Issuu on Google+

Giovedì 07 Ottobre 2010

Anno XIII - Numero 275

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

ARTE

GIUSTIZIA

Mattia Preti, quarto centenario Sgarbi nel comitato scientifico

REGIONE

Il Senato approva il ddl Lazzati ora è legge: plauso dalla Calabria

a pag » 3

Scopelliti alla Cec: la Chiesa è un punto di riferimento fondamentale

a pag » 4

a pag » 5

La mobilitazione contro il piano di rientro e la paventata chiusura degli ospedali ieri è arrivata a Montecitorio

A Roma la protesta dei sindaci calabresi

Anche il leader dell’Italia dei valori, Antonio Di Pietro, appoggia i manifestanti: «La gente muore e Nerone e la ride» IL COMMENTO

Una prospettiva: il domani dell’università

Leoluca Orlando si è impegnato a richiamare l’attenzione del presidente della Regione Giuseppe Scopelliti affinché venga sottoposta ad esame, nell’ambito del Piano di rientro, la garanzia del diritto alla salute dei cittadini a pag » 4

GUARDIA DI FINANZA

Ritardati pagamenti alle imprese Confindustria risuona l’allarme

di Rocco Reina docente università Magna Graecia

Sono periodi particolarmente bui quelli che l’Università Italiana in questo momento storico va affrontando, con riverberi non certamente positivi sia a livello macro - organizzativo, sia contestualmente a livello micro - organizzativo ed individuale. Ecco perché il titolo dell’articolo apre con il lancio di una provocazione che rappresenta anche e necessariamente una prospettiva. Soprattutto in questi momenti infatti, appare improcrastinabile pensare al futuro, onde evitare di assistere all’avverarsi di situazioni non attese e/o desiderate. Forse è proprio questo il male che ha interessato la comunità universitaria italiana, spesso forse troppo chiusa su sé stessa, per pensare allo sviluppo...

ECONOMIA

Calandro nuovo comandante regionale CATANZARO - Si è insediato il nuovo comandante regionale della Guardia di finanza, generale di divisione Michele Calandro, che ha sostituito il generale di brigata Salvatore Tatta. La cerimonia, presieduta dal comandante interregionale Saverio Capolupo, si è svolta alla presenza di autorità civili, militari e religiose regionali e dei gonfaloni di Regione, Provincia e Comune di Catanzaro.

CATANZARO - «Nel nostro territorio il problema dei ritardati pagamenti sta assumendo in questi mesi dimensioni preoccupanti». Lo afferma in una nota il Presidente del Gruppo Giovani di Confindustria della provincia di Catanzaro, Andrea Abramo. «La contabilità delle imprese - prosegue - già fortemente stressata dal razionamento del credito operato dalle banche, è ulteriormente sollecitata in assenza di pagamenti per garantire le risorse necessarie a dare continuità all’attività imprenditoriale. In alcuni casi, è addirittura la sopravvivenza stessa delle imprese che viene messa a rischio, in altri è la mancata certezza dei tempi di pagamento che impedisce agli operatori economici di programmare le proprie attività».

segue a pag » 2

a pag » 5

REGGIO CALABRIA Dopo l’ultima intimidazione a Pignatone il Governo manderà l’esercito in città a pag » 12

CATANZARO Tallini: nessuno ha fatto in 15 anni quello che Traversa ha realizzato per Catanzaro a pag » 17

CROTONE Doppio sbarco di immigrati sulla costa ionica, arrivano 102 clandestini a pag » 18

L’INTERVENTO

I cinque punti per far partire il federalismo di Vasco Errani presidente Conferenza Regioni

Il Governo ha accolta la nostra proposta di aprire un tavolo tecnico sulla manovra e sul trasporto pubblico locale. Bisogna che si rivedano i tagli previsti dalla manovra e che il federalismo non parta da quei tagli. Le Regioni ora sospendono il giudizio. Noi vogliamo avere delle garanzie perché si parta bene e non ci sia una falsa partenza. Abbiamo bisogno di risposte concrete, perché la manovra varata dal Governo l’estate scorsa al 1° gennaio 2011 diventa un fatto concreto. Sono cinque i punti "fondamentali" che secondo le Regioni il decreto legislativo sulla fiscalità non ha risolto a cominciare dal pieno rispetto della delega in riferimento all’autonomia regionale. E qui rientra, ad esempio, il tema del fondo perequativo alimentato con l’Irpef anziché con l’Iva come dice la legge delega. Su questo punto il Governo si è detto disponibile a ragionare. Sul tappeto le Regioni hanno poi posto il tema della definizione dei Lea e dei Lep per stabilire il fabbisogno - le risorse da fiscalizzare alle Regioni bisogna mettere in chiaro quali servizi devono essere garantiti ai cittadini. Se non è chiaro questo non diventa chiaro nulla. A seguire l’altrettanto importante questione dell’intersecarsi del federalismo con la manovra varata dall’esecutivo. Quindi il rapporto con il federalismo municipale, in cui si prevede una norma che non convince le Regioni: la parte che riguarda le risorse regionali che vanno ai comuni e che dovrebbe essere decisa in concertazione tra le autonomie. Infine, la garanzia dell’autonomia statutaria.


2

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA NOTA Guerra allo Stato

IL COMMENTO di Rocco Reina Una prospettiva: il domani dell’università ... ed ad una propria evoluzione coerente con i tempi. Così, il domani è stato spesso visto come prolungamento del passato, senza dare ascolto ai segnali che nel frattempo si andavano manifestando, interpretando quanto succedeva come casuali incidenti di percorso rispetto ai quali non appariva necessario prendere posizione e cambiare. Ma è innegabile d’altro canto come il sistema universitario nel suo complesso abbia mutato nel frattempo ruolo nella società, senza che di questo se ne abbia avuto adeguata consapevolezza. Così, all’arrivo dell’ennesimo processo di riforma universitaria, la rappresentazione che se ne fa risulta essere non adeguata e confuse le modalità di sua realizzazione. Dal punto di vista macro-organizzativo, laddove i singoli Atenei abbisognano di verifiche sia in termini di efficienza, tenendo sotto controllo l’altezza dei costi, sia in termini di efficacia ridisegnando la propria strut-

tura per rispondere alle esigenze del territorio. Secondo un approccio micro-organizzativo,attraverso la ridefinizione dell’organizzazione del lavoro interno ed una corretta ripartizione dei compiti, suddivisi tra ricerca e didattica. In chiave individuale, laddove i continui attacchi portati all’istituzione hanno finito per ricadere sul vissuto dei suoi operatori (docenti e personale amministrativo), che non sentono più l’appartenenza ad un sistema incapace di proteggerli e di creare loro una prospettiva di lavoro idonea. Se però, tali analisi di sistema possono essere comprensibili, la minaccia maggiore appare essere collegata alla distanza percepita tra quanto va accadendo nell’Università e quello che la comunità territoriale dimostra concretamente di sentire e fare al riguardo. La sensazione infatti è che di fronte a qualsiasi situazione, la risposta della

LA VOCE DEL SINDACATO

di Mario Oliverio*

collettività sia attendista, nella sicurezza che prima o poi ci si possa aggiustare e che i problemi possano essere superati, dimenticando nel frattempo l’effetto trascinamento risultante. Che vuol significare come il superamento dei problemi attraverso comodi rinvii o soluzioni inidonee, alla fine determini crepe sostanziali nel sistema, difficilmente superabili nel prosieguo. Occorrerà allora - onde evitare situazioni peggiori - sforzarsi di immaginare il domani e che cosa si vuole ottenere dalle nostre Università, prima di qualsiasi altra azione. Mettere oggi al centro del dibattito pubblico la questione dell’Università - assolutamente non considerata nell’agenda politica - significa anche e soprattutto ragionare del futuro del Nostro territorio e delle Nostre genti. Appare allora necessario dibattere, confrontarsi e discutere sul tema, orientandone le attenzioni, ma mai abbassare i toni o lasciar scorrere, credendo che la situazione non sia la Nostra, insieme al tempo perderemo anche le occasioni di intervento positivo sulla crescita e sullo sviluppo della Nostra società. (1a puntata)

La gravissima intimidazione attuata nei confronti del Procuratore di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, è il segnale chiaro che nella città dello Stretto ed in molti territori della Calabria è in atto una vera e propria guerra da parte della ’ndrangheta nei confronti dello Stato. Di fonte a questa ennesima sfida della criminalità organizzata è necessario mantenere alta la guardia, affiancando e potenziando con gli uomini e i mezzi necessari l’azione di contrasto che le forze dell’ordine e i coraggiosi magistrati reggini stanno portando avanti per ristabilire pienamente il controllo dello Stato sul territorio. Al dottor Pignatone, a tutti i magistrati coraggiosi e alle forze dell’ordine che in queste ore sono in trincea nella lotta contro la ’ndrangheta esprimo la mia vicinanza e la mia solidarietà personale, anche a nome dell’Istituzione che rappresento nella speranza che presto, molto presto, venga definitivamente estirpata questa "malapianta" che offusca e deturpa l’immagine della Calabria e offende tutti i calabresi onesti.

Rocco Reina

*presidente Provincia Cosenza

di Paolo Tramonti*

Lotta e mobilitazione Piena solidarietà viene espressa dalla Cisl al Procuratore della Repubblica Giuseppe Pignatone. Quanto sta accadendo nell’ultimo periodo è il segnale inequivocabile di una escalation e di un persistente clima di tensione nella nostra Regione, così come dimostrano i continui atti di violenza nei confronti di chi ricopre incarichi di alta responsabilità ai vari livelli istituzionali. La Calabria e le tante forze sane della Società non possono accettare tutto ciò, ecco perché occorre insistere con una forte risposta di lotta e di mobilitazione civileedemocraticaperrichiamareloStato eleIstituzioniadelevarel’azionedicontrasto alle mafie attraverso un maggiore controllo del territorio, presidiando territori e realtà produttive, sostenendo Magistratura e forze dell’ordine impegnate nei luoghi più a rischio. Nel ribadire la più convinta solidarietà, la Cisl esprime piena certezza che il Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria proseguirà senza esitazioni nel suo lodevole e qualificatoimpegno. *segretario regionale Cisl Calabria


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani

3

PRIMO PIANO

Mattia Preti, quarto centenario Sgarbi nel comitato scientifico

di Agazio Mileto CATANZARO - La Giunta regionale, presieduta da Giuseppe Scopelliti, su proposta dell’assessore alla Cultura, Mario Caligiuri,hadeliberatolacostituzione del Comitato scientifico per le Celebrazioni del quarto centenario della nascita di Mattia Preti, che ricorre nel 2013. Il comitato, composto da studiosi ed esperti, è presieduto da Vitto-

rio Sgarbi. Gli altri componenti sono Guglielmo De Giovanni Centelles, Accademico pontificio di Belle arti e Lettere; Nicola Spinosa, Soprintendente speciale per il Polo museale napoletano; MaurizioMarini,storicodell’arte; Alessandro Zuccari, professore all’Università della Sapienza di Roma; Luigi Tassoni, professore all’Università di Pécs in Ungheria; Paolo Arrigoni, collaboratore del Ministero per i Beni Culturali; John Spike, critico d’arte; Mario

Buhagiar, professore di Storia dell’Arte all’Università di Malta; Domenico Romano Carratelli, Coordinatore degli Assessorati alla Cultura della Conferenza delle Regioni; Fabio De Chirico, Soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici; Alessandra Anselmi e Giovanna Capitelli docenti dell’Università della Calabria; Giuseppe Valentino, Direttore del Museo di Taverna, e Giuseppe Mantella, maestro di restauro e conservazione di

MARIO CALIGIURI: la Regione Calabria accenderà l’attenzione del mondo della cultura internazionale su Mattia Preti opere d’arte. A questo proposito il Presidente Scopelliti ha sottolineato che «la cultura deve rappresentare un volano per lo sviluppo economico e civile di tutta la regione, in tutti i settori a cominciare dalla sanità». Mario Caligiuri ha detto, da parte sua, che «nella ricorrenza del quarto centenario della nascita, la Regione Calabria accenderà l’attenzione del mondo della cultura internazionale su Mattia Preti e sulla ricchezza dell’intero patrimonio culturale della nostra regione».

IN BREVE

Rimodulato il piano finanziario del Por CATANZARO - La Giunta regionale si è riunita sotto la presidenza del Presidente, Giuseppe Scopelliti, assistito dal Dirigente generale, Francesco Zoccali, per discutere una serie di provvedimenti amministrativi. Su proposta dell’assessore alla Programmazione, Giacomo Mancini, è stato rimodulato il piano finanziario del Por Calabria Fesr 2007-2013. Su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Michele Trematerra, la Fincalabra della Regione è stata autorizzata all’istituzione di un fondo finalizzato a garantire, a titolo oneroso, liquidità alle strutture vitivinicole associate. L’esecutivo, inoltre, su proposta dell’assessore all’Ambiente, Francesco Pugliano, ha approvato il bilancio dell’Arpacal 2010. Infine, su proposta dell’assessore alle Attività produttive, Antonio Caridi, la Giunta ha approvato il programma generale d’intervento denominato "La Regione con i cittadini", in favore dei cittadini/consumatori/utenti.

re. mas.


4

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

PRIMO PIANO

Di Pietro appoggia: la gente muore e Nerone qui a Roma se la ride

Ricevuti da Leoluca Orlando hanno chiesto la garanzia del diritto alla tutela della salute dei cittadini di una vasta area

Sindaci calabresi a Roma: non chiudeteci gli ospedali di Federico Borgia ROMA - Il Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori sanitari e i disavanzi sanitari regionali, l’on. Leoluca Orlando, ha ricevuto ieri mattina i sedici sindaci calabresi arrivati a Roma per chiedere la garanzia del diritto alla tutela della salute dei cittadini di una vasta area ionica del cosentino al confine con la Basilicata. I sindaci, accompagnati dall’on. Antonio Palagiano, responsabile del Dipartimento salute dell’Italia dei Valori, hanno espresso al Presidente Orlando la loro preoccupazione per la ventilata chiusura dell’ospedale di Trebisacce. Il Presidente Orlando si è impegnato a richiamare l’attenzione del Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti affinché venga sottoposta ad esame, nell’ambito del Piano di rientro e della riorganizzazione della rete ospedaliera, la garanzia del diritto alla salute dei cittadini dell’area interessata, anche in considerazione delle caratteristiche orografiche del territorio e

delle condizioni precarie della viabilità. «L’auspicio della Commissione, in questo come in altri casi nel resto d’Italia - ha concluso Orlando al termine dell’audizione - è che si raggiunga un’intesa istituzionale tra gli enti rappresentativi interessati e che si realizzi un corretto equilibrio tra le esigenze di bilancio e la prioritaria tutela della salute dei cittadini». Italia dei Valori, in particolare, sostiene la protesta degli amministratori locali contro il progetto «che colpisce un territorio a maggioranza di sindaci di centro sinistra». «La sanità un diritto di tutti - hanno ribadito gli esponenti dipietristi a Roma - e Italia dei

I sindaci erano accompagnati dall’on. Antonio Palagiano, responsabile del dipartimento Salute dell’Italia dei valori

Valori s’appella al ministro della Salute affinchè riapra un tavolo di trattative con le amministrazioni comunali per restituire alle popolazioni dello Jonio il diritto alla salute». Ma il governatore Scopelliti tira dritto sulla strada del Piano di Rientro e, pur non facendo esplicito riferimento al caso di Trebisacce, ha così commentato nei giorni scorsi le proteste dei numerosi comuni calabresi interessati ai tagli e alle riconversioni degli ospedali esistenti: «Non è più tempo di difendere, per fini meramente campanilistici, clientelari ed elettorali rendite di posizione costituite da strutture ospedaliere sprovviste dei minimi requisiti di sicurezza per i pazienti e per coloro che ai pazienti, in condizioni fuori da ogni accettabile standard tecnico, devono garantire la tutela della salute. Assistiamo, oggi, alla difesa di strutture che già da molto tempo hanno cessato la loro funzione di ospedali per trasformarsi in reliquati che forniscono alibi, ai cattivi amministratori, per attuare una politica demagogica spacciata per interesse dei cittadini».

ROMA - «Quando anche i sindaci delle città vengono a manifestare davanti Montecitorio vuol dire che siamo in zona cesarini della sanità. Vuol dire che c’è gente che muore mentre Nerone qui a Roma se la ride». Lo ha detto il leader dell’Italia dei valori, Antonio Di Pietro intervenendo alla protesta degli amministratori locali dell’Alto Jonio Cosentino contro il «L’assistenza deve progetto sanità del governatore della Calabria. «E’ ques- essere effettuata anche ta la ragione per cui noi nelle sedi disagiate dell’Idv - ha continuato Di Pietro - vogliamo dare voce a perché la sanità non è tutti questi sindaci perché riteniamo che bisogna garanti- un’attività re i livelli essenziali di assi- imprenditoriale» stenza. L’assistenza deve essere effettuata anche nelle sedi disagiate perché la sanità non è un’attività imprenditoriale dove deve valere la logica del profitto. I continui litigi nella maggioranza hanno bloccato qualsiasi attività a favore dei cittadini». «Contestiamo il fatto che questo ministro della Sanità si ricordi di intervenire soltanto a morto scappato. Questa è la ragione per cui noi riteniamo che il piano così formulato serva solo a distruggere i livelli essenziali di assistenza e a fare quadrare i conti col morto che ci scappa», ha concluso Di Pietro. «La rete ospedaliera che c’è oggi in Calabria non è in grado di andare incontro ai bisogni dei cittadini. La ristrutturazione darà risposte chiare su

dove trovare assistenza adeguata» è la convinzione di Giuseppe Scopelliti, presidente della Regione e commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro dal deficit. Ospedali da riconvertire, dunque, e non da chiudere. Ma la riforma non piace ai sindaci.

Il Senato approva il ddl Lazzati, ora è legge ROMA - Il Senato approva all’unanimità con 252 sì e un solo astenuto il ddl che impone il divieto di fare propaganda elettorale per le persone sottoposte a misure di prevenzione come i boss della malavita. Il provvedimento, già approvato dalla Camera e non modificato dai senatori, è legge. Il ddl supera la contraddizione in base alla quale soprattutto boss della malavita sotto sorveglianza speciale sebbene non possano votare perché condannati possono, però, partecipare attivamente alla campagna elettorale per candidati a cui dopo l’elezione chiedere favori o protezioni. Chi contravviene al divieto è punito con il carcere da uno a 5 anni, pena estesa anche al candidato che si è avvalso dell’aiuto del sorvegliato speciale. Tuttavia perché il candidato sia punibile egli dovrà «essere a conoscenza della condizione di sor-

vegliato speciale» di chi lo avrà aiutato alle elezioni, e deve avergli richiesto «avvalendosene concretamente, di svolgere propaganda elettorale in suo favore». Doris Lo Moro, parlamentare del Pd, ha commentato: «L’approvazione del ddl "Lazzati" all’unanimità da parte del Senato completa l’iter procedurale e consente finalmente di parlare di legge e non più - come è stato per diciassette anni - di progetto di legge.Per il momento storico in cui ciò avviene, costituisce una risposta seria del Parlamento rispetto al problema dei rapporti mafia-politica che non riguarda solo le regioni meridionali ma l’intero Paese.L’indicazione chiara, che dà l’introduzione del divieto di propaganda elettorale per i sorvegliati speciali, è che la ricerca del consenso attraverso gli indiziati di mafia va punita, concretizzando

una fattispecie criminosa sia per i mafiosi che per i politici.In termini politici il Parlamento scredita i mafiosi e i politici che ricorrono alla loro rete di rapporti per raccogliere consenso e voti. E’ importante, anche per l’ipotesi che si vada al voto anticipato, che la legge sia già efficace. Aggiungo, da deputata calabrese, di essere particolarmente orgogliosa che questa risposta parlamentare sia nata nella mia regione, da un’associazione culturale della mia città presieduta dal giudice Romano De Grazia. Sono anche soddisfatta della collaborazione messa in atto dai parlamentari calabresi di diverso schieramento che ci ha consentito di seguire la vicenda, prima in Commissione e poi in Aula, sia alla Camera che al Senato. Una bella vittoria del Parlamento e una grande soddisfazione per il Centro Studi Lazzati».


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani

5

PRIMO PIANO

Andrea Abramo e Aldo Ferrara: la mancata certezza dei tempi impedisce agli operatori economici di procedere alla programmazione delle proprie attività

Ritardati pagamenti alle imprese Confindustria “risuona” l’allarme di Luigi Melis CATANZARO - «Nel nostro territorio il problema dei ritardati pagamenti sta assumendo in questi mesi dimensioni preoccupanti». Lo afferma in una nota il Presidente del Gruppo Giovani di Confindustria della provincia di Catanzaro, Andrea Abramo. «La contabilità delle imprese - prosegue - già fortemente stressata dal razionamento del credito operato dalle banche, è ulteriormente sollecitata in assenza di pagamenti per garantire le risorse necessarie a dare continuità all’attività imprenditoriale. In alcuni casi, è addirittura la sopravvivenza stessa delle imprese che viene messa a rischio, in molti altri casi, la mancata certezza dei tempi di pagamento impedisce agli operatori economici di procedere alla indispensabile programmazione delle proprie attività». «Dall’inefficienza tardati pagamenti della Pubblica Amministradell’Amministrazione alle misure di contenizione fra le imprese associate. Con l’indagine mento della spesa pubblica, come ad esempio le potremo attuare un’analisi approfondita del regole del Patto di stabilità interno - continua il problema da presentare alle Istituzioni compePresidente provinciale della Piccola Industria tenti ed agli organi d’informazione, cercando, di Confindustria, Aldo Ferrara - molte sono le altresì, di trovare una soluzione che possa servicause dei ritardi sulle quali le istituzioni dovrebre da stimolo al miglioramento dell’efficienza bero intervenire per assicurare una migliore della Pubblica Amministrazione». tempestività garantendo le condizioni necessaIl problema è particolarmente grave e diffuso se rie al normale svolgimento dell’attività imprensi considera che, recentemente, per quantificaditoriale». «Le ultime decisioni governative, pere il fenomeno dei ritardati pagamenti della raltro - evidenziano Abramo e Ferrara - vanno Pubblica Amministrazione e valutare l`evoluverso un irrigidimento delle condizioni del Patzione dei ritardi, l`Ance nazionale ha realizzato to, e la stessa adozione, grazie anche alle forti una nuova indagine presso le imprese associasollecitazioni - a tutti i livelli - del sistema Conte. findustria, della Direttiva europea che prevede Dall`indagine emerge che il 98% delle imprese termini standard di pagamento e aumento nodi costruzioni che operano nel settore dei lavori tevole degli indennizzi in caso di ritardo, non pubblici subisce ritardi di pagamento da parte sarà recepita, a breve, nel nostro ordinamento e della Pubblica Amministrasuoi effetti applicativi positivi zione. non si riscontreranno ancora Rispetto alla problematica «La contabilità delle per molto tempo». situazione emersa dalla pre«A tal proposito - concludono imprese è già cedente indagine non vi è Abramo e Ferrara - come Constato nessun miglioramento findustria Catanzaro, tramite il fortemente stressata nei tempi di pagamento dei Gruppo Giovani ed il Comitato lavori e per il 46% delle imPiccola Industria, si è deciso, dal razionamento prese, vi è stato addirittura nei giorni scorsi, di somminidel credito operato un ulteriore aumento dei ristrare un questionario a tutte le tardi nel pagamento delle imprese per quantificare e dalle banche» somme dovute. qualificare il fenomeno dei ri-

Scopelliti alla Cec: la Chiesa è un punto di riferimento ROSSANO - Il Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti ha preso parte alla riunione autunnale della Conferenza Episcopale Calabrese. L’Arcivescovo Vittorio Mondello, presidente della Cec, ha salutato e ringraziato il Governatore per la visita. «Da parte nostra - ha detto Mondello - assicuriamo aiuto e preghiere al Presidente che sta dimostrando di amare la Calabria. Sappiamo che il lavoro è intenso e da parte nostra - ha aggiunto Mondello - ci saranno suggerimenti ed eventuali critiche propositive che saranno tenute, ne siamo convinti, nella giusta considerazione». Il Governatore, apprezzando le parole di Mons. Mondello, ha posto l’accento sull’importanza e sul ruolo sociale della Chiesa e di tutte le parroc-

chie presenti sul territorio calabrese. «La Chiesa - ha aggiunto il Presidente - è un punto di riferimento necessario per tutti e, per questo, vogliamo consolidare il già forte legame esistente. Ci sono tutte le condizioni per sostenere vostre iniziative ed i progetti finalizzati ad un crescita culturale e spirituale dell’individuo. La Regione - ha proseguito Scopelliti - è pronta a dare forza concreta ai vostri bisogni. Al vaglio, infatti, ci sono accordi pronti per essere sottoscritti tendenti, inoltre, a valorizzare il già straordinario patrimonio della Chiesa calabrese ed incentivare il turismo religioso». «Alla riunione odierna - ha concluso Scopelliti seguiranno altri incontri che rappresentano per tutti noi un momento di crescita, umana e spirituale».

Aiuti alle pmi dell’agricoltura fondi aumentati fino a 10 milioni REGGIO CALABRIA - La quarta CommissioneconsiliareAffaridell’UnioneEuropea e relazioni con l’estero, presieduta da Santi Zappalà (Pdl) ha espresso parere favorevole su tutti i provvedimenti all’ordine del giorno dell’ultima seduta. Il primo provvedimento amministrativoapprovato,modifica l’aiuto di Stato che «È prevista una soglia norma il rilascio di di investimento garanzia a piccole e medie imprese agrico- più alta le che effettuano nuovi che passa investimenti. Viene aumentato a 10 mi- da 200 mila lioni di euro l’importo del Fondo di garanzia a 1 milione di euro» ed è prevista una soglia di investimento più alta che passa da 200 mila a 1 milione di euro. In merito a questo testo, che è stato licenziato con la raccomandazione di definire criteri oggettivi per l’adesione al fondo di piccole e medie imprese, è stato audito Alessandro Zanfino (rappresentante Dipartimento Agricoltura). Successivamente, l’organismo ha dato il via libera ad un’altra proposta: si tratta di una modifica del quadro finanziario del Piano attuativo regionale 2007-2013 con l’obiettivo di ricomprendere «l’area vasta della città della Piana e dell’Aspromonte» (come si legge nel provvedimento), nel programma di sostegno al sistema delle aree urbane e regionali.


il Domani

|

AsteInfoappalti

6

Giovedì 7 Ottobre 2010

AVVISO DI RETTIFICA TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME Avviso di rettifica vendita bene immobile In relazione all'avviso di vendita all'incanto relativamente al bene pignorato nella proc. esec. imm. N. 77/87 R.E., consistente in un "FONDO RUSTICO IN AGRO DI POLIA, LOC. "FARINA" DI HA 3.72.00, RIPORTATO IN CATASTO AL FOGLIO 11, P.LLE 42 - 43 - 45)", da tenersi per l'udienza del 10.11.2010, pubblicato il 17.9.2010 e 19.9.2010 su "Internet" e sul "Domani" e nei mesi di settembre e ottobre sui mensili "Aste" e "Qui Economia", si fa presente che detto avviso viene rettificato per erronea trascrizione degli importi, che debbono, quindi, così intendersi: - prezzo base d'asta: Euro 6.980,00 (invece di Euro 10.908,00) - cauzione: Euro 698,80 (invece di Euro 1.090,80) - spese: Euro 1.396,00 (invece di Euro 2.181,60) - aumento minimo: Euro 349,00 (invece di Euro 545,40) Lamezia Terme lì 05.10.2010

ERRATA CORRIGE TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME ERRATA CORRIGE Si rende noto che per mero errore materiale di trascrizione nell'avviso di vendita relativo alla procedura esecutiva immobiliare n° 32/2006 RE del Tribunale di Lamezia Terme, pubblicato su "Il Domani" del 24 settembre 2010 e sul mensile "Aste" del mese di settembre era indicata la vendita del compendio pignorato in due lotti, senza tenere conto che il lotto uno era stato già venduto all'udienza in data a 30 giugno 2010. Si precisa, quindi, che la vendita del 10 novembre 2010 afferisce il solo lotto due della medesima procedura esecutiva, come indicato nell'originaria ordinanza di vendita. Lamezia Terme, lì 05 ottobre 2010

TRIBUNALE DI CATANZARO Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n. 212/93 R.G.E. Il Giudice dell'esecuzione, dott.ssa G. Gioia, a correzione dell'ordinanza del 05.02.2010, dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: Lotto 1: fabbricato sito in Satriano (CZ), loc. Uncinale, in Catasto al fg 2 part. 93 sub 3, prezzo base euro 946.348,50; Lotto 2: fabbricato sito in Satriano (CZ), loc. Uncinale, in Catasto al fg 2 part. 93 sub 4 prezzo base euro 208.983,00. Fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 23.11.2010 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad euro 2.000,00, l'udienza del 24.11.2010 ore 9,30; dispone che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 212/93" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; l'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in Cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione energetica e di conformità degli impianti; l'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Catanzaro, 15.03.2010 Il Giudice Dott.ssa Giovanna Gioia °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n. 152/05 r.g.e. Il Cancelliere dell'Ufficio Esecuzioni immobiliari da avviso che il Giudice dell'Esecuzione, dott.ssa Giovanna Gioia, all'udienza del 16.05.2010 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: LOTTO 1: laboratorio artigianale in San Vito sullo Ionio, fraz. Cerrifita Via Roma, posto al piano terra di un palazzo a quattro livelli, in catasto al foglio 9, p.lla 724, mq 340, con terreno di pertinenza in catasto al foglio 9 p.lle 290, 612, prezzo euro 102.000,00. Gli immobili, venduti nello stato di fatto e diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di consulenza tecnica consultabile in Cancelleria di questo Tribunale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. Ogni offerente dovrà depositare in

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "TRIBUNALE DI CATANZARO proc. n. 152/05 R.G.E." un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12,00 del giorno 23 novembre 2010 restando le spese di traferimento a carico della procedura esecutiva. L'udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l'eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 24 novembre 2010. Aumento minimo in caso di gara euro 2.000,00. L'aggiudicatario dovrà depositare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in Cancelleria. Dispone che la presente oridnanza venga pubblicata, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista "Aste" e sul sito intenet www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. °°°°°°°°°° Cancelleria Esecuzioni Immobiliari Il Giudice dell'esecuzione Dott.ssa Giovanna Gioia Nella procedura esecutiva n. 88/90 R.E. ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: Lotto n. 1: appartamento in Cotronei, in catasto al F.13 p.lla 49 sub 1 - Euro 14.527,50 Lotto n. 2: magazzino in Cotronei, in catasto al F.13 p.lla 202 sub 25 - Euro 10.295,25 Lotto n. 3: appartamento sottotetto in Cotronei, in catasto al F.13 p.lla 202 sub 4 - Euro 7.751,25 Lotto n. 4: appartamento in Cotronei, in catasto al F.13 p.lla 202 sub 16 - Euro 6.127,50 Lotto n. 5: magazzino in Cotronei, in catasto al F.13 p.lla 202 sub 26 - Euro 26.310,00 Lotto n. 6: appartamento in Cotronei, in catasto al F.13 p.lla 202 sub 28 - Euro 17.958,75 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritti, in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza di vendita ex art.572 cpc è fissata per il giorno 24 Novembre 2010. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569 cpc in caso di mancanza di offerte di acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento di identità, nonché assegno circolare "non trasferibile" intestato a "Tribunale di Catanzaro proc.n. … " di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 1000,00. L'aggiudicatario dovrà versare in Cancelleria, il prezzo d'acquisto dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro, 26 Maggio 2010 ALBO TRIBUNALE °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Procedura esecutiva n. 129/07 Il Giudice dell'esecuzione, dott. Cava, con ordinanza assunta all'udienza del 22.9.2010 Visti gli artt. 569 e ss. c.p.c.; Vista la richiesta di vendita, DISPONE la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: Lotto 1 Unità abitativa in Sersale in catasto al foglio 26, part. 595 sub. 2, al prezzo base di euro 54.580,08 lotto 2 unità abitativa in Sersale in catasto al foglio 26, part 595 sub. 3, al prezzo base di euro 33.697,27; FISSA per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 14.12.2010 ore 12,00. FISSA per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore ad euro 5.000,00, l'udienza del

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

15.12.2010, ore 9,30. DISPONE che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro Procedura n. 129/07" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in Cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica. L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione; spese di trasferimento a carico dell'aggiudicatario. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all'art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito Internet www.aste.eugenius.it e diffusione sul quotidiano "Il Domani", con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executivis. Manda alla Cancelleria di provvedere all'avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l'indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rilevare l'identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. IL GIUDICE Dott. Giuseppe Cava °°°°°°°°°° Prima sezione civile Il Giudice dell'esecuzione nel procedimento n. 18/02 R.G.E. con ordinanza del 17 giugno 2010 ha disposto procedersi alla vendita senza incanto dei seguenti beni: LOTTO N. 1: Appartamento in Comune di Cropani, Via Mancini 10, posto al primo piano con magazzini e garage al piano terra in catasto al foglio 16 p.lla 292 sub. 4 e 6 Prezzo euro 83.531,25 Gli immobili, venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. Ogni offerente dovrà depositare in cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato Tribunale di Catanzaro proc. n. 18/02 RGE portante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 30.11.2010 restando a carico del procedimento le spese di trasferimento. L'udienza per la deliberazione sulle offerte ex art. 572 c.p.c. e per l'eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 è fissata in data 01.12.2010. Aumento minimo in caso di gara euro 1000,00. L'aggiudicatario, dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto, oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito www.aste.eugenius.it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Catanzaro, 17.06.2010 F.to Il Giudice (Dott.ssa Andricciola)

TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 98/2007 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto: Piena proprietà di terreno agricolo sito in Petilia Policastro - Frazione Foresta - via Luigi Giordano, della superficie complessiva di mq 530, con annesso magazzino adibito a laboratorio artigianale. Il magazzino risulta abusivo, ma, essendo situato in zona urbanistica C può essere chiesto il permesso di costruire in conformità allo strumento urbanistico. Prezzo base: euro 62.550,00 Rilancio: euro 2.000,00 Vendita senza incanto: 01/12/2010 Vendita con incanto : 15/12/2010 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi alla cancelleria delle Esecuzioni Immobiliari del Tribunale di Crotone, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

TRIBUNALE DI LAMEZIA TERME AVVISO DI VENDITA Procedura n. 54/96 Registro Esecuzioni Immobiliari L'avv. ALESSANDRO CORTESE con studio legale in Piazzetta Nicastro n. 18 di Lamezia Terme, professionista delegato nella procedura esecutiva promossa su impulso di Banca Popolare di Crotone S.p.A e Monte dei Paschi di Siena S.p.A., - visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell'Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 06.06.2007 ai sensi dell'art. 591 bis c.p.c.; - visto l'esito negativo dei precedenti esperimenti di vendita; - visto il provvedimento con cui il G.E. in data 24.09.2010 ha autorizzato la riduzione di un quarto del prezzo base d'asta; - ritenuto necessario fissare, ai sensi dell'art. 591 c.p.c., una nuova vendita dei beni pignorati; - visti gli artt. 569 e 576 c.p.c. AVVISA che nella data e nel luogo sotto indicati si procederà alla vendita senza incanto del compendio immobiliare di seguito indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale del presente avviso di vendita: LOTTO UNICO: Immobile per civile abitazione, catastalmente individuato al foglio 20 particella 358 sub 50 dell'ex Comune di Nicastro, posto ai piani sesto e settimo (settimo e ottavo fuori terra) di un fabbricato di maggiore consistenza, ubicato in Lamezia Terme alla Via XX Settembre, costituito da ampio ingresso-salone, n. 5 camere, un ripostiglio e n. 2 bagni al piano sesto (settimo fuori terra) e da n. 4 camere, un bagno, un ripostiglio e lavanderia al piano settimo (ottavo fuori terra), avente inoltre n. 4 balconi al piano sesto ed un ampio terrazzo al piano settimo, della superficie complessiva lorda di 437 mq. e 123.80 mq. di balconi e terrazzo. L'immobile presente delle difformità rispetto alla concessione edilizia per le quali è possibile ottenere la sanatoria mediante la presentazione di Permesso di Costruire in Sanatoria, o in alternativa Denuncia di Inizio Attività in Sanatoria (D.I.A.), effettuando il pagamento di un'oblazione fissa di euro 516,00. PREZZO BASE: euro 561.262,50 (Euro cinquecentosessantunomiladuecentosessantadue/50). L'immobile risulta attualmente occupato dal debitore. DATA DELL'ESAME DELLE OFFERTE: 10.12.2010, ore 17. LUOGO DI ESAME DELLE OFFERTE: Studio legale del professionista delegato sito in Piazzetta Nicastro n. 18, piano 2°, di Lamezia Terme (Telefono 0968.201407). AVVISA ALTRESÌ che nelle ipotesi in cui: - non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito; - le offerte non siano efficaci ai sensi dell'art. 571 c.p.c.; - si verifichi una delle circostanze previste dall'art. 572,comma 3, c.p.c.; - la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi altra ragione; si procederà alla vendita ai pubblici incanti del predetto compendio immobiliare, meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale del presente avviso di vendita, nella data e nel luogo di seguito indicati: LOTTO UNICO come sopra descritto. Prezzo base: euro 561.262,50 (Euro cinquecentosessantunomiladuecentosessantadue/50). Rilancio minimo: euro 28.100,00 (euro ventottomilacento/00). Data dell'incanto 17.12.2010, ore 17. Luogo di esame delle offerte: Studio legale del professionista delegato sito in Piazzetta Nicastro n. 18, piano 2°, di Lamezia Terme (Telefono 0968.201407). In tale udienza, a differenza della prima, per aggiudicarsi i beni sarà necessario effettuare almeno un rilancio del prezzo nella misura sopra indicata. I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima a firma dell'Ing. Basilio Mazzei del 14.02.2007, che deve essere consultata dall'offerente, ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l'esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni. La stessa è consultabile presso lo studio del professionista delegato dal lunedì al venerdì dalle ore 17 alle ore 19, previo avviso telefonico, e sui siti internet: www.asteimmobili.it; www.portaleaste.com, www.aste.eugenius.it. Si avvisa che, in ogni caso, gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

7

Giovedì 7 Ottobre 2010 eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative. La vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. La pubblicità, le modalità di presentazione delle offerte e le condizioni della vendita sono regolate come segue. QUANTO ALLA VENDITA SENZA INCANTO: - A norma dell'art. 571,ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale anche a norma dell'art 579, ultimo comma, c.p.c.. - Il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.. - Le offerte di acquisto dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 13 del 09.12.2010. in busta chiusa e senza alcuna annotazione, presso lo studio del suindicato professionista delegato. Le stesse possono essere presentate dal lunedì al venerdì negli orari d'ufficio. Sulla busta dovranno essere annotate, a cura del professionista ricevente o di suo delegato, il nome di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell'esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per l'esame delle offerte; - l'offerente dovrà presentare presso lo studio del professionista delegato una dichiarazione, in regola con il bollo, contenente - a pena di inefficacia -: l'indicazione del numero di RGE della procedura, l'identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l'offerta, il prezzo offerto che non potrà essere inferiore al prezzo minimo indicato nell'avviso di vendita -, il tempo ed il modo di pagamento ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa. Detta dichiarazione deve contenere: 1) le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa); 2) l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. - L'offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme. - In caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento. - Non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta. - L'offerta dovrà essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società), nonché - a titolo di cauzione - da un assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato - avvocato Alessandro Cortese - ovvero un assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane SpA" per un importo non inferiore al decimo del prezzo offerto, pena l'inefficacia. Detta somma sarà trattenuta in caso di rifiuto dell'acquisto. - In alternativa alle modalità di cui sopra, la presentazione delle offerte di acquisto può avvenire anche mediante l'accredito, a mezzo di bonifico o deposito su conto postale o bancario intestato alla procedura esecutiva ed acceso o da accendersi, nel secondo caso, presso il "Monte dei Paschi di Siena S.p.A." - filiale di Lamezia Terme, di una somma pari ad un decimo del prezzo che si intende offrire e mediante

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

la comunicazione, a mezzo telefax o posta elettronica, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici e teletrasmessi, di una dichiarazione contenente le indicazioni di cui allo stesso art. 571 c.p.c.. Detto accredito deve avere luogo non oltre cinque giorni prima della scadenza del termine entro il quale possono essere proposte le offerte d'acquisto. Quando l'offerta è presentata con le modalità alternative, il termine per il versamento del prezzo e di ogni altra somma è di novanta giorni. - La validità e l'efficacia dell'offerta d'acquisto è regolata dall'art. 571, comma 2, c.p.c.; - L'OFFERTA È IRREVOCABILE SALVO CHE: 1) il Giudice/Professionista Delegato ordini l'incanto; 2) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta. - L'OFFERTA NON È EFFICACE: 1) se non viene presentata con le modalità e le prescrizioni indicate; 2) se perviene oltre il termine stabilito; 3) se è inferiore al prezzo determinato a norma dell'articolo 568, sopra indicato; 4) se l'offerente non presta cauzione con le modalità sopra indicate, in misura non inferiore al decimo del prezzo da lui proposto. - Le modalità di vendita senza incanto sono regolate dagli artt. 572 e seguenti c.p.c.. - Le buste saranno aperte all'udienza fissata per l'esame delle offerte, alla presenza degli offerenti, ove comparsi. Nel caso di mancata comparizione dell'offerente o degli offerenti l'aggiudicazione sarà comunque disposta, fatta salva l'applicazione delle previsioni di cui all'art. 572, commi 2 e 3, c.p.c.. In caso di più offerte valide, si procederà a gara sull'offerta più alta secondo il sistema delle schede o buste segrete, fatta salva l'applicazione dell'art. 573, comma 2, c.p.c. - Il termine di versamento del saldo del prezzo, nonché di ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 (sessanta) giorni dall'aggiudicazione, salvo il maggior termine di 90 (novanta) giorni in caso di offerta presentata con le modalità alternative sopra indicate, mediante il deposito su un libretto di deposito postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all'ordine del Giudice, presso la MPS spa - agenzia di Lamezia Terme. - Nel medesimo termine, contestualmente al versamento del saldo del prezzo, l'aggiudicatario dovrà produrre aggiornati certificati catastali ed aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene aggiudicato e dovrà effettuare il versamento delle spese di trasferimento nella misura del 20% del prezzo di aggiudicazione, a mezzo assegno circolare intestato al professionista delegato. Solo all'esito della corretta, completa e tempestiva effettuazione di tali adempimenti sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; - In caso di inadempimento l'aggiudicazione sarà revocata e l'aggiudicatario perderà tutte le somme versate. - Le spese di trasferimento del bene sono a carico dell'aggiudicatario cui restano riservate le attività e i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati. - L'aggiudicatario potrà ottenere per l'acquisto dei beni posti all'asta mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI, rivolgendosi direttamente alle agenzie o filiali delle banche il cui elenco risulta reperibile presso il professionista delegato e presso il sito ABI. QUANTO ALL'EVENTUALE SUCCESSIVA VENDITA ALL'INCANTO - A norma dell'art. 579 ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di mandatario munito di procura legale o di procuratore legale anche a norma dell'art 579, comma 3, c.p.c.. - Il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.. - Le offerte di acquisto dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 13 del 16.12.2010, in busta chiusa e senza alcuna annotazione, presso lo studio del suindicato professionista delegato. Le stesse possono essere presentate dal lunedì al venerdì negli orari d'ufficio. Nessuna annotazione dovrà essere apposta sulla busta. Sulla predetta busta dovranno essere annotate, a cura del professionista ricevente o di suo delegato, il nome di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell'esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per l'esame delle offerte. - Ogni concorrente, per essere ammesso all'in-

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

canto, dovrà presentare presso lo studio del professionista delegato una istanza di partecipazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia: l'indicazione del numero di RGE della procedura, l'identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l'offerta, il prezzo offerto, il tempo ed il modo di pagamento ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa. Detta dichiarazione deve contenere: 1) le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa); 2) l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. - L'offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme; - In caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - Non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta. - La dichiarazione, inoltre, deve essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società), nonché - a titolo d cauzione -da un assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato - avvocato Alessandro Cortese ovvero da un assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane SpA" per un importo non inferiore al decimo del prezzo base d'asta come sopra determinato, pena l'inefficacia. - Le modalità di vendita all'incanto sono regolate dagli artt. 581 e seguenti c.p.c.. - La validità e l'efficacia dell'offerta d'acquisto è regolata dall'art. 571, comma 2, c.p.c.. - Le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.. La mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario. Anche nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria. - OFFERTE IN AUMENTO DI UN QUINTO: A norma dell'art. 584 c.p.c., avvenuto l'incanto, possono ancora essere fatte offerte d'acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell'incanto. Pertanto, l'aggiudicazione diverrà definitiva decorsi dieci giorni senza offerte in aumento. Tali offerte potranno essere depositate presso lo studio del professionista delegato, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al professionista delegato. - Il termine di versamento del saldo del prezzo, nonché di ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall'aggiudicazione definitiva mediante il deposito su un libretto di deposito postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all'ordine del Giudice, presso la MPS spa - agenzia di Lamezia Terme. Nel medesimo termine, contestualmente al versamento del saldo del prezzo, l'aggiudicatario dovrà produrre aggiornati certificati catastali ed aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene aggiudicato e dovrà effettuare il versamento delle spese di trasferimento nella misura del 20% del prezzo di aggiudicazione, a mezzo assegno circolare intestato al professionista delegato. Solo all'esito della corretta, completa

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

e tempestiva effettuazione di tali adempimenti sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; - In caso di inadempimento l'aggiudicazione sarà revocata e l'aggiudicatario perderà tutte le somme versate; - Le spese di trasferimento del bene sono a carico dell'aggiudicatario cui restano riservate le attività e i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati. - L'aggiudicatario potrà ottenere per l'acquisto dei beni posti all'asta mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI, rivolgendosi direttamente alle agenzie o filiali delle banche il cui elenco risulta reperibile presso il professionista delegato e presso il sito ABI. Lamezia Terme, 28.09.2010 Il Professionista Delegato Avv. Alessandro Cortese °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA Procedura n. 49/05 Registro Esecuzioni Immobiliari L'avv. Alessandro Cortese, con studio legale in Piazzetta Nicastro n. 18 di Lamezia Terme, professionista delegato nella procedura esecutiva promossa da promossa da BCC Gestione Crediti S.p.A, - visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell'Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 03.05.2007 ai sensi dell'art. 591 bis c.p.c.; - visti i provvedimenti, datati 19.02.2008, 27.10.2008, 22.10.2009 e 11.05.2010, con cui il Giudice dell'Esecuzione ha autorizzato la fissazione di nuove vendite con riduzione di un quarto del prezzo base d'asta, ai sensi dell'art. 591, comma 2, c.p.c.; - visto l'esito negativo degli ulteriori tentativi di vendita sino ad ora espletati; - ritenuto necessario fissare, ai sensi dell'art. 591 c.p.c., una nuova vendita dei beni pignorati; - visti gli artt. 569, 576 e 591 c.p.c. AVVISA che in data 16.12.2010, ore 17. presso lo studio legale del professionista delegato, sito in Piazzetta Nicastro n. 18, piano 2°, di Lamezia Terme (Telefono 0968.201407) si procederà alla vendita con incanto del compendio immobiliare di seguito indicato e meglio descritto nella relazione dell'esperto in atti, alla quale si fa espresso richiamo, quale parte integrante e sostanziale del presente avviso di vendita,: LOTTO UNICO: Immobile sito nel Comune di Carlopoli, in Frazione Castagna, individuato catastalmente al Foglio 6, Particella 585, via XX Settembre n. 31, Piano T - 1S - 2S; Cat. C1, consistenza mq 327, Rendita euro 2.381,23. Il fabbricato è costruito su tre piani: piano terra, primo livello seminterrato, secondo livello seminterrato, costruito in parziale difformità rispetto alla concessione edilizia. Il bene è suscettibile di regolarizzazione con l'ottenimento del permesso a costruire in sanatoria a condizione che l'aggiudicatario presenti la relativa domanda entro 120 giorni dall'atto di trasferimento, e con la corresponsione delle spese di sanatoria ammontanti a circa euro 10.040,62. Il predetto importo delle spese per l'ottenimento del permesso a costruire in sanatoria è già detratto dal valore di stima dell'immobile e dal prezzo base d'asta come di seguito indicato. L'immobile risulta attualmente occupato dal debitore. Prezzo base: euro 52.637,15 (euro cinquantadueseicentotrentasette/15). Rilancio minimo: euro 2.630,00 (euro duemilaseicentotrenta/00). I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima a firma a firma dell'Ing. Ugo Notaro del 30.07.2006 e del supplemento di perizia a firma dell'Ing. Giovanni Chirillo del 26.04.2007, che devono essere consultate dall'offerente, ed alle quali si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l'esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni. La stessa è consultabile presso lo studio del professionista delegato dal lunedì al venerdì dalle ore 17 alle ore 19, previo avviso telefonico, e sui siti internet: www.asteimmobili.it; www.portaleaste.com, www.aste.eugenius.it. Si avvisa che, in ogni caso, gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative. La vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

8

Giovedì 7 Ottobre 2010 esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. La pubblicità, le modalità di presentazione delle offerte e le condizioni della vendita sono regolate come segue. - A norma dell'art. 579 ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di mandatario munito di procura legale o di procuratore legale anche a norma dell'art 579, comma 3, c.p.c.. - Il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.. - Le offerte di acquisto dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 13 del 15 dicembre 2010, in busta chiusa e senza alcuna annotazione, presso lo studio del suindicato professionista delegato. Le stesse possono essere presentate dal lunedì al venerdì negli orari d'ufficio. Nessuna annotazione dovrà essere apposta sulla busta. Sulla predetta busta dovranno essere annotate, a cura del professionista ricevente o di suo delegato, il nome di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell'esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per l'esame delle offerte. - Ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, dovrà presentare presso lo studio del professionista delegato una istanza di partecipazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia: l'indicazione del numero di RGE della procedura, l'identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l'offerta, il prezzo offerto, il tempo ed il modo di pagamento ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa. Detta dichiarazione deve contenere: 1) le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa); 2) l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. - L'offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme; - In caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - Non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta. - La dichiarazione, inoltre, deve essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società), nonché - a titolo d cauzione - da un assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato - avvocato Alessandro Cortese ovvero da un assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane SpA" per un importo non inferiore al decimo del prezzo base d'asta come sopra determinato, pena l'inefficacia. - Le modalità di vendita all'incanto sono regolate dagli artt. 581 e seguenti c.p.c.. - La validità e l'efficacia dell'offerta d'acquisto è regolata dall'art. 571, comma 2, c.p.c.. - Le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.. La mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario. Anche nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazio-

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

ne provvisoria. - OFFERTE IN AUMENTO DI UN QUINTO: A norma dell'art. 584 c.p.c., avvenuto l'incanto, possono ancora essere fatte offerte d'acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell'incanto. Pertanto, l'aggiudicazione diverrà definitiva decorsi dieci giorni senza offerte in aumento. Tali offerte potranno essere depositate presso lo studio del professionista delegato, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al professionista delegato. - Il termine di versamento del saldo del prezzo, nonché di ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall'aggiudicazione definitiva mediante il deposito su un libretto di deposito postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all'ordine del Giudice, presso la MPS spa - agenzia di Lamezia Terme. Nel medesimo termine, contestualmente al versamento del saldo del prezzo, l'aggiudicatario dovrà produrre aggiornati certificati catastali ed aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene aggiudicato e dovrà effettuare il versamento delle spese di trasferimento nella misura del 20% del prezzo di aggiudicazione, a mezzo assegno circolare intestato al professionista delegato. Solo all'esito della corretta, completa e tempestiva effettuazione di tali adempimenti sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; - In caso di inadempimento l'aggiudicazione sarà revocata e l'aggiudicatario perderà tutte le somme versate; - Le spese di trasferimento del bene sono a carico dell'aggiudicatario cui restano riservate le attività e i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati. - L'aggiudicatario potrà ottenere per l'acquisto dei beni posti all'asta mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI, rivolgendosi direttamente alle agenzie o filiali delle banche il cui elenco risulta reperibile presso il professionista delegato e presso il sito ABI. Lamezia Terme, 23.09.2010 Il Professionista Delegato Avv. Alessandro Cortese °°°°°°°°°° AVVISO DI VENDITA Procedura n. 15/99 Registro Esecuzioni Immobiliari L'avv. Alessandro Cortese, con studio legale in Piazzetta Nicastro n. 18 di Lamezia Terme, professionista delegato nella procedura esecutiva promossa da CARICAL S.p.A (ora Italfondiario S.p.A.), - visto il provvedimento di delega alla vendita emesso dal Giudice dell'Esecuzione del Tribunale di Lamezia Terme in data 27.02.2008 ai sensi dell'art. 591 bis c.p.c.; - visto i provvedimenti, datati 17.11.2008, 23.09.2009 e 21.04.2010 con cui il Giudice dell'Esecuzione ha autorizzato la riduzione del prezzo base d'asta, ai sensi dell'art. 591, comma 2, c.p.c.; - visto l'esito negativo dei precedenti esperimenti di vendita; - ritenuto necessario fissare, ai sensi dell'art. 591 c.p.c., una nuova vendita dei beni pignorati; - visti gli artt. 569, 576 e 591 c.p.c. AVVISA che in data 15 dicembre 2010., ore 17. presso lo studio legale del professionista delegato, sito in Piazzetta Nicastro n. 18, piano 2°, di Lamezia Terme (Telefono 0968.201407) si procederà alla vendita con incanto dei seguenti immobili: LOTTO UNICO: Appartamento per civile abitazione, facente parte del 2° fabbricato sito in Lamezia Terme alla Via Pitagora traversa, con accesso da Via Marconi, ubicato al piano quarto (sottotetto), int. 5, scala A. Superficie netta di mq 132,35, composto da quattro vani, un ripostiglio, una cucina e due servizi igienici. Identificazione catastale all'U.T.E. del Comune di Lamezia Terme, Sezione di Sambiase: Foglio: 84; particella: 475; sub 8; zona censuaria: 1; categoria: A3; classe: 2; consistenza: 6,5 vani; rendita: euro 352,48. Il bene risulta occupato dai debitori. Prezzo base: euro 53.578,50 (euro cinquan-

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

tatremilacinquecentosettantotto/50) Rilancio minimo: euro 2.700,00 (euro duemilasettecento/00). Per aggiudicarsi i beni sarà necessario effettuare almeno un rilancio minimo del prezzo per l'importo sopra indicato. Anche nel caso di presentazione di una sola istanza di partecipazione l'offerente dovrà comunque apportare un rilancio minimo del prezzo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria. I beni di cui sopra sono meglio descritti nella relazione di stima a firma dell'Arch. Rosa Viceconte del 18.11.2004, che deve essere consultata dall'offerente, ed alla quale si fa espresso rinvio anche per tutto ciò che concerne l'esistenza di eventuali oneri e pesi a qualsiasi titolo gravanti sui beni. La stessa è consultabile presso lo studio del professionista delegato dal lunedì al venerdì dalle ore 17 alle ore 19, previo avviso telefonico, e sui siti internet: www.asteimmobili.it; www.portaleaste.com, www.aste.eugenius.it. Si avvisa che, in ogni caso, gli immobili vengono posti in vendita nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, così come identificati, descritti e valutati dall'esperto nella relazione, con ogni eventuale servitù attiva e passiva inerente e quote condominiali relative. La vendita è a corpo e non a misura; eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo; la vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità, né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente l'esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità della cosa venduta, oneri di qualsiasi genere - ivi compresi, ad esempio, quelli urbanistici ovvero derivanti dalla eventuale necessità di adeguamento di impianti alle leggi vigenti, spese condominiali dell'anno in corso e dell'anno precedente non pagate dal debitore - per qualsiasi motivo non considerati, anche se occulti e comunque non evidenziati in perizia, non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo, essendosi di ciò tenuto conto nella valutazione dei beni. La pubblicità, le modalità di presentazione delle offerte e le condizioni della vendita sono regolate come segue. - A norma dell'art. 579 ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di mandatario munito di procura legale o di procuratore legale anche a norma dell'art 579, comma 3, c.p.c.. - Il procuratore legale dovrà, in ogni caso, essere munito di mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata, non essendo sufficiente l'ordinario mandato alle liti; nell'ipotesi di cui al citato art. 579, comma 3, il mandato speciale risultante da atto pubblico o scrittura privata autenticata dovrà essere depositato contestualmente alla dichiarazione del nominativo della persona, da effettuarsi nel termine di cui all'art. 583, comma 1, c.p.c.. - Le offerte di acquisto dovranno essere presentate entro e non oltre le ore 13 del 14 dicembre 2010, in busta chiusa e senza alcuna annotazione, presso lo studio del suindicato professionista delegato. Le stesse possono essere presentate dal lunedì al venerdì negli orari d'ufficio. Nessuna annotazione dovrà essere apposta sulla busta. Sulla predetta busta dovranno essere annotate, a cura del professionista ricevente o di suo delegato, il nome di chi materialmente provvede al deposito, il nome del Giudice dell'esecuzione, quello del professionista delegato e la data fissata per l'esame delle offerte. - Ogni concorrente, per essere ammesso all'incanto, dovrà presentare presso lo studio del professionista delegato una istanza di partecipazione, in regola con il bollo, contenente, a pena di inefficacia: l'indicazione del numero di RGE della procedura, l'identificazione del bene e del lotto cui si riferisce l'offerta, il prezzo offerto, il tempo ed il modo di pagamento ed ogni altro elemento utile alla valutazione di questa. Detta dichiarazione deve contenere: 1) le generalità dell'offerente (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale, residenza/domicilio, stato civile e, se coniugato, regime patrimoniale fra i coniugi; in caso di comunione legale dei beni, occorrerà indicare anche le generalità del coniuge non offerente, al fine di poter trasferire ad entrambi, pro quota, il bene, in caso di aggiudicazione; nell'ipotesi di acquisto a titolo personale da parte di un coniuge in regime di comunione dei beni, occorre produrre, oltre alla dichiarazione di quest'ultimo, ex art. 179, comma 1, lett. f, cod. civ., quella del coniuge non acquirente di cui al secondo comma della medesima disposizione normativa); 2) l'espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima. - L'offerta, nel caso di presentazione da parte di un minorenne, dovrà essere sottoscritta dai genitori, previa autorizzazione del giudice tutelare, da allegare in copia conforme; - In caso di dichiarazione presentata congiuntamente da più soggetti, deve essere indicato colui

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

che abbia l'esclusiva facoltà di formulare eventuali offerte in aumento; - Non sarà possibile trasferire l'immobile a soggetto diverso da quello che sottoscrive l'offerta. - La dichiarazione, inoltre, deve essere corredata da copia di valido documento di identità dell'offerente e, se necessario, da valida documentazione comprovante i poteri o la legittimazione dello stesso (ad es. procura speciale o certificato camerale in caso di società), nonché - a titolo di cauzione - da un assegno circolare non trasferibile intestato al professionista delegato - avvocato Alessandro Cortese ovvero da un assegno circolare non trasferibile intestato a "Poste Italiane SpA" per un importo non inferiore al decimo del prezzo base d'asta come sopra determinato, pena l'inefficacia. - Le modalità di vendita all'incanto sono regolate dagli artt. 581 e seguenti c.p.c.. - La validità e l'efficacia dell'offerta d'acquisto è regolata dall'art. 571, comma 2, c.p.c.. - Le buste saranno aperte all'udienza stabilita per l'incanto alla presenza degli istanti, la cui comparizione è necessaria ai fini dell'aggiudicazione, che sarà disposta secondo le prescrizioni dell'art. 581 c.p.c.. La mancata partecipazione all'incanto, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo, comporterà l'incameramento di 1/10 della cauzione, che, di contro, sarà immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, ove l'offerente, regolarmente presente, non divenga aggiudicatario. Anche nel caso di una sola istanza di partecipazione, occorrerà comunque apportare un rialzo minimo, ex art. 581, comma 2, per conseguire l'aggiudicazione provvisoria. - OFFERTE IN AUMENTO DI UN QUINTO: A norma dell'art. 584 c.p.c., avvenuto l'incanto, possono ancora essere fatte offerte d'acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni dalla gara, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di 1/5 (un quinto) quello raggiunto nell'incanto. Pertanto, l'aggiudicazione diverrà definitiva decorsi dieci giorni senza offerte in aumento. Tali offerte potranno essere depositate presso lo studio del professionista delegato, nelle forme di cui all'art. 571 c.p.c., prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per la partecipazione all'incanto. In caso di presentazione di tali offerte, verrà indetta una gara secondo le previsioni di cui all'art. 584 c.p.c.. Se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma dell'art. 584, comma 3, c.p.c., l'aggiudicazione diventa definitiva e verrà pronunciata a carico degli offerenti, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione. Ogni domanda di restituzione della cauzione dovrà essere indirizzata dagli offerenti al professionista delegato. - Il termine di versamento del saldo del prezzo, nonché di ulteriori oneri, diritti e spese conseguenti alla vendita è di 60 giorni dall'aggiudicazione definitiva mediante il deposito su un libretto di deposito postale o bancario nominativo, intestato alla procedura e vincolato all'ordine del Giudice, presso la MPS spa - agenzia di Lamezia Terme. Nel medesimo termine, contestualmente al versamento del saldo del prezzo, l'aggiudicatario dovrà produrre aggiornati certificati catastali ed aggiornati certificati relativi alle iscrizioni e trascrizioni effettuate sul bene aggiudicato e dovrà effettuare il versamento delle spese di trasferimento nella misura del 20% del prezzo di aggiudicazione, a mezzo assegno circolare intestato al professionista delegato. Solo all'esito della corretta, completa e tempestiva effettuazione di tali adempimenti sarà emesso il decreto di trasferimento, ai sensi dell'art. 586 c.p.c.; - In caso di inadempimento l'aggiudicazione sarà revocata e l'aggiudicatario perderà tutte le somme versate; - Le spese di trasferimento del bene sono a carico dell'aggiudicatario cui restano riservate le attività e i costi per la registrazione e trascrizione del decreto nonché per la cancellazione delle formalità pregiudizievoli gravanti sugli immobili acquistati. - L'aggiudicatario potrà ottenere per l'acquisto dei beni posti all'asta mutui a tassi e condizioni economiche prestabiliti da ogni singola banca aderente al cd. protocollo ABI, rivolgendosi direttamente alle agenzie o filiali delle banche il cui elenco risulta reperibile presso il professionista delegato e presso il sito ABI. Lamezia Terme, 04.02.2010 Il Professionista Delegato Avv. Alessandro Cortese

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che Il Giudice dell'Esecuzione, Dr. Davide Lauro, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 50/80 promossa da INTESA GESTIONE CREDITI

Info 0961 996802


il Domani

| AsteInfoappalti

9

Giovedì 7 Ottobre 2010 SPA ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: 1^ LOTTO - Appezzamento di terreno sito nel Comune di Brancaleone località Maridoli riportato nel NCT alla partita 731 foglio di mappa 3 particella 172 di are 00.24.55 pascolo arborato classe 1^, in ditta … usufruttuaria per 1/3, … proprietaria Prezzo base del lotto: Euro 2.455,00 Deposito per cauzione: Euro 245,50 Deposito per spese: Euro 368,00 2^ LOTTO - Appezzamento di terreno sito nel Comune di Brancaleone località Cuzzida riportato nel NCT alla partita 731 foglio di mappa 11 particella 105 seminativo arborato di are 00.36.20 classe 1^; particella 106 seminativo di are 00.22.30 classe 4^; particella 107 pascolo cespugliato di are 00.56.30 classe 1^, in ditta … usufruttuaria per 1/3, … proprietaria Prezzo base del lotto: Euro 4.915,00 Deposito per cauzione: Euro 491,50 Deposito per spese: Euro 737,00 3^ LOTTO - Appezzamento di terreno sito nel Comune di Brancaleone località Cuzzida riportato nel NCT alla partita 731 foglio di mappa 12 particella 15 pascolo arborato di are 00.89.70 classe 1^; particella 16 pascolo cespugliato di are 00.93.20 classe 1^; particella 17 uliveto di are 00.46.00 classe 3^; particella 233 pascolo cespugliato di are 00.56.67 classe 1^, in ditta … usufruttuaria per 1/3, … proprietaria Prezzo base del lotto: Euro 13.100,00 Deposito per cauzione: Euro 1.310,00 Deposito per spese: Euro 1.965,00 4^ LOTTO - Appezzamento di terreno sito nel Comune di Brancaleone località Monaca riportato nel NCT alla partita 731 foglio di mappa 12 particella 111 pascolo arborato di are 00.38.20 classe 1^; particella 112 seminativo arborato di are 00.80.30 classe 3^; particella 113 uliveto di are 00.30.40 classe 4^; in ditta … usufruttuaria per 1/3, … proprietaria Prezzo base del lotto: Euro 12.200,00 Deposito per cauzione: Euro 1.220,00 Deposito per spese: 1.830,00 5^ LOTTO: VENDUTO L'incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE 1/5+1/5+1/5+1/5, all'udienza del 02.12.2010 ore 9.00, davanti a sé nella presente sede, ed in secondo esperimento in data -- alle stesse condizioni e con le stesse modalità. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: - Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria entro le ore 12.00 del giorno antecedente l'incanto, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà), mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. - Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a: Euro 100,00 per il 1^ lotto, a Euro 150,00 per il 2^ lotto, a Euro 400,00 per il 3^ lotto, 4^ e 5^ lotto. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 30 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 02/12/2010. Estratto conforme per uso pubblicità. Locri, 27.09.2010 Esatte: euro 14,62 per bollo - euro 10,62 per diritti Il Cancelliere °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'Esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 13/87 promossa da CARICAL ORDINA la vendita con incanto dei seguenti beni immobili: LOTTO UNICO: Il diritto reale di proprietà sull'appezzamento di terreno sito in Caulonia, alla c.da Fego-Strati, esteso mq. 3.984, riportato in catasto al fgl. 92, p:lla 24/a di are 21,21, p.lla 25/a di are 12,50, p.lla 27/a di are 6,13 PREZZO BASE D'ASTA: Euro 19.546,86 L'incanto avverrà, con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5, all'udienza del 02.12.2010, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno non festivo precedente quello della vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà) mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 258,23. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 30 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Custode Giudiziario: Avv. Maria Laura VIGNA (tel. 0964.380653). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 02.12.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 05 giugno 2009 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 22/93 promossa da ISTITUTO DI CREDITO CASSE RURALI ED ARTIGIANE. ORDINA LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO: Fondo rustico denominato "Crasto" sito nel Comune di Ciminà località Crasto, riportato nel NCT alla partita 24555, foglio di mappa 18, particella 3, pascolo cespugliato classe 1^, di ettari 08.44.40, particella 11 pascolo arborato classe 1^di ettari 03.77.40, particella 12 fabbricato di centiare 35, particella 13 uliveto classe 3^di ettari 01.64.00, particella 16 fabbricato rurale di are 00.01.30, particella 19 seminativo irriguo classe 2^di ettari 02.17.10 sul quale insiste un fabbricato rurale riportato nel NCEU alla partita 1000217, foglio di mappa 18 particella 57, particella 39 fabbricato rurale di centiare 42, il tutto in ditta...(omissis)... proprietario per 1/2,...(omissis)... proprietario per 1/2 PREZZO BASE DEL LOTTO Euro 70.754,00 DEPOSITO PER CAUZIONE Euro 7.075,40 DEPOSITO PER SPESE Euro 10.613,00 L'incanto avverrà con il prezzo DA RIDURRE DI 1/5+1/5, all'udienza del 02.12.2010, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. STABILISCE PER LA VENDITA LE SEGUENTI CONDIZIONI: Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 25% del prezzo base (10% per cauzione e 15% per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà) mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori ad Euro 3.000,00. L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale. Rinvia per il prosieguo all'udienza del 02.12.2010. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Addì, 29 giugno 2010 IL CANCELLIERE °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della procedura Esecutiva n. 56/2008 promossa da BANCA POPOLARE DI CROTONE SPA DISPONE procedersi alla vendita dei beni immobili indicati nella parte descrittiva dell'allegata ordinanza di vendita alle condizioni ivi previste nei punti da 1. a 28. DESCRIZIONE DEGLI IMMOBILI: LOTTO 1: "quota di 1/2 della piena proprietà di un locale (negozio in disuso) al piano terra, composto da un vano con retro, censito al NCEU del Comune di Gioiosa Jonica (RC), foglio n. 27, mappale n. 954 - via Garibaldi 3 (centro storico), Cat. C/1, classe 5, consistenza 28 mq. R.C. Euro 471,42" PREZZO BASE: Euro 10.000,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 2: "quota di 1/2 della piena proprietà di un locale (negozio) al piano terra, composto da un vano + wc + accesso indipendente al sottotetto, censito al NCEU del Comune di Gioiosa Jonica (RC), foglio n. 27, mappale n. 953 - via Garibaldi 1 (centro storico), Cat. C/1, classe 6, consistenza 33 mq. R.C. Euro 647,64" PREZZO BASE: Euro 12.840,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 3: "quota di 1/3 della piena proprietà di: A) appartamento in corso di costruzione (esterno completato) sito al 4° ed ultimo

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

piano, censito al NCEU del Comune di Gioiosa Jonica (RC), foglio n. 34, mappale n. 1360, sub 12; c.da Varano, int. 13, con tramezzatura esistente, atta a formare n. 1 ampio vano cucina/pranzo, n. 1 soggiorno con balcone indipendente, n. 1 camera con balcone indipendente; n. 3 bagni; n. 1 camera con balcone in comune con cucina/pranzo; B) lastrico solare sito al 5° piano pari a mq. 304 (privo di parapetti e/o ringhiere), censito al NCEU del Comune di Gioiosa Jonica al foglio n. 34, mappale 1360, sub 14, c.da Varano" PREZZO BASE: Euro 13.140,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 4: "quota di 1/3 della piena proprietà di un appartamento al 4° piano, del Comune di Gioiosa Jonica (RC), foglio n. 34, mappale n. 1360, sub 13, in c.da Varano, int. 11, assimilabile alla Cat. A/3, classe 3, composto da due camere con balcone indipendente + 1 soggiorno e 1 cucina/pranzo con balcone in comune + 2 bagni, oltre ripostiglio e corridoio" PREZZO BASE: Euro 18.770,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 5: "quota di 1/3 della piena proprietà di un lappartamento al terzo piano, censito al NCEU del Comune di Gioiosa Jonica (RC), foglio n. 34, mappale n. 1360, sub 23, in c.da Varano, int. 8/A, cat. A/3, classe 3, consistenza 4 vani, superficio catastale 87 mq., R.C. Euro 258,23" PREZZO BASE: Euro 9.630,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 6: "piena proprietà di un appartamento in corso di costruzione (esterno completato, interno senza tramezzatura) sito al 2° piano, censito al NCEU del Comune di Marina di Gioiosa Jonica (RC), foglio n. 17, mappale n. 253, sub 46, in via Montezemolo, interno 9, scala C; fornito di ascensore; superficie coperta 134 mq. + 2 balconi rispettivamente di mq. 12,00 e mq. 14,00, esposizione Est/Ovest" PREZZO BASE: Euro 40.630,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 7: "piena proprietà di un appartamento sito al 2° piano, censito al NCEU del Comune di Gioiosa Jonica (RC), foglio n. 28, mappale n. 469, sub 3, in via Rocco Gatto, 39, Cat. A/2, classe 2, consistenza 8 vani, R.C. Euro 516,46" PREZZO BASE: Euro 102.000,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 8: "piena proprietà di un appartamento funzionalmente distribuito su due livelli, con accesso dal 2° piano, in stabile fornito di ascensore, censito al NCEU del Comune di Gioiosa Jonica (RC), foglio n. 32, mappale n. 964, sub 7 con cantina al piano seminterrato, in via Madama Lena, Cat. A/1, classe 1, consistenza 12 vani, R.C. Euro 1053,57" PREZZO BASE: Euro 157.350,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 9: "quota di 1/2 della piena proprietà di un fabbricato a due livelli. con circostante terreno coltivato a vigneto; rispettivamente censiti al NCEU e NCT del Comune di Gioiosa Jonica: - A) foglio n. 7, mappale n. 345 (fabbricato) in c.da Cessarè (periferia - zona agricola) Cat. A/3, classe 2, consistenza 6 vani, RC Euro 325,37; - B) foglio n. 7, mappale n. 345 (terreno) in c.da Cessarè (periferia - zona gricola), qualità "Vigneto", classe 1, superficie 1440 mq. R.D. Euro 15,25 - R.A. Euro 7,81" PREZZO BASE: Euro 15.100,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 10: "quota di 1/2 della piena proprietà di un terreno agricolo, coltivato a vigneto, con interclusa particella ex fabbricato rurale, attualmente inesistente ed assorbita della stessa coltura in atto, rispettivamente censiti al NCT del Comune di Gioiosa Jonica (RC): A) foglio n. 7, mappale n. 236 (terreno) in c.da Cessarè (zona periferica), qualità "Vigneto", classe 2, superficie 2130 mq. R.D. Euro 18,70 - R.A. Euro 10,45; - B) foglio n. 7, mappale n. 237 (ex fabbricato rurale - sedime coltivato a vigneto) in c.da Cessarè (periferia, zona agricola), superficie 34 mq." PREZZO BASE: Euro 2.070,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO LOTTO 11: "piena proprietà di un appartamento sito al 1° piano, (2° fuori terra) censito al NCEU del Comune di Marina di Gioiosa Jonica (RC), foglio n. 18, mappale n. 583, sub 7, in località Telegrafo, sul lungomare C.Colombo, int. 5, Cat. A(3, classe 3, consistenza vani 5, RC Euro 284,05" PREZZO BASE: Euro 53.680,00 - CAUZIONE: 10% DEL PREZZO PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA SENZA INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) La vendita senza incanto, in cui procederà all'esame delle singole offerte ai sensi degli artt. 573 e 573 cpc, avverrà all'udienza del 02.12.2010 CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/4, alle seguenti condizioni: entro le ore 12,00 del giorno antecedente la ven-

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

dita, l'offerente deve presentare nella cancelleria delle esecuzioni immobiliari domanda in bollo (vedi ordinanza di vendita per la compilazione) per partecipare alla vendita senza incanto;; l'offerta deve essere inserita in busta chiusa, al cui esterno non sarà consentito annotare nessun altro elemento e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte del prezzo offerto, da versare con assegni circolari "NON TRASFERIBILI" intestati all'offerente, che, a cura dell'offerente, dovranno essere inseriti nella medesima busta; le offerte in aumento, nel caso di cui all'art. 573 cpc, non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato; l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co, cpc); l'offerente dovrà, nel termine perentorio di gg. 60 dall'aggiudicazione, depositare: - il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato; l'importo complessivo per le spese collegate alla vendita necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co, cpc); PRINCIPALI CONDIZIONI DI VENDITA CON INCANTO (Per quanto non indicato vedere l'ordinanza di vendita (punti da 1 a 28) riportata di seguito al presente avviso) Ove si debba procedere ai sensi degli artt. 571, 572 e 573 cpc, il pubblico incanto avverrà all'udienza del 03.02.2011, CON IL PREZZO DA RIDURRE DI 1/4, alle seguenti condizioni: ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depoditare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base d'asta sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base; se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è restituita nella misura stabilita dall'art. 680 cpc; l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto per la vendita senza incanto, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito. IL SITO INTERNET SUL QUALE E'PUBBLICATA LA RELAZIONE DI STIMA è: www.aste.eugenius.it - Custode Giudiziario: Avv. BARBARA DI FABIO (Tel. 0964.20397). Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. ESTRATTO CONFORME PER USO PUBBLICITA'. Locri, 25 maggio 2010 - ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DI LOCRI - Sezione Civile - Esecuzioni R.E. Imm.: 56/2008 IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE, … OMISSIS … , ORDINA ai debitori di fornire al nuovo custode il rendiconto dell'attività svolta fino ad oggi, nonché ogni documento necessario al fine di adempiere compiutamente l'incarico affidatogli; DISPONE PROCEDERSI ALLA VENDITA DEGLI IMMOBILI SU DESCRITTI; STABILISCE per la vendita, che avverrà senza incanto e, successivamente, nei soli casi previsti nuovo testo dell'art. 569 cpc, con il metodo dell'incanto, alle seguenti condizioni: 1) L'immobile pignorato sarà posto in vendita nella consistenza indicata nella perizia di stima (del'Arch. D. MANNO) che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, anche con riferimento alla condizione urbanistica del bene; 2) ognuno, tranne il debitore, è ammesso a offrire per l'acquisto dell'immobile pignorato personalmente o a mezzo di procuratore legale, anche per persona da nominare (art. 579, ultimo comma); 3) entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, l'offerente deve presentare, anche a mezzo di persona diversa, nella cancelleria

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

10

Giovedì 7 Ottobre 2010 delle esecuzioni immobiliari DOMANDA IN BOLLO per partecipare alla vendita senza incanto, contenente A) l'indicazione del prezzo che si intende offrire (che, a pena di efficacia, non può essere inferiore del prezzo base suindicato, salve eventuali e successive riduzioni); B) la data della vendita e la procedura cui si riferisce; C) le generalità (compreso il codice fiscale) proprie e - se in regime di comunione legale del coniuge; D) l'indicazione della volontà di avvalersi, ve ne sussistano i presupposti, dei benefici fiscali per la prima casa; E) le indicazioni circa il tempo (comunque non superiore a 60 giorni dalla aggiudicazione, limite che si riterrà implicitamente ricollegato nel massimo, alla mancata indicazione di un termine diverso), il modo del pagamento o ogni altro elemento utile alla valutazione dell'offerta; F) la dichiarazioe di aver letto la relazione di stima (consultabile sull'apposito sito internet o presso la cancelleria esecuzioni) e di averne compreso il contenuto ed, inoltre, di conoscere lo stato dell'immobile; G) copia di valido documento di identità del soggetto che sottoscrive l'offerta; H) in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, certificato della Cancelleria del Tribunale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della partita IVA: I) la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio nel comune nel quale ha sede il Tribunale competente per l'esecuzione (art. 174 disp. att. cod. proc. civ.), pena l'effettuazione delle comunicazioni presso la cancelleria dello stesso ufficio; L) la sottoscrizione dei genitori esercenti l potestà e l'autorizzazione del giudice tutelare ove l'offerente sia un minore; 4) l'offerta deve essere inserita in una busta chiusa, al cui esterno il cancelliere annoterà esclusivamente: A) il nome del giudice dell'esecuzione o del professionista delegato che provvederà alla vendita; B) la data fissata per l'esame delle offerte: C) i dati della persona che materialmente ha provveduto al deposito; non sarà consentito annotare nessun altro elemento, e specialmente quelli che possono condurre ad identificare il bene per il quale l'offerta è prestata; 5) l'offerta deve essere accompagnata dal deposito della cauzione, pari alla decima parte dl prezzo offerto, da versare tramite assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente, che a cura dell'offerente stesso, dovranno essere inseriti nella medesima busta; 6) L'OFFERTA NON SARÀ CONSIDERATA EFFICACE: A) se perviene oltre il termine appositamente indicato; B) se è inferiore al prezzo base, eventualmente ribassato; C) se l'offerente non presta cauzione, con le modalità e nella misura appena indicate; 7) L'OFFERTA SI CONSIDERA IRREVOCABILE AD ECCEZIONE DELLE IPOTESI IN CUI: A) il giudice, in presenza di più offerte valide, disponga la gara tra gli offerenti (art. 573 cpc); B) il giudice, nonostante le offerte, ordini l'incanto (es. art. 572 cpc); C) siano decorsi centoventi giorni dalla sua presentazione e la stessa non sia stata accolta; 8) l'offerente (od il procuratore legale a norma degli artt. 571 e 579 c.p.c.) dovrà presentarsi il giorno fissato presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss., per assistere all'esame delle offerte; 9) l'udienza di vendita è fissata per il giorno 04.03.2010, e si terrà presso il Tribunale di Locri, sala delle pubbliche udienze, ore 9,00 e ss.; si procederà all'esame delle singole offerte, ai sensi degli artt. 572 (per l'ipotesi in cui vi sia una sola offerta) e 573 cpc (ove vi siano più offerte); 10) in presenza di più offerte valide, alla stessa

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

udienza si inviteranno gli offerenti alla gara di cui all'art. 573 cpc, ove le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% DEL PREZZO BASE. 11) in caso di mancata aggiudicazione, l'importo versato a titolo di cauzione verrà restituito alla chiusura delle operazioni di vendita; 12) in caso di aggiudicazione, l'aggiudicatario, nel termine di gg. 60 dall'aggiudicazione dovrà depositare il residuo prezzo, detratto l'importo per cauzione già versato, in un libretto di deposito postale intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'Esecuzione; 13) in caso di aggiudicazione, inoltre, l'offerente dovrà versare nel medesimo libretto di deposito (intestato alla Procedura e vincolato all'ordine del Giudice dell'esecuzione), e nello stesso termine, l'importo complessivo delle spese collegate alla vendita, che saranno all'uopo comunicate dalla cancelleria e che saranno necessarie per l'emanazione del decreto di trasferimento; 14) il mancato versamento del prezzo residuo nei termini indicati comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II cpc (richiamato dall'art. 574, III co., cpc); 15) maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la cancelleria del Tribunale di Locri; 16) la presente ordinanza dovrà essere affissa almeno 45 giorni prima del termine fissato per la presentazione delle offerte, all'Albo del Tribunale di Locri per tre giorni continui a cura della Cancelleria - nel rispetto del combinato disposto degli artt. 490 e 570 cpc e dovrà contenere: A) gli estremi identificativi del bene previsti nell'art. 555 cpc; B) il valore dell'immobile determinato a norma dell'art. 568 cpc; C) il sito Internet sul quale è pubblicata la relativa relazione di stima; D) il nome ed il recapito telefonico del custode nominato in sostituzione del debitore, con l'avvertimento che maggiori informazioni possono essere fornite dalla cancelleria del Tribunale o dal predetto custode; 17) la stessa ordinanza, sempre 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte, dovrà essere pubblicata sia mediante manifesti murali da affiggersi nei Comuni di SIDERNO, GIOIOSA JONICA, MARINA DI GIOIOSA JONICA (invitanto all'uopo il creditore ad allegare copia di. 1 manifesto murale; fattura relativa alle spese di stampa dei manifesti murali e fattura relativa alle spese di affissione dei manifesti murali) nonché mediante pubblicazione per una volta su PROGETTO ASTE (quotidiano Il Domani + periodico Aste + Internet Eugenius), a cura di uno dei creditori, del debitore o del custode se diverso; in particolare: A) fatture e copie dei manifesti murali dovranno essere depositate in Cancelleria, fino all'udienza di vendita; B) l'attestato di avvenuta pubblicazione sul PROGETTO ASTE dovrà essere inviato mediante fax direttamente dalla società che gestisce il servizio (mediatag s.p.a.) presso la Cancelleria del Tribunale, al n. 0964.20732; 18) ove si debba procedere all'incanto, e cioè per il caso in cui non siano proposte offerte d'acquisto entro il termine stabilito, ovvero per il caso in cui le stesse non siano efficaci ai sensi dell'art. 571, ovvero per il caso in cui si verifichi una delle circostanze previste dall'art. 572, terzo comma, ovvero per il caso, infine, in cui la vendita senza incanto non abbia luogo a qualsiasi altra ragione (es.: gara in aumento non tenuta per mancanza di adesioni, art. 573 cpc), si fissa fin d'ora per l'udienza del 06.05.2010 il pubblico incanto, che avverrà secondo quanto previsto nei punti che precedono, ad eccezione di quanto appresso specificato; 19) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendi-

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

www.asteannunci.info | www.aste.eugenius.it www.asteinfoappalti.it | www.astepress.it

ta, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto (non in busta chiusa), una somma pari al 10% del prezzo base sopraindicato a titolo di cauzione, mediante consegna in Cancelleria - Ufficio Esecuzioni Immobliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; 20) la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale e, nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto Certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società ed i poteri conferiti all'offerente in udienza nonché l'indicazione della Partita IVA; in tale istanza dovrà essere anche indicato se l'offerente intende avvalersi delle agevolazioni previste per l'acquisto della prima casa; 21) le forme di pubblicità sono le stesse previste per la vendita senza incanto, con la differenza che il termine di 45 giorni deve essere calcolato a ritroso dalla data dell'incanto; 22) se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell'incanto, salvo che lo stesso non abbia omesso di partecipare al medesimo, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, senza documentato e giustificato motivo; in tal caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell'intero e la restante parte è trattenuta alla procedura in vista della futura distribuzione; 23) l'aggiudicatario, invece, dovrà versare il saldo e l'importo delle spese secondo quanto previsto ai punti 12 e 13, ferma restando la decadenza di cui all'art. 587 cpc in caso di mancato deposito; 24) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 cpc) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; 25) le offerte in aumento andranno effettuate in Cancelleria con le firme di cui all'art. 571 cpc (cfr. punti 2, 3 e 4), prestando cauzione per una somma pari al doppio della cauzione versata per partecipare all'incanto; 26) su tali offerte il giudice, verificatone la regolarità, indìce la gara, cui possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine appositamente fissato abbiano integrato la cauzione nella misuta di cui al punto 24); 27) se nessuno degli offerenti in aumento partecipa alla gara indetta a norma del terzo comma, l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma, salvo che ricorra un documentato e giustificato motivo, la perdita della cauzione, il cui importo è trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dell'esecuzione; 28) alla medesima udienza fissata per l'incanto, ove lo stesso vada deserto, si procederà a valutare le istanze di assegnazione eventualmente depositate, oppure ad adottare i provvedimenti di cui all'art. 591 cpc (ammissione giudiziaria o nuovo esperimento di vendita); FISSA Entro 45 giorni dalla data fissata per il deposito delle offerte di acquisto il termine entro il quale la presente ordinanza deve essere notificata, a cura del creditore che ha chiesto la vendita, ai creditori iscritti e non comparsi, ove presenti …

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

OMISSIS … Si comunichi, anche al custode. LOCRI, 08 novembre 2009 F.to IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO

TRIBUNALE DI VIBO VALENTIA Ufficio Esecuzioni Immobiliari Procedura di espropriazione immobiliare n. 49/1988 SI RENDE NOTO Che il Giudice dell'Esecuzione con ordinanza emessa in data 02.03.2010 ha disposto la vendita dei beni di seguito elencati. La vendita avrà luogo il 30.11.2010, ore 11,00. Le offerte in aumento non potranno essere inferiori a euro 500,00. Ciascun offerente dovrà depositare entro le ore 11,00 del giorno precedente la vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 25% del prezzo base di cui il 10% a titolo di cauzione e il 15% per presumibili spese di vendita, su libretto bancario intestato alla procedura, vincolato al G.E. L'aggiudicatario dovrà, entro trenta giorni da quando l'aggiudicazione sarà divenuta definitiva, versare il prezzo di aggiudicazione, detratto l'importo della cauzione. Ulteriori informazioni presso la cancelleria delle esecuzioni del Tribunale di Vibo Valentia. Vibo Valentia BENI IN VENDITA Lotto 1 - Quota parte in ragione di 1/2 dell'intero del locale con destinazione magazzino sito in Comune di Ionadi, Via Provinciale IonadiNao, esteso 67 metri quadrati circa, individuato in Catasto al foglio di mappa 7 particella 929 sub 3. Prezzo base d'asta euro 4.535,50 Lotto 2 - Quota parte in ragione di 1/2 dell'intero del locale con destinazione magazzino esteso 66 metri quadri circa, sito in Comune di Ionadi Via Provinciale Ionadi-Nao, individuato in Catasto al foglio di mappa 7 particella 929 sub 4. Prezzo base d'asta euro 3.847,44 Lotto 3 - Quota parte in ragione di 1/2 dell'intero del locale con destinazione magazzino esteso 83 metri quadri circa, sito in Comune di Ionadi Via Provinciale Ionadi-Nao, individuato in Catasto al foglio di mappa 7 particella 929 sub 5. Prezzo base d'asta euro 4.916,44 Lotto 4 - Quota parte in ragione di 1 12 dell'intero del locale con destinazione magazzino esteso 223 metri quadri circa, sito in Comune di Ionadi Via Provinciale IonadiNao, individuato in Catasto al foglio di mappa 7 particella 929 sub 6. Prezzo base d'asta euro 11.829,67 Lotto 5 - Quota parte in ragione di 1/2 dell'intero dell'appartamento per civile abitazione sito in Comune di Ionadi Via Provinciale IonadiNao esteso 217 metri quadri circa, con annessi pertinenti balconi di 45 metri quadri circa, individuato in Catasto al foglio di mappa 7 particella 929 sub 7. Prezzo base d'asta euro 25.015,72 Lotto 6 - Quota parte in ragione di 1/2 dell'intero dell'appartamento per civile abitazione in parte ancora allo stato rustico sito in Comune di Ionadi Via Provinciale IonadiNao esteso complessivamente 223 metri quadri circa e precisamente 103 metri quadri ultimati e 120 metri quadrati allo stato rustico, individuato in Catasto al foglio di mappa 7 particella 929 sub 8. Prezzo base d'asta euro 16.547,44 Vibo Valentia

Info 0961 996802


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani 11

CRONACHE

Prospettive di stabilizzazione per 80 lavoratori della Provincia di Carmela Mirarchi VIBO VALENTIA - Le prospettive occupazionali di circa ottanta lavoratori in questo periodo utilizzati dalla provincia di Vibo Valentia sono state al centro dell’attenzione di un incontro svoltosi nella sede dell’assessorato regionale al lavoro della regione Calabria, alla presenza dell’assessore regionale Francescantonio Stillitani (Udc) e dell’assessore Provinciale al Ma Stillitani lavoro,Michelanha espresso gelo Mirabello , con le organizzaperplessità zioni sindacali sul concreto Cgil, Cisl e Uil ed una nutrita rappiano di presentanza dei stabilizzazione lavoratori interessati alla vicenda. Nel corso dell’incontro l’assessore ha spiegato, alle organizzazioni sindacali, ai lavoratori e all’assessore provinciale, che le modalità ed i tempi devono essere predisposti dalla Provincia che deve adottare un progetto di stabilizzazione e sottoporlo a all’attenzione della ragione. Stillitani ha espresso, però preoccupazione sulla reale possibilità che la Provincia di Vibo possa realizzare un concreto piano di stabilizzazione anche è soprattutto in relazione alla situazione finanziaria in cui versa l’ente soprattutto per quanto riguarda la percentuale del costo del personale che supera oggi il 50%, al di fuori di ogni parametro di patto di stabilità. E pertanto per favorire l’uso produttivo e il futuro di questi lavoratori è indispensabile studiare altre ipotesi di utilizzo anche attraverso l’esternalizzazione di tutti i servizi. «Questo perché - ha aggiunto - la cosa più importante è essere chiari

con i lavoratori per non illuderli. Questo non significa penalizzare i lavoratori, ma al contrario suggerire quella possibilità che possa garantire loro il futuro occupazionale». Anche perchè ha sottolineato Stillitani «uno degli obiettivi principali dell’assessorato al lavoro non è quello di promuovere esclusivamentenuovoprecariatoo di creare false prospettive lavorative, ma soprattutto quello di cercare di stabilizzare con rapporti di lavoro vero e duraturo la maggior parte dei lavoratori precari precedentemente illusi». O in alternativa trovare altre autonome soluzione lavorative. Stillitani a tal proposito ha illustrato le diverse forme che la regione Calabria è pronta a finanziarie, con risorse già impegnate, sia a favore degli stessi

Incontro alla presenza di Stillitani(Udc) e di Mirabello, con le organizzazioni sindacali ed una rappresentanza dei lavoratori

Enti utilizzatori che hanno la possibilità di assumere nuove unità lavorative, sia a favore degli stessi lavoratori che individualmente o associandosi tra loro vogliono intraprende una iniziativa imprenditoriale, sopportate dall’ente di appartenenza, nel caso in specie dalla Provincia di Vibo. Le organizzazionisindacalidopoun’attenta analisi sullo stato giuridico di tali lavoratori che, peraltro, da circa un quinquennio, danno un notevole contributo lavorativo in diversi settori dell’amministrazione provinciale, hanno chiesto di avviare processiconcretidistabilizzazione e di prevedere piani e percorsi in grado di garantire lavoro stabile e duraturo.L’assessoreMirabelloha assicurato i sindacati e gli stessi lavoratori, che pur nelle molteplici difficoltà imposte dal rispetto del patto di stabilità, la sua Amministrazione è disposta ad elaborare anche con l’aiuto dei sindacati piani di utilizzo che mirano a stabilizzare la maggior parte dei lavoratori sinora utilizzati in modo che possa essere presentato alla regione un piano di utilizzo dei lavoratori che preveda nel prossimo futuro una definitiva sistemazione degli stessi.

Falegname arrestato per violazione dei sigilli S. COSTANTINO CALABRO - Nel 2008 si era visto sequestrare un capannone alle porte del piccolo abitato di S. Costantino Calabro perché era totalmente abusivo.In quell’occasione i vigili urbani della cittadina avevano anche apposto i sigilli all’immobile per impedire a Domenico Buccafurni, artigiano del ’62 residente nel piccolo centro, di continuare i lavori e di adattare la struttura alla propria attività di falegname.Evidentemente la lezione non deve essere bastata all’uomo giacché i militari della locale Stazione Carabinieri, notando che l’attività all’interno di quella vasta struttura, che teoricamente avrebbe dovuto essere completamente sigillata e vuota, ferveva, hanno sorpreso l’uomo che, in tutta tranquillità, stava realizzando alcune porte in legno, come se la cosa fosse del tutto normale. Come se

non bastasse l’uomo, che evidentemente non si era minimamente preoccupato degli obblighi connessi alla sua nomina a custode dell’immobile realizzato illegalmente, aveva anche effettuato estesi lavori di muratura all’interno del capannone, completandone le pari, costruendo un pavimento in cemento e realizzando un collegamento con un capannone adiacente. Lavori in grande stile che però sono costati all’artigiano l’arresto con l’accusa di violazione dei sigilli. Ora l’uomo, che prima di essere portato via dai Carabinieri ha assistito nuovamente all’apposizione dei sigilli a tutta la sua struttura, dovrà rispondere delle accuse mossegli davanti al Tribunale di Vibo Valentia. Carmelo Morise

Comune, saranno previsti fondi a sostegno dei più deboli VIBO VALENTIA - Soddisfazione è stata espressa dall’amministrazione comunale di Vibo «per il proficuo incontrospiega una nota - avvenuto tra il Sindaco D’Agostino,l’Assessore al Bilancio Scianò, l’Assessore alle Politiche Sociali, Pasqua, e i rappresentati delle organizzazioni sindacali, Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uilp-Uil». "Politiche sociali con particolare riferimento alla fascia degli anziani" è stato il tema dell’incontro nel quale i rappresentanti delle organizzazioni hanno espresso preoccupazione per la profondità degli effetti della crisi sul sistema economico - sociale vibonese, con il conseguente aumento esponenziale dei bisogni sociali vecchi enuovi. Nella stessa sede si è ritenuto, in vista del Bilancio di previsione 2011, di prevedere una serie di iniziative a sostegno delle fasce più deboli e specificatamente degli anziani.

Rissa durante una festa in piazza, dodici denunce nel Vibonese VIBO VALENTIA - I CarabinieridellaCompagnia di Vibo Valentia, diretti dal capitano Giovanni Migliavacca, sono riusciti ad individuare e a denunciare i protagonisti della rissa scoppiata a Rombiolo, un comune del vibonese tra due opposti gruppi di rumeni, duranteunafestapaesana di fine stagione. Si tratta di dodici stranieri di nazionalità rumena, tra i 20 e i 40 anni, a cui si erano uniti quattro giovani del paese per dare man forte ad uno dei gruppi che si sono affrontati a colpi di bottiliglie, bastoni e corpi contundenti. I protagonisti dello scontro si erano poi dileguati. Soltanto otto avevano fatto ricorso alle cure mediche in ospedale. E’ stato attraverso i referti del pronto soccorso che i militari dell’Arma, dopo pazienti indagini, sono riusciti a risalire a 12 dei responsabili che dovranno rispondere di lesioni, rissa e porto di oggetti atti ad offendere. Le indagini comunque continuano per individuare gli altri partecipanti della sanguinosa rissa che tanto sconcerto aveva creato nella popolazione del piccolo centro vibonese, che si era recata in piazza per la cosiddetta Festa dei popoli.


12

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

CRONACHE

Dopo l’ultima intimidazione a Reggio arriverà l’esercito di Carmela Mirarchi REGGIO CALABRIA - A Reggio Calabria arriverà l’esercito per la vigilanza dei palazzi della Procura della Repubblica e della Procura generale. Lo ha annunciato il prefetto Luigi Varratta al termine della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, alla quale hanno partecipato anche il procuratore Giuseppe Pignatone e il procuratore generale Salvatore Di Landro. «Il Comitato-hadettoilprefettoLuigi Luigi Varratta - ha condiviso all’unaniVarratta: mità la mia proposta di chiedere c’è bisogno la presenza dei della militari.Inquesto momento il terripresenza torio,allaluceanche del fatto di dei militari martedì, ha bisogno di questa presenza, non molto visibile ma finalizzata alla vigilanza della Procura e della Procura generale». La conferma è arrivata anche dal Ministro della Dufesa, Ignazio La Russa. «Sì è vero, presto i militari andranno a presidiare Reggio Calabria. Diciamo - precisa - che il provvedimento perl’invio dell’esercito a presidiare gli uffici

giudiziari di Reggio e’ in itinere. La decisione finale spetta comunque alComitato Nazionale per l’Ordine Pubblico». Il ministro della Difesa, che già ieri si era detto favorevole all’invio dei militari nella città minacciata dalla ’ndrangheta, poi ha aggiunto: «Bisogna ora vedere se i soldati che saranno destinati a Reggio possano essere scelti tra i 4250 già impegnati nell’operazione "Strade Sicure" o se invece bisognerà passare attraverso un Consiglio dei Ministri». Su un punto però il responsabile della Difesa è fermo: qualora si decidesse di agire attraverso la via più breve, ossia di attingere dai soldati già impegnati nei servizi di ordine pubblico «questi non siano scelti tra i militari che pattugliano le strade delle nostre città con polizia ecarabinieri, casomai tra le pattu-

glie che svolgono presidi nei centri di accoglienza degli immigrati o nei cosiddetti siti sensibili: ambasciate, consolati, chiese ecc. ecc.». «L’intimidazione di martedì non credo sia collegata ad un singolo episodio ma è certamente una risposta all’azione dello Stato». A dirlo è stato il procuratore di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, arrivando in Prefettura dove è appena iniziata la riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che dovrebbe richiedere al Governo l’invio dell’esercitoconcompitidivigilanza. Una misura decisa alla luce dell’intimidazione subita ieri da Pignatone, con il ritrovamento di un bazooka a poche decine di metri dagli uffici della Dda. Pignatone non ha fatto commenti sull’ipotesi dell’invio dell’esercito, limitandosi a dire di pensare che «il Governo stia approntando le misure necessarie. L’azione dello Stato - ha aggiunto il procuratore di Reggio Calabria Pignatone - ha avuto risultati sia contro la ’ndrangheta, sia con quella parte di società collusa con le cosche». Il procratore Pignatone ha anche voluto ringraziare «tutti i cittadini che sono scesi in strada per manifestare solidarietà».

«Una decisione del tutto inutile» di C. Mirarchi REGGIO CALABRIA - Gli onorevoli Franco Laratta e Doris Lo Moro (Pd) hanno inviato una lettera ai Ministri La Russa, Maroni, Alfano. Nella missiva hanno scritto: «Il possibile invio dell’Esercito a Reggio Calabria avverrebbe in un contesto tale che lo renderebbe pressocchè impossibilitato ad operare, ad agire e ad intervenire per come sarebbe utile e necessario. I co-

sti sarebbero altissimi, i risultati di priorità è piu’ importante innon prevedibili. Allora viare rinforzi a Carabicontinuano - con quelle nieri e Polizia». E’ il La lettera stesse risorse finanziarie pensiero del procurasi potrebbero varare mi- della Lo toregeneralediReggio sure urgenti, idonee a Calabria Salvatore Di coprire i posti in organi- Moro e di Landro, che ieri ha co nelle procure interespartecipatoinPrefettuLaratta sate, ad inviare più ra ai lavori del Comitauomini e mezzi destina- a La Russa to provinciale per la site alle forze di Polizia nei curezza.«Sel’esercitoterritori del reggino. Mi- e Alfano haaggiunto Di Landro nacciare ogni volta di - consente di liberare inviare l’esercito, come energie, ben venga, ma fa il Ministro La Russa, è del tutse deve riempire le strade per un to in inutile. Così come appare controllo simbolico allora ci sono alla luce dei fatti sempre più rialtre priorità». Parlando delle intidicolo avere destinato, da parte midazioni di cui è rimasto vittima del MInistro di Giustizia, 45 miegli stesso, Di Landro ha detto: la euro per la magistratura reg«Serve una pausa di riflessione per gina. Lo - conclude - Stato deve esaminare con calma la vicenda. far sentire tutta la sua forza, la Dobbiamo richiamarci tutti a un sua potenza,la sua capacità. E maggiore senso della misura e di deve rafforzare in uomini, mezresponsabilità e questo va esteso zi, risorse e moderne tecnologie anche alla società civile che è stata tutti gli apparati dello stato imsplendida». Gli a attentati e le intipegnati nella lotta alla criminamidazioni, secondo Di Landro, lità organizzata in Calabria». «rendono meno vivibile quella Il procuratore Di Landro in città che avevamo sognato in termerito all’invio dell’esercito ha mini di convivenza civile e serena. detto: «La presenza dell’esercito Faremo di tutto per riportare quel nonfa male, ma se c’è una scala clima sereno».

Manganelli: deciso l’invio di 40 unità tra poliziotti e carabinieri REGGIO CALABRIA - « In Calabria lo Stato c’é» e, proprio per dimostrarlo, è stato deciso l’invio «di altre 40 unità tra poliziotti e carabinieri». La richiesta di inviare i militari a Reggio Calabria sarà esaminata oggi dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Lo afferma il capo della Polizia, Antonio Manganelli che ribadisce: «Lo Stato è fortemente presente in Calabria, lo dimostra il fatto che le forze dell’ordine stanno ottenendo risultati sino a pochi anni fa inimmaginabili. Di fronte alla provocatoria arroganza della ’ndrangheta il ministro dell’interno Maroni ha già disposto un’ulteriore intensificazione sia nelle attività di controllo del territorio che in quelle di intelligence. Nella serata di martedì - aggiunge Manganelli - il comandante generale dei Carabinieri, con la sua consueta sensibilità, ed io abbiamo deciso l’invio di ulteriori 40 unità altamente specializzate delle forze di polizia». Sull’ausilio dei militari il capo della Polizia dice: «Abbiamo chiesto al prefetto di Reggio Calabria di valutare l’opportunità del loro impiego per liberare le forze di polizia dalle attività di presidio a tutela di obiettivi fissi e recuperarli per ordinarie attività di controllo del territorio. Per l’eventuale impiego dei militari c’ è già la condivisione dei ministri competenti, pertanto stamattina il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Reggio Calabria valuterà l’opportunità di formulare tale richiesta». rg

L’Arcivescovo: la Calabria non è libera di essere se stessa REGGIO CALABRIA - «Da che cosa è abitata la nostra Calabria? E’ un giardino o una selva? Vi splende il sole, una stagione dietro l’altra, o l’incertezza?». Sono ledomande che l’arcivescovo di Reggio Calabria e presidente della Conferenza Episcopale Calabra si pone in un intervento diffuso ieri mattina dal Servizio Informazione Religiosa della Cei. La Calabria «sarebbe davvero stupenda se avesse la libertà diessere se stessa...». E poi «quale certezza consola la vita delle nostre Chiese e della nostra Calabria?».

Cids: solo 45 mila euro stanziati a sostegno del sistema giustizia REGGIO CALABRIA - «Ormai è prassi che ad ogni grave atto criminoso compiuto dalla criminalità organizzata venga riproposto il problema dell’invio dell’esercito» si legge in una nota di Costantino del Cids. «E mentre da più parti - continua - vengono sollecitate misure urgenti per fronteggiare l’attività delinquenziale per coprire posti in organico riguardanti magistrati e personale amministrativo, erogare adeguati fondi, riformare il sistema giustizia, il Governo, finora, si limita a stanziare 45.000 euro per le prime spese. Perciò sorgono

Il presidente del Cids

forti perplessità sul fatto che La Russa assicura che si possono utilizzare i soldati di "strade sicure". A noi sembra che per una seria azione di contrasto della criminalità organizzata l’esercito scarsamente può incidere».


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani 13

CRONACHE

Minacce a Pignatone, si cerca il telefonista di Filippo Marra REGGIO CALABRIA - Sono affidate ai rilievi tecnici le speranze degli inquirenti di trovare elelenti utili ai fini delle indagini sulle minacce al procuratore della repubblica del tribunale di Reggio Calabria Giuseppe Pignatone, dopo il rinvenimento di un bazooka multiuso, peraltro già utilizzato, ritrovato dalla polizia, dopo una telefonata anoniI reparti ma al 113, al rione San Giorscientifici gio Extra a poche tentano di centinaia di metri dal palazzo che rilevare ogni ospita la Dda ed altri importanti traccia utile uffici giudiziari. I nella cabina reparti scientifici delle forze dell’ordine tentano di rilevare ogni traccia utile nella cabina telefonica di via Cardinale Portanova da cui è partita la

chiamata di minacce al procuratore capo Pignatone. Al momento, però, non si conosce nessun riscontro dell’attività investigativa. La polizia è impegnata alla ricerca di mezzi di prova, anche i più piccoli ed apparentemente insignificanti. La cabina da cui è partita la telefonata al 113 si trova in una zona centrale della Città, dove insistono numerosi uffici, tra cui quelli del Consiglio regionale e del Tar. E’ ipotizzabile che qualche elemento possa emergere dai filmati delle telecamere a circuito chiuso che presidiano questi punti sensibili. Tuttavia, va tenuto conto del

fatto che quella è una delle zone più trafficate della città. Ecco perchè l’attivitï investigativa si annunciaparticolarmentedifficileecomplessa. Si cercano eventuali impronte del telefonista, anche se questi, sicuramente, avrà preso delle precauzioni per impedire di lasciare tracce. Lo stesso può dirsi per ilbazooka. La presenza di questo lanciarazzi anticarro, nelle finalità dei registi delle minacce, potrebbe assumere un carattere scenico, un messaggio da decodificare. Detenere un residuato così pericoloso, visti i continui ed efficaci controlli del territorio da parte della forse di polizia, appare una circostanza semplicistica, a meno che il gesto, come d’altronde altri inquietanti segnali registrati in città, non ci riportaa quei servizi deviati di cui tanto si ipotizza il coinvolgimento in questa strategia della tensione che continuaa fare il gioco della ’ndrangheta e di altre forse oscure che tentano di gestire il territorio.

Gli atti non sono ancora arrivati a Catanzaro di Giuseppe Moroni CATANZARO - Si lavora incessantemente alle indagini già avviate dopo gli attentati dei mesi scorsi, ma ancora alla Procura di Catanzaro non sono arrivati gli atti relativi all’ultimo atto intimidatorio verificatosi martedì a Reggio Calabria, dove con una telefonata anonima effettuata al113 da una cabina telefonica sono state rivolte precise minacce al procuratore Giuseppe Pignatone, ed i poliziotti sono stati "guidati" al ritrovamento di un bazooka monouso oramai inoffensivo, lasciato per strada, vi-

cino al Centro direzionale che ospita gli uffici della Procura reggina. Sul nuovo episodio intimidatorio indaga la Squadra mobile della città sullo Stretto, che a poche ore dai fatti, sta svolgendo ogni attività utile per mettere insieme i primi elementi investigativi. Le indagini saranno coordinate dalla Procura di Catanzaro, competente dal momento che è un collega in servizio a Reggio la vittima dell’intimidazione. Nessun dubbio su questo anche perchè quest’ultimo grave episodio viene inquadrato dagli investi-

gatori nell’ambito di un’escalation criminale che già ha visto altri magistrati in servizio a Reggio vittima di minacce, e che sarebbe volta a dimostrare da parte della criminalità organizzata la capacità di proseguire indisturbata nonostante il durissimo contrasto operato da magistratura e forze dell’ordine. Già ieri il procuratore di CatanzaroVincenzoAntonioLombardo, in una dichiarazione , aveva espresso tutta la propria preoccupazione per quella che ha definito «un’emergenza continua», ma concludendo con determinazione «noi continuiamo a lavorare».

Scopelliti: non sono più contrario all’esercito CATANZARO - All’invio dell’esercito a Reggio Calabria «sono sempre stato contrario, e il ministro La Russa lo sa perchè in altre circostanze in qualità di sindaco mi aveva interpellato ancor prima di avviare qualsiasi procedura». Lo ha detto il presidente Scopelliti. «Oggi - aggiunge -condivido un altro aspetto, perchè la presenza dei militari, così come è stata motivata e indirizzata, prevede la presenza nei punti strategici dell’esercito, ma all’interno del palazzo di giustizia. Le forze dell’ordine vengono così impiegate sul territorio per mansioni e funzioni diverse. Allora questo non è un presidio del territorio e quindi una presenza vistosa, è una presenza di natura diversa, tende a stare all’interno delle realtà , dei palazzi e dei luoghi dove la magistratura esercita le proprie funzioni».

Giovani Idv: ora spetta allo Stato rispondere in maniera adeguata REGGIO CALABRIA - «I Giovani dell’Italia dei Valori manifestano tutta la propria solidarietà ed estrema gratitudine nei confronti della magistratura e di quei magistrati liberi che mettono in pericolo la propria vita e quella dei propri cari portando avanti indagini che mirano a destabilizzare l’assetto crimi-

nale ed affaristico della ‘ndrangheta» si legge in una nota del coordinatore nazionale. «Ciò che sta accadendoaReggioCalabria è la chiara dimostrazione di come la ‘ndrangheta abbia lanciato l’ennesima sfida allo stato ed alla tenuta democratica del nostro Paese».

De Magistris: porre fine ai vuoti nella magistratura REGGIO CALABRIA - «L’attacco alle istituzioni da parte della ‘ndrangheta deve essere respinto con una massiccia presenza dello Stato in Calabria. Presenza dello Stato significa porre fine ai vuoti degli organici della magistratura, supporto anche economico alla giustizia e alle forze dell’ordine, sostegno e partecipazione dei dirigenti politici alle iniziative e alle manifestazioni che la società civile con coraggio porta avanti» si legge in una nota di Luigi De Magistris. «E significa anche evitare di delegittimare la magistratura indicandola come un’associazione a delinquere eversiva, di fatto facendone un target mobile per il crimine organizzato».

«Istituto Polimoda, garantire il mantenimento dei corsi» REGGIO CALABRIA - «La sede distaccata di Reggio Calabria del Corso di formazione per stilisti dell’Istituto Polimoda di Firenze è tra le poche realtà esistenti sul nostro territorio che garantisce il passaggio diretto dal variegato mondo della formazione professionale giovanile al mercato del lavoro» si legge in una nota del Segretario Questore del Consiglio Regionale della Calabria , On. Giovanni Nucera. «Le cifre parlano chiaro - continua - : al termine del corso triennale oltre l’84% degli studenti riescono a trovare un lavoro.Una realtà in grado di formare figure professionali particolarmente specializzate e nelle condizioni di fornire un plusvalore nel settore dell’alta moda nazionale. In una fase estremamente delicata - aggiunge Nucera - e difficile dal punto di vista economico, in cui si affrontano quotidianamente lotte per la salvaguardia dei livelli occupazionali esistenti, è quasi un miraggio che si possa attuare nella nostra città ciò che è unanimemente ritenuta l’unica via percorribile per l’individuazione di sbocchi occupazionali : il collegamento diretto tra formazione e imprese. E’ di estrema rilevanza, in questo momento, sfruttare ogni rivolo istituzionale per il rilancio ed il potenziamento del Corso di formazione per stilisti dell’Istituto Polimoda, al fine di scongiurare l’ennesima disillusione ai giovani

che avevano saputo cogliere un’opportunità, una risposta, sia pure settoriale, all’esigenza di avviare una fase progettuale concreta a fronte delle loro legittime aspettative di potersi "ritagliare su misura" un posto di lavoro. Ciò valutando oggettivamente la condizione di sofferenza presente in quasi tutti i comparti, con un rallentamento preoccupante dei settori tradizionalmente "trainanti " del sistema socio - economico calabrese.Una condizione di sofferenza dovuta a molteplici fattori, in cui ha pesantemente inciso la crisi economica, ma sostanzialmente riconducibile all’atavica difficoltà, non solo della nostra provincia ma dell’intera Regione a costituire circuiti virtuosi supportati dagli indispensabili "elementi territoriali". Mi auguro - conclude - che tra l’Amministrazione Comunale ed i vertici dell’Istituto Polimoda si giunga al più presto ad una soluzione che garantisca il mantenimento dei corsi formativi presso la sede distaccata di Reggio, la quale paradossalmente, proprio da tali problematiche può trarre nuova linfa vitale e suscitare l’interesse di tanti giovani alla ricerca di un indirizzo professionale utile per l’inserimento nel mondo del lavoro». Armando Amodio


14

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

CRONACHE

Muore per setticemia dopo incidente, 18 gli indagati di Gioia Testa CASTRAVILLARI - Diciassette medici di due ospedali, il Cannizzaro di Catania e quello di Castrovillari e un dipendente dell’Anas, sono indagati dalla Procura etnea nell’ambito dell’inchiesta sulla morte per setticemia di Carmelo Finocchiaro, di 33 anni, avvenuta il 27 settembre scorso. Gli avvisi di garanzia, che ipotizzano il reato di omicidio colposo, sono stati emessi dal sostituto procuratore Assunta Musella coI medici me atto dovuto a sono del tutela degli indagati.Finocchiaro, Cannizzaro comericostruisce il quotidiano La di Catania SiciliadiCatania, e di originario di Taormina, sposaCastrovillari to con due figli, ma da anni residente in Calabria, era rimasto ferito in un incidente stradale avvenuto, tra Spezzano Albanese e Cassano allo Ionio,la notte tra il 25 e il 26 agosto scorsi. L’Alfa Romeo 147, guidata da Remigio Luca Serra, di

33 anni, era uscita di strada procurando la morte del guidatore e un braccio rotto, alcune costole rotte e una pleurite a Finocchiaro, che è stato ricoverato nell’ospedale di Castrovillari e giudicato guaribile in un mese. Dopo 13 giorni però le sue condizioni si sono aggravate per una cancrena al braccio destro e per questo, l’8 settembre, è stato trasferito all’ospedale Cannizzaro di Catania che è dotato di camera iperbarica. Fino al 20 settembre

Finocchiaro è sottoposto a tre interventi chirurgici al braccio, che gli è stato amputato. L’uomo è poi entrato in coma ed è morto dopo sette giorni. I suoi genitori hanno presentato un esposto alla Procura di Catania e il sostituto Assunta Musella ha disposto il sequestro delle cartelle cliniche e l’autopsia, che è stata già eseguita alla presenza dei consulenti di parte degli indagati.

Rossano, al via i bandi psr di Carmelo Morise ROSSANO - Al via nei prossimi giorni il bando di gara per la realizzazione di due progetti esecutivi da realizzare con i fondi regionali di cui al bando Psr (Programma Sviluppo Rurale) Calabria Asse III Piar, Misura 125, Azione 1 e 2, per un importo complessivo di 280.000 euro. I progetti denominati "Viabilità Rurale" e "Miglioramento acquedotti rurali", redatti dall’Ufficio Tecnico Comunale, consentiranno di procedere alla sistemazione di strade interpoderali interessanti fra le altre le

Il sindaco di Rossano

aree rurali di Colognati, Trapesi- gli interventi previsti. Per l’assessomi,Ciminata,Forestae re Giuseppe la costruzione del tratLavia che si è to della rete idrica in I progetti sono occupato dei località Valletta ColoPiar, l’Ammignati. L’Amministra- denominati nistrazione zione Comunale affi- "Viabilità Rurale" Comunaleagderà al Galajs (Gal Argiunge untasco Jonio Sibaritide), e "Miglioramento sello imporquale società consortitante alla reale partecipata dallo acquedotti rurali", lizzazione destesso Comune di Ros- redatti dall’Ufficio gli impegni sano, l’incarico di programmacoordinamento, l’assi- Tecnico Comunale tici assunti, stenza tecnica, lo start intervenendo di Rossano up, la consulenza e lo con risorse studio di fattibilità deimportanti nella riqualificazione di aree rurali, migliorando il livello dei servizi a sostegno dell’agricoltura e dimostrando capacità nell’intercettazione dei fondi europei. Per il Sindaco Franco Filareto, nello specifico, gli interventi di riqualificazione e miglioramento della viabilità al servizio dell’agricoltura e di miglioramento della rete idrica, che verranno a breve cantierati, rappresentano uno strumento per potenziare la dotazione di servizi delle aree rurali a vocazione agricola, dando risposte puntali ai bisogni di cittadini ed agricoltori.

Ai domiciliari un uomo accusato di stalking CORIGLIANO CALABRO - I finanzieri della della Tenenza di Corigliano Calabro hanno tratto in arresto, sottoponendolo ai domiciliari, un uomo accusato di stalking. La vicenda parte dalla denuncia di una donna, vittima di atti persecuto ricommessi per telefono, sms e anche di persona. A seguito delle indagini, la Procura di Rossano aveva dapprima disposto l’applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinarsi e di comunicare con la vittima. Ma nonostante questo, l’uomo ha proseguito ad importunare la donna, fino a quando la vittima, il primo ottobre, si è presentata dai finanzieri per denunciare nuovi fatti. Addirittura una telefonata è giunta sull’utenza telefonica della vittima proprio mentre questa stava sporgendo denuncia. Telefonata che è stata ascoltata in viva voce dai militari. rc

Sequestrata l’area dell’ex Legnochimica COSENZA - Il Corpo forestale dello Stato ieri mattina ha sequestrato l’area di circa sette ettari in cui, a Rende, nell’hinterland di Cosenza, sorge l’ex industria Legnochimica che lavorava il legname ed è stata dismessa nel 2002. Il provvedimento è stato emesso dal Procuratore della Repubblica, Dario Granieri, e rientra nell’ambito dell’inchiesta avviata dalla magistratura sui possibili danni all’ambiente provocati dai residui di lavorazione che sarebbero presenti nel sottosuolo dell’area in cui sorge lo stabilimento. Ieri mattina, contestualmente al sequestro, del caso si è discusso anche nella Prefettura di Cosenza in un vertice tra Arpacal, il commmissario liquidatore dell’azienda proprietariae il Comune di Rende. rc

Tromba d’aria, danni a Campotenese i tecnici valutano la situazione MORANO CALABRO - Una violenta tromba d’aria ha investito, ieri mattina, le località "Laccata" e "Peraro" di Campotenese nel comune di Morano Calabro nel ParcoNazionale del Pollino. Ingenti i danni. Il fenomeno si è verificato intorno alle ore 5. Danni si sono regstrati a immobili (case e capannoni in particolare), ed alla vegetazione. Oltre ad aver a sradicato diverse piante il vento ha provocato l’interruzione di una strada interna di comunicazione a causa della caduta di alcune di queste piante. Sul posto oltre al personale

del Corpo Forestale, sono intervenuti i Vigili del Fuoco, i vigili urbani di Morano Calabro oltre al personale dell’Enel e della Telecom per il ripristino dei servizi interrotti. Il sindaco di Morano Calabro ha detto: «Al momento stiamo valutando la situazione; i nostri tecnici sono sul posto per gli opportuni sopralluoghi e per verificare i danni provocati alle strutture dalla violenta tromba d’aria che si è abbattuta su Campotenese. Dall’analisi che ne scaturirà sapremo se vi sono le condizioni per richiedere lo stato di calamità naturale».


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani 15

CRONACHE

Studentessa violentata e uccisa, al via il processo

Oliverio fa il punto sulla situazione della viabilità in provincia

di Gianna Borromeo

di S. Marrone

COSENZA - E’ iniziato ieri mattina dinanzi alla Corte d’assise di Cosenza (presidente Gallo, a latere Lo Feudo) il processo nei confronti di Francesco Sansone, 46 pastore di Cerisano, accusato d’essere l’assassino di Roberta Lanzino, la studentessa di Rende stuprata e uccisa il 26 luglio dell’88 lungo una strada che lega l’area urbana cosentina con la costa tirrenica. Sansone, detenuto in semilibertà, è stato già condannato a trent’anni di reclusione per due omicidi compiuti nell’89 e nel ’90. Secondo la ricostruzionedelpubblicoministe-

Sansone, detenuto in semilibertà, è stato già condannato a trent’anni di reclusione per due omicidi compiuti nell’89 e nel ’90 ro di Paola, Roberta Carotenuto, l’uomo agì con la complicità di Luigi Carbone, ch e nei mesi successivi al barbaro delitto venne fatto sparire, secondo l’accusa proprio perchè non rivelasse gli agghiaccianti segreti dell’omicidio. Per la sua morte sono stati incriminati sia il presuntoassassino di Roberta Lanzino, che il padre, Alfredo, 72 anni, e il fratello, Remo, 45 anni. Alla morte di Roberta Lanzino sarebbe legato pure lo strangolamento di Rosaria Genovese, una casalinga di Falconara Albanese nell’aprile del ’90 trovata cadavere nelle campagne di San Lucido.

Il processo si svolgerà nei confronti di Francesco Sansone, 46 anni pastore di Cerisano, accusato d’essere l’assassino della studentessa Roberta Lanzino

La donna sarebbe stata eliminata poichè sapeva pure lei troppo. Nell’udienza di ieri mattina la Corte d’assise ha respinto la costituzione di parte civile avanzata della Provincia di Cosenza, rigettando anche un’eccezione sollevata dall’avvocato Enzo Belvedere, difensore dei due fratelli Sansone, in merito alla riapertura delle indagini. E’ stata accolta, invece, un’iniziativa dello stesso penalista in merito al deposito delle intercettazioni, invitando il pm a interloquire sul caso con le parti. Proprio per consentire questo dialogo, l’udienza è stata rinviata al prossimo 23 novembre, quando saranno in programma anche le escussioni dei primi testimoni.

COSENZA - Si è tenuto nella sede della Provincia un incontro del Presidente Mario Oliverio con il nuovo capo Compartimento della Viabilità per la Calabria dell’Anas, Domenico Petruzzelli. Con Petruzzelli - riferisce una nota - Oliverio ha fatto il punto sulla viabilità nella provincia di Cosenza, con specifico riferimento a quella di competenza dell’Anas, al fine di verificare la programmazione degli interventi e di evidenziare i punti di maggiore criticità e le esigenze a cui destinare con priorità gli investimenti. In particolare sono stati affrontati i problemi relativi alla Ss 106 ed alla programmazione degli interventi, alcuni dei quali in via di realizzazione, per la messa in sicurezza soprattutto nei punti di maggiore criticità. Sempre per quanto riguarda la Ss 106 l’ing. Petruzzelli, rispondendo alle sollecitazioni del Presidente Oliverio ha informato che entro il prossimo gennaio sarà aperta al traffico la galleria di Montegiordano. Altra questione evidenziata al tavolo tenuto in Provincia da parte del Presidente Mario Oliverio è stata la messa in sicurezza della Ss 107, Paola Cosenza - Crotone. Su quest’asse stradale- ha detto Oliverio - è necessario un esame attento perchè nel tratto che attraversa l’altopiano silano sono necessari ed urgenti interventi adeguati proprio in ordine alla messa in sicurezza. Infine sono stati affrontati i problemi relativi

alla viabilità di competenza Anas che collega il comune di Longobucco alla costa jonica e quelli relativi alla Ss 660 che collega l’autostrada con il centro di Acri. Su queste problematiche si è concordato di costituire un gruppo di lavoro tecnico che metterà a punto un quadro preciso delle esigenze e delle priorità, sul quale sarà riconvocato un incontro a breve per definire il programma degli interventi, da realizzare in modo concertato tra i due enti».

«Inps Rossano: potenziare l’ufficio legale» COSENZA - «E’ di queste ore la notizia che in Calabria l’Inps sta per iniziare la fase di sperimentazione della riorganizzazione interna. L’Istituto di previdenza è pronto per iniziare un nuovo percorso di lavoro con nuove modalità di presenza sul territorio» si legge in una nota dell’ Fp Cisl Cosenza e dell’Ust Cisl Cosenza . «La Cisl - continua - è pronta ad accettare la sfida, convinti che dal saggio ed equilibrato risparmio, dal taglio delle spese superflue e passive, si possano trovare quelle risorse aggiuntive di cui il paese ha tanto bisogno per rispondere alle esigenze sempre più pressanti dei cittadini. Tutto questo senza che i servizi vengano minimamente a diminuire. Siamo convinti che riorganizzare l’ente, riducendo le spese improduttive e superflue, possa liberare delle risorse da destinare al miglioramento

della efficienza e della efficacia dell’istituto sul territorio calabrese. Abbiamo l’esigenza di ridurre i costi di gestione di un welfare che ha bisogno di nuove risorse e contemporaneamente di rendere più solido, inclusivo e rapido il modello sociale che ne è alla base. Siamo pronti, come sempre, a confrontarci e ad affrontare tutto questo, partendo dal confronto e dalle analisi dei bisogni e dalle peculiarità presenti sul territorio, partendo dalla difesa e dal rafforzamento dei servizi, senza dimenticare la riduzione degli sprechi e delle spese improduttive pur presenti nelle pubbliche amministrazioni. Tuttavia riteniamo che ogni processo di riorganizzazione debba tener conto delle specificità territoriali e dei contesti di riferimento. In particolare riteniamo che sia necessario il decentramento di alcuni funzioni pres-

so la sede Inps di Rossano, per il raggiungimento degli obbiettivi di efficacia, efficienza, economicità dell’azione amministrativa e valorizzazione delle professionalità interne. Riteniamo - conclude la nota - necessario, in questa direzione, il potenziamento dell’Ufficio Legale, attualmente depotenziato e di importanza cruciale alla luce degli elevati livelli di contenzioso verificatesi negli ultimi tempi e soprattutto il decentramento di funzioni e servizi di istituto nel settore agricolo, in ragione della vocazione agricola del territorio comparto sui cui opera la sede Inps di Rossano e dell’elevato numero di prestazioni erogate».

Santo Inni


16

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

CRONACHE

Si è insediato il nuovo comandante della Gdf di Carmela Mirarchi CATANZARO - Si è insediato ieri mattina il nuovo comandante regionale della Guardia di finanza generale di divisione Michele Calandro che ha sostituito il generale di brigata Salvatore Tatta. La cerimonia, presieduta dal comandante interregionale dell’Italia Sud-Occidentale, generale di corpo d’armata Saverio Capolupo, si è svolta alla presenza di autorità civili, militari e reliMichele giose regionali e Calandro ha dei gonfaloni di Regione,Provinsostituito il cia e Comune di Catanzaro. generale di Tra i presenti anbrigata che il presidente della Regione, Tatta Giuseppe Scopelliti. Il generale di brigata Tatta, che ha guidato il Comando regionale per circa 5 mesi, congiuntamente al Comando provinciale di Catanzaro, continuerà nell’ incarico di comandante provinciale. L’alto ufficiale ha ringraziato il personale dei reparti operativi per il contributo dato e per i risultati conseguiti sottolineando il valore della sinergia attuata con gli altri corpi mettendo in evidenza «la grande

valenza umana e professionale della breve ma intensa esperienza al vertice della guardia di finanza in Calabria». Il nuovo comandante regionale, generale di divisione Michele Calandro, proviene da Bergamo dove, negli ultimi tre anni, ha comandato l’Accademia del Corpo. Nel suo indirizzo di saluto, il generale Calandro ha esortato tutti i militari del Corpo operanti nella regione a «fare squadra, rifuggendo da sterili individualismi e inutili contrapposizioni, per costituire riferimento costante e presidio sicuro per la collettività, facendo leva sulla professionalità e sul rigoroso rispetto della legge. La guardia di finanza fino ad oggi in Calabria ha fatto tanto e bene e l’obiettivo è quello di lavorare in positiva continuità».

Il comandante interregionale generale di Corpo d’armata Capolupo ha detto che «é la prima volta, significativamente, che un generale di divisione assume il comando regionale in Calabria e il generaleCalandro,giàresponsabile dell’Accademia del Corpo ha caratteristiche particolari. Sono sicuro che il generale Calandro supererà l’ennesimo esame anche in una terra straordinaria ma con grandi contraddizioni. C’é consapevolezza della particolarità della situazione calabrese». Il generale Capolupo ha manifestato «solidarietà a chi è oggetto di vili minacce» assicurando che il corpo «starà vicino e presterà la massima collaborazione. Sono convinto che i nostri finanzieri dimostreranno anche in questa circostanza le loro grandi capacità professionali».

«Alla Ferro il miglior premio» di Marco Gallone CATANZARO - «A seguito della pubblicazione dei risultati delle interviste realizzate da Monitor Provincia di Full reaserch sul gradimento dei Presidenti di Provincia di tutta Italia, desidero esprimere grande soddisfazione personale e del Consiglio Provinciale che presiedo e rappresento per lo splendi-

do risultato raggiunto presenta forse il miglior dal Presidente Wanda premio che un amminiFerro» si legge in una La nota di stratore possa ricevere in nota di Peppino Ruquanto assegnato sulla berto , Presidente del Peppino base del gradimento delConsiglio Provinciale la collettività che è in sodi Catanzaro . «Il rico- Ruberto stanza l obiettivo primanoscimento della Prerio dell azione amminisidente di Provincia donna più strativa. Mi sembra doveroso eviamata e il decimo posto assoluto denziare che il periodo di amminiraggiunto in Italia - continua - rap- strazione preso in esame è stato aggravato da condizioni di grave crisi economica, di consistenti tagli di risorse sia da parte del Governo che della Regione Calabria e da ripetuti episodi alluvionali che hanno messo in ginocchio tutto il territorio provinciale ma che grazie all impegno e alla sapiente capacità amministrativa del Presidente Ferro è stato possibile assicurare alle nostre collettività ottime condizioni di vivibilità. Al nostro Presidente - conclude - va quindi un doveroso e sincero plauso per tutto ciò che ha saputo realizzare fin ora nella completa consapevolezza che altrettanto di buono saprà ottenere nel futuro del suo mandato».

Inchiesta Why Not, arriva l’ufficio europeo antifrode CATANZARO - L’ufficio europeo per la lotta antifrode (Olaf) sarà a Catanzaro la settimana prossima per analizzare quanto emerso dall’inchiesta Why Not, sui presunti illeciti nella gestione dei fondi pubblici. Il personale dell’Olaf analizzerà la documentazione in possesso della Procura Generale del capoluogo calabrese e cercherà di accertare se ci sono state violazioni per quanto riguarda la gestione dei fondi europei. L’Olaf si occupa fondamentalmente della protezione degli interessi finanziari dell’Unione europea, nella lotta contro la frode, la corruzione e ogni altra forma di attività illegale, comprese quelle perpetrate in seno alle istituzioni europee. Nel marzo dello scorso anno l’inchiesta Why Not, avviata dall’ex pm di Catanzaro Luigi De Magistris, attualmente europarlamentare dell’Italia dei Valori, è giunta ad una prima definizione. Il Gup del tribunale di Catanzaro, Abigail Mellace, nel processo con rito abbreviato ha condannato otto persone e ne ha assolte altre 34. Nell’udienza preliminare, invece, sono state rinviati a giudizio 27 indagati e prosciolte altre 28 persone. Il processo per coloro che sono stati rinviati a giudizio è iniziato nelle settimane scorse ed è attualmente in corso. La Procura generale di Catanzaro è ancora in attesa di conoscere le motivazioni del giudice sulle condanne e le assoluzioni.

cm

Uomo bruciato e ucciso, nuove perquisizioni CATANZARO - Nuove perquisizioni sono state eseguite, ieri, a Catanzaro, dai Carabinieri nell’ ambito delle indagini per la morte di Antonio Aloi, l’uomo trovato semicarbonizzato in un casolare abbandonato di Simeri Crichi, nel catanzarese, lo scorso 19 settembre. Dopo l’arresto di Alfredo Trapasso, accusato dell’omicidio, gli uomini del Reparto operativo provinciale stanno approfondendo alcuni aspetti, soprattutto rispetto all’ipotesi che quest’ultimo non abbia agito da solo. Si tratta di ipotesi investigative al vaglio degli inquirenti che stanno verificando ogni pista che potrebbe portare all’individuazione dei possibili complici. Trai moventi, quello più accreditato appare collegato allo spaccio di droga nella città di Catanzaro. r.cz

Ritirato odg sulla D’Ippolito, la soddisfazione della parlamentare LAMEZIA TERME - «Ida D’Ippolito, parlamentare, componente della Commissione antimafia e consigliere comunale a Lamezia Terme, Ida D’Ippolito ha fatto registrare una vittoria importante per la legalità a Lamezia Terme, il suo comune». E’ quanto si afferma in un comunicato della parlamentare. «Il sindaco - sostiene D’Ippolito - dopo il mio grido d’allarme è stato costretto a spostare la data del Consiglio comunale e a stralciare dall’ordine del giorno la contestazione della mia elezione a consigliere comunale: una vitto-

ria del Sud onesto contro quei poter oscuri che non vogliono che l’Antimafia varchi il portone del Municipio di Lamezia». «La scorsa settimana alla Camera dei Deputati, infatti - prosegue la nota - l’on. D’Ippolito aveva denunciato quanto stava accadendo nella città calabrese: sindaco e presidente del Consiglio Comunale avevano calendarizzato, nonostante non ve ne fossero i presupposti giuridici, la discussione sulla sua ineleggibilità».

r.cz


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani 17

CRONACHE

«Nessuno come Traversa ha fatto tanto per Catanzaro» di Carmela Mirarchi CATANZARO - «Basterebbe un solo esempio per descrivere la differenza tra un politico del "fare" come l’on. Traversa e l’inconcludenzadelcentrosinistra. Basterebbe mettere a confrontolavivacità,l’ordinee la pulizia del Parco della Biodiversità, frequentato quotidianamente da centinaia di catanzaresi, con la desolazione, l’abbandono, l’incuria, la sporcizia della Villa Trieste». E’ quanto afferma il capogruppo del Pdl al Comune, Domencio Tallini. «L’on. Traversa - continua - è l’uomo politico che più ha fatto per la città di Catanzaro negli ultimi quindici anni. Lo ha fatto con entusiasmo, animato solo dal grande amore per la città. Poiché alcuni gruppuscoli ogni tanto tentano di discreditarne l’azione, riteniamo giusto rammentare solo alcune delle opere che si devono all’impegno dell’on. Traversa. Il Parco della Biodi-

versità, che si estende su 60 ettari, è un gioiello che ci viene invidiato da molte città italiane. Sempre all’interno del Parco, l’on. Traversa ha voluto l’istituzione del Musmi e la raccolta di opere di arte contemporanea "open air". Se Catanzaro ha oggi un Museo di arte contemporanea degno di un capoluogo, lo si deve all’on. Traversa che ha trasformato il decadente palazzo dell’Istituto Sordomuti nel Marca sede di prestigiose mostre. Se in tutti questi anni Catanzaro ha potuto ospitare i più grandi eventi di musica leggera all’aperto, lo si deve all’intuizione dell’on. Traversa che ha realizzato l’Arena Magna Graecia, struttura che è stata negli ultimi tempi degradata dalle Giunte di centrosinistra alla Regione e al Comune. Se Catanzaro ha potuto ospitare un Concorso ippico, lo si deve alla realizzazione, del Centro ippico La Valle dei Mulini, struttura unica nel suo genere in Calabria. Tra le strutture sportive, da ricordare il PoliGiovino. Per passare alle infrastrutture viarie, basterebbe se-

gnalare la nuova strada Germaneto - Catanzaro - Lido. L’elenco aggiunge - potrebbe continuare a lungo per testimoniare la politica del "fare" dell’on. Traversa. Il sindaco Olivo e la sua Giunta dopo cinque anni possono solo elencare progetti sulla carta, faraoniche metropolitane inesistenti, centinaia di annunci di interventi mai realizzati. Le accuse rivolte all’on. Traversa da alcuni movimenti fantasma sulla cittadella regionale e sulla Scuola di Magistratura sono false e mistificanti. La Scuola di Magistratura a Catanzaro è stata voluta dai Governi di centrodestra, mentre il tentato scippo, tra l’altro sventato proprio grazie al ricorso proposto dalla Provincia guidata da Wanda Ferro, lo si deve al Governo Prodi che è da additare come il vero responsabile della querelle. L’attenzione dell’on. Traversa conclude - e della delegazione parlamentare del PdL resta immutata rispetto all’impegno assunto dal Ministro Alfano di istituire a Catanzaro la Scuola».

Incontro con Chicca Olivetti, fondatrice del gruppo “Metà di Tutto" CATANZARO - Venerdi 15 ottobre, alle ore 17 presso il la Provincia di Catanzaro - si terrà un incontro con Chicca Olivetti, fondatrice del gruppo "Metà di tutto - 65 sì, ma con onori ed oneri" per sensibilizzare le coscienze sulla distanza delle donne italiane da quelle europee in fatto di welfare, accesso alle cariche istituzionali ed ai posti di responsabilità. Introdurrà Wanda Ferro, Presidente della Provincia, conclusioni a cura di Alessia Usuelli, coordinatore delle iniziative sul territorio. Il movimento ha preso forma il giorno in cui fu annunciato l’innalzamento dell’età pensionabile della donna a 65 anni, con l’intento di parificare la legislazione italiana a quella europea. «Noi abbiamo pensato che era giusto - si legge nel manifesto del movimento -. Finalmente, oltre alla pensione a 65 anni, ci avrebbero dato anche le altre parità delle donne della Cee: un welfare migliore, che aiuti le donne ad accedere al mondo del lavoro, più incarichi di

responsabilità, più incarichi istituzionali. Come nel resto d’Europa. Invece ci hanno dato soltanto l’innalzamento dell’età pensionabile. Il resto nulla. Allora abbiamo capito che se noi stesse non ci prenderemo i nostri diritti con le nostre forze, e solo con le nostre forze, saremo sempre donne mortificate e non considerate.Ora vogliamo la metà di tutto. Questa non è solo una battaglia al femminile - prosegue il manifesto - è una battaglia per un grande cambiamento. Con noi ci sarà più etica, più meritocrazia, più possibilità per i giovani. Sino a oggi abbiamo: fondato un gruppo, raccolto migliaia di adesioni, creato il blo www. lametaditutto. com. Non poteva bastare. Ora stiamo anche formando gruppi sul territorio. Siamo stati in diverse città e in ognuna di esse c’è un responsabile del gruppo reale. I prossimi incontri saranno a Catanzaro, a Taranto». C. M.


18

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

CRONACHE Confiscati 200 mila euro di beni ad elemento dei "Papaniciari" CROTONE - Beni per un valore di 200 mila euro nella disponibilità di Salvatore Pettinato, di 33 anni, ritenuto elemento di rilievo della cosca dei "Papaniciari", sono stati confiscati dalla Questura di Crotone. Il provvedimento di confisca, che è stato emesso dal Tribunale di Crotone - sezione misure di prevenzione, segue quello di sequestro emesso il 9 ottobre del 2009. In particolare il tribunale ha disposto la confisca di una impresa individuale denominata "Gloss di Marullo Pierpaolo", operante nel settore dei trattenimenti danzanti e di un’altra impresa individuale denominata "Nomination di Pettinato", operante nel settore dei servizi pubblicitari, per un valore complessivo di circa 200.000 euro.

Santo Inni

Furto aggravato, i carabinieri hanno arrestato tre persone CUTRO - Tre persone, tutte disoccupate, sono state arrestate con l’accusa di furto aggravato dai Carabinieri della stazione di Cutro. I tre sono stati sorpresi mentreasportavano un bancone da un immobile posto sotto sequestro nell’area industriale di Cutro, mentre un altro bancone era già stato caricato su un furgone. In manette sono finiti Roberto Varano, 36 anni, Antonio Cusato, 20, e Leonardo Scarriglia, 19. I tre hanno trascorso la notte nella camera di sicurezza della stazione e ieri mattina sono comparsi davanti al giudice Giulia Proto per il rito per direttissima; il magistrato del tribunale di Crotone ha convalidato gli arresti. Carmelo Morise

Firmato il verbale di aggiudicazione dei lavori del Castello Carlo V CROTONE - E’ stato firmato ieri mattina il verbale di aggiudicazione dei lavori di riqualificazione del Castello Carlo V di Crotone. Lo hannoannunciato,conuna conferenza stampa, gli assessori all’Urbanistica, Ettore Perziano e alla Cultura, Silvano Cavarretta, il responsabile unico di procedimento e dirigente del settore IV "Gestione e pianificazione del territorio", Sabino Vetta, ed il progettista dei tre interventi presentati alla stampa, Marco Dezzi Bardeschi, padre del restauro conservativo italiano. Il quadro dei lavori al quale si sta per dare il via, progettato con tecnologie innovative ed approvato dall’Amministrazione Comunale, riguarda sostanzialmente tre interventi volti a ridare al Castello un ruolo strategico di motore centrale nellariorganizzazionefunzionaledellacittà,oltreche assicurare la permanenza fisica ed il recupero alla fruizione del pubblico, pri-

vilegiando la messa in sicurezzaelavalorizzazione paesaggistico - ambientale. Assoluta precedenza, anche in termini di impegno economico, è stato dato ai problemi provocati dal crollo del muro su via Verdogne. Il progetto prevede la sistemazione del pendio attraverso un intervento di ingegneria naturalistica. Il secondo degli interventi punta alla valorizzazione dell’area del fossato per garantire una sicurafruizionepedonaleea creare il necessario ricollegamento della perduta continuità del sistema del verde pubblico esistente tra l’accesso alla Villa Comunale da una parte e la discesa verso mare dall’altro. L’ultimo degli interventiprevederiaperturaall’uso pubblico delle sale presenti all’interno del Bastione di Santa Caterina.

Anna Bolle

Doppio sbarco di immigrati arrestato lo scafista greco di Carmelo Morise CROTONE - Centodue immigrati, prevalentemente afgani, palestinesi e iracheni, tra cui 18 minorenni, sono sbarcati ieri mattina sulla costa ionica della Calabria, nella provincia di Crotone. Nelle prime ore della mattinata, unità navali della Guardia di Finanza hanno intercettato nello specchio d’acqua antistante al litorale del Comune di Cirò Marina, a circa tre miglia dalla costa, un’imbarcazionea veladi12 Nella prima c’erano metri con a bordo 36 persone a bordo di 36 cittadinella seconda ni extratrovata spiaggiata comunitari in procinto di lungo la costa sbarcare c’erano 66 uomini sulla costa. Sono

stati quindi predisposti servizi di controllo via terra e via mare, per rintracciare eventuali altri natanti. I sevizi hanno permesso di rinvenire, incagliata silla spiaggia, un’altra imbarcazione di 17 metri. Lungo la costa e sulla Ss 106 altri c’erano 66 extracomunitari tutti successivamente trasferiti nel centro di prima accoglienza "S. Anna" di Isola Capo

Rizzuto, dove la Polizia di Stato sta procedendo alla loro identificazione e al fotosegnalamento. Nel corso dell’abbordaggio a mare da parte della Guardia di Finanza, è stato tratto in arresto un cittadino greco ritenuto lo scafista. Sono in corso indagini da parte della locale squadra mobile volte ad individuare eventuali altri complici.

Omicidio Cavallo, la sentenza CROTONE - Dovrebbe arrivare il 18 novembre la sentenza nel processo a carico di Andrea Corrado, crotonese di 20 anni, imputato per l’omicidio del 27enne Giuseppe Cavallo ucciso il pomeriggio del 25 marzo 2008 nella frazione Papanice di Crotone. Per quel giorno, infatti, i giudici della Corte d’assise di Catanzaro hanno fissato le discussioni della pubblica accusa, della parte civile e dei difensori di Corrado, gli avvocati Sergio Rotundo e Montesanti, e poi la decisione. Prima di allora è prevista un’altra udienza, il 10 novembre, per chiudere il dibattimento dopo le ultime richieste istruttorie avanzate dalle parti ieri, al termine dell’audizione di tre testimoni. Ancora un mese, dunque, per sapere se Corrado sarà

riconosciuto colpevole di quell’omicidio che, secondo la tesi della Procura, avvenne in risposta all’agguato, avvenuto solo due giorni prima, nel quale fu assassinato il presunto boss Luca Megna e rimasero ferite la moglie e la figlioletta di appena 5 anni. Cavallo, infatti, era il marito di Rosa Russelli, cugina del presunto boss Leo Russelli, ritenuto dagli inquirenti a capo del clan che a Papanice si era schierato contro i Megna. A indicare Corrado come autore del delitto, nonchè del tentato omicidio della moglie e del figlio di 3 anni di Cavallo, che al momento dell’agguato si trovavano in auto con lui (la vedova è costituita parte civile) sono stati la sorella della vittima, Marina Cavallo, presente sul

luogo teatro dei fatti, ma anche i collaboratori di giustizia Luigi Bonaventura e Vincenzo Marino. Anche e soprattutto sulla scorta delle loro dichiarazioni l’allora sostituto procuratore della Dda Sandro Dolce, a seguito delle indagini della Squadra mobile di Crotone, è giunto a collocare la figura di Corrado nella cosca capeggiata da Luca Megna, in contrasto con quella guidata da Leo Russelli, nonchè ad identificarlo come il presunto autore dell’omicidio di Cavallo.

Annalisa Scampio


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani 19

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

Giovino, nuova chiesa: via ai lavori Alla presenza delle massime autorità politiche della città, è stata effettuata la posa della prima pietra di Rosaria Ionà

questa nascente struttura. I presupposti per creare qualcosa di più di un semplice luogo in cui ci si reca per ascoltare la Santa Messa domenicale ci sono tutti. A partire dal giovane parroco che non lesinasacrificieimpegnonell’avvincente sfida di regalare ai tanti cittadini un qualcosa che possa essere innanzitutto un punto di riferimento, un luogo d’incontro attorno cui fare ruotare un mondo sano e ricco di buoni propositi, come quello, ad esempio, dei giovani. Ecco perché è possibile parlare della nuova struttura che sta per prendere forma, come di un’avvincente sfida. Avvincente perché si propone, fra le altre tante e positive cose, con l’immancabile nonché necessario impegno di don Vincenzo Agosto, di portare alla luce un organismo che, magari, sia in grado anche di allontanare qualche giovane dalla strada e, quindi, da qualche vizio a cui potrebbe essere legato, per offrirgli la certezza di un ambiente che non presenta alcunché di vizioso, ma che porta in sé il solo desiderio di fare stare bene la gente che sceglie di avvicinarsi. Il parroco e le persone a lui più vicine sono al lavoro da tempo per non lasciare nulla al caso. Dopo la posa della prima pietra, si attende, ora, di ammirare al più presto l’elevazione della prima colonna portante.

CATANZARO – Il primo piccolo grande passo verso un traguardo che in molti sperano di toccare presto, è stato compiuto. Alla presenza delle massime autorità politiche cittadine e dinanzi a una moltitudine di fedeli, è stata effettuata la posa della prima pietra della parrocchia che sorgerà, entro il 2013, nei pressi del quartiere Giovino di Catanzaro Lido. Due intere giornate di festeggiamenti hanno coinvolto centinaia e centinaia di persone che, dopo tanta attesa, hanno potuto assistere a un primo importante passo. La celebrazione eucaristica che ha seguito la posa della prima pietra, è stata celebrata da monsignor Antonio Ciliberti, arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, affiancato dal parroco della chiesa di Giovino, Vincenzo Agosto . Partendo da processioni e Sante Messe e passando per degustazioni di prodotti tipici, concerti e fuochi di artificio, i fedeli hanno potuto assaporare il gusto di ciò che potrà essere una volta giunti al compimento della parrocchia che, come ricordato da monsignor Antonio Ciliberti, è molto attesa dagli abitanti di questa zona che da tempo accarezzano il desiderio di fare gruppo attorno a

All’Unical il progetto “Chiamata per idee”

“I giovani x i giovani” al via il 29 ottobre

RENDE - Oggi allo University Club si presenta "Chiamata per idee". Parte dal ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare una "Chiamata per idee" per la individuazione e il successivo finanziamento di progetti "emblematici", con carattere di esemplarità e forte valore dimostrativo, orientati al risparmio e all’efficienza energetica di sistemi di imprese. L’iniziativa sarà presentata oggi all’Università della Calabria (ore 10.00, sala dell’University Club all’Università della Calabria), in un evento promosso da Studiare Sviluppo insieme a Calpark - Parco Scientifico e Tecnologico della Calabria.

Inizierà il 29 ottobre il tour dei 16 concerti di RelAzioni "MusicLive - I giovani x i giovani", il progetto promosso e organizzato dall’Ismez Istituto Nazionale per lo Sviluppo Musicale nel Mezzogiorno, ente di promozione musicale. Nell’ambito delle attività legate alla promozione della musica e dei giovani musicisti, l’Ismez ha avviato il progetto "MusicLive" all’inizio del 2010 con l’obiettivo di mettere "in relazione" tra loro le istituzioni dedite alla formazione dei musicisti, ai fini della loro promozione e circuitazione in una rassegna di concerti da realizzare nei territori in cui si trovano le reciproche sedi delle Istituzioni, in un ottica di reciproco scambio culturale.


20

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

Ha avuto luogo a Serrastretta l’ormai consueto appuntamento con il mondo dell’automobilismo

A Domenico Polizzi il trofeo Dalida del nono slalom del Monte Condrò SERRASTRETTA - Per il secondo anno consecutivo Domenico Polizzi si aggiudica il trofeo Dalida sulle "birillate" del percorso della nona edizione dello Slalom del Monte Condrò con la sua Elia Avrio ST09. Al secondo posto anche su Elia Avrio ST09 Evo, il pilota Gaetano Piria che dall’alto della sua classe era giunto a Serrastretta in cuor suo convinto di strappare il primo posto al suo amico rivale Polizzi. «Il risultato fotocopia dell’edizione del 2009 - si legge in una nota giunta in redazione - ha dato ragione ancora una volta al pilota di Adrano. Chi non ha di certo avuto deluse le proprie aspettative è il professore Leonardo Elia che ha visto le quattro auto della sua azienda di Simeri Crichi, le Elia Avrio, piazzarsi ai primi 5 posti: primo Domenico Polizzi, secondo Gaetano Piria, quarto Tommaso Elia, quinto Giuseppe Rubino. Ad interrompere la sequenza nella terza postazione si è collocato Antonio Nostro su una Ermolli Suzuki. Professor Elia possiamo definire

la sua azienda la Ferrari calabrese? Non giunge risposta ma dal suo sorriso si coglie l’orgoglio di chi lavora quotidianamente con passione e vede coronati i propri sforzi in una terra difficile come la nostra. Assente alla manifestazione, per motivi familiari il presidente dell’associazione Dalidà Francesco Fazio, la soddisfazione viene espressa dal vice Antonio Fazio da Antonio Molinaro ed Angelo Aiello che lo ha sostituito nel dare il benvenuto alla commissione sportiva al suo insediamento. Angelo Aiello dichiara di essere fiducioso di poter meritare la riconferma della titolazione 2011 a coppa Csai sesta zona che verrà comunicata a breve termine con le note dell’Osservatore nazionale Csai dottor Pasquale Basile presente alla manifestazione con il compito preciso di verificare che tutto sia svolto nei termini del regolamento». La partenza in orario dei 71 piloti verificati su 92 iscritti fa dello slalom del 3 ottobre una delle edizioni migliori sulle nove fin qui

«Chi non ha di certo avuto deluse le proprie aspettative è il professore Leonardo Elia che ha visto le quattro auto della sua azienda di Simeri Crichi piazzarsi ai primi 5 posti»

svolte dalla sua istituzione. L’ottima prestazione del socio Dalida Fernando Roperto con fiat Punto Jtd, di Francesco Scalise su Fiat 500 e il ritorno alle corse dopo due anni di assenza di Michelino Maruca su Renault Clio danno la dimensione di come la passione per le corse sia diffusa nel piccolo paese della presila catanzarese. La premiazione è stata effettuata al termine della gara nell’anfiteatro Dalida che sorge in piazza Aldo Moro, presente il sindaco di Serrastretta prof Renato Mascaro. La gara, premiazione inclusa è stata trasmessa in diretta via web. A fare da speaker due soci, Daniele Lo Faro e Maria Antonietta . Anche quest’anno un elegante opuscolo raccoglie la testimonianza dei numerosi sponsor che hanno patrocinato la manifestazione oltre che le notizie della gara e del paese al fine di lanciare un messaggio positivo sul comune di Serrastretta da sempre conosciuto per la sua accoglienza per l’artigianato della sedia e per aver dato i natali a Dalida.

Come nota a conferma che l’associazione Dalida gestisce anche lo slalom automobilistico ma si muove in generale per la promozione del territorio nel nome dell’illustre artista di origine serrastrettese Iolanda Cristina Gigliotti in arte Dalida, la piacevole sorpresa della donazione di un pregevole dipinto del quale l’artista palermitano Pippo Madè ha omaggiato la Casa museo Dalida . L’opera, il volto luminoso di Dalida, è stato portato dal figlio dell’artista Rosario Lo Cicero che ha partecipato alla competizione ma un’avaria al motore lo ha privato della soddisfazione dir un buon risultato. «Un ringraziamento da parte del comitato organizzatore - si legge nella nota - all’Amministrazione comunale di Serrastretta, alla Provincia di Catanzaro, alla Regione Calabria, alla Prefettura, ai vigili del Fuoco, alle Forze ar-

La gara, premiazione inclusa, è stata trasmessa in diretta via web. A fare da speaker 2 soci, Daniele Lo Faro e Maria Antonietta mate ed in particolare ai Carabinieri, alla Croce Rossa, ai volontari della protezione civile, all’associazione libera Caccia a tutti i tecnici che a vario livello hanno garantito la buona riuscita di questa nona edizione dello Slalom di Serrastretta, all’Aci di Catanzaro ed al presidente Eugenio Ripepe che, pur velocemente a causa dei suoi impegni è passato per i saluti».

Con il concerto del pianista Georgy Gromov riparte la stagione concertistica della Beethoven di Crotone CROTONE - Dopo una sia pur breve pausa estiva, ricomincia la stagione concertistica 2010, organizzata dalla società Beethoven Acam di Crotone, con il concerto del pianista Georgy Gromov che si terrà sabato 9 ottobre, presso l’auditorium del Liceo musicale "O.Stillo" , sito in Largo Panella (adiacente Parco delle Rose), alle ore 19.00, a Crotone. Georgy Gromov sta facendo una carriera internazionale come pianista con acume e passione eccezionale. Il suo vasto repertorio dimostra la sua versatilità e flessibilità sorprendente, nell’af-

frontare diversi stili dal barocco alla musica contemporanea. È un frequente presente a festival di musica internazionali, come "Musiquechoeuridance" in Francia, "Prometheus", "The Univers of Sound", "The Steps at snow" in Russia, "Lediecigiornate di Brescia", "Armonie sotto la Rocca" in Italia, "Oslo Grieg Festival" in Norvegia, "Klassik-festival Ruhr" in Germania ed altri. È presente nelle più prestigiose sale da concerto, il conservatorio di Mosca, la Grande Sala dell’Accademia di musica russa, il Museo di Pushkin.

Maria Teresa Di Meo


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani 21

APPUNTAMENTI E SPETTACOLI

Durante la celebrazione eucaristica, l’arcivescovo ha benedetto il nuovo portale della chiesa rettoria

A San Vito sullo Jonio solenne festa in onore della Vergine del Rosario SAN VITO SULLO IONO - L’arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, monsignor Antonio Ciliberti, su invito del priore della confraternita, avvocato Vito Palmieri, e del seggio priorale, ha presieduto la solenne festività in onore della Vergine del Rosario con la supplica alla Madonna, domenica 3 ottobre scorso, nella chiesa rettoria dell’Annunziata a S.Vito Jonio, sede della confraternita, fondata il primo luglio 1585 e che quest’anno compie ben 425 anni di vita confraternale, quale vero Giubileosolennizzatodall’attestato inviato al priore del Vaticano a firma del cardinale Stanislaw Rylko del 23 agosto 2010, presidente del pontificio consiglio per i laici. Durante la solenne celebrazione, l’arcivescovo, assistito dal padre spirituale-rettore don Olanda e dal diacono di Dasà ing. Nino Tripodi, ha benedetto il nuovo portale della chiesa rettoria, costruito dalla Confraternita, con le offerte dei fedeli, con pregiato legno di rovere, a perenne ricordo delle future generazioni e realizzato dalle

maestranze locali come il maestro artigiano del legno Vito Spanò. Parole di elogio sono state espresse dall’arcivescovo per l’impegno profuso dalla confraternita e di cui è forte il ricordo di tanti precedenti confratelli citati nel suo appassionato discorso, dal priore Palmieri e da altri come Vito Doria, Peppino Lagani, cassiere, Vito Lagani Giordano, Ciccio Teti sacrista, Nicola Doria, Enzo Gironda i Vice Priori DomenicoMontesano,VitoCarmelo Lagani, Nicola Sanzo e tanti altri che lavorarono insieme all’indi-

L’arcivescovo metropolita di Catanzaro, monsignor Antonio Ciliberti, ha presieduto la solenne festività in onore della Vergine del Rosario svoltasi domenica 3 ottobre

menticabile priore Aurelio Palmieri che si adoperò senza sosta a far elevare la chiesa dell’Annunziata a rango di rettoria con decreto emanato nel 1953 dall’arcivescovo Armando Fares. Tra i canti melodici della cantante Annamaria Calabraro e del baritono confratello Franco Vitrò, erano presenti numerosi fedeli anche dei paesi vicini e numerose autorità civili e militari tra cui il presidente della Corte di appello di Catanzaro e presidente della Commissione tributaria regionale,dottoreGianfrancoMigliaccio, il presidente emerito della Corte di Appello, dottore. Rinaldo Commodaro, il capitano della Guardia di Finanza Domenico Gatto in rappresentanza del generale Salvatore Tatta, il comandante regionale delle Fiamme gialle, l’avvocato Francesco Squillace con la figlia Laura, i confratelli del Pio sodalizio dott. Beppe Condò, dott. Leopoldo Stagianò, il componente della Commissione tributaria provinciale di Catanzaro, colonnello Antonio Barone. Hanno partecipato al sacro rito

numerose confraternite della diocesi tra cui l’arciconfraternita di S. Giovanni Battista dei Cavalieri di Malta ad honorem di Catanzaro guidata dal priore Fortunato Santise,dall’avvocatoGianfranco Cacia e agli altri cavalieri confrati, la Real confraternita di Maria Ss.ma delle Grazie di Mongiana

Parole di elogio sono state espresse dall’arcivescovo per l’impegno profuso dalla confraternita guidata dal priore Rullo e dal vice priore Francesco Castauro con tutta la Cattedra, la confraternita dei Sette Dolori di Spadola guidata dal priore dott. Bruno Tassone con la Cattedra e Novizi, la confraternita della Madonna Addolorata di Simbario col priore BertucciBruno,laconfraternitadella Madonna della Pietra di Chiaravalle guidata dal consultore Paolo Staglianò con numerosi confrati, il seggio priorale della confraternita del Rosario di S. Vito con il priore avv. Palmieri, il vice priore Vincenzino Zurzulo, il tesoriere avv. Ettore Vitrò, il segretario geom. Fernando Bilotta, il consigliere Vincenzo Totino oltre tutti i confratelli e le consorelle.

Oggi l’inaugurazione del museo diocesano di Reggio Calabria intitolato a monsignor Sorrentino REGGIO CALABRIA - Oggi, alle ore 17,00, nella cattedrale di Maria Ss. Assunta, mons.VittorioMondello,srcivescovometropolita di Reggio-Bova, presiederà l’inaugurazione del museo diocesano di Reggio Calabria. Interverranno: l’arch. Francesco Prosperetti, direttore regionale ai Beni culturali e Paesaggistici della Calabria, il dott. Fabio De Chirico, soprintendente ai Beni storici, artistici ed etnoantropologici della Calabria, mons. Domenico Marturano, direttore dell’Ufficio beni culturali diocesano e mons. Giancarlo Santi, presidente dell’As-

sociazione musei ecclesiastici italiani. Quest’ultimo terrà la relazione su "Il Museo diocesano strumento privilegiato per attuare il progetto culturale della Chiesa di Reggio-Bova". Seguirà la visita alle sale di esposizione guidata dalla dott.ssa Lucia Lojacono, direttore del museo diocesano, e dall’arch. Renato Laganà. Come sottolineato nella guida al museo, l’esigenza ed il desiderio di un museo diocesano nasce durante l’episcopato con mons. Giovanni Ferro e si approfondisce con mons. Aurelio Sorrentino al quale il museo è intitolato.


22

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

APPUNTAMENTI XIX edizione “La Calabria nel mondo” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CATANZARO I Edizione del Corso di Conciliatore Professionista L’associazione culturale Mediare e Conciliare terrà una conferenza stampa per presentare la I Edizione catanzarese del Corso di Conciliatore Professionista, organizzato dall’Isco adr (Istituto Superiore di Conciliazione - Ente di formazione riconosciuto dal Ministero di Grazia eGiustizia),oggi,alleore11.00,presso la saletta dell’Arcivescovado, sita in piazza Duomo di Catanzaro. Interverranno la dott.ssa Anna Abbenante, presidente dell’associazione Mediare e Conciliare, alcuni membri del comitato scientifico ed il dott. Pasquale Penza dirigente responsabile dell’Isco adr che presenterà l’apertura della Camera di ConciliazioneIscoadrdiCatanzaro,laprima sul territorio calabrese. LAMEZIA TERME Convocazione del consigliocomunale Giorno 8 ottobre , alle ore 9.30, è convocato in seduta pubblica il consiglio comunale, ed eventuale 2^ convocazione il giorno 12 ottobre , alle ore 16.00, presso la sala consiliare del’ex Comune di Nicastro. LIMBADI Festaprovincialedell’Associazione Anp della Cia L’Associazione Anp della Cia invita alla manifestazione che si terrà sabato 9 ottobre , a partire dalle ore 15.30, "Festa provinciale dei pensionati". NOCERA TERINESE Conferenza stampa approvazione Lauree Triennali di I Livello IlComunediNoceraTerineseel’istituto superiore di Studi Musicali Tchaikovsky invitano alla conferenza stampa che si terrà l’ 8 ottobre , alle ore 11.00, presso la sala consiliare del Comune di Nocera Terinese. La conferenza è stata indetta a seguito dell’approvazione, da parte del Ministro Maria Stella Gelmini, delle Lauree Triennali di I Livello presso il Conservatorio di Musica Tchaikovsky. Verrà illustrato il dato importante dell’attivazione di queste lauree nel quadro delle politiche culturali del Comune di Nocera Terinese che, ospitando un’istituzione di Alta Formazione Artistica e Musicale, si conferma nascente sede universitaria e “Cittadella della Musica”. REGGIO CALABRIA Seminariosullavalutazionedell’attuazione in Calabria e in Basilicata, delProgrammaGioventùinAzione 2007-2013 Si apre oggi , a Reggio Calabria presso l’Hotel Regent il primo Seminario sulla valutazione dell’attuazione, in Calabria e in Basilicata, del Programma Gioventu’ in Azione 2007-2013. Aprirà i lavori il sindaco di Reggio Calabria, il dottor Giuseppe Raffa, già assessore alle politiche europee e da anni impegnato nella promozione della mobilità europea giovanile e di progetti ed iniziative in

Il 12 ottobre alle ore 16.00 torna il premio Internazionale “la Calabria nel mondo” e lo fa nella prestigiosa sede della Sala Protomoteca in Campidoglio. E’ questa la sede scelta per la cerimonia di premiazione della XIX edizione del riconoscimento istituito dall’Associazione C3 International, che premia i calabresi che, dopo aver lasciato la Calabria, hanno avuto successo con il proprio lavoro e si sono impegnati per il bene comune, contribuendo a diffondere nel mondo un’immagine positiva della loro terra d’origine. Roma, con mezzo milione di cittadini di origine calabrese, ospita la sede principale dell’associazione C3 international, che ha filiali in tutto il mondo. Per questa ragione è stata scelta per la cerimonia la sede dell’amministrazione capitolina, da qualche giorno Roma Capitale, che in passato aveva già ospitato la manifestazione.La premiazione sarà preceduta da un convegno dal titolo “Dal Turismo ed i Beni Culturali la spinta economica per la ripresa del nostro mezzogiorno e del Paese”, un tema di grande interesse per la Calabria, che per il suo rilancio, deve sfruttare il patrimonio storico e ambientale che possiede e, anche, per Roma, la

città eterna, dove il turismo apparentemente non manca, ma l’offertael’accoglienzapossonoessere migliorate a beneficio dell’economia della Città e di tutto il Paese. Alla Tavola Rotonda interverranno esperti del settore turistico e dei beni culturali di Calabria e Lazio e le conclusioni saranno affidate a Maurizio Gasparri, Presidente del gruppo PDL in Senato e al Ministro dei beni e delle Attività Culturali Sandro Bondi. Il Premio negli anni è stato consegnato a tanti illustri personaggi di origine calabrese, citiamo Leon Panetta, il direttore della Cia, premiato nell’ultima edizione; Renato Dulbecco, premio Nobel per la Medicina; Corrado Calabrò, presidente dell’Autorità per le Garanzie nelleComunicazioni;AntonioCatricalà, Presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato; Cesare Mirabelli, Presidente emerito della Corte Costituzionale e Consigliere Generale presso lo Stato della Città del Vaticano. Ogni anno un’apposita commissione valuta le candidature e decide chi merita di ricevere l’importante riconoscimento.Quest’anno sono stati selezionati 16 nomi che includono manager, scienziati, docenti universitari, medici, giornalisti, im-

prenditori e alte cariche dello Stato. A loro verrà consegnata una riproduzione in argento del Codex PurpureusRossanensis,anticotesto evangelico miniato conservato nella città di Rossano e realizzato dal Maestro orafo Gerardo Sacco. “Mancano pochi giorni all’evento più importante dell’anno per il Centro Culturale Calabrese – spiega il Presidente dell’associazione C3 International Peppino Accroglianò – e tutto è pronto per ricevere gli amici calabresi, gli illustri ospiti di quest’anno e i vincitori. Anche nell’edizione 2010 il premio si contraddistingue per la qualità umana e professionale delle donne e degli uomini che premieremo. Cito per tutti una scienziata, l’astrofisica Sandra Savaglio, laureata in Fisica all’Università della Calabria nel 1991 ed emigrata subito dopo negli Stati Uniti dove, nel 2004, ha meritato una copertina di "Time" come simbolo dei "cervelli in fuga" dall’Italia. Ora svolge le sue ricerche in Germania, a Monaco”. “L’obiettivo del nostro premio – aggiunge Accroglianò - è quello di mantenere stretti i legami tra i calabresi nel mondo e la Calabria, per cercare insieme soluzioni che permettano ai giovani di realizzare le proprie ambizioni"

favore della partecipazione all’Unione Europea. L’assessore Attilio Tucci della Provincia di Reggio Calabria porterà la testimonianza dell’impegno della Provincia nella realizzazione di attività di cooperazione europea tra le giovani generazioni. Il direttore generale dell’agenzia, il dottor Paolo di Caro, esporrà le attuali politiche giovanili promosse dall’Unione europea e in particolareconcentreràilpropriointervento sulle diverse opportunità che vengono finanziate dal Programma Gioventu in Azione attuato in Italia dalla Agenzia Nazionale dei Giovani.

studi musicologici. Quest’anno il convegno reggino, promosso come sempre dal Conservatorio Cilea, in collaborazione con l’Ismez/Onlus – Istituto Nazionale per lo Sviluppo Musicale nel Mezzogiorno, sarà dedicato ad Alessandro Scarlatti nel 350° dalla nascita.

prenderàlaparolaperesporrelasua lezione su “Evoluzione del trattamento del carcinoma mammario e importanza della prevenzione e dell’informazione delle donne”. Si comincerà con una prima sessione mattutinadaltitolo“Ilpassaggiodalla medicina della malattia alla medicina preventiva e predittiva”. Una seconda sessione di giornata vedrà le varie argomentazioni spostarsi sul tema “Rallentare l’invecchiamento”, quindi l’attesissimo intervento del massimo e più noto esperto italiano nel campo dei tumori alla mammella. I relatori che si alterneranno al microfono, in ordine alfabetico, sono: Antonio Agostini (direttore generale Miur, Roma), Gianluigi Bertuzzi (Università degli Studi Tor Vergata Roma), Pietro Caldarella (Ieo, Milano), Rasalbino Cerra (Fimmg, Cosenza), Carlo Ciani (Amministratore delegato Ieo, Milano), Serafino Conforti (Uo di Oncologia medi-

Convegno Internazionale di Studi Musicologici Nei giorni 8 e 9 ottobre , avrà luogo presso la sala dei concerti “G. Scopelliti” del Conservatorio “F. Cilea” di Reggio Calabria il tradizionale convegno internazionale di

RENDE Congressoscientifico“Lamedicina del terzo millennio” Due giorni di interventi, diciannove relatori e una lectio magistralis di Umberto Veronesi preceduta dal saluto del Governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti, sono il biglietto di presentazione del Congresso scientifico “La medicina del terzo millennio” che si svolgerà a Rende il 15 e 16 ottobre , nella sala Isaac Newton dell’istituto Mesere. Il clou dei prestigiosi incontri, si manifesterà dunque venerdì 15 , alle ore 18.30, quando il prof Umberto Veronesi,

ca – Po dell’annunziata Cosenza), Maria Teresa De Marco (Medicina anti-aging Fimmg, Cosenza), Battista Federico (Uo di Cardiologia, PO dell’Annunziata,Cosenza),Gianluca Filice (direttore medico-scientifico dell’Istituto Mesere, Rende- Cs), GianfrancoFilippelli(direttoreUodi Oncologia – Po San Francesco di Paola), Giovanni Iannucci (Università degli Studi di Tor Vergata, Roma),AndreaLaghi(professoreassociato Università La Sapienza di Roma), Antonio Latronico (Ieo, Milano), Bruno Nardo (direttore Uo di Chirurgia Generale Po dell’Annunziata di Cosenza. Professore associato Università di Bologna), Virginia Olivito (Uo Oncologia medica – Po San Francesco di Paola, Cosenza), Carlo Pampari (Ieo, Milano), Umberto Veronesi (direttore scientifico dell’Istituto Europeo di Oncologia, Milano), Umberto Vitiello (Università degli Studi di Tor Vergata, Roma) e Alfredo Zanolini (Uo di Radiologia Po Annunziata, Cosenza). Iniziative all’Università della Calabria Appuntamentiall’UniCal:l’on.Antonio Di Pietro, sarà nell’aula Magna il 22 ottobre , alle ore 15.00, per un convegno nazionale sulla riforma universitaria. Insieme al leader di Italia deiValori ci saranno l’on. Massimo Donadi, capogruppo del partito allacamera dei Deputati, e Guido Dell’Aquila, vice direttore di Rai Tre. ROMA Manifestazioni per il Ventennale dell’Autorità Antitrust L’Autorità Antitrust si appresta a festeggiare i venti anni di attività: il 10 ottobredel1990venivainfattiapprovata la legge n. 287 che introduceva nel nostro ordinamento la nuova Istituzione di tutela della concorrenza e del mercato. Lunedì 11 ottobre alle ore 11.00, presso l’auditorium di via Claudio Monteverdi n. 35 (Roma), alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, Giuliano Amato, Giuseppe Tesauro e Antonio Catricalà, che hanno guidato l’Antitrust in questi due decenni, ne analizzeranno ruolo e risultati. Domenica 10 ottobre alle ore 12.00, presso la Galleria “Alberto Sordi” a Piazza Colonna (Roma), è invece previsto l’annullo del francobollo emesso per la ricorrenza, che sarà apposto dal presidente dell’Autorità Antonio Catricalà, alla presenza del presidente di Poste Italiane Antonio Ialongo.A seguire il presidente Catricalà consegnerà le targhe-ricordo agli studenti vincitori del concorso nazionale “Io non abbocco”, progetto dell’Antitrust in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione,dell’UniversitàedellaRicerca, volto a diffondere la cultura della concorrenza e della tutela del consumatore presso le nuove generazioni. Personale dell’Autorità sarà presente, per tutta la giornata di domenica, presso lo stand di Piazza Colonna.


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani 23

APPUNTAMENTI XI mostra micologica “Città di Catanzaro” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari il 31 maggio 2011, secondo il calendario e il programma consultabili presso la segreteria dell’Ordine. Il Corso si terrà presso la Sala Convegni dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Reggio Calabria ,Via Tommaso Campanella 38/a. L’iscrizione al Corso scadrà il prossimo 15 ottobre , e tutte le informazioni si possono richiedere presso gli Uffici dell’Ordine.

CATANZARO XI mostra micologica “Città di Catanzaro” Anche quest’anno il Gruppo micologico “Sila Catanzarese” organizza la mostra del funghi. La manifestazione si terrà nei giorni 9 e 10 ottobre,pressoilocalidell’istitutoTecnico Agrario di Catanzaro, col patrocinio della Provincia e la collaborazione dello stesso Istituto Tecnico “Vittorio Emanuele II”. Alla manifestazione, giunta ormai alla XI edizione, verrà abbinato il concorso “Il porcino più grande” al quale tutti potranno partecipare, presentando esemplari di porcini freschi in stato di normale commestibilità, da consegnare agli organizzatori entro le ore 17,00 di domenica. Orario della mostra: dalle ore 9.00 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 20.30, del 9 e 10 ottobre. Giornata Nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro L’Anmil invita alle manifestazioni che si svolgeranno contemporaneamente in tutte le province d’Italia il 10 ottobre per la Giornata Nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro. A Catanzaro la Sezione Anmil ha organizzato, per questa giornata, una manifestazione cheavràilseguenteprogramma:ore 10.00, presso la Basilica dell’Immacolata - S. Messa in Suffragio delle Vittimedegliincidentisullavoro;ore 10.45, presso la sala consiglio amministrazione provinciale in Piazza Rossi, cerimonia civile con le partecipazioni delle Autorità locali; ore 12.00, corteo con banda musicale su Corso Mazzini e deposizione corona d’alloro presso il Monumento dei Caduti in guerra alla memoria dei Caduti sul lavoro. Presentazione treni Stadler di Ferrovie della Calabria In occasione della presenza in Calabria del sottosegretario ai trasporti on. Giachino, per un incontro con gli operatori della logistica, verranno presentati i nuovi treni StadlerdiFerrovie della Calabria Srl,che a breve saranno immessi all’esercizio sulla tratta Catanzaro-Catanzaro Lido.Pertanto giorno 11 ottobre , alle ore 19.30,presso lastazione ferroviaria diCatanzaro città sita in via Milano, 28,si terrà una breve manifestazione di presentazione. II edizione "La Grande Musica per il Cinema" Ci sarà anche Carmen Consoli al debutto della seconda edizione della rassegna internazionale "La grande musica per il cinema", in programma il 14 ottobre , al Politeama con il grande concerto di Paolo Buonvino alla guida dell’Orchestra Roma Sinfonietta. Gli altri concerti previsti all’interno della rassegna sono quelli diLuisBacalov(16ottobre),diFranco Piersanti (il 23 ottobre, ospite d’onore Silvio Orlando), degli Avion Travel con l’omaggio a Nino Rota (25 ottobre), di Stefano Bollani (3 novembre), fino all’apoteosi con il soave Concerto per la Pace diretto

RENDE Presentazione “Calabria sott’Olio” Giorno 9 ottobre alle ore 10.00, presso l’Hotel Mercure (ex-Executive) a Rende si terrà la presentazione di “Calabria sott’Olio”.

Giornata Nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro CATANZARO 10 OTTOBRE dal Maestro Daniel Oren (6 novembre). COSENZA Presentazione progetto “Teatrando s’impara” Sarà presentato oggi , alle ore 11.00, nel salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, “Teatrando s’impara”, il progetto di educazione al teatro e di promozione del teatro, pensato per le scuole cittadine di ogni ordine e grado e nato dalla sinergia tra l’assessorato alle politiche dell’educazione del Comune di Cosenza, il Teatro “Rendano” ed il Centro Rat-Teatro dell’Acquario. Personale di Solveig Cogliani Solveig Cogliani sarà all’inaugurazione della personale di sue opere sabato 9 ottobre ,alle ore 18.00,alla KbArt di Cosenza (piazza Zumbini, 45). In mostra 20 opere di grande e piccolo formato, tutte recenti. Riapre la stagione artistica a Vertigo Sabato 9 ottobre , nell’ambito della VIGiornatadelContemporaneo(organizzata dall’Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani Amaci), l’associazione Vertigo Arte è lieta di presentare la mostra di Antonello Curcio, Athina Ioannou, "Toccataefuga",chesiterràdal9al30ottobre 2010. Inaugurazione sabato 9 ottobre, ore 17.30. Corso di Editoria e Giornalismo Dal 12 ottobre , presso la libreria Ubik di Cosenza, si terrà un Corso di Editoria e Giornalismo.Il corso, promossodallarivistaletterariainternazionale Storie e daLeconte Editore di Roma, prevede 30 ore di lezione e un diploma con valore di credito formativo. GASPERINA I Marvanza Reggae Sound e Lisarusa in concerto Continua il successo del connubio tra il reggae dei Marvanza Reggae

Sound e la tarantella dei Lisarusa, che sabato 9 ottobre condivideranno nuovamente il palco nella cornice dell’Oktoberfest di Gasperina (Cz) presso lo stadio comunale alle ore 22.00, per portare in scena tutto il calore della musica made in Calabria. LAMEZIA TERME PresentazioneStagioneTeatraledi Prosa 2010/2011 Venerdì 8 ottobre , alle ore 15.00, presso il Teatro Umberto di Lamezia Terme, sarà presentata la Stagione Teatrale di Prosa 2010/2011. Cinema d’Autunno per la pace e i diritti umani Amnesty International e il Punto Pace Pax Christi di Lamezia Terme propongono un nuovo ciclo di film che raccontano storie di migranti e di accoglienza. Giorno 8 ottobre , ore 20.30, "L’ospite inatteso" di Thomas McCarthy. Giorno 15 ottobre , ore 20.30, "Welcome" di Philippe Lioret, presso il saloneCasa Canonica del Carmine - Via R.Sanzio, 2 Lamezia Terme – Sambiase. Ingresso libero. REGGIO CALABRIA Colloquio su “Spazio e Società” La Facoltà di Architettura di Reggio Calabria, nell’ambito degli incontri promossi dalla Biennale sul tema People meet in Architecture, promuove per l’ 8 ottobre un colloquio su “Spazio e Società”. L’incontro promossodallaFacoltàdiArchitettura dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria invita docenti, studenti, architetti, paesaggisti, urbanisti e conservatori a rispondere a “5 domande su Spazio e Società”. Associazione Anassilaos programma ottobre 2010 Martedì 12 ottobre , ore 18.00, presso la sala San Giorgio al Corso Anassilaos Giovani presenta un ciclo sul tema “L’Età Breve. Viaggio nell’ “arte maledetta” (Arte Figurativa, Musi-

ca, Poesia)” “ …du jour où il sut lire il fut Poète, et dès lors il appartint à la race toujours maudite par les puissances de la terre...” (dal giorno in cui egli seppe leggere fu Poeta, e d’allora appartenne alla razza sempre maledettadallepotenzedellaterra)”. 1° Incontro. Omaggio a John Lennon(1940/1980)nel60°dellanascita e nel 20° della morte. Testi e video raccolti da Giacomo Marcianò. Letture di versi a cura dell’Anassilaos. Inaugurazione Museo Diocesano Oggi , alle ore 17.00, presso la Basilica Cattedrale Maria Ss Assunta in Cielo, si terrà l’inaugurazione del Museo Diocesano "Mons. Aurelio Sorrentino" Laboratorio Filosofico di Carlo Sini Nell’ambito del progetto di restauro dei Bronzi di Riace, la soprintendenza per i beni archeologici della Calabria promuove il Laboratorio Filosofico di Carlo Sini. Giorno 8 ottobre , presso Palazzo Campanella, si svolgeranno due giornate laboratoriali e convegnistiche di grande rilevanza sul piano culturale. Protagonista dell’incontro è il professor Carlo Sini, Accademico dei Lincei, ProfessoreordinariodiFilosofiaTeoretica all’Università Statale di Milano e pensatore di fama internazionale CorsoperlaProfessionediDottore Commercialista e di Esperto Contabile Il presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Reggio Calabria , dott. Carmelo Stracuzzi, comunica che il 27 ottobre , avrà inizio il 2° Corso di preparazione agli esami di Stato per l’eserciziodellaProfessionediDottore Commercialista e di Esperto Contabile. Le lezioni programmate dal Consiglio dell’Ordine in collaborazione con il Corso di Laurea in Scienze Economiche dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, si svolgerannoconcadenzasettimanale e termineranno presumibilmente

ROSSANO Cerimonia premiazione Premio Letterario "Armando La Torre" La giuria del Premio Letterario Città di Siderno "Armando La Torre", presieduta dal prof. Walter Pedullà, ha proclamato i vincitori della settima edizionedelPremio.Lacerimoniadi premiazione,prevista per giovedì 21 ottobre,pressoilGrandHotelPresident,saràcondottadaPieroMuscari e ospiterà, tragli altri, il caporedattore Rai Abruzzo Mimmo Logozzo, l’attoresidernese Mico Cundari ed il prof. Domenico Antonio Cusato. VIBO VALENTIA Presentazione "Ottobre piovono libri" Oggi , alle ore 11.00, presso l’auditoriumdelSistemaBibliotecarioVibonese si terrà la conferenza stampa della presentazione della V edizione di "Ottobre piovono libri" CALABRIA Progetto “I Sabati della Frutta di McDonald’s In occasione del ritorno a scuola, McDonald’s propone per il terzo anno consecutivo la propria iniziativa per promuovere il consumo di frutta e verdura tra i bambin. Ogni sabato per 8 settimane consecutive fino al 13 novembre ,con l’acquisto di un menu Happy Meal, ilmenu McDonald’s studiato per le esigenze nutrizionali dei bambini, verrà regalata una confezione di MeladellaValtellinaIgp,diananaso di carotine Baby. E’ la gamma di frutta e verdura fresca, già lavata, tagliata econfezionata in pratiche bustine, della linea Le Frescallegre. ROMA “Il volume della Democrazia.Giornate del libro politico a Montecitorio” Venerdì 15 ottobre , dalle ore 11.30 alleore 12.30nellasalaAldoMorodi Palazzo Montecitorio, saranno cinque autori di volumi editi nel 2010 da Rubbettino Editore a dare il via agli incontri previsti nel programma de “Il volume della Democrazia. GiornatedellibropoliticoaMontecitorio”, manifestazione organizzata dalla presidenza della Camera dei Deputati e giunta alla sua seconda edizione.


24

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Marc André Robinson, "Right of return". (Esposta al Gam di Torino lo scorso febbraio)

Il sogno infranto della nuova cultura Tagli agli enti pubblici, da Torino a Nuoro l’arte contemporanea combatte per non esalare l’ultimo respiro Camilla Mozzetti Che la cultura possa essere qualcosa di trascurabile è già cosa nota. Basta prendere atto delle ultime vicende che hanno interessato il rapporto che questa "sciagurata" ha intrecciato con il governo italiano. Dalle accademie sinfoniche che hanno visto ridurre il proprio budget annuale, al cinema alle sue vicende economiche e "morali" con i tagli ministeriali al Fus e le polemiche mosse dal ministro Sandro Bondi al festival di Cannes contro il film di Sabina Guzzanti sulla ricostruzione post-terremoto dell’Aquila e le esternazioni di Elio Germano, premiato in Francia come miglior attore dell’anno. Per non parlare della (dis)attenzione rivolta all’arte contemporanea. Insomma non è proprio un periodo facile per la cultura in senso generale. E non importa che questa indossi i panni della cinematografia, della danza o del teatro o ancora delle arti figurate e delle espressioni più moderne. Ora a cadere nel mirino alcuni tra i più prestigiosi centri culturali che da anni

Napoli, Madre in rosso Zero euro al museo del ’900 per le attività espositive La Gam di Torino dopo un taglio del 30% attende altre riduzioni promuovono l’arte contemporanea. I tagli ai finanziamenti pubblici, infatti, rischiano di compromenttere seriamente l’attività del Mart di Rovereto, della Gam di Torino, del Man di Nuoro e della Gc.Ac di Monfalcone. Solo lo scorso martedì, l’Amaci, l’associazione che raggruppa i principali ventisei musei d’arte contemporanea italiani, ha lanciato l’allarme, sottolineando come un ulteriore taglio provocherebbe danni reali alle attività dei suddetti musei. Perché è bene ricordarlo: i musei e le fondazioni private sono ancora molto pochi, i principalicentri d’arte godono ancora dell’aiuto degli enti pub-

Napoli, esterno del Castel Sant'Elmo sede del museo del '900

blici, dai comunialle regione fino alle province. In sostanza se dovesse ridursi ancorail portafogli dei sostenitori il danno sarebbe tutt’altro chemarginale. Dalla presidenza dell’associazione, Gabriella Belli, ha sintetizzato l’attuale situazione: «Da un lato c’è una crescente domanda di arte contemporanea. Dall’altra i centri trainanti, Milano, Torino, Bologna e Roma, continuano a subire dei tagli» e se questa situazione dovesse dimostrarsi continuativa, gli effetti tangibili sarebbero la difficoltà nel portare avanti una seria e valida stagione espositiva. Vogliamo azzardare qualche cifra? A

Sala interna del museo Mart di Rovereto

Napoli da una parte il Madre è in rosso mentre Castel Sant’Elmo, che da poco ha inaugurato il museo del Novecento, ha a disposizione zero euro per le proprie attività espositive. A Roma la Gnam può contare su un budget di 100-150mila euro, che benché rappresenti una cifra ragguardevole, è ben lontana dai finanziamenti che la galleria d’arte moderna aveva con Palma Bucarelli. La Gam di Torino, invece, dopo un taglio del 30% ai propri fondi, capace di ledere la qualità delle esposizioni, riducendo il cartellone delle mostre, attende altre riduzioni. Dal ministero dei Beni e alle attività culturali non arriva nessuna replica né tanto meno una parola di speranza. Tra le sale di via del Collegio Romano l’attenzione è rivolta al passato, come accusa Mario Lolli Ghetti a capo della Direzione generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee del ministero. «L’Italia non può essere soltanto quella dell’archeologia, del Rinascimento e del barocco. Insomma non si vive di solo Caravaggio». Non sembra, però, che tutti l’abbiano capito.


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani 25

IL DOMANI DELLA CULTURA

Il senso della scoperta a Bolzano arriva Newsome L’artista che fa dei simboli aristocratici il mezzo contro i pregiudizi Flavia Montecchi Fino al 6 novembre il Kunst di Bolzano presenta la prima personale europea di Rashaad Newsome (1979, New Orleans, vive e lavora a New York) eclettico artista statunitense capace di stimolare il senso della scoperta combinando insieme i linguaggi culturali afroamericani attraverso utilizzando l’espediente musicale prima di tutto. Il gesto diviene così una reazione causale e istintiva dove nella serie di "shade composition" donne rumoriste articolano discussioni polifoniche di fronte al pubblico silente, avviando una comunicazione di atteggiamenti e sguardi ritmica e altisonante. La ricerca espressiva di Newsome mette in luce il "throwing shade", linguaggio gestuale non

verbale proprio della cultura diasporica africana tra Europa e Stati Uniti, rivalutando la sua funzione sociale che lo pone ai margini di un degrado analfabeta da basso ghetto. L’artista, intenzionato a ribaltare la concezione comune che stigmatizza tale linguaggio come manifestazione da ghetto metropolitano, da degrado sociale fatto di bassa alfabetizzazione e marginalità sociale, l’artista ha operato in termini antropologici, rivela la dignità culturale della gestualità afroamericana. Con questa mostra, a cura di Luigi Fassi, la selezione di video e performance mostrano l’attenzione antropologica dell’artista che risponde alla funzione culturale di una rivalutazione positiva nella cultura gestuale afroamericana. In mostra presenti anche gli ultimi lavori di Newsome dove con "Five" concentra la sua attenzione sul "Voguing", la danza performativa nata tra gli

Rashaad Newsome, "Shade compositions", 2009

anni ’70 e ’80 nei dance club americani gay e lesbo. Anche qui il corpo assume il potere attrattivo di un ballerino performer, decontestualizzando l’azione voyeristica di un’ipotetica sottocultura, per esaltarne i movimenti e le espressioni gestuali. Fino al 6 novembre Kunst, galerie Museum via Museo 29, Bolzano.

Allo Spaziocorale tematiche diverse per comporre un quadro che non vuole essere esaustivo ma aprire una finestra sul mondo di oggi

Fondata sul lavoro, a Milano le contraddizioni dell’Italia Massimo Canorro «L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro» recita il primo comma dell’articolo 1 della Costituzione. Ma oggi il nostro paese è (spesso) sinonimo di stage, lavoro nero, morti bianche, delocalizzazione, produzione abusiva, precariato. Un vero e proprio paradosso, dunque, su cui la collettiva Fondata sul lavoro - allestita fino al 7 novembre allo Spaziocorale, nel complesso di Arci Bellezza a Milano - intende far riflettere, presentando al pubblico degli interessanti lavori sul macrotema dell’occupazione. In Fondata sul lavoro, Oppy De Bernardo ricorre a una serie di

scatti realizzati per il progetto "Cip & Ciop, working for peanuts" che documentano il lavoro di alcuni cinesi all’interno di una sartoria abusiva milanese. Quindi il neocollettivo Noisegrup - alias Stefano Lupatini e Daniela Capelloni - presenta il video sulle morti bianche dal titolo "Natura morta", nel quale alcuni strumenti da lavoro, cadendo al suolo, assumono una valenza simbolica, mentre Salvatore Manzi affronta il caso Pomigliano d’Arco nel video "Informazione", realizzato all’interno del parcheggio dello stabilimento Fiat, dove un cronista ripreso dalla telecamera aggiorna gli spettatori sui primi esiti delle votazioni al referendum voluto dall’azienda. E ancora, Alessandro Nassiri Ta-

bibzadeh - «il cui progetto, a differenza degli altri realizzati tra il 2008 e il 2010, è datato 2005. Ma sono tutti di stretta attualità», precisa la curatrice Francesca Guerisoli - affronta con ironia il tema dello stage attraverso l’installazione Il giubileo degli stagisti, un progetto nel quale vengono calcolate le energie che uno stagista spende nel suo lavoro non retribuito. Sul tema del lavoro nero verte invece l’installazione I miei anni invisibili realizzata da Giuliana Racco: un video mostra le mani dell’artista che sfogliano le pagine di un arcaico libretto del lavoro, mentre il suo curriculum vitae, esposto a fianco della videoproiezione, riporta le mansioni svolte e le residenze in cui ha ri-

Carlo Steiner, s. t.

sieduto nel corso del quadriennio 2003-2007. Infine, con "Festhyssen" Carlo Steiner affronta i morti della Thyssenkrupp e al contempo

punta il dito contro il sistema arte: dal soffitto si estendono festoni realizzati con gli articoli sull’incidente alla fabbrica torinese. Info: www.arcibellezza.it.

Amsterdam, la collezione privata di Massimo Minini

Pasolini et alii, Scatti d’Italia Massimo Minini esibisce la sua collezione privata di scatti d’autore nella quale ventidue fotografi descrivono volti indimenticabili

Valentina Cavera Ad Amsterdam, in occasione di Grid 2010, IV Biennale internazionale di fotografia, Massimo Minini esibisce la sua collezione privata di fotografie nella quale ventidue fotografi italiani, operanti sin dagli anni Sessanta, descrivono, in duecentocinquanta scatti, celebri artisti, come Andy Warhol, noti scrittori, per esempio Alberto Moravia o Pier Paolo Pasolini, e importanti galleristi. Alcuni anni fa Minini iniziò a raccogliere questo tipo di immagini finché decise di mostrare il suo materiale in gallerie e musei europei.

Sandro Becchetti, Pier Paolo Pasolini, 1971

Già ospitato a Saint Etienne nel 2008, a Bruxelles e Milano nel 2009, giunge con "United artist of Italy" anche ad Amsterdam. Riproduzione di pose, atteggiamenti differenti, oltre che di volti e sguardi, che faranno conoscere ai visitatori le varie prospettive dalle quali si può osservare e conoscere un grande personaggio, per merito dell’interpreta-

zione data da fotografi come Mario Dondero, Paolo Pelion, Ugo Mulas, Ferdinando Scianna, Claudio Abate. Oppure, le opere fotografiche saranno in grado di svelare, semplicemente, le molteplicità interiori e caratteriali insite nell’essere umano, prendendo da esempio note personalità. Fino al 7 novembre Cruquius cultuur creatie strip, carhotel, Crucuiusweg 79 -91 Amsterdam Openbare Bibliotheek Amsterdam, Oosterdokskade 143, Amsterdam Info: 030383034; www.galleriaminini.it. foto cortesia galleria Massimo Minini, Brescia

Riproduzione di atteggiamenti differenti oltre che di volti e sguardi che faranno apprezzare il lavoro di alcuni artisti italiani


26

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

DALL'ITALIA E DAL MONDO Il dubbio di incostituzionalità è sollevato da un secondo tribunale di Firenze

Fecondazione, nuova sfida alla legge 40, altro rinvio alla Corte di Roberto Carli ROMA - La prima sezione del Tribunale civile di Firenze ha sollevato il dubbio di costituzionalità sulla norma della legge sulla fecondazione artificiale (legge 40) con la quale si vieta alle coppie sterili di accedere alla fecondazione eterologa, con ovuli o seme donati da persone esterne alla coppia. Lo hanno reso noto gli avvocati Filomena Gallo e Gianni Baldini, che assistono i coniugi che hanno presentato la richiesta. L’uomo soffre di mancanza di spermatozoi causata da terapie fatte in adolescenza. Torna quindi alla Corte costituzionale la legge 40 sulla fecondazione assistita. È il secondo rinvio alla Consulta sulla legge 40, sempre del Tribunale di Firenze, che già due anni fa si rivolse ai giudici costituzionali i quali accolsero il rilievo eliminando l’obbligo di produzione di soli tre embrioni in ogni ciclo di fecondazione, l’obbligo del loro contemporaneo impianto, e annullando anche il divieto di congelamento degli embrioni in sovrannumero. In questo caso invece, per la prima volta, un giudice ordinario ritiene quindi costituzionalmente illegittimo il divieto di procreazione assistita di tipo eterologo, sospende il processo, e rimette gli atti alla Corte. La coppia, dopo essere stata in cura in Svizzera e in altri centri stranieri, senza

alcun risultato, si è rivolta all’Associazione Luca Coscioni. Il loro obiettivo è quello di poter effettuare le cure in Italia. «Il Giudice ha riconosciuto le istanze mosse dalla coppia dopo aver rilevato profili di manifesta irragionevolezza del divieto assoluto di eterologa per l’evidente sproporzione mezzi-fini». È quanto ha spiegato il professor Gianni Baldini, che insieme all’avvocato Filomena Gallo assiste i coniugi nel ricorso. La coppia aveva chiesto aiuto dopo aver appreso del caso dell’Austria che era stata condannata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo proprio relativamente al

La coppia aveva chiesto aiuto dopo aver appreso del caso dell’Austria che era stata condannata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo per i divieto

divieto di eterologa. «Abbiamo deciso di raccogliere questa sfida - spiega l’avvocato Gallo - nonostante fosse la più difficile tra tutte quelle necessarie a fa riscrivere la legge 40 perché ci sembrava che i tempi ormai fossero maturi e che si stesse creando una sensibilità finalmente europea a questo problema come dimostra anche il Nobel dato a Stoccolma ad Edwards che riconosce come questa medicina raccolga in realtà istanze e aspirazioni profondamente umane». «È ormai evidente che nei confronti della legge 40 c’èun’attacco di alcuni tribunali. Non su punti marginali ma puntando alla struttura della legge per smontarla. Si dica che si vuole tornare al Far West»: è il sottosegretario alla Salute, Eugenia Roccella, ad affermarlo dopo avere appreso dell’ordinanza dei giudici. «Si vuole così colpire la volontà popolare perché, tra l’altro, l’eterologa era uno dei punti sottoposti al voto referendario» ha detto la Roccella (in realtà il referendum del 2005 non raggiunse il quorum ma fra coloro che avevano votato erano prevalsi i favorevoli alle modifiche).

«Si dica che si vuole tornare al Far West»: è il sottosegretario alla Salute, Eugenia Roccella, ad affermarlo dopo avere appreso dell’ordinanza dei giudici

La Camera approva il ddl sulle etichette con i voti dell’ opposizione

ROMA - La Camera ha approvato ieri il disegno di legge che rende obbligatorio indicare sulle etichette dei prodotti alimentari la provenienza e anche l’eventuale presenza di Ogm in ingredienti "in qualunque fase della catena alimentare". Il ddl intitolato "Disposizioni per il rafforzamento della competitività del settore agroalimentare" era stato già approvato dal Senato, dove ora dovrà tornare per un nuovo voto dopo le modifiche di Montecitorio, dice il sito web della Camera. «Al fine di assicurare ai consumatori una completa e corretta informazione sulle caratteristiche dei prodotti alimentari commercializzati, trasformati, parzialmente trasformati o non trasformati, nonché al fi-

ne di rafforzare la prevenzione e la repressione delle frodi alimentari dice in particolare l’articolo relativo alla etichettatura - è obbligatorio... riportare nell’etichettatura di tali prodotti... l’indicazione del luogo di origine o di provenienza e, in conformità alla normativa dell’Unione europea, dell’eventuale utilizzazione di ingredienti in cui vi sia presenza di organismigeneticamentemodificati in qualunque fase della catena alimentare, dal luogo di produzione iniziale fino al consumo finale». Il voto della Camera è stato accolto con soddisfazione dal ministro delle Politiche agricole Giancarlo Galan, secondo cui si tratta di «un provvedimento che garantirà ai consumatori di scegliere nella trasparenza e ai

Segni distensivi la maggioranza conferma le cariche di Carlin ROMA - I presidenti delle commissioni parlamentari saranno tutti riconfermati. E la maggioranza accelererà sulla riforma dell’Università. Sono queste le decisioni emerse dal vertice di maggioranza che si è tenuto negli uffici della Lega al Senato, a cui hanno partecipato i presidenti dei gruppi che hanno votato la fiducia al governo, finiani compresi. Pdl, Lega, Fli, Mpa e Noi Sud si sono visti brevemente (circa 35 minuti) per fare il punto "operativo" sui lavori parlamentari. Una schiarita sui rapporti interni alla maggioranza, confermata anche dal presidente dei deputati di Fli, Italo Bocchino: "Se si parla di vertici di maggioranza si risolvono i problemi. C’è stato il riconoscimento di una ’terza gamba’". Scongiurato il rischio di elezioni anticipate? "La data più vicina per il voto - ha detto Bocchino - è per noi il 2013. Se Berlusconi e Bossi vogliono staccare la spina lo spieghino al paese. I soldi dei cittadini non si spendono così". Nel vertice non si è parlato di giustizia e legge elettorale. Ma la posizione di Fli è chiara: "Sul sistema elettorale non esiste il vincolo di maggioranza. Noi abbiamo tre indicazioni di base: la necessità di indicare il premier, delineare prima del voto le alleanze e ripristinare il collegamento tra elettori ed eletti con le preferenze o con collegi uninominali". Sul "lodo Alfano" Bocchino ha confermato: "Noi siamo consapevoli della necessità di tutelare il sereno svolgimento della funzione del presidente del Consiglio. Vediamoconqualiaccorgimenti".

produttori italiani di produrre nella certezza. I prodotti italiani saranno così garantiti dal campo alla tavola». In una nota, Galan ha ringraziato l’opposizione non solo per il voto a favore ma anche per i «contributi che hanno permesso di migliorare il testo». Nella stessa seduta, però, l’aula ha approvato un ordine del giorno proposto dall’opposizione che impegna il governo a intervenire a livello nazionale e europeo per ridurre "gli squilibri" tra le filiere agricole" a cui lo stesso Galan aveva dato in precedenza parere negativo.


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani 27

DALL'ITALIA E DAL MONDO Nuove aggressioni a sedi Cisl bersagliate con con uova, vernice e fumogeni da parte di facinorosi

Violenti attacchi a sedi Cisl, e un blitz a via Po di Federico Sabato ROMA - Continua la spirale di aggressioni ai danni delle sedi della Cisl. Dopo i fatti di Livorno e Treviglio la settimana scorsa, ieri mattina un gruppo di militanti della Fiom ha fatto irruzione nella sede della confederazione a Merate, in provincia di Lecco, lanciando insulti ai lavoratori e distribuendo volantini. Ma non è l’episodio più violento della giornata. Ieri anche la sede nazionale della Cisl a Roma, cuore del sindacato guidato da Raffaele Bonanni, è stata oggetto di un blitz da parte di un gruppetto non identificato di esponenti di "Action diritti in movimento". I muri della sede di via Po sono stati imbrattati da vernice rossa e uova. Sono stati lanciati anche fumogeni e alcuni volantini. I militanti di "Action" hanno poi spiegato in una nota il loro gesto folle. «L’attacco alla Fiom e ai metalmeccanici da parte della Fiat non riguarda solo un settore di lavoratori - si legge - ma interessa tutti coloro sono interessati ad una società con maggiori diritti. A Pomigliano la Fiat intende sperimentare un modello che sacrifica sull’altare della competitività i diritti conquistati, ribattendo fuori dalla porta delle fabbriche la

civiltà e le garanzie costituzionali». Ma per la Cisl c’è solo tanta preoccupazione e sgomento. «Si è trattato di un fatto molto grave che si aggiunge ai numerosi attacchi ed aggressioni nei confronti delle sedi sindacali della Cisl - spiega la confederazione -. La Cisl esorta i suoi iscritti, i suoi militanti e tutta la dirigenza a non farsi intimidire da questi episodi di puro squadrismo organizzato e invita il mondo politico ed istituzionale, e tutte le espressioni della società civile, a non dare spazio ai provocatori di ogni genere, prendendo le distanze in maniera netta da chi vuole destabilizzare il paese attraverso questi episodi di squadrismo e di violenta intolleranza nei confronti di una organizzazione sindacale libera e democratica come la Cisl». Solidarietà alla Cisl è arrivata immedia-

«...il nuovo intollerabile episodio contro una sede sindacale della Cisl: la segreteria nazionale Cgil conferma la sua totale condanna»

tamente dalla Cgil nazionale. «In riferimento al nuovo intollerabile episodio contro una sede sindacale della Cisl - si legge nella nota la segreteria nazionale della Cgil conferma la sua totale condanna».Tra gli episodi più eclatanti delle scorse settimane, la contestazione a Bonanni durante la festa del Pd a Torino. In quell’occasione, il leader sindacale era stato colpito da un fumogeno lanciato da una manifestante. LE REAZIONI - «È ora di reagire con più decisione a una serie di azioni allarmanti, di atti violenti contro cose e persone anche attraverso, quando necessaria, la più ferma repressione degli atti criminosi - dichiara il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi. Troppa sottovalutazione, troppo perdonismo, anche in settori istituzionali,preparanosoloattentati più gravi e l’affievolimento della democrazia. Adesso basta!». «È doveroso - prosegue Sacconi - riconoscere il ruolo svolto da questa organizzazione in tutta la sua storia per produrre l’effettiva promozione dei diritti nel lavoro ed insieme il particolare coraggio che i suoi militanti e quadri hanno dimostrato e dimostrano nel difendere le proprie convinzioni anche nelle più difficili situazioni».

L’Ocse rivede la crescita del Pil nel II semestre anche per l’Italia, più 0,5% ROMA - Nel secondo trimestre 2010, nei paesi Ocse il Pil è cresciuto dello 0,9 per cento, un livello più alto dello 0,7 per cento stimato in precedenza. Lo annuncia una nota dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico in cui si evidenzia come tale revisione al rialzo sia dovuta al flusso positivo In questo scenario degli investimenti - il l’Ocse vede in rialzo primo dall’inizio del 2008 e il più alto dal anche il Pil italiano che 2000 - che ha contribuito per lo 0,4 per cento alpassa da una crescita la crescita complessiva. dello 0,4% nel primo In questo scenario l’Ocse vede in rialzo anche il trimestre a una dello0,5 Pil italiano che passa da una crescita dello 0,4 per cento nel primo trimestre a una dello 0,5 per cento. A questo dato il contributo più forte (più 0,6 per cento) arriva dal commercio estero che compensa la minore domanda interna. In ribasso invece (meno 0,5 per cento) il contributo dato dalla ricostituzione delle scorte. La crescita più forte fra le 7 maggiori economie dell’Ocse resta comunque quella tedesca con un aumento nel secondo trimestre del 2,2 per cento, stimolato da investimenti ed export (ognuno

dei due ha registrato più 0,8 per cento). Buoni risultati anche per il Regno Unito (più 1,2 per cento) per via dei consumi privati e delle scorte. Ancora basso, invece, il livello della ripresa in Stati Uniti e Giappone, con lo 0,4 per cento. A livello generale l’Ocse evidenzia come i consumi privati e la spesa pubblica abbiano contribuito alla crescita totale del Pil rispettivamente per lo 0,3 e lo 0,1 per cento. Continuano a crescere le scorte anche se a un livello più basso che in passato.

Raffaele Bonanni

In linea con le nostre stime Per l’Fmi l’Italia cresce dell’1% sia quest’anno che nel prossimo ROMA - L’economia italiana è destinata a un’espansione di 1% sia quest’anno sia il prossimo, performance ampiamente inferiore a una media euro che per prima stenta a riprendere slancio dopo la pesante battuta d’arresto del 2009. Le previsioni sono quelle del Fondo monetario internazionale, che pubblica oggi il suo rapporto semestrale sull’economia mondiale denominato ’World economic outlook’. Rispetto alle previsioni dello scorso luglio - si evince dalle nuove tabelle del Fondo - la proiezione relativa al Prodotto interno lordo italiano appare corretta di un decimo al rialzo quest’anno e di uno 0,1% al ribasso il prossimo. Identiche a quelle indicate da Banca d’Italia a metà luglio, le cifre si confrontano con quelle del governo, che nello schema di ’Decisione di finanza pubblica’ (Dfp) parla di 1,2% quest’anno e 1,3% il prossimo. Sempre per l’Italia i numeri del Fondo indicano per l’inflazione una media d’anno di 1,6% nel 2010 e 1,7% nel 2011 (0,8% quella dell’anno scorso) e un tasso di disoccupazione a 8,7% quest’anno e 8,8% il prossimo, in marcato deterioramento rispetto al 7,8% dello scorso anno. Un immediato confronto con gli aggregati previsti per i sedici paesi Uem sempre nel biennio 2010/2011: 1,7% e 1,5% la crescita, 1,6% e 1,5% l’inflazione per arrivare a 10,1% e 10% del tasso di disoccupazione. Il Fondo sembra comunque almeno in quest’ultima versione prediligere un ragionamento più ampio sull’intera Unione monetaria europea di cui - come suole fare la Commissione Ue - mette in luce le dinamiche disomogenee. «La ripresa ha finalmente ritrovato una certa forza ma si prefigura ancora moderata e disomogenea. [...] Si notano profonde divergenze tra le prospettive economiche delle singole regioni in base ai saldi del settore pubblico e del settore privato...».


28

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

FOCUS

Bruno Calvetta

Calvetta: «È necessario oggi poggiare le basi per un rilancio dell’economia regionale nello scenario dopo crisi»

Via alle linee di sostegno alle imprese per incrementare e qualificare l’occupazione di Gino Educci CATANZARO - Il dipartimento regionale alle Politiche per il lavoro, della famiglia, pari opportunità, formazione professionale, cooperazione e volontariato continua nell’impegno a contrastare gli effetti della crisi economica nella nostra regione. È stato definito, infatti, nell’ambito delle linee strategiche del Piano regionale per l’occupazione e il lavoro, l’avviso pubblico per aiuti alle imprese attraverso la concessione di borse lavoro, di incentivi

«Gli strumenti messi in campo - spiega Calvetta puntano ad affrontare l’emergenza occupazione, ma nel contempo guardano in prospettiva al rafforzamento delle imprese, per sostenerle nelle difficoltà della competizione attuale e in quelle che arriveranno»

occupazionali sotto forma di integrazione salariale e formazione continua come adattamento delle competenze. La pubblicazione su Burc Calabria è prevista per il prossimo 15 ottobre 2010. «Gli strumenti messi in campo spiega il dirigente generale del dipartimento Bruno Calvetta puntano ad affrontare, nel breve periodo l’emergenza occupazione, ma nello stesso tempo guardano in prospettiva al rafforzamento delle imprese, per sostenerle nelle difficoltà della competizione attuale e in quelle che arriveranno dopo la crisi. In sostanza è necessario oggi poggiare le basi per un rilancio dell’economia regionale nello scenario dopo crisi». Dopo una fase di approfondimento il dipartimento Lavoro ritiene dunque di aver introdotto nelle politiche per il lavoro alcuni elementi di innovazione, corrispondenti alle seguenti soluzioni: allargamento degli ambiti di azione più ampi, sia per le tipologie dei destinatari corrispondenti ad una platea molto vasta di utenti, definiti “lavoratori svantaggiati”, che per le tipologia di impresa riconducibile a qualsiasi soggetto economico attivo in un settore dell’economia regionali; valuta-

zione dell’ampliamento della base occupazionale basata sulla capacità della sede operativa di riferimento in Calabria, di fatto si creano le condizioni per garantire un equilibrio tra grandi imprese e Pmi; flessibilità da parte dell’imprenditore nell’accedere, qualora lo trovasse più idoneo ai propri fabbisogni, passare direttamente alle assunzioni dei lavoratori senza necessariamente passare dalla fase delle borse lavoro, personalizzando, quindi la soluzione alla proprie necessità; favorire l’approccio integrato formazione iniziale-assunzi-

La Regione Calabria, inoltre, ha inteso coinvolgere il sistema delle imprese in un processo di responsabilizzazione condivisa, riconoscendo la funzione sociale delle attività motorie espressive, sportive, ricreative e inclusive, promuovendo la pratica»

one-formazione continua come garanzia di una buona occupabilità; snellimento delle procedure valutative a vantaggio di una tempistica contenuta, comprese, le fasi esecutive di erogazione dei benefici previsti e dei successivi controlli richiesti dalla normativa. Si evidenzia, altresì, che la preliminare fase di pre-informazione ha di fatto inaugurato un metodo di comunicazione istituzionale nuovo, basato sulla trasparenza e il dialogo diretto tra Regione e utenti interessati, qualificando l’azione comunicativa secondo le direttrici auspicate dall’Unione Europea che pongono al centro delle politiche gli utenti e i destinatari finali. Altro aspetto collegato al nuovo approccio della comunicazione sopra richiamato, riguarda la cosiddetta clausola sociale. La Regione Calabria, inoltre, ha inteso coinvolgere il sistema delle imprese in un processo di responsabilizzazione condivisa, riconoscendo la funzione sociale delle attività motorie espressive, sportive, ricreative e inclusive, promuovendo la cultura e la pratica, quale strumento di inclusione sociale, di benessere e di salute, nonché di formazione culturale e

civile ed educativa dei giovani. A questo proposito, le imprese beneficiarie, vengono invitate, ma non obbligate, a veicolare i benefici del Fse attraverso una azione volontaria di sostegno alla rete associativa dello sport, nella convinzione che soltanto da una sinergia tra istituzioni, imprese, giovani e territorio possa scaturire una reale spinta alla crescita economica e occupazionali. L’obiettivo operativo dell’iniziativa è facilitare l’ingresso nel mercato del lavoro dei disoccupati/inoccupati calabresi, contrastando il fenomeno della mancata assunzione per carenza di esperienza lavorativa, attraverso la realizzazione di percorsi integrati di inserimento lavorativo, al fine di potenziare il capitale umano a disposizione del tessuto produttivo regionale. I soggetti beneficiari sono le imprese private individuali e collettive iscritte nel registro delle imprese e professionisti iscritti nei rispettivi albi professionali e, comunque, ogni entità indipendentemente dalla forma giuridica rivestita che eserciti un’attività economica compresi datori di lavoro, fondazioni, associazioni di volontariato, società sportive e associazioni dilettantistiche iscritte al Coni. Le attività oggetto dell’intervento agevolativo devono essere allocate nel territorio della regione Calabria. Il programma integrato, finalizzato all’inserimento nel mercato del lavoro, di lavoratori svantaggiati o molto svantaggiati, da parte di Piccole e medie imprese, è articolato in tre linee di azioni, da attivare in tre fasi sequenziali. Fase 1: sostegno al reddito sotto forma di erogazione di una borsa di lavoro, finalizzata allo svolgimento di esperienze di lavoro presso l’impresa con obbligo di assunzione successivo. Fase 2: aiuti all’assunzione, destinati all’impresa che assume al termine della fase 1), con contratto a tempo indeterminato, i borsisti di cui alla fase 1. Fase 3: formazione continua, destinata ai dipendenti delle imprese che hanno avuto accesso alle agevolazioni di cui alle fasi precedenti.


Giovedì 07 Ottobre 2010

il Domani 29

FOCUS Il presidente dell’Anci Calabria Salvatore Perugini ha scritto al presidente della Giunta regionale Giuseppe Scopelliti sull’attuazione del Piano nazionale di edilizia abitativa

L’Anci calabrese chiede la revoca del decreto sull’edilizia abitativa di Ettore Zonno CATANZARO - Il presidente di Anci Calabria e sindaco di Cosenza, Salvatore Perugini, ha inviato al presidente della Giunta regionale della Calabria, Giuseppe Scopelliti, una lettera nella quale formula alcune osservazioni circa l’avviso pubblico della Regione riguardante l’attuazione del Piano nazionale di edilizia abitativa, chiedendo la revoca del relativo decreto e la riproposizione di un nuovo avviso pubblico. «L’articolo 11 - scrive Perugini del decreto-legge 25 giugno 2008, numero 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agos-

A causa del contrasto con la normativa nazionale, l’Anci regionale invita la Regione Calabria «a revocare il decreto regionale con annesso avviso pubblico, pena la sua illegittimità; a concordare procedure e criteri di selezione delle manifestazioni di interesse secondo quanto previsto dalla Legge; a procedere con la massima sollecitudine a riproporre un nuovo decreto, per trasmettere i programmi di intervento al Ministero entro il termine previsto del 2 novembre 2010»

Salvatore Perugini

to 2008, n. 133, dispone che con decreto del presidente del Consiglio dei ministri, previa delibera del Cipe e d’intesa con la conferenza unificata Stato - Regioni, su proposta del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, sia approvato un Piano nazionale di edilizia abitativa al fine di garantire su tutto il territorio nazionale i livelli minimi essenziali di fabbisogno abitativo per il pieno sviluppo della persona umana. Con decreto del presidente del Consiglio dei ministri 16 luglio 2009, registrato dalla Corte dei conti il 3 agosto 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 19 agosto 2009, numero 191, è stato approvato il Piano nazionale di edilizia abitativa. L’art. 4 del citato Piano nazionale dispone, tra l’altro, che il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti promuova con le Regioni ed i Comuni "la sottoscrizione di appositi accordi di programma al fine di concentrare gli interventi sull’effettiva richiesta abitativa nei singoli contesti, rapportati alla dimensione fisica e demografica del territorio di rife-

rimento attraverso la realizzazione di programmi integrati di promozione di edilizia residenziale anche sociale e di riqualificazione urbana, caratterizzati da elevati livelli di vivibilità, salubrità, sicurezza e sostenibilità ambientale ed energetica, anche attraverso la risoluzione di problemi di mobilità, promuovendo e valorizzando la partecipazione di soggetti pubblici e privati. Gli articoli 8 e 9 del Piano nazionale di edilizia abitativa medesimo individuano rispettivamente le procedure attuative per la sottoscrizione degli accordi di programma di cui al richiamato art. 4 nonché i criteri per la selezione degli interventi. "Per partecipare al piano - si legge all’art. 8 comma 1 - le Regioni d’intesa con gli enti locali interessati propongono al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, un programma coordinato con riferimento alle linee di intervento di cui all’art. 1, lettere da b) ad e), volti a incrementare, in risposta alle diverse tipologie di fabbisogno abitativo, il patrimonio di edilizia residen-

ziale, anche sociale, per le categorie sociali di cui all’art. 11, comma 2, del decreto-legge 25 giugno 2008, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n.133".Condecretoministeriale8 marzo 2010 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale 104 del 6 maggio 2010 è stata effettuata la ripartizione delle risorse finanziarie. Alla Calabria è stata assegnata la somma di euro 16.674.943,31"». «La Regione Calabria - prosegue con decreto del Dg dipartimento Lavori pubblici, in data 22 settembre 2010 ha approvato l’avviso pubblico per la presentazione di manifestazioni di interesse da parte dei soggetti pubblici e privati previsti dal Piano nazionale. L’avviso pubblico prevede però procedure e criteri in contrasto con il Piano, in quanto, pur affermando che il programma deve essere coordinato d’intesa con gli enti locali, nelle procedure di selezionedellemanifestazionediinteresse non prevede come si realizza la suddetta intesa (tutte le altre Regioni che da tempo hanno già

Giuseppe Scopelliti

avviato le procedure, hanno infatti previsto che siano i Comuni ad esprimere il proprio assenso sul contenuto delle proposte facendo pervenire alla Regione il relativo provvedimento amministrativo pena l’irricevibilità delle stesse). Inoltre, nella selezione delle manifestazioni di interesse l’avvisopubblicoregionaleinserisceun nuovo criterio non previsto dall’art.9 del Piano, la qualità morfologica: criterio molto labile e di forte discrezionalità politica. Pertanto,l’Anciregionaleinvitala Regione Calabria a revocare il suddetto decreto con annesso avviso pubblico, pena la sua illegittimità; concordare le procedure ed i criteri di selezione delle manifestazioni di interesse secondo quanto previsto dalla Legge; procedere successivamente con la massimasollecitudineariproporre un nuovo Decreto, al fine di trasmettere i programmi di intervento al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti entro il termine previsto del 2 novembre 2010».


30

il Domani Giovedì 07 Ottobre 2010

ilD tec

a cura s.s.e. mediatag

Presentati due televisori 3D a Tokio

Toshiba dà il via all’era della TV 3D glass-less Andrea Celia Magno Ultimamente era stata Sky, durante la Ryder Cup, a garantire la visione della terza dimensione visiva per mezzo degli occhialini. Poco prima Mediaset Premium aveva messo a disposizione degli spettatori alcuni film in quel formato. Ma che si potesse arrivare già entro la fine di quest’anno alla commercializzazione del primo televisore 3D glass-less (cioè senza gli occhialini) era, francamente, improbabile. Anche perché Toshiba, che aveva annunciato ad agosto lo sviluppo di qualcosa del genere, aveva posto come limite la fine del 2011 (vedi Il Domani 26 agosto 2010 ). Invece, proprio Toshiba, è riuscita ad anticipare i tempi, annunciando il lancio di due televisori 3D entro la fine del 2010, anche se solo in Giappone. Subito sul web si è scatenata la corsa alla prova, alla dissezione di un qualcosa che sembra ancora prematuro Entro la fine (anche se già Nintendo ha dell’anno annunciato la produzione della sua console portatile partiranno con schermo in 3D glass-less). E infatti, i tanti le vendite, in siti e blog specializzati hanGiappone, del no cominciato a cercare e a trovare le crepe di quella Regza 12GL1 da che prima o poi diverrà comunque una rivoluzione. 12" e del Regza Latecnologia.Perelimina20GL1 da 20". Ma re gli occhialini, nello schermo vengono prodotte la tecnologia 3D due immagini, una per glass-less è l’occhio destro, l’altra per quello sinistro, che poi pasancora indietro sano attraverso vari pannelli lenticolari che permetto la visione 3D in nove angolazioni diverse. Nessuna di queste angolazioni, secondo alcuni, metterebbe completamente a suo agio lo spettatore, per cui la posizione migliore sarebbe di 40 gradi rispetto allo schermo e la distanza dal TV da 20" dovrebbe essere di 90 cm (65 cm per quello da 12"). Le immagini, inoltre, sarebbero meno nitide e luminose di un normale schermo a tecnologia LED a causa dei pannelli lenticolari che permettono la visione tridimensionale. Per il momento, comunque, Toshiba sa bene di non aver raggiunto la perfezione. Gli schermi, al massimo di 20" perché su quelli più grandi si perde l’effetto 3D, hanno un pulsante che permette di passare alla normale visualizzazione bidimensionale. Un’ammissione implicita d’imperfezione, aggravata dal fatto che gli strati lenticolari rendono

Nokia N8: al via la distribuzione Dopo la lunga attesa e i tanti pre-ordini via internet, è finalmente cominciata la distribuzione del Nokia N8, la principale alternativa dell’azienda finlandese allo strapotere sul mercato dell’iPhone e una risposta agli ultimi smart-phone lanciati da Samsung e HTC. L’N8 è la principale vetrina dei nuovi smart-phone con sistemaoperativoSymbian.

AOL acquista TechCrunch Il colosso americano delle telecomunicazioni AOL ha annunciato l’acquisto, per una cifra che supera i 30 milioni di dollari, di TechCrunch, uno dei siti più indipendenti nel campo della tecnologia. I seguaci di TechCrunch temono già che questa ricaduta sotto l’ala protettiva di un’azienda come AOL possa alla lunga diventaresoffocante.

Skype andrà anche su Android D’ora in poi Skype, il più popolare servizio di chiamate gratuite on line, sarà disponibile anche sui cellulari che montano il sistema operativo Andorid di Google (sulle versioni 2.1 e successive). Pur essendo creata per smart-phone e, all’occorrenza, tablet (perché funziona anche via wi-fi) questa versione di Skype sarà in tutto e per tutto uguale a quella per computer. Toshiba Regza GL1

l’immagine più sfocata. Inoltre, oltre ai prezzi alti (fra i 1000 e i 2000 euro), i due TV 3D Toshiba, da 12" e 20", hanno una risoluzione non molto alta. Nel caso del 12", inoltre, quella da 466 x 350, è inadeguata. La corsa al 3D glass-less, però, è appena cominciata e tutte le aziende del settore puntano sulla tecnologia OLED.

Toshiba è la prima azienda a lanciare sul mercato le TV 3D

Francia: pirata avvisato, mezzo salvato Dalla fine di settembre in Franciaècominciatoilpugno duro nei confronti di chi pratica il peer to peer e il download illegale di contenuti audio e video dalla rete. Una mail di avviso verrà inviata dallaHadopi,l’autoritàcreata ad hoc, per segnalare l’azione illegale. Dopo la seconda infrazione entro sei mesi e alla terza infrazione entro l’anno, scatterà il taglio della linea Adsl e, nel caso, una multa. Tante le critiche alla nuova legge.


il Domani Giovedì 7 Ottobre 2010 31

FINANZA BORSA: INDICI E VARIAZIONI

CAMBI VAR. %

CHIUSURA

FTSE Italia All Share FTSE MIB FTSE Italia Mid Cap FTSE Italia Small Cap FTSE Italia Micro Cap FTSE Italia STAR

21.179,64 0,27 20.568,31 0,28 23.806,31 -0,01 22.237,05 0,36 21.701,48 -0,41 10.959,04 0,29

Euro

METALLI

US $

UK £

¥en

USD/on

EURO/gr

1347,70

31,07

23,17

0,537

PLATINO

1720,50

40,01

PALLADIO

590,50

13,9

1 Euro

1.0

1.3928

0.87650 115.57

ORO

1 US $

0.71760

1.0

0.62910 82.950

ARGENTO

1 UK £

1.1403

1.5887

1.0 131.80

1 ¥en

0.0086509 0.012049 0.0075820

1.0

I TITOLI DI BORSA AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Ora

Min

A.S. Roma 1,06 -3,46 17.30.56 1,05 A2A 1,115 -0,36 17.30.34 1,112 Acea 8,325 +0,24 17.30.56 8,285 Acegas-Aps 4,28 -0,23 17.30.41 4,23 Acotel Group 44,05 -2,11 17.30.09 44,00 Acque Potabili 1,649 -0,84 17.30.40 1,648 Acsm-Agam 1,065 -1,30 17.30.45 1,062 Actelios 2,44 +1,35 17.30.51 2,3625 Aedes 0,2089 -0,38 17.30.06 0,2079 Aeffe 0,4095 +3,93 17.30.55 0,3825 Aegon 4,4775 +0,73 12.36.10 4,4775 Aeroporto Firenze 12,20 +0,00 12.58.01 12,00 Ageas 2,185 +1,63 17.13.37 2,155 Ahold Kon 0,2408 +0,13 17.30.24 0,2394 Aicon Alcatel-Lucent 2,50 +1,22 17.08.15 2,4975 Alerion 0,5065 -0,98 17.30.41 0,5025 Allianz 84,30 +0,84 17.30.36 83,49 Amplifon 3,425 -2,77 17.30.13 3,41 9,55 +1,70 17.30.30 9,43 Ansaldo Sts Antichi Pellettieri 0,49 +1,03 17.30.03 0,475 Apulia Prontop 0,38 -1,68 17.30.40 0,3795 Arena 0,0251 +0,80 17.24.14 0,0246 Arkimedica 0,488 -0,41 17.30.27 0,486 Arkimedica 2012 Cv5% 98,05 -0,61 16.56.12 98,05 Ascopiave 1,64 -0,55 17.30.13 1,633 Astaldi 5,275 +0,76 17.30.05 5,20 Atlantia 15,35 +0,07 17.30.51 15,30 Autogrill Spa 9,19 +0,66 17.30.54 9,15 Autostrada To-Mi 10,30 -0,67 17.30.47 10,27 Autostrade Merid 20,98 +1,06 17.30.28 20,55 Axa 13,16 +2,65 16.35.32 12,87 7,495 +2,32 17.30.27 7,35 Azimut B Interm-15 Cv 1,5% 90,70 +0,50 13.22.20 90,50 B&C Speakers 3,245 -2,84 17.30.53 3,20 106,00 +0,00 16.52.42 105,71 Banca Carige Cv 4.75% 2010-2015 Banca Generali 8,945 +0,34 17.30.25 8,855 5,15 +0,10 17.30.37 5,145 Banca Ifis 4,165 -0,12 14.10.47 4,165 Banca Intermobiliare Banca Pop Emilia Romagna Cv 4% 2010-2015 108,40 -0,18 17.14.03 108,03 4,415 -0,17 17.30.13 4,405 Banco Popolare 106,00 +0,11 17.30.14 105,88 Banco Popolare Cv 4.75% 2010-2014 Banco Santander 9,48 +1,61 17.30.11 9,48 Basf 48,03 +2,94 16.01.12 47,74 Basicnet 2,8525 -2,39 17.30.15 2,8525 Bastogi Spa 1,669 -0,36 17.10.05 1,631 Bayer 53,10 +2,71 16.56.07 52,86 41,76 +0,22 17.30.26 41,75 Bb Biotech Bca Carige 1,722 -0,46 17.30.43 1,706 Bca Carige R 2,6375 -0,57 11.48.10 2,6375 110,10 +0,09 12.18.48 110,10 Bca Carige-13Cv 1,5% Bca Finnat 0,52 +0,19 17.30.18 0,5155 Bca Mps 1,03 +0,39 17.30.15 1,023 3,89 3,9375 -0,57 16.46.37 Bca Pop Di Spoleto Bca Pop Emil Romagna 9,16 -0,76 17.30.46 9,10 3,3025 -0,75 17.30.27 3,26 Bca Pop Etrur-Lazio 3,5275 -0,56 17.30.37 3,5075 Bca Pop Milano Bca Pop Sondrio 6,755 -0,22 17.30.22 6,685 0,497 +0,20 17.30.14 0,4905 Bca Profilo Bco Desio Bria Rnc 3,725 -0,47 15.07.12 3,72 Bco Desio Brianza 3,98 +1,02 17.30.14 3,9325 Bco Sardegna Risp 9,35 -1,11 13.53.42 9,33 Bee Team 0,425 +1,68 17.30.56 0,418 Beghelli 0,6375 -1,16 17.30.37 0,637 Benetton Group 5,39 -2,44 17.30.33 5,375 99,95 -0,05 16.58.36 99,92 Beni Sta 2011 Cv2,5% Beni Stabili 0,682 +0,89 17.30.53 0,667 1,479 -0,67 17.30.34 1,411 Best Union Company 0,39 0,39 -1,27 17.30.50 Bialetti Industrie Biancamano 1,429 +0,78 17.30.43 1,418 5,38 5,48 -0,90 17.30.06 Biesse Bioera Sosp. Bmw 49,45 -0,88 16.12.48 49,22 Bnp Paribas 53,30 +0,57 17.22.52 52,98 Boero Bartolomeo Bolzoni 1,847 -0,86 17.30.10 1,78 Bonifiche Ferraresi 28,48 -0,56 17.05.18 28,00 1,25 1,28 -0,70 17.30.57 Borgosesia Borgosesia R 1,292 +0,94 12.02.33 1,26 Bper 12 Cv Sub 3,7% 102,00 +0,00 17.17.23 102,00 7,69 +1,52 17.30.22 7,575 Brembo Brioschi 0,1591 -0,06 17.30.50 0,1572 Bulgari 6,555 +0,38 17.30.00 6,455 1,066 +0,57 17.30.48 1,035 Buongiorno Buzzi Unicem 8,185 -0,18 17.30.52 8,10 4,62 +0,44 17.30.55 4,5875 Buzzi Unicem Rnc 4,50 4,50 +1,81 15.25.05 Cad It Cairo Communication 2,7625 -0,63 17.30.33 2,73 1,01 +0,10 15.48.21 1,009 Caleffi 1,94 +0,00 17.30.06 1,94 Caltagirone 1,805 -0,22 17.30.02 1,793 Caltagirone Edit Camfin 0,37 +0,54 17.30.53 0,365 Campari 4,3625 -0,17 17.30.17 4,35 Cape Live 0,309 +0,00 11.44.12 0,309 Cape Live Cv 5% 2009-2014 87,50 -0,11 13.10.53 87,50 2,29 2,46 +6,49 17.30.30 Carraro Carrefour 39,38 +0,00 15.29.27 39,38 Cattolica Ass 19,26 -0,31 17.30.52 19,15 1,84 +0,82 17.30.07 1,816 Cdc Cell Therapeutics 0,282 +0,36 17.30.16 0,2785 5,27 5,275 -2,85 17.30.05 Cembre 2,41 2,4625 +1,44 17.30.10 Cementir Holding Centrale Latte To 2,375 -0,73 17.30.37 2,375 0,263 +0,00 11.55.52 0,257 Ceramiche Ricchetti Chl 0,1475 -4,28 17.30.19 0,1472 0,3025 +0,33 13.13.20 0,295 Cia 0,697 -1,27 17.30.05 0,6965 Ciccolella Cir-Comp Ind Riunite 1,514 +0,20 17.30.30 1,505 Class Editori 0,481 +1,58 17.30.56 0,4735 Cobra 1,199 +0,08 15.53.23 1,185 0,6725 +1,13 17.30.02 0,6585 Cofide Spa 0,427 -2,29 17.30.04 0,427 Cogeme Set Cogeme Set 2014 Cv 99,30 -0,20 16.19.46 99,30 Conafi Prestito' 0,955 -1,04 17.30.15 0,926 22,04 -0,63 15.54.39 22,04 Cr Bergamasco Credem 5,055 +0,30 17.30.37 5,015 Credit Agricole 11,97 +0,93 17.00.19 11,90 Credito Artigiano 1,388 +0,95 17.30.51 1,377 Credito Valtellinese 3,445 +0,22 17.30.02 3,4225 0,1565 -2,06 17.30.00 0,1535 Crespi 101,17 -0,13 17.02.25 101,12 Creval 2013 Cv Csp Int Ind Calze 1,024 +1,89 17.30.55 1,007 D'Amico 1,098 -1,08 17.08.26 1,098 Dada 4,6125 -1,86 17.30.00 4,6125 44,23 -1,07 16.27.14 44,20 Daimler 0,855 -0,58 17.30.37 0,834 Damiani 18,82 +6,09 17.30.50 17,82 Danieli & C Danieli & C Risp Nc 10,58 +6,28 17.30.19 9,97 Danone 44,44 -1,66 11.33.36 44,44 Datalogic 4,66 +1,75 17.30.49 4,4575 De'Longhi 4,05 +0,25 17.30.42 4,0175 Dea Capital 1,267 +0,00 17.30.32 1,251 Deutsche Bank 41,07 +0,91 17.19.22 40,95

Max

Apertura

1,109 1,105 1,126 1,122 8,34 8,29 4,2875 45,64 45,35 1,662 1,662 1,079 2,44 2,41 0,2119 0,2119 0,4095 0,40 4,50 12,20 2,215 0,247 2,5275 0,515 84,70 3,575 9,55 0,494 0,3865 0,0253 0,505 98,59 1,666 5,31 15,46 9,29 10,40 21,30 13,16 7,51 90,75 3,30 106,05 8,96 5,15 4,165 108,63 4,4725 106,20 9,66 48,03 2,965 1,669 53,25 41,99 1,74 2,64 110,10 0,52 1,038 4,00 9,315 3,3275 3,5875 6,80 0,5005 3,735 3,98 9,46 0,429 0,65 5,575 100,25 0,6875 1,489 0,3955 1,435 5,525 49,56 54,13 1,848 28,65 1,293 1,292 102,20 7,86 0,162 6,575 1,07 8,31 4,6625 4,57 2,81 1,01 1,95 1,809 0,371 4,4025 0,309 87,80 2,46 39,38 19,41 1,859 0,288 5,43 2,485 2,40 0,263 0,1584 0,3025 0,7085 1,525 0,4845 1,20 0,673 0,4355 99,89 0,97 22,20 5,08 12,20 1,406 3,4725 0,1596 101,27 1,031 1,115 4,6975 44,80 0,875 18,89 10,63 44,45 4,69 4,05 1,282 41,70

0,515 3,5225 9,49 0,3815 0,486 5,235 15,38 9,17 21,10 7,385

8,94

4,4525

2,95

1,725 0,519 1,031 9,20 3,3225 3,56 6,79 3,9325

5,565 0,677 1,411 0,395

52,98 28,65

7,60 0,162 6,55 1,06 8,22 2,81 1,95 0,368 4,39

0,2825 5,355

0,1583 0,295 1,516 0,4845 0,6585 0,4355

5,05 11,90 3,45

17,82 9,97 4,05 1,28 40,99

AZIONI Deutsche Telekom Diasorin Digital Bros Dmail Group Dmt E.On Edison Edison R Eems El.En Elica Emak Enel Enervit Engineering Eni Erg Erg Renew Ergycapital Esprinet Eurotech Eutelia Sosp. Exor Exor Prv Exor Rsp Exprivia Fastweb Fiat Fiat Priv Fiat Risp Fidia Fiera Milano Sosp. Finarte Casa D'Aste Finmeccanica Fintel Energia Group Fnm Fondiaria-Sai Fondiaria-Sai R France Telecom Fullsix Gabetti Gas Plus Gdf Suez Gefran Gemina Gemina Risp Port Nc Generali Ass Geox Gewiss Gr Edit L'Espresso Granitifiandre Greenvision Amb Grup Minerali Maffei Gruppo Coin Hera House Building I Grandi Viaggi I.M.A Igd Ikf Il Sole 24 Ore Immsi Impregilo Impregilo Rp Indesit Company Indesit Company Rnc Industria E Innovazione Ing Groep Intek Intek R Interpump Group Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Rsp Invest E Sviluppo Irce Iren Isagro It Way Italcementi Italcementi Risp Italmobiliare Italmobiliare Rnc Iw Bank Juventus Fc K.R.Energy Kerself Kinexia Kme Group Kme Group Rsp L'Oreal La Doria Landi Renzo Le Buone Societa' Lottomatica Luxottica Group Lvmh Maire Tecnimont Management E C Marcolin Mariella Burani F.G Sosp. Marr Mediacontech Mediaset S.P.A Mediobanca Mediolanum Mediterranea Acque Meridiana Fly Meridie Methorios Capital Mid Industry Capital Milano Ass Ord Milano Ass Risp Port Mittel Molmed Mondadori Edit Mondo He Mondo Tv Monrif Montefibre Montefibre R Monti Ascensori Munich Re Mutuionline Neurosoft Nice Noemalife Nokia Corporation Nova Re Olidata Panariagroup Parmalat Philips Piaggio

Prezzo ultimo contr. Var % 10,01 29,95 1,385 3,5275 13,11 21,19 0,9225 1,267 1,44 11,35 1,49 4,2925 3,8875 1,275 20,80 16,12 9,67 0,8115 0,5165 6,50 2,15

Ora -0,69 -1,80 +0,58 +0,21 -0,30 +0,05 -0,11 +0,08 -0,07 +2,16 +0,07 -0,64 +0,00 -0,78 +0,44 +0,94 +0,52 +0,68 +0,29 -1,06 +0,12

Min

Max

16,90 -0,12 14,14 +0,21 14,81 +0,89 0,8995 -0,06 17,96 +0,11 11,01 -0,63 7,46 -1,78 7,595 -1,75 3,45 +0,44 4,88 +16,75

17.30.54 16,85 17.30.20 14,13 17.30.43 14,68 16.43.33 0,893 17.30.27 17,95 17.30.15 10,95 17.30.07 7,425 17.30.45 7,56 16.55.44 3,3625 17.30.17 4,18

8,78 1,989 0,542 7,855 4,85 15,96 1,14 0,378 4,90 26,10 3,175 0,5165 1,195 14,69 4,17 4,0925 1,572 3,44 5,70 4,46 7,455 1,424

17.30.05 17.18.21 17.30.09 17.30.42 17.30.01 12.10.55 17.18.41 17.24.54 16.31.57 9.01.45 17.24.52 17.30.31 17.30.36 17.30.25 17.30.10 17.30.10 17.30.10 17.30.28 16.51.26 17.30.02 17.30.31 17.30.26

+0,57 -2,38 +0,46 +0,26 +0,05 -0,19 +0,09 -1,18 -0,25 +0,69 +0,48 -2,73 +0,59 +0,55 +3,09 -0,12 +0,64 +1,18 -2,06 -2,83 -3,81 +1,50

Apertura

17.09.19 10,00 10,12 17.30.13 29,81 30,51 30,50 17.30.38 1,37 1,39 1,38 12.23.34 3,44 3,54 3,54 17.30.15 13,08 13,27 13,23 16.57.33 21,15 21,34 17.30.42 0,921 0,9295 0,925 16.46.01 1,267 1,279 17.30.42 1,435 1,466 1,457 17.30.09 11,11 11,35 17.30.36 1,46 1,514 1,489 14.11.00 4,2525 4,35 17.30.32 3,8825 3,925 3,905 16.32.15 1,275 1,275 17.30.21 20,56 20,98 20,98 17.30.07 15,99 16,20 16,03 17.30.24 9,625 9,73 9,67 17.30.24 0,7935 0,815 0,807 16.42.31 0,511 0,525 0,517 17.30.09 6,50 6,685 6,60 17.30.52 2,125 2,1575 2,1575

8,74 1,959 0,535 7,77 4,80 15,96 1,115 0,378 4,85 26,10 3,12 0,514 1,188 14,61 4,045 4,025 1,56 3,37 5,50 4,46 7,44 1,399

0,872 +4,12 15.21.32 0,8365 13,95 +0,00 17.30.30 13,81 1,35 +1,73 17.30.01 1,308

17,07 16,94 14,39 14,16 14,86 14,75 0,91 0,91 17,96 17,95 11,16 11,15 7,65 7,62 7,795 7,745 3,45 4,88 4,2125 8,84 8,79 1,989 1,961 0,5435 7,915 7,84 4,89 4,86 16,10 1,14 0,3865 0,3825 4,90 26,10 3,21 3,1575 0,5315 0,5315 1,199 1,188 14,78 14,68 4,2275 4,055 4,095 1,583 1,565 3,40 3,4725 5,715 4,51 8,03 7,935 1,429 1,406 0,872 13,95 1,378

13,94

1,331 0,851 2,1575 7,90 9,175 6,99 2,40 7,73 0,423

+0,76 +0,12 -2,60 +0,00 +1,83 +0,65 -1,03 +0,39 -0,35

16.22.09 1,32 1,339 17.30.12 0,838 0,8545 0,838 17.30.51 2,1375 2,2475 2,22 12.39.32 7,90 7,99 7,90 17.30.28 9,025 9,285 9,035 6,85 6,995 16.11.07 17.30.45 2,285 2,425 2,285 7,81 7,75 17.15.32 7,715 17.30.17 0,417 0,428 0,4245

5,025 2,4275 1,921 0,0144 1,398 1,269 2,97 3,165 6,69 3,665 24,40 17,18 1,49 0,864 0,0733 3,39 1,97 0,301 0,552

+5,57 +1,15 +0,95 +0,00 +1,30 -0,16 -1,33 -2,61 +0,75 -0,27 +0,29 -0,12 +0,00 +0,12 +1,10 -0,15 +0,00 -0,50 +1,10

17.30.21 17.30.36 17.30.17 17.22.45 17.30.44 17.30.39 17.30.47 17.30.18 17.30.17 17.30.24 17.30.54 17.30.49 17.30.11 17.30.44 17.30.37 17.30.35 16.29.59 17.30.14 17.30.30

4,88 2,405 1,913 0,0141 1,397 1,261 2,9675 3,165 6,675 3,63 24,12 17,00 1,45 0,854 0,0725 3,37 1,954 0,3005 0,538

5,08 2,4375 1,934 0,0144 1,399 1,275 3,03 3,165 6,78 3,72 24,99 17,30 1,49 0,865 0,077 3,4575 1,97 0,3135 0,5595

1,72 3,7775 0,455 11,49 19,96

+0,06 -0,07 -2,78 +0,26 +0,00

12.21.39 17.30.44 17.30.19 17.30.49 17.30.17

1,71 3,76 0,45 11,40 19,91

1,727 3,815 0,48 11,59 20,12

4,91 2,42 1,916 0,0144 1,274 2,9675 6,68 17,25 0,8625 0,0725 3,44 1,97 0,301

3,785 11,48 20,10

2,88 -0,09 17.30.49 2,88 0,196 -0,46 17.22.39 0,1924 2,89 2,89 -1,36 17.30.04

2,915 2,8925 0,198 0,195 2,945

17.30.28 12.12.28 17.30.10 17.30.35 17.30.53 17.23.21 17.30.41 15.16.53 14.09.48 17.30.19 17.30.33 16.50.39 16.31.18 17.23.48 17.30.58 17.04.00 13.04.41 11.54.08 16.47.36

7,85 2,75 5,035 6,81 3,205 2,9925 0,0519 0,3565 1,222 10,73 1,40 1,617 3,23 0,46 2,2275 0,1403 6,39 0,4175 0,152

7,945 7,945 2,8375 5,145 5,13 6,92 6,84 3,255 3,235 2,9925 0,0534 0,052 0,3985 0,368 1,299 11,10 11,08 1,432 1,421 1,65 3,27 0,4685 0,463 2,265 2,2625 0,145 6,58 0,4185 0,1535 0,1525

1,006 +4,25 15.57.28

0,986

1,03

5,225 +0,29 16.18.53

5,21

5,285

5,21

2,78 -1,51 17.30.11 6,05 +1,17 17.30.07 7,56 +0,67 17.22.37

2,78 5,975 7,53

2,85 6,05 7,685

2,85

7,92 2,8275 5,04 6,875 3,225 2,9925 0,053 0,3685 1,273 10,81 1,414 1,619 3,265 0,4635 2,2425 0,1434 6,58 0,4175 0,152

+0,06 +2,82 -1,08 +1,10 +0,00 +0,08 +2,71 +2,36 +1,92 -3,74 -0,63 -0,67 +1,40 +0,76 +0,00 +0,42 +1,23 +0,00 +0,00

0,6955 +0,14 17.30.26 0,6905 1,67 +0,60 17.30.55 1,627 1,86 -0,69 17.30.42 1,854 2,32 -0,54 17.30.58

2,285

0,716 0,6905 1,679 1,888 1,879 2,345

2,30

AZIONI

Prezzo ultimo contr. Var %

Pierrel Pininfarina Spa Piquadro Pirelli E C Pirelli E C Risp Por Pirelli&C Real E Pms Poligraf. S. F Poligrafici Edit Poligrafici Printing Poltrona Frau Ppr Pramac Premafin Fin Hp Premuda Prima Industrie Prysmian Ratti Rcf Group Rcs Mediagroup Rcs Mediagroup Rsp Rdb Recordati Ord Renault Reno De Medici Reply Retelit Richard-Ginori 1735 Risanamento Rosss Rwe S.S. Lazio Sabaf Sadi Servizi Industr Saes Getters Saes Getters Risp Nc Safilo Group Saipem Saipem Risp Cv Sanofi Sap Saras Sat Save Screen Service Seat Pagine Gialle Seat Pagine Gialle R Servizi Italia Seteco International Sosp. Sias Sias-17 Cv 2,625% Siemens Snai Snam Rete Gas Snia Sosp. Snia 3% Cv 2010 Sosp. So Pa F Societe Generale Socotherm Sosp. Sogefi Sol Sopaf 2012 Cv3,875% Sorin Stefanel Stefanel Risp Nc Stmicroelectronics Tamburi Tas Tbs Group Telecom It Media R Telecom Italia Telecom Italia Media Telecom Italia R Telefonica Tenaris Terna Ternienergia Tesmec Tiscali Tod'S Toscana Finanza Total Trevi Fin Ind Txt E-Solutions Ubi Banca Ubi Bca 2013 Cv Uni Land Unicredit Unicredit Rsp Unilever Unipol Unipol Priv Valsoia Sosp. Viaggi Del Ventaglio Vianini Industria Vianini Lavori Vittoria Ass Vittoria-16 Cv Fix/F Vivendi Vrway Communication Warr Aedes 2009-2014 Warr Bp 2010 Warr Bpm 09-13 Warr Camfin 2009-2011 Warr Creval 2014 Warr Ergycapital 11 Warr Ergycapital 2016 Warr Gabetti 2009-2013 Warr Ikf 10-14 Warr Intek 2011 Warr Interpump 2009-2012 Warr Inv E Svil 2012 Warr K.R.Energy 2009-2012 Warr Kme Group 2009-2011 Warr Kme Group 2011 Warr Mediobanca 09-11 Warr Meridie 11 Warr Parmalat 2015 Warr Pierrel 08-12 Warr Prima Industrie 2013 Warr Retelit 08-11 Warr Richard Ginori 2011 Warr Snia 2010 Sosp. Warr Tiscali 2009-2014 Warr Ubi 09-11 Warr Unipol 2013 Warr Unipol Prv 2013 Yoox Yorkville Bhn Zignago Vetro Zucchi Spa Zucchi Spa Risp Nc

Ora

Min

Max

Apertura

3,70 3,6125 1,472 5,98 5,65 0,4555 4,8075 10,00 0,516 0,635 0,78

-1,33 -1,50 -0,07 +0,67 +0,89 +1,45 -2,29 +1,01 -0,29 -0,78 -1,89

17.30.59 3,6175 17.30.06 3,6025 17.30.07 1,472 17.30.29 5,965 17.30.24 5,52 17.30.13 0,446 16.49.55 4,75 10.02.20 10,00 15.27.31 0,5105 11.04.32 0,635 17.30.18 0,776

1,17 0,8985 0,801 7,015 13,94 0,1832 0,84 1,091 0,756 2,095 6,65 36,01 0,26 16,10 0,3585 0,0473 0,2775 1,46

+0,17 +0,96 -2,20 -1,89 +1,46 -0,38 +0,60 +0,74 +0,27 +0,72 +1,06 -1,58 +0,39 +0,63 -1,24 +1,29 +0,54 -0,48

17.16.21 17.30.54 16.29.31 16.46.06 17.30.19 17.30.22 17.30.46 17.30.33 17.15.07 17.30.47 17.30.37 17.30.46 17.30.57 17.30.31 17.30.42 17.24.58 17.30.45 17.20.35

1,165 0,89 0,801 7,005 13,79 0,1832 0,8335 1,076 0,7335 2,05 6,565 36,01 0,2545 15,91 0,3545 0,0465 0,273 1,441

0,419 19,10 0,41 6,80 5,30 9,70 31,26 30,02 49,32

-4,77 +0,53 +0,00 +2,87 +4,02 +1,78 +3,75 +0,07 +0,00

17.30.28 17.30.40 12.27.40 17.30.04 17.30.23 17.30.45 17.30.59 17.30.29 16.52.55

0,416 18,82 0,41 6,51 5,11 9,545 30,30 30,02 49,32

0,446 19,48 0,41 6,82 5,30 9,855 31,53 30,02 49,80

0,441 18,96

1,481 9,52 7,08 0,604 0,151 0,91 5,35

+0,82 -4,66 +2,02 -0,33 -0,46 +1,11 +0,00

17.30.29 1,468 17.30.12 9,52 17.30.50 6,89 17.30.42 0,586 17.30.28 0,1491 17.30.23 0,91 14.12.14 5,35

1,488 9,82 7,08 0,604 0,156 0,91 5,35

1,47

6,97 94,00 77,50 2,665 3,725

+0,07 +0,00 +1,39 -2,74 +0,40

17.30.56 16.01.22 17.08.29 17.30.43 17.30.27

7,15 94,50 77,84 2,74 3,73 3,7175

6,90 94,00 76,92 2,665 3,695

0,111 -3,14 17.30.14 0,1105 43,12 +2,40 17.23.54 42,30 2,41 4,67 68,00 1,68 0,635

+0,84 -0,21 +1,45 -0,53 +0,16

17.30.14 17.30.20 17.15.40 17.30.26 17.30.43

5,44 -1,45 17.30.30 1,323 +0,76 17.30.22 12,93 +0,00 17.30.04 0,3895 1,021 0,265 0,828 18,55 14,19 3,0875 3,91 0,624 0,1088 69,80 1,48 38,55 10,35 5,58 7,415 106,29 0,535 1,837 2,29

+1,17 -0,20 +1,15 -0,66 +0,32 +1,21 -0,24 -0,06 +2,72 +7,51 -0,53 -0,27 +0,60 -0,48 +1,46 +0,00 +0,17 -0,56 -1,18 -0,43

17.30.08 17.30.08 17.30.03 17.30.41 15.26.41 17.30.40 17.30.20 17.02.09 17.30.22 17.30.45 17.30.33 9.38.47 17.19.46 17.30.43 17.30.38 17.30.48 17.24.31 17.30.57 17.30.35 16.58.13

3,88 3,765 3,68 1,497 6,045 5,965 5,69 5,64 0,46 0,451 4,905 10,00 0,517 0,635 0,815 0,8095 1,184 0,9055 0,89 0,801 7,10 13,99 13,80 0,1839 0,843 1,109 1,109 0,765 2,0975 6,66 6,565 37,00 0,263 16,15 16,09 0,3795 0,3675 0,0477 0,279 0,273 1,465

0,115 43,50

5,15 30,38

0,152

0,115

2,37 2,4775 2,4175 4,55 4,67 67,69 68,64 1,655 1,70 1,70 0,63 0,6475 0,638 5,42 1,31 12,93 0,3895 1,02 0,2525 0,827 18,51 14,06 3,0775 3,8675 0,605 0,1035 69,60 1,48 38,50 10,29 5,50 7,38 106,00 0,535 1,835 2,275

5,59 1,323 13,02

5,54

0,3895 1,036 1,031 0,267 0,265 0,8425 0,84 18,60 14,27 14,08 3,105 3,0975 3,93 3,93 0,6245 0,1099 0,1035 70,50 70,50 1,484 38,97 10,40 10,40 5,615 7,54 7,425 106,34 0,5485 1,88 1,872 2,2975

0,5365 -0,56 17.30.08 0,5365 0,5435 0,5415 0,37 +0,68 17.30.13 0,366 0,371 0,369 4,105 -2,20 17.30.37 4,105 4,1875 1,317 +0,15 16.29.19 1,301 4,1275 +0,67 17.30.20 4,05 3,665 +0,69 17.30.34 3,5925

0,055 0,008 2,19 0,0641 0,274 0,0759 0,1714 0,1049

-0,90 -4,76 -6,81 +0,16 +1,86 +1,88 +6,33 -0,09

14.34.23 16.56.17 17.30.59 16.39.52 17.30.24 9.00.55 15.18.13 10.53.54

0,6765 +4,16 17.30.04

0,0103 0,0199 0,013 0,898

+0,00 -5,24 +7,44 -0,22

0,0549 0,0076 2,19 0,0635 0,2605 0,0759 0,1714 0,1049

1,317 4,145 3,665

0,0558 0,0084 2,35 0,0656 0,274 0,0759 0,1714 0,105

0,65 0,6965

0,0558 0,0077 0,064 0,0759 0,1714

0,665

16.17.54 0,0097 0,0103 0,0103 17.21.15 0,0199 0,0216 0,0205 12.15.16 0,013 0,0131 0,0131 16.54.38 0,897 0,911 0,897

0,0703 +0,43 17.06.27 0,0646 0,0704 0,0703 0,0025 0,0085 0,0248 0,0225 7,69 0,077 4,65 0,535 0,513

+0,00 -1,16 -1,19 +0,45 -2,04 +4,91 -0,96 +2,20 -1,16

16.42.28 17.04.34 16.51.29 17.19.32 17.30.24 17.30.08 17.30.32 17.24.51 15.48.39

0,0024 0,0083 0,0244 0,0222 7,625 0,074 4,6225 0,5205 0,4975

0,0026 0,0087 0,025 0,0244 0,0228 7,98 7,90 0,08 4,7375 4,7375 0,535 0,52



il domani