Page 1

Domenica 05 Dicembre 2010

Anno XIII - Numero 334

Euro 1,00

QUOTIDIANO DI POLITICA ECONOMIA E CULTURA Poste Italiane S.p.A. -- Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma1. Aut. CBPA-SUD/CZ/326/09

REGIONE

POLITICA

Mancini: Finanziaria 2011 il programma tradotto in realtà

LAVORO Ugl: servono altri finanziamenti per la stabilizzazione di Lsu e Lpu

Veltroni a Lamezia Terme: con Speranza esperienza positiva

a pag » 5

a pag » 16

a pag » 7

Il governatore parla dei fondi dell’accordo di programma quadro per la mitigazione del rischio idrogeologico: «Sono sufficienti»

«Daremo risposte importanti alla Calabria» Scopelliti: ci sono altre risorse e fondi comunitari che stiamo impegnando, circa 55 milioni di euro IL COMMENTO

Alternativa secca: o Berlusconi o le elezioni

«Sono in corso trattative con il Governo per dar corso ad un Accordo di Programma quadro, purtroppo fermo, che cercheremo di riavviare sull’erosione costiera. Tutto questo va a beneficio del territorio per la salvaguardia delle nostre comunità» a pag » 6

L’ENERGIA CI SERVE

Boom dei pignoramenti famiglie a rischio crack

di Daniele Capezzone portavoce nazionale del Pdl

Quelli che dicono a Silvio Berlusconi: "Dimettiti, e poi discutiamo" formulano una proposta che è una vera e propria trappola. Intanto, non si capisce perché il vincitore delle elezioni dovrebbe fare un passo indietro. Ma, al di là di questo, è fin troppo facile immaginare che, a dimissioni eventualmente avvenute, una serie di protagonisti che oggi dicono di non avere obiezioni o pregiudiziali contro un Berlusconi - bis, improvvisamente direbbero: "E’ cambiato il contesto", e di conseguenza porrebbero come condizione il fatto che il nuovo Governo non fosse più guidato da Silvio Berlusconi. Ciò non è accettabile. Sono gli elettori ad avere scelto Berlusconi, e Berlusconi non può essere accantonato con un gioco di palazzo. Resta valida l’alternativa secca: o Berlusconi, o elezioni.

MUTUI

Frattini: Russia, Libia e Algeria fondamentali ROMA - Sulla politica energetica «nessuno può decidere a nome dell’Italia». Lo ha affermato il ministro degli Esteri Franco Frattini, nel corso della registrazione della trasmissione ""In mezz’ora" di Lucia Annunziata. «L’Italia ha interesse nazionale in sicurezza e indipendenza energetica», ha proseguito il ministro, «la nostra strada è la differenziazione», che passa dalla Russia, dalla Libia, dall’Algeria e dai Paesi del Golfo.

ROMA - La crisi morde ancora e molte famiglie pagheranno un conto salato con i pignoramenti che quest’anno cresceranno in media di oltre il 30% rispetto al 2009 (di quasi il 70% nel triennio 2008-2010). Morale: oltre 150 mila case che finiranno all’asta. Il quadro emerge dalle cifre raccolte da Adusbef attraverso un monitoraggio in 35 dei maggiori Tribunali italiani: i dati sono stati raccolti e comunicati in gran parte dai Tribunali fino ai mesi di ottobre-novembre scorso e proiettati da Adusbef su base annua. «L’insostenibile crisi - sottolineano Elio Lannutti e Rosario Trefiletti nello studio - porta sempre più famiglie italiane a non poter onorare le rate dei mutui, impegno sempre più gravoso che mangia il 33% del reddito». a pag » 7

CROTONE Esplosione in una palazzina per una fuga di gas, ferite gravemente 3 persone a pag » 12

REGGIO CALABRIA Scopelliti: folle parlare di rischio dissesto al Comune dello Stretto a pag » 11

CATANZARO Tutela ambientale, salgono a 65 gli imprenditori denunciati a Lamezia a pag » 18

L’INTERVENTO

Un programma di diffusione della cultura italiana di Livia Turco resp. politiche sociali Partito democratico

Questo mese entra in vigore il decreto del ministero dell’Interno che introduce un test di lingua italiana per gli stranieri desiderosi di ottenere il permesso Ce per soggiornanti di lungo periodo. Noi democratici siamo sostenitori della tesi secondo la quale la conoscenza della lingua italiana è alla base di una buona integrazione. Riteniamo tuttavia che l’approccio adottato da questo governo, basato sulla imposizione di un esame, non sia il migliore per promuovere l’apprendimento dell’italiano e per favorire l’inclusione degli stranieri. In tutta Europa i governi stanno introducendo efinanziando programmi di integrazione civica, l’Italia invece proseguenella sua politica di chiusura. Anche la cancellazione del Fondo per le Politiche d’integrazione è un’ulteriore conferma della volontà di questo governo di proseguire nella sua politica di ostilità nei confronti degli immigrati. Il 9 dicembre, il Partito Democratico lancia la campagna di comunicazione, "Imparo l’italiano e sono cittadino", una campagna a sostegno della nostra proposta di legge per la promozione di un programma di apprendimento della lingua e della cultura italiana a beneficio degli immigrati. Una proposta alternativa che prevede un programma di diffusione della lingua e della cultura italiana, con stanziamenti pubblici e privati. Tale programma è rafforzato dalla previsione di un incentivo da riconoscere all’immigrato che partecipa ai corsi, consistente nell’anticipazione della concessione della carta di soggiorno a chi nei primi 3 anni di permanenza in Italia frequenta i corsi e supera la prova finale.


2

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

D2 - LETTERE, RUBRICHE, INTERVENTI LA NOTA di Italo Reale Rotto un patto tra Enti locali e Regione di Italo Reale*

Forse il Commissario delegato - Presidente della Giunta Regionale, non si rende conto della gravità degli atti che sta assumendo in questi giorni spostando la spazzatura calabrese e costringendo popolazioni che, in modo virtuoso hanno consentito di realizzare, negli anni scorsi impianti e discariche di servizio, ad accogliere rifiuto indifferenziato, non trattato, smaltito in luoghi dove poteva e doveva arrivare solo il sovvallo (residuo del trattamento). Non si rende conto, forse Scopelliti, che in questo modo rompe un patto tra Enti locali e Regione che, circa dieci anni fa, hanno deciso di collaborare per risolvere, tutti speravamo in modo definitivo, il problema costruendo un ciclo virtuoso completo dalla raccolta differenziata agli impianti e che invece si trovano di fronte ad una imposizione che colpisce proprio chi ha cercato di lavorare

meglio. Certamente grandi sono le responsabilità della Protezione Civile se, come da uno studio presentato nel convegno della Provincia di Catanzaro, tra sei mesi non vi saranno discariche da utilizzare perché tutte saranno sature, ma oggi il Presidente della Giunta ha l’obbligo di comprendere che non si può chiedere solidarietà se, con atti concreti, non si indica la via d’uscita definitiva. Indicazione questa che deve comprendere la presa d’atto che la raccolta differenziata non è ancora partita in modo sufficiente, che è neces-

sario trovare le risorse perché funzioni (e non "una tantum") nonché l’indicazione dei luoghi e dei tempi di costruzione degli impianti di selezione, (senza i quali non si fa nè compost nè il combustibile per gli impianti che producono energia elettrica). Inoltre, l’abbiamo già scritto e ripetuto, dalla presentazione del Piano Gestione Rifiuti, sono passati molti anni ed è quindi necessario che la Regioni ne verifichi la validità valutando la possibilità di utilizzare nuove tecnologie che, nel frattempo, sono entrate sul mercato e che, forse,

Certamente grandi sono le responsabilità della Protezione Civile se, come da uno studio presentato nel convegno della Provincia di Catanzaro, tra sei mesi non vi saranno discariche da utilizzare perché tutte saranno sature

DAL VOSTRO INDIGNATO SPECIALE

possono anche evitare il ricorso ai termovalorizzatori. Finchè ciò non accade non si può pretendere che i Cittadini accettino un a fase di smaltimento in discarica, vietato dal 2006 per i rischi collegati con l’inquinamento delle acque e dell’aria, se questo non è strettamente collegato ad una fase emergenziale scadenzata sui tempi di realizzazione di un nuovo e idoneo piano dei rifiuti. Per questo motivo il Partito Democratico Regionale, in tutte le sue espressioni compreso il sen Musi ed il Coordinatore Provinciale Villella esprime solidarietà al Sindaco di Rossano ed a chi difende il territorio aspettando chiarimenti da Scopelliti, magari nell’incontro richiesto ed a cui non è stato dato ancora riscontro.

*Dipartimento Ambiente Pd

DI Carlo Bassi

Che vuole la Lega, anche lo ius primae noctis? Abbiamo seguito, come si conviene al nostro mestiere, le polemiche sullo sciopero dei calciatori e soprattutto abbiamo registrato un’ondata di populismo all’insegna di uno scontatisimo: «Con quello che guadagnano si permettono anche di scioperare». A parte il fatto che non tutti sono pagati tanto, come si conviene al titolo della nostra rubrica ci siamo prontamente indignati.Unostudioattentodellavicendaci porta a dedurre che i punti sui quali c’è rottura totale sono la questione degli allenamenti e quella del trasferimento. In altre parole la Lega, nella persona di Luigi Abete, che da ex Confindustria tratta i giocatori come se fossero riottosi di Pomigliano d’Arco, pretende che la società possa decidere chi far allenare con la prima squadra.Noipensiamochetuttiigiocatori debbano allenarsi nello stesso modo, perché la forma fisica è un loro patrimonio personale e tutti devono avere la possibilità di affinarla.Ma ancora più clamorosa è la pretesa che la società possa decidere a suo insindacabile giudizio dove spedire un giocatore, semplicemente comunicandogli che da lunedì - per questione di bilancio societario - dovrà lasciare Milano per Canicattì. C’è bisogno di commenti?


4

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

PRIMO PIANO Polemica Field, Barile si affida all’avvocato Roberto Le Pera

Lo ha sottolineato il procuratore nazionale Pietro Grasso a un convegno sull’organizzazione degli uffici di Procura

«In Lombardia e nel Lazio record di confische ai clan» di Giuseppe Benzi RIMINI - «In Lombardia, dove alcuni sostengono che non c’è la mafia, sono ben 1.512 i beni confiscati ai clan. E anche il Lazio non scherza, basta tener presente che i beni confiscati in questa regione sono 2.596, più della Campania dove le confische sono 1.969». Lo ha sottolineato il procuratore nazionale Pietro Grasso intervenendo a un convegno, sull’organizzazione degli uffici di Procura, al Salone della Giustizia in corso a Rimini. Grasso inoltre ha rilevato che i beni definitivamente confiscati, per quanto riguarda le altre regioni, sono 2.743 in Calabria, 2.225 in Puglia, 7.915 in Sicilia e 260 in Piemonte. Grasso ha quindi ricordato la banca dati realizzata dalla Procura nazionale antimafia, in collaborazione anche con il Ministero della Giustizia nella quale sono inseriti più di un milione e 200mila atti processuali che riguardano le cosche, 63.705 procedimenti nei confronti dei clan e oltre 1.287.000 nominativi di indagati

Oltre a Grasso al convegno ha svolto una relazione anche il procuratore capo di Torino Giancarlo Caselli

e condannati per mafia. Oltre a Grasso al convegno ha svolto una relazione anche il procuratore capo di Torino Giancarlo Caselli che ha illustrato il programma applicativo "Calendar" utilizzato negli uffici della Procura per «gestire in modo rapido ed efficiente l’assegnazione dei servizi ai magistrati in modo da spartirli equamente, in termini di carichi di lavoro, contribuendo così a creare un clima sereno tra i colleghi e alleggerendo anche il lavoro del personale amministrativo, già ridotto all’osso». Caselli ha poi ricordato che "Calendar" era stato pensato e in parte già realizzato dal suo predecessore, Marcello Maddalena. A Torino, inoltre, Caselli ha fatto presente che venne usato il criterio della «personalizzazione delle indagini, in modo tale che sia lo stesso Pm che ha condotto le indagini ad andare in aula e questo è possibile creando una sintonia tra Procura, ufficio del Gip e Tribunale». Caselli è stato invitato al convegno in quanto l’esperienza di Torino è considerata, dal ministero, un ottimo esempio di organizzazione dell’ufficio di Procura.

COSENZA - «In relazione alle dichiarazioni rese nei confronti del dott. Domenico Barile, oltre che del presidente Scopelliti e della Giunta Regionale da parte del rag. Mario Muzzi, già Presidente della Field, il dott. Barile ha deciso di tutelare legalmente la propria persona». Lo spiega una nota che continua: «Com’è noto, nei giorni scorsi il rag. Muzzi ha contestato sulla stampa la decisione di commissariamento del suo incarico, scaturita dalla legge regionale n 22 /2010 Il vaglio dei magistrati convocando un incontro con i giornalisti nel corso interesserà gli articoli del quale ha espresso valudi stampa pubblicati da tazioni sull’accaduto che hanno avuto, come conse- quotidiani locali guenza, la decisione del dott. Barile di procedere e regionali legalmente per la valuta- negli ultimi giorni zionedelleparoleutilizzate in detti contesti. Il dott. Barile non ha inteso rispondere a queste polemiche, così ritenendo di rivolgersi ai magistrati per l’accertamento di ogni responsabilità riguardante l’accaduto. Barile, difatti, richiesto dalla stampa di fornire le proprie considerazioni, ha riferito di aver dato incarico allo Studio Legale dell’avvocato Roberto Le Pera del foro di Cosenza, per la tutela dei propri diritti in ogni sede giudiziaria». Lo stesso avvocato Roberto Le Pera, astenendosi da ogni valutazione o commento tecnico-legale, logicamente demandati alla preposta Autorità Giudiziaria, ha rilasciato il seguente comunicato: «Il dott. Domenico Barile mi ha conferito mandato legale per richiedere alla Magistratura competente l’accertamento di profili di responsabilità, penale e civile, in merito a talune dichiarazioni, che sono state riferite, nei riguardi della propria perso-

na, da determinati soggetti. Il vaglio dei Magistrati interesserà, in particolare, gli articoli di stampa pubblicati da quotidiani locali e regionali, che hanno riportato il contenuto di interviste e conferenze stampa, che hanno avuto, quale oggetto, diverse considerazioni inerenti alla persona del mio assistito».


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani

5

PRIMO PIANO L’assessore regionale al Bilancio e alla Programmazione, Giacomo Mancini, ha illustrato in commissione Bilancio del Consiglio la manovra per l’anno prossimo

«Finanziaria regionale 2011 il programma tradotto in realtà» REGGIO CALABRIA - La seconda Commissione, "Bilancio, programmazione, attività economiche e produttive", presieduta dal consigliere Franco Morelli, ha concluso i propri lavori di venerdì scorso alla presenza dell’assessore regionale, Giacomo Mancini. «La Manovra finanziaria 2011-2013 - ha detto Mancini - è frutto di un lavoro corale e insieme condiviso della Giunta e della maggioranza che la sostiene. Da oggi riprendiamo la sfida di trasformare in provvedimenti amministrativi il programma elettorale del governatore Giuseppe Scopelliti, delle forze politiche e dei movimenti che hanno condiviso il suo progetto». Tutti i consiglieri presenti ai lavori dell’organismo sono intervenuti, con varie argomentazioni, sul merito della Manovra in un clima che riferisce una nota dell’ufficio stampa della il presidente Franco Morelli ha definito «res- Giunta regionale - abbiamo voluto confermare ponsabile e costruttivo». Al dibattito hanno dato che la nostra priorità è la lotta alla ’ndrangheta, il loro contributo i consiglieri Nucera (PdL), Tri- finanziando la realizzazione di strutture e infrapodi (Udc), Mirabelli (Misto), Rappoccio (In- strutture utili al suo contrasto. E insieme absieme per la Calabria), Battaglia (Pd), Adamo biamo fissato quattro linee di intervento: le fa(Misto), Bova (Misto), Censore (Pd), Bilardi miglie, le imprese, le nuove opere pubbliche e (Scopelliti presidente) e Imbalzano (Scopelliti l’offerta di migliori servizi ai calabresi». «Per le famiglie - ha aggiunto Mancini - abpresidente). Durante la seduta, sono state anche effettuate le biamo stanziato dieci milioni di euro: il nostro prime audizioni. Sono intervenuti: Marcella obiettivo è quello di consegnare mille euro in Russo, dell’Associazione dei pedagogisti calab- servizi ai diecimila nuclei familiari più numeroresi; il rappresentante dell’ente di protezione si e che hanno più bisogno. Per le imprese abdei sordi, Antonio Mirijello; il sindaco di Verbi- biamo previsto un meccanismo che consenta di caro, Felice Spingola, in rappresentanza del Pit riscuotere in tempi rapidi i crediti vantati dagli alto Tirreno, e la presidente della Commissione operatori e, per coloro che vivono una fase di per le Pari Opportunità, Giovanna Cusumano. difficoltà, abbiamo istituito un fondo di garanLa seconda Commissione, infine, tornerà a riu- zia». «Abbiamo accelerato, inoltre - ha detto annirsi nei giorni 9, 10, 14, 15, 16 e il 17 dicembre, cora l’assessore al Bilancio - sulla costruzione giorno indicato come data ultima per la presen- della casa di tutti i calabresi, la Cittadella tazione degli emendamenti al Collegato ed alla regionale, autorizzando l’apertura di un nuovo mutuo di 34 milioni per la Manovra finanziaria. Il 20 ed il sua realizzazione. Una volta 21 dicembre sono le giornate «Abbiamo voluto ultimata, la nuova sede darà riservateall’esamedelCollegadecoro alla Regione e farà rito. confermare che la sparmiare 15 milioni all’anL’assessore regionale al Bilanno in spese di fitti, vigilanza e nostra priorità è la lotta cio e alla Programmazione, manutenzione. Allo stesso Giacomo Mancini, ha illustraalla ’ndrangheta, tempo, abbiamo finanziato to in commissione Bilancio del la realizzazione di opere Consiglio la finanziaria per il finanziando strutture pubbliche di interesse 2011. «Nella definizione regionale da distribuire su dell’atto più importante di in- utili al suo contrasto» tutto il territorio calabrese». dirizzo dell’azione di governo -

«Il Bilancio sembra andare nella direzione auspicata dalle imprese» CATANZARO - «Il Bilancio predisposto dalla Giunta regionale sembra andare nella giusta direzione auspicata dalle imprese di costruzioni». E’ questo il commento del Presidente di Ance Calabria, Francesco Cava, alla vigilia delle audizioni in Consiglio regionale sulla manovra finanziaria regionale. «Siamo particolarmente soddisfatti - ha È questo il commento aggiunto Cava - poiché del presidente alcune delle istanze che avevamo avanzato di Ance Calabria, all’assessore alla ProFrancesco Cava, grammazione Mancini, sono state sulla manovra pienamente e tempestivamente recepite e finanziaria regionale costituiscono un buon viatico per il futuro delle nostre imprese edili. Oltre alla semplificazione delle norme contenute nel collegato, abbiamo, infatti, riscontrato quella norma sulla semplificazione dei pagamenti alle imprese che da anni oramai andavamo richiedendo. La possibilità che viene prefigurata di poter scontare, attraverso apposita certificazione, i crediti verso la regione con il sistema finanziario e poter, allo stesso tempo, usufruire di un fondo di garanzia costituito ad hoc per supportare tali operazioni, rappresentano una novità forte e, certamente, particolarmente apprezzabile. Infatti - ha ricordato Cava - anche quando, lo scorso anno il Governo nazionale aveva introdotto una norma del genere, la Regione Calabria non aveva poi proceduto alla relativa certificazione rendendo inefficace il provvedimento governativo. Si tratterà, dopo l’approvazione in Consiglio regionale, di rendere sotto il profilo procedurale e della partecipazione delle Banche oltre che degli Enti sub-regionali operativaedefficacelanormaintrodotta».

Il servizio di soccorso pompieri in Calabria sarà potenziato CATANZARO - «Finalmente, dopo tante rivendicazioni, è stata avviata la procedura di mobilità nazionale dei Vigili del fuoco, a seguito di questa mobilità e della distribuzione del personale il servizio di soccorso dei pompieri in Calabria sarà potenziato di ben 83 unità, con questa nuova dotazione di soccorritori sarà possibile garantire il soccorso nelle sedi operative storicamente presenti in regione e sarà possibile avviare completamente e consolidare il funzionamento delle nuove sedi temporaneamente attive o finora inattive per carenza di personale». Lo dichiara Bonaventura Ferri, segretario regionale della Uil. «Questo evento - continua rappresenta un’ottima risposta alle rivendicazioni sindacali esternate fino ad oggi. La Calabria, con la sua conformazione territoriale, ne-

cessita di un potenziamento del servizio di soccorso che trova una importante risposta nel potenziamento che avverrà di qui a breve al termine delle procedure tecniche necessarie ad espletare la mobilità del personale che, fino ad ora, effettua servizio nei comandi del nord Italia. Il potenziamento è stato distribuito su tutte le province calabresi finalmente secondo criteri rispondenti alle necessità del territorio e della cittadinanza, 35 Vigili del Fuoco andranno a Cosenza, 24 a Catanzaro, 11 a Reggio Calabria, 4 a Crotone e 9 a Vibo Valentia. Oggi inizia a diminuire il "Pompier - divide" che fin’ora ha afflitto il territorio regionale. Fino a ieri abbiamo registrato la presenza in metà regione di oltre 1000 Vigili del Fuoco e nella restante metà poco più 200».


6

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

PRIMO PIANO

Scopelliti: daremo risposte importanti alla Calabria

REGGIO CALABRIA - I fondi dell’accordo di programma quadro tra ministero dell’Ambiente e Regione per la mitigazione del rischio idrogeologico «sono sufficienti per partire e per dare una risposta importante al territorio»: lo ha detto il presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti illustrando a Reggio nel dettagliogliinterventiriguardanti la provincia. Analoghi incontri si sono svolti nelle altre province calabresi.

«Fondi - ha aggiunto Scopelliti che sono soltanto un primo impegno. Ci sono altre risorse e fondi comunitari che stiamo impegnando: circa 55 milioni di euro. Sono in corso trattative con il Governo per dar corso ad un Accordo di Programma quadro, purtroppo fermo, che cercheremo di riavviare sull’erosione costiera. Tutto questo, chiaramente, va a beneficio del territorio per la salvaguardia e la tutela delle nostre comunità».

Si punta molto sui fondi dell’accordo di programma quadro tra ministero dell’Ambiente e Regione per la mitigazione del rischio idrogeologico

L’accordo sottoscritto lo scorso 25 novembre, è diviso in due sezioni: quella inerente le risorse immediatamente disponibili con la finanziaria 2010, l’altra che sarà avviata con lo sblocco dei Fondi Fas. La prima tranche prevede complessivamente 88 interventi, 52 riguardanti il rischio frana, 31 riguardanti il rischio alluvioni, e 5 che presentano entrambe le tipologie di rischio. Con la seconda tranche sarà possibile avviare ulteriori 97 interventi: 54 relativi al rischi frana, 38 per il rischio alluvioni e 5 per entrambe le tipologie di rischio. In provincia di Reggio Calabria, nella prima trance sono 12 gli interventi inerenti il rischio frana e 6 quelli inerenti il rischio alluvioni, con 7 milioni e 500mila euro affidati alla Provincia di Reggio Calabria, 17 milioni e 900 mila euro per i Comuni considerati soggetti attuatori. La seconda tranche, prevede invece, 10 interventi per rischio frana e 7 per rischio alluvioni. Con un affidamento di 18 milioni e 900mila euro alla Provincia di Reggio, 32 milioni e 700mila euro per i Comuni considerati soggetti attuatori. «Il piano approvato è stato spiegato nel corso della Conferenza stampa - comprende le più significative problematiche inerenti il dissesto idrogeologico del territorio regionale, che assumono aspetti di particolare importanza

per i centri urbani e per le infrastrutture viarie. Interventi rivolti, prioritariamente, alla salvaguardia della vita umana». «Noi questa mattina portiamo all’attenzione della città e della provincia ha ancora detto Scopelliti - le risorse ingenti che mettiamo in campo sia in questa prima fase che in una seconda fase. Nella prima fase ci sono molte risorse da impegnare per quanto riguarda la provincia. Il Comune di Reggio è destinatario, per quanto riguarda le fiumare e per altri interventi dentro la città, di circa 11 milioni e 800mila euro; risorse che da qui a un mese e mezzo al massimo saranno nelle casse delle amministrazioni interessate. Sono risorse che il Comune di Reggio non ha mai avuto dalla Regione. E su questo andate a guardare i dati.. Secondo me è un grandissimo evento che dimostra la funzionalità e la capacità di mettere in campo delle azioni mirate che non sono a vantaggio di una città, ma sono a vantaggio di tutto il territorio». All’incontro hanno partecipato il Direttore generale dei Lavori pubblici, Gianni Laganà, il vice presidente, ed il segretario - questore del Consiglio regionale Alessandro Nicolò e Giovanni Nucera, l’assessore alle Attività produttive Antonio Caridi, il sindaco di Reggio Giuseppe Raffa e l’assessore alla viabilità della provincia di Reggio Mimmo Battaglia.


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani

7

PRIMO PIANO Ugl: servono altri finanziamenti per la stabilizzazione di Lsu e Lpu

Il quadro emerge dalle cifre raccolte da Adusbef attraverso un monitoraggio in 35 dei maggiori Tribunali italiani

Boom dei pignoramenti famiglie a rischio crack di Roberto Capri ROMA - La crisi morde ancora e molte famiglie pagheranno un conto salato con i pignoramenti che quest’anno cresceranno in media di oltre il 30% rispetto al 2009 (di quasi il 70% nel triennio 2008-2010). Morale: oltre 150 mila case che finiranno all’asta. Il quadro emerge dalle cifre raccolte da Adusbef attraverso un monitoraggio in 35 dei maggiori Tribunali italiani: i dati sono stati raccolti e comunicati in gran parte dai Tribunali fino ai mesi di ottobre-novembre scorso e proiettati da Adusbef su base annua. «L’insostenibile crisi economica - sottolineano Elio Lannutti e Rosario Trefiletti nello studio porta sempre più famiglie italiane a non poter onorare le rate dei mutui, impegno sempre più gravoso che mangia il 33% del reddito e si traduce, per almeno 350 mila famiglie, in un rischio reale di insolvenza». Da qui la richiesta avanzata dai consumatori di un decreto salva famiglie, con sgravi fiscali per i redditi sotto i 25.000 euro. «L’ins-

ostenibile crisi economica - si legge ancora - porta sempre più famiglie italiane a non poter onorare le rate dei mutui», impegno sempre più gravoso che mangia il 33% del reddito e si traduce, per almeno 350 mila famiglie ad un rischio reale di insolvenza al punto che, secondo Adusbef, che ha raccolto i dati nei maggiori tribunali, le stime 2010 sul numero di pignoramenti ed esecuzioni, potrebbe salire nel triennio a sfiorare il 70% (69,35% in media). Secondo queste stime, scrive l’Abusbef, «le procedure immobiliari, pari al 2,4% del totale dei mutui (quindi a circa 150.000 su 3,6 milioni del totale, con circa 28.000 procedure avviate solo nel

L’insostenibile crisi economica porta sempre più famiglie italiane a non poter onorare le rate dei mutui

2010) potrebbero far sparire una media città come Monza». Gli aumenti maggiori di pignoramenti si registrano a Milano (+1.592, per un totale di 4.885), seguita da Torino (+930); Roma (+728); Monza (+424); Verona (+425); Bergamo (+416); Lecce (+365); Brescia (+290); Genova (+336). In fondo alla graduatoria le famiglie residenti a Rovigo (+13,8); Venezia (+13,9%); Forlì (+16,1%); Vicenza (+16,7); Perugia (+18,1%). Alla luce di questi dati, per Adusbef, «occorre un urgente decreto salva - famiglie, anche con sgravi fiscali di almeno 1.500 euro per i redditi sotto i 25.000 euro a favore di lavoratori a reddito fisso e dei pensionati, per attutire le gravi ricadute sull’economia reale che già sconta una recessione da economia di guerra che diventerà più pesante nei prossimi mesi quando il crack finanziario globale dispiegherà i suoi effetti sulle fasce sociali più deboli». Di certo non possono che allarmare queste cifre raccolte da Adusbef attraverso un monitoraggio in 35 dei maggiori Tribunali italiani.

CATANZARO - «La proposta di legge regionale 131/9, per la stabilizzazione del personale Lsu/Lpu a nostro avviso, senza un finanziamento concreto da parte del Governo difficilmente potrà essere attuata con i fondi Por 2007/2013 che, essendo fondi strutturali, non possono essere utilizzati direttamente per garantire un contributo annuale per 10 anni a favore di ogni lavoratore stabi- Sicuramente facciamo lizzato». E’ quanto afferma, in una no- un plauso ai consiglieri ta, Gianluca Persico, coordiregionali per la volontà natore regionale di Ale-Ugl. «Sicuramente facciamo un che hanno espresso di plauso e i complimenti - prosegue Persico - ai consiglieri restituire dignità regionali per la volontà che ai lavoratori» hanno espresso di restituire dignità ai lavoratori ma, considerato che potrebbe essere l’ultimo treno, occorre ragionare e perfezionare un articolato che, tenendo conto delle disposizioni normative nazionali in materia di stabilizzazioni possa veramente essere uno strumento definitivo volto allo svuotamento del bacino». «Come organizzazione sindacale - sostiene ancora Persico - partendo dalla grande disponibilità dimostrata dal Dipartimento Lavoro della Regione, dalla Giunta e dal Consiglio regionale, che a preso a cuore il problema, riteniamo che tutti insieme possiamo scrivere una pagina stori-

ca per la regione contribuendo a ridare speranza e dignità a questi precari che da anni garantiscono servizi essenziali alla collettività».

re. rom.

Fedele: soddisfazione per l’alleanza sulla legalità CATANZARO - «L’alleanza Lombardia - Calabria finalizzata a cooperare nella lotta alla mafia, ufficialmente suggellata a Milano l’altro giorno nella sede del Consiglio regionale, è motivo di soddisfazione che adesso deve tradursi in atti concreti, provvedimenti legislativi ed azioni mirate». Interviene, dopo l’incontro, tenutosi a Milano giovedì scorso, tra il presidente della Commissione antimafia della Calabria, Salvatore Magarò, e la seconda Commissione "Affari istituzionali" del Consiglio regionale della Lombardia (con all’ordine del giorno la pericolosità della ‘ndrangheta), il capogruppo del Pdl, l’onorevole Luigi Fedele. «La nostra rappresentanza istituzionale - aggiunge - che ha avuto un’accoglienza positiva nella

regione locomotiva del Paese, la quale evidentemente ha colto i messaggi positivi che arrivano dalla Calabria, deve proseguire sul terreno della responsabilità e della produzione di atti che vadano nella direzione della legalità». Secondo Fedele «il lavoro della nostra Commissione antimafia sta dando buoni risultati. Penso, per esempio, all’approvazione del progetto di legge che istituisce l’Agenzia regionale per la confisca dei beni che adesso deve essere vagliato dall’Aula consiliare. Pertanto, alla luce del primo incontro, nella storia delle due Regioni (Calabria e Lombardia) sul fenomeno mafioso che in un sol colpo ha visto sparire una serie di pregiudizi, è auspicabile che il presidente Magarò relazioni pubblicamente sull’esito dell’incontro in Commissione, nel corso di una seduta aperta e col coinvolgi-

mento dei capigruppo e dei consiglieri che della Commissione non fanno parte. Tutto ciò - spiega Fedele - perché quanto di positivo è stato conseguito a Milano deve coinvolgere l’Assemblea legislativa e la società calabrese, non solo per accelerare i processi legislativi, ma anche per costruire insieme dei percorsi di sinergia istituzionale tra la Calabria e la Lombardia che non si fermino ad un solo incontro e non siano solo simbolici». Da qui, dunque, la soddisfazione espressa dal capogruppo del Pdl in consiglio regionale e la relativa proposta.

Maria Madonna


il Domani

|

AsteInfoappalti

8

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Domenica 5 Dicembre 2010

TRIBUNALE DI CATANZARO Estratto dell'Ordinanza di vendita con incanto di beni immobili il sottoscritto avv. Emilio L.Di Cianni, con studio in piazza 1^ maggio, 20 di Cosenza, vista l'ordinanza del Giudice dell'Esecuzione Immobiliare di Catanzaro adottata con provvedimento reso in udienza il 10/06/2009, nella procedura esecutiva immobiliare N. 52/06 R.G.E., RENDE NOTO - che il Giudice dell'Esecuzione nella proc. esec. N. 52/06 R.G.E, con ordinanza del 22.09.2010 ha disposto la vendita con incanto del seguente bene immobile: 1. "Deposito commerciale in Satriano, Viale Europa frazione "Lagnosa", in catasto al foglio 1, particella 732, sub. 1101"; - il prezzo è di euro 18.101,84; - il suddetto bene viene venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova ed è meglio descritto nella relazione di stima consultabile presso la Cancelleria Immobiliare del Tribunale di Catanzaro; - l'offerente, depositando l'offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile; - ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato al Tribunale di Catanzaro proc. N. 52/06 RGE di importo pari al 10% del prezzo a base d'asta, a titolo di cauzione, entro le ore 12 del giorno 25.01.2011; le spese di trasferimento restano a carico della procedura; - la vendita all'incanto avrà luogo il giorno 26.01.2011 presso il Tribunale di Catanzaro dinnanzi al Giudice dell'esecuzione dott.ssa Cavallo; - l'aumento minimo in caso di gara è di euro 1.000,00; - l'aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro sessanta giorni dalla data di aggiudicazione, in cancelleria. Distinti saluti Cosenza lì 08.11.2010 Avv. Emilio L. Di Cianni °°°°°°°°°° Prima Sezione Civile Il Giudice dell'Esecuzione, ha pronunciato la seguente ORDINANZA nel procedimento n. 60/05 R.G.E. pendente tra BNL E … Omissis … visti gli atti; DISPONE procedersi alla vendita senza incanto dei beni seguenti: Lotto 1: appartamento in corso di costruzione posto al piano primo individuato catastalmente al foglio 5 del Comune di Vallefiorita particella 1101; Prezzo Euro 25.031,25 Lotto 2: appartamento posto al piano terra individuato catastalmente al foglio 5, del Comune di Vallefiorita, Via V. Bellini n. 23, p.lle 277 e 803 sub. 3 Prezzo Euro euro 63.000,00 Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile nella Cancelleria di questo Tribunale. L'offerente, depositando offerta dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, la propria offerta in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato a TRIBUNALE DI CATANZARO PROCEDURA N 60/05 recante un importo pari al 10% del prezzo proposto a titolo di cauzione, entro le ore 12.00 del giorno 25.01.2011 sono a carico del procedimento le spese di trasferimento. L'udienza per la deliberazione sulle offerte ex art.572 cpc e per l'eventuale gara tra gli offerenti ex art. 573 c.p.c. è fissata in data 26.01.2011. Aumento minimo in caso di gara euro 2000,00. L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo di acquisto, dedotta la già versata cauzione, entro il termine di giorni sessanta dalla data di aggiudicazione in cancelleria. Dispone che la presente ordinanza venga pubblicata per estratto oltre che nelle forme di legge, mediante inserzione sul quotidiano "Il Domani", nella rivista Aste e sul sito internet www.aste.eugenius .it almeno 45 giorni prima del termine per la presentazione delle offerte. Manda alla Cancelleria per quanto di competenza. Il Giudice

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

°°°°°°°°°° Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 137/05 RG.Espr. Il Giudice dell'esecuzione, dott. Giuseppe Cava; visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto lotto 1 "edificio industriale sito in Botricello in catasto al fg.5 part. 731 sub 1101 al prezzo base di euro 1.461.375,00 (nel lotto non sono ricompresi i macchinari aziendali, non compresi nel pignoramento ed erroneamente valutati dal perito estimatore); lotto 2 "Terreno sito in Mercellinara in catasto al fg.15 partt. 53 e 54 al prezzo bae di euro 506.250,00 fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 01/02/2011 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 20.000,00, l'udienza del 02/02/2011 ore 9,30; dispone che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 137/05" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario; L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all'art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet - www.aste.eugenius.it. e diffusione sul quotidiano "Il Domani". Il Giudice Dott.Giuseppe Cava °°°°°°°°°° CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI Il Giudice dell'Esecuzione Dr. Giovanna Gioia nella procedura esecutiva n. 267/1995 R.G.E. ha disposto procedersi alla vendita senza Incanto dei seguenti beni: lotto 1: capannone artigianale in di Torre di Ruggiero loc. in catasto al foglio 13 p.lla. 571. Prezzo: euro. 21.021,00; Lotto 2: abitazione magazzini con terreno in Argusto in catasto al foglio 5 p.lla 361 sub. 2,3 e 4 ed il terreno foglio 5, p.lla 361 Prezzo: euro 84.319,50; lotto 3: terreni in Argusto con fabbricato rurale in catasto foglio 5 p.lla 385, 386, foglio 9, p.lla 65, Foglio 5 p.lla 261 e 262. Prezzo euro 54.474,75; lotto 4: abitazione in Argusto in catasto al foglio 6. P.lla 163. euro 7.674,75; Gli immobili venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano,sono meglio descritti nella relazione di stima consultabile in Cancelleria. L'udienza:di vendita ex art. 572 cpc è fissata per il 09 FEBBRAIO 2011. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art. 569 cpc in caso di mancanza dl offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12:00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita ed il nome del Giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo Io stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonchè un Assegno Circolare "non Trasferibile" Intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n.267/95" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile in caso di gara tra più offerenti, I'aumento minimo è fissato In euro 1.000,00. L'aggiudicatario, dovrà versare In Cancelleria, il prezzo d'acquisto - dedotta la già versata cauzione entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento relative all'Immobile aggiudicato saranno a carico della procedura esecutiva. Si dispone altresì che l'ordinanza e la perizia vengano pubblicate entro il termine di quarantacinque giorni, oltre che nella forme di Legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro, 10.11.2010

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

°°°°°°°°°° Cancelleria esecuzioni Immobiliari IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dott. Giuseppe Cava nella procedura n.59/1995 R.G.E., alla quale è stata riunita la procedura n. 201/1995 R.G.E., ha disposto procedersi alla vendita senza incanto del seguente bene: Lotto unico - Quota ideale di 1/2 della proprietà di unità abitativa nel Comune di Davoli in catasto al foglio 15 particella 753 sub 1 prezzo base euro 40.875,00 L'immobile, venduto nello stato di fatto e di diritti, in cui si trova, è meglio descritto nella relazione di stima consultabile in cancelleria. L'udienza di vendita ex art.572 c.p.c. è fissata per il giorno 2/2/2011 ore 9,30. Nella medesima data è fissata l'udienza ex art.569 c.p.c. in caso di mancanza di offerte d'acquisto. Ogni offerente per essere ammesso alla vendita dovrà depositare in cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno antecedente la vendita, una busta sigillata recante la data della vendita e il nome del giudice e contenente domanda di partecipazione (secondo lo stampato fornito dalla stessa Cancelleria) in bollo, fotocopia del documento d'identità nonché un assegno circolare non trasferibile intestato a "Tribunale di Catanzaro proc. n. 59/1995" di un importo pari al 10% del prezzo base o del prezzo offerto - a titolo di deposito cauzionale. L'offerente, depositando offerta, dichiara di conoscere lo stato dell'immobile. In caso di gara tra più offerenti, l'aumento minimo è fissato in euro 3.000,00. L'aggiudicatario, dovrà versare in Cancelleria, il prezzo di acquisto - dedotta la già versata cauzione - entro il termine di sessanta giorni dalla data di aggiudicazione. Le spese di trasferimento restano a carico della procedura esecutiva. Si dispone, a cura del creditore procedente, la notifica della presente ordinanza ai creditori non comparsi ex art.498 c.p.c. entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte d'acquisto. Si dispone altresì che l'ordinanza venga pubblicata entro il termine suddetto, oltre che nelle forme di legge, anche mediante le seguenti inserzioni: - www.aste.eugenius.it - Il Domani Catanzaro, 21 ottobre 2010 °°°°°°°°°° Prima sezione civile Procedura esecutiva n. 64/95 R.G. Espr. Il Giudice dell'esecuzione, dott. Giuseppe Cava, all'udienza del 21.10.2010; visti gli artt. 569 e ss. c.p.c. e vista la richiesta di vendita. Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato descritto nell'allegato prospetto; fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 1.02.2011 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 3.000,00, l'udienza del 2.02.2011 ore 9,30; dispone che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 64/95" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione. L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario. L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione. Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva. Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all'art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet "www.eugenius.it" e diffusione sul quotidiano "Il Domani", con avvertimento che in ipotesi di mancato espletamento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interessi ad agire. Manda alla cancelleria di provvedere all'avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nella pubblicità sia omessa l'indicazione del debitore. Catanzaro lì 21 Ottobre 2010 Il Giudice Dott. Giuseppe Cava Procedura di Espropriazione Immobiliare n. 64/95

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

del R.G.E. PROSPETTO RIASSUNTIVO DEI BENI - LOTTO n. 1 - valore complessivo euro 57.815,02 a) Qualità dell'immobile: Bar - ristorante ed annessi; b) Pertinenza: quota di proprietà pari ad 1/1, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi "Loc. Querce"; d) Composizione: Superficie totale edificata mq. 329,20, annessi mq. 200. e) Descrizione catastale: Foglio n. 4, part.lla n. 10 sub. 1, 2, 3, 4, 5 e 6. f) Provenienza del bene: Atto di compravendita del 13.07.1988 per notaio Paola Gualtieri. g) Valore: euro 77.086,69. Vi è servitù di passaggio sulla corte comune in favore dei proprietari limitrofi; la ditta benché lo occupi, non è in possesso del titolo di proprietà relativo al sub 1; il tipo di frazionamento n. 2388 del 18.12.1987 che prevede la divisione dell'immobile in sei subalterni non è reperibile presso il Catasto. - LOTTO N. 2 - VALORE COMPLESSIVO euro 17.079,61 a) Qualità dell'immobile: Oliveto - querceto; b) Pertinenza: quota di proprietà pari ad 1/1, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Banda di Pietro"; d) Composizione: mq. 2.580; e) Descrizione catastale: foglio n. 1, part.lle n. 270, 348; f) Provenienza del bene: Atto di compravendita del 10.09.1964, registrato a Catanzaro il 24.09.1964 al n. 1170, per Notaio Salvatore Le Pera; **************** a) Qualità dell'immobile: Bosco seminativo; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/6, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Gonìa "; d) Composizione: ha 3,34; e) Descrizione catastale: foglio n. 2, part.lla n. 169; f) Provenienza del bene: Successione ereditaria, trascrizione dell'8.10.1988, R.G. n. 19569; **************** a) Qualità dell'immobile: Oliveto; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/1 "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Fosso Umbro "; d) Composizione: mq. 1.630 e) Descrizione catastale: foglio n. 4, part.lla n. 170; f) Provenienza del bene: Atto notarile pubblico n. 18826, del 10.09.1971 per notaio Cosco; **************** a) Qualità dell'immobile: Pascolo; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/24, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Umbro"; d) Composizione: mq. 5.350; e) Descrizione catastale: foglio n. 9, part.lle nn. 103, 104 e 156; f) Provenienza del bene: Successione ereditaria, trascrizione del 4.06.1991 R.G. n. 11172; **************** a) Qualità dell'immobile: Oliveto; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/12, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Graziano"; d) Composizione: mq. 3.180; e) Descrizione catastale: foglio n. 14, part.lla 243; f) Provenienza del bene: Successione ereditaria, trascrizione dell'8.10.1988 R.G. n. 19569; **************** a) Qualità dell'immobile: Terreno edificabile; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/1, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Salita Domenica"; d) Composizione: mq. 560; e) Descrizione catastale: foglio n. 4, part.lla 350; f) Provenienza del bene: Atto di divisione del 13.09.1963, registrato a Catanzaro l'1.10.1963 al n. 1250, per notaio Salvatore Le Pera; **************** a) Qualità dell'immobile: Terreno edificabile; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/1, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Loc. "Querce"; d) Composizione: mq. 1248; e) Descrizione catastale: foglio n. 4, part.lla 396; f) Provenienza del bene: Atto notarile pubblico n. 18826 del 10.09.1971 per notaio Cosco; **************** a) Qualità dell'immobile: Magazzino;

Info 0961 996802


il Domani

|

AsteInfoappalti

9

www.astepress.it | www.aste.eugenius.it | www.astecalabria.it www.asteinfoappalti.it | www.asteannunci.info

Domenica 5 Dicembre 2010 b)

Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 3/32, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Via Firenze; d) Composizione: superficie mq. 8,00; e) Descrizione catastale: foglio n. 3, part.lla 54; f) Provenienza del bene: Successione ereditaria, trascrizione del 4.06.1991, R.G. n. 11172; Dal sopralluogo eseguito sulla base del tipo di frazionamento disponibile (prot. n. 43188 del 27.6.1990) tale immobile risulta compreso in un fabbricato in possesso ad altra Ditta. **************** a) Qualità dell'immobile: Appartamento e magazzini; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 3/32, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Via Firenze; d) Composizione: superficie mq. 152,00; mq. 66,70; e) Descrizione catastale: foglio n. 3, part.lla 56; f) Provenienza del bene: Successione ereditaria, trascrizione del 4.06.1991, R.G. n. 11172; Fabbricato oggetto di concessione edilizia in sanatoria n. 106 del 27.04.1994, rilasciata dal sindaco di Simeri Crichi ai sensi della L. 47/85 e succ., che non riguarda, però, una porzione di detto fabbricato edificata successivamente su un terrazzo e oggetto di provvedimento di demolizione da parte dell'Amministrazione comunale. **************** a) Qualità dell'immobile: Magazzino; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/1, "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Via Margherita n. 39; d) Composizione: superficie mq. 36,00; e) Descrizione catastale: foglio n. 3, part.lla 395 sub. 1; f) Provenienza del bene: Atto di compravendita del 29.12.1958, registrato a Catanzaro il 19.01.1959 al n. 2108, per notaio Antonio Teti; **************** a) Qualità dell'immobile: Magazzino; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/2, "omissis"ed 1/2 "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Via Margherita n. 41; d) Composizione: superficie mq. 42,00; e) Descrizione catastale: foglio n. 3, part.lla 387; f) Provenienza del bene: Atto di compravendita del 21.04.1988, per notaio Paola Gualtieri; **************** a) Qualità dell'immobile: Magazzino; b) Pertinenza: Quota di proprietà pari ad 1/2, "omissis"ed 1/2 "omissis"; c) Ubicazione: Comune di Simeri Crichi, Via Margherita n. 45; d) Composizione: superficie mq. 22,00; e) Descrizione catastale: foglio n. 3, part.lla 390 sub. 2; f) Provenienza del bene: Atto di compravendita del 9.05.1988, per notaio Paola Gualtieri; Le visure presso la Conservatoria dei RR.II. di Catanzaro, allegati in appendice, riportano per i beni considerati le seguenti formalità: verbale di pignoramento immobiliare del Tribunale di Catanzaro, rep. n. 2247/99 del 24.12.1999; atto di compravendita del 13.02.2002 n. rep. 126696, per notaio Gualtieri, relativo al magazzino di cui al foglio 3, part.lla 395/2; certificazione di denunciata successione, rep. n. 455/2000 del 9.05.2000, relativo ai beni di proprietà di "omissis". QUADRO DI SINTESI Valore lotto n. 1) euro 57.815,02 Valore lotto n. 2) euro 17.079,61 °°°°°°°°°° Procedura esecutiva n. 31/09 R.G.Espr. Udienza del 20.10.2010 Il Giudice dell'esecuzione, dott. Giuseppe Cava, Dispone la vendita senza incanto del compendio pignorato di seguito descritto: lotto unico "fabbricato composto da appartamento e laboratorio artigianale oltre corte esclusiva in Sersale fraz. Crozze in catasto al fg. 27 part. 928 sub. 2, 3 e 1" al prezzo base di euro 42.299,72; fissa per la presentazione delle offerte d'acquisto il termine del 01.01.2011 ore 12,00; fissa per la deliberazione sull'offerta e per l'eventuale gara tra gli offerenti, con rialzo minimo non inferiore a euro 5.000,00, l'udienza del 02.02.11 ore 9,30; dispone che le offerte d'acquisto siano presentate in busta chiusa unitamente ad un assegno circolare intestato "Tribunale di Catanzaro - Procedura n. 31/09" portante una somma pari al decimo del prezzo proposto, da imputare a cauzione; L'immobile, meglio descritto nella relazione tecnica consultabile in cancelleria, sarà venduto nello

ASTEINFOAPPALTI

È UN

PROGETTO

stato di fatto e diritto in cui si trova, che si intenderà conosciuto dall'aggiudicatario, anche con riferimento alla situazione di conformità degli impianti e alla situazione energetica; L'aggiudicatario dovrà versare il prezzo d'acquisto, dedotta la cauzione, entro il termine perentorio di sessanta giorni dall'aggiudicazione; Le spese di trasferimento saranno a carico della procedura esecutiva; Dispone che il creditore procedente provveda, entro il termine di quarantacinque giorni prima della scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, alla notifica della presente ordinanza ai creditori di cui all'art. 498 c.p.c. non comparsi nonché alla pubblicazione della stessa e della relazione di stima mediante inserimento nel sito internet "www.eugenius.it" e diffusione sul quotidiano "Il Domani", con avvertimento che in ipotesi di mancato adempimento delle formalità pubblicitarie la procedura sarà dichiarata improcedibile per difetto di interesse ad agire in executvis. Manda alla cancelleria di provvedere all'avviso previsto dagli artt. 490 e 570 c.p.c. Dispone che nelle suddette forme di pubblicità sia omessa l'indicazione delle generalità del debitore e di ogni altro dato personale idoneo a rivelare l'identità del medesimo ovvero di soggetti terzi estranei alla procedura. Il Cancelliere Il Giudice

TRIBUNALE DI CROTONE Esecuzioni Imm. n. 136/08 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto Unico: La piena ed intera proprietà di fabbricatosito in Torre Melissa e censito al N.C.E.U. del comune di Melissa al fg. 23 p.lla 1199 sub 3 della superficie complessiva di circa 1.095. Prezzo base: euro 225.000,00 Rilancio: euro 2.000,00 Vendita senza incanto: 16.02.2011 Vendita con incanto: 23.02.2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita. Per maggiori informazioni rivolgersi alla canceleria o al Custode Giudiziario Avv. Maria Rosa Stumpo con studio in Crotone alla Via Vittorio Veneto, 223 - tel. 0962/27137,o consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. °°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 95/05 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto 1: Piena ed intera proprietà di terreno pascolativo con giacitura in pendenza sito nel comune di Cirò Marina contrada "Basilico" e "Lungo Stretto", esteso ha. 9.96.40 riportato in N.C.T. al fol. 40 p.lle 152-84-82-147-81-122-102 Prezzo base: euro 16.312,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita con incanto: 09.02.2011 Lotto 2: Piena ed intera proprietà di appezzamento di terreno incolto, dotato di manufatti pertinenziali in muratura, sito nel comune di Cirò Marina esteso mq. 3.300 riportato in N.C.T. al fol. 32 p.lla 190 Prezzo base: euro 27.843,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita con incanto: 09.02.2011 Lotto 3: Piena ed intera proprietà di vigneto di 15 anni circa, sito nel comune di Cirò Marina contrada "Feudo Piano" esteso mq. 3.250 riportato in N.C.T. al fol. 41 p.lla 76/d Prezzo base: euro 14.062,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita con incanto: 09.02.2011 Lotto 4: Piena ed intera proprietà di terreno pascolativo sito nel comune di Cirò Marina contrada "Petraro", esteso ha. 1.22.50 riportato in N.C.T. al fol. 38 p.lle 90 e 91 Prezzo base: euro 2.025,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita con incanto: 09.02.2011 Lotto 5: Piena ed intera proprietà di terreno seminativo incolto, sito nel comune di Cirò Marina contrada "Frassà" esteso mq. 8.530 riportato in N.C.T. al fol. 35 p.lla 268 Prezzo base: euro 4.078,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita con incanto: 09.02.2011 Lotto 6: Piena ed intera proprietà di vigneto sito nel comune di Cirò Marina contrada "Lungo Stretto" esteso ha 1.02.30 riportato in N.C.T. al fol. 37 p.lla 68 Prezzo base: euro 38.137,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita con incanto: 09.02.2011

A CURA DELLA

MEDIATAG SPA

Lotto 7: Piena ed intera proprietà di terreno seminativo incolto, sito nel comune di Cirò Marina contrada "Lungo Stretto" esteso ha 6.96.10 riportato in N.C.T. al fol. 37 p.lle 76 e 85 Prezzo base: euro 24.919,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita con incanto: 09.02.2011 Lotto 8: Piena ed intera proprietà di terreno seminativo incolto, sito nel comune di Cirò Marina contrada "Lungo Stretto" esteso ha 1.46.20 riportato in N.C.T. al fol. 37 p.lla 46 Prezzo base: euro 5.231,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita con incanto: 09.02.2011 Lotto 9: Piena ed intera proprietà di terreno pascolativo incolto, sito nel comune di Cirò Marina contrada "Lungo Stretto" esteso ha 1.47.50 riportato in N.C.T. al fol. 40 p.lla 27 Prezzo base: euro 2.475,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita con incanto: 09.02.2011 Lotto 10: Piena ed intera proprietà di uliveto, sito nel comune di Cirò Marina esteso mq. 1.080 riportato in N.C.T. al fol. 32 p.lle 337 e 344 Prezzo base: euro 6.075,00 Rilancio: euro 500.00 Vendita con incanto: 09.02.2011 Lotto 11: Piena ed intera proprietà di vigneto, sito nel comune di Cirò Marina contrada "Piano" esteso ha 0.56.49 riportato in N.C.T. al fol. 41 p.lla 204 Prezzo base: euro 24.750,00 Rilancio: euro 500,00 Vendita con incanto: 09.02.2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita. Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv.Rosanna Macrini Te. 0962/26922, o consultare i siti internet ww.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it. °°°°°°°°°° Esecuzioni Imm. n. 132/2008 R.G.E. G.E.: Dr. Francesco Murgo Lotto uno: Piena ed intera proprietà per la quota di 2/9 di appartamento sito in Cirò Marina, con accesso da vico chiuso senza denominazione, in corrispondenza del numero civico 209 di Via Roma della superficie netta di mq. 118. Prezzo base: euro 48.000,00 Rilancio: euro 1.000,00 Lotto udue: Piena ed intera proprietà per la quota di 2/18 di terreno sito in Cirò Marina, loc. Piana di Franz e località Porcaro, della superficie di mq. 12.790. Prezzo base: euro 48.000,00 Rilancio: euro 1.000,00 Vendita senza incanto: 16/02/2011 Vendita con incanto: 23/02/2011 Le vendite saranno effettuate presso il Tribunale di Crotone Presentare le offerte entro h.12.00 del giorno precedente la vendita Per maggiori informazioni rivolgersi al Custode Giudiziario Avv. Luisa Marrazzo, consultare i siti internet www.tribunaledicrotone.net e www.asteimmobili.it.

TRIBUNALE DI LOCRI CANCELLERIA ESECUZIONI IMMOBILIARI SI RENDE NOTO che il Giudice dell'esecuzione, Dr. DAVIDE LAURO, letti gli atti della Procedura Esecutiva n. 111/1989 promossa da ITALFONDIARIO SpA, DISPONE LA VENDITA CON INCANTO DEI SEGUENTI BENI IMMOBILI: LOTTO UNICO: "Piena proprietà di un fabbricato a tre piani fuori terra, compresi balconi e terrazza, posto auto e dispense esterne, nel Comune di Roccella Jonica, località Lacchi, in catasto al foglio 40, particella 116" Prezzo base del lotto: Euro 368.700,00 Deposito per cauzione: 10% del prezzo Deposito per spese: 15% del prezzo L'incanto avverrà, con il prezzo su indicato all'udienza del 03.02.2011, ore 9,00, davanti a sé nella presente sede. Ogni offerente dovrà depositare in Cancelleria, entro le ore 12,00 del giorno anteriore all'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 10% del prezzo base per cauzione e 15% del prezzo base per prevedibile importo delle spese di procedura e trasferimento della proprietà, mediante consegna in Cancelleria di n. 2 assegni circolari non trasferibili intestati all'offerente.

COORDINAMENTO AREA

CALABRIA

Le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato; L'aggiudicatario dovrà depositare entro il termine di 60 giorni dall'incanto il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione versata con le stesse modalità di cui sopra. Sito Internet sul quale è pubblicata la relazione di stima: www.aste.eugenius.it Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il Custode Giudiziario. Stabilisce per la vendita le seguenti condizioni: a) l'immobile pignorato sarà posto all'incanto a corpo e nella consistenza indicata nella perizia di stima (dell'Arch. M. CONGIUSTA), che deve intendersi qui per intero richiamata e trascritta, specie con riguardo alla descrizione, alla condizione urbanistica ed al loro stato di conservazione; b) le offerte in aumento non potranno essere inferiori al 3% del prezzo base, eventualmente ribassato. c) ciascun offerente, tranne il debitore e tutti i soggetti per legge non ammessi alla vendita, dovrà depositare, sino all'inizio effettivo dell'udienza di vendita, unitamente all'istanza di partecipazione all'incanto, una somma pari al 25% del prezzo base d'asta sopraindicato da imputarsi per il 10% a titolo di cauzione e per il 15% a titolo di spese presuntive di vendita (salva integrazione successiva, anche per l'ipotesi in cui il bene dovesse essere assoggettato ad IVA) mediante consegna in Cancelleria Ufficio Esecuzioni Immobiliari - di assegni circolari NON TRASFERIBILI intestati all'offerente; d) la domanda di partecipazione all'incanto dovrà riportare le complete generalità dell'offerente, l'indicazione del codice fiscale e, nell'ipotesi di persona coniugata, il regime patrimoniale prescelto ed i dati del coniuge; in caso di offerta presentata per conto e per nome di una società, dovrà essere prodotto certificato della Cancelleria Commerciale dal quale risulti la costituzione della società di poteri conferiti all'offerente in udienza; e) l'aggiudicatario dovrà dichiarare la propria residenza ed eleggere domicilio in Locri ai sensi dell'art. 582 c.p.c., posto che in mancanza le notificazioni e le comunicazioni saranno eseguite presso la Cancelleria; f) ad incanto avvenuto, potranno essere presentate in Cancelleria offerte di acquisto entro il termine di giorni dieci, ma non saranno efficaci se il prezzo offerto non sarà superiore di almeno 1/5 superiore rispetto a quello raggiunto in sede d'incanto (art. 584 c.p.c.) e se l'offerta non sarà accompagnata dal deposito di una somma pari al 10% del maggior prezzo nella stessa indicato, da imputarsi a cauzione; g) l'aggiudicatario: - potrà avvalersi della facoltà di subingresso nel mutuo, assumendosene gli obblighi relativi, secondo quanto indicato nell'art. 41 V, T.U.B. (versamento alla banca di quanto dovuto per rate scadute, accessori e spese entro 15 gg. dall'aggiudicazione); - nel termine perentorio di gg. 50 dall'aggiudicazione definitiva, dovrà versare direttamente alla banca mutuante ITALFONDIARIO s.p.a. la parte di prezzo corrispondente al credito della medesima vantato per capitale, accessori e spese (salva la facoltà di subingresso nel mutuo, di cui infra); a tal fine, sarà l'Istituto mutuante a comunicare tempestivamente l'importo del credito; - nel termine di gg. 60 dall'aggiudicazione, dovrà versare l'eventuale differenza tra il prezzo di aggiudicazione e le somme già versate alla banca, detratto l'importo della cauzione, in un libretto di deposito postale intestato alla procedura e vincolagto all'ordine del Giudice dell'esecuzione acceso presso un qualsiasi Istituto; h) il mancato versamento del prezzo residuo comporterà la decadenza dell'aggiudicazione e la perdita della cauzione, ed esporrà l'aggiudicatario inadempiente alle conseguenze di cui all'art. 587 co II c.p.c.; i) agli offerenti non aggiudicatari verranno restituite le somme depositate per spese e cauzione, subito dopo la chiusura dell'incanto. Maggiori informazioni potranno essere acquisite presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari di questo Tribunale e/o presso il custode giudiziario. - RINVIA PER IL PROSIEGUO ALL'UDIENZA DEL 03.02.2011. Estratto conforme per uso pubblicità. LOCRI, 03 maggio 2010 IL GIUDICE DELL'ESECUZIONE Dott. DAVIDE LAURO

Info 0961 996802


10

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

CRONACHE

Mediterranea, l’aula Magna resta occupata REGGIO CALABRIA - Prosegue a Reggio Calabria l’occupazione dell’aula magna della facoltà di architettura, ma lunedì e martedì non ci sarà la sospensione della didattica e nemmeno il blocco degli accessi alle strutture. E’ la decisione presa dagli studenti dell’ateneo che, per la prossima settimana, annunciano iniziative di didattica alternativa, confronti pubblici su varie tematiche e assemblee plenarie. Resta alta comunque la protesta per la tassa fissa d’iscrizione. Il rettore Massimo Giovannini ha convocato il Senato accademico, in via straordinaria, giovedì prossimo, 9 dicembre, per discutere un unico punto all’ordine del giorno: i contributi fissi di facoltà. La riunione dell’organismo accademico è stata decisa dopo il blocco degli accessi alla facoltà di Architettura deciso venerdì dagli studenti, in lotta da giorni contro il decreto di riforma Gelmini.Successivamente,glistudenti reggini, riunitisi in assemblea nell’aula magna occupata di architettura, avevano discusso delle iniziative per la prosecuzione della protesta in atto contro la riforma e delle attività da intraprendere in vista della riunione del 9 dicembre. Intanto in un tutta la provincia prosegue la protesta

contro la riforma Gelmini. Rispettando il programma previsto, gli studenti della Locride ad esempio ieri mattina hanno scioperato dandosi appuntamento a Locri, in piazza don Bosco. Alla base della protesta il disegno di legge del ministrodell’Istruzione, Maria Stella Gelmini, già approvato dallaCamera ed ora in attesa di essere discusso dal Senato. Dopo l’occupazione di alcuni Istituti e le forme di autogestione, gli studenti hanno tenuto ieri una manifestazione congiunta alla quale hanno partecipato rappresentanti di tutte le scuole superiori del comprensorio. Il corteo, partito da Piazza don Bosco, ha attraversato le principali vie della città. Secon-

do i futuri universitari della zona jonica reggina, la riforma Gelmini calpesta il diritto allo studio impedendo a coloro che appartengono ad una classe economica più modesta di proseguire il loro percorso di studi. Una protesta, era stato precisato nei giorni scorsi, che vuole dare prova della coscienza politica e critica della popolazione studentesca. L’obiettivo, infatti, è quello di dimostrare che i giovani hanno la forza di rivendicare i propri diritti.

tutti ha patito il sacrificio di ritrovarsi inceneritore, impianti di trattamento del Cdr e discariche, oggi rischia di implodere per via di una pessima politica di prevenzione, localizzazione degli impianti e di gestione complessiva dell’emergenza ambientale che il Governo, per tramite di Commissari delegati avvicendatisi nel tempo, non ha saputo gestire in Calabria. In particolare - aggiunge -si rischia di trovare, da qui a breve, rifiuti di ogni genere in strada, e tanto peggio in prossimità e durante le feste natalizie dove i consumi aumentano e propor-

SANREMO - Il gip Eduardo Bracco di Sanremo ha convalidato ieri mattina l’arresto disponendo la custodia cautelare in carcere per Salvatore e Francesco Cadili Rispi, di 24 e 28 anni e Giuseppe e Francesco Fazzari, di 24 e 27 anni, tutti di Taurianova (Reggio Calabria), arrestati dai carabinieri delle compagnie di Bordighera e Firenze Oltrarno, nell’ambito di una vasta attività di indagine sulla malavita locale. I quattro sono accusati della detenzione in concorso di una pistola semiautomatica di fabbricazione italiana con matricola abrasa e quindi clandestina, che secondo il Procuratore di Sanremo, Roberto Cavallone, avrebbero dovuto utilizzare per compiere un attentato. All’udienza di convalida i due fratelli Cadili Rispi (difesi dall’avvocato Marco Bosio), si sono entrambi avvalsi della facoltà di non rispondere; per quanto riguarda gli altri due fratelli: Francesco (difeso dall’avvocato Corrado Bovio), ha mantenuto la linea del silenzio, mentre Giuseppe (difeso dall’avvocato Marco Di Domenico) ha reso alcune dichiarazioni. Tranne Salvatore, che viveva in un appartamento di Bordighera, gli altri provenivano tutti da Taurianova ed è questo il motivo, assieme ad alcuni elementi investigativi tenuti riservati, che fa ritenere plausibile l’ipotesi della volontà di compiere un attentato.

Saverio Corretto

Estorsione ad un pensionato, finisce in comunità la minorenne coinvolta Gianluca Fosco

«Chiediamo un intervento urgente di Scopelliti per evitare i rifiuti in strada» POLISTENA - «La grave situazione determinatasi in seguito al blocco di alcune discariche, Rossano in provincia di Cosenza, per la quale inaspettatamente nei giorni scorsi lo stesso Governatore Scopelliti ha assicurato il non appesantimento, e Pianopoli in Provincia di Catanzaro, sta cominciando a generare le sue ricadute negative nei confronti della Piana di Gioia Tauro, dove i Comuni saranno presto costretti a non poterconferire negli impianti pur presenti sul territorio.Siamo fortemente preoccupati di questa situazione che prelude ad un nuovo stato di gravissima emergenza, che se non affrontato subito rischia di compromettere l’intero sistema di stoccaggio e smaltimento dei rifiuti solidi urbani in Calabria» si legge in una nota del sindaco di Polistena, Michele Tripodi. «In questi ultimi due giorni continua - alcuni compattatori del nostro Comune, così come altri di numerosi comuni viciniori, sono stati mandati indietro, ricolmi di rifiuti senza alcuna possibilità di scaricare. Questa situazione è a dir poco imbarazzante, se si pensa che proprio la Piana di Gioia Tauro che più di

Convalidato l’arresto dei calabresi che a Sanremo volevano compiere un’attentato

zionalmente anche la produzione di quantità di rifiuti. Chiediamo per tali ragioni, un intervento del Presidente della Giunta Regionale, in qualità di attuale Commissario Delegato per l’Emergenza Ambientale, che deve muoversi non solo quando c’è da soccorrere la Campania, ma soprattutto quando occorre proteggere i calabresi dagli stessi pericolidiinquinamentoambientale di altri territori. Nel sollecitare dunque al Governatore Scopelliti, nominato Commissario a luglio scorso, un provvedimento urgente ed indispensabile per la salute pubblica calabrese - conlcude - si deve inoltre tenere conto che i Comuni della Piana di Gioia Tauro, per la contiguità territoriale degli impianti, dovranno pertanto essere messi in condizione di conferire in anticipo e per intero il carico dei loro rifiuti giornalieri».

Rosa Voci

REGGIO CALABRIA - Un provvedimento coercitivo è stato emesso dal Tribunale dei minorenni di Reggio Calabria nei confronti della minorenne coinvolta nell’estorsione consumata in concorso con la sorella maggiore qualche giorno fa a Campo Calabro ai danni di un pensionato del luogo. La misura è stata eseguita dai Carabinieri di Villa San Giovanni che, su disposizione dell’autorità giudiziaria, hanno accompagnato e collocato in una comunità ministeriale minorile la giovane donna. L’attività dell’Arma aveva già consentito di arrestare in flagranza di reato la sorella maggiore, una badante rumena di 23 anni, e denunciare in stato di libertà un operaio albanese di 40 anni resosi responsabile di aver favorito le due sorelle nell’attuazione del loro piano criminoso. I fatti erano iniziati quando un pensionato del posto aveva deciso di non poter dare in affitto alle due sorelle una abitazione di sua proprietà nel dubbio che le stesse non potessero onorare il canone di locazione alquanto elevato per le possibilità economiche delle due ragazze. La loro situazione economica era sembrata alquanto precaria al pensionato che così, mosso forse da spirito caritatevole, si era recato presso la loro abitazione con la busta della spesa ed una stufetta elettrica, utile a sopperire la mancanza dei riscaldamenti con l’avvicinarsi della stagione invernale. Ma questo non era bastato alle sorelle che avevano invece deciso di mettere in scena il loro disegno criminoso. Infatti le due, dopo aver registrato con il cellulare l’ignaro visitatore all’interno della loro abitazione gli avevano intimato di sborsare la somma di quattromila euro in contanti per evitare che le stesse registrazioni finissero nelle mani della moglie. Le richieste e le minacce delle due erano durate per diversi giorni fino a quando l’uomo, esausto, si era rivolto ai Carabinieri della Stazione di Campo Calabro. Erano così stati predisposti una serie di servizi di osservazione sul territorio che avevano permesso di verificare i tentativi delle sorelle di portare a termine la loro idea criminale.


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani 11

CRONACHE

Scopelliti: folle parlare di Incontro Idv su Reggio: non possiamo più essere il rischio dissesto del Comune Paese dei campanili di Carmela Mirarchi REGGIO CALABRIA - «Dispiace che un reggino, vada a raccontare questioni e dare cifre e numeri folli dicendo che qui c’é il rischio del dissesto del Comune». Lo ha detto il presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti a margine della conferenza stampa tenuta a Reggio per illustrare i dettagli dell’Accordo di Programma quadro sul dissesto idrogeologico. La presa di posizione di Scopelliti fa riferimento alla risposta del sottosegretario Giovanardi ad una interrogazione parlamentare del deputato del Pd Marco Minniti sulla situazione dei conti dell’amministrazione comunale reggina. «Dispiace ancora di più - ha aggiunto Scopelliti - che a fare queste azioni sia l’on. Marco Minniti. E’ un’azione di denigrazione che sicuramente va rigettata, che rappresenta la follia di questo centrosinistra. Se hanno uomini e idee, progetti e valori da mettere in campo, si misurino con queste perché la gente vuole risposte serie e non vuole farneticazioni. Penso che questo sia un fatto gravissimo: Reggio viene ancora una volta, dopo quarant’anni, non attaccata da altri, viene attaccata dagli stessi reggini. Questo non lo consentiremo mai. Andremo avanti su questa strada - ha sostenuto ancora Scopelliti - perché questa città cresce, perché questa città agli occhi dell’attenzione nazionale è una città che ha acquisito ed acquistato una grandissima credibilità. A partire dal Sindaco Raffa e da tutti gli altri componenti locali e nazionali del Pdl continueremo a lavorare, per ribadire un concetto: che in Calabria c’é un centrosini-

stra che è allo sbando; che è vuoto che vuole governare, sa andare di idee e di valori, e soprattutto di avanti e sa costruire il futuro di progetti. Ma c’é un centrodestra questa terra».

«Arena candidato sindaco è proposta apprezzabile» REGGIO CALABRIA - «Le determinazioniormaiindifferibiliriguardo le prossime consultazioni per il Comunee la Provincia reggina hanno trovato nel Pdl una indicazioneproduttiva di volonta’ decisionale attraverso la individuazione del dottor Demetrio Arena alla carica di Sindaco e del dottor Giuseppe Raffa alla carica di Presidente della provincia, intenzioni di candidature che il maggior partito della coalizione ritiene consone agli enti in scadenza e che palesano la concretezza di una proposta». Lo afferma Giovanni Bilardi, capogruppo della Lista Scopelliti al Consiglio regionale , il quale aggiunge che «sarà certamente il tavolo di concertazione della coalizione a dover discernere su tali intenzioni del Pdl nella considerazione che i partiti storici dell’alleanza politica locale avranno l’onere di offrire ai cittadi-

ni una linea programmatica credibile perle amministrazioni locali ed un progetto politico coincidente alla dottrina ed alle finalità dei partiti. La concertazione di coalizione - continua Bilardi - troverà Lista Scopelliti rigorosamente impegnata a conclamare lo spirito di continuità politica che deve animare il centrodestra negli enti locali e, di rimando, vincolata a stabilire manifesta antitesi ad ogni forma, tesi o posizione che configuri il perdurare di uno scollamento che è nocivo allo schieramento ed è di tal gravità da non garantire un’azione amministrativa adeguata alla odierna, delicata fase di transizione. Su tali considerazioni - ha concluso Bilardi - consideriamo il candidato Sindaco Demetrio Arena una proposta apprezzabile». F. Marra

Domani omaggio all’on.le Giuseppe Reale REGGIO CALABRIA - Promossa congiuntamente dall’Associazione Culturale Anassilaos, dall’Associazione Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia Sezione di Reggio Calabria e dal Centro Internazionale Scrittori della Calabria si terrà domani ore 16,30 presso la Sala della Biblioteca Comunale "Pietro De Nava" un omaggio all’On.le Giuseppe Reale dal tema " "La rivolta Reale"-Omaggio all’On.le Giuseppe Reale con l’intervento di Pasquale Nucara. Nato il 12 giugno 1918 a Maratea, Ufficiale combattente della guerra 1940-1943, Giuseppe Reale, laureato in lettere classiche, giovanissimo giunse a Reggio per insegnare presso il Liceo Scientifico "Da Vinci". La sua attività è stata intensa sia nel campo politico-amministrativo che in quello culturale. Deputato al parlamento italiano dal 1958 al 1976 , eurodeputato nel 1974, per tre anni; sindaco di Reggio Calabria nel 1993. Nel 1955 è stato nominato Commissario al Comitato Provinciale

dell’Opera Nazionale Maternità e Infanzia. E’ stato presidente dell’Associazione "Amici del Museo" di Reggio Calabria. Nel 1959 ha fondato a Roma il Centro Cattolico Calabrese Universitario. Presidente del CdA dell’Istituto Tecnico Agrario di Palmi;Consigliere Nazionale dell’Ansi (Associazione Nazionale Scuola Italiana); Membro nazionale della "Dante Alighieri", Presidente del Comitato Provinciale(Promotore del Congresso mondiale della Società nella nostra città, nel 1988). Artefice, nel 1970, dell’Istituto Universitario Statale di Architettura in Reggio. Promotore di dell’ Accademia di Belle Arti;del Conservatorio di Musica "F. Cilea, della Università per Stranieri, di cui è stato fondatore e rettore per i primi dieci anni. Artefice e promore della Statua dell’apostolo Paolo, per ricordare nel 2010 il bimillenario del suo passaggio a Reggio. Saverio Corretto

REGGIO CALABRIA - «Chi immaginava che fosse il prossimo futuro di Reggio il soggetto principe del dibattito organizzato da Italia dei valori, con la partecipazione del presidente dei deputati Massimo Donadi "sulla città metropolitana per la regione dello Stretto", sbagliava» si legge in una nota dell’Idv. «Il presupposto continua - sul quale si è articolato il ragionamento proposto da Idv, e che ha trovato conforto nelle tesi dei professori José Gambino e Edoardo Mollica, è che 300 mila abitanti sono un’utenza troppo esigua per consentire che la scatola emblematica di un nuovo sviluppo a rete, sortisca risultati adeguati alle aspettative. Serve invece intraprendere al più presto una gestione integrata e sinergica dell’apparato amministrativo delle province di Reggio e Messina per ottimizzare le specialità dei due ordinamenti diversi cui esse appartengono, statuto ordinario la prima, speciale la seconda, considerato che entrambe si fregiano di un titolo che, senza mettere in campo economie di scala, sortirebbe ben poco. L’ha detto il presidente della Provincia di Reggio, Pino Morabito. L’ha sottolineato il sindaco di Reggio Peppe Raffa. Anche se da posizioni politiche distanti, a tendergli una mano è stata la tesi abbracciata da Enzo Tromba, responsabile Idv degli Enti locali e coordinatore dell’evento, introdotto da Maurizio Feraudo, che, mettendo insieme analisi statistiche e antropologia, ha spiegato che Reggio e Messina se andasse in porto la "città-regione dello Stretto" attiverebbero un processo virtuoso che potrebbe posizionarle al centro delle strategie future per la competitività che diventa sempre più stringente nell’area del Mediterraneo». Per il presidente del Consiglio provinciale e consigliere regionale dell’Idv, Giuseppe Giordano, «l’idea di una regione dello Stretto si incunea alla perfezione nel movimento europeo che chiede una governance forte per alimentare i venti favorevoli che porteranno a incentrare le nuove politiche economiche dell’Europa proprio verso i nuovi mercati del Mediterraneo, per i quali l’area metropolitana assumerà una posizione baricentrica». Una logica che coopta il progetto del ponte come ineludibile? Secondo Gambino, a parte il coinvolgimento diffuso delle due città su questo tema, «certamente sì, a patto però che si smetta di pensare al ponte come a un manufatto da realizzare "sullo" Stretto, ma "per" lo Stretto e ciò ne cambierebbe i condizionamenti». L’occasione offerta dal dibattito fra Idv e tecnici ha dato modo a Mollica di proporre l’istituzione di un tavolo di concertazione per la messa a punto di un programma operativo finalizzato alla città metropolitana dello Stretto, ma per Donadi parlare di tavoli per la concertazione è ancora prematuro. Donadi è ripartito dalle sfide decisive da affrontare «una volta che, finito il tempo dei cieli azzurri e dei racconti sulle famiglie felici, gli italiani saranno richiamati alla responsabilità di far cambiare pelle alla politica». «Chiarezza e responsabilità, sono le voci chiave da coniugare - ha detto il capogruppo di Idv a Montecitorio - anche perchè, se ripresa ci sarà, essa arriverà senza nuovo lavoro. E qui sarà più grave che altrove, perchè il nostro Paese da 20 anni spende più di quello che produce, senza la consapevolezza che siamo una bellissima macchina con uno splendido motore, ma assemblata male». «Non possiamo più essere il Paese dei campanili - ha concluso Donadi - ma bisogna avere il coraggio di conurbare tutti i 108 Comuni con meno di 2000 abitanti, perchè per essere competitivi bisogna poter agire in aree più vaste e ridurre i livelli di rappresentanza». In questa logica, a suo avviso, l’area metropolitana assume una dimensione utile, ma solo se si sostituirà alle province inglobandone i due territori.


12

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

CRONACHE

Esplosione in una palazzina per fuga di gas, ferite gravemente 3 persone di Rosa Voci

Corsa campestre, concluse le gare utili per l’accesso alle regionali CROTONE - Si sono concluse le fasi provinciali di corsa campestre. Le gare, utili per l’accesso alla selezione regionale che si terrà nel mese di febbraio 2011, si sono svolte nei pressi del piazzale Milone. Per due giorni 260 studenti si sono sfidati per conquistare il biglietto delle fasi regionali. La manifestazione sportiva è stata organizzata dall’Ufficio scolastico regionale per la Calabria, Atp - coordinamento di educazione motoria, fisica e sportiva di Crotone, in collaborazione con il Coni provinciale, amministrazione provinciale e comunale e il Centro servizi volontariato "Aurora". Al termine della due giorni di gare ecco le classifiche: per la categorie ragazze Irene Minervino, I. C. Cutro, al primo posto, Te-

resa Petrocca, Ic Cotronei, al secondo posto, Roberta Castellano, I. C. Lilio Cirò; per la categoria ragazzi Michele Salerno, Ic "Anna Frank", primo classificato, Vincenzo Nigro, I. C. Lilio Cirò, secondo classificato, Fabrizio Macrì, Ic Cutro, terzo classificato; per la categoria cadette Federica Maiolo, scuola media Isola Capo Rizzuto, prima, Miriana Colurcio, Ic "Anna Frank", seconda, Valeria Poerio, Ic "Anna Frank"; per la categoria cadetti Antonio Blasco, Ic Cutro, al primo posto, Peppino Lonetti, Ic Melissa, al secondo posto, Domenico De Siena, Ic Strongoli, al terzo posto. Per quanto la categoria allieve femminile hanno vinto le studentesse del liceo scientifico "Filolao" che hanno conquistato interamente il podio: le gemelle Rossanna e Alessandra Gentile sono arrivate rispettivamente prima e seconda, dietro di loro Noemi Raiti, giunta terza. Per la categoria allievi maschili al primo posto Raffaele Salerno, del liceo scientifico "Filolao", al secondo posto Giuseppe Calabretta del liceo "Adorisio" di Cirò, al terzo posto Giovanni Urso del liceo "Filolao". Per la categoria juniores femminile ha vinto Sabrina Caligiuri del liceo "Adorisio" di Cirò, al primo posto, dietro di lei Giusy Caligiuri, sempre del liceo "Adorisio" di Cirò, seconda, e al terzo posto Francesca Giordano del liceo "Borrelli" di Santa Severina. Per la categoria juniores maschile si è classificato primo Luigi Cianfione, dell’istituto tecnico "Lucifero", al secondo posto Claudio Arcuri del "Filolao", al terzo posto Luca Caligiuri del liceo "Adorisio" di Cirò. «Il primo classificato di ogni categoria - ha spiegato Santino Mariano, coordinatore per l’educazione fisica dell’Atp di Crotone - e la squadra parteciperà di diritto alla selezione regionale che si terrà a febbraio prossimo».

CROTONE - Tre persone sono rimaste gravemente ferite, ieri mattina, a causa di un’esplosione verificatasi nelle loro abitazione di Crotone probabilmente a causa di una fuga di gas. L’appartamento in cui è avvenuto lo scoppio si trova al primo piano di un complesso di case popolari in contrada Margherita, alla periferia nord di Crotone. L’esplosione ha innescato un incendio all’interno dell’appartamento: i componenti del nucleo familiare, padre, madre e figlio, sono rimasti ustionati, riuscendo ad usciredall’abitazione dove sono stati soccorsi dai vicini di casa prima dell’arrivo dei medici del 118. Tutti e tre hanno riportato ustioni di secondo e terzo grado in oltre il 65 per cento del corpo. Uno dei tre, il padre, è stato immediatamente trasportato al reparto grandi ustionati dell’ospedale di Brindisi con l’eliambulanza del 118. Successivamente anche la donna, dopo essere stata stabilizzata al pronto soccorso di Crotone, è stata portata nell’ospedale "Pugliese" di Catanzaro. La famiglia coinvolta nel grave incidente provocato dalla fuga di gas proprio ieri era in procinto di completare il trasloco in un altro appartamento. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco del Comando provinciale, personale del 118, Polizia di Stato, Carabinieri e Corpo dei vigili urbani. «Stavamo facendo colazione - ha raccontato con la voce tremante un vicino - quando abbiamo sentito questo boato. Ci siamo affac-

ciati e abbiamo visto tutte le finestre in frantumi e le fiamme che uscivano da quell’appartamento». Il bilancio è grave: tre feriti, di cui due, marito e moglie, in condizioni preoccupanti, entrambi sono stati trasportati con l’elicottero presso il reparto grandi ustionati di Brindisi. Il figlio di 17 anni, invece, dopo i soccorsi prestati dai sanitari del S.Giovanni di Dio, che sono riusciti a stabilizzarne i valori vitali, è stato trasportato in una struttura specializzata di Napoli. Salvo invece il figlio maggiore, che per una serie di fortunate coincidenze non si trovava nell’abitazione al momento dell’esplosione. Ci sono altri due feriti, si tratta dei vicini della famiglia che però

non versano in condizioni di pericolo. Dall’appartamento sono state scaraventate fuori lenzuola, finestre, indumenti e anche un vangelo, aperto sulla pagina delle "Beatitudini". Nel momento in cui si è verificata l’esplosione nel cortile del quartiere era presente anche lo scuolabus con all’interno diversi bambini; il mezzo si è sollevato da terra provocando panico e paura tra i più piccoli, ma nessuno di loro è rimasto ferito. Testimoni parlano di due esplosioni di diverse entità. Pare che i Vigili del Fuoco, che avrebbero voluto festeggiare "Santa Barbara" in un modo del tutto diverso, abbiano trovato aperto il rubinetto del gas.

Provincia, incontro sull’artigianato per incentivare l’imprenditoria femminile CROTONE - Recuperare l’artigianato artistico per riportare alla luce gli antichi mestieri di cui viveva un tempo la popolazione locale, è stato oggetto dell’incontro svoltosi nella giornata di venerdì presso la Sala Azzurra della Provincia di Crotone.Sono 13.400.000 gli italiani che vivono oggi grazie al lavoro artigianale, il 22% della popolazione, e sono 3.600 le imprese artigianali attive sul territorio italiano che offrono lavoro ad 1 milione e mezzo di occupati. Una percentuale tuttavia composta prevalentemente da imprenditori di genere maschile: le donne impiegate nel settore dell’artigianato in Italia sono oggi meno del 5%. Si evince come anche in un campo poco

valutato come quello dell’artigianato, l’incidenza del genere femminile in rapporto a quello maschile continua a rimanere inferiore. Un’iniziativa per incentivare il lavoro femminile locale e l’imprenditorialità della donna, è giunta dalla consigliera provinciale di Parità supplente, Filomena Mustacchio che nella giornata di ieri ha presentato una pubblicazione dal titolo "Donna impresa femminile e mercato del lavoro". La pubblicazione riassume i contenuti di un seminario di studi, svoltosi nel 2007 in occasione dell’"Anno europeo delle pari opportunità". Nel corso del seminario sono stati indicati i dati più significativi nel contesto locale, in materia di occupazione e disoccupazione, le diffi-

coltà dell’inserimento femminile nel mercato del lavoro e sono state individuate azioni positive finalizzateallapromozionedell’imprenditorialità giovanile e femminile che sostengano la cultura d’impresa nelle nuove generazione con l’ausilio della scuola e degli imprenditori locali. Una di queste azioni è la rivalutazione dell’artigianato artistico come forma d’arte che riscopra gli antichi mestieri delle nostre terre, quei saperi che si tramandavano nelle botteghe e che nella società moderna si stanno pian piano perdendo.

A. Bolle


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani 13

CRONACHE

Arsenale ritrovato in un forno, un arresto PIZZO - Aveva in casa un vero e proprio arsenale pronto all’uso, ben 4 pistole - tre semiautomatiche ed una a tamburo - ed oltre 150 proiettili di vario calibro. A scoprire l’illecita santabarbara sono stati gli uomini della Stazione Carabinieri di Pizzo e del Norm di Vibo Valentia che questa notte hanno fatto irruzione all’interno dell’abitazione di Klachev Severov Dunay, cittadino bulgaro del ’70 da tempo residente a Pizzo. I Carabinieri, che da giorni controllavano i movimenti dell’uomo aspettando il momento giusto per agire, lo hanno sorpreso mentre lui, sua moglie e sua figlia, si stavano preparando per andare a dormire e sono entrati nell’abitazione senza che l’operaio nemmeno avesse il tempo di capire cosa stava succedendo. Appena sono entrati gli uomini della Benemerita hanno cominciato una minuziosa perquisizione dell’appartamento di via Fontanelle alla ricerca di armi. C’è voluta un’ora ai Carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia per rinvenire, abilmente occultato all’interno del forno della cucina, in un posto praticamente impensabile, l’arsenale già pronto all’uso.Infatti alcune delle armi scoperte dagli uomini della Benemerita avevano già i caricatori pieni ed inseriti, segno che potevano essere prese ed utilizzate in qualsiasi momento. Inoltre gli uomini dell’Arma hanno scoperto come a tutte le armi, 3 7,65 ed una 22, era stata abilmente cancellata la matricola per renderne difficile la rintrac-

ciabilità. Per l’immigrato sono quindi immediatamente scattate le manette con l’accusa di detenzione di armi clandestine e di munizionamento e, dopo gli atti di rito, è stato trasferito nel carcere di Vibo Valentia da cui dovrà rispondere all’autorità giudiziaria. Quello compiuto dagli uomini della Benemerita è il più grosso sequestro di armi e munizioni mai effettuato nell’abitato di Pizzo ed evidenzia sia quanto sia alto lo spessore criminale dei soggetti che gravitano nella cittadina sia come sia pregnante l’azione di contrasto giornalmente svolta dagli uomini della Benemerita.

Ora le armi saranno inviate presso i laboratori dei Carabinieri per l’esaltazione delle matricole e le prove balistiche volte ad accertare il loro utilizzo in episodi delittuosi compiuti su tutto il territorio nazionale. Grazie al sequestro di oggi, comunque, è stato eliminato dalla strada un notevole quantitativo diarmiche,facilmente,potevano essere utilizzate in atti intimidatori e rapine in vista delle prossime festività natalizie.

Da oggi Vibo ospita la settimana della cultura egizia VIBO VALENTIA - Vibo Valentia ospita da oggi all’11 dicembre la Settimana della Cultura Egiziana. L’iniziativa, promossa dal Comune di Vibo Valentia, è realizzata in collaborazione con l’Iscapi e con l’Ambasciata egiziana in Italia. Coinvolti anche la Regione Calabria e i Comuni di Spilinga e Pizzo. Il cartellone è stato illustrato in settimana dall’assessore comunale Nicolino La Gamba. «L’evento - ha detto l’assessore - rappresenta il punto di partenza per rilanciare Vibo Valentia all’interno del sistema in-

ternazionale, soprattutto per quelli che sono i rapporti internazionali che la citta’ ha gia’ avviato dieci anni fa, con un decreto della Giunta Regionale Chiaravalloti, che la indicava come centro della cooperazione tra le aree del Mediterraneo». «L’importanza dell’evento - ha detto il sindaco di Vibo Valentia, Nicola D’Agostino - si evince guardando il ricco programma, vedendo le mostre ed i convegni che animeranno Vibo ed si svolgeranno a Palazzo Gagliardi. La settimana della cultura Egizia è un modo per proporci come citta’ al centro della Calabria, regione che a sua volta è al centro del Mediterraneo. Nel momento storico che l’Europa sta vivendo, riteniamo giusto guarda non solo al Nord, ma anche e soprattutto agli altri paesi del Mediterraneo». Alla manifestazione partecipera’ una delegazione di 70 cittadini egiziani.

F. Marra Sandro Murina

Sequestrati 400 ovini per violazione delle norme sulla tracciabilità VIBO VALENTIA - Quasi 400 ovini sono stati sequestrati dai carabinieri di Filandari e dal Nas di Catanzaro, a Ionadi, nel Vibonese, per gravi violazioni delle norme sulla tracciabilità degli animali da allevamento e sui controlli sanitari obbligatori. Il sequestro è avvenuto venrdì scorso. I militari hanno ispezionato un allevamento ed hanno scoperto che la titolare, T.N., aveva omesso di registrare molti degli animali in suo possesso negli obbligatori registri. Data la gravità della situazione e l’assenza di garanzie circa il buono stato di salute del gregge i militari dell’Arma hanno immediatamente sottoposto a vincolo sanitario tutti gli animali.

Annarita Colucci


14

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

CRONACHE

«Rifiuti, l’ordinanza del Commissario causa disagi» COSENZA- «Nei prossimi giorni dichiara l’Assessore al Ciclo Integrati dei Rifiuti del Comune di Cosenza, Francesca Lopez - la città subirà qualche disagio a causa dell’ordinanza del Commissario Delegato per il Superamento della Situazione di Emergenza nel Settore dei Rifiuti Urbani in Calabria, che ha disposto con urgenza, per Cosenza e molti altri Comuni della provincia, la sospensione del conferimento dei rifiuti solidi urbani nella discarica di Alli fino alla giornata di lunedì 6 dicembre inclusa. Dunque - spiega l’Assessore - fino a lunedì nella nostra città i rifiuti depositati nei cassonetti non potranno essere raccolti, perché non sarebbe poi possibile conferirli nella discarica che dallo stesso Commissario è stata assegnata al Comune di Cosenza. L’Amministrazione Comunale si scusa con i cittadini per il disservizio, ma è evidente che essa non ha alcuna responsabilità in una situazione dovuta a una decisione della competente autorità.Per quanto riguarda la nostra città, i problemi dei prossimi due giorni potranno essere meglio gestiti

A Rossano cassonetti ormai colmi prosegue il blocco della strada ROSSANO - Ha provocato disagi a Rossano e nei comuni della zona il blocco attuato dai residenti della strada che conduce alla discarica di Bucita che impedisce agli autocarri di scaricare. I cassonetti a Rossano sono ormai colmi e i camion che hanno effettuato il ritiro dei rifiuti sono fermi da ieri nei depositi della Ecoross, azienda che si occupa della raccolta. Disagi anche nei Comuni che fanno parte del Consorzio di Bucita a cui non è permesso scaricare. Il sindaco di Rossano, Franco Filareto, sta tentando di mediare con i manifestanti di Contrada Amica, zona limitrofa alla discarica di Bucita, affinché permettano almeno ai Comuni del Consorzio di scaricare. Ma gli abitanti sono intenzionati a proseguire il blocco della strada. Per oggi, alle 16, è prevista una manifestazione di protesta.

Rifiuti, il sindaco di Rogliano: l’emergenza si allarga

con il contributo di tutti. Sarà importante, infatti, che noi cittadini, consapevoli della oggettiva difficoltà, evitiamo nella misura del possibilediaccumulareneicassonetti e intorno ad essi i rifiuti che produciamo. Sulla base di quanto disposto dall’ordinanza del Commissario, già da martedì 7 la raccolta potrà riprendere regolarmente e la si-

tuazione tornare alla normalità. A tutti i concittadini - conclude l’Assessore Lopez - rivolgo il ringraziamento dell’Amministrazione Comunale per la collaborazione che potranno offrire».

Saverio Corretto

«Rifiuti: sostenere la politica della raccolta differenziata porta a porta» COSENZA - «La grave situazione determinatasi in Provincia di Cosenza nella gestione del ciclo dei rifiuti, ma più in generale nell’intera Regione, rischia di divenire, se non si adottano politiche adeguate, una ulteriore minaccia per l’ambiente e la salute di tutti gli abitanti del nostro territorio» si legge in una nota del consigliere provinciale Biagio Diana (Pdci) . «Come è noto - continua - l’ennesima "crisi ambientale" verificatosi nella fascia jonica cosentina è frutto di una politica che ha esautorato gli enti locali dalla gestione del loro territorio. Numerosi Comuni sono costretti a pagare inefficienze e inadeguatezze non loro ma scelte in altre sedi istituzionali, in altre parole dalla gestione commissariale che vige oramai da un decennio nella nostra Regione. Noi lo stiamo sostenendo da qualche tempo che è giunto il momento di chiudere definitivamente la fase commissariale, che va ripristinata la gestione ordinaria del ciclo dei rifiuti e che di conseguenza siano affidate alle Province e ai Comuni le competenze in materia del ciclo dei rifiuti. Siamo sempre più convinti che l’unica

strada da perseguire per voltare definitivamente pagina sia quella di perseguire il cosiddetto principio del "decreto Ronchi", che prevede l’autosufficienza dello smaltimento di rifiuti solidi urbani in "Ambiti Territoriali Ottimali", al fine di evitare lo smaltimento dei rifiuti lontano dai luoghi di produzione. Per tale ragione, facciamo appello alle forze politiche calabresi di invertire la rotta e seguire le indicazioni che provengono anche dal mondo associativo e soprattutto dalle popolazioni che ancora una volta, purtroppo, pagano in termini economici e ambientali le conseguenze di questa politica scellerata. Come forza politica e gruppo consiliare, intendiamo proseguire e far sentire la nostra voce attraverso il convinto sostegno politico alle azioni che abbiano l’obiettivo di stabilire un consenso diffuso e informato della popolazione, delle istituzioni locali, delle associazioni ambientaliste nelle scelte di politica ambientale e nella gestione del proprio territorio. In questo quadro aggiunge - è necessario ottenere, innanzitutto, una moratoria nella costruzione di grandi impianti e

di discariche il cui obiettivo è quello di fare a meno di impianti a rischio (vale anche per quello di rifiuti speciali e pericolosi paventato a Castrovillari), di minimizzare volumi e rischi ambientali delle discariche, di risparmiare sull’uso del territorio e di perseguire, in sintonia con le stesse direttive della Comunità Europea e della legislazione vigente, politiche capaci di ampliare al massimo le quote di riduzione della produzione di rifiuti, della raccolta differenziata e il riciclaggio in direzione di una economia "a rifiuto zero". Siamo ulteriormente convinti - conclude - che l’Ente Provincia di Cosenza, cha da qualche tempo ha predisposto un documento preliminare d’impostazione strategica per il sistema integrato di gestione dei Ru, potrà dare un valido contributo alla risoluzionedelproblemasperando, altresì, che venga superata definitivamente la gestione commissariale che, come è noto, in Calabria ancora esercita i poteri in materia di rifiuti e soprattutto venga realmente sostenuta la politica della raccoltadifferenziataspintaporta a porta».

ROGLIANO - «Esprimo la mia protesta, anche a nome dei colleghi sindaci di tutti gli altri comuni del Savuto, per il blocco del conferimento dei rifiuti alla discarica di Alli» afferma il sindaco di Rogliano, Giuseppe Gallo. «Mentre tale blocco non risolve il problemasul piano generale, il provvedimento assunto dall’Ufficio delcommissario ne determina altri nelle varie zone della provincia di Cosenza, con il rischio di aggravare ed allargare l’emergenza continua -. Non solo. Lo stesso provvedimento assume un tono punitivo in danno dei Comuni della provincia nel quadro delle manifestazioni di protesta insorte a Rossano, dove da più giorni si era profilata l’agitazione e dove non è stata proposta alcuna soluzione. In terzo luogo, sono da registrare i ritardi rispetto alle soluzioni operative e strutturali che occorre mettere in campo per dotare il sistema degli impianti di cui ha urgente bisogno. Purtroppo, solo le emergenze sollecitano provvedimenti. E vaste aree della regione sono già in piena emergenza. Solo che occorre circoscriverla e non ampliarla. Il blocco durerà fino a lunedì. Va notato che la comunicazione del blocco è giunta ai Comuni solo venerdì sera. Sabato molti Comuni sono chiusi e per questi non è stato possibile assumere contromisure adeguate. Per quanto riguarda il Comune di Rogliano, abbiamo avvertito la cittadinanza per scongiurare rischi che, qui, non abbiamo mai avuto. Non ci si chieda - conclude - però, di subire ulteriormente gli effetti di una situazione che ci auguriamo tutti sia governata con ogni competenza e senso di responsabilità, evitando le approssimazioni di questo fine settimana.

Feraudo: venga tenuto in considerazione nel pagamento della Tarsu il disservizio COSENZA - « Invece di esserci un provvedimento da parte del commissario che imponga la raccolta dei rifiuti per evitare che si accumuli per strada e dunque evitare i rischi per la salute, si sottoscrive un’ordinanza firmata dal commissario per l’emergenza ambientale in Calabria che fino a martedì prossimo impedirà ai rifiuti di 70 comuni della provincia di Cosenza, capoluogo in primis, di portare i propri rifiuti nella discarica di Catanzaro Alli. Soluzione inaccettabile per il decoro e per la tutela dell’igiene e della salute pubblica visto che anche i rifiuti organici saranno depositati per più giorni lungo le strade, con conseguenti rischi di fermentazione e miasmi» dichiara in una nota il Segretario regionale dell’Idv in Calabria Maurizio Feraudo. «Quello che chiediamo è che venga tenuta in considerazione, nel pagamento della tassa sui rifiuti, questo disservizio e questa situazione paradossale».


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani 15

CRONACHE

«Il nuovo sistema sanitario parta dalle professionalità» di Carmela Mirarchi COSENZA-«Ilnecessarioprogetto riformatore e l’opera di innovazione e di bonifica che bisogna realizzare nella sanità calabrese richiedono un concorso largo di apporti e di energie, libero da vecchi schemi e da appartenenze. Altro che demagogia e passerelle conviviali». Lo ha detto il presidente della Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, intervenendo alla convocata dai consiglieri regionali Guccione (Pd) e Aiello (Sel) sulla situazione sanitaria in provincia di Cosenza e sulle problematiche del precariato medico e paramedico. «La sanità calabrese e cosentina - ha detto Oliverio sconta ritardi accumulatisi in un lungo periodo di tempo (almeno20 anni), determinati da una molteplicità di ragioni, prima fra tutte dall’incapacità di assumere scelte coerenti e coraggiose per costruire un Sistema - Sanita regionale efficiente, altamente professionalizzato e, soprattutto, pienamente rispondente alla domanda di salute da parte dei nostri concittadini. Troppo spesso in passato, per effetto di una visione miope e parziale, sono stati assecondati più i localismi ed i particolarismi che non il progetto, la costruzione di un sistema, appunto. Tutto ciò ha, inevitabilmente, portato alla grave situazione in cui ci troviamo ora. Non vorremmo che oggi - ha detto ancora Oliverio - si ripetessero gli stessi errori di ieri, usando due pesi e due misure, violando ed alterando gli standardnazionali,tagliandoposti letto in una provincia e potenziandoli in un’altra, ricorrendo a criteri parziali che non garantiscono il diritto alla salute di tutti. Così come non vorremmo che si affrontassero i problemi della sa-

Presidente della Provincia

nità trattandoli solo in maniera ragionieristica e contabile. Bene hanno fatto, quindi, i consiglieri regionali Carlo Guccione e Ferdinando Aiello a lanciare l’allarme

all’indomani dell’audizione del Commissario dell’Asp, Franco De Rose, sul pericolo che, a partire dal primo gennaio del 2012, non siano più garantiti i livelli essenziali di assistenza all’Annunziata di Cosenza e in provincia. Per questo motivo rinnovo, ancora una volta, il mio invito, che non è mai stato e non vuole essere strumentale - prosegue Oliverio - al Presidente Scopelliti ad aprire un tavolo per avviare un processo graduale di costruzione di un nuovo sistema sanitario a partire dalla valorizzazione delle professionalità e delle energie che, se adeguatamente utilizzate e messe nelle condizioni di poter bene operare, possono dare un contributo importante per la realizzazione di obiettivi avanzati ed innovativi».

La guardia costiera della Capitaneria di porto di Corigliano ha festeggiato Santa Barbara CORIGLIANO CALABRO - La guardia costiera della Capitaneria di porto di Corigliano Calabro ha festeggiato Santa Barbara, patrona della Marina Militare, con una solenne celebrazione eucaristica nel santuario di Santa Maria ad Nives, a Schiavonea di Corigliano. Alla liturgia, presieiduta da padre Lorenzo Fortugno, hanno partecipato, tra gli altri, il presidente del Tribunale di Rossano Giuseppe D’Alitto, l’assessore provinciale ai trasporti Giovanni Forciniti, i sindaci di Corigliano Pasqualina Straface, di Rossano Franco Filareto, di Trebisacce Mariano Bianchi e l’assessore Roberto Bruno per il Comune di Cassano Jonio. La Messa è stata precedeuta da una solenne cerimonia militare nel Comando della Capitaneria di porto, durante la quale ilcomandante Massimo Seno ha consegnato a un sottufficiale e tre militari (capo Fabio De Blasi e i sottocapi Furiato Antonio, Gallitelli Angelo, Tomaselli Salvatore) le medaglie d’argento e di bronzo per lungo comando e lunga navigazione effettuati. r.cs

Permane l’occupazione dell’aula magna della Università della Calabria

COSENZA - L’assemblea permanente delle studentesse e degli studenti dell’Università della Calabria ha deciso di togliere l’occupazione del rettorato. A comunicarlo sono stati gli studenti nel corso di una conferenza stampa convocata dopo le novità emerse in seguito al rinvio del voto al Senato sulla Riforma Gelmini a dopo il confronto sulla fiducia al Governo in programma il 14 dicembre. «La mobilitazione contro la riforma Gelmini resta comunque alta e permarrà l’occupazione dell’aula magna, con la sua Assemblea permanente (ormai giunta all’ottavo giorno consecutivo di attività politica)» si legge in una nota. «La protesta si estenderà anche nelle aule delle facoltà con l’obiettivo, già dalla prossima settimana, di avviare nuove forme di conflitto proprie all’interno di

quei luoghi dove gli studenti trascorrono buona parte della propria giornata universitaria. Nel corso dell’incontro con i giornalisti gli studenti dell’Unical hanno spiegato che saranno messe in atto , con un percorso di lotta, iniziative mirate ad allargare il fronte della protesta, coinvolgendo anche la cittadinanza delll’area urbana di Cosenza con la realizzazione di una giornata dedicata alla libera creatività (prevista per giorno 10 dicembre), lezioni alternative, performance, iniziative di approfondimento di tematiche politiche, socio-economiche, culturali».

«Dissesto idrogeologico, serve l’intervento urgente del Governo nazionale» COSENZA - «La portata del dissesto idrogeologico nella nostra regione è tale che richiede l’intervento urgente e diretto del Governo nazionale». E’ quanto ha affermato questa mattina il Presidente della Provincia di Cosenza, on. Mario Oliverio intervenendo, su invito dell’Assessore regionale ai Lavori Pubblici, Giuseppe Gentile, alla conferenza stampa indetta dalla Regione per la presentazione dei programmi degli "interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico", che a Cosenza si è svolta presso la sede del Genio Civile di Piazza 11 settembre. «I programmi presentati dalla Regione - ha aggiunto Oliverio - utilizzano fondi ordinari già destinati alla nostra regione. In Calabria c’è bisogno, invece, di un programma organico straordinario di sistemazione idrogeologica per il quale il Governo deve decidere una destinazione di risorse adeguata ed aggiuntiva a quelle già erogate. Per

questo motivo, sull’obiettivo di un intervento generale e decisivo per le prospettive della Calabria, bisognerebbe realizzare una larga convergenza tra le istituzioni, le forze sociali, politiche ed economiche della nostra regione. Bene ha fatto il Governo ad assumere queste iniziative nei confronti del Veneto -ha proseguito Oliverio - ma credo che la Calabria, in quanto a rischio idrogeologico, non sia seconda a nessun’altra regione. Anzi! Per questo motivo continuo a ritenere necessaria una iniziativa urgente nei confronti del Governo nazionale a garanzia delle esposizioni finanziarie a cui sono stati costretti a ricorrere i nostri sindaci per far fronte alle somme urgenze determinate dalle tre calamità che, negli ultimi due anni, hanno colpito e devastato il nostro territorio. Infatti, nonostante i ripetuti impegni assunti dal Responsabile Nazionale della Protezione Civile fino ad oggi è stato coperto solo il

45% delle risorse che gli enti locali hanno impiegato con gravi esposizioni ed implicazioni che si determineranno se non saranno corrisposti gli impegnI. Sulla problematica del dissesto idrogeologico, della difesa del suolo e della sistemazione idraulica- ha aggiunto - è necessario mettere in atto un riordino ed un coordinamento istituzionale per una programmazione efficace e per l’attivazione degli interventi di cura e manutenzione delle aste fluviali, al fine di attuare una concreta opera di prevenzione e di mitigazione dei rischi. In tal senso - ha concluso Oliverio- le Province hanno più volte sollecitato un incontro con la Regione, ponendo all’attenzione il problema del trasferimento delle funzioni previsto dalla Legge 34 del 2002 e sono state costrette a notificare alla stessa Regione, atti stragiudiziali, al fine di determinare la necessaria attenzione su tali problematiche».


16

il DomaniDomenica 05 Dicembre 2010

CRONACHE Veltroni a Lamezia Terme: con Speranza esperienza positiva di Carmelo Morise LAMEZIA TERME - Il leader Pd Walter Veltroni insieme agli onorevoli Paolo Gentiloni e Marco Minniti, al senatore Luigi De Sena, al consigliere regionale Demetrio Naccari Carlizzi e all’eurodeputato Mario Pirillo hanno fatto visita al sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, alla sua Giunta e al presidente del Consiglio comunale, Francesco Muraca. «Non potevo non passare dal Comune e «Quella che salutare il sincondivido con daco - ha dichiaratoVeltroGianni, è ni - al quale mi una trama di lega un’amicizia antica. relazioni Quella che condivido con umane» Gianni, è una trama di relazioniumane che va al di là delle vicissitudini politiche. Non è la prima volta che vengo a

Lamezia - ha continuato Veltroni e mi fa sempre piacere tornare. L’esperienza amministrativa che si sta portando avanti in questa città è molto importante, specie in un territorio travagliato come la Calabria e per questo deve essere di esempio. Vi auguro di proseguire su questa strada, il vostro è quasi un modello controcorrente rispetto all’instabilità e alla corruzione nazionale. Non è un caso ha concluso - seabbiamo scelto di fare il primo incontro del nostro movimento a Lamezia Terme». «Sono molto grato all’onorevole Veltroni e a tutte le personalità del Pd che sono venute a farci visita in

Comune - ha dichiarato Speranza - mi inorgoglisce il fatto che un leader politico come Veltroni si ricordi ancora dell’amicizia che ci lega sin da giovani. Questa visita rappresenta un’altra dimostrazione del buon lavoro svolto dalla nostra Amministrazione e che stiamo cercando di portare avanti. E’ sempre difficile amministrare una città del sud. La vostra visita ha aggiunto il sindaco, riferendosi a tutti i presenti - in questo momento è un sostegno politico, psicologico e umano ed è un segnale di affetto e amicizia alla città».

Riccio (Fli): che fine hanno fatto i fondi Pisu per il capoluogo? CATANZARO - «Se nei giorni scorsi, facendo seguito alle vibrate proteste di Antonella Stasi, vice presidente della Regione Calabria, l’assessore regionale Aiello annunciava "che anche Crotone avrebbe avuto i fondi Pisu" a molti cittadini catanzaresi che ancora, malgrado tutto, ragionano con la propria testa, è venuto di domandarsi che fine abbiano fatto i fondi Pisu destinati alla città di Catanzaro» si legge in una nota di Eugenio Riccio (Fli). «Mi riferisco ai 32.664.434,80 euro, finanziati dal Por Calabria 2007-13. Ma se per Reggio Calabria aggiunge - chiaramente, la pratica "P.I.S.U." è stata ampiamente espletata, se per Crotone si è giustamente attivata la deputazione regionale "locale", la domanda sorge spontanea: chi tutela Catanzaro? Il gruppo comunale di Fli ha chiesto un incontro al governatore Scopelliti per cercare un suo immediato ed autorevole intervento finalizzato a sbloccare la "pratica" ferma in qualche cassetto del Nucleo di valutazione dell’assessorato regionale alla programmazione presieduto dall’assessore Mancini. Non ci sfiora nemmeno il dubbio che tale ritardo della Regione nel finanziare gli interventi alla Città capoluogo sia addebitabile al diverso colore politico dei due enti. Nondimeno, registriamo la necessità che tali importanti opere vengano immediatamente realizzate. In attesa di una ferma presa di posizione del Governatore a favore del capoluogo, cogliamo l’occasione per invitare i catanzaresi a dare la sveglia inviando una mail a giacomo.mancini@ regcal. it». A. Bolle


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani 17

CRONACHE

Pony express, in 49 hanno chiesto il rito abbreviato di Rosanna Angotti CATANZARO - Saranno giudicate con rito abbreviato quasi tutte le persone coinvolte nella maxi inchiesta antidroga sfociata nell’operazione scattata all’alba del 18 dicembre scorso, nome in codice "Pony express", che ha stroncato un fiorente traffico di stupefacenti attivo tra il quartiere Scampia di Napoli e Catanzaro. Infatti, 49 dei 58 indagati per i quali la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio hanno annunciato di voler accedere al rito alternativo - che in caso di condanna comporta lo sconto di pena di un terzo - ieri davanti al giudice Livio Sabatini, dove ha preso il via l’udienza preliminare. Le posizioni di due dei restanti accusati sono state stralciate per difetti di notifica, e saranno riunite a quelle degli altri dopo la rinnovazione degli atti, mentre gli ultimi sette indagati proseguiranno la normale udienza preliminare. Si tratta di Vincenzo Lambitelli 32

anni nato Napoli e residente a Catanzaro, Maria Berligieri 44 anni di Catanzaro, Massimo Bubba 36 anni di Caraffa, Alison Macrì 23 anni di Catanzaro, Marianna Mamone 23 anni di Catanzaro, Antonio Passalacqua inteso "Gianluca" 34 anni di Catanzaro, Immacolata Veneziano 31 anni di Catanzaro. Per decidere see chi di loro debba essere mandato sotto processo si tornerà in aula martedì, giorno in cui saranno formalizzate anche le 49 richieste di giudizio abbreviato, ed il giudice stabilirà un calenda-

Droga, obbligo di dimora per un giovane di Botricello

rio per trattare, nel prossimo mese di marzo, i riti alternativi. L’affare era vantaggioso al punto che anche un gruppo criminale di Catania si sarebbe inserito nel giro, utilizzando lo stesso metodo di rifornimento, e cioè corrieri che facevano la spola tra Napoli la Calabria e la Sicilia, in auto, in treno, e con qualunque altro mezzo che potesse passare inosservato da qui il nome in codice dell’operazione -. Per quanto riguarda il capoluogo calabrese, il narcotraffico sarebbe stato in mano a quattro bande, facenti capo in prevalenza a rom, e precisamente ai Passalacqua, Berlingieri, Critelli e Raffaele. Agli indagati sono contestati, a vario titolo, i reati di associazione adelinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, e ad alcuni rom è contestata anche l’associazione armata, dal momento che nel corso di alcuni controlli sono stati sequestrati anche fucili, pistole e munizionamento.

CATANZARO - Un giovane di Botricello, Mario Romeo, è stato arrestato venerdì con l’accusa di detenzione illegale a fini di spaccio di stupefacenti. A cogliere Romeo inflagranza di reato sono stati i Carabinieri della Compagnia di Sellia Marina, che lo hanno fermato nei pressi della sua abitazione, mentre stava facendo ritorno a casa. A seguito diun controllo l’indagato è stato trovato in possesso di circa dieci grammi di marijuana, già suddivisa in dosi, ed a quel punto è scattato per lui l’arresto. Ieri Romeo - il qualevanta precedenti penali anche specifici - è comparso per il giudizio direttissimo in tribunale, a Catanzaro, dove il giudice Antonio Rizzuti ha convalidato l’operato dei militari. Il pubblico ministero aveva chiesto l’applicazione della custodia cautelare in carcere, anche alla luce dei precedenti specifici che il

giovane accusato vanta. Romeo, per parte sua, ha spiegato in aula che la droga era destinata al solo uso personale, e che l’aveva appena acquistata e la stava portando a casa per se stesso, ed il giudice, alla fine, lo ha rimesso in libertà, come richiesto dal difensore, l’avvocato Pietro Funaro, applicando la sola misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di residenza. Il giudizio, infine, è stato rinviato al prossimo 31 gennaio. Rosa Voci


18

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

CRONACHE

Tutela ambientale, denunciati 65 imprenditori Sequestrate attività per 50 milioni di euro di Carmela Mirarchi LAMEZIA TERME - E’ stata intrapresa da circa un mese l’attività di monitoraggio e di controllo finalizzata al contrasto dei reati in materia ambientale da parte dei militari della Compagnia Carabinieri di Lamezia Terme unitamente a quelli del Nucleo Operativo Ecologico di Catanzaro. Dal 16 novembre scorso., in cui era stata conclu-

Il 16 novembre erano 27 i titolari di attività commerciali denunciati Ad oggi il numero è salito sino a 65 imprenditori

sa una prima trance dei controlli, da 27 il numero di titolari di attività commerciali denunciati, ad oggi si è giunti a 65. Le verifiche stanno riguardando autolavaggi, distributori di carburanti, aziende di autotrasporti, officine meccaniche, concessionarie, società operanti nel settore della raccolta dei rifiuti. Sotto il costante coordinamento della Procura della Repubblica di Lamezia Terme tutte le possibili fonti di inquinamento sono state e verranno sottoposte a monitoraggio. A fronte dei preoccupanti dati emersi (rarissimi i casi in cui i militari hanno accertato la piena regolarità dell’attività), molte atti-

Soriero: Verrengia attacca ma noi affrontiamo tematiche molto serie

vità colpite in un primo momento dai sequestri, in breve tempo hanno regolarizzato la loro posizione ottenendo il dissequestro e ricominciando la produzione. Il tutto con indubbie ripercussioni positive sull’ambiente. Infatti, nella totalità dei casi, è stato accertato che le irregolarità principali erano quelle di convogliare senza autorizzazione e/o in assenza di impianto di depurazione, i reflui delle acque provenienti dall’attività direttamente nella rete fogniaria e, in alcuni casi, per strada o nei campi circostanti, con la conseguenza che l’impianto di depurazione, idoneo a depurare solo scarichi urbani e non industriali, non ripuliva i reflui ad esso convogliati, con seguente danno per il funzionamento dell’impianto stesso e per l’ambiente. Ad oggi, quindi, il valore dei beni

sequestrati ammonta a circa 50 milioni di euro. I reati contestati sono tutti contemplati dal Testo Unico sui Reati Ambientali e riguardanoloscaricononautorizzato, l’emissione in atmosfera non autorizzata e lo smaltimento illecito di rifiuti. Una situazione di illegalità diffusa comportante grave inquinamento ambientale al quale la Procura della Repubblica ed i militari dell’Arma stanno cercando di porre un freno.

Molte attività colpite in un primo momento dai sequestri in breve hanno regolarizzato la loro posizione

La rete dell’emergenza cardiologica CATANZARO - La rete dell’emergenza cardiologica afferente al Centro Hub del Policlinico universitario catanzarese prepara protocolli condivisi e strategie innovative. Le novità sui percorsi diagnostico-terapeutici dei pazienti con sindromi coronariche acute sono state analizzate durante il meeting regionale sulla rete dell’emergenza cardiologica del Centro Hub del Policlinico universitario catanzarese, che vede protagonista la Cardiologia dell’Università Magna Graecia, diretta dal Prof. Ciro Indolfi. Il meeting si è strutturato in tre collegamenti "live", in diretta, con le Università di Bologna, di Napoli e di Perugia, attraverso l’utilizzo di una piattaforma tecnologica avanzata di trasmissione delle immagini in dotazione presso la cattedra di Cardiologia. «Le malattie cardiovascolari - ha dichiarato il Prof. Ciro Indolfi, Ordinario di Cardiologia e Direttore dell’Unità Operativa di Cardiologia Emodinamica - Utic rappresentano la prima causa di morte in Italia ed in Calabria. Lo stent coronarico, quando è possibile effettuarlo, rap-

presenta il miglior trattamento per i pazienti affetti da infarto miocardico. Con lo stent è possibile salvare 22 vite umane ogni 1000 pazienti e ridurre 60 eventi maggiori,ictus ed infarto. Oggi anche in Calabria - ha evidenziato il Prof. Ciro Indolfi - è possibile trattare con le tecniche più avanzate i pazienti cardiopatici rendendo non più necessario i cosiddetti viaggi della speranza dei pazienti verso le strutture di altre regioni italiane».I responsabili di numerose Utic della Regione, direttori delle Unità Operative di Cardiologia e di Pronto soccorso dei centri Spoke calabresi presenti al meeting, hanno particolarmente apprezzato la metodologia formativa altamente innovativa dell’incontro e la possibilità di stabilire protocolli condivisi per il miglior trattamento dei pazienti con infarto miocardico acuto. La Cardiologia Universitaria di Catanzaro è diventata leader nel trattamento dei pazienti con sindromi acute applicando i protocolli terapeutici più moderni ed innovativi.

« CATANZARO - «Le proposte avanzate dal Comune sul centro storico di Catanzaro avrebbero potuto essere affrontate più seriamente dall’Amministrazione Provinciale. Aver affidato la riflessione sul tema al Vice Presidente Verrengia lascia trasparire pressappochismo e debolezza culturale» si legge in una nota dell’assessore Soriero. «Forse ciò dipende anche dalla consuetudine di Verrengia a ridurre il confronto politico a "battute sotto l’ombrellone". Perciò lo invitiamo sin d’ora alla "Conferenza dei servizi sul Piano Spiaggia", fissata dal Comune per lunedì 20 dicembre, alle ore 9,30. Nel consiglio comunale, invece, il dibattito sui temi urbanistici ha espresso ben altro livello di qualità (sia pure in condizioni tese e difficili) tra le diverse espressioni politiche della maggioranza e delle opposizioni. Parliamo di questioni complesse che Verrengia ovviamente non ha compreso, al punto che addirittura si improvvisa paladino dei contratti di affitto "in nero", senza sapere che i proprietari di alloggi che fittino a studenti universitari ricevono vantaggi mediante detrazioni automatiche nella dichiarazione dei redditi, previste da leggi e accordi nazionali. Verrengia però annusa che si è aperto un confronto serio tra Comune, Università e forze sociali e imprenditoriali; perciò si innervosisce subito e attacca ciecamente sindaco, assessori, imprenditori e quindi, anche tutti gli studenti che in questi giorni stanno seriamente discutendo il problema sui giornali».

Torna "Un Treno per Catanzaro" Ulixes premia il merito CATANZARO - Torna per le festività natalizie "Un Treno per Catanzaro" ideato e realizzato dall’Associazione Universitaria Calabrese Ulixes nell’ambito del progetto "Voce ai Giovani" e con il patrocinio dell’Assessorato alla cultura e alle politiche giovanili del Comune di Catanzaro. Il progetto prevede il rimborso delle spese di viaggio per gli studenti universitari e i dottorandi catanzaresi fuori sede più meritevoli. Il regolamento ed il modulo di partecipazione sono comodamente scaricabili all’indirizzo www. associazioneulixes. org «L’intenzione - dichiara Vincenzo Capellupo, Presidente nazionale di Ulixes - è tessere un legame tra i giovani talentuosi e la città capoluogo di regione, favorendone il rientro, spingendoli a ripopolare e riprogrammare il territorio. Noi di Ulixes siamo sicuri che progetti come questo, nonostante si tratti di una goccia nel mare dell’emigrazione intellettuale calabrese, siano utili, servano a rafforzare, a ripristinare un legame identitario soprattutto in chi ha dovuto lasciare per motivi di studio o ricerca in età molto giovane la Calabria. Contemporaneamente sono politiche di dinamismo culturale, sociale ed economico. Siamo convinti - ha concluso Capellupo - che Un Treno per Catanzaro sia un primo momento per superare i tanti populistici proclami delle politiche del rientro. E’ un gesto concreto. Invito, pertanto, tutte le istituzioni dai piccoli comuni, alle province, alla regione di sposare ed incentivare queste iniziative. Di riportare i propri i giovani a ripopolare i propri territori rilanciando l’idea e le esperienze Ulixes. Un Treno per Catanzaro. Ulixes premia il merito. Ulixes premia la Calabria migliore».


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani 19

APPUNTAMENTI

Coppa Italia Fiwuk, “Red dragon” sul podio La squadra del maestro Antonio Grillo ha conquistato l’ambita coppa quale società 1ª class. nel Taolu Tradizionale di Fabrizio Viscomi CATANIA - Una spettacolare cerimonia d’apertura ha dato il via alla "Coppa Italia Fiwuk / IV Mediterranean Cup" che si è tenuta qualche settimana fa ad Acireale, provincia di Catania. Da poco resi noti i risultati ufficiali delle competizioni ed i nomi dei medaglisti, che per la Calabria sono stati numerosi tanto da far ottenere alla "Red dragon club", del maestro Antonio Grillo, l’ambita coppa quale società 1ª class. nel Taolu Tradizionale, gara di forme a mani nude e con armi. A salutare i centinaia atleti presenti, provenienti da tutta Europa, il presidente del Coni Catania, che ha ospitato la manifestazione con entusiasmo, Pippo Crisafulli. Un plauso particolare è stato fatto alla Federazione italiana di Wushu e Kug Fu (Fiwuk), dal componente della giunta nazionale Coni, Michele Barbone che, portando il saluto del presidente Petrucci, ha sottolineato l’impegno di questa giovane federazione nel divenire «competitiva ed importante nel nostro Paese». Dopo i saluti del Presidente della confederazione del Wushu mediterraneo Riccardo Sangrigoli, sul parquet del Palavolcan di Acireale, hanno sfilato draghi e leoni incantati, che con coreografie ed acrobazie ipnotizzanti hanno coinvolto l’intero palazzetto gremito di pubbli-

co. Terminate le "danze", tutti gli atleti si suddividono e raggiungono l’area stabilita per le gare, dove i giudici sono pronti a valutare le loro prove. Quattro i generi di sfide. Quello più spettacolare riservato al Wushu moderno, dove gli atleti con le loro forme acrobatiche non possono non impressionare i meno avvezzi a questa disciplina sportiva. Per la Calabria qui, si distinguono, tutti nella categoria juniores, Pierpaolo Fontana 2° classificato, spada codificata, e 3°classificato, chang quan codificata, Giulia Aiello 3ª classificata, spada intermedia, entrambi della scuola "Arte d’oriente" del maestro Fabio Saverino, e Loris La Rosa 3° classificato

sciabola codificata nuova, per la categoria cadetti, invece, Lombardo Anna 1ª classificata, 2 linee mani nude, e 1ª classificata, 2 linee bastone, Lombardo Andrea 1° classificato, 2 linee mani nude, e 1° classificato, 2 linee bastone, tutti della "Wudang", diretta dai maestri Vincenzo Bonifati e Nicodemo La Rosa. Una novità assoluta per la "Coppa Italia Fiwuk" è l’inserimento di nuovi stili, come quelli vietnamiti, che finora non rientravano nel nostro circuito e che ad Acireale hanno dato modo ai presenti di essere apprezzati. Se il Wushu moderno può colpire per i movimenti agili e aerei, certamente il Sanda, a pochi passi da quel

I ragazzi della "Red dragon" con il maestro Antonio Grillo

Forum sull’ambiente, sviluppo sostenibile

Slow food Soverato per Terra madre day

VIBO VALENTIA - Lunedì 6 dicembre, nella sala consiliare della Provincia, con inizio alle ore 9.30, verranno illustrati gli esiti del seminario di simulazione partecipativa tenutosi nell’aprile scorso e basato sul metodo European Awareness Scenario Workshop (Easw), promosso dalla Commissione europea e organizzato nell’ambito del Forum ambientale per lo sviluppo sostenibile, su iniziativa della Provincia di Vibo Valentia e in collaborazione con la Regione Calabria e la Fondazione per la formazione, innovazione, emersione locale e disegno del territorio (Field). Lunedì verrà presentato il lavoro svolto in questi mesi, attraverso la costituzione di gruppi di lavoro.

SOVERATO - Il 10 dicembre è la data fissata per il "Terra Madre Day" in tutto il mondo, un evento collettivo su scala globale di celebrazione del cibo buono, pulito e giusto. Quest’anno il Terra Madre Day ha un obiettivo, raccogliere fondi per finanziare la creazione di mille orti in Africa. La condotta Slow food di Soverato ha partecipato con 15 delegati all’evento Terra Madre tenutosi a Torino dal 21 al 25 ottobre, si appresta a celebrare terra madre day con una serie di iniziative. Giovedì 9 dicembre alle ore 18.00 presso L’Ipssar di Soverato (via Leopardi 4): Gente di terra madre. Proiezione del dvd "Gente di Terra Madre", avvio del progetto "Un piatto per terra madre".

tappeto di confronti, ha sorpreso per l’impatto forte del corpo a corpo. E non manca anche nel Sanda un atleta calabrese sul podio: Fodor Csaba 3° classificato categoria SE + 90 kilogrammi della stessa "Wudang". Ultimo stile, non certo per importanza, il tradizionale. Sul gradino più alto, nel Taolu Tradizionale, la società "Red dragon club", con i quattro ori di: Emily Candido, 1ª classificata, mani nude stili del sud, categoria seniores, Giampiero Mellace, 1° classificato, mani nude stili del sud e sciabola, categoria over 35, e Michele Pagliaro 1° classificato, mani nude stili del sud, juniores. Terzi classificati, invece, sempre mani nude stili del sud, categoria juniores, Carmine Cavigliano e Antonella Ioele. Per la "Kung Fu Hipponion" di Vibo Valentia, diretta dai maestri Ferdinando Lo Bianco e Raffaele Esposito, ad ottenere risultati vincenti Graziella Impellizzeri 1ª classificata, mani nude stili del sud, Silvia Stefanelli 2ª classificata, mani nude stili del sud, e Alessandro Pagliaro 2° classificato, mani nude stili del sud, tutti categoria juniores. Ad accompagnare i ragazzi in questa magnifica avventura che li ha messi a confronto con più di 400 atleti e ben 11 nazioni differenti, il delegato regionale della Fiwuk Calabrese Enrico Ciaccio e il presidente della società vibonese Carmelo Impellizzeri.


20

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

APPUNTAMENTI

La manifestazione organizzata dall’Iscapi ha l’obiettivo di favorire l’integrazione e il confronto tra i popoli

“Settimana culturale egiziana”, scambi interculturali tra la Calabria e l’Egitto VIBO VALENTIA - Dal 5 all’11 dicembre partirà ufficialmente in Calabria "La Settimana della Cultura Egiziana", manifestazione che ha l’obiettivo di favorire l’integrazione e il confronto tra i popoli. L’importante iniziativa è organizzata dall’Istituto Superiore Calabrese di Politiche Internazionali (Iscapi), l’Ufficio Culturale dell’Ambasciata d’Egitto, il Comune di Vibo Valentia Assessorato agli Affari Istituzionali in collaborazione con l’Assessorato al Turismo e Cultura, insieme alla Camera di Commercio di Vibo Valentia i comuni di Pizzo (VV) e Spilinga (VV). L’iniziativa, patrocinata dagli Assessorati regionali all’Emigrazione, Cultura e Agricoltura, prevede alcuni appuntamenti a Fuscaldo (CS) e a Cosenza grazie al contributo dell’ Amministrazione Comunale del Borgo del tirreno consetino e la Presidenza del Consiglio dell’Amministrazione comunale di Cosenza. Gli sponsor ufficiali della manifestazione sono l’Hotel 501 di Vibo Valentia e il Gruppo Aceto Automobili di Rende. Giungeranno in Calabria im-

per promuovere il territorio calabrese in Europa e all’estero e allo stesso tempo aprire le porte a culture e tradizioni differenti. Nell’ambito della Settimana della Cultura Egiziana saranno avanzate proposte concrete finalizzate alla realizzazione di progetti di cooperazione tra l’Egitto e le provincie Calabresi, attraverso la stipula di protocolli d’intesa tra tutte le parti coinvolte. Faranno parte della illustre delegazione alcuni Direttori/Vice Direttori delle più importanti testate giornalistiche egiziane che seguiranno la manifestazione. Un’agenda fitta d’appuntamenti, quella predisposta per l’evento che «rappresenta ha spiegato Nicolino La Gamba il punto di partenza per rilanciare la città all’interno del circuito internazionale, soprattutto per quelli che sono i rapporti internazionali che questa città ha già avviato dieci anni fa, con decreto di Giunta regionale Chiaravalloti,

Saranno avanzate proposte concrete finalizzate alla realizzazione di progetti di cooperazione tra l’Egitto e le provincie calabresi, attraverso la stipula di protocolli La conferenza di presentazione

portanti autorità politiche e istituzionali egiziane e un nutrito gruppo di artisti che animerà l’evento di fascino e magiche suggestioni. I comuni calabresi che ospiteranno la settimana culturale (dal 5 al 9 a Vibo Valentia, giorno 10 a Reggio Calabria e Fuscaldo, l’11 a Cosenza) saranno l’epicentro di una sette giorni che porterà nella nostra regione le affascinanti atmosfere della terra d’Egitto. Le attività proposte saranno tante e di grande interesse, una vera e propria full immersion nella storia, nell’arte, nella letteratura e

I comuni calabresi che ospiteranno la settimana culturale saranno l’epicentro di una sette giorni che porterà nella nostra regione le affascinanti atmosfere della terra d’Egitto

nella Cultura egiziana. Nell’arco dell’intera settimana, infatti, verranno organizzate mostre d’arte; giornate dedicate alla cucina egiziana; mostre di artigianato manuale, tradizionale e artistico egiziano; mostre di calligrafia, serate e pomeriggi di intrattenimento, spettacoli e stage di musica egiziana, e cene di gala a tema. Ed ancora convegni, giornate dedicate al folklore, al cinema e alla fotografia. La convinzione dei promotoridiquestostraordinario evento è che gli interscambi culturali sono la base da cui partire

In Calabria 617 candele per Telefono Azzurro, prosegue la campagna “Accendi l’Azzurro” ROMA - 9.000 volontari hanno sfidato il maltempo e hanno portato in più di 1500 piazze italiane, le candele di Telefono Azzurro che anche quest’anno doneranno "una luce di speranza ai bambini che non ce l’hanno". La campagna, che il 20 e 21 di novembre ha permesso di distribuire nella sola Calabria 617 candele, non si è conclusa: i volontari di Telefono Azzurro saranno presenti ancora una volta nelle piazze e nei mercatini di Natale per offrire l’opportunità di contribuire concretamente all’impegno quotidiano dell’Associazione. I risultati della campagna aiuteranno a so-

stenere Telefono Azzurro con le sue linee di ascolto ed i suoi progetti territoriali di intervento per contrastare ogni forma di violenza e maltrattamento nei confronti di bambini e adolescenti. Nel 2010 oltre 5000 sono stati i casi gestiti dall’Associazione in tutto il territorio nazionale. «È importante continuare ad "accendere tante candele azzurre" - si legge in una nota per sostenere le linee di ascolto di Telefono Azzurro che 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, sono impegnate a difendere i bambini da ogni violenza fisica, sessuale e psicologica».

Le candele in vendita per la campagna

che la indicava come centro della cooperazione tra le aree del Mediterraneo. Attraverso questo evento - ha aggiunto - ci riprendiamo il nostro ruolo di città cerniera per tutta l’area». «Nel momento storico che l’Europa sta vivendo - ha detto il sindaco di Vibo Valentia Nicola D’Agostino -, riteniamo giusto guardare non solo al Nord, ma anche e soprattutto agli altri paesi del Mediterraneo, per i quali la città di Vibo Valentia può diventare punto di riferimento particolarmente importante».


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani 21

APPUNTAMENTI

La conferenza stampa con Antonietta Santacroce e Massimo Lopez

Con lo spettacolo in scena giovedì scorso al Teatro Politeama cala il sipario sulla kermesse catanzarese

Massimo Lopez con “Ciao Frankie” chiude il Festival d’Autunno 2010 CATANZARO - Si chiude con il singolare omaggio a Frank Sinatra targato Massimo Lopez l’VIII edizione del Festival D’Autunno, la manifestazione ideata e diretta da Antonietta Santacroce che in questi anni ha portato sulla scena catanzarese tanti artisti di fama internazionalerendendoculturalmente viva e ricca di eventi la stagione autunnale del capoluogo. Con “Ciao Frankie”, lo spettacolo messo in scena giovedì scorso al Teatro Politeama di Catanzaro, è stato proposto un excursus tra le più belle canzoni di Frank Sinatra, condito con momenti di pura comicità da un esilarante Massimo Lopez affiancato dai musicisti della Big Jazz Company. Con le 190 repliche di “Ciao Frankie”, l’omaggio a Frank Sinatra che lui stesso, con la regia del fratello Giorgio, da qualche anno porta in giro con successo per l’Italia, Lopez conferma le sue doti cabarettistiche e si fa apprezzare anche per le sue qualità canore grazie alla sua personale quanto mai strepitosa interpretazione di alcuni classici del cantante italo americano passato alla storia con

Antonietta Santacroce – durante la quale Massimo Lopez ha mostrato anche di essere in possesso di grandi doti canore. Un appuntamento che ha suggellato una stagione ricca di soddisfazioni, incoraggiamento a fare sempre meglio e, dopo un breve periodo di pausa, a rimettermi al lavoro per la prossima edizione». Alla conferenza stampa che ha preceduto la serata, Massimo Lopez ha parlato con i giornalisti di come è nata l’idea di questo show, della sua passione per il grande Frank Sinatra e del consiglio ricevuto da Mina di sfruttare il suo timbro di voce per interpretare i brani di The Voice. A chi gli chiede di nuovi progetti per il futuro, Lopez risponde scherzosamente: «Ho in programma la scrittura di un’opera teatrale, per ona niente tv. Non mi vedrete mai al Grande Fratello, né all’Isola dei Famosi né tantomeno ad Avetrana». An-

Lo spettacolo si apre con “Night and day” e “I got a kick out of you”, e prosegue con canzoni immortali come “Fly me to the Moon”

Massimo Lopez durante lo spettacolo "Ciao Frankie"

il soprannome di The Voice e divenuto una leggenda della musica mondiale. Lo spettacolo si apre con due cavalli di battaglia come “Night and day” e “I got a kick out of you”, e prosegue con canzoni immortali come “All the way (When somebody loves you)”, “Fly me to the Moon” e “I’ve got you under my skin”. E ancora, “Somethin’ stupid”, eseguita con Cristiana Vignoli, “That’s life”, “I’ve got the world of a string”, in duetto con Pierluca Buonfrate, raggiungendo il punto più alto quando canta il tema del

Un excursus tra le più belle canzoni di Frank Sinatra, condito con momenti di pura comicità da un esilarante Massimo Lopez affiancato dai musicisti della Big Jazz Company

film “New York New York”, “My way” e in chiusura “Strangers in the night”, riletta in maniera brillante ed originale. Il tutto inframezzato dal Lopez comico e bravissimo imitatore che tutti conosciamo, quello che sorprende e diverte con le voci di Berlusconi e di Prodi, di Cossiga e di Bersani, di Franceschini e di Bertinotti, non mancando di offrire al pubblico delle divertenti caricature di papi e cardinali, affiancato dalla "spalla" di Giuliano Chiarello. «Una serata di comicità e di intrattenimento – ha commentato

tonietta Santacroce che ha accompagnato Lopez all’incontro con la stampa, manifesta la soddisfazione per un Festival D’Autunno che anche quest’anno ha riscosso un grande successo di pubblico. «Un Festival impegnativo per le tematiche affrontate - ha detto la Santacroce - seguito da un pubblico molto giovane accorso da tutta la Calabria. Un pubblico numeroso alla ricerca di proposte culturali di qualità che conferma la finalità del Festival: offrire oltre all’intrattenimento anche spunti di riflessione sulle grandi tematiche dei nostri giorni».

Il “Black South Club”, a Catanzaro il primo club motociclistico supporter del Gremium MC Calabria CATANZARO - È nato a Catanzaro il primo club supporter del Gremium Motorcycle Club, uno dei club di motociclisti leader della zona biker europea fondato a Manheim, in Germania, nel 1972. Il “Black South Club”, questo il nome scelto dai ragazzi del capoluogo, è figlio del Gremium MC Calabria, con sede a Montalto Uffugo (Cs), che da oltre dieci anni unisce nella passione per le due ruote i bikers della regione. Il fondatore del Black South Club di Catanzaro, Fausto, nonché presidente del club, insieme al vicepresidente Fabrizio, al segretario Alberto, al tesoriere

Antonio e al road capitain Stefano hanno deciso di pubblicizzare la nascita del club per attirare nuovi appassionati delle vecchie Harley Davidson. Un gruppo di amici che ha deciso di rafforzare questo legame di fratellanza attorno alla passione per le moto: «Il club nasce dalla voglia di stare insieme, creare un gruppo unito e soprattutto fare tanti chilometri in moto - ha detto Fausto, il presidente -. Siamo prima di tutto amici e la nostra passione non è altro che il corollario che ci unisce». Il Black South Club ha sede in via Spasari a Catanzaro. Per info blacksothclub@libero.it

Oriana Tavano


22

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

APPUNTAMENTI Inaugurata la mostra “Simmetrie” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari AMANTEA WorkShop sul tema: Se la Calabria fosse il bachmarker d’Italia Il gruppo Pd Calabria 25 Aprile insieme a Cambial’ItaliaCalabria promuove per oggi , dalle ore 10.00 alle 18.00, Palazzo delle Clarisse Amantea, via Indipendenza, 27 un WorkShop sul tema: Se la Calabria fosse il bachmarker d’Italia. A confronto tre proposte di legge e di petizione popolare sui temi della difesa del territorio, della promozione dell’occupazione attraverso l’impresa e la cooperazione sociale, e sulla rappresentanza e la Riduzione del Costo della Politica tra democrazia effettiva e credibilità CATANZARO Convegno “Strategia politica dell’Udc per Catanzaro capoluogo di regione” Oggi , alle ore 10.00, presso la sala delle Culture dell’Amministrazione Provinciale di Catanzaro, si terrà il convegno: "Strategia politica dell’UdcperCatanzarocapoluogodi regione". Interverranno il segretario cittadino Maida, il Capogruppo al Comune Renda, i Sub Commissari provinciali Manti e Capriglione, il presidente del Coordinamento Regionale Fagà, gli assessori regionali Trematerra e Stillitani, il presidente del Consiglio regionale Talarico, concluderà l’onorevole Mario Tassone, Vice Segretario Nazionale Udc. Conferenza stampa di CalabriaOltre Martedì 7 dicembre , alle ore 17.00, presso la sala Giunta del Comune di Catanzaro, si terrà una conferenza stampa nel corso della quale saranno presentate le proposte che il MovimentoCalabriaOltremetteràal centro della propria iniziativa in occasione delle elezioni amministrative della primavera prossima nella Città di Catanzaro. Parteciperanno all’incontro il presidente Vincenzo Mazzei, il Coordinatore Provinciale nonchè Consigliere del Comune di Lamezia Terme Franco Mastroianni, il Coordinatore cittadino Giuseppe Silipo e il Consigliere comunale di Catanzaro Rosario Mancuso, Capogruppo del Gruppo misto. CHIARAVALLE Convegno "Il piano di sviluppo locale Terrae Nostrae" Il gruppo di azione locale Serre Calabresi - Alta Locride, invita al convegno "Il piano di sviluppo locale Terrae Nostrae" opportunità di crescita per il territorio delle Serre calabresi e dell’alta Locride, che si terrà oggi , alle ore 17.00, presso la sala consiliare comunità montana Fossa del Lupo/Versante Ionico di Chiaravalle. COSENZA Convegno internazionale “Le impresedelledonne:esempimediterranei” Si terrà a Cosenza il 10 e 11 dicembre , il convegno internazionale “Le imprese delle donne: esempi medi-

E’ stata inaugurata presso il Castello Carlo V la mostra Simmetrie dedicata a Pitagora organizzata dall’Amministrazione Comunale e dall’Università della Calabria, con il contributo dell’ATS Krognosi che sarà ospitata nella Fortezza per tutto il mese di dicembre. A tagliare, simbolicamente, il nastro della mostra che si propone come un viaggio nel magico e variegato mondo pitagorico, l’assessore alla Cultura del Comune di Crotone Silvano Cavarretta, il consigliere delegato al turismo

Francesco Pesce, il professor Jacques Guenot dell’Università della Calabria, Rita Lentini dell’Ats Krognosi. L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle attività del Premio Pitagora che dopo il riconoscimento al matematico russo Yaroslav Sergeyev assegnato nei giorni scorsi prosegue con la mostra Simmetrie. “La sensibilità dell’uomo ai fenomeni che lo circondano è fortemente condizionata dalle sue limitate facoltà percettive e comprensive: soltanto segnali orga-

terranei” organizzato dall’assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Cosenza in collaborazione con l’associazione Donne Giuriste italiane. Saranno presenti delegazioni di Spagna, Francia, Marocco, Algeria, Turchia, Grecia, Israele e Tunisia. Inoltre, grazie al sostegno dato dalla Fondazione Carical, il 10 dicembre, alle 21.00, ci sarà lo spettacolo teatrale (con ingresso libero) tratto da un lavoro di Susanna Tamaro “L’inferno non esiste” con Laura Lattuada.

per i martiri di Kabul Oggi , alle ore 10.00, presso la Parrocchia San Nicola Vescovo - Gagliato, si terrà la cerimonia di commemorazione per i martiri di Kabul, a curadell’amministrazioneComunale. Dopo la santa messa, onore ai soldatiItalianicadutiperlalibertàpresso il momumento vicino al Comune.

"Comizi d’amore" con Nichi Vendola Martedì 7 dicembre , alle ore 20.00, presso il Cinema Teatro Italia “Aroldo Tieri” la Federazione provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà presenta ‘Comizi d’amore’: il presidente della Regione Puglia e di Sinistra Ecologia Libertà, Nichi Vendola, dialoga con l’Italia migliore. Concluderà l’incontro il presidente della Regione Puglia e portavoce di Sinistra Ecologia Libertà , Nichi Vendola. CROTONE Cerimonia di premiazione del concorso: Donne Innovatrici La Camera di Commercio di Crotone invita alla cerimonia di premiazione del concorso: “Donne Innovatrici” che si terrà martedì 7 dicembre , ore 11.30, presso la Camera di Commercio di Crotone Via A. De Curtis 2. GAGLIATO Cerimonia di commemorazione

GIRIFALCO Inaugurazione della sede della Fiamma Tricolore Il segretario Regionale Umberto Maggi e il segretario Provinciale Natale Giaimo parteciperanno, alle ore 15.30 di oggi , alla inaugurazione dellaSezione,dellaFiammaTricolore a Girifalco. Da oggi, quindi, in Via Garibaldialnumerocivico182sventoleranno i vessilli della Fiamma Tricolore e, sull’ingresso della Sezione, sarà appostala targa che ricorda un Grande Italiano del passato: il Principe Junio Valerio Borghese. LAMEZIA TERME Convegno su il rapporto tra il medico e il paziente L’Associazione Italiana di Psicogeriatria-sezioneCalabria,haorganizzato una riflessione su una tematica che ci vede tutti coinvolti: il rapporto tra il medico e il paziente affetto da demenza: dalla figura olistica del medico alle ultraspecializzazioni, con il patrocinio di Comune di Lamezia Terme, Ordine dei medici provincia di Catanzaro, assessorato alla salute Regione Calabria, Università Magna Graecia di Catanzaro Facoltàdimedicinaechirurgia,Age, Sigg, Sigos, Simg, Sindem, presso il

nizzati secondo precisi schemi sono decifrabili” ha detto il prof. Guenot in sede di presentazione della mostra “La simmetria è uno di questi schemi. Forse quello più evidente. Sembra pertanto naturale che l’uomo abbia utilizzato da sempre la simmetria nelle sue elaborazioni artistiche” ha aggiunto Guenot. “L’intento della mostra” ha aggiunto l’assessore Cavarretta “è quello di presentare il Pitagora delle genti, per farne apprezzare sempre di più lo straordinario fascino che ha esercitato e tuttora esercita non solo nell’arte o nella musica, ma in generale sul pensiero di ciascuno di noi”. Il consigliere Francesco Pesce ha sottolineato la scelta del Castello Carlo V quale sede naturale di iniziative culturali della città di Crotone che si offre come cornice ideale per esaltare la figura di Pitagora. Particolare attenzione è stata prestata al mondo della scuola. Tutti gli alunni delle scuole crotonesi, infatti, attraverso appositi appuntamenti ad essi dedicati parteciperanno agli incontri con il personaggio simbolo della città di Crotone.

teatro Grandinetti venerdì dicembre , alle ore 15.00.

10

Convegno Tensegrita Vita 3000 La filiera corta della salute L’associzione Tensegrita, arte ed armonia della Salute Naturale, vincitrice del concorso "Donne Innovatrici" nel progetto "Discover Calabria" di Unioncamere e del "Desk Enterprise Europe Network" con Maria Giovanna Notarianni presenta: Tensegrita Vita 3000. La filiera corta della salute, giovedì 16 dicembre , alle ore 9.30, presso il palazzo Nicotera (presso biblioteca comunale). La persona al centro della cura: il coraggio di una nuova visione nella cura della patologia tumorale. La cura medica integrata dalle cure naturali. MILETO Giornata Regionale del ringraziamento La Giornata Regionale del Ringraziamentosisvolgeràoggi,coninizio alle ore 11.00, nella Cattedrale di Mileto. La concelebrazione Eucaristica sarà presieduta da mons. Luigi Renzo Vescovo della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea e sarà concelebrata da don Giuseppe Megna –ConsigliereEcclesiasticoRegionale della Coldiretti Calabria; don Domenico Muscari Consigliere Ecclesiastico Provinciale e don Domenico Di Carlo.IltemacomeindicatodaiVescovi Italiani è: “Tu apri la Tua mano e sazi il desiderio di ogni vivente”. Nellapiazzaèprevistol’Agrimercato di Campagna Amica con la vendita diretta dei prodotti

REGGIO CALABRIA Mostra dell’artista reggina Rita Alleruzzo Oggi,alleore18.00,saràinaugurata nel foyer del teatro “Francesco Cilea”, la mostra dell’artista reggina Rita Alleruzzo. La cerimonia si terrà alla presenza del sindaco di Reggio Giuseppe Raffa e del consigliere delegato ai Beni Culturali e Grandi Eventi, Monica Falcomatà. Presentazione progetto “Legalità=Sviluppo” E’ indetta per giorno 6 dicembre , alle ore 11.00, presso la Camera di Commercio di Reggio Calabria una conferenza stampa avente ad oggetto la presentazione del Progetto “Legalità=Sviluppo”, iniziativa proposta dalla “Sos Impresa – Calabria”, Associazione antiracket e usura dellaConfesercenticonlaCameradi Commercio,laRegioneCalabriaela Prefettura. Partecipano alla conferenza stampa: Lucio Dattola, presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria; Francesco Campolo, Prefettura di Reggio Calabria; Antonio Caridi, Assessore Attività Produttive della Regione Calabria; AntoninoMarcianò,presidenteConfesercenti Reggio Calabria RIZZICONI Cerimonia commemorativa “In ricordo di Francesco” In occasione del primo anniversario dallascomparsadelgiovaneFrancesco Maria Inzitari, si vorrà ricordare in una giornata che avrà come tematica “In ricordo di Francesco”, si terrà la cerimonia commemorativa con la celebrazione di una Santa Messa, seguirà una Tavola Rotonda e la consegna delle Borse di Studio istituite dalla Fondazione “Francesco Maria Inzitari Onlus” per i giovani della classe V Scuola Elementare di Rizziconi, classi III della Scuola Media “G. Casella” di Rizziconi e classi V del Liceo Scientifico “M. Guerrisi” di Cittanova. La Santa Messa sarà celebrata presso “Casa Famiglia di Nazareth” in Via Provinciale di Rizziconi oggi , alle ore 16:30. Seguirà alle ore 17:30 la tavola rotonda “In ricordo di Francesco” e la consegna delle borse di studio. VIBO VALENTIA 2° Forum Ambientale per lo Sviluppo Sostenibile Dopo Catanzaro, Crotone e Reggio Calabria approda a Vibo Valentia il secondo Forum ambientale per lo sviluppo sostenibile. L’appuntamento è per lunedì 6 dicembre , dalle ore 9.30, nella Sala del Consiglio Provinciale di Vibo Valentia. Nel corso del workshop verranno presentate le schede progetto che potranno trovare opportunità di finanziamento nell’ambito del Por Calabria 2007/2013. I lavori del 2° Forum Ambientale per lo Sviluppo Sostenibile coinvolgeranno in particolare le Amministrazioni comunali della provincia di Vibo Valentia e saranno coordinati da tecnici della Fondazione Field e da rappresentanti della stessa Provincia di Vibo.


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani 23

APPUNTAMENTI XVII edizione manifestazione “U misu e natali” Arte • Cultura • Spettacoli • Convegni • Seminari CASTROVILLARI Manifestazione Aspettando il Natale Si terrà mercoledì 8 dicembre , alle ore 18.00, presso la galleria d’arte "La Bilancia" a Castrovillari, in PiazzArcuri, la recita in vernacolo castrovillarese:"AspettandoilNatale, riflessioni i jiry e gojie". La rappresentazione è curata da Mariastella Bardaro autrice dei testi. La manifestazione sarà allietata dall’esibizione del gruppo folkloristico della Pro Loco del Pollino. CATANZARO Iniziative sezione femminile Croce Rossa Si svolgerà oggi , nella I° galleria del complesso monumentale del S.Giovanni di Catanzaro la distribuzionedellestellediNataleorganizzatadallaSezionefemminiledellaCroce rossa di Catanzaro guidata da Rosa Maddalena Bonaiuto. La vendita si concluderà oggi con la GiornatamondialedelVolontariatoCRI, nella quale su iniziativa del Cnf- Comitato nazionale femminile, saranno vendute in tutte le piazze d’Italia le lenticchie di Castelluccio a sostegnodellacampagnanazionaleperla raccolta fondi “Lenticchiama Cri”. L’iniziativa sarà presente in tutta Italia in 450 piazze nelle quali verranno venduti dei sacchetti di lenticchie in cambio di un contributo da destinare alle attività socio-assistenziali che la Croce Rossa svolge in Italia e all’estero. Conferimento Attestati Museo di Qualità Lunedì 6 dicembre , alle ore 11.00, presso la sala Giunta della Camera di Commercio di Catanzaro sarà conferito il riconoscimento “Museo di Qualità” alle due strutture museali della provincia di Catanzaro che sono risultati idonee alla certificazione da parte dell’Isnart, Istituto Nazionale Ricerche Statistiche: il Musmi – Museo Storico Militare e il Marca–MuseodelleArtidiCatanzaro. Alla consegna dei riconoscimenti parteciperanno: il presidente della CameradiCommercio diCatanzaro Paolo Abramo; il presidente della amministrazione provinciale di Catanzaro Wanda Ferro; il segretario generale della Camera di Commercio Maurizio Ferrara; il dirigente del settore Cultura della amministrazione Provinciale Maurizio Rubino. Omaggio a Mino Reitano L’assessorato alla cultura del Comune di Catanzaro, in collaborazione con l’associazione CalabroLombarda, invita alla serata musicale "Omaggio a Mino Reitano" giorno 7 dicembre , alle ore 21.00, presso l’auditoriumA.Casalinuovo.Presenta: Erika Cunsolo; intrattenimento musicale: Ragazzi del mondo, Musicadentro; ospite d’onore: Felice Pagano, interpreta Mino Reitano; Gegè Reitano. Concerto di pianoforte Giorno 10 dicembre , alle ore 18.30, presso il Comune di Catanzaro, la

Nero di Calabria di Acri). I lavori, moderati dalla giornalista Manuela Lacaria, saranno conclusi dall’On. dr. Michele Trematerra Assessore Regionale Agricoltura, Foreste e Forestazione. La manifestazione, organizzata dell’associazioneculturaleDafne, ha il patrocinio della Regione Calabria - Assessorato Agricoltura Foreste e Forestazione, del Comune di Acri e dell’ARSSA (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e i Servizi in Agricoltura), in collaborazione con: Slow Food Calabria, Coop Agricola Nero di Calabria di Acri, Associazione Culturale “Acri nel Cuore”, Pro Loco Acri, Associazione Culturale Punto di Luce, Associazione Culturale Rossini Music School, Associazione T.A.M.M. Martedì 7, dalle 11.00 alle 13.00, sarà possibile visitare il Centro Sperimentale Dimostrativo per la Salvaguardia e Valorizzazione del Suino Nero Calabrese, sito in Via Europa n. 323 ad Acri (CS), prenotando allo 0984/950870. Dalle 20.30 inizierà la Sagra del Suino Nero Calabrese, con degustazione di piatti tipici e l’esibizione del gruppo musicale: “Personale al Completo”. Mercoledì 8 le manifestazioni inizieranno alle 15.00 con l’esibizione di giochi tradizionali in Piazza e passeggiate a dorso d’asino; alle 18.00 è prevista l’esibizione del gruppo musicale DAD, mentre alle 19.00 inizierà la Sagra dei “Cullurielli” e altri dolci tipiciconlarelativadegustazione. Durante le due serate sarà possibile visitare quattro mostre: una fotografica sulla “Evoluzione dei Territori e dei Costumi Calabresi” (a cura dell’ARSSA e dello Studio Fotografico Milizia); sulle produzioni tipiche acresi (realizzata da produttori); sugli antichi mestieri (a cura di artigiani locali) e sulle sculture in legno (a cura di intagliatori locali).

Il 7 e l’8 dicembre 2010 si terrà ad Acri (Cs) la 17° edizione della manifestazione culturale “U misu e natali”. L’iniziativa, volta alla riscoperta ed alla valorizzazione delle tradizioni locali e del Suino Nero Calabrese, si svolge in maniera itinerante nei vari rioni del centro storico di Acri. Durante le serate, allietate da musiche popolari, sarà possibile degustare, oltre alle tantissime pietanze a base di carne di Suino Nero Calabrese, anche dolci tipici locali. Martedì 7, con inizio alle ore 17.30, presso il Palazzo Sanseverino-Falcone si terrà un convegno-dibattito su: “Biodiversità – Ambiente – Salute Le Eccellenze Agroalimentari Calabresi e la Dieta Mediterranea quali opportunità per uno sviluppo sostenibile….”. L’Iniziativa è in rete con la celebrazione di Terra Madre Day del 10 dicembre 2010. Ai lavori, aperti da Andrea Capalbo, Presidente dell’Associazione DAFNE, parteciperanno il Sen. Gino Trematerra, Sindaco di Acri ed il Dr. Ettore Vaccaro, Commissario Arssa. Le relazioni saranno tenute: dalla dr.ssa Marisa

Gigliotti (Presidente Slow Food Calabria) su “ La campagna globale di Slow Food per un cibo migliore, il rapporto con le economie locali sostenibili, il messaggio di Terra Madre”; dal prof. Giovanni Sindona (Direttore DipartimentoChimicaOrganicaUniversità della Calabria) su “Controllo qualità, sicurezza, origine e rintracciabilità degli alimenti per la valorizzazione della biodiversità”; dalla dr.ssa Laurie Lynn Carelli (Biologa nutrizionista specialista in analisi chimiche e microbiologiche) su “Dieta Mediterraneaealimentazioneoggi”; dal dr. Francesco Monaco (Direttore Centro Sperimentale Dimostrativo Salvaguardia e Valorizzazione Suino Nero Calabrese – ARSSA) su “Il Suino Nero Calabrese: una eccellenza regionale, fonte di reddito e…”. Seguiranno gli interventi del dr. Mauro D’Acri (Presidente Regionale CIA), del dr. Pietro Molinari (Presidente Regionale Coldiretti), del dr. Nicola Cilento (Presidente Regionale Confagricoltura) e del prof. Antonio Gencarelli (Presidente Coop Agricola

Compagniadisensibilizzazionecontro la violenza sulle donne Progetto SerenaPiano...conleDonneinvitaal concerto di pianoforte. Presenta: Giuditta Mattace; saluti: Eugenio Carratelli; Tommasina Lucchetti; suonano: Maestro Martino Filippo Garofalo;artistaMiroElia;vocenarrante: Teresa Mancuso; Lucia Cristofaro.

Esse Emme Musica di Maurizio Senese. La serata, che sarà condotta da Stefania Orlando, sarà un importante momento di beneficienza. La manifestazione ha sposato infatti la causa di Bnl - Gruppo Bnp Paribs per Telethon: gli incassi della serata di giorno 15 saranno devoluti alla Fondazione Telethon che da anni raccoglie fondi da destinare alla ricerca sulle malattie genetiche. Ed anchegliospitidelConcertodiNatale hanno dato il proprio sì al progetto: sul palco si alterneranno il Premio Oscar Nicola Piovani che al GranTeatrosiesibiràcon il suoquintetto, Luisa Corna, Francesco Baccini, i Sonohra, Marco Carta e Cheryl Nickerson, già corista di Zucchero, che proporrà una selezione gospel. E, intanto, proseguono a gonfie vele le prevendite ufficiali che hanno i seguenti prezzi, comprensivi di prevendita: poltronissima 25,00 euro, poltrona 20,00 euro e tribuna 15,00 euro.

Presentazione del volume "Dizionario dei Musicisti Calabresi" Lunedì 13 dicembre , alle ore 18.00, presso il Teatro Rendano, sala "Maurizio Quintieri" presentazione del volume: Dizionario dei Musicisti Calabresi. Prima opera enciclopedica sull’universo della musica colta calabrese. Editore Abramo. Volume realizzato in collaborazione con: Associazione Musicale "M. Quintieri e Ministero per i Beni e le Attività Culturali

COSENZA Tecne programma 2010-2011 Programma di concerti organizzato per il teatro cittadino dalla neo-asso-

CROTONE Mostra “Simmetrie” dedicata a Pitagora Prosegue il binomio Crotone e Pita-

Manifestazione di fitness La palestra Chiara Fitness di Catanzaro sita in viale Magna Grecia,158 giorno 12 dicembre , nella propria sede organizza un manifestazione di fitness.Sisvolgerannolezionigratuite di fitness (aerobica e spinning ) con la partecipazione di presenter internazionali: Alessandro Galli , Salvatore Pagano e Omar Alampi. La manifestazione avrà inizio alle 10.30 e finirà alle 14.00. Concerto di Natale Riceveranno come riconoscimento un premio del maestro orafo crotonese Michele Affidato, tutti e sei i protagonisti del Concerto di Natale che si terrà a Catanzaro il 15 dicembre , al GranTeatro Le Fontane della

ciazioneTecne.Rassegnadeglieventi: Soul vs Blues: Amy Coleman and Texaco Jive with Soul Pains – 7 dicembre 2010.Concerto di Musica Elettroacustica – 18 febbraio 2011. Red Basica Chamber plays Dario Argento – 8 aprile 2011. Free Radicals in ErotiKollage – 11 maggio 2011. Ho solo la faccia di un uomo (soliloquioperattoresolo,fisarmonica e percussioni), da Piero Ciampi – 20 maggio 2011.

gora, le attività previste dal progetto “Pitagora” proseguono con la mostra“Simmetrie”chesaràospitatadal Castello Carlo V per tutto il mese di dicembre.Organizzatadall’amministrazionecomunaleedall’Università della Calabria, con il contributo dell’Ats Krognosi, la mostra si propone come un viaggio nel magico e variegato mondo pitagorico. Concerto Duo A.Barbarossa Hyo Soon Lee Il presidente della Società Beethoven Acam, prof.ssa Mariarosa Romano, comunica che oggie , si terrà il concerto del Duo Hyo Soon Lee - SopranoAntonella Barbarossa – Organo presso la Basilica Cattedrale di Crotone alle ore 19.00 MARCELLINARA Manifestazione"SentieridelGusto nell’Area dell’Istmo" Oggi , in Piazza Scerbo, si terrà la II edizione della manifestazione "Sentieri del Gusto nell’Area dell’Istmo" e delMercatinodellaSolidarietàorganizzata da alcune associazioni locali marcellinaresi con il contributo del settore turismo dell’amministrazione Provinciale di Catanzaro. REGGIO CALABRIA XI edizione festival del cortometraggio Ritorna il festival del cortometraggio a Reggio Calabria, che si svolgerà in data di giovedì 9 dicembre , a partire dalle ore 16.30, presso la villetta della Biblioteca Comunale “Pietro De Nava” di Reggio Calabria. SARACENA Girolio d’Italia 2010 Il Girolio d’Italia 2010 farà tappa a Saracena che, unico comune del Pollino, ospiterà l’evento organizzato dall’associazione nazionale “Città dell’Olio” il 6 dicembre . Per l’occasione, l’ufficio turistico comunale della Città del Moscato Passito ha in programma degustazioni, folklore e mercatini natalizi. Durante la giornata, la degustazione di olio e di prodotti tipici locali e, nella piena atmosfera natalizia, la visita agli stand e alle botteghe degli artigianilocali.Latappaprevede,durante la giornata, la degustazione di olio e di prodotti tipici locali e, nella piena atmosfera natalizia, la visita agli stand e alle botteghe degli artigiani locali. SOVERATO Spettacolo "Il grande capo" Oggi , alle ore 17.00 e ore 20.45, presso il Teatro del Grillo, Gianfelice Imparato, Erica Blanc, Giada Desideri, Valerio Santoro, terranno lo spettacolo "Il grande capo" di Lars Von Trier, regia di Maurizio Panici Presentazione libro Il tesoretto di Soverato nei documenti di Paolo Orsi" Sabato 18 dicembre , alle ore 10.00, presso l’Acquario comunale, si terrà la presentazione del libro "Il tesoretto di Soverato nei documenti di Paolo Orsi" .


24

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Ridley Scott, a sinistra, con Philip K. Dick durante le riprese di Blade runner

Trilogia di Valis, il colore rosa di Dio Per i tipi di Fanucci, in libreria l’opera più visionaria del maestro della fantascienza Philip K. Dick Margherita Criscuolo Chi o cosa è Valis? Questo interrogativo ci accompagnerà per ogni pagina della corposa Trilogia di Valis di Philip K. Dick (ed. Fanucci, pp. 752, euro 19,90). È un essere supremo, quello che chiamiamo Dio, un’entità che vive nello spazio siderale o un essere vivente vero e proprio che entra in contatto con alcune persone per indicare la via della conoscenza? Dick ebbe un’esistenza segnata da un’impressionante sequenza di eventi, alcuni carichi di dolore e molti altri profondamente saturi della natura positiva dell’essere umano. L’abuso di droghe e medicinali e i problemi di relazione con le cinque mogli, così come le grandi amicizie lunghe una vita e il continuo tentativo di dare risposte ai quesiti dell’umanità furono le costanti sulle quali si dipanò la sua quotidianità e sono i mattoni con cui è stata edificata la Trilogia di Valis. Nel febbraio e nel marzo del 1974, alcuni bizzarri eventi erano in programma per il prolifico autore. Riprendendosi dall’anestesia per l’estrazione di un dente del giudizio, ebbe una visione: «Ho sperimentato un’invasione della mia coscienza da parte di una mente razionale e trascendente, come se fossi stato per tutta la vita un folle e di punto in bianco non lo fossi più». Per tutti e due i mesi, ebbene, una serie di visioni - fra cui quella che salvò il figlio Christopher, da una malattia grave non diagnosticata che si ripeteranno fino alla sua scomparsa: lampi di luce rosa, brevi apparizioni di Gesù e dell’antica Roma, fino a convincersi di vivere una doppia esistenza. Quella dello scrittore statunitense e quella di Tommaso, un cristiano perseguitato dai romani nel primo secolo. Pur essendo consapevole del proprio abuso di droghe e del rischio concreto di infarto dovuto a una vita sballata, Dick continuò a cercare una spiegazione razionale o religiosa a quelle visioni, dando infine a quella rosea presenza il nome di Valis: l’acronimo di

Ho sperimentato un’invasione della mia coscienza da parte di una mente razionale e trascendente come se fossi stato per tutta la vita un folle e di punto in bianco non lo fossi più Vast active living intelligence system . È in questo scenario, quello nel quale ci immergiamo durante la lettura di Valis. Un po’ romanzo e un po’ autobiografia, narra di un uomo chiamato Horselover Fat - traduzione di Philip, Filippo, amante dei cavalli, e del tedesco dick , grasso, fat in inglese - e le cose folli che accadono a lui e ai suoi amici, fra cui compare un tale Phil Dick, che sarà l’io narrante. Horselo-

ver Fat viene contattato da Dio, o meglio da un sistema di intelligenza divina chiamato Valis. Questi avrebbe depositato nella sua memoria una sorprendente mole di dati sulla natura del mondo ma Horselover non sa interpretarlo, chiedendo quindi aiuto all’amico Phil Dick. Sulla dicotomia fra emisfero razionale e emisfero irrazionale del cervello è stato scritto molto, ma nessuno pensava che potes-

"Blade runner", ispirato da Ma gli androidi sognano pecore elettriche? di Philip K. Dick

se essere una neonata a sanare la frattura fra i due. Ci riesce la figlia di Eric e Linda Lampton, produttori di un film chiamato - chissà come - Valis. La neonata è la reincarnazione del Cristo in questa era ma, forse a causa della sua giovanissima età, il miracolo riesce per poco tempo. Parte quindi un’indagine in puro stile giallo: Dio è scomparso e i due investigatori devono ritrovarlo attraverso l’interpretazione di indizi teologici sempre più improbabili. Come in ogni romanzo e racconto di Dick, piani di realtà differenti si sovrappongono dando vita alla realtà virtuale, più felice creazione e leit motif della sua opera letteraria. Quindi, Valis potrebbe essere una bufala e Horselover Fat semplicemente impazzito per il dolore e lo choc provocati dal suicidio della amica Gloria. A rafforzare il dubbio, a intervalli incoerenti, appaiono una serie di citazioni dall’opera che lo stesso Horselover Fat starebbe scrivendo, l’Esegesi, raccolta talmudica sull’esperienza mistica - o psichedelica - del lampo rosa. L’avventura si snoda nella California degli anni Settanta, fra droghe allucinogene e santoni orientaleggianti, scrittori di fantascienza, rockstar e musicisti elettronici, facendo vivere fino all’ultimo il quesito: rivelazione divina o allucinazione? Chi o cosa è Valis? Forse non il più riuscito romanzo dello statunitense - autore dei superbi La svastica sul sole e Ubik - ma certamente la sua opera più introspettiva e originale, tanto che è in corso di trattative l’adattamento al grande schermo, per il quale lo stesso Dick fornì una sceneggiatura, così com’è stato per Blade runner di Ridley Scott, Total recall con Schwarzenegger, Screamers del 1995, Minority report con Tom Cruise, I labirinti della memoria di John Woo e il meraviglioso A scanner darkly di Linklater. Veri classici della fantascienza più visionaria, marchio di fabbrica di Horselover Fat. O li ha scritti Philip K. Dick?


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani 25

IL DOMANI DELLA CULTURA

Carnevale, il linguaggio della crisi Il direttore creativo di Mc Cann Erickson Roma: «È un momento orribile per l’industria della comunicazione» Giulio Spacca "I’m mad as hell (and I can’t take this anymore)". Ovvero: "Sono fuori di me (e tutto questo non lo accetterò più)". Così urla Jeremy Irons nello spot creato da Marco Carnevale per Mc Cann Erickson a favore della "Food and agriculture organization of the United nations". "1 billionhungry" è stato un progetto no profit in cui personalità del calibro del premio oscar Irons si sono rese disponibili a titolo gratuito per sensibilizzare il pubblico sul problema della fame nel mondo. La frase "sono fuori di me" ha in sé un impeto e una forza proprie della comunicazione. In questa potenza del messaggio crede Carnevale, direttore creativo di Mc Cann Erickson Roma. Una comunicazione che sperimenta, si rinnova. Abbiamo rivolto alcune domande al gigante pubblicitario per capire meglio il mondo e il modo del comunicare oggi. Che momento sta attraversando la comunicazione pubblicitaria nel nostro paese? «Un momento orribile. L’intera industria della comunicazione, e non solo la pubblicità, è a pezzi. Il servizio pubblico televisivo è allo sfascio, cosa estremamente grave per un paese in cui una gigantesca quota della popolazione utilizza la tv come unica finestra sul mondo. Siamo in ritardo sulle nuove tecnologie, ad esempio la banda larga. Ma l’aspetto più devastante del deterioramento del settore, una crisi che viene da lontano ed è stata oscurata per decenni dal mito degli "italiani grandi comunicatori", riguarda i linguaggi del nostro sistema. Lo scopo degli spot è cambiare lo status quo del mercato attraverso la modifica dei codici e della mentalità collettiva, come si può vedere dai casi storici di Nike, Apple, Volkswagen, Avis, Audi, Guinness». Cosa si può fare? «Nient’altro che ciò che fanno già oggi i pubblicitari e gli investitori, nonché tutti i comunicatori, compresi quelli istituzionali, dotati oltre che di un minimo di competenza anche di un minimo senso di responsabilità. Piantarla di infarcire i media e lo spazio urbano di ragazzotte mezze nude e celebrità o pseudo celebrità scelte a caso fra i palinsesti televisivi e dire qualcosa che abbia almeno una pallida possibilità di intercettare i bisogni, la sensibilità o la curiosità delle persone. Un ponte fra chi parla e chi ascolta. Perché una buona qualità della comunicazione produce integrazione, cittadinanza, interlocuzione sociale, mentalità dinamica e disponibilità al cambiamento. Mentre una cattiva qualità produce grettezza intellettuale e relazionale, passività, regressione civile, perdita di senso». Spesso chi si occupa di comunicazione parla di ritorno all’essenziale, all’idea. Poi si vedono campeggiare su edifici e monumenti enormi cartelloni pubblicitari: qual è il senso? «È normale che chi si rifiuta di credere nelle buone idee si rifugi nei brutti comportamenti, come quello di occupare militarmente gli spazi mediatici, anche quelli non convenzionali. Quasi tutti i principali investitori italiani lo fanno». È il segno della crisi di un paese ostentare e ripetere continuamente le stesse

Marco Carnevale

È rimasto il culto per i clamorosi limiti di Carosello in quanto formula adeguata a un mercato vergine in cui gli italiani avevano bisogno e voglia di tutto, pubblicità compresa forme di pubblicità? «È il segno di un ritardo gravissimo nell’accettare una delle sfide più importanti lanciate dalla contemporaneità. Oltre che uno sperpero di risorse. È noto che le campagne più spiazzanti e incisive raggiungono risultati più rilevanti con investimenti assai più ridotti. Ma agli italiani piace fare il contrario, quasi per principio. Più le campagne sono inefficaci più ci si sente autorizzati a investirci sopra». Cosa si intende per raccontare storie nelle forme pubblicitarie: tornare a Carosello?

Campagna per Inail

«In Italia Carosello non è mai finito. Si è solo allargato a macchia d’olio sull’intera programmazione televisiva. La prolificità produttiva, la grandissima scuola e la straordinaria artigianalità che sostenevano l’impianto teatrale di Carosello sono stati spazzati via. Ma è rimasto il culto per i clamorosi limiti di Carosello in quanto formula adeguata a un mercato vergine, ingenuo ed entusiasta, in cui gli italiani avevano bisogno e voglia di tutto, pubblicità compresa. E perciò inadeguato allo scenario odierno in cui i prodotti hanno una funzionalità sempre più evanescente e la domanda domina sull’offerta».

La campagna per la Fao


26

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

IL DOMANI DELLA CULTURA

Candida Hofer, Camposanto Pisa, 1985

A palazzo Fabroni il “Grand tour” di artisti internazionali per riscrivere l’identikit della nostra penisola

Viaggio in Italia, un Paese a pezzi Ludovico Pratesi* Questa mostra è dedicata all’Italia contemporanea vista attraverso le opere di un gruppo di artisti internazionali, che riprendono la tradizione del "Grand tour" per comporre attraverso le loro opere una sorta di identikit del nostro paese, sottolineandone gli aspetti più interessanti, in un itinerario visivo originale, sorprendente, ambiguo, inquietante e contraddittorio. La scelta è caduta su artisti che operano dagli anni Ottanta a oggi, che hanno scelto all’interno della loro ricerca di realizzare opere dedicate alla Penisola, al di là del luogo comune che vede l’Italia come il paese del bello, dell’arte e della dolce vita. Se questi cliché potevano essere ancora validi fino alla fine del ventesimo secolo, in anni più

Racconti che mostrano il lato oscuro del Belpaese e parlano di emarginazione di dittatura mediatica della televisione, dell’attenzione maniacale al calcio recenti si sono capovolti: nelle opere degli artisti delle ultime generazioni affiorano visioni più critiche e meno elegiache. Sono racconti che mostrano il lato oscuro del Belpaese, e parlano di emarginazione, di dittatura mediatica della televisione, dell’attenzione maniacale al calcio come unico sport nazionale, e soprattutto denunciano l’incapacità di trasformare l’immenso patrimonio artistico in una forza propulsiva per la costruzione del futuro.Insieme a Benedetta Carpi De Resmini abbiamo voluto operare fin dall’inizio una scelta di campo precisa, per dare voce esclusivamente ad artisti di nazionalità non italiana, affiancati in catalogo da critici, direttori di museo e curatori stranieri, che esprimono le loro opinioni sull’Italia di oggi, in qualità di ideali eredi degli illustri viaggiatori del "Grand tour" come Montaigne, Goethe, Stendhal, Gibbon o Addison. In un momento storico come

L’esposizione denuncia l’incapacità di trasformare l’immenso patrimonio artistico in una forza propulsiva per la costruzione di un diverso futuro questo, in cui si celebrano i 150 anni dell’unità, ci è sembrato importante costruire una trama di sguardi rivolti dal mondo su uno stato giovane come il nostro, che avrebbe forse bisogno di cogliere l’occasione offerta da quest’anniversario per dimenticare che l’arte ha costituito per secoli un elemento determinante per la crescita e l’evoluzione della nostra identità di nazione. Divisi tra la nostalgia del passato e l’incapacità di comprendere il proprio tempo di un paese che sembra aver rinnegato se stesso la presenza in mostra di due opere ispirate alla figura di Pier Paolo Pasolini è un’ indicazione precisa in questo senso - gli artisti in mostra rivolgono all’Italia uno sguardo ironico, sarcastico, divertito, incantato, incredulo, allarmato o sgomento. Alcuni, come i fotografi della scuola di Dusseldorf allievi dei Becher, si concentrano su un’immagine romantica del nostro paese: per Candida Hofer, Thomas Struth, Andreas Gursky, Elger Esser, Thomas Ruff le città, i paesaggi, le piazze e i musei, i vicoli e i monumenti costituiscono un repertorio di luoghi al quale attingere con estrema libertà. Per altri, co-

Nan Goldin, "Guido on the docks", Venezia 1996

Cindy Sherman, "Untitled", 1993

me Nan Goldin, Anri Sala o Jimmie Durham, l’Italia rappresenta una memoria dolorosa, ironica e paradossale. Altri ancora, come Alfredo Jaar, Christian Jankowsky o Sislej Xhafa, sono colpiti dalle sue anomalie politiche. Tutti tratteggiano un’Italia vista come un luogo legato alla memoria e alla nostalgia, un territorio frammentato e paradossale, imbalsamato nell’immobilismo e impaurito dalle sfide della globalizzazione. Ci sveglieremo mai? *curatore della mostra Viaggio in Italia

Viaggio in Italia, sguardi internazionali sull’Italia contemporanea è curata da Ludovico Pratesi con la collaborazione di Benedetta Carpi De Resmini. Riunisce una opere ispirate dall’attuale situazione socio-culturale del nostro paese e realizzate da 32 artisti internazionali delle ultime generazioni, che si esprimono prevalentemente attraverso fotografia e video. Le opere si configurano come punti di vista critici sul concetto di paesaggio contemporaneo. Fino al 30 gennaio 2011, palazzo Fabroni, via Sant’Andrea 18, Pistoia. Info: 0573371214.


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani 27

IL DOMANI DELLA CULTURA

L’ambiguità di Urs Lüthi alla fondazione Brodbeck L’esposizione documenta diversi aspetti del lavoro scultoreo dell’artista svizzero Claudia Quintieri

Una delle opere in mostra

"Sin dagli inizi degli anni Settanta, Urs Lüthi adopera l’autoritratto per analizzare le differenti identità che convivono in ognuno di noi come, ad esempio, nella fotografia in bianco e nero che lo vede seduto su un canapè con in testa un bizzarro berretto (...) la mostra di Urs Lüthi alla fondazione Brodbeck documenta diversi aspetti del lavoro scultoreo dell’artista. sebbene le sue sculture si presentino con una apparenza che sembra contraddire la sua realizzazione materiale, nondimeno tutte insieme formano una unità convincente delle intenzioni dell’artista", scrive di Urs Lüthi Helmut Friedel sulla mostra "Art is the better life" che si svolge alla fondazione Brodbeck arte contempo-

ranea di Catania. Artista svizzero di Lucerna, nato nel 1947, Lüthi è noto per sviluppare nelle sue creazioni un’ambiguità di fondo, specialmente nei suoi autoritratti fotografici tanto da dichiarare: «Il risultato di questa mia indagine è il ritratto. Un ritratto cha ha una sua propria esistenza e che vive fuori al di fuori di me, appena si spengono i riflettori. Chiunque lo osservi lo paragona alla sua propria esistenza, fino a modificarsi, sdoppiarsi». La mostra si inserisce all’interno del progetto Collezione Paolo Brodbeck che prevede una serie di esposizioni tese a valorizzare artisti già presenti nella raccolta. Il primo appuntamento si è svolto a giugno con una collettiva di pittori fra il 1949 e il 2010. Fino al 26 febbraio 2011, Fondazione Brodbeck, via Gramignani 93, Catania. Info: 0957233111; www.fondazionebrodbeck.it.

Fino al 18 dicembre alla Matteo Lampertico di Milano la collettiva "Abstraction-creation", arte geometrica e astratta in Europa

I percorsi dell’astrazione se l’idea si separa dall’oggetto Giulia Cavallaro L’astrazione è un’idea che si separa dall’oggetto per prendere strade nuove e slegate dal concreto. La mostra "Abstraction-creation, arte geometrica e astratta in Europa" alla sede Matteo Lampertico di Milano, riunisce opere che condividono una concezione non rappresentativa dell’arte e che intendono l’astrazione come ricerca dell’assoluto. L’esposizione riunisce opere di diversi esponenti dell’arte sudamericana come Jesùs Rafael Soto, Carlos Cruz-Diez, Helio Hoitica, Lygia Clarke, Judith Launad, Lothard Charoux, Raùl Lozza e Geraldo Do Bassos, insieme a quelle dei protagonisti europei come Max

Bill, Victor Vasarely, Joseph Albers e italiani come Lucio Fontana, Antonio Calderara, Mario Nigro, Piero Dorazio e Enrico Castellani. Questi artisti, tutti attivi nel secondo dopoguerra dal 1945 al 1977, seguirono itinerari autonomi e personali nella direzione di un’arte non rappresentativa. Il titolo della mostra richiama appunto questo percorso: "Abstraction-creation" fa riferimento all’omonimo movimento artistico fondato da Theo Van Doesburg a Parigi nel 1931 in cui si teorizza l’astrazione intesa come semplificazione della forma e rigore matematico. La difficile situazione politica di Brasile e Argentina favorisce l’esodo dell’intellighenzia culturale, che sceglie Parigi come città d’elezione. No-

nostantequesto,ildibattitoartistico nei paesi latino-americani rimane vivace, tanto che vengono pubblicate riviste come Perceptismo di Raúl Lozza e il periodico argentino Arte concreta-Invention, alcune delle quali sono presenti in mostra. Se gli artisti sudamericanisiavvicinanoall’arte astratta più tardi dei loro colleghi europei, è anche vero che essi trovano soluzioni differenti, ad esempio forzando i limiti del dipinto fino ad estendere le forme nello spazio tridimensionale. La mostra mette così a confronto due differenti culture: dal Grupo Madi all’associacion Arte Concreto-Invenciòn, da Art Frente ad Arte Ruptura. Fino al 18 dicembre. Info: 0236586547; www.matteolampertico.it.

Una delle opere in mostra

Sabato 18 dicembre la presentazione dell’opera "Buster Williams"

Toraldo nel progetto Bancartis Le opere sono un coinvolgente intreccio di narrazioni figurative provenienti da un ardore guidato dalla memoria e dalle emozioni

Maria Luisa Prete Sabato 18 dicembre, nell’ambito del progetto Bancartis, giunto alla quarta edizione, nella sala De Cadorna del centro direzionale Bcc Mediocrati di Rende, verrà presentata l’opera "Buster Williams" del pittore Francesco Toraldo. Nato a Catanzaro nel 1960, l’artista propone un coinvolgente intreccio di narrazioni figurative provenienti da un ardore guidato dalla memoria e dalle emozioni. La creatività di Toraldo promana nella sua opere con gli effetti vibrati di colori primari e puri che sono evidenti sintomi di un animo

Francesco Toraldo, "Buster Williams"

che non ama certo tenere sotto controllo la propria fantasia, interpretando il mondo attraverso il filtro delle emozioni; un pittore dotato di un’estrema sensibilità per la rivelazione del particolare inserito in un contesto visivo dove prevaleunespressionismovenato di dolcezze post-romantiche. L’opera che entra a far parte della collezione Bancartis, è un rappresentativa dell’arte di Toraldo. A colpire lo sguardo dello spettatore è il rosso brillante del contrabbasso, esaltato dal contrasto con le mani bianche del musicista che sembrano volare sopra lo strumento, sfiorandolo e sfumando nel passaggio tra le note, quasi fossero fatte di polvere di gesso.

Effetti vibrati di colori primari e puri sono evidenti sintomi di un animo che non ama certo tenere sotto controllo la propria fantasia


28

il Domani Domenica 05 Dicembre 2010

DALL'ITALIA E DAL MONDO L’infelice battuta del proboviro Pdl scatena Bersani e Di Pietro ma in realtà...

Ma Napolitano sgridava Fini o Verdini? Tutti e due di Carlo Bassi ROMA - Prendi una nota della presidenza della Repubblica e una battuta - saporitamente sfortunata - del coordinatore del Pdl Denis Verdini, agita bene e avrai un cocktail esplosivo. L’ennesima bottiglia Molotov della politica italiana sulla quale destra, sinistra e centro possono scannarsi ancora una volta. Ne è nato l’ennesimo caso politico che, a ben guardare, ha finito per fare da cortina fumogena a un’altra situazione. In altre parole è diventato Denis Verdini il colpevole di sberleffi nei confronti delle prerogative presidenziali quando per questione di tempi il richiamo del Colle sembrava veramente indirizzato alle parole di Gianfranco Fini, che a Mestre aveva dichiarato: «L’Italia non andrà a votare». Aggiungendo poi: «Il capo dello Stato sa cosa fare. Non si andrà a votare ma non si potrà continuare con la situazione che c’è oggi. Non dico di più». Dichiarazioni davanti alle quali il Colle ha deciso di puntualizzare, in una nota secca, che

«nessuna presa di posizione politica di qualsiasi parte può oscurare il fatto che ci sono prerogative di esclusiva competenza del presidente della Repubblica». Il capo dello Stato, insomma, avrebbe manifestato insofferenza per questo continuo «essere tirato per la giacca» da un lato e dall’altro. E lo aveva fatto capire. «Un presidente - ha sottolineato Federico Geremicca sulla Stampa -, questa è la sensazione, che alcuni temono forse troppo e nel quale altri forse sperano ugualmente troppo...». Per il Pdl la nota di Napolitano, quindi, aveva segnato un punto a favore. Ma su una dichiarazione di Verdini è scattato "l’autogol" (come lo ha definito Massimo Franco sul Corriere della Sera ) mediatico. Il coordinatore del Pdl, impegnato in un discorso a Prato con Altero Matteoli, in un passaggio aveva dichiarato «Noi sappiamo che il presidente della Repubblica ha le sue prerogative ma ce ne freghiamo, cioè politicamente

riteniamo che non possa accadere questo. Anche i partiti hanno le loro prerogative». Parole, per infelici che siano, soprattutto per quel "ce ne freghiamo", pronunciate quasi due ore prima della nota del Quirinale, e non una risposta al Colle, come invece è stata presentata dal centrosinistra. Nonostante le spiegazioni dell’ufficio stampa del Pdl, è passato il messaggio di un botta e risposta fra

Fini a Mestre aveva detto: «L’Italia non andrà a votare». «Il capo dello Stato sa cosa fare. Non si andrà a votare ma non si potrà continuare con la situazione che c’è oggi»

In altre parole è diventato Verdini il colpevole di oltraggio nei confronti delle prerogative presidenziali ma il richiamo del Colle era indirizzato a Gianfranco Fini

Napolitano e Verdini, invece che essere evidenziato il richiamo a Fini. Da parte sua, il portavoce del Pdl Daniele Capezzone ha ricordato ieri mattina che «se c’è qualcuno che ieri ha leso le prerogative del Quirinale, è il presidente della Camera, il quale ha indebitamente annunciato che non vi saranno elezioni», cosa tanto più grave venendo dalla terza carica dello Stato. «Il Pdl - ha aggiunto il portavoce del Pdl ha rispettato, rispetta e rispetterà sia il Capo dello Stato sia la volontà popolare, manifestata in modo inequivocabile a favore di Silvio Berlusconi nel 2008, nel 2009, e ancora pochi mesi fa nel 2010. E questo ha ieri detto il coordinatore del Pdl Verdini. Da parte sua, nessuna volontà irriguardosa e nessuna intenzione offensiva nei confronti del presidente della Repubblica». Insomma, ha sottolineato Capezzone, «il Pdl ha ribadito in ogni sede la propria posizione e richiesta ferma: che si consenta al governo scelto dagli elettori di poter lavorare. E, se questo non accadrà a causa di una manovra di palazzo, che si ridia la parola ai titolari della sovranità, cioè agli elettori, senza avallare ribaltoni e rovesciamenti delle decisioni degli italiani». La stessa analisi è stata fatta anche dal capogruppo del Pdl Fabrizio Cicchitto: «O Berlusconi o voto». Le parole di Verdini sono state definite "vergognose" dal leader del Pd Pierluigi Bersani e "squallide" dal leader di Italia dei valori Antonio Di Pietro.

Rientrano i controllori di volo ma ci vorranno 48 ore per tornare alla normalità

Caos nelle partenze per la Spagna migliaia bloccati in Italia di Francesco Cerri ROMA - Migliaia di passeggeri bloccati a terra e aeroporti di Fiumicino e Ciampino pressoché paralizzati nei collegamenti da e per la Spagna per via dello sciopero selvaggio dei controllori di volo iberici. Con il passare delle ore si fa più pesante il bilancio delle cancellazioni e dei disagi nei due scali romani, che tuttavia è destinato a crescere fino a oggi: a Fiumicino 28 nel pomeriggio le cancellazioni di giornata ad opera di Alitalia, Vueling ed Iberia; quattro le cancellazioni in partenza a Ciampino. Secondo una prima stima, sono circa 2 mila i passeggeri rimasti bloccati e penalizzati finora a Fiumicino ma il dato sembrava destinato a toccare, nell’arco dell’intera giornata, quota 4mila-5miula. Una lunga fila di passeggeri, sorpresi e rassegnati, ha caratterizzato, con un serpentone lungo fino a cento metri, un’area intera del Terminal 3 dinanzi alle compagnie aeree coinvolte dal blocco dei voli. L’assistenza é fornita dalla so-

cietà di handler Avia Partner. Lo scalo romano ieri ha accolto nelle proprie piazzole anche velivoli che erano diretti in Spagna ma impossibilitati ad atterrarvi o che erano in transito. Il caos negli aeroporti della Spagna è stato provocato da uno sciopero selvaggio dei controllori di volo, scattato venerdì sera, e il governo ha proclamato ieri, per la prima volta dalla fine del franchismo, lo "stato d’allerta" e ha ordinato la "mobilitazione" di tutti gli uomini-radar. Il vicepremier Alfredo Rubalcaba ha annunciato dopo una riunione straordinaria del consiglio dei ministri che il controllo dello spazio aereo è passato sotto l’autorità del ministero della Difesa e che i controllori che si rifiuteranno di lavorare incorreranno nel reato di "disobbedienza", punito dal codice penale militare con il carcere. Intanto negli aeroporti del Paese è sempre il caos. Circa 330 mila persone, che avevamo previsto di partire per il lungo ’ponte della costituzione’, sono bloccate nei vari scali, molti già da ieri sera. La situazione è particolarmente critica all’

aeroporto di Madrid Barajas. Migliaia di viaggiatori hanno dovuto trascorrere la notte nello scalo, sdraiati per terra, nel freddo, con famiglie e bambini, spesso senza assistenza. Il governo del premier socialista José Luis Zapatero ieri sera ha ordinato all’esercito di prendere la direzione del traffico aereo civile, senza però ottenerne la ripresa. Il governo, ha detto oggi Rubalcaba, "non accetterà" il "ricatto" di una "corporazione professionale che da una specie di monopolio lavorativo" cerca di "conservare privilegi intollerabili". I controllori, in conflitto con il governo da oltre un anno, hanno iniziato l’agitazione, che secondo i sindacati non sarebbe stata organizzata, per protestare contro un decreto sui loro orari di lavoro adottato ieri dal governo Zapatero. Ieri notte alcuni voli hanno potuto partire e atterrare a Barcellona e in altri aeroporti del Paese, mentre Madrid è rimasto bloccato. Da questa mattina lo spazio aereo è stato di nuovo chiuso, fino a domani mattina. La compagnia aerea spagnola Iberia ha

cancellato tutti i voli fino a domani mattina. Disagi anche in Italia, dover Alitalia ha annunciato l’annullamento di tutti i voli della mattinata. Anche Air France, Klm, Thai Airways, EasyJet e Ryanair hanno oggi cancellato i voli In Spagna l’ente aereo Aena ha invitato i viaggiatori a lasciare gli aeroporti. Molti denunciano la mancanza di informazione delle compagnie aeree e dei servizi aeroportuali, e l’assenza di assistenza. In tanti non hanno potuto essere ospitati in albergo, non hanno ricevuto nulla da mangiare questa mattina. Grande la rabbia dei viaggiatori. La polizia è dovuta intervenire all’aeroporto di Valencia per fare uscire da una volo per Ibiza i viaggiatori inferociti, che avevano deciso di rivoltarsi e di occupare l’aereo. Dopo la decisione del governo spagnolo di proclamare lo "stato d’allerta", i controllori di volo, in sciopero selvaggio hanno iniziato a tornare ai posti di lavoro. Lo dicono fonti dell’ente aeronautico spagnolo, Aena. Ma le torri di controllo sono ancora poste sotto la direzione di alti ufficiali dell’aeronautica militare.


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani 29

DALL'ITALIA E DAL MONDO Libero pubblica la "lista dei traditori" e invita i lettori a farsi sentire con loro

Saranno circa 4 milioni gli italiani in viaggio per il "ponte dell’ Immacolata" - almeno una notte fuori casa - 5,4 mln nel 2009

Un terzo in meno rispetto all’anno scorso per il ponte di Roberto Carli ROMA - Nonostante il maltempo saranno circa 4 milioni gli italiani in viaggio per il "ponte dell’Immacolata", che trascorreranno almeno una notte fuori casa, ma meno rispetto ai 5,4 milioni del 2009, per un calo del 26 per cento. In totale, il ponte procurerà al settore turistico un giro d’affari lordo di 911 milioni di euro rispetto agli 1,2 miliardi di euro del 2009, per un calo del 24 per cento. È quanto emerge da una indagine svolta da Federalberghi-Confturismo, con il supporto tecnico dell’Istituto Per il presidente di Emg Ricerche, dal 25 novembre al priFederalberghi mo dicembre, interConfturismo Bernabò vistando con il sistema Cati (telefonico) Bocca si tratta di un 3.000 italiani maggiorenni rappresen«segnale chiaramente tativi di oltre 47 mipreoccupante» lioni di cittadini dell’intera popolazione maggiorenne. L’occasione di vacanza, offerta quest’anno dalla strategica collocazione infrasettimanale della festività dell’Immacolata, vedrà in movimento circa 4 milioni di italiani, pari all’8,6 per cento del totale della popolazione maggiorenne rispetto ai 5,4 milioni del 2009 (che equivalsero all’11,3 per cen-

to della popolazione maggiorenne). Fra coloro che si muoveranno, l’88,3 per cento rimarrà in Italia, a fronte di un 11,3 per cento che ha pianificato qualche giorno oltre confine. Le località di montagna, con le piste ormai perfettamente innevate, ospiteranno il 44 per cento di coloro che si muoveranno nei prossimi giorni. Gli appassionati delle località d’arte si attesteranno sul 21,1 per cento dei viaggiatori ed un 15,9 per cento del totale dei vacanzieri preferirà il mare. Nel dettaglio, verranno trascorse mediamente 2,9 notti fuori casa rispetto alle 2,6 del 2009, con una spesa complessiva per ogni viaggiatore (comprensiva di trasporto, vitto, alloggio e divertimenti), pari a 224 Euro rispetto ai 222 Euro del 2009, che produrrà un giro di affari pari a 911 milioni di Euro rispetto agli 1,2 miliardi di Euro del 2009. Sempre secondo i dati dell’indagine, l’albergo sarà la struttura prescelta dal 42 per cento dei viaggiatori, seguito dal 18 per cento di chi andrà in casa di parenti o amici e dal 14,8 per cento che si recherà in casa di proprietà. L’appartamento in affitto sarà scelto dal 5,8 per cento dei viaggiatori, l’agriturismo dal 3,5 per cento ed il villaggio turistico dal 3,1 per cento. «L’imminente ‘ponte’ dell’8 dicembre - afferma il presidente di Federalberghi-Confturismo, Bernabò Bocca - sarà caratterizzato da un numero molto limitato di italiani in vacanza e da un drastico calo del giro d’affari». Per Bocca «si tratta di un segnale chiaramente preoccupante».

MILANO - Quarantacinque foto, di cui quindici in prima pagina, e gli indirizzi di posta elettronica (quelli della Camera), dei «traditori», come li definisce Libero, che invita i lettori («scrivete ai ribaltonisti») a «contattare» quei deputati, non solo di Futuro e libertà, che secondo il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro si apprestano a votare la sfiducia a Berlusconi. «Letterina ai traditori» è il titolo dell’edizione del giornale di sabato mattina: «Molti di voi erano perfetti sconosciuti, eletti solo perché sulla scheda c’era Berlusconi. Ora volete cacciare il premier e andare con la sinistra: i cittadini vi puniranno». Ci sono Italo Bocchino e Giulia Bongiorno; Chiara Moroni e «Molti di voi erano Benedetto Della Vedova; Paolo Guzzanti e Giorgio La perfetti sconosciuti, Malfa, Daniele Toto e Catia eletti solo perché sulla Polidori, insieme ad altri deputati che Libero chiama scheda c’era Berlusconi «voltagabbana». «Dite che così vi mettiamo nel mirino, Ora volete cacciare il ci accusate di intimidazione premier» e di usare la carta stampata come un manganello? Dite quel che vi pare: a noi - scrive il direttore Belpietro - importa un fico secco. La sola cosa che ci preme è far conoscere i nomi e i volti di chi si appresta a tradire il mandato ricevuto dagli elettori. Forse il 14 dicembre riuscirete a buttar giù il Cavaliere e anche a ottenere uno strapuntino. Ma ora che vi hanno visto e conoscono la vostra mail, alle prossime elezioni gli italiani si ricorderanno di voi». L’iniziativa del giornale di Belpietro ha suscitato immediate polemiche. Durissimo il commento di Ffwebmagazine, magazine on line di Farefuturo. Scrive in Rete la fondazione presieduta da Gianfranco Fini: «Mancasolo l’indirizzo dell’appartamento. E gli orari di entrata e uscita da casa. E qualche consiglio su come agire».

E chi si mette in viaggio occhio al tempo, orecchio alla radio ROMA - Ancora nevicate nella notte sulle regioni del centro-nord, ma la circolazione autostradale risulta finora regolare. Lo rende noto la società Autostrade per L’Italia. La neve ha interessato ieri soprattutto la Lombardia, il nord est, l’Appennino tosco-emiliano e quello abruzzese. Nel pomeriggio di sabato nevicate in corso su: A23 tra Pontebba e il Confine di Stato; A25 tra Aielli Celano e Sulmona; A27 tra Vittorio Veneto nord e l’allacciamento con la SS51. La società Autostrade invita gli automobilisti a guidare con prudenza, a mantenersi costantemente informati sulle condizioni meteo e di viabilità e a considerare tempi di percorrenza maggiori. Sono inoltre consigliate catene a bordo o pneumatici invernali. L’acqua alta a Venezia ha raggiunto, ieri mattina

alle 8.55, una punta massima di marea sul medio mare di 122 cm. Lo rende noto il Centro maree del Comune che ha però previsto, almeno per oggi un sensibile calo della ’massima’ a 90 cm intorno alle ore 9.00. L’acqua alta di ieri ha fatto registrare un codice arancio, pari ad una marea molto sostenuta, che ha coperto oltre il 43 per cento del suolo cittadino a cominciare dalle parti più basse come Piazza San Marco. Il 2010 si sta caratterizzando come anno record quanto a frequenza con cui la città è stata visitata dall’acqua alta. Il Centro maree ha già registrato 180 episodi sopra gli 80 centimetri (misura che fa già fa allagare Piazza San Marco), con una proiezione a fine anno di almeno 200 volte.


Domenica 05 Dicembre 2010 il Domani 31

MAPPAMONDO

Debutto e boom on line per il sito del Partito du Pilu, la nuova formazione politica di Cetto La Qualunque, il personaggio di Antonio Albanese, costruttore e politico protagonista del film Qualunquemente


il domani  

Edizione del 05 Dicembre 2010

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you