 relativa a locale adibito a laboratorio per arti e mestieri sito nel comune di Crotone. È composto da locale adibito ad ufficio, sala laboratorio, sala esposizione, spogliatoi e bagni con una superficio lorda di mq. 440 in catasto al fg. 33A mappale 136 subalterno 3 Prezzo base: euro 100.000,00 Rilancio: euro 1.000,00 Vendita con incanto: 08/02/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone. Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita. Per maggiori informazioni rivolgersi al Curatore Fallimentare Dr. Aldo Luigi Siniscalchi - Via Torino, 97 crotone - tel 0962/908610 o consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. °°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 55/08 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Uno: La piena ed intera proprietà di deposito industriale sito in agro di Petilia Policastro della superficie complessiva di di circa mq. 174 riportato in catasto fabbricati al fg. 62 p.lla 65 sub 4 Prezzo base: euro 31.300,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita senza incanto: 16.02.2011 Vendita con incanto: 23.02.2011 Lotto Due: La piena ed intera proprietà di terreno agricolo sito in agro di Petilia Policastro della superficie complessiva di di circa mq. 38.450 dotato di stalle e locale di ricovero riportato in NCT al fg. 35 p.lle 289, 358, 361, 362, 443, 398, 508, 512, 514, 516 coltivato ad uliveto. Prezzo base: euro 109.000,00 Rilancio: euro 1.000,00 Vendita senza incanto: Vendita con incanto: Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Vincenzo Bianchi te. 0962/21898, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. °°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 80/06 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Unico: Piena ed intera proprietà di magazzino della superficie complessiva di circa mq. 58.50 sito in Strongoli, riportato in catasto fabbricati al fg 26 p.lla 692 sub 23. Piena ed intera pro-

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

7

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Giovedì 9 Dicembre 2010 prietà di magazzino della superficie complessiva di circa mq. 23.50 sito in Strongoli, riportato in catasto fabbricati al fg 26 p.lla 692 sub 24. Piena ed intera proprietà di magazzino della superficie complessiva di circa mq. 18 sito in Strongoli, riportato in catasto fabbricati al fg 26 p.lla 692 sub 26. Piena ed intera proprietà di magazzino della superficie complessiva di circa mq. 16.50 sito in Strongoli, riportato in catasto fabbricati al fg 26 p.lla 692 sub 27. Prezzo base: euro 54.112,00 Rilancio: euro 1.000,00 Vendita senza incanto:16.02.2011 Vendita con incanto: 23.02.2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Gerardo Padula (tel. 0962/26363) , consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. °°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 85/2001 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Unico: Piena ed intera proprietà di terreno sito in Isola di Capo Rizzuto - località Ritani. Prezzo base: euro 30.825,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita senza incanto: 16/02/2011 Vendita con incanto: 23/02/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Gerardo Padula, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA Procedura esecutiva immobiliare n. 30/2000 R. E. (nominativi omessi ex art. 174 del D. Lgs. n. 196/2003) II professionista delegato avv. Francesca Misuraca, con studio in Lamezia Terme (CZ), Via Garibaldi n. 3, nella procedura esecutiva indicata in epigrafe visto il provvedimento di delega, ex art. 591 bis c.p.c., delle operazioni di vendita, emesso dal Giudice dell'esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme dott. Alessandro Brancaccio in data 20.3.2008 visto il provvedimento reso dal predetto G. E. in data 2.7.2009 con il quale è stata concessa la proroga del termine finale di compimento delle attività delegate alla scrivente sino al 30.5.2010 visto il provvedimento reso dal predetto G. E. in data 17.5.2010 con il quale è stata concessa la proroga del termine finale di compimento delle attività delegate alla scrivente sino al 30.3.2011 visto il provvedimento del 12.10.2009 con il quale il G. E. ha autorizzato il professionista delegato a fissare le nuove vendite ad un prezzo base inferiore di 1/4 rispetto al prezzo fissato nel suddetto provvedimento di delega visto il provvedimento del 31.5.2010 con il quale il G. E. ha autorizzato il professionista delegato a fissare le nuove vendite ad un prezzo base inferiore di 1/4 rispetto al prezzo fissato precedentemente sciolta la riserva presa in data 3.11.2010 ritenuto necessario fissare la vendita con incanto dei beni pignorati visti gli artt. 569, 576 e 591 c.p.c. AVVISA che nella data e nel luogo sotto indicati si terrà la vendita con incanto dei seguenti beni immobili: LOTTO 1 - Proprietà superficiaria di anni 99 di durata e rinnovabile alla scadenza di ugual periodo, per la quota di 1/1, di un appartamento posto al terzo piano fuori terra, in un edificio in linea di maggiore consistenza, sito in Lamezia Terme (CZ), Via G. La Pira, composto da quattro stanze, una cucina, due bagni, un ripostiglio, due balconi (di complessivi mq. 18,30) ed un box auto di pertinenza (di circa mq. 30,00), per un totale di superficie commerciale di circa mq. 145,00. L'immobile è identificato catastalmente al fgl. 32, part. 1111, sub 5, sezione censoria Nicastro, zona censoria 1, categoria A/3, classe 3, consistenza 6,5 vani, rendita euro 419,62. L'appartamento presenta delle difformità da condonare per una spesa di euro 516,00 (euro cinquecentosedici/00). LOTTO 3 - Proprietà superficiaria di anni 99 di durata e rinnovabile alla scadenza di ugual periodo, per la quota di 1/1, di un box seminterrato posto in un edificio in linea di maggiore consistenza, sito in Lamezia Terme (CZ), Contrada Donna Mazza, composto da un unico ambiente, con una superficie commerciale di circa mq. 34,60. L'immobile è identificato catastalmente fgl. 32, part. 1443, sub 2, sezione censoria Nicastro, zona censoria 1, categoria C/6, classe 3, consistenza mq. 21, rendita euro 37,96. Il box presenta delle difformità da condonare per una spesa di euro 258,00 (euro duecentocinquantotto/00). LOTTO 4 - Proprietà superficiaria di anni 99 di durata e rinnovabile alla scadenza di ugual periodo, per la quota di 1/1, di un box seminterrato posto in un edificio in linea di maggiore consistenza, sito in Lamezia Terme (CZ), Contrada Donna Mazza, composto da un unico ambiente, con una superficie commerciale di circa mq. 34,20. L'immobile è identificato catastalmente fgl. 32, part. 1443, sub 3, sezione censoria Nicastro, zona censoria 1, categoria C/6, classe 3, consi-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

stenza mq. 21, rendita euro 37,96. Il box presenta delle difformità da condonare per una spesa di euro 258,00 (euro duecentocinquantotto/00). I beni di cui sopra risultano meglio descritti nella consulenza tecnica a firma dell'arch. Francesco Antonio Falvo che deve essere consultata dall'acquirente ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l'esistenza di eventuali oneri, pesi nonché difformità edilizie ed urbanistiche a qualsiasi titolo gravanti sui beni stessi. La relazione è consultabile presso lo studio del professionista delegato, dal lunedì al venerdì, dalle ore 16,00 alle ore 18,00, previo appuntamento telefonico ed altresì sui siti internet www.aste.immobili.it, www.portaleaste.com e www.aste.eugenius.it. LOTTO 1 come sopradescritto Prezzo base euro 90.000,00 (Euro novantamila/00). Rilancio minimo euro 5.000,00 (Euro cinquemila/00). LOTTO 3 come sopradescritto Prezzo base euro 13.500,00 (Euro tredicimilacinquecento/00) Rilancio minimo euro 1.000,00 (Euro mille/00). LOTTO 4 come sopradescritto Prezzo base euro 13.500,00 (Euro tredicimilacinquecento/00) Rilancio minimo euro 1.000,00 (Euro mille/00). Data dell'incanto 27 gennaio 2011, ore 15,00 e segg. Luogo dell'incanto: studio del professionista delegato avv. Francesca Misuraca, sito in Lamezia Terme (CZ), Via Garibaldi n. 3, telefono 0968.24353, fax 0968.441516, e-mail avv.francescamisurac@tiscali.it In tale data, per aggiudicarsi i beni, sarà necessario effettuare almeno un rilancio del prezzo base, in misura non inferiore al minimo sopra indicato, a pena di inammissibilità. Si avvisa che: - la vendita dei beni avviene nello stato di fatto e di diritto in cui i beni medesimi si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, senza alcuna garanzia per evizione, molestie e pretese di eventuali conduttori, con tutte le pertinenze, accessori, ragioni ed azioni, servitù attive e passive eventualmente esistenti. - la vendita è a corpo e non a misura ed eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. - la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. L'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità e/o difformità della cosa venduta nonché oneri di qualsiasi genere (ivi inclusi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla necessità di adeguamento degli impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore) per qualunque motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione di prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. - gli interessati potranno esaminare gli immobili posti in vendita facendone richiesta al custode giudiziario avv. Francesca Misuraca, con studio sito in Lamezia Terme (CZ), Via Garibaldi n. 3, telefono 0968.24353, fax 0968.441516, e-mail avv.francescamisurac@tiscali.it che, previo appuntamento da concordarsi anche telefonicamente, provvederà ad accompagnare gli interessati medesimi presso gli immobili suddetti. È possibile, per i partecipanti alle aste, ottenere mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI per la concessione di mutui agli aggiudicatari. È possibile conseguire, presso lo studio del professionista delegato o presso il sito ABI, l'elenco delle banche aderenti all'iniziativa per il Tribunale di Lamezia Terme: si invitano gli offerenti a contattare direttamente le sedi delle agenzie o filiali incaricate dalle banche stesse, delle quali sarà disponibile anche il recapito telefonico, presso lo studio del professionista delegato o presso il sito ABI. Il termine di versamento del saldo del prezzo nonché degli ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita, come quantificati dal professionista delegato, è di 60 giorni dalla data della vendita, mediante deposito su un libretto di deposito postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all'ordine del Giudice, già acceso presso un istituto di credito a cura del professionista delegato. Qualora il procedimento si basi su credito fondiario, al versamento su libretto sarà sostituito, ai sensi e per gli effetti dell'art. 41, comma IV, del D. Lgs. 1.9.1993 n. 385, il pagamento diretto alla banca creditrice, nei limiti del credito azionato, entro il termine suindicato e detratto un eventuale accantonamento per spese di procedura a carico della massa, nella misura che sarà quantificata dal professionista delegato. In caso di inadempimento, l'aggiudicazione sarà revocata e l'aggiudicatario perderà tutte le somme versate. Solo all'esito degli adempimenti succitati nonché della produzione di aggiornati certificati sia catastali che relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene verrà emesso il decreto di trasferimento ex art. 586 c.p.c.. Le spese di trasferimento del bene sono a carico dell'aggiudicatario, cui restano riservati altresì i costi e le attività per la cancellazione delle formalità nonché i relativi compensi spettanti al professionista delegato per le operazioni successive alla vendita, come liquidati dal G. E.. In aggiunta al prezzo di aggiudicazione, è a carico dell'aggiudicatario il pagamento delle somme necessarie per la sanatoria degli eventuali abusi (e, quindi, quelle somme dovute a titolo di oblazione, di

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

canoni concessori, etc.). L'aggiudicatario dovrà dichiarare la propria residenza nel Circondario del Tribunale di Lamezia Terme od eleggere domicilio in Lamezia Terme (CZ). La pubblicità, le modalità di presentazione delle offerte e le condizioni di vendita sono regolate come segue: VENDITA CON INCANTO A norma dell'art. 579 c.p.c., ognuno, tranne il debitore, è ammesso a fare offerte all'incanto, personalmente od a mezzo di procuratore legale, anche a norma dell'art. 579, ultimo comma, c.p.c.. Il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti. Nell'ipotesi di cui al succitato art. 579, comma III, c.p.c., il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma I, c.p.c.. Le domande di partecipazione all'incanto dovranno essere presentate in busta chiusa entro le ore 13 del giorno 26 gennaio 2011. Le stesse dovranno essere presentate presso lo studio del professionista delegato, dal lunedì al venerdì, negli orari di ufficio. Nessuna annotazione dovrà essere apposta sulla busta. Sulla busta medesima dovranno essere annotate, a cura del professionista delegato ricevente o di suo delegato, il nome, previa identificazione, di colui che materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell'esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per la vendita all'incanto. L'assegno per la cauzione dovrà essere inserito nella busta, che il professionista delegato od il proprio delegato ad hoc sigillerà idoneamente al momento del deposito. Le buste saranno aperte alla data, ora e luogo fissati per l'incanto, alla presenza degli offerenti, ove comparsi. L'offerente deve presentare presso lo studio del professionista delegato una dichiarazione, in regola con il bollo, che dovrà contenere, a pena di inefficacia: - l'indicazione del numero di R.G.E. della procedura. - il prezzo offerto, che non potrà essere inferiore al prezzo a base d'asta indicato nell'avviso di vendita a pena di inefficacia. - l'identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l'istanza di partecipazione. - le generalità del concorrente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza, recapito telefonico, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi e, se in comunione legale dei beni, altresì nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale e residenza del coniuge), oltre a copia di valido documento di identità proprio ed anche del coniuge se è in comunione legale. Non sarà possibile intestare l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'istanza di partecipazione ed inoltre l'offerente dovrà presentarsi all'udienza fissata per la vendita all'incanto. Se l'offerente è minorenne, la domanda di partecipazione dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegarsi in copia conforme all'originale. Qualora la persona fisica dovesse partecipare in qualità di titolare di omonima ditta individuale, dovrà essere indicata anche la partita IVA ed alla domanda dovrà allegarsi una recente visura camerale della ditta stessa. Se società oppure ente, occorre specificarne i dati identificativi, inclusa la partita IVA e/o codice fiscale, il recapito telefonico nonché nome, cognome, luogo e data di nascita del legale rappresentante. Alla domanda dovranno essere, inoltre, allegati, sia una recente visura camerale della società o ente dalla quale risulti lo stato della società o ente medesimo ed i poteri conferiti all'offerente in udienza, sia copia fotostatica di un valido documento di identità dell'offerente medesimo e, se necessario, valida documentazione comprovante i relativi poteri e/o la relativa legittimazione (ad es., procura speciale). In caso di dichiarazione presentata da più soggetti, l'indicazione di quello che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. - l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. All'istanza dovrà essere allegato un assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato avv. Francesca Misuraca, a titolo di cauzione, di importo pari ad un decimo del prezzo posto a base d'asta, a pena di inefficacia ed in conto prezzo di aggiudicazione. Per offrire all'incanto, è necessario avere prestato la predetta cauzione. Se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare all'incanto medesimo personalmente od a mezzo di procuratore speciale senza documentato e giustificato motivo. In tal caso, la cauzione é restituita solo nella misura di 9/10 dell'intero e la restante parte è trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. L'offerta non è efficace se non supera il prezzo base o l'offerta precedente nella misura minima sopra indicata. Le modalità di vendita all'incanto sono regolate dagli artt. 581 e segg. c.p.c.. OFFERTE IN AUMENTO DI UN QUINTO A norma dell'art. 584 c.p.c, avvenuto l'incanto, possono ancora essere fatte offerte d'acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dall'incanto, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di un quinto quello raggiunto nell'incanto medesimo. Pertanto, l'aggiudicazione diverrà definitiva decorsi dieci giorni dall'incanto senza offerte in aumento. Tali offerte potranno essere depositate presso lo studio del professionista delegato, nelle forme di cui

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte in aumento, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma III, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata, a carico degli offerenti, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo sarà trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al Giudice dell'esecuzione. Si specifica che tutte le attività che, ai sensi dell'art 571 c.p.c. e segg. c.p.c. devono essere compiute in cancelleria o davanti al Giudice dell'esecuzione oppure dal cancelliere o dal Giudice dell'esecuzione, sono eseguite dal professionista delegato presso il suo studio. Il presente avviso verrà pubblicato mediante affissione all'Albo del Tribunale di Lamezia Terme, sui siti internet www.aste.immobili.it, www.portaleaste.com e www.aste.eugenius.it, sul quotidiano locale II Domani della Calabria e sui periodici AsteInfoappalti e QuiEconomia. Tra l'avvenuta pubblicità di cui sopra e la data dell'incanto dovrà decorrere un termine non inferiore a 45 giorni. Il più diligente dei creditori, munito di titolo esecutivo, potrà rendere noto il presente avviso, a sua cura e spese, mediante affissione muraria, da effettuarsi nei comuni di Lamezia Terme ed in quello di ubicazione dell'immobile, almeno 45 giorni prima della data dell'incanto. Inoltre, ciascuno dei creditori muniti di titolo esecutivo è autorizzato, a sue spese, non rimborsabili neppure ex art. 2770 c. c., all'ulteriore forma di pubblicità da lui eventualmente richiesta, da eseguirsi almeno 45 giorni prima della data dell'incanto. Tali forme ulteriori di pubblicità sono state dichiarate dal G. E. non necessarie ai fini dell'esperibilità della vendita. Maggiori informazioni verranno fornite dal professionista delegato, presso il proprio studio, all'indirizzo sopra indicato. Lamezia Terme, 22.11.2010 il professionista delegato avv. Francesca Misuraca

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO ai sensi del combinato disposto dagli art. 490 e 570 c.p.c. che il Giudice dell'Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 35/2004 promossa da ITALFONDIARIO SPA N.Q. DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell'allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1 a 28. DESCRIZIONE IMMOBILI: VEDERE PARTE DESCRITTIVA DELLA SOTTO RIPORTATA ORDINANZA DI VENDITA PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, TRANNE QUANTO SOTTO RIPORTATO, vedere l'ordinanza di vendita del 06.7.2006 punti da 1 a 28 allegate al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all'esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all'udienza del --.--.---- alle seguenti condizioni: - entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; - l'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno... non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; - l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; - le offerte in aumento, nel caso di cui all'art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato; - l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co., cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, TRANNE QUANTO SOTTO RIPORTATO, vedere l'ordinanza di vendita del 06.7.2006 punti da 1 a 28 - allegata al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all'udienza del 28/01/2011, con il prezzo da ridurre di 1/4 riportato nell'ordinanza di vendita, alle

Info 0961 996802


il Domani

| AsteInfoappalti

8

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Giovedì 9 Dicembre 2010 seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: 3% DEL PREZZO BASE; - se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall'art. 580 cpc; - l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito. Sito internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleira Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. Estratto conforme per uso pubblicità. Esatte euro --,-per bollo - euro 7,23 per diritti. Locri, 19.11.2010 Il Cancelliere ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI SEZIONE CIVILE - ESECUZIONI R.ES.Imm: 35/2004 Il Giudice dell'Esecuzione, … OMISSIS … DISPONE La sostituzione dei debitori nell'ufficio di custode dei beni pignorati per le causali di cui in premessa e nomina quale nuovo custode, non essendo disponibile l'I.V.G., l'Avv. Annarosa Grollino con studio in Roccella Jonica, Via Diaz 5/C, tel 0962 84322 al quale fa obbligo di far pervenire a quest'ufficio una preventiva relazione circa la situazione degli immobili costituenti il compendio pignorato e di depositare in seguito il rendiconto della gestione alle scadenze di legge nonchè ad ogni richiesta del creditore procedente o di quest'ufficio; autorizza, altresì, il custode a gestire attivamente ed economicamente i beni staggiti ricavandone rendite e profitti ed esercitando le azioni previste dalla legge necessarie per conseguirne la libera disponibilità, compresa la liberazione dell'immobile pignorato (art. 560 co III cpc); il custode dovrà altresì curare che le persone interessate all'acquisto prendano visione dei beni pignorati, avendo cura di evitare che tra le stesse vi possano essere forme di contatto (es. prevedendo delle turnazioni negli accessi, che avverranno singolarmente); ORDINA ai debitori di fornire al nuovo custode il rendimento dell'attività svolta fino ad oggi, nonchè ogni documento necessario al fine di adempiere compiutamente l'incarico affidatogli; DISPONE procedersi alla vendita dei seguenti immobili DESCRIZIONE LOTTO UNICO: appartamento adibito a civile abitazione, posto al secondo piano di un fabbricato a 3 piani f.t., più scantinato, sito nel Comune di Monasterace (RC), loc. Runci, corso della Repubblica, riportato in catasto fabbricati al foglio 17, particella 1193 sub 10 mq 77,50 circa PREZZO BASE; euro 58.125,00; CAUZIONE: 10% DEL PREZZO STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell'art. 569 cpc, il metodo dell'incanto, alle seguenti condizioni: 1) l'immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell'arch. Annamaria Carrozza) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso ad offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma, cpc); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo per partecipare alla vendita senza incanto, contenente: A) l'indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di inefficacia, non può essere inferiore al prezzo base indicato poc'anzi, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; C) l'indicazione delle volontà di avvalersi, ove ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; D) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si terrà implicitamente ricollegato, nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; E) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull'apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell'immobile; F) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l'offerta; G) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonchè l'indicazione della partita Iva; H) la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l'esecuzione (art.

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

4)

5)

6)

7)

8)

9)

10)

11) 12)

13)

14)

15)

16)

17)

174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l'effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; I) la sottoscrizione dei genitori esercenti la potestà e l'autorizzazione del giudice tutelare ove l'offerente sia un minore; l'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte; C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; l'offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l'offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; l'offerta si considera irrevocabile, ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 572 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l'incanto (es. art. 573 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l'offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi, il giorno fissato, presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all'esame delle offerte; l'udienza di vendita è fissata per il giorno 17.4.2007, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all'esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l'ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all'art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; in caso di mancata aggiudicazione, l'importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l'offerente: - potrà avvalersi della facoltà di subingresso nel mutuo, assumendosene gli obblighi relativi, secondo quanto indicato nell'art. 41 comma V, T.U.B. (versamento alla banca di quanto dovuto per rate scadute, accessori e spese entro 15 gg dall'aggiudicazione); - nel termine perentorio di gg. 50 dall'aggiudicazione, dovrà versare direttamente alla banca mutuante I.G.C. spa la parte del prezzo corrispondente al credito dalla medesima vanto per capitale, accessori e spese (salva la facoltà di subingresso nel mutuo, di cui infra); a tal fine, sarà l'istituto mutuante a comunicare tempestivamente l'importo del credito; - nel termine di gg. 60 dall'aggiudicazione dovrà versare l'eventuale differenza tra il prezzo di aggiudicazione e le somme già versate alla banca, detratto l'importo della cauzione in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l'offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione), e nello stesso termine, l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co, cpc); maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri, oppure presso il custode giudiziario, Avv. Annarosa Grollino; la presente ordinanza dovrà essere affissa, almeno 45 venti giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all'albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell'art. 555 cpc; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'articolo 568 cpc; C) il sito internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l'avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di Monasterace, Riace, Stignano, Caulonia (invitando all'uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonchè mediante pubblicazione per una volta su PROGGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura del creditore procedente; in particolare; A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria fino all'udienza di vendita; B) l'attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGGETTO ASTE dovrà essere inviato

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 096420732; 18) ove si debba procedere all'incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell'articolo 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall'articolo 572, terzo comma, ovvero per il caso, in fine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es. gara in aumento che non tenuta per mancanza di adesioni: art. 573 cpc), si fissa fin d'ora per l'udienza del 5.07.2007 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopra indicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; 20) la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale, e nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita iva; in tale istanza dovrà anche essere indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l'acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell'incanto; 22) se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, fermo restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte d'acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 c.p.c.) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione. 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le forme di cui all'articolo 571 cpc (cfr, punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; 26) su tali offerte, il Giudice, verificante la regolarità, indice la gara, cui possono partecipare, oltre agli offerenti in aumento e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l'incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all'art. 591 cpc (amministrazione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti. Si comunichi, anche al custode. Locri, 6.7.2006 FIRMATO IL G.E. (dott. Davide Lauro) °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr., letti gli atti della procedura Esecutiva n. 85/1985 promossa da , ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: ORDINANZA DEL 08.07.2008 LOTTO N. 1: Fondo rustico denominato "Filesi", sito nel Comune di Siderno (RC) , in c.da Salvi identificato in Catasto al foglio n. 1, particelle nn. 821822, 435, 436, 437, di superficie totale m2 21.790, con annesso fabbricato destinato a civile abitazione, cantina-deposito e stalle di superficie lorda m2 135,80 VALORE DEL LOTTO: Euro 67.869,10 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15% del prezzo LOTTO N. 2: Appartamento compreso nel Fabbricato Urbano a più piani sito nel Comune di Siderno

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

(RC) in c.da Randazzo, oggi via dei Tigli, identificato in Catasto al foglio n. 30, particella n. 957, sub 1 e 4. Il lotto è composto da cucina, soggiorno, studio e 4 camere da letto con servizi (al piano terra rialzato) per una superficie lorda di m2 458; tavernetta con cantina, servizi igienici, lavanderia ed autorimessa (al seminterrato), e corte di accesso in comune VALORE DEL LOTTO: Euro 306.790,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15% del prezzo LOTTO N. 3: Appartamento compreso nel Fabbricato Urbano a più piani sito nel Comune di Siderno (RC) in c.da Randazzo, oggi via dei Tigli, identificato in Catasto al foglio n. 30, particella n. 957, sub 2, composto da cucina, soggiorno, tre camere da letto con servizi (al primo piano) per una superficie lorda di m2 104,65, con scala interna e corte di accesso in comune VALORE DEL LOTTO: Euro 87.159,60 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15% del prezzo LOTTO N. 4: Appartamento compreso nel Fabbricato Urbano a più piani sito nel Comune di Siderno (RC) in c.da Randazzo, oggi via dei Tigli, identificato in Catasto al foglio n. 30, particella n. 957, sub 3, composto da cucina, soggiorno, due camere da letto con servizi (al primo piano) per una superficie lorda di m2 81,25, con scala interna e corte di accesso in comune VALORE DEL LOTTO: Euro 85.685,60 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15% del prezzo LOTTO N. 5: Appartamento compreso nel Fabbricato Urbano a più piani sito nel Comune di Siderno (RC) in c.da Randazzo, oggi via dei Tigli, identificato in Catasto al foglio n. 30, particella n. 957, sub 5, composto da cucina, soggiorno, ripostiglio, due camere da letto con servizi (al secondo piano) per una superficie lorda di m2 81,25, con scala interna e corte di accesso in comune VALORE DEL LOTTO: Euro 131.388,40 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15% del prezzo LOTTO N. 6: Terreno edificatorio con tettoia aperta, sito nel Comune di Siderno, c.da Randazzo, oggi via Turati, identificato in Catasto al foglio n. 30, particella 2529, con tettoia aperta di m2 180,00 VALORE DEL LOTTO: Euro 84.130,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: 10% del prezzo DEPOSITO PER SPESE: 15% del prezzo L'incanto avverrà, CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/5+1/5+1/5, all'udienza del 03.02.2011, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino alle ore 12,00 del giorno anteriore alla vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà) mediante consegna in Cancelleria di N. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: dr.ssa (Tel. 0964.381184) Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 03.02.2011. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 12 novembre 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO (ai sensi del combinato disposto dagli artt. 490 e 570) che il Giudice dell'Esecuzione Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 34/1994 promossa da ITALFONDIARIO DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell'allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO n. 1: "Piena proprietà dell'unità immobiliare censita nel Comune di Caulonia località Marina sita in via Allaro e riportata in Catasto Fabbricati al foglio di mappa n. 111, Part. n. 350 e distinta al sub n. 14, Piano 1° Cat. A/3, Classe 3°, di vani 5,5 mq. 92,86 + 15 mq. di balcone" PREZZO BASE: Euro 63.226,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO n. 2: "Piena proprietà dell'unità immobiliare censita nel Comune di Caulonia località Marina sita in via Allaro e riportata in Catasto Fabbricati al foglio di mappa n. 111, Part. n. 350 e distinta al sub n. 15, Piano 1° Cat. A/3, Classe 3°, di vani 5 mq. 85,40 + 46,5 mq. di balcone" PREZZO BASE: Euro 73.883,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l'ordinanza di vendita del 08.10.10 - punti da 1 a 28 - riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all'esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 572 e 573 cpc, avverrà all'udienza del 28.01.2011 alle

Info 0961 996802


il Domani

| AsteInfoappalti

9

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Giovedì 9 Dicembre 2010 seguenti condizioni: - entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto; - l'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; - l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; - le offerte in aumento, nel caso di cui all'art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato; - l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; - il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per le condizioni complete, tranne quanto sotto riportato, vedere l'ordinanza di vendita del 08.10.10 - punti da 1 a 28 - allegata al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all'udienza del 25.02.2011, con il prezzo riportato nell'ordinanza di vendita, alle seguenti condizioni: - ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; - le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; - se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall'art. 580 cpc; - l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE È PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: dr. VINCENZO SACCA' (tel. 0964.381064). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Locri, 27 novembre 2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI - Sezione Civile - Esecuzioni R.Es. Imm.: 34/1994 IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE, … OMISSIS … , ORDINA ai debitori di fornire al nuovo custode il rendiconto dell'attività svolta fino ad oggi, nonché ogni documento necessario al fine di adempiere compiutamente l'incarico affidatogli; - DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI SU DESCRITTI; - STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell'art. 569 cpc, con il metodo dell'incanto, alle seguenti condizioni: 1) L'immobile pignorato sarà posto in vendita, a corpo, nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell'Arch. F. ZURZOLO) da intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579 cpc, ultimo comma); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l'indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore al prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l'indicazione della volontà di avvalersi, ove ne susssistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento e ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; F) la dichiarazione di aver letto la relazione di stima (consultabile sull'apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell'immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l'offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l'elezione

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

4)

5)

6)

7)

8)

9)

10)

11) 12)

13)

14)

15) 16)

17)

di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l'esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l'effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l'autorizzazione del giudice tutelare ove l'offerente sia un minore; l'offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che a cura dell'offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; l'offerta non sarà considerata efficace: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l'offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; l'offerta si considera irrevocabile ad eccezione delle ipotesi in cui: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l'incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; l'offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all'esame delle offerte; l'udienza di vendita è fissata per il giorno 28.11.2008, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; ivi si procederà all'esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l'ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); in presenza di più offerte valide, alla stessa udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all'art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. in caso di mancata aggiudicazione, l'importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; in caso di aggiudicazione, l'offerente: potrà avvalersi dell facoltà di subingresso nel mutuo, assumendosene gli obblighi relativi, secondo quanto indicato nell'art. 41, comma V TUB (versamento alla banca di quanto dovuto per rate scadute, accessori e spese entro 15 gg. dall'aggiudicazione); - nel termine perentorio di gg. 50 dall'aggiudicazione, dovrà versare direttamente alla banca mutuante ITALFONDIARIO la parte di prezzo corrispondente al credito della medesima vanto per capitale, accessori e spese (salva la facoltà di subingresso nel mutuo, di cui infra); a tal fine, sarà l'Istituto mutuante a comunicare tempestivamente l'importo del credito; - nel termine di gg. 60 dall'aggiudicazione docrà versare l'eventuale differenza tra il prezzo di aggiudicazione e le somme già versate alla banca, detratto l'importo della cauzione, in un libretto di deposito postale intestato alla procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; in caso di aggiudicazione, inoltre, l'offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'esecuzione), e nello stesso termine, l'importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dall'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co., cpc); maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all'Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell'art. 555 cpc; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l'avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di ROCCELLA JONICA E CAULONIA (invitanto all'uopo il creditore ad allegare copia di n. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura di uno dei creditori, del debitore o del custode se diverso; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all'udienza di vendita; B) l'attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

che gestisce il servizio (Mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18) ove si debba procedere all'incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell'art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall'art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d'ora per l'udienza del 23.01.2009 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; 20) la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale e, nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l'acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell'incanto; 22) se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 cpc) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all'art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell'esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l'incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all'art. 591 cpc (amministrazione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti … OMISSIS … Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 23 MAGGIO 2008 F.to IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 28/1992 promossa da CARICAL spa, ordina la vendita con incanto dei seguenti beni immobili: LOTTO UNICO: Piena proprietà dell'immobile costituito da un fabbricato destinato a civile abitazione, realizzato in c.a. a due piani fuori terra oltre lastrico solare, sito nel Comune di Bovalino, strada vicinale Imperatore 5, riportato nel NCEU al foglio di mappa 13, particella 350, sub 4, Cat. A/3, Cl. 1^, consistenza 10,5, sup, cat. mq. 284, rendita Euro 368,75, in ditta 1/1, il valore dell'immobile" PREZZO BASE DEL LOTTO: Euro 142.000,00 DEPOSITO PER CAUZIONE: Euro 14.200,00 DEPOSITO PER SPESE: Euro 21.300,00 L'incanto avverrà con il prezzo da ridurre di 1/5+1/5 , all'udienza del 28/01/2011, ore 9,00, davanti a

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

sé nella presente sede ed in secondo esperimento in data … alle stesse condizioni e con le stesse modalità. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, sino alle ore 12,00 del giorno anteriore alla vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base eventualmente ribassato. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Custode Giudiziario: Avv. Barbara DI FABIO (Tel. 0964.20397). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 28/01/2011 ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 11.11.2010 IL CANCELLIERE

TRIBUNALE DI REGGIO CALABRIA AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE CON INCANTO Il Commissario Liquidatore Avv. Antonella Lupis con studio a Reggio Calabria via S.Anna n. 49/G (tel.0965/818757) della Cooperativa … srl di Scilla sciolta ex art. 2545/XVII c.c.- giusta decreto ministeriale di nomina del 16.11.2006; vista l'autorizzazione ministeriale pervenuta il 4.10.2010; visto l'art. 576 cpc; ordina procedersi alla vendita con incanto degli immobili di seguito descritti: "Appezzamento di terreno identificato al NCT del Comune di Sant'Eufemia d'Aspromonte, contrada Melia, al foglio 10 particella n.12, per una consistenza complessiva di 25 ha, 92 are, 20 centiare, così ripartiti: ha 15 per l'area pianeggiante, destinata a seminativo irriguo arboreo, con reddito agrario di euro 968,36 e reddito dominicale di euro 1.897,98; ha 10 are 92 ca 20 per la parte scoscesa, destinato a pascolo cespugliato, con reddito agrario di euro 28,20 e reddito dominicale di euro 84,61. Secondo quanto indicato nel P.R.G. ricade in zona 7, aree agropastorali e boschive, bosco ceduo". Il bene sociale sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova che i partecipanti alla gara devono espressamente dichiarare di conoscere ed accettare, al prezzo base di euro 195.000,00 (centonovantacinquemila/00) oltre oneri di legge. L'incanto avrà luogo il giorno 10.01.2011 ore 17.00 dinanzi al Notaio dott.ssa Rossella De Giorgio con studio a Reggio Calabria via Aschenez n. 180/C, presso il quale verrà depositata tutta la documentazione inerente la gara d'incanto e a disposizione per visione degli interessati a partecipare all'incanto. Per partecipare all'asta bisogna presentare idonea domanda in busta chiusa unitamente ad assegni circolari non trasferibili intestati alla procedura, a titolo di cauzione, per un importo pari al 20% del prezzo base d'asta. Le offerte in aumento sul prezzo base d'asta non potranno essere inferiori a euro 5.000,00 (cinquemila) e potranno essere fatte personalmente o tramite mandatario munito di procura speciale. Le iscrizioni ipotecarie e le trascrizioni pregiudizievoli saranno cancellate successivamente in base all'art. 5 L. 400/75. Avvenuto l'incanto, potranno essere effettuate ancora entro il termine perentorio di dieci giorni - offerte di acquisto, purché il prezzo offerto superi di almeno un quinto quello raggiunto nell'incanto. Tali offerte dovranno essere fatte mediante deposito presso il Notaio in busta chiusa all'esterno della quale sono annotati, a cura del Notaio, il nome, previa identificazione, di chi materialmente provvede al deposito, prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata. Il Commissario, verificata la regolarità delle offerte, indirà nuova gara - di cui ne darà pubblico avviso secondo le modalità di cui all'art.570 cpc - fissando un termine perentorio entro il quale potranno essere fatte ulteriori offerte. Alla gara potranno partecipare oltre ai nuovi offerenti e all'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine che verrà stabilito, abbiano integrato la cauzione nella stessa misura di cui sopra. Se nessuno degli offerenti in aumento parteciperà alla gara nuovamente indetta, l'aggiudicazione diverrà definitiva, il commissario liquidatore pronuncerà a carico degli offerenti in rialzo, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo sarà trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti della procedura. Il prezzo di aggiudicazione unitamente alle spese d'asta, all'importo delle spese notarili ed accessorie e degli oneri fiscali di legge, dovranno essere versati dall'aggiudicatario con assegno circolare entro 30 giorni dall'aggiudicazione definitiva, pena la perdita di cauzione ed ogni diritto all'acquisto. Per quanto non espressamente indicato, si rinvia alle norme contenute dagli artt.576 e segg. Cpc. Il Commissario Liquidatore (Avv. Antonella Lupis)

Info 0961 996802


10

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

CRONACHE

Corbelli esprime solidarietà alla Laganà: ingiustificato il silenzio di tutti i partiti REGGIO CALABRIA - Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, esprime solidarietà a Maria Grazia Laganà, giudica il «rinvio a giudizio della parlamentare un atto profondamente ingiusto che colpisce la moglie di un politico onesto Francesco Fortugno, l’ex vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria, ucciso per le sue coraggiose denunce sugli intrecci tra mafia e politica nella sanità». Corbelli parla di «inaudito processo sommario nei confronti della Laganà, sbattuta oggi come un mostro in prima pagina" e manifesta "sorpresa e indignazione per il silenzio di tutti i partiti e dei cosiddetti garantisti su questo caso. Tutte le sentenze e gli atti dei giudici vannonaturalmenterispettati.Ma di fronte a certe abnorme iniziative giudiziarie si ha il dovere e l’onestà di dirlo, di denunciarlo, di scriverlo. Si può rinviare a giudizio e processare per truffa e falso nel settore della sanità la moglie di un politico-eroe ucciso dalla ‘ndrangheta (dei colletti bianchi) proprio per le sue coraggiose denunce sugli intrecci tra mafia e politica nella stessa sanità? Maria Grazia Laganà ha pagato un prezzo immane, con l’uccisione del marito, per l’azione, di pulizia, verità e giustizia nella sanità della Locri-

Amanti in auto cadono in un dirupo, lui è in rianimazione e lei viene presa a botte dall’“altra”

de, portata avanti dal suo consorte con il sostegno della stessa Laganà, che continua per questo suo impegno politico e civile ad essere pesantemente minacciata dalla ‘ndrangheta (e dai suoi referenti politici). Adesso si arriva a rinviarla a giudizio per una vicenda ( per una ipotesi di, presunti, falso e truffa) che sono certo al processo sarà archiviata. Intanto la Laganà, dopo aver combattuto insieme al marito e perso lo stesso consorte per mano della mafia dei colletti bianchi, oggi si ritrova sbattuta in prima pagina, condannata anzitem-

po. Ma quello che è più grave e assolutamente ingiustificato - conclude - è il silenzio assordante di tutti i partiti, dei pseudogarantisti e di quanti in questi anni hanno elogiato l’onestà e il coraggio di Francesco Fortugno che ha perso la vita per il suo impegno politico e istituzionale contro la mafia degli appalti della sanità. Sono queste iniziative e paradossi giudiziari che fanno perdere la fiducia nella giustizia (e non solo)»

Gianluca Fosco

Udc: immigrazione a Rosarno, dal Governo nessuna risposta ROSARNO - «La questione extracomunitari, a Rosarno, non è affatto un lontano ricordo e, ancora oggi, c’è chi vive in condizioni disumane ed al limite della degenza senza che lo Stato, dopo vari proclami e slogan, abbia preso gli opportuni provvedimenti». E’ il grido di allarme lanciato da Giuseppe Idà, coordinatore regionale del movimento giovanile dell’Udc. «E’ impensabile, - aggiunge - dopo i tumulti e le rivolte che hanno portato Rosarno alla ribalta delle cronache nazionali, dover ancora vedere scene da terzo mondo. E’ chiaro ed oltremodo logico sottolineare, a questo punto,unconcettofondamentale: fino a quando un extracomunitario sarà costretto a vivere in condizioni disumane, possiamo tranquillamente affermare di non risiedere in un Paese che possa essere degno di chiamarsi democratico. Da parte nostra, dunque prosegue Idà - ci reputiamo indignati verso un palese disinteresse da parte delle Istituzioni e, ad alta voce, protestiamo affinchè questa situazione possa trovare un’im-

mediata e giusta soluzione. A tal proposito, ci appelliamo anche a coloro i quali, non solo all’interno dell’arco parlamentare e del panorama politico italiano, non hanno perso tempo ad etichettare il popolo rosarnese come razzista e xenofobo, al solo scopo di guadagnare un po’ di visibilità sulla stampa nazionale. Anche a loro rivolgiamo il nostro appello, così come crediamo doveroso rivolgerlo al Ministro degli interni, Roberto Maroni, affinchè si predispongano, senza perdere altro tempo degli spazi adeguati dove ospitare,inmododecoroso,questi poveri disperati. Il Governo Ber-

lusconi ha l’obbligo, prima di tutto morale, di agire, senza perdersi in proclami che, alla fine, non trovano riscontri nella realtà. Non vorremmo che la questione Rosarno possa evolvere come quella relativa ai rifiuti di Napoli: molte parole, troppe promesse e nessuna soluzione. Sotto questo aspetto - conlude Idà - il movimento giovanile dell’Udc, se non saranno riscontrate immediate soluzioni sulla vicenda, darà vita ad una ferma reazione di protesta».

REGGIO CALABRIA Un’autovettura è sprofondataper30metriinun dirupo creatosi a causa di una frana nella zona dei fortini a Reggio. Un uomo di 44 anni e una donna, presumibilmente la sua amante, erano all’internodell’autovettura quando questa è sprofondata e per salvare gli occupanti si è reso necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco e degli uomini del 118, guidati dal capo equipe Carlo Biroccio, Le condizioni dell’uomo si sono immediatamente palesate come gravi, di tal che si è resa necessaria una operazione di imbracamento sanitario, con tavola spinale, mentre la zona era ancora a rischio di ulteriori frane. Nel frattempo, una volta terminata, grazie anche all’opera della gru dei Vigili del Fuoco, l’operazione di recupero, difficilissima nella fase di risalita del personale sanitario, e riportati i due in superficie, qui è sopraggiunta la moglie di lui ed immediatamente è scaturita una violentissima lite con la sua accompagnatrice. L’uomo si trova ora ricoverato nel reparto di rianimazione presso gli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria Saverio Corretto

La giornata dell’arbitro della Figc: fondamentale il rispetto delle regole REGGIO CALABRIA - L’assessore allo sport delcomune di Reggio Calabria, Giuseppe Capua, interviene sulla giornatadell’arbitro della Figc che si è svolto in città. In una nota si legge: «Il ruolo e il compito che mi sono stati assegnati mi obbligano a ricordare tutto il mondo dello sport quanto importante sia il rispetto delle regole. La mia provenienza storica del mondo del calcio facilita questo compito: senza arbitri non ci sarebbe la possibilità di competizione. La cultura dei giovani - dice - deve passare soprattutto attraverso il riconoscimento di ruoli così determinante di importanti. I giovani devono sapere che un arbitro è uno di loro e che, in quanto tale, deve essere amato e rispettato come un compagno di gara. Anche se sarò assente alla manifestazione per gli impegni precedentemente presi, ci tengo molto ad essere presente con un pensiero affettuosamente dedicato tutti gli arbitri calabresi». R. Ansaldi

Rosa Voci


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani 11

CRONACHE

Giornalisti a Locri: uniti per il bene dell’informazione di Carmela Mirarchi LOCRI - Di coraggio e di coscienza, dei giornalisti, ma non solo, si è discussoierimattinanell’incontro, promosso dal Sindacato dei Giornalisti della Calabria a Locri (in concomitanza con le votazioni per i delegati al Congresso nazionale della Fnsi), che ha visto protagonisti i massimi vertici della Federazione della Stampa, a livello nazionale e regionale. Accanto a Carlo Parisi, segretario del Sindacato dei Giornalisti della Calabria c’erano, infatti, Franco Siddi e Roberto Natale, segretario e presidente della Fnsi. Insieme, dunque, per sviscerare alcuni degli annosi problemi che affliggono la categoria dei giornalisti, oggi più che mai nel mirino. E, per farlo, non è stata scelta la via delle parole a metà, nè tantomeno dei concetti velati: «Con quale coraggio e con quale coscienza - haesordito Carlo Parisi - certi giornali si ergono a paladini dell’antimafia, mentre sfruttano e mortificano i propri giornalisti con stipendi, se così li vogliamo chiamare, da fame? Parliamo di 4 centesimi a rigo o di 6 euro e 50 a pezzo, il più delle volte pagati dopo mesi o, addirittura, mai corrisposti». Parole dure in una terra che lo è ancor di più. «Ma è proprio in realtà difficili come quella in cui citro viamo oggi - ha proseguito il segretario del Sindacato dei Giornalisti della Calabria - che occorre fare e pretendere la massima chiarezza». Detto, fatto: «La Federazione della Stampa, regionale e nazionale, è a Locri, promuove un’iniziativaa favore della categoria e, più in generale, della società, e lo fa senza alcun contributo pubblico. A costo zero per la collettività. Si parla - e si scrive tanto - di antimafia, di anti-’ndrangheta - ha incalzato Parisi - ovvero di associazioni che si impegnano per il bene della collettività contro il male, i criminali. Benissimo. Ma, in nome della trasparenza, chiedo a queste associazioni di indicare la portata e la provenienza dei contributi percepiti ogni qualvolta vengano organizzati una manifestazione o un convegno in nome dell’antimafia. A pagare siamo quasi sempre noi, con la forza dei contributi pubblici». Poi lo sguardo sisposta alla categoria: «Allo stesso modo - ha continuato Parisi - nel campo dell’informazione, ritengo che lo strumento ideato e disposto dalla Federazione della Stampa, in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti, per monitorare intimidazioni e

minacce ai danni dei giornalisti, cioè Ossigeno, abbia il dovere di confrontarsi con le realtà locali, in Calabria come nel resto d’Italia, prima di diffondere dati di estremo e delicato valore. Non si può prescindere - ha chiosato Parisi da un’attenta verifica della corrispondenza e della credibilità di dati come quelli in questione, che raccontano della vita, non solo del lavoro, di tanti colleghi». Un appello condiviso dal presidente della Fnsi, Roberto Natale: «I dati vanno assolutamente verificati e ci impegneremo a promuovere un confronto maggiore con le realtà locali». Tutto questo, nella ferma consapevolezza che «il Sindacato dei giornalisti - ha ribadito Natale è un organismo in cui tutto e tutti devono riconoscersi e non basta un convegno ogni tanto per lavarsi la coscienza. Ci vuole impegno, soprattutto quando si tratta di portare alla luce e difendere vicende che non fanno notizia». Emblematico l’intervento del segretario generale della Fnsi, Franco Siddi: «C’è bisogno, soprattutto nel nostro Paese, in questo momento di palese difficoltà , di un sindacato unitario e unito. E’ soltanto con

l’impegno e la forza di tutti che possiamo vincere le nostre battaglie, senza mai perdere di vista la vera natura della professione del giornalista: la nostra categoria dev’essere testimone della verità, non di sensazionalismo». I problemi, certo, non mancano: «In Italianon c’è lavoro per gli oltre 100 mila giornalisti iscritti all’Ordine ha sottolineato Siddi - e questo è un dato inconfutabile. Ecco perchè bisogna intervenire nel quadro delle misure e delle politiche per l’occupazione, contrastando in primo luogo il precariato». Da non sottovalutare, infine, il monito di monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, vescovo giornalista alla guida della diocesi di Locri Gerace: «La stampa, che ha un grande compito, ma altrettanto delicato, deve essere libera e foriera di libertà , come in questa meravigliosa occasione. Attenzione, però, a non eccedere nel criminalizzare chi ancora, fino a prova contraria, è innocente. Non si fa il bene della società e, credo, neppure quello dei giornalisti se non si tiene alto e fermo il rispettodella persona».

Al Teatro "Francesco Cilea" un grande classico della danza: lo Schiaccianoci REGGIO CALABRIA - Dopo il successo della "Boheme" torna al Teatro "Francesco Cilea" di Reggio Calabria un grande classico della danza: lo Schiaccianoci. Ci si avvicina al Santo Natale e lo splendido spettacolo di Ciaikovskij contribuirà a dar vita alla coinvolgente atmosfera. Un’esclusiva nazionale a Reggio Calabria, allestita dal Balletto di Sofia con una novità importantissima: per la prima volta i ballerini saranno accompagnati dall’Orchestra "Francesco Cilea". L’appuntamento col debutto in riva allo Stretto della Compagnia Bulgara è per sabato 11 dicembre 2010, alle ore 21. Due grandi realtà messe insieme: l’eccellenza della danza bulgara con la professionalità dei musicisti calabresi, diretti dal Maestro Nayden Torodov. Costumi e scene sono quelli dei teatri bulgari che, uniti all’unicita’ della danza, conferiscono alla Compagnia, ormai alla soglia del suo ottavo decennio, un livello artistico memorabile, riconosciuto con entusiasmanti recensioni dalla critica mondiale. Il balletto in due atti, con coreografie originali di Marius Petipa e Vasilij Vainonen, è uno degli spettacoli piu’ famosi ed apprezzati dal pubblico e tra i più rappresentati nel mondo durante il periodo natalizio. La storia, tratta dalla novella dello scrittore tedesco Hoffman, è una fiaba fatta di dolciumi, soldatini, fiocchi di neve e topi cattivi, nella quale non possono mancare il principe azzurro e la fatina. Un balletto che incanta i bambini e colpisce gli adulti. «Come i più importanti teatri lirici - afferma il Sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Raffa - anche al Cilea daremo spazio al grande spettacolo di tradizione, facendo rivivere sul palcoscenico del massimo teatro reggino, la magia di "The Nutcracker". Una rappresentazione che voglio dedicare, in particolare, ai bambini, perche’ possano entrare nella magica atmosfera del Santo Natale e vivere le loro prime esperienze in teatro, conservandone un dolce ricordo. Il balletto, per la prima volta verrà accompagnato dall’Orchestra e questo è il valore aggiunto dello spettacolo che tutti potranno apprezzare».

Enzo Scarpino

La conferenza internazionale sulla globalizzazione REGGIO CALABRIA - L’Assessorato alla Cooperazione, Internazionalizzazione e Politiche di Sviluppo Euro mediterranee della Regione Calabria, guidato da Fabrizio Capua, ha organizzato per oggi e domani, al Teatro Francesco Cilea di Reggio Calabria, la conferenza internazionale sul tema "La globalizzazione nel Mediterraneo. Il ruolo della Calabria: politiche e strategie". Sarà una conferenza di ampio respiro, che rappresenterà l’occasione per interloquire e confrontarsi con i maggiori esperti nazionali ed internazionali sul tema dell’internazionalizzazione, del ruolo politico e strategico della Regione Calabria e sul rilancio della sua economia attraverso l’avvicinamento al Mediterraneo. Alla conferenza, i cui lavori saranno aperti dal governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti, interverranno importanti rappresentanti delle istituzioni nazionali ed internazionali, nonchè esponenti del mondo imprenditoriale, finanziario e dell’economia. Tra i partecipanti i

due Sottosegretari di Stato agli Esteri, Enzo Scotti e Stefania Craxi; Adnan Kassar, Ministro libanese e presidente di Unioncamere araba; Pietro Celi, Direttore Generale del Ministero dello Sviluppo Economico, Paolo Zegna, Vice Presidente per l’internazionalizzazione di Confindustria; Giancarlo Lanna, Presidente Simest; Robert Leonardi, economista; Santo Versace, Presidente Gianni Versace Spa; Giancarlo Innocenzi Bozzi, Presidente Invitalia; Massimo Mamberti, direttore generale Ise; Hechmi Chatmen, delegato generale Fipa Tunisia. Moderatore sarà il giornalista Rai Attilio Romita.

Saverio Corretto


12

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

CRONACHE

Incontro tra Vendola ed Oliverio alla Provincia COSENZA - Prima di cominciare la conferenza stampa programmata nella Sala degli Specchi della Provincia di Cosenza, il leader di Sinistra Ecologia e Libertà Nichi Vendola, accompagnato dal ConsigliereregionaleFerdinando Aiello, dal Segretario Provinciale di Sel, Mario Melfi, dal Consigliere Provinciale Giuseppe Giudiceandrea e dall’ex sindaco di Cosenza Eva Catizone si è intrattenuto cordialmente in un breve colloquio con il Presidente della Provincia di Cosenza, on. Mario Oliverio, che lo ha ricevuto presso il salone della presidenza. Vendola e Oliverio, dopo aver ricordato gli antichi legami di amicizia, le fitte frequentazioni da parte del Presidente della Puglia della città, i consolidati rapporti con diverse famiglie cosentine, si sono intrattenuti sui temi politici di più scottante attualità, primo fra tutti la grave crisi che investe il Paese e la grande responsabilità di esercitare, in questo contesto, azioni di governo che realmente sappiano dare risposte serie e concrete ai problemi dei territori e dei cittadini. I due esponenti politici, dopo aver manifestato dolore e cordoglio per quanto è avvenuto ieri l’altro nei pressi di Lamezia Terme, dove sette ciclo amatori sono morti a seguito di un tragico incidente,hannoespressograndipreoccupazioni per la grave si-

tuazione della gestione dei rifiuti che investe, ormai, gran parte delle regioni meridionali, dei problemi che interessano il sistema sanitario e, soprattutto, della gravissima situazione occupazionale in atto nel Mezzogiorno ed in Calabria che spinge i nostri miglioricervelliademigrare altrove. In questo contesto, hanno convenuto entrambi, governare nel Mezzogiorno, dove i problemi sono più acuti e più gravi che altrove, è ancor più difficile governare, soprattutto in assenza di un

Governo che, in questi anni, ha letteralmente cancellato dalla propria agenda politica i problemi del Sud e della sua gente. Al termine del cordiale incontro, Oliverio e Vendola si sono dati appuntamento ad un’altra occasione per meglio confrontarsi ed approfondire questioni e problemi comuni e per contribuire ad una forte ripresa di protagonismo e di iniziativa da parte del Mezzogiorno e delle regioni meridionali.

Inchiesta Omnia, ha preso il via il processo d’appello per 42 imputati COSENZA - Richieste di acquisire nuovi atti da parte degli avvocati, e richiesta di sentire tre nuovi collaboratori giustizia da parte del sostituto procuratore generale Marisa Manzini. Così ha preso il via, a Catanzaro, il processo d’appello per 42 imputati del processo scaturito dall’inchiesta antimafia nome in codice "Omnia". Si tratta degli imputati che hanno seguito il rito ordinario, e per i quali il processo dibattimentale si è concluso lo scorso 2 marzo, al tribunale di Castrovillari, dove i giudici hanno inflitto pesanti condanne comprese fra i due ed i trent’anni di carcere. Sulle richieste delle Parti i giudici si sono riservati di emettere la decisione che renderanno nota alla prossima udienza di giorno 17 dicembre. Al processo sono costituite parti civili la Regione Calabria, la Provincia di Cosenza, il Comune di Cassano e Confindustria, oltre a vari privati, cui sono stati rico-

nosciuti sostanziosi risarcimenti. L’inchiesta "Omnia" fu condotta dal Ros dei carabinieri e dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. Nel vasto impianto accusatorio, a vario titolo, agli imputati sono contestati i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, e reati fine che

vanno dalla rapina all’estorsione, all’usura, allo spaccio di droga. Secondo quanto emerse fin dal blitz dei carabinieri, scattato il 10 luglio del 2007 per l’esecuzione di oltre 50 ordini di cattura, il clan non solo avrebbe imposto in modo generalizzato il pizzo agli imprenditori agricoli, agli imprenditori del terziario e agli appaltatori di opere pubbliche e private in tutta la Piana della Sibaritide, nel Cosentino, ma avrebbe inoltre gestito l’immigrazione clandestina e l’impiego della manodopera irregolare, mettendo a segno inoltre una serie di truffe all’Inps grazie a cooperative agricole di cui aveva acquisito il controllo, e grazie alle quali avrebbe assunto fittiziamente un gran numero di braccianti. Gli affiliati avrebbero infine gestito l’offerta del pescato nel territorio di Cassano Ionio, attraverso imprese, vicine al sodalizio, che rivendevano i prodotti ittici.

Falanga: «Ecco perchè l’Idv si è schierata con la Primavera di Rende» RENDE - «L’Italia dei Valori di Rende è da sempre assai critica nei confronti dell’amministrazione Bernaudo. Da anni schierata su posizioni di ferma opposizione Idv rendese conduce una battaglia di rinnovamento di metodi e sistemi in continuità con lo spirito battagliero del proprio leader e della vera politica, peraltro praticata anche in occasione delle ultime elezioni regionali» si legge in una nota di Giovanni Falanga , Coordinatore Idv di Rende . «Opposizione ufficiale da sempre, riconosciuta dal partito ad ogni livello, e su tale posizione politica l’Idv di Rende si è sempre ritrovata all’unisono, sia tra dirigenti che con gli iscritti - continua -. Ora in prossimità delle elezioni riemergono le sirene del potere e chi da sempre ad esso sottoposto, e le voci che si levano dalle fila dei graduati di truppa, peraltro in modo approssimato, inopportuno e populista, sono gradite se tendono al dialogo, ma assai stonate invece quando vogliono artatamente infiltrarsi in melodie a loro sconosciute. Chi invece ha gradi ed autorità dovrebbe tentare di acquisire anche l’autorevolezza necessaria per riempire le vuote e stereotipe coreografie linguistiche di contenuti politici fattivi e coerenti con la storia, i fatti e gli uomini che operano con lealtà ed umiltà sul territorio. E dal territorio sono apprezzati per la loro coerenza nel portare avanti gli interessi, i soli, del partito e di quanti ad esso guardano con un anelito di speranza nella battaglia per la legalità, la trasparenza, la democrazia. Basta riguardare i vari risultati elettorali del comune di Rende. Battaglie non comuni a chi invece anela al potere e nelle cui fila ha militato e milita ancora sotto mentite spoglie e col quale vorrebbe ancora andare a braccetto. L’Idv di Rende si è schierata sempre dalla parte dei cittadini, ed è ai cittadini ed agli iscritti che ha dato e darà conto della propria coerenza e di quella di quanti si sacrificano nel portare avanti con umiltà quegli stessi principi che da alcuni vengono richiamati quali inni ed odi, dei quali però spesso non ne conoscono le applicazioni e la portata culturale. Ecco perché con coerenza e continuità l’Italia dei Valori di Rende si è schierata con la Primavera di Rende in maniera naturale e conseguente, spiegandone più volte le motivazioni politiche e di fatto, senza però mai venir meno al proprio ruolo ed alla propria collocazione politica, esaltando il dialogo e la democrazia, quella vera, che parte dalla base e dal territorio per propagarsi a tutto il partito. Ma, forse - conclude - in aggiunta a quella grave malattia che rende alcuni politici dei berluschini rischia di propagarsi anche il virus del dipietrino, magari per capovolgere il concetto stesso della tanto cara e amata democrazia».

Scossa di terremoto 3.1 avvertita nella provincia di Cosenza COSENZA-«Unevento sismico è stato avvertito dalla popolazione in provincia di Cosenza. Le località prossime all’epicentro sono Parenti, Aprigliano e Colosimi». E’ quanto si legge in una nota della Protezione civile, nella quale si aggiunge che: «Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 7,05 con magnitudo 3.1».


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani 13

CRONACHE Incontro con Paissan sul futuro dei giornalisti degli uffici stampa

Atto vandalico ai danni della stazione meteo di Carmelo Morise MORMANNO - Persone non identificate hanno devastato, nella zona dei monti dell’Orsomarso, nel Parco del Pollino, una stazione meteorologica installata all’interno della piana grande di Masistro, nel territorio del comune di Mormanno. La stazione fa parte del Progetto Pollino realizzato dall’associazione Devastata. «Tre anni e mezzo che ci hanno dato tantissime soddisfazioni prima con i dati di Piano Ruggio, conca carsica esattamente lungo la linea di confine tra la Calabria e la Basilicata che ha sfiorato i -30°C e ci ha fornito tantissimi dati interessantissimi per lo studio di queste doline ancora così misteriose al mondo scientifico» si legge in una nota dell’associazione che gestisce la stazione meteo. «Mentre i rilevamenti da Piano Ruggio proseguono quotidianamente - cfontinua la nota nel corso degli anni abbiamo installato un’altra stazione meteo presso il Rifugio Biagio Longo del Cai di Castrovillari in contrada Campolongo, nel territorio del Comune di Mormanno, a un passo dalla piana di Campotenese, e un paio di mesi fa, appunto il 9 ottobre, abbiamo iniziato a monitorare un’altra conca dalle caratteristiche simili a quelle di Piano Ruggio, anche se a una quota più bassa: si tratta della Piana Grande di Masistro, a 1.200 metri di altitudine. Il momento dell’installazione è stato estremamente emozionante: per un’Associazione come la nostra, composta da giovani appassionati, ci sembra di realizzare un sogno, e cioè quello di poter monitorare a livello scientifico le zone più interessanti dell’Appennino. E così, in pochi anni, le nostre stazioni sui monti del Pollino sono diventate tre. E stiamo già pensando alla quarta, da installare ai Piani del Pollino, ad altissima quota, la conca probabilmente più interessante in assoluto di tutto l’Appennino Italiano. Questo progetto di rilevamento dati meteorologici ha una grande valenza proprio per il mondo della ricerca: le conche carsiche non sono ancora conosciute a fondo, e solo studiandole e analizzandole in tutti i loro dettagli si potranno conoscere i loro affascinanti segreti. Grazie a questo progetto, realizzato in collaborazione con l’Arpa Veneto che sulle Alpi centro/orientali ha iniziato questo tipo di osservazioni già da qualche anno prima, ci sta impegnando anche sul contesto internazionale perchè

stiamo provando a metter sù uno staff di ricerca e studio per individuare le aree più fredde del Mediterraneo: siamo entrati in contatto con esperti della Grecia e della Spagna con cui abbiamo già condivisoosservazionialtrettantointeressanti di aree davvero estreme di quei Paesi. E la ricerca continua. Ma pochi giorni fa, quando il nostro Renato Sansone, delegato del progetto, s’è recato nella piana grande di Masistro per prelevare i dati dei primi due mesi della stazione meteo, ha amaramente constatato che la nostra stazione meteo, un gioiellino in mezzo al Parco Nazionale del Pollino, praticamente non c’era più. Abbiamo provato in tutti i modi a credere e ad auto-convincerci che la stazione si trovasse in quelle condizioni per colpa di qualche animale imbizzarrito: nella zona, infatti, pascolano centinaia di vitelli e cavalli.Maabbiamopurtroppodovuto constatare che solo e soltanto una mano umana avrebbe potuto ridurre la stazione in quel modo: i tre tiranti messi a bloccare il palo con la stazione meteo sono stati tranciati di netto con una tronchesina o qualcosa del genere, le grosse pietre che bloccavano gli stessi tiranti alla base sono state spostate di metri, i pali della recinzione so-

no stati tolti dal terreno in cui erano piantati, e poi riconficcati in ordine differente.Solo un "essere umano" può aver commesso un gesto così violento e al tempo stesso strategico. Una strategia che nè mucche nè cavalli possono avere. La parte più importante della stazione meteo - si precisa nella nota lo schermo solare con all’interno il datalogger che registra i dati di temperatura e umidità, è per fortuna rimasta intatti, anche se li abbiamo dovuti ripulire da uno strato di fango molto compatto.Siamo potuti risalire al momento esatto in cui, molto probabilmente, è stato compiuto il gesto vandalico: tra il pomeriggio del 31 ottobre e la mattina del primo novembre. Da quel giorno, infatti, i valori termo / igrometrici sono decisamente strani, proprio perchè lo schermo solare non si trovava più a 2 metri di altezza dal suolo ma, posizionato per terra, assorbiva nelle ore diurne il calore del terreno e nelle ore diurne ne traeva raffreddamento, segnalando inoltre quasi sempre un più alto tasso di umidità. Segnalando questo gesto alle autorità competenti con un’annessa denuncia per atti vandalici contro ignoti, ribadiamo però tutta la nostra intenzione a non mollare e a continuare nel Progetto Pollino».

COSENZA - "Gli Uffici stampa: quali prospettive concrete per i giornalisti?", è il tema dell’incontro con il vicepresidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti, Enrico Paissan, organizzato dall’associazione dei giornalisti cosentini "Maria Rosaria Sessa". Il convegno si terrà oggi alle 10,30, nella sede di Confindustria a Cosenza. Ad introdurre i lavori saranno Gregorio Corigliano, presidente della "Sessa", e Francesco Montemurro, tesoriere dell’associazione dei giornalisti cosentini. «Quello con il collega Paissan - dice Gregorio Corigliano - rappresenta il primo di una serie d’incontri che la nostra associazione ha predisposto per soddisfare le istanze degli associati, e dei colleghi tutti, con cui ci è stato chiesto di affrontare tematiche di interesse professionale. Abbiamo sentito il dovere di cominciare dagli Uffici stampa - continua Corigliano - perchè è un argomento di grande attualità e di enorme interesse per decine e decine di colleghi disoccupati». Dello stesso avviso del presidente della "Sessa" è Enrico Paissan. «La particolare fisionomia e le caratteristiche che deve assumere il lavoro giornalistico all’interno degli uffici stampa pubblici - dice Paissan - sono state affrontate in più occasioni dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, l’organo di autogoverno dei giornalisti italiani, il cui Gruppo Speciale di lavoro sugli Uffici Stampa ha predisposto il 26 febbraio 2002 una "Carta dei doveri del giornalista degli uffici stampa", approvata successivamente dal Consiglio

Nazionale. Questo documento - continua il vicepresidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti - costituisce un vero e proprio codice deontologico al quale il giornalista operante nel settore deve ispirare il proprio comportamento, fissa livelli di incompatibilità professionali molto precisi, richiama il dovere primario del giornalista di assicurare una corretta e completa informazione al cittadino, attraverso l’utilizzo degli strumenti professionali e tecnici capaci di dare voce ai cittadini amministrati con l’obiettivo primario di ridurre la distanza tra istituzioni e società. Inoltre nel dicembre 2002 il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti ha adottato due Delibere per disciplinare l’iscrizione all’Ordine stesso di quanti esercitano la professione giornalistica all’interno della pubblica amministrazione. Questo la situazione allo stato attuale. Resta da dire - conclude Paissan - che negli ultimi mesi le pubbliche amministrazioni hanno regolarizzato la posizione di quanti di fatto esercitano da tempo la professione giornalistica, anche se l’applicazione del Contratto nazionale di lavoro giornalistico rappresenta ancora un fatto limitato».

Carm.Mira.

Scoperta la targa all’interno del Chiostro di San Domenico COSENZA - «Restituito alla fruizione della città perchè gli splendori del passato siano da stimolo per il futuro» è a firma del Sindaco l’ iscrizione, su targa in marmo, che sottolinea il rilievo culturale che il Chiostro diSan Domenico a Cosenza è tornato a rivestire dalla riapertura,poco più di un anno addietro, ma anche quello che sarà un ruolo futuro che l’Amministrazione Perugini auspica sempre più importante. Martedì mattina la cerimonia di scopertura della targa all’interno del Chiostro, presenti Sindaco ed autorità, ha avuto il significato di una restituzione ufficiale alla città di un luogo che i cosentini hanno già dimostrato diapprezzare moltissimo. Sono state migliaia, infatti, le visite che si sono succedute dall’agosto 2009, dopo il recupero della storica struttura deciso dall’Amministrazione comunale in anticipo su quello che dovrà essere il più gravoso lavorosull’ intera ex Caserma Fratelli Bandiera. Ma le funzioni del Chiostro compiono oggi anche un ulteriore salto di qualità e ne attestano la vocazione di luogo dedicato all’ arte, al gusto, alla musica, in sostanza a

molteplici tematiche che si intrecciano e si completano tra loro. L’architetto Eugenio Anselmo, coordinatore del progetto "Lavori in Chiostro" insiemea l Settore Lavori pubblici del Comune, ha preparato una duplice sorpresa: l’allestimento del primo nucleo della rassegna denominata "Limite invalicabile" e la riapertura di vecchie stanze, quelle un tempo riservate al Circolo ufficiali. Il vecchio Circolo ufficiali ospita invece il progetto del Museo del Gusto, ancora da riempire di contenuti attualmente illustrati con pannelli e plastici. Nei vari locali, ripuliti e riportati a vita dopo oltre un decennio, saranno ricostruite cantine, cucine - laboratorio, biblioteche ricche di testi e documenti sull’eno-gastronomia.

Salvatore Reina


14

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

CRONACHE Sfruttamento della prostituzione rumeno 33enne fermato a Crotone ROCCA DI NETO - A Rocca di Neto, nella serata del 7 dicembre, i Carabinieri della Compagnia di Crotone, diretta dal Capitano Domenico Dente, hanno proceduto al Fermo di Polizia Giudiziaria di Mircea Digeratu, nato in Romania, classe 77. Il fermo del Digeratu segue l’esecuzione, avvenuta il 9 novembre scorso, di un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Crotone, nei confronti di Michele Maiolo classe 61, manovale. La prosecuzione delle indagini, condotte dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Crotone, iniziate a seguito dell’aggressione patita da un cittadino Rumeno, nel pieno centro di Crotone, agli inizi dell’ottobre scorso, avevano permesso di risalire al motivo dell’aggressione, e cioè lo sfruttamento di una ragazza rumena appena diciottenne. Le indagini avevano già permesso di Mircea Digeratu individuare la ragazza che, attraverso le sue dichiarazioni, ha reso possibile individuare prima nel Maiolo e poi nel Digeratu i suoi sfruttatori. Nello specifico, al Mircea Digeratu vengono contestati i seguenti reati, commessi in concorso con il Maiolo: Art.3 n.4,5 e 6 Legge n.75 del 20.02.1958 (sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione) per aver condotto in Italia una ragazza diciottenne di origine rumena, per ivi costringerla con violenza, minaccia, percosse e inganno, a prostituirsi. Giunta in Italia con l’inganno, oltre che con minacce e violenze da parte del Digeratu, la ragazza, a cui sono stati anche sottratti i documenti di identità, rinvenuti nella disponibilità del fermato, è stata indotta a prostituirsi prima a Rocca di Neto, proprio dal Digeratu e poi da questi consegnata al Maiolo che la "sfruttava" procacciandole clienti a Crotone. Lo sfruttamento della giovane si è protratto dal settembre 2010 e sino all’inizio dell’ottobre scorso, data in cui la ragazza si sottraeva ai suoi sfruttatori. Gli incontri con i clienti, una decina al giorno, avvenivano nelle vie centrali di Crotone, ed in particolare in Piazza Pitagora e nei pressi di un Bar frequentato per lo più da Rumeni, ciò avveniva ogni giorno dal tardo pomeriggio e sino a notte inoltrata. Le prestazioni sessuali avvenivano nelle macchine dei clienti o anche presso i loro domicili. I clienti erano sia di origine italiana che rumena, di diverse età ed estrazione sociale. Il costo delle prestazioni della giovane oscillava dai 30 ai 50 euro, soldi che finivano nelle tasche dei due uomini. Le indagini sono state svolte con metodi tradizionali. Le prime dichiarazioni del rumeno aggredito dal Maiolo permettevano di dare inizio ad una serie di attività, ed in particolare, pedinamenti, osservazioni, ed escussioni di tutte le persone che potevano essere informate sui fatti. Il ritardo nell’individuazione del rumeno è dovuto al fatto che nessuna delle persone coinvolte in questa vicenda conosceva compiutamente né il nome completo del soggetto, né dove questi abitasse anche perché era solito cambiare abitazione con una certa frequenza; dunque è stato necessario svolgere numerosi servizi di polizia giudiziaria tesi ad individuarlo, conoscendone solo la descrizione fisica ed il nome di battesimo. Proprio per i motivi ora detti, è stato necessario procedere al Fermo di indiziato di delitto del Digeratu, ritenendo sussistere un concreto pericolo che lo stesso potesse continuare a sottrarsi alle sue responsabilità dandosi alla fuga, facilitata dal fatto che nessuno ne conosceva né i dati anagrafici, né il suo luogo di dimora e tantomeno le modalità con cui avvenivano i suoi spostamenti. Il rumeno, al termine delle formalità di rito, è stato quindi condotto presso la Casa Circondariale di Crotone a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Annarita Liverani

Parte la nuova unità di osservazione intensiva di Rosa Voci CROTONE - Domani si annuncia un giorno pieno di eventi per la sanità crotonese; la giornata sarà, difatti, aperta con una conferenza decisamente importante che si svolgerà presso l’auditorium "S. Pertini", sia su iniziativa dell’Asp Magna Grecia che dell’associazione Esculapio Medica Kroton, e che vedrà la partecipazione di un nutrito numero di relatori sia locali che di altre aziende sanitarie. Aprirà i lavori il Commissario straordinario Prof. Nostro Rocco che avrà occasione di rilasciare alcune proprie indicazioni circa le prossime azioni previste nel piano evolutivo della sanità calabrese. L’occasione del convegno è data dall’avvio, presso il reparto di Emergenza - Urgenza dell’Ospedale San Giovanni di Dio, della nuova unità operativa dedicata alla Osservazione Breve Intensiva; tutta la trattazione oggetto delle relazioni previste nella lunga conferenza di studio verterà fondamentalmente intorno alla metodica clinica dell’Osservazione Breve Intensiva nonchè alla sua validità ed alle sue prospettive. La conferenza si dipanerà in una lunga successione di approfondimenti e di relazioni settoriali con le quali si potranno sviluppare, in tre autonome sessioni, un insieme di problematiche specifiche, prevedibili o storicamente verificate, e comunque nascenti da singole casistiche ovvero da peculiarità ascrivibili a specifici comparti clinico - medici. La metodica di trattamento medico che è introdotta con l’Obi nel San Giovanni di Dio, rappresenta quanto di più avanzato esiste nella gestione del

reparto di emergenza-urgenza e, pertanto, raffigura il punto di inizio di una riorganizzazione dell’Ospedale sulla linea dell’efficienza e della immediatezza delle prestazioni. L’Obi rappresenta, infatti, il metodo più avanzato per deflazionare il fenomeno dei ricoveri inappropriati, evento che come si sa oggi penalizza la sanità calabrese e la cui riduzione costituisce uno degli obiettivi importanti del piano di rientro. Alla chiusura dei lavori della conferenza è previsto l’intervento del Governatore della Calabria, On. Giuseppe Scopelliti, che potrà comunicare alcune rilevanti novità, di grande arricchimento strutturale, che sono previste a favore del P.O. San Giovanni di Dio. Immediatamente dopo la chiusura del convegno, il Presidente Scopelliti avrà modo, insieme alle autorità ed al Vescovo, di inaugurare il nuovo reparto Obi che essendo l’unico ed il primo ad essere realizzato in Calabria, certamente è da considerare un fiore all’occhiello per l’Ospedale di

Crotone; nel corso della mattinata, ulteriormente, è previsto il lancio presso la sala biblioteca dell’Ospedale, di una nuova iniziativa fortemente voluta dal Commissario Straordinario, e sponsorizzata dal Parco Scientifico e Tecnologico di Crotone, la operazione "Incanto" volta al monitoraggio a distanza dei pazienti cardiopatici. Hanno assicurato la presenza, dimostrando grande interesse alla proposta innovativa, tutte le associazioni dei medici di base che, con l’occasione, potrebbero assicurare un servizio a favore dei loro pazienti, i quali essendo colpiti da problemi cardiologici presentano sia difficoltà di deambulazione che di puro trasferimento; con tale sistema di telemedicina avanzata, infatti, sarà possibile consentire al medico, di leggere e memorizzare presso il proprio ambulatorio in tempo reale, alcuni parametri essenziali della funzionalità cardiologica analizzati da strumentazioni assegnate al proprio domicilio ai singoli pazienti.

Nuovo orario di Trenitalia, treni dimezzati e prezzi raddoppiati CROTONE - Nuovo orario di Trenitalia per Crotone. Soffermandoci sui treni che nel pomeriggio collegano Catanzaro a Crotone e paese crotonesi come Cutro e Cirò, si comprende subito come i benefici per la città di Pitagora siano pochissimi. Ebbene se fino al 11 dicembre prossimo i treni che della fascia oraria 17:00 - 19:35 che percorrevano la tratta CatanzaroLido / Crotone direzione Nord erano quattro, di cui due regionali e due a lunga percorrenza, i cui biglietti Catanzaro Lido - Crotone costavano 3.10 euro per i regionali e 4.30 euro per i lungapercorrenza,dal12dicembre saranno 2 uno Intercity Notte che parte da Catanzaro Lido alle 16 e 40 e il cui biglietto per la tratta Ca-

tanzaro Lido / Crotone costerà 7 eu- trano giornalemente da Catanzaro ro e l’altro regionale con partenza da dovranno fare i conti anche con Catanzaro Lido alle 19:35, ovvero tre questa grana. ore dopo. Tutti i pendolari che rien-


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani 15

CRONACHE

Sequestrato arsenale nascosto nel pane VIBO VALENTIA - Una mitraglietta da guerra, 3 pistole, tre caricatori per mitragliatrice, 6 caricatori per pistola e oltre 80 proiettili pronti all’uso e nascosti in pieno centro abitato a pochi passi dal corso di Vibo Valentia, questo è il bottino dell’ultima operazione degli uomini della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia che, in vista del periodo natalizio, stanno battendo a tappeto tutto il capoluogo ed i comuni limitrofi. Ad entrare in azione sono stati i militari della Stazione Carabinieri di Vibo Valentia che, nel corso di un servizio per il contrasto del fenomeno del traffico d’armi, hanno rinvenuto tre buste abilmente occultate in un cespuglio di un cortile condominiale a proprio davanti all’istituto magistrale della città. All’interno degli involucri di plastica gli uomini della Benemerita, che già pochi giorni fa avevano scoperto un altro illegale deposito di armi a Pizzo, hanno scoperto tre forme di pane abilmente ritagliate per ricavarne delle intercapedini che al loro interno contenevano il micidiale arsenale. In particolare

Alle fiamme rifiuti accumulati nel deposito della Ecoshark SAN NICOLO’ DI RICADI - Ignoti hanno dato alle fiamme tonnellate di rifiuti accumulati nel deposito della società Ecoshark che cura la raccolta diffenziata nel vibonese. Il fatto è avvenuto intorno alle 23 di martedì sera a San Nicolò di Ricadi, comune turistico sulla costa vibonese, nei pressi del campo sportivo. Il deposito è al servizio di gran parte dei comuni del vibonese. Sul luogo le squadre dei vigili del fuoco di Vibo Valentia che hanno lavorato per poter spegnere i focolai di incendio. Il fumo ha ammorbato l’aria creando disagi alla propolazione. Non è la prima volta comunque che la Società viene presa di mira anche col danneggiamento di mezzi ele strutture. Indagini sono state avviate dai carabinieri della Stazione di Spilinga. F. Marra

una forma di pane nascondeva la mitraglietta Skorpion di produzione est-europea, calibro 7,65, con matricola abrasa, calciolo retrattile e con tanto di fondina ascellare per nasconderla meglio sotto i vestiti, e le altre due celavano le tre pistole cal. 7,65. Oltre alle letali armi i militari hanno anche trovato 3 caricatori per il mitra, 6 per le pistole ed oltre 80 proiettili. Tutto materiale perfettamente oliato e conservato e pronto all’uso in qualsiasi momento. Un vero e proprio arsenale che avrebbe potuto scatenare una tempesta di fuoco e piombo in pochi istanti. I Carabinieri hanno immediatamente provveduto al recupero della santabarbara, che sul mercato

nero vale tanto oro quanto pesa, ed all’invio dei reperti agli specialisti del Ris per le prove balistiche e gli esami di laboratorio. Il ritrovamento di armi tanto potenti ed occultabili, già più volte impiegate in attentati ed efferati reati, è particolarmente indicativo dello spessore criminale dell’ignoto detentore ma è anche segno di come il controllo del territorio degli uomini dell’Arma dei Carabinieri sia efficiente e concreto ed abbia permesso di togliere dalla circolazione un vero e proprio arsenale che poteva essere utilizzato in qualche grave atto di sangue.

Spari contro un’abitazione Ricercati due fratelli SANT’ANGELO - Hanno sparato all’impazzata con uno o due fucili caricati a pallettoni contro l’abitazione di campagna della loro cognata, moglie di un fratello, senza curarsi che vi fossero dei bambini che stavano giocando e che avrebbero potuto essere colpiti. Il fatto è avvenuto nella mattinata di martedì a Sant’Angelo, una frazione di Gerocarne, nel vibonese in una campagna di proprietà di tre fratelli. La sparatoria al culmine di una lite per futili motivi, legati al pascolo alcuni cavalli. Protagonisti della vicenda i germani A.S.e N. S. rispettivamente di 34 e 30 anni, braccianti agricoli. Vittima la moglie del fratello, M. C., di 28 anni, pure bracciante agricola. Al momento della sparatoiria il marito di quest’ ultima era assente. E’ stata la stessa a dare l’allarme ai carabinieri della stazione di Soriano a cui ha fatto i nomi degli attentatori.

Sandro Murina

De Nisi: «Il film sul Risorgimento dimentica i patrioti calabresi» VIBO VALENTIA - «Il film di Mario Martone, Noi credevamo, coprodotto dalla Rai in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, dimentica i patrioti calabresi e offre allo spettatore un’interpretazione distorta della realtà storica». È quanto denuncia il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Francesco De Nisi, che ha investito della questione direttamente il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, inviandogli una lettera nella quale evidenzia le lacune e le contraddizioni del lungometraggio, chiedendo un suo intervento sulla questione. In particolare, De Nisi sottolinea il ruolo di primo piano che Domenico Lopresti e Benedetto Musolino ebbero nel processo di unificazione, marginalizzato invece nel film. «Nella mia qualità di presidente della Provincia di Vibo Valentia - scrive De Nisi nella lettera a Napolitano - mi rivolgo a Lei per esprimere il profondo disappunto della comunità da me rappresentata, che è stata di recente resa vittima di una sorta di "esproprio" dei propri valori storico-culturali, concernenti l’attività dei patrioti risorgimentali che in questo contesto si formarono e da qui intrapresero la loro lotta per la Causa unitaria.Intendo, in particolar modo, riferirmi a un recente film, Noi credevamo, ispirato all’omonimo romanzo di Anna Banti, al quale il Comitato Italia 150 ha concesso il proprio patrocinio ed il proprio sostegno economico, in aggiunta ai non irrilevanti contributi erogati da altri enti pubblici e dalla stessa Rai.

La pellicola oblitera, senza una valida ragione, l’azione dei patrioti, figli di questa terra, che a ogni cosa preposero il bene supremo della agognata Unità nazionale, patendo per tale ragione sofferenze e rappresaglie da parte dei Borbone. È un dato inequivocabile - continua - che la vicenda rievocata nel film, quella realmente accaduta, narrata fedelmente dalla Banti, abbia avuto come attori i patrioti calabresi: tale è il protagonista Domenico Lopresti, originario di Pizzo Calabro e tale è Benedetto Musolino, fondatore della setta dei Figlioli della Giovane Italia, alla quale Lopresti era iscritto - distinta da quella del Mazzini - e che fu, come dice nelle Ricordanze lo stesso Luigi Settembrini, che vi prese parte, "l’unica Giovane Italia sparsa nel Regno". Invece, nella rappresentazione che ne dà il lungometraggio, tutto ciò non appare: la liberazione del Mezzogiorno diviene opera del Mazzini, che dall’estero riesce a dirigere le gesta dei patrioti meridionali, senza lasciar trasparire che i predetti erano autonomi, spesso a lui contrapposti, e che proprio qui, nel vibonese, c’era l’epicentro della cospirazione nel Regno di Napoli: proprio a Pizzo fu concepita la setta fondata dal Musolino. Gli eroi meridionali vengono rappresentati come meri emissari del Mazzini, una sorta di "sottoposti" che vanno su e giù per l’Italia e per l’Europa agli ordini del patriota genovese. Quel che di più indigna è che neppure tra questi "gregari" si sia trovato nel film un posto

per i rivoluzionari calabresi. Perché omettere la circostanza che il protagonista del romanzo della Banti (il Lopresti, nonno della scrittrice) era calabrese, e farlo invece diventare, nella rivisitata versione cinematografica, un campano? Perché sottrarre alla Calabria la sua storia? Mi rivolgo a Lei, Signor Presidente, perché, in quanto garante dell’Unità nazionale, con la Sua autorevolezza, voglia intervenire affinché venga ripristinata la verità, assegnando il giusto posto ai valorosi patrioti calabresi: la Calabria, terra natia anche di Giovanni Nicotera, Domenico Mauro, Francesco Stocco, Domenico Romeo, ha pagato un tributo pesante in vite umane per reagire alle persecuzioni borboniche e contribuire a realizzare, così, il sogno di una Patria unita e indipendente. L’indignazione della mia comunità avverso questa non conforme rappresentazione di fatti e circostanze è ancora più forte, se si considera che questo messaggio raggiungerà, a breve, milioni di telespettatori, che non saranno resi edotti, forse neppure a mezzo di didascalie, del contributo effettivamente dato alla Causa nazionale da questa Terra, già vituperata per una sorta di patetico "luogo comune". Auspico - conclude De Nisi nella lettera - pertanto, che attraverso il Suo autorevole intervento venga posto rimedio a questa erronea rappresentazione della storia di questa Regione, che non si rassegna a ricoprire un ruolo marginale nella vita del Paese».


16

il DomaniGiovedì 09 Dicembre 2010

CRONACHE

Inaugurato il Presepe del Parco per riscoprire il vero spirito natalizio CATANZARO - L’amministrazione provinciale ha regalato ieri un nuovo momento d’attrazione con l’inagurazione del "Presepe al Parco". L’iniziativa nasce dalla volontà di ritrovare lo spirito autentico del Natale attraverso una delle sue espressioni più tradizionali.Il presepe è stata inaugurato nell’area del Parco della

Il presidente della Provincia, Wanda Ferro: dobbiamo vincere le sfide della modernità tenendo sempre nel nostro cuore i valori della fede come patrimonio dell’agire Biodiversità prospiciente all’ingresso del Museo Storico Militare.

Presenti alla giornata - accanto al Presidente della Provincia, Wanda Ferro, e al Presidente onorario del Parco, Michele Traversa -, anche l’assessoreregionaleMimmoTallini, il questore Vincenzo Roca e tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione di un piccolo grande gioiello di artigianato creativo: Vincenzo Rotella, Salvatore Spi-

nocchio, Domenico Lupini, Antonio Crudo e Sergio Ansani. Hanno inoltre collaborato alla realizzazione la ’’Reale Confraternita dei SS. Giovanni Battista ed Evangelista dei Cavalieri di Malta’, rappresentanta dall’avvocato Gianfranco Cacia, e gli operatori del Parco della Biodiversità Mediterranea. I lavori di allestimento, durati cir-

ca un mese e mezzo, hanno dato alla luce un presepe dalle dimensioni imponenti: 16 metri quadrati di superficie, 400 metri di cavi elettrici per consentire l’alternanza continua delle quattro fasi del giorno, sette pastori in movimento ed un mulino ad acqua di impressionante verosimiglianza. Lo stile scelto è quello prettamente

popolare con i richiami alle montagne dell’Appennino calabrese, ricostruite in sughero, ed i paesaggi dominati dai tradizionali tetti in tegole. A benedire il Presepe del Parco è stato monsignor Antonio Ciliberti, Arcivescovo metropolitadiCatanzaro-Squillace, che ha ricordato ai fedeli l’importanza di non fermarsi davanti alla magia delle luci, che crea solo un momento di effimera gioia, ma di partecipare in maniera profonda al rito della tradizione cristiana che racconta mirabilmente la venuta di Gesù. Il presidente onorario del Parco, Michele Traversa, ha ringraziato tutti i presenti per aver preso parte ad una giornata che dimostra come la forza del Polmone verde della città sia quella di richiamare un’utenza eterogenea offrendo loro momenti di gioco, sport, natura, arte e preghiera. Wanda Ferro ha poi così concluso: «Il Presepe è tradizione, il Parco sta diventanto sempre più simbolo di indentità - ha detto -. Dobbiamo vincere le sfide della modernità tenendo sempre nel nostro cuore i valori della fede come patrimonio dell’agire quotidiano. Sono sicura che anche chi ci sta guardando da lassù apprezza il nostro impegno».


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani 17

CRONACHE preoccupati Processo “Spisal”, accolto il Rifiuti, il sindaco di Lamezia e l’amministrazione ricorso della parte civile di Rosanna Angotti CATANZARO - In relazione al processo "Spisal", che vede imputati Bernardo Cirillo, Giuliano Cirillo e Giuseppe Grillo (Parte civile Domenico Voci) è stata deposita la Sentenza con cui la Suprema Corte di Cassazione, Sez. VI Penale, ha accolto il ricorso redatto e depositato dall’avvocato Luigi Ciambrone costituitosi come patrono di parte civile di Domenico Voci. A renderlo noto è lo stesso legale, ricordando che «in fase di merito il Gip di Catanzaro, Emma Sonni, aveva prosciolto gli imputati con ampia formula non accogliendo la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla Procura della Repubblica di Catanzaro e dal patrono di partecivile». La decisione, a parere di Ciambrone, presentava «un’apparente motivazione ed il Gip aveva errato nell’applicazione di norme sostanziali e processuali vanificando un lungo lavoro operato dalla Procura della Repubblica». Il patrono di parte civile, dunque, si era attivato depo-

sitando un’ istanza alla locale Procura (allegando il proprio ricorso per Cassazione). «Quest’ultima, nonostante le puntuali osservazioni dell’Avv. Luigi Ciambrone, - si legge in una nota del legale - non aveva inteso proporre ricorso alla Suprema Corte. Stessa istanza era stata, quindi, depositata alla Procura Generale presso la Corte di Appello di Catanzaro, la quale aveva rigettato l’istanza defensionale di parte civile sostenendo l’insussitenza di motivi ai fini della ricorribilità della sentenza di proscioglimento emessa dal Gip di Catanzaro». Ciambrone ha depositato il ricorso, di ben 39 pagine, sia agli effetti penali sia agli effetti civili (unico caso in cui la Parte Civile fà le veci del P.M.) sostenendo l’erroneità della sentenza impugnata per vizi di legittimità. La Suprema Corte di Cassazione ha emesso una Sentenza che, in accoglimento della tesi sostenuta in diritto dall’Avv. Luigi Ciambro-

ne, ha annullato la sentenza impugnata con rinvio per nuova deliberazione al Tribunale di Catanzaro. Si era censurato, sotto la veste di violazione di legge, che la decisione del Gip non aveva colto la proiezione finalistica della condotta illecita, che mediante la riduzione del personale non aveva danneggiato il solo Voci, ma l’ Asp di Catanzaro (anch’essa rimasta estranea al giudizio per Cassazione avendo rinunciato ad ogni impugnazione). La Suprema Corte, fra l’altro, - riferisce Ciambrone - ha ritenuto fondate le censure (esposte in un articolato ricorso) ribadendo che la motivazione offerta dal Gip poggiava su un presupposto del tutto errato proprio per come censurato dalla Parte Civile». La sesta sezione penale della Cassazione ha accolto un’altra censura alla sentenza impugnata del Gip, in quanto non conforme alle regole del decidere imposte dalla norma processuale.

LAMEZIA TERME - «Il sindaco e l’Amministrazione comunale di Lamezia Terme comunicano ai cittadini che, confermando le preoccupazioni già espresse in più occasioni nei mesi passati, da alcuni giorni non è stato consentito conferire i rifiuti della città negli impianti di trattamento e nelle relative discariche» si legge in una nota del Comune di Lamezia Terme. «I mezzi della Multiservizi sono attualmente tutti carichi di rifiuti in attesa di essere svuotati. Questo ha impedito la normale raccolta dai cassonetti della città» continua la nota. «L’Amministrazione comunale è intervenuta ripetutamente anche in questi giorni così tragici per la città, rivolgendosi al Commissario per l’Emergenza rifiuti della Regione Calabria, al fine di consentire lo svolgimento immediato della consueta e or-

dinata raccolta dei rifiuti. Nel chiedere ai cittadini la massima collaborazione conclude la nota - si sta intervenendo anche nei confronti di tutti i livelli istituzionali competenti al fine di garantire la pulizia della città e di prevenire il ripetersi di tali situazioni di disagio».


18

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

CRONACHE

Il gazebo del Pdl in piazza ma senza autorizzazione: pronti ad incatenarci CATANZARO - Hanno deciso di allestire comunque il gazebo per la raccolta di firme a favore del Governo Berlusconi, malgrado il no dell’Amministrazione comunale di Catanzaro all’utilizzo della piazza richiesta, i vertici del Pdl catanzarese che minacciano di incatenarsi, esibendo anche delle manette, qualora l’amministra-

Erano presenti il deputato del Pdl, Michele Traversa, l’assessore regionale al Personale, Domenico Tallini, il consigliere regionale Mario Magno e il presidente della Provincia zione comunale dovesse impedire il mantenimento del banchetto. Da ieri mattina, sul corso principale del capoluogo calabrese un centinaio di persone sosta davanti al gazebo allestito nel quadro della mobilitazione nazionale a sostegno di Berlusconi. Presenti il deputato del Pdl, Michele Traversa, che è anche coordinatore provinciale, l’assessore regionale al Personale, Domenico Tallini, il consigliere regionale Mario Magno e il presidente della Provincia Wanda Ferro che hanno manifestato l’intenzione di incatenarsi nel caso in cui dovesse essere loro impedito di tenere la petizione a favore del pre-

Pdl: il Comune ha dimenticato cosa sia il trasporto pubblico locale

mier. «Avevamo chiesto la piazza principale - ha detto Traversa - per raccogliere firme di solidarietà al presidente Berlusconi. La piazza ci è stata negata. Non capisco a che cosa si debba quest’atteggiamento di ostruzionismo da parte del sindaco e della giunta comunale nei confronti del Pdl. Siamo qui, comunque, per porgere gli auguri natalizi ai cittadini e continueremo a raccogliere le firme nei prossimi giorni». «Nel caso in cui dovessero intervenire i vigili urbani - ha aggiunto - non consentiremo alcuna rimozione e siamo

pronti ad incatenarci qui e a sollevare il problema non soltanto dal punto di vista politico nei confronti del Comune ma anche denunciando alla cittadinanza l’atteggiamento ostruzionistico che l’amministrazione sta attuando nei nostri confronti. Nei prossimi giorni - ha conclusoTraversa-avvieremouna raccolta di firme per solidarietà a Vittorio Feltri che è stato imbavagliato essendo stato sospeso per sei mesi dall’Ordine dei giornalisti». Carmelo Morise

CATANZARO «Un design accattivante e futuristico quello delle pensiline Amc che si notano in giro per la città di Catanzaro» si legge in una nota di Emanuele Celi, sezione Giovani Pdl "S. Maria-Aranceto". «Su tutto il territorio cittadino - continua - da nord a sud, tantissime pensiline della fermata autobus Amc sono rotte o inesistenti per non parlare della mancanza totale di pulizia o manutenzione ordinaria. L’amministrazione comunale di Catanzaro sembra abbia dimenticato totalmente che cosa sia il trasporto pubblico locale trascurando i grossissimi disagi che anziani, studenti e tutti i fruitori del servizio sono costretti a subire quotidianamente. Muoversi a Catanzaro con il trasporto pubblico è una giungla: la mancanza di adeguate strutture di attesa dell’autobus, l’inesistenza di una adeguata cartellonistica di informazione di orario delle corse, ha reso la vita impossibile agli utenti che devono sperare nella buona sorte che un autobus giunga all’orizzonte. La domanda nasce spontanea: l’assessore al traffico, alla mobilità, al marketing della Giunta Olivo dov’è? Il presidente dell’Amc cosa sta facendo per recuperare le disfunzioni di un’azienda sull’orlo di una crisi economica? Forse una buona politica di marketing da parte dell’azienda Amc potrebbe contribuire a risolvere qualche piccolo ma significativo problema».

«Olivo si dimetta, meglio un commissario prefettizio» CATANZARO - Anche il Club della Libertà di Catanzaro protesta per la mancata autorizzazione dei gazebo del PdL in piazza Prefettura a Catanzaro. «Olivo si dimetta per il bene della città, meglio un commissario prefettizio». Il Club della Libertà di Catanzaro ieri ha appoggiato l’iniziativa del coordinatore provinciale del PdlOn. Michele Traversa che ha protestato «democraticamente unitamente ai dirigenti ed amministratori del Pdl per la mancata autorizzazione da parte del Comune di Catanzaro, di installare un gazebo nelle vicinanze di Piazza Prefettura per illustrare il lavoro svolto dal Governo Berlusconi e nel contempo dare gli auguri per le festività natalizie ai cittadini catanzaresi.Purtroppo tale diritto democratico è stato negato da un Sindaco che farebbe bene a rassegnare le dimissioni facendosi da parte e restituendo alla città la democrazia continuamente violata. A questo della situazione politica - amministrativa della città afferma Emilio Verrengia responsabile dei Club della Libertà - è meglio la figura di un commissario prefettizio che assicura il rispetto delle regole e del vivere democratico di una comunità che assistere ai "dispettucci" di una giunta comunale che non ha nemmeno i numeri per governare e si affida ai personalismi ed ai ricatti di qualche pseudo movi-

mento politico».Verrengia ricorda all’On. Olivo che «durante una riunione di comitato e di sicurezza pubblica , lo scorso anno, è stata esaminata una direttiva del Ministero dell’Interno che richiamava l’attenzione dei Sindaci a non dare autorizzazioni a svolgere comizi e manifestazioni di proteste davanti ad edifici pubblici strategici come le Prefetture, le Questure, Caserme delle Forze dell’ordine ed altro ancora. Ma badate si parlava di comizi, scioperi e non si sfiorava l’idea di negare l’autorizzazione di gazebo per incontrare i cittadini anche se per sfortuna di Olivi & C. di altra appartenenza politica; quindi la delibera della giunta comunale di Catanzaro è illeggittima . Auspichiamo - conclude - comunque, per il bene della città che il Babbo Natale non porti solo doni agli amministratori che si sono distinti per la propria città ( sicuramente all’On. Traversa per le risorse che è riuscito a strappare nonostante una finanziaria risicata e per il bene che ha dimostrato alla sia città), ma consegni sotto l’albero di natale dell’Amministrazione Comunale di Catanzaro le dimissioni irrevocabili dell’on. Rosario Olivo». A. Nunziata

Emilio Verrengia, Club della Libertà


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani 19

APPUNTAMENTI

“Chocolate day” a Praia a Mare La quarta edizione dell’iniziativa ospiterà numerosi stand di esperti artigiani dolciari, l’11 e il 12 dicembre PRAIA A MARE - Nuovo appuntamento dedicato al cioccolato, l’11 e il 12 dicembre, lungo il Viale della Libertà di Praia a Mare.La quarta edizione di "Chocolate Day" ospiterà numerosi stand di esperti artigiani dolciari. Il protagonista incontrastato della manifestazione sarà il cioccolato. A questa prelibata leccornia sarà dedicato un convegno medico che si terrà sabato 11, alle ore 10:30, presso la Sala consiliare del Comune di Praia a Mare. Un incontro, organizzato dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’Unità Operativa Complessa di Medicina Interna del locale P.O., sul tema: "Alimentazione e cioccolato tra arte, tradizione, cultura e salute." Le peculiarità mediche del cioccolato saranno illustrate da diversi medici specialisti come: Luciano Tramontano, Direttore Uoc di Medicina Interna P.O. Praia a Mare - Presidente Regionale Società Italiana di Dietologia e Nutrizione Clinica (Adi); Antonio Messineo, Medico Chirurgo, Specialista in Dermatologia; Gianluca De Morelli, Dirigente Medico Uoc di Medicina Interna P.O. Praia a Mare; Carmelo Di Perna, Dirigente Medico Uoc Medicina Interna P.O. Praia a Mare. Nel corso del convegno saranno esposte le caratteristiche nutrizionali del cioccolato, con i benefici che esso può apportare al corpo umano attraverso un adegua-

to consumo. Si parlerà inoltre dei vantaggi che possono provenire da una nutrizione e da uno stile di vita sano. Presenti all’incontro il sindaco di Praia a Mare Carlo Lomonaco e i rappresentati dell’Amministrazione comunale. Sabato gli stand saranno aperti al pubblico dalle ore 17:00, mentre domenica l’esposizione dolciaria degli artigiani cioccolatieri calabresi si estenderà all’intera giornata. Chocolate Day è patrocinato dall’Amministrazione comunale di Praia a Mare, dalla Pro Loco Praia a Mare e dal Parco del Pollino. Nuovo appuntamento, dunque, dedicato al cioccolato, l’11 e il 12 dicembre, lungo il Viale della Libertà di Praia a Mare. Il cioccolato non finisce mai di stupire e sono tantissimi i pregi attribuitigli dalla ricerca scientifica. In particolare sarebbe il cioccolato fondente dalla caratteristica qualità più scura a consentire il mantenimento del benessere e della bellezza della propria pelle grazie all’azione dei flavonoidi: sostanze dalla potente azione antiossidante che proteggono le cellule da danni e dall’invecchiamento. La quarta edizione di "Chocolate Day" ospiterà numerosi stand di esperti artigiani dolciari.

Maria Rosaria Giannaccheri

A Platania pranzo di fine anno dell’Avis

Premio di poesia “F. Chirico” a Reggio

PLATANIA - Secondo una tradizione ormai decennale, domenica 5 dicembre 2010 presso il ristorante "A Giurranda" di Platania si è tenuto il pranzo di fine anno della locale sezione comunale Avis. All’invito rivolto dal direttivo, hanno risposto numerosi soci intervenuti con familiari e amici per un totale di oltre 220 persone, numero rilevante per una piccola comunità come la nostra. Al pranzo erano presenti anche il tesoriere nazionale dell’Avis dott. Rocco Chiriano, i dott. Laura Talarico e Francesco Broso dello staff Avis di Catanzaro, oltre alle autorità locali. Invitati speciali i giovani diciottenni a cui è rivolta l’attenzione dell’associazione.

REGGIO CALABRIA - L’associazione culturale "Incontriamoci Sempre" fa proprio il pensiero di Madre Teresa: il direttivo ed i soci si apprestano a vivere, in questo momento di notevole disagio sociale ed economico di molte famiglie, un intenso Natale all’insegna dell’amicizia, della fraternità, della solidarietà.Un programma elaborato e condiviso da altri ente ed associazioni per creare oltre a momenti di divertimento, momenti di fratellanza e solidarietà. Il 17 dicembre è la data della premiazione del 1° premio nazionale di Poesia "Francesco Chirico", un premio che sta riscuotendo un adesione eccezionale nel numeroenellaqualitàdeicomponimenti.


20

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

APPUNTAMENTI

Organizzato dall’assessore alle Pari opportunità, Francesca Bozzo, l’incontro si terrà il 10 e l’11 dicembre

“Le imprese delle donne: esempi mediterranei”, convegno a Cosenza COSENZA - Nel convegno internazionale dal titolo "Le imprese delle donne: esempi mediterranei", che si terrà nei giorni 10 e 11 dicembre nella capitale culturale della Calabria, presso il complesso monumentale di S. Agostino, si ritroveranno sedute allo stesso tavolo la Turchia, la Spagna, la Grecia, la Francia, Israele, il Marocco, la Tunisia, l’Algeria e, naturalmente l’Italia. L’idea di una due giorni di lavori sull’orizzonte imprenditoriale femminile, nel contesto euro-mediterraneo, nasce quindi dall’esigenza di trasferire le conoscenze di ciò che, alcuni tra gli Stati più rappresentativi del Mediterraneo, prevedono all’interno dei propri ordinamenti sul coinvolgimento delle donne nei programmi di crescita culturale, sociale ed economica. Un confronto che si propone di diventare un importante strumento di dialogo e di evoluzione reciproca, utile per favorire la comprensione di culture e di orientamenti legislativi delle pari opportunità nell’area del Mediterraneo. Ma non solo, a confronto ci saranno anche i meccanismi

di inserimento e le problematiche di accesso al lavoro. Saranno, insomma, le donne le protagonisti di un incontro in cui si raccoglieranno le esperienze di imprenditrici che operano in diversi contesti politici ed economici. A fare da filo conduttore le Pari Opportunità, strada maestra da seguire per uno sviluppo che coinvolga le donne. Organizzato dall’assessore alle Pari Opportunità della città di Cosenza, Francesca Bozzo, con il coinvolgimento dell’Associazione Donne Giuriste Italia, sezione di Cosenza e di

Presso il complesso monumentale di S. Agostino, si ritroveranno sedute allo stesso tavolo la Turchia, la Spagna, la Grecia, la Francia, Israele e l’Italia

Roma, vedrà la partecipazione di Silvia Costa, membro della commissione femminile del Parlamento europeo, e di Roberto Occhiuto, e del vicepresidente Commissione Bilancio Camera dei Deputati. La nutrita delegazione dei paesi del Mediterraneo sarà, invece, composta da Angelina Quiros, vipresidente della federazione internazionale donne giuriste per la Spagna. Imane Barmaki, della rete delle donne "Filomena" per il Marocco, Cherifa Keddar, presidente dell’associazione dei familiari delle vittime del terrorismo islamico "Djazairouna" per l’Algeria, Aysen Onen, vicepresidente della federazione internazionale donne giuriste per la Turchia, Ana Zairi, Presidente Corte d’Appello di Atene, Neomi Landau, vicepresidente della federazione internazionale delle donne giuriste per Israele, Monique Boury, comitato francese dell Ong di Collegamanto e di Relazione delle Nazioni Unite per la Francia, Sana Bena Achour, presidente associazione Donne Democratiche per la Tunisia. Le

“Conoscere l’olio di oliva”, convegno a Palmi nell’ambito dell’iniziativa “PrimOlio 2010” PALMI - Nell’ambito delle manifestazioni di "PrimOlio", a Palmi (sabato 11 dicembre 2010 con inizio alle 9,30), convegno dal titolo "Conoscere l’olio di oliva: peculiarità salutistiche e caratteristiche organolettiche degli extravergine".Palmi (RC). Come è ormai consuetudine da 11 anni, ecco che in concomitanza con la stagione della raccolta delle olive, prende il via la sessione di "PrimOlio Studi", che coglie l’occasione per festeggiare degnamente i "primi cinquant’anni" del prim’attore della dieta mediterranea e re indiscusso della tavola: l’Olio Extravergine di Oliva. Al

convegno di sabato prossimo, accanto alle interessanti relazioni per le quali sono stati chiamati esperti del calibro di Marco Oreggia e Lorenzo Cerretani, sarà dato ampio spazio alla premiazione delle migliori aziende olivicole/olearie calabresi che si sono distinte nei maggiori concorsi nazionali ed internazionali. L’evento 2010, fortemente voluto da Apor-Op, Ass. Aura Loci ePrimOlio, prevede infine una sessione tutta dedicata al "primo approccio all’analisi sensoriale dell’olio da olive", curata dai Panel leader Rosario Franco, Antonio G. Lauro e Carmelo Orlando.

esperienze portate dalle relatrici straniere, offriranno punti di vista e stimoli di riflessione utili per scambi di buone prassi legate all’analisi dei percorsi evolutivi di gendermainstreamingsperimentati nei diversi paesi ospiti a Cosenza. Per il 10 e 11 dicembre, l’amministrazione di Cosenza,

«Le esperienze portate dalle relatrici straniere, offriranno punti di vista e stimoli di riflessione utili per scambi di buone prassi» propone un corposo programma che non è solo di discussione e di analisi ma anche di promozione culturale e turistica mirata a far conoscere agli ospiti e a tutti i partecipanti, il patrimonio artistico e architettonico della città. Ad arricchire il convegno due importanti eventi collaterali. Il primo si terrà, la sera di venerdì, presso il Teatro Morelli con la rappresentazione di due storie di Susanna Tamaro, dal titolo "L’inferno non esiste?", con Laura Lattuada. La piece teatrale è promossa dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, dipartimento per le Pari Opportunità.


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani 21

APPUNTAMENTI

Si svolgerà il 18 dicembre l’iniziativa promossa e organizzata dall’associazione "Accademia dei Bronzi"

Premio “Alda Merini”, la consegna dei riconoscimenti a Soverato SOVERATO - Il premio "Alda Merini" di poesia, promosso e organizzato dall’associazione "Accademia dei Bronzi", con la collaborazione delle Edizioni Ursini e il patrocinio dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro, entra nella fase conclusiva. La giuria, presieduta da G. Battista Scalise (dirigente scolastico e storico), Mario D. Cosco (dirigente scolastico e saggista), Antonio Maduri (docente Istituti Superiori e medico), Mauro Rechichi (medico e scrittore) e Vincenzo Ursini (presidente dell’Accademia dei Bronzi), ha infatti scelto i poeti finalisti tra i quali nei prossimi giorni saranno individuati i due vincitori: uno per la sezione a tema libero, aperta a tutti i poeti italiani e stranieri, ed uno per la sezione riservata ai dipendenti e ai pazienti di Csm e di reparti di psichiatria. Questi i nomi, in ordine alfabetico, dei poeti che si contenderanno i due premi: Abate Adolfo Nicola (Foggia), con la lirica "Gridano i poveri", Camerani Carlo (Ravenna), con "Come se fosse la prima volta", Castellani Fulvio

(Enemonzo Udine, con "Paese dimenticato", Cianflone Maria (Lamezia Terme), con "Dipendo da te", Di Stefano Busà Ninnj (Milano), con "Storia di rimandi", Florio Mery (Roma), con "Tu", Frangipane Antonio (Soverato) con "Tormento", Fratto Parrello Nuccia (Catanzaro) con "L’ala del tempo),GiacobbeCarmela(Gioia Tauro), con "Su dune spettinate", Leonardi Daniela (Catania), con "Petali di eternità", Montalto Pasquale (Cosenza), con "Storia di un viaggio", Pelaggi Dalia (Lamezia Terme), con "Mistero, notte di Natale", Raggioluminoso (pseudonimo, Cordenons), con "Nel Golgota della mia lucida follia", Tagliani Caterina (Sellia), con "Eternamente", Viola Marilena (Catanzaro lido), con "L’ultimo treno". Per la seconda sezione i finalisti sono tre: Rino Bertoni, (Csm Distretto Levante di Piacenza) con la lirica "In ogni passo la pace", Evelina Bramante (Csm Messina Nord) con "Emozioni" e Francesco Zaccone (dipendente ex Manicomio di Girifalco, con la lirica "Quando il poeta canta". Intanto la giuria ha definito due

Vincenzo Ursini: «Al concorso sono stati accettati 1.134 lavori e precisamente: 1.012 per la sezione libera e 122 per la sezione riservata ai pazienti e agli operatori dei Csm»

premi speciali. Il primo andrà alla giovane scrittrice Maria Pia Furina che ha realizzato una bella intervista al maestro Giovanni Nuti, autore delle musiche e valido interprete di tante poesie di Alda Merini; intervista pubblicata nell’antologia "Cara Alda, ti scrivo..." che l’associazione Accademia dei Bronzi sta realizzando con le migliori poesie partecipanti al concorso. Il secondo premio speciale sarà, invece, consegnato a Maria Bertilla Franchetti, autrice di "Perle bagnate di rugiada", toccante lirica dedicata alla Merini. Altri premi saranno assegnati a numerosipoetiritenutimeritevoli di segnalazione di merito. La consegna dei premi si terrà sabato 18 dicembre a Soverato, nella Sala dell’Ipsseoa (Via Leopardi) diretto da Paolo Riverso. Di particolare interesse è stata l’adesione di numerosi pazienti e operatori di Csm e di ex manicomi di tutte le regioni italiane. Tra gli altri segnaliamo la partecipazione di autori provenienti dai Centri di Salute Mentale di Catanzaro, Catanzaro Lido,

“Piano...con le Donne”, concerto di pianoforte al conservatorio musicale Torrefranca di Catanzaro CATANZARO - Si terrà venerdì 10 nella sala dei concerti del Polo didattico del conservatorio musicale Torrefranca - sede di Catanzaro - l’atteso concerto di pianoforte: Piano...con le Donne. L’avv. Giuditta Mattace, responsabile dell’azione di Pubblico interesse per la Regione Calabria dell’associazione Rotaract Distretto 2100, presenterà la serata. L’evento è promosso nell’ambito del Progetto Serena (campagna sul tema della violenza sulle donne) che ha ottenuto il patrocinio gratuito della presidenza del Consiglio dei ministri, dipartimento Pari Opportunità,

per l’intero anno sociale rotaractiano. Il concerto di pianoforte, organizzato in collaborazione con l’associazione italiana vittime della strada, sarà tenuto dal maestro Martino Filippo Garofalo e dall’artista Miro Elia, con la partecipazione della scrittrice Teresa Mancuso e dell’attrice Lucia Cristofaro. L’ingresso è gratuito e lo spettacolo avrà inizio alle ore 18.30. Saranno altresì presenti all’iniziativa Cristina Amato, , rappresentante del Distretto 2100 del Rotaract, l’assessore alle Pari Opportunità Tommasina Lucchetti ed il vicario del conservatorio, T. Rotella.

Lamezia Terme, Decollatura, Girifalco, Reggio Calabria, Cagliari, Roma, Cosenza, Messina, Bologna, Piacenza, Reggio Emilia, Bari, Parma, Terni e Modena. Anche i lavori di questi autori saranno inclusi nell’antologia "Cara Alda, ti scrivo...". «Al concorso - ha reso noto Vincenzo Ursini - sono stati accettati 1.134 lavori e precisamente: 1.012 per la sezione libera e 122 per la sezione riservata ai pazienti e agli operatori dei Centri di salute mentale». «Siamo in presenza - aggiunge il presidente dell’Accademia dei Bronzi - di un evento letterario straordinario che sin dalla prima edizione ha superato ogni più rosea aspettativa. Il Premio Alda Merini, nel mese di dicembre, e il Premio Vivarium, nel mese di luglio, saranno i nostri due appuntamenti annuali con la letteratura del territorio, ma soprattutto con

La giuria, presieduta da da: G. Battista Scalise, Mario D. Cosco, Antonio Maduri, Mauro Rechichi e Vincenzo Ursini ha scelto i poeti finalisti tra i quali, nei prossimi giorni, saranno individuati i due vincitori

quella parte della letteratura nazionale inedita, meritevole a nostro avviso di più ampi e qualificati scenari».

r. a.


22

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

APPUNTAMENTI Conclusi gli incontri Siulp dedicati allo stalking Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CASTROLIBERO Aspettando Natale in Biblioteca Fino al 16 dicembre , alla Biblioteca C.Alvaro di Castrolibero, si terrà una rassegna artistico-letteraria denominata Aspettando Natale in Biblioteca. Il programma della rassegna, patrocinata dall’Amministrazione Comunale di Castrolibero e realizzata grazie alla collaborazione delle associazioni La Bottega degli Hobbies e la Cité della Musique, prevede: venerdì 10, alle 16.00, si terrà l’inaugurazione della mostra d’arte sacra che sarà aperta al pubblico nei giorni di sabato 11 e domenica 12 dicembre dalle ore 9.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 20.00. La giornata conclusiva del 16 dicembre sarà invece interamente dedicata ai bambini che avranno la possibilità, dalle 16.00, di visitare il laboratorio di liuteria Giovanni Paolo II, di ascoltare della buona musica grazie alla Citè della Musique, di leggere e di ascoltare dei racconti sotto l’albero. CATANZARO Conferenza stampa del movimento "PerCatanzaro" Venerdì 10 dicembre , alle ore 17.30, nella sala conferenze dell’Hotel Guglielmo di Catanzaro (quartiere San Leonardo), si terrà una conferenza stampa per presentare gli obiettivi e le idee del movimento PerCatanzaro. Oltre alla presenza di Massimo Lomonaco, è prevista quella del presidente della Provincia, Wanda Ferro, e dell’assessore regionale al personale, nonché capogruppo in Consiglio comunale del Pdl, Domenico Tallini. Parteciperanno, inoltre, iscritti e simpatizzanti del movimento. COSENZA Convegno internazionale “Le impresedelledonne:esempimediterranei” Si terrà a Cosenza il 10 e 11 dicembre , il convegno internazionale “Le imprese delle donne: esempi mediterranei” organizzato dall’assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Cosenza in collaborazione con l’associazione Donne Giuriste italiane. Saranno presenti delegazioni di Spagna, Francia, Marocco, Algeria, Turchia, Grecia, Israele e Tunisia. Inoltre, grazie al sostegno dato dalla Fondazione Carical, il 10 dicembre, alle 21.00, ci sarà lo spettacolo teatrale (con ingresso libero) tratto da un lavoro di Susanna Tamaro “L’inferno non esiste” con Laura Lattuada. LAMEZIA TERME Convegno su il rapporto tra il medico e il paziente L’Associazione Italiana di Psicogeriatria-sezioneCalabria,haorganizzato una riflessione su una tematica che ci vede tutti coinvolti: il rapporto tra il medico e il paziente affetto da demenza: dalla figura olistica del medico alle ultraspecializzazioni, con il patrocinio di Comune di Lamezia Terme, Ordine dei medici

La due giorni che il Siulp ha dedicato al triste fenomeno dello stalking, articolato in due diversi incontri tenutisi in Vibo Valentia, ha prodotto i risultati sperati. Numerose, infatti, sono state le e-mail inviate sulla casella di posta elettronica del Sindacato per esprimere congratulazioni e per chiedere approfondimenti su specifiche tematiche trattate. Il 2 dicembre, come si ricorderà, il Siulp, collaborato dalla Cisl e con il prezioso patrocinio di Confindustria e Camera di Commercio, ha incontrato i cittadini per parlare di stalking e farne conoscere aspetti poco dibattuti. La duplice finalità del Siulp, dichiarata dal Segretario Regionale della Calabria, Luciano Lupo, era quella di rendere consapevoli autori e vittime di stalking, delle implicazioni psicologiche e materialidideterminatecondotte.Uno scopo, quindi, preventivo che fa leva sulla consapevolezza di commettere reato da una parte e di subirlo dall’altra. Essendo, infatti, tale reato sostanzialmente un “reato di percezione”, tante volte lo stalker non si rende conto di rovinare la vita alla vittima, ritenendo alcuni atteggiamenti, o per cultura o per superficialità, assolutamente normali. In altri casi è la stessa vittima, non riconoscen-

do i prodomi del reato a non reagire ed a chiudersi in se stesso modificando lo stile della propria vita e vivendo poi in stato di perenne ansia e preoccupazione. La seconda finalità del convegno è stata quella di far conoscere meglio anche con quali strumenti legali può essere affrontato lo stalking da parte di forze dell’ordine e magistratura, con l’eccezionalità del doppio del tempo normalmente previsto per la querela (6 mesi in luogo dei canonici 3) e del nuovo istituto dell’ammonimento del quale è titolare il questore in qualità di autorità di p.s.- Soprattutto si è discussodel tema dell’accoglienzae dell’assistenzapsicologica,siaper le vittime che per gli autori e della necessità, per ogni Comune di dotarsi di strutture idonee allo scopo. In tale contesto, lo stesso Sindaco di Vibo Valentia, intervenuto al riguardo, ha dichiarato, tra lo stupore dei presenti, che la locale Amministrazione comunale non annovera tra i propri impiegati alcun assistente sociale, spiegando, altresì, che difficilmente per i prossimi anni si potrà provvedere a colmare tale lacuna. Tuttavia le vittime potranno trovare ascolto da associazioni di volontariato già presenti sul territorio e

provincia di Catanzaro, assessorato alla salute Regione Calabria, Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltàdimedicinaechirurgia,Age, Sigg, Sigos, Simg, Sindem, presso il teatro Grandinetti venerdì 10 dicembre , alle ore 15.00.

Giorno 11 dicembre , alle ore 9.30, i risultati finali saranno presentati in un grande evento finale in programma al Centro Agroalimentare di Lamezia Terme alla presenza di un migliaio di studenti, del corpo docenteedellemassimeautoritàcalabresi. Nel corso dell’incontro, gli studenticoinvoltinelprogettodialogheranno con il governatore della Calabria, on. Giuseppe Scopelliti, cui sarà conferito, insieme al Procuratore generale di Reggio Calabria, dott.SalvatoreDiLadro,ilPremiodi Rappresentanza assegnato al Progetto dal Presidente della Repubblica, on. Giorgio Napolitano. I Partner del Progetto sono stati l’Ufficio Scolastico regionale, diretto da Francesco Mercurio e l’Ordine dei giornalisti calabresi, presieduto da Giuseppe Soluri, la stessa Presiden-

Progetto “La Legalità cresce sui banchi di scuola: giovani giornalisti in azione” E’ giunto al termine il progetto “La Legalità cresce sui banchi di scuola: giovani giornalisti in azione”, promosso dalla Commissione regionale per l’emersione del lavoro non regolare guidata da Benedetto Di Iacovo e condiviso dalla presidenza della Giunta Regionale con l’Alto patrocinio del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano e del ministro della Giustizia, on. Angelino Alfano.

dall’osservatorio nazionale sullo Stalking,trovandoopportuniriferimenti anche su internet al sito www.stalking.it.L’incontro-dibattito, moderato dal giornalista Attilio Sabato, ha registrato la presenza di figure di spicco, quali Massimo Lattanzi (presidente dell’osservatorio nazionale sullo stalking), Felice Romano (segretario nazionale Siulp), Mario Spagnuolo (procuratore generale di Vibo Valentia), Margaret Cichello (criminologa e sociologa) e Rosa Caglioti (componente commissione pari opportunità della Regione Calabria).Il 3 mattina, nell’aula magna del liceo “Vito Capialbi”, si è svolto l’incontro con circa 200 studenti rappresentativi delle varie scuole superiori della città di Vibo Valentia.L’evento è stato reso possibile grazie alla disponibilità e sensibilità del dr. Vito Primerano (direttore dell’Ufficio scolastico provinciale) e dal dr. Giovanni Policaro. Numerosi sono stati gli interventi degli studenti che hanno interagito con Massimo Lattanzi e Margaret Cichello, nonché con i rappresentanti del Siulp, Luciano Lupo e Luca Mendicino (Segreteria Regionale) e Franco Caso (Segretario Provinciale). Dall’incontro, al quale hanno preso parte anche il Vice preside vicario dr. Antonio Natale e diversi professori, è emersa la chiara volontà di fare conoscenza col fenomeno ed unapropensionedeglistudentialla denuncia, avendo i medesimi ben compreso che questo è il primo passo necessario per affrontare e liberarsi dallo stalking. L’auspicio è che incontri come quelli appena citati possano produrre nella coscienza civile del territorio calabrese, e vibonese in particolare, la necessità di fare rete tra istituzioni e cittadini affinché nessuno resti isolato in presenza di fenomeni di stalking mettendosi nelle condizioni di poter ricevere aiuto.

za della Regione, attraverso il suo Dipartimento, diretto da Francesco Zoccali. Convegno Tensegrita Vita 3000 La filiera corta della salute L’associzione Tensegrita, arte ed armonia della Salute Naturale, vincitrice del concorso "Donne Innovatrici" nel progetto "Discover Calabria" di Unioncamere e del "Desk Enterprise Europe Network" con Maria Giovanna Notarianni presenta: Tensegrita Vita 3000. La filiera corta della salute, giovedì 16 dicembre , alle ore 9.30, presso il palazzo Nicotera (presso biblioteca comunale). La persona al centro della cura: il coraggio di una nuova visione nella cura della patologia tumorale. La cura medica integrata dalle cure naturali.

LOCRI Dibattito Iest Lunedi 13 dicembre , alle ore 16.30, presso i locali dell’Iest, Via Matteotti, 356, si terrà un incontro. Saluti: Francesco Macri; Salvatore Galluzzo; Pietro Crinò. Relazioni: Mario Diano - “Proposta di pacchetti di turismo integrato per allargare la stagionalità ed aumentare l’occupazione” ; Guido Laganà “Turismo e Formazione: ruolo dell’Iest di Locri.” Testimonianze: allievi formati dallo Iest di Locri. Interventi: Antonio Scali ; Attilio Tucci.Dibattito.Conclusioni:on.Antonio Caridi. Saranno presenti operatori turistici, amministratori Regionali, Provinciali e comunali, cittadini. REGGIO CALABRIA Conferenza stampa di Massimo Canale Oggi , alle ore 10.30, si terrà in piazzaCamagnauna conferenzastampa del candidato a sindaco Massimo Canale sul tema: "Tutta un’altra musica: abbiamo in testa un’altra Reggio!". “La globalizzazione nel Mediterraneo. Il ruolo della Calabria: politiche e strategie” L’assessorato alla Cooperazione, Internazionalizzazione e Politiche di Sviluppo Euro-mediterranee della RegioneCalabria,guidatodall’assessore Fabrizio Capua, ha organizzato, per oggi e il 10 dicembre , presso il Teatro Francesco Cilea di Reggio Calabria, la conferenza internazionale sul tema: “La globalizzazione nel Mediterraneo. Il ruolo della Calabria: politiche e strategie“. Alla conferenza, i cui lavori saranno aperti dal Governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti, interverranno importanti rappresentanti delle istituzioni nazionali ed internazionali,nonchéesponentidelmondo imprenditoriale, finanziario e dell’economia. Moderatore sarà il giornalista rai Attilio Romita. SAN GIOVANNI IN FIORE Giornata in ricordo di Antonio Acri In occasione del primo anniversario dalla scomparsa di Antonio Acri, oggi , sono previsti diversi appuntamenti per ricordarne la figura di uomo politico e di rappresentante delle istituzioni. Alle ore 10.00, Consiglio comunale aperto in forma solenne presso il Comune di San Giovanni in Fiore (Cs), suo paese di origine e del quale è stato Sindaco. Alleore15.00,deposizionecoronadi fiori presso il cimitero di San GiovanniinFioreeaseguiresuffraggio della Santa messa. Alle ore 17,30, presso la sala del Consiglio provinciale di Cosenza, manifestazione pubblica dal titolo “Antonio Acri. Un impegno istituzionale al serviziodellaCalabria”,congliinterventi del presidente della provincia Mario Oliverio, delll’onorevole Mario Maiolo, del presidente della fondazione CalabriAutonomie, Giuseppe Guarascio.


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani 23

APPUNTAMENTI Amantea, VI edizione di “Racconti e Desideri” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CATANZARO Incontro con la poesia dialettale Oggi , ore 17.00, presso il salone confcommercio, 50%u03A0ù Università, presenta il progetto " Il rispetto delle proprie radici", incontro con il presidente dell’ associazione "Centro Studi Vittorio Butera" dott. AntonioBarbato"VittorioButera....e Catanzaro" Concerto di pianoforte Giorno 10 dicembre , alle ore 18.30, presso il Comune di Catanzaro, la Compagniadisensibilizzazionecontro la violenza sulle donne Progetto SerenaPiano...conleDonneinvitaal concerto di pianoforte.Presenta: Giuditta Mattace; saluti: Eugenio Carratelli; Tommasina Lucchetti; suonano: Maestro Martino Filippo Garofalo;artistaMiroElia;vocenarrante: Teresa Mancuso; Lucia Cristofaro. Manifestazione di fitness La palestra Chiara Fitness di Catanzaro sita in viale Magna Grecia,158 giorno 12 dicembre , nella propria sede organizza un manifestazione di fitness.Sisvolgerannolezionigratuite di fitness (aerobica e spinning ) con la partecipazione di presenter internazionali: Alessandro Galli , Salvatore Pagano e Omar Alampi. La manifestazione avrà inizio alle 10.30 e finirà alle 14.00. Concerto di Natale Riceveranno come riconoscimento un premio del maestro orafo crotonese Michele Affidato, tutti e sei i protagonisti del Concerto di Natale che si terrà a Catanzaro il 15 dicembre , al GranTeatro Le Fontane della Esse Emme Musica di Maurizio Senese. La serata, che sarà condotta da Stefania Orlando, sarà un importante momento di beneficienza. La manifestazione ha sposato infatti la causa di Bnl - Gruppo Bnp Paribs per Telethon:gliincassidellaseratadigiorno 15 saranno devoluti alla Fondazione Telethon che da anni raccoglie fondi da destinare alla ricerca sulle malattie genetiche. Ed anche gli ospiti del Concerto di Natale hanno dato il proprio sì al progetto: sul palco si alterneranno il Premio Oscar Nicola Piovani che al GranTeatro si esibirà con il suo quintetto, Luisa Corna, Francesco Baccini, i Sonohra, Marco Carta e Cheryl Nickerson, già corista di Zucchero, che proporrà una selezione gospel. E, intanto, proseguono a gonfie vele le prevendite ufficiali che hanno i seguenti prezzi, comprensivi di prevendita: poltronissima 25,00 euro, poltrona 20,00 euro e tribuna 15,00 euro. COSENZA Enrico Paissan ospite della "Sessa" “Gli Uffici stampa: quali prospettive concrete per i giornalisti?”, è il tema dell’incontro con il vicepresidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti, Enrico Paissan, organizzato dall’associazione dei giornalisti cosentini “Maria Rosaria Sessa”. Il convegno

Cresce l’attesa per conoscere i nomi dei premiati della sesta edizione di “Racconti e Desideri Storie di sogni e realtà”, l’evento culturale proposto dall’associazione CP Produzioni e istituzionalizzato dal comune di Amantea tramite l’adozione della delibera numero 43 del 4 marzo 2010. L’appuntamento si svolgerà il prossimo 19 dicembre alle ore20,nell’incantodelcomplesso conventuale di San Bernardino da Siena. L’iniziativa si propone di unire conoscenza, cultura e territorio,

in modo da diffondere le positività del centro tirrenico, raccontando la vita vera, quella che passa tra le mani della gente e che si trasforma in emozione grazie all’impegno ed al sacrificio quotidiano. La serata racconterà le vicende di alcuni protagonisti di successo, capaci di raggiungere traguardi professionali di altissimo livello in diversi campi, come la poesia, la musica, la medicina, l’espressionismo artistico; e ancora l’imprenditoria, le attività sociali e la ricerca. Sono le storie di persone comuni che hanno

si terrà oggi , alle 10.30, nella sede di Confindustria a Cosenza. Ad introdurre i lavori saranno Gregorio Corigliano, presidente della “Sessa”, e Francesco Montemurro, tesoriere dell’associazione dei giornalisti cosentini.

dell’Ats Krognosi, la mostra si propone come un viaggio nel magico e variegato mondo pitagorico.

Tecne programma 2010-2011 Programma di concerti organizzato per il teatro cittadino dalla neo-associazioneTecne.Rassegnadeglieventi: Concerto di Musica Elettroacustica – 18 febbraio 2011. Red Basica Chamber plays Dario Argento – 8 aprile 2011. Free Radicals in ErotiKollage – 11 maggio 2011. Ho solo la faccia di un uomo (soliloquioperattoresolo,fisarmonica e percussioni), da Piero Ciampi – 20 maggio 2011. Presentazione del volume "Dizionario dei Musicisti Calabresi" Lunedì 13 dicembre , alle ore 18.00, presso il Teatro Rendano, sala "Maurizio Quintieri" presentazione del volume: Dizionario dei Musicisti Calabresi. Prima opera enciclopedica sull’universo della musica colta calabrese. Editore Abramo. Volume realizzato in collaborazione con: Associazione Musicale "M. Quintieri e Ministero per i Beni e le Attività Culturali CROTONE Mostra “Simmetrie” dedicata a Pitagora Prosegue il binomio Crotone e Pitagora, le attività previste dal progetto “Pitagora” proseguono con la mostra“Simmetrie”chesaràospitatadal Castello Carlo V per tutto il mese di dicembre.Organizzatadall’amministrazionecomunaleedall’Università della Calabria, con il contributo

Concerto Duo Fabrizio Brancaccio e Roberta Piccirillo Il presidente della Società Beethoven Acam, Mariarosa Romano, comunica che domenica 12 dicembre , si terrà il concerto del Duo Fabrizio Brancaccio – Baritono e Roberta Piccirillo - Pianoforte presso l’Auditorium del Liceo Musicale “O.Stillo” di Crotone, alle ore 18.00 XXI edizione Concorso presepe citta di Crotone Il Movimento di Spiritualità Vivere In, associazione Internazionale di Diritto Pontificio, è presente nella città dal 1975. Nel quadro delle iniziative di promozioneumanaeculturale,organizzail Concorso Presepe - Natale 2010 giunto alla XXI edizione. Il tema di questaventunesimaedizione,“Tante stelle una sola Luce”. Le sezioni previste sono: il presepe artistico, il presepe amatoriale, il presepe nelle scuole. Le domande di partecipazione devono essere presentate entro le ore 19.00, di mercoledì 15 dicembre 2010 presso “La Copisteria” di Talarico Armando in Via Firenze n. 84, oppure via e-mail al seguente indirizzo: viverein.kr@libero.it, oppure telefonando al numero 0962.23887. LAMEZIA TERME Convegno “La Carta Costituzionale: Cambiarla, Emendarla, Applicarla” La segreteria cittadina, coordinata da Francesco Bonacci, in collaborazioneconildipartimentoprovinciale

lavorato mantenendo sempre un contatto con le tradizioni, gli usi ed i costumi della propria città d’origine. La scelta dei personaggi, sui quali si mantiene ancora il massimo riserbo, è avvenuta grazie alla somministrazione di alcuni sondaggi che hanno coinvolto un campione rappresentativo dell’intera cittadinanza residente nel comprensorio urbano di Amantea. L’indagine è stata svolta su due diversi livelli: è stato utilizzato sia il sito istituzionale dell’ente municipale nepetino, sia una rilevazione tramite campionamento telefonico. Il palco, che verrà allestito ai piedi dell’altare della chiesa, farà da scenario ai frammenti di vita vissuta dai protagonisti, i quali potranno condividere le proprie esperienze e trasformarsi così in modelli positivi per le nuove generazioni. Nel corso dell’appuntamento, improntato al classico talk – show televisivo, si esibiranno anche alcuni giovani artisti che renderanno ancora più suggestivo questo classico appuntamento di Natale. L’intera serata verrà poi mandata in onda esclusiva nazionale sull’emittente satellitare Play TV 869 Sky.

cultura della Fiamma Tricolore, di cui è responsabile l’avv. Pino Napoleone,haorganizzatoperleore 17.30 di oggi , presso la sala dell’ex Consiglio Comunale di Sambiase in Lamezia Terme, un Convegno dal titolo “La Carta Costituzionale: Cambiarla, Emendarla, Applicarla”. Alconvegno,introdottoecoordinato dall’avv. Napoleone, relazioneranno l’avv. Fabrizio Falvo; il prof. Alberto Scerbo; e il dott. Fernando Rocca. Allo stesso parteciperanno i vertici della Fiamma Tricolore, a partire dal Segretario Regionale Umberto Maggi a quello Provinciale Natale Giaimo ed al Cittadino Francesco Bonacci, nonché i dirigenti provinciali Andreina Moschella e Gino Barbagallo. Presentazione del volume di Enzo Ciconte e Nicola Ciconte Lunedì 13 dicembre 2010 , ore 18.00,pressoilSavantHotel,viaCapitano Manfredi - Lamezia Terme presentazione del volume "Il Ministro e le sue mogli. Francesco Crispi tra magistrati, domande della stampa, impunità" di Enzo Ciconte e Nicola Ciconte. Presenta Armando Vitale, dirigente scolastico liceo classico “Galluppi ” di Catanzaro. Presiede Rosanna De Luca, associazione “Premio Frano Costabile”. Saranno presenti gli autori REGGIO CALABRIA XI edizione festival del cortometraggio Ritorna il festival del cortometraggio a Reggio Calabria, che si svolgerà oggi , a partire dalle ore 16.30, presso la villetta della Biblioteca Comunale “Pietro De Nava” di Reggio Calabria.

Gli Arturo Fiesta Circo in concerto Sabato 12 dicembre , alle ore 22.00 al Csoa “A. Cartella” in Via Quarnaro I a Gallico, si esibiranno i brianzoli Arturo Fiesta Circo, dopo l’uscita del nuovo album “E lo chiamerai Giovanni”, il cui primo singolo “Royal” è scaricabile: atmosfere circensi ed una miscela di jazz, blues, canzone d’autore e folk. RENDE Massimo Garritano in concerto Venerdì 10 dicembre 2010, dalle 21.00 in poi, in Salsamenteria torneràasuonareilbravissimochitarrista Massimo Garritano. Il concerto "Solo ma non solo", come sempre, è gratuito e rientra nell’offerta musicale della Salsamenteria. SOVERATO Programmazione per Terra Madre Day Oggi alle ore 18.00 presso L’Ipssar di Soverato (via Leopardi 4): Gente di terra madre. In collaborazione con la condotta slow food Soverato organizza un incontro con gli alunni del corso serale su Terra madre, proiezione del dvd “Gente di terra madre”, avvio del progetto “un piatto per terra madre”. Coordinatore: Paolo Riverso, dirigente scolastico. Venerdì 10 dicembre alle ore 11.00 presso l’Ipssar di Soverato: Gente di terra madre. In collaborazione con la condotta slow food Soverato organizzaunincontroconglialunnidelle terze classi su Terra madre, proiezione del dvd Gente di terra madre, avvio del progetto “un piatto per terra madre”. Coordinatore: Paolo Riverso, dirigente scolastico Presentazione libro Il tesoretto di Soverato nei documenti di Paolo Orsi" Sabato 18 dicembre , alle ore 10.00, presso l’Acquario comunale, si terrà la presentazione del libro "Il tesoretto di Soverato nei documenti di Paolo Orsi" . CALABRIA L’Esercito Italiano in “Tour Promozionale Invernale 2010” Anche quest’anno riparte il Tour Promozionale, promosso dall’Esercito Italiano, per informare i giovani sui concorsi che la Forza Armata bandisce annualmente. Le tappe previste sono: 10 dicembre Parco Commerciale “Le Fontane” di Catanzaro Lido. Giorno 14 dicembre “Metropolis” di Cosenza. Giorno 18 dicembre Centro Commerciale “La Gru” della città di Siderno. Gennaio , data da definire, tappa presso il Centro Commerciale “Due Mari”. Compito del team sarà quello di far conoscere le reali prospettive, in termini occupazionali che oggi l’Esercito, testimonianza di continuità nella tradizione e di apertura verso il futuro, è in grado di offrire a chiintendaintraprenderelacarriera militare.


24

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Uno scatto del fotografo (particolare)

È australiano il vincitore della sezione fotografia della quarta edizione del premio che a breve chiude il bando per il 2010

Gli scenari aborigeni di Dean West fotografo premiato ad Arte Laguna Giorgia Bernoni a scoperto la fotografia da giovanissimo, e, come tutte le passioni nate in tenera età, questa è cresciuta e maturata insieme a lui. «È stata una vera fortuna quando, da piccolo, mia madre mi ha regalato una macchina fotografica per Natale», sottolinea il giovane australiano vincitore della sezione fotografia del premio Arte Laguna nel 2009. Tra i suoi riferimenti ci sono i personaggi inquieti e patinati dell’olandese Erwin Olaf, i paesaggi metropolitani del newyorkese Gregory Crewdson, e l’artificiosità dei set dello statunitense David La Chapelle: tre grandi nomi che hanno influenzato l’immaginario visivo del giovane Dean. Un immaginario fatto di figure eleganti, inserite in un contesto fiabesco, che interagiscono con gli oggetti e l’ambiente fino a ren-

dere l’insieme altamente evocativo. «La cosa importante per me, nel momento in cui nella mia mente inizio a pensare a un’opera, è identificare il potenziale pubblico senza nessuna restrizione, immaginando una composizione che vada oltre un ristretto periodo o un determinato luogo». Un’esperienza eccitante e altamente formativa quella di esporre all’Arsenale, insieme agli altri due vincitori del premio Arte Laguna, nella collettiva che si è tenuta a marzo nella città lagunare. «Venezia - prosegue il fotografo è una città meravigliosa sotto diversi punti di vista, da quello architettonico a quello storico. Ma soprattutto è stata un’esperienza unica poter incontrare giovani provenienti da qualsiasi parte del mondo: un’occasione di scambio che mi ha dato molto non solo dal punto di vista artistico, ma anche personale. È veramente importante per un

Un immaginario fatto di figure eleganti inserite in un contesto fiabesco che interagiscono con gli oggetti e l’ambiente

È partita ieri alla galleria Gallerati la prima tappa dell’evento finale di Arte video Roma festival, rassegna internazionale di ricerca audiovisiva, in programma fino al 14 dicembre. Sei le sezioni proposte al festival: Magmart festival, raccolta di dieci opere di videoarte internazionale selezionatedallecinque edizioni a cura di Enrico Tomaselli; "Fish eye festival", sette opere di videoarte italiana a cura di Bruno Di Marino; Artevideo, selezione delle opere pervenute dal concorso internazionale; Carma, opere di un gruppo di autori direttamente convocati dal gruppo Le Momo Electroni-

que; "Heure Exquise!", selezione dal catalogo della celebre distribuzione internazionale di videoarte; e Ricicli catodici, un’antologia scelta tra tutti i lavori visionati di opere videoinstallative proposte in multivisione sugli schermi dell’omonimo progetto. Le sezioni sono state il frutto di una complessa opera di selezione che si è avvalsa del lavoro di monitoraggio svolto dal gruppo Le Momo electronique, della collaborazione esternadiautorevolicritici,curatori, artisti e case di produzione/distribuzioneed,infine,dellacopiosa adesione al bando di concorso internazionale. Tra le 44 opere partecipanti, una giuria speciale composta da autorevoli critici e artisti ha selezionato, esprimendo da una a tre preferenze fra tutte le sezioni esposte, 14 lavori in tutto, 10 opere di

Arte video Roma festival, rassegna di ricerca audiovisiva, viene ospitata fino al 14 dicembre alla galleria Gallerati Zoe Bellini

Dean West

giovane artista confrontarsi e partecipare a delle iniziative come Arte Laguna, competizioni che offrono la grande occasione di ricevere un riscontro da parte degli addetti ai lavori e del pubblico». Con le evocative immagini di Dean West termina il nostro viaggio tra i finalisti della passata edi-

zione di Arte Laguna, proprio quando la quinta edizione è già avviata e vede la nascita di due nuove sezioni di concorso: videoarte e performing art. La scadenza per partecipare, presentando le proprie domande online, è fissata per il 10 dicembre Info: www.premioartelaguna.it.

arte video tra quelle proiettate al festival e 4 opere videoinstallative proposte nel foyer sugli schermi della sezione/progetto "Ricicli Catodici". Le opere finaliste saranno protagoniste di una serie esposizioni dislocate nella capitale.

La kermesse propone sei sezioni risultato di una selezione operata da critici, curatori e artisti

Ricicli catodici


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani 25

IL DOMANI DELLA CULTURA

Le tante identità nei loghi ideati da Antonio Romano Roma, all’Ara pacis la storia del creativo “brand designer” salentino Simone Cosimi Una vicenda puntellata d’imprese, istituzioni, prodotti, servizi, architetture, eventi e pubblicazioni. Dalla farfallina Rai alla nuova immagine Eni passando per le identità territoriali del land dell’Hessen in Germania, della provincia di Siena o quelle urbane per Milano e Roma, ultima delle quali Roma Capitale. E ancora loghi e marchi, dalla Cgil alla Pirelli, da Tim a Trenitalia fino a Piaggio (reinterpretazione della Vespa secondo lo stile Inarea, nell’immagine sopra) e molti altri clienti. Il maestro salentino del "brand", Antonio Romano, autentica autorità del settore, è protagonista all’Ara pacis di Roma con le creazioni di Inarea

identity and design network, una rete internazionale e indipendente di designer, architetti, "strategist" e consulenti di cui è a capo. E che è divenuta negli anni e attraverso le sue varie trasformazioni una delle realtà più importanti a livello internazionale. Trentannidisegno, questo il titolo della ricca esposizione capitolina, racconta una forte realtà italiana impegnata sui tanti fronti della comunicazione attraverso una selezione di progetti, realizzati praticamente in tutto il mondo, marchi d’impresa, linguaggi di marca, architetture, prodotti veri e propri, caratteri tipografici e pubblicazioni. Romano è nato a Maglie (Lecce) nel 1957 ed ha cominciato ad occuparsi di design già nel 1974. Nel 1980 fonda Studio Romano, struttura che si affermerà nel campo del design per la comuni-

Una "creazione" di Antonio Romano

cazione. Nel 1988, apre l’ufficio di Milano. Dal 1997 estende l’attività in maniera stabile anche ad altri paesi, aprendo uffici all’estero. Il network, che dal 2004 ha preso il nome Inarea, sotto la sua guida, conta oggi ventidue partner e oltre cento tra dipendenti e collaboratori. Fino al 12 dicembre. Roma, Ara pacis, lungotevere in Augusta. Info: www.arapacis.it.

Il regista teatrale Elio De Capitani porta a teatro la pluripremiata commedia dello scrittore Alan Bennet. Debutto meneghino l’11 dicembre all’Elfo Puccini

A Milano la classe non è acqua con la pièce "The history boys" Elena Mandolini Il testo originale ha vinto nel 2004 ben sei "Tony awards", gli oscar del teatro. Il genio che ha scritto questa fortunata commedia è Alan Bennett. Una produzione vastissima, la sua, che viene costantemente ripresa dai registi e dagli attori di tutto il mondo. La cerimonia del massaggio, Nudi e crudi, oppure Scritto sul corpo, sono alcune fra le opere più importanti del drammaturgo inglese. Per ogni regista, o attore, esiste un’opera che diventa una sorta di alter ego per cui basta nominarla per far tornare in mente il suo nome, per Bennett si tratta di "The history boys". Storia di otto ragazzi comuni che hanno come obiettivo quello di entrare a Oxford o Cambridge. Insieme dovranno affrontare un ultimo trime-

stre di preparazione intensiva per poter sostenere l’esame d’ingresso al corso di storia. Per incrementare le statistiche del proprio istituto, il loro preside decide di aiutarli, facendo correre in loro aiuto la signora Lintott, insegnante di storia, l’eccentrico professor Hector e il giovane Irwin, che deve insegnare loro il giusto stile nonché l’approccio ideale per l’esame. Elio De Capitani, il Berlusconi del Caimano, affronta un altro importante testo teatrale, affiancato come sempre dal socio e amico Ferdinando Bruni. Una coppia in perfetta sintonia che riesce a scegliere con cura gli spettacoli da portare in scena, senza aver sbagliato una decisione. Dopo il meritato successo di pubblico e diversi premi vinti grazie alla trasposizione teatrale di "Angels in America", parte I e II, tentano un vero e proprio "en plein".

De Capitani interpreta il professor Hector simbolo del prestigio della scuola, delle tradizioni e delle convenzioni, che contrasta pesantemente con l’agguerrito professore Irwin, interpretato da Ferdinando Bruni, incaricato di dare una ripulita al loro stile, renderlo raffinato, giornalistico e spendibile nel

De Capitani, il Berlusconi del Caimano, affronta un altro importante testo teatrale, affiancato come sempre dal socio e amico Ferdinando Bruni

Elio De Capitani e Ferdinando Bruni

supermercato del lavoro. Due abili ed esperti attori, qui affiancati da giovani promesse del palcoscenico italiano, per raccontare una storia di speranze e sogni, con ragazzi profondamente diversi l’uno dall’altro. Il debutto si tiene l’11 dicembre a Milano. Per chi ha amato le atmosfere del bel film con Robin Williams, L’attimo fuggente. Elio De Capitani, regista, attore, autore, ha legato il suo nome a quello del Teatro dell’Elfo entrandone a far parte non ancora ventenne nel 1973. Nei primi dieci anni di storia dell’Elfo è stato protagonista in oltre una dozzina di spettacoli diretti da Gabriele Salvatores, tra i quali Pinocchio Bazaar, Satyricon, Sogno di una notte d’estate. Fino al 26 gennaio. Teatro Elfo Puccini, corso Buenos Aires 33, Milano. Info: 0200660606; www.elfo.org.

Rinvenuto a Nantes un manoscritto attribuibile al genio toscano

Un Leonardo da Vinci inedito Ginevra Aleramo

Si tratta di un foglio con alcune frasi scritte con la caratteristica ortografia dell’autore della Gioconda

Un frammento di un manoscritto attribuito a Leonardo da Vinci (1452-1519) è tornato alla luce nell’archivio della Biblioteca municipale ’’Jacques-Demy’’ di Nantes, in Francia. Si tratta di un foglietto di carta di 10 centimetri per 20 con alcune frasi scritte secondo la caratteristica ortografia dell’autore della Gioconda, ovvero bisogna leggere le frasi con l’ausilio di uno specchio per vederle correttamente da destra verso sinistra. Il manoscritto è stato scoperto nella collezione del pittore francese Pierre-Antoine Labouchere donata nel 1872 alla

Leonardo da Vinci

città di Nantes, di cui era originario. Autentificato alla fine del XIX secolo, il documento era citato in un libro di Serge Bramly, biografo di Leonardo da Vinci, ma da allora era stato dimenticato. Il documento attribuito a Leonardo è stato presentato ufficialmente dal sindaco della città francese,

Jean-Marc Ayrault. Agnes Marceteau, direttrice della Biblioteca municipale, presente alla conferenza stampa, ha espresso prudenza sulla scoperta: «C’è bisogno che uno specialista di Leonardo esami con il massimo scrupolo l’autografo e ne confermi l’attribuzione. Solo una perizia potrà sciogliere i dubbi». Il documento attribuito a Leonardo fa parte della collezione di Pierre-Antoine Labouchere che contiene oltre 3.000 manoscritti dal XV al XIX secolo. Tre anni fa, nel 2007, nella collezione di Labouchere è stata fatta un’altra clamorosa scoperta: il ritrovamento di uno spartito inedito di Mozart.

Il documento è stato scoperto nella collezione del pittore Pierre-Antoine Labouchere donata alla città


26

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

DALL'ITALIA E DAL MONDO Ecco i punti fondamentali della legge (ex Finanziaria) ormai definitiva

Stabilità: il sollievo di Napolitano, critiche del Pd di Carlo Bassi ROMA - La legge di stabilità, ossia la vecchia Finanziaria, approvata martedì sera in via definitiva dal Senato è un risultato importante, come ha sottolineato ieri con evidente sollievo il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Dopo l’approvazione della Camera è infatti giunto il via libera del Senato, che l’ha approvata con 161 voti a favore, 127 contrari e 5 astenuti. Mentre la legge di bilancio, votata immediatamente dopo, è stata approvata con 161 sì, 124 no e 5 astenuti. Hanno votato a favore Pdl, Lega e Fli. Contro Pd, il gruppo Udc-Svp-Autonomie e l’Idv. Gli astenuti sono due senatori Mpa (il terzo ha disertato il voto) e i tre Svp.Nel passaggio a Palazzo Madama il provvedimento non ha subito alcuna modifica rispetto al testo approvato dalla Camera perché tutti gli emendamenti sono stati respinti. Accolti invece alcuni ordini del giorno fra cui quello presentato dal Pd che impegna il governo ad inserire nel prossimo de-

creto, presumibilmente il milleproroghe, le risorse aggiuntive del 5 per mille dell’Irpef per riportare le risorse complessive a 400 milioni rispetto ai 100 finora previsti nella legge di stabilità. Approvato anche un odg del Pdl (a firma Cosimo Izzo) che proroga al 31 dicembre 2011 il termine per la regolarizzazione degli immobili non ancora accatastati. Il presidente del Senato Renato Schifani ha ringraziato i capigruppo per avergli consentito di mantenere l’impegno preso a suo tempo con il capo dello Stato per una rapida approvazione del provvedimento. Schifani si è inoltre augurato che nei prossimi decisivi passaggi parlamentari «tutte le forze politiche si muoveranno nella logica del confronto e nella logica di tutelare la coesione sociale. Credo ha detto - che prevarrà l’interesse dei cittadini al di là delle soluzioni che verranno individuate». «Il governo ha saputo affrontare la crisi con barra dritta e corret-

ta», ha detto in aula Antonio Azzollini, Pdl, presidente della commissione Bilancio, nella dichiarazione di voto finale. «Con prudenza e rigore il governo ha ritenuto di tranquillizzare i mercati internazionali - ha ribadito Azzollini -. Questa legge è buona - ha concluso - si potrebbe far meglio ma tante volte il meglio è il nemico del bene». Critiche invece le opposizioni. «Questa legge di stabilità è un do-

Per Gianpiero D’Alia, presidente del gruppo Udc, questa Finanziaria «non crea sviluppo, toglie risorse alle famiglie, al volontariato, alla ricerca e agli enti locali

«Questa legge di stabilità è un documento del tutto inadeguato in relazione alle aspettative e alle necessità sociali e produttive del Paese» dice la Finocchiaro (Pd)

cumento del tutto inadeguato non solo in relazione alle aspettative e alle necessità sociali e produttive del Paese, ma anche rispetto alle nuove regole di governance economiche e finanziarie che si stanno discutendo in sede internazionale», ha detto la capogruppo Pd Anna Finocchiaro. «Ma ciò che è più grave - prosegue l’esponente democrat - è che questo governo non sta dicendo agli italiani che noi avremo la necessità nel corso del prossimo anno di rientrare di 45 miliardi e quindi di una manovra aggiuntiva, per onorare quello che è un impegno a livello europeo». Per Gianpiero D’Alia, presidente del gruppo Udc, questa Finanziaria «non crea sviluppo, toglie risorse alle famiglie, al volontariato, alla ricerca e agli enti locali, e soprattutto non mette in sicurezza i conti». Ecco, nel dettaglio, le misure più importanti contenute nel disegno di legge. Le coperture principali della manovra da 5,7 miliardi di euro sono: 2,4 miliardi dall’asta delle frequenze; 500 milioni dalla stretta sui giochi; 500 milioni da lotta all’evasione e 1,7 miliardi dal cosiddetto Fondo Letta. ACCERTAMENTI FISCALI - Arriva una stretta sulle sanzioni: vengono elevate da un quarto a un terzo del minimo previsto per legge le sanzioni amministrative applicabili nel caso di accertamento con adesione riferito alle imposte sui redditi, all’Iva, e alle altre imposte indirette. Sono innalzate le multe in caso di rinuncia a impugnare l’avviso di accertamento o liquidazione o di formulare istanza di accertamento con adesione. Crescono anche le sanzioni pecuniarie.

Qualche intervento ha chiaramente deluso le aspettative: il Senato non ha agito

Ecco il vademecum della legge di stabilità per il 2011 di Carlin ROMA - Ecco gli altri punti salienti Ammortizzatori: Vengono rifinanziati per il 2011 gli ammortizzatori sociali (oltre 1 miliardo). Detassazione salario: viene detassata con un’aliquota del 10 per cento la parte del salario legata alla maggior produttività. Università: Arrivano 800 milioni in più, nel 2011, per incrementare il fondo di funzionamento degli atenei, che passa quindi da 6,1 miliardi a 6,9. Per il 2012 e 2013, l’incremento sarà di 500 milioni. Entro il 31 gennaio di ogni anno, e per gli anni 2011-2016, arriverà un decreto interministeriale (Istruzione Economia) per l’approvazione di un piano straordinario per la promozione ad associato dei ricercatori.Borse di studio, prestiti d’onore: Disco verde a 100 milioni, per il 2011, per la concessione dei prestiti d’onore e l’erogazione delle borse di studio. Editoria: Arrivano oltre 100 milioni per il sostegno all’editoria e altri 45 per tv locali. Scuole paritarie: I

fondi, inizialmente previsti a 150 milioni, salgono a 245 milioni. Cinque per mille: 100 milioni serviranno alla "proroga della liquidazione del 5 per mille". Stop ticket sanità per 5 mesi: Proroga dell’esenzione del ticket sulle visite specialistiche per il 2011 ma solo per 5 mesi e per un ammontare di 347,5 milioni. Missioni di pace: Sono prorogate per il primo semestre 2011 con un fondo di 750 milioni. Ambiente: Arrivano oltre 130 milioni in 3 anni per il ministero dell’ambiente. Serviranno a pagare il personale degli enti parco e alla ricerca. Fas territoriale: I fondi Fas (1,5 miliardi per l’edilizia sanitaria pubblica) andranno per l’85 al sud e per il 15 per cento al centro-nord. Patto stabilità: Viene ammorbidito il taglio previsto con il decreto di luglio. Sblocco del turnover del personale per i micro comuni per garantire servizi essenziali in linea con quanto previsto dal federalismo. Comuni virtuosi: 60 milioni in arrivo per il pagamento degli interessi passivi maturati per il ritardato pagamento dei fornitori. Stretta sulle indennità e i gettoni

degli amministratori locali che portano i loro territori in rosso. Ici: 344 milioni da attribuire ai Comuni dopo l’abolizione dell’Ici sulla prima casa (a valere sul 2008). Gochi: Arriva una stretta sui giochi con un piano di controlli straordinari da parte dell’amministrazione. Dovrebbe fruttare 500 milioni. Immobili: Proroga di un anno dell’esenzione dall’Iva per immobili invenduti. Imposte anticipate per chi acquista un immobile in leasing. Imposta sostitutiva relativa ai contratti in essere che dovrebbe portare maggior gettito per 173 milioni. Trasporto pubblico locale ferroviario: viene introdotta una "norma di responsabilità", prevedendo che l’erogazione dei 480 milioni l’anno (fino al 2011) è subordinata alla verifica, nei contratti di servizio del trasporto pubblico locale su ferro, di misure di efficientamento e razionalizzazione del trasporto. La verifica va fatta entro il primo semestre 2011 da parte dei ministeri dell’Economia e dei Trasporti. Si prevede poi la ripartizione dei 425 milioni (annualità 2009) destinati all’acquisto di nuovo

materiale rotabile: sarà necessario acquisire il parere favorevole della Conferenza unificata. Nella ripartizione bisognerà tener conto, tra l’altro, degli aumenti tariffari, da cui risulti l’incremento del rapporto tra ricavi da traffico e corrispettivi e la razionalizzazione dei servizi, con conseguente incremento del carico medio annuo dei passeggeri trasportati. Rricerca aerospaziale ed elettronica: Per assicurare la continuità degli interventi a sostegno della ricerca aerospaziale ed elettronica le risorse previste dall’articolo 3-bis del dl 135/2009 (che si occupa di disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e per l’esecuzione di sentenze della Corte di giustizia europea) sono ridestinate, fino a un massimo di 400 milioni, in favore di interventi per lo sviluppo e l’accrescimento delle industrie del settore aeronautico. Agricoltura: prorogate le agevolazioni contributive per le imprese agricole delle aree sottoutilizzate e di montagna. Confermate le agevolazioni fiscali per i coltivatori diretti.


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani 27

DALL'ITALIA E DAL MONDO Niente sciopero dei treni, differito dalministro, protesta dei sindacati

Domani la Corte costituzionale provvederà all’elezione del nuovo Presidente che dovrebbe essere Ugo De Siervo

La Suprema corte decide il 15 sul legittimo impedimento di Roberto Carli ROMA - La Corte costituzionale è orientata a fare slittare di un giorno l’udienza pubblica in cui affronterà la legge sul legittimo impedimento, evitando la coincidenza con il voto di fiducia in Parlamento. Lo ha riferito ieri una fonte della Suprema corte. La legge di fatto congela fino all’ottobre 2011 i processi al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, sempre che mantenga la carica, stabilendo che il premier e i ministri sono "legittimamente impediti", per l’esercizio delle loro funzioni, a parteciL’udienza del 14 pare ai processi in dicembre sarà la prima cui siedono come imputati. a cui parteciperà il MailtribunalediMilano, davanti al nuovo presidente del quale Berlusconi è imputato in tre procollegio di 15 giudici, cessi, ha sollevato la che sarà eletto domani questione di legittimità costituzionale, che era stata inserita nel calendario delle udienze della Consulta il 14 dicembre. Se la Corte decidesse per l’incostituzionalità, la legge non sarebbe più valida e cadrebbe lo scudo al premier. «Siamo consapevoli della grande attesa per l’udienza», ha detto la fonte interna alla Con-

sulta. «È molto probabile che sarà evitata la coincidenza con l’appuntamento parlamentare, anche perché l’udienza del 14 sarà preceduta dai saluti al nuovo presidente e dalla laudatio del nuovo giudice, che occuperanno buona parte della mattina». «Nel pomeriggio l’orientamento è di dare la precedenza alle altre cause a ruolo nell’udienza e dedicarsi il giorno seguente al legittimo impedimento», ha proseguito la fonte. «Dovrebbe essere comunque il nuovo Presidente, nel tradizionale incontro con i giornalisti subito dopo il giuramento, venerdì prossimo, a chiarire tutto questo». Sempre per motivi di "opportunità istituzionale" la Corte comunicherà molto probabilmente il suo giudizio sulla legge dopo la pausa natalizia, nella settimana di lavori che inizia martedì 11 gennaio. Al voto di fiducia al governo parteciperanno anche i due avvocati di Berlusconi, il senatore Piero Longo e il deputato Niccolò Ghedini, che si sono costituiti parte nella causa alla Corte costituzionale, e faranno un’arringa per difendere la legittimità della legge. L’udienza del 14 dicembre sarà la prima cui parteciperà il nuovo presidente del collegio di 15 giudici, che sarà eletto dai pari venerdì 10 dicembre -- il favorito è l’attuale vice, Ugo De Siervo. Il mese scorso è stato nominato giudice Giorgio Lattanzi, che riceverà un pubblico saluto proprio in occasione della prima udienza pubblica.

Incendio in un carcere cileno: ecatombe, 81 morti ROMA - Strage di detenuti a Santiago. Un incendio scoppiato a San Miguel, penitenziario della capitale cilena, ha provocato la morte di 81 detenuti. La tv di Stato, che ha mostrato le immagini delle fiamme e del fumo che avvolgevano il carcere, ha riferito anche che almeno 14 persone sono rimaste ferite. Le fiamme sono divampate alla torre 4 del quarto piano dell’edificio intorno alle 5,30 della mattina (ora locale, le 9,30 circa in Italia). All’origine del rogo, stando a quanto dichiarato dal direttore della gendarmeria Luis Masferrer, ci sarebbe una rissa tra i detenuti. Oltre a centinaia di pompieri, sul posto si trovano ora i familiari dei detenuti che vogliono avere informazioni. «Ancora non abbiamo l’identità dei morti», ha riferito Jaime Concha, uno degli ufficiali dei carabinieri che si trovano nel carcere,

che ospitava circa 1.900 detenuti, un numero superiore alla capacità prevista per la struttura carceraria. «È un’enorme disgrazia, forse la più importante in un carcere nella storia del nostro paese» ha detto il ministro della sanità cileno Jaime Manalich. Le fiamme sono state messe sotto controllo, mentre sul posto si trovano numerosi uomini delle forze dell’ordine. Polemiche da parte di alcuni parenti dei detenuti presenti nel posto, che stanno cercando di apprendere l’identità delle vittime: gli uomini della gendarmeria, denunciano i parenti, hanno ritardato l’ingresso dei pompieri nella prigione per poter avere pieno controllo della situazione. «Non ci hanno detto niente, vogliamo sapere cosa è successo, come sta mio figlio», ha detto per esempio tra le lacrime una madre.

ROMA - Oggi e domani mezzi pubblici e treni funzioneranno normalmente. È stato infatti differito dal governo lo sciopero di 24 ore del personale del trasporto pubblico locale e di quello ferroviario proclamato dai sindacati, che hanno definito «un atto grave e colpevole» la decisione presa dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli. «Il provvedimento si è reso necessario ed urgente allo scopo di evitare un pregiudizio grave ed irreparabile al diritto di libera circolazione costituzionalmente garantito», ha spiegato il ministro Matteoli in una nota in cui comunica il differimento dello sciopero, proclamato da Filt-Cgil, Fit-Cisl, UilTra- «Non è con gli atti sporti, Ugl Trasporti, Orsa, coercitivi che si Faisa e Fast-Confsal. «È un atto grave e colpevorisolvono i problemi... le», ha subito commentato il segretario nazionale della Anzi, questa decisione Filt Cgil, Alessandro Rocchi. «Non è con gli atti coercitivi è destinata ad inasprire che si risolvono i problemi... la vertenza contrattuale» Anzi, questa decisione è destinata ad inasprire la vertenza contrattuale perché arriva dopo che è risultato assolutamente inefficace, oltreché intempestivo, il tentativo dell’ultima ora del ministro di recuperare parte delle risorse tagliate dalla legge di Stabilità al trasporto locale». I tagli, secondo Rocchi, «stanno già producendo effetti negativi sui livelli di servizio pubblico offerti e dalle prime settimane del nuovo anno si riveleranno insostenibili in tutte le Regioni e in tante città, con la riduzione dei servizi, l’aumento di abbonamenti e biglietti e le difficoltà nella tenuta occupazionale del lavoro nel settore».

Cab


28

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

FOCUS bolire le rappresentaze dei lavoratori. «Le problematiche sollevate -afferma Mct- sono regolarmente esaminate nell’ambito delle periodiche riunioni che da sempre hanno caratterizzato il confronto sistematico tra l’Azienda ed i rappresentanti sindacali dei propri lavoratori e non si capisce pertanto l’utilità di portare al di fuori di questo contesto la dialettica dei rapporti sindacali, rischiando di esacerbare gli animi e creando

La Società replica alle ultime accuse delle OO.SS comparse sugli organi di informazione locale

Mct risponde ai sindacati: il confronto c’è, l’obiettivo è salvare il traffico e i lavoratori di Sofia Ricciardi GIOIA TAURO – Giusto lunedì scorso, il coordinamento del Sul-Porti aveva inviato una lettera aperta al presidente dell’Autorità portuale di Gioia Tauro, Giovanni Grimaldi, per «segnalare alcune problematiche sulle quali il sindacato intende andar giù in modo duro e deciso». A scatenare il malcontento dei lavoratori «l’incomprensibile "strategia" messa in atto dalla dirigenzadiMedcentercontainerter-

minal», accusata di mettere a rischio quanto faticosamente costruito con il contributo dell’Autorità portuale, perseverando con «una cattiva organizzazione dei turni di lavoro, una pessima gestione di strumenti che consentirebbero un maggiore recupero psico-fisico dei lavoratori (alternanza terra-mezzo) e di conseguenza una riduzione dell’assenteismo e una gestione del personale confusa e "clientelare" che genera disaffezione ai colori sociali». A ciò si aggiungerebbe la denuncia della presunta

mancata osservanza da parte di Mct dell’art. 5 del Contratto unico dei porti sui 15 minuti di pausa (ai lavoratori che ne hanno usufruito sarebbero già arrivate delle lettere di contestazione). La risposta di Mct non si è fatta attendere.Secondolasocietà,che ha diffuso un comunicato stampa il giorno dopo la pubblicazione della lettera aperta del Sul-Porti, le accuse rivoltele dal sindacato sono false, a cominciare dall’esistenza di una presunta strategia della tensione messa in atto di proposito dall’azienda per inde-

turbative ad un sereno confronto». Entrando nel merito dei punti contestati, Mct difende le sue scelte commerciali: la società, «a causa dell’andamento del mercatoconseguenteallacrisieconomica mondiale, sta da almeno due anni operando con gravi perdite di bilancio derivanti da tariffe commerciali non remunerative pur di mantener un traffico, e quindi posti di lavoro, che altrimenti avrebbe scelto porti più competitivi per costo del lavoro, costi portuali e politiche fiscali. In

questo scenario commerciale un forte contributo al mantenimento dei traffici è derivato dall’attenta gestione economica dell’Azienda e lo stesso abbattimento delle tasse di ancoraggio effettuato dalla Autorità portuale è frutto della costante attività della Società e del Gruppo verso gli organi di Governo che ha reso possibile l’emanazione di una specifica disposizione di legge». Riguardo al contratto integrativo, poi, l’ribadisce di aver informato i sindacati di trovarsi«nell’impossibilitàdiconcedere qualsiasi miglioramento economico finché perdureranno le perdite di bilancio». Sulla gestione del personale e sulla turnistica, precisa Mct, ha inciso inevitabilmente la «forte riduzione, almeno per il momento, del traffico a ferrovia, che rende improcrastinabile la saturazione dell’organico di tale reparto (Rail, n.d.r.) con l’assegnazione di altre mansioni operative, a cui il personale interessato è già abilitato», mentre «l’adozione della nuova turnistica per gli uffici operativi è conseguente all’accoglimento di una richiesta in tal senso da parte del personale interessato. L’Azienda ovviamente ha fatto anche presente che le spettanze economiche dei lavoratori interessati devono essere inevitabilmente rapportate sia all’effettiva presenza al lavoro (ticket e turni domenicali), sia alle modalità della prestazione lavorativa (turni flessibili non più richiesti)».


Giovedì 09 Dicembre 2010 il Domani 29

FOCUS di Gaia Mutone NEW YORK – In questa nuova stagione della lotta alle mafie, in cui la rinnovata consapevolezza delle istituzioni e della cosidetta società civile gioca un ruolo fondamentale nel contrasto quotidiano alla criminalità organizzata, aumentano anche le occasioni di incontro e di dialogo tra amministrazione locale e istituzioni rappresentative delle realtà del Sud all’estero. In questo contesto va inquadrata la missione internazionale del presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, che, accompagnato dal Sottosegretario alla presidenza Alberto Sarra e dal Consigliere regionale delegato all’Emigrazione, Alfonsino Grillo, si è recato in visita presso la sede di rappresentanza permanente delle Nazioni unite, a New York, «per avviare - come comunicato in una nota stampa della Regione - un

All’Onu per promuovere un progetto anticriminalità Scopelliti: «Evidenziare il ruolo fondamentale dei calabresi all’estero e l’importanza di un rapporto permanente, che crei sviluppo»

Alfonsino Grillo, Amato Berardi, Giuseppe Scopelliti e Francesco Talò

Scopelliti e i vertici della Regione avviano il progetto che porterà in Calabria nel 2011 esperti che discuteranno di best practices antimafia

progetto di collaborazione sui temi della criminalità organizzata che porterà, nel 2011, in Calabria, esperti internazionali con l’obiettivo di discutere delle strategie di cooperazione e delle "best-praticses" idonee a fronteggiare le organizzazioni criminali». Successivamente, Scopelliti, Sarra e Grillo sono stati accolti dal Console generale d’Italia France-

sco Talò, nella sede del Consolato italiano, ed hanno avuto modo di confrontarsi con un’ampia rappresentanza di imprenditorie professionistiitalo-americani,originari della Calabria. All’incontro, svoltosi alla presenza dell’onorevole Amato Berardi, governatore dell’Aerec (Accademia europea per la relazioni economiche e culturali) distretto di

Philadelphia, hanno preso parte anche alcuni rappresentanti della Consulta regionale dell’emigrazione. Il Presidente Scopelliti ha esposto la strategia della Regione, a livello internazionale, evidenziando il ruolo fondamentale dei calabresi all’estero e l’importanza di un rapporto permanente che possa incrementare lo sviluppo della Calabria, creando nuove op-

portunità d’investimento e lavoro. Rientrano in questo nuovo approccio di valorizzazione dell’immagine positiva della Calabria anche gli sforzi che gli imprenditori della regione stanno compiendo nel creare filiere di garanzia per la produzione e la commercializzazione dei propri prodotti, in Italia e all’estero, e nella direzione della certificazione di qualità del Made in per contrastare le contraffazioni.


30

il Domani Giovedì 09 Dicembre 2010

ilD tec

a cura s.s.e. mediatag

I nuovi prodotti della Big G si basano sulla rete e sul "cloud"

Google: un attacco lanciato dalla "nuvola" Andrea Celia Magno Google sta lanciando in questi giorni un’altra offensiva sul mercato della tecnologia (e dintorni). Sono quattro i settori interessati e in tre di questi si parla di assolute novità, mentre nel quarto si tratta di un rilancio. Le novità riguardano l’entrata a pie’ pari della Big G nel mondo dell’editoria on line, con la piattaforma cloud eBooks (in Europa dalla primavera); il lancio del sistema operativo Chrome OS nel settore dei software che verrà montato sull’altrettanto nuovo (una prima versione verrà messa in vendita nel 2011) netbook Google, il CR-48. Il Nexus S segna il rilancio di Mountain View sul mercato degli smart phone dopo il flop di Nexus One. Google eBooks ha, per il momento soltanto in inglese, oltre mezzo milioni di titoli. Il servizio è la maggiore concorrenza lanciata dalla Big G ad Amazon, il leader del settore, ma ha alIl colosso di lo stesso tempo due diffeMountain View renze sostanziali che renpiù pratico il servizio diversifica ancora dono offerto da Google: eBooks funziona infatti con una di più i suoi semplice connessione via interessi: al via browser (per i tablet è creata un’applicazione gratuila piattaforma ta) e non rende necessario eBooks, il sistema scaricare i file su un e-reader per leggerli. La operativo Chrome modalità di lettura è assolutamente libera e non oce un netbook cupa spazio nel computer, senza disco. E ci perché tutto rimane "on the eccezion fatta per la riprova col Nexus cloud", memoriacachedelcomputer che permette di leggere i libri comprati anche in modalità offline. La leggerezza in fatto di memoria è il concetto alla base del primo netbook Google equipaggiato con Chrome OS. Il CR-48, questo almeno il nome in codice non si sa quanto definitivo, è il primo netbook interamente centrato sul web e sul sistema operativo Chrome: non ha memoria e le sue prestazioni sono tutte costruite sulla "nuvola" della rete internet, grazie alle connessioni wi-fi N e 3G incorporate. Non c’è disco fisso, ma una tastiera e un touchpad posti di fronte ad uno schermo da 12", dotato anche di web cam. Il CR-48 si può dire che sia al momento una versione di prova per il vero e proprio lancio che avverrà nella seconda metà del prossimo anno grazie alla partnership con Acer e Samsung. E proprio con Samsung, Google sta producendo il Nexus S, nuovo smart

Facebook mette a punto ritocchi sui profili Facebook negli ultimi giorni sta proponendo ai propri utenti un significativo restyling del proprio account. Ci sarà molto più spazio per le fotografie e le ultime immagini in cui un utente è stato "taggato"verrannomesseinbella mostra sotto il nome nella pagina del profilo. Sotto il nomeutenteapparirannoanche altreinfopersonali.

Apple: una nuova tecnologia per il 3D glass-less Appleha registrato unbrevetto per lo sviluppo di una nuova tecnologia che permetta la visione del 3D senza occhialini. L’azienda di Cupertino punterà su una nuova superficie che rifletterà ogni pixel dell’immagine video. L’immagine,standoallaMela, rimbalzerebbe in una versione per ogni occhio dello spettatore.

Ibs presenta Leggo, l’e-reader italiano Dal 20 gennaio Internet Bookshop Italia metterà in vendita il suo e-reader per l’accessoallapiattaformadel portale di vendita on line. L’e-reader si chiamerà Leggo ed avrà un prezzo promozionale per il lancio di 199 euro (219 euro sarà il prezzo standard). La connessione, tramite Sim incorporata, per scaricare gli e-book sarà pagata da Ibs. Si può già prenotaresulsitodiIbs. Il nuovo sistema operativo Chrome punta tutto su internet

phone dotato di OS Android 2.3 Gingerbread che, nella seconda metà di dicembre, verrà messo in vendita negli Usa e in Gran Bretagna. Il Nexus S dovrebbe, almeno nelle intenzioni della Big G, sopperire al flop del Nexus One, primo smart phone Google che non è riuscito a sfondare l’accantita concorrenza, in primis, di Apple.

Il netbook CR-48 sarà il primo computer Google

Dal prossimo anno Motorola avrà il suo tablet Anche Motorola sta per entrare nel mercato dei tablet. i tecnici Motorola stanno ancora lavorando a quello che per adesso è un prototipo, ma quello che si sa è che il futuro tablet, che potrebbe chiamarsi Stingray, monterà l’ultima versione del sistema operativo mobile HoneyComb, che ai più sarà resa nota come Android 3.0 e una scheda video Nvidia dotata di tecnologia 3D. Il tablet Motorola sarà pronto dal prossimo anno.


il Domani Giovedì 9 Dicembre 2010 31

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI

CHIUSURA

FTSE Italia All-Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

VAR. %

21.092,98 1,32 20.393,95 1,40 24.152,66 1,25 21.549,55 0,58 21.699,46 -0,14 11.247,01 1,04

Euro

METALLI

US $

UK £

¥en

USD/on

1 Euro

1.0

1.3223

0.83800 110.39

ORO

1 US $

0.75590

1.0

0.63350 84.220

ARGENTO

1 UK £

1.1927

1.5776

1 ¥en

1.0

132.87

0.0089734 0.011868 0.0075198

1.0

EURO/gr

1 405,20

34,00

29,10

0,707

PLATINO

1704,00

41,57

PALLADIO

745,50

18,33

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

A.S. Roma A2A Acea Acegas-Aps Acotel Group Acque Potabili Acsm-Agam Aedes Aeffe Aegon Aeroporto Firenze Ageas Ahold Kon Aicon Alcatel-Lucent Alerion Allianz Amplifon Ansaldo Sts Antichi Pellettieri Apulia Prontop Arena Arkimedica Arkimedica 2012 Cv5% Ascopiave Astaldi Atlantia Autogrill Spa Autostrada To-Mi Autostrade Merid Axa Azimut B Interm-15 Cv 1,5% B&C Speakers Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 Banca Generali Banca Ifis Banca Intermobiliare Banca Pop Emilia R. Cv 4% 2010-2015 Banco Popolare Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 Banco Santander Basf Basicnet Bastogi Spa Bayer Bb Biotech Bca Carige Bca Carige R Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat Bca Mps Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna Bca Pop Etrur-Lazio Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc Bco Desio Brianza Bco Sardegna Risp Bee Team Beghelli Benetton Group Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili Best Union Company Bialetti Industrie Biancamano Biesse Bioera Bmw Bnp Paribas Boero Bartolomeo Bolzoni Bonifiche Ferraresi Borgosesia Borgosesia R Bper 12 Cv Sub 3,7% Brembo Brioschi Bulgari Buongiorno Buzzi Unicem Buzzi Unicem Rnc Cad It Cairo Communication Caleffi Caltagirone Caltagirone Edit Camfin Campari Cape Live Cape Live Cv 5% 2009-2014 Carraro Carrefour Cattolica Ass Cdc Cell Therapeutics Cembre Cementir Holding Centrale Latte To Ceramiche Ricchetti Chl Cia Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite Class Editori Cobra Cofide Spa Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv Conafi Prestito' Cr Bergamasco Credem Credit Agricole Credito Artigiano Credito Valtellinese Crespi Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze D'Amico Dada Daimler Damiani Danieli & C Danieli & C Risp Nc Danone Datalogic De'Longhi Dea Capital Deutsche Bank Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt

1,14 1,022 8,42 3,82 46,78 1,397

Ora +1,79 +0,79 -0,41 +0,79 -1,52 +1,09

17.30.19 17.30.20 17.30.54 17.30.25 17.30.38 17.30.41

Min 1,092 1,00 8,40 3,75 44,68 1,385

Max 1,145 1,031 8,50 3,825 47,50 1,415

0,1917 -0,21 17.30.03 0,1891 0,1929 0,416 +1,71 17.30.27 0,403 0,4165 11,39 -0,52 14.57.57 1,885 +0,16 17.24.52

11,39 1,845

Apertura 1,12 1,011 8,455

0,409

11,39 1,895

0,2177 2,275 0,4775 88,25 3,8225 10,89 0,50 0,364 0,0263 0,421 96,45 1,559 4,495 15,33 10,41 9,88 21,47 12,31 6,305 88,65 3,64 103,75 8,90 5,25 4,165 107,28 3,585 108,95 8,295 60,77 2,8375 1,502 58,61 46,80 1,66 2,645

-0,37 +0,78 -1,65 +2,27 +0,46 +0,55 +2,04 -0,14 +0,38 +0,24 -1,48 -0,57 -0,11 +0,00 +0,77 +0,41 +0,56 +3,19 +0,96 +0,07 +1,46 +0,01 -0,34 +0,00 +0,06 +0,63 +9,22 +0,26 +1,16 -0,60 -0,09 -2,47 +2,07 +0,43 +0,85 -1,49

16.27.05 14.40.14 17.30.57 17.03.56 17.30.44 17.30.47 17.09.44 17.30.41 17.30.24 16.59.03 11.47.11 17.30.29 17.30.12 17.30.19 17.30.31 17.30.43 17.30.47 17.23.10 17.30.31 16.25.16 17.30.28 16.16.46 17.30.29 17.30.05 12.11.13 16.06.37 17.30.50 17.07.20 17.10.07 16.21.15 17.30.53 17.30.32 17.19.30 16.43.22 17.30.13 17.15.59

0,2081 2,2375 0,475 86,45 3,775 10,55 0,49 0,3575 0,0258 0,42 96,45 1,548 4,4825 15,18 10,30 9,785 20,57 12,00 6,20 87,75 3,64 103,32 8,83 5,11 4,1625 107,09 3,2475 108,75 8,115 60,77 2,815 1,502 58,05 46,34 1,621 2,625

0,5375 0,8785 3,475 9,895 3,0975 2,7375 6,525 0,412 3,58 3,89 9,20 0,393 0,58 4,8075 99,80 0,70

+1,61 +1,62 -0,93 +2,54 +1,56 +3,40 +2,19 +1,73 -2,78 +1,30 +1,49 -0,88 +0,00 +1,48 +0,07 -2,03

12.33.27 17.30.59 17.16.49 17.30.45 17.30.44 17.30.40 17.30.02 17.30.25 17.30.19 17.30.03 14.30.26 17.30.16 16.48.26 17.30.13 17.18.07 17.30.39

0,5215 0,5375 0,856 0,885 0,861 3,4625 3,50 9,555 9,895 9,57 3,0225 3,10 3,055 2,63 2,75 2,64 6,30 6,525 6,33 0,4015 0,433 3,58 3,6775 3,7675 3,89 8,965 9,20 0,393 0,403 0,575 0,585 4,7025 4,855 4,7025 99,63 99,80 0,698 0,712 0,712

0,219 0,219 2,275 0,4855 88,63 3,87 3,7775 11,10 10,82 0,50 0,365 0,0271 0,421 97,01 1,566 4,555 15,48 15,23 10,52 10,30 9,975 21,53 21,45 12,37 6,41 6,245 88,65 3,64 103,75 8,935 8,91 5,25 5,11 4,165 107,29 3,585 3,2675 108,95 8,35 63,39 2,87 2,815 1,63 1,63 58,67 46,80 1,66 1,629 2,645

0,3215 -0,92 17.30.22 0,3215 0,3305 1,355 +1,42 17.30.10 1,322 1,355 5,265 +0,67 17.30.44 5,17 5,275 Sospensione 62,19 -2,66 17.16.38 62,15 65,70 50,70 +2,53 17.30.41 48,63 50,99 2,18 +0,00 17.23.16 2,1325 29,09 +0,03 17.30.08 28,85 1,25 -3,33 17.19.45 1,25

64,00 48,73

2,18 29,09 1,274

7,925 0,1445 7,79 1,164 8,16 5,00 4,03 2,59 1,116 1,74 1,72 0,375 4,745 0,172 72,50 3,45 32,56 18,22 1,735 0,285 6,09 2,045 2,39 0,2695 0,1361

+0,06 +3,21 -2,50 -0,34 +2,19 +3,79 +1,51 +1,37 +0,27 +0,00 +0,00 -0,53 +1,07 -1,43 +2,84 +6,81 -0,73 +2,02 +0,29 -0,17 -0,16 +1,24 +0,84 -2,00 -0,15

17.30.36 7,89 8,005 7,96 17.30.53 0,14 0,1453 17.30.44 7,76 8,00 7,96 17.30.01 1,15 1,175 1,175 17.30.40 7,95 8,33 7,98 17.30.46 4,69 5,00 4,69 17.30.47 4,03 4,03 17.30.18 2,535 2,595 14.25.50 1,112 1,116 17.24.23 1,73 1,755 16.33.48 1,675 1,76 17.30.16 0,37 0,378 0,378 17.30.50 4,675 4,7775 4,685 16.28.33 0,17 0,172 0,172 14.17.34 71,50 72,50 17.30.52 3,235 3,46 17.17.58 32,25 32,81 17.30.21 17,75 18,42 17,84 17.30.25 1,662 1,75 17.30.38 0,2775 0,286 0,286 17.30.26 6,06 6,145 6,145 17.30.09 1,997 2,055 2,0225 17.30.54 2,35 2,39 17.30.30 0,256 0,2745 0,27 16.46.53 0,1342 0,1363

0,6555 1,393 0,42 1,298 0,66 0,354 90,00 1,064 20,71 4,545 10,03 1,248 3,2475 0,136 100,28 1,103 0,9605 5,29 53,01 0,85 23,28 12,22 46,97 6,17 5,48 1,162 38,59 9,82 32,20 1,34 2,49 13,76

+1,87 -3,26 +1,94 +1,25 -0,90 +5,05 +0,00 +2,41 +1,07 +1,39 +0,70 +0,00 +3,10 -2,86 +0,10 +0,55 -1,33 +0,67 -2,32 +0,12 +0,61 -0,57 -0,36 +0,16 -3,69 +0,00 +1,02 -0,30 +6,03 +3,08 +0,00 +1,40

12.36.13 17.30.52 16.04.26 15.47.58 17.30.10 17.30.22 14.48.38 17.30.34 10.00.06 17.30.09 12.53.40 17.30.50 17.30.10 17.30.22 17.24.53 17.30.39 17.30.40 17.30.18 16.56.11 15.54.51 17.30.44 17.30.08 12.26.19 17.30.34 17.30.00 17.30.00 17.20.35 17.30.34 17.30.58 17.30.53 17.17.34 17.30.16

0,633 1,393 0,4145 1,282 0,653 0,331 89,50 1,022 20,60 4,44 10,03 1,22 3,0925 0,136 100,17 1,065 0,951 5,22 53,01 0,849 23,00 12,12 46,97 6,06 5,435 1,148 37,78 9,805 30,50 1,338 2,4325 13,46

0,6555 0,64 1,44 1,44 0,42 1,312 1,312 0,6675 0,6675 0,356 90,00 1,086 20,71 4,57 10,03 1,248 3,2475 3,14 0,136 100,28 1,14 0,975 5,40 53,97 53,97 0,85 23,79 23,20 12,46 12,33 47,20 6,17 6,10 5,70 5,69 1,17 38,65 37,83 9,86 32,80 30,67 1,343 2,535 13,78

AZIONI E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enel Green Power Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Falck Renewables Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iren Isagro It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Meridiana Fly Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Panariagroup Parmalat Philips Piaggio Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

22,30 0,8925 1,238 1,383 12,80 1,322 4,4225 3,76 1,60

-0,89 +1,48 -0,80 -0,14 +0,71 +2,96 +0,51 +0,67 +0,63

21,10 16,13 10,27 0,6855 0,405 5,565 1,895

-0,71 17.30.36 20,90 21,24 +0,75 17.30.23 15,92 16,30 15,96 +1,38 17.30.03 10,05 10,29 10,08 +0,00 17.24.43 0,675 0,70 +0,62 16.23.46 0,4015 0,41 0,4015 +4,41 17.30.43 5,285 5,65 5,33 +1,12 17.16.13 1,87 1,90 Sospensione +1,24 17.30.35 22,50 23,25 22,50 +1,67 17.30.21 17,91 18,40 17,91 +1,37 17.30.31 17,45 17,89 -1,57 17.30.29 0,911 0,967 -0,23 17.23.34 2,11 2,19 -0,17 17.30.55 17,92 17,94 17,92 +4,13 17.30.08 13,93 14,95 14,01 +4,31 17.30.53 9,80 10,41 9,825 +3,79 17.30.40 9,83 10,44 9,90 -2,74 16.34.43 2,84 2,87 -0,44 17.30.06 4,4525 4,5725 Sospensione +0,36 17.30.46 8,385 8,585 8,43 -2,19 17.24.11 1,70 1,71

22,84 18,24 17,74 0,942 2,14 17,92 14,63 10,29 10,28 2,84 4,50 8,47 1,70 5,97 3,6675 15,98 1,091 0,327 4,13 26,81 4,0325 0,5365 1,05 14,73 3,4775 1,796 2,62 4,94 4,25 7,38 1,426 14,79 1,448 0,93 1,215 0,874 2,0725

+9,34 +6,92 -1,72 +0,65 +0,31 +1,72 +3,92 -0,92 -0,65 +0,00 +2,72 -0,78

15.12.43 22,19 22,32 17.30.47 0,88 0,90 0,8835 17.30.52 1,227 1,263 1,248 17.22.30 1,37 1,404 16.52.44 12,52 12,87 17.30.04 1,29 1,322 16.47.18 4,3775 4,4225 17.30.02 3,7025 3,795 3,715 17.30.50 1,585 1,601 1,595

17.30.44 17.30.00 17.30.19 17.30.17 17.19.08 17.30.37 15.07.11 16.49.12 17.30.16 16.28.51 17.30.55 17.30.54

5,455 6,005 5,465 3,41 3,735 15,73 15,98 1,059 1,091 0,325 0,3365 0,3365 4,10 4,135 26,57 26,81 4,015 4,09 4,09 0,526 0,54 0,5305 1,00 1,058 1,00 14,27 14,87 14,32 3,465 3,5075 3,5025

+0,50 17.30.13 1,767 -0,38 17.20.43 2,57 -4,82 17.30.09 4,70 -1,16 13.54.10 4,1125 -0,94 17.30.52 7,37 -0,07 17.30.28 1,415 Sospensione +1,16 +0,21 +3,33 -0,08 +0,92 -0,36

17.30.51 17.30.31 17.30.28 17.06.40 17.30.54 17.30.03

8,72 +0,58 17.30.31

1,80 1,79 2,67 5,15 4,25 7,465 7,465 1,43 1,425

14,62 14,91 1,425 1,452 1,447 0,91 0,93 1,213 1,228 0,864 0,8795 0,864 2,065 2,09 2,0725 8,58

8,99

8,62

2,285 -3,79 7,545 +1,75 0,3525 +3,07 0,70 +0,07 4,8875 -1,16 2,155 +2,01 1,837 +1,89 0,0132 +10,92 1,417 -2,14 1,227 +0,00 3,205 +1,34

13.26.31 2,285 2,35 17.24.12 7,36 7,545 9.40.04 0,3525 0,3525 17.30.48 0,682 0,715 17.30.08 4,85 4,98 4,9625 17.30.31 2,085 2,16 2,09 17.30.15 1,772 1,838 17.30.21 0,012 0,0132 17.30.21 1,417 1,447 17.30.59 1,213 1,234 1,213 14.22.21 3,18 3,205

5,96 3,3475 24,79 15,78 1,879 0,917 0,0748 2,3875 1,815 0,323 0,584

17.30.16 17.30.06 17.30.51 17.30.56 16.48.36 17.30.05 17.30.20 17.30.42 17.30.04 17.30.53 17.21.50

+2,32 +2,68 +4,34 +1,35 +0,48 +0,22 -1,45 -2,15 +1,97 +1,57 +1,74

5,775 5,975 5,805 3,25 3,36 3,285 23,71 24,79 15,45 15,78 15,45 1,853 1,879 1,853 0,901 0,917 0,9055 0,074 0,0774 2,22 2,565 2,4675 1,765 1,815 0,314 0,3365 0,561 0,584

1,78 2,88 0,3925 9,355 21,71 125,95 3,2525 0,2139 3,7425

+2,01 10.40.30 1,778 1,78 -0,43 17.30.09 2,88 2,9475 2,8975 -3,09 17.30.00 0,385 0,393 +1,74 17.30.48 9,175 9,48 9,19 -0,46 17.30.31 21,59 22,00 21,77 +2,68 17.30.57 121,90 125,95 +2,60 17.30.21 3,1675 3,27 3,175 -0,05 17.22.44 0,2139 0,2144 0,2144 -0,46 17.30.17 3,7075 3,85 Sospensione 8,27 +0,73 17.30.28 8,17 8,35 8,21

4,47 6,815 3,1675 0,043 0,295 1,033

+0,90 +2,25 +3,09 +0,00 +0,34 +2,08

17.30.29 4,40 4,4975 4,43 17.30.03 6,605 6,845 6,645 17.30.42 3,065 3,1975 3,0675 17.30.40 0,0428 0,0444 0,0444 16.42.57 0,282 0,295 17.30.15 0,999 1,04

1,146 1,37 3,18 0,42 2,68 0,1375 5,10

+7,20 +4,58 +4,43 -3,45 +2,98 -1,01 -1,07

17.30.48 1,054 1,159 1,146 17.30.17 1,32 1,37 13.53.54 3,10 3,18 17.30.54 0,42 0,449 0,439 17.30.11 2,585 2,7125 2,5975 17.30.18 0,1375 0,1393 17.24.06 5,045 5,145

0,1456 +4,37 0,3075 +2,50 0,9305 +12,52 111,65 +0,68 5,115 +0,79 1,26 -4,54 2,88 +0,52 6,425 +0,39 7,635 -0,59 1,17 -1,68 0,522 -0,19 1,59 +0,63 1,984 +2,06 22,13 -1,38 2,555 +0,20 3,46 +2,67 3,285 -1,05 1,88 -1,05 6,385 +1,03 5,845 +0,52 3,4975 +2,49

17.30.02 0,1399 0,1479 17.24.42 0,286 0,3075 17.30.37 0,865 0,9305 10.07.05 111,10 111,65 17.30.47 5,115 5,115 17.22.20 1,215 1,30 17.30.17 2,88 2,90 17.30.22 6,42 6,425 16.58.26 7,57 7,66 14.26.19 1,17 1,17 17.30.31 0,512 0,535 17.30.47 1,59 1,59 17.30.17 1,932 1,99 17.19.50 22,13 22,13 17.30.13 2,5125 2,59 12.31.33 3,31 3,48 17.11.43 3,255 3,32 16.50.30 1,88 1,91 17.30.16 6,26 6,46 16.37.54 5,84 5,89 15.06.16 3,395 3,4975

0,488 -2,40 10.17.34

0,488

0,488

0,865

7,595

1,941 2,55 3,48 6,30

AZIONI Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Prelios Premafin Fin Hp Premuda Premuda Axa Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Seteco International Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Snia 3% Cv 2010 So Pa F Societe Generale Socotherm Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vita Societa Editoriale Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Ergycapital 2016 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Warr Tamburi 2013 Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Warr Unipol 2013 Warr Unipol Prv 2013 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

Max

Apertura

0,7315 0,854 127,26 0,9315 0,432 0,715

+0,34 +1,37 +0,01 +1,36 +1,29 +2,29

16.33.58 0,72 0,79 0,75 17.30.21 0,8455 0,854 15.11.31 127,20 127,26 16.05.33 0,912 0,9315 17.30.02 0,4265 0,435 0,4265 17.30.43 0,695 0,72 0,719

0,0001 6,125 12,61 0,1655 0,90 1,008 0,696

+0,00 +4,17 +1,20 +4,09 +0,28 +0,40 -0,29

9.00.11 0,0001 0,0001 17.24.55 5,805 6,37 17.30.35 12,40 12,68 12,42 17.30.00 0,1524 0,167 17.08.42 0,881 0,909 17.30.15 0,9965 1,023 0,9965 17.30.22 0,694 0,696

6,65 45,04 0,2391 18,61 0,353 0,0427 0,218 1,42 48,28 0,86 25,65

+2,70 -1,08 +1,01 +1,25 +1,00 +0,24 +1,35 +1,43 -0,16 -1,83 +0,98

17.30.39 6,475 6,66 6,48 17.16.16 45,00 45,57 17.30.35 0,2339 0,2395 17.30.44 18,38 19,02 18,40 16.12.18 0,35 0,3535 0,3535 15.07.11 0,0423 0,0441 17.30.12 0,2151 0,228 17.30.44 1,351 1,429 16.41.58 48,08 48,28 17.30.50 0,847 0,8715 0,866 17.30.45 25,35 25,90 25,43

6,95 4,895 12,67 33,96

+3,96 +4,26 +0,08 -0,18

17.30.09 6,69 17.30.27 4,6725 17.30.46 12,54 17.30.38 33,75

6,96 4,895 12,82 34,25

+1,21 17.12.25 49,04 -1,08 16.06.39 36,61 +1,73 17.30.55 1,488 +0,00 14.25.48 9,98 -0,39 17.30.24 7,505 +0,27 17.30.10 0,56 +1,78 17.30.44 0,0883 +0,00 17.30.39 0,85 -0,43 17.30.03 5,64 Sospensione +0,36 17.30.11 6,95 +0,19 17.01.23 92,80 -1,26 17.30.04 90,60 +0,38 17.30.24 2,62 +1,28 17.30.56 3,6925 Sospensione Sospensione -5,09 17.30.17 0,082 +1,79 16.39.51 38,66 Sospensione -1,09 17.30.04 2,255 +1,70 17.30.58 5,005 +0,76 17.19.31 57,90 +0,75 17.30.45 1,713 +0,00 17.30.44 0,495

49,30 37,02 1,533 9,985 7,62 0,5645 0,0924 0,85 5,735

49,27 36,61 1,533 9,98 7,62 0,5645 0,0913 0,85 5,72 7,00 92,80 90,60 2,6375 3,75 0,082 39,89 2,2775 5,08 58,25 1,752 0,495

7,595 +0,20 17.30.51 7,545 1,381 +0,80 17.30.18 1,365 4,62 +15,50 17.30.19 3,8975 0,33 0,979 0,2434 0,81 17,11 17,24 3,095 3,5225 0,617 0,0795 84,00 1,44 39,07 9,82 5,12 6,955 104,81 0,4985 1,694 2,00 23,40 0,4695 0,3715 4,07 1,269 3,69 0,829 3,73

+0,00 17.30.52 0,33 +0,21 17.30.54 0,9665 +1,42 17.30.47 0,237 -0,49 17.30.41 0,805 +0,06 14.13.35 17,11 -1,03 17.30.46 17,19 -0,32 17.30.21 3,09 -1,74 17.30.29 3,50 -0,32 17.30.02 0,61 +1,27 17.30.24 0,0776 +1,68 17.30.48 82,60 +0,56 17.20.41 1,44 +0,05 16.49.25 39,07 -0,20 17.30.40 9,82 -0,19 16.42.43 5,12 +2,51 17.30.42 6,71 -0,16 16.10.49 104,77 +2,15 17.30.37 0,48 +2,36 17.30.47 1,633 +2,04 17.11.23 1,95 +1,08 14.24.54 23,05 +1,40 17.30.40 0,455 +3,19 17.30.45 0,355 +0,06 16.55.13 3,98 Sospensione +0,40 17.30.05 1,267 +1,17 17.30.16 3,635 +1,84 17.12.45 0,785 +0,88 17.30.54 3,67

19,91 +0,30 13.24.12 0,0425 +0,00 0,0008 +60,00 1,547 +0,52 0,067 +1,67 0,2367 -1,37 0,022 +5,26

9.10.53 17.30.22 17.30.31 14.40.55 17.23.01 16.27.47

19,91

6,69 4,75 33,99

1,50

0,09

7,04 92,80 91,49 2,65 3,77 3,6925 0,0879 0,0879 40,24 2,3375 5,08 58,45 1,752 0,504

2,30 1,744

7,68 7,57 1,382 4,62 3,8975 0,33 0,9855 0,2447 0,814 17,19 17,56 3,11 3,58 0,626 0,0798 84,96 1,44 39,12 9,955 5,20 6,985 105,00 0,5025 1,706 2,02 23,40 0,475 0,3725 4,07

0,9765 0,239 0,8085 17,42 3,1025 0,0787 82,80 9,855 6,76 1,643 0,4605 0,358

1,269 3,735 0,848 0,8145 3,76 19,97

0,042 0,0425 0,0002 0,0008 0,0003 1,47 1,55 0,0633 0,067 0,2367 0,245 0,0209 0,022

0,115 +4,55 15.19.41

0,115

0,115

0,502 +0,80 17.14.11

0,502

0,51

0,51

0,0143 +1,42 12.42.07 0,014 0,0143 0,0128 +2,40 9.00.02 0,0128 0,0128 0,0128 0,0112 -3,45 17.30.00 0,011 0,0119 0,011 0,9795 +3,93 16.58.23 0,943 0,985 0,1566 -4,04 17.02.27 0,1566 0,1566 0,0416 +1,46 16.24.47 0,0416 0,0416 Sospensione 0,2195 +15,53 17.30.59 0,189 0,2195 0,0043 0,0237 0,0242 8,40 0,0598 4,835 0,485

-2,27 +2,16 +1,26 +1,88 -1,97 +0,73 +7,78

16.39.44 17.15.34 17.16.01 17.30.57 17.30.24 17.30.02 17.30.04

0,0039 0,0228 0,0236 8,16 0,0581 4,7825 0,455

0,0043 0,0041 0,0237 0,0235 0,0244 8,44 8,245 0,0634 0,062 4,855 0,485 0,455


il domani  

Edizione del 09 Dicembre 2010

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you